Inventory of the Lettere e Scritture Turchesche in the

Inventory of the Lettere e Scritture Turchesche
in the Venetian State Archives
Islamic Manuscripts and Books
Arnoud Vrolijk
Leiden University
VOLUME 1
Inventory of the
Lettere e Scritture Turchesche
in the Venetian State Archives
Edited by
Maria Pia Pedani
Based on the materials compiled by
Alessio Bombaci †
LEIDEN • BOSTON
2010
Cover Illustration: Gianfranco Munerotto, The ‘fondaco dei turchi’ in Venice (2005).
By kind permission of Maria Pia Pedani.
This book is printed on acid-free paper.
ISSN 1877-9964
ISBN 978-90-04-17918-9
Copyright 2010 by Koninklijke Brill NV, Leiden, The Netherlands.
Koninklijke Brill NV incorporates the imprints Brill, Hotei Publishing,
IDC Publishers, Martinus Nijhoff Publishers and VSP.
All rights reserved. No part of this publication may be reproduced, translated,
stored in a retrieval system, or transmitted in any form or by any means, electronic,
mechanical, photocopying, recording or otherwise, without prior written permission
from the publisher.
Authorization to photocopy items for internal or personal use is granted by
Koninklijke Brill NV provided that the appropriate fees are paid directly to
The Copyright Clearance Center, 222 Rosewood Drive, Suite 910,
Danvers, MA 01923, USA.
Fees are subject to change.
printed in the netherlands
TO ALESSIO BOMBACI
TABLE OF CONTENTS
List of Illustrations .....................................................................
Preface .......................................................................................
List of Abbreviations .................................................................
Introduction ................................................................................
viii
ix
xi
xiii
Summaries .................................................................................
Filza I (1-61) .....................................................................
Filza II (62-227) ................................................................
Filza III (228-362) ............................................................
Filza IV (363-452) ............................................................
Filza V (453-589) .............................................................
Filza VI (590-730) ............................................................
Filza VII (731-767) ...........................................................
Filza VIII (768-821) .........................................................
1
3
17
53
85
115
147
175
183
Glossary .....................................................................................
Bibliography ..............................................................................
Index of Names ..........................................................................
Index of Places ...........................................................................
197
202
209
225
LIST OF ILLUSTRATIONS
1. Hayreddin Barbarossa to the Doge (1543)
.............................
16
2. Prince Selim to the Doge [1562]
............................................
84
3. Joseph Nasi to the Doge (1567)
.............................................
114
4. Lamp for the Sultan’s caique (1599)
.....................................
5. Giovanni Valle, La Dalmazia Veneta (1784)
........................
145
182
PREFACE
Today, historians agree that the story of the birth of Venice is more likely a
myth than an historical reality. During a large part of the Middle Ages
Venetians struggled to free themselves from Byzantine rule. Yet the ancient
links between Venice and Byzantium/Constantinople seem to have only
changed shape throughout the different ages, as an original mark that can be
transformed but not disappear completely.
Therefore, it is not by chance that Venice suffered whenever this relation
was in crisis: for example in 1171 when Venetian merchants were sent away
from Constantinople. In response, a new form of government (the Comune
Veneciarum) became stronger in Venice and the aristocracy began to take a
peculiar part in politics alongside the doge (the duke of the city) who could
no longer defend the interests of the whole community of citizens.
The Ottoman conquest of Byzantium and its transformation into Istanbul
(even if it always remained Constantinople in Venetian papers) did not break
this tie. It was a strange and unbalanced, symbiotic relationship. Throughout
the Middle Ages and the Modern Age Venice could never neglect
Byzantium/Constantinople/Istanbul as it relied on this city for its Oriental
trade and, after all, for its whole international trade. On the contrary, the
capital on the Bosphorus considered always Venice one of the states with
whom it was in contact, which was more or less interesting according to the
periods but never the most important one.
This strong and everlasting bond is still present in archival papers, especially
those kept in the Venetian State Archives. The Byzantine documents of both
Greek and Latin Empires are few in Venice, because of the time that elapsed
and the fires that destroyed Venetian archives. Contrarily, Ottoman papers
had not the same fate. Ottomans had a predilection for written documents
and they were very careful about archives. Even though during the passage
from the Empire to the new Turkish Republic many papers were destroyed,
the archives in Istanbul still hold a huge record of past ages. Today, the
history of the sultans’ Empire, which had been willingly forgotten for
political reasons, has been rediscovered and a new great historical institute is
on the point of being created in Istanbul and set to become the core of
Ottoman memory.
The Venetian documents are also important witnesses of the commercial,
political and cultural links that once existed between Venice and
Byzantium/Istanbul. The Venetian State Archives contain many documents
with material about the Ottoman Empire and it is impossible to know their
exact number. Several Ottoman documents exist that were issued by the
imperial chancellery as well as by peripheral authorities and even by private
persons. In fact, it is said that outside former parts of the Ottoman Empire,
x
PREFACE
the Venetian State Archives are the Institute, which holds the greatest
quantity of these kinds of documents. Among others, they are organized in
three great series: the Documenti turchi, the Lettere e scritture turchesche
and the Bailo in Constantinopoli.
The inventory of the Documenti turchi was edited in 1994 by Maria Pia
Pedani, who then worked in the Venetian State Archives and it all started
with the summaries made in the 1940s by Alessio Bombaci. This
miscellaneous series was created in the second half of the 19th century
according to old archival rules, which have now been luckily abandoned.
The Ottoman imperial documents, once kept in the secret chancellery of the
Ducal Palace, were put together with other Ottoman papers and documents
written in other Oriental languages that the Venetian archivists of the time
could not understand.
The core of the Documenti turchi is formed by imperial documents.
However, in another cupboard in the Venetian secret chancellery there were
other Ottoman papers issued mostly by peripheral authorities. The latter
papers were considered as important as the former ones from a political
point of view and in fact they, too, were kept in the Ducal Palace. They are
the Lettere e scritture turchesche already described in the 17th century
inventories of the secret chancellery. Alessio Bombaci began to summarize
these documents as well, but he never finished this task. The summaries
have now been finished by Maria Pia Pedani, who has since left her job in
the Venetian State Archives to become a professor at the University Ca’
Foscari of Venice.
This inventory, so important from both an archival and historical point of
view, exists by virtue of the effort of a famous European printing house. It is
not by chance that Brill has paid a special attention to the papers kept in the
Venetian State Archives, one of the most important archives in the world,
and that these papers make reference to the relations between the capital of
the Lagoon and that of the Bosphorus.
At last, these documents, which give a wider perception of the links once
existing between Venice and Istanbul, are available for scholars. They show
that the ancient ties were based on periods of peace longer than those of war
and that Ottoman and Venetian cultures and worlds were different but also
similar. Thanks to these documents, these ancient relations can gain a new
life and, in a period in which neither Istanbul nor Venice are any longer
capital cities, they can suggest again the existence of a shared history which
seems to have no end.
Venice, 24th June 2009
Raffaele Santoro
Director of the Venetian State Archives
LIST OF ABBREVIATIONS
ASVe Venetian State Archives
DT
ASVe, Documenti turchi
m.v.
more veneto (it makes reference to the Venetian calendar; in the
most Serene Republic the year began on 1st of March in delay
according to the Gregorian calendar).
INTRODUCTION
1. Venetians and Ottomans: Peace Relations
Since its very emergence as city, Venice has had contacts and
commercial exchanges with Muslim countries around the Mediterranean
basin. By 750 AD, Venetian merchants were already trading with North
Africa. In 828 the relics of St. Mark, the future patron saint of the city,
were rescued from Alexandria in Egypt. 1 While Ottoman emirs were
consolidating their conquests in Anatolia during the first half of the 14th
century, the Venetian ruler or doge was signing commercial agreements
with the Tatar khans in the Crimea, the Mamluk sultans in Egypt, the
Hafsid rulers of Tunis, the emirs of Menteúe and Aydın, the Seljuks and
and the Ilkhanid lords of Tabriz in Persia. 2 During this period, Venice
maintained many economic and political links with Byzantium while its
ships and merchants were suffering severely in the Levant at the hands of
the Genoese, their competitors from another Italian maritime republic.
During this period, Venetian rulers showed no interest in the small
Ottoman principality of Anatolia, although it was meddling in Byzantine
affairs and had many dealings with Genoa. Only after the Ottoman
conquest of Gallipoli (1354) did the Venetians begin to understand the
_______
1
Georges Jehel, L’Italie et le Maghreb au Moyen Age. Conflits et ‘Echanges du
VIIe au XVe siècle (Paris: PUF, 2001) 105–106.
2
Venezia e il regno di Tunisi. Gli accordi diplomatici conclusi fra il 1231 e il
1456, Francesca Girardi (Ed.), (Roma: Viella, 2006) 29–42; Maria Pia Pedani, “Gli
ultimi accordi tra i sultani mamelucchi d’Egitto e la Repubblica di Venezia”,
Quaderni di Studi arabi 12 (1994) 49–64; Elizabeth A. Zachariadou, Trade and
Crusade. Venetian Crete and the Emirates of Menteshe and Aydin (1300–1415)
(Venice: Istituto Ellenico, 1983) 187–210; Diplomatarium veneto-levantinum, Georg
Martin Thomas and Riccardo Predelli (Eds.), 2 vols. (Venetiis: Deputazione veneta di
storia patria, 1880–1899) I, Nos. 4, 5, 20, 26, 57, 85, 93, 111, 123, 135, 139, 153,
154, 155,167, 169, 170; Louis de Mas Latrie, “Privilèges commerciaux accordés à la
République de Venise par les Princes de Crimée et les Empereurs mongols du
Kiptchak”, Bibliothèque de l’École des chartes, 29 (1868) 580–595; Louis de Mas
Latrie, “Privilège commercial accordé en 1320 à la République de Venise par un Roi
de Perse, faussement attribué à un Roi de Tunis”, Bibliothèque de l’École des
chartes, 31 (1870) 72–102; Louis de Mas Latrie, Traités de paix et de commerce et
documents divers concernant les relations des chrétiens avec les arabes de l’Afrique
septentrionale au Moyen Age. Introduction historique; Documents; Supplément, 3
vols. (Paris: Henri Plon–J. Baur et Détaille, 1866–1872) vol. Documents 196–222;
vol. Supplément 82–92.
XIV
INTRODUCTION
importance of establishing official contact with Orhan (1324–1362), who
until then had been considered by the doges less important than the emirs
of Menteúe and Aydın. Documents from about 1350 to 1453 give us
scant information about Ottoman–Venetian relations, although both sides
had ambassadors and signed peace agreements. According to an 18th
century Venetian list of ambassadors, the first Venetian diplomats
dispatched to an Ottoman ruler were Leonardo Contarini and Marino
Venier. In March 1360 they were appointed to congratulate Murad I
(1362?–1389) upon his conquest of Edirne, which, according to this
source, must have taken place some months earlier together with the new
sovereign’s accession to the throne. In 1384 the first Ottoman diplomat
reached Venice. He was a çavuú assigned the task not only of forming an
alliance against the common Genoese enemy but also of searching for
some large hounds, such as those from Ferrara that the Venetians had
already sent to his ruler. 3
In 1390 Bayezid I (1389–1402) ratified the ancient privileges granted
to Venice by the Lords of Menteúe and Aydın whom he had conquered.
Other agreements were made by Bayezid’s sons: Süleyman çelebi in
1403 and 1406, Musa in 1411 and Mehmed I in 1419. Murad II signed
an agreement with Venice in 1430, after the war for the conquest of
Thessaloniki, and his young son Mehmed II signed a peace agreement in
1446 while his father was temporarily absent from the throne. 4 This
parchment, written in Greek but with the sultan’s tu÷ra, remains the most
ancient document in existence issued by the Conqueror; it is the first
Ottoman original kept in the Venetian State Archives, since there are
only Latin or Italian translations from the earlier period. 5 Another peace
agreement was signed in 1451 when Mehmed II finally ascended to the
throne. Peace was renewed in 1454 after the fall of Constantinople, in
1479 after another war, and in 1482 when Bayezid II became sultan.
During the reign of Mehmed II, and later his son Bayezid II, contact
between Venice and the Ottoman Empire intensified, and several
documents were issued by the Imperial Chancellery on behalf of the
Venetians. Most documents from the second half of the 15th century
_______
3
Antonio Fabris, “From Adrianople to Constantinople: Venetian–Ottoman
Diplomatic Missions, 1360–1453”, Mediterranean Historical Review, 7/2 (Dec.
1992) 154–200.
4
Diplomatarium II, Nos. 134, 159, 164, 172, 181.
5
Venetian State Archives (hereafter ASVe), Miscellanea Atti Diplomatici e
Privati, b. 38, n. 1110; Franz Babinger–Franz Dölger, “Mehmed’s II. frühester
Staatsvertrag (1446)”, Orientalia Christiana Periodica 15 (1949) 225–258; Alessio
Bombaci, “Due clausole del trattato in greco fra Maometto II e Venezia del 1446”,
Byzantinische Zeitschrift, 42 (1943–1949) 267–271; fac-simile in Franz Babinger,
Maometto il Conquistatore e il suo tempo, (Torino: Einaudi, 1977) 34.
INTRODUCTION
XV
were written in Greek, the language generally used by sultans for their
contacts with European countries, 6 although sometimes documents were
drawn up in Italian or German. 7 At the turn of the 16th century, the
Ottoman language took the place of Greek in communications between
the Ottoman Empire and foreign powers. The last Ottoman document in
Greek kept in Venice is a fethname sent to the Republic by Süleyman the
Magnificent in 1529 and presented to the doge by the important divan-i
hümayun tercumanı (interpreter of the Imperial Council), Yunus bey bin
Abderrahman. 8 In 1499, just before another war erupted, rumour spread
through Venice that Andrea Zancani, the ambassador dispatched to
Constantinople to strengthen peaceful relations, had been deceived by
the Ottomans. According to Venetian tradition, Zancani should have paid
a large sum of money for a peace agreement written in Italian, although
the document would have had no legal value after the re-organisation of
the chancellery by Bayezid II; only imperial documents written in
Ottoman would thereafter be considered valid. At the time, Andrea
Zancani kept silent about what had happened, and the war blew over.
However, two original documents, one in Greek and the other in
Ottoman, from the Ottoman–Venetian peace agreement made in
December 1502 are still stored in the Archives. During the following
years, although sultans and viziers occasionally wrote letters to Venice in
different languages, peace agreements were now always in Ottoman
rather than in Greek, as had formerly been the custom. 9
Venetians and Ottomans signed peace agreements either after a war or
when a new sultan ascended to the throne. They were instrumenta
_______
6
Julian Raby, “Mehmed the Conqueros’s Greek Scriptorium”, Dumbarton Oaks
Papers 37 (1983) 15–62; Alesso Bombaci, “Il ‘Liber Graecus’, un cartolario
veneziano comprendente inediti documenti ottomani (1481–1504)”, in Westöstliche
Abhandlungen Rudolf Tschudi zum Siebzigsten Geburtstag Überreicht von Freunden
und Schülern, Fritz Meier ed., (Wiesbaden: Otto Harrassowitz, 1954) 288–303;
Alessio Bombaci, “Nuovi firmani greci di Maometto II”, Byzantinische Zeitschrift, 1
(1954) 298–319; Franz Miklosich and Joseph Müller, Acta et diplomata graeca medii
aevii sacra et profana (Vienna, 1865) III 293–367.
7
Cfr. for instance: ASVe, Documenti Turchi, No. 14 (letter in Italian, 24 Apr.
1480); fac-simile in Babinger, Maometto 451; cfr. also 450 (letter in German, 9 Feb.
1480); I ‘Documenti turchi’ dell’Archivio di Stato di Venezia, Maria Pia Pedani ed.
(Roma: Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, 1994) 7.
8
ASVe, Documenti Turchi, No. 250; I ‘Documenti turchi’ 69; Miklosich-Müller,
Acta 361–364; Maria Pia Pedani, “Ottoman Fetihnames. The Imperial letters
announcing a Victory”, Tarih incelemeleri dergisi 13 (1998) 181–192; Maria Pia
Pedani, In nome del Gran Signore. Inviati ottomani a Venezia dalla caduta di
Costantinopoli alla guerra di Candia (Venezia: Deputazione, 1994) 144–153.
9
ASVe, Documenti Turchi, No. 73, 77; I ‘Documenti turchi’ 22–23; cfr. also
ASVe, Documenti Turchi, No. 167, 169; I ‘Documenti turchi’ 45 (1517, two
originals of the peace agreement, in Ottoman and in Italian).
XVI
INTRODUCTION
reciproca, i.e., similar documents issued by both the sultan and doge,
upon which each ruler had to swear on his own text. Such agreements
were called ahidnames or capitulations, and they derived from the
ancient hudna or truce, probably because both states shared common
borders. Documents were also issued for other Christian countries far
from the frontier of the Ottoman Empire. Although such documents were
also called ahidname or capitulations, they did not belong to the same
category according to the rules of diplomatics. For the first time,
documents were issued in the form of berats (letters of privilege or
appointment) for France (1569), England (1580), and The Netherlands
(1612). These were unilateral deeds derived from the aman or letter of
safe conduct. When the first was about to be drawn up in 1569, the
niúancı, or head of the Imperial Chancellery, urged by the French
ambassador, could not find in the Ottoman archives the already
“mythical” treaty between Süleyman the Magnificent and the king of
France of 1536. Thus, he was obliged to use as model the Venetian
ahidname, but only for its clauses about trade, merchants and ships and
not for its structure which was completely different. The same French
ambassador called the document he had obtained a safe-conduct in the
form of capitulations.
The ahidnames for France, England and The Netherlands were
unilateral grants, without the sultan’s oath. In contrast, the only Venetian
grant without the this oath was signed in 1517 by Selim I, who had
already made a peace agreement with Venice in 1513 when he ascended
to the throne. Four years later he signed another agreement, but only to
renew the ancient privileges granted earlier by the Mamluks. In 1517 he
was acting as conqueror and heir to the Egyptian Kingdom whose sultans
had always issued aman capitulations for Venetians. In Egypt, Venetians
were no more than a community of merchants in need of protection
rather than enemies who must be fought on the frontiers of Islam. Other
Venetian–Ottoman agreements were being signed: e.g., in 1521 and,
after a war, in 1540 by Süleyman the Magnificent; in 1567 and, after the
Cypriot war, in 1573 by Selim II; in 1575 by Murad III; in 1595 by
Mehmed III; in 1604 by Ahmed I; in 1619 by Osman II; in 1625 by
Murad IV; in 1641 by Ibrahim I; after the Cretean war in 1670 by
Mehmed IV; in 1699 (peace of Karlowitz) and 1701 by Mustafa II; in
1706 and 1718 (peace of Passarowitz) by Ahmed III; and lastly in 1733
by Mahmud I. The latter was perpetual, i.e., if peace persisted and the
agreement need not be renewed when a new sultan ascended to the
throne; it contained the phrase “ve iúbu musalaha ... müebbeden
karardade ola” (... and this peace be established for ever). It was
modelled after the everlasting peace drawn up between the Ottoman
Empire and the Russian Empire in 1720 and it lasted until the end of the
INTRODUCTION
XVII
“Most Serene Republic” on the 12th of May 1797, when the Great
Council decided to surrender to general Bonaparte. 10
2. Ottoman–Venetian Wars
For centuries Venetian historians laced emphasis on the wars fought by
their ancestors against the Ottoman Empire. However periods of armed
conflict were relatively brief compared to periods of peace. The first
battle between the two countries occurred on 29 May 1416 when the
Venetians destroyed the Ottoman fleet near Gallipoli. The clash began
almost by accident as a result of misinterpreted orders and pirate raids;
thereafter several years elapsed without any serious incident before the
peace was agreed. The next war erupted in 1423, when the Byzantine
Thessaloniki gave itself up to Venice to find shelter, and ended in 1430
with the Ottoman conquest of the city. At the time, Venice was offering
low-profile support to the Hungarians and their allies’ invasion of the
Balkans, an opportune choice as the crusaders would later be defeated by
Murad II at Varna on 10 November 1444.
The position of bailo was first set-up in Constantinople about 1265,
when a new Greek Empire had just replaced the Latin one. From the 13th
to 15th centuries, many Venetian officials bearing this title were
dispatched to distant colonies and islands: e.g., to Negroponte, Patras,
Tenedos, Tyre, Tripoli in Syria, Acre, Trabzon, Armenia, Cyprus, Corfu,
Durazzo, Nauplia, Aleppo, Koron and Modon as well as Constantinople.
Their role was to be part consul, part residential ambassador. The most
interesting feature of their responsibilities was that of judge for their
countrymen in foreign countries. On 29 May 1453, the Venetian bailo
Girolamo Minotto found himself in Constantinople during the final days
of the Byzantine capital. During a general assault he fought alongside the
Greeks and was later executed. On 17 July 1453, the Venetians sent
Bartolomeo Marcello to Mehmed II to negotiate peace. After the
agreement had been signed, he remained in the Ottoman city as new
bailo. Over time all the other officials bearing this title gradually
_______
10
Hans Theunissen, “Ottoman–Venetian Diplomatics: the ‘Ahd-names’. The
Historical Background and the Development of a Category of Political–Commercial
Instruments together with an Annotated Edition of a Corpus of Relevant
Documents”, Electronic Journal of Oriental Studies 1/2 (1998) 179–255; Maria Pia
Pedani, La dimora della pace. Considerazioni sulle capitolazioni tra i paesi islamici
e l’Europa (Venezia: cafoscarina, 1996) 26–41. About the development of
capitulations in the 18th century. cfr. Maurits H. van den Boogert, The Capitulations
and the Ottoman Legal System. Qadis, Consuls and Beratlıs in the 18th Century
(Leiden–Boston: Brill, 2005) 19–61.
XVIII
INTRODUCTION
disappeared; however, the only remaining bailo in the entire Venetian
administrative and political structure continued to function in
Constantinople until the end of the Republic. 11
In 1463 another war erupted between the sultan and the doge, ending
only 17 years later. It was fought not only in the Levant and on the sea
but also within Venetian territory, both in Dalmatia and Friuli. Ottoman
akıncıs raided this north-western region of Italy not only in 1472–1474,
1477–1478, but also in 1499 during another war. Their raids never lasted
long, but greatly frightened the Venetian subjects. 12 The war with
Bayezid ceased at the end of 1502 and the oath of peace was sworn by
both rulers in the following year. This time Ottoman chancellery decided
to use the two existing drafts of the peace agreement written in Ottoman
and in Greek as they were original documents that did not need to be
rewritten. For this reason, the ahidname is dated December 1502,
although peace was still on the table and the agreement as yet ineffective.
At the beginning of the 16th century, Venice was on the verge of
being made extinct when the pope, together with other principalities,
tried to destroy it. After a major defeat at Agnadello (1509), several
Venetian noblemen considered asking the sultan for help. Bayezid II
could not intervene because his sons had already begun their struggle for
succession. However, about 100 Ottoman subjects in the Balkans became
Venetian mercenaries. By 1514 when Selim I offered his army’s help,
the situation had changed and the Venetians refused his assistance.
The Ottoman–Venetian war lasting from 1537 to 1540, which was
strongly desired by the great admiral Hayreddin Barbarossa, marked the
beginning of Ottoman sea power which was to last until the battle of
Lepanto in 1571. This too took place during another conflict between the
doge and the sultan. In 1570 Selim II decided to break the peace
agreement he had made with Venice in order to take the island of
Cyprus. First he requested a fetva on this matter from the úeyhülislam;
then he sent his envoy Kubad çavuú to Venice to present the doge a
declaration of war and request surrender of the island. When the
Venetians refused, the siege on Cyprus began. On 7 October 1571, the
Ottoman and Christian fleets clashed. This time the pope, the Habsburgs,
the Knights of Malta, the duke of Savoy and other Christians joined with
_______
11
Maria Pia Pedani, “Bailo” in Encyclopaedia of the Ottoman Empire, Gabor
Ágoston and Bruce Masters eds. (New York NY: Facts On Files, 2009) 72–73; Maria
Pia Pedani, “Consoli veneziani nei porti del Mediterraneo in età moderna”, in
Rossella Cancila ed. Mediterraneo in armi (secc. XV–XVIII) (Palermo: Associazione
Mediterranea, 2007) 175–205.
12
Maria Pia Pedani, “Turkish Raids in Friuli at the End of the Fifteenth Century”,
in Acta Viennensia Ottomanica. Akten des 13. CIEPO – Symposium, vom 21. bis 25.
September 1998, (Wien: Instituts für Orientalistik, 1999) 287–291.
INTRODUCTION
XIX
Venice in its struggle. Their victory was celebrated as a great enterprise,
and a general feeling of relief pervaded Europe. In Constantinople a
sense of defeat did not deeply affected the people, since Cyprus had been
conquered and the war won. The grand vizier Sokollu Mehmed paúa
fearing a great Christian league had stood alone in his protest against the
war in 1570, but still held his position when peace was sealed in 1573,
while many other officials were being dismissed. He had probably
foreseen the possibility of a defeat at sea and used the opportunity to get
rid of his political enemies. After the conquest of Cyprus, Venetians no
longer owed the 8,000 ducats paid yearly to the sultan for the possession
of the island. They had inherited this obligation through the former kings
of the Lusignan family after one member had been imprisoned by the
Mamluks in 1427 and then ransomed for an annual fee then to be paid in
precious silk cloth. After Selim I conquered Egypt in 1517, he decided
that the sum should be paid in currency rather than commodities. The
many receipts (tezkere) given during the following years to certify
payment are still kept in the Venetian Archives, together with receipts
issued by the Ottoman Treasury for payments made for the island
Zakynthos. In 1485 the Venetians agreed to pay 500 ducats annually for
its possession; by 1573, after the Cypriot war, the sum amounted to
1,500 ducats and was paid each year until abolished by the peace of
Karlowitz (1699). 13
By the end of the 16th century, both Venice and the Ottoman Empire
were relegated to the sidelines of the major international politic arena as
the Atlantic and Indian Oceans had become more important than the
Mediterranean, which was merely an inner sea. For more than a half
century, peace reigned, even when good relations were marred, for
example, by enterprising pirates, such as the Uskoks of Senj, Maghrebian
levends and even some Venetians. During the 1620s a war against Spain
in Valtellina impelled Venice to request the sultan’s help once again; this
time numerous orders were issued allowing Ottoman subjects to serve as
hirelings in the army. Two new wars erupted during the second half of
the 17th century. The first was that began in 1644 was fought possession
of the island of Crete, which became Ottoman in 1669. In the beginning,
the Venetians were at an advantage, as their fleet blocked the
Dardanelles, causing great fear in Constantinople. The second war began
in 1684, one year after the siege of Vienna by Kara Mustafa, when the
Venetians decided to join other European states in fighting the sultan.
The war ended in 1699 with the treaty of Karlowitz when Venice
obtained its last kingdom, the Morea, only soon to lose it again several
_______
13
Maria Pia Pedani, “Le prime ‘sottoscrizioni a coda’ dei tesorieri nell’impero
ottomano”, Quaderni di Studi Arabi 8 (1990) 215–228.
XX
INTRODUCTION
years later in another war (1714–1718) that ended with the treaty of
Passarowitz. This was the last Ottoman-Venetian war. New fleets would
soon begin sailing the waves in the Mediterranean. In 1784–1785,
Venice sent its ships against Tunis, shelling Susa, Sfax and Bizerte. This
was the Venetian army’s last glorious enterprise. During the same period
Venice drew up peace agreements with the rulers of Tripoli, Tunis,
Algiers and Morocco, trying to recover those markets for its merchants. 14
3. The Scholarly Significance of the Venetian Archives
Documents still housed in the Venetian State Archives depict a lively
picture of the contacts that took place between Venice and the East
during the Modern Age. Upon studying them, one comes to realize that
some “classical” statements about the relations between the Ottoman
Empire and Europe can no longer be upheld. This happened to me, for
instance, just at the beginning of my career back in 1979–1980 when I
suddenly realized that hundreds of diplomatic envoys had been sent to
Venice by the Ottoman rulers. At that time, people used to say that the
sultans despised the rules of modern diplomacy and only sent Christian
or Jewish envoys to European courts, only creating a real post for
ambassadors towards the end of the 18th century. On the contrary, in the
last lines of many name-i hümayuns is written that Ali, Mehmed, Ahmed
or Mustafa had to bring the letter to the doge’s feet. Other research on
papers and registers written in Italian strengthened the first impression.
During the entire 16th century, about one envoy reached Venice every
year. Some were only ulaks (messengers) whose simple charge was to
deliver a letter; however, others were real elçis (ambassadors) given the
task to discuss perhaps even secret political affairs and to speak for and
act in the name of the sultan. 15
_______
14
Antonio Fabris, “Un caso di pirateria veneziana: la cattura della galea del bey di
Gerba (21 ottobre 1584)”, Quaderni di Studi Arabi 8 (1990) 91–112; Maria Pia
Pedani, “Oltre la retorica. Il pragmatismo veneziano di fronte all’Islam”, in Bernard
Heyberger, Mercedes Garcia-Arenal, Emanuele Colombo, Paola Vismara eds.
L’Islam visto da Occidente. Cultura e religione del Seicento europeo di fronte
all’Islam (Genova–Milano: Marietti, 2009) 171–186; Abdeljelil Temimi, “Le traité
de paix signé entre Venise et la Regence d’Alger le 23 juin 1768”, Revue d’histoire
maghrebine 18/63–64 (juillet 1991) 381–400, 421–433; Abdeljelil Temimi, “Le traité
de paix signé entre la Regence de Tunis et Venise du mois de Mai 1792, ” Revue
d’histoire maghrebine 22/77–78 (mai 1995) 223–246.
15
Maria Pia Pedani, “Ottoman Diplomats in the West: the Sultan’s Ambassadors
to the Republic of Venice”, Tarih incelemeleri dergisi 11 (1996) 187–202; Maria Pia
Pedani, “Ottoman envoys to Venice (1384–1644)”, Arab Historical Review for
Ottoman Studies 13–14 (oct. 1996) 111–115.
INTRODUCTION
XXI
Another exciting moment was when it became clear to me that
Venetians and Ottomans had created common borders in Dalmatia and
Greece as early as the second half of the 15th century and that they had
also invented ways for dividing the seas at a time when common
European maritime law considered the seas as belonging to all
mankind. 16 Moreover, joint Muslim–Christian commissions were created
to establish borderlines, and the papers belonging to some of these
diplomats have been discovered. Letters sent to Venetian officials by
Ottoman diplomats refer not only to political affairs and meetings but
also to exchanges of gifts and trinkets as well as invitations to marriages
and a certain level of real friendship. Such people often had to live and
work together for several months. Their task would be fulfilled when the
Venetian chancellor and the Ottoman kadı issued two general documents
about the entire borderline. The Ottoman document was a hüccet that
either could, or could not, be copied in the form of an Imperial name-i
hümayun, made in the name of the sultan himself. During the reign of
Mehmed II, this was the practice and imperal hududnames exist for that
period. During the centuries that followed, the kadı’s signature was
considered sufficient. Clerks in the Imperial Chancellery probably
considered it extra work to copy such long hüccets, written in small
books containing many pages. After the peace of Karlowitz when a new
border was established, Venetians had to insist on receiving a
hududname. They were only successful in 1703, after the niúancı had
changed, by paying a large sum of money. This hududname was really
like a relic from ages past and, in fact, it is the only document of this
kind quoted in the list of Düvel-i Ecnebiye Defterleri in the Baúbakanlık
Osmanlı Arúivi. The original, about 2-metres long with a beautiful tu÷ra,
is housed in the Documenti turchi, together with the hüccet of the kadı. 17
Interesting information has also been unearthed by cross-referencing
Venetian documents and Ottoman chronicles. For instance, the discovery
of some Christian names of converts who had made careers in the
_______
16
Maria Pia Pedani, “Beyond the Frontier: the Ottoman–Venetian Border in the
Adriatic Context from the Sixteenth to the Eighteenth Centuries”, in Almut Bues ed.
Zones of fracture in Modern Europe, Baltic Countries–Balkans–Northen Italy, Zone
di frattura in epoca moderna. Il Baltico, i Balcani e l’Italia settentrionale
(Wiesbaden: Harrassowitz Verlag, 2005) 45–60; Maria Pia Pedani, “The Border from
the Ottoman Point of View”, in Egidio Ivetic – Drago Roksandic eds. Tolerance and
Intolerance on the Triplex Confinium. Approaching the ‘Other’ on the Borderlands
Eastern Adriatic and beyond 1500–1800 (Padova: Cleup, 2007) 195–214.
17
ASVe, Documenti turchi, No. 1617, 1619; Baúbakanlık Osmanlı Arúivi Rehberi
(Ankara: T.C. Baúbakanlık Devlet Arúivleri Genel Müdürlü÷ü, 1992) 144; Maria Pia
Pedani, “The Ottoman Venetian Frontier (15th–18th Centuries)”, in Kemal Çiçek ed.
The Great Ottoman Turkish Civilisaton 4 vols. (Ankara: Yeni Türkiye, 2000) I 171–
177; Maria Pia Pedani, Dalla Frontiera al confine (Roma: Herder, 2002) 29–58.
XXII
INTRODUCTION
Empire, together with information about their former lives. Nicknames
such as “Frenk” or “Venedikli” as well as patronymics such as
“Beyo÷lu” or “Frenkbeyo÷lu” used by Ottoman writers may hint to a
Venetian origin. The noblemen of the Republic were called beys in
Ottoman documents while beyler was used to translate the name of the
Signoria, the small council that assisted the doge in his daily affaires.
Mehmed Frenkbeyo÷lu was ulufeciyân-ı yesâr a÷a (one of the most
important officials in the cavalry sipahi corp) and took part in the riots
on 1 April 1600 when Safiye’s kira (Jewish servant), Esperanza Malchi,
was killed. His Venetian name was Marcantonio Querini, and he had
been taken prisoner as a young boy on his uncle’s galley. The Christian
name of the great Admiral Venedikli Hasan paúa was Andrea Celeste.
While beylerbeyi of Algiers, he was the master of a famous slave,
Miguel de Cervantes, who sketched a lively portrait of him and his wife
Zahra in his literary works. One of his letters to the doge still survives in
which he requests a bakery for his sister Camilla, who remained behind
in Venice, and an appointment as secretary of Senate for his brother-inlaw. Gazanfer a÷a had been the powerful kapıa÷ası for 22 years.
Together with his brother Cafer he became a close friend of Selim II and,
for this reason, they both decided to become eunuchs. They belonged to
the Venetian family Michiel, while their mother, Francheschina Zorzi,
was a noblewoman. The two brothers’ story, but not their Venetian
origin, is related by the historian Mustafa Ali. According to Venetian
sources, Gazanfer was killed on 3 January 1603 in front of the third gate
of the Topkapı. Mehmed III was obliged by the rebellious sipahis and
janissaries to order and watch the execution of his two most faithful
servants, the kapıa÷ası Gazanfer and the kızlara÷ası Osman. According
to Naima, their heads rolled down to earth as a pearl of white and a pearl
of black coral. 18
Venetian documents are also important from the point of view of
economic history. Ottoman merchants began arriving during the second
half of the 15th century, with their numbers increasing thereafter. In
1575 the first fondaco (inn) was created for them and, in 1621 a huge
palace on the Grand Canal, in the parish of San Giacomo dall’Orio,
became their home. In Venice, Muslims were able to find places to live,
abattoirs where their animals could be slaughtered according to Muslim
law, as well as a cemetery to bury their dead, probably near the Jewish
_______
18
Antonio Fabris, “Hasan ‘Il Veneziano’ tra Algeri e Costantinopoli” Quaderni di
Studi Arabi 15suppl. (1997) 51–66; Maria Pia Pedani, “Safiye’s Household and
Venetian Diplomacy” Turcica 32 (2000): 9–32; Gelibolu Mustafa Âlî ve Künhü’lahbâr’ında II. Selim, III. Murat ve III. Mehmet Devirleri Faris Çerçi ed. (Kayseri:
Erciyes Üniversitesi Matbaası, 2000) II 232–233; Naima Mustafa Efendi, Târih-i
Na‘îmâ (Ankara: Türk Tarih Kurumu, 2007) I 216–217.
INTRODUCTION
XXIII
graveyard on the island of Lido. Although the two Venetian laws of 1492
and 1601 forbade commercial partnerships between Christians and
Muslims, they frequently existed as shown by some notarial deeds. 19
During the 16th century in Venice the position of official dragomanno
(interpreter) was created both to translate documents coming from
Constantinople and to deal with Ottoman merchants who were arriving
in great numbers. Girolamo Civran was the first state interpreter,
appointed for Greek and Turkish in 1534. He was succeeded by Michele
Membrè in 1550 who, at the end of the 16th century, was replaced by
Giacomo De Nores, a nobleman born on the island of Cyprus and
enslaved by the Ottomans since he was a baby. After being ransomed at
the age of eighteen, De Nores arrived in Venice speaking only Turkish
and not a word of Venetian. Other interpreters were trained and lived in
the casa bailaggia (the bailo’s house) in Constantinople, but they too
sometimes reached the distant capital city. 20 Their names can be found at
the end of old translations still kept together with the original documents.
Interpreters living in Venice usually translated the papers kept in the
Secret Chancellery of the Republic, while the others translated above all
the bailo’s documents and letters, either kept in Constantinople or sent to
_______
19
Maria Pia Pedani, “Venice” in Gabor Ágoston and Bruce Masters eds.
Encyclopaedia of the Ottoman Empire (New York NY: Facts On File, 2009) 581–
583; Ennio Concina, Fondaci. Architettura, arte e mercatura tra Levante, Venezia e
Alemagna (Venezia: Marsilio, 1997) 219–246; Maria Pia Pedani, “Fondaco dei
Turchi” in Gabor Ágoston and Bruce Masters eds. Encyclopaedia of the Ottoman
Empire (New York NY: Facts On File, 2009) 220–221; Maria Pia Pedani, “Between
Diplomacy and Trade: Ottoman Merchants in Venice”, in Suraiya Faroqhi and Gilles
Veinstein eds. Merchants in the Ottoman Empire (Paris–Louvain–Dudley, MA:
Peeters, 2008) 3–21; Murat Çizakça, A Comparative Evolution of Business
Partnership. The Islamic World and Europe, with Specific Reference to the Ottoman
Archives (Leiden: Brill, 1996) 65–85; Maria Pia Pedani, “I Turchi in Canal Grande”,
Annali di Ca’ Foscari 46/2 (2007) 37–51.
20
Francesca Lucchetta, “Un progetto per una scuola di lingue orientali a Venezia
nel Settecento”, Quaderni di Studi Arabi 1 (1983) 1–28; Francesca Lucchetta, “Una
scuola di lingue orientali a Venezia nel Settecento: il secondo tentativo”, Quaderni di
Studi Arabi 2 (1984) 21–61; Francesca Lucchetta, “L’ultimo progetto di una scuola
orientalistica a Venezia nel Settecento”, Quaderni di Studi Arabi 3 (1985) 1–43;
Francesca Lucchetta, “Lo studio delle lingue orientali nella scuola per dragomanni di
Venezia alla fine del XVII secolo”, Quaderni di Studi Arabi 5–6 (1987–1988) 479–
498; Francesca Lucchetta, “La scuola dei ‘giovani di lingua’ veneti nei secoli XVI e
XVII”, Quaderni di Studi Arabi 7 (1989) 19–40; Francesca Lucchetta, “Sui
dragomanni di Venezia”, Quaderni di Studi Arabi 11 (1993) 215–222; Francesca
Lucchetta, “Un dono del sultano del Marocco al doge di Venezia (1765)”, Quaderni
di Studi Arabi 14 (1996) 207–214; Isabella Palumbo Fossati Casa, L’école Venitienne
des «Giovani di Lingua», in Istanbul et les langues orientales, Frédéric Hitzel ed.
(Istanbul–Paris: IFÉA, INALCO, L’Harmattan, 1997) 109–122; van den Boogert,
The Capitulations 64–67.
XXIV
INTRODUCTION
Venice. When comparing documents and their translations, one becomes
aware of how widely the abilities of the dragomanni differed. Some
documents were translated inaccurately with errors inserted while other
very important documents were translated more officially in order to
preserve accurately the substance of the Ottoman text. For example, the
Karlowitz agreement was translated into Italian twice: by Alessandro
Maurocordato degli Scarlatti, the Ottoman divan-i hümayun tercümanı
himself, and by Giacomo Fortis, who was rather inaccurate. Thus, the
translation of the ahidname, issued by Selim I in 1513, contains so many
mistakes that some passages have actually come to mean something
quite different than in the Ottoman text. 21
One of the most qualified Venetian interpreters was Michele Membré,
whose life resembles that in a novel. Born about 1509, he arrived in
Venice from Cyprus, claiming to have Circassian parents. During the
Ottoman–Venetian war of 1537–1540, he was sent to Tabriz to try to
form an improbable alliance with the Safavid Shah. He returned via
Hormuz, India, and Lisbon; in Valladolid he met Charles V and
presented him letters, supposedly from the Shah, which he had forged.
Finally, he reached Venice via Avignon, Marseilles and Genoa. In 1550
he replaced Girolamo Civran as interpreter; from this moment until his
death in 1595, a broker had to pay Membré a tax and receive his
authorization before drawing up a contract involving Ottomans. During
the last period of his life, a nephew even tried to murder him. He made
no fewer than thirty-four wills during his lifetime, seven of which were
written in the year 1594. Membré’s translations were always very
accurate. Although he spent most of his time in Venice, his knowledge of
the Ottoman language was clearly remarkable. Moreover, even the
official reports he wrote, especially about the life of Ottoman envoys in
Venice, are full of interesting information, which shows him to be a
skilled writer as well. He was a friend to Venetian scholars and
entrepreneurs of the period interested in the Orient, such as Giovanni
Battista Ramusio and Girolamo Gastaldi. He probably had a share in the
printed map of the world, written in Ottoman and made by the Venetian
Marcantonio Giustiniani in 1559 to sell on the Ottoman market. 22
_______
21
ASVe, Documenti turchi, No. 161,162, 1590–1592.
Michele Membré, Relazione di Persia (1542) Giorgio Raimondo Cardona ed.
(Napoli: Istituto Universitario Orientale, 1969); Michele Membré, Mission to the
Lord Sophy of Persia (1539–1542), A.H. Morton ed., (London: School of Oriental
and African Studies – University of London, 1993); Giampiero Bellingeri, “Un
prospetto geografico di Michele Membré (1581)”, in Turco-Veneta (Istanbul: ISIS,
2003) 83–100; Antonio Fabris, “The Ottoman Mappamundi of Hajji Ahmed of
Tunis”, Arab Historical Review for Ottoman Studies 7–8 (oct.1993) 31–37; Benjamin
Arbel, “Maps of the World for Ottoman Princeps? Further evidence and questions
22
INTRODUCTION
XXV
From an Ottoman perspective, Rialto, the market of Venice, was the
place where one could find both the most precious and curious items, as
gleamed from interesting information found in various documents. The
brothers Caorlini who were Venetian goldsmiths made the great crown
helmet sold to Süleyman the Magnificent by a Muslim–Christian
business company. At the beginning of the 16th century, spectacles
arrived in Constantinople from the island of Murano, while, at the end of
the same century, Venetian glass feathers for turbans were also sent from
Murano. Parmesan cheese, once called piacentino, was considered
delicious by the Ottoman court. Ancileo Diana, another goldsmith, was
commissioned to create a lamp for the sultan’s caique, and its
preliminary design is still kept among the Ottoman papers of the Secret
Chancellery. Other lamps were made in the spring of 1580 for the
kapudanpaúa and in 1611 for another caique. About 10 years later,
another two imperial caiques were built; because the first was not a great
success, a second caique was constructed and launched during the first
days of February 1622. Venetian sources seem to suggest that it was the
sultan’s ship with a bejewelled stern and 24 benches for four men each,
now housed in the Naval Museum of Istanbul. In addition to maps and
printed Ottoman spelling books, Venetians also sold other items in
Constantinople; e.g., teriaca, a medicine once known throughout Europe,
made from more than 100 ingredients. In the 18th century, the chemist’s
shop alla testa d’oro, which still existed near the Rialto bridge when I
was young, made a famous teriaca that was in such demand in the
Empire that its recipe was even written in Ottoman. When somebody
decided to forge it, he was also obliged to forge the Ottoman leaflet.23
_______
concerning the ‘Mappamondo’ of Hajji Ahmed”, Imago Mundi 54 (2002) 19–29;
Maria Pia Pedani, “Between Diplomacy and Trade: Ottoman Merchants in Venice”,
in Suraiya Faroqhi and Gilles Veinstein eds. Merchants in the Ottoman Empire
(Paris–Louvain–Dudley, MA: Peeters, 2008) 3–21; Mestieri e arti a Venezia 1173–
1806 (Venezia: Archivio di Stato di Venezia, 1986) 108–109.
23
ASVe, Secreta, Lettere e scritture turchesche, No. 587; ASVe, Senato,
Dispacci Ambasciatori Costantinopoli, 31 March and 16 April 1580, 30 April 1611,
12 October 1621 and 5 February 1622; Michael Rogers, “Ottoman religious
ceremonial in two late 16th century meremmât defters for Süleymaniye, Baúbakanlık
Arúivi MM/MAD 513 and 5832”, in Markus Köhbach – Gisela Procházka-Eisl –
Claudia Römer eds. Acta Viennensia Ottomanica (Wien: im Selbstverlag des Instituts
für Orientalistik, 1999) 303–309; Venezia e Istanbul. Incontri, confronti e scambi,
Ennio Concina ed. (Udine: Forum, 2006) 149; Ennio Concina, Dell’arabico. A
Venezia tra Rinascimento e Oriente (Venezia: Marsilio, 1994) 57–76; Gülru
Necipo÷lu, “Süleyman the Magnificent and the Rapresentation of Power in the
Context of Ottoman–Hapsburg–Papal Rivalry”, The Art Bulletin 71/III (Sep. 1989)
402–427; Antonio Fabris, “Artisanat et culture: recherches sur la production
venitienne et la marche ottoman au XVIe siècle”, Arab Historical Review for
XXVI
INTRODUCTION
Histories of several women have also been discovered in the Venetian
Archives. Sporadically one might stumble across, e.g., sultanas’ letters
addressed to the doge or the bailo. The most ancient one was probably
written by Çiçek Hatun, Cem Sultan’s mother, pleading for the fate of
her son. Other letters were dispatched by sultana Nur Banu and her
daughter-in-law, Safiye. Others report news, e.g., about prince
Süleyman’s mother who negotiated an agreement between the Ottomans,
Venice and other Christian countries in 1401 as well as about the kiras
(the sultanas’ Jewish servants) during the second half of the 16th
century. The Archives also store secret stories of other women. Fatma
Hatun (Beatrice Michiel) was the name of a Venetian convert, the
kapıa÷ası Gazanfer’s sister, who became a spy in the harem for the bailo
and, although she was a Muslim, left her money to a Christian pious
foundation in Venice. Her Ottoman rather than Christian name was kept
on the title of her commissaria, which was very peculiar indeed in a 16th
century European country. Two harem servants, Raziye Hatun and
Canfeda Hatun, appear to have been powerful women during the same
period. The story of Nur Banu, the so-called Venetian sultana, is
somewhat more complicated. Two sources testify to two different
versions of her origin. One source claims that she was the Venetian
Cecilia Venier-Baffo, while the other says that she was a Greek subject
named Kalì Kartanou. The latter version has a ring of truth to it, while
the former was probably only conceived for political reasons; however,
there are no means to support this statement. 24
These fascinating anecdotes are only some of the little gems tucked
away in the Venetian Archives for scholarly attention, while others are
still waiting to be discovered. Marc Bloch once said that the historian is
like the ogre in a tale: when he smells human flesh, he knows he has
found his prey. Jean-Claude Maire-Vigueur once said that historians are
like a pack of wolves; when one find a prey, all the others follow in
pursuit. I dare say that the historian who loves to study in the Archives
_______
Ottoman Studies 3–4 (déc. 1991) 51–60; Julian Raby, “La Serenissima e la Sublime
Porta: le arti nell’arte della diplomazia (1543–1600)”, in Venezia e l’Islam. 828–1797
(Venezia: Marsilio, 2007) 107–137.
24
ASVe, Notai di Candia, Francesco Avonal, prot. 1, c. 13v; Aldo Gallotta and
Giancarlo Bova, “Documenti dell’Archivio di Stato di Venezia concernenti il
principe ottomano Gem”, Studi Magrebini 12 (1980) 175–199; Susan A. Skilliter,
“Three Letters from the Ottoman ‘Sultana’ Safiye to Queen Elizabeth I”, in Samuel
Miclos Stern and Jean Aubin eds. Documents from Islamic Chanceries (Oxford:
Cassirer 1965) 119–157; Susan A. Skilliter, “The Letters of the Venetian ‘Sultana’
Nûr Bânû and Her Kira to Venice”, in Aldo Gallotta and Ugo Marrazzi eds. Studia
turcologica memoriae Alexii Bombaci dicata (Napoli: Istituto Universitario
Orientale, 1982) 515–536; Pedani, Safiye’s Household 9–32; Benjamin Arbel, “Nûr
Bânû (c. 1530–1583): a Venetian Sultana?”, Turcica 24 (1992) 241–259.
INTRODUCTION
XXVII
resembles Alice Through the Looking Glass. When he steps through the
door, new surprises from a fascinating bygone world unfold on the
papers before him. He must exhume its inhabitants, listen to their stories,
decode their secret symbols and, above all, their laws that might be
completely different from those to which we have become accustomed.
4. A Short History of the Venetian State Archives
In the Venetian State Archives, most Ottoman documents have been
scattered amongst different series and archives. They have not been kept
together, although there are some important collections. Most belonged
to the so-called Secret Chancellery (Secreta) of the Republic and have
survived the fires which destroyed the Ducal Palace in 1574 and 1577. In
1592 a box containing documents that deal with Constantinople was kept
there, while in 1669 Cupboard No. 41 of the Secret Chancellery of the
Ducal Palace was used only for Ottoman documents. Other Ottoman
documents can be found in private archives of people who had been in
the Ottoman Empire as well as among the papers of Venetian diplomats
or officials who worked in the Muslim Levant. Consuls or ambassadors
in Ottoman lands, e.g., the bailo in Constantinople or the Venetian
consul in Cyprus, had important archives that were brought to Venice
after the end of the Republic in 1797. 25 Other Ottoman documents can be
found among the letters sent to Venice by civil servants and officials
working in the Venetian Eastern territory (the so-called Stato da Mar).
Rettori, provveditori or capitani in places such as Dalmatia or the Greek
islands had to write regularly to different councils and offices: e.g., the
Senate of the Republic, the Council of Ten, the Inquisitori di Stato who
_______
25
Mahmut ùakiro÷lu, “Venedik Devlet Arúiv’nde bulunan østanbul Balyosu arúivi
üzerinde bir araútırma”, in Aldo Gallotta and Ugo Marrazzi eds, Studia Turcologicae
memoriae Alexii Bombaci dicata (Napoli: Istituto Universitario Orientale, 1982)
470–478; Mahmut ùakiro÷lu, “Venedik Arúivi ve Kitaplıklarından Türk Tarih ve
Kültürüne Ait Kayıtlar”, Erdem 3/7 (Ocak 1987) 111–134; Mahmut ùakiro÷lu,
“Venedik Arúivi ve Kitaplıklarından Türk Tarih ve Kültürüne Ait Kayıtlar (II)”,
Erdem 6/17 (Mayıs 1990) 437–480; Archivio del consolato veneto a Cipro (fine sec.
XVII–inizio XIX), Giustiniana Migliardi O’Riordan Colasanti ed. (Venezia: Ministero
per i Beni Culturali e Ambientali, 1993); Giustiniana Migliardi O’Riordan, “Un
fonds des Archives de Venise qui vient d’être classé: les Archives du Baile à
Constantinople (XVIe–XIXe siècles). Présentation des archives du Baile à
Constantinople”, Turcica 33 (2001) 339–367; Dilek Desaive, “Les documents en
ottoman des fonds des archives du baile à Constantinople”, Turcica 33 (2001) 369–
377; Giorgetta Bonfiglio-Dosio, “Ottoman Documents in the Venetian State
Archives”, in Balkanlar ve øtalya’da ùehir ve Manastır Arúivlerindeki Türkçe
Belgeler Semineri (Ankara: Türk Tarih Kurumu, 2003) 79–83.
XXVIII
INTRODUCTION
were responsible for controlling the safety of the state, the Cinque Savi
alla Mercanzia who controlled trade, or the Provveditori alla camera dei
confini who dealt with state borders. Sometimes original Ottoman
documents have been enclosed in these letters: there are name-i
hümayuns written in the Imperial Chancellery, other papers sent by
peripherical authorities such as sancakbeyi, beylerbeyis, and even
hüccets issued by provincial kadıs especially for commercial reasons.
In 1926 the great Hungarian ottomanist Lajos Fekete wrote that the
Ottoman documents kept in the Venetian State Archives were probably
the richest collection of this kind still existing in Europe, and in 1999
Suraiya Faroqhi stated that they still were one of the richest resources for
the Ottomanist historian. 26 We can point out some series particularly rich
in these types of papers: e.g., the Documenti Turchi collection consists of
2022 documents, about half of which are in Arabic script. In the Lettere e
scritture turchesche series are now 185 papers, although once there were
many more. In Senato, Dispacci ambasciatori, Costantinopoli, there are
163 documents in Ottoman and many others in Greek or Italian with
signatures of Imperial officials. The Ottoman boxes of the Console
Veneto a Cipro hold 1153 documents of this kind and, in the 1980s when
I was still a young archivist, I spent hours translating into Italian their
summaries, made in French and English by Dilek Desaive. The Bailo in
Constantinople also has a series of Ottoman defters now kept in boxes
numbered 250–262, but once numbered 330–369 (the old Nos. 333, 338,
341, 344 are now missing). All these registers make reference to
international trade and political affairs in which Venetians were in some
way involved. Upon seeing them, an Ottomanist scholar will easily
realize that most of these deeds are copies of documents also kept in the
Baúbakanlık Arúivi: e.g., in the series Mühimme defterleri or Maliyeden
müdevver. For example, registers No. 6004 and No. 17901 from this
latter section, studied by Suraiya Faroqhi, hold many name-i hümayuns
also copied in registers Nos. 334–337 and No. 339 (bb. 251, 252). 27
Ottoman documents can also be found in another Bailo series: e.g., the
_______
26
Lajos Fekete, “A Velencei Állami Levéltár ‘Documenti Turchi’ c.
gyüteménye”, Levéltári Közlemények 4 (1926) 130–138; Lajos Fekete, “A Velencei
Állami Levéltár Magyar vanatkozású FethқnƗméi”, Levéltári Közlemények 4 (1926)
139–157; Suraiya Faroqhi, Approaching Ottoman History. An Introduction to the
Sources (Cambridge: C.U.P., 1999) 66.
27
Suraiya Faroqhi, “The Venetian Presence in the Ottoman Empire (1600–1630)”,
The Journal of European Economic History 15/II (1986) 345–384; Maria Pia Pedani,
“The Ottoman Empire and the Gulf of Venice (15th–16th c.)”, in Tuncer Baykara ed.
CIÉPO XIV. Sempozyumu Bildirileri (Ankara: Türk Tarih Kurumu, 2004) 585–600;
Maria Pia Pedani, “Ottoman Merchants in the Adriatic. Trade and smuggling”, Acta
Histriae 16/1–2 (2008) 155–172.
INTRODUCTION
XXIX
“Carte turche di periodi diversi” are now in bb. 338–346 (ancient Nos.
308–309, 509, 316, 315, 314, 311, 293). It is really a pity that the old box
numbers are no longer in use, together with the old inventory of half of
the Bailo archives, which might prove very useful even today. 28
Any scholar who has time to study in the Venetian State Archives will
find numerous Ottoman documents together with Italian letters, deeds
and reports containing useful information about the sultans’ Empire. All
these papers have been used to write the history of the Ottoman Empire
since the beginning of the 19th century. Joseph von Hammer-Purgstall
was the first scholar to use Venetian documents when writing his
extensive Geschichte des Osmanischen Reiches. 29 Von HammerPurgstall, born in Graz in 1774, entered the diplomatic service in 1796.
He was appointed to a position in the Austrian embassy in
Constantinople in 1799. During this period he frequently travelled in the
Near East. In 1811 he returned to Vienna where his skill in Turkish,
Persian and Arabic languages allowed him to become court interpreter;
in 1817 he was appointed imperial counsellor. Hammer was still in
Constantinople when, in 1805, Napoleon compelled the Austrians, who
had ruled Venice since 1799, to leave the city. However, they took with
them to Vienna the most important papers from the archives of the
former Republic: i.e., the Great Council registers, as well as those of the
Senate, and many other papers, such as Marino Sanudo’s manuscript
diaries and Turkish documents once kept in the Venetian Secret
Chancellery. Part of this material was returned to the new French
government after the treaty of Pressburg on 26 December 1805.
However, many papers remained in the Staatsarchiv in Vienna until
1866–1868 when they were returned to the Kingdom of Italy, the city of
Venice’s new ruler. Von Hammer-Purgstall had the opportunity to study
these sources while they were still in the Vienna. Moreover, in about
1826, one year before the first volume of his Geschichte was published,
he travelled to Venice in search of other manuscripts.
During the period of French rule (1806–1814), documents from the
former Republic were housed in three different buildings. In 1815, the
_______
28
For the old boxes 1-329 there is an nineteenth-century inventory which is now
of little use since numbers have changed, while the new inventory is not yet at the
scholars’ disposal in the reading room of the Archives. At least one mistake in the
new archival arrangement has to be stressed: b. 340 (former 509) clearly belongs to
the archives of the consul of Dubrovnik in Constantinople (Console di Ragusa alla
Porta Ottomana) and not to the Venetian bailo’s archives. Fourteen boxes and
registers of the Console di Ragusa alla Porta Ottomana, which once were in the end
of the bailo’s archives, still keep the former numbers: bb. 511-521.
29
J. von Hammer-Purgstall, Geschichte des Osmanischen Reichts 10 vols. (Pesht:
Hartlebel, 1827–1835).
XXX
INTRODUCTION
great General Venetian Archives were established in the ancient Grey
Friars’ convent (the Frari). By 1822, all the documents had been
transferred to this new location where they still remain today. From 1815
the director of this Institute was Giacomo Chiodo, a stern archivist who
disapproved scholars who wanted to study the treasure with which he
had been entrusted. One scholar, Leopold von Ranke, described him as a
“growling guardian of secret things” while Samuele Romanin, who
translated Hammer into Italian, says that Chiodo looked upon his
Institute as if it were a harem. While Chiodo was director (1815–1847),
it proved difficult to study the Venetian papers. In 1824 the British John
Ingram was denied entrance to the Archives. On 12 February 1825 the
historian Emanuele Antonio Cicogna was the first person to be admitted.
Several years later, in 1829, Leopold von Ranke also succeeded in this
enterprise, but only after having to implore prince von Metternich’s help
in advance. However, in about 1826, Hammer was allowed to examine
documents although his name was not even listed among the scholars
who had applied for access. In fact, because Hammer was an Imperial
Court official, Giacomo Chiodo was obliged to show him any paper he
desired to see. Not until the latter half of the 19th century did the doors
of the Archives open for scholars, under the directorships of Fabio
Mutinelli (1845–1861) and Girolamo Dandolo (1861–1866). 30
In the meanwhile, most of Venetian ambassadors’ reports were being
edited and, on their basis, European history was being written. However,
this first edition was not based on the Venetian originals strictly
monitored by Chiodo but rather on copies kept in other Italian libraries
and archives. Thus, other reports remained buried in the archives of the
Collegio, the council to which they had been entrusted, and only a few
people seemed to take care of them, even during the century that
followed. 31 For instance, Gülru Necipo÷lu was among the first scholars
to make use of original Venetian reports when writing her beautiful book
about the Ottoman Imperial Palace, 32 while many other scholars barely
_______
30
Armand Baschet, Les Archives de Venise. Histoire de la chancellerie secrète
(Paris, H. Plon, 1870) 35–56.
31
Mahmud Tayyıp Gökbilgin, Venedik Devlet Aúivindeki vesikalar külliyatında
kanunî Sultan Süleyman devri belgeleri, «Belgeler», I/2 (1 temmuz 1964), pp. 119–
220, in particular pp. 6–11; Paolo Preto, Le relazioni dei baili veneziani a
Costantinopoli, «Il Veltro», XXIII/2–4, mar–ago. 1979, pp. 125–132; M.P. Pedani,
Relazione in Encyclopaedia of the Ottoman Empire, ed. by Gabor Ágoston and Bruce
Masters, New York NY, Gabor Ágoston and Bruce Masters, 2009, p. 487; M.P.
Pedani, Elenco degli inviati diplomatici veneziani presso i sovrani ottomani,
«Electronic Journal of Oriental Studies» (Utrecht University), 5/4 (2002), pp. 1–54.
32
Gülru Necipo÷lu, Architecture, Ceremonial and Power. The Topkapı Palace in
the Fifteenth and Sixteenth Centuries, Cambridge, Mass.–London 1991, p. 308.
INTRODUCTION
XXXI
remembered their existence or even bothered to quote them as a new
source until after they had already been edited. Usually scholars were
even unaware that these 19th century edited texts actually differed from
the Venetian originals, which often contained more information than the
copies eagerly read by a larger public. The last, yet to be studied, reports
about Constantinople were only edited as recently as 1996 when they
were compiled in a huge ca. 1,000-page volume. 33 Here one can read
data already quoted by Hammer who saw the original manuscripts in the
19th century. For instance, it is once again possible to read the pages
upon which the bailo Giorgio Giustiniani described Osman II’s death in
1627; for a long time these papers were thought to have been lost
forever. 34 Another important report was written by the interpreter
Tommaso Tarsia in 1683; in order to obtain the grand vizier’s permission
for the bailo to leave Constantinople, Tarsia followed the army as far as
Vienna; there he saw the famous siege from an Ottoman perspective, was
present at Kara Mustafa’s execution, and also received a proposal to
assume the position of the divan-i hümayun tercumanı because
Alessandro Maurocordato had then fallen from grace. 35
5. Cataloguing the Archives
During the era of the “Most Serene Republic”, Ottoman Imperial
documents together with those sent by kings, popes and other rulers were
kept amongst the most important state papers on the shelves of the Secret
_______
33
Le relazioni degli ambasciatori veneti al Senato, Eugenio Alberi ed., s. III
(Firenze: Tipografia all’insegna di Clio, 1840, vol. 1; Firenze, Tipografia all’insegna
di Clio, 1844, vol. 2; Firenze: Società editrice fiorentina, 1855, vol. 3); Le relazioni
degli ambasciatori veneti al Senato durante il secolo decimosesto, Appendice,
Eugenio Alberi ed. (Firenze: a spese dell’editore, 1863); Le relazioni degli stati
europei lette al Senato dagli ambasciatori veneziani nel secolo decimosettimo,
Nicolò Barozzi and Giglielmo Berchet, Turchia (Venezia: Naratovich, 1871);
Relazioni di ambasciatori veneti al Senato, Luigi Firpo ed., vol. XIII, Costantinopoli
(1590–1793) (Torino: Bottega d’Erasmo, 1984); Relazioni di ambasciatori veneti al
Senato, Pedani-Fabris ed., vol. XIV, Relazioni inedite. Costantinopoli (1508–1789)
(Padova: Ausilio, 1996).
34
Relazioni XIV 547–559. Cfr. Johannes Hendrik Kramers, “ ‘Othmân II”, in
Encyclopaedia of Islam (Leiden: Brill, 1995) VIII 182a.
35
Relazioni, vol. XIV, pp. 685–755. About Tarsia cfr. Andrei Pippidi, “Tre
antiche casate dell’Istria. Caratteri e sviluppo di un gruppo professionale: i
dragomanni di Venezia a Costantinopoli”, Quaderni della Casa Romena di Venezia 4
(2006) 61–76. About Venetian interpreters, cfr. Cristian Luca, Dacoromano-Italica.
Studi e ricerche sui rapporti italo-romani nei secoli XVI–XVIII (Cluj-Napoca:
Accademia Romena, 2008) 105–128.
XXXII
INTRODUCTION
Chancellery. In 1868, when they were returned to Venice from Vienna,
most were used to create the core of a new collection called Documenti
turchi. The only criterion for assessment was their script: documents in
Arabic, Ottoman Turkish, Hebrew and even Persian were kept together,
based on the fact that they were incomprehensible for the archivists of
the time, when Louis de Mas Latrie described the papers: “Une série que
j’ai vu former à regret, parce qu’elle ne me semble pas bien justifiée,
sous le titre provisoire, j’espère, de Documenti turchi e arabi”. 36 This
hope was not fulfilled and the collection still exists. Only eight original
files of documents, called the Lettere e scritture turchesche series, were
kept apart since they formed a small archive in their own right. They
dealt not with peace agreements or other political and international
affairs but rather with the activities of merchants, pirates, privateers,
interpreters, and Ottoman and Venetian subjects in border regions. From
the point of view of 19th century historiography, they were not as
important as the illuminated name-i hümayuns gathered together in the
Documenti turchi collection.
408 papers belonging to the Documenti turchi were catalogued in
1878, while the Lettere e scritture turchesche series did not excite the
archivists’ attention. Three years later, a permanent exhibition of the
most important and beautiful documents from the Venetian State
Archives was set up; it was called “Sala diplomatica Regina Margherita”.
Together with ancient parchments of popes, emperors and kings,
signatures of artists, scientists and rulers of the past ages, the most
gorgeous Ottoman documents were presented to the public. The
exhibition remained open for more than 70 years. Early in the 1950s, the
exhibition closed and its documents were replaced in their original
location; however, some of them had already suffered incredible damage
after being exposed to sunlight for such a long time. Among them were
several Ottoman documents with illuminated tu÷ras, such as the
fethname sent by Süleyman the Magnificent in 1529 or the ahdname
issued by Osman II in 1619. 37
At the end of the 19th century, the archivist Riccardo Predelli tried to
put in order the summaries of several Ottoman documents that had been
written while they were in the Staatsarchiv in Vienna. He pencilled a
number on all the papers, which should prove useful in the future.
During the 20th century, several attempts were made to re-organize the
Documenti Turchi collection, while only one file in the Lettere e
_______
36
Mas Latrie, Traités, vol. Introduction xx.
ASVe, Documenti turchi, b. 2, No. 250; b. 11, No. 1236; I ‘Documenti turchi’
69, 326–327; Andrea Da Mosto, L’Archivio di Stato di Venezia, 2 vols. (Roma:
Biblioteca d’Arte editrice, 1941) 271–273.
37
INTRODUCTION
XXXIII
Scritture Turchesche suffered a similar fate. The archivist Giovanni
Dalla Santa first prepared small sheets of paper containing information
about the size of each document, the number of lines of script, the
presence of tu÷ra, of the pençe, of the kuyruklu imza…; however, he did
not relocation the papers. A little later, the scholar Luigi Bonelli,
professor of Turkish at the Oriental Institute of Naples, wrote summaries
for 230 Ottoman documents and edited the ahdname issued in 1540. 38
Between the 1920s and 1930s, the archivist Aureliano Lanza tried to put
the Documenti turchi in chronological order, but he could not read
oriental languages and only succeeded in arranging the documents in a
topsy-turvy fashion under various headings: “with translation”, “without
translation, but with summary”, “without translation and summary but
with date”, “without translation, summary and date”, “without
translation, with or without summary”, “translations” et cetera. The first
file in the Lettere e scritture turchesche series suffered from the same reorganization and, exacerbating the problem, the strings which had tied
the papers together were cut. Fortunately, work on the documents then
ceased, although several archivistical links were already lost forever.
In 1940 Eugenio Ronca, the director of the Venetian Archives,
decided to re-organize the papers and sought someone who knew
Ottoman, Persian and Arabic to prepare the documents’ summaries. He
chose for this task the famous scholar Alessio Bombaci from the Oriental
Institute of Naples. Bombaci, born in 1914, had studied with Professor
Luigi Bonelli and assumed this position at the Institute when the
professor retired. Although Bombaci was interested in languages and
literatures, he did not despise history. In fact, in 1936 he had already
begun to study the Ottoman documents kept in the Fondo Mediceo of the
State Archives in Florence. During World War II, he began, but never
completed, studying the Venetian papers. In 1956, he published an
important work about Turkish literature, Storia della letteratura turca,
also translated into French; his last book was a history of pre-Ottoman
and Ottoman Turkey up to 1453. Bombaci died on 20 January 1979. 39
In April 1940 Bombaci travelled to Venice to examine material he
needed to read but asked permission to prepare the summaries in his own
city. Thus, between 1941 and March 1943, the Documenti Turchi
_______
38
Luigi Bonelli, “Il trattato turco-veneto del 1540”, in Centenario della nascita di
Michele Amari (Palermo: Virzì, 1910) II 332–363.
39
Alessio Bombaci, “Diplomi turchi del Regio Archivio Fiorentino”, Rivista degli
Studi Orientali 18 (1939) 119–127; Alessio Bombaci, Storia della letteratura turca,
(Milano: Nuova Accademia, 1956) (Histoire de la littérature turque, Paris, C.
Klincksieck, 1968); Alessio Bombaci, “La Turchia dall’epoca preottomana al XV
secolo”, in Alessio Bombaci-Stanford J. Shaw, L’Impero Ottomano (Torino: UTET,
1981) 3–368.
XXXIV
INTRODUCTION
collection and Lettere e scritture turchesche series were sent to the State
Archives of Naples. Fortunately, they had already been returned to
Venice when, in September 1943, a huge amount of papers in the
Archives of Naples were destroyed by a retreating German detachment.
The war did not allow Bombaci time to fulfil his task. He sent an
unfinished manuscript to the director of the Venetian Archives with a
long introduction. He explained that he had thought it possible to
catalogue the papers using “dates and other elements”. In his index, he
had arranged all the summaries for the two different series together,
according to their dates. It was clear that it would be impossible to order
these documents in such a way, without losing the still extant
archivistical links forever. However, it appears that Bombaci sorted the
Documenti turchi according to a “new order” at the end of the 1960s. 40
In doing this, he actually prevented scholars from using both his
summaries as well as the editions made in the meantime by the Turkish
scholar Mahmud Tayyıp Gökbilgin. When I first saw this collection in
1979, the documents were scattered amongst 20 boxes. Only someone
who knew Ottoman would be able to marry them to their summaries and
ancient translations. Alessio Bombaci had always hoped to finish this
work, as he had said at the International Congress of Ottomanists held in
Paris in July 1948. 41 Meanwhile he edited several interesting documents,
such as the letter in Ottoman but written in Latin script by the 16th
century divan-i hümayun tercümanı, øbrahim bey (the Polish Joachim
Strazs), who had studied in Padua and was diplomatic envoy in Venice in
1555 and 1567. 42
_______
40
The description of the collection Documenti turchi made by Gökbilgin (Venedik
Devlet Aúivindeki vesikalar, I/2, pp. 2–3) reflects the organization made by Aureliano
Lanza; the boxes are still divided into Tercümeleri ile fermanlar, tarihsiz fermanlar,
tercümesiz, notsuz fermanlar, and so on. Also Gallotta, who took the place of
Bombaci in the Oriental Institute of Naples told me that his professor arranged the
papers according to this new order only after Gökbilgin had edited his essays in the
journal Belgeler.
41
Alessio Bombaci, “La Collezione di documenti turchi dell’Archivio di Stato di
Venezia”, Rivista degli studi orientali, 24 (1949) 95–107.
42
Alessio Bombaci, “Una lettera turca in caratteri latini del dragomanno IbrƗhƯm
al veneziano Michele Membré (1567)”, Rocznik Orientalistyczny, 15 (1948) 129–
144; about other documents cfr. Alessio Bombaci, “Ancora sul trattato turco-veneto
del 1540”, Rivista degli studi orientali 20 (1942) 373–381; Alessio Bombaci, “Les
toughras enluminés de la collection de Documents turcs des Archives d’État de
Venise”, in Atti del secondo congresso internazionale di arte turca (Napoli: Istituto
Universitario Orientale, 1965) 41–55; Mahmut ùakiro÷lu, “1521 Tarihli Osmanlı–
Venedik Andlaúmasının Aslî Metni”, Tarih Enstitüsü Dergisi 12 (1981–1982) 479–
484; Mahmut ùakiro÷lu, “1503 Tarihli Türk–Venedik Andlaúması”, in VII Türk
Tarih Kongresi (Ankara: Türk Tarih Kurumu Basımevi, 1983) III 1559–1569 tavv.
479–484; Mahmut ùakiro÷lu, “II. Selim’in Venedik Cumhuriyetine Verdi÷i 1567 ve
INTRODUCTION
XXXV
Between 1943 and 1952, something strange happened to the Lettere e
scritture turchesche series. Two of the eight files disappeared; it was
impossible to find files No. 6 and No. 8. However, suddenly one of the
documents kept there appeared in an antique dealer’s shop: the “Eski
østanbul” of Nureddin Yatman, in Beyo÷lu, østanbul, in 1952. When the
Ottomanist Paul Wittek spotted it in an illustrated catalogue, he edited
the text. 43 It was a letter from Murad III to the doge, dated beginning of
safer 988 (18–27 March 1580), concerning the widow of the famous Jew
Josef Nassi, a friend to Selim II, and her two daughters. Its translation by
the interpreter Michele Membrè is still in file No. 4 of the series, while
Bombaci’s summary shows the original location of the Ottoman
document once kept in file No. 8. In June 1985, I discovered this file’s
cover, together with its first two papers, behind a shelf in the Venetian
State Archives, while I was putting in order several notarial deeds.
Bombaci’s summaries of files No. 6 and No. 8 are now here and edited.
By relating this tale, I hope not only to give new inside information to
scholars but also to ask for precious help in rescuing the lost documents
in the future — if they still exist.
In 1953 Irène Melikoff, another Ottomanist scholar, was in Venice
studying about 40 documents dated around the turn of the 16th century.
The following year she presented a paper to the Asiatic Society but only
in 1969 made the edition of some name-i hümayuns which were
published in the first number of the journal Turcica. 44 In the 1960s,
Mahmud Tayyıp Gökbilgin, a Turkish scholar, went to study in the
Venetian State Archives. He edited many Ottoman documents, especially
those during the reign of Süleyman the Magnificent. He took into
consideration not only the Documenti Turchi and the Lettere e scritture
turchesche but also other series: i.e., the Secreta, Archivio Proprio
Costantinopoli comprising the personal papers of bailos and
ambassadors given to the Secret Chancellery when they returned to
Venice, and the Bailo in Constantinopoli being the archives of the
_______
1573 Tarihli Ahidnâmeler”, Erdem 2/5 (Mayıs 1986) 527–553; Abdeljelil Temimi,
“Le passage de morisque à Marseille, Livourne et Istanbul d’après de nouveaux
documents italiens”, in Abdeljelil Temimi ed. Métiers, vie religeuse et
problematiques d’histoire morisque (Zaghouan: Fondation Temimi pour la
Recherche Scientifique et l’Information 1990) 304–316; Antonio Fabris, “Il dottor
Girolamo Fasaneo, alias Receb”, Archivio Veneto 23 (1989) 105–118.
43
Paul Wittek, “A letter of Murad III to the Doge of Venice of 1580”, Bulletin of
the School of Oriental and African Studies, 14 (1952) 381–383.
44
Irène Melikoff, “Bayezid II et Venise. Cinque Lettre Impériales (Nâme-i
hümayun) provenant de l’Archivio di Stato di Venezia”, Turcica, 1 (1969) 123–149;
cfr. also: Hélène Ahrweiler, “Une lettre en grec du sultan Bayezid II (1481–1512)”,
Turcica, 1 (1969) 150– 160 (the date of this document is 1504).
XXXVI
INTRODUCTION
Venetian embassy in Constantinople. 45 During the same period,
ùerafettin Turan, another Turkish scholar, travelled to Venice where he
studied and edited some Ottoman documents which dealt with trade and
merchants. 46
In 1965 Victor Ménage edited several Ottoman documents kept in
Procuratori di San Marco, Misti, “commissaria di Angelo Malipiero”
(now b. 228) dating back to the period of Mehmed II. Two of them are in
Italian, four in Ottoman and one in Greek. They belonged to the small
private archives of the Malipiero family. Ménage tells us that the photos
had been given to him by John Wansbrough, who was then studying the
Arabic documents kept in Venice. 47 Although we know how news of the
existence of these documents reached Ménage, we do not know how the
other scholar discovered them. I do not want to diminish the role of the
historian who bases his research on sources and spends his life searching
for secret links among existing material in order to present a general
survey on a subject. However, the Procuratori di San Marco series
consists of many hundreds of boxes for which there was neither an
inventory nor index at that time. The Procuratori papers had all been left
in confusion during the French reign, when they were being prepared to
be sent to Milan, then to Paris, together with most of the Venetian
monastic parchments. Luigi Lanfranchi, who was director of the
_______
45
Mahmud Tayyıp Gökbilgin, “Venedik Devlet Aúivindeki vesikalar külliyatında
kanunî Sultan Süleyman devri belgeleri”, Belgeler I/2 (1 temmuz 1964) 119–220;
Mahmud Tayyıp Gökbilgin, “Venedik Devlet Aúivindeki Türkçe Belgeler
kolleksiyonu ve Bizimle ilgili di÷er Belgeler”, Belgeler V–VIII/9–12 (1968–1971) 1–
151; Mahmud Tayyıp Gökbilgin, “Kanuni Sultan Süleyman devrine ait Bosna ve
Hersek ile ilgili Venedik Arúivindeki Türkçe Belgeler”, Tarih Dergisi, 32 (1979)
319–330; cfr. also: Mahmud Tayyıp Gökbilgin, “Le relazioni veneto-turche nell’età
di Solimano il Magnifico”, Il Veltro, 23/2–4 (1979) 277–291. In the first article (pp.
134–141), Gökbilgin edited several documents from the bailo’s archives, Box 311
(now: ASVe, Bailo a Costantinopoli, b. 345).
46
ùerafettin Turan, “Venedik’te Türk Ticaret Merkezi”, Belleten 23 (nisan 1968)
247–283.
47
Victor Ménage, “Seven Ottoman Documents from the Reign of MehҞmmed II”,
in Samuel Miclos Stern and Jean Aubin (Eds.), Documents from Islamic Chanceries
(Oxford: Cassirer, 1965) 81–118. John Wansbrough was then studying several
Arabic documents kept in the Venetian State Archives; cfr. John Wansbrough, “A
Mamaluk Letter of 877/1473”, Bullettin of the School of Oriental and African
Studies, 24/2 (1961) 200–213; John Wansbrough, “A Moroccan amƯr’s commercial
treaty with Venice of the year 913/1508”, Bullettin of the School of Oriental and
African Studies, 25/3 (1962) 449–471; John Wansbrough, “A Mamaluk ambassador
to Venice in 913/1508”, Bullettin of the School of Oriental and African Studies, 26/3
(1963) 503–530; John Wansbrough, “Venice and Florence in the Mamluk
Commercial Privileges”, Bulletin of the School of Oriental and African Studies, 28
(1965) 487–497.
INTRODUCTION
XXXVII
Venetian State Archives in the 1960s, spent many years of his life
studying and re-organising all this material, as testified by the indexes
now available in the Venetian reading room. Thus, it is quite probable
that Lanfranchi himself, who was a very kind and generous person,
supplied the information. He had helped me immensely when I was a
young archivist. Although by the time I arrived he had already retired, he
could still be found each day in the Archives studying his beloved
parchments. Archivist and historians frequently misinterpreted each
other’s work, although both love ancient documents. On one hand, the
archivist often thinks that historians use their sources without
recognizing their hard work and without acknowledging their help in
publications. On the other hand, historians often consider archivists as
mere guardians of papers who treacherously hide from others the most
important materials. An archivist is often asked: where might I find
documents about this or that subject? Do you have any new sources?
Why did you not give me the right box? Or even, why did you hide this
very important box from me? I remember at least four scholars asking
me for “all the documents” from 1370–1373 testifying that Geoffrey
Chaucer had been in Venice and Padua — as if I could easily locate the
information required, never before identified by scholars, amongst about
60 kilometres of papers kept in the Venetian Archives.
In 1979 Bombaci’s summaries were still lying unpublished on a shelf
of the Venetian State Archives, even though many scholars interested in
Ottoman history used them. In that same year, the director of the
Archives, Maria Francesca Tiepolo, asked me to try to put in a better
order the Documenti turchi, to render them available for historians. Thus,
I compared documents with translations and summaries and discovered
ancient archival links between them. Every document was placed
together with its translation; the papers were arranged in a chronological
order, but some small archives and files were re-created and kept in their
original shape. Two boxes of documents, which had not been seen by
Bombaci, were discovered and new summaries were written. Once all
the papers had been read and summarized, indexes of places and names
were prepared. The work went on for several years, since it was only one
of my tasks in the Institute and by 1994, the catalogue I “Documenti
turchi” dell’Archivio di Stato di Venezia was finally published.
In the 1980s, and even more so in the 1990s, a new general interest for
Ottoman history incited other scholars to study the Venetian documents.
In the reading room of the Venetian State Archives one might meet
Susan Skilliter, Francesca Lucchetta, Ennio Concina, Abdeljelil Temini,
Michel Lesure, Mihna Berindei, Dilek Desaive, Mahmut ùakiro÷lu,
Paolo Preto, Cemal Kafadar, Julian Raby, Hans Theunissen, Aldo
Gallotta, ødris Bostan, Vassillis Demetriadis, Asparuh Velkov, Gülru
XXXVIII
INTRODUCTION
Necipo÷lu, John Michael Rogers, Antonio Fabris, Cornell H. Fleischer,
Suraiya Faroqhi, Mihai Maxim, Viorel Panaite, Dariuzs Kolodziejczyk
and many others. When someone interested in the Ottoman Empire
arrived at the Institute, my colleague would summon me as expert in this
field. The presence of so many scholars testifies that the papers housed in
the Venetian State Archives still have something to say to the world of
historiography. Moreover, we must not forget that the Venetian Archives
are the largest in Italy. They are not as extensive as those in the Vatican,
but those are in the Papal State, not the Italian Republic. The Institute is
now located in the buildings that once belonged to two convents: the
Frari and San Nicolò della Lattuga, with 300 rooms and about 1,000
windows. Another storehouse is on the island of the Giudecca, in several
buildings belonging to the ancient monastery of Santa Croce della
Giudecca. The linear measure of all the papers stored would reach about
60 kilometres. Many of these documents have yet to be inventoried or
indexed, which means that it is still possible to find documents never
before seen by scholars.
6. The Lettere e scritture turchesche Series
Documents contained in the Lettere e scritture turchesche series date
from 1523 to 1618. They are still an interesting source for historians and
of great importance for the study of Ottoman diplomatics. On the whole,
they deal with the peace relations that once took place between Venetian
and Ottoman subjects far from Constantinople, primarily in Venice or the
Balkans. They are neither ahdnames nor illuminated Imperial
documents, sometimes 8 meters long like those kept in the Documenti
turchi collection. Some papers refer to trade, but only when the Venetian
state was involved in some way. For example, at the end of file No. 2,
one will find many papers issued for a quarrel between Ottoman Jewish
subjects and Venetian merchants that had been judged by Kubad çavuú, a
diplomatic envoy sent to Venice in 1569 by the sultan just for this
purpose. 48 Other papers describe problems that arose when Ottoman
subjects died in Venice: e.g., papers about Hüseyin çelebi b. Hacı Hızır
from Ayaú (d. 1575), studied by Cemal Kafadar and Mahmut
ùakiro÷lu, 49 and others about hoca Derviú (d. 1587) and his heirs (Nos.
_______
48
Benjamin Arbel, Trading Nations: Jews and Venetians in the Early Eastern
Mediterranean (Leiden–New York–Köln: Brill, 1995).
49
ASVe, Secreta, Lettere e scritture turchesche, No. 258, 261; Cemal Kafadar,
“A Death in Venice (1575): Anatolian Muslim Merchants Trading in the
Serenissima”, Journal of Turkish Studies, 10 (1986) 191–217.
INTRODUCTION
XXXIX
420, 810). In 1586 the most important Ottoman merchants present in
Venice were called to certify that a Muslim girl named Gülúen/Dorotea
wished to become a Christian, and this document (No. 736) shows that
Venetians acknowledged that the Ottomans living in their city formed a
real community and recognized some leaders among them.
The documents also divulge the fact that pirates and privateers could
also prove a source of problems. At the end of the 16th and beginning of
the 17th century, there were quarrels concerning the Uskoks’ attacks
against either Ottoman or Venetian ships with Ottoman merchants on
board; the sultan often considered the doge responsible for such incidents
stating he was unable to maintain order in his own Gulf, i.e., the
Adriatic. In other cases, ships sunk during storms and goods carried
onboard needed to be recovered; this could be the reason an Ottoman
official wrote a certain letter (No. 526) in 1593. In that year Hasan,
beylerbeyi of Bosnia, wrote to the doge to try to recover what had been
pilfered from an Ottoman vessel that had been shipwrecked near
Malamocco; the low water level had afforded the local inhabitants an
opportunity to steal goods and coins from the wreck. At that very site,
Venetian archaeologists found a ship together with an object bearing an
Ottoman crescent. It had been called “il relitto del vetro” (relic of glass)
because pieces of this material, probably Egyptian in origin, had been
taken onboard as ballast. 50
Border problems are also addressed in the Lettere e scritture
turchesche: e.g., people or cattle crossing borders between countries;
stolen animals or goods and even copies or translations of the sultan’s
orders to his official to settle border disputes. Other papers mention
slaves and prisoners. There are also letters addressed to the doge by
important Ottoman officials: e.g., Hayreddin Barbarossa (No. 10 in
Italian, but stamped with the Great Admiral’s seal), sultana Safiye (No.
575), prince Selim before he became sultan (No. 127), the Venetian
kapıa÷ası Gazanfer (No. 417), the Jew Josef Nassì (No. 215) and the
physician Salomon Ashkenazi (No. 270). Other documents deal with
official envoys sent to Venice by the sultan or by important court
officials, such as the interpreters Yunus and øbrahim, the silihtar Bali
a÷a, and Kubad çavuú. While studying these documents, one realizes for
instance that the gifts laid at the doge’s feet by the envoys of provincial
authorities are usually much richer than those sent by the sultan himself.
Lastly, there are letters written by beylerbeyis and fethnames such as the
one sent to Venice in 1597 describing the conquest of Eger (No. 550),
the city farthest to the North ever to be reached by the sultan’s army.
_______
50
Marco D’Agostino, “Il relitto del vetro,” Lido di Oggi, Lido di Allora, 11
(1995), 82-84.
XL
INTRODUCTION
7. Instruction for use
The Lettere e scritture turchesche series was already described in the
catalogue of the Secret Chancellery of 1669 made by Antonio Negri,
which means that they were kept along with the most important papers of
the Venetian Republic. 51 They were brought to Vienna Staatsarchiv in
1805 and returned to Venice in 1868, as recorded in German written on
the covers. The series has almost completely retained its original
features. Except for file No. 1, all extant files still have their ancient
bindings. As already explained, although Bombaci’s summaries still
exist and have been edited here, two files have disappeared: No. 6 (i.e.,
documents 590–730) and No. 8 (i.e., documents 771–821). We have still
failed to find documents No. 299 (file No. 3, Predelli c. 134) and No. 558
(file No. 5, c. 200). While I was delving into several boxes of the
Documenti turchi that had not been researched by Bombaci, I found
some papers numbered in pencil and immediately recognized the
numbers as having been written by Riccardo Predelli (Nos. 158–166, and
Nos. 239–242). The first group clearly belonged to file No. 3 from the
Lettere e scritture turchesche series because, after c. 157, the old
numbering had been re-arranged by Bombaci himself. The remaining
papers belonged to file No. 5 from whence they had gone missing.
Bombaci had not seen these papers, and I prepared their summaries
together with Zoran Ladiü who helped me with three documents written
in the Cyrillic alphabet. Working on file No. 1 was a struggle, since its
papers had been left in a muddle in a clumsy attempt to file the papers as
“documents with translations”, “without translation” and “Italian
originals” made by Aureliano Lanza. However, at long last, I succeeded
in re-creating the original order.
The present catalogue begins from the summaries made by Alessio
Bombaci, as shown in the following list of contributors:
Alessio Bombaci 4, 8, 14, 17, 19, 23, 35, 37, 44, 49, 51, 53, 57, 5961, 64-66, 69, 72, 75-77, 90-91, 95, 97, 100, 103-104, 107-108, 112, 114,
116, 118, 123, 125, 127, 130, 134-138, 140, 151, 153, 155, 158, 160,
162, 165-166, 168, 171, 173-176, 180-181, 184, 186, 188, 191, 193, 195,
199, 201, 203, 205, 207-208, 210, 212-215, 217, 219, 221, 223, 225, 227,
236-238, 240, 242-246, 249, 251-254, 256, 257-258, 263, 265-267, 269273, 275, 277-278, 280-283, 288-289, 291-292, 296-297, 299, 301, 303305, 307-308, 310, 319-323, 325-326, 328-330, 333-339, 341, 343, 345347, 349, 351, 354, 358-359, 361, 365-366, 368, 370, 373-375, 377-378,
380-386, 388-391, 393, 395-399, 402-403, 405-407, 409-412, 414-415,
418-420, 422, 424-426, 428-431, 433, 436, 438, 443, 446, 448, 452, 456,
_______
51
ASVe, Secreta, Indici, reg. 6.
INTRODUCTION
XLI
458, 460, 462-463, 467, 471, 474, 477-480, 482, 484-485, 487, 489, 491492, 495, 498-501, 504, 506, 510, 513, 515, 517, 520, 522, 524, 526,
528-531, 533-539, 541-544, 547, 550, 552-555, 557-558, 562-564, 566568, 572, 575-578, 581-582, 590-730, 733-734, 736, 738, 740, 744, 747,
752, 756, 763, 771-821
Zoran Ladiü 315, 584-585
Maria Pia Pedani
1, 6, 10-12, 16, 18, 25, 27-32, 36, 42, 46-47, 55,
78, 80, 82, 84, 86, 88, 121, 142, 144-149, 229-230, 233-234, 261, 311314, 316, 369, 371-372, 417, 589, 741-742, 749, 766.
Bombaci’s summaries for the documents in the extant files have been
checked or even rewritten. Those for files No. 6 and No. 8 have been
edited as they were, but for Ottoman names and words. In fact, I decided
to use only one system of transliteration for the Ottoman language.
Moreover, I chose to write the names of people and the words of
Ottoman charges or offices in modern Turkish, to facilitate the reading of
the summaries, and the names of places in Italian. When it became
necessary to quote from the Ottoman texts, I used the so-called
“scientific” transliteration (trascrizione sientifica, in Italian). I checked
all the dates of extant documents and wrote alongside the Hicra dates the
corresponding Anno Domini. I also chose to always begin the Hicra era
from 15 July 622, although the Ottomans frequently used to count from
16 July 622, i.e., one day later. However, I realized that several
documents, in particular those written in the provinces, did not always
follow this practice; only the presence of the weekday could assure the
scholar which system had really been used in the document he was
studying. For this reason I preferred always to use the conventional date,
namely 15 July 622.
I created this catalogue after I had already left my position at the
Venetian State Archives and become Professor of History of the
Ottoman Empire at the University Ca’ Foscari in Venice. Therefore I
decided to give only a virtual number to the documents of the Lettere e
scritture turchesche series, without writing it on the papers. I used a
different method for the Documenti turchi collection where my script
(i.e., “DT” followed by a number) can still be seen on the papers. Thus,
to find a document in the Lettere e scritture turchesche collection, the
scholar must first refer to the file and then to Predelli’s numbers written
at the beginning of each summary. I decided to reserve a place for those
papers that are now still missing by also giving them a virtual number.
Upon completing this catalogue, I feel that I have at last finished the
work I began about 30 years ago and moreover to have fulfilled, after 67
years, the wish expressed by Alessio Bombaci in his letter sent to the
director of the Archives, together with his unfinished manuscript, on 15
May 1943.
“LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE”
SUMMARIES
L’asterisco * indica che il documento è attualmente irreperibile.
FILZA I
La legatura della filza risulta essere stata tagliata per procedere a un
riordinamento da effettuarsi in base alla presenza della traduzione; alcune
camicie con annotazioni di mano dell’archivista Aureliano Lanza lo
confermano; il susseguente stato delle carte venne registrato da Alessio
Bombaci che non modificò lo stato delle carte. Durante il presente
riordinamento si è ripristinata l’antica successione della filza in base al
numero in matita nera di mano di Riccardo Predelli; non si trovano le carte
4, 12, 18; sono state attribuiti a carte non numerate i nn. 13-14, 22, 25, 30,
31; da c. 73 in poi la filza è ancora legata.
Rilegatura in cartone. Sul dorso: «No I. Arz et scritture turchesche con il
summario di essi et alquanti cozetti. A. N.2. 1528». Sulla copertina: «1528.
A. Depeschen. No 2. Verschiedene Gesendten zu Konstantinopel. 1528».
1
I: 1-2
3ª decade zilhicce 934 (6–14 settembre 1528). Costantinopoli. Süleyman
I a Hüsrev, sangiacco di Bosnia, e al cadì di Scardona.
Italiano; trad.
L’ambasciatore veneto [Tommaso Contarini], appena giunto alla Porta,
si è lamentato che i morlacchi, che migrano di luogo in luogo, sono
arrivati ai confini di Sebenico e Traù; in territorio veneto distruggono
oliveti, vigne e campi, inoltre fanno prigionieri e li vendono come
schiavi, agendo quindi in modo contrario a quanto stabilito nelle
capitolazioni; ancora quando gli abitanti di Sebenico si recano ai loro
mulini vengono fatti prigionieri o derubati dalla gente di Scardona; infine
anche i martolos si comportano nel medesimo modo. Il sultano ordina
che i destinatari inquisiscano in proposito e, nel caso ciò che è stato
affermato sia vero, impediscano ai morlacchi di uscire dai confini e di
agire in modo contrario alle capitolazioni, ed eventualmente risarciscano
i danni già inferti. I destinatari devono inoltre ordinare alle genti di
Scardona di non danneggiare gli abitanti di Sebenico, ritrovare e liberare
i prigionieri, rifondere il prezzo del bestiame rubato, informare la Porta
su chi non volesse obbedire, mantenere i confini già esistenti al tempo
del re d’Ungheria, e poi riconfermati congiuntamente da parte veneta e
ottomana.
2
I: 3, 20
Copia del n. 12
Italiano; camicia dei nn. 3-12.
4
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
3
I: 5, 19
Trad. del n. 4.
Italiano.
4
I: 6
3ª decade úevval 929 (2–10 settembre 1523). Accampamento di Beykoz.
Süleyman I al sangiacco di Erzegovina.
Ottomano, con tu÷ra; trad. n. 3; altra trad. DT n. 200/A; Mahmud Tayyıp Gökbilgin,
“Venedik Devlet Aúivindeki Türkçe Belgeler kolleksiyonu ve Bizimle ilgili di÷er
Belgeler,” Belgeler V-VIII/9-12 (1968-1971) 1-151, n. 100.
Il sultano rimprovera il sangiacco in quanto, nonostante il firmano del 1
muharrem 927 (12 dicembre 1520), col quale furono confermate le
capitolazioni, vengono commesse aggressioni contro i territori veneti e
catturati prigionieri. Ordina che si impedisca ai subaúı, sipahi, akıncı e
altri di commettere simili azioni e che si restituiscano i prigionieri.
5
I: 7
3ª decade úevval 929 (2–10 settembre 1523). Costantinopoli. Süleyman I
al sangiacco di Bosnia.
Ottomano, con tu÷ra.
Contenuto analogo al n. 4.
6
I: 8
2ª decade zilkade 935 (17–26 luglio 1529). «In la insula de Srem».
[Süleyman I] al sangiacco di Erzegovina e al cadì di Castelnuovo.
Italiano; trad.
Il [vice]bailo [Pietro Zen], attualmente a Costantinopoli, si è lamentato
che presso il sangiaccato di Erzegovina vi siano dei luoghi di antico
possesso veneto oggi aggrediti da voivoda, sipahi e altri. Il sultano
ordina ai destinatari di controllare se ciò corrisponda a verità ed
eventualmente di impedire simili azioni contrarie alle capitolazioni.
Inoltre essi devono fare un’inchiesta a Pogliza, in quanto sembra che gli
abitanti di quel luogo possiedano terre che sono invece sotto il dominio
veneziano, ed eventualmente punire quanti non vorranno obbedire ai loro
ordini in proposito.
7
I: 9
Copia del n. 8.
Ottomano.
8
I: 10
Senza data [1 luglio 1531]. Arz alla Porta del cadì di Scardona, Abd elKerim.
FILZA I
5
Ottomano, con sigillo sul verso; copia n. 7; altra copia (solo l’inizio) n. 22;
Gökbilgin, “Venedik”, n. 106.
Il cadì ha ricevuto, assieme al sangiacco di Bosnia, Hüsrev, un firmano
con l’ordine di effettuare personalmente un’inchiesta circa le lamentele
dei veneziani per aggressioni dei morlacchi (eflâk) ai confini di Sebenico
e di Traù. Durante l’inchiesta i veneziani, che hanno a sostegno dei loro
diritti solo delle scritture di infedeli, indicarono come confini di Traù:
«Triloqva», Radošiü e «SuhқƯdǀl»; come confini di Sebenico: «Sitni÷»,
Nevest, la «Silišta» di «DƯvƯnƯk», «ZƝnƯk» (trad. «Zenich») e Kolivrad,
fino ai fiumi «PǀleškƯhқ» e Cherca. I veneziani pretendono che tutto
quanto si trova in questi confini appartenga a loro e rivendicano 70/80
villaggi, con le loro dipendenze. I musulmani bene informati hanno detto
che tali località furono conquistate con la spada durante la guerra e
rimasero a lungo deserte. In seguito furono assegnate in mukataa,
vennero popolate e furono registrate (kayd) per le decime (öúr) e il
haraç. Vi si sono stabiliti molti sudditi ottomani e furono date in tımar a
sipahi e hisar eri. Si attendono disposizioni in merito.
9
I: 11
Trad. del n. 69.
Italiano.
10
I: 13-14
4 febbraio 949 [egira (1543)]. Hayreddin Barbarossa al doge [Pietro
Lando] e alla Signoria.
Italiano; con sigillo turco.
Hayreddin chiede la grazia per un parente del suo kapıa÷ası, Cafer agà,
di nome Daniele Squarzafiga, e del «suo compare» Domenico, banditi
per cinque anni dalla Repubblica.
I: 15/A
11/A
Senza data. Il sangiacco di Bosnia, Hüsrev, al capitano in Dalmazia.
Italiano; trad.
Il sangiacco chiede che venga trasmessa a Venezia la sua lettera diretta al
doge (cfr. n. 11/B), scritta ad istanza del voivoda Murad.
I: 15/B
11/B
Senza data. Il sangiacco di Bosnia, Hüsrev, al doge.
Italiano; trad.
Il sangiacco, ad istanza del voivoda Murad, chiede vengano condonati i
tre anni che restano, sui quattro di bando, comminati a Doimo Batistich,
o da Gubbio («Augubio»), dal conte di Spalato.
6
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
12
I: 16-17
7 luglio 1531. Elenco.
Italiano; copia n. 2.
Scritture (1258–prima metà XVI sec.) relative ai confini tra la Dalmazia e
la Bosnia consegnate al segretario Daniele de’ Ludovici, incaricato di
recarsi presso il sangiacco di Bosnia con il capitano di Zara, Vincenzo
Zancani. Le stesse furono consegnate, il 12 luglio 1542, dal cancellier
grande Andrea Franceschi al segretario Giacomo dalla Vedova e da
questi restituite in cancelleria il 12 gennaio 1543 m.v. (1544).
13
I: 21, 23
Trad. del n. 14.
Italiano.
14
I: 22
2ª decade úevval 929 (23 agosto–1 settembre 1523). Costantinopoli.
Süleyman I al sangiacco di Erzegovina e al cadì di Mostar.
Ottomano, con tu÷ra; trad. n. 13; altra trad. DT n. 199; Gökbilgin, “Venedik”, n.101.
Il sultano ordina che i mulini di Scardona e Sebenico, già dati in mülk al
visir Ahmed pascià, siano restituiti ai veneziani, ai quali un tempo
appartenevano.
15
I: 24, 26
Trad. del n. 16.
Italiano.
16
I: 25
2ª decade safer 954 (2–11 aprile 1547). Adrianopoli. Süleyman I al doge
[Francesco Donà] e Signoria
Ottomano, con tu÷ra; trad. n. 15; altra n. 380/D. Commemoriali,
Gökbilgin, “Venedik”, n. 104.
XXII,
n. 134;
Il sultano aveva già scritto al doge di fornire muratori (benna), falegnami
(neccar), operai (ırgat) e viveri per la riparazione della fortezza di Nadin.
Il sangiacco di Erzegovina, Hızır, si è lamentato di non aver ancora avuto
nulla e che i lavori sono stati per questo sospesi. Il sultano sollecita
quindi di provvedere a fornire quanto richiesto.
17
I: 27
1 luglio [1523 a tergo delle trad.]. Il visir, Ahmed pascià, al doge Andrea
Gritti.
Greco; trad. n. 39; altra trad. DT n. 198.
Ricevuta la lettera del doge, che lamentava le incursioni in territorio
veneto arrecate da suo fratello, già sangiacco di Erzegovina, lo scrivente
FILZA I
7
afferma che causa di tutto ciò è da ricercare nel fatto che gli abitanti dei
villaggi già presi dagli ungheresi, cioè Scardona, Zini («Tzuni») e
«Nirkora», si erano rifugiati in territorio veneto, avevano rubato 15.000
pecore del pascià e inferto danni ai territori turchi. Il pascià aveva inviato
più volte suoi uomini al doge con lettere per lamentare tale fatto, ma
quello si era scusato col dire che i colpevoli erano ungheresi, mentre il
responsabile in realtà era lui. Lo scrivente lamenta ancora che in passato
un voivoda era fuggito a Zara con 80.000 aspri, dove potè restare
protetto dai veneziani, nonostante le richieste avanzate da parte turca con
un messo; neppure il denaro sottratto era stato restituito. Malgrado tali
fatti il pascià sostituì il sangiacco, affinché il doge non dicesse che egli lo
proteggeva in quanto era suo fratello. Al successore ha raccomandato
che, pena la vita, si astenesse dall’aggredire i veneziani e contravvenisse
così alle capitolazioni. Quanto ai mulini, che il doge nella sua lettera
sostiene appartengano ai veneziani, lo scrivente afferma che essi,
secondo la testimonianza di cristiani e di musulmani del luogo, tra cui
l’agà çavuúbaúı, erano un tempo in possesso degli ungheresi e pertanto,
secondo la legge musulmana, spettano ai turchi poiché tutte le terre entro
i confini di un castello conquistato appartengono a coloro che l’hanno
preso. Tuttavia il pascià è disposto a cedere i mulini in cambio di una
somma di denaro. Conferma che vi sarà amicizia se i veneziani
restituiranno il voivoda fuggito e se si raggiungerà l’accordo per la
questione dei mulini. Assicura la propria protezione al bailo e agli
interessi veneti.
18
I: 28-29
Senza data (trad. 1 luglio 1531). Il cadì di Scardona, Hüsrev, al sultano
[Süleyman I].
Italiano; trad.
Poiché l’ambasciatore di Venezia si è lamentato alla Porta che i
morlacchi di Traù e Sebenico passano il confine e recano danni al
territorio veneto, lo scrivente comunica che i paesi nelle zone di
Sebenico e Traù, dove avvengono tali fatti, sono in territorio ottomano
perché conquistati con la spada, abbandonati dagli abitanti, poi ripopolati
e quindi sottoposti alla decima e haraç.
19
I: 30
3ª decade zilhicce 936 (15–24 agosto 1530). Costantinopoli. Süleyman I
a Hüsrev, sangiacco di Bosnia.
Ottomano, con tu÷ra; trad. n. 21; altra trad. DT n. 252; Gökbilgin, “Venedik”, n. 102.
Il sultano rinnova, a richiesta dell’ambasciatore veneto [Tommaso
Mocenigo], l’ordine di eseguire un’inchiesta (teftiú) relativamente agli
antichi confini veneto-ungheresi.
8
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
20
I: 31
«Comandamento ad sanzacho de Bosnia che sia miso i confini; con altro
comandamento […] comprise da carta 1 a carta 24.»
Italiano; camicia.
21
I: 32-33
Trad. del n. 19.
Italiano.
22
I: 34
Copia del n. 8 (solo l’inizio).
Ottomano.
23
I: 35
30 giugno 1531. Kolivrad. Il sangiacco di Bosnia, Hüsrev, al doge
[Andrea Gritti].
Italiano; trad.
Lo scrivente comunica che dall’inchiesta eseguita sui luoghi di confine
riscontrò che i villaggi e i contadi occupati dai turchi, ma rivendicati dai
veneziani, appartengono effettivamente a questi. Non potrà tuttavia
effettuarne la restituzione senza ordine del sultano.
24
I: 36
«Comandamento al sanzacho de Bosina per i confini et per i Martolosi et
item i Morlachi che se a chaso fose fato sacexi, over preson, fose
restitution comprise da carte 1 a carte 24.»
Italiano; camicia.
25
I: 37
2ª decade zilhicce 935 (16–25 agosto 1529). «In la scala di Sron».
Süleyman I al sangiacco di Bosnia.
Italiano; trad.
Il bailo veneto presentò arz in cui si affermava che dal sangiaccato di
Bosnia si molestavano le terre venete, in opposizione alle capitolazioni di
pace. Il sultano ordina al sangiacco di intervenire con un’inchiesta e
porre fine a simili episodi.
26
I: 38
«Comandamento del Signor Turco al sanzaco del Ducato [Erzegovina],
et al cadì di Mostar, in materia della villa Calevrat, posta tra Sybenico et
Scardona.»
Italiano; camicia del n. 27.
FILZA I
9
27
I: 39
2ª decade úevval 931 (1–10 agosto 1525). Costantinopoli. Süleyman I al
sangiacco di Erzegovina e al cadì di Mostar.
Ottomano, con tu÷ra; trad. nn. 33-34; Gökbilgin, “Venedik”, n. 105.
Il bailo veneto ha affermato che la città di Kolivrad appartiene ai
veneziani che la posseggono da cento anni, in base a un istrumento di
accordo concluso per essa col re d’Ungheria. Il sultano ordina di
accertare la verità di tale pretesa e, se giusta, di impedire le aggressioni
che si potrebbero verificare a danno dei veneziani.
28
I: 40-42, 49
Senza data [settembre 1599]. Venezia. Ducale ai baili [Girolamo
Cappello e Vincenzo Gradenigo].
Italiano; copia.
Come riferito nella lettera dei baili del 4 settembre, l’ex gran visir
Mehmed Cerrah fece dire al bailo Cappello di essere ben disposto verso
Venezia. Il Senato, assieme alla Signoria, ordina che, se costui fosse
nuovamente nominato gran visir, o in altra favorevole occasione, i baili
sostengano che mai la Repubbica mancò alla parola data, come invece
fece Selim II che, dopo aver giurato la pace, mosse alla conquista di
Cipro e di piazze della Dalmazia, luoghi oggi per lo più incolti, disabitati
e usati come basi dagli uscocchi; sarebbe perciò opportuno che tali
territori fossero restituiti a Venezia che sarebbe per essi disposta a pagare
una pensione annua, come già si faceva un tempo per Cipro, allo stato
ottomano e una contribuzione straordinaria a Mehmed, o a qualsiasi altro
ministro si attivasse affinché la questione avesse buon esito.
29
I: 43-48
4 marzo 1586–16 novembre 1589. Elenco di documenti con regesti.
Italiano.
Documenti relativi alla richiesta di restituzione di un giovane e di vari
zambelotti rubati dagli uscocchi vicino alla gabella di Narenta, avanzata
alla Repubblica dall’«emir degli zambelotti» [Seyyid Abdi], che per tale
scopo inviò anche un çavuú a Venezia.
30
I: 50-53
19 febbraio 1587 m.v. (1588)–20 dicembre 1589. Elenco di documenti
con regesti.
Italiano.
Documenti relativi al credito vantato dall’«emir degli zambelotti»,
Seyyid Abdi çelebi, nei confronti del fu Giovanni di Bonaventura per 32
tavole di zambelotti, da questi acquistate nel 1586 per 6.576 ducati, di cui
10
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
ne furono versati al momento solo 1.505. Alla fine l’elenco dei creditori
di Bonaventura: Bernardo Giustiniani, già risarcito di 1.954 ducati;
Hüseyin turco, rappresentato da Filippo Emanuel, cui si devono 300
ducati; Mustafa çelebi turco, rappresentato da Filippo Emanuel, cui si
devono 763 ducati; Pietro Trevisan, cui si devono 1.013 ducati; Pietro
armeno, rappresentato da Benedetto Beltrame, cui si devono 2.000
ducati; Mustafa çelebi da Ankara, che ha appena lasciato Venezia, cui si
devono 850 ducati, oltre a un altro credito di cui non si conosce
l’importo.
31
I: 54-55, 68-69
Ante 16 febbraio 1585 m.v. (1586)– 10 dicembre 1590. Elenco di
documenti con regesti.
Italiano; camicia dei nn. 32-36.
Documenti relativi alla richiesta di restituzione di effetti rubati dagli
uscocchi vicino alla gabella di Narenta, avanzata alla Repubblica
dall’«emir degli zambelotti» [Seyyid Abdi].
I: 56-57
c. 32/A
24 zilkade 998 (24 settembre 1590). Hüccet.
32/A
Italiano; trad. Commemoriali, XXV, n. 46.
Il çavuú della Porta, Seyyid Abdi b. Seyyid Ahmed, dichiara alla
presenza di Marcantonio Borissi, di recedere da ogni precedente istanza
di rimborso da lui avanzata nei riguardi dei veneziani per essere stato
derubato presso Narenta dagli uscocchi di Segna, riconoscendo che la
Repubblica, in base alle capitolazioni, non è tenuta al risarcimento di tali
danni. Recede altresì da quanto da lui reclamato nei confronti del defunto
Giovanni Bonaventura, morto nel mese di zilkade dell’anno 993
(ottobre–novembre 1585). Testimoni: Mehmed b. øslâm «Antistite»;
Mehmed çelebi b. Yusuf; Hasan b. Abdullah, müezzin; Musa b. Yahya
(«Chia»), çavuú; Mehmed b. Yakub; øbrahim b. Hamza; Hasan çelebi b.
Hüseyin; Sinan b. Hüseyin; Yusuf b. Abdullah; Abdülkadir b. «Azli»;
Hüseyin, scrivano e altri presenti.
c. 32/B
32/B
2ª decade receb 999 (5–14 maggio 1591). Hüccet del cadì di Galata e
Marmara, Mehmed b. Ahmed.
Italiano; trad.
Il çavuú della Porta, Seyyid Abdi b. Seyyid Ahmed, costituisce suo
procuratore Mateca [Salvago] figlio di Giovanni per riscuotere il suo
credito a Venezia dal dragomanno Michele [Membré] e dal sopracomito
FILZA I
11
di galea Pirap. Testimoni: Mehmed b. Hacı Yusuf; Mustafa b. Hasan Ali;
Mehmed b. Abdullah; Mehmed b. Mehmed; Mehmed b. Hacı Mehmed;
Hacı Bayram b. Abdullah; Mustafa b. Abdullah; Mehmed b. Abdullah e
altri presenti.
33
I: 58, 67
Trad. del n. 27.
Italiano.
34
I: 59, 66
Trad. del n. 27.
Italiano.
35
I: 60, 65
2ª decade cemaziyülevvel 938 (21–30 dicembre 1531). Costantinopoli.
Süleyman I al sangiacco di Bosnia, Hüsrev.
Italiano; trad.; Commemoriali, XXI, n. 111.
Dopo aver riportato la relazione dello stesso sangiacco [cfr. n. 21] il
sultano ordina che i territori rivendicati dai veneziani siano loro restituiti,
dopo che i sudditi ottomani che li abitano saranno stati trasferiti altrove.
I: 61-64
36/A
15 maggio 1591. Costantinopoli. Procura.
Italiano; copia, tratta dal registro degli atti del segretario veneto in Costantinopoli
Scaramelli.
Il giannizzero Ahmed b. Abdullah nomina Mateca Salvago da Pera, che
si reca a Venezia, suo procuratore per ritrovare il suo schiavo Crisvan, di
nazione russa, fattosi turco, fuggito mentre egli era in quella città.
Testimoni: Abdi çavuú emîr b. emîr Ahmed da Costantinopoli; Feridun
b. Abdullah; Nicola Brutti fu Francesco da Verona; Simon Tosi fu
Faustino da Brescia.
I: 61-64
36/B
21 maggio 1591. Vigne di Pera di Costantinopoli. Procura.
Italiano; copia, tratta dal registro degli atti del segretario veneto in Costantinopoli
Scaramelli.
Abdi çavuú emîr b. emîr Ahmed da Costantinopoli nomina Matheca
Salvago fu «Zanesino» da Pera suo procuratore per la riscossione dei
suoi crediti e recupero dei beni depredati dagli uscocchi. Testimoni:
Ahmed b. Abdullah giannizzero; Feridun b. Abdullah; Nicola Brutti fu
Francesco da Verona; Simon Tosi fu Faustino da Brescia.
12
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
36/C
I: 61-64
21 maggio 1591. Vigne di Pera di Costantinopoli. Procura.
Italiano; copia, tratta dal registro degli atti del segretario veneto in Costantinopoli
Scaramelli.
L’armeno «Xardur», a suo nome e come commesso di «Cazzadur» fu
Simone da Erzincan, della cui volontà il segretario si accertò quando era
malato di peste nella sua abitazione alla presenza dei testimoni frate
Giorgio armeno da Van e Sefer da Erzincan, nomina Mateca Salvago
procuratore per il recupero di quanto predato loro dagli uscocchi.
37
I: 70
Senza data. Il sangiacco di Erzegovina, Cafer bey, al doge.
Ottomano; copia (di mano di Girolamo Civran); trad. n. 38; Gökbilgin, “Venedik”, n.
103; Mahmut ùakiro÷lu, “Venedik Arúivi ve Kitaplıklarından Türk Tarih ve
Kültürüne Ait Kayıtlar (II),” Erdem 6/17 (Mayıs 1990) 471.
Il sangiacco riporta il contenuto di un suo arz alla Porta. Essendo sorte
delle divergenze tra l’ambasciatore veneto e il sangiacco di Bosnia circa
le fortezze di Buçaç, Rastine, Velin e Sica («Siqa»), gli fu ordinato di
aprire un’inchiesta che eseguì assieme al commissario veneto, Vincenzo
Zancani. Rilevò che Buçaç è una torre (burguz), dipendente da Spalato,
di fronte a Clissa, senza presidio e in rovina; Sica è una casa merlata,
costruita a difesa della vicina salina, sulla costa, in rovina e senza
presidio; «ZƗstine» (sic), che dipende da Sebenico, è una casa in un
oliveto, abitata dal proprietario; Velin è una torre presso la fortezza mîrî
di Estrovik. Detti luoghi, durante la guerra, furono occupati dai turchi,
che però non vi posero presidio. In seguito a Velin entrarono quindici
soldati veneti.
38
I: 71
Trad del n. 37 (parziale).
Italiano.
39
I: 72-73
Trad. del n. 17.
Italiano.
40
I: 74, 110
«Alcuni cozetti.»
Italiano; camicia dei nn. 41-61.
41
I: 75, 109
Trad. (Andrea Negroni) del n. 42.
Italiano.
FILZA I
13
42
I: 76
2ª decade muharrem 977 (26 giugno–5 luglio 1569). Selim II ai cadì da
Venezia a Costantinopoli.
Ottomano, con tu÷ra; trad. n. 41; sbiadito dall’umidità.
Salvacondotto per l’infedele Grazia che, con un suo arz, ha chiesto di
poter recarsi da Venezia a Costantinopoli con un figlio senza essere
molestata durante il viaggio.
43
I: 77, 108
Trad. (Andrea Negroni) del n. 44.
Italiano.
44
I: 78
3ª decade zilkade 993 (14–23 novembre 1585). Murad III ai cadì da
Ragusa a Costantinopoli.
Ottomano, con tu÷ra; trad. n. 43; sbiadito dall’umidità.
Salvacondotto per Mosè Sarafati, proveniente dal Portogallo, che, a
mezzo di un suo agente, ha comunicato la sua intenzione di divenire
suddito della Porta (haracgüzar), portando con sé i suoi beni e la sua
famiglia.
45
I: 79, 107
Trad. (Andrea Negroni) del n. 47.
Italiano
46
I: 80, 106
Senza data [1585]. Il falconiere al sangiacco di Erzegovina, Mehmed
(indirizzo a tergo).
Ottomano sbiadito dall’umidità.
Raccomanda il nipote Giacobbe Sarafati, che va a prendere il padre e la
famiglia e chiede gli si invii una serva infedele (gâvur) mancando egli,
ormai vecchio, di servitori.
47
I: 81
Senza data [1585]. Lettera di Selim (dal sigillo) al figlio sangiacco [di
Erzegovina, Mehmed (cfr. n. 46)].
Ottomano, con sigillo sul recto; trad. n. 45; sbiadito dall’umidità.
Raccomanda il figlio del fratello del suo falconiere, di nome Giacobbe
Sarafati, che si reca a Ragusa a prendere il padre e la famiglia.
48
I: 82, 105
Trad. (Andrea Negroni) del n. 49.
Italiano.
14
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
49
I: 83, 104
Senza data [1585]. Il gran visir Mesih al cadì di Beypazarı.
Ottomano, con sigillo sul recto; trad. n. 48; sbiadito dall’umidità.
Raccomanda l’hoca franco (frenk) Giacobbe Sarafati, che si reca in
quella località.
50
I: 84, 103
Trad. (Andrea Negroni) del n. 51.
Italiano
51
I: 85, 102
3ª decade úaban 1000 (2–10 giugno 1592). Costantinopoli. Il gran visir,
Siyavuú pascià, alla Signoria.
Ottomano, con sigillo sul recto; trad. n. 50; sbiadito dall’umidità.
Raccomanda Giacobbe Sarafati.
52
I: 86, 101
«Cozetti nº 6.»
Italiano; camicia dei nn. 53-61.
53
I: 87, 100
Senza data [1585]. Lettera (senza sottoscrizione) al rettore (dôj) di
Ragusa.
Ottomano, con sigillo sul recto; sbiadito dall’umidità.
Raccomanda Mosé Sarafati, che deve recarsi a Costantinopoli.
54
I: 88, 99
Trad. del n. 55.
Italiano.
55
I: 89
Senza data [1590]. Elenco [di quanto lasciato dal defunto Dâlyân, franco,
cfr. n. 60] con l’autentica del cadì di Sofia, Mehmed.
Ottomano, con sigillo sul recto; trad. n. 54; sbiadito dall’umidità.
Il defunto ha lasciato vestiti e stivali per un totale di 400 aspri, di cui ne
sono stati spesi 100; ne avanzano quindi 300.
56
I: 90, 98
Trad. del n. 57.
Italiano.
FILZA I
15
57
I: 91
8 zilkade 993 (1 novembre 1585). Hüccet del cadì di Costantinopoli,
Hüseyin b. Mehmed.
Ottomano, con sigillo sul recto; trad. n. 56; sbiadito dall’umidità.
L’ebreo Salomone figlio di Giuseppe della comunità (cemaat)
«Sinynjra», in seguito a richiesta dell’ebreo franco Giacobbe Sarafati,
figlio di Mosé, conferma una sua precedente garanzia per la somma di
236.550 aspri, prestati da Giacobbe all’ebreo Giosué (trad. «Jason»)
Forti; garanzia data nel caso che, come è avvenuto, il debitore si
assentasse. Testimoni: Ali b. Mürsel, Hasan b. Hamza, Mehmed b.
Ahmed, Hacı øbrahim b. Hüseyin, Mehmed b. ùaban e altri.
58
I: 92, 97
Camicia dei nn. 59-61.
59
I: 93
Senza data [1585 circa]. Lettera (senza sottoscrizione) e senza
destinatario.
Ottomano, con sigillo sul recto; sbiadito dall’umidità.
Raccomanda il franco zimmi Giacobbe Sarafati che è al suo servizio.
60
I: 94
29 zilhicce 998 (29 ottobre 1590). Sentenza del cadì di Sofia, Mehmed.
Ottomano, con sigillo sul recto; sbiadito dall’umidità.
L’ebreo [***] di Sofia ha chiesto, in qualità di emanet che gli venisse
consegnata la metà delle sostanze (comuni) appartenenti al franco
DƗlyƗn, socio dell’ebreo Giacobbe e morto presso di questi. Giacobbe, di
cui si accoglie la tesi, ha sostenuto che il defunto era suo servitore e non
possedeva nulla tranne quanto indossava (cfr. n. 55).
61
I: 95-96
Senza data [1585 circa]; post 987 (data nel sigillo) (28 febbraio 1579 - 16
febbraio 1580). Lettera senza sottoscrizione (Ahmed sul sigillo, molto
sbiadito) e senza destinatario.
Ottomano, con sigillo sul recto; sbiadito dall’umidità.
Raccomanda un ebreo suo antico servitore [Giacobbe Sarafati].
16
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
4 February 949/1543. The Great Admiral Hayreddin Barbarossa to the Doge.
ASVe, Lettere e scritture turchesche, filza 1, No. 5
FILZA II
Rilegatura in pergamena. Sul dorso: «No II Lettere diverse del Signor Turco,
bassà et altri 1530 fin 1569. A / NO 2 Depeschen Verschiedene Gesendten zu
Constantinopel 1530–1569 / 2 / 21/180».
62
II: 1-2
«Lettere diverse del Signor Turco, bassà et altri 1530, 1540, 1546, 1550,
1556 sole, 1557 fin 1569.»
Italiano; camicia.
63
II: 3-4
«Turchi per confini de Dalmatia et per sal. 1530.»
Italiano; camicia.
64
II: 5
2ª decade safer 952 (24 aprile–3 maggio 1545; trad. 26 aprile).
Adrianopoli. Süleyman I al doge [Pietro Lando].
Ottomano, con tu÷ra; trad. n. 71; Gökbilgin, “Venedik”, n. 108.
Il sangiacco di Bosnia, Ulama, e il sangiacco di Clissa, Mehmed, hanno
scritto per informarlo delle seguenti lamentele dei musulmani e hisar eri
di Karin, Nadin e Vrana: alcuni infedeli franchi venuti dal mare, assieme
agli infedeli di Segna, presso Novi, saccheggiarono un villaggio vakf di
Hüsrev bey di circa settanta case, uccidendo venti persone e facendone
prigioniere cento e quaranta; razziarono anche ottocento buoi,
duecentocinquanta cavalli e più di tre mila pecore e, d’accordo con la
gente di Novi, trasportarono il bottino per mare, attraverso lo stretto di
Novi. Inoltre, dopo che Hüsrev bey conquistò le fortezze di Karin, Nadin
e Vrana, con le dipendenze nei loro antichi confini, le terre attorno
rimasero abbandonate per qualche tempo finché venne il kƗtib della
provincia che le assegnò ai reclamanti con tapu e mukataa, registrandole
nel defter; furono anche concesse delle terre come tımar ai sipahi.
Conclusa la pace, gli infedeli si sono impadroniti di dette terre e non
mancano di arrecare danni, per cui i reclamanti minacciano di
abbandonare le fortezze qualora non venga fatta loro giustizia. Da
un’ispezione tali lamentele sono risultate giustificate, per cui i
sangiacchi, con il cadì di Scardona ed i notabili delle provincie, recatisi
sul posto, hanno fissato, secondo la tradizione, i confini di Karin, Nadin
e Vrana.
18
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
Il sultano comunica che, per impedire siffatti sconfinamenti, è stato
ordinato al sangiacco di Clissa di risiedere presso le dette fortezze. È
stato altresì comandato ai suddetti sangiacchi, ai cadì delle provincie, ai
dizdar e ai hisar eri di non commettere aggressioni in territorio veneto.
Da parte sua il doge ordini ai suoi sudditi di non sconfinare e di
cooperare alla punizione dei malfattori.
65
II: 6
«1534. Adì 8 de avosto. Per deliberation del Senato del presente giorno
sono mandati al magnifico proveditor general in Dalmatia il cozetto del
sanzacco di Bosnia Cosrev bey et il commandamento (cfr. n. 16) del
Signor Turco delli confini di Dalmatia per mandarli a mostrare al
sanzaco di Bossina Micalbegogli et qui sonno le traductione et la lettera
che Cosrev bey scrisse alla illustrissima Signoria cum la traductione di
essa. 1542, 6 septembris. Vide chirographum Phoebo Capello, de
consignatione autenticarum litterarum illi facta fuit».
Italiano; camicia.
66
II: 7
3ª decade ramazan 937 (8–17 maggio 1531). Costantinopoli. Süleyman I
al doge [Andrea Gritti].
Ottomano, con tu÷ra miniata in oro e blu; trad. n. 67; Gökbilgin, “Venedik”, n. 109.
Il sultano chiede che il doge impedisca ai veneziani di intralciare
l’attività delle fuste (kayık) adibite alla custodia della fortezza di
Obrovazzo, in Bosnia.
67
II: 8
Trad. del n. 66.
Italiano.
68
II: 9
«Ricevuta. Copia del arz del sanzaco de Bossina de ultimo zugno 1531.
Z signata.»
Italiano; camicia del n. 69.
69
II: 10
Senza data [ricevuta 30 giugno 1531]. Arz alla Porta del sangiacco di
Bosnia, Hüsrev.
Ottomano, con sigillo sul verso; copia n. 70; trad. nn. 9, 380/C. Commemoriali,
n. 110; Gökbilgin, “Venedik”, n. 110.
XXI,
Dall’inchiesta, effettuata per ordine del sultano ai confini veneti, risulta
che le terre rivendicate dai veneziani spettano loro. Segue l’indicazione
dei confini, come al n. 8 (tranne «ZetnƯk» per «ZenƯk» e «Pǀliškiþa» per
FILZA II
19
«Pǀleškîhқ»). Dette terre furono date prima in mukataa, ma l’anno
precedente gli emini del paese (el eminleri) annotarono in un nuovo libro
(defter-i cedid) la popolazione per il haraç e le altre cizye (sic) e furono
distribuiti tımar ai sipahi e hisar eri, che hanno ricevuto i loro berat.
Occorrerà quindi, per la restituzione, che vengano date istruzioni dalla
Porta.
70
II: 11
Copia del n. 69.
Ottomano.
71
II: 12-13
Trad. del n. 64.
Italiano.
72
II: 14
3ª decade úaban 934 (11–19 maggio 1528). Costantinopoli. Süleyman I
al sangiacco di Erzegovina e al cadì di Scardona (ottenuto da Pietro Zen).
Italiano; trad.
Poiché il bailo si è lamentato che gente di Scardona cattura uomini dei
casali veneziani e poi li vende come schiavi, rifiutandosi di restituirli, e
inoltre che i morlacchi fanno pascolare i loro armenti nel territorio di
Sebenico, danneggiando quella terra e infastidendo la popolazione, il
sultano ordina di reprimere tali comportamenti.
73
II: 15
Trad. del n. 76.
Italiano.
74
II: 16, 22
Trad. del n. 75.
Italiano.
75
II: 17
3ª decade zilhicce 936 (16–24 agosto 1530). Costantinopoli. Süleyman I
al sangiacco di Bosnia.
Ottomano, con tu÷ra; trad. n. 74; Gökbilgin, “Venedik”, n. 111.
In seguito a lamentele dell’ambasciatore veneto, il sultano ordina, nel
rispetto delle capitolazioni, di impedire a martolos, azeb e akıncı, e altri
del sangiaccato di Bosnia, di commettere aggressioni contro il territorio
veneto e di costringere a restituire gli uomini catturati che non si siano
convertiti all’islam.
20
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
76
II: 18
3ª decade ramazan 937 (8–17 maggio 1531). Costantinopoli. Süleyman I
al doge [Andrea Gritti].
Ottomano, con tu÷ra in oro, nero e blu; trad. n. 73; Gökbilgin, “Venedik”, n. 112.
Essendo probabile che navigli nemici cerchino di ostacolare la
costruzione della fortezza di Solin («SǀlinƯ»), che è situata nel
sangiaccato di Bosnia in luogo deserto e pericoloso presso scali veneti, il
sultano chiede che i veneziani assumano la difesa della gente adibita ai
lavori.
77
II: 19
15 safer 937 (8 ottobre 1530). Süleyman I al cadì di Scardona.
Italiano; trad.; altra trad. DT n. 258. Sull’originale le sottoscrizioni dei [defterdar]
øskender, Mahmud e Ahmed.
L’emin di Scardona, che ebbe ordine di riscuotere la tassa sul sale
venduto a Spalato, avrebbe intenzione di risiedere in quella città; a
richiesta dei custodi di essa il sultano ordina che l’emin o un suo agente
rimangano nel borgo, fuori della città.
78
II: 20-21
Senza data (in lettere al bailo del 21 luglio [1531]). Nota.
Italiano.
Descrizione della linea di confine per Sebenico, Traù e Spalato (segnata
in più luoghi con croci e un segno a forma di ferro di cavallo).
79
II: 23, 26
«Informatione del bailo in Constantinopoli, ser Alvise Badoer, al
Capitano Generale da Mar ser Tommaso Mocenigo. In materia de
comandamenti per Napoli e Malvasia. 1540. »
Italiano; camicia del n. 80.
80/A
II: 24-25/A
6 ottobre 1540. [Costantinopoli]. Il bailo, Alvise Badoer, al capitano
generale da Mar, Tommaso Mocenigo.
Italiano; copia.
Lo scrivente allega la traduzione seguente del documento imperiale,
sottolineando che in esso si fa menzione del numero delle galee e dei
giorni a disposizione [per evacuare le località ormai in mano turca].
II: 24-25/B
80/B
3ª decade cemaziyülevvel 947 (23 settembre–2 ottobre 1540). Süleyman I
ai signori e agli anziani di Nauplia.
Italiano; trad.; copia.
FILZA II
21
Poiché il castello di Nauplia deve essere consegnato dai veneziani alla
Porta, dopo che ne saranno asportati gli armamenti, è stato ordinato a
Kasım pascià, presso il quale anche l’ambasciatore del doge ha inviato
un suo rappresentante, il seguente ordine: si permetta che la popolazione
possa lasciare liberamente Nauplia oppure restarvi; che chi resta non
venga molestato nelle persone e nei beni; che i giannizzeri non tolgano
loro nulla; che siano esenti dalle tasse della corte imperiale e dalle avanie
criminali; che siano rispettati i loro preti, frati e le loro chiese; che
nessuno li costringa a convertirsi all’Islam. Dopo che i veneziani avranno
tolto le artiglierie le navi restino in porto per dieci o quindici giorni, fin
tanto che non siano state messe le artiglierie e gli uomini della Porta.
81
II: 27, 30
«Tradutioni di istrumento fatto per saline sotto Clissa. 1546.»
Italiano; camicia del n. 82.
82
II: 28-29
1ª decade rebiyülevvel 953 (2–11 maggio 1546). Berat di Süleyman I.
Italiano; trad.
Si conferma la concessione a Rüstem pascià delle saline rovinate che si
trovano presso Clissa e presso il castello di Sitta, in base ai confini
stabiliti con segnali dai cadì di Scardona e Novi Pazar che, come loro
ordinato, dopo essere stati sui luoghi con persone pratiche di quelli
hanno emesso hüccet e arz in proposito. I confini delle saline rovinate
sono i seguenti: dall’acque di Deimo al Pontesecco, da una parte sino al
castello di Longarico e poi, seguendo l’acqua della Salona, fino al mare;
dal castello rovinato di Vraniz, attraverso alcune possessioni, sino al
castello rovinato di Sitta; da lì al confine di Pogliza; da lì a Sarnorcizza e
alla strada comune; di lì sotto «Lulosc» a Gornizza; da lì al fiume secco e
al mare.
83
II: 31, 34
«Lettera del Senato a Mehemet Bei di Buda del 1550.»
Italiano; camicia del n. 84.
84
II: 32-33
[18 febbraio 1550 m.v. (1551)]. [Venezia], in Senato.
Italiano; copia.
Il Senato ricorda a Mehmed bey, capitano di Buda, l’amicizia avuta con
suo padre, Murad bey, e ringrazia per la lettera e i due cavalli portati da
Osman agà. Quanto alla richiesta, già presentatata una prima volta l’anno
precedente, di gratificare suo cugino don Antonio da Sebenico con
alcune entrate già godute dallo zio abate, si darà ordine di soddisfarlo nel
22
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
miglior modo possibile, nonostante quelle rendite siano già godute da
altri. Il Senato invia infine, tramite Osman agà, cinque vesti di velluto,
raso, damasco e tabì, e ordina alle Rason Vecchie di spendere 200 ducati,
in cui è compreso il ricavato dalla vendita dei cavalli, per le sopradette
vesti e per l’ospitalità e i doni a Osman agà, così come fu fatto la volta
precedente in cui Mehmed bey inviò un suo uomo a Venezia. De parte (a
favore) 151; de non (contrari) 0; non sinceri (astenuti) 2.
85
II: 35, 37
«Comandameto del Signor Turco al bassà di Tripoli Tragut per
restitutione di 3. putti, e robbe tolte da corsari a nave venetiana. 1556.»
Italiano; camicia del n. 86.
86
II: 36
2ª decade rebiyülevvel 964 (12–21 gennaio 1557). Costantinopli.
Süleyman I al beylerbeyi di Tripoli, Turgud.
Ottomano, con tu÷ra; Gökbilgin, “Venedik”, n. 113.
Il sultano ordina che vengano liberati i tre fanciulli di undici anni, di cui
uno appartenente alla nobile famiglia Zane («nǀbili de qƗ ZƗnƯ») catturati
assieme alle merci sulla nave «VƯnǀlƗ» (Vianuola), in viaggio verso a
Malta, e convertitisi all’islam. Il bailo veneto si è lamentato
dell’accaduto, richiamandosi alle capitolazioni. Infine il sultano
conferma il divieto di fornire granaglie (tereke).
87
II: 38, 45
«Lettera del Signor Turco. In materia di distrugger la Torre di Papali a
Spalato, di malfattori, de savoni depredati dal Capitano di Rhodi e salvati
in Candia et di creditori al Priuli morto, et cetera. Di recapito di corsari
in Candia, et cetera. 1557.»
Italiano; camicia dei nn. 88-91.
88
II: 39, 44
Senza data (trad. 25 novembre 1557). Adrianopoli. Süleyman I al doge
[Lorenzo Priuli].
Italiano; trad. (Michele Membré).
È giunta la lettera di risposta di cui al n. 90, con la conferma
dell’amicizia. Il sultano, che pure vuole il mantenimento dei buoni
rapporti, comunica che mercanti ed autorità turche si lamentano che i
rettori di Candia aiutino i corsari; insiste per la demolizione della torre di
Papali e del castello presso Spalato, per la consegna dei malfattori del
naviglio dei saponi, che si trovano ora a Candia, nonché degli schiavi
fuggitivi del capitano [beylerbeyi delle isole Sinan pascià, cfr. 91],
Termina chiedendo che siano inviati alla Porta i denari del defunto Priuli,
FILZA II
23
e precisamente 300.000 aspri dovutigli dal fratello, 1.080 ducati dai
Dolfin, suoi compagni per conto di allumi, e altri 2.500 ducati.
89
II: 40-41
1555–1558. Elenco di lettere del sultano e del bailo.
Italiano.
90
II: 42
Senza data (1557). [Süleyman I] al doge [Lorenzo Priuli].
Ottomano; copia parziale; Gökbilgin, “Venedik”, n. 114.
Il sultano notifica quanto segue: a) Il sangiacco di Clissa, Malkoç, il cadì
di «VƯtgrƗd» e il nazır delle mukataa hanno esposto che era stato
precedentemente ordinato dal sultano che venisse demolito il castello
(«qaštel») «PƗpƗlƯk», tra le saline di «Senye» e «BƗliƥa», nel distretto di
Pogliza, presso Clissa, e il forte (hisar) costruito dagli spalatini su di una
rupe, vicino alla salina «BƗliƥa». Affermano ora che, non tenedosi alcun
conto di tale comandamento, si sia continuato nei lavori di costruzione, si
impedisca lo sfruttamento delle saline e si danneggino i possedimenti ed
i territori imperiali. Osservano che se non si provvederà alla
demolizione, le saline non daranno più utili. b) Sono giunti pure, con
lamentele contro sudditi ed ufficiali veneti, altri arz, che si inviano in
copia autentica, a mezzo del çavuú Ömer. Il doge deve provvedere a
quanto richiesto e riferire sulle misure adottate. Il sultano è certo che le
autorità venete proteggano gli aggressori. Si vada a fondo sulla questione
e si puniscano gli uscocchi e i malfattori (harami), altrimenti Venezia
avrà mancato ai patti. c) Il sultano ha appreso che cento musulmani
spagnoli sono stati imbarcati a Venezia, a richiesta dell’ambasciatore
spagnolo. Chiede che siano liberati e inviati alla Porta, non essendo
lecito né confacente all’amicizia trattenere persone che vogliono recarsi
in paese islamico. Essi sono venuti a Venezia appunto in considerazione
dei suoi buoni rapporti con il sultano. d) Gli abitanti di Candia si sono
rifiutati, opponendosi con le armi, di consegnare a Cafer, già bey di
Rodi, quattordici corsari fuggiti a terra dalla nave dei saponi, già da
questi catturata e presa loro dal bey. La gente di Candia compie spesso
malefatte. Si consegnino i corsari e si punisca chi li ha aiutati. e) Si
rinnova la richiesta di cui al n. 91. f) Si lamenta che le popolazioni di
Cipro e Candia soccorrano i corsari e non abbiano riguardo per i
musulmani.
91
II: 43
24 úaban 964 (22 giugno 1557). [Süleyman I] al doge [Lorenzo Priuli].
Ottomano; copia parziale; Gökbilgin, “Venedik”, n. 115.
24
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
Il sultano chiede la restituzione di ventidue schiavi, di cui invia l’elenco,
appartenenti al defunto Sinan pascià, beylerbeyi delle isole (=grande
ammiraglio), fuggiti con una fregata a Candia e protetti e liberati dalle
autorità locali, benché alcuni mercanti musulmani avessero reso nota la
loro origine. Diciannove di essi erano infedeli e tre musulmani che poi
rinnegarono.
92
II: 46, 54
«Lettera del Signor Turco. In materia de schiavi nella galea Capitano ser
Antonio Bragadin che in Cipro have messo a sacco il Tesoro del Cairo
ivi naufragato con un vassello. Che li Cipriotti fano dano ne’ suoi paesi.
Che siano liberati i schiavi et in materia del navilio de savoni. 1558.»
Italiano; camicia del n. 93.
93
II: 47-48, 52-53
Trad. (Michele Membré) del n. 95 (errata in più punti).
Italiano.
94
II: 49, 51
1557–1558. Elenco di lettere del sultano [Süleyman I] e del bailo.
Italiano.
95
II: 50
1ª decade úaban 965 (19–28 maggio 1558). Costantinopoli. Süleyman I
al doge [Lorenzo Priuli].
Ottomano, tu÷ra in oro; trad. n. 93; Gökbilgin, “Venedik”, n. 116.
Il cadì di Tripoli [di Siria] ha esposto quanto segue. Sono giunte allo
scalo due galee grosse («šƯvƗnƯ») veneziane che hanno sbarcato poche
merci e non erano come le altre galee del genere. Esse erano
accompagnate da quattro galee che avevano a bordo dei musulmani ai
remi. A Cipro sono state portate numerosissime armi e soldati (savaúcı);
quelle navi non sarebbero venute solo per commercio. Si sono presentati
al cadì, Seyyid Mustafa, zio di certo Receb del kaza di Tiro («TƯrƝ»), e
Hacı Mansur da Tunisi, galeotti sulle navi venete. Il secondo di essi ha
affermato che sulla nave del capitano delle galee Antonio Bragadin erano
ai remi il cugino di Mansur e dei parenti a nome Anter, Ahmed e Ömer.
Sebbene fosse stato pattuito un riscatto di 50 ducati (altun) per
quest’ultimo, egli non era stato liberato. Sostennero di poter provare tali
circostanze con la testimonianza di musulmani degni di fede. Invitati [i
veneziani della galea] davanti al cadì, non vollero comparire. Si
presentarono poi Antonio Donà, capitano delle galee grosse, e Battista,
commesso del bailo, i quali però negarono. Molti musulmani hanno
invece testimoniato di aver visto alla catena sulle galee gli schiavi e di
FILZA II
25
aver parlato con loro. Inoltre un ebreo di Tripoli, a nome Abdulhak,
recatosi sulle navi venete per commerciare, con un pretesto fu trattenuto,
messo alla catena e rilasciato solo dopo cinque giorni, benché più volte
ne fosse stata chiesta la liberazione. Oltre a ciò è accaduto che mentre dei
giannizzeri (kul) dell’Egitto ritornavano dopo aver scortato il hazine
d’Egitto, le loro navi naufragassero a Cipro. Il capitano di Cipro e i suoi
uomini predarono allora le loro cose e fecero schiavi i loro servitori
(hizmetkâr). Il sultano già si è lamentato per tali fatti con varie lettere,
senza ottenere risposte soddisfacenti; ad un hükm-i hümayun inviato
l’anno precedente non fu risposto. Fa rilevare che le galee venete sono
venute a Tripoli in primavera, senza che le autorità turche fossero
avvertite, ed hanno ad esse disubbidito, dopo aver commesso delle
malefatte nello scalo. Il sultano ordina che il doge comunichi se la
presenza di galeotti turchi sulle navi venete sia o meno da lui conosciuta
e dia spiegazioni in proposito; liberi i detti galeotti, ammonisca i capitani
e riferisca dei provvedimenti presi. Chiede pure risposta a quanto fu
scritto nel ramazan 964 (28 giugno–27 luglio 1557) a proposito dei
quattordici corsari del naviglio dei saponi (cfr. n. 90).
96
II: 55, 57
«Lettera del Signor Turco. Ricerca restitutione di nave e danari tolti da
alcuni patroni di nave. 1559.»
Italiano; camicia del n. 97.
97
II: 56
3ª decade safer 969 (31 ottobre–8 novembre 1561). Costantinopoli.
Süleyman I al doge Girolamo Priuli.
Ottomano, senza tu÷ra e invocazione; trad. n. 119; Gökbilgin, “Venedik”, n. 117.
L’agà del Palazzo Ali ha prestato ai patroni zimmi greci Gianni e
Alessandro 2.600 ducati (filori). Essi si sono recati a Venezia con la nave
dell’Agà (cfr. n. 123) e non solo hanno speso il denaro, ma intendono
anche vendere la nave. Occorre che il doge renda giustizia al commesso
dell’agà, Mehmed kapıcı di corte, ed allo zimmi Giacomo da Galata, i
quali si recano a Venezia. Siano consegnati al commesso il denaro e la
nave e, se si oppongono, anche i debitori per essere condotti a
Costantinopoli.
98
II: 58, 62
«Lettera del Signor Turco. In laude de ser Marino Cavalli stato bailo et
licenza datali di partir andando un altro. 1560.»
Italiano; camicia del n. 99.
26
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
99
II: 59, 61
Trad. del n. 100.
Italiano.
100
II: 60
3ª decade zilhicce 967 (12–21 settembre 1560). Costantinopoli.
Süleyman I al doge Girolamo Priuli.
Ottomano, tu÷ra in oro; trad. n. 99.
Il sultano congeda il bailo Marino Cavalli.
101
II: 63, 70
«Lettera del bassà del Cairo in raccomandation del figliolo di Cassà
hebreo viene con mercancie. Altra in raccomandation di un altro hebreo.
1560.»
Italiano; camicia del n. 102.
102
II: 64, 67
Trad. (Michele Membré) del n. 103.
Italiano.
103
II: 65
2ª decade safer 961 (16–25 gennaio 1554). Il Cairo. Ali [beylerbeyi
d’Egitto, dalla trad. n. 102] alla Signoria.
Ottomano, con sigillo sul recto; trad. n. 102; Gökbilgin, “Venedik”, n. 119.
Ad istanza del mercante ebreo del Cairo Samuele Cohen («ŠemvƗl
KǀhƗn»), raccomanda un uomo di questi che si reca in Europa
(Frengistan) con delle merci. Occorre che il doge lo tratti così come i
veneziani sono trattati in Egitto, altrimenti mancherebbe all’ubbidienza
(ubudiyet) verso il sultano.
104
II: 66
1ª decade cemaziyülevvel 967 (29 gennaio–7 febbraio 1560). Il Cairo. Ali
[beylerbeyi d’Egitto, dalla trad. n. 105] alla Signoria.
Ottomano, con sigillo sul recto; trad. n. 105; Gökbilgin, “Venedik”, n. 120.
Ad istanza dell’ebreo Yahya figlio di Isacco, mültezim, raccomanda il di
lui fratello HқayyƯm figlio di «EmerrƗf» e il di lui commesso HқayyƯm
figlio di Israele («IsrƗyƯl») che si recano a Venezia per vendere delle
cassie («hubƗz-i šinnƯr»). Occorre che si abbia molta cura della cosa
trattandosi di merce del sultano, che non può essere venduta altrove.
105
II: 68-69
Trad. (Michele Membré) del n. 104.
Italiano.
FILZA II
27
106
II: 71-75
Regesto dei nn. 107-108.
Italiano; camicia dei nn. 107-109.
107
II: 72
Senza data (pres. 18 agosto 1561). Mehmed, nazır (di Clissa, Bosnia ed
Erzegovina, dalla trad, n. 109), al doge [Girolamo Priuli] e alla Signoria.
Ottomano, con sigillo sul verso; trad. n. 109/A; Gökbilgin, “Venedik”, n. 121.
Lo scrivente raccomanda che vengano fornite al sangiacco di Erzegovina
Haydar 1.000 kile di riso (pirinç). Il denaro è stato inviato al veneziano
Alvise Naranzer («NƗrƗnþer»).
108
II: 73
Senza data (pres. 18 agosto 1561). Mehmed, nazır, al doge [Girolamo
Priuli] e alla Signoria.
Ottomano, con sigillo sul verso; trad. n. 109/B; Gökbilgin, “Venedik”, n. 122.
Lo scrivente chiede vengano inviate 1.000 moggia di sale allo scalo di
Macarsca che ne ha necessità.
109/A II: 74/A
Trad. (Michele Membré) del n. 107.
Italiano.
109/B II: 74/B
Trad. (Michele Membré) del n. 108.
Italiano.
110
II: 76, 80
«Lettera del Sanzacco de Chersego, 1561 maggio. Dimanda credito
contra Zorzi Stanovich da Liesena.»
Italiano; camicia dei nn. 111-112.
111
II: 77, 79
Trad. del n. 112.
Italiano.
112
II: 78
3ª decade receb 968 (7–16 aprile 1561). Il sangiacco di Erzegovina,
Haydar, al doge [Girolamo Priuli].
Ottomano, con sigillo sul verso; trad. n. 111; Gökbilgin, “Venedik”, n. 124.
Il franco Giorgio Stanovich, abitante a Lesina, incaricato della
riscossione dei diritti del sultano nello scalo di Spalato al tempo in cui
Fabrizio [Salvaresa] era emin di Sebenico, è rimasto debitore, secondo i
28
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
suoi registri (defter e ıskarta), di 29.424 aspri. È giunto ora ordine a
Memi ùah, müfettiú di mukataa e nazır del vilayet, di rimettere quella
somma. Si invia pertanto Fabrizio [Salvaresa], amico dello scrivente, per
riscuoterla. Trattandosi di denaro del fisco dovrà farsi giustizia anche
fuori della legislazione locale. Se il debitore si rifiutasse di pagare lo si
faccia venire e le sue ragioni saranno esaminate con giustizia alla
presenza del nazır e del cadì dei müfettiú.
113
II: 81, 83
Trad. del n. 114.
Italiano.
114
II: 82
Senza data (ricevuta 3 settembre 1561). Il sangiacco di Clissa, Mehmed,
al doge [Girolamo Priuli].
Ottomano, con sigillo sul verso; trad. n. 113; Gökbilgin, “Venedik”, n. 123.
Raccomanda il kâhya Süleyman, inviato a prendere alcune mercanzie
che necessitano allo scrivente, poiché un suo uomo è sul punto di recarsi
alla Porta. Spera che sia mandata presto una nave [per il suddetto].
Aggiunge di essere in buoni rapporti con i conti («knez») di Sebenico,
sia l’attuale che il precedente, e di Traù. Si lamenta invece dei
rappresentanti di Spalato e di Zara e chiede che vengano sostituiti.
115
II: 84, 86
Trad. del n. 116 (inesatta).
Italiano.
116
II: 85
3ª decade receb 968 (7–16 aprile 1561). Il sangiacco di Erzegovina,
Haydar, al doge [Girolamo Priuli].
Ottomano, con sigillo sul verso; trad. n. 115; Gökbilgin, “Venedik”, n. 125.
Precedentemente era stato ordinato al hoca Fabrizio [Salvaresa] di non
portare il sale, da lui acquistato a Venezia, finché il nazır el-emval Memi
ùah non avesse venduto tutto il sale già acquistato e stoccato allo scalo di
Narenta. Essendo ora terminato, si invia Fabrizio affinché porti il sale già
acquistato. Nel raccomandarlo, si promette di comunicare al sultano i
buoni servigi della Signoria.
117
II: 87, 90
Trad. del n. 118.
Italiano.
FILZA II
29
118
II: 88-89
Senza data (pres. 22 ottobre 1561). Ali, [gran visir, dalla trad.] al doge
Girolamo Priuli.
Ottomano, con sigillo sul verso; trad. n. 117; Gökbilgin, “Venedik”, n. 126.
Ringrazia per la lettera inviatagli. Tesse le lodi del bailo Girolamo Ferro
e di Daniele Barbarigo, da lui conosciuto quando era console al Cairo.
119
II: 91-92
Trad. del n. 97.
Italiano.
120
II: 93, 96
Trad. (Gabriele Pizzoni) del n. 121.
Italiano.
121
II: 94-95
1ª decade rebiyülevvel 969 (9–18 novembre 1561). Mehmed, nazır, alla
Signoria.
Ottomano, con sigillo sul verso; trad. n. 120.
Lo scrivente lamenta che alcuni calunniatori abbiano affermato che le
sue lettere precedenti relative a riso e sale (cfr. nn. 107-108) fossero
false. Con la presente le ribadisce e rinnova la richiesta per il sale. Il
pagamento di 1.000 ducati (sikke-i efrenciye) sarà effettuato dal suo
rappresentante Alvise Naranzer. Se sarà necessario invierà altro denaro.
122
II: 97, 99
Trad. del n. 123.
Italiano.
123
II: 98
Senza data (1562 a tergo). L’agà del Serraglio Vecchio (saray-i atîk),
Ali, [al dragomanno della Signoria di Venezia, Michele Membré, a
tergo].
Ottomano, con sigillo sul recto; trad. n. 122.
Alì nomina suo incaricato per la riscossione del credito di 2.600 ducati
verso certo Alessandro (cfr. n. 97) che è insolvente dopo sei mesi
dall’arrivo di un ordine imperiale inviato a questo riguardo. Ali ha fatto
scrivere in proposito anche al bailo; chiede venga sequestrato il nolo
(navlun) della nave e la stessa venduta.
124
II: 100, 103
Trad. del n. 125.
Italiano.
30
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
125
II: 101-102
Senza data (ricevuta 30 ottobre 1562). Il [sangiacco di Clissa, dalla trad.
n. 124] Mehmed, al doge [Girolamo Priuli] e alla Signoria.
Ottomano, con sigillo sul verso; trad. n. 124.
Lo scrivente comunica che il conte di Sebenico non gli ha dato alcuna
risposta soddisfacente alla sua richiesta di una nave per inviare a Venezia
un documento imperiale diretto al doge, il cui contenuto non sa se
interessi lo scrivente stesso o Venezia. Chiede che gli si indichi dove sarà
inviata la nave, affinché possa mandare il documento. Tesse quindi le
lodi del conte di Traù, ai cui confini è giunto nel corso di una visita per il
sangiaccato.
126
II: 104, 106
Trad. (Michele Membré) del n. 127.
Italiano.
127
II: 105
Senza data (ricevuta 26 dicembre 1562). [Il principe] Selim al doge
Girolamo Priuli.
Ottomano; sigillo con tu÷ra sul recto; trad. n. 126.
Lo scrivente ha ricevuto la lettera inviata a mezzo del kapı kâhyası
Michele [Membré] nella quale si conferma la sottomissione ed
ubbidienza (itaat ve inkıyad) di Venezia.
128
II: 107-108
Trad. del n. 130 (incompleta).
Italiano.
129
II: 109-110, 112-113
Trad. (Gabriele Pizzoni, nodaro ordinario) del n. 130.
Italiano.
130
II: 111
2ª decade úevval 970 (3–12 giugno 1563). Costantinopoli. Süleyman I al
doge Girolamo Priuli.
Ottomano, tu÷ra in oro; trad. nn. 128 (incompleta); 129, 132.
Il sultano si lamenta di quanto segue: a) un uomo del bailo ha voluto
visitare a Lepanto la nave di certo Mustafa reis dei gönüllü, sottomesso
alla Porta, sostenendo che a bordo vi fossero prigionieri veneziani e, non
avendovi trovato nessuno di quelli, gliene ha rilasciato attestazione.
Mentre lo stesso Mustafa si dirigeva verso le coste di Puglia, per incarico
del sultano per informarsi sui nemici, si imbatté in una fregata a remi
(çektiri), di cui fece schiavi 40/50 harbi e caricò sulla sua galeotta
FILZA II
31
alquanti panni carisei («qariziyye þnjqa»). Al ritorno fu inseguito da
10/15 galee veneziane che lo incalzarono verso l’Albania. Essendo
sempre seguito da 2/3 galee fu costretto ad approdare e a fuggire per i
monti vicini alla costa albanese. Gli schiavi e la sua galeotta furono
allora presi dai veneziani. b) Quattro/cinque galee venete hanno
inseguito una galeotta, con mercanti musulmani e haracgüzar, diretta da
Costantinopoli ad Algeri. Rifugiatasi la nave nel porto di Zante, qui tutti
furono ammazzati a colpi di scure, tranne uno che ha portato la notizia. Il
sangiacco di Hoca Eli, Ali, ha riferito che la galeotta si trova ancora a
Zante. c) Le galee venete prelevano abusivamente il decimo delle balle
di mercanzie di mercanti musulmani ed ebrei che si recano con
zambelotti a Venezia, dirigendosi però prima ad Ancona. Tale tassa
viene prelevata in mare, a titolo di dogana, per un decimo (öúr gümrük),
mentre le merci non sono giunte in paese veneto. Sono già stati riscossi
così circa 20.000 ducati (filori). d) Occorre che il doge, all’arrivo del
latore della presente, il çavuú ùecca, faccia restituire la galeotta e gli
schiavi di Mustafa con le merci della galeotta di Zante e punisca gli
assassini. Venga abolita inoltre l’arbitraria imposizione doganale.
131
II: 114, 119
Camicia del n. 132.
132
II: 115-118
Trad. (Michele Membré) del n. 130.
Italiano.
133
II: 120, 127
«Copia di comunicate e lettera al bassà per recuperatione di schiavi fatta
da Cartugoli, sanzacco di Rhodi. 1563.»
Italiano; camicia dei nn. 134-137.
134
II: 121-122
Senza data [1563, post n. 136]. Arz [del bailo] alla Porta.
Italiano; trad.
Il bailo lamenta le scorrerie di Kurto÷lu. Questi con nove galee,
fingendosi un corsaro di Barberia, ha causato infiniti danni a Candia, ha
predato un brigantino e ha messo a terra trecento uomini, facendo
depredare il paese. Le guardie di Candia e di Cipro accorsero, credendo
fosse un corsaro, ma saputo che era Kurto÷lu si ritirarono per evitare un
incidente. La guardia di Cipro non può poi muoversi perché Uluç Ali,
kapudan della guardia di Alessandria, è rimasto molti giorni a Candia e a
Capo Salamon ad aspettarla, per scontrarsi con essa. Avviene così che,
non muovendosi la guardia veneta onde evitare un incidente, i corsari
32
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
ponentini possono liberamente assalire navi turche che vengono dalla
Siria o da Alessandria. La colpa, pertanto, è di Uluç Ali. Kurto÷lu
inoltre, dopo aver avuto il suo presente, ha tolto a Milo con la forza una
gomena ad una nave veneta, usando linguaggio ostile e dicendo che
avrebbe fatto ogni sorta di scortesia a tutti i navigli veneziani, imitato in
ciò dai corsari. Il medesimo Kurto÷lu, sempre a Milo, ha fatto prendere
cinque uomini e tre fanciulli da una nave alla quale precedentemente
Uluç Ali, sangiacco di Sivrihisar, aveva tolto con la forza una gomena ed
ucciso un marinaio, pur dopo aver ricevuto il presente. Lo scrivente
chiede che Kurto÷lu venga rimosso e costretto a restituire quanto ha
finora preso.
135
II: 123
3ª decade muharrem 971 (10–19 settembre 1563). Costantinopoli.
Süleyman I al sangiacco di Nicomedia, Ali [«Portuch» a tergo].
Italiano; trad.
A seguito delle lamentele del bailo, il sultano ordina un’inchiesta per
accertare se effettivamente il sangiacco di Rodi Ahmed [Kurto÷lu] abbia
preso schiavi otto uomini da una nave veneziana e tolto una gomena da
un’altra nave. Se il fatto risultasse vero si restituisca la gomena e si
rilascino ai rettori di Candia i prigionieri rimasti infedeli. Non si usino
molestie ai veneziani.
136
II: 124-125
Senza data [1563]. Arz [del bailo] alla Porta.
Italiano; trad. Cfr. 735
Il bailo lamenta le azioni di Kurto÷lu, sangiacco di Rodi, contro i navigli
veneti, specie candioti. Ultimamente il suddetto ha inviato a Candia tre
sue galeotte, comandate da Murad reis, Ahmed reis e Macar ølyas reis,
con l’ordine di arrecare danni ai domini veneti. Le galeotte, trattenutesi
per più giorni, hanno razziato un gran numero di animali e presi quaranta
uomini. Due di esse, presso Corone, furono però catturate e disarmate,
per le loro malefatte, da Ali Portuch, il quale rimandò a Candia
ventiquattro dei quaranta prigionieri, rispettando così le capitolazioni.
Uno dei due turchi, mandati a terra per spiare, mentre le galeotte erano a
Candia, fu preso ed interrogato dai rettori. Egli rivelò che Kurto÷lu aveva
intenzione di combattere la guardia dell’isola e attendeva informazioni, a
mezzo di una galeotta, a Rodi ove si trovava con le sue sei galee e con
Uluç Ali, sangiacco di Sivrihisar, che vi aveva due galee. Detto turco fu
inviato ad Ali Portuch perché lo giudicasse. Ali Portuch ha pure
promesso di interporsi presso Kurto÷lu affinché liberi sette uomini presi
da una nave candiota. Lo scrivente chiede la rimozione dalla carica di
Kurto÷lu e che si impartiscano ordini per il rispetto dei navigli veneziani,
FILZA II
33
perché i capitani turchi non abbiano a dire di volerli combattere, come ha
detto di voler fare Uluç Ali, kapudan della guardia di Alessandria.
137
II: 126
Senza data [1563]. Arz del bailo alla Porta.
Italiano; trad.
Il bailo lamenta le azioni di Hacı Piri. Costui precedentemente aveva
fatto mettere in prigione da Rüstem pascià il suo avversario [il console di
Rodi, dall’attergato], che però fu liberato dopo che entrambi ebbero
presentato arz. Essendo morto Rüstem pascià, Hacı Piri ha ripreso animo
e ha fatto venire Gregorio, figlio del suo avversario, facendolo rimanere
per un anno sequestrato in casa del bailo, finché venne liberato grazie a
una sentenza. Ora, invece del figlio, vorrebbe fare comparire il padre.
Tale suo procedere dimostra chiaramente che si tratta di un’avania. Non
si può pretendere che i veneziani che hanno a che fare con haracgüzar
turchi siano obbligati a comparire dove i loro avversari li citano: ciò
sarebbe contrario alle capitolazioni. Occorre che Piri ricerchi il suo
avversario e lo chiami in giudizio ove quello si trova. Se l’avversario è in
territorio ottomano, allora potrà farlo comparire alla Porta. In tal caso gli
accadrebbe come la volta precedente, in cui gli fu dato torto. Se lo si
desidera il bailo riferirà la cosa alla Signoria e farà conoscere la risposta.
138
II: 128-129
1ª decade rebiyülahır 971 (18–27 novembre 1563). Costantinopoli.
Süleyman I ai cadì di Ocrida e Elbasan.
Italiano; trad.
Il bailo si è lamentato che nel corso di un anno siano stati saccheggiati
dai levend nel Golfo ventidue navigli carichi d’olio, che furono condotti
a Valona, Durazzo, Alessio ed altri porti, dove sono state venduti le
merci e i prigionieri come schiavi. I navigli sono rimasti lì. L’agà degli
azeb di Durazzo dà aiuto ai levend, arma le loro fuste e fornisce denaro
per costruirne. Benché precedentemente sia stato ordinato al cadì di
Belgrado d’Albania di fare un’inchiesta, egli si è trattenuto sul posto solo
uno o due giorni non indagando come si conveniva. Viene ora inviato il
çavuú Hüseyin con l’ordine per i cadì di lasciare dei sostituti e recarsi sul
luogo. Ivi svolgeranno un’inchiesta assieme al çavuú e riferiranno con
arz alla Porta.
139
II: 130, 132ß
Trad. del n. 140.
Italiano.
34
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
140
II: 131
23 cemaziyülahır 971 (7 febbraio 1563). Il nazır del sangiaccato di
Bosnia ed Erzegovina, Mehmed, al doge [Girolamo Priuli].
Ottomano, con sigillo sul verso; trad. n. 139.
Lo scrivente comunica che Mustafa bey «MƗlqǀlovƯk», sangiacco di
Bosnia e cugino del secondo visir, Mehmed pascià, avendo bisogno di
panni, drappi e altro a Venezia, invia il suo uomo Mustafa çelebi. Questi
è raccomandato dallo scrivente, che ha ricevuto in proposito una lettera
dal sangiacco.
141
II: 133, 135
Trad. (Michele Membré) del n. 142.
Italiano.
142
II: 134
Senza data (presentata 5 maggio 1564). Il voivoda e kapudan di Scutari,
Ali, alla Signoria.
Ottomano, con sigillo sul recto; trad. n. 141.
Lo scrivente ha commissionato ai patroni delle maone (mavuna) di
acquistare a Venezia gomene (gomena), sartie (çarmik) ed altri attrezzi
che gli occorrono per costruire una galea bastarda (baútarda). Chiede che
gli si forniscano tali materiali, sia a pagamento sia in dono. Promette di
ricambiare le cortesie che gli verranno usate.
143
II: 136, 159
«Processo formato sopra presa di navilio patron Hebraim da Baruti con
morte di turchi del 1564 in Cipro.»
Italiano; camicia dei nn. 144-149.
144
II: 137-138
25 ottobre 1565. Costituto di Alessandro.
Italiano.
Alessandro risponde all’interrogatorio sull’uccisione di alcuni turchi
perpetrata dal patrono Farfarello, e altri, sulla nave su cui era imbarcato.
145
II: 139-140
18 ottobre 1565. Costituto di Gianni («Janni») fu Pietro dalla Canea,
marinaio.
Italiano.
Gianni risponde all’interrogatorio sull’uccisione dei mercanti turchi che
si trovavano sulla nave sui cui era imbarcato, perpetrata per rubare loro
le mercanzie. Essa apparteneva a un moro di Beyrut e ne era parcenevole
FILZA II
35
øbrahim, mercante siriano di Beyrut. Su di essa si trovavano circa dodici
mercanti turchi che vennero in parte uccisi, alcuni perirono annegati e
pochi riuscirono a raggiungere a nuoto la riva nei pressi di Acri. Il fatto
avvenne la sera di venerdì 5 ottobre.
146/A II: 141-145/A, 158
23 ottobre 1565. Costituto di øbrahim, di papa øbrahim da «Anefe»,
siriano, marinaio.
Italiano.
øbrahim risponde all’interrogatorio sulla vicenda del naviglio di øbrahim
da Beyrut, di cui era patrono øbrahim di Mustafa da Beyrut, partito da
Damietta con un carico di riso, zucchero, «bordi e archenda». Su di esso
si trovavano dodici turchi, quattro siriani, tra cui egli stesso, e quattro
franchi, di cui uno di Candia. I franchi di notte, presso Capo Carmini,
assalirono i turchi mentre dormivano e uno solo si salvò gettandosi in
mare e raggiungendo a nuoto la riva. Anche due dei siriani vennero
uccisi. Egli e il patrono vennero feriti e il patrono creduto morto. I
franchi volevano andare a Messina ma la tempesta li spinse allo scoglio
di Cerines. Tre di loro fuggirono a riva su una barca con varie mercanzie
tra cui riso, «archenda» e cuoi.
146/B II: 141-145/B, 158
28 ottobre 1565. Costituto di Giorgio («Jorgi») di Leondin da Famagosta
abitante a Beyrut, siriano, mozzo, d’anni quattordici circa.
Italiano.
Giorgio risponde all’interrogatorio sull’uccisione dei mercanti turchi che
facevano vela da Damietta verso Beyrut. I quattro greci imbarcati sulla
nave, di nome Dimo, Giorgio, Nicolò da Costantinopoli e Gianni da
Candia, rubate le spade dei turchi, li uccisero o li buttarono a mare
mentre dormivano. Anche lui dormiva allora e solo la mattina seguente
vide i cadaveri. Il patrono e i quattro siriani vennero lasciati in vita
perché era arrivata una tempesta e la nave sarebbe di sicuro affondata
senza una guida.
146/C II: 141-145/C, 158
28 ottobre 1565. Costituto di øbrahim da Beyrut, patrono della nave.
Interprete Michele da «Anese».
Italiano.
øbrahim risponde all’interrogatorio circa il naviglio di Giorgio Benedan
partito da Damietta. Sulla nave erano imbarcati dieci mercanti turchi e un
armeno, vi erano poi altre sei persone, compreso lui, un mozzo da
Famagosta, e quattro marinai greci. Questi sfondarono la porta della sua
36
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
stanza nottetempo per prendere le armi e poi, dopo averlo ferito,
assalirono e uccisero i turchi. Stavano per uccidere anche lui e i siriani
quando si levò un fortunale per cui li lasciarono in vita, affinché
conducessero la nave in salvo. Presso lo scoglio di Cerines venne messa
in mare la scialuppa e su di essa salirono lui con i tre greci Nicolò da
Costantinopoli, Dimo e Giorgio («Jorgi»), uno dei siriani e il mozzo ma,
avvistata della gente a riva, i tre greci decisero di tornare alla nave. Poi,
di notte, fuggirono sulla medesima scialuppa. La mattina dopo, raggiunta
la riva a nuoto, andarono ad informare il rettore. Il quarto greco non è
fuggito perché un turco gli aveva tagliato una mano e øbrahim gli aveva
promesso di non dire nulla contro di lui. Tra i turchi gli è stato riferito
che solo uno, di nome øskender si è salvato a nuoto, mentre l’armeno
cristiano di Karaman è stato ucciso. Anche due dei siriani si gettarono
fuori bordo durante la carneficina per paura di essere uccisi. Durante il
fortunale varie merci vennero gettate fuori bordo per salvare la nave.
Rimangono sulla nave dieci saraceni, sette maschi e tre femmine, di
proprietà dei turchi uccisi; un’altra saracena venne buttata a mare dai
greci.
147
II: 146, 157
11 ottobre 1565. Beyrut. Giorgio «Ebnedam» [ai rettori veneziani di
Cipro].
Italiano.
Lo scrivente racconta sommariamente la vicenda della cattura della nave,
del valore di 30.000 ducati veneziani, da parte dei greci e racconta come
quattro turchi, scampati all’eccidio abbiano deciso di rivolgersi alla Porta
per chiedere giustizia.
148
II: 147, 156
20 ottobre 1565. Famagosta. Lettera dei rettori di Cipro (senza
destinatario).
Italiano.
Avendo saputo del naviglio preso dai greci hanno dato ordine di
trattenerlo se per caso fosse capitato nella zona di loro giurisdizione,
come infatti avvenne allo scoglio di Cerines; i greci fuggiaschi sono
ricercati ovunque; il patrono del naviglio secondo alcuni è stato ferito dai
greci, secondo altri dai turchi, e avrebbe quindi partecipato al massacro.
149/A II: 148-155/A
23 ottobre 1565. Costituto di Giovanni Maria Simandrari, cavaliere.
Italiano.
FILZA II
37
Simandrari presenta al capitano del reggimento un uomo legato e monco
della mano sinistra, catturato al casale Corovia, in località Carpasso; si
tratta di uno dei greci che parteciparono alla carneficina dei turchi
avvenuta su una nave.
149/B II: 148-155/B
23 ottobre 1565. Costituto di Giacomo («Zaco») fu Nicolino del casale
Corovia, in località Carpasso, prigioniero presentato da Giovanni Maria
Simandrari
Italiano.
Giacomo risponde all’interrogatorio sull’uccisione dei turchi avvenuta in
seguito a una lite con dei greci. Quando gli venne tagliata la mano non
poté più proseguire il combattimento. Assieme a Giorgio e Nicolò andò
in barca al Carpasso e poi a Corovia, dove è la sua casa. Giorgio partì per
Baffo, mentre l’altrò si rifugiò sulle montagne. Sulla nave rimasero il
patrono, i siriani cristiani, il mozzo e Gianni. Anche il patrone partecipò
al massacro dei turchi, per vendere poi il carico.
149/C II: 148-155/C
24 ottobre 1565. Seguito del costituto di Giacomo («Zaco») fu Nicolino.
Italiano.
Giacomo risponde all’interrogatorio sull’uccisione dei turchi. Sul
naviglio lo chiamavano Dimo. A bordo si trovava una donna turca che
poi si gettò in acqua. Tra i saraceni solo un bambino fu ferito sulla
fronte.
149/D II: 148-155/D
27 ottobre 1565. Seguito del costituto di Giacomo fu Nicolino.
Italiano.
Giacomo risponde all’interrogatorio sull’uccisione dei turchi. Dice che
sono state sepolte tre bisacce con diversi oggetti presso il luogo del loro
sbarco.
150
II: 160, 162
Trad. (Michele Membré) del n. 151.
Italiano.
151
II: 161
2ª decade muharrem 972 (19–28 agosto 1564). Kupres. Mehmed,
sangiacco di Clissa, al doge [Girolamo Priuli] e alla Signoria.
Ottomano, con sigillo sul verso; trad. n. 150.
38
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
Lo scrivente comunica che si troverebbero in territorio veneto dei nobili,
discendenti di «IstepƗ» (Stjepan Kosace), sangiacco di Erzegovina, al
tempo in cui era cristiano. Essendo loro parenti dello scrivente, chiede
che se ne faccia ricerca e si invii un elenco dei loro nomi. La risposta
potrà essere inviata a mezzo del conte di Zara, o di un agà del sangiacco.
152
II: 163, 165
Trad. del n. 153.
Italiano.
153
II: 164
3ª decade rebiyülevvel 972 (27 ottobre–5 novembre 1564).
Costantinopoli. Sokollu Mehmed pascià [gran visir] al doge [Girolamo
Priuli] e alla Signoria.
Ottomano, con sigillo sul verso; trad. n. 152.
Lo scrivente ha ricevuto i vetri inviatigli. Chiede gli si invii del panno
yüz çile paonazzo e rosso per ya÷murluk e 5.000 vetri. Informa che,
pensando di fare cosa grata, ha consegnato al bailo Daniele Barbarigo, di
ritorno a Venezia, un suddito veneziano trovato schiavo su una barca
spagnola presa dai levend presso Nauplia e consegnatogli.
154
II: 166, 168
Trad. (Nicolò Cambi) del n. 155.
Italiano.
155
II: 167
Senza data (pres. 4 marzo 1566) Il nazır dei sangiaccati di Bosnia ed
Erzegovina (cfr. n. 107), Mehmed, al doge [Girolamo Priuli] e alla
Signoria.
Ottomano, con sigillo sul verso; trad. n. 154.
Il 13 febbraio («filvƗrƯk») [1566] 70/80 uscocchi di Segna, attraversando
le acque venete con quattro navi, si sono spinti sino alle bocche della
Narenta, catturandovi due navi con merci per circa 40.000 ducati (filori).
Precedentemente, trattenendosi nell’isola veneta di Brazza, avevano
depredato in territorio ottomano e catturato trentadue uomini, prigionieri
allo scalo di Macarsca. In seguito hanno derubato, all’isola veneta di
Lesina, da una barca mercantile (rençper) ventotto balle di panni e una
balla di drappi, facendo inoltre prigionieri otto mercanti (rençper). Il
resto dei panni si trova presso il conte di Lesina. Recentemente nel
distretto di Primorje hanno fatto undici prigionieri e altri trenta nel
sangiaccato di Clissa. Lo scrivente si lamenta che simili episodi
avvengano nelle acque e appoggiandosi a isole venete. Ricorda che, per
riguardo verso i veneziani, i caicchi turchi non escono dalle bocche della
FILZA II
39
Narenta. Non avrebbe creduto che a causa di quelli scellerati dovessero
essere turbati i buoni rapporti. Spera che la Signoria provveda a fare
restituire uomini e merci. Aggiunge che da parte turca non si è commessa
la minima rapina in territorio veneto.
156
II: 169, 173
Trad. (Nicolò Cambi) del n. 158.
Italiano.
157
II: 170, 172
Trad. (Michele Membré) del n. 158.
Italiano.
158
II: 171
2ª decade úaban 973 (3–12 marzo 1566). Costantinopoli. Süleyman I al
doge [Girolamo Priuli].
Ottomano, tu÷ra in oro; trad. nn. 156-157.
Yunus, sangiacco di Erzegovina, si è lamentato che gli uscocchi di
Segna, passando per Zara, Sebenico e Spalato, si spingono lontano 250
miglia (mil) fino a Brazza, depredando e facendo prigionieri. Essi
riceverebbero inoltre vettovaglie dai veneziani. Il mese di rebiyülahır (26
ottobre–23 novembre 1565) due brigantini («perekende», pergende) di
uscocchi sono apparsi presso il villaggio di «Brehle», nei possedimenti
imperiali di fronte a Macarsca, e hanno aggredito la carovana che
portava il sale da Macarsca, facendo trenta prigionieri. L’anno
precedente hanno assalito e depredato Macarsca. Il sangiacco osserva
che non sarà possibile proteggere i sudditi se non si porrà freno agli
uscocchi. Occorre che il doge dia ordine di non aiutare gli uscocchi,
altrimenti il sultano armerà delle galee di guardia, senza ascoltare poi
lamentele.
159
II: 174, 176
Trad. (Michele Membré) del n. 160.
Italiano.
160
II: 175
Senza data (ricevuta 31 agosto 1566, dalla trad.). Il sangiacco di Clissa,
Hüsrev, al doge [Girolamo Priuli].
Ottomano, con sigillo sul verso; trad. n. 159.
Il doge si è lamentato, in una sua lettera, che lo scrivente ha interrotto
l’esportazione di buoi e vettovaglie, permessa dai suoi predecessori. Si
scusa affermando di ubbidire a un ordine del sultano, richiesto dalla
popolazione del sangiaccato, che lamentava la carestia a causa delle
40
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
esportazioni di viveri. Se non riceverà un altro ordine non potrà
ripristinare il traffico.
161
II: 177, 179
Trad. del n. 162.
Italiano.
162
II: 178
Senza data (presentata 24 settembre 1566, dalla trad.). Il çavuúbaúı
Mustafa, al doge [Girolamo Priuli].
Ottomano, con sigillo sul verso; trad. n. 161.
Lo scrivente, a causa di molte incombenze di corte, non può recarsi a
Venezia, come gli è stato ordinato, a recare l’annunzio dell’avvento al
trono del sultano [Selim II] che ha avuto luogo il 9 rebiyülevvel [974] (24
settembre 1566). È inviato in sua vece Mehmed çavuú.
163
II: 180, 205
«Scrittura e negozio di Josef d’Aron Segura hebreo.»
Italiano; camicia dei nn. 164-177.
164
II: 181, 186
1566–1578. Elenco di scritture relative al caso Segura.
Italiano.
165
II: 182, 185
4 febbraio 1567 m.v. (1568). [Venezia] in Senato. Lettera al sultano
[Selim II].
Italiano; copia.
Il Senato risponde al documento imperiale inviato per il negozio di
Giuseppe d’Aronne de Segura, a mezzo del çavuú Kubad. Aronne e gli
altri ebrei suoi dipendenti meritano di essere severamente puniti dal
sultano per non aver esposto la faccenda conformemente al vero. Si
comunica la conclusione della vicenda avvenuta mediante la sentenza
arbitraria (cfr. n. 166) per cui l’ebreo HқayyƯm risulta debitore di 25.979
ducati mercantili, calcolati gli allumi e le altre merci citate nel
documento imperiale, come pure la pece di Meir Olivaro, ebreo. Viene
inviato a mezzo del suddetto Kubad quanto si è potuto recuperare.
166
II: 183-184
24 novembre 1567. Venezia, in casa di Kubad, çavuú. Sentenza arbitraria
con le sottoscrizioni dei quattro arbitri: Francesco Bonaldo, Giacomo
Regazzoni; Giuseppe Amigo, ebreo suddito ottomano, e Mosé Botton,
ebreo suddito ottomano. (Le sottoscrizioni dei due ebrei non sono
FILZA II
41
riportate, ma si dice che nell’originale sono scritte in lingua turca.)
Testimone Giovanni di Panei. Autentica di Kubad çavuú, con
sottoscrizione e sigillo.
Italiano; copia; altre nn. 192, 197.
In base ai poteri loro conferiti dalle parti, gli arbitri fissano a 25.979
ducati il debito di HқayyƯm Saruch verso Giuseppe d’Aronne, tenendo
conto di tutte le merci inviate da HқayyƯm a Giuseppe (lane, zambellotti,
allumi, e altro) e da questo a quello, nonché dei circa 15.300 cantari di
allume e della pece di rabbi Meir.
167/A II: 187/A-C, 204
Trad. del n. 191.
Italiano.
167/B
Trad. del n. 205.
Italiano.
167/C
Trad. del n. 207.
Italiano.
168
II: 188
2 febbraio 1567 [m.v. (1568)]. Venezia. Ricevuta di Giuseppe d’Aronne.
Italiano; copia n. 185.
Riceve da HқayyƯm Saruch 34 smeraldi, in conto del debito di cui al n.
166.
169
II: 189, 203
Trad. (Nicolò Cambi) del n. 174 (inesatta).
Italiano.
170
II: 190, 202
Trad. del n. 188.
Italiano.
171
II: 191, 201
19 novembre 1567. Venezia, in casa di Kubad çavuú. Accordo tra
Giuseppe di Aronne e HқayyƯm Saruch; redatto da Ahmed di «Chiuluz» in
Erzegovina.
Italiano; copia; altra copia n. 196; trad. 172.
Giuseppe e HқayyƯm nominano arbitri per le loro contestazioni: Francesco
Bonaldo, Giacomo Regazzoni, Giuseppe Amigo, ebreo suddito
42
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
ottomano, e Mosé Botton, ebreo suddito ottomano. Revocano le riserve
avanzate precedentemente su alcune materie. Testimoni: Hasan b.
Hüseyin, del fortilizio di «Chiuluz», Ömer b. Ferhad, del fortilizio di
«Chiuluz», Hasan bey, parente di Kubad çavuú, Michele [Membré],
interprete, e Nicolò [Cambi], interprete.
172
II: 192, 200
Trad. del n. 171.
Ebraico.
173
II: 194
1ª decade safer 974 (18–27 agosto 1566). Dall’accampamento (yurt) di
Sinan pascià. Selim II alla Signoria.
Ottomano, con tu÷ra e sigillo sul recto; trad. n. 178.
L’ebreo Aronne («HƗrnjn»), parente del bey dei franchi (Frenkbeyi)
müteferrika Giuseppe Nassì («YƗzif NƗsƯ»), ha inviato a vendere a
Venezia dell’allume ed ora vi manda il figlio Giuseppe («Ynjdқuf») per
intentare una causa per quella merce. Occorre che la Signoria faccia sì
che la controversia sia risolta con giustizia in Senato («FreƥƗy», ven.
consiglio dei Pregadi), secondo le leggi locali.
174
II: 195
1ª decade safer 974 (18–27 agosto 1566). Costantinopoli. Süleyman I al
doge [Girolamo Priuli].
Ottomano, con tu÷ra; trad. n. 169.
L’ebreo Aronne («EhƗrnjn»), mültezim delle miniere di allume di
Maronia («MƗrǀnya») e «Gednjs» (trad. Giedie) si è presentato al sultano
e ha detto di aver inviato a vendere 15.000 cantari di allume demaniale
(mîrî), a mezzo del figlio Giuseppe («YƗsif») che ne ha curato il carico
sulle barche e la spedizione al di lui socio e commesso HқayyƯm Saruch,
ebreo suddito ottomano, e a Giuseppe («YƗsif») David detto «SƗgnjra».
Ora invece alcuni creditori di HқayyƯm vogliono impadronirsi della
merce, per essere il carico a nome del figlio Giuseppe, socio di HқayyƯm.
Ma in realtà l’allume appartiene ad Aronne. Inoltre questi ha chiesto che
vengano sistemati i conti fra il figlio Giuseppe e HқayyƯm, il quale cerca
di occultare la mercanzia da quello inviatagli. La questione interessa il
sultano perché Aronne è in debito verso il fisco. Sono inviati Giuseppe e
il timariota Haydar. Occorre che si impedisca ai creditori di
impossessarsi dell’allume, che va venduto inviandone il prezzo a mezzo
di Haydar. Si sistemino pure i conti tra HқayyƯm e Giuseppe, a mezzo di
due membri del corpo del Senato («qǀrpǀ dƝ PrƝgƗy»). Essendo HқayyƯm
suddito ottomano, se non vuole o non può pagare, lo si invii alla Porta
FILZA II
43
con Haydar. Occorre anche la presenza di Giuseppe per rispondere
dell’allume demaniale che è a carico del padre.
175
II: 196
3ª decade úaban 983 (25 novembre–3 dicembre 1575). Costantinopoli.
Murad III ai sangiacchi di Bosnia e di Clissa, e ai cadì di Clissa e
Sarajevo.
Ottomano; copia (di mano di Michele Membré) di DT n. 829; Commemoriali, XXIV,
nn. 24-25.
Poiché l’ambasciatore [Giacomo Soranzo] ha sostenuto che la precedente
delimitazione dei confini fu eseguita, contro giustizia, dai soli turchi,
cioè dall’allora bey di Clissa (ora bey di Bosnia) e dai due cadì, con invio
del relativo hüccet alla Porta, il sultano ordina che all’arrivo del çavuú
Cafer i destinatari si riuniscano assieme ai commissari veneti per
delineare nuovamente i confini, apporvi i cippi di delimitazione e fare
quanto sarà necessario per evitare rimostranze in futuro. Eseguito
l’incarico, le due parti dovranno scambiarsi gli atti di delimitazione.
Dell’hüccet dovrà essere presa debita nota nei sicil e ne dovrà essere
inviata copia alla Porta.
176
II: 197-198
16 gennaio 1566 [m.v. (1567)]. Venezia. Accordo tra Giuseppe di
Aronne de Segura, Daniele Dolfin di Andrea e HқayyƯm Saruch, con le
sottoscrizioni dei predetti e di Francesco Bonaldi e Giovanni di «Naxi».
Italiano.
Avendo il Dolfin uno smeraldo in cauzione del debito di 4.177,9 ducati
di Saruch verso il suo banco, il Segura subentra nella metà di detto
pegno, obbligandosi a pagare, a fine anno, la metà del credito del Dolfin.
177
II: 199, 193
18 tishri 5325 (24 settembre 1564). Venezia. Accordo per la costituzione
di una compagnia commerciale tra HқayyƯm Saruch e Giuseppe di Segura.
Ebraico; cfr. Benjamin Arbel, Trading Nations (Leiden: Brill, 1995) 102 (fac-simile),
200-202 (trascrizione).
178
II: 206-207
Trad. del n. 174.
Italiano.
179
II: 208, 210
Trad. del n. 180.
Italiano.
44
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
180
II: 209
Senza data (ricevuta 15 gennaio 1566 m.v. = 1567). Mehmed çavuú [b.
øskender, dal sigillo] al doge [Girolamo Priuli].
Ottomano, con sigillo sul verso; trad. n. 179.
Mehmed è giunto a Ragusa con la fusta («fnjšta») assegnatagli in
quarantotto giorni, a causa del vento contrario. Tesse le lodi del capitano
e si dichiara contento del trattamento riservatogli.
181
II: 211-212
Senza data (novembre 1566, sul verso). Sofia. Mehmed pascià al doge
[Girolamo Priuli].
Italiano; trad. (Michele Membré e Nicolò Cambi).
Il dragomanno øbrahim è inviato a comunicare il ritorno del sultano alla
sua sede. Lo stesso ha avuto commissioni verbali circa gli uscocchi e
altre faccende. Si usi diligenza per le questioni pertinenti le
fortificazioni. Lo scrivente ha commissionato a øbrahim alcuni panni di
seta. Raccomanda che non si impedisca all’inviato di parlare con chi
vorrà vederlo.
182
II: 213, 256
«Scritture nella controversia tra Simon francese e Caim Saruch, hebrei,
per alume caricato sopra navi venete in Costantinopoli. 1567.»
Italiano; camicia del n. 183-208.
183
II: 214, 255
Senza data (1567). Nota.
Italiano.
Lista di scritture dal 1564 al 1567, richieste da Simone francese.
184
II: 215
Senza data [11 dicembre 1567, cfr. n. 191]. Dichiarazione di Giuseppe
d’Aronne de Segura.
Italiano.
Approva il pagamento di 7.000 ducati correnti, effettuato lo stesso giorno
dal suo debitore HқayyƯm Saruch a Kubad çavuú (cfr. n. 191).
185
II: 216, 254
2 febbraio 1567 [m.v. (1568)]. Venezia. Ricevuta di Giuseppe d’Aronne.
Italiano; originale n. 168.
FILZA II
45
186
II: 217, 253
9 gennaio 1567 [m.v. (1568)]. [Venezia]. Dichiarazione di Giuseppe
d’Aronne de Segura.
Italiano; copia (di mano di Giovanni Thura, segretario)
Acconsente a che 800 ducati, che Francesco Barbaro doveva a HқayyƯm
Saruch e che, per il n. 166, spettano a lui, siano dati a Giacomo
Regazzoni per conto di panni consegnati al çavuú [Kubad].
187
II: 218, 252
Trad. del n. 188.
Italiano.
188
II: 219
25 receb 975 (25 gennaio 1568). Venezia. Dichiarazione di Kubad çavuú.
Ottomano, con sigillo sul verso; altro n. 189; trad. nn. 170, 187.
L’interprete Michele [Membré] gli ha consegnato Giuseppe d’Aronne.
189
II: 220
Simile al n. 188.
Ottomano, con sigillo sul verso.
190
II: 221, 251
Trad. del n. 191.
Italiano.
191
II: 222
9 cemaziyülahır 975 (11 dicembre 1567). Venezia, abitazione (oda) di
Kubad çavuú. Ricevuta di Kubad çavuú.
Ottomano, con sigillo sul verso; trad. nn. 167/A, 190.
Riceve 7.000 ducati mercantili (rençper altun) di HқayyƯm Saruch, in
conto dei 25.979 ducati, di cui al n. 166 (cfr. pure n. 184).
192
II: 223-224
Simile al n. 166.
Italiano; copia.
193
II: 225, 250
4 gennaio 1567 [m.v. (1568)]. Venezia. Sentenza arbitrale di Giuseppe
Amico e Mosé Candiel, tra Giovanni Vay e Giuseppe d’Aronne di
Segura, con sottoscrizioni degli arbitri.
Italiano.
Il prezzo degli allumi «di Mar Mazor» (Mar Nero), che il Vay ha in
possesso a garanzia di un credito verso Giuseppe, è fissato a 20 ducati il
46
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
migliaio. Se, a tal prezzo, gli allumi superassero l’ammontare del valore,
il Vay verserà l’eccesso al Segura in «perle della Cardenetta» a ragione
di 15 ducati. La presente scrittura è subordinata alla sentenza arbitrale
che dovrebbe essere emessa per «il fatto delle gioie».
194/A II: 226/A, 249
Trad. del n. 195/A.
Italiano.
194/B II: 226/B, 249
Trad. del n. 195/B.
Italiano.
195/A II: 227/A
9 tevet 5328 [dalla Creazione] (11 dicembre 1567). Venezia.
Dichiarazione di Giuseppe d’Aronne de Segura.
Ebraico; trad. n. 194/A.
Consente che vengano pagati a Kubad çavuú 7.000 ducati del suo credito
verso HқayyƯm Saruch.
195/B II: 227/B
21 gennaio [dalla Creazione]. Venezia. Dichiarazione di Giuseppe
d’Aronne de Segura.
Ebraico; trad. n. 194/B.
Consente che vengano pagati a Kubad çavuú 3.190 ducati, del suo credito
verso HқayyƯm Saruch.
196
II: 228, 248
Simile al n. 171.
Italiano; copia.
197
II: 229-230
Simile al n. 166.
Italiano; copia.
198
II: 231, 247
Trad. del n. 199.
Italiano.
199
II: 232
1ª decade receb 975 (1–10 gennaio 1568). [Venezia]. Dichiarazione di
HқayyƯm Saruch.
Ottomano, con sigillo di Kubad çavuú sul recto; trad. n. 198.
FILZA II
47
Alvise Grimani e Kubad çavuú hanno invitato HқayyƯm Saruch a
dichiarare con quali persone egli abbia pretese, azioni o controversie a
Venezia, avvertendolo che, dopo che nel termine di otto giorni si sarà
cercato di definirle, non verranno più accettate sue richieste. Saruch ha
quindi riferito di aver controversia con gli ebrei sudditi turchi Giacomo
Cohen («Ya‘qǀ Qǀhen»), Giuseppe Amato («Ynjsuf ƖmƗtǀ»), con i
cristiani non cittadini veneti «RƯberǀ», «QnjjƗnƯ» (trad. «Chusani»),
Benvenuto, «öƗn bƗy» (trad. «Zanbay») e infine con gli ebrei sudditi
turchi Mosé «BƗbǀ» (trad. «Papo»), Mosé «QavƗlier», «MƗyr Qaqqa»
(trad. «Chasec»), Mattia di Mosé, Mosé «AlfƗndƗrƯ», «QƗrdiyƯl» (trad.
«Cardiel») Mosé. Testimoni: Ahmed b. Hüseyin, kâtib; Hasan bey (trad.
parente di Kubad çavuú); Derviú b. Yusuf; Umur b. Ferhad; «messer»
Michele [Membré], dragomanno veneto; «messer» Nicolò [Cambi],
dragomanno veneto; Giuseppe Amigo («Ynjsuf AmƯgǀ»), ebreo.
200
II: 233, 246
Trad. del n. 201.
Italiano.
201
II: 234
1ª decade receb 975 (1–10 gennaio 1568). [Venezia]. Dichiarazione di
Giuseppe di Aronne de Segura.
Ottomano, con sigillo di Kubad çavuú sul recto; trad. n. 200
Analogo al n. 199. Dichiara di non aver controversie con alcuno.
Testimoni come al n. 199 (meno Hasan e Giuseppe Amigo).
202
II: 235, 245
Trad. del n. 203.
Italiano.
203
II: 236
2ª decade receb 975 (11–20 gennaio 1568). Venezia, nell’abitazione di
Kubad çavuú. Dichiarazione di Kubad çavuú.
Ottomano, con sigillo sul verso; trad. n. 202.
Aronne Segura ha caricato sulle navi (barça) Querina («KerƯne»),
Viviana («ViviƗna»), del reis Cafer, Gradeniga («GrƗdƝnƯga»), Scuda
(«Sqnjda»), e Bonalda («BǀnƗldǀ») degli allumi, da consegnarsi a
Venezia a Francesco Bonaldi. La parte degli allumi non venduta da
questi, per volere di Giuseppe («Ynjsuf») figlio di Aronne, è ora
consegnata a Kubad çavuú.
48
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
204
II: 237, 244
Trad. del n. 205.
Italiano.
205
II: 238
3ª decade cemaziyülahır 975 (23–31 dicembre 1567). Venezia,
nell’abitazione di Kubad çavuú. Ricevuta di Kubad çavuú.
Ottomano, con sigillo sul recto; trad. nn. 167/B, 204.
Riceve da HқayyƯm Saruch 3.190 ducati mercantili (rençper altun) per il
di lui debito di cui al n. 166.
206
II: 239, 243
Trad. del n. 207.
Italiano.
207
II: 240
1ª decade úaban 975 (31 gennaio–9 febbraio 1568). Venezia,
nell’abitazione di Kubad çavuú. Dichiarazione di Kubad çavuú.
Ottomano, con sigillo sul recto; trad. nn. 167/C, 206.
Riceve 34 smeraldi, valutati 9.000 ducati da tre periti, in conto del debito
di cui al n. 166.
208
II: 241-242
4 luglio 1593. Elenco.
Italiano.
Nota delle scritture ricercate da Martino Matteo Maffetti e da Simone
francese nella causa contro HқayyƯm Saruch.
209
II: 257, 259
Trad. (Michele Membré) del n. 210.
Italiano.
210
II: 258
2ª decade safer 975 (17–26 agosto 1567; trad. 21). Costantinopoli. Selim
II al doge [Girolamo Priuli].
Ottomano, con tu÷ra in oro; trad. n. 209.
Un certo «A÷njrlƯ» ed alcuni suoi compagni, venendo da Ancona, sono
stati presi dagli uscocchi («usqǀd»), nel porto di Lesina («Nezene») e
condotti a Segna («Sene»). Due di essi, «HқǀtƯ» e Hüseyin, sono stati
riscattati; «AgnjrlƯ» e altri tre vi sono rimasti. Il sultano chiede che
all’arrivo di Kubad çavuú i prigionieri siano liberati e i colpevoli puniti.
FILZA II
49
211
II: 260, 264
Trad. del n. 213
Italiano.
212
II: 261
Senza data (post 4 marzo 1567). Il dragomanno della Porta, øbrahim, a
Michele [Membré], chiamato «senior Michiel fradello et padre
carissimo».
Italiano, con sigillo di cera rossa sotto carta.
Conferma quanto ha scritto al n. 213, raccomandando la vendita delle
casse di mercanzie. Tesse le lodi del capitano Nicolò Vallaresso e invia
una lettera di Mustafa çelebi.
213
II: 262-263
4 marzo 1567. Ragusa. Il dragomanno della Porta, øbrahim, a Michele
[Membré].
Ottomano, in caratteri latini (la data è in italiano) e sigillo di cera rossa sotto carta;
trad. n. 211; A. BOMBACI, Una lettera turca in caratteri latini del dragomanno
ottomano Ibrahim al veneziano Michele Membrè (1567), «Rocznik
Orjentalistyczny», 15 (1948), pp. 129-144 (trascrizione).
Giunto il 3 marzo a Ragusa vi ha trovato lettere di casa e di Mustafa
çelebi, persona da lui considerata come proprio padre e padrone. Vi ha
pure trovato un ebreo con dei copricapi (uskuf) a lui inviati e di cui gli
era stato preannunziato l’arrivo in una lettera avuta a Venezia a mezzo
del Membré. Lo stesso ebreo ha pure portato sei casse di macis (besbase)
e noci moscate (cevz, trad. zenzero) inviate da Mustafa çelebi dalla casa
dello scrivente, insieme a dieci some di zambelotti dello stesso Mustafa
da vendersi a Venezia. L’ebreo, a nome Aronne Nachmiyesz, è inviato al
Membré con detta merce e una lettera per la Signoria e il doge,
raccomandandosi che non venga fatta pagare dogana alle sei casse di
spezie. Il Membré curerà l’invio dei drappi (akmiúe) da comprarsi in
cambio. Si raccomanda pure al Membré, ed a mezzo suo alla Signoria e
al doge, l’ebreo Giuseppe Hudara, commesso di Mustafa çelebi. Infine lo
scrivente racconta di essersi imbattuto, presso il Quarnaro con gli
uscocchi. Grazie al suo energico intervento si riuscì a prenderne le
barche, armi, contenuto e provviste. Osserva che le galee venete poste a
guardia degli uscocchi non sono in grado di proteggere la navigazione.
214
II: 265
2ª decade receb 974 (22–31 gennaio 1567). Costantinopoli. Selim II al
doge Girolamo Priuli.
Ottomano, con tu÷ra in oro.
50
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
Da Hasan e Hüseyin da Adrianopoli e da alcuni ebrei il sultano ha avuto
notizia che ad essi sono stati presi dagli uscocchi nove some di
zambelotti, due some di mocaiarro («muhayyer»), venti rubini (lâ’l) e
molte altre merci, oltre a beni, per un valore di 200.000 aspri, di certo
ùevi çelebi da Bursa, 45.000 (pare) pezzi di cuoio (sı÷ır gönü) e cinque
schiavi di un mercante di «SƯrez» e alcune merci di cinque mercanti di
Üsküp. Gli uscocchi che li hanno depredati sono stati a loro volta
catturati dai veneziani i quali, trattenendo le merci, hanno inviato i
suddetti in paese infedele (frengistan). Occorre che siano puniti gli
uscocchi, siano restituite le merci ai mercanti rimasti in vita che
dovranno essere liberati; altrimenti Venezia avrà mancato ai patti,
provocando quindi rappresagie da parte turca.
215
II: 266
7 marzo 1567 (ricevuta 5 aprile). Belvedere presso Costantinopoli.
«Josef Naci» al doge [Girolamo Priuli].
Italiano.
Professa la sua devozione per il doge. Ringrazia per i favori usati a
madonna Reyna Benveniste, come ha appreso dal bailo e dai latori della
presente che ora raccomanda, «Josef» e Hezra Nahamias, anch’essi già
beneficati dal doge.
216
II: 267, 269
Trad. (Michele Membré) del n. 217.
Italiano.
217
II: 268
Senza data (ricevuta 9 aprile 1567, a tergo della trad.). Kasım (b. Abd elKerim, dal sigillo), (sangiacco di Dukagin, dalla trad.) al doge Girolamo
Priuli.
Ottomano, con sigillo sul verso; trad. n. 216.
È giunto allo scrivente un firmano da inviare, con un suo dipendente, a
Venezia. È incaricato della missione Derviú, kâtib del Divano del
sangiacco. Si invii la risposta a mezzo del predetto o di persona del doge.
218
II: 270, 272
Trad. (Michele Membré e Nicolò Cambi) del n. 219.
Italiano.
219
II: 271
Senza data (ricevuta 4 dicembre 1567, a tergo della trad.). Piyale [pascià,
dalla trad.] alla Signoria.
Ottomano, con sigillo sul verso; trad. n. 218.
FILZA II
51
L’ebreo suddito ottomano Mosé Benveniste, mentre navigava presso
Lesina («Nezene») sulla nave di un certo Francesco è stato preso dagli
uscocchi e prima portato a Segna («SƯna»), soggetta al re di Vienna, e da
lì al castello (hisar) di «Tnjrbe». Si raccomanda al doge affinché Mosé,
fatto prigioniero in paese veneto, venga ricercato e liberato.
220
II: 273, 275
Trad. (Michele Membré) del n. 221 (inesatta).
Italiano.
221
II: 274
3ª decade ramazan 977 (27 febbraio–8 marzo 1570). Costantinopoli.
Selim II al doge Pietro Loredan.
Ottomano, con tu÷ra in oro; trad. n. 220.
L’ex sangiacco di Erzegovina, Sinan, ha scritto che i latori del presente
documento, Mehmed e øsa, abitanti di Risano («RisƗn») e della Fortezza
Nuova (Kale-i cedid, trad. Castelnuovo) si sono recati per mare ad
Alessio, soggetta al sangiacco di Ducagini, e vi hanno comprato due botti
di olio pari a 200 istar. Ritornando a Castelnuovo (Nova) per rivenderle,
furono portati dal vento a Budua. Il conte di Budua ha inviato i suoi
uomini che hanno imprigionato il patrono della nave nella fortezza e
sequestrato l’olio, dicendo che era stato preso senza pagamento dai
levend. Occorre che venga resa giustizia.
222
II: 276, 278
Trad. (Nicolò Cambi) del n. 223.
Italiano.
223
II: 277
2ª decade cemaziyülahır 976 (1–10 dicembre 1568). Costantinopoli.
Selim II al doge Pietro Loredan.
Ottomano, con tu÷ra; trad. n. 222.
Salomone («Selmnjn») amministratore (zabit) dell’isola di Paro, a mezzo
di un suo inviato ha esposto di aver caricato sulla nave «Masnjna» dello
zimmi Dimo Limo (trad. «Dimolimo Masoni», corretto in «Dimo Lisci
Mazoni») del kaza di Focea, dell’allume da essere venduto a Venezia, a
opera di persona designata dal doge. Se detto allume è stato venduto
occorre che se ne consegni il ricavato all’inviato di Salomone, «‘Ezra
Na‘umƯs» (trad. «Gadarnamis»). Altrimenti, dedotta la dogana, si
consegni al medesimo l’allume affinché ne curi la vendita.
52
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
224
II: 279, 281
Trad. (Michele Membré) del n. 225.
Italiano.
225
II: 280
1ª decade rebiyülahır 977 (13–22 settembre 1569). Costantinopoli. Selim
II al doge Pietro Loredan.
Ottomano, con tu÷ra in oro; trad. n. 224.
L’ebreo Giuseppe Milani («YƗsif MƯlƗnƯ»), figlio di Aronne («HƗrnjn»)
ha venduto al mercante «GƗnbƗy» (trad. «Gianvais», cfr. n. 193,
Giovanni Vay) da Venezia dell’allume per 10.000 ducati (filori), al
prezzo di 20 ducati (trad. aggiunge «el mier»). Il compratore, dopo aver
pagato 3.000 ducati, essendogliene stati richiesti altri 7.000, si rifiutò
dicendo di non aver acquistato l’allume, ma di tenerlo in pegno (rehin).
Avendo Giuseppe esibito dei documenti autografi a suo favore è stata
precedentemente inviata dal sultano una lettera a tale riguardo, senza
ricevere risposta. Inoltre certo Mehmed (trad. Mahmud) reis aveva
comprato da alcuni mercanti a Venezia 2.400 lame di spade («knjrde»),
260 lodra (1 lodra = 0,564 Kg) di fil di ferro (demir telli) e 120 cantari
(1 kantar = 100 lodra = 56.449 kg) di acciaio (frengi çelik). Dopo essere
stata pagata la dogana, mentre stava per partire, gli fu sequestrata la
merce perché ne era proibita l’esportazione. Poiché si ritardava nel
rimborsargli il prezzo, avendo lo stesso bailo riconoscito che tale
rimborso gli competeva, fu scritto in proposito dal sultano. Anche a
questa lettera non è stato risposto. Il sultano si lamenta del procedimento
seguito. Riscuotere la dogana equivale a dare licenza per l’esportazione.
Se i mercanti veneti hanno venduto di nascosto debbono essere puniti.
Occorre quindi che all’arrivo del dragomanno Mahmud si faccia
giustizia.
226
II: 282, 284
Trad. (Michele Membré) del n. 227.
Italiano.
227
II: 283
2ª decade cemaziyülahır 977 (21–30 novembre 1569). Costantinopoli.
Selim II al doge Pietro Loredan.
Ottomano, con tu÷ra in oro; trad. n. 226.
Essendo necessario dell’acciaio (çelik) per alcune faccende (mühimmat)
in Egitto, occorre che all’arrivo del dragomanno Mahmud se ne inviino
1.000 cantari con una delle navi venete che vanno in Egitto. È già stato
ordinato a øskender, beylerbeyi d’Egitto, di pagarne il prezzo alla persona
che ne effettuerà la consegna.
FILZA III
Rilegatura in pergamena. Sul dorso: «Nº III. / Lettere / et / Scritture /
Turchesche / 1570 / fin / A. / Nº 2 / 1570–1579 / 3 / 2 I/183».
228
III: 0-0bis
«Lettere et scritture turchesche, 1570 fin 1579.»
Italiano; camicia.
229
III: 1
7 dicembre 1570. Copia di un capitolo di una lettera da Costantinopoli
(A tergo: «Dato per Mattheca [Salvago] disse esser di messer Benedetto
da Gagian indricciata a messer Domenego da Gagian, suo fratello»).
Italiano; copia.
Raccomanda i latori Hüseyin bey e Gazanfer bey, schiavi del fu
magnifico Capitano [Müezzin-zade Ali pascià], che vengono per servizio
dei figli di quello, Ahmed bey e Mahmud bey. Portano con loro molti
regali, mai visti da quelle parti, per un valore di 10.000 ducati.
230
III: 2-3
8 ottobre 1571. Isole Curzolari («Scorzolari»). Interrogatorio di Mahmud
da Costantinopoli, maestro dei figli di Ali pascià, capitano generale (a
tergo: «Relacion del ayo de los hijos de Ali bassà»).
Italiano.
Viene interrogato su alcuni particolari della battaglia di Lepanto.
231
III: 4-5
Senza data (ricevuta 15 aprile 1573). Ragusa. Mahmud bey al doge
[Alvise I Mocenigo].
Latino.
Raccomanda Jeronimo Secule, patrono delle galee che lo hanno
accompagnato.
232
III: 6, 8bis
Trad. del n. 808.
Italiano.
233
III: 7-7bis
7 agosto 1573. «Erzegovina di Narenta». Il beylerbeyi di Erzegovina,
Hasan, al doge [Alvise I Mocenigo].
54
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
Italiano, con sottoscrizioni in ottomano e sigillo sul verso.
Si rallegra per la conclusione della pace. Invia il kapıcıbaúı Mustafa agà,
il dragomanno Natalle Dobrovidovich e Daniele Lodrischa, console degli
ebrei e suo amicissimo, per trattare la questione degli schiavi ed altre
faccende.
234
III: 8
Senza data (agosto 1573). Nota degli schiavi richiesti dal pascià [Hasan
di Erzegovina; cfr. n. 233].
Italiano.
a) Taúçı ølyas, preso nell’armata, in possesso di un certo messer Marco
da Roma, che abita «dirimpetto alla fontana grande in mezzo alla
piazza». b) Gazanfer, preso, con un bambino, alla bocca di Cattaro e
portato ad Ancona dal nobile Surian («Surjaneto»), che lo ha donato, o
venduto, al capitano «che è stato a pigliar detto forte», e che si crede sia
il fratello di Marcantonio Colonna. c) Un eunuco a nome Çerkes, preso
nell’armata, in mano del nobile Sebastiano Venier.
235
III: 9, 13
Trad. del n. 236.
Italiano.
236
III: 10
13 giugno 1573. Il provveditore di Almissa, Gianfrancesco [Paruta], al
conte Luca Duymovich, in Podgora.
Croato; trad. n. 235.
Invita il conte Duymovich e gli altri conti e nobili (trad. catunari), in
conformità d’ordine del provveditore generale in Dalmazia, a raccogliere
tutti i debiti dei tributi degli anni passati, che dovranno essere versati a
Spalato entro due o tre giorni.
237
III: 11-12
Senza data (ricevuta 13 ottobre 1573). Il sangiacco di Clissa, Ali, al doge
[Alvise I Mocenigo].
Italiano; trad. (Michele Membré).
Si compiace per il ristabilimento della pace. Chiede che, per favorire lo
sviluppo dello scalo di Spalato, nel comune interesse, sia fatta qualche
«grata dimostrazione» al comandante di Spalato, in riconoscimento del
suo valore e giustizia, e come incitamento per i successori.
FILZA III
55
238
III: 14-15
17 gennaio 1574 [m.v., 1575]. Il beylerbeyi di Erzegovina, Hasan, al
doge [Alvise I Mocenigo].
Italiano.
Ha saputo dal suo mercante, Daniele Rodriguez («Rodrigo»), console
degli ebrei, allora a Venezia, che la Signoria ha consegnato lo schiavo
Mahmud «Pasmachisch», più volte richiesto. Lo scrivente, grato,
promette di adoperarsi per la liberazione di schiavi veneti dal sultano o
dal gran visir.
239
III: 16, 19
Trad. (Pietro Cambi, da Spalato, ad istanza di Michele Membré) del n.
240
Italiano.
240
III: 17-18
Senza data (ricevuta 8 marzo 1574). Il dizdar di Salona, øsmail agà, al
doge [Alvise I Mocenigo].
Croato, con sigillo sul verso.
Lo scrivente fu pregato da Ferrante Barisano, pugliese residente a
Spalato, e suo conoscente, di riscattare da Ferhad bey uno schiavo di
guerra, certo Ulisse da Perosa, che si diceva parente del colonnello della
Penna, governatore dei soldati, a Spalato. Il riscatto fu pattuito in 500
talleri, che Ferrante disse di voler pagare in velluti, impegnando la sua
fede cristiana. Lo schiavo fu quindi consegnato. Sopravvenne intanto la
pace e la morte di Ferrante, che era ancora debitore di 175 talleri.
Richiesti del pagamento, gli eredi dissero che avevano versato detta
differenza al capitano Pavella, creditore di Ferhad bey. Lo scrivente,
benché avrebbe potuto rifarsi su navigli veneziani, preferì ricorrere al
generale [di Dalmazia] che delegò il conte di Spalato. Questi decise in
suo favore, ma i figli di Ferrante si sono appellati e vogliono portare la
causa a Venezia. Poiché lo scrivente non può muoversi dal suo posto,
chiede che il doge ordini al conte di Spalato di fare eseguire la sentenza
già emessa.
241
III: 20, 22
Trad. del n. 242.
Italiano.
242
III: 21
Senza data (ricevuta 8 marzo 1574). Il sangiacco di Clissa, Ali, al doge
[Alvise I Mocenigo] e alla Signoria.
Ottomano, con sigillo sul verso; trad. n. 241.
56
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
Raccomanda øsmail agà, dizdar di Solin («SқǀlƯn»), per la sua lite con un
pugliese («pnjlyez») di cui al n. 240. L’agà, per gli obblighi della sua
carica, non può recarsi a Venezia, dove gli avversari vorrebbero portare
la causa. Si ripete la stessa richiesta del n. 240.
243
III: 23-24
2ª decade ramazan 982 (22 dicembre 1574–3 gennaio 1575). Il gran
visir, Mehmed pascià, al doge [Alvise I Mocenigo].
Italiano; trad. (Membré).
Comunica l’avvento al trono del sultano Murad III, che ha avuto luogo
l’8 ramazan 982 (22 dicembre 1574). Latore del messaggio è Mustafa
çavuú. Richiede l’invio di 200.000 ducati, di cui Venezia è debitrice.
Accredita quanto dirà l’inviato. Si lamenta che gli abitanti di Parga
facciano passare per Corfù schiavi fuggiaschi e diano ricovero a debitori
insolventi.
244
III: 25-26
2ª decade ramazan 982 (22 dicembre 1574–3 gennaio 1575). Il gran
visir, Mehmed pascià, al doge [Alvise I Mocenigo].
Italiano; trad.
Essendo stata dimostrata l’innocenza del bailo, ritira la lamentela fatta
contro di lui in una precedente lettera (cfr. n. 253). Il colpevole è stato
uno schiavo di Mustafa pascià. Si dichiara oltremodo soddisfatto dei
servigi del bailo [Antonio Tiepolo], per la sua prudenza, sapienza e
bontà. Fa le lodi anche di [Marcantonio] Barbaro, che se non fosse allora
cessato nella carica di bailo, sarebbe stato un ottimo ambasciatore per
felicitare l’ascesa al trono del sultano [Murad III].
245
III: 27-28
Zilhicce 971 (sic, per 981) (24 marzo–22 aprile 1574). Costantinopoli. Il
gran visir, Mehmed, al doge [Alvise I Mocenigo] e Signoria.
Italiano; trad. (Michele Membré).
I latori della lettera, i mercanti Mehmed di Karaman, Hacı Cafer da
Skoplje, Derviú da Adrianopoli, Hızır da Erzincan e Hızır da Ankara
hanno riferito di aver avuto sequestrate, prima della guerra, le loro merci
davanti a Curzola, mentre venivano da Ancona. Il papa ha già
raccomandato che ai suddetti siano restituiti i loro averi. Così pure
chiede ora lo scrivente, contemporaneamente ad un firmano inviato per
lo stesso caso (cfr. n. 246).
FILZA III
57
246
III: 29-30
Muharrem 982 (23 aprile–22 maggio 1574). Costantinopoli. Selim II al
doge [Alvise I Mocenigo].
Italiano; trad. (Michele Membré).
Contenuto analogo al n. 245. I mercanti erano diretti da Ancona ad
Alessio, e furono catturati dal capitano veneto Marco Querini prima della
guerra e le loro mercanzie sono state trattenute a Venezia; adesso che, a
seguito della pace, sono stati messi in libertà chiedono, nel rispetto delle
capitolazioni, che siano restituiti anche i loro beni.
247
III: 31, 33
Trad. del n. 253.
Italiano.
248
III: 32
Trad. (Mehmed Colombina, «cavalier e interprete alla Porta») del n. 253.
Italiano.
249
III: 34
7 agosto 1574. Costantinopoli. Il gran visir, Mehmed pascià, al doge
Alvise I Mocenigo.
Latino, con sottoscrizione e sigillo sul recto; trad. n. 250.
Dopo aver inviato una lettera a mezzo di Mustafa reis, ha ordinato a tutti
i mercanti delle marine di non portarsi ad Ancona né in altri luoghi
nemici della Turchia, ma a Venezia. I mercanti si sono però lamentati
con lui, dicendo che mentre ad Ancona essi sono bene accolti e si pagano
i dazi consueti, a Venezia sono sottoposti ad angherie e i dazi sono più
alti di prima. Piuttosto non porterebbero le loro merci né ad Ancona né a
Venezia. Il pascià invita quindi la Repubblica a ripristinare i dazi
precedenti, affinché i mercanti siano invogliati a tornarvi. Ha dato ordine
che siano puniti esemplarmente i corsari che molestano e depredano i
sudditi veneti, nelle acque di Corfù ed altrove.
250
III: 35-36
Trad. del n. 249.
Italiano.
251
III: 37
Senza data (ricevuta 3 ottobre 1574). Il gran visir Mehmed pascià, al
doge [Alvise I Mocenigo].
Italiano, con sigillo sul recto; scritta da «Hurem cavagliere della prima legione e
draghomanno della Eccelsa Porta.»
58
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
Si raccomanda il latore della lettera, Mustafa reis, che si reca a negoziare
il riscatto di alcuni schiavi del granduca di Toscana.
252
III: 38-39
Senza data. Il sangiacco di Clissa, Livno e Croazia, Ali bey, al doge
[Alvise I Mocenigo].
Italiano; trad.; copia.
Informa di essersi incontrato sotto Zemonico con il Provveditore di
Dalmazia, che gli ha portato un dono della Signoria zaratina, ben accetto,
benché piccolo. Il sangiacco si è poi recato presso Zara, accolto
onorevolmente dal Provveditore. Insieme hanno convenuto circa lo
scambio dei prigionieri delle due parti e la collaborazione per la
punizione dei malfattori. Afferma che saranno osservati gli ordini del
sultano e del gran visir Mermed pascià suo zio («barba»).
253
III: 40
2ª decade receb 982 (27 ottobre–5 novembre 1574). Costantinopoli. Il
gran visir, Mehmed pascià, al doge [Alvise I Mocenigo] e alla Signoria.
Ottomano, con sigillo sul recto; trad. nn. 247-248.
Lo scrivente lamenta che, dopo la conclusione della pace, il bailo
Antonio Tiepolo abbia fatto fuggire (ayart-) molti schiavi (kul). Solo per
riguardo al doge non gli sono state rinfacciate le sue spudoratezze (ayıp)
e insolenze (küstahlık). Nei primi di receb 982 (17-26 ottobre 1574), il
bailo ha fatto fuggire su una nave veneta alcuni schiavi del sultano, dello
scrivente e di alcuni pascià. Raggiunta la nave, un çavuú ed un
dragomanno hanno trovato addosso ai fuggiaschi un documento con la
scrittura ed il sigillo del bailo. Per rispetto al doge non si è fatta tornare
indietro la nave e non si è toccato nulla in essa. Si comunica il fatto
affinché la Repubblica non invii più simili persone come baili.
254
III: 41-42
2 febbraio 1575. Galata, casa bailaggia. Gabrio Serbelloni al doge
[Alvise I Mocenigo].
Italiano.
Ringrazia di essere stato liberato dal carcere, a mezzo del bailo, insieme
ad altre persone onorate. Prega di fare pervenire il latore della lettera,
Bartolomeo Brutti, a Roma e di interessarsi perché la questione abbia
buon fine.
255
III: 43, 45
Trad. del n. 256.
Italiano.
FILZA III
59
256
III: 44
Senza data (ricevuta 14 febbraio 1574 [m.v. (1575)]). Il sangiacco di
Ocrida, Ali, al doge [Alvise I Mocenigo] e alla Signoria.
Ottomano, con sigillo sul verso; trad. n. 255.
Comunica di aver avuto permutato il sangiaccato di Clissa con quello di
Ocrida («OhқrƯ», in seguito «OhrƯ»). Come a Clissa ha avuto buona
vicinanza con i veneziani, così a Ocrida, sangiaccato pur esso confinante
per mare e terra di frontiera (serhad), promette di rispettare i mercanti
(rençper) e i sudditi veneti che vi passeranno. Raccomanda certo
Vincenzo Diva («VƯþenþe Diva»), suo parente e parente stretto
dell’odabaúı del sultano. Ne fa ampie lodi, affermando come si sia reso
benemerito di Venezia a Clissa.
257
III: 46
Senza data (ricevuta 25 febbraio 1574 [m.v. (1575)]). Costantinopoli. Il
gran visir, Mehmed pascià, al doge [Alvise I Mocenigo].
Italiano; sola trad.
Il bailo ha fatto arz chiedendo che si effettuasse lo scambio tra gli schiavi
dei collegati che sono a Roma e quelli dei turchi che sono a
«Castelnuovo» (Rumeli Hisarı). Ha chiesto pure di poter fare venire
presso di sé uno degli schiavi, «il generale di Tunisi» [Gabrio
Serbelloni], ottantenne, infermo e bisognoso di cure. Si è impegnato a
non lasciarlo andare finché gli schiavi turchi non siano giunti a Ragusa.
Ha inoltre chiesto che la morte di uno degli schiavi da scambiare non
pregiudichi il negozio. La richiesta del bailo, tramite il gran visir, è stata
accolta dal sultano. Il generale di Tunisi è stato consegnato al bailo, ed è
stato inviato un ordine del sultano circa lo scambio dei prigionieri. Si
facciano venire presto a Ragusa gli schiavi dei collegati affinché siano
liberati quelli di «Castelnuovo». Finché non partiranno lettere del bailo
con notizia della loro liberazione, i musulmani resteranno a Ragusa. La
morte di qualche schiavo non intralcerà il negozio. Si raccomanda al
doge di avvertire i governatori, capitani e comiti di non recare danno ai
sudditi ottomani.
258
III: 47, 49
18 aprile 1575. Venezia. Inventario di Marco Franchini, nodaro alla
rogaria.
Italiano.
D’ordine di Ottaviano Valier, avogador di Comun, col fante Alvise
Catrazo ed alla presenza di Michele Membré e Ahmed çelebi da Ayaú,
zio (barba) del defunto Hüseyin, si è recato a fare l’inventario dei beni e
mercanzie lasciate da Hüseyin çelebi da Ayaú, figlio di Hacı Hızır.
60
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
Il merciaio Vincenzo di Anzos, all’insegna dei Tre Mori, nella
parrocchia di San Salvador, ha detto di avere ricevuto da quello 99 1/2
pezze di zambelotto grezze bianche, per 646:18 ducati, tempo 4 mesi. In
conto ha dato una pezza di damasco cremisino da 90 1/2 braccia, del
valore di 113:3 ducati. Nella bottega dei merciai fiamminghi Bernardino
Pallavesin e Giovanni Heldovier, nella contrada di San Salvador,
Giorgio, fratello del suddetto Giovanni, ha detto che essi hanno preso da
Hüseyin 30 pezze di zambelotti dette «triglie», grezze, a 20 ducati la
pezza, dando in acconto 274 ducati.
259
III: 48
19 aprile 1575. Conto dei debiti e crediti di Hüseyin.
Italiano.
260
III: 50-51, 54-54bis
Trad. del n. 261, con aggiunte.
Italiano.
261
III: 52-53
Senza data (trad. 8 aprile 1575). Inventario (defter) degli oggetti
(«hurdevƗt») venduti di proprietà di Hüseyin çelebi b. Hacı Hızır da
Ayaú, morto (trad. ammazzato) in Venezia il 7 zilhicce 982 (20 marzo
1575) e delle attività e passività dell’eredità.
Ottomano, con sigillo sul verso; trad. n. 260, con aggiunte. Cfr. Cemal Kafadar, “A
Death in Venice (1575). Anatolian Muslim Merchants trading in the Serenissima,”
Journal of Turkish Studies 10 (1986) 217.
262
III: 55, 59
Trad. (Hurrem «cavagleri della prima legione et draghomanno di sua
imperatoria Maestà») del n. 263.
Italiano.
263
III: 56
2ª decade zilhicce 982 (24 marzo–2 aprile 1575). Costantinopoli. Il gran
visir Mehmed pascià al doge [Alvise I Mocenigo].
Ottomano, con sigillo sul recto; altro esemplare n. 805; trad. nn. 262, 264.
La collera della Signoria verso il bailo non è giustificata. Lo scrivente si
era lamentato di lui (cfr. n. 253) soltanto per la questione degli schiavi,
ma accertato di essere stato male informato, conferma quanto ha già
scritto in favore del bailo (cfr. n. 244), di cui fa nuovamente le lodi.
264
III: 57- 58
Trad. (Michele Membré) del n. 263.
Italiano.
FILZA III
61
265
III: 60, 62
25 luglio 1575. Ragusa. Gabrio Serbelloni al doge [Alvise I Mocenigo].
Italiano.
È giunto a Ragusa, onerevolmente accolto, con altri 38 schiavi liberati il
giorno 15 [luglio]. Il giorno 22 venne Giovanni Contarini con 39 schiavi
turchi di Roma e Venezia. Non si potè effettuare subito il cambio perché
nel firmano vi sarebbe stata la clausola che non si dovesse liberare Pier
Antonio Margaruzzo se prima non avesse pagato 1.700 ducati per
rilevare un deposito fatto ad Ancona da certo Derviú çelebi. Il Contarini
ottenne che la somma venisse pagata metà dai turchi e metà dai cristiani.
Lo scrivente allora, tra amici e servi, raccolse gli 850 ducati sia, per
riguardo del doge, perché il Marenduzzo non fosse trattenuto, sia perché
il pascià sdegnato non costringesse quello a versare l’intera somma. Così
il 23 si imbarcarono tutti, tranne lo scrivente, che rimase a causa di
un’infermità sopraggiunta. Egli aveva già scritto al doge che era sua
intenzione, prima di andare a Venezia per ringraziare, di passare per
Napoli e Roma. Ma il cardinale San Giorgio, suo fratello, lo aveva
sconsigliato per la stagione, dicendogli di andare piuttosto nella Marca
[Marche], verso i confini di Fermo a Rocca Centrata, in attesa che
cessasse il caldo. Dopo però lo scrivente aveva deciso, non potendosi
imbarcare su di una galea per 6/7 giorni senza medici, di fare il tratto più
breve, fino a Brindisi, e di aspettare là. Ma il Contarini non glielo ha
concesso. Si lamenta di essere stato trattato come «un mozzo di stalla».
266
III: 61
Senza data. Post-scritto al n. 265.
Italiano.
Serbelloni dice che il Contarini lo ha convinto ad andare a Lesina, dove
spera che il capitano in Golfo gli dia una galea per il passaggio, del che
sarà molto grato.
267
III: 63, 69
3ª decade rebiyülahır 983 (30 luglio–7 agosto 1575). Costantinopoli. Il
gran visir, Mehmed, al doge [Alvise I Mocenigo] e alla Signoria.
Italiano; sola trad. (Membré).
Trattandosi di persona molto povera, padre di famiglia, e che quindi non
può pagare il riscatto, chiede che venga liberato certo Mahmud dizdar,
fatto prigioniero durante la guerra presso Castelnuovo, in Erzegovina.
268
III: 64, 68
Trad. (Michele Membré) del n. 269.
Italiano.
62
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
269
III: 65
Senza data (ricevuta 16 agosto 1575). Mehmed, nazır (trad. di Narenta
ed altri luoghi) al doge [Alvise I Mocenigo] e alla Signoria.
Ottomano, con sigillo sul verso; trad. n. 268.
Le galee della Repubblica fanno buona guardia in difesa dei mercanti che
praticano lo scalo di Narenta contro gli uscocchi. Lo scrivente chiede che
vengano tenute sempre una o due galee di guardia nel canale (bo÷az,
trad. bocca) della Narenta.
270
III: 66-67
2 gennaio 1574 [m.v. (1575)]. Il «docttor» (a tergo: rabbi) Salomone
[Ashkenazi] al doge [Alvise I Mocenigo] e alla Signoria.
Italiano.
Scrive la presente su suggerimento del pascià per raccomandare Mustafa
çavuú, latore delle lettere annuncianti l’ascesa al trono del nuovo sultano
[Murad III]. I turchi credono che per i servigi resi in passato egli sia
ascoltato dal doge, ma si ingannano a giudicare dal momento che non
sono stati ancora definiti alcuni suoi negozi a Venezia, per cui aveva
lasciato il nipote Samuele. Ne sollecita ora la conclusione.
271
III: 70, 73
22 febbraio 1575 [m.v. (1576)]. [Venezia] in zonta. Il Senato al bailo
[Giovanni Correr]. in Costantinopoli.
Italiano; copia.
Già ad agosto Mustafa çelebi, turco di Castelnuovo, ha portato lettere di
Mehmed pascià per la liberazione di certo Mahmud (cfr. nn. 238, 267). Il
bailo dovrà fare presente al pascià che pur essendo la Signoria animata di
buona volontà non può fare nulla, non essendo lo schiavo in suo potere
per essere stato ceduto a dei sudditi benemeriti per farne cambio con dei
loro parenti prigionieri. All’arrivo sono stati donati al messo 25 ducati,
per essere stato spogliato dagli uscocchi, e poi altri 100 zecchini.
272
III: 71-72
26 luglio 1575. Ragusa. Mehmed Salih (a tergo: Negroponte, turco) al
doge Alvise I Mocenigo.
Italiano, con sottoscrizione in ottomano e sigillo.
Invia, a mezzo di Giovanni Contarini che torna a Venezia, i suoi
ringraziamenti per la libertà ottenuta, e per quella degli altri turchi. Si
compiace del trattamento usatogli dal Contarini e da Bartolomeo Brutti.
FILZA III
63
273
III: 74
1ª decade ramazan 983 (4–13 dicembre 1575). Lettera senza
sottoscrizioni né sigillo.
Ottomano; trad. n. 302.
Si raccomanda il negozio del mercante ebreo Salomone («Selmnjn»), che
ha ottenuto una lettera per la riscossione di alcuni suoi crediti a Venezia.
274
III: 75, 77
Trad. (Filippo Emanuel) del n. 308.
Italiano.
275
III: 76
1ª decade rebiyülahır 984 (28 giugno–7 luglio 1576). Nadin. Ferhad al
generale («÷enerƗl») e Signori di Zara.
Ottomano, con sigillo sul recto; trad. n. 306.
Raccomanda Mustafa reis, inviato dal pascià per riscattare alcuni schiavi
(vedi n. 308).
276
III: 78, 116
«Negocio di Salomon Todesco hebreo et di altro hebreo con Antonio
Girardi. 1576.»
Italiano; camicia dei nn. 277-294.
277
III: 79, 115
23 giugno 1576. [Venezia] in Pregadi. Il Senato al bailo [Giovanni
Correr] in Costantinopoli
Italiano; copia.
Si è presentato Hasan çavuú con lettere del sultano, del [gran] visir e di
Piyale pascià, riguardo all’affare Girardi. Si inviano le copie della
risposta. Al ritorno del çavuú, il bailo dovrà fare ufficio conforme con il
pascià per porre fine a quel garbuglio. Con lettera del 5 [giugno], il bailo
aveve riferito che il pascià aveva detto che al ritorno del çavuú, che
partiva allora, avrebbe messo a silenzio agli ebrei.
278
III: 80, 114
17 giugno 1580. Michele Membré al doge [Nicolò Da Ponte] e alla
Signoria.
Italiano.
Fa sapere che, per non perdere tempo, ha tradotto solo una delle lettere
portate dal çavuú, e cioè quella del sultano (cfr. n. 370, trad. n. 287).
Delle altre quattro, che sono sullo stesso argomento, ne fa solo cenno
(cfr. n. 374, trad. n. 285; n. 369, trad. n. 286; trad. n. 283; trad. n. 288).
64
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
279
III: 81-82
Trad. (Matteo Marucini) del n. 296.
Italiano.
280
III: 83, 113
5 cemaziyülevvel 983 (12 agosto 1575). Costantinopoli. Hüccet di
Abdullah b. Lüfti b. Abdullah, cadì di Galata (portato da Hasan çavuú il
23 giugno 1576).
Italiano; sola trad. (Filippo Emanuel); copia al n. 284.
Con sicillât (sigilletto) del 19 úaban 982 (4 dicembre 1574), Gaspare di
Lorenzo Girardi si è costituito dinanzi al cadì di Galata, Bali çelebi b.
Mustafa, garante del debito del figlio dello zio, Antonio di Francesco
Girardi, verso Salomone di Giacobbe, ebreo, per 589.350 aspri, in conto
di lana e boldroni. Poiché Gaspare ha negato tale sua obbligazione
innanzi a Mehmed bey b. Abdullah, dragomanno del sultano, e a
Pasquale [Naon] di Jumacha, dragomanno del bailo, l’ebreo Salomone,
con Mehmed çavuú b. Abdullah, delegato della Porta come
sovrintendente per la di lui causa con Gaspare, fanno dichiarare la verità
dal suddetto sicillât da Bostan çelebi b. Mehmed, emin di Aleppo, dal
cadì Abd al-Halim çelebi b. Alaeddin, mültezim, e da Hasan bey b.
Mehmed, Mustafa b. Kurt, Fazıl Allah b. øshak, Ferhad b. Adil, øbrahim
çelebi b. Hamza.
Testimoni: 1. Mehmed çelebi b. øbrahim; 2. Mehmed b. Kasım, müezzin;
3. Ahmed b. Yunus; 4. Ebubekir b. Pir Mehmed, scrivano; 5. Orhan b.
Yakub; 6. Bostan efendi b. Ahmed; 7. Memi kâhya b. Mustafa; 8. Hacı
Murad b. Hüseyin; 9. Costantino di Giorgio; 10. Yahya b. Tursun; 11.
Kasım bey de «Vatel grandi»; 12. Hasan reis b. Hamza; 13. Ömer b.
Abdullah; 14. «Elchissi» b. Husni; 14. Hacı Hasan b. Zekeriya; 15.
Abderrahman b. Cafer; 16. Tac ed-Din b. Mustafa; 17. Yusuf b. Sayyid.
281
III: 84, 112
Zilhicce 982 (14 marzo–11 aprile 1575). sicillât (sigilletto) di Ali
øbrahim b. Seyyid, cadì di Costantinopoli. Presentato il 25 giugno 1576
da Hasan çavuú.
Italiano; sola trad. (Filippo Emanuel); altra copia al n. 293.
Per ordine di Bostan çavuú, revisore delle entrate del sultano, sono state
caricate sulla nave patrono Soro da Venezia, 2.000 cantari, a 44 «uschie»
(ukiye) il cantaro, di allume di rocca, conservati nei magazzini dello
scalo di Palormo, tenuto in appalto dall’ebreo Aronne («Carun»). In
cambio dei beni contenuti in detti magazzini, era stata concessa la
permuta al figlio Arslan dal figlio del defunto voivoda di Bogdania ora
müteferrika.
FILZA III
65
Testimoni: 1. Ahmed çelebi b. Mehmed; 2. Hasan b. Abdullah; 3. Hacı
Hüseyin b. Hacı Mustafa; 4. Hızır b. Abdullah; 5. Mehmed b. Abdullah;
6. Sinan bey b. Abdullah; 7. Davud b. Abdullah; 8. Behram b. Abdullah.
282
III: 85, 111
23 giugno 1576. Hasan çavuú al doge [Alvise I Mocenigo].
Italiano; sola trad. (Filippo Emanuel).
Ha consegnato al dragomanno Filippo [Emanuel], che disse d’esser
venuto per ordine del doge, due hüccet (cozzetti) autentici (cfr. nn. 280281), una lettera del bailo e una di Antonio [Girardi].
283
III: 86, 110
28 dicembre 1579, Costantinopoli. Lettera al doge [Nicolò Da Ponte].
Italiano; sola trad. (Michele Membré). Manca la sottoscrizione del mittente; con
sigillo, a detta del traduttore, illeggibile
Si raccomanda Hasan çavuú che porta un firmano in merito al negozio di
Salomone, figlio di Giuseppe, e di un altro Salomone, figlio di Giacobbe.
284
III: 87-88
Simile al n. 280.
Italiano; copia.
285
III: 89, 109
Trad. (Michele Membré) del n. 374.
Italiano.
286
III: 90, 108
Trad. [Michele Membré] del n. 369.
Italiano.
287
III: 91-107
Trad. (Michele Membré) del n. 370.
Italiano.
288
III: 92, 106
1ª decade zilkade 987 (20–29 dicembre 1579). Lettera al doge [Nicolò
Da Ponte].
Italiano; sola trad. (Michele Membré). Il traduttore dice di non essere riuscito a
decifrare né la sottoscrizione né il sigillo del mittente; nel secondo legge solo la
lettera ‘A’, per cui suppone possa trattarsi di Ahmed pascià (cfr. n. 278 dove si
propone Ali).
Contenuto analogo al n. 370.
66
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
289
III: 93, 105
Senza data. Copia di esposto di Lorenzo Girardi di Antonio e Giovanni
Antonio e Lorenzo Girardi, detti Zechini, ai Savi alla mercanzia.
Italiano.
Dichiarano i loro crediti verso il condannato Antonio Girardi, tra cui
figurano delle gioie che sarebbero in possesso degli ebrei Salomone
Todesco e Salomone Cardi. Affermano di non aver fatto alcuna garanzia
(piezeria) per il suddetto Antonio e sarebbero contenti se gli ebrei
muovessero loro causa perché così avrebbero modo di fare valere le loro
ragioni e riavere quanto deve loro Antonio Girardi.
290
III: 94, 104
Copia del n. 282.
Italiano.
291
III: 95, 103
4 marzo 1575 («Copia di uno scritto presentato per Cassam chiaus circa
il negozio del Girardi a 23 giugno 1576»). Scrittura di Antonio Girardi.
Italiano; copia.
Dichiara di essere debitore vero e liquido verso rabbi Salomone di rabbi
Giuseppe Todesco, di 2.870 zecchini e 4 aspri, per una lettera di cambio
mandata a Lorenzo Girardi suo zio per pagare a Venezia 2.000 zecchini a
Giacobbe de Grassini per conto di Salomone, e da quello respinta, otre a
870 ducati e 4 aspri prestatigli dallo stesso ebreo. Conferma inoltre un
altro suo debito verso la stessa persona di 582.003 aspri.
292
III: 96, 102
21 febbraio 1574 [m.v. (1575)]. Pera, in casa del bailo (presentato dal
çavuú il 23 giugno 1576). Copia di instrumento di Bonifacio Antelmi,
segretario, in qualità di notaio, autenticato dal bailo Antonio Tiepolo in
data 8 aprile 1575 (in questa copia è errato il posto dell’autentica; cfr. n.
294).
Italiano; copia.
Antonio Girardi si dichiara debitore per gli scritti del 19 e 27 gennaio di
582.003 aspri verso rabbi Salomone. Obbliga perciò la sua nave «Santo
Antonio de Padova», patrono Piero Care, con artiglierie, gomene, ecc.
Per il suo nolo si impegna a fare consegnare a Venezia al creditore, o chi
per lui, 1.000 zecchini, di mano di Lorenzo Girardi. Se il nolo non
raggiungesse tale somma, il resto sarebbe pagato da Venturino Girardi,
fratello di Antonio e scrivano della nave. La nave dovrà essere sempre
assicurata per 4.000 ducati in favore di suddetto ebreo, a cui dovranno
essere presentate le copie [del contratto di assicurazione]. Per questo
FILZA III
67
debito, Antonio e Venturino obbligano la nave, la persona ed i beni. Il
creditore potrà, a sua volontà, disporre della nave.
Testimoni: 1. Matteo Morosini fu Giovanni Francesco, cittadino veneto;
2. Giacomo de Mone, peroto, fu Alcisio.
293
III: 97, 101
Simile al n. 281.
Italiano; copia.
294/A III: 98-100bis
Simile al n. 291.
Italiano; copia.
294/B III: 98-100bis
Simile al n. 292.
Italiano; copia.
295
III: 117, 120
Trad. del n. 297.
Italiano.
296
III: 118
3ª decade zilkade 983 (21 febbraio–1 marzo 1576). Il gran visir, Mehmed
pascià, al doge [Alvise I Mocenigo] e alla Signoria.
Ottomano, con sigillo sul recto; trad. nn. 279, 298.
Contenuto analogo al n. 301. Varianti: a) dopo aver dato il documento
agli ebrei, il bailo, di nascosto, ne diede allo scrivano un altro, che quello
esibì a Zante, nel quale si ordinava al patrono di farlo andare dove
volesse, altrimenti sarebbe stato sostituito, come infatti avvenne,
essendosi il patrono rifiutato di condurre lo scrivano a Messina, dove
furono vendute nave e merci; b) quando gli ebrei esibirono i due
documenti al sultano, questi si adirò che si usasse frode di fronte a così
palese diritto. Il bailo, interrogato, affermò che la Signoria, appena
informata, avrebbe fatto giustizia. È stato scritto in proposito un firmano.
Il documento dato dal bailo agli ebrei rappresenta una garanzia (kefalet)
e quanto si è fatto è contrario ai patti. Si esorta la Repubblica a fare
giustizia, se vuole il consolidamento degli accordi conclusi (akl-ı
mahud).
297
III: 119
13 zilhicce 983 (14 marzo 1576). Murad b. Mustafa al doge [Alvise I
Mocenigo] e alla Signoria.
Ottomano, con sigillo sul verso; trad. n. 295.
68
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
Gli uscocchi hanno predato a Narenta e Macarsca più di 2.000 piastre del
fisco, e hanno fatto schiavo l’emino e lo scrivano con i loro uomini,
conducendoli a Segna («Seni»). Poiché il bailo ha garantito che Venezia
avrebbe custodito quelle regioni, occorrerà far sì che siano restituite le
merci e le persone prese. La Repubblica dovrà dare risposta nel termine
di un mese. Se non vorrà accogliere la richiesta, lo scrivente notificherà
ciò alla Porta, ed il bailo dovrà renderne ragione. Fa presente che un
certo «FrƗno BnjrnjdƯk», che durante la guerra (ya÷ılık) ha custodito
l’isola di Brazza («BrƗþ») e la fortezza di Lesina («FƗr») sarebbe persona
capace per custodire detti scali.
298
III: 121, 123-125
Trad. (Filippo Emanuel) del n. 296.
Italiano.
* 299 III: 122 (numero a matita blu, 134 numero a matita nera)
1ª decade zilhicce 983 (2–11 marzo 1576). Costantinopoli. Murad III al
doge [Alvise I Mocenigo].
Ottomano; trad. DT n. 835.
Il mercante ebreo di Costantinopoli, Salomone di Giacobbe («Selmnjn
veled YƗƥnjb»), ha esposto di aver credito di 248.700 aspri, per il prezzo
di alcune spezie, verso l’ebreo suddito ottomano Baruh Crespi («BƗruhқ
Qreši»), già abitante con la famiglia a Gallipoli. Il suo diritto è provato
da un documento autografo del debitore, redatto secondo le loro usanze
(ayin) e convalidato da testimoni correligionari. Baruh, che non ha
pagato, si trova a Venezia da 6/7 anni. Il çavuú Hasan, che si reca colà, è
stato nominato commesso da Salomone. Gli si faccia riscuotere la
somma suddetta e se il debitore negasse, lo si mandi col çavuú alla Porta,
dove saranno esaminate le ragioni delle due parti.
300
III: 126, 130
Trad. (Filippo Emanuel) del n. 301.
Italiano.
301
III: 127
3ª decade zilkade 983 (21 febbraio–1 marzo 1576). Costantinopoli.
Murad III al doge [Alvise I Mocenigo].
Ottomano, con tu÷ra in oro; trad. n. 300.
I mercanti ebrei di Costantinopoli, Salomone («Selmnjn»), figlio di
Giuseppe («YƗsif») e Salomone, figlio di Giacobbe («YƗšnjb»), hanno
esposto quento segue. Giovanni («ZƗn») Antonio e Lorenzo Cecchinelli
(«SekƯnƗlƯ») [Girardi detti Zecchini] e Lorenzo Girardo («öirƗrdǀ»)
inviarono a Costantinopoli il loro parente Antonio Girardi, mercante, con
FILZA III
69
una loro nave, patrono Piero Ciera («Perǀ Sera»). Antonio caricò sulla
sua nave, con nolo (navlun) 2.000 cantari di allume (úab) di detti
mercanti ebrei, per valore di 4.000 ducati (altun), ed altre merci degli
stessi, prese a credito (veresiye), per altri 12.500 ducati, obbligandosi a
consegnare tutto a Venezia agli agenti degli ebrei. Diede pure in ipoteca
(rehin) la nave, che doveva anche consegnare a Venezia. Il bailo Antonio
Tiepolo, con una scrittura autografa e munita del suo sigillo, confermò
che il suddetto Antonio e il patrono della nave erano cittadini veneziani,
e che avrebbero adempiuto a quanto si erano obbligati. Ma il Girardi e il
patrono, invece di andare a Venezia andarono a Messina, dove
vendettero la nave e il carico, senza dire nulla ai destinatari. Gli ebrei
hanno esibito la suddetta scrittura del bailo ed un hüccet del cadì di
Galata, dichiarante che quando fu ordinato che venisse pagato dal Tesoro
(hazine) il prezzo delle lane (yapa÷ı) prese ai mercanti veneziani, il bailo
aveva riscosso la parte di Antonio Girardi, che non era presente.
In base agli accordi (ahd) non deve essere fatto torto ai mercanti. È certo
che i debitori sono veneziani e che il bailo ha preso la parte del Girardi.
Si facciano venire i due, a mezzo del rappresentante (baylos) veneto di
quelle parti e si costringano a pagare loro, o i loro garanti (küfelâ), o
parenti, la somma indicata nei documenti. Occorre che all’arrivo del
çavuú Hasan si provveda a quanto sopra, conformemente all’amicizia e
alla pace esistenti tra i due paesi.
302
III: 128-129
Trad. (Filippo Emanuel) del n. 273.
Italiano.
303
III: 131, 136
Senza data (ricevuta14 marzo 1576). Il sangiacco di Lepanto, Ahmed
bey, e il cadì di Prevesa, al bailo e provveditore generale di Corfù.
Italiano; sola trad.
In seguito ad ordine del sultano (re) di prender lingua, ha armato,
spendendo 500 ducati, una fusta, che era a Valona, in mano di un
paesano defunto, e l’ha affidata a Mustafa reis. Si imbarcò pure il
rinnegato di Felruh reis. Lo scrivente diede ordine di tenersi lontani dai
luoghi veneziani. La fusta andò a Messina, dove prese lingua e due
vascelli, uno di Lipari e l’altro di Messina, come testimoniano quelli che
vi erano imbarcati. Alla Parga furono presi dal governatore delle
Sforzate. Si chiede, visti i rapporti di pace, che vengano restituiti i
vascelli con gli equipaggi, trattandosi non di ladri ma di persone al
servizio del sultano, altrimenti lo scrivente farà inviare arz dai sangiacchi
e dai cadì di quei luoghi, ed egli stesso farà arz alla Porta, mandando
testimoni in Divano per dimostrare di dove erano i vascelli. Così uomini
70
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
e vascelli saranno pagati il doppio. Egli, se quelli avessero preso beni dei
veneziani, avrebbe bruciato loro i vascelli e li avrebbe messi ai remi per
tutta la vita. Benché sia giunto dal sultano altro ordine di prender lingua,
e lo scrivente abbia tre fuste armate, lo scrivente non le invierà, ma farà
arz sul comportamento dei veneziani. Andrà ora a Costantinopoli a
cambiare la galea e si farà pagare dal bailo 40.000 aspri per ogni uomo, e
6.000 ducati per i vascelli. Se volesse rifarsi sui veneziani che sono
presso di lui lo potrebbe anche se, per rispettare la pace, non lo farà.
Ricorda che una volta, andando da Costantinopoli ad Algeri, incontrò
una saettia genovese su cui, tranne il patrono ed altri tre genovesi, erano
imbarcati dei veneziani, con panni e denari, e l’ha rispettata. Così pure
un’altra volta ha fatto buona compagnia, dato del biscotto e condotto a
Cefalonia una fregata con lettere della Signoria. Tutte le barche venute
da Corfù, da Santa Maura o da Prevesa, hanno testimoniato innanzi al
cadì che i vascelli predati erano spagnoli. Lo scrivente ha fatto prendere
nota di ciò sui registri del cadì del luogo.
304/A III: 132-133
Senza data (ricevuta 14 marzo 1576). Il sangiacco di Lepanto, Ahmed, e
il cadì di Prevesa al provveditore generale di Corfù.
Italiano; sola trad.
Contenuto analogo al n. 303. La fusta fu armata a Valona; i due vascelli
furono presi in Calabria e catturati dal governatore delle Sforzade alla
volta di «Riniassa».
304/B III: 132B-133B
Senza data (ricevuta 14 marzo 1576). Il sangiacco di Lepanto, Ahmed, e
del cadì di Prevesa al governatore delle Sforzate.
Italiano.
Contenuto analogo al n. 303. Lo scrivente ha speso per armare la fusta
1.000 zecchini e 500 ducati dati a Mustafa. Si recherà personalmente a
Costantinopoli per protestare, portando come testimoni gli uomini presi
sui vascelli.
304/C III: 133B
14 marzo 1576. Corfù. Il bailo, provveditore e capitano [al sangiacco di
Lepanto, Ahmed, e al cadì di Prevesa].
Italiano; copia.
Rinviano a quanto dirà il governatore delle Sforzate nella sua lettera (cfr.
n. 305).
FILZA III
71
305
III: 134-135
14 marzo 1576. Il governatore delle galee dei condannati [Pietro
Francesco Malipiero, al sangiacco di Lepanto, Ahmed, e al cadì di
Prevesa].
Italiano; copia.
Ha catturati i due vascelli presso Páxoi, perché gli equipaggi hanno dato
luogo di esser ritenuti corsari. Sono prima fuggiti, malgrado le
segnalazioni fatte loro, e poi hanno sparato cogli archibugi e tirato
frecce. Furono tutti uccisi. Si trattava di una saettia e di una barca
grande, carica di olio. Se non fossero stati corsari non si sarebbero
comportati in quel modo. Lo scrivente ricorda come egli abbia dato aiuto
a due turchi fuggiti dalla Calabria e ne abbia consegnati tre al cadì di
Prevesa. Ma stavolta ha saputo trattarsi di corsari, di una fusta di Mustafa
reis da Valona, parente del sangiacco, che avevano già preso una
marciliana veneta con frumenti che veniva da Corfù, portandola a
Valona, ed una barca di Zante carica di formaggi, presso Capo Ducato.
Lo scrivente si meraviglia che il sangiacco protegga i corsari. I vascelli
sono stati venduti, come si pratica in tali casi. Osserva che «il poco non
si fa molto», come aveva detto il sangiacco, ma «si fa ragione», qualora
questi voglia reclamare.
306
III: 137, 143
Trad. (Filippo Emanuel) del n. 275.
Italiano.
307
III: 138
1ª decade rebiyülahır 984 (28 giugno–7 luglio 1576). Cattaro («QǀtƗr»).
Mustafa al generale («÷enerƗl») e ai Signori di Zante.
Ottomano, con sigillo sul recto; trad. n. 317.
Contenuto analogo al n. 275.
308
III: 139
2ª decade úevval 983 (13–22 gennaio 1576). Costantinopoli. Il gran visir,
Mehmed pascià, al doge [Alvise I Mocenigo] e alla Signoria.
Ottomano, con sigillo sul recto; trad. n. 274.
Raccomanda certo Mustafa reis, inviato per riscattare gli schiavi
musulmani.
309
III: 140, 142
Trad. (Filippo Emanuel) del n. 310.
Italiano.
72
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
310
III: 141
Senza data (ricevuta 13 luglio 1576). Il çavuú di corte ed emin di
Narenta, Ragusa e Macarsca, Sinan, al doge [Alvise I Mocenigo] e
Signoria.
Ottomano, con sigillo sul verso; trad. n. 309.
Gli uscocchi assalirono Macarsca, depredando denaro del fisco (mal-i
mirî) e fecero dei prigionieri. Lo scrivente era allora alla Porta. Il gran
visir (büyük paúa) disse al bailo essere palese che Venezia non era in
grado di tener fede ai suoi impegni di proteggere quelle regioni e che i
turchi vi avrebbero inviato certamente delle navi in custodia. Il bailo
promise che la Repubblica avrebbe provveduto alla sicurezza di quei
luoghi e che sarebbero stati ripresi gli uomini e i beni predati. Senonché
non si è fatto nulla; anzi, sono venuti nuovamente gli uscocchi a
Macarsca e hanno predato, tra l’altro, 80.000 aspri del fisco (mirî),
catturato tre uomini e incendiato la torre (kule). È stato fatto venire il
cadì di Imoschi («Ʈmǀþqa») a riscontrare l’accaduto, ed egli ne ha preso
nota nei suoi registri (sicillƗt), da cui è estratta copia. Si consegnino i
beni presi e gli uomini catturati, tra i quali c’è anche un sipahi,
altrimenti, colle copie del sicil e gli altri documenti (temessükat) lo
scrivente andrà a reclamare a Costantinopoli.
311
III: 158 (numero a matita nera)
1ª decade zilhicce 985 (9-18 febbraio 1578). Costantinopoli. Il visir,
Ahmed pascià, al doge [Alvise I Mocenigo] e alla Signoria.
Ottomano, con sottoscrizione in oro e sigillo sul recto.
Il sangiacco di Elbasan, il cadì di Valona e il nazır di Ohri presentarono
un arz per lamentarsi che il pirata spagnolo [Niccolò Antonio
Caracciolo] marchese di Vico («mƗrqƯz di VƯkǀ»), rifugiato a Venezia,
aveva causato danni a quattro mercanti ottomani [Sinan b. Hızır, Hüseyin
b. Abdullah, Sinan b. Mustafa e Mehmed b. Yusuf] che stavano
esportando a Venezia seta e lana del valore di 5600 filori. Si chiede
dunque la restituzione dei servi e delle merci appartenenti ai mercanti
derubati.
312
III: 159 (numero a matita nera)
Senza data (ricevuta: 11 settembre 1579). L’agà del Serraglio, Haydar, al
doge [Nicolò Da Ponte] e alla Signoria.
Ottomano, con sigillo sul verso; trad. n. 356
Raccomanda il parente hoca Hacı Musliheddin, latore di un name-i
hümayun, e di una lettera del gran visir per la questione del marchese de
Vico.
FILZA III
73
313
III: 160 (numero a matita nera)
Senza data (ricevuta: 11 settembre 1579). L’agà della Porta, Mahmud
(dalla trad.) al doge [Nicolò Da Ponte].
Ottomano, con sigillo sul verso; trad. n. 357.
Raccomanda il latore della lettera, che porta un name-i hümayun per la
liberazione dei quattro musulmani (cfr. n. 311), tenendo presente che il
marchese [Niccolò Antonio Caracciolo] nel frattempo è morto. .
314
III: 161, 168 (numero a matita nera)
20 settembre 1579. Costantinopoli. Murad III al sangiacco di Clissa,
øbrahim.
Italiano; sola trad. (Michele Membré)
Avendo ricevuto notizia che alcuni abitanti di «Ssaràmissé et Machiar»
che erano andati a comprare sale presso le saline di Pogliza erano stati
assaliti, catturati e derubati dagli abitanti di Spalato unitisi agli uscocchi,
e avendo inoltre saputo che, contrariamente a quanto stabilito negli
accordi di pace, i sudditi ottomani vengono presi prigionieri anche dentro
la salina, e poi non vengono più liberati, ordina al sangiacco di fare la
guardia ai lidi per impedire simili azioni. Egli deve inoltre avvertire i
comandanti dei forti veneti di quanto succede, in modo che questi si
diano da fare per catturare i colpevoli, liberare i prigionieri e recuperare
il maltolto per non incorrere nell’ira del sultano.
315
III: 162, 167 (numero a matita nera)
10 marzo 1577. Neretva. I nobili conte Vincenzo Mamiü e Cangi Franiü
Gariboldi, in nome del conte di Hvar Angelo Dolfin, a Murad, emin di
Gabela.
Croato, con tre sottoscrizioni e sigilli sul verso.
Comunicano l’arrivo di due turchi, Hüseyin e Hasan, nell’isola di Hvar.
316
III: 165-166 (numero a matita nera)
Senza data. La madre di Murad III [Nur Banu] al bailo in Costantinopoli.
Italiano; trad. (Matteo Marucini).
La valide sultan ringrazia il bailo per una stoffa di raso, che le è stata
fatta pervenire per mezzo della kira [Ester Handali].
317
III: 144-145
Trad. (Filippo Emanuel) del n. 307.
Italiano.
74
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
318
III: 146, 148
Trad. del n. 319.
Italiano.
319
III: 147
Senza data (ricevuta 6 febbraio 1576 [m.v. (1577)]). Ahmed pascià al
doge [Alvise I Mocenigo].
Ottomano, con sigillo sul verso; trad. n. 318.
Nel 976 (26 giugno 1568–15 giugno 1569), lo scrivente inviò a Venezia
per commerciarvi lo zimmi Manuele («MƗnǀl») dell’isola di «MƯrƗlƯ»,
presso Costantinopoli, comprandogli una nave per 30.000 osmanî (trad.
11.000 aspri), nominandolo reis e fornendogli un capitale di 20.000
aspri. Da allora quello è rimasto lì, trafficando a suo profitto. Lo
scrivente ha già inviato una/due lettere, a mezzo Hacı Hüseyin, ma senza
alcun risultato. Ora chiede che si faccia comparire il detto Manuele e si
recuperino il denaro e la nave, facendoglieli avere a mezzo del bailo.
320
III: 149
2ª decade úevval 983 (13–22 gennaio 1576). [«Il signor bassà»] al doge
[Alvise I Mocenigo] e alla Signoria.
Italiano.
Contenuto analogo al n. 308.
321
III: 150, 154
30 dicembre 1576. [Venezia] in Consiglio di Dieci con la Zonta.
Italiano; copia.
In considerazione di quanto importi esser gratificato ed obbligato il
dottor Salomone per i servigi importantissimi che si possono aver da lui
nei negozi di Costantinopoli, si delibera che, invece della grazia da lui
richiesta (cfr. n. 323), gli sia concessa una provvisione di 300 zecchini
l’anno, che gli sarà pagata dalla cassa del Consiglio, di tempo in tempo, a
beneplacito dello stesso Consiglio.
322
III: 151, 153
24 ottobre 1576, Costantinopoli. Salomone Nathan Ashkenazi al doge
[Alvise I Mocenigo] e al Consiglio di Dieci.
Italiano; camicia del n. 322.
Raccomanda il nipote Samuele che ha lasciato per portare a termine
alcuni suoi negozi incompiuti, come pure per la grazia che chiede per i
propri figli, con una supplica acclusa (cfr. n. 323) e che non curò di
persona, temendo che in Turchia i nemici avessero apparecchiato per lui
qualche disgrazia, cosa che per fortuna non è avvenuta.
FILZA III
75
323
III: 152-152bis
Senza data (1576). Salomone Nathan Ashkenazi al doge [Alvise I
Mocenigo] e al Consiglio di Dieci.
Italiano.
Chiede che ai suoi figli, in vita loro, sia concesso il terzo delle sensarie
delle mercanzie che fanno in Venezia gli ebrei e i levantini, così come
messer Michele Membré lo riscuote per i mercanti turchi. I figli siano
quindi obbligati a procurare e difendere detti mercanti avanti a
qualunque giustizia in Venezia, così come il Membré è obbligato per i
mercanti turchi. Non potendo fare ciò di persona, essi possano nominare
un commesso.
324
III: 155-156
Decifrazione del n. 325.
Italiano.
325
III: 157-158
10 febbraio 1576 [m.v. (1577)]. Costantinopoli. Il bailo Giovanni Correr.
In cifra. Decifrazione (da cui il regesto) n. 324.
Conformemente a quanto gli fu ordinato, ha fatto venire rabbi Salomone
e gli ha comunicato la deliberazione (cfr. n. 321) leggendogli la
traduzione delle lettere della Signoria. L’ebreo, che già era stato
informato dal nipote, disse di aver chiesto la grazia (cfr. n. 323) non per
l’utile, ma come riconoscimento dei suoi servigi e per poter inviare i figli
a Venezia. Infatti aveva scritto al nipote, con lettera che ritiene smarrita
che, avendogli quello comunicato che la sua richiesta sembrava ingorda,
si sarebbe contentato, anziché del terzo, anche del quinto o del sesto.
Ora, benché grato della risoluzione adottata, è costretto a rifiutare,
sembrandogli pericoloso il nome di provvisione. Chiede piuttosto
un’esenzione dai dazi fino a quella somma, come gli è stata concessa a
Costantinopoli, o qualche altro beneficio, qualora la grazia richiesta
sembrasse, in tutto o in parte, pregiudizievole. Il bailo gli fece presente
che la grazia era stata rifiutata per non togliere il pane di bocca ad altri, e
che la provvisione poteva restare più segreta che l’ufficio richiesto e
sembrava naturale, dati i servigi da lui resi alla Repubblica, a tutti noti.
Ma l’ebreo persistette nel rifiuto, osservando che l’ufficio può essere
dato per servigi già resi, non così la provvigione. Alla fine il bailo, a
giustificazione di quello che dice, in quei tempi, si presentarono «rocha»
(ruk’a, supplica) al sultano contro di lui, per metterlo in mala fede.
326
III: 159, 160
15 febbraio 1577. Costantinopoli. Salomone Nathan Ashkenazi al doge
[Alvise I Mocenigo] e al Consiglio di Dieci.
76
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
Italiano.
Si scusa di non poter accettare la provvisione offertagli (cfr. n. 321) che
potrebbe essergli di pregiudizio, ad opera dei suoi nemici. Rimanda a
quanto ha detto al bailo (cfr. n. 325) e assicura la propria devozione.
327
III: 161, 163
Trad. (Michele Membré) del n. 328.
Italiano.
328
III: 162
Senza data (ricevuta 20 marzo 1577). Il sangiacco di Delvina, Bayezid,
al doge [Alvise I Mocenigo].
Ottomano con sigillo sul verso. Trad. n. 327.
L’ebreo Nathan «Ternaqa» (trad. Tirneve) da Valona ha caricato a
Venezia, in una cassa, dei drappi, commissionatigli dallo scrivente, sulla
nave patrono Vincenzo da Canal («DenqanƗr», manca nella trad.).
Senonché non gli sono stati consegnati, col pretesto che erano andati
perduti nella tempesta; in realtà li hanno nascosti. Vengano quindi fatti
restituire.
329
III: 164
2ª decade cemaziyülahır 985 (26 agosto–4 settembre 1577).
Costantinopoli. Il gran visir Mehmed pascià al doge [Sebastiano Venier].
Ottomano, con sottoscrizione in oro e sigillo sul recto; senza trad.; a tergo «la
traduzione è nelle prime di Costantinopoli di 17 gennaio, per essere in quelle sta
mandata dal clarissimo bailo»).
Il sangiacco di Clissa Mustafa ha scritto alla Porta che mentre egli, in
seguito a ordine del sultano, faceva costruire una fortezza (kale) nel
distretto di Cattaro (QǀtƗr), i rettori (zabit) di Zara, con i pirati di Segna
(«Sek») sono venuti di notte, di nascosto, nella fortezza di Pago, nella
località di Podgorje («Bǀd‘ǀrye»), presso l’isola di Pago e gli scali delle
saline dei franchi. La detta fortezza era stata conquistata al tempo del valì
di Bosnia Yakub pascià ed era rimasta poi abbandonata per 86 anni. Vi
hanno costruito una porta e messo 30 fucilieri, la cui paga hanno
convenuto dovesse essere a carico dei rettori di Zara. Inoltre si sarebbero
diretti per mare a restaurare il vecchio castello (hisar) presso Sedd-i
Islam ma, incontratisi col detto [sangiacco] se ne andati, non osando
sbarcare. Il castello è stato demolito. I rettori di Zara, per tracciare un
castello attorno alla suddetta torre (kulle), con l’aiuto dell’ammiraglio
(kapudan) veneto provveditore («prƗvedǀr») dell’Armata, cercano di fare
venire dall’isola di Pago, che è di fronte, operai e materiale per la
costruzione. Se fossero state poste a guardia le navi del sultano, esse
avrebbero impedito le malefatte degli uscocchi ed altri banditi, ma non
FILZA III
77
furono messe, essendosi impegnati a tanto i veneziani. Il sultano ha
scritto al re di Vienna [l’imperatore] di ritirarsi dalla torre (kulle).
Occorre ora che i veneziani ritirino i loro uomini e lascino la torre
abbandonata, così com’era, astenendosi da azioni contrarie ai patti.
330
III: 165
3ª decade cemaziyülevvel 985 (6–15 agosto 1577). Costantinopoli. Il gran
visir, Mehmed pascià, al doge [Sebastiano Venier].
Ottomano, con sottoscrizione in oro e sigillo sul recto; trad. n. 331.
Riporta integralmente il contenuto della lettera (name) del sultano al n.
301. Il doge ha ad essa risposto che da tempo i due ebrei reclamano il
loro credito con frodi e senza diritto, importunando il bailo.
L’ambasciatore veneto ha detto che la nave è stata trovata a [***] e che
dovrebbero essere recuperate anche le mercanzie. Salomone («Selmnjn»)
ha esibito un’altra carta del bailo Tiepolo indirizzata ai rettori di Zante e
delle fortezze venete, nella quale è detto di non porre ostacoli perché il
patrono della nave possa recarsi dove vuole. Interrogato il bailo in
proposito, ha risposto di aver rilasciato tale lasciapassare sei giorni prima
del documento dato a Salomone. Il pascià fa osservare che ciò prova il
buon diritto degli ebrei. Il bailo si è comportato fraudolentemente. Se
l’ebreo avesse saputo prima di quella carta, non avrebbe lasciato andare
la nave e non vi avrebbe caricato le merci. Quindi, per l’amicizia e i
patti, occorrerà dare il denaro a chi ne ha diritto, tanto più che la nave è
stata ritrovata, come ha comunicato l’ambasciatore. Nella sua lettera il
doge ha detto di essere spiacente che sia stato ordinato di sottoporre a
processo, secondo la úeriat, il comportamento (ahval) del bailo. Con ciò
non si arreca nessun torto, facendosi solo imparziale giustizia.
Inoltre il pascià si lamenta che sono venute una o due navi a remi
(çektiri) alle saline di «PƗlqalik» (manca nella trad.) nello scalo di Bastia
(«BƗsƯƥa»), di fronte a Corfù, causando fastidi agli emini dei
possedimenti imperiali. Questi si sono pure lamentati delle molestie da
parte degli uomini della Repubblica che abitano quei territori.
Incrociando in quei luoghi le navi venete, non dovrebbero accostarsi navi
straniere. Si avverta il bailo di astenersi da azioni che possano turbare i
patti.
331
III: 166-171
Trad. del n. 330.
Italiano.
332
III: 172, 178
Trad. (Michele Membré) del n. 333.
Italiano.
78
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
333
III: 173
Senza data (ricevuta 1 ottobre 1577). Il sangiacco di Scutari d’Albania,
Mehmed, al doge [Sebastiano Venier].
Ottomano, con sigillo sul verso; trad. n. 332.
Essendosi recato, per ordine del sultano, a fare un’ispezione nel distretto
di «GƯrbelƗn» (trad: Garbellan), presso Cattaro, il provveditore
(«prǀvƯdǀr») di Cattaro, Pellegrino Bragadin, ha inviato ad onorarlo suoi
uomini con un presente (piúkeú). Tutta la popolazione è contenta del
suddetto provveditore, di cui il sangiacco fa ampie lodi.
334
III: 174, 177
11 maggio 1579. [Venezia] Consiglio di Dieci e Zonta al bailo in
Costantinopoli.
Italiano; copia.
La risposta data dal bailo al pascià in merito al prigioniero Mahmud è
stata conforme alle istruzioni date al predecessore il 22 febbraio 1575
[m.v. (1576)] (cfr. n. 271). Il 16 ottobre 1577 è stato scritto al pascià (cfr.
n. 335); occorre impedire che, come ha detto il pascià, il sultano richieda
con sue lettere lo schiavo, che è di pessima natura e di malissimo animo
contro i cristiani, e che quindi non va posto in libertà.
335/A III: 175-176
16 ottobre 1577. [Venezia] il Senato al gran visir.
Italiano; copia.
Si ripetono le ragioni (cfr. n. 271) per scusarsi di non poter liberare
Mahmud emin, fatto prigioniero presso Castelnuovo, per il quale il pascà
ha scritto direttamente, e fatto scrivere, nel giugno, al bailo.
335/B III: 175-176
6 ottobre 1577. [Venezia] il Senato al bailo.
Italiano; copia.
Con la lettera del 10 giugno si è ricevuta quella del gran visir. Si invia
copia del n. 335/A, coll’istruzione di fare ufficio conforme. La risposta è
stata consegnata a chi aveva portato la suddetta lettera.
336
III: 179, 184
17 dicembre 1577. Di galea a Corfù. Il governatore delle galee dei
condannati, Pietro Francesco Malipiero, al doge Sebastiano Venier.
Italiano; copia.
Il giorno 12 ha ricevuto la lettera del 4 ottobre, del doge col Senato, con
l’ordine di riferire circa i danni inferti alle saline presso Bastia. Nulla è
FILZA III
79
stato fatto agli emini che, altrimenti, secondo il loro solito, avrebbero
strepitato. Confermano ciò i rettori.
337
III: 180, 183
22 gennaio 1577 [m.v. (1578)]. Corfù. Il bailo, Pietro Emo, il
provveditore e capitano Giovanni Contarini e il governatore dei
condannati, Pietro Francesco Malipiero, al doge Sebastiano Venier.
Italiano; copia.
Rispondono alla lettera, diretta loro, del 4 ottobre, concernenente le
lamentele del gran visir, ed affermano non essersi verificato alcun
incidente. Hanno ottenuto due hüccet dall’emin e ne hanno inviato uno al
bailo affinché possa disingannare il pascià.
338
III: 181-182
12 de la luna 985 (sic; 21 marzo 1577–9 marzo 1578). L’emin di Bastia,
Yusuf. Hüccet.
Italiano; trad.; copia.
Attesta i buoni rapporti con i corfioti, dai quali non si sono avuti danni o
molestie.
339
III: 185, 189
3ª decade rebiyülevvel 986 (28 maggio–6 giugno 1578). Murad III al
sangiacco di Karlı-eli.
Italiano; sola trad. (Matteo Marucini).
Il bailo ha esposto con arz che sono state armate ad Angelocastro due
galeotte, le quali, usando come base Santa Maura, assaltano barche e
navigli di Zante e Cefalonia, depredandoli e catturando prigionieri. Sei di
questi si ritrovano sulle galee di Lepanto, per cui è stato ordinato al
sangiacco di Lepanto di rilasciarli. Si ammoniscono i reis delle galeotte
affinché non commettano tali piraterie e non li si faccia uscire dal porto.
Si ricerchino coll’intervento del cadì le cose predate e si restituiscano.
340
III: 186, 188
Trad. (Michele Membré) del n. 341.
Italiano.
341
III: 187
3ª decade úevval 985 (1–9 gennaio 1578). [Il beylerbeyi del Cairo] Mesih
(trad. Cafer) alla Signoria.
Ottomano, con sigillo sul verso; trad. n. 340.
Lo zimmi veneziano Lorenzo [Ghirardi] ha ricevuto dall’ebreo Isacco,
amil di Alessandria, 5.370 ducati (altun) di denaro del fisco. Non avendo
80
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
pagato, ed accennando di fallire, è stato arrestato. Poiché si è saputo che
molti beni di lui sono presso i fratelli e gli zii, si chiede di fare comparire
costoro ed inviare i detti beni al Divano, in Egitto. La cosa è
d’importanza, trattandosi di denaro del sultano. Si invia pure, chiedeno a
quale prezzo il doge è disposto ad acquistare, la forma in piombo (kalıp)
di uno smeraldo, del suddetto Isacco, che è stato mostrato al bailo
veneto, di ritorno a Venezia, e che si vende per conto del fisco.
342
III: 190, 196
Decifrazione del n. 343.
Italiano.
343
III: 191, 195
13 ottobre 1578. Cattaro. Il rettore e provveditore di Cattaro, Pellegrino
Bragadin, ai Capi del Consiglio di Dieci.
Italiano e, in parte, in cifra; decifrazione n. 342.
Informa che Mahmud turco, prigioniero, ha scritto, ma non sa dire come,
al fratello, dizdar principale di Castelnuovo, che non vi è altra strada per
liberarlo che a mezzo di Ferhad bey, sangiacco di Bosnia, molto
influente presso Mehmed pascià. Ha pure scritto di inviare la propria
moglie e i figli a Costantinopoli per impietosire il pascià. Lo scrivente
osserva che da cento anni non vi è stato il peggior turco, tiranno e
distruttore di cristiani sudditi turchi, i quali pregano non venga mai
liberato.
344
III: 192, 194
Trad. (Michele Membré) del n. 345.
Italiano.
345
III: 193
3ª decade úevval 985 (1–9 gennaio 1578). [Il beylerbeyi del Cairo] Mesih
(trad. Cafar) alla Signoria.
Ottomano, con sigillo sul verso; trad. n. 344.
Fa le lodi di Pietro Michiel, che da quando è venuto ad Alessandria si è
ben comportato verso i musulmani, gli zimmi e tutta la popolazione.
Anche il sultano è venuto a conoscenza dei suoi meriti.
346
III: 197, 201
1ª decade zilkade 986 (30 dicembre 1578–8 gennaio 1579).
Costantinopoli. Murad III ai sangiacchi di Lepanto e Karlı-eli.
Italiano; sola trad. (Matteo Marucini).
Il bailo, a mezzo di un suo uomo, si è lamentato che non sia stato
eseguito un firmano, richiesto al tempi di Piri, agà di Prevesa e capitano
FILZA III
81
delle galeotte. Si conferma il predetto comandamento, disponendo che le
galeotte escano solo per difesa e non, con questo pretesto, per
commettere atti di pirateria contro i veneziani.
347
III: 198
1ª decade zilhicce 987 (20–29 dicembre 1579). Ahmed pascià al doge
[Nicolò Da Ponte].
Ottomano, con sottoscrizione in oro e sigillo sul recto; trad. n. 348.
Sono state invano scritte una/due lettere per la liberazione di Mahmud,
fatto prigioniero nella palanca (piccolo forte) di Castelnuovo. Per il doge
trattasi di poca cosa, tanto più da concedersi in quanto tutti i veneziani
prigionieri sono stati liberati.
348
III: 199-200
Trad. (Michele Membré) del n. 347.
Italiano.
349
III: 202, 205
8 aprile 1579. [Costantinopoli] Vigne di Pera. Il bailo Nicolò Barbarigo
ai capi del Consiglio di Dieci.
Italiano.
Nel congedarsi dal magnifico pascià, questi gli disse che il sultano aveva
dato ordine di chiedere il rilascio del prigioniero Mahmud. Lo scrivente
rispose in conformità delle istruzioni date al predecessore il 22 febbraio
1575 [m.v. (1576)] (cfr. n. 271). Il pascià disse allora di scrivere per
sapere quali fossero gli schiavi coi quali doveva effettuarsi il cambio. La
cosa sarebbe considerata grandemente dal sultano, per essere Mahmud
raccomandato dalla sultana.
350
III: 203-204
3 febbraio 1579 [m.v. (1580)]. [Costantinopoli] Vigne di Pera. Il
segretario Gabriele Cavazza ai capi del Consiglio di Dieci.
Italiano.
Per contentare l’agà dei giannizzeri, al quale tuttavia ha fatto presente
che ciò non è in potere della sua persona, raccomanda la liberazione di
Mahmud di Castelnuovo, fatto prigioniero nel forte di Varbagno. Il
presente dispaccio è inviato a mezzo degli intervenienti per detto
prigioniero.
351
III: 206
1ª decade safer 987 (30 marzo–8 aprile 1579). Costantinopoli. Murad III
al doge [Nicolò Da Ponte].
Ottomano, con tu÷ra in oro; trad. n. 360.
82
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
Il defunto Bayezid bey, sangiacco di Elbasan, aveva esposto che i
mercanti di Elbasan Hacı Mesliheddin, Hacı Mehmed, Hacı Hüseyin e
hoca Ali, si erano lamentati con lui del corsaro marchese di Vico
(«markƯs da VƯqǀ»), nobile spagnolo di Bari («BƗrǀ») in Puglia che,
dopo essersi ribellato, si era rifugiato a Venezia con i suoi partigiani e,
dopo esservi rimasto alcuni anni, offrendo dei garanti che non avrebbe
danneggiato i mercanti nel Golfo di Venezia, aveva ottenuto una galea
con 28 banchi (oturak). Costui, con la sua galea, il 3 cemaziyülevvel 985
(19 luglio 1577) ha catturato, presso Buda, mentre era diretta a Venezia,
la nave patrono Marco Borenda (cfr. n. 361, Marino Bronza), del
villaggio di «Paris» (n. 361, Perasto), dipendente da Cattaro, sulla quale
essi avevano caricato, ad Alessio, seta (harir) e lana (yapa÷ı) per 5.600
ducati (filori). La nave fu portata a Vieste in Puglia, le mercanzie furono
trattenute e furono fatti prigionieri quattro uomini dei suddetti
reclamanti, Sinan b. Hızır, Hüseyin b. Abdullah, Sinan b. Mustafa e
Mehmed b. Yusuf. Poiché i marinai erano veneziani, furono rilasciati e
venne dato loro il nolo (navlon). Hanno confermato tutto ciò reis e
mercanti che praticano con Venezia. Il bey ha aggiunto che, quando era
sangiacco di Delvina, aveva saputo da buona fonte che da due anni il
suddetto Marchese di Vico aveva ottenuto la nave, dando delle garanzie.
Il sultano aveva quindi inviato a Venezia una lettera (name) affinché il
corsaro venisse arrestato, e fossero restituiti i prigionieri e le mercanzie.
Dopo aver ritardato la promessa restituzione per uno/due mesi, si rispose
che il marchese di Vico era morto nel frattempo; intanto non si è
ottemperato alla richiesta. La galea del marchese non è stata distrutta, ed
i quattro prigionieri si trovano in mano del figlio. Il marchese aveva forti
garanti ed esercitava la pirateria con una nave datagli da Venezia, e col
consenso di essa. Il comportamento della Repubblica non è conforme ai
patti. Occorre che all’arrivo della presente lettera (name), per la sincera
fedeltà verso il sultano, si provveda a quanto già richiesto. Se il marchese
è morto si agisca a carico dei figli o dei garanti.
352
III: 207
3ª decade safer 987 (19–27 aprile 1579). Costantinopoli. Il gran visir,
Mehmed pascià, al doge [Nicolò Da Ponte].
Ottomano, con sottoscrizione in oro e sigillo sul recto.
Contenuto analogo al n. 351.
353
III: 208, 210
Trad. (Michele Membré) del n. 354.
Italiano.
FILZA III
83
354
III: 209
1 muharrem 988 (17 febbraio 1580). L’agà dei giannizzeri, øbrahim, al
doge [Nicolò Da Ponte] e alla Signoria.
Ottomano, con sigillo sul verso; trad. n. 353.
Chiede la liberazione del suo compaesano (yerli) Mahmud agà, fatto
prigioniero nella palanca presso Castelnuovo.
355
III: 211, 225bis
«Negocio del Marchese di Vico. 1579.»
Italiano; camicia dei nn. 356-362.
356
III: 212, 225
Trad. (Michele Membré) del n. 312.
Italiano.
357
III: 213, 224
Trad. (Michele Membré) del n. 313.
Italiano.
358
III: 214, 223
Senza data (1579). Belgrado. Arz dell’inquisitore (müfettiú) di Belgrado,
Gazi.
Italiano; sola trad. (Matteo Marucini).
Mentre lo scrivente si trovava ad Alessio per il «casnà» (hazine) di
agosto, hoca Mehmed da Elbasan, sbarcato da una nave venuta da
Venezia, dopo aver riferito di essersi colà recato con un firmano per
riavere le merci per 5.600 ducati, caricate da lui e da Hacı Musliheddin,
hoca Ali e Hacı Hasan su una nave veneziana, e depredate il 10
cemaziyülahır 985 (25 agosto 1577), presso Budua dal Marchese di
Vico, fece testimoniare hoca Mehmed da Aleppo, hoca Mehmed da
Jatin, hoca Hasan da Ankara, hoca Bali, hoca Hasan dalla Bosnia, Hacı
Yusuf, Hacı Musli, hoca Safer, hoca Haydar da Perasto, hoca Ali, hoca
Mehmed da Scutari, hoca Nebi, hoca Hasan, hoca Durhan, hoca
Süleyman, mercanti turchi venuti con lui da Venezia, di aver avuto dalla
Signoria il seguente trattamento: gli fu risposto che al detto marchese era
stata data una galea ed era stato inviato con altra alla guardia, e che per
via si era separato dalle altre e aveva preso quel naviglio, portandolo a
Malta. Gli hanno quindi promesso di fargli avere, un giorno o l’altro,
uomini e merci, e così lo hanno trattenuto per due mesi. Infine, con
diverse scuse, non gli hanno dato nulla e non hanno obbedito al firmano.
359
III: 215, 222
Senza data. Hacı Mehmed da Elbasan al doge.
84
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
Italiano; copia.
Poiché non gli si dà quanto richiesto, e nemmeno una risposta, chiede gli
vengano restituiti il firmano e la lettera del gran visir, da lui presentati,
perché torni con essi a Costantinopoli.
360
III: 216, 221
Trad. (Michele Membré) del n. 351 (con errori).
Italiano.
361
III: 217, 220
Senza data. Dichiarazione di Hacı Mustafa (recte Musliheddin), hoca
Mehmed, Hacı Ali, Hacı Hasan.
Italiano; copia.
Circa sei mesi prima, il Marchese di Vico ha assalito un brigantino,
patrono Marino Bronza da Patrasso, su cui erano stati caricati sette colli
di sete, per 1.400 libbre, e 7.000 cantara di lana, in 418 sacchi. Ha fatto
prigionieri i loro uomini, Hüseyin b. Abdullah, Sinan b. Hızır, Sinan b.
Mustafa e Mehmed b. Yusuf da Timoria e, dopo aver portato il naviglio
in Puglia e pagato il nolo, lo ha rilasciato trattenendo la mercanzia.
362
III: 218-219
Trad. (Michele Membré) del n. 352.
Italiano.
[1562] Prince Selim, the future Selim II, to the Doge.
ASVe, Lettere e scritture turchesche, filza 2, No. 127
FILZA IV
Rilegatura in cartone. Sul dorso (che non si trova*): «No IV. Lettere et
scritture turchesche. 1580 fin A No 2 1589–1590. 21/183»
363
IV: 1-2
«Lettere e scritture turchesche 1580 fin 1590.»
Italiano; camicia.
364
IV: 3-4
Trad. (Michele Membré) del n. 807.
Italiano.
365
IV: 5-6
2ª decade rebiyülevvel 988 (6–15 maggio 1580). Costantinopoli. Murad
III al doge [Nicolò Da Ponte].
Italiano; trad. (Michele Membré); originale in DT n. 889.
Il sultano chiede la liberazione di Ferhad, che fu alaybeyi del sangiaccato
di Saruhan, catturato nell’ultima battaglia navale, che secondo le
informazioni avute si trova prigioniero a Corfù.
366
IV: 7-8
3ª decade rebiyülevvel 988 (6–15 maggio 1580). Costantinopoli. Murad
III al doge [Nicolò Da Ponte].
Italiano; trad. (Michele Membré); originale DT n. 890.
Il capitano Caroli attaccò il villaggio di Burlus, tra Alessandria e Rosetta
e, tra gli altri, catturarono Zemre, figlia di Abdelaziz, che ora si trova a
Candia presso Marino Correba. Poiché questo è contrario alle
capitolazioni, il sultano chiede al doge che ne ordini la liberazione.
367
IV: 9, 12
Trad. (Michele Membré) del n. 368.
Italiano.
368
IV: 10-11
Senza data (ricevuta 31 maggio 1580). [Costantinopoli] nell’arsenale
imperiale. Ali (nota dorsale: «provveditore dell’arsenale del Signor
Turco») al doge [Nicolò Da Ponte].
Ottomano, con sigillo sul verso; trad. n. 367.
86
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
Contenuto analogo al n. 807.
369
IV: 13
Senza data. Ali, [kapudanpaúa (cfr. n. 286)], al doge Nicolò Da Ponte e
alla Signoria
Ottomano, con sigillo sl verso; trad. n. 286.
Salomone di Giuseppe e Salomone di Giacobbe, mercanti ebrei abitanti a
Costantinopoli, stipularono accordi commerciali con Giovanni Antonio
Cechinello, Lorenzo Cechinello e Lorenzo Girardi, mercanti veneziani. I
veneziani, venuti a Costantinopoli avevano preso dagli ebrei merci per
un ammontare di 16.570 ducati da consegnare a Venezia agli agenti degli
ebrei, dando come garanzia la nave su cui le avevano caricate. Il bailo si
rese poi mallevadore, con una carta scritta, che la merce sarebbe stata
consegnata secondo l’accordo. I compagni Girardi però portarono la
nave a Messina e lì la vendettero con il carico. Per ottenere giustizia i
mercanti ebrei presentarono arz alla Porta. Per questo è stato inviato a
Venezia un çavuú. Lo scrivente chiede al doge di rendere loro giustizia.
370
IV: 14
3ª decade zilkade 987 (9–18 gennaio 1580). Costantinopoli. Murad III al
doge [Nicolò Da Ponte].
Ottomano, con tu÷ra in oro; trad. n. 287.
Dopo aver riportato quanto scritto al n. 301, a cui non è ancora stata data
risposta nonostante sia trascorso molto tempo, il sultano rinnova le
richieste allora avanzate. Chiede poi si agisca nei confronti dei
responsabili diretti, o dei loro garanti, o del bailo [Antonio] Tiepolo,
anche lui tra questi.
371
IV: 15, 17 bis
4 ottobre 1580. [Venezia] il Consiglio di Dieci e zonta al bailo a
Costantinopoli [Paolo Contarini].
Italiano; copia.
Il consiglio di Dieci e zonta comunicano al bailo di aver ricevuto sia le
notizie da lui inviate relative al granduca di Toscana sia la copia di
quanto il Gianfigliacchi e Sua Altezza hanno scritto al fratello del
defunto ùems pascià. Ritenendo che la corte di Toscana stia cercando di
ottenere il permesso di inviare alla Porta un proprio bailo e di rinnovare i
commerci, gli scriventi chiedono di essere regolarmente informati di
quanto succede a Costantinopoli. La medesima accuratezza nel ricercare
e inviare avvisi il bailo la dovrà porre anche relativamente all’Inghilterra,
in quanto è giunta notizia che la regina di quel paese stia cercando di
FILZA IV
87
ottenere un salvacondotto per poter inviare delle sue navi. Se sarà
necessario verranno inviati altri ordini in proposito.
372
IV: 16, 17
23 giugno 1581. [Venezia] il Consiglio di Dieci e zonta al bailo a
Costantinopoli [Paolo Contarini].
Italiano; copia.
Sebbene sembri che la trattativa avviata dal granduca di Toscana non sia
a buon punto, tuttavia il Consiglio di Dieci e zonta ordinano al bailo di
agire, per le stesse vie dell’ambasciatore di Francia, in modo tale da
disturbarla. Chiedono inoltre di essere regolarmente informati di quanto
succede a Costantinopoli.
373
IV: 18, 19
23 giugno 1581. [Venezia] il Consiglio di Dieci e zonta al bailo a
Costantinopoli [Paolo Contarini].
Italiano; copia.
Il Consiglio di Dieci e zonta lodano il comportamento tenuto dal bailo
che ha utilizzato l’ambasciatore di Francia per disturbare la trattativa dei
mercanti inglesi, giunti per concludere le capitolazioni e poter
commerciare. Il bailo informi l’ambasciatore francese che nei mesi
passati, presso Zante, una nave inglese aveva assaltato e preso due
navigli da Patino carichi di merci di proprietà di sudditi ottomani e
veneti. Con questo comprenderà che gente è quella che vuole navigare
sotto nome di mercanti inglesi. Quando il gran visir sarà a conoscenza di
queste notizie, il negozio delle capitolazioni inglesi sarà disturbato. La
cosa è di importanza e va trattata con diligenza e segretezza.
374
IV: 20
2ª decade zilkade 987 (30 dicembre 1579–8 gennaio 1580). Il kadı asker
di Rumelia, Mehmed, al doge [Nicolò Da Ponte] e alla Signoria.
Ottomano, con sigillo (impresso due volte) sul recto; trad. n. 285.
Contenuto analogo al n. 288.
375
IV: 21-22
18 maggio 1580. Cattaro. Il rettore e provveditore, Marco Diedo, ai Capi
del Consiglio di Dieci.
Italiano.
Chiede che il fratello di Ahmed, agà di Castelnuovo, detenuto a Venezia,
sia posto in una prigione migliore. Ricorda che Ahmed gli si è mostrato
fedele amico in varie contingenze, come nel caso della fusta presa dai
perastini, e principalmente nella faccenda di Pastrovich.
88
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
376
IV: 23, 25
Trad. (Michele Membré) del n. 377.
Italiano.
377
IV: 24
Senza data (ricevuta 11 febbraio 1580 [m.v. (1581)]. Il beylerbeyi di
Buda, Ali, alla Signoria.
Ottomano, con sigillo sul verso; trad. n. 376.
Raccomanda øvad çavuú che va a Venezia per acquistare sete ed oggetti
rari (yâdigâr tuhfe) da donare al sultano.
378
IV: 26-27
24 maggio 1581. Costantinopoli. Salomone Nathan Ashkenazi al doge
[Nicolò Da Ponte] e Consiglio di Dieci.
Italiano.
Gli era stato promesso, nel caso di morte del primogenito, il privilegio
concesso a quello dell’esenzione per 400 ducati del dazio di entrata in
Venezia, sarebbe stato trasmesso agli altri figli. Essendo ora morto detto
figlio, lo scrivente, in grave età e senza facoltà, chiede che venga
concessa, con patente autentica, agli altri suoi figli maschi l’esenzione
dai dazi in uscita ed entrata per merci del valore di 15.000 zecchini.
379
IV: 28, 39
«Traù. Processo di lettere e cocchioni (hüküm) pertinenti a quei confini,
ricevuti con lettere di quel Conte di 15 novembre 1581.»
Italiano; camicia del n. 380.
380/A IV: 29-38 (IV: 29)
Senza data (ricevuta 13 novembre 1581). Il sangiacco di Clissa e Livno,
Hasan bey, al conte e capitano di Traù.
Italiano; sola trad.; copia.
Insiste per quanto convenuto circa il risarcimento dei danni recati da
sudditi veneti ai morlacchi di Bristivizza. I veneziani hanno usurpato la
terra ai morlacchi ed arato due miglia «ongari» di terra al di là dei
confini, come lo scrivente ha potuto riscontrare dai dati conservati nella
sua cancelleria. Il conte, richiesto delle lettere dei confini, ha risposto di
attenderle da Venezia. Chiede venga ripristinata una guardiola che si
trova all’interno del confine da parte ottomana.
380/B (IV: 29)
13 novembre 1581. Il conte e capitano a Traù al sangiacco di Clissa e
Livno, Hasan bey.
Italiano; copia.
FILZA IV
89
Informa che quando compariranno i morlacchi di Bristivizza saranno
risarciti. Afferma di essere sicuro che i veneziani non abbiano alterato i
confini e che proteggano i terreni, sia coll’arare che con le vigne, per
come erano prima e dopo la passata guerra. Comunica che la guardiola di
«Smoquiza» è sempre stata in territorio veneto.
Ha scritto a Venezia per avere elementi sulle proprie ragioni; venendo la
risposta, tutto sarà chiarito. Rammenta al sangiacco di fare giustizia,
come avevano convenuto, ai sudditi veneti danneggiati, per cui è stata
inviata la lista.
380/C (IV: 30)
Trad. del n. 69.
Italiano; copia.
380/D (IV: 30)
Trad. del n. 16.
Italiano; copia.
Segue copia di un’autentica delle traduzioni in data 26 ottobre 1535, di
Giovanni Mazz[on]e, segretario di Nicolò Trevisan, provveditore
generale di Dalmazia.
380/E (IV: 31)
10 ramazan 953 (4 novembre 1546). Il sangiacco di Clissa, Abdi, al
conte di Traù, Giovanni Garzoni.
Italiano; sola trad.; copia.
I sudditi veneti Pietro Offerlinovich e compagno si sono lamentati che i
contadini di «Uratchovichi» e altri, che per antico seminavano in terre
dei veneziani e pagavano le decime, ora non ubbidiscono, rovinano i
possedimenti veneti e usurpano i pascoli. Poiché il sultano più volte
ordinò di non recare molestie ai luoghi dei veneziani, lo scrivente ha
ordinato ai contadini di non ingerirsi né recare molestie ai territori veneti.
Coll’accordo delle due parti potranno pagare le decime. Se, dopo aver
seminato e raccolto, non vorranno adempire i loro obblighi, i veneziani
diano aiuto allo scrivente per espellerli dalle loro terre, sicché esse
restino libere e senza molestie.
380/F (IV: 31-32)
rebiyülevvel 956 (30 marzo–28 aprile 1549). Costantinopoli. Süleyman I
al sangiacco di Clissa ed al cadì di Livno.
Italiano; sola trad; copia.
Il bailo si è lamentato che i sudditi turchi danno molestia ed usurpano
terre dei villaggi menzionati nel firmano della 2ª decade cemaziyülevvel
90
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
938 (cfr. n. 35). Si confermano ora tali confini e si ordina di non dare
molestie e rispettare le capitolazioni.
380/G (IV: 32)
ramazan 958 (2 settembre–1 ottobre 1551). Dichiarazione di «Pisan»
bey, sangiacco di Clissa.
Italiano; sola trad.; copia.
Alvise, figlio di Girolamo Coriolan, gentiluomo di Traù, si è lamentato
che i morlacchi stanzino sul territorio di Traù senza corrispondere il
terratico ai proprietari. Ha chiesto che venisse ordinato al voivoda di fare
pagare loro il terratico o che fossero espulsi. Si dà ordine in conformità.
380/H (IV: 32)
ramazan 958 (2 settembre–1 ottobre 1551). Dichiarazione di «Pisan»
bey, sangiacco di Clissa. Italiano; sola trad.; copia.
Riconosce che il villaggio di «Sbicinie» è dei veneziani. Se gli uomini
che vi stanziano non vorranno pagare le decime, i suoi agenti devono
costringerli a farlo, o altrimenti espellerli. Ordina la suo subaúı ed agli
altri suoi uomini di non fare torto ai suddetti abitanti.
380/I (IV: 32)
12 muharrem 959 (9 gennaio 1552). Dichiarazione (hüccet) del cadì di
Livno.
Italiano; sola trad.; copia.
La gente di Traù si è presentata in gruppo per lamentarsi dello
stanziamento dei morlacchi di là dei confini fissati da Hüsrev bey,
contravvenendo al relativo firmano. Testi: 1. Hasan agà b. Ali («Hallia»);
2. Memi çelebi b. Sinan; 3. Ferhad subaúı («Perchat»); 4. øbrahim
Abdulacovich; 5. Mehmed, «voivoda duca».
380/L (IV: 32-33)
2ª decade safer 962 (5–14 gennaio 1555). Süleyman I al sangiacco ed al
cadì di Clissa.
Italiano; sola trad.; copia.
A mezzo di «Zaneimo» [Salvago], dragomanno veneto, sono state
presentate lettere alla Porta in cui si dice che nessuna molestia è stata
data ai villaggi di «Tri Loqua», Radošiü e «Suchidel». Il castello di
«Snoyla», in detti confini, fabbricato dai veneziani 55 anni prima, è stato
dal loro conte demolito. Il sultano ha scritto al doge perché da nessuna
delle due parti venga ricostruito detto castello. I destinatari si regolino in
conformità.
FILZA IV
91
380/M (IV: 33)
Senza data. L’ambasciatore di Traù, Pietro Claudio, al doge e alla
Signoria.
Italiano; copia.
Più volte i ministri turchi ai confini di Dalmazia, con molti illeciti, hanno
cercato di occupare il territorio di Traù. Il doge ha perciò sempre
ordinato di mantenerne il possesso. Il precedente sangiacco di Clissa ha
cercato, con astuzie e falsità, di occupare quanto i turchi non hanno
potuto con le guerre: non solo ha voluto mettere mano ai luoghi già
prima in difficoltà, ma pure al villaggio di «Mezlina», che si fitta per 140
ducati l’anno, che sarebbe, delle dodici, la undicesima parte di quel
territorio. Ciò determinerebbe la rovina di Traù. Quando il precedente
conte, Alvise Corner, secondo il decreto del 13 novembre 1574, obbligò i
morlacchi a pagare il terratico, il sangiacco si oppose e volle persino che
fosse restituito quanto era stato già riscosso, asserendo falsamente che
[Giacomo] Soranzo avesse posti i confini del territorio a Traù, per i
quali, in realtà, non vi è stata alcuna difficoltà, ma quelli di Zara,
Sebenico e Spalato, come il doge potrà apprendere dallo stesso Soranzo.
Intanto il conte soprassedette alla riscossione e scrisse a Venezia. Poiché
non è stato risposto, il terratico non viene riscosso, con pericolo che i
morlacchi si impadroniscano di quei luoghi, causando la rovina di Traù.
Si prega di agire, dando istruzioni al bailo e al conte attuale, e ai suoi
successori, perché si mantenga il possesso, come fu deliberato dal Senato
il 19 aprile 1564. I morlacchi, dopo la pace, si erano volontariamente
obbligati con il conte di allora, Nicolò Priuli, a pagare il terratico per i
quattro villaggi da essi abitati.
380/N (IV: 33)
Senza data (ricevuta 20 aprile 1577). Il voivoda di Podgorje, Ahmed, al
conte di Traù.
Italiano; sola trad.; copia.
Chiede che vengano liberati i sudditi turchi imprigionati senza giusta
causa dal conte; altrimenti informerà il sangiacco [di Clissa e Livno]
Mustafa.
380/O (IV: 34)
21 aprile 1577. Traù. Il conte di Traù al voivoda di Podgorje.
Italiano; copia.
Ha imprigionato Nicolò Charstovacich, Jonco Divnich e Bertoldo
Milsovich perché non hanno pagato il terratico dell’anno precedente di
Bristivizza, mentre per il passato l’avevano regolarmente versato alla
Camera, per come si erano obbligati dopo la pace.
92
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
380/P (IV: 34)
Senza data (ricevuta 5 aprile 1577). Il sangiacco di Clissa e Livno,
Mustafa, al conte di Traù.
Italiano; sola trad.; copia.
La gente di Bristivizza si è lamentata che tre di loro siano stati
imprigionati. Quei luoghi sono stati conquistati dal sultano con la
scimitarra e da tanto tempo i turchi ne riscuotono le tasse (i ducati). Nel
fissare recentemente i confini era stato dichiarato tutto minutamente e
sono state inviate copie delle dichiarazioni al sultano e al doge. Il conte
vorrebbe dare mano a nuovi confini e a disturbi. Quando lo scrivente
venne innanzi a Traù, esibì la copia della dichiarazione e rappresentò
dove erano i limiti. Invita il conte a essere savio e prudente.
380/Q (IV: 34)
1 maggio 1577. Il conte di Traù al sangiacco di Clissa e Livno.
Italiano; copia.
Mai i luoghi in questione furono occupati con le armi, e Venezia ne ha
sempre conservato il possesso, riscuotendo i terratici fino all’anno
precedente. Al principio della pace essi [i morlacchi] si sono obbligati a
pagare, come appare dagli atti della cancelleria. Quando poi si sono
rifiutati, la Porta ha ordinato di costringerli, come si rileva dai firmani e
dalle dichiarazioni di sangiacchi e cadì, che il sangiacco ha visto quando
venne a Traù. Quanto all’esser messi ultimamente i confini di Traù, gli
fu già risposto che di questi non poteva esser stata fatta dichiarazione
alcuna perché non erano in difficoltà. Il sangiacco sa questo molto bene
per essere stato con gli altri commissari a Zara, Sebenico e Spalato,
senza andare a Traù. Quando gli fu chiesto di dare copia della decisione
dei confini la promise, ma non mantenne la promessa. Essendo le cose
rimaste così, è giusto che il terratico venga riscosso. Si invita
nuovamente il sangiacco ad esibire una copia delle decisioni sui confini.
Avendola, lo scrivente chiede chiarimenti a Venezia.
380/R (IV: 35)
Senza data (ricevuta 9 maggio 1577). Il sangiacco di Clissa e Livno al
conte di Traù.
Italiano; sola trad.; copia.
I documenti inviati dal conte (cfr. 380/Q) non hanno valore, essendo i
confini mutati in seguito alla pace. Invia copia della decisione dei confini
richiesta:
Da «Vglienich» verso il monte di «Orglia Draga»; da lì verso
«Bosiglina» al Lago Rosso, e da lì per il monte detto «Dabgora» e monte
«Vulasche»; da lì nel monte, ovvero «Goio del Vitturi»; da lì al lago del
FILZA IV
93
villaggio Baba; da lì a «Prosich»; da lì per i monti a «Cosyach»; da lì al
Sasso Rosso, detto «Guodena Galcha» e da lì nel mare detto «Gasgan»,
dove finisce il confine veneziano. Invita quindi il conte a rilasciare i
sudditi del sultano messi in carcere. Chiede gli si comprino, a sue spese,
due macine piccole, quali si portano in viaggio.
380/S (IV: 35)
Senza data (post 9 maggio 1577). Il conte di Traù al sangiacco di Clissa e
Livno.
Italiano; copia.
Ha inviato la dichiarazione avuta a Venezia. Rilascerà i prigionieri dietro
cauzione.
380/T (IV: 35-36)
Senza data (anteriore al 380/U). Esposto (arz) di Malkoç, sangiacco di
Clissa, alla Porta.
Italiano; sola trad.; copia.
La gente dei confini di Clissa ha reclamato per depredazioni di uscocchi,
che passano sempre per il castello in rovina detto Snoylo. Ha quindi
richiesto che esso venga ricostruito. Lo scrivente, col cadì Alaeddin «id
est Busdochan», si recò sul posto e constatò che il castello avrebbe
potuto essere restaurato con poco, e presidiato da circa venti uomini.
Fece di questi una lista, ed inviò un arz alla Porta. Andò poi, per ordine
del sultano, al confine di Capo di «Cosova», ma, mentre ivi radunava
degli uomini, il conte di Traù, di notte, segretamente, inviò 15 uomini a
quel castello. Lo scrivente lo ha invano inviato a ritirarli, facendo
presente che il castello si trova in territorio seminato dai sudditi ottomani
da 30 anni, e che da 40 anni è in rovina. Il castello dista dal mare come
Costantinopoli dal Ponte Piccolo.
380/U (IV: 36)
3ª decade cemaziyülahır 960 (4–12 giugno 1553). Süleyman I al
sangiacco di Clissa, Malkoç, ed al cadì di Sarajevo.
Italiano; sola trad.
È riportato 380/T. Si riferisce che il bailo ha fatto presente che quel
castello è ab antiquo dei veneziani. Si ordina quindi di recarsi sul posto
con i procuratori di Venezia e di fare un’inchiesta. Se il castello
risultasse dei veneziani si receda da ogni pretesa, altrimenti si faccia arz
e si attendano ordini.
94
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
381
IV: 40-41
Senza data (14 ottobre 1581). Il müteferrika, Ali agà, al doge [Nicolò Da
Ponte], alla Signoria e ai Savi alla mercanzia.
Italiano; trad.
Dovendo partire, sollecita una risposta circa la sua domanda per una
grazia. È confuso per non averla ancora ottenuta. Chiede che il privilegio
sia consegnato all’ambasciatore di Sua Sacra Maestà Cristiana [il re di
Francia], che glielo farà recapitare.
382
IV: 42-43
10 novembre 1581. Costantinopoli. Salomone Nathan Ashkenazi al doge
[Nicolò Da Ponte] e al Consiglio di Dieci.
Italiano.
Ringrazia per l’esaudimento della sua richiesta (cfr. n. 378). Poiché quei
luoghi sono tanto pericolosi che chi ha quattro o cinque figli è come se
non ne avesse, e poiché i suoi due maggiori sono morti entrambi negli
ultimi tre mesi, chiede che il beneficio promesso sia concesso ai suoi
figli in generale, senza nominare in particolare nessuno.
383
IV: 44-45
19 gennaio 1582. [m.v. 1583. Costantinopoli] Vigne di Pera. Il bailo
Gian Francesco Morosini ai capi del Consiglio di Dieci.
Italiano.
Le donne di Mahmud agà da Castelnuovo, per le quali ha già scritto il 22
dicembre [1582], saputo dell’invio a Venezia di un çavuú, hanno chiesto
nel Divano del gran visir che si scrivesse alla Signoria per la liberazione
dell’agà. Essendo quelle donne importune, il pascià è stato costretto a
pregare il bailo di scrivere alla Signoria in proposito. Le suddette hanno
insistito anche presso lo scrivente. La lettera è affidata al çavuú. Il bailo
non ha potuto fare a meno di scrivere per liberarsi da quelle e per dare
soddisfazione al pascià.
384
IV: 46-47
4 agosto 1582. [Costantinopoli] Vigne di Pera. L’ambasciatore Giacomo
Soranzo, e il bailo, Paolo Contarini, ai capi del Consiglio di Dieci.
Italiano.
Della sorte di Mahmud agà, preso nel forte di «Verbagno», si interessa il
magnifico pascià, che l’ha raccomandato agli scriventi a mezzo di un
çavuú, mettendo in rilievo che è stato l’ambasciatore Soranzo a prendere
il forte e l’agà. Sono offerti in cambio altri schiavi o denaro.
FILZA IV
95
385
IV: 48-49
3ª decade receb 990 (11–20 agosto 1582). Costantinopoli. Murad III al
doge [Nicolò Da Ponte].
Italiano; trad. (Michele Membré) di DT n. 908.
Il sultano congeda l’ambasciatore Giacomo Soranzo, che ha
rappresentato il doge alle feste per la circoncisione del principe Mehmed.
Il sultano raccomanda di essere sempre tenuto al corrente dei fatti
riguardanti Venezia.
386
IV: 50-51
16 agosto 1582. Costantinopoli. Il gran visir, Sinan pascià, alla Signoria.
Italiano; sola trad. (Michele Membré).
Informa che l’ambasciatore veneto è stato ricevuto dal sultano, che ha
accettato il presente inviatogli.
387
IV: 52-53
Trad. del n. 388.
Italiano.
388
IV: 54
3ª decade ramazan 990 (19–28 ottobre 1582). Costantinopoli. Murad III
alla Signoria.
Ottomano, con tu÷ra in oro; trad. 387.
Giacomo Perdicca («BerdƯqa»), zimmi, ed il suo socio Manuele Scaruoli
(«YƗnǀl IsqƗrǀl», in seguito «IsqƗrovƯk»), zimmi, avevano mandato a
Venezia una nave carica di ghiande (palamut, trad. valona). La merce fu
trattenuta da alcuni veneziani, creditori del secondo. Morto nel frattempo
questi, il figlio si è recato a Venezia e, sostenendo che il debito era del
padre e non suo, si è fatto dare la parte del Perdicca. Si chiede ora che,
all’arrivo della lettera (name), per i rapporti di buona amicizia (ihlâs ve
ihtısas), sia fatta giustizia.
389
IV: 55
1ª decade receb 990 (22–31 luglio 1582). Il defterdar di Bosnia,
Mehmed, al doge [Nicolò Da Ponte]. (A tergo: «Presentata da Daniel
Rodrighez il 28 ottobre 1582»).
Ottomano, con sigillo sul verso: trad. n. 400.
A mezzo dell’ebreo Daniele, commesso (vekil) e fattore (emin) degli
ebrei, chiede che per la sicurezza dei traffici della scalo di Narenta, i
quali interessano i due paesi, e per impedire le molestie che gli uscocchi
recano ai mercanti, una galea della Repubblica accompagni i mercanti
nel tragitto da Narenta a Venezia, e viceversa.
96
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
390
IV: 56, 59
22 dicembre 1582. [Costantinopoli] Vigne di Pera. Il bailo, Gian
Francesco Morosini, [ai capi del Consiglio di Dieci].
Italiano; copia.
Sono venuti da lui la donna di Mahmud agà con un çavuú, il quale ha
riferito che i pascià erano sorpresi che il doge rifiutasse (cfr. n. 384) così
piccola cosa, richiesta anche all’ambasciatore e al bailo precedente. Il
sultano è molestato dalle donne ogni giorno, quando esce dal Serraglio,
presentandogli esse delle «reca» (ruk’a). Lo scrivente rispose che non era
informato della cosa e che avrebbe scritto; chiese un appunto (cfr. n.
391), che gli fu dato da un turco che era con le donne. I pascià chiedono
il prigioniero come segno di pura cortesia. Il Morosini fece notare, circa
le precedenti richieste, che il Soranzo, ammalatosi, si era fermato a Sofia
ed il bailo suo predecessore doveva essere ancora a mezza strada, per cui
non si sarebbero avute risposte prima di quattro mesi. Attende istruzioni.
391
IV: 57
Senza data [dicembre 1582, contemporaneo al n. 390]. Appunto circa
Mahmud agà di Castelnuovo.
Ottomano; trad. n. 392.
Fu fatto schiavo da Giacomo Soranzo nella palanca presso Cattaro. La
sua liberazione è stata richiesta allo stesso Soranzo e al bailo andato via
[Paolo Contarini].
392
IV: 58
Trad. (Marchiò Spinelli) del n. 391.
Italiano.
393
IV: 60-61
2ª decade zilkade 990 (7–16 dicembre 1582). Il sangiacco di Erzegovina,
Mehmed, al doge [Nicolò Da Ponte] e alla Signoria.
Italiano; sola trad. (Michele Membré).
Gli uscocchi di Segna, passando per le isole venete, hanno fatto
prigionieri il cadì di Macarsca, l’azeb agà e molti uomini, nel villaggio di
«Muchica» (Remusca, cfr. DT nn. 912, 914) in Erzegovina. In quel
frangente sono anche sono stati uccisi alcuni turchi. Gli uscocchi trovano
sempre riparo nelle isole venete. Le loro imprese cesserebbero solo se si
facesse buona guardia ai luoghi pericolosi, come Lesina, ecc. Se ciò non
avverrà uscirà in mare la flotta del sultano. Lo scrivente, animato dal
senso di amicizia, è spiacente che, essendo venuto solo da due mesi, già
si sia verificato quell’incidente. Non farà arz, ma chiede che siano
ritrovati i prigionieri. È inviato il kapıcıbaúı Hüseyin, che si prega di
rimandare con una galea allo scalo di Narenta.
FILZA IV
97
394
IV: 62, 65
Trad. (Michele Membré) del n. 395.
Italiano.
395
IV: 63-64
Senza data [1583]. [L’ambasciatore in Francia] Hasan, al doge [Nicolò
Da Ponte] e alla Signoria.
Ottomano, con sigillo sul verso; trad. n. 394.
Dopo esser passato all’andata per Venezia, dove ebbe cortesie e un
salvacondotto per i territori veneti, è ora di ritorno dalla sua ambasceria
(elçilik) al re di Francia. Chiede che lo si invii con una nave a Ragusa, e
promette di riferire al sultano i favori ricevuti dalla Repubblica, alla
quale si professa obbligato con i suoi figli e dipendenti.
396
IV: 66, 71
6 giugno 1583. Di galea alle «Fromentore». Il capitano alla guardia
contro uscocchi, Mauro Molin, al doge [Nicolò Da Ponte].
Italiano; copia.
Il 19 maggio aveva scritto alla Signoria che si dirigeva a Spalato per
consegnare tre morlacchi liberati nello stretto di «Leporini» dagli
uscocchi, catturati in quei giorni presso Clissa. Avendogli però essi
richiesto di essere lasciati a Traù, li ha lì liberati, facendosi dare le
attestazioni dell’emino della scala di Macarsca (cfr. n. 397) e di quello di
Traù (cfr. n. 398), che si accludono affinché vengano inviate al bailo.
Essendo stato avvisato che tre barche di uscocchi sono state avvistate a
Brazza, nel dubbio che potessero danneggiare Macarsca e i villaggi
vicini, si trattenne tre giorni in quei luoghi, ritirandosi poi verso
Sebenico, quando intese che le dette barche si erano allontanate per
paura della peste, manifestatasi in quei luoghi. A Sebenico seppe dal
conte e dal Querini, patrono di fusta lasciato alla guardia di Capocesto,
che quattro barche di uscocchi avevano sbarcato 150 uomini presso
Trappano, e il 26 maggio avevano catturato a Campo di «P[e]ro» molti
turchi e cavalli di valore. Il Querini però sorprese dette barche nella valle
di «Codomastizza», dove li combattè con successo tutto il giorno, senza
sue perdite, uccidendo quattro uscocchi, finché, venuta la notte, non potè
fare altro. Lo scrivente osserva che, per quanto si agisca, è impossibile
impedire tutti i danni, essendo gli uscocchi cresciuti in gran numero e
agendo in accordo con sudditi turchi. È venuto ora alle «Fromentore» nel
timore che i pirati, specie quelli di Vinodolo, assalgano le barche di
ritorno dalla fiera dell’Ascensione. Andrà poi alla bocca di Segna per
bloccare la navigazione e vigilare le acque di Vinodolo.
98
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
397
IV: 67, 70
23 maggio 1583. Il luogotenente ed emin dello scalo di Sebenico, Traù,
Zara e Spalato, Mehmed Cernoeviü da Schella. Dichiarazione.
Croato, con trad. in italiano.
Ha avuto consegnati, dal capitano contro Uscocchi, Obrad, Milevaü e
Milazin Bratceviü morlacchi presi dagli uscocchi presso Clissa.
398
IV: 68-69
Senza data (maggio 1583, contemporaneo al n. 397). Dichiarazione
dell’emin di Sebenico, Mehmed kâhya.
Ottomano, con sottoscrizioni dello stesso Mehmed e del kâtib ùaban.
Contenuto analogo al n. 397.
399
IV: 72-73
24 agosto 1583. Adrianopoli. Il principe di Valacchia Petru II Cercel al
doge [Nicolò Da Ponte].
Italiano.
Ringrazia per le cortesie usategli dalla Repubblica. Comunica, certo che
la notizia farà piacere al doge, che gli è stato restituito lo stato paterno.
Manda la lettera a mezzo del signor Mellin della Costanza, che invia al
re cristiano [di Francia] per ringraziare del beneficio, avuto a mezzo dei
negoziati dell’ambasciatore signor di Germigny.
400
IV: 74-75
Trad. (Michele Membré) del n. 389.
Italiano.
401
IV: 76-77, 82-83
Trad. del n. 403.
Italiano.
402
IV: 78, 81
Senza data (trad. 10 dicembre 1584). Il Cairo. Il beylerbeyi d’Egitto,
øbrahim pascià, al doge [Nicolò Da Ponte] e alla Signoria.
Ottomano, con sigillo sul recto; trad. n. 408.
Si congeda il console veneto al Cairo, Giorgio Emo, che torna in patria.
403
IV: 79-80
Senza data (in lettera da Zara del 20 marzo 1583). Dichiarazione di
Hasan agà, çavuú (probabilmente estratto di arz alla Porta).
Ottomano, con sigillo sul recto; trad. n. 401 (con varianti).
FILZA IV
99
Venuto per fare un’inchiesta e riferire alla Porta sulla situazione di Zara,
i signori di quella città gli hanno consegnato un memoriale (defter) dei
danni inferti dagli uomini del sangiacco di Cherca. Recentemente Nadir
voivoda, gli uomini del sangiacco, Kara agà, dizdar di Zemonico
(«ZemnjnƯk»), il beúli a÷ası di «PǀlƯšƗn», Zülfikar della fortezza di
Nadin, Hüseyin agà da Rodi (Rodoslu), Hüseyin haramibaúı di
«PǀlƯšƗn», Mehmed haramibaúı di Zemonico, il kethüda di «PǀlƯšƗn», il
kethüda di Nadin, della fortezza di «Bǀnh», Bali agà della fortezza di
«YnjnǀklƯk», Bali, agà degli azeb di Scardona («IsqarƗdƯn»), i fratelli del
beúli a÷ası di «ƿdƗnƯ», a bandiere spiegate (sancak açıp), hanno fatto 57
prigionieri, fra uomini e donne, da «Grnjze» a Malpaga, e da tutti i
villaggi dipendenti da Zara; hanno ucciso 12 persone e ne hanno inviato
la testa e le orecchie alla Porta. Hanno razziato inoltre 520 buoi, 1250
pecore e 20 cavalli. Hanno poi incendiato «Grnjze» e distrutto Malpaga,
per cui quei villaggi sono in rovina. Se alcuno ardisce coltivare i campi
gli distruggono gli aratri. Tali violenze sono state verificate dallo
scrivente.
Il sangiacco si è spinto per quattro miglia nel territorio di Zara, e i suoi
uomini fanno sì che nessuno possa dimorare in quei villaggi. Nel firmano
portato dallo scrivente era detto che il cadì di Cherca dovesse venire sui
confini per riscontrare le aggressioni. Venne dopo tre giorni, ma né lui né
il sangiacco, con cui era d’accordo, prestarono fede al firmano. Non
fecero comparire nessuno degli aggressori ed il cadì non rispose alla
richiesta di fare sicil. Il çavuú scrivente ha rilevato che quei due cercano
di coprire le colpe degli aggressori. Quei musulmani hanno distrutto i
villaggi dei veneziani, contro i quali il bey, gli agà e la loro gente è
malevolmente animata. Non hanno avuto timore del firmano, né riguardo
verso lo scrivente. Questi si è recato nei luoghi e ha visto, con
rammarico, il villaggio distrutto, quello bruciato e gli aratri rovinati.
Riservandosi di riferire quanto ha visto alla Porta, scrive ora la presente,
mentre è prossimo a recarsi a Venezia.
404
IV: 84, 86
Trad. (Vincenzo degli Alessandri) del n. 405.
Italiano.
405
IV: 85
Senza data (ricevuta 19 settembre 1584). Il sangiacco di Erzegovina,
Ferhad, al doge [Nicolò Da Ponte] a alla Signoria.
Ottomano, con sigillo sul verso; trad. n. 404.
Hacı Memi di Mostar aveva mandato a Venezia, a mezzo di certo
Süleyman, delle mercanzie del valore di 750 ducati (altun), al sensale
(meyancı) Paolo. Questi poi fuggì da Venezia e i suoi beni, tra cui le
100
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
dette mercanzie, furono sequestrate. Si chiede che il suddetto Memi
venga reintegrato nel possesso delle sue merci.
406/A IV: 87, 90/A-B
Senza data (trad. 2 giugno 1584). Il cadì del Montenegro al provveditore
di Cattaro.
Italiano; sola trad.
Si lamenta che i veneziani abbiano ucciso [sic; invece feriti, come dalla
risposta che segue], in tempo di pace cinque dei suoi uomini e quattro
cavalli. Due di loro sono morti. Volendo le genti di lì fare ricorso alla
Porta ed avere da lui fede, chiede al provveditore quale siano le sue
intenzioni.
406/B IV: 87, 90/A-B
2 giugno 1584. Cattaro. Il provveditore di Cattaro al cadì del
Montenegro.
Italiano; copia.
Gli uomini di cui il cadì lamenta l’uccisione, con altri in gran numero, si
erano recati vicino al villaggio di «Cartoldi» per ucciderne gli abitanti e
svergognare le loro mogli e figlie. Perciò gli abitanti di «Cartoldi» si
sono dovuti difendere, dopo che già erano stati privati dei viveri per tutto
l’anno, avendo i predetti tagliato le loro vigne, pascolato i cavalli nella
loro biada e rovinato i campi di lino. Lo scrivente non ha informato del
fatto né il bailo né Venezia, sperando che il cadì, che era presente,
avrebbe fatto giustizia, mentre ora sembra voler sostenere i malfattori.
Questi vogliono fare arz per prevenire il castigo che si sono meritati,
sostenendo che cinque di essi sono stati feriti e due uccisi.
407
IV: 88-89
«Ultimi di mazo» 992 (1584). Fede di Halil, voivoda di Montenegro.
Italiano; tradotto dal turco in croato, e dal croato in italiano.
Attesta che il torto non è dei villaggi della zona di Cattaro, ma degli
«zarnizani», i quali a «Cartoli» hanno distrutto ogni cosa.
408
IV: 91-92
Trad. (Matteo Marucini, nodaro ducale) del n. 402.
Italiano.
409
IV: 93-94
Senza data (presentata 10 dicembre 1584). Il kapudan di Alessandria,
Mehmed, alla Signoria.
Italiano, con sigillo sul verso; trad. (Matteo Marucini, nodaro ducale) di DT n. 933.
FILZA IV
101
Le relazioni tra il sangiacco, il console e i mercanti veneti in Alessandria
furono sempre ottime, specialmente dopo la pace. L’anno della conquista
di Cipro lo scrivente, in qualità sangiacco di Alessandria, agevolò a molti
nobili veneziani il ritorno in patria, che alcuni malevoli volevano
impedire. Anche ora, come kapudan di Alessandria e detentore del
mukataa dello scalo, si è sempre adoperato in favore dei consoli e dei
sudditi veneti, come può attestare l’ex console Giorgio Emo. Spera che la
Signoria scriverà favorevolmente di lui al sultano.
410
IV: 95
Senza data. Piyale al doge (hâkim) di Venezia.
Ottomano; senza trad.; senza sottoscrizione, sigillo come al n. 219.
Chiede, affinché non siano turbati i rapporti di amicizia, che gli venga
rimessa la somma che un mercante veneto deve ad Ali, già agà del
Serraglio (seray-i amire), il quale a sua volta è debitore dello scrivente.
411
IV: 96-97
12 maggio 1586. Costantinopoli. Ettore Salem da Molfetta a don
Bonifacio Porticello da Molfetta, cantore nella chiesa di San Marco a
Venezia.
Italiano.
Avrà intese le sue disgrazie. Per la loro amicizia e parentela, raccomanda
di fare proseguire la moglie, che viene a Venezia da Buda, per Molfetta
presso padre, e di scrivere a questi che la conforti. A Costantinopoli ha
trovato schiavo di un capitano di galea il figlio di Francesco Stellachi da
Bisceglie. Ha fatto in modo che non fosse messo al remo e può essere
riscattato per 200 scudi d’oro. Ricordi alla moglie di scrivergli dove sono
a Costantinopoli le case del padre, per poterle recuperare.
412
IV: 98-99
12 maggio 1586. Costantinopoli. Ettore Salem da Molfetta alla moglie,
Dorotea.
Italiano.
Le comunica di essere giunto a Costantinopoli col cognato (fratello di
Dorotea), che ha avuto lo stesso posto del padre, cioè quello di çavuú del
sultano. Il cognato era venuto a Buda per rilevarla, ma non ve l’ha
trovata e gli ha riferito come ella fosse andata a Venezia, non volendo
recarsi a Costantinopoli. Le raccomanda almeno di recarsi a Molfetta e
pregare Dio per loro. Lo avvisi in che contrada («maala» = mahalle)
sono a Costantinopoli le case del padre, per poterle recuperare, giacché
valgono assai. Lo scrivente ha paga di reis di galea.
102
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
413
IV: 100, 102
Trad. (Matteo Marucini) del n. 414.
Italiano.
414
IV: 101
Senza data (presentata in Collegio il 3 gennaio 1586 [m.v. (1587)]). Il
beylerbeyi di Bosnia, Ferhad, al doge.
Ottomano con sigillo sul verso.
Raccomanda il suo commesso Malkoç, che si reca a Venezia per vendere
cera (úem), miele (asel) ed altre merci e per acquistare delle munizioni
(mühimmat). Lo si rimandi con il denaro (filuri) ricavato dalla vendita.
415
IV: 103-104
3ª decade úaban 990 (10–18 settembre 1582). Costantinopoli. Murad III
al doge [Nicolò Da Ponte].
Italiano; trad. (Michele Membré) di DT n. 909.
L’appaltatore di ghiande del fisco di Morea Marino [Scaruoli] caricò
5.000 cantari di questa merce su una nave da lui comprata per 100.000
aspri e armata con altri 200.000; con il patrono Giacomo Perdicca
mandò il carico a vendere, come di consueto, a Venezia non potendo
venderlo sul posto a causa della peste. All’arrivo, però, il mercante
Giacomo Regazzoni e altri sequestrarono la nave, del valore di 5.000
ducati, e la mercanzia, ammontante a 15.000 ducati, asserendo di essere
stati a ciò autorizzati da una lettera di Manuele Scaruoli, padre di
Marino, loro debitore. Due interpreti, entrambi di nome Marco, inviati
dal bailo [Paolo Contarini] confermarono il sequestro dichiarando
tuttavia di ignorare la lettera e il debito di Scaruoli padre. Inoltre il
mercante Francesco da Zante sottrasse a Marino 20.000 cantari di
ghiande caricandone 5.000 sulla nave di patrono Papasevasto dell’isola
«Monastir» (DT n. 909: «Mantor»), distribuendo per l’incetta denaro ai
ribelli di Manya e altri sudditi ottomani. La nave fu poi ritrovata da un
uomo inviato da Marino a Zante con solo 2.000 cantari, che furono
immagazzinati con la licenza del rettore; gli altri 3.000 erano stati
venduti. 15.000 dei suddetti 20.000 cantari furono ceduti da Francesco
parte a Venezia e parte a Zante. Lo stesso Francesco, alla presenza del
cadì di Kalamata («Calamino») confessò tali fatti dicendo che i capitali
poi restituiti gli erano stati anticipati da Giorgio Sumachi e Teodoro
Grappidi da Zante e dal socio Giacomo Regazzoni. Tali circostanze sono
confermate in arz e copie di sicil di øbrahim, già cadì di Santa Maura e
ora müfettiú di Morea, del sangiacco di Morea, dei cadì di Kalamata e
Patrasso e del nazır di Morea. Il sultano invia a Venezia come mubassır
Ömer kapıcı e il sipahio÷lan øbrahim, come esattore, a recuperare per il
fisco l’importo della nave e dei predetti 25.000 cantari di ghiande; chiede
FILZA IV
103
inoltre che, recandosi a Venezia anche Marino, si provveda alla sua
sicurezza personale. Se gli saranno arrecati danni o offese si riterranno
violati i patti.
416
IV: 105, 107
Trad. del n. 810.
Italiano.
417
IV: 106
Senza data [1591]. [Costantinopoli]. Il kapıa÷ası, Gazanfer agà, alla
Signoria.
Ottomano, con sigillo sul recto; senza trad.
Chiede che venga fatta giungere al suo paese la madre, latrice della
lettera. Raccomanda pure i suoi parenti e le sue sorelle.
418
IV: 108-109
15 agosto [15]87. Damasco. Il custode guardiano di Terrasanta, frate
Accursio Quinciniano, al padre guardiano di Santa Maria di Drapé a
Costantinopoli.
Italiano; copia.
Nel febbraio passato, appena entrato in carica, un nuovo sangiacco fece
impalare il vescovo di [***] di Siria e trasformò la chiesa in moschea.
Mentre il vescovo moriva sul palo, il sangiacco minacciò i capi dei
quattro monasteri della stessa sorte se non gli avessero presentato 10.000
zecchini per monastero. Quelli in tutto poterono raccogliere quasi 6.000
zecchini, a cui si doveva aggiungere un’altra avania di 700 ducati
correnti che poco prima avevano dovuto versargli. Il sangiacco, non
ancora soddisfatto di tutto questo, diede 15/20 giorni di tempo per
approntare 10.000 zecchini, mentre egli stava in campagna a far
pascolare i cavalli. I religiosi si rivolsero allora al cadì, che diede loro arz
per la Porta, circa i denari che il sangiacco aveva avuto da tutti i
monasteri e la morte del vescovo siriano. Gli arz furono spediti prima
che il sangiacco ritornasse. Quando fu tornato, volle consegnati altri
3.000 zecchini dal monastero dello scrivente che, in tutto, in tre
versamenti, ha sborsato 6.000 zecchini, ed altrettanti dagli altri tre
monasteri. In seguito agli arz, i tre ambasciatori supplicarono che si
inviasse un firmano a [***], pascià di Damasco, perché facesse
un’inchiesta (teftiú) e ne comunicasse l’esito alla Porta. Il bailo e
l’ambasciatore di Sua Maestà Cesarea hanno comunicato allo scrivente
che il detto pascià aveva autorità di «battelar» il sangiacco e fargli
restituire il maltolto. Il pascià mandò il suo kapıcı a Gerusalemme per
l’inchiesta. I capi dei monasteri erano però fuggiti coi loro dragomanni,
lasciando ai monasteri appena una o due persone di guardia. Per essere il
104
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
sangiacco rimasto in carica, nessuno osava comparire. Si presentò solo il
vicario dello scrivente che rapportò come il sangiacco avesse estorto al
monastero circa 6.000 ducati correnti, ed altrettanti agli altri tre
monasteri, cioè in tutto circa 24.000 ducati correnti. Il dragomanno però,
un rinnegato che non conosceva bene il turco, riferì 24.000 zecchini,
mentre in realtà sono solo 11.000 zecchini, cioè 22.000 ducati correnti, di
mezzo zecchino. Basta che il pascià riferisca alla Porta che ha mandato
un uomo a Gerusalemme che, poiché il sangiacco mantiene la carica, non
gli si è potuto fare processo, che tutti i cristiani si sono rifugiati chi a
Tripoli, chi a Damasco, chi ad Aleppo o altrove, e che se il sangiacco
fosse rimosso si troverebbero testimoni contro di lui. Lo scrivente spera
di avere altro arz dal cadì con cui accompagnare quello del pascià, da
inviare al bailo, con lettere per gli altri ambasciatori, perché facciano sì
che il sangiacco sia destituito e venga emanato un firmano per
processarlo. Anche se non si recuperasse nulla, ciò servirebbe a tenere a
freno i futuri sangiacchi, i quali altrimenti farebbero come l’attuale, con
rovina dei cristiani. Se occorresse regalare al visir, non si guardi a spese.
Dica al bailo di spendere senza parsimonia e di riferirne allo scrivente,
che gli farà rimborsare le spese, a Venezia, dal procuratore di Terrasanta.
Non si guardi dunque a spese pur di fare rimuovere il sangiacco,
altrimenti nessuno dei capi dei monasteri potrà tornare a Gerusalemme.
Inoltre se il nuovo guardiano, che sta per arrivare con la sua famiglia,
capitasse in mano del sangiacco, questi gli «mangerebbe persino il
cuore», essendo furioso contro i franchi per essere stato denunciato alla
Porta. Per mettere insieme i denari pretesi dal sangiacco sono stati
costretti ad impegnare il meglio che avevano ed a prendere a prestito con
l’interesse del 30%. All’ultimo di aprile lo scrivente, per ridurre le spese,
se ne è partito con dodici frati per Damasco, dove lo ha raggiunto, a fine
giugno, il vicario con altri due frati. È rimasto per due mesi e mezzo a
Damasco per questo negozio. Né lo scrivente, né i suoi, potranno tornare
a Gerusalemme sotto quel sangiacco, per averlo accusato alla Porta.
Occorre che il destinatario si prodighi efficacemente, dato che il luogo
dove si trova è stato comprato appositamente per proteggere gli interessi
di Terrasanta, essendo lungo e pericoloso il viaggio da Gerusalemme a
Costantinopoli. Dia la stessa informazione al nuovo bailo, qualora
Lorenzo Bernardo fosse partito. È in gioco l’onore di tutta la Cristianità,
perché altrimenti lo scrivente dovrà andare via, con vergogna dei principi
cristiani, ai quali, in tal caso, risponderebbe di aver dato avviso ai loro
rappresentanti a Costantinopoli. Partirà l’indomani, e il giorno seguente
per Tripoli, per aspettare la risposta e la venuta del nuovo padre
Guardiano. Gli si inviino le lettere ad Aleppo a mezzo di Cristoforo
Scutarini, procuratore di Terrasanta.
FILZA IV
105
419
IV: 110-111
2 settembre 1589. [Costantinopoli] Vigne di Pera. Il bailo, Lorenzo
Bernardo, ad Alvise ed Antonio Bragadin in Venezia.
Italiano.
È riuscito a indurre ad un accordo il turco, che, malgrado le lettere del
pascià e dello scrivente, protestava per non aver ottenuto nulla a Venezia
e minacciava di ricorrere al pascià. Servirà, come cauzione dell’accordo,
la lettera del pascià al doge, di cui si acclude il contenuto (cfr. n. 420). Fa
rilevare i vantaggi di tale soluzione, che evita spese di almeno 3/400
zecchini. Il conto è di 120 aspri per zecchino, cioè pari a quello corrente
a Costantinopoli. Se in Bosnia il rapporto fosse differente, esso sarebbe
compensato dalle minori spese. Si consegni senz’altro il resto
dell’eredità, non avendo i destinatari altro credito liquido. Quanto alle
loro pretese, per il ricavato di 13 panni venduti dal defunto, riscosso dai
ministri turchi, esso non appare né dalle scritture né dall’inventario;
occorreranno quindi delle prove e specialmente le ricevute, o le copie di
queste, rilasciate dai ministri ai compratori quando pagheranno. Quanto
alla pretesa che i turchi abbiano male amministrato l’eredità, questa è
un’azione particolare contro di essi, specialmente contro il defterdar. È
stato quindi chiesto al pascià che con un çavuú ordini a quello di rendere
conto della vendita. Se altro denaro è stato versato nel hazine, sarà
recuperato mediante compensazione coi beni di turchi a Venezia; se
invece fosse rimasto in mano ai ministri, essi verranno costretti dalla
giustizia a pagare. Esorta a eleggere un commesso a Costantinopoli tra i
mercanti o tra i dragomanni giovani, poiché il dragomanno grande è
molto occupato. Appena si avrà la lettera del pascià, sarà inviato il
commesso che consegnerà i 1.443 zecchini. Le facoltà degli altri due
turchi resteranno in deposito finché si vedrà la fine delle pretese dei
destinatari.
420
IV: 112-113
Senza data [1589, contemporaneo al n. 419]. [Costantinopoli]. Il bailo
[Giovanni Moro] al gran visir.
Italiano; copia.
Chiede che scriva una lettera, in due copie, una per il doge e l’altra allo
stesso scrivente, del seguente tenore. Hoca Seyyidi b. Ali ha accettato
l’eredità di hoca Derviú morto l’anno prima a Venezia, per sé e per i suoi
figli. Quindi devono essere consegnati dalla Repubblica a Mehmed b.
Nefis, suo commesso, i suoi beni, cioè 173.028 aspri, pari a zecchini
d’oro in oro 1.443. Tale somma, in contanti e in panni, dovrà essere
pagata a Venezia ad Alvise ed Antonio Bragadin, come corrispettivo
dell’eredità di Giovanni Maria Grassetto, agente (fattore) dei suddetti
106
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
morto in Bosnia, mentre Seyyidi b. Ali riceverà il corrispettivo, versato
come eredità del Grassetto al hazine da Ahmed, già defterdar di Bosnia.
421
IV: 114, 116-118
Trad. (Matteo Marucini) del n. 422.
Italiano; camicia del n. 422. Commemoriali, XXV, n. 31.
422
IV: 115
3ª decade úaban 996 (16–24 luglio 1588). Costantinopoli. Murad III al
doge [Pasquale Cicogna].
Ottomano, con tu÷ra in oro; trad. n. 421.
Il bailo ha riferito che una galea veneta (a tergo, trad.: «del provveditore
dell’Armata Surian»), ha catturato una galea ponentina (ma÷rib keferesi)
di Spagna, da 22 banchi, presso Zante. Furono impalati (salb) il capitano
spagnolo, il patrono, il comito e due veneziani che erano con loro. Inoltre
39 schiavi musulmani furono liberati e consegnati al sangiacco di Morea,
il quale ha rilasciato un temessük con il suo sigillo. Il sultano si compiace
per tale atto, ed esorta la Repubblica a continuare nella sua condotta
amichevole.
423
IV: 119, 126
«Scritture in materia di caramusial venduto a Corfù per ordine pubblico,
et denaro posto in cecca. 1589.»
Italiano; camicia dei nn. 424-426.
424
IV: 120, 125
14 fabbraio 1589 [m.v. (1590)]. Estratto dal libro-giornale (zornal) n. 1
dei depositi di particolari esistenti in zecca; sottoscrizione di Maffeo
Saveoni, ragionato degli inquisitori in zecca.
Italiano.
Deposito fatto da messer Angelo Basadonna, provveditore di Cefalonia,
di 1585 ducati, lire 5, soldi 25, ricavato netto dei frumenti di un
caramussale turco recuperato ad opera del predetto dai maltesi. Il
deposito è stato fatto per decreto del Senato del 26 maggio 1589.
425
IV: 121, 124
22 febbraio 1589 [m.v. (1590)]. Venezia, in Senato (Pregadi).
Commissione al provveditore e capitano di Corfù.
Italiano; copia.
Si è saputo, dalle lettere del 29 novembre, che il destinatario, secondo
l’ordine avuto, farebbe rimediare ai danni del caramussale turco,
inviatogli da Cefalonia, ma, andando la questione per le lunghe, quel
naviglio ne patirebbe. Così ha pure riferito Angelo Basadonna,
FILZA IV
107
provveditore a Cefalonia ora ritornato a Venezia. Si ordina quindi di
mettere all’incanto la nave, con tutti i suoi armamenti. Si serva del
ricavato per il pagamento di quelle milizie, dando avviso
dell’ammontare, perché se ne faccia il deposito in zecca. Si decide che
detto deposito sia fatto dai denari delle milizie di Candia e Corfù, in
attesa delle decisioni del consiglio stesso.
426
IV: 122-123
7 aprile 1590. Venezia. Commissione, con il Senato, al Provveditore di
Cefalonia.
Italiano; copia.
Angelo Basadonna, ritornato Provveditore di Cefalonia, ha comunicato
che nel partire, dopo aver inviato a Corfù il caramussale turco, ha
consegnato allo scrivano delle fabbriche tutte le tavole di rovere, ed altri
legnami che vi furono trovati, facendone fare nota negli inventari
pubblici. Si provveda alla vendita all’incanto di tale legname,
mandandone il ricavato della vendita a Venezia, affinché sia depositato
in zecca.
427
IV: 127, 136
«Traduttioni delli arz de Bossinesi alla Porta et della quietanza da essi
fatti con ricever di ducati X.mila. 1589.»
Italiano; camicia dei nn. 428-431.
428
IV: 128, 135
2ª decade rebiyülahır 998 (17–26 febbraio 1590). Dichiarazione del
silahdar Bali agà, sottoscritta dal medesimo, dai mercanti Mürüvvet,
Kasım, øbrahim, Hacı ùahman e Ali, implicati nella vicenda, e da altri
cinque mercanti musulmani come testimoni.
Italiano; trad. (Matteo Marucini) di DT n. 996. Commemoriali, XXV, n. 41.
In seguito all’esposto del sultano, la Signoria fece una rapida ed
esauriente inchiesta da cui risultò che non vi fu alcuna connivenza tra gli
uscocchi e il comandante della galea di scorta, il quale anzi combatté i
pirati che assalirono la nave di notte di sorpresa e recuperò la nave stessa
e parte delle mercanzie. Queste furono restituite ai cinque mercanti
bosniaci venuti con l’agà, i quali, anche a nome degli altri interessati
dichiarano di essere pienamente soddisfatti e grati alla Repubblica per la
giustizia resa loro e di non avere altre pretese per le cose che non si
poterono recuperare, non essendo dalle capitolazioni previsto che i
veneziani debbano indennizzarli o liberare schiavi in prigione in altri
paesi. (Cfr. DT, nn. 1000, 1002).
108
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
429
IV: 129, 134
2ª decade rebiyülahır 998 (17–26 febbraio 1590). Ricevuta rilasciata dal
silahdar Bali agà e da cinque mercanti bosniaci.
Italiano; trad. (Andrea Negroni) di DT n. 998. Commemoriali, XXV, n. 42.
Gli scriventi dichiarano di aver ricevuto da Vincenzo degli Alessandri
10.000 ducati, da lire 6 e soldi 4 per ducato, come prezzo delle loro
merci recuperate dagli uscocchi e da loro cedute ad Alessandri.
430
IV: 130, 133
Senza data (trad. 28 febbraio 1589 [m.v. (1590)]). Arz del silahdar della
Porta, Bali agà.
Italiano; trad. (Andrea Negroni) di DT n. 1000. Commemoriali, XXV, n. 43.
Contenuto analogo al n. 428.
431
IV: 131-132
Senza data (trad. 28 febbraio 1589 [m.v. (1590)]). Il silahdar della Porta,
Bali agà, al gran visir, Sinan.
Italiano; trad. (Andrea Negroni) di DT n. 1002. Commemoriali, XXV, n. 44.
Contenuto analogo al n. 428.
432
IV: 137, 151
«Lettere presentate in Collegio da ministro turchesco venuto da
Costantinopoli con Matthega dragomanno per negozio de Bossinesi
1589, che dimandano refation di robe depredate da Uscochi.»
Italiano; camicia dei nn. 433-440.
433
IV: 138
3ª decade receb 997 (5–14 giugno 1589). Costantinopoli. Sinan pascià al
doge [Pasquale Cicogna].
Ottomano, con sottoscrizione in oro e sigillo sul recto; trad. n. 439. Commemoriali,
XXV, n. 39.
Contenuto analogo al n. 438. Varianti: 1) 60 some di aspri, invece di 33
some; 2) «Meknjre», invece di «Sknjre»; 3) I veneziani si sono impegnati
ad esser garanti (zamin) dei danni e tale clausola è stata inserita nelle
capitolazioni (ahdname); 4) [in fine, aggiunta:] è contrario ai patti che i
mercanti siano fatti prigionieri. Se ci si comporta così con mercanti
veneziani in Turchia, e se vengono prese le loro le merci, sarebbe
giustificato rispondere a ciascuno di loro in un modo (her birine bir
vechle cevap verilse). Se i mercanti bosniaci si lamenteranno presso il
sultano, e qualora questi interrogasse lo scrivente, egli dovrebbe
rispondere che i veneziani hanno rotto i patti e occorre prendere dei
provvedimenti. Esorta quindi a ottemperare a quanto richiesto.
FILZA IV
109
434
IV: 139-141, 145
Trad. del n. 438.
Italiano.
435
IV: 142, 144
Trad. del n. 436.
Italiano.
436
IV: 143
1ª decade zilkade 998 (1–10 settembre 1590). Costantinopoli. Murad III
al doge [Pasquale Cicogna].
Ottomano, con tu÷ra in oro; trad. n. 435. Commemoriali, XXV, n. 45.
Il bailo Girolamo Lippomano, ha chiesto che con un firmano venisse
confermata la dichiarazione (temessük) di DT n. 996 (cfr. n. 428), di cui
si riporta il contenuto [tranne l’ultima parte relativa al fatto che i
veneziani non sono obbligati a risarcire tali danni e liberare i prigionieri].
Il silahdar Bali, giunto a Venezia con i cinque bosniaci e latore di una
lettera (name) del sultano ha rilasciato una dichiarazione (ka÷ıt) con il
suo sigillo, del medesimo tenore affinché fosse fatta un’inchiesta sul
posto, non essendo state risolte secondo la úeriat le liti che i mercanti
bosniaci avevano più volte intentato a Costantinopoli al bailo precedente,
perché erano stati depredati dagli uscocchi presso Gabela, mentre
tornavano da Venezia; essi sostenevano la connivenza coi pirati del
sopracomito e degli uomini della galea veneziana di scorta. I nomi dei
cinque bosnici sono: Mürüvvet b. Timur, Kasım b. Mahmud, Hacı
ùahman, Ali b. Mehmed, øbrahim b. Mehmed. Il sultano, accettando la
richiesta, ha disposto che non sia dato ascolto alle liti che i mercanti
bosniaci intentassero in avvenire per quel motivo, nei confronti della
Signoria, del bailo, dei dragomanni e altri veneziani.
437
IV: 146, 149bis
«1588–1589. 1593 alli 11 di giugno, il magnifico Vianello ebbe la lettera
autentica in turco colla sua traduzione del Scaruoli».
Italiano. Nota. Cfr. la copia della dichiarazione in Commemoriali, XXV, n. 88.
438
IV: 147
2ª decade receb 997 (26 maggio–4 giugno 1589). Costantinopoli. Murad
III al doge Pasquale Cicogna.
Ottomano, con tu÷ra in oro; trad. n. 434. Commemoriali, XXV, n. 37.
Alcuni mercanti bosniaci, avendo investito (bozup) in merci 33 some
(cfr. n. 433, var. 1) di aspri di beni vakf di Sarajevo di Bosnia, si erano
recati a Venezia. Al ritorno, mentre portavano indietro merci lì comprate,
sotto la chiesa di «Sknjre» (Skûre nam kilisenin altında; trad. non molto
110
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
lontano da Clissa; n. 433, var. 2.), soggetta a Venezia, furono depredati e
catturati degli uscocchi. Poiché l’ex beylerbeyi di Bosnia inviò a Venezia
il suo kâhya, gli furono consegnate 200 braccia (endaze) di panno e gli fu
promesso che si sarebbe recuperato il rimanente. In seguito però si
avanzarono dei pretesti, sostenendo che il misfatto era stato opera degli
uscocchi. I rettori (ümera) ed i cadì di quelle parti hanno presentato però
arz, ed è poi venuto alla Porta il suddetto kâhya il quale ha affermato che
la colpa è di Marcantonio, capitano contro gli uscocchi, e della galea
veneta che scortava i mercanti. Costoro hanno un elenco (defter) in cui è
indicato a quante persone e a quale vakf apparteneva il denaro predato. Il
sultano ha emanato un firmano affinché sia resa giustizia secondo i patti,
e siano puniti i responsabili. Viene inviato il silahdar Bali,
accompagnato dai mercanti Müruvvet, Kasım, øbrahim, Hacı Sahman e
Ali, affinché si faccia un’inchiesta.
Precedentemente, per impedire atti di pirateria, che frequentemente si
verificano dove è stata aggredita la nave dei mercanti, il sultano aveva
messo a custodia, in quei paraggi, alcune navi. Mentre esse attendevano
al loro compito, i veneziani si lamentarono, dicendo che quella zona
apparteneva loro e richiesero che le navi fossero tolte, impegnandosi a
proteggere quei luoghi in modo che non fosse fatto danno a nessuno (cfr.
n. 433, var. 3.). Il sultano accondiscese emanando un suo decreto (hükm).
Se le merci dei mercanti non verranno restituite e la zona non verrà ben
custodita, sarà necessario rimettere le navi turche, né Venezia potrà
invocare i patti. Questi da parte turca sono stati sempre rispettati, mentre
i fatti verificatisi sono ad essi pregiudiudizievoli. Si ammonisce la
Repubblica a non cercare di sbarazzarsi dei mercanti con il pretesto che
le merci furono prese dagli uscocchi e che si cercherà di recuperarle. Ciò
sarebbe una violazione dei patti, per cui non si accetterebbero scuse e si
presenterebbero dei provvedimenti (ahd tedarik). Si invii una sollecita
risposta. Si chiede pure la liberazione di Hüseyin, Mahmud, Mustafa e
Mehmed, fatti prigionieri in quell’occasione.
439
IV: 148-149
Trad. del n. 433.
Italiano.
440
IV: 150
«Lettera scritte a Sua Serenità dal Gran Turco et dal primo visir in
proposito del negozio de Bosinesi. Presentate nell’eccellentissimo
Collegio a 29 agosto 1589 per il ministro turchesco venuto da
Costantinopoli a questo effetto. Lettere presentate da Bali spahi silchtar
che venne con Matteca.»
Italiano; camicia.
FILZA IV
111
441
IV: 152, 157
«Lettera del Gran Signor al re di Vienna [l’imperatore] in materia di
uscocchi. 1590.»
Italiano; camicia dei nn. 442-444.
442
IV: 153
Trad. (Cristoforo Brutti) del n. 443/B.
Italiano.
443/A IV: 154-155
Senza data (in lettere da Costantinopoli dell’8 dicembre 1590). Murad III
al beylerbeyi di Buda ed al beylerbeyi di Temesvar («TқemešvƗr»);
inviato a ciascuno in due copie.
Ottomano; estratto; trad. n. 444. Commemoriali, XXV, n. 50.
Si dispone l’osservanza, sotto la loro responsabilità, della pace conclusa
con il re di Vienna (Beç kralı) [l’imperatore], del quale sono state
confermare le capitolazioni (ahdname).
443/B IV: 154-155
Senza data (in lettere di Costantinopoli dell’8 dicembre 1590). Murad III
al re di Vienna (Beç kralı) [Rodolfo II].
Ottomano; copia parziale; trad. n. 442; altra (completa) n. 451 (Brutti).
Commemoriali, XXV, n. 49.
Si lamenta delle malefatte degli uscocchi di Segna, ed altri, in territorio
ottomano. Chiede che siano castigati in maniera esemplare ed allontanati
da quei luoghi, minacciando altrimenti di costruire una fortezza contro di
essi. Dichiara contrario ai patti (ahd ve aman) che il re [cioè
l’imperatore] abbia designato un re di Polonia, perché a ciò avrebbe
provveduto il sultano, come era stato praticato fino ad allora. Chiede che
venga demolita la fortezza edificata di là del lago Balaton («TқnjbƗ»),
contrariamente ai patti (ahd ve misak). Rinnova la richiesta, già fatta con
altra lettera, per la liberazione di Mahmud e Hasan bey. Si chiede inoltre
di inviare il tributo.
444
IV: 156
Trad. del n. 443/A.
Italiano.
445
IV: 158, 163
«Lettera e comandamento del Signor Turco circa differenza de molini di
Pastrovichi, nella qual nomina i Pastrovichi sudditi della Signoria.
1590.»
Italiano; camicia dei nn. 446-447.
112
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
446
IV: 159 (e 162)
3ª decade muharrem 999 (19–28 novembre 1590). Costantinopoli.
Murad III al sangiacco di Scutari [d’Albania] ed al cadì del Montenegro.
Ottomano, con tu÷ra; trad. n. 447. Commemoriali, XXV, n. 53.
Avendo gli zimmi dei villaggi di «MƗhƯne» e «BrƗyk» avanzato pretese
sui confini del villaggio di Pastrovich («PaštnjrvƯ»), soggetto da tempo ai
veneziani, fu fatta un’inchiesta con l’intervento di un procuratore del
rettore (bey) di Cattaro («Qotor»). Quando furono delimitati con firmano
i confini con Venezia, per quei luoghi era stato indicato come frontiera il
fiume («ryeqa») San Luca («IsvƯtƯ Lnjqa»). Le pretese di quelli
risultarono dunque infondate. Fu perciò dato un hüccet alla gente di
Pastrovich. Il bailo, che ha presentato un esposto su quanto sopra, ha
chiesto che venga fatto in merito una nuova inchiesta, poiché i sudditi
ottomani persistono nel commettere sconfinamenti (dahl). Si ordina di
agire in conformità.
447
IV: 160-161
Trad. (Andrea Negroni) del n. 446
Italiano.
448
IV: 164
1ª decade safer 999 (29 novembre–8 dicembre 1590). Hüccet di Ahmed
b. Mehmed, cadì di Galata.
Ottomano, con sigillo sul recto; trad. n. 450. Commemoriali, XXV, n. 47.
Abdullah çavuú b. Hızır, commesso di Mehmed agà b. Abdulmennan
emîri ahur (con mandato testimoniato da Sefer bey b. Hüdaverdi e Hasan
bey b. Abdullah), presentatosi in giudizio coll’intervento di Cristoforo
Brutti, rappresentante del bailo Girolamo Lippomano, dichiara che un
caramussale del detto agà, patrono øslam reis, catturato da quattro galee
di Malta, fu liberato ad opera dei rettori (zâbit) di Cefalonia
(«Kefnjlnjnye»); avendolo questi venduto col carico, ne furono ricavate
2.092 piastre e 3 aspri, pari a 1.220 ducati (altun) e 80 aspri, somma che
il Brutti conta a detto commesso, il quale ne fa piena quietanza in nome
del suo mandante.
Testimoni: 1. Hacı Abdülkadir, müezzin; 2. Derviú b. Abdi; 3. Mahmud
b. øslam; 4. Mehmed b. Derviú; 5. Abdullah çavuú b. Abdurrahman; 6.
Yusuf b. Abdullah; 7. Mehmed b. Derviú.
449
IV: 165, 170
Elenco di scritture: 1) «Quietanza del Cavallerizzo Maggiore della Porta
[emîri ahur] di cecchini 1.220 per vendita di caramussale recuperato da
maltesi» (cfr. n. 448); 2) «lettere del pascià in materia di castigare
uscocchi, di levare via fortezza fatta et di restituir due sanzachi pregioni
FILZA IV
113
1590»; 3) «Copie della capitolazione data dal sultano all’imperatore»; 4)
«quietanza dell’emir dei zambelotti 1590».
Italiano.
450
IV: 166, 169
Trad. del n. 448.
Italiano.
451
IV: 167-168
Trad. (Cristoforo Brutti) del n. 443/ B.
Italiano.
452
IV: 171
3ª decade ramazan 996 (14–23 agosto 1588). Costantinopoli. Murad III al
doge [Pasquale Cicogna].
Ottomano, con la formula tevki; trad. (parziale) n. 571; copia (del 19 giugno 1593)
autenticata, colle sottoscrizioni e i sigilli, di Mustafa çavuú della Porta (pençe a tre
code); Mustafa b. Ali; Bekir b. Ömer; Mehmed b. Ahmed; Mehmed b. Ali; Ali,
mercante (cfr. n. 572).
In una lettera, il doge aveva chiesto che venisse punito lo zimmi Marino
[Scaruoli], emin delle ghiande (palamut) in Morea, il quale, benché con
un niúan del sultano, rilasciato a mezzo del bailo, gli sia stato ordinato di
non persistere nella sua lite con la Signoria, continua a rendersi molesto,
mentre già la sua questione fu esaminata a Venezia secondo le leggi
(ayin) locali. Il suddetto è stato ammonito nel Divano imperiale a
mantenersi quieto.
114
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
7 March 1567. Joseph Nasi to the Doge.
ASVE, Lettere e scritture turchesche, filza 2, No 215
FILZA V
Rilegatura in pergamena: Sul dorso: «N. V. Lettere e scritture turchesche.
1591 fin 1599. A / No 2 Depeschen. Verschiedene Gesendten zu
Konstantinopel. 1591-1599. 5. 21/183».
453
V: 0-0bis
«Lettere e scritture turchesche. 1591 fin 1599.»
Italiano; camicia.
454
V: 1-2
«Comandamenti della Porta in materia di Verpoglie et confini di
Sebenico (1591).»
Italiano; camicia.
455
V: 3, 5
Trad. (Giacomo de Nores) del n. 456.
Italiano.
456
V: 4
Cemaziyülahır 999 (27 marzo–24 aprile 1591). Costantinopoli. Murad III
al beylerbeyi di Bosnia [Hasan].
Ottomano; copia (inviata dal Provveditore generale in Dalmazia con lettere del 2
giugno 1591); trad. n. 455. Commemoriali, XXV, n. 65.
A mezzo del defterdar di Bosnia, Mehmed, il beylerbeyi, Hasan,
denuncia che gli abitanti dei possedimenti imperiali di Zagorje (trad.:
«Saguria») e di vari villaggi nei sangiaccati di Clissa e di Cherca, per le
usurpazioni di territori compiute fraudolentemente da infedeli
[veneziani] invadenti i paesi turchi dai confini di Zara, Sebenico, Spalato
e Traù, abbandonarono il paese; che essi infedeli, quantunque
impegnatisi ad impedire agli uscocchi il passaggio per mare e di recare
danni sul territorio turco, si uniscono anzi a quelli per danneggiarlo,
mettendo a sacco alcuni villaggi presso il mare, onde ben 10.000 case di
sudditi turchi sono costrette a pagare haraç agli uscocchi ed agli infedeli;
che i governanti di questi ultimi, richiesti di giustificare tali azioni
contrarie alla pace, si scusano incolpando gli uscocchi; che gli emini e gli
amil hanno affermato che da ciò ne deriva danno al fisco; che gli abitanti
hanno minacciato di abbandonare il paese se gli infedeli non verranno
respinti e essi liberati dal tributo. Il sangiacco di Clissa, Mustafa, ha pure
fatto arz che ben 34 villaggi del suo sangiaccato sono stati usurpati dagli
116
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
infedeli. Il sultano dichiara di nominare i beylerbeyi e gli altri governanti
affinché tutelino i sudditi e rimprovera Hasan di scarso zelo nel tenere a
freno gli infedeli. Manda il çavuú Nezimi, all’arrivo del quale il
beylerbeyi dovrà subito provvedere alla repressione dei trascorsi ed alla
difesa dei paesi soggetti. Hasan notificò esser necessaria la distruzione
del castello di Vrhpolje («Vrhқpǀlþe»), riedificato e presidiato da 7/8 anni
dai franchi di Sebenico. Esso è divenuto asilo degli uscocchi per le cui
incursioni e 350 baútina furono usurpate ai sudditi turchi. È pure
necessario riedificare i due castelli di Znoile («Isalyǀne») e Radošiü nella
Zagorje. Il sultano ordina di fare tutto ciò, se veramente Vrhpolje si trovi
nella terra ottomana, avvertendo però di non turbare la pace coi
veneziani, a meno che non siano essi a provocare. Il beylerbeyi riferisca
subito e provveda, all’occorrenza, anche prima di aver risposto.
457
V: 6, 8
Trad. (Giacomo de Nores) del n. 458.
Italiano.
458
V: 7
Senza data (aprile 1591). [Costantinopoli]. Il bailo, Girolamo
Lippomano, al beylerbeyi di Bosnia [Hasan].
Ottomano, con sigillo in italiano del bailo sul verso. Commemoriali, XXV, n. 66.
Per mezzo di Süleyman agà, che si reca dal pascià, il bailo notifica che
questi è stato male informato poiché il castello di Vrhpolje si trova in
territorio veneto e non turco, come risulta dalle carte di confine
(sınırname). Invia coll’agà un suo uomo per chiarire la questione; spera
che il pascià prenderà le misure opportune per conservare la pace, come
intima un nuovo firmano che gli è stato inviato (cfr. n. 456).
459
V: 9, 11
Trad. (Giacomo de Nores) del n. 460.
Italiano.
460
V: 10
3ª decade rebiyülahır 999 (16–24 febbraio 1591). Costantinopoli. Murad
III al beylerbeyi di Bosnia, Hasan.
Ottomano; copia; trad. n. 459. Commemoriali, XXV, n. 64.
In seguito a denunzia fattagli da Hasan, che i veneziani di Spalato,
Sebenico e Traù avevano invaso assieme agli uscocchi la Zagorje,
avevano fatto prigionieri e saccheggiato 37 villaggi dei possedimenti
imperiali, il cui territorio abbandonato dagli abitanti è ormai divenuto
appannaggio (arpalık) dei veneziani, violando così i confini posti al
tempo di Ulama, e ancora che i veneziani, pur essendosi impegnati ad
FILZA V
117
impedire le aggressioni degli uscocchi, riedificarono entro i detti confini
il castello di Vrhpolje e lo presidiarono, per cui gli uscocchi recano
continui danni ai sudditi ottomani, rifugiandosi in esso quando sono
inseguiti dalla gente armata, e che per questo molti villaggi sono stati
abbandonati e altri pagano haraç agli infedeli e che, infine, se il detto
castello non sarà demolito, ancora altri sudditi emigreranno, il sultano
ordina dunque che siano demoliti i castelli eretti dai veneziani nel suo
territorio. Invia Nezimi çavuú. Il pascià, consultandosi con i notabili e gli
esperti del luogo, dovrà verificare i fatti e ingiungere poi ai rettori
infedeli di ritirare il presidio di Vrhpolje; se rifiutano usi ogni mezzo
opportuno per difendere il paese ed impedire altri danni ai suoi abitanti.
461
V: 12, 15
Trad. (Andrea Negroni) del n. 463.
Italiano.
462
V: 13
1ª decade úevval 999 (23 luglio–1 agosto 1591). Banjaluka. Il beylerbeyi
di Bosnia, Hasan, al doge [Pasquale Cicogna].
Ottomano, con sottoscrizione e inserti in oro; trad. n. 464, altra trad. n. 465 (manca il
kenar). Commemoriali, XXV, n. 72.
Riassumendo la questione dei danni e usurpazioni dei veneziani nel
territorio turco di Vrhpolje, dei due fortilizi da costruire nel Petrovagore
e i due firmani avuti in proposito, dice che mentre era in procinto di
eseguire quegli ordini l’inviato veneto Vincenzo degli Alessandri gli
portò un successivo firmano che sospendeva l’esecuzione dei precedenti,
in seguito alle ragioni esposte dal bailo. Dichiara quindi che sospese ogni
preparativo ostile, onde i possessi dei due potentati godano la pace;
senonché i sangiacchi di Clissa, di Cherca e di Erzegovina, e la loro
gente, rinnovarono ultimamente le istanze perché facesse arz per la
distruzione di Vrhpolje e la costruzione dei fortilizi, altrimenti
apparirebbe impossibile impedire i danni e le violenze. Così lo scrivente
stimò di inviare a Venezia Ahmed bey müteferrika, con un ziamet di
80.000 aspri, persona ragguardevole ed esperta, con commissione di
trattare le questioni con la Signoria; egli è anche latore di una lettera per
il risarcimento di øbrahim bey (cfr. n. 474). Ahmed ha pieni poteri per le
trattative. Il pascià afferma di aver scritto la presente su consiglio del
dragomanno veneto Andrea [Negroni], venuto con l’Alessandri, di cui fa
le lodi. Si rimandi presto Ahmed bey. Invia in dono un turcasso, 30
frecce, un arco, un guanto da falcone donatogli dal sultano e un piccolo
tappeto (seccade).
118
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
463
V: 14
Senza data [luglio 1591]. Arz del beylerbeyi di Bosnia, Hasan.
Ottomano, con sigillo sul verso; trad. n. 461. Commemoriali, XXV, n. 71.
Espone le lamentele del sangiacco e degli abitanti di Clissa per le
incursioni dei veneziani uniti agli uscocchi, la questione di Vrhpolje, la
chiesta erezione di fortilizi nel paese di Petrovagore, accenna ai due
firmani giuntigli in proposito, in seguito al suo arz. Dice che mentre si
accingeva ad eseguirli arrivò, portato da un agente veneto, un nuovo
firmano che sospendeva l’applicazione dei precedenti, in seguito ad
istanze del bailo veneto che aveva osservato essere contrari alle
capitolazioni i concentramenti di truppe che si facevano ed i preparativi
di nuove costruzioni. Tale sospensione di ogni azione fu subito messo in
atto dallo scrivente. I veneziani non hanno usurpato nulla dei territori del
sultano, e si tengono tranquilli nei loro.
464
V: 16-18, 23-25
Trad. (Andrea Negroni) del n. 462.
Italiano.
465
V: 19-22
Altra trad. del n. 462.
Italiano.
466
V: 26-27, 29-30
Trad. (Matteo Marucini) del n. 467.
Italiano.
467
V: 28
1ª decade zilkade 996 (22 settembre–1 ottobre 1588). Costantinopoli.
Murad III al doge [Pasquale Cicogna].
Ottomano, con tu÷ra in oro; trad. n. 466. Commemoriali, XXV, n. 35.
Il beylerbeyi di Bosnia, Ferad, ha fatto rapporto che, usurpando i
veneziani i territori di Zagorje, nel sangiaccato di Clissa, il sultano gli
ordinò di recarsi a fissare i confini. Egli inviò allora a Venezia copia del
firmano e chiese la nomina di un commissario. Venuti con la risposta due
uomini, senza però la designazione richiesta, si recò verso i luoghi di cui
si contende, presso Sebenico e Scardona, col sangiacco di Clissa,
Mustafa, con quello di Cherca e col cadì di Banjaluka. Prima di arrivare
invitò, tramite un messo, il conte a Sebenico [Alessandro Malipiero], il
quale rispose che si sarebbe recato altrove, verso Scardona e Solin
(«SolƯne»). Invitato nuovamente a venire sui luoghi del contendere non si
presentò. Il pascià inviò allora l’alaybeyi di Clissa, il cadì di Scardona, il
çavuú venuto dalla Porta, il defter emini di Bosnia ed alcuni zaim, ma il
FILZA V
119
conte non volle andare che a Solin, sapendo che negli altri luoghi si
sarebbe riscontrato il suo torto. Così i turchi credettero di riconoscere i
confini da soli. Trovarono violati i confini posti da Ulama rispetto al
castello di Vrhpolje, già distrutto dal sultano, dove i veneziani avevano
posto un presidio, bruciato le case dei sudditi ottomani, usurpato le loro
terre; esso, inoltre, serviva di base agli uscocchi. Così riguardo il
villaggio di Pastrovich («PrestnjvƯþe»), da dove i sudditi sono allontanati,
e le terre da due anni sono appannaggio (arpalık) del conte di Traù. Di
qua di questa città, tutte le terre dei sudditi turchi sono coltivate da
franchi. La torre (kule) di Ismuchiovich («Ismnj qǀvƯþe»), già distrutta, è
stata da essi riedificata e presidiata. In tutto gli infedeli, in 5/6 anni,
usurparono ben 35 villaggi. I sudditi turchi hanno dichiarato che, se non
sarà provveduto, emigreranno. Il sultano invita la Signoria a
normalizzare la situazione e informa di aver dato disposizioni in
proposito al beylerbeyi di Bosnia, Halil. Venezia invii un commissario,
cosicché si possa operare assieme, altrimenti si procederà da sola parte
ottomana.
468
V: 31
«3 lettere del Signor Turco. 1. in materia delli confini di Sebenico et
Traù, dolendosi che si habbi fatto alteratione per fabrica a Verpoglie et
una torre a Traù. 2. in materia dello Scaruoli, che non sarà più udito; et
se più molesterà il bailo sarà fatto venir a Costantinopoli et castigato. 3.
ringraziando delli 39 mussulmani liberati da la galeotta ponentina.
Ricevute a 2 novembre 1588, con lettere de 30 settembre et 1º ottobre.»
Italiano; camicia.
469
V: 32, 36
«Lettera del Signor Turco. Per restitutione di robbe tolte a mercanti di
Tripoli di Soria. Primo marzo 1591.»
Italiano; camicia dei nn. 470-471.
470
V: 33, 35
Trad. (Giacomo de Nores) del n. 471.
Italiano.
471
V: 34
2ª decade cemaziyülevvel 999 (7–16 marzo 1591). Costantinopoli. Murad
III al doge [Pasquale Cicogna].
Ottomano, con tu÷ra in oro; trad. n. 470. Commemoriali, XXV, n. 62.
La Signoria chiesto la restituzione di varie merci, tolte senza pagamento
a mercanti veneziani da funzionari turchi di Tripoli di Siria (sono
nominati il hakim Mehmed bey Mansuro÷lu, con i suoi kâhya, il
120
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
defterdar Mehmed, øsmail çavuú, i kâhya del defterdar, Osman, ex
defterdar ed i suoi kâhya, e alcuni emin e amil) e queste di merci,
nonostante numerosi firmani, non si è riusciti ad avere neppure l’elenco.
Così i mercanti veneziani hanno cessato di frequentare quel porto, con
danno della dogana e del fisco. Avendo il bailo espresso il timore che per
voce di una prossima spedizione navale (donanma) contro Venezia,
molti malvagi prendano occasione di danneggiare il suo territorio, il
sultano dichiara di aver dato ordine ai beylerbeyi, cadì e defterdar di
Damasco, Aleppo e Tripoli di Siria affinché venga restituito il maltolto, e
a tutti i suoi uomini ai confini di non molestare i veneziani, essendo suo
volere di mantenere fede ai patti finché anche la Repubblica li osserverà.
472
V: 37, 41
«Lettera del Signor Turco portata da Acmat Bei celebi, mandato dal
bassà di Bossina per causa di svaliggio di uscocchi. 1591.»
Italiano; camicia dei nn. 473-474.
473
V: 38, 40
Trad. (Giacomo de Nores) del n. 474.
Italiano.
474
V: 39
1ª decade receb 999 (25 aprile–4 maggio 1591). Costantinopoli. Mehmed
III al doge [Pasquale Cicogna].
Ottomano, con tu÷ra in oro; trad.nn. 473, 476. Commemoriali, XXV, n. 68.
Il sultano fa sapere che Hasan, beylerbeyi di Bosnia, gli ha comunicato
che mentre øbrahim, sangiacco di Velçetrin, percorreva il suo
sangiaccato, più di mille persone dei territori di Zara e Sebenico,
d’accordo con alcuni banditi, l’assalirono proditoriamente di notte,
sottraendogli il tesoro, 62 cavalli, molti beni e uccidendo e catturando
parte del suo seguito. Divisero poi il bottino a Zara, Lesina («Nesne») e
«Srimþe»; nel ritirarsi sulle navi saccheggiarono villaggi turchi. Invita il
doge a punire i colpevoli e a fare risarcire tutti i danni.
475
V: 42, 63
«Copia di cozetto per essame fatto in materia di unioni d’uscochi con
charagi et altri genti di aggravio di sudditi turchi. 1591.»
Italiano; camicia dei nn. 476-479.
476
V: 43-44, 61-62
Trad. (Giacomo de Nores) del n. 474 (altra).
Italiano.
FILZA V
121
477
V: 45, 60
1 marzo 999 [Egira (1591)]. Hüccet del cadì di Scardona, Segit Ahmed
b. Segit.
Italiano; trad. (Andrea Negroni). Commemoriali, XXV, n. 58.
Comparse in giudizio Divane Safer, capo degli archibugieri di Petropula,
distretto di Scardona e presentò un cristiano di nome Matteo
(«Mattiasso»), il quale esaminato dichiarò di essersi in passato partito dal
bey di «Vurat Coda» e di aver più volte partecipato a scorrerie di
uscocchi in territorio turco, fatte col consenso del conte di Traù.
Ultimamente gli uscocchi di Segna con i loro ufficiali, con 5/10 barche
hanno saccheggiato quel territorio, facendo 40/50 prigionieri e razziando
molti animali. Dice che fu liberato dagli uscocchi dallo stesso Safer agà,
e che i sudditi turchi fatti schiavi e gli animali razziati sono a Traù.
Testimoni: 1. Mehmed, figlio di cristiani; 2. Hüseyin b. Hasan; 3. Vali b.
«Cupiar»; 4. Yusuf, figlio di sipahi.
478
V: 46-51, 54-59
Senza data (trad. aprile 1591). Il sangiacco di Clissa, Mustafa, al
beylerbeyi di Bosnia.
Italiano; trad. (Andrea Negroni). Commemoriali, XXV, n. 63.
Aveva già riferito che il distretto di Zagorje («Zauria») non era compreso
nel suo sangiaccato ma dipendeva dal Tesoro imperiale, e aveva inoltre
esposto lo stato miserrimo della popolazione di quella regione. A mezzo
del voivoda Sinan ha poi avuto ordine dal beylerbeyi di vegliare sulla
sicurezza della zona. Così riferisce che, in base a informazioni avute dai
notabili e altra gente pratica del luogo, che essa è in cattive condizioni.
Lui stesso conosce bene la zona avendola praticata per sei anni.
Asserisce quindi che questa non può essere risollevata se non con
l’erezione di due fortezze a sua difesa. Tale edificazione era stata
comandata due volte, cioè al tempo di «Giagiali» Mehmed bey, che fu
poi rimosso, e a quello del fu Ferhad. Al tempo di quest’ultimo lo
scrivente, il giorno di San Giorgio, s’era recato lì coi dignitari del Divano
di Bosnia, con l’esercito del suo sangiaccato e con il sangiacco di Licca
per dare principio ai lavori; ma Ferhad, per compiacere i veneziani,
fermò ogni cosa. I confini tra i domini ottomani e veneti di Sebenico,
Traù e Spalato erano stati posti dal fu Ulama («Ellus») pascià, coi cadì di
«Sresa», Sarajevo ed altri, ma si lasciò andare in rovina il fortilizio di
Vrhpolje nei confini del sultano. Da tanto tempo esso è in rovina, per
questo da otto anni i franchi di Sebenico lo usano come se fosse loro.
S’aggiungono le scorrerie degli uscocchi di Segna, ai quali si uniscono in
egual numero i franchi [veneziani], cosicché gli abitanti sono costretti a
fuggire verso l’interno e ben 34 villaggi, cioè 360 baútina, rimasero
deserti e furono poi occupati dai veneti. I franchi, con 70/80 castelli, si
122
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
dimostrano amici, anche se in realtà commettono continuamente dei torti.
Le insolenze da quelli commesse l’anno passato sono riferite in un
hüccet che invia. Ribadisce la necessità della creazione delle due fortezze
in Zagoria e Radošiü, che favorirebbe il ritorno degli abitanti già emigrati
e l’afflusso di altre 60/80 case, con beneficio del Tesoro; altrimenti
sarebbero disertati altri 100 villaggi, pari a due kaza. Esorta il beylerbeyi
a dare l’ordine, che darebbe riposo a 10.000 persone. Offre per l’erezione
l’opera e il denaro degli abitanti del sangiaccato ed invita il beylerbeyi
per la primavera ad intervenire alla fondazione, assicurando che sarebbe
convenientemente accolto. Per le paghe del presidio si provvederebbe
senza aggravio del fisco, designando un uomo per ognuno dei 70 tımar di
Bosnia. Comunica di aver scritto arz alla Porta e che il suo agà è già
nella capitale per presentarlo in Divano, e che lo stesso introdurrà al gran
visir una delegazione di 15/20 uomini del luogo. Nell’arz non ha parlato
di Vrhpolje. Esorta il beylerbeyi a non prestare ascolto alle astute parole
dei veneziani, i quali, ripete, hanno occupato 34 villaggi appartenenti al
defter del sultano, come risulta dalle copie che invia.
479
V: 52-53
10 marzo 999 [Egira (1591)]. Il sangiacco di Clissa, Mustafa, al
beylerbeyi di Bosnia.
Italiano; trad. (Andrea Negroni). Commemoriali, XXV, n. 61.
Ha ricevuto le lettere con cui il beylerbeyi, a seguito di un firmano, gli
ordina di avvertire i dipendenti di non molestare i cristiani,
contravvenendo ai capitoli. Fa sapere essere a lui ricorsi il castellano
Hüseyin agà e molti altri, lamentandosi che 15 barche, con più di 200
uscocchi, uscite da «Perenustin», territorio di Traù, fecero una scorreria
nel territorio ottomano in Zagoria, saccheggiando i villaggi di
«Feredun», «Veginunze» e «Porsanze», catturando 30 persone, razziando
150 capi di bestiame grosso e ancora molte pecore. Fa notare che fra gli
uscocchi vi erano dei sudditi veneti, che la scorreria fu fatta col consenso
del conte a Traù e che la popolazione non li ha inseguiti, nel qual caso
sarebbe certamente stato recuperato il tutto, e questo per obbedire al
suddetto ordine del beylerbeyi. Sono stati catturati due degli uscocchi, di
cui uno era in realtà suddito veneto, venuto col consenso del conte a
Traù. A tal riguardo invia degli hüccet.
480
V: 64, 73
31 marzo 1591. Tunisi. «Giafer Calabrese vize rei de Tunixi» al doge
[Pasquale Cicogna].
Italiano; con sigillo sul verso.
Essendo amico del Senato, quando abbia ordine dal suo Signore
concederà l’esportazione delle biade, di cui ha fatto istanza Pietro Brea.
FILZA V
123
481
V: 65, 72
«Scritture consegnate dal bailo Bernardo ritornato da Costantinopoli in
materia di confini, et come nell’inventario accluso. 1592.»
Italiano; camicia dei nn. 482-484.
482
V: 66, 71
18 aprile 1592. [Venezia]. Dichiarazione di Alvise Saitta.
Italiano; copia. Commemoriali, XXV, n. 76.
Lorenzo Bernardo, ritornato da Costantinopoli, portò i seguenti
documenti in turco, in parte colle rispettive traduzioni, i quali furono dal
Saitta posti «nella cassella delle materie pertinenti a Costantinopoli, che
è nelli armari in secreta». Tali documenti sono quelli riferiti ai nn. 484,
485, 487, 489, 495, 499, 500, 501, 504, 506.
483
V: 67, 70
Trad. del n. 484.
Italiano.
484
V: 68-69
3º decade rebiyülahır 984 (18–27 luglio 1576). Hüccet dei cadì di
Sarajevo e di Scardona.
Ottomano, con sigillo di Mustafa sul recto; trad. n. 483. Commemoriali, XXV, n. 3.
Estratto del n. 487 per la parte riguardante i confini di Zara (Zara, 30
rebiyülevvel 1000 / 15 gennaio 1592).
485
V: 74, 79
Senza data (luglio 1576). Hüccet dei cadì di Sarajevo e di Scardona.
Italiano; sola trad. Commemoriali, XXV, n. 4.
Estratto del n. 487 per i confini di Sebenico.
486
V: 75, 78
Trad. (Michele Membré) del n. 487.
Italiano.
487
V: 76-77bis
3º decade rebiyülahır 984 (18–27 luglio 1576). Sınırname con le
sottoscrizioni del cadì di Scardona, Hasan b. «QulfƗr», e cadì di
Sarajevo, Osman b. Mehmed.
Ottomano; copia; trad. n. 486. Commemoriali, XXIV, n. 34; XXV, n. 5.
Dopo aver riportato il firmano (DT n. 829, cfr. n. 176) ed aver accennato
a molte contestazioni avute con il commissario veneto, si dichiarano i
seguenti confini di Zara (come in DT n. 840, meno «Gnjþe» e
«ZostovƯsþƯ»).
124
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
Confini di Sebenico: da «Kotar» di Zara verso il lago Vrana fino alla
marina, che segue per passare poi in mezzo a «Njzlnj SelƗ», prosegue per
la collina (üyük) «Vnjþnj ƿsқ», poi, in direzione della qibla, sulla schiena
della collina (bayır) a «Lnjqva»; passa per «QamƗkƗn» presso
«Ispermþe» fino alla collina (üyük) dove è salito il bey, prosegue
passando vicino a «Dnjrnjdnjlþe» fino al mare di «VƗrdeqarsye» che
traversa e va a «IslƗne»; da lì in linea retta sale a «Tirtera», passa fra
«IslevƯnþe» e «DƗnƯle» e va a «BƝyƗnƗ lǀqva», a «IslevƯnþe lǀqva» e
finisce a «RǀgǀznƯþe».
Confini di Traù: alla collina di «UllƗnƯk», a «Njrla DrƗgasine», passa
sopra «MƗrye» a «Qızıl lǀqva» (Lago Rosso), sulla schiena del
«DƗbgǀra», a «NjlƗšqƝrda», «Qǀselǀ QšƯla», «BƗbƗ lǀqva», località di
«Pnjrnjzki», sulla dorsale a «QǀzyƗqa», al «Qızıl Qaya» (Sasso Rosso), al
«Timur halqı» (Anello di ferro) e al sasso di «QazƥƗn», che è in mare.
Confini di Spalato: dal Sasso di «QazƥƗn», traversando il mare, a sotto
«NjbrƗnƯþƯk», alla collina di «Gušter» sale al «Büyük yerlu qaya» (Sasso
Grande), alla strada di «VƯsǀqa», lungo il dorsale della strada va alla
«Quru Dere» (Valle Secca) che segue fino dentro il mare; attraversa il
mare, passa presso «Sitye» e si riconnette ai confini di Pogliza.
Appartiene a Venezia l’isola di «BƗrbƗrƯþa».
488
V: 80, 83
Trad. del n. 489.
Italiano.
489
V: 81-82
Senza data. Hüccet dei cadì di Sarajevo e di Scardona.
Ottomano; copia. Commemoriali, XXV, n. 6.
Estratto del n. 487 per i confini di Traù.
490
V: 84
Trad. del n. 492.
Italiano.
491
V: 85
23 cemaziyülahır 995 (31 maggio 1587). Tezkere.
Ottomano; trad. n. 493.
Il figlio di Manuele Scaruoli («MƗnǀl Isqarǀl») ed il figlio di Manuele
«Fren÷e», in lite (dâvacı) col bailo, sono stati incarcerati per ordine del
gran visir ad opera di Kaya çavuú.
FILZA V
125
492
V: 86
1ª decade cemaziyülahır 995 (9–18 maggio 1587). Costantinopoli. Niúan
di Murad III, coll’autentica del cadì di Galata e di Marmara, Mustafa b.
Ebussuud.
Ottomano, con sigillo sul recto; trad. n. 490. Commemoriali, XXV, n. 24.
Il bailo Lorenzo Bernardo si è lamentato che, benché nelle capitolazioni
sia stabilito che i baili, i dragomanni e i mercanti veneti non possano
essere carcerati per debiti di altri, lo zimmi Marino, figlio di Manuele
Scaruoli («YalǀlƯ IsqrƗvul»), sostenendo fraudolentemente di aver
inviato otto anni prima delle ghiande a Venezia, oltre a dare molestia allo
stesso bailo, ha fatto incarcerare il dragomanno Cristoforo Brutti. Questi
è stato ora liberato e con hatt-i hümayun è emanato il presente niúan
perché Marino non sia più ascoltato nelle sue pretese contro il bailo, i
dragomanni e i mercanti veneti.
493
V: 87
Trad. del n. 491.
Italiano.
494
V: 88, 94
Trad. del n. 495.
Italiano.
495
V: 89
Senza data (luglio 1576). Hüccet dei cadì di Sarajevo e di Scardona.
Ottomano, con sigillo sul recto. Commemoriali, XXV, n. 8.
Estratto del n. 487 per i confini di Spalato.
496
V: 90
Copia del n. 487.
Ottomano; copia.
497
V: 91, 93
Trad. del n. 496.
Italiano.
498
V: 92
Senza data. Nota.
Italiano.
Si dichiara che nel porre i confini di Zara furono attribuite a Venezia,
oltre i 51 villaggi indicati in un primo tempo, altri tre, e cioè:
«Cervoglizza», presso «Pertgliane», «Noncovich» e «Vladilovich», nella
punta di «Possidaria». «Cernogostina» fu poi permutata con «Berde», tre
126
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
volte più grande e migliore. Di tali mutamenti non si trova alcuna nota
nei libri del sultano.
499
V: 95
1ª decade rebiyülevvel 998 (8–17 gennaio 1590). Costantinopoli. Murad
III al doge [Pasquale Cicogna].
Ottomano, con tu÷ra in oro.
Si chiede la consegna del caramussale di certo Mustafa reis, nave
sequestrata dal rettore di Cerigo («ýoqa») a dei maltesi che l’avevano
catturata con quattro galee mentre carica di grano veniva da Volo
(«Qolez»). L’equipaggio turco ha abbandonato la nave si è rifugiato a
«ýamlı÷a».
500
V: 96
2ª decade cemaziyülevvel 998 (18–27 marzo 1590). Costantinopoli.
Murad III al doge [Pasquale Cicogna].
Ottomano, con tu÷ra in oro.
Un caramussale del gran cavallerizzo Mehmed agà che aveva caricato
nel golfo di Salonicco 360 müd di grano e 400 tavole di abete (çam),
mentre veniva a Costantinopoli fu catturato presso l’isola di «ýamlı÷a»
da due navi maltesi, che fecero prigionieri il reis e l’equipaggio. La nave,
su cui i maltesi misero i loro uomini, fu poi portata dal vento contrario a
Cefalonia, dove fu sequestrata dal rettore dell’isola, insieme con quello
di Zante. Tale circostanza è certificata da testimonianze di molti
musulmani, riportate in una copia del sicil del cadì di Galata. La presente
lettera (name) del sultano, chiedente la restituzione del naviglio e del
carico, è portata da un agente dell’agà.
501
V: 97
2 rebiyülevvel 999 (29 dicembre 1590). Costantinopoli. Berat.
Ottomano, con tu÷ra e sottoscrizioni dei defterdar Ahmed, øbrahim e Mehmed, sul
verso; trad. n. 502. Commemoriali, XXV, n. 54.
In base a tezkere del 18 safer 999 (16 dicembre 1590), si fa quietanza di
1.500 ducati (altun), pari a 180.000 aspri, sborsati a saldo di panni di
seta, venduti da Giuseppe («YƗsƯf»), ebreo, al Tesoro imperiale. La
somma a conto del tributo di Zante dal 1 marzo 998 [egira (1590)] al 1
marzo 999 [egira (1591)].
502
V: 98
Trad. del n. 501.
Italiano.
FILZA V
127
503
V: 99, 104
Trad. del n. 504.
Italiano.
504
V: 100
2ª decade zilhicce 999 (30 settembre–9 ottobre 1591). Hüccet di Mehmed
b. øbrahim, vicario del cadì di Galata.
Ottomano, con sigillo sul recto; trad. n. 503. Commemoriali, XXV, n. 74.
Hüseyin çavuú b. Abdullah, commesso di Mehmed pascià, beylerbeyi di
Tripoli, e di Ali e Mehmed, figli di Ahmed pascià (testimoni per il
mandato: EmrullƗh b. Yunus e Mehmed b. Cafer), dichiara che i detti
pascià Mehmed e Ahmed, con una galeotta comandata da Ahmed reis
avevano catturato una nave catalana (qatalƗn) carica di frumenti; questa
fu poi presa da una squadra veneziana, con la scusa i frumenti sarebbero
stati veneziani. Da questo nacque una causa tra detti pascià ed il bailo
Lorenzo Bernardo, oggi rappresentato dal dragomanno Pasquale
(«Pasqa») di Tomaso (Tomaqa) in base a testimonianze di Mustafa reis
b. Abdullah e Hüseyin reis b. Abdullah. Ora gli attori, non potendo
provare il loro asserto, rinunziano ad ogni ulteriore pretesa ed azione nei
confronti del bailo.
Testimoni: 1) Mustafa b. Ali; 2) Ali b. Mustafa; 3) Hüseyin b. Abdullah;
4) Mehmed b. Abdullah; 5) Mustafa b. Abdullah reis; 6) Memi reis b.
Abdullah; 7) Süleyman b. øbrahim; 8) Derviú b. Sa‘dî; 9) Mehmed
(altro); 10) Baraka b. Resnjl.
505
V: 101, 103
Trad. del n. 506.
Italiano.
506
V: 102
2ª decade muharrem 1000 (29 ottobre–7 novembre 1591).
Costantinopoli. Murad III al beylerbeyi di Bosnia, Hasan. (A tergo: «Et
un simile autentico lasciò il clarissimo ser Lorenzo Bernardo a
Sebenico»)
Ottomano, con tu÷ra; trad. n. 505. Commemoriali, XXV, n. 75.
Ricordato come in passato, in seguito ad arz di Hasan, sollecitato a sua
volta dal sangiacco di Clissa, abbia consentito con due firmani alla
restituzione del fortilizio di Vrhpolje e all’erezione di due nuove fortezze
ai confini della Zagorje, per frenare le usurpazioni di territorio dei
veneziani, e i danni inferti dagli stessi, uniti agli uscocchi, e come tali
provvedimenti siano stati sospesi in seguito a rimostranze del bailo
veneziano; ora riconosciuti i diritti di questi, e in conformità alle
informazioni del beylerbeyi, di aver cioè egli desistito dalle progettate
128
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
misure e di non aver Venezia usurpato territorio oltre i confini, il sultano
ordina di lasciare tranquilli i veneziani nel possesso del loro dominio, di
non molestarli in modo alcuno e di osservare strattamente i trattati fra
esso sovrano e la Repubblica.
507
V: 105, 109
«Lettera del bassa di Bossina al Provveditore Generale in Golfo di
officio per bon vicinar. 1592.»
Italiano; camicia dei nn. 508-509.
508
V: 107-108, 106
Trad. (Marcantonio Borissi) del n. 510 (migliore).
Italiano.
509
V: 110, 112-4
Trad. (Andrea Negroni) del n. 510 (errata).
Italiano.
510
V: 111
1ª decade úevval 1000 (11–20 luglio 1592). Castelnuovo. Il beylerbeyi di
Bosnia, Hasan, al [provveditore] generale («÷enerƗl») [Almorò] Tiepolo.
Ottomano, con sigillo sul verso; trad. nn. 508-509. Commemoriali, XXV, nn. 80-81.
Ha ricevuto la lettera e le commissioni orali portate dal suo inviato
Perviz kâhya. Si dichiara soddisfatto dei rapporti di buon vicinato del
Tiepolo e dei goveranti di Zara e dell’energica azione di quello contro gli
uscocchi. Esprime decise intenzioni di osservare i trattati, secondo il
volere del sultano. È noto quanto lo scrivente ha contrastato i malfattori
che attentavano al territorio ottomano, malgrado la pace fra il re di
Vienna e il sultano. Rileva pure quanto fa il Tiepolo a proposito.
Assicura quindi che in avanti punirà severamente chiunque dei suoi
dipendenti verrà indicato dal Tiepolo come fiancheggiatore degli
uscocchi, a differenza di quanto è avvenuto fino ad ora. Questo perché è
palese la buona intenzione veneta. Invita il Tiepolo a fare sì che non sia
necessario che lo scrivente muova col suo esercito per la repressione
degli uscocchi, ma promette, se occorrerà, il suo aiuto. Impedirà che i
suoi dipendenti, specialmente quelli di Sedd-i Islam e «Obrnj÷a»,
molestino la popolazione soggetta a Venezia e, nel caso, darà ampia
soddisfazione. Oltre al rispetto degli antichi confini, assicura la sua
assistenza per vettovaglie e munizioni. Quanto al lamentato impedimento
posto da corsari algerini all’azione contro gli uscocchi, per come è
riferito nella lettera portatagli da Gazanfer, çavuú di Bosnia, ne farà
rapporto alla Porta, conformemente a come il Tiepolo gli esporrà i fatti.
FILZA V
129
511
V: 115, 121
«Lettera del primo visir circa turchi svalligi da uscocchi, et di un suo
schiavo fuggito da Constantinopoli. 1592.»
Italiano; camicia dei nn. 512-513.
512
V: 116-117, 119-120
Trad. (Andrea Negroni) del n. 513.
Italiano.
513
V: 118
1ª decade muharrem 1001 (8–17 ottobre 1592). Costantinopoli. Il gran
visir, Siyavuú, alla Signoria.
Ottomano, con sigillo sul recto; trad. n. 512. Commemoriali, XXV, n. 82.
Alcuni mercanti turchi, tra cui due seyyid, hanno presentato supplica al
sultano esponendo quanto segue. Mentre andavano per commercio a
Venezia la loro nave fu assalita e le loro merci furono portate a venezia,
dove sono ancora immagazzinate. Al riguardo hanno dei documenti. Al
tempo del gran visir Sinan, il sultano aveva ordinato che fosse resa loro
giustizia ad opera del bailo. Questi chiese qualche mese di tempo,
scrivendo alla Signoria, che prorogò ogni risposta. Per ciò fu di nuovo
ordinato che si facesse giustizia. Il sultano, in seguito alle proteste degli
interessati, non soddisfatti dopo tanto tempo, vuole che la questione sia
sistemata per non esser più importunato da quelli. Lo scrivente ritiene
quindi opportuno informare la Signoria ed esortarla a provvedere. Le
capitolazioni dicono che uno schiavo musulmano fuggiasco che rinneghi
deve esser restituito con quanti beni ha portato. Chiede quindi che venga
rimandato il suo schiavo Yunus, prima impiegato a corte con 40 aspri al
giorno, e poi dispensiere dello scrivente, il quale, presi ad usura
800/900.000 aspri e recatosi a Venezia per commerciare, vi ha venduto
tutte le sue merci e poi ha rinnegato. Se le due faccende non verranno
sistemate i buoni rapporti della Signoria ne saranno intralciati.
514
V: 122, 124
Trad. (Andrea Negroni) del n. 515.
Italiano.
515
V: 123
3ª decade zilkade 1000 (29 agosto–7 settembre 1592). Costantinopoli.
Murad III al doge [Pasquale Cicogna].
Ottomano, con tu÷ra in oro; trad. n. 514.
Occorre che, conformemente ad un firmano inviato a cura del maliye,
vengano fornite a pagamento 500 braccia di velluto alto e basso
130
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
(«dnjhƗvƯ»), broccatello («butrƗqƯ») con trama d’oro («šƯb»). Per questo è
inviato Mustafa çavuú.
516
V: 125, 129
Trad. del n. 517. (errata)
Italiano.
517
V: 126
3ª decade safer 1001 (27 novembre–5 dicembre 1592). Costantinopoli.
Murad III al beylerbeyi di Bosnia, Hasan.
Ottomano, con tu÷ra; trad. n. 516.
Il sultano ha saputo che il re di Spagna raduna truppe contro la regina
d’Inghilterra. Ragusa le appoggerebbe e il re di Vienna avrebbe messo il
fratello a capo di alcune truppe, con intenzioni aggressive contro il
territorio ottomano, dalla parte delle fortezze conquistate dai turchi
l’anno precedente. Il papa («RƯm pare» sic) avrebbe dato del suo 50.000
ducati. Invita Hasan ad accertare il fondamento di tali notizie e ad
informarlo delle intenzioni del nemico. Termina raccomandando di
indagare sull’atteggiamento di Ragusa ed esprimendo meraviglia che
Hasan non gli abbia mandato avvisi.
518
V: 127-128
Trad. del n. 522.
Italiano.
519
V: 130, 135
Trad. (Giacomo de Nores) del n. 520.
Italiano.
520
V: 131
Senza data (trad. 27 marzo 1593). [L’inviato a Venezia dal pascià di
Bosnia], Abdi alaybeyi (a tergo n. 519: Abdi agà da Zara), al doge
[Pasquale Cicogna] e alla Signoria.
Ottomano, con sigillo sul verso; trad. n. 519.
Raccomanda certo Luca «StƗnƗrvƯk» (a tergo n. 519: Stagner, interprete),
parente stretto del conte Baldassarre «BǀildıšƗlovıþ» (a tergo n. 519:
Boldissalich), fedele alla Repubblica ed in stato di povertà. Lo scrivente
si è trattenuto in casa di quello 45 giorni e ne attesta la sincera devozione
per Venezia.
521
V: 132, 134
Trad. del n. 530.
FILZA V
131
522
V: 133
Senza data (ricevuta 20 marzo 1593). Il pascià di Bosnia, Hasan, al doge
[Pasquale Cicogna] e alla Signoria.
Ottomano, con sigillo sul verso; trad. n. 518.
Sinora l’amicizia per il sultano è stata fedelmente osservata da Venezia.
È giunto però con un çavuú un firmano in cui si ordina di accertare se sia
vero che Venezia aiuti il re di Vienna. Mentre è stato fatto arz che la
Repubblica si manteneva fedele, il 7 rebiyülahır furono catturati alcuni
suoi soldati, inoltratisi in terra ottomana, due cristiani ragguardevoli,
«Marþinqǀ» e «Ynjde», persone al corrente delle intenzioni del nemico e
di chi lo aiuta; questi hanno rivelato che i veneziani hanno fornito 15.000
archibugieri. Ciò è stato confermato da alcune voci (dil). Convinto
dell’amicizia veneta, non ha riferito nulla alla Porta, né ha ad essa
consegnato i due prigionieri. Invia invece a Venezia Abdi agà a chiedere
spiegazioni. Ciò non perché da parte ottomana si tema dell’aiuto che
Venezia potrebbe dare al nemico, ma solo affinché essa confermi la sua
lealtà.
523
V: 136, 146
Trad. (Giacomo de Nores) del n. 524.
Italiano.
524
V: 137
3ª decade zilkade 1000 (29 agosto–7 settembre 1592). Costantinopoli.
Murad III ai Savi alla mercanzia.
Ottomano, con tu÷ra; trad. n. 523.
Contenuto simile al n. 515.
525
V: 138, 145
Trad. (Giacomo de Nores) del n. 526.
Italiano.
526
V: 139
Senza data (ricevuta 1 giugno 1593). Il beylerbeyi di Bosnia, Hasan, al
doge [Pasquale Cicogna] e alla Signoria.
Ottomano, con sigillo sul verso; trad. n. 525.
I mercanti Haydar e soci hanno esposto che, mentre andavano con merci
a Venezia, la loro nave naufragò a Malamocco («MƗlamǀqa»). Non
hanno potuto riavere 1.400 piastre, in 13 borse, racchiuse in cesto,
benché abbiano citato alcuni pescatori che le avevano recuperate. Si
renda loro giustizia e siano assistiti nel procedere contro il patrono della
nave e degli ortolani del luogo, sospettati di trattenere i beni recuperati.
132
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
527
V: 140, 144
Trad. (Andrea Negroni) del n. 528.
Italiano.
528
V: 141
Senza data (in lettere del bailo del 9 novembre 1593). L’ex beylerbeyi di
Cipro, Hasan, al doge [Pasquale Cicogna].
Ottomano, con sigillo sul verso; trad. n. 527.
Chiede che venga inviato lo zimmi Bernardino Martinengo a pagargli la
somma dovutagli per del cotone (penbe), del valore di 1.000 ducati
(altun), datogli 14 anni prima affinché lo vendesse, quando lo scrivente
era beylerbeyi di Cipro. Non ha potuto riscuotere il credito dal patrono
della nave del Martinengo, la quale si trova in Turchia, per non essere
esso patrono commesso del debitore. Se il Martinengo non vorrà pagare,
si invii lui, o un suo commesso, per dare conto, a norma delle
capitolazioni.
529
V: 142-143
1 ottobre 1002 [Egira (1593)]. Hasan (a tergo: «fu bassà in Cipro») a
Bernardino [Martinengo].
Italiano; sola trad. (Andrea Negroni), l’originale fu consegnato al destinatario.
Chiede 1.000 zecchini, di cui al n. 528, ed un orologio.
530
V: 147
Senza data (trad. 28 marzo 1593). Il beylerbeyi di Bosnia, Hasan, al doge
[Pasquale Cicogna] e alla Signoria.
Ottomano, con sigillo sul verso; trad. n. 521.
Richiesto dal kapıa÷ası [Gazanfer agà] del sultano, lo scrivente chiede
che due piccoli figli di una sorella dell’agà, che si trovano a Venezia,
possano raggiungerlo, con la nutrice [a Costantinopoli]. Se il kapıa÷ası
sarà accontentato, lo scrivente si impegna a favorire ogni affare della
Repubblica.
531
V: 148
Senza data. Il beylerbeyi di Bosnia, Hasan, al conte e ai signori di Zara.
Ottomano, con sigillo sul verso.
Loda il loro comportamento nel proteggere dagli uscocchi i sudditi turchi
e nel mantenere l’amicizia. Parla dei suoi buoni rapporti col doge e
promette di consentire ad ogni richiesta ragionevole. Se realmente
øbrahim, bey di Cherca, danneggia i sudditi veneti, lo si comunichi e sarà
provveduto. Si dia il permesso ai mercanti di andare a trafficare in
FILZA V
133
Bosnia, verso Banjaluka. Saranno ben tutelati e ne trarranno profitto, sia
essi che i musulmani.
532
V: 149, 166
«Scrittura in materia di differenza tra Risvan turco con mercanti Berti.
1593.»
Italiano; camicia dei nn. 533-539.
533
V: 150, 165
30 agosto 1593. [Venezia]. Sentenza dei Savi alla mercanzia.
Italiano; copia; con le sottoscrizioni dei savi Pietro Michiel, Francesco Gradenigo,
Paolo Dandolo, Michele Foscarini, Caterino Zen e del segretario Antonio Sandri.
Nella causa tra Ridvan turco contro i Berti, interveniente Giacomo Berti,
sulle richieste dell’attore (cfr. n. 539/A) si sentenzia che è accolta la
prima richiesta di Ridvan; che se non vi sono i panni bollati se ne diano
conformi, con perizia in caso di discordia; e che i denari si intendano
veneziani. Merci e denari sono da consegnarsi all’ebreo Salomone
Carabon.
534
V: 151, 164
23 ottobre 1593. [Venezia]. Sentenza dei Savi alla mercanzia.
Italiano; copia; sottoscrizioni dei savi Giovanni Gussoni, Pietro Michiel, Daniele
Pasqualigo e del segretario Antonio Sandri.
Avendo Ridvan chiesto l’esecuzione del n. 533 (interprete Andrea
Negroni), col consenso di Giacomo Berti, si sentenzia che Ridvan dovrà
accettare le 30 pezze carisee esistenti nella volta di Francesco Troncone
se due periti dichiarano esser della stessa qualità delle due pezze gialle
bollate del Ridvan, e se il Berti giurerà esser quelle stesse che il turco
bollò a casa sua quando erano bianche.
535
V: 152, 163
20 novembre 1593. [Venezia]. Atto di transazione tra Ridvan e Giacomo
Berti.
Italiano; copia; con le sottoscrizioni di Andrea Negroni e Giacomo de Nores,
dragomanni dell’officio [dei Savi alla mercanzia] e del segretario Antonio Sandri.
Ridvan potrà procurarsi dove vuole 28 pezze di carisee e Giacomo Berti
ne pagherà fino al prezzo di 23 ducati l’una; Ridvan potrà prendere dei
panni dove vorrà, ma prima dovrà vedere quelli del Berti e, se
soddisfatto della perizia giurata da Pietro Dall’Oglio, preferirli ad altri;
dei 1.000 ducati che Berti si impegna di versare a Ridvan, 500 saranno
calcolati a 10 paoli l’uno, e 500 saranno in moneta veneziana.
134
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
536
V: 153, 162
15 gennaio 1593 [m.v. (1594)]. [Venezia]. Sentenza del Savi alla
mercanzia.
Italiano; copia; con le sottoscrizioni dei savi Piero Michiel, Paolo Dandolo, Giovanni
Gussoni, Daniele Pasqualigo, Girolamo Cappello e del segretario Antonio Sandri.
Nella causa tra Ridvan turco e Giacomo Berti si sentenzia che per quanto
concerne le carisee sia eseguita la sentenza del 23 ottobre (cfr. n. 534), in
caso di perizia negativa, di quella del 30 agosto (cfr. n. 533). Inoltre se
non vi sono campioni bollati dei panni, il Berti ne darà di uguali al
prezzo convenuto.
537
V: 154, 161
Senza data (post 17 marzo 1593). Ridvan al doge [Pasquale Cicogna] e
Signoria.
Italiano; copia.
Ridvan («RidқvƗn») turco, schiavo di Hacı «Permona», çavuú della Porta,
espone come, a seguito del contratto (cfr. n. 538), bollò 30 pezze di
carisee e le diede a tingere in lagiverti, meno due, meno lunghe, che non
valevano assieme una delle altre, da tingere in giallo. Nel ritirare le
stoffe, le 28 pezze lagiverti e i panni non avevano il bollo. Ricorse ai
Savi alla mercanzia, che emisero la loro sentenza (cfr. n. 533). Prima che
potesse eseguirla lui mutò la banca, per cui egli venne ad un accordo (cfr.
n. 535) la cui scrittura bollata rimase al Negroni. Il Berti però rifiutò di
pagare le pezze bollate da Ridvan, che ricorse al doge. Dopo altre
contestazioni fu emanata una sentenza del 23 ottobre (cfr. n. 534) che
confermava la seconda, con procedura evidentemente illegale. Secondo
tali sentenze il reclamante perderebbe un migliaio di ducati, dovendo
accettare, per 30 ducati, le carisee che non ne valgono 15. Chiede quindi
giustizia.
538
V: 155, 160
17 marzo 1593. Contratto tra Giacomo e Nicolò Berti e Ridvan da
Adrianopoli.
Italiano; copia; con le sottoscrizioni nell’originale di Giacomo Berti, dell’interprete
Andrea Negroni e il sigillo di Ridvan.
Ridvan vende miara 60 circa, al peso di Venezia, di lane fine fatte a
Filippopoli, come la mostra del sacco bollato dai compratori, da
consegnare in Ancona a Isacco Pernica, a 95 ducati il miaro veneziano.
Da pagare: 100 ducati in contanti ad Ancona, il resto con 12 pezze di rasi
di Firenze, al prezzo di Firenze, 30 pezze carisee bianche, da tingersi in
verde, viste, piaciute e bollate, a 30 ducati; il resto in panni veneziani da
60, di vari prezzi e colori.
FILZA V
135
539/A V: 156-159/A
4 agosto 1593. Esposto di Ridvan contro Berti, in esecuzione al n. 538,
per causa davanti ai Savi alla mercanzia.
Italiano; copia.
a) Chi abbia le carisee bollate, in un termine da fissarsi e, spirato quello,
900 ducati. b) Che abbia i panni bollati e, come sopra, 400 ducati. c) Che
abbia i 1.000 ducati in moneta di Ancona.
539/B V: 156-159/B
9 agosto 1593. Risposta di Nicolò e Giacomo Berti all’esposto di Ridvan.
Italiano; copia.
Eccepiscono che le lane non furono consegnate.
540
V: 167-168, 170-171
Trad. del n. 541.
Italiano.
541
V: 169
Senza data (trad. 9 aprile 1594). Il beylerbeyi di Bosnia, Mustafa, al
conte e Signori di Zara.
Ottomano, con sigillo sul verso; trad. n. 540.
Contenuto analogo a DT n. 1054. A quanto lì scritto, aggiunge che i
veneziani si scusano incolpando gli uscocchi dei danni inferti ai sudditi
ottomani. Invero, a detta dello scrivente, i danni derivano dalla
negligenza dei veneti che non impediscono il passaggio degli uscocchi
come si erano impegnati a fare, e come invece avevano operato al tempo
del fu Hasan pascià.
542
V: 172-173
14 maggio 1594. Durazzo. Marco Angelini alla moglie.
Italiano.
È stato catturato il 5 maggio, poco prima che la stessa sorte toccasse
anche la galea Gradeniga. Da tre giorni è a Durazzo, dove è riuscito a
riscattarsi per 400 talleri; da lì andrà a Cattaro, dove spera di avere il
denaro dal rettore, avendo richiesto manleva a Vincenzo di Franceschi,
nipote della «Cambia» (donna della famiglia Cambi), che risiede lì.
Altrimenti la moglie procuri il denaro e lo invii a Cattaro per mezzo di
Giorgio Marzio, cercando di farsi dare dal conte 150 ducati del suo
salario. Faccia scrivere a Venezia, ai nobiluomini Cappello e Contarini,
che egli è sempre in tempo per andare a Veglia e non designino quindi
altri per lui. Ha ritardato a partire da Durazzo per cercare di salvare, coi
due figli, il conte di Sebenico, il dottor cancelliere e suo figlio, messer
136
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
Giacomo da Veglia, il cognato del Geremia e Ascanio Giustiniani. Non
vi è infatti intenzione di cederli per riscatto, ma si vogliono in Barberia,
col sottocomito Gradenigo, rimasto ferito a un braccio, dopo essersi
difeso per quanto poteva. Vincenzo di Franceschi scriverà al Marzio
dandogli istruzioni.
543
V: 174
2ª decade rebiyülahır 1004 (14–23 dicembre 1595). Costantinopoli.
Mehmed III al doge Marino Grimani.
Ottomano, con tu÷ra in oro. Commemoriali, XXV, n. 117.
Ricevette con piacere Leonardo Donà, cavaliere e procuratore, inviatogli
in occasione della sua assunzione al trono, e col medesimo confermò
l’antica pace. Ora l’ambasciatore se ne ritorna in patria. Il sultano
esprime speranza che si manterrà l’antica amicizia.
544
V: 175
2ª decade rebiyülahır 1004 (14–23 dicembre 1595). Costantinopoli.
Mehmed III al beylerbeyi di Bosnia e al sangiacco e cadì di Clissa.
Ottomano, con tu÷ra. Commemoriali, XXV, n. 115.
Ricordato come siano stati designati i confini con la Bosnia e i domini di
Venezia, dice che il bailo veneto si sia lamentato che non sia ancora stato
eseguito l’ordine del precedente sultano di rimettere al loro luogo i
segnali di detti confini spostati, a danno dei veneziani, da molti cavalieri
e fanti usciti da Zemonico. Comanda che, verificata il fatto, i segnali
siano ricollocati nei posti prestabiliti e sia vietato ai suoi sudditi di dare
molestia a quelli della Repubblica.
545
V: 176
«Lettera di sultan Mehmet registrata nel Commemoriale XXV a c. 148, de
15 dicembre 1595 in materia di confini di Cemanichio»
Italiano; camicia del n. 544.
546
V: 177, 179
«Lettera di øbrahim pascià primo visir della quale è la traduzione e in
lettere del bailo Venier. 1596.»
Italiano; camicia del n. 457.
547
V: 178
2ª decade úevval 1004 (8–17 giugno 1596). Costantinopoli. Il gran visir,
øbrahim, al doge [Marino Grimani].
Ottomano.
Informa che occupa la carica di gran visir dal 5 úaban 1004 (4 aprile
1596). Il sultano si è diretto per la spedizione. Esorta il doge a non fare
FILZA V
137
passare per il Golfo i pirati franchi [uscocchi]; comunica che il grande
ammiraglio turco si dirigerà da quelle parti con l’armata, con ordine di
non dare molestia ai veneziani.
548
V: 180, 188
«Lettera del Turco con aviso della presa d’Agria. 1597.»
Italiano; camicia dei nn. 549-550.
549
V: 181-186
Trad. (Giacomo de Nores) del n. 550.
Italiano.
550
V: 187
3ª decade úaban 1005 (9–17 aprile 1597). Costantinopoli. Mehmed III al
doge [Marino Grimani].
Ottomano, con tu÷ra in oro; trad. n. 549. Una trad. in ungherese è pubblicata in L.
FEKETE, A Velencei Allami Leveltar Magyar venatkozazu fethnƗmei, «Leveltári
Közlemenyek» (1927), pp. 150-154.
Fethname per la conquista di Eger.
551
V: 189, 199
Trad. (Andrea Negroni) del n. 553.
Italiano.
552
V: 190, 198
15 cemaziyülahır 1005 (3 febbraio 1597). Sarajevo. Mehmed III al
«generale» di Spalato.
Italiano; sola trad. (Andrea Negroni).
Osman e Hasan, fratelli del latore Hacı Hüseyin, comprati in territorio
veneto 11 migliara e 450 lire di risi, per venderli nell’esercito del
sultano, li caricarono sulla fregata del patrono Iovac di Spalato, dandogli
pure 17 ducati per il dazio perché li consegnasse a certo Battista,
scrivano, che li avrebbe inviati a Sarajevo. Senonché giunto a Spalato il
patrono non volle consegnare il riso a Battista, ma lo portò a Traù, dove
il rettore castellano e altri se ne sono appropriati con il pretesto che era
contrabbando e non era stato pagato il dazio. Si chiede che venga resa
giustizia. Ahmed çelebi, defterdar di Bosnia, è incaricato di occuparsi
della questione (cfr. n. 553).
553
V: 191
Senza data (1597). Il defterdar-i emval di Bosnia, Ahmed, al doge
[Marino Grimani] e alla Signoria.
Ottomano, con sigillo sul verso; trad. n. 551.
138
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
Quando gli inviati veneti a Banjaluka proposero l’apertura dello scalo di
Spalato, lo scrivano persuase Hasan pascià a dare il suo consenso, ma i
mercanti ne sono rimasti sempre scontenti e ne chiedono la chiusura. Tra
l’altro è stato preso del riso al latore Hacı Hüseyin Serayi [di Sarajevo],
che al riguado ha fatto fare sicil e possiede firmano del sultano per il
«generale» di Zara (cfr. n. 552, di Spalato). Si confida che il doge farà
restituire il maltolto.
554
V: 192
6 giugno 1597. Segna. Nalbant Ali di Scutari, schiavo degli infedeli
[uscocchi], alla Signoria.
Italiano, con sottoscrizioni in turco.
Supplica che si usino i suoi beni rimasti a Venezia per provvedere al suo
riscatto, fissato a 1.500 ducati da Giorgio Paradaysar («Paredagsar»),
capitano di Segna, il quale ha giurato che se entro un mese non avrà il
denaro gli taglierà la testa.
555
V: 193
2ª decade úevval 1005 (28 maggio–6 giugno 1597). Nalband Ali di
Scutari, schiavo degli infedeli, a Giovanni.
Ottomano; trad. n. 556.
Contenuto analogo al n. 554 (ma si parla di un riscatto di 1.500 guruú).
556
V: 194, 197
Trad. (Andrea Negroni) n. 555.
Italiano.
557
V: 195-196
8 febbraio 1005 [Egira (1597)]. Qazvın. ‘AbbƗs I, al doge [Marino
Grimani].
Italiano; sola traduzione.
Raccomanda hoca «Yeias» e Emin Mehmed, inviati per acquisti.
* 558 V: 200
3ª decade úevval 1005 (7–15 giugno 1597). Costantinopoli. Mehmed III
al doge [Marino Grimani].
Ottomano; kulak n. 559; trad. n. 560.
Il bailo si è lamentato che fregate di Santa Maura, Prevesa, Corone e
Modone depredino territori e navi veneziane, facendone schiavi gli
uomini. Dei pirati di tre fregate ricacciate a terra dalle galee venete di
guardia che le inseguivano, per aver esse catturato due grandi navi
veneziane, il sangiacco di Morea, Mehmed, ne ha catturati e fatti
FILZA V
139
giustiziare quattordici, e altri cinquanta ne ha imprigionati. Per questo il
sangiacco è stato insignito di una veste d’onore. Sono stati inoltre inviati
ordini ai sangiacchi di Mezistre, Karlı-eli, Lepanto, Delvina, Elbasan e
Gianina affinché intervengano personalmente per catturare quanti
rimangono di quei pirati e altri malfattori. Poiché è probabile che i pirati,
informati, fuggano per mare colle loro fregate, il sultano invita il doge a
ordinare ai rettori di Zante e Corfù, ed al capitano delle galee, di
catturarli. Non vengano però, con tale pretesto, danneggiati pacifici
sudditi ottomani.
559
V: 201
Kulak del n. 558.
Ottomano.
560
V: 202, 207
Trad. (Girolamo Alberti, notaio ducale) del n. 558.
Italiano.
561
V: 203, 206
«Tradutione di comandamento del Gran Turco Mehmed ai bassà di
Bossina che non sia fatto fabricare a confini de Venetiani. 1599.»
Italiano; camicia del n. 562.
562
V: 204-205
3ª decade muharrem 1010 (22–31 luglio 1601). Costantinopoli. Mehmed
III ai sangiacchi di Bosnia.
Italiano; sola traduzione.
Benché più volte siano stati emanati firmani affinché non si costruissero
edifici ai confini di Dalmazia e Albania, a causa di un’errata
informazione che gli era stata data, il sultano aveva concesso con
firmano che fosse edificato presso Novigrad ed altre città e confini
veneti. Alle giuste rimostranze venete, revoca ora tale concessione e
conferma il precedente divieto.
563
V: 208
Senza data (1598). Il sangiacco di Morea, Mehmed, al doge [Marino
Grimani].
Ottomano, con sigillo sul verso.
A mezzo del kapıcı di corte Ali e di Marcantonio [Borissi], dragomanno
del bailo, ha ricevuto un firmano dal sultano con l’ordine di catturare ed
inviare alla Porta i pirati di Santa Maura e Prevesa, che con fregate fanno
schiavi e depredano sudditi veneti, di fare restituire il maltolto e di
liberare gli schiavi veneziani. In conformità all’ordine ricevuto egli ha
140
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
liberato 20 sudditi veneti di Cefalonia e Zante. Avendo poi saputo che
presso Corone era stata presa una grossa barca veneta e che il bottino era
stato venduto pubblicamente, non potendo intervenire, essendo altro
sangiaccato, ha avvisato del fatto la Porta e il bailo. Ha poi catturato
70/80 levend in tre fregate, ricacciate a terra dal provveditore veneto; ne
ha giustiziati 14 e imprigionati il resto. Del fatto ha informato la Porta e
il bailo. Nel margine esprime benevoli intenzioni e fa le lodi del
dragomanno.
564
V: 209
Senza data (ricevuta 11 luglio 1597). Mustafa agà müteferrika al doge
[Marino Grimani].
Italiano, con sottoscrizione in turco e in italiano.
Dopo un viaggio pieno di infortuni, con perdite di robe e di 12 schiavi,
giunge ora in terra veneziana da un’ambasceria al re di Fez, dopo di che
è andato in Francia, ed è transitato per Marsiglia, Livorno e Ferrara. Ha
con sé una lettera di Monsignor di Guisa.
565
V: 210, 216
«Lettere della Porta mandate dal bailo in lettere 1598, 20 gennaio.»
Italiano; camicia dei nn. 566-569.
566
V: 211
2ª decade cemaziyülahır 1007 (9–18 gennaio 1599). Costantinopoli.
Halil pascià al doge [Marino Grimani] e Signoria.
Ottomano, con sigillo sul recto.
Con espressioni amichevoli assicura che si attiverà per risolvere le
questioni espostegli dal bailo. Raccomanda il latore, dragomanno Marco
[Antonio Borissi], che prega rimandare con la risposta.
567
V: 212
3ª decade cemaziyülahır 1007 (19–27 gennaio 1599). Costantinopoli. Il
gran visir, øbrahim pascià, alla Signoria.
Ottomano, con sottoscrizione in oro e sigillo sul recto.
È stato nuovamente nominato gran visir e per la festa di Nevruz partirà
per la spedizione. Spera che continueranno i buoni rapporti, come
durante il suo precedente gran visirato. Quindi innanzi non sarà pretesa
dai mercanti veneti il kasap akçesi. Sono stati emanati anche firmani
contro i mercanti bosniaci (cfr. n. 568). Esorta il doge a ordinare ai suoi
comandanti marittimi di punire gli uscocchi. Se da parte turca fossero
fatti dei torti, se ne dia avviso che i responsabili saranno puniti.
Raccomanda il dragomanno Marcantonio [Borissi], latore della presente.
FILZA V
141
568
V: 213
3ª decade cemaziyülahır 1007 (19–27 gennaio 1599). Costantinopoli.
Mehmed III al doge [Marino Grimani].
Ottomano, con tu÷ra in oro.
Era stato concesso hatt-i hümayun, ad istanza del bailo, un firmano per
l’esenzione dei mercanti veneti dal kasap akçesi. Avendo però il doge,
con sua lettera, esposto che gli ufficiali ed emini degli scali turchi
continuavano a pretenderlo, fu nuovamente dato al bailo con hatt-i
hümayun, un niúan. Con hatt-i hümayun è stato pure concesso un
firmano contro i mercanti bosniaci, perché né essi né altri depredati dagli
uscocchi siano ascoltati nelle loro pretese contro Venezia e, se
persistono, siano puniti. Ciò a seguito della lettera del doge in cui è detto
che i veneziani si adoperano con zelo a combattere gli uscocchi, soggetti
ad altro sovrano, e per non esservi nelle capitolazioni nulla alcun
impegno veneto di risarcimento. Il doge raccomandi ai suoi dipendenti di
punire gli uscocchi e altri banditi, e non aiutino i nemici del sultano.
Sono stati emanati salvacondotti per il nuovo bailo, sia che venga per
mare che per terra, e sono stati inviati con il dragomanno Marcantonio
[Borissi].
569
V: 214-215
«Lettere del serenissimo Signor Turco de Ibraim bassà et de Kalil,
portate dal dragomanno Bonrisi, con lettere del signor bailo Capello de
20 gennaio 1598. Le traduttioni de quali sono nelle lettere suddette.»
Italiano; camicia dei nn. 566-568.
570
V: 217, 224
«Quietanze per il Scaroli. 1598.»
Italiano; camicia dei nn. 571-573.
571
V: 218, 223
Trad. (Matteo Marucini) del n. 452 (parziale).
Italiano.
572
V: 219, 222
19 ramazan 1001 (19 giugno 1593). Dichiarazione del çavuú della Porta,
Mustafa, e Ali çelebi, mercante da Aleppo; Mehmed çelebi, mercante da
Adrianopoli; Mehmed bey; Bekir b. Ömer; Mustafa b. Ali.
Ottomano; trad. 573.
Attestano che in loro presenza fu redatta copia di name-i hümayun, da
loro munita delle proprie sottoscrizioni e sigilli (cfr. n. 452).
142
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
573
V: 220-221
Trad. (Andrea Negroni) del n. 572 (A tergo: «La lettera del Signor
autentica per deliberazione del Senato de 21 giugno 1593 mandata al
clarissimo baylo in Constantinopoli col spazzo di quel giorno»).
Italiano.
574
V: 225, 233
«Tradutione di comandamento per castigo di corsari della Valona et altri
luoghi. Comandamento per reecuperatione di robe dalla nave Silvestra.
Comandamento contro Bossinesi. 1598.»
Italiano; camicia dei nn. 575-578.
575
V: 226
Senza data (1599). La valide sultan, Safiye al doge [Marino Grimani] e
alla Signoria.
Ottomano, con sigillo sul recto.
Raccomanda il bailo partente [Girolamo Cappello] e promette di
assistere il suo successore [Vincenzo Gradenigo].
576
V: 227, 232
2ª decade zilkade 1006 (15–23 giugno 1598). Niúan di Mehmed III.
Italiano; trad. (Marcantonio Borissi); copia.
Il bailo ha fatto arz poiché, dopo il niúan emesso da sultano Murad III nei
confronti di alcuni mercanti bosniaci armeni, ebrei depredati dagli
uscocchi (cfr. DT n. 1050), altri mercanti, svaligiati nelle acque di
Curzola, incolparono i veneziani di connivenza con gli uscocchi. Al
çavuú inviato dal beylerbeyi di Bosnia la Signoria rispose essere
all’oscuro della cosa. Quando venne il bailo, la questione fu esaminata
alla presenza del gran visir e i reclamanti furono licenziati per non
esservi alcun obbligo di Venezia, sia per giustizia (úeriat) che per i legge
(kanun), che per i capitoli. Tuttavia, persistendo i bosniaci, fu scritto alla
Signoria, che rispose convenientemente, per cui quelli furono
nuovamente licenziati. Il bailo ottenne in proposito un firmano ed una
fetva, che non fu sufficiente a farli desistere dal cavillare e contendere. Il
bailo dunque, osservando come Venezia mantenga la pace, che i suoi
ministri castigano gli uscocchi e che i bosniaci si sono salvati per l’aiuto
del rettore di Curzola, chiese che fossero puniti. Con hatt-i hümayun il
sultano ordinò che le loro pretese risultassero vane e in seguito, se non
avessero desistito, dovessero essere puniti capitalmente. Essendo ora
appunto le loro pretese apparse che in avvenire i suddetti mercanti, o
altri, reclamanti per danni di uscocchi contro i veneziani, non siano
ascoltati, e se insistessero siano puniti.
FILZA V
143
577
V: 228, 231
3ª decade úevval 1006 (27 maggio–4 giugno 1598). Costantinopoli.
Mehmed III al sangiacco di Karlı-eli, Mustafa.
Italiano; trad. (Marcantonio Borissi); copia.
Il bailo si lamenta che pirati del Karlı-eli, di Prevesa, Lepanto e Valona,
facciano schiavi e depredino sudditi veneziani. Si interessi il sangiacco
personalmente affinché tali schiavi siano liberati, i beni predati restituiti
a mezzo del provveditore di Corfù e i responsabili puniti.
578
V: 229-230
3ª decade úevval 1006 (27 maggio–4 giugno 1598). Costantinopoli.
Mehmed III al sangiacco ed al cadì di Karlı-eli.
Italiano; trad. (Marcantonio Borissi); copia.
In seguito a firmano inviato ai sangiacchi di Morea e Karlı-eli, furono
decapitati Hasan agà, già castellano di Santa Maura, il corsaro Velio÷lu
ed altri levend, i quali avevano depredato l’anno prima la nave veneziana
[«Silvestra»] che andava in Siria. Poiché le merci depredate non sono
state restituite, ad istanza del bailo, si ordina di reintegrarle coi beni dei
giustiziati e di rimetterle al provveditore a Zante.
579
V: 234, 245
«Comandamento al beglerbei di Bossina et alli sanzacchi per il castigo
del castellan di Dugare et per il castigo di Kalil bey di Licca et Acmet
suo chiagià per il commertio con Uscochi. 1599.»
Italiano; camicia dei nn. 580-585.
580
V: 235, 244
Trad. del n. 581.
Italiano.
581
V: 236
3ª decade ramazan 1007 (17–25 aprile 1599). Costantinopoli. Mehmed
III al beylerbeyi di Bosnia, Derviú, e ai sangiacchi di Bosnia.
Ottomano, con tu÷ra ; trad. n. 580.
Con hatt-i hümayun si ordina, ad istanza del bailo veneto, di fare
restituire gli schiavi catturati e le robe depredate di Ali agà, castellano
«DǀƥƗr», fortezza presso Almissa («MƯš»), il quale, malgrado ordini
ricevuti, persiste nel dare molestia ai sudditi e alle fortezze venete.
582
V: 237
2ª decade úevval 1007 (7–16 maggio 1599). Mehmed III al beylerbeyi di
Bosnia, Derviú, e ai sangiacchi di Bosnia.
Ottomano, con tu÷ra; trad. n. 583.
144
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
Il sangiacco di Cherca, Halil, ed il suo kâhya Ahmed, non solo recano
molestie ai veneziani, ma il primo inviò il secondo, detto «PelƗdƯn» alla
fortezza harbi di Segna, per intrattenere rapporti (muamele) con gli
uscocchi, ai quali ha fornito 3/4.000 kile di grano e cavalli da 500 piastre.
Questo mentre gli uscocchi continuano a depredare i territori ottomani e
mentre Venezia, colle sue galee, continua a dar loro la caccia. Se il
suddetto bey non sarà punito, la provincia andrà perduta. Così hanno
fatto i’lâm (sentenza) i cadì di Kopan («QǀpƗn») e di Vetin («Vetineq»).
Con hatt-i hümayun, ad istanza del bailo, si ordina di fare inchiesta e di
punire le due persone summenzionate.
583
V: 238, 243
Trad. del n. 582.
Italiano.
584
V: 239, 242
17 aprile 1600. Il provveditore veneziano in Dalmazia e Albania, Filippo
Pasqualigo ai governanti ottomani in Bosnia.
Croato; con sigillo di cera rossa sotto carta, col San Marco in maestà, sul recto; con
sottoscrizione del cancelliere Bernardo Argenteo.
Chiede si assicuri libero transito al suo segretario Vittore Barbaro che si
reca dal beylerbeyi di Bosnia.
585
V: 240-241
17 aprile 1600. Porto di Zara, di galea. Il provveditore veneziano in
Dalmazia e Albania, Filippo Pasqualigo a Derviú beylerbeyi di Bosnia
Croato.
Informa dell’arrivo del suo segretario Vittore Barbaro che deve trattare
affari con il beylerbeyi.
586
V: 246, 251bis
«Informationi per far 3 fanali per il Signor Turco. Disegno di essi.
Accordo con il Diana orefice. 1599.»
Italiano; camicia dei nn. 587-589.
587
V: 247
Senza data (1599). Disegno di fanale.
Italiano; allegato al n. 588. Michael Rogers, “Ottoman religious ceremonial in two
late 16th century meremmât defters for Süleymaniye, Baúbakanlık Arúivi MM/MAD
513 and 5832,” in Acta Viennensia Ottomanica, M. Köhbach – G. Procházka-Eisl –
C. Römer eds., (Wien: im selbstverlag des instituts für orientalistik, 1999) 303-309
(p. 309 fac-simile); Venezia e Istanbul. Incontri, confronti e scambi, Ennio Concina
ed. (Udine: Forum, 2006) 149.
FILZA V
1599. Lamp for the Sultan’s caique.
ASVe, Lettere e scritture turchesche,
filza 5, No. 587
145
146
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
588
V: 248, 251
Senza data (1599). Costantinopoli. Istruzioni per la realizzazione del
fanale.
Italiano.
589
V: 249-250
20 aprile 1599. Venezia. Obbligazione dell’orefice Ancileo Diana.
Italiano; con sottoscrizioni del cassiere del Collegio, Agostino Nani, e dell’orefice
Diana.
Ancileo Diana si obbliga a realizzare i fanali, conformi al disegno, per il
prossimo mese di settembre a 700 ducati, da lire 6 soldi 4 e la Signoria
dovrà fornire l’argento e l’oro. Una postilla (17 giugno 1599) del
segretario del Senato, Giovanni Battista Padavin, precisa che il Collegio
ha ordinato che i fanali siano fatti in argento di lega e non di rame.
* FILZA VI
Rilegatura in pergamena. Sul dorso: «No VI. Lettere et scritture turchesche.
1600 fin 1618. A / No 2 Depeschen Verschiedene Gesendte zu
Konstantinopel. 1600-1618. 21/183».
* 590 VI: 1
2ª decade ramazan 1010 (5–14 marzo 1602). Belgrado. Il gran visir,
Hasan pascià, al doge [Marino Grimani].
Ottomano; trad. n. 591. Presentata da Halil çavuú il 29 maggio 1602.
Lo scrivente loda l’ubbidienza (itaat) e devozione (ubudiyet) di Venezia
al sultano per aver mantenuto la pace mentre quello era impegnato contro
i persiani (Kızılbaú) e in Ungheria, e per la sua opera nella repressione
degli uscocchi di Segna, attestata dai bey e dai notabili di Erzegovina,
Cherca e Clissa. Esorta Venezia non solo, come già essa pratica, a non
dare aiuti al re di Vienna, a non fornire gente da corsa (gönüllü levend) e
a non permettere il transito dei soccorsi diretti al nemico sui suoi
territori, ma anche a dare avviso su tali soccorsi, di modo che lo scrivente
coi suoi soldati e i tatari possa intercettarli. Si comunicano i propri
desideri a mezzo del çavuú. Lo scrivente giura infine di osservare la
pace.
* 591 VI: 2-3
Trad. (Giacomo de Nores) del n. 590.
Italiano.
* 592 VI: 4, 12
«Lettera del Beglierbei di Bossina in materia de confini di Sebenico.»
Italiano; camicia dei nn. 593-596.
* 593 VI: 5, 11
Trad. (Matteo Marucini) del n. 595.
Italiano.
* 594 VI: 6, 10
Trad. (Matteo Marucini) del n. 596.
Italiano.
148
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
* 595 VI: 7, 9
Senza data (ricevuta 18 aprile 1588). Il pascià di Bosnia, Ferhad, al doge
[Pasquale Cicogna] e alla Signoria.
Ottomano; trad. n. 593. Commemoriali, XXV n. 27.
Lo scrivente ebbe un firmano, di cui s’invia copia (cfr. n. 596), per le
usurpazioni venete tra Sebenico e Traù. Invita a nominare un
commissario veneto ed a inviare copia della carta dei confini
(hududname). Invita a ritirare prima del suo arrivo il presidio posto nella
fortezza in rovina di Vrhpolje («VƯrhpolþe»), contro il volere del sultano,
al cui ordine (hükm) esorta ad ubbidire.
* 596 VI: 8
1ª decade zilkade 995 (3–12 ottobre 1587). Costantinopoli. Murad III al
beylerbeyi di Bosnia, Ferhad.
Ottomano; copia; trad. n. 594. Commemoriali, XXV, n. 25.
Poiché il pascià gli ha fatto sapere che i veneziani hanno usurpato 30/40
villaggi, e che i sudditi del possedimento imperiale del Petrovagora si
sono impegnati a costruire posti di guardia (karakolhane) in due luoghi,
invia lo schiavo øbrahim coll’ordine per il pascià di interessarsi
personalmente per ritrovare e rimettere a posto le vecchie mete. Della
questione fu avvertito il bailo.
* 597 VI: 13, 17
«Lettere di Mehmed pascià portate dal figlio del bailo Barbaro venuto da
Costantinopoli il 12 marzo 1574. Le lettere gli furono date in viaggio,
due giorni dopo che era partito da Costantinopoli, ad Adrianopoli.»
Italiano; camicia dei nn. 598-599.
* 598 VI: 14-15
Trad. (Vincenzo degli Alessandri) del n. 599.
Italiano.
* 599 VI: 16
3ª decade úevval 981 (13–21 febbraio 1574). Costantinopoli. Mehmed
pascià alla Signoria.
Ottomano; trad. n. 598.
Il 22 úevval [981] (14 febbraio 1574) l’ambasciatore veneziano pagò
100.000 dei 300.000 ducati promessi per consolidare la pace, e si
impegnò per la consegna di Sopoto ed il pagamento annuo di 1.500
ducati (altun) per Zante. Presentò poi un’istanza affinché si rivedessero i
confini fissati, a suo dire, non secondo giustizia dall’ex bey di Clissa.
Ogni disposizione è contenuta nelle capitolazioni (ahdname) inviate e
sarà osservata. Benché Ferhad bey abbia riferito di aver posti i confini
FILZA VI
149
con giustizia, il sultano ha concesso, inviando a Venezia una lettera, che
commissari veneti e ottomani conducano un’inchiesta sui confini di
Clissa e di Scutari e ne riferiscano alla Porta. Tale decisione fu presa dal
sultano a richiesta dell’ambasciatore, a lato della conclusione della pace,
quattro giorni dopo che lo stesso pascià aveva scritto, a mezzo di Hasan e
Mustafa, circa alcune questioni pertinenti la pace, e per la liberazione di
alcuni musulmani la cui barca era stata gettata dal vento a ridosso delle
galee venete, di fronte a Durazzo. Sono stati dati ordini contro i corsari.
Il doge faccia lo stesso e liberi i suddetti musulmani.
* 600 VI: 18
3ª decade receb 1012 (25 dicembre 1603–3 gennaio 1604).
Costantinopoli. Ahmed I al doge [Marino Grimani].
Ottomano.
Il sultano comunica, a mezzo del kâhya dei kapıcı Hüseyin, il suo
avvento al trono, che ebbe luogo il 18 receb 1012 (22 dicembre 1603).
* 601 VI: 19
3ª decade úaban 1018 (19–27 novembre 1609). Ahmed I al doge
[Leonardo Donà].
Ottomano; trad. n. 602.
Halil, kapudan della guardia (hassa), ha riferito di essere stato assalito
presso le isole di Páxoi e Antípaxoi (Bahúılar) dal capitano del Golfo con
quattro galee, mentre tornava a Costantinopoli con una galeotta di
conserva (yedek) del beylerbeyi di Tunisi Ali, cessante dalla carica. I
veneziani si impadronirono delle merci che erano su detta galeotta, del
presente (piúkeú) e dei doni, che il beylerbeyi inviava alla Porta, dei
musulmani e dei loro schiavi, che erano sulla nave. Il sultano si
sorprende che, dopo tanto tempo, il colpevole non sia ancora stato punito
e le merci restituite. Se Venezia intende lamentarsi delle malefatte del
bey di Morea o di altri, deve comunicarlo al sultano ed attenderne la
risposta, e non commettere azioni irragionevoli.
* 602 VI: 20-22
Trad. (Giacomo de Nores) del n. 601.
Italiano.
* 603 VI: 23, 28
«Lettera del Signor Turco in materia della galeotta presa a Paxo dal
sopracomito Quirini. 1609.»
Italiano; camicia dei nn. 604-605.
150
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
* 604 VI: 24
1ª decade ramazan 1018 (28 novembre–7 dicembre 1609). Ahmed I al
doge [Leonardo Donà].
Ottomano; trad. n. 605.
Contenuto analogo al n. 601.
* 605 VI: 25-27
Trad. (Giacomo de Nores) del n. 604.
Italiano.
* 606 VI: 29, 47
«Negotio di Giacomo Merlo. 1608.»
Italiano; camicia dei nn. 607-613.
* 607 VI: 30, 46
27 settembre 1618. Venezia. Francesco Da Mosto e colleghi Savi alla
mercanzia al bailo [Almorò Nani] a Costantinopoli.
Italiano; copia.
Si inviano copia del n. 608. Il bailo procuri di avere, dall’agente Resul
agà, campioni della carta sostituita dalla seta.
* 608 VI: 31-32, 44-45
25 settembre 1618. Costituto di Giacomo Merlo alla presenza del savio
alla mercanzia Francesco Da Mosto.
Italiano.
Il comparente dichiara di aver ricevuto il 24 novembre dalle botteghe di
Marchetti, Cassetti e Cigala delle stoffe, alla presenza di testimoni già
indicati. Inoltre imballò in 17 casse, che fece caricare in galea, delle
merci di Bernardo Zancheta, mercante da Bassano: nove casse (di cui
sette destinate a Resul agà, una a Ahmed efendi e una a Saat efendi muftì
di Cipro) furono consegnate a Hasan, schiavo di detto agà, ed altre sette
ad altri turchi. A prova della sua lealtà adduce che l’agà gli ha scritto in
buoni termini dopo l’accaduto e gli ha inviato degli zambelotti, che sono
a Spalato.
* 609 VI: 33
22 settembre 1618. Venezia.
Italiano.
Contenuto analogo al n. 607.
FILZA VI
151
* 610 VI: 34-35
22 settembre 1618. Francesco Da Mosto e colleghi Savi alla mercanzia al
bailo [Almorò Nani] a Costantinopoli.
Italiano; copia.
Ebbero lo scritto (cfr. n. 612) e continueranno ad indagare. Scusano il
Merlo e prospettano l’ipotesi che la sostituzione sia avvenuta tra Spalato
e Costantinopoli.
* 611 VI: 36, 43
22 luglio 1618. [Costantinopoli]. Vigne di Pera. Il bailo, Almorò Nani, ai
Savi alla mercanzia.
Italiano.
Il 16 lo scrivente ricevette la lettera del 31 maggio sul Merlo e sui cotoni
del kızlar a÷ası. Non ha avuto le promesse copie del processo, che
chiede gli vengano inviate. Al n. 612 di Resul agà, interessato per una
cassa; per l’altra ha richiamato Mutahhar efendi.
* 612 VI: 37-40
Senza data (luglio 1618). L’agà della casa del muftì, Resul, ai Savi alla
mercanzia.
Italiano; trad. (Giovanni Battista Salvago).
Lo scrivente espone come inviò a Venezia il suo schiavo Hasan con
stoffe, che furono vendute dal commesso Giacomo Merlo. Questi poi
consegnò ad Hasan nove casse di panni di seta, di cui due, una dello
scrivente, una di Mutahhar efendi, all’arrivo, aperte alla dogana,
risultarono piene di carta. In seguito a sue lamentele presso il bailo, il
Merlo fu messo in prigione. Lo scrivente crede alle giustificazioni di
quello, ed attribuisce la sostituzione alla di lui balordaggine. Esorta i
Savi alla mercanzia a fare luce sul fatto, asserendo di commerciare a
Venezia da 35 anni, procurando a San Marco un utile di 4/5.000 ducati
l’anno.
* 613 VI: 41-42
30 ottobre 1618. Nota di quattro persone consegnate dal podestà di
Chioggia il 14 agosto 1617, a firma del segretario Agostino Dolce.
Italiano.
Nicolò Piatanza da Molla, Marco da Macerata, morto in galea, Jacopo
Talgiente da Brindisi, morto in galea, e Antonio Capuzo, fallito, sotto il
governator [Pietro Francesco] Malipiero, furono presi da patrono
Natalino Bocaletto da Chioggia con un vascelletto d’olio. Segue la nota:
d’ordine del Pien Collegio i provveditori all’armar si informino e
riferiscano in scrittura.
152
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
* 614 VI: 48, 59
Agosto 1614. Luca Pesaro al doge [Marcantonio Memmo] e alla
Signoria.
Italiano.
Allo scadere del suo capitanato, lo scrivente si trattenne a Zara, da cui è
appena tornato, per ordine del generale Venier, per portare a termine le
trattative circa la fortezza di Novigrad, che sarebbe stata assediata per la
pretesa dei turchi di porre una guardia a Gradina e barche armate a
Obrovazzo. La questione fu sistemata senza le spese che altre volte in
casi simili la Signoria dovette sostenere. Lo scrivente presenta i
documenti allegati per difendersi dalle accuse di essersi invece trattenuto
per interesse privato, ed in particolare per esercitare inimicizie contro
Girolamo Foscari, allora provveditore generale alla cavalleria. Chiede
che il presente esposto e gli allegati (cfr. nn. 615-619) siano letti in
Senato.
* 615 VI: 49, 58
19 maggio 1614. Gruzi. Il provveditore generale alla cavalleria,
Girolamo Foscari, a Luca Pesaro.
Italiano.
Il fratello Pietro gli comunicò che le sue lettere furono lette con
soddisfazione in Senato. Da una lettera dello stesso, che acclude, Pesaro
potrà apprendere quanto potrebbe fare in favore dello scrivente, che si
raccomanda.
* 616 VI: 50, 57
1 marzo 1614. Venezia. Pietro Foscari a Luca Pesaro.
Italiano.
Lo prega di fare fede presso il generale Venier della verità circa il
fratello Girolamo, incorso in calunnie. Il Pesaro già ha scritto
favorevolmente di quello a molti, ed al fratello in particolare.
* 617 VI: 51-52
16 giugno (1614). Zara. Mustafa bey, figlio del sangiacco di Licca,
Croazia, Zacarca e contado, Halil, al generale Venier.
Ottomano; copia.
Lo scrivente venne a Zara col capitano bey del contado e di Zacarca e
altri agà, a confermare la buona vicinanza, per ordine del padre. Fu
introdotto presso il Venier dal capitano generale Luca Pesaro, che
promise di restituire, se in vita, gli uomini che erano stati presi sotto la
FILZA VI
153
Morlacca, e di punire i malfattori; inoltre confermò quanto aveva scritto
il padre circa i fanciulli fattisi turchi, e infine accettò, per come aveva
trattato col Pesaro, che non fossero fatte innovazioni né alle fiumare che
sboccano in mare, né ai confini, e promise di osservare la pace secondo
le capitolazioni. Fa le lodi del Pesaro.
* 618 VI: 53, 56
2 giugno (1614). Il sangiacco di Licca, Croazia, Zacarca e contado, Halil,
a Luca Pesaro.
Ottomano.
Raccomanda il figlio Mustafa, e accredita quanto egli dirà.
* 619 VI: 54-55
Senza data (giugno 1614). Lettera di Yusuf («Giusuf») agà Besiragich a
Luca Pesaro.
Italiano.
Lo scrivente annunzia l’arrivo di Mustafa bey. Invia il nipote, Ali
voivoda, perché gli siano comunicate le modalità dell’accoglienza.
Dovrebbe venire pure il fratello del capitano bey.
* 620 VI: 60-61
5 luglio 1614. I Savi alla mercanzia al doge [Marcantonio Memmo].
Italiano.
I Savi alla mercanzia riferiscono circa il credito del moro «Agir Cara»
(A÷ır Kara), fratello di un turco ucciso a Venezia nel 1611, per 804
piastre verso gli eredi di Alfonso Rotta.
* 621 VI: 62, 66
«Lettere del capitano del mar e del primo visir presentate in Collegio
dalla moglie di Abram Barcelai hebreo. 11 maggio 1610.»
Italiano; camicia dei nn. 622-623.
* 622 VI: 63, 65
3ª decade zilkade 1018 (15–24 febbraio 1610). Dall’Arsenale. Lettera del
kapudanpaúa, Halil, alla Signoria.
Ottomano.
Lo scrivente fa una richiesta analoga a quella del gran visir Murad.
* 623 VI: 64
3ª decade zilkade 1018 (15–24 febbraio 1610). Costantinopoli. Il gran
visir, Murad, alla Signoria.
Ottomano.
154
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
Lo scrivente chiede che venga condonato il rimanente della pena ad
«AbrƗhƗm BƗrzƯlƗy», ebreo, parente dell’ebreo «ZƗqǀre», medico (tabib)
del hass. Il condannato è stato lungamente in galea.
* 624 VI: 67, 70
«Lettera del Signor Turco in materia di Moreschi di Spagna, presentata
in Collegio per Haci Ibrahim mutafaragà del Cairo, et lettera del primo
visir in detta materia. 1609.»
Italiano; camicia dei nn. 625-626.
* 625 VI: 68
2ª decade muharrem 1018 (16–25 aprile 1609). Costantinopoli Ahmed I
al doge [Leonardo Donà].
Ottomano.
Molti musulmani (müceddel) di Spagna ed altri, schiavi degli infedeli,
per i buoni rapporti fra il sultano e il doge, si rifugiavano a Venezia, ed
alcuni erano fuggiti. Il sultano ora si lamenta e chiede siano dati ordini
precisi affinché non avvenga più che le autorità venete dei confini e
marittime impediscano il transito in terra d’islam a musulmani
fuggiaschi, col pretesto che sono vestiti in foggia occidentale. Si agevoli
dunque la fuga dei musulmani, comunque vestiti, provenienti dalla
Spagna, Genova, dai territori del duca di Firenze, del duca di Savoia
(«SƗvoye»), del papa («RƯm papa»). È latore del presente Hacı øbrahim
müteferrika d’Egitto.
* 626 VI: 69
1ª decade muharrem 1018 (6–15 aprile 1609). Costantinopoli. Il gran
visir, Murad, al doge [Leonardo Donà].
Ottomano.
Contenuto analogo al n. 625.
* 627 VI: 71, 75
«Lettera del bassà del Cairo rispondente a lettere scritteli per il consule
Morosini et lauda il consulo Donado. 1609.»
Italiano; camicia dei nn. 628-629.
* 628 VI: 72
Senza data (pres. 22 giugno 1609 dal console Donà). Il pascià d’Egitto,
Mehmed, al doge [Leonardo Donà].
Ottomano.
Risponde alle credenziali del console Lorenzo Morosini e fa le lodi del
console cessante Antonio Donà.
FILZA VI
155
* 629 VI: 73-74
Trad. (Giacomo de Nores) del n. 628.
Italiano.
* 630 VI: 76, 79
«Lettera del Signor Turco per il negotio de Scardonesi presentata per
mustaferaga alla Porta. 1609. Altra lettera del medesimo negotio, e tratta
anche d’uscocchi.»
Italiano; camicia dei nn. 631-632.
* 631 VI: 77
3ª decade úevval 1017 (28 gennaio–5 febbraio 1609). Costantinopoli.
Ahmed I al doge [Leonardo Donà].
Ottomano.
Mustafa, pascià di Bosnia, espose le lamentele degli agà e della
popolazione di Scardona per un assalto avvenuto il 3 rebiyülahır 1014
(18 agosto 1605) della gente di Sebenico unita agli uscocchi di Segna, i
quali hanno incendiato la fortezza, catturato le mogli e famiglie di più di
duecento musulmani, uccidendone alcuni, e predato robe per più di
duecento some di aspri. Perciò il sultano inviò una lettera di protesta con
Abdi çavuú, senza però ottenere giustizia. Ora chiede i motivi di tale
comportamento e rinnova la richiesta di soddisfazione, minacciando che
altrimenti ne soffrirebbe la pace. Latore della presente è il müteferrika
Mustafa, kapıcıbaúı del gran visir.
* 632 VI: 78
3ª decade cemaziyülevvel 1018 (22–31 agosto 1609). Ahmed I al doge
[Leonardo Donà].
Ottomano.
La gente di Scardona si lagnò in Divano per un assalto di 400 uscocchi di
Segna, affermando essi e degli esposti dei governanti locali che i pirati
passarono davanti a Sebenico, d’accordo con gli abitanti di quella città. Il
bailo fece presente che gli uscocchi sono soggetti al re di Ungheria, che i
comandanti veneti li combattono e liberano i musulmani loro schiavi e
che sanno reggere i propri soggetti. Il sultano, convinto di tali
spiegazioni, e che si trattasse di calunnie, inviò un name-i hümayun a
Venezia con Abdi çavuú, ed ammonì i governanti di Bosnia di non
intraprendere azioni contrarie alla pace. In seguito a nuove lamentele
degli Scardonesi fu inviata una lettera (cfr. n. 631), cui Venezia ha
convenientemente risposto. Perciò è stato nuovamente ordinato ai
governanti di Bosnia di non commettere aggressioni contro il niúan dato
per gli uscocchi a Ottaviano Bon, e di mantenere buoni rapporti coi
veneti. In fine si fanno le lodi del bailo, Contarini.
156
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
* 633 VI: 80, 86
«Lettera del patriarca di Costantinopoli loda il bailo per
l’accomodamento seguito per opera sua tra esso patriarca et Athanasio.
1609.»
Italiano; camicia dei nn. 634-635.
* 634 VI: 81
6 maggio 1609, indizione VII. Costantinopoli. L’arcivescovo di
Costantinopoli, ed ecumenico del patriarca, Neofito, al doge Leonardo
Donà ed al Senato.
Greco.
Certo Atanasio, partitosi di Sicilia, andò a Roma al Collegio dei Greci,
poi fu nominato in Bulgaria arcivescovo di Ocrida. Ne fu scacciato per i
suoi maneggi mondani. Per causa sua vi fu spargimento di sangue fra
cristiani e turchi in Cimera. Viaggiò poi per l’Europa e suscitò sedizioni
e rumori in Moldavia e Valacchia. Venuto dalla Moldavia a
Costantinopoli, rimase quaranta giorni nascosto in Pera, tramando contro
lo scrivente. Citato però presso i giudici della Congreazione dei prelati e
chierici, fu imprigionato, abbandonandosene la sorte allo scrivente. Il
bailo Simone Contarini, di cui sono fatte gran lodi, si interpose, per cui
lo scrivente perdonò ad Atanasio.
* 635 VI: 82, 85
Trad. del n. 634.
Italiano.
* 636 VI: 87, 95
«Lettera del cadì di Clissa, delli agà e primari di Clissa, dell’emino della
scala di Spalato, contro il guardian del lazzaretto di Spalato. 1608.»
Italiano; camicia dei nn. 637-639.
* 637 VI: 88, 91
Trad. (Giacomo de Nores) del n. 640.
Italiano.
* 638 VI: 89-90
Trad. del n. 639.
Italiano.
* 639 VI: 92
Senza data (1608). Lettera di quattordici agà di Clissa e dintorni, al doge
[Leonardo Donà].
Ottomano.
FILZA VI
157
Lorenzo, guardiano (gözcü) del lazzaretto di Spalato, rubando, d’accordo
con alcuni banditi, le merci di mercanti provenienti da paesi appestati, ha
causato la morte di molta gente. Per le sue continue ruberie i mercanti
hanno abbandonato Spalato per dirigersi a Ragusa ed altrove, con danno
per il Tesoro. Occorre che un posto così delicato sia dato, come prima, a
gente degna.
* 640 VI: 93
Senza data (1608). Il cadì di Clissa e Zagor, Ahmed, al doge [Leonardo
Donà].
Ottomano; trad. n. 637.
Contenuto analogo al n. 639.
* 641 VI: 94
Senza data (1608). L’emin di Spalato, Cihan agà, e il kâtib di Spalato,
Gazi sipahi, al doge [Leonardo Donà].
Ottomano.
Contenuto analogo al n. 639.
* 642 VI: 96-100
«Lettera di Childir bassà in raccomandatione di Gratia Sarafatica hebrea,
et Samuel suo figlio. 1609.»
Italiano; camicia dei nn. 643-644.
* 643 VI: 97-98
Trad. (Giacomo de Nores) del n. 644.
Italiano.
* 644 VI: 99
1ª decade úevval 1017 (8–7 gennaio 1609). Costantinopoli. Hızır pascià
al doge [Leonardo Donà].
Ottomano; trad. n. 643.
I cristiani Nuño e Ambrogio de Costa, di Venezia, si sono impadroniti di
parte delle merci affidate a Mosè «Mes‘njd» (trad. «Mazot») da donna
(«dnjyna») Grazia e dal figlio naturale Samuele («SemvƯl») «SarfattƯ».
Poiché, malgrado le proteste di Mosè nulla è stato recuperato, si chiede, a
richiesta degli eredi Sarfatti, di affidare la causa ai Cinque Savi (beú
hâkim) [alla mercanzia].
* 645 VI: 101, 105
«Lettere del sanzacco di Clissa in materia di ben vicinar et che ha fatto
decapitar ladri che infestavano la scala di Spalato. 1608.»
Italiano; camicia dei nn. 646-647.
158
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
* 646 VI: 102-103
Trad. del n. 647.
Italiano.
* 647 VI: 104
3ª decade zilhicce 1016 (7–16 aprile 1608). Il sangiacco di Clissa,
Mustafa, al doge [Leonardo Donà].
Ottomano; trad. n. 646.
Esprime desiderio che dalle due parti si mantengano relazioni di buon
vicinato. Ha punito Umman e vari altri banditi. Chiede che il doge
partecipi al sultano che i veneziani sono soddisfatti dell’agire dello
scrivente, che è nativo del sangiaccato.
* 648 VI: 106, 113
«Lettera di Derviú bassà di Bossina, scritta al general in Dalmazia, con
avviso dei successi di Canizza. Lettera di Giafer capitano del mare per un
ebreo suo agente.»
Italiano; camicia dei nn. 640-651.
* 649 VI: 107
10 úevval 1015 (8 febbraio 1607). Il kapudanpaúa, Cafer, al doge
Leonardo Donà.
Ottomano; trad. n. 658.
Ha già scritto per chiedere che fossero consegnati al suo agente Mosè
Mazot i 5.376 ducati (altun), suo credito per del cotone consegnatogli
presso il suddito veneto [Nicolò] Lombardo da Candia. Gli fu risposto
che il pagamento di 2.000 ducati era stato commissionato al tribunale,
cui era affidato l’esame della situazione di quel mercante. Sollecita il
pagamento del resto, oltreché quello dei suddetti 2.000 ducati, che non
ancora stato eseguito, secondo lettere da Venezia di 40 giorni. Chiede poi
che siano recuperate delle merci per Mosè, dallo scrivente affidate ad
una nave veneta delle mercanzie, che è andata ad Ancona.
* 650 VI: 108
3ª decade ramazan 1015 (20–29 gennaio 1607). Belgrado. Ahmed I al
doge [Leonardo Donà].
Ottomano; trad. n. 656.
Informa di aver nominato a succedere al defunto Stefano Bocskai come
re d’Ungheria e principe di Transilvania, un nobile ungherese, diverso da
quello destinato nel suo testamento come gli era stato concesso. Si
lamenta che per negligenza veneziana gli uscocchi, malgrado la pace
stipulata con i delegati austriaci, assalgano e depredino navi e territori
FILZA VI
159
ottomani. Esorta il doge ad ordinare ai propri comandanti di reprimere
quelle azioni e a dare avvisi sugli avvenimenti dei confini.
* 651 VI: 109-112
Trad. del n. 781.
Italiano.
* 652 VI: 114, 131
«Cozzetto di schiavi liberati. 1607. / Traduzione di lettera del capitano
del mare per credito suo contro Nicolò Lombardo da Candia. / Supplica
de mercanti hebrei per depredazione de uscocchi. / Lettera del visir
general in Ongaria in condoglianza di uscochi. 1606. / Lettera dricciata a
Memi Cach schiavo in Messina scritta in turco.»
Italiano; camicia dei nn. 653-659.
* 653 VI: 115, 128
Trad. del n. 654.
Italiano.
* 654 VI: 116, 127
6 ramazan 1016 (25 dicembre 1607). Dichiarazione di dieci mercanti
turchi.
Ottomano; trad. n. 653.
I veneziani hanno liberato, consegnando 248 aspri ciascuno, come spese
di viaggio per tornare nel proprio paese, tredici mercanti musulmani fatti
prigionieri nel cemaziyülevvel 1016 (24 agosto–22 settembre 1607) da
navi maltesi e del duca di Firenze, mentre con due gerbe andavano da
Tripoli ad Alessandria, e poi condotti a Malta. Gli schiavi liberati sono:
1. Mustafa da Aleppo; 2. Ali da Damietta; 3. Mehmed dalla riva del
Danubio; 4. Ali da Tripoli; 5. Enbiya da Cipro; 6. Hacı Amir da Rosetta;
7. Hacı Abdi da Hama; 8. Hasan da Saida; 9. Selami da Damietta; 10.
Derviú da Cipro; 11. Mehmed, magrebino; 12. Hacı Süleyman da
Rosetta; 13. Hamza da Antep.
La dichiarazione, che sembra redatta da mano occidentale, è munita delle
sottoscrizioni, dello stesso ductus, e dei sigilli di: 1. Hacı Ahmed da
Aleppo; 2. Hacı Bali da Mostar; 3. Budak çelebi da Costantinopoli; 4.
Ömer çelebi da Ankara; 5. Mustafa çelebi da Beypazarı; 6. Musil çelebi
da Mostar; 7. Ali çelebi da Ankara; 8. Hacı Mahmud da Ankara; 9. Hacı
Cafer da Sarajevo; 10. Hacı Süleyman da Sarajevo.
* 655 VI: 117, 126
Senza data (1606). Supplica di vari mercanti al doge [Leonardo Donà].
Italiano; copia.
160
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
Chiedono siano almeno recuperate le merci di 30 mercanti, turchi e greci,
partiti martedì 10 per Scutari ed altri luoghi dell’Albania, coi vascelli
patroni Nicola Cuppo e Giovanni Marcovich, ed assaliti, depredati e
sterminati, il venerdì 13, in Istria, tra Parenzo e Rovigno, da sei barche di
uscocchi. Rimase in vita solo un fanciullo di 10 anni, fatto schiavo. Il
valore delle merci predate ammontava a circa 100.000 ducati. I
supplicanti sono Hasan da Terra Nova, Ali da Scutari, Mukin da Terra
Nova e altri parenti, amici degli uccisi o altrimenti interessati.
* 656 VI: 118-119, 124-125
Trad. (Giacomo de Nores) del n. 650.
Italiano.
* 657 VI: 120-121
Trad. (Giacomo de Nores) del n. 795.
* 658 VI: 122-123
Trad. del n. 649.
Italiano.
* 659 VI: 129-130
Senza data (1606). Mehmed al fratello Memi ùah, schiavo in Messina.
Ottomano.
Per i buoni rapporti esistenti tra i veneziani e Derviú pascià, già
bostancıbaúı ed ora gran visir, il bailo promise di ottenere la liberazione
assieme a un certo Halil.
* 660 VI: 132, 134
«Lettere del luogotenente del sangiacco di Elbasan, presentate per
Dimitri Papasoli. 1606. / Lettera de Simon dragomanno d’Elbasan.»
Italiano; camicia del n. 661.
* 661 VI: 133
Senza data (pres. 10 agosto 1606 da Dimitri Papasoli). Il muhafız del
sangiacco di Elbasan, Mustafa, al doge [Leonardo Donà].
Ottomano.
Quando venne il dragomanno Simone col firmano per le merci prese ai
veneziani, e per i cinque di essi fatti schiavi, non essendovi altro modo di
liberare quelli, fu costretto a venire ad un accordo coi pirati di Durazzo,
rinunziando a vendicare l’unico fratello, da essi ucciso quando si recò a
Durazzo per richiedere detti schiavi, affidandoli a Simone. Alcuni
appaltatori di Valona, arricchitisi colle piraterie delle fregate, hanno
ottenuto col denaro il sangiaccato. Lo scrivente chiede al doge che, a
FILZA VI
161
mezzo del bailo, interceda presso il sultano affinché il sangiaccato gli sia
confermato. L’attuale bey di Elbasan è un antico pirata (firkatacı) che si
propone di molestare i mercanti veneti. Se Simone, trattenuto da una
tempesta, fosse venuto prima si sarebbero recuperate anche le merci, che
nel frattempo erano andate disperse. Chiede che, tramite l’ambasciatore
spagnolo, venga liberato un suo parente, a nome Mehmed, fatto
prigioniero dai perastini e portato a Saragozza.
* 662 VI: 135
1ª decade úaban 1013 (23 dicembre 1604–1 gennaio 1605). Belgrado. Il
gran visir, Mehmed pascià, visir, al doge [Marino Grimani].
Ottomano.
Contenuto analogo al n. 664.
* 663 VI: 136
1ª decade receb 1013 (23 novembre–2 dicembre 1604). Costantinopoli.
Ahmed I doge [Marino Grimani]. («Presentato da Natan Ascanzè ebreo,
figlio di rabi Salamon ebreo»).
Ottomano.
Raccomanda il mercante di corte (hassa) «NƗšƗn HқekƯm QarƯoƥlƯ»,
inviato per alcuni acquisti.
* 664 VI: 137
1ª decade úaban 1013 (23 dicembre 1604–1 gennaio 1605). Belgrado.
Ahmed I al doge [Marino Grimani].
Ottomano.
Il doge ha sempre osservato fedelmente la pace. Da quanto si è
impegnato, al tempo di Selim II di custodire il canale di Gabela e quelle
rive e di impedire il passaggio degli uscocchi, e di tenere a freno gli altri
pirati, ha assicurato la tranquillità e il benessere dei sudditi; se non che
ultimamente della gente di malaffare proveniente delle parti di Zara,
Sebenico, Traù e Spalato, fece da guida ad uscocchi conducendoli a
depredare terre dei sangiaccati di Clissa, Cherca ed Erzegovina e
rifugiandosi poi con il bottino in quelle città. Si invia la presente con
Osman çavuú, müteferrika, perché il doge punisca i colpevoli e provveda
meglio alla custodia di quei paraggi.
* 665 VI: 138
1ª decade receb 1013 (23 novembre–2 dicembre 1604). Costantinopoli.
Ahmed I al doge [Marino Grimani].
Ottomano.
162
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
Il sultano congeda l’ambasciatore Giovanni Mocenigo, col quale furono
rinnovate le capitolazioni, e il bailo Simone Contarini.
* 666 VI: 139, 142
«Lettera del bassà in materia di Lagosta e Scardona, et lettera del Signor
Turco nella medesima materia. 1605.»
Italiano; camicia dei nn. 667-668.
* 667 VI: 140
1ª decade ramazan 1014 (10–19 gennaio 1606). Costantinopoli. Ahmed I
al doge Marino Grimani.
Ottomano.
Hüsrev, pascià di Bosnia, ha riferito che, profittando del ritiro del
presidio (hisar erleri) da Scardona, la gente di Sebenico, d’accordo con
gli uscocchi di Segna, venuti per mare, fingendosi mercanti, bruciarono e
depredarono tutte le case di Scardona, uccisero l’emino con 40 suoi
uomini e molti della popolazione, fecero schiavi più di 200 musulmani
con le loro famiglie, facendo danni, depredando il denaro del hass,
riscosso dal nazır della mukataa di Sebenico per 200 some. Simili arz e
mahzar sono giunti anche dal sangiacco di Cherca, dal cadì e da tutti i
notabili. Il doge, all’arrivo del latore Abdi çavuú, provveda alla
punizione di quelli di Sebenico responsabili, e altresì provveda a
ricompensare le perdite e i danni subiti.
* 668 VI: 141
1ª decade ramazan 1014 (10–19 gennaio 1606). Costantinopoli. Hızır
pascià al doge Marino Grimani.
Ottomano.
Contenuto analogo al n. 667.
* 669 VI: 143, 145
«Lettera di Mehmed, visir general destinato in Ongaria, in materia di
Lagosta. 1605. / Altra in tal materia. Lauda che nella restituzione di
Lagosta a ragusei, promettino il perdono a lagostani.»
Italiano; camicia del n. 670.
* 670 VI: 144
3ª decade zilhicce 1013 (10–18 maggio 1605). Costantinopoli. Il gran
visir, Mehmed pascià, al doge [Marino Grimani].
Ottomano.
In presenza del kadı asker di Rumelia è stato redatto sicil col quale i
ragusei si impegnano a perdonare i lagostani. Il pascià ha taciuto di
questo al sultano, temendo che il fatto che Venezia non ha ancora
FILZA VI
163
effettuato la restituzione dell’isola gli spiacerebbe; esorta però con la
presente il doge a non frapporre tempo. Se i ragusei non manterranno la
detta promessa saranno ripresi.
* 671 VI: 146
3ª decade zilkade 1013 (10–18 aprile1605). Costantinopoli. Il gran visir,
Mehmed pascià, al doge [Marino Grimani].
Ottomano.
Il bailo Ottaviano Bon comunicò aver Venezia intenzione di restituire
l’isola [Lagosta] a ragusei, purché questi si impegnino con istrumento
(temessük) a perdonare a lagostani e lasciarli esenti, come già erano, da
tutte le imposizioni (tekâlif) sicché quelli non abbiano più motivo di
sollevarsi. Da parte turca si è soddisfatissimi di tale risoluzione. Si
comunica poi che, a richiesta del bailo, del quale si fanno le lodi, furono
inviati, una prima e una seconda volta, firmani e lettere dello scrivente al
sangiacco di Clissa, in merito ai confini di Zara.
* 672 VI: 147, 155
«Lettera del Signor Turco a rettori di Dalmatia che mandino sicuro a
Venezia mutafrichi, capo de portonari, suo chiaus. 1605 doppia.»
Italiano; camicia dei nn. 673-677.
* 673 VI: 148, 154
Trad. (Giacomo de Nores) del n. 674.
Italiano.
* 674 VI: 149, 153
1ª decade receb 1013 (23 novembre–2 dicembre 1604). Il gran visir,
Mehmed, ai conti di Spalato e rettori di Zara, Traù e Sebenico.
Ottomano; trad. n. 673.
Contenuto analogo al n. 676.
* 675 VI: 150, 152
Trad. (Giacomo de Nores) del n. 676.
Italiano.
* 676 VI: 151
1ª decade receb 1013 (23 novembre–2 dicembre 1604). Belgrado.
Ahmed I ai conti di Spalato e rettori di Zara, Traù e Sebenico.
Ottomano; trad. n. 675.
Salvacondotto per il müteferrika Hızır, kapıcıbaúı del gran visir, latore di
un name-i hümayun per Venezia. Lo si faccia scortare.
164
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
* 677 VI: 156
1ª decade ramazan 1012 (2–11 febbraio 1604). Costantinopoli. Ali
pascià al doge [Marino Grimani].
Ottomano.
Contenuto analogo al n. 687. Aggiunge che, su richiesta dell’
ambasciatore veneto, gli furono consegnate due barche venete, col loro
equipaggio, catturate per aver cannoneggiato delle galee turche,
provocando la morte di musulmani. Chiede che i comandanti siano
puniti.
* 678 VI: 157
Kulak di name-i hümayun al doge [Marino Grimani].
Ottomano.
* 679 VI: 158-159
Trad. (Giacomo de Nores) del n. 684.
Italiano.
* 680 VI: 160
1ª decade cemaziyülevvel 1013 (25 settembre–4 ottobre 1604).
Costantinopoli. Mustafa pascià al doge [Marino Grimani].
Ottomano; trad. n. 681.
Loda l’intenzione di Venezia, comunicata dal bailo, di restituire l’isola
[Lagosta] a Ragusa. Occorre però prima che questi si impegnino a non
effettuare rappresaglie; se non mantenessero la promessa sarebbero
puniti, perché il sultano non vuole sia fatto torto a nessuno. Ammira
l’azione veneta in difesa dei deboli, esortando il doge a restituire l’isola e
a provvedere, come ritiene opportuno, nei riguardi di alcuni isolani che,
come hanno comunicato i Ragusei, commetterebbero turbolenze. Sono
nominati «PƗsquǀ», «EndƯ÷e» e tre compagni.
* 681 VI: 161-162
Trad. (Giacomo de Nores) del n. 680.
Italiano.
* 682 VI: 163
1ª decade rebiyülahır 1013 (27 agosto–5 settembre 1604). Hafîz Ahmed
pascià al doge [Marino Grimani].
Ottomano.
Contenuto analogo al n. 680.
FILZA VI
165
* 683 VI: 164
1ª decade zilkade 1012 (1–10 aprile 1604). Costantinopoli. Il gran visir,
Ali pascià, al doge [Marino Grimani].
Ottomano.
I mercanti Yusuf, Hüseyin, Piyale, Osman, Oruç da «Tašlu÷a» in
Erzegovina, Ömer da Mostar, Hasan da Sarajevo, Mustafa da «ƿrƯ÷e»,
øbrahim da «VƗliq», comprati a Venezia per 18.000 piastre panni, drappi,
sapone, etc., si imbarcarono sulla nave di Matteo («MƗtǀ») de Rocco da
Zara. Giunti a Zara, il rettore sostituì il patrono Matteo de Rocco con
certo Gravina, che lascia un garante. Il Gravina, ripartito uccise nel
sonno i detti mercanti, ad esclusione di Osman e Piyale che furono messi
in catene. Diede poi, come parte del bottino, 24 pezze (pastav) di panno
e 30 misure (donluk) di drappo al patrono «Selǀsta» da Lesina (Far), che
lo raggiunse mentre fuggiva in Puglia. Così hanno riferito il luogotenente
del sangiacco di Erzegovina, i cadì e l’emino di Ragusa. Gli eredi dei
mercanti e gli altri interessati alle mercanzie si sono presentati in Divano
per reclamare: occorre che si riparino i danni dei responsabili, dei garanti
del Gravina e dal de Rocco, complice del fatto.
* 684 VI: 165
2ª decade cemaziyülevvel 1013 (5–14 ottobre 1604). Costantinopoli. Il
visir, Mustafa pascià, al doge [Marino Grimani].
Ottomano; trad. n. 679.
Furono designate dall’arsenale due galee per rilevare a Tenedo
l’ambasciatore veneto e il nuovo bailo. Saranno entrambi
convenientemente accolti e trattati. Loda il bailo uscente [Francesco
Contarini].
* 685 VI: 166
24 muharrem 1013 (22 giugno 1604). Il terzo visir, Kurd Mehmed
pascià, al doge Marino Grimani.
Ottomano.
Risponde ad una lettera di complimento.
* 686 VI: 167
Senza data (in lettere Costantinopoli del 22 giugno 1604). [Venezia].
Zülfikar agà al gran visir [Lala Mehmed].
Ottomano.
Giunto a Venezia mercoledì 21 [aprile 1604], presentò il name-i
hümayun di cui era latore. I governanti veneziani non lo lessero, non
risposero e nemmeno congedarono lo scrivente. Causa di tale
atteggiamento è il bailo [Francesco Contarini]. Sono giunti a Venezia,
166
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
con propositi malvagi, gli ambasciatori di Spagna, d’Ungheria, di Persia
(Kızılbaú) e del papa. Gli ungheresi avrebbero ratificato la pace se il papa
non li avesse spronati a combattere e non avessero avuto nuovi aiuti.
Chiede che non lo si abbandoni in un paese infedele e che si ammonisca
il bailo.
* 687 VI: 168
1ª decade ramazan 1012 (2–11 febbraio 1604). Costantinopoli. Ahmed I
al doge [Marino Grimani].
Ottomano.
Dal tempo di Orhan Ragusa fa quasi (mesabesinde) parte dell’Impero, ed
ha quindi diritto alla protezione del sultano. Si intima con la presente, di
cui è latore Zülfikar agà müteferrika, di restituire l’isola di Lagosta
(«LƗsқtқava»), di cui il sultano non approva l’occupazione da parte veneta,
ai Ragusei, e a mantenere con essi buoni rapporti ed a non ingerirsi nei
loro affari interni.
* 688 VI: 169
2ª decade muharrem 1012 (21–30 giugno 1603). Belgrado. Il generale in
Ungheria, Mehmed pascià, al doge [Marino Grimani].
Ottomano.
Contenuto analogo al n. 693. Aggiunge che, malgrado la fedeltà di
Ragusa al sultano, e che essa abbia pagato sempre a questo i propri
tributi (bac e haraç), i veneziani abbiano occupato l’isola di Lagosta
(«LƗsқteva»). Il pascià ignora se ciò sia avvenuto a conoscenza del doge,
che invita a punire i responsabili del fatto illegale.
* 689 VI: 170
Senza data (1603, contemporaneo al n. 688). Pogliza. Il generale in
Ungheria, Mehmed pascià, al doge [Marino Grimani].
Ottomano.
Commissione a mezzo del suo uomo delle vesti, di cui specifica le
caratteristiche.
* 690 VI: 171
Kulak del n. 691.
* 691 VI: 172
2ª decade cemaziyülevvel 1012 (17–26 ottobre 1603). Alessandria
[d’Egitto]. Il kapudan, Yusuf pascià, al rettore di Zante.
Ottomano.
FILZA VI
167
La nave del latore, patrono Teodoro, dell’isola di «MƯs» [a tergo
Castelbuzo] fu catturata, mentre navigava verso Rodi, da una saettia
maltese e portata a Zante. Il suddetto è suddito del sultano. Si chiede gli
venga restituita la nave, che ancora si trova a Zante.
* 692 VI: 173
2ª decade muharrem 1012 (21–30 giugno 1603). Belgrado. Mehmed III al
doge [Marino Grimani].
Ottomano.
Gli uscocchi hanno assalito il castello (hisar) di «QašƯk» sulla riva del
mare, uccidendo e facendo schiavi tra gli agà, muhafız e martolos.
Inoltre, col consenso dei veneziani, hanno predato due villaggi dei
possedimenti imperiali presso la tenuta (çiftlik) di øbrahim bey. Il
sangiacco che comunicò tali notizie ha aggiunto che mentre prima i
veneziani proteggevano il territorio ottomano adesso invece hanno dato
libero adito ai pirati e inoltre che il bottino fu spartito nelle isole venete,
e che egli ha dovuto calmare i sudditi e i notabili che meditavano
rappresaglie. Il doge punisca gli uscocchi e osservi la pace. Trattasi di
incidenti di confini ai quali, affinché non degenerino, bisogna provvedere
per tempo. Fu perciò inviato un firmano ai rettori di Zara e Sebenico.
Occorre che all’arrivo del latore della presente, il müteferrika Hızır, il
doge provveda alla tutela delle terre ottomane, punisca i complici degli
uscocchi e faccia riparare i danni.
* 693 VI: 174-175
2ª decade zilhicce 1011 (22–31 maggio 1603). Costantinopoli. Il secondo
visir, Cerrah Mehmed, al doge [Marino Grimani].
Ottomano.
Risponde alla lettera di complimento per la sua nomina a secondo visir.
Fa le lodi del bailo, e comunica di aver scritto, come quello gli richiese,
al sangiacco di Morea.
* 694 VI: 176
2ª decade zilkade 1011 (22–31 maggio 1603). Banjaluka. Il beylerbeyi di
Bosnia, Mehmed, al conte («knƗz») di Spalato.
Ottomano.
Essendo sangiacco di Pojega, lottando con dei banditi di Slavonia e
Kanitzsa che da alcuni anni esigevano tributo (cizye) della gente del
sangiaccato, rimase gravemente ferito. Il generale di Slavonia
(«Islavin»), da lui invitato precedentemente invano a tenere a freno quei
banditi, approfittò della situazione per bruciare Pojega. Lo scrivente,
ritornato al suo paese, dopo 3/4 anni partecipò ad una spedizione del
168
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
sultano, venne a Belgrado ed ebbe, in arpalık, il sangiaccato di Clissa,
ove mantenne buoni rapporti con il conte. Nominato, come aspirava,
beylerbeyi di Bosnia, a Banjaluka, ebbe ordine di fare incursioni in
Slavonia con il khan [dei Tatari]. A «NjrƗhǀvƯþe» gli venne avviso che il
capitano sloveno «QoprƯvin÷e» bruciava i villaggi «EflƗqƗn». Lo
raggiunse, facendolo prigioniero ed uccidendo più di 400 uomini. Di più
di 200 nemici, si salvarono solo 7 fanti e 5 cavalieri. Si incontrò poi col
khan, e compì incursioni per 8 giorni in terra nemica, bruciando
innumerevoli fortezze, palanche, borghi e villaggi, e catturado più di
40.000 schiavi. Invia a comunicare tali notizie il suo kapıcıbaúı Ali agà,
ed esorta a fare festeggiamenti. Sollecita l’invio di persona adatta per
trattare le varie questioni comuni.
* 695 VI: 177, 179
Trad. (Giacomo de Nores) del n. 696.
Italiano.
* 696 VI: 178
27 úevval 1011 (9 aprile 1603). Il re del Marocco, Ahқmad ŠerƯf.
Arabo; trad. n. 695.
Garantisce la sicurezza per ogni nave veneziana, col suo carico, che verrà
nel suo regno. Essa pagherà solo il dazio e l’ancoraggio consueti, come
gli altri mercanti, e le merci e le persone saranno sotto la protezione del
sovrano, e non sarà fatto alcun torto.
* 697 VI: 180, 182
Trad. (Giacomo de Nores) del n. 698.
Italiano.
* 698 VI: 181
1ª decadem ramazam 1012 (2–11 febbraio 1604). Costantinopoli. Il visir,
Kasım pascià, al doge [Marino Grimani].
Ottomano; trad. n. 697.
Risponde a lettera di complimento per la sua nomina a visir. Fa le lodi
del bailo, Francesco Contarini.
* 699 VI: 183
2ª decade ramazan 1011 (22 febbraio–3 marzo 1603). Dall’arsenale di
Costantinopoli. Il kapudanpaúa, Sinan, al doge [Marino Grimani].
Ottomano.
Firmani e lettere dello scrivente furono inviati ai sangiacci di Valona e
Santa Maura, e agli agà delle fortezze di Valona, Santa Maura e Durazzo,
FILZA VI
169
affinché tengano a freno le navi dei corsari. Fa le lodi dell’ambasciatore
veneto.
* 700 VI: 184
2ª decade ramazan 1011 (22 febbraio–3 marzo 1603). Costantinopoli. Il
gran visir, Hasan pascià, al doge [Marino Grimani].
Ottomano.
Terminata la campagna militare e ritornato alla capitale, ebbe dal bailo
Francesco Contarini la lettera inviatagli. Si esprime in termini
amichevoli, facendo le lodi del Contarini e del bailo cessante, suo amico.
* 701 VI: 185, 187
Trad. (Giacomo de Nores) del n. 702.
Italiano.
* 702 VI: 186
Senza data (pres. 15 marzo 1603).
Ottomano; trad. n. 701.
Raccomanda Mehmed Emin bey e Fethî bey, inviati per alcuni acquisti e
fornitura di armi.
* 703 VI: 188, 191
Trad. (Giacomo de Nores) del n. 704.
Italiano.
* 704 VI: 189-190
Senza data (in lettere 1 febbraio 1603). Mustafa pascià al doge [Marino
Grimani].
Ottomano; trad. n. 703.
Risponde alla lettera avuta dal nuovo bailo [Francesco] Contarini, e
promette di assisterlo, come fece col precedente bailo [Agostino] Nani.
* 705 VI: 192, 194
Trad. (Giacomo de Nores) del n. 706.
Italiano.
* 706 VI: 193
3ª decade úaban 1011 (3–11 febbraio 1603). Costantinopoli. Mehmed III
al doge [Marino Grimani].
Ottomano; trad. n. 705.
Risposta alle credenziali di Francesco Contarini, e recredenziali di
[Agostino] Nani.
170
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
* 707 VI: 195
2ª decade úaban 1011 (24 gennaio–2 febbraio 1603). Costantinopoli. Il
gran visir, Hasan pascià, al doge [Marino Grimani].
Ottomano; trad. n. 708.
In nuovo bailo Francesco Contarini presentò al sultano le credenziali,
compiendo onorevolmente la sua missione. In tale occasione lo scrivente
confermò al sultano la sincera amicizia veneta. Il bailo insistette per la
faccende delle piraterie di Durazzo, ma per alcuni contrattempi lo
scrivente dovette rimandare di occuparsene per qualche giorno.
* 708 VI: 196-197
Trad. (Giacomo de Nores) del n. 707.
Italiano.
* 709 VI: 198
1ª decade úaban 1010 (25 gennaio–3 febbraio 1602). Costantinopoli.
Mehmed pascià alla Signoria.
Ottomano.
Il mercante suo dipendente «MƯle», andando a Venezia vendette ad
Ancona una sua nave, e con le piastre e le merci ricavatene si recò nel
Veneto per commerciare. Al ritorno, non avendo potuto comprare nulla
con le piastre arslanî, perché non avevano corso in Venezia, esse gli
furono sequestrate dalle guardie venete, che ne consegnarono 600 alla
zecca e 600 ne trattennero, dicendo che le avrebbero restituite entro tre
giorni. Ritornato, quello non li trovò e, dovendo necessariamente partire,
andò vià. Si chiede ora la restituzione del denaro.
* 710 VI: 199, 206
17 aprile 1602. Costantinopoli. Mosè Benveniste al doge [Marino
Grimani].
Italiano.
Ricordando la sua devozione per Venezia, e promettendo di adoperarsi al
suo servizio, raccomanda il figlio Nissim, che si reca in quella città.
* 711 VI: 200, 205
Trad. (Giacomo de Nores) del n. 713.
Italiano.
* 712 VI: 201, 203
Trad. (Giacomo de Nores) del n. 714.
Italiano.
FILZA VI
171
* 713 VI: 202
Senza data [1ª decade zilkade 1010 (23 aprile–2 maggio 1602)]. L’ex
gran visir, Siyavuú, al doge [Marino Grimani].
Ottomano; trad. n. 711.
Si reca a Venezia, per alcune faccende dello scrivente, «NesƯmƯ», figlio
del dottore ebreo Mosè («MnjsƯ»), che, durante il gran visirato di esso
pascià si è interessato per i negozi veneti.
* 714 VI: 204
1ª decade zilkade 1010 (23 aprile–2 maggio 1602). Cerrah Mehmed
pascià, già secondo visir, al doge [Marino Grimani].
Ottomano; trad. n. 712.
Contenuto analogo al n. 713.
* 715 VI: 207
«Comandamento mandato in Dalmatia che non si dia molestia né
s’accresca datii a quelli di Almissa e Macarsca. 1601.»
Italiano; camicia.
* 716 VI: 208, 213
Camicia dei nn. 717-719.
* 717 VI: 209, 212
Trad. (Marcantonio Borissi) dei nn. 718-719.
Italiano.
* 718 VI: 210
24 muharrem 1010 (25 luglio 1601). Costantinopoli. Mehmed III ai cadì
di Bosnia.
Ottomano; trad. n. 716. A tergo le sottoscrizioni di tre defterdar.
Avendo il bailo ottenuto dal Divano il n. 720, chiese ed ottenne il
presente firmano, rilasciato dal Maliye (Finanza) di contenuto analogo.
* 719 VI: 211
2ª decade muharrem 1010 (12–21 luglio 1601). Costantinopoli. Mehmed
III al beylerbeyi e ai cadì di Bosnia.
Ottomano; trad. n. 717.
Il bailo si è lamentato che da parte degli ufficiali ed emini turchi a
Almissa («ElmƯše») e Macarsca («MeqrƗsqa») sono commesse azioni
ostili ai veneziani, si ostacola il commercio e si esigono diritti doganali
superiori al kanun. Si vieti e impedisca tutto ciò.
172
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
* 720 VI: 215-226
«Traddutione di lettere di Halil bassà scritte al sangiacco di Licca et di
Clissa che non si faccia danno a confini. 1601.»
Italiano; camicia dei nn. 721-724.
* 721 VI: 216, 225
Trad. (Marcantonio Borissi) del n. 726.
Italiano.
* 722 VI: 217, 224
Senza data [1601]. Il luogotenente del gran visir, Halil pascià, al
sangiacco di Licca.
Ottomano.
Il bailo si è lamentato di alcune innovazioni ai confini veneti, di azioni
cause di turbamenti, dell’espulsione dei sudditi e mercanti veneti da
Scardona («IsqƗrdǀna»), di ostacoli al commercio veneto, che
provocherebbe analoghe misure da parte veneziana, con danno per il
fisco, di sudditi veneti fatti prigionieri e non rilasciati, dei quali uno
preso dal villaggio di Scusela («SnjzƝlƗ»). Si esorta a mantenere coi
veneziani buoni rapporti e a reprimere simili azioni.
* 723 VI: 218-219, 222-223
8 settembre 1601. [Costantinopoli] Vigne di Pera. Il bailo, Agostino
Nani, al provveditore generale in Golfo e in Dalmazia, Filippo
Pasqualigo.
Italiano.
Gli trasmettono con le traduzioni i nn. 722 e 726, tramite i rettori di Zara,
ottenuti per ordine del doge, il primo dal luogotenente del primo visir,
Halil, per il sangiacco di Licca e il secondo da Cerrah Mehmed, patrigno
del sangiacco di Clissa, per quest’ultimo. Seguono (in cifra, cfr. n. 724)
alcune notizie sui movimenti della flotta ottomana e sulla situazione
interna dell’Impero. Termina informando come la peste continui
gravemente; egli stesso fu ammalato per cinquanta giorni ed ora, dopo
una ricaduta, è convalescente. A causa del male contagioso, non invia le
lettere con le solite borse di seta.
* 724 VI: 220-221
Decifrazione del n. 723.
* 725 VI: 227, 230
Trad. (Marcantonio Borissi) del n. 722.
Italiano.
FILZA VI
173
* 726 VI: 228-229
Senza data [1601]. Mehmed pascià al sangiacco di Clissa.
Ottomano.
Ai confini di Spalato, da parte turca, si commettono azioni contrarie ai
veneziani a causa di turbamenti. Si raccomanda di mantenere con quelli
buoni rapporti e di ammonire gli emini di Spalato di non fare ritardare i
mercanti musulmani che si recano a Venezia oltre il tempo necessario
per la quarantena.
* 727 VI: 231
3ª decade zilkade 1009 (24 maggio–2 giugno 1601). Costantinopoli. Il
gran visir, Hasan pascià, al doge [Marino Grimani].
Ottomano.
Abdulgani bey, già sangacco di Erciú, inviò con suoi uomini delle merci
a Venezia al mercante Michele. Questi le vendette e, col ricavato, ne
comprò delle altre. Mentre stava per inviarle al bey, questi morì in una
spedizione militare, e quindi quelle rimasero presso di lui. Si raccomanda
ora di consegnare dette merci a øbrahim çavuúo÷lu, çavuú di corte,
commesso degli eredi di Abdulgani.
* 728 VI: 232
Senza data (ricevuta 8 giugno 1600). ‘AbbƗs I al doge [Marino Grimani].
Persiano.
Raccomanda il suo inviato Še÷÷Ɨ’ ed-DƯn Esed bey.
* 729 VI: 233
3ª decade úaban 1008 (7–15 marzo 1600). Belgrado. Il primo visir e
serdar, øbrahim pascià, al doge [Marino Grimani].
Ottomano.
Nominato serdar, mentre si accingeva a partire per la spedizione ha
avuto un colloquio con il bailo durante il quale si trattò anche della
questione di Segna, di cui il doge dovrà incaricarsi. Il fratello del re
[=imperatore], Mattia («MatiyƗs») [d’Asburgo] con una lettera propose
la pace col patto che le bande (çete) dovessero cessare la propria azione.
A causa di queste, dopo la pace precedente, si sarebbero avute tante
sciagure. In risposta si inviò carta di tregua, avvisando i capi dei confini
di fermare le bande. Si attendono ora le decisoni dell’altra parte.
Riprende l’argomento di Segna, rilevando come gli uscocchi addossino
rispettivamente ai turchi o ai veneziani la colpa dei danni da essi recati ai
territori veneti o turchi. Latore della presente è Davud çavuú.
174
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
* 730 VI: 234-235
31 maggio 1600. Venezia, in Senato. La Repubblica al primo visir e
serdar, øbrahim pascià.
Italiano; copia.
Si risponde alla lettera portata da Davud çavuú (cfr. n. 729). Si ritiene
opportuno che con la probabile conclusione della pace con l’Austria sia
sistemata la questione degli uscocchi, di modo che essi non abbiano più
nidi e ricoveri. Occorre che il relativo capitolo, incluso nelle precedenti
capitolazioni, sia realmente eseguito: solo così potranno ottenersi risultati
decisivi, e coll’obbligo per coloro che diano ricetto agli uscocchi di
pagare tutti i danni da quelli inferti ai sudditi del sultano.
FILZA VII
Rilegatura in cartone. Sul dorso: «Nº VII. A. No 2». Sulla copertina: «Lettere
e scritture turchesche. Senza data».
731
VII: 0-0bis
«Filza settima. Lettere e scritture turchesche. Senza data.»
Italiano; camicia.
732
VII: 00-00bis
«Turchesche senza tempo.»
Italiano; camicia.
733
VII: 1-2
Senza data. Elenco di firmani.
Italiano.
1. Ai cadì di «Sasson» e «Tarhaniaz», per cordami per l’arsenale e galee
grosse e sottili; 2. al cadì di Metelino, per 1.000 cantara di pece; 3. al
cadì di «Molova», per 1.000 cantara di pece; 4. al cadì di «Lapsechi», per
500 cantara di catrame; 5. al cadì di «Asine», per 500 cantara di catrame;
6. al cadì di Gallipoli, per 300.000 braccia di tela per tende.
734
VII: 3-4
Senza data [1563, contemporaneo al n. 136]. [Il bailo] al sangiacco di
Nicomedia Ali «Portuch».
Italiano; copia.
Il precedente comportamento del bey, che liberò e inviò a Candia 24
sudditi veneti, fa sperare che egli osserverà il firmano che si invia con la
presente. Il gran visir si è compiaciuto quando gli furono riferite le azioni
di Ali «Portuch» e ha riprovato quelle del sangiacco di Rodi, Kurto÷lu.
Si esorta il destinatario, per come è ordinato nel firmano, a fare restituire
uomini e merci che troverà nelle galere di Kurto÷lu, il quale prese da un
naviglio candioto 5 uomini e 3 fanciulli, e questi ultimi furono venduti al
duca di Nicsia.
735
VII: 5-6
Trad. del n. 736 (si afferma che la dichiarazione è di Hacı Mahmud da
Tokat e Hacı Ali da Ankara).
Italiano.
176
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
736
VII: 7
Senza data [1586]. Dichiarazione di Hacı Ali b. Ahmed da Ankara;
Ahmed b. Hüseyn; Nasrullah çelebi b. Mehmed; ùah Mehmed b.
Mehmed e Ahmed b. Ömer bey.
Ottomano; copia; trad. n. 735.
Invitati nel divan della Signoria veneta, venne portata innanzi a loro una
fanciulla a nome Dorotea, di 16 anni, che prima si sarebbe chiamata
Gülúen, figlia di Ahmed çavuú, e che sarebbe stata fatta cristiana a Roma.
Malgrado le loro esortazioni, ella dichiarò di essere figlia di una cristiana
e di voler rimanere cristiana.
737
VII: 8-10
Trad. del n. 738.
Italiano.
738
VII: 9
Senza data [1614]. Il defterdar Derviú al doge.
Ottomano, con sigillo sul verso; trad. n. 737.
Lo scrivente, inviato venuto a Venezia, si dichiara soddisfatto del
trattamento dei nobili («vlƗstlin») Alvise e Francesco [a tergo
Giustiniani] che, per ordine del doge, lo portarono con una galea da
Venezia a Scardona («IsqardƯn»).
739
VII: 11-12
«Comandamento autentico che diffinisce la causa dell’armeno et un
simile, però senza catacumaium [hatt-i hümayun] fu lasciato
all’illustrissimo bailo Veniero.»
Italiano; camicia del n. 740.
740
VII: 13
2ª decade úevval 1000 (21–30 luglio 1592) Costantinopoli. Niúan. (in alto
a sinistra: emir mucibince amel oluna).
Ottomano, con tu÷ra.
Il doge e la Signoria esposero in una lettera che gli armeni «AzƗdǀ» e
«JƗde» furono depredati per mare mentre si recavano a Venezia; ivi
giunti pretesero risarcimento da Francesco «PernjdƯk». Esaminata la
questione secondo le leggi locali, quello fu riconosciuto resposabile e
incarcerato. Morì in prigione e i suoi beni furono venduti, dandone il
ricavato agli armeni. Costoro però rimasero insoddisfatti, asserendo che
il loro danno fosse stato maggiore, e pretesero un risarcimento dal bailo.
Nelle capitolazioni è sancito che il bailo non risponde per debiti non
suoi. I veneziani hanno pure una fetva per cui la sciaria non contempla
che il bailo debba pagare i crediti degli armeni o di chiunque altro (Ömer
FILZA VII
177
o Zeyd). Fu quindi richiesta l’emanazione di ordini affinché nessuno
potesse richiedere nulla al bailo. Si rilascia, con hatt-i hümayun, il
presente niúan, disponendo che gli armeni non possano pretendere nulla
dal bailo.
741
VII: 14
Senza data. Pedro de Maria, cavaliere di San Giacomo, spagnolo,
all’ambasciatore di Francia.
Italiano.
Richiesta di denaro a fronte della [vaneggiante] proposta di fornire
60.000 uomini, turchi e cristiani.
742
VII: 15
Senza data. Pedro de Maria, cavaliere di San Giacomo, spagnolo, al bailo
in Costantinopoli.
Italiano.
Richiesta di denaro. L’autore afferma di avere ai suoi ordini 60.000
uomini, turchi e cristiani. Inoltre dice di essere dottore, musico e
dragomanno, di conoscere tutte le lingue e di saper leggere ogni
messaggio cifrato.
743
VII: 16, 18
Trad. (Michele Membré) del n. 744 (con errori).
Italiano.
744
VII: 17
Senza data. Il sangiacco di Delvina e nazır dei mukataa, Bayazid, al doge
di Venezia e alla Signoria (indirizzo a tergo).
Ottomano; trad. n. 743.
Chiede sia restituita, affinché possa pagare un suo forte debito verso il
sultano, della pece inviata a Venezia per esservi venduta dal latore,
l’emin Mustafa, già appaltatore (mültezim) delle miniere di pece di
Valona. Detta pece è stata sequestrata a causa della guerra e stoccata in
tre magazzini. Il suddetto emino reca anche una lettera del bailo che
chiede gli sia consegnata la pece.
745
VII: 19, 23
«Lettera del sangiacco di Clissa circa danni di uscocchi e per liberazione
di un bandito, acciò non infierisca danni. Senza tempo».
Italiano; camicia dei nn. 746-747.
178
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
746
VII: 20, 22
Trad. del n. 747.
Italiano.
747
VII: 21
Senza data. Il sangiacco di Clissa, Mehmed, a doge e alla Signoria.
Ottomano, con sigillo sul recto; trad. n. 746.
Certo Scaramuccia («IšqarƗmnjca»), bandito («bƗndejƗn») da Sebenico, si
recò a Segna, da dove continuamente danneggia i sudditi veneti e turchi.
Egli si è ora rivolto allo scrivente affinché interceda per la revoca del
bando, sicché possa tornare a vivere con i suoi a Sebenico, assicurando
in cambio la tranquillità dei sudditi turchi e veneti da Zara a Spalato. Ne
fu scritto al conte di Sebenico ma, occorrendo il consenso di Venezia, si
invia la presente.
748
VII: 24, 28
«Memoria dell’aga de’ giannizzeri contra Nona Costa habitante in
Venezia. Senza tempo.»
Italiano; camicia dei nn. 749-750.
749
VII: 25
Senza data. L’agà dei giannizzeri, Ahmed, al bailo in Costantinopoli.
Ottomano, con sigillo sul verso.
L’agà chiede al bailo che interceda presso la Signoria per sostenere le
ragioni di Mosè Mosedich, ebreo, parente di David Abudiente, che fu al
suo servizio, che già dieci anni prima ebbe trattenute da Nuño Costa,
abitante in Venezia, dieci tavole di zambelotti.
750
VII: 26-27
Trad. del n. 749.
Italiano.
751
VII: 29, 31
«Traduttione di lettera di Acmat bassà al sanzacco di Delvina per buon
trattamento di parghinesi. Senza data.»
Italiano; camicia del n. 752.
752
VII: 30
Senza data. Il sesto visir, Ahmed pascià, al sangiacco di Delvina.
Italiano; sola trad.
Il bailo veneto si è lamentato che il voivoda di Margariti, nel sangiaccato
di Delvina, dia molestia agli abitanti di Parga, rubando biave e
FILZA VII
179
commettendo altri soprusi. Il visir esorta il sangiacco a trattare bene i
veneziani, secondo il volere del sultano.
753
VII: 32, 35
«Lettera di Assà beglerbei di Bossina in raccomandatione et laude del
rettor di Traù.»
Italiano; camicia del n. 754.
754
VII: 33-34
Trad. (Giacomo de Nores) del n. 782.
Italiano.
755
VII: 36, 41
«Lettera del bassà di Bossina a rettori di Dalmatia per missione di chiaus
per causa de’ danni di Uscochi. Senza data.»
Italiano; camicia dei nn. 756-757.
756
VII: 37, 40
Senza data (in lettera di Spalato del 14 gennaio 1605 [m.v. (1606)]). Il
beylerbeyi di Bosnia, Hüsrev, ai conti e provveditori («prǀvƯdǀr») di
Spalato, Zara, Sebenico e Traù.
Ottomano, con sigillo sul verso; trad. n. 757.
Quando Hızır agà, kapıcıbaúı del gran visir e serdar, andò ad annunciare
la presa di Strigonia («Usturƥnjn») al sultano, gli fu pure riferito dei danni
arrecati dagli uscocchi ai sangiaccati di Licca, Clissa ed Erzegovina. Su
tale questione il sovrano inviò un suo name-i hümayun al serdar, e
furono scritti un name-i hümayun e una lettera del gran visir, mandati col
detto Hızır al doge. Lo stesso agà portò allo scrivente una spada e un
caffettano in riconoscimento delle sue benemerenze nella presa di
Strigonia. Lo scrivente ebbe ordine dal sultano e dal gran visir di
provvedere per la repressione degli uscocchi e di riferire circa il motivo
del saccheggio di Scardona, prendendo adeguate contromisure. Aveva
già fatto i necessari preparativi e si accingeva a recarsi sul posto quando,
per alcuni contrattempi, ne fu impedito. Intanto fu inviata prima una
lettera al doge, a mezzo del suddetto agà, che si prega di fare giungere a
Venezia senza indugio. Nel caso che gli uscocchi causassero ancora
danni, i veneziani ne saranno tenuti corresponsabili: gli scali verranno
chiusi, si impedirà il commercio ai mercanti e si appresteranno vascelli
armati a Castelnuovo, Narenta e Obrovazzo. In fine esorta a vigilare con
attenzione per contrastare i danni degli uscocchi.
180
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
757
VII: 38-39
Trad. (Giacomo de Nores) del n. 756.
Italiano.
758
VII: 42, 45
«Traduzione di lettera del bassà di Cipro, dimanda suo credito contro
Nicolò Lombardo de Candia. Senza data.»
Italiano; camicia del n. 759.
759
VII: 43-44
Trad. (Giacomo de Nores) del n. 821.
Italiano.
760
VII: 46, 57bis
«Scritture turchesche pertinenti a confini.»
Italiano; camicia dei nn. 761-766.
761
VII: 47, 56
Trad. (Michele Membré) del n. 763.
Italiano.
762
VII: 48
Simile al n. 763.
Ottomano, con sigillo sul recto; copia autenticata dal cadì di Scutari.
763
VII: 49
Senza data. Il sangiacco di Scutari, Kasım, al cadì di Scutari.
Ottomano, con sigillo sul verso; trad. nn. 761, 764; copia n. 762.
Il villaggio di «BerƗtƯþe» («Peratigi» nella trad.), presso Dulcigno, non
essendo posseduto da alcuno vorrebbe essere occupato da Hamza çavuú,
che però sarà compensato con un altro villaggio. Ciò perché i confini di
alcuni villaggi presso Dulcigno sono in contestazione, ed è quindi
opportuno che per ora restino nel loro attuale stato. Portate da un agente
del bailo a Costantinopoli, sono giunte delle scritture relative alle
capitolazioni e ai confini.
764
VII: 50, 55
Trad. (Michele Membré) del n. 763 (altra).
Italiano; copia.
765
VII: 51-52
Trad. (Michele Membré) del n. 766.
Italiano.
FILZA VII
181
766
VII: 53-54
2a decade receb 976 (30 dicembre 1568-8 gennaio 1569, data della
copia).
Ottomano; trad. n. 765.
Tratta dal defter-i hâkani di prospetto di del sangiacco di Scutari
d’Albania. In totale si tratta di 450.000 aspri.
767
VII: 57
«Scritture in lingua turca con le sue traduttioni pertinenti alli confini
della Albania, presentate per il cavalier Bruti.»
Italiano; camicia dei nn. 760-766.
182
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
Giovanni Valle, La Dalmazia Veneta, Venezia: Antonio Zatta, 1784
FILZA VIII
Rilegatura in cartone. Sul dorso: «No VIII. Lettere et scritture turchesche
senza datatione. A. No 2».
768
VIII: 0-0 bis
«N. 8. Lettere e scritture turchesce. Senza traduzione.»
Italiano; camicia.
769
VIII: 1, 5bis
«Lettera scritta da Hali bassa al bassà di Bossina per destrution di
fabbrica fatta dal sanzacco di Licca.»
Italiano; camicia dei nn. 770-772.
770
VIII: 2-5
Trad. del n. 771.
Italiano.
* 771 VIII: 3
Senza data [1598, contemporaneo al n. 582]. Il kapıa÷ası del pascià di
Bosnia, Veli agà, al pascià di Bosnia.
Ottomano; trad. n. 770. Continua al n. 772.
Per la demolizione della torre (kule) edificata dal figlio di Memi, bey di
Cherca, al tempo di Ahmed efendi Dugali [del Ducato, cioè di
Erzegovina], la Signoria di Venezia ottenne dei firmani con hatt-i
hümayun. Il bailo si raccomanda allo scrivente affinché il pascià
acconsenta alla demolizione di detta torre che, inutile ai turchi, è dannosa
ai veneziani servendo di rifugio ai banditi. Lo stesso espresse quanto i
veneziani siano soddisfatti del pascià. Sul precedente argomento
intrattennero lo scrivente il secondo visir Halil pascià e il kapıagası
[Gazanfer agà].
* 772 VIII: 4
Senza data [1598, contemporaneo al n. 582]. Halil pascià al beylerbeyi di
Bosnia, Derviú pascià (a tergo).
Ottomano.
Dopo aver esposto (in maniera simile ad altro scritto) i rapporti di Halil,
sangiacco di Cherca e del suo kâhya Ahmed con gli uscocchi, e le
molestie da essi recati ai veneziani, aggiunge che il suddetto sangiacco
ha edificato una costruzione sul passaggio della fortezza veneta di
184
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
«VƯšgrƗd», ponendovi un presidio di 150 uomini, impedendo il transito
ai veneziani e rifiutandosi di demolirla, nonostante i numerosi ordini
ricevuti al riguardo. Per tali diversi motivi furono emanati, con hatt-i
hümayun altrettanti firmani, che si raccomanda al pascià di fare eseguire.
* 773 VIII: 6
3ª decade receb 1009 (26 gennaio–4 febbraio 1601). Belgrado. Mehmed
III al doge [Marino Grimani].
Ottomano.
Accenna alle vittorie ottenute l’anno precedente dal serdar e gran visir
øbrahim pascià, il quale, come fu già comunicato con altra missiva,
inviato contro Strigonia, devastò il paese nemico fino a Ujvar, Pozsony e
Praga. Quando quest’anno il pascià partito da Belgrado si diresse a Buda,
i banditi di Babócsa (Bobofçe) e Kanizsá bruciarono i ponti sulla strada
di Buda e usarono violenze insopportabili ai sudditi ottomani. Fu quindi
necessario eliminarli. Innanzitutto fu assediata Babocsa, conquistata in
due giorni. Si pose poi l’assedio a Kanizsá, porta di ferro dell’Ungheria.
Ma essa era situata tra le acque (nel ‘segno dell’Acquario’, cioè tra le
paludi), con elevate fortificazioni, ed era impossibile assaltarla e scavare
mine. La batterono quindi coi cannoni e cercarono di superare la palude
con (passerelle di) giunchi e ammassando cataste di legna ai quattro lati.
Mentre ci si accingeva all’attacco, il 28 rebiyülevvel (7 ottobre)
sopraggiunse l’esercito avversario con più di 100.000 tra cavalieri e
fanti, con armenti, bagagli, tende, ecc. senza fine, al comando dei valenti
capitani Zrinyi («ZrƯnoƥli»), Nádasdy, il generale («÷endrƗl»), Kara
Hersek, Batthiány e i loro conti («grǀf») (per questi nomi cfr. trad. di
Fekete del n. 774). Si combattè per tre giorni, lottando sia con la
fortezza, coll’assistenza dei francesi (frenk) usciti da Papa, che col
campo (tabur) nemico, munito di profonde trincee e di artiglierie. Il
quarto giorno si assalì il campo da varie parti, attaccando insieme tanto
con ali quanto con il centro, mentre i tatari lo prendevan alle spalle, fino
al sesto giorno, in cui furono pure piazzate le cerbottane. Il settimo
giorno finalmente il nemico fuggì, inseguito dai turchi; migliaia di
nemici furono uccisi, migliaia fatti prigionieri; grande il bottino di ogni
specie. Gli assediati continuarono a resistere finché sotto i costanti
attacchi, il 13 rebiyülahır (22 ottobre) cedettero e consegnarono le
chiavi, salvando così le vite e gli averi. Nello stesso periodo Mehmed
pascià, beylerbeyi di Rumelia, Derviú pascià, beylerbeyi di Bosnia ed i
francesi di Papa conquistarono all’impero Lak e Bolondvár, come pure
furono presi Komárt, dipendente da Kanizsá, e 24 castelli, che furono
distrutti o presidiati. Latore del presente firmano è il medico di corte
Bartolomeo Coressi («Bartlemi de Qǀreys»).
FILZA VIII
185
* 774 VIII: 7
3ª decade receb 1009 (26 gennaio–4 febbraio 1601). Belgrado. øbrahim
pascià al doge [Marino Grimani].
Ottomano; trad. in ungherese: L. FEKETE, A Velencei Állami Levéltár Magyar
Vonatkozású Feth̟nƗméi, «Levéltari Közlemények», (mar-dic. 1926), pp. 154-157.
Contenuto analogo al n. 773.
* 775 VIII: 8
2ª decade safer 1000 (28 novembre–7 dicembre 1591). Dichiarazione del
kâhya della fortezza di Scardona, Mehmed.
Ottomano; altro esemplare n. 778.
Il conte di Sebenico ha restituito in presenza dello scrivente e del bacdar
di Sebenico ai loro proprietari il bestiame predato dagli uscocchi nel
villaggio di «MƯrƯlovƯk», e a loro ripreso dopo aver combattuto contro di
essi nel villaggio di «VerƗnqovƯk», in territorio ottomano, dalle truppe
del detto conte, inviate appositamente contro quei banditi.
* 776 VIII: 9
Come sopra. Altro esemplare n. 777.
Ottomano.
Il conte di Sebenico ha restituito (cfr. n. 775) ai loro proprietari del
bestiame predato dalla gente di Sebenico dal villaggio di «RƗdǀhenk»,
nel sangiaccato di Clissa, dopo che malfattori di Clissa avevano sottratto
bestiame nel villaggio di «ýarinþe», dipendente da Sebenico.
* 777 VIII: 10
Altro esemplare, con sigillo, del n. 776.
Ottomano.
* 778 VIII: 11
Altro esemplare, con sigillo, del n. 775.
Ottomano.
* 779 VIII: 12
1ª decade cemaziyülevvel 974 (14–23 novembre 1566). Sofia. Selim II al
doge Girolamo Priuli.
Ottomano. Trad. in ungherese: «Leveltari Közlemenyek», (mar-dic. 1926), pp. 148150.
Mentre il padre Ferdinando I («Ferendnjš») col pagamento di un tributi
(vergi) annuale aveva ottenuto tranquillità per sé e per i suoi sudditi, il
‘re di Vienna’, Massimiliano, per istigazione di alcuni aggredì il paese
del ‘figlio del re’ [Sigismondo Zapolya] e non seppe frenare la
turbolenza delle fortezze di confine di Gyula e Szigetvár. Il sultano
186
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
Süleyman inviò contro Gyula Pertev pascià ed una flotta, per la sicurezza
marittima. Egli stesso marciò su Szigetvár, retta da Zríny. Dopo alcuni
giorni di assedio la fortezza fu presa. Zríny fu decapitato e gli altri
difensori furono trucidati e le loro famiglie ridotte in schiavitù. Furono
poi conquistate altre fortezze fino a Yanık (Györ), e il paese fu bruciato e
devastato. Intanto Pertev pascià prendeva Gyula, Jenö («YƗnva») e
Lagos (Vilagos), inviando vivi alla capitale il governatore (beylerbeyi)
Kerecsenyi («Qarašin») ed altri comandanti. Nel frattempo però il
sultano Süleyman veniva a morte; il gran visir Mehmed pascià comunicò
la notizia al sultano scrivente e, con gran sagacia, resse le truppe,
sistemando le fortezze conquistate. Esso sultano si recò a Costantinopoli
e salì sul trono; indi, in quindici giorni, giunse ai confini. Il re, che si
trovava presso Buda, si ritirò. Furono conquistate allora delle fortezze. Il
gran visir trasportò la salma di Süleyman di due tappe, e si incontrò con
il nuovo sultano. Essendo prossimo l’inverno, questi ritornò alla capitale
per fare i preparativi bellici per la prossima primavera. Ad annunziare
tali avvenimenti e la successione al trono è inviato col presente name-i
hümayun il müteferrika dragomanno øbrahim.
* 780 VIII: 13, 16
«Lettere turchesche senza traduzione.»
Italiano; camicia dei nn. 781-782.
* 781 VIII: 14
Senza data [1607, cfr. n. 651]. Pojega. Il beylerbeyi di Bosnia, Derviú, al
provveditore generale («generƗl ve pƯruvƯtǀr») in Dalmazia.
Ottomano; rif. al n. 651.
Per due anni è stato assegnato alla difesa dei confini di Buda. L’anno
precedente l’esercito nemico, non potendo resistere, si ritirò lasciando il
proprio paese sino a Praga, Vienna e i monti di Germania, indifeso dalle
devastazioni dei soldati ottomani e tatari, tanto che due schiavi austriaci
ed uno magiaro si vendevano per un ducato (filori). Svernando ad Alba
Regalis («Ustulni Belgrad»), lo scrivente ridusse all’ubbidienza Papa.
Quest’anno conquistò Lak e Bolondvár, incontrandosi presso Kanizsa col
gran visir. Lottò coi soldati di Bosnia, contro il campo dei nemici venuti
in aiuto di Kanizsa, prendendo sette bandiere, e salvandosi a stento
perché gli fu ucciso il cavallo che montava con una archibugiata. Vinto il
nemico e presa Kanizsa, e altre 21 portezze e palanche, è tornato ora a
svernare nella sua sede. Da due anni non ha potuto chiedere notizie del
generale, ma ha saputo con piacere come quello rispetti l’amicizia e non
faccia passare gli uscocchi. A mezzo del kapıcıbaúı Mehmed, invia ora i
suoi saluti e chiede se vi siano lamentele da parte veneta contro i suoi
ufficiali. L’inviato discuterà pure di questioni che interessano i
FILZA VIII
187
veneziani. Assicura che sarebbe bene accolto nel Divano di Bosnia un
nobile («vlastlin») che venisse inviato dal generale per consolidare
l’amicizia.
* 782 VIII: 15
Senza data [1595]. Il beylerbeyi di Bosnia, Hasan, al doge.
Ottomano; trad. n. 754.
Lo scrivente si dichiara soddisfatto del comportamento di Bernardo
[Venier], conte a Traù, e latore della presente, ma non parimenti di altri
rettori e capitani che hanno servito fino ad allora in questi territori di
confine.
* 783 VIII: 17, 30
«Squarzafogli in lingua turchesca.»
Italiano; camicia dei nn. 784-794.
* 784 VIII: 18
1ª decade receb 985 (14–23 settembre 1577). Venezia. Il doge
Sebastiano Venier a Murad III.
Ottomano; copia.
In risposta al name-i hümayun inviato per il marchese Vico, si notifica
che la verità, falsata dai mercanti musulmani, è la seguente. Nel 979
[Egira (26 maggio 1571–13 maggio 1572)] furono donate ad alcuni, e tra
questi il marchese Vico, delle galee vuote, che essi armarono a proprie
spese. Il suddetto marchese, dopo esser partito con la galea, e aver quindi
dimorato per qualche tempo in Venezia, essendo tornato in buoni
rapporti col re di Spagna, ritornò al suo paese con la nave. Non è vero
che fosse al servizio della Repubblica, o avesse lasciato un garante,
infatti i rapporti amichevoli esistenti tra Venezia e il re di Spagna, e tra
questi e il marchese, non comportavano simili possibilità. La Repubblica,
saputo dell’incidente, ordinò ai suoi ufficiali di arrestare il marchese, e
scrisse a Napoli e in Sicilia per la restituzione della preda, adoperandosi
per questo, come intende continuare a fare, per riguardo al sultano, e
come ha promesso agli interessati.
* 785 VIII: 19
11 settembre 1577. Venezia. Il doge Sebastiano Venier al gran visir,
Mehmed pascià.
Ottomano; copia.
Raccomando il nuovo bailo Nicolò Barbarigo.
[segue lo schema di altra lettera che raccomanda il console Giorgio Emo,
che prende il posto di Francesco Priuli, cfr. n. 793].
188
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
* 786 VIII: 20
Senza data [1587]. Venezia. Il doge Pasquale Cicogna al pascià d’Egitto.
Ottomano; copia.
Raccomanda il nuovo console Domenico Dolfin che succede a Vincenzo
Dandolo [cfr. n. 790]. Seguono gli inizi di altre lettere al cadì e al
sangiacco di Alessandria.
* 787 VIII: 21
1ª decade cemaziyülevvel 989 (3–12 giugno 1581). Venezia. Il doge
Nicolò Da Ponte al beylerbeyi di Aleppo.
Ottomano; copia; a tergo alcuni conti.
Raccomanda ed accredita il console Teodoro Balbi, che succede a Pietro
Michiel.
* 788 VIII: 22
1ª decade receb 985 (14–23 settembre 1577). Venezia. Il doge Nicolò Da
Ponte al gran visir Mehmed.
Ottomano; copia.
La presente è stata scritta in risposta alla lettera del pascià, portata da
alcuni musulmani, unitamente a un firmano imperiale, al quale è già stato
risposto. Circa la questione del marchese Vico, si rammenta che il
pascià, al suo inizio, avrebbe detto al bailo che, non essendo quello
suddito veneto, la Repubblica non era responsabile dell’accaduto. Si
riferisce poi l’avvenimento (cfr. n. 784) esortando il pascià ad
interessarsi favorevolmente presso il sultano.
* 789 VIII: 23
3ª decade cemaziyülahır 996 (18–26 maggio 1588). Venezia. Il doge
Pasquale Cicogna al pascià di Bosnia.
Ottomano; copia.
Si smentiscono, mandando un apposito inviato, le notizie sui confini
contenute in una lettera del pascià.
* 790 VIII: 24
3 giugno 1587. Venezia. Il doge Francesco (sic, recte Pasquale) Cicogna
al pascià d’Egitto.
Ottomano; copia.
Si accredita e raccomanda il console Domenico Dolfin che succede a
Vincenzo Dandolo. Segue inizio di altra lettera al cadì del Cairo.
FILZA VIII
189
* 791 VIII: 25
1ª decade cemaziyülevvel 989 (3–12 giugno 1581).
Ottomano; copia.
Altra copia del n. 787.
* 792 VIII: 26, 29
8 muharrem 983 (19 aprile 1575). Venezia. Il doge, Alvise I Mocenigo,
al gran visir, Mehmed pascià.
Ottomano; copia.
L’avvento al trono del nuovo sultano, dopo essere stato comunicato dal
bailo, fu notificato dal name-i hümayun e dalla lettera del pascià, portati
da Mustafa çavuú. Si invia come ambasciatore, per presentare le
felicitazioni di Venezia, il cavalier Giacomo Soranzo. Si esorta il pascià
ad adoperarsi per il consolidamento dell’amicizia fra i due stati e per la
questione dei confini di Dalmazia. Si accredita quanto dirà
l’ambasciatore Soranzo.
* 793 VIII: 27
1 cemaziyülahır 988 (14 luglio 1580). Venezia. Il doge Nicolò Da Ponte
al pascià d’Egitto.
Ottomano; copia.
Accredita e raccomanda il console Francesco Priuli, che prende il posto
di Giorgio Emo.
* 794 VIII: 28
Altra copia, come al n. 793.
* 795 VIII: 31
1ª decade úevval 1015 (30 gennaio–8 febbraio 1607). Belgrado. Murad
pascià al doge [Leonado Donà].
Ottomano; trad. n. 657.
Contenuto analogo al n. 650.
* 796 VIII: 32
Senza data. Il cadì di Castelnuovo, Ahmed, a Marco Diedo, provveditore
di Cattaro.
Ottomano.
Scrisse già per lamentarsi che dei malfattori di Perasto («PerƗst»)
avessero assalito di notte un caicco presso Castelnuovo; ma ora, saputo
che il provveditore bruciò le loro case e li punì, esprime la soddisfazione
degli agà e delle truppe, che sarà comunicata anche alla Porta e al doge.
190
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
Invita l’incolpevole popolazione di Perasto e quella di Cattaro a
trafficare in territorio ottomano.
* 797 VIII: 33
Senza data. Lo zaim Mustafa, agà degli azeb di Castelnuovo, al doge e
alla Signoria.
Ottomano.
Alcuni malfattori di Perasto assalirono la notte, uccidendo tre o quattro
persone, una fregata di levend, portata dal Veneto a Castelnuovo. Se ciò
fosse avvenuto in mare, o in altro porto, non vi sarebbe stato nulla da
riferire, ma una simile aggressione allo scalo avrebbe dovuto essere
notificata alla Porta. Però il provveditore di Cattaro, Marco Diedo, si
recò a Perasto col capitano in Golfo («Qolf»), bruciò le case dei
colpevoli ed ora si sforza di arrestarli, evitando così incidenti. Loda il
suddetto provveditore, di cui sono contenti i musulmani di Risano
(«RisƗn»), Castelnuovo e della Fortezza Nuova (Kale-i cedid) e i sudditi
di Scutari ed Erzegovina.
* 798 VIII: 34
Senza data. Il dizdar di Castelnuovo, Ahmed, al doge e alla Signoria.
Ottomano.
Contenuto analogo al n. 797.
* 799 VIII: 35
Senza data. Il serdar dei giannizzeri di Castelnuovo, Mehmed, al
provveditore a Cattaro.
Ottomano.
Lo scrivente si compiace per l’accaduto (di cui ai nn. precedenti). Sinan
bey, informato della questione, scrisse in proposito ai superiori del
provveditore.
* 800 VIII: 36
Senza data. Il dizdar della Fortezza Nuova («qa‘l-i ÷edƯd»), Resul agà, al
doge e alla Signoria.
Ottomano.
Contenuto analogo al n. 797.
* 801 VIII: 37
Senza data. Il kapudanpaúa, Sinan pascià.
Ottomano; sottoscritta non in forma di pençe, sigillo.
I mercanti ebrei Giuseppe («YƗsif») e Mosè («MnjsқƯ»), figlio di «Ya‘Ưš»,
vantano un credito di 1.333 ducati (hasene) verso lo zimmi «NƯqƗsǀ
FILZA VIII
191
BƯvƯringe», che, con scrittura autografa, ipotecò a loro nome la sua nave.
Si chiede che venga fatta pagare al commesso degli ebrei detta somma e
non si utilizzi denaro proveviente dalla nave, che si trova a Venezia, a
favore di altri creditori.
* 802 VIII: 38
«Lettera del bassà Cigala chiamato nella seconda di ultimo marzo.»
Italiano; camicia del n. 803.
* 803 VIII: 39
3ª decade rebiyülevvel 1024 (19–29 aprile 1615). Mehmed pascià al doge
[Marcantonio Memmo].
Ottomano.
Lo scrivente loda il bailo Almorò Nani che presentò al sultano,
benevolmente accolto, la lettera che lo accreditava. Lo scrivente fu
nominato serdar, coll’ordine di svernare ad Aleppo o a Diyarbekir. Gli si
inviino lettere anche colà, ed egli promette di favorire Venezia. Lasciò
istruzioni al suo sostituto (kaymakam) di aver cura per le faccende venete
e di assistere il bailo.
* 804 VIII: 40
2ª decade zilkade 987 (30 dicembre 1579–8 gennaio 1580).
Costantinopoli. Lettera al doge [Nicolò Da Ponte] e alla Signoria, senza
sottoscrizione.
Ottomano, con sigillo sul verso (illeggibile).
Lo scrivente raccomanda il negozio di Salomone, figlio di Giuseppe, e
Salomone, figlio di Giacobbe, per cui furono scritti un name-i hümayun e
una lettera del gran visir, di cui è latore Hasan çavuú.
* 805 VIII: 41
Altro esemplare del n. 263.
Ottomano; con pençe e sigillo.
* 806 VIII: 42
1ª decade safer 988 (18-27 marzo 1580). Costantinopoli. Murad III al
doge [Nicolò Da Ponte].
Ottomano; trad. n. 364; Paul Wittek, “A letter of Murad III to the Doge of Venice of
1580,” Bullettin of the School of Oriental and African Studies 14 (1952) 381-383
(trascrizione e trad. di documento pubblicato nel catalogo del negozio di antiquario
‘Eski østanbul’ di Nureddin Yatman, Beyo÷lu, østanbul).
Reyna (trad. Elisabetta), vedova dell’ebreo Giuseppe [Nassì], ha
presentato una supplica a nome di una sua parente, «Ezibnjne» (trad.
Ezibona). Costei, mentre stava per trasferirsi a Costantinopoli, aveva
192
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
dato in sposa una delle sue due figlie, di nome «Lnjmere» (trad. Lumera),
a Giovanni Ribera dal Portogallo. Essendo questi morto, Lumera rimase
creditrice, in base al contratto di nozze (mahr-i müeccel) redatto secondo
le leggi e consuetudini ebraiche, di molti denari che il suocero, Gasparo
Ribera dal Portogallo, rifiuta ora di pagarle. Il sultano invita quindi il
doge a rendere loro giustizia e a far sì che Ezibona, con le figlie, i servi e
suoi beni possa recarsi a Costantinopoli.
* 807 VIII: 43-44
Senza data. Il cadì di Durazzo, Mustafa, ad un pascià.
Ottomano.
A mezzo di uomini dei rettori di Cattaro, ebbe la lettera che fu letta agli
agà di Durazzo. Essi si sono impegnati a proteggere le navi mercantili
venete ed a non fare avvicinare a tiro di cannone le fregate dei levend.
Mehmed bey, già sangiacco di Ducagini, sta per armare una galeotta
corsara, che però non è ancora stata messa in acqua. I veneziani vengano
pure, senza timore di detta galeotta né delle navi dei levend.
Nel margine è detto che Mustafa agà «Perezli» ha 3.000 kile di grano e
3.000 di miglio. Venendo una nave alla foce dell’Erzend («Arzen»), in
cinque o sei giorni potrà caricarli.
* 808 VIII: 45
Senza data (ricevuta 27 agosto 1573). Il sangiacco di Erzegovina, Hasan
bey, al doge [Alvise I Mocenigo] e alla Signoria.
Ottomano; trad. n. 232.
Invia, con alcuni doni, il suo kapıcıbaúı, Mustafa agà, con il dragomanno
Boso latino e l’ebreo Daniele, console degli ebrei allo scalo di Narenta.
Chiede la liberazione di alcuni schiavi, promettendo in cambio di
adoperarsi per la liberazione di schiavi veneti e per altri servigi. La
Repubblica avrà saputo con quanto onore ed amorevolezza egli abbia
trattato gli ambasciatori veneziani diretti alla Porta. Assicura che farà lo
stesso per tutti i mercanti e sudditi veneti. Chiede che il suo agente sia
aiutato a concludere velocemente i negozi di cui è incaricato e che sia
imbarcato con un sicuro passaggio.
* 809 VIII: 46
Senza data. Mehmed nazır (cfr. n. 101) al doge e alla Signoria.
Ottomano.
Furono già acquistati dalle saline venete per gli scali di Narenta e
Macarsca 7.000 moggi («mǀja») di sale. Essendo stata ritirata sola una
parte della merce, si chiede, inviando l’ebreo Daniele, di consegnare il
rimanente al commesso Alvise, figlio di «NƗrƗn÷er». Si chiede poi di
FILZA VIII
193
restituire a detto Daniele 1.600 spanne (endaze) di drappo, che gli eran
state commissionate dallo scrivente, e che furono confiscate. Si fa
presente di quanto spesso, in terra turca, i mercanti veneti hanno fatto
contrabbando di drappi, e questi non erano stati loro confiscati, bensí si
era fatto solo pagare il doppio del dazio. Si chiede infine l’invio in dono
di 150 spanne di drappo.
* 810 VIII: 47
Senza data (trad. 15 settembre 1587). Hüccet di Mehmed b. Mustafa,
kadı asker di Rumelia.
Ottomano; trad. n. 416.
Seyyidi b. Ali, tutore di øbrahim ed Ergab, figli di hoca Derviú [che è
morto a Venezia, e i cui averi sono stati ivi trattenuti] è commesso della
vedova Ayúe, figlia di Anis, abitante coi figli suddetti in Beypazarı,
contrada di Virancık (trad. Viranzio), in Anatolia, dopo aver dimostrato
la sua qualità di tutore e commesso, alla presenza di Stefano, figlio di
Giacomo, dragomanno veneto, ha dichiarato che avendo chiesto a
Venezia i beni del detto Derviú, gli furono negati, affermandosi che in
Turchia non venivano rispettate le capitolazioni, in quanto, morendo ivi
certo Giovanni Maria Grassetto, commesso di Alvise ed Antonio
Bragadin, il defterdar di Bosnia, Ahmed çelebi, presi i beni di quello, le
vendette, pagò le truppe con parte dei denari, ed inviò al hazine di
Costantinopoli copia dell’inventario, per il valore di 173.028 aspri. Detti
beni, secondo i capitoli, avrebbero dovute essere consegnate al bailo.
Essendo ora stato ordinato in Divano che quella somma di 173.028 aspri
sia versata al bailo, si è convenuto che essa sia pagata, per l’ammontare
di 1.443 zecchini d’oro veneziani, al corso di Venezia, parte in contanti,
parte in panni, dal commesso che Seyyidi invierà a Venezia, ai suddetti
due veneziani, dall’eredità del defunto Derviú. Il commesso riporterà
quanto di tale eredità superasse quella somma. I nobili veneziani saranno
soddisfatti, come si è detto, anche se sia ritardata o non avvenga la
consegna al dichiarante da parte del fisco dei 173.028 aspri. Il
dragomanno veneto ha confermato tale accordo.
Testimoni: 1. il çavuúbaúı; 2. Ferruh, cavalier piccolo; 3. il kâhya del
kapıcı; 4. Mahmud bey; 5. Mahmud çelebi b. Mehmed; 6. Ahmed b.
Süleyman.
* 811 VIII: 48-51
1ª decade safer 983 (12–21 maggio 1575). Copia di dichiarazione di
Ahmed b. Kassab.
Ottomano; trad. n. 812.
Nicolò Priuli acquistò merci per 390 ducati tra tavole di zambelotti già di
proprietà del defunto Hüseyin çelebi, lunghe 37 pezze (pare) e 16 pezze
194
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
di tassarini («eltƗššƗrƯ»). Delle dette tavole, sei erano già in possesso del
Priuli, come pure i tassarini; un’altra era in dogana in pegno del cottimo
(«qǀdƯmǀ») di 20 tavole. Il Priuli si impegnò pure a pagare detto cottimo
di 33 ducati e 21 grossi (guruú). Il rimanente del prezzo, cioè 356 ducati
e 8 grossi, da lire 6 e soldi 4 per ducato, sarà consegnato alla zecca. La
vendita è avvenuta alla presenza di Michele [Membré] interprete, e di
Giovan Carlo Scaramelli segretario («sekreterƯǀ»). Il dichiarante è in
possesso, per ricavato di merci vendute del detto Hüseyn, di 229 ducati e
20 grossi, e di 40 ducati riscossi da Mustafa «Mnjþ» (trad. Coia). Tale
denaro è stato consegnato alla zecca, dopo aver pagato 41 ducati e 20
grossi ai creditori del defunto, cioè a Giovanni di Tommaso (9:7), a
Francesco Salandi (7:12), a Girolamo, sensale (14:0) e a Emircan (7:12)
per la sensaria di dette tavole, per meta (2:0) e per spese minute (0:15).
* 812 VIII: 49-50
Trad. (Michele Membré) del n. 811.
* 813 VIII: 52
Senza data. Ragusa. Veli alla Signoria.
Ottomano.
Lo scrivente raccomanda un certo Dimitri, che lo ha accompagnato.
* 814 VIII: 53
3ª decade zilkade 1009 (24 maggio–2 giugno 1601). Costantinopoli. Il
kapudanpaúa, Sinan pascià, al doge [Marino Grimani].
Ottomano.
Contenuto analogo al n. 727.
* 815 VIII: 54
Senza data. Banjaluka. Il beylerbyi [di Bosnia], Derviú, al provveditore
(«prǀvƯdǀr») da mar.
Ottomano.
Lo scrivente ha ricevuto la lettera inviatagli. Le torri di guardia (karavul
kulleleri) di cui si chiede la demolizione furono edificate prima della
venuta dello scrivente dal sangiacco di Cherca per ordine del sultano.
Occorrerà quindi un nuovo firmano, per cui è già stato inviato un arz alla
Porta; venendo risposta favorevole, le torri saranno abbattute.
* 816 VIII: 55
Senza data. Il sangiacco di Clissa, Hasan, al doge.
Ottomano.
Contenuto analogo al n. 782.
FILZA VIII
195
* 817 VIII: 56
«Turchesche senza traduttion.»
Italiano; camicia dei nn. 818-821.
* 818 VIII: 57
Senza data. Negroponte. Halil pascià al bailo.
Ottomano. Solo pençe, niente sigillo.
Lo scrivente comunica il suo arrivo a Negroponte. Nel partire dalla
capitale con la flotta commissionò al bailo alcuni velluti e drappi, che
quello gli promise di recuperare, per cui non scrisse al doge. Spera che il
bailo glieli faccia trovare pronti al suo ritorno.
* 819 VIII: 58
Senza data. Il sangiacco di Clissa, Mustafa, al doge.
Ottomano.
Dopo aver lodato l’opera del defunto Frana, abitante a Sebenico, già
governatore («governƝdǀr») di «ƿrmen÷Ɨd», chiede che al figlio di
costui, il capitano (kapudan) Vincenzo, che pure fu al servizio veneto,
siano perdonate alcune mancanze commesse, e che venga reintegrato al
suo posto.
* 820 VIII: 59
1ª decade rebiyülahır 1026 (8–17 aprile 1617). Costantinopoli. Ahmed I
al doge [Giovanni Bembo] e alla Signoria.
Ottomano.
Fu ordinato ad Ali, già cadì di Adrianopoli, di compilare un registro delle
cizye degli infedeli stabilitisi a Galata venendo da paesi di harbi. Egli
però vi incluse i mercanti e i sudditi venuti a trafficare (kar ve kesb) e i
dragomanni di paesi amici, come Francia, Inghilterra, Venezia e Olanda.
Il doge scrisse in proposito una lettera, ed il bailo e gli ambasciatori di
Francia, Inghilterra e Olanda presentarono un’istanza, esibendo le
capitolazioni già concesse dal sultano Süleyman e dallo scrivente, nelle
quali è detto che i loro sudditi non devono pagare haraç. Con hatt-i
hümayun, e conformi firmani e niúan, si dispose quindi che venissero
esentati dal haraç, e cancellati dal relativo registro, i mercanti sudditi
venuti senza famiglia (mücerred), per commercio e profitto (kar ve
kesb), e in particolare il primo dragomanno veneto Marcantonio [Borissi]
e gli altri dragomanni e agenti del doge, come pure i dragomanni e gli
altri uomini al servizio degli ambasciatori e consoli dei detti paesi.
Termina con un elogio al bailo.
196
LETTERE E SCRITTURE TURCHESCHE
* 821 VIII: 60
Senza data (in lettere 12 febbraio 1605 [m.v. (1606)]). Il beylerbeyi di
Cipro, Cafer, al doge [Leonardo Donà].
Ottomano; trad. n. 759.
Lo scrivente fornì bombace per 5.376 zecchini d’oro in oro, a Nicolò
Lombardo da Candia, venuto a Cipro con la sua nave, ricevendone
hüccet pubblico e una sua ricevuta, bollata e sottoscritta. Il negozio
sarebbe stato saldato a Venezia, e per questo lo scrivente instituì suo
commesso per la riscossione del credito l’ebreo Mosè Masot. Ora sono
passati due anni, ma non è ancora riuscito a riscuotere il suo. Il Masot lo
informò che un mercante, Giovanni da Malvasia, sorpreso a Cipro in
adulterio con una donna turca, asserendo di essere stato condannato al
pagamento di una certa somma di denaro per il suo delitto, con falsi
avvisi fece sequestrare la merce dello scrivente consegnata al Lombardo.
Lo scrivente salvò Giovanni, che avrebbe dovuto essere stato bruciato
per la sua colpa, ed ora quello pretende di essere risarcito del denaro dato
al muftì, al cadì, ed altri, per liberarsi. Si invia, col console veneto in
Cipro, una copia dell’hüccet della detenzione di Giovanni e l’attestazione
autentica del debito del Lombardo, chiedendo che venga fatta giustizia.
GLOSSARY *
Agà (it.), see a÷a.
A÷a (t.), agà (it.), master; title given to a person of high rank, for example
the commander of the janissary or the head of the eunuchs of the Imperial
Palace.
Ahdname (t.), peace agreement, capitulations.
Akçe (t.), aspro (it.), Ottoman silver coin (from 1532 to the end of the 1500s:
60 akçe = 1 sultani of gold corresponds with a little under 1 Venetian
ducat; its strong devaluation halved it already by the beginning of the
1600s).
Akıncı (t.), raider, member of the light cavalry recruited mainly in the
Balkans, used for charges and paid by right of plunder.
Alaybeyi (t.), official lower than a sancakbeyi, grantee of an important timar.
Amil (t.), financial agent.
Arz (t.), petition presented to the sultan.
Aspro (it.), see akçe.
Avogador di Comun (v.), person elected to the office of the Avogaria of
Comun, the ancient Venetian magistracy charged with overseeing the
correct application of the law.
Azeb (t.), auxiliary soldier of infantry or navy.
Baútina (t.), term used in the Balkans in order to indicate an estate inferior to
a timar, correspondent to the raiyyet çiftlik.
Battelar (v.), to dismiss (from the Turkish batıl: null, not valid).
Berat (t.), imperial diploma.
Beúli a÷ası (t.), official of the janissaries, assigned to services of minor
importance.
Bey (t.), lord; title attributed to the governor of a sancak or a ziamet.
Beylerbeyi (t.), regional governor.
Boldrone (v.), fleece of sheep or mutton.
Bostancıbaúı (t.), commander in chief of the imperial guard.
Candiotto (v.), inhabitant of the island of Crete (Candia).
Caramussale (v.), see karamusal.
Çavuú (t.), messenger; imperial messengers were charged with reporting the
sultan’s word and supervise the execution of his orders, and even execute
the order themselves.
Çavuúbaúı (t.), head of the imperial messengers.
Çelebi (t.), prince, title attributed to an important person.
Cizye (t.), poll-tax paid by non-muslim Ottoman subjects.
Comito (v.), first officer of a Venetian galley.
_______
*
Abbreviations: (it.) Italian; (t.) Turkish; (v.) Venetian.
198
GLOSSARY
Consiglio di dieci (v.), one of the most important Venetian councils; it dealt
with political affairs but was also a tribunal; in origin it had only to
supervise the safety of the state.
Costituto (v.), deposition.
Cozzetto (v.), see hüccet.
Defter emini (t.), director of the office of land assets.
Defter (t.), register.
Defterdar (t.), treasurer of the Ottoman state treasury.
Defter-i hâkani (t.), imperial account books.
Dizdar (t.), governor of a fortress.
Efendi (t.), sir, title attributed varied Ottoman dignitaries, or to men of
culture.
Eflâk (t.), Morlacco (v.), inhabitant of Wallachia.
Emanet (t.), public assets given in administration to an emin.
Emin (t.), superintendent, trustee of public assets called emanet; he received
a regular salary and had to deliver the whole proceedings to the imperial
treasury.
Emîr (t.), prince, descendant of the Prophet.
Emîri ahur (t.), great knight.
Fethname (t.), imperial letter announcing victory.
Fetva (t.), opinion on a legal matter expressed by a müfti.
Filori (t.), florin.
Fusta (v.), war ship of smaller dimensions than a galea, usually with 36
oars.
Hacı (t.), title attributed to a person who has completed the pilgrimage to
Mecca.
Haraç (t.), land tax paid by a non-muslim.
Haracgüzar (t.), one who pays haraç.
Haramibaúı (t.), leader of pirates.
Harbi (t.), non-muslim, enemy.
Hatt-i hümayun (t.), imperial letter.
Hazine (t.), imperial treasury.
Hisar (t.), fortress, castle.
Hisar eri (t.), guard of a fortress.
Hoca (t.), teacher, superior, elderly of a group.
Hüccet (t.), legal document.
ø’lâm (t.), written sentence.
øltizam (t.), contract of public assets.
østar (t.), weight measure (= 6,5 dirhem = 20,84 gr.).
Kadı (t.), judge, person in charge of a kaza.
Kadı asker (t.), one of the highest judges in the Ottoman religious-judicial
hierarchy.
Kâhya (t.), butler.
Kantar (t.), weight measure (= 100 lodra = 17.600 dirhem = 44 okka = 56,44
kg.).
GLOSSARY
199
Kapıa÷ası (t.), head of the white eunuchs at the imperial palace.
Kapıcı (t.), entrance guard of the imperial palace.
Kapıcıbaúı (t.), commander of the kapıcı.
Kapudan (t.), commander of a ship.
Kapudanpaúa (t.), great admiral, title attributed from 1565 to the commander
in chief of Ottoman navy.
Karamusal (t.), boat of average dimension used for transport.
Kasap akçesi (t.), tax on animals paid in Istanbul port.
Kâtib (t.), secretary.
Kaza (t.), district of a kadı.
Kethüda (t.), administrator, agent.
Kile (t.), weight measurement (= 20 okka = 25,65 kg).
Kızlar a÷ası (t.), head of the black eunuchs of the imperial palace.
Levend (t.), irregular soldier
Lodra (t.), weight measurement (= 176 dirhem = 0,56 kg.).
Mahzar (t.), legal document.
Maliye (t.), finance.
Martolos (t.), ancient Balkan troops, maintained by the Ottomans and used
for raiding and spying.
Mocaiarro (v.), mohair wool cloth.
Morlacco (v.), see Eflâk.
Mubassır (t.), supervisor.
Müd (t.), volume measurement corresponding to a double handful of grain.
Müezzin (t.), muezzin.
Müffetiú (t.), inspector.
Muhafız (t.), commander of a fortress.
Mukataa (t.), source of statal revenue (like timar, emanet or iltizam) given to
an official who had to use it for the purposes established by the sultan.
Mülk (t.), freehold ownership.
Mültezim (t.), administrator of public assets (iltizam).
Müteferrika (t.), military elite guard.
Name-i hümayun (t.), imperial letter.
Nazır (t.), supervisor.
Nazır el-emval (t.), supervisor of assets.
Niúan (t.), imperial document.
Nodaro alla rogaria (v.), employee of the Venetian ducal chancellery.
Nodaro ordinario (v.), lower-ranking employee of the Venetian ducal
chancellery.
Osmanî (t.), ancient name of the akçe; word used above all in the Arab
provinces.
Palanca (v.), stranghold.
Panno di cento (v.), see Yüz çile.
Parcenevole (v.), shipowner.
Patrono (v.), commander of a merchant ship or of the war ship called fusta.
200
GLOSSARY
Pregadi (v.), Venetian senators, members of the council of the Rogati, or
Senate.
Prender lingua (v.) to sail for raiding.
Ragionato (v.), accountant of the Venetian chancellery.
Reis (t.), captain of a ship.
Rocha (v.), see ruk’a.
Ruk’a (t.), rocha (v.), petition.
Sancak (t.), sangiaccato (v.), province, administrative unit under a
sancakbeyi.
Sancakbeyi (t.), governor of a sancak.
Sangiaccato (it.), see Sancak.
Sangiacco (it.), see Sancakbeyi.
Savio alla mercanzia (v.), one of the five noblemen responsible for to the
Venetian office charged with the supervision of commerce.
Serdar (t.), army commander.
Seyyid (t.), descendant of the Prophet through Hüseyin, son of Ali.
Sicil (plur. sicillât) (t.), book, register.
Silahdar (t.), sword-bearer, member of one of the sultan’s cavalry corps.
Sınırname (t.), document that establishes a border (synonymous of
hududname).
Sipahi (t.), member of one of the sultan’s cavalry corps, holder of a timar.
Sipahio÷lan (t.), member of one of the sultan’s cavalry corps.
Sopracomito (v.), commander of a galea.
Subaúı (t.), provincial commander, above the sipahi and below the
sancakbeyi; among his tasks there were collecting revenues and taking
care of local police system.
Tapu (t.), permanent patrilenear lease of state-owned land to a peasant
family.
Temessük (t.), legal document.
Tezkere (t.), receipt.
Timar (t.), a prebend acquired through a sultanatic diploma, consisting as a
rule of state taxes in return for regular military service.
Timariota (v.), holder of timar.
Tu÷ra (t.), imperial monogram.
Ukiye (t.), weight measurement = 27,8 gr.
Vakf (t.), pious foundation.
Valide o Valide sultan (t.), mother of the reigning sultan.
Vilayet (t.), province.
Voivoda (it.), see voyvoda.
Voyvoda (t.), Slavic for the title for prince, used in particular for the rulers of
Wallachia and Moldavia. attributed in particular to the ruler of Walacchia
and Moldavia; also military agent installed by a governor to collect taxes,
comparable to the subaúı.
Ya÷murluk (t.), ancient garment to shield oneself from cold and rain.
Yüz çile (t.), panno di cento (v.), literally 'hundred threads', type of fine cloth.
GLOSSARY
201
Zabit (t.), official.
Zaim (t.), holder of a wide concession in exchange for military service.
Zambelotto (v.), camel hair cloth.
Zamberluco (v.), see ya÷murluk.
Ziamet (t.), prebend given by the sultan to the commander of the sipahi of
timar of a province.
Zimmi (t.), non-muslim Ottoman subject.
Zonta (v.), Venetian noblemen who were elected to take part to the meeting
of a council (for example, the Council of Ten or the Senate) when it dealt
matters of great importance.
BIBLIOGRAPHY
Archival Sources
Archivio di Stato di Venezia
Bailo a Costantinopoli.
Console di Ragusa alla Porta Ottomana .
Console Veneto a Cipro.
Documenti Turchi.
Miscellanea Atti Diplomatici e Privati.
Procuratori di San Marco, Misti.
Secreta, Archivio proprio Costantinopoli.
Secreta, Indici.
Secreta, Lettere e scritture turchesche.
Senato, Dispacci ambasciatori, Costantinopoli.
Secondary Sources
Ahrweiler, Hélène. “Une lettre en grec du sultan Bayezid II (1481-1512)”. Turcica 1
(1969): 150- 160.
Arbel, Benjamin. “Maps of the World for Ottoman Princeps? Further evidence and
questions concerning the ‘Mappamondo’ of Hajji Ahmed”. Imago Mundi 54
(2002): 19-29.
—. “Nûr Bânû (c. 1530-1583): a Venetian Sultana?”. Turcica, 24 (1992): 241-259.
—. Trading Nations. Leiden: Brill, 1995.
Archivio del consolato veneto a Cipro (fine sec. XVII-inizio XIX). Ed. G. Migliardi
O’Riordan Colasanti. Venezia: Ministero per i beni Culturali e Ambientali, 1993.
Babinger, Franz and Dölger, Franz “Mehmed’s II. frühester Staatsvertrag (1446)”.
Orientalia Christiana Periodica 15 (1949): 225-258.
Babinger, Franz. Maometto il Conquistatore e il suo tempo. Torino: Einaudi, 1977.
Baúbakanlık Osmanlı Arúivi Rehberi. Ankara: T.C. Baúbakanlık Devlet Arúivleri
Genel Müdürlü÷ü, 1992.
Baschet, Armand. Les Archives de Venise. Histoire de la chancellerie secrète. Paris:
H. Plon, 1870.
Bellingeri, Giampiero. “Un prospetto geografico di Michele Membré (1581)”. In
Turco-Veneta. Istanbul: ISIS, 2003: 83-100.
Bombaci, Alessio. “Ancora sul trattato turco-veneto del 1540”, Rivista degli Studi
Orientali 20 (1942): 373-381.
—. “La Collezione di documenti turchi dell’Archivio di Stato di Venezia”. Rivista
degli Studi Orientali 24 (1949): 95-107.
—. “Diplomi turchi del Regio Archivio Fiorentino”. Rivista degli Studi Orientali 17
(1939): 119-127.
—. “Due clausole del trattato in greco fra Maometto II e Venezia del 1446”.
Byzantinische Zeitschrift 42 (1943-1949): 267-271.
BIBLIOGRAPHY
203
—. Il “Liber Graecus”, un cartolario veneziano comprendente inediti documenti
ottomani (1481-1504). In Westöstliche Abhandlungen Rudolf Tschudi zum
Siebzigsten Geburtstag Überreicht von Freunden und Schüler. Ed. Meier, Fritz.
Wiesbaden: Otto Harrassowitz, 1954: 288-303.
—. “Nuovi firmani greci di Maometto II”. Byzantinische Zeitschrift 1 (1954): 298319.
—. Storia della letteratura turca. Milano: Nuova Accademia, 1956.
—. “Les toughras enluminés de la collection de Documents turcs des Archives d’Etat
de Venise”. Atti del secondo congresso internazionale di arte turca. Napoli:
Istituto Universitario Orientale, 1965: 41-55.
—. “La Turchia dall’epoca preottomana al XV secolo”. In Bombaci, Alessio and
Shaw, Stanford J. L’Impero Ottomano. Torino: UTET, 1981: 3-368.
—. “Una lettera turca in caratteri latini del dragomanno IbrƗhƯm al veneziano
Michele Membré (1567)”. Rocznik Orientalistyczny 15 (1948): 129-144.
Bonelli, Luigi. “Il trattato turco-veneto del 1540”. Centenario della nascita di
Michele Amari. Palermo: Virzì, 1910: II, 332-363.
Bonfiglio-Dosio, Giorgetta. “Ottoman Documents in the Venetian State Archives”. In
Balkanlar ve øtalya’da ùehir ve Manastır Arúivlerindeki Türkçe Belgeler
Semineri. Ankara: Türk Tarih Kurumu, 2003: 79-83.
Çizakça, Murat. A Comparative Evolution of Business Partnership. The Islamic
World and Europe, with Specific Reference to the Ottoman Archives. Leiden:
Brill, 1996.
Concina, Ennio. Dell’arabico. A Venezia tra Rinascimento e Oriente. Venezia:
Marsilio, 1994.
—. Fondaci. Architettura, arte e mercatura tra Levante, Venezia e Alemagna.
Venezia: Marsilio, 1997.
Cristian, Luca. Dacoromano-Italica. Studi e ricerche sui rapporti italo-romani nei
secoli XVI-XVIII. Cluj-Napoca: Accademia Romena, 2008: 105-128.
D’Agostino, Marco. “Il relitto del vetro”. Lido di oggi, Lido di allora 11 (1995): 8284.
Da Mosto, Andrea. L’Archivio di Stato di Venezia, vol. 2. Roma: Biblioteca d’Arte
editrice, 1941.
de Mas Latrie, Louis. “Privilèges commerciaux accordés à la République de Venise
par les princes de Crimée et les empereurs mongols du Kiptchak”. Bibliothèque
de l’école des chartes 29 (1868): 580-595.
—. “Privilège commercial accordé en 1320 à la République de Venise par un roi de
Perse, faussement attribué à un roi de Tunis”. Bibliothèque de l’ècole des chartes
31 (1870): 72-102.
—. Traités de paix et de commerce et documents divers concernant les relations des
chrétiens avec les arabes de l’Afrique septentrionale au Moyen Age. Introduction
historique; Documents; Supplément, 3 vols. Paris: Henri Plon- J. Baur et Détaille,
1866-1872.
Desaive, Dilek. “Les documents en ottoman des fonds des archives du baile à
Constantinople”. Turcica 33 (2001): 369-377.
Diplomatarium veneto-levantinum. Ed. Thomas, Georg M. and Predelli, Riccardo, 2
voll. Venetiis: Deputazione veneta di storia patria, 1880-1899.
I ‘Documenti turchi’ dell’Archivio di Stato di Venezia. Ed. Pedani, Maria Pia. Roma:
Istituto Poligrafico Zecca dello Stato, 1994.
204
BIBLIOGRAPHY
Fabris, Antonio. “Artisanat et culture: recherches sur la production venitienne et la
marche ottoman au XVIe siècle”. Arab Historical Review for Ottoman Studies 3-4
(déc. 1991): 51-60.
—. “Il dottor Girolamo Fasaneo, alias Receb”. Archivio Veneto 23 (1989): 105-118.
—. “From Adrianople to Constantinople: Venetian-Ottoman Diplomatic Missions,
1360-1453”. Mediterranean Historical Review 7/2 (dec. 1992): 154-200.
—. “Hasan ‘Il Veneziano’ tra Algeri e Costantinopoli”. Quaderni di Studi Arabi
15suppl. (1997): 51-66.
—. “The Ottoman Mappamundi of Hajji Ahmed of Tunis”, Arab Historical Review
for Ottoman Studies 7-8 (oct.1993): 31-37.
—. “Un caso di pirateria veneziana: la cattura della galea del bey di Gerba (21
ottobre 1584)”. Quaderni di Studi Arabi 8 (1990): 91-112.
Faroqhi, Suraiya. Approaching Ottoman History. An Introduction to the Sources.
Cambridge: CUP, 1999: 66.
—. “The Venetian Presence in the Ottoman Empire (1600-1630)”. The Journal of
European Economic History 15/II (1986): 345-384.
Fekete, Lajos. “A Velencei Állami Levéltár ‘Documenti Turchi’ c. gyüteménye”.
Levéltári Közlemények 4 (1926): 130-138.
—. “A Velencei Állami Levéltár Magyar vanatkozású FethқnƗméi”. Levéltári
Közlemények 4 (1926): 139-157.
Gallotta, Aldo and Bova, Giancarlo. “Documenti dell’Archivio di Stato di Venezia
concernenti il principe ottomano Gem”. Studi Magrebini 12 (1980): 175-199.
Gelibolu Mustafa Ali. Gelibolu Mustafa Âlî ve Künhü’l-ahbâr’ında II. Selim, III.
Murat ve III. Mehmet Devirleri. Ed. Çerçi, Farsi. Kayseri: Erciyes Üniversitesi
Matbaası, 2000.
Gökbilgin, Mahmud Tayyıp. “Kanuni Sultan Süleyman devrine ait Bosna ve Hersek
ile ilgili Venedik Arúivindeki Türkçe Belgeler”. Tarih Dergisi 32 (1979): 319330.
—. “Le relazioni veneto-turche nell’età di Solimano il Magnifico”. Il Veltro 23/2-4
(mar.-ago. 1979): 277-291.
—. “Venedik Devlet Aúivindeki Türkçe Belgeler kolleksiyonu ve Bizimle ilgili di÷er
Belgeler”. Belgeler V-VIII/9-12 (1968-1971): 1-151.
—. “Venedik Devlet Aúivindeki vesikalar külliyatında kanunî Sultan Süleyman devri
belgeleri”. Belgeler I/2 (1 temmuz 1964): 119-220.
Jehel, Georges. L’Italie et le Maghreb au Moyen Age. Conflits et échanges du VIIe au
XVe siècle. Paris: PUF, 2001.
Kafadar, Cemal. “A Death in Venice (1575): Anatolian Muslim Merchants Trading
in the Serenissima”. Journal of Turkish Studies 10 (1986): 191-217.
Kramers, Johannes Hendrik. “‘OthmƗn II”. In Encyclopaedia of Islam, vol. 8. Leiden:
Brill, 1995: 182a.
Lucchetta, Francesca. “L’ultimo progetto di una scuola orientalistica a Venezia nel
Settecento”. Quaderni di Studi Arabi 3 (1985): 1-43.
—. “La scuola dei ‘giovani di lingua’ veneti nei secoli XVI e XVII”. Quaderni di Studi
Arabi 7 (1989): 19-40.
—. “Lo studio delle lingue orientali nella scuola per dragomanni di Venezia alla fine
del XVII secolo”. Quaderni di Studi Arabi 5-6 (1987-1988): 479-498.
—. “Sui dragomanni di Venezia”. Quaderni di Studi Arabi 11 (1993): 215-222.
—. “Una scuola di lingue orientali a Venezia nel Settecento: il secondo tentativo”.
Quaderni di Studi Arabi 2 (1984): 21-61.
BIBLIOGRAPHY
205
—. “Un dono del sultano del Marocco al doge di Venezia (1765)”. Quaderni di Studi
Arabi 14 (1996): 207-214.
—. “Un progetto per una scuola di lingue orientali a Venezia nel Settecento”.
Quaderni di Studi Arabi 1 (1983): 1-28.
Mélikoff, Irène. “Bayezid II et Venise. Cinque Lettre Impériales (NƗme-i hümayun)
provenant de l’Archivio di Stato di Venezia”. Turcica 1 (1969): 123-149.
Membré, Michele. Mission to the Lord Sophy of Persia (1539-1542). Ed. Morton,
A.H. London: School of Oriental and African Studies – University of London,
1993.
—. Relazione di Persia (1542). Ed Cardona, Giorgio Raimondo. Napoli: Istituto
Universitario Orientale, 1969.
Ménage, Victor. “Seven Ottoman Documents from the Reig of Mehҗmmed II”. In
Documents from Islamic Chanceries. Eds. Stern, Samuel Miclos and Aubin, Jean.
Oxford: Cassirer, 1965: 81-118.
Mestieri e arti a Venezia 1173-1806. Venezia: Archivio di Stato di Venezia, 1986
[exhibition catalogue].
Migliardi O’Riordan, Giustiniana. “Un fonds des Archives de Venise qui vient d’être
classé: les Archives du Baile à Constantinople (XVIe- XIXe siècles). Présentation
des archives du Baile à Constantinople”. Turcica 33 (2001): 339-367.
Miklosich, Franz and Müller, Joseph, Acta et diplomata graeca medii aevii sacra et
profana, 3 vols. Vindobonae [Wien]: Gerold, 1865: 293-367.
Naima Mustafa Efendi. Târih-i Na‘îmâ. Ed. øpúirli, Mehmet. Ankara: Türk Tarih
Kurumu, 2007.
Necipo÷lu, Gülru. Architecture, Cerimonial and Power. The Topkapı Palace in the
Fifteenth and Sixteenth Centuries. New York: N.Y. Architectural History
Fondation - Cambridge, Mass.-London: MIT Press, 1991.
—. “Süleyman the Magnificent and the Rapresentation of Power in the Context of
Ottoman-Hapsburg-Papal Rivalry”. The Art Bulletin 71/III (Sep. 1989): 402-427.
Ottoman Diplomacy. Conventional or Unconventional? Ed. Yurdusev, A. Nuri.
Houndmills: Palgrave Macmillan, 2004.
Palumbo Casa Fossati, Isabella. “L’école Venitienne des «Giovani di Lingua»” in
Istanbul et les langues orientales, Frédéric Hitzel ed. (Istanbul-Paris: IFÉA,
INALCO, L’Harmattan, 1997): 109-122.
Pedani, Maria Pia. “Bailo”. In Encyclopaedia of the Ottoman Empire. Eds. Ágoston,
Gabor and Masters, Bruce. New York NY: Facts On File, 2009: 72-73.
—. “Between Diplomacy and Trade: Ottoman Merchants in Venice”. In Merchants
in the Ottoman Empire. Ed. Faroqhi, Suraiya and Veinstein, Gilles. ParisLouvain-Dudley, MA: Peeters, 2008: 3-21.
—. “Beyond the Frontier: the Ottoman-Venetian Border in the Adriatic Context from
the Sixteenth to the Eighteenth Centuries”. In Zones of fracture in Modern
Europe, Baltic Countries-Balkans-Northen Italy, Zone di frattura in epoca
moderna. Il Baltico, i Balcani e l'Italia settentrionale. Ed. Bues, Almut.
Wiesbaden: Harrassowitz Verlag, 2005: 45-60.
—. “The Border from the Ottoman Point of View”. In Tolerance and Intolerance on
the Triplex Confinium. Approaching the ‘Other’ on the Borderlands Eastern
Adriatic and beyond 1500-1800. Ed. Ivetic, Egidio and Roksandic, Drago.
Padova: Cleup, 2007: 195-214.
—. Dalla Frontiera al confine. Roma: Herder, 2002.
—. La dimora della pace. Considerazioni sulle capitolazioni tra i paesi islamici e
l’Europa, Venezia: Cafoscarina, 1996.
206
BIBLIOGRAPHY
—. “Elenco degli inviati diplomatici veneziani presso i sovrani ottomani”. Electronic
Journal of Oriental Studies 5/4 (2002): 1-54.
—. “Fondaco dei Turchi”. In Encyclopaedia of the Ottoman Empire. Eds. Ágoston,
Gabor and Masters, Bruce. New York NY: Fact On File, 2009: 220-221.
—. In nome del Gran Signore. Inviati ottomani a Venezia dalla caduta di
Costantinopoli alla guerra di Candia. Venezia: Deputazione editrice, 1994.
—. “Ottoman Diplomats in the West: the Sultan’s Ambassadors to the Republic of
Venice”. Tarih incelemeleri dergisi 11 (1996): 187-202.
—. “Ottoman envoys to Venice (1384-1644)”. Arab Historical Review for Ottoman
Studies 13-14 (Oct. 1996): 111-115.
—. “The Ottoman Empire and the Gulf of Venice (15th-16th c.)”. In CIÉPO XIV.
Sempozyumu Bildirileri (Università Ege, Izmir 18-22 September 2000). Ed.
Baykara, Tuncer. Ankara: Türk Tarih Kurumu, 2004: 585-600.
—. “Oltre la retorica. Il pragmatismo veneziano di fronte all’Islam”. In L’Islam visto
da Occidente. Cultura e religione del Seicento europeo di fronte all’Islam. Ed.
Heyberger, Bernard - Garcia-Arenal, Mercedes - Colombo, Emanuele - Vismara,
Paola. Genova-Milano: Marietti, 2009, pp. 171-186.
—. “Ottoman Fetihnames. The Imperial letters announcing a Victory”. Tarih
incelemeleri dergisi 13 (1998): 181-192.
—. “Ottoman Merchants in the Adriatic. Trade and smuggling”. Acta Histriae 16/1-2
(2008): 155-172.
—. “The Ottoman Venetian Frontier (15th-18th Centuries)”. In The Great Ottoman
Turkish Civilisaton, 4 vols. Ed. Çiçek, Kemal. Ankara: Yeni Türkiye, 2000: I,
171-177.
—. In nome del Gran Signore. Inviati ottomani a Venezia dalla caduta di
Costantinopoli alla guerra di Candia. Venezia: Deputazione, 1994.
—. “Le prime ‘sottoscrizioni a coda’ dei tesorieri nell’Impero Ottomano. Quaderni di
Studi Arabi 8 (1990): 215-228.
—. “Relazione”. In Encyclopaedia of the Ottoman Empire. Eds. Ágoston, Gabor and
Masters, Bruce. New York NY: Facts On File, 2009: 487.
—. “Safiye’s Household and Venetian Diplomacy”. Turcica 32 (2000): 9-32.
—. “I Turchi in Canal Grande”. Annali di Ca’ Foscari 46/2 (2007): 37-51.
—. “Turkish Raids in Friuli at the End of the Fifteenth Century”. In Acta Viennensia
Ottomanica. Akten des 13. CIEPO - Symposium, vom 21. bis 25. September 1998.
Wien: im selbstverlag des Instituts für Orientalistik, 1999: 287-291.
—. “Gli ultimi accordi tra i sultani mamelucchi d’Egitto e la Repubblica di Venezia”.
Quaderni di Studi Arabi 12 (1994): 49-64.
—. Venedikli Sultan. La Sultana Veneziana. Ankara: Türk-øtalyan Kültür ve
øúadamları Derne÷i – øtalyan Kültür Merkezi, 2009.
—. “Venice”. In Encyclopaedia of the Ottoman Empire. Eds. Ágoston, Gabor and
Masters, Bruce. New York NY: Facts On File, 2009: 581-583.
Pippidi, Andrei. “Tre antiche casate dell’Istria. Caratteri e sviluppo di un gruppo
professionale: i dragomanni di Venezia a Costantinopoli”. Quaderni della Casa
Romena di Venezia 4 (2006): 61-76.
Preto, Paolo. “Le relazioni dei baili veneziani a Costantinopoli”. Il Veltro 23/2-4
(mar-ago. 1979): 125-132.
Raby, Julian. “Mehmed the Conqueros’s Greek Scriptorium”. Dumbarton Oaks
Papers 37 (1983): 15-62.
—. “La Serenissima e la Sublime Porta: le arti nell’arte della diplomazia (15431600)”. In Venezia e l’Islam. 828-1797. Venezia: Marsilio, 2007: 107-137.
BIBLIOGRAPHY
207
Rogers, Michael. “Ottoman religious ceremonial in two late 16th century meremmât
defters for Süleymaniye, Baúbakanlık Arúivi MM/MAD 513 and 5832”. In Acta
Viennensia Ottomanica. Ed. Köhbach, Markus – Procházka-Eisl, Gisela – Römer,
Claudia. Wien: im Selbstverlag des Instituts für Orientalistik, 1999: 303-309.
Le relazioni degli ambasciatori veneti al Senato. Ed. Eugenio Alberi, serie III, vol. 1.
Firenze: tipografia all’insegna di Clio, 1840; vol. 2 Firenze: tipografia all’insegna
di Clio, 1844; vol. 3, Firenze: Società Editrice Fiorentina, 1855.
Le relazioni degli ambasciatori veneti al Senato durante il secolo decimosesto.
Appendice. Ed. Alberi, Eugenio. Firenze: a spese dell’editore, 1863.
Le relazioni degli stati europei lette al Senato dagli ambasciatori veneziani nel
secolo decimosettimo. Turchia. Ed. Barozzi, Nicolò and Berchet, Guglielmo.
Venezia: Naratovich, 1871.
Relazioni di ambasciatori veneti al Senato. Ed. Firpo, Luigi, vol. XIII, Costantinopoli
(1590-1793). Torino: Bottega d’Erasmo, 1984.
Relazioni di ambasciatori veneti al Senato. Ed. Pedani-Fabris, Maria Pia, vol. XIV,
Relazioni inedite. Costantinopoli (1508-1789). Padova: Ausilio, 1996.
ùakiro÷lu, Mahmut. “1503 Tarihli Türk-Venedik Andlaúması”. In VII Türk Tarih
Kongresi 3 vols. Ankara: Türk Tarih Kurumu Basımevi, 1983: 1559-1569, tavv.
479-484.
—. “1521 Tarihli Osmanlı-Venedik Andlaúmasının Aslî Metni”. Tarih Enstitüsü
Dergisi 12 (1981-1982): 479-484.
—. “II. Selim’in Venedik Cumhuriyetine Verdi÷i 1567 ve 1573 Tarihli
Ahidnâmeler”. Erdem 2/5 (Mayıs 1986): 527-553.
—. “Venedik Arúivi ve Kitaplıklarından Türk Tarih ve Kültürüne Ait Kayıtlar”.
Erdem 3/7 (Ocak 1987): 111-134.
—. “Venedik Arúivi ve Kitaplıklarından Türk Tarih ve Kültürüne Ait Kayıtlar (II)”.
Erdem 6/17 (Mayıs 1990): 437-480.
—. “Venedik Devlet Arúiv’nde bulunan østanbul Balyosu arúivi üzerinde bir
araútırma”. In Studia Turcologica memoriæ Alexii Bombaci dicata. Napoli:
Istituto Universitario Orientale, 1982: 470-478.
Skilliter, Susan A. “The Letters of the Venetian ‘Sultana’ Nûr Bânû and Her Kira to
Venice”. In Studia turcologica memoriæ Alexii Bombaci dicata, a cura di
Gallotta, Aldo e Marazzi, Ugo. Napoli: Istituto Universitario Orientale, 1982:
515-536.
—. “Three Letters from the Ottoman “Sultana” Safiye to Queen Elizabeth I”. In
Documents from Islamic Chanceries. Ed. Stern, Samuel Miclos and Aubin, Jean.
Oxford: Cassirer, 1965: 119-157.
Temimi, Abdeljelil. “Le passage de morisque à Marseille, Livourne et Istanbul
d’après de nouveaux documents italiens”. In Métiers, vie religeuse et
problematiques d’histoire morisque. Par Temimi, Abdeljelil. Zaghouan:
Fondation Temimi pour la Recherche Scientifique et l’Information, 1990: 304316.
—. “Le traité de paix signé entre la Regence de Tunis et Venise du mois de Mai
1792”. Revue d’histoire maghrebine 22/77-78 (mai 1995): 223-246.
—. “Le traité de paix signé entre Venise et la Regence d’Alger le 23 juin 1768”.
Revue d’histoire maghrebine 18/63-64 (juillet 1991): 381-400, 421-433.
Theunissen, Hans. “Ottoman-Venetian Diplomatics: the ‘Ahd-names. The Historical
Background and the Development of a Category of Political-Commercial
Instruments toghether with an Annotaded Edition of a Corpus of Relevant
Documents”. Electronic Journal of Oriental Studies 1/2 (1998).
208
BIBLIOGRAPHY
Turan, ùerafettin. Türkiye-øtalya øliúkileri. Selçuklular’dan Bizans’ın sona eriúine.
Ankara: Kültür Bakanlı÷ı, 2000.
—. “Venedik’te Türk Ticaret Merkezi”. Belleten 23 (nisan 1968): 247-283.
van den Boogert, Maurits H. The Capitulations and the Ottoman Legal System.
Qadis, Consuls and Beratlıs in the 18th Century. Leiden-Boston: Brill, 2005.
Venezia e il regno di Tunisi. Gli accordi diplomatici conclusi fra il 1231 e il 1456.
Ed. Girardi, Francesca. Roma: Viella, 2006.
Venezia e Istanbul. Incontri, confronti e scambi. Ed. Concina, Ennio. Udine: Forum,
2006.
von Hammer-Purgstall, Joseph Geschichte des Osmanischen Reichts 10 vols. Pesht:
Hartlebel, 1827-1835.
Wansbrough, John. “A Mamaluk Ambassador to Venice in 913/1508”. Bullettin of
the School of Oriental and African Studies 26/3 (1963): 503-530.
—. “A Mamaluk Letter of 877/1473”. Bullettin of the School of Oriental and African
Studies 24/2 (1961): 200-213.
—. “A Maroccan AmƯr’s Commercial Treaty with Venice of the Year 913/1508”.
Bullettin of the School of Oriental and African Studies 25/3 (1962): 449-471.
—. “Venice and Florence in the Mamluk Commercial Privileges”. Bullettin of the
School of Oriental and African Studies 28 (1965): 487-497.
Wittek, Paul. “A letter of Murad III to the Doge of Venice of 1580”. Bullettin of the
School of Oriental and African Studies 14 (1952): 381-383.
Zachariadou, Elizabeth A. Trade and Crusade. Venetian Crete and the Emirates of
Menteshe and Aydin (1300-1415). Venice: Istituto Ellenico, 1983.
INDEX OF NAMES
The numbers refer to the documents
‘AbbƗs I, scià safavide 557, 728
Abd al-Halim çelebi bin Alaeddin,
mültezim 280
Abd el-Kerim, cadì di Scardona 8
Abderrahman bin Cafer 280
Abdi agà da Zara, alaybeyi 520, 522
Abdi bin emîr Ahmed da
Costantinopoli, emîr-, çavuú 36/A
Abdi, çavuú 631-632, 667
Abdi, sangiacco di Clissa 380/E
Abdi da Hama, Hacı,
654
Abdulgani bey, già sangacco di Erciú
727
Abdulhak 95
Abdülkadir, Hacı, müezzin 448
Abdülkadir bin «Azli» 32/A
Abdullah bin Abdurrahman, çavuú
448
Abdullah bin Hızır, çavuú 448
Abdullah bin Lüfti bin Abdullah, cadì di
Galata 280
Abudiente David 749
A÷ır Kara / «Agir Cara» 620
«A÷njrlƯ» 210
Ahmed 61
Ahmed (altro) 95
Ahmed I, sultano 600-601, 604, 625,
631-632, 650, 657, 663-665, 667,
676, 687, 820
Ahmed, agà dei giannizzeri 749
Ahmed, agà di Castelnuovo 375
Ahmed, cadì di Castelnuovo 796
Ahmed, cadì di Clissa e Zagor 640
Ahmed, çavuú 736
Ahmed, defterdar 77
Ahmed, defterdar (altro) 501
Ahmed, dizdar di Castelnuovo 798
Ahmed, kâhya del sangiacco di Cherca
772
Ahmed, kâhya, detto «PelƗdƯn» 579,
582
Ahmed, voivoda di Podgorje 380/N
Ahmed bey bin Müezzin-zade Ali pascià
229
Ahmed bey çelebi 472
Ahmed bey, müteferrika 462
Ahmed bey, sangiacco di Lepanto
303-305
Ahmed bin Abdullah, giannizzero
36/A
Ahmed bin Hüseyn 736
Ahmed bin Hüseyin da «Chiuluz» in
Erzegovina, kâtib 171, 199
Ahmed bin Kassab 811
Ahmed bin Mehmed, cadì di Galata
448
Ahmed bin Ömer bey 736
Ahmed bin Süleyman 810
Ahmed bin Yunus 280
Ahmed çelebi bin Mehmed 281
Ahmed çelebi da Ayaú, zio di Hüseyin
çelebi 258
Ahmed çelebi, defterdar-i emval di
Bosnia 420, 553-554, 810
Ahmed da Aleppo, Hacı, 654
Ahmed efendi Dugali [di Erzegovina]
771
Ahmed efendi 608
Ahmed Kurto÷lu / «Cartugoli»,
sangiacco di Rodi 133, 134-136,
734
Ahmed pascià Herseko÷lu, cfr.
Hersekzade Ahmed pascià
Ahmed pascià, visir e poi gran visir
288, 311, 319, 347, 504, 752
Ahmed reis 136
Ahmed reis (altro) 504
Ahқmad I ŠarƯf, re del Marocco 696
Alaeddin / «Busdochan», cadì 380/T
Alberti Girolamo, notaio ducale 560
Alessandri (degli-) Vincenzo,
dragomanno e inviato diplomatico
404, 429, 462, 598
Alessandro 144
Alessandro, zimmi greco 97, 123
«AlfƗndƗrƯ» Mosé, ebreo suddito
ottomano 199
Ali 288
210
INDEX OF NAMES
Ali (altro) 288
Ali, agà del Serraglio Vecchio 97,
123, 410
Ali, già cadì di Adrianopoli 820
Ali, Hacı, 361
Ali, Hacı, bin Ahmed da Ankara, 735736
Ali, kapıcı di corte 563
Ali, provveditore all’Arsenale 368
Ali, sangiacco di Hoca Eli 130
Ali, voivoda 619
Ali, voivoda e kapudan di Scutari 142
Ali agà, castellano di «DǀƥƗr» 581
Ali agà, kapıcıbaúı 694
Ali agà, müteferrika 381
Ali bey, sangiacco di Clissa poi di
Ocrida, nipote di Sokollu Mehmed
pascià 237, 242, 252, 256
Ali bin Ahmed pascià 504
Ali bin Mehmed, mercante di Bosnia
428, 436, 438
Ali bin Mürsel 57
Ali bin Mustafa 504
Ali çelebi da Aleppo, mercante 452,
572
Ali çelebi da Ankara 654
Ali da Damietta 654
Ali da Scutari 655
Ali da Tripoli 654
Ali hoca 351, 358
Ali hoca, mercante 358
Ali øbrahim bin Sayyid, cadì di
Costantinopoli 281
Ali pascià, gran visir, cfr. Yavuz Ali
pascià
Ali pascià, beylerbeyi di Buda 377
Ali pascià, beylerbeyi di Tunisi 601
Ali pascià, cfr. Müezzin-zade Ali pascià
Ali pascià, kapudanpaúa, cfr. Kılıç Ali
pascià
Ali «Portuch», sangiacco di Nicomedia
135-136, 734
Ali Semiz pascià, beylerbeyi d’Egitto,
poi gran visir 103-104, 118
Alvise di «NƗrƗn÷er» 809
Amato Giuseppe / «Ynjsuf ƖmƗtǀ»
199
Amigo Giuseppe / Amico / «Ynjsuf
AmƯgǀ», ebreo suddito ottomano
166, 171, 193, 199, 201
Amir da Rosetta, Hacı, 654
Angelini Marco 542
Anter 95
Antonio da Sebenico, don - 84
Argenteo Bernardo, cancelliere 584
Aronne / «Carun», ebreo, appaltatore
dello scalo di Palormo 281
Arslan 281
Ashkenazi Nathan / «NƗšƗn HқekƯm
QarƯoƥlƯ», mercante di corte 663
Ashkenazi Nathan Salomone / «rabi
Salamon», rabbi 270, 321-323,
325-326, 378, 382, 663
Atanasio / «Athanasio», arcivescovo di
Ocrida 633-634
Ayúe bint Anis, vedova di hoca Derviú
810
«AzƗdǀ», mercante armeno 740
«BƗbǀ» Mosé / «Papo», ebreo suddito
ottomano 199
Badoer Alvise, bailo 79-80/A
Balbi Teodoro, console ad Aleppo
786
Bali, agà degli azeb di Scardona 403
Bali, agà della fortezza di «YnjnǀglƯk»
403
Bali agà, silahdar 428-431, 436, 438,
440
Bali çelebi bin Mustafa, cadì di Galata
280
Bali da Mostar, Hacı, 654
Bali hoca, mercante 358
Baraka bin Resul 504
Barbarigo Daniele, console ad
Alessandria e poi bailo 118, 153
Barbarigo Nicolò, bailo 349, 785
Barbaro Francesco 186
Barbaro Francesco di Marcantonio
597
Barbaro Marcantonio, bailo 244
Barbaro Vittore, segretario 584-585
Barbarossa, cfr. Hayreddin pascià
Barcelai Abramo / «AbrƗhƗm BƗrzƯlƗy»
620, 623
Barisano Ferrante 240
Basadonna Angelo, provveditore a
Cefalonia 424-426
Batistich Doimo da Gubbio 11/B
Batthiány 773
Battista, commesso del bailo 95
INDEX OF NAMES
Battista, scrivano 552
Bayezid, sangiacco di Delvina e nazır
dei mukataa 744
Bayezid, sangiacco di Delvina poi di
Elbasan 328, 351
Bayram, Hacı, bin Abdullah, 32/B
Behram bin Abdullah 281
Bekir bin Ömer 452, 572
Beltrame Benedetto 30
Bembo Giovanni, doge 820
Benedan Giorgio / «Ebnedam» 146/C147
Benedetto da Gagian 229
Benveniste Mosè / «MnjsƯ» 219, 710,
713
Benveniste Nissim / «NesƯmƯ» 710,
713
Benveniste Reyna 215
Benvenuto, cristiano non veneto 199
Bernardo Lorenzo, bailo 418-419,
481-482, 492, 504, 506
Berti Giacomo 533-539/B
Berti Nicolò 538, 539/B
Berti, mercanti 532-533
«BƯvƯringe» «NƯqƗsǀ», zimmi 801
Bocaletto Natalino da Chioggia, patrono
di nave 613
Bocskai Stefano, principe di
Transilvania 650
Boldissalich Baldassarre /
«BǀildıšƗlovıþ» 520
Bon Ottaviano, bailo 632, 671
Bonaldo Francesco 166, 171, 176
Bonaventura Giovanni 32/A
Bonifacio Antelmi, segretario 292
Borenda Marco / Bronza Marino,
patrono di nave 351, 361
Borissi Marcantonio / «Bonrisi» 32/A,
508, 563, 566-569, 576-577, 717,
721, 725, 820
Boso, dragomanno 808
Bostan çavuú, revisore delle entrate del
sultano 281
Bostan çelebi bin Mehmed, emin di
Aleppo 280
Bostan efendi bin Ahmed 280
Botton Mosé, ebreo suddito ottomano
166, 171
Bragadin Alvise 419-420, 810
Bragadin Antonio 419-420, 810
211
Bragadin Antonio, capitano di galea
92, 95
Bragadin Pellegrino, rettore e
provveditore a Cattaro 333, 343
Bratceviü Milazin, morlacco 397
Brea Pietro 481
Brutti / «Bruti», cavaliere 767
Brutti Bartolomeo 254, 272
Brutti Cristoforo 442, 443/B, 448,
451, 492
Brutti Nicola fu Francesco, da Verona
36/A
Budak çelebi da Costantinopoli 654
«BnjrnjdƯk» «FrƗno», custode dell’isola
di Brazza 297
Cafer, cfr. Mesih
Cafer, bey di Rodi 90
Cafer, çavuú 175
Cafer agà, kapıa÷ası di Hayreddin
pascià 10
Cafer bey, sangiacco di Erzegovina
37
Cafer da Sarajevo, Hacı, 654
Cafer da Scoplie, Hacı, 245
Cafer pascià / «Giafer», kapudanpaúa
648-649
Cafer pascià, beylerbeyi di Cipro 821
Cafer reis 203
Cambi Nicolò, dragomanno 154, 156,
169, 171, 181, 199, 218, 222
Cambi Pietro 239
Cambi, donna della famiglia - /
«Cambia» 542
Canal (da-) Vincenzo, patrono di nave
328
Candiel Mosè 193
Cappello, nobile veneto 542
Cappello Febo / «Phoebo» 65
Cappello Girolamo, savio alla mercanzia
e poi bailo 28, 536, 569, 575
Capuzo Antonio 613
Carabon Salomone, ebreo 533
Caracciolo Niccolò Antonio, marchese
di Vico / «markƯs da VƯqǀ» 311313, 351, 355, 358, 361, 784, 788
Cardi Salomone 283, 289
Care Piero, patrono di nave 292
Caroli, capitano 366
«Cassà», ebreo 101
Cassetti 608
212
INDEX OF NAMES
Catrazo Alvise 258
Cavalli Marino, bailo 98, 100
Cavazza Gabriele, segretario 350
«Cazzadur» fu Simone da Erzincan,
armeno 36/C
Çerkes, eunuco 234
Çerkes øskender pascià, beylerbeyi
d’Egitto 227
Cernoeviü Mehmed da Schella, emin di
Sebenico, Traù, Zara e Spalato
397
Cerrah Mehmed pascià, gran visir 28,
693, 714, 723
Charstovacich Nicolò 380/O
Cicogna Pasquale, doge 422, 433,
436, 438, 452, 462, 467, 471, 474,
480, 499-500, 515, 520, 522, 524,
526, 528, 530, 537, 595, 786, 779,
790
Ciera Piero / «Perǀ Sera», patrono di
nave 301
Cigala, negoziante 608
Cigalazade Sinan pascià, kapudanpaúa e
gran visir 699, 801-802, 814
Cihan agà, emin di Spalato 641
Civran Girolamo, dragomanno 37
Claudio Pietro, ambasciatore di Traù
380/M
Cohen Giacomo / «Ya‘qǀ Qǀhen»
199
Cohen Samuele / «ŠemvƗl KǀhƗn»
103
Coia, cfr. Mustafa «Mnjþ»
Colombina, cfr. Mehmed Colombina
Colonna Marcantonio 234
Contarini, nobile veneto 542
Contarini Francesco, bailo 684, 686,
698, 700, 706-707
Contarini Giovanni, procuratore 265266, 272, 337
Contarini Paolo, bailo 371-373, 384,
391, 415
Contarini Simone, bailo 632, 634, 665
Coressi Bartolomeo / «Bartlemi de
Qǀreys», medico 773
Coriolan Alvise di Girolamo 380/G
Corner Alvise, conte a Traù 380/M
Correba Marino 366
Correr Giovanni, bailo 271, 277, 325
Costa (de-) Ambrogio 642
Costa (de-) Nuño / «Nona Costa»
642, 748-749
Costantino di Giorgio 280
Crespi Baruh / «BƗruhқ Qreši» da
Gallipoli, ebreo suddito ottomano
299
Crisvan, schiavo russo 36/A
Cuppo Nicola, patrono di nave 655
Da Mosto Francesco, savio alla
mercanzia 607-608, 610
Da Ponte Nicolò, doge 278, 283, 288,
312-313, 347, 351-352, 354, 365366, 368, 370, 378, 381-382, 385,
389, 393, 395-396, 399, 402, 405,
415, 787-788, 793, 804, 806
Dall’Oglio Pietro 535
Dalla Vedova Giacomo, segretario 12
Dâlyân, franco 55, 60
Damad Mehmed pascià, gran visir
803
Dandolo Paolo, savio alla mercanzia
533, 536
Dandolo Vincenzo, console ad
Alessandria 786, 790
Davud, çavuú 729-730
Davud bin Abdullah 281
Derviú, defterdar 738
Derviú, kâtib del sangiaccato di Dukagin
217
Derviú bin Abdi 448
Derviú bin Sa‘dî 504
Derviú bin Yusuf 199
Derviú çelebi 265
Derviú da Adrianopoli 245
Derviú da Cipro 654
Derviú hoca, mercante morto a Venezia
420, 810
Derviú pascià, beylerbeyi di Bosnia
581-582, 585, 648, 773-772, 781,
815
Derviú pascià, gran visir 659
Diana Ancileo, orefice 586, 589
Diedo Marco, 375, 796-797
Dimitri 811
Dimo, cfr. Giacomo di Nicolino
Diva Vincenzo / «VƯþenþe Diva» /
«Vicenzo», parente di Ali bey e
dell’odabaúı del sultano 256
Divane Safer agà 477
Divnich Jonco 380/O
INDEX OF NAMES
Dobrovidovich Natale, dragomanno
233
Dolce Agostino, segretario 613
Dolfin, mercanti 88
Dolfin Angelo, conte a Lesina 315
Dolfin Daniele di Andrea 176
Dolfin Domenico, console ad
Alessandria 786, 790
Domenico 10
Domenico da Gagian / «Domenego»
229
Donà Antonio, capitano delle galee
grosse 95
Donà Antonio, console ad Alessandria
627-628
Donà Francesco, doge 16
Donà Leonardo, doge 543, 601, 604,
625-626, 628, 631-632, 634, 639641, 644, 647, 649-650, 655, 657,
661, 795, 821
Dorotea / Gülúen, figlia di Ahmed
çavuú, moglie di Ettore Salem 412,
736
Durhan hoca, mercante 358
Duymovich Luca, conte 236
Ebubekir bin Pir Mehmed, scrivano
280
«Elchissi» bin Husni 280
Emanuel Filippo, dragomanno 30,
274, 280-282, 298, 300, 302, 306,
309, 317.
Emin Mehmed, inviato persiano 557
Emircan 811
Emo Giorgio, console al Cairo 402,
409, 785, 793
Emo Pietro, bailo 337
Emrullah bin Yunus 504
Enbiya da Cipro 654
«EndƯ÷e» 680
Ergab bin hoca Derviú 810
Ezibona / «Ezibnjne», parente di Reyna
Nassì 806
Farfarello, patrono di nave 144
Fazıl Allah bin øshak 280
Felruh reis 303
Ferdinando I d’Asburgo / «Ferendnjš»,
imperatore 779
Ferhad 275
Ferhad / «Perchat», subaúı 380/I
Ferhad, alaybeyi del sangiaccato di
213
Saruhan 365
Ferhad, sangiacco di Clissa 478
Ferhad, sangiacco di Erzegovina 405
Ferhad bey 240
Ferhad bey poi pascià, sangiacco di
Bosnia poi beylerbeyi di Bosnia /
Gazi Ferhad 343, 414, 467, 595596, 599
Ferhad bin Adil 280
Feridun bin Abdullah 36/A
Ferro Girolamo, bailo 118
Ferruh, cavalier piccolo 810
Fethî bey, inviato persiano 702
Forti Giosué / «Jason» 57
Foscari Girolamo, provveditore generale
alla cavalleria in Dalmazia 614616
Foscari Pietro 615-616
Foscarini Michele, savio alla mercanzia
533
Frana, abitante di Sebenico 819
Franceschi Andrea, cancellier grande
12
Francesco 219
Francesco da Zante 415
Franchini Marco 258
Frenk Cafer, calabrese, vice-re di Tunisi
480
Gariboldi Cangi Franiü 315
Garzoni Giovanni, capitano generale in
Dalmazia 380/E
Gazanfer 234
Gazanfer, çavuú 510
Gazanfer agà, kapıa÷ası 417, 530,
771
Gazanfer bey, schiavo di Müezzin-zade
Ali pascià 229
Gazi, inquisitore / müfettiú di Belgrado
358
Gazi Ferhad, vedi Ferhad bey
Gazi, sipahi, kâtib di Spalato 641
Geremia 542
Germigny Jacques, barone de Germoles,
ambasciatore di Francia 399
Giacobbe, ebreo 60
Giacomo / «Zaco» di Nicolino, del
casale di Corovia, detto Dimo
149/B-149/D
Giacomo da Galata, zimmi 97
Giacomo da Veglia 542
214
INDEX OF NAMES
«Giagali» Mehmed bey, sangiacco di
Clissa 478
Gianfigliacchi 371
Gianni / «Janni» fu Pietro dalla Canea
145
Gianni, zimmi greco 97
Gianni da Candia 146/B
Giorgio / «Jorgi» 146/B-C
Giorgio da Van, frate armeno 36/C
Giorgio di Leondin da Famagosta,
siriano 146/B
Giovanni 554
Giovanni da Malvasia 821
Giovanni di Bonaventura 30
Giovanni di «Naxi» 176
Giovanni di Panei 166
Giovanni di Tommaso 811
Girardi (detti Zechini / «SekƯnƗlƯ»)
Giovanni Antonio / «ZƗn» Antonio
Cecchinelli 289, 301, 369
Girardi (detti Zechini / «SekƯnƗlƯ»)
Lorenzo / Cecchinelli 289, 291292, 301, 341, 369
Girardi (detti Zechini) Lorenzo di
Antonio / «öirƗrdǀ» 289, 301, 369
Girardi Antonio di Francesco 276277, 280, 282, 289, 291-292, 301
Girardi Gaspare di Lorenzo 280
Girardi Venturino di Francesco 292
Girolamo, sensale 811
Giuseppe / «YƗsƯf», mercante ebreo
501
Giuseppe / «YƗsif», mercante ebreo
(altro) 801
Giuseppe David / «YƗsif» detto
«SƗgnjra» 174
Giustiniani Alvise, nobile veneto 738
Giustiniani Ascanio 542
Giustiniani Bernardo 30
Giustiniani Francesco, nobile veneto
738
Gradenigo, sottocomito 542
Gradenigo Francesco, savio alla
mercanzia 533
Gradenigo Vincenzo, bailo 28, 575
Grappidi Teodoro da Zante 415
Grassetto Giovanni Maria 420, 810
Grassini (de-) Giacobbe 291
Gravina, patrono di nave 683
Grazia 42
Gregorio 137
Grimani Alvise 199
Grimani Marino, doge 543, 547, 550,
553, 557-558, 563-564, 566, 568,
575, 590, 600, 662-665, 667-668,
670-671, 677-678, 680, 683-685,
687-689, 692-693, 698-700, 704,
707, 710, 713-714, 727-729, 773774, 814
Gritti Andrea, doge 17, 23, 66, 76
Guisa, Carlo I di - 564
Gülúen, cfr. Dorotea
Gussoni Giovanni, savio alla mercanzia
534, 536
Hadım Hüsrev pascià, beylerbeyi di
Bosnia 667, 756
Hadım Mesih pascià, gran visir 49
Hafîz Ahmed pascià 682
Halil 659
Halil, bey di Licca / «Kalil bey di
Licca», sangiacco di Cherca 579,
582
Halil, çavuú 590
Halil, kapudan della guardia 601
Halil, sangiacco di Cherca 772
Halil, sangiacco di Lika, Croazia e
Zacarca 617-618
Halil, voivoda di Montenegro 407
Halil pascià / «Kalil», secondo visir
566, 569, 722-723, 769, 771
Halil pascià, beylerbeyi di Bosnia 467
Halil pascià, kapudanpaúa 622, 818
Hamza da Antep 654
Handali Ester da Xeres de la Frontera,
kira ebrea di Nur Banu 316
Hasan 552
Hasan (altro) 599
Hasan (altro) 608, 612
Hasan, ambasciatore in Francia 395
Hasan, çavuú 276, 280-283, 291, 299,
301, 804
Hasan, già beylerbeyi di Cipro 528529
Hasan, Hacı, 358, 361
Hasan, sangiacco di Clissa 816
Hasan, sangiacco di Erzegovina 808
Hasan agà, çavuú 403
Hasan agà, già castellano di Santa
Maura 578
Hasan agà bin Ali / «Hallia» 380/I
INDEX OF NAMES
Hasan bey bin Abdullah 448
Hasan bey bin Mehmed 280
Hasan bey 443/B
Hasan bey, parente di Kubad çavuú
171, 199, 201
Hasan bey, sangiacco di Clissa e Livno
380/A-B
Hasan bin «QulfƗr», cadì di Scardona
487
Hasan bin Abdullah 281
Hasan bin Abdullah, müezzin 32/A
Hasan bin Hamza 57
Hasan bin Hüseyin di «Chiuluz» 171
Hasan bin Zekeriya, Hacı, 280
Hasan çelebi bin Hüseyin 32/A
Hasan da Adrianopoli 214
Hasan da Saida 654
Hasan da Sarajevo, mercante 683
Hasan da Terra Nova 655
Hasan hoca da Ankara, mercante 358
Hasan hoca di Bosnia, mercante 358
Hasan hoca, mercante 358
Hasan pascià, beylerbeyi di Bosnia
456, 458, 460, 462, 463, 506, 510,
517, 522, 526, 530-531, 541, 553,
753, 782
Hasan pascià, beylerbeyi di Erzegovina
233-234, 238
Hasan pascià, cfr. Yemiúci Hasan pascià
Hasan reis bin Hamza 280
Haydar hoca da Perasto, mercante
358
Haydar, agà del Serraglio 312
Haydar, mercante 526
Haydar, sangiacco di Erzegovina 112,
116
Haydar, timariota 174
Hayreddin pascià / Barbarossa,
kapudan-i derya 10
Heldovier Giorgio 258
Heldovier Giovanni, merciaio
fiammingo 258
Hersekzade Ahmed pascià / Ahmed
Herseko÷lu / Stjepan Kosace /
«IstepƗ», figlio del duca di
Erzegovina, sangiacco di
Erzegovina, poi visir e gran visir
14, 17, 151
Hızır, Hacı, bin ølyas, 258
Hızır, müteferrika 692
215
Hızır, müteferrika, kapıcıbaúı del gran
visir 672, 676
Hızır, sangiacco di Erzegovina 16
Hızır agà, kapıcıbaúı del gran visir e
serdar 756
Hızır bin Abdullah 281
Hızır da Ankara 245
Hızır da Erzincan 245
Hızır pascià / «Childir bassà» 642,
644, 668
«HқǀtƯ» 210
Hudara Giuseppe 213
Hurrem, divan-i hümayun tercumanı
251, 262
Hüseyin 210
Hüseyin, çavuú 138
Hüseyin, Hacı, 319
Hüseyin, Hacı (altro) 351
Hüseyin, Hacı, bin Mustafa Hacı 281
Hüseyin, haramibaúı di «PǀlƯšƗn» 403
Hüseyin, kapıcıbaúı del sangiacco di
Erzegovina 393
Hüseyin, kâhya dei kapıcı 600
Hüseyin, mercante 683
Hüseyin, prigioniero degli uscocchi
438
Hüseyin agà, dizdar 479
Hüseyin agà da Rodi / Rodoslu 403
Hüseyin bey, schiavo di Müezzin-zade
Ali pascià 229
Hüseyin bin Hasan 477
Hüseyin bin Abdullah 504
Hüseyin bin Abdullah, çavuú 504
Hüseyin bin Abdullah, mercante 311,
351, 361
Hüseyin bin Mehmed, cadì di
Costantinopoli 57
Hüseyin çelebi da Ankara 811
Hüseyin çelebi da Ayaú bin Hacı Hızır
258-259, 261
Hüseyin da Adrianopoli 214
Hüseyin reis bin Abdullah 504
Hüseyin Serayi [Sarajevo], Hacı, 552553
Hüsrev 30
Hüsrev, cadì di Scardona 18
Hüsrev, sangiacco di Clissa 160
Hüsrev bey / «Cosrev bey» / Gazi
Hüsrev, sangiacco di Bosnia 1, 8,
11/A-B, 19, 23, 35, 64, 65, 69, 380/I
216
INDEX OF NAMES
Hüsrev pascià, cfr. Hadım Hüsrev pascià
HқayyƯm di «EmerrƗf» 104
HқayyƯm di Israele / «IsrƗyƯl» 104
øbrahim 596
øbrahim / Joachim Strazs, divan-i
hümayun tercümanı, müteferrika
181, 212-213, 779
øbrahim, agà dei giannizzeri 354
øbrahim, cadì di Santa Maura poi
müfettiú di Morea 415
øbrahim, defterdar 501
øbrahim, Hacı, bin Hüseyin, 57
øbrahim, Hacı, müteferrika d’Egitto
624-625
øbrahim, sangiacco di Clissa 314
øbrahim, sipahio÷lan 415
øbrahim Abdulacovich 380/I
øbrahim bey 462
øbrahim bey (altro) 692
øbrahim bey, sangiacco di Cherca 531
øbrahim bin Hamza 32/A
øbrahim bin hoca Derviú 810
øbrahim bin Mehmed, mercante di
Bosnia 428, 436, 438
øbrahim bin Mustafa da Beyrut, patrono
di nave 146/A, 146/C
øbrahim Çavuúo÷lu, çavuú di corte
727
øbrahim çelebi bin Hamza 280
øbrahim da Beyrut / «Hebraim da
Baruti», parcenevole 143, 145146/A
øbrahim da «VƗliq», mercante 683
øbrahim di «Anefe», siriano 146/A
øbrahim pascià / «Ibraim», gran visir e
serdar 546-547, 567, 569, 729730, 773-774
øbrahim pascià, beylerbeyi d’Egitto
402
Iovac di Spalato, patrono di nave 552
øsa da Risano 221
Isacco, amil di Alessandria, ebreo 341
øskender 146/C
øskender celebi, defterdar 77
øskender pascià, cfr. Çerkes øskender
pascià
øslam reis 448
øsmail, çavuú 471
øsmail agà, dizdar di Salona 240
«JƗde», mercante armeno 740
Kara agà, dizdar di Zemonico 403
Kara Hersek 773
Kasım, sangiacco di Scutari 763
Kasım bey da «Vatel grandi» 280
Kasım bin Abd el-Kerim, sangiacco di
Dukagin 217
Kasım bin Mahmud, mercante di Bosnia
428, 436, 438
Kasım pascià 80/B
Kasım pascià, visir 698
Kaya, çavuú 491
Kerecsenyi / «Qarašin» 779
Kılıç Ali pascià, kapudanpaúa / Uluç Ali
369
Kosace Stjepan, cfr. Hersekzade Ahmed
pascià
Kubad, çavuú 165-166, 171, 184, 188,
191, 195/A-B, 199, 201, 203, 205,
207, 210
Kurd Mehmed, terzo visir 685
Kurto÷lu, cfr. Ahmed Kurto÷lu
Lala Mehmed pascià, gran visir 662,
670-671, 674, 686
Lando Pietro, doge 10, 64
Lippomano Girolamo, bailo 436, 448,
458
Lodrischa Daniele, console degli ebrei
di Narenta 233, 808
Lombardo Nicolò da Candia 649,
652, 758, 821
Loredan Pietro, doge 221, 223, 225,
227
Ludovici (de’-) Daniele, segretario
veneto 12
Macar ølyas reis 136
Maffetti Martino Matteo 208
Mahmud 443/B
Mahmud, agà della Porta 313
Mahmud da Ankara, Hacı, 654
Mahmud da Tokat, Hacı, 735
Mahmud, defterdar 77
Mahmud, dizdar 267
Mahmud, dragomanno imperiale 225,
227
Mahmud, prigioniero degli uscocchi
438
Mahmud agà «Pasmachisch», emin,
dizdar da Castelnuovo, fratello del
dizdar principale di Castelnuovo
238, 267, 271, 334, 343, 347, 349-
INDEX OF NAMES
350, 354, 383-384, 390-391
Mahmud bey 810
Mahmud bey bin Müezzin-zade Ali
pascià 229
Mahmud bin øslam 448
Mahmud çelebi bin Mehmed 810
Mahmud da Costantinopoli, maestro dei
figli di Müezzin-zade Ali pascià
230-231
Mahmud reis 225
Malipiero Alessandro, conte a Sebenico
467
Malipiero Pietro Francesco, governatore
delle galee dei condannati 305,
336-337, 613
Malkoç, sangiacco di Clissa 90,
380/T-U
Malkoç, uomo di Gazi Ferhad 414
Malkoço÷lu, cfr. Mustafa bey
Malkoço÷lu
Mamiü Vincenzo, conte 315
Mansur da Tunisi, Hacı, 95
Manuele «Fren÷e» 491
Manuele / «MƗnǀl», zimmi dell’isola di
«MƯrƗlƯ», uomo di Ahmed pascià
319
Marcantonio 438
Marchetti 608
«Marþinqǀ», cristiano 522
Marco, dragomanno 415
Marco, dragomanno (altro) 415
Marco da Macerata 613
Marco da Roma 234
Marcovich Giovanni, patrono di nave
655
Margaruzzo Pier Antonio 265
Martinengo Bernardino, zimmi 528529
Marucini Matteo, dragomanno, nodaro
ducale 279, 339, 346, 358, 408409, 413, 421, 466, 571, 593
Marzio Giorgio 542
Masot Mosè / «Mes‘njd» / Mazot 642,
649, 821
Massimiliano d’Asburgo, imperatore
779
Matteo / «Mattiasso» 477
Matteo di Rocco da Zara / «MƗtǀ»,
patrono di nave 683
Mattia d’Asburgo / «MatiyƗs», reggente
217
e poi imperatore 729
Mattia di Mosé, ebreo suddito ottomano
199
Mazoni Dimo Limo / Masoni, zimmi da
Focea 223
Mazz[on]e Giovanni 380/D
Mehmed 504
Mehmed (altro) 661
Mehmed III, sultano 385, 543-545,
550, 552, 558, 561-562, 568, 576578, 581-582, 692, 718-719, 773
Mehmed, cadì di Sofia 55, 60
Mehmed, çavuú 162
Mehmed, defterdar 471, 501
Mehmed, defterdar di Bosnia 389
Mehmed, figlio di cristiani 477
Mehmed, fratello di Memi ùah 659
Mehmed, Hacı, 351
Mehmed, haramibaúı di Zemonico
403
Mehmed, kadı asker di Rumelia 374
Mehmed, kâhya, emin di Sebenico
398
Mehmed, kâhya della fortezza di
Scardona 775
Mehmed, kapıcı di corte 97
Mehmed, kapıcıbaúı 781
Mehmed, magrebino 654
Mehmed, nazır 121, 809
Mehmed, nazır di Clissa, Bosnia ed
Erzegovina 107-108, 155
Mehmed, nazır di Narenta 269
Mehmed, prigioniero degli uscocchi
438
Mehmed, sangiacco di Clissa 64, 114,
125, 151, 747
Mehmed, sangiacco di Erzegovina
46-47, 393
Mehmed, sangiacco di Morea 558,
563
Mehmed, sangiacco di Scutari d’Albania
333
Mehmed, sangiacco e poi kapudan di
Alessandria 409
Mehmed, secondo visir 140
Mehmed, serdar dei giannizzeri di
Castelnuovo 799
Mehmed, «voivoda duca» 380/I
Mehmed agà bin Abdulmennan, emîri
ahur 448
218
INDEX OF NAMES
Mehmed agà cavallerizzo 500
Mehmed bey, già sangiacco di Ducagini
807
Mehmed bey bin Abdullah, dragomanno
imperiale 280
Mehmed bey bin Ali 452, 572
Mehmed bey bin Murad, capitano di
Buda 83-84
Mehmed bey Mansuro÷lu, hakim 471
Mehmed bin Abdullah 32/B
Mehmed bin Abdullah (altro) 32/B
Mehmed bin Abdullah (altro) 281
Mehmed bin Abdullah (altro) 504
Mehmed bin Abdullah, çavuú 280
Mehmed bin Ahmed 57
Mehmed bin Ahmed pascià 504
Mehmed bin Ahmed, cadì di Galata e
Marmara 32/B
Mehmed bin Cafer 504
Mehmed bin Derviú 448
Mehmed bin Derviú (altro) 448
Mehmed bin Hacı Mehmed 32/B
Mehmed bin Hacı Yusuf 32/B
Mehmed bin øbrahim, vicario del cadì di
Galata 504
Mehmed bin øskender, çavuú 180
Mehmed bin øslâm «Antistite» 32/A
Mehmed bin Kasım, müezzin 280
Mehmed bin Mehmed 32/B
Mehmed bin Mustafa, kadı asker di
Rumelia 810
Mehmed bin ùaban 57
Mehmed bin Yakub 32/A
Mehmed bin Yusuf da Timoria,
mercante 311, 351, 361
Mehmed çelebi bin øbrahim 280
Mehmed çelebi bin Yusuf 32/A
Mehmed çelebi da Adrianopoli bin
Ahmed, mercante 452, 572
Mehmed Colombina, cavaliere e
dragomanno 248
Mehmed da Risano 221
Mehmed dalla riva del Danubio 654
Mehmed di Karaman 245
Mehmed Emin bey, inviato persiano
702
Mehmed hoca da Aleppo, mercante
358
Mehmed hoca da Elbasan 358-359,
361
Mehmed hoca da Jatin, mercante 358
Mehmed hoca da Scutari, mercante
358
Mehmed Mihalbeyo÷lu /
«Micalbegogli», sangiacco di Bosnia
65
Mehmed pascià, cfr. Cerrah Mehmed
pascià
Mehmed pascià, cfr. Damad Mehmed
pascià
Mehmed pascià, cfr. Kurt Mehmed
pascià
Mehmed pascià, cfr. Lala Mehmed
pascià
Mehmed pascià, cfr. Sokollu Mehmed
pascià
Mehmed pascià, beylerbeyi di Bosnia
694
Mehmed pascià, beylerbeyi di Rumelia
773
Mehmed pascià, beylerbeyi di Tripoli
504
Mehmed pascià, serdar 669, 688-689,
709, 726
Mehmed reis 225
Mehmed Salih / detto Negroponte 272
Mellin della Costanza, ambasciatore di
Valacchia 399
Membré Michele, dragomanno 32/B,
93, 102, 109/A-B, 123, 132, 141, 150,
157, 159, 171, 175, 181, 188, 199,
209, 212-213, 216, 218, 220, 224,
226, 237, 239, 243, 245-246, 258,
265, 267-268, 278, 285-288, 314,
323, 327, 332, 340, 344, 348, 353,
356-357, 360, 362, 364-367, 376,
385-386, 393-394, 400, 415, 743,
761, 764-765, 811-812
Memi, bey di Cherca 771
Memi bin Mustafa, kâhya 280
Memi di Mostar, Hacı, 405
Memi çelebi bin Sinan 380/I
Memi reis bin Abdullah 504
Memi ùah / «Memi Cach», schiavo a
Messina 652, 659
Memi ùah, müfettiú di mukataa e nazır
del vilayet 112, 116
Memmo Marcantonio, doge 614, 620,
803
Merlo Giacomo 606, 608, 610-612
INDEX OF NAMES
Mesih pascià, cfr. Hadım Mesih pascià
Mesih pascià, beylerbeyi del Cairo /
Cafer recte Mesih 341, 345
Michel, mercante 727
Michele da «Anese» 146/C
Michiel Pietro, console ad Alessandria,
poi ad Aleppo e savio alla mercanzia
345, 533-534, 536, 787
Mihalbeyo÷lu, cfr. Mehmed
Mihalbeyo÷lu
Milani Giuseppe di Aronne / «YƗsif
MƯlƗnƯ» di «HƗrnjn» 225
«MƯle», mercante dipendente di
Mehmed pascià 709
Milevaü, morlacco 397
Milsovich Bertoldo 380/O
Miquez João, cfr. Nassì Giuseppe
Mocenigo Alvise I, doge 231, 233,
237, 238, 240, 242-246, 249, 251254, 256-257, 263, 265, 267, 269270, 272, 282, 296-297,299, 301,
311, 320, 322-323, 326, 328, 792,
808
Mocenigo Giovanni, ambasciatore
665
Mocenigo Tommaso, ambasciatore e poi
capitano generale da mar 19, 7980/A
Molin (da-) Mauro, capitano della
guardia contro uscocchi 396
Mone (de-) Giacomo fu Alcisio, da Pera
di Costantinopoli 292
Moro Giovanni, bailo 420
Morosini Gian Francesco, bailo 383,
390
Morosini Lorenzo, console ad
Alessandria 627-628
Morosini Matteo fu Giovanni Francesco,
cittadino veneto 292
Mosè / «MnjsқƯ», figlio di «Ya‘Ưš» 801
Mosedich Mosè 749
Müezzin-zade Ali pascià, kapudanpaúa
229-230
Mukin da Terra Nova 655
Murad III, sultano 44, 175, 243-244,
270, 299, 301, 314, 316, 339, 346,
351, 365-366, 370, 385, 388, 415,
422, 436, 438, 443/A-B, 446, 452,
456, 460, 467, 471, 492, 499-500,
506, 515, 517, 524, 576, 596, 784,
219
806
Murad, emin di Gabela 315
Murad, gran visir 622-623, 626, 795
Murad, Hacı, bin Hüseyin, 280
Murad, voivoda 11/A-B
Murad bin Mustafa 297
Murad reis 136
Mürüvvet bin Timur, mercante di
Bosnia 428, 436, 438
Musa bin Yahya / «Chia», çavuú, 32/A
Musil çelebi da Mostar 654
Musli, Hacı, mercante 358
Musliheddin, Hacı / Hacı Mustafa
313, 351, 358, 361
Mustafa 467
Mustafa (altro) 484
Mustafa (altro) 599
Mustafa, cadì di Durazzo 807
Mustafa, çavuú 243, 270, 792
Mustafa, çavuú 515
Mustafa, çavuú della Porta 452, 572
Mustafa, çavuúbaúı 162
Mustafa, emin 744
Mustafa, Hacı, cfr. Musliheddin (recte)
Mustafa, muhafız del sangiacco di
Elbasan 661
Mustafa, müteferrika, kapıcıbaúı del
gran visir 631
Mustafa, prigioniero degli uscocchi, 438
Mustafa, reis dei gönüllü 130
Mustafa, sangiacco di Clissa 329
Mustafa, sangiacco di Clissa (altro)
456, 478-479
Mustafa, sangiacco di Clissa (altro)
647
Mustafa, sangiacco di Clissa (altro)
819
Mustafa, sangiacco di Karlı-eli 577
Mustafa, sangiacco 380/N-O
Mustafa, visir 680, 684
Mustafa, zaim, agà degli azeb di
Castelnuovo 797
Mustafa «Mnjþ» / Coia 811
Mustafa agà, kapıcıbaúı 233, 809
Mustafa agà, müteferrika 564
Mustafa agà «Perezli» 807
Mustafa bey, figlio del sangiacco di
Lika 617-619
Mustafa bey Malkoço÷lu/«MƗlqǀlovƯk»,
sangiacco di Bosnia 140
220
INDEX OF NAMES
Mustafa bin Abdullah 32/B
Mustafa bin Abdullah reis 504
Mustafa bin Ali 452, 572
Mustafa bin Ali (altro) 504
Mustafa bin Ebussuud, cadì di Galata e
di Marmara 492
Mustafa bin Hasan Ali 32/B
Mustafa bin Kurt 280
Mustafa çelebi 30
Mustafa çelebi (altro) 212-213
Mustafa çelebi, di Castelnuovo 271
Mustafa çelebi da Ankara 30
Mustafa çelebi da Beypazarı 654
Mustafa çelebi, uomo del sangiacco di
Bosnia 140
Mustafa da «ƿrƯ÷e», mercante 683
Mustafa da Aleppo 654
Mustafa pascià 244
Mustafa pascià, beylerbeyi di Bosnia
541, 631
Mustafa reis 249, 251, 275
Mustafa reis (altro) 499
Mustafa reis bin Abdullah 504
Mustafa reis da Valona 303, 304/B,
305, 307-308
Mutahhar efendi 611-612
Nachmiyesz Aronne 213
Nádasdy Ferenc 773
Nadir voivoda 403
Nahamias Giuseppe / «Josef» 215
Nahamias Hezra / «‘Ezra Na‘umƯs» /
«Gadarnamis» 215, 223
Nalbant Ali di Scutari 554-555
Nani Agostino, cassier del collegio e poi
bailo 589, 706, 723
Nani Almorò, bailo 607, 610-611,
803
Naon Pasquale de Jumacha,
dragomanno 280
Naranzer Alvise / «NƗrƗnþer» 107,
121
Nasrullah çelebi bin Mehmed 736
Nassì Giuseppe / Joseph Nasi / «Josef
Naci» / «YƗzif NƗsƯ» / João Miquez,
müteferrika 173, 215, 806
Nassì Reyna / Elisabetta, vedova di João
Miquez 806
Nebi hoca, mercante 358
Negroni Andrea, dragomanno 41, 43,
45, 48, 50, 429-431, 447, 461-462,
464, 477-479, 509, 512, 514, 527,
529, 534-535, 537-538, 551-552,
556, 573
Negroponte cfr. Mehmed Salih
Neofito, arcivescovo di Costantinopoli
634
Nezimi, çavuú 456, 460
Nicolò da Costantinopoli 146/B-C
Nores (de-) Giacomo, dragomanno
455, 457, 459, 470, 473, 476, 519,
523, 525, 535, 549, 591, 602, 605,
629, 637, 643, 656-657, 673, 675,
679, 681, 695, 697, 701, 703, 705,
708, 711-712, 754, 757, 759
Nur Banu, valide sultan 316
Obrad, morlacco 397
Offerlinovich Pietro, suddito veneto
380/E
Olivaro Meir, rabbi 165-166
Orhan bin Yakub 280
Orhan, emiro, secondo sovrano della
dinastia ottomana 687
Oruç da «Tašlu÷a» in Erzegovina,
mercante 683
Osman 552
Osman, çavuú e müteferrika 664
Osman, ex defterdar 471
Osman, mercante 683
Osman agà 84
Osman bin Mehmed, cadì di Sarajevo
487
Ömer 95
Ömer, çavuú 90
Ömer, kapıcı e mubassır 415
Ömer bin Abdullah 280
Ömer bin Ferhad di «Chiuluz» 171
Ömer çelebi da Ankara 654
Ömer da Mostar, mercante 683
Padavin Giovanni Battista, segretario
del Senato 589
Pallavesin Bernardino, merciaio
fiammingo 258
Paolo, sensale 405
Papasevasto, patrono di nave 415
Papasoli Dimitri 660
Paradaysar Giorgio / «Paredagsar», 554
Paruta Gianfrancesco, provveditore ad
Almissa 236
«Pasmachisch», cfr. Mahmud agà
Pasquale di Tomaso / «Pasqa» di
INDEX OF NAMES
«Tomaqa», dragomanno 504
Pasqualigo Daniele, savio alla
mercanzia 534, 536
Pasqualigo Filippo, provveditore
generale in Dalmazia e Albania
584-585, 723
«PƗsquǀ» 680
Pastrovich 375
Pavella capitano, 240
Pedro de Maria, cavaliere di San
Giacomo 741-742
Penna (della-), colonnello 240
Perdicca Giacomo / «BerdƯqa», zimmi
388, 415
«Permona», Hacı, çavuú della Porta
537
Pernica Isacco 538
Pertev pascià, visir 779
«PernjdƯk» Francesco 740
Perviz, kâhya 510
Pesaro Luca, capitano a Zara 614-619
Petru II Cercel, principe di Valacchia
399
Piatanza da Molla Nicolò 613
Pietro, armeno 30
Pirap, sopracomito di galea 32/B
Piri, agà di Prevesa e capitano delle
galeotte 346
Piri, Hacı, 137
«Pisan», sangiacco di Clissa 380/G-H
Piyale, kapudanpaúa e poi visir 219,
277, 410
Piyale, mercante 683
Pizzoni Gabriele, nodaro ordinario
120, 129
Porticello Bonifacio da Molfetta, don-,
cantore 411
Priuli 87-88
Priuli Francesco, console ad Alessandria
785, 793
Priuli Girolamo, doge 97, 100, 107108, 112, 114, 116, 118, 125, 127,
130, 158, 160, 162, 174, 180-181,
210, 214-215, 217, 779
Priuli Lorenzo, doge 88, 90, 91, 95
Priuli Nicolò 811
Priuli Nicolò, conte a Traù 380/M
«Qaqqa» «MƗyr» / «Chasec», ebreo
suddito ottomano 199
«QƗrdiyƯl» / «Cardiel» Mosé, ebreo
221
suddito ottomano 199
«QavƗlier» Mosé, ebreo suddito
ottomano 199
Querini, patrono di nave 396
Querini, sopracomito 603
Querini Marco, capitano di nave 246
«QnjjƗnƯ» / «Chusani», cristiano non
veneto 199
Quinciniano frate Accursio 418
Receb, del kaza di Tiro 95
Regazzoni Giacomo 166, 171, 186,
415
Resul agà, agente 607-608, 611-612
Resul agà, dizdar della Fortezza Nuova
800
Ribera Gasparo 806
Ribera Giovanni 806
Ribera Lumera 806
«RƯberǀ», cristiano 199
Ridvan / «Risvan» / «RidқvƗn», da
Adrianopoli 532, 534-539/B
Rodolfo II d’Asburgo, imperatore
443/B
Rodriguez Daniele / «Rodrigo» /
«Daniel Rodrighez» 238, 389
Rotta Alfonso
620
Rüstem, gran visir 82, 137
Saat efendi, muftì di Cipro 608
ùaban, kâtib 398
Safer hoca, mercante 358
Safiye, valide sultan 575
ùahman, Hacı , mercante di Bosnia
428, 436, 438
ùah Mehmed bin Mehmed 736
Saitta Alvise 482
Salandri Francesco 811
Salem Ettore da Molfetta 411-412
Salomone / «Selmnjn», zabit dell’isola di
Paro 223
Salomone di Giacobbe / «Selmnjn veled
YƗƥnjb» 299
Salomone di Giacobbe 804
Salomone di Giuseppe 804
Salomone di Giuseppe, della comunità
«Sinynjra» 57
Salvago Giovanni / «Zanesino» /
«Zaneimo» 380/L
Salvago Giovanni Battista 612
Salvago Mateca / «Mattheca» di
Giovanni da Pera 32/B, 36/A, 36/C,
222
INDEX OF NAMES
229, 432, 440
Salvaresa Fabrizio, emin di Sebenico
112
Samuele, nipote di Salomone Ashkenazi
270, 322
Sandri Antonio, segretario 533-536
Sarafati Giacobbe di Mosé, ebreo 4647, 49, 51, 57, 59, 61
Sarfati Grazia / «SarfattƯ» / «Gratia
Sarafatica» 642, 644
Sarafati Mosè, ebreo portoghese 44,
53
Sarfati Samuele / «SemvƯl SarfattƯ» /
«Samuel» 642, 644
Saruch HқayyƯm / «Caim» «Saruq»
165-166, 168, 171, 174, 176-177,
182, 184, 186, 191, 195/A-B, 199,
205, 208
Saveoni Maffeo, contabile 424
Scaramelli Francesco, segretario veneto
36/A-C
Scaramelli Giovan Carlo, segretario
811
Scaramuccia / «IšqarƗmnjca» da
Sebenico, bandito 747
Scaruoli Manuele / «YƗnǀl IsqƗrǀl » /
«IsqƗrovƯk» / «MƗnǀl Isqarǀl» /
«YalǀlƯ IsqrƗvul» / «Scaroli», zimmi
388, 415, 491-492, 570
Scaruoli Marino fu Manuele 415, 437,
452, 468, 492
Scutarini Cristoforo, procuratore di
Terrasanta 418
ùecca, çavuú 130
Secule Girolamo 231
Sefer bey bin Hüdaverdi 448
Sefer da Erzincan 36/C
Še÷÷Ɨ’ ed-DƯn Esed bey, inviato
persiano 728
Segit Ahmed bin Segit, cadì di Scardona
477
Segura Aronne / «HƗrnjn» / «EhƗrnjn»
173, 174, 203
Segura Giuseppe di Aronne / «Josef
d’Aron» di Segura / «YƗsif» /
«Ynjdқuf» / «Ynjsuf» «SƗgnjra» 163166, 168, 171, 173, 174, 176-177,
184-186, 188, 193, 195/A-B, 201, 203
Selami da Damietta 654
Selim 47
Selim II, sultano 28, 42, 127, 162,
165, 173, 210, 214, 221, 223, 225,
227, 246, 664, 779
«Selǀsta» da Lesina, patrono di nave
683
ùems pascià 371
Serbelloni Gabrio 254, 257, 265-266
ùevi çelebi da Bursa 214
Seyyid Abdi çelebi bin Seyyid Ahmed,
«l’emir degli zambelotti» 29-32/AB
Seyyid Mustafa del kaza di Tiro 95
Seyyidi bin Ali 810
Seyyidi hoca bin Ali, commesso degli
eredi di hoca Derviú 420
Simandrari Giovanni Maria, cavaliere
149/A-B
Simon Tosi fu Faustino da Brescia
36/A
Simone / «Simon», dragomanno di
Elbasan 660-661
Simone, francese ebreo 182-183, 208
Sinan, çavuú di corte ed emin di
Narenta, Ragusa e Macarsca 310
Sinan, sangiacco di Erzegovina 221
Sinan, voivoda 478
Sinan bey 799
Sinan bey bin Abdullah 281
Sinan bin Hızır, mercante 311, 351,
361, 361
Sinan bin Hüseyin 32/A
Sinan bin Mustafa, mercante 311, 351
Sinan pascià 173
Sinan pascià, beylerbeyi delle isole,
grande ammiraglio 88, 91
Sinan pascià, cfr. Cigalazade Sinan
pascià
Sinan pascià, gran visir 386, 431, 433,
513
Siyavuú, gran visir 51, 513, 713
Sokollu Mehmed pascià, gran visir
153, 181, 243-245, 249, 251-253,
257, 263, 267, 271, 296, 308, 329330, 343, 352, 597, 599, 779, 785,
788, 792
Soranzo Giacomo kav., ambasciatore
175, 380/M, 384-385, 390-391, 792
Soro da Venezia, patrono di nave 281
Spinelli Marchiò 392
Squarzafiga Daniele 10
INDEX OF NAMES
Stagner Luca / «StƗnƗrvƯk»,
dragomanno 520
Stanovich Giorgio / «Zorzi» 110, 112
Stefano di Giacomo, dragomanno 810
Stellachi Francesco da Bisceglie 411
Strazs Joachim, cfr. øbrahim, divan-i
hümayun tercumanı
Süleyman I, sultano 1, 4, 5, 6, 14, 16,
18-19, 25, 27, 35, 64, 66, 72, 75-77,
80/B, 82, 86, 88, 90-91, 94-95, 97,
100, 130, 135, 138, 158, 174, 380/F,
380/L, 380/U, 779, 820
Süleyman, agente di Hacı Memi di
Mostar 405
Süleyman, kâhya 114
Süleyman agà 458
Süleyman bin øbrahim 504
Süleyman da Rosetta, Hacı, 654
Süleyman da Sarajevo, Hacı, 654
Süleyman hoca, mercante 358
Sumachi Giorgio da Zante 415
Surian / «Surjaneto», nobile veneto
234
Surian Nicolò, provveditore all’armata
422
Szapolyai János Zsigmond, cfr. Zapolya
Sigismondo
Tac ed-Din bin Mustafa 280
Talgiente Jacopo da Brindisi 613
Taúçı ølyas 234
Teodoro dell’isola di «MƯs», patrono di
nave 691
Thura Giovanni, segretario 186
Tiepolo Almorò, capitano generale in
Dalmazia e Albania 510
Tiepolo Antonio, bailo 244, 253, 292,
301, 330, 370
Tirneve Nathan / «Ternaqa», ebreo da
Valona 328
Todesco Salomone di Giacobbe /
«Selmnjn» di «YƗšnjb» / «Salomon»
273, 276, 283, 289, 301, 330, 369
Todesco Salomone di rabbi Giuseppe /
Salomone di «YƗsif», rabbi 291,
292, 301, 369
Trevisan Nicolò, provveditore generale
in Dalmazia 380/D
Trevisan Pietro 30
Troncone Francesco 534
Turgud pascià / «Dragut», beylerbeyi di
223
Tripoli 85-86
Ulama pascià / «Ellus» 478
Ulama 460, 467
Ulama, sangiacco di Bosnia 64
Ulisse da Perosa 240
Uluç Ali, cfr. Kılıç Ali pascià
Uluç Ali, kapudan della guardia
d’Alessandria 134, 136
Uluç Ali, sangiacco di Sivrihisar 134,
136
Umman, bandito 647
Umur bin Ferhad 199
Vali bin «Cupiar» 477
Valier Ottaviano, avogadore di comun
258
Vallaresso Nicolò, patrono di galea
212
Vay Giovanni / «öƗn bƗy» / «GƗnbƗy» /
«Zanbay» / «Gianvais» da Venezia,
cristiano non veneto 193, 199, 225
Veli 813
Veli agà, kapıa÷ası del pascià di Bosnia
771
Velio÷lu, corsaro 578
Venier Bernardo, conte a Traù 782
Venier Marco, bailo 546, 739
Venier Lorenzo, capitano generale in
Dalmazia e Albania 614, 616-617
Venier Sebastiano, doge 234, 329330, 333, 336-337, 784-785
Vianello 437
Vico, marchese, cfr. Caracciolo Niccolò
Antonio
Vincenzo, capitano 819
Vincenzo di Anzos, merciaio 258
Vincenzo di Franceschi 542
«Xardur», armeno 36/C
Yahya bin Tursun 280
Yahya di Isacco, mültezim 104
Yakub pascià, valì di Bosnia 329
Yavuz Ali pascià, gran visir 677, 683
«Yeias» hoca, inviato persiano 557
Yemiúci Hasan pascià, gran visir 590,
700, 707, 727
«Ynjde», cristiano 522
Yunus, dispensiere del gran visir 513
Yusuf, emin di Bastia 338
Yusuf, figlio di sipahi 477
Yusuf, Hacı, mercante 358
Yusuf, kapudan d’Alessandria 691
224
INDEX OF NAMES
Yusuf, mercante 683
Yusuf agà Besiragich / «Giusuf» 619
Yusuf bin Abdullah 32/A
Yusuf bin Abdullah (altro) 448
Yusuf bin Sayyid 280
Zancani Vincenzo, capitano di Zara
12
Zancheta Bernardo da Bassano 608
Zane, famiglia 86
Zapolya Sigismondo / Szapolyai János
Zsigmond 779
«ZƗqǀre», ebreo, medico del hass 623
Zemre bint Abdelaziz 366
Zen Caterino, savio alla mercanzia
533
Zen Pietro, ambasciatore e vice bailo
6, 72
Zríny Miklós IV 779
Zrínyi György IV / «ZrƯnoƥli» 773
Zülfikar, della fortezza di Nadin 403
Zülfikar agà, müteferrika 686-687
INDEX OF PLACES
The numbers refer to the documents
Acri 145
Adrianopoli / Edirne (t.) 16, 64, 88,
214, 245, 399, 538, 572, 597, 820
Adriatico / Golfo di Venezia / «Qolf»
138, 266, 351, 507, 547, 601, 723,
797
Agria / Eger (ung.) / E÷ri (t.) 548, 550
Albania / Arnavid (t.) / Arnavud Eli (t.)
130, 138, 584-585, 562, 655, 767
Alba Regalis / Székesfehérvár (u.) /
«Ustulni Belgrad» 781
Aleppo / Halep (t.) 280, 358, 418,
471, 572, 654, 787, 803
Alessandria d’Egitto / øskenderiye (t.)
134, 136, 341, 345, 366, 409, 654, 691,
786
Alessio / Leú (t.) / Lehzë (alb.) 138,
221, 246, 351, 358
Algeri / Cezayri Garb (t.) 130, 303
Almissa / «MƯš» / «ElmƯše» 236, 581,
715, 719
Anabolu, cfr. Napoli di Romania
Anatolia 153, 810
Ancona 130, 210, 234, 245-246, 249,
265, 538, 539/A, 649, 709
«Anefe» / «Anese» 146/A, 146/C
Anello di ferro / «Timur halqı» 487
Angelocastro 339
Ankara 30, 245, 358, 654, 736
Antep 654
Antípaxoi / Bahúılar (t.), isola 601
Arcevia, cfr. Rocca Centrata
Arnavid / Arnavud Eli, cfr. Albania
«Arzen», cfr. Erzend
«Asine» 733
Austria 730
Avlonya, cfr. Valona
Aya Mavra, cfr. Santa Maura
Ayaú 258
Baba / «BƗbƗ lǀqva», lago, presso Traù
380/R, 487
Babócsa / Bobofçe (t.) 773
Baffo / Baf (t.) 149/B
Bahúılar, cfr. Páxoi e Antípaxoi
Balaton / «TқnjbƗ», lago 443/B
«BƗliƥa», salina presso Spalato 90
Balyabadra, cfr. Patrasso
Banjaluka / Banyaluka (t.) 462, 467,
531, 553, 694, 815
«BƗrbƗrƯþa», isola 487
Barberia 134, 542
Bari / «BƗrǀ» 351
«Baruti», cfr. Beyrut
Bassano 608
Bastia / «BƗsƯƥa», scalo di fronte a
Corfù 330, 336, 338
Beç, cfr. Vienna
Beykoz, accampamento 4
Belgrado / Belgrad (t.) 338, 590, 650,
657, 662, 664, 676, 688, 692, 694,
729, 773-774, 795
Belgrado d’Albania / Berat (alb.) 138
«BerƗtƯþe» / «Peratigi», presso
Dulcigno 763
«Berde», presso Zara 498
«BƝyƗnƗ lǀqva», lago 487
Beypazarı 49, 654
Beypazarı, contrada di Virancık 810
Beyrut / «Baruti» 143, 145-147
Bisceglie 411
Bogdania / Moldavia / Bo÷dan (t.)
281, 634
Bolondvár 773, 781
«Bǀnh», fortezza 403
«Bosiglina», presso Traù 380/R
Bosnia / Bosna (c. e t.) / «Bossina» 1,
5, 8, 11-12, 19-20, 23-25, 35, 37,
64-66, 68-69, 75-76, 107, 140, 155,
175, 329, 343, 358, 389, 414, 419420, 438, 456, 458, 460, 462-463,
467, 474, 478-479, 506-507, 510,
517, 520, 522, 526, 530-531, 541,
544, 552-553, 562, 576, 579, 581582, 584-585, 592, 595-596, 631632, 667, 694, 718-719, 753, 756,
771-773, 781-782, 779, 810, 815
Bozcaada, cfr. Tenedo
«BrƗyk», villaggio presso Cattaro 446
226
INDEX OF PLACES
Brazza / «BrƗþ», isola 155, 158, 297,
396
«Brehle», villaggio di fronte a Macarsca
158
Brescia 36/A
Brindisi 265, 613
Bristivizza 380/A-B, 380/O-P
Buçaç, vedi Buzaz
Buda 83-84, 351, 377, 411-412,
443/A, 779, 781
Budua 221, 358
Bulgaria 634
Burlus 366
Bursa 214
«Büyük yerlu qaya», cfr. Sasso Grande
Buzaz / Buçaç (t.), torre presso Spalato
di fronte a Clissa 37
Calabria 304/A, 305
«Calamino», cfr. Kalamata
«ýamlı÷a», isola 499-500
Campo di «P[e]ro» 396
Candia / Girid (t.) 87-88, 90-91, 134136, 146/A, 366, 425, 649, 652, 734,
758, 821
Canea 145
«Canizza»,cfr. Kanizsá
Capo Carmini 146/A
Capocesto / Primošten (c.) 396
Capo di «Cosova», presso Traù 380/T
Capo Ducato, presso Valona 305
«ýarinþe», dipendente da Sebenico
776
Carpasso 149/A-149/B
«Cartoldi» / «Cartoli», villaggio presso
Cattaro 406/B, 407
Castelbuzo / «MƯs» 691
Castelnuovo / Hersek-Nova (t.) / Nova
6, 221, 267, 271, 335/A, 343, 347,
350, 354, 375, 383, 391, 510, 756,
796-799
Castelnuovo, Fortezza Nuova / Kale-i
cedid (t.) 221, 797, 800
Cattaro / «QǀtƗr» / «Qotor» 234, 307,
329, 333, 343, 351, 375, 391, 406407, 446, 542, 796-797, 799, 807
Cefalonia / «Kefnjlnjnye» 303, 339,
424-426, 448, 500, 563
«Cemanichio», cfr. Zemonico
Cerigo / Çuha Adası (t.) / «ýoqa» 499
Cerines, scoglio 146A-146/C, 148
«Cernogostina», presso Zara 498
«Cervoglizza», presso Zara 498
Cezayri Garb, cfr. Algeri
Cherca / Kırka (t.) / Krka (c.),
sangiaccato 403, 456, 462, 467,
531, 582, 590, 664, 667, 771-772,
815
Cherca / Kırka (t.) / Krka (c.), fiume 8
Chioggia 613
«Chiuluz», fortezza in Erzegovina
171
Cimera 634
Cipro / Kıbrıs (t.) 28, 90, 92, 95, 134,
143, 147-148, 409, 528-529, 608,
654, 758, 821
Clissa / Kilis (t.) / Klis (c.) 37, 64, 8182, 90, 107, 114, 125, 151, 155, 160,
175, 237, 242, 252, 256, 314, 329,
380/A-B, 380/E-F, 380/H, 380/L-N,
380/P-U, 396-397, 438, 456, 462463, 467, 478-479, 506, 544, 590,
599, 636, 639-640, 645, 647, 664,
671, 694, 720, 723, 726, 745, 747,
756, 776, 816, 819
«Codomastizza», valle 396
«ýoqa», cfr. Cerigo
Corfù 243, 249, 303-305, 330, 336337, 365, 423, 425-426, 558, 576
Corone / Koron (t.) 136, 558, 563
Corovia, casale 149/A-149/B
Costantinopoli / Kostantiniye (t.) /
østanbul (t.) 1, 5, 6, 14, 19, 3536/A, 42, 44, 51, 53, 57, 66, 72, 7576, 79-80/A, 86, 95, 97, 100, 130,
135, 138, 146/B-C, 153, 158, 174175, 210, 214, 221, 223, 225, 227,
229-230, 245-246, 249, 253, 257,
263, 267, 271, 277, 280-281, 283,
299, 301, 303, 304/B, 308, 310-311,
314, 319, 321-322, 325, 326, 329,
330, 334, 343, 346, 351-352, 359,
366, 368-373, 378, 380/F, 380/T,
382, 385-386, 388, 411-412, 415,
417-419, 422, 432-433, 436, 438,
440, 443/A-B, 446, 452, 456, 458,
460, 467-468, 471, 474, 481-482,
492, 499-501, 506, 511, 513, 515,
517, 524, 530, 543-544, 547, 550,
558, 562, 566-568, 573, 577-578,
581, 588, 596-597, 599-601, 610,
INDEX OF PLACES
623, 625-626, 631, 633-634, 644,
654, 663, 665, 667-668, 670-671,
677, 680, 683-684, 686-687, 693,
698-700, 706-707, 709-710, 718719, 727, 740, 742, 749, 763, 779,
804, 806, 810, 814, 820
Costantinopoli, Arsenale di 368, 622,
699
Costantinopoli, Belvedere presso 215
Costantinopoli, Galata / Pera 32/B, 36,
97, 254, 280, 292, 301, 448-350,
383-384, 390, 419, 492, 500, 504,
611, 634, 820
Costantinopoli, Ponte Piccolo presso
380/T
Costantinopoli, Rumeli Hisarı /
«Castelnuovo» 257
Costantinopoli, S. Maria di Drapé,
chiesa di 418
«Cosyach», presso Traù 380/R
Croazia 252, 617-618
Çuha Adası, cfr. Cerigo
Curzola 245, 576
Curzolari / «Scorzolari», isole 230
«Dabgora» / «DƗbgǀra», monte presso
Traù 380/R, 487
Dalmazia 11/A, 12, 28, 63, 65, 236,
240, 252, 380/D-E, 380/M, 456, 458,
562, 584-585, 648, 672, 715, 723,
755, 781, 792
Damasco 418, 471
Damietta 146, 654
«DƗnƯle» 487
Danubio, fiume 654
Deimo, acque presso Clissa 82
Delvina / Delvino 328, 351, 558, 744,
751-752
«DƯvƯnƯk» 8
Diyarbekir 803
Ducagini / Dukagin (t.) 217, 221, 807
«Ducato», cfr. Erzegovina
«Dugare» / «DǀƥƗr», fortezza presso
Almissa 579, 581
Dulcigno / Ülkün (t.) 763
Durazzo / Dıraç (t.) 138, 542, 599,
661, 699, 707, 807
«Dnjrnjdnjlþe» 487
Edirne, cfr. Adrianopoli
Eflâk / «EflƗqƗn», cfr. Valacchia
Eger, cfr. Agria
227
Egitto 95, 103, 227, 341, 625, 628,
691, 786, 790, 793
E÷ri, cfr. Agria
E÷riboz, cfr. Negroponte
Elbasan 138, 311, 315, 358-359, 558,
660-661
«ElmƯše», cfr. Almissa
Erciú, sangiaccato 727
Erdel, cfr. Transilvania
Erzegovina / Hersek (t.) / «Ducato» 4,
6, 14, 16-17, 26-27, 37, 46-47, 72,
107, 110, 112, 116, 140, 151, 155,
158, 171, 221, 233-234, 238, 267,
303, 405, 462, 590, 664, 683, 756,
771, 797, 808
Erzend / «Arzen», fiume 807
Erzincan 36/C, 245
Estrovik, fortezza presso Sebenico 37
Esztergom, cfr. Strigonia
Europa / Frengistan (t.) 103, 634
«Exirgen» 36/C
Famagosta / Ma÷oúa (t.) 146/B-C, 148
Far / «FƗr», cfr. Lesina
«Feredun», presso Zagorje 479
Fermo 265
Ferrara 564
Fez 564
Filippopoli 538
Firenze 538, 625, 654
Focea / Foça (t.) 223
Francia 372-373, 381, 395, 399, 564,
741, 820
Frengistan, cfr. Europa
«Fromentore», isole 396
Gabela 315, 436, 664
Gallipoli / Gelibolu (t.) 299, 733
Garbellan / «GƯrbelƗn», distretto presso
Cattaro 333
«Gasgan», acque presso Traù 380/R
Genova 625
Germania 781
Gerusalemme / Kudüs (t.) 418
Gianina / Yanya (t.) 558
Giedie / «Gednjs», miniere di allume
174
«GƯrbelƗn», cfr. Garbellan
Girid, cfr. Candia
«Goio del Vitturi», monte presso Traù
380/R
228
INDEX OF PLACES
Gornizza, presso Clissa verso il mare
82
Gradina 614
Gruzi / «Grnjze» 403, 615
Gubbio 11/B
«Gnjþe», ai confini di Zara 487
«Guodena Galcha», cfr. Sasso Rosso
«Gušter», collina 487
Györ / Yanık (t.) 779
Gyula 779
Halep, cfr. Aleppo
Hama 654
Hersek, cfr. Erzegovina
Hersek-Nova, cfr. Castelnuovo
Hoca Eli, sangiaccato 130
Hvar, cfr. Lesina
il Cairo 92, 101, 103-104, 118, 341,
345, 402, 624, 627, 790
Imoschi / Imotski (t. e c.) / «Ʈmǀþqa»
310
ønebahtı, cfr. Lepanto
Inghilterra 371, 517, 820
«Isalyǀne», cfr. Znoile
øskenderiye, cfr. Alessandria d’Egitto
øskenderiye, cfr. Scutari d’Albania
«IslƗne» 487
«Islavin», cfr. Slavonia
«IslevƯnþe» 487
«IslevƯnþe lǀqva», lago 487
Ismuchiovich / «Ismnj qǀvƯþe» 467
«Ispermþe» 487
«IsqarƗdƯn» / «IsqƗrdǀna» / «IsqardƯn»,
cfr. Scardona
østanbul, cfr. Costantinopoli
Istria 584-585, 655
«IsvƯtƯ Lnjqa», cfr. San Luca
øzmid, cfr. Nicomedia
Jatin 358
Jenö / «YƗnva» 779
Kalamata / «Calamino» 415
Kale-i cedid, cfr. Fortezza Nuova
Kanizsá / Kaniye (t.) / «Canizza» 648,
694, 773, 781
Karaman 146/C, 245
Karin 64
Karlı-eli 339, 346, 558, 577-578
«Kefnjlnjnye», cfr. Cefalonia
Kıbrıs, cfr. Cipro
Kilis / Klis, cfr. Clissa
Kırka, cfr. Cherca
Kolivrad 8, 23, 26-27
Komárt 773
Kopan / «QǀpƗn» 582
Koron, cfr. Corone
Kostantiniye, cfr. Costantinopoli
«Kotar», presso Zara 487
Krka, cfr. Cherca
Kudüs, cfr. Gerusalemme
Kupres 151
Lago Rosso / «Qızıl lǀqva», presso Traù
380/R, 487
Lagos, cfr. Vilagos
Lagosta / «LƗsқteva» / «LƗsқtқava» /
Lastovo (c.) 666, 669, 671, 680,
687-688
Lak 773, 781
«Lapsechi» 733
Lastovo / «LƗsқteva» / «LƗsқtқava», cfr.
Lagosta
Lehzë, cfr. Alessio
Lepanto / ønebahtı (t.) 130, 230, 303305, 339, 346, 558, 577
«Leporini», stretto 396
Leú, cfr. Alessio
Lesina / Far (t.) / Hvar (c.) / / «Liesena»
/ «FƗr» / «Nesne» / «Nezene»
110, 112, 155, 210, 219, 266, 297,
315, 393, 474, 683
Licca / Lika (t.) 478, 579, 617-618,
720, 722-723, 756, 769
Lipari, isola 303
Livno 252, 380/A-B, 380/E-F, 380/I,
380/N, 380/P-S
Livorno 564
Longarico, castello presso Clissa 82
«Lulosc», presso Clissa 82
Macarsca / Makarska (t.) / «MeqrƗsqa»
108, 155, 158, 297, 310, 393, 396,
715, 719, 809
Macerata 613
«Machiar», villaggio presso Pogliza
314
Ma÷oúa, cfr. Famagosta
«MƗhƯne», villaggio presso Cattaro
446
Makarska, cfr. Macarsca
Malamocco / «MƗlamǀqa» 526
Malpaga 403
Malta 86, 358, 448, 654
Malvasia / Menekúe (t.) 821
INDEX OF PLACES
«Mantor» / «Monastir» (isola) 415
Manya / Manyas 415
Marche / «Marca» 265
Margariti, nel sangiaccato di Delvina
752
Marmara 32/B, 492
Mar Nero / «Mar Mazor» 193
Marocco 696
Maronia / «MƗrǀnya», miniere di allume
174
Marsiglia 564
«MƗrye» 487
«Meknjre», cfr. «Sknjre»
Menekúe, cfr. Malvasia
Messina 145/A, 296, 301, 303, 369,
652, 659
Metelino / Midilli (t.), isola 733
Mezistre, sangiaccato 558
«Mezlina», villaggio presso Traù
380/M
Midilli, cfr. Metelino
Milo 134
«MƯrƗlƯ», isola presso Costantinopoli
319
«MƯrƯlovƯk» 775
«MƯš», cfr. Almissa
«MƯs», cfr. Castelbuzo
Modone / Modon (t.) 558
Moldavia, cfr. Bogdania
Molfetta 411-412
Molla 613
«Molova» 733
Montenegro 406-407, 446
Morea / Mora (t.) 415, 422, 452, 558,
563, 578, 601, 693
Mostar 14, 26-27, 405, 654, 683
Nadin 16, 64, 275, 403
Nakúa, cfr. Nicsia
Napoli 265, 784
Napoli di Romania / Nauplia / Anabolu
(t.) 79, 80/B
Narenta / Neretva (c.) 29, 31-32/A,
116, 155, 233, 269, 297, 310, 315,
389, 393, 756, 808-809
Nasso, cfr. Nicsia
Nauplia, cfr. Napoli di Romania
Negroponte / E÷riboz (t.) 272, 818
Neretva, cfr. Narenta
«Nesne» / «Nezene», cfr. Lesina
Nevest 8
229
Nicomedia / øzmid (t.), sangiaccato
135, 734
Nicsia / Nasso / Nakúa (t.) / 734
«Nirkora» (g.) 17
«Noncovich», presso Zara 498
Nova, cfr. Castelnuovo
Novi, ai confini di Zara 64
Novigrad, fortezza 562, 614
Novi Pazar 82
Obrovazzo / Obrovaü (c.) / «Obrnj÷a»
66, 510, 614, 756
«ƿdƗnƯ» 403
Ocrida / Ohri (t.) / «OhқrƯ» / «OhrƯ»
138, 256, 311, 634
Olanda 820
«Orglia Draga», monte presso Traù
380/R
«ƿrƯ÷e» 683
«ƿrmen÷Ɨd», presso Sebenico 819
Pago / Pag / «BƗq» (isola) 329
Palormo / Bandırma (t.) 281
«PƗlqalik», saline di fronte a Corfù
330
Pápa 773, 781
Papali / «PƗpƗlƯk», torre presso Spalato
87-88, 90
Parenzo 655
Parga 243, 303, 752
Paro / Paros 223
Pastrovich / «PaštnjrvƯ» / «PrestnjvƯþe»
375, 445-446, 467, 445-446, 467
Patino 373
Patrasso / Balyabadra (t.) 361, 415
Páxoi / «Paxo» / Bahúılar, isola 305,
601, 603
Perasto / Perast (c.) / «Paris» / «PerƗst»
351, 358, 796-797
«Peratigi», cfr. «BerƗtƯþe»
«Perenustin», territorio di Traù 479
Perosa 240
Persia 686
«Pertgliane», presso Zara 498
Petropula, nel distretto di Scardona
477
Petrovagore 462-463, 596
Podgora / Podgorje / «Bǀd‘ǀrye» 236,
329, 380/N-O
Pogliza / Poljice (c.) 6, 82, 90, 314,
487, 689
Pojega 694, 781
230
INDEX OF PLACES
Poleschize / «PǀleškƯhқ» / «Pǀliškiþa»,
fiume presso Sebenico 8, 69
Polissane / «PǀlƯšƗn», castello 403
Polonia 443/B
Pontesecco, presso Clissa 82
«Porsanze», presso Zagorje 479
Portogallo 44, 806
«Possidaria», punta 498
Pozsony 773
Praga 773, 781
Prevesa / Preveza (t.) 303-305, 346,
558, 563, 577
Primorje, distretto 155
Primošten, cfr. Capocesto
«Prosich», presso Traù 380/R
Puglia 130, 351, 361, 683
«Pnjrnjzki» 487
«QamƗkƗn» 487
«QašƯk», castello (hisar) 692
«QazƥƗn», sasso 487
Qazvın 557
«Qızıl lǀqva», cfr. Lago Rosso
«Qızıl Qaya», cfr. Sasso Rosso
«Qolez», cfr. Volo
«Qolf», cfr. Adriatico
«QǀpƗn», cfr. Kopan
«QoprƯvin÷e» 694
«Qǀselǀ QšƯla» 487
«QǀtƗr» / «Qotor», cfr. Cattaro
«QǀzyƗqa» 487
Quarnaro 213
«Quru Dere», cfr. Valle Secca
«RƗdǀhenk», nel sangiaccato di Clissa
776
Radošiü 8, 380/L, 456, 478
Ragusa / Dubrovnik 44, 47, 53, 180,
213, 231, 257, 265, 272, 310, 395,
517, 639, 680, 683, 687-688, 813
Rastine / Raslina (c.) / «ZƗstine», casa
presso Sebenico 37
Remusca / «Mucicha», in Erzegovina
393
«Riniassa» 304/A
Risano / «RisƗn» 221, 797
Rocca Centrata / Arcevia 265
Rodi / Rodos (t.) / «Rhodi» 87, 90,
133, 135-137, 403, 691, 734
«RǀgǀznƯþe» 487
Roma 234, 254, 257, 265, 634, 736
Rosetta 366, 654
Rovigno 655
Rumelia 670, 773, 810
Saida 654
Salamon, capo 134
Salona, fiume 82, 240, 242
Salonicco / Selânik (t.), golfo di - 500
San Luca / «IsvƯtƯ Lnjqa», fiume presso
Cattaro 446
Santa Maura / Aya Mavra (t.) 303,
349, 415, 558, 563, 578, 699
Saragozza 661
Sarajevo 175, 380/U, 438, 478, 484485, 487, 489, 495, 552-553, 654,
683
Sarnocizza, presso Clissa 82
Sasso Grande / «Büyük yerlu qaya»
487
«Sasson» 733
Sasso Rosso / «Guodena Galcha» /
«Qızıl Qaya», presso Traù 380/R,
487
Savoia / «SƗvoye» 625
«Sbicine» 380/H
Scardona / Skardin (c.) / «IsqarƗdƯn» /
«IsqƗrdǀna» / «IsqardƯn» 1, 8, 14,
17-18, 26, 64, 72, 77, 82, 403, 467,
477, 484-485, 487, 489, 495, 631632, 666-667, 722, 738, 756, 775
Scusela / «SnjzƝlƗ» 722
Scutari d’Albania / øskenderiye (t.)
142, 333, 358, 446, 554-555, 599,
655, 762-763, 766, 797
Sebenico 1, 8, 14, 18, 26, 37, 72, 78,
84, 112, 114, 125, 158, 380/M,
380/Q, 396-398, 454, 456, 460, 467468, 474, 478, 485, 487, 506, 542,
592, 595, 631-632, 664, 667, 674,
676, 692, 747, 756, 777-776, 819
Sedd-i Islam, presso Zara 329, 510
Segna / «Sene» / «SƯna» / «Seni» /
«Sek» 32/A, 64, 155, 158, 210,
219, 297, 329, 393, 396, 443/B, 477478, 554, 582, 590, 631-632, 667,
729, 747
Selânik, cfr. Salonicco
«Senye», salina presso Spalato 90
Sica / «Siqa», casa merlata sulla costa
presso Spalato 37
Sicilia 634, 784
Silischia / «Silišta», presso Sebenico 8
INDEX OF PLACES
«SƯrez» 214
Siria 134, 418, 578
Sitniza / «Sitni÷», presso Sebenico 8
Sitta / «Sitye», castello presso Clissa
82, 487
Sivrihisar, sangiaccato 134, 136
Skardin, cfr. Scardona
Skoplje / Üsküp (t.) 214, 245
«Sknjre» / «Meknjre», chiesa presso
Clissa 433, 438
Slavonia / «Islavin» 694
«Smoquiza», guardiola 380/B
«Snoyla» / «Snoylo», castello demolito
preso Traù 380/L, 380/T
Sofia 55, 60, 181, 390, 779
«Sohodol», cfr. «Suchidel»
Solin / «SǀlinƯ» / «SқǀlƯn» / «SolƯne»,
fortezza presso Spalato 76, 242,
467
Sopoto 599
Spagna 422, 517, 624-625, 686, 784
Spalato / Split 11, 37, 77-78, 87-88,
112, 114, 158, 236-237, 239-240,
314, 380/M, 380/Q, 396-397, 456,
460, 478, 486-487, 495, 552-553,
608, 610, 636, 639, 641, 645, 664,
674-675, 694, 726, 747, 756
«Srem» / «Sron», isola sulla Sava 6,
25
«Sresa» 478
«Srimþe» 474
«Ssaràmissé», villaggio presso Pogliza
314
Strigonia / Esztergom / «Usturƥnjn»
756, 773
«Suchidel» / «Sohodol» / «SuhқƯdǀl»,
presso Traù 8, 380/L
Székesfehérvár, cfr. Alba Regalis
Szigetvár 779
«Tarhaniaz» 733
«Tašlu÷a», in Erzegovina 683
Temesvar / «TқemešvƗr» 443/A
Tenedo / Bozcaada (t.) 684
Terra Nova 655
Terrasanta 418
Timoria 361
«Timur halqı», cfr. Anello di ferro
Tiro / «TƯrƝ» 95
«Tirtera» 487
Tokat 735
231
Toscana 251, 371
Transilvania / Erdel (t.) 650
Trappano / Trpanj (c.) 396
Traù 1, 8, 18, 78, 114, 125, 379-380AB, 380/E, 380/G, 380/I, 380/M-T, 396397, 456, 460, 467-468, 477-479,
487, 489, 552, 595, 664, 674, 676,
753, 756, 782
«Triloqva» / «Tri Loqua», presso Traù
8, 380/L
Tripoli di Barberia 85-86, 654
Tripoli di Siria 95, 418, 469, 471
«TқnjbƗ», cfr. Balaton
Tunisi 95, 257, 480, 601
«Tnjrbe», castello presso Segna 219
Turchia 249, 322, 433, 528, 810
«Tzuni» (g.), vedi Zini
«NjbrƗnƯþƯk» 487
Ujvar 773
«NjlƗšqƝrda» 487
Ülkün, cfr. Dulcigno
«UllƗnƯk» 487
Ungheria / «Ongaria» 1, 27, 590,
632, 650, 652, 669, 686, 688, 689,
773
«Uratchovichi» / «NjrƗhǀvƯþe» 380/E,
694
«Njrla DrƗgasine» 487
Üsküp, cfr. Skoplje
«Ustulni Belgrad», cfr. Alba Regalis
«Usturƥnjn», cfr. Strigonia
«Njzlnj SelƗ» 487
Valacchia / Eflâk (t.) / «EflƗqƗn» 399,
634, 694
«VƗliq» 683
Valle Secca / «Quru Dere» 487
Valona / Avlonya (t.) 138, 303-305,
311, 328, 574, 577, 661, 699, 744
Van 36/C
Varbagno, forte 350
«VƗrdeqarsye», mare di - 487
«Veginunze», presso Zagorje 479
Veglia / Krk, isola 542
Velçetrin, sangiaccato 474
Velin, torre presso Estrovik 37
Veneto 709, 797
Venezia / Venedik (t.) 11/A, 18, 2830, 32/B, 36/A, 42, 84, 90, 97, 104,
116, 123, 125, 127, 140, 142, 153,
162, 165-166, 168, 171, 173, 176-
232
INDEX OF PLACES
177, 185, 188, 191, 193, 195/A-B,
199, 201, 205, 207, 213-214, 223,
225, 242-243, 246, 249, 256, 258,
261, 265, 272-273, 277, 281, 291,
299, 301, 310-311, 319, 321, 323,
328, 334-335/B, 341, 351, 358, 369,
371-373, 375, 377, 380/A, 380/M,
380/Q, 380/S, 380/U, 383, 388, 395,
403, 405-406, 410-412, 414-415,
419-420, 425-426, 438, 446, 452,
467, 471, 482, 487, 506, 510, 513,
520, 522, 526, 530, 533-536, 538,
542, 544, 554, 568, 576, 582, 589590, 599, 607, 609, 612, 616, 620,
625, 644, 671-672, 676, 680, 683,
686, 709-710, 713, 726-727, 730,
738, 744, 747-748, 756, 771, 784,
786-790, 792-793, 801, 803, 806,
810, 820-821
Venezia, Golfo di, cfr. Adriatico
Venezia, San Salvador 258
Venezia, San Marco 41
«VerƗnqovƯk» 775
«Verbagno», forte 384
Verona 36/A
Verpoglie / Vrhpolje (c.) / «Vrhқpǀlþe» /
«VƯrhpolþe», ai confini di Sebenico
454, 456, 458, 460, 462-463, 467,
478, 506, 595
Vetin / «Vetineq», 582
«Vglienich», presso Traù 380/R
Vienna / Beç (t.) 219, 329, 441,
443/A-B, 510, 517, 522, 590, 779,
781
Vieste 351
Vilagos / Lagos 779
Vinodolo / Vinodolski Kanal (c.),
proseguimento del Canale di
Maltempo 396
Viranzio / Virancık (t.), in Anatolia
810
«VƯsǀqa» 487
«VƯtgrƗd» / «VƯšgrƗd», fortezza veneta
presso Clissa 90, 772
«Vladilovich», presso Zara 498
Volo / «Qolez» 499
Vrana 64
Vrana, lago 487
Vraniz / Vranjic (c.), castello presso
Clissa 82
Vrhpolje / «Vrhқpǀlþe» / «VƯrhpolþe»,
cfr. Verpoglie
«Vnjþnj ƿsқ», collina 487
«Vulasche», monte presso Traù 380/R
«Vurat Coda» 477
Yanya, cfr. Gianina
Yanık, cfr. Györ
«YnjnǀklƯk» 403
Zacarca 617-618
Zadra, cfr. Zara
Zagorje / Zagor / «Saguria» / «Zauria»
456, 460, 467, 478-479, 506, 640
Zante, Zaklise (t.) 130, 296, 305, 307,
330, 339, 373, 415, 422, 500-501,
558, 563, 578, 599, 691
Zara / Zadra (t.) 12, 17, 114, 151,
158, 252, 275, 329, 380/M, 380/Q,
397, 403, 456, 474, 484, 487, 498,
510, 520, 531, 541, 553, 585, 614,
617, 664, 671, 674, 676, 683, 692,
723, 747, 756
«ZƗstine», vedi Rastine
Zemonico / Zemunik (c.) / «ZemnjnƯk» /
«Cemanichio» 252, 403, 544-545
«Zenich» / «ZƝnƯk» / «ZetnƯk» 8, 69
Zini / «Tzuni» 17
Znoile / «Isalyǀne», castello 456
«ZostovƯsþƯ», ai confini di Zara 487