Capitolo 1: …Cosa ti è capitato tra le mani
1.1 Cos’è l’AltraGuida
Questa guida è stata scritta e progettata soprattutto per coloro che stanno per iniziare la propria
esperienza universitaria, le nuove matricole. L'approccio con il mondo universitario non è certo
privo di ostacoli: nuovi spazi, procedure burocratiche complesse e macchinose... E per uno studente
fuori sede la situazione è ancora più complicata: bisogna cercare una casa, ambientarsi in una nuova
città.
Una guida scritta da studenti per studenti può quindi fornire qualche consiglio e risolvere parte dei
dubbi, cercando di chiarire il "mondo accademico", nonostante alcuni aspetti del sistema
universitario siano complessi, rigidi e talvolta mal funzionanti.
Ulteriore speranza è che questa guida possa tornare utile anche a chi in Bicocca ci è arrivato
qualche anno fa. Perché non si finisce mai di imparare e perché, a volte, nella fretta di terminare gli
studi nel minor tempo possibile, si rischia di convincersi che l'Università non sia nient'altro che un
insieme di lezioni, laboratori, tirocini ed esami. In Bicocca, e più in generale a Milano, ci sono
anche molte altre opportunità e attività (sociali, culturali, politiche, sportive. . . ) che non si trovano
sulla Guida dello Studente, ma che questa guida "alternativa" prende in considerazione.
1.2 Chi siamo e cosa abbiamo fatto: LdS
ListediSinistra è un associazione nata nel 2001 da studenti universitari che, pur non riconoscendosi
necessariamente in organizzazioni politiche, sentivano l'esigenza di prendere parte alla vita
universitaria esprimendo i valori di democrazia, solidarietà sociale, libertà e laicità dell'istruzione e
diritto allo studio.
La partecipazione alla vita politica dell'Ateneo si svolge tramite un'estesa rete di Rappresentanti di
diversi Corsi di Laurea eletti in quasi tutti gli organi accademici dell'Università Milano-Bicocca,
ove ListediSinistra risulta essere la prima lista.
I membri dell'associazione credono infatti nella possibilità dell'intervento degli studenti all'interno
dell'università; consapevoli di non poter modificare ogni elemento negativo ed ogni
malfunzionamento presente, ritengono tuttavia che sia comunque utile essere sempre pronti a
richiamare l'attenzione dell'istituzione sulle problematiche più significative e, in particolare, ad
ascoltare e aiutare gli studenti lungo il loro percorso accademico.
Inoltre i rappresentanti di ogni corso di laurea si impegnano a ricevere gli studenti per informazioni
o chiarimenti, risultando di fatto un sicuro punto di riferimento per qualsiasi problema, e a fornire
alcuni utili "servizi" con la collaborazione e il supporto dell'Università degli studi Milano-Bicocca.
Ne sono un esempio la stesura di questa guida o la creazione di un servizio Bacheca Alloggi per
favorire il mercato degli affitti per gli studenti fuorisede.
ListediSinistra ha infatti organizzato tre apposite bacheche in cui concentrare tutti gli annunci di
ricerca e di offerta alloggi collocate una nell'edificio U6 piano -1, lato mensa, una nell'edificio U3
piano -1 (vicino all'aula U3/1 e al bar) ed una in U2, piano terra (di fronte all’aula rappresentanti).
Ma ListediSinistra organizza anche incontri, eventi culturali, spettacoli teatrali, dibattiti e
conferenze sia su temi universitari che di attualità quali ad esempio la Resistenza, la memoria
storica, i diritti sociali, la situazione internazionale.
In questi anni sono stati ottenuti numerosi importanti risultati tra i quali l'aumento del numero di
borse studio e la riforma della tassazione a beneficio dei redditi medio-bassi. Per l'anno accademico
che sta per cominciare siamo riusciti a far sì che la prima rata della tassa universitaria fosse ridotta
di 40€ a fronte di una maggiore trasparenza circa il reinvestimento della tassa stessa da parte
dell'istituzione; abbiamo contribuito a fa sì che una gestione oculata delle risorse negli anni
permettesse ulteriori investimenti per le borse agli studenti che intendono affrontare un programma
Erasmus.
Durante questo mandato ci siamo trovati a confrontarci con una riforma del sistema universitario di
grossa portata. Ci siamo impegnati affinché il ruolo degli studenti nella futura struttura sia
partecipativo ai grandi momenti decisionali che fanno parte della vita dell'ateneo e che la
influenzano quotidianamente.
1.3 Chi saremo e cosa faremo: le nuove elezioni studentesche
A seguito delle riforma Gelmini l'università si è dovuta preparare ad una inevitabile stagione di
cambiamenti; nell'ultimo anno come rappresentanti degli studenti siamo stati protagonisti nella
ridefinizione dello Statuto d'Ateneo che definisce le direttive e la forma organizzativa della nostra
università. Ora siamo intenzionati a far sì che l'università nella quale viviamo tutti i giorni possa
affrontare al meglio le nuove sfide per migliorarsi e migliorare la vita degli studenti al suo interno.
Ed è proprio a questo fine che stiamo cercando di attingere al maggior numero di spunti differenti;
in quest'autunno si svolgeranno le nuove elezioni studentesche e riteniamo fondamentale che lo
studente ne sia a conoscenza in quanto grande opportunità di crescita e confronto.
Per proseguire su questa strada è quindi necessario che ogni persona interessata a contribuire ad un
miglior rapporto con l'istituzione possa trovare un luogo nel quale esprimersi e confrontarsi con
altre “teste”: questo è quello che ListediSinistra vuole essere nel futuro come lo è stata nel passato.
Se sei interessato non esitare a cercarci ed incontrarci presso le aule rappresentanti, in U2 al piano
terra ed in U6 al piano -1.
Capitolo 2: L’Università
2.1 Le Scuole ed i Dipartimenti
Come previsto dal nuovo Statuto d'Ateneo le unità fondamentali della struttura universitaria sono i
Dipartimenti: ogni dipartimento dovrà prendere le decisioni riguardo la didattica e la gestione delle
risorse per la ricerca. Tuttavia c'è la possibilità che i Dipartimenti si possano appoggiare ad altre
strutture per la gestione della didattica: le Scuole.
Le Scuole sono strutture che, nella maggior parte delle università italiane, coordinano, per lo più
sotto il profilo amministrativo e didattico, corsi di studio di pari o diverso livello, generalmente
afferenti ad aree disciplinari affini. Assomiglia come idea alla vecchia Facoltà, che è spesso confusa
con il corso di studi: in realtà gli studenti afferiscono non direttamente alle Scuole, ma ad un Corso
di Laurea, il singolo percorso disciplinare che porta al conseguimento di un titolo di studio.
Il Dipartimento si occupa anche dell'organizzazione di uno o più settori di ricerca omogenei per fini
e per metodo e dei docenti (professori ordinari, associati e ricercatori) di materie a essi afferenti.
Professori che fanno ricerca nei Dipartimenti sono quindi docenti della Scuola e dei Corsi di
Laurea.
Facciamo un esempio per schiarirci le idee: Matematica è un corso di studio che afferisce alla
Scuola di Scienze; esiste anche il Dipartimento di Matematica che però, a dispetto della Scuola di
Scienze, non si occupa esclusivamente della didattica del corso ma anche dell’organizzazione della
ricerca.
Per quanto riguarda la didattica nel sistema universitario, si distinguono i seguenti ruoli accademici:
-professore ordinario (o professore di prima fascia): è il livello più alto della docenza universitaria;
-professore associato (o professore di seconda fascia): è il secondo livello della docenza a cui si
accede superando una selezione effettuata da una commissione nazionale;
-professore a contratto: è un esterno che viene chiamato dall’università per tenere corsi sulla base di
competenze specifiche;
-ricercatore: figura che si occupa di ricerca e che, per effetto di leggi approvate in passato, deve
svolgere ore di didattica integrativa (esercitazioni o laboratori) o tenere un intero corso. Si può
diventare ricercatore dopo aver conseguito il Dottorato di Ricerca e aver superato una selezione
effettuata da una commissione di Facoltà.
Esercitazioni, laboratori e altre attività complementari alle lezioni frontali possono essere tenute
anche da un tutor, cioè un dottorando o uno studente iscritto alla Laurea Magistrale.
2.1 Corsi di Laurea e Laurea Magistrale
Per la maggior parte dei casi i percorsi di studio prevedono una Laurea Triennale, che può essere
seguita da una Laurea Magistrale della durata di due anni.
Il Corso di Laurea è il primo tipo di percorso universitario, cui si accede dopo il diploma.
Generalmente la durata è di tre anni accademici.
L’obiettivo è quello di “ assicurare allo studente un’adeguata padronanza di metodi e contenuti
scientifici generali, nonché l’acquisizione di specifiche conoscenze professionali” (testo della legge
509/99 che ha introdotto il cosiddetto 3+2).
Nella pratica ci si può trovare di fronte a diverse situazioni: in alcuni casi infatti i Corsi di Laurea
danno conoscenze complete e contemporaneamente specifiche e ben coordinate; in altri invece la
contrazione dei vecchi corsi di 4 o 5 anni ha portato ad un numero troppo elevato di esami con un
peso in crediti mal proporzionato, con conseguente difficoltà a terminare il percorso nei tempi
stabiliti.
La possibilità di trovare una buona occupazione al termine dei primi tre anni dipende dal percorso
seguito. In alcuni casi è preferita la giovane età e la possibilità dell'azienda di " formare" il
neolaureato; in altri invece è richiesta una maggiore specializzazione e di conseguenza una Laurea
Magistrale.
Il Corso di Laurea Magistrale può essere intrapreso dopo la laurea “triennale” ed è rivolto a chi
intende proseguire la propria formazione e approfondire quanto studiato nei primi tre anni. La
durata prevista è di due anni e lo scopo è “fornire allo studente una formazione di livello avanzato
per l’esercizio di attività di elevata qualificazione in ambienti specifici”.
Per accedere al Corso di Laurea Magistrale è necessario soddisfare dei requisiti curricolari
esplicitati nel regolamento didattico, che possono consistere nel possesso di una laurea appartenente
a determinate classi di laurea oppure nel possedere un certo numero di crediti acquisiti in
determinati settori disciplinari.
Verificati i requisiti curricolari, è necessario superare una prova che in genere consiste in un
semplice colloquio di ammissione nel quale sarà indicato se è necessario colmare gli eventuali
debiti formativi.
Vi sono però delle eccezioni, ovvero corsi di studio che non sono strutturati come 3+2 ma come un
solo percorso a ciclo unico. Ne sono esempio Medicina e Chirurgia e Giurisprudenza, strutturati in
un unico percorso rispettivamente di sei e cinque anni.
Esistono poi Scuole di Specializzazione post lauream, che possono durare dai due ai sei anni e che
sono a numero chiuso. Quelle attive nel nostro ateneo sono legate all’area Medica e Chirurgica,
Psicologica e dei Servizi Clinici. Ve ne sono altre attivate in collaborazione con differenti Università
di Milano.
Dopo la laurea magistrale si può proseguire con un Dottorato di Ricerca a cui si è ammessi
superando un concorso pubblico annuale sulla base della tesi di Laurea, di eventuali pubblicazioni
e dell’esito di prove scritte e orali. La durata è non inferiore ai tre anni e in genere non supera i
quattro. Durante il Dottorato si svolgono attività di ricerca e si ha la possibilità, o in alcuni casi
l’obbligo, di frequentare corsi e seminari.
Esistono poi i Master: corsi altamente professionalizzanti della durata di uno o due anni. Si
differenziano in Master di primo livello a cui si può accedere con una laurea triennale e Master di
secondo livello per i quali è richiesta una laurea magistrale. In genere sono promossi dall'Università,
in collaborazione con strutture di formazione e aziende. Il costo dei Master è solitamente molto
elevato (raramente inferiore ai 2000 euro).
2.3 La gestione dell’Università: la Governance
Da quest'anno, come già sottolineato in precedenza, grazie al nuovo Statuto la struttura all'interno
dell'Ateneo è modificata. All’interno dell’Università esistono diverse istituzioni accademiche:
-Rettore: è eletto tra i professori ordinari dell’università ed è la massima autorità accademica. Il
mandato dura sei anni e non è rinnovabile.
-Consiglio di Amministrazione (CdA): è l'organo che esercita le funzioni ad indirizzo strategico,
amministrativo, finanziario ed economico patrimoniale dell'Università. Ha inoltre il compito di
approvare il bilancio. In quest'organo ci sono due rappresentanti degli studenti.
-Senato Accademico (SA): è l'organo che definisce la politica generale dell'Università. In
particolare si occupa di formulare i piani di sviluppo dell'Università e di promuovere le attività
didattiche e scientifiche. Di questo organo fanno parte il Rettore, quattro Direttori di Dipartimento,
sei professori, due ricercatori di ruolo e tre rappresentanti degli studenti.
-Consiglio degli Studenti (CdS): è composto da 19 studenti che rappresentano tutte le Scuole e due
dottorandi; è un organo consultivo composto esclusivamente da studenti ed ha la facoltà di
esprimere il parere su temi quali il diritto allo studio, gli importi delle tasse e dei contributi, il
regolamento didattico d’ateneo.
-Consiglio di Dipartimento e di Scuola: è composto dai professori di prima e di seconda fascia
(ordinari, straordinari, associati) afferenti al Dipartimento, dai ricercatori e da un numero variabile
di rappresentanti degli studenti. Propone e coordina la attività formative, della didattica e decide
sulle questioni attorno alla ricerca. Qualora più Dipartimenti istituissero una Scuola allora viene
definita una commissione paritetica nella quale gli studenti sono rappresentati, così come nel
Consiglio di Scuola.
-Consiglio di Coordinamento Didattico (CCD): si occupa di uno specifico corso di studi nei termini
della didattica. È prevista una rappresentanza degli studenti in base al numero dei docenti.
-Comitato per lo Sport: organo preposto al coordinamento e alla promozione delle attività sportive
per gli studenti e i dipendenti. Sono previsti 2 rappresentanti degli studenti.
Un altro organo per il quale gli studenti possono votare è il Consiglio Nazionale degli Studenti
Universitari (CNSU): il CNSU è composto da ventotto rappresentanti degli studenti, tra i quali
vengono nominati alcuni membri del CUN (Consiglio Universitario Nazionale),organo che ha il
compito di prendere decisioni fondamentali sulle riforme in atto e di delineare le linee direttrici
dello sviluppo e cambiamento dell'istituzione universitaria nel suo complesso. Il CNSU ha il
compito di esprimere pareri sugli atti rilevanti del governo e di porre al Ministro dell'Istruzione
quesiti sulla didattica e sulla condizione studentesca nell'ambito del sistema universitario. Nel
corrente mandato l’Università di Milano-Bicocca, nella persona di Sara Capasso, ha la sua
rappresentanza sia nel CNSU che nel CUN.
Capitolo 3: La burocrazia
3.1 Le segreterie
In università ci sono due segreterie principali, a cui noi studenti dobbiamo rivolgerci:
-la segreteria studenti è l'ufficio responsabile dello status dello studente rispetto all'università.
Questa segreteria si occupa di pratiche come le immatricolazioni, la consegna delle domande di
laurea, il trasferimento da o verso un'altra università o un altro corso di laurea, l'interruzione degli
studi...
-la segreteria didattica è invece l'ufficio responsabile dell'organizzazione della didattica per ogni
corso di laurea. Probabilmente avrete molto a che fare con questa segreteria, che si occupa di
questioni più quotidiane nella vita dello studente come gestire gli aspetti burocratici degli esami,
stabilire l'orario delle lezioni, compilare i piani di studi, gestire la burocrazia dei tirocini e delle tesi
di laurea.
3.2 Segreterie On Line
Tutte le pratiche burocratiche vengono gestite tramite ESSE3, il sistema telematico che l'Università
utilizza per gestire le carriere accademiche di tutti gli studenti.
Ogni studente ha un profilo personale a cui può accedere da qualsiasi computer tramite internet o
dai terminali blu che si trovano in giro per l'università. Lo scopo è quello di velocizzare molti
aspetti burocratici; questo sistema permette infatti di stampare documenti (come autocertificazioni
riguardo la propria carriera accademica o i bollettini MAV per i pagamenti delle tasse), di compilare
il proprio piano di studi, di partecipare ai bandi indetti dall'Università, di fare domanda di laurea.
L'utilizzo principale delle segreterie online è per l'iscrizione agli esami e per visualizzare il proprio
libretto con voti, medie, crediti acquisiti.
Il sistema è migliorato negli ultimi anni, ma ancora migliorabile; state attenti ed evitate di ridurvi
all'ultimo minuto, se ci fossero dei problemi e non possiate completare le vostre pratiche, la
segreteria didattica dovrebbe potervi aiutare.
Grazie al nuovo metodo di verbalizzazione online, dopo aver effettuato l'esame, appena il
professore chiude il registro i voti vengono caricati automaticamente sulla vostra pagina personale.
In questo modo le carriere degli studenti sono aggiornate immediatamente con voti e crediti
acquisiti.
3.3 Immatricolazione
Anche la procedura di immatricolazione avviene attraverso il sistema ESSE3, seguendo la
procedura indicata dalla voce "registrazione". Dall'anno scorso la procedura di immatricolazione
avviene completamente online senza che sia necessario presentarsi in segreteria o spedire
documenti. Per completare correttamente la propria iscrizione è necessario caricare una foto
(formato fototessera, non delle vacanze al mare! Un .jpeg 660x791 a 72 DPI è il formato
consigliato.), compilare tutti i campi richiesti e infine stampare il MAV e pagare la prima rata.
La procedura è leggermente diversa per i corsi di laurea (ad esempio se sono a numero
programmato, se c'è un test di ammissione) ma è accuratamente spiegata sul sito dell'università alla
voce immatricolazione (http://www.unimib.it/go/45470).
Per avere altri dettagli potete sempre consultate la Guida dello Studente (scaricabile dal sito
dell'università) o contattatare il servizio di Orientamento d'Ateneo ( www.unimib.it/orientamento o
con una mail a orientamento@unimib.it).
3.4 Tasse
Le tasse in Bicocca si pagano attraverso due rate; la prima delle due, uguale per tutti, ammontava
fino all'anno scorso a 635€ (554€ per gli studenti al primo anno fuori corso): da quest'anno questa
voce è calata di 40€ anche grazie al contributo dei nostri rappresentanti in consiglio di
amministrazione: 595€ (514€ per gli studenti al primo anno fuori corso). La seconda delle due rate è
a differenza della prima diversa per fascia di reddito e corso di studi.
Per pagarle è necessario stampare il MAV dal proprio profilo delle segreterie online e recarsi presso
un qualsiasi sportello bancario. La prima rata dev'essere pagata, ogni anno, entro fine settembre, per
potersi iscrivere all'anno successivo.
Per pagare la seconda rata è necessaria la dichiarazione ISEEU, effettuabile gratuitamente presso
uno dei Caf convenzionati con l'università, entro metà dicembre.
Il bollettino con la seconda rata è disponibile solitamente verso Aprile e dev'essere pagata entro
metà maggio. La quota è calcolata automaticamente dall'università in base al valore dell'Iseuu che le
è stato trasmesso, secondo questa regola:
•
•
•
ISEEU<14.000
rata uguale alla rata minima del proprio corso di studi (54 euro per area B, 81 euro per area
C, 0 per area A)
14.000<ISEEU<35.000
[(ISEEU - 14.000,00) x 2,8%] x Coefficiente area + importo minimo di seconda rata relativo
all'area.
ISEEU>35.000
{[(35.000,00 - 14.000,00) x 2,8%] + [(ISEEU - 35.000,00) x 4%]} x Coefficiente area +
importo minimo di seconda rata relativo all'area.
Se il valore calcolato è minore di 5 euro, la seconda rata non viene addebitata.
Se invece il valore supera l'importo massimo (2.330 euro per area A, 2850 per Area B, 3110 per
Area C) la rata corrisponde semplicemente alla rata massima.
In Area A si trovano Giurisprudenza, Economia, Scienze Statistiche, Sociologia, Psicologia,
In Area B ci sono Scienze MMFFNN, Scienze della Formazione, le lauree dell'area sanitaria, il
corso di laurea in Teoria e Tecnologia della Comunicazione.
In Area C i Corsi di Laurea in Medicina e Chirurgia.
ATTENZIONE: sono previste delle more in caso di pagamento delle tasse o di consegna della
dichiarazione ISEEU dopo le scadenze previste. Ci sono anche delle tasse aggiuntive per richiedere
i duplicati del libretto o del badge in caso di smarrimento.
3.5 Esoneri
Oltre alle borse di studio, per studenti in condizioni economiche disagiate, esistono alcuni tipi di
esoneri parziali o totali dal pagamento delle tasse.
Quelli totali sono previsti per gli studenti che hanno diritto (anche se non dovessero riceverla) ad
una borsa di studio o ad un prestito d'onore del C.I.Di.S., per i beneficiari di una borsa di studio
dell'Università, del Ministero degli Affari Esteri, per gli studenti con una disabilità superiore al
66%.
Sono previsti esoneri parziali per diverse tipologie di studenti, ad esempio per gli studenti
lavoratori, studenti dipendenti dell'università stessa, studenti con invalidità compresa tra il 45% e il
65%. Per i dettagli consultate sempre la Guida dello Studente o il sito di Ateneo alla pagina
"tasse/esoneri" (http://www.unimib.it/go/1755630489).
3.6 Piani di studi
Il piano di studi è l'elenco degli esami che lo studente deve sostenere per conseguire la laurea,
comprendendo sia quelli obbligatori per ogni corso di laurea sia quelli a scelta dello studente.
Il piano di studi viene compilato tramite le Segreterie On Line seguendo la procedura indicata, in un
periodo stabilito annualmente dall'Ateneo. Non è necessario compilarlo ogni volta, se non si ha
intenzione di modificare quello dell'anno passato.
Ogni Corso di Laurea ha un regolamento che stabilisce il numero di esami, la tipologia e il numero
di crediti da acquisire; quindi per avere un piano di studi in regola controllate le norme del vostro
corso. Per maggiori indicazioni su come si compili un piano di studi, consultate la pagina del sito
d'Ateneo o della vostra Facoltà. I piani di studi che non dovessero essere approvati possono essere
ripresentati l'anno successivo o modificati quando si consegna la domanda di laurea.
Capitolo 4: Studiare in Bicocca
La Bicocca offre per l'anno accademico 2012/13 un'ampia scelta di corsi. L'offerta formativa conta
infatti 32 corsi di laurea, 34 corsi di laurea magistrale e 4 corsi di laurea magistrale a ciclo unico.
I corsi di studio offerti dall'Università sono riconducibili ad otto aree tematiche, sovrapposte alle
vecchie facoltà che con l'introduzione delle legge Gelmini e del nuovo statuto di ateneo cessano di
esistere; queste aree sono: Economia, Giurisprudenza, Medicina e Chirurgia, Psicologia, Scienze
della formazione, Scienze matematiche fisiche e naturali, Scienze statistiche e Sociologia.
4.1 Accesso ai corsi
Per i corsi di laurea triennale e a ciclo unico della facoltà di Medicina e Chirurgia e per Scienze
della Formazione Primaria, il numero di iscritti è stabilito dal MIUR a livello nazionale. Sono
previste prove di ammissione con programmi e date di svolgimento uguali in tutta Italia.
Per altri corsi di studio il numero di posti è stabilito annualmente da ciascun ateneo.
A partire da quest'anno il corso di studio di Comunicazione e Psicologia ha operato una prima
selezione dei candidati in base a requisiti di merito. A tale selezione hanno potuto partecipare tutti
gli studenti iscritti in Italia al quinto anno di una scuola superiore italiana che abbiano conseguito
negli scrutini finali del terzo e quarto anno una votazione media non inferiore a 7,5/10 e laureati e
laureati specialistici/magistrali con titolo di studio conseguito in Italia non prima dell'A.A. 1997/98
con votazione non inferiore a 99/110. Sui 120 posti totali a disposizione per il corso 46 sono stati
assegnati con questa procedura sperimentale; i restanti posti saranno invece assegnati tramite un test
che si svolgerà a settembre nelle date indicate dall'ateneo.
Puoi trovare informazioni su tutti i corsi all'indirizzo http://www.unimib.it/link/news.jsp?
8682539240310067116
Per i corsi di studio ad accesso libero, invece, è prevista una prova obbligatoria di valutazione alla
preparazione iniziale (VPI). La prova ha lo scopo di verificare se la preparazione acquisita durante
il percorso scolastico delle scuole superiori sia adeguata ai prerequisiti disciplinari di base fissati dal
corso di laurea prescelto.
4.2 Lezioni e laboratori
I corsi di studio sono strutturati in crediti formativi universitari (CFU), l'unità di misura
dell'impegno medio di uno studente. Ogni anno di corso comporta l'acquisizione di 60 CFU, ripartiti
principalmente in insegnamenti e laboratori. Ogni insegnamento può essere suddiviso in ore di
lezione frontale e ore di esercitazione. I laboratori, al contrario, non prevedono lezioni frontali, e di
norma è prevista una frequenza obbligatoria al 75%.
Gli insegnamenti e i laboratori sono incastrati nel piano di studi. Capire quali corsi sono obbligatori
e quali opzionali dovrebbe essere il primo compito della matricola. Inoltre, proseguendo con i
semestri, lo studente potrà correggere il piano, avendo acquisito nuove conoscenze e, magari, nuovi
interessi.
4.3 Esami
Dopo aver frequentato i corsi, arriva il momento di sostenere l'esame e portare a casa un voto, con
l'annesso bagaglio di crediti. Le sessioni di esame sono tipicamente tra gennaio e febbraio e tra
giugno e settembre, dopo il termine delle lezioni, ma può esserci una grande variabilità a seconda
del corso di studio. L'esame può essere scritto o orale.
ATTENZIONE: Da regolamento degli studenti, l'esame deve essere orale. Questo significa che
anche per un esame scritto è previsto un momento di confronto con il docente, in cui potete
visionare il compito.
Alcuni esami sono definiti dalla facoltà propedeutici ad altri. Questo significa che per potersi
iscrivere all'esame del corso B, e sostenere l'esame, viene richiesto il superamento dell'esame A. Si
presti quindi molta attenzione al regolamento del corso di studi, dove sono indicate tutte le
propedeuticità.
4.4 Inglese e informatica
Tutti i corsi di studio prevedano prove di conoscenza della lingua inglese (o di un'altra lingua
dell'Unione Europea) e di informatica. Non tutti i corsi prevedono entrambe le prove: i corsi
dell'area scientifica, per esempio, non richiedono quella di informatica.
Le prove di lingua e di informatica sono propedeutiche a tutte le attività del secondo anno. In altre
parole, non sarà possibile sostenere esami del secondo anno senza averle prima sostenute. Un buon
consiglio è quello di levarsi il pensiero al più presto, approfittando delle conoscenze fresche di
scuola superiore.
4.5 Trasferimenti
Le regole specifiche per il trasferimento da un corso di studio, anche di un altro ateneo, a un altro
sono determinate dai regolamenti dei singoli corsi di studio. Riguardo al riconoscimento dei crediti
già acquisiti, il regolamento studenti garantisce il riconoscimento di almeno il 50% dei CFU per
corsi di studio afferenti alla stessa classe (per esempio, tutti i corsi di laurea che si chiamano
"fisica"). In ogni caso, è sempre meglio prendere contatto con il referente del corso di studio di
arrivo.
4.6 Volete saperne di più?
Riguardo l'accesso ai corsi e l'offerta formativa: http://www.unimib.it/go/183871592
Per le prove di lingua e di informatica: http://www.didattica.unimib.it
Raccolta di informazioni esaustive sui corsi: http://www.unimib.it/go/46108
Ovviamente, potete trovarci e conoscerci nelle aulette rappresentanti al piano -1 dell'U6 (di fianco
ai distributori automatici) e al piano 0 dell'U2.
4.7 I corsi in Bicocca
Economia
Presentazione
L'università offre 4 corsi di laurea triennale nell'ambito delle discipline economiche, l'iscrizione ai
quali è preceduta da un test di valutazione che, se non superato, permette comunque l'iscrizione al
corso di laurea ma non l'accesso agli esami. Sono presenti inoltre quattro corsi di laurea magistrale,
due dei quali hanno dei requisiti minimi di voto/media ponderata per l'accesso, che avviene solo
dopo un colloquio.
Corsi di laurea triennale
•
•
•
•
Economia delle banche, delle assicurazioni e degli intermediari finanziari.
Economia e amministrazione delle imprese.
Economia e commercio.
Marketing, comunicazione aziendale e mercati globali.
Corsi di laurea magistrale
•
•
•
•
Economia e Finanza.
Scienze dell'economia.
Scienze Economico-Aziendali.
Marketing e Mercati Globali.
Per i corsi di laurea magistrale in Scienze Economico-Aziendali e Marketing e Mercati Globali
l'iscrizione è condizionata dal soddisfacimento di requisiti minimi. Per il primo è necessario un voto
di laurea triennale pare a 91/110 e/o una media ponderata di 21/30, ciò permette l'accesso al
colloquio in base al quale è stilata una graduatoria per l'accesso. Per il secondo corso invece è
necessario un voto di laurea triennale minimo pari a 94/110 e/o una media ponderata del 24/30.
Anche in questo caso il soddisfacimento di questi requisiti permette l'accesso ad colloquio ed una
valutazione in ingresso. Nel caso non si possedessero i requisiti gli studenti che volessero
comunque iscriversi a questi corsi di laurea dovranno sostenere un test composto di dieci domande,
dovendo ottenere 6/10 di risposte corrette; superato il test sarà possibile l'accesso al colloquio ed
alla graduatoria.
Contatti
Informazioni più dettagliate sono disponibili sul sito: http://www.economia.unimib.it/
Giurisprudenza
Presentazione
L'università offre un corso di laurea triennale, un corso di laurea magistrale e un corso di laurea
magistrale a ciclo unico, tutti ad accesso libero nell'ambito delle scienze giuridiche.
Corsi di laurea triennale
•
Corso di Laurea Triennale in Scienze dei Servizi Giuridici
Corsi di laurea magistrale a ciclo unico
•
Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza
Per accedere ai corsi è necessario sostenere un test VPI per via telematica, che verte sulla
comprensione di un brano in lingua italiana. Il corso di laurea magistrale a ciclo unico ha durata
quinquennale.
Corsi di laurea magistrale
•
Corso di Laurea Magistrale in Scienze e Gestione dei Servizi
Per accedere bisogna sostenere un colloquio che riguarda conoscenze di matematica e
statistica, diritto e sociologia generale.
Studiare in Bicocca
Il corso di laurea a ciclo unico permette l'accesso ai concorsi pubblici per le professioni forensi
(avvocato, magistrato, notaio). Il regolamento di facoltà garantisce nove appelli all'anno, senza
prevedere il salto d'appello.
Contatti
La segreteria didattica è situata al secondo piano dell'edificio U6. Per informazioni sulla didattica
come orari delle lezioni, conferenze, e avvisi dei docenti, visitate il sito ufficiale:
www.giurisprudenza.unimib.it
Rappresentanti di facoltà: rapp_ iuris@unimib.it
Medicina e Chirurgia
Presentazione
In università ci sono più di 2000 studenti di medicina che studiano tra sette corsi di laurea triennale,
due corsi di laurea magistrale e due corsi di laurea magistrale a ciclo unico.
Corsi di laurea triennale
•
•
•
•
•
•
•
Fisioterapia (63 posti)
Igiene dentale (32 posti)
Infermieristica (357 posti)
Ostetricia (43 posti)
Tecniche di laboratorio biomedico (27 posti)
Tecniche di radiologia medica, per immagini e radioterapia (32 posti)
Terapia della neuro e psicomotricità dell'età evolutiva (27 posti)
Corsi di laurea magistrale
•
•
Biotecnologie mediche
Scienze infermieristiche ed ostetriche
Corsi di laurea magistrale a ciclo unico
•
•
Medicina e chirurgia (135 posti)
Odontoiatria e protesi dentaria (20 posti)
I corsi di laurea magistrale a ciclo unico hanno la durata di 6 anni.
Contatti
Sito ufficiale di medicina: http://www.medicina.unimib.it
Rappresentanti degli studenti: http://www.medicina.unimib.it/cmsMedicina/Spazio\_
Studenti/pagina\_ Spazio\_ studenti.html
Psicologia
Presentazione
Psicologia ha più di 3000 studenti e offre due corsi di laurea triennale e quattro corsi di laurea
magistrale, di cui uno in collaborazione con Scienze.
Corsi di laurea triennale
•
•
Comunicazione e Psicologia (122 posti)
Scienze e tecniche Psicologiche (500 posti)
Corsi di laurea magistrale
•
•
•
•
Psicologia clinica, dello sviluppo e neuropsicologia (260 posti)
Psicologia dei processi sociali, decisionali e dei comportamenti economici
Psicologia dello sviluppo e dei processi educativi
Teoria e tecnologia della comunicazione (con Scienze)
Studiare in Bicocca
Il corso di laurea in Teoria e tecnologia della comunicazione è un corso interfacoltà, con contenuti
che riguardano la comunicazione e l'informatica. Per l'accesso ai corsi a numero programmato è
opportuno consultare i bandi di ammissione dei corsi di laurea, sul sito di Psicologia.
Contatti
Sito di Psicologia: www.psicologia.unimib.it
Informazioni per l'iscrizione: http://www.psicologia.unimib.it/01\_ iscriversi/offerta.php
Rappresentanti degli studenti: psicologia.rappresentanti@gmail.com
Scienze della Formazione
Presentazione
Scienze della Formazione conta circa 6000 studenti e offre due corsi di laurea triennali, quattro
magistrali, ed uno magistrale a ciclo unico.
Corsi di laurea triennale
•
•
Scienze dell'educazione
Comunicazione interculturale
Da quest'anno il corso di laurea in scienze dell'educazione è ad accesso programmato; 690 posti
saranno assegnati tramite un test nel mese di settembre.
Corsi di laurea magistrale
•
•
•
•
Scienze pedagogiche
Scienze antropologiche ed etnologiche
Formazione e sviluppo delle risorse umane
Psicologia dello sviluppo e dei processi educativi
I corsi di laurea in Scienze pedagogiche e Formazione e sviluppo delle risorse umane prevedono un
tirocinio obbligatorio.
Corsi di laurea magistrale a ciclo unico
•
Scienze della formazione primaria (400 posti)
Il corso di laurea magistrale a ciclo unico in Scienze della formazione primaria ha dallo scorso anno
(2011/12) durata quinquennale ed è a numero programmato: 400 posti, più 2 per studenti non
comunitari. Il corso abilita alla professione di insegnante nelle scuole dell'infanzia e nella scuola
primaria.
Studiare in Bicocca
La frequenza non è obbligatoria, ma viene raccomandata anche in ragione delle facilitazioni per i
frequentanti, come sgravi in termini di carico di studio oppure con l'ausilio di prove intermedie o
preappelli.
Contatti
Sito di facoltà: www.formazione.unimib.it
I contatti dei rappresentanti si trovano nella sezione "persone".
Piattaforma e-learning, per studenti iscritti: http://formazione.elearning.unimib.it/
Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
Presentazione
Scienze ha più di 5000 iscritti e offre 10 corsi di laurea triennale e 11 corsi di laurea magistrale,
incluso uno in collaborazione con Psicologia.
Corsi di laurea triennale
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Biotecnologie (300 posti)
Fisica
Informatica
Matematica
Ottica e optometria
Scienza dei materiali
Scienze biologiche (300 posti)
Scienze e tecnologie chimiche
Scienze e tecnologie geologiche
Scienze e tecnologie per l'ambiente
Corsi di laurea magistrale
• Astrofisica e fisica dello spazio
• Biotecnologie industriali
• Biologia
• Fisica
• Informatica
• Matematica
• Scienza dei materiali
• Scienze e tecnologie chimiche
• Scienze e tecnologie geologiche
•
•
Scienze e tecnologie per l'ambiente e il territorio
Teoria e tecnologia della comunicazione
Il corso in Teoria e tecnologia della comunicazione è tenuto in collaborazione con Psicologia.
Studiare in Bicocca
L'accesso ai corsi triennali prevede il superamento di una prova che verte principalmente sulle
conoscenze di matematica e logica. I corsi di Biotecnologie e Scienze biologiche sono per il
secondo anno corsi a numero programmato. I corsi di laurea magistrale prevedono requisiti
curricolari e competenze che sono specificati sul manifesto dei rispettivi corsi di laurea.
Scienze offre inoltre dei precorsi di richiami di matematica e di metodologia dello studio
universitario. Durante il primo anno, sono previsti corsi di recupero per chi non avesse superato la
VPI.
Lauree panda
L'iscrizione ai corsi di Scienza dei materiali, Scienze e tecnologie chimiche, Fisica, Ottica e
optometria e Matematica consente allo studente di ottenere al secondo anno di corso, tenuto conto
del merito e del reddito, un rimborso della tassa di iscrizione e di parte dei contributi versati.
Contatti
Sito di Scienze: www.scienze.unimib.it
Precorsi: www.scienze.unimib.it/?main\_ page=precorsi
Scienze Statistiche
Presentazione
Scienze Statistiche conta circa 650 iscritti, il numero più piccolo di studenti all'interno dell'ateneo.
Tutti i corsi di Laurea erogati fanno parte delle cosiddette lauree panda e pertanto è previsto per tutti
gli iscritti il rimborso della tassa di iscrizione del primo anno e parte dei contributi versati.
La sede è situata al secondo piano dell'edificio U7, dove è possibile trovare uffici dei docenti,
segreteria didattica e presidenza.
Corsi di laurea triennale
•
•
Corso di Laurea Triennale in Scienze Statistiche ed Economiche (SSE)
Corso di Laurea Triennale in Statistica e Gestione delle Informazioni (SGI)
Corsi di laurea magistrale
•
•
Corso di Laurea Magistrale in Scienze Statistiche ed Economiche (CLAMSES)
Corso di Laurea Magistrale in Biostatistica e Statistica Sperimentale (BIOSTAT)
Studiare in Bicocca
Una laurea in Scienze Statistiche offre buone, se non ottime, possibilità di lavoro. Infatti la richiesta
di statistici in Lombardia è superiore al numero dei laureati di ogni anno.
Contatti
Segreteria didattica: tel. 02.6448.5828
Ufficio orientamento e stage: tel. 02.6448.5876
Segreteria di presidenza: tel. 02.6448.5800
I docenti di riferimento per i quattro corsi di laurea sono:
•
•
•
•
SSE: Prof. Ongaro Andrea andrea.ongaro@unimib.it
SGI: Prof.ssa Migliorati Sonia sonia.migliorati@unimib.it
CLAMSES: Prof. Manera Matteo matteo.manera@unimib.it
BIOSTAT: Prof. Vittadini Giorgio giorgio.vittadini@unimib.it
Per contatti scrivere a rappresentanti.studenti@statistica.unimib.it
Per ulteriori info www.statistica.unimib.it
Sociologia
Presentazione
Sociologia ha circa 2500 studenti e offre quattro corsi di laurea triennale e quattro corsi di laurea
magistrale, di cui uno interfacoltà. La Scuola è inoltre da vari anni al primo posto in Italia, secondo
la Guida Università (Repubblica - Censis).
Corsi di laurea triennale
•
•
•
•
Scienze del turismo e comunità locale (215 posti) (*)
Scienze dell'organizzazione
Servizio sociale (120 posti) (*)
Sociologia
(*) I corsi a numero programmato prevedono 6 posti aggiuntivi per studenti non comunitari.
Corsi di laurea magistrale
•
•
•
•
Programmazione e gestione delle politiche e dei servizi sociali (PROGEST) (80 posti) (*)
Scienze e gestione dei servizi
Sociologia
Turismo, territorio e sviluppo locale
(*) Il corso prevede 4 posti aggiuntivi per studenti non comunitari.
Studiare in Bicocca
L'accesso ai corsi triennali prevede il superamento di VPI che verte su conoscenze generali,
storiche, comprensione della lingua italiana ed esercizi di logica. Il corso in Turismo, territorio e
sviluppo locale non è a numero chiuso ma l'accesso è subordinato alla valutazione del curriculum
studiorum del candidato.
Le lezioni del corso triennale in Scienze dell'organizzazione, contrariamente agli altri corsi della
Scuola, si tengono presso l'ospedale vecchio di Monza. La sede è facilmente raggiungibile dalla
stazione di Monza.
Contatti
Sito di facoltà: www.sociologia.unimib.it
Rappresentanti degli studenti: rappresentanti.sociologia@gmail.com
Capitolo 5: Vita all'interno dell'Università
L'ateneo mette a disposizione degli studenti diverse forme di servizi; tutto ciò serve a garantire
un'offerta complessiva che punta a standard qualitativi sempre più alti.
5.1 Diritto allo studio e borse di studio
Trova il suo fondamento nei commi 3 e 4 dell'art.34 della Costituzione, nei quali si afferma il diritto
dei capaci e meritevoli, anche se privi di mezzi economici, di raggiungere i gradi più alti degli studi,
nonché il dovere della Repubblica a rendere effettivo questo diritto.
A questo proposito, è stato costituito il Consorzio Interuniversitario per il Diritto allo Studio
(CIDiS), al quale partecipano quattro università: Bicocca, Statale, Insubria e IULM. Esso si occupa
di erogare servizi in favore degli studenti meno abbienti, bandendo borse di studio, buoni mensa e
alloggi nelle residenze universitarie (http://www.unimib.it/go/page/Italiano/Vivereluniversita/Vivere-lUniversita/Residenze-e-alloggi).
Per maggiori informazioni sul Consorzio http://web.consorziocidis.it.
Oltre ai servizi del CIDiS, accessibili agli studenti delle quattro università consorziate, la Bicocca
ha previsto dei servizi di aiuto e sostegno economico per favorire coloro che più ne necessitano,
dedicate esclusivamente ai suoi studenti. Per questo motivo esistono due tipi di borse di studio
erogate: quelle del CIDiS e quelle d'Ateneo.
Borse di studio CIDiS
La sovvenzione (accessibile dagli studenti di tutte le università consorziate) consiste, in parte, in un
pagamento in denaro e, in parte, in servizi, quali il tesserino mensa o l'agevolazione per l'alloggio.
Viene assegnata sulla base di requisiti di reddito e merito ed è erogata in due rate nel corso dell'anno
accademico.
Per gli studenti del primo anno che la richiedono, viene considerato solo il reddito per l'erogazione
della prima rata e, per ottenere anche la seconda, si dovrà conseguire un numero minimo di credito
precisato in ogni bando.
Se, negli anni successivi, i mantengono i requisiti previsti, la borsa verrà confermata.
Invece, per gli studenti iscritti ad anni successivi al primo, sarà considerato sia il reddito, sia i
crediti conseguiti entro il 10 agosto dell'anno accademico precedente. L'ammontare della borsa
varia, per quanto riguarda la condizione economica, in base ai tempi di percorrenza del trasporto
pubblico necessari per raggiungere la sede del corso di studi.
I bandi di concorso di quest'anno sono stati pubblicati nel mese di luglio e la domanda può essere
presentata fino al 1 ottobre 2012, attraverso lo Sportello On Line accessibile dal sito web del
Consorzio.
Ulteriori informazioni e dettagli li trovate qui http://web.consorziocidis.it
Borse d'Ateneo
Anche per l'assegnazione di queste sovvenzioni, i parametri valutati sono due: merito (che varia in
relazione all'anno di corso del richiedente) e reddito (cioè la condizione economica dello studente,
quindi l'ISEEU, dev'essere inferiore a 35.000,00 €).
In particolare, per gli studenti iscritti al primo anno di corso, il criterio del merito prevede:
• di aver ottenuto una valutazione di 90/100 alla maturità;
• di aver ottenuto una valutazione di 102/110 al conseguimento della laurea triennale.
Per gli studenti iscritti al secondo o terzo anno di corso, invece, è previsto:
•
•
una media ponderata dei voti di almeno 24/30
di aver acquisito, al 30 settembre 2011, almeno i due terzi dei crediti formativi (CFU),
arrotondati per eccesso, previsti dal regolamento del corso di studi.
L'importo di ciascuna borsa è di 4.800,00 € che verrà corrisposto in due rate per gli studenti
immatricolati al primo anno e in una sola soluzione per gli iscritti ad anni superiori al primo.
I requisiti per accedervi sono sempre merito e reddito.
I termini per la presentazione delle domande, da effettuare tramite i servizi di Segreteria Online:
dal 20 agosto 2012 al 31 ottobre 2012 per gli studenti che si immatricolano al primo anno dei corsi
di laurea triennali o laurea specialistica/magistrale a ciclo unico e al corso di laurea in Scienze della
Formazione; dal dal 1 al 26 ottobre 2012 per gli studenti che chiedono il rinnovo delle borse di
studio riservate a studenti iscritti ad anni successivi al primo; dal 7 gennaio al 31 gennaio 2013 per
gli studenti che si immatricolano al primo anno dei corsi di laurea magistrale.
Per maggiori informazioni: http://www.unimib.it/go/45052
5.2 Servizi per la disabilità
Come previsto dalla legge n. 17 del 1999, in tutti gli atenei è stato creato un ufficio adibito ad
offrire servizi a studenti disabili. Quello della nostra università si chiama Ufficio DAB
(Diversamente Abili Bicocca) ed è nato con lo scopo sia di favorire l'integrazione sociale degli
studenti disabili sia di facilitarne la permanenza all'interno dell'università stessa.
I servizi previsti corrispondono sia a sussidi tecnici e didattici, come la registrazione dei corsi,
l'adattamento dei libri di testo e tutoring, sia a mezzi di trasporto specifici e accompagnamento in
università e nelle sue pertinenze.
Per poter usufruire dei servizi erogati dall'ufficio, è necessario presentare all'inizio dell'anno
accademico (dal 1 settembre al 30 settembre) una domanda di iscrizione all'ufficio reperibile presso
la Sede Operativa, in seguito sarà fatto un colloquio con lo staff per stilare insieme al candidato un
piano personalizzato dei servizi.
La Sede Operativa è situata nell'edificio U6 a piano terra. Altrimenti si può contattare il DAB
tramite mail servizi.disabili@unimib.it, o ai seguenti numeri: 02.6448.6981/6984 - 02.6448.6067
Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito dell'università http://www.unimib.it/go/126829762.
5.3 150 Ore
Tra le opportunità previste dalla legge n.390 del 1991 a sostegno del diritto allo studio, l'università
ha previsto le cosiddette 150 ore ovvero collaborazioni con gli studenti per lo svolgimento di
diverse attività (tutor dei laboratori informatici, supporto alle biblioteche o alle Segreterie Studenti,
orientamento per le matricole, etc.) per un massimo – appunto - di 150 ore. Queste collaborazioni
sono a tempo parziale e retribuite 9€ all'ora. Si accede tramite bando basato su criteri di reddito e
merito, per cui è necessario essere iscritti almeno al secondo anno per potervi partecipare. Durante
ogni anno accademico vengono proposti diversi bandi, sia d'Ateneo sia di Facoltà, per i quali
possono essere richiesti alcuni requisiti tecnici (es. abilità informatiche di base). Se siete interessati,
controllate periodicamente http://www.unimib.it/go/45056 sul quale vengono pubblicati bandi e
graduatorie.
5.4 Job Placement
Promosso dall'ufficio Job Placement, il servizio VULCANO offre la possibilità a tutti gli studenti,
laureati o laureandi, di essere inseriti in un database di curricula che permette all'ufficio di favorire e
perseguire l'incontro tra offerta e domanda di lavoro. Gli iscritti al servizio ricevono via mail
proposte inoltrate da aziende interessate ai profili professionali proposti, sia per offerte di lavoro sia
per possibilità di stage.
5.5 Counselling psicologico
La Bicocca offre anche un utile, ma spesso sconosciuto, servizio di counselling per chi avesse
problemi di studio o situazioni personali che inibiscono il corretto svolgimento della carriera
universitaria. Il servizio consiste in un ciclo medio-breve di incontri individuali con uno
psicoterapeuta od uno psicologo clinico specializzati ad operare con pazienti in età tardoadolescenziale e giovane-adulta. Durante il percorso lo specialista cercherà di stabilire con lo
studente degli obiettivi chiari da raggiungere entro la fine della serie di incontri.
Il servizio è totalmente gratuito, per prenotare un incontro o semplicemente avere informazioni è
possibile inviare un' e-mail o prendere contatto telefonicamente. I contatti sono disponibili
all'indirizzo http://www.unimib.it/go/46063.
5.6 Sport
Correre per arrivare in università non si può considerare propriamente uno sport. Meglio qualcosa
di classico, divertente e, possibilmente, a buon prezzo.
Per questo potete rivolgervi al CUS (Centro Universitario Sportivo), che offre corsi a prezzi
convenienti, fornisce sconti ed agevolazioni per alcuni impianti comunali e organizza settimane
bianche, gite ed escursioni. In Bicocca c'è una palestra convenzionata (in U12), accessibile a
studenti e dipendenti, aperta dal lunedì a venerdì dalle ore 12 alle ore 20 (dalle ore 10 alle ore 12
solo per i residenti del pensionato) che ha dei prezzi veramente imbattibili! Per informazioni
www.cusmilano.it oppure rivolgetevi al CUS point in U6 al primo piano.
5.7 Il Coro
Nel 2007 si è composto all'interno dell'università come associazione il Coro; esso è composto da
una trentina di persone accomunate dalla passione per la musica classica e popolare. La
partecipazione è aperta a tutti ed il Coro si incontra tutti i mercoledì dalle ore 17.30 alle ore 19.30,
nell'aula 8 dell'edificio U4 a partire da mercoledì 16 settembre. Per informazioni:
http://xoomer.virgilio.it/corobicocca/
5.8 Biblioteche e aree studio
La Biblioteca d'Ateneo ha un'unica gestione ma è strutturata in tre sedi (quella Centrale, di Scienze
e di Medicina). La biblioteca è il luogo ideale per studiare in tranquillità; è aperta dal lunedì al
venerdì dalle 9 alle 18.30. Molti sono i servizi offerti: consultazione, prestito, prestito
interbibliotecario, fotocopie, reperimento di articoli di vari natura, consulenza bibliografica, spazi di
studio individuali per chi è sotto tesi e poi vi è un intuitivo catalogo on line (OPAC).
Le tre sedi sono:
- Sede Centrale: Piazza dell'Ateneo Nuovo 1, edificio U6 II piano. Aree disciplinari: diritto,
economia, informatica, psicologia, sociologia, scienze della formazione e statistica.
- Sede di Scienze: Piazza della Scienza 3, edificio U2 I piano (sala monografie) e piano -1 (sala
periodici). Aree disciplinari: biologia, chimica, fisica, geologia e matematica.
- Sede di Medicina: Via Cadore 48, Monza, edificio U8 piano terra. Aree disciplinari: medicina.
Inoltre nel campus della Bicocca è presente un'altra Biblioteca afferente al CIDiS, che si trova al
secondo piano dell'edificio U12. A differenza della biblioteca d'Ateneo è gestita da un organo
interunivesitario (appunto il CIDiS) . Per poter usufruire del prestito dei libri è necessario pagare
una quota di 10 euro. Lo scorso anno, in via sperimentale e su richiesta degli studenti, la biblioteca
del CIDiS ha prolungato il servizio di apertura, chiudendo alle 22; visto il successo dell'iniziativa,
speriamo sia possibile mantenere il servizio anche per i prossimi anni.
Altri luoghi di studio sono le Aree Studio sparse tra i vari edifici dell'Università, dove si può trovare
una maggiore tranquillità rispetto ai tavoli nei corridoi o nei cortili interni.
5.9 Bar e mense
La disponibilità di servizi di mensa si compone delle seguenti strutture:
- la mensa principale (convenzionata CIDiS) è quella in U6 al Piano (-1) con accanto il bar;
- la mensa convenzionata dello studentato (primo piano U12) formata da 4 self-service indipendenti
e completi;
- la tavola calda (non convenzionata CIDiS) al primo piano dell'U7 con accanto il bar;
- a Monza esiste una convenzione con la mensa dell'ospedale S. Gerardo.
I bar, invece, si trovano:
- in U6 al piano terra e al piano (-1);
- in U7 al primo piano;
- in U3 al piano (-1);
- in U12 direttamente sulla strada, vicino all'ingresso della mensa.
Se avete un reddito che soddisfa i requisiti del bando C.I.Di.S. (pubblicato sul sito
web.consorziocidis.it) è possibile ottenere la carta magnetica che permette di pagare i pasti a prezzi
calmierati (le tariffe sono diverse a seconda della fascia di reddito cui si appartiene).
Infine la presenza dell'università ha prodotto il moltiplicarsi di ristoranti, bar e pizzerie d'asporto; è
inoltre da segnalare la presenza di 2 centri commerciali facilmente raggiungibili (uno con i mezzi,
l'altro a piedi) forniti di numerosi ristoranti di vario genere.
5.10 Le associazioni con cui collaboriamo
KOB (Kollettivo Omosessuale Bicocca)
Il Kollettivo Omosessuale Bicocca è un gruppo studentesco LGBT nato nel 2003 all'interno
dell'Università di Milano - Bicocca, a scopo aggregativo e culturale.
All'interno dell'Ateneo promuove la cultura delle differenze relative all'orientamento sessuale e
all'identità di genere con iniziative realizzate sia autonomamente che insieme ad altre realtà
universitarie, organizzando attività rivolte al gruppo stesso e/o a tutti gli studenti dell'Università,
come conferenze, cineforum e mostre. Collabora anche con le altre associazioni LGBT presenti sul
territorio per costruire progetti e percorsi dedicati all'ambiente universitario e talvolta ospitando
iniziative precedentemente proposte in altri contesti ma che possano essere considerate d'interesse
anche per gli studenti.
Tutto questo è permesso dai contributi che, per legge, ogni ateneo deve destinare a iniziative
studentesche, ai quali il KOB accede presentando ogni anno i propri progetti per il Bando Mille
Lire, valutati poi da un'apposita commissione.
Nel corso degli anni il KOB ha organizzato cineforum, conferenze, feste studentesche e incontri
informali in Università e fuori; è stato presente ai Pride e alle altre manifestazioni politiche e
culturali LGBT; ha contribuito all'informazione e ai confronti in rete tramite siti web, social
network, forum, etc. Ha partecipato attivamente alla ricostituzione del Coordinamento Arcobaleno,
che riunisce le associazioni LGBT milanesi, ed ha preso parte all'iniziativa itinerante L'Amore
Spiazza e all'organizzazione dei Pride locali e nazionali
Inoltre si pone come occasione di incontro e confronto per le persone LGBT che vivono l'ambiente
universitario o che interagiscono con questo anche solo occasionalmente. Fornisce un servizio di
accoglienza per chi lo desidera, rivolto a studenti, professori e lavoratori dell'Ateneo, tramite il
quale vengono valutate le esigenze individuali di chi usufruisce di tale servizio: dal desiderio di
conoscere persone omosessuali magari per la prima volta, a quello di impegnarsi in attività
organizzative, oppure per essere indirizzati ad altre realtà LGBT che si occupano in maniera più
specifica di determinati temi, o ancora per essere indirizzati verso servizi di aiuto e sostegno in casi
più particolari.
Il gruppo è composto da circa 250 iscritti con un turn over di circa 3 anni. Una ventina di persone si
occupano attivamente della gestione e dell'organizzazione del gruppo e delle sue attività.
Essendo un collettivo e non un'associazione con statuto, il KOB non ha una gerarchia di
riferimento, bensì referenti per ogni specifica iniziativa.
ASB (Associazione Studenti Bicocca)
L'Associazione Studenti Bicocca (ASB) è un'associazione culturale, senza fini di lucro, nata nel
2002 dalla collaborazione di studenti provenienti da diverse facoltà dell'Università degli Studi di
Milano Bicocca. ASB è quindi un punto di incontro di studenti di diverse facoltà, dove si ha modo
sia di socializzare che promuovere concretamente i propri interessi, come conferenze, feste,
concorsi fotografici, aperitivi culturali, giornate di sensibilizzazione sulla sostenibilità. ASB cura
altresì il forum degli studenti della Bicocca (www.studentibicocca.org), con più di 38.000 iscritti e
5.000 accessi giornalieri, dove i ragazzi hanno modo di confrontarsi sui più disparati temi nonché
sulle materie di esame, trovando anche materiali gratuiti da scaricare, condivisi da altri studenti. Per
informazioni scrivete ad asb@studentibicocca.org o visitate www.studentibicocca.org.
Bicocca per la pace
Bicocca per la pace nasce nel 2003, in concomitanza con il drammatico scoppio della guerra in Iraq,
e dalla volontà di far sentire fortemente in Università la voce di chi crede nella pace e nella via del
dialogo. Bicocca per la pace riunisce identità di fede e laiche mantenendo una linea apartitica, si
impegna a diffondere la cultura dell'impegno sociale, del rispetto dei diritti umani e della difesa
dell'ambiente. Grazie al Bando 1000 Lire, il coordinamento pubblica semestralmente Appunti di
pace, rivista che si avvale di collaboratori interni ed esterni e che tratta temi d'attualità. In questi
otto anni l'associazione ha organizzato dibattiti, eventi e forum studenteschi con l'idea di creare
luoghi d'incontro permanenti per studenti, docenti, ricercatori e personale tecnico-amministrativo.
Contatti: coordinamento.pace@unimib.it
5.11 Erasmus: studiare all'estero
Anzitutto, che cos'è il Progetto Erasmus? L'Erasmus è il principale progetto europeo di mobilità
studentesca internazionale e permette ogni anno a migliaia di studenti di muoversi per un periodo di
tempo (dai tre mesi ad un anno) ed andare a studiare e dare esami in un altro paese europeo. Lo
studente in Erasmus è equiparato agli studenti dell'università ospitante e avrà quindi accesso a tutti i
servizi offerti loro, oltre ad alcuni servizi specifici come l'aiuto nella ricerca dell'alloggio o i corsi di
lingua. Per partire è necessario consultare i bandi che ogni anno la propria facoltà pubblica,
solitamente in febbraio/marzo dell'anno precedente a quello che vi interessa, e fare domanda
attraverso gli appositi uffici (la procedura completa è descritta all'interno del bando di riferimento).
Ogni facoltà propone le destinazioni con cui è convenzionata. Da due anni grazie al lavoro dei
nostri rappresentanti in CdA la Bicocca stanzia i fondi per le borse prima dell'inizio dei periodi di
studio all'estero, quindi possiamo già dirvi che chi partirà per l'Erasmus nell'A.A.12/13 riceverà
300€ ogni mese. Proveremo l'anno prossimo a chiedere alla Bicocca di anticipare ancora la delibera
in modo che si sappia già a febbraio (quando vanno presentate le richieste) a quanto ammonterà la
borsa, che in ogni caso non dovrebbe ridursi rispetto agli anni precedenti. Fino allo scorso anno si
aspettava lo stanziamento ministeriale e si potevano approvare le borse solamente a
Febbraio/Marzo, cioè un anno dopo il termine per presentare le domande e quando molti studenti
erano già partiti. Anche il CIDiS (Consorzio Interuniversitario per il Diritto allo Studio) bandisce
delle borse per gli studenti in partenza per università estere assegnate in base al reddito e ai punti di
credito conseguiti negli anni. Possono partire tutti gli studenti iscritti ad un anno successivo al
primo (il primo anno si può fare domanda per partire il secondo). Prima di partire è necessario
stipulare un learning agreement, ovvero un elenco degli esami che si intendono sostenere all'estero,
per avere la certezza, al ritorno, che tutti gli esami sostenuti siano riconosciuti e quali saranno, per
esempio, i crediti e il voto attribuiti ad ognuno (non tutti i paesi usano sistemi con crediti e voti in
trentesimi).
Lingue
L'università di partenza può richiedere la conoscenza della lingua del paese di destinazione che
avete scelto, possibilmente certificata da un diploma. Altrimenti è comunque sufficiente aver
passato il test di conoscenze linguistiche di inglese (o della lingua del paese di destinazione) di
Ateneo. Di solito, inoltre, per le lingue meno conosciute, le Università di destinazione organizzano
dei corsi specifici destinati agli studenti Erasmus.
Per un contatto diretto con l'ufficio della Bicocca che si occupa degli Erasmus, scrivete a:
international.office@unimib.it
5.12 Altri programmi di scambio
Erasmus mundus
Interessante anche questo progetto, che offre la possibilità di studiare all'estero, non durante il
proprio percorso accademico curricolare, bensì attraverso un master.
Extra
Nuovo programma dell'Università degli Studi di Milano-Bicocca di mobilità che si rivolge a chi ha
quasi concluso il proprio percorso di studi. Consente lo svolgimento di un periodo di studio
all'estero finalizzato alla preparazione della tesi di Laurea Specialistica/Magistrale, della durata
minima di 3 mesi e massima di 6, presso università o centri di ricerca con i quali siano già
attivi contatti e/o iniziative di collaborazione accademica o scientifica con l'Università Bicocca.
Il bando richiede la presentazione delle domande in tre scadenze quadrimestrali, attraverso le
quali illustrare il proprio progetto. Nell'ambito di tale Programma, sono stati finanziati dei premi di
studio da parte della Fondazione Cariplo dell'importo mensile lordo pari a 750€.
Exchange
Con il Programma Exchange è possibile fare un'esperienza di studio in paesi europei ed extra
europei presso uno dei Partners Exchange di Ateneo, per un periodo che può andare da un minimo
di alcune settimane ad un anno, durante il quale studiare e dare esami che saranno riconosciuti nel
piano di studi ai fini della laurea. L'Exchange è un'ulteriore possibilità di mobilità a cui può
partecipare anche chi ha già fatto l'esperienza dell'Erasmus. I bandi Exchange escono verso marzo.
Summer school
Le Summer Schools offrono la possibilità di andare in un'università estera per frequentare corsi
estivi di approfondimento su tematiche o settori del proprio corso di laurea, della durata di alcune
settimane. I bandi di partecipazione si possono trovare sul sito di ateneo ma anche (e soprattutto) sui
siti delle facoltà che li organizzano. I corsi seguiti durante la Summer School possono essere
riconosciuti come CFU a scelta, ma solo su richiesta dello studente e comunque in questo caso non
è previsto un accordo tra l'università di appartenenza e quella straniera.
Capitolo 6: Milan, l’è on gran Milan
La città di Milano è grande e caotica, affollata da pendolari, turisti, studenti, immigrati, impiegati,
curiosi, muratori, operai, ragazzi etc (quasi) tutti rigorosamente... di fretta!
Qualsiasi cosa stiate cercando, è molto probabile che la troviate: dalla festa latinoamericana al
Cenacolo di Leonardo da Vinci, dai concerti di Vasco agli aperitivi culturali, dagli aperitivi prima di
cena ai kebabbari aperti fino a notte fonda.
Cercheremo di darvi un'idea molto, molto, generale di tutte le opportunità che vi si presentano.
6.1 Fare i turisti
I luoghi di interesse artistico e culturale a Milano sono numerosi.
Alcuni sono noti in tutto il mondo, come il Cenacolo, il Duomo, il Castello Sforzesco, la Pinacoteca
di Brera, la basilica di Sant'Ambrogio, il teatro alla Scala. Altri sono più nascosti ma altrettanto
interessanti come l'Anfiteatro Romano vicino a San Lorenzo alle Colonne, luogo di ritrovo per i
giovani; la Chiesa di Santa Maria presso San Satiro, con il finto coro progettato dal Bramante;
piazza dei Mercanti, dove parlando in un angolo delle colonne sentirete la vostra voce
amplificata dalla parte opposta; l'insolita Torre Velasca...
Il consiglio migliore è quello di prendere la bicicletta (se avete il coraggio di lanciarvi nel traffico
cittadino) o il tram e girare senza meta scoprendo la città. Quando sarete stanchi, vi consigliamo una
sosta in uno dei (purtroppo pochi) parchi rimasti in città, i più famosi sono il Parco Sempione e il
Parco di Porta Venezia. Per le giornate di pioggia, non mancano i musei e le mostre. Ce ne sono per
tutti i gusti: Planetario, Acquario Civico, Museo di Storia Naturale, Museo della Scienza e della
Tecnica, la Pinacoteca Ambrosiana, la Triennale (con la sede del design anche in Bovisa) e il Pac,
per gli amanti dell'arte moderna. Di recentissima apertura infine il Museo del 900, vicino a Palazzo
Reale e un insolito Wow, museo del fumetto aperto negli ultimi mesi.
6.2 La capitale della moda
Non ditelo troppo in giro, ma a pochi milanesi capita di fare shopping nel celebre quadrilatero della
moda, tanto meno agli studenti, solitamente squattrinati. Prezzi più abbordabili e negozi meno
esclusivi si trovano in via Torino, lungo Corso Vittorio Emanuele o in Corso Buenos Aires; ma state
attenti che il sabato pomeriggio sono presi d'assalto e vi passerà presto la voglia di spendere i vostri
soldi. Se cercate qualcosa di più particolare vi consigliamo la Fiera di Senigallia, appuntamento
ogni sabato nella zona di Porta Genova per cercare tra bancarelle di usato e non oggetti fuori dal
normale (troverete anfibi, giacche militari, dischi in vinile, fumetti, vestiti colorati, magliette del
Che, oggetti da giocoleria).
Quando si avvicinano le feste invece, non potrete perdervi la fiera degli Oh bej! Oh bej! e quella
dell'Artigianato, tradizionali appuntamenti durante il ponte di Sant'Ambrogio per milanesi in cerca
di regali natalizi.
6.3 Cinema e teatri
L'offerta cinematografica in città è ovviamente vasta e varia. Durante il mese di settembre, la
stagione viene aperta dal "MilanoFilmFestival" che propone oltre alle proiezioni di corti e
lungometraggi, numerosi eventi che animano la città durante tutta la durata del festival. A
concluderla invece nel mese di giugno la rassegna "Cannes e dintorni" che propone (spesso in
anteprima e in lingua originale) i film che hanno partecipato al celebre Festival francese.
Un appuntamento particolare è il "Festival MIX di cinema gaylesbico e queer culture", che propone
oltre a corti, lungometraggi, presentazioni di libri, dibattiti e incontri sempre su questa tematica.
In città si trovano numerose sale cinematografiche e multisale, in cui potrete trovare sia le ultime
uscite sia iniziative come cineforum, film d'autore, rassegne a tema. Vi ricordiamo che il mercoledì
tutti i biglietti hanno un costo ridotto, vi consigliamo anche di controllare particolari offerte
(come la promozione "Ricomincio da tre" degli Uci Cinema che offrono ogni martedì un film a 3
euro) o riduzioni per gli studenti.
In città sono presenti numerosi teatri, molti offrono riduzioni per studenti o campagne abbonamento
che permettono di vedere più spettacoli a prezzi agevolati, vi consigliamo il sito
www.lombardiaspettacolo.com per tenerli tutti sotto controllo.
6.4 Dove si va stasera?
Un appuntamento classico per gli universitari milanesi è il rito dell'Happy Hour, servizio offerto
ormai da quasi tutti i locali, durante l'orario di cena al prezzo di un cocktail potrete mangiare a
volontà da un (solitamente) ricco buffet. I costi variano dai 5 ai 15 euro, quelli con un rapporto
qualità/prezzo più conveniente sono, secondo noi: il Maga Furla (vicino all'università e comodo se
finite tardi), il Ciu's in via Spontini (frequentato da molti studenti erasmus), il Blender Bar in
piazzale Susa (sempre pieno ma con un buffet degno dei migliori pasti luculliani), l'Hora Feliz
vicino a San Lorenzo (locale piccolo, ma con numerosi tavoli in strada e cibo ottimo in gran
quantità). Se volete una cena con calma, vi consigliamo le guide prodotte da Terra di Mezzo:
PappaMilano (che presenta una rassegna tra i più buoni e convenienti ristoranti milanesi) e
PappaMondo (guida completa, precisa e pratica di tutti i ristoranti etnici presenti a Milano).
Anche per vedersi dopocena non mancano i locali dove trovarsi. Le zone più frequentate per una
passeggiata o un cocktail con gli amici sono quelle di Brera, dei Navigli e delle colonne di San
Lorenzo; mentre in Corso Como e vicino al Parco Sempione troverete i locali più costosi
e le discoteche più selettive. Si possono trovare posti interessanti anche in zone più lontane dal
centro, come il Frida (via Pollaiuolo 3), una vecchia fabbrica ristrutturata in giardino, enoteca, art
gallery, cocktail bar e molto altro; oppure il Turnè (via Paolo Frisi 3) piccolo locale in zona Porta
Venezia ma con una programmazione diversa e varia ogni sera della settimana (dallo spritz a 3 euro
il martedì al cinema domenicale, passando per degustazioni di vini e offerte
speciali per i cocktail).
Se siete amanti della birra, non potete perdervi il Birrificio Lambrate (via Adelchi 3) che offre una
selezione di birre di propria produzione; l'appuntamento il giovedì sera è in zona centrale per
l'offerta di due medie a 5 euro dell'Outback (via Carlo Tenca 10) mentre la domenica e il lunedì
l'EastEnd vicino al Cimitero di Lambrate vi offre una pinta al costo della piccola.
Per essere sicuri di non perdervi nessun appuntamento e rimanere aggiornati sulle nuove aperture e
sulle offerte speciali (tra cui molte rivolte alla clientela universitaria) vi consigliamo la guida Zero
(distribuita gratuitamente ogni quindici giorni in locali e negozi) e gli inserti settimanali
di alcuni giornali, come ViviMilano del Corriere o TuttoMilano della Repubblica.
6.5 Centri sociali e circoli Arci
Il più famoso centro sociale milanese è il Leoncavallo, che si trova in fondo a via Melchiorre Gioia
e offre durante tutto l'anno concerti, incontri, proiezioni cinematografiche, feste, corsi di lingua,
laboratori...Leggendo i manifesti sui muri della città o i giornali, scoprirete che in quasi ogni
quartiere si trova un vecchio edificio abbandonato, ora occupato e autogestito da collettivi che
propongono manifestazioni ed eventi; ad esempio il Casa Loca, vicino alla Bicocca, dove vi
offriranno un piatto di pasta a 3 euro e partite al calcetto infinite; la Cascina Torchiera in zona
Certosa o il Cox18 sui Navigli.
I circoli Arci presenti tra città e provincia sono più di un centinaio, si tratta di Associazioni con uno
luogo di ritrovo dove solitamente si trovano cibo e bevande a prezzi molto convenienti, si
organizzano concerti (spesso di artisti emergenti o "non convenzionali"), è possibile partecipare
a dibattiti, cineforum e molto altro.
Per entrare è necessario avere la tessera (il cui costo è attorno ai 10 euro) che ha validità annuale e
permette l'ingresso in tutti i circoli Arci d'Italia.
Potete consultare il sito www.arcimilano.it per avere l'elenco completo, vi segnaliamo il circolo
Magnolia (via Circonvallazione-Segrate) dove si organizzano concerti e serate che attirano giovani
da tutta la provincia e il circolo Metissage (quartiere Isola, dietro la stazione di Porta Garibaldi) se
volete godervi una serata tranquilla in compagnia della buona musica.
6.6 Trasporto pubblico
Il trasporto pubblico milanese non è all'altezza di quello delle altre grandi città europee, ma si
difende con dignità ed è tutt'ora oggetto di continue modifiche e miglioramenti (speriamo).
L'A.T.M. gestisce tre linee di metrò che collegano le periferie con il centro della città, numerosi
autobus e tram che coprono in modo più capillare il territorio urbano ed extraurbano. Inoltre il
cosiddetto "passante", ovvero le linee suburbane di Trenord, agevola gli spostamenti verso comuni
leggermente più distanti.
Il biglietto urbano costa 1,50 euro (valido per un'ora e un quarto per spostamenti interni alla città e
una sola corsa in metro), ma se siete assidui frequentatori dei mezzi pubblici potrebbe risultarvi più
conveniente l'abbonamento mensile (17 euro) o quello annuale (170 euro). Per maggior comodità,
potrete acquistare un biglietto giornaliero (4,50 euro per 24 ore) o un carnet da dieci viaggi
(utilizzabili in momenti diversi) o potreste provare la nuova tessera RicaricaMi su cui caricare
biglietti, settimanali o carnet da avere sempre a portata di mano nel portafoglio.
I mezzi pubblici sono comodi e veloci durante il giorno per evitare il traffico ed il parcheggio a
pagamento. In settimana l'ultima corsa della metropolitana è verso mezzanotte, mentre da quasi un
anno il servizio notturno per il week end è stato finalmente potenziato con autobus sostitutivi delle
linee metropolitane che girano tutta la notte e nuove linee notturne; un servizio alternativo è però
quello del Radiobus, un bus prenotabile per spostarsi da dove a dove volete fino alle 2 di notte.
Per maggiori informazioni sui servizi, sul costo dei biglietti, per poter calcolare il percorso più
breve e quant'altro potete consultare il sito www.atm-mi.it o chiamare il numero verde 800 80 81
81.
Capitolo 7: Contatti
Puoi trovare le aule dei rappresentanti degli studenti nell'edificio U2 (Piazza della Scienza - Fisica)
al piano terra, tel. 02.6448 2061 oppure nell'edificio U6 (Piazza dell'Ateneo NuovoEconomia,Psicologia, Scienze della Formazione, Giurisprudenza, Rettorato) al piano -1, tel.
02.6448 6992
Se vuoi contattarci puoi farlo anche via e-mail all’indirizzo listedisinistra@gmail.com oppure
visitando il sito www.ListediSinistra.org dove ti puoi iscrivere alla nostra newsletter utilizzata per
aggiornamenti riguardo iniziative e incontri o per ricordare scadenze accademiche e amministrative.
Da quest'anno siamo anche su facebook all'indirizzo http://www.facebook.com/ListediSinistra