Medicina User Manual INTERFACCIA UTENTE

Medicina User Manual
32-m Antenna
Versione 1
Elena Cenacchi
Alessandro Orfei, Karl-Heinz Mack, Giuseppe Maccaferri
e.cenacchi@ira.inaf.it
INTERFACCIA UTENTE
Ultima modifica : 22 ottobre 2006
60
Vorremmo ringraziare tutti i colleghi che hanno contribuito alla creazione di questo manuale, e
in particolare U. Bach, J. Brand, E. Carretti, A. Cattani, N. D'Amico, G. Innocenti, A. Maccaferri,
L. Moscadelli, S. Poppi.
61
Indice
10 – INTRODUZIONE ..........................................................................................
10.1 Pannelli di Controllo...................................................................................
10.1.1 SCU.................................................................................................
10.1.2 ANTM5.............................................................................................
10.1.3 ACU TCL...........................................................................................
10.1.4 SXKL ...............................................................................................
10.2 Operator Input : Comandi Field System........................................................
10.2.1 I comandi più usati ............................................................................
63
63
64
65
66
67
67
69
11 – OPERAZIONI PRELIMINARI ........................................................................ 71
12 – Mspec0 ....................................................................................................... 73
12.1 Pannello di Input....................................................................................... 73
12.2 Pannello di Output..................................................................................... 75
13 – TOTAL POWER (MARK IV)...........................................................................
13.1 Sorgente Singola ......................................................................................
13.2 Schedula (Lista di Sorgenti)........................................................................
13.3 Guida per il BLAZAR Monitoring...................................................................
77
77
79
83
14 – ARCOS ........................................................................................................ 83
15 – POLARIMETRO : POLMAD v. 0.9 ..................................................................
Inizializzazione.................................................................................................
Acquisizione Dati ..............................................................................................
Modalita’ server ...............................................................................................
Point Source Mode............................................................................................
Formato file output...........................................................................................
85
85
86
86
87
88
16 – SPEX .......................................................................................................... 91
17 – MARK IV E V (Operatori VLBI) .................................................................... . 93
Organizzazione dei turni .................................................................................... 93
Esperimenti unattended .................................................................................... 93
Durante l'osservazione ...................................................................................... 96
Controllo da remoto.......................................................................................... 96
Cambio nastro o modulo.................................................................................... 97
Fine di una schedula ......................................................................................... 98
Cambio turno................................................................................................... 99
Check list ........................................................................................................ 99
Reboostrap della macchina Linux ........................................................................ 100
Chiusura FS e logoff.......................................................................................... 100
Restart ........................................................................................................... 100
Login e partenza Field System............................................................................ 100
Configurazione del ricevitore .............................................................................. 101
Verifiche pre-run e predisposizione dell'antenna al tracking .................................... 102
18 – VLBI ITALIA ............................................................................................... 103
APPENDICE B – NORME DI SICUREZZA ...............................................................
APPENDICE C – COMANDI AGGIUNTIVI DEL FIELD SYSTEM................................
Antenna..........................................................................................................
Track..............................................................................................................
Scu (in Inglese) ...............................................................................................
105
107
107
109
110
62
Scuoff.............................................................................................................
Azelrate ..........................................................................................................
Medconf ..........................................................................................................
Radecrate .......................................................................................................
Setup .............................................................................................................
112
113
114
115
116
APPENDICE D – ESEMPI DI PROCEDURE E TEMPLATE .........................................
Template ctlpo.ctl.............................................................................................
Procedura INITP ...............................................................................................
Procedura NOME ..............................................................................................
Procedura PRE .................................................................................................
117
117
119
119
120
63
10. Introduzione
L'interfaccia utente dell'antenna di Medicina è fondata sul sistema Field System, sviluppato
negli USA alla fine degli anni '70 e in continua evoluzione, per condurre osservazioni VLBI.
Negli anni successivi lo staff dell'Osservatorio ha integrato il Field System con componenti
software e hardware che l'hanno reso un sistema general purpose.
Nello schema seguente è tracciato il sistema nel suo complesso.
Fig. 10.1 : Schema dell'interfaccia utente
10.1 Pannelli di Controllo
Dal punto di vista dell'osservatore i pannelli di controllo servono esclusivamente per
monitorare lo stato dell'antenna durante un'osservazione.
Questi pannelli sono utilizzati anche dallo staff dell'Osservatorio per operazioni di
manutenzione e includono funzionalità che non verranno descritte in questo contesto perchè
non considerate di interesse astronomico.
Si raccomanda a tutti gli osservatori di utilizzare SOLO i comandi descritti in seguito.
64
10.1.1 SCU (Subreflector Control Unit)
Questo è l'unico pannello che deve sempre essere attivo durante qualsiasi osservazione (è
naturalmente possibile ridurlo a icona perchè non intralci l'inserimento dei comandi).
Fig. 10.2 : Pannello SCU
Le informazioni fornite riguardano la cinematica del subriflettore e dei ricevitori posti in fuoco
primario. Con riferimento alla figura 10.2, dall'alto verso il basso :
- Quale fuoco è in uso (pulsante in alto selezionato)
- Quale ricevitore è posto nel fuoco (per le sigle identificative si veda il Cap. 4.1)
- Refresh time : ogni quanti secondi si vogliono aggiornare i dati visualizzati
- Situazione dei servosistemi (escursione in mm sui vari assi : X, Y, Z1, Z2, Z3 per le
osservazioni in fuoco Cassegrain ; Y, Z per le osservazioni in fouco primario)
- Remote address : indirizzo del Field System
In condizioni di normalità le luci "Ready" e "Remote" devono essere accese e di colore VERDE.
EXIT : clikkando su questo comando si esce dal pannello e tutti i servosistemi legati
al subriflettore vengono arrestati !
65
10.1.2 ANTM5 (Antenna Monitoring)
In condizioni normali di inseguimento i quattro indicatori devono essere accesi e di colore
VERDE (v. fig. 10.3)
Solo durante il cambiamento della sorgente osservata l'indicatore "Tracking" diventa "Slewing"
di colore GIALLO.
Fig. 10.3 : Pannello ANTM5
Le informazioni fornite sono principalmente le seguenti :
- Comm, act : posizione dell'antenna, comandata e reale, in coordinate altazimutali ed
equatoriali
- Total sky error : modulo dell'errore di puntamento
- Source : parametri della sorgente (nome, RA, DECL, epoca)
- Offset : Coordinate delle eventuali posizioni OFF comandate
- Rate : eventuale moto proprio della sorgente (non si possono inserire i parametri orbitali
degli oggetti celesti, quali asteroidi, comete, ecc...)
66
10.1.3 ACU TCL (Antenna Control Unit)
Questo programma può girare su tutti i sistemi operativi dotati di interprete TCL/TK
Fig. 10.4 : Pannello ACU TCL
Azimuth
- Coordinata in gradi, rispetto al Nord
- Caselle di controllo generale (caselle di colore GIALLO = problema medio/grave, di colore
ROSSO = problema grave)
- Unstow (VERDE in condizioni normali oppure BIANCO quando l'antenna è in "stow position")
- Condizione dell'antenna : Ptrack (VERDE), Stand-by (BIANCO), Stop (ROSSO)
Elevation
Analogo a quanto sopra
Drive cabinet
- Tipo di rotazione in azimuth : CW (clockwise) o CCW (counterclockwise), sempre di colore
BLU
I pulsanti "Power on" e "Remote" devono sempre essere di colore VERDE
QUIT : viene chiuso pannello
67
10.1.4 SXKL
Questo pannello è in genere chiuso.
Fig. 10.5 : Pannello SXKL
Fornisce fondamentalmente il nome del ricevitore in uso (tra quelli in fuoco primario) e la
temperatura fisica del ricevitore (Cryog K)
10.2 Operator Input : Comandi del Field System
Questa è l'interfaccia dalla quale è possibile impostare direttamente i comandi del Field
System, sia in tempo reale che con impostazione "temporizzata".
I comandi del Field System seguono la seguente sintassi :
- Comandi che prevedono l'impostazione di parametri
Sintassi : comando=lista di parametri
Risposta : comando/lista di parametri
- Controllo dei parametri impostati precedentemente
Sintassi : comando=?
Risposta : comando/lista di parametri
- Comandi di monitor, per interrogare il sistema sullo stato dell'antenna
Sintassi : comando
Risposta : comando=lista di parametri
68
Fig. 10.6 : Interfaccia Operator Input
Tutte le righe generate nella "Login Shell" iniziano con l'ora (UT) in cui sono generate.
I comandi impostabili e il formato delle risposte fornite dall'interfaccia sono elencati nel
manuale del Field System (SNAP Command v. Manuale on-line). A questi sono stati aggiunti
alcuni comandi e procedure impostati ad hoc dai tecnici dell'Osservatorio (v. Appendice B).
-
antenna (Italian only)
track (Italian only)
scu (English only)
scuoff (Italian only)
azelrate (Italian only)
medconf (Italian only)
radecrate (Italian only)
vertex (Italian only)
setup (Italian only v. Cap. 17)
E' possibile consultare il manuale on-line direttamente dall'interfaccia digitando :
?=<comando>
69
10.2.1 I comandi più utilizzati
- source (English only) : Impostazione dei parametri della sorgente (nome, coordinate, ecc...)
- vcnn (Englsh only) : Settaggio dei videoconverter desiderati
- ifd (English only) : Settaggio degli IF distributor 1 e 2
- if3 (English only) : Settaggio dell' IF distributor 3
- wx (English only) : Fornisce in risposta i parametri ambientali esterni (temperatura,
pressione, umidità relativa)
- azeloff (English only) : Settaggio delle posizioni di offset in gradi
70
71
11. Operazioni Preliminari
Di seguito sono elencate le operazioni preliminari, comuni a tutte le sezioni di osservazione, sul
terminale Field System.
All'inizio di ogni osservazione il pannello SCU (che deve sempre essere attivo) è già aperto (se
non lo fosse contattare un operatore).
A) PREDISPORRE L'ANTENNA ALL'OSSERVAZIONE
- ANTENNA IN STAND BY :
antenna=setup
[...] →è necessario circa un minuto di attesa
antenna=track
setup <???> (sigla del ricevitore v. Cap. 4.1)
- ANTENNA IN TRACKING : i primi due comandi non sono necessari.
B) CONTROLLARE I PARAMETRI IMPOSTATI E LA PRECISIONE DELL'OROLOGIO
INTERNO
. Comandi di controllo
medconf
Restituisce, per controllo, il ricevitore impostato
medlo=freq
Restituisce, per controllo, la frequenza di oscillatore locale impostata (MHz)
sy=run setcl
Stringa di valori di controllo di cui il più importante è l'ultimo della prima riga :
scostamento, in centesimi di secondo, del riferimento temporale rispetto al
segnale dell'H-maser
. Esempi di risposte
medconf
medconf=kkp,off,off
medlo=freq vertex/8700.00
sy=run
setcl
2006.044.12:10:15.10#setcl#time/363596789,0,2006,044,12,10,15.00,5.865,94.361,1
2006.044.12:10:15.10#setcl#model/old,1136198887,226295,329626806,5.863,
439030,rate,0,sync,-1,0
72
C) MODIFICARE, SE LO SI RITIENE NECESSARIO, LE IMPOSTAZIONI STANDARD DEI
RICEVITORI
vertex=lofreq <value> (valore in Modifica la frequenza dell'oscillatore locale (per valori e
MHz dell'oscillatore locale)
formule si vedano, per ogni ricevitore, le singole sezioni v.
Cap. 4.1)
pcaloff
Elimina il tono di calibrazione iniettato ogni MHz (reference
per l'oscillatore locale)
73
12. Mspec0
12.1 Pannello di Input
Il riquadro "Antenna Control" presente nel pannello di input di Mspec0 (v. Cap. 8.1.2) mostra
all'avvio le impostazioni del Field System (v. cap. 11) e permette di impostare le due modalità
di funzionamento dell'interfaccia :
- AUTOMATIC : l'interfaccia comanda il puntamento dell'antenna e le impostazioni del
ricevitore (in questo caso il settaggio impostato precedentemente dal Field System viene
modificato)
- MANUAL : il telescopio è già puntato sulla sorgente, vengono mantenute le impostazioni del
Field System e l'interfaccia comanda solo lo spettrometro.
Fig. 12.1 : Mspec0, pannello di impostazione
Il pannello di input è suddiviso in quattro sezioni :
Target
In modalità AUTOMATIC da questo pannello è possibile impostare le coordinate della sorgente.
La velocità della sorgente in km/s è un dato solo informativo utile in fase di riduzione
(l'interfaccia attualmente non opera correzioni per il redshift della sorgente, anche se il
pannello è già predisposto a questa funzione).
In modalità MANUAL vengono visualizzati parametri impostati dal Field System.
74
Observed Frequency
In modalità AUTOMATIC da questo pannello è possibile modificare i parametri dei ricevitori :
- LO (MHz) : frequenza dell'oscillatore locale (si vedano le singole sezioni relative ai ricevitori,
Cap. 4.1)
- VC freq and bandwidth : frequenza (iniziale) e banda del videoconverter (tipicamente il vc07)
da cui Mspec0 riceve il segnale. Nell'esempio in figura 11.1 la banda di osservazione è
300÷302 MHz. Per poter agire su questi parametri occorre selezionare il riquadro SET.
- Noise cal. : temperatura della marca di rumore (elencata per ogni frequenza nei file di
calibrazione dei singoli ricevitori, cap. 4.1, oppure, in alternativa, ricavabile dal Field System
come valore di default digitando il comando caltemp=vn)
- Receiver mode : sigla del ricevitore in uso (v. Cap. 4.1)
- Start/End frq : parametri degli assi di visualizzazione (pannello di ouput)
- Rest frq : frequenza della riga emessa dalla sorgente (parametro informativo per la
successiva riduzione dei dati)
- Time : ora, parametro informativo
- Normalize at 2° : parametro utile in caso di bin overflow (aumentandolo viene diminuita la
potenza del segnale e si evitano problemi di saturazione, di default è settato il valore 6).
In modalità MANUAL vengono visualizzati parametri impostati dal Field System.
Spectrometer
- Project name : nome del progetto (facoltativo), non ci devono essere spazi vuoti
- Out file : posizione dell'output, in genere /data/nomefile.obs. E' disponibile un software di
post-processing dei dati che, tra l'altro, fornisce l'output in formato .fits.
- Sampling rate : di default 2 volte la banda impostata
- Accumulations : numero di accumulazioni che formano un blocco spettrale (deve essere un
numero < 65500)
- Channels : numero di canali spettrali
- Duty cycle : formato On Off Cal dove On è il numero di puntamenti sulla posizione On (2
nell'esempio in figura 11.1), Off è il numero di puntamenti sulla posizione di Offset (2
nell'esempio) e Cal è il numero di puntamenti necessari alla calibrazione dei segnali (1
nell'esempio) .
- Windowing: sistema di visualizzazione dello spettro, di default Rectangular (sono possibili
anche Hamming, Hanning, Blackman-Harris, Kaiser-Bessel)
- Cycles : numero di cicli che si vogliono effettuare
- Approx. req. time : per block (tempo necessario ad acquisire ed elaborare un singolo blocco
di spettri), per cycle (tempo necessario a eseguire un singolo ciclo On, Off, Cal), total (numero
di cicli moltiplicato per il tempo di un singolo ciclo). Non sono inclusi i tempi morti dovuti allo
spostamento dell'antenna.
- Switch mode : di default "beam" (position switching). Il frequency switching non è
attualmente ancora disponibile e la modalità Slave non è di utilità astronomica.
- Start : inizia l'acquisizione (sono necessari circa 20 secondi di attesa)
- Stop : blocca l'acquisizione dei dati. BLOCCARE SEMPRE L'ACQUISIZIONE PRIMA DI
APPORTARE QUALUNQUE MODIFICA ALLE IMPOSTAZIONI GENERALI.
- Quit : chiude il pannello di visualizzazione. Si raccomanda di chiudere il pannello solo al
termine della sessione osservativa.
75
Antenna
Da questa sezione è possibile monitorare lo stato dell'antenna.
12.2 Pannello di Output
Fig. 12.2 : Mspec0, pannello di visualizzazione
In condizioni normali di osservazione i 4 pulsanti in alto a sinistra devono essere come
mostrato in fig. 11.2 (On-Source di colore VERDE e i successivi 3 di colore GRIGIO). Il primo
pulsante può assumere i seguenti aspetti :
Colore GIALLO : Slewing
Colore ROSSO : Calibrazione
Colore BLU : Off-Source
La scala degli assi e l'unità di misura è modificabile agendo sui pulsanti blu presenti sotto al
grafico e gli spettri possono essere visualizzati singolarmente (Plotting method : single),
sovrapposti (Plotting method : overlap), in sequenza temporale (Plotting method : history)
Sono presenti i seguenti pulsanti :
-
PRINT : genera un file .eps
CLEAR : cancella lo schermo
SUSPEND : arresta la sola visualizzazione
GO-AHEAD : in modalità Manual attiva l'acquisizione degli spettri
Nel pannello grigio viene visualizzato un riepilogo dei cicli di osservazione.
76
Il pannello di visualizzazione contiene inoltre due sottosezioni:
Filter image supp
- Offset : viene applicato un filtro corrispondente il livello medio corrispondente al 10÷80%
della potenza del segnale totale
- Mov. avg : viene sottratto il livello medio corrispondente a un certo numero di punti spettrali,
impostabile nella casella bin
- None
Preview :
-
Last : i dati vengono visualizzati blocco per blocco
Peak old : visaualizza il picco massimo ricevuto
Decimated :
Filter img. : forma del filtro che verrà sottratto agli spettri (vedi legenda precedente)
Media of lasts : visualizza la media degli ultimi spettri acquisiti per tipologia (On, Off, ecc...)
On-off : visualizza lo spettro risultante dall'operazione ON-OFF
77
13. Total Power (Mark IV)
13.1 Sorgente Singola
Le osservazioni nel continuo di sorgenti singole sono condotte utilizzando il terminale Mark IV e
il software Field System, attraverso la procedura ONOFF.
A) CREARE IL PROPRIO FILE DI OUTPUT
Prima di avviare la procedura è necessario creare il proprio file di output :
log=<nomefile>
Il file verrà creato nella directory /usr2/log
B) IMPOSTARE I PARAMETRI DELL'OSSERVAZIONE
onoff=rep,int,cutoff,beam,timeout,devs
Dove :
rep
Numero di cicli on-off che si vogliono eseguire (default : 2)
int
Numero di secondi di integrazione per ciascun punto (default : 1)
cutoff
Elevazione (gradi) oltre cui il ciclo on-off viene eseguito in elevazione e non in
azimuth (default : 75)
beam
Numero di beam che intercorre tra la posizione ON e la posizione OFF (default : 3)
timeout
Tempo (secondi) di attesa di raggiungimento della sorgente, oltre il quale il
programma blocca l'acquisizione (default : 120)
devs
Identificativo del sistema di acquisizione dati : allvc (tutti i videoconverter), (tutti gli
IF distributor), all (tutti i videoconverter + tutti gli IF distributor), v1...vf (lista dei
videoconverter desiderati in esadecimale), i1...13 (lista degli if distributor desiderati)
Per visualizzare il riepilogo dei parametri inseriti :
onoff=?
C) AVVIARE L'OSSERVAZIONE
Per avviare l'osservazione è necessario digitare nuovamente :
onoff
Vengono visualizzate una serie di informazioni di riepilogo, nella figura seguente è riportato un
esempio relativo a un'osservazione effettuata con il ricevitore SX :
78
Fig. 13.1 : Riepilogo mostrato prima dell'avvio dell'osservazione
I parametri elencati sono :
- De : Sigla del videoconverter
- Center : frequenza cielo per ciascun videoconverter
- Tcal : temperatura della marca di rumore
- Flux : qualora la sorgente sia un calibratore viene visualizzato il flusso in Jy, altrimenti il
valore è settato a 1
- DPFU : valore massimo della curva di guadagno
- Gain : fattore di scala per ottenere il guadagno all'elevazione osservata
- Product : guadagno all'elevazione osservata
- LO : frequenza di oscillatore locale
- T : tipo di sorgente (p=puntiforme, x=estesa)
- FWHM : larghezza del beam d'antenna
79
D) FORMATO DEI DATI IN USCITA
Nella figura seguente è riportato un esempio di output :
Fig. 13.2 : Output fornito al termine di tutti i cicli On-Off
I parametri elencati sono :
- Source : nome della sorgente
- Az/El : coordinate della sorgente
- De : sigla del videoconverter
- I : numero di IF distributor
- P : polarizzazione
- Center : frequenza cielo per ciascun videoconverter
- Comp : linearità del ricevitore (idealmente uguale a 1)
- Tsys : temperatura di sistema
- SEFD : System Equivalent Flux Density (Tsys/Guadagno), i valori negativi indicano una
misura non attendibile
- Tcal (j) : temperatura in Jansky ideale della marca di rumore ricavata dal Field System sulla
base del flusso ricevuto al momento dell'osservazione.
- Tcal (r) : rapporto tra la temperatura ideale della marca di rumore e la temperatura
impostata (il valore dovrebbe essere il più possibile prossimo a 1)
13.2 Schedula (lista di sorgenti)
Qualora si vogliano osservare più sorgenti è conveniente compilare una schedula, che verrà poi
richiamata dal Field System (le procedure richiamate in seguito sono elencate nell’appendice
C).
80
A) SCARICARE IL TEMPLATE
Si consiglia di utilizzare il template editabile preparato dai tecnici dell'osservatorio : ctlpo.ctl il
software esegue ciclicamente tutte le procedure elencate nella schedula. Si consiglia inoltre di
inserire nella schedula solo le sorgenti che si vogliono osservare alla stessa frequenza e con gli
stessi parametri del ricevitore (videconverter, frequenza di oscillatore locale, ecc...). Questi
parametri infatti vengono inseriti nelle operazioni preliminari (v. cap. 11)
B) RINOMINARE IL FILE SCARICATO
Rinominare il file prima di editarlo (la directory deve rimanere /usr2/control) :
cp ctlpo.ctl <nomefile>
C) COMPILARE LA SCHEDULA
Sono necessarie due righe di dati e la lista delle sorgenti, di seguito un esempio per ciascun
elemento :
SETUP Attesa TERMINE Attesa
INITP
-1
INITP
Elevazione
massima
Tempo
raggiungimento
Tempo
compensazione
91
450
450
-2
Tab. 13.1 : Prima stringa di dati
- SETUP/TERMINE : procedura di impostazione iniziale (da questo punto in avanti considerata
"di default") e finale (in genere non utilizzata).
- Attesa : tempo richiesto dalla procedura (default -1 per Setup e -2 per Termine), può
assumere i seguenti valori :
-2 : la procedura non viene eseguita
-1 : la procedura una volta completata richiama in automatico il programma ACQUIRE
0 : la procedura non viene eseguita (analogo a -2, utilizzato solo per procedure FIVPT,
PEAKF e ONOFF)
0< N<32767 : durata di N minuti
- Elevazione massima : elevazione massima in gradi
- Tempo raggiungimento : tempo di attesa di raggiungimento della sorgente, oltre il quale il
programma blocca l'acquisizione (default 450)
- Tempo compensazione : tempo aggiuntivo per considerare la sorgente visibile, considerando
il tempo di spostamento dell'antenna
Az
El
Az
0
10 180
[...]
Az
[...]
360
Tab. 13.2 : Seconda stringa di dati
- Az/El : coordinate (gradi) relative alla "linea di orizzonte" (deve essere una "spezzata" :
minimo 3 valori inseriti)
81
NOME
A.R.
Dec.
Epoca SETUP Attesa
Tempo Tempo Tempo
Termine Attesa
FIVPT ONOFF PEAKF
3C84
031948.16 +413042.1 2000
PRE
-1
0
0
0
POSTP
-2
3C123
043704.17 +294015.1 2000
PRE
-1
0
5
0
POSTP
-2
0521M365 052257.98 -362730.9 2000
PRE
-1
0
5
0
POSTP
-2
TAURUSA
PRE
-1
0
5
0
POSTP
-2
053432.
+220058
2000
Tab. 13.3 : Lista delle sorgenti
- NOME : procedura di puntamento della sorgente. Se si tratta di una sorgente standard la
procedura è già presente negli archivi ed è sufficiente impostarne il nome. Alternativamente è
necessario editare una procedura ad hoc che porti il nome della sorgente. Il nome della
procedura deve essere di massimo 10 caratteri.
- A.R./Dec./Epoca : coordinate della sorgente, formato : hhmmss.s/ddmmss.s/yyyy.y
- SETUP : procedura di impostazione (necessaria qualora si vogliano impostare parametri
osservativi differenti da quelli di default)
- Attesa : tempo richiesto dalla procedura (vedi tab. 13.1), di default settato a -1. Qualora
venga settato il valore -2 verranno mantenute le impostazioni relative alla procedura
precedente
- Tempo FIVPT/PEAKF : tempo necessario (minuti) alle procedure di controllo puntamento e
controllo del fuoco (condotte in genere dallo staff tecnico dell'osservatorio)
- Tempo ONOFF : tempo necessario (minuti) all'osservazione
- Termine : eventuale procedura di re-impostazione da eseguire alla fine di un'osservazione (in
genere utilizzata solo dallo staff tecnico)
- Attesa : tempo richiesto dalla procedura (vedi tab. 13.1). Le procedure a fine osservazione
sono utilizzate raramente dunque in genere il tempo di attesa è settato su -2.
D) LANCIARE LA SCHEDULA
Per lanciare la schedula :
acquire=<nomefile.ctl>
13.3 Guida per il monitoraggio di sorgenti BLAZAR
La parabola da 32 m di Medicina è stata utilizzata a lungo (1996-1999) per il monitoraggio si
sorgenti BLAZAR. E' disponibile una guida specifica per questo tipo di osservazioni, scaricabile
dal Manuale on-line :
OBSERVERS GUIDE FOR THE BLAZAR MONITORING AT MEDICINA (U. Bach - .pdf In Inglese)
82
83
14. ARCOS
Per quanto riguarda ARCOS, lo staff dell' Osservatorio di Arcetri e dell' Istituto di
Radioastronomia di Bologna ha sviluppato la seguente documentazione, scaricabile dal
Manuale on-line :
Manuale operativo ARCOS (.pdf - In Inglese)
SPETTRO, calibrazione di spettri astronomici (.pdf - In Italiano)
Si veda anche il seguente link : http://www.arcetri.astro.it/science/Radio/red/red.html
84
85
15. Polarimetro
POLMAD V.0.9
S.Poppi, E.Carretti
Polmad è un software realizzato in ambiente CVI che consente l’acquisizione e visualizzazione
dati raw provenienti dal polarimetro.
Inizializzazione
Polmad è installato sul server vlbiserv (NT nella stanza di controllo della parabola).Sul desktop
l’icona POLMED_DBG lancia c:\poppi\polmed\CVI\polmed_dbg.exe.
All’avvio il programma si presenta così:
Fig. 15.1 : Polmad, pannello principale
Dal menù setup → serial si configura la connessione seriale (COM16, 19200 bps, 8bit), che
avviene solo dopo aver attivato l’interruttore “ADC link” nel pannello principale.
L’interruttore “FS connection” attiva la connessione con il field system ed apre un socket TCP in
ascolto sulla porta 7013.
86
La configurazione della velocità di campionamento degli ADC avviene mediante il pannello
setup → ADC, dove sono possibili 3 configurazioni (10 Hz, 25 Hz e 40 Hz). Nel medesimo
pannello vi è’ il pulsante di autocalibrazione, che permette di calibrare gli ADC utilizzando una
tensione di riferimento interna alla scheda di acquisizione. Tale operazione e’ necessaria ogni
qualvolta si riscontrino delle anomalie nella conversione A/D e viene effettuata di default ad
ogni cambio di frequenza di campionamento.
Acquisizione Dati
I pulsanti Start e Stop rispettivamente avviano e terminano l’acquisizione dati.
Sono possibili due modalità di acquisizione, a seconda che la check box “point source” sia
selezionata o meno:
1. Modalità mappe (check box disabilitata) : stream continuo di dati, dove il controllo
dell’antenna e’ lasciato interamente al field system, non viene fatto nessun controllo sul flag on
source, e l’acquisizione avviene anche durante il movimento.
2. Modalità point source (check box abilitata): la memorizzazione dei dati avviene solo
quando il flag di stato antenna e’ TRUE (antenna in tracking), ripetendo ciclicamente la
sequenza osservativa ON-OFF-CAL (ON= antenna su sorgente, OFF = antenna su posizione di
riferimento fuori sorgente, CAL= marca di calibrazione attiva).
Durante l’acquisizione, i dati vengono visualizzati in tempo reale ed è possibile scegliere quali
canali visualizzare selezionando le apposite checkbox.
Le caselle di testo “Polarimeter” e “Pointing Info” rappresentano rispettivamente i dati
provenienti dal polarimetro e le informazioni sul puntamento, provenienti dal Field System.
Modalita’ server
I comandi possono essere inviati da remoto tramite socket, inviando una stringa alla porta TCP
7013. Le stringhe ammesse sono le seguenti (CASE SENSITIVE):
Comando
C
D
1
2
3
4
E
_source=name,ra,dec,epoc
_radecarate=raspeed,decspeed
/file=filename.txt
/freq=10
Descrizione
Inizia acquisizione
Termina acquisizione
ADC a 10 Hz
ADC a 25 Hz
ADC a 40 Hz
ADC a 100 Hz (attualmente non disp.)
Autocalibrazione
Antenna su sorgente name
Moto addizionale dell’antenna alla velocita’
raspeed (in ra), decspeed int arcsec/h
(distanze angolari in cielo, gia’ compensate
per cos (dec).
Output file impostato su filename.txt
Imposta
la
label
della
frequenza
di
campionamento nell’Header file(Attenzione, e’
solo indicativa, non cambia la velocita’ di
campionamento –da modificare ).
87
Su pcfs.med.ira.cnr.it (pc del field system) sono presenti alcuni comandi rapidi per
permettere l’avvio e l’arresto dell’acquisizione da remoto. Tali comandi sono :
/usr2/oper/poppi/polmed/polstart
(avvio)
/usr2/oper/poppi/polmed/polstop
(arresto)
Point Source Mode
Tramite il menu’ view → source, viene mostrato il pannello di configurazione per le
osservazioni di sorgenti puntiformi. Sono possibili due modalita’ :
1.
list mode, per osservare in sequenza piu’ sorgenti
2.
single mode, per osservare un’unica sorgente.
In list mode i parametri delle sorgenti vengono letti dal file di configurazione schfile.dat posto
in C:\poppi\polmed. Si tratta di un file ASCII dove, per ciascuna sorgente, una riga contiene
i parametri dell’osservazione, separati da spazi. Pertanto le colonne rappresentera, in
sequenza:
1. Nome schedula;
2. Nome file di output;
3. Nome sorgente;
4. Ascensione retta(HHMMSS.S)
5. Declinazione (DDMMSS)
6. Epoca (1950,2000, -1)
7. ora siderale di inizio (NON IMPLEMENTATO campo obbligatorio)
8. ora siderale di fine obs (NON IMPLEMENTATO campo obbligatorio)
9. tempo di osservazione ON source per ogni ciclo
10. tempo di osservazione OFF source per ogni ciclo
11. frequenza osservativa;
12. Valore della marca di calibrazione TP1 (total power 1);
13. Valore della marca di calibrazione TP2 (total power 2);
14. frequenza di campionamento;
15. tempo di osservazione CAL per ogni ciclo;
16. non implementato
17. distanza della posizione OFF;
18. non implementato
19. non implementato
20. non implementato
21. numero di cicli per passare ad una sorgente successiva;
Per far partire la sequenza da una determinata sorgente, e’ sufficiente ciccarne il nome nel
campo “Sources” premendo poi il pulsante OK.
In modalita’ single, i parametri della sorgente possono essere impostati tramite i campi nel
pannello, premendo il pulsante OK (il pannello rimane aperto, finche’ non si preme il pulsante
CLOSE).
Tale pulsante abilita automaticamente la modalità point source ed imposta la frequenza di
campionamento a 10 Hz (impostazione provvisoria, nel prossimo upgrade sara’ possibile
cambiare frequenza di campionamento dai campi del pannello)
88
Fig. 15.2 : pannello di configurazione osservazioni in single source mode
Formato file output
I dati sono salvati in formato ASCII dove l’header precede lo stream di dati che è costituito da
7 colonne per la modalità point sources, e 9 per la modalità mappe.
Le colonne rappresentano:
1. Giorno ed ora (UT) di acquisizione dato nel formato DDDHHMMSS, dove DDD è il giorno
dell’anno, HH, MM, SS indicano rispettivamente, ore minuti e secondi
2. Total Power 1 (Unità arbitrarie, in volt)
3. Total Power 2 (vedi total power 1)
4. Q (vedi total power 1)
5. U (vedi total power 1)
6. Flag dato e stato Marca (ON ___, on source ; OFF____, off source; OFFCAL, offsource
e marca di calibrazione attivata)
7. Flag stato antenna (1 = tracking, 0 slewing).
8. RA (J2000) in radianti (solo modalità mappe)
9. DEC (J2000) in radianti (solo modalità mappe)
Esempio di file dati:
89
Schedule Name =Dummy
Output File Name =3c286_050419.txt
Source Name =3c286
Source RA =133108.2
Source Dec =303032
Epoch =2000
Observation year =2005
Observation Start Time =100000
Observation End Time =200000
Observation ON Time =16
Observation OFF Time =16
Receiver Frequency (GHz)=5.000000
Calibration Value (1) (K)=6.800000
Calibration Value (2) (K)=6.800000
Adc Averaging =10.000000
Calibration Time (sec.)=8
Calibration Period(OFF Cycles) =0
HPBW =0.083300
90
91
16. SPEX
Per una prima descrizione operativa del sistema SPEX si veda il seguente documento,
scaricabile dal Manuale on-line :
PROTOTIPO DI ACQUISIZIONE DATI A BANDA LARGA PER OSSERVAZIONI PULSAR A 1.4/1.6
GHz (.pdf - In Italiano)
92
93
17. Operatori VLBI
Le osservazioni VLBI vengono eseguite dal personale interno all'osservatorio, che provvede a
caricare sul sistema la schedula e a controllare le operazioni.
La guida rapida alle osservazioni VLBI è disponibile anche al seguente LINK.
Procedure per l'esecuzione delle osservazioni VLBI
ultima revisione 15 Aprile 2004
G. Maccaferri
Organizzazione dei turni
A Medicina le osservazioni VLBI sono condotte da operatori che si susseguono il turni di otto
ore (0-8,8-16,16-24). Nel caso di inizio di un esperimento l'operatore di turno si deve
presentare al telescopio almeno 15 minuti prima dell'effettivo tempo di partenza della schedula
per predisporre il telescopio e la strumentazione alla registrazione (l'ora esatta di partenza e'
ricavabile dalla schedula stessa). Con l'introduzione del Mark5 la presenza durante i turni è
diventata facoltativa anche per i turni astronomici. Per gli esperimenti geodinamici e' possibile
mancare, ma solamente se non ci sono cambi di disco o nastro durante il turno e se non si
sono manifestati particolari problemi nel turno precedente. Per gli esperimenti durante la
sessione astronomica l'eventuale assenza deve rispettare qualche regola in più precisa. Gli
esperimenti di calibrazione non vanno sorvegliati, si riceverà di volta in volta istruzioni su come
lanciarli.
Esperimenti unattended
I turni notturni (00:00 alle 08:00) sono facoltativi, vanno però tassivamente rispettate alcune
regole:
1) La presenza è obbligatoria se durante il turno è prevista la partenza di una nuova schedula.
2) Ad ogni inizio di turno non notturno è fatto obbligo di essere presenti in orario e di verificare
subito l'andamento della schedula, in particolar modo se c'è bisogno di una cambio di modulo
sul Mark5.
3) Chi fa il turno serale (16:00 alle 24:00) è obbligato, se un modulo si riempie durante il
proprio turno, di sostituirlo con uno nuovo.
4) Se è previsto il lancio di una schedula durante un turno notturno, il turnista serale, concluso
l'attuale esperimento, si occuperà di lanciare anche la schedula della notte. In merito è
opportuno prendere accordi tra i due turnisti coinvolti.
5) Se si decide di non svolgere il turno notturno occorre in primo luogo verificare che non vi
siano schedule da lanciare, in secondo luogo che lo spazio sui moduli Mark5 sia sufficiente fino
all'arrivo del turnista della mattina. A tal proposito è importante calcolare quanto spazio è richiesto
e prendere accordi col turnista serale perchè garantisca la presenza di un modulo
sufficientemente
grande.
6) Se durante un turno notturno c'è una chiusura di una schedula, questa la si può delegare al
turnista seguente. E' però compito del turnista notturno avvisare il collega che dovrà fare il
mattino in proposito.
94
Inizio di una nuova schedula
Se si riparte dopo un periodo di inattivita' le operazioni da fare sono:
predisporre online il telescopio col comando antenna=setup (estrazione dei blocchi di
sicurezza)
e dopo un minuto circa antenna=track per attivare il tracking
estrarre dai raccoglitori il materiale relativo alla schedula da lanciare il cui nome e' ricavabile
dallo schedulone o dal foglio turni. Verificare gli orari di partenza, il codice del progetto e la
presenza di note particolari. Si rammenta che se non e' richiesto esplicitamente il contrario, il
PCALvuole sempre acceso.Comunque il comado pcal dovrebbe permettere alla schedula di
gestire autonomamente l'accensione o lo spegnimento del dispositivo.
Verificare la giusta configurazione del ricevitore col comando medconf
Verificare e/o modificare come richiesto la giusta configurazione del patch-panel
Verificare la corretta posizione del subriflettore o del ricevitore in fuoco primario.
Il nome esatto della schedula da lanciare e' il nome del file di comandi SNAP senza estensione
.snp. A ciascuna schedula deve corrispondere un file di procedure .prc con lo stesso nome del
file SNAP altrimenti il sistema da' un errore
lanciare la schedula selezionata col comando schedule=<nome file>,#1. Il secondo
parametro serve a forzare la partenza dalla linea 1, dato che questo non sempre avviene.
Esempio:
schedule=em97mc,#1
montare il nuovo nastro e introdurre la relativa label. Esempio:
label=med00142,ac3d
Nel caso di una osservazione Mark5, va montato (se non lo trovate gia' inserito) un modulo
vuoto (bollino verde) in uno dei due alloggiamenti disponibili (e' preferibile partire sempre da
quello piu' a sinistra, chiamato A), avendo cura di girare la chiave di 90^ in cw, in modo da
abilitare il modulo (chiave orizzontale= modulo abilitato, come dimostrano le lucette che si
accendono)
ATTENZIONE! Non sfilare mai ilmodulo sul quale si sta registrando
Poi, dopo aver lanciato la schedula, ricordarsi di battere mk5relink quando richiesto. Infatti
anziche' inserire la label del modulo che viene gia' letta automaticamente, occorre ripristinare il
link fra FS e Mark5.
Il sistema e' fermo in halt e ripartira' solo dopo una di queste operazioni. Intanto il telescopio
si posiziona sulla prima sorgente
verificare il livello di potenza dei Video Converters (VC's) e degli Intermediate Frequency
Distributors (IFD's) regolando opportunamente gli attenuatori variabili. Nel fare questo evitare
di alterare la configurazione NOR-ALT impostata dalla schedula. Per sicurezza usare il
parametro "*" per tutti i campi settabili che non si vogliono modificare. Il valore degli
attenuatori puo' essere dato in modo assoluto ( ifd=5,7,*,* ) oppure come quantita' relativa
al valore precedente (ifd=+3,-2,*,*). Si rammenta che +3db dimezza il valore di potenza e
95
quindi il numero USBPWR (upper-side-bandwidth-power).
Se si adegua la potenza di IF3 prestare attenzione al settaggio dei parametri successivi
(mixer,sw1,sw2). Se diversi dai default vanno indicati esplicitamente (copiare dalla stringa di
settaggio originale).
abilitare tutti gli allarmi acustici, e se il caso, anche quelli del ricevitore in fuoco primario.
Abilitare il controllo automatico dei moduli MK4 col comando check=. Esempio:
check=all oppure check=v1,v2,....vn,if,i3,tp,hd
clock offset viene ora automaticamente letto dal sistema col comando "gps-fmout".
Va compilato anche il log-book di stazione, con tutte le informazioni sopra citate (una pag. per esperimento).
Controllare il valore dell'oscillatore locale del ricevitore in uso. Per quello SX non e' necessario perche'
fisso. Per gli altri ricevitori usare il comando medlo=<cmd> come da tabella:
comando
comando
<cmd>
note
medlo=freq frequenza
sintetizzatore
medlo=amp ampiezza
dBm
medlo=rf
x freq. cielo
usare
tabella
ricevitori
in
RF carrier on/off
. Confrontare questi valori con quelli riportati nella tabella "Caratteristiche dei ricevitori di
Medicina".
Riverificare
la
giusta
configurazione
del
ricevitore
col
comando
medconf
riverificare e/o modificare come richiesto la giusta configurazione del patch-panel
riverificare la corretta posizione del subriflettore o del ricevitore in fuoco primario.
inoltre controllare il tempo dei vari orologi, procedendo come segue:
verificare l'ora del formatter MK4 confrontandola con quella del Rubidium Repeter (RR,
display rosso in basso). Se necessario correggerla col programma fmset (tasto centrale del
mouse sopra lo sfondo oppure da ovunque con CTRL+SHIFT+t).
verificare l'ora del Field-System (FS) confrontandola con quella del formatter lanciando setcl
(CTRL+SHIFT+s). Il numero significativo e' l'ultimo della prima riga che riporta, in centesimi di
secondo, la differenza di tempo fra il formatter e il FS. Questo valore deve essere il piu' basso
possibile. Se supera i 50 centesimi e bene re sincronizzare il FS, appena e' finito la schedula
attualmente in esecuzione. Per fare cio':
sy=run setcl offset
Run geodinamico
Se si sta' lanciando un progetto geodinamico occorre inviare un mail all'indirizzo ivsops@ivscc.gsfc.nasa.gov nel quale si comunicano l'avvenuta partenza dell'osservazione ed
alcuni parametri di funzionamento della stazione recuperabili dal diario di stazione "Diario
tecnico Parabola VLBI Vol. 3" . Si raccomanda l'uso del programma chiamato msg (lanciarlo da
una qualsiasi finestra terminale) che vi propone la compilazione guidata dei tre tipici messaggi
da inviare, ready,start e stop. Dal menu file segliete uno dei tre form, compilatelo ed inviatelo.
E' probabile che msg richieda di compilare obbligatoriamente alcuni campi anche se non hanno
senso. In tal caso mettete degli zeri(se sono campi numerici) o na(se testo).
96
Poi a schedula lanciata, si deve fare la misura cable (determina il segno della misura di
lunghezza del cavo OL che collega il ricevitore al MKIV), nel modo descritto:
inserire lo spezzone di cavo calibrato (rack MarkIV retro, a sinistra) fra la ground unit (rack
DAT, sul retro) e il cavo coassiale che va al ricevitore
battere nel FS il comando: cablelong
smontare
definitivamente
lo
spezzone
e
appenderlo
nel
medesimo
punto.
battere il comando: cable. Quindi cablediff che vi calcola gia' la differenza ( deve dare
all'incirca -654uS).
Durante l'osservazione
Controllare periodicamente il livello di potenza dei VC's e il valore delle temperature di sistema
che via via vengono prodotte (confrontarle con quelle riportate nella tabella Caratteristiche dei
ricevitori di Medicina). Allo scopo utilizzare i due pannelli Monit-2 e Monit-3, attivabili col
mouse o con CTRL+SHFT+2 o CTRL+SHFT+3 rispettivamente. Il primo da' numerose
indicazioni di carattere generale. Il secondo vi da' una tabella costantemente aggiornata delle
ultime Tsys misurate. Se non e' gia' attivo, lanciare il programma di monitor dell'antenna
battendo in una finestra xterm: antm5
Verificare il corretto fluire della schedula e che la posizione del nastro cioe' il valore del footage
counter (fc) all'inizio degli scan corrisponda, nell'ordine di qualche centinaio di piedi, con quello
previsto nel list file. Per il Mark5 osservare l'accensione dei led di indicazione dell'attivita' dei
dischi (i 4 led verticali)
Annotare nel log file ( come commenti, cioe' preceduti da " ) e sul log-book il succedersi di
ogni evento significativo, guasti o anomalie hardware, scan persi, ritardi nel raggiungimento
delle sorgenti, variazioni meteorologiche ecc. Annotare con precisione gli scan o le parti di scan
persi e la causa dell'inconveniente. Serviranno poi all'operatore che finisce l'esperimento per
elencare le anomalie e gli scan persi.
Controllo da remoto
E' possibile controllare l'osservazione remotamente. Previo una connessione ssh alla macchina
Field System è possibile usare i segueti tools(il comando è quello riportato in grassetto e va
battuto
da
una
finestra
terminale):
a) monit2, consente di monitorare lo stato della schedula.
b) monit3, consente di controllare le Tsys.
c) antm4, riporta le informazioni circa l'antenna e il puntamento.
d) controlla <nomeexperimeto>, riporta l'elenco degli eventuali errori che si sono verificati
durante la schedala
e) fslog <nomeesperimento>, visualizza le ultime righe del log file, esattamente come se
fossimo alla console del Field System.
f) monit5, visualizza informazioni sui moduli Mark5,
aggiornamento, capacità residua su modulo attivo.
Da tutti questo tools è sufficiente battere ctrl-c per uscire.
se
sono
montati,
data
ultimo
Il modo più sicuro per inviare comandi al Field System è quello di usare: inject_snap
<comando>. Ad esempio inject_snap vc01 chiede al Field System di leggere lo stato del video
converter 1. Per inviare commenti si dovrà digitare: inject_snap ' "commento '.
97
Cambio nastro o modulo
L'ora di cambio nastro la si puo' recuperare guardando il list file o le etichette dell'esperimento
o la risposta del comando status (attenzione, questi non funzionano da controllo remoto). Al
momento giusto comunque, il sistema avvisa l'operatore. Esso viene allertato dal comando
d'allarme (wakeup).
MarkIV: si procede quindi come segue:
attendere che il FS stesso riavvolga completamente il nastro, sfilandolo poi dal reel inferiore.
L'intervento manuale e' richiesto unicamente quando, per una qualche ragione il footagecounter (fc) non e' in passo con quanto supposto dalla schedula. Cio' lo si vede guardando la
quantita' di nastro ancora presente sul reelinferiore che normalmente, in questi casi, deve
essere di alcuni mm di spessore. Se cosi' non fosse, invece di attendere il riavvolgimento
completo a 120ips che richiederebbe molto tempo, battere et per fermare il nastro esrwper
farlo ripartire in riavvolgimento veloce fino a che non si ferma contro il low tape. Poi
st=rev,80per provocare lo sfilamento completo a bassa velocita'.
applicare il bollino rosso che contraddistingue il nastro come registrato e smontarlo
premere il pulsante footage-reset in alto a destra in modo da sbloccare i freni, riavvolgere
completamente il nastro fermando il lembo libero con l'apposito nastro adesivo (zebra tape) e
momentaneamente riporlo da parte.
Montarne uno nuovo fra quelli gia' prepassati e preso dalla "mucchio" giusto (astro o geo)e
verificare che:
non abbia bollini rossi o gialli
non abbia evidenti segni di deformazioni sulle flange
sia avvolto in modo compatto su se stesso.
Il nastro va montato con la tape label verso chi guarda ed il capo libero del nastro alla
destra.
Nota bene:
prima di chiudere la clip di ritenzione del reel assicurasi che esso sia perfettamente a
battuta contro la flangia posteriore. Allo scopo aiutatevi premendo sul reel in modo
simmetrico.
Nota bene:
non pulire il capstan! L'alcool lo fa diventare eccessivamente appiccicoso.
Mark5 :
di norma un esperimento sta all'interno di un solo modulo (anzi, a volte piu' esperimenti
stanno sullo stesso modulo), ma se e' neccessario il cambio di modulo viene autonomamente
eseguito dal Mark5, che una volta riempitone uno passa automaticamente a registrare
sull'altro, purche' questo sia presente e ovviamente vuoto. Solo dopo questa commutazione si
puo' procedere alla rimozione del modulo appena riempito
Ora che la schedula e' ripartita si puo' riporre il modulo o nastro precedentemente smontato
applicandogli la experiment label appropriata.
98
Per i moduli Mark5 bisogna montare i due carter metallici di protezione (le viti sono nello
scatolino). Entrambi vanno poi messi nel loro contenitore per la spedizione.
Sulla custodia o cartone vanno eliminate tutte le etichette delle precedenti spedizioni e
vi si aggiunge la nuova che trovate con il materiale cartaceo dell'esperimento (altrimenti
nell'armadio a sinistra c'e' tutto l'occorrente per farsela). Il pacco va poi depositato nella sala
accanto, vicino alla porta, assieme agli altri destinati allo stesso correlatore aggiornando la
lista di quelli gia' presenti con la tape label ed il check number(solo per i tape) dell'ultimo
appena depositato.
Fine di una schedula
Esperimenti astronomici.
Chiudere il log file lanciando la eventuale nuova schedula o battendo "log=station"
Dalla finestra in basso "apostobs" battere : apostobs <nome progetto> (es:
apostobsc97c1a)
Infine, sempre solo per gli esperimenti astronomici, ci si deve collegare tramite INTERNET ad
una paginaWEB che e' stata recentemente attivata al JIVE, sulla quale riportare e/o consultare
informazioni sull'andamento di ciascun progetto. Chi finisce un esperimento deve quindi
collegarsi a questo sito tramiteMSExplorer o Netscape. L'indirizzo e':
http://www.nfra.nl/jivebin/jiveese
Esperimenti geodinamici
. Ripetere nuovamente la misura di "cable" con lo spezzone calibrato.
. prima di chiudere il log file fare nuovamente msg (form di stop) da una qualsiasi finestra
terminale
. Chiudere il log file lanciando la eventuale nuova schedula o battendo "log=station"
. Dalla finestra in basso "apostobs" battere : gpostobs <nome progetto>(es: gpostobs
europ1)
Nota bene:
se qualcosa dovesse andare storto durante l'esecuzione di una delle procedure sopra
descritte non insistere ulteriormente. Limitatevi a lasciare un appunto col nome del
progetto e la causa che vi ha bloccato. Penseremo poi noi a sistemare le cose ancora
in sospeso.
Se non ci sono altre schedule....
portare l'antenna in stow position:antenna=stow
disabilitare il check automatico dei moduli: check=
disabilitare tutti gli avvisatori acustici (sul MarkIV e sul SXKL )
Nota bene:
in ogni caso mai terminare il FS, chiudere sessioni o spegnere il computer. Quando si lascia la
stazione l'unica cosa importante e' che l'antenna sia in posizione di stow e che gli allarmi siano
disattivati. Tutto il resto va lasciato com'e'! Inoltre lasciate abilitate sull'ACU il drive power ed il
99
computer enabled, per permettere il controllo remoto del telescopio.
Cambio turno
Chi subentra deve innanzi tutto rendersi conto, consultando lo schedulone o il foglio turni , di cosa sta
girando. Dalla cover letter dell'esperimento in corso e dal resto della documentazione e possibile capire il
tipo di osservazione, quando sono i cambi nastro e se ci sono delle modalita' di esecuzione non standard.
Prendere inoltre visione di eventuali note lasciate dal personale tecnico di stazione o dall'operatore
smontante. Assieme a lui effettuare la checklist riportata piu' avanti.
Chi smonta deve invece aspettare l'arrivo del nuovo operatore cosi' da garantire comunque la copertura
anche in caso di ritardo o contrattempo di quest'ultimo (a volte in quel periodo capita un cambio nastro).
Deve trasmette tutte le informazioni utili e assieme all'operatore montante effetuare un controllo generale.
Check list
Esiste una serie di controlli da effettuare che se danno un riscontro positivo fanno
ottimisticamente presupporre di essere operativi al 100%, sebbene l'ultima parola spetti
sempre ai correlatori.
Se questi controlli danno un riscontro negativo e' bene approfondire. Si potrebbe essere di
fronte ad una sciocchezza oppure ad un malfunzionamento vero e proprio, a volte tale da
rendere inutile continuare la registrazione. Cosa fare non e' ovvio, e non e' facile descriverlo
vista la varieta' delle situazioni che si possono presentare. Cio' che conta in questi casi e' la
preparazione e l'esperienza degli operatori. Segue un elenco dei tipici controlli visivi che
normalmente vanno effettuati durante un'osservazione, raggruppati per categoria:
Antenna:
nessuna luce rossa sul pannello ACU
i valori di azimuth ed elevazione devono muoversi
deve essere selezionato il modo ptrack
ANTM5
tutte le luci devono essere verdi (antenna online, in tracking ecc.)
Total sky error deve essere sempre inferiore a 1mil
il numero cyc/sec deve essere circa 10
Monit 2
la sorgente indicata deve essere quella richiesta
La schedula non deve essere in halt
il pass number e il fc devono essere al valore indicato dal list file per quello scan. Il tape
footage ha una tolleranza che puo' essere anche di qualche centinaio di piedi.
i moduli MarkIV utilizzati devono essere sotto il controllo di checkr
Monit 3
i valori delle Tsys per ciascun modulo deveono essere ragionevoli, compatibilmente col tipo
di ricevitore usato, con l'elevazione attuale, e con le condizioni meteo del momento. Valori
con $$$$ (overflow) o negativi sono chiaramente sballati. Controllare che le frequenze dei
VC's siano conformi a quanto settato da schedula.
MarkIV
non ci devo essere luci rosse accese, o perlomeno queste non devono essere sui moduli in
uso
il livello di potenza di USBPWR dei VC's deve essere contenuto fra 0.1 e 2. Valore ottimale e
100
attorno a 0.2
la configuarzione dell'IFD (NOR o ALT) deve essere come da schedula. Si ricorda che il
canale in ALT deve avere attenuazione 0
tempo formatter in passo con quello del RR (display rosso sotto)
avvisatori acustici inseriti
switch PCAL acceso, se non diversamente richiesto
i risultati dei parity check devono essere tutti quasi 0
Reboostrap della macchina Linux
In caso di blocco o malfunzionamento della macchina Linux, puo' essere necessario terminare il
FS o addirittura reboostrappare completamente il computer stesso. In generale si puo' dire che
se abortisce il FS e il computer continua a rispondere ai normali comandi Unix si puo' provare
semplicemete a rilanciare il FS stesso col comando fsdato dalla finestra Login_shell. Altrimenti
e' necessario fare una ripartenza completa di tutto il sistema.
Nota bene:
la macchina non e' DOS e qundi non sempre tollera il brutale spegnimento. Se non e'
completamente bloccata e quindi sorda ad ogni comando effettuare sempre la
procedura di restartsotto descritta.
Prima di vedere entrambe queste procedure va detto inoltre che e' bene non sovraccaricare di
lavoro questa macchina, specie per quanto riguarda il terminale grafico, anche perche' e'
quella che provvede al puntamento del telescopio. Ad esempio, sembra che il manager grafico
FWM si confonda in seguito ad un intenso lavoro di apertura e chiusura finestre, impedendo poi
di passare col fuoco da una finestra all'altra come normalmente dovrebbe avvenire.
Chiusura FS e logoff
Per prima cosa chiudere tutte le finestre ANTM5 presenti. Poi terminare il FS col comando
terminate
e
chiudere
tutte
le
finestre
x-term
con
il
comando
exit.
Alla chiusura dell'ultima finestra si chiude anche la sessione, e ricompare la classica finestra di
richiesta di login. Commutate su un terminale alfanumerico con CTRL+ALT+Fn (dove n puo'
essere un qualsiasi numero da 1 a 6) e dopo alcuni istanti vi compare una schermata testo con
la linea di richesta login.
Se la macchina e bloccata e quindi completamente sorda..., non resta che premere il pulsante
di reset, sperando che non si corrompa il file system. Il computer riparte da solo e si puo'
quindi saltare il paragrafo successivo.
Restart
Basta premere CTRL+ALT+DEL come su un normalissimo PC e il sistema esegue
automaticamente prima lo shut-down e poi il bootstrap. Se lo shut-down ha funzionato
correttamente e senza intoppi, il sistema non deve "ricostruire" file system e nel giro di un
minuto e' pronto online, mostrandovi la finestra grafica con la richiesta di login.
Login e partenza Field System
Lo user name da usare e' oper, la password... dovete saperla. Si apre automaticamente una
finestra chimata login_shell dalla quale lancierete il FS col comando fs.
101
Configurazione del ricevitore
A Medicina e' gia' attivo il sistema di cambio rapido di frequenza. Cio' significa che in qualsiasi
momento e in pochi secondi e' possibile passare da un frequenza osservativa ad un'altra
disponibile senza terminare il FS o addirittura spegnere il computer, come avveniva nel
passato. Questo comporta anche il fatto che il FS deve conoscere il tipo di ricevitore richiesto e
in quale configurazione esso debba essere predisposto. Qui occorre introdurre una sottile
distinzione che noi facciamo fra il termine ricevitore, col quale intendiamo l'insieme feed,frontend e il termine configurazione del ricevitore, col quale si intende uno dei modi di utilizzo dello
stesso. Ad esempio riporto il caso del ricevitoreSX, dove lo stesso ricevitore "fisico" puo' essere
configurato (leggi usato) in modo XX (doppia polarizzazione X), SS (doppia polarizzazione in
banda S) e altri casi ancora. Cio' che cambia e' la configurazione mentre il ricevitore "fisico"
utilizzato e' sempre il medesimo. Attenzione che sul pannello antm4 ( o antm5) come
ricevitore selezionato viene riportato quello fisico. La tabella seguente da una visione piu'
chiara di quanto detto.
tab. 1: nomenclatura dei ricevitori a Medicina
Freq. Ghz(cm)
Codice mnem.
Ricevitore
22 (1.3)
kkp
KK primario
22 (1.3)
kkc
KK in cassegrain
8.7(3.6),2.5(13)
sxp
SX primario per geodinamica
8.7(3.6),2.5(13)
xsp
SX primario per astronomia
8.7(3.6)
xxp
SX astronomico dual pol in X
2.5(13)
ssp
SX astronomico dual pol in S
1.6 (18)
llp
LL dul pol a 1.6Ghz
1.4 (21)
lhp
LL dual pol a 1.4Ghz (riga H)
5 (6)
ccc
CC in cassegrain
6.5 (5)
chc
CH in cassegrain
Per attivare e configurare un ricevitore tutte le operazioni necessarie, compreso lo switching
fra fuoco primario e secondario vengono fatte da procedure apposite, una per ogni
configurazione possibile. Esse iniziano tutte con setup e sono seguite da tre caratteri che
identificano la configurazione richiesta (vedi tabella sopra). Esempio:
setupkkp
seleziona il ricevitore a 22Ghz in fuoco primario.
102
Verifiche pre-run e predisposizione dell'antenna al tracking
Prima di partire o riprendere con una schedula e' bene effettuare alcuni controlli manuali,
come:il computer vlbiserv (l'NT a fianco del pc-FS) deve essere gia aperto come oper con il
programma subreflector attivo
tempo formatter
tempo FS (setcl)
frequenza del LO (comando medlo)
temperatura di sistema Tsys.
(Per maggiori dettagli leggi il paragrafo Inizio di una nuova schedula)
Intanto potete predisporre il telescopio al puntamento mettendolo online con il comando:
antenna=setup e a pin estratti antenna=track
Ora potete partire con la schedula del momento eseguendo le operazioni gia' descritte al
paragrafo "Inizio di una nuova schedula".
103
18. VLBI Italia
Le antenne di Medicina e Noto possono essere utilizzate insieme per condurre osservazioni
interferometriche, dal Manuale on-line è possibile scaricare il seguente documento :
GUIDA ALL'UTILIZZO CONTEMPORANEO DELLE ANTENNE DI MEDICINA E NOTO - L.
Moscadelli, 2005 (.pdf - In Inglese)
104
105
Appendice B : Norme di Sicurezza
- Qualora il vento superi gli 80 km/h l'antenna deve essere messa in stow
position (blocco a 90° di elevazione e 180° di azimut) :
Comando dal Field System : antenna=stow
Oppure, dal pannello ANTM5 (v. cap. 10.1.2) : pulsante stow
- In caso di neve posizionare l'antenna in stow position e chiamare l'addetto
reperibile
- L'area delimitata dalla riga bianca intorno all'antenna deve sempre essere
lasciata libera.
106
107
Appendice C : Comandi aggiuntivi del Field System
G. Maccaferri
Antenna
Controlla il telescopio
Sintassi: antenna=<comm>
Risposta : nessuna
Parametri di settaggio:
comm
setup
Nome della sorgente oppure uno dei seguenti comandi per il telescopio
Predispone l'antenna all'inseguimento estraendo i stow-pin, attivando i motori e
selezionando il command-position su ACU. Rimane poi ferma sull'ultima posizione
precedentemente comandata, nello stato idle. Nel caso sia stata portata in autostow
da calcolatore (come si consiglia) rimane ferma a 180 di azimuth e 90 di
elevazione. La procedura impiega circa 30-40 secondi. (Questa opzione non
prevista
e'
stata
aggiunta
per
Medicina
modificando
un
file
FS
/usr2/fs/quikr/sorce.f)
idle
Ferma il tracking del telescopio lasciandolo sull'ultima posizione comandata. L'unica
operazione ancora effettuata ogni secondo e' l'aggiornamento nella memoria del
calcolatore della posizione e dello stato dell'antenna. In questa situazione il sistema
permette l'utilizzo manuale dell'antenna.
connect
Attiva la comunicazione fra FS e ACU. Di norma lanciato dal FS alla sua
inizializzazione
disconnect Interrompe ogni comunicazione fra ACU e calcolatore. Utile nel caso ACU sia rotta o
spenta
stow
Interrompe il tracking e porta il telescopio alle posizioni nominali di stow. Quindi
disabilita i motori, frena gli assi e inserisce gli stow-pin.
track
Fa riprendere il tracking sull'ultima sorgente specificata (ha pero' il difetto di
sostituire al nome della sorgente la parola track !)
service
Interrompe ogni movimento del telescopio frenandolo nella posizione in cui si trova.
E' utile in casi d'emergenza o quando il personale deve salire sul telescopio.Evitare
di usarlo quando l'antenna e' in velocita'.
hold
Mantiene l'antenna ferma forzandola sull'ultima posizione comandata. A differenza
di idle non permette l'uso manuale perche' controlla che permangano le condizioni
indispensabili al tracking (computer enable, drive power, nessun freno inserito,
motori attivati)
azel
Comanda il telescopio ad una posizione fissa data come azimuth ed elevazione (es:
source=azel,167.897d,45.987d)
dove
rimane
senza
effettuare
alcun
inseguimento. Utile nel puntamento di satelliti geostazionari o nelle misure di
attenuazione dell'atmosfera.
Parametri di risposta:
Descrizione
A differenza di quanto avveniva su HP1000 ora il sistema e' in grado di discriminare la fase di
slewing da quella di offsource. Pertanto si udra' il beep solo nelle fasi di offsource. Inoltre, solo
dopo tre secondi dal primo aggancio della sorgente (tempo di overshoot), viene dato il
messaggio Antenna on source now!
108
Nel caso di sorgenti sotto il limite di elevazione permane lo stato di offsource, a differenza di
quanto avveniva prima.
Esempi
antenna=setup
oppure
antenna=stow
109
Track Riporta le informazioni sul tracking dell'antenna
Sintassi: track
(non ha parametri di settaggio)
Risposta
tr year/doy.hh:mm:ss
co
co (r/l)
offset
aza
tpaz
raz
azoff
ela
tpel
rel
eloff
daz
eqeq
laz
raoff
del
ref
lel
decoff
Parametri di risposta:
aza,ela
Azimuth ed elevazioni attuali
daz,del
Errori fra posizione comandata e corrente
tpaz,tpel
Correzioni per modello di puntamento nelle due componenti
eqeq
Equazione degli equinozi (?)
ref
Valore di correzione per rifrazione
raz,rel
Correzioni per profilo rotaia
laz,lel
Correzioni per livelle elettroniche
azoff,eloff Offsets in az e el
raoff,decoffl Offset in RA e DEC convertiti in gradi
Descrizione
La prima riga riporta azimuth elevazione correnti (sono quelle reali, anche quando l'antenna
non e' in tracking) e le differenze fra posizione comandata ed puntata (AZ, EL) che possono
essere utilizzate anche a determinare il tempo mancante al raggiungimento della posizione. La
seconda riga riporta le correzioni per il modello di puntamento (le due componenti in AZ ed EL)
e per la rifrazione (ultimo parametro). A Medicina non e' stata implementata la riga pr
(posizioni previste) perche' il computer di puntamento e' lo stesso del FS. E' stata invece
aggiunta una linea chiamata co(r/l) riportante quattro parametri che sono le correzioni per
rotaia e per livella elettronica ciascuna data nelle sue componenti azimuth ed elevazione ed
una contenente tutti gli offsets assoluti impostati. Tutti i valori (eccetto il tempo) sono dati in
gradi.
Esempi
track
164100000;track
164100000/tr 1995/164.10:00:00 180.470 90.123 -98.006 -56.345
164100001/co
000.326 -00.572 000.002 000.005
164100001/co (r/l)
000.000 000.000 000.000 000.000
164100001/offsets
000.000 000.000 000.000 000.000
110
Scu Control and monitor new subreflector
Sintax: scu=<conf >[,paxe1,…paxen]
Reply: scu/link,track,mode,config,status,paxe1,…,paxen
Settable parameters
conf
Configuration mode. Code of one of the station available receivers (kkp,sxp,etc.).
The file rec.ctl has a list of available receivers. Some of them are located on primary
focus, some others are in the secondary one. The primary receivers have a two axis
system mechanism (Y in N/S direction and Z on paraboloid focus axis). Secondary
receivers have a five axis mechanical positioning system (X on E/W, Y on N/S; Z1,
Z2,Z3 on paraboloid focus axis, 120° each other, z1 N, z2 S/E, z3 S/W).
The system will be automatically switched (primary mode, secondary mode) on
request.
Conf could also be connect or disconnect, in order to open or close scu -FS link
(scu=connect should be normally included in the iniz procedure executed at FS
startup)
paxe1- Optional fixed position for one or more axis. If an axe is unspecified it will be tracked
vs elevation by a profile described in a four order polynome, one for each axis. All of
n
these data are contained in the related receiver configuration file (for example
scukkp.ctl, scusxp.ctl,…). The axis sequence must be issued like Y,Z for primary
receivers, X,Y,Z1,Z2,Z3 for secondary ones.The typical FS syntax could be used to
specify default values (i.e. scu=kkp,55.0,*,68.2,,, )
Read only parameters
link
track
connected|nolink Scu computer socket connection status
tracking|fixed
Scu positioning mode. The axis positions are normally
updated for each deg of elevation (tracking), except for
axis with a fixed specified positions, which are kept at
user specified positions. This flag report fixed only when
all of them are not in tracking.
primary|secondary
Scu operating mode. This is determined by the receiver
configuration described in rec.ctl file and automatically
applied at the configuration selection. Tipically the last
letter of configuration mnemonic code (kkp,chc,etc.) helps
to understand the focus required.
config lrf
The configuration mnemonic code is defined in rec.ctl file.
l and r rappresent the code frequencies for left and right
polarizations, f the receiver location (p primary, c
cassegrain)
status
ok|nok
This flag summarizes all conditions necessary to consider
scu well working.They are:
-all axis powered on, unbraked and calibrate
-all axis under loop position with position error < 0.01mm
-scu positions and configuration matches the last
command issued
paxe1,n
Axis actual position in mm
111
Note: The command manages the scu control and monitor protocol between the scu computer
and FS. In tracking mode, the position of each axe is determined by a four order polynome,
stored in a receiver specific file. When a receiver is selected, a table with axis positions
specified every deg. of elevation is predetermined and loaded in memory for tracking use.
Otherwise the fixed mode can be activated by specifing a fixed position for each axe. An
alternative and more definitive way for receiver configuration using no tracking is to set zero
all the polynome terms except for the offset.
Example
scu=kkp
set kkp tracking mode
scu=sxp,10,12.3
set sx primary receiver, fixed mode at user specified positions
(y=10mm, z=12.3mm).
scu=connect
establish scu computer connection
112
Scuoff Configurazioni varie per Medicina
Sintassi: scuoff=off1[,off2]….[,offn]
Risposta: scuoff=off1,off2…,offn
Parametri di settaggio
off1-n Offset in mm degli assi
Parametri di risposta:
off1-n Offset in mm degli assi
Descrizione
Imposta gli offset di posizione del subriflettore o del ricevitore in fuoco primariorispetto alle
posizioni nominali.
Il comando e’ utile se per qualche ragione si desidera aggiornare di piccole quantita’ la
posizione degli assi, oppure se si vuole ofsettare il beam del telescopio in maniera piu’ celere
rispetto al metodo tradizionale di movimentazione in az o el. Quest’ultima tecnica ha pero’
senso solo con il subriflettore dove e’ possibile applicare una rotazione(tilt) agendo sui tre assi
z, metodo che garantisce una velocita’ superiore ai metodi on-off tradizionali.
Esempi
scuoff=1,2,3,4,5
scuoff=0.0,0.0,0.0,0.0,0.0
113
Azelrate Imposta le velocita' di scan in AZ,EL
Sintassi: azelrate=<azrate>,<elrate>
Risposta: azelrate/azrate,elrate
Parametri di settaggio
azrate Velocita' di scan per l'asse di azimuth in arcsec/sec (min -100, max +100). Accetta
solo interi.
elrate
Idem per elevazione
Parametri di risposta
Quelli riporati sopra.
Descrizione
Il comando realizza lo scan alla velocita' costante impostata aggiungendo un offset relativo alla
posizione del telescopio ogni decimo di secondo.
La velocita' e riferita alla posizione normalmente inseguita dal telescopio. Pertanto quella
complessiva sara' la somma algebrica di quella impostata piu' quella dovuta alla
compensazione del movimento terrestre. Controllare che questa non sia tale da portare il loop
di posizione fuori dal modo ad alta precisione (type II).
Esempi
azelrate=6,60
164123456;azelrate=6,60
oppure
azelrate
164123456;azelrate
164123456/azelrate/6,60 (arcsec/sec)
114
Medconf
Configurazioni varie per Medicina
Sintassi: medconf=<rconf>[,rail[,level]]
Risposta: medconf/rconf,rail,level
Parametri di settaggio
rconf Mnemonico ricevitore.Vedi tabella (Cap. 4.1)
rail
Indica se usare o meno la correzione per le deformazioni della rotaia (on o off)
level Indica se usare o meno le indicazioni date dalle livelle elettroniche
Parametri di risposta
rconf Mnemonico ricevitore.
rail
Correzione rotaia (on o off)
level Correzione per livelle (on o off)
Descrizione
E' un comando creato specificatamente per Medicina allo scopo di permettere il cambio rapido
del ricevitore senza impazzimenti e senza dover uscire dal FS o fare il reboot del calcolatore,
cosa che avveniva in precedenza. Inoltre permette di specificare al programma di puntamento
se deve compensare le deformazioni della rotaia, descritte in un file, e se deve tener conto
delle deformazioni strutturali misurate dalle livelle elettroniche.
In particolare le funzioni che svolge sono:
predisporre la giusta tabella di posizioni per il sub e gli assi da controllare
caricare il modello di puntamento relativo a quel ricevitore.
Per il cambio rapido del ricevitore vedi procedura setupxxx (dove xxx e' il codice mnemonico
del ricevitore desiderato).
Esempi
medconf=sxp,on,off
164120456;medconf=sxp,on,off
oppure
medconf
164120456;medconf
164120456/medconf/sxp,on,off
115
Radecrate Comanda velocita' di scan in RA o DEC
sintassi: radecrate=<RArate>,<DECrate>
risposta: radecrate/RArate,DECrate
Parametri di settaggio
RArate
Velocita' di scan in RA in arcsec*cos DEC/h
DECrate
Idem come RA solo che l'unita' di misura e' arcsec/sec.
Parametri in risposta
Come riportato sopra.
Descrizione
Il comando realizza lo scan alla velocita' costante impostata aggiungendo un offset relativo alla
posizione del telescopio ogni decimo di secondo.
La velocita' e riferita alla posizione normalmente inseguita dal telescopio. Pertanto quella
complessiva sara' la somma algebrica di quella impostata piu' quella dovuta alla
compensazione del movimento terrestre. Controllare che questa non sia tale da portare il loop
di posizione fuori dal modo ad alta precisione (type II).]
Attenzione. A differenza di azelrate questi valori non sono automaticamente azzerati al
sucessivo comando source=. La loro eliminazione deve essere fatta appositamente col
comando radecrate=0,0
Esempi
radecrate=6,60
164123456;radecrate=6,60
oppure
radecrate
164123456;radecrate
164123456/radecrate/6,60
116
Setup (v. Cap. 17 : Configurazione del ricevitore)
117
Appendice D : Esempi di Procedure
Template ctlpo.ctl
* CTLPO.CTL control file for AQUIR
*
* This file is free format with blanks as delimiters. Completely
* blank lines ans lines with a star '*' in column 1 are ignored.
*
* Data formats:
*
*
Procedure names: 12 character Field System procedure or command
*
name.
*
*
Waits: minutes for corresponding procedure to complete
*
maximum of 32767
*
-2 => don't execute this procedure, its just a place holder
*
-1 => self suspend after entering command, expect a GO,AQUIR
*
in order to continue
*
*
for FIVPT, ONOFF, and PEAKF waits:
*
0 -> don't execute this command
*
>0 -> wait that many minutes for FIVPT, ONOFF, or PEAKF program
*
to complete, OF'ing them if they aren't done
*
*
Elevations: degrees
*
*
Source Names: 10 characters
*
*
Right Ascension: hhmmss.s
*
*
Declination: ddmmss.s
*
*
Epoch: yyyy.y
*
* First data record:
*
*
Setup procedure, Setup wait, Terminate Procedure, Terminate wait,
*
*
Upper elevation Limit, ONSOURCE Wait,
*
*
Amount to lead source when calculating what's up
*
*
Sources outside elevation limits are considered 'down'
*
INITP -1 INITP -2 91 450 450
*
* Elevation mask for lower elvation limit: AZ EL AZ EL ... AZ
* may contain multiple lines, an incomplete line ends with an EL
*
0 10 360
*
* Source records:
*
*
Name, R.A., Dec., Epoch, Preob procedure, Preob wait,
*
*
FIVPT wait, ONOFF wait, PEAKF wait,
118
*
*
Postob procedure, Postob Wait
*
* The nominal maximum number of sources is 200, but it may vary.
* If there are too many in the file, the program will print a
* message with the current number.
*
3C84
031948.16 +413042.1 2000 PREP
-1 10 0 0 POSTP
3C123
043704.17 +294015.1 2000 PREP
-1 10 5 0 POSTP
0521M365
052257.98 -362730.9 2000 PREP
-1 10 5 0 POSTP
TAURUSA
053432.
+220058
2000 PREP
-1 10 5 0 POSTP
ORIONA
053516.
-052322. 2000 PREP
-1 10 5 0 POSTP
3C147
054236.14 +495107.2 2000 PREP
-1 10 5 0 POSTP
0552P398
055530.8 +394849. 2000 PREP
-1 10 0 0 POSTP
3C161
062710.10 -055304.8 2000 PREP
-1 10 5 0 POSTP
OJ287
085448.9 +200631. 2000 PREP
-1 10 0 0 POSTP
3C218
091805.7 -120544. 2000 PREP
-1 10 5 0 POSTP
4c39d25
092703.0 +390221. 2000 PREP
-1 10 0 0 POSTP
3C273B
122906.70 +020308.6 2000 PREP
-1 10 0 0 POSTP
VIRGOA
123049.42 +122328.0 2000 PREP
-1 10 5 0 POSTP
3C279
125611.17 -054721.5 2000 PREP
-1 10 0 0 POSTP
3C286
133108.29 +303033.0 2000 PREP
-1 10 5 0 POSTP
3C295
141120.65 +521209.1 2000 PREP
-1 10 5 0 POSTP
3C345
164258.81 +394837.0 2000 PREP
-1 10 0 0 POSTP
3C348
165108.2 +045933. 2000 PREP
-1 10 5 0 POSTP
3C353
172028.2 -005848. 2000 PREP
-1 10 5 0 POSTP
3C380
182931.72 +484447.0 2000 PREP
-1 10 5 0 POSTP
3C391
184923.4 -005529. 2000 PREP
-1 10 5 0 POSTP
1921M293
192451.06 -291430.1 2000 PREP
-1 10 0 0 POSTP
CYGNUSA
195928.4 +404402. 2000 PREP
-1 10 5 0 POSTP
2134P004
213638.59 +004154.2 2000 PREP
-1 10 0 0 POSTP
3C454D3
225357.75 +160853.6 2000 PREP
-1 10 0 0 POSTP
CASA
232324.8 +584859. 2000 PREP
-1 10 5 0 POSTP
SUN
000000.
000000
2000 PRESUN -1 10 5 0 POSTSUN
MOON
000000.
000000
2000 PREMOON -1 10 5 0 POSTMOON
-2
-2
-2
-2
-2
-2
-2
-2
-2
-2
-2
-2
-2
-2
-2
-2
-2
-2
-2
-2
-2
-2
-2
-2
-2
-2
-1
-2
119
Procedura Initp
E' possibile personalizzare la propria procedura osservativa inserendo diversi comandi. Di
seguito un esempio tipico :
pfmed:li,initp
proc=<procfile>
log=<logfile>
pcaloff
caloff
azeloff=az,el
fivept=
onoff=rep,int,cutoff,beam,timeout,devs
check=
sy=
Il file "procfile" è in usr2/proc e contiene tutte le procedure che saranno utilizzate durante
l'osservazione.
Il file "logfile" è in usr2/log e contiene i dati raccolti (output)
Esempio :
pfmed:li,initp
proc=<procfile>
log=<logfile>
pcaloff
caloff
azeloff=0d,0d
fivept=azel,2,11,.3,5,i1
onoff=4,5,75,5,450,all
check=
sy=go aquir &
pfmed:
Procedura Nome
Sintassi :
pfmed:li,<nome>
source : nome, A.R., Dec., Epoch
Esempio : 3C84
pfmed:li,3c84
source=3c84,031948.16,413042.1,2000.0
120
Procedura Pre
E' possibile impostare una procedura osservativa diversa per ciascuna sorgente di interesse. La
procedura può avere qualsiasi nome (massimo 10 caratteri). Di seguito un esempio tipico di
comandi impostati :
pfmed:li,pre
azeloff=az,el
wx
track
sy=
Esempio :
pfmed:li,pre
azeloff=0d,0d
wx
track
sy=go aquir &