XXIII Congresso Nazionale Italiano di Entomologia
Genova, 13-16 giugno 2011
Atti
Genova, maggio 2011
ENTI PROMOTORI
Accademia Nazionale Italiana di Entomologia
Società Entomologica Italiana
COMITATO D’ONORE
Romano DallaiPresidente dell’Accademia Nazionale Italiana di
Entomologia
Augusto Vigna Taglianti
Presidente della Società Entomologica Italiana
Claudio Burlando
Presidente della Regione Liguria
Marta Vincenzi
Sindaco di Genova
Alessandro Repetto
Presidente della Provincia di Genova
Angelo BerlangieriAssessore al Turismo, Cultura e Spettacolo della
Regione Liguria
Pinuccia MontanariAssessore al Piano e Regolamento del Verde del
Comune di Genova
Andrea Ranieri
Assessore alla Cultura del Comune di Genova
Anna Maria DagninoAssessore a Mobilità, Trasporti, Turismo e
Promozione culturale della Provincia di Genova
Giancarlo AlbertelliPreside della Facoltà di Scienze Matematiche,
Fisiche e Naturali dell’Università di Genova
Luca BorzaniPresidente della Genova
Fondazione per la Cultura
III
Palazzo
Ducale
PATROCINATORI
Regione Liguria
Provincia di Genova
Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
dell’Università degli Studi di Genova
Dipartimento per lo studio del Territorio e delle sue Risorse
dell’Università di Genova
SPONSORS
Barclays Bank
Tersia S.r.l., Savona
Leica Microsystems, Milano
FEI Italia S.r.l., Milano
KF Technology S.r.l., Roma
Omnes Artes, Milano
Fratelli Carli S.p.A., Imperia
IV
SESSIONI E COMITATO SCIENTIFICO
I. MORFOLOGIA FUNZIONALE, SISTEMATICA E FILOGENESI
Romano Dallai (Università di Siena) Referente
Alessandro Minelli (Università di Padova)
Giorgio Nuzzaci (Università di Bari)
II. FAUNISTICA E BIOGEOGRAFIA
Augusto Vigna Taglianti (Università di Roma “La Sapienza”) Referente
Marco Bologna (Università di Roma Tre)
Achille Casale (Università di Sassari)
III. INSETTI SOCIALI ED APIDOLOGIA
Franco Frilli (Università di Udine) Referente
Stefano Turillazzi (Università di Firenze)
Ignazio Floris (Università di Sassari)
IV. ENTOMOLOGIA FORESTALE
Andrea Battisti (Università di Padova) Referente
Andrea Binazzi (Centro di Ricerca per l’Agrobiologia e la Pedologia, Firenze)
Pietro Luciano (Università di Sassari)
V. ECOLOGIA ED ETOLOGIA
Pietro Brandmayr (Università della Calabria) Referente
Giuseppe Rotundo (Università del Molise)
Maria Cristina Lorenzi (Università di Torino)
VI. ENTOMOLOGIA AGRARIA
Alessandra Arzone (Università di Torino) Referente
Piero Cravedi (Università Cattolica del Sacro Cuore, Piacenza)
Sebastiano Barbagallo (Università di Catania)
VII. ENTOMOLOGIA MEDICO-VETERINARIA E FORENSE
Michele Maroli (Istituto Superiore di Sanità, Roma) Referente
Roberto Nannelli (Centro di Ricerca per l’Agrobiologia e la Pedologia, Firenze)
Stefano Vanin (University of Huddersfield)
VIII. BIOTECNOLOGIE ENTOMOLOGICHE
Francesco Pennacchio (Università di Napoli “Federico II”, Portici) Referente
Barbara Giordana (Università di Milano)
Carla Malva (Istituto di Genetica e Biofisica, Napoli)
V
IX. ENTOMOLOGIA MERCEOLOGICA ED URBANA
Luciano Santini (Università di Pisa) Referente
Luciano Süss (Università di Milano)
Santi Longo (Università di Catania)
X. CONTROLLO BIOLOGICO
Gennaro Viggiani (Università di Napoli “Federico II”, Portici) Referente
Stefano Maini (Università di Bologna)
Alberto Alma (Università di Torino)
XI. STORIA DELL’ENTOMOLOGIA
Roberto Pantaleoni (C.N.R., Sassari) Referente
Carlo Violani (Università di Pavia)
Marzio Zapparoli (Università della Tuscia, Viterbo)
VI
COMITATO ORGANIZZATORE
Comune di Genova
Museo Civico di Storia Naturale “G. Doria”
Roberto Poggi (Presidente)
Anna Biancalana
Giuliano Doria
Maria Tavano
con la collaborazione di
Loris Galli
Enrico Gallo
Giuliano Lo Pinto
SEGRETERIA AMMINISTRATIVA
Museo Civico di Storia Naturale “G. Doria”
Anna Biancalana
Loredana Ciappino
Giuliano Doria
Gaetano Schiavo
COLLABORAZIONI
Museo Civico di Storia Naturale “G. Doria”
Tiziana Buonaguidi
Primo Gardella
Cristina Macciò
Raffaele Palmerino
Massimo Petri
Paola Volvera
COLLABORAZIONI ESTERNE
Marco Bertolini
Cristina Camattari
Chiara Costa
Alberto Mariotti
Francesca Merlanti
Chiara Montagnani
Stefania Murgia
Luca Samaritani
VII
REDAZIONE DEGLI ATTI
Comune di Genova
Museo Civico di Storia Naturale “G. Doria”
Giuliano Doria
Roberto Poggi
Maria Tavano
REALIZZAZIONE DEL LOGO
Comune di Genova
Enrico Pierini
REALIZZAZIONE SITO WEB
Comune di Genova
Paolo Dallorso
VIII
PARTECIPANTI
(elenco provvisorio al 15 maggio 2011)
Accorsi Annalisa, IMPERIA
Addante Rocco, BARI
Adorno Antonio, CATANIA
Albonetti Paolo, GENOVA
Alma Alberto, GRUGLIASCO (TO)
Altini Enrico, BARI
Anaclerio Matteo, PIACENZA
arnone Marcello, palermo
arnone buglisi Rosa, palermo
Arzone Alessandra, GRUGLIASCO (TO)
BACCELLIERE Giorgio, Genova
Badano Davide, SASSARI
Baini Francesco, ROMA
Ballerio Alberto, BRESCIA
BARACCHI David, FIRENZE
Barbagallo Sebastiano, CATANIA
Bari Giuseppe, BARI
Baroni Daniele, GENOVA
Baronio Piero, BOLOGNA
Battisti Andrea, LEGNARO (PD)
belcari Antonio, firenze
Bella Salvatore, CATANIA
BENASSAI Daniele, FIRENZE
Benelli Giovanni, PISA
benvenuti Claudia, firenze
Bernardinelli Iris,
POZZUOLO DEL FRIULI (UD)
Berzolla Alessia, PIACENZA
Biondi Antonio, CATANIA
Biondi Maurizio, L’AQUILA
Bione Alessandro, ZOLA PREDOSA (BO)
Bo Tiziano, ALESSANDRIA
Boemi Rosa, CATANIA
Bologna Marco, ROMA
Bonacci Teresa, RENDE (CS)
Boni Umberto, GROPELLO CAIROLI (PV)
Bonsignore Carmelo Peter,
REGGIO CALABRIA
Bosso Luciano, PORTICI (NA)
Bozano Gian Cristoforo, MILANO
Bracalini Matteo, FIRENZE
Brandmayr Pietro, RENDE (CS)
Brini Carlo, LESSONA (BI)
Buffa Franco, SASSARI
Caleca Virgilio, PALERMO
Calzolari Mattia, REGGIO EMILIA
Cammarata Massimo, ALESSANDRIA
Canale Angelo, PISA
Cangelosi Benedetta, SANREMO (IM)
Canovai Roberto, PISA
Capizzi Alessandro, MILANO
Capizzi Amedeo, MILANO
CAPRIO Emilio, portici (na)
Capurro Matteo, GENOVA
Cardarelli Elisa, PAVIA
Cargnus Elena, UDINE
Caruso Nunzio, ACIREALE (CT)
Casale Achille, SASSARI
Casartelli Morena, MILANO
Cascone Pasquale, PORTICI (NA)
Cassini Rudi, LEGNARO (PD)
Castelli Ilaria, MILANO
cavalieri Vincenzo, CATANIA
Cervo Rita, FIRENZE
Chiappini Elisabetta, PIACENZA
Chiaranz Giorgio, USCIO (GE)
Cigolini Manuela, PIACENZA
cini Alessandro, firenze
Ciocchetta Silvia, LEGNARO (PD)
Cioffi Marilisa, BARI
Cobolli Marina, ROMA
Cocco Arturo, SASSARI
Cocuzza Giuseppe, CATANIA
colombo Mario, milano
COMENALE PINTO Angela, RECCO (GE)
Conti Barbara, PISA
CONTI Filadelfo, PALERMO
Convertini Stefano, BARI
Cornara Daniele, BARI
Costa Andrea, SERRA RICCÒ (GE)
COVASSI Marco, FIRENZE
Cravedi Piero, PIACENZA
Cristini Michele, BORGHETTO VARA (SP)
Croci Francesco, FIRENZE
D’Alberton Caterina, TEOLO (PD)
Dallai Romano, SIENA
De Cristofaro Antonio, CAMPOBASSO
De Grazia Alessandra, REGGIO CALABRIA
De Lillo Enrico, BARI
DEFILIPPO Francesco, REGGIO EMILIA
Deliperi Salvatore, SASSARI
Della Beffa Giuseppe, TORINO
Della Rocca Francesca, PAVIA
Dell’Otto Alessandro, PERUGIA
Delrio Gavino, SASSARI
Dematteis Elisabetta, MILANO
Depalo Laura, BOLOGNA
Di Domenico Davide, ZOLA PREDOSA (BO)
Di Franco Francesca, ACIREALE (CT)
Di Lelio Ilaria, PORTICI (NA)
Di Palma Antonella, FOGGIA
Di Prisco Gennaro, PORTICI (NA)
Di Santo Patrick, CAMPOBASSO
Diamante Barbara, MILANO
Digilio Maria Cristina, PORTICI (NA)
Dindo Maria Luisa, BOLOGNA
IX
Dolci Marcello, GRUGLIASCO (TO)
Dolci Ballesini Maria Grazia, TORINO
Fabrizi Angelisa, PERUGIA
Faccoli Massimo, LEGNARO (PD)
Faraci Franco, BARDOLINO (VR)
Fausto Anna Maria, VITERBO
Fenoglio Stefano, ALESSANDRIA
Ferracini Chiara, GRUGLIASCO (TO)
Ferretti Stefano, GENOVA
Floris Ignazio, SASSARI
Fois Francesco, CAGLIARI
FORNASIERO Diego, legnaro (pd)
Fortunato Laura, UDINE
Foxi Cipriano, SASSARI
Francardi Valeria, FIRENZE
Francati Santolo, BOLOGNA
Franzini Luca, GROSIO (SO)
Gagnarli Elena, FIRENZE
Galli Loris, GENOVA
gallo Enrico, genova
Gardini Giulio, GENOVA
Garonna Antonio Pietro, PORTICI (NA)
Gebiola Marco, PORTICI (NA)
Germinara Giacinto Salvatore, FOGGIA
Giachino Pier Mauro, TORINO
Giordana Barbara, MILANO
Girolami Vincenzo, LEGNARO (PD)
Giusto Carlo, RECCO (GE)
Gobbi Mauro, TRENTO
Gottardo Marco, SIENA
Greco Silvia, RENDE (CS)
Grenna Marco, ALESSANDRIA
Groppali Riccardo, PAVIA
Guglielmero Laura, FRUGAROLO (AL)
Heiss Ernst, INNSBRUCK (AUSTRIA)
Inghilesi Alberto, FIRENZE
Jucker Costanza, MILANO
La Greca Pierluigi, CATANIA
La Pergola Alessandra, CATANIA
La Valle Antonio, PAVIA
Labadessa Rocco, BARI
Laghezza Masci Valentina, VITERBO
Lambiase Simonetta, PAVIA
Lanzoni Alberto, BOLOGNA
Latella Leonardo, VERONA
Laudonia Stefania, PORTICI (NA)
Laurino Daniela, GRUGLIASCO (TO)
Lecis Luca, MAROSTICA (VI)
Lentini Andrea, SASSARI
Liberti Gianfranco, UBOLDO (VA)
LIGUORI Riccardo, MILANO
Lo Pinto Giuliano, GENOVA
Loi Achille, SASSARI
Longo Santi, CATANIA
Loverre Pamela, BARI
Lozzia Giuseppe Carlo, MILANO
Luchetti Andrea, BOLOGNA
Luciano Pietro, SASSARI
Lupi Daniela, MILANO
Maini Stefano, BOLOGNA
Maistrello Lara, REGGIO EMILIA
Maltese Matteo, PALERMO
Mancini Maria Letizia, IMPERIA
Manino Aulo, GRUGLIASCO (TO)
Marchetti Elisa, BOLOGNA
marianelli Leonardo, firenze
Maroli Michele, ROMA
Marongiu Giovanni, CAGLIARI
MARRAS Piera Maria, CAGLIARI
Martinez Sanudo Isabel, LEGNARO (PD)
Marullo Rita, REGGIO CALABRIA
Marzaro Matteo, LEGNARO (PD)
marziali Lorenzo, firenze
Mascagni Alessandro, FIRENZE
Masetti Antonio, BOLOGNA
Massa Bruno, PALERMO
mastropasqua Fabio, bari
Masutti Luigi, TEOLO (PD)
Mazza Giuseppe, FIRENZE
Mazzei Antonio, RENDE (CS)
Mazzeo Gaetana, CATANIA
Mazzon Luca, LEGNARO (PD)
Mazzoni Emanuele, PIACENZA
MELI Massimo, savignone (ge)
Mencarelli Caterina, SIENA
Mignone Walter, IMPERIA
Minelli Alessandro, PADOVA
Moccagatta Giuseppe,
BOSCO MARENGO (AL)
Molinari Fabio, PIACENZA
Molinari Paola, PIACENZA
Montarsi Fabrizio, LEGNARO (PD)
Monti Maurilia Maria, PORTICI (NA)
mori Nicola, legnaro (pd)
mosca Andrea, torino
Munari Lorenzo, VENEZIA
Nannelli Roberto, FIRENZE
Navillod Francine Valèrie, QUART (AO)
Nicoli Aldini Rinaldo, PIACENZA
Noce Maria Elena, RENDE (CS)
Nugnes Francesco, PORTICI (NA)
NUZZACI Giorgio, BARI
Oreste Monica, BARI
Ortu Salvatore, SASSARI
Osella Giuseppe Bartolomeo, VERONA
OSELLA POGLIANO Margherita, VERONA
Pagani Marco, PIACENZA
Pagliano Guido, TORINO
Panini Michela, PIACENZA
Pantaleoni Roberto Antonio, SASSARI
Panzarino Onofrio, BARI
Paparatti Bruno, VITERBO
PAUTASSO Alessandra, torino
Pennacchio Francesco, PORTICI (NA)
Pesarini Fausto, FERRARA
Picchi Lu Malayka Samantha,
X
FORNACETTE (PI)
pierotti Anna, TREVISO
Pierotti Helio, TREVISO
PINTORE Maria Domenica, torino
Piras Mereu Pierpaola, CAPOTERRA (CA)
Pizza Maria, BARI
Poggi Francesco, MISSAGLIA (LC)
poggi Roberto, genova
Porcelli Francesco, BARI
Porporato Marco, GRUGLIASCO (TO)
Porrini Claudio, BOLOGNA
Puccioni David, S. ANNA (LU)
Ragusa Ernesto, PALERMO
rampini Mauro, roma
Raspi Alfio, PISA
Ratto Giovanni, GENOVA
Ravizza Carlalberto, MILANO
Rebora Manuela, PERUGIA
Reggiori Franca, NOVARA
Rey Antonio, GENOVA
Romano Marcello, CAPACI (PA)
Rossi Elisabetta, PISA
Rotundo Giuseppe, CAMPOBASSO
ROVERSI Pio Federico, firenze
Ruiu Luca, SASSARI
sabbatini peverieri Giuseppino, firenze
Sacchetti Patrizia, FIRENZE
Sacco Mauro, SANREMO (IM)
Salamanna Giovanni, GENOVA
Santi Fabrizio, BOLOGNA
SANTINI Luciano, PISA
Satta Alberto, SASSARI
Savoldelli Sara, MILANO
Scalercio Stefano, RENDE (CS)
Schiaparelli Alberto, TORINO
Sciarretta Andrea, CAMPOBASSO
Seminara Alice Roberta, CATANIA
SERRA Giuseppe, SASSARI
Severini Francesco, ROMA
Sgolastra Fabio, BOLOGNA
Sidoti Agatino, ACIREALE (CT)
Signorini Manuela, LEGNARO (PD)
XI
Siscaro Gaetano, CATANIA
Solinas Mario, PERUGIA
Sparacio Ignazio, PALERMO
Spedicato Raffaella, QUART (AO)
SQUARCINI Michele, FIRENZE
Stigliano Carmela, BARI
strangi Agostino, firenze
Suma Pompeo, CATANIA
Süss Luciano, MILANO
Tabilio Maria Rosaria, ROMA
Tavella Luciana, GRUGLIASCO (TO)
Tedeschi Rosemarie, GRUGLIASCO (TO)
Toma Luciano, ROMA
Torti Carlo, GENOVA
Travaglio Manuela, PADOVA
Trematerra Pasquale, CAMPOBASSO
Troiano Giorgio, GENOVA
Tropea Garzia Giovanna, CATANIA
Turillazzi Stefano, FIRENZE
Valdinazzi Roberto,
VALLE SAN BARTOLOMEO (AL)
Valle Marco, BERGAMO
vanin Stefano,
huddersfield (GRAN BRETAGNA)
Viale Elisabetta, LEGNARO (PD)
Viggiani Gennaro, PORTICI (NA)
Viggiani Sepe Bianca, PORTICI (NA)
Vigna Taglianti Augusto, ROMA
Villari Caterina, LEGNARO (PD)
Violani Carlo, MILANO
Vitagliano Silvia, CAMPOBASSO
Vitale Danilo, CATANIA
Vivan Linda, LEGNARO (PD)
VIZZARRI Veronica, rende (cs)
Vovlas Alessio, TORINO
Zaffina Francesco, RENDE (CS)
Zandigiacomo Pietro, UDINE
Zappalà Lucia, CATANIA
Zapparoli Marzio, VITERBO
Zoia Stefano, MILANO
ZOTTI Alberto, CALTANA (VE)
PROGRAMMA
Le riunioni avranno luogo presso:
Auditorium dei Musei di Strada Nuova - Palazzo Rosso, Via Garibaldi 18
Sala Govi e Sala Barabino, Teatro della Gioventù, Via Cesarea 16
Museo Civico di Storia Naturale “G. Doria”, Via Brigata Liguria 9
DOMENICA 12 GIUGNO
Pomeriggio (Auditorium di Palazzo Rosso)
16.00-19.00
Apertura della Segreteria ed inizio registrazioni
LUNEDÌ 13 GIUGNO
Lunedì 13 - Mattina (Auditorium di Palazzo Rosso)
08.00
Apertura della Segreteria
09.30
Cerimonia di apertura e saluti delle Autorità
10.00
Relazione inaugurale: R. Poggi
dell’Entomologia a Genova”
“Brevi
cenni
sulla
storia
10.30
Lettura plenaria: A. Minelli “Tipi e nomenclatura zoologica –
passato, presente e futuro”
11.45
aluto della Sindaco di Genova a Palazzo Tursi, sede del Comune
S
di Genova, in Via Garibaldi (Patrimonio dell’Umanità - UNESCO)
Lunedì 13 - Pomeriggio (Museo di Storia Naturale)
dalle 14.30
Affissione Posters di tutte le sessioni
Lunedì 13 - Pomeriggio (Sala Barabino)
15.00-18.00
Sessione I - MORFOLOGIA FUNZIONALE, SISTEMATICA E
FILOGENESI
15.00 - C. Mencarelli “Isomina, una proteina dei filamenti
intermedi espressa in Isotomurus (Collembola)”
15.30 - A. Dell’Otto “Le antenne dei Paleotteri nella percezione
dell’ambiente”
XIII
16.00 - G. Benelli “Osservazioni preliminari sul sistema
ghiandolare odorifero in adulti e ninfe di Leptoglossus
occidentalis (Hemiptera, Coreidae)”
16.15 - M. Gottardo “Morfologia ed
spermatozoo dei Phasmatodea”
ultrastruttura
dello
16.30-16.45 Pausa
16.45 - P. Cerretti “Primo tentativo di analisi cladistica numerica
dei Tachinidi (Diptera, Tachinidae)”
17.00 - G. Cocuzza “Relazioni filogenetiche e tassonomia delle
specie del complesso Aphis frangulae delle Labiate”
17.15 - A. De Grazia “L’identificazione molecolare di specie
meridionali di Tripidi (Thysanoptera, Thripidae) come
supporto alla diagnostica morfologica”
17.30-18.00 Discussione
Lunedì 13 - Pomeriggio (Sala Govi)
15.00-17.30
Sessione VI - ENTOMOLOGIA AGRARIA
15.00 - A. Lanzoni “Analisi della selettività di insetticidi nei
confronti di insetti utili mediante un approccio di tipo
demografico”
15.15 - A. Biondi “Selettività ed effetti residuali di pesticidi
utilizzati contro la tignola del pomodoro sull’antocoride
predatore Orius laevigatus”
15.30 - C. Foxi “Impatto sull’artropodofauna dell’oliveto di
alcune tecniche di lotta contro la mosca delle olive”
15.45 - D. Fornasiero “Efficacia delle siepi campestri nel ridurre
l’impatto ambientale degli insetticidi”
16.00 - E . Mazzoni “Sensibilità agli insetticidi in popolazioni di
Cydia molesta in Emilia-Romagna”
16.15-16.30 Pausa
16.30 - A. P. Garonna “Stato delle conoscenze su Megaplatypus
mutatus (Coleoptera, Curculionidae, Platypodinae) in
Italia”
16.45 - R. Tedeschi “Cacopsylla melanoneura: estivazione e
svernamento su conifere nell’Italia nord-occidentale”
17.00-17.30 Discussione
XIV
Lunedì 13 - Pomeriggio (Museo di Storia Naturale)
15.30-17.30
Tavola rotonda “Rischi sanitari dalle zanzare: approccio
entomologico per contrastare i vettori” a cura dell’Italian
Mosquito Control Association
18.00-19.00
Seduta dell’Accademia Nazionale Italiana di Entomologia, con
commemorazione di E. Tremblay a cura di F. Pennacchio
Lunedì 13 - Sera (Sala Govi)
21.00-23.00
Seduta aperta al pubblico
21.00 - L. Süss “Gli insetti in città”
21.45 - S. Longo “Gli insetti infestanti il verde urbano”
MARTEDÌ 14 GIUGNO
Martedì 14 - Mattina (Sala Govi)
8.30
Lettura plenaria: M. Biondi “I numeri della biodiversità negli
Insetti”
Martedì 14 - Mattina (Sala Govi)
10.00-12.30
Sessione II - FAUNISTICA E BIOGEOGRAFIA
10.00 - A. Casale “Filogenesi tradizionali e filogenesi molecolari
a confronto: riflessioni biogeografiche tratte da alcuni
gruppi di Carabidae (Coleoptera)”
10.15 - G. Mazza “Insetti alloctoni in Italia: il caso di studio
della Toscana”
10.30 - L. Galli “La proturofauna italiana”
10.45 - B. Massa “La classificazione dei Platycleidini paleartici
(Orthoptera, Tettigoniidae, Tettigoniinae)”
11.00-11.15 Pausa
11.15 - S. Barbagallo “Osservazioni faunistiche e biogeografiche
sugli afidi (Hemiptera) dell’Italia nord-occidentale”
11.30 - P. M. Giachino “Nuove tecniche di campionamento in
entomologia e loro ricadute nel progresso delle conoscenze
faunistiche e zoogeografiche”
11.45 - S. Scalercio “Le aree umide di bassa quota come aree
rifugio di specie settentrionali e montane al limite
meridionale del loro areale: un caso studio”
12.00-12.30 Discussione
XV
Martedì 14 - Mattina (Sala Barabino)
10.00-12.45
Sessione III - INSETTI SOCIALI ED APIDOLOGIA
10.00 - F. Nazzi “Interazioni sinergiche tra parassiti e patogeni e
collasso delle colonie d’api”
10.30 - A. Luchetti “Analisi della struttura genetica di colonie di
Kalotermes flavicollis (Isoptera, Kalotermitidae) in una
zona dunale di un ambiente lagunare della Toscana”
10.45 - M. Porporato “Nicchia trofica di bombi in ambiente
alpino”
11.00-11.15 Pausa
11.15 - F. Sgolastra “Effetto potenziale del “global warming” sul
ciclo biologico e la sopravvivenza di un apoideo solitario”
11.30 - R. Cervo “Nessuna evidenza di adattamento locale nella
vespa parassita sociale Polistes sulcifer e nel suo ospite”
11.45 - A. Satta “Relazione tra fitofenologia e produzione
mellifera. Un caso di studio in Sardegna nord-orientale”
12.00 - B. Maccagnani “Effetto di neonicotinoidi e fipronil su
orientamento e riconoscimento di stimoli visivi in Apis
mellifera”
12.15-12.45 Discussione
Martedì 14 - Mattina (Museo di Storia Naturale)
10.00-12.00
Riunione della Sezione agraria della Società Entomologica Italiana
Martedì 14 - Pomeriggio (Museo di Storia Naturale)
13.30-15.00
Discussione Posters delle sessioni I, II, III, VI, IX e X
Martedì 14 - Pomeriggio (Sala Barabino)
Sessione IX - ENTOMOLOGIA MERCEOLOGICA ED URBANA
15.00-17.30
15.00 - G. S. Germinara “Attività fumigante di composti volatili
di origine vegetale verso gli adulti di Sitophilus granarius”
15.15 - O. Panzarino “Esiti preliminari di prove di saggio sulle
preferenze del tonchio Callosobruchus maculatus verso tipi
locali di Cicer arietinum”
15.30 - B. Conti “Attività repellente dei principali componenti
dell’olio essenziale di Hyptis suaveolens nei confronti di
Sitophilus granarius”
XVI
15.45 - P. Suma “Tecniche per la diagnosi tempestiva degli attacchi
di Rhynchophorus ferrugineus su palme delle Canarie”
16.00-16.15 Pausa
16.15 - A. F. Inghilesi “Introduzione di specie aliene attraverso
porti e aeroporti del Lazio”
16.30 - G. Sinatra “Attività di eradicazione di un focolaio di
Anoplophora chinensis in Italia centrale”
16.45 - M. Zapparoli “I chilopodi negli ambienti urbani e suburbani della città di Genova”
17.00-17.30 Discussione
Martedì 14 - Pomeriggio (Sala Govi)
15.00-17.15
Sessione X - CONTROLLO BIOLOGICO
15.00 - L . Zappalà “Studi sui parassitoidi indigeni di Tuta
absoluta in Sicilia”
15.15 - C. Ferracini “Indagini preliminari su adattamento
ed efficacia di parassitoidi indigeni nella lotta a Tuta
absoluta”
15.30 - F. Fois “Valutazioni preliminari del predatore Macrolophus
pygmaeus (Hemiptera, Miridae) nel contenimento di Tuta
absoluta (Lepidoptera, Gelechiidae)”
15.45 - V. Caleca “Parassitizzazione di Bactrocera oleae su olivo
coltivato e selvatico in Sicilia e nel Western Cape (Sud
Africa)”
16.00-16.15 Pausa
16.15 - M. L. Dindo “I Ditteri Tachinidi e la dicotomia
coinobionte/idiobionte”
16.30 - P. Suma “Effetto dell’attività cairomonica del feromone
sessuale di sintesi di Planococcus ficus sui livelli di
parassitizzazione di Anagyrus sp. near pseudococci nei
confronti di P. citri”
16.45-17.15 Discussione
Martedì 14 - Pomeriggio (Museo di Storia Naturale)
15.00-16.15
Riunione del Gruppo Italiano per l’Entomologia Forense
Martedì 14 - Pomeriggio (Museo di Storia Naturale)
16.15-17.30
Riunione della Sezione forense della Società Entomologica Italiana
XVII
Martedì 14 - Pomeriggio (Museo di Storia Naturale)
17.45-18.45
Riunione dei soci della Società Entomologica Italiana
Martedì 14 - Sera (Palazzo Ducale, Piazza Matteotti 9)
20.30
Cena di gala
MERCOLEDÌ 15 GIUGNO
Mercoledì 15 - Mattina (Sala Govi)
8.30
Lettura plenaria: A. Battisti “Peli urticanti degli Artropodi:
caratteristiche generali e importanza medica”
Mercoledì 15 - Mattina (Sala Govi)
10.00-12.30
Sessione VII - ENTOMOLOGIA MEDICO-VETERINARIA E
FORENSE
10.00 - A. M. Fausto “Morfologia ed ultrastruttura della
ghiandola accessoria femminile in alcune specie del
genere Anopheles (Diptera, Culicidae)”
10.15 - M. Di Luca “Le specie del complesso Culex pipiens
(Diptera, Culicidae) in Italia”
10.30 - C. Foxi “Distribuzione e abbondanza di Culicoides imicola
in Sardegna”
10.45 - F. Severini “Distribuzione di Aedes albopictus in Italia:
confronto tra segnalazioni ufficiali e dati di letteratura”
11.00-11.15 Pausa
11.15 - F. Montarsi “Osservazioni del Laboratorio di Parassitologia
(IZS delle Venezie) sulla distribuzione della cimice dei
letti (Cimex lectularius) nell’area del Nord-est”
11.30 - L . Maistrello “Alterazioni da insetti sulla scena del crimine”
11.45 - S. Greco “Preferenze ambientali e fenologia dei ditteri
Calliphoridae di interesse forense campionati lungo un
gradiente ambientale”
12.00-12.30 Discussione
Mercoledì 15 - Mattina (Sala Barabino)
10.00-12.45
Sessione VIII - BIOTECNOLOGIE ENTOMOLOGICHE
XVIII
10.00 - F. Pennacchio “Geni, molecole e controllo degli insetti”
10.30 - R. Rao “Geni e segnali attivi nelle interazioni molecolari
pianta-agenti di stress biotico”
10.45 - M. Casartelli “Come superare la barriera intestinale:
nuove strategie per la somministrazione di bioinsetticidi”
11.00-11.15 Pausa
11.15 - G. Gargiulo “Drosophila come sistema modello per l’analisi
funzionale di fattori di virulenza”
11.30 - D. Daffonchio “Il microbioma simbionte: una risorsa per
il controllo degli insetti dannosi e dei vettori”
11.45 - M. Cristofaro “Primi risultati relativi ad uno studio di
fattibilità della tecnica dell’insetto sterile per il controllo
di Rhynchophorus ferrugineus”
12.00 - L . Ruiu “Efficacia larvicida di una formulazione
sperimentale
di
Brevibacillus
laterosporus
nel
biocontenimento di Musca domestica in ambiente
zootecnico”
12.15-12.45 Discussione
Mercoledì 15 - Mattina (Museo di Storia Naturale)
10.00-12.30
Tavola rotonda “L’introduzione in Italia di agenti di controllo
biologico esotici: normativa e strutture di riferimento” coordinata
da G. Viggiani
Mercoledì 15 - Pomeriggio (Museo di Storia Naturale)
13.30-15.00
Discussione Posters delle sessioni IV, V, VII, VIII e XI
Mercoledì 15 - Pomeriggio (Sala Barabino)
15.00-17.30
Sessione IV - ENTOMOLOGIA FORESTALE
15.00 - S. Bella “Indagini su Teia trigotephras defogliatore del
lentisco nella Sicilia sud-orientale”
15.15 - M. Maltese “Ciclo biologico di Leptoglossus occidentalis
ed effetti della diversa alimentazione sullo sviluppo degli
stadi giovanili”
15.30 - P. Luciano “Lasius brunneus e Stomaphis
trofobionti dannosi alle sugherete sarde”
quercus
15.45 - L . Bosso “Modelli di massima entropia per la previsione
della distribuzione in Italia di Rosalia alpina”
XIX
16.00-16.15 Pausa
16.15 - F. Pennacchio “Infestazioni di Ips typographus in peccete
dell’Appennino settentrionale e strategie di controllo”
16.30 - M. Faccoli “Anoplophora glabripennis (Coleoptera,
Cerambycidae) in Veneto: primi risultati del programma
di eradicazione”
16.45 - F. Della Rocca “I coleotteri saproxilici del Parco del
Ticino, uno studio pilota per l’adozione di corrette
politiche gestionali”
17.00-17.30 Discussione
Mercoledì 15 - Pomeriggio (Sala Govi)
15.00-17.15
Sessione V - ECOLOGIA ED ETOLOGIA
15.00 - S. Fenoglio “Effetti del cambiamento climatico globale
sull’entomofauna degli ambienti acquatici”
15.15 - A. Mazzei “La biodiversità ritrovata: Cucujus haematodes
e Cucujus cinnaberinus (Coleoptera, Cucujidae) nel
Parco Nazionale della Sila e la loro potenzialità come
bioindicatori della selvicoltura”
15.30 - G. S. Germinara “Attrattività di composti volatili di
origine vegetale verso gli adulti di Sesamia nonagrioides
(Lepidoptera, Noctuidae)”
15.45 - A. De Cristofaro “Possibilità di integrazione periferica
del segnale olfattivo in presenza di neuroni generalisti
sensibili a composti feromonici e di origine vegetale”
16.00-16.15 Pausa
16.15 - R. Cervo “Stimoli chimici mediano la scelta del sito di
deposizione nel punteruolo rosso delle palme”
16.30 - M. Maltese “Indagini di laboratorio sui composti
che inducono l’aggregazione delle neanidi di I età in
Leptoglossus occidentalis (Hemiptera, Coreidae)”
16.45-17.15 Discussione
Mercoledì 15 - Pomeriggio (Museo di Storia Naturale)
15.00-17.15
Sessione XI - STORIA DELL’ENTOMOLOGIA
15.00 - R. Nicoli Aldini “I “Dies Caniculares” di Simone Maioli,
un dimenticato testo cinquecentesco nel panorama storico
dell’entomologia in Italia”
XX
15.15 - C. Violani “Gli insetti delineati per le “Deliciae Florae et
Faunae Insubricae” di Giovanni Antonio Scopoli”
15.30 - J. Maffei “Le collezioni entomologiche e aracnologiche
del Museo di Storia Naturale dell’Università degli Studi
di Pavia: note storiche”
15.45 - R. A. Pantaleoni “Cenni biografici su Achille Costa (18231898)”
16.00-16.15 Pausa
16.15 - M. Gobbi “La collezione di Stefano de Bertolini al Museo
Tridentino di Scienze Naturali”
16.30 - S. Lambiase “L’allevamento del baco da seta, Bombyx
mori, nella Provincia di Pavia”
16.45 - S. Vanin “Storia dell’entomologia forense in Italia”
17.00-17.30 Discussione
Mercoledì 15 - Pomeriggio (Sala Govi)
18.00Cerimonia di chiusura del XXIII Congresso Nazionale Italiano
di Entomologia
GIOVEDÌ 16 GIUGNO
8.30-18.00
Gita al Parco Naturale Regionale del Beigua (GE, SV)
XXI
RELAZIONE INAUGURALE
Relazione inaugurale
BREVI CENNI SULLA STORIA DELL’ENTOMOLOGIA A GENOVA
R. Poggi
Museo Civico di Storia Naturale “G. Doria”, Via Brigata Liguria 9, 16121 Genova
E-mail: rpoggi@comune.genova.it
L’interesse per lo studio delle scienze naturali prese vigore a Genova solo
verso gli ultimi decenni del Settecento, grazie a poche figure di aristocratici
“illuminati”, tra cui spicca Giacomo Filippo III Durazzo (1729-1812).
ll primo genovese a poter essere definito “entomologo”, e sicuramente uno dei
più famosi del suo tempo, fu comunque Massimiliano Spinola (1780-1857), che
radunò una importante collezione ancor oggi esistente.
Alla famiglia Durazzo erano riconducibili anche Carlo Durazzo (1803-1862),
ornitologo ma in gioventù entomologo, e Teresa Durazzo (1805-1895), moglie di
Giorgio Doria (1800-1878) e madre di Giacomo Doria (1840-1913), il quale nel
1867 fondò il Museo civico di Storia naturale -oggi a lui dedicato- e che associò
subito Raffaello Gestro (1845-1936) nella conduzione della nuova struttura.
Il Museo, allora ospitato a Villetta Di Negro, costituì, ancor più della preesistente
Università, il punto di aggregazione degli entomologi genovesi e ciò avvenne
grazie all’attività congiunta di Doria e Gestro.
Doria, con giovanili trascorsi entomologici, sovvenzionava spedizioni di ricerca
ed acquistava con munificenza libri rari e collezioni, come i Coleotteri Cicindelidi
di Achille Deyrolle (1813-1865) e i Carabidi di François Laporte de Castelnau
(1810-1880) o vari duplicati di Vittore Ghiliani (1812-1878). Gestro invece,
museologo completo ma essenzialmente entomologo, coordinava la preparazione
e lo studio delle collezioni, in maniera così mirabile da essere definito da un
collega tedesco (Walther Horn) come il “gigante dell’entomomuseologia”.
Numerosi furono così gli studiosi, talora anche non genovesi, che presero
a frequentare Villetta Di Negro per confrontare materiali o per ricerche
bibliografiche, quali Corrado Parona (1848-1922) o in seguito Achille Griffini
(1870-1932), così come gli appassionati raccoglitori, onorati spesso dalla dedica
di nuove specie rinvenute da loro, quali Giorgio Caneva, Giacomo Gentile,
Antonio Launo, Giovanni Ramorino (1841-1876), Giovanni Battista Spagnolo,
Agostino Vacca (1841-1933) e Alfredo Andreini (1870-1943), i collaboratori come
Enrico Alberto D’Albertis (1846-1932) e gli specialisti che poi donarono al
Museo le proprie raccolte, come Pietro Mansueto Ferrari (1823-1893).
Le spedizioni di fine Ottocento - primi Novecento in diverse regioni del mondo,
sostenute da Doria, in particolare nel periodo in cui si trovò a reggere anche la
Presidenza della Società Geografica Italiana, procurarono centinaia di migliaia
di campioni zoologici costituiti per la massima parte da insetti, aumentando
così ancor più l’interesse verso il Museo da parte di studiosi italiani e stranieri.
Confluirono infatti a Genova i materiali asiatici e papuani raccolti da Odoardo
Beccari (1843-1920), Luigi Maria D’Albertis (1841-1901), Lamberto Loria (18551913), Giovanni Battista Comotto (†1886), Leonardo Fea (1852-1903) ed Elio
Modigliani (1860-1932), quelli sudamericani di Giorgio Sivori, Giacomo Bove
3
Relazione inaugurale
(1852-1887), Decio Vinciguerra (1856-1934), Carlo Spegazzini (1858-1926),
Gaetano Rovereto (1870-1952), Luigi Balzan (1865-1893), Filippo Silvestri (18731949) e Guido Boggiani (1861-1901), così come la grande massa di reperti
africani di Abdul Kerim, Orazio Antinori (1811-1882), Carlo Piaggia (1827-1882),
Vincenzo Ragazzi (1856-1929), Eugenio Ruspoli (1866-1893), Luigi Robecchi
Bricchetti (1855-1926), Vittorio Bottego (1860-1897), Carlo Citerni (1873-1918),
Leonardo Fea (1852-1903), Enrico Bayon (n. 1876), Carolina Berti e Giacomo
Bove, cui si sarebbero in seguito aggiunti quelli raccolti sempre in Africa da
Raimondo Franchetti (1889-1935), da Saverio Patrizi (1902-1957), dalla Missione
Italiana all’Oasi di Giarabub (1926-1927) e dalla Spedizione scientifica all’Oasi
di Cufra (1931), così come parte dei materiali di Filippo Silvestri (1873-1949),
Luigi Amedeo di Savoia, Duca degli Abruzzi (1873-1934), Nello Beccari (18831957), Giotto Dainelli (1878-1968), Edoardo Zavattari (1883-1972) e di tanti
altri residenti o militari di stanza nelle allora colonie italiane di Libia, Eritrea,
Etiopia e Somalia.
Attorno agli anni Venti e Trenta dello scorso secolo la concentrazione di entomologi
di grande valore a Genova (che causò anche il trasferimento in città della sede
della Società Entomologica Italiana nata a Firenze) raggiunse livelli incredibili.
Basta ricordare che nella nuova sede di Via Brigata Liguria, edificata
appositamente, il Museo, diretto da Raffaello Gestro, nel settore entomologico
aveva come conservatori di ruolo Luigi Masi (1879-1961), Edoardo Gridelli (18951958) e Felice Capra (1896-1991), con Delfa Guiglia (1902-1983) come assistente
volontaria, in sostituzione di Giacomo Mantero (1878-1949) da poco pensionato;
conservatori onorari per l’entomologia erano Agostino Dodero (1864-1937) e
Fabio Invrea (1884-1968).
La Società Entomologica Italiana nello stesso periodo annoverava Raffaello
Gestro come Presidente Onorario, Ferdinando Solari (1877-1956) come
Presidente, Luigi Masi come Vice-Presidente, Fabio Invrea come Segretario e
Direttore delle Pubblicazioni e Cesare Mancini (1881-1967) come Tesoriere. Tra
i Consiglieri figuravano Raffaele Issel (1878-1936) e Alessandro Brian (1873-1969)
(entrambi operanti all’Istituto di Zoologia dell’Università come biologi marini,
ma con non sopiti interessi entomologici), Guido Paoli (1881-1947) e Ubaldo
Rocci (1885-1943) (entrambi operanti all’Osservatorio per le Malattie delle
Piante) e ancora Agostino Dodero ed Edoardo Gridelli. Revisori dei conti erano
Armando Baliani (1874-1945), Paolo Bensa (1875-1963) ed Angelo Solari (18741932). Tra i Soci e simpatizzanti locali vanno ricordati anche Carlo Menozzi
(1892-1943), Giovanni Battista Moro (1899-1971), Emilio Berio (1905-1993) e
Tullo Casiccia (1891-1978), a cui poco dopo si aggiunsero Giovanni Binaghi
(1907-1975) e alcuni altri.
Le collezioni entomologiche specialistiche del Museo intanto erano continuate
a crescere vistosamente; in particolare in un solo decennio (tra il 1914 e il
1925) erano giunte in dono quelle di Paolo Magretti (1854-1913) e Carlo Emery
(1848-1925) ed era stata acquistata quella di Giovanni Gribodo (1846-1924),
trasformando così Genova in uno dei più importanti centri mondiali per gli
studi imenotterologici.
4
Relazione inaugurale
La Seconda Guerra Mondiale bloccò ovviamente ogni tipo di attività scientifica,
ma al termine del conflitto le ricerche ripresero con buona lena.
Negli anni ’40 e ’50 la scena genovese si popolò dei nomi di Nino Sanfilippo
(1922-1994), Mario Enrico Franciscolo (1923-2003), Cesare Conci (1920-2011),
Elvira Biancheri (1927-1990), Ottavio Borra (1890-1954), Gian Maria Ghidini
(1911-1974), Vittorio Carrara (1900-1971), Giovanni Giannini (1903-1982), Aldo
Festa (1914-2001), Giorgio Bartoli (1906-1984), Luciano Storace (1921-2001) e
Ducezio Grasso (1919-2007), mentre nel 1962 nacque il Gruppo Entomologico
Ligure, che per un quarto di secolo costituì un punto di aggregazione per le
giovani leve genovesi.
In anni più recenti il Museo ha ripreso lo sviluppo delle collezioni entomologiche,
ricevute sia in dono che in acquisto da parecchi dei collaboratori “storici” locali
sopra ricordati; va però segnalato anche l’arrivo di alcune raccolte radunate da
non genovesi, quali ad esempio quelle di Lillo Barbera (1910-1975), Giorgio Fiori
(1923-1983), Giovanni Guido Toso (1945-1987), Francesco Beltrame, Ernesto
Rebaudengo (1931-2000), Vincenzo Porta (1923-2003), Nunzio Grillo (1921-2006),
Antonio Simonis, Carlo Meloni (1950-2009), Giorgio Marcuzzi (1919-2010) e
Baccio Baccetti (1931-2010) mentre solo in parte sono pervenute quelle di Bruno
Bari (1912-1993), Augusto Maggi (1914-1999) e Fernando Angelini.
Parole chiave: entomologi attivi a Genova, Museo “G. Doria”, Società
Entomologica Italiana, collezioni.
5
LETTURE PLENARIE E PUBBLICHE
Letture plenarie e pubbliche
Tipi e nomenclatura zoologica – passato, presente e
futuro
A. Minelli
Dipartimento di Biologia, Università di Padova, Via Ugo Bassi 58 B, 35131 Padova
E-mail: alessandro.minelli@unipd.it
La nomenclatura zoologica non è una scienza, è però uno strumento importante
al servizio della scienza. È la scienza dunque – la tassonomia soprattutto
– a trovare vantaggio da un’applicazione seria e coerente delle norme
dell’International Code of Zoological Nomenclature. Spetta alla tassonomia
formulare ipotesi sull’appartenenza o meno ad una stessa specie di due individui
o di due popolazioni, o determinare le affinità tra le specie, inserirle in congrui
taxa sopraspecifici e fissare l’ampiezza, o l’inclusività, di quest’ultimi. Le
norme del Codice disciplinano invece quale nome debba essere attribuito a un
determinato taxon, nell’ambito di una specificata ipotesi a riguardo del numero
delle specie riconoscibili, dei loro confini, delle loro affinità e dell’ampiezza dei
taxa sopraspecifici nei quali si intende includerle. A differenti interpretazioni
scientifiche possono eventualmente corrispondere nomi diversi per uno stesso
taxon. La tassonomia formula ipotesi scientifiche, ciascuna delle quali potrebbe
essere sempre rimessa in discussione. La nomenclatura invece, che ha funzioni
notarili, non può e non deve ammettere scelte individuali. Il suo scopo, come
dichiara il Preambolo del Codice, è quello di assicurare unicità e universalità
nell’uso dei nomi scientifici. Per ottenere questo scopo, essa deve ancorarsi ad
alcuni riscontri oggettivi. Da un lato c’è la pubblicazione della prima descrizione
di un taxon, o di un altro atto con rilevanza nomenclatoriale, con la sua data e
le sue coordinate bibliografiche. Dall’altro ci sono i tipi che, per i taxa di rango
specie, sono gli esemplari tipo, oggetti materiali generalmente unici: un olotipo,
ove possibile; eventualmente un lectotipo o un neotipo.
Sono così importanti, gli esemplari tipo, da meritare ancor oggi una speciale
cura da parte di chi ha responsabilità sulla collezione che li conserva? E,
soprattutto, quale potrà essere il significato dei tipi per i sistematici del futuro? Il
fatto che la tassonomia abbia largamente abbandonato una tradizionale nozione
tipologica della specie, a favore di una nozione popolazionistica che tiene conto
della variabilità intraspecifica, non ha nulla a che fare con il significato che
l’International Code of Zoological Nomenclature riconosce ai tipi. Un esemplare
tipo è semplicemente un “onomatoforo”, un portanome. È l’oggetto materiale al
quale rimane legato, in maniera praticamente indissolubile, un nome di specie
o di sottospecie.
È ancora all’International Code of Zoological Nomenclature che occorre fare
riferimento, per liberarsi di termini e nozioni che si sono sedimentati nel tempo,
in materia di tipi, ma che in realtà non hanno alcuno status ufficiale. Le collezioni
(e le pubblicazioni tassonomiche) sono ricche di allotipi, di cotipi, di topotipi,
che non hanno status alcuno secondo il Codice. Questi termini sono solo ‘titoli
9
Letture plenarie e pubbliche
onorari’ di cui si vuole fregiare qualche esemplare, in una prassi che da un lato
manca di confrontarsi con il Codice, dall’altra ignora le doverose distinzioni
fra nomenclatura e tassonomia, per non parlare di una pretesa nobilitazione di
un esemplare, al solo scopo di accrescere l’orgoglio di possederlo nella propria
collezione o di aumentare il suo prezzo sul mercato. Gli stessi paratipi, ai quali
va riconosciuto un valore documentario, utile a meglio comprendere il senso in
cui un autore introduce il nome di un nuovo taxon, non hanno alcuno status
come onomatofori.
I tipi, in un certo senso, appartengono all’intera comunità scientifica. Il loro
status speciale deriva dal significato che è loro riconosciuto in un documento
ufficiale, elaborato da una commissione internazionale e che riceve la sua
autorevolezza definitiva ad opera dell’International Union of Biological Sciences
che ne vota l’adozione. Possedere dei tipi, quindi, oltre che un legittimo motivo
di prestigio è anche una fonte di precise responsabilità di conservazione e di
gestione, che possono essere adeguatamente soddisfatte solo da un’istituzione
pubblica sufficientemente grande e solida. Non a caso il Codice raccomanda
che i tipi vengano depositati in collezioni pubbliche. Raccomandazione che forse
dovrebbe divenire norma vincolante, tra quelle da rispettare pena il mancato
riconoscimento di “availability” per il nome associato ad un tipo ‘prigioniero’
di una collezione privata. Ma è anche vero che non tutte le collezioni pubbliche
possono dare adeguate garanzie di duratura conservazione e di corretta gestione
del materiale tipico. Sulla scala temporale di una singola generazione, molte
collezioni private potrebbero legittimamente vantarsi di offrire ai tipi condizioni
migliori di quelle che molti musei pubblici sono in grado di offrire. Ma da
questa situazione dovrebbe nascere una positiva reazione intesa a realizzare
aggregazioni funzionali di risorse e di competenze tra istituzioni museali,
creando ad esempio, in un paese come l’Italia che per ragioni storiche è privo di
un Museo Nazionale di Storia Naturale, un’opportuna forma di Museo unico,
virtuale in quanto rispetterebbe una certa delocalizzazione del suo patrimonio
di collezioni, ma insieme virtuoso, nel realizzare una più responsabile e seria
gestione dei propri tipi e delle proprie collezioni in genere.
10
Letture plenarie e pubbliche
GLI INSETTI IN CITTÀ
L. Süss
DIPSA, Dipartimento di Protezione dei Sistemi agroalimentare e urbano e
Valorizzazione delle Biodiversità, Università degli Studi di Milano, Via Celoria
2, 20133 Milano E-mail: luciano.suss@unimi.it
Numerose specie di insetti hanno approfittato degli insediamenti umani per
colonizzarli, infestando derrate, opere d’arte, intere biblioteche, sino al punto di
compromettere la struttura di interi edifici.
Altre, quali i pidocchi, si sono insediate direttamente sull’uomo, altre ancora,
ematofaghe, sono oltretutto potenziali vettori di microrganismi patogeni. A
questo gruppo vanno associate le mosche che costituiscono in tutto il mondo
un flagello per eccellenza.
È assolutamente impossibile ricordare qui tutte le più importanti specie proprie
dell’ambito urbano e le loro malefatte. Mi limiterò ad alcuni casi particolarmente
significativi.
Come tutte le città portuali, Genova è da sempre potenziale punto di ingresso di
organismi infestanti, a volte provenienti da Paesi lontani. Ad esempio, la prima
segnalazione in Italia di Supella longipalpa (F.) è stata fatta proprio a Genova.
L’insetto da allora ha compiuto una inarrestabile marcia ed è ormai diffuso
pressoché in tutta Italia, in negozi alimentari ed abitazioni. Come la generalità
delle blatte, è notoriamente potenziale vettore di microrganismi.
Risale invece agli anni ’20 del secolo scorso la segnalazione in Liguria di
Linepithema humile (Mayr), la ben nota “formica argentina”, che progressivamente
si è diffusa lungo tutto il litorale tirrenico.
Altra specie ormai ben nota, in grado di modificare le abitudini di vita all’aperto
in ambiente urbano, è Aedes albopictus (Skuse) o “zanzara tigre”. Pure in questo
caso i primi esemplari sono stati rinvenuti nel 1990 a Genova, in area urbana.
L’arrivo e la diffusione della specie sono stati attribuiti all’importazione di
pneumatici usati, infestati da uova, provenienti dagli USA.
Ma non ci si vuole qui limitare esclusivamente ad arrivi sgraditi verificatisi a
causa dei traffici portuali e delle favorevoli condizioni climatiche del territorio
ligure. Desidero quindi citare la diffusione della “cimice dei letti” (Cimex
lectularius L.). L’insetto è segnalato negli alberghi, su navi e treni, addirittura
negli ospedali.
Infine faccio un cenno ad insetti infestanti derrate e merci varie.
Ricordo il caso con l’arrivo al Porto di Genova di una partita di pellame bovino,
non conciato, proveniente dal Kenia, infestato dal Coleottero Dermestide
Dermestes frischii Klug: l’immagazzinamento delle pelli portò alla distruzione
dell’intera partita, con irreparabili danni a filati in seta presenti in ambienti
confinanti.
Riferendosi ad insetti specificamente legati alle derrate, il caso più comune
è quello della “tignola fasciata” [Plodia interpunctella (Hübner)], lepidottero,
11
Letture plenarie e pubbliche
polifago per eccellenza, presente nelle abitazioni, introdotto per lo più allo
stadio di uovo con dolciumi, riso, mangimi secchi per animali d’affezione.
Berlese definiva questi insetti come “ospiti”, evidenziando che si trattava di
“una ospitalità imposta” e concludeva: “temono le nostre vendette, ma lavorano
nascostamente, di notte o ben celati”.
Che dire di più per quanto riguarda gli insetti che vivono nelle città?
Parole chiave: entomologia urbana, infestanti abitazioni, infestanti merci.
12
Letture plenarie e pubbliche
GLI INSETTI INFESTANTI IL VERDE URBANO
S. Longo
Dipartimento di Gestione dei Sistemi Agroalimentari e Ambientali, Sezione Entomologia agraria, Via S. Sofia 100, 95123 Catania E-mail: longosan@unict.it
Le piante coltivate nelle aree urbane sono spesso costrette a vegetare in ambienti non del tutto idonei alle loro specifiche esigenze fisiologiche e sono sottoposte
a varie cause di stress alle quali, per la loro longevità e immobilità, non possono sottrarsi se non grazie a interventi antropici che sono spesso occasionali,
saltuari o, se male eseguiti, controproducenti, come le non infrequenti drastiche
potature di rinnovamento che concorrono a indebolire i soggetti sani e possono
risultare letali per quelli vecchi e malati.
Tra le cause di stress che riducono la capacità di resistenza dei vegetali ai fattori
abiotici e biotici avversi, un ruolo di primo piano rivestono vari insetti fitofagi,
in relazione all’elevato potenziale biotico, alla loro capacità di adattamento e
alla specializzazione trofica; tali caratteristiche consentono loro di infestare i
vari organi dei vegetali e di causarne antiestetici deperimenti e persino la morte.
Oltre alle numerose specie da tempo infeudate alle varie essenze ornamentali,
sempre più frequenti sono le introduzioni di fitofagi esotici sia dalle aree di origine delle loro piante ospiti che da altre zone; gli insetti dotati di ampia valenza
ecologica, sono spesso in grado di pullulare in nuovi ambienti, anche su ospiti
differenti da quelli di origine che non in grado di resistere agli attacchi. Numerose specie indigene trovano in ambiente urbano valide condizioni ecologiche
e, per l’insufficiente azione dei loro naturali fattori di contenimento, diventano
altamente infestanti, creando, come nel caso della processionaria dei pini, anche
problemi di ordine sanitario.
Ma sempre più frequenti sono le infestazioni sostenute da insetti esotici accidentalmente introdotti.
Emblematici, al riguardo, sono i casi della Tigre del platano e del Flatide
Metcalfa pruinosa (Say), nonché delle cocciniglie Ceroplastes japonicus Green,
Phenacoccus spp. e Protopulvinaria pyriformis Koch.
Maggiore risalto hanno avuto le gravi infestazioni di Anoplophora spp. su latifoglie e di Rhynchophorus ferrugineus (Oliv.) su Palma delle Canarie; ma numerose
altre specie di recente, o di possibile, introduzione in Italia, potrebbero creare
seri problemi fitosanitari a varie piante ornamentali.
La protezione del verde, anche nelle aree antropizzate, deve essere effettuata
nel rispetto dei principi ecologici, tossicologici ed economici sui quali si basa il
controllo integrato.
Fondamentale è la scelta delle essenze da mettere a dimora da basare su criteri
tecnico-scientifici che privilegino i caratteri biologico colturali (resistenza), nonché di adattamento al suolo e alle condizioni delle aree urbane (inquinamento
fotochimico, asfissia radicale, ecc.).
Nella gestione del verde vanno quindi privilegiate le razionali cure colturali, le
tecniche di lotta biologica e i mezzi biotecnici.
13
Letture plenarie e pubbliche
Infine, va sottolineato che, in Italia, gli insetticidi utilizzabili in ambiente urbano debbono essere registrati come prodotti fitosanitari autorizzati e che il loro
impiego non sempre è in grado di risolvere adeguatamente i problemi fitosanitari.
Parole chiave: specie fitofaghe, danni, controllo integrato.
14
Letture plenarie e pubbliche
I NUMERI DELLA BIODIVERSITÀ NEGLI INSETTI
M. Biondi
Dipartimento di Scienze Ambientali, Università degli Studi dell’Aquila, Via Vetoio, 67010 L’Aquila-Coppito (AQ) E-mail: maurizio.biondi@univaq.it
Nell’ambito dei Metazoi gli Insetti rappresentano, con circa il 58% delle specie
sinora descritte, il gruppo tassonomico più numeroso. La loro reale consistenza
numerica sul nostro pianeta è tuttavia ancora molto lontana dall’essere completamente conosciuta e le stime ipotizzate relative a questo dato sono caratterizzate da continue variazioni, accompagnate e/o seguite da accese discussioni
nell’ambito della comunità scientifica.
I numeri sinora proposti, infatti, si collocano in un campo di variazione estremamente ampio che va dai 2 ai 50 milioni di specie (cfr. Stork 1993). Le stime
più prudenti sono state avanzate da Hodkinson & Casson (1991), mentre quelle
più elevate sono da attribuire soprattutto ad Erwin (1982, 1983, 1988, 1993), il
quale, come è noto, ha basato tali dati su un processo di estrapolazione statistica, partendo dal conteggio delle specie raccolte con il metodo del “canopy
fogging” su essenze arboree in foreste tropicali americane.
Tale metodo inferenziale, tuttavia, è stato fortemente criticato (Colwell & Coddington 1994) in quanto le supposizioni di partenza erano basate su presupposti
“statisticamente deboli”, come ad esempio (a) la generalizzazione sulle stime del
numero di specie presenti in specifiche condizioni ecologiche, stime estese “tout
court”anche ad altre situazioni ambientali profondamente diverse, e (b) la mancanza di un approfondito controllo sull’effettiva congruenza dei dati ipotizzati
relativi al numero di specie non ancora descritte, con quelli realmente noti nei
vari ordini di insetti considerati. Va tuttavia evidenziato come i contributi di
Erwin (1988, 1993), avevano spesso anche l’importante funzione di allarmare
l’opinione pubblica e scientifica sul pericolo di estinzione di massa di specie
animali a seguito delle incontrollate attività di deforestazione in aree tropicali.
Il “balletto” dei numeri, tuttavia, è continuato anche negli anni successivi nel
tentativo di fornire una stima attendibile sull’ipotetico numero di specie di Insetti effettivamente esistenti. A tale proposito vanno ricordati i contributi di
Stork (1993), che ha proposto una “forbice” di possibilità piuttosto ampia (5-15
milioni di specie) e di Gaston (1991), molto più prudente, che si è limitato ad
una stima di circa 5 milioni di specie. Quest’ultima ipotesi è stata inoltre accettata anche da Grimaldi & Engel (2005), nonostante Hammond (1992) avesse
fornito, più di recente, una stima più elevata pari a circa 12.5 milioni di specie.
D’altro canto, per quanto riguarda il numero effettivo di specie entomatiche sinora ufficialmente descritto, i numeri più recenti ed attendibili sono quelli riportati in Grimaldi & Engel (2005), pari a 925.000, e in Adler & Foottit (2009),
pari a 1.004.898. Va ricordato, tuttavia, che questi dati non comprendono le tre
classi di Entognatha (Collembola, Diplura e Protura) che rappresentano a loro
volta circa 11.000 specie. A questo riguardo, è interessante osservare come in
15
Letture plenarie e pubbliche
pochissimi anni il numero delle specie note di Insetti, al di là di inevitabili variazioni dovute al sistema di conteggio utilizzato, sia aumentato di quasi il 10%,
ciò nonostante la forte crisi che da alcuni anni sta attraversando la tassonomia
a livello mondiale.
Nella presente relazione, oltre a fornire un quadro aggiornato criticamente vagliato riguardante le stime numeriche relative al possibile numero totale di insetti esistenti sul nostro pianeta, verranno illustrati i dati relativi allo stato attuale
delle conoscenze, mettendo in particolare evidenza la notevole disomogeneità di
tali dati, sia in base all’area geografica sia al gruppo tassonomico considerati.
Alcune riflessioni conclusive, riguardano infine l’importante ruolo scientifico
che hanno rivestito e rivestono tuttora le collezioni naturalistiche conservate
nelle istituzioni museali di tutto il mondo consistenti in gran parte di materiali
non ancora studiati, che purtroppo stanno subendo un sempre più irreversibile
degrado per mancanza di sufficienti risorse finalizzate ad assicurare loro adeguate misure di controllo e conservazione. Purtroppo, la crisi economica che da
alcuni anni sta fortemente interessando molti paesi occidentali sta avendo, tra
gli effetti più immediati, quello di penalizzare le diverse forme di investimento
su quelle tipologie di cultura, come ad esempio quella naturalistica, che non
“offrono” un rapido ed adeguato tornaconto economico.
In conseguenza di ciò, si sta quindi assistendo ad un forte ridimensionamento
della tassonomia, in particolare di quella “tradizionale”, con il forte rischio di
un’inevitabile discontinuità, ovvero di un salto generazionale, che potrebbe portare, nel peggiore dei casi, alla perdita totale di quelle “expertises” che nel tempo
si sono sempre avvicendate contribuendo in modo assolutamente indispensabile
allo sviluppo della sistematica moderna, evidenziandone i punti di stabilità e di
criticità, fornendo in questo modo un immenso patrimonio di dati che si è sempre dimostrato indispensabile per impostare correttamente qualsiasi tipo di ulteriore analisi, dalla biometrica alla biomolecolare, metodologie che aggiungono
nuovi punti di vista ma non sostituiscono l’enorme bagaglio di conoscenze che si
è accumulato in oltre 250 anni di contributi tassonomici, non solo entomologici.
Bibliografia
Adler R.G. & Foottit P.H., 2009 - Introduction (pp. 1-6) - In: Adler R.G. &
Foottit P.H. (Eds), Insect Biodiversity: Science and Society. 1st edition - Blackwell Publishing, John Wiley & Sons Ltd. Publication, Chichester, UK.
Colwell R.K. & Coddington J.A., 1994 - Estimating terrestrial biodiversity
through extrapolation - Philosophical Transactions of Royal Society, London, B,
345: 101-118.
Erwin T.L., 1982 - Tropical forests: their richness in Coleoptera and other arthropod species - Coleopterists Bulletin, Washington, 36: 74-75.
Erwin T.L., 1983 - Tropical forest canopies, the last biotic frontier - Bulletin of
the Entomological Society of America, Lanham, 29: 14-19.
Erwin T.L., 1988 - The tropical forest canopy: the hearth of biotic diversity (pp.
123-129) - In: Wilson E.O. & Peter F.M. (Eds), Biodiversity - National Academy
Press, Washington DC, USA.
16
Letture plenarie e pubbliche
Erwin T. L., 1993 - Biodiversity at its utmost: tropical forest beetles (pp. 2768) - In: Reaka-Kudla M.L., Wilson D.E. & Wilson O.E. (Eds). Biodiversity II.
Understanding and Protecting our Biological Resources - Joseph Henry Press,
Washington DC, USA.
Grimaldi D.A. & Engel M., 2005 - The Evolution of Insects - Cambridge University Press, Cambridge, UK.
Hammond P., 1992 - Species inventory (pp. 17-39) - In: Groombridge B. (Ed.).
Global Biodiversity. Status of the Earth’s Living Resources. A Report Compiled
by the World Conservation Monitoring Centre - Chapman and Hall, London,
UK.
Hodkinson I.D. & Casson D., 1991 - A lesser predilection for bugs: Hemiptera
(Insecta) diversity in tropical rain forests - Biological Journal of the Linnean
Society, London, 43: 101-109.
Stork N.E., 1993 - How many species are there? - Biodiversity and Conservation,
Dordrecht, 2: 215-232.
17
Letture plenarie e pubbliche
PELI URTICANTI DEGLI ARTROPODI: CARATTERISTICHE GENERALI
E IMPORTANZA MEDICA
A. Battisti
Dipartimento di Agronomia Ambientale e Produzioni Vegetali, Agripolis, Viale
dell’Universita 16, 35020 Legnaro (PD) E-mail: andrea.battisti@unipd.it
Numerosi artropodi presentano peli con funzioni difensive nei confronti dei predatori. Questi peli urticanti possono essere classificati in tre categorie: setole
urticanti tipiche, setole urticanti modificate, spine.
Le setole urticanti tipiche sono caratterizzate dalla perdita della connessione
nervosa e dal distacco della parte prossimale della setola dal tegumento. La setola può essere inserita in un supporto o in una fossetta del tegumento e viene
ad essere facilmente rimossa da qualunque tipo di stimolazione meccanica. Le
setole urticanti sono corte (lunghezza 100-500 mm, diametro 3-7 mm) e presentano uncini rivolti verso l’alto specialmente nella parte distale. Esse sono prodotte in aree specifiche del tegumento denominate specchi, dove la densità può
essere molto elevata (60.000/mm2 nelle larve di processionaria del pino, 12.000/
mm2 nei ragni Terafosidi). Di norma penetrano nell’epidermide con l’estremità
prossimale. Sono presenti in larve e adulti di Lepidotteri in tutto il mondo e in
ragni Terafosidi del continente americano. Strutture omologhe si ritrovano in
Coleotteri Dermestidi, nei Tricotteri e nei Diplopodi.
Le setole modificate sono anch’esse sprovviste di connessione nervosa ma hanno
la base fusa con il tegumento, inoltre sono collegate a una cellula con funzione
secretrice. Esse sono generalmente più lunghe delle setole urticanti tipiche (fino
a 1 mm), rigide e con uncini rivolti verso il basso. Penetrano l’epidermide con
l’estremità distale e al momento del distacco si genera una lacerazione alla base.
Esse sono distribuite in siti specifici del tegumento ma a densità estremamente
più bassa rispetto alle vere setole. Le setole modificate sono tipiche delle larve
di Lepidotteri.
Le spine presentano una struttura molto più complessa rispetto alle setole in
quanto sono costituite da un elevato numero di cellule anche di tipo nervoso.
Esse sono riempite di una secrezione che viene liberata e iniettata nell’epidermide in seguito a una stimolazione meccanica. Le loro dimensioni variano notevolmente ma in generale sono sempre più grandi delle setole; talvolta sono
organizzate in strutture complesse (scoli) e sono spesso associate a caratteri
aposematici come ad esempio nelle larve di Lepidotteri Magalopigidi, Limacodidi e Saturnidi.
L’uomo è esposto all’azione dei peli urticanti in tutto il mondo, con consequenze
talvolta molto gravi. L’esposizione dipende in primo luogo dalla densità degli
insetti e gli eventi più nefasti si osservano in concomitanza di pullulazioni di
lepidotteri defogliatori che liberano nell’aria numerosissime setole urticanti. Le
setole modificate e le spine necessitano di norma un contatto con l’organismo
per scatenare le reazioni e colpiscono in particolare determinate categorie di
19
Letture plenarie e pubbliche
operatori in ambiente naturale. Le popolazioni di ragni Terafosidi non raggiungono mai densità elevate ma possono causare reazioni in condizioni di cattività.
Sono state descritte numerose sindromi associate ai peli urticanti dei Lepidotteri (es. erucismo e lepidotterismo) ma le definizioni sono spesso confuse e non
chiariscono la modalità di azione dei peli urticanti.
I peli urticanti contengono proteine e altre molecole che vengono riconosciute dal sistema immunitario, causando allergie e altri tipi di reazioni. Tuttavia
i tempi di sviluppo della reazione e la frequenza osservata nelle popolazioni
umane lascia supporre un meccanismo più complesso, che può coinvolgere anche elementi strutturali dei peli come la chitina. Questa molecola, o il risultato
della sua degradazione ad opera di specifici enzimi, si inserisce in un complesso
meccanismo di interazione con le cellule del sistema immunitario, che porta a
un’espressione differenziata della reazione ai peli urticanti.
Nonostante siano molte le informazioni circa l’effetto dei peli urticanti sull’uomo, poco è noto circa l’azione di difesa che questi dovrebbero svolgere in natura
nei confronti dei vertebrati predatori. Se da un lato le setole modificate e le spine svolgono un’azione facilmente identificabile e associata con la produzione di
specifiche secrezioni cellulari, dall’altro l’importanza delle vere setole rimane di
difficile comprensione. Queste possono essere liberate nell’aria, e quindi agire
a distanza, e inoltre causano reazioni che non sono immediate nella maggior
parte dei casi. Entrambi questi fattori lasciano pensare che il beneficio per l’insetto che produce le setole sia difficile da quantificare, se non in un contesto
di socialità e di aposematismo di gruppo. Inoltre la dilazione temporale delle
reazioni può essere associata sia all’ottenimento di un effetto cumulativo sia
all’apprendimento della nocività delle prede. Il grande investimento energetico
che taluni insetti pongono nelle strutture urticanti lascia supporre la loro efficacia nella protezione dai predatori.
Parole chiave: Lepidotteri, ragni, difesa, chitina, allergia.
20
Sessione I
MORFOLOGIA FUNZIONALE,
SISTEMATICA E FILOGENESI
Presentazioni orali
Sessione I - Morfologia funzionale, sistematica e filogenesi. Presentazioni orali
ISOMINA, UNA PROTEINA DEI FILAMENTI INTERMEDI ESPRESSA
IN ISOTOMURUS (COLLEMBOLA)
C. Mencarelli, S. Ciolfi, P. Lupetti & R. Dallai
Dipartimento di Biologia evolutiva, Università di Siena, Via A. Moro 2, 53100 Siena
E-mail: mencarelli@unisi.it
I filamenti intermedi (FI) sono espressi in tutti i metazoi, con l’importante eccezione degli artropodi: in questo phylum è stato infatti possibile evidenziare
la presenza delle sole lamine (FI nucleari), mentre i FI citoplasmatici sono assenti in tutte le specie finora analizzate. I FI svolgono un ruolo chiave nella
fisiologia della cellula. Le proteine che li costituiscono formano una famiglia
multigenica e condividono la stessa organizzazione molecolare, caratterizzata
da un dominio centrale con struttura coiled-coil (rod) e da due estensioni amino- e carbossiterminali. La regione centrale ha una lunghezza definita e costante, è delimitata da sequenze conservate (dette helix initiation motif e helix
termination motif) ed è suddivisa in sottodominii (coil 1a, coil 1b e coil 2). In
tutte le proteine dei FI il coil 2 presenta in posizione conservata una discontinuità (stutter) nella struttura coiled coil. Nei collemboli del genere Isotomurus
Borner l’epitelio intestinale presenta una trama terminale formata da filamenti
di 8-10nm, che attraversano la parte apicale della cellula e si inseriscono sulla
giunzione settata. Mediante procedure di frazionamento cellulare ed esperimenti di immunoelettromicroscopia con anticorpi specifici, abbiamo stabilito che il
componente principale di questa struttura è una proteina di 40 kDa , che abbiamo denominato Isomina. La struttura primaria di questa proteina è stata stabilita attraverso l’uso combinato di spettrometria di massa, RT-PCR e RACE.
L’analisi della sequenza indica che isomina presenta tutti i caratteri tipici dei
FI: 1) la struttura molecolare tripartita, 2) la presenza dei motivi conservati alle
due estremità del rod, 3) la presenza della discontinuità nel coil 2 in posizione
conservata. Tuttavia, la parte terminale del coil 1a è fortemente divergente dalla struttura consensus. Esperimenti preliminari di overlay blot hanno suggerito
che in vivo isomina formi omopolimeri; inoltre, utilizzando questo approccio
è stato anche possibile stabilire che isomina è in grado di legarsi all’actina, in
accordo con i risultati ottenuti dalle indagini ultrastrutturali, che evidenziano
interazioni tra i fasci di microfilamenti che provengono dai microvilli e i filamenti della trama terminale.
Isomina è quindi un nuovo membro della famiglia dei filamenti intermedi. Analisi
filogenetiche hanno indicato una più stretta relazione tra isomina e le proteine dei
FI espresse nell’intestino di Caenorhabditis elegans (Maupas), in accordo con l’esistenza di relazioni filogenetiche tra artropodi e nematodi. La divergenza osservata
nel coil 1a rispetto alla struttura consensus è particolarmente interessante nell’ottica della perdita dei FI che è realizzata durante l’ evoluzione degli Arthropoda.
Parole chiave: trama terminale, intestino medio, Arthropoda, evoluzione.
23
Sessione I - Morfologia funzionale, sistematica e filogenesi. Presentazioni orali
LE ANTENNE DEI PALEOTTERI NELLA PERCEZIONE DELL’AMBIENTE
A. Dell’Otto, M. Rebora, S. Piersanti & E. Gaino
Dipartimento di Biologia Cellulare e Ambientale, Università degli Studi di Perugia, 06121 Perugia E-mail: alex_otto@libero.it
L’organizzazione antennale più semplice è rappresentata da un’antenna flagellata multi segmentata. Tale tipologia è presente anche nei Paleotteri, i più antichi
insetti alati, in cui il flagello mostra ridotte dimensioni. Quest’ultima caratteristica, unitamente all’assenza di lobi olfattivi glomerulari a livello cerebrale,
ha portato a considerare questi insetti anosmici e a sostenere l’ipotesi che le
antenne dei primi insetti abbiano avuto un ruolo importante nella percezione
degli stimoli meccanici e gustativi (chemiorecezione con contatto) ma non nella
percezione delle sostanze chimiche presenti nell’aria.
Recenti indagini ultrastrutturali sugli adulti di Libellula depressa Linnaeus
(Odonata, Libellulidae) e di Rhithrogena semicolorata (Curtis) (Ephemeroptera,
Heptageniidae), condotti dal presente gruppo di ricerca, hanno descritto sul flagello antennale di questi insetti sensilli celoconici morfologicamente riconducibili a recettori olfattivi del tipo “single walled” e sensilli con morfologia simile
a quella dei termo-igrorecettori. La presenza di entrambe le tipologie di sensilli
è stata individuata in diverse famiglie appartenenti ai due ordini di insetti.
Utilizzando L. depressa come specie modello, sono state condotte indagini elettrofisiologiche per chiarire la reale funzionalità di tali sensilli. Tali indagini
(EAG, SCR) hanno confermato la presenza di neuroni recettori di tipo olfattivo e igro-termorecettori sull’antenna di questo insetto. In parallelo, sono state condotte indagini neuro-anatomiche al microscopio confocale per verificare
il percorso del nervo antennale a livello cerebrale ed indagare la struttura del
lobo olfattivo. Le immagini hanno messo in evidenza che gli assoni dei neuroni
sensoriali provenienti dal flagello antennale arrivano in un lobo antennale bipartito aglomerulare, nella regione del deutocerebro. Alcune fibre bypassano il
lobo antennale, dirigendosi al medio protocerebro, ed altre si proiettano verso
il ganglio subesofageo a formare il centro meccano-sensoriale e motorio dell’antenna (AMMC). Le due porzioni del lobo antennale potrebbero rappresentare
i siti primari di elaborazione dell’informazione olfattiva e termo-igrosensoriale.
L’assenza di glomeruli nel lobo olfattivo che, come evidenziato dalle indagini
elettrofisiologiche, non compromette la capacità di percepire odori, potrebbe essere ricondotta alla riduzione dell’importanza dell’olfatto, in concomitanza con
la conquista secondaria dell’ambiente acquatico.
Le indagini sull’olfatto negli Pterigoti basali possono far luce sulla storia evolutiva della percezione degli odori negli insetti.
Parole chiave: Odonati, elettrofisiologia, neuroanatomia, olfatto.
24
Sessione I - Morfologia funzionale, sistematica e filogenesi. Presentazioni orali
OSSERVAZIONI PRELIMINARI SUL SISTEMA GHIANDOLARE
ODORIFERO IN ADULTI E NINFE DI lEPTOGLOSSUS OCCIDENTALIS
(HEMIPTERA, COREIDAE)
G. Benelli1,2, L. Santini1, A. Canale1 & A. Lucchi1
Dipartimento CDSL “G. Scaramuzzi”, Università di Pisa, Via del Borghetto
80, 56124 Pisa
2
S.S.S.U.P. Sant’Anna, Piazza Martiri della Libertà 33, 56127 Pisa
E-mail: g.benelli@sssup.it
1
Leptoglossus occidentalis (Heidemann) è specie neartica, segnalata per la prima
volta nel 1999 in Italia a Vicenza e rapidamente diffusasi in diversi Paesi europei. Compiendo da 2 a 3 generazioni l’anno, il coreide si alimenta a spese dei
semi di numerose conifere, provocando riduzioni di produzione fino al 40% e
riduzioni della germinabilità superiori all’80%.
Al fine di descriverne il sistema ghiandolare odorifero, ninfe di V età e adulti di
ambo i sessi sono stati immersi in soluzione fisiologica, le ghiandole sono state
estratte, lavate in etanolo ed esaminate con uno stereomicroscopio Zeiss III. Per
l’osservazione al microscopio elettronico a scansione i preparati cuticolari sono
stati lavati in cloroformio, disidratati e fotografati in un Philips SEM 515.
Le forme giovanili di V età di L. occidentalis sono dotate di ghiandole addominali sacciformi (DAGs), assenti negli adulti, che sboccano tra IV-V e V-VI
urotergite. Il rilascio del secreto è dovuto alla contrazione di un “opener muscle”
inserito sul bordo cuticolare dell’ostiolo. Non essendo presenti bracci occlusori
(occlusion arms) degli ostioli, la loro chiusura è assicurata, come in molti altri
Eterotteri, solo dall’elasticità della cuticola che li compone. La superficie cuticolare esterna posta nelle vicinanze dell’ostiolo si configura come una vera e
propria area di raccolta e di evaporazione del secreto. Il complesso ghiandolare
odorifero metasternale (MTS), esclusivo degli adulti, è posizionato nella parte
ventrale del metatorace, estendendosi fino al secondo segmento addominale con
sbocchi situati fra le zampe meso- e metatoraciche, in posizione latero-sternale. Un serbatoio centrale, sacciforme e di colore aranciato, è collegato a due
candide ghiandole laterali tramite due dotti efferenti. Gli ostioli sono costituiti
da fessure cuticolari, delimitate da una rima perimetrale sclerotizzata, lunghe
300±36 μm e larghe 160±18 μm. La superficie di accumulo ed evaporazione del
secreto è caratterizzata da una peculiare microscultura, costituita da depressioni cuticolari e crespature variamente forgiate. Non sono stati osservati muscoli
sulle pareti del serbatoio. In analogia con le forme giovanili, il secreto viene
emesso per contrazione di “opener muscles”. Non sono state rilevate differenze
anatomiche tra gli apparati odoriferi del maschio e della femmina. Analisi ultrastrutturali sono in corso.
Parole chiave: complesso odorifero metasternale, ghiandole dorso-addominali,
cimice dei pini.
25
Sessione I - Morfologia funzionale, sistematica e filogenesi. Presentazioni orali
MORFOLOGIA ED ULTRASTRUTTURA DELLO SPERMATOZOO DEI
PHASMATODEA
M. Gottardo1, M. V. Brundo2 & R. Dallai1
Dipartimento di Biologia Evolutiva, Università degli Studi di Siena, Via Aldo
Moro 2, 53100 Siena E-mail: gottardo@unisi.it
2
Dipartimento di Biologia Animale “Marcello La Greca”, Università degli Studi
di Catania, Via Androne 81, 95124 Catania
1
I Phasmatodea rappresentano uno degli ordini principali di Polyneoptera, i cui
rapporti filogenetici e la filogenesi interna sono ancora dibattuti. Secondo la
filogenesi attualmente accreditata (Bradler 2009), l’ordine risulta più affine agli
Embioptera e consta di due gruppi monofiletici principali: Timematodea (rappresentato unicamente dal genere Timema Scudder, 1895, con 21 specie distribuite negli Stati Uniti meridionali e Messico) ed Euphasmatodea (comprendente
tutte le restanti linee filetiche dell’ordine, con 452 generi e 2939 specie, distribuite principalmente nelle regioni a clima tropicale e subtropicale).
Nel presente studio sono riportati i risultati di indagini morfologiche ed ultrastrutturali sugli spermatozoi di 13 specie di Euphasmatodea. L’osservazione al
microscopio ottico e al microscopio elettronico a scansione ha rivelato differenze significative nella forma e dimensioni degli spermatozoi. A seconda dei vari
taxa, la testa può presentarsi breve e tozza, o più allungata e bastoncellare; il
flagello può avere una struttura filiforme come nel caso di Necroscia annulipes
(Gray) e Xylica oedematosa Karsch, o può essere appiattito e provvisto di una
sorta di membrana ondulante come riscontrato in Dares verrucosus (Redtenbacher), Peruphasma schultei Conle & Hennemann e Phyllium bioculatum Gray.
L’analisi al microscopio elettronico a trasmissione ha dimostrato che tutti i taxa
esaminati condividono i seguenti caratteri ultrastrutturali: (a) acrosoma costituito solo dai due strati più esterni, mancante di perforatorium; (b) flagello con
struttura assonemale 9 + 9 + 2, con microtubuli accessori provvisti di 17 protofilamenti nelle loro pareti; (c) assenza di mitocondri; (d) assenza di cisterne
membranose; (e) presenza di due corpi accessori molto sviluppati, di struttura
laminare. Nell’ambito dei Polyneoptera, allo stato attuale delle conoscenze, tali
caratteri possono essere considerati peculiari autapomorfie dei Phasmatodea.
Inoltre, nei diversi taxa, l’indagine ha evidenziato importanti differenze morfologiche a carico dei corpi accessori. I risultati ottenuti conducono ad interessanti implicazioni per la filogenesi e la biologia riproduttiva del gruppo.
Parole chiave: biologia della riproduzione, filogenesi, Polyneoptera.
26
Sessione I - Morfologia funzionale, sistematica e filogenesi. Presentazioni orali
PRIMO TENTATIVO DI ANALISI CLADISTICA
TACHINIDI (DIPTERA, TACHINIDAE)
NUMERICA
DEI
P. Cerretti
Dipartimento di Biologia e Biotecnologie “Charles Darwin”, Università di Roma
Sapienza, Piazzale Aldo Moro 5, 000185 Roma
E-mail: pierfilippo.cerretti@uniroma1.it
Con oltre 9000 specie descritte i tachinidi rappresentano la più vasta e diversificata famiglia di ditteri brachiceri. Si tratta, senza eccezioni, di endoparassitoidi di altri artropodi terrestri, prevalentemente insetti fitofagi. Nonostante la
loro notevole importanza ecologica ed economica, la sistematica dei tachinidi
è tutt’ora “confusa” e non esiste una classificazione coerente e condivisa del
gruppo. Secondo molti autori i tachinidi rappresentano un gruppo relativamente recente e in piena radiazione, la cui monofilia è ben corroborata da ben tre
sinapomorfie. La loro suddivisione in quattro sottofamiglie (Exoristinae, Tachininae, Dexiinae, Phasiinae) sulla base di caratteri morfologici ed etologici è abbastanza condivisa. La sottofamiglia Phasiinae è l’unica ad essere caratterizzata
anche dal punto di vista biologico poiché composta, quasi senza eccezioni, da
specie parassite di emitteri eterotteri. Diversamente, la suddivisione tribale è
molto variabile e poco condivisa. Il presente studio è stato condotto su 267
generi appartenenti a 37 tribù, in rappresentanza delle quattro sottofamiglie.
La matrice, contenente i dati relativi alla codifica di 130 caratteri morfologici, è
stata analizzata con il software TNT. L’analisi della parsimonia è stata eseguita sia con “equal weights” che con “implied weights”. I risultati più importanti
e ben supportati in tutte le analisi eseguite sono i seguenti: la sottofamiglia
Tachininae è polifiletica, mentre è ben corroborata la monofilia delle altre tre
sottofamiglie; gli Ormiini, una piccola tribù di Tachininae parassitoidi notturni
di ortotteri ensiferi, si collocano come sister-group di tutti gli altri tachinidi; i
Dexiinae, ai quali appartiene anche il “fasino” Lithophasia, sono il sister-group
di “Tachininae” + Exoristinae; gli Eutherini, una piccola e problematica tribù di parassitoidi di eterotteri, ma con terminali maschili molto simili a quelli
che caratterizzano i Dexiinae, clusterizzano con i Phasiinae indicando che il
parassitoidismo su eterotteri potrebbe essersi evoluto una sola volta nei tachinidi; anche i “controversi” Imitomyiini e il genere Strongygaster clusterizzano
con i Phasiinae; i “Tachininae” (senza gli Ormiini) sono divisi in due grandi
gruppi, uno (Myiophasiini + Pelatachinini + Megaprosopini + Linnaeamyini
+ Ernestiini + Tachinini) monofiletico e sister-group degli Exoristinae e dei restanti “Tachininae” (= Macquartiini + Graphogastrini + Leskiini + Minthoini
+ Siphoniini) che, nel loro insieme, risultano parafiletici rispetto alla sottofamiglia Exoristinae. L’analisi ha inoltre consentito di corroborare su base cladistica
quasi tutte le tribù di partenza.
Parole chiave: filogenesi, massima parsimonia, morfologia, parassitoidi.
27
Sessione I - Morfologia funzionale, sistematica e filogenesi. Presentazioni orali
RELAZIONI FILOGENETICHE E TASSONOMIA DELLE SPECIE DEL
COMPLESSO APHIS FRANGULAE DELLE LABIATE
G. Cocuzza, V. Cavalieri & S. Barbagallo
Dipartimento di Gestione delle Risorse Agroalimentari e Ambientali, Università
degli Studi di Catania, Via S. Sofia 100, 95123 Catania E-mail: cocuzza@unict.it
Il genere Aphis L. (Hemiptera, Aphididae) include quasi 600 specie, delle quali
circa 120 sono presenti nel territorio italiano. La maggior parte delle specie sono
associate a piante ospiti appartenenti alle Dicotiledoni e alcune risultano dannose alle colture agrarie. La tassonomia del genere non è semplice, in quanto
varie specie mancano di sufficienti caratteri morfologici utili alla discriminazione l’una dall’altra. Di conseguenza, alcune specie sono distinte tra loro soprattutto sulla base di caratteristiche bio-ecologiche (ciclo biologico, pianta ospite) e
vengono riunite in gruppi o complessi criptici. Uno dei più difficili è quello indicato come gruppo frangulae/gossypii, i cui membri sono caratterizzati da ridotta
o assente sclerificazione dorsale, setole antennali e femorali corte, sifoni di media lunghezza e sclerificati, codicola più chiara e con ridotto numero di setole.
Si considera che il taxon ancestrale di questo complesso criptico utilizzava piante della famiglia delle Ramnaceae come ospite primario e varie altre essenze
botaniche come ospiti secondari; numerosi taxa vivono su Labiate. Il sempre
maggior adattamento agli ospiti secondari è alla base del differenziamento di
molte specie del complesso e probabilmente il processo è ancora oggi in corso.
È noto peraltro che la speciazione si avvia con una differenziazione biologica
e genetica cui segue, anche a notevole distanza di tempo, quella morfologica. Il
complesso A. frangulae/gossypii è stato oggetto di numerosi studi e la difficoltà
di distinguere morfologicamente le varie entità ha indotto nel passato vari studiosi a considerare A. frangulae Kaltenbach l’unica specie valida e tutte le altre
come sottospecie o biotipi di essa.
Un’indagine molecolare è stata condotta esaminando 30 entità appartenenti al
complesso A. frangulae/gossypii, analizzando un totale di 1220 bp appartenenti ai
geni mitocondriali citocromo-ossidasi I (COI) e II (COII). I risultati confermano
che A. frangulae e A. gossypii Glover con le rispettive specie “associate” sono ben
distinguibili a livello genetico. Nel sottogruppo gossypii è emersa la mancanza
di differenza genetica significativa tra alcune entità fino ad oggi elevate a livello
specifico. Dai risultati si può ipotizzare che possa trattarsi piuttosto di biotipi
adattati a specifiche piante ospiti; infatti, dai dati molecolari appare ingiustificata l’elevazione allo status di specie di A. myopori Macchiati, A. catalpae Mamontova, A. sedi Kaltenbach, A. capsellae Kaltenbach e A. brunellae Schouteden.
Nel sottogruppo frangulae le differenze genetiche tra le varie entità è risultata
maggiore. Solo A. symphyti Schrank ha mostrato un’alta similarità genetica con
i campioni di A. frangulae s.s. Confermata invece la differenza genetica tra A.
chloris Koch, A. helianthemi Ferrari, A. eupatorii Passerini e A. origani Passerini.
Parole chiave: afidi, specie criptiche, DNA mitocondriale.
28
Sessione I - Morfologia funzionale, sistematica e filogenesi. Presentazioni orali
L’IDENTIFICAZIONE MOLECOLARE DI SPECIE MERIDIONALI DI
TRIPIDI (THYSANOPTERA, THRIPIDAE) COME SUPPORTO ALLA
DIAGNOSTICA MORFOLOGICA
A. De Grazia1, R. Marullo1 & G. Moritz2
Dipartimento GESAF, Sezione Entomologia Agraria e Forestale, Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria, località Feo de Vito, 89060 Reggio
Calabria E-mail: alessandra.degrazia@unirc.it
2
Biology/Zoology Dept., Martin-Luther Universitat, Halle-Wittenberg, Domplatz 4, D-06099 Halle (Saale), Germania
1
Molte specie afferenti ai generi Thrips Linnaeus e Frankliniella Karny sono
diffuse in areali agrari italiani ed europei meridionali dove esplicano attività
fitofaga a carico di colture di importanza economica. Il loro impatto, in particolare, su piante ortive, ornamentali ed industriali da serra e/o pieno campo,
è dovuto all’attività parassitaria delle popolazioni di campo di alcune specie
particolarmente invasive, indigene della fauna italiana (es.: T. tabaci, T. meridionalis) oppure introdotte, più o meno recentemente (F. occidentalis) ma ampiamente diffuse. I danni ad esse imputabili sono ingenti e richiedono interventi
fitosanitari ecocompatibili: infatti, spesso tali popolazioni sviluppano resistenza
ai vari insetticidi utilizzati ed inoltre il controllo biologico non è soddisfacente
a causa della rarefazione dei nemici naturali. Idonee strategie di difesa richiedono l’esatta identificazione delle specie dannose, che risulta non facile e spesso
possibile solo per specialisti tassonomi. Esistono infatti, nell’ambito dei Tisanotteri Tripidi, carenze diagnostiche sia a livello interspecifico che nell’ambito di
popolazioni di campo di una stessa specie. In particolare, le specie italiane di
Frankliniella sono caratterizzate da notevole variabilità fenotipica relativamente
a caratteri morfologici come la grandezza e la posizione delle setole ocellari,
la chetotassia del pronoto, la forma degli ctenidi tergali, lo sviluppo del pettine
postmarginale sul tergite VIII. Alcune delle più importanti e diffuse specie di
Thrips presentano variabilità strutturale riguardo a numero e posizione delle
setole ocellari, presenza di microtrichi tergali, chetotassia degli sterniti. Recentemente sono state approntate delle tecniche molecolari da utilizzare ai fini diagnostici in combinazione con la morfologia classica (electronic and visual key).
Nella presente comunicazione, sono presentati i risultati ottenuti da analisi molecolari (tecnica RFLP) effettuate su alcune delle più diffuse e dannose specie
di Thrips e Frankliniella. La metodologia realizzata prevede le fasi: estrazione
DNA, PCR, digestione dei prodotti di PCR con uso di enzimi di restrizione,
elettroforesi dei frammenti di restrizione. I risultati prodotti consentono di ottenere bande (patterns) specifiche di DNA per l’identificazione di una determinata
specie, anche utilizzando solo stadi giovanili (uova e neanidi). L’identificazione
specifica è ottenuta attraverso il confronto delle diverse bande prodotte da una
medesima coppia di primers.
Parole chiave: polimorfismo, taxa, stadi evolutivi, regione ITS, rDNA.
29
Sessione I
MORFOLOGIA FUNZIONALE,
SISTEMATICA E FILOGENESI
Presentazioni Posters
Sessione I - Morfologia funzionale, sistematica e filogenesi. Presentazioni Posters
La struttura del dotto eiaculatore di Orchesella
villosa (Collembola, Entomobryidae)
P. P. Fanciulli, F. Frati & R. Dallai
Dipartimento di Biologia Evolutiva, Università di Siena, Via Aldo Moro 2,
53100 Siena E-mail: fanciullip@unisi.it
I Collemboli si riproducono mediante trasferimento indiretto degli spermatozoi tramite spermatofore deposte dal maschio sul terreno e successivamente
recuperate dalla femmina, talvolta dopo rituali molto sofisticati. In Orchesella
villosa (Geoffroy) il maschio produce una spermatofora costituita da un lungo
stalk all’apice del quale essa depone una goccia di liquido spermatico rivestita
da una secrezione densa che la protegge dall’essiccamento. Il meccanismo di
formazione della spermatofora è piuttosto complesso e prevede che nel canale
eiaculatore si attui una separazione del secreto che formerà lo stalk dal liquido spermatico. A tale scopo il lume del canale è diviso trasversalmente da un
setto cuticolare in due camere longitudinali: una dorsale lungo la quale scorre
il liquido spermatico ed una ventrale per il secreto dello stalk. Dorsalmente
l’epitelio comprende due tipi cellulari, uno dei quali provvisto di grosse cisterne
extracellulari comunicanti con il lume attraverso delle aperture apicali (cellule
del 1° tipo secondo Noirot & Quennedey 1974); l’altro tipo cellulare secerne
una secrezione che presumibilmente serve per la formazione dello strato esterno
protettivo della goccia spermatica (Döring 1986). Ventralmente l’epitelio contribuisce alla produzione del secreto per lo stalk. Lateralmente si dispongono fasci
muscolari longitudinali. All’estremità distale del canale eiaculatore la camera
dorsale progressivamente riduce le proprie dimensioni. Quella ventrale, invece,
risulta provvista di un esteso sistema di fibre muscolari trasversali; tale camera,
inoltre, si modifica per formare un distretto nel quale sono presenti lamine cuticolari trasversali che dividono il lume in una serie di fessure appiattite, attraverso le quali viene spremuto il secreto dello stalk. Dal punto di vista funzionale la
struttura della camera ventrale, a somiglianza di quanto accade in altri sistemi
secernenti proteine fibrose, assicura la fuoriuscita di filamenti sottili di secreto
che fondendosi e solidificandosi, danno origine allo stalk rigido di sostegno della goccia spermatica.
Parole chiave: spermatozoi, secrezione proteica, riproduzione.
33
Sessione I - Morfologia funzionale, sistematica e filogenesi. Presentazioni Posters
uno studio sul genere Besdolus (Plecoptera, PeRlodidae)
R. Fochetti1, B. Gaetani1, S. Fenoglio2, T. Bo2, M. Cammarata2, T. Kovács3, M. J.
López-Rodríguez4, J. M. Tierno de Figueroa5
Dipartimento di Scienze Ambientali, Largo dell’Università, 01100 Viterbo
E-mail: fochetti@unitus.it
2
Dipartimento di Scienze dell’Ambiente e della Vita, Università del Piemonte
Orientale, Via Teresa Michel 11, 15121 Alessandria
3
Mátra Museum, Kossuth Lajos utca 40, Gyöngyös, Ungheria
4
Departamento de Ecología, Facultad de Ciencias, Universidad de Granada,
Campus Fuentenueva s/n, 18071 Granada, Spagna
5
Departamento de Biología Animal, Facultad de Ciencias, Universidad de Granada, Campus Fuentenueva s/n, 18071 Granada, Spagna
1
I Plecotteri costituiscono un piccolo ordine di insetti emimetaboli, con ninfe
acquatiche e adulti terrestri. All’interno dei Neotteri, i Plecotteri si differenziano prevalentemente per la presenza di caratteri primitivi mentre pochi sono
i caratteri derivati che testimoniano la monofilia del gruppo. L’ordine include
attualmente circa 3500 specie distribuite in 16 diverse famiglie. Le ninfe vivono generalmente nelle acque fredde e ossigenate dei torrenti montani. Il genere
Besdolus Ricker, 1952 (Plecoptera: Perlodidae) è rappresentato in Europa da cinque specie: B. imhoffi (Pictet, 1841), B. ventralis (Pictet, 1841), B. bicolor (Navás,
1909), B. ravizzarum Zwick & Weinzierl, 1995 e B. illyricus Kovács & Zwick,
2008. Nel complesso, queste specie sono estremamente rare e occupano aree
disgiunte, con popolazioni spesso isolate. Anche se esistono alcune differenze
ecologiche tra le diverse specie (con B. bicolor, B. ravizzarum e B. illyricus diffusi in ambienti collinari e montuosi mentre B. imhoffi e B. ventralis sono presenti
nell’epipotamon), tutte quelle appartenenti al genere Besdolus mostrano un’estrema sensibilità alle alterazioni ambientali e costituiscono un gruppo estremamente vulnerabile e minacciato.
Scopo di questo lavoro è stato quello di approfondire alcuni aspetti della sistematica e della biogeografia del genere, conducendo al contempo analisi molecolari, utilizzando come marcatore un gene mitocondriale (COI) per valutare
la struttura genetica e le distanze intra ed interspecifiche. Vengono inoltre presentati in questo studio alcuni recenti risultati inerenti l’ecologia (dieta e ciclo
vitale) e la distribuzione dell’unica specie italiana del genere, B. ravizzarum.
Parole chiave: Plecotteri, dieta, estinzione, genetica, cicli vitali.
34
Sessione I - Morfologia funzionale, sistematica e filogenesi. Presentazioni Posters
LA SPECIE NEBBIOSA
G. Liberti
Via Cascina Girola 81, 21040 Uboldo (VA) E-mail: gianfrancoliberti@alice.it
Nella realtà di un entomologo sistematico la specie può essere vista, appropriatamente, come: “l’insieme formato da un esemplare, opportunamente (ICZN)
denominato, e da un modello grafico-letterario associato” (ICZN = International Code of Zoological Nomenclature). La definizione è ottimistica: l’esemplare
talvolta manca o è introvabile; il modello grafico-letterario, al quale ci si riferisce di solito come “descrizione”, in taluni casi (alcuni Autori del passato), può
essere irrilevante o essere associato all’esemplare molto tenuemente.
Peggio ancora, anche il “significato fisico” di specie appare nebbioso, sebbene
sia utilizzato con discreto successo da circa 250 anni. L’oggetto sfumato e indefinito di cui stiamo parlando penso possa chiamarsi “morfospecie monodimensionale”, ove morfo significa che la “descrizione” è puramente morfologica e
ove la mono-dimensione considerata è quella spaziale, geografica (dimenticando
la seconda, temporale). Il problema è appunto la variabilità geografica: specie,
sottospecie, “varietà” non regolamentata dal Codice: tre concetti dai contorni
poco definiti.
Un esempio paradigmatico riguarda due specie di Malthodes (Coleoptera, Cantharidae): M. atratus Baudi e M. trifurcatus Kiesenwetter, che abitano le montagne europee. Ciascuna delle due dà luogo a diverse sottospecie, alcune geografiche, altre altitudinali. Apparentemente assai diverse fra loro, le due specie
sono anche forme estreme di uno stesso “modello”. Il problema è che, sulle Alpi
Marittime (e solo lì), causa la presenza di una particolare sottospecie alquanto
variabile, si viene a formare un “continuum” fra le loro morfologie, senza più
soluzioni di continuità. Per spiegare questa situazione si possono anche azzardare affascinanti ipotesi storiche che, comunque, sarà ben difficile provare. In concreto, dal punto di vista sistematico, si vedono solo tre alternative ragionevoli:
riunificare tutte le sottospecie sotto un’unica specie; lasciare le cose così come
stanno ora; spostare una delle sottospecie delle Alpi Marittime da trifurcatus ad
atratus. Quale delle tre offre il miglior modello della realtà ? Non si conosce la
risposta (forse non c’è); ma chi scrive è certo che tutti coloro che si occupano
di sistematica zoologica si siano posti, più e più volte, interrogativi analoghi.
Il problema di fondo è la minimizzazione della soggettività. In questo momento
lo scrivente ha solo due vie da proporre: chiedere l’opinione - e discutere - con
altri esperti del settore; chiudere in un cassetto il lavoro per molti mesi, dimenticarselo per riguardarlo poi con occhio critico e nuovo. Come faremo a far di
meglio in futuro?
Parole chiave: specie, sottospecie, Malthodes, trifurcatus, atratus.
35
Sessione I - Morfologia funzionale, sistematica e filogenesi. Presentazioni Posters
PRIMA L’ARIA POI L’ACQUA: PUO’ CAMBIARE LA MODALITÀ DI
PRIMA L’ARIA POI L’ACQUA: PUO’ CAMBIARE LA MODALITA’ DI
RESPIRAZIONE NELLE UOVA DEGLI INSETTI?
RESPIRAZIONE NELLE UOVA DEGLI INSETTI ?
P. F. Roversi
P. F. Roversi
Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura, CRA-ABP Laboratorio diper
Microscopia
e Analisiind’Immagine,
di Lanciola
12/a,
Consiglio
la Ricerca eElettronica
la Sperimentazione
Agricoltura, Via
CRA-ABP
Laboratorio
Cascine
del Riccio,
50125 eFirenze E-mail: piofederico.roversi@entecra.it
di
Microscopia
Elettronica
Analisi d’Immagine,
Via di Lanciola 12/a, Cascine del
Riccio, 50125 Firenze E-mail: piofederico.roversi@entecra.it
Le uova dell’Omottero Cercopide Haematoloma dorsatum (Ahrens), di forma allungata,
e appiattite
lateralmente,
vengono
deposte alla
base didigramiLe
uova fusiformi
dell’Omottero
Cercopide
Haematoloma
dorsatum
(Ahrens),
forma
nacee spontanee
in prossimità
dellelateralmente,
piante ospiti vengono
su cui si alimentano
adulti,di
allungata,
fusiformi
e appiattite
deposte allagli base
rappresentate
da varie
e Cupressacee.
graminacee
spontanee
in Pinacee
prossimità
delle piante ospiti su cui si alimentano gli adulti,
Le uova di questo
deposte tra maggio e giugno, non manifestano
rappresentate
da varieCercopide,
Pinacee e Cupressacee.
peruova
tutto
periodo
estivo cambiamenti
di rilievo,
fino non
a quando,
con per
l’inizio
Le
di ilquesto
Cercopide,
deposte tra maggio
e giugno,
manifestano
tutto
piogge
autunnali,
senza diche
risultifino
visibile
un embrione
differenziato,
si
ildelle
periodo
estivo
cambiamenti
rilievo,
a quando,
con l’inizio
delle piogge
manifesta senza
un progressivo
rigonfiamento
la “hatching
line” si fessura
lasciando
autunnali,
che risulti
visibile un eembrione
differenziato,
si manifesta
un
sporgere una
placca nera di
neoformazione,
bensi evidente,
solcata dasporgere
una fittauna
e
progressivo
rigonfiamento
e la
“hatching line”
fessura lasciando
profonda
di fessure.
placca
nerarete
di neoformazione,
ben evidente, solcata da una fitta e profonda rete di
fessure.
Le prove di incubazione a diversi livelli di umidità relativa hanno evidenziato che a
Le prove
a diversi
livelli di da
umidità
relativa hanno
partire
da di
taleincubazione
fase solo le
uova ricoperte
una pellicola
d’acquaevidenziato
riescono a
che
a
partire
da
tale
fase
solo
le
uova
ricoperte
da
una
pellicola
d’acqua
riescocompletare lo sviluppo embrionale e schiudere. Si ipotizza che la struttura
individuata
no
a
completare
lo
sviluppo
embrionale
e
schiudere.
Si
ipotizza
che
la
struttura
sia un plastron e che di conseguenza le uova del Cercopide manifestino due differenti
individuata
sia un plastron
e che3 di
conseguenza
le uova
del Cercopide manimodalità
di respirazione
negli oltre
mesi
di permanenza
in natura.
festino due differenti modalità di respirazione negli oltre 3 mesi di permanenza
in natura.
Parole
chiave: respirazione delle uova degli insetti, plastron, Haematoloma dorsatum.
Parole chiave: respirazione delle uova degli insetti, plastron, Haematoloma
dorsatum.
36
Sessione I - Morfologia funzionale, sistematica e filogenesi. Presentazioni Posters
QUALCHE CONSIDERAZIONE SU UNA SERIE DI CELLE PUPALI
DI HETEROCERUS FENESTRATUS RACCOLTE IN TOSCANA
(COLEOPTERA, HETEROCERIDAE)
F. Terzani, A. Mascagni, C. Monte & F. Cianferoni
Museo di Storia Naturale dell’Università degli Studi di Firenze, Sezione di Zoologia “La Specola”, Reparto di Entomologia “Enrica Calabresi”, Via Romana
17, 50125 Firenze E-mail: pcfmas@tin.it
Sono state effettuate misurazioni su 80 campioni di celle pupali di Heterocerus
fenestratus (Thunberg, 1784) raccolte in un’unica stazione della provincia di Firenze. Parte di queste celle sono state rappresentate con disegni e foto. Le misurazioni sono state eseguite su tre dimensioni delle celle (altezza, asse maggiore e
asse minore) e, quando presente, sul condotto di uscita dell’immagine.
Da questi dati di partenza è stato ricavato il range e sono state create classi dimensionali per ciascuna serie di misure; inoltre sono stati calcolati la deviazione
standard e alcuni rapporti relativi alle tre dimensioni principali. Tali risultati
sono stati riportati nei corrispondenti diagrammi. Infine vengono fornite osservazioni sui risultati ottenuti.
Parole chiave: Coleoptera, Heteroceridae, celle pupali.
37
Sessione I - Morfologia funzionale, sistematica e filogenesi. Presentazioni Posters
ORGANIZZAZIONE DEGLI SPERMATOZOI E DEGLI SPERMATODESMI
NEI
MASCHI
DI
ALCUNI
APHIDOIDEA
(HEMIPTERA,
STERNORRHYNCHA)
D. G. M. Vitale1, R. Viscuso1, M. V. Brundo1, S. Barbagallo2 & R. Dallai3
Dipartimento di Biologia “Marcello La Greca”, Università degli Studi di Catania, Via Androne 81, 95124 Catania
E-mail: viscure@unict.it
2
Dipartimento di Gestione dei Sistemi Agroalimentari e Ambientali, Università
degli Studi di Catania, Via S. Sofia 100, 95123 Catania
3
Dipartimento di Biologia Evolutiva, Università degli Studi di Siena, Via Aldo
Moro 2, 53100 Siena
1
Gli Aphidoidea meritano attenzione per le loro peculiari modalità riproduttive:
durante l’anno, infatti, nelle popolazioni di diverse specie si osserva un’alternanza di generazioni partenogenetiche e anfigoniche la cui spiegazione è legata
alle strette interrelazioni di tali organismi con i cicli stagionali di sviluppo delle
loro piante ospiti. Poiché le indagini sinora condotte sui meccanismi riproduttivi degli Aphidoidea sono carenti dal punto di vista ultrastrutturale, abbiamo intrapreso un’opportuna indagine prendendo in esame l’organizzazione dei
gameti nei maschi appartenenti a cinque specie di tre distinte sottofamiglie di
Aphididae, raccolte in varie località del territorio Etneo e dei Monti Nebrodi.
I campioni prelevati sono stati processati per l’osservazione ai microscopi elettronico a trasmissione e a scansione. Dalle indagini effettuate si è evidenziata
un’organizzazione del gamete largamente sovrapponibile tra le specie esaminate.
La struttura dell’assonema non si discosta da quanto già evidenziato nella maggior parte degli insetti, anche appartenenti al medesimo ordine. I due corpi accessori, di morfologia peculiare e particolarmente sviluppati, presentano un’organizzazione complessa; sebbene non sia stato da noi colto l’intero processo di
formazione, i dati in nostro possesso suggerirebbero una qualche correlazione
tra la genesi di tali strutture e la presenza della cisterna periassonemale. All’interno di una medesima cisti follicolare si riscontrano esclusivamente processi
di spermiogenesi con una sequenza di eventi che si conclude con la formazione di più spermatodesmi, ciascuno dei quali, in corrispondenza della regione
apicale, presenta una cap, la cui organizzazione appare peculiare e differente
da quanto in precedenza descritto per altri insetti quali Odonata, Orthoptera
ed Ephemeroptera (Lupetti et al., dati non pubblicati). I risultati da noi ottenuti sembrerebbero indicare inoltre un ruolo fondamentale svolto dalle cellule
della parete della cisti follicolare nella organizzazione della cap. Quale sia il
preciso ruolo degli spermatodesmi nell’ambito della fisiologia riproduttiva degli
Aphidoidea rimane un quesito che merita ulteriori approfondimenti e i cui risultati potrebbero apportare informazioni utili anche a fini applicativi, considerando l’importanza di questo gruppo di insetti dannosi in ambito agronomico.
Parole chiave: ultrastruttura, cisti follicolare, fasci di spermi, cap, corpi accessori.
38
Sessione II
FAUNISTICA E BIOGEOGRAFIA
Presentazioni orali
Sessione II - Faunistica e biogeografia. Presentazioni orali
FILOGENESI TRADIZIONALI E FILOGENESI MOLECOLARI A
CONFRONTO: RIFLESSIONI BIOGEOGRAFICHE TRATTE DA ALCUNI
GRUPPI DI CARABIDAE (COLEOPTERA)
A. Casale
Dipartimento di Zoologia e Genetica Evoluzionistica, Università di Sassari, Via
Muroni 25, 07100 Sassari E-mail: a_casale@libero.it
Ogni tassonomo-biogeografo attivo da anni in studi su qualsiasi gruppo di Insetti si trova, quotidianamente, a confrontare dati e ipotesi elaborate da lungo
tempo con filogenesi e filo-geografie elaborate mediante tecniche proposte in
anni recenti. Sono ancora ben attive le elaborazioni cladistiche su base morfologica, e già sempre più spesso le filogenesi basate su dati molecolari, rese accessibili da costi moderati, propongono scenari evolutivi e biogeografici non sempre
congruenti con “certezze” a lungo accettate e sedimentate. Gli atteggiamenti
conseguenti sono riconducibili a tre: 1, accettazione passiva ed entusiastica delle
nuove proposte, perché ciò è “moderno”, 2, rifiuto a priori di tali metodiche,
perché esse, presumibilmente, saranno smentite o modificate da future indagini,
e 3, accettazione dei risultati solo quando questi siano congruenti e in accordo
con quanto il singolo specialista abbia ritenuto essere “la verità” per gran parte
della propria vita.
Evidentemente, nessuno dei tre atteggiamenti citati risponde ai criteri propri
dell’approccio scientifico ai problemi.
Nel presente contributo, l’autore cita ad esempio alcuni gruppi di Coleoptera
Carabidae di propria competenza, al cui interno sia nuovi reperti di taxa in
aree dapprima insospettate, sia filogenesi molecolari proposte in anni recenti,
hanno o pienamente confermato, o messo profondamente in discussione quelle che erano le certezze codificate da decenni. In particolare, si fa riferimento
a Scaritinae Clivinini Reicheiina, a Trechinae Trechini (limitatamente all’Area
Mediterranea occidentale), a Pterostichini Molopina, a Sphodrini Sphodrina e
a Lebiini Calleidina.
Per ciascuno dei suddetti gruppi, i dati tradizionalmente accettati e le nuove
ipotesi sono posti a confronto.
Parole chiave: ricostruzioni filogenetiche, biogeografia, Coleoptera, Carabidae.
41
Sessione II - Faunistica e biogeografia. Presentazioni orali
INSETTI ALLOCTONI IN ITALIA: IL CASO DI STUDIO DELLA TOSCANA*
G. Mazza1, R. Cervo1, F. Gherardi1, A. F. Inghilesi1, E. Tricarico1 & M. Zapparoli2
Dipartimento di Biologia Evoluzionistica “Leo Pardi”, Università di Firenze,
Via Romana 17, 50125 Firenze E-mail: giuseppe.mazza@unifi.it
2
Dipartimento Protezione delle Piante, Università della Tuscia, Via San Camillo
de Lellis snc, 01100 Viterbo
1
L’introduzione di specie al di fuori del loro areale primario provoca spesso gravi
alterazioni negli ecosistemi, costituendo una forma di inquinamento biologico e
rappresentando una tra le più gravi minacce alla conservazione della biodiversità. Essa, inoltre, può produrre notevoli danni all’economia e alla salute umana.
In Italia come altrove in Europa, almeno negli ambienti terrestri, gli Insetti
sono il gruppo zoologico con il più alto tasso di introduzione, a causa del loro
elevato numero, del loro stretto legame con le attività umane e, in particolare
negli ultimi decenni, dell’intensità degli scambi di merci e di persone a cui essi
sono associati. I problemi prodotti dalle specie alloctone, in particolare quelle
invasive, devono essere affrontati in modo prioritario, non solo per la salvaguardia della biodiversità, ma anche per la tutela delle attività produttive e della salute umana. Nella maggior parte dei casi, gli interventi di controllo non sono in
grado di risolvere i problemi, ma solo di limitarli. Al contrario, la prevenzione
di possibili nuovi arrivi e il costante monitoraggio delle specie già presenti sul
territorio rappresentano i mezzi più efficaci per tentare di fermare o quantomeno rallentare il fenomeno delle invasioni.
Il presente studio, inserito nel progetto “ALT: Atlante delle Specie Alloctone
in Toscana”, nasce dall’esigenza di creare una banca dati delle specie di Insetti
alloctoni segnalate nella regione (al momento 106); si propone inoltre di aggiornare la lista delle specie di insetti alloctoni a livello nazionale, permettendo così
un confronto tra l’allodiversità entomologica regionale e nazionale con quella
europea. La scelta della Toscana come caso di studio è giustificata da vari motivi: la regione, infatti, è una tra le più conosciute dal punto di vista faunistico in
Italia; essa, inoltre, è potenzialmente molto esposta al fenomeno poiché presenta
numerosi punti di accesso e di dispersione di specie alloctone, tra cui aeroporti
internazionali (Firenze, Pisa), porti (Livorno, Piombino) e aziende vivaistiche
attive a livello europeo ed extraeuropeo (Pistoia).
Dal momento che, localmente, il numero di Insetti alloctoni è in continuo aumento, emerge la necessità di una costante attività di monitoraggio per individuare le cause di introduzione, le modalità di arrivo, i vettori, nonché definire la
microdistribuzione delle specie e il loro possibile impatto sul territorio.
Parole chiave: entomofauna alloctona, Toscana, banca dati, Italia.
* Lo studio è stato in parte finanziato dalla Regione Toscana (progetto “ALT:
Atlante delle Specie Alloctone in Toscana”).
42
Sessione II - Faunistica e biogeografia. Presentazioni orali
LA PROTUROFAUNA ITALIANA
M. Capurro, L. Galli & C. Torti
Dip.Te.Ris. Università degli Studi di Genova, Corso Europa 26, 16132 Genova
E-mail: loris.galli@dipteris.unige.it
Sulla base dello studio della nostra collezione e di quelle dei Musei di Storia
Naturale di Genova, Ginevra e Verona, è stato possibile analizzare la distribuzione della proturofauna italiana. Sono stati esaminati ca. 5.000 esemplari
raccolti in 220 comuni di 15 regioni italiane (mancano reperti di Val d’Aosta,
Marche, Campania, Molise e Calabria). I dati così ottenuti, integrati con quanto
noto in letteratura (*), hanno portato ad identificare 39 specie, distribuite come
di seguito riportato.
Ionescuellum condei: Friuli V.G., Liguria - Protentomon berlesei: Piemonte, Veneto*, Liguria, Sardegna - Protentomon perpusillum: Toscana* - Proturentomon
minimum: Piemonte, Lombardia, Liguria, Toscana*, Sardegna - Proturentomon
noseki: Piemonte - Proturentomon pilosum: Veneto - Acerentulus alpinus: Trentino
A.A.* - Acerentulus apuliacus: Puglia*, Basilicata - Acerentulus condei: Sardegna*
- Acerentulus confinis: Piemonte, Lombardia, Veneto*, Liguria, Emilia e Romagna, Toscana, Lazio - Acerentulus cunhai: Lombardia*, Liguria - Acerentulus
exiguus: Sardegna* - Acerentulus gisini: Trentino A.A.*, Piemonte*, Lombardia*,
Liguria - Acerentulus terricola: Liguria - Acerentulus traegardhi: Emilia e Romagna*, Toscana* - Acerentulus tuxeni: Veneto - Gracilentulus gracilis: Trentino
A.A.*, Veneto, Liguria, Toscana*, Sardegna - Gracilentulus meridianus: Sardegna
- Gracilentulus sardinianus: Sardegna - Acerentomon affine: Piemonte, Liguria,
Emilia e Romagna, Toscana - Acerentomon balcanicum: Friuli V.G., Abruzzo*
- Acerentomon baldense: Veneto - Acerentomon condei: Sardegna - Acerentomon
doderoi: Piemonte, Liguria, Toscana - Acerentomon gallicum: Piemonte, Liguria - Acerentomon italicum: Piemonte, Lombardia, Trentino A.A., Veneto, Friuli V.G., Liguria, Emilia e Romagna, Toscana - Acerentomon maius: Piemonte,
Lombardia, Trentino A.A.*, Veneto, Liguria, Emilia e Romagna, Toscana, Lazio - Acerentomon meridionale: Piemonte, Veneto*, Liguria, Toscana, Umbria,
Lazio, Abruzzo, Sicilia - Acerentomon microrhinus: Piemonte, Lombardia, Trentino A.A.*, Veneto*, Friuli V.G., Liguria, Emilia e Romagna, Toscana - Acerentomon noseki: Piemonte - Acerella muscorum: Lombardia*, Trentino A.A.*,
Veneto*, Lazio*, Abruzzo - Acerella tiarnea: Piemonte, Trentino A.A.*, Veneto*,
Liguria, Emilia e Romagna, Lazio - Eosentomon armatum: Friuli V.G., Sicilia
- Eosentomon delicatum: Piemonte, Veneto, Liguria - Eosentomon foroiuliense:
Friuli V.G. - Eosentomon germanicum: Veneto* - Eosentomon noseki: Piemonte,
Veneto, Liguria, Emilia e Romagna - Eosentomon romanum: Veneto* - Eosentomon transitorium: Piemonte, Lombardia*, Trentino A.A.*, Veneto, Liguria, Emilia e Romagna, Marche*, Lazio*, Sardegna.
Per il momento si lasciano in sospeso i dati relativi ai presunti esemplari di Acerentomon fageticola, in attesa della ridescrizione in corso dell’affine A. italicum.
Parole chiave: status, distribuzione, Protura, Italia.
43
Sessione II - Faunistica e biogeografia. Presentazioni orali
La
classificazione
dei
Platycleidini
(Orthoptera, Tettigoniidae, Tettigoniinae)
paleartici
B. Massa1 & P. Fontana2
Dipartimento DEMETRA, Sezione di Entomologia, Acarologia e Zoologia agraria,
Univ. Palermo, Viale delle Scienze, Ed. 4, 90128 Palermo E-mail: zoolappl@unipa.it
2
Fondazione Edmund Mach, Ist. Agrario S. Michele all’Adige, Centro Trasferimento Tecnologico, Fitoiatria, Via Edmund Mach 1, 38010 San Michele all’Adige (TN)
1
Una delle tribù di Ortotteri Tettigoniidi su cui non c’è stato finora accordo in
merito alla classificazione sopraspecifica è quella dei Platycleidini, la cui sistematica è però abbastanza nota e consolidata. Il paradosso consiste nel fatto che
nella ‘scuola’ europea è invalso l’uso dei sottogeneri, mentre altrove no; pertanto
la maggioranza delle specie europee è ascritta ai generi Platycleis e Metrioptera, suddivisi in molti sottogeneri, mentre le specie asiatiche e nordamericane
sono incluse in numerosi generi, spesso monotipici. Riteniamo che la tassonomia debba fare uso di un metodo comune e quindi abbiamo analizzato tutti i
taxa sopraspecifici paleartici con prosterno privo di spine, per individuare le
caratteristiche che ne consentono in modo chiaro la separazione. Abbiamo studiato migliaia di esemplari in diversi musei europei, analiz-zando alcuni caratteri macroscopici: 1) forma del pronoto (dorsalmente tondeggiante o appiattito);
2) presenza o meno del seno omerale; 3) presenza o meno di una netta carena
nella metazona; 4) forma del 10° tergite maschile, dei processi e dei cerci; 5)
forma della placca sottogenitale femminile; 6) forma dell’ovopositore; 7) rapporto biometrico tra lunghezza dei femori e del pronoto. Nel complesso abbiamo
analizzato 33 taxa sopraspecifici (168 specie), molti dei quali attualmente inclusi
in sottogeneri. Quando si sono riscontrati caratteri, sia nei •• che nelle ••, che
consentono la separazione di gruppi di specie abbastanza omogenee abbiamo
stabilito di considerarli come generi distinti. Solo per Decorana e Incertana, le
cui specie mostrano un’ampia variabilità di caratteri, non si è potuto arrivare
ad una conclusione di questo tipo ed abbiamo considerato i due taxa come sinonimi. Un aspetto pratico di un certo interesse è il fatto che un’analisi biogeografica dei taxa risulta scarsamente affidabile se questi sono considerati generi
che comprendono sottogeneri (magari eterogenei). Ad es., con la nostra analisi emerge che Squamiana e Alticolana (finora ritenuti sottogeneri di Platycleis)
comprendono specie che vivono in Asia a quote medio-alte e che vi è un’area
geografica centro-asiatica in cui ha avuto luogo una radiazione evolutiva dei
Platycleidini davvero importante, che ha originato numerosi generi monotipici,
nettamente distinti fra loro. È anche emerso che il genere Parnassiana è endemico di un’area montana della Grecia (dove comprende 13 specie), mentre la specie
della Francia mediterranea (Parnassiana vicheti) è stata erroneamente ascritta a
questo genere, presentando caratteri solo convergenti, ma ben distinti. Infine una
specie recentemente descritta di Sardegna (Platycleis galvagnii) ha caratteri così
peculiari che dovrebbe essere inserita in un genere distinto, endemico dell’isola.
Parole chiave: caratteri morfologici, tassonomia, genere/sottogenere.
44
Sessione II - Faunistica e biogeografia. Presentazioni orali
OSSERVAZIONI FAUNISTICHE E BIOGEOGRAFICHE SUGLI AFIDI
(HEMIPTERA) DELL’ITALIA NORD-OCCIDENTALE
S. Barbagallo
Dipartimento di Gestione dei Sistemi Agroalimentari e Ambientali, Università
degli Studi, Via S. Sofia 100, 95123 Catania E-mail: sebarbag@unict.it
La presente indagine sull’afidofauna dell’Italia nord-occidentale si inserisce nel
contesto di un più ampio programma che include analoghe ricerche faunisticotassonomiche estese a tutto il territorio nazionale. Qui vengono prese in considerazione le tre regioni Liguria, Piemonte e Valle d’Aosta, dove al momento è
stata registrata la presenza complessiva di 535 taxa (specie e sottospecie), pari al
62% circa dell’intera afidofauna italiana. Il lavoro è stato sviluppato attraverso
metodici rilevamenti faunistici di campo che hanno avuto luogo nel corso di
oltre un ventennio, benché intensificati negli ultimi cinque-sei anni. La metodologia utilizzata ha seguito il procedimento classico di raccolta, preparazione
e successiva identificazione del materiale rinvenuto. I numerosi reperti di campo, integrati da ulteriori dati disponibili in letteratura per le regioni in causa,
hanno permesso di accertare la presenza di 285 taxa per la Liguria, 460 per
il Piemonte e 225 per la Valle d’Aosta. La check-list delle specie rinvenute in
ciascuna delle tre regioni viene integrata con i dati di campo relativi alle piante
ospiti, località e data dei campionamenti. L’indagine sviluppata ha consentito
inoltre il riscontro di una ventina di specie inedite per il territorio italiano, la
maggioranza delle quali rinvenute in Piemonte, regione dove la componente afidica ha evidenziato nel suo insieme una considerevole biodiversità. Per ciascuna
di tali specie, in aggiunta ai predetti dati di campo, vengono riportati dettagli
morfologici, tassonomici e bio-ecologici in ragione all’interesse faunistico e biogeografico che assumono le singole entità specifiche o subspecifiche rinvenute.
Dal punto di vista biogeografico, il riparto per ampie categorie corologiche evidenzia per il territorio considerato una cospicua rappresentanza (36,1%) di taxa
a geonemia europea in senso lato, nonché di specie a distribuzione cosmopolita
(16,8%) ed olartica (25,4%) complessive, seguite da quelle a distribuzione più tipicamente paleartica (16,8%); ben più modesta appare invece la rappresentanza
di specie a distribuzione più propriamente mediterranea (circa il 4%). Infine, si
evidenzia la presenza di alcuni taxa a distribuzione orofila, oltre a qualche raro
endemita. In conclusione, i dati sin’ora acquisiti consentono di poter considerare
il territorio in esame fra i più ricchi in termini di biodiversità afidica, analogamente a quanto riscontrato in poche altre regioni italiane fra quelle sin’ora
meglio conosciute per questo gruppo d’insetti. Appare opportuno evidenziare
infine che i dati riportati sono da ritenersi tuttora provvisori, essendo suscettibili di ulteriori incrementi e variazioni derivanti dall’assestamento di una frazione
di materiale ancora in corso di studio.
Parole chiave: afidofauna, biogeografia, Liguria, Piemonte, Valle d’Aosta.
45
Sessione II - Faunistica e biogeografia. Presentazioni orali
NUOVE TECNICHE DI CAMPIONAMENTO IN ENTOMOLOGIA E LORO
RICADUTE NEL PROGRESSO DELLE CONOSCENZE FAUNISTICHE E
ZOOGEOGRAFICHE
P. M. Giachino
Settore Fitosanitario Regionale, Environment Park, Palazzina A2, Via Livorno
60, 10144 Torino E-mail: piermauro.giachino@regione.piemonte.it
In un momento in cui l’intera comunità scientifica si rivolge con particolare attenzione al problema della salvaguardia della biodiversità, la tassonomia di base
e le discipline ad essa più strettamente collegate, quali la faunistica e la biogeografia, tornano ad occupare posizioni di interesse nell’ambito della zoologia e
dell’entomologia in particolare.
L’autore analizza l’aumento, negli ultimi venti anni, delle conoscenze tassonomiche di base nei Coleotteri del suolo, valutato attraverso l’incremento del numero
di specie nuove descritte. Tale aumento è certamente dovuto, almeno in parte,
all’affinarsi delle tecniche di indagine utilizzate in tassonomia, dove parallelamente al classico approccio morfologico abbiamo assistito al perfezionarsi di
approcci genetici e biomolecolari sempre più raffinati. Per un’altra frazione, tale
incremento può essere ricondotto alla maggiore accessibilità di determinate aree
del pianeta, talora enormi, ma fino ad oggi quasi completamente sconosciute
(gran parte della Cina ne è un esempio), altre volte considerate globalmente ben
conosciute ma con aree, al loro interno, rimaste a lungo inaccessibili o investigate solo superficialmente (si veda il caso del Madagascar). Una terza frazione
di questo incremento coinvolge invece l’affinarsi delle tecniche di campionamento in ambienti poco indagati in aree ritenute ben conosciute. Tale affinamento
implica necessariamente una maggiore conoscenza degli habitat colonizzati dai
diversi gruppi indagati e una migliore comprensione delle caratteristiche e dei
parametri fisici e biologici degli stessi. L’autore riporta alcuni esempi significativi riconducibili a diverse aree geografiche del globo quali il Nord America,
l’Australia, il Madagascar e il Bacino del Mediterraneo. Particolare attenzione
è riservata all’Ambiente Sotterraneo e all’evolversi delle tecniche di raccolta che,
in tale ambiente, hanno consentito un forte incremento delle conoscenze tassonomiche e faunistiche. L’autore evidenzia infine quanto una maggiore conoscenza della struttura fisico-biologica di un ambiente e il conseguente affinamento,
anche concettuale, di queste conoscenze, possa condurre a interpretazioni zoogeografiche diverse da quelle individuate in precedenza.
Parole chiave: Coleotteri del suolo, biodiversità, tassonomia, ambiente sotterraneo.
46
Sessione II - Faunistica e biogeografia. Presentazioni orali
LE AREE UMIDE DI BASSA QUOTA COME AREE RIFUGIO DI SPECIE
SETTENTRIONALI E MONTANE AL LIMITE MERIDIONALE DEL
LORO AREALE: UN CASO STUDIO
S. Scalercio1 & P. Brandmayr2
CRA Centro di Ricerca per l’Olivicoltura e l’Industria Olearia, contrada Li
Rocchi, 87036 Rende (CS) E-mail: sscalercio@hotmail.com
2
Dipartimento di Ecologia, Università della Calabria, Via P. Bucci, 87036 Rende (CS)
1
Le specie con il baricentro di distribuzione in Europa o in Siberia molto spesso
hanno le popolazioni frammentate in Italia meridionale. L’ampliamento delle conoscenze della fauna lepidotterologica delle estreme regioni meridionali d’Italia
ha messo in evidenza come le aree umide a bassa quota rivestano un ruolo importante nel permettere la sopravvivenza di popolazioni relitte di specie al limite meridionale della loro distribuzione. Il confronto fra due comunità di bassa
quota, campionate con metodo standard (medesima fonte luminosa, due rilievi
mensili per due anni per un totale di 48 raccolte per sito) (Scalercio & Infusino
2003, 2006), ha permesso un rigoroso confronto consentendo di mettere in risalto
il ruolo dell’umidità nell’influenzare la composizione delle comunità. La prima
area campionata (Fiumara del Trionto, 90 m s.l.m., Cosenza) si caratterizza per
una elevata aridità che viene interrotta solo durante il periodo piovoso (ottobremarzo); la seconda area (Lago dell’Angitola, 44 m s.l.m., Vibo Valentia) presenta
una umidità relativa costantemente superiore al 98%. Nella comunità del Lago
dell’Angitola, 30 specie hanno il limite meridionale della loro distribuzione in
Italia, alcune con delle popolazione ben disgiunte da quelle più prossime verso
nord [Trisateles emortualis (Denis & Schiffermüller, 1775), Idaea biselata (Hufnagel, 1767)], o site a quote più elevate a questa latitudine [Jodis lactearia (Linnaeus,
1758), Hylaea fasciaria (Linnaeus, 1758)]; al contrario, nessuna specie rinvenuta
sul Trionto ha queste caratteristiche. Inoltre, sulle comunità è stata condotta
una analisi quantitativa per determinare il baricentro dell’altitudine che le specie
mostrano in Calabria. I risultati hanno mostrato che il baricentro altitudinale
quantitativo della comunità del Lago dell’Angitola è di 306,9 metri, mentre quello della Fiumara del Trionto di appena 225,2 metri. In un panorama climatico
di riscaldamento globale, questi risultati suggeriscono un ruolo importante delle
aree umide nell’offrire una resistenza allo slittamento verso nord dei limiti meridionali di diffusione delle specie che in sud Italia hanno popolazioni relitte.
Parole chiave: global warming, conservazione, popolazioni relitte.
Bibliografia:
Scalercio S. & Infusino M., 2003 - I Macrolepidotteri di fosso Scuotrapiti, lago
dell’Angitola (Calabria, Italia meridionale) (Lepidoptera) - Phytophaga, 13: 25-52.
Scalercio S. & Infusino M., 2006 - I Macrolepidotteri notturni del basso corso
della Fiumara del Trionto (Calabria, Italia meridionale) (Lepidoptera) - Quaderni
della Stazione di Ecologia del Civico Museo di Storia Naturale di Ferrara, 16: 179-202.
47
Sessione II
FAUNISTICA E BIOGEOGRAFIA
Presentazioni Posters
Sessione II - Faunistica e biogeografia. Presentazioni Posters
Indagine sui ragni (Araneae) di alcuni ambienti della
Puglia
R. Addante1, P. Pantini2 & P. Loverre1
Dipartimento di Biologia e Chimica Agro-Forestale ed Ambientale, Università
degli Studi “Aldo Moro”, Via Amendola 165/A, 70126 Bari E-mail: rocco.addante@agr.uniba.it
2
Museo Civico di Scienze Naturali “E. Caffi”, Piazza Cittadella 10, 24129 Bergamo
1
Le indagini araneologiche condotte in habitat della Puglia hanno riguardato principalmente specie cavernicole o aree limitate della regione e risalgono nella maggior parte dei casi al secolo scorso. Con il presente studio si è voluta caratterizzare
l’araneofauna di diversi siti della Puglia, ritenuti rappresentativi di altrettanti habitat di particolare interesse naturalistico. Nel periodo compreso tra agosto 2004
e luglio 2005 sono stati effettuati campionamenti mensili utilizzando le trappole
a caduta, per la raccolta dei ragni erranti al suolo, e il frappage per il campionamento dell’araneofauna presente sulla vegetazione arborea ed arbustiva. I ragni
sono stati raccolti in sei siti: una lecceta ed un ceduo a prevalenza di roverella nella “Riserva naturale regionale orientata Bosco delle Pianelle”, un’area di transizione tra un fragneto ed erbai di trifoglio e avena nell’“Oasi di Protezione Barsento”, una pineta mista ad eucalipti sulla sponda della Diga Locone, una pineta di
pino d’Aleppo ed un’area a pseudosteppa nel “Parco Nazionale dell’Alta Murgia”.
Sono stati rinvenuti complessivamente 3096 ragni appartenenti a 27 famiglie, 103
generi e 129 specie. Per ciascuna area di campionamento è stata studiata la composizione dell’araneofauna, mettendo in evidenza i taxa di ragni più abbondanti
e analizzando alcuni aspetti della composizione faunistica di ciascun habitat. Per
ciascuna area di campionamento sono state individuate le specie dominanti, quelle poco frequenti o rare, così come quelle rinvenute unicamente in uno specifico
sito ed associabili ad un determinato habitat. Sono stati calcolati gli indici di
diversità e di dominanza di Simpson e l’indice di diversità di Shannon-Wiener per
ciascun sito di campionamento, sia sul totale delle specie sia sui generi raccolti.
Dal confronto tra i dati ottenuti con i due diversi mezzi di campionamento è stato
possibile evidenziare che circa l’81% dei ragni è stato raccolto per frappage, con
una prevalenza di ragni costruttori di tele. I ragni erranti appartenenti ai generi
Anyphaena Sundevall (Anyphaenidae), Clubiona Latreille (Clubionidae) e Cheiracanthium C. L. Koch (Miturgidae) e tutti gli Oxyopidae, Sparassidae, Uloboridae
e Pholcidae sono stati catturati solo per frappage. Molti Lycosidae, Gnaphosidae e Thomisidae e tutti gli esemplari appartenenti alle famiglie Amaurobiidae,
Atypidae, Dysderidae, Eresidae, Hahaniidae, Liocranidae, Nemesiidae, Scytodidae e Zodariidae sono stati raccolti mediante trappole a caduta. L’analisi della
biodiversità ha evidenziato lievi variazioni negli indici di Shannon-Wiener e di
Simpson tra i siti indagati, non sufficienti, tuttavia, a stabilire differenze statisticamente significative tra essi.
Parole chiave: araneofauna, aree naturali pugliesi, biodiversità.
51
Sessione II - Faunistica e biogeografia. Presentazioni Posters
i Ragni (Araneae) PUGLIESI: UNA FAUNA POCO CONOSCIUTA.
SINTESI DELLE ATTUALI CONOSCENZE E nuove SEGNALAZIONI
R. Addante1, P. Pantini2 & P. Loverre1
Dipartimento di Biologia e Chimica Agro-Forestale ed Ambientale, Università
degli Studi “Aldo Moro”, Via Amendola 165/A, 70126 Bari
E-mail: rocco.addante@agr.uniba.it
2
Museo Civico di Scienze Naturali “E. Caffi”, Piazza Cittadella 10, 24129 Bergamo
1
La Puglia è una delle regioni italiane meno esplorate dal punto di vista araneologico: sulla base dei dati presenti in letteratura possiamo stimare in circa 280
le specie segnalate per questa regione. I dati provengono perlopiù da raccolte
di carattere occasionale e poche sono le ricerche più estese nel tempo e nello
spazio volte ad approfondire la conoscenza dell’araneofauna pugliese. Il lavoro
più ampio dedicato ai ragni della regione risale al 1953 ad opera di Lodovico
Di Caporiacco e riporta dati di oltre 200 taxa sulla base di materiale raccolto
da diversi zoologi. Da allora solo sporadici contributi, limitati a piccole aree
o a carattere biospeleologico, sono stati realizzati relativamente all’araneofauna pugliese. Campionamenti periodici eseguiti dal 2000, sia in agroecosistemi
ampiamente estesi nella regione che in ecosistemi naturali a minor grado di
antropizzazione, hanno permesso di raccogliere diverse migliaia di reperti, tra i
quali alcuni di particolare interesse faunistico. Le raccolte sono state effettuate
mediante fasce di cartone disposte intorno al tronco degli alberi, trappole a caduta contenenti una miscela in grado di preservare gli esemplari catturati, per
frappage e, occasionalmente, a vista.
L’identificazione del materiale raccolto ha permesso di segnalare una nuova specie per la fauna europea: Pelecopsis digitulus Bosmans & Abrous (Linyphiidae),
specie recentemente descritta del Nord Africa. Quattro specie sono risultate, invece, nuove per il territorio italiano: il Dysderidae Harpactea nausicaae Brignoli
nota di Grecia e di Macedonia, il Linyphiidae Trichoncus auritus (L. Koch) presente in Europa sudorientale, il Salticidae Habrocestum graecum Dalmas noto
di Grecia e l’Agelenidae Maimuna vestita (C. L. Koch) specie del Mediterraneo
orientale.
Le specie nuove per la Puglia sono risultate 65, appartenenti complessivamente
a 15 famiglie. Gnaphosidae, Linyphiidae, Philodromidae, Salticidae, Theridiidae
e Zodariidae sono state le famiglie più rappresentate. Tra le segnalazioni più
interessanti si menzionano alcune specie rare quali Mecopisthes nicaeensis (Simon), Hypsocephalus paulae (Simon), Syedra nigrotibialis (Simon) e Walckenaeria
plumata (Millidge), tutte appartenenti alla famiglia Linyphiidae.
Parole chiave: araneofauna, Puglia, Pelecopsis digitulus.
52
Sessione II - Faunistica e biogeografia. Presentazioni Posters
STRUTTURA DI COMUNITÀ di lepidotteri ropaloceri in diversi
habitat della riserva naturale REGIONALE ORIENTATA
“Laghi di Conversano E GRAVINA DI MONSIGNORE” (BARi)
E. Altini & E. Tarasco
Dipartimento di Biologia e Chimica Agro-forestale ed Ambientale, Sez. di Entomologia e Zoologia, Università degli Studi di Bari “Aldo Moro”, Via Amendola
165/A, 70126 Bari E-mail: enricoaltini@yahoo.it
La Riserva Naturale Orientata Regionale (e S.I.C. “Rete Natura 2000”) “Laghi
di Conversano e Gravina di Monsignore” è caratterizzata da ambienti a macchia mediterranea, tipici della Murgia di Sud-Est, e da doline di origine carsica, habitat ad elevata priorità di conservazione ascrivibili alla tipologia “stagni
temporanei mediterranei” (All.I - Dir. 92/43/CEE “Habitat”, cod. 3170). Al fine
di incrementare la conoscenza sulla biodiversità dell’entomofauna nell’area protetta, è stato effettuato uno studio sulla struttura di comunità di lepidotteri
diurni (Lepidoptera Rhopalocera). Il censimento è stato condotto da febbraio
a novembre 2007, con rilevazioni a scadenza quindicinale, percorrendo transetti standardizzati, mediante cattura, riconoscimento e rilascio degli individui.
Sono stati indagati 4 siti: 1) “Castiglione” (collina caratterizzata da bosco a
Quercus pubescens Willd. e Quercus ilex L. con ampie radure); “Monsignore”
(lama di origine carsica con bosco ceduo a Q. ilex e radure); “Chienna” e “Montepaolo” (doline con stagno temporaneo mediterraneo in ecosistemi agricoli).
È stato possibile censire e identificare 29 specie, su un totale di 635 esemplari
raccolti, appartenenti a 6 diverse famiglie (Papilionidae, Pieridae, Nymphalidae,
Lycaenidae, Hesperiidae, Satyridae). È stato inoltre possibile approfondire le
conoscenze sulla presenza di Zerynthia polyxena (Denis & Schiffermüller, 1775),
specie che richiede una protezione rigorosa ai sensi dell’All.IV della Dir. 92/43/
CEE “Habitat” e dell’App.II della Convenzione di Berna del 1979, ed avviare
degli studi più approfonditi sulla sua distribuzione sul territorio, necessari alla
sua salvaguardia. Per ciascun sito sono stati calcolati i seguenti indici sintetici:
Ricchezza specifica (S), Abbondanza (N), Indice di Diversità (H’), Equiripartizione (J). La comunità appare notevolmente strutturata (N=217; S=24; H’=2,75;
J=0,86) in località “Castiglione”, in un contesto di elevata varietà di ambienti
naturali immersi in una matrice agraria sostanzialmente sostenibile; mentre risulta relativamente meno diversificata negli altri tre siti (13<S<17; 2,17<H’<2,25),
caratterizzati da una “patch” di naturalità sensibilmente minore e inserita in
un ambito maggiormente antropizzato. Lo studio della comunità di lepidotteri rappresenta un efficace strumento di gestione dell’area protetta, può essere
utilizzato nell’ambito delle azioni di tutela della biodiversità e per monitorare
l’impatto dell’antropizzazione sugli ambienti naturali.
Parole chiave: biodiversità, aree protette, bioindicatori, Puglia, Zerynthia polyxena.
53
Sessione II - Faunistica e biogeografia. Presentazioni Posters
I NEUROTTERI (NEUROPTERIDA) DELLA LIGURIA
D. Badano
Università degli Studi di Sassari, Scuola di Dottorato in Scienze e biotecnologie
dei Sistemi Agrari e Forestali e delle Produzioni Alimentari, Monitoraggio e Controllo degli Ecosistemi Forestali in Ambiente Mediterraneo, Istituto per lo Studio
degli Ecosistemi C.N.R., Traversa la Crucca 3, Regione Baldinca, 07100 Sassari
E-mail: d.badano@ise.cnr.it
Nonostante il notevole interesse biogeografico rivestito dalla Liguria, lo stato
della conoscenza della Neurotterofauna di questa regione risultava particolarmente insoddisfacente per via della mancanza di studi e di raccolte mirate. Al
fine di investigare il popolamento di questi insetti, a partire dal 2007, sono stati
effettuati appositi campionamenti in Provincia di Imperia esplorando differenti
tipologie ambientali. Queste ricerche hanno fornito 76 specie appartenenti agli
ordini Raphidioptera e Neuroptera, di cui ben 33 risultano nuove per la regione. Particolarmente interessanti sono i ritrovamenti di Sympherobius riudori
Navás, 1915 nuovo per l’Italia; Myrmeleon gerlindae Hölzel, 1995, nuovo per l’Italia continentale; Helicoconis hirtinervis Tjeder, 1960, seconda segnalazione per
l’Italia. Mentre risultano nuovi per l’Italia settentrionale: Aleuropteryx juniperi
Ohm, 1965, Semidalis vicina (Hagen, 1861) e Neuroleon egenus (Navás, 1915).
Di particolare importanza risultano, inoltre, le raccolte di Dilar duelli Aspöck
U. & Aspöck H., 1995 - noto precedentemente per poche località della Francia
meridionale e del Basso Piemonte - e di Raphidia ligurica Albarda, 1891 - specie
molto rara descritta genericamente per le Alpi Liguri. Tra le specie nuove per
la Liguria, accanto a taxa la cui presenza era prevedibile, se ne trovano alcune
rare o poco conosciute quali: Helicoconis pseudolutea Ohm, 1965, Parasemidalis
fuscipennis (Reuter, 1894), Hemerobius marginatus Stephens, 1836, Sympherobius
klapaleki Zeleny, 1963, Dichochrysa abdominalis (Brauer, 1850) e D. mariana
(Navás, 1905). Considerando le citazioni bibliografiche ed alcuni reperti museali inediti, in Liguria sono presenti 91 taxa appartenenti a tutte le principali
famiglie presenti in Italia. Si osserva la prevalenza di corotipi ad ampia distribuzione nella regione olartica (45 % con 41 taxa), seguiti dai corotipi ad ampia
distribuzione in Europa (28 % con 26 taxa) ed infine dai corotipi ad ampia
distribuzione nel bacino del Mediterraneo (16 % con 15 taxa). Questa analisi
rispecchia la situazione presente in molte altre regioni italiane e questa uniformità va attribuita agli ampi areali di distribuzione tipici dei Neuroptera e Megaloptera. Le affinità ibero-provenzali della fauna del Ponente ligure risultano
evidenti anche nei Neuropterida per via della presenza di taxa w-mediterranei
tra cui S. riudori, D. iberica (Navás, 1903) e M. gerlindae che qui raggiungono
il loro limite orientale di distribuzione. Contemporanemente, la stessa area rappresenta il limite occidentale dell’areale di Libelloides latinus (Lefèbvre, 1842),
specie endemica appenninica.
Parole chiave: Megaloptera, Raphidioptera, Neuroptera, faunistica, corologia.
54
Sessione II - Faunistica e biogeografia. Presentazioni Posters
INDAGINI FAUNISTICHE SUI MACROLEPIDOTTERI DELLA RISERVA
NATURALE REGIONALE DI VENDICARI
S. Bella
Dipartimento di Gestione dei Sistemi Agroalimentari e Ambientali, Sezione Entomologia agraria, Università di Catania, Via S. Sofia 100, 95123 Catania
E-mail: sbella@unict.it
Si riportano i risultati di indagini pluriennali su Macrolepidotteri condotte nella
Riserva Naturale Orientata “Oasi Faunistica di Vendicari” sita nel territorio del
comune di Noto, in provincia di Siracusa. I pantani salmastri retrodunali e la
vegetazione dunale ivi presente fanno di Vendìcari una delle più importanti aree
umide presenti nel bacino del Mediterraneo. I campionamenti, sono stati condotti con cadenza mensile dal 1997 al 2001, utilizzando per la cattura dei Lepidotteri Eteroceri lampade a luce miscelata da 160 W su telo alimentate da un gruppo
elettrogeno, retino da sfalcio ed esche zuccherine. Complessivamente, le specie di
Macrolepidotteri conosciute per questo sito sono 237, appartengono a 19 famiglie
e sono rappresentate principalmente da Noctuidae con 119 specie (50,21 %) e Geometridae con 64 (27,00 %). Le specie censite rappresentano il 24,04 % di quelle note
per la Sicilia (986) ed il 10,82 % dei Macrolepidotteri segnalati per l’Italia (2191).
Fra i reperti di recente rinvenimento, di particolare interesse sono: Cupido alcetas
(Hoffmannsegg, 1804) (Lycaenidae), Tephrina arenacearia (Denis & Schiffermüller, 1775), Crocallis auberti Oberthür, 1883, Kuchleria menadiara (Thierry-Mieg,
1893), Idaea completa (Staudinger, 1892), Eupithecia sardoa Dietze, 1910 (Geometridae), Eublemma cochylioides (Guenée, 1852), Araeopteron ecphaea Hampson,
1914, Schinia scutosa (Denis & Schiffermüller, 1775), Rhizedra lutosa (Hübner,
1803), Archanara neurica (Hübner, 1808), Capsula sparganii (Esper, 1790), Sesamia cretica Lederer, 1857, Leucania palestinae Staudinger, 1897, Agrotis endogaea
(Boisduval, 1837) (Noctuidae), Eilema rungsi de Toulgoët, 1960 (Arctiidae). In
particolare, Crocallis auberti ed Eublemma cochylioides costituiscono gli unici
reperti per la Sicilia e l’Italia; i reperti di Agrotis endogaea (presente solo a
Vendìcari e nel vicino Pantano Longarini) sono gli unici siciliani; molte delle
specie rinvenute sono presenti in Sicilia solo in questo sito. Considerando le
particolari caratteristiche ambientali dell’area, il popolamento è ricco in specie
e diversificato da un punto di vista zoogeo-grafico ed ecologico. Solo 21 specie
(9,59 %) sono state catturate in tutti i cinque anni di indagine, mentre 73 specie
(33,03 %) sono state rinvenute un solo anno con singoli esemplari. I risultati evidenziano l’importanza assunta da questi peculiari ecosistemi salmastri costieri,
in quanto capaci di porre in risalto aspetti zoogeografici unici del territorio siciliano e italiano in generale, in particolare di quello ibleo avente comune origine
paleogeografica col territorio nordafricano, preservando una straordinaria biodiversità ed assicurando la sopravvivenza di specie ad alto rischio di estinzione.
Parole chiave: Lepidoptera, zone umide, biodiversità, Sicilia.
55
Sessione II - Faunistica e biogeografia. Presentazioni Posters
LA BIODIVERSITÀ NEI SISTEMI AGRICOLI VALDOSTANI:
COLEOTTERI CARABIDI (COLEOPTERA, CARABIDAE)
I
E. Busato1, L. Bertignono2, I. Brunet2, F. Madormo2 & A. Alma1
DIVAPRA, Entomologia e Zoologia applicate all’Ambiente “C. Vidano”, Università degli Studi di Torino, Via L. da Vinci 44, 10095 Grugliasco (TO)
E-mail: enrico.busato@unito.it
2
Institut Agricole Régional, Regione La Rochere 1/A, 11100 Aosta
1
La ricerca è stata svolta nell’ambito di un progetto per lo studio della biodiversità
animale e vegetale relativa a 11 macroaree della Regione Valle d’Aosta comprendenti agro-ecosistemi (vigneto e meleto) ed ecosistemi naturali o seminaturali.
Particolare attenzione è stata rivolta ai Coleotteri Carabidi per le loro peculiari
caratteristiche bio-etologiche. Le indagini sono state condotte nel triennio 20062008. In ogni macroarea sono state individuate 5 differenti unità campione in
cui condurre tutte le raccolte, da aprile a novembre, con cadenza decadale. Per
la cattura dei Coleotteri Carabidi, in ogni unità campione, sono state collocate
3 trappole a caduta, lungo la diagonale. L’attività di monitoraggio è stata completata mediante raccolte a vista realizzate con periodicità mensile. Per l’elaborazione dei dati è stato adottato l’indice di biodiversità di Shennon-Wiener. Nei
3 anni sono stati censiti più di 19.000 individui per un totale di 81 specie ripartite in 11 sottofamiglie. La carabidofauna è risultata composta da specie a vasta
geonemia, con distribuzione in prevalenza asiatico-europea, sibirico-europea ed
europea. In tutte le macroaree indagate sono sempre state reperite 2 specie tipiche dell’ambiente agrario, spesso dominanti: Calathus fuscipes graecus Dejean
e Pseudoophonus rufipes (De Geer). Di notevole interesse è stata la raccolta di
alcune specie localizzate e sporadiche, quali Licinus cassideus (F.), L. depressus (Paykull) (la cui presenza, dopo 30 anni, è stata riconfermata), Dolichus
halensis (Schaller) e le 2 specie corticicole Philorhizus melanocephalus (Dejean)
e Lamprias cyanocephalus (L.). L’indice di Shennon-Wiener ha toccato valori
elevati nelle aree di Montjovet (2,09) e Arnad (2,03) e degne di nota a Donnas
(1,87), Morgex (1,73) e Saint-Denis (1,73). I valori dell’indice di Shennon-Wiener
ottenuti sono davvero ragguardevoli se confrontati a quelli della maggior parte
degli ambienti europei, in cui l’indice supera raramente valore 2. Questi dati,
particolarmente positivi, indicano che la Valle d’Aosta, all’interno dei suoi agroecosistemi (vigneto e meleto), conserva un ottimo livello di qualità ambientale
che è indubbiamente legato a un’oculata gestione dei trattamenti agronomici e
fitosanitari e alla presenza di numerose fasce di incolti e di boschi stabili, che
formano una fascia continua tra gli appezzamenti coltivati, diventando un’importante zona di rifugio per i Coleotteri Carabidi.
Parole chiave: pitfall trap, catture a vista, bioindicatori.
56
Sessione II - Faunistica e biogeografia. Presentazioni Posters
ANALISI DELLA PROTUROFAUNA DI UNA SUGHERETA LIGURE
M. Capurro, L. Galli & C. Torti
Dipartimeno per lo studio del Territorio e delle sue Risorse, Università degli Studi
di Genova, Corso Europa 26, 16132 Genova E-mail: loris.galli@dipteris.unige.it
Tra febbraio 2007 e gennaio 2008 sono stati raccolti mensilmente 10 campioni
di suolo (idealmente, cubi di circa 1.000 cc ciascuno) e 5 campioni di lettiera
(di circa 2.000 cc) in una sughereta sita a 150 m s.l.m. in comune di Bergeggi
(SV). L’estrazione della pedofauna, effettuata mediante imbuti Berlese-Tullgren,
ha reso possibile analizzarne la fenologia su un ciclo annuale: il nostro gruppo
di ricerca, in particolare, si è occupato dei Proturi.
In totale, dei 786 esemplari preparati, i 682 determinabili a livello specifico sono
stati riferiti ad 11 specie (Proturentomon minimum (Berlese), Acerentulus confinis
(Berlese), Acerentulus terricola Rusek, Gracilentulus gracilis (Berlese), Acerentomon affine Bagnall, Acerentomon doderoi Silvestri, Acerentomon italicum Nosek,
Acerentomon maius Berlese, Acerella tiarnea (Berlese), Eosentomon noseki Tuxen,
Eosentomon transitorium Berlese), per alcune delle quali è stata esaminata la
fenologia. Acerentulus terricola è una specie nuova per la fauna italiana.
In generale, sono stati evidenziati due picchi di abbondanza (marzo e giugno),
con presenze comunque consistenti (> 100 individui/mese nei campioni di suolo)
per tutto il periodo invernale e primaverile. In agosto e settembre, invece, si è
registrato un minimo, legato al clima estivo siccitoso tipico dell’area. Questo
trend generale è rispecchiato con una buona approssimazione in tutte le specie dominanti (Acerentulus confinis, Acerentomon italicum, Acerentomon maius
ed Acerella tiarnea), ad eccezione di Eosentomon transitorium, per il quale si è
riscontrato un picco (23 individui) nel mese di ottobre. La sex ratio è risultata
sbilanciata in misura statisticamente significativa in favore del sesso femminile
in Acerentulus confinis (M:F = 0,42, χ² = 10,246, 1 g.l., p < 0,01), Acerentomon
italicum (M:F = 0,74, χ² = 5,7302, 1 g.l., p < 0,05) e Acerella tiarnea (M:F =
0,26, χ² = 14,535, 1 g.l., p < 0,01); in Acerentomon maius è prossima all’unità, mentre quella di Eosentomon transitorium è sbilanciata in favore del sesso
maschile (M:F = 1,47) in misura non significativa. Considerando le due specie
più abbondanti, per Acerentomon italicum (n = 293) si sono registrate presenze
costantemente scarse di stadi “giovanili” (larve e maturus junior) da marzo a
luglio ed in gennaio, mentre per A. maius (n = 211) si è individuato un picco di
“giovani” (26 maturus junior e 3 larve) in aprile.
L’analisi statistica dei campioni mensili di suolo e lettiera non ha evidenziato
differenze statisticamente significative (One Way ANOSIM - R = 0,02648 p >
0,05).
Parole chiave: fenologia, ecologia, Protura, Bergeggi (SV).
57
Sessione II - Faunistica e biogeografia. Presentazioni Posters
Galligeni interessanti e nuovi per la fauna italiana
G. Cerasa, G. Lo Verde & B. Massa
Dipartimento DEMETRA, Sezione di Entomologia, Acarologia e Zoologia
Agraria, Università di Palermo, Viale delle Scienze Ed. 4, 90128 Palermo
E-mail: zoolappl@unipa.it.
Si riportano alcuni reperti su galligeni di piante erbacee e arboree, nuovi o interessanti per la fauna italiana.
Pumilomyia protrahenda De Stefani, 1919 (Diptera Cecidomyiidae). Forma minuscole galle invernali trovate su foglie di Artemisia arborescens non lontano
dalla località tipica (Palermo), a distanza di 90 anni dalla sua descrizione; è
stato seguito tutto il ciclo biologico della specie, raccogliendo e identificandone
anche gli antagonisti.
Dasineura papaveris Winnertz, 1853 (Diptera Cecidomyiidae). Specie in precedenza non nota per l’Italia, è stata rinvenuta in provincia di Trapani; è stato
seguito il ciclo biologico della specie e sono stati esaminati i suoi antagonisti.
Phanacis phoenixopodos (Mayr, 1882) (Hymenoptera Cynipidae). Induce voluminose galle su Lactuca viminea e L. saligna; l’abbiamo rinvenuta in Puglia. In
Italia era nota solo della Sicilia.
Callirhytis rufescens (Mayr, 1882) (Hymenoptera Cynipidae). Individuate su
Quercus pubescens s.l. rilevanti popolazioni della generazione bisessuale di questa specie non ancora segnalata per la Sicilia. Da galle mantenute in laboratorio
sono stati ottenuti sia gli induttori sia gli antagonisti naturali.
Andricus quercuscorticis (Linnaeus, 1761) (Hymenoptera Cynipidae). La generazione bisessuale induce una piccola e caratteristica galla che sfugge facilmente
all’osservazione per via delle sue dimensioni e del suo aspetto. È stata rinvenuta
su Quercus pubescens s.l. in diverse località della Sicilia, dove era stata segnalata
da De Stefani sub A. gemmatus Adler; tale segnalazione è sfuggita a tutti ed è
questa la ragione per cui la specie non si ritrova nella Checklist della Fauna
Italiana.
Andricus quercusramuli (Linnaeus, 1761) (Hymenoptera Cynipidae). La generazione bisessuale di questa specie induce una galla molto caratteristica e appariscente per l’aspetto cotonoso e bianco candido quando è neo-formata; nota
in Italia per le regioni settentrionali, è stata rinvenuta in alcune località della
Sicilia su Quercus pubescens s.l., e ne sono stati studiati gli induttori e gli antagonisti.
Oecocecis guyonella Guenée, 1870 (Lepidoptera Gelechiidae). Interessante galligeno del genere Limoniastrum, da noi ritrovato in Sicilia nelle stesse località
dove lo aveva segnalato cento anni prima De Stefani. Ne abbiamo seguito il
ciclo, identificato gli antagonisti naturali e il livello di parassitizzazione.
Parole chiave: insetti galligeni, Diptera Cecidomyidae, Hymenoptera Cynipidae,
Lepidoptera Gelechiidae.
58
Sessione II - Faunistica e biogeografia. Presentazioni Posters
CONTRIBUTO PRELIMINARE ALLA CONOSCENZA DEGLI ORTOTTERI
DEL MONTE TONNERI (SARDEGNA CENTRO-ORIENTALE)
D. Cillo1, E. Bazzato2, P. Mereu Piras3 & F. Fois4
Via Zeffiro 8, 09126 Cagliari
E-mail: davide.cillo@hotmail.it
Via M. di Campiglio 22, 09045 Quartu S. Elena (CA)
3
Via dei Nibbi 11, 09012 Capoterra (CA)
4
Piazza dell’Orsa Maggiore 7, 09126 Cagliari E-mail: francifois@libero.it
1
2
In questo lavoro vengono riportati i risultati di un’indagine faunistica condotta
sul monte Tonneri, un “tacco” calcareo situato nel territorio di Seui (OG) e
compreso nella Barbagia di Seulo (Sardegna centro-orientale). Si estende su una
superficie di 27 Km2 ad una quota compresa tra 850 e 1324 m s.l.m. ed è occupato, per buona parte, dalla foresta di Montarbu. Il basamento scistoso risale
al Siluriano, seguito da strati risalenti al Permiano su cui poggiano i calcari e
le dolomie del Giurese, seguite da sedimentazioni quaternarie. Dal punto di vista ecologico ed altimetrico le zone studiate sono caratterizzate principalmente
da ambiente submontano e montano inferiore con boschi di latifoglie, macchia
mediterranea, aree sassose e garighe. La ricerca è stata condotta dal luglio 2007
al settembre 2008, con raccolte effettuate nelle diverse stagioni dell’anno e con
stazioni di campionamento a varie quote. Gli ortotteri sono stati catturati a
vista sia di giorno che di notte. Sono stati reperiti 287 esemplari appartenenti
a 26 diverse specie, 12 delle quali appartengono a due famiglie del sottordine Caelifera: Catantopidae (Pezotettix giornai, Calliptamus barbarus barbarus,
Anacridium aegyptium) ed Acrididae (Oedaleus decorus decorus, Oedipoda caerulescens, Sphingonotus caerulans, Aiolopus strepens, A. thalassinus, Dociostaurus
jagoi occidentalis, D. maroccanus, Glyptobothrus brunneus brunneus, Euchorthippus sardous). Altre 14 specie appartengono a tre famiglie del sottordine Ensifera: Tettigoniidae (Phaneroptera nana nana, Tylopsis liliifolia, Cyrtaspis scutata,
Tettigonia viridissima, Decticus albifrons, Platycleis grisea grisea, Tessellana tessellata, Eupholidoptera chabrieri magnifica, Bolivarius brevicollis insularis), Gryllidae (Gryllus bimaculatus, Modicogryllus burdigalensis, Gryllomorpha dalmatina,
Mogoplistes brunneus) ed Oecanthidae (Oecanthus pellucens). Legati ai boschi di
latifoglie sono Cyrtaspis scutata e Gryllomorpha dalmatina; tipico della lettiera
Mogoplistes brunneus. Le aree sassose a macchia bassa e gariga sono caratterizzate dalla presenza delle specie Tylopsis liliifolia, Tessellana tessellata, Gryllus bimaculatus, Calliptamus b. barbarus, Dociostaurus maroccanus, Oedaleus d.
decorus, Oedipoda caerulescens e Sphingonotus caerulans. Nelle zone di ecotono
sono state rinvenute Phaneroptera n. nana, Tettigonia viridissima, Eupholidoptera
chabrieri magnifica ed Oecanthus pellucens. Le specie rilevate sono state caratterizzate ed inquadrate in categorie ecologiche secondo La Greca & Messina
(1982). Si sottolinea infine la presenza dell’endemita sardo Euchorthippus sardous.
Parole chiave: Ortotterofauna, Celiferi, Ensiferi, biodiversità, faunistica.
59
Sessione II - Faunistica e biogeografia. Presentazioni Posters
CONTRIBUTO ALLA CONOSCENZA DEI COLEOTTERI CARABIDI
DI CAGLIARI E DELLE ZONE UMIDE LIMITROFE (SARDEGNA
MERIDIONALE)
D. Cillo1, E. Bazzato2, P. Mereu Piras3 & F. Fois4
Via Zeffiro 8, 09126 Cagliari
E-mail: davide.cillo@hotmail.it
Via M. di Campiglio 22, 09045 Quartu S. Elena (CA)
3
Via dei Nibbi 11, 09012 Capoterra (CA)
4
Piazza dell’Orsa Maggiore 7, 09126 Cagliari E-mail: francifois@libero.it
1
2
Il censimento dell’entomofauna in diverse aree del territorio italiano riveste sempre una certa importanza dal punto di vista biogeografico, ecologico e faunistico. Ciò è vero soprattutto quando si indaga su biotopi ed ecosistemi peculiari,
come le zone umide, in cui i cambiamenti di varia natura e le contaminazioni
antropiche influiscono in maniera rilevante sulle biocenosi presenti. È stata studiata la composizione e la fenologia della fauna a Carabidi (Coleoptera, Carabidae) di Cagliari e delle zone umide limitrofe: Stagno di Molentargius, Saline
di Cagliari, Rio Mannu, S. Gilla, Giorgino, Stagno di Simbirizzi, Macchiareddu
e Stagno di Maracalagonis. La ricerca è stata condotta dal 2008 al 2010 con
campionamenti periodici effettuati nelle diverse stagioni dell’anno. Gli esemplari
sono stati campionati mediante raccolta diretta a vista, caccia notturna e trappole a caduta innescate con aceto. Sono stati rinvenuti in totale 2008 esemplari,
appartenenti a 60 diverse specie di Carabidi. La ricerca è stata integrata dallo
studio di diverse collezioni private. Tra le specie rilevate nel corso dell’indagine risultano di particolare interesse Percus strictus oberleitneri (Dejean), Sphodrus leucophthalmus (Linnaeus), Dicheirotrichus punicus Bedel, Scarites buparius
(Förster), Campalita maderae (Fabricius), Platytarus faminii (Dejean), Brachinus
humeralis Ahrens. I dati sono stati analizzati anche dal punto di vista ecologico
e corologico. Questo lavoro fornisce un nuovo contributo alla conoscenza delle
specie di Carabidi presenti in una località della Sardegna dalle caratteristiche
peculiari per la vicinanza e la compenetrazione delle zone umide prese in esame,
con gli importanti centri urbani di Cagliari ed hinterland. Tali reperti evidenziano l’esistenza di una discreta biodiversità, nonostante la crescente antropizzazione delle zone studiate ed integrano le conoscenze su un importante gruppo
utile anche come bioindicatore nelle valutazioni sullo stato dell’ambiente.
Parole chiave: Carabidofauna, biodiversità, corotipi, bioindicatori.
60
Sessione II - Faunistica e biogeografia. Presentazioni Posters
INDAGINE PRELIMINARE SULLA PRESENZA DI SPECIE DI
COLEOTTERI CORTICICOLI E XILOFAGI IN PINETE DELLA CAMPANIA
M. Gebiola & A. P. Garonna
Dipartimento di Entomologia e Zoologia Agraria “Filippo Silvestri”, Università
degli Studi di Napoli “Federico II”, Via Università 100, 80055 Portici (NA)
E-mail: marco.gebiola@unina.it
Le pinete della fascia litoranea della Campania sono attualmente in uno stato
di progressivo deperimento, se non di avanzato degrado, per numerose cause
di natura biotica, abiotica, antropica e per la mancata adozione di opportune
cure selvicolturali. Tra i fattori biotici si registra una recrudescenza di attacchi
di specie corticicole e xilofaghe. Al fine di acquisire elementi utili alla predisposizione di una efficace gestione fitosanitaria delle pinete, è stata effettuata una
indagine preliminare sulle principali specie di scolitidi e altri coleotteri xilofagi
in popolamenti campani di pino.
La ricerca è stata effettuata nel biennio novembre 2008-ottobre 2010 in due ambienti: la pineta litoranea di Pinus pinea e Pinus halepensis situata nel comune
di Eboli (SA), e la pineta di Pinus pinea e Pinus pinaster della Riserva forestale Tirone-Alto Vesuvio del Parco Nazionale del Vesuvio. Le osservazioni sono
state svolte mediante l’allestimento periodico di piante-esca lasciate infestare e
raccolta di materiale colonizzato addizionale, successivamente posto in fotoeclettori o box di allevamento per il censimento delle specie xilofaghe presenti.
I campioni infestati sono stati prelevati da punti diversi (basale, centrale e apicale) delle piante.
Nel biennio di ricerca sono state raccolti numerosi rappresentanti di diverse
famiglie di coleotteri corticicoli e xilofagi dei pini. Le specie di maggiore dannosità sono risultate il blastofago distruttore, Tomicus destruens (Wollaston), e lo
scolitide mediterraneo, Orthotomicus erosus (Wollaston), che è di gran lunga la
specie più presente negli ambienti indagati, occupando anche la nicchia ecologica lasciata libera dal blastofago nei mesi estivi. Le altre specie rinvenute, appartenenti ai generi Ips, Hylurgus, Carphoborus, Crypturgus, Pityogenes e Xyleborus,
sono risultate scarsamente rappresentate, e alcune di queste paiono vincolate a
nicchie ecologiche particolari, come i cimali delle piante o i rametti a diametro
ridotto. Sono stati ritrovati anche Curculionidae (generi Pissodes e Rhyncholus),
Cerambycidae (generi Arhopalus e Pogonocherus), Buprestidae (Chrysobothris) e
Bostrichidae (Scobicia). Inoltre sporadicamente sono sfarfallati esemplari di una
specie di imenottero Siricidae (genere Sirex). Infine si è osservato che temperature piuttosto miti hanno consentito l’evoluzione e il completamento di alcuni
cicli biologici anche durante i mesi invernali, con raccolta di neoadulti di Ips
sexdentatus Boerner, di O. erosus, così come di cerambicidi del genere Arhopalus.
Parole chiave: Curculionidae Scolytinae, Bostrichidae, Buprestidae, Cerambycidae.
61
Sessione II - Faunistica e biogeografia. Presentazioni Posters
I ROCK GLACIER COME “WARM STAGE REFUGIA”: UN MODELLO DI
STUDIO APPLICATO ALLE ARTROPODOCENOSI ALPINE
M. Gobbi1, M. Caccianiga2, C. Compostella2, J. Bonomo1,2, S. Bussolati1,2, R. Seppi3
& V. Lencioni1
Sezione di Zoologia degli Invertebrati e di Idrobiologia, Museo Tridentino di Scienze Naturali, Via Calepina 14, 38122 Trento E-mail: mauro.gobbi@mtsn.tn.it
2
Dipartimento di Biologia, Sezione di Botanica Sistematica, Università degli
Studi di Milano, Via Celoria 26, 20133 Milano
3
Dipartimento di Scienze della Terra, Università di Pavia, Via Ferrata 1, 27100 Pavia
1
La letteratura recente dimostra come vi sia determinismo e direzionalità nei
pattern di reazione delle biocenosi al global warming in ambiente alpino. È
inoltre noto come esse rispondano all’indotto rischio di estinzione colonizzando
le quote più elevate o adattandosi alle mutevoli condizioni microclimatiche. Recenti studi, condotti dagli autori scriventi, hanno permesso di ipotizzare come i
ghiacciai ricoperti da detrito (debris covered glacier) stiano rappresentando, per
alcune specie vegetali e animali, aree di rifugio nel presente ciclo interglaciale.
Dai risultati così ottenuti si è ipotizzato che altre landform possano svolgere il
medesimo ruolo, come ad esempio i rock glacier (RG). Questa particolare forma
di versante caratterizza l’ambiente periglaciale alpino; si origina dalla deformazione di depositi detritici cementati da ghiaccio. I RG segnalano condizioni di
permafrost discontinuo e all’interno vi è un microclima di tipo freddo e umido. Nell’agosto 2010 sono stati selezionati due RG differenti per caratteristiche
stazionali e litologiche. Il primo, localizzato nel Gruppo Ortles Cevedale (Val
di Peio, TN; esp. S, alt. 2800 m) e il secondo nel Gruppo della Presanella (Val
Nambrone, TN; esp. N, alt. 2400 m). Uno degli obiettivi del progetto è quello
di descrivere le artropodocenosi che colonizzano questi habitat. Per ciascun RG
sono state individuate tre stazioni di campionamento di cui due tra il detrito e
una (controllo) esterna. Gli artropodi sono stati campionati mediante l’impiego
di tre trappole a caduta per stazione. Attorno a ciascuna trappola sono stati
eseguiti l’analisi della granulometria, tessitura e pH del suolo e il rilievo fitosociologico. La temperatura del suolo è stata monitorata in continuo mediante
data logger posizionati a circa 20 cm di profondità. I risultati preliminari (il
progetto proseguirà anche nel 2011) mostrano come le cenosi epigee rinvenute
nei RG siano rappresentate da early colonizer (Coleotteri Carabidi, Aracnidi
Aranei e Opilioni). Essi sono raggruppamenti di specie detriticole, predatrici
e frigrofile endemiche alpine. La matrice faunistica nella quale vivono queste
cenosi è composta principalmente da aeroplancton (Acari, Collemboli e Ditteri)
che funge da risorsa nutritiva e un’elevata biomassa di Imenotteri parassitoidi.
Fase successiva del progetto sarà quella di determinare tutte le specie analizzandone i tratti biologici e confrontarle con la componente vegetale per individuare eventuali risposte comuni alle sollecitazioni indotte da questi ambienti.
Parole chiave: Carabidae, Ragni, permafrost, global change, Alpi.
62
Sessione II - Faunistica e biogeografia. Presentazioni Posters
Paraleyrodes minei (HEMIPtera, Aleyrodidae),
minaccia per gli agrumeti Italiani
nuova
F. M. Iaccarino, R. Jesu & F. Nugnes
Dipartimento di Entomologia e Zoologia Agraria “Filippo Silvestri”, Università
di Napoli “Federico II”, Via Università 100, 80055 Portici (NA)
E-mail: francesco.nugnes@unina.it
Viene segnalata, per la prima volta, la presenza in Italia di Paraleyrodes minei
Iaccarino (Hemiptera, Aleyrodidae). Tale aleirode, descritto originariamente su
foglie di Citrus aurantium L. raccolte in Siria, risulta già insediato nel Bacino
del Mediterraneo (Israele, Libano, Marocco, Spagna e Turchia) su Rutaceae del
genere Citrus, mentre in altri Paesi è stato rinvenuto anche su Annonaceae, Araceae, Arecaceae, Asteraceae, Euforbiaceae, Lauraceae, Myrtaceae, Piperaceae,
Polygo-naceae, Rhizophoraceae.
L’uovo è ancorato alla superficie fogliare con un lungo peduncolo.
La neanide di prima età presenta una lunga frangia compatta di cera ialina
lungo il bordo e due masserelle di cera bianca nella parte antero-mediana del
dorso. La neanide di seconda età mostra, lungo tutto il bordo esterno, sottili e
corte bacchette di cera a formare una frangia, mentre sul disco si notano, sia
anteriormente che posteriormente, 2 distinti ed evidenti filamenti di cera. La
neanide di terza età ha il margine provvisto di bacchette di cera a formare una
corona, mentre sul torace sono presenti 4 lunghi filamenti di cera.
Il pupario, lungo il bordo, presenta filamenti di cera a forma di palizzata e/o
corona, mentre dorsalmente si contano una decina di fili di cera disposti verso
l’alto.
La femmina ha antenne di 4 articoli, addome subovoidale e con 4 coppie di
placche ceripare.
Il maschio ha antenne di 3 articoli, morfologicamente dissimili da quelle della
femmina, addome subpiriforme con 3 coppie di placche ceripare e con l’apice
dell’edeago “a testa di gallo” (carattere che rende facilmente identificabile la
specie).
Alcuni Autori indicano che, in pieno campo, si susseguono ininterrottamente
4 generazioni all’anno. Le femmine dell’aleirode si insediano sulla pagina inferiore delle foglie ove formano un feltro subcircolare di cera polverulenta (un
nido, molto caratteristico) entro cui avviene l’ovideposizione. Successivamente,
nel “nido”, si possono trovare neanidi e/o pupari che sono in grado di produrre,
ad esclusione delle neanidi di prima età, le tipiche formazioni di cera a bastoncelli. Al momento non sono state riscontrate forme parassitizzate e/od oggetto
di predazione.
Parole chiave: agrumi, aleirode, Italia.
63
Sessione II - Faunistica e biogeografia. Presentazioni Posters
Il genere Stactobia in Italia (Trichoptera, Hydroptilidae):
stato delle conoscenze
O. Lodovici & M. Valle
Museo Civico di Scienze Naturali, Piazza Cittadella 10, 24129 Bergamo
E-mail: olodovici@comune.bg.it; mvalle@comune.bg.it
Al genere Stactobia McLachlan appartengono specie di tricotteri di pochi millimetri di apertura alare, che vivono in ambienti igropetrici. Queste caratteristiche
sono la causa principale della scarsità di conoscenze su questi tricotteri, difficili
da campionare e pertanto scarsamente rappresentati nelle collezioni di studio.
Il presente lavoro vuole fare il punto sullo stato delle conoscenze su questo genere nel nostro paese; grazie all’esame del materiale delle collezioni Moretti di
Perugia e del Museo di Bergamo è stato possibile verificare le segnalazioni delle
specie italiane correggendo alcuni incongruenze emerse nel corso degli anni.
In Italia sono segnalate 9 specie: di queste 2 endemiche: S. ericae Malicky, nota
esclusivamente della Sardegna, e S. alpina Bertuetti, Lodovici & Valle, recentemente descritta di alcuni rilievi del Piemonte sud-occidentale.
Altre quattro specie, S. beatensis Mosely, S. eatoniella McLachlan, S. furcata
Mosely e S. fuscicornis (Schneider), presentano un areale di distribuzione Wmediterraneo; S. moselyi Kimmins ha distribuzione centroeuropea, mentre S.
caspersi Ulmer ha distribuzione E-mediterranea.
Stactobia maculata Vaillant, 1951, descritta su esemplari dell’Algeria, venne segnalata da Cianficconi & Moretti (1990) per la Sardegna. La specie fu poi
messa in sinonimia da Botosaneanu & Malicky ( 1978) con S. fuscicornis.
Alcuni esemplari della Tunisia, raccolti a pochi chilometri dal locus typicus di
S. maculata, corrispondono alla descrizione di Vaillant. Il confronto con gli
esemplari di S. fuscicornis campionati in Italia ha consentito di accertare l’effettiva validità della specie, di cui vengono riportati i caratteri distintivi. L’osservazione dell’unico campione di S. maculata reperito in Sardegna ha consentito
di escluderne l’appartenenza alla nostra fauna, poiché esso deve essere riferito
a S. fuscicornis.
Parole chiave: ambienti igropetrici, distribuzione, Stactobia maculata.
64
Sessione II - Faunistica e biogeografia. Presentazioni Posters
CONTRIBUTO
ALLA
DEFINIZIONE
DELLA
DISTRIBUZIONE
GEOGRAFICA
NELL’APPENNINO
LIGURE
DI
CARABUS
(CHRYSOCARABUS) SOLIERI LIGURANUS (COLEOPTERA, CARABIDAE)
G. Lo Pinto1, M. Meli2 & R. Poggi3
Via A. Orsini 39/3, 16146 Genova
E mail: glp@tiscali.it
Loc. Sementella 4, 16010 Savignone (GE)
3
Museo Civico di Storia Naturale “G. Doria”, Via Brigata Liguria 9, 16121 Genova
1
2
La conoscenza della distribuzione geografica di Carabus (Chrysocarabus) solieri
liguranus Breuning, 1937 nell’Appennino Ligure, ad Est del locus typicus (Monte
San Giorgio, nell’entroterra di Savona) è lacunosa e limitata a singole segnalazioni presenti in letteratura dal 1887 a oggi: Ghiliani 1887 cita la località di Robbia
(recte: Vobbia), Schatzmayr 1945 il Monte Colletta (P. Pomini leg.), Porta 1959 il
Monte Lesina (recte: Lesima; Schatzmayr in litt.); Casale & Cavazzuti 1975 segnalano esemplari raccolti a Figino in Val Borbera (R. Valdinazzi leg.) e sul Monte
Penna; Poggi 1983 pubblica un reperto personale effettuato sul Monte Beigua e
uno dei Piani di Praglia (M.E. Franciscolo leg.). In anni più recenti si sono avuti
ritrovamenti, ancora inediti, nelle seguenti località: Monte Duso e Monte Canevano (D. Pesce leg.), Monte Boglelio (A. Balbo leg.) e Monte Nero (E. Felce leg.).
Dal 2003 al 2010 abbiamo intrapreso una ricerca sistematica che ci ha permesso
di dimostrare come l’areale di C. solieri liguranus sia molto più ampio di quanto
oggi noto. A tale scopo abbiamo utilizzato trappole a caduta innescate con aceto di vino posizionate ogni anno in castagneti, faggete e noccioleti, da aprile ad
ottobre inoltrato; il massimo di catture si è rilevato in giugno, mentre tentativi
invernali zappando sulle ripe sono stati infruttuosi.
Sono state così individuate numerose nuove località nel gruppo del Monte Beigua, nelle catene montuose che si dipartono a Ovest, Nord ed Est del Monte
Antola (Monte Buio, Monte Antola, Monte Canevano, Monte Carmo, Monte Alfeo, Monte Giarolo, Monte Ebro, Monte Chiappo, Monte Boglelio) e nel
gruppo del Monte Penna (Monte Maggiorasca, Monte Nero). Il limite orientale
è fissato, allo stato attuale delle conoscenze, nel Passo della Tabella: 44° 29’ 281
N, 09° 32’ 051 E, a m 1245 slm.
I reperti storici di letteratura sono stati tutti da noi confermati, tranne quello
dei Piani di Praglia, malgrado le accurate ricerche ivi condotte.
Non poche comunque sono state anche le località nelle quali le ricerche non
hanno dato esito positivo, pur se protratte per più anni: contrafforti a Sud del
Monte Antola, Monte Ramaceto e Monte Gottero (limite Est delle nostre ricerche). Stupisce l’assenza di reperti sul crinale che divide la Val Trebbia dalla
Valle dell’Aveto pur essendovi copertura arborea identica a quella dei crinali
vicini, ricchi di reperti.
Parole chiave: Coleoptera, Carabidae, Carabus solieri liguranus, distribuzione
geografica, Appennino Ligure.
65
Sessione II - Faunistica e biogeografia. Presentazioni Posters
Nuovi dati su ZODARION (ARANEAE, ZODARIIDAE) RACCOLTI IN
PUGLIA
P. Loverre1, P. Pantini2 & R. Addante1
Dipartimento di Biologia e Chimica Agro-Forestale ed Ambientale, Università
degli Studi “Aldo Moro”, Via Amendola 165/A, Bari
E-mail: rocco.addante@agr.uniba.it
2
Museo Civico di Scienze Naturali “E. Caffi”, Piazza Cittadella 10, Bergamo
1
Nel corso di ricerche sull’araneofauna di diversi siti pugliesi e sul ruolo dei ragni
nella limitazione naturale di alcuni fitofagi-chiave della vite e dell’olivo sono
stati raccolti, mediante trappole a caduta, numerosi Zodariidae. L’identificazione degli esemplari appartenenti a tale famiglia ha permesso di individuare
complessivamente sei specie, tutte appartenenti al genere Zodarion Walckenaer,
1826.
Z. algiricum (Lucas, 1846) è una specie nota del Nord Africa e della Spagna,
citata da Simon (1873) per la Sicilia. Poiché le illustrazioni di Z. algiricum pubblicate da Simon (1873) e da Denis (1935) sono alquanto schematiche si è ritenuto opportuno fornire una nuova descrizione della specie, arricchita da accurati
disegni e fotografie degli organi copulatori di entrambi i sessi. Nel corso delle
ricerche sono stati rinvenuti diversi maschi di Zodarion appartenenti al gruppo
elegans con un pedipalpo simile a quello di Z. gracilitibiale Denis, 1933, specie
conosciuta solo in base al materiale tipico raccolto nel dipartimento di Var nel
Sud della Francia. Dal confronto con i disegni del palpo forniti da Bosmans
(1997) sono emerse, tuttavia, differenze nella conformazione dell’apofisi tibiale e
del retinaculum, che potrebbero far pensare ad una specie inedita. In attesa di
un confronto con il materiale tipico, entrambi i sessi della specie censita vengono descritti con il supporto di illustrazioni dell’epigino, della vulva e del pedipalpo. Zodarion frenatum Simon, 1884 è già stato rinvenuto in Grecia, Turchia
e Italia, ove è stato segnalato unicamente in provincia di Viterbo e di Reggio
Calabria. Zodarion caporiaccoi Roewer, 1942 è stato raccolto in poche località
del Centro Italia. Zodarion elegans (Simon, 1873), specie la cui distribuzione è
incentrata sul Mediterraneo occidentale, è stato segnalato in diverse regioni italiane. Zodarion pusio Simon, 1914 è una specie nota dell’Italia peninsulare, Sud
della Francia, Corsica e coste adriatiche di Croazia e Serbia.
Per tutte le specie rinvenute in Puglia nel corso delle nostre ricerche vengono
riportati i dati relativi agli habitat ed alle epoche e località di raccolta.
Parole chiave: araneofauna, morfologia, Zodarion algiricum, Zodarion cfr. gracilitibiale.
66
Sessione II - Faunistica e biogeografia. Presentazioni Posters
GEORISSIDAE DI LIGURIA (COLEOPTERA, HYDROPHILOIDEA)
A. Mascagni, F. Cianferoni & C. Monte
Museo di Storia Naturale dell’Università degli Studi di Firenze, Sezione di Zoologia “La Specola”, Reparto di Entomologia “Enrica Calabresi”, Via Romana
17, 50125 Firenze E-mail: pcfmas@tin.it
Viene riportata la distribuzione delle 2 specie di Georissidae finora segnalate
in Liguria: Georissus laesicollis Germar e G. substriatus Heer con l’indicazione
di tutte le stazioni di raccolta; va comunque sottolineato il fatto che l’esiguo
numero di esemplari studiati (18) è il risultato dell’esame di tutte le principali
collezioni museali e private italiane.
Viene riportato, in grafico, il numero di specie a livello mondiale, italiano e
ligure.
Inoltre è presa in considerazione la distribuzione altitudinale delle due specie
oggetto di studio, sia a livello regionale (Liguria) sia nazionale (Italia), il tutto rappresentato graficamente con una diversa colorazione in base alla data di
raccolta (ante/post 1960).
Parole chiave: Coleoptera, Georissidae, Liguria.
67
Sessione II - Faunistica e biogeografia. Presentazioni Posters
HETEROCERIDAE, LIMNICHIDAE E PSEPHENIDAE DI LIGURIA
(COLEOPTERA, BYRRHOIDEA)
A. Mascagni, F. Cianferoni & C. Monte
Museo di Storia Naturale dell’Università degli Studi di Firenze, Sezione di Zoologia “La Specola”, Reparto di Entomologia “Enrica Calabresi”, Via Romana
17, 50125 Firenze E-mail: pcfmas@tin.it
Per ciascuna delle tre famiglie viene riportato un grafico con il numero delle
specie presenti in Liguria, in Italia e nel mondo. Le specie note di Liguria sono
le seguenti: Heteroceridae: Augyles flavidus (Rossi), Heterocerus aragonicus Kiesenwetter, H. fenestratus (Thunberg). Limnichidae: Pelochares versicolor (Waltl),
Limnichus incanus Kiesenwetter, L. sericeus (Duftschmid). Psephenidae: Eubria
palustris Germar.
Vengono fornite indicazioni sulla provenienza (collezioni museali/private) e sul
numero degli esemplari studiati.
La distribuzione altitudinale dei vari taxa presenti in Liguria viene confrontata
con quella degli stessi a livello italiano.
Solo della famiglia Heteroceridae esistono segnalazioni recenti, mentre per le
altre due famiglie i dati esistenti necessiterebbero tutti di riconferma.
Vengono fornite considerazioni di tipo corologico per ciascuna specie.
Parole chiave: Coleoptera, Heteroceridae, Limnichidae, Psephenidae, Liguria.
68
Sessione II - Faunistica e biogeografia. Presentazioni Posters
DRYOPIDAE DI LIGURIA (COLEOPTERA, BYRRHOIDEA)
A. Mascagni, C. Monte & F. Cianferoni
Museo di Storia Naturale dell’Università degli Studi di Firenze, Sezione di Zoologia “La Specola”, Reparto di Entomologia “Enrica Calabresi”, Via Romana
17, 50125 Firenze E-mail: pcfmas@tin.it
Sono esaminate le 11 specie di Dryopidae note finora in Liguria: Pomatinus
substriatus (Ph. Müller), Dryops algiricus (Lucas), D. doderoi Bollow, D. ernesti
Des Gozis, D. gracilis (Karsch), D. luridus (Erichson), D. lutulentus (Erichson),
D. similaris Bollow, D. striatopunctatus (Heer), D. subincanus (Kuwert), D. viennensis (Heer) e confrontate in grafico con il numero di specie conosciute nel
mondo (240) e in Italia (18).
Viene indicata la provenienza dei 119 esemplari (depositati in 8 musei e collezioni private) e riportata l’indicazione di tutti i raccoglitori.
È stato effettuato uno studio sulla ripartizione altitudinale di ciascuna specie
per evidenziarne le caratteristiche ecologiche.
Si forniscono notizie sulle specie che non sono state riconfermate da ricerche
recenti e che meriterebbero quindi ulteriori indagini.
È inoltre riportato uno studio corotipico sulle specie liguri.
Parole chiave: Coleoptera, Dryopidae, Liguria.
69
Sessione II - Faunistica e biogeografia. Presentazioni Posters
ELMIDAE DI LIGURIA (COLEOPTERA, BYRRHOIDEA)
A. Mascagni, C. Monte & F. Cianferoni
Museo di Storia Naturale dell’Università degli Studi di Firenze, Sezione di Zoologia “La Specola”, Reparto di Entomologia “Enrica Calabresi”, Via Romana
17, 50125 Firenze E-mail: pcfmas@tin.it
Il presente contributo deriva dall’esame delle 19 specie di Elmidae: Stenelmis canaliculata (Gyllenhal), Elmis aenea (Ph. Müller), E. latreillei (Bedel), E. maugetii
Latreille, E. obscura (Ph. Müller), E. rioloides (Kuwert), Esolus angustatus (Ph.
Müller), E. berthelemyi Olmi, E. czwalinae Kuwert, Oulimnius troglodytes (Gyllenhal), O. tuberculatus (Ph. Müller), Limnius intermedius Fairmaire, L. opacus
Ph. Müller, L. perrisi (Dufour), L. volckmari (Panzer), Normandia nitens (Ph.
Müller), N. sodalis (Erichson), Riolus cupreus (Ph. Müller), R. subviolaceus (Ph.
Müller) segnalate in Liguria che vengono confrontate, in grafico, con il numero
di specie note nel mondo (1200) e in Italia (28).
Gli esemplari studiati, che ammontano complessivamente a 333, provengono da
5 collezioni (museali e private).
Sono state create 14 classi altitudinali per visualizzare graficamente le differenti
caratteristiche ecologiche di ciascuna specie.
Vengono fornite indicazioni sulle specie segnalate in passato e la cui presenza
nella regione merita di essere riconfermata.
È infine esaminata la corologia delle specie presenti in Liguria.
Parole chiave: Coleoptera, Elmidae, Liguria.
70
Sessione II - Faunistica e biogeografia. Presentazioni Posters
ODONATOFAUNA DEL SIC IT9120006 “LAGHI DI CONVERSANO”
(PUGLIA, ITALIA)
F. Mastropasqua1, D. De Marzo1, R. Gallo1 & S. Benedetto2
Dipartimento di Produzione Animale, Università degli Studi di Bari, Via
Amendola 165/A, 70126 Bari E-mail: fabiomastropasqua@alice.it
2
Via Vecchia Rutigliano 81, 70016 Noicattaro (BA)
1
Le aree umide oggetto di questo studio sono state designate SIC per la presenza
di specie e habitat acquatici di interesse conservazionistico (habitat 3140: Acque
oligomesotrofe calcaree con vegetazione bentica di Chara spp.). Nonostante numerosi studi su flora e fauna del sito siano stati eseguiti negli ultimi 20 anni,
non sono mai state condotte indagini mirate alla conoscenza delle comunità di
Odonata presenti. L’area di studio, situata in agro di Conversano (circa 25 km
a sudest di Bari) è caratterizzata da 10 depressioni naturali di origine carsica
che formano stagni temporanei e stagionali di piccole dimensioni (max 11.200
m2 min 1.039 m2).
Le indagini di campo hanno avuto durata di due anni (9/2009 – 9/2011); sono
stati compiuti da 1 a 4 sopralluoghi mensili per ogni sito percorrendo un transetto lungo l’intero perimetro delle aree umide indagate. Sono stati raccolti ed
identificati a livello specifico adulti ed exuvie con l’ausilio di un retino entomologico, un binocolo 10x32 ed uno stereoscopio 10x23. Di ogni stagno sono stati
misurati i valori di pH e temperatura, mentre mensilmente sono state analizzate
le concentrazioni di nitrati e solfati. Sono stati esaminati in totale 589 individui
di 21 specie riferibili a 5 famiglie (Calopterygidae, Lestidae, Coenagrionidae,
Aeshnidae, Libellulidae), che rappre-sentano circa il 48% delle 44 specie accertate a livello regionale. Di particolare interesse il ritrovamento di una piccola
popolazione di Coenagrion scitulum (Rambur, 1842), specie mai segnalata a livello regionale, in due stagni distanti circa 5 Km, Lago Sassano e Lago Castiglione, con abbondanza e frequenza maggiore in quest’ultimo.
Il Lago Castiglione ha concentrazioni significativamente inferiori sia di nitrati
(p< 0,05) sia di solfati (p<0,01), valori mediamente inferiori di pH e superiori
di T°: rispettivamente 7,3 (σ= 0,3) e 26,1 °C (σ= 6,8) per Castiglione, e 8,3(σ=
0,6) e 26,5 °C (σ = 7) per Sassano. È stata inoltre riscontrata a Lago Sassano
un’abbondante popolazione di pesci (soprattutto Carassius auratus Linnaeus) e
alcune anatre rilasciate per scopi ornamentali. Il SIC “Laghi di Conversano”
sembra rappresentare a livello locale un importante sito per l’odonatofauna, di
certo meritevole di ulteriori approfondimenti soprattutto riguardo l’impatto che
le specie ornamentali immesse possono avere su questi delicati ecosistemi.
Parole chiave: Odonata, Coenagrion scitulum, SIC “Laghi di Conversano”, Puglia.
71
Sessione II - Faunistica e biogeografia. Presentazioni Posters
CONTRIBUTO ALLO STUDIO
ODONATI NEL PIACENTINO
DELLA
DISTRIBUZIONE
DEGLI
R. Nicoli Aldini1 & A. Tabarroni2
Istituto di Entomologia e Patologia vegetale, Università Cattolica del Sacro Cuore, Via Emilia Parmense 84, 29122 Piacenza E-mail: rinaldo.nicoli@unicatt.it
2
Via Domenico Zampieri 24, 40129 Bologna
E-mail: altabar@tiscali.it
1
Il territorio piacentino, estremo lembo occidentale dell’Emilia delimitato a nord
dal corso del Po e a sud dal crinale appenninico settentrionale, comprende i
bacini imbriferi di alcuni affluenti padani di destra (Tidone, Trebbia, Nure,
Chiavenna, Arda). Tra le zone umide spiccano gli ambienti riparî del Po con
le foci dei suddetti affluenti e, nel comprensorio agricolo padano, la rete dei
canali d’irrigazione. Nella fascia collinare e montana si trovano anche bacini
artificiali (Lago di Trebecco, Lago di Mignano) e, più in quota, altri laghi minori. A fronte di tale varietà idrografica, di indubbia rilevanza ai fini delle ricerche sull’entomofauna anfibiotica, si può affermare che le attuali conoscenze
sulla distribuzione degli Odonati nella provincia di Piacenza sono relativamente
scarse se comparate con quelle disponibili ad esempio per alcune altre province della regione o di regioni limitrofe. Considerata l’importanza degli Odonati
come bioindicatori e per ottenere una conoscenza più approfondita della loro
distribuzione nel territorio e delle eventuali variazioni della stessa nel tempo,
abbiamo identificato il materiale inedito del Piacentino conservato nelle collezioni dell’Istituto di Entomologia dell’Università Cattolica. L’arco temporale di raccolta dei circa 200 esemplari esaminati copre l’ultimo trentennio; le
località sono una sessantina, ubicate soprattutto nelle fasce planiziale e collinare della provincia. I dati geonemici originali riguardano le seguenti 38 specie: Calopteryx haemorrhoidalis (V.d.Lind.), C. splendens (Harris), C. virgo (L.),
Sympecma fusca (V.d.Lind.), Lestes dryas Kirby, L. sponsa (Hansem.), L. viridis
(V.d.Lind.), Platycnemis pennipes (Pall.), Pyrrhosoma nymphula (Sulz.), Ischnura
elegans (V.d.Lind.), I. pumilio (Charp.), Enallagma cyathigerum (Charp.), Coenagrion puella (L.), Ceriagrion tenellum (Vill.), Aeshna affinis V.d.Lind., A. cyanea
(Müll.), A. isosceles (Müll.), A. mixta Latr., Anax imperator Leach, Hemianax
ephippiger (Burm.), Gomphus flavipes (Charp.), G. vulgatissimus (L.), Onychogomphus forcipatus (L.), Somatochlora metallica (V.d.Lind.), Libellula depressa L., L.
fulva Müll., L. quadrimaculata L., Orthetrum albistylum (Selys), O. brunneum
(Fonsc.), O. cancellatum (L.), O. coerulescens (F.), Crocothemis erythraea (Brullé),
Sympetrum depressiusculum (Selys), S. fonscolombii (Selys), S. meridionale (Selys),
S. pedemontanum (Müll. in Allioni), S. sanguineum (Müll.) e S. striolatum
(Charp.). Alcune di queste specie erano state segnalate più volte per il territorio
in esame, mentre per altre le citazioni in letteratura sono assai scarse o assenti.
Per il Piacentino esistono ulteriori dati bibliografici per meno di una decina
di altre specie. È probabile che soprattutto gli ambienti appenninici montani,
meno indagati, possano fornire altri reperti di un certo interesse faunistico.
Parole chiave: Odonata, corologia, Italia settentrionale, provincia di Piacenza.
72
Sessione II - Faunistica e biogeografia. Presentazioni Posters
PHLOEOTRIBUS LIMINARIS, SCOLITIDE ESOTICO INFEUDATO ALLE
PRUNOIDEE*
F. Pennacchio1, F. Binazzi1, M. Colombo2, C. Jucker2, F. Caronni3 & P. F. Roversi1
CRA-ABP, Centro di Ricerca per l’Agrobiologia e la Pedologia, Entomologia,
Via di Lanciola 12/a, 50125 Firenze E-mail: fabrizio.pennacchio@entecra. it
2
Dipartimento di Protezione dei Sistemi agroalimentare e urbano e Valorizzazione
delle Biodiversità, Università degli Studi di Milano, Via Celoria 2, 20133 Milano
3
Area Protezione e Gestione degli Ambienti Naturali della Biodiversità, Parco
Lombardo della Valle del Ticino, Via Isonzo 1, 20013 Pontevecchio di Magenta (MI)
1
L’areale naturale di Phloeotribus liminaris (Harris, 1852) si estende dal Canada
agli Stati Uniti orientali, fino al golfo del Messico, ed in quest’area è legato a
Prunus serotina Ehrh., suo ospite d’elezione e ad altri Prunus spontanei (P. americana Marsh., P. angustifolia Marsh.) e coltivati (P. persica L.). Dopo il primo
rinveni-mento avvenuto nel 2004 nei territori del Parco Lombardo della Valle
del Ticino, nel comune di Massa Lombardo (VA), la presenza dello scolitide è
stata in seguito accertata anche nel territorio di Cardano al Campo (VA) e di
Pombia (NO), posto, quest’ultimo, all’interno del Parco Naturale della Valle del
Ticino gestito dalla Regione Piemonte. In tutte le località citate sono frequenti
piante di P. serotina di discreto sviluppo, sulle quali l’insetto svolge il suo ciclo biologico, scavando le gallerie di prolificazione, i ricoveri di svernamento
e le erosioni di maturazione. Le nostre osservazioni hanno confermato il bivoltinismo della specie con svernamento allo stadio adulto, come già noto per
gran parte dell’areale di origine. I segni della presenza dello scolitide sono più
evidenti in autunno quando P. liminaris scava i ricoveri invernali, ai quali la
pianta reagisce con un’abbondante produzione di gomma che forma grumi in
corrispondenza dei fori d’ingresso e, nei casi di forti infestazioni, cola lungo il
tronco e si accumula in grandi quantità alla base della pianta. È nota in letteratura la capacità di P. liminaris di attaccare Prunus persica nel suo areale di
origine; tuttavia le osservazioni da noi condotte non hanno ad oggi riscontrato
attacchi dello scolitide in fase riproduttiva su altri Prunus spontanei o coltivati
che vegetano negli stessi boschi in cui è presente lo scolitide e nelle aree limitrofe (P. avium L., P. padus L. e P. laurocerasus L.). Sono state osservate soltanto
sporadiche erosioni di maturazione e tentativi di scavo di gallerie riproduttive precocemente abbandonate su P. padus. Inoltre, prove condotte utilizzando
tronchetti freschi di P. armeniaca, P. persica, P domestica L. e P laurocerasus,
collocati vicino alle piante attaccate in aree di forte presenza della specie e in
concomitanza del periodo di volo, non hanno finora evidenziato la capacità di
questo scolitide di adattarsi a specie diverse da P. serotina.
Parole chiave: insetti esotici, Prunus serotina, Prunus coltivati e spontanei.
* Progetto DEPFAR II “Il deperimento della farnia: monitoraggio, indagini
eziologiche e proposte di intervento”, Parco Lombardo della Valle del Ticino.
73
Sessione II - Faunistica e biogeografia. Presentazioni Posters
AMPLIAMENTO DELL’AREA DI DISTRIBUZIONE DI MELANARGIA
ARGE (LEPIDOPTERA, SATYRIDAE) IN UMBRIA
I. Pivotti1, M. Cozzari1, V. D’Allestro1, A. Di Veroli1, A. Fabrizi1, M. Luna2 & E. Goretti1
Dipartimento di Biologia Cellulare e Ambientale, Università degli Studi di Perugia, Via Elce Di Sotto, 06123 Perugia E-mail: benthos@unipg.it
2
Via Goffredo Mameli 20/D, 06034 Foligno (PG)
1
L’indagine, condotta dal 2006 al 2010, ha interessato la distribuzione in Umbria
del lepidottero Melanargia arge (Sulzer, 1776), specie di interesse comunitario
(Direttiva Habitat – All. II e IV), endemica dell’Italia centro-meridionale.
Il territorio della Regione Umbria rappresenta il limite settentrionale dell’areale
della specie.
Le località di reperimento (35, di cui 19 nella provincia di Perugia) hanno in
media una quota di circa 500 m s.l.m. con un massimo di 833 m (Monte Arale)
e un minimo di 140 m (Lago di Corbara). L’avvistamento degli adulti è avvenuto
con maggiore frequenza nella terza settimana di maggio e si è esteso a tutto il
mese di maggio fino alla prima settimana di giugno.
La ridefinizione della distribuzione della specie in Umbria ha comportato un
netto ampliamento rispetto a quanto noto nella checkmap della fauna italiana
(Stoch 2004), poiché prima era limitata a sei località, di cui solo la più settentrionale, Passignano sul Trasimeno (Fumi 1999), è sita in provincia di Perugia. I
nostri risultati inoltre hanno permesso di delineare il nuovo limite settentrionale
dell’areale specifico nei pressi di Città di Castello, circa 30 km a Nord di quello
precedentemente noto.
La stazione termica di Umbertide (1955-2008, WRME @ Hydrogate Project),
nelle vicinanze di Città di Castello, evidenzia nell’ultimo decennio, in particolare nei mesi di maggio e giugno, un incremento di circa 1 °C per le temperature
minime e di circa 0.5 °C per quelle massime.
Tale incremento della temperatura è in accordo con quelli recentemente messi
in evidenza nel nostro paese ed in altre aree del mondo e, poiché interessa in
particolar modo il periodo di volo di M. arge, ad esso potrebbe essere correlato il fenomeno di espansione verso nord dell’areale della specie, che interessa
direttamente l’Umbria.
Parole chiave: distribuzione geografica, Lepidoptera, Melanargia, Umbria.
74
Sessione II - Faunistica e biogeografia. Presentazioni Posters
Reperti di coleotteri scolitidi, platipodidi e cerambicidi
nell’Appennino abruzzese-molisano*
G. Sabbatini Peverieri1, F. Pennacchio1, M. Romano2 & P. F. Roversi1
CRA-ABP, Centro di Ricerca per l’Agrobiologia e la Pedologia, Via di Lanciola
12/a, 50125 Firenze
E-mail: giuseppino.sabbatini@entecra.it
2
CFS-UTB, Ufficio Territoriale per la Biodiversità di Castel di Sangro, Via Sangro 45, 67031 Castel di Sangro (AQ)
1
Nelle foreste temperate, gli Scolitidi e i Cerambicidi costituiscono una componente essenziale dell’ecosistema e con la loro attività favoriscono la diversificazione e la rinnovazione dei soprassuoli forestali, con una attiva partecipazione
ai processi di demolizione e degradazione della sostanza organica immagazzinata nelle parti durevoli delle piante.
Nel triennio 2006-2008, in 8 aree forestali dell’Appennino abruzzese e molisano,
caratterizzate da boschi di faggio e da boschi misti ricadenti all’interno di 5 Siti
di Interesse Comunitario (SIC) della rete Natura 2000, sono state svolte indagini
faunistiche sui coleotteri scolitidi, platipodidi e cerambicidi. I campionamenti
sono stati condotti tra maggio e agosto di ciascun anno di indagine, mediante
l’impiego di trappole Theysohn innescate con erogatori di etanolo.
Durante le indagini sono state rinvenute 27 specie di coleotteri xilofagi appartenenti alle famiglie Scolytidae, Platypodidae e Cerambycidae. Le specie reperite
durante le indagini sono in buona parte quelle tipiche dei boschi di latifoglie
mesofile, montane e submontane, unite a specie euriecie che possono far parte
anche della fauna dei boschi planiziali umidi.
Tra gli scolitidi, degna di nota è la presenza di Scolytus carpini (Ratzeburg,
1837), sporadico nelle regioni peninsulari italiane e di Xyleborus pfeili (Ratzeburg, 1837), specie rara con distribuzione discontinua, nota di poche località
italiane. Ancora, tra gli scolitidi sono stati reperiti Ips typographus (Linnaeus,
1758) e Pityogenes chalcographus (Linnaeus, 1791), che rappresentano una componente estranea agli ambienti indagati e la cui presenza costituisce un fattore
critico per i fragili equilibri delle limitate peccete artificiali presenti nell’area di
studio.
Parole chiave: Sito di Interesse Comunitario, rete Natura 2000, xilofagi.
* Lavoro svolto nell’ambito del progetto LIFE natura (LIFE04NAT/IT/000190)
“Tutela dei siti della rete Natura 2000 gestiti dal Corpo Forestale dello Stato
nell’Alto Sangro”.
75
Sessione II - Faunistica e biogeografia. Presentazioni Posters
Nuove
acquisizioni
sulla
gamasidofauna
edafica
(Arachnida, Acari) di alcune aree forestali dell’Appennino
abruzzese-molisano*
G. Sabbatini Peverieri1, M. Romano2, F. Pennacchio1 & R. Nannelli1
CRA-ABP, Centro di Ricerca per l’Agrobiologia e la Pedologia, Via di Lanciola
12/a, 50125 Firenze E-mail: giuseppino.sabbatini@entecra.it
2
CFS-UTB, Ufficio Territoriale per la Biodiversità di Castel di Sangro, Via Sangro 45, 67031 Castel di Sangro (AQ)
1
I Gamasida sono acari di notevole interesse ecologico che influiscono sull’equilibrio della fauna edafica in quanto importanti predatori di nematodi, collemboli,
altri acari o microartropodi del suolo. Essi possono essere impiegati come indicatori della qualità del suolo e fornire informazioni sullo status di conservazione
degli ambienti; le informazioni sulla loro biodiversità possono essere utili nella
programmazione delle strategie di miglioramento dell’ambiente.
Le indagini relative a questi acari sono state svolte nel triennio 2006-2008 in 8
aree forestali dell’Appennino abruzzese e molisano, ricadenti in 5 Siti di Interesse Comunitario (SIC) della rete Natura 2000, caratterizzati da faggete e boschi
misti di latifoglie. I campionamenti sono stati effettuati mediante prelievo di
carote di terreno e successiva estrazione degli acari mediante imbuti Berlese.
Il livello della biodiversità della Gamasidofauna edafica nei SIC indagati è risultato complessivamente elevato: gli indici di Shannon (H’) e Simpson (1-D)
sono risultati rispettivamente compresi tra 2,20 e 2,57 e tra 0,82 e 0,90, mentre
il valore dell’indice di Equiripartizione è risultato compreso tra 0,53 e 0,62. I
valori dell’indice di maturità (MI) dei SIC indagati, compreso tra 0,69 e 0,85,
mostrano che i rispettivi suoli hanno una buona stabilità e che sono poco soggetti ad eventi perturbativi.
Nel periodo di indagine sono stati raccolti circa 2000 esemplari appartenenti a
17 famiglie. Le famiglie Zerconidae, Vegaiidae, Parasitidae e Laelapidae sono
rappresentate dai maggiori numeri di specie e di esemplari.
In totale, sono state reperite 63 specie di Gamasida; tra queste, alcune sono
comuni a diversi ambienti agro-forestali della regione Paleartica (31) e alcune
risultano comuni anche alla regione Neartica (16); altre specie invece sono rare.
Parole chiave: biodiversità, artropodofauna, suolo, conservazione.
* Lavoro svolto nell’ambito del progetto LIFE natura 2004 (LIFE04NAT/
IT/000190) “Tutela dei siti della rete Natura 2000 gestiti dal Corpo Forestale
dello Stato nell’Alto Sangro”.
76
Sessione II - Faunistica e biogeografia. Presentazioni Posters
BIODIVERSITÀ A MACROLEPIDOTTERI NEL SISTEMA ALTITUDINALE
DEI MONTI BALE IN ETIOPIA
A. Sciarretta & F. Parisi
Dipartimento di Scienze Animali, Vegetali e dell’Ambiente, Università degli Studi
del Molise, Via De Sanctis, 86100 Campobasso E-mail: sciarretta@unimol.it
Nel lavoro si riportano i risultati di un’indagine realizzata sui Monti Bale (Etiopia), il più esteso ecosistema afro-alpino del continente africano. Tale ricerca
ha preso in considerazione le popolazioni di Macrolepidotteri diurni e notturni. Utilizzando vari indici di biodiversità, obiettivi delle osservazioni sono stati
l’analisi preliminare della α-diversità e della β-diversità dell’area, in relazione
alle fasce altimetriche e alle differenti tipologie di habitat. Le ricerche si sono
svolte durante due spedizioni entomologiche, effettuate tra il 2009 e il 2010;
la prima al termine della stagione delle piogge, la seconda durante la stagione arida. I campionamenti sono stati realizzati in diversi biotopi, ad altitudini
comprese tra 1600 e 4000 m/slm. I sistemi impiegati per raccogliere i lepidotteri
sono stati il retino entomologico, la caccia con telo, la trappola luminosa e le
esche alimentari. Nel corso delle indagini si sono catturati 1291 esemplari riconducibili ai Macrolepidotteri, appartenenti a 418 specie di 23 famiglie. Il gruppo
più cospicuo, sia per numero di specie sia per abbondanza di esemplari, è rappresentato dalla famiglia Noctuidae (con 173 specie), seguito dai Geometridae
(134). L’andamento dei valori degli indici α-diversità di Fisher, di Shannon e di
Simpson rispecchia in modo significativo il gradiente altitudinale (R2= 0,98) del
territorio. Infatti, la composizione faunistica cambia seguendo la variazione altimetrica dei Monti Bale: tra i Noctuidae, un maggior numero di Trifinae sono
state rinvenute alle quote alte, mentre le Quadrifinae prevalgono alle quote più
basse. Analizzando il numero di specie condivise tra i vari siti di campionamento, si è osservato un elevato turnover, anche tra località poste ad altitudini
simili: delle 28 specie rinvenute a Sanetti (4000 m/slm), solo 9 sono stati catturate anche a Dinsho (3100 m/slm); delle 130 specie di Harenna A (1800 m/slm),
38 sono state raccolte a Harenna B (1600 m/slm) e 21 a Karcha (2300 m/slm).
La cluster analysis tra i siti, calcolata utilizzando l’indice di Sørensen e l’analisi
di agglomerazione UPGMA, ha rilevato la presenza ben distinta di due blocchi
di similitudine: da una parte si raggruppano le località poste sul versante nord,
dall’altra i siti del versante sud, evidenziando la diversa composizione faunistica
tra i due settori dovuta soprattutto alle peculiarità climatiche e vegetazionali.
Nel materiale di cattura, sono risultati presenti ovunque endemismi abissinici
(22%); tra essi si citano Arctiidae [Metarctia unicolor (Oberthür, 1880), Metarctia haematricha Hampson 1905], Noctuidae (Rougeotia aethiopica Laporte, 1974,
Batuana rougeoti Laporte, 1976, Cucullia magdalenae Laporte, 1976) e Saturniidae (Epiphora elianeae Rougeot, 1973, Gonimbrasia ungemachti Bouvier, 1926).
Parole chiave: Lepidoptera, α-diversità, β-diversità, Monti Bale, Etiopia.
77
Sessione III
INSETTI SOCIALI ED APIDOLOGIA
Presentazioni orali
Sessione III - Insetti sociali ed Apidologia. Presentazioni orali
Interazioni sinergiche tra parassiti e patogeni e collasso
delle colonie d’api*
F. Nazzi1, S. P. Brown2, D. Annoscia1, F. Del Piccolo1, G. Di Prisco3, P. Varricchio3, G. Della Vedova1, F. Cattonaro4, E. Caprio3 & F. Pennacchio3
Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali, Università degli Studi di Udine,
Via delle Scienze 208, 33100 Udine
E-mail: francesco.nazzi@uniud.it
2
Centre for Immunity, Infection and Evolution, School of Biological Sciences,
University of Edinburgh, West Mains Road, Edinburgh EH9 3JT, Regno Unito
3
Dipartimento di Entomologia e Zoologia Agraria “Filippo Silvestri”, Università
degli Studi di Napoli “Federico II”, Via Università 100, 80055 Portici (NA)
4
Istituto di Genomica Applicata, Parco Scientifico e Tecnologico Luigi Danieli,
Via J. Linussio 51, 33100 Udine
1
I recenti fenomeni di morie di api, registrati anche in Italia, rappresentano una
concreta minaccia per l’apicoltura e più in generale per le produzioni agricole.
Vari autori hanno ipotizzato che tali fenomeni derivino dalle interazioni fra
patogeni e altri fattori di stress, come parassiti.
Per chiarire questo aspetto è stato svolto uno studio su alveari in cui il collasso
è stato indotto dall’infestazione progressiva da parte dell’acaro parassita Varroa
destructor Anderson & Trueman. Allo scopo sono stati installati, in una località isolata delle Prealpi friulane (Porzus), due apiari, uno trattato con i metodi
acaricidi convenzionali, l’altro non trattato. Le colonie sono state seguite per
tutta la stagione eseguendo periodicamente osservazioni sulla consistenza della
famiglia, l’infestazione della stessa, la mortalità delle api, la prevalenza dei principali patogeni delle api. Parallelamente sono state svolte indagini di laboratorio
volte a confermare gli effetti osservati in campo, oltre ad indagini trascrittomiche aventi per oggetto i geni della difesa immunitaria dell’ape.
È stato così possibile accertare che, nelle condizioni della prova, il collasso della
colonia è determinato da una netta impennata della mortalità delle api che si
registra all’inizio dell’autunno in concomitanza con l’aumento del numero di
copie genomiche del virus delle ali deformi (DWV); contemporaneamente si registrano anche gravi effetti a carico dell’espressione dei geni del sistema immunitario dell’ape.
Nel complesso, i risultati suggeriscono che la varroa eserciti un effetto sinergico
nei confronti del DWV, provocando, tramite l’influsso sulle difese immunitarie
dell’ape, la transizione da innocue infezioni latenti a disastrose esplosioni virali.
Parole chiave: Apis mellifera, DWV, Varroa destructor.
* Ricerca effettuata nell’ambito del progetto “Apenet: monitoraggio e ricerca in
apicoltura”, finanziato dal Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali.
81
Sessione III - Insetti sociali ed Apidologia. Presentazioni orali
Analisi della STRUTTURA GENETICA DI COLONIE DI
KALOTERMES FLAVICOLLIS (ISOPTERA, KALOTERMITIDAE) IN UNA
ZONA DUNALE DI UN AMBIENTE LAGUNARE DELLA TOSCANA
A. Velonà, A. Luchetti & B. Mantovani
Dipartimento Biologia Evoluzionistica Sperimentale, Università degli Studi di
Bologna, Via Selmi 3, 40126 Bologna E-mail: andrea.luchetti@unibo.it
La specie Kalotermes flavicollis Fabricius appartiene alla famiglia Kalotermitidae,
comprendente le termiti del legno secco. Tutte le specie afferenti a questa famiglia
sono ecologicamente classificate come single-piece nester, ossia gli individui di
una colonia si nutrono del legno all’interno del quale è costruito il nido. Secondo
questo stile di vita, gli individui, eccetto che per il volo nuziale, non escono dal
nido, con conseguente isolamento delle colonie all’interno di una popolazione.
Mediante l’applicazione di marcatori molecolari di origine mitocondriale (regione di controllo) e nucleare (microsatelliti e inter-SINE) abbiamo proceduto all’analisi della struttura genetica della popolazione putativa di K. flavicollis (l’unica
specie del genere nota per l’Europa mediterranea) presente nella riserva naturale
“Duna di Feniglia” (Orbetello, GR). In totale sono stati analizzati 160 individui
prelevati da nove colonie.
L’analisi mitocondriale ha evidenziato l’esistenza di due linee filetiche (A e B), la
cui alta divergenza non può essere ricondotta ad un differenziamento di livello
popolazionistico. Sulla base dei confronti con i dati genetici disponibili, solo la
linea A è riconducibile a K. flavicollis. Si è anche osservata una peculiare distribuzione delle due linee: la linea A, infatti, è l’unica presente nelle colonie KF7
e 8, mentre la linea B caratterizza gli individui della colonia KF9; nelle restanti
colonie (KF1-6) sono infine presenti aplotipi di entrambe le linee. In termini di
dinamica della colonia, l’alto numero di aplotipi evidenziato in tutte le colonie
(media = 4,22) suggerisce in generale la possibilità per ciascuna di esse di poter
adottare reali provenienti da altre colonie.
L’analisi della struttura di popolazione, in particolare sulla base dei marcatori
microsatelliti, evidenzia come gli individui della colonia KF9 presentino un’alta uniformità genetica in accordo con la composizione mitocondriale, mentre
le colonie appartenenti alla sola linea mitocondriale A (KF7-8) e quelle miste
(A+B) mostrano componenti nucleari delle due linee: questo testimonia una possibile introgressione di alleli della linea B in K. flavicollis nell’area di Feniglia.
L’indagine condotta rappresenta il primo studio molecolare della struttura coloniale di termiti filogeneticamente basali e i risultati ottenuti, ancorché preliminari, indicano la possibile esistenza di peculiari dinamiche di interazione
tra colonie di single-piece nester, il cui isolamento può risultare incompleto nel
contesto ambientale di studio.
Parole chiave: termiti del legno secco, DNA mitocondriale, DNA nucleare, dinamica della colonia.
82
Sessione III - Insetti sociali ed Apidologia. Presentazioni orali
NICCHIA TROFICA DI BOMBI IN AMBIENTE ALPINO
M. Porporato, P. J. Mazzoglio, A. Patetta & A. Manino
Dipartimento di Valorizzazione e Protezione delle Risorse Agroforestali, Entomologia, Università degli Studi di Torino, Via Leonardo da Vinci 44, 10095
Grugliasco (TO) E-mail: marco.porporato@unito.it
Uno studio sulla nicchia trofica di bombi in Valle d’Aosta è stato avviato nel
2009 nell’ambito della cooperazione territoriale transfrontaliera Italia-Francia
ALCOTRA 2007-2013, Progetto “PHENOALP - Phénologie alpine”. A tal fine
sono state scelte due valli laterali, poste sulla riva sinistra del fiume Dora Baltea, con diverse condizioni climatiche: il Vallone di Saint Marcel con orientamento Nord-Sud e la Valle di Champorcher orientata prevalentemente in
direzione Est-Ovest. Quest’ultima è inoltre decisamente più antropizzata della
precedente. Tre aree di campionamento sono state definite a diverse quote in
ogni valle: Léchère, 1510 m, Mulac, 1950 m, e Petite-Chaux, 2440 m per il Vallone di Saint Marcel; Collin, 1620 m, Champlong, 2010 m, e Pian di Lai, 2460
m, per la Valle di Champorcher. In ciascuna area di campionamento e durante
l’intero periodo di attività dei bombi, ogni due settimane, alcuni esemplari sono
stati catturati lungo transetti mobili, che sono stati controllati per un’ora da due
operatori, campionando pochi individui per ogni tipo cromatico; inoltre, per
ciascun campione, con l’eccezione di quelli presi in volo o a terra, sono state
annotate le piante sulle quali veniva catturato. Nel corso dei primi due anni di
ricerca sono stati raccolti in totale 1.845 esemplari appartenenti a 31 specie; di
queste 21 sono state trovate in entrambe le valli, 7 (Bombus barbutellus, B. campestris, B. hypnorum, B. inexspectatus, B. norvegicus, B. subterraneus, B. vestalis)
solo nel Vallone di Saint Marcel e 3 (B. flavidus, B. gerstaeckeri, B. jonellus) solo
nella Valle di Champorcher. 1.041 esemplari, compresi quasi tutti quelli appartenenti al sottogenere Psithyrus, provengono dal Vallone di Saint Marcel (Léchère
534, Mulac 294, Petite-Chaux 213), 804 dalla Valle di Champorcher (Collin 369,
Champlong 284, Pian di Lai 151) indicando, nel biennio, una maggiore abbondanza di bombi nella prima valle. Complessivamente, le specie predominanti,
presenti con percentuali superiori al 5%, sono risultate B. humilis, B. lapidarius, B. lucorum, B. mesomelas, B. pascuorum, B. pyrenaeus, B. ruderarius, B.
sichelii e B. soroeensis. I bombi hanno visitato piante appartenenti a 27 famiglie
e 73 generi, ma solo 17 famiglie e 38 generi sono stati frequentati in entrambi
gli anni. Le piante più visitate dai bombi appartengono a: Onagraceae (27,8%),
con il solo Epilobium angustifolium, Boraginaceae (16,0%) quasi esclusivamente
Echium vulgare; Fabaceae (15,0%), per lo più rappresentate da specie del genere
Trifolium; Asteraceae (14,1%), in primo luogo i generi Carduus e Cirsium; Lamiaceae (4,7%) particolarmente Salvia; Scrophulariaceae (3,8%) con prevalenza di
Rhinanthus e Campanulaceae (3,7%) soprattutto con Campanula. Per quanto riguarda le preferenze alimentari si sono evidenziate notevoli differenze a livello
delle singole specie di Bombus.
Parole chiave: biodiversità, Bombus, flora, Valle d’Aosta, fenologia.
83
Sessione III - Insetti sociali ed Apidologia. Presentazioni orali
EFFETTO POTENZIALE DEL “GLOBAL WARMING” SUL CICLO
BIOLOGICO E LA SOPRAVVIVENZA DI UN APOIDEO SOLITARIO
F. Sgolastra1, J. Bosch2, S. Maini1 & W. P. Kemp3
Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroambientali, Area Entomologia, Università di Bologna, Viale G. Fanin 42, 40127 Bologna
E-mail: fabio.sgolastra2@unibo.it
2
Ecologia - CREAF, Universitat Autònoma de Barcelona, Spagna
3
USDA-ARS, Red River Valley Agricultural Research Center, Fargo, ND, USA
1
Negli ultimi 100 anni la temperatura globale della superficie terrestre è aumentata in modo lineare di quasi un grado e la durata della stagione favorevole per
lo sviluppo di piante ed animali è aumentata di circa 2 settimane, sia per l’innalzamento precoce delle temperature in primavera sia per il ritardo nell’abbassamento di quelle autunnali. Nelle popolazioni di insetti, l’impatto del “global
warming” dipende principalmente dal ciclo biologico e dagli adattamenti fisiologici. L’ape solitaria neartica Osmia lignaria Say (Hymenoptera, Megachilidae)
presenta alcune caratteristiche biologiche che la rendono particolarmente vulnerabile ai cambiamenti climatici. Il genere Osmia comprende oltre 300 specie
a distribuzione oloartica, ed alcune di esse sono utilizzate come impollinatori
commerciali di piante di interesse agrario. Il ciclo biologico di O. lignaria è
strettamente monovoltino; gli adulti nidificano in primavera e la loro progenie si
sviluppa all’interno dei nidi pedotrofici durante l’estate. A fine estate, gli adulti
neoformati rimangono all’interno del bozzolo in diapausa fino alla primavera
successiva. L’induzione della diapausa invernale non dipende dal fotoperiodo e,
durante lo svernamento, gli adulti richiedono un lungo periodo di basse temperature per completare la diapausa. Per questi motivi il ciclo biologico di O.
lignaria è fortemente dipendente dalla temperatura. Negli ultimi anni abbiamo studiato l’influenza della temperatura su tutte le fasi del ciclo biologico dimostrando che gli individui esposti ad un lungo pre-svernamento (simulando
l’arrivo precoce, medio e tardivo delle temperature invernali) presentano una
forte perdita di peso e di consumo dei corpi grassi, una minore sopravvivenza
invernale e una ridotta longevità. Dal confronto con Megachile rotundata F.,
che sverna come prepupa, i nostri risultati mostrano delle differenze fisiologiche nella diapausa invernale, che rendono le specie svernanti da adulto, come
le osmie, maggiormente suscettibili al riscaldamento globale rispetto ad altri
Megachilidi. O. lignaria presenta, inoltre, una diapausa estiva prepupale la cui
durata influenza il momento della metamorfosi in adulto, più lunga nelle popolazioni di più basse latitudini. In uno scenario di “global warming” ci attendiamo una diffusione del fenotipo con lunga diapausa estiva a discapito del
fenotipo con diapausa corta. In questo modo viene assicurata la durata ottimale del pre-svernamento, nonostante l’arrivo tardivo delle temperature invernali.
Parole chiave: Apoidea, cambiamenti climatici, diapausa, fenologia, ecofisiologia.
84
Sessione III - Insetti sociali ed Apidologia. Presentazioni orali
NESSUNA EVIDENZA DI ADATTAMENTO LOCALE NELLA VESPA
PARASSITA SOCIALE POLISTES SULCIFER E NEL SUO OSPITE
A. Cini, R. Nieri & R. Cervo
Dipartimento di Biologia Evoluzionistica “Leo Pardi”, Università di Firenze,
Via Romana 17, 50125 Firenze
E-mail: rita.cervo@unifi.it
Gli adattamenti e i controadattamenti reciproci tra i parassiti e i loro ospiti conducono spesso a dinamiche coevolutive complesse. La teoria della coevoluzione
secondo un mosaico geografico prevede che in ambienti spazialmente strutturati la corsa alle armi tra parassita e ospite possa seguire differenti traiettorie,
generando patterns di coevoluzione spazialmente localizzati. Può quindi essere
presente un mosaico spaziale di fenotipi coevoluti, in cui i parassiti (o gli ospiti)
sono localmente adattati alla loro controparte simpatrica, mostrando una fitness
più alta (e.g. infettività e/o virulenza) su ospiti/parassiti simpatrici che su quelli
allopatrici. Uno scenario opposto è quello della coevoluzione diffusa, in cui la
corsa alle armi segue le stesse traiettorie lungo la dimensione spaziale: di conseguenza non è atteso nessun pattern di adattamento locale tra parassiti ed ospiti.
In questo lavoro si è analizzato se la coppia di vespe sociali Polistes sulcifer
Zimmermann (il parassita sociale) e P. dominulus (Christ) (l’ospite) mostri patterns di coevoluzione localizzati o piuttosto uniformi lungo la scala geografica. Grazie a esperimenti condotti in condizioni standard di laboratorio è stato
possibile confrontare la performance dei parassiti su ospiti provenienti da popolazioni simpatriche ed allopatriche. Sono stati misurati vari parametri della
fitness del parassita, dalla capacità di usurpare le colonie al successo riproduttivo, prendendo quindi in considerazione tutto il ciclo coloniale. I nostri risultati
dimostrano che la performance del parassita non è differente nelle condizioni di
simpatria o allopatria, per nessuno dei parametri considerati. Il parassita sociale Polistes sulcifer non è quindi localmente adattato al suo ospite P. dominulus.
La presente ricerca suggerisce che in questo sistema ospite-parassita la corsa
alle armi coevolutiva sia spazialmente uniforme, supportando il modello della “spatial uniform coevolution”. Possibili spiegazioni per questo pattern sono
presentate e discusse alla luce della storia naturale delle due specie e delle loro
interazioni.
Parole chiave: coevoluzione, usurpazione, corsa alle armi, insetti sociali, vespe
cartonaie.
85
Sessione III - Insetti sociali ed Apidologia. Presentazioni orali
RELAZIONE TRA FITOFENOLOGIA E PRODUZIONE MELLIFERA. UN
CASO DI STUDIO IN SARDEGNA NORD-ORIENTALE*
A. Satta1, S. Bagella2, F. Buffa1, M. C. Caria2, N. Pamieri1, M. Marrosu2, I.
Rossetti2 & I. Floris1
Dipartimento di Protezione Piante, Università degli Studi di Sassari, Via De
Nicola, 07100 Sassari E-mail: albsatta@uniss.it
2
Dipartimento di Scienze Botaniche, Ecologiche e Geologiche, Università degli
Studi di Sassari, Via Piandanna 4, 07100 Sassari
1
È stata sviluppata un’indagine finalizzata a migliorare la comprensione del valore mellifero di un’area di interesse apistico rappresentativa della Sardegna
settentrionale e a porre così le basi per definire un modello previsionale della
produzione di miele. L’area in studio ricade nel Distretto Forestale “CoghinasLimbara” (prov. OT), caratterizzata da sugherete (50%), formazioni arbustive
(10%), aree a vegetazione rada (15%), pascoli erbacei (9%) e coltivazioni varie
(11%). La postazione di alveari è stata allestita nel maggio 2009. I rilievi hanno
riguardato: dinamica delle colonie; produzione di miele; analisi palinologiche
di raccolti di polline da api bottinatrici campionate sul predellino dell’alveare e di campioni di miele prelevati in differenti periodi di produzione dai favi
del melario. I rilievi fenologici sono stati eseguiti nella primavera-estate 2010
con cadenza quindicinale lungo 4 transetti perpendicolari tra loro con origine
dalla postazione di alveari. Su ogni transetto sono stati individuati 50 punti
distanziati di circa 30 m e memorizzati con un GPS Garmin e-trex Summit®. In
corrispondenza di ciascun punto è stato individuato un plot di 1 m di diametro
per il quale è stato compilato l’elenco di specie presenti, annotando, per ciascuna, la fase di fioritura (boccioli, fiori aperti e fiori appassiti). I dati fenologici
e sinfenologici così ottenuti sono stati utilizzati per produrre tabelle di sintesi
e diagrammi. Comparando i dati biologici e produttivi degli alveari con quelli
fenologici delle fioriture è stato possibile evidenziare una stretta relazione tra
la curva sinfenologica, la dinamica delle colonie e la produzione del miele in
riferimento ai due periodi produttivi: primaverile e autunnale. I rilievi palinologici hanno altresì permesso di evidenziare la relazione tra rappresentatività
del polline nel sedimento dei mieli e diffusione della specie nell’area di studio.
Inoltre, poiché la check-list delle specie pollinifere e nettarifere comprende 85
entità, questa è risultata ben rappresentativa (circa il 40%) dell’intera flora di
interesse apistico della Sardegna.
Parole chiave: fioriture, mieli, dinamica delle api, produttività degli alveari.
* Lavoro realizzato nell’ambito del PRIN07: Integrazione di conoscenze apistiche attraverso lo sviluppo e la calibrazione di un modello per la simulazione
dell’alveare (Coordinatore: Prof. F. Danuso, Università di Udine).
86
Sessione III - Insetti sociali ed Apidologia. Presentazioni orali
EFFETTO DI NEONICOTINOIDI E FIPRONIL SU ORIENTAMENTO E
RICONOSCIMENTO DI STIMOLI VISIVI IN APIS MELLIFERA
S. Degani1, B. Maccagnani2, A. Mattarozzi3 & F. Cenerelli1
Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroambientali, Università di Bologna,
Viale G. Fanin 42, 40127 Bologna
2
Centro Agricoltura Ambiente “G. Nicoli”, Via Argini Nord 3351, 40014 Crevalcore (BO) E-mail: bmaccagnani@caa.it
3
CRA-Api, Via di Saliceto 80, Corticella (BO)
1
I neonicotinoidi e fipronil sono da tempo sospettati di essere coinvolti nel fenomeno mondiale di spopolamento degli alveari (Colony Collapse Disorder, CCD).
I loro effetti su alcuni comportamenti delle api sono stati valutati nell’ambito del Progetto APENET. Api marcate erano addestrate a cercare ricompensa
zuccherina all’ingresso di un labirinto a Y, posto a 25 m da un alveare, in un
contenitore azzurro in alternativa ad un contenitore rosso con soluzione salina
satura. I due contenitori venivano progressivamente spostati verso il fondo alternandone la posizione destra/sinistra con sequenza semirandom. Ogni ape ha
effettuato 12 visite, 8 con gli alimentatori coperti da ostacolo verticale bianco,
4 senza. All’ultima visita prima di alimentarsi, all’ape veniva somministrato il
principio attivo per ingestione diluito in 3 microlitri di soluzione zuccherina
(clothianidin 0,47 ng/ape; imidacloprid 0,036 ng/ape; thiamethoxam 0,05 ng/ape;
fipronil 1,2 ng/ape). I testimoni ricevevano 3 microlitri di sol. zuccherina. Le
api erano mantenute al buio per 1 h poi liberate in prossimità del labirinto
a Y. Test 60’. Gli alimentatori non contenevano ricompensa/punizione. Il test
era costituito da due visite alternate ai bracci, annotando l’ora, il primo braccio esplorato (destro o sinistro) e categorizzando il comportamento come segue: vola nel braccio senza posarsi sull’alimentatore; atterra sull’alimentatore
senza tentare di nutrirsi; tenta di nutrirsi. L’ape veniva poi catturata e posta
assieme alle api dello stesso gruppo (trattate/testimoni) in una gabbietta con
alimentatore al buio a 26 °C fino al giorno successivo. Test 24 h: i soggetti dei
due gruppi venivano liberati a 24 h dalla somministrazione del p.a. e sottoposti
al test secondo le modalità sopra descritte. L’ANOVA ad una via eseguita per
ogni principio attivo e per ogni test ha evidenziato dopo 60 minuti una riduzione statisticamente significativa della capacità di entrare nel lato corretto per
clothianidin e imidacloprid, mentre per thiamethoxam e fipronil le api trattate
si sono orientate in maniera non diversa dai rispettivi testimoni non trattati. Al
test a 24 ore dal trattamento, tutti i principi attivi saggiati hanno determinato
una riduzione significativa delle capacità di orientamento rispetto ai testimoni.
Emerge una tendenza ad una riduzione del comportamento di ricerca del cibo
e per imidacloprid, clothianidin e fipronil anche una notevole difficoltà a riconoscere il colore premiato.
Parole chiave: effetti sub letali, Y maze, comportamento.
87
Sessione III
INSETTI SOCIALI ED APIDOLOGIA
Presentazioni Posters
Sessione III - Insetti sociali ed Apidologia. Presentazioni Posters
STUDIO SULLE MODALITÁ DI TRASMISSIONE PASSIVA DELL’ACARO
VARROA DESTRUCTOR TRA ALVEARI DI APIS MELLIFERA
R. Cervo1, C. Bruschini1,2, F. Cappa1, S. Meconcelli1, D. Pradella3 & S. Turillazzi1,2
Dipartimento di Biologia Evoluzionistica “Leo Pardi”, Università di Firenze,
Via Romana 17, 50125 Firenze E-mail: rita.cervo@unifi.it
2
CISM, Centro Interdipartimentale di Spettrometria di Massa, Università di Firenze, Viale Pieraccini 6, 50139 Firenze
3
ARPAT, Associazione Regionale Produttori Apistici Toscani, Via Finlandia 20,
50126 Firenze
1
L’acaro Varroa destructor Anderson & Trueman, ectoparassita di Apis mellifera
Linnaeus, è uno dei principali problemi dell’apicoltura a livello mondiale. Dopo
l’attacco da parte della Varroa, una colonia di Apis mellifera collassa entro pochi anni se la crescita della popolazione dell’acaro non viene mantenuta sotto
controllo. È quindi essenziale conoscere il meccanismo di diffusione degli acari
da un alveare all’altro per cercare di contenere il fenomeno. In questo lavoro
proponiamo e verifichiamo un possibile scenario per la diffusione dell’infestazione tra colonie. Precedenti ricerche sembrano dimostrare che gli acari, dopo
essere fuoriusciti dalla celletta dove sono nati, preferiscano salire su un’ape nutrice che distinguono su base chimica dalle bottinatrici. Tale preferenza si rivela vantaggiosa per gli acari quando questi devono essere trasferiti ad un’altra
larva dello stesso alveare per riprodursi. Al contrario, in colonie caratterizzate
da condizioni di alta infestazione e prossime al collasso, dove la componente
larvale è ormai ridotta o assente ci dovremmo attendere che gli acari adottino
una strategia che permetta loro di abbandonare la colonia ormai completamente
sfruttata. In tali condizioni, pertanto, gli acari dovrebbero preferire bottinatrici,
e in particolare bottinatrici di altri nidi, per massimizzare le loro possibilità di
essere trasferiti in una nuova colonia. Per verificare la nostra ipotesi, varroe foretiche provenienti da colonie a vario tasso di infestazione sono state sottoposte
singolarmente a test di scelta binaria (in arene costituite da capsule Petri) tra
una nutrice e una bottinatrice provenienti dal medesimo alveare degli acari e
tra una bottinatrice omocoloniale e una bottinatrice eterocoloniale. I risultati
ottenuti confermano che in condizioni di bassa infestazione le varroe preferiscono salire su un’ape nutrice ma mostrano che questa preferenza scompare in
condizioni di alta infestazione. Acari raccolti in colonie altamente infestate non
mostrano preferenza né tra api di casa e bottinatrici, né tra bottinatrici omocoloniali ed eterocoloniali, confermando parzialmente lo scenario ipotizzato per la
trasmissione dell’infestazione tra colonie.
Parole chiave: ape nutrice, ape bottinatrice, comportamento foretico, tasso di
infestazione.
91
Sessione III - Insetti sociali ed Apidologia. Presentazioni Posters
INDAGINE
SULL’INCIDENZA
DI
ALCUNE
PATOLOGIE
IN
POPOLAZIONI DI APIS MELLIFERA CARNICA DELLA TRANSILVANIA
G. Di Prisco1, L. Ma˘rghitas¸2, D. Dezmirean2, C. Coroian2 & E. Caprio1
Dipartimento di Entomologia e Zoologia Agraria “F. Silvestri”, Università degli Studi di Napoli Federico II, Via Università 100, 80055 Portici (NA)
E-mail: gennaro.diprisco@unina.it
2
University of Agricultural Sciences and Veterinary Medicine Cluj-Napoca,
400372, Calea Manastur Str., 3-5, Cluj-Napoca, Romania
1
L’ape carnica (Apis mellifera carnica Pollman) è una sottospecie o razza dell’ape
occidentale (Apis mellifera Linnaeus). È una razza rustica originaria della regione di Kranjska in Slovenia ed è naturalmente diffusa nell’area a nord della penisola balcanica, comprendente: Romania, Ungheria, Austria, Slovenia e Croazia.
Ha le stesse dimensioni dell’ape occidentale, ma è di colore più scuro, tendente
al castano-grigio; ha inoltre una ligula mediamente più lunga rispetto alle altre
razze europee, circa 6,5 mm, che le permette una migliore raccolta del nettare.
Ha un comportamento docile, mansueto e si adatta molto velocemente alle variazioni di alimento nell’ambiente; per questo motivo nelle zone di confine, dove
coesiste con le altre razze, è molto competitiva nei confronti delle stesse. L’ape
carnica, proprio per le sue caratteristiche di rusticità, sembra essere più resistente agli attacchi di patogeni sia infestivi che infettivi, come Varroa destructor
Anderson & Trueman o Nosema sp.
In questo lavoro è stato effettuato, nel triennio 2008-2010, uno screening approfondito delle più importanti patologie apistiche in alveari di diverse zone della
Transilvania (Romania), non sottoposti a trattamenti chimici. Sono stati rilevati
sia dati di campo (popolazione, favi a covata, varroasi e patologie sospette) e
sono state effettuate analisi biomolecolari specifiche per l’identificazione di patogeni quali i Microsporidi N. apis Zander e N. ceranae Fries et al., e vari Virus
associati alla Varroosi tra i quali il Virus delle ali deformi (DWV), delle celle
reali nere (BQCV) e il ceppo israeliano del Virus della paralisi acuta (IAPV).
Il quadro patologico osservato, sebbene mostri una distribuzione diversificata
nell’area esaminata, risulta abbastanza contenuto. Infatti soltanto il 50% circa
degli alveari esaminati risultavano positivi alla presenza di Varroa con indice di
infestazione (api infette su 100 celle opercolate) minore del 10%. Il Nosema è risultato positivo nel 20% circa degli alveari con la presenza simultanea delle due
specie molto frequente. Tra i virus è risultato presente soltanto il BQCV: prima
evidenza di un virus patogeno per l’ape in Romania. Questo lavoro è un primo
passo per la comprensione del rapporto tra patologie apistiche e spopolamenti
di alveari che nonostante negli ultimi anni siano stati rilevati in maniera diffusa
in tutto il mondo non risultano così evidenti in questo territorio.
Parole chiave: Nosema, Varroa, Virus, CCD, Romania.
92
Sessione III - Insetti sociali ed Apidologia. Presentazioni Posters
ALTERAZIONE DELL’ “ACCEPTANCE THRESHOLD” IN API
BOTTINATRICI SPERIMENTALMENTE INFETTATE CON IL VIRUS
DELLE ALI DEFORMI (DWV)*
A. Fadda1, D. Baracchi1, F. Nazzi3, F. Pennacchio4 & S. Turillazzi1,2
Dipartimento di Biologia Evoluzionistica “Leo Pardi”, Università di Firenze,
Via Romana 17, 50125 Firenze E-mail: stefano.turillazzi@unifi.it
2
CISM, Centro Interdipartimentale di Spettrometria di Massa, Università degli
Studi di Firenze, Viale Pieraccini 6, 50139 Firenze
3
Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali, Università degli Studi di Udine,
Via delle Scienze 208, 33100 Udine
4
Dipartimento di Entomologia e Zoologia Agraria “Filippo Silvestri”, Università
degli Studi di Napoli, Via Università 100, 80055 Portici (NA)
1
Negli ultimi anni è sorto un vivo interesse intorno ai possibili legami tra il sistema nervoso ed immunitario negli insetti, tanto da giustificare la definizione
di un nuovo ambito di ricerca: la psiconeuroimmunologia. La maggior parte di
questi studi concordano nel ritenere che l’attivazione del sistema immunitario
determini una riduzione della capacità di apprendimento associativo. Scopo di
questo lavoro è stato quello di valutare gli effetti dell’infezione controllata di api
adulte con il virus delle ali deformi (DWV) sulle capacità di percezione di una
risorsa trofica in bottinatrici di Apis mellifera ligustica Spinola. In condizioni
naturali le api possono essere addestrate a foraggiare in un nutritore artificiale.
Poi, riducendo progressivamente la concentrazione della soluzione zuccherina
al nutritore è possibile stabilire l’“acceptance threshold” definita come la concentrazione minima al di sotto della quale un’ape rinuncia a foraggiare. Due
gruppi di 100 bottinatrici sono state catturate al nutritore, marcate e iniettate
(con 3 µl a livello della membrana intersegmentale tra il 3° ed il 4° tergite gastrale), rispettivamente con lisato di api affette da virus delle ali deformi (DWV)
alla concentrazione di 106 particelle virali/ml di soluzione e con lisato di api
sane. Un terzo gruppo di 100 api sono state inoltre marcate ed utilizzate come
secondo gruppo di controllo. A quattro giorni dall’infezione, durante la fase
sperimentale, sono state presentate in successione otto soluzioni zuccherine a
concentrazione nota: 0,1% - 0,3% - 1% - 1,5% - 3% - 10% - 30% - 50% P/V.
Risultati preliminari mostrano un significativo innalzamento della soglia di accettazione del saccarosio negli individui infettati con DWV rispetto ad individui
iniettati con lisato di api sane e non trattati. In particolare, gli individui infettati
con DWV presentano un valore di “acceptance threshold” intorno al 10% P/V
mentre i due gruppi di controllo hanno evidenziato valori intorno al 3% P/V. Se
confermati da ulteriori esperimenti, questi risultati indicherebbero che il DWV
può contribuire all’indebolimento di una colonia di api anche interferendo con
la loro attività di foraggiamento.
Parole chiave: Apis mellifera ligustica, Deformed Wing Virus.
* Ricerca effettuata nell’ambito del progetto “Apenet: monitoraggio e ricerca in apicoltura”, finanziato dal Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali.
93
Sessione III - Insetti sociali ed Apidologia. Presentazioni Posters
IMPLICAZIONI DELLA DISTRIBUZIONE DI VARROA DESTRUCTOR
IN FASE RIPRODUTTIVA SULLO SVILUPPO DELL’INFESTAZIONE E
SULL’ELABORAZIONE DI MODELLI PREVISIONALI*
I. Floris, L. Ruiu & A. Satta
Dipartimento di Protezione delle Piante, Università degli Studi di Sassari, Via
E. De Nicola, 07100 Sassari
E-mail: ifloris@uniss.it
Il tasso di crescita di Varroa destructor Anderson & Trueman in colonie di Apis
mellifera Linnaeus dipende da molteplici fattori di natura biologica, genetica,
chimica e ambientale. Tra questi, sono stati ampiamente valutati la disponibilità
e l’attrattività della covata ricettiva, la durata della fase opercolata, il comportamento igienico delle api e quello riproduttivo dell’acaro nonché le condizioni
ambientali di allevamento. Risultano carenti in letteratura le informazioni sulla
distribuzione dell’acaro nella covata di ape. Questa, tuttavia, può incidere significativamente sia sul risultato riproduttivo sia sulla stima del grado di infestazione degli alveari. I modelli previsionali attualmente disponibili o eludono
completamente questo aspetto, condizionando il tasso di crescita alla semplice
disponibilità di covata (fatta eccezione per la distinzione tra covata maschile e
femminile), o si riferiscono ad una distribuzione poissoniana della Varroa nella
covata. Alcuni studi hanno dimostrato una distribuzione “aggregata” o “contagiosa” della Varroa nella covata, spiegando così l’accentuarsi della multinfestazione all’aumentare della densità di popolazione, con evidenti riflessi sul tasso
di sviluppo e di riproduzione dell’acaro e sull’entità dei danni alle colonie di
api. Nelle condizioni ambientali che favoriscono la costante presenza di covata
negli alveari, pur con le dovute variazioni stagionali, una corretta stima della
percentuale di celle infestate da uno o più acari è da ritenersi un presupposto
fondamentale per definire un modello di simulazione della dinamica di sviluppo
dell’acaro più realistico e rispondente alle sue attitudini di distribuzione statistica. In questo lavoro, sulla base dei dati acquisiti ispezionando numerosi favi
di covata femminile e maschile con percentuali di celle infestate oscillante tra
l’1,7 e il 74,3%, sono state elaborate 4 equazioni di regressione di 2° grado che
consentono di stimare, per ogni livello di infestazione, la percentuale di celle
invase da uno, due, tre e quattro acari madre. I coefficienti di determinazione osservati (R2) sono risultati sempre superiori al 77% (in 3 casi oltre l’89%)
indicando un livello buono o elevato di approssimazione del modello. Nel lavoro vengono anche discusse le implicazioni della distribuzione aggregata sul
tasso di riduzione della fecondità della Varroa e di longevità delle api adulte.
Parole chiave: Apis mellifera, modellistica, Varroosi, diagnosi, controllo.
* Lavoro realizzato nell’ambito del PRIN07: Integrazione di conoscenze apistiche attraverso lo sviluppo e la calibrazione di un modello per la simulazione
dell’alveare (Coordinatore: Prof. F. Danuso, Università di Udine).
94
Sessione III - Insetti sociali ed Apidologia. Presentazioni Posters
INDAGINE SULLO STATO DI SALUTE DI APIS MELLIFERA IN 5 AREE
NATURALI PROTETTE
G. Formato1, M. Pietropaoli1, A. Giacomelli1, A. Ermenegildi1, M. Milito1, F.
Scholl1, A. Cersini1, U. Marchesi1, V. Antognetti1, P. Scaramozzino1, G. Cardeti1, V. Spallucci1, A. Caminiti1, A. Ubaldi1, P. Bianco2, S. Lucci2, V. Bellucci2, F.
Campanelli2, A. Felicioli3, M. Giusti3, C. Porrini4, A. Besana4, M. T. Renzi4, A.
Baggio5, C. Nardon5 & F. Mutinelli5
IZS delle Regioni Lazio e Toscana, Via Appia Nuova 1411, 00178 Roma
E-mail: giovanni.formato@izslt.it
2
ISPRA, Istituto Superiore Protezione e Ricerca Ambientale, Via Curtatone 3,
00185 Roma
3
Dipartimento di Scienze Fisiologiche, Università degli Studi di Pisa, Via delle
Piagge 2, 56124 Pisa
4
Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroambientali, Università di Bologna,
Via Fanin 40, 40127 Bologna
5
IZS delle Venezie, Viale dell’Università 10, 35020 Legnaro (PD)
1
Nel 2009 è stata promossa dal Ministero dell´Ambiente un’indagine annuale, coordinata da ISPRA, sui fenomeni di moria delle api nelle aree naturali protette
(ANP). Scopo dello studio: valutare gli effetti degli inquinanti rilasciati nell’ambiente (spt. metalli pesanti e prodotti fitosanitari) sulle api e sulla qualità dei
prodotti dell’alveare. L’indagine è stata effettuata in 5 ANP: Parco Nazionale
delle Dolomiti Bellunesi; Parco dei Gessi Bolognesi e dei Calanchi dell’Abbadessa; Parco di Migliarino San Rossore Massaciuccoli; Riserva Naturale Statale del Litorale Romano; Parco Regionale dei Monti Simbruini. All’interno di
ogni parco è stata identificata 1 area non esposta (A) ed 1 area esposta agli
inquinanti (B) in cui è stato posizionato un apiario di 20 alveari omogenei per
forza e quantità di scorte, non affetti da patologie rilevabili alla visita clinica. In ogni apiario sono state considerate le seguenti variabili: caratteristiche
vegetazionali, colture agrarie, trattamenti fitosanitari, uso di sementi conciate
con neonicotinoidi, altre possibili fonti di inquinamento di origine antropica.
Nel contempo è stato indagato lo stato di salute delle api mediante conta settimanale delle api morte nelle gabbie underbasket e visita clinica di tutti gli
alveari (ad inizio, metà e fine sperimentazione). Mensilmente e ogni qualvolta
veniva superata la soglia di mortalità prefissata di 200 api morte/alveare/settimana, si è determinata la presenza di metalli pesanti (Cd, Cr, Cu, Hg e Pb)
nel miele, di prodotti fitosanitari (carbamma-ti, neonicotinoidi, organoclorurati,
organofosforati e piretroidi) in api e miele, di virus e Nosema nelle api. Alla
fine del periodo di follow-up è stato calcolato il tasso di mortalità cumulativa
annuale (MCA) e invernale (MCI) degli alveari non esposti (A) ed esposti (B)
per ognuna delle 5 Aree. Nella maggioranza dei casi si è rilevato un aumento
di mortalità negli esposti, ma sono necessarie ulteriori indagini per indivi-duare
eventuali relazioni di causalità tra dati ambientali, sanitari e mortalità anomala.
Parole chiave: mortalità, alveari, agrofarmaci, Nosema, virosi.
95
Sessione III - Insetti sociali ed Apidologia. Presentazioni Posters
specie rare di bombi in Ambienti prativi del Friuli Venezia
Giulia
L. Fortunato, M. D’Agaro, F. Frilli & P. Zandigiacomo
Dipartimento di Scienze agrarie e ambientali - Entomologia, Università di Udine, Via delle Scienze 208, 33100 Udine E-mail: laura.fortunato@uniud.it
Negli ultimi decenni in Europa le popolazioni del genere Bombus Latreille
(Hymenoptera, Apidae) hanno subito una drastica diminuzione, soprattutto per
la sostanziale riduzione delle fonti di cibo e dei siti adatti alla nidificazione, e
per fenomeni di inquinamento. Per valutare se alcune specie di bombi abbiano risentito dell’influenza di questi fattori, sono stati confrontati i dati di due
censimenti pluriennali (1998-2000 e 2007-2009), effettuati in due siti caratterizzati dalla presenza di ampie superfici a prato in un’area collinare (comune di
Pagnacco, provincia di Udine), dove non sono presenti Fabaceae coltivate. Nel
corso di ogni anno le osservazioni sono state condotte, almeno mensilmente,
fra aprile e settembre. Sono state censite 10 specie, le stesse nei due periodi. Le
più abbondanti, sono state B. terrestris L., B. pascuorum Scop., B. lapidarius L.,
B. sylvarum L. e B. hortorum L.. Le altre specie sono state rilevate con minore frequenza e, poiché in media, come numero totale di esemplari, non hanno
superato il 13% in ciascun triennio, sono state considerate “rare”. Si è trattato
(in ordine decrescente) di: B. argillaceus Scop., B. ruderatus Fab., B. pratorum
L., B. humilis Illig. e B. ruderarius Müll. In particolare queste specie hanno
rappresentato, nel complesso, il 12,5% del totale nel triennio 1998-2000, mentre
si sono più che dimezzate nel triennio 2007-09, rappresentando solo il 5% del
totale. Alcune di queste specie non sono state osservate in qualche anno (es. B.
pratorum nel 1998, nel 2008 e nel 2009).
Si è notata l’alternanza di B. argillaceus e B. ruderatus, specie a ligula lunga.
Nel triennio 1998-2000, a un’abbondanza di B. ruderatus ha corrisposto una
presenza sporadica di B. argillaceus; nel triennio successivo (2007-2009), invece,
la situazione si è capovolta. Questa situazione si può ascrivere alla sovrapposizione della fenologia delle due specie e alla somiglianza nella lunghezza della
ligula, che le porta a visitare piante con caratteristiche fiorali simili (es. Fabaceae e Labiatae), rendendone difficile la coesistenza per fattori di concorrenza.
La rarità rilevata per alcune specie di Bombus (per lo più a ligula lunga) sembra
derivare dal fatto che esse bottinano su poche piante; si dimostrano, quindi, più
fragili, in quanto devono utilizzare nicchie ecologiche più ristrette e localizzate.
Al contrario, le specie più abbondanti visitano fiori di piante comuni a più ambienti, e quindi sono capaci di reperire bottino sufficiente in diverse situazioni
vegetazionali. La mancanza o la progressiva rarefazione delle superfici con Fabaceae (seminate o spontanee) è ritenuta, da molti ricercatori, una spiegazione
plausibile della rarità di alcuni Bombus, poiché vengono meno fonti sufficienti
di nettare e polline. Pertanto, per talune specie aumentano i rischi di estinzione,
per lo meno locale.
Parole chiave: Bombus, lunghezza della ligula, caratteristiche fiorali, specie a rischio.
96
Sessione III - Insetti sociali ed Apidologia. Presentazioni Posters
Sessione III - Insetti sociali ed Apidologia. Presentazioni Posters
CICLO ANNUALE DELLO SVILUPPO DI FAMIGLIE DI API PIEMONTESI
D. Laurino, A. Manino, A. Patetta & M. Porporato
Dipartimento di Valorizzazione e Protezione delle Risorse Agroforestali, EnCICLO ANNUALE
SVILUPPO
DI FAMIGLIE
DI API
PIEMONTESI
tomologia,
UniversitàDELLO
di Torino,
Via Leonardo
da Vinci
44, 10095
Grugliasco
(TO) E-mail: daniela.laurino@unito.it
D. Laurino, A. Manino, A. Patetta & M. Porporato
Nell’apiario sperimentale del Di.Va.P.R.A. sito a Grugliasco (Torino) presso la
Dipartimento di Valorizzazione e Protezione delle Risorse Agroforestali,
Facoltà
di Agraria dell’Università di Torino, all’inizio della primavera 2010,
Entomologia, Università di Torino, Via Leonardo da Vinci 44, 10095 Grugliasco
sono
stati
individuati
cinque alveari di forza simile che sono stati destinati ad
(TO) E-mail:
daniela.laurino@unito.it
osservazioni periodiche sui favi per valutare il rapporto del numero di celle
destinate
alla covata
(femminile
e maschile)
numero di(Torino)
celle occupate
Nell’apiario
sperimentale
del Di.Va.P.R.A.
sitoe ail Grugliasco
presso la da
scorte
(miele
e polline).
Inoltre di
sono
state
regolarmente
verificate
condizioFacoltà
di Agraria
dell'Università
Torino,
all’inizio
della primavera
2010,lesono
stati
ni sanitarie
all’occupazione
delle ad
celle
in funzione
individuatidegli
cinquealveari.
alveari Ididati
forzarelativi
simile che
sono stati destinati
osservazioni
periodiche
favi per
valutare
il rapporto
del numero
di celle valutazioni
destinate alla effettuate
covata
dello
svilupposuidella
colonia
sono
stati acquisiti
attraverso
e maschile)
il numero
di celle
occupate
da scorte
(miele
col (femminile
metodo dei
decimi; i efavi
esaminati
sono
stati divisi
in aree
di e1 polline).
dm 2 circa,
Inoltre sono
regolarmente
verificate
le condizioniha
sanitarie
degliinterna
alveari. Ididati
calcolando
chestate
ogni
singolo telaino
Dadant-Blatt
una luce
circa
relativi
celle inalveari
funzione
dellostati
sviluppo
della colonia
sono elettrostati
2
11,205
dmall’occupazione
(Fig. 1). Tre delle
di questi
sono
sistemati
su bilance
acquisiti attraverso valutazioni effettuate col metodo dei decimi; i favi esaminati sono
niche
(Fig. 2); il sistema di rilevamento prevedeva l’acquisizione in continuo dei
stati divisi in aree di 1 dm2 circa, calcolando che ogni singolo telaino Dadant-Blatt ha
datiuna
relativi
al loro peso e la trasmissione a una SD memory card in modo che
luce interna di circa 11,205 dm2 (Fig. 1). Tre di questi alveari sono stati sistemati
potessero
essere
trasferiti
al 2);
PCil per
l’elaborazione.
corso della
stagione,
su bilance elettroniche
(Fig.
sistema
di rilevamentoNel
prevedeva
l’acquisizione
in tre
alveari
hanno
mostrato
un
normale
sviluppo
con
un
picco
di
covata
femminile
continuo dei dati relativi al loro peso e la trasmissione a una SD memory card in
nel modo
mese di
e produzione
media
di miele, mentre
i restanti
chemaggio
potessero
essere trasferiti
al di
PC79,8
per kg
l’elaborazione.
Nel corso
delladue
sono
stati indeboliti
sciamatura
della
reginacon
con
ridustagione,
tre alveari da
hanno
mostrato eunmorte
normale
sviluppo
un conseguente
picco di covata
femminile
nel raccolto.
mese di maggio
e produzione
media
di 79,8 in
kg buone
di miele,
mentre i le
zione
del miele
Tutti hanno
superato
l’inverno
condizioni,
restanti
due ripreso
sono statil’ovideposizione
indeboliti da sciamatura
e morte
regina
conalla
conseguente
regine
hanno
in gennaio
e, della
grazie
anche
nutrizione
riduzionenei
delmesi
mielediraccolto.
Tutti
hanno superato
l’inverno
in buone
condizioni,
le
artificiale,
febbraio
e marzo
si è assistito
a un
progressivo
aumento
regine
hanno
ripreso
l’ovideposizione
in
gennaio
e,
grazie
anche
alla
nutrizione
della covata. Da inizio ottobre 2010 a fine febbraio 2011 le famiglie hanno eviartificiale,
mesi di febbraio
e marzo
si è assistito
a un
della
denziato
unanei
riduzione
media di
peso pari
a 7,8 kg.
Leprogressivo
condizioniaumento
sanitarie
sono
covata. Da inizio ottobre 2010 a fine febbraio 2011 le famiglie hanno evidenziato una
state buone e l’in-festazione dell’acaro Varroa destructor Anderson & Trueman
riduzione media di peso pari a 7,8 kg. Le condizioni sanitarie sono state buone e l’insi èfestazione
mantenuta
a livelli modesti che hanno richiesto tuttavia l’esecuzione di tratdell'acaro Varroa destructor Anderson & Trueman si è mantenuta a livelli
tamenti
a
partire
darichiesto
agosto.tuttavia l’esecuzione di trattamenti a partire da agosto.
modesti che hanno
Parole
chiave:
Apismellifera
melliferaligustica,
ligustica,
colonia,
destructor.
Parole
chiave:alveare,
alveare, Apis
colonia,
peso,peso,
VarroaVarroa
destructor.
Fig. 11 - -Suddivisione
decimi
di un
Fig.
Suddivisioneinin
decimi
di un
favo Dadant-Blatt
Dadant-Blatt da
favo
da nido.
nido.
Fig. 22 -- Sistema
Fig.
Sistema di
di pesata
pesatadegli
deglialveari.
alveari.
97
Sessione III - Insetti sociali ed Apidologia. Presentazioni Posters
IMPOLVERAMENTO DIRETTO CON
DURANTE LA SEMINA DEL MAIS
NEONICOTINOIDI
DI
API
M. Marzaro1, L. Vivan1, A. Targa1, A. Zanella2 & V. Girolami1
Dipartimento di Agronomia Ambientale e Produzioni Vegetali, Sezione Entomologia, Viale dell’Università 16, 35020 Legnaro (PD)
E-mail: matteo.marzaro@unipd.it
2
Dipartimento di Scienze Chimiche dell’Università, Via Marzolo 1, 35131 Padova
1
Negli ultimi anni, in tutto il mondo e anche in Italia, si stanno verificando
consistenti morie di api con conseguenti fenomeni di spopolamento di alveari.
Questa situazione sta provocando notevoli danni, non solo agli apicoltori, ma
anche all’intero settore agricolo dato il ruolo strategico delle api come impollinatori. Le morie, che avvengono in Pianura Padana, in primavera, sembrano essere legate all’utilizzo di sementi di mais conciato con neonicotinoidi. In
particolare, si è ipotizzato che l’emissione di polveri di concia in atmosfera da
parte delle seminatrici pneumatiche potesse determinare l’intossicazione delle
api durante i loro voli di bottinatura durante la semina del mais. Per verificare questa ipotesi, nelle prove effettuate, la seminatrice è stata interposta lungo
il tragitto di volo delle api dall’alveare ad una zona di pieno campo dove era
stato posizionato un dispenser con soluzione zuccherina, abituando quindi le
api a sorvolare la nube emessa dalla seminatrice. Ad intervalli di 15 minuti
dall’inizio della semina (dove si utilizzava come controllo, semente conciata con
Celest XL – s.a. fludioxonil + metalaxyl-M e successivamente seme conciato con
Poncho® - s.a. clothianidin, entrambi del 2010) si sono prelevati 5 campioni di 24
api singole che si abbeveravano presso il dispenser. Successivamente queste sono
state trasportate in laboratorio dove venivano poste in condizioni differenti di
umidità: metà a bassa umidità relativa (<70%) e l’altra metà in alta umidità relativa (>90%). La mortalità delle api catturate in campo e portate in laboratorio
è risultata quasi nulla nel campione prelevato all’inizio della semina (campione
prelevato immediatamente prima dell’avvio della seminatrice), indipendentemente dal regime di umidità e dalla concia utilizzata. Una mortalità pressoché
totale si è registrata per i campioni tenuti in alta umidità e raccolti durante
la semina di mais conciato con clothianidin, mentre la pur discreta mortalità
osservata nelle api poste in condizioni di bassa umidità è sempre risultata inferiore con significatività statistica rispetto agli insetti tenuti all’umido. Nelle api
campionate durante la semina di mais conciato con solo fungi-cida (controllo) si
è riscontrata una mortalità pressoché nulla e significativamente inferiore, all’analisi statistica, rispetto alla mortalità evidenziata nei campioni raccolti durante
la semina con insetticida e posti alle medesime condizioni di umidità. I risultati
sperimentali ottenuti mettono in luce la relazione tra la mortalità delle api e
l’impolveramento di queste durante la semina del mais, in condizioni di alta
umidità, caratteristiche presenti frequentemente durante il periodo delle semine
nel nord Italia.
Parole chiave: Apis mellifera L., clothianidin, mais, particolato di concia, umidità relativa.
98
Sessione III - Insetti sociali ed Apidologia. Presentazioni Posters
UN DECENNIO DI RICERCHE FAUNISTICHE ED ECOLOGICHE SUGLI
IMENOTTERI APIDAE IN AMBIENTI DELLA SICILIA ORIENTALE
POSTI A DIFFERENTI FASCE ALTITUDINALI
G. Mazzeo, S. Bella, A. R. Seminara & S. Longo
Dipartimento di Gestione dei Sistemi Agroalimentari e Ambientali, Sezione Entomologia agraria, Università degli Studi di Catania, Via Santa Sofia 100, 95123
Catania E-mail: arsemina@unict.it
Nell’ambito di indagini effettuate in Sicilia orientale negli anni 1997-2007 in
ambienti a differente impatto antropico, sono state censite le specie di insetti
antofili rinvenute sui fiori di piante coltivate e spontanee; particolare attenzione
è stata rivolta agli Imenotteri Apoidei per l’importante ruolo di impollinatori
che essi rivestono. I risultati riportati nel presente lavoro sono parte di quelli
ottenuti e sono relativi alle specie incluse nella famiglia Apidae.
I rilievi sono stati condotti sia in ecosistemi naturali e agrari posti a diverse altitudini del Piano Mediterraneo basale, suddiviso nei tre orizzonti termo e mesomediterraneo (0-500; 500-1000 m s.l.m.m.) e supra-mediterraneo (1000-1450 m
s.l.m.m.), caratterizzato da colture agrarie, da boschi di castagno e pino laricio,
sia in ambienti naturali del Piano Montano Mediterraneo (1450-2100 m s.l.m.m.)
caratterizzato da faggeta e astragaleto. In ciascun sito, lungo un transetto rappresentativo della flora, sono stati raccolti e/o registrati gli apoidei presenti sui
fiori, effettuando rilievi a intervalli regolari nelle diverse fasi della fioritura. Nel
complesso, sono stati raccolti e/o osservati 20.751 esemplari riconducibili a oltre 190 taxa, appartenenti per il 26 % alla famiglia Apidae con 49 taxa censiti.
Oltre ad Apis mellifera Linnaeus, 1758, la cui presenza ubiquitaria è da mettere
in relazione all’intensa attività apistica, il 27% afferisce ai generi Bombus Latreille, 1802 e Psithyrus Lepeletier, 1832 e il 22% al genere Eucera Scopoli, 1770.
La maggior parte dei taxa è stata rinvenuta nell’orizzonte termo-mediterraneo
del Piano Mediterraneo basale ove sono stati rilevati Bombus (Bombus) terrestris (Linnaeus, 1758), Eucera eucnemidea Dours 1873, Psithyrus vestalis vestalis
(Fourcroy, 1785) e Anthophora plumipes Pallas, 1772. Nell’orizzonte supra-mediterraneo è stata riscontrata una ricca presenza di B. terrestris, Bombus (Melanobombus) lapidarius decipiens Pérez, 1879, Ceratina (Ceratina) cucurbitina (Rossi,
1792) e Xylocopa violacea (Linnaeus, 1758).
Nel Piano Montano Mediterraneo, ricco di essenze endemiche etnee e siciliane
di notevole importanza ecologica, sono stati rilevati 19 taxa dei quali 8 afferenti
al genere Bombus e 4 al genere Psithyrus, prevalentemente riscontrati su Astragalus siculus Biv., Rubus aetnicus Ten., Senecio squalidus subsp. aetnensis (DC.),
2 al genere Anthophora Latreille 1803 e 4 ai generi Ceratina Latreille 1802, Epeolus Latreille 1802, Eucera e Xylocopa Latreille 1802.
Per ciascuna delle entità censite viene, inoltre, riportato l’elenco delle piante visitate.
Parole chiave: Apoidea, biodiversità, ecosistemi, essenze vegetali.
99
Sessione III - Insetti sociali ed Apidologia. Presentazioni Posters
VALUTAZIONE DELLO STATO DI SALUTE DELLE API IN EMILIAROMAGNA TRAMITE LA RETE DI MONITORAGGIO REGIONALE
P. Medrzycki1, A. Besana2, A. Lilli3, F. Sgolastra3, F. Mutinelli4, A. Gallina4, A.
Granato4, M. Lodesani1, L. Bortolotti1 & C. Porrini3
CRA-API, Unità di Ricerca di Apicoltura e Bachicoltura, Via di Saliceto 80,
40128 Bologna
2
Associazione Apicoltori Felsinei, Bologna
3
Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroambientali, Università di Bologna,
Viale G. Fanin 42, 40127 Bologna
E-mail: claudio.porrini@unibo.it
4
Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie, Viale dell’Università 10,
35020 Legnaro (PD)
1
Nell’ambito del recente progetto Apenet, promosso e finanziato dal MiPAAF, è
stata creata una rete di monitoraggio nazionale per la valutazione dello stato
di salute delle api. La Regione Emilia-Romagna, tramite il CRPV (Centro Ricerche Produzioni Vegetali), ha contribuito all’istituzione di due moduli, uno ad
ovest (Emilia), con un’agricoltura più estensiva, e l’altro a Est (Romagna) della
regione con coltivazioni più intensive. I cinque apiari con 10 alveari stanziali
che costituivano ciascun modulo, sono stati collocati in contesti ambientali (coltivati, non coltivati e misti) caratteristici dell’Emilia-Romagna. I controlli agli
alveari, effettuati per quattro volte nel corso del 2010, hanno riguardato lo stato
sanitario, nutrizionale, comportamentale e la forza della famiglia. Oltre a questi rilievi sono stati effettuati anche dei prelievi di varie matrici apistiche (api,
miele, cera, polline) da sottoporre ad analisi chimiche e patologiche. Durante
i controlli gli operatori hanno effettuato anche rilievi meteorologici e colturali.
Nosema ceranae Fries et al. è stato rinvenuto in 9 postazioni su 10 nel 53,3%
dei campioni di api analizzati, mentre N. apis Zander non è mai stato riscontrato. I virus, presenti in diverse combinazioni in tutte le postazioni, sono stati
rilevati con le seguenti percentuali: BQCV 100% dei campioni analizzati, SBV
65%, DWV 45%, CPBV 20% e APBV 15%. Nei 93 campioni di api, cera, polline
e altre matrici analizzati per la ricerca di pesticidi non sono stati riscontrati
residui di neonicotinoidi, ma 17 campioni (8 di cera, 4 di polline, 4 di api e 1 di
foglie di vite) sono risultati positivi ad altri agrofarmaci (metalaxil, fludioxonil,
fenbuconazolo, pirimicarb, dimetomorph, boscalid, coumaphos, fluvalinate, flumetrina e propamocarb). La perdita di alveari durante l’anno è stata in totale
del 15% (6% nel modulo emiliano e 24% in quello romagnolo). I 3 apiari che nel
corso dell’anno hanno perso più alveari, 2 situati in aree coltivate ed 1 no del
modulo romagnolo, hanno evidenziato, rispetto alle altre postazioni, un minor
valore proteico del polline, una maggior incidenza della varroa e la presenza di
residui di insetticidi-acaricidi. I risultati ottenuti indicano che il tracollo degli
alveari è da imputare a diverse cause, sia di ordine ambientale che apistico, che
agiscono simultaneamente sulla famiglia di api.
Parole chiave: alveari, mortalità, Nosema ceranae, agrofarmaci, virus.
100
Sessione III - Insetti sociali ed Apidologia. Presentazioni Posters
LA RETE NAZIONALE DI MONITORAGGIO DEL PROGETTO APENET
F. Mutinelli1, A. Granato1, A. Gallina1, S. Leardini1, C. Manzinello1, E. Piva1, M.
Caldon1, C. Falcaro1, & C. Porrini2
Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie, Viale dell’Università 10,
35020 Legnaro (PD)
2
Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroambientali, Università di Bologna,
Viale G. Fanin 42, 40127 Bologna E-mail: claudio.porrini@unibo.it
1
Le cause dei fenomeni di mortalità di api e di spopolamento degli alveari, registrati in varie parti del mondo, sono da ricercare in diversi fattori (malattie,
pesticidi, pratiche apistiche, ecc.) che possono agire singolarmente o in associazione. Azioni dirette a valutare questi eventi sono state attivate in diversi Stati
europei. In Italia, nell’ambito del progetto APENET finanziato dal MiPAAF,
è stata creata una rete nazionale per il monitoraggio del fenomeno istituendo
moduli di rilevamento costituiti da 5 apiari stanziali, con 10 alveari ciascuno,
disposti nelle diverse realtà territoriali. La funzione della rete è quella di raccogliere i dati relativi allo stato sanitario, nutrizionale e alla consistenza delle
famiglie di api che compongono i moduli, attraverso quattro rilevamenti periodici e successive analisi di laboratorio sulle diverse matrici raccolte (api, cera e
polline). In caso di eventi anomali di mortalità tra un controllo e l’altro, così
come in seguito a segnalazioni di apicoltori che non sono inseriti nella rete,
sono previsti dei sopraluoghi supplementari per effettuare dei rilievi e dei prelievi. Le indagini diagnostiche biomolecolari si sono concentrate su Nosema apis
Zander e N. ceranae Fries et al. e sui seguenti virus: DWV, BQCV, SBV, CPV,
APBV, KBV, IAPV e AIV. Le analisi chimiche di api, cera e polline, effettuate
con tecniche strumentali di cromatografia gassosa e liquida con vari rilevatori
(ECD, NPD, Spettrometro di Massa), erano indirizzate alla ricerca di residui
di agrofarmaci organoalogenati, organofosforati, carbammati e neonicotinoidi.
Sul polline è stata inoltre eseguita la determinazione del contenuto proteico al
fine di classificarne il valore nutrizionale. I dati 2009 e 2010 confermano una
diffusione endemica in tutte le regioni italiane di N. ceranae, che ha sostituito
N. apis, con la sola eccezione di un apiario della provincia di Bolzano, dove
sono stati rinvenuti entrambi. In tutte le regioni è stata evidenziata la presenza,
singolarmente o in diverse combinazioni, dei virus DWV, BQCV, SBV, CPV,
APBV, KBV e IAPV. Rilevante è la presenza soprattutto di DWV e BQCV seguiti da SBV, mentre KBV e IAPV sono stati rilevati in un apiario dell’Umbria e
della Sardegna, rispettivamente. Le analisi chimiche sui campioni di routine e su
quelli effettuati in seguito alle segnalazioni hanno rilevato presenze di pesticidi
appartenenti a diverse famiglie chimiche, in particolare prodotti acaricidi nella
cera. Nel primo anno di indagine (2009) la perdita complessiva di alveari è stata
del 32,4% di cui il 15,0% nel periodo invernale.
Parole chiave: api, mortalità, Nosema ceranae, agrofarmaci, virus.
101
Sessione III - Insetti sociali ed Apidologia. Presentazioni Posters
EFFETTI VERSO LE API DELLA POLVERE PROVENIENTE DAI SEMI
DI MAIS CONCIATI CON CLOTHIANIDIN
C. Porrini1, F. Sgolastra1, M. T. Renzi1, C. Sciò1, L. Mattioli1, P. Medrzycki2, M.
Boi2, G. Serra2, R. Colombo2, P. Pulcini3, B. Maccagnani4 & S. Maini1
DiSTA, Università di Bologna, Viale G. Fanin 42, 40127 Bologna
E-mail: claudio.porrini@unibo.it
2
CRA-API, Unità di Ricerca di Apicoltura e Bachicoltura, Via di Saliceto 80,
40128 Bologna
3
CRA-PAV, Centro di Ricerca per la Patologia Vegetale, Via C. G. Bertero 22,
00156 Roma
4
Centro Agricoltura e Ambiente, Ronchi, 40014 Crevalcore (BO)
1
L’ingestione, il contatto diretto e quello indiretto sono le vie di contaminazione
delle api con le polveri disperse durante la semina di mais conciato con clothianidin i cui effetti sono stati studiati nell’ambito del progetto Apenet. In una
prima prova la quantità di polvere ricaduta a 5 m dal campo sperimentale (contenente 5,12 μg/m2 di p.a.), riscontrata dal CRA-ING di Monterotondo (RM),
è stata somministrata alle api in laboratorio per contatto indiretto confrontandola con la stessa quantità di p.a. in formulazione liquida. La polvere con il
p.a, distribuita sul substrato (foglie di melo), è stata miscelata con 0,01 g di
materiale inerte (talco). Nella tesi liquida, invece, il p.a. è stato irrorato con 200
μl di soluzione. Fino alla 24a ora la mortalità si è mantenuta intorno al 10-15%
in ambedue le tesi. Nelle ore successive il numero delle api morte è aumentato
maggiormente nel saggio con le polveri: a 48 ore, 31% rispetto al 16%, e a 72
ore, 56% in confronto al 40%. Con un quantitativo di p.a. più alto (6,25 μg/
m2), rilevato in prove successive dal CRA-ING, la mortalità con le polveri si
è attestata intorno al 30% fra le 12 e le 24 ore, per poi arrivare al 44% a 72
ore. La stessa quantità di p.a. in polvere è stata utilizzata per trattare la colza
in fiore nella sperimentazione di semicampo (6 tunnel a rete di 40 m 2 con un
nucleo di api su tre telaini ciascuno). La mortalità è risultata maggiore nel trattato con una differenza statisticamente significativa nei due giorni successivi al
trattamento. È stata inoltre valutata la capacità di orientamento delle api con
due prove di campo. Nella prima le api, condizionate ad alimentarsi a 330 m
dall’alveare, sono state catturate, marcate, messe per un’ora nelle gabbiette per
il contatto indiretto con le polveri contenenti 6,25 μg/m 2 di p.a., e poi liberate.
Le api disperse dopo il rilascio sono state il 10% di quelle trattate e il 3,4%
delle testimoni. Nella seconda prova due gruppi di api, condizionate a bottinare
polline da un dispenser a 150 m, sono state trattate con 0,47 ng/ape e con 0,70
ng/ape di clothianidin per ingestione (quantità inferiore rispettivamente di 6 e
4 volte quella ricaduta a 5 m). Al nido sono tornate circa l’80% delle prime e
il 10% delle seconde confermando che l’ingestione è molto più deleteria, per le
capacità cognitive dell’ape, rispetto al contatto indiretto.
Parole chiave: ingestione, mortalità, effetti sub-letali, agrofarmaci.
102
Sessione III - Insetti sociali ed Apidologia. Presentazioni Posters
VALUTAZIONE IN LABORATORIO
AGROFARMACI VERSO LE API
DELLA
TOSSICITÀ
DEGLI
F. Sgolastra1, M. T. Renzi1, P. Medrzycki2, M. Boi2, G. Serra2, R. Colombo2, P.
Pulcini3, B. Maccagnani4 & C. Porrini1
Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroambientali, Area Entomologia, Università
di Bologna, Viale G. Fanin 42, 40127 Bologna E-mail: fabio.sgolastra2@.unibo.it
2
CRA-API, Unità di Ricerca di Apicoltura e Bachicoltura, Via di Saliceto 80,
40128 Bologna
3
CRA-PAV, Centro di Ricerca per la Patologia Vegetale, Via C.G. Bertero 22,
00156 Roma
4
Centro Agricoltura e Ambiente, Ronchi, 40014 Crevalcore (BO)
1
Per valutare la tossicità degli agrofarmaci verso le api, le linee guida EPPO
forni-scono protocolli per le prove in laboratorio, semicampo e campo. Per il
laboratorio sono contemplate prove di ingestione e di contatto diretto. Quelle
per il contatto indiretto non sono previste e le metodologie tuttora disponibili
sono poco standardizzate. Dalle sperimentazioni effettuate è emerso che la tossicità di un prodotto varia col tipo di substrato utilizzato (foglie di melo, polistirene, carta da filtro, ecc.). Altri fattori di variabilità sono il tempo intercorso
fra il trattamento del substrato e il contatto, il tempo di esposizione e l’età delle
api saggiate. Per l’inge-stione, invece, si è osservata una mortalità più elevata
in caso di somministrazione della stessa dose per ape in 3 e 5 µL/ape rispetto
all’indicazione dei protocolli EPPO di 20 µL/ape. Tuttavia è noto quanto il contatto indiretto, pur presentando alcuni problemi metodologici, sia importante
perché fornisce informazioni sulla tossicità delle molecole più vicine alle condizioni reali. Il protocollo da noi adottato, sulla base di Arzone & Vidano (1980),
prevedeva l’utilizzo delle foglie di melo come substrato, di 3 ore tra il trattamento e il contatto, un’esposizione di 3 ore e l’impiego di api bottinatrici. Per l’ingestione è stata utilizzata la concentrazione indicata dall’EPPO. Dal 2003 al 2008
sono stati saggiati in laboratorio alla dose di campo 64 agrofarmaci (54 principi
attivi) di comune uso. Sono risultati “altamente tossici” il 40,6% per ingestione
e il 31,7% per contatto indi-retto dei prodotti saggiati, “notevolmente tossici” il
4,7% e il 4,8%, “moderatamente tossici” il 7,8% e il 6,3%, “leggermente tossici”
il 25% e l’11,1% e “non tossici” il 21,8% e il 46%. Nel 2009 e 2010, nell’ambito del
progetto Apenet, è stata valutata la tossicità per contatto indiretto delle polveri
disperse durante la semina di mais conciato. I saggi sono stati eseguiti col metodo per i formulati spray modificato per una dispersione omogenea sul substrato.
Ogni foglia è stata cosparsa con 0,01 g di polvere miscelata con talco inerte. Dai
risultati emerge che le quantità di polveri ricadute a 5 m dei quattro principi
attivi (clothianidin 6,25 μg/m2, thiametoxam 2,77 μg/m2, imidacloprid 3,66 μg/
m2 e fipronil 0,28 μg/m2) sono leggermente tossiche per le api (3,3% di mortalità
alla 24a ora) mentre il clothianidin mostra una mortalità molto più alta (33%).
Parole chiave: Apis mellifera, ecotossicologia, protocolli, mortalità.
103
Sessione IV
ENTOMOLOGIA FORESTALE
Presentazioni orali
Sessione IV - Entomologia forestale. Presentazioni orali
INDAGINI SU TEIA TRIGOTEPHRAS DEFOGLIATORE DEL LENTISCO
NELLA SICILIA SUD-ORIENTALE
S. Bella1, S. Longo1 & A. Sidoti2
Dipartimento di Gestione dei Sistemi Agroalimentari e Ambientali, Sezione
Entomologia agraria, Via S. Sofia 100, 95123 Catania E-mail: sbella@unict.it
2
Regione Siciliana, Assessorato Risorse Agricole e Alimentari, Dipartimento
Regionale Azienda Foreste Demaniali, Servizio Fitosanitario Forestale, Via
Sclafani 34, 95024 Acireale (CT)
1
Nell’ultimo decennio il Lepidottero Lymantriidae Teia gr. trigotephras (Boisduval, 1829), ha causato ricorrenti estese defogliazioni a un popolamento spontaneo di lentisco (Pistacia lentiscus L.) all’interno della Riserva Naturale Orientata
“Oasi Faunistica di Vendicari” ricadente nel territorio del comune di Noto in
provincia di Siracusa. La posizione tassonomica di T. gr. trigotephras (= Orgyia
etrusca Verity, 1905) rimane ancora da definire; è stata descritta anche una ssp.
sicula (Staudinger & Rebel, 1901) (= O. calabra Stauder, 1916), presente in Italia meridionale, Sicilia e Malta, che si caratterizza per la colorazione marrone
scuro di ali e corpo, per l’attività di volo da maggio a luglio, e per svolgere
due generazioni; la larva è nota nutrirsi su Sarothamnus. La specie xerotermofila, ampiamente diffusa, seppur in modo frammentato, in numerose aree del
bacino Mediterraneo, svolge una sola generazione annua, con periodo di volo
da maggio-giugno a inizio agosto. La femmina, microttera, non abbandona il
bozzolo all’interno del quale viene inseminata. Le polifaghe larve si nutrono
principalmente su Quercus, Arbutus unedo e Spartium junceum, ma sono state
segnalate anche su Cistus, Citrus, Coriaria myrtifolia, Osyris alba, Pistacia lentiscus, Prunus, Sarothamnus, Rhamnus alaternus, Rubus fruticosus.
Le osservazioni condotte nel biennio 2009-2010 hanno messo in evidenza che la
sola pianta ospite del limantriide nella riserva naturale è il lentisco. Le larve, in
tale ambiente, hanno ignorato le piante di Olea europea ssp. sylvestris, di Rhamnus alaternus e di Ephedra fragilis, frammiste al lentisco. In insettario le larve
neonate hanno rifiutato il pabulum a base di foglie di tali piante. Le indagini di
campo e di laboratorio hanno evidenziato che la specie sverna da uovo nel bozzolo materno, fissato ai rametti o alle nervature fogliari; all’interno dei bozzoli
sono stati rinvenute fino a 172 uova. Da fine marzo a tutto agosto sono stati
riscontrati larve, crisalidi e adulti. Ulteriori indagini sono in corso, per definire
altri aspetti della biologia del limantriide, per verificare il ruolo dei limitatori naturali e per monitorare l’andamento delle infestazioni, nonché per rilevare l’entità delle defogliazioni e le loro conseguenze sui popolamenti di lentisco la cui vigoria si riduce notevolmente soprattutto nelle piante presenti su substrato poco
profondo, le quali subiscono il disseccamento di ampie porzioni della chioma.
Parole chiave: Lymantriidae, biologia, alterazioni, Pistacia lentiscus, riserva naturale.
107
Sessione IV - Entomologia forestale. Presentazioni orali
Lasius brunneus E STOMAPHIS QUERCUS TROFOBIONTI DANNOSI
ALLE SUGHERETE SARDE
A. Loi1, M. Serrau1, M. Verdinelli2 & P. Luciano1
Dipartimento di Protezione delle Piante, Università di Sassari, Via E. De Nicola, 07100 Sassari E-mail: pluciano@uniss.it
2
Istituto per lo Studio degli Ecosistemi, CNR, Traversa La Crucca 3, 07100 Sassari
1
Nel 2010 in agro di Alà dei Sardi (OT), nell’ambito d’indagini sulla mirmecofauna delle sugherete, è stata rilevata la presenza dei trofobionti Lasius brunneus
(Latreille) (Hymenoptera, Formicidae) e Stomaphis quercus Linnaeus (Hemiptera, Aphididae), quest’ultimo nuova specie per la Sardegna. Il formicide scava
i suoi nidi nella corteccia suberosa, all’interno dei quali trasporta e assiste l’afide, deprezzando gravemente il sughero gentile e rendendo difficoltosa la sua
estrazione poiché la parte infestata si sfalda e si separa in modo incompleto dal
fellogeno. Per valutare l’entità del danno, in 4 sugherete (poste fra 559 e 653 m
s.l.m.) sono state controllate a caso 100 piante appena decorticate. Intorno ad
ognuna delle piante infestate è stata poi delimitata una parcella di un ettaro
nella quale sono state esaminate tutte le sughere presenti, comprese le piante
non decorticate, per valutare l’entità dell’infestazione totale. Rilievi periodici,
condotti con la decortica progressiva di una pianta infestata, hanno permesso
di studiare il ciclo biologico del fitomizo. Danni sono stati osservati solo in 3
delle 4 sugherete esaminate; quella non danneggiata è un giovane popolamento
mentre nelle altre l’infestazione interessava dal 2 al 4% delle piante che in genere hanno diametri superiori (46 ± 19,1 cm) a quelli medi (32,75 ± 14,51 cm).
I rilievi condotti nei 9 ha di sughereta circostanti le piante danneggiate hanno
evidenziato che in due casi l’attacco era limitato solo ai 2 esemplari decorticati.
Negli altri 7 ha esaminati (con una densità di piante variabile fra 122 e 271)
l’infestazione interessava fra il 2,48 e il 5,73% delle sughere, superiore quindi
a quella stimata con l’esame delle sole piante decorticate. La distanza fra le
sughere infestate e quella centrale di riferimento era al massimo di 14,4 m in 4
parcelle mentre nelle altre 3 è risultata più variabile, passando da un minimo di
1,34 ad un massimo di 50 m. Tali rilievi, anche se limitati, fanno presumere che
l’infestazione del formicide interessi nuclei di piante limitrofe in funzione della
capacità di diffusione dell’afide. Infatti, nel corso dei rilievi è stato possibile
reperire (il 10.VI.2010) solo un esemplare alato del fitomizo sulle diverse decine
osservati (di cui 109 collezionati). S. quercus si è confermato olociclico monoico;
infatti a maggio si è osservata la presenza di neanidi al colletto e sui tronchi
delle piante ospiti fino a 2,5 m di altezza mentre, durante tutto il periodo estivo
ed autunnale, neanidi e fondatrigenie sono state rinvenute solo all’interno dei
nidi della formica, dove i primi anfigonici sono comparsi in novembre. Femmine
ovideponenti, accompagnate ciascuna da 2-3 maschi, sono state osservate fino a
gennaio 2011, in prossimità di gruppi di 2-8 uova.
Parole chiave: sugherete, mirmecofauna, danni al sughero.
108
Sessione IV - Entomologia forestale. Presentazioni orali
CICLO BIOLOGICO DI LEPTOGLOSSUS OCCIDENTALIS ED EFFETTI
DELLA DIVERSA ALIMENTAZIONE SULLO SVILUPPO DEGLI STADI
GIOVANILI
M. Maltese & V. Caleca
Dipartimento DEMETRA, Università degli Studi di Palermo, Viale delle Scienze, Edificio 5, 90128 Palermo E-mail: m.maltese@unipa.it
Leptoglossus occidentalis (Hemiptera, Coreidae), rinvenuto in Italia nel 1999, completa una sola generazione nel suo areale di origine nord-americano, mentre nel
nostro paese gliene sono state attribuite da 2 a 3. Per stabilire il numero di generazioni e per analizzare gli effetti della diversa alimentazione sugli stadi giovanili
è stata registrata la durata dei diversi stradi di sviluppo a temperatura costante.
Le prove sulla durata del ciclo biologico sono state condotte in laboratorio (22
± 2 °C, U.R. 80 %, L:D 12:12), fornendo quale alimento pinoli, germogli e strobili di Pinus pinea L. Lo sgusciamento avviene in media dopo 11,2 giorni, la
prima muta della neanide si compie dopo 4,2 giorni mentre la seconda e la terza
muta delle neanidi si compiono rispettivamente dopo 10,2 e 9,5 giorni. Lo stadio
preimmaginale che dura di più è la ninfa II, in media 16,4 giorni. La mortalità
maggiore si verifica nella neanide II (31,3 %) e neanide I (17,6 %); il 77,6% delle
ninfe II muta in adulto. La preovideposizione degli adulti è durata in media
66 giorni con forti oscillazioni e la prima ovideposizione è stata rilevata entro
il 48° giorno nel 60% delle ••. Adottando le soglie minime di sviluppo per il
calcolo delle somme termiche suggerite da Bernardinelli et al. (2006), 13,5 °C
per l’incubazione delle uova e 14,6 °C per lo sviluppo dalle neanidi ad adulto,
per completare una generazione sono necessari 993 GDD, inclusi i 496 GDD
della preovideposizione. Sulla base di questa somma termica, delle temperature
medie giornaliere dell’aria e delle catture dei vari stadi in campo, una sola generazione è stata riscontrata nella località di Portella Colla, PA (1.430 m s.l.m.);
due generazioni appaiono invece possibili a Marsala, TP (20 m s.l.m.) mentre
a Montagna Grande, TP (260 m s.l.m.) la seconda generazione si bloccherebbe
allo stadio di ninfa di II età senza completarsi.
Allevando gli stadi giovanili con germogli e strobili, pinoli e acqua, la maggiore sopravvivenza fino al raggiungimento dello stadio adulto si ha con germogli e strobili di Pinus pinea (40%), seguiti da quelli di Pinus halepensis (17%) e
Pseudotsuga menziesii (6%). Anche la durata dello sviluppo degli stadi neanidali
e ninfali è stata influenzata dall’alimento: in media sono stati ottenuti adulti,
dopo 55 e 58 giorni dallo sgusciamento, nelle tesi con P. pinea e P. halepensis,
con differenze significative nei confronti della tesi con P. menziesii (67 giorni).
Parole chiave: Pinaceae, numero di generazioni, preovideposizione, pinoli.
Bibliografia:
Bernardinelli I., Rovato M. & Zandigiacomo P., 2006 - Proc. Method. Forest
Insect and Disease Survey in Central Europe, IUFRO, Gmunden/Austria: 7.03.10.
109
Sessione IV - Entomologia forestale. Presentazioni orali
Modelli di massima entropia per la previsione della
distribuzione in italia dI rosalia alpina
L. Bosso1, H. Rebelo3, A. B. Biscaccianti4, A. P. Garonna2 & D. Russo1
Dipartimento di Arboricoltura, Botanica e Patologia Vegetale, Università degli
Studi di Napoli “Federico II”, 80055 Portici (NA) E-mail: luciano.bosso@unina.it
2
Dipartimento di Entomologia e Zoologia agraria “Filippo Silvestri”, Università
degli Studi di Napoli “Federico II”, 80055 Portici (NA)
3
School of Biological Sciences, University of Bristol, Woodland Road, Bristol,
BS8 1UG, Gran Bretagna
4
Via Simeto 12, 00198 Roma
1
Rosalia alpina Linnaeus (Coleoptera, Cerambycidae) è inserita nella Lista Rossa dell’IUCN come “specie vulnerabile” ed è specie prioritaria di importanza
comunitaria in base alla direttiva Habitat 92/43/CEE. Per la sua appariscenza
è spesso utilizzata come “specie bandiera”, in quanto efficace “portavoce” di
una biodiversità costituita soprattutto da organismi saproxilici legati alla necromassa forestale. Questo coleottero è fortemente minacciato soprattutto dallo
sfruttamento intensivo del bosco che ha reso raro il legno morto, substrato indispensabile per la riproduzione. In Italia, nonostante la sua notorietà, la specie
è ancora poco studiata dal punto di vista bio-ecologico, e la conoscenza della
sua distribuzione attuale è assai incompleta o riferita a dati di presenza non
più attuali.
Il nostro lavoro ha preso in considerazione un database di 480 record di presenza, utilizzati insieme ad alcune variabili eco-geografiche, tra cui temperature massima, media e minima, altitudine, precipitazioni mensili, copertura del
suolo, per la modellizzazione dell’idoneità ambientale e della distribuzione sul
territorio nazionale. A tal fine è stato utilizzato il software MaxEnt (vers. 3.3.3).
La performance del nostro modello, risultata molto elevata (AUC=0,99), è stata
validata attraverso l’utilizzo di un set di dati di presenza non impiegato in fase
di modellizzazione. Tra i parametri ambientali per R. alpina, l’uso del suolo,
l’altitudine e le precipitazioni dei mesi invernali sono risultati prioritari per la
presenza della specie.
È stato così esteso l’areale noto di distribuzione, offrendo indicazioni importanti per l’implementazione dei programmi di conservazione per questa specie sul
territorio nazionale.
Parole chiave: legno morto, lista rossa IUCN, MaxEnt.
110
Sessione IV - Entomologia forestale. Presentazioni orali
INFESTAZIONI DI IPS TYPOGRAPHUS IN PECCETE DELL’APPENNINO
SETTENTRIONALE E STRATEGIE DI CONTROLLO*
F. Pennacchio, J. de Silva, V. Francardi, F. Binazzi & P. F. Roversi
CRA-ABP, Centro di Ricerca per l’Agrobiologia e la Pedologia, Laboratorio di
Entomologia, Via di Lanciola 12/a, 50125 Firenze
E-mail: fabrizio.pennacchio@entecra.it
Le siccità estive rappresentano fattori di stress importanti per tutte le formazioni
forestali, specialmente quelle artificiali, impiantate in stazioni ai limiti della tolleranza ecologica delle specie. Negli anni successivi al 2003, molte peccete subalpine e appenniniche hanno manifestato chiari sintomi di sofferenza, sottolineati
spesso da pesanti infestazioni di Ips typographus (Linnaeus). Forti deperimenti
legati ad attacchi di questo scolitide sono stati segnalati nelle peccete artificiali
della Foresta Demaniale dell’Abetone e in quelle gestite dalla Comunità Montana Appennino Pistoiese, che si spingono fino ai margini della Riserva Naturale
Orientata di Campolino dove vegeta il nucleo più importante di pecceta relitta
dell’Appennino. Per la salvaguardia di questo ecosistema peculiare, dal 2007 al
2010, all’inizio dell’estate e dell’autunno, sono stati effettuati tagli fitosanitari
per il tempestivo abbattimento e allontanamento delle piante attaccate. Inoltre,
nel 2009 e nel 2010, sono state allestite 300 trappole Theysohn innescate col feromone di aggregazione di I. typographus, distribuite nelle aree limitrofe e all’interno dei diversi nuclei di deperimento osservati in foresta nell’anno precedente.
L’andamento delle catture nel 2009 ha presentato picchi notevoli tra la fine di
maggio e la prima metà di giugno (15.800 esemplari in 3 giorni in una sola trappola) e catture localmente sostenute anche in agosto, in corrispondenza del volo
estivo. Nel 2010 le catture sono state numericamente significative soltanto nel
mese di giugno, ma con picchi mai superiori ai 5.500 esemplari/trappola per settimana e catture trascurabili in estate in molte aree interessate dall’intervento.
Tutti i parametri osservati hanno mostrato un calo progressivo nel tempo. I
tagli fitosanitari hanno interessato un totale di 599 m3 di abeti maturi nel 2007,
377 m3 nel 2008, 120 m3 nel 2009 e 75 m3 nel 2010. Il numero complessivo delle
catture è passato da 830.000 esemplari nel 2009 a 323.000 nel 2010. Nelle diverse
aree interessate dagli attacchi, il rapporto fra catture estive e catture primaverili, indice utile per la previsione del rischio d’infestazione nell’anno successivo,
è passato da valori compresi fra 0,14 e 0,98 nel 2009 a valori compresi fra 0,03
e 0,37 nel 2010. Soltanto nella particella 207 è stata osservata la tendenza all’incremento di detto rapporto che è passato da 0,24 nel 2009 a 0,38 nel 2010.
Parole chiave: Picea abies, cattura massale, tagli fitosanitari.
* Lavoro svolto nell’ambito del progetto BOSPICEA “Monitoraggio e il controllo dello scolitide Ips typographus con strategie ecocompatibili, nelle peccete
dell’Appennino Pistoiese”.
111
Sessione IV - Entomologia forestale. Presentazioni orali
ANOPLOPHORA GLABRIPENNIS (COLEOPTERA, CERAMBYCIDAE) IN
VENETO: PRIMI RISULTATI DEL PROGRAMMA DI ERADICAZIONE
M. Faccoli1, M. Vettorazzo2, M. Zampini2, G. Zanini2, M. Coppe3 & A. Battisti1
Dipartimento di Agronomia Ambientale, Università degli Studi di Padova, Viale dell’Università 16, 35020 Legnaro (PD) E-mail: massimo.faccoli@unipd.it
2
Regione Veneto, Servizi Fitosanitari, Viale Agricoltura 1, 37060 Buttapietra (VR)
3
Regione Veneto, Unità Periferica Servizio Forestale di Treviso e Venezia
1
Il tarlo asiatico del fusto, Anoplophora glabripennis (Motschulsky) (Coleoptera,
Cerambycidae), è un cerambicide polifago su latifoglie originario di Cina e Corea, iscritto come specie da quarantena e assoggettato a lotta obbligatoria in
tutti i paesi dell’Unione Europea.
In Europa sono presenti alcuni piccoli focolai in Austria, Francia e Germania.
Nel 2007 la specie è stata rinvenuta in provincia di Milano, dove è in corso l’eradicazione. Dal giugno 2009, A. glabripennis è stata trovata anche in provincia
di Treviso dove è stato attivato uno specifico piano di eradicazione.
Le azioni intraprese hanno previsto un monitoraggio sistematico delle piante
appartenenti a dieci generi riportati fra i più comuni ospiti dell’insetto; durante
il monitoraggio è stato tuttavia possibile accertare la presenza di A. glabripennis
anche su specie arboree originariamente non incluse fra quelle maggiormente
a rischio di colonizzazione. Il controllo delle piante è stato condotto entro un
raggio di 2 km da ogni ritrovamento, con progressivo allargamento in seguito
ad ogni ulteriore rinvenimento.
Nel corso del monitoraggio sono state raccolte informazioni circa specie vegetale, sue caratteristiche, sintomi di infestazione e coordinate geografiche. Il piano
di eradicazione ha previsto anche l’obbligo di trattamenti insetticidi contro gli
adulti nei vivai, il divieto di piantare, vendere e trasportare al di fuori delle
zona infestata piante ospiti suscettibili, e l’obbligo di denuncia di rinvenimento
dell’insetto o dei sintomi di presenza. In circa 18 mesi (giugno 2009-dicembre
2010) sono stati controllati 12.463 alberi distribuiti in tre comuni (Cornuda, Maser e Crocetta del Montello).
Le piante trovate infestate sono state 689, pari al 5,5% di quelle controllate, il
96% delle quali composto da betulle, aceri, olmi e salici. Ad oggi l’area in oggetto risulta essere il focolaio più esteso d’Europa. Tutte le piante infestate sono
state abbattute e distrutte mediante cippatura; le ceppaie sono state lasciate in
loco poiché non colonizzate dall’insetto. Gli alberi trovati infestati nell’estate-inverno 2009 sono stati 576, mentre nel 2010 sono stati solo 113, con una riduzione
pari a circa l’80% che suggerisce un positivo effetto degli sforzi di eradicazione.
Parole chiave: specie esotiche, monitoraggio, invasioni biologiche.
112
Sessione IV - Entomologia forestale. Presentazioni orali
I COLEOTTERI SAPROXILICI DEL PARCO DEL TICINO, UNO STUDIO
PILOTA PER L’ADOZIONE DI CORRETTE POLITICHE GESTIONALI
F. Della Rocca1, A. Campanaro2 & G. Bogliani1
Dipartimento di Biologia Animale, Università degli Studi di Pavia, Via Ferrata
1, 27100 Pavia E-mail: fdellarocca@gmail.com
2
Centro Nazionale per lo Studio e la Conservazione della Biodiversità Forestale,
Bosco della Fontana, Corpo Forestale dello Stato, Verona
1
Le specie saproxiliche costituiscono circa il 20% degli invertebrati delle foreste
di latifoglie europee ed il loro ruolo nel processo di decomposizione del legno
morto è fondamentale per assicurare il mantenimento del buono stato di conservazione delle foreste. Oggi la loro sopravvivenza è compromessa e molte specie risultano a distribuzione frammentata o scomparse da gran parte dell’areale
originario. La causa è riconducibile principalmente alla scomparsa delle foreste
vetuste dovuta alla pratica secolare del prelievo del legno morto, un tempo considerato dannoso per la “salute” del bosco. Negli ultimi anni si assiste ad un
generale cambio di tendenza con l’aumento di politiche gestionali mirate alla
tutela del legno morto ed al controllo del suo prelievo per garantire la sopravvivenza delle specie saproxiliche e il mantenimento nel tempo degli ecosistemi
forestali. Nel Parco Lombardo della Valle del Ticino sono ancora presenti ecosistemi forestali di estremo valore conservazionistico. Si tratta infatti di boschi
planiziali perlopiù igrofili che in Pianura Padana sono ormai ridotti a piccoli
relitti all’interno di una matrice fortemente urbanizzata e soggetti ad interventi
gestionali spesso dannosi per la conservazione della biodiversità. Con questa
ricerca si è voluto valutare lo stato di conservazione degli ambienti forestali del
parco sia in termini di vegetazione e necromassa legnosa sia di diversità e composizione della fauna di coleotteri saproxilici, per fornire linee guida per una
corretta gestione. Si è condotto un campionamento accurato e standar-dizzato
dei coleotteri tra febbraio e settembre 2010, selezionando 10 aree boschive con
2 tipologie di habitat: foreste alluvionali (4 pioppeti e 2 ontaneti) e foreste miste riparie (4 querceti). In ogni bosco sono stati scelti in modo casuale 12 plot,
all’interno dei quali si sono rilevate alcune variabili ambientali e il legno morto
presente. Le 72 trappole per la raccolta dei coleotteri saproxilici sono state posizionate in 6 boschi ed applicate su piante morte a diversi stadi di decadimento.
La raccolta dei dati faunistici è avvenuta ogni 2 mesi da aprile a settembre per
un totale di 864 campioni. Sono state condotte analisi che correlano la diversità
e la composizione di specie saproxiliche al volume di legno morto ed alla sua distribuzione in bosco. Anche la maturità e la complessità del bosco, quest’ultima
intesa come struttura della vegetazione, sono state prese in considerazione per
spiegare l’eventuale presenza di specie rare. È stato infine calcolato un valore
soglia critico di legno morto al di sotto del quale la sopravvivenza delle specie
saproxiliche potrebbe essere compromessa, cosí come l’ambiente forestale in cui
esse vivono.
Parole chiave: specie saproxiliche, legno morto, boschi planiziali, gestione.
113
Sessione IV
ENTOMOLOGIA FORESTALE
Presentazioni Posters
Sessione IV - Entomologia forestale. Presentazioni Posters
TIPOLOGIA E DISTRIBUZIONE DELLE GALLE PRODOTTE DA
Dryocosmus kuriphilus LUNGO RAMI DI CASTAGNO IN FRIULI
VENEZIA GIULIA
I. Bernardinelli1, D. Bessega2 & P. Zandigiacomo2
Servizio Fitosanitario e Chimico - Ersa, Via Sabbatini 5, 33050 Pozzuolo del
Friuli (UD) E-mail: iris.bernardinelli@regione.fvg.it
2
Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali - Entomologia, Università di
Udine, Via delle Scienze 208, 33100 Udine.
1
Il cinipide del castagno Dryocosmus kuriphilus Yasumatsu (Hymenoptera, Cynipidae), di origine asiatica, è stato rinvenuto per la prima volta in Friuli Venezia
Giulia nel 2008; di anno in anno i danni sui castagni sono sensibilmente aumentati fino a raggiungere livelli di defogliazione anche superiori al 25% (dati
Inventario Fitopatologico Forestale Regionale - BAUSINVE, anno 2010).
A fine primavera 2010 è stato condotto uno studio per valutare i danni causati
dall’insetto su castagni presenti in boschi naturali del Friuli Venezia Giulia.
Le osservazioni sono state condotte in provincia di Udine, rispettivamente nei
comuni di Tarcento, Magnano in Riviera e Cassacco, con la collaborazione del
personale del Corpo forestale regionale (S.F. di Tarcento). In ciascun sito sono
stati prelevati, da più piante di castagno, 30 rami, con almeno otto germogli
laterali. Successivamente in laboratorio è stato contato il numero delle galle
di ciascun germoglio, suddividendole secondo due tipologie: di tipo 1, quando
erano localizzate sulle foglie; di tipo 2, quando interessavano l’asse del germoglio. Le galle dei due tipi sono state sezionate per contare il numero di larve di
cinipide. Inoltre, è stata misurata la lunghezza e contato il numero di foglie di
ciascun germoglio apicale.
Il 23,4% dei germogli è risultato privo di galle, mentre sui germogli con presenza
di galle il 76,6% di quest’ultime sono risultate essere di tipo 1, localizzate quindi
sulle foglie. Nelle galle di tipo 2 è stato rilevato un numero significativamente
più elevato di larve (3,3 larve/galla) rispetto a quelle di tipo 1 (1,8 larve/galla).
I germogli apicali con galle sono risultati più corti e con meno foglie rispetto a
quelli non attaccati; in particolare, il numero di foglie è risultato inferiore nei
germogli con galle di tipo 2 (4,6 foglie/germoglio), rispetto a quelli con presenza
di galle solo di tipo 1 (6,7 foglie/germoglio). Le galle di tipo 1 sono risultate
maggiormente presenti sul germoglio apicale e su quello seguente, mentre quelle
di tipo 2 sono risultate maggiormente frequenti sui germogli da 3 a 7 a partire
dall’apice del ramo; in generale, i germogli meno colpiti sono risultati quelli in
posizione basale sul ramo.
I dati rilevati sull’infestazione dei germogli indicano una maggior presenza di
galle su quelli in posizione apicale; ciò è in accordo con quanto noto in letteratura relativamente al maggior numero di ovideposizioni sulle gemme apicali dei
rami che sono più grosse rispetto a quelle nelle posizioni più basali.
Parole chiave: cinipide del castagno, tipo di galla, danno vegetativo.
117
Sessione IV - Entomologia forestale. Presentazioni Posters
MOnitoraggio DI XILOFAGI ESOTICI IN porti DELL’ITALIA NORD
ORIENTALE
I. Bernardinelli1, G. Stasi1, M. Vettorazzo2, E. Petrucco Toffolo3, A. Battisti3, M.
Faccoli3
Servizio Fitosanitario e Chimico - Ersa, Via Sabbatini 5, 33050 Pozzuolo del
Friuli (UD) E-mail: iris.bernardinelli@regione.fvg.it
2
Servizio Fitosanitario Regione Veneto, Viale dell’Agricoltura 1, 37060 Bovolino
di Buttapietra (VR) E-mail: marco.vettorazzo@regione.veneto.it
3
Dipartimento di Agronomia Ambientale e Produzioni Vegetali, Agripolis, Viale
dell’Universita 16, 35020 Legnaro (PD)
1
Nell’ambito di progetti internazionali volti a ottimizzare il monitoraggio delle
specie invasive nei punti di ingresso comunitari dell’Unione europea, dal 2008
è stato atti-vato un programma di monitoraggio di insetti xilofagi mediante l’uso di vari tipi di trappole. Nel 2010 lo studio è stato condotto in tre siti del
Friuli Venezia Giulia (due nei porti di Trieste e Monfalcone e uno in un’area
naturale prossima al porto di Monfalcone) e due veneti (porti di Marghera e
di Chioggia). In ogni sito si sono utilizzate trappole sia a imbuti sovrapposti
(“multifunnel trap”) sia a pannelli incrociati (“cross-vane trap”), attivate con
una miscela di attrattivi generici (α pinene, etanolo, metil butenolo, ipsdienol e
ipsenol), ed esposte da giugno ad ottobre. Gli insetti catturati sono stati raccolti
periodicamente e identificati. Lo studio si è concentrato principalmente su coleotteri cerambicidi e scolitidi, dei quali sono state catturate rispettivamente 9 e
25 specie, per un totale di 208 e 2.072 esemplari. In ciascun sito si è riscontrata
una discreta presenza di specie (tra le 10 e le 15 specie); inoltre, a Monfalcone
il numero di specie è stato più elevato nel porto che nella vicina area naturale.
Il totale di individui varia molto tra i siti. Le catture più abbondanti hanno
riguardato specie europee, fra cui gli scolitidi Ips sexdentatus (1.386 esemplari,
di cui 1.294 nell’area naturale di Monfalcone), Orthotomicus erosus (215 es., di
cui 171 nel porto di Chioggia), Ips typographus (184 es., di cui 179 nel porto di
Chioggia) e Xyleborus saxesenii (126 es., di cui 99 nel porto di Chioggia), e il
cerambicide Spondylis buprestoides (174 es., di cui 113 nell’area naturale di Monfalcone). Il monitoraggio ha inoltre permesso la cattura, in numero di es. decisamente inferiore (max 3 individui/trappola), anche di scolitidi non autoctoni, fra
cui gli asiatici Cyrtogenius luteus e Xylosandrus crassiusculus, il centro-europeo
Ips duplicatus e il mediterraneo Carphoborus perrisi, specie finora nota solo in
Italia meridionale. Le “multifunnel traps” hanno catturato sia più specie (26)
che individui (1.339), rispetto alle “cross-vane traps” (22 specie e 887 individui).
Quasi il 50% delle specie catturate in ciascuna località è stato trovato in entrambi i tipi di trappole. Le trappole “multifunnel” risultano essere più pratiche
e più resistenti delle “cross-vane”, spesso divelte o danneggiate dal vento con
possibile perdita di parte delle catture. Nei prossimi anni si prevede di intensificare il monitoraggio qui descritto.
Parole chiave: coleotteri, scolitidi, cerambicidi, monitoring, detection.
118
Sessione IV - Entomologia forestale. Presentazioni Posters
UN TRIENNIO D’INDAGINE SULLO SFARFALLAMENTO DEGLI
ADULTI DI PROCESSIONARIA DEL PINO (TRAUMATOCAMPA
(THAUMETOPOEA) PITYOCAMPA) E DEI RELATIVI PARASSITOIDI
PUPALI NEL PARCO NAZIONALE D’ASPROMONTE
C. P. Bonsignore, E. Castiglione & F. Manti
Dipartimento OASI, Laboratorio di Entomologia ed Ecologia Applicata, Università “Mediterranea” di Reggio Calabria, Salita Melissari E-mail: cbonsignore@unirc.it; francesco.manti@unirc.it
Si è indagato sullo sfarfallamento di Traumatocampa (Thaumetopoea) pityocampa (Den. et Schiff.) (Lepidoptera, Notodontidae) e dei suoi parassitoidi pupali
negli anni 2008, 2009 e 2010 in boschi di Pinus nigra Arnold. Gli sfarfallamenti
degli adulti sono stati analizzati per i siti di incrisalidamento individuati per
posizione, altimetria, esposizione e caratteristiche del soprassuolo nel Parco Nazionale d’Aspromonte (RC). Nel triennio sono state raccolte 16.084 crisalidi, di
cui integre 396 nel 2008, 2.200 nel 2009 e 3.634 nel 2010 (6.230 in totale). Le
crisalidi raccolte nel 2009 sono state osservate a cadenza settimanale direttamente in bosco, mentre quelle raccolte nel 2008 e nel 2010 sono state osservate
giornalmente in laboratorio. I parassitoidi sfarfallati sono Villa brunnea Becker
(Diptera, Bombyliidae), Phryxe caudata (Rondani) (Diptera, Tachinidae), Coelichneumon rudis (Fonscolombe) (Hymenoptera, Ichneumonidae) e Conomorium
sp. (Hymenoptera, Pteromalidae). Gran parte dei ditteri parassitoidi è sfarfallata lo stesso anno di raccolta delle crisalidi, mentre gli esemplari di C. rudis
sono sfarfallati l’anno successivo. è stato rilevato che allo sfarfallamento degli
adulti di processionaria del pino segue quello di V. brunnea e di Ph. caudata, e,
nel mese di maggio dell’anno successivo, quello di C. rudis. Da pupe raccolte nel
2008, sono sfarfallati nel 2009 alcuni esemplari di V. brunnea e di Ph. caudata,
mentre nel corso del 2010 sono sfarfallati soltanto adulti di processionaria. Gli
indici di parassitizzazione rilevati per le crisalidi raccolte nel 2008 sono stati
pari all’11,87% per Ph. caudata, al 5,30% per V. brunnea e all’1,77% per C. rudis. Nel 2009 è stata rilevata una parassitizzazione del 4,18% per V. brunnea.
Le difficoltà incontrate nella conservazione dei contenitori in bosco non hanno
permesso di valutare la presenza di altri parassitoidi oltre la prima decade di
ottobre. Nel 2010 è stata confermata la sequenza di sfarfallamento dei parassitoidi sopra indicata ed è stata raccolta una specie del genere Conomorium in
corso di identificazione. In quest’ultimo anno di indagine la parassitizzazione
di V. brunnea è stata pari al 9,16% mentre quelle di Ph. caudata è stata pari a
0,83%. Altri ditteri sono in corso di identificazione. Inoltre, è stato evidenziato
tra i fattori di mortalità il ruolo-chiave di funghi entomopatogeni.
Parole chiave: Tachinidae, Bombyliidae, Ichneumonidae.
119
Sessione IV - Entomologia forestale. Presentazioni Posters
LE AREE DI INCRISALIDAMENTO DELLA PROCESSIONARIA
DEL PINO (TRAUMATOCAMPA (Thaumetopoea) PITYOCAMPA).
MAPPATURA DEI SITI E DINAMICHE DI COMPARSA DEGLI ADULTI
C. P. Bonsignore, F. Manti & E. Castiglione
Dipartimento OASI, Laboratorio di Entomologia ed Ecologia Applicata, Università “Mediterranea” di Reggio Calabria, Salita Melissari
E-mail: cbonsignore@unirc.it; francesco.manti@unirc.it
Una possibile stima della densità pupale di Traumatocampa (Thaumetopoea)
pityocampa (Denis & Schiffermüller) nelle aree di incrisalidamento potrebbe
rappresentare un’utile informazione dell’attività degli adulti del lepidottero. La
caratterizzazione di questi ambienti anche attraverso gli strumenti GPS e GIS
ha consentito di individuarne le caratteristiche e di associarle alla tipologia di
habitat. Nel Parco Nazionale d’Aspromonte è stata individuata un’area di studio
a 1.186 metri s.l.m. In una pineta di Pinus nigra Arnold sono state individuate
due chiarie identificate come aree di incrisalidamento denominate A e B, rispettivamente di 395,38 m2 e di 172,30 m2. A partire dall’ultima decade del mese di
Marzo 2010, le due aree sono state monitorate settimanalmente per individuare
le singole processioni di T. pityocampa e i suoi punti di interramento. Questi
ultimi sono stati georeferenziati e segnalati con una bandierina colorata identificativa. Per ognuno dei punti, settimanalmente a partire dall’ultima decade
di maggio fino ai primi di settembre, è stato effettuato il prelievo delle crisalidi dalla popolazione esaminata. In ambiente controllato, le crisalidi sono state
disposte singolarmente e osservate giornalmente fino allo sfarfallamento degli
adulti. Attraverso lo strumento GPS interfacciato alla tecnologia GIS, è stata
possibile effettuare anche la mappatura degli sfarfallamenti. Una giacitura non
pianeggiante del terreno, la poca presenza di piante e la quasi completa assolazione delle chiarie, associata ad una certa sofficità del terreno, caratterizza
queste aree. I siti di incrisalidamento georeferenziati sono stati 96. Il numero
totale delle crisalidi, prelevate in entrambe le aree, è stato di 12.662 e il numero
delle crisalidi integre è stato di 3.634. Il prelievo ha riguardato parzialmente
il potenziale contenuto totale delle pupe presenti. è stato rilevato il maggiore
numero di siti di interramento nell’area esposta a Sud-Est. La loro mappatura
ha permesso di individuare i punti di origine del volo del lepidottero e dei suoi
parassitoidi. Per il 2010 il numero delle crisalidi sfarfallate è stato complessivamente pari a 1.722. La percentuale di sfarfallamento per l’area (A) è stata pari al
20.85%, mentre per l’area B è stata pari a 26.52%. La conoscenza di queste aree,
da considerarsi aree sorgenti per le popolazioni del lepidottero, suggerisce in
ampi comprensori la possibilità di impiego di mezzi di lotta che tengano anche
conto della dinamica di formazione delle pupe.
Parole chiave: crisalidi, Habitat, GIS, source, Lepidoptera.
120
Sessione IV - Entomologia forestale. Presentazioni Posters
NOTIZIE PRELIMINARI SULLA
OCCIDENTALIS IN TOSCANA
BIOLOGIA
DI
LEPTOGLOSSUS
M. Bracalini, T. Panzavolta, G. Miniati, A. Logarzo, R. Tiberi & F. Croci
Dipartimento di Biotecnologie Agrarie, Sezione di Protezione delle Piante, Università degli Studi di Firenze, Via Maragliano 77, 50144 Firenze
E-mail: matteo.bracalini@unifi.it
Il neartico Leptoglossus occidentalis Heidemann (Hemiptera, Coreidae), introdotto in Italia nel 1999, è uno degli insetti spermofagi più temuti nelle pinete
di pino domestico, dove ha contribuito alla riduzione della produzione di pinoli
destinati al settore alimentare.
Da settembre a novembre 2009, in località Monte S. Michele (Greve in Chianti, FI), sono stati condotti sopralluoghi per verificare la presenza/assenza del
coreide, mediante campionamenti a cadenza quindicinale su 15 piante di pino
nero considerando 40 rami. Nel complesso sono stati riscontrati 219 individui:
neanidi, ninfe e adulti, la cui presenza è stata accertata principalmente nella
seconda metà di settembre.
Per il 2010 è stato programmato il monitoraggio in 3 aree boschive di Monte
S. Michele, a prevalenza di pino nero e ad una quota compresa tra 750-800 m
s.l.m. Le indagini sono state svolte da febbraio a novembre a cadenza quindicinale e in ogni area (circa 3 ha) il monitoraggio di L. occidentalis è stato condotto su 9 piante, scelte casualmente tra quelle con chioma libera e con rami
facilmente accessibili. Su questi sono stati conteggiati tutti gli individui di ogni
stadio di sviluppo. Sugli stessi rami è stata conteggiata la quantità di strobili
presenti a fine stagione 2009 e a fine stagione 2010. Nella stessa località sono
state inoltre raccolte 41 ovature di L. occidentalis, sulle quali è stato possibile
valutare l’incidenza degli antagonisti naturali indigeni.
Rispetto all’autunno del 2009 è emersa, nel 2010, una consistente diminuzione numerica della popolazione di L. occidentalis nell’area di studio. Tuttavia,
dall’esame dei dati raccolti è emerso un picco di attività degli stadi giovanili
nella prima metà di luglio e ciò lascia presupporre la possibilità della specie di
completare un’unica generazione nell’area indicata, con una possibile scalarità
delle ovideposizioni. Nel 2010 la produzione degli strobili è risultata significativamente inferiore (-72%) e ciò, insieme alle più basse temperature registrate lo
stesso anno, può aver determinato il calo demografico.
Dall’esame delle ovature è emersa una parassitizzazione del 13% delle uova attribuibile principalmente dall’eupelmide Anastatus bifasciatus (Fonsc.), mentre il
15% è risultato predato.
Al fine di verificare le attuali conoscenze sulla biologia di L. occidentalis è auspicabile il proseguimento delle indagini nell’area di studio.
Parole chiave: Anastatus bifasciatus, cimice americana, monitoraggio, pino nero.
121
Sessione IV - Entomologia forestale. Presentazioni Posters
MODALITÀ DI TRATTAMENTO DI LEGNI DI CONIFERE SECONDO
LO STANDARD FAO ISPM-15 E SOPRAVVIVENZA DI NEMATODI DEL
GENERE BURSAPHELENCHUS*
B. Carletti1, F. Binazzi, F. Puleri1, F. Surico1, O. Allegretti2, S. Ferrari2 & P. F.
Roversi1
CRA-ABP, Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura, Centro
di Ricerca per l’Agrobiologia e la Pedologia, Laboratorio di Nematologia, Via di
Lanciola 12/a, Cascine del Riccio, 50125 Firenze E-mail: beatrice.carletti@isza.it
2
CNR-IVALSA, Via Biasi 75, 38010 San Michele all’Adige (TN)
1
La Direttiva EU 2000/29/EC indica come metodologia idonea per una efficace
disinfestazione del legno dalla presenza di vari organismi nocivi, incluso il nematode da quarantena Bursaphelenchus xylophilus (Steiner & Buhrer), il trattamento K.D. (kiln drying) che richiede di abbassare il contenuto di umidità al
di sotto del 20%, utilizzando un’appropriata combinazione tempo/temperatura.
Nella direttiva il dettaglio di cosa si intenda per ‘appropriata combinazione’
non è indicato in modo univoco e pertanto in ambito industriale si osserva
l’utilizzo di 3 differenti range di temperature: 15 – 45 °C; 45 – 90 °C; >90 °C.
Nell’ambito di indagini svolte in collaborazione tra Italia, Germania, Austria e
Slovenia è stata testata l’efficacia di trattamenti standard conformi alla normativa ISPM-15, per la disinfestazione di legnami di conifere artificialmente infestati con un isolato di Bursaphelenchus mucronatus Mamiya & Enda fornito dal
Julius Kühn-Institut di Braunschweig. Tronchetti di Pinus pinaster Aiton sono
stati inoculati con circa 8000 esemplari del nematode e mantenuti per 3 settimane in una stanza climatizzata a 24-26 °C. Dopo tale periodo il materiale è stato
posto in un essiccatoio convenzionale a tunnel con ricircolo parziale dell’aria ed
un sistema di misura e controllo di temperatura (T) e umidità del legno (UL). T
e UL sono state misurate mediante sonde inserite nei campioni di legno (media
dei valori di 3 sonde per ciascun campione). La prova prevedeva 3 blocchi con 3
tesi ciascuno replicate 4 volte. Le prove hanno permesso di rilevare che la totale
disinfestazione del materiale, con mortalità del 100% dei nematodi presenti, si
ottiene solo con il trattamento più energico, con il quale si è raggiunta e mantenuta per almeno 30’ la temperatura di 65 °C all’interno dei campioni. Il mantenimento della temperatura di 65 °C per 15’ non è invece sufficiente in quanto,
pur se in misura minima (0,02%), sono stati estratti dai tronchetti così trattati
esemplari ancora vivi di B. mucronatus. Esemplari vivi sono stati ottenuti anche
dal legname trattato a 56 °C per 60’ (1,6%).
Parole chiave: kiln drying, nematodi da quarantena, Bursaphelenchus xylophilus,
Bursaphelenchus mucronatus.
* Ricerche svolte nell’ambito del Progetto UE EUPHRESCO “PEKID – Phytosanitary Efficacy of Kiln Drying” (MIPAAF, DM 14480/7303/2008).
122
Sessione IV - Entomologia forestale. Presentazioni Posters
INDAGINE STORICA SUI FITOFAGI FORESTALI DEL PIEMONTE*
G. Della Beffa & A. Mosca
IPLA S.p.A., Istituto per le Piante da Legno e l’Ambiente, Corso Casale 476,
10132 Torino. E-mail: dellabeffa@ipla.org
Questa ricerca rappresenta un primo passo nella costruzione di una banca dati
storica delle infestazioni forestali registrate in Piemonte. I dati pubblicati su
riviste e testi sono stati integrati sfogliando migliaia di appunti e schede depositate presso varie istituzioni. Le fonti consultate comprendono:
- diari dell’Osservatorio Malattie delle Piante (1922-1933 e 1938-1958);
- schede dei campioni registrati al Settore Fitosanitario Regionale (1984-2010);
- dati del monitoraggio Ipla sui boschi defogliati ad opera di lepidotteri (2000-2003);
- archivio Ipla principali fitopatie del patrimonio forestale piemontese (2001-2006);
- dati Ipla del progetto rete monitoraggio fitopatologico (2007-2009);
- schede dei comandi provinciali del Corpo Forestale dello Stato;
- dati DiVaPRA del progetto Interreg IIIA I-CH 2000-2006 su pinete valli alpine;
- appunti di entomologi piemontesi;
- Bollettini del Laboratorio Sperimentale e Regio Osservatorio di Fitopatologia;
- Annali del Settore Fitosanitario Regionale (dal 2000);
- testi e pubblicazioni varie.
I dati sono stati registrati eliminando eventuali duplicati, aggiornando la nomenclatura e indicando fonte, data, agente e località, specie botanica e intensità
del danno se note. Ad oggi sono state raccolte 1600 segnalazioni riguardanti
fitofagi forestali, con la segnalazione più datata del 1833. Dopo un buon inizio
nel primo decennio del XX secolo (circa 50 segnalazioni), i dati scendono nei
due decenni successivi, per poi risalire dagli anni ’30 ai ’50. Per gli anni ’60 si
sono invece trovate poche segnalazioni. Dagli anni ’70 i dati raddoppiano ogni
decennio fino al più recente in cui, grazie a specifici progetti di monitoraggio,
ricade oltre il 50% delle segnalazioni. Complessivamente sono emersi 116 diversi
fitofagi, nella maggior parte dei casi identificati fino alla specie, ma talvolta solo
al genere (16), alla famiglia (6) o ad un gruppo generale (2) e pertanto il numero
di distinte unità sistematiche scende a poco meno di 100. In una quarantina di
casi si tratta di organismi segnalati solo una volta e quasi altrettanti sono quelli
con meno di 10 segnalazioni. Solo per 3 specie si sono trovate più di 100 segnalazioni, due con implicazioni anche di carattere medico (Euproctis chrysorrhoea
e Traumatocampa pityocampa) e una colturale (Dryocosmus kuriphilus). L’ordine
con più segnalazioni è quello dei lepidotteri (893 appartenenti a 29 specie), seguito da imenotteri (325 con 10 specie), coleotteri (197 con 32 specie), emitteri
(156 con 23 specie), ortotteri (25 con 2 specie) e ditteri (13 con 3 specie). La
banca dati così creata continuerà ad essere implementata con altri dati.
Parole chiave: indagine storica, fitofagi, foreste, Piemonte.
* Progetto finanziato con programma di cooperazione transfrontaliera ItaliaFrancia-Svizzera ALCOTRA.
123
Sessione IV - Entomologia forestale. Presentazioni Posters
SEGNALAZIONI DI XYLOSANDRUS CRASSIUSCULUS (COLEOPTERA,
CURCULIONIDAE, SCOLYTINAE) IN ITALIA NORD ORIENTALE
M. Faccoli1, E. Petrucco Toffolo1, M. Vettorazzo2 & G. Narduzzo3
Dipartimento di Agronomia Ambientale, Università degli Studi di Padova, Viale dell’Università 16, 35020 Legnaro (PD)
E-mail: massimo.faccoli@unipd.it
2
Servizi Fitosanitari, Regione Veneto, Viale Agricoltura 1, 37060 Buttapietra (VR)
3
Servizio Forestale di Treviso, Regione Veneto
1
In giugno 2010 sono state rinvenute gravi infestazioni di coleotteri scolitidi del
genere Xyleborus distribuite in vari castagneti pedemontani della provincia di
Treviso. Gli attacchi hanno interessato oltre 170 piante di castagno da frutto
sofferenti per intense infestazioni dell’imenottero cinipide Dryocosmus kuriphilus
Yasumatsu. Nel comune di Selva del Montello, nei mesi di giugno e luglio, sono
stati rinvenuti anche numerosi esemplari dello scolitide Xylosandrus crassiusculus (Motschulsky), specie esotica nuova per l’Italia nord-orientale. X. crassiusculus è un piccolo scolitide xilematico (2,1-2,9 mm) originario delle regioni tropicali dell’Asia da dove è stato successivamente introdotto in Africa e in America
settentrionale. La prima segnalazione italiana del 2003 ha interessato varie località delle province di Pisa, Livorno e Firenze. Recenti ed estese infestazioni
sono state registrate anche in Liguria a carico di piante di carrubo. La specie
è estremamente polifaga su latifoglie, con oltre 100 ospiti noti. Gli adulti attaccano tronchi freschi e non scortecciati, o la parte medio-bassa di giovani alberi
fortemente debilitati, anche in modo temporaneo. L’ospite in genere soccombe
nel giro di poche settimane, con un danno tecnologico sempre notevole a causa
delle gallerie scavate nel legno. L’attacco è facilmente riconoscibile grazie all’emissione di cilindretti di rosura che sporgono per qualche centimetro dai fori
d’ingresso scavati dagli adulti. Nei nostri ambienti la specie compie solitamente
due generazioni l’anno, con volo primaverile di avvio della prima generazione in
maggio inoltrato e svernamento degli adulti di seconda generazione all’interno
delle piante colpite durante l’estate.
Si ritiene che l’introduzione in Italia – per ora unico paese Europeo interessato
– sia avvenuta tramite il commercio internazionale di legname fresco di latifoglie. Le popolazioni rinvenute per la prima volta in Veneto rappresentano finora
le più settentrionali d’Europa. Poiché negli stessi mesi alcuni esemplari sono
stati rinvenuti anche nei porti di Marghera (VE) e Monfalcone (GO), in trappole
per scolitidi disposte per l’intercettazione di specie esotiche, sembrerebbe che le
popolazioni venete derivino da neo-introduzioni piuttosto che da un’espansione
di quelle tosco-liguri. La lotta può essere preventiva, mantenendo il soprassuolo in buone condizioni vegetative, o repressiva applicando tagli fitosanitari sul
materiale infestato. Non sono finora noti feromoni specifici per X. crassiusculus,
sebbene catture di adulti si possano ottenere mediante trappole ad intercettazione innescate con etanolo, come realizzato in provincia di Treviso.
Parole chiave: specie esotiche, monitoraggio, commercio internazionale.
124
Sessione IV - Entomologia forestale. Presentazioni Posters
PRIMA SEGNALAZIONE DI RHYNCHOPHORUS
(COLEOPTERA, DRYOPHTHORIDAE) IN VENETO
FERRUGINEUS
M. Faccoli1, M. Vettorazzo2, M. Zampini2, G. Zanini2 & A. Battisti1
Dipartimento di Agronomia Ambientale, Università degli Studi di Padova, Viale dell’Università 16, 35020 Legnaro (PD)
E-mail: massimo.faccoli@unipd.it
2
Regione Veneto, Servizi Fitosanitari, Viale Agricoltura 1, 37060 Buttapietra (VR)
1
Nel corso dell’estate 2010, nell’ambito di un programma regionale gestito dai
Servizi Fitosanitari della Regione Veneto e finalizzato all’intercettazione di specie esotiche, nel comune di Jesolo (VE) sono state collocate trappole per la cattura di adulti del punteruolo rosso, Rhynchophorus ferrugineus (Olivier, 1790)
(Coleoptera, Dryophthoridae). In dicembre, allo smantellamento delle trappole,
è stato possibile rinvenire sette esemplari adulti di punteruolo rosso, essiccati
ma in buone condizioni di conservazione.
Rhynchophorus ferrugineus è un curculionoideo originario dell’Asia sudorientale
e della Melanesia, dove è responsabile di ingenti danni alle coltivazioni di palma
da cocco (Cocos nucifera). A seguito del commercio internazionale di palme, a
partire dagli anni ottanta la specie si è diffusa in quasi tutti i paesi del Bacino
del Mediterraneo. La prima segnalazione italiana è del 2004 (Pistoia); nel 2005
viene segnalato in Sicilia e poi rapidamente in altre regioni italiane (Campania,
Lazio, Toscana, Liguria, Marche, Abruzzo e Puglia). In Veneto la specie risultava finora assente.
Rhynchophorus ferrugineus colpisce numerose specie di palme, sia di interesse
ornamentale (Phoenix canariensis e Phoenix dactylifera) che economico (Cocos
nucifera e Elaeis guineensis). Le infestazioni di Rhynchophorus ferrugineus possono rimanere a lungo asintomatiche in quanto le larve, scavando in profondità
nel fusto della pianta ospite, non compromettono da subito gli organi vitali
dell’ospite.
I sintomi più caratteristici sono costituiti da un anomalo portamento della chioma, che progressivamente collassa assumendo un caratteristico aspetto “ad ombrello”. In seguito ad attacchi successivi protratti a carico della stessa palma,
si arriva alla perdita completa delle foglie, per cedimento del rachide fogliare, e
alla morte della pianta. Nel corso dell’inverno 2010 e della primavera 2011 verrà
attivato uno specifico programma di eradicazione del punteruolo rosso – come
richiesto dalle direttive dell’Unione Europea – basato sul censimento di tutte le
palme presenti nel comune di Jesolo e nei comuni limitrofi. Le piante trovate
attaccate da Rhynchophorus ferrugineus o mostranti i tipici sintomi di colonizzazione verranno immediatamente abbattute e distrutte mediante cippatura. Il
monitoraggio delle piante colpite e il trappolaggio degli adulti continuerà per
tutto il 2011.
Parole chiave: specie esotiche, monitoraggio, invasioni biologiche.
125
Sessione IV - Entomologia forestale. Presentazioni Posters
DISINFESTAZIONE DI LEGNAME DI CONIFERE CON TRATTAMENTI
KILN DRYING*
V. Francardi1, F. Pennacchio1, J. de Silva1, C. Benvenuti1, S. Simoni1, O. Allegretti2, S. Ferrari2 & P. F. Roversi1
CRA, Centro di Ricerca per l’Agrobiologia e la Pedologia, Laboratorio di Entomologia, Via di Lanciola 12/a, 50125 Firenze.
E-mail: valeria.francardi@entecra.it
2
CNR-IVALSA, Via Biasi 75, 38010 San Michele all’Adige (TN)
1
Nell’ambito di verifiche sull’efficacia delle metodologie di disinfestazione dei legnami accettate a livello internazionale, sono stati sperimentati schemi di trattamento termico utilizzabili per tondami di conifere. Porzioni di fusti di Pino
marittimo infestati da Ips sexdentatus (Börner) e Monochamus galloprovincialis
(Olivier) e di Abete rosso infestati da Ips typographus (Linnaeus), sono stati sottoposti mediante trattamenti di “kiln drying” a differenti combinazioni tempo
di esposizione – temperature.
Il tondame è stato dapprima disidratato mediante esposizione a temperature
comprese fra 30 e 40 °C per ottenere livelli di umidità inferiori al 20% e quindi
trattato con temperature di 50 °C, 61 °C e 70 °C fino al raggiungimento di temperature di 45 °C, 56 °C e 65 °C nella parte centrale. Raggiunte tali temperature
parte del materiale legnoso di ciascun gruppo è stato tolto dal forno dopo 15
minuti, parte dopo 30 minuti e parte dopo 60 minuti.
L’efficacia del trattamento è stata verificata mediante il controllo degli sfarfallamenti ottenuti dal materiale stoccato a temperatura ambiente, cui si è aggiunto
l’esame diretto delle condizioni degli esemplari estratti dal tondame nel caso dei
campioni infestati dalle larve del cortico-lignicolo M. galloprovincialis.
Mentre per tutti gli stadi di sviluppo di I. sexdentatus e I. typographus è stata
confermata la validità del trattamento a 45 °C per 15 minuti, registrando in tutti
i casi una mortalità del 100%, l’esposizione a 56 °C per 30 minuti è risultata la
più bassa combinazione temperatura-tempo necessaria per il controllo di M.
galloprovincialis.
Parole chiave: kiln drying, Ips sexdentatus, Ips typographus, Monochamus galloprovincialis.
* Ricerche svolte nell’ambito del Progetto UE EUPHRESCO “PEKID – Phytosanitary Efficacy of Kiln Drying” (MIPAAF, DM 14480/7303/2008).
126
Sessione IV - Entomologia forestale. Presentazioni Posters
OSSERVAZIONI SULLA FENOLOGIA DI TOMICUS DESTRUENS
(COLEOPTERA, CURCULIONIDAE, SCOLYTINAE) IN PINETE DELLA
CAMPANIA
M. Gebiola & A. P. Garonna
Dipartimento di Entomologia e Zoologia Agraria “Filippo Silvestri”, Università
degli Studi di Napoli “Federico II”, Via Università 100, 80055 Portici (NA)
E-mail: marco.gebiola@unina.it
La revisione tassonomica che ha dimostrato la validità della specie Tomicus destruens (Wollaston), il blastofago distruttore del pino, come entità biologica distinta da Tomicus piniperda (Linnaeus), ha creato le condizioni per nuove indagini sulle popolazioni italiane di T. destruens, per superare l’incerta attribuzione
di dati biologici presenti in letteratura.
Gli unici dati disponibili per la Campania, peraltro controversi, riguardanti tale
scolitide risalgono al periodo che precede il secondo conflitto mondiale. Scopo
della presente indagine è stato lo studio della fenologia e voltinismo dello scolitide in alcune pinete campane. La ricerca è stata effettuata nel biennio novembre 2008-ottobre 2010 nei seguenti ambienti: la pineta litoranea di Pinus pinea e
Pinus halepensis di Eboli e la pineta di Pinus pinea e Pinus pinaster nella Riserva
forestale Tirone-Alto Vesuvio del Parco Nazionale del Vesuvio. Negli ambienti
selezionati le osservazioni sono state svolte utilizzando tronchetti-esca, ottenuti
da piante abbattute in periodi critici rispetto alla biologia del fitofago. Tali tronchetti, una volta infestati da T. destruens, sono stati posti in fotoeclettori o box
di allevamento sia per l’esame degli stadi pre-immaginali e degli adulti tramite
scortecciamento sia per determinare la curva di sfarfallamento della specie. In
ciascun sito sono stati utilizzati data logger per la registrazione dei dati termo
igrometrici di campo.
I dati biologici rilevati evidenziano che questo scolitide svolge un ciclo principale che inizia nell’autunno (in genere settembre-ottobre) e si completa nella
primavera successiva, con lo sfarfallamento concentrato nel mese di maggio. Gli
individui di questo ciclo svernano da larva per trasformarsi in pupa nell’aprile
seguente. Numerosi adulti parentali trascorrono invece l’inverno nelle gallerie o
nei germogli, per avviare l’attività riproduttiva nel mese di febbraio. Tale ciclo
termina a giugno, con circa un mese di ritardo rispetto al ciclo principale. Gli
adulti neosfarfallati di entrambi i cicli si dirigono sulle chiome dei pini per la
fase di alimentazione. Nuovi focolai di infestazione si evidenziano solo a fine
estate. Le densità di popolazione registrate in campo sono risultate molto variabili per anno, per ambiente e tipo di ciclo oltre che per il diametro del tronco
in corrispondenza della zona infestata. La densità di attacco registrata nelle
stazioni del Vesuvio e di Eboli è variata rispettivamente da un minimo di 0,15 e
0,07 a un massimo di 2,86 e 2,11 gallerie/dm 2.
Parole chiave: blastofago distruttore, Pinus, voltinismo.
127
Sessione IV - Entomologia forestale. Presentazioni Posters
MODALITÀ DI SVERNAMENTO DI GLYCASPIS BRIMBLECOMBEI
(HEMIPTERA, PSYLLIDAE) NELLE AREE DI RECENTE INTRODUZIONE
IN ITALIA
S. Laudonia1 & R. Sasso2
Dipartimento di Entomologia e Zoologia agraria “Filippo Silvestri”, Università
degli Studi di Napoli “Federico II”, Via Università 100, 80055 Portici (NA)
E-mail: laudonia@unina.it
2
ENEA C.R. Casaccia, UTAGRI-ECO, Roma
E-mail: raffaele.sasso@enea.it
1
Nel periodo giugno-agosto del 2010, in diverse località di Campania, Basilicata
e Lazio, su Eucalyptus camaldulensis, e su ibridi della stessa specie vegetale,
sono state individuate infestazioni più o meno severe di Glycaspis brimblecombei
Moore (Hemiptera, Psyllidae), la psilla dal follicolo bianco ceroso dell’Eucalipto
rosso. Non è noto come la specie sia giunta sul territorio nazionale, ma è ipotizzabile una sua diffusione passiva.
La psilla, originaria dell’Australia, è nota con il nome comune di “red gum lerp
psyllid” e ciò in riferimento al nome comune di E. camaldulensis (red gum) e
alla produzione dei caratteristici “lerps”, follicoli di protezione di colore bianco,
secreti dagli stadi preimmaginali e costituiti da cera e melata cristallizzata. Il
termine “lerps”, in lingua aborigena, sta ad indicare sostanze di sapore dolciastro di diversa origine, generalmente essudati prodotti da vegetali o insetti,
utilizzate comunemente come alimento. G. brimblecombei è considerata invasiva
ed estremamente dannosa in California, Florida, Argentina, Cile, Mauritius e
Madagascar.
Le prime segnalazioni per l’Europa e l’area Paleartica riguardano la Penisola
Iberica. Nel primo anno di presenza della specie in Italia, sono stati avviati
studi sulla modalità di svernamento nelle aree di nuova introduzione. In particolare sono stati condotti campionamenti settimanali in un parco urbano di
Napoli, e, a partire dal mese di gennaio, anche nel Lazio in località Casaccia
e Bracciano. I dati raccolti hanno permesso di verificare la composizione delle
popolazioni della psilla in termini di prevalenza e presenza degli stadi preimmaginali e degli adulti. Nel medesimo periodo sono stati inoltre valutati la presenza e l’impatto dell’antagonismo naturale ad opera di entomofagi autoctoni.
I risultati della ricerca indicano che G. brimblecombei sverna in tutti gli stadi continuando anche nel periodo invernale la propria attività di riproduzione.
L’incidenza degli antagonisti è stata, nel periodo considerato, poco consistente e
limitata a predazione da parte di generalisti, mentre non è stata rilevata alcuna
attività di entomoparassitoidi. Tra i nemici naturali conosciuti di G. brimblecombei vi è Psyllaephagus bliteus Riek (Hymenoptera, Encyrtidae), che è stato
con successo introdotto dall’Australia nelle aree di neo-colonizzazione neartiche.
Parole chiave: psilla dal follicolo bianco ceroso, Eucalyptus camaldulensis, specie
invasiva.
128
Sessione IV - Entomologia forestale. Presentazioni Posters
Ampliamento dell’areale di Traumatocampa pityocampa
in Sicilia
R. Lo Duca1, M. Maltese2 & V. Caleca2
Via Roma 248, 90045 Cinisi (PA)
Dipartimento DEMETRA, Università di Palermo, Viale delle Scienze, edificio
5, 90128 Palermo E-mail: caleca@unipa.it
1
2
È stato effettuato un monitoraggio della processionaria dei pini, Traumatocampa pityocampa (Denis & Schiffermüller), in tutta l’isola, con particolare attenzione alle aree presenti lungo il limite occidentale e meridionale dell’areale di
distribuzione finora noto in Sicilia, al fine di registrare una sua eventuale espansione; tra il 2008 e il 2010, mediante il rilievo dei nidi invernali presenti sia nelle
pinete che nelle aree residenziali, sono stati monitorati 209 quadranti UTM (che
presentano 10 km di lato).
L’areale di diffusione di T. pityocampa noto fino al 2007 in Sicilia includeva 26
quadranti di documentata presenza, nelle province di Catania, Messina, Enna
e Trapani (con la sola Pantelleria), mentre per altri 38 quadranti delle province
di Messina, Catania e Siracusa tuttora non si hanno dati certi. Anche se la
presenza del lepidottero può ancora considerarsi sporadica, nel 2009 sono stati
riscontrati i primi nidi nella parte orientale della provincia di Palermo, nella
parte nord-orientale della provincia di Caltanissetta e nelle aree più interne e
montuose delle province di Ragusa e Siracusa.
Alla luce dei rilievi condotti durante questa ricerca sono 19 i quadranti UTM
in cui i nidi del lepidottero sono stati riscontrati per la prima volta: 15 di questi
quadranti sono al limite ovest dell’areale, nelle province di Enna, Caltanissetta
e Palermo, 1 quadrante è al limite nord-est sul versante meridionale dei Nebrodi
messinesi, un altro è nella Piana di Catania, mentre 2 sono a sud nelle province
di Ragusa e Siracusa. Nel Parco Naturale delle Madonie la processionaria dei
pini è risultata ancora assente, anche se alcuni nidi sono stati riscontrati a circa
due chilometri dai suoi confini sud-orientali. Nella provincia di Enna si è registrato l’ingresso del fitofago all’interno delle riserve naturali di “Monte Altesina”, “Rossomanno, Grottascura, Bellia” e “Lago di Pergusa”, mentre nella provincia di Siracusa all’interno della riserva naturale di “Pantalica, Valle dell’Anapo, Torrente Cava Grande”. Nelle aree che fino al 2007 erano considerate il
limite di diffusione del lepidottero è stato registrato un incremento del numero
di nidi presenti. L’essenza arborea preferita appare anche in questi monitoraggi
il pino nero; T. pityocampa è stata registrata anche su pino d’Aleppo, pino domestico e altri pini esotici. L’areale di distribuzione della processionaria appare
in netta espansione, soprattutto verso ovest. Questa ricerca precisa i limiti di
questo areale permettendo di misurare in futuro la velocità del lepidottero nel
diffondersi in nuove aree.
Parole chiave: processionaria dei pini, nidi invernali, distribuzione.
129
Sessione IV - Entomologia forestale. Presentazioni Posters
EFFETTI SUGLI OOPARASSITOIDI DI TRATTAMENTI ENDOTERAPICI
CONTRO LA PROCESSIONARIA DEL PINO IN SICILIA
EFFETTI SUGLI OOPARASSITOIDI DI TRATTAMENTI ENDOTERAPICI
CONTRO
PROCESSIONARIA
DEL
PINO IN SICILIA
1
2
S.
Longo1, LA
V. Pappalardo
& A. Sidoti
1
Sidoti2Agroalimentari e Ambientali, Sezione EnS.
Longo1, V. Pappalardo
Dipartimento
di Gestione &
deiA.Sistemi
tomologia
agraria, Via S. Sofia 100, 95123 Catania E-mail: longosan@unict.it
1
2 Dipartimento di Gestione dei Sistemi Agroalimentari e Ambientali, Sezione
Regione Siciliana, Assessorato Risorse Agricole e Alimentari, Dipartimento
EntomologiaAzienda
agraria, Via
S. Sofia
100, 95123Servizio
Catania Fitosanitario
E-mail: longosan@unict.it
Regionale
Foreste
Demaniali,
Forestale, Via
2
Regione 34,
Siciliana,
Assessorato
Sclafani
95024 Acireale
(CT) Risorse Agricole e Alimentari, Dipartimento
Regionale Azienda Foreste Demaniali, Servizio Fitosanitario Forestale, Via Sclafani
34,controllo
95024 Acireale
(CT) della Processionaria del pino, Traumatocampa pityoIl
demografico
1
campa (Denis & Schiffermüller, 1775), presenta maggiori difficoltà soprattutto
Il controllo demografico della Processionaria del pino, Traumatocampa pityocampa
nelle piante di notevole altezza in aree destinate a fruizione turistica. Per il con(Denis & Schiffermüller, 1775), presenta maggiori difficoltà soprattutto nelle piante
trollo demografico del defogliatore, nei mesi di novembre e dicembre del 2006
di notevole altezza in aree destinate a fruizione turistica. Per il controllo demografico
e del 2007, l’Azienda Foreste Demaniali, su 20 piante di due popolamenti di
del defogliatore, nei mesi di novembre e dicembre del 2006 e del 2007, l’Azienda
pino laricio dell’età di circa 25-30 anni, siti a Piano Vetore e Piano ProvenzaForeste Demaniali, su 20 piante di due popolamenti di pino laricio dell’età di circa 25na
(demanio
regionale
dell’Etna)
a quote comprese
1800 dell’Etna)
e 1900 ma s.l.m.,
30 anni,
siti a Piano
Vetore
e Piano Provenzana
(demanio fra
regionale
quote
ha
effettuato
interventi
sperimentali
con
metomil
in
formulazione
autorizzata
comprese fra 1800 e 1900 m s.l.m., ha effettuato interventi sperimentali con
metomil
per
le applicazioni
endoterapiche.
Nel mese endoterapiche.
di aprile del Nel
2008,
in ciascun
in formulazione
autorizzata
per le applicazioni
mese
di aprile podel
polamento,
sono
state
raccolte
20
ovature,
10
dalle
piante
trattate
e trattate
10 dallee
2008, in ciascun popolamento, sono state raccolte 20 ovature, 10 dalle piante
testimoni,
che sono
dissezionate
alloallo
stereomicroscopio
10 dalle testimoni,
che state
sono state
dissezionate
stereomicroscopioper
per evidenziare
evidenziare
gli
effetti
dei
trattamenti
sulla
Processionaria
e
sull’attività
degli
ooparassitoidi.
gli effetti dei trattamenti sulla Processionaria e sull’attività degli ooparassitoidi.
II dati
datirilevati
rilevatisono
sono
riportati
nella
tabella
seguente.
riportati
nella
tabella
seguente.
Lungh. N° medio % di uova di % di uova di % di uova di
Campione media
uova T.pityocampa T.pityocampa T.pityocampa
(cm.) per ovat.
Schiuse
Non Schiuse Parassitizzate
Testimone 3,0
236,8
87,6
4,2
8,2
P.no Vetore
Trattato
2,9
220,6
88,2
3,2
8,7
P.no
Testimone 2,2
171,4
54,0
13,0
33,1
Provenzana Trattato
2,3
165,8
41,5
14,2
44,3
Località
Dai dati
nonnon
sono
emerse
differenze
tra itra
campioni
Dai
dati rilevati,
rilevati,ininciascun
ciascunpopolamento,
popolamento,
sono
emerse
differenze
i camprovenienti
dalle piante
non trattate
riguardo
allariguardo
lunghezza,
numero di
pioni
provenienti
dalle trattate
piante etrattate
e non
trattate
allaal lunghezza,
uova
per ovatura
e alla
di parassitizzazione.
Non differente è risultata,
inoltre, laè
al
numero
di uova
per%ovatura
e alla % di parassitizzazione.
Non differente
composizione
specifica
dei parassitoidi
e la loro
percentuale
sul incidennumero
risultata,
inoltre,
la composizione
specifica
deiincidenza
parassitoidi
e la loro
complessivo
di uova
presenti.complessivo
In entrambi i di
popolamenti
è stataInriscontrata
za
percentuale
sul numero
uova presenti.
entrambilai presenza
popoladi tre specie
ooparassitoidi:
Ooencyrtus
pityocampae
(Mercet) (fam. Encyrtidae),
menti
è statadiriscontrata
la presenza
di tre
specie di ooparassitoidi:
Ooencyrtus
Trichogramma
embryophagum
(Hartig)
(Trichogrammatidae)
e Anastatus bifasciatus
pityocampae (Mercet) (fam. Encyrtidae), Trichogramma embryophagum
(Hartig)
(Geoffroy) (Eupelmidae).
Nella stazione
di Piano
Provenzana
è stata inoltreNella
accertata
(Trichogrammatidae)
e Anastatus
bifasciatus
(Geoffroy)
(Eupelmidae).
stala presenza
di Baryscapus
servadeii
specie nondiriscontrata
in
zione
di Piano
Provenzana
è stata (Dom.)
inoltre (Eulophidae),
accertata la presenza
Baryscapus
precedenti(Dom.)
indagini (Eulophidae),
sull’Etna a quote
superiori
1000 m s.l.m.in precedenti indagini
servadeii
specie
nona riscontrata
sull’Etna
a quote
superiori a pityocampa,
1000 m s.l.m.
Parole chiave:
Traumatocampa
interventi, ovature, parassitizzazione.
Parole chiave: Traumatocampa pityocampa, interventi, ovature, parassitizzazione.
130
Sessione IV - Entomologia forestale. Presentazioni Posters
Sessione IV - Entomologia forestale. Presentazioni Posters
MONITORAGGIO DELLA PROCESSIONARIA DEI PINI IN SICILIA
S. Longo1, V. Pappalardo1 & A. Sidoti2
MONITORAGGIO DELLA PROCESSIONARIA DEI PINI IN SICILIA
Dipartimento
di Gestione 1dei Sistemi 2Agroalimentari e Ambientali, Sezione En1
, V. Pappalardo
& A.100,
Sidoti
S. Longoagraria,
tomologia
Via S. Sofia
95123 Catania E-mail: longosan@unict.it
2
Regione
Siciliana, Assessorato Risorse Agricole e Alimentari, Dipartimento
1
Dipartimento di Gestione dei Sistemi Agroalimentari e Ambientali, Sezione
Regionale
Azienda Foreste Demaniali, Servizio Fitosanitario Forestale, Via
Entomologia agraria, Via S. Sofia 100, 95123 Catania E-mail: longosan@unict.it
Sclafani
34,
95024 Acireale (CT)
2
1
Regione Siciliana, Assessorato Risorse Agricole e Alimentari, Dipartimento
Regionale Azienda Foreste Demaniali, Servizio Fitosanitario Forestale, Via Sclafani
Nelle
etnee, la(CT)
Processionaria del pino, Traumatocampa pityocampa (De34,pinete
95024 Acireale
nis & Schiffermüller, 1775), causa periodiche defogliazioni e, nelle aree soggette aNelle
fruizione
pone problemi
sanitari.
Per limitare
le pullulazioni
pinete turistica,
etnee, la Processionaria
del pino,
Traumatocampa
pityocampa
(Denis & del
Schiffermüller,
1775), causa
periodiche
defogliazioni
e, nelle
soggette
a fruizione
defogliatore
è necessario
mettere
in atto
misure di
lottaaree
basate
sull’integrazione
turistica,
problemi
Per limitarerichiede
le pullulazioni
delacquisizioni
defogliatore sulla
è
di vari
mezzipone
e metodi
la sanitari.
cui applicazione
adeguate
necessario
mettere in atto
di lotta L’andamento
basate sull’integrazione
varimaschi,
mezzi ecatbiologia
e sull’etologia
del misure
lepidottero.
dei voli didei
metodi
cui applicazione
richiede adeguate
e sull’etologia
turati
conlatrappole
tipo mass-trap
large acquisizioni
innescate sulla
con biologia
il feromone
di sintesi,
del lepidottero.
L’andamento
voliinvernali
dei maschi,
con trappole
tipo mass-trap
la consistenza
numerica
dei dei
nidi
e catturati
delle ovature,
nonché
il grado di
large innescate con
il feromone
di sintesi,
consistenza
numerica
nidi invernali
parassitizzazione,
sono
stati indagati
dalla 2005
al 2008,
anchedeinell’ambito
dieuna
delle ovature, nonché il grado di parassitizzazione, sono stati indagati dal 2005 al
convenzione con l’Ente Parco dell’Etna e nel 2009-2010 di concerto con l’A2008, anche nell’ambito di una convenzione con l’Ente Parco dell’Etna e nel 2009zienda Foreste Demaniali, al fine di acquisire elementi utili per la previsione
2010 di concerto con l’Azienda Foreste Demaniali, al fine di acquisire elementi utili
dell’andamento
della
gradazionedella
e delle
eventuali
defogliazioni,
in 6 stazioni
per la previsione
dell’andamento
gradazione
e delle
eventuali defogliazioni,
in 6 a
pinostazioni
laricioa pino
dell’Etna,
poste
a
quote
comprese
fra
1500
e
1900
m
s.l.m.
laricio dell’Etna, poste a quote comprese fra 1500 e 1900 m s.l.m.
Dati sugli stadi biologici di Traumatocampa pityocampa rilevati nelle pinete etnee
Dati sugli stadi biologici di Traumatocampa pityocampa rilevati nelle pinete etnee
ANNO
Numero medio
% uova
adulti/trapp. larve /nido
uova/ovat. schiuse non schiuse parass.
media 2005-07 327,0
117,8
176,3
48,5
13,9
37,6
2008
345,3
170,9
49,2
4,4
36,4
2009
167,1
111,8
171,6
45,8
13,8
40,5
2010
166,6
Nei primi tre anni d’indagini, il numero medio di adulti catturati è stato di 327
Nei individui
primi tre/trappola.
anni d’indagini,
il numero
mediodimezzato
di adulti nell’ultimo
catturati èbiennio.
stato diIl 327
Tale valore
si è pressoché
individui
/trappola.
Tale
valore
si
è
pressoché
dimezzato
nell’ultimo
numero medio di larve per nido e di uova per ovatura nel periodo 2005-2007biennio.
è stato Il
numero
medio didilarve
uova perdiovatura
nel periodo
2005-2007
rispettivamente
117,8per
e di nido
176,3;eladipercentuale
uova schiuse
è stata in media
del è
stato48,5%
rispettivamente
di 117,8
di 13,9%
176,3; mentre
la percentuale
di uova schiuse
è il
stata
e quella delle uova
sterilie del
le uova parassitizzate
sono state
in media
48,5%
e quella
uovamodeste
sterili del
13,9% mentre
le uova
parassi37,6%.delTali
valori
hannodelle
subito
variazioni
nell’ultimo
triennio.
Relativamente
in laboratorio
sfarfallati
quasivariazioni
esclusivamente
tizzate
sono stateagli
il ooparassitoidi,
37,6%. Tali valori
hannosono
subito
modeste
nell’uldell’imenottero
Encirtideagli
Ooencyrtus
pityocampae
specie
alla quale
è
timoadulti
triennio.
Relativamente
ooparassitoidi,
in (Mercet),
laboratorio
sono
sfarfallati
stato
imputato l’89% delle
parassitizzate e del
Tricogrammatide
Trichogramma
quasi
esclusivamente
adultiuova
dell’imenottero
Encirtide
Ooencyrtus
pityocampae
embryophagum
Hartig.
Occasionale
stata la presenza
dell’Eupelmide
Anastatus e
(Mercet),
specie alla
quale
è stato èimputato
l’89% delle
uova parassitizzate
bifasciatus
(Geoffroy)
e
dell’Eulofide
Baryscapus
servadeii
(Dom.).
del Tricogrammatide Trichogramma embryophagum Hartig. Occasionale è stata
Parole chiave:
Traumatocampa
pityocampa,
nidi, uova, Bala presenza
dell’Eupelmide
Anastatus
bifasciatusandamento
(Geoffroy)voli,
e dell’Eulofide
ooparassitoidi.
ryscapus
servadeii (Dom.).
Parole chiave: Traumatocampa pityocampa, andamento voli, nidi, uova, ooparassitoidi.
131
Sessione IV - Entomologia forestale. Presentazioni Posters
DIFFUSIONE IN SICILIA DEL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO
E DEI SUOI PARASSITOIDI INDIGENI
S. Longo1 & A. Sidoti2
Dipartimento di Gestione dei Sistemi Agroalimentari e Ambientali, Sezione Entomologia agraria, Via S. Sofia 100, 95123 Catania E-mail: longosan@unict.it
2
Regione Siciliana, Assessorato Risorse Agricole e Alimentari, Dipartimento
Regionale Azienda Foreste Demaniali, Servizio Fitosanitario Forestale, Via
Sclafani 34, 95024 Acireale (CT)
1
La presenza in Sicilia del Cinipide galligeno del castagno, Dryocosmus kuriphilus Yasumatsu, è stata accertata, in castagneti dell’Etna, nel maggio 2010
nell’ambito delle attività di sorveglianza fitosanitaria attuate dall’Azienda Foreste Demaniali. L’insetto, originario della Cina, nel 2002 è stato riscontrato
in Piemonte e, nell’arco di 8 anni, in quasi tutte le aree castanicole italiane
dove ha causato danni notevoli. In Sicilia, dove i castagneti sono presenti in
provincia di Catania, Messina e Palermo su circa 8.000 ha, solo 300 dei quali
specializzati per la produzione di frutti, le infestazioni sono state rilevate in 21
castagneti del Parco dell’Etna, nonché nei monumentali Castagno dei 100 Cavalli e della Nave. La situazione più grave è quella di Parco Cava (Sant’Alfio,
CT) e di Crisimo (Linguaglossa, CT) dove, nel 2002, sono stati realizzati piccoli
impianti con varietà di marroni provenienti dal Piemonte. Controlli effettuati
in alcuni popolamenti castanicoli del bosco di Ficuzza (PA), di Roccella Valdemone (ME), sui Monti Peloritani (ME) e Madonie (PA) non hanno evidenziato
ulteriori presenze dell’insetto. Il prelievo, da maggio a luglio, di 3.180 galle del
diametro di 0,5 - 2 cm, ha consentito di seguire l’andamento degli sfarfal-lamenti degli adulti del Cinipide (iniziati a fine maggio e conclusi a metà luglio) e
degli entomofagi indigeni adattatisi a vivere a spese del nuovo ospite. Sono stati
ottenuti un totale di 903 adulti del galligeno e 113 adulti di parassitoidi afferenti
ai generi Torymus (60 es.), Mesopolobus (52) ed Eupelmus (1), in corso di studio.
Per l’insufficiente azione di contenimento da essi svolta e tenendo conto dei positivi risultati ottenuti con l’introduzione del Torimide esotico Torymus sinensis
Kamijo in Giappone e in altre regioni italiane interessate, l’Università di Catania, in collaborazione con l’Azienda Foreste Demaniali, ha avviato un piano di
intervento, la cui fase preliminare consiste nello studio dei parassitoidi indigeni;
parallelamente si è contattata l’Università di Torino che nel 2003 ha introdotto
il Torimide in Italia, per disporre dei ceppi di partenza per realizzare un adeguato progetto medio-lungo di lotta biologica. A tal fine, nello scorso giugno
è stato realizzato un gabbione nel quale sono state immesse 200 piantine di
castagno in fitocella e quindi 350 femmine di Dryocosmus kuriphilus che hanno
ovideposto nelle nuove gemme che costituiranno il substrato per l’introduzione e
l’allevamento in purezza del Torimide nel 2011. Per l’impegno richiesto dal progetto, si pensa di coinvolgere tutte le Istituzioni pubbliche e i privati interessati
alla soluzione ecocompatibile del problema fitosanitario.
Parole chiave: Dryocosmus, entomofagi, Torymus, Mesopolobus, Eupelmus.
132
Sessione IV - Entomologia forestale. Presentazioni Posters
Scolitidi e loro parassitoidi sfarfallati da Piante esca
di pino laricio e pino d’Aleppo sull’Etna e sui Monti Iblei
M. Maltese1, V. Caleca1, A. Sidoti2, A. P. Garonna3 & M. Faccoli4
Dipartimento DEMETRA, Università di Palermo, Viale delle Scienze, Edificio
5, 90128 Palermo E-mail: m.maltese@unipa.it
2
Regione Siciliana, Assessorato Risorse Agricole e Alimentari, Azienda Foreste
Demaniali, Servizio Fitosanitario Forestale, Via Sclafani 34, 95024 Acireale (CT)
3
Dipartimento di Entomologia e Zoologia agraria “Filippo Silvestri”, Università
di Napoli “Federico II”, Via Università 100, 80055 Portici (NA)
4
Dipartimento di Agronomia Ambientale e Produzioni Vegetali, Università di
Padova, Viale dell’Università 16, 35020 Legnaro (PD)
1
In due differenti pinete della Sicilia in cui si sono registrati recenti attacchi
di scolitidi, in collaborazione con l’Azienda Foreste Demaniali, a fine autunno
2008 e 2009 alcune piante sono state abbattute e lasciate sul letto di caduta, intere e con chioma, fino alla primavera successiva in attesa della colonizzazione
di coleotteri scolitidi. Nel demanio Sparano (Noto, SR), a 620 m s.l.m. sui monti
Iblei, sono state abbattute piante esca di Pinus halepensis, mentre in due località del Parco dell’Etna, Passo Silletta (1200 m s.l.m.) e Secondo Monte (1600
m s.l.m.), sono state abbattute piante esca di Pinus laricio. A maggio dell’anno
successivo, parti di fusto di diametro crescente lunghe circa 40 cm e rametti
con aghi sono stati raccolti, posti all’interno di eclettori e tenuti a temperatura
ambiente in un magazzino arieggiato. Nel mese di ottobre successivo tutti gli
insetti sfarfallati sono stati raccolti e poi identificati.
Da P. halepensis sono sfarfallati circa 9.500 scolitidi appartenenti a quattro
specie elencate in ordine di abbondanza: Pityogenes calcaratus, Orthotomicus erosus, Crypturgus numidicus e Tomicus destruens; la prima specie, molto
abbondante nel 2009 e quasi assente nel 2010, è sfarfallata in abbondanza da
tronchetti di 4-9 cm di diametro. Da P. laricio sono sfarfallati circa 11.100 scolitidi (il 95% dei quali T. destruens) appartenenti a sette specie: oltre le quattro
precedenti anche Hylastes attenuatus (per la prima volta ritrovato in Sicilia),
H. linearis e Ips sexdentatus; di quest’ultima specie, nonostante la sua diffusa
presenza sull’Etna, con questo metodo di monitoraggio sono stati raccolti solo
alcuni esemplari. La maggiore differenza tra gli sfarfallamenti registrati da P.
halepensis sugli Iblei e da P. laricio sull’Etna ha riguardato i parassitoidi degli
scolitidi; mentre sull’Etna sono sfarfallati soltanto 8 esemplari di 5 specie di
icneumonoidei, sugli Iblei ne sono sfarfallati circa 1.600 appartenenti a 4 specie
elencate in ordine di abbondanza: Metacolus unifasciatus Forster, pteromalide,
Caenopachys caenopachoides (Ruschka) e C. hartigii (Ratzeburg), due braconidi
segnalati per la prima volta in Sicilia e Roptrocerus xylophagorum (Ratzeburg),
altro pteromalide. Tale netta differenza potrebbe essere addebitabile a fattori
climatici e al maggiore spessore della corteccia di P. laricio che ostacolerebbe il
raggiungimento delle larve degli scolitidi da parte dei parassitoidi.
Parole chiave: Hylastes attenuatus, Caenopachys, Sicilia.
133
Sessione IV - Entomologia forestale. Presentazioni Posters
GEOREFERENZIAZIONE E ANALISI SPAZIALE A SUPPORTO DELLE
ATTIVITÀ SELVICOLTURALI: L’INTERVENTO BIOTECNICO PER IL
CONTROLLO DI MATSUCOCCUS FEYTAUDI NEL PARCO NATURALE
DI MIGLIARINO, SAN ROSSORE, MASSACIUCCOLI*
L. Marianelli1, L. Marziali1, M. Squarcini1, D. Benassai1, F. Logli2, D. Pozzi2 &
P. F. Roversi1
CRA-ABP, Via di Lanciola 12/a, 50125 Firenze
E-mail: leonardo.marianelli@entecra.it
2
Parco Regionale Migliarino, San Rossore, Massaciuccoli, Tenuta di San Rossore, Località Cascine Vecchie, Pisa
1
La diffusione epidemica della cocciniglia corticicola del pino marittimo Matsucoccus feytaudi (Ducasse) e le morie verificatesi dalle pinete della Provenza a
quelle della Toscana hanno portato all’attivazione di vari programmi di monitoraggio e ricerca a livello nazionale e internazionale. Le infestazioni rilevate
lungo i popolamenti di pino marittimo delle coste alto tirreniche non hanno
risparmiato neppure la Corsica ove l’insetto è giunto all’inizio degli anni ’90.
Nel 1999 un cospicuo nucleo di piante infestate è stato individuato nella Riserva
Naturale di Montefalcone (PI). La diffusione epidemica in Toscana è risultata
più rapida che in Liguria. Nel 2001, come evidenziato dai rilievi del servizio
“META”, l’area infestata occupava già un’ampia zona nelle province di Pisa,
Firenze, Lucca e Pistoia. Nel 2004 la presenza del fitomizo è stata rilevata anche
nella parte meridionale del Parco Regionale di Migliarino, San Rossore, Massaciuccoli, ove il pino marittimo costituisce la fascia di protezione per i retrostanti
boschi di pino domestico. Nel 2006 è stato avviato il progetto “Biocontrol” per
contenere le popolazioni della Cocciniglia in fase di colonizzazione delle pinete
di pino marittimo del Parco, col ricorso alla tecnica del “mass trapping”, e ciò
per ritardare il passaggio dalla fase d’infiltrazione a quella di focolai sparsi e
alla fase finale di morie diffuse, evoluzione che di norma richiede non più di
3 massimo 5 anni. L’intervento biotecnico è stato proposto per consentire lo
scaglionamento degli interventi selvicolturali di utilizzazione e diversificazione
delle pinete coetaneiformi di pino marittimo su un arco di tempo superiore al
decennio. Ogni anno si sono posizionate circa 2.000 trappole adesive innescate
con l’analogo di sintesi del feromone sessuale del margarodide, georeferenziando
ciascuna trappola. La spazializzazione delle catture ha permesso di individuare
con precisione i nuovi focolai d’infestazione asintomatici e indirizzare in tali
aree le operazioni di taglio per eliminare tempestivamente le piante colonizzate
sostituendole con latifoglie. Con tali modalità operative è stato possibile rispettare il Piano di gestione del Parco, massimizzando nel contempo le operazioni
fitosanitarie di bonifica.
Parole chiave: pino marittimo, interventi fitosanitari, mass trapping, GIS.
* Indagini svolte nell’ambito del Progetto “BIOCONTROL – Controllo della
Cocci-niglia Corticicola del Pino marittimo, Matsucoccus feytaudi (Ducasse),
con mezzi biotecnici nel Parco di Migliarino, S. Rossore, Massaciuccoli”.
134
Sessione IV - Entomologia forestale. Presentazioni Posters
CERAMBYX CERDO: DA XILOFAGO DI PIANTE SENESCENTI A NUOVA
EMERGENZA FITOSANITARIA FORESTALE*
L. Marianelli1, L. Marziali1, M. Squarcini1, D. Benassai1, F. Parri2, L. Nardella3,
F. Pennacchio1 & P. F. Roversi1
CRA-ABP, Via di Lanciola 12/a, 50125 Firenze
E-mail: leonardo.marianelli@entecra.it
2
Corpo Forestale dello Stato, Comando Stazione di Marciana Marina, Viale
Principe Amedeo 44, 57033 Marciana Marina (LI)
3
Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, Via Guerrazzi 1, 57037 Portoferraio (LI)
1
Nelle isole principali del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano e in particolare nell’Isola d’Elba sono presenti estese formazioni a prevalenza di Quercus ilex L., derivate da cedui utilizzati per la produzione di legna da ardere,
localizzate in stazioni con suoli superficiali e rocciosità affiorante. A partire
dal 2007 sono stati osservati in questi ambienti diffusi attacchi di xilofagi, con
interessamento non solo delle matricine di 2-3 turni, ma anche di molti giovani
polloni, apparentemente vigorosi e con chioma asintomatica. I prelievi di larve
all’interno di gallerie e le catture di adulti hanno fornito vari esemplari, risultati
tutti appartenenti alla specie Cerambyx cerdo L.
Dato che il cerambicide è incluso negli allegati 2 e 4 della Direttiva Habitat
92/43/CEE e nell’elenco delle “Specie animali e vegetali d’interesse comunitario”
per le quali si richiede la designazione di zone speciali di conservazione (allegato B del DPR 12 marzo 2003 n. 120), sono stati fatti rilievi in appositi transetti
lineari per quantificarne l’azione su polloni e ceppaie e definirne l’importanza fitosanitaria. I dati ottenuti hanno mostrato la presenza di attacchi in atto in tutte le aree indagate con larve in attività su circa il 70% delle ceppaie controllate.
Vari coleotteri cerambicidi si comportano da xilofagi secondari o da veri e propri demolitori svolgendo un ruolo essenziale nella degradazione e riciclo del
materiale legnoso. In particolare le specie del genere Cerambyx si riscontrano di
norma su piante vetuste in scadente stato fitosanitario. I rilievi effettuati hanno invece evidenziato un diverso comportamento della popolazione di questo
coleottero nelle leccete dell’Isola d’Elba. L’indagine evidenzia la necessità di approfondire gli studi su varie specie di fitofagi forestali, le cui popolazioni, nel
mutato quadro del cambiamento climatico caratterizzato negli anni passati da
annate particolarmente siccitose, hanno manifestato notevoli aumenti numerici
e una maggiore aggressività nei riguardi delle piante ospiti.
Parole chiave: Quercus ilex L., fitofagi, cambiamenti climatici.
* Indagini svolte nell’ambito del Servizio META della Regione Toscana (Monitoraggio Estensivo dei boschi della Toscana a fini fitosanitari) e del Progetto
del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano (Tutela delle formazioni boschive
del P.N.A.T. con particolare riguardo alle leccete dell’Isola d’Elba).
135
Sessione IV - Entomologia forestale. Presentazioni Posters
SPAZIALIZZAZIONE
DELLA
DIFFUSIONE
DI
KURIPHILUS IN TOSCANA NEL TRIENNIO 2008-2010
DRYOCOSMUS
L. Marziali¹, L. Marianelli¹, M. Bagnoli², M. Squarcini¹, D. Benassai¹, I. Ortolani¹, F. Pennacchio¹, E. Addario3, T. Turchetti3 & P. F. Roversi¹
¹CRA-ABP, Via di Lanciola 12/a, 50125 Firenze
E-mail: lorenzo.marziali@entecra.it
²RDM Progetti, Via Maragliano 31, 50144 Firenze
3
CNR-IPP, Via Madonna del Piano 10, 50019 Sesto Fiorentino (FI)
L’imenottero Dryocosmus kuriphilus Yasumatsu, cinipide galligeno infeudato al
genere Castanea è ormai ampiamente diffuso in Giappone, Corea e Stati Uniti.
Gli attacchi del cinipide sono facilmente individuabili per la formazione sugli
organi verdi dei castagni (germogli, foglie e infiorescenze) di vistose galle che si
presentano come escrescenze tondeggianti, con superficie liscia e lucida, inizialmente di colore verde e in seguito rossastre. Le infestazioni di questo temibile
fitofago possono determinare gravi danni, con perdite rilevanti non solo per
quanto riguarda la produzione di frutti, ma anche in riferimento agli accrescimenti legnosi.
L’insetto è stato segnalato per la prima volta in Italia nel 2002 in Piemonte nella
provincia di Cuneo. La prima segnalazione di D. kuriphilus in Toscana risale a
giugno del 2008 per la Provincia di Massa Carrara.
A seguito del ritrovamento del cinipide, la Regione Toscana, attraverso il Servizio META, ha attivato uno specifico monitoraggio di dettaglio negli oltre
177.000 ha di castagneti con georeferenziazione delle stazioni di rilievo mediante
strumentazione GPS, al fine di produrre tempestivamente una cartografia delle
zone castanicole colpite ai sensi del DM 30 ottobre 2007 “Misure d’emergenza
provvisorie per impedire la diffusione del Cinipide del castagno, Dryocosmus
kuriphilus Yasumatsu, nel territorio della Repubblica italiana”.
Il monitoraggio è stato incrementato nel 2009 portando le stazioni a 260. Nel
2010 i rilievi sono stati concentrati nei castagneti che risultavano ancora indenni all’attacco del cinipide. In ciascun punto in cui venivano individuate galle si
procedeva anche ad una valutazione del livello d’infestazione.
La spazializzazione dei dati raccolti nel triennio di osservazioni ha permesso di
realizzare carte tematiche che hanno evidenziato la rapidità con cui il cinipide
si è diffuso nelle aree castanicole della regione, a differenza di quanto riscontrato nei territori di prima introduzione in Piemonte, nei quali l’infestazione si
è diffusa molto più lentamente. I rilievi numerici sul numero di piante colpite e
sul numero di galle per ramo hanno confermato anch’essi un repentino intensificarsi delle infestazioni.
Le indagini sono state condotte nell’ambito del Servizio META della Regione
Toscana, Modulo “Monitoraggio Cinipide e principali patologie del castagno”.
Parole chiave: cinipide galligeno, monitoraggio, georeferenziazione.
136
Sessione IV - Entomologia forestale. Presentazioni Posters
UTILIZZO DI TECNICHE DI ANALISI
MONITORAGGIO DI LYMANTRIA DISPAR*
SPAZIALE
(IDW)
NEL
L. Marziali1, L. Marianelli1, M. Squarcini1, D. Benassai1, F. Parri2, L. Nardella3
& P. F. Roversi1
CRA-ABP, Via di Lanciola 12/a, 50125 Firenze E-mail: lorenzo.marziali@isza.it
Corpo Forestale dello Stato, Comando Stazione Marciana Marina, Viale Principe Amedeo 44, 57033 Marciana Marina (LI)
3
Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, Via Guerrazzi 1, 57037 Portoferraio (LI)
1
2
I rilievi condotti nell’ambito del Servizio META nell’inverno 2009-2010 nelle
leccete dell’Isola d’Elba (LI) hanno evidenziato aree con diffusa presenza di
ovature del lepidottero Lymantria dispar (L.), responsabile già nell’estate 2007
di estese defogliazioni che hanno richiesto la realizzazione di trattamenti con
prodotti a base di Btk. Allo scopo di effettuare una prognosi sui rischi di nuove
infestazioni di L. dispar, il numero di ovature conteggiato sull’isola in 49 aree
georeferenziate è stato spazializzato con il software ArcGIS 8.3, mediante IDW
(Inverse Distance Weighted), algoritmo d’interpolazione che stima il valore di
ogni cella del raster di output al quale è stata data una griglia di 100 m, mediando i valori del parametro rilevato nei punti circostanti pesati in maniera inversa alla distanza dalla cella stessa. L’algoritmo utilizzato consente di scegliere
il numero di punti da prendere in considerazione e la potenza alla quale viene
elevata la distanza nell’effettuazione della pesatura di ciascun punto: al riguardo
si è scelto di usare 5 punti e la potenza 2, per far sì che le celle vicine ai punti
tendessero ad avere valori fortemente influenzati dai valori effettivamente rilevati. I dati sono stati spazializzati per classi di numerosità delle ovature di L. dispar. Questa elaborazione ha evidenziato aree di criticità localizzate nelle leccete
del settore Nord-Est dell’Isola d’Elba, in particolare sui versanti boscati di Rio
Marina, nella porzione centrale sulle pendici di Monte Pinello e sul promontorio di Monte Turato. A queste zone si sono aggiunti siti puntiformi sul Monte
Capanne, sul lato occidentale dell’isola, a carico della componente arbustiva.
Nell’inverno 2010-2011 i monitoraggi sono stati ripetuti con le stesse modalità
incrementando a 64 il numero delle stazioni. L’elaborazione dei dati e l’interpolazione tramite IDW ha confermato la presenza di nuclei d’infestazione nelle
aree boscate evidenziate come zone critiche nel precedente anno ed ha permesso
di seguirne l’espansione, in particolare nel settore nord-orientale dell’isola. L’utilizzo di IDW si è quindi rivelato un utile strumento gestionale nell’ambito di
reti permanenti di monitoraggio fitosanitario.
Parole chiave: GIS, analisi spaziale, infestazioni di lepidotteri defogliatori.
* Indagini svolte nell’ambito del Servizio META della Regione Toscana (Monitoraggio Estensivo dei boschi della Toscana a fini fitosanitari) e del Progetto
del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano (Tutela delle formazioni boschive
del P.N.A.T. con particolare riguardo alle leccete dell’Isola d’Elba).
137
Sessione IV - Entomologia forestale. Presentazioni Posters
DRYOCOSMUS KURIPHILUS IN TOSCANA
T. Panzavolta1, M. Bracalini1, F. Croci1, C. Campani2, T. Bartoletti1, G. Miniati1,
S. Benedettelli3 & R. Tiberi1
Dipartimento di Biotecnologie Agrarie, Sezione Protezione delle Piante, Università degli Studi, Via Maragliano 77, 50144 Firenze
E-mail: matteo.bracalini@unifi.it
2
ARPAT, Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana, Via
Ponte alle Mosse 211, 50144 Firenze
3
Dipartimento di Scienze Agronomiche e Gestione del Territorio Agroforestale,
Università degli Studi di Firenze, Piazzale delle Cascine 18, 50144 Firenze
1
Dryocosmus kuriphilus Yasumatsu (Hymenoptera, Cynipidae) è uno dei principali
insetti dannosi al genere Castanea. Il galligeno, di origine cinese, dal 2002 è stato
segnalato anche nel Nord Italia e a partire dal 2008, oltre ad essere stato individuato in altri paesi europei, la sua diffusione a livello nazionale è stata inarrestabile.
Nel 2008-2009 sono state avviate delle indagini preliminari sul comportamento
di D. kuriphilus in Toscana. In un castagneto in provincia di Carrara, situato
a circa 600 m s.l.m., sono state raccolte, nel luglio di entrambi gli anni, galle e
getti dell’anno prelevandoli da polloni e piante ad alto fusto di castagno scelti
casualmente. In laboratorio le galle e le gemme sono state misurate ed è stato
effettuato il conteggio del numero di celle per galla e di uova per gemma.
Altre prove sono state effettuate, sempre nel luglio 2008 e nel febbraio 2009, in
un campo marze situato vicino al castagneto in oggetto, in cui erano presenti
innesti di tre cultivar di castagno: Carpinese, Fusca e Cesurone. In questo caso
è stato conteggiato il numero di uova per gemma su getti dell’anno raccolti a
caso da ciascun innesto e il numero di galle per innesto.
Da questo studio emerge che la dimensione delle galle è correlata positivamente
al numero di celle per galla e probabilmente dipende anche dalla densità di
popolazione del cinipide. Nella nostra area di studio nel 2008 le galle piccole
(con 1 o 2 celle) erano prevalenti, mentre nell’anno successivo si è assistito ad
un significativo incremento della dimensione delle galle. Inoltre sui polloni il
cinipide è in grado di produrre galle di dimensioni significativamente maggiori
rispetto a quelle indotte su piante ad alto fusto. Il volume delle gemme influisce
sulla ovideposizione: le gemme attaccate erano di dimensioni significativamente
maggiori rispetto a quelle senza uova; inoltre il numero di uova cresce all’aumentare delle dimensioni della gemma. Un altro fattore importante per l’ovideposizione è la posizione della gemma; infatti quelle apicali erano più attaccate
rispetto a quelle basali. Infine, le gemme dei polloni sembrano essere preferite
a quelle delle piante ad alto fusto, in quanto in esse era presente un numero
medio di uova significativamente più alto. Esistono cultivar di Castanea sativa
Miller meno suscettibili all’attacco del galligeno, tra quelle osservate la Carpinese sembra essere quella meno suscettibile.
Parole chiave: castagno, cinipide, galle, ovideposizione, suscettibilità.
138
Sessione IV - Entomologia forestale. Presentazioni Posters
OOPARASSITOIDI DI LEPTOGLOSSUS OCCIDENTALIS IN TOSCANA*
P. F. Roversi1, L. Santini2, E. Rossi2 & A. Loni2
CRA, Centro di Ricerca per l’Agrobiologia e la Pedologia, Via di Lanciola 12/a,
Cascine del Riccio, 50125 Firenze E-mail: piofederico.roversi@entecra.it
2
Dipartimento Coltivazione e Difesa delle Specie Legnose, Sezione Entomologia
Agraria, Università di Pisa, Via S. Michele degli Scalzi 2, 56124 Pisa
1
L’introduzione accidentale di Leptoglossus occidentalis Heidemann è stata seguita da una rapida diffusione di questo Coreide in Europa, dove il fitofago si è
dimostrato capace di utilizzare varie specie di Pinus di ambienti mediterranei e
continentali. Ricadute particolarmente gravi sono state registrate nelle pinete di
Pinus pinea L., data la capacità di L. occidentalis di compromettere lo sviluppo
delle pigne fin dal primo anno della loro formazione. Nell’ambito di un più
ampio studio sulla problematica della difesa fitosanitaria delle pinete di Pino
domestico, sono state svolte in Italia centrale anche indagini su antagonisti indigeni in grado di svilupparsi a spese di stadi diversi del Coreide. Data la capacità
di L. occidentalis di arrecare con le punture di alimentazione danni particolarmente gravi fin dalle prime fasi di vita delle neanidi, particolare attenzione è
stata posta nello studio di specie oofaghe in grado di parassitizzare le uova impedendone la schiusa. Nel biennio 2008-2009, in pinete costiere della Provincia
di Pisa, sono state esposte con cadenza decadica nel periodo primaverile-estivo
oltre 4500 uova di Leptoglosso deposte su aghi di pino, sicuramente indenni,
ottenute in allevamenti massali. L’utilizzo di “ovature sentinella” ha permesso
di ottenere da uova di L. occidentalis, non solo l’Eupelmide Anastatus bifasciatus
(Geoffroy), già segnalato come ooparassitoide del Coreide sia nel Nord Est che
in Toscana, ma anche altre due specie di cui non era nota la possibilità di svilupparsi in queste uova: l’encirtide Ooencyrtus pityocampae (Mercet) e l’eulofide
Baryscapus (= Tetrastichus) servadeii Dom. Di O. pityocampae, specie polifaga su
lepidotteri e eterotteri, sono sfarfallati dalle uova di Leptoglosso solo esemplari
femminili, mentre per B. servadeii sono state ottenute sia femmine che maschi.
Nel loro complesso le specie di ooparassitoidi hanno svolto nelle pinete costiere
indagate una modesta azione di biocontrollo sulle uova esposte, determinando
la non schiusura di una percentuale inferiore all’1% del totale uova controllate.
Parole chiave: insetti fitofagi alloctoni, pinete di pino domestico, oofagi indigeni.
* Ricerche svolte nell’ambito del Progetto Nazionale MIPAAF “PINITALY –
Rilancio della produzione italiana di pinoli attraverso la messa a punto di
nuove strategie di difesa fitosanitaria” (D.M. 256/7303/07).
139
Sessione IV - Entomologia forestale. Presentazioni Posters
Nuove prospettive per il controllo biotecnologico
deLLE CIDIE del Castagno (LEPIDOPTERA, TORTRICIDAE)
G. Sabbatini Peverieri1, P. F. Roversi1, A. De Cristofaro2, P. Di Santo2, A. Ziccardi3, F. Pedrazzoli4, C. Salvadori4, E. Endrizzi4 & G. Angeli4
CRA-ABP, Centro di Ricerca per l’Agrobiologia e la Pedologia, Via di Lanciola
12/a, 50125 Firenze
E-mail: giuseppino.sabbatini@entecra.it
2
Dipartimento di Scienze Animali, Vegetali e dell’Ambiente, Università del Molise, Via De Sanctis, 86100 Campobasso E-mail: decrist@unimol.it
3
Via C. da San Tommaso, 83100 Avellino
4
FEM-IASMA, Centro per il Trasferimento Tecnologico, Via E. Mach 2, 38010
San Michele all’Adige (TN) E-mail: gino.angeli@iasma.it
1
Gli insetti spermocarpofagi, in primo luogo i lepidotteri tortricidi, costituiscono
uno dei principali fattori limitanti la produzione castanicola non solo in Italia,
ma anche nel resto d’Europa. La tortrice precoce del castagno, Pammene fasciana (Linnaeus), attacca i ricci nelle fasi iniziali della loro formazione provocando
una cascola precoce; danni più consistenti sono causati dalla tortrice intermedia Cydia fagiglandana (Zeller) e da quella tardiva C. splendana (Hübner). In
considerazione del fatto che gran parte dei castagneti costituiscono ecosistemi
complessi, caratterizzati da una fitta rete di relazioni trofiche, in genere si evita
il ricorso a interventi con biocidi di sintesi.
Studi condotti in passato hanno mostrato l’efficacia di alcuni attrattivi sessuali
per le cidie. Con questi presupposti è stata testata una nuova strategia di controllo a basso impatto ambientale per l’applicazione del metodo della confusione
sessuale. Il sistema prevede che l’erogazione del feromone sessuale, contenuto in
una bomboletta spray, venga realizzata mediante un dispositivo programmabile,
denominato “puffer”, che rilascia dosi prestabilite ad intervalli di tempo regolari. I puffers (Suterra®) sono stati testati in Trentino, Toscana e Campania, in
castagneti di circa 8 ha ciascuno, collocandoli a 6-8 m da terra con una densità di 2,5 dispositivi/ha. In ogni località sono stati individuati altri castagneti
di 1 ha come controllo. Trappole innescate con feromoni specifici sono state
installate nelle aree trattate e nei testimoni. I risultati preliminari evidenziano
che il sistema è di agevole applicazione e i dati ottenuti dal controllo dei frutti
al momento della raccolta suggeriscono buone prospettive per il controllo delle
popolazioni di Cydia spp. Nei castagneti trattati con il metodo della confusione
sessuale sono state ottenute le seguenti percentuali di frutti danneggiati: 7,9%
(Trentino), 7,6% (Toscana) e 19% (Campania). Nei castagneti testimoni i livelli di
danno sono risultati pari a 21,8% (Trentino), 14,7% (Toscana) e 32% (Campania).
Parole chiave: Cydia fagiglandana, Cydia splendana, Castanea sativa, puffer.
140
Sessione IV - Entomologia forestale. Presentazioni Posters
SVILUPPO EMBRIONALE E DIAPAUSA IN POPOLAZIONI DI TORTRIX
VIRIDANA (LEPIDOPTERA, TORTRICIDAE) DELLA SARDEGNA
G. Serra1, M. L. Fadda1 & A. Lentini2
Istituto per lo Studio degli Ecosistemi, CNR, Traversa La Crucca 3, 07100 Sassari E-mail: g.serra@ise.cnr.it
2
Dipartimento di Protezione delle Piante, Università di Sassari, Via E. De Nicola, 07100 Sassari
1
In Sardegna, nel triennio 2005-2007, è stato condotto uno studio per verificare
la presenza di popolazioni di Tortrix viridana Linnaeus caratterizzate da un
diverso periodo di uscita dalla diapausa embrionale e di schiusura delle uova
come adattamento alla fenologia delle piante ospiti. Nell’indagine sono state
messe a confronto 13 popolazioni dell’insetto associate a Quercus pubescens
(QP), Q. suber (QS) e Q. ilex (QI), provenienti da boschi misti dell’Altopiano
di Abbasanta (QP e QS) e dei monti del Goceano (QP, QS e QI), e da boschi
puri del Goceano (QP, QI), del Gennargentu-Nuorese (QP, QI), della Gallura
(QP, QI, QS) e del Logudoro (QP). I confronti sono stati effettuati durante il
2005/2006 e il 2006/2007 in due prove di semicampo. A tale scopo, su campioni
di circa 2.000 uova di ciascuna popolazione tenuti nelle stesse condizioni climatiche (all’aperto a 200 m s.l.m.), sono state stimate la data mediana di uscita dalla diapausa (data in cui il 50% delle uova, dopo aver soddisfatto il fabbisogno
in freddo, è in grado di completare lo sviluppo embrionale) e la data mediana
di schiusura delle uova (data in cui si raggiunge lo sgusciamento del 50% delle
larve) secondo la metodologia usata da Du Merle (Du Merle P., 1999, Journal
of Insect Physiology, 45: 599–611).
Le ricerche hanno evidenziato una grande disomogeneità nelle date mediane di
uscita dalla diapausa (osservate tra dicembre e gennaio) con differenze tra le
popolazioni più precoci e quelle più tardive di 3 settimane nel primo anno di
prove e di 6 settimane nel secondo. Anche la schiusura delle uova, avvenuta nel
corso delle prime due setti-mane di aprile, è stata graduale e ha seguito lo stesso
ordine osservato nell’uscita dalla diapausa. Tra le popolazioni provenienti dalla
Gallura e dal Gennargentu-Nuorese, quella associata a QS è risultata più tardiva, preceduta, nell’ordine, da quelle associate a QI e a QP. Le popolazioni di
Abbasanta e del Goceano non hanno, invece, mostrato differenze significative.
In queste due aree è stato infatti osservato anche un sincronismo nel germogliamento delle tre specie di querce. I campioni di uova associate alla stessa specie
arborea, ma provenienti da aree diverse, hanno avuto un differente periodo di
uscita dalla diapausa e di schiusura. Tuttavia, quelle più tardive non provenivano dalle quote maggiori, con un clima più freddo (Goceano e GennargentuNuorese, 900 m s.l.m.), ma dalla Gallura (500 m s.l.m.). Ciò fa ipotizzare che le
querce della Gallura abbiano un germogliamento più tardivo rispetto a quelle
delle altre aree forestali e che la loro fenologia sia regolata non solo da fattori ambientali ma anche dalle caratteristiche genetiche dei loro popolamenti.
Parole chiave: Quercus pubescens, Q. suber, Q. ilex, germogliamento, schiusura uova.
141
Sessione IV - Entomologia forestale. Presentazioni Posters
INDAGINI SUL COLEOTTERO SCOLITIDE IPS SEXDENTATUS NELLE
PINETE A PINO LARICIO DEL PARCO DELL’ETNA
A. Sidoti1, N. Caruso1, S. Bella2 & S. Longo2
Regione Siciliana, Assessorato Risorse Agricole e Alimentari, Dipartimento
Regionale Azienda Foreste Demaniali, Servizio Fitosanitario Forestale, Via
Sclafani 34, 95024 Acireale (CT) E-mail: asidoti@regione.sicilia.it
2
Dipartimento di Gestione dei Sistemi Agroalimentari e Ambientali, Sezione Entomologia agraria, Via S. Sofia 100, 95123 Catania E-mail: longosan@unict.it
1
Il monitoraggio dei voli degli adulti di Ips sexdentatus (Börner, 1767) è stato
effettuato a cura del Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali dal
2005 al 2010 in alcune pinete di Pinus nigra ssp. calabrica (Loud.) A. E. Murray site nel territorio del Parco dell’Etna. Dal primo rinvenimento avvenuto nel
2004 (Campo & Sidoti 2005) le infestazioni dello Scolitide sono divenute sempre
più insidiose, in particolare, sui popolamenti di pino diffusi lungo tutti i versanti del vulcano e interessati da fattori di stress (siccità, incendi, densità eccessiva,
mancata rimozione del materiale di risulta delle cure colturali), che, favorendo l’incremento delle popolazioni, causano le pullulazioni anche su piante apparentemente in buone condizioni vegetative. Le pinete demaniali individuate
per le presenti indagini ricadono nei seguenti territori: Monte Scavo, Maletto
(nord-ovest, 1750 m s.l.m.); Passo Silletta, 1.200 m s.l.m., Piano Palomba, 1.570
m s.l.m., Monte Rosso 1.300 m s.l.m (nord-est), Castiglione di Sicilia; Monte
Vetore, Belpasso (sud-ovest, 1700 m s.l.m.); Primo Monte e Secondo Monte, Linguaglossa (nord-est, 1.500 m s.l.m.); Schiena dell’Asino, Zafferana Etnea (nordest, m 1730 s.l.m.). Per il monitoraggio delle popolazioni di I. sexdentatus sono
state impiegate trappole del modello Theysohn, attivate con feromoni di aggregazione tipo “super Wood”, utilizzate anche per la “cattura massale” degli
adulti. Le trappole, attivate nel periodo marzo-novembre di ogni anno, venivano svuotate con cadenza settimanale e il materiale ivi presente selezionato e
conteggiato. Il feromone veniva sostituito a intervalli regolari di un mese. Gli
esemplari di I. sexdentatus catturati nei 6 anni assommano complessivamente a
661.160, ripartiti nel seguente modo: 144.554 nel 2005; 179.572 nel 2006; 47.596
nel 2007; 113.857 nel 2008; 110.510 nel 2009 e 65.071 nel 2010. L’elaborazione dei
dati raccolti ha consentito la definizione dell’andamento stagionale dei voli degli
adulti nell’arco dell’anno, potendone porre in evidenza le epoche di massima
pullulazione ed inoltre i momenti di inizio e fine attività degli stessi nelle differenti fasce altimetriche. Nelle pinete etnee gli adulti di I. sexdentatus sono stati
catturati da aprile a novembre e, generalmente, sono stati registrati tre picchi
di catture annui, rispettivamente in maggio, luglio-agosto e settembre-ottobre.
Parole chiave: Scolytidae, monitoraggio, Pinus, Sicilia.
Bibliografia:
Campo G. & Sidoti A., 2005 - Infestazioni di Ips sexdentatus (Börner) in boschi
di Pino laricio della Sicilia - Proc. XX Congr. Naz. It. Ent., Perugia-Assisi: 299.
142
Sessione IV - Entomologia forestale. Presentazioni Posters
PHLOEOSINUS SPECIES NOVA (COLEOPTERA, CURCULIONIDAE,
SCOLYTINAE) ED ALTRI SCOLITIDI ASSOCIATI AD UN DEPERIMENTO
DI PINO LARICIO IN SICILIA
A. Sidoti1, N. Caruso1, E. Petrucco Toffolo2 & M. Faccoli2
Regione Siciliana, Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari, Azienda
Foreste Demaniali, Servizio Fitosanitario Forestale, Via Sclafani 34, 95024 Acireale (CT)
E-mail: asidoti@regione.sicilia.it
2
Dipartimento di Agronomia Ambientale, Università degli Studi di Padova, Viale dell’Università 16, 35020 Legnaro (PD) E-mail: massimo.faccoli@unipd.it
1
Nel corso dell’estate e dell’autunno 2010 è stato osservato un deperimento di
piantagioni di pino laricio (Pinus laricio Poiret), sui versanti nord-est e sud-ovest
dell’Etna, oggetto di specifici programmi di sorveglianza fitosanitaria. A partire
dal 2005, l’Azienda Foreste Demaniali ha attivato un monitoraggio con trappole
a feromoni in piantagioni di pino laricio poste in varie località del massiccio etneo sofferenti per periodiche infestazioni dello scolitide Ips sexdentatus (Börner).
Il deperimento, che ha interessato un centinaio di alberi di circa 30-40 anni
presenti in località Primo Monte (Linguaglossa, CT) a 1.630 m s.l.m. e Monte
Vetore (Belpasso, CT) a circa 1.700 m s.l.m., si è manifestato con l’arrossamento
ed il progressivo disseccamento dei cimali e della porzione medio alta dei fusti.
In sezione trasversale e longitudinale, il fusto ha evidenziato, inoltre, l’azzurramento del tessuto legnoso.
Il successivo campionamento degli alberi sintomatici ha permesso di appurare
la presenza di colonie sottocorticali di scolitidi floematici comuni in pini ipsofili, appartenenti alle specie Pityogenes bidentatus (Herbst), Carphoborus pini Eichhoff e Pityophthorus balcanicus Pfeffer, le prime due finora mai segnalate per
la Sicilia mentre la terza è segnalata per la prima volta in Italia e su pino laricio.
Infine, contemporaneamente in entrambe le località, è stata trovata una specie
di Phloeosinus nuova per la scienza e in fase di descrizione. Il vasto genere Phloeosinus Chapuis include circa 80 specie ripartite in tutti i continenti. Le specie
europee sono generalmente legate alle cupressacee e particolarmente temute per
la capacità di veicolare funghi fitopatogeni; la nuova specie rinvenuta è morfologicamente affine a quelle nord-africane (Phloeosinus cedri Brisout) e del Mediterraneo orientale (P. acatayi Schedl degli altipiani turchi e P. pfefferi Knížek
dell’Isola di Cipro) che si sviluppano a carico dei cedri.
Studi morfologici e genetici sono tuttora in corso al fine di stabilire eventuali affinità sistematiche. Gli isolamenti in coltura pura, condotti su PDA partendo da
materiale legnoso imbrunito, hanno dato origine a colonie fungine in corso di
identificazione. La prosecuzione del monitoraggio su una scala temporale e geografica più ampia potrebbe fornire altre indicazioni sull’incidenza e pericolosità
delle popolazioni di questi scolitidi, in particolare di questo nuovo parassita.
Parole chiave: moria cimali, monitoraggio, cambiamento climatico.
143
Sessione IV - Entomologia forestale. Presentazioni Posters
LE FORMICHE NOCIVE NEGLI ECOSISTEMI A QUERCUS SUBER
DELLA SARDEGNA
M. Verdinelli1, A. Loi2 & P. Luciano2
Istituto per lo Studio degli Ecosistemi, CNR, Traversa La Crucca 3, 07100 Sassari E-mail: m.verdinelli@ise.cnr.it
2
Dipartimento di Protezione delle Piante, Università di Sassari, Via E. De Nicola, 07100 Sassari
1
Nel biennio 2009-2010 è stata condotta un’indagine in alcuni boschi a Quercus
suber L. della Sardegna (Alà dei Sardi, OT) allo scopo di valutare l’eventuale
dannosità della mirmecofauna presente. In 4 parcelle selezionate e su 100 sughere scelte a caso per ogni parcella, si è proceduto alla raccolta diretta (campionamento manuale e con aspiratori) di tutte le formiche osservabili nell’arco di
5 minuti per ogni pianta. La raccolta è stata effettuata nell’autunno del primo
anno e ripetuta nella primavera successiva. Nel secondo anno e in una sola
località sono state impiegate inoltre 15 trappole a caduta per un periodo di cattura di oltre 2 mesi (20.V–30.VII) al fine di avere un inventario delle specie che
si muovono sulla superficie del terreno. In totale sono stati raccolti oltre 1.500
esemplari e sono state identificate 25 specie, in gran parte “terricole” e comuni
anche negli agro-ecosistemi. Solo 5 specie sono più strettamente “arboricole” in
quanto nidificano prevalentemente sugli alberi e quindi possono direttamente o
indirettamente provocare danni al sughero. Sono stati raccolti pochi esemplari
di Camponotus fallax (Nylander, 1856) e Camponotus truncatus (Spinola, 1808),
specie che vivono in piccole colonie all’interno di cavità preesistenti nel tronco
o in piccoli rami secchi senza provocare alcun danno alle piante. Crematogaster
scutellaris (Olivier, 1792) è risultata la specie più comune poiché la sua presenza
è stata rilevata in ogni pianta esaminata: pur nidificando di preferenza all’interno del sughero maschio, può colonizzare occasionalmente il sughero gentile che
risulta così declassato e deprezzato. Camponotus vagus (Scopoli, 1763), presente
nelle 4 località di studio, spesso abbandona gli alberi per andare alla ricerca
di melate sulle sottostanti piante erbacee e arbustive. Le sue colonie vivono in
nidi che sono costruiti in alberi senescenti, nel legno marcio di ceppaie e assai
di rado in alberi produttivi in buono stato fitosanitario. In tre delle sugherete
studiate sono stati invece rilevati danni causati da Lasius brunneus (Latreille,
1798). La formica vive pressoché stabilmente all’interno della scorza suberosa
in colonie monoginiche e i nidi possono essere di dimensioni tali da interessare
l’intero tronco. Oltre a danneggiare seriamente il sughero, rende problematica
la sua estrazione in quanto le plance si sfaldano e si separano con difficoltà dal
fellogeno. La percentuale di piante infestate è stata stimata tra il 2 e il 4% con
danni al sughero gentile che hanno raggiunto anche il 100%.
Parole chiave: sugherete, mirmecofauna, danni al sughero.
144
Sessione IV - Entomologia forestale. Presentazioni Posters
RISPOSTE DEL PINO SILVESTRE ALLA COLONIZZAZIONE DA PARTE
DI IPS ACUMINATUS (COLEOPTERA, CURCULIONIDAE, SCOLYTINAE)
E FUNGHI ASSOCIATI
C. Villari1, A. Battisti1, P. Bonello2 & M. Faccoli1
Dipartimento di Agronomia Ambientale e Produzioni Vegetali, Università degli
Studi di Padova, Viale dell’Università 16, 35020 Legnaro (PD)
E-mail: caterina.villari@unipd.it
2
Department of Plant Pathology, The Ohio State University, 201 Kottman Hall,
2021 Coffey Road, 43210 Columbus, Ohio, USA
1
Il successo della colonizzazione delle conifere da parte dei coleotteri scolitidi
(Curculionidae, Scolytinae) dipende in gran parte dalla loro capacità di superare la soglia critica oltre la quale le difese dell’ospite sono sopraffatte. Al fine
di abbassare tale soglia, molte specie hanno sviluppato una simbiosi con funghi
patogeni (Ophio-stomataceae) in grado di alterare le difese dell’ospite. Alcuni
scolitidi sviluppano inoltre una simbiosi con funghi detti dell’ambrosia, poco o
affatto patogeni, il cui ruolo primario è quello di concentrare sostanze nutritive
nei corpi frut-tiferi, dei quali le larve poi si nutrono. Tale simbiosi trofica permette allo scolitide di ottenere un elevato apporto nutritivo e completare lo sviluppo in breve tempo. Ips acuminatus (Gyllenhal), un piccolo scolitide (2-3 mm)
che colonizza le branche e la parte medio alta del fusto di pino silvestre (Pinus
sylvestris), è vettore soprattutto di Ophiostoma brunneociliatum Math.-Käärik e
Ambrosiella macrospora (Fr.-Grosmann) Batra.
La prima è una specie debolmente patogena, il cui presumibile ruolo è di interagire con le difese della pianta, la seconda invece è un fungo dell’ambrosia,
fondamentale per l’alimentazione delle larve ma non patogeno per la pianta.
Al fine di studiare le risposte metaboliche e i meccanismi implicati nelle difese del
pino silvestre alla colonizzazione di Ips acuminatus e dei funghi ad esso associati
è stato eseguito un esperimento su 60 giovani piante di Pinus sylvestris in una pineta di San Vito di Cadore (BL). Le piante, a gruppi di 10, sono state sottoposte
a inoculo con O. brunneociliatum (i), inoculo con A. macrospora (ii), inoculo contemporaneo dei due funghi (iii), colonizzazione da parte di Ips acuminatus (iv),
ferita (v) e controllo (vi). Tre settimane dopo è stata misurata l’estensione della
zona di reazione del cambio dal punto di inoculo, e sono stati prelevati campioni di corteccia e floema nel punto del trattamento e a 20 cm di distanza, per indagare eventuali effetti sistemici. Su tali campioni è stata misurata la concentrazione di lignina, ed è in atto l’analisi dei metaboliti secondari (fenoli e terpeni).
I risultati preliminari di questo lavoro mostrano che le reazioni generate da
insetto e da inoculo, indipendentemente dalla specie di fungo, sono significativamente maggiori di quelle indotte da sola ferita. A. macrospora, benché considerato fungo non patogeno, induce nella pianta reazioni simili a quelle di O.
brunneociliatum, ma determina una diminuzione della lignina nel sito di inoculo.
Parole chiave: reazione di difesa, metaboliti secondari, simbiosi, lignina.
145
Sessione V
ECOLOGIA ED ETOLOGIA
Presentazioni orali
Sessione V - Ecologia ed etologia. Presentazioni orali
effetti del cambiamento climatico
entomofauna degli ambienti acquatici
globale
sullA
S. Fenoglio1, T. Bo1, M. Cammarata1, G. Malacarne1, M. Cucco1 & L. Mercalli2
Dipartimento di Scienze dell’Ambiente e della Vita, Università del Piemonte
Orientale, Via Teresa Michel 11, 15121 Alessandria E-mail: fenoglio@unipmn.it
2
Società Meteorologica Italiana, Bussoleno (TO)
1
Le evidenze scientifiche relative ad un progressivo e rapido cambiamento climatico sono sempre più numerose ed accettate; in particolar modo sono aumentati
sensibilmente gli studi che evidenziano l’incremento di anomalie climatiche inerenti temperature medie annuali e tasso di precipitazione ed evapotraspirazione.
Questi cambiamenti, che agiscono a livello globale, possono avere importanti
ripercussioni locali, specialmente in alcuni comparti ambientali come i sistemi
dulciacquicoli. Tuttavia, l’impatto del “global climate change” sul biota degli
ambienti lotici è a tutt’oggi poco studiato.
In questo lavoro, sintesi di una vasta ricerca bibliografica e di ricerche originali
degli autori, vengono riportate e sintetizzate le principali fonti di impatto che,
in questo contesto, minacciano l’entomofauna acquatica, rivolgendo una particolare attenzione a due principali fattori.
In primo luogo, l’innalzamento della temperatura delle acque può avere importanti effetti diretti ed indiretti su numerosi gruppi di insetti acquatici. Oltre
alla diminuzione dei tenori di ossigeno disciolto ed alla drastica riduzione degli
ambienti colonizzabili da parte di organismi stenotermi, l’innalzamento delle
temperature potrebbe alterare anche la fenologia ed i cicli vitali di alcune specie, regolandone lo sviluppo larvale: vengono a questo proposito presentati casi
di studio inerenti Ephemeroptera Oligoneuridae ed Potamanthidae.
Un’altra conseguenza del riscaldamento globale è costituita dall’alterazione dei
cicli idrologici, con l’aumento della frequenza e della intensità degli estremi di
portata (secche ed alluvioni) e l’alterazione dei cicli deposizionali: vengono presentati casi di studio inerenti l’entomofauna del fiume Po nel suo tratto prealpino e di alcuni torrenti dell’Appennino settentrionale.
In questo scenario di rapido cambiamento ambientale si potrebbe assistere in
breve tempo ad una profonda alterazione delle entomocenosi acquatiche: in particolare, le specie adattate ad acque fredde ed ambienti fluviali perenni potranno contrarsi e addirittura scomparire localmente, mentre le specie più euriterme
e tolleranti, con adattamenti per la vita in ambienti acquatici intermittenti o
effimeri, potranno espandersi.
Il cambiamento climatico globale potrebbe inoltre favorire la diffusione di specie alloctone.
Parole chiave: Global climate change, ecologia fluviale, insetti acquatici.
149
Sessione V - Ecologia ed etologia. Presentazioni orali
La biodiversità ritrovata: Cucujus haematodes e Cucujus
cinnaberinus (Coleoptera, Cucujidae) nel Parco Nazionale
della Sila e la loro potenzialita’ come bioindicatori
della selvicoltura
A. Mazzei, T. Bonacci, E. Contarini, † T. Zetto Brandmayr & P. Brandmayr
Dipartimento di Ecologia, Università della Calabria, Via Bucci, cubo 4B, 87036
Rende (CS) Email: antonio.mazzei@unical.it
Cucujus haematodes Erichson, 1845, specie inserita nella Lista Rossa IUCN 2010
nella categoria “Critically Endangered”, presenta un areale di distribuzione molto discontinuo e un corotipo sibirico-europeo.
In Italia è stato segnalato per l’Appennino Calabro-Lucano ma con una distribuzione molto rara e localizzata. Dalle storiche segnalazioni di Costa (1881)
e Luigioni (1929), l’elemento subcorticicolo sembrava essere in declino in Sila,
dato confermato anche in seguito al mancato ritrovamento da parte di Ratti
nel 2000.
Cucujus cinnaberinus (Scopoli, 1763) è una specie inserita nella Direttiva Habitat,
come “prossima alla minaccia di estinzione” e nella Lista Rossa IUCN 2010.
Presenta una distribuzione centro europea e massicci di rifugio nell’Europa meridionale. In Italia è presente, come relitto paleoclimatico, in Campania e Calabria e recentemente è stata segnalata in Piemonte da Biscianti et al. (2009). In
Sila il cucuide è stato segnalato da Luigioni nel 1929 e Ratti nel 2000. Recentemente le popolazioni dell’Italia meridionale della specie sono state considerate
estinte (Horák et al. 2008).
C. cinnaberinus, definito “specie ombrello“ (Mazzei et al. 2010) e C. haematodes
rappresentano entrambi un elemento da monitorare prioritariamente per ottimizzare una prassi di conservazione di biotopi forestali che si vogliano implementare con necromasse legnose, necessarie allo sviluppo di organismi saproxilici e di tutti gli elementi tipici della catena alimentare.
Il monitoraggio delle specie del genere Cucujus e del corteggio di elementi saproxilici potrebbe costituire un valido biotest per la selvicoltura ecosistemica
(Ciancio & Nocentini 2009; Ciancio 2010). Questa nuova proposta selvicolturale
tende infatti a dare maggiore valore alla capacità portante dell’ecosistema foresta ed al ruolo della fauna forestale.
Parole chiave: specie ombrello, Coleoptera Cucujidae, gestione forestale.
150
Sessione V - Ecologia ed etologia. Presentazioni orali
ATTRATTIVITÀ DI COMPOSTI VOLATILI DI ORIGINE VEGETALE
VERSO GLI ADULTI DI SESAMIA NONAGRIOIDES (LEPIDOPTERA,
NOCTUIDAE)
G. S. Germinara1 & G. Rotundo2
Dipartimento di Scienze Agro-ambientali, Chimica e Difesa Vegetale, Università
degli Studi di Foggia, Via Napoli 25, 71100 Foggia E-mail: s.germinara@unifg.it
2
Dipartimento di Scienze Animali, Vegetali e dell’Ambiente, Università degli
Studi del Molise, Via De Sanctis, 86100 Campobasso
1
Sesamia nonagrioides (Lefèbvre) (Lepidoptera, Noctuidae) è un fitofago polifago particolarmente dannoso alla coltura del mais nel Bacino del Mediterraneo.
Un precedente studio elettroantennografico (EAG) ha dimostrato la capacità di
entrambi i sessi di S. nonagrioides di percepire un’ampia varietà di composti volatili di origine vegetale. Nel presente lavoro, alcuni dei composti EAG più attivi
sono stati utilizzati in saggi di attrattività in campo al fine di valutarne l’attività sul comportamento degli adulti del fitofago. Le prove sono state condotte
in un’area maidicola della provincia di Salerno in due anni consecutivi (2009 e
2010). Erogatori di polietilene (1 mL) sono stati innescati con 500 µL di singoli
composti puri (1-pentanolo, E2-esenolo, E2-esenale, Z3-esenilacetato, Z3-esenolo, linalolo) o in soluzione 1:1 in olio minerale (vanillina, fenilacetaldeide). Sul
tappo di ogni erogatore sono stati praticati 2 fori, ciascun con diametro di 1
mm. Gli erogatori sono stati utilizzati per attivare trappole ad olio posizionate,
a circa 1 metro da terra, lungo i bordi di campi di mais infestati dal nottuide. A
cadenza settimanale, gli erogatori sono stati rinnovati e gli insetti catturati sono
stati raccolti per la loro identificazione. Nel primo anno i campionamenti sono
stati effettuati in un campo di mais da granella fino alla raccolta (18 agosto - 6
ottobre) mentre nel secondo anno sono stati condotti in un campo di mais da
insilaggio (27 agosto - 17 settembre) e sono continuati dopo la raccolta delle
piante (18 settembre - 16 novembre). In presenza della pianta ospite, le trappole
attivate con i diversi composti hanno catturato complessivamente 29 maschi e
4 femmine nel 2009 e 28 maschi e 3 femmine nel 2010; inoltre, le catture medie
con i diversi composti non sono risultate significativamente (P = 0,05; t-test)
maggiori di quelle delle trappole non attivate (controllo). In assenza della pianta
ospite, sono stati catturati complessivamente 170 maschi e 17 femmine; le catture medie dei maschi sono risultate significativamente maggiori (P = 0,05; t-test)
rispetto al controllo quando le trappole sono state attivate con fenilacetaldeide,
E2-esenolo, E2-esenale, Z3-esenil acetato, linalolo, Z3-esenolo mentre le catture
medie delle femmine non sono risultate statisticamente diverse dal controllo. I
singoli composti vegetali saggiati non sono in grado di competere con l’attrattività della pianta ospite. L’attrazione esercitata, in assenza della pianta ospite,
da alcune sostanze verso i maschi ne suggerisce un loro coinvolgimento nella
selezione dell’ambiente in cui localizzare la femmina.
Parole chiave: Nottua del mais, semiochimici interspecifici, campo.
151
Sessione V - Ecologia ed etologia. Presentazioni orali
possibilità di integrazione Periferica del segnale
olfattivo in presenza di neuroni generalisti sensibili a
composti feromonici e di origine vegetale
A. De Cristofaro1, G. Anfora2, S. Vitagliano1, G. S. Germinara3, G. Rotundo1 &
C. Ioriatti2
Dipartimento di Scienze Animali, Vegetali e dell’Ambiente, Università del Molise, Via De Sanctis, 86100 Campobasso E-mail: decrist@unimol.it
2
Centro Ricerche e Innovazione, Fondazione Edmund Mach, Via E. Mach 1,
38010 San Michele all’Adige (TN)
3
Dipartimento di Scienze Agro-Ambientali, Chimiche e Protezione delle Piante,
Università di Foggia, Via Napoli 25, 71100 Foggia
1
Nel sistema olfattivo degli insetti la percezione dei composti volatili di origine vegetale (VOCs) e dei componenti feromonici (PCs) è in genere considerata
operante attraverso percorsi indipendenti. La modulazione delle risposte comportamentali ai feromoni indotta dai VOCs, tuttavia, è di fatto segnalata in
un numero sempre maggiore di specie ed è attribuita principalmente, a livello
del sistema nervoso centrale, all’arborizzazione di specifici neuroni olfattivi nei
lobi antennali. A livello periferico (sensilli antennali) sono riportati numerosi
esempi di neuroni olfattivi specialisti, in grado di percepire o specifici PCs o
VOCs; sono noti, invece, solo alcuni casi di neuroni stimolati dalle due categorie
di composti. Negli insetti, di conseguenza, a causa dell’elevata specificità dei
neuroni olfattivi e dei rispettivi recettori, non sono attese frequenti interazioni
tra i due tipi di messaggeri chimici durante la percezione periferica. Allo scopo
di investigare la specificità dei neuroni olfattivi, nel presente lavoro sono state
utilizzate tecniche di registrazione da singola cellula sensoriale (SCR). È stata
analizzata la risposta di dodici specie appartenenti a tre ordini di insetti: Lepidoptera [Lobesia botrana (Denis & Schiffermüller), Cydia pomonella (L.), C.
fagiglandana (Zeller), C. splendana (Hübner), Phthorimaea operculella (Zeller),
Ephestia kuehniella (Zeller)], Coleoptera (Tenebrio molitor L.) e Diptera [Bactrocera oleae (Rossi), Ceratitis capitata (Wiedemann), Musca domestica L., Drosophila melanogaster Meigen e D. simulans (Sturtevant)]. Per ogni specie è stato
saggiato, su entrambi i sessi, il componente principale del feromone sessuale o
di aggregazione ed alcuni VOCs, noti come biologicamente attivi per la stessa
specie. Come atteso, sono stati individuati tipi cellulari specializzati, stimolati da PCs o VOCs. Neuroni olfattivi altamente generalisti, ovvero in grado di
percepire sia PCs che VOCs, sono però presenti in tutte le specie studiate, in
percentuali variabili rispetto al totale delle registrazioni. La percezione simultanea, da parte di una stessa cellula, di PCs e di uno o più VOCs, potrebbe
rappresentare una nuova possibilità di integrazione del segnale olfattivo, che si
verificherebbe quindi anche a livello periferico e non solo nel cerebro.
Parole chiave: SCR, VOCs, percezione olfattiva, Lepidoptera, Coleoptera, Diptera.
152
Sessione V - Ecologia ed etologia. Presentazioni orali
INDAGINI DI LABORATORIO SUI COMPOSTI CHE INDUCONO
L’AGGREGAZIONE DELLE NEANIDI DI I ETÀ IN LEPTOGLOSSUS
OCCIDENTALIS (HEMIPTERA, COREIDAE)
M. Maltese, S. Guarino, V. Caleca & S. Colazza
Dipartimento DEMETRA, Università degli Studi di Palermo, Viale delle Scienze Edificio 5, 90128 Palermo E-mail: m.maltese@unipa.it
Leptoglossus occidentalis Heidemann è una cimice che si alimenta degli strobili
e dei semi delle conifere appartenenti alla famiglia delle Pinaceae. Le neanidi
di I età hanno un comportamento gregario che favorisce la sopravvivenza degli individui, in analogia a quanto visto in altre specie appartenenti allo stesso
genere (Wheeler & Miller 1990). L’individuazione dei composti semiochimici
che influenzano questo comportamento potrebbe portare allo sviluppo di nuovi
metodi di controllo di L. occidentalis. Le estrazioni (“whole body”) sono state
realizzate su gruppi di 7-27 neanidi di I età per 30 minuti utilizzando un quantitativo di 40µl di esano o di acetone per neanide. Gli estratti sono stati biosaggiati in laboratorio utilizzando come arena una capsula Petri in vetro, in cui
sono state collocate ai quattro punti cardinali 2 perline di polisulfone (cilindro
ellittico, diam. base 2 mm, h 4 mm) trattate con 70 µl dell’estratto e altre 2 con
lo stesso quantitativo di solvente. Ogni biosaggio ha avuto una durata complessiva di 6 h. I biosaggi effettuati con gli estratti in esano hanno evidenziato un
numero di neanidi aggregate alle perline trattate significativamente maggiore rispetto alle perline controllo e ad altri punti della piastra. Le aggregazioni stabili
si sono verificate dopo 2-6 ore dall’inizio dell’esperimento. I biosaggi effettuati
con gli estratti in acetone non hanno invece evidenziato differenze significative
rispetto al controllo.
Per le analisi chimiche gli estratti sono stati concentrati in corrente d’aria e analizzati con un gascromatografo interfacciato ad uno spettrometro di massa (GS-MS).
Si è evidenziato un picco di E2-esenale, già individuato come feromone di allarme
di questa specie (Blatt et al. 1998), e alcuni picchi di idrocarburi lineari (C25-C31).
Ulteriori studi sono in corso per determinare la composizione chimica degli
estratti e individuare le sostanze da testare in prove di semi-campo e campo.
Parole chiave: cimice americana delle conifere, semiochimici, GC-MS, E2-esenale, idrocarburi lineari.
Bibliografia:
Blatt S.E., Borden J.H., Pierce H.D., Gries R. & Gries G., 1998 - Alarm pheromone system of the western conifer seed bug, Leptoglossus occidentalis - J.
Chem. Ecol., 24(6): 1013-1031.
Wheeler A.G. & Miller G.L., 1990 - Leptoglossus fulvicornis (Heteroptera:
Coreidae), a Specialist on Magnolia Fruits: Seasonal History, Habits, and Descriptions of Immature Stages - Annals Ent. Soc. America, 83(4): 753-765.
153
Sessione V - Ecologia ed etologia. Presentazioni orali
STIMOLI CHIMICI MEDIANO LA SCELTA DEL SITO DI DEPOSIZIONE
NEL PUNTERUOLO ROSSO DELLE PALME
R. Cervo1, G. Mazza1, N. V. Asaro1, C. Baldacci1, F. Calori1 & S. Longo2
Dipartimento di Biologia Evoluzionistica “Leo Pardi”, Università di Firenze,
Via Romana 17, 50125 Firenze E-mail: rita.cervo@unifi.it
2
Dipartimento di Gestione dei Sistemi Agroalimentari e Ambientali, Sezione
Entomologia agraria, Università di Catania, Via Santa Sofia 100, 95123 Catania
1
Scegliere un substrato idoneo dove deporre le uova è un punto cruciale per il
successo riproduttivo di molti insetti. Feromoni che indicano che il sito è già
occupato (“oviposition-deterring pheromone”) sono noti in molti insetti, mentre
feromoni capaci di stimolare la deposizione (“oviposition-stimulating pheromone”) sono stati riportati solo per poche specie.
Obiettivo del presente lavoro è stato indagare l’esistenza di eventuali stimoli
chimici in grado di guidare la scelta del sito di deposizione nel punteruolo rosso delle palme Rhynchophorus ferrugineus (Olivier), una specie invasiva che sta
creando ingenti danni anche nel nostro paese.
I nostri esperimenti di laboratorio (N=20) hanno chiaramente mostrato che le
femmine di questo coleottero depongono significativamente di più (p<0.001) su
un substrato già utilizzato sia da loro stesse che da individui conspecifici. Sono
stati quindi condotti una serie di saggi biologici, a scelta binaria e in condizioni
controllate di laboratorio, per capire quali possano essere i fattori che mediano
questa preferenza.
I risultati ottenuti mostrano che la rimozione delle uova già deposte, così come
lo strofinamento del corpo di maschi e femmine sul substrato, eliminano la preferenza femminile. Inoltre, estratti ottenuti lavando la superficie delle uova con
solventi polari o apolari non hanno effetti sulla scelta del substrato di deposizione. Ulteriori esperimenti suggeriscono un ruolo dei maschi nel produrre
sostanze che influenzano la scelta del sito di deposizione.
Sebbene futuri studi siano necessari per l’identificazione chimica delle sostanze
coinvolte nella scelta femminile di un substrato già utilizzato per la deposizione,
i risultati di questo studio, oltre ad ampliare le conoscenze sulla biologia del
punteruolo rosso, forniscono interessanti prospettive a fini applicativi. Infatti,
una miglior conoscenza dell’ecologia chimica del comportamento di deposizione potrà fornire informazioni utili per metodi di controllo aggiuntivi a quelli
attualmente utilizzati contro questa peste.
Parole chiave: Rhynchophorus ferrugineus, specie invasive, comportamento di
ovo-deposizione.
154
Sessione V
ECOLOGIA ED ETOLOGIA
Presentazioni Posters
Sessione V - Ecologia ed etologia. Presentazioni Posters
Analisi dell’attività oraria di volo di Coleotteri
Stafilinidi all’interno di un agrumeto della piana di
Catania (Sicilia orientale)
A. Adorno1, R. Boemi1, G. Sabella1 & A. Zanetti2
Dipartimento di Biologia “M. La Greca”, Università di Catania, Via Androne
81, 95124 Catania E-mail: adorno@unict.it
2
Museo Civico di Storia Naturale, Lungadige Porta Vittoria 9, 37129 Verona
1
Sono state esaminate la composizione a livello di sottofamiglie e le attività di
volo dei Coleotteri Stafilinidi di un agrumeto della Piana di Catania. L’area in
esame è l’azienda agricola Xirumi, un agrumeto di circa 200 ha sito a 80 m
s.l.m. in contrada Serravalle (Lentini, Siracusa).
Le attività di volo sono state studiate utilizzando il metodo della netcar. All’interno dell’agrumeto è stato individuato, tra le strade di servizio, un tragitto
circolare della lunghezza di circa 1 km da percorrere con la netcar. I campionamenti sono stati effettuati ogni ora, dall’alba al tramonto, percorrendo il tragitto prestabilito in entrambe le direzioni ad una velocità media di 35 km/h,
impiegando un tempo medio di circa 5 minuti.
Durante l’arco della giornata sono stati rilevati i parametri ambientali relativi
al vento (velocità, raffica e direzione), all’umidità relativa e alla temperatura
dell’aria. I campionamenti sono stati effettuati nell’autunno del 2010 nei mesi di
ottobre e novembre.
Le due sottofamiglie più significativamente campionate dal punto vista quantitativo sono risultate le Oxytelinae, che rappresentano circa il 57% dell’intero
campionamento e le Aleocharinae, che rappresentano circa il 27% del totale.
I dati evidenziano una correlazione fra le catture degli esemplari delle due summenzionate sottofamiglie e l’orario di campionamento e la temperatura dell’aria.
In particolare, in ottobre entrambe le sottofamiglie presentano due picchi di cattura, uno nelle prime ore dopo l’alba, quando il picco delle catture delle Oxytelinae precede quello delle Aleocharinae di circa un’ora, e uno al tramonto in
cui il picco delle Aleocharinae precede di circa un’ora quello delle Oxytelinae.
Nei campionamenti effettuati nel mese di novembre i picchi di catture per entrambe le due sottofamiglie si spostano verso le ore della tarda mattinata e
nel primo pomeriggio. In questi casi non si evidenziano particolari sfasamenti
dei picchi di cattura delle due sottofamiglie. La velocità del vento sembra rappresentare un importante fattore limitante per il volo degli Stafilinidi e più in
generale di tutti i Coleotteri, anche in presenza di condizioni ottimali di temperatura e orario.
Nel corso del censimento sono state inoltre campionate due specie alloctone
(Diestota guadalupensis Pace, 1987 e Trichiusa immigrata Lohse, 1984) nuove per
la fauna siciliana.
Parole chiave: Aleocharinae, Oxytelinae, specie aliene, netcar.
157
Sessione V - Ecologia ed etologia. Presentazioni Posters
UNA “CASA DELLE FARFALLE” COME STRUMENTO PER LA TUTELA
AMBIENTALE: DATI PRELIMINARI
E. Altini1,3, A. Vovlas1,2, D. Clemente1,3 & E. Tarasco1
Dipartimento di Biologia e Chimica Agro-forestale ed Ambientale, Sezione di
Entomologia e Zoologia, Università degli Studi di Bari, Via Amendola 165/A,
70126 Bari E-mail: enricoaltini@yahoo.it
2
Dipartimento di Biologia Animale e dell’Uomo, Università degli Studi di Torino, Via Accademia Albertina 13, 10123 Torino
3
A.P.S. “Polyxena”, Via Donizetti 12, Conversano (BA) E-mail: info@polyxena.eu
1
Obiettivo della ricerca è provare ad attuare una misura di conservazione ex-situ
di specie di lepidotteri autoctoni protetti e minacciati di estinzione, al fine di
aumentare le conoscenze su questi taxa e fornire elementi utili per la gestione
in agricoltura e nelle aree protette.
La base dalla quale si è partiti è la particolarità del territorio pugliese dal punto
di vista biogeografico, contraddistinto da una peculiare composizione faunistica. Rispetto ad altre esperienze avviate nel nostro paese, all’interno della struttura è stato riprodotto un tipico ambiente di gariga e macchia mediterranea ed
è stato creato un habitat idoneo per le farfalle di circa 90 m 2.
Dopo una preliminare analisi dei dati storici registrati in letteratura sulle specie
presenti nell’area di interesse, si è proceduto al popolamento della struttura mediante ricerca e cattura degli individui cercando di non incidere in maniera impattante sulle popolazioni delle aree campionate. Le iniziali introduzioni sono
state eseguite con larve ed adulti.
Dai dati ancora in fase di elaborazione, sono state individute due nuove popolazioni di Zerynthia polyxena (Den. et Schiff.), taxon inserito nell’All. IV della
Dir. 92/43/CEE “Habitat”, mentre sono del tutto assenti nell’area, seppur presenti le condizioni per la loro presenza, Aporia crataegi (L.) ed Inachis io (L.).
All’interno della struttura nell’anno appena trascorso sono stati ospitati oltre
1.000 individui, appartenenti a 22 specie differenti (8 Pieridae, 3 Papilionidae,
4 Lycaenidae, 6 Nymphalidae, 1 Hesperiidae). Al momento hanno portato a
compimento tutto il loro ciclo vitale all’interno della struttura individui di Gonepteryx cleopatra (L.), Artogeia rapae (L.), Papilio machaon (L.). Nell’immediato
futuro si cercherà di implementare i dati, proseguire con il monitoraggio e la
registrazione dei trend all’interno della struttura e di creare inoltre le condizioni
per accogliere specie endemiche, come Melanargia arge (Sulz.) o specie protette
come Z. polyxena, al fine di operare eventuali ripopolamenti in natura.
Parole chiave: biodiversità, Casa delle Farfalle, aree protette, Puglia, Zerynthia
polyxena.
158
Sessione V - Ecologia ed etologia. Presentazioni Posters
STUDIO DELL’ATTIVITÀ DI COMPOSTI VOLATILI DELLA PIANTA
OSPITE SU PERCEZIONE OLFATTIVA ED OVIDEPOSIZIONE DI
PHTHORIMAEA OPERCULELLA
G. Anfora1, C. Ioriatti1, G. S. Germinara2 & A. De Cristofaro3
Centro Ricerche e Innovazione, Fondazione Edmund Mach, Via Edmund Mach
1, 38010 San Michele all’Adige (TN) E-mail: gianfranco.anfora@iasma.it
2
Dipartimento di Scienze Agro-Ambientali, Chimiche e Protezione delle Piante,
Università di Foggia, Via Napoli 25, 71100 Foggia
3
Dipartimento SAVA, Università del Molise, Via De Sanctis, 86100 Campobasso
E-mail: decrist@unimol.it
1
La tignola della patata, Phthorimaea operculella (Zeller) (Lepidoptera, Gelechiidae), è diffusa in tutte le aree di coltivazione delle Solanacee e rappresenta uno
dei fitofagi principali della patata, Solanum tuberosum L. Sono in corso ricerche per determinare il ruolo biologico dei composti volatili emessi dalle piante
ospiti nei confronti del fitofago e valutarne le possibilità di impiego in strategie
sostenibili di controllo. Nel presente lavoro la percezione di composti volatili è stata analizzata mediante la tecnica della registrazione da singola cellula
olfattiva (SCR). È stata caratterizzata l’attività di neuroni ospitati in sensilli
tricoidei lunghi delle antenne di maschi e femmine di P. operculella, stimolati
con composti identificati nello spazio di testa di tuberi e foglie di patata. Le sostanze sono state selezionate, mediante un’indagine elettroantennografica (EAG)
preliminare, in base alla maggiore sensibilità olfattiva esibita dall’insetto. Le
risposte SCR a tali composti (n. 13) sono state comparate con quelle indotte dai
due componenti principali del feromone sessuale della specie.
È stata evidenziata l’esistenza di popolazioni cellulari in grado di percepire composti volatili di origine vegetale, altre specifiche per singoli componenti del feromone sessuale nonché tipologie attivate da entrambe le categorie di composti.
Tra le sostanze di origine vegetale, le risposte SCR più elevate sono state evocate, in entrambi i sessi, da aldeidi ed alcoli alifatici a catena corta (6-9 C). L’effetto sul comportamento di ovideposizione di tali composti è stato studiato con
l’ausilio di un biosaggio (“no-choice test”) appositamente predisposto. La capacità di orientamento delle femmine accoppiate verso l’odore emesso dai tuberi,
che rappresenta una miscela cairomonale, è stata limitata da diverse dosi (4, 40,
400 mg) dei composti a maggior attività elettrofisiologica (esanale, octanale, nonanale ed 1-octen-3-olo) che, a dosi elevate, sembrano quindi agire da allomoni.
Tali risultati rivelano un complesso uso delle informazioni sensoriali, da considerare attentamente nell’applicazione di tecniche innovative di monitoraggio
o difesa basate su semiochimici. L’utilizzo di composti vegetali ad attività antiovideponente o deterrente appare una strategia meritevole di attenzione nel
controllo di P. operculella.
Parole chiave: tignola della patata, SCR, semiochimici, cairomoni, allomoni.
159
Sessione V - Ecologia ed etologia. Presentazioni Posters
RISULTATI PRELIMINARI DI PROVE SVOLTE IN TUNNEL DEL
VENTO SULL’ATTRATTIVITÀ DI SOSTANZE DI ORIGINE VEGETALE
NEI CONFRONTI DI RHYNCHOPHORUS FERRUGINEUS
J. A. Ávalos2, C. G. Caldarella1, B. Siragusa1, A. Soto2, G. Lo Verde1
Dipartimento DEMETRA (Sez. Entomologia, Acarologia e Zoologia), Università degli Studi di Palermo, Viale delle Scienze, 90128 Palermo
E-mail: loverde@unipa.it
2
Instituto Agroforestal Mediterráneo, Universidad Politécnica de Valencia, Camí
de Vera s/n, 46022 Valencia, Spagna
1
Il punteruolo rosso delle palme Rhynchophorus ferrugineus (Olivier, 1790) (Coleoptera, Dryophthoridae), trovato per la prima volta in Italia nel 2004, ha determinato la morte di migliaia di esemplari di Phoenix canariensis Hort. ex Chabaud e continua la sua espansione nelle regioni in cui è presente.
L’individuazione di sostanze caratterizzate da un effetto di attrazione o repellenza nei confronti dell’insetto potrebbe consentire da un lato di aumentare
l’attrattività delle trappole, dall’altro di proteggere le piante rendendole meno
suscettibili all’attacco da parte del drioftoride. A tal fine è stata intrapresa una
ricerca per saggiare l’effetto di sostanze di origine vegetale ed estratti vegetali
sul comportamento degli adulti.
Le prove sono state svolte presso il Dipartimento DEMETRA di Palermo, utilizzando un tunnel del vento. Le sostanze da saggiare sono state poste ad una
estremità del tunnel, gli insetti adulti sono stati posti singolarmente al centro
dello stesso, registrando la reazione di avvicinamento o allontanamento dalla
fonte di stimolo.
Le sostanze inizialmente saggiate sono state: feromone + acetato di etile + melassa (la stessa miscela di attrattivi comunemente utilizzata nelle trappole), 3
sostanze di origine vegetale (eucaliptolo, γ-terpinene, α-pinene), frammento di
porzione basale di palma delle Canarie. I risultati preliminari delle prove sin
qui effettuate, oltre a confermare l’attrattività della porzione di palma e della
miscela feromone + acetato di etile + melassa, hanno fatto registrare una prevalenza di risposte positive per quasi tutte le sostanze saggiate.
Ulteriori ricerche sono in corso per verificare l’efficacia di combinazioni di sostanze diverse, a varie concentrazioni, nonché estratti ottenuti con l’utilizzo di
vari solventi. Infine, per confermare l’azione delle sostanze e degli estratti più
efficaci, saranno condotte prove in condizioni di semi-campo e pieno campo.
Parole chiave: punteruolo rosso delle palme, repellenza/attrattività.
160
Sessione V - Ecologia ed etologia. Presentazioni Posters
TASSOCENOSI A CHILOPODI (CHILOPODA) IN RIMBOSCHIMENTI
MONOSPECIFICI A QUERCUS SPP. DEL LAZIO
F. Baini1, M. A. Bologna1 & M. Zapparoli2
Dipartimento di Biologia Ambientale, Università Roma Tre, Viale G. Marconi
446, 00146 Roma E-mail: bologna@uniroma3.it, fbaini82@hotmail.it
2
Dipartimento Protezione delle Piante, Università della Tuscia, Via San Camillo
de Lellis snc, 01100 Viterbo E-mail: zapparol@unitus.it
1
Si riportano i risultati di una ricerca quali-quantitativa sulle comunità a Chilopodi in querceti semi-naturali e artificiali, in un’area sottoposta a gestione lungo il
versante tirrenico dell’Italia centrale (Castel di Guido, RM, Lazio, 10-80 m s.l.m).
Campionamenti mensili sono stati condotti per 12 mesi (2009-2010) con pitfalltraps innescate con NaCl e aceto, per mettere in evidenza la componente epigea
della tassocenosi (ep), e con vaglio entomologico per la componente edafica (ed).
Scopo della ricerca è stato quello di analizzare la composizione in specie e i
parametri strutturali delle tassocenosi, dopo circa 20 anni dalla collocazione
a dimora dei rimboschimenti. Sono state indagate tipologie di habitat rappresentative del mosaico ambientale locale (4 stazioni), escluso i coltivi: i) querceto
misto semi-naturale a Quercus cerris e Q. frainetto, ii) rimboschimento a Q.
pubescens, iii) rimboschimento a Q. ilex e iv) rimboschimento a Q. cerris. Sono
state rinvenute 25 specie (344 individui). I valori di ricchezza in specie (S), degli indici di Shannon (H’) e Eveness (J) sono rispettivamente: querceto misto
semi-naturale S = 10, H’ (ep) = 1,98, J (ep) = 0,95, H’ (ed) = 1,48, J (ed) = 0,92;
rimboschimento a Q. pubescens S = 13, H’ (ep) = 1,54, J (ep) = 0,70, H’ (ed) =
1,61, J (ed) = 0,83; rimboschimento a Q. ilex S = 14, H’ (ep), J (ep) = 0,80, H’
(ed) = 1,77, J (ed) = 0,85; rimboschimento a Q. cerris S = 14, H’ (ep) = 1,09, J
(ep) = 0,47, H’ (ed) = 2,08, J (ed) = 0,90. Nella componente epigea le specie più
frequenti come numero di stazioni, sulle 4 indagate, sono i litobiomorfi Lithobius cassinensis Verhoeff (4/4), endemita appenninico, comune nelle formazioni
aperte e semiaperte, L. castaneus Newport (3/4), europeo, eurisilvicolo ed Eupolybothrus fasciatus (Newport) (3/4), endemita appenninico, perlopiù legato a
boschi termofili e submesofili.
Nella componente edafica le specie più frequenti come numero di stazioni sulle
4 indagate sono i geofilomorfi Stenotaenia sorrentina (Attems) (4/4), endemita
italico, silvicolo, e Clinopodes flavidus C.L. Koch (4/4), turanico-europeo, euriecio, a cui si aggiunge L. cassinensis Verhoeff (4/4). Nel rimboschimento a
Q. cerris è stata rilevata la presenza di una popolazione di probabile origine
alloctona del litobiomorfo Pleurolithobius patriarchalis (Berlese), specie E-mediterranea, termofila, legata perlopiù ad ambienti aperti mediterranei. Le cenosi
dei rimboschimenti mostrano ancora caratteristiche successionali, per i caratteri
di struttura, rispetto al querceto semi-naturale.
Parole chiave: artropodi del suolo, struttura di comunità, Italia centrale.
161
Sessione V - Ecologia ed etologia. Presentazioni Posters
TASSOCENOSI A CARABIDI (COLEOPTERA, CARABIDAE) IN
RIMBOSCHIMENTI MONOSPECIFICI A QUERCUS SPP. DEL LAZIO
F. Baini1, M. A. Bologna1, M. Zapparoli2 & A. Vigna Taglianti3
Dipartimento di Biologia Ambientale, Università Roma Tre, Viale G. Marconi
446, 00146 Roma E-mail: bologna@uniroma3.it, fbaini82@hotmail.it
2
Dipartimento Protezione delle Piante, Università della Tuscia, Via San Camillo
de Lellis snc, 01100 Viterbo E-mail: zapparol@unitus.it
3
Dipartimento di Biologia e Biotecnologie “C. Darwin”, Università degli Studi
di Roma Sapienza, Viale dell’Università 32, 00185 Roma
E-mail: augusto.vignataglianti@uniroma1.it
1
Sono stati condotti per 12 mesi (2009-2010) campionamenti mensili con pitfalltraps innescate con NaCl e aceto finalizzati ad una ricerca quali-quantitativa
sulle comunità a Coleotteri Carabidi in querceti semi-naturali e artificiali, in
un’area sottoposta a gestione lungo il versante tirrenico dell’Italia centrale (Castel di Guido, RM, Lazio, 10-80 m s.l.m). Questo metodo è ampiamente utilizzato per la completezza del campionamento, essendo in grado di intercettare
oltre il 90% delle specie presenti. Finalità dell’indagine è stata l’analisi della
composizione in specie e dei parametri strutturali delle taxocenosi a Carabidae,
circa 20 anni dopo la collocazione a dimora dei rimboschimenti.
Sono state indagate tipologie di habitat rappresentative del mosaico ambientale
locale (4 stazioni), escluso i coltivi: i) querceto misto semi-naturale a Quercus
cerris e Q. frainetto, ii) rimboschimento a Q. pubescens, iii) rimboschimento a Q.
ilex e iv) rimboschimento a Q. cerris. Sono state rinvenute 27 specie (727 individui). I valori di ricchezza in specie (S), degli indici di Shannon (H’) e Eveness (J)
sono rispettivamente: querceto misto semi-naturale S = 10, H’ = 1,68, J = 0,73;
rimbo-schimento a Q. pubescens S = 17, H’ = 1,89, J = 0,67; rimboschimento
a Q. ilex S = 12, H’ = 1,81, J = 0,73; rimboschimento a Q. cerris S = 15, H’ =
1,59, J = 0,59.
Le specie dominanti nel rimboschimento a Q. pubescens sono Pterostichus melas
italicus (Dejean,1828) e Carabus rossii Dejean, 1826, elementi steppici. A queste
si aggiunge Leistus fulvibarbis Dejean, 1826, specie particolarmente frequente
nelle formazioni forestali artificiali ed ecotonali, che risulta dominante anche
nei rimboschimento a Q. ilex e a Q. cerris. Nel querceto misto semi-naturale la
specie dominante è invece Platyderus neapolitanus (Reiche, 1855), ben rappresentata anche nel rimboschimento a Q. cerris, ed è stata rilevata la presenza
di Cychrus italicus Bonelli, 1810 e di Pseudomasoreus canigoulensis (Fairmaire
& Laboulbène, 1854), presente anche nel rimboschimento a Q. ilex. Queste tre
specie sono da considerare elementi caratterizzanti le formazioni forestali termofile appenniniche.
Le cenosi dei rimboschimenti mostrano ancora caratteristiche successionali, per la
composizione in specie e i caratteri di struttura, rispetto al querceto semi-naturale.
Parole chiave: artropodi del suolo, struttura di comunità, Italia centrale.
162
Sessione V - Ecologia ed etologia. Presentazioni Posters
BIOMONITORAGGIO TRAMITE MICROARTROPODI DELLA QUALITÀ
BIOLOGICA DEL SUOLO NEI COMUNI DI AGENDA 21 LAGHI (VARESE)
F. Berger & P. Ferrazzi
DIVAPRA Entomologia e Zoologia applicate all’Ambiente “Carlo Vidano”,
Università degli Studi di Torino, Via Leonardo da Vinci 44, 10095 Grugliasco
(TO) E-mail: paola.ferrazzi@unito.it
La fauna edafica rappresenta l’indicatore fondamentale dei delicati equilibri del
suolo, della sua fertilità e di ogni alterazione di tale ambiente di origine naturale
e antropica. La microartropodo-fauna edafica costituisce un indicatore importante della qualità dei suoli (Parisi 2001); si è perciò ricorso alla sua analisi
al fine di ottenere un quadro della qualità biologica dei suoli del territorio di
Agenda 21 Laghi (VA), già indagato per la biodiversità lichenica, I.B.L., (Arderi et al. 2005), tramite la “bioindicazione della qualità dell’aria”, che aveva
segnalato un’elevata alterazione.
Sono stati scelti per il biomonitoraggio 34 prati stabili, per quando possibile
prossimi alle stazioni campionate per l’I.B.L., al fine di ottenere un confronto
tra le matrici aria e suolo. I prelievi di suolo sono stati effettuati seguendo il
protocollo dell’Indice di Qualità Biologica del Suolo, QBS-ar, (Parisi 2001), che
considera l’adattamento delle specie edafiche alla vita nel suolo. I dati ottenuti
sono stati utilizzati per il calcolo di indici biotici qualitativi (QBS-ar) e quantitativi (Margalef, Menhinick, Shannon-Wiener, Simpson).
Dai 102 campioni di suolo prelevati sono stati estratti e determinati tassonomicamente 28.834 microartropodi. Il taxon più abbondante è risultato quello degli
Acari (13.991), in prevalenza Oribatidi; tra i 10 ordini di Esapodi rilevati i più
rappresentati sono stati i Collemboli (8.625 individui). Sono state identificate 15
famiglie di Coleotteri, 13 di Ditteri e 4 di Imenotteri. I valori di QBS-ar rilevati, tra 57 a 113, risultano bassi rispetto a quelli riscontrati in questa tipologia
di uso del suolo, di solito superiori a 100 (Gardi et al. 2002; Parisi et al. 2005;
Griselli 2006). Gli indici di biodiversità applicati hanno fornito risultati generalmente concordi nel descrivere le stazioni analizzate, ma non sono emerse
correlazioni significative con il QBS-ar (Spearman), non apparse neppure tra i
valori di QBS-ar e I.B.L., pH e sostanza organica.
Non è inoltre stato evidenziato un effetto sui valori di QBS-ar in stazioni con presunte criticità ambientali, come presso un cementificio con funzioni di inceneritore, in rapporto a stazioni esenti da impatti evidenti (Test U di Mann-Whitney).
La qualità biologica del suolo risulta inferiore a quanto ci si potrebbe aspettare
dall’analisi obiettiva del territorio medesimo, dalla diffusione della vegetazione
rispetto alle aree urbanizzate e dall’apparente scarsità di cospicue forme di inquinamento, vista anche l’assenza di contaminazioni dovute a metalli pesanti e
diossine (Petruzzelli & Pedron 2009).
Parole chiave: artropodi edafici, bioindicatori, indici biotici, QBS-ar, indici di
biodiversità.
163
Sessione V - Ecologia ed etologia. Presentazioni Posters
IMPOLLINAZIONE ENTOMOFILA E DIDATTICA NATURALISTICA: IL
VILLAGGIO DEGLI INSETTI
R. Bertoglio1, U. Boni1, G.Camerini2, G. D’Amico2 & R. Groppali2
Legambiente, Circolo “Terre d’Acqua”, Via Nuvolari 17, 27027 Gropello Cairoli
(PV) E-mail: info@terreedacqua.org
²
Dipartimento di Ecologia del Territorio, Università di Pavia, Via S. Epifanio
14, 27100 Pavia
¹
I meccanismi di coevoluzione alla base dell’impollinazione entomofila sono
solo in parte noti al grande pubblico; creare un’area entro la quale concentrare
un’elevata varietà di vegetali e di insetti pronubi può favorire l’incontro con la
cosiddetta fauna minore, in genere poco presente nella percezione e nell’esperienza quotidiana di chi non sia un addetto ai lavori delle scienze naturali. Da
quest’idea è nato il “villaggio degli insetti”. Ricavato nel corso del 2010 da un
terreno incolto, è esteso su circa 6.000 m2 ed è collocato nel territorio del Parco
Lombardo della Valle del Ticino.
Per la progettazione dell’area sono state utilizzate - tra le altre - le indicazioni
derivanti da una serie di ricerche condotte in pianura padana dal Dipartimento di Ecologia del Territorio dell’Università di Pavia sulle abitudini alimentari
degli adulti di lepidotteri diurni. Sono state predisposte sezioni a tema dedicate
alle piante aromatiche, alle piante erbacee, alle piante da frutto; un’ampia sezione è stata dedicata alle principali piante di interesse agrario (anemofile ed
entomofile), come ad esempio i cereali e le piante ortive. La realizzazione di uno
stagno ha messo a disposizione della fauna una risorsa - l’acqua - che è un serio
fattore limitante durante la stagione estiva. Completano il villaggio degli insetti
un muretto a secco con piante succulente e il cosiddetto “hotel degli insetti”,
creato mettendo a disposizione degli Imenotteri solitari e sociali opportuni ricoveri per realizzare nidi pedotrofici (cannucce di palude, mattoni forati, tronchi
forati). La piantumazione di circa 250 tra essenze erbacee, arboree e arbustive
ha creato le condizioni per una rapida colonizzazione da parte degli insetti pronubi, facilitandone l’osservazione diretta da parte dei visitatori. Nel corso della
primavera - estate 2010 si sono registrate 1.200 presenze di studenti (coinvolti in
progetti didattici) e 500 presenze di pubblico adulto. Nell’area è stato osservato
un rapido incremento generale della biodiversità e, nello specifico, degli insetti impollinatori. Un primo inventario dell’entomofauna evidenzia la presenza
di specie di notevole interesse naturalistico in quanto minacciate o localmente
poco comuni, come i Lepidotteri diurni Lycaena dispar (Haworth), Heteropterus
morpheus (Pallas), Apatura ilia (Denis & Schiffermüller), Aporia crataegi (Linn.),
Favonius quercus (Linn.). Il villaggio degli insetti può funzionare come strumento utile alla didattica naturalistica e alla fotografia naturalistica e come laboratorio all’aperto per la ricerca sull’ecologia degli insetti impollinatori.
Parole chiave: impollinazione entomofila, educazione ambientale, fotografia naturalistica.
164
Sessione V - Ecologia ed etologia. Presentazioni Posters
uno studio sulla dieta delle ninfe di Cordulegaster
boltoni (Odonata) in piccoli rii piemontesi (parco
naturale di rocchetta tanaro)
T. Bo1, S. Fenoglio1, M. Cammarata1, M. J. López-Rodríguez2, J. M. Tierno de
Figueroa3 & F. Ravetti4
Dipartimento di Scienze dell’Ambiente e della Vita, Università del Piemonte
Orientale, Via Teresa Michel 11, 15121 Alessandria E-mail: tbo@unipmn.it
2
Departamento de Ecología, Facultad de Ciencias, Universidad de Granada,
Campus Fuentenueva s/n, 18071, Granada, Spagna
3
Departamento de Biología Animal, Facultad de Ciencias, Universidad de Granada, Campus Fuentenueva s/n, 18071, Granada, Spagna
4
Ente Parchi Astigiani, Via San Martino 5, 14100 Asti
1
Gli Odonati rappresentano uno dei gruppi principali di predatori in molti sistemi di acqua dolce. Gli organismi che appartengono a quest’antico ordine
d´insetti costituiscono i predatori apicali delle entomocenosi di stagni, laghi
e torbiere mentre sono relativamente poco rappresentati nei sistemi acquatici
francamente correnti. Pochissime specie sono infatti adattate alla vita nei sistemi lotici, torrenti e fiumi; tra queste, Cordulegaster boltoni (Donovan, 1807)
(Cordulegasteridae) è una delle specie europee più grandi e relativamente più
diffuse e comuni. In questo lavoro abbiamo analizzato la dieta degli stadi immaturi di C. boltoni raccolti in alcuni piccoli rii che solcano le colline astigiane, all’interno del Parco Naturale Regionale di Rocchetta Tanaro. Sono stati
analizzati 211 contenuti stomacali, attraverso la dissezione o la preparazione
con liquido di Hertwig. Le neanidi e le ninfe di questa specie sembrano avere un regime alimentare vario e diversificato, caratterizzato da uno spiccato
opportunismo trofico: la dieta appare dominata da insetti acquatici appartenenti a diversi gruppi (tra cui abbondano diverse famiglie di Tricotteri, Ditteri
ed Efemerotteri), ma sono anche ampiamente predati alcuni Crostacei (come
i Gammaridae), Anellidi, Molluschi e, saltuariamente, invertebrati provenienti
da ambienti terrestri, caduti accidentalmente in acqua. È stato inoltre rilevata
una variazione delle preferenze alimentari durante la crescita: gli individui di
minori dimensioni si nutrono in preferenza di alcune tipologie di organismi,
mentre i più grandi ampliano considerevolmente il loro spettro trofico. Inoltre,
dal nostro studio si evidenzia come gli stadi immaturi di C. boltoni non siano
semplicemente predatori d’agguato (“ambush predators”). In ambienti lotici di
basso ordine, caratterizzati dalla scarsa presenza di ittiofauna, questa specie si
insedia all’apice delle catene alimentari e potrebbe avere un importante ruolo
di controllo top-down delle entomocenosi acquatiche. Questo lavoro, inserito in
un progetto relativo alla stima della diversità biologica degli ambienti fluviali di
basso ordine presenti nel Parco, sottolinea l’importanza di ricerche mirate non
solamente alla caratterizzazione tassonomica ma anche all’analisi degli aspetti
trofico-funzionali delle comunità fluviali.
Parole chiave: libellule, dieta, predatori, insetti acquatici.
165
Sessione V - Ecologia ed etologia. Presentazioni Posters
SISTEMI DIFENSIVI COOPERATIVI NEI COLEOTTERI CARABIDI
T. Bonacci, P. Brandmayr & † T. Zetto Brandmayr
Dipartimento di Ecologia, Università della Calabria, Via P. Bucci, 87036 Rende
(CS) E-mail: t.bonacci@unical.it
I gruppi di animali interspecifici che hanno predatori naturali comuni possono
ottenere benefici simili o a volte superiori ai gruppi monospecifici. Questi potenziali vantaggi includono un aumento della vigilanza e l’uso di sistemi difensivi
diversificati, quali segnali di allarme digitali e analogici.
Gli insetti, per difendersi, utilizzano svariate secrezioni che impiegano sia come
vere e proprie armi chimiche (ustionanti, irritanti, ecc.) che come feromoni di
allarme.
I carabidi utilizzano i secreti (di natura repugnatoria o tossica) prodotti nelle
loro ghiandole pigidiali come principale sistema difensivo. I “bombardieri” appartenenti al genere Brachinus Weber, 1801 (Coleoptera, Carabidae), sono noti
per la capacità di espellere dalle loro ghiandole pigidiali una mistura di chinoni
ad alte temperature e per la capacità di formare aggregati con specie che possiedono pattern di colori simili (Chlaenius Bonelli, 1810 spp. e Anchomenus dorsalis
(Pontoppidan, 1763) ma differenti ed efficaci deterrenti chimici.
A. dorsalis e Brachinus sclopeta (Fabricius, 1792) sono due specie gregarie, legate
da una forte attrazione interspecifica e da sistemi difensivi cooperativi nei confronti dei loro nemici. Il comportamento gregario di queste due specie, molto
comune negli insetti aposematici, ha posto le basi per indagini eco-etologiche,
mirate alla valutazione dei loro ritmi fenologici e allo studio delle loro strategie
di difese “multimodali”, quali il comportamento gregario, le difese chimiche, gli
odori ed i colori di avvertimento. Lo studio dei sistemi difensivi nei carabidi,
condotto attraverso approcci sia ecologici che comportamentali, ha portato alla
conoscenza di complesse strategie che riguardano forme mimetiche chimiche e
visive e l’uso di secrezioni ghiandolari che agiscono sia a livello intraspecifico
che interspecifico.
Parole chiave: strategie difensive, Coleoptera Carabidae, segnali multimodali.
166
Sessione V - Ecologia ed etologia. Presentazioni Posters
alterazioni ambientali e regime trofico di Perlodes
intricatus (Plecoptera, perlodidae) in due ambienti
lotici alpini
M. Cammarata, T. Bo, A. Mogni & S. Fenoglio
Dipartimento di Scienze dell’Ambiente e della Vita, Università del Piemonte
Orientale, Via Teresa Michel 11, 15121 Alessandria
E-mail: cammarata.massimo@libero.it
I Plecotteri sono uno dei più antichi ed importanti ordini di insetti acquatici
presenti nei sistemi fluviali. In molti piccoli corsi d’acqua alpini i Plecotteri Sistellognati costituiscono il gruppo principale di predatori esapodi ed esercitano
di conseguenza un importante ruolo all’interno delle comunità a invertebrati. In
particolare, le ninfe delle specie di maggiori dimensioni sono predatori notturni,
molto attivi, che inseguono le prede attraverso stimoli tattili.
Numerosi recenti studi realizzati dal nostro gruppo hanno analizzato la dieta
di questi organismi, evidenziando ad esempio la presenza di alcune preferenze
alimentari e di un mutamento dello spettro trofico durante lo sviluppo.
In questo lavoro sono state paragonate le abitudini alimentari (analizzate attraverso lo studio dei contenuti stomacali) di due popolazioni di Perlodes intricatus
(Pictet, 1841), provenienti da due sistemi lotici piemontesi con caratteristiche
ambientali molto diverse.
Nel primo caso (torrente Po, Crissolo - CN) la qualità ambientale è elevata sia
dal punto di vista idro-morfologico che chimico-fisico. Nel secondo caso (fiume
Dora Riparia, Oulx - TO) le condizioni ambientali risultano essere molto alterate per via di una artificializzazione dell’alveo e dell’immissione di sostanze
inquinanti, in particolar modo di origine organica.
Le entomocenosi fluviali dei due siti analizzati sono profondamente diverse, con
una banalizzazione ed una riduzione della ricchezza e della diversità biologica
nel torrente torinese. Comparando lo spettro alimentare delle due popolazioni
di P. intricatus, risulta evidente come in un ambiente più naturale questa specie
si nutra di numerosi organismi, prediligendo alcuni gruppi tassonomici; in un
ambiente alterato, al contrario, la sua attività di predazione si concentra sulle
poche specie disponibili.
Tra gli aspetti più interessanti del lavoro si può quindi ricordare il fatto che questo grande plecottero, ritenuto generalmente estremamente sensibile alla qualità
ambientale, sembra invece mostrare una notevole plasticità ed adattabilità, anche dal punto di vista trofico.
Parole chiave: Plecotteri, ecologia fluviale, alterazione ambientale, insetti acquatici.
167
Sessione V - Ecologia ed etologia. Presentazioni Posters
DIVERSITÀ DEI COLEOTTERI CARABIDI IN DIFFERENTI TIPOLOGIE
DI RIPRISTINO AMBIENTALE IN UN’AREA AGRICOLA DELLA
PIANURA PADANA
E. Cardarelli, I. Negri, F. Roversi, F. Necchi, N. Pilon & G. Bogliani
Dipartimento di Biologia Animale, Università degli Studi di Pavia, Via Ferrata
1, 27100 Pavia E-mail: elisa.cardarelli@unipv.it
Negli ultimi decenni l’intensificazione e la meccanizzazione delle moderne tecniche agricole ha portato ad una forte banalizzazione del paesaggio rurale
con conseguente perdita di biodiversità. La riforma delle politiche agricole comunitarie del 1992, con i regolamenti CEE 2078/92 e CEE 2080/92, ha fornito
un’importante opportunità per promuovere il ripristino di aree naturali e per
aumentare la copertura arborea e, di conseguenza, apportare un miglioramento
ambientale degli agroecosistemi.
Scopo della ricerca è stato quello di verificare l’effetto di diverse tipologie di
ripristino ambientale nel mantenimento della diversità dei Coleotteri Carabidi in
ambiente agricolo. Lo studio è stato condotto in un’area della Pianura Padana
(provincia di Pavia); sono stati campionati incolti erbacei, prati stabili umidi e
asciutti, pioppeti, boschetti e margini arboreo-arbustivi. Le catture di Carabidi
sono state effettuate mediante l’utilizzo di trappole a caduta controllate con
cadenza quindicinale nel periodo compreso tra luglio e novembre 2009.
Il numero totale di specie e di individui e l’indice di diversità di Shannon sono
stati calcolati a livello di trappola. Il confronto della ricchezza e diversità specifica tra tipologie ambientali è stato effettuato mediante l’utilizzo dell’ANOVA
annidata, con la stazione di campionamento annidata nella tipologia ambientale, mentre il calcolo dei coefficienti di correlazione di Pearson ha messo in
evidenza le correlazioni esistenti tra i valori degli indici e le caratteristiche del
micro-habitat (copertura e altezza degli strati erbaceo, arbustivo e arboreo) a
livello di trappola. Gli incolti erbacei e i prati stabili asciutti sono risultati gli
ambienti con i valori di ricchezza e diversità più elevati; la copertura e l’altezza dello strato erbaceo sono risultati correlati positivamente ad alti valori
degli indici. Il test del chi-quadrato per tabelle di contingenza non ha messo in
evidenza l’esistenza di differenze significative nel numero di specie brachittere,
macrottere e pteripolimorfe tra i diversi tipi di ripristino, mentre nei boschi si è
rilevato un numero di specie ubiquitarie e di ambiente chiuso superiore a quella
delle altre tipologie ambientali. La maggior parte delle specie campionate sono
praticole e macrottere mentre poche sono quelle silvicole e brachittere, probabilmente a causa del forte isolamento degli ambienti ripristinati, che si trovano
immersi in una matrice caratterizzata da un’attività agricola intensiva. Nei boschi le specie di ambiente aperto e ubiquitarie costituiscono ancora una parte
importante delle comunità presenti. Le fasce e gli appezzamenti erbacei sembrano essere gli elementi di maggior interesse conservazionistico nel mantenimento
della biodiversità dei Coleotteri Carabidi in ecosistema agricolo.
Parole chiave: biodiversità, artropodi terresti, agroecosistema, conservazione.
168
Sessione V - Ecologia ed etologia. Presentazioni Posters
Componenti
secondari
associate all’ampolla
Bactrocera oleae*
presenti
nelle
ghiandole
rettale delle femmine di
A. Carpita1, A. Canale2, G. Benelli2,3, B. Conti2 & A. Raspi2
Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale, Università di Pisa, Via Risorgimento 35, 56126 Pisa E-mail: adricar@dcci.unipi.it
2
Dipartimento di Coltivazione e Difesa delle Specie Legnose “G. Scaramuzzi”,
Università di Pisa, Via S. Michele degli Scalzi 2, 56124 Pisa
E-mail: acanale@agr.unipi.it
3
S.S.S.U.P. Sant’Anna, Piazza Martiri della Libertà 33, 56127 Pisa
1
La produzione di feromoni sessuali in ghiandole associate all’ampolla rettale è
stata evidenziata nei ditteri tefritidi per la prima volta nel maschio di Bactrocera tryoni (Froggatt). Tali ghiandole sono presenti anche nella mosca delle olive
[Bactrocera oleae (Rossi)], sia nei maschi che nelle femmine. In B. oleae si ritiene che sia solo la femmina ad attirare chimicamente l’altro sesso, contrariamente a quanto noto per altri tefritidi, grazie alla presenza nelle ghiandole associate
all’ampolla rettale del chetale chirale racemo 1,7-dioxaspiro-[5,5]-undecano (1),
composto presente anche nelle ghiandole rettali del maschio. La presenza di 1
nelle femmine è stata messa in relazione ad una sua funzione di feromone sessuale, mentre per i maschi si ipotizza che 1 possa funzionare da aggregante nei
confronti degli altri maschi. Per quanto le attuali conoscenze sulla comunicazione sessuale della mosca delle olive siano ritenute concluse, una loro analisi dettagliata mostra varie incongruenze e lacune, rendendo necessari ulteriori studi.
Nell’ambito di un progetto di ricerca PRIN 2007 finalizzato alla rivisitazione
della comunicazione sessuale in B. oleae e, in particolare, del ruolo del secreto
delle due aree ghiandolari (ceromata) presenti sul V urotergite di entrambi i sessi, analisi GLC-MS condotte su estratti esanici di ghiandole rettali di femmine
selvatiche vergini hanno permesso di verificare, oltre al composto 1, la presenza
di molti altri composti secondari, alcuni dei quali hanno dato risposta EAG.
In dettaglio, negli estratti di femmine, a partire dal 4°-5° giorno di vita, è stata
individuata una ampia gamma di composti (circa 20) facilmente identificabili
come esteri di acidi grassi da 10 a 18 atomi di carbonio, sia saturi che insaturi
ed esterificati con alcoli di diverso tipo.
Più in particolare, è stata accertata con buona sicurezza la presenza di almeno
i seguenti composti: dodecanoato di etile, tetradecanoato di metile, tetradecanoato di etile, esadecanoato di metile, esadecanoato di etile e due isomeri sia
dell’ottadecenoato di metile sia dell’ottadecenoato di etile. È da rilevare che solo
il primo di questi composti è stato descritto come presente in B. oleae. Ulteriori indagini sono in corso per indagare l’attività biologica dei composti citati.
Parole chiave: Tephritidae, semiochimici, ghiandole tergali, ghiandole rettali,
GC/MS.
* Ricerca svolta con contributo del MIUR, PRIN 2007 (prot. n.2007W2L3LT).
169
Sessione V - Ecologia ed etologia. Presentazioni Posters
APPLICAZIONE DI STRUMENTI GIS PER L’ANALISI DELLA
DISTRIBUZIONE SPAZIALE DI COLEOTTERI CARABIDI (COLEOPTERA,
CARABIDAE): UN CASO DI STUDIO IN PROVINCIA DI PISA
S. Cosimi1, G. Gasperini2 & E. Rossi1
Dipartimento CDSL “G. Scaramuzzi”, Sezione Entomologia agraria, Università
di Pisa, Via S. Michele degli Scalzi 2, 56124 Pisa E-mail: scosimi@agr.unipi.it
2
Via Lupinaio 6, 56040 Lorenzana (PI)
1
Nell’ambito di una prova agronomica di confronto tra conduzione biologica e
convenzionale, in corso da circa 7 anni presso il Centro Interdipartimentale di
Ricerche Agro-Ambientali “E. Avanzi” di S. Piero a Grado (PI), sono state confrontate le catture di Carabidi adulti in alcuni appezzamenti condotti secondo
le due tecniche. Come è noto i Carabidi rappresentano un gruppo sistematico
frequentemente utilizzato come indicatore di biodiversità.
A tale scopo, in quattro appezzamenti vicini, due in conduzione biologica e due
in convenzionale, per circa sette mesi consecutivi, si è condotto il monitoraggio
dei Coleotteri Carabidi attraverso 24 trappole pitfall controllate settimanalmente e georeferenziate mediante GPS.
I dati raccolti durante il periodo sono stati elaborati graficamente con l’impiego
di software GIS (GRASS) per valutare la distribuzione spaziale degli insetti.
Le posizioni delle trappole sono state riportate in mappa e a ognuna sono stati
associati sia il numero complessivo di esemplari raccolti che le specie, così da
ottenere una distribuzione delle catture attraverso l’uso dell’indice IDW (Inverse
Distance Weighting). Questa analisi è stata poi ripetuta dividendo le catture in
classi di abbondanza in modo da massimizzare le differenze fra zone con bassa e alta presenza di Carabidi. La metodica di analisi è stata applicata sia sul
numero complessivo di catture che su quelle ottenute in ogni campionamento.
L’analisi grafica dei risultati ha consentito di evidenziare come, delle 10.000 catture effettuate, comprendenti un totale di 51 specie, la maggior parte siano avvenute nelle trappole collocate in parcelle a conduzione biologica e siano state
comunque maggiori negli appezzamenti di mais. L’analisi temporale ha confermato questo dato, mostrando anche come il massimo delle catture si raggiunga
nei mesi di giugno e luglio per poi avere un nuovo picco di abbondanza nel
mese di settembre.
L’uso del GIS ha consentito in questo modo uno screening rapido su un set di
dati difficile da analizzare con le metodologie classiche ottenendo un risultato
di chiara e immediata comprensione. I risultati ottenuti sembrano indicare come
questo strumento, fatta salva l’adeguata scelta dell’algoritmo di spazializzazione, possa costituire una buona base di partenza in studi ecologici e faunistici,
sia su larga che su piccola scala.
Parole chiave: analisi spaziale, bioindicatori, agricoltura biologica, agricoltura
convenzionale.
170
Sessione V - Ecologia ed etologia. Presentazioni Posters
VALUTAZIONE
DEL
RUOLO
DEI
COLEOTTERI
ANTICIDI
(COLEOPTERA, ANTHICIDAE) COME POSSIBILI BIOINDICATORI IN
APPEZZAMENTI A DIVERSA CONDUZIONE AGRONOMICA
S. Cosimi & E. Rossi
Dipartimento CDSL “G. Scaramuzzi”, Sezione Entomologia agraria, Università
di Pisa, Via S. Michele degli Scalzi 2, 56124 Pisa E-mail: scosimi@agr.unipi.it
Da tempo è nota l’importanza dei Coleotteri Carabidi (Coleoptera, Carabidae)
come bioindicatori. Mancano invece valutazioni, come potenziale indicatore
biologico, della famiglia Anthicidae, di cui non è nota la biologia, ma che, per
diffusione, facilità di cattura e semplicità di determinazione, potrebbe costituire
una possibile alternativa in taluni contesti.
Allo scopo di indagare questo aspetto, su appezzamenti facenti parte di una prova
agronomica di confronto tra conduzione biologica e convenzionale in corso da 7
anni presso il CIRAA di S. Piero a Grado (PI), sono state confrontate le catture
di Carabidi e Anticidi, eseguite con trappole pitfall. I dati sono stati elaborati sia
con un’analisi statistica classica di tipo quantitativo che con un’analisi non parametrica. Si sono poi calcolati i principali indici ecologici per entrambe le famiglie.
La prova ha visto la cattura totale di circa 10.000 Carabidi (appartenenti a 51
specie) e di circa 1.500 Anticidi (con 10 specie). Dall’analisi statistica (ANOVA)
di questi dati è emerso come solo i Carabidi abbiano mostrato una significativa
differenza fra i due siti di campionamento. Anche l’analisi multivariata (NMDS
più Cluster analysis) ha confermato tali differenze per i Carabidi, diversamente
da quanto osservato negli Anticidi.
L’esame degli indici ecologici di diversità e di ricchezza specifica ha invece messo
in evidenza molte affinità fra i due gruppi, malgrado le catture e il numero di specie decisamente maggiori osservate nei Carabidi. Infatti, sia l’indice di Shannon
che quello di Simpson sono risultati più elevati nel sito gestito in convenzionale
per entrambe le famiglie esaminate. Ugualmente, i rispettivi indici di equitabilità calcolati hanno dato risultati similari tra Carabidi e Anticidi. Nel caso degli
indici di ricchezza specifica, gli Anticidi hanno mostrato addirittura una differenza più marcata fra le due tesi a confronto. Simile fra i due gruppi è risultato
anche l’indice di Turnover. Gli indici di Sorensen hanno invece mostrato differenze sensibili nelle due famiglie studiate: i due siti a confronto sono infatti risultati qualitativamente uguali al 70% e quantitativamente solo al 50% nel caso dei
Carabidi; negli Anticidi, tali valori sono stati, rispettivamente, di 89 e 75% circa.
Alla luce dei dati ottenuti, possiamo concludere che gli Anticidi, pur mostrando
una sostanziale concordanza con i Carabidi nei valori di diversi indici ecologici
calcolati, non hanno invece evidenziato significative differenze nella valutazione
quantitativa delle specie catturate negli appezzamenti a confronto e pertanto si
rendono necessari ulteriori approfondimenti nello studio.
Parole chiave: coleotteri del suolo, bioindicatori, indici ecologici.
171
Sessione V - Ecologia ed etologia. Presentazioni Posters
PRIMI RISULTATI SULLA PRESENZA DI WOLBACHIA IN POPOLAZIONI
NATURALI DI ALCUNE SPECIE DI TRIPIDI (THYSANOPTERA,
THRIPIDAE) IN ITALIA
A. De Grazia1, R. Marullo1 & G. Moritz2
Dipartimento.GESAF, Sezione Entomologia Agraria e Forestale, Università degli
Studi Mediterranea di Reggio Calabria, località Feo de Vito, 89060 Reggio Calabria
E-mail: alessandra.degrazia@unirc.it
2
Biology/Zoology Dept., Martin-Luther Universitat, Halle-Wittenberg, Domplatz 4, D-06099 Halle (Saale), Germania
1
La determinazione del sesso nei Tisanotteri si attua per aplodiploidia, in cui i
maschi possiedono metà del corredo cromosomico delle femmine, cioè da uova
diploidi sono prodotte femmine, mentre da uova aploidi, ovvero non fecondate,
si originano maschi (partenogenesi arrenotoca). In alcune specie, però, le femmine possono riprodursi senza accoppiamento, cioè uova non fecondate possono produrre femmine attraverso il “raddoppio” dei cromosomi (partenogenesi
telitoca). Quest’ultima è stata riscon-trata in specie di importanza economica
come Heliothrips haemorrhoidalis (Bouché), Hercinothrips bicinctus (Bagnall),
Scirtothrips longipennis (Bagnall) e Chaetana-phothrips orchidii Moulton, nelle
cui popolazioni naturali il maschio si rinviene molto raramente. Altre specie
come Thrips tabaci Lindeman, Taeniothrips inconsequens (Uzel) e Haplothrips
tritici (Kurdjumov) si riproducono per telitochia in alcune aree geografiche e
per arrenotochia in altre, oppure le 2 situazioni si verificano in popola-zioni
naturali di una medesima specie, viventi nello stesso areale geografico. Negli
Imenotteri è stata dimostrata l’esistenza di 2 forme di telitochia: una reversibile
ed indotta da batteri ed un’altra irreversibile. I batteri simbionti intracellulari
del genere Wolbachia, associati ad Insetti e ad Artropodi in genere, possono
causare incompati-bilità citoplasmatica, femminizzazione dei maschi, morte della progenie maschile, alterazione di oociti ed anche influenzare la speciazione.
Tali batteri si sono rinvenuti in: H. haemorrhoidalis, Hercinothrips femoralis (O.
M. Reuter), Franklinothrips vespiformis (D. L. Crawford), Echinothrips americanus Morgan, Gynaikothrips ficorum (Marchal) e Suocerathrips linguis Mound &
Marullo; in tutte il batterio induce la riproduzione per telitochia. Nel presente
contributo si riportano i primi risultati relativi all’individuazione, per via molecolare, di Wolbachia in popolazioni di campo di 3 specie di Thripidae: Frankliniella occidentalis (Pergande), Pezothrips kellyanus (Bagnall) e T. tabaci, parassiti
di importanti colture in Italia meridionale. La tecnica molecolare adottata si
articola nelle seguenti fasi: estrazione di DNA attraverso il metodo “100 fly”
Roberts; utilizzo di primers specifici per Wolbachia per selezionare i geni 16S
(99F / 994R) e ftsZ (494 F/ 1262 R); reazione PCR ( 4 μl di DNA estratto, 5μl di
tampone di reazione 10x , 4μl MgCL2 25 mM, 0.4μl dNTPs mix 25 mM, 1.5 μl
per ogni primer 20 pmol/μl, 0.2μl Taq polimerasi, per un volume totale di 50 μl)
e visualizzazione dei prodotti mediante corsa elettroforetica.
Parole chiave: riproduzione sessuale, partenogenesi, endosimbiosi, rDNA.
172
Sessione V - Ecologia ed etologia. Presentazioni Posters
RISPOSTE ELETTROANTENNOGRAFICHE DI LEIODES CINNAMOMEA
(COLEOPTERA, LEIODIDAE) A COMPOSTI VOLATILI DI TUBER SPP.
P. Di Santo1, S. Vitagliano1, G. Anfora2, B. Paura1, P. Riolo3, N. Isidoro3 & A.
De Cristofaro1
Dipartimento di Scienze Animali, Vegetali e dell’Ambiente, Università del Molise, Via De Sanctis, 86100, Campobasso.
E-mail: patrick.disanto@unimol.it; decrist@unimol.it
2
Centro Ricerche e Innovazione, Fondazione Edmund Mach, via Edmund Mach
1, 38010 San Michele all’Adige (TN)
3
Dipartimento di Scienze Ambientali e delle Produzioni Vegetali, Università Politecnica delle Marche, Via Brecce Bianche, 60131 Ancona
1
Leiodes cinnamomea (Panzer) (Coleoptera, Leiodidae) è, tra gli insetti dannosi al
tartufo, nelle sue principali aree di produzione, uno dei fungivori più specializzati. Il coleottero infesta diverse specie di tartufo (Tuber spp.) e completa il suo
ciclo vitale all’interno o nelle vicinanze del corpo fruttifero. Larve e adulti si
alimentano del carpoforo, ma il danno economico maggiore è imputabile all’attività trofica delle ultime età larvali. I fattori ecologici correlati alle infestazioni
di questo insetto sono ancora poco conosciuti. Data l’elevata specificità per il
tartufo ed il caratteristico odore emesso dallo stesso, è stato già ipotizzato che
gli adulti, in particolare le femmine, utilizzino composti volatili (cairomoni) per
localizzare l’ospite.
Scopo del presente lavoro è stato lo studio della sensibilità olfattiva di L. cinnamomea ad alcuni composti organici volatili (VOCs) precedentemente identificati
nell’aroma di varie specie di tartufo.
Sono state registrate, mediante tecnica elettroantennografica (EAG), le risposte
di maschi e femmine di L. cinnamomea a 13 diverse sostanze e ad un aroma
sintetico di tartufo, disponibile in commercio e correntemente utilizzato dall’industria alimentare.
Dei composti saggiati sono state calcolate le curve dose-risposta (5 dosi, da 0,01
a 100 µg/µl).
I dati finora analizzati indicano che gli adulti del micofago sono in grado di
percepire, con intensità diversa, la maggior parte delle sostanze utilizzate, e
l’ampiezza della risposta elettrofisiologica è dipendente dalla dose somministrata. Le risposte EAG più elevate sono state evocate da 1-octen-3-olo, 2-metilpropan-1-olo, esanale e metil-disulfide.
Gli stessi composti saranno oggetto di studi comportamentali (“trapping test”
a doppia scelta), da condurre in olfattometro a Y, e di prove di attrattività in
campo.
Parole chiave: tartufo, semiochimici, cairomoni, EAG.
173
Sessione V - Ecologia ed etologia. Presentazioni Posters
STUDIO DELL’ATTIVITÀ BIOLOGICA DI METABOLITI DI CITRUS SPP.
SU Ceratitis capitata
N. Faraone1,2, V. Caleca2, M. Bruno1, S. Vitagliano3 & A. De Cristofaro3
Dipartimento di Chimica Organica, Università di Palermo, Viale delle Scienze,
90128 Palermo
2
Dipartimento DEMETRA, Università di Palermo, Viale delle Scienze edificio
5, 90128 Palermo E-mail: nic.far.ale@gmail.com
3
Dipartimento di Scienze Animali, Vegetali e dell’Ambiente, Università del Molise, Via De Sanctis, 86100 Campobasso E-mail: silviavitagliano@yahoo.it
1
Ceratitis capitata (Wiedemann) (Diptera, Tephritidae) è uno degli insetti più
dannosi a livello mondiale. In anni recenti sono state condotte varie ricerche
sui semiochimici coinvolti nelle interazioni insetto-pianta ospite, avvalendosi di
studi elettrofisiologici e comportamentali, con lo scopo di utilizzare le sostanze
biologicamente attive eventualmente identificate in strategie di controllo innovative e sostenibili.
È noto che i limoni non sono attaccati da C. capitata, molto probabilmente a causa
degli oli essenziali dell’epicarpo, tossici per altre mosche della frutta. Nel presente
lavoro sono state effettuate registrazioni elettrofisiologiche per valutare la sensibilità delle femmine di C. capitata ad estratti ed oli della buccia di due varietà coltivate (cv.) siciliane (Interdonato, Lunario) di Citrus limon Burm. Sono stati condotti, inoltre, biosaggi comportamentali per studiarne l’eventuale attività biologica.
La percezione degli estratti dell’epicarpo (in etere di petrolio, diclorometano e
metanolo) è stata studiata, a varie concentrazioni, utilizzando una tecnica di
registrazione da singola cellula (SCR), stimolando i sensilli tarsali del gusto di
C. capitata. Sono state registrate le risposte di diversi tipi di cellule gustative. La
stimolazione più intensa è stata indotta dagli estratti della cv. Interdonato, in
particolare dall’estratto metanolico, con incrementi significativi della frequenza
dei potenziali di azione al crescere della dose. La percezione dei composti volatili degli oli essenziali estratti dalle stesse cvv., oltre a quelli di altre due cvv. di
limone (Monachello, Femminello), è stata indagata mediante tecnica elettroantennografica (EAG). I dati EAG hanno evidenziato un’elevata sensibilità (fino a
ca. 8,5 mV) delle antenne di C. capitata ed una netta correlazione dose-risposta.
Le risposte comportamentali delle femmine (vergini ed accoppiate) agli estratti
dell’epicarpo sono state studiate mediante un biosaggio a doppia scelta, utilizzando sfere (Ø 7,0 cm) di colore giallo posizionate in un’apposita gabbia (h: 35
cm, Ø: 30 cm). Le prove condotte con tre estratti delle cvv. Interdonato e Lunario
hanno fornito risultati molto promettenti. È stata registrata, infatti, una diminuzione generalizzata dell’ovideposizione sulle sfere trattate rispetto al controllo.
I dati ottenuti incoraggiano a proseguire gli studi, al fine di definire l’attività
degli estratti anche in pieno campo.
Parole chiave: mosca mediterranea della frutta, Citrus limon, EAG, SCR.
174
Sessione V - Ecologia ed etologia. Presentazioni Posters
comportamento dEL Dittero Simulium monticola (DIPTERA,
simuliidae) in differenti condizioni idrologiche: uno
studio in laboratorio
S. Fenoglio1, T. Bo1, F. Boano2, R. Revelli2 & L. Ridolfi 2
DISAV, Università degli Studi del Piemonte Orientale, Via Teresa Michel, 15121
Alessandria E-mail: fenoglio@unipmn.it
2
DITIC, Politecnico di Torino, Corso Duca degli Abruzzi 24, 10129 Torino
1
La velocità della corrente e le forze fisiche ad essa associate sono tra i più importanti fattori abiotici che condizionano la presenza, la colonizzazione e la
persistenza degli insetti fluviali. Negli ultimi anni, l’incremento delle derivazioni
ad uso irriguo ed idroelettrico ha prodotto una generale alterazione dei regimi
ideologici, con un aumento della frequenza e dell’intensità delle variazioni di
flusso. In questo contesto numerosi studi hanno analizzato gli impatti legati
all’aumenti della velocità della corrente, mentre scarsi sono i lavori inerenti l’impatto legato alla diminuzione delle velocità. Scopo di questo lavoro è stato esaminare la persistenza ed il drift (trascinamento a valle ad opera della corrente)
del Dittero Nematocero Simulium monticola Friederichs in differenti condizioni
idrologiche. In molti torrenti e fiumi le larve di Simuliidae costituiscono uno dei
gruppi di insetti più caratteristici degli ambienti a veloce corrente. I nostri esperimenti, realizzati in un fiume artificiale all’interno del Politecnico, sono stati
finalizzati a determinare l’impatto delle variazioni di flusso sulla permanenza
e sul distacco (drift) delle larve di S. monticola. Le variazioni di velocità da
noi prodotte artificialmente sono risultate strettamente legate al drift osservato:
è stata infatti evidenziata una stretta (ed inversa) relazione tra velocità della
corrente e tasso di ingresso nel drift, con grandi quantità di organismi che si
staccano dal substrato a basse velocità. Non è stata rilevata alcuna relazione tra
dimensioni delle larve e velocità alla quale avviene l’ingresso nel drift: larve di
taglia differente abbandonano il substrato alle stesse velocità, sottolineando l’aspetto marcatamente comportamentale (e non fisico) del fenomeno. È ipotizzabile che le larve di Simuliidae, a differenza di molti altri organismi fluviali, risentano maggiormente delle diminuzioni piuttosto che degli incrementi di velocità
della corrente. Questi organismi sono dei filtratori specializzati, che naturalmente prediligono substrati erosivi e grossolani. I nostri risultati evidenziano come
le variazioni idrologiche possano avere un impatto diretto su alcuni componenti
delle entomocenosi fluviali. In particolare, le riduzioni delle velocità della corrente (legate per esempio al proliferare degli impianti idroelettrici di media e
piccola dimensione) potrebbero avere significativi impatti nei tratti montani dei
nostri fiumi, ove la comunità bentonica è caratterizzata dalla presenza di molti
taxa prettamente reofili.
Parole chiave: variazioni idrologiche, drift, fiumi artificiali, insetti acquatici.
175
Sessione V - Ecologia ed etologia. Presentazioni Posters
INDAGINE SU ARTROPODI E ALTRI INVERTEBRATI IN AMBIENTI
DUNOSI COSTIERI RecenteMENTE RESTAURATI: RISULTATI
PRELIMINARI
S. Francati, L. Ferroni, M. Speranza & M. L. Dindo
DiSTA, Università di Bologna, Viale Fanin 42-44, 40127 Bologna
E-mail: santolo.francati2@unibo.it
Nell’ambito di un progetto di riqualificazione del litorale, riguardante l’area
protetta di Foce del Torrente Bevano (Ravenna), stazione del Parco Regionale
del Delta del Po, è stata realizzata la copertura vegetale di una duna costruita
artificialmente, a seguito dei lavori effettuati nell’inverno 2005/2006 per il riposizionamento della foce del torrente stesso. Per l’intervento sono state utilizzate
due specie, l’una delle dune embrionali (Agropyron junceum (L.) Beauv.), l’altra delle dune mobili (Ammophila littoralis (Beauv.) Rothm.). La piantumazione, effettuata a fine ottobre 2006, ha dato luogo, già nella stagione vegetativa
2007, ad una copertura vegetale di discreto sviluppo, aumentata ulteriormente negli anni successivi. A primavera 2010 si è verificato l’avvenuto insediamento spontaneo di invertebrati nel nuovo ambiente, mediante il censimento
di artropodi e di altri gruppi. Tale censimento è stato effettuato anche in una
duna limitrofa, immediatamente a Sud della foce del torrente. Ciò allo scopo
di eseguire un confronto tra la giovane duna e una duna di origine naturale, dove la copertura vegetale presentava la complessità strutturale e floristica
propria di un sistema dunoso maturo. La principale tecnica di campionamento
utilizzata è stata quella delle trappole a caduta, posizionate a distanza regolare all’interno dell’area vegetata delle dune, parallelamente alla linea di costa.
Sono state utilizzate anche le tecniche di raccolta manuale e sfalcio con retino.
Dal punto di vista della composizione faunistica, sia nella duna naturale (N) che
in quella ricostituita (R) sono stati rinvenuti i seguenti taxa: Isopoda (N=256;
R=7), Araneae (N=38; R=5), Acari (N=356; R=246), Orthoptera (N=1; R=11),
Neuroptera Myrmeleontidae (N=9; R=15), Diptera (N=1.894; R=1.343), Hemiptera (N=12; R=8), Coleoptera (Carabidae (N=371; R=134), Staphylinidae (N=1-848;
R=302), Scarabaeoidea (N=641; R=654), Hymenoptera (Formicidae Myrmicinae
(N=657; R=266). Nella sola duna naturale sono stati inoltre rinvenuti Gastropoda (1.218), Pseudoscorpiones (1), Diplopoda Julidae (48), Collembola (70), Blattodea (5), Coleoptera Curculionidae (8).
Riguardo alla sostenibilità ambientale dell’intervento di restauro effettuato, il
risultato può essere considerato incoraggiante. Dopo un tempo relativamente
breve dall’esecuzione dell’intervento (poco più di 3 anni), è, infatti, già stata rinvenuta una comunità di artropodi, e altri invertebrati, ben diversificata e numericamente abbastanza consistente. I dati raccolti potrebbero essere validi anche
per costituire una banca dati da utilizzare per caratterizzazioni di studi analoghi.
Parole chiave: riqualificazione ambientale, duna ricostituita, trappole a caduta.
176
Sessione V - Ecologia ed etologia. Presentazioni Posters
INFLUENZA DI ALCUNE PRATICHE
ARTROPODI DEI SUOLI AGRARI
AGRONOMICHE
SUGLI
E. Gagnarli1, R. Farina2, S. Colecchia2, P. Bazzoffi1 & R. Nannelli1
Centro di Ricerca per l’Agrobiologia e la Pedologia, Via di Lanciola 12/a, 50125
Firenze E-mail: roberto.nannelli@entecra.it
2
Centro di Ricerca per la Cerealicoltura, SS. 16 km 675, 71121 Foggia
1
La fauna edafica rappresenta un importante fattore di trasformazione della sostanza organica (S.O.) garantendo gli equilibri necessari al funzionamento dell’ecosistema suolo. Il biomonitoraggio consente di valutare indirettamente la condizione del terreno e di rilevare gli effetti delle gestioni colturali sugli organismi che
in esso vivono. Con questa ricerca si è cercato di valutare attraverso un metodo
pratico la qualità biologica di suoli agrari a differente gestione colturale attraverso lo studio degli artropodi. La ricerca di indici biologici efficaci e semplici dal
punto di vista applicativo è di estrema attualità; fra questi il QBS, indice sintetico di valutazione della Qualità Biologica del Suolo (Parisi 2001), che considera il
popolamento dei microartropodi sulla base dei loro adattamenti alla vita edafica.
Le indagini sono state svolte secondo due linee: 1) valutare gli effetti delle lavorazioni sugli artropodi confrontando tre diverse condizioni (a) prato incolto da
anni non soggetto a pascolo, (b) prato soggetto a sfalcio periodico, (c) parcella
arata in tempera con sovescio poi lasciata a riposo presso un’Azienda Sperimentale (CRA-ABP Scarperia-FI) e 2) verificare quale pratica agronomica contribuisse alla maggiore stabilità della biocenosi in una coltivazione di frumento duro
in monosuccessione, confrontando tre tipologie a) bruciatura delle stoppie, b)
interramento delle stoppie, c) interramento dei residui colturali presso l’Azienda
Sperimentale CRA-CER, Foggia. Per ogni tesi (5 repliche) sono stati prelevati
150 cc di terreno superficiale nel periodo autunnale 2009 e primaverile 2010.
Gli artropodi sono stati estratti mediante Berlese-Tullgren. Per la determinazione della qualità biologica del suolo sono stati calcolati il QBS-ar e gli indici
di Margalef, Shannon-Wiener e Simpson. Dall’esperienza condotta sugli effetti
delle lavorazioni si è accertato che il prato incolto e lo sfalcio mantengono un
livello qualitativo biologico con QBS-ar alto, comparabile a quello delle lettiere
forestali, mentre i prati dissodati perdono una quota notevole di specie euedafiche. Nelle parcelle con cerealicoltura intensiva i valori di QBS-ar risultano
molto bassi, al pari di suoli degradati o pionieri e l’interramento dei residui
colturali non pare sufficiente a incrementare il turnover dei nutrienti attraverso
l’intervento delle comunità edafiche. In ambedue le esperienze il gruppo prevalente degli artropodi coinvolti è rappresentato dagli Acari Oribatei che sono i
più importanti demolitori dei detriti vegetali in decomposizione.
Parole chiave: artropodi, indice QBS-ar, pratiche agronomiche.
Bibliografia:
Parisi V., 2001 - La qualità biologica del suolo. Un metodo basato sui microartropodi - Acta Naturalia, L’ateneo parmense, 37: 105-114.
177
Sessione V - Ecologia ed etologia. Presentazioni Posters
Strategie di sfarfallamento nelle ninfe di PlecoTTERI
Perlidae
M. Grenna1, S. Fenoglio1, T. Bo1, M. J. López-Rodríguez2 & J. M. Tierno de
Figueroa3
Dipartimento di Scienze dell’Ambiente e della Vita, Università del Piemonte
Orientale, Via Teresa Michel 11, 15121 Alessandria E-mail: marco@grenna.it
2
Departamento de Ecología, Facultad de Ciencias, Universidad de Granada,
Campus Fuentenueva s/n, 18071 Granada, Spagna
3
Departamento de Biología Animal, Facultad de Ciencias, Universidad de Granada, Campus Fuentenueva s/n, 18071 Granada, Spagna
1
I Plecotteri costituiscono un piccolo ed antico ordine di insetti emimetaboli, con
tracce fossili che risalgono al Permiano. Uova e ninfe sono acquatiche, mentre
gli adulti sono terrestri. Scopo di questo studio è stato descrivere le strategie di
sfarfallamento di Perla marginata (Panzer, 1799) e Perla grandis (Rambur, 1841),
due grandi plecotteri Sistellognati tipici di ambienti ritrali appenninici, indagando l’esistenza di substrati e pattern preferenziali ove effettuare l’ultima ecdisi e
valutando l’esistenza di possibili differenze fra le due specie. Gli studi sono stati
condotti nel torrente Curone, Fabbrica Curone (AL, 700 m s.l.m.). Nel maggio
2007 sono state raccolte 48 esuvie di P. marginata e 256 esuvie di P. grandis in
una zona di fiume lunga 20 m, registrando per ciascuna di esse le caratteristiche
del substrato e le dimensioni. Non sono state rilevate preferenze tra le specie né
per la tipologia né per il colore del substrato in cui avviene lo sfarfallamento.
Per entrambe le specie, il substrato preferito per completare la metamorfosi era
costituito da grandi rocce, seguito da rocce posizionate all’interno del fiume,
dalla vegetazione ripariale ed infine da tratti di bordo ghiaioso. Sono state invece rilevate interessanti differenze relativamente all’allontanamento dal letto
fluviale. Le ninfe di P. grandis (mediamente più grandi) si sono allontanate maggiormente dall’alveo in cui avevano trascorso lo stadio preimmaginale rispetto
alle ninfe di P. marginata (distanza orizzontale media: P. grandis: 23.5 cm; P.
marginata: 15.2 cm. Distanza verticale media: P. grandis: 32.8 cm; P. marginata:
22.6 cm). Considerando che lo spostamento delle ninfe prima dell’ultima muta
costituisce un momento estremamente delicato, durante il quale aumenta l’esposizione ai predatori, si può ipotizzare che le specie con ninfe più grandi e più
forti potrebbero ricevere maggior vantaggi selezionando siti di emergenza più
distanti dal corso del fiume: in questo modo si ridurrebbe la competizione sia
per il sito di sfarfallamento che per le successive necessità di riproduzione. Infatti, quando le specie che sfarfallano sono molto vicine filogeneticamente (come
in questo caso), aumenta il rischio di confusione del compagno e successivo
“outbreeding”, cosicché potrebbe essere importante avere strategie separate nella selezione del sito di sfarfallamento.
Parole chiave: Perla, exuvie, Val Curone.
178
Sessione V - Ecologia ed etologia. Presentazioni Posters
IMPORTANZA DI PRATI, INCOLTI, MARGINI DEI COLTIVI E VARIETÀ
DELL’ECOMOSAICO PER I ROPALOCERI DELLA PIANURA PAVESE
R. Groppali
Laboratorio di Ecologia degli Invertebrati,Via S. Epifanio 14, 27100 Pavia
E-mail: groppali@et.unipv.it
Tra il 2008 e il 2010, su incarico della Regione Lombardia, è stata eseguita
un’indagine sui Ropaloceri lungo transetti di 1,1 km con rilievi mensili in 5
aree coltivate della pianura pavese differenti per tipologie colturali, presenza di
ambienti naturaliformi e diffusione tra i campi di vegetazione legnosa e corpi
idrici lineari.
In un’azienda è dominante il mais (65% della superficie) e nelle altre lo è il
riso, tra 60 e 40%. Tranne che in un’azienda è buona la presenza del prato, con
superfici tra 35 e 5%, e in 3 quella della marcita/prato marcitoio, tra 40 e 5%.
L’ecomosaico è vario in un’azienda (6 habitat differenti), minore in altre quattro
(5) e minimo in una (4), che è l’area più monotona. Filari e siepi hanno una
diffusione compresa tra 275 e 53 m/ha e i corpi idrici lineari tra 234 e 87 m/ha.
I numeri medi d’individui per rilievo sono stati massimi (32,25) nell’azienda con
coltivazioni biodinamiche e in parte boscata e minimi (10) in quella con ecomosaico povero e scarsi margini. Questo sito è anche il più povero per ricchezza
specifica media (4), che è stata massima nell’azienda occupata al 40% da prato
marcitoio e al 5% da prato, con 6,5 specie e con massima ricchezza cumulata
(20 specie rilevate complessivamente). Il massimo valore medio dell’indice di
diversità (2,26) è dell’azienda con un tratto incolto ed elevata lunghezza di corpi idrici lineari con scarsa vegetazione legnosa e il minimo (1,69) in quella più
povera anche di questa dotazione.
I dati raccolti permettono quindi di rilevare che per i Ropaloceri gli elementi
ambientali di maggior importanza sono: assenza di trattamenti con biocidi; presenza di prati stabili (anche marcitoi, nonostante l’allagamento invernale danneggi uova e crisalidi nel terreno o sugli strati bassi della copertura erbacea) e
incolti (anche a rotazione) in un ecomosaico vario e composito; abbondanza di
margini vegetati lungo i coltivi, tra i quali hanno maggior importanza le sponde
inerbate di fossi e coli rispetto a vegetazione arboreo-arbustiva fitta e compatta.
Gli agroecosistemi migliori per i Ropaloceri sono quindi dotati di ecomosaici
ricchi e vari (come quelli che potrebbero derivare dal ritorno alla rotazione colturale), con aree prative vaste e con margini dei coltivi abbondanti, ben distribuiti e con ampi tratti privi di vegetazione legnosa e perciò con ricca copertura
erbacea.
Parole chiave: agroecosistemi, Lepidotteri diurni, margini dei coltivi, prati, Pianura Padana.
179
Sessione V - Ecologia ed etologia. Presentazioni Posters
STRUTTURA DI COMUNITÀ DEI LEPIDOTTERI ROPALOCERI E DEGLI
ORTOTTERI NEI SISTEMI AGRO-PASTORALI DEL SIC-ZPS MURGIA
ALTA (PUGLIA)
R. Labadessa, R. Sorino & G. Corriero
Dipartimento di Biologia, Università degli Studi di Bari, Via Orabona 4, 70125
Bari E-mail: rlab@libero.it
Le praterie steppiche dell’altopiano dell’Alta Murgia sono il risultato di un
particolare equilibrio tra componenti antropiche e naturali, che ha permesso
l’instaurarsi di dinamiche simili a quelle delle steppe primarie. Le recenti modificazioni dell’uso del suolo assumono un ruolo importante nella regressione di
tali sistemi, per la cui conservazione si rivelano necessarie opportune attività di
monitoraggio.
In questo studio sono state ampliate le conoscenze riguardanti le comunità di
Lepidotteri Ropaloceri e Ortotteri del SIC-ZPS Murgia Alta, analizzandone le
relazioni con i parametri ambientali delle praterie seminaturali.
Il monitoraggio è stato effettuato all’interno di 24 plot circolari con raggio di
100 metri; ciascun plot è stato caratterizzato sulla base di diversi fattori: numero e diversità di habitat, struttura del cotico erboso, ricchezza e diversità
floristica. Sono state svolte 11 sessioni di campionamento, da aprile a settembre
2010, identificando gli individui lungo transetti lineari di 200 m.
Nell’area di studio sono state osservate 49 specie di Lepidotteri Ropaloceri, con
abbondanza di 1.113 individui. Tra le specie, è rilevante la presenza di Melanargia arge (Sulzer, 1776), specie endemica dell’Italia meridionale e inclusa nella
Direttiva Habitat 92/43 CEE. Diverse specie risultano strettamente legate alla
presenza di piante ed associazioni vegetali endemiche e prioritarie. L’eterogeneità strutturale dell’habitat (H’habitat) influisce positivamente sui valori di Ricchezza specifica (rS = 0,656, p<0,01), Diversità (rH’ = 0,656, p<0,001) e Abbondanza
(rN = 0,578, p<0,01) dei Lepidotteri.
Gli Ortotteri sono rappresentati da 27 specie, con abbondanza di 1.856 individui. Fra
queste specie, Saga pedo (Pallas, 1771) è ritenuta vulnerabile (VU) in Italia e inclusa
nella Direttiva Habitat 92/43, Ephippiger apulus (Ramme, 1933), Decticus loudoni
Ramme, 1933 e Prionotropis appula (Costa, 1836) sono endemiche del Sud Italia.
I valori di Abbondanza degli Ortotteri risultano correlati con alcuni parametri
bio-ecologici (Ellenberg-Pignatti, 1974), quali Luce (rL = 0,672, p<0,001), Calore
(rT = 0,475, p<0,05) e Nutrienti (rN = 0,408, p<0,05), che sono considerati indici
di degrado delle praterie seminaturali. Questo taxon può essere pertanto considerato indicatore di eccessivo carico di pascolamento.
I protocolli adottati sono atti a realizzare monitoraggi ripetuti nel tempo, con
il fine di analizzare le variazioni delle comunità in relazione ai cambiamenti
climatici e di uso del suolo. L’acquisizione di queste conoscenze è fondamentale
per individuare adeguate strategie di gestione del SIC-ZPS Murgia Alta.
Parole chiave: biodiversità, pseudo-steppa, murgia pugliese.
180
Sessione V - Ecologia ed etologia. Presentazioni Posters
la coleotterofauna saproxilobionte del Parco Nazionale
della Sila (Calabria, Italia)
A. Mazzei, T. Bonacci, E. Contarini, † T. Zetto Brandmayr & P. Brandmayr
Dipartimento di Ecologia, Università della Calabria, Via Bucci cubo 4B, 87036
Rende (CS) E-mail: antonio.mazzei@unical.it
I coleotteri saproxilobionti, almeno durante una parte del loro ciclo vitale, sono
organismi legati alla biomassa del legno morto. Tali organismi fanno parte di
una comunità caratterizzata da una diversità funzionale complessa che li rende
ottimi bioindicatori dello stato generale di conservazione della biodiversità e
della naturalità degli ecosistemi. La nostra ricerca, intrapresa dal 2009 all’interno dei Siti Natura 2000 del Parco Nazionale della Sila, ha avuto l’obiettivo
di monitorare l’entomofauna saproxilobionte mediante il metodo delle raccolte
dirette, che consiste nel controllo sistematico della biomassa legnosa presente
all’interno delle aree di campionamento. In totale sono state identificate 34 specie di coleotteri. La struttura di dominanza vede una maggioranza di specie xilofaghe con habitat primario in foreste di conifere, mentre scarse sono le specie
strettamente legate alle faggete. Nei boschi a faggio, preservati dalla passata gestione selvicolturale (con eccessivo sfruttamento della biomassa legnosa), si sono
rinvenuti Acanthocinus xanthoneurus (Mulsant & Rey), raro cerambice esclusivo
delle foreste a Fagus, endemico dell’Appennino italiano e di grande interesse
ecologico e biogeografico, e Sinodendron cylindricum (Linnaeus), lucanide xilofago di notevole importanza faunistica, con una distribuzione poca diffusa e
localizzata, la cui presenza è condizionata dalla disponibilità di vecchi tronchi
al suolo di grosse sezioni e di parecchi anni.
Nei boschi a pino laricio, ben conservati e con presenza di alberi senescenti e
abbon-dante biomassa legnosa, è presente una coleotterofauna di alto pregio naturalistico. Tra le entità di particolare interesse segnaliamo Cucujus haematodes
Erichson, specie inserita nella Lista Rossa IUCN 2010 come specie in pericolo
critico di estinzione, e Cucujus cinnaberinus (Scopoli), specie prioritaria ai sensi
della Direttiva Habitat dell’Unione Europea. Entrambe le specie sono cucujidi
subcorticicoli, legati a consorzi forestali maturi e con distribuzione corologica
asiatico europea e centro europeo il cui areale è in forte declino. Ricordiamo
anche Chalcophora intermedia (Rey), buprestide sporadico, con distribuzione mediterraneo nord-orientale, presente in Italia solo in Calabria (Sila), con
adulti osservati in volo nel mese di luglio sui grossi tronchi di Pinus laricio.
Altra specie, eccezionalmente abbondante in relazione ai dati di cattura storici,
è Clinidium canaliculatum (Costa), relitto paleotropicale indicatore dei boschi
sempreverdi del terziario.
Parole chiave: legno morto, gestione forestale, biodiversità, Direttiva Habitat.
181
Sessione V - Ecologia ed etologia. Presentazioni Posters
Analisi delLa diversità funzionale dei coleotteri
nella biomassa legnosa del Parco Nazionale della Sila
(Calabria, Italia) (Coleoptera)
A. Mazzei, T. Bonacci, E. Contarini, † T. Zetto Brandmayr & P. Brandmayr
Dipartimento di Ecologia, Università della Calabria, Via Bucci cubo 4B, 87036
Rende (CS) E-mail: antonio.mazzei@unical.it
La necromassa legnosa oltre ad avere un ruolo chiave negli ecosistemi forestali,
rappresentando un elemento indispensabile per il funzionamento dei cicli biogeochimici, contribuisce alla conservazione della biodiversità mediante l’offerta
di habitat idonei ai saproxilobionti “associati” alla risorsa legno. La struttura e
le funzioni di un albero morto cambiano nel tempo, con l’avanzare dei processi
di degradazione della materia, e i vari stadi di decadimento rappresentano una
grande varietà di microhabitat nei quali si sviluppano subcomunità dinamiche
ed in rapida evoluzione. Il legno fresco viene attaccato da organismi saproxilofagi subcorticicoli (Curculionidi e Scolitidi) che gradiscono la parte più nutriente rappresentata da xilema e floema. Molte sono poi le specie di Cerambicidi e
Buprestidi che allo stadio larvale si sviluppano sia nelle porzioni sottocorticale
che nella parte più coriacea del legno. La lenta opera di demolizione di questi
organismi provoca microfessurazioni e spazi interstiziali ed il leggero distacco
della corteccia.
Queste modificazioni microstrutturali del substrato, uniti ai processi naturali di
decomposizione fisico-chimica del legno, portano all’evolversi di microhabitat
sfruttabili da elementi più esigenti e più specializzati quali Temnoscheila caerulea (Olivier) e Pyrochroa coccinea (Linnaeus). Cucujus cinnaberinus (Scopoli) e
Cucujus haematodes Erichson sono coleotteri che hanno evoluto una forma del
corpo appiattita, in grado di muoversi agilmente nelle fessure alla ricerca del
loro pabulum d’elezione, ad esempio le giovani larve di cerambicidi.
Dopo diversi anni, la necromassa legnosa, ricca di ampie cavità, è in grado di
ospitare un’altra componente che sfrutta le cavità legnose come riparo. In particolare ritroviamo Pterostichus ruffoi Sciaky, Carabus lefebvrei Dejean, Carabus
preslii neumeyeri Schaum, Cychrus italicus Bonelli, carabidi predatori nelle ceppaie con un alto grado di specializzazione alimentare, e Clinidium canaliculatum
(Costa), relitto paleotropicale che vive esclusivamente nella necromassa a spese
di Myxomiceti.
In generale, i saproxilobionti accelerano i processi di decomposizione della biomassa contribuendo in modo determinante alla produttività funzionale della foresta. L’analisi della diversità funzionale dei coleotteri saproxilobionti potrebbe
rappresentare un indice ecologico dello stato generale di conservazione della
biodiversità e della naturalità di alcuni ecosistema forestali.
Parole chiave: ecosistema, comunità, livelli trofici, pino laricio.
182
Sessione V - Ecologia ed etologia. Presentazioni Posters
SAGGI PRELIMINARI PER LO STUDIO DELLA SOPRAVVIVENZA DEGLI
ACARI ERIOFIOIDEI A CONDIZIONI DI STRESS POTENZIALMENTE
CORRELATE ALLA DISPERSIONE AEREA
R. Monfreda & E. de Lillo
Dipartimento di Biologia e Chimica Agroforestale ed Ambientale, Facoltà di
Agraria, Università di Bari “Aldo Moro”, Via Amendola 165/a, 70126 Bari
E-mail: delillo@agr.uniba.it
L’attività di dispersione degli acari Eriophyoidea ha una rilevante importanza
circa la diffusione della loro infestazione tra le piante e su vari organi della
stessa pianta. La maggior parte degli studi disponibili ha evidenziato come la
dispersione degli eriofioidei avvenga prevalentemente mediante meccanismi passivi che sfruttano l’azione delle correnti d’aria. Questi studi suggeriscono la possibilità di una dispersione a lunga distanza (anche se non sempre efficace) e una
considerevole resistenza a condizioni ambientali alquanto limite da un punto di
vista biologico.
Il modello sperimentale predisposto si basa sull’ipotesi che gli eriofioidei vengano spinti verso l’alto da correnti aeree ascensionali per essere inclusi in masse di
vapore (ad esempio nubi) dove trovano protezione dal disseccamento e dall’insolazione diretta, ma dove incontrano basse temperature, minore concentrazione
di ossigeno ed assenza di alimento.
Pertanto, al fine di valutare la capacità di resistenza di questi acari alle possibili
condizioni estreme si è provveduto a sottoporli a saggi di vitalità in assenza di
aria, alimento e a due valori di temperatura.
I saggi sono stati eseguiti prelevando gli acari vivi direttamente dal materiale
infestato mediante una minuzia e immergendo questi in una miscela. Sono state
utilizzate due miscele: 1) olio di vaselina (utilizzato in precedenti saggi); 2) Tween 80 (0,2%), Actidione (50 mg/l) e acqua distillata. Per entrambe le miscele sono
state previste temperature di conservazione a 5±1 e 25±1 °C. La vitalità degli
individui è stata accertata ogni 24 ore. Per ogni specie, miscela e temperatura
sono stati eseguiti saggi con 3 repliche di almeno 30 individui ciascuna.
Vengono riportate le percentuali di vitalità durante i saggi per le specie saggiate
tra cui i galligeni Aceria caulobia (Nalepa), prelevata da galle su germogli di
Suaeda vera Gmel., Phytoptus avellanae Nalepa, prelevato da gemme deformi di
Corylus avellana L., e il vagante Cecidophyopsis hendersoni (Keifer), raccolto su
foglie di Yucca sp. Altre specie sono state sottoposte a saggi parziali.
Le specie selezionate hanno evidenziato una notevole resistenza alle condizioni
di esposizione con una resistenza variabile da un minimo di 10-28 giorni in olio
di vaselina fino a un massimo di 42-46 giorni nella miscela acquosa. Gli eriofidi
delle tesi a più basse temperature hanno mostrato una maggiore resistenza alle
condizioni della prova rispetto a quelli saggiati a più alta temperatura.
Parole chiave: Eriophyoidea, vitalità, dispersione passiva.
183
Sessione V - Ecologia ed etologia. Presentazioni Posters
VALUTAZIONE DELLE METALLOTIONEINE E DEL DANNO
VALUTAZIONE SUDELLE
E DEL
DANNO
GENOTOSSICO
LARVE DIMETALLOTIONEINE
BOMBYX MORI TRATTATE
CON CADMIO
GENOTOSSICO SU LARVE DI BOMBYX MORI TRATTATE CON CADMIO
O. Panzarino11, P. Vernile11, G. Bari11, S. Cappellozza22, M. Spagnuolo11, R. Terzano11
O. Panzarino , P. Vernile , G. Bari , S. Cappellozza , M. Spagnuolo , R. Terzano
& E. de Lillo11
& E. de Lillo
1
1Dipartimento di Biologia e Chimica Agroforestale ed Ambientale, Facoltà di
Dipartimento di Biologia e Chimica Agroforestale ed Ambientale, Facoltà di
Agraria,
Bari
“Aldo
Moro”,
Via Via
Amendola
165/a,165/a,
70126
Bari Bari
Agraria,Università
Universitàdidi
Bari
“Aldo
Moro”,
Amendola
70126
E-mail:
giuseppe.bari@agr.uniba.it
E-mail: giuseppe.bari@agr.uniba.it
2
2CRA, Istituto di Apicoltura e Bachicoltura di Bologna, Via Eulero 6, 35143 Padova
CRA, Istituto di Apicoltura e Bachicoltura di Bologna, Via Eulero 6, 35143 Padova
La
la la
comunità
La valutazione
valutazione del
del rischio
rischioambientale
ambientaleè èdidifondamentale
fondamentaleinteresse
interesseperper
comuscientifica
internazionale
per
una
più
accurata
determinazione
dei
limiti
di
sostenibinità scientifica internazionale per una più accurata determinazione dei limiti di
lità
dell’inquinamento.
Fino ad oggi
gli ad
studi
eco-tossicologici
sono stati condotti
sostenibi-lità
dell’inquinamento.
Fino
oggi
gli studi eco-tossicologici
sono
principalmente
su
lombrichi,
crostacei,
mitili
e
lumache,
mentre
solo
poche specie
di
stati condotti principalmente su lombrichi, crostacei, mitili e lumache,
mentre
insetti
sono
state
utilizzate
a
questo
scopo.
Il
presente
contributo
vuole
fornire
solo poche specie di insetti sono state utilizzate a questo scopo. Il presente con-i
risultati
di alcuni
primipreliminari
saggi tossicologici
applicati
su Bombyx
mori L.
tributo preliminari
vuole fornire
i risultati
di alcuni
primi saggi
tossicologici
(Lepidoptera,
Bombycidae).
Il baco
da seta è stato
utilizzato come
modello
applicati su Bombyx
mori L.
(Lepidoptera,
Bombycidae).
Il baco
da setainèquanto
stato
di
facile manipolazione
e gestione
in laboratorio,
alimentando gli
individuiincon
foglie
utilizzato
come modello
in quanto
di facile manipolazione
e gestione
laboradi
gelsoalimentando
o dieta artificiale.
L’indagine
lo scopo
di selezionare
biomarkers
e prototorio,
gli individui
con ha
foglie
di gelso
o dieta artificiale.
L’indagine
colli
al rilievo biomarkers
di un metallo
pesante (cadmio),
avendo
l’intento
di
ha lo rispondenti
scopo di selezionare
e proto-colli
rispondenti
al rilievo
di un
estendere
tale esperienza
su avendo
altre specie
di insetti
e in condizioni
naturali. Ilsubaco
metallo pesante
(cadmio),
l’intento
di estendere
tale esperienza
altreè
stato
artificiale
specifica
per consentire
il suo regolare
sviluppo
speciesottoposto
di insettia euna
in dieta
condizioni
naturali.
Il baco
è stato sottoposto
a una
dieta
Cd. Per ogni
larvale.
L’alimento
stato
inquinatoil con
0,1, sviluppo
1 e 10 µg
g-1 di L’alimento
artificiale
specifica èper
consentire
suo 0,01,
regolare
larvale.
è
trattamento
e percon
il testimone
state
trePer
repliche.
Dieci larve die B.
di
ogni trattamento
permori
il testato inquinato
0,01, 0,1,sono
1 e 10
µg allestite
g-1 di Cd.
IV
e diecisono
larve
di Vallestite
età pertre
replica
sonoDieci
state esposte
6 giorni
stimone
state
repliche.
larve di all’inquinante
B. mori di IVper
e dieci
larvea
28±1°C,
U.R. e sono
fotoperiodo
di 15 oreall’inquinante
di luce e 9 di buio.
termineadell’espodi V età65±5%
per replica
state esposte
per Al
6 giorni
28±1°C,
sizione
individui
sono statidisottoposti
delle
metallotioneine
65±5% gli
U.R.
e fotoperiodo
15 ore dialla
lucedeterminazione
e 9 di buio. Al
termine
dell’espo-e
alla
stima
del
danno
genotossico
tramite
il
comet
assay.
I
risultati
hanno
dimostrato
sizione gli individui sono stati sottoposti alla determinazione delle metallotiouna
diversa
Cd dagenotossico
parte delle tramite
popolazioni
delle assay.
due etàI risultati
larvali saggiate:
neine
e alla sensibilità
stima del al
danno
il comet
hanno
nelle
larve
di
V
età
il
contenuto
di
metallotioneine
è
stato
significativamente
maggiodimostrato una diversa sensibilità al Cd da parte delle popolazioni delle
due
Cd (16,06
± 5,71
nmol/mL)di
rispetto
al controlloè(4,79
re
trattatosaggiate:
con 10 µg
g-1 di
etànel
larvali
nelle
larve
di V età
il contenuto
metallotioneine
stato±
4,08 nmol/mL); nelle larve di IV e V età sono state apprezzate
variazioni significative
significativamente
magnella lunghezza della coda delle comete (p<0,001) tra trattatigio-re
e controllo.
nel trattato con
10 µg g-1 di Cd (16,06 ±
5,71 nmol/mL) rispetto
al controllo (4,79 ± 4,08
nmol/mL); nelle larve di IV e V età sono
state apprezzate variazioni significative nella
lunghezza della coda
delle comete (p<0,001)
tra trattati e controllo.
Parole chiave: comet assay, metallotioneine, biomarker.
Parole chiave: comet assay, metallotioneine, biomarker.
184
Sessione V - Ecologia ed etologia. Presentazioni Posters
uno studio sulla colonizzazione di pacchetti fogliari
(specie alloctona vs. autoctona) da parte di insetti
acquatici in un fiume mediterraneo
I. Peralta-Maraver1, M. J. López-Rodríguez2, S. Fenoglio3, T. Bo3, J. M. LuzónOrtega4 & J. M. Tierno de Figueroa1
Departamento de Biología Animal, Facultad de Ciencias, Universidad de
Granada, Campus Fuentenueva s/n, 18071, Granada, Spagna
2
Departamento de Ecología, Facultad de Ciencias, Universidad de Granada,
Campus Fuentenueva s/n, 18071, Granada, Spagna
3
Dipartimento di Scienze dell’Ambiente e della Vita, Università del Piemonte
Orientale, Via Teresa Michel 11, 15121 Alessandria E-mail: tbo@unipmn.it
4
Hydraena S.L.L., Plaza del Baño 4, 18170 Alfacar (Granada), Spagna
1
Gli ambienti lotici sono sistemi ecologicamente sbilanciati: infatti, una cospicua
frazione degli input energetici che alimentano il biota dei nostri fiumi deriva
da materia organica non vivente, prodotta all’esterno del reticolo fluviale. La
catena del detrito rappresenta quindi la componente fondamentale nelle dinamiche energetiche dei sistemi fluviali ed in questo contesto la caduta autunnale delle foglie costituisce uno dei più importanti ingressi energetici dei torrenti
delle aree temperate. Le foglie che arrivano nel reticolo idrografico spinte dalla
gravità e dalle acque di precipi-tazione vengono intrappolate dalle asperità del
substrato e si depositano formando degli ammassi fogliari che sono successivamente degradati da una combinazione di processi fisici e biologici. In questo
contesto gli insetti acquatici svolgono una funzione di primaria importanza. In
questo studio, ammassi fogliari (leaf packs) di due specie di alberi (una autoctona, Salix neotrichia, ed una alloctona, Populus nigra) sono stati posizionati nel
fiume Fardes (Andalusia, Spagna), e ne è stata analizzata la colonizzazione da
parte dell’entomofauna fluviale. In due date, aliquote di leaf packs sono state
rimosse e gli insetti colonizzanti sono stati raccolti ed identificati. Al contempo,
attraverso l’impiego di campionamenti quantitativi di tipo Surber, sono state
caratterizzate le comunità di insetti fluviali presenti nel substrato (raccogliendo
36.537 organismi bentonici). Analizzando i dati risulta evidente che gli ammassi
fogliari attraggono una ricca e diversificata entomofauna, con un aumento della
ricchezza tassonomica nel tempo. Nessuna differenza significativa è stata rilevata tra le comunità di insetti che hanno colonizzato le foglie alloctone ed autoctone (Wilcoxon T= 4845.00, p>0.05 per la prima data; Wilcoxon T= 5264.00,
p>0.05 per la seconda). Analizzando i gruppi trofici funzionali presenti, è stato
registrato un incremento dei tagliuzzatori (shredders), probabilmente legato alle
dinamiche del “conditioning”, cioè della colonizzazione del detrito fogliare da
parte di batteri e funghi ingoldiani, che per la loro capacità cellulosolitica rendono la risorsa più appetibile per l’entomofauna.
Parole chiave: leaf packs, ecologia fluviale, Spagna, insetti acquatici.
185
Sessione V - Ecologia ed etologia. Presentazioni Posters
INDAGINE SULLE POPOLAZIONI DI LUCIOLA ITALICA (COLEOPTERA,
LAMPYRIDAE) NELL’AREA URBANA DI TORINO
M. Picchi, L. Avolio, L. Azzani, O. Brombin & G. Camerini
PAV/Parco Arte Vivente, Via Giordano Bruno 31, 10134 Torino
E-mail: maepik@hotmail.it
Malgrado la città sia un ambiente ostile per gli animali notturni, una ricerca
svolta nel territorio di Torino dimostra che popolazioni del Colettero Lampiride Luciola italica (Linnaeus) possono vivere nell’area urbana. Lo studio è stato
preceduto da un progetto artistico, iniziato nel 2007 e curato dal Parco di Arte
Vivente. Ai partecipanti fu chiesto di segnalare aree in cui erano state avvistate
le lucciole: la cittadinanza indicò 18 siti, successivamente visitati in due riprese,
tra maggio e giugno 2009. In occasione dei sopralluoghi è stata stimata l’abbondanza delle popolazioni lungo un transetto ed è stato misurato il livello di
inquinamento luminoso.
L’abbondanza della specie è stata messa in relazione all’uso del suolo; a tal scopo, intorno ai 18 siti di studio, sono stati tracciati tre plot circolari di diametro
crescente (250 -500 -1.000 metri) entro i quali è stata calcolata la disponibilità di
boschi, prati e terreni arativi, superfici coperte d’acqua e aree urbanizzate. In 12
siti è stata confermata la presenza di L. italica: l’habitat è costituito da boschi
intervallati da radure (nella parte est collinare e meno popolata) e dai parchi
disposti lungo i fiumi che attraversano la città.
Nei 12 siti dove si è rilevata la presenza di L. italica il livello di illuminamento
era pari a 0,085 lux, inferiore ai 0,467 lux misurati nei sei siti ove la specie era
assente (p<0,01 – “Mann Whithney test”). L’analisi della struttura del paesaggio
attorno ai siti di studio ha rivelato una correlazione negativa (rs = - 0,587 - P <
0,05) tra il grado di urbanizzazione e l’abbondanza delle lucciole all’interno dei
plot di raggio inferiore (250 m). L’analisi di similarità relativa all’uso del suolo
separa in maniera significativa le aree in cui L. italica è assente da quelle - più
ricche di aree verdi - in cui la specie può sopravvivere (R = + 0,537 - P < 0,01).
Indicazioni analoghe vengono dall’analisi multivariata (Non-metric Multidimensional Scaling e Analisi di Agglomerazione).
L’ecologia di L. italica è influenzata dall’estensione delle aree verdi, dal loro grado
di connessione con corridoi ecologici e dal livello di luminosità artificiale. Notevole importanza ha il reticolo di corsi d’acqua che attraversa la città (fiume Po e
affluenti) che funziona come corridoio ecologico in grado di connettere la parte
centrale, e più urbanizzata, con la parte collinare a est, più ricca di aree verdi.
È ragionevole ipotizzare che alle aree più interne e urbanizzate della città possano
giungere per dispersione maschi adulti, ma la frammentazione delle aree verdi e l’inquinamento luminoso limitano la possibilità di insediamento di popolazioni stabili.
Parole chiave: ecologia urbana, inquinamento luminoso, corridoi ecologici, aree
verdi, fiume Po.
186
Sessione V - Ecologia ed etologia. Presentazioni Posters
EFFETTI DEL PAESAGGIO SUI TRATTI BIO-ECOLOGICI DELLE
COMUNITÀ DI LEPIDOTTERI
S. Scalercio1, L. Boccaccio2, R. Petacchi2, P. Brandmayr3 & N. Iannotta1
CRA, Centro di Ricerca per l’Olivicoltura e l’Industria Olearia, contrada Li
Rocchi, 87036 Rende (CS)
E-mail: sscalercio@hotmail.com
2
Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, 56025 Pontedera (PI)
3
Dipartimento di Ecologia, Università della Calabria, Via Bucci cubo 4B, 87036
Rende (CS)
1
L’importanza della conoscenza dei rapporti ecologici fra paesaggio e comunità
ani-mali è sempre più percepita anche dai non addetti ai lavori. In questo ambito,
il pae-saggio agrario, il più esteso in Europa occidentale, riveste un ruolo chiave
che deve essere ancora compreso appieno. In questo lavoro abbiamo affrontato
lo studio dei rapporti tra le comunità di Lepidotteri, importante componente
fitofaga, e il paesaggio agrario calabrese dominato dagli oliveti. Per lo studio
delle risposte dei selezionati descrittori delle comunità alle selezionate metriche
del paesaggio, è stato adottato un approccio multiscala. L’analisi del paesaggio si
è effettuata in 5 buffers concentrici, con un raggio da 250 a 1.250 m a partire dal
baricentro del sito di campionamento. Le metriche del paesaggio utilizzate per
descriverne composizione e configurazione sono state calcolate sia a livello dell’intero paesaggio sia selezionando le principali classi di uso del suolo. I Lepidotteri
sono stati campionati con trappole cromotropiche collose che hanno potuto catturare specie con differenti caratteristiche etologiche, rendendo possibile includere nella medesima analisi specie dai costumi diurni e notturni. I tratti biologici
ed ecolo-gici utilizzati per la descrizione delle comunità, sia da un punto di vista
qualitativo che quantitativo, sono stati: (i) capacità di dispersione degli adulti; (ii)
preferenze di habitat; (iii) ampiezza della dieta larvale. Inoltre, per ogni comunità è stato calcolato l’indice di vulnerabilità che combina l’informazione proveniente dai tratti bio-ecologici delle singole specie e dalla diversità della comunità.
I risultati non mostrano correlazione fra le metriche del paesaggio e la diversità
delle comunità, mentre la diversità si correla positivamente con l’abbondanza
degli ambien-ti naturali o semi-naturali, anche se senza significatività statistica. D’altra parte corre-lazioni statisticamente significative sono state trovate fra
alcuni tratti bio-ecologici delle comunità e alcune metriche del paesaggio, con
una forte dipendenza dalla scala di analisi. Particolarmente significativa è la
positiva correlazione fra diversità del paesaggio e vulnerabilità delle comunità. In conclusione, la risposta delle comunità alla semplificazione del paesaggio
agrario può essere meglio studiata utilizzando un approccio ecologico piuttosto
che cercando relazioni fra paesaggio e la sola biodiversità. In particolare, la
vulnerabilità sembra essere il migliore descrittore della integrità delle comunità.
Infatti, la presenza di ambienti naturali o semi-naturali nei paesaggi agrari può
supportare la presenza di specie ecologicamente esigenti, e quindi vulnerabili
all’attività antropica, piuttosto che una elevata diversità.
Parole chiave: ecologia del paesaggio, biodiversità, vulnerabilità, conservazione.
187
Sessione V - Ecologia ed etologia. Presentazioni Posters
PERCEZIONE DEL FUNGO BEAUVERIA BASSIANA DA PARTE DI
NEOSEIULUS CALIFORNICUS SU FRAGOLA
S. Simoni, S. Guidi, D. Goggioli & F. Tarchi
CRA-ABP, Centro di Ricerca per l’Agrobiologia e la Pedologia, Via di Lanciola
12/a, 50125 Firenze E-mail: sauro.simoni@entecra.it
I fitoseidi, acari predatori utilizzati nel controllo biologico del ragnetto rosso
Tetranychus urticae Koch, possono percepire e rispondere a semiochimici volatili e da contatto emessi da prede o da altri predatori. Si è valutata l’influenza del
trattamento, su foglie di fragola, con il fungo Beauveria bassiana (Bals.-Criv.)
Vuill. (Naturalis®) associato alla presenza del tetranichide fitofago T. urticae o
indipendentemente da quest’ultimo, monitorando il comportamento del fitoseide, predatore generalista Neoseiulus californicus (McGregor).
In un sistema composto da foglia-fungo-tetranichide-predatore, si è verificata
la percezione del substrato trattato/non trattato con il fungo e/o infestato dal
tetranichide. L’indagine è stata svolta in laboratorio utilizzando dispositivi per
esperimenti di impronta SDL (Short Distance Location) con un substrato costituito da supporto inerte e dischetti fogliari di fragola (per ogni situazione >30
ripetizioni).
Dapprima si è verificato se gli acari fitoseidi posti sul substrato inerte scegliessero di occupare i dischetti fogliari.
Secondariamente si sono valutate le percentuali di occupazione da parte di femmine e deutoninfe di N. californicus dei dischetti fogliari trattati con il fungo e/o
infestati dal ragnetto rosso in 6 diverse combinazioni.
Il fitoseide si posiziona in modo significativo nei distretti dove è presente il
tetranichide; indipendentemente dallo stadio del predatore, la presenza di B.
bassiana diminuisce l’efficienza di occupazione: il fungo abbatte da 30 a 50%
la proporzione di esemplari che vanno ad occupare i dischetti fogliari dove comunque il tetranichide è presente.
Sia la presenza di B. bassiana che quella di T. urticae aumentano la mobilità degli adulti del fitoseide che più frequentemente si sposta da un dischetto all’altro;
quando è presente il fungo, sia da solo che associato a T. urticae, le femmine e,
in misura leggermente minore, gli immaturi di fitoseide tendono ad occupare la
localizzazione dove il fungo è assente.
Il fitoseide quindi pare complessivamente in grado di percepire la presenza del
fungo almeno in un arco temporale di poche ore.
Parole chiave: test binomiale, Tetranychus urticae, acari, fitoseidi.
188
Sessione VI
ENTOMOLOGIA AGRARIA
Presentazioni orali
Sessione VI - Entomologia agraria. Presentazioni orali
Analisi della selettività di insetticidi nei confronti di
Insetti utili mediante un approccio di tipo demografico
A. Lanzoni, L. Depalo, E. Pasqualini & G. Burgio
Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroambientali - Entomologia, Alma
Mater Studiorum - Università di Bologna, Viale G. Fanin 42, 40127 Bologna
E-mail: alberto.lanzoni2@unibo.it
Nello studio degli effetti di insetticidi la semplice analisi della mortalità viene
abitualmente utilizzata come “endpoint” nella valutazione dei rischi nei confronti di organismi utili. Un approccio più approfondito, sviluppato dall’IOBC,
prevede un sistema di valori-soglia per mortalità ed effetti subletali, che tuttavia
non fornisce sufficienti informazioni sui reali effetti che si possono verificare,
su periodi più lunghi di pochi giorni, in popolazioni esposte all’azione degli
insetticidi. Un’ulteriore limitazione riguarda l’impossibilità di combinare effetti
letali e subletali, non determinando, quindi, l’effetto totale che l’esposizione ad
un insetticida può causare. L’utilizzo di “life-table” consente, invece, di incorporare valori età-specifici di sopravvivenza e fecondità in un singolo parametro in
grado di fornire una misura della risposta, nel suo complesso, di una popolazione esposta a un insetticida. Scopo del lavoro è mostrare come un approccio di
tipo demografico possa interpretare in maniera soddisfacente i dati di biosaggi
ottenuti in prove di laboratorio riguardanti gli effetti di Imidacloprid, Thiacloprid, Thiamethoxam, Acetamiprid, Rynaxypyr ed Emamectina nei confronti di
adulti di Adalia bipunctata (L.). Attraverso l’analisi delle “life-table”, sono stati
calcolati: rm tasso intrinseco di crescita, R0 tasso riproduttivo netto, T tempo di
generazione, DT tempo di raddoppiamento e λ tasso finito di incre-mento. Dai
dati delle “life-table” è stato generato un modello di proiezione demogra-fica per
classi di età (matrice di Leslie). Con l’analisi dell’elasticità, parametro che valuta
come si comporta una variabile dipendente se una o più variabili indipendenti
vengono modificate, si è valutato in che misura λ risponde ai cambiamenti di
ciascuno dei parametri biologici che contribuiscono ad esso. Infine, è stato calcolato l’indice di ritardo nella crescita di una popolazione (IR), che confronta il
tempo impiegato da una popolazione testimone con altre popolazioni, esposte
a determinati livelli di mortalità e/o riduzione di fecondità, nel raggiungere un
predeterminato numero di individui.
Per A. bipunctata, le tesi trattate con Imidacloprid, Thiametoxam e Rynaxypyr
mostrano valori di rm R0 e λ significativamente inferiori rispetto al testimone. Il
numero di individui ottenuti proiettando una popolazione di A. bipunctata esposta agli stessi prodotti è risultato sensibilmente inferiore rispetto al testimone.
Per tutti i prodotti saggiati la sopravvivenza ha contribuito a λ in modo decisamente superiore rispetto alla fecondità. I valori di IR indicano che Imidacloprid, Thiametoxam e Rynaxypyr causano ritardi nella crescita di popolazione
rispettivamente di 2, 1 e 0,4 volte il tempo medio di generazione.
Parole chiave: Adalia bipunctata, effetti cronici insetticidi, life-table, parametri
demografici, modello demografico per classi di età.
191
Sessione VI - Entomologia agraria. Presentazioni orali
SELETTIVITÀ ED EFFETTI RESIDUALI DI PESTICIDI UTILIZZATI
CONTRO LA TIGNOLA DEL POMODORO SULL’ANTOCORIDE
PREDATORE ORIUS LAEVIGATUS
A. Biondi, L. Zappalà & G. Siscaro
Dipartimento di Gestione dei Sistemi Agroalimentari e Ambientali, Università degli
Studi di Catania, Via S. Sofia 100, 95123 Catania E-mail: antonio.biondi@unict.it
Il predatore Orius laevigatus (Fieber) (Hemiptera, Anthocoridae) ha un importante ruolo nel contenimento di diverse specie di artropodi fitofagi sia in
ambienti naturali che in agroecosistemi. Al fine di verificare la compatibilità
di alcuni fitofarmaci usati nella lotta al lepidottero Gelechiidae Tuta absoluta
(Meyrick) con l’impiego di questo entomofago, sono state effettuate prove per
valutare la mortalità e la riduzione di fertilità su adulti di O. laevigatus (LeviPAK500® Bioplanet). L’entomofago è stato esposto per tre giorni al residuo dei
pesticidi saggiati (a 0, 7 e 14 gg. dal trattamento), su germogli di pomodoro.
In particolare i prodotti in questione, il cui impiego su pomodoro è autorizzato in Italia o all’estero, sono 6 pesticidi consentiti in agricoltura biologica
[Oikos® (azadiractina), Costar® (Bacillus thuringiensis var. kurstaki), Laser® (spinosad), PreVam® (tetraidroborato di sodio e limonene), Zolfo Bagnabile Bayer®
e Zolfo Ventilato Stella®], 5 insetticidi di sintesi [Steward 30 WG ® (indoxacarb),
Altacor 35 WG® (rynaxypyr), Affirm® (emamectina benzoato), Alverde® (metaflumizone), Cal-EX EW® (abamectina)] e 3 coadiuvanti [Nu-film-P® (pinolene),
Ultracitrus® (olio minerale paraffinico) e Codacide® (olio di colza)]. Le dosi di
applicazione sono state le massime indicate in etichetta; nel caso dello spinosad sono state saggiate due diverse concentrazioni: 25ml/hl e 75ml/hl. Dopo
tre giorni dall’esposizione degli esemplari sono state valutate la mortalità degli
individui e, dopo due settimane, la fertilità, conteggiando le neanidi emerse per
femmina. La mortalità degli esemplari esposti (%media±ES) è risultata significativamente differente dal controllo non trattato, nella prova con residuo fresco
nelle tesi abamectina (98±2%), emamectina benzoato (96±2,4%), metaflumizone
(85,5±5,4%), olio di colza (84±6,25%), spinosad 25 (75,2±5,1%) e 75 (86,7±4,5%);
nella prova con residuo di 7 giorni nelle tesi abamectina (98±2%), emamectina benzoato (92±4,9%), metaflumizone (87,5±1,9%) e spinosad 75 (85,5±7,8%);
mentre esponendo gli esemplari al residuo di 14 giorni solo abamectina (100%)
e spinosad 75 (51,6±11,7%) sono risultati tossici per l’entomofago. Effetti significativi sulla fertilità degli individui (n. medio neanidi/femmina±ES) si sono avuti
solo nella prova con residuo fresco nelle tesi abamectina (0,19±0,11), spinosad 75
(0,48±0,23), emamectina benzoato (0,48±0,24) e zolfo ventilato (0,5±0,2). Questi
risultati, seppur ottenuti in condizioni di laboratorio, mostrano una diversa suscettibilità dell’Antocoride ai formulati saggiati mettendo in risalto l’importanza
della scelta dei prodotti fitosanitari e della tempistica dei trattamenti in funzione dei lanci del predatore.
Parole chiave: effetti secondari, lotta integrata, biopesticidi, coadiuvanti.
192
Sessione VI - Entomologia agraria. Presentazioni orali
impatto sull’artropodofauna dell’oliveto di alcune
tecniche di lotta contro la mosca delle olive
C. Foxi, S. Deliperi & G. Delrio
Dipartimento di Protezione delle Piante, Sezione di Entomologia Agraria,
Università di Sassari, Via E. de Nicola, 07100 Sassari
E-mail: cfoxi@uniss.it
La lotta alla mosca delle olive, Bactrocera oleae (Rossi), viene condotta in Italia
mediante trattamenti curativi con insetticidi endoterapici e recentemente anche
con trattamenti preventivi a base di caolino.
Nel 2009 sono state condotte nel nord della Sardegna osservazioni sugli effetti
collaterali di trattamenti con dimetoato, imidacloprid e caolino sull’artropodofauna dell’olivo. Le prove sono state condotte in un oliveto con piante della cv
Bosana di 40 anni di età. Nell’oliveto sono state costituite 4 parcelle: 1) piante
non trattate; 2) piante trattate con caolino il 23 luglio, 27 agosto e 29 ottobre;
3) piante trattate con dimetoato il 5 ottobre; 4) piante trattate con imidacloprid
il 5 ottobre. La densità di ragni e insetti è stata stimata mediante abbattimento
con un termonebbiogeno. È stato nebulizzato piretro naturale al 5% su 4 piante
per parcella, a cadenza settimanale nelle piante trattate con gli insetticidi e a
cadenza quindicinale nelle piante trattate con caolino.
I trattamenti con dimetoato e imidacloprid non hanno manifestato alcun effetto
sulle popolazioni totali di ragni (principalmente Araneidae, Theridiidae e Thomisidae), mentre quelli con caolino hanno ridotto del 60% rispetto al testimone
gli individui appartenenti alla famiglia Philodromidae.
Gli insetti abbattuti appartenevano principalmente all’ordine degli Imenotteri
seguito da quelli dei Ditteri, dei Coleotteri e dei Neurotteri e non è stato osservato alcun effetto significativo dei trattamenti sul numero totale di individui appartenenti ai diversi ordini. Solamente il dimetoato ha ridotto significativamente
il numero di Ditteri e Imenotteri nella prima settimana dopo il trattamento.
Gli Imenotteri più numerosi sono risultati i Formicidi, seguiti da Calcidoidei, Braconidi e Icneumonidi. Il dimetoato ha ridotto significativamente per 3 settimane
dopo il trattamento il numero di Calcididi rispetto alle piante testimone, mentre
non è stato rilevato alcun effetto negativo dei trattamenti con imidacloprid o
con caolino. In generale il numero di Metaphycus spp., parassitoidi di Saissetia
oleae (Olivier) è risultato inferiore nelle piante trattate rispetto a quelle non trattate, ma solo il dimetoato ne ha ridotto significativamente le popolazioni per 3
settimane. Anche il numero del Coccinellide Chilocorus bipustulatus (Linnaeus) è
risultato in generale più basso nelle piante trattate con caolino e con insetticidi.
L’impiego del caolino non ha manifestato effetti collaterali di rilievo, mentre il
dimetoato si è dimostrato in generale più dannoso rispetto all’imidacloprid nei
confronti dell’artropodofauna e in particolare degli Imenotteri Calcidoidei.
Parole chiave: Bactrocera oleae, effetti collaterali, dimetoato, imidacloprid, caolino.
193
Sessione VI - Entomologia agraria. Presentazioni orali
EFFICACIA DELLE SIEPI CAMPESTRI NEL RIDURRE L’IMPATTO
AMBIENTALE DEGLI INSETTICIDI
D. Fornasiero1, N. Mori1, S. Otto2, A. Pozzebon1 & G. Zanin1
Dipartimento Agronomia Ambientale e Produzioni Vegetali, Università degli
Studi di Padova, AGRIPOLIS, Viale dell’Università 16, 35020 Legnaro (PD)
E-mail: diego.fornasiero@unipd.it
2
CNR-IBAF, AGRIPOLIS, Viale dell’Università 16, 35020 Legnaro (PD)
1
In relazione all’applicazione dei prodotti fitosanitari, le siepi possono giocare
un doppio ruolo: fungere da barriera per la deriva del prodotto e da rifugio
per gli artropodi utili. L’efficacia delle siepi come barriere antideriva dipende
principalmente dalla compattezza della chioma, stimata con la porosità ottica,
e dalla velocità del vento. Quando la porosità ottica è bassa, la siepe è in grado
di intercettare efficacemente la deriva, ma il prodotto intercettato può influire
negativamente sugli artropodi utili che la colonizzano.
Nel 2010 è stata eseguita una prova sperimentale in due vigneti situati nel veronese. I vigneti (cv Cabernet e Corvina) erano divisi da una siepe costituita
da alberi (ad es. frassino, acero, carpino) e arbusti (ad es. viburno, prugnolo,
sambuco), alta circa sei metri, spessa circa due metri e orientata N-S. Al fine di
valutare l’effetto collaterale di un trattamento con etofenprox sull’artropodofauna utile, la siepe e il vigneto di cv Cabernet sono stati esposti all’applicazione
diretta o indiretta (per deriva) della soluzione; una parte della siepe e del vigneto non è stata trattata. L’effetto della deriva è stato valutato con cartine idrosensibili poste nella siepe e nel vigneto di cv Corvina. La dinamica di popolazione
dei diversi artropodi è stata valutata a 3, 15, 30 e 45 giorni dall’applicazione mediante campionamenti sulla vegetazione e trappole cromotropiche gialle. I dati
più interessanti riguardano l’acaro predatore Kampimodromus aberrans (Oudemans) e il coccinellide predatore Stethorus punctillum Weise.
Etofenprox ha ridotto le densità delle popolazioni degli acari predatori presenti
nel vigneto di cv Cabernet e sul lato della siepe esposta al trattamento. Sul
medesimo fronte, la deriva dell’insetticida ha ridotto significativamente le popolazioni degli acari predatori a 15 giorni dal trattamento. La presenza della siepe
ha ridotto gli effetti dell’insetticida sugli acari predatori presenti nel vigneto di
cv Corvina. Tale effetto è risultato pari al 30% nelle parcelle contigue alla siepe
trattata e al 44% nelle parcelle interessate dalla deriva. Riguardo a S. punctillum
sono state osservate differenze significative nella siepe trattata rispetto alla siepe
non trattata (a 3 giorni dal trattamento).
I risultati hanno evidenziato l’efficacia della siepe come barriera contro la deriva dei prodotti fitosanitari e come zona di rifugio per l’artropodofauna.
Parole chiave: porosità ottica, deriva dei prodotti fitosanitari, valutazione del
rischio, Kampimodromus aberrans, Stethorus punctillum.
194
Sessione VI - Entomologia agraria. Presentazioni orali
Sensibilità agli insetticidi in popolazioni di CYDIA molesta
IN EMILIA-ROMAGNA*
E. Mazzoni, M. Anaclerio, M. Cigolini, M. Panini & F. Molinari
Istituto di Entomologia e Patologia vegetale, Università Cattolica del Sacro
Cuore, Via Emilia Parmense 84, 29122 Piacenza E-mail: emanuele.mazzoni@
unicatt.it
La riduzione dei principi attivi insetticidi disponibili in agricoltura, causata
dall’adeguamento a nuovi e più restrittivi standard tossicologici e di sicurezza
ambientale, è un fatto positivo ma, poiché complessivamente il numero di sostanze attive disponibili tende a ridursi, può creare una situazione difficile per
una corretta difesa delle colture. Le limitazioni imposte al tipo di insetticidi utilizzabili possono aumentare la pressione di selezione esercitata da alcune classi
di agrofarmaci nei confronti degli insetti dannosi e, di conseguenza, il rischio
di selezionare e garantire l’affermazione di popolazioni di artropodi resistenti.
Per stimare il rischio di insorgenza di casi di minor sensibilità agli insetticidi
comunemente utilizzati per combattere le popolazioni di Cydia molesta (Busck)
(Lepidoptera, Tortricidae) in Emilia Romagna, è stato condotto uno studio pluriennale con cui valutare, in condizioni controllate di laboratorio, l’efficacia di
formulazioni commerciali di triflumuron, etofenprox e thiacloprid. La sensibilità
di base per questi principi attivi è stata stimata su una popolazione di riferimento allevata in laboratorio. Quindi larve mature di varie popolazioni naturali,
raccolte in numerosi pescheti dell’Emilia-Romagna, dove i prodotti citati erano
usati ormai da molti anni, sono state sottoposte a biosaggio.
Nella maggior parte dei casi i biosaggi hanno stimato una sensibilità ridotta nei
confronti di triflumuron mentre i formulati a base di etofenprox e thiacloprid
hanno dimostrato di mantenere nei confronti delle popolazioni selvatiche, nella
quasi totalità dei casi, la loro piena efficacia.
La metodologia utilizzata ha dimostrato che è possibile valutare con relativa
facilità la risposta delle popolazioni naturali di C. molesta, anche se la larva
matura non è il bersaglio ottimale degli insetticidi considerati. La facilità di
raccolta di quantitativi abbondanti di larve mature e la possibilità di valutare
direttamente la loro sensibilità verso questi principi attivi, senza necessità di
allevamento, rendono la metodica interessante e impiegabile anche per valutare
la sensibilità verso altri prodotti.
La confermata efficacia di alcuni dei prodotti non deve comunque indurre a
ritenerli immuni dal rischio di selezionare popolazioni resistenti e perciò è indispensabile in futuro adottare o incrementare tutte le opportune strategie per
prevenire il fenomeno della resistenza conservando il più a lungo possibile l’efficacia di validi strumenti per la difesa dei fruttiferi.
Parole chiave: biosaggi, resistenza agli insetticidi, pesco.
* Ricerca parzialmente finanziata dalla regione Emilia-Romagna e da SIPCAM.
195
Sessione VI - Entomologia agraria. Presentazioni orali
stato delle conoscenze su megaplatypus mutatus
(COLEOPTERA, Curculionidae, Platypodinae) in Italia
A. P. Garonna & G. Viggiani
Dipartimento di Entomologia e Zoologia agraria “Filippo Silvestri”, Università
degli Studi di Napoli “Federico II”, 80055 Portici (NA)
E-mail: garonna@
unina.it
Tra gli insetti di recente introduzione in Italia vi è Megaplatypus mutatus (Chapuis), un coleottero xilofago, originario del Sud America, dove determina seri
danni a numerose latifoglie. Da una dozzina di anni esso è presente in Italia
(Campania), con infestazioni segnalate soprattutto in provincia di Caserta. M.
mutatus è un coleottero Curculionide appartenente alla sottofamiglia Platypodinae che raggruppa circa 1.500 specie di origine prevalentemente tropicale.
In Italia, oltre a M. mutatus, sono presenti Platypus oxyurus Dufour e Platypus
cylindrus (Fabricius), il primo legato all’abete bianco e il secondo a querce e altre
latifoglie. Le specie sono agevolmente distinguibili sulla base delle dimensioni e
di caratteri delle elitre. Di norma i platipodini colonizzano alberi deperienti, che
forniscono condizioni ottimali di sviluppo ai funghi simbionti che si diffondono
nel legno, benché alcuni di essi preferiscano piante vigorose, come M. mutatus.
In Italia, oltre al pioppo, il coleottero è stato rinvenuto su numerose specie fruttifere e forestali. Data la pericolosità della diffusione in altre aree dell’Unione Europea, la specie risulta inserita nella Lista A2 degli organismi da quarantena EPPO.
I dati rilevati su M. mutatus in Campania da ricerche condotte nel biennio 20072008, hanno messo in evidenza che questa specie è in grado di attaccare nocciolo, pero, melo, noce, ciliegio, pesco, albicocco, tiglio, eucalipto, varie specie
di querce e castagno, ma completa il ciclo solo in alcune di queste piante. Ciò
è dovuto alla reazione da parte di alcune delle essenze arboree considerate, che
provoca un’elevata mortalità del coleottero. Dalle osservazioni su melo e nocciolo, è risultato che il platipodino ha una generazione all’anno, mentre su pioppo, per parte degli individui, il ciclo biologico si completa in soli 5-6 mesi. La
progenie media per femmina è risultata ammontare ad un centinaio d’individui.
Nell’ambiente campano l’attività riproduttiva inizia a fine maggio-giugno, con
un picco di presenze degli adulti in giugno-luglio e un decremento in settembreottobre, a seconda delle specie vegetali considerate.
Il monitoraggio, in attesa della messa a punto dell’impiego del feromone sessuale,
può essere svolto impiegando trappole, opportunamente sistemate all’ingresso di
fori di penetrazione attivi prima dell’inizio dei voli. In caso di infestazione consistente, su pioppo, si potranno praticare interventi con prodotti di contatto nel periodo di massima comparsa degli adulti (giugno-luglio). Per contenere le popolazioni di M. mutatus su fruttiferi, durante gli interventi effettuati per controllare altri
fitofagi, occorre procedere ad una completa bagnatura di tronco e grosse branche.
Parole chiave: Campania, coleottero xilomicetofago, fruttiferi.
196
Sessione VI - Entomologia agraria. Presentazioni orali
CACOPSYLLA MELANONEURA: ESTIVAZIONE E SVERNAMENTO SU
CONIFERE NELL’ ITALIA NORD-OCCIDENTALE
R. Tedeschi, A. Pizzinat & A. Alma
DIVAPRA, Entomologia e Zoologia applicate all’Ambiente “C. Vidano”,
Università degli Studi di Torino, Via Leonardo da Vinci 44, 10095 Grugliasco (TO)
E-mail: rosemarie.tedeschi@unito.it
Cacopsylla melanoneura (Förster) (Hemiptera, Psyllidae), principale vettore di
“Candidatus Phytoplasma mali” nell’Italia nord-occidentale, necessita, per il
completamento del proprio ciclo biologico, di migrare su piante rifugio nel periodo estivo-invernale per poi tornare sulle piante ospiti (melo e biancospino)
a fine inverno. Questa caratteristica, comune a molte altre specie di psillidi
delle zone temperate, rende praticamente impossibile l’allevamento continuato
dell’insetto in laboratorio con pesanti ripercussioni sullo studio del rapporto
fitoplasma-vettore e dell’epidemiologia della malattia. Dalla letteratura è noto
che le piante rifugio sono specie sempreverdi, prevalentemente conifere, ma in
Italia non sono mai stati fatti studi approfonditi al riguardo. Per questo motivo
indagini mirate sono state intraprese per individuare alcuni siti di estivazione
e svernamento della psilla in Piemonte e Valle d’Aosta, areali dove notevole
è l’incidenza della malattia degli Scopazzi del melo, con identificazione delle
specie rifugio. Dopo aver individuato la direzione delle correnti calde ascensionali che a partire dai meleti risalgono le vallate, favorendo lo spostamento
delle psille, campionamenti settimanali sono stati eseguiti, mediante retino entomologico con manico telescopico, a diverse altitudini e su diverse specie di
conifere, dopo la migrazione dalle piante ospiti a fine primavera. Individui di
C. melanoneura sono stati reperiti su abete rosso, abete bianco, pino silvestre e
larice, prevalentemente ad altitudini comprese tra 1.300 e 1.500 m s.l.m. Inoltre,
adulti neosfarfallati raccolti su melo e biancospino sono stati isolati in appositi
manicotti sulle diverse specie per verificare il completamento del ciclo biologico
sulle varie piante rifugio. A fine inverno è stato possibile reperire individui vivi
nei manicotti, ma non in quelli posizionati su larice. Su questa conifera decidua
C. melanoneura è stata in grado di sopravvivere fino alla caduta degli aghi,
fatto che chiarisce i numerosi dubbi sulla possibile attività trofica delle psille
sulle piante rifugio durante l’estivazione e lo svernamento. L’individuazione dei
siti di estivazione e svernamento di C. melanoneura, nonché delle specie rifugio,
ha permesso di seguire, per la prima volta, l’intero ciclo vitale dell’insetto. Queste conoscenze aprono nuove prospettive sullo studio del rapporto fitoplasmavettore, in particolare per quanto riguarda il periodo di latenza, e sulla messa a
punto di nuove indicazioni per strategie di difesa più mirate e tempestive.
Parole chiave: psilla, scopazzi del melo, piante rifugio, gimnosperme.
197
Sessione VI
ENTOMOLOGIA AGRARIA
Presentazioni Posters
Sessione VI - Entomologia agraria. Presentazioni Posters
RIPRISTINO DELL’ALLEVAMENTO DI BOMBYX MORI NEL COMUNE
PIEMONTESE DI RACCONIGI (CUNEO)
M. Allasia, R. Ferrero & P. Ferrazzi
DIVAPRA, Entomologia e Zoologia applicate all’Ambiente “Carlo Vidano”,
Università degli Studi di Torino, Via Leonardo da Vinci 44, 10095 Grugliasco
(TO) E-mail: paola.ferrazzi@unito.it
La città di Racconigi è stata sede fin dal 1500 di un’intensa attività di sericoltura,
protrattasi fino all’inizio del XX secolo, poi scomparsa come nel resto d’Europa.
L’allevamento del baco da seta, che aveva avuto una breve ripresa negli anni ’80,
per gli interventi dell’UE a sostegno del prezzo dei bozzoli, ha subìto un definitivo
arresto per la diffusione di un insetticida iuvenoide (fenoxicarb) che, con la
deriva, conta-minò le foglie dei gelsi, bloccando la metamorfosi del baco da seta.
La volontà di recuperare il percorso storico dell’allevamento di Bombyx mori
L. integrato nel contesto agricolo del territorio di Racconigi ha indotto a
riprendere tale attività nel 2004. Lo scopo era di verificare le possibilità di
condurre un allevamento bachicolo ecosostenibile, basato sulle sole risorse
del territorio. Poiché i gelsi erano quasi scomparsi dal territorio di Racconigi,
sono stati piantati 300 gelsi selvatici. Nel 2006 è stato fatto un allevamento
produttivo utilizzando seme bachi di razze pure (F1) a bozzolo bianco e rosaoro, fornite dalla Sezione specializzata per la Bachicoltura di Padova. È stata
avviata anche una prova sperimentale su 70 bachi di ciascuna razza, valutando:
la durata media di ciascuna età larvale delle due razze, il peso medio delle larve,
l’andamento dell’accrescimento dei bachi di razza bianca e rosa-oro in relazione
al consumo di foglie di gelso, il diametro maggiore medio e il peso medio dei
bozzoli. I risultati sono stati sottoposti all’ANOVA.
La durata media dell’allevamento di Racconigi è stata di 36 giorni, superiore di
6 rispetto alla media riportata nella letteratura specialistica.
L’andamento dell’accrescimento in relazione al consumo di foglia è stato simile
per le due razze di bachi. Al test di Kruskal-Wallis è emersa una differenza
significativa tra il peso delle larve di I età delle due razze (p<0,005), ma non
sono state rilevate differenze significative per tutti gli altri parametri.
L’88,6% dei bachi della razza bianca e della razza rosa-oro ha raggiunto la V
età. È salito al bosco l’84,3% della razza bianca e il 78,6% della razza rosa-oro;
la mortalità è stata dell’11,4% in entrambe le razze, con perdita vicina al 10%,
ritenuta fisiologica malgrado l’impiego, come negli antichi allevamenti locali, di
razze pure e non di poliibridi e di fronda non proveniente da gelsi polivarietali.
Il territorio racconigese si conferma idoneo a sostenere la bachicoltura anche
per la qualità dell’ambiente, che non ha inficiato lo sviluppo dei bachi né la
qualità dei bozzoli.
Parole chiave: baco da seta, razze pure bianca e rosa-oro, gelsi selvatici, territorio
agricolo cuneese, qualità dell’ambiente.
201
Sessione VI - Entomologia agraria. Presentazioni Posters
indagine geostatistica sulla distribuzione
delle ooteche di Dociostaurus maroccanus
spaziale
F. Baldacchino1, A. Sciarretta2 & R. Addante3
ENEA Centro Ricerche Trisaia - UTTRI-BIOTEC, 75026 Rotondella (MT)
E-mail: baldacchino@trisaia.enea.it
2
Dipartimento di Scienze Animali, Vegetali e dell’Ambiente, Università degli
Studi del Molise, Via De Sanctis, 86100 Campobasso
3
Dipartimento di Biologia e Chimica Agro-Forestale ed Ambientale, Università
degli Studi “Aldo Moro”, Via Amendola 165/A, 70126 Bari
1
Dociostaurus maroccanus (Thunberg) è un Ortottero Acrididae ampiamente diffuso nei Paesi circummediterranei oltre che in diversi territori asiatici. Nella
sua fase gregaria devasta ampi comprensori agricoli e pascoli, spesso ricadenti
anche in aree protette o ad esse prossime. Per ridurre l’impatto degli interventi
antropici sulla fauna di tali zone è indispensabile razionalizzare al massimo la
lotta alla specie, ponendo particolare cura nella scelta dei principi attivi biocidi
e delle epoche di intervento.
In tale ottica è di fondamentale importanza stimare anche la presenza e la
densità delle ooteche di locusta, dalle quali emergeranno le neanidi, principale
bersaglio dei trattamenti insetticidi, con campionamenti efficienti ed economici.
Scopo preminente delle nostre indagini è stato quello di studiare la distribuzione
spaziale delle ooteche di D. maroccanus mediante analisi geostatistica e di individuare un piano di campionamento razionale, in funzione del modello in grado
di rappresentare al meglio i pattern spaziali osservati. La ricerca è stata condotta in due siti di ovideposizione individuati nel territorio del Gargano (Puglia) ciascuno di circa 1 ha - prelevando dei campioni di terreno, secondo tre schemi
sperimentali (A, B, C), differenti per superficie della zolla e dimensione nella
maglia della griglia di campionamento, e contando il numero di ooteche presenti.
Nei due siti di ovideposizione i variogrammi sono risultati asintotici, con valori
di “nugget” e del parametro k contenuti, indicando una distribuzione di tipo
aggregato. Le mappe ricavate interpolando i dati mediante “kriging” ordinario
e sottoposte a “cross validation” hanno evidenziato che: lo schema sperimentale
A (zolla 50x50cm e maglia 20x20m) era caratterizzato da poche aree di aggregazione, inframmezzate ad un’estesa superficie con basso numero di ooteche;
lo schema B (zolla 15x15cm e maglia 10x10m) presentava una distribuzione più
strutturata, con molti punti ad elevata densità alternati ad altri in cui non vi
erano ovideposizioni; lo schema C (zolla 15x15cm e maglia 20x20m) mostrava
un unico ed esteso “hot spot” circondato da un’ampia superficie senza ooteche.
Il tempo dedicato all’esame dei campioni dello schema A è risultato maggiore
rispetto a quello richiesto dagli schemi B e C (rispettivamente di 2,6 e 10,9 volte). Il confronto tra i piani di campionamento dimostra che informazioni sufficienti su densità e distribuzione delle ooteche di D. maroccanus possono essere
ricavate anche con disegni sperimentali poco dispendiosi.
Parole chiave: Orthoptera, cavallette, Gargano, campionamento.
202
Sessione VI - Entomologia agraria. Presentazioni Posters
VALUTAZIONE DELL’EFFICACIA DI OBERON® NELLA LOTTA AL
RAGNETTO ROSSO COMUNE SU CETRIOLO IN SERRA
G. Bari, P. Vernile, O. Panzarino & E. de Lillo
Di.B.C.A., Facoltà di Agraria, Università di Bari “Aldo Moro”, Via Amendola
165/a, 70126 Bari E-mail: onofrio.panzarino@ uniba.it
Tetranychus urticae Koch (Acari, Tetranychidae) è fitofago chiave di diverse
piante ortive soprattutto in coltura protetta. Spiromesifen è una nuova molecola
insetticida-acaricida, appartenente alla classe degli acidi tetronici, che inibisce
la sintesi dei lipidi. La presente prova ha voluto saggiare l’efficacia di tale acaricida nella lotta al ragnetto rosso comune, ponendo questo formulato a confronto con altri acaricidi comunemente impiegati nelle stesse condizioni colturali.
Le prove sono state condotte su cetriolo (Merinda F1) in serra fredda, in agro
di Zapponeta (FG). Nel 2009 sono stati saggiati: 1) spiromesifen 10,8 g/hL (Oberon® 45 mL/hL), 2) abamectin 10,8 g/hL (Vertimec® 60 mL/hL), 3) fenazaquin
12,0 g/hL (Magister 200 SC® 60 mL/hL). Nel 2010 sono stati saggiati 1) spiromesifen 10,8 g/hL (Oberon® 45 mL/hL), 2) spiromesifen 14,4 g/hL (Oberon® 60
mL/hL), 3) abamectin 10,8 g/hL (Dynamec® 60 mL/hL), 4) etoxazole 5,5 g/hL
(Borneo® 50 mL/hL). Le tesi, oltre a un testimone, sono state realizzate secondo
uno schema a blocchi randomizzati e prevedendo 4 repliche.
La coltura è stata infestata artificialmente con una popolazione di ragnetto proveniente da altra serra non sottoposta a trattamenti. Un solo trattamento è stato
eseguito in entrambi gli anni. La densità di popolazione degli acari è stata verificata in laboratorio su una superficie fogliare di almeno 150 cm 2 campionata
casualmente da tre piante per replica e per rilievo [PP1/37(2)].
I rilevamenti sono stati eseguiti prima dell’applicazione acaricida e dopo 3, 7,
14, 21 giorni dal trattamento. Nel 2010 è stato eseguito un ulteriore prelievo
dopo 28 giorni dal trattamento. I campioni sono stati osservati allo stereoscopio
annotando la presenza di stadi vitali del fitofago e degli acari predatori.
I dati sono stati sottoposti a elaborazione statistica (ANOVA, test HSD di Tukey
o test non parametrico U di Mann-Whitney) e utilizzati per il calcolo del grado
di efficacia (Henderson e Tilton).
Dall’analisi dei dati del biennio 2009 e 2010 è apparso evidente che il formulato a base di spiromesifen è in grado di svolgere un’azione di contenimento del
ragnetto rosso in serra su cetriolo, agendo principalmente su larve e ninfe, in
modo pari o superiore all’azione esercitata dai formulati a base di abamectina,
etoxazole e fenazaquin utilizzati come standard.
La densità di popolazione dei predatori ha seguito quella delle prede (2009)
oppure è stata di scarsa entità fin dall’inizio della prova (2010).
Parole chiave: lotta chimica, Acari, Tetranychidae, Cucumis sativus L.
203
Sessione VI - Entomologia agraria. Presentazioni Posters
BIOLOGIA, MONITORAGGIO
KURIPHILUS IN CAMPANIA
E
CONTROLLO
DI
DRYOCOSMUS
U. Bernardo1, L. Iodice1, R. Sasso1,3, M. Gebiola1,2, P. Cascone1 & E. Guerrieri1
Istituto per la Protezione delle Piante, Consiglio Nazionale delle Ricerche, Via
Università 133, 80055 Portici (NA)
E-mail: guerrieri@ipp.cnr.it
2
Dipartimento di Entomologia e Zoologia Agraria “Filippo Silvestri”, Università
degli Studi di Napoli “Federico II”, Via Università 100, 80055 Portici (NA)
3
ENEA, Centro Ricerche Casaccia UTAGRI – ECO, Via Anguillarese 301,
00123 Osteria Nuova (RM)
1
Il cinipide galligeno del castagno, Dryocosmus kuriphilus Yasumatsu, introdotto
accidentalmente in Campania nel 2005, è ormai largamente diffuso su tutto il
territorio regionale. Al fine di mettere a punto una strategia ecocompatibile di
lotta a tale specie invasiva, nel 2008 è stato avviato un progetto di ricerca finanziato dalla Regione Campania in collaborazione con le Università di Torino, del
Molise e di Foggia ed il Centro per la Ricerca in Frutticoltura (CRA) di Caserta.
Nel corso dello studio è stato eseguito un monitoraggio delle diverse fasi di sviluppo del fitofago affiancando all’esame del materiale vegetale (gemme, galle) l’uso di
trappole cromotropiche in quattro delle cinque province campane. Sulla base di
precedenti esperienze nazionali, in diversi focolai regionali è stato introdotto il nemico naturale specifico del cinipide, l’imenottero torimide Torymus sinensis Kamijo.
Contestualmente è stato effettuato un censimento del complesso degli antagonisti naturali, costituito da parassitoidi “generici” indigeni in via di adattamento
al nuovo insetto. Infine, è stata allestita una prova di lotta chimica confrontando un prodotto biologico (p.a. spinosad) ed un prodotto tradizionale (p.a.
lambda-cialotrina).
I principali risultati della ricerca possono riassumersi nei seguenti punti: a) il
ciclo del cinipide in Campania risulta alquanto omogeneo, in particolare per
quanto attiene alla fase di sfarfallamento dell’adulto che, in media, non supera
le 5 settimane di durata nei campi monitorati; b) i dati delle trappole cromotropiche, delle quali è stato valutato anche il colore in funzione della affidabilità di
cattura, sono perfettamente sincronizzati a quelli ottenuti dall’analisi del materiale vegetale; c) il complesso dei parassitoidi si presenta alquanto ampio, anche
se, in alcune zone, è stata accertata la presenza dominante di un’unica specie;
d) nella composizione dell’entomofauna utile, un ruolo fondamentale è giocato
soprattutto dalle querce, quali ospiti di un nutrito gruppo di specie di cinipidi;
e) T. sinensis è stato introdotto nei principali focolai della regione e il materiale in corso di osservazione permetterà di accertare l’avvenuto insediamento di
questo nemico naturale; f) la prova chimica effettuata nelle condizioni tipiche
della castanicoltura campana ha dato risultati deludenti.
Parole chiave: trappole cromotropiche, Torymus sinensis, insetticidi, parassitoidi
indigeni.
204
Sessione VI - Entomologia agraria. Presentazioni Posters
ESPERIENZE DI LOTTA INTEGRATA A TUTA ABSOLUTA IN SICILIA*
A. Biondi1, E. Buonocore2, K. Haddi1, C. Rapisarda1, G. Siscaro1, G. Tropea
Garzia1 & L. Zappalà1
Dipartimento di Gestione dei Sistemi Agroalimentari e Ambientali, Università
degli Studi di Catania, Via S. Sofia 100, 95123 Catania E-mail: rapicar@unict.it
2
Servizio Fitosanitario Regionale, UOB 145, c/o Ortomercato C. da Fanello,
97019 Vittoria (RG)
1
Tuta absoluta (Meyrick) è stata rinvenuta in Sicilia sud-orientale alla fine del
2008 su pomodoro e melanzana in ambiente protetto. Tempestivamente, sono
state valutate tutte le misure atte al suo contenimento. In tale ambito è stata
avviata una specifica indagine al fine di raccogliere ed elaborare dati sull’evoluzione delle popolazioni in pien’aria, con 6 stazioni di monitoraggio, mediante
trappole a feromone sessuale, dislocate in Sicilia sud-orientale, in comprensori
a diversa tipologia colturale. Altre indagini hanno riguardato aspetti legati alle
possibilità di controllo biologico e microbiologico in ambiente protetto; sono
stati valutati formulati a base di diversi ceppi di Bacillus thuringiensis Berliner,
nonché gli effetti dello zolfo sublimato sulle popolazioni dell’insetto. È stata
inoltre verificata l’efficacia di vari insetticidi di origine sintetica o naturale e
sono state saggiate, sia attraverso biosaggi che con l’avvio di indagini molecolari sui meccanismi induttori, le risposte di ceppi provenienti da località diverse
all’insorgenza di fenomeni di resistenza. È stato inoltre avviato uno studio volto
alla determinazione di una soglia economica d’intervento proponibile nella normale pratica colturale, attraverso il confronto di soglie opportunamente prescelte (1, 2, 4 mine iniziali/pianta). L’attività di volo della specie è risultata pressoché
continua nel corso dell’anno, ma influenzata notevolmente dalle condizioni termiche. I formulati a base di Bt si sono dimostrati efficaci ma in modo differente
in funzione del ceppo utilizzato; al contrario, l’applicazione di zolfo sublimato
non ha avuto alcuna influenza sullo sviluppo del minatore. Tra i formulati insetticidi già registrati, spinosad e indoxacarb hanno dimostrato buona efficacia,
specie se impiegati alla prima comparsa degli adulti, con un’azione più duratura
del primo. Al momento, non sembrano emergere nelle popolazioni italiane fenomeni di resistenza di rilievo agli insetticidi. I fattori che più hanno influenzato
la definizione delle soglie d’intervento sono stati la temperatura e la diversa
posizione delle piante all’interno della serra. Non è sempre risultata chiara la
correlazione fra le catture e il numero di mine/pianta né con i livelli di rischio
prospettati in bibliografia. Nelle condizioni sperimentali in cui si è operato, la
soglia economica d’intervento massima ipotizzata è risultata la più sostenibile.
Parole chiave: tignola del pomodoro, difesa ecocompatibile, soglie d’intervento,
resistenza.
* Lavoro svolto nell’ambito del progetto PRIN “Biologia e controllo integrato di
Tuta absoluta (Meyrick) in Italia”.
205
Sessione VI - Entomologia agraria. Presentazioni Posters
ANALISI DELLA BIODIVERSITÀ DELLA PEDOFAUNA IN FRUTTETI A
CONDUZIONE TRADIZIONALE E BIOLOGICA IN ZONA B DEL PARCO
REGIONALE DELL’ETNA
R. Boemi, A. Adorno & G. Sabella
Dipartimento di Biologia Animale “Marcello La Greca”, Università degli Studi
di Catania, Via Androne 81, 95124 Catania E-mail: rositaboemi@tiscali.it
I sistemi agricoli attuali sono caratterizzati da elevata produttività grazie all’apporto di fattori esterni che ne innalzano il rendimento o la qualità, ma che
determinano la semplificazione biologica degli agroecosistemi stessi, e di conseguenza una sensibile riduzione della biodiversità.
Recenti studi evidenziano che l’aumento o il mantenimento di un elevato livello
di biodiversità dipendono non tanto dalla riduzione delle pratiche agricole convenzionali, quanto da altri fattori, tra cui il più significativo sembra la struttura
a mosaico degli habitat interessati
Questa ricerca ha riguardato lo studio delle comunità di Coleotteri del suolo,
con particolare riguardo a Carabidi, Stafilinidi e Tenebrionidi, censite mediante
l’utilizzo delle pit-fall traps, in un frutteto a conduzione biologica, in uno limitrofo a conduzione tradizionale, in una dagala e in un frutteto frammisto a
lembi di vegetazione naturale. Sono stati elaborati gli indici di a-biodiversità di
Margalef, Simpson e Shannon-Weaver, mentre l'equiripartizione è stata valutata
mediante gli indici di Pielou e di dominanza. La similarità è stata affrontata
mediante gli indici di Sørensen e di Jaccard, mentre la significatività statistica
di questi ultimi è stata valutata con il t di Student e con SIMPROF.
Per il confronto tra le comunità si è fatto ricorso all’analisi multivariata delle
comunità, utilizzando il Non Metric Multidimensional Scaling (NMDS), basato
sull’indice di similarità di Bray-Curtis e valutato con i test ANOSIM e SIMPROF nonché con l'analisi delle corrispondenze.
I valori di a-biodiversità osservati e statisticamente analizzati sono risultati sensibilmente maggiori rispetto a quelli attesi, in relazione alla ridotta estensione
nonché al grado di frammentazione e isolamento delle patches esaminate.
Lo studio effettuato evidenzia che tutte le stazioni prese in esame differiscono
sensibilmente fra loro per la struttura delle cenosi indagate, sia dal punto di
vista qualitativo che quantitativo. Ogni cenosi indagata contribuisce a mantenere e conservare porzioni significative e peculiari di biodiversità. La presenza di lembi di vegetazione naturale all’interno degli agroecosistemi accresce la
eterogeneità ambientale e determina una maggiore ricchezza e dinamicità delle
comunità.
Ne consegue che, nell’ottica di una corretta gestione del territorio, soprattutto
nelle aree protette, le patches vanno convenientemente tutelate al fine di conservare livelli significativi di biodiversità.
Parole chiave: biocenosi, coleotteri, agroecosistemi, mosaici ambientali.
206
Sessione VI - Entomologia agraria. Presentazioni Posters
LA PREDAZIONE DI COENOSIA ATTENUATA SU TRIALEURODES
VAPORARIORUM IN SERRA DI POMODORO NEL LAMETINO
C. P. Bonsignore, F. Barreca & F. Manti
Dipartimento OASI, Laboratorio di Entomologia ed Ecologia Applicata,
Università “Mediterranea” di Reggio Calabria, Salita Melissari, 89121 Reggio
Calabria
E-mail: cbonsignore@unirc.it; francesco.manti@unirc.it
Coenosia attenuata (Stein) è un Muscidae predatore di diversi fitofagi alati. La
specie è nota da qualche tempo in ambiente mediterraneo, dove è stata studiata
per l’attività predatoria in ambiente serricolo. Gli adulti, infatti, sono attivi predatori in serra di sciaridi, agromizidi e aleurodidi. La loro azione di predazione
si svolge con la cattura della preda in volo; in particolare quella degli adulti
rappresenta l’evento fondamentale di tale attività esercitata dal muscide.
La dinamica del fenomeno è stata studiata nel periodo primaverile-estivo del
biennio 2009-2010 in una coltura di pomodoro in serra fredda ubicata nel territorio di Lamezia Terme (CZ). In aree campione, disposte regolarmente e scelte a
random per 12 osservazioni giornaliere, sono stati operati monitoraggi settimanali. In ciascuna osservazione, oltre alla stima dei parametri ambientali, sono
stati conteggiati gli adulti di C. attenuata e le tipologie di volo (di predazione,
spostamento e disturbo). Il tutto è stato posto in relazione alla densità della
preda (Trialeurodes vaporariorum Westwood) presente nell’area di osservazione.
Nel biennio è stata evidenziata una stretta relazione tra la popolazione del fitofago e quella del predatore, che ha manifestato una maggiore attività nelle aree
di presenza del fitofago. All’interno delle aree il Muscidae ha preferito posizionarsi su supporti (es. pali, fili tutori), privilegiando in termini di esposizione le
parti più soleggiate.
La relazione tra l’andamento giornaliero dei voli di C. attenuata e di T. vaporariorum ha evidenziato due momenti di maggiore attività nell’arco della giornata. In particolare, il primo picco di volo del Dittero è successivo a quello
dell’Aleyrodidae, mentre nel secondo picco il predatore precede il volo della
preda. Ne consegue che le attività di volo giornaliere di entrambe le specie, per
le temperature indagate, non sono perfettamente sovrapponibili in termini di
attività di volo durante le diverse ore del giorno. La maggior parte dei voli di C.
attenuata è di tipo “non predatorio”, mentre soltanto una piccola parte è di tipo
“predatorio”. In quest’ultimo caso, però, si ha un’elevata efficacia nella riuscita.
La stima della sex ratio effettuata sugli adulti di C. attenuata rinvenuti entro
le aree-studio ha evidenziato una maggiore presenza delle femmine rispetto ai
maschi, con un rapporto maschi/femmine di 0,87 nel 2009 (P=0,689, n=56) e di
0,3 nel 2010 (P=0,002, n=383).
Parole chiave: predatore, preda, dinamica, Muscidae, Aleyrodidae.
207
Sessione VI - Entomologia agraria. Presentazioni Posters
APATE MONACHUS, UN BOSTRICHIDAE DANNOSO AL MELOGRANO
E AL CARRUBO IN VIVAIO
C. P. Bonsignore, F. Manti & E. Castiglione
Dipartimento OASI, Laboratorio di Entomologia ed Ecologia Applicata,
Università “Mediterranea” di Reggio Calabria, Salita Melissari, 89121 Reggio
Calabria
E-mail: cbonsignore@unirc.it; francesco.manti@unirc.it
Il Bostrichidae Apate monachus (Fabricius) è un coleottero dannoso a piante
boschive, ornamentali e da frutto. La specie è distribuita in aree tropicali e
subtropicali, dove è stata segnalata per i danni al patrimonio boschivo, palme,
annona, mango, agrumi e caffè. Nel 2010 forti attacchi di adulti sono stati accertati su giovani piante di carrubo (Ceratonia siliqua L.) e di melograno (Punica granatum L.) in un vivaio localizzato in Calabria a Saline Ioniche (RC). Il
rinvenimento della specie amplia il quadro dei fitofagi infeudati alle due specie
arboree in Italia e presenta caratteri di novità per il carrubo a conferma della
reale pericolosità del coleottero.
Le piante in vaso di carrubo e di melograno erano di dimensioni variabili da
1,50 a 2,20 m e disposte regolarmente con alcune piante di carrubo che superavano ampiamente l’altezza di 2 m. A partire dall’ultima decade di giugno, ai
bordi dei vasi ospitanti le piante infestate da A. monachus è stato rinvenuto,
nelle prime ore del mattino, rosume prodotto ed espulso dagli adulti. Questi ultimi sono stati rinvenuti a densità decrescente fino alla seconda decade di luglio.
La maggiore percentuale di attacco è stata rilevata a carico del melograno
(100%), con un numero di fori di penetrazione variabile fino a 12 per pianta e
caratterizzati dalla produzione di una galleria.
Su carrubo è stata rilevata una minore percentuale di attacco e il numero massimo di fori rilevato è stato di 6, seguiti dalla produzione di una galleria. Le
altre specie vegetali presenti in vivaio sono state risparmiate dall’attacco. Sebbene i fori di apertura fossero ben definiti, le gallerie prodotte nel fusticino e nelle
branche erano sinuose e di ampio volume, spesso collegate le une con le altre.
Più adulti, liberi di muoversi, sono stati rinvenuti all’interno delle gallerie, aventi lunghezza da 20 a 40 cm. Su carrubo le gallerie erano meno evidenti e non
sempre interessavano l’intero lume; queste risultavano spesso invase da linfa
che solidificando ostruiva talvolta l’apertura. Gli adulti praticano le aperture
anche nelle prime ore della giornata. La presenza del fitofago probabilmente
è in relazione con il regime termico dell’area, di tipo semiarido, e con diversi
impianti arborei in condizione di semi-abbandono che possono averne favorito
lo sviluppo. Di particolare interesse risulta il suo rapporto col carrubo e gli
eventuali rischi per gli insediamenti tipici di questa essenza come quelli della
Sicilia Sud Orientale. Tale rischio sembra favorito dai cambiamenti climatici che
si registrano nell’area.
Parole chiave: Ceratonia siliqua, Punica granatum, Coleoptera.
208
Sessione VI - Entomologia agraria. Presentazioni Posters
impiego di un FILO BIODEGRADABILE diffusore di feromone
sessuale Per LA LOTTA A SPODOPTERA LITTORALIS
G. Burgio1, A. Lanzoni1, G. Bazzocchi1, F. Reggiori2, F. Rama2, L. Sannino3 & S.
Maini1
Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroambientali, Entomologia, Alma
Mater Studiorum, Università di Bologna, Via Fanin 44, 40127 Bologna
E-mail: giovanni.burgio@unibo.it
2
ISAGRO Ricerca, Novara
3
CRA-CAT, Unità di ricerca per le colture alternative al tabacco, Via Pasquale
Vitiello 106, 84018 Scafati (SA)
1
Spodoptera littoralis (Boisduval) (Lepidoptera, Noctuidae) rappresenta la specie
chiave nella difesa dello spinacio da industria nel centro e sud Italia. La gestione di questo fitofago è particolarmente problematica, a causa della bassissima
soglia che questa coltura richiede per la trasformazione industriale.
L’impiego dei feromoni sessuali (“mating disruption”) può offrire una valida
alternativa alla lotta con insetticidi ad ampio spettro d’azione, che in molte circostanze non è compatibile con le esigenze dell’agricoltura sostenibile.
In tre anni di prove è stata valutata l’efficacia del metodo della distrazione sessuale utilizzando la tecnica tradizionale mediante diffusori Ecodian® e un nuovo
sistema basato su un filo diffusore biodegradabile, particolarmente adatto per
applicazioni su vaste estensioni per colture erbacee. La tecnica della distrazione
è stata inoltre confrontata con la lotta chimica tradizionale.
La distrazione è stata valutata monitorando le catture dei maschi mediante
mass trap, e le infestazioni larvali con campionamenti sulla vegetazione con
aspiratore pneumatico, nei campi trattati con i diversi metodi a confronto. L’impiego degli Ecodian® (primo anno) è risultato efficace, con una percentuale di
abbattimento delle catture dei maschi compresa fra il 94 e il 100%.
La tecnica innovativa mediante filo diffusore (secondo e terzo anno) ha mostrato un abbattimento delle catture variabile fra il 92 e 99%, dimostrandosi
competitiva rispetto all’uso dei tradizionali diffusori. Da sottolineare come la
riduzione di catture sia stata imponente anche nel terzo anno, caratterizzato da
elevate infestazioni del lepidottero. La distrazione dei maschi con diffusore a
filo ha mostrato anche un buon contenimento delle popolazioni larvali, competitiva col mezzo chimico.
L’analisi della distribuzione delle catture mediante geostatistica, implementata
per offrire un’immagine visiva dell’efficacia del metodo, permette anche la visualizzazione dei gradienti di cattura e degli effetti di bordo, nel campo a distrazione.
Parole chiave: “mating disruption”, distrazione sessuale, agricoltura sostenibile,
spinacio da industria.
209
Sessione VI - Entomologia agraria. Presentazioni Posters
Prove di LOTTA A Ceratitis capitata con il metodo “attract
and kill” in aranceti a maturazione precoce
V. Caleca & M. Palumbo Piccionello
Dipartimento DEMETRA, Università di Palermo, Viale delle Scienze, edificio 5,
90128 Palermo E-mail: caleca@unipa.it
La lotta alla mosca mediterranea della frutta, Ceratitis capitata (Wiedemann),
nei frutteti biologici è considerata così problematica che il Reg. CE 889/08 ammette, soltanto per sfuggire agli attacchi di questo dittero tefritide, lo sverdimento degli agrumi con etilene e l’uso di due piretroidi, deltametrina e lambdacialotrina, soltanto all’interno di trappole, in questo caso ammessi anche per la
lotta a Bactrocera oleae (Rossi).
Negli anni 2009 e 2010, in un aranceto biologico a maturazione precoce (cv
Navelina) sito nel territorio di Sciacca (AG), sono state realizzate prove di lotta
a C. capitata, utilizzando dispositivi sperimentali della ditta Agrisense denominati Magnet Med. Il dispositivo è costituito da un sacchetto bianco contenente
sostanze attrattive per la mosca, acetato di ammonio e trimetilammina cloridrato, mentre la superficie esterna del sacchetto è impregnata di deltametrina che
funge da adulticida. Per le prove di lotta nell’aranceto sono state delimitate due
parcelle contigue di ca. 1 ha, posizionando i dispositivi in una e lasciando l’altra
come testimone non trattato; l’anno successivo le parcelle sono state invertite.
All’inizio di settembre al fine di monitorare i voli dei maschi di C. capitata sono
state posizionate due trappole a trimedlure in ciascuna parcella. Il 30 settembre 2009 ed il 28 settembre 2010 nella parcella trattata sono stati posizionati
50 dispositivi Magnet Med ad ettaro nella parte interna (uno ogni 12,5 alberi),
mentre ai suoi bordi è stato posto un dispositivo ogni 4 alberi. Per misurare i
differenti livelli d’attacco ogni anno si sono realizzati due campionamenti sui
frutti pendenti, all’inizio dell’invaiatura (30 ottobre 2009, 29 ottobre 2010) e alla
maturazione commerciale (12 novembre 2009, 9 novembre 2010); ad ogni campio-namento sono state esaminate ad occhio nudo 40 arance in ciascuno dei 30
alberi scelti nella parte interna della parcella.
Le catture di maschi nelle trappole a trimedlure nel periodo 1 ottobre - 10 novembre in entrambi gli anni sono state in media 20 per settimana e non hanno
fatto registrare differenze statisticamente significative tra le due parcelle, ad eccezione dell’ultima settimana nel 2009 quando la parcella non trattata mostrava
un numero di catture significativamente più alto. Nonostante il basso livello di
punture evidenti di C. capitata registrato sui frutti nei due anni, le parcelle con
i dispositivi Magnet Med hanno mostrato un livello di attacco (media: 0,6% nel
2009 e 0,08% nel 2010) minore delle parcelle non trattate (media: 1,8% nel 2009
e 1,7% nel 2010) con differenze statisticamente significative in tutti e quattro i
campionamenti dei frutti.
Parole chiave: mosca mediterranea della frutta, Sicilia, cv Navelina, aranceti
biologici.
210
Sessione VI - Entomologia agraria. Presentazioni Posters
SENSIBILITÀ DI TRE CULTIVAR DI PEPERONE (CAPSICUM ANNUUM)
AGLI ATTACCHI DELLA PIRALIDE DEL MAIS (OSTRINIA NUBILALIS)
G. Camerini1, R. Groppali1 & S. Maini2
Dipartimento di Ecologia del Territorio, Università di Pavia, Via S. Epifanio
14, 27100 Pavia E-mail: giuseppe_camerini@libero.it
2
DiSTA, Entomologia, Università di Bologna, V.le Fanin 42, 40127 Bologna
1
È stata messa a confronto la sensibilità di tre cultivar di peperone (Asti, Cuneo e Voghera) agli attacchi del lepidottero Ostrinia nubilalis (Hübner). È stato
inoltre valutato il danno alla produzione indotto dal fitofago in coltivazioni a
pieno campo non protette da rete antinsetto. La ricerca è stata svolta in prospettiva di un rilancio della coltivazione della cultivar (cv) Voghera, che in tempi
recenti ha rischiato l’estinzione. Negli anni 2006 e 2007 sono state predisposte
apposite parcelle sperimentali presso Bastida Pancarana (PV), nel territorio di
pianura dell’Oltrepo Pavese. Mediante trapianto simultaneo delle tre varietà di
peperone all’inizio di giugno sono state realizzate 12 parcelle (4 ripetizioni per
varietà) costituite da 30 piante ciascuna e localizzate a poche decine di metri di
distanza da appezzamenti di mais, coltura che rappresenta, per il peperone, il
naturale serbatoio di infestazione da piralide. Sei piante per parcella sono state
marcate e da esse sono stati raccolti tutti i frutti, ciascuno dei quali è stato pesato e sezionato per verificare anche all’interno l’esistenza di danni causati dalle
larve. Inoltre su un campione di due piante/parcella è stata eseguita, con una
frequenza di dieci giorni, una ricerca capillare delle ovature di piralide. I dati
raccolti indicano che le deposizioni di ovature da parte di O. nubilalis hanno
luogo a partire dalla metà di luglio, per poi intensificarsi tra la seconda metà di
agosto e settembre. Le ovature vengono parassitizzate da Trichogramma brassicae Bedzenko, che in settembre può attaccare persino oltre il 90% delle ovature.
Malgrado l’azione del parassitoide, i danni sono rilevanti e si manifestano in
maniera differenziale, in relazione al tipo di cultivar. La cv Voghera è meno attrattiva nei confronti di O. nubilalis rispetto alle altre varietà confrontate. Delle
249 ovature rilevate tra il 2006 e il 2007, il 38,5 % era distribuito sulla cv Asti,
il 43,8 % sulla cv Cuneo e solo il 17,7% era stato deposto sulla cv Voghera; la
differenza è significativa al test del Chi quadrato (p<0,01) e tale tendenza è
confermata se il confronto considera separatamente i due anni di studio. La
diversa densità di ovature sulle varietà comparate si traduce in una differente
sensibilità ai danni che le larve provocano erodendo le bacche. Tra il 2006 e il
2007 la produzione del peperone cv Voghera è stata compromessa dagli attacchi
di piralide per il 12,7%, contro il 28,7% della cv Cuneo e il 37,6% della cv Asti;
anche in questo caso la differenza è significativa (p<0,01).
Parole chiave: produzione, danno, confronto, Trichogramma brassicae.
211
Sessione VI - Entomologia agraria. Presentazioni Posters
PROVE DI DIFESA CONTRO RHYNCHOPHORUS FERRUGINEUS
B. Cangelosi, M. Sacco & C. Pasini
Unità di Ricerca per la Floricoltura e le Specie Ornamentali (CRA-FSO), Corso
Inglesi 508, 18038 Sanremo (IM) E-mail: b.cangelosi@istflori.it
Il Punteruolo rosso delle palme, Rhynchophorus ferrugineus (Olivier), coleottero
curculionide originario dell’Asia, già da diversi anni ha invaso il bacino del Mediterraneo e sta danneggiando le palme, soprattutto della specie Phoenix canariensis Hort. ex Chabaud, presenti in questo areale. Fin dalla sua introduzione
in Italia (2004), la lotta contro questo fitofago si è dimostrata molto difficile,
ciò principalmente a causa dell’etologia dell’insetto, le cui larve si sviluppano
ben protette all’interno della porzione apicale delle palme, e delle particolari
fisiologia e morfologia di tali piante. A questo va aggiunto che, in Italia, non
vi sono attualmente insetticidi il cui uso è autorizzato specificatamente su palme ornamentali e sul Punteruolo rosso, sebbene, a partire dal 2008, il Ministero della Salute abbia consentito più volte, in via eccezionale e provvisoria
(120 giorni), l’utilizzo di alcuni prodotti commerciali. Presso l’Unità di Ricerca
per la Floricoltura e le Specie Ornamentali di Sanremo (CRA-FSO), nell’ambito del progetto finalizzato “DIPROPALM” (finanziato dal MiPAAF con D.M.
648/7303/08), sono state condotte su piante in vaso di P. canariensis, infestate artificialmente con larve di Punteruolo, alcune prove di lotta per endoterapia e per
bagnatura del terreno, valutando l’efficacia di prodotti sia autorizzati che non.
Per endoterapia sono stati sperimentati: azadiractina, abamectina, clothianidin,
imidacloprid + cyfluthrin, imidacloprid da solo e thiamethoxam, mentre per
bagnatura sono stati somministrati thiamethoxam e clothianidin in due diverse
formulazioni: Dantop 50 WG e Clothianidin 20 SC. Contemporaneamente alle
prove di semi-campo sono stati compiuti saggi in laboratorio su larve, valutando la potenziale azione insetticida di due saponine: una estratta dall’ippocastano, l’escina, e una estratta dalla corteccia di Quillaja saponaria Molina; la loro
efficacia, inoltre, è stata comparata con quella di un altro prodotto di origine
naturale, l’azadiractina, e di due prodotti di sintesi, il clothianidin e l’imidacloprid. I risultati ottenuti possono essere così riassunti: a) le prove di laboratorio
hanno evidenziato che gli insetticidi di sintesi hanno causato una mortalità di
larve superiore e più rapida rispetto a quella dei prodotti di origine naturale; b)
tra gli insetticidi impiegati per endoterapia e bagnatura, la migliore efficacia, se
pure limitata, è stata ottenuta dal thiamethoxam (Actara 25 WG) e dal clothianidin nel suo formulato tradizionale: Dantop 50 WG. In definitiva, i risultati
complessivi emersi dalle prove di semi-campo sono da ritenersi insoddisfacenti
dal punto di vista pratico.
Parole chiave: endoterapia, clothianidin, imidacloprid, thiamethoxam, saponine.
212
Sessione VI - Entomologia agraria. Presentazioni Posters
PRESENZA E DIFFUSIONE DI ALEUROCANTHUS
(HEMIPTERA, ALEYRODIDAE) IN PUGLIA
SPINIFERUS
M. Cioffi1, S. Nutricato2, A. Guario3, V. Parisi2 & F. Porcelli1
DiBCA, Università degli studi di Bari “Aldo Moro”, Via Amendola 165/a, 70125
Bari E-mail: porcelli@agr.uniba.it
2
Consorzio di Difesa delle Produzioni Intensive Provincia di Lecce, Via Zara 17,
73020 Cavallino (LE)
3
Regione Puglia Osservatorio Fitosanitario, Lung.re N. Sauro 45, 70121 Bari
1
Aleurocanthus spiniferus (Quaintance) ha occupato ulteriori aree a partire da
quelle infestate al momento della sua segnalazione in Italia (Porcelli 2008). A
tale data l’Aleirode Spinoso degli Agrumi (ASA) si presentava come un temibile
infestante per numerose piante spontanee e da reddito, presenti in una ristretta
area della provincia di Lecce. Le osservazioni e i campionamenti condotti nel
corso degli ultimi due anni hanno confermato il timore che la specie potesse
diffondersi in nuove, ampie aree. Questo contributo aggiorna al 31 dicembre
2010 i dati sulla presenza e le piante ospiti di questo dannoso fitomizo in Puglia.
Abbiamo ispezionato tutti i comuni della provincia di Lecce due volte l’anno nel
2009 e 2010, partendo dalle piante delle ville comunali e proseguendo sulle alberate delle principali strade di comunicazione e con particolare attenzione per le
specie ospiti individuate nel 2008: Agrumi, Albicocco, Alloro, Cotogno, Edera,
Fatsia, Fico, Gelso, Ibisco, Kaki, Malva, Melo, Melograno, Nespolo giapponese, Pero, Piracanta, Rosa, Susino, Vite e Vite canadese. L’aleurocanto infesta le
piante di 88 dei 97 comuni delle Provincia di Lecce ed è assente a Diso, Guagnano, Melendugno, Novoli, Salice Salentino, Squinzano, Trepuzzi, Uggiano la
Chiesa e Veglie. Le popolazioni individuate nel 2008 hanno occupato progressivamente l’intera provincia espandendo il proprio areale in direzione Nord-Est.
I comuni non ancora interessati dalla presenza del fitomizo sono al confine con
le province di Brindisi e Taranto e sulla costa adriatica, a margine dell’area di
espansione. Le popolazioni sono più abbondanti nelle aree occupate per prime
e a minore altitudine. Gli adulti sono facilmente visibili sotto le foglie, dove si
accoppiano e depongono le uova. La neanide di prima età sembra un minuto
segmento nero frammisto alle uova rosso arancio. Il secondo stadio di neanide
ha la cuticola trasparente mentre gli stadi seguenti sono nero piceo. Spesso le
foglie infestate sono incrostate di pupari ed annerite di fumaggine. Riteniamo
che nel 2011 l’aleurocanto occuperà i pochi comuni ancora indenni della provincia di Lecce e invaderà le province di Brindisi e Taranto. Nei prossimi anni il
fitofago potrebbe facilmente espandersi a Sud in Calabria e in Sicilia e a Nord
verso la Campania, con grave pregiudizio per l’agrumicoltura e per la frutticoltura dell’Italia meridionale.
Parole chiave: agrumicoltura, frutticoltura, Aleirode Spinoso degli Agrumi,
Lecce.
213
Sessione VI - Entomologia agraria. Presentazioni Posters
prove di confusione sessuale contro Tuta absoluta su
pomodoro in coltura protetta*
A. Cocco, S. Deliperi & G. Delrio
Dipartimento di Protezione delle Piante, Università degli Studi di Sassari, Via
E. De Nicola 1, 07100 Sassari E-mail: acocco@uniss.it
La lotta alla tignola del pomodoro Tuta absoluta (Meyrick) (Lepidoptera Gelechiidae) è reso complicato dal suo alto potenziale biotico e dalla resistenza
agli insetticidi. Da febbraio a giugno 2010 sono state condotte nella Sardegna
sud-occidentale prove preliminari di lotta contro la tignola del pomodoro con
la tecnica della confusione sessuale.
Le prove sono state effettuate in 2 aziende con serre-tunnel di pomodoro in
condizioni di alto e basso isolamento impiegando erogatori sperimentali (Isonet
T) contenenti il “blend” naturale del feromone sessuale (2 componenti) di T. absoluta applicato all’interno delle serre con una distribuzione regolare. L’efficacia
della confusione sessuale è stata valutata nelle serre ben isolate confrontando
due diverse densità (500 e 1.000 erogatori/ha) con un testimone, mentre nelle
serre a basso isolamento è stata saggiata la densità di 1.000 erogatori/ha rispetto
a un testimone. In ogni tesi sono state rilevate le catture dei maschi a trappole
a feromone e il livello di infestazione del fitofago su foglie e frutti.
Al termine della coltivazione, nell’azienda con serre a basso isolamento (cv
Cherry), le catture dei maschi (207 maschi totali/trappola), l’infestazione sulle
foglie (37 mine/foglia) e il danno sui frutti (4%) sono stati minori nel tunnel con
1.000 dispensers/ha rispetto a quello testimone (1.054 maschi totali/trappola, 60
mine/foglia e 47% di danno, rispettivamente).
Analogamente, nell’azienda con serre ad alto isolamento (cv Cuore di bue), le
catture totali di maschi sono state più basse nei tunnel difesi con la confusione
sessuale (7 e 133 maschi/trappola con 1.000 e 500 erogatori/ha, rispettivamente)
rispetto al testimone (241 maschi/trappola). Anche l’infestazione sulle foglie (2
mine/foglia) e sui frutti (danno pari a 8%) è stata inferiore nella serra con 1.000
diffusori/ha rispetto a quella testimone (9 mine/foglia e 16% di danno) e a quella
con 500 dispensers/ha (20 mine/foglia e danno pari a 38%). La densità di 500
erogatori/ha non sembra in grado di proteggere la coltura di pomodoro con la
stessa efficacia di 1.000 dispensers/ha. Nelle serre ben isolate dall’esterno sia le
catture di maschi che le infestazioni sono state inferiori rispetto a quelle a basso
isolamento, indicando una maggiore efficacia di questa strategia di lotta in serre
con reti anti-insetto integre e doppie porte.
Parole chiave: tignola del pomodoro, lotta biotecnica, feromone sessuale.
* Lavoro svolto nell’ambito del progetto PRIN “Biologia e controllo integrato di
Tuta absoluta (Meyrick) in Italia”.
214
Sessione VI - Entomologia agraria. Presentazioni Posters
MONITORAGGIO DI SCAPHOIDEUS TITANUS NEI VIGNETI DELLA
TOSCANA CENTRO-ORIENTALE
F. Croci1, M. Bracalini1, G. Miniati1, C. Milano2 & R. Tiberi1
Dipartimento di Biotecnologie Agrarie, Sezione di Protezione delle Piante,
Università degli Studi di Firenze, Via Maragliano 77, 50144 Firenze
E-mail: francesco.croci@unifi.it
2
U.O. Agroecosistemi e Alimenti, Dip. Prov. Firenze, Agenzia Regionale per
la Protezione dell’Ambiente e del Territorio, Via Ponte alle Mosse 211, 50144
Firenze
1
Scaphoideus titanus Ball (Hemiptera, Cicadellidae) è una cicalina neartica nota
per essere il vettore specifico del temibile fitoplasma della Flavescenza Dorata
(FD); a tal proposito è stato emanato nel 2000 uno specifico Decreto di Lotta
Obbligatoria (DM n° 32442).
L’indagine, volta a verificare la presenza di adulti di S. titanus nei vigneti delle
province di Arezzo, Firenze e Siena, è stata effettuata in 39 aziende ad indirizzo
biologico attraverso l’impiego di trappole cromotropiche gialle (3 per vigneto),
sostituite ogni 15 giorni, nel periodo compreso dalla seconda metà di luglio fino
alla metà di agosto (I turno) e dalla metà di agosto ai primi di settembre (II turno).
Le aziende sono state individuate nei Comuni in cui non era ancora stata segnalata la presenza del cicadellide: ciò ha permesso di verificare la presenza e la
diffusione dell’insetto vettore. I dati raccolti sono stati implementati con quelli
derivanti da trappole cromotropiche collocate autonomamente in varie aziende
agricole delle province di Firenze e Siena. Tutte le cartelle cromotropiche sono
state ritirate alla fine del periodo prefissato e successivamente analizzate in laboratorio per il conteggio degli esemplari adulti di S. titanus catturati.
Tale attività ha permesso l’individuazione di adulti di S. titanus in 3 Comuni
dove non ne era segnalata la presenza – Bagno a Ripoli (FI), Pergine Valdarno
(AR) e Scandicci (FI) – sebbene limitrofi ad aree dove era già stato segnalato.
Pertanto, il Servizio Fitosanitario Regionale ha proceduto all’estensione delle
misure obbligatorie contro S. titanus a tutte le aziende vitivinicole di tali comprensori comunali. Inoltre, è stata confermata la presenza dell’insetto nei Comuni di Castelnuovo Berardenga e Montalcino nella provincia di Siena e Loro
Ciuffenna nella provincia di Arezzo.
Nel 91% dei vigneti osservati non è stata rilevata la presenza dell’insetto, nonostante le caratteristiche microclimatiche fossero generalmente favorevoli al suo
insediamento. Inoltre, dove sono stati catturati gli adulti è emerso che nella
maggior parte delle trappole (75%) il numero di individui è compreso tra 1 e 4.
Da ciò emerge una distribuzione non omogenea sul territorio, definibile “a macchia di leopardo”, con una densità di popolazione relativamente bassa che presumibilmente non facilita la propagazione su larga scala del fitoplasma della FD.
Parole chiave: cicaline, flavescenza dorata, vettore, vite.
215
Sessione VI - Entomologia agraria. Presentazioni Posters
CHIAVE MOLECOLARE DI IDENTIFICAZIONE DI SPECIE DI
TRIPIDI (THYSANOPTERA, THRIPIDAE) DANNOSI AGLI AGRUMI IN
AMBIENTE MEDITERRANEO
A. De Grazia1, R. Marullo1 & G. Moritz2
Dipartimento GESAF, Sezione Entomologia Agraria e Forestale, Università
degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria, località Feo de Vito, 89060 Reggio
Calabria E-mail: alessandra.degrazia@unirc.it
2
Biology/Zoology Dept., Martin-Luther Universität, Halle-Wittenberg, Domplatz
4, D-06099 Halle (Saale), Germania
1
La regione mediterranea rappresenta l’area geografica dove la coltivazione degli
agrumi è maggiormente diffusa per le idonee condizioni climatiche e pedologiche. La biocenosi infeudata su tali piante è dominata da specie di insetti appartenenti per lo più agli Emitteri Omotteri, anche se gli agrumi costituiscono,
da un punto di vista faunistico, un agroecosistema “aperto” ad introduzioni di
nuove specie esotiche; ciò risulta favorito anche dagli intensi scambi commerciali di cui la regione è sede da millenni. I tripidi (Thysanoptera, Thripidae)
annoverano alcune specie che, pur non essendo fitofagi primari degli agrumi,
possono determinare, in molte aree a coltivazione intensiva, gravi perdite di
produzione per i danni inflitti a foglie, fiori e frutti. Si annoverano alcune specie autoctone dell’area paleartica [Thrips flavus Schrank, T. tabaci Lindeman e
verosimilmente anche Pezothrips kellyanus (Bagnall)], altre introdotte da tempi
remoti [Heliothrips haemorrhoidalis (Bouché)] oppure recenti [Frankliniella occidentalis (Pergande), Chaetanaphothrips orchidii (Moul-ton)]; altre sono di temuta introduzione [Chaetanaphothrips signipennis (Bagnall), Frankliniella bispinosa
(Morgan), Scirtothrips aurantii Faure, S. citri (Moulton), S. dorsalis Hood]. L’esatta identificazione delle specie, peraltro non facile per quelle già presenti nella
fauna agrumicola mediterranea, risulta molto difficile e possibile solo a specialisti, nel caso delle specie da quarantena. Ciò è indispensabile sia per intercettarne “gli arrivi e le diffusioni” nella regione EPPO, quanto eventualmente per
approntare appropriati protocolli di difesa. Per fornire una tecnica di possibile
impie-go anche in laboratori di quarantena, nel presente contributo vengono
presentati i risultati di un metodo molecolare utilizzabile ai fini identificativi.
La tecnica ITS-RFLP, polimorfismo per lunghezza dei frammenti di restrizione,
fornisce un mezzo di identificazione molecolare – visivo per tutte le fasi ontogenetiche (uovo, neanidi, adulto) di una determinata specie. L’uso del RFLP in
regioni ITS di rDNA consente di ottenere pattern specifici di DNA, ossia la
variazione nella lunghezza dei frammen-ti da una specie ad un’altra si traduce
in una diversa posizione di alcune bande su gel. Le relative immagini sono trasferite mediante IMAGE MASTER VDS su computer e analizzate con software
IMAGE MASTER ID ELITE v.3.01. Il programma permette di visualizzare,
investigare e quantizzare le bande (esprimendole in paia di basi).
Parole chiave: Tisanotteri, specie invasive, riconoscimento, analisi molecolare.
216
Sessione VI - Entomologia agraria. Presentazioni Posters
Risultati di prove di lotta contro Unaspis yanonensis
(Hemiptera, diaspididae) pericoloso fitofago degli
agrumi
F. Di Franco1, G. Cicciarello1, L. Viterale2, R. Magnano San Lio1 & D. Benfatto1
CRA, Centro di Ricerca per l’Agrumicoltura e le Colture Mediterranee, Corso
Savoia 190, 95024 Acireale (CT) E-mail: domenico.benfatto@entecra.it
2
A.R.S.S.A., Centro Divulgazione Agricola n. 17, c.da Bettina, 89013 Gioia
Tauro (RC) E-mail: lviterale@libero.it
1
La cocciniglia Unaspis yanonensis Kuwana è considerata uno dei più nocivi fitofagi degli agrumi nei Paesi in cui è stata introdotta e ha trovato le condizioni
ecologiche più idonee per la sua diffusione. In Europa, pur essendo stata segnalata in Francia e Italia, è rimasta localizzata e non ha ancora prodotto ingenti
danni economici, ad eccezione di alcuni agrumeti calabresi della piana di Gioia
Tauro dove le particolari condizioni ambientali favoriscono lo sviluppo di gravi
infestazioni. La lotta contro questo fitofago non è di facile attuazione e la difficoltà deriva anche dalla schiusura scalare delle uova che rende difficile l’individuazione delle epoche d’intervento. Si riassumono i risultati di due prove di lotta
chimica svolte in aziende rappresentative degli agrumeti del comprensorio calabrese. Le prove sono state svolte in un agrumeto vetusto di arancio cv “Biondo
comune” nel comune di Varapodio e in uno giovane a Taurianova su arancio cv
“Valencia”. I trattamenti, che prevedevano il confronto tra le stesse tesi (Tab.1),
sono stati effettuati rispettivamente il 26 maggio tramite motopompa con lance
e il 10 giugno con atomizzatore secondo uno schema a blocchi randomizzati con
4 ripetizioni di una pianta. La mortalità larvale femminile è stata rilevata a una
settimana dal trattamento. Nelle due prove la mortalità delle tesi a confronto è
variata dal 66.7 % dell’olio da solo al 98,3 % della miscela clorpirifos più olio. La
mortalità più elevata è stata ottenuta nella prova di Taurianova, dove le ridotte
dimensioni delle piante hanno consentito una migliore bagnatura della chioma.
Dai risultati di queste prime prove di lotta si può comunque osservare che l’efTabella 1 – Schema riassuntivo delle prove e significatività per p = 0,01 (Tuckey).
Tesi
Testimone
Olio bianco
Fosmet + olio
Clorpirifos + olio
Varapodio
Taurianova
mortalità larve di IIa età %
17,5 A
14,0 A
66,9 B
92,9 B
73,7 BC
97,3 C
81,5 C
98,3 C
dose/hl
2 kg
300 ml + 1 kg
110 ml + 1 kg
ficacia dipende dal corretto posizionamento dei trattamenti, nell’epoca in cui
sono presenti gli stadi più suscettibili, e da una buona bagnatura della chioma.
Parole chiave: cocciniglia, trattamenti, Calabria.
217
Sessione VI - Entomologia agraria. Presentazioni Posters
CATTURA MASSALE: ALTERNATIVA DI DIFESA BIOLOGICA CONTRO
CERATITIS CAPITATA
F. Di Franco1, M. R. Tabilio2, A. Di Leo3, S. Filipelli3 , R. Magnano San Lio1 &
D. Benfatto1
CRA – Centro di Ricerca per l’Agrumicoltura e le Colture Mediterranee, Corso
Savoia 190, 95024 Acireale (CT) E-mail: domenico.benfatto@entecra.it
2
CRA – Centro di Ricerca per la Frutticoltura, Via di Fioranello 52, 00134
Roma E-mail: tab55@mclink.it
3
A.R.S.S.A., Centro Sperimentale Dimostrativo, 87060 Mirto (CS) E-mail:
adli@tiscali.it
1
Prove di cattura massale sono state effettuate nell’azienda sperimentale dimostrativa dell’ARSSA di Mirto (CS) nell’anno 2010 in un agrumeto adulto a conduzione biologica di circa 6 ha, con varie specie e cultivar. Sono state utilizzate
trappole del tipo tap-trap innescate con attrattivo specifico costituito da trimetilammina, acetato d’ammonio e putrescina (Unipack) idoneo per la cattura delle
femmine, la cui attività si protrae per 4–5 mesi. L’andamento dei voli è stato
registrato dalla fine di maggio con trappole delta innescate con trimedlure. Le
tap-trap, installate l’8 luglio, sono state distribuite uniformemente in quantità
di 70 per ha, su una superficie di 4 ha, lasciando gli altri 2 come testimone. I
rilevamenti dei frutti infestati sono stati effettuati in prossimità della raccolta, alla maturazione commerciale del prodotto, su 2 cultivar di arancio, una a
maturazione precoce, cv Navelina,, e l’altra, a maturazione media, cv Tarocco
(Tab. 1). Il numero di frutti infestati è stato rilevato in campo su un campione
di 1000 frutti pendenti sia nelle parcelle testimone sia in quelle interessate dalla cattura massale. Sono stati considerati colpiti quelli con sintomi evidenti di
punture di ceratite. Per tale rilevamento è stato seguito lo schema sperimentale
dei blocchi randomizzati con 4 ripetizioni, ciascuna costituita da 5 piante, sulle
quali venivano osservati 50 frutti. I dati sono stati elaborati con l’analisi della
varianza ANOVA a 2 criteri di valutazione e il test di Tuckey per il confronto.
La percentuale di frutti infestati è stata significativamente più bassa nell’area
protetta con la cattura massale rispetto a quella testimone sia per la cultivar
Navelina sia per la cultivar Tarocco.
Tabella 1 – Rappresentazione schematica di alcuni parametri della prova
Cultivar
Navelina
Tarocco
Date
Rilevamenti
16.11.2010
16.12.2010
Zuccheri %
10,5
11,2
Percentuali di frutti infestati
Test
Cattura massale
21,33
13,18**
7,82
4,08**
Per i vantaggi che offre: una sola applicazione, costo di attuazione e materiali
contenuti, il metodo sperimentato può essere preso in considerazione sia nella
difesa biologica sia in quella integrata.
Parole chiave: Ditteri Tephritidae, infestazione, trappole, agrumeto.
218
Sessione VI - Entomologia agraria. Presentazioni Posters
VARIAZIONE
DELL’ATTIVITÀ
IUVENILIZZANTE
INDOTTA
DALL’INTRODUZIONE DI UN GRUPPO NITRO SUL FENILE DI UN
ACETALE DEL SESAMOLO
M. Dolci1, A. Arzone2 & G. De Luca1
1
DI.VA.P.R.A. Chimica Agraria, Università di Torino, Via Leonardo da Vinci
44, 10095 Grugliasco (TO) E-mail: marcello.dolci@unito.it
2
DI.VA.P.R.A. Entomologia e Zoologia applicate all’Ambiente “Carlo Vidano”,
Università di Torino, Via Leonardo da Vinci 44, 10095 Grugliasco (TO)
E-mail: alessandrina.arzone@unito.it
Allo scopo di valutare le variazioni di attività iuvenilizzante indotte da un gruppo nitro, sono stati sintetizzati il 5-[1-(2-fenossietossi)etossi]-1,3-benzodiossolo
(I) e tre suoi nuovi derivati che presentano il gruppo nitro nelle posizioni 2 (II),
3 (III) e 4 (IV) del fenile. Ciascun prodotto è stato saggiato su 3 gruppi di 10
pupe di Tenebrio molitor L. di 0-24 ore di età. I composti suddetti sono stati sperimentati applicando, sugli ultimi segmenti addominali di ciascuna pupa, 1 mL
di soluzione acetonica che ne conteneva 100 mg, 10 mg o 1 mg. Pupe trattate
con 1 mL di acetone e pupe non trattate costituivano i testimoni. I gruppi di
pupe erano separati in capsule di Petri su una miscela di farine di mais e frumento (1:1) e introdotti in cella climatica oscurata, con temperatura di circa 25
°C e umidità relativa intorno a 60 %. Una settimana dopo lo sfarfallamento del
testimonio non trattato, l’azione iuvenilizzante è stata valutata secondo le classi
di attività impiegate in lavori precedenti: da 0 per l’adulto normale a 4 per la
seconda pupa. Il grado di attività è stato ricavato sommando le classi di attività
dei singoli individui e dividendo il totale per il numero di pupe trattate. I risultati, sottoposti all’analisi della varianza e al test di Duncan, hanno dimostrato
che il 5-{1-[2-(2-nitrofenossi)etossi]etossi}-1,3-benzodiossolo (II) e il 5-{1-[2-(4-nitro-fenossi)etossi]etossi}-1,3-benzodiossolo (IV), derivati rispettivamente dall’intro-duzione del gruppo nitro nella posizione 2 e 4 del fenile, fanno aumentare
l’attività iuvenilizzante, alle dosi di 100, 10 e 1 mg, in modo altamente significativo rispetto al composto non sostituito. Al contrario il prodotto ottenuto con
l’introduzione del nitro nella posizione 3 risulta meno efficace del composto non
sostituito. I due gruppi testimoni non hanno presentato alterazioni morfologiche.
Tabella 1 - Media dell’attività iuvenilizzante, espressa in gradi di attività, di 3
dosi dei 4 prodotti su pupe di Tenebrio molitor L. In ciascuna riga
i valori seguiti da lettere uguali non differiscono fra loro in modo
significativo per P = 0,01.
Dose (μg)
100
10
1
Prodotti
I
1,9 B
1,6 B
1,2 B
II
3,2 C
3,0 C
2,1 C
III
1,5 A
1,0 A
0,8 A
IV
3,1 C
2,6 C
1,8 C
Parole chiave: Tenebrio molitor, iuvenoidi, grado di attività, saggi biologici.
219
Sessione VI - Entomologia agraria. Presentazioni Posters
STUDIO SULLA FENOLOGIA DI EURYGASTER MAURA PER LO
SVILUPPO DI UN MODELLO PREVISIONALE
S. Falzoi1, B. L. Ingegno2, M. G. Pansa2, F. Spanna1 & L. Tavella2
Regione Piemonte, Settore Fitosanitario, Sezione Agrometeorologia, Via
Livorno 60, 10144 Torino
2
DIVAPRA, Entomologia e Zoologia applicate all’Ambiente “C. Vidano”,
Università degli Studi di Torino, Via L. da Vinci 44, 10095 Grugliasco (TO)
E-mail: luciana.tavella@unito.it
1
Eurygaster maura (L.) (Hemiptera Scutelleridae) è il principale responsabile dei
gravi danni alla produzione granaria piemontese segnalati a partire dal 1999.
Con l’attività trofica l’eterottero inietta nelle cariossidi saliva contenente enzimi
proteolitici che, attivati nel processo di panificazione, modificano le proprietà
della farina degradando la maglia glutinica. Specie monovoltina con svernamento allo stadio di adulto, E. maura ha dato origine a livelli di infestazione molto
variabili nell’ultimo decennio. Al fine di razionalizzare la difesa fitosanitaria su
frumento appare importante sviluppare un modello di simulazione per conoscere le relazioni esistenti fra dinamica dei fattori climatici e ciclo biologico di E.
maura. Pertanto sono state avviate indagini volte a studiare la biologia dell’eterottero in condizioni controllate e ambientali.
In laboratorio coorti di adulti neosfarfallati sono state allevate a temperature
decrescenti da 25 °C a 5 °C o 0 °C, poi crescenti sino a 25 °C, con variazioni di
5 °C ogni tre settimane e differenze fra le tesi nel periodo trascorso alle temperature più basse. A partire da un minimo di 570 uova per tesi sono stati rilevati
tempo di sviluppo e mortalità degli stadi preimmaginali a temperature di 18, 20,
22, 25, 27 °C. In campo coppie di adulti svernanti sono state isolate in gabbioni
su frumento per verificarne il potenziale riproduttivo. Dalle indagini di laboratorio è emerso che due settimane a 5 °C sono state sufficienti per soddisfare il
fabbisogno di freddo di E. maura e che le femmine hanno ripreso l’attività di
ovideposizione a 25 °C. Lo sviluppo preimmaginale è stato completato in tempi
mediamente variabili da 46,5 a 96,5 giorni rispettivamente a 27 e 18 °C; in particolare la durata e la mortalità nei singoli stadi sono state significativamente
maggiori a 18 °C. Nelle prove in campo da una coppia sono stati ottenuti in
media 28 adulti di nuova generazione.
La temperatura svolge un ruolo importante nell’influenzare lo sviluppo di E.
maura, tuttavia occorre determinarne l’influenza sul tasso di sviluppo degli stadi fenologici dell’insetto attraverso la predisposizione di apposite funzioni matematiche. Ulteriori indagini si rendono quindi necessarie al fine di sviluppare un
modello matematico che, sulla base dei dati termici rilevati in campo, permetta
di prevedere il rischio di infestazione e fornire così un utile supporto per l’impostazione della difesa.
Parole chiave: Scutelleridae, fitofago del frumento, temperatura, sviluppo preimmaginale, riproduzione.
220
Sessione VI - Entomologia agraria. Presentazioni Posters
OSSERVAZIONI SULLA DINAMICA DI POPOLAZIONE DELLA TIGNOLA
DEL POMODORO TUTA ABSOLUTA (LEPIDOPTERA, GELECHIIDAE)
IN COLTURA PROTETTA
F. Fois1, M. Porcu1, S. Sau1, P. Carrusci1, A. M. Deiana1 & M. Nannini2
Dipartimento di Biologia Animale ed Ecologia, Università degli Studi di Cagliari,
Via Ing. T. Fiorelli 1 (Viale Poetto), 09126 Cagliari E-mail: francifois@libero.it
2
AGRIS Sardegna – DIRVE, Viale Trieste 111, 09123 Cagliari
E-mail: mnannini@agrisricerca.it
1
La tignola del pomodoro Tuta absoluta (Meyrick), Lepidottero Gelechide responsabile di ingenti danni alle colture dell’America meridionale, ha di recente
esteso la sua distribuzione geografica alla regione mediterranea. Segnalato per
la prima volta in Sardegna nel 2008, questo parassita si è rapidamente affermato come fitofago chiave della coltura del pomodoro, sia in pieno campo che in
serra. Per acquisire informazioni sulla dinamica di popolazione di T. absoluta in
ambiente protetto e per una prima valutazione degli effetti delle misure messe in
atto dagli agricoltori per contenere lo sviluppo delle infestazioni del Gelechide,
sono state condotte osservazioni in 22 colture commerciali localizzate a Pula
(CA), uno dei principali comprensori serricoli della Sardegna. In particolare,
per circa 18 mesi è stato rilevato con frequenza settimanale il numero di maschi
catturati per mezzo di 5 trappole a feromone sessuale per serra e mensilmente
sono stati stimati il numero di larve vive per pianta, la percentuale di piante
infestate da larve vive e la percentuale di larve morte e parassitizzate. Inoltre,
sono stati annotati gli interventi effettuati nelle diverse colture prese in esame per il contenimento del fitofago. Nel corso dell’indagine svolta, i livelli più
elevati di infestazione di T. absoluta sono stati registrati nella primavera del
2009, quando è stata raggiunta una media di 86 larve vive/pianta. Nell’autunno
dello stesso anno, su colture impiantate nella tarda estate, l’infestazione attiva
è risultata inferiore a 4 larve/pianta, mentre nella primavera del 2010 sono stati raggiunti valori medi pari a 56 larve/pianta. Sebbene l’andamento generale
delle catture di maschi nelle trappole e dell’incidenza percentuale delle piante
infestate da larve vive abbiano approssimativamente seguito i trend dell’infestazione attiva, solo il secondo parametro è risultato ben correlato all’infestazione.
L’intensità degli attacchi di T. absoluta registrati nelle diverse colture prese in
esame è stata sensibilmente variabile, dipendendo probabilmente in larga misura dall’efficacia delle misure di lotta al fitofago applicate da ciascun serricoltore.
Non sono state invece evidenziate differenze di rilievo tra i cicli di coltivazione
del pomodoro maggiormente praticati nell’isola. In alcune serre, nel corso delle
ultime fasi della coltivazione è stata osservata una flessione dell’infestazione,
in parte riconducibile all’azione degli antagonisti naturali del Lepidottero. Tra
questi sono stati rilevati di frequente il Miride Nesidiocoris tenuis (Reuter) e due
Eulofidi del genere Necremnus.
Parole chiave: antagonisti naturali, feromone sessuale, lotta integrata, serricoltura.
221
Sessione VI - Entomologia agraria. Presentazioni Posters
EFFETTO
DELLO
STRESS
IDRICO
DELLA
VITE
SULL’OVIDEPOSIZIONE E SULLA SOPRAVVIVENZA DELLE UOVA
DI EMPOASCA VITIS
D. Fornasiero1, C. Duso1, A. Pozzebon1 & F. Pavan2
Dipartimento di Agronomia Ambientale e Produzioni Vegetali. Università degli
Studi di Padova, AGRIPOLIS, Viale dell’Università 16, 35020 Legnaro (PD)
E-mail: diego.fornasiero@unipd.it
2
Dipartimento di Biologia e Protezione delle Piante, Università degli Studi di
Udine, Via delle Scienze 208, 33100 Udine
1
Nel presente lavoro è stato studiato l’effetto dello stress idrico della vite sull’ovideposizione e sulla sopravvivenza delle uova della cicalina Empoasca vitis (Göthe).
Le ricerche sono state condotte su piante in vaso (cv Carménère) poste in ambiente controllato. Le piante sono state sottoposte a differenti livelli di stress
idrico, monitorati tramite camera a pressione. Su ciascuna pianta è stato predisposto un manicotto entro cui sono stati immessi maschi e femmine di E. vitis.
Dopo circa dieci giorni, gli adulti sono stati eliminati. In laboratorio è stato
contato il numero di uova deposte (mediante microscopio a fluorescenza) ed è
stato rilevato il numero di uova schiuse.
Lo stress idrico delle piante ha influenzato negativamente la deposizione e la
schiusura delle uova di E. vitis e la conseguente abbondanza di forme giovanili.
In presenza di uno stress idrico moderato (valori di potenziale idrico compresi
tra -0,9 e -1,0 MPa) il potenziale riproduttivo della cicalina è stato ridotto in
modo significativo e la sopravvivenza delle uova è diminuita del 40%.
Quest’ultimo parametro si è ridotto del 67% nel caso di uno stress elevato (valori compresi tra -1,2 e -1,3 MPa). Uno stress severo (valori compresi tra -1,6 e
-1,7 MPa) ha comportato effetti drammatici sull’entità delle uova deposte e sulla
loro sopravvivenza (riduzione complessiva del 95%).
Ai fini applicativi, uno stress moderato, determinato da una gestione oculata
degli apporti irrigui nei vigneti, può contribuire a diminuire le infestazioni di
questi fitofagi evitando il ricorso agli insetticidi.
Parole chiave: Cicadellidi, ovideposizione, cv Carménère.
222
Sessione VI - Entomologia agraria. Presentazioni Posters
INCIDENZA DEI DANNI DA FITOFAGI IPOGEI SU MAIS E VALUTAZIONE
DELLA NECESSITÀ DI DIFESA
L. Furlan1, C. Cappellari1, P. Radeghieri2, R. Ferrari3, M. Pozzati3, M. A.
Saladini4, A. Alma4, C. Balconi5, M. Davanzo6, S. Canzi7, S. Maini2, G. Burgio2
& C. Porrini2
Veneto Agricoltura, Via dell’Università 14, Legnaro (PD)
DiSTA, Università di Bologna, Viale G. Fanin 42, Bologna
3
Centro Agricoltura e Ambiente, Via Argini Nord 3351, 40014 Crevalcore (BO)
4
DiVaPRA, Entomologia e Zoologia applicate all’Ambiente “C. Vidano”,
Università degli Studi di Torino, Via Leonardo da Vinci 44, 10095 Grugliasco (TO)
5
CRA-MAC, Unità di ricerca per la Maiscoltura, Via Stezzano 24, 24126 Bergamo
6
libero professionista, Ceggia, Venezia
7
Studio Agrisintesi, Sondrio E-mail: s.canzi@gmail.com
1
2
La sospensione cautelativa dell’impiego degli insetticidi utilizzati per la concia
del mais (D.M. 17.09.2008 in GU 221, 20.09.2008; D.M. 14.09.2009 in GU 218,
19.09. 2009; D.M. 16.09.2010 in GU 21, 18.09.2010) ha ulteriormente stimolato la
già ampia discussione sulla reale necessità di ricorrere diffusamente alla concia del seme di mais per una lotta preventiva in particolare contro i fitofagi
ipogei del mais. Per questo motivo, nell’ambito della scheda di ricerca “Api e
agrofarmaci” del progetto Apenet, nel 2009 e 2010 è stato condotto, in alcune
aree a vocazione maidicola di Piemonte, Lombardia, Veneto e Friuli, un monitoraggio per la definizione di mappe di densità di diverse specie di Elateridi
(Agriotes spp.). In ogni postazione sono state installate due trappole a feromoni
tipo YATLORf in appezzamenti con: a) mais prevalentemente in monosuccessione; b) mais in rotazione senza prato e/o doppi raccolti; c) mais in rotazione
con prato e/o doppi raccolti. Il metodo è risultato adatto a descrivere la distribuzione delle specie che risulta aggregata e quindi utile per l’applicazione della
lotta integrata. La densità delle larve di elateridi anche in presen-za di elevate
popolazioni di adulti è risultata in quasi tutti i casi sotto la soglia di tolle-ranza.
Coerentemente, nel campione di appezzamenti monitorati (oltre 180) nelle regioni sopra citate, pur in assenza di trattamenti insetticidi alla semina, non sono
stati osservati attacchi gravi da insetti del terreno, in grado di influire sui livelli produttivi. La presenza di attacchi visibili (comunque inferiori al 10% delle
piante, non influenti sulla produzione) ha interessato meno del 3% del campione
mentre nessun appezza-mento ha subito danni tali da ridurre la produzione.
Ulteriore conferma è rappre-sentata dalle prove parcellari condotte nel 2009
e 2010, in cui in nessuno dei 37 campi sono stati rilevati significativi danni da
elateridi. Le risultanze del suddetto campione sono, dal punto di vista statistico, perfettamente compatibili con un rischio di danno inferiore all’1% analogamente a quanto già riscontrato ripetutamente nel passato. Si ribadisce quindi
l’opportunità di adottare i principi della lotta integrata effettuando i trattamenti
fitosanitari (compresa la concia) solo in caso di effettiva necessità.
Parole chiave: elateridi, monitoraggio, lotta integrata.
223
Sessione VI - Entomologia agraria. Presentazioni Posters
PRIMA SEGNALAZIONE DI INSETTI ASSOCiati
alismatifolia (Zingiberaceae) in Italia
a
Curcuma
A. P. Garonna1 & A. Abagnale2
Dipartimento di Entomologia e Zoologia agraria “Filippo Silvestri”, Università
degli Studi di Napoli “Federico II”, 80055 Portici (NA) E-mail: garonna@unina.it
2
Agribiofarm, 80053 Castellammare di Stabia (NA)
1
Curcuma alismatifolia Gagnep., pianta rizomatosa originaria dell’Asia subtropicale, nota come “Tulipano del Siam”, è una specie ornamentale importata in
Europa ormai da un decennio a scopo di coltivazione. In Italia C. alismatifolia
ha suscitato interesse commerciale soprattutto in Campania con alcuni ha di
coltivazione protetta realizzata già a partire dal 2002, sia come produzione da
fiore reciso sia come pianta in vaso. Le condizioni ambientali locali favorevoli consentono una coltivazione senza particolari difficoltà, per una durata del
ciclo produttivo pari a 90-100 giorni. Questa specie si è anche distinta per gli
scarsi problemi fitopatologici segnalati nelle aree d’origine e in quelle italiane.
Tuttavia nel tempo si è avuto l’adattamento di alcuni fitofagi indigeni a C. alismatifolia, mentre il commercio di materiale di moltiplicazione (rizomi) con il
Sudest asiatico ha creato le condizioni per l’introduzione accidentale di alcuni
insetti fitofagi sul territorio italiano.
Tra i fitofagi indigeni sono state evidenziate infestazioni di Planococcus citri
(Risso), tripidi, ortotteri e lepidotteri; tra quelli introdotti, invece, si segnala il
diaspino Aspidiella hartii (Cockerell), specie diffusa in tutta la fascia tropicale,
dove attacca ospiti appartenenti alle famiglie Dioscoreaceae e Zingiberaceae.
Tale cocciniglia, in passato, è stata ripetutamente segnalata per l’Europa, legata
ad importazioni di tuberi di Dioscorea esculenta (Lour.) Burkill per uso alimentare. In Campania, nel territorio del comune di Positano (SA), su parti verdi
e rizomi di C. alismatifolia, è stato rinvenuto nel settembre 2009, alla fine del
ciclo colturale, un piccolo focolaio di A. hartii. La cocciniglia, che risulta molto mimetica, probabilmente è stata introdotta in Italia con rizomi provenienti
dalla Tailandia. Nonostante sia specie subtropicale, il diaspino è riuscito a moltiplicarsi in campo e, ad inizio autunno 2009, i campioni raccolti presentavano
numerose femmine mature in ovideposizione. Di norma questo diaspino attacca
gli organi ipogei delle piante ospiti in maniera asintomatica, mentre gravi infestazioni provocano crescita stentata. Questa è la prima infestazione di A. hartii
riferibile a una coltivazione in campo in un territorio europeo.
Ulteriori indagini hanno permesso di ritrovare, durante il condizionamento invernale dei rizomi di C. alismatifolia, gravi infestazioni di Araecerus fasciculatus (De Geer), antribide universalmente noto come tonchio del caffè, dotato di
elevata polifagia, su materiale d’importazione prima della loro utilizzazione in
campo nel 2008 e anche nel 2010. In entrambi i casi l’infestazione ha determinato, per motivi fitosanitari, la distruzione del materiale di moltiplicazione.
Parole chiave: Araecerus fasciculatus, Aspidiella hartii, Campania.
224
Sessione VI - Entomologia agraria. Presentazioni Posters
Diversità ed ecologia degli Imenotteri Apoidei in ambienti
frammentati
pedemontani
dell’Etna
a
differente
pressione antropica
P. La Greca, G. F. Turrisi & V. D’Urso
Dipartimento di Biologia Animale “Marcello La Greca”, Università degli Studi
di Catania, Via Androne 81, 95124 Catania E-mail: p.lagreca@yahoo.it
La fauna apidica risulta estremamente sensibile ai processi di frammentazione
ambientale e pertanto le sue composizione e densità sono diretta espressione
della struttura e dello stato di conservazione degli ecosistemi. La finalità principale della presente ricerca è stata quella di indagare la diversità degli Imenotteri
Apoidei (tranne Apis mellifera L.) in aree frammentate del territorio etneo, sia
per ottenere una conoscenza della composizione specifica, sia per valutare in
dettaglio le variazioni stagionali dei popolamenti e le specificità legate a diverse
tipologie di ambienti. I siti indagati ricadono nel settore orientale della fascia
pedemontana dell’Etna e presentano un grado differenziato di antropizzazione, ma tutti possono essere considerati territori a frammentazione ambientale
medio-elevata. In dettaglio i siti sono: due parchi urbani all’interno della città
di Catania (Parco Gioeni e Parco degli Ulivi), un’area a naturalità elevata della
fascia metropolitana etnea (Riserva Naturale Integrale e SIC Complesso Immacolatelle-Micio Conti, San Gregorio di Catania) e un agroecosistema (agrumeto) a conduzione biologica (Acicatena). Inoltre, è stato preso in considerazione
un sito di controllo alla periferia nord di Catania (in località Leucatia), il cui
popolamento apidico è ben noto. I rilevamenti sono stati condotti nel triennio
2008-2010 con un protocollo di raccolta e censimento analogo a quello impiegato nell’ambito del Progetto Finalizzato A.M.A. (Ape, Miele, Ambiente) e hanno
previsto raccolte mensili in tutte le stazioni, col metodo dei transetti lineari.
In totale sono stati raccolti 1.139 esemplari appartenenti a 105 specie comprese
nelle famiglie Andrenidae, Halictidae, Anthophoridae, Megachilidae e Apidae.
Sono state effettuate diverse analisi zoocenotiche comparative mediante il calcolo dei principali indici di diversità e vari metodi di analisi multivariata. Inoltre,
attraverso strumenti cartografici, è stata prodotta una mappatura del livello di
biopermeabilità del territorio pedemontano nel quale ricadono i siti d’indagine,
individuando le aree sottoposte a maggiore disturbo antropico e quelle invece
caratterizzate da un livello più elevato di naturalità e quindi definire sistemi
territoriali che possano fungere da corridoi ecologici per assicurare un’adeguata
connettività ecologica e conseguentemente livelli significativi di diversità apidica. Il grado di frammentazione ambientale è stato valutato mediante il modello
biogeografico delle isole attraverso la regressione lineare specie-area, considerando i siti d’indagine alla stregua di vere e proprie “isole” in senso ecologicofunzionale. I dati ottenuti hanno permesso di individuare opportune strategie
gestionali al fine di mantenere adeguati livelli di diversità biologica, in special
modo apidica, per le aree a notevole frammentazione ambientale.
Parole chiave: biodiversità, parchi, agroecosistemi, biopermeabilità.
225
Sessione VI - Entomologia agraria. Presentazioni Posters
IL RUOLO DEI RAGNI NELla limitazione NATURALE delle
popolazioni di mosca dell’olivo
P. Loverre & R. Addante
Dipartimento di Biologia e Chimica Agro-Forestale ed Ambientale, Università
degli Studi di Bari “Aldo Moro”, Via Amendola 162, 165/a, 70126 Bari
E-mail: rocco.addante@agr.uniba.it
Gli studi condotti sinora sull’araneofauna dell’olivo hanno messo in evidenza che
i ragni rappresentano il gruppo di predatori più diversificato e, dopo le formiche, quello più abbondante. Diversi Autori hanno sottolineato che i ragni svolgono un ruolo importante nell’agroecosistema oliveto, contribuendo a limitare le
popolazioni di diversi insetti fitofagi e, di conseguenza, i danni da essi causati.
In maggio 2010 è stata avviata in agro di Valenzano (BA) una ricerca volta ad
approfondire le conoscenze sul ruolo che i ragni svolgono nella limitazione naturale delle popolazioni del fitofago-chiave dell’olivo, Bactrocera oleae (Rossi).
Prendendo in considerazione tre oliveti sottoposti a differenti livelli di intensità
di pratiche colturali è stato altresì possibile valutare l’influenza di tali pratiche
sull’interazione predatore-preda, la composizione dell’araneofauna dei tre oliveti
e il grado di diversità delle comunità di ragni in essi riscontrate. La stima della
composizione faunistica e della densità di popolazione dei ragni è stata effettuata mediante campionamenti quindicinali utilizzando trappole a caduta, fasce
di cartone collocate intorno al tronco degli olivi e frappage. Il volo degli adulti
di B. oleae è stato seguito installando due trappole cromotropiche per oliveto,
mentre l’infestazione larvale del fitofago è stata stimata raccogliendo 150 drupe
da ciascun oliveto, dissezionandole e contando il numero di larve e pupari del
fitofago, oltre che eventuali parassitoidi e predatori. Il maggior numero di ragni
è stato raccolto, in ordine decrescente, mediante trappole a caduta, frappage e
fasce di cartone. Le famiglie di ragni maggiormente rappresentate sono state
Zodariidae per le raccolte con le trappole a caduta, Philodromidae per quelle
mediante frappage e Gnaphosidae nelle fasce. Alcune specie di ragni sono risultate nuove per la Puglia e per l’Italia. Nei tre oliveti è stata osservata una diversa composizione dell’araneofauna, anche a livello di famiglia e genere. Alcune
pratiche colturali quali il diserbo ed i trattamenti insetticidi sembrano interferire negativamente sull’araneofauna sia da un punto di vista quantitativo che qualitativo, ossia in termini di diversità di generi e specie. La popolazione di adulti
di B. oleae sembra essere regolata dalla comunità di ragni dell’oliveto; infatti,
nella maggior parte dei rilievi, ad una diminuzione del numero di ragni ritrovati
sulla chioma ha corrisposto un incremento del numero di mosche e viceversa.
Analisi statistiche attualmente in corso consentiranno di chiarire se tale interazione antagonistica è statisticamente significativa. Nessuna interazione sembra
esistere, invece, tra la comunità di predatori e la popolazione larvale del fitofago.
Parole chiave: Araneae, Tephritidae, oliveto.
226
Sessione VI - Entomologia agraria. Presentazioni Posters
Risultati di due anni di prove per La Lotta ai vettori del
TSWV nel carciofo con insetticidi di sintesi e di origine
biologica
G. Marongiu, D. Sanna & G. Murgia
AGRIS Sardegna, V.le Trieste 111, 09123 Cagliari E-mail: gmarongiu@agrisricerca.it
Nel recente passato in carciofaie del Nord Sardegna si sono verificate infezioni
causate da TSWV. La virosi determina un quadro sintomatologico vario che si
traduce in minore accrescimento e morte della pianta oppure improduttività della
pianta colpita e comunque minore produttività della carciofaia nel suo complesso.
I vettori della virosi sono Tripidi, principalmente Frankliniella occidentalis (Pergande) e Thrips tabaci Lindeman che nel carciofo causano danni diretti di scarsa
entità, diventando però di primaria importanza quando sono vettori del TSWV.
L’AGRIS ha condotto nel biennio 2009-2010 una serie di prove di lotta ai vettori del TSWV con l’impiego di sostanze attive di sintesi e di origine biologica:
deltametrina (Decis jet – Bayer CropScience), lambda–cialotrina (Karate zeon
– Syngenta crop protection), spinosad (Laser – Dow AgroSciences), lufenuron
(Match – Syngenta crop protection), azadiractina (Aza nema – Sipcam) e un
prodotto a base del fungo entomopatogeno Beauveria bassiana (Bals.) Vuill.
(Naturalis – Intrachem Bio Italia).
Nel 2009 le prove sono state effettuate su piantine allevate in vaso in una serra in
ferro-vetro ed è stato adottato uno schema sperimentale completamente randomizzato mentre nel 2010 sono state eseguite in pieno campo adottando uno schema a blocchi randomizzati. Azadiractina e il fungo entomopatogeno sono stati
impiegati per tre volte a cadenza settimanale: le restanti sostanze attive per due
volte a cadenza quindicinale. Le parcelle testimone sono state trattate con uguale volume di sola acqua. I trattamenti sono stati effettuati con pompa a zaino.
I risultati del primo anno indicano deltametrina e lambda–cialotrina come le
sostanze attive più efficaci determinando livelli d’infestazione significativamente
inferiori al testimone a 3 e 14 giorni dal primo trattamento e a 7 giorni dal secondo trattamento. Spinosad e Lufenuron hanno mostrato la loro efficacia dopo
due settimane dal primo trattamento, B. bassiana e Azadiractina non hanno
mostrato differenze significative rispetto al testimone. Nel secondo anno a 3
giorni dal primo trattamento tutte le sostanze attive tranne il fungo antagonista hanno determinato livelli d’infestazione significativamente inferiori rispetto
al testimone; a 7 giorni solo lambda–cialotrina ha riconfermato la sua azione.
Dopo un secondo trattamento (terzo per azadiractina e per B. bassiana) le parcelle trattate con spinosad, lambda cialotrina e lufenuron hanno nuovamente
mostrato differenze significative rispetto al testimone non trattato.
Deltametrina, lambda–cialotrina, spinosad e lufenuron si sono dimostrati in varia misura efficaci contro i tripidi, mentre azadiractina e B. bassiana in questo
contesto non sembrano mezzi di lotta affidabili.
Parole chiave: tripidi, Frankliniella occidentalis, Thrips tabaci.
227
Sessione VI - Entomologia agraria. Presentazioni Posters
ESPLOSIONI
DEMOGRAFICHE
DI
BARBITISTES
(ORTHOPTERA, TETTIGONIIDAE) IN VENETO
VICETINUS
L. Mazzon1, P. Tirello1, N. Mori1, P. Fontana2 & R. Rosa3
Dipartimento di Agronomia Ambientale e Produzioni Vegetali, Università di
Padova, AGRIPOLIS, Viale dell’Università 16, 35020 Legnaro (PD)
E-mail: lmazzon@unipd.it
2
Fondazione Edmund Mach, Via E. Mach 1, 38010 San Michele all’Adige (TN)
3
Ente Parco Colli Euganei, Via Rana Ca’ Mori 8, 35042 Este (PD)
1
Barbitistes vicetinus (Galvagni & Fontana) è un ortottero ensifero noto solo per
limitate aree del Veneto (Monti Lessini orientali, Colli Berici e Colli Euganei) e
per una stazione del Trentino (Val d’Adige).
La specie, descritta nei primi anni ’90 nel vicentino, è da sempre stata ritenuta
rara dagli specialisti. Essa predilige ambienti boschivi collinari nei quali frequenta la chioma degli alberi e degli arbusti. Anche se nell’ultimo decennio B.
vicetinus ha evidenziato popolazioni progressivamente più abbondanti, la prima
segnalazione di pullulazione si è avuta nel giugno del 2008 sui Colli Euganei
(Comune di Baone) all’interno di un ceduo a prevalenza di castagno. Nel corso del 2009, e soprattutto del 2010, pullulazioni più importanti ed estese, con
culmine compreso tra maggio e giugno, si sono registrate anche in altri comuni
euganei. La superficie interessata appare in espansione. Nel corso del 2010 tali
episodi sono diventati piuttosto evidenti e hanno destato la curiosità dei mezzi
di informazione e preoccupazione tra gli agricoltori. L’insetto infatti, nelle aree
coinvolte dalle pullulazioni, ha interessato le colture agrarie limitrofe alle zone
boschive (vite, olivo, ciliegio), orti e giardini rivelandosi in alcune situazioni
dannoso. Nello stesso anno pullulazioni si sono osservate anche nei Colli Berici pur non interessando ambiti agricoli. Il danno è rappresentato da erosioni
fogliari caratteristiche poiché il margine leso, da giovani e adulti, non appare
netto ma sfilacciato. In corrispondenza delle maggiori densità di popolazione
si sono registrate pesanti defogliazioni che si sono sommate a quelle causate
ad inizio stagione dai defogliatori delle querce. B. vicetinus appare polifago ma
particolarmente graditi sono risultati orniello e roverella.
Sono in corso prove di efficacia con prodotti a base di piretro naturale e di altre
strategie di difesa a basso impatto ambientale come l’impiego di bande invischiate
da applicare sui tronchi al fine di salvaguardare colture di particolare interesse.
Per il genere Barbitistes le uniche specie italiane per le quali siano note pullulazioni sono B. serricauda F. e B. ocskayi Charpentier. In particolare quest’ultimo
dà origine da decenni ad esplosioni demografiche nelle boscaglie del carso triestino. L’esplosione demografica di B. vicetinus appare un fenomeno interessante
dal punto di vista ecologico poiché si tratta del primo caso di pullulazione noto
per questa specie ritenuta rara, oltre che sconosciuta, sino ad appena 15 anni fa.
Parole chiave: pullulazione, defogliatori, ensiferi.
228
Sessione VI - Entomologia agraria. Presentazioni Posters
INDAGINE SUI LEPIDOTTERI FICITINI (PYRALIDAE) E SUGLI
ALTRI CARPOFAGI TRADIZIONALMENTE ASSOCIATI ALLA VITE IN
VENETO
N. Mori1, L. Mazzon1, I. Martinez1, E. Marchesini2, P. Dalla Vecchia1, E. Mazzon1
& V. Girolami1
Dipartimento di Agronomia Ambientale e Produzioni Vegetali, Università di
Padova, AGRIPOLIS, Viale dell’Università 16, 35020 Legnaro (PD)
E-mail: nicola.mori@unipd.it
2
Agrea Centro Studi, Via G. Garibaldi 5, 37057 San Giovanni Lupatoto (VR)
1
I lepidotteri associati alla vite con attitudine specificatamente carpofaga che ricorrono con maggiore frequenza nei vigneti delle regioni nord orientali sono i
tortricidi Lobesia botrana (Denis & Schiffermüller), Eupoecilia ambiguella (Hübner) e Argyrotaenia pulchellana (Haworth).
Sono state indagate la presenza e la biologia dei carpofagi, attraverso il campionamento delle larve presenti nei grappoli infestati in vigneti non trattati collocati tra le province di Verona e Vicenza.
L. botrana è stata ritrovata in tutti i siti di indagine con entità di popolazione
anche molto elevate. Le indagini condotte confermano lo sviluppo di una 4a
generazione. Il ritrovamento continuo di crisalidi nella tarda estate, e la non
chiara corrispondenza tra questo stadio di sviluppo e la presenza delle larve,
apre all’ipotesi che lo svernamento non sia sostenuto solo dalle crisalidi della
terza e/o quarta generazione ma anche da quelle derivanti dalle larve di seconda
generazione che sono entrate in diapausa estiva.
Nelle aree di indagine non è stata rilevata la presenza della tignola della vite E.
ambiguella, insetto chiave della viticoltura fino agli anni ‘80.
Diffusa è stata la presenza di A. pulchellana con densità di popolazione anche
elevate in relazione alla vicinanza di meleti. Le larve di A. pulchellana sono state
rilevate in tre differenti periodi. La maggiore presenza è stata osservata da fine
agosto-inizio settembre.
Di particolare interesse è stata la presenza di larve risultate appartenere alla
sottofamiglia Phycitinae a partire dalla seconda decade di agosto. Le prime indagini morfologiche e molecolari indicherebbero il coinvolgimento di almeno tre
differenti specie ancora in corso di identificazione. Ephestia parasitella Staudinger, già rilevata in alcuni vigneti toscani, sembra essere la specie più frequente.
Dalle prime osservazioni sembra che tali ficitini invadano la coltura solo a partire dallo stadio fenologico di invaiatura. Non è stato finora possibile valutare
se tali larve siano in grado di causare un danno diretto agli acini o se invece infestino secondariamente solo quelli colpiti dalle tignole e in via di appassimento.
Parole chiave: tignoletta, tignola, Ephestia, eulia.
229
Sessione VI - Entomologia agraria. Presentazioni Posters
Indagine sul ruolo della tomentosità del frutto in
diverse varietà di pesco in relazione agli attacchi di
Ceratitis capitata
S. Musmeci1, M. R. Tabilio2, U. Cesareo2, F. Cannavacciuolo2 & R. Mandatori2
ENEA UTAGRI-ECO Casaccia, Via Anguillarese 301, 00060 Roma
CRA-Centro di Ricerca per la Frutticoltura, Via Fioranello 52, 00134 Roma
E-mail: tab55@mclink.it
1
2
Ceratitis capitata (Wiedemann) è un dittero polifago che colpisce oltre 250 specie di fruttiferi. Nella frutticoltura biologica il problema è particolarmente avvertito, al punto che gli operatori si affidano a varietà precoci che per epoca
di maturazione sfuggono al carpofago. Presso il CRA-Frutticoltura di Roma è
presente il germoplasma frutticolo nazionale con circa 1.000 accessioni di pesco
e si è voluto verificare se le varietà particolarmente tomentose fossero meno
suscettibili agli attacchi della mosca. Per questo scopo, è stato quantificato il
grado di pubescenza su un rappresentativo numero di frutti afferenti a 26 cultivar attraverso la totale asportazione dei tricomi su aree definite e la loro successiva pesatura su bilancia di precisione. Parallelamente, al fine di evidenziare
eventuali correlazioni con la pubescenza, sono stati condotti test di non scelta
in laboratorio sulle stesse cultivar, registrando il numero di punture per frutto
e il livello di infestazione valutato in base al numero di larve. Quest’ultimo è
stato calcolato sulle sole varietà che, nel periodo di sviluppo delle larve, non
erano state colpite da muffe le quali influenzano negativamente la sopravvivenza larvale. Sia nella tipologia pesca sia nella tipologia percoca la tomentosità
è risultata molto variabile tra le diverse cultivar. In particolare, nella tipologia
pesca, tale variabilità è stata elevata anche tra i diversi frutti di una stessa varietà. Una maggiore tomentosità, distribuita più uniformemente su tutto il frutto,
è stata rilevata nelle percoche. Una correlazione inversa significativa (r=-0,69) è
stata trovata fra la pubescenza del frutto e il numero di punture. Queste ultime
raggiungono i livelli massimi per le nettarine (assenza di tomentosità) e minimi
per le percoche. Inoltre, è stata trovata anche una discreta correlazione tra il livello di infestazione (numero di larve) e la tomentosità (r=-0,65). In particolare,
i frutti della Percoca Romagnola e della Leonforte di Sicilia, le due cultivar più
tomentose, non sono stati colpiti. Infine, dall’analisi dei dati è emerso che una
pubescenza ben distribuita sul frutto (come nel caso della Percoca Romagnola e
della Leonforte di Sicilia), consente una protezione più efficace. In conclusione,
da quanto emerso dai saggi di laboratorio, si può ipotizzare che varietà tardive
a frutti molto tomentosi, come la Percoca Romagnola e la Leonforte di Sicilia,
possano essere utilizzate nella frutticoltura biologica, fornendo al frutticoltore
maggiori opportunità per una difesa ecosostenibile da questo pericoloso carpofago.
Parole chiave: lotta biologica, pubescenza, mosca della frutta.
230
Sessione VI - Entomologia agraria. Presentazioni Posters
RILEVAMENTI SULLE CICALINE DEL POMODORO IN APPEZZAMENTI
DELL’EMILIA CON SINTOMI DI STOLBUR*
R. Nicoli Aldini, M. Panini & E. Mazzoni
Istituto di Entomologia e Patologia vegetale, Università Cattolica del Sacro Cuore,
Via Emilia Parmense 84, 29122 Piacenza E-mail: rinaldo.nicoli@unicatt.it
Lo Stolbur delle Solanacee è una fitopatia ad eziologia fitoplasmatica. Suo vettore riconosciuto è Hyalesthes obsoletus Signoret (Cixiidae), senza escludere il
possibile ruolo di altre cicaline. Presente sporadicamente già in passato nel nord
Italia, la fitoplasmosi dal 2005 si è manifestata più diffusamente nel Parmense e
nel 2008 se ne è osservato un caso rilevante anche nel Piacentino. Nell’ambito di
un progetto della Regione Emilia-Romagna, l’Istituto di Entomologia e Patologia vegetale di Piacenza nel 2010 ha proseguito le indagini intraprese già in precedenza, collaborando con i Consorzi Fitosanitari di Piacenza e Parma ai rilievi
nei campi di pomodoro e studiando le cicaline (Hemiptera, Fulgoromorpha e
Cicadomorpha) raccolte per definirne il quadro faunistico negli appezzamenti in
esame ed eseguire analisi molecolari per identificare il fitoplasma. Sono stati presi
in esame due appezzamenti a Madregolo di Collecchio (Parma), uno in località
Vigolante di Parma, uno a San Polo di Podenzano (Piacenza) e, limitatamente
alle erbe ai bordi, un campo di frumento (l’anno precedente coltivato a pomodoro, con sintomi) a Piacenza in località Volta del Vescovo. I campionamenti sono
stati effettuati in giugno-luglio, con cadenza settimanale, mediante retino entomologico su pomodoro e su erbe a bordo campo, nonché mediante trappole cromotattiche collanti gialle lungo i filari di pomodoro. Questo contributo illustra
il quadro faunistico relativo al 2010. Laodelphax striatella (Fallén) (Delphacidae)
e i generi Empoasca e Zyginidia (Cicadellidae) sono presenze pressoché costanti
e più o meno abbondanti su pomodoro (oltre che su erbe ai margini), rilevate
sia mediante retino sia con trappole cromotattiche. È raro su pomodoro, sia con
retino sia mediante trappole, H. obsoletus, che invece risulta comune e talora
abbondante su ortica (dove presente) e convolvolo a bordo campo. Più occasionali o sporadici sono su pomodoro alcuni altri generi di cicaline (Philaenus,
Stictocephala, Anaceratagallia, Emelyanoviana, Eupteryx, Neoaliturus, Macrosteles, Recilia, Japananus, Doratura, Psammotettix). Sulle piante erbacee a bordo
campo le cicaline risultano più abbondanti anche come individui e ai generi precedenti si aggiungono principalmente Reptalus, Dictyophara, Cicadella, Thamnotettix, Euscelidius, Euscelis, in correlazione con le specie botaniche presenti.
Parole chiave: Auchenorrinchi, vettori, Hyalesthes obsoletus, Solanacee, fitoplasmi.
* Ricerca parzialmente finanziata nell’ambito del progetto triennale “CRPV 2009 - Studî sulla fitoplasmosi dello ‘stolbur’ sul pomodoro da industria in
Emilia-Romagna”. Si ringraziano i Consorzî Fitosanitari di Parma e di Piacenza per la collaborazione prestata.
231
Sessione VI - Entomologia agraria. Presentazioni Posters
Efficacia del formulato commerciale Confidor® O-TEQ
per LA LOTTA ALLA mosca delle olive in olivicoltura
convenzionale ed integrata
M. E. Noce, T. Belfiore, S. Scalercio, F. Zaffina & N. Iannotta
CRA, Centro di Ricerca per l’Olivicoltura e l’Industria Olearia, c.da Li Rocchi,
87036 Rende (CS) E-mail: mariaelena.noce@entecra.it
L’olivicoltura ha notevole importanza economica in Calabria e in Italia. Essa è
strettamente associata al ruolo fondamentale che l’olivo riveste per la sua forte
“identità” paesaggistica e culturale. Pertanto, una razionale difesa fitosanitaria
basata sull’ecosostenibilità si rende necessaria anche nell’ottica economica della lotta al principale nemico dell’olivo, Bactrocera oleae (Rossi), negli ambienti dove esso provoca gravi danni alle produzioni olivicole. Le recenti revisioni
normative sulle molecole utilizzabili in agricoltura hanno imposto la ricerca di
nuovi formulati efficaci nella lotta alle principali avversità biotiche, in particolare contro i fitofagi e quindi nella lotta a B. oleae. Pertanto, in prosecuzione
di indagini precedentemente svolte, l’obiettivo di questa ricerca è stato quello di
valutare l’efficacia del formulato commerciale Confidor® O-TEQ (Bayer CropScience), a base di imidacloprid, recentemente registrato su olivo, per il contenimento di tale fitofago. Le prove sono state condotte nel periodo compreso
tra agosto e ottobre 2010 nell’areale di Mirto-Crosia, situato sul litorale ionico
cosentino e caratterizzato da elevati livelli di infestazione. È stato utilizzato un
disegno sperimentale a blocchi randomizzati con cinque replicazioni per tesi
[Tesi 1, testimone; Tesi 2, Confidor® O-TEQ (50g/hl) e Tesi 3, Confidor® O-TEQ
(62,5g/hl)]. Per ogni replica, da otto piante sono state prelevate 20 olive, per cui
il numero complessivo di piante soggette ad analisi è stato 120 e quello delle
drupe/tesi 100. I rilevamenti sono stati effettuati ogni dieci giorni e le drupe
sono state analizzate in laboratorio per valutare l’andamento dei livelli di infestazione, espressi in termini di infestazione sia attiva che totale. I dati sono stati
sottoposti ad analisi della varianza seguita dal test post-hoc LSD. I risultati
ottenuti nel periodo complessivo di indagine hanno evidenziato una significativa
riduzione dei livelli di infestazione in termini di infestazione sia attiva (F 2,147 =
4,2094; p = 0,0167) che totale (F 2,147 = 4,1240; p = 0,0181), principalmente evidente
nella Tesi 3. È stato, inoltre, riscontrato l’effetto larvicida del formulato commerciale (F 2,147 = 4,0093; p = 0,2017) e una significativa riduzione della presenza di gallerie di sfarfallamento nelle drupe trattate (F 2,147 = 7,2931; p = 0,0009).
Inoltre, la mortalità delle pupe è risultata significativamente più elevata nelle
tesi trattate (F 2,147 = 4,2872; p = 0,0155). Il formulato commerciale Confidor ®
O-TEQ ha mostrato una significativa efficacia nei confronti del testimone. In
definitiva, i risultati ottenuti appaiono di promettente prospettiva per la lotta a
B. oleae in olivicoltura convenzionale ed integrata, soprattutto per interventi di
tipo curativo (effetto larvicida).
Parole chiave: imidacloprid, olivo, Bactrocera oleae, infestazione, Calabria.
232
Sessione VI - Entomologia agraria. Presentazioni Posters
Insetti vettori dello “Stolbur” del pomodoro in EmiliaROMAGNA*
M. Panini, R. Nicoli Aldini & E. Mazzoni
Istituto di Entomologia e Patologia vegetale, Università Cattolica del Sacro Cuore,
Via Emilia Parmense 84, 29122 Piacenza E-mail: emanuele.mazzoni@unicatt.it
Nel corso della tarda primavera-estate 2010 sono state condotte, in campo, una
serie di attività di monitoraggio degli Emitteri Auchenorrinchi presenti in alcuni
appezzamenti di pomodoro da industria delle province di Piacenza e Parma.
Tali attività sono state completate con analisi di laboratorio tendenti a determinare la presenza, negli insetti catturati, del fitoplasma responsabile della virescenza ipertrofica del pomodoro. Parallelamente sono state analizzate,
con le stesse metodiche, anche piante di pomodoro con sintomi ascrivibili allo
“stolbur” e varie piante infestanti presenti negli stessi ambienti.
Gli insetti sono stati raccolti mediante l’esecuzione, a cadenza periodica, di sfalci con retino entomologico, oppure con trappole cromotattiche gialle. Sono state
catturate alcune centinaia di cicaline mediante sfalcio e alcune migliaia con le
trappole. Su 76 esemplari sono stati eseguiti i saggi biomolecolari volti alla individuazione di eventuali fitoplasmi e alla loro caratterizzazione per confermarne
l’appartenenza al gruppo tassonomico dello “stolbur” (gruppo XIIA) e ai relativi sottotipi “tuf” (ceppi “VK”), secondo Langen & Maixner (2004).
Nel 13% degli esemplari analizzati è stato trovato DNA dei fitoplasmi del gruppo XIIA e sempre solo di tipo “tuf b” (ceppo “VKII”). Gli esemplari positivi
appartenevano tutti alla specie Hyalesthes obsoletus Signoret ed erano stati tutti
raccolti su Convolvulus arvensis L. o su pomodoro. A loro volta C. arvensis e
pomodoro sono risultati infetti da “stolbur” e sempre del tipo “tuf b” (ceppo
“VKII”) mentre su ortica è stato trovato il ceppo “VKI” (tipo “tuf a”).
Appare quindi molto probabile un coinvolgimento diretto di H. obsoletus nella
trasmissione del fitoplasma dello stolbur dal convolvolo al pomodoro mentre,
in base ai dati raccolti, ad oggi non sembrano essere coinvolti altri vettori nella
trasmissione di questo patogeno nelle province di Piacenza e Parma.
Parole chiave: fitoplasmi, Auchenorrinchi, Hyalesthes obsoletus, Convolvulus arvensis.
* Ricerca parzialmente finanziata nell’ambito del progetto triennale “CRPV 2009 - Studi sulla fitoplasmosi dello ‘stolbur’ sul pomodoro da industria in
Emilia-Romagna”. Si ringraziano i Consorzi Fitosanitari di Parma e di Piacenza per la collaborazione prestata.
233
Sessione VI - Entomologia agraria. Presentazioni Posters
PRIMI RISULTATI SULL’EFFICACIA DELL’OLIO MINERALE E DELLO
SPINOSAD NELLA LOTTA A CYDIA FUNEBRANA IN UN SUSINETO
BIOLOGICO SICILIANO
R. Rizzo1, S. Mazzanobile2 & G. Lo Verde1
Dipartimento DEMETRA, Sezione di Entomologia, Acarologia e Zoologia
Agraria, Università di Palermo, Viale delle Scienze, Ed. 4, 90128 Palermo
E-mail: r.rizzo@unipa.it
2
Via Romania 4, 90135 Palermo
1
Cydia funebrana (Treitschke) è considerato il fitofago chiave del susineto, soprattutto sulle cultivar cino-giapponesi a maturazione tardiva e nell’agricoltura biologica, a causa della mancanza di prodotti citotropici e ovicidi. Nel 2010 sono
state effettuate prove per il contenimento del tortricide per valutare l’efficacia
dello Spinosad e dell’olio minerale come prodotto anti-ovideponente. Le prove
sono state svolte in un susineto biologico di San Giuseppe Jato (Palermo), di
oltre 5 ha, su piante delle cultivar Angeleno, Friar e Stanley. Per ciascuna di
esse sono state individuate tre parcelle di 50 piante, marcando al loro interno
10 piante su cui effettuare i rilevamenti; due parcelle sono state rispettivamente
trattate con Spinosad (Laser 30 ml/hl) e olio minerale (Biolid 1,2 l/hl) mentre la
terza non è stata sottoposta ad alcun trattamento (testimone). Il monitoraggio
dei voli dei maschi del tortricide è stato eseguito utilizzando quattro trappole
a feromone controllate ogni due settimane; in laboratorio è stata confermata
l’identificazione specifica esaminando un campione corrispondente al 50% dei
maschi catturati. Campionamenti bisettimanali dei frutti sono stati effettuati
dal 25/5/2010 al 30/8/2010. A ogni data di campionamento, sui 10 alberi marcati
di ciascuna cultivar e di ciascuna parcella è stato registrato in campo il numero
di uova e sono stati prelevati 5 frutti per pianta, successivamente analizzati in
laboratorio. I trattamenti sono stati effettuati il 25 maggio, quando sono state
osservate sui frutti le prime ovideposizioni ed è stato verificato un decremento
dei voli della I generazione, il 14 giugno e il 14 luglio. Alla fine della stagione,
il livello di infestazione sulle piante non trattate della cv Angeleno è stato in
media per l’intero periodo di rilevazione 34%, mentre per le cvv Friar e Stanley
è stato 28% e 11%, rispettivamente. L’analisi statistica dei livelli di infestazione
sui frutti, per ogni data di campionamento (ANOVA 1-VIA) ha mostrato differenze significative tra le piante trattate con olio e il testimone solo nella prima
data per la cv Angeleno e nella prima e terza data (2/7/2010) per la cv Friar,
dove le piante trattate con olio minerale hanno avuto valori significativamente
superiori a quelle del testimone e dello Spinosad, così come anche registrato per
la cv Stanley il 30/7 e il 13/8/2010. Nell’adozione di strategie di lotta al tortricide
bisogna tenere in considerazione la bassa persistenza dei prodotti consentiti, i
limiti di utilizzo imposti dalla normativa sulla conduzione biologica del susino
e il fatto che nell’ambiente siciliano sono state rilevate ovideposizioni dagli inizi
di giugno fino alla seconda decade di settembre.
Parole chiave: tignola delle susine, agricoltura biologica, Tortricidae.
234
Sessione VI - Entomologia agraria. Presentazioni Posters
STUDI PRELIMINARI SULLA VARIABILITÀ
SIMBIONTE DELLA MOSCA DELL’OLIVO
GENETICA
DEL
C. Savio, I. Martinez-Sañudo, E. Viale, M. Simonato, L. Mazzon & V. Girolami
Dipartimento di Agronomia Ambientale e Produzioni Vegetali, Università di
Padova, AGRIPOLIS, Viale dell’Università 16, 35020 Legnaro (PD)
E-mail: lmazzon@unipd.it
L’esistenza di una simbiosi tra la mosca dell’olivo [(Bactrocera oleae (Rossi)] e
microrganismi batterici che si moltiplicano nel bulbo esofageo (diverticolo intestinale localizzato nel capo dei ditteri tefritidi) è stata individuata per la prima
volta da Petri nel 1909. Egli suggerì che tali batteri potessero corrispondere a
Pseudomonas savastanoi (Janse), l’agente della rogna dell’olivo. Successive indagini hanno dimostrato la presenza di una specie batterica, non coltivabile, diversa da P. savastanoi, identificata come “Candidatus Erwinia dacicola”.
Il presente lavoro si pone l’obiettivo di caratterizzare l’esistenza di variabilità
genetica del simbionte e di porla in relazione con la variabilità genetica dell’insetto ospite.
Il contenuto batterico del bulbo esofageo di B. oleae provenienti da 26 località
italiane è stato analizzato tramite la parziale amplificazione con primer universali del gene 16S rRNA, cosi come un tratto di circa 800 bp del genoma mitocondriale dell’insetto.
L’analisi di tale regione del genoma mitocondriale della mosca dell’olivo ha evidenziato l’esistenza di un numero elevato di aplotipi, alcuni ubiquitari e altri
più rari. Le analisi, effettuate con software di elaborazione dei dati genetici,
non rivelano al momento la presenza di una chiara correlazione geografica degli
aplotipi mitocondriali. Per contro, l’analisi del 16S rRNA del simbionte E. dacicola ha messo in luce la presenza di due soli aplotipi che sembrano avere una
distribuzione geografica non casuale, come confermato da analisi statistiche, in
particolar modo per le popolazioni localizzate lungo la costa tirrenica. È interessante rilevare che, mentre lungo la penisola tutte le popolazioni analizzate
seppur in proporzioni diverse presentano entrambe le linee di E. dacicola, nelle
due isole maggiori è sempre stata rinvenuta un’unica linea. Inoltre, i risultati del
clonaggio evidenzierebbero che non vi è coesistenza dei due aplotipi batterici
all’interno dello stesso insetto ospite.
È importante sottolineare che dai test statistici non è emersa una chiara correlazione tra gli aplotipi batterici e gli aplotipi dell’insetto ospite. Il risultato
potrebbe essere spiegato ammettendo l’esistenza di trasmissioni orizzontali accidentali del simbionte.
È in previsione l’estensione dello studio all’intero bacino del Mediterraneo.
Parole chiave: Bactrocera oleae, “Candidatus Erwinia dacicola”, aplotipi.
235
Sessione VI - Entomologia agraria. Presentazioni Posters
IMPIEGO DI SPIROTETRAMAT NELLA LOTTA ALLA COCCINIGLIA
COTONOSA DELLA VITE*
G. Serra1, M. Coinu2, A. Cocco2, P. M. Marras3, A. Loi2 & A. Lentini2
Istituto per lo Studio degli Ecosistemi, CNR, Traversa La Crucca 3, 07100
Sassari E.mail: g.serra@ise.cnr.it
2
Dipartimento di Protezione delle Piante, Università degli Studi di Sassari, Via
E. De Nicola 1, 07100 Sassari
3
AGRIS Sardegna, Dipartimento per la Ricerca nell’Arboricoltura, Via Mameli
126/d, 09123 Cagliari
1
Spirotetramat (Movento®, Bayer CropScience) è una nuova molecola insetticida,
della famiglia degli acidi tetronici spirociclici, che agisce inibendo la biosintesi
dei lipidi. Il principio attivo è caratterizzato da una sistemia bidirezionale, agisce prevalentemente per ingestione e risulta efficace contro un vasto numero di
fitomizi, tra cui diverse specie di pseudococcidi dannosi ai fruttiferi e alla vite.
Spirotetramat è quindi un insetticida che può trovare un valido impiego nella
lotta alla cocciniglia cotonosa della vite, Planococcus ficus (Signoret) (Hemiptera, Pseudococcidae), le cui popolazioni si sviluppano per buona parte dell’anno
sotto il ritidoma rimanendo protette dalle irrorazioni insetticide. In questa nota
vengono riportati i risultati di un biennio di prove sperimentali tese a valutare
l’efficacia di questa nuova molecola nel contenimento delle infestazioni della
cocciniglia cotonosa della vite.
La sperimentazione è stata condotta nel 2009-2010 in un vigneto di cv Chardonnay sito nel comune di Alghero (SS) e nel 2010 in un vigneto di cv Cannonau
sito nel comune di Badesi (OT). Nel primo vigneto, tra fine giugno e luglio, è
stata confrontata l’efficacia di Spirotetramat, Buprofezin, Clorpirifos e Tiamethoxam contro la II generazione della cocciniglia. Nel secondo vigneto è stata,
invece, valutata l’efficacia di Spiroteramat contro la I generazione, che si sviluppa prevalentemente sotto il ritidoma (maggio), e contro la II generazione, che
colonizza prevalentemente le foglie basali (luglio).
Spirotetramat ha avuto un’azione insetticida piuttosto lenta ma nel lungo periodo ha ridotto l’infestazione della II generazione di P. ficus in misura superiore agli altri prodotti anticoccidici attualmente impiegati in viticoltura, come il
Clorpirifos e il Tiamethoxam. L’intervento eseguito a maggio contro la I generazione è apparso invece meno efficace ma ha comunque determinato un buon
contenimento del danno.
Complessivamente la nuova molecola ha fornito ottimi risultati in termini di
protezione delle produzioni e potrà trovare un valido impiego nel contenimento
delle infestazioni di P. ficus sulla vite.
Parole chiave: Planococcus ficus, lotta chimica, Movento®.
* Ricerche finanziate da APQ FILIERA VITIVINICOLA, Progetto SQF VS
CONVISAR e Regione Autonoma della Sardegna.
236
Sessione VI - Entomologia agraria. Presentazioni Posters
PROVE DI LOTTA INTEGRATA SU UVA DA TAVOLA*
G. Siscaro, G. Tropea Garzia, A. Biondi, L. Calmo & L. Zappalà
Dipartimento di Gestione dei Sistemi Agroalimentari e Ambientali, Università
degli Studi di Catania, Via S. Sofia 100, 95123 Catania E-mail: gtgarzia@unict.it
Si riportano i risultati di prove di lotta integrata nei confronti di Frankliniella
occidentalis (Pergande) e di Planococcus ficus (Signoret), effettuate nel 2010, in
un vigneto di uva da tavola a conduzione biologica sito nel comune di Chiaramonte Gulfi (RG). Il campo sperimentale è stato suddiviso in parcelle da 75
m2 e 12 piante ciascuna. Nella prova di lotta al tripide, che è stato rinvenuto
in associazione con Thrips tabaci Lindeman, sono state confrontate 4 tesi, con
4 replicazioni (parcelle): a) standard aziendale (due interventi in post-fioritura
con spinosad a intervallo di 10 gg.); b) un solo intervento con spinosad in postfioritura seguito da lanci di entomofagi; c) solo lanci di entomofagi; d) testimone
non trattato. Sono stati effettuati due rilasci di Orius laevigatus (Fieber) (2 esemplari/m2/lancio) a distanza di una settimana e due inoculi di Amblyseius swirskii
(Athias-Henriot) realizzati con tecniche diverse: il primo distribuendo direttamente in campo gli adulti frammisti a materiale disperdente (15 esemplari/m 2),
il secondo collocando sacchetti/dispenser (125 esemplari/m2). È stata valutata
l’infestazione mediante tre rilievi con la tecnica della “mungitura dei grappoli”
e l’osservazione diretta del danno sugli acini in campo. Nella prova di lotta al
cotonello, sono state confrontate 3 tesi ciascuna con 6 replicazioni: a) 2 trattamenti localizzati ai ceppi con olio minerale 2% (Biolid E®) addizionato con
piretro in formulazione liquida (Pyganic®, 250ml/hl); b) 2 trattamenti localizzati
ai ceppi con olio minerale 3% (Biolid E®) addizionato con piretro (Pyganic®,
250ml/hl); c) testimone non trattato. Entrambi i trattamenti sono stati effettuati
in fase di pre-chiusura grappolo (25/6 e 16/7). Dopo il primo trattamento e a
intervalli di 20 giorni veniva effettuato un monitoraggio visivo per individuare
i focolai d’infestazione dello pseudococcide sui ceppi e l’eventuale presenza di
formiche; inoltre, a partire dal 18/6 e fino alla raccolta, settimanalmente, veniva
monitorata l’infestazione sui grappoli. I dati ottenuti mostrano che i soli lanci
di entomofagi non sono stati sufficienti a contenere l’infestazione, determinando
una riduzione percentuale del numero di tripidi/grappolo nel tempo del 44,4%,
mentre nelle tesi standard aziendale e spinosad + lanci tale riduzione è stata
rispettivamente 91,5% e 91,7%. Lo stesso andamento è stato registrato anche in
termini di danno sui grappoli (% acini attaccati) che è risultato 1,3% nello standard, 1,7% nella tesi spinosad+lanci e 2,7% nella tesi lanci. Nella prova di lotta
al cotonello, il trattamento localizzato ai ceppi con Biolid E® al 3% e piretro
ha determinato la più elevata riduzione del numero di ceppi infestati (83,3%)
rispetto al trattamento con olio al 2% e piretro (68,7%) e al testimone (38,5%).
Parole chiave: tripidi, cotonello, vite, predatori, Sicilia.
* Lavoro svolto nell’ambito del progetto di ricerca “Messa a punto di protocolli
di difesa nella filiera uva da tavola nel calatino”, Regione Siciliana.
237
Sessione VI - Entomologia agraria. Presentazioni Posters
BIOLOGIA E NEMICI NATURALI DI PEZOTHRIPS KELLYANUS IN
LIMONETO
G. Siscaro1, L. Zappalà1, G. Tropea Garzia1, A. Biondi1 & G. Perrotta2
Dipartimento di Gestione dei Sistemi Agroalimentari e Ambientali, Università
degli Studi di Catania, Via S. Sofia 100, 95123 Catania E-mail:gsiscaro@unict.it
2
Assessorato regionale delle Risorse agricole e alimentari, Regione Siciliana,
Dipartimento Regionale Azienda Regionale Foreste Demaniali, U.P.A. Siracusa,
U.O.B. 4 Gestione aiuti P.S.R.
1
Fra i Tisanotteri vincolati agli agrumi Pezothrips kellyanus (Bagnall), comunemente noto come tripide di Kelly, assume un ruolo economico di rilievo sia per
il deprezzamento dei frutti colpiti che per il costo dei trattamenti insetticidi
utilizzati per il suo contenimento.
Al fine di approfondire alcuni aspetti della biologia di questa specie in limoneto, con particolare attenzione alle interazioni con le fioriture spontanee, alla
presenza e al ruolo dei suoi antagonisti a livello del terreno, è stata condotta
da aprile ad agosto 2010 una sperimentazione in due limoneti della provincia
di Siracusa. È stato effettuato un monitoraggio delle popolazioni di tripidi presenti su fiori e frutti di limone in accrescimento e su diverse essenze spontanee
presenti in prossimità delle piante oggetto di osservazione. Parallelamente a tale
monitoraggio sono stati condotti rilevamenti sulla porzione di terreno corrispondente alla proiezione della chioma mediante l’utilizzo di apposite trappole
poste al suolo, allo scopo di catturare sia le preninfe che gli adulti neosfarfallati.
Per la ricerca degli antagonisti presenti nel suolo sono stati prelevati settimanalmente campioni di terreno in corrispondenza della proiezione della chioma
per ciascuna esposizione. Tali campioni venivano successivamente collocati in
imbuti estrattori di tipo Berlese.
I risultati ottenuti hanno confermato che la tripidofauna è composta in prevalenza da P. kellyanus (88,6% - 91,2%) seguito da Frankliniella occidentalis (Pergande),
della quale non sono stati tuttavia rinvenuti stadi giovanili. Sulle 23 specie botaniche spontanee individuate durante il monitoraggio, i tripidi più abbondanti sono
risultati F. occidentalis e Megalurothrips sp. mentre scarsa è stata la presenza di
P. kellyanus. Adulti di quest’ultimo sono stati rinvenuti solo su 6 specie botaniche, per lo più Asteracee, con fioriture cromaticamente eterogenee e concentrate
nel mese di maggio. Mediante gli imbuti Berlese sono stati raccolti 190 esemplari
di acari nei due campi, di cui l’80% rappresentato da acari Oribatei e il restante
20% da acari predatori generalisti appartenenti alle famiglie dei Laelapidae, Macrochelidae e Phytoseiidae. I dati ottenuti dalle trappole collanti al terreno hanno
confermato la fase tellurica del tripide di Kelly, individuando alcune differenze
nei livelli di presenza del tripide in rapporto all’attività di predatori tellurici, che
risulta direttamente correlata con la percentuale di sostanza organica del suolo.
Parole chiave: tripide di Kelly, predatori tellurici, agrumi, flora spontanea.
238
Sessione VI - Entomologia agraria. Presentazioni Posters
PROVE PRELIMINARI SULLA MORTALITÀ INDOTTA DA ALCUNI
AGROFARMACI NEI CONFRONTI DI SCYMNUS APETZI (COLEOPTERA,
COCCINELLIDAE)
L. Usai, R. Canovai & E. Rossi
Dipartimento di C. D. S. L. “G. Scaramuzzi”, Sezione Entomologia agraria,
Università di Pisa, Via S. Michele degli Scalzi 2, 56124 Pisa
E-mail: erossi@agr.unipi.it
1
L’attività di predazione svolta da gran parte dei Coccinellidi riveste un ruolo
di grande importanza all’interno degli ecosistemi. Tuttavia, la posizione di tali
predatori nelle catene trofiche li rende molto sensibili ai disturbi antropici che,
soprattutto negli agroecosistemi, vengono causati dalle operazioni colturali e, in
particolare, dall’utilizzo dei prodotti fitosanitari.
In questo lavoro si è inteso indagare i possibili effetti di agrofarmaci diversi sulla mortalità di Scymnus apetzi Mulsant, predatore afidifago diffuso in numerosi
ambienti coltivati e incolti. A tale scopo, su individui adulti di circa 10 giorni di età, sono stati eseguiti biosaggi per contatto, utilizzando cinque prodotti
commerciali ad azione insetticida (aventi come p.a. Deltametrina, Imidacloprid,
Thiamethoxam, Abamectina ed Esaflumuron), tre fungicidi ad azione antioidica
(contenenti Zolfo, Penconazolo, Difenoconazolo), un erbicida (p.a. Glyphosate)
e un acaricida (p.a. Dicofol). Inoltre, sono stati indagati gli effetti dell’Imidacloprid, molecola caratterizzata da un’elevata sistemicità, sullo sviluppo di larve
neonate del Coccinellide alimentate con prede (Aphis craccivora Koch) che avevano subito un trattamento a dosi subletali.
I biosaggi effettuati con i diversi agrofarmaci hanno mostrato come gli insetticidi possano causare mortalità nel Coccinellide anche a dosi di parecchie volte
più basse rispetto a quelle di etichetta mentre, tra gli altri prodotti saggiati,
soltanto l’erbicida Glyphosate ha mostrato elevata tossicità nei confronti dell’entomofago. La prova condotta con Imidacloprid ha mostrato come la mortalità
delle larve di S. apetzi si concentri nella prima decade, proseguendo più lentamente per tutto l’arco della prova, consentendo di raggiungere lo stadio adulto
solo a una ridottissima percentuale di esemplari.
La sensibilità dimostrata da S. apetzi nei confronti degli agrofarmaci saggiati
(specialmente quelli ad azione insetticida) ha confermato la necessità di un’attenta valutazione degli effetti di questi prodotti sulle specie non target presenti
in un agroecosistema, mettendo in evidenza come anche le dosi subletali e l’assunzione indiretta dei principi attivi possano indurre mortalità significative nei
confronti di entomofagi.
Parole chiave: entomofago, agroecosistema, agrofarmaci, sopravvivenza.
239
Sessione VI - Entomologia agraria. Presentazioni Posters
OSSERVAZIONI BIOLOGICHE SULL’IMPOLLINATORE DEL FICO
BLASTOPHAGA PSENES, VETTORE DEL NEMATODE FITOPARASSITA
SCHISTONCHUS CAPRIFICI
A. Vovlas1, A. Troccoli2 & N. Vovlas2
Dipartimento di Biologia Animale e dell’Uomo, Università degli studi di Torino,
Via Accademia Albertina 13, 10123 Torino E-mail: alessio.vovlas@unito.it
2
Istituto per la Protezione delle Piante, Consiglio Nazionale delle Ricerche, Sede
di Bari, Via Amendola 122/D, 70126 Bari.
1
Vengono qui illustrati i risultati delle osservazioni effettuate in Italia meridionale sulla biologia del nematode fitoparassita Schistonchus caprifici Cobb (Nematoda, Aphelenchoididae).
Il nematode, inserito nel sistema mutualistico “Nematode-Blastophaga-Ficus”,
si riproduce sia sul fico selvatico Ficus carica L. var. sylvestris Auct. sia sul
fico commestibile F. carica Linnaeus ed è veicolato dall’imenottero impollinatore Blastophaga psenes (Linnaeus) (Agaonidae), la cui riproduzione però avviene
esclusivamente sul fico selvatico. Mediante osservazioni al microscopio di sezioni istologiche di tessuti floreali e dell’addome di esemplari di B. psenes, sono
stati evidenziati gli effetti del fitoparassitismo del nematode sull’infruttescenza
del fico e la stretta relazione di trasporto passivo tra imenottero impollinatore
e nematode.
Il nematode risulta parassita dei fiori femminili del fico con densità di popolazioni che variano da 0 a 12.000 esemplari per grammo di tessuti floreali. Durante la sua attività trofica esso induce necrosi ed ipertrofia cellulare nei tessuti
epidermici e parenchimatici, con evidenti ispessimenti delle pareti cellulari dei
tessuti floreali interessati dal parassitismo, mentre numerosi esemplari del nematode si aggregano nell’addome della vespa vettrice per essere poi trasportati e
disseminati durante l’ovideposizione.
In conformità alle altre specie di Agaonidae, B. psenes è caratterizzata da un
marcato dimorfismo sessuale con femmine dotate di ali, mentre il maschio è
attero.
Conseguentemente il nematode, per ovvie necessità di trasporto, è presente solamente nell’addome delle femmine alate che volando raggiungono i ricettacoli
nella fioritura successiva del caprifico per la deposizione delle loro uova. Durante questa fase di riproduzione dell’impollinatore si compie la dispersione del
fitoelminta.
Parole chiave: istologia, imenottero impollinatore del fico, associazione foretica,
nematode, Aphelenchoididae.
240
Sessione VI - Entomologia agraria. Presentazioni Posters
Presenza dell’omottero neartico Acanalonia conica in
Friuli Venezia Giulia
P. Zandigiacomo1, A. Villani2, M. Greatti3 & E. Cargnus1
Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali, Entomologia, Università degli
Studi di Udine, Via delle Scienze 208, 33100 Udine
E-mail: pietro.zandigiacomo@uniud.it
2
Osmer, Agenzia Regionale Protezione Ambiente del Friuli Venezia Giulia, Via
Oberdan 18/a, 33040 Visco (UD)
3
Laboratorio Apistico Regionale del Friuli Venezia Giulia, Università di Udine.
1
L’ingresso in Europa di artropodi esotici, provenienti soprattutto da America
e Asia, è sempre più frequente; molte specie sono state in grado di insediarsi
permanentemente diventando invasive. In Italia, fra gli insetti fitofagi di recente
introduzione si deve annoverare Acanalonia conica (Say) (Hemiptera, Acanaloniidae), di origine nord-americana, rinvenuta per la prima volta nel 2003 in provincia di Padova (Veneto) e successivamente in altri siti nelle regioni settentrionali (Veneto e Lombardia). Nel 2009 A. conica è stata osservata in due località
del Friuli Venezia Giulia: a Brugnera in provincia di Pordenone e a Mariano del
Friuli in provincia di Gorizia. Non ci sono segnalazioni della presenza dell’omottero in altri Paesi europei. A. conica è una specie monovoltina e polifaga, in
grado di produrre abbondante cera e melata.
Nel periodo giugno-luglio 2010 sono stati condotti ulteriori campionamenti in
diverse località del Friuli Venezia Giulia, in particolare nell’area compresa fra
i due siti di rinvenimento del 2009, per rilevare l’eventuale presenza di nuove
stazioni di insediamento della specie. Adulti di A. conica sono stati osservati
in quattro nuovi siti, tre in provincia di Udine (Udine, Torviscosa e Codroipo)
e uno in provincia di Pordenone (Prata di Pordenone). Nei due siti in cui la
specie era stata rinvenuta nel 2009, la densità di popolazione è risultata in evidente aumento. A giugno sono stati osservati solo stadi giovanili; gli adulti sono
comparsi in luglio. Gli ambienti colonizzati dall’omottero sono costituti da siepi
polifite e boschetti interpoderali e ripariali in aree agricole (Brugnera, Prata di
Pordenone, Udine e Mariano del Friuli) e da cespugli e siepi ornamentali in
aree urbane (Torviscosa e Codroipo). Per ora in Friuli Venezia Giulia le colture
agricole non sono state interessate dalle infestazioni dell’insetto. Non sono stati
rilevati evidenti danni diretti alle piante, né presenza di melata. La specie è risultata per lo più associata a Metcalfa pruinosa (Say) (Hemiptera, Flatidae), un
altro fitofago di origine neartica con il quale A. conica sembra condividere una
parte significativa dell’ambiente. Dalle indagini, A. conica risulta insediata in sei
località della pianura friulana, in tre province; tuttavia, vista la distribuzione
in aree relativamente distanti, è verosimile che sia già presente in altri siti non
ancora evidenziati. A. conica ha dimostrato la capacità sia di mantenere da un
anno all’altro popolazioni nello stesso sito sia di poter colonizzare aree diverse,
e pertanto è da considerarsi ormai naturalizzata.
Parole chiave: specie alloctona, Acanaloniidae, areale, dispersione.
241
Sessione VII
ENTOMOLOGIA MEDICO-VETERINARIA
E FORENSE
Presentazioni orali
Sessione VII - Entomologia medico-veterinaria e forense. Presentazioni orali
MORFOLOGIA
ED
ULTRASTRUTTURA
DELLA
GHIANDOLA
ACCESSORIA FEMMINILE IN ALCUNE SPECIE DEL GENERE
ANOPHELES (DIPTERA, CULICIDAE)*
A. M. Fausto1, V. Laghezza Masci1, G. Gambellini2, M. Belardinelli1 & M. Di Luca3
Dipartimento di Scienze Ambientali, Università della Tuscia, L.go dell’Università,
01100 Viterbo E-mail: fausto@unitus.it
2
Centro Interdipartimentale di Microscopia Elettronica, Università della Tuscia,
Largo dell’Università snc, Blocco D, 01100 Viterbo
3
Dipartimento di Malattie Infettive, Parassitarie ed Immunomediate, Istituto
Superiore di Sanità, Viale Regina Elena 299, 00161 Roma
1
Le ghiandole accessorie all’apparato riproduttore femminile degli insetti svolgono, mediante la loro secrezione, un ruolo chiave per il loro successo riproduttivo,
presentando un’ampia versatilità funzionale. Nei Culicidi il ruolo di tale ghiandola e la sua struttura non sono ancora del tutto chiare. Nell’ambito di studi su
alcuni aspetti del ciclo riproduttivo delle zanzare anofeline sono state analizzate
e descritte la morfologia e l’ultrastruttura delle ghiandole accessorie femminili
di tre specie (Anopheles maculipennis s.s. e A. labranchiae, appartenenti al complesso di specie A. maculipennis, e A. stephensi), impiegando tecniche di microscopia ottica e di micro-scopia elettronica a scansione e a trasmissione (TEM). In
tutte e tre le specie l’apparato riproduttore femminile appare organizzato in due
ovari, due ovidotti laterali, una singola spermateca e una ghiandola accessoria
di forma globulare. In A. stephensi la ghiandola è di dimensioni minori rispetto
a quelle delle due specie del complesso A. maculipennis. Analizzando le ghiandole accessorie provenienti da femmine a diversi stadi del ciclo gonotrofico, si è
osservato che l’attività secretoria è correlata a cambiamenti di dimensione della
ghiandola durante il ciclo, con una crescita significativa subito dopo il pasto di
sangue, ma non durante le fasi di digestione. L’analisi ultrastrutturale ha evidenzato due diverse regioni: una esterna secretoria e una interna del dotto. La
regione secretoria è composta da cellule allungate, in cui il nucleo e gli organuli
citoplasmatici occupano la parte basale, mentre la porzione apicale circonda
una grande cavità di accumulo del secreto. Quest’ultima, ricca di materiale finemente granulare, è in contatto con un breve condotto efferente (duttulo) che
sbocca nel dotto della ghiandola. La parte terminale del duttulo è perforata da
un complesso reticolare, che consente alla secrezione di defluire nel lume del
dotto. La regione del dotto è formata da cellule appiattite, i cui margini interni
delimitano il lume dello stesso. L’intima cuticolare che circonda il lume è ricca
di densi granuli di chitina. I risultati dell’indagine hanno fornito informazioni utili per comprendere la funzione di questa ghiandola nella riproduzione.
Parole chiave: biologia riproduttiva, anofeline, ciclo gonotrofico, microscopia
elettronica a scansione ed a trasmissione.
* Ricerca finanziata dalla Fondazione Cariciv.
245
Sessione VII - Entomologia medico-veterinaria e forense. Presentazioni orali
LE SPECIE DEL COMPLESSO CULEX PIPIENS (DIPTERA, CULICIDAE)
IN ITALIA*
M. Di Luca, L. Toma, D. Boccolini, F. Severini & R. Romi
Dipartimento di Malattie Infettive, Parassitarie ed Immunomediate, Istituto
Superiore di Sanità, Viale Regina Elena 299, 00161 Roma E-mail: marco.
diluca@iss.it
Zanzare del genere Culex sono vettori provati del virus della West Nile (WNV,
agente di una forma di encefalite equina) e tra queste Culex pipiens s.l. sembra
giocare un ruolo primario nel mantenimento e trasmissione del virus (Gould
& Higgs, 2009, Trans.R.Soc.Trop.Med.Hyg. 103: 109-121). Si discute ancora se C.
pipiens s.l. rappre-senti un complesso di specie o di forme geografiche con caratteristiche comporta-mentali ed ecologiche diverse. Tuttavia, l’ipotesi primaria
legata agli aspetti epide-miologici dell’infezione WN vede coinvolti 2 taxa del
presunto complesso: la forma rurale e strettamente ornitofila pipiens (vettore
ponte di WNV tra uccelli migratori infetti e fauna aviaria indigena) e la forma
molestus, maggiormente legata all’ambien-te antropico e con preferenza alimentare per mammiferi e uomo (vettore dell’infezio-ne tra fauna aviaria stanziale
e gli equini o tra questa e l’uomo). Per valutare distribu-zione e composizione
dei membri del complesso in Italia, è stato avviato uno studio per la raccolta di
popolazioni di C. pipiens s.l. in diverse località e l’analisi della loro variabilità
genetica con una PCR-RFLP del citocromo ossidasi I (COI) del DNA mitocondriale. Il pattern di bandeggio che si ottiene fa separare anche C. p. pipiens da C.
pipiens molestus (Shaikevich, 2007, Eu.Mosq.Bull., 23:25-30). Ad oggi sono state
raccolte una ventina di popolazioni, i cui esemplari sono stati caratterizzati dal
punto di vista ecologico ed etologico. Dopo estrazione del DNA da singolo es.,
un frammen-to di 603 bp del COI viene amplificato e sottoposto a digestione
con gli enzimi di restrizione HaeIII e BclI. Finora sono state analizzate quattro
popolazioni, testando per ciascuna di esse 15 es.: Marina di Zambrone (VV),
Gazzo Padovano (PD), Brugine (PD) e Roma. In particolare quest’ultima popolazione, presentando autogenia, era stata precedentemente identificata come C.
p. molestus, mentre le altre tre popolazioni, raccolte in ambienti rurali o periurbani, potevano rappresentare C. p. pipiens. Inaspettatamente i risultati dell’analisi molecolare mostrano per la popola-zione di Roma un pattern di bandeggio
tipico della forma pipiens, mentre per le tre rurali un pattern caratteristico della
forma urbana, come anche riferito per la provincia di Alessandria (Shaikevich
et al., 2010, EDEN Proc.: 163). Questi dati preliminari, pur differenziando, come
atteso, la popolazione di Roma rispetto alle altre, risultano apparentemente contraddittori rispetto a quanto evidenziato da Shaikevich (2007). La grande eterogeneità genetica presente tra popolazioni russe e italiane potrebbe però spiegare
questa contraddizione e solo il sequenziamento del COI e l’analisi, in corso,
di un maggior numero di popolazioni potrà o meno confermare tale ipotesi.
Parole chiave: vettore, West Nile virus, COI, PCR-RFLP.
* Ricerca finanziata con fondi del Progetto EU Grant Agreement No.: HEALTH-F3-2011-261391 EuroWestNile.
246
Sessione VII - Entomologia medico-veterinaria e forense. Presentazioni orali
DISTRIBUZIONE E ABBONDANZA DI CULICOIDES IMICOLA IN
SARDEGNA
C. Foxi, G. Satta, L. Vento, S. Cappai & S. Rolesu
Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sardegna “G. Pegreffi”, Via Duca
degli Abruzzi 8, 07100 Sassari
E-mail: cipriano.foxi@gmail.com
Culicoides imicola Kieffer (Diptera, Ceratopogonidae) è il principale vettore del
virus della Bluetongue (BT) in Europa e nel bacino del Mediterraneo. In Sardegna è stato catturato per la prima volta nell’agosto del 2000, quando sono
comparsi i primi focolai di BT. Successivamente alla comparsa della malattia
è stato realizzato un sistema di sorveglianza entomologica per la cattura dei
Culicoides tramite una rete di trappole fisse posizionate in aziende zootecniche.
Sono state individuate, a seconda degli anni, 19-21 aziende distribuite in tutto
il territorio regionale. L’altitudine variava dai 2 m s.l.m. di Arborea agli 827 m
s.l.m. di Austis. Per il monitoraggio sono state utilizzate trappole a luce ultravioletta del tipo Onderstepoort Black Light Trap attivate una notte a settimana.
Nel presente contributo vengono riportati i dati di distribuzione e di abbondanza del vettore C. imicola a partire dal 2002 e sino al 2010.
Il numero medio più elevato di C. imicola è stato rilevato nel 2003 con 496 individui per cattura, con picco di 1.750 nel mese di ottobre, mentre la media più
bassa è stata registrata nel 2010 con 120 individui, con picco di 506 nel mese di
settembre. In questo stesso mese la provincia di Olbia-Tempio ha fatto registrare
le catture medie maggiori, pari a 4.032 individui.
C. imicola è largamente diffusa nel territorio e le sue popolazioni sono maggiori
nelle zone costiere e a basse altitudini. Diversi fattori, specifici di ciascuna area
quali clima, natura del suolo, topografia, siti umidi per lo sviluppo larvale e
presenza di animali ospiti, giocano un ruolo fondamentale nello sviluppo delle
popolazioni di questo vettore. Il piano di sorveglianza entomologica fornisce
importanti informazioni per comprendere l’epidemiologia della BT e creare modelli che possono aiutare a prevedere e identificare le aree a rischio di introduzione e diffusione di altri virus veicolati dai Culicoides.
Parole chiave: bluetongue, sorveglianza entomologica, Sardegna.
247
Sessione VII - Entomologia medico-veterinaria e forense. Presentazioni orali
DISTRIBUZIONE DI AEDES ALBOPICTUS IN ITALIA: CONFRONTO
TRA SEGNALAZIONI UFFICIALI E DATI DI LETTERATURA
F. Severini1, D. Boccolini1, L. Mughini Gras2, L. Busani2 & R. Romi1
Dipartimento di Malattie Infettive, Parassitarie ed Immunomediate, Istituto Superiore
di Sanità, Viale Regina Elena 299, 00161 Roma E-mail: francesco.severini@iss.it
2
Dipartimento Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare, Istituto
Superiore di Sanità, Viale Regina Elena 299, 00161 Roma
1
Aedes albopictus (Skuse, 1894), potenziale vettore di agenti patogeni per l’uomo,
è presente in Italia da più di vent’anni e, tranne rare eccezioni, si è oggi diffusa
in tutto il paese. La sua capacità di adattamento le ha permesso non solo di colonizzare habitat differenti prevalentemente legati ad aree urbane e peri-urbane,
ma anche di insediarsi in zone rurali, nonché di colonizzare aree ritenute per
clima, latitudine o altitudine, sfavorevoli al suo sviluppo. Dopo anni di sola attività ectoparassitaria, nel 2007 A. albopictus ha dimostrato la sua competenza
come vettore di arbovirus, innescando, in provincia di Ravenna, la prima epidemia di febbre da Chikungunya virus mai avvenuta in Europa . Per valutare
l’entità del rischio che simili episodi possano ripetersi anche in altre aree del paese, risulta fondamentale chiarire: come fattori climatici, ambientali e antropici
possano influire sullo sviluppo di A. albopictus; il potenziale ruolo vettore della
specie nell’epidemiologia di altre arbovirosi; la reale distribuzione sul territorio
e la dinamica stagionale delle popolazioni. In particolare, nonostante i dati disponibili su presenza e ab-bondanza della specie in Italia siano numerosi, risultano tuttavia assai eterogenei e a volte contraddittori, sia per i metodi impiegati
nelle indagini sia per la mancanza di definite competenze territoriali. Nel presente lavoro si è eseguito un confronto tra le segnalazioni provenienti da fonti
attendibili pervenute al centro di coordinamento dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS) e le catture effettuate dal personale dell’ISS stesso con quanto riportato in letteratura, nel periodo 1990-2010. I dati bibliografici sono stati raccolti
tramite vari motori di ricerca, l’uso di una lista di parole chiave. Le località
di cattura sono state georeferenziate e con i dati ISS e quelli bibliografici sono
state realizzate due distinte carte di distribuzione della specie, a livello provinciale e comunale con ESRI-ArcGIS su cartografia ISTAT. Dal confronto risulta
come nella mappa ottenuta con il materiale bibliografico la distribuzione di A.
albopictus sia fortemente sottostimata. Tuttavia, anche la mappa realizzata con
i dati ISS non rispecchia in pieno la situazione reale. Per meglio utilizzare i dati
raccolti in futuro, al fine di produrre mappe di rischio attendibili, è necessario
definire le competenze territoriali sulla sorveglianza di questo vettore, standardizzare i tempi e i metodi di monitoraggio e, soprattutto, creare un sistema
di notifica obbligatoria per la gestione dei dati a livello regionale e nazionale.
Sarebbe inoltre auspicabile riconoscere ufficialmente l’attività di una struttura
centralizzata, peraltro già operante presso l’ISS da oltre 20 anni (Min. San.,
circ. n. 13/1991 e n. 42/1993), che coordini le attività di sorveglianza e controllo
e che abbia un quadro, sempre aggiornato, della distribuzione e dell’abbondanza
di A. albopictus a livello nazionale.
Parole chiave: Italia, Chikungunya, Arbovirus.
248
Sessione VII - Entomologia medico-veterinaria e forense. Presentazioni orali
OSSERVAZIONI DEL LABORATORIO DI PARASSITOLOGIA (IZS
DELLE VENEZIE) SULLA DISTRIBUZIONE DELLA CIMICE DEI LETTI
(CIMEX LECTULARIUS) NELL’AREA DEL NORD-EST
F. Montarsi1, B. Tiozzo1 & G. Maioli2
Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie, Viale dell’Università 10,
35020 Legnaro Legnaro (PD) E-mail: fmontarsi@izsvenezie.it
2
Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia ed Emilia Romagna,
Reggio Emilia
1
La Cimice dei letti (Cimex lectularius L.) è probabilmente uno dei parassiti che
da più tempo vive in associazione con l’uomo. È stato molto diffuso fino alla II
guerra mondiale e la sua presenza era stata associata a cattive condizioni igieniche. L’uso di potenti insetticidi ed il miglioramento delle condizioni economiche
negli anni ‘60 ha consentito una drastica riduzione della sua presenza. Tuttavia,
negli ultimi anni si è assistito ad un ritorno del parassita con segnalazioni sempre più frequenti. Con il presente lavoro abbiamo voluto riportare il contributo
del nostro Istituto alle segnalazioni nell’area del Nord-Est Italia raccogliendo i
casi pervenuti dal 2006 ad oggi. I campioni analizzati provenivano da privati
che hanno inviato il materiale alle ASL o che si sono rivolti direttamente all’IZS
delle Venezie. Nel corso degli ultimi 5 anni sono stati effettuate 24 identificazioni di cimici dei letti ed una in gennaio 2011. Le specie appartenevano tutte
a Cimex lectularius, tranne un esemplare di Oeciacus hirundinis (Lam.), specie
legata agli uccelli e soprattutto alle rondini. In genere non è stato evidenziato
un aumento nel tempo anche se nell’ultimo anno (2010) è stato osservato il massimo numero di cimici dei letti (n° 6 campioni) nel periodo preso in esame. Non
ci sono differenze nella distribuzione geografica e le segnalazioni provengono
sia da aree montuose-collinari che di pianura. Da notare che solo due campioni
sono stati raccolti in strutture alberghiere, mentre la maggior parte provenivano da abitazioni private. Il periodo dell’anno dei prelievi è stato da marzo a
novembre. Anche se il numero di esemplari non permette accurate analisi statistiche, 24 campioni pervenuti solo presso il nostro Istituto non sono da ritenere
pochi per un insetto poco conosciuto e ritenuto quasi scomparso. La presenza
delle cimici dei letti inoltre non è più associata a scarsa igiene; il loro aumento è
dovuto a cause diverse come depotenziamento degli insetticidi, ambienti sovrappopolati e aumento dei viaggi internazionali. Il rinnovato interesse verso il problema “cimici dei letti” è evidenziato anche da alcune iniziative, come quella intrapresa da parte delle Associazioni alberghiere di importanti località turistiche
venete, che ha portato alla richiesta di una specifica formazione per prevenire e
gestire le infestazioni. Nell’ambito di tale iniziativa è stato prodotto dall’Ufficio
comunicazione del nostro Istituto il “Manuale per la prevenzione e la gestione
dell’infestazione della Cimice dei letti” (disponibile sul sito web IZSVe), che descrive in modo chiaro e operativo le modalità per affrontare un’infestazione da
cimice dei letti e conoscere meglio il problema.
Parole chiave: Cimex lectularius, Oeciacus hirundinis, cimici dei letti, ematofagi.
249
Sessione VII - Entomologia medico-veterinaria e forense. Presentazioni orali
ALTERAZIONI DA INSETTI SULLA SCENA DEL CRIMINE
S. Vanin1, L. Maistrello2 & C. Cattaneo3
School of Applied Science, University of Huddersfield, Queensgate, HD1 3DH,
Huddersfield, Gran Bretagna E-mail: stefano.vanin@gmail.com
2
Dipartimento di Scienze Agrarie e degli Alimenti, Università di Modena e
Reggio Emilia, 42100 Reggio Emilia E-mail: lara.maistrello@unimore.it
3
Laboratorio di Antropologia e Odontologia Forense, Istituto di Medicina
Legale, Università degli Studi di Milano, Via Mangiagalli 37, 20133 Milano
1
Lo scopo principale dell’entomologia forense è quello di stimare il tempo trascorso dal decesso al momento del ritrovamento del cadavere. Tale intervallo
è definito come PMI (“Post Mortem Interval”). Lo studio degli insetti che si
rinvengono sul cadavere o sulla scena del crimine può tuttavia fornire ulteriori
informazioni quali, ad esempio, quelle relative alla presenza di droghe o allo
spostamento del cadavere. Gli insetti presenti sul cadavere possono comunque
causare lesioni post-mortali o alterazioni della scena del crimine che mimano
lesioni o fenomeni pre-mortali. In chiave forense si pone quindi la necessità di
uno studio attento delle alterazioni causate dagli insetti sia del cadavere che
della scena del crimine. Tali alterazioni possono essere causate da diverse specie e con modalità diverse sia in ambiente subaereo che acquatico. In ambiente
terrestre, mosche appartenenti alle famiglie Calliforidi, Sarcofagidi e Muscidi
possono trasportare tracce ematiche sulle pareti o su altri elementi della scena
del crimine mimando gocce di sangue generate da colluttazioni con armi da taglio o altre ferite. Le larve di ditteri possono causare perforazioni circolari della
cute interpretabili erroneamente come ferite da corpi contundenti o da armi
da fuoco, mentre in fase di post-feeding nel loro spostamento verso i luoghi in
cui si impupano, possono ricoprire tracce ematiche o altre evidenze. Coleotteri
Dermestidi (Dermestes spp., Anthrenus spp.) e Lepidotteri Tineidi possono attaccare sia gli abiti che i capelli della vittima, mimando lesioni o effetti causati da
armi da taglio o punteruoli. In tali casi osservazioni condotte al microscopio
elettronico (SEM) possono chiaramente dimostrare la causa del taglio. Altri insetti in grado di causare lesioni postmortali o di alterare i normali processi di
decomposizione del cadavere sono le formiche. Tali insetti possono infatti causare lesioni cutanee sia di tipo puntiforme che serpeggiante a bordo irregolare
di colorazione giallastra o rossastra, spesso confondibili con lesioni pre-mortali
causate da colluttazioni. Le formiche inoltre, asportando le larve dei ditteri possono fuorviare la corretta stima del PMI. In ambiente acquatico, è stato recentemente osservato, nei pressi di Padova, che Crostacei Anfipodi del genere Niphargus possono causare nelle regioni oculari lesioni simili a quelle generate durante
una colluttazione. Nel presente lavoro vengono esposti alcuni casi accaduti nel
territorio nazionale negli ultimi 3 anni e la relativa sperimentazione di laboratorio realizzata al fine di chiarire in maniera inequivocabile quanto osservato.
Parole chiave: entomologia forense, alterazioni post-mortali, Dermestidae, Tineidae, Formicidae, Niphargidae.
250
Sessione VII - Entomologia medico-veterinaria e forense. Presentazioni orali
PREFERENZE
AMBIENTALI
E
FENOLOGIA
DEI
DITTERI
CALLIPHORIDAE DI INTERESSE FORENSE CAMPIONATI LUNGO UN
GRADIENTE AMBIENTALE
S. Greco & T. Bonacci
Dipartimento di Ecologia, Università della Calabria, Via P. Bucci, 87036 Rende
(CS) E-mail: silviettagreco@gmail.com
Nei processi di decomposizione dei corpi, i ditteri della famiglia Calliphoridae
rappresentano i primi e principali agenti del disfacimento della materia organica. Gli adulti che intervengono nei primi stadi di decomposizione depositano le
uova nelle cavità naturali del corpo o nelle ferite aperte, garantendo alle future
larve un’abbondante risorsa trofica. Gli stadi preimmaginali dei Calliphoridae
rappresentano utili elementi di indagine nelle attività medicolegali e forensi,
quali la stima dell’intervallo “post mortem” (PMI), la cui valutazione minima è
correlata alla loro età di sviluppo. La durata degli stadi larvali presenta tempi
diversi in relazione alla specie colonizzatrice, ciascuna legata a precise esigenze
ecologiche e fenologiche. La tipologia ambientale (naturale, rurale, urbano), la
posizione geografica, la stagione, associati alla temperatura e umidità, sono i
principali fattori che influenzano l’attività dei necrofagi.
Obiettivo di questa ricerca è stato quello di indagare sulle preferenze ambientali e sulla fenologia dei ditteri Calliphoridae presenti in Calabria in modo da
ottenere utili informazioni da applicare alle indagini medicolegali nei casi di
ritrovamento di corpi. Sono state scelte tre aree di studio a diverso grado di naturalità all’interno delle quali sono state impiegate “bottle traps” per la cattura
degli esemplari.
Dalla ricerca è emerso che, tra le specie campionate, Calliphora vicina Robineau e C. vomitoria (Linnaeus) sono legate alle basse temperature, mostrando
una maggiore attività nei mesi invernali; Lucilia caesar (Linnaeus) e L. sericata
(Meigen)sono maggiormente attive nei mesi primaverili-estivi mentre Chrysomya
albiceps (Wiedemann) è attiva da giugno a novembre. Specie particolarmente sinantropiche sono risultate essere C. vicina e L. sericata. Quest’ultima non è mai
stata campionata nell’ambiente naturale (area boschiva a Fagus sylvatica). Al
contrario C. vomitoria preferisce strutture vegetazionali più complesse: infatti è
stata campionata sia nell’ambiente naturale che rurale ma mai in ambiente urbano. L. caesar e Ch. albiceps sono presenti in tutti e tre i siti di campionamento.
Parole chiave: campionamento, tipologia ambientale, necrofauna.
251
Sessione VII
ENTOMOLOGIA MEDICO-VETERINARIA
E FORENSE
Presentazioni Posters
Sessione VII - Entomologia medico-veterinaria e forense. Presentazioni Posters
ANALISI DEI DATI DEL MONITORAGGIO DI AEDES ALBOPICTUS
SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI GENOVA ED ELABORAZIONE DI
MODELLI STATISTICI GESTIONALI E PREDITTIVI
P. Albonetti1,2, I. Repetto3, E. Sasso3, S. Ferretti2, G. Chiaranz4, S. Orecchia4 &
G. Baccelliere1
Comune di Genova, Direzione Ambiente, Igiene ed Energia, Via di Francia 1,
16149 Genova E-mail: tutelanimali@comune.genova.it
2
Dip.Te.Ris., Università degli Studi di Genova, Corso Europa 26, 16132 Genova
E-mail: p.albonetti@live.it
3
Dipartimento di Matematica, Università degli Studi di Genova, Via Dodecaneso
35, 16146 Genova E-mail: repetto@dima.unige.it
4
Cooperativa Zoofila “Il Rastrello”, Via Greto di Cornigliano 6r, 16152 Genova
E-mail: giorgio.chiaranz@tin.it
1
Nel periodo aprile 2009 - dicembre 2010 è stato attivato il protocollo di monitoraggio di Aedes albopictus (Skuse, 1894) (Diptera, Culicidae) al fine di determinare la consistenza della specie sul territorio comunale e individuare i parametri ambientali che ne condizionano la presenza. Sono state monitorate 42
postazioni, in cui è stato calcolato settimanalmente il tasso di positività relativo
alla presenza delle zanzare ottenuto dal rapporto fra il numero di ovo-trappole
positive e numero totale. La scelta delle stazioni è stata operata in modo da
campionare omogeneamente il territorio comunale e individuando luoghi in cui
sono state registrate le maggiori presenze di culicidi. Per ogni settimana di campionamento sono stati rilevati, oltre al tasso di positività medio, i valori medi
(per il territorio genovese) di variabili quantitative meteorologiche quali temperatura, umidità, rugiada, vento, pressione atmosferica e precipitazioni. A partire
dall’estate 2010, per ogni stazione, è stato inoltre conteggiato il numero di uova
e stimato il numero di larve.
La successiva analisi statistica dei dati raccolti ha permesso di:
1. individuare quali fattori ambientali/meteorologici influenzino (positivamente o negativamente) la presenza di uova e il loro sviluppo in stadi successivi;
2. evidenziare le differenze statistiche riguardanti i tassi di positività delle tre
macroaree cittadine (Ponente, Centro, Levante) attraverso l’analisi delle differenze dei modelli lineari costruiti per ciascuna delle macroaree, l’analisi
della varianza ad una e due vie del tasso di positività e dei parametri meteo
comuni ai tre modelli;
3. classificare le stazioni con la cluster analisi e l’analisi in componenti principali, utilizzando il tasso di successo.
4. realizzare un modello previsionale attraverso l’individuazione delle variabili
che maggiormente influenzano la positività delle ovitrappole (modello lineare) e dalle tecniche di “trend analysis” che possano essere di ausilio alle
Pubbliche Amministrazioni nella gestione del fenomeno.
Parole chiave: zanzara tigre, gestione, contenimento.
255
Sessione VII - Entomologia medico-veterinaria e forense. Presentazioni Posters
L’ATTIVITÀ ENTOMOLOGICA PRESSO IL LABORATORIO DI
ENTOMOLOGIA DELL’ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE
DELLA LOMBARDIA ED EMILIA ROMAGNA NEL PERIODO 2002-2010
A. Balzani, M. Calzolari, F. Defilippo, G. Maioli, P. Bonilauri & M. Dottori
Laboratorio di Entomologia Sanitaria dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale
Lombardia ed Emilia-Romagna E-mail: mattia.calzolari@izsler.it
Il laboratorio entomologico dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale svolge attività istituzionali, inserite in piani di sorveglianza e progetti di ricerca, e si
occupa dell’identificazione di numerosi gruppi di artropodi. Da gennaio 2002 a
novembre 2010 sono stati analizzati 1.601 conferimenti inviati da veterinari, medici di base e privati cittadini alle prese con infestazioni domestiche, ambientali
o delle derrate alimentari o semplicemente alle prese con insetti ritenuti pericolosi. Dall’analisi dei dati è emerso che il numero di conferimenti è aumentato
notevolmente negli anni e che gli insetti (1.193) sono stati quelli maggiormente
conferiti, seguiti dagli aracnidi (338) e dai diplopodi (33). All’interno della classe
Insecta gli ordini più rappresentati sono stati: Coleoptera (303), Diptera (299
esemplari), Hemiptera (139), Blattaria (107), Hymenoptera (97) e Lepidoptera
(83). All’interno dell’ordine dei coleotteri i gruppi tassonomici maggiormente
identificati sono stati quelli che infestano le abitazioni e/o derrate alimentari,
come dermestidi (15) e anobidi (62 esemplari). Per quanto riguarda l’ordine degli
emitteri sono stati identificati diversi insetti che tendono ad infestare massivamente le abitazioni provocando forti fastidi, come Arocatus melanocephalus (40
conferimenti) e altri di notevole importanza sanitaria, come la cimice dei letti Cimex lectularius (41). Tra i parassiti delle derrate alimentari numerosi sono
stati i conferimenti di blatte appartenenti prevalentemente alle specie Supella
longipalpa (44), Blattella germanica (39) e Blatta orientalis (17) e lepidotteri appartenenti alla specie Plodia interpunctella (12). Altri esemplari sono stati invece
inviati in seguito a punture, anche dolorose come quelle inferte dall’imenottero
Scleroderma domesticum (37). All’interno della classe Arachnida gli ordini maggiormente identificati sono stati: Ixodida (144), Mesostigmata (55), Aranea (53)
e Scorpiones (33). All’interno dell’ordine Ixodida le specie più frequentemente
conferite sono state: Argas reflexus (50), Ixodes ricinus (29) e Rhipicephalus sanguineus (27). Dell’ordine Mesostigmata sono stati identificati 51 conferimenti di
Dermanyssus gallinae. Infine dell’ordine Scorpiones sono stati conferiti 17 esemplari di Euscorpius italicus. Analizzando il materiale inviato nel corso di questi
8 anni, sono emerse le specie di artropodi più fastidiose ed allarmanti che entrano in contatto con l’uomo; inoltre è stato possibile ricavare delle indicazioni
sull’andamento temporale del disagio che questi possono provocare.
Parole chiave: entomologia, artropodi, Lombardia, Emilia-Romagna.
256
Sessione VII - Entomologia medico-veterinaria e forense. Presentazioni Posters
DISTRIBUZIONE
E
IMPORTANZA
ZECCHE (IXODIDA, IXODIDAE) DELLA
DELL’INSUGHERATA DI ROMA
SANITARIA
DELLE
RISERVA NATURALE
R. Bianchi1, L. Toma1, C. Khoury1, F. Mancini1, A. Ciervo1, L. Marini2, M. Di Luca1
Dipartimento di Malattie Infettive, Parassitarie ed Immunomediate (MIPI),
Istituto Superiore di Sanità, Viale Regina Elena 299, 00161 Roma
E-mail: marco.diluca@iss.it
2
Ente Regionale RomaNatura, Via Gomenizza 81, 00195 Roma
E-mail: marini@romanatura.roma.it
1
La Riserva Naturale dell’Insugherata è compresa nel territorio del comune di
Roma e dal 1997 è riconosciuta come area sottoposta a tutela e gestita dall’ente
regionale RomaNatura. La Riserva si estende per 700 ettari all’interno del bacino idrografico del Fosso dell’Acqua Traversa ed è un rilevante esempio di biodiversità, presentando una notevole varietà di ambienti e di specie vegetali e animali. Questa area ha il duplice scopo di salvaguardare ambienti di particolare
interesse naturalistico e di soddisfare esigenze di tipo didattico, ricreazionale e
produttivistico. In seguito al ritrovamento nel giugno 2010 di 24 zecche appartenenti alla specie Rhipicephalus turanicus di cui una femmina è risultata positiva
a Rickettsia massiliae, da gennaio 2011 è iniziato uno studio acarologico e batteriologico, della durata di 12 mesi, per valutare sia la composizione in specie
e distribuzione delle zecche, che il loro possibile ruolo patogeno in questa area
destinata a verde pubblico. Sono monitorate tre aree lungo il “Sentiero Natura
del Picchio”: due boschive e una adibita a pascolo. Le zecche free-living vengono catturate ogni 15 giorni utilizzando il metodo della coperta strisciata sul
terreno. Ad intervalli di 15 minuti l’operatore rimuove le zecche dalla coperta e
le trasferisce in provette contenenti etanolo al 70% per la successiva identificazione. A gennaio, durante la prima indagine acarologica, sono stati catturati un
totale di 14 esemplari adulti, appartenenti a tre specie Dermacentor marginatus
(50,0%), Haemaphysalis punctata (14,2%) e Ixodes ricinus (35,8%). D. marginatus
è stata reperita ai margini dell’area boschiva, mentre le altre due sono state catturate all’interno dell’area boschiva, dove maggiore è la copertura vegetazionale,
necessaria per mantenere un microclima adatto a queste zecche. R. massiliae,
isolata in un esemplare di R. turanicus, riveste una particolare importanza sanitaria in quanto insieme a R. conorii, principale agente eziologico della febbre
bottonosa del Mediter-raneo (MSF), appartiene al gruppo delle Spotted Fevers
(SFG) ed è responsabile, anche se in misura minore, di casi di MSF. In Italia,
il primo caso di identificazione di R. massiliae isolata in un paziente, risale al
2005 (Vitale et al., 2006, Emerg. Infect. Dis., 12: 174-175). In R. turanicus questa
rickettsia è stata trovata per la prima volta nel 2008 in Sardegna (Mura et al.,
2008, Clin. Microbiol. Infect., 14: 1028-1033).
Parole chiave: Rhipicephalus, Ixodes, Rickettsia massiliae, febbre bottonosa.
257
Sessione VII - Entomologia medico-veterinaria e forense. Presentazioni Posters
LESIONI POSTMORTEM INFERTE DA FORMICHE SU CADAVERI
UMANI
T. Bonacci1 & V. Vercillo2
Dipartimento di Ecologia, Università della Calabria, Via P. Bucci, 87036 Rende
(CS) E-mail: t.bonacci@unical.it
2
Azienda Sanitaria Provinciale di Cosenza, Sezione di Medicina Legale, Via
Duca degli Abruzzi 15, 87100 Cosenza
1
Alcune lesioni inferte ai corpi in fase postmortem sono il risultato dell’attività
di alimentazione sia della macro che della microfauna locale. Gli animali agiscono sui corpi modificando o consumando parti di esso, alterando ferite, creando danni alla cute simili a ferite e/o bruciature (Koszyca et al., 2006, Forensic
Sci. Med. Pathol., 1: 37-40).
Le specie coinvolte nell’insorgenza di tali lesioni sono spesso identificate in base
alla tipologia dei morsi, al pattern di lesione e al tipo di tessuto o organo preferenzialmente scelto come “target” (Tsokov & Schulz, 1999, Int. J. Legal Med.,
112: 115-119; Byard et al., 2002, Am. J. Forensic Med. Pathol., 23: 238-244; Campobasso et al., 2009, Am. J. Forensic Med. Pathol., 30: 84-87).
Le lesioni inferte dalle formiche, tipicamente sparse sulla superficie del corpo,
hanno una forma irregolare, serpiginosa simili a bruciature (Campobasso et al.
2009).
Tali lesioni, in fase di ispezione del cadavere, sono facilmente identificabili
quando le formiche sono presenti sul corpo, ma la diagnosi definitiva può essere
confermata solo da un’analisi istologica.
Riportiamo un caso di lesioni cutanee causate da formiche su un corpo rinvenuto in Calabria, in un’area naturale vicino Cosenza. Al momento del rinvenimento e durante l’esame autoptico, sul cadavere sono state ritrovate individui
di Tapinoma nigerrimum (Nylander, 1856) che continuavano ad alimentarsi degli
strati cheratinosi della cute. Per definire dal punto di vista istologico la tipologia
delle lesioni, i danni inferti dalle formiche sono stati sottoposti ad analisi macro
e microscopica.
Parole chiave: entomologia forense, artefatti, Formicidae, Tapinoma, corpi esposti.
258
Sessione VII - Entomologia medico-veterinaria e forense. Presentazioni Posters
Indagine entomologica dei vettori di Leishmaniosi
(Diptera, Psychodidae) NEL SUD dell’Albania
G. Bongiorno1, A. Lika2, J. Crilly2, K. Mersini2, M. Maroli1 & L. Gradoni1
Reparto Malattie trasmesse da vettori e sanità internazionale, Dipartimento
MIPI, Istituto Superiore di Sanità, Viale Regina Elena 299, 00161 Roma
E-mail: gioia.bongiorno@iss.it
2
Dipartmento di Salute Animale, Istituto di Veterinaria e Sicurezza Alimentare
“Aleksander Moisiu”, Tirana, Albania
1
La Leishmaniosi viscerale zoonotica (LV) è una malattia riemergente nei paesi
del Mediterraneo. In Albania è prevalentemente una patologia infantile associata
a basse condizioni igienico-sanitarie. Un’analisi retrospettiva 1997-2001 riportava
una media di 173 casi/anno e una morbilità di 2,8/10.000 abitanti. Recenti indagini
entomologiche condotte in due regioni dell’Albania centrale e settentrionale hanno evidenziato la presenza di 5 specie di Phlebotomus appartenenti al sottogenere
Larroussius, vettori provati di LV in altri paesi europei. P. neglectus risultava la
specie a maggior distribuzione sul territorio e probabilmente implicata nella trasmissione della malattia in tali regioni. In questo studio riportiamo i risultati di
un’indagine svolta in 3 regioni dell’Albania meridionale, da maggio ad ottobre 2006.
L’area di studio era inclusa in un programma di monitoraggio entomologico di
fattorie per la sorveglianza della bluetongue nelle regioni di Vlorë, Gjirokastra e
Korca (un totale di 10 distretti comprendenti 799 villaggi). Con l’ausilio del software
Arcview GIS 9 è stata disegnata una griglia di 88 km 2 necessaria per la gamma di
habitat naturali presenti nel territorio. Per questo studio sono stati selezionati 91
villaggi. L’altitudine dei siti monitorati era compresa tra 2 e 1.322 m s.l.m. Le fattorie dovevano soddisfare criteri specifici: a) presenza di almeno 5 capi di bestiame;
b) distanza di almeno 2,5 km dalla costa; c) assenza di uso di insetticidi da almeno
sei mesi. Per la catture sono state impiegate trappole a luce UV posizionate la notte all’esterno in un raggio di 25 m dal ricovero degli animali ad altezza di 1,5-2 m.
I siti positivi per flebotomi sono risultati compresi nel range 2-1.185 m. s.l.m.
Il monitoraggio ha prodotto 730 esemplari (50% maschi) di 5 specie diverse, di
cui il 29,2 % è risultato Phlebotomus perfiliewi, 13,7% P. neglectus, 7,1% P. tobbi
e 1,9% P. similis. Il restante 48,1% è risultato appartenere a Sergentomyia minuta. La maggiore prevalenza di P. perfiliewi può attribuirsi ad uno dei criteri di
selezione delle fattorie incluse nello studio (presenza di grossi animali). Anche
se nella regione di Korca il numero di villaggi monitorati (41) era più elevato
rispetto a quello delle altre regioni (Gjirokastra: 30; Vlorë: 20) solo il 17,1% di
questi è risultato positivo, contro il 76,7% e il 75,0% delle altre (P<0,01). La
differenza si può far risalire alla presenza a Korca di elevati rilievi montuosi.
P. similis, specie affine al vettore di Leishmania tropica (P. sergenti) è risultato
presente solo a Gjirokastra; questa specie è stata descritta in territorio greco
confinante con questa regione.
Parole chiave: flebotomi, monitoraggio, Vlorë, Gjirokastra, Korca.
259
Sessione VII - Entomologia medico-veterinaria e forense. Presentazioni Posters
CONTRIBUTO ALLA CONOSCENZA DELLA FAUNA DI INTERESSE
ENTOMOLOGICO FORENSE IN CENTRO ITALIA
V. Bugelli1, M. Gherardi2 & S. Vanin3
Istituto di Medicina Legale, Università di Pisa, Via Roma 67, 56126 Pisa
SC Medicina Legale, AUSL Valle d’Aosta, Via Chaligne, 11100 Aosta
3
School of Applied Science, University of Huddersfield, Queensgate, HD1 3DH,
Huddersfield, Gran Bretagna E-mail: stefano.vanin@gmail.com
1
2
L’entomologia forense si occupa dello studio degli insetti associati ai cadaveri con lo scopo primario di determinare il tempo intercorso dal decesso. Tale
informazione è di rilevante importanza nel settore investigativo, soprattutto
in casi di omicidio o abbandono. Il tempo intercorso dal decesso (PMI: “Post
Mortem Interval”) può essere determinato attraverso gli insetti utilizzando due
approcci diversi a seconda del tempo trascorso dall’evento delittuoso. Il primo
metodo si avvale dello studio dello sviluppo delle larve dei ditteri, soprattutto
Calliphoridae, Sarcophagidae e Muscidae, che per prime colonizzano il cadavere. Il secondo, invece, si basa sulle comunità di artropodi che si susseguono sul
cadavere e che sono legate a particolari stati di decomposizione. In più occasioni è stata sottolineata la necessità di avere conoscenze su scala locale per una
corretta stima del PMI. Per rendere disponibili alcuni dati per il Centro Italia,
vengono presentati 11casi di interesse forense in cui gli insetti, raccolti sui cadaveri, sono stati studiati ed utilizzati per la stima del PMI. I rinvenimenti sono
stati fatti in Toscana, tra dicembre 2008 e dicembre 2010. Nelle fasi di raccolta,
preparazione e analisi sono state seguite le procedure e gli standard dell’European Association of Forensic Entomology (Amendt et al., 2007, Int. J. Legal Med.,
121: 90-104). La maggior parte dei casi (9/11) sono stati rinvenuti in ambiente
indoors e sono riferibili soprattutto a persone con disagi sociali: nella maggior
parte con pregresse storie di utilizzo di sostanze d’abuso (droghe o alcool) o anziane che vivevano sole in casa. In un caso l’analisi tossicologica delle larve raccolte nelle cavità nasali ha dato esito positivo per cocaina ed altre droghe. Due
casi riguardano invece rinvenimenti in ambiente outdoors, paludoso o boscato.
La lista completa delle specie indica la presenza di Calliphora vicina, C. loewi,
Lucilia sericata, Lucilia illustris, Chrysomya albiceps (Diptera, Calliphoridae);
Sarcophaga spp. (Sarcophagidae); Hydrothea sp. (Muscidae); Megaselia scalaris
(Phoridae); Hermetia illucens (Stratiomyidae); Necrobia rufipes (Coleoptera, Cleridae); Crematogaster scutellaris (Hymenoptera, Formicidae). Faunisticamente è
interessante la segnalazione di Calliphora loewi per la prima volta ritrovata su
un cadavere alle nostre latitudini, mentre da un punto di vista forense viene
ulteriormente avvalorata l’ipotesi che in ambienti indoors tra le prime mosche
colonizzatrici di cadaveri vi sia il Foride Megaselia scalaris. Mosche di più grandi dimensioni, come Calliphoridae e Sarcophagidae, in questa tipologia di ambienti arrivano in seguito, al contrario di quanto si verifica in campo aperto.
Parole chiave: entomologia forense, Calliphoridae, Phoridae, decomposizione,
entomotossicologia.
260
Sessione VII - Entomologia medico-veterinaria e forense. Presentazioni Posters
VALUTAZIONE DELL’EFFICACIA DI DIVERSE TRAPPOLE PER IL
CAMPIONAMENTO DI ZANZARE
M. Calzolari1, F. Defilippo1, A. Balzani1, E. Galli2, G. Zani3 & M. Dottori1
Istituto Zooprofilattico Sperimentale Lombardia ed Emilia-Romagna
E-mail: mattia.calzolari@izsler.it
2
Riserva naturale orientata Parma Morta
3
AUSL Parma
1
Diversi tipi di trappole per la cattura di zanzare sono state fatte lavorare in parallelo nello stesso sito allo scopo di valutarne le capacità attrattive (numero di
specie, numerosità degli esemplari) e la qualità del campione ottenuto. Le trappole utilizzate sono state: 1 CDC modificata, tipo CAA, innescata ad anidride
carbonica (CO2 CAA); 1 Gravid Trap (GT), 1 CDC (CDC), 1 CDC innescata ad
anidride carbonica (CDC CO2), 1 BG Sentinel innescata ad anidride carbonica
ed attrattivo commerciale (BG CO2), 1 BG Sentinel solo con attrattivo commerciale (BG). Le catture sono state eseguite dal 5 giugno al 4 ottobre 2010 nella
Zona Umida Parma Morta, che si sviluppa intorno all’antico alveo del torrente
Parma nelle vicinanze del fiume Po. Le trappole sono state attivate dalle ore
17.00 fino alle ore 10.00 del giorno successivo. La specie più catturata è risultata
essere Aedes vexans (4.953 esemplari, 58,1% del totale) seguita da Culex pipiens
(2.942, 34,5%), Aedes albopictus (315, 3,7%) ed Aedes caspius (268, 3,1%). Le altre
specie (Aedes cinereus, Aedes detritus, Aedes geniculatus, Anopheles maculipennis
s.l., Anopheles plumbeus, Culiseta spp., Culex modestus) sono state catturate con
percentuali inferiori allo 0,1%.
La trappola che ha catturato più zanzare è stata la BG CO2 (4.162) seguita da
CDC CO2 (2.334) e da CO2 CAA (1.743); questo dato è fortemente influenzato
dalla abbondante presenza di Aedes vexans nel sito di raccolta, specie che è
stata maggiormente catturata dalla BG CO2 e dalla CDC CO2. Le performance
nella cattura di Culex pipiens sono risultate simili per la BG CO2 e per la CO2
CAA: entrambe hanno catturato il 38,3% del totale degli esemplari appartenenti
a questa specie (1.127). Le diverse tipologie di trappole hanno catturato diversi numeri di zanzare, in particolare le trappole BG (posate a terra) sembrano
in grado di catturare più zanzare del genere Aedes delle trappole appese, tipo
CDC, che hanno funzionato bene per il genere Culex. Inoltre i dati evidenziano
che: l’utilizzo di anidride carbonica come attrattivo incrementa di molto le capacità di cattura delle trappola; fonti attrattive alternative all’anidride carbonica
possono aumentare il numero di specie campionate ma influiscono meno sulla
numerosità del campione; specie diverse sono attratte in maniera differente dalle
varie tipologie di trappola; l’utilizzo di luce come fonte attrattiva rende i campioni più “sporchi” e difficili da analizzare; l’accessibilità delle trappole posate
a terra può causare un deterioramento del campione a causa dell’ingresso di
entomofagi (in particolare ragni e formiche).
Parole chiave: zanzare, trappole attrattive, anidride carbonica.
261
Sessione VII - Entomologia medico-veterinaria e forense. Presentazioni Posters
NUOVE AREE DI DISTRIBUZIONE DELLA ZANZARA TIGRE (AEDES
ALBOPICTUS; DIPTERA, CULICIDAE) NEL NORDEST DELL’ITALIA
S. Ciocchetta1, S. Martini2, F. Montarsi1, A. Drago2, M. Foroni3, F. Russo4 & G.
Capelli1
Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie, Viale dell’Università 10,
35020 Legnaro (PD) E-mail: sciocchetta@izsvenezie.it
2
Entostudio snc, Brugine (PD)
3
ULSS 22, Bussolengo (VR)
4
Dipartimento di Prevenzione, Regione Veneto
1
Dopo la sua prima introduzione in Italia, la zanzara tigre (Aedes albopictus) si è
diffusa su gran parte del territorio nazionale. L’importanza di questa specie e l’attenzione ad essa dedicata sono dovute in particolare alla sua aggressività nei confronti dell’uomo ed alla sua capacità di fungere da vettore di pericolose arbovirosi.
Recentemente vi sono state segnalazioni di tale zanzara in aree montuose del
paese, al di sopra del supposto limite di altitudine di 600 m slm.
Dal 1992 diversi comuni della Regione Veneto hanno attuato programmi di monitoraggio finalizzati a stimare la presenza di questa fastidiosa zanzara mediante ricerca di focolai larvali in aree pubbliche e private, depositi di pneumatici
e cimiteri. In cinque comuni con popolazioni di zanzara ormai ben radicate
(Padova, Legnaro, Villafranca Veronese, Thiene e Feltre) è stata invece monitorata la densità e la distribuzione stagionale della popolazione nel 2010 mediante
l’utilizzo di ovitrappole.
I dati ottenuti mediante il rilievo dei focolai larvali sono stati suddivisi in due
differenti periodi, dal 1992 al 2004 e dal 2005 al 2009. Successivamente dal loro
confronto è emerso che Aedes albopictus è stata segnalata in 475 (82%) comuni
nel periodo 2005-2009, 92 (16%) in più rispetto al periodo precedente. In particolare, la sua presenza è stata evidenziata in aree montane della provincia di
Belluno precedentemente indenni. Per quanto riguarda il monitoraggio con le
ovitrappole, il comune maggiormente infestato è risultato essere Legnaro (PD)
a 0 m slm con un totale di 22.665 uova raccolte (985,87 numero medio di uova/
campionamento). Il comune con il minor numero di uova è stato quello di Feltre
(BL) (totale uova raccolte: 6805; numero medio di uova/campionamento: 309,32),
situato ad un altitudine di 325 m slm in un’area di recente introduzione. La più
alta densità di uova è stata registrata in agosto per tutti i siti.
I risultati dei campionamenti mostrano quindi una tendenza di Aedes albopictus
a colonizzare territori sempre più a Nord e ad altitudini sempre maggiori rispetto a quelli rilevati in passato. Questi dati possono essere utilizzati dalle autorità
locali e regionali per controllare l’espansione di questa specie e l’efficacia delle
azioni di disinfestazione e per mettere a punto piani di prevenzione della trasmissione di eventuali agenti patogeni.
Parole chiave: Aedes albopictus, diffusione, culicidi, monitoraggio, vettori.
262
Sessione VII - Entomologia medico-veterinaria e forense. Presentazioni Posters
L’ENTOMOLOGIA FORENSE ALL’ISTITUTO ZOOPROFILATTICO
SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA ED EMILIA-ROMAGNA
F. Defilippo, P. Bonilauri, M. Calzolari, G. Maioli, A. Balzani & M. Dottori
Laboratorio di Entomologia Sanitaria dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale
Lombardia ed Emilia-Romagna (IZSLER) E-mail: francesco.defilippo@izsler.it
Negli ultimi decenni, soprattutto negli ordinamenti giuridici nei quali le attività investigative sono state caratterizzate da solidi supporti tecnico-scientifici,
l’entomologia forense ha assunto un ruolo peculiare, così come documentato
da una copiosa letteratura internazionale, per la soluzione di alcune fra le più
importanti problematiche di interesse forense, in particolare quella della stima
dell’epoca della morte e/o infestazione di alimenti.
All’interno del nostro Laboratorio i principi dell’entomologia forense vengono
applicati a settori quali la medicina legale veterinaria e la sicurezza alimentare
attraverso una serie di attività quali:
- assistenza a privati, AUSL, Aziende e altre Sezioni IZSLER in casi in cui gli
insetti sono stati protagonisti, fornendo al conferente informazioni sulle tempistiche dell’infestazione (in meno di due anni siamo stati coinvolti in 20 casi di
interesse medico veterinario e oltre 50 casi legati alla sicurezza alimentare);
- organizzazione di seminari, incontri e/o eventi volti alla divulgazione di quelle
che sono le potenzialità dell’entomologia forense e quali possono essere i suoi
campi di applicazione;
- attività di ricerca volta alla comprensione degli aspetti eco-etologici di alcune
specie di insetti che maggiormente sono state causa di infestazione/contaminazione; in particolare sono state eseguite prove di sfarfallamento su oltre 2.100
uova di Calliphora vicina Robineau, 400 larve di Sarcophaga sp., 500 uova e
larve di Lucilia sericata (Meigen), 380 uova di Lucilia caesar (Linnaeus) e diverse
larve di Plodia interpunctella (Hübner).
L’obbiettivo del nostro Laboratorio è quello di mettere a punto delle tecniche
standardizzate di repertamento, di analisi, di allevamento e di conservazione
della prova entomologica, aspetto non trascurabile in sede di dibattimento giudiziario.
Parole chiavi: indagine entomologica, repertamento, datazione.
263
Sessione VII - Entomologia medico-veterinaria e forense. Presentazioni Posters
STUDIO DELLA POPOLAZIONE CULICIDICA NELLA LAGUNA DI
CHEMU IN ACCRA (GHANA)
D. Di Domenico, M. Turchi, P. Coonley Boateng & N. Abossey Kotey
Free Africa From Mosquitoes FAFM, Accra, Ghana E-mail: info@fafm-gh.com
La Laguna di Chemu, sita nella sub metro area di Ablekuma in Accra, risulta
essere una delle principali aree endemiche per malaria e altre malattie trasmesse
dalle zanzare di tutta l’Africa. Data la sua particolare conformazione, rappresenta la principale connessione con i canali della città per il drenaggio delle
acque meteoriche e di smaltimento. Purtroppo, a causa di un inquinamento incontrollato, la Laguna di Chemu è col tempo divenuta un corpo idrico riverso
di immondizie di ogni genere che con le piogge causa regolari straripamenti e
inondazioni delle aree circostanti. Gli equilibri naturali della laguna sono pesantemente perturbati e determinano la formazione di grossi focolai di zanzara
favorendo quindi la diffusione della malaria.
Ponendo prioritaria la riduzione drastica della densità della popolazione culicidica infestante, come obiettivo da raggiungere ai fini di una efficace profilassi e del contenimento dell’emergenza sanitaria, Free Africa From Mosquitoes
(FAFM), organizzazione non governativa senza scopo di lucro con sede in Accra, sta conducendo uno studio volto a censire ed analizzare i diversi focolai di
sviluppo presenti nelle aree in questione, definendone caratteristiche e natura, al
fine di sviluppare adeguate strategie di prevenzione e contenimento coinvolgendo le autorità e la popolazione locale in programmi di lavoro coordinati e con
approcci di tipo biologico integrato.
Questo tipo di indagine conoscitiva, condotta tra settembre e dicembre 2010, ha
consentito di raccogliere moltissime informazioni (i 6 volontari dell’associazione
coinvolti erano tenuti a documentare tutte le operazioni svolte durante la giornata su apposite schede di monitoraggio) evidenziando i focolai attivi e le realtà
a maggior rischio di infestazione. L’analisi di questi dati, comparata con le altre
ricerche svolte sul territorio, mette in risalto, oltre alla difficoltà oggettiva di
un ambiente così articolato e confuso, la correlazione diretta tra l’abbondanza
numerica delle zanzare e la presenza di focolai legati allo stato della laguna:
in particolare all’interno di un’area di 3 Kmq sono stati censiti grossi focolai
che nel periodo oggetto dell’indagine riproducevano il 70% della popolazione
larvale rinvenuta sul territorio (il restante 30% era rappresentato da fognature,
serbatoi e contenitori di varia natura posti all’interno delle abitazioni).
La mancanza di un criterio di gestione degli habitat acquatici è una delle cause
principali dello sviluppo di zanzare vettori nelle aree urbanizzate del Ghana,
dove la trasmissione della malaria affligge il 25% della popolazione colpendo in
particolare i bambini.
Parole chiave: Anopheles, malaria, Ghana.
264
Sessione VII - Entomologia medico-veterinaria e forense. Presentazioni Posters
STUDIO SULLA IXODIDOFAUNA NELL’AREA DEI COLLI EUGANEI (PD)*
M. Drigo1, M. Martini1, M. Signorini2, G. Salemi3, F. Montarsi4, G. Agugiaro5, A.
Frangipane di Regalbono2 & R. Cassini2
Dipartimento di Sanità Pubblica, Patologia Comparata e Igiene Veterinaria (PD)
Dipartim. Scienze Sperimentali Veterinarie (PD) E-mail: rudi.cassini@unipd.it
3
Dipartimento di Architettura, Urbanistica e Rilevamento, Università di Padova
4
Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie, Viale dell’Università 10,
35020 Legnaro (PD)
5
FBK, Trento
1
2
In Italia nord-orientale vi è un’alta prevalenza di zoonosi trasmesse da zecche
(borreliosi e TBE), soprattutto nelle aree alpine e prealpine. Non sono però disponibili informazioni per i Colli Euganei (PD), area collinare a vocazione turistica e ricreativa; il presente studio si propone di colmare tale lacuna.
Da Aprile ad Ottobre 2009 e da Marzo a Novembre 2010 sono state effettuate
nel Parco Regionale dei Colli Euganei 187 catture tramite dragging, in 55 siti.
Nel primo anno, per conoscere distribuzione e densità di zecche in quest’area,
sono stati campionati 51 siti una sola volta e 4 siti mensilmente, per un totale
di 75 catture. I siti sono stati georeferenziati tramite GPS (Juno SB®, Trimble,
USA). Durante ogni campionamento sono stati registrati i dati climatici (U.R.;
T°) mediante termo-igrometro portatile. Sulla base dei risultati ottenuti durante
la prima stagione (presenza/assenza del vettore), nel secondo anno il monitoraggio è stato eseguito in 16 siti fissi, rappresentativi delle diverse esposizioni e
campionati con cadenza mensile, per un totale di 112 catture. La presenza del
vettore Ixodes ricinus è stata analizzata in funzione dei parametri U.R. e T°
(T test), la densità in funzione del mese di campionamento (test K di KruskalWallis e test U di Mann-Whitney).
Un terzo dei campionamenti (62/187) hanno dato esito positivo, per un totale di
336 zecche raccolte appartenenti alla specie I. ricinus (50 adulti, 94 ninfe e 192
larve). La densità totale (n. zecche/100m2) è stata di 2,07 (adulti: 0,31; ninfe: 0,
58; larve: 1,18). Sono stati inoltre ritrovati 1 adulto di Ixodes acuminatus, 6 adulti
di Dermacentor marginatus e 11 larve di Rhipicephalus sanguineus. Sul totale dei
campionamenti effettuati la T° è risultata significativamente più bassa nei siti con
presenza di adulti; l’umidità invece non differisce significativamente tra siti con
presenza ed assenza di zecche. Le catture effettuate nei siti fissi del 2010 riportano una presenza di adulti significativamente più elevata nei periodi primaverile
ed autunnale con densità medie di 0,41 e 0,25 rispettivamente; le ninfe hanno
invece dimostrato un picco nel mese di giugno con una densità media di 0,75.
Alcune caratteristiche ecologiche riscontrate per I. ricinus nell’area di studio
sembrano differire da quelle delle aree alpine e prealpine, con valori di densità
decisamente inferiori e una differente dinamica stagionale.
Parole chiave: zecche, I. ricinus, densità, dinamica stagionale.
* Studio supportato da un PRA dell’Università di Padova (cod. CPDA083110).
265
Sessione VII - Entomologia medico-veterinaria e forense. Presentazioni Posters
NUOVI DATI SUI COLEOTTERI NECROBIONTI PRESENTI IN SARDEGNA
F. Fois1, D. Cillo2, E. Bazzato3, P. Mereu Piras4 & S. Vanin5
Piazza dell’Orsa Maggiore 7, 09126 Cagliari
E-mail: francifois@libero.it
Via Zeffiro 8, 09126 Cagliari E-mail: davide.cillo@hotmail.it
3
Via M. di Campiglio 22, 09045 Quartu S. Elena (CA)
4
Via dei Nibbi 11, 09012 Capoterra (CA)
5
School of Applied Science, University of Huddersfield, Huddersfield, Gran Bretagna
1
2
Negli ultimi decenni l’entomologia forense ha acquisito, anche in Italia, un
ruolo importante nel dare un contributo alla risoluzione di casi giudiziari, affiancandosi alle tradizionali scienze investigative. In particolare nelle indagini
medico-legali e nella veterinaria forense, lo studio dell’entomofauna necrobionte
presente su un cadavere può fornire utili elementi per la stima dell’epoca del
decesso e talvolta delle sue cause. In questo lavoro si riportano i dati relativi
a raccolte di coleotteri effettuate dal 2007 al 2010 in diversi periodi dell’anno,
in aree naturali di 6 diversi comuni della Sardegna: Cagliari, Sinnai, Quartu
S. Elena, Dolianova (CA), Bugerru (CI) e Tempio Pausania (OT). Gli insetti
sono stati catturati a vista e mediante trappole a caduta, su cadaveri di diverse
specie di vertebrati (uccelli e mammiferi) in differenti fasi di putrefazione, il
cui rinvenimento è avvenuto in modo casuale. Per il rilevamento dello stadio di
decomposizione ci si è attenuti alla successione delle quattro fasi putrefattive:
fresh stage (fs), bloated stage (bs), decay stage (ds), dry stage (drs) (Rodriguez
& Bass 1983 e 1985). Sono stati reperiti 104 esemplari appartenenti a 10 specie e
4 famiglie di Coleotteri: Dermestidae: Dermestes erichsoni, D. undulatus, D. sardous e D. frischii frischii; Histeridae: Margarinotus brunneus e Hypocaccus dimidiatus; Silphidae: Nicrophorus humator e Necrodes littoralis; Nitidulidae: Soronia
oblonga; Scarabaeidae: Scarabaeus laticollis. Le specie di Dermestidae sono state reperite su cadaveri in avanzato stato di decomposizione (drs) di ghiandaia,
corvo imperiale, coniglio selvatico, volpe e cane; D. sardous è stato rinvenuto in
un unico esemplare sui resti di una civetta (drs). Esemplari delle due specie di
Silphidae, la cui segnalazione risulta di particolare interesse trattandosi di due
entità non ancora segnalate per la Sardegna, sono stati catturati a vista e con
trappole: N. humator su cadavere di donnola (fs) e Necrodes littoralis su resti di
riccio comune (ds). M. brunneus è stato reperito su carcasse di cane (ds) e di
bue (drs); H. dimidiatus su resti di gabbiano reale (bs). La specie S. oblonga è
stata catturata su pellame e ossa di cinghiale (drs). Interessante risulta, infine,
il ritrovamento di S. laticollis, non essendo un insetto tipicamente necrobionte,
in attività trofica sui resti di una capra (ds). Questo lavoro fornisce un nuovo
contributo alla conoscenza degli insetti che si succedono nella colonizzazione
degli ecosistemi cadaverici in Sardegna ed inoltre amplia le conoscenze sulla
entomofauna dell’isola.
Parole chiave: entomologa forense, indagini medico-legali, tanatocronologia,
ecosistema cadaverico.
266
Sessione VII - Entomologia medico-veterinaria e forense. Presentazioni Posters
IMPORTANZA VETERINARIA DEGLI IMENOTTERI ACULEATI: UN
CASO DI AGGRESSIONE DI API AD UN GREGGE
F. Fois1, P. Mereu Piras1, L. Petruso2, C. Alongi3, G. Addis1, I. Floris4 & M. Liciardi1
Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sardegna “G. Pegreffi”, Dipartimento
di Cagliari, Via dell’Acquedotto Romano, Zona Industriale Est, 09030 Elmas (CA)
E-mail: francifois@libero.it
2
Associazione Allevatori della Sardegna (ARA), Via Cavalcanti 8, 09128 Cagliari
3
Azienda Sanitaria Locale n° 8, Cagliari
4
Dipartimento di Protezione delle Piante, Università degli Studi di Sassari, Via
E. De Nicola, 07100 Sassari
1
Differentemente da quanto noto per l’uomo, sono scarse le conoscenze sugli
effetti degli Imenotteri Aculeati su animali d’allevamento e su selvatici. Fanno eccezione le cosiddette “formiche di fuoco” (Solenopsis spp.), responsabili di
attacchi ed uccisioni di piccoli di selvatici (conigli, cervi, quaglie e altri uccelli
nidificanti a terra) e i morsi di Vespula germanica su ferite di cavalli o su mammelle di vacche da latte con lesioni associate a mastiti. Per le api, i pochi casi
noti di animali uccisi da punture, in genere cani o bestiame tenuto nei pressi
di alveari, si riferiscono all’ibrido di ape africaniz-zata “assassina”. Sono altresì
scarsi i riscontri sulle reazioni allergiche degli animali alle punture. È tuttavia
noto che l’aggressività delle api dipende sia da fattori genetici che ambientali.
In Sardegna è presente Apis mellifera ligustica Spinola, con qualche differenziazione morfometrica registrata su colonie allevate nei bugni che manifesta-no un
comportamento difensivo più accentuato. Nessuna grave segnalazione era nota
ai danni di animali domestici nonostante la millenaria convivenza dell’apicoltura con il mondo agro-pastorale. Si riporta qui il curioso caso (S. Andrea Frius
- CA, 18 giu-gno 2008) di attacco di api ad un gregge di 50 agnelle di 8 mesi
di età, che transi-tavano nelle vicinanze di alcuni alveari, come si evince dalla
denuncia dell’allevatore e dai rilievi dell’Istituto Zooprofilattico della Sardegna.
L’esame anatomo-patologico evidenziava presenza di edema sottocutaneo diffuso nel canale sottomandibolare, nei padiglioni auricolari e nella regione laringo-faringea nonché accentuato edema polmonare riferibile a shock anafilattico.
Veniva, inoltre, accertata sulla cute la presenza di aree congeste e pomfi con
numerosi pungiglioni (circa un centinaio per capo) e le stesse api morte ancora
attaccate. Inizialmente è stato constatato il decesso di 30 capi. Altri soggetti
con sintomi di affaticamento, dispnea, gonfiore ed edema nella gola, nonostante
l’immediata somministrazione di cortisonici, perivano dopo breve tempo. Presumibilmente, l’attacco da parte delle api, nella fattispecie, è stato favorito dalla
vicinanza degli alveari all’ovile e dall’assenza di barriere che condizionassero
l’altezza di volo. Inoltre, va considerato il periodo di alta densità di api adulte e
di carenza di risorse mellifere che, come noto, aumentano la suscettibilità delle
colonie a fattori di disturbo come la presenza o il semplice passaggio di animali.
Parole chiave: alveari, punture, shock anafilattico, ovini.
267
Sessione VII - Entomologia medico-veterinaria e forense. Presentazioni Posters
ORNITHODOROS (ALECTOROBIUS) CONICEPS (IXODIDA, ARGASIDAE)
IN ITALIA: PRIMA SEGNALAZIONE DAL 1984
C. Khoury, R. Bianchi, F. Severini, M. Di Luca, A. A. Massa & L. Toma
Dipartimento di Malattie Infettive, Parassitarie ed Immunomediate (MIPI),
Istituto Superiore di Sanità, Viale Regina Elena 299, 00161 Roma
E-mail: luciano.toma@iss.it
La prima segnalazione in Italia di Ornithodoros (Alectorobius) coniceps (Canestrini, 1890) risale al 1877, quando Canestrini & Fanzago (1), negli interstizi dei
mosaici della Basilica di S. Marco a Venezia, trovarono esemplari di questa zecca, inizialmente identificata come Argas (Alectorobius) reflexus (Fabricius, 1794)
e successivamente elevata a rango di nuova specie da Canestrini (2).
Da allora rari sono stati i ritrovamenti di questa specie, l’ultimo dei quali risale
al 1984 in un’abitazione dell’Aquila (Abruzzo) (3). Nel periodo Maggio-Giugno
2010, in seguito ad una massiva infestazione da artropodi, è stata condotta
un’indagine acarologica in un’antica villa del comune di Anzio (Lazio) recentemente restaurata, i cui locali sono stati adibiti ad uffici. Sono state effettuate un
totale di sei catture utilizzando tre metodi di raccolta: manuale, con aspiratori
elettrici e con trappole attrattive a CO2 (4). Tutti e tre i metodi sono stati usati
nel sottotetto utilizzato dai piccioni, prima del restauro, come ricovero, mentre
i primi due sono stati impiegati negli uffici della villa. Sono state catturate un
totale di 136 zecche appartenenti alla specie O. coniceps di cui il 50,0% ninfe,
30,9% maschi e 19,1% femmine. Il 75% è stato catturato manualmente, il 19,8%
con le trappole di Wilson e il 5,2% con aspiratori. La scarsità di segnalazioni
di O. coniceps in Italia è dovuta sia alla difficoltà di identificazione morfologica
di questa zecca rispetto alle altre specie italiane dello stesso genere [O. erraticus (Lucas, 1840) e O. maritimus (Vermeil and Marguet, 1967)] sia al fatto che
spesso viene confusa con A. reflexus. Pur essendo specie strettamente legate ai
piccioni e condividendo gli stessi habitat, O. coniceps e A. reflexus presentano periodi di attività e durata del ciclo biologico diversi. Il presente studio ha
evidenziato, inoltre, un chemiotropismo positivo di questa zecca verso la CO2,
finora segnalato solo per A. reflexus (5) e per O. erraticus (6).
Parole chiave: zecche molli, trappola CO2, Columba livia, chemiotropismo.
Bibliografia:
1. Canestrini G. & Fanzago F.,1878 - Atti R. Ist. Ven. Scienze Lett. Arti, 4: 69-208.
2. Canestrini G., 1890 - Prospetto dell’Acarofauna italiana. Pt. 4. Famiglie: Tetranychini, Ixodini, Argasini. Ed. Prosperini, Padova: 427-540.
3. Manilla G., 1985 - Riv. Parassitol., III (XLVII): 153-174.
4. Wilson J., Kinzer D.R., Saur J.R. & Hair J.A., 1972 - J. Med. Entom.,9:
245-252.
5. Manilla G. & Carlucci G., 1985 - Riv. Parassitol., II (XLVI): 199-206.
6. Caiado J.M., Boinas F.S., Melo M.A. & Louza A.C., 1990 - Prev. Vet. Med.,
8: 5559.
268
Sessione VII - Entomologia medico-veterinaria e forense. Presentazioni Posters
Presenza e distribuzione di zanzare (Diptera, Culicidae)
POTENZIALI VETTORI DI MALATTIE UMANE nella zona
costiera dell’Alto Lazio*
V. Laghezza Masci1, M. Di Luca2, L. Toma2, F. Severini2, D. Boccolini2, M.
Belardinelli1, M. Catenacci3, F. De Martino4, R. Romi2 & A. M. Fausto1
1
Dipartimento di Scienze Ambientali, Università della Tuscia, Largo
dell’Università, 01100 Viterbo E-mail: biovalentina@gmail.com
2
Dipartimento di Malattie Infettive, Parassitarie ed Immunomediate MIPI,
Istituto Superiore di Sanità, Viale Regina Elena 299, 00161 Roma
3
S.E.Port, Via Aurelia Nord 18, 00053 Civitavecchia (RM)
4
Civitavecchia Fruit Forest Terminal C.F.F.T., Civitavecchia
Ormai da anni, e in particolare nell’ultimo decennio, si sta assistendo a un’espansione delle malattie trasmesse da vettori (VBD), al di fuori del loro areale
naturale di distribuzione, spesso accompagnate anche dall’introduzione di vettori esotici in aree prima indenni. Le cause principali di tali eventi sono state
individuate nelle mutate condizioni climatiche e nella cosiddetta globalizzazione, cioè negli aumentati scambi commerciali e nel più rapido spostamento di
persone, animali e merci. In Italia l’intro-duzione di Aedes albopictus nel 1990
e l’epidemia di Chikungunya virus avvenuta in Emilia Romagna nel 2007 sono
esempi emblematici di questo fenomeno. Risulta dun-que importante mantenere
alto il livello di sorveglianza nel nostro paese, specie in aree potenzialmente più
a rischio. In questo ambito è stato avviato nel 2010 uno studio per caratterizzare presenza e distribuzione di zanzare potenziali vettori nella zona costiera
dell’Alto Lazio. In particolare la sorveglianza si è focalizzata all’area del porto
di Civitavecchia, scalo principalmente cabotiero (navigazione marittima costiera
mercantile o da diporto) che potrebbe risultare favorevole all’ingresso di nuove
specie di Culicidi e/o di patogeni. L’indagine entomologica è stata condotta in
3 siti selezionati, durante il periodo aprile-ottobre, sia attraverso ricerca attiva
delle forme larvali, sia impiegando ovitrappole e trappole per la cattura degli
adulti (BG Sentinel®). Sono stati catturati 1.376 Culicidi risultati appartenere a
4 specie: Ae. albopictus (52,3%) e Culex pipiens (44,3%), le specie preponderanti,
provati vettori di arbovirus anche in Italia; Culiseta longiareolata, specie solo
molesta (3,6%) e un unico esemplare di Anopheles maculipennis s.l. L’abbondanza delle due specie vet-trici conferma la potenziale recettività dell’area di studio.
Come Civitavecchia, anche gli altri porti italiani potrebbero rappresentare una
via d’ingresso primaria per nuove specie di Culicidi vettori (come Ae. aegypti e
Ae. japonicus, sporadicamente già segnalate in Europa) o per i serbatoi di patogeni (come i virus della Rift Valley, Chikungunya e Dengue), in grado di infettare le zanzare indigene. Per rispondere a problematiche presenti ed emergenti
in Italia e in Europa, risulta importante aumentare il numero dei siti monitorati
e sviluppare sistemi di sorveglianza integrata.
Parole chiave: sorveglianza entomologica, VBD, Aedes albopictus, BG Sentinel.
* Ricerca finanziata dalla Fondazione Cariciv.
269
Sessione VII - Entomologia medico-veterinaria e forense. Presentazioni Posters
INFLUENZA DELL’AMBIENTE ACQUATICO SULLA DECOMPOSIZIONE
SUINA E SULL’ENTOMOFAUNA COINVOLTA
S. Lambiase, A. La Valle & E. Buttaboni
Dipartimento Medicina Legale, Scienze Forensi e Farmaco-Tossicologiche
“Antonio Fornari”, Via Forlanini 12, 27100 Pavia E-mail: simonetta.
lambiase@unipv.it
Scopo di questo studio è confrontare la decomposizione di carcasse di maialini
(Sus scrofa L.) in ambienti acquatici naturali diversi, a integrazione delle più
consuete sperimentazioni condotte in catini pieni d’acqua. In ciascun sito veniva immersa una gabbia di rete metallica, a maglie larghe, nella quale venivano
poste due carcasse di maialini deceduti poco dopo la nascita per cause naturali,
di circa kg 1,5 ciascuno. I siti consistevano in una pozza di fitodepurazione,
prossima all’argine del Ticino (T. Siccomario, PV), sita in un’area di circa 50m
di diametro, abbondantemente soleg-giata e delimitata da boscaglia, e da una
delle risorgive che alimentano il Ticino (Motta Visconti, MI), un piccolo corso
d’acqua corrente, immerso in un fitto bosco, in ambiente fresco e riparato dal
sole. Le carcasse risultavano sommerse fino alla linea mediana. Nell’acqua corrente è stata posizionata una seconda gabbia con un maialino di 12,5 Kg, morto
anch’esso per cause naturali, per testare l’influenza della massa sulla decomposizione alle stesse condizioni ambientali. Prima del posizionamento delle gabbie,
sono stati effettuati campionamenti del sedimento e delle acque alla ricerca di
eventuale fauna (macroinvertebrati bentonici) e per la definizione dei para-metri
chimico-fisici delle acque (pH, salinità, temperatura e ossigenazione). Tale situazione è stata monitorata per il corso della sperimentazione durata complessivamente circa 6 mesi. In quel periodo sono state monitorate anche la temperatura
e la piovosità. Tutte le carcasse sono state colonizzate da ditteri sarcosaprofagi
tra il 7° e il 10° giorno dopo la deposizione dei suini; le temperature più alte
della zona di fitodepurazione hanno consentito una più intensa attività larvale
e una decomposizione più rapida, rispetto all’altro sito. Probabilmente a causa
della differente tipologia ambientale dei siti la colonizzazione della entomofauna è stata ascrivibile a specie diverse e la decomposizione ha avuto andamento diverso. Prelievi di larve venivano puntualmente condotti al fine di allestire
colture in laboratorio a condizioni controllate. Per quanto riguarda la presenza
di macroinvertebrati bentonici, l’acqua della fossa di fitodepurazione è risultata
molto più povera rispetto a quella dell’acqua corrente, dove sono stati repertati
gamberi di fiume appartenenti al genere Gammarus ed esemplari appartenenti
all’ordine Trichoptera, in forma larvale, specificatamente attratte dalla carcassa,
a scopi trofici. L’esame istologico di prelievi di cute effettuati sulle carcasse ogni
15 giorni circa, hanno consentito di individuare i marcatori istologici della saponificazione (Pierucci et al., 2010 - I marcatori istologici della saponificazione
- Zacchia, 83 suppl., in stampa). Seguiranno succes-sivi approfondimenti per la
valutazione del PMSI (“Post Mortem Submersion Interval”) e sugli effetti della
artropodofauna nella decomposizione acquatica.
Parole chiave: PMSI, Trichoptera, ditteri sarcosaprofagi, saponificazione.
270
Sessione VII - Entomologia medico-veterinaria e forense. Presentazioni Posters
AUMENTO DEI CASI DI INFESTAZIONE DA CIMEX LECTULARIUS IN
LIGURIA
M. Mancini, W. Mignone & A. Accorsi
Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta,
Sezione di Imperia, Via Nizza 4, 18100 Imperia E-mail: marialetizia.mancini@
izsto.it
L’Istituto Zooprofilattico Sperimentale è un ente sanitario di diritto pubblico
che opera come strumento tecnico scientifico nell’ambito del Servizio Sanitario
Nazionale per il controllo della sanità animale, degli alimenti di origine animale e dell’igiene degli allevamenti. La sezione di Imperia dell’IZS del Piemonte,
Liguria e Valle d’Aosta dal luglio 2001 si occupa, nell’ambito del Piano di Sorveglianza Entomologica Nazionale della Blue Tongue, in collaborazione con il
CESME dell’IZS di Teramo, del monitoraggio di Culicoides spp., analizzando
in media circa 1.200 campioni all’anno. Inoltre, la sezione di Imperia da alcuni anni fornisce un servizio pubblico di identificazione di artropodi potenziali
vettori di malattie per l’uomo e gli animali. Tra i vari insetti di interesse sanitario, Cimex lectularius (la comune “cimice dei letti”, insetto ematofago, parassita
prevalentemente dell’uomo, appartenente alla famiglia Cimicidae) è considerata
tra le specie più moleste e gli effetti patogeni sono riferibili esclusivamente alla
sua puntura. Il laboratorio di Entomologia nell’arco del triennio 2008-2010 ha
esaminato 52 campioni di insetti pervenuti da privati e/o Aziende Sanitarie Locali delle tre regioni di pertinenza. Tra i vari campioni esaminati la specie di più
frequente riscontro è risultata proprio Cimex lectularius. In particolare presso
il laboratorio di Imperia sono pervenuti nel 2008 tre campioni di questa specie,
nel 2009 cinque campioni e nel 2010 due, tutti provenienti dalla regione Liguria (Imperia: 6 campioni; Savona: 2; Genova: 1; La Spezia: 1). In tutti i casi è
stata segnalata, oltre alla presenza dell’insetto, la comparsa di reazioni cutanee
dovute alla puntura da parte dello stesso; inoltre, i campioni sono stati raccolti
in tutti i periodi dell’anno ad esclusione dei mesi invernali, con una maggiore
concentrazione nel mese di luglio. I risultati della ricerca ci fanno concludere
che la diffusione di Cimex lectularius è in aumento in Liguria e in particolare
nella provincia di Imperia rispetto ai decenni scorsi. A conferma dei dati riportati in letteratura, il rischio di infestazioni è maggiore nei mesi estivi, in quanto
l’elevata temperatura ambiente aumenta la velocità di sviluppo delle uova e delle
neanidi; inoltre questi mesi corrispondono con il periodo dell’anno in cui maggiori sono gli spostamenti nazionali e internazionali da parte dell’uomo, fattore che aumenta le possibilità dell’insetto di essere trasportato passivamente da
un luogo all’altro. Considerando, dunque, l’eventualità di un’ulteriore diffusione
delle cimici dei letti, il laboratorio si propone di continuare il monitoraggio entomologico in Liguria anche nel corso del 2011.
Parole chiave: insetto ematofago, infestazione, uomo.
271
Sessione VII - Entomologia medico-veterinaria e forense. Presentazioni Posters
RISULTATI
DELLA
SORVEGLIANZA
BLUETONGUE IN REGIONE PIEMONTE
ENTOMOLOGICA
PER
M. Mancini, M. C. Radaelli, W. Mignone, A. Accorsi, L. Chiavacci & N. Vitale
Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta
E-mail: marialetizia.mancini@izsto.it
I Culicoidi sono piccoli insetti (Ordine: Diptera, Famiglia: Ceratopogonidae)
delle dimensioni di 1,5-3 mm. Gli adulti, attivi generalmente dal tramonto all’alba, hanno una vita media di 10-20 giorni a seconda della specie. Solo le femmine sono ematofaghe e possono veicolare numerosi agenti patogeni di importanza medico-veterinaria, tra cui i virus della Rift Valley fever, della Peste Equina
e della Bluetongue (BT). La BT è una malattia infettiva non contagiosa che
colpisce i ruminanti domestici e selvatici. Sono state individuate a livello mondiale più di 1.200 specie di Culicoidi, ma solo una trentina sono implicate nella
trasmissione della BT. Culicoides imicola Kieffer, il principale vettore diffuso nel
bacino mediterraneo, è assente dal Piemonte, dove è comprovata la diffusione
di altri vettori competenti che appartengono ai gruppi C. obsoletus (Meigen) e
C. pulicaris (Linnaeus). Scopo del presente lavoro è studiare la distribuzione di
Culicoides spp. sul territorio piemontese.
Dal 2001 è attivo in Italia un Piano Nazionale di Sorveglianza Entomologica per
BT fondato su una rete di trappole a luce ultravioletta di tipo Blacklight traps,
dislocate sul territorio nazionale in celle di 1.600 km 2 di superficie (una trappola
per cella), che operano tutto l’anno con la frequenza di una cattura per settimana.
Sul territorio piemontese insistono 22 trappole fisse. Sono stati analizzati i dati
delle catture entomologiche effettuate nel periodo da agosto 2001 a dicembre 2008.
Nel periodo considerato sono stati raccolti 3.139.514 insetti di cui 351.601 culicoidi (11.2%) nel corso di 8.335 catture. Non è stato identificato nessun C.
imicola, mentre la maggior parte dei vettori individuati appartiene al C. obsoletus Complex. La concentrazione maggiore è stata registrata nella regione alpina
della Val Formazza (Verbano-Cusio-Ossola) con una cattura media per trappola (CMT) di 387 vettori (intervallo di confidenza 95% [IC95%] 175-599) e prealpina (Locana; CMT=129; IC95%: 78-138). Il picco massimo di catture è stato
registrato nei mesi estivi di giugno (CMT= 148; IC95%: 106-199), luglio (CMT=
130; IC95%: 94-167), agosto (CMT=150; IC95%: 76-225), nelle zone montane con
temperature medie attorno ai 20 °C, caratterizzate da prati stabili e aree incolte.
Lo studio ha confermato la presenza diffusa di Culicoides competenti per BT in
Piemonte, soprattutto nelle aree spesso adibite a pascolo. Questi dati sono stati
successivamente utilizzati per creare mappe di rischio per l’insorgenza dell’infezione. La comparsa dei primi focolai di BT nelle aree identificate dalle mappe
sottolinea l’importanza della sorveglianza entomologica come strumento per la
lotta alle malattie trasmesse da vettore.
Parole chiave: Culicoides, catture, fattori di rischio.
272
Sessione VII - Entomologia medico-veterinaria e forense. Presentazioni Posters
INDAGINE SUL PERIODO DI ATTIVITÀ NELL’ARCO DELLE 24 ORE
DELLA FAUNA CULICIDICA IN UN’AREA DEL DELTA DEL PO
L. Mazzon1, V. Tigretti Bianco1, E. Chiarot1, F. Montarsi2, S. Ciocchetta2 & G.
Capelli2
Dipartimento di Agronomia Ambientale e Produzioni Vegetali - Entomologia,
Università di Padova, AGRIPOLIS, Viale dell’Università 16, 35020 Legnaro (PD)
2
Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie
E-mail: fmontarsi@izsvenezie.it
1
Nell’ambito di un Piano di sorveglianza entomologica per la West Nile Disease
(WND), voluto dalla Regione Veneto, sono state eseguite catture per determinare la distribuzione e densità dei culicidi. In uno dei siti prescelti sono state
effettuate catture nell’arco di 24 ore per conoscere il periodo di attività alimentare e riproduttiva dei culicidi. L’indagine è stata condotta in una stazione a
vocazione agricola con presenza di animali selvatici e domestici (cavalli) situata
nel comune di Papozze (RO) nel Parco Regionale del Delta del Po.
I campionamenti sono stati effettuati nel periodo da maggio ad ottobre 2010 mediante una trappola tipo CDC con attrattivo CO2 ed una Gravid Trap. Entrambi
i tipi di trappola sono stati ispezionati nel corso delle 24 ore ad intervalli di due
ore e con cadenza bisettimanale per un totale di 156 campionamenti accompagnati dalla registrazione dei dati climatici (temperatura, umidità relativa, vento).
Complessivamente sono stati catturati 5.780 esemplari di cui quasi il 93% con
trappola tipo CDC-CO2. L’esame del materiale ha consentito l’identificazione di
6 specie: Culex pipiens L. 75%, Ochlerotatus caspius (Pallas) 15%, Aedes vexans
(Meigen) 7%, Anophele maculipennis (Meigen) 3%, Culiseta anulata (Schrank) e
Cx. modestus (Ficalbi), quest’ultime in proporzioni inferiori all’1%. Come atteso, il maggior numero di Cx. pipiens catturate con la trappola CDC-CO2 è
avvenuto tra le ore 22.00 e le 6.00 (97%); tuttavia 93 esemplari (3%) sono stati
catturati anche in pieno giorno. Nella Gravid Trap sono stati evidenziati due
picchi incentrati sugli estremi della stessa fascia oraria nei quali sono stati raccolti rispettivamente il 37% ed il 32% degli esemplari; il 23% delle Cx. pipiens
sono state catturate tra le 8.00 e le 10.00. Quasi tutti gli esemplari di Oc. caspius
sono stati catturati con la CDC-CO2 nell’arco di tutte le 24 ore. An. maculipennis ha attività alimentare crepuscolare (110 esemplari catturati con CDC-CO2)
mentre depone al mattino presto (90% di esemplari catturati con Gravid Trap
tra le 6.00 e le 8.00). È interessante notare che Ae. vexans è stata catturata con
la CDC-CO2 soprattutto nelle ore notturne (74% tra le ore 22.00 e le 6.00) nonostante venga ritenuta una specie ad attività anche diurna. Le infor-mazioni
ottenute ci permettono di determinare il periodo di maggior rischio per la puntura da zanzare e quindi d’infezione oltre che acquisire interessanti informazioni
sull’etologia dei culicidi e sul periodo di attività nell’ambito delle 24 ore.
Parole chiave: CDC, Gravid Trap, West Nile Disease.
273
Sessione VII - Entomologia medico-veterinaria e forense. Presentazioni Posters
DATI PRELIMINARI SUI CULICIDI PRESENTI NEL PARCO NATURALE
REGIONALE MOLENTARGIUS-SALINE E NELLA LAGUNA DI S. GILLA
(SARDEGNA MERIDIONALE)
P. Mereu Piras1, F. Fois1, S. Cappai2, A. Atzeni3, L. Toma4, R. Romi4, G. Scano5,
S. Rolesu2 & M. Liciardi1
1
Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sardegna “G. Pegreffi”, Dipartimento di
Cagliari, Via dell’Acquedotto Romano, 9030 Elmas (CA) E-mail: tupau@tiscali.it
2
Osservatorio Epidemiologico Veterinario Regionale, IZS Sardegna, Cagliari
3
Parco Naturale Regionale Molentargius-Saline, Via La Palma s.n., 09126 Cagliari
4
Dipartimento MIPI, Reparto di Malattie Trasmesse da Vettori e Sanità
Internazionale, Istituto Superiore di Sanità, Viale Regina Elena 299, 00161 Roma
5
Green System, Via Tristani 18, 09127 Cagliari
Recentemente l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sardegna e il Parco
Naturale Regionale Molentargius-Saline hanno firmato un protocollo d’intesa
con il quale si è dato inizio ad una collaborazione su temi di ricerca quali lo
studio dell’ento-mofauna del Parco e degli artropodi potenziali vettori di agenti
patogeni responsabili di malattie anche a carattere zoonotico. Il Parco, istituito
con legge regionale nel 1999, e la Laguna di S. Gilla, poco distante da esso,
sono inseriti nell’elenco dei siti internazionali della Convenzione di Ramsar
come aree umide di importante valore naturalistico soprattutto per l’avifauna
presente. Da un’indagine condotta in collaborazione con l’Istituto Superiore di
Sanità, sono emersi interessanti dati sulla presenza in queste zone di alcune specie di Culicidi di rilevanza sanitaria. Nelle aree in oggetto sono state effettuate
catture di zanzare tra settembre 2010 e gennaio 2011, mediante trappole BG
Sentinel®, CDC, aspiratori e raccolte di stadi immaturi con pescalarve; sono state inoltre usate ovitrappole per il monitoraggio di Aedes albo-pictus. Nell’area di
S. Gilla abbiamo riscontrato la presenza di Ochlerotatus caspius di cui sono stati
raccolti 120 es. tra larve e pupe. Nel territorio del Parco, situato in prossimità
del centro abitato di Cagliari, sono stati catturati 19 esemplari adulti di Ae. albopictus e 12 di Culex pipiens. Esclusivamente nelle ovitrap-pole posizionate nel
Parco sono stati reperite 35 uova di Ae. albopictus; inoltre, 5 esemplari adulti
di O. detritus sono stati catturati a vista. La raccolta di dati relativi alla fauna
culicidica è ancora in corso. Questa nota rappresenta un contributo preliminare
alla conoscenza dei Culicidi presenti nelle aree umide del Parco MolentargiusSaline e della Laguna di S. Gilla. Inoltre, la presenza in zona di animali da
reddito quali ovini, equini e allevamenti rurali di specie aviarie, in promiscuità
con uccelli sinantropici, selvatici stanziali e di passo, rendono queste aree particolarmente idonee ad integrare la sorveglianza entomologica della West Nile
Disease (WND), zoonosi ad eziologia virale. Sebbene il piano di sorveglianza
nazionale WND identifichi già come area di studio per la Sardegna la zona
umida di S’Ena Arrubia (OR), i dati esposti mostrano che anche questi siti potrebbero essere considerati per le indagini entomologiche.
Parole chiave: Culex pipiens, Ochlerotatus caspius, WND, sorveglianza.
274
Sessione VII - Entomologia medico-veterinaria e forense. Presentazioni Posters
STUDIO DELLA FAUNA CULICIDICA DEL VENETO NELL’AMBITO DEL
PIANO REGIONALE DI SORVEGLIANZA PER LA WEST NILE DISEASE
F. Montarsi1, S. Ciocchetta1, S. Cazzin1, S. Martini2 , F. Russo3 & G. Capelli1
Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie, Viale dell’Università 10,
35020 Legnaro Legnaro (PD) E-mail: fmontarsi@izsvenezie.it
2
Entostudio snc, Brugine (PD)
3
Dipartimento di Prevenzione, Regione Veneto
1
La West Nile Disease (WND) è una malattia che coinvolge uccelli, animali domestici e uomo ed è trasmessa da alcune specie di Culicidi, appartenenti principalmente al genere Culex. Dal 2008 la WND è presente in una vasta area del
Nord Italia. Per monitorare la diffusione del virus, la Regione Veneto ha finanziato un progetto che ha previsto la cattura di zanzare nel biennio 2009-2010 e
la successiva ricerca del virus in esse.
Sono stati effettuati campionamenti con cadenza bisettimanale (da maggio a
novembre) in 24 siti nel 2009 ed in 43 siti nel 2010. Le zanzare adulte sono state
catturate con trappole CDC ad attrattivo CO2 in funzione dal tramonto all’alba per una notte. I siti sono stati caratterizzati come: aree rurali, semi-rurali,
urbane ed aree umide; l’associazione tra habitat, densità e tipo di specie è stata
analizzata statisticamente.
Durante il periodo in esame sono state identificate 16 specie appartenenti ai generi Culex, Culiseta, Anopheles, Ochlerotatus, Coquillettidia ed Aedes. In totale
sono state catturate 36.527 zanzare nel 2009 (145,82 zanzare/cattura) e 137.965
nel 2010 (251,76 zanzare/cattura). Tra queste, le più diffuse sono risultate Culex
pipiens (79% nel 2009 e 87% nel 2010) ed Ochlerotatus caspius (10% nel 2009 e
4% nel 2010). Per queste due specie sono stati analizzati anche gli andamenti
stagionali. In generale, Cx. pipiens evidenzia un picco di densità a fine giugnoprimi di luglio, mentre Oc. caspius è più abbondante a fine luglio-agosto. Per
quanto riguarda l’habitat la tipologia più favorevole per queste due specie è
quella delle aree agricole-rurali. Nelle aree umide invece è presente una maggiore variabilità di specie.
Nonostante i limiti del metodo di campionamento, mirato soprattutto alla cattura di Cx. pipiens, la pianura padano-veneta conferma essere una delle aree
d’Italia con la più alta presenza di specie e densità di zanzare. Per questi motivi
ed essendo Cx. pipiens la specie più diffusa ed il principale vettore di patogeni,
come la WND, risulta particolarmente importante condurre adeguati piani di
monitoraggio e di controllo.
Parole chiave: West Nile Disease, culicidi, Culex pipiens, sorveglianza, vettori.
275
Sessione VII - Entomologia medico-veterinaria e forense. Presentazioni Posters
SVILUPPO DELLA COLLABORAZIONE TRA ITALIA ED ALBANIA PER
LA GESTIONE DEGLI INFESTANTI IN SITUAZIONI DI EMERGENZA
G. Pampiglione1 & D. Di Domenico2
Istituto “G. Caporale”, Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell’Abruzzo e del
Molise, Via Campo Boario, 64100 Teramo E-mail: guglielmo@pampiglione.com
2
Gico Systems S.r.l., Via Calari 16/B, 40069 Zola Predosa (BO)
1
Il 19 gennaio 2011 si è svolto a Tirana (Albania) un seminario dedicato alle problematiche relative alle procedure di disinfestazione e derattizzazione adottate nel
paese. Nel dare inizio ai lavori il Direttore del Dipartimento di Salute Pubblica
del Ministero della Sanità albanese ha sottolineato l’esperienza condotta dai tecnici dell’IZS “G. Caporale” di Teramo in occasione del sisma che ha colpito l’Abruzzo nel 2009, nell’attuare procedure di controllo per la diffusione di animali
indesiderati in condizioni di emergenza. Lo sviluppo di procedure da adottare
in questi casi è un tema di particolare attualità, in una nazione come l’Albania
colpita più volte da eventi particolarmente devastanti, ed il seminario svolto
segna l’inizio di un percorso di collaborazione formativa con l’Italia, finalizzato
alla condivisione degli aspetti tecnici e normativi da adottare in questi casi.
Nei sette mesi trascorsi presso l’area del sisma Aquilano, dal 06/04/2009 al
31/10/2009, sono stati curati, assieme al Servizio Veterinario di Sanità Animale
ed agli operatori dell’Azienda Servizi Municipalizzati (ASM SpA) del Comune
dell’Aquila, sia gli aspetti puramente tecnici (attrezzature, formulati, operazioni
di campo) sia quelli umani (conforto, rassicurazione, sdrammatizzazione) legati
allo sviluppo di animali infestanti nelle aree colpite dal terremoto. In questi
casi, gli infestanti rappresentano a tutti gli effetti un fattore di rischio igienico
sanitario ed un disturbo psicologico per le persone coinvolte. Attraverso azioni
coordinate di monitoraggio e disinfestazione, lo staff coinvolto ha operato per
prevenire il rischio di malattie trasmesse da vettori, assistendo, con azioni immediate, tutte le segnalazioni ricevute dalla popolazione. I 395 interventi svolti
hanno interessato le Zone Rosse del Centro storico, le tendopoli, le strutture
pubbliche e quelle private: tali aree hanno messo in evidenza casistiche eterogenee ed esigenze tra loro differenziate. Le problematiche riscontrate hanno riguardato principalmente roditori (Mus musculus e Rattus norvegicus), mosche
(Musca domestica e Calliphora vomitoria), zecche (Rhipicephalus spp., Ixodes
spp., Dermacentor marginatus, Haemaphysalis punctata, Hyalomma marginatum),
locuste (Locusta migratoria), zanzare (Culex spp. e Aedes spp.), vespe (Vespula
germanica, Polistes gallicus, Vespa crabro), blatte (Blatta orientalis, Blattella germanica) e formiche (Tetramorium caespitum, Monomorium pharaonis, Linepithema humile, Crematogaster scutellaris). L’esecuzione di queste operazioni di controllo è stata particolarmente complessa e delicata, poiché svolta in emergenza
ed in presenza di persone emotivamente provate.
Parole chiave: Albania, emergenza, L’Aquila.
276
Sessione VII - Entomologia medico-veterinaria e forense. Presentazioni Posters
IDENTIFICAZIONE E DISTRIBUZIONE GEOGRAFICA DI VETTORI
RESPONSABILI DI MALATTIE TRASMESSE DA ZECCHE IN ITALIA
NORD OCCIDENTALE*
M. D. Pintore1, A. Pautasso1, B. Iulini1, W. Mignone1, M. L. Mancini1, L.
Mandola1, F. Rizzo1, R. Orusa1, E. Martello2, L. Tomassone2, A. Mannelli2 & C.
Casalone1
Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta
E-mail: mariadomenica.pintore@izsto.it
2
Facoltà Medicina Veterinaria di Torino E-mail: alessandro.mannelli@unito.
it; laura.tomassone@unito.it
1
Le infestazioni da zecche rappresentano da sempre un importante problema sanitario per gli animali e per l’uomo.
Le zecche sono parassiti ematofagi in grado di trasmettere agli ospiti vertebrati
una grande varietà di agenti patogeni (Rickettsia spp., Anaplasma spp., Borrelia
burgdorferi sensu lato, Flavivirus), causando malattie negli animali domestici,
selvatici e nell’uomo. Le specie e sottospecie di zecche attualmente conosciute in
Italia sono circa 40, di cui 7 appartenenti alla famiglia Argasidae (zecche molli)
e 33 alla famiglia Ixodidae (zecche dure). I principali vettori appartengono ai
generi Ixodes, Dermacentor, Haemaphysalis, Hyalomma, Rhipicephalus e Ornithodoros. Ciascuna specie ha peculiari caratteristiche ecologiche e biologiche e
differente capacità di trasmettere patogeni agli ospiti.
Scopo del lavoro è l’identificazione tassonomica delle zecche prelevate in aree della
Liguria, Piemonte e Valle d’Aosta, lo studio dell’associazione con gli agenti patogeni e l’individuazione delle specie di vertebrati coinvolte nei cicli di trasmissione.
Si tratta di uno studio preliminare volto ad individuare aree geografiche a rischio in Italia nord-occidentale e conoscere le specie di vettori e di patogeni
presenti, al fine di fornire informazioni importanti per ottimizzare la sorveglianza sulle zoonosi trasmesse da zecche in ambienti naturali, aree urbane o
periurbane.
Le zecche oggetto di studio vengono prelevate su ospite, da animali vivi o morti,
e nell’ambiente, attraverso la tecnica del panno strisciato (dragging), in siti selezionati in base a considerazioni ambientali (vegetazione, altitudine, esposizione).
I vettori prelevati verranno successivamente sottoposti ad indagini molecolari
per la ricerca degli agenti zoonotici.
Verranno presentati i risultati preliminari sull’identificazione tassonomica delle
zecche, la loro distribuzione geografica e lo spettro di ospiti, nelle aree di studio.
Parole chiave: agente patogeno, zoonosi, dragging.
* Progetto di ricerca corrente 2009 finanziato da Ministero della Salute “Malattie trasmesse da zecche: sviluppo e applicazione di metodi epidemiologici e
diagnostici”.
277
Sessione VII - Entomologia medico-veterinaria e forense. Presentazioni Posters
STUDIO SULLA COMPETENZA VETTORIALE DI AEDES ALBOPICTUS
PER IL VIRUS DELLA DENGUE: RISULTATI PRELIMINARI
R. Romi1, M. Di Luca1, L. Toma1, F. Severini1, D. Boccolini1, M. E. Remoli2, E.
Benedetti2, P. Bucci2, A. Marchi2, L. Nicoletti2 & M. G. Ciufolini2
Reparto di Malattie trasmesse da vettori e sanità internazionale, Dipartimento
di Malattie Infettive, Parassitarie ed Immunomediate, Istituto Superiore di
Sanità, Viale Regina Elena 299, 00161 Roma E-mail: romi@iss.it
2
Reparto di Malattie virali e vaccini attenuati, Dipartimento di Malattie
Infettive, Parassitarie ed Immunomediate, Istituto Superiore di Sanità, Viale
Regina Elena 299, 00161 Roma
1
La diffusione di Aedes albopictus nel bacino mediterraneo avvenuta negli ultimi
de-cenni, e in particolare la sua rapida espansione in Italia, comporta un concreto rischio di introduzione di arbovirus tropicali, come già dimostrato dall’epidemia di febbre da Chikungunya (CHIK) occorsa nel 2007 in Emilia Romagna.
Un motivo di maggiore preoccupazione è legato alla competenza vettoriale di A.
albopictus per i virus della Dengue (DENV). L’eventualità che episodi epidemici
dovuti a questi virus possano verificarsi nel nostro paese non è da ritenersi così
remota anche per il crescente nu-mero di infezioni importate in turisti di ritorno da aree endemiche. Scopo del lavoro è valutare la competenza vettoriale di
popolazioni italiane di A. albopictus al DENV (sierotipo-2) mediante infezione
orale con la tecnica “membrane feeding” e valutare la possibilità di trasmissione
verticale del virus alla progenie. Si sono utilizzate una colonia di laboratorio di
A. albopictus (ceppo Roma) e una di A. aegypti (ceppo Panama) come controllo.
3,5 ml di sangue infetto, costituito di “seed” virale De2-M6 (titolo 2.54x108 PFU/
ml), diluito 1:4 in sangue di coniglio, vengono inseriti nei contenitori in vetro
dell’apparato per l’infezione sperimentale e mantenuti a 37 °C; come membrana
si è utilizzato il Parafilm®. I contenitori vengono poggiati per 30 min. sopra le
gabbiette contenenti un numero noto di femmine di 5-7 giorni, preventi-vamente
tenute a digiuno per 24 h. Tra le zanzare con il pasto di sangue infetto sono
stati prelevati in media 6 es. ogni 3 gg., dal tempo 0 al 25° giorno e conservate
a -80 °C fino all’analisi. La raccolta è stata eseguita anche sulla progenie F1 del
1° e del 2° ciclo gonotrofico. Per determinare il titolo virale, ogni zanzara è stata
saggiata singo-larmente sia mediante titolazione in unità formanti placca (PFU/
ml) su cellule VERO, che mediante real time RT-PCR. L’analisi preliminare dei
risultati sembrerebbe indi-care la possibile replicazione del virus DENV-2 nella
popolazione di A. albopictus, sebbene il tasso di individui infetti sia risultato
piuttosto basso (20-30%). Al tempo 0 il 100% delle zanzare è risultato infetto. Il
titolo virale scende drasticamente tra il 2° e l’8° giorno per poi risalire tra l’8°
ed il 25°. Non si è osservata trasmissione verticale del virus sulla progenie F1.
Ulteriori esperimenti sono necessari per la messa a punto della tecnica e per
saggiare competenza e capacità vettoriale di altre popolazioni della specie, per
migliorare prevenzione e controllo in caso di emergenza Dengue.
Parole chiave: Aedes albopictus, arbovirus, infezione artificiale, Italia.
278
Sessione VII - Entomologia medico-veterinaria e forense. Presentazioni Posters
SORVEGLIANZA ENTOMOLOGICA E DATI PRELIMINARI DI
UN’INDAGINE VIROLOGICA CONDOTTA NELLA CITTÀ DI ROMA*
F. Severini1, C. Rossi3, M. Di Luca1, L. Toma1, D. Boccolini1, C. Fortuna2, P.
Bucci2, M. Ciufolini2, L. Nicoletti2, R. Romi1 & R. Di Domenicantonio3
1
Reparto di Malattie trasmesse da vettori e sanità internazionale, Dipartimento
di Malattie Infettive, Parassitarie ed Immunomediate, Istituto Superiore di
Sanità, Viale Regina Elena 299, 00161 Roma E-mail francesco.severini@iss.it
2
Reparto di Malattie virali e vaccini attenuati, Dipartimento di Malattie
Infettive, Parassitarie ed Immunomediate, Istituto Superiore di Sanità, Viale
Regina Elena 299, 00161 Roma
3
Comune di Roma, X Dip. “Tutela Ambientale e del Verde, Prot. Civ.”, U.O.
Benessere Animali
L’epidemia, avvenuta nel 2007 in provincia di Ravenna, ha messo in luce le potenzialità di Aedes albopictus come vettore del virus Chikungunya (CHIKV). La
sorveglianza relativa a questa specie risulta essere di fondamentale importanza
per rispondere adeguatamente in caso di altre emergenze. Nel comune di Roma,
nel 2009 (giugno-novembre), è stato intra-preso uno studio pilota che ha previsto
la cattura di es. di A. albopictus sul territorio citta-dino e un conseguente screening virologico dei campioni raccolti per verificare l’eventuale presenza di virus
di CHIK o di Dengue (DEN). Per lo studio si sono selezionati 3 siti in differenti
aree: Acilia, zona periferica ad alta densità di popolazione, Villa Carpegna e
Villa Lazzaroni, due parchi inseriti nel centro città in cui sono state collocate
trappole BG sentinel® per la cattura massiva di zanzare adulte e ovitrappole per
la stima delle ovide-posizioni. In ciascun sito 2 BG sentinel® sono rimaste attive
per 24 h ogni 7 giorni, mentre nei siti di Villa Carpegna ed Acilia un’ulteriore
trappola ha lavorato per l’intera settimana; inoltre le 6 ovitrappole sono state
controllate settimanalmente. Sono stati catturati oltre 4.600 esemplari, identificati morfologicamente, come A. albopictus (80,7%), la specie preponderante,
Culex pipiens (18,3%) e Culiseta longiareolata (1%). Queste specie sono risultate
presenti durante tutta la stagione di campionamento con dinamiche stagionali
diverse. Altre due specie sono state rinvenute in maniera sporadica durante le
raccolte, Culiseta annulata e un unico esemplare di Anopheles labranchiae identificato con analisi molecolare tramite PCR multiplex (da Proft et al., 1999,
Parasitol. Res., 85: 837-843). Lo studio effettuato con le ovitrappole ha mostrato
un alto numero medio di uova per trappola (39,34) e un altrettanto elevato tasso
medio di positività (79,73%). Per l’indagine virologica sono stati analizzati in
totale 944 esemplari, (491 femmine) riuniti in 62 lotti. Per ogni lotto sono state
eseguite due Real time PCR per il rilevamento dei virus del gruppo DEN e
del CHIKV. Nessun lotto è stato trovato positivo. I risultati preliminari ottenuti in questo studio saranno prossimamente supportati da un’ulteriore indagine
e, per una maggiore attendibilità, da un cospicuo aumento dei siti di studio.
Parole chiave: Chikungunya, Dengue, Anopheles, Aedes, Culex, Culiseta.
* Ricerca finanziata nell’ambito della Convenzione tra il Dip. X del Comune di
Roma ed il Dip. M.I.P.I. dell’Istituto Superiore di Sanità, Roma.
279
Sessione VII - Entomologia medico-veterinaria e forense. Presentazioni Posters
MONITORAGGIO DEI FLEBOTOMI NELL’AREA DEI COLLI EUGANEI
(PD)*
M. Signorini1, M. Drigo2, M. Martini2, G. Salemi3, F. Montarsi4, G. Agugiaro5 &
R. Cassini1
Dipartimento di Scienze Sperimentali Veterinarie, Università di Padova, Viale
dell’Università 16, 35020 Legnaro (PD)
E-mail: manusignorini@hotmail.com
2
Dipartimento di Sanità Pubblica, Patologia Comparata e Igiene Veterinaria,
Università di Padova, Viale dell’Università 16, 35020 Legnaro (PD)
3
Dipartimento di Architettura, Urbanistica e Rilevamento, Università di Padova,
Via Marzolo 9, 35131 Padova
4
Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie, Viale dell’Università 10,
35020 Legnaro (PD)
5
FBK, Fondazione Bruno Kessler, Via Sommarive 18, 38123 Trento
1
Nell’ultimo decennio sono stati segnalati nuovi focolai autoctoni di leishmaniosi
canina, zoonosi protozoaria trasmessa da flebotomi, nel nord Italia. Nell’ambito
di un progetto di ricerca, è stato effettuato un piano per monitorare la distribuzione dei flebotomi sui Colli Euganei, area a rischio per leishmaniosi canina
dopo la segnala-zione di un focolaio autoctono a Calaone (Comune di Baone)
nel 2005. Nel periodo giugno-ottobre 2009-2010 sono state effettuate 250 catture con sticky traps, attive settimanalmente per 2 notti consecutive in 10 siti,
distribuiti sull’intera area dei Colli Euganei. I flebotomi sono stati identificati
utilizzando le chiavi di Romi et al. (1994, ISTISAN, 94/8:33-42). I siti sono stati
georeferenziati con GPS (Juno SB®, Trimble, USA) e suddivisi in gruppi per il
confronto delle densità in relazione all’anno di cam-pionamento, all’altitudine
(<100m slm; ≥100m slm) e in 4 aree (S, W, N, E). Le densità sono state comparate con il test U di Mann-Whitney, preceduto dal test K di Kruskal-Wallis,
nel caso delle 4 aree. Nel 2010 le densità del sito CE1 (Calaone) sono state confrontate col test di correlazione di Spearman con i dati climatici (T° media;
U.R.) registrati tramite un Data Logger (HOBO Pro v2®, Onset, USA). Si sono
raccolti 1.509 flebotomi (8 siti e 93 catture) per una densità totale di 15,5 es./
m2. Il 77,9% apparteneva a Phlebotomus perniciosus, il 10,7% a P. neglectus, lo
0,8% a Sergentomyia minuta, mentre per il 10,5% non è stata possibile una sicura
identifi-cazione. Le densità dei siti > 100m slm (media: 24,7 f/m 2) sono risultate
signifi-cativamente maggiori (p<0,01) a quelle di pianura o pedecollinari (0,4
f/m2). Le densità dei siti dell’area S sono risultate più alte rispetto a tutte le
altre aree (p<0,01), mentre quelle dei siti dell’area E sono risultate le più basse
(p<0,05). Nessuna differenza di densità è stata rilevata tra i due anni. Le densità
nel sito CE1 (2010) sono correlate positivamente con la temperatura (p<0,01) e
negativamente con l’U.R. (p<0,05).
Parole chiave: leishmaniosi canina, densità, P. perniciosus, P. neglectus.
* Studio supportato da un PRA dell’Università di Padova (cod. CPDA083110).
280
Sessione VII - Entomologia medico-veterinaria e forense. Presentazioni Posters
DATI PRELIMINARI
MIGRATORI
SULLE
ZECCHE
REPERITE
SU
UCCELLI
L. Toma1, J. Cecere2, M. Di Luca1, R. Bianchi1, F. Manzia3 & C. Khoury1
Dipartimento di Malattie Infettive, Parassitarie ed Immunomediate, Istituto
Superiore di Sanità, Viale Regina Elena 299, 00161 Roma E-mail: luciano.
toma@iss.it
2
Dipartimento Conservazione Natura LIPU, sede di Roma, Via Reggio Emilia
29, 00189 Roma
3
Centro di Recupero Fauna Selvatica , LIPU Roma, Via Aldrovandi 2, 00197
Roma
1
Tra gli artropodi, le zecche sono efficienti vettori di molti patogeni virali, batterici e protozoari responsabili di malattie (tick-borne diseases, o TBD) oggi
considerate emergenti, sulla base dell’aumento dei casi registrati negli animali e
nell’uomo in tutto il mondo. Oltre all’aumento degli scambi economici e della
movimentazione di cose e persone nel mondo, il trasporto passivo sugli uccelli migratori consente la diffusione di molte specie di zecche da un continente
all’altro. Nel 2010 nell’ambito di una ricerca sulla composizione di specie delle
zecche del Lazio, volta anche a fornire uno screening dei patogeni circolanti
nella nostra regione, abbiamo intrapreso un’attività di prelievo di questi ectoparassiti dagli uccelli catturati durante la fase di inanellamento. Inoltre presso
il Centro di Recupero Fauna Selvatica – LIPU di Roma è stato avviato un
controllo passivo della presenza di zecche sugli uccelli in cura, per raccogliere dati anche sulle specie stanziali. Ad oggi soltanto l’attività di inanellamento
condotta presso le stazioni di Castel di Guido (RM), Paliano (RM), Ventotene
(LT) e Ponza (LT), ha consentito di catturare esemplari di zecche. Le catture
sono state possibili su 18 uccelli migratori appartenenti a 6 specie: monachella
(Oenanthe hispanica) (n=1), luì grosso (Phylloscopus trochilus) (n=1), usignolo (Luscinia megarhynchos) (n=8) tra i migratori a lungo raggio, e pettirosso (Erithacus
rubecola) (n=2), merlo (Turdus merula) (n=4) e capinera (Sylvia atricapilla) (n=2)
tra i migratori parziali. Su questi uccelli sono stati trovati 35 stadi giovanili di
zecche, e precisamente 33 ninfe appartenenti al genere Hyalomma (genere che
comprende le specie più competenti nella trasmissione del virus responsabile
della Crimean-Congo Haemorragic Fever (CCHF) (Ergönül, 2006, Lancet Infect. Dis., 6: 203-214), e 2 larve appartenenti al genere Ixodes. Le zecche raccolte
sono state conservate in etanolo al 70%. I dati qui presentati sono ancora preliminari e costituiscono la base per uno studio più ampio volto ad approfondire
il ruolo degli uccelli migratori rispetto all’ingresso e alla circolazione di TBD
(Hildebrandt et al., 2010, Ticks and Tick-borne Diseases, 1:105-7) in Italia.
Parole chiave: zecche, uccelli migratori, CCHF.
281
Sessione VII - Entomologia medico-veterinaria e forense. Presentazioni Posters
UN MODELLO STATISTICO PER LA VALUTAZIONE DELLA DINAMICA
STAGIONALE DI ANOPHELES LABRANCHIAE IN MAREMMA
R. Vallorani1, G. Messeri2, A. Crisci2, L. Angeli1, D. Boccolini3, L. Toma3, F.
Severini3, R. Romi3, A. M. Fausto4 & M. Di Luca3
Consorzio LaMMA, Via Madonna del Piano 10, 50019 Sesto Fiorentino (FI)
E-mail: vallorani@lamma.rete.toscana.it
2
IBIMET, Istituto di Biometeorologia, Consiglio Nazionale delle Ricerche, Via
Giovanni Caproni 8, 50145 Firenze
3
Dipartimento di Malattie Infettive, Parassitarie ed Immunomediate, Istituto
Superiore di Sanità, Viale Regina Elena 299, 00161 Roma
4
Dipartimento di Scienze Ambientali, Università della Tuscia, L.go dell’Università,
01100 Viterbo
1
Per analizzare la dinamica stagionale di Anopheles labranchiae, potenziale vettore di malaria in Italia e nel Mediterraneo, e prevedere le densità della specie in
relazione al variare dei fattori climatici, è stato sviluppato un modello in grado
di correlare dati entomologici con specifiche variabili climatiche. Con un approccio statistico multire-gressivo logistico si è costruito un modello prototipale che
ha messo in relazione variabili indipendenti osservate di tipo meteo-climatico
con la variabile dipendente da stimare, ossia la presenza della specie, categorizzata. Quali dati entomologici sono state utilizzate le catture effettuate nel 20052006 a Principina (GR), nel cuore della Maremma toscana, area iperendemica
per la malaria fino agli anni ‘40. Inizialmente si è condotta un’analisi esplorativa
dei dati osservati e delle matrici di correlazione per individuare quali fossero i
fattori meteo-climatici influenzanti la presenza della specie sul territorio. Formulato il modello lineare logistico multinomiale, è stata eseguita una procedura
iterativa (Test di Akaike) per selezionare quei parametri che meglio descri-vessero i dati osservati e un’analisi delle prestazioni con l’uso degli indici statistici
comunemente utilizzati in ambito meteorologico, quali l’Hit Rate, il POD (Probability Of Detection) e il FAR (False Alarm Ratio). Dall’analisi esplorativa dei
dati si evince che A. labranchiae predilige situazioni ambientali con condizioni
atmosferiche stabili, temperature elevate e prive di variazioni repentine, umidità relativa tipica degli ambienti palustri o prossimi ai bacini idrici. Il modello
statistico formulato si è dimostrato capace di descrivere con buona approssimazione i livelli di abbondanza della specie in relazione ad alcune variabili meteoclimatiche, che, in base alla letteratura e all’esperienza acquisita negli anni, erano state individuate come fattori determinanti per l’ecologia del vettore. Ciò è
stato corroborato dai valori degli indici statistici ottenuti: POD oltre il 90% e
FAR prossimo a 0 per la “categoria 0” (assenza della specie), POD oltre il 70%
e FAR inferiore al 25% per la “categoria 1” (densità medio-bassa) e la “categoria 2” (densità medio-alta), a testimoniare una buona capacità nel discriminare
la presenza o l’assenza della specie in determinate condizioni meteorologiche.
Parole chiave: modellistica biometeorologica, climatologia, Culicidae, malaria, Italia.
282
Sessione VII - Entomologia medico-veterinaria e forense. Presentazioni Posters
ENTOMOLOGIA FORENSE: SINTESI DI OLTRE 200 CASI
S. Vanin1 & M. Gherardi2
School of Applied Science, University of Huddersfield, Queensgate, HD1 3DH,
Huddersfield, Gran Bretagna E-mail: stefano.vanin@gmail.com
2
SC Medicina Legale, AUSL Valle d’Aosta, Via Chaligne, 11100 Aosta
1
In numerose pubblicazioni di carattere nazionale ed internazionale si rimprovera la mancanza o l’incompletezza dei dati circa la distribuzione, la fenologia, e
le abitudini trofiche delle specie di interesse entomologico-forense. Queste carenze non sono da imputarsi solamente ad una reale mancanza di dati ma anche
alla mancanza di una sintesi dei dati fino ad ora raccolti, sia su casi reali che
durante le sperimentazioni su modello animale.
Il presente lavoro si prefigge lo scopo di fornire informazioni utili per l’applicazione dell’approccio entomologico forense nell’Italia centrosettentrionale. I dati
presentati riguardano oltre 220 casi in cui erano presenti insetti, rinvenuti nel
periodo 1998-2011 principalmente in Toscana, Lombardia e Veneto.
La maggior parte dei cadaveri apparteneva ad individui di sesso maschile (70%)
di età compresa tra i 55 e gli 89 anni ed è stata trovata in ambiente indoors
(78%). Sono stati esaminati cadaveri in tutti gli stadi di decomposizione con una
netta prevalenza di corpi in attiva o avanzata putrefazione.
I casi rinvenuti in ambiente aperto riguardavano per la maggior parte giovani tossicodipendenti. È da sottolineare come numerosi casi riguardino cadaveri
rinvenuti sulle sponde di fiumi e canali, elemento caratteristico del territorio
dell’Italia settentrionale.
Gli insetti maggiormente campionati sono stati ditteri appartenenti alle famiglie
Calliphoridae, Sarcophagidae e Muscidae mentre i coleotteri sono stati rinvenuti solo raramente. Le larve dei ditteri sono state raccolte nel 87% dei casi,
mentre le uova nel 29% e pupe o pupari in circa il 19%.
Sui cadaveri sono state riscontrate nove specie di calliforidi [Phormia regina
(Meigen), Protophormia terranovae (Robineau), Lucilia sericata (Meigen), L.
caesar (Linnaeus), L. illustris (Meigen), Chrysomya albiceps (Wiedemann), Calliphora vomitoria (Linnaeus), C. vicina Robineau, C. loewi Enderlein], mentre
tra i muscidi sono stati rinvenuti esemplari appartenenti al genere Hydrotaea
[H. dentipes (Fabricius) e H. capensis (Wiedemann)] e tra i fanniidi esemplari di
Fannia scalaris (Fabricius) e F. canicularis (Linnaeus). I sarcofagidi sono stati
identificati solo a livello generico.
L’importanza del presente contributo non risiede solo nell’azione di sintesi e di
divulgazione dei dati relativi alla casistica del Centro-Nord Italia, ma anche nel
fatto che viene sottolineato dove sarebbe più utile ed opportuno orientare le future sperimentazioni in campo entomologico-forense al fine di colmare le lacune
conoscitive emerse da un ampia casistica.
Parole chiave: entomologia forense, colonizzazione, Megaselia.
283
Sessione VIII
BIOTECNOLOGIE ENTOMOLOGICHE
Presentazioni orali
Sessione VIII - Biotecnologie entomologiche - Presentazioni orali
geni, molecole e controllo degli insetti
F. Pennacchio
Dipartimento di Entomologia e Zoologia agraria “Filippo Silvestri”, Università
degli Studi di Napoli “Federico II”, Via Università 100, 80055 Portici (Na)
E-mail: f.pennacchio@unina.it
La crescente disponibilità di informazioni molecolari (genomiche, proteomiche
e metabolomiche) relative ad insetti, e ad organismi e microrganismi che con
essi interagiscono, consente lo svolgimento di studi funzionali sempre più approfonditi.
La scoperta dei meccanismi sottesi ai delicati equilibri dell’omeostasi fisiologica
o che regolano le complesse interazioni simbiotiche, mutualistiche ed antagonistiche, fornisce nuove possibilità di controllo degli insetti dannosi, basate sull’alterazione mirata di importanti funzioni vitali.
Tale obiettivo può essere raggiunto studiando bersagli molecolari sensibili per
individuare sostanze capaci di interferire con essi o attingendo alla biodiversità
molecolare delle interazioni antagonistiche degli insetti per individuare molecole
e geni con attività insetticida, modellate da lunghi processi co-evolutivi.
Le conoscenze di base e gli strumenti di indagine molecolare che derivano da
uno dei più consolidati modelli di studio in biologia, il moscerino della frutta Drosophila melanogaster Meigen, hanno consentito un rapido sviluppo degli
studi in questo settore dell’entomologia, favorendo l’estensione di indagini molecolari approfondite in un crescente numero di specie di interesse economico
e sanitario. Le prospettive sono certamente interessanti, ma una loro positiva
concretizzazione richiede un armonico sviluppo di studi di base, finalizzati a
risolvere problemi relativi alla efficienza e sicurezza delle tecnologie applicative
suscettibili di sviluppo.
La presente relazione ha lo scopo di fare il punto su questi argomenti di ricerca,
volgendo l’attenzione verso gli insetti di interesse economico in agricoltura, con
particolare riferimento allo studio delle interazioni molecolari pianta-fitofagientomofagi quale base conoscitiva per lo sviluppo di nuove strategie per la protezione delle piante.
Parole chiave: biotecnologie, genomica funzionale, interazioni multitrofiche,
bionsetticidi.
287
Sessione VIII - Biotecnologie entomologiche - Presentazioni orali
GENI E SEGNALI ATTIVI NELLE INTERAZIONI MOLECOLARI
PIANTA-AGENTI DI STRESS BIOTICO
R. Rao
Dipartimento di Scienze del Suolo, della Pianta, dell’Ambiente e delle Produzioni
Animali, Università degli Studi di Napoli “Federico II”, Via Università 100,
80055 Portici (NA) E-mail: rosa.rao@unina.it
Le piante non posseggono cellule specializzate a svolgere le funzioni immunitarie.
Pertanto, quando attaccata da un agente patogeno o da un insetto, la cellula
vegetale attua una riprogrammazione del trascrittoma dando priorità alla difesa
rispetto alle altre funzioni cellulari.
Ad oggi, non è ancora noto come le piante riescano a combinare la moltitudine
di segnali ambientali, parte sinergici e parte antagonisti, che consentono loro di
attivare risposte adeguate ai numerosi e diversificati stress che esse subiscono
costantemente non solo negli habitat naturali, ma anche negli ambienti di coltivazione.
Lo studio delle modifiche trascrizionali di geni e segnali attivi nelle interazioni
pianta-stress biotici, percepite da geni sentinella e modulate da geni chiave, fornisce nuovi strumenti di comprensione dei complessi sistemi di risposta molecolare attivati dalla pianta a seguito di attacchi di parassiti.
Vengono presentati i dati relativi alle modifiche trascrizionali e proteomiche
imposte alla pianta di pomodoro dall’attacco afidico ed alla tolleranza acquisita da piante di pomodoro che sovra-esprimono la molecola segnale Sistemina
a larve di lepidotteri, Spodoptera littoralis (Boisduval), ad afidi, Macrosiphum
euphorbiae (Thomas), e a funghi fitopatogeni, Botrytis cinerea Pers. ex Fr., in
una modalità quantitativamente dipendente dalla presenza del precursore della
Sistemina.
I risultati ottenuti dimostrano che l’accumulo della Sistemina in pomodoro preadatta la pianta all’attacco di lepidotteri, afidi e funghi.
Parole chiave: interazioni pianta-insetto e pianta-fungo, prosistemina, analisi
microarray.
288
Sessione VIII - Biotecnologie entomologiche - Presentazioni orali
COME SUPERARE LA BARRIERA INTESTINALE: NUOVE STRATEGIE
PER LA SOMMINISTRAZIONE DI BIOINSETTICIDI
M. Casartelli
Dipartimento di Biologia, Università degli Studi di Milano, Via Celoria 26,
20133 Milano E-mail: morena.casartelli@unimi.it
Le ricerche volte all’identificazione di bioinsetticidi devono essere affiancate da
studi che abbiano come obiettivo la definizione di opportune strategie di somministrazione. Queste strategie devono assicurare che le molecole ad attività insetticida somministrate oralmente possano raggiungere i target posti all’interno
del corpo dell’insetto in quantità sufficiente a esercitare efficacemente il loro
effetto tossico. Occorre quindi facilitare il loro passaggio attraverso la barriera
intestinale, costituita dalla membrana peritrofica (MP) e dall’epitelio intestinale assorbente, alterando le proprietà di filtro della MP e agendo sulle vie di
permeazione dell’epitelio. Abbiamo dimostrato che alterazioni delle proprietà di
barriera della MP causate da una chitinasi ricombinante di origine virale determinano un aumento della concentrazione ectoperitrofica di piccoli peptidi attivi
e quindi del loro flusso attraverso la barriera intestinale. La somministrazione
dell’enzima chitinolitico in associazione con molecole ad attività insetticida rappresenta quindi una strategia molto promettente.
Superata la MP, le molecole devono oltrepassare l’epitelio intestinale, e nel loro
movimento dal lume all’emocele seguono, a seconda delle loro proprietà chimico-fisiche e biologiche, la via paracellulare, costituita dalle membrane laterali
di due cellule adiacenti e dal complesso giunzionale, o la via transcellulare. Lo
studio dei meccanismi cellulari e molecolari coinvolti nel passaggio di peptidi e
proteine attraverso queste due vie ci ha permesso di individuare strategie idonee
ad aumentarne la permeabilità. Riguardo alla via paracellulare, abbiamo identificato un acido grasso a catena media che, interagendo con specifiche proteine
di membrana, attiva un pathway intracellulare, che porta ad un aumento della
concentrazione citosolica di calcio e ad un incremento della permeabilità paracellulare. L’aumento dell’assorbimento di proteine attraverso la via transcellulare
potrebbe essere ottenuto grazie a una macromolecola che abbiamo dimostrato
essere internalizzata nelle cellule intestinali in modo estremamente efficiente da
un recettore multiligando. Tale macromolecola, o suoi specifici domini, potrebbero essere utilizzati come vettore per incrementare l’assorbimento di proteine
ad attività insetticida poco permeabili. Abbiamo anche dimostrato che un’altra
strategia efficace a tale scopo è l’impiego dei Cell Penetrating Peptides (CPP),
peptidi ricchi di amminoacidi basici formati da circa 30 residui amminoacidici, che, in insetto come in mammifero, possono essere utilizzati come vettori
per potenziare l’ingresso in cellula di macromolecole incapaci di attraversare le
membrane plasmatiche.
Parole chiave: intestino di insetto, membrana peritrofica, trasporto di proteine e
peptidi, via paracellulare, via transcellulare.
289
Sessione VIII - Biotecnologie entomologiche - Presentazioni orali
Drosophila
COME
SISTEMA
MODELLO
FUNZIONALE DI FATTORI DI VIRULENZA
PER
L’ANALISI
G. Gargiulo
Dipartimento di Biologia Evoluzionistica Sperimentale, Università degli Studi
di Bologna, Via Selmi 3, 40126 Bologna E-mail: giuseppe.gargiulo@unibo.it
Drosophila rappresenta un importante sistema modello per lo studio della funzione genica in vivo. Le tecniche genetiche applicabili in Drosophila consentono
lo studio dei meccanismi cellulari e molecolari che sottendono numerosi processi biologici quali la proliferazione e la morte cellulare programmata, la risposta
immunitaria, ecc. In Drosophila la capacità di dirigere l’espressione dei geni in
esame in specifiche cellule e/o tessuti rappresenta un potente mezzo di analisi
per lo studio della funzione genica in vivo. Numerosi geni derivanti da organismi differenti sono stati sottoposti ad analisi funzionale in Drosophila.
Allo scopo di studiare le basi molecolari delle interazioni ospite-parassitoide,
abbiamo intrapreso un’analisi funzionale volta allo studio di specifici geni codificanti fattori di virulenza mediante la loro espressione in Drosophila.
La specie parassitoide oggetto del nostro studio è Toxoneuron nigriceps (Viereck) (Hymenoptera, Braconidae), parassitoide endofago degli stadi larvali di
Heliothis virescens (Fabricius) (Lepidoptera, Noctuidae). Tale parassitoide è associato ad un polydnavirus simbionte (TnBV), iniettato al momento dell’ovideposizione insieme alle uova e al veleno, che è responsabile della alterazione della
risposta immunitaria e del bilancio endocrino dell’ospite.
Tra i differenti geni di TnBV identificati, di particolare interesse è il gene
TnBVank1. La proteina TnBVANK1 mostra omologia con proteine IkB simili di
numerose specie. Tutti i membri della famiglia IkB posseggono delle ripetizioni
di anchirine che, legandosi a proteine NF-kB/Rel, mascherano i loro segnali di
localizzazione nucleare. La proteina TnBVANK1 manca dei domini di regolazione che ne controllano la degradazione.
L’espressione del gene TnBVank1 è stata da noi indotta in diversi tessuti e specifici momenti dello sviluppo di Drosophila e i risultati di tale analisi saranno
presentati e discussi.
Parole chiave: transgenesi, polydnavirus, apoptosi, immunosoppressione.
290
Sessione VIII - Biotecnologie entomologiche - Presentazioni orali
IL MICROBIOMA SIMBIONTE: UNA RISORSA PER IL CONTROLLO
DEGLI INSETTI DANNOSI E DEI VETTORI
D. Daffonchio1 & A. Alma2
DISTAM, Università degli Studi di Milano, Via Celoria 2, 20133 Milano
E-mail: daniele.daffonchio@unimi.it
2
DIVAPRA, Entomologia e Zoologia applicate all’Ambiente “C. Vidano”,
Università degli Studi di Torino, Via L. da Vinci 44, 10095 Grugliasco (TO)
E-mail: alberto.alma@unito.it
1
Come gli insetti utili quali gli impollinatori o i predatori e i parassitoidi sono
di vitale importanza per il mantenimento degli equilibri degli ecosistemi, così
molti altri insetti causano notevoli danni, sia all’uomo sia ad animali e piante.
Oltre ai danni diretti molti insetti agiscono da vettori di microrganismi patogeni, anche molto virulenti.
Una strategia emergente e sostenibile per il controllo degli insetti dannosi e
dei patogeni che trasmettono consiste nello sfruttamento dei simbionti che ogni
insetto ospita. È, infatti, ormai evidente come gli animali, pressoché tutti, stabiliscano relazioni simbiotiche con un numero talvolta enorme di microrganismi diversi che sono indispensabili per l’omeostasi dei diversi organi e distretti
corporei. Nel caso degli insetti, i simbionti primari, come Buchnera negli afidi o
Sulcia nelle cicaline, svolgono un ruolo insostituibile per l’equilibrio nutrizionale
dell’ospite. Senza questi simbionti afidi e cicaline non potrebbero sopravvivere
sulla propria dieta carente di aminoacidi essenziali. Altri simbionti, cosiddetti
secondari, pur non essendo indispensabili, possono sostanzialmente migliorare
la fitness dell’ospite, ad esempio aumentandone la resistenza ai parassitoidi. I
simbionti “egoisti” o manipolatori riproduttivi sono capaci di influire profondamente sulla sessualità dell’ospite sbilanciandola a favore della propria trasmissione.
Sono ormai diversi gli esempi di sfruttamento delle proprietà biologiche di questi simbionti per controllare il ciclo vitale dell’ospite. Tuttavia, quasi tutti i simbionti delle classi menzionate presentano l’inconveniente dell’incoltivabilità al di
fuori del proprio ospite e quindi sono difficilmente gestibili. Grande interesse
ha anche una quarta categoria di simbionti, quella dei commensali, che spesso
si comportano da simbionti secondari ed essendo coltivabili rappresentano una
potenziale importante risorsa per interferire con il ciclo biologico dell’ospite.
Le caratteristiche biologiche dei simbionti e le loro potenzialità per le applicazioni di controllo dell’ospite e dei patogeni trasmessi sono qui analizzate attraverso l’illustrazione di alcuni studi sulla biologia di differenti modelli entomologici ospite-simbionte e dei diversi approcci di controllo che sono stati derivati
dalla comprensione della natura della relazione simbiotica.
Parole chiave: simbionti primari e secondari, manipolatori riproduttivi, controllo simbiotico, paratransgenesi.
291
Sessione VIII - Biotecnologie entomologiche - Presentazioni orali
PRIMI RISULTATI RELATIVI AD UNO STUDIO DI FATTIBILITÀ
DELLA TECNICA DELL’INSETTO STERILE PER IL CONTROLLO DI
RHYNCHOPHORUS FERRUGINEUS
M. Cristofaro1, R. Sasso1, S. Musmeci1, S. Arnone1, V. Di Ilio2, A. De Biase3 &
S. Belvedere3
UTAGRI-ECO, ENEA CR Casaccia, Via Anguillarese 301, 00123 Roma
E-mail: mcristofaro@enea.it
2
BBCA onlus, Via del Bosco 10, 00060 Sacrofano (RM)
3
Dipartimento di Biologia e Biotecnologie “C. Darwin”, Università di Roma
Sapienza, Viale dell’Università 32, 00185 Roma
1
Rhynchophorus ferrugineus Olivier (Coleoptera, Dryophthoridae), punteruolo
rosso delle palme, originario del sud-est asiatico, introdotto in Italia nel 2004,
è la causa della attuale strage di Phoenix canariensis, palma delle Canarie. La
potenziale suscet-tibilità di Chamaerops humilis, palma nana autoctona delle coste occidentali della penisola e delle isole, rende questo insetto ancor più pericoloso. La IAEA di Vienna ha finanziato nel 2010 uno studio di fattibilità per
valutare se la biologia e il comportamento dell’insetto possano essere compatibili con l’applicazione della tecnica dell’insetto sterile (SIT), nell’ambito di una
strategia di controllo territoriale. La ricerca è stata svolta su tre linee: allevamento dell’insetto in condizioni controllate, studio del comportamento riproduttivo, valutazione degli effetti di radiazioni γγ sugli adulti. Sono stati confrontati
un substrato naturale, la mela, ed una dieta artificiale adattando una dieta per
curculionidi. Sono stati misurati l’accrescimento e rilevati i tempi di sviluppo
fino allo sfarfallamento degli adulti. La dieta artificiale è risultata idonea, con
un ciclo vitale leggermente più breve rispetto a quello ottenuto su mela. Lo
studio del comportamento riproduttivo ha previsto, in una prima fase, la valutazione della fertilità di •• selvatiche: il 69% delle •• provenienti dall’interno
di palme abbattute nel mese di ottobre 2010 è risultato essere fertile mentre a
breve sarà valutata la fertilità di •• prelevate da palma nel gennaio 2011. La
fertilità delle •• catturate in trappole innescate con feromoni di aggregazione e
in assenza di •• è invece risultata essere dell’89%; tutte le •• estratte dai pupari hanno mostrato una scarsa fecondità (~30 uova/•). Sono in corso studi di
genetica mediante l’uso di marcatori microsatelliti e SNPs, per condurre analisi
di paternità e di pedigree, allo scopo di conoscere il sistema di accoppiamento
e di riproduzione del punteruolo, finora non indagato in maniera approfondita.
Le prove SIT hanno previsto: irraggiamento di •• neosfarfallati (dose 15 Gγ
e “dose rate” di 1’ 12’’), accoppia-mento con •• vergini, monitoraggio della
fertilità e fecondità fino alla fine del ciclo vitale. Non sono state riscontrate
differenze significative tra la fecondità delle •• accoppiate con •• irraggiati e
quelle accoppiate con •• non irraggiati (oltre 300 uova/• per entrambe le tesi),
mentre per la fertilità si è rilevata una riduzione signi-ficativa (>50%). Non sono
state invece trovate differenze per la longevità dei ••.
Parole chiave: punteruolo rosso, palma, SIT.
292
Sessione VIII - Biotecnologie entomologiche - Presentazioni orali
EFFICACIA LARVICIDA DI UNA FORMULAZIONE SPERIMENTALE
DI BREVIBACILLUS LATEROSPORUS NEL BIOCONTENIMENTO DI
MUSCA DOMESTICA IN AMBIENTE ZOOTECNICO*
L. Ruiu, A. Satta & I. Floris
Dipartimento di Protezione delle Piante, Università degli Studi di Sassari, Via
E. De Nicola, 07100 Sassari E-mail: lucaruiu@uniss.it
Gli interventi per il contenimento delle popolazioni di Musca domestica Linnaeus in contesti zootecnici sono spesso basati sull’impiego intensivo di prodotti
chimici adulticidi. Tuttavia, la minimizzazione degli effetti negativi sulla salute
dell’uomo e sull’ambiente promuove lo sviluppo di strategie di contenimento alternative ed ecologicamente più responsabili. Fra queste, oltre alla corretta gestione igienico-sanitaria degli allevamenti ed al ricorso a mezzi biotecnici, in una
logica di lotta integrata si prospetta l’impiego di agenti di controllo biologico
(BCA), tra cui gli entomopatogeni, la cui azione, normalmente mediata da tossine
insetticide, è altamente specifica per le specie bersaglio. Ad oggi, la grande varietà di formulazioni o ceppi di Bacillus thuringiensis Berliner, non offre possibilità
concrete ed efficaci nei confronti di M. domestica. Mentre, da recenti attività di
screening condotte nei nostri laboratori, è emerso un nuovo ceppo di Brevibacillus laterosporus Laubach significativamente attivo nei confronti di questo insetto.
Nell’estate del 2008 è stata condotta una prova finalizzata a testare l’efficacia
in campo di una formulazione sperimentale contenente spore associate ai tipici
corpi parasporali di B. laterosporus. Allo scopo, sono state identificate tre differenti aziende zootecniche nell’area di Arborea (Sardegna centro-meridionale),
caratterizzate da un’elevata infestazione di mosche, individuando all’interno di
ciascuna, tre aree (10 m2) del paddock, uniformemente ricoperte da masse di
letame. I trattamenti larvicidi sono stati effettuati nel periodo estivo mediante atomizzatore sulla massa di letame ad intervalli di 3 giorni per un periodo
di 2 settimane e con una dose di 3 l/m 2 dei seguenti prodotti: B. laterosporus
(concentrazione di 2x108 spore/ml), Azadiractina (25 µg/ml) (controllo positivo),
acqua (controllo negativo). Il monitoraggio larvale, mediante campionamenti di
letame settimanali, ha evidenziato una riduzione significativa della densità di
popolazione larvale, rispettivamente pari al 43% ed al 63%, per i trattamenti
effettuati con B. laterosporus e Azadiractina.
Parole chiave: mosche, bioinsetticida, batteri entomopatogeni, azadiractina.
* Lavoro eseguito nell’ambito del Progetto di Ricerca PRIN 2008 “Individuazione e
valutazione di nuovi biopesticidi microbiologici e vegetali per il controllo naturale
di insetti nocivi” (Coordinatore: Prof. I. Floris, Univ. di Sassari) e attualmente in
corso di stampa su Journal of Medical Entomology (Ruiu L., Satta A. & Floris
I., 2011. Comparative applications of azadirachtin and Brevibacillus laterosporus based formulations for house fly management experiments in dairy farms.).
293
Sessione VIII
BIOTECNOLOGIE ENTOMOLOGICHE
Presentazioni Posters
Sessione VIII - Biotecnologie entomologiche - Presentazioni Posters
IL RUOLO DEGLI ALLELOCHIMICI NEL RAPPORTO INSETTOPIANTA. UN CASO STUDIO SU CALLISTEMON SPP. E BEMISIA TABACI
(HEMIPTERA, ALEYRODIDAE)
L. Bellini1, P. Sacchetti2, P. Vernieri3, P. L. Cioni4 & E. Rossi1
Dipartimento CDSL “G. Scaramuzzi”, Sez. Entomologia agraria, Università di
Pisa, Via S. Michele degli Scalzi 2, 56124 Pisa
E-mail: erossi@agr.unipi.it
2
Dipartimento di Biotecnologie Agrarie, Sez. Entomologia generale e applicata,
Università degli Studi di Firenze, Via Maragliano 77, 50144 Firenze
3
Dipartimento di Biologia delle Piante agrarie, Sezione Orticoltura e Floricoltura,
Università di Pisa, Viale delle Piagge 23, 56124 Pisa
4
Dipartimento di Chimica Bioorganica della Facoltà di Farmacia, Università di Pisa,
Via Bonanno 33, 56126 Pisa
1
Gli allelochimici prodotti dalle piante con diversi scopi quali, ad esempio, l’attrazione di animali che consentano l’impollinazione o la dispersione dei semi,
possono costituire, laddove identificati, un potenziale strumento per il controllo
del comportamento di specie animali dannose alle piante.
Nel presente lavoro è stata condotta un’indagine allo scopo di identificare gli
allelochimici coinvolti nel rapporto tra piante del genere Callistemon, arbusti
sempreverdi della famiglia delle Myrtaceae ormai molto diffusi nei giardini e
nelle sistemazioni a verde, e Bemisia tabaci (Gennadius, 1889), Aleurodide fitomizo ampiamente diffuso in molte parti del mondo e che causa ingenti danni
alle colture in pieno campo e in serra.
A tale scopo sono state effettuate serie di biosaggi in olfattometro (verticale e
a Y).
Le analisi sono state condotte su tre specie, C. pallidus (Bonpl.) DC., C. laevis
(Anon.) e C. phoeniceus (Lindl.). Si è proceduto quindi a un’analisi dei composti
volatili emessi dalle foglie tramite SPME-GC/MS.
Il composto principale delle emissioni volatili di C. pallidus è risultato essere il
monoterpene ossigenato linalolo (15,5%), presente in concentrazioni molto basse
nelle altre due specie. In C. laevis e C. phoeniceus invece si è osservata un’alta
concentrazione del monoterpene ossigenato 1,8-cineolo (47,1% e 89,1%, rispettivamente), presente unicamente in tracce in C. pallidus. I biosaggi in olfattometro hanno mostrato come il C. pallidus sia risultato maggiormente attrattivo nei
confronti dell’Aleirodide rispetto alle altre due specie.
Biosaggi in olfattometro a Y condotti successivamente con i composti puri
(1,8-cineolo e linalolo) hanno confermato la tendenza di Bemisia ad evitare l’1,8cineolo.
Pur trattandosi di dati ancora preliminari, se confermati, potrebbero suggerire
lo sfruttamento della repellenza esercitata dall’1,8-cineolo nei confronti di B.
tabaci in strategie di lotta integrata contro questo insetto.
Parole chiave: oli essenziali, 1,8-cineolo, linalolo, lotta integrata.
297
Sessione VIII - Biotecnologie entomologiche - Presentazioni Posters
STRATEGIE ADOTTATE DA UN DENSOVIRUS PER SUPERARE LA
BARRIERA INTESTINALE DI UN LEPIDOTTERO PERMISSIVO
I. Castelli1, B. Diamante1, M. Ogliastro2 & M. Casartelli1
Dipartimento di Biologia, Università degli Studi di Milano, Via Celoria 26,
20113 Milano E-mail: ilaria.castelli@unimi.it
2
Biologie Intégrative et Virologie des Insectes UMR 1231 INRA-Université
Montpellier II, Place Eugène Bataillon, Bat. 24, cc101, 34095 Montpellier Cedex
5, Francia
1
I densovirus sono letali per lo stadio larvale di molte specie di insetto, incluse
numerose dannose all’agricoltura, e sono perciò oggi considerati possibili agenti
di controllo biologico. In questo studio abbiamo utilizzato il densovirus di Junonia coenia (JcDNV) e il suo ospite permissivo, la larva del lepidottero Spodoptera frugiperda (J. E. Smith), con l’obbiettivo di chiarire il meccanismo utilizzato
dal virus per superare la barriera intestinale.
Studi precedenti avevano dimostrato che le particelle virali, introdotte per ingestione di cibo contaminato, superano l’epitelio intestinale senza replicarsi in
questo tessuto e che nelle fasi iniziali dell’infezione il virus è osservabile all’interno delle cellule colonnari, ma non nelle cellule a coppa o nelle cellule staminali, gli altri due tipi cellulari che costituiscono l’epitelio dell’intestino medio
larvale di lepidottero.
Isolando l’intestino di S. frugiperda in camere di Ussing, abbiamo ora osservato che dopo 10 minuti dall’aggiunta di JcDNV nel compartimento luminale,
il virus è localizzato all’interno delle cellule colonnari, mentre dopo 30 o 60
minuti è presente negli spazi intercellulari. Utilizzando cellule colonnari isolate,
abbiamo osservato che il virus viene internalizzato con diversi meccanismi di
endocitosi, e che induce un aumento della concentrazione citosolica di calcio, un
mediatore intracellulare che modula la permeabilità della via paracellulare. In
effetti, l’aggiunta di JcDNV al lato luminale dell’intestino montato in camere di
Ussing determina una riduzione significativa della resistenza elettrica paracellulare, un parametro indice della permeabilità della giunzione settata.
Possiamo quindi affermare che il legame del virus al recettore di membrana e/o
la sua internalizzazione nelle cellule colonnari attiva un pathway intracellulare
non ancora identificato, che determina un aumento della concentrazione citosolica di calcio seguita da un aumento della permeabilità della via paracellulare,
la principale via di permeazione utilizzata dal virus per superare l’intestino di
S. frugiperda e raggiungere in grande quantità i tessuti target. Il virus presente
nelle cellule colonnari viene invece indirizzato verso il pathway di degradazione
intracellulare.
Parole chiave: intestino larvale di lepidottero, controllo biologico, endocitosi,
via paracellulare.
298
Sessione VIII - Biotecnologie entomologiche - Presentazioni Posters
Impatto della sistemina di pomodoro sugli afidi
M. Coppola1 , M. C. Digilio2, G. Corrado1, F. Pennacchio2 & R. Rao1
Dipartimento di Scienze del Suolo, della Pianta, dell’Ambiente e delle Produzioni
Animali, Università degli Studi di Napoli “Federico II”, Via Università 100,
80055 Portici (NA)
E-mail: mari.coppola@gmail.com
2
Dipartimento di Entomologia e Zoologia agraria “Filippo Silvestri”, Università
degli Studi di Napoli “Federico II”, Via Università 100, 80055 Portici (Na)
E-mail: digilio@unina.it
1
Nelle piante della famiglia delle Solanacee è presente un peptide ormonale, la
sistemina, il quale, in seguito a danno meccanico o ad attacco da parte di insetti masticatori, diffonde rapidamente nel floema un “allarme” sistemico. Questo
induce la produzione di composti difensivi, quali inibitori di proteasi, ed una
produzione alterata di composti volatili.
La sistemina viene generata in seguito all’attacco a partire da un precursore di
dimensioni maggiori, la prosistemina (prosys). L’espressione in pianta di prosys
rappresenta quindi un utilissimo strumento per lo studio della risposta di difesa
della pianta alle aggressioni esterne.
In questo studio vogliamo valutare l’impatto della sistemina sugli insetti fitomizi, attraverso l’espressione in pianta di costrutti diversi di prosys, in un sistema
modello costituito da pomodoro Red Setter e dall’afide Macrosiphum euphorbiae
(Thomas). Per questo, abbiamo allevato gli afidi sui seguenti genotipi: 1) prosys
sovraespressa, 2) prosys silenziata, 3) costrutto deleto della parte codificante la
sistemina, 4) piante controllo. Gli afidi allevati in presenza di prosys espressa
costitutivamente ad alto livello hanno raggiunto un peso minore rispetto a tutti
gli altri genotipi. Inoltre abbiamo osservato che l’elevata espressione di prosys
riduce significativamente la longevità degli afidi.
La mancata attività del costrutto deleto suggerisce che proprio il piccolo peptide sistemina, e non l’intero costrutto, è responsabile della ridotta performance
degli afidi su pomodoro sovraesprimente prosistemina.
Parole chiave: Macrosiphum euphorbiae, difese inducibili, prosistemina.
299
Sessione VIII - Biotecnologie entomologiche - Presentazioni Posters
EFFETTO DELLA PROSISTEMINA E DELLE SECREZIONI ORALI DI
SPODOPTERA LITTORALIS NELLA DIFESA DIRETTA DEL POMODORO
M. Coppola1, I. Di Lelio2, G. Corrado1, A. Garonna2 & R. Rao1
Dipartimento di Scienze del Suolo, della Pianta, dell’Ambiente e delle Produzioni
Animali, Università degli Studi di Napoli Federico II, Via Università 100, 80055
Portici (NA) E-mail: mari.coppola@gmail.com
2
Dipartimento di Entomologia e Zoologia Agraria “Filippo Silvestri”, Università
degli Studi di Napoli Federico II, Via Università 100, 80055 Portici (NA)
1
La prosistemina (ProSys) è il precursore di un peptide di 18 aminoacidi, la sistemina, molecola segnale rilasciata in risposta al “wounding” e alla fitofagia.
Il peptide attiva la via metabolica degli octadecanoidi, determinando la produzione di acido jasmonico (JA) e l’induzione di numerosi geni di difesa tra cui gli
inibitori di proteasi (PI).
La sistemina è stata a lungo considerata il segnale mobile in grado di attivare
la risposta sistemica del pomodoro. Più recentemente il ruolo di molecola sistemica è stato attribuito al JA.
Con l’obiettivo di approfondire le conoscenze sul coinvolgimento della molecola nella risposta locale e sistemica contro insetti sono state prodotte piante di pomodoro che sovraesprimono costitutivamente il gene ProSys. L’effetto
dell’espressione costitutiva del transgene determina la sovraespressione dei geni
codificanti per PI.
La quantificazione dei trascritti dei geni ProSys e PI-I in genotipi transgenici
sui quali erano alimentate larve di Spodoptera littoralis (Boisduval), ha confermato che la sistemina, inducendo localmente la produzione di JA, come noto
dalla letteratura, è coinvolta nell’induzione della risposta sistemica in pomodoro. Inoltre, in queste piante, è stato osservato un incremento dei trascritti
di PI sistemina-indipendente, probabilmente innescato da elicitori presenti nella
saliva delle larva di S. littoralis.
Le larve alimentate su foglie di piante con vari livelli di espressione di ProSys
hanno mostrato un accrescimento ponderale inversamente proporzionale alla
quantità di trascritto suggerendo un effetto quantitativo della prosistemina
nell’interferenza con lo sviluppo larvale. Mentre la ProSys conferma il suo ruolo
chiave nell’induzione della risposta sistemica del pomodoro, molecole di provenienza larvale appaiono attivare nella pianta ulteriori risposte di difesa.
Parole chiave: interazione pomodoro-lepidotteri, risposta sistemica, prosistemina.
300
Sessione VIII - Biotecnologie entomologiche - Presentazioni Posters
MODULAZIONE DELLA VIA PARACELLULARE NELL’INTESTINO
MEDIO LARVALE DI LEPIDOTTERO
B. Diamante1, I. Castelli1, F. Pennacchio2, B. Giordana1 & M. Casartelli1
Dipartimento di Biologia, Università degli Studi di Milano, Via Celoria 26,
20133 Milano E-mail: barbara.giordana@unimi.it
2
Dipartimento di Entomologia e Zoologia Agraria “Filippo Silvestri”, Università
di Napoli “Federico II”, Via Università 100, 80055 Portici (NA)
1
La via paracellulare dell’intestino medio di insetto, ossia il canale acquoso formato dal complesso giunzionale e dalla membrana laterale di due cellule adiacenti, è particolarmente indicato per favorire il passaggio di bioinsetticidi a basso peso molecolare con target emocelico.
Il nostro gruppo di ricerca ha recentemente dimostrato che la permeabilità della
giunzione settata dell’intestino larvale di lepidottero può essere modulata da
variazioni della concentrazione citosolica di calcio.
Abbiamo ora studiato uno dei pathways del segnale che porta al rilascio di
calcio dai depositi intracellulari e quindi all’aumento della permeabilità della
giunzione.
L’acido grasso a catena media C10 è in grado di modulare la giunzione stretta
di mammifero determinando l’attivazione di pathways intracellulari calcio-dipendenti. L’aggiunta di questo acido grasso al lato luminale dell’intestino medio larvale di lepidottero isolato in camere di Ussing, determina una riduzione della resistenza elettrica paracellulare, ossia un aumento della permeabilità
ionica della giunzione, e un aumento del flusso di proctolin e di fluoresceina,
due molecole organiche che superano l’intestino esclusivamente attraverso la via
paracellulare.
Abbiamo evidenziato che il C10 attiva la fosfolipasi C e la cascata del segnale
dipendente da inositolo-3-fosfato che determina il rilascio di calcio dai depositi
intracellulari. L’aumento della concentrazione citosolica di questo ione attiva
una chinasi specifica che fosforila la catena leggera della miosina. Questa fosforilazione determina presumibilmente una modificazione dell’organizzazione del
citoscheletro connesso alla giunzione settata, causa, a sua volta, dell’aumento
della permeabilità della via paracellulare agli ioni e alle piccole molecole organiche.
Parole chiave: barriera intestinale, giunzione settata, C10, citoscheletro, bioinsetticidi.
301
Sessione VIII - Biotecnologie entomologiche - Presentazioni Posters
Interazione tra composti volatili
pomodoro e comportamento degli afidi
prodotti
dal
M. C. Digilio1, L. Iodice2, P. Cascone2 & E. Guerrieri2
Dipartimento di Entomologia e Zoologia agraria “Filippo Silvestri”, Università
degli Studi di Napoli “Federico II”, Via Università 100, 80055 Portici (Na)
E-mail: digilio@unina.it
2
Istituto per la Protezione delle Piante, Consiglio Nazionale delle Ricerche, Via
Università 133, 80055 Portici (NA) E-mail: guerrieri@ipp.cnr.it
1
Da diversi anni il nostro gruppo studia i meccanismi della difesa diretta ed
indiretta nel sistema costituito dal pomodoro, Lycopersicum esculentum (L.),
dall’afide Macrosiphum euphorbiae (Thomas) e dal suo nemico naturale il braconide Aphidius ervi (Haliday).
Gli studi condotti hanno messo in evidenza che le risposte metaboliche della
pianta risultano sistemiche e variabili a seconda degli organismi coinvolti. In
particolare, il nostro gruppo ha caratterizzato le alterazioni che si verificano
nella emissione di composti volatili organici (VOC) a seguito della colonizzazione radicale da parte del fungo micorrizico Glomus mosseae (T.H. Nicolson
& Gerd.) Gerd. & Trappe, del fungo antagonista non micorrizico Trichoderma
harzianum Rifai ovvero della infestazione da parte di M. euphorbiae o della sovraespressione di un gene di difesa del pomodoro (la sistemina).
Tutte queste alterazioni sono state anche valutate dal punto di vista funzionale,
ossia nel loro effetto sull’attrazione del parassitoide A. ervi. Largamente inesplorata è rimasta la valutazione di eventuali effetti diretti di tali composti, in
particolare sul comportamento di selezione, fissaggio ed accettazione da parte
dell’afide.
In questo lavoro ci proponiamo di valutare tali effetti, privilegiando quei composti che sono risultati chiave nella regolazione del comportamento di volo del
parassitoide A. ervi.
Lo scopo principale di questa ricerca è comprendere se gli stessi composti possano svolgere una duplice azione di difesa. La possibilità di distribuire semiochimici capaci di attrarre i nemici naturali, e di avere anche un impatto negativo diretto sugli afidi, aprirebbe nuove prospettive di controllo sostenibile in
una coltura di grande tradizione ed importanza economica nel nostro paese,
attraverso l’utilizzo di sostanze naturali prodotte dalle piante stesse.
Parole chiave: Macrosiphum euphorbiae, VOC, semiochimici, resistenza vegetale.
302
Sessione VIII - Biotecnologie entomologiche - Presentazioni Posters
POLIMORFISMO E METILAZIONE DEL DNA: UN SUO POSSIBILE
RUOLO NELLA RISPOSTA ALLO STRESS TERMICO DI CAPNODIS
TENEBRIONIS
A. Forzati, G. Bari, O. Panzarino, P. Vernile, E. de Lillo & C. De Giovanni
Di.B.C.A., Facoltà di Agraria, Università di Bari “Aldo Moro”, Via Amendola
165/a, 70126 Bari
E-mail: claudio.degiovanni@agr.uniba.it
Le larve di Capnodis tenebrionis (Linnaeus) (Coleoptera, Buprestidae) infestano
le radici di drupacee causandone spesso la morte. Ciascuna femmina depone
oltre un migliaio di uova nei primi millimetri di suolo e presso il colletto. La
temperatura influenza ampiamente la fisiologia della larva e dell’adulto, il conseguimento della maturità sessuale e la fertilità come altre manifestazioni biologiche, fisiologiche e comportamentali. In generale, le risposte metaboliche agli
stress ambientali si articolano principalmente attraverso variazioni dell’espressione genica e l’attivazione di meccanismi epigenetici, tra cui la metilazione del
DNA. L’abilità di alterare rapidamente e reversibilmente i pattern d’espressione
di numerosi geni rappresenta la chiave della flessibilità della risposta agli stress.
Non potendo disporre di informazioni specifiche sul DNA del buprestide e volendo saggiare la risposta epigenetica allo stress termico si è inteso applicare la
tecnica RAPD per identificare le sonde genomiche capaci di rilevare polimorfismi sul DNA di questi insetti.
Adulti di C. tenebrionis sono stati catturati nel settembre 2010 e allevati in condizioni controllate (23 o 28±1°C, 16 ore di luce e 8 ore di buio, UR 70±10%) per
una settimana. Gonadi di maschi e femmine, selezionati in base alla temperatura di allevamento, sono state destinate all’estrazione del DNA genomico.
Per la tecnica RAPD sono stati utilizzati 44 primers OPERON delle serie OPY,
OPU, OPW e OPX. Il DNA genomico dei maschi allevati a 28°C è stato saggiato per primo. Dai primi esiti è stato possibile selezionare 18 primers in base
ai profili elettroforetici con il maggior numero di bande di restrizione. Successivamente, i primers selezionati sono stati saggiati su DNA genomico tal quale
e DNA digerito con le endonucleasi di restrizione HpaII e MspI (enzimi sensibili alla metilazione), ottenuti da femmine allevate a 23 o 28°C. Solo i primers
OPY8 e OPY12 hanno prodotto profili RAPD con differenze tra DNA tal quale
e DNA digerito. I risultati del polimorfismo di banda prodotto da questi due
primers sono stati ulteriormente confermati eseguendo saggi sul DNA genomico
dei maschi e delle femmine allevati sia a 23 che a 28°C. In questo modo le bande di DNA individuate sono state clonate e avviate al sequenziamento.
Il DNA di tutti gli insetti precedentemente trattati è stato digerito con due differenti coppie di enzimi di restrizione sensibili alla metilazione e ibridato con le
sonde precedentemente isolate, tramite tecnica “Southern”, al fine di ottenere un
overview degli eventuali siti genomici di C. tenebrionis differentemente metilati.
Parole chiave: buprestidi, DNA metilazione, RAPD marker.
303
Sessione VIII - Biotecnologie entomologiche - Presentazioni Posters
RUOLO
DI
BATTERI
SIMBIONTI
NELLA
RIPRODUZIONE
PARTENOGENETICA
TELITOCA
DI
LEPTOCYBE
INVASA
(HYMENOPTERA, EULOPHIDAE)
M. Giorgini1, M. M. Monti1, F. Nugnes2, M. Gebiola1,2 & U. Bernardo1
CNR, Istituto per la Protezione delle Piante, Via Università 133, 80055 Portici (NA)
E-mail: giorgini@ipp.cnr.it; monti@ipp.cnr.it
2
Dipartimento di Entomologia agraria, Università di Napoli “Federico II”, Via
Università 100, 80055 Portici (NA)
1
Gli Imenotteri sono organismi aplo-diploidi che si riproducono per partenogenesi
arrenotoca. Molte specie però si caratterizzano per l’assenza della riproduzione
sessuale e per l’esclusiva produzione di progenie femminile diploide da uova non
fecondate. Questa forma di riproduzione, nota come partenogenesi telitoca, può
essere geneticamente determinata o indotta da batteri simbionti intracellulari
dei generi Wolbachia, Rickettsia e Cardinium. Questi causano il ripristino della
diploidia nelle uova non fecondate che quindi originano progenie femminile.
Leptocybe invasa Fisher & La Salle è un fitofago di origine australiana di recente
introduzione in Italia. Esso attacca varie specie di eucalipto causando la formazione di galle globose singole e multiloculari su nervatura principale e picciolo
delle foglie, su rametti e germogli, che possono essere fortemente compromessi.
In questo lavoro è stata studiata una popolazione telitoca di L. invasa presente in
Portici (NA): il 100% degli individui raccolti in campo in varie epoche dell’anno
è risultato di sesso femminile, confermando quanto generalmente osservato per
questa specie nell’areale di origine ed in altre zone di diffusione. Femmine adulte sono state sottoposte ad indagini molecolari o di microscopia a fluorescenza
per evidenziare la presenza di batteri simbionti. Mediante screening con PCR
per la ricerca di batteri simbionti responsabili di alterazioni della riproduzione
negli artropodi è stato evidenziato che il 100% delle femmine adulte risultava
infetto da Rickettsia. Lo strain del simbionte è stato caratterizzato mediante
sequenziamento e analisi filogenetica dei geni 16S rRNA, gltA e atpA. L’ibridazione in situ (FISH) con sonde oligonucleotidiche fluorescenti per il 16S rRNA
ha mostrato un’alta densità di Rickettsia negli ovarioli, negli oociti e nelle uova
completamente sviluppate. I risultati ottenuti dimostrano che i batteri simbionti
sono trasmessi verticalmente (transovaricamente) dalla madre alla progenie con
elevata efficienza (100% di femmine infette) lasciando intravedere un ruolo fondamentale della Rickettsia nella riproduzione di L. invasa. Rickettsia potrebbe
indurre la partenogenesi telitoca, come osservato in altri Eulophidae. Un protocollo per il trattamento con antibiotici di femmine infette, allo scopo di ottenere
da queste ultime la produzione di progenie maschile, è in via di definizione per
attestare il ruolo di Rickettsia quale agente causale della telitochia in L. invasa.
Non sono, infine, da escludere altri effetti del simbionte sulla fitness dell’ospite.
Parole chiave: analisi molecolare, FISH, partenogenesi, simbiosi, Rickettsia.
304
Sessione VIII - Biotecnologie entomologiche - Presentazioni Posters
CONTROLLO
DELLA
MOSCA
DELLE
INTERRUZIONE DELLA BATTERIOSIMBIOSI
OLIVE
MEDIANTE
P. Sacchetti, A. Granchietti & A. Belcari
Dipartimento di Biotecnologie agrarie, Sezione di Protezione delle Piante, Via
Maragliano 77, 50144 Firenze E-mail: patrizia.sacchetti@unifi.it
Nella lotta contro la mosca delle olive, Bactrocera oleae (Rossi), sono entrati
in uso diversi prodotti considerati ad azione repellente e/o antideponente. Per
meglio chiarire se tali preparati siano in grado di interferire con la batteriosimbiosi, la cui importanza è vitale per la mosca, nel biennio 2009-2010 sono
state condotte ricerche in campo e in laboratorio volte a distinguere gli effetti
prodotti.
Le indagini in campo sono state effettuate su cinque piante omogenee, ponendo
individui selvatici di B. oleae in manicotti avvolti attorno ad un ramo di olivo
con un opportuno numero di drupe. Su ogni pianta è stato individuato un numero di rami pari alle tesi a confronto e ciascun ramo è stato trattato con un
prodotto diverso.
Nel 2009 si sono eseguiti due esperimenti per confrontare Poltiglia Caffaro (20%
di rame da solfato), Pasta Caffaro (25% di rame da ossicloruro), Propoli e testimone non trattato. Nella prima prova le olive sono state raccolte dopo 7 giorni
dall’inizio dell’esperimento, mentre nella seconda prova, al fine di evidenziare
gli effetti dei trattamenti sugli stadi giovanili più avanzati, le drupe sono state
raccolte dopo 21 giorni dall’introduzione delle mosche nei manicotti. Nel 2010
alle sostanze valutate l’anno precedente si è aggiunto il caolino (Surround WP).
Nel 2009 i prodotti a base di rame hanno determinato una sensibile riduzione dell’infestazione media delle olive. Per quel che riguarda la mortalità delle
uova i risultati non hanno consentito di evidenziare differenze fra i trattamenti,
mentre i prodotti a base di rame hanno provocato una mortalità delle larve
superiore a quella del controllo.
Nel 2010 l’infestazione delle drupe è risultata essere molto alta nelle tesi non
trattato e propoli; i due prodotti a base di rame hanno portato ad una riduzione della percentuale di drupe infestate. Il caolino ha dato i risultati migliori,
abbassando di oltre il 50% l’infestazione delle olive. Anche nel 2010 le larve di
prima età si sono rivelate molto sensibili ai prodotti a base di rame e di caolino.
I risultati osservati sulla mortalità larvale confermano l’attività simbionticida dei
prodotti rameici, unita ad un’azione antideponente, mentre per il caolino, oltre
ad uno spiccato effetto repellente, si registra anche un’inattesa attività larvicida.
Infine, in laboratorio sono stati allestiti esperimenti per verificare l’ipotesi che le
mosche venute a contatto con i prodotti impiegati in campo vengano private dei
batteri naturalmente presenti nel tratto anteriore dell’intestino. I risultati vengono discussi in relazione agli effetti osservati in campo sull’infestazione delle olive.
Parole chiave: Bactrocera oleae, batteri, formulati rameici, caolino.
305
Sessione VIII - Biotecnologie entomologiche - Presentazioni Posters
PERMEABILITÀ DEL CORION DI LEPTOGLOSSUS OCCIDENTALIS A
SOLVENTI E CRIOPROTETTIVI*
A. Strangi & P. F. Roversi
CRA-ABP Centro di Ricerca per l’Agrobiologia e la Pedologia, Via di Lanciola
12/a, Cascine del Riccio, 50125 Firenze E-mail: agostino.strangi@entecra.it
A seguito dell’introduzione accidentale di Leptoglossus occidentalis Heidemann
in Italia e dell’impatto di questo Coreide sulla produzione nazionale di pinoli,
nonché dei timori per la rinnovazione delle pinete collocate in aree protette, è
stato avviato nel 2009 uno specifico progetto di ricerca del MIPAAF, mirato
alla definizione di metodologie e strumenti a basso impatto ambientale per il
controllo di questo fitofago.
Uno specifico work package è stato finalizzato alla individuazione di antagonisti
naturali nell’areale di origine di L. occidentalis, alla loro introduzione e riproduzione massale in laboratorio, con particolare attenzione a parassitoidi oofagi.
In questo ambito sono state avviate anche indagini di laboratorio per verifiche
sulle possibilità di stoccaggio a breve e lungo termine di uova indenni di L.
occidentalis e di uova del Coreide parassitizzate, contenenti embrioni vitali di
antagonisti naturali.
Dato che per gli artropodi la conservazione delle uova tramite vitrificazione
richiede la preliminare eliminazione di parte dell’acqua intracellulare e la sua
rapida sostituzione con crioprotettivi, quale primo passo dello studio è stata
indagata “in vivo” la permeabilità del corion delle uova di L. occidentalis.
Le uova tal quali sono risultate impermeabili anche al crioprotettivo di minore
peso molecolare (etilene glicole). Gruppi di 50 uova ciascuno sono state pertanto immerse per tempi crescenti in eptano, successivamente poste per 1 ora in
una soluzione concentrata di saccarosio (1.0 M) e infine immerse per 1 ora in
Etilenglicole (2.0 M).
L’efficienza del protocollo di permeabilizzazione testato è stata controllata tramite conteggio del numero di uova schiuse rispetto ai controlli.
Le uova di L. occidentalis hanno mostrato una elevata resistenza agli effetti
dell’immersione in eptano, fornendo percentuali di sopravvivenza superiori al
70% anche dopo 1 ora di trattamento. In consequenza di ciò è stata registrata
una bassa penetrazione di etilene glicole, inferiore a quanto di norma necessario
per consentire la transizione di fase vetrosa durante la discesa termica.
Parole chiave: uova Coreidi, permeabilizzazione, stoccaggio a breve e lungo termine.
* Ricerca svolta nell’ambito del Progetto Nazionale MIPAAF “PINITALY – Rilancio della produzione italiana di pinoli attraverso la messa a punto di nuove
strategie di difesa fitosanitaria”, D.M. 256/7303/07.
306
Sessione IX
ENTOMOLOGIA
MERCEOLOGICA ED URBANA
Presentazioni orali
Sessione IX - Entomologia merceologica ed urbana. Presentazioni orali
ATTIVITÀ FUMIGANTE DI COMPOSTI VOLATILI DI ORIGINE
VEGETALE VERSO GLI ADULTI DI SITOPHILUS GRANARIUS
G. S. Germinara1, A. De Cristofaro2, A. Di Palma1 & G. Rotundo2
Dipartimento di Scienze Agro-Ambientali, Chimica e Difesa Vegetale, Università
degli Studi di Foggia, Via Napoli 25, 71100 Foggia E-mail: s.germinara@unifg.it
2
Dipartimento di Scienze Animali, Vegetali e dell’Ambiente, Università degli
Studi del Molise, Via De Sanctis, 86100 Campobasso
1
Sitophilus granarius (Linnaeus) (Coleoptera, Dryophthoridae) è tra i più importanti infestanti dei cereali conservati, in grado di arrecare notevoli danni
sia quantitativi che qualitativi. Le fumigazioni con bromuro di metile o fosfina
hanno rappresentato per molti anni la principale strategia di controllo del fitofago. Tuttavia le limitazioni legislative imposte all’uso del bromuro di metile
ed i problemi legati all’uso continuo della fosfina, tra cui la selezione di ceppi
resistenti, inducono alla ricerca di nuovi principi attivi. In un precedente studio sono state individuate alcune sostanze volatili di origine vegetale ad azione
repellente nei confronti degli adulti del Drioftoride. Nel presente lavoro, in considerazione della loro elevata volatilità, è stata valutata l’attività fumigante di
tre repellenti a sei atomi di carbonio (esanale, esanolo, 2-esanone) aventi gruppi
funzionali diversi. Un contenitore cilindrico di vetro (600 mL) è stato utilizzato
come camera di fumigazione. Un disco di carta da filtro (Ø 2,0 cm) è stato sospeso al centro del contenitore mediante un filo di ferro collegato alla superficie
inferiore del coperchio. Adulti dell’insetto (n = 20) sono stati posti nella camera
di fumigazione ed il dischetto di carta trattato con un determinato volume di
sostanza. Ciascun composto è stato saggiato alle dosi di 0, 2,5, 5, 10, 20, 30, 40
mg/L aria. Per ogni dose sono stati allestite 5 ripetizioni. Gli esperimenti sono
stati condotti anche in presenza di cariossidi di frumento (100 g) poste nella
camera di fumigazione prima degli insetti. I contenitori sono stati tenuti al buio
a 25±2 °C. Dopo 24 h è stata determinata la mortalità degli adulti e calcolate le
concentrazioni letali 50 (CL50).
In assenza di cariossidi di frumento, la CL50 è risultata di 129, 6,1 e 7,3 mg/L
aria rispettivamente per esanale, esanolo e 2-esanone. In presenza di cariossidi
di frumento, la CL50 è stata di 19,2 e 12,6 mg/L aria per esanolo e 2-esanone
mentre per l’esanale non è stato possibile calcolarla in quanto, alle dosi utilizzate, le percentuali di mortalità sono risultate inferiori al 3%.
Esanolo e 2-esanone hanno mostrato una tossicità acuta significativamente
maggiore della corrispondente aldeide sia in presenza che in assenza di cariossidi di frumento. Tale tossicità, sebbene ridotta dalla presenza delle cariossidi,
è comparabile con quella di altri fumiganti di origine vegetale potenzialmente
suscettibili di applicazione pratica.
Parole chiave: calandra del grano, repellenti vegetali, CL50.
309
Sessione IX - Entomologia merceologica ed urbana. Presentazioni orali
ESITI PRELIMINARI DI PROVE DI SAGGIO SULLE PREFERENZE DEL
TONCHIO CALLOSOBRUCHUS MACULATUS VERSO TIPI LOCALI DI
CICER ARIETINUM
O. Panzarino, G. Bari, P. Vernile, R. Mondelli & E. de Lillo
Di.B.C.A., Facoltà di Agraria, Università di Bari “Aldo Moro”, Via Amendola
165/a, 70126 Bari E-mail: onofrio.panzarino@uniba.it
I bruchidi infestano i semi di molte specie di leguminose in campo e magazzino
rendendo la granella non più idonea al consumo animale e umano.
Callosobruchus maculatus (F.) (Coleoptera, Bruchidae) è il tonchio di maggiore
interesse economico al mondo su semi di vigna, fagiolo, cece, pisello, lenticchia,
ecc. Le segnalazioni del bruchide in campo sono alquanto contenute nel nostro
territorio mentre la sua presenza in magazzino è ampia per località e granella.
Lo studio delle preferenze alimentari di questo insetto ha lo scopo di valutare
la suscettibilità delle varietà di interesse commerciale e di selezionare risorse
genetiche vegetali da destinare al miglioramento varietale. La valutazione preliminare delle preferenze alimentari di C. maculatus è stata eseguita su tre tipi
locali di Cicer arietinum L. (Altamura, Grumo Appula Bianco e Grumo Appula
Nero), tre varietà commerciali (Sultano e Barraco; più una varietà non identificabile del circuito Selex usato come testimone). L’insetto è stato sottoposto a
saggi in condizioni controllate (buio, 30±0,5 °C e U.R. 70±5%) e in presenza
di più tipi di seme (“free-choice assay”) o in presenza di un solo tipo di seme
(“no-choice assay”).
Con la contemporanea presenza di più tipi di granella, l’insetto ha mostrato
la tendenza prevalente a visitare il seme del testimone rispetto agli altri semi,
mentre la selezione del G. A. Nero è stata scarsa. Analizzando la prolificità
dell’insetto, il numero di uova deposte sulla granella dell’ecotipo G. A. Nero è
stato significa-tivamente inferiore rispetto a quello accertato sugli altri tipi di
semi nel “free-choice assay”, mentre è stato significativamente differente rispetto
a tutti gli altri tipi di semi ad eccezione del Sultano nel “no-choice assay”.
In entrambe le tipologie di saggio, la mortalità embrionale, larvale e pupale è stata maggiore per i tonchi sviluppatisi in semi G. A. Nero rispetto a quelli provenienti dagli altri tipi di cece. Inoltre, lo sfarfallamento di nuovi adulti allevati in
semi di G. A. Nero è avvenuto sempre con ritardo rispetto agli altri tipi di seme.
Questi risultati suggeriscono un certo effetto biologico dell’ecotipo locale a tegumento scuro G. A. Nero nel limitare l’azione del tonchio. Va sottolineato,
comunque, che il cece G. A. Nero possiede dimensioni relativamente più piccole
rispetto agli altri tipi saggiati. Nell’ambito di un processo di rivalutazione del
germoplasma locale, una maggiore considerazione agronomica e tecnologica si
rende quindi necessaria, anche per lo sfruttamento nel miglioramento delle produzioni di cece.
Parole chiave: bruchidi, free-choice, no-choice, miglioramento varietale.
310
Sessione IX - Entomologia merceologica ed urbana. Presentazioni orali
ATTIVITÀ REPELLENTE DEI PRINCIPALI COMPONENTI DELL’OLIO
ESSENZIALE DI HYPTIS SUAVEOLENS NEI CONFRONTI DI
SITOPHILUS GRANARIUS
B. Conti1, A. Canale1, G. Flamini2 & P. L. Cioni2
Dipartimento di Coltivazione e Difesa delle Specie Legnose “G. Scaramuzzi”,
Università di Pisa, Via S. Michele degli Scalzi 2, 56124 Pisa
E-mail: bconti@agr.unipi.it
2
Dipartimento di Scienze Farmaceutiche, Sede di Chimica Bioorganica e
Biofarmacia, Università di Pisa, Via Bonanno 6, 56126 Pisa
1
Gli insetti nocivi ai cereali in post-raccolta sono responsabili di importanti perdite economiche. Il loro controllo è stato, fino a poco tempo fa, effettuato mediante insetticidi fumiganti quali il bromuro di metile e la fosfina. La revoca
del primo ed i problemi di tossicità, resistenza indotta e potere inquinante della
seconda, stanno orientando la ricerca verso nuove strategie di difesa.
Le proprietà insetticide e repellenti manifestate da alcuni oli essenziali (OE)
estratti da vegetali hanno aperto un promettente nuovo ambito di ricerca applicata, in virtù della bassa tossicità verso organismi non target e della loro efficacia. Tra le specie di potenziale interesse, vi sono alcune Lamiaceae tropicali del
genere Hyptis. È infatti noto che in Africa occidentale vengono introdotte foglie
di H. suaveolens nei magazzini per proteggere i legumi dagli insetti dannosi.
Avendo verificato precedentemente l’attività insetticida e repellente dell’OE di
H. suaveolens estratto da piante coltivate in Toscana, scopo del presente lavoro è
stato quello di analizzare l’OE stesso al fine di individuarne i principali composti e verificarne la repellenza nei confronti degli adulti del coleottero drioftoride
Sitophilus granarius (Linnaeus).
L’OE, estratto da foglie fresche, è stato analizzato mediante gas-cromatografia
abbinata a spettrometria di massa (GC-MS). Le prove di repellenza sono state condotte su carta da filtro (8 cm Ø) in piastre Petri, in cui metà carta era
trattata con 0.5 ml di acetone (controllo) e l’altra con 0.5 ml di una soluzione
di acetone ed il composto puro, alla stessa percentuale contenuta nell’olio. In
ogni Petri sono stati trasferiti 20 adulti coevi di S. granarius. Per ogni soluzione
sono state effettuate 4 repliche. I controlli sono stati effettuati dopo 1, 3, 5 e 24
ore dal trattamento, registrando il numero di insetti che si trovavano nelle due
metà. Sono stati testati i seguenti maggiori componenti: sabinene, terpinolene,
α- e β-pinene, β-cariofillene, limonene e 4-terpineolo.
I composti che hanno manifestato maggiore repellenza sono stati il sabinene, il
β-cariofillene, l’α- e il β-pinene. I primi due hanno esercitato buona repellenza
a partire da poche ore dall’applicazione risultando efficaci sopratutto a distanza
di 24 ore. I secondi hanno esercitato repellenza solo a distanza di 24 ore.
Parole chiave: bioattività, bioinsetticida, protezione integrata.
311
Sessione IX - Entomologia merceologica ed urbana. Presentazioni orali
INTRODUZIONE DI SPECIE
AEROPORTI DEL LAZIO
ALIENE
ATTRAVERSO
PORTI
E
A. F. Inghilesi1, L. Aquiloni1, J. de Silva2, V. Francardi2, G. Mazza1, A. Monaco3,
F. Pennacchio2, P. Sposimo4 & F. Gherardi1
Dipartimento Biologia Evoluzionistica “Leo Pardi”, Università di Firenze, Via
Romana 17, 50125 Firenze E-mail: alberto.inghilesi@unifi.it
2
CRA-Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura, Centro di
ricerca per l’Agrobiologia e la Pedologia, ex Istituto Sperimentale per la Zoologia
Agraria-I.S.Z.A., Via di Lanciola 12/a, Cascine del Riccio, 50125 Firenze
3
Agenzia Regionale Parchi, Regione Lazio, Settore biodiversità e reti ecologiche,
Via del Pescaccio 96, 00166 Roma
4
NEMO, Nature and Environment Management Operators s.r.l., Piazza M.
D’Azeglio 11, 50121 Firenze
1
A causa della globalizzazione dell’economia, porti e aeroporti giocano un ruolo
sempre più importante nell’ambito delle invasioni biologiche. Infatti, l’aumentata complessità delle reti di trasporto e la crescente domanda di merci intensificano la probabilità di introduzione di specie aliene. Queste specie possono essere
esse stesse oggetto di commercio o essere contaminanti di merci. In particolare,
molte sono le specie di insetti che si comportano da passeggeri “clandestini” di
aerei e navi.
Gli aeroporti di Fiumicino e di Ciampino e il porto di Civitavecchia sono importanti punti di ingresso sul territorio italiano di merci e di passeggeri. A seguito di un’analisi preliminare, volta a determinare l’importazione nei vari scali
di particolari merci “sensibili”, è stato effettuato nell’estate 2009 a Fiumicino
e Civitavecchia un monitoraggio con trappole di tipo multifunnel e theysohn,
innescate con attrattivi generici. Da questo studio, realizzato nell’ambito del
PASAL (Progetto Atlante Specie Alloctone del Lazio), è emerso che Fiumicino e
Civitavecchia, in particolare, sono importanti sorgenti di specie aliene. Ad oggi
sono state rinvenute 11 specie aliene, l’introduzione delle quali è dovuta con certezza al commercio aereo o navale. Tra queste ricordiamo il primo ritrovamento
per l’Europa di Ataenius picinus Harold, 1867 (Coleoptera, Aphodiidae).
Come sottolineato dai principi guida adottati dalla Convenzione per la Diversità Biologica, la prevenzione è la migliore arma contro le minacce prodotte dalle
specie aliene. Risulta dunque fondamentale studiare le sorgenti e i “pathway”
seguiti da queste specie. Conoscere nel dettaglio i flussi di scambio e le reti di
collegamento è cruciale quando si devono adottare strategie volte a contrastare
l’introduzione di specie invasive. L’uso di trappole con attrattivi generici può
essere uno strumento utile, specialmente quando le ispezioni dirette sono assenti o non riescono a coprire in maniera sufficiente le importazioni, soprattutto
quando provengono da Paesi che sono probabili sorgenti di specie invasive.
Parole chiave: invasioni biologiche, intercettazioni, alloctoni, merci, contaminanti.
312
Sessione IX - Entomologia merceologica ed urbana. Presentazioni orali
TECNICHE PER la diagnosi TEMPESTIVA degli attacchi di
Rhynchophorus ferrugineus su palme delle Canarie
P. Suma, A. La Pergola & S. Longo
Dipartimento di Gestione dei Sistemi Agroalimentari e Ambientali, Sezione
Entomologia agraria, Università degli Studi di Catania, Via Santa Sofia 100,
95123 Catania E-mail: suma@unict.it
Il Punteruolo rosso delle palme, ampiamente diffuso anche nell’Europa mediterranea, a partire dal 2005 ha manifestato, in Italia, i primi segni evidenti delle
sue infestazioni soprattutto su Phoenix canariensis. Il comportamento endofita
delle larve rende difficile l’individuazione tempestiva delle fasi iniziali dell’infestazione e, già in presenza di lievi asimmetrie della chioma, spesso la vitalità
della palma è compromessa.
Per la diagnosi tempestiva della presenza del curculionoideo su palme delle Canarie, a partire dal 2006, sono state effettuate: indagini visive, termografiche,
endoscopiche e sono state impiegate trappole feromoniche al fine di individuare
le prime fasi di colonizzazione. Per le indagini visive dirette nei casi di ispezioni
su palme di altezza superiore ai 3 metri sono state impiegate pedane elevatrici e,
soprattutto quando la logistica non ne permetteva il loro impiego, una microcamera wireless montata su asta telescopica e connessa ad un computer portatile.
L’analisi termografica è stata effettuata impiegando due modelli di termocamera
a differente sensibilità termica (0,08-0,02 °C a 30 °C). L’endoscopia è stata effettuata con un fibroscopio e un videoscopio di tipo industriale la cui fibra ottica
veniva inserita praticando un apposito foro nello stipite delle palme subito al di
sotto del punto di inserzione delle foglie più esterne per visualizzarne i tessuti
interni. In 45 siti della Sicilia centro-orientale sono state inoltre posizionate un
totale di 52 trappole attivate con il feromone sintetico di aggregazione del Punteruolo rosso.
Ai fini della diagnosi precoce sono stati considerati quali parametri di valutazione le risposte positive (catture alle trappole in aree in cui la presenza dell’insetto
era già appurata, ovvero l’assenza di catture in zone in cui le infestazioni non
erano manifeste); le risposte negative (assenza di catture in zone manifestamente
infestate) e le risposte di allarme relative ai casi in cui si registravano catture
alle trappole nelle zone in cui le palme non presentavano infestazioni evidenti.
Le indagini visive, termometriche ed endoscopiche hanno permesso di acquisire
solo parziali indicazioni sull’effettiva presenza delle infestazioni da rincoforo,
mentre l’impiego delle trappole ha dato risposte positive in più del 70% dei casi.
Le tecniche adottate, opportunamente rivedute e modificate, potrebbero essere
di supporto, in molti casi, per la tempestiva identificazione dell’avvenuto attacco
dell’insetto su piante che non presentano evidenti segni di infestazione.
Parole chiave: punteruolo rosso delle palme, feromoni, termografia, endoscopia.
313
Sessione IX - Entomologia merceologica ed urbana. Presentazioni orali
Attività di eradicazione DI UN focolaio di Anoplophora
chinensis in Italia centrale*
G. Sinatra1, A. Bianchi1, M. Roselli1, L. Nuccitelli1, S. Calì1, G. Sabbatini
Peverieri2, G. Serino2 & P. F. Roversi2
Servizio Fitosanitario Regione Lazio, Via Cristoforo Colombo 212, 00147 Roma
E-mail: gsinatra@regione.lazio.it
2
CRA-ABP, Centro di Ricerca per l’Agrobiologia e la Pedologia, Via di Lanciola
12/a, 50125 Firenze
1
Nel corso del 2008 a Roma, in un’area del centro storico prossima alle Terme di
Caracalla, sono stati raccolti 15 esemplari adulti del cerambicide da quarantena
Anoplophora chinensis (Forster). Il Servizio Fitosanitario del Lazio ha pertanto avviato le procedure di eradicazione previste dalla normativa vigente (DM
9/11/2007) e che hanno previsto in primo luogo il monitoraggio intensivo (svolto
dal personale del Servizio Fitosanitario della Regione Lazio) al fine di individuare tutte le piante attaccate e delimitare l’area infestata e l’area cuscinetto.
Nel 2008 sono state individuate in totale 39 piante attaccate: 32 Acer negundo, 6
Aesculus hippocastanum e 1 Corylus avellana. Nel corso del 2009 non sono state
effettuate nuove segnalazioni. Nel 2010, nell’area focolaio, sono stati invece reperiti due esemplari adulti di A. chinensis e sono state individuate 8 piante infestate (1 A. negundo, 1 Ae. hippoca-stanum, 1 C. avellana, 4 Platanus spp. e 1 Ulmus
spp.). Nei primi mesi del 2009 sono state avviate le procedure di abbattimento
e distruzione delle piante infestate mediante cippatura, non solo della parte epigea, ma anche delle ceppaie e delle radici superficiali. Nei casi di particolare
difficoltà operativa, ceppaie e radici affioranti non sono state rimosse, ma ricoperte con rete metallica fissata al suolo al fine di impedire la diffusione di eventuali adulti di A. chinensis. Stesse procedure sono state utilizzate per le piante
infestate individuate nel corso del 2010. In via sperimentale, 3 piante di Platanus
spp. sono state invece ricoperte sul fusto fino a 1,5m da terra con rete metallica;
tale rete è stata posizionata anche sul terreno fino a 2m dalla base della pianta
e fissata al suolo. Nell’area focolaio, limitatamente alle aree pubbliche, sono
state abbattute anche le piante sensibili nel raggio di 20m dalle piante attaccate
da A. chinensis, per un totale di ulteriori 66 piante, in prevalenza appartenenti
al genere Ulmus, risultate tutte indenni. Le capillari attività di monitoraggio
sono tutt’ora in corso di svolgimento, al fine di realizzare una completa eradicazione del focolaio del fitofago nell’area urbana di Roma, caratterizzata da un
rilevante e complesso patrimonio storico-paesaggistico-ambientale di innumerevoli specie arboree, molte delle quali suscettibili agli attacchi di A. chinensis.
Parole chiave: tarlo asiatico, CLB, specie da quarantena, attività di eradicazione.
* Attività svolte nell’ambito delle competenze del Servizio Fitosanitario Regionale
e del progetto della Regione Lazio “ERAN-Anoplophora chinensis: monitoraggio
dei focolai, ricerche bioecologiche e controllo delle infestazioni” C2248 29/9/2008.
314
Sessione IX - Entomologia merceologica ed urbana. Presentazioni orali
I CHILOPODI NEGLI AMBIENTI URBANI E SUB-URBANI DELLA
CITTÀ DI GENOVA
M. Zapparoli1 & G. Gardini2
Dipartimento di Protezione delle Piante, Università della Tuscia, Via S. C. de
Lellis snc, 01100 Viterbo E-mail: zapparol@unitus.it
2
Via Monte Corno 12/1, 16166 Genova E-mail: giuliogardini@libero.it
1
Gli Artropodi delle aree urbane costituiscono un importante tema d’indagine, di
base e applicato, i cui risultati possono efficacemente contribuire ad una corretta
gestione e pianificazione del territorio. I Chilopodi sono una classe di Artropodi
del suolo, predatori, legati soprattutto agli ecosistemi forestali, utili indicatori
ecologici e biogeografici; sono note ca 3.300 specie, di cui 490 in Europa e 160 in
Italia. Scopo del presente contributo è quello di fornire un quadro sintetico dei
reperti, pubblicati e inediti (in tutto 217), raccolti a partire dalla seconda metà
dell’Ottocento in circa 50 siti entro i confini amministrativi del Comune di Genova
(244 kmq, 0-1.183 m s.l.m., 608.000 ab., 2.500 ab/kmq) e di discutere il significato di
questa fauna, facendo particolare riferimento agli ambienti urbani e sub-urbani.
Al momento, risultano segnalate 42 specie (1 Scutigeromorpha, 17 Lithobiomorpha, 7 Scolopendromorpha, 17 Geophilomorpha), pari al 74% delle specie
note nella Provincia (57) e al 59% di quelle in Liguria (71). Più frequentemente segnalate (>5% dei reperti) sono i geofilomorfi Henia vesuviana (Newport)
(11%), W-mediterraneo, frequente nelle formazioni forestali termofile, e Clinopodes flavidus C.L. Koch (10%), turanico-europeo, euriecio, e il litobiomorfo Eupolybothrus grossipes (C.L. Koch) (7%), europeo, silvicolo, mesofilo. Tutte le tre
specie sono localmente legate a lembi residui di vegetazione semi-naturale. Elemento di particolare interesse è E. excellens (Silvestri), endemita dell’Appennino
ligure, generalmente rinvenuto in grotta, occasionalmente epigeo. Tra le specie
comuni in Liguria ma poco frequenti nell’area di studio sono il litobiomorfo
Lithobius piceus C. L. Koch e lo scolopendromorfo Cryptops parisi Brolemann,
elementi centroeuropei, silvicoli. Mai segnalata nell’area di studio è L. pilicornis
Newport, specie W-Europea, silvicola, mesofila, comune nell’Italia NW. Alcune
specie sono note su un solo reperto e non sono più state successivamente segnalate [anno/epoca di raccolta]: L. agilis C.L. Koch [1887], L. calcaratus C.L.
Koch [1887], L. melanops L. Koch [1887], Cryptops anomalans Newport [1887],
C. lobatus Verhoeff [inizio ‘900], Henia bicarinata (Meinert) [inizio ‘900], Geophilus flavus (DeGeer) [inizio ‘900], L. dentatus C.L. Koch [1930], Harpolithobius
anodus (Latzel) [1948]. Di incerta identità tassonomica e significato è L. palmarum Verhoeff, nota solo sul tipo (Nervi, 1930, in vivaio). Specie alloctone (al) o
avventizie (av) sono Scutigera coleoptrata (L.) (av), L. forficatus (L.), Scolopendra
cingulata Latreille (al, non acclimatata).
Parole chiave: entomologia urbana, Liguria, Italia.
315
Sessione IX
ENTOMOLOGIA
MERCEOLOGICA ED URBANA
Presentazioni Posters
Sessione IX - Entomologia merceologica ed urbana. Presentazioni Posters
DIFFUSIONE IN SICILIA DI RHYNCHOPHORUS FERRUGINEUS,
DIFFUSIONE
SICILIA
DI PALME
RHYNCHOPHORUS FERRUGINEUS,
PUNTERUOLOINROSSO
DELLE
PUNTERUOLO ROSSO DELLE PALME
F. Conti, E. Raciti, G. Sauro & D. Carta Cerrella
F. Conti, E. Raciti, G. Sauro & D. Carta Cerrella
Regione Siciliana, Servizio Fitosanitario Regionale, Viale della Regione Siciliana
2771, 90145
Palermo fconti@regione.sicilia.it
Regione
Siciliana,
ServizioE-mail:
Fitosanitario
Regionale, Viale della Regione Siciliana
2771, 90145 Palermo E-mail: fconti@regione.sicilia.it
In Sicilia Rhynchophorus ferrugineus (Oliv.) è stato riscontrato per la prima volta
del 2005 nella
fascia costiera
provincia
di Catania
e quindi
nelle
Innell’autunno
Sicilia Rhynchophorus
ferrugineus
(Oliv.)della
è stato
riscontrato
per la prima
volta
province di del
Palermo
e Trapani.
A cinquedella
anniprovincia
dalla sua
si è nelle
diffuso
nell’autunno
2005 nella
fascia costiera
di segnalazione
Catania e quindi
in mododiprogressivo
in tutte A
le cinque
province,
eccezione
di Caltanissetta.
Il numeprovince
Palermo e Trapani.
anniaddalla
sua segnalazione
si è diffuso
in
modo
in tutte
le comuni
province,infestati
ad eccezione
di Caltanissetta.
Il 1.
numero
di
ro di progressivo
palme segnalate
e di
è riportato
nella tabella
Il fitofago
palme
segnalate
e di comuni infestati
è riportato
nella tabella
1. Il Hort.
fitofago
colpito e,
ha colpito
prevalentemente
esemplari
di Phoenix
canariensis
exha
Chabaud
prevalentemente
di Phoenix
canariensisspp.,
Hort.
ex Chabaud
sporadicamente,esemplari
di P. dactylifera
L., Washingtonia
Chamaerops
spp. e e,
Syasporadicamente,
di P. dactylifera
L., Washingtonia
spp., Chamaerops
spp. e Syagrus
grus romanzoffianum
(Cham.) Glassman.
Per fronteggiare
l’emergenza,
nel marzo
romanzoffianum
(Cham.)
Glassman.
Per fronteggiare
l’emergenza,
nel marzo
la
2007, la Regione
Siciliana
ha emanato
un Decreto
Assessoriale
(oggi2007,
revocato)
Regione
Siciliana
ha
emanato
un
Decreto
Assessoriale
(oggi
revocato)
e successivamente un “piano d’azione” in linea con un analogo documento enasuccessivamente
un “piano
d’azione”
in linea con
un analogo
nazionale.
zionale. Sulla base
di queste
disposizioni
normative,
un documento
monitoraggio
intensivo
Sulla
base
di
queste
disposizioni
normative,
un
monitoraggio
intensivo
è
stato
avviato
è stato avviato per conoscere la diffusione del fitofago nel territorio regionale.
per conoscere la diffusione del fitofago nel territorio regionale.
Fig. 1 Diffusione del punteruolo rosso in Sicilia
nel
Fig.2010
1 Diffusione del punteruolo rosso in Sicilia nel 2010
Tab. 1 Evoluzione della
infestazione
di punteruolo
Tab.
1 Evoluzione
della
rosso
in
Sicilia
infestazione di punteruolo
rosso inN.Sicilia N. piante
comuni infestate
N. comuni N. piante
2005 2
50
infestate
2006
18
292 50
2005
2
2007
3179 292
2006 60 18
2009
92
2007
60 6215 3179
2009 126 92 7084 6215
2009
2009 155126 23007084
2010
2010
155
2300
Tot
158158 19920
Tot
19920
Sulla base delle indagini effettuate e delle segnalazioni pervenute dai titolari di palme,
Sulla base delle indagini effettuate e delle segnalazioni pervenute dai titolari
si è proceduto alla delimitazione delle aree infestate e delle aree cuscinetto (area del
di palme, si è proceduto alla delimitazione delle aree infestate e delle aree curaggio di 10 Km confinante con il limite delle aree infestate), che vengono riportate
scinetto (area del raggio di 10 Km confinante con il limite delle aree infestate),
nella Fig. 1. Dal 2006, è stata anche avviata un’azione di monitoraggio degli adulti
che l’ausilio
vengono di
riportate
1. Dal collocate
2006, è stata
anchediavviata
un’azione
con
trappolenella
al Fig.
feromone,
in “aree
infestazione”.
di
monitoraggio
degli
adulti
con
l’ausilio
di
trappole
al
feromone,
collocate
Dall’andamento delle catture si evidenzia una maggiore presenza di adulti nel periodo in
“areee di
infestazione”.
estivo
in quello
autunnale.Dall’andamento delle catture si evidenzia una maggiore
presenza di adulti nel periodo estivo e in quello autunnale.
Parole chiave: Phoenix canariensis, monitoraggio, misure fitosanitarie, trappole
a feromone.
319
Sessione IX - Entomologia merceologica ed urbana. Presentazioni Posters
PRIMA SEGNALAZIONE IN ITALIA DI ACERIA CYNODONIENSIS SU
CYNODON DACTYLON
E. de Lillo1, M. Volterrani2 & E. Rossi3
Di.B.C.A., Facoltà di Agraria, Università di Bari “Aldo Moro”, Via G.
Amendola 165/A, 70126 Bari E-mail: delillo@agr.uniba.it
2
CeRTES-Centro Ricerche Tappeti Erbosi Sportivi, Università di Pisa, Via S.
Michele degli Scalzi 2, 56124 Pisa
3
Dipartimento di CDSL “G. Scaramuzzi”, Sezione Entomologia Agraria,
Università di Pisa, Via S. Michele degli Scalzi 2, 56124 Pisa
1
Nell’ultimo decennio, nei Paesi del Sud Europa si è progressivamente diffuso
l’impiego di gramigne per la realizzazione di tappeti erbosi ad uso ornamentale
e sportivo. Le specie più utilizzate sono Cynodon dactylon (L.) Pers. e C. dactylon
× C. transvaalensis Burtt. Davy. I vantaggi dell’impiego delle gramigne, rispetto
alle tradizionali specie microterme, risiedono nella maggiore resistenza all’usura
e tolleranza ad alte temperature, siccità, salinità dei suoli e delle acque irrigue.
Nel 2010 presso il CeRTES-Centro Ricerche Tappeti Erbosi Sportivi dell’Università di Pisa 44 tra cultivar ed ecotipi di gramigne sono state confrontate in campo, applicando il disegno sperimentale a blocco randomizzato con parcelle di
1,5 m2 e 4 repliche. L’insediamento è avvenuto con pianta singola al centro della
parcella e non sono stati effettuati tagli. In alcune parcelle sono state osservate
piante ad accrescimento stentato, internodi assai raccorciati che, nel complesso, conferivano alla pianta un aspetto rosettiforme. Presso le guaine fogliari di
queste piante sono state rilevate popolazioni di acari identificati come Aceria
cynodoniensis Sayed (= Aceria neocynodonis Keifer) (Prostigmata, Eriophyidae).
Questa specie è stata già segnalata dannosa a varie specie del genere Cynodon
in Egitto, Stati Uniti, Sudafrica, Zimbabwe e Australia ed è stata recentemente
segnalata soltanto in Grecia tra gli stati europei, mentre non era mai stata rinvenuta in Italia. Pertanto, in questa sede, si forniscono i dati preliminari della
segnalazione italiana.
Comunemente, le popolazioni di questo eriofide trovano rifugio e nutrimento
sotto le guaine fogliari dei loro ospiti causando l’ispessimento delle guaine stesse e dei nodi nonché l’accorciamento degli internodi. A questi sintomi seguono
un graduale declino della pianta ospite che tende a imbrunire e disseccare. È
nota, in letteratura, una diversa suscettibilità varietale del C. dactylon a questo
eriofide come anche un’attività di selezione e registrazione di varietà resistenti.
Infine, alcuni studiosi hanno dimostrato che i programmi di fertilizzazione e
irrigazione possono influenzare la risposta della pianta all’attacco dell’acaro.
Negli Stati Uniti sono numerose le segnalazioni di danni significativi prodotti
da A. cynodoniensis a tappeti erbosi sportivi e ricreazionali, per i quali si sono
resi necessari interventi chimici di controllo.
Parole chiave: gramigna, tappeti erbosi, fitofago di nuova introduzione.
320
Sessione IX - Entomologia merceologica ed urbana. Presentazioni Posters
GEOREFERENZIAZIONE PER LA GESTIONE DELLA PROBLEMATICA
RHYNCHOPHORUS FERRUGINEUS IN TOSCANA*
V. Francardi1, C. Benvenuti1, L. Marziali1, L. Marianelli1, P. F. Roversi1, J. de
Silva1 & M. de Silva2
CRA-ABP, Centro di Ricerca per l’Agrobiologia e la Pedologia, Via Lanciola
12/a, Firenze E-mail: valeria.francardi@entecra.it
2
Università degli Studi di Firenze, Facoltà di Architettura, Via Pier Antonio
Micheli 2, 50121 Firenze
1
La realizzazione di mappe con la distribuzione georeferenziata delle piante ospiti o potenzialmente tali di fitofagi esotici può offrire ai servizi fitosanitari regionali un valido strumento per tempestive azioni di prevenzione, monitoraggio
e lotta. In Toscana, grazie alla collaborazione del Servizio Fitosanitario e delle
amministrazioni locali, è stata realizzata una mappatura delle palme suscettibili di attacco da parte di Rhynchophorus ferrugineus (Olivier), presenti in aree
pubbliche lungo la costa tirrenica e nell’immediato entroterra e nei principali vivai regionali che commercializzano queste piante. Le modalità operative e
strumentali con le quali sono stati realizzati i rilievi hanno tenuto conto delle diverse situazioni e modalità di distribuzione di queste piante sul territorio,
permettendone una rappresentazione cartografica sia a livello di singole unità
che di gruppi diversamente distribuiti. Per rappresentare la distribuzione delle
palme sul territorio regionale è stato utilizzato il metodo delle aree di densità
(quadratic kernel function) che consente di esprimere la magnitudo della densità
in funzione della scala di rappresentazione cartografica. Questo metodo genera
un reticolo continuo in cui ogni cella assume il valore della densità di palme per
unità di superficie, considerando un determinato intorno. Le dimensioni delle
celle e dell’intorno vengono scelte, oltre che in relazione agli aspetti distributivi
del fenomeno analizzato, in funzione della scala di rappresentazione. Le aree
di densità sono rappresentate attraverso la restituzione in gradazione di colori
delle diverse classi di densità. Scale diverse di rappresentazione cartografica permettono una visione correlata alle esigenze di dettaglio, anche in relazione alla
densità delle palme nella porzione di territorio in esame.
Parole chiave: punteruolo rosso, cartografia, mappe di distribuzione.
* Indagini svolte nell’ambito del progetto triennale “Difesa nei confronti del
Punteruolo rosso delle palme, Rhynchophorus ferrugineus – DIPROPALM”,
(MiPAAF D.M. 684/7303/08).
321
Sessione IX - Entomologia merceologica ed urbana. Presentazioni Posters
ATTACCHI DI RHYNCHOPHORUS FERRUGINEUS IN TOSCANA*
V. Francardi1, S. Simoncini2, C. Benvenuti1 & P. F. Roversi1
CRA-ABP, Centro di Ricerca per l’Agrobiologia e la Pedologia, Laboratorio di
Entomologia, Via Lanciola 12/a, Cascine del Riccio, 50125 Firenze
E-mail: valeria.francardi@entecra.it
2
Regione Toscana, Servizio Fitosanitario Regionale, Via Roma 3, 56100 Pisa
1
Dopo la prima segnalazione di Rhynchophorus ferrugineus (Olivier) in un vivaio
di Pistoia nel 2004 (primo reperimento per l’Italia), non erano state osservate
in Toscana infestazioni di questo temibile fitofago esotico su palme vegetanti in
giardini o lungo viali. In considerazione dell’elevata pericolosità di R. ferrugineus e dell’elevata densità di palme sul territorio regionale, in particolare della
presenza di limitati ma importanti nuclei di Chamaerops humilis L., il Servizio fitosanitario regionale e il CRA-ABP di Firenze, hanno svolto un costante
monitoraggio e un’accurata georeferenziazione delle piante medesime, in particolare lungo la costa tirrenica. Le attività messe in atto hanno permesso di
individuare a inizio 2011, il primo caso di un esemplare di Phoenix canariensis
Hortorum ex Chabaud attaccato da R. ferrugineus, vegetante in un parco privato, in località Fabbrica di San Martino in provincia di Lucca. La palma, centenaria e alta circa 15 metri, arredava una villa settecentesca localizzata in un
area dove questo gruppo di piante sono ampiamente diffuse per il loro utilizzo
a scopo ornamentale. La pianta manifestava evidenti sintomi di deperimento e
collassamento della chioma e i rilievi preliminari hanno evidenziato un attacco
in fase avanzata. Il successivo abbattimento ha rivelato all’interno della corona
fogliare un’abbondante presenza di larve, pupe e adulti del curculionide. Nel
corso dei rilievi sono stati inoltre osservati diversi esemplari di larve e pupe
morte con sviluppo di formazioni fungine. L’individuazione di un focolaio del
Punteruolo rosso in Toscana, data la grande diffusione di palme suscettibili
nell’area costiera e in vari ambienti collinari e la presenza di una diffusa attività
vivaistica, pone in evidenza la necessità di intensificare i controlli e di eseguire
contestualmente con tempestività le operazioni di bonifica previsti dalla normativa vigente, stante l’attuale difficoltà di controllo delle infestazioni conclamate
di questo fitofago.
Parole chiave: punteruolo rosso, palme, monitoraggio.
* Indagini svolte nell’ambito del Progetto triennale “Difesa nei confronti del
Punteruolo rosso delle palme, Rhynchophorus ferrugineus – DIPROPALM”
(MiPAAF, D.M. 684/7303/08).
322
Sessione IX - Entomologia merceologica ed urbana. Presentazioni Posters
UTILIZZO DELLE MICROONDE NELLA DISINFESTAZIONE DEI
LEGUMI
E. Gargani1, R. Frosinini1, L. Tirinnanzi1, A. Maestrelli2, M. Della Campa2, N.
Diaferia3, V. Rosito3, S. Simoni1 & P. F. Roversi1
CRA-ABP, Via di Lanciola 12/a, 50125 Firenze
E-mail: elisabetta.gargani@entecra.it
2
CRA-IAA, Via Venezian 26, 20133 Milano
3
EMitech srl, Via A. Olivetti 28/a, 70056 Molfetta (BA)
1
Negli ultimi anni si è accresciuta significativamente la sensibilità e l’attenzione
verso criteri e metodi volti all’ottenimento di cibi sani riducendo il rischio di
contami-nazione chimica, biologica e microbiologica senza la perdita delle qualità organolettiche degli stessi. Nell’ambito delle attività del progetto MiPAAF
“Risale” (Risanamento dei legumi dai parassiti mediante microonde) si è sviluppato un protocollo di applicazione di una metodologia, avanzata ed economicamente sostenibile, di disinfestazione dei legumi stoccati da rendere disponibile
in agricoltura e nell’industria. L’efficienza di un sistema pilota (Misya® di EMitech) che genera microonde alla frequenza di 2,45 GHz all’interno di camere
riverberanti, è stata valutata per il controllo di adulti e stadi preimmaginali di
2 comuni specie di insetti che infestano i legumi: Acanthoscelides obtectus (Say) e
Callosobruchus maculatus (Fabricius) (Coleoptera, Bruchidae). I legumi infestati
con gli insetti e trattati sono stati fagioli delle varietà ‘Cannellino’ e ‘Borlotto’ e
ceci. Per le differenti prove sono stati utilizzati due apparati Misya (uno statico e
l’altro dinamico) e l’efficienza del trattamento è stata studiata a diverse potenze
e tempi di esposizione. Per entrambe le specie di Bruchidi l’uovo risulta lo stadio
più suscettibile con valori di mortalità già superiori al 90% con le potenze più
basse e tempi di applicazione più brevi. Sia per A. obtectus che per C. maculatus
l’adulto risulta lo stadio più resistente anche se almeno i 3/5 degli adulti non
sopravvivono al trattamento meno prolungato e i valori di letalità salgono con
tempi di applicazione maggiori. L’impiego dell’apparecchiatura dinamica, dotata
di trasportatore a elicoide e sistema di ottimizzazione della distribuzione della
potenza elettromagnetica, è risultato in grado di processare consistenti quantitativi di substrato ed ha determinato mortalità elevate per entrambe le specie di
insetti e in tutti gli stadi di sviluppo con contenuti tempi di trattamento, dell’ordine di 2’30’’, che rappresentano un indubbio vantaggio rispetto a processi di disinfestazione con alte temperature ottenute con un’esposizione dei semi al calore
nettamente più prolungata. Le analisi fisiche e chimiche non hanno evidenziato
alcuna alterazione del substrato trattato e le caratteristiche qualitative e organolettiche dei semi trattati sono rimaste inalterate. L’insieme di dati ottenuti indica
come l’impiego di tale sistema disinfestante, basato sulla tecnologia delle camere riverberanti alle microonde, apra interessanti prospettive per il risanamento
dei legumi in tempi rapidi e senza rischi per gli operatori e per i consumatori.
Parole chiave: Coleotteri Bruchidi, legumi, disinfestazione con microonde.
323
Sessione IX - Entomologia merceologica ed urbana. Presentazioni Posters
IMPIEGO DI UNITÀ CINOFILE PER LA DIAGNOSI TEMPESTIVA
DELLE INFESTAZIONI DI Rhynchophorus ferrugineus SU
PALME DELLE CANARIE
A. La Pergola1, P. Suma1, S. Longo1 & F. Pavone2
Dipartimento di Gestione delle Risorse Agroalimentari e Ambientali, Sezione
Entomologia agraria, Università degli Studi di Catania, Via Santa Sofia 100,
95123 Catania E-mail: a.lapergola@unict.it
2
Centro cinofilo The Flying Black Dog, Via Monte d’Oro 5, 95028 Valverde (CT)
1
La difficoltà della lotta al Punteruolo Rosso delle palme è anche connessa alla
individuazione delle fasi iniziali delle infestazioni. Considerato che con l’esame
visivo non è sempre possibile intercettare tale momento, nell’ambito del progetto di ricerca MIPAF “Difesa nei confronti del punteruolo rosso delle palme,
Rhynchophorus ferrugineus (DIPROPALM)”, è stata indagata la validità dell’impiego di unità cinofile al fine di individuare tempestivamente le infestazioni di
tale insetto. Allo scopo sono stati selezionati, dopo opportuno periodo di addestramento, due Golden Retriever (GR 1&2) e un Rottweiler (RW). Le prove di
efficacia olfattiva sono state effettuate in ombraio, in piena aria, e in un vivaio
dell’Azienda Regionale Foreste Demaniali Regione Siciliana; in ciascun sito, ai
fini delle prove, veniva sistemata una griglia di 12 Phoenix canariensis in vaso
esenti da infestazioni pregresse. Alla base di 4 di queste, scelte a caso, venivano
occultate 4 provette contenenti rispettivamente, 5 larve, 5 maschi, 5 femmine
e 5 coppie del curculionoideo. Ciascun cane veniva invitato dall’addestratore a
fiutare tutte le piante e premiato quando segnalava correttamente la pianta recante la provetta esca. I risultati ottenuti sono riportati nella tabella seguente ed
espressi come numero percentuale di segnalazioni positive effettuate dai singoli
cani per ciascuno stimolo olfattivo a cui essi venivano sottoposti.
Composizione “esche” odorose
•
larve
•
••
Totale risposte positive (%)
RW
razza canina
GR1
GR2
66,7
77,8
66,7
55,6
66,67
77,8
55,6
88,9
88,9
77,78
22,2
55,6
77,8
66,7
55,56
Test preliminari sono stati effettuati anche in ambito urbano dove, però, i cani non
hanno dato risposte soddisfacenti, probabilmente a causa delle numerose interferenze visivo-olfattive che caratterizzano tali ambienti. Le indicazioni ottenute
incoraggiano ulteriori studi anche in previsione di un impiego di unità cinofile nei
programmi di quarantena e nei punti di ingresso di materiale vegetale importato.
Parole chiave: punteruolo rosso delle palme, unità cinofile, Phoenix canariensis.
324
Sessione IX - Entomologia merceologica ed urbana. Presentazioni Posters
UN QUINQUENNIO DI OSSERVAZIONI SU ADULTI DEL PUNTERUOLO
ROSSO DELLE PALME IN SICILIA
S. Longo, A. La Pergola & P. Suma
Dipartimento di Gestione dei Sistemi Agroalimentari e Ambientali, Sezione
Entomologia agraria, Via S. Sofia 100, 95123 Catania E-mail: longosan@unict.it
Le infestazioni del Punteruolo rosso delle palme (Rhynchophorus ferrugineus
Olivier, 1790), dopo avere interessato principalmente piante adulte di Phoenix
canariensis Hortorum ex Chabaud, si sono progressivamente estese, seppur con
minore intensità, ad altre specie di palme presenti in Sicilia dove, in 8 delle 9
province, sono state segnalate dai Servizi Fitosanitari Regionali circa 20.000
piante infestate, 19.000 delle quali sono state tagliate e triturate dall’Azienda
Regionale Foreste Demaniali. Dal 2005 al 2010 sono stati prelevati adulti del
curculionoideo riscontrati in 1.000 palme infestate site in 6 province siciliane;
inoltre, a partire dal 15 maggio 2006 in 32 località delle province di Catania,
Messina e Siracusa, sono state istallate e ispezionate, periodicamente, 71 trappole innescate con i feromoni di aggregazione disponibili in commercio (Rhynchophorol e Ferruginol). I dati sul numero di adulti catturati nelle trappole e
di esemplari raccolti sulle piante o sfarfallati da pupe isolate in laboratorio dal
20.X.2005 al 31.XII.2010, sono riportati nella tabella seguente.
Provincia
Totale
Trappola N.trap
•• •• (55%)
•• •• (65%) Totale
•• •• (47%)
Catania
10.672 13.370 24.042 3.924
7.406
11.330
53 6.748 5.964
Messina
12
32
44
12
32
44
4
Ragusa
222
281
503
51
117
168
9
171
164
Palermo
187
166
353
187
166
Siracusa
408
440
848
29
54
83
5
379
386
Trapani
104
109
213
104
109
totale
11.605 14.398 26.003 4.015
7.607
11.622
71 7.589 6.789
Sex ratio
1
1,24
1
1,9
1,12
1
Pianta
Totale
12.712
335
353
765
213
14.378
Dei 26.003 adulti esaminati il 45 % è stato catturato nelle trappole. La “sex
ratio”, riferita agli esemplari prelevati dalle palme, è leggermente a favore dei
maschi (1,12:1), mentre per quelli catturati nelle trappole essa è nettamente a
favore delle femmine (1,9:1). Tale dato conferma una maggiore attrattività dei
feromoni di aggregazione nei confronti delle femmine. Le catture registrate nel
corso dell’intero anno, poste in relazione con le temperature minime e massime
esterne, hanno evidenziato che i voli degli adulti si verificano allorché le temperature minime giornaliere sono superiori a 18 °C.
Parole chiave: Rhynchophorus ferrugineus, palme, sex ratio, adulti.
325
Sessione IX - Entomologia merceologica ed urbana. Presentazioni Posters
CARATTERISTICHE
MORFOLOGICHE
PUNTERUOLO ROSSO
DEGLI
ADULTI
DEL
S. Longo1, A. La Pergola1, P. Suma1, D. Mifsud2, R. Cervo3 & G. Mazza3
Dipartimento di Gestione delle Risorse Agroalimentari e Ambientali, Sezione
Entomologia agraria, Via Santa Sofia 100, 95123 Catania
E-mail: longosan@unict.it
2
Department of Biology Junior College, University of Malta, Msida MSA 1251,
Malta
3
Dipartimento Biologia Evoluzionistica “Leo Pardi”, Università di Firenze, Via
Romana 17, 50125 Firenze
1
Le infestazioni del Punteruolo rosso delle palme (Rhynchophorus ferrugineus
Olivier, 1790), nel Bacino mediterraneo, interessano principalmente Phoenix canariensis Hortorum ex Chabaud, e marginalmente e con minore intensità, altre
specie di palme. Dal 2005 al 2010 sono stati esaminati adulti del curculionoideo
provenienti dalla Malesia e dal Bacino Mediterraneo, sia prelevati da palme che
catturati con trappole innescate con i feromoni di aggregazione disponibili in
commercio (Rhynchophorol e Ferruginol). Gli adulti sono stati suddivisi in base
alla tipologia delle macchie presenti sul pronoto. Nelle tabelle seguenti sono
riportate le lunghezze del corpo (mm) misurate su 5.211 esemplari.
MALESIA
ITALIA
ISRAELE
MALTA
SPAGNA
ITALIA
SICILIA
Catania
ALTRE
REGIONI
Tot esemplari
TOT
•
•
44
24
20
4.041 2.145 1.896
14
5
9
523
269
523
589
361
228
Media
•
•
44,4
41,4
33,6
31,7
35,6
32,7
32,6
30,8
34,9
32,6
•
51,6
42,0
37,0
37,9
43,0
Tot esemplari
TOT
•
•
3.738 1.989 1.749
1.880 1.029
851
Media
♀
♂
33,6
31,6
33,8
32,1
Max
♀
♂
42,0
40,0
41,0
39,0
Min
♀
♂
13,5
17,0
13,5
17,0
34,4
42,0
13,5
303
156
147
32,2
Max
•
54,3
40,0
34,5
36,9
40,0
40,0
Min
•
29,5
13,5
35,0
23,9
23,5
•
27,0
17,0
31,0
23,1
23,5
17,0
L’esame dei morfotipi (tipologie e frequenza delle macchie sul pronoto degli
adulti) ha consentito di individuare 20 tipologie differenti di macchie con maggiore frequenza di quella con 7 macchie (75,2 %). In Malesia gli esemplari presentano anche una tipologia non riscontrata nel Bacino mediterraneo. Il corpo
degli esemplari esaminati in Europa e in Israele misura in media 31,8 mm nei
maschi e 33,8 mm nelle femmine, valori inferiori a quelli rilevati negli adulti
provenienti dalla Malesia.
Parole chiave: Rhynchophorus ferrugineus, palme, dimensioni, adulti.
326
Sessione IX - Entomologia merceologica ed urbana. Presentazioni Posters
SCREENING DI LABORATORIO DELL’EFFICACIA DI OLI ESSENZIALI
DI AGRUMI NEI CONFRONTI DI RHYZOPERTHA DOMINICA
V. Palmeri, F. Laudani & O. Campolo
Dipartimento di Gestione dei Sistemi Agrari e Forestali, Università degli Studi
Mediterranea di Reggio Calabria, loc. Feo di Vito, 89122 Reggio Calabria
E-mail: orlando.campolo@unirc.it
Tra gli organismi animali che attaccano i cereali immagazzinati, gli insetti sono
i maggiori responsabili di danni qualitativi e quantitativi che si ripercuotono
inevitabilmente sul valore commerciale dei prodotti. Molti di questi insetti appartengono all’ordine Coleoptera e tra questi Rhyzopertha dominica F. (Coleoptera, Bostrichidae) è considerata una delle specie più perniciose.
I metodi tradizionali per il contenimento delle pullulazioni degli entomi che infestano le derrate alimentari si basano principalmente sull’impiego di molecole
insetticide di contatto e gas fumiganti che, nel tempo, hanno creato non pochi
problemi, a causa dell’insorgenza di fenomeni di resistenza e della presenza di
residui nei prodotti finiti. L’attenzione dei ricercatori si è rivolta negli ultimi
tempi, grazie anche a una richiesta di prodotti più salubri da parte dei consumatori, all’uso di oli essenziali di numerose piante quale alternativa all’impiego
indiscriminato di molecole di sintesi.
In questo studio si è voluta verificare, attraverso uno screening preliminare, l’efficacia, espressa in termini di repellenza, tossicità per contatto e per fumigazione, di cinque oli essenziali di agrumi (Limone, Mandarino, Arancio amaro,
Arancio dolce, Bergamotto) nei confronti di adulti di R. dominica, in condizioni
di laboratorio. Le prove di repellenza e di tossicità per contatto sono state condotte in piastre Petri di 9 cm di diametro, contenenti un disco di carta da filtro
di uguale misura mentre i test di tossicità per fumigazione sono stati condotti in
contenitori di vetro della capacità di 500 ml. Tutte le prove sono state replicate 4
volte impiegando 10 insetti per replica per un totale di 200 insetti per ogni concentrazione. Gli oli essenziali, diluiti in acetone, sono stati testati individuando
le concentrazioni minime e massime di attività biologica, la DL50 e la DL90.
Gli oli testati hanno manifestato una buona efficacia, seppur a diverse concentrazioni, sia in termini di repellenza che di attività insetticida. In particolare gli
oli essenziali di Bergamotto, Limone e Mandarino hanno evidenziato la loro
attività a concentrazioni più basse rispetto agli altri testati.
I risultati ottenuti lasciano aperte buone prospettive sull’uso degli oli essenziali
di agrumi nell’ambito delle gestione integrata ed eco-compatibile degli entomi
infeudati alle derrate alimentari.
Parole chiave: Citrus, cappuccino dei cereali, repellenza, efficacia insetticida.
327
Sessione IX - Entomologia merceologica ed urbana. Presentazioni Posters
LE CONDIZIONI IGIENICO-SANITARIE DELL’INDUSTRIA MOLITORIA:
UN’INDAGINE SULLE CONTAMINAZIONI DA PARASSITI ANIMALI IN
FARINE PRODOTTE E CONFEZIONATE IN CALABRIA
V. Palmeri, V. Patanè & A. M. Verdone
Dipartimento di Gestione dei Sistemi Agrari e Forestali, Università degli Studi
Mediterranea di Reggio Calabria, loc. Feo di Vito, 89122 Reggio Calabria
E-mail: vpalmeri@unirc.it
Le contaminazioni da parassiti animali rappresentano, nell’ambito della filiera
cerealicola, un problema di primaria importanza. Nella prima trasformazione
del grano in semola e/o farina, il controllo degli infestanti è fondamentale affinché il prodotto finito possa essere immesso sul mercato con alti standard sia in
termini di qualità che igienico-sanitari.
Nel presente contributo gli Autori riportano i risultati di un’indagine volta a valutare le reali condizioni igienico-sanitarie delle farine prodotte in diversi molini
della Regione Calabria. Sono stati analizzati complessivamente 27 campioni di
varie tipologie di farine, prelevati da 15 aziende molitorie della Regione, effettuando una setacciatura preliminare, il saggio biologico e l’analisi delle impurità solide (“filth-test”).
La dimensione produttiva delle aziende monitorate spaziava dalla piccola impresa familiare (con una lavorazione inferiore alle 8 t di frumento al giorno)
sino alla grande azienda (lavorazione superiore alle 80 t di frumento al giorno).
I risultati dell’indagine hanno evidenziato che il 33,33% dei campioni risultava
infestato alla prova della setacciatura preliminare; il 37% delle farine ha evidenziato sviluppo di agenti biotici (prevalentemente entomi) durante i 60 giorni del
saggio biologico.
Dal “filth-test” è emerso che la maggior parte dei campioni rientravano negli
standard definiti dalla Food and Drug Administration, fatta eccezione per alcune farine che presentavano livelli di contaminazione superiori ai limiti imposti.
Sebbene la situazione igienico sanitaria delle aziende indagate non risulti particolarmente allarmante, l’indagine fa emergere la presenza di carenze, in molti
casi considerevoli sul piano del controllo degli infestanti. Le specie maggiormente rinvenute all’interno delle farine sono ascrivibili a Sitophilus spp., Tribolium spp., Gnathocerus cornutus (Fabricius) ed Ephestia spp. In un solo caso
sono stati evidenziati inquinamenti da roditori che, nel caso specifico, erano
ascrivibili a Rattus rattus (Linnaeus).
La frequente presenza di infestanti provenienti dal campo sottolinea una scarsa
attenzione del comparto alla qualità intrinseca della materia prima.
Parole chiave: infestanti, saggio biologico, filth-test.
328
Sessione IX - Entomologia merceologica ed urbana. Presentazioni Posters
ATTIVITÀ DI ALIMENTAZIONE E OVIDEPOSIZIONE DI ANOPLOPHORA
CHINENSIS SU SPECIE ARBOREE DI INTERESSE AGRO-FORESTALE
ED URBANO*
G. Sabbatini Peverieri, P. F. Roversi & G. Serino
CRA, Centro di Ricerca per l’Agrobiologia e la Pedologia, Via di Lanciola 12/a,
Cascine del Riccio, 50125 Firenze
E-mail: giuseppino.sabbatini@entecra.it
Anoplophora chinensis (Forster) è un coleottero cerambicide xilofago-polifago,
originario dell’Asia, in grado di svilupparsi a spese di numerose latifoglie arboree e arbustive di ogni età e dimensioni, da piante in vaso con fusti di pochi cm
di diametro fino ad alberi imponenti, attaccando soprattutto piante in buono
stato vegetativo. Questo coleottero è sottoposto a specifiche regolamentazioni
fitosanitarie nazionali ed internazionali al fine di prevenire la diffusione sul territorio comunitario e assicurare l’applicazione di idonee misure di eradicazione
nel caso di introduzioni accidentali.
Il cerambicide è stato segnalato per la prima volta in Lombardia, nel 2000.
In Europa, tra le essenze vegetali maggiormente interessate dalle infestazioni di
A. chinensis, oltre alle piante del genere Acer, si annoverano varie altre essenze
quali ippocastani, nocciolo, platani, olmi, pioppi, salici, meli, peri e agrumi.
A seguito dell’individuazione nel 2008 di una nuova infestazione all’interno del
centro abitato di Roma, che rappresenta il focolaio più meridionale della specie
in Europa, collocato in un ambiente con caratteristiche climatiche ascrivibili
all’orizzonte mediterraneo, sono state avviate indagini per verificare la suscettibilità di piante ornamentali e di interesse forestale ad ampia diffusione in Italia
centro meridionale. In tale ambito sono stati condotti studi sulle preferenze degli adulti immaturi e sul comportamento di ovideposizione delle femmine. Le
specie testate sono state Aesculus hippocastanum, Acer campestris, A. negundo,
Castanea sativa, Corylus avellana, Platanus x acerifolia, Quercus petrea, Q. pubescens, Q. rubra, Tilia platyphyllos, Ulmus minor e U. pumila. Le indagini hanno
permesso di confermare la preferenza degli adulti in fase di alimentazione per
gli Aceri, sia indigeni che esotici, nonché hanno evidenziato una forte attratività
dei rametti di nocciolo. Le femmine in fase di ovideposizione al contrario non
hanno mostrato nelle prove di laboratorio evidenti preferenze, nonostante sia
stato riscontrato un numero di uova più elevato, oltre che su A. negundo e A.
campestris, anche su A. hippocastanum e T. platyphyllos.
Parole chiave: Tarlo asiatico, CLB, quarantena, piante ospiti.
* Attività di ricerca svolta nell’ambito del progetto del SFR della Regione Lazio
“ERAN-Anoplophora chinensis: monitoraggio dei focolai, ricerche bioecologiche e controllo delle infestazioni” C2248 29/9/2008.
329
Sessione IX - Entomologia merceologica ed urbana. Presentazioni Posters
Modalità di diffusione di Anoplophora chinenSIS
nella fase iniziale dell’attacco: distribuzione dellA
infestazione nel focolaio di Roma*
G. Sabbatini Peverieri1, G. Sinatra2, A. Bianchi2, M. Roselli2, L. Nuccitelli2, S.
Calì2, G. Serino1 & P. F. Roversi1
CRA-ABP, Centro di Ricerca per l’Agrobiologia e la Pedologia, Via di Lanciola
12/a, 50125 Firenze E-mail: giuseppino.sabbatini@entecra.it
2
Servizio Fitosanitario Regione Lazio, Via Cristoforo Colombo 212, 00147 Roma
1
Anoplophora chinensis (Forster) è un coleottero cerambicide di origine asiatica
inserito nella lista A2 dell’EPPO. Studi sul suo comportamento nei focolai sia
europei che nelle zone di origine e le analisi di rischio hanno evidenziato una
variabilità di comportamenti in funzione delle condizioni climatiche e della disponibilità di differenti ospiti vegetali. Le ricerche sulle capacità di diffusione
in natura condotte nei paesi di origine dello xilofago hanno messo in rilievo che
A. chinensis è un insetto con buone capacità di spostamento, ma che in condizioni idonee tende inizialmente a non disperdersi, reinfestando le stesse piante
o colonizzando alberi limitrofi. Nel corso del 2008 è stata segnalata la presenza
di un focolaio di infestazione di questo temuto cerambicide a Roma. In esso
la distribuzione delle piante attaccate da A. chinensis è risultata clusterizzata
in due limitate aree principali (circa 0,5ha e 1ha rispettivamente), costituite da
diverse piante per lo più appartenenti alle specie Acer negundo e Aesculus hippocastanum, a cui si aggiunge un cluster formato da due piante distanti tra loro
10m e altre 5 piante isolate. La distanza minima tra due piante appartenenti
a due differenti clusters, tra loro contigui, è risultata variabile da circa 80m a
800m. Nei due cluster principali, le piante, fortemente infestate dal cerambicide, presentavano vari fori di sfarfallamento oltre ai sintomi di larve in attività.
I punti costituiti da 1-2 alberi infestati comprendevano piante con presenza di
sola rosura larvale e senza fori di sfarfallamento, a testimonianza di sole infestazioni recenti. La distribuzione delle piante infestate nel focolaio di Roma
evidenzia che A. chinensis tende inizialmente a colonizzare le piante prossime
a quelle attaccate; alcune femmine però sembrano in grado di compiere lunghi
spostamenti, con pesanti implicazioni per la programmazione delle attività di
monitoraggio. A quest’ultimo riguardo si evidenzia inoltre che nel focolaio di
Roma sono stati individuati fori di sfarfallamento del cerambicide su piante di
Ippocastano e di Acero negundo anche ad oltre 6 m di altezza da terra, in corrispondenza delle biforcazioni principali del fusto.
Parole chiave: tarlo asiatico, CLB, fitofagi esotici, dispersione.
* Attività di ricerca svolta nell’ambito del progetto del SFR della Regione Lazio
“ERAN-Anoplophora chinensis: monitoraggio dei focolai, ricerche bioecologiche e controllo delle infestazioni” C2248 29/9/2008.
330
Sessione IX - Entomologia merceologica ed urbana. Presentazioni Posters
ASSOCIAZIONE SPAZIO-TEMPORALE IN POPOLAZIONI DI INSETTI
E ACARI INFESTANTI I CEREALI IMMAGAZZINATI
A. Sciarretta1, C. G. Athanassiou2, N. G. Kavallieratos3 & P. Trematerra1
Dipartimento di Scienze Animali, Vegetali e dell’Ambiente, Università degli
Studi del Molise, Via De Sanctis, 86100 Campobasso E-mail: sciarretta@
unimol.it
2
University of Thessaly, Laboratory of Entomology and Applied Zoology,
Department of Agriculture, Crop Production and Rural Environment,
Magnissia, Grecia
3
Benaki Phytopathological Institute, Laboratory of Agricultural Entomology,
Department of Entomology and Agricultural Zoology, Kifissia, Grecia
1
Nel presente lavoro si riportano i risultati di uno studio che ha indagato l’associazione spaziale e temporale in popolazioni di insetti e acari infestanti una massa di
cereale immagazzinato in un silo verticale a base cilindrica. Le analisi statistiche
sono state realizzate utilizzando la metodologia SADIE, basata sul calcolo degli
indici di aggregazione; tale sistema permette di valutare il grado di associazione, positiva o negativa, tra due serie di dati. Nel silo il monitoraggio degli artropodi è stato realizzato durante l’intero periodo di stoccaggio del cereale (circa 7
mesi), con verifiche realizzate ad intervalli di 15 giorni; al riguardo si sono impiegate delle trappole a sonda associate al prelievo diretto di campioni di cereali.
Le specie infestanti più ricorrenti e abbondanti sono state, tra gli insetti, Cryptolestes ferrugineus (Stephens) e Plodia interpunctella (Hübner), mentre tra gli acari
Lepidoglyphus destructor (Schrank) e Blattisocius tarsalis (Berlese). Gli individui
di C. ferrugineus e di P. interpunctella trovati nelle trappole e quelli rintracciati
nei campioni di cereale sono risultati significativamente associati tra loro. Entrambe le specie hanno mostrato una forte aggregazione soprattutto nella parte
centrale del silo; per periodi di tempo limitati la distribuzione di P. interpunctella si è estesa anche in altre zone della struttura. Le mappe di associazione
spaziale hanno indicato una relazione positiva nella porzione centrale del silo; al
contrario si è osservata una relazione negativa nelle altre aree. La distribuzione
di L. destructor, ricavata attraverso i prelievi diretti di cereale, ha rivelato la
presenza stabile dell’acaro fitofago solo in un settore periferico sul lato nord del
silo. Al contrario, il predatore B. tarsalis ha mostrato un pattern più disperso,
con zone di “clustering” variabili nelle diverse fasi del monitoraggio.
Nel complesso si è evidenziata una relazione spaziale positiva di B. tarsalis con
le altre specie rinvenute, limitatamente alle loro aree di aggregazione, indicando
che la distribuzione seguita dall’acaro predatore è influenzata dai pattern spaziali delle singole prede. Nessuna associazione, invece, è emersa quando sono
stati presi in considerazione i valori di temperatura e di umidità.
Parole chiave: Artropodi, cereali, distribuzione spaziale, SADIE, relazione preda-predatore.
331
Sessione IX - Entomologia merceologica ed urbana. Presentazioni Posters
SULLE preferenze alimentari di Polyphaga aegyptiaca
P. Suma & A. Russo
Dipartimento di Gestione delle Risorse Agroalimentari e Ambientali, Sezione
Entomologia agraria, Via Santa Sofia 100, 95123 Catania E-mail: suma@unict.it
Delle specie di Blatte sinantropiche presenti in Italia Polyphaga aegyptiaca (Linnaeus, 1758) (Blattaria, Polyphagidae) è probabilmente quella meno conosciuta.
Rinvenuta in agglomerati urbani costieri, è risultata frequente anche in aree
dell’entroterra siciliano dove ha colonizzato ambienti di lavorazione nel settore
molitorio. Studi sulle preferenze alimentari di stadi giovanili e femmine adulte
della specie sono stati condotti in laboratorio in condizioni di temperatura ed
umidità controllate (24±2 °C, 60±5% UR) e in regime di oscurità totale e costante.
Allo scopo, 40 neanidi di terza/quarta età e 40 femmine adulte, provenienti dagli allevamenti mantenuti presso i nostri laboratori, venivano isolate in contenitori plastici e ivi mantenute per un periodo di 10 giorni in condizioni di stress
(senza acqua e alimento) prima di essere utilizzate nei saggi di preferenza.
Ai quattro vertici dell’arena di saggio impiegata per le prove (LxPxH 50x35x18
cm) venivano posizionate di volta in volta, su carta bibula, diverse combinazioni
degli alimenti da saggiare, rappresentate da frutta fresca (banane, mele e arance), frutta secca (fichi), pellets di composti destinati all’alimentazione canina,
mangimi per pesci e brodo vegetale in dadi.
Il comportamento del singolo esemplare veniva video registrato per un periodo
di 8 h (dalle 20,00 alle 04,00) e successivamente, per ciascun alimento, venivano
trascritti su foglio elettronico il numero di visite ed il tempo durante il quale
ciascun insetto stazionava sullo stesso. Le risposte venivano classificate come
positive se il tempo di permanenza sull’alimento aveva una durata ≥ ai 5 minuti
secondi. Per entrambi gli stadi vitali saggiati i tempi di permanenza registrati
sui pellets per l’alimentazione dei cani, così come il numero di visite effettuate
dagli insetti saggiati, sono risultati significativamente superiori rispetto a quanto evidenziato impiegando le altre fonti alimentari.
Dai risultati ottenuti emerge come, al pari di quanto riportato per le altre specie
di blatte sinantropiche, anche per P. aegyptiaca gli alimenti ad elevato contenuto proteico rappresentano il “pabulum” preferenziale. È stato infatti dimostrato
come il contenuto e la qualità delle proteine nell’alimentazione di Blattella germanica (L.) sia in grado di influenzare significativamente parametri biologici
quali velocità di sviluppo e fecondità della specie.
Parole chiave: blattoidei, biosaggi, alimenti, laboratorio.
332
Sessione X
CONTROLLO BIOLOGICO
Presentazioni orali
Sessione X - Controllo biologico. Presentazioni orali
STUDI SUI PARASSITOIDI INDIGENI DI TUTA ABSOLUTA IN SICILIA*
L. Zappalà, A. Biondi, G. Tropea Garzia & G. Siscaro
Dipartimento di Gestione dei Sistemi Agroalimentari e Ambientali, Università
degli Studi di Catania, Via S. Sofia 100, 95123 Catania E-mail: lzappala@unict.it
A seguito del rinvenimento in Sicilia nel 2008 di Tuta absoluta (Meyrick) è stato
avviato uno studio sui nemici naturali indigeni del fitofago di origine sudamericana. Tale indagine, volta a individuare potenziali agenti biotici di controllo, è
stata effettuata nel periodo marzo-dicembre nel biennio 2009-2010, sia mediante
raccolte di materiale vegetale infestato che tramite l’impiego di piante di pomodoro var. Shiren appositamente infestate e collocate in aree opportunamente
selezionate (piante sentinella). Ciascuna di queste, infestata con circa 100 stadi
(uova e larve) di T. absoluta veniva esposta in campo per una settimana e successivamente osservata in laboratorio. Gli stadi parassitizzati venivano isolati e
mantenuti in condizioni termoigrometriche controllate fino allo sfarfallamento
degli adulti per l’identificazione. Nel caso di alcune specie si è proceduto alla
moltiplicazione in laboratorio per successivi studi su host preference, sex-ratio,
longevità, fecondità e fertilità a diverse densità dell’ospite.
Sono state rinvenute 14 specie di parassitoidi, tra queste le più frequenti sono
state l’Icneumonide Diadegma pulchripes (Kokujev), i Braconidi Bracon osculator
Nees e Bracon sp. e gli Eulofidi Closterocerus formosus Westwood, Necremnus
sp., Pnigalio cristatus (Ratzeburg) e una specie del gruppo P. soemius (Walker).
Le specie riprodotte in laboratorio sono state l’endoparassitoide D. pulchripes e
gli ectoparassitoidi Necremnus sp. e Bracon sp.
Le prove effettuate in laboratorio su quest’ultima specie hanno messo in evidenza una preferenza della specie per larve di 3a e 4a età, una fecondità media giornaliera (n. uova deposte ± ES) di 4,41±0,27, una longevità media di 18,37±1,93
giorni, una fertilità media per l’intera durata della vita pari a 68,68±8,44 (n.
adulti sfarfallati ± ES) e una percentuale di parassitizzazione del 41,03±2,73.
La specie ha causato altresì una mortalità sulle larve di T. absoluta non seguita
da ovideposizione pari a 36,25±1,39%. L’attività parassitaria del braconide è risultata inoltre caratterizzata da gregarismo, con un numero medio di uova per
larva parassitizzata pari a 1,44±0,04 su larve di 3a età e 2,18±0,07 su larve 4a età.
Simili osservazioni saranno condotte su altre specie, insieme a sperimentazioni
di semi-campo volte a valutare il ruolo di questi antagonisti nel contenimento
della tignola del pomodoro.
Parole chiave: nemici naturali, tignola del pomodoro, braconidi, biologia.
* Lavoro parzialmente svolto nell’ambito del progetto PRIN “Biologia e controllo integrato di Tuta absoluta (Meyrick) in Italia”.
335
Sessione X - Controllo biologico. Presentazioni orali
INDAGINI PRELIMINARI SU ADATTAMENTO ED EFFICACIA DI
PARASSITOIDI INDIGENI NELLA LOTTA A TUTA ABSOLUTA
C. Ferracini1, B. L. Ingegno1, P. Navone1, M. Mosti2, L. Tavella1 & A. Alma1
DIVAPRA, Dipartimento di Valorizzazione e Protezione delle Risorse
Agroforestali, Entomologia e Zoologia applicate all’Ambiente “C. Vidano”,
Università degli Studi di Torino, Via L. da Vinci 44, 10095 Grugliasco (TO)
E-mail: chiara.ferracini@unito.it
2
BIOPLANET, Strategie di Controllo Biologico, Via Masiera prima 1195, 47521
Cesena (FC)
1
Tuta absoluta (Meyrick) (Lepidoptera, Gelechiidae) è un importante fitofago
esotico originario dell’America meridionale, segnalato per la prima volta nel
sud dell’Italia nel 2008 e introdotto nella lista A2 dell’EPPO nel 2009. A causa
del comportamento biologico del lepidottero e dei gravi danni che produce si è
attualmente alla ricerca di metodologie di controllo integrato.
Durante sopralluoghi condotti nel biennio 2009-2010 in coltivazioni di pomodoro sono state individuate alcune specie di parassitoidi indigeni adattatesi al lepidottero esotico. In particolare le due specie Necremnus prope artynes (Walker)
and N. prope tidius (Walker) (Hymenoptera, Eulophidae), rinvenute rispettivamente in Sardegna e Liguria, sono apparse promettenti.
Pertanto, in vista di un loro impiego in programmi di lotta integrata, sono stati
allestiti allevamenti presso i laboratori del Bioplanet. Per valutare l’attività di
limitazione dei due parassitoidi nei confronti di T. absoluta sono state condotte
prove in condizioni controllate; inoltre per accertarne la risposta comportamentale sono stati effettuati biosaggi in olfattometro a Y offrendo ai due eulofidi
pomodoro sano e pomodoro infestato oltre ad altre piante e ospiti riportati in
bibliografia.
I risultati ottenuti, seppur preliminari, hanno evidenziato una buona attività
di limitazione nei confronti del fitofago: in laboratorio entrambe le specie hanno causato un’elevata mortalità delle larve di T. absoluta dovuta a fenomeni di
“host feeding” e parassitizzazione. Anche in olfattometro hanno mostrato di
preferire il pomodoro infestato dal lepidottero esotico.
Ulteriori studi sono necessari per la identificazione delle due specie di Necremnus, per approfondire le conoscenze sui loro ospiti naturali e per valutarne
l’utilizzo in programmi di lotta integrata.
Parole chiave: limitatori naturali, Eulophidae, minatore fogliare esotico, Gelechiidae, pomodoro.
336
Sessione X - Controllo biologico. Presentazioni orali
VALUTAZIONI PRELIMINARI DEL PREDATORE MACROLOPHUS
PYGMAEUS (HEMIPTERA, MIRIDAE) NEL CONTENIMENTO DI TUTA
ABSOLUTA (LEPIDOPTERA, GELECHIIDAE)
F. Fois1, M. Porcu1, S. Sau1, P. Carrusci1, A. M. Deiana1 & M. Nannini2
Dipartimento di Biologia Animale ed Ecologia, Università degli Studi di Cagliari,
Via Ing. T. Fiorelli 1 (Viale Poetto), 09126 Cagliari E-mail: francifois@libero.it
2
AGRIS Sardegna-DIRVE, Viale Trieste 111, 09123 Cagliari
E-mail: mnannini@agrisricerca.it
1
La recente introduzione in Italia della tignola del pomodoro Tuta absoluta
(Meyrick) ha determinato un rilevante incremento del numero di trattamenti
insetticidi effettuati per la difesa delle colture di pomodoro. Il controllo integrato rappresenta la strategia più razionale per contenere la dannosità del fitofago.
Tra gli insetti utilizzati per il controllo biologico in ambiente protetto, il Miride
Macrolophus pygmaeus (Rambur) ha mostrato attività predatrice su alcuni stadi
di sviluppo della tignola del pomodoro.
Per una prima valutazione del potenziale di questo predatore come limitatore
naturale del Gelechide, nel biennio 2009/10 sono state condotte alcune esperienze in condizioni controllate e in colture commerciali di uno dei principali
distretti serricoli della Sardegna (Pula, CA).
Su piantine di pomodoro mantenute in cella climatizzata a 23 °C è stato osservato che l’azione del Miride ha determinato un evidente contenimento delle
infestazioni di T. absoluta sia a una densità di 3 che di 10 adulti/pianta. In prove
condotte in condizioni di semi-campo solo la densità più elevata ha permesso di
raggiungere risultati statisticamente significativi.
È stato inoltre osservato che la presenza sulle piante di una seconda preda del
Miride, l’Aleirodide Bemisia tabaci (Gennadius), ha determinato un maggiore
grado di infestazione da parte del Gelechide. Infine, in 10 serre commerciali di
pomodoro nelle quali sono stati introdotti 2 M. pygmaeus/m2, è stata rilevata
una densità massima pari a 1,4 Miridi predatori per pianta, rappresentati in misura prevalente da individui della specie Nesidiocoris tenuis (Reuter), che spesso
colonizza spontaneamente le colture di pomodoro.
Sulla base delle esperienze svolte, è da ritenere che livelli di densità del predatore così bassi non possano consentire un adeguato contenimento delle infestazioni del fitofago.
Pertanto, ai fini di un efficace impiego dell’entomofago per il controllo di T. absoluta, si renderà necessario mettere a punto misure che consentano un più precoce insediamento del Miride nelle colture e una sua più rapida moltiplicazione.
Parole chiave: controllo biologico, lotta integrata, serricoltura, tignola del pomodoro.
337
Sessione X - Controllo biologico. Presentazioni orali
Parassitizzazione di Bactrocera oleae su olivo coltivato
e selvatico in Sicilia e nel Western Cape (Sud Africa)
C. Giacalone, M. Maltese & V. Caleca
Dipartimento DEMETRA, Università degli Studi di Palermo, Viale delle Scienze
Edificio 5, 90128 Palermo E-mail: caleca@unipa.it
Nel 2009 e nel 2010 in Sicilia e nella regione del Western Cape (Sud Africa) sono
stati condotti studi sulla parassitizzazione della mosca delle olive, Bactrocera
oleae (Rossi), raccogliendo i frutti di piante di olivo coltivato (Olea europaea
ssp. europaea) e selvatico (O. europaea ssp. oleaster in Sicilia, O. europaea ssp.
cuspidata in Sud Africa); le piante delle due sottospecie erano non trattate e
distanti pochi metri. I campioni sono stati raccolti nell’arco di quattro mesi in
Sicilia e di due mesi in Sud Africa. Per i campioni di olive sono stati registrati
gli attacchi di B. oleae (punture di ovideposizione e fori d’uscita) e il diametro
equatoriale.
Le olive attaccate da B. oleae in Sicilia sono state il 69% nell’olivo coltivato e
il 50% nell’olivastro. Nel Western Cape dall’olivo selvatico è sfarfallata anche
Bactrocera biguttula Bezzi (8% del totale delle Bactrocera spp.); l’attacco dei tefritidi è stato riscontrato sul 27% delle drupe dell’olivo coltivato e sul 17% dei
frutti dell’olivo selvatico.
In Sicilia il parassitoide più abbondante sia su olivo coltivato che su olivastro è
risultato il braconide Psyttalia concolor (Szépligeti) seguito dall’eulofide Pnigalio
mediterraneus Ferrière & Delucchi; per la prima volta in Sicilia è stato ritrovato
l’eulofide gregario Baryscapus silvestrii Viggiani et Bernardo. Nel Western Cape
da olive di O. europaea ssp. cuspidata sono sfarfallati tre braconidi: Utetes africanus (Szépligeti), Psyttalia lounsburyi (Silvestri) e qualche esemplare di Bracon
celer Szépligeti; dall’olivo coltivato sono sfarfallati soltanto gli ultimi due braconidi. Nonostante nelle due regioni si ritrovino differenti specie di parassitoidi
e due differenti sottospecie di olivo selvatico, entrambi con drupe di piccole
dimensioni (diametro 7-8 mm), la parassitizzazione su B. oleae dovuta ai braconidi è molto maggiore sulle drupe di olivo selvatico (43% in Sicilia, 24% in Sud
Africa) rispetto a quella sull’olivo coltivato (8% in Sicilia, 4% in Sud Africa). È
stata riscontrata una chiara correlazione negativa tra il diametro della drupa e
il livello di parassitizzazione.
I braconidi parassitoidi che nelle differenti aree del mondo risultano più specializzati nella parassitizzazione di B. oleae, evolutisi sulle piccole drupe dell’olivo
selvatico, hanno un ovopositore non più lungo di 2,5 mm e appaiono in evidenti
difficoltà nel parassitizzare le larve di terza età della mosca su drupe di maggiore diametro che caratterizzano l’olivo coltivato.
Parole chiave: mosca delle olive, Tephritidae, Braconidae, diametro delle drupe.
338
Sessione X - Controllo biologico. Presentazioni orali
Effetto
dell’attività
cairomonica
del
feromone
sessuale di sintesi di Planococcus ficus sui livelli di
parassitizzazione di Anagyrus sp. near pseudococci nei
confronti di P. citri
P. Suma, R. Mansour, A. La Pergola, A. Russo & G. Mazzeo
Dipartimento di Gestione dei Sistemi Agroalimentari e Ambientali, Sezione
Entomologia agraria, Università degli Studi di Catania, Via Santa Sofia 100,
95123 Catania E-mail: suma@unict.it
L’attività cairomonica del feromone sessuale di sintesi ((S)-(+)-lavandulyl senecioate) della cocciniglia cotonosa della vite, Planococcus ficus (Signoret) nei confronti dell’endoparassitoide Anagyrus sp. near pseudococci è ormai nota (Franco
et al. 2008). Una prova sperimentale, volta a valutare se il suddetto feromone
determina dei cambiamenti sostanziali nei livelli di parassitizzazione dell’encirtide nei confronti del congenerico P. citri (Risso), in condizioni di pieno campo,
è stata effettuata nell’estate del 2010 in Sicilia. Allo scopo sono state installate
in campo apposite trappole spia, costituite da recipienti di plastica opportunamente forati per permettere l’ingresso dei parassitoidi contenenti patate germogliate infestate con un numero noto di giovani femmine di P. citri. Metà delle
trappole, costituenti la tesi trattata, sono state addizionate con un erogatore
del feromone ((S)-(+)-lavandulyl senecioate). Ai fini della valutazione degli effetti
dell’attività cairomonica sono stati considerati i seguenti parametri: il numero di parassitoidi presenti all’interno delle trappole al momento del controllo
(NCP), il numero di giorni necessari allo sfarfallamento della nuova generazione
dell’encirtide dagli ospiti presenti dentro le trappole (NDFE) e il numero totale
di parassitoidi sfarfallati da ciascuna trappola (NEP). Tanto i valori di NCP
quanto quelli relativi al NEP sono risultati significativamente maggiori nella tesi
trattata quando confrontata con quella testimone.
Dal complesso dei risultati acquisiti e in considerazione del fatto che il numero
di giorni necessari al primo sfarfallamento dei parassitoidi è risultato significativamente inferiore nella tesi trattata, è possibile concludere che un impiego ottimizzato di questo feromone sessuale di sintesi potrebbe trovare ampi margini di
impiego in programmi di controllo integrato delle cocciniglie cotonose di vite e
agrumi, tale da esaltare l’attività dell’endoparassitoide indigeno nel contenimento delle loro popolazioni.
Parole chiave: pseudococcidi, parassitoidi, encirtide, controllo biologico.
Bibliografia :
Franco J., Silva E., Cortegano E., Campos L., Branco M., Zada A. and Mendel Z., 2008 - Kairomonal response of the parasitoid Anagyrus spec. nov. near
pseudococci to the sex pheromone of the vine mealybug - Entomologia Experimentalis et Applicata, 126: 122-130.
339
Sessione X - Controllo biologico. Presentazioni orali
I DITTERI TACHINIDI E La dicotomia coinobionte/idiobionte
M. L. Dindo
DiSTA, Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroambientali, Alma Mater
Studiorum Università di Bologna, Viale Fanin 42, 40127 Bologna
E-mail: marialuisa.dindo@unibo.it
I parassitoidi possono essere suddivisi in coinobionti e idiobionti, a seconda che,
a parassitizzazione avvenuta, essi consentano o meno all’insetto ospite di continuare a svilupparsi e ad alimentarsi per un certo periodo di tempo. I coinobionti, pertanto, presentano una fase parassitaria prolungata, durante la quale possono manifestarsi, tra i due simbionti, relazioni fisiologiche piuttosto complesse.
Gli idiobionti, al contrario, hanno una fase parassitaria breve, contraddistinta
da rapporti ospite/parassitoide alquanto semplificati.
Come per quasi tutti gli aspetti riguardanti il parassitoidismo, anche la dicotomia coinobionte/idiobionte è stata proposta facendo essenzialmente riferimento
agli imenotteri ed è stata poi estesa ai parassitoidi appartenenti ad altri gruppi, compresi i ditteri tachinidi. Questi ultimi rappresentano la più vasta famiglia di parassitoidi non imenotteri; molte specie, inoltre, rivestono una notevole
importanza quali agenti di controllo di insetti fitofagi dannosi. Sul piano dei
rapporti con l’ospite, i tachinidi vengono di solito considerati tutti coinobionti,
dal momento che nessuna specie è in grado di uccidere l’ospite in tempi molto rapidi, né di paralizzarlo. Tuttavia, solo alcuni tachinidi si comportano da
veri coinobionti, instaurando con l’ospite relazioni fisiologiche complesse; altre
specie, invece, presentano una fase parassitaria relativamente breve e si sviluppano in modo indipendente dalla fisiologia e dal bilancio ormonale dell’ospite.
Tali tachinidi (soprattutto quelli le cui larve respirano, fin dall’inizio, ossigeno
atmosferico) presentano, pertanto, un comportamento che, pur essendo non totalmente assimilabile a quello degli idiobionti, nemmeno è conforme a quello
dei coinobionti. La tecnica di allevamento “in vitro” fornisce ulteriore riprova
del fatto che è improprio ritenere tutti i tachinidi dei coinobionti. L’allevamento
“in vitro” dei coinobionti tipici, infatti, è alquanto difficoltoso a causa delle
complessità delle loro relazioni con la vittima. Contrariamente alla generalità
dei coinobionti e in modo simile ad alcuni imenotteri idiobionti, certi tachinidi
a sviluppo indipendente dalla fisiologia e dal bilancio ormonale dell’ospite sono
però stati allevati “in vitro” fino allo stato adulto, anche su substrati privi di
materiale derivato da insetto. Si può concludere che non è appropriato considerare tutti i tachinidi dei coinobionti e che, più in generale, è la stessa dicotomia
coinobionte/idiobionte a essere inadeguata per questi parassitoidi. I tachinidi
possono essere suddivisi, per quanto riguarda il loro rapporti con l’ospite, semplicemente sulla base della loro dipendenza, o indipendenza, dalla fisiologia e
dal bilancio ormonale della vittima.
Parole chiave: insetti entomofagi, rapporti ospite-parassitoide, allevamento “in
vitro”.
340
Sessione X
CONTROLLO BIOLOGICO
Presentazioni Posters
Sessione X - Controllo biologico. Presentazioni Posters
ATTIVITÀ ENTOMOPATOGENA DI UN CEPPO DI METHARIZIUM
ANISOPLIAE ISOLATO IN ITALIA, NEI CONFRONTI DELLE UOVA DI
RHYNCHOPHORUS FERRUGINEUS*
C. Benvenuti, V. Francardi, P. Rumine, G. P. Barzanti & P. F. Roversi
CRA, Centro di Ricerca per l’Agrobiologia e la Pedologia, Laboratorio di
Microscopia Elettronica, Via di Lanciola 12/a, Cascine del Riccio, 50125 Firenze
E-mail: claudia.benvenuti@entecra.it
La problematica del controllo della diffusione epidemica degli attacchi di Rhynchophorus ferrugineus (Olivier) presenta aspetti di particolare complessità, non
solo per le abitudini criptiche di questo coleottero ma anche per i contesti in
cui spesso ci si trova ad operare: aree urbane, viali e giardini privati. Come per
molte altre introduzioni accidentali di fitofagi esotici, l’utilizzo di antagonisti
naturali e agenti di malattia rappresenta un settore di estremo interesse su cui
convergono gli sforzi di vari gruppi di ricerca internazionali.
Di recente nei laboratori del CRA-ABP è stato isolato da R. ferrugineus un ceppo di Metarhizium anisopliae (Metch.) Sorok. che si è dimostrato molto attivo
nei confronti di larve ed adulti del Punteruolo rosso. Al fine di valutare l’azione
del fungo nei riguardi delle uova sono state effettuate prove di laboratorio e osservazioni al microscopio ottico e al microscopio elettronico a scansione. Uova
di Rincoforo deposte da meno di 24 h sono state poste a contatto diretto con
chicchi di grano contaminati dal fungo e successivamente mantenute in cella
climatizzata a 27 °C.
Lo sviluppo del fungo e gli effetti del trattamento sono stati indagati a distanza
di 24, 48 e 72 h. Le osservazioni al microscopio ottico e le immagini acquisite
tramite il microscopio elettronico hanno evidenziato a 24 e 48 ore dal trattamento la progressiva colonizzazione della superficie esterna dell’uovo.
Le osservazioni fatte a 72 ore dall’inoculo hanno permesso di rilevare, oltre al
collassamento delle uova, la ricopertura della superficie del corion e la penetrazione delle ife all’interno. Nella totalità delle uova trattate in ambiente controllato si è potuto constatare la morte degli embrioni.
Lo studio apre interessanti prospettive e al riguardo sono in corso ulteriori prove per verificare l’azione dell’entomopatogeno su uova di Rincoforo deposte su
palme in condizioni naturali.
Parole chiave: punteruolo delle palme, entomopatogeni, controllo microbiologico.
* Ricerche svolte nell’ambito del Progetto Finalizzato MIPAAF “DIPROPALM”.
343
Sessione X - Controllo biologico. Presentazioni Posters
Nuove associazioni tra parassitoidi indigeni e insetti
esotici di recente introduzione in Italia: andamento di
un progetto di ricerca
M. L. Dindo1, P. Baronio1, S. Maini1, A. Martini1, S. Francati1, E. Marchetti1, F.
Santi1, A. Pollini4, C. Ferracini3, A. Quacchia3, C. Jucker2, D. Lupi2 & M. Colombo2
DiSTA, Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroambientali, Università di
Bologna, Viale Fanin 42, 40127 Bologna E-mail: marialuisa.dindo@unibo.it
2
DiPSA, Dipartimento di Protezione dei Sistemi agroalimentare e urbano e
Valorizzazione delle Biodiversità, Università di Milano, Via Celoria 2, 20133 Milano
3
DIVAPRA, Dipartimento di Valorizzazione e Protezione delle Risorse
Agroforestali, Università di Torino, Via L. da Vinci 44, 10095 Grugliasco (TO)
4
Agronomo Fitopatologo, Via Luxemburg 11, 40026 Imola (BO)
1
Il Progetto (PRIN 2008), di durata biennale, è finalizzato allo studio di nuove
associazioni tra parassitoidi indigeni e quattro insetti di recente introduzione in
Italia, allo scopo di ottenere utili indicazioni ai fini della valorizzazione del ruolo di tali entomofagi nel controllo delle specie bersaglio. Le specie esotiche considerate sono Psacothea hilaris (Pascoe), di origine asiatica e nociva alle Moraceae, Cacyreus marshalli (Butler), di origine sudafricana e dannoso, in Italia, ai
gerani coltivati, Dryocosmus kuriphilus Yasumatsu, di origine cinese e ritenuto,
a livello mondiale, uno dei fitofagi più dannosi al castagno e Harmonia axyridis
(Pallas), di origine asiatica e attivo predatore di afidi e cocciniglie, ma che da
anni suscita preoccupazioni per la sua invasività. Al termine del primo anno di
ricerche i risultati sono diversi a seconda degli obiettivi a suo tempo prefissati.
Per P. hilaris, sono state perfezionate le tecniche di allevamento, il quale sarà
utile sia per approfondire le conoscenze sulla biologia del cerambicide, sia per
consentire, in prospettiva, la moltiplicazione di parassitoidi indigeni in grado
di adattarsi a questa specie esotica. Per C. marshalli si sono saggiate, in laboratorio, l’accettabilità e l’idoneità nei confronti di tre parassitoidi: Trichogramma evanescens Westwood (prodotto in biofabbrica) che si è, finora, dimostrato
inefficace nelle nostre prove, anche se la specie era già nota come antagonista
del licenide in Europa, Exorista larvarum (L.) e Brachymeria tibialis (Walker)
(entrambi allevati in continuo presso il DiSTA), che hanno invece dato prova
di avere delle potenzialità come antagonisti del licenide. Per D. kuriphilus, sono
state finora individuate, in Emilia Romagna, 6 specie di parassitoidi indigeni,
di cui una va ad aggiungersi alle specie già reperite in passato in Piemonte e 5
sono comuni. Raccolte effettuate in campo, in siti selezionati in Lombardia ed
Emilia Romagna, hanno infine evidenziato che si sta instaurando una nuova
associazione tra H. axyridis e il parassitoide indigeno Dinocampus coccinellae
(Schrank), di cui si sta ora allestendo un allevamento continuo, così da approfondire le conoscenze sulla sua biologia e sul suo possibile ruolo quale agente
di contenimento della specie bersaglio.
Parole chiave: specie esotiche introdotte, insetti entomofagi, lotta biologica.
344
Sessione X - Controllo biologico. Presentazioni Posters
MESSA A PUNTO di un PROTOTIPO DI tRappola per la
contaminazione di adulti di Rhynchophorus ferrugineus
con funghi entomopatogeni*
V. Francardi, C. Benvenuti, G. P. Barzanti & P. Rumine
CRA–ABP, Centro di Ricerca per l’Agrobiologia e la Pedologia, Via di Lanciola
12/a, 50125 Firenze E-mail: valeria.francardi@entecra.it
Nell’ambito del Progetto finalizzato DIPROPALM sono stati condotti studi sulla messa a punto di una trappola idonea a rilasciare nell’ambiente adulti di
Rhynchophorus ferrugineus (Olivier) contaminati con isolati di Beauveria bassiana (Vuill.) Balsam e Metarhizium anisopliae (Metch.) Sorok.
A tal fine sono stati utilizzati come substrati contaminanti cariossidi di cereali
opportunamente preparate e inoculate con i suddetti ceppi fungini. Le cariossidi
trattate sono state poste all’interno di un prototipo di trappola innescata con il
feromone di aggregazione di R. ferrugineus, acetato di etile e frutta in decomposizione. La trappola così allestita è stata collocata all’interno di una gabbia dove
sono stati liberati esemplari del curculionoideo, in numero uguale fra maschi e
femmine e lasciati all’interno per 24 ore. Al termine di questo periodo gli adulti
sono stati recuperati e allevati singolarmente in contenitori di plastica su spicchi
di mela. La mortalità degli adulti è stata registrata giornalmente per la durata
di 28 giorni. Nelle prove sono stati utilizzati nel complesso 170 adulti.
Il prototipo della trappola con il substrato “contaminante” e gli attrattivi impiegati è risultato in grado di richiamare gli adulti e consentirne il passaggio sulle
cariossidi inoculate. La mortalità degli esemplari contaminati da B. bassiana è
risultata inferiore al 50% mentre quella relativa agli individui infettati con M.
anisopliae ha superato il 70%. La mortalità degli adulti contaminati con M.
anisopliae su cereali diversi ha registrato valori superiori al 90%.
I risultati ottenuti sembrano aprire buone prospettive di utilizzo di queste trappole in campo. Ulteriori studi sono comunque in atto per verificare la trasmissibilità dell’infezione alla progenie del curculionoideo.
Parole chiave: punteruolo rosso delle palme, Beauveria bassiana, Metarhizium
anisopliae, lotta microbiologica, trappole a feromoni.
* Lavoro svolto nell’ambito del Progetto triennale “Difesa nei confronti del Punteruolo rosso delle palme, Rhynchophorus ferrugineus – DIPROPALM”, approvato e finanziato dal MiPAAF con D.M. 684/7303/08 del 11/03/2008.
345
Sessione X - Controllo biologico. Presentazioni Posters
sull’insediamento in italia di Neoleucopis kartliana
(Diptera, Chamaemyiidae), predatore di Marchalina
hellenica (Hemiptera, MARGARODIDAE)
A. P. Garonna & G. Viggiani
Dipartimento di Entomologia e Zoologia agraria “Filippo Silvestri”, Università
degli Studi di Napoli “Federico II”, Via Università 100, 80055 Portici (NA)
E-mail: garonna@unina.it
Marchalina hellenica (Gennadius), la cocciniglia greca dei pini, è insediata da alcuni decenni nell’Isola d’Ischia, dove infesta più o meno estesamente soprattutto
i pini delle aree urbane. Durante ripetute indagini condotte a partire dagli anni
’80, ma particolarmente intense negli anni 2005-2006, non era stato evidenziato
alcun antagonista naturale di questo omottero. Nel giugno 2006, nell’ambito
di un progetto di ricerca finanziato da CRAA-Regione Campania, grazie alla
collaborazione del Dr. Costantino Souliotis dell’Istituto Fitopatologico di Atene (Benaki) (Grecia) è stato introdotto e liberato su alcuni pini nel comune di
Ischia Porto, un piccolo nucleo del dittero camemide Neoleucopis kartliana (Tanasijtshuk), predatore degli stadi preimmaginali della cocciniglia.
In Grecia e, soprattutto in Turchia, ritenuta l’area d’origine della cocciniglia, N.
kartliana è segnalata come un attivo predatore di M. hellenica. Dati biologici riportati per la specie indicano che essa è in grado di svolgere 3-4 generazioni per
anno, predando sia le uova negli ovisacchi cerosi che gli stadi neanidali protetti
sotto le scaglie della corteccia dei pini.
Dopo una prima fase d’indagini, caratterizzata dal mancato ritrovamento del
predatore, nella primavera del 2010 ulteriori campionamenti hanno consentito
di rilevare la presenza significativa di stadi preimmaginali di un dittero camemide del genere Neoleucopis, successivamente identificato come N. kartliana.
Il monitoraggio primaverile-estivo ha evidenziato la presenza del dittero in tutte
le località indagate, con un consistente sfarfallamento degli adulti in maggio. Il
campionamento degli ovisacchi di M. hellenica, in tre aree di evidente infestazione (con 100 ovisacchi raccolti a caso/località), ha permesso di ottenere numerosi pupari, con una media generale di 0,5 di pupari/ovisacco e massimo di 6.
Dai campionamenti estivi, svolti per valutare l’impatto della predazione a carico
delle neanidi dell’omottero disperse sulla chioma, è risultata una presenza media
di 1 larva di camemide/18 neanidi, pari ad una densità di 11,5 larve/m di ramo.
Sono in corso ricerche tendenti ad approfondire la biologia di N. kartliana,
nonché il ruolo di questo predatore nel contenimento delle popolazioni di M.
hellenica.
Parole chiave: Ischia, lotta biologica, Omottero, pini.
346
Sessione X - Controllo biologico. Presentazioni Posters
BIODIVERSITÀ E INCIDENZA DI ANTAGONISTI NATURALI IN
RAPPORTO AGLI SCOLITIDI DEL PINO TOMICUS DESTRUENS E
ORTHOTOMICUS EROSUS IN CAMPANIA
M. Gebiola & A. P. Garonna
Dipartimento di Entomologia e Zoologia Agraria “Filippo Silvestri”, Università
degli Studi di Napoli “Federico II”, Via Università 100, 80055 Portici (NA)
E-mail: marco.gebiola@unina.it
Le conoscenze sugli antagonisti degli scolitidi del pino e, in particolare, del blastofago distruttore Tomicus destruens (Wollaston) e dello scolitide mediterraneo,
Orthotomicus erosus (Wollaston), in Italia risultano piuttosto superficiali.
Per colmare la lacuna esistente su ruolo e numero dei bioregolatori di tali coleotteri, al fine di acquisire elementi utili alla predisposizione di una gestione
efficace e sostenibile delle pinete, è stata svolta un’indagine che ha interessato
la Campania nel biennio 2009-2010.
La biodiversità e l’incidenza degli antagonisti è stata stimata utilizzando sezioni di
tronco di alberi esca confinati in fotoeclettori e conteggiando gli individui raccolti
nei box. Per i parassitoidi è stato valutato il rapporto tra individui dello scolitide
e i suoi antagonisti, mentre per i predatori è stato effettuato solo un censimento.
La ricerca è stata condotta in due ambienti: la pineta litoranea di Eboli (SA) e
la pineta della Riserva forestale Tirone-Alto Vesuvio del Parco Nazionale del
Vesuvio, con le stazioni sperimentali allestite a Trecase (NA) ed Ercolano (NA).
I risultati ottenuti evidenziano un complesso di antagonisti naturali piuttosto
diversificato. Per quanto riguarda i principali predatori sono stati identificati 9
generi di coleotteri (Nemosoma, Hypophloeus, Phloeopora, Glischrochilus, Epuraea, Rhizophagus, Paromalus, Platysoma, Bitoma e Thanasimus), due generi di
ditteri (Medetera e Lonchaea), una specie di Raphidia e un eterottero antocoride.
Riguardo agli imenotteri parassitoidi, di cui sono stati raccolti oltre 2.000 individui, le famiglie maggiormente rappresentate sono state quelle dei Braconidae
e degli Pteromalidae. Numericamente inferiori sono risultati gli Eupelmidae ed
Eurytomidae. I parassitoidi più comuni sono risultati Dendrosoter middendorfi
(la specie dominante), Metacolus unifasciatus, Heydenia pretiosa e Roptrocerus
xylophagorum. La maggiore biodiversità di questi organismi è stata registrata nei
popolamenti vesuviani. Le restanti entità, tra cui Caenopachys hartigii, sono poco
rappresentate, costituendo una minima frazione degli sfarfallamenti ottenuti.
È stata evidenziata una chiara attività stagionale dei parassitoidi in relazione sia
al blastofago sia allo scolitide mediterraneo, specie dominante nel periodo fine
aprile-fine ottobre. Il controllo naturale ha subito forti oscillazioni per località,
specie fitofaga e qualità del substrato, con percentuali molto vicine ai due valori
estremi 0-100% e con una evidente correlazione al diametro dei tronchi colonizzati.
Parola chiave: blastofago distruttore, parassitoidi, predatori, scolitide mediterraneo.
347
Sessione X - Controllo biologico. Presentazioni Posters
RELAZIONI MULTIPARTITE
HYALESTHES OBSOLETUS
TRA
I
BATTERI
SIMBIONTI
DI
E. Gonella1, I. Negri1, M. Mandrioli2, E. Crotti3, R. Tedeschi1, D. Daffonchio3 &
A. Alma1
DIVAPRA, Dipartimento di Valorizzazione e Protezione delle Risorse
Agroforestali, Entomologia e Zoologia applicate all’Ambiente “C. Vidano”,
Università degli Studi di Torino, Via L. da Vinci 44, 10095 Grugliasco (TO)
E-mail: elena.gonella@unito.it
2
DBA, Dipartimento di Biologia, Università degli Studi di Modena e Reggio
Emilia, Via Campi 213/D, 41125 Modena
3
Di.S.T.A.M., Dipartimento di Scienze e Tecnologie Alimentari e Microbiologiche,
Università degli Studi di Milano, Via Celoria 2, 20133 Milano
1
La conoscenza dei microrganismi che compongono la comunità microbica associata agli insetti dannosi è un prerequisito essenziale per lo sviluppo di strategie
di lotta basate sull’attività dei simbionti, dette di controllo simbiotico (CS). I
vettori di proca-rioti patogeni sono tra i principali bersagli del CS, indirizzato
alla lotta diretta all’agente eziologico. In Italia le prime ricerche in agricoltura
hanno riguardato il contenimento delle malattie causate da fitoplasmi. La caratterizzazione del microbiota associato a Scaphoideus titanus Ball, cicadellide vettore del fitoplasma agente della Flavescenza dorata della vite, ha evidenziato la
presenza di un promettente candidato agente di CS, il batterio acetico Asaia sp.
Alla luce di questi risultati è stato condotto lo studio della comunità microbica
associata al cixiide Hyalesthes obsoletus Signoret, vettore di un altro fitoplasma
particolarmente dannoso alla vite, l’agente del Legno nero. Tecniche di ecologia
microbica basate sui polimorfismi del gene 16SrRNA han-no rivelato la presenza
di varie specie batteriche stabilmente associate all’insetto. In particolare, i simbionti rilevati con i più alti tassi di infezione sono stati il Bacteroi-detes “Candidatus Sulcia muelleri”, il gammaproteobatterio “Candidatus Purcelliella pentastirinorum”, entrambi reperiti in diverse specie di cixiidi e/o altri auchenorrinchi, e
un betaproteobatterio non ancora descritto, che è stato denominato “Candidatus
Vidania fulgoroideae”. Il nuovo genere è dedicato al prof. Carlo Vidano, noto siste-matico e tra i primi ricercatori a occuparsi di epidemiologia di specie di vettori di interesse agrario, mentre l’epiteto specifico si riferisce alla superfamiglia
Fulgoroidea, a cui appartengono gli ospiti del simbionte. Analisi di ibridazione
“in situ” in fluore-scenza hanno dimostrato la presenza dei principali simbionti
di H. obsoletus nell’inte-stino e nelle gonadi maschili e femminili dell’insetto.
La presenza contemporanea delle tre specie batteriche in diversi distretti corporei dell’ospite, unita alle precedenti conoscenze sulla complementarietà di “Ca.
Sulcia muelleri” con altri simbionti in diversi insetti, suggerisce che in H. obsoletus si verifichi un’interazione bipartita o persino tripartita tra il Bacteroidetes
e “Ca. Purcelliella pentastirinorum” o “Ca. Vidania fulgoroideae”, o entrambi.
Parole chiave: Cixiidae, batteri simbionti, “Candidatus Vidania fulgoroideae”.
348
Sessione X - Controllo biologico. Presentazioni Posters
lotta biologica contro i nottuidi infestanti lo spinacio
da industria mediante Steinernema carpocapsae e
Bacillus thuringiensis aizawai
A. Lanzoni1, G. Ade2, R. Martelli2, F. Pezzi2, P. Radeghieri1 & S. Maini1
Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroambientali, Alma Mater Studiorum
Università di Bologna, Viale G. Fanin 42, 40127 Bologna
E-mail: alberto.lanzoni2@unibo.it
2
Dipartimento di Economia e Ingegneria Agrarie, Alma Mater Studiorum
Università di Bologna, Viale G. Fanin 50, 40127 Bologna
1
Il nematode entomopatogeno Steinernema carpocapsae Weiser riveste un importante ruolo nella lotta biologica ed integrata contro diversi fitofagi. La sua distribuzione può essere effettuata utilizzando una normale macchina irroratrice
adeguatamente modificata. L’efficacia dei nematodi entomopatogeni può essere
migliorata attraverso un loro utilizzo in combinazione con altri agenti di contenimento; in questo modo gli antagonisti possono agire indipendentemente l’uno
dall’altro oppure, come riportato da alcuni Autori, interagire sinergicamente aumentando così l’efficacia dell’intervento.
Una nuova strategia integrata di lotta (IPM), consentirebbe, per molte colture di
interesse agroalimentare, di diminuire l’impiego degli insetticidi in accordo con
le progressive limitazioni imposte dai disciplinari di produzione. Tale strategia
inoltre permetterebbe di contenere i problemi di resistenza dei fitofagi ed escludere la presenza di residui sulla coltura.
La ricerca è stata finalizzata alla valutazione dell’efficacia del controllo dei lepidotteri nottuidi su spinacio tramite S. carpocapsae e per mezzo di una combinazione del nematode con B. thuringiensis ssp. aizawai. I trattamenti con nematodi
sono stati inoltre confrontati con interventi a base di B .t. aizawai e con la difesa
convenzionale chimica (Indoxacarb e Deltametrina).
Le prove hanno confermato un’efficace distribuzione del nematode da parte
dell’irroratrice; la sopravvivenza dell’ausiliare campionato nel liquido distribuito è risultata, infatti, comparabile a quella riscontrata all’interno del serbatoio.
Le tesi trattate con S. carpocapsae da solo e con S. carpocapsae + B. t. hanno
mostrato, dalla metà del ciclo di coltivazione alla raccolta, una riduzione del
numero di larve di nottue presenti, principalmente Spodoptera exigua (Hübner)
e Autographa gamma (Linnaeus), rispetto al testimone, pur se in maniera non
significativa e comunque non superiore alle parcelle trattate con insetticidi. Dai
dati ottenuti non è stato comunque possibile evidenziare un’azione sinergica
nella tesi trattata con nematode e B. t. Ulteriori indagini risultano quindi necessarie per confermare l’efficacia dei nematodi e del B. t., e dell’eventuale loro
sinergia nel controllo dei nottuidi.
Parole chiave: Spodoptera exigua, Autographa gamma, lotta microbiologica,
macchina irroratrice di nematodi, IPM.
349
Sessione X - Controllo biologico. Presentazioni Posters
I Parassitoidi DI LEPTOGLOSSUS OCCIDENTALIS IN SICILIA E NEL
SUO AREALE DI ORIGINE nordamericano
M. Maltese1, V. Caleca1, W. B. Strong2, E. Guerrieri3 & P. F. Roversi4
Dipartimento DEMETRA, Università di Palermo, Viale delle Scienze, Edificio
5, 90128 Palermo
E-mail: m.maltese@unipa.it
2
BC Ministry of Forest, Kalamalka Forestry Centre, 3401 Reservoir Rd, Vernon,
B.C. V1B 2C7, Canada
3
C.N.R., Istituto per la Protezione delle Piante, Via Università 133, 80055 Portici
(NA)
4
CRA, Via di Lanciola 12/a, Cascine del Riccio, 50125 Firenze
1
Sul coreide Leptoglossus occidentalis Heidemann, cimice delle conifere di origine
nordamericana, che in Italia ha fatto registrare un calo della produzione di pinoli di Pinus pinea, si sono finora registrati parassitoidi di ninfe e adulti nonché
di uova. Al primo gruppo appartengono i Diptera Tachinidae: negli USA e in
Canada è stata riscontrata Trichopoda pennipes, mentre nell’Italia centro-settentrionale pochi adulti sono stati parassitizzati da Ectophasia crassipennis e da
tachinidi ancora non identificati. Tra i parassitoidi oofagi in Canada erano stati
finora segnalati il Platyga-stridae Gryon pennsylvanicum, l’Eupelmidae Anastatus
pearsalli e l’Encyrtidae Ooencyrtus sp.; nell’Italia centro-settentrionale, seppur
con minime percentuali, sono già stati segnalati Anastatus bifasciatus, Ooencyrtus
pityocampae e l’eulofide Baryscapus servadeii. Scopo del presente lavoro è stato
quello d’indagare sui parassitoidi di L. occidentalis in Sicilia e in Nord America.
In Sicilia, dopo due anni di rilievi in campo ed esposizioni di ovature sentinella, nessun parassitoide è sfarfallato dalle uova di L. occidentalis; un solo adulto dell’eterottero è stato trovato con un uovo di tachinide. Durante le ricerche
svolte in Nord America nel 2010, dalle uova del coreide liberamente deposte
in campo, G. pennsylvanicum è stato l’unico parassitoide ottenuto in 6 località
del British Columbia e in 3 della California; per quest’ultima area risulta il
primo e l’unico parassitoide noto. Invece, esponendo coppie di L. occidentalis
con femmine ovideponenti all’interno di sacchetti di rete nel British Columbia,
su Pinus monticola le uova sono state parassitizzate, oltre che da G. pennsylvanicum (23%), anche da Ooencyrtus johnsoni (4%), per la prima volta segnalato su
quest’ospite, e da Anastatus sp. (4%); il platigastride è stato l’unico parassitoide
sfarfallato da uova deposte su Picea engelmannii (60%) e su Pinus contorta (29%).
La parassitizzazione del Gryon nelle prove con i sacchetti è stata maggiore (46%)
rispetto a quella delle uova deposte fuori dai sacchetti (4%). La maggiore attività di G. pennsylvanicum è stata registrata nel mese di luglio. G. pennsylvanicum
appare un efficace antagonista naturale di L. occidentalis, ragion per cui è stato
recentemente introdotto in laboratorio in Italia, e sono in corso prove di ovideposizione su eterotteri italiani, in vista di un suo futuro rilascio in pieno campo.
Parole chiave: Gryon pennsylvanicum, Ooencyrtus, Anastatus, pinoli.
350
Sessione X - Controllo biologico. Presentazioni Posters
Analisi di sopravvivenza di larve di Spodoptera littoralis
per la valutazione di eventuali interazioni tra SLNPV e
Bacillus thuringiensis
E. Marchetti & A. Masetti
Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroambientali, Alma Mater Studiorum
Università di Bologna, Viale Fanin 42, 40127 Bologna
E-mail: elisa.marchetti3@unibo.it
Spodoptera littoralis (Boisduval) (Lepidoptera, Noctuidae), specie fitofaga presente in tutto il bacino del Mediterraneo, negli ultimi anni si è ampiamente
diffusa nell’Italia centro-meridionale causando danni, talora molto gravi, su diverse colture orticole. Attualmente il contenimento delle infestazioni è basato
quasi esclusivamente sull’uso di insetticidi convenzionali che hanno pesanti ricadute sull’entomofauna utile e rischiano di selezionare ceppi di nottue resistenti.
Lo sviluppo di metodi di controllo alternativi alla chimica risulta, quindi, di
primaria importanza. Di recente sono stati proposti promettenti formulati basati su ceppi virali della poliedrosi nucleare di S. littoralis (SlNPV). Poiché alle
popolazioni di S. littoralis spesso si sovrappongono specie affini insensibili a
SlNPV, è importante verificare l’integrabilità di questo virus entomopatogeno
con formulati commerciali a base di Bacillus thuringiensis (Berliner) (Bt), ampiamente utilizzati per il controllo degli altri nottuidi in pieno campo. L’obiettivo di
questa ricerca è stato quello di verificare eventuali effetti sinergici o interazioni
negative tra SlNPV e Bt.
Nella prova è stata valutata la mortalità nel tempo di larve di S. littoralis alimentate con foglie di fagiolo sottoposte ai seguenti trattamenti: Bt alla dose
massima raccomandata per il trattamento di orticole da foglia in pieno campo;
SlNPV anch’esso alla dose massima; Bt + SlNPV con il primo diluito a 1/5 della
dose massima e SlNPV a dose massima; controllo trattato con acqua distillata.
Per ovviare a fenomeni di cannibalismo, le prove sono state condotte in arene
individuali costituite da capsule Petri.
Tra i trattamenti Bt, SlNPV e Bt + SlNPV non sono state rilevate differenze statisticamente significative nella mortalità finale, che risulta compresa tra il 78,9
e il 93,3%. Le tossine batteriche a dose massima hanno esplicato la loro azione
letale mediamente in 4,7 giorni, SlNPV ha mostrato un tempo medio letale di
10,7 giorni e la miscela Bt + SlNPV di 11,3 giorni (analisi di sopravvivenza di
Kaplan-Meier).
Né l’analisi della mortalità cumulativa finale né l’analisi delle curve di sopravvivenza hanno evidenziato interazioni di alcun tipo tra Bt a dose ridotta e SlNPV.
Questi due bioinsetticidi appaiono quindi pienamente compatibili e integrabili
in programmi di controllo microbiologico dei nottuidi infestanti.
Parole chiave: virus entomopatogeni, Noctuidae, lotta microbiologica, KaplanMeier, tempo medio letale.
351
Sessione X - Controllo biologico. Presentazioni Posters
osservazioni preliminari sull’influenza degli ospiti
PLANOCOCCUS CITRI E PLANOCOCCUS FICUS su alcuni
parametri demografici Del parassitoide LEPTOMASTIX
DACTYLOPII*
P. M. Marras1, A. Cocco2, S. Ortu2 & A. Lentini2
Dipartimento per la Ricerca nella Arboricoltura, Agris Sardegna, Viale Mameli
126, 09123 Cagliari
E-mail: pmarras@agrisricerca.it
2
Dipartimento di Protezione delle Piante, Università degli Studi di Sassari, Via
E. De Nicola 1, 07100 Sassari
1
L’Imenottero Encirtide Leptomastix dactylopii Howard è un endoparassitoide di
diverse specie di pseudococcidi ed è impiegato efficacemente, in agrumicoltura
e florovivaismo, nel controllo biologico delle infestazioni di Planococcus citri
(Risso). Il parassitoide può essere allevato in laboratorio anche sulla cocciniglia
farinosa della vite, Planococcus ficus (Signoret), ma il suo impiego nell’agroecosistema vigneto non ha mai dato esiti soddisfacenti. Gli scarsi risultati ottenuti
possono essere attribuiti alle condizioni microclimatiche del vigneto o alla minore idoneità di P. ficus quale ospite di L. dactylopii.
In questa nota vengono riportati i risultati di una sperimentazione di laboratorio tesa a verificare l’influenza degli ospiti, P. ficus e P. citri, sulla capacità
di sviluppo del parassitoide. A tale scopo sono stati messi a confronto alcuni
parametri demografici di popolazioni di L. dactylopii allevate sui due ospiti rilevando, in particolare, la dimensione e la progenie delle femmine, la mortalità
pupale, la durata dello sviluppo preimmaginale, il rapporto fra i sessi della progenie e la longevità degli adulti.
I risultati sinora ottenuti indicano che L. dactylopii, posto a contatto con una
sola specie di Pseudococcide alla volta (“no-choice” test), ha una buona capacità
di sviluppo sia su P. citri che su P. ficus non mostrando differenze nella durata
della vita preimmaginale, nella longevità degli adulti e nella sex ratio. La linea
del parassitoide allevata su P. ficus ha, però, prodotto una minore progenie rispetto a quella allevata su P. citri. In accordo con questo risultato, anche le
misure morfometriche hanno evidenziato una lieve differenza nella dimensione
delle femmine adulte delle due linee di allevamento.
Per una piena valutazione delle potenzialità del parassitoide nella lotta biologica alla cocciniglia cotonosa della vite è tuttavia necessario completare le osservazioni esponendo contemporaneamente entrambe le specie di Planococcus
all’Encirtide (“choice” test) per evidenziare eventuali fenomeni di preferenza
nella scelta dell’ospite.
Parole chiave: cocciniglia farinosa della vite, lotta biologica, progenie.
* Ricerche finanziate da APQ FILIERA VITIVINICOLA (Progetto SQF VS
CONVISAR) e Regione Autonoma della Sardegna.
352
Sessione X - Controllo biologico. Presentazioni Posters
Analisi del contenuto intestinale di insetti predatori:
sviluppo di marcatori molecolari diagnostici per
Diaphorina citri
F. Nugnes1, D. B. Thomas2, M. Sétamou3, J. R. Hagler4, M. González5 & J. H.
de León5
Dipartimento di Entomologia e Zoologia agraria “Filippo Silvestri”, Università
degli Studi di Napoli “Federico II”, Via Università 100, 80055 Portici (NA)
E-mail: francesco.nugnes@unina.it
2
CQFIRU, Agricultural Research Service (ARS), USDA, Weslaco, Tx 78596, U.S.A.
3
Citrus Center, Texas A&M University Kingsville, Weslaco, Tx 78596, U.S.A.
4
ALARC, USDA, ARS, Maricopa, Arizona 85238, U.S.A.
5
Beneficial Insect Research Unit, ARS, USDA, Weslaco, Texas 78596, U.S.A.
1
Nel 2005 Diaphorina citri Kuwayama (Hemiptera, Psyllidae), nota come psilla
asiatica degli agrumi (ACP), è stata riscontrata per la prima volta in Florida
e Brasile dove ha causato la distruzione di milioni di piante. Il suo areale di
diffusione è in espansione sia in America Centrale che nel Sud degli Stati Uniti.
Ospiti di D. citri sono gli agrumi e altre piante della famiglia Rutaceae. D. citri
è vettore di Candidatus Liberibacter asiaticus, agente della malattia conosciuta come “Greening” o “Huanglongbing”, che causa screziature gialle su foglie,
completo ingiallimento delle nervature e produzione di frutti verdi e amari. Monitoraggi effettuati in agrumeti hanno evidenziato che tra gli antagonisti naturali i Coccinellidi sono i più comuni (>96%) e importanti predatori di D. citri
in Texas (Sétamou, dati inediti).I risultati della ricerca presentati vertono sullo
sviluppo di marcatori molecolari diagnostici specifici per D. citri, utili per identificare predatori chiave di tale psilla, con l’obiet-tivo di migliorare le conoscenze ai fini dell’implementazione del controllo biologico.
È stata sequenziata la sub unità I del gene mitocondriale citocromo ossidasi
(COI) ed è stato sviluppato un marcatore specifico per la COI, in grado di generare un frammento di DNA di 183-bp. Saggi di sensibilità hanno dimostrato
che il limite di individuazione del marcatore risulta essere di circa 5 pg. Il marcatore è stato saggiato su 47 specie di artropodi, che hanno incluso Araneidi,
Chrysopidae, Cicadellidae, Coccinellidae e Psyllidae. I test hanno evidenziato
che il marcatore è altamente specifico nei confronti di D. citri; infatti non è
stata rilevata alcuna reattività incrociata con le specie saggiate nei test. Elevata
specificità si è ottenuta anche nei riguardi delle 11 specie di psillidi identificati
in Texas, di cui 5 comunemente presenti negli agrumeti texani. Adulti di Hippodamia convergens Guérin-Méneville (Coleoptera, Coccinellidae) e stadi larvali
di Chrysopidae alimentati con stadi giova-nili di D. citri sono risultati positivi
ai test, dimostrando pertanto l’utilità del marcatore molecolare nelle analisi dei
contenuti intestinali. Tale marcatore potrebbe essere impiegato in ricerche di
specifici antagonisti e in programmi conservativi della biodiversità degli entomofagi naturalmente presenti negli agrumeti.
Parole chiave: psilla asiatica degli agrumi, COI, Coccinellidae, controllo biologico.
353
Sessione X - Controllo biologico. Presentazioni Posters
Dati preliminari sulla biologia di Anagrus ustulatus
(Hymenoptera, Mymaridae), ooparassitoide di Lindbergina
aurovittata (HEMIPTERA, Cicadellidae) su leccio
F. Nugnes, G. Viggiani & A. P. Garonna
Dipartimento di Entomologia e Zoologia agraria “Filippo Silvestri”, Università
degli Studi di Napoli “Federico II”, Via Università 100, 80055 Portici (NA)
E-mail: francesco.nugnes@unina.it
Il genere Anagrus Haliday (Hymenoptera, Mymaridae) comprende ooparassitoidi di cicaline e altri omotteri. La revisione delle specie afferenti a tale genere
è tuttora in atto su scala mondiale. Nel corso di ricerche sulle specie italiane
del gruppo atomus (Linnaeus) è stata ottenuta una specie di Anagrus, attribuita
ad A. ustulatus Haliday, da uova di Lindbergina aurovittata (Douglas) (Hemiptera, Cicadellidae) presenti su foglie di leccio nel periodo invernale. Per quanto
finora è noto la cicalina sverna allo stato di uovo deposto in foglie di piante
sempreverdi, principalmente di Quercus ilex, ma anche di rovo e di mirto, completando una generazione nel periodo primaverile. I nuovi adulti abbandonano
almeno alcuni degli ospiti di svernamento, come Q. ilex, e all’inizio dell’estate si
portano su altre piante a foglie caduche (Quercus spp., Castanea sativa), ove si
riproducono sino al tardo autunno, compiendo più di una generazione. Avviene
quindi il ritorno della cicalina da adulto sugli ospiti invernali.
I risultati di precedenti ricerche sul sistema Q.ilex- L. aurovittata- A. ustulatus in
Campania, hanno evidenziato che: - A. ustulatus sverna sia da adulto che allo stato
giovanile nell’uovo della cicalina ospite; - nuovi adulti del parassitoide emergono
dalle uova di L. aurovittata maggiormente da metà febbraio a fine marzo; - la popolazione del parassitoide ottenuta è rappresentata quasi esclusivamente da femmine; - dal punto di vista molecolare questa popolazione presenta caratteristiche
distintive rispetto ad altre popolazioni di A. ustulatus ottenute da diversi ospiti.
Questi reperti ci hanno spinto ad approfondire con osservazioni di campo e
di laboratorio la biologia di A. ustulatus nel sistema precedentemente indicato.
Dal 2009 e a tutt’oggi sono stati effettuati campionamenti di foglie di leccio
per seguire lo sviluppo degli stadi giovanili di L. aurovittata e quello delle uova
parassitizzate da Anagrus. Sono state inoltre marcate in campo delle uova apparentemente non schiuse della cicalina e osservate ad intervalli di 3 giorni fino
ad un massimo di 30, in relazione alle loro possibilità di sviluppo. Da queste
osservazioni è emerso che mentre le uova sane di L. aurovittata sono schiuse
normalmente a fine inverno-inizio primavera, dando neanidi della cicalina, le
larve di A. ustulatus presenti nelle uova dell’ospite hanno interrotto il loro sviluppo dal mese di aprile, entrando in una lunga diapausa estivo-autunnale che
si è protratta sino all’autunno successivo. Da queste osservazioni preliminari
emergerebbe un interessante adattamento biologico del parassitoide messo in
atto per superare il lungo periodo di assenza dell’ospite.
Parole chiave: cicalina, diapausa, estivazione.
354
Sessione X - Controllo biologico. Presentazioni Posters
SVILUPPO DI FUNGHI ENTOMOPATOGENI A DIFFERENTI GRADIENTI
TERMICI
M. Oreste, E. Tarasco, M. Poliseno, G. Bubici & O. Triggiani
Dipartimento di Biologia e Chimica Agro-forestale e ambientale (DiBCA),
Università degli Studi di Bari, Via Amendola 165/a, 70126 Bari
E-mail: monica.oreste@uniba.it
La caratterizzazione termica degli isolati fungini entomopatogeni candidati al
controllo microbiologico degli insetti risulta fondamentale per valutarne l’effettiva applicabilità in campo. La temperatura, infatti, influenza la sopravvivenza
dei funghi entomopatogeni e ne condiziona il ciclo infettivo, nonché la suscettibilità dell’ospite all’infezione. Pertanto, nell’ottica di un approccio “bio-razionale” alla selezione, risulta necessario saggiare non solo la virulenza degli isolati
nei confronti dell’insetto target (es. Galleria mellonella L., Lepidoptera, Galleriidae) ma anche il comporta-mento biologico in relazione ai parametri ambientali
medi di riferimento dell’habitat di utilizzo.
In particolare, la tolleranza a elevate temperature risulta requisito indispensabile per l’applicazione dei funghi entomopatogeni nel controllo degli insetti in
ambiente Mediterraneo.
È stato valutato l’effetto di varie temperature sulla crescita micelica di 28 isolati di Beauveria bassiana (Vuill.) Balsam (Ascomycota, Hypocreales, Cordycipitaceae) e 5 isolati di Metarhizium anisopliae (Metch.) Sorok. (Ascomycota,
Hypocreales, Clavicipitaceae), ricavati da campioni di suolo di diversa provenienza, al fine di determinarne il regime termico “in vitro”. In particolare, è
stata saggiata la crescita micelica radiale di ciascun isolato alle temperature di
incubazione di 15, 20, 25, 30 e 35° C, misurando i quattro raggi ortogonali delle
colonie fungine nell’arco di quindici giorni. Tali valori sono stati impiegati per
calcolare il tasso di crescita (mm d-1) in funzione della temperatura per ciascun
isolato e per ogni replica attraverso la regressione lineare (y=a+bx). Successivamente, i tassi di crescita sono stati utilizzati quali variabili dipendenti per
l’analisi della covarianza. Infine, è stata applicata la funzione β modificata per
stimare la temperatura ottimale, la temperatura massima e la massima velocità
di crescita per ciascun isolato. I risultati evidenziano una relazione lineare tra la
crescita micelica radiale e il tempo, in relazione a ciascun valore di temperatura
di incubazione. Inoltre, la risposta alla temperatura in termini di crescita risulta
estremamente diversificata tanto in ambito inter-specifico quanto intra- specifico. In dettaglio, è emerso che M. anisopliae ha optimum termico di crescita
(29,05° C) e massima velocità di crescita (2,55 mm d-1) superiore a B. bassiana
(rispettivamente 25,64° C e 1,40 mm d-1), mentre la temperatura massima di crescita ricavata per entrambe le specie è stata 35,02° C.
Parole chiave: Beauveria bassiana, Metarhizium anisopliae, temperatura ottimale,
controllo microbiologico.
355
Sessione X - Controllo biologico. Presentazioni Posters
biocenosi indigena di Dryocosmus kuriphilus in piemonte
A. Quacchia, C. Ferracini, E. Piazza, D. Cuttini, M. A. Saladini & A. Alma
DIVAPRA, Entomologia e Zoologia applicate all’Ambiente “C. Vidano”,
Università degli Studi di Torino, Via L. da Vinci 44, 10095 Grugliasco (TO)
E-mail: ambra.quacchia@unito.it
Il cinipide galligeno del castagno, Dryocosmus kuriphilus Yasumatsu (Hymenoptera, Cynipidae) è stato accidentalmente introdotto in Italia nel 2002. Dal Cuneese, zona di prima segnalazione, si è rapidamente diffuso in Italia e, ad oggi,
solo due regioni (Puglia e Basilicata) non ne segnalano la presenza. Misure di
contenimento attraverso l’introduzione del parassitoide Torymus sinensis Kamijo (Hymenoptera, Torymidae) sono in atto dal 2003, con il coinvolgimento di
numerose regioni italiane.
In particolare nella regione Piemonte, insieme alla valutazione dell’insediamento
di T. sinensis, sono state svolte indagini per accertare la presenza di eventuali
parassitoidi indigeni come possibili antagonisti di D. kuriphilus.
Considerando la presenza di numerosi altri cinipidi galligeni, in particolare infeudati alle querce, e del loro complesso biocenotico, il movimento di parassitoidi dagli ospiti abituali a D. kuriphilus era atteso.
Una trentina di specie appartenenti a sei diverse famiglie (Eurytomidae, Pteromalidae, Torymidae, Eulophidae, Ormyridae ed Eupelmidae) sono state sino ad
ora individuate.
L’identificazione è avvenuta col tradizionale metodo delle chiavi dicotomiche,
inoltre grazie all’applicazione di tecniche molecolari è stato possibile individuare alcune specie criptiche. Sebbene il numero di specie coinvolte sia elevato,
la percentuale di parassitizzazione (numero parassitoidi/numero celle larvali cinipide) è stata molto bassa, evidenziando come a distanza di circa dieci anni
dall’introduzione del cinipide il ruolo svolto dai parassitoidi indigeni per il contenimento sia ancora quasi nullo.
Le due specie più abbondanti sono state Megastigmus dorsalis (F.) ed Eupelmus
urozonus Dalman. Il primo è un parassitoide primario di cinipidi delle querce,
ottenuto anche da allevamenti di Andricus kollari Hartig, Biorhiza pallida (Olivier) e Cynips quercusfolii L., molto comuni in Piemonte su rovere, roverella,
e farnia. Il secondo è invece un iperparassitoide facoltativo, molto polifago e
ottenuto da galle di A. kollari, Andricus lucidus (Hartig), B. pallida e Neuroterus
quercusbaccarum (L.).
Parole chiave: parassitoidi, cinipidi, castagno, querce, lotta biologica.
356
Sessione X - Controllo biologico. Presentazioni Posters
Necremnus artynes Parassitoide di Tuta absoluta su
pomodoro, melanzana e Solanum nigrum in serra A
CONDUZIONE biologica
M. C. Rizzo1, V. Margiotta2 & V. Caleca1
Dipartimento DEMETRA, Università degli Studi di Palermo, Viale delle
Scienze Edificio 5, 90128 Palermo E-mail: caleca@unipa.it
2
Via Principe Amedeo n. 142, 90047 Partinico (PA)
1
Nel 2010, in serre del palermitano gestite secondo i canoni dell’agricoltura biologica, è stato condotto uno studio volto all’individuazione degli antagonisti naturali indigeni del lepidottero gelechide Tuta absoluta (Meyrick), fitofago esotico
dannoso alle solanacee recentemente introdotto in Italia. Le piante campionate
sono state il pomodoro, da gennaio a giugno, la melanzana, da fine marzo a
giugno, e Solanum nigrum L. che cresceva spontaneamente all’interno delle serre in piccoli spazi liberi dalle solanacee coltivate. Per tenere sotto controllo il
gelechide, il serricoltore ha effettuato tre trattamenti con Bacillus thuringiensis
da metà marzo a fine aprile.
Oltre al predatore Nesidiocoris tenuis (Reuter), eterottero miride già noto nell’area mediterranea quale attivo antagonista di T. absoluta, sono stati riscontrati
pochi esemplari di un parassitoide braconide non ancora identificato e degli eulofidi Diglyphus crassinervis (Erdös) e Chrysocharis pentheus (Walker), mentre il
parassitoide largamente dominante (90% di tutti i parassitoidi) è stato l’eulofide
Necremnus artynes (Walker). Questo parassitoide ha rappresentato in media il
34% degli insetti sfarfallati (T. absoluta + parassitoidi), con notevoli differenze
nelle tre solanacee; infatti sulla melanzana ha raggiunto l’81% degli sfarfallati,
sul pomodoro il 35%, mentre su S. nigrum soltanto il 3%. N. artynes, nonostante
la sua origine paleartica, non era mai stato trovato così abbondante come su T.
absoluta; infatti sui due ospiti finora noti, entrambi lepidotteri cosmopterigidi,
era stato rinvenuto sporadicamente. Questo fa supporre che i suoi ospiti indigeni preferiti, probabilmente gelechidi, siano ancora da individuare.
Il notevole controllo biologico esercitato da parassitoidi e predatori indigeni
registrato nelle serre campionate, e i buoni risultati produttivi ed economici
raggiunti anche in biologico dalle colture indagate, rendono meno pressante la
necessità di introdurre antagonisti naturali esotici specifici di T. absoluta.
Parole chiave: Sicilia, Eulophidae, Lycopersicon esculentum, Solanum melongena,
parassitoidi indigeni.
357
Sessione X - Controllo biologico. Presentazioni Posters
PRIMO RITROVAMENTO IN ITALIA DI AGATHIS FUSCIPENNIS
(HYMENOPTERA, BRACONIDAE) SU TUTA ABSOLUTA (LEPIDOPTERA,
GELECHIIDAE)
E. Rossi1, A. Loni1 & K. van Achterberg2
Dipartimento di C.D.S.L. “G. Scaramuzzi”, Sezione Entomologia agraria,
Università di Pisa, Via S. Michele degli Scalzi 2, 56124 Pisa E-mail: erossi@
agr.unipi.it
2
Department of Terrestrial Zoology, Netherlands Centre for Biodiversity
Naturalis, Leiden, Netherlands
1
Il Gelechide Tuta absoluta (Meyrick, 1917) è un minatore fogliare legato a numerose Solanacee spontanee e coltivate, ma in grado di vivere anche a spese di
alcune Leguminose. Originario del Sudamerica, dove è una delle specie più dannose per le colture di pomodoro, ha ormai da qualche anno colonizzato diverse
regioni del continente europeo, dove si sta diffondendo in modo sempre più
preoccupante, senza che ad oggi si siano individuati metodi di controllo efficaci.
In questo contesto, assume particolare importanza la valutazione di tutti i fattori naturali di regolazione in grado di limitarne le popolazioni. Tra questi, fondamentale risulta l’individuazione di parassitoidi e/o predatori autoctoni capaci
di evolversi a spese delle popolazioni di Tuta.
Nel corso di un biennio di osservazioni condotte a Capezzano Pianore (in
provincia di Lucca), in serre di pomodoro infestate dal Gelechide e nelle aree
immediatamente prospicienti tali coltivazioni, Agathis fuscipennis (Zetterstedt,
1838), un Imenottero Braconide della sottofamiglia Agathidiini, è risultato essere il maggiore parassitoide endofago di T. absoluta. Gli esemplari sono emersi
da larve prelevate su piante spontanee di Solanum nigrum.
Nel periodo settembre-ottobre del 2009 e 2010 sono state isolate circa 1.000 foglie con mine; da esse sono sfarfallati 304 adulti del Braconide su un totale di
1.501 larve di Tuta, equivalenti ad una percentuale di parassitizzazione del 20%.
Il dato evidenzia un importante ruolo di questo entomofago, la cui larva è in
grado di evolversi a spese di numerosi Lepidotteri, tra cui anche svariate specie
appartenenti alla famiglia dei Gelechidi. Il suo vasto range di ospiti può dare
una spiegazione del suo adattamento alla nuova specie di fitofago.
Parole chiave: parassitoide, tignola del pomodoro, erba morella.
358
Sessione X - Controllo biologico. Presentazioni Posters
contenimento di ditteri simulidi nell’alto mincio
F. Santi, P. Radeghieri, D. Migliorini & S. Maini
Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroambientali, Entomologia, Alma
Mater Studiorum Università di Bologna, Viale G. Fanin 42, 40127 Bologna
E-mail: fabrizio.santi@unibo.it
A partire dal 2007 si è compiuta un’indagine sulle popolazioni di Ditteri Simulidi presenti nell’area dell’alta valle del Mincio. Questi insetti risultano fastidiosi
per la popolazione residente ma soprattutto per i numerosi visitatori di questo
territorio ad alta vocazione turistica.
Negli ultimi due anni (2009-2010) si è predisposta una rete di monitoraggio delle
larve nel tratto del fiume Mincio che va dal comune di Peschiera sul Garda al
comune di Valeggio sul Mincio, fino al confine con la provincia di Mantova. Si
sono inoltre effettuati campionamenti nei canali Virgilio e Seriola. Sono state
individuate anche le principali specie vegetali ospitanti le larve.
Il principio attivo utilizzato per il controllo delle larve è il Bacillus thuringiensis var. israelensis (VECTOBAC 12 AS). L’attività di monitoraggio compiuta
ha consentito di individuare i focolai di riproduzione di questi Ditteri lungo i
suddetti corsi d’acqua e di valutare con precisione il momento e la necessità di
effettuare il trattamento.
Dai campionamenti larvali, le specie più numerose sono risultate: Simulium paraequinum Puri (47,05 %), Simulium pseudequinum Séguy (39,5 %) e Simulium
erythrocephalum (De Geer) (13,45 %). Tali specie erano state rinvenute in precedenti campionamenti del 2007 nelle stesse aree di indagine.
Nel 2009 le popolazioni dei Simulidi, numericamente basse, hanno richiesto tre
interventi per il contenimento. Nel 2010 si sono verificate condizioni ambientali
più favorevoli alla riproduzione e di conseguenza si sono condotti fino a 7 trattamenti per ottenere un risultato analogo al 2009.
L’esperienza di questi anni conferma l’efficacia del prodotto utilizzato per la
lotta larvicida ai Simulidi e la necessità di una buona rete di monitoraggio per
evitare inutili e dispendiosi trattamenti.
Parole chiave: Simulium paraequinum, Simulium pseudequinum, Simulium erythrocephalum, Bacillus thuringiensis var. israelensis.
359
Sessione X - Controllo biologico. Presentazioni Posters
INTRODUZIONE DI ACARI FITOSEIDI PER IL CONTROLLO DEL
RAGNETTO GIALLO IN PRODUZIONI VITICOLE DI PREGIO
S. Simoni, M. Castagnoli, M. Liguori, G. Sabbatini Peverieri, D. Goggioli, S.
Guidi & F. Tarchi
CRA-ABP, Centro di Ricerca per l’Agrobiologia e la Pedologia, Via di Lanciola
12/a, 50125 Firenze E-mail: sauro.simoni@entecra.it
Nell’agroecosistema vigneto si trovano molte specie di acari tra i quali tetranichidi fitofagi e fitoseidi predatori. Quando il rapporto tra questi gruppi si
modifica possono manifestarsi danni dovuti all’attività trofica dei tetranichidi;
la ricostituzione e il mantenimento di un buon equilibrio tra questi organismi
può costituire una fase cruciale nella difesa della coltura.
Negli ultimi anni in alcune zone viticole toscane si è registrato un incremento della presenza di Eotetranychus carpini (Oud.) e una rarefazione dei fitoseidi
predatori. Dal 2005-2006, per controllare le infestazioni sono stati introdotti nei
vigneti 3 diverse specie di fitoseidi generalisti, possibili predatori naturali del
tetranichide: Neoseiulus californicus (McGregor), unica specie commercializzata
reperita nei vigneti dell’area mediterranea, Typhlodromus exhilaratus Ragusa, la
specie più comunemente diffusa nei vigneti toscani, Kampimodromus aberrans
(Oud.), specie dimostratasi efficace nel controllo del tetranichide nei vigneti del
nord Italia. La sperimentazione si è svolta in Val d’Orcia e a Montalcino su cultivar Sangiovese Grosso, varietà tipica del Brunello, e Petit Verdot. Neoseiulus
californicus e T. exhilaratus provenivano rispettivamente da un ceppo commerciale e da un ceppo allevato presso il CRA-ABP e sono stati introdotti su vite,
ogni 2 o 3 settimane, dal germogliamento fino alla fine di luglio. Kampimodromus aberrans proveniva da potature di vigneti del nord Italia a conduzione
biologica. Neoseiulus californicus è stato distribuito alla densità di 80-150 es./
pianta su base annuale seguendo le istruzioni del produttore; T. exhilaratus è
stato rilasciato su pianta in densità da 130 a 180 esemplari con una modalità di
rilascio messa a punto nei laboratori CRA-ABP; K. aberrans è stato distribuito
utilizzando rametti di potatura di 30cm, in unico rilascio, a febbraio, a 4 densità: alta (90-180 es./pianta), media (60-90 es./pianta), bassa (30-60 es./pianta),
molto bassa (<30 es./pianta). Da maggio a settembre, ogni 2-3 settimane, venivano eseguiti campionamenti e calcolate le densità degli acari presenti.
Neoseiulus californicus e T. exhilaratus si sono diffusi con più difficoltà nei vigneti; K. aberrans, invece, ha colonizzato l’ambiente dopo un unico rilascio,
ed ha controllato efficacemente l’infestazione di E. carpini fino a 2 anni dopo
l’immissione, anche con densità di rilascio medio-basse.
Ulteriori studi sono in corso per verificare se densità di introduzione più basse del
predatore siano in grado di garantire il controllo del tetranichide a lungo termine.
Parole chiave: Kampimodromus aberrans, Typhlodromus exhilaratus, Neoseiulus
californicus, release strategy.
360
Sessione X - Controllo biologico. Presentazioni Posters
STRATEGIE COMBINATE DI CONTROLLO DI TETRANYCHUS URTICAE
S. Simoni, D. Goggioli, P. Furlan, S. Guidi & F. Tarchi
CRA-ABP, Centro di Ricerca per l’Agrobiologia e la Pedologia, Via di Lanciola
12/a, 50125 Firenze E-mail: sauro.simoni@entecra.it
Tetranychus urticae Koch (ragnetto rosso comune) è un acaro fitofago estremamente polifago e attacca molte colture ortive di campo e di serra determinando
notevoli danni. Il controllo di T. urticae richiede l’impiego di acaricidi di sintesi
o in alternativa l’utilizzo di fitoseidi predatori, quali lo specialista Phytoseiulus
persimilis Athias-Henriot e il generalista Neoseiulus californicus (McGregor) e/o
di funghi entomopatogeni quale Beauveria bassiana (Bals.-Criv.) Vuill.
Di fatto non è irreale prospettare uno scenario, ad es. in serra e/o su coltura protetta, in cui la difesa delle colture possa avvalersi della combinazione di
una o più applicazioni del fungo B. bassiana - la cui attività tossicogenica ed
entomopatogena è sicuramente esaltata da alti livelli di umidità relativa - e della distribuzione di N. californicus che, date le sue caratteristiche, può risultare
particolarmente efficiente in condizioni climatiche più secche.
In serra non riscaldata, su piantine di fragola, varietà Selva, infestate da T.
urticae, si sono valutate l’azione di B. bassiana (Naturalis®, Intrachem Italia)
e di N. californicus (Spical®, Koppert, Olanda) utilizzati in contemporanea o
separatamente.
Quando i due agenti di controllo sono stati utilizzati in strategia combinata,
l’applicazione del fungo e il rilascio dei predatori sono avvenuti in contemporanea, differenziati spazialmente e temporalmente. I parametri di risposta considerati sono stati la mortalità di T. urticae e di N. californicus e il danno rilevato
sulle foglie di fragola.
In un tempo da 2 a 5 settimane il controllo dell’infestazione è stato perseguito
in tutte le tesi saggiate e l’azione combinata del fungo e dei fitoseidi sembra aver
leggermente velocizzato la tempestività del controllo. L’azione e la vitalità dei
fitoseidi non sono risultate limitate dalla presenza del fungo.
Se negli ultimi anni si è iniziato a percepire il vantaggio del rilascio singolo e/o
combinato di due predatori dalle diverse caratteristiche predatorie e con diverso
spettro di prede utilizzabili nel controllo del ragnetto rosso, in determinati contesti la salvaguardia dell’equilibrio potrebbe prevedere la transizione attraverso
il sistema fungo-tetranichide-fitoseide.
Tale associazione, pur essendo significativamente dipendenti da condizioni climatiche che possono incidere sull’efficienza dell’azione fungina, sicuramente
propone un rischio minore di sovrapposizione delle dinamiche di due fitoseidi
di specie diverse associate al tetranichide.
Parole chiave: Neoseiulus californicus, Beauveria bassiana, microrganismi, fitoseidi, fragola.
361
Sessione X - Controllo biologico. Presentazioni Posters
DISTRIBUZIONE MECCANIZZATA DI AUSILIARI: RISULTATI DI UN
QUADRIENNIO DI ATTIVITÀ
G. Tropea Garzia & L. Zappalà
Dipartimento di Gestione dei Sistemi Agroalimentari e Ambientali, Università
degli Studi di Catania, Via S. Sofia 100, 95123 Catania E-mail: gtgarzia@unict.it
Gli Autori riportano i risultati di un quadriennio di attività svolta nel corso dei
progetti Prin 2004-2006 (Distribuzione meccanica di artropodi nella lotta biologica in colture protette - Resp. Prof. G. Baraldi) e 2007-2009 (Meccanizzazione
della difesa da fitofagi in regime biologico - Resp. Proff. G. Blandini e S. Failla).
L’attività prevista dall’Unità di Entomologia agraria dell’Università di Catania
ha avuto come obiettivo principale la verifica della risposta bio-funzionale di
artropodi impiegati nella lotta biologica e integrata per la difesa delle colture
agrarie in seguito a distribuzione meccanizzata. Allo scopo è stato utilizzato
un dispositivo con funzionamento centrifugo, messo a punto durante il primo
biennio dall’Unità di Meccanica dell’Università di Catania, in forza allo stesso
progetto, per l’impiego all’interno di strutture serricole e in pieno campo. Le
prove di laboratorio hanno previsto la verifica degli effetti sulla vitalità e sull’attività del materiale biologico costituito dagli ausiliari Phytoseiulus persimilis
Athias-Henriot e Orius laevigatus (Fieber), in commercio frammisti a materiale
disperdente. Preliminarmente alla realizzazione delle prove sono stati analizzati
i parametri quali-quantitativi (quantità, mortalità, sex-ratio, longevità e fecondità degli esemplari) delle popolazioni e, in seguito, sono state eseguite prove di
laboratorio, valutando la risposta dei nemici naturali dopo la distribuzione. Le
prove di rilascio sono state suddivise in prove in pien’aria (su fragola) e in serra
(su peperone e crisantemo), impiegando lo stesso tipo di prototipo, variamente
collocato su telaio automatizzato, barre montate su trattrice o asta portatile. Il
meccanismo di dosaggio e distribuzione del dispositivo, così come il sistema di
lancio del prodotto (substrato disperdente e ausiliari), si sono dimostrati idonei
all’utilizzo in campo. Dalle prove condotte in laboratorio è risultato che i due
ausiliari impiegati non hanno subìto danni fisici e, grazie all’azione di standardizzazione di rilascio ottenuta con la macchina distributrice, la diffusione in
campo dei due ausiliari è risultata più omogenea e soprattutto ha permesso
di contenere più rapidamente le infestazioni dei fitofagi da controllare, nella
fattispecie Tetranychus urticae Koch e Frankliniella occidentalis (Pergande). Ulteriore elemento di interesse è stata la dimostrazione dell’ottima versatilità del
dispositivo, in quanto applicabile a barre portattrezzi della trattrice, ad aste
portatili per superfici ridotte e/o inaccessibili a mezzi meccanici su ruote, o a
supporti automatizzati, con possibilità di ampliare la gamma di colture su cui
impiegarlo. Notevoli miglioramenti in termini di rapidità di esecuzione, efficacia
ed economicità dell’intervento si potranno presumibilmente ottenere se il dispositivo sarà prodotto in serie e impiegato di “routine”.
Parole chiave: controllo biologico, antagonisti, rilascio meccanizzato.
362
Sessione X - Controllo biologico. Presentazioni Posters
CARATTERISTICHE RIPRODUTTIVE DI PODISUS NIGRISPINUS
ALIMENTATO CON PLUTELLA XYLOSTELLA E SOSPENSIONE DI
BACILLUS THURINGIENSIS
A. M. Vacari, V. F. P. Carvalho, G. O. Magalhães, M. A. Viana & S. A. De
Bortoli
FCAV/Unesp, Dipartimento della Protezione delle Piante, Laboratorio di
Biologia e Produzione di Insetti, Via de acesso Prof. Paulo Donato Castellane
s/n, 14884-900 Jaboticabal, SP, Brasile E-mail: amvacari@gmail.com
Le tossine del Bacillus thuringiensis possono influenzare gli insetti non-target
come predatori o parassitoidi, sia attraverso la preda o l’ospite e sia per ingestione diretta. Lo scopo di questo studio è stato quello di valutare l’influenza
di B. thuringiensis sulle caratteristiche di riproduzione del predatore polifago
Podisus nigrispinus (Dallas).
Gli esperimenti sono stati eseguiti in laboratorio a 25 ± 1 ° C, umidità relativa
del 70 ± 10% e fotofase di 12 ore. Sessanta ninfe di P. nigrispinus di seconda
età sono state collocate in sei contenitori di plastica da 1.000 ml, ciascuno con
10 individui.
Sono state messe a confronto le seguenti tesi: alimentazione con solo larve di
Plutella xylostella (Linnaeus); alimentazione con larve di P. xylostella nutrite
con foglie di cavolo trattate con una sospensione di B. thuringiensis kurstaki
HD1 a concentrazione di 1,5 x107 spore/ml; alimentazione con larve di P. xylostella alle quali veniva offerta una sospensione di B. thuringiensis.
Per le femmine del predatore sono stati rilevati dati sulla fertilità, la fecondità e
la longevità. La fecondità è stata, rispettivamente per le tre tesi a confronto, di
321,9, 420,2 e 415,2 uova per femmina; la percentuale delle uova fertili dell’82,0,
63,7 e 64,4%, e la longevità di 46,2, 49,4 e 58,3 giorni.
I dati biologici ottenuti non mettono in evidenza differenze significative.
Parole chiave: biologia dell’insetto, controllo biologico, batterio entomopatogeno.
363
Sessione XI
STORIA DELL’ENTOMOLOGIA
Presentazioni orali
Sessione XI - Storia dell’entomologia. Presentazioni orali
I “DIES CANICULARES” DI SIMONE MAIOLI, UN DIMENTICATO TESTO
CINQUECENTESCO NEL PANORAMA STORICO DELL’ENTOMOLOGIA
IN ITALIA
R. Nicoli Aldini
Istituto di Entomologia e Patologia vegetale, Università Cattolica del Sacro Cuore,
Via Emilia Parmense 84, 29122 Piacenza E-mail: rinaldo.nicoli@unicatt.it
Probabilmente il nome di Simone Maioli (1520-?1598), astigiano, canonista e
vesco-vo di Volturara (diocesi suffraganea dell’arcidiocesi di Benevento), non
dice nulla alla maggior parte dei cultori di storia dell’entomologia. Rischia se
mai di essere confuso con quello di un altro Maioli più noto nel nostro campo
e posteriore di oltre due secoli, Cesare, forlivese, frate dei Gerolimini, le cui
opere botaniche e zoologiche, anche sugli insetti, rimasero peraltro quasi tutte
manoscritte. Simone Maioli invece in Italia sembra involontariamente escluso
dal novero dei nostri scrittori di storia natura-le e di insetti, benché una sua
opera a stampa, i Dies Caniculares, si collochi in un settore ben definito - l’indirizzo teologico-biblico - della letteratura europea che tra il 1500 e il 1600
trattò argomenti naturalistici. Scritta in latino - lingua franca dell’epoca tra i
dotti, lingua ufficiale della Chiesa -, l’opera ha un lungo titolo di cui si suole
citare solo l’incipit: “I giorni di canicola”, il periodo agostano di caldo afoso
in cui è lecito tralasciare per un po’ i più gravosi doveri d’ufficio e ricrearsi in
campagna a tu per tu con la natura. Ebbe una prima edizione a Roma nel 1597,
varie riedizioni po-stume ed ampia diffusione in Europa, a testimonianza della
notorietà soprattutto tra gli ecclesiastici. Il genere è quello del dialogo, molto in
auge fino al ‘700; a conver-sare sono un cavaliere, un filosofo e un teologo nei
quali sembrano ravvisarsi tre ‘anime’ dell’Autore stesso. I Dies Caniculares sono
un’enciclopedia “sui generis” che spazia dai fenomeni del cielo alla geografia fisica, dagli animali alle piante e ai mine-rali, suddividendo la materia in colloqui
che sono altrettanti capitoli. Agli insetti è dedicato il quinto (Insecta Animalia.
Colloquium quintum) che occupa alcune decine di pagine. La vita e i costumi
di insetti rappresentativi (Cicendula, Coccuius, Bombyx, Papilio, Musca, Apis,
Formica, Formicaleon, Scarabeus [sic!], Cervus volans, Vespa, Locusta, Cicada,
Pulex, Pediculus, Ephemerum, assieme a vari ‘Vermes’ di incerta identificazione
e a ragno, scorpione, chiocciola, ecc.) sono occasioni per riflessioni filosofiche,
teologiche e moraleggianti, dalle quali gli ecclesiastici potevano trarre spunti
per la predicazione. Realtà, tradizione e mito si intrecciano in uno scritto che
riflette in modo non del tutto acritico le credenze di un secolo non affrancatosi
dal principio di autorità, uno scritto che attinge esplicitamente ad Aristotele e a
Plinio il Vecchio, alle Sacre Scritture e ai Dottori della Chiesa, non privo però
di osservazioni originali e attento anche alle novità che il Nuovo Mondo svelava
in quegli anni. Pervasa da quel senso di meraviglia che la natura suscita, l’opera
del Maioli riguardo agli insetti sembra far proprio il noto detto pliniano “rerum
natura nusquam magis quam in minimis tota”, variamente riformulato nel corso
dei secoli ma sempre attuale.
Parole chiave: Simon Maiolus, entomologia, storia, indirizzo teologico, XVI secolo.
367
Sessione XI - Storia dell’entomologia. Presentazioni orali
GLI INSETTI DELINEATI PER LE “DELICIAE FLORAE ET FAUNAE
INSUBRICAE” DI GIOVANNI ANTONIO SCOPOLI
C. Violani & M. Siviero
Dipartimento di Biologia Animale, Università degli Studi di Pavia, Viale
Taramelli 24, 27100 Pavia E-mail: carlo.violani@unipv.it
Oltre alla ben nota “Entomologia carniolica” (1763), Giovanni Antonio Scopoli
(Cavalese 1723 - Pavia 1788) descrisse e raffigurò alcuni insetti dell’Italia settentrionale nelle “Deliciae Florae et Faunae Insubricae”, pubblicate a Pavia tra il
1786 e il 1788.
Nel settembre 1780 Scopoli aveva avuto l’approvazione del governo per il progetto di un’opera scientifica in più fascicoli che illustrassero piante ed animali
nuovi o poco noti della Lombardia austriaca, con testi in latino e relative tavole
incise. Autori dei disegni entomologici furono, tra gli altri, G. Lanfranchi, G.
Cairoli e il valsesiano B. Bordiga; incisore fu il milanese D. Cagnoni. Gli insetti
erano stati raccolti da Scopoli nell’agro ticinese o nell’orto botanico pavese, ma
altri provenivano dalle collezioni dei suoi allievi E. Lodi e L. Brugnatelli e da
quelle del conte Alfonso Castiglioni. Due specie di cerambicidi gli furono inviati
da Hartford, da L. Castiglioni, viaggiatore negli Stati Uniti.
Per la realizzazione dell’opera Scopoli dovette affrontare la lentezza di esecuzione dell’incisore, l’esosità degli stampatori e le continue licenze pittoriche di
Lanfranchi. Alcune illustrazioni tuttavia furono particolarmente apprezzate dal
pubblico e Scopoli fu ben lieto di sapere che a Londra la tavola degli icneumoni
era stata ben accolta dal consesso dei letterati in casa di Lord Joseph Banks, a
cui erano piaciute anche le sue descrizioni latine.
Il presente contributo si prefigge di esaminare alcune delle nuove specie descritte, alla luce della rara edizione delle tavole colorate all’acquatinta e della
documentazione epistolare intrattenuta con il conte Alfonso Castiglioni di Milano. Nel carteggio Scopoli rivela la sua meticolosità per la corretta riproduzione
degli esemplari da parte dei pittori; infatti si raccomandava che “cadaun insetto
deve essere fatto due volte, cioè al di sopra e al di sotto, disegnando a parte le
antenne e gli organi della bocca ingranditi con la lente, unitamente alle mandibule. Oltre a ciò è necessario esprimere esattamente il solo contorno del corpo
e dei piedi solamente al di sopra, senza colori e senza ombreggiatura”. Altrove
trattiene a stento la sua soddisfazione per un disegno ben riuscito: “ho ricevuto
la tavola del Cerocoma e del Bibio e ad ogni figura ho aggiunto le lettere relative a quelle descrizioni. V’era anche la tavola dipinta benissimo dal Cairoli dei
Scarabei; ed anche a queste ho apposto le lettere…Si sono mutate le dediche: i
Scarabei saranno dedicati al Sig. Crell. Io spero che i signori Associati saranno
contenti perché in Lombardia di più non si può fare. Le descrizioni sono precise, esatte e perfette”.
Parole chiave: storia dell’entomologia, Insubria, Pavia, iconografia.
368
Sessione XI - Storia dell’entomologia. Presentazioni orali
LE COLLEZIONI ENTOMOLOGICHE E ARACNOLOGICHE DEL MUSEO
DI STORIA NATURALE DELL’UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA:
NOTE STORICHE
J. Maffei1, S. Maretti1, E. Razzetti1, C. Rovati1 & C. Violani2
Museo di Storia Naturale, Sistema Museale di Ateneo, Università degli Studi di
Pavia, P.zza Botta 9, 27100 Pavia
E-mail: centro.museo@unipv.it
2
Dipartimento di Biologia Animale, Università degli Studi di Pavia, V.le
Taramelli 24, 27100 Pavia E-mail: carlo.violani@unipv.it
1
Le collezioni entomologiche del Museo di Storia Naturale dell’Università di Pavia si formarono, sotto la direzione di Lazzaro Spallanzani dal 1771 al 1799,
a partire dalle donazioni di personaggi noti della cultura scientifica dell’epoca
tra i quali Giovanni Antonio Scopoli e Alessandro Brambilla, protochirurgo
dell’Imperatore d’Austria Giuseppe II. Le raccolte proseguirono nell’Ottocento con insetti catturati durante i viaggi di esplorazione di Fea, Doria, Loria,
Beccari, D’Albertis e Bottego, a cui si aggiunsero circa 300 ditteri di Rondani,
comprensivi di vari sintipi. In collezione sono inoltre presenti esemplari radunati da entomologi come Baudi di Selve, Gestro, Abdul Kerim, i fratelli Villa,
Pavesi, De Carlini, oltre che gli odonati di Pirotta e numerosi esemplari africani
procurati da Robecchi Brichetti. È di questo periodo anche la collezione entomologica di Teodoro Prada, direttore dell’Istituto Tecnico “A. Bordoni”, afferita
successivamente al Museo.
Nell’ultimo quarto del XIX secolo la Zoologia ebbe notevole impulso sotto la
guida di Pietro Pavesi che riunì una raccolta aracnologica di oltre 5.000 esemplari di tutti i continenti e comprendenti anche alcune specie nuove. Si conservano reperti da lui studiati e provenienti da varie zone italiane, procurati da vari
colleghi tra cui De Carlini, Capanna, Berlese e Magretti. Oltre ad alcune specie
del Nord America, sono molteplici gli esemplari raccolti in Africa, in particolare Egitto, Somalia e Madagascar, dallo zoologo Panceri o da esploratori come
Bottego, Brichetti, Penzig, Ruspoli e molti altri.
Nel secolo scorso, sotto la direzione del genetista Carlo Jucci, fu acquistata
la collezione di oltre 12.000 ditteri locali di Emilio Corti, assistente presso il
Museo dal 1893 al 1916. Di Jucci, che dedicò molti anni della sua attività allo
studio del baco da seta, si conservano numerose scatole didattiche relative alla
biologia di questo insetto, che sono di complemento ai pregevoli modelli in cera
realizzati nell’Ottocento dal preparatore e ceroplasta pavese Angelo Maestri.
In anni più recenti è stata donata al Museo la collezione entomologica, di circa 250.000 reperti di origine paleartica ed esotica, radunata da Mario Pavan,
direttore dell’Istituto di Entomologia. Essa comprende gruppi tassonomici assai
eterogenei, oltre che migliaia di esemplari di Formica rufa raccolti in tutte le
foreste italiane e utilizzati per progetti di lotta biologica.
Parole chiave: insetti, aracnidi, Spallanzani, Pavesi, tipi, modelli in cera.
369
Sessione XI - Storia dell’entomologia. Presentazioni orali
CENNI BIOGRAFICI SU ACHILLE COSTA (1823-1898)
R. A. Pantaleoni
ISE-CNR, traversa la Crucca 3, 07100 Li Punti (SS) E-mail: pantaleoni@ise.cnr.it
La notizia della morte di Achille Costa percorse rapidamente il mondo scientifico apparendo immediatamente anche su importanti riviste internazionali. Ma fu
un interessamento breve e superficiale. L’Università di Napoli impiegò due anni
per dedicargli un breve necrologio. Quasi nulla seguì.
I motivi di questo immediato oblio vanno ricercati nello scontro, di cui Achille
Costa restò vittima, tra la “nuova” biologia sperimentale e la “vecchia” biologia
descrittiva. Egli per altro non lasciò allievi che ne continuassero l’opera. Solo
così si spiega come uno dei massimi entomologi italiani sia rimasto sostanzialmente nell’ombra.
Achille Costa fu figlio d’arte, poiché aveva per padre Oronzio Gabriele, zoologo
massimo. Si avvicinò così alla scienza giovanissimo, presentando il suo primo
lavoro a soli 15 anni. Egli seppe utilizzare nel modo migliore le straordinariamente favorevoli condizioni sociali e di parentela. Nel 1849 però, per motivi
politici, sia il padre che il figlio furono destituiti dagli incarichi accademici e
fu proibito loro di tenere alcun contatto con studiosi stranieri. Achille reagì
all’avvenimento intensificando la propria attività scientifica. Appartiene infatti
a questo periodo, durato una dozzina d’anni (1849-60), la collaborazione alla
“Fauna del Regno di Napoli”, l’inizio dell’interesse all’entomologia applicata, ed
un primo viaggio di ricerca in Calabria.
Dopo l’annessione al Regno di Sardegna e la nascita del Regno d’Italia, ad
Achille Costa fu assegnata la Cattedra di Zoologia dell’Università di Napoli e
la direzione dell’annesso Museo zoologico. Egli profuse immediatamente ogni
impegno nell’attività accademica e museale. Nel 1862 iniziò la pubblicazione
dell’ “Annuario del Museo”. Nel 1863 pubblicò le sue “Lezioni di zoologia”.
Nel 1872 si apre una terza fase nella vita di Achille Costa con un suo accresciuto impegno nelle Società ed Accademie, di cui faceva parte, e con l’inizio, nel
1876, delle lezioni di Entomologia Agraria presso la Scuola Superiore di Agricoltura di Portici, ma soprattutto con i viaggi e le esplorazioni naturalistiche.
Con una sequenza impressionante affronta il Gran Sasso e la Majella; compie
un viaggio in Egitto, Siria, Palestina e Turchia; appena tornato va sui Monti
Alburni; visitò, tra i primi naturalisti, le Sile Grande e Piccola; poi Parigi; di
nuovo in Calabria ed a Palermo. Tra il 1881 ed il 1885 compirà invece la sua
grande esplorazione della Sardegna.
Tornato a Napoli nel 1886 in cattive condizioni di salute, inizia l’ultima fase
della propria esistenza in maniera molto ritirata.
Le vicende delle collezioni e delle carte di Achille Costa, lui morto, meriterebbero altra separata trattazione. Ma tant’è, basti pensare che non è neppure mai
stato redatto un elenco completo delle sue pubblicazioni.
Parole chiave: storia dell’entomologia, XIX secolo, Napoli.
370
Sessione XI - Storia dell’entomologia. Presentazioni orali
LA COLLEZIONE DI STEFANO DE BERTOLINI AL MUSEO TRIDENTINO
DI SCIENZE NATURALI
M. Gobbi, G. Tomasi & V. Lencioni
Sezione di Zoologia degli Invertebrati e di Idrobiologia, Museo Tridentino di
Scienze Naturali, Via Calepina 14, 38122 Trento E-mail: mauro.gobbi@mtsn.tn.it
La collezione entomologica di Stefano de Bertolini (1832-1904) è uno dei beni
naturalistici, storici e culturali più importanti del Museo Tridentino di Scienze
Naturali. Nonostante la biografia e la consistenza della collezione siano note,
sono ancora numerose le informazioni inedite sulla sua attività scientifica.
Bertolini iniziò a frequentare il Museo all’età di 18 anni partecipando al primo consolidamento dello stesso e approntando una collezione di Coleotteri ed
Emitteri e una minore di Lepidotteri.
La collezione di Coleotteri consta di 15 cassette per un totale di circa 3.940
esemplari, la maggior parte dei quali di provenienza locale e fu impiegata per
l’ostensione al pubblico per circa 120 anni (dalla metà dell’800 al 1975). Nel
1922, la famiglia donò al Museo la collezione privata di Coleotteri ed Emitteri
(50 scatole per un totale di 30.822 esemplari).
Entrambe le collezioni includono esemplari raccolti dallo stesso de Bertolini o
donati da famosi entomologi (es. Luigioni, Ganglbauer). Bertolini descrisse 3
specie, tutte presenti in collezione: i Tenebrionidi Isomira costessii (Bertolini,
1866) e Omophlus longicornis Bertolini, 1868 e il Carabide Abax ecchelii Bertolini, 1887. Integrano il patrimonio storico-scientifico delle collezioni due volumi
manoscritti. Il primo (736 pp.) tratta le specie presenti nella collezione fornendo, per alcune, le caratteristiche morfologiche utili per la loro identificazione. Il
secondo (699 pp.) elenca varie specie di Coleotteri riportando, per ciascuna, le
località di raccolta.
Più di 4.600 individui ascrivibili a più di 1.900 taxa (sottospecie e varietà incluse) appartengono alla famiglia dei Carabidi. I carabidi presenti nella collezione
provengono dal Trentino-Alto Adige, Sicilia e Sardegna e da paesi mediterranei.
Alcuni esemplari provengono da paesi ad alte latitudini (es. Lapponia, Islanda)
e tropicali (es. Sud America, Africa, Australia). Di pregio è la presenza di due
“typi”: Carabus heteromorphus Daniel, 1896 e Percus brunneipennis A. Costa,
1847.
Parole chiave: Coleotteri, Carabidi, Tenebrionidi, Mediterraneo, Trentino AltoAdige.
371
Sessione XI - Storia dell’entomologia. Presentazioni orali
L’ALLEVAMENTO DEL BACO DA SETA, BOMBYX MORI, NELLA
PROVINCIA DI PAVIA
S. Lambiase1, A. La Valle1 & G. Camerini2
Dipartimento di Medicina Legale, Scienze Forensi e Farmaco-Tossicologiche
“Antonio Fornari”, Università di Pavia, Via Forlanini 12, 27100 Pavia
E-mail: simonetta.lambiase@unipv.it
2
Dipartimento di Ecologia del Territorio, Università di Pavia, Via S. Epifanio
14, 27100 Pavia
1
Nella Provincia di Pavia la bachicoltura è stata una attività che, fino al primo dopoguerra, ha avuto riflessi molto profondi sul piano economico, sociale
e paesaggistico. È questa la considerazione che emerge da una analisi storicosociologica, realizzata nell’ambito di un progetto di ricerca dell’Ecomuseo del
Paesaggio della Lomellina, cofinanziato dalla Regione Lombardia.
Il baco da seta - Bombyx mori (L.), localmente “bigatto” - e il suo allevamento,
hanno costituito per lungo tempo una fonte di reddito integrativa importante
per le locali famiglie contadine. Si trattava di un lavoro capillarmente diffuso,
in genere a carattere domestico, al quale si dedicavano tutti i componenti della casa, soprattutto le donne, impegnate nella gestione degli allevamenti. La
documentazione disponibile (bibliografia, documenti d’archivio, testimonianze
dirette, reperti museali) mostra come intorno all’attività sericola si consolidò
una vera e propria cultura, che diede corpo a uno specifico lessico dialettale,
a manuali di allevamento, a programmi di divulgazione come, ad esempio, le
“Cattedre ambulanti dell’Agricoltura”.
Ad essere influenzato dalla bachicoltura fu anche il paesaggio agrario della
“piantata padana”, la cui fisionomia era caratterizzata dalla diffusa presenza dei
filari di gelsi capitozzati. La bachicoltura non fu solo un’attività integrativa delle
economie rurali, ma anche la base di una filiera economica di rilievo, che comprendeva i mercati per la commercializzazione delle uova di baco e dei bozzoli
finiti e che stimolò la nascita di una miriade di filande a servizio dei distretti più
specializzati del Piemonte, della Lombardia settentrionale e del centro Europa.
Allo sviluppo della bachicoltura hanno contribuito agronomi, entomologi e patologi, impegnati a razionalizzare gli ambienti e le tecniche di allevamento e
ad arginare le epidemie che regolarmente colpivano gli allevamenti, come ad
esempio il mal del calcino. In questo ambito, l’indagine storica in territorio pavese offre spunti di particolare interesse perché proprio a Pavia operò Agostino
Bassi, scienziato che diede un contributo importante alla conoscenza di questa
patologia che condizionò molto la produttività degli allevamenti.
La ricostruzione della storia della bachicoltura documenta infine il declino di
questa attività e con essa il venir meno di quei segni che essa aveva lasciato nell’economia, nel paesaggio agrario e nella organizzazione produttiva delle
aziende agricole pavesi.
Parole chiave: gelso, piantata padana, mal del calcino, Agostino Bassi.
372
Sessione XI - Storia dell’entomologia. Presentazioni orali
STORIA DELL’ENTOMOLOGIA FORENSE IN ITALIA
S. Vanin
School of Applied Science, University of Huddersfield, Queensgate, HD1 3DH,
Huddersfield, Gran Bretagna
E-mail: stefano.vanin@gmail.com
L’Entomologia forense è la disciplina che si occupa dello studio degli insetti
associati ai cadaveri, con lo scopo primario di determinare il tempo intercorso
dal decesso (PMI = “Post Mortem Interval”), nonché di ricavare ogni altra informazione utile a fini giudiziari, quali evidenze di spostamento del cadavere o
presenza nello stesso di droghe o veleni.
La conoscenza degli effetti degli insetti sui cadaveri era già nota presso gli
antichi egizi ed è più volte riportata nei testi biblici. La prima applicazione
dell’Entomologia a fini forensi data al XIII sec. in Cina, ma si tratta di un’applicazione estemporanea. Bisogna aspettare la metà dell’Ottocento per vedere le
prime osservazioni sistematiche in grado di fornire degli strumenti di previsione
e di calcolo per la stima del PMI. Di questo periodo sono i lavori di M. G. B.
Orfila, L. F. E. Bergeret e P. Brouardel (Francia).
In Italia, le prime osservazioni di carattere entomologico forense riguardano
l’ambiente acquatico e le lesioni postmortali causate dal Crostaceo Anfipode
Gammarus pulex (Linnaeus), come riportato nel 1888 da C. Raimondi e U. Rossi
(Siena). Nel 1923 è la volta di G. Bianchini (Bari), che in collaborazione con C.
Minozzi dimostra come le formiche possano essere la causa di particolari lesioni postmortali. Tuttavia per assistere a dei contributi di grande rilevanza nel panorama dell’Entomologia forense internazionale bisogna aspettare gli anni ’80.
In quel periodo infatti parte una nuova stagione dell’Entomologia forense grazie
ai lavori di B. M. Altamura e F. Jr. Introna (Bari) che utilizzano un armadio
di crescita per riprodurre le condizioni della scena del crimine in laboratorio.
È sempre di Introna, più tardi, lo sviluppo di studi di entomotossicologia e di
biologia molecolare applicata all’Entomologia forense. Negli anni ’90 si affaccia
sulla scena la scuola padovana con i lavori di M. Turchetto legati soprattutto
agli effetti del global warming e della globalizzazione sull’Entomologia forense.
È degli ultimi anni la costituzione del Gruppo Italiano per l’Entomologia Forense (GIEF), che raggruppa entomologi e medici legali, e della Sezione di Entomologia forense della Società Entomologica Italiana, entrambi con lo scopo
di promuovere l’Entomologia forense e la formazione di personale preparato al
fine di evitare “improvvisazioni” con gravi conseguenze.
Parole chiave: storia dell’entomologia, SEI, GIEF.
373
Sessione XI
STORIA DELL’ENTOMOLOGIA
Presentazioni Posters
Sessione XI - Storia dell’entomologia. Presentazioni Posters
FILIPPO FANZAGO, DOCENTE DELLA REGIA UNIVERSITÀ DI SASSARI
S. Bagella1 & R. A. Pantaleoni2
Museo Scientifico dell’Università di Sassari, Piazza Università, 07100 Sassari
E-mail: bagella@uniss.it
2
ISE-CNR, traversa la Crucca 3, 07100 Li Punti (SS) E-mail: pantaleoni@ise.cnr.it
1
Lo zoologo Filippo Pietro Fanzago nacque a Padova il 4 maggio 1852. Esponente della nobiltà italiana più colta e progressista, allievo e amico di Giovanni
Canestrini, Fanzago si laureò nel 1872 a Padova dove fu assistente alla cattedra
di Zoologia e Anatomia comparata dal 1869 al 1873. Dopo un periodo di perfezionamento alla Stazione zoologica Dohrn di Napoli, ottenne la libera docenza
a Padova e insegnò per un breve periodo al Liceo di Messina. Arrivò a Sassari, appena ventisettenne, già in possesso di una buona fama di specialista di
“Miriapodi”, come straordinario di Zoologia, Anatomia e Fisiologia comparata.
Malgrado la nuova sede offrisse molto poco, egli si prodigò in ogni modo per
allestire un laboratorio di Zoologia ed Anato-mia moderno e ricco, diffondere
la teoria evoluzionistica, curare la didattica (“lavora-re con tutte le forze perché
manco una lezione, possibilmente, restasse priva della necessaria preparazione anatomica dimostrativa”), continuare i propri studi miriapodologici. Pur fra
tutte le difficoltà Fanzago ebbe successo e si integrò bene a Sassari. Sposò la
nobile Emilia Bolla, imparentata con il suo predecessore alla cattedra di Zoologia Antonio Contini Cappai. Le spese per il Gabinetto Zoologico divennero rilevanti: segno di una nuova disponibilità economica e della volontà di rafforzare
la cattedra, a cui non è forse estraneo il Rettore Silvestrini, anch’egli padovano.
Fu promosso nel 1882 ordinario e incaricato dell’insegnamento della Botanica.
Nel 1883-84, a trentun anni, divenne Cavaliere della Corona, Professore Anziano della Facoltà di Medicina, componente del Consiglio Accademico. I dati riguardanti il periodo successivo sono scarsi. Le ultime pubblicazioni scientifiche
note risalgono al 1884. L’acquisizione di preparati e materiali prosegue, molto
ridimen-sionata e con una lunga interruzione tra il settembre 1884 e il novembre
1886, fino al 1888. L’Annuario dell’Università per il 1886-87 riporta, in calce
al discorso del Rettore Pisano Marras, l’annotazione un po’ oscura: “non si è
potuto inserire il discorso inaugurale, per legittimo impedimento del Professore che lo dettò”. Solo per il 1888-89 venne sostituito, sembrerebbe all’ultimo
momento, dal collega di Fisiologia prof. Augusto Corona. Poi scompare totalmente, dopo un decennio di insegnamento a Sassari e appena trentaseienne,
dagli Annuari universitari. Solo gli archivi e le cronache familiari permettono
di ricostruire un triste epilogo. Fanzago ebbe due figli morti nell’infanzia, a cui
seguì probabilmente la malattia. Morì a Sassari il 29 marzo 1889 giovane e senza discendenza, neanche elettiva. L’unico allie-vo noto è Orlando Pes, che cura
la redazione dell’Annuario Zoologico per il 1887-88, ricco di note affettuose che
ora suonano come una nostalgica commemorazione.
Parole chiave: storia dell’entomologia, XIX secolo, Sassari.
377
Sessione XI - Storia dell’entomologia. Presentazioni Posters
UN AFIDOLOGO LIGURE DELL’OTTOCENTO: PIETRO MANSUETO
FERRARI
S. Barbagallo1 & R. Poggi2
Dipartimento di Gestione dei Sistemi Agroalimentari e Ambientali, Università
degli Studi di Catania, Via S. Sofia 100, 95123 Catania E-mail: sebarbag@unict.it
2
Museo Civico di Storia Naturale “G. Doria”, via Brigata Liguria 9, 16121 Genova
1
Pietro Mansueto Ferrari (1823-1893) nasce a Novi Ligure (oggi in provincia di
Alessandria) e si laurea in medicina, dedicandosi in seguito all’attività di insegnamento nelle Scuole medie secondarie. Appassionato e apprezzato entomologo dilettante, si è occupato essenzialmente di Emitteri ed è stato indubbiamente
uno dei più attivi naturalisti liguri della seconda metà dell’Ottocento che gravitavano a Genova attorno al neo-costituito Museo Civico di Storia Naturale,
ivi fondato in quegli anni da Giacomo Doria. In questo contesto formativo egli
- sulla scia di quanto avevano già fatto a Parma Camillo Rondani e soprattutto
Giovanni Passerini - dedica molte delle sue energie agli Afidi, gruppo di minuscoli ma peculiari insetti, il cui studio era rimasto negletto fino a quegli anni in
tutto il territorio italiano.
L’opera afidologica di Ferrari si concretizza in due sole memorie scientifiche,
entrambe pubblicate nel 1872 sugli Annali del predetto Museo. In questi lavori,
scritti in latino e con stile conciso ed essenziale, il Nostro segnala complessivamente 134 entità afidiche, tutte rinvenute in Liguria. Per ciascuna di esse, oltre
a precise indicazioni bibliografiche, vengono indicate le piante ospiti, le località
e le date di riscontro in campo del materiale collezionato, del quale Ferrari ha
lasciato una raccolta oggi custodita presso il Museo genovese prima richiamato.
Il Ferrari, nelle sue due memorie, descrive nel complesso un nuovo genere e
trenta nuove entità specifiche o sub-specifiche (da lui indicate come ‘varietà’).
Il primo (Psylloptera) viene istituito per la sua nuova specie P. quercina (che
rimane valida), ma è destinato a divenire sinonimo di Phylloxera Boyer de Fonscolombe. Delle trenta nuove entità specifiche, soltanto tredici rimangono valide in termini tassonomici attuali, mentre le rimanenti non lo sono più (essendo sinonimi di altre entità descritte in precedenza, ovvero “nomina dubia”).
In questo senso, un importante contributo alla conoscenza del corretto stato
tassonomico delle entità descritte da Ferrari è stato apportato dai due insigni
afidologi Dick Hille Ris Lambers (Bennekom, Olanda) e Henry L.G. Stroyan
(Harpenden, Gran Bretagna) i quali, in aggiunta a loro precedenti approcci,
hanno congiuntamente esaminato nel 1955 parte del materiale tipico disponibile
presso il Museo di Genova.
I due lavori afidologici di Ferrari hanno in ogni caso il pregio di avere apportato un basilare contributo alla conoscenza della fauna afidica italiana nonché
un intrinseco valore tassonomico e biogeografico connesso alla descrizione di
nuove entità specifiche, tutte a corologia mediterranea.
Parole chiave: afidi, Liguria, Italia.
378
Sessione XI - Storia dell’entomologia. Presentazioni Posters
IL CONTROLLO DELLE ZANZARE MALARIGENE DAI PIPISTRELLAI
ALLE BAT-BOX
C. Brini1, M. Mucedda2 & R. A. Pantaleoni3
Servizio Veterinario ASL di Biella, Via don Sturzo 20, 13900 Biella
E-mail: carlo.brini@gmail.com
2
Centro Pipistrelli Sardegna E-mail: mucedda@uniss.it
3
ISE-CNR, traversa la Crucca 3, 07100 Li Punti (SS) E-mail: pantaleoni@ise.cnr.it
1
All’inizio del XX secolo era stato da poco riconosciuto il ruolo delle zanzare
come vettori della malaria, quando Charles A. R. Campbell, medico di San
Antonio (Texas, USA), cominciò a elaborare l’idea di attrarre i pipistrelli insettivori in zone pesantemente infestate da zanzare, per tentare di ridurre la
prevalenza della malattia. Contemporaneamente, si sarebbe potuto utilizzare il
guano prodotto come fertilizzante. Oggi lo si definirebbe un piano di controllo
biologico dei vettori della malaria con l’impiego di predatori. Dopo alcuni anni
di tentativi ed errori, nel 1911, vicino alla laguna di depurazione delle acque
nere di un villaggio, Campbell riuscì a costruire il prototipo di una torre-rifugio
per pipistrelli. Nei dintorni i casi di malaria sembrarono calare rapidamente,
tanto che nel 1914 Campbell brevettò il suo rifugio per pipistrelli raccogliendo
in breve richieste di informazioni da tutto il mondo. Nel 1918 il “Dr. Campbell’s
Malaria-Eradicating Guano-Producing Bat Roost” cominciò ad essere imitato
da privati della zona ove era stato costruito il primo modello e, agli inizi del
1920, molte di queste strutture erano già state allestite nel Sud degli Stati Uniti,
in Messico, in Europa. In Italia, la storia di queste strutture, che vennero denominate “pipistrellai”, è connessa a quella delle bonifiche e della lotta alla malaria, che nel nostro Paese si sono concluse solo dopo la Seconda Guerra Mondiale. Dalle Paludi Pontine al Delta del Po, dalla Sardegna alla Puglia, vennero
progettati e costruiti dei pipistrellai, grazie all’opera di Enti Pubblici, di privati
e all’impulso del Generale del Genio Militare, Ing. Giovanni Marieni. Pare che
molte di queste torri dei pipistrelli ebbero un’ottima riuscita, ma non tutte con
il medesimo successo, tanto che vi fu anche un committente che, per riavere indietro i suoi soldi, portò in tribunale il costruttore, il collaudatore dell’impianto,
ed in solido anche il Marieni, visto che nel suo gigantesco pipistrellaio avevano
trovato rifugio solo 28 pipistrelli! Per la cronaca, tutti i convenuti in giudizio
furono assolti. Degli antichi pipistrellai oggi in Italia non vi è più traccia. L’idea
di combattere le zanzare in modo ecologico utilizzando i pipistrelli con piccoli
rifugi, denominati “bat-box”, ha recentemente avuto grande successo nel nostro
Paese, tanto che, con una certa frequenza trova spazio su giornali e televisione,
creando a volte qualche incomprensione tra gli addetti ai lavori e le aspettative,
forse eccessive, dei cittadini e di qualche Pubblico Amministratore. Sia con gli
enormi pipistrellai produttori di guano sia con le piccole bat-box domestiche,
rimane un elemento decisivo sul quale i dati scarseggiano: quanto incidono le
zanzare nella dieta delle varie specie di pipistrelli?
Parole chiave: chirotteri, ditteri culicidi, storia del controllo biologico.
379
Sessione XI - Storia dell’entomologia. Presentazioni Posters
LE COLLEZIONI ENTOMOLOGICHE DEL MUSEO CIVICO DI STORIA
NATURALE DI TRIESTE NELLA NUOVA SEDE
A. Colla
Museo Civico di Storia Naturale, Via dei Tominz 4, 34139 Trieste
E-mail: collaa@comune.trieste.it
1854: primo nucleo delle collezioni entomologiche del Museo di Trieste. 2011:
l’antico museo triestino cambia casa. È un’operazione complessa, tuttora in corso, ma la sezione entomologica è già operativa nella nuova sede. Le collezioni
di insetti (3.405 scatole, 1.624.910 esemplari stimati, raccolti in 157 anni da 95
entomologi) sono conservate in due depositi ad armadi compattabili, accanto ad
un laboratorio con moderni microscopi. Inoltre, collezioni entomologiche storiche sono già in mostra nel ricostruito studio di un naturalista ottocentesco, tra
le prime sale finora aperte al pubblico. Per decenni l’entomologia fu al centro
delle attività del Museo, che ebbe per conservatori e poi direttori entomologi
come Giuseppe Müller (1880-1964) (230 lavori scientifici) ed il suo allievo Edoardo Gridelli (1895-1958) (112 lavori scientifici). Non a caso le raccolte di insetti
oggi conservate al Museo risalgono in buona parte a questo periodo favorevole,
grazie anche all’apporto di ulteriori conservatori entomologi e di appassionati
collaboratori. Tra le collezioni più importanti va ricordata anzitutto quella di
coleotteri e imenotteri formicidi dello stesso Müller (170 scatole), ricchissima di
esemplari determinati e tipi delle entità da questi descritte (tra cui molti coleotteri cavernicoli). Significativi anche i contributi di Gridelli, in particolare per i coleotteri stafilinidi e tenebrionidi. Ancora per i coleotteri, importanti le collezioni
di C. Ravasini (1874-1959) (includente 72 scatole ottocentesche a libro, da poco
restaurate), nonché quella di G. Drioli (1910-1991) (65.370 esemplari, 296 scatole),
dall’accuratissima preparazione degli esemplari. Notevole anche la collezione di
curculionidi del genere Otiorrhynchus di C. Lona (1885-1971) (120 scatole). Per i
lepidotteri la collezione più importante è quella di G. Costa (1868-1930) (10.000
es.), mentre per gli eterotteri merita menzione la raccolta di L. Sauli (1894-1985)
(16.000 es., 800 specie). Molte altre le collezioni presenti, come ad es. quella di
odonati di B. Finzi (1897-1941), e raccolte degli ultimi decenni, che arricchiscono il museo con taxa di recente descrizione. Ulteriori raccolte sono state fuse
ed ordinate con criteri biogeografici (collezioni Paleartica, Africana, ecc.). Sono
particolarmente ben rappresentate l’entomofauna centroeuropea, quella balcanica e quella africana delle ex colonie italiane, comprendente tra l’altro i coleotteri
della spedizione di E. Zavattari (1937). Anche reperti della spedizione italiana
al Karakorum di A. Desio (1954) sono conservati a Trieste. Scatole tematiche
trovano posto nella collezione Didattica, mentre insetti galligeni sono conservati
nella Cecidoteca. Inventari informatici sono in corso per le principali collezioni.
Parole chiave: Museo di Storia Naturale di Trieste, collezioni entomologiche,
Müller, Gridelli, Drioli.
380
Sessione XI - Storia dell’entomologia. Presentazioni Posters
GIUSEPPE DELLA BEFFA NEI RICORDI DI UN NIPOTE
G. Della Beffa
IPLA S.p.A., Istituto per le Piante da Legno e l’Ambiente, Corso Casale 476,
10132 Torino E-mail: dellabeffa@ipla.org
Giuseppe (detto Pippo) Della Beffa (2.2.1885–13.2.1969) di Francesco e Giulia
Montebruno sposa Giuseppina Tossi e ha otto figli. Fin da bambino Giuseppe
osserva con curiosità formiche e farfalle. A conferma di ciò si riporta un brano di una lettera di un amico del padre: “E Pippo che fa? Mi par di vederlo..”
con disegno di un bimbo che chino verso terra dice “Micha! Micha!...Tante”.
Dal diario e dalle lettere inviate dal Collegio della Visitazione nel Principato
di Monaco, a 10-17 anni, si coglie la sua passione per le Scienze Naturali. “Ier
l’altro contai gli insetti, sono circa 300 e le piante 350, di più ho un teschio di
gatto e parecchie bestie in ispirito”. Dal 1900 non chiama più gli insetti “farfalla
gialla, coleottero color caffè”, inizia scambi e costruisce scatole entomologiche.
Il 27.1.1901 scrive:“..scrissi a casa una lunghissima lettera in cui parlo della mia
grande passione per la Storia naturale; l’ho fatto per vedere cosa dicono riguardo
questo punto, se se ne lamentano, o se sono contenti: aspetto con ansietà la nuova
lettera”, a cui la sorella risponde “di buon grado ti raccoglierò piante e insetti” e
la mamma gli compra farfalle e spilli.
Si laurea a Torino a pieni voti in Chimica e poi in Scienze Naturali. Insegna
in diverse scuole, intraprende la carriera universitaria al Politecnico e collabora
con il locale Osservatorio delle Malattie delle Piante, divenendone direttore nel
1933. Scrive oltre 30 testi scolastici, pubblica circa 100 lavori scientifici e numerosi articoli su giornali e riviste. Dedica il tempo libero alla raccolta di insetti,
creando in 60 anni una collezione di circa 200.000 esemplari, tra cui paratipi e
specie nuove, alcune a lui dedicate (es. Dellabeffaella roccai e Apion dellabeffae.
Nel 1966 dona la collezione al Museo Civico di Storia Naturale di Verona.
La capacità di adattarsi alla fatica, ai viaggi e ai disagi, la disponibilità a dormire in un fienile, a parlare e mangiare coi malgari e lo stile impeccabile (forse
frutto dell’educazione della mamma nobile e del papà ufficiale dei Carabinieri)
gli permettono buoni rapporti nei contatti professionali. Tutta la sua vita, vacanze, spese, amicizie, è improntata all’interesse entomologico. Quando scoppia
la guerra e tutti fanno provviste di cibo, lui compra solo etere, spilli e materiale
entomologico, non mette in salvo mobili, argenti…ma (lettera del 4.3.1944 all’amico Felice Capra) i 10 armadi di insetti. Sempre realista, nel 1938, temendo eventi
nefasti, scrive a Capra “Francesco oggi ha dato l’esame di laurea... andrà a fare il
corso allievi ufficiali. Solo dopo, (se non succederà nulla) potrà essermi di sollievo
e farsi una posizione” e negli anni ‘60 alla proposta di prenotare l’opera