xi4sp6 aa admin it

Aggiungi a I miei manuali
85 Pagine

annuncio pubblicitario

xi4sp6 aa admin it | Manualzz

SAP BusinessObjects BI Suite

Document Version: 4.0 Support Package 6 - 2013-09-02

Manuale dell'amministratore di SAP

BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Sommario

1 Cronologia del documento. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5

2

2.1

Introduzione a SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7

Componenti di Analysis, versione per OLAP. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7

2.1.1

2.1.2

Client Analysis. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .7

Servizio di analisi multidimensionale di Analysis. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7

2.2 Informazioni sul manuale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8

2.2.1 L'insieme della documentazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8

2.2.2 Destinatari del manuale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9

3

3.1

Architettura. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .10

Diagramma dell'architettura di Analysis. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10

3.2 Modello di distribuzione della piattaforma SAP BusinessObjects Business Intelligence. . . . . . . . . . . . . . 12

3.3 Servizio di analisi multidimensionale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14

3.3.1 Failover del server . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14

4

4.1

Installazione e configurazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15

Strumenti amministrativi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15

4.1.1

4.1.2

Central Management Console (CMC). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .15

Central Configuration Manager (CCM). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15

4.2 Note per l'installazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15

4.3 Origini dati. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .16

4.4 Configurazione del server di applicazioni Web. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .16

4.5 Configurazione dei caratteri successiva all'installazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16

4.6 Uso della porta firewall. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19

4.7 Duplicazione delle distribuzioni server di Analysis. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19

4.8 Limite di esportazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19

4.9 Impostazioni timeout sessione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20

4.10 Installazione e configurazione per connessioni all'origine dati Oracle OLAP. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21

4.10.1 Panoramica del provider di dati Oracle OLAP. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21

4.10.2 Requisiti software per il provider di dati Oracle OLAP. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .21

4.10.3 Pacchetto di installazione del provider di dati Oracle OLAP. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25

4.10.4 Configurazione del provider di dati Oracle OLAP. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27

4.10.5 Esecuzione del server Web e del servizio XMLA. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32

4.10.6 Verifica dell'installazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35

4.10.7 Utilizzo di JConsole per il monitoraggio del provider di dati Oracle OLAP. . . . . . . . . . . . . . . . .35

4.10.8 Abilitazione del fornitore di dati Oracle OLAP per l'analisi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38

4.10.9 Disinstallazione del provider di dati Oracle OLAP. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39

4.10.10 Utilizzo della registrazione per la risoluzione dei problemi relativi a MDX e SQL. . . . . . . . . . . . 40

4.11 Accesso facilitato. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .41

2 © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Sommario

4.12 Richiede note SAP. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41

5

5.1

Protezione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .43

Configurazione del server MDAS per SSL (Secure Sockets Layer). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43

6 Gestione dei diritti. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44

6.1 Panoramica dei diritti e dei livelli di accesso. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44

6.2 Diritto Crea spazio di lavoro di Analysis. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44

6.3 Diritti per gli oggetti di Analysis. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45

6.4 Livelli di accesso per gli oggetti Analysis. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46

6.5 Accesso ai dati. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48

6.6 Modifica dell'accesso agli spazi di lavoro di Analysis. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49

7

7.1

Manutenzione MDAS. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51

Avvio e arresto di Server Intelligence Agent. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51

7.2 Avvio e interruzione del Servizio di analisi multidimensionale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51

7.3 Riavvio del Servizio di analisi multidimensionale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51

7.4 Abilitazione e disabilitazione di MDAS. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52

7.5 Aggiunta e rimozione di istanze MDAS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52

7.6 File di configurazione per il server MDAS. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52

7.7

7.6.1

7.6.2

File di configurazione di MDAS: mdas.properties. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 53

File di configurazione del client MDAS: mdaclient.properties. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54

Proprietà e metriche di MDAS. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .55

7.7.1 pagina Proprietà. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55

7.7.2 Pagina Metriche. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56

8

8.1

Connessioni origine dati. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57

Creazione di connessioni di origine dati OLAP. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .57

8.1.3 Individuazione di un cubo o una query. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59

8.1.5 Autenticazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61

8.2 Modifica delle impostazioni di connessione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 62

8.3 Eliminazione di una connessione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .63

8.4 Spostamento di una connessione in un'altra cartella. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .64

8.5 Impostazioni di connessione per le origini dati. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64

8.5.1 Impostazioni di connessione per origini dati SAP NetWeaver Business Warehouse. . . . . . . . . 65

8.5.2 Impostazioni di connessione per origini dati Microsoft Analysis Services. . . . . . . . . . . . . . . . 66

8.5.3 Impostazioni di connessione per le origini dati di SAP BusinessObjects Profitability and

Cost Management. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 67

8.5.4 Impostazioni di connessione per le origini dati di SAP BusinessObjects Extended Analytics

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 67

8.5.5 Impostazioni di connessione per le origini dati di SAP BusinessObjects Planning and

Consolidation. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 68

8.5.6 Impostazioni di connessione per le origini dati SAP HANA. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 68

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Sommario © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

3

8.5.7 Impostazioni di connessione per le origini dati Teradata. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69

8.5.8 Impostazioni di connessione per le origini dati Oracle OLAP. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69

8.6 Gestione delle connessioni origine dati Analysis. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 70

8.6.1 Modifica del titolo e della descrizione di un a connessione origine dati Analysis. . . . . . . . . . . . 70

8.6.2 Visualizzazione di un elenco di spazi di lavoro che utilizzano una connessione origine dati

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .71

8.6.3 Modifica dell'accesso alle connessioni origini dati Analysis. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 71

8.6.4 Sostituzione di una connessione origine dati di Analysis. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 72

9

9.1

Gestione degli spazi di lavoro. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74

Presentazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74

9.2 Modifica del titolo, della descrizione e delle parole chiave di uno spazio di lavoro di Analysis. . . . . . . . . . 74

9.3 Visualizzazione di un elenco di connessioni collegate allo spazio di lavoro. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 75

10 Scala e prestazioni. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 76

10.1 Clustering delle istanze di MDAS. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 76

10.2 Bilanciamento del carico. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 76

10.3 Ottimizzazione delle prestazioni. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 76

11 Monitoraggio e registrazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77

11.1 Auditing. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77

11.2 Registrazione analisi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77

11.3 Abilitazione delle statistiche per Analysis su un server SAP BW. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77

12 Considerazioni su Microsoft Analysis Services. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79

12.1 Configurazione di IIS per la connettività MSAS. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79

12.1.1 Copia dei file richiesti. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79

12.1.2 Creazione di un pool di applicazioni. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .80

12.1.3 Creazione di una directory virtuale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80

12.1.4 Configurazione della protezione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80

12.1.5 Configurazione di Estensione servizio Web. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 81

12.2 Analysis, versione per OLAP e protezione tramite Analysis Services. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 81

12.2.1 Protezione ruolo Analysis Services. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 81

12.2.2 Informazioni più dettagliate. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 82

13 Conversione degli spazi di lavoro in Analysis. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 84

13.1 Conversione di spazi di lavoro da Voyager ad Analysis, versione per OLAP. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 84

4 © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Sommario

1 Cronologia del documento

La seguente tabella contiene una panoramica delle modifiche principali apportate al documento.

Versione Data

SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP 4.0

Novembre 2010

SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP 4.0 Feature Pack 3

Marzo 2012

Descrizione

Versione iniziale.

È stato aggiunto il supporto per SAP

HANA e altre origini dati. Impostazioni di connessione per le origini dati [pagina

64]

È stata aggiunta l'impostazione della configurazione per i collegamenti rapidi.

File di configurazione del client MDAS: mdaclient.properties

[pagina 54]

È stato aggiunto il supporto SSO per

PCM 7.5.

Creazione di connessioni di origine dati OLAP [pagina 57]

SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP 4.0, Support Package 4

Giugno 2012

La sezione di configurazione dei caratteri è stata aggiornata.

Note per l'installazione

[pagina 15]

La sezione Configurazione per le origini

dati SAP HANA è stata rimossa. Questa configurazione viene eseguita automaticamente in SP4.

Note per l'installazione

[pagina 15]

SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP 4.0, Support Package 5

Novembre 2012

È stato aggiunto un supporto per le origini dati Teradata.

Impostazioni di connessione per le origini dati Teradata

[pagina 69]

Sono stati aggiunti dei passaggi per abilitare le statistiche su un server SAP

BW per Analysis. Abilitazione delle statistiche per Analysis su un server SAP

BW

[pagina 77]

SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP 4.0, Support Package 6

Aprile 2013

È stato aggiunto un supporto per il provider di dati Oracle OLAP per SAP

BusinessObjects Business Intelligence.

Panoramica del provider di dati Oracle

OLAP [pagina 21]

Impostazioni di connessione per le origini dati Oracle OLAP [pagina 69]

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Cronologia del documento © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

5

Versione Data Descrizione

6 © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Cronologia del documento

2 Introduzione a SAP BusinessObjects

Analysis, versione per OLAP

2.1 Componenti di Analysis, versione per OLAP

SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP è uno strumento di query e analisi che consente agli analisti aziendali di analizzare i dati multidimensionali dell'organizzazione. Gli utenti accedono ad Analysis da BI Launch

Pad nella piattaforma SAP BusinessObjects Business Intelligence (la "piattaforma BI") e quindi creano, salvano e condividono i propri spazi di lavoro di analisi nel repository della piattaforma BI. Quando gli spazi di lavoro vengono salvati nel repository, altri analisti o utenti aziendali possono utilizzarne le analisi su qualsiasi connessione Web.

Gli amministratori di Analysis configurano e gestiscono il Servizio di analisi multidimensionale (MDAS), gestiscono i diritti di accesso, impostano le connessioni alle origini dati OLAP, gestiscono gli oggetti degli spazi di lavoro e delle origini dati nel repository della piattaforma BI ed eseguono numerose altre attività amministrative.

SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP include i componenti seguenti:

Client Analysis [pagina 7]

Servizio di analisi multidimensionale di Analysis [pagina 7]

Nota

SAP BusinessObjects Analysis, versione per Microsoft Office, sebbene sia molto simile a SAP BusinessObjects

Analysis, versione per OLAP, è corredato di documentazione specifica, comprensiva del manuale dell'amministratore.

2.1.1 Client Analysis

L'applicazione client Analysis è il componente per l'utente finale di SAP BusinessObjects Analysis, versione per

OLAP. Viene installato con la piattaforma SAP BusinessObjects Business Intelligence ed è possibile accedervi da

BI Launch Pad.

Gli analisti utilizzano l'applicazione client Analysis per eseguire il lavoro di analisi dei dati e salvare le proprie analisi nella piattaforma BI.

Agli utenti sarà sufficiente disporre di una connessione Internet, di un browser Web e dei diritti necessari per accedere al sistema della piattaforma BI e creare o visualizzare gli spazi di lavoro di Analysis .

2.1.2 Servizio di analisi multidimensionale di Analysis

Analysis include un servizio della piattaforma BI denominato Servizio di analisi multidimensionale (Multi-

Dimensional Analysis Service, MDAS). Il servizio MDAS viene installato con la piattaforma SAP BusinessObjects

Business Intelligence e amministrato dalla relativa Central Management Console (CMC).

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Introduzione a SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

7

MDAS elabora le richieste di analisi del client Analysis, recupera i dati OLAP dal server OLAP, aggiunge formattazione, filtri ed evidenziazione ai dati, quindi reinvia i dati elaborati all'applicazione client per la visualizzazione.

MDAS è un servizio interno ad Adaptive Processing Server (APS). APS può essere configurato e gestito nella

Central Management Console (CMC). Per ulteriori informazioni su APS e CMC, consultare il Manuale

dell'amministratore della piattaforma SAP BusinessObjects Business Intelligence.

2.2 Informazioni sul manuale

2.2.1 L'insieme della documentazione

La documentazione include i manuali e le informazioni della Guida in linea indicati di seguito:

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per

OLAP

Questo manuale include informazioni dettagliate utili agli amministratori di sistema per l'installazione, la configurazione e l'amministrazione di Analysis.

Manuale dell'utente di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Questo manuale contiene le informazioni, le procedure e il materiale di riferimento necessari per l'utilizzo di

Analysis.

Guida in linea di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

La guida in linea è ottimizzata per fornire risposte rapide sulle attività più frequenti eseguite in Analysis.

Questo manuale dell'amministratore è un supplemento del Manuale dell'amministratore della piattaforma SAP

BusinessObjects Business Intelligence e del Manuale d'installazione della piattaforma SAP BusinessObjects

Business Intelligence e fornisce informazioni utili per l'amministrazione di un'installazione di Analysis. Le informazioni contenute nei manuali della piattaforma BI sono applicabili a tutti i server e i servizi SAP

BusinessObjects, incluso il Servizio di analisi multidimensionale. Per informazioni non contenute in questo manuale, consultare i manuali della piattaforma BI.

Per una descrizione dei componenti della piattaforma BI e relative istruzioni di installazione e per istruzioni sull'installazione di Analysis, consultare il Manuale d'installazione della piattaforma SAP BusinessObjects Business

Intelligence e il Manuale dell'amministratore della piattaforma SAP BusinessObjects Business Intelligence.

8 © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Introduzione a SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Per informazioni sull'ottimizzazione delle prestazioni, consultare la SAP BusinessObjects BI Sizing Companion

Guide.

Nota

In questo manuale, il termine "UNIX" viene utilizzato per fare riferimento collettivamente a tutte le piattaforme

UNIX.

Nota

SAP BusinessObjects Analysis, versione per Microsoft Office, sebbene sia molto simile a SAP BusinessObjects

Analysis, versione per OLAP, è corredato di documentazione specifica, comprensiva del manuale dell'amministratore.

2.2.2 Destinatari del manuale

Il manuale è rivolto agli amministratori di sistema. Per gestire SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP e la piattaforma SAP BusinessObjects Business Intelligence è necessario disporre dei diritti di amministratore.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Introduzione a SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

9

3 Architettura

3.1 Diagramma dell'architettura di Analysis

10 © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Architettura

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Architettura © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

11

3.2 Modello di distribuzione della piattaforma SAP

BusinessObjects Business Intelligence

SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP rientra nella più ampia architettura della piattaforma BI come una configurazione client-server con connessioni a livello di server e database ad altri server della piattaforma BI.

12 © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Architettura

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Architettura © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

13

3.3 Servizio di analisi multidimensionale

Il Servizio di analisi multidimensionale è completamente integrato nella piattaforma BI. Come gli altri server e servizi della piattaforma BI, viene registrato automaticamente nel Central Management Server (CMS). Una volta registrato, è disponibile per essere utilizzato dal client Web di Analysis.

Il servizio MDAS fornisce alle applicazioni client della piattaforma BI, come Analysis, versione per OLAP un framework efficiente ed estensibile per l'accesso a dati multidimensionali (OLAP). Oltre a fornire l'accesso ai dati multidimensionali, il server converte anche i dati non elaborati in vari pacchetti XML, che verranno in seguito visualizzati dall'applicazione client richiedente in un formato di presentazione specifico: foglio di calcolo di Excel,

PDF o tabelle a campi incrociati o grafici di Analysis.

3.3.1 Failover del server

È possibile eseguire più istanze di MDAS per supportare un grande numero di utenti o per garantire la ridondanza nel caso che per qualsiasi motivo dovesse verificarsi un errore in una delle istanze di MDAS. In questo caso, gli utenti che utilizzano l'istanza di MDAS in cui si è verificato l'errore vengono spostati automaticamente a un altro

MDAS disponibile. Se possibile, le sessioni utente vengono recuperate e ripristinate nell'altro MDAS. Se l'errore nel server si verifica prima che un'azione venga completata, gli utenti potrebbero dover ripetere l'ultima azione quando le loro sessioni vengono spostate nel nuovo MDAS.

Se in un servizio MDAS si verifica un errore e gli altri servizi MDAS non hanno una capacità residua sufficiente per accoglierne le sessioni utente, gli spazi di lavoro vengono salvati automaticamente nella cartella di posta in arrivo della piattaforma BI e agli utenti viene inviata una notifica. Gli utenti potranno ricaricare i propri spazi di lavoro e continuare le analisi in un secondo tempo.

14 © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Architettura

4 Installazione e configurazione

4.1 Strumenti amministrativi

4.1.1 Central Management Console (CMC)

La Central Management Console (CMC) è uno strumento di amministrazione basato sul Web per la gestione di origini dati e spazi di lavoro di Analysis, account utente, diritti, cartelle e impostazioni del server. La CMC consente inoltre di eseguire tutte le attività amministrative di MDAS. Per accedere alla CMC, è necessario essere un amministratore della piattaforma BI.

4.1.2 Central Configuration Manager (CCM)

Central Configuration Manager (CCM) è uno strumento per la gestione dei server che consente di configurare i server per i prodotti SAP BusinessObjects in Windows. Per Analysis, utilizzare CCM per avviare e interrompere

Server Intelligence Agent (SIA). Per tutti i task amministrativi, utilizzare la Central Management Console.

Temi collegati

Avvio e arresto di Server Intelligence Agent

[pagina 51]

Central Management Console (CMC) [pagina 15]

4.2 Note per l'installazione

Analysis, versione per OLAP viene installato con la suite di prodotti della piattaforma SAP BusinessObjects

Business Intelligence. Per ulteriori informazioni sull'installazione dei prodotti di questa suite, incluso Analysis, versione per OLAP, consultare il Manuale l'installazione della piattaforma SAP BusinessObjects Business

Intelligence.

Per informazioni sulle piattaforme supportate da Analysis, vedere http://www.sdn.sap.com/irj/boc/articles .

Durante l'installazione viene creata automaticamente un'istanza di Adaptive Processing Server. Il metodo di distribuzione consigliato per la produzione consiste nel creare un'altra istanza di Adaptive Processing Server contenente i soli servizi MDAS, di controllo e di monitoraggio. Per ulteriori informazioni consultare il Manuale

dell'amministratore della piattaforma SAP BusinessObjects Business Intelligence.

Il client SAP HANA viene automaticamente installato quando si installa la piattaforma BI. Diventa in questo modo possibile creare connessioni alle origini dati SAP HANA.

Per informazioni sulla configurazione di IIS per la connessione alle origini dati Microsoft Analysis Services,

consultare Configurazione di IIS per la connettività MSAS [pagina 79].

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Installazione e configurazione © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

15

Nota

Per consentire agli utenti di utilizzare Analysis, è necessario creare almeno un oggetto origine dati. Per

informazioni sulla creazione di oggetti origine dati Analysis, vedere Creazione di connessioni di origine dati

OLAP

[pagina 57].

Nota

Dopo aver installato Analysis, può essere necessario configurare il filefonts.xml per ottenere il rendering

corretto dei grafici. Per informazioni sull'esecuzione di questa operazione consultare Note per l'installazione

[pagina 15].

Nota

Potrebbe risultare anche necessaria la configurazione del server di applicazioni Web. Per ulteriori informazioni,

consultare Configurazione del server di applicazioni Web [pagina 16].

4.3 Origini dati

Analysis richiede una connessione a un'origine dati OLAP supportata, come SAP BW o Microsoft Analysis

Services. Per questo, affinché gli analisti possano iniziare a utilizzare Analysis per analizzare i dati, occorre creare almeno un oggetto origine dati.

4.4 Configurazione del server di applicazioni Web

I server di applicazioni Web supportati non richiedono alcuna configurazione speciale per funzionare correttamente con Analysis, ma vi sono queste eccezioni:

● Sun Java System Application Server 9.1

Aggiungere -Xmx1024m -XX:MaxPermSize=256m come opzioni aggiuntive a JVM.

● JBoss Application Server 4.2.3 e 5.0 GA

Nel file run.conf, aggiungere la riga seguente:

JAVA_OPTS=“-server - Xmx1024m -XX:MaxPermSize=512m -

Dsun.rmi.dgc.client.gcInterval=3600000 -Dsun.rmi.dgc.server.gcInterval=3600000”

4.5 Configurazione dei caratteri successiva all'installazione

Se si rende necessario l'utilizzo di un carattere Unicode, ad esempio giapponese, oppure se si esegue una piattaforma UNIX, è necessario apportare una modifica manuale per visualizzare correttamente i grafici e i file

PDF esportati. Il carattere utilizzato può essere modificando mediante la modifica del file fonts.xml.

16 © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Installazione e configurazione

In Windows, il file fonts.xml si trova nella cartella seguente: C:\Programmi (x86)\SAP BusinessObjects

\SAP BusinessObjects Enterprise XI 4.0\java\pjs\services\MDAS\resources\com

\businessobjects\multidimensional\services

In UNIX, il file fonts.xml è contenuto nella seguente directory: <Directory di installazione della piattaforma SAP BusinessObjects Business Intelligence>/sap_bobj/enterprise_xi40/ java/pjs/services/MDAS/resources/com/businessobjects/multidimensional/services

Aggiungere la nuova definizione del carattere a fonts.xml. Nella definizione del carattere specificare le seguenti proprietà:

Proprietà Descrizione name Nome del carattere. Deve corrispondere al nome di un carattere disponibile nel percorso dei caratteri del sistema operativo in cui è in esecuzione il server MDAS.

caption resourceURL

Didascalia del carattere. Digitare il nome da visualizzare nell'elenco Carattere o nel pannello Proprietà del grafico.

URL del carattere.

Per i caratteri non appartenenti alla raccolta TrueType, il formato dell'URL è il seguente: file:///<percorso del carattere sul file system>

I file dei caratteri della raccolta TrueType contengono più caratteri, ognuno identificato da un numero di indice basato su zero. Per i caratteri della raccolta TrueType, è necessario aggiungere il numero di indice appropriato alla proprietà resourceURL . Il formato dell'URL sarà il seguente: file:///<percorso del carattere sul file system>,<numero indice>

Di seguito sono riportati alcuni esempi per la proprietà resourceURL dei caratteri della raccolta TrueType.

● MingLiU su Windows: WINDOWS/Fonts/ mingliu.ttc,0

● PMingLiU su Windows: WINDOWS/Fonts/ mingliu.ttc,1 type Tipo di carattere, ad esempio TrueType o

TrueTypeCollection .

locale Impostazioni locali cui è assegnato questo carattere.

Per impostare il nuovo carattere come predefinito per tutte le impostazioni locali per le quali non è stato specificato un carattere nel file fonts.xml, impostare l'attributo universalFontName sul nome del carattere.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Installazione e configurazione © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

17

Di seguito è riportato un elenco di file di Windows di esempio:

<?xml version="1.0" encoding="UTF-8"?>

<!--

MDAS Font Configuration

Replace paths to font with the correct path for the installed system

example of some locale mapping

==============================

English - "en"

French - "fr"

German - "de"

Italian - "it"

Japanese - "ja"

Korean - "ko"

Chinese - "zh"

-->

<fon:ServerFonts

universalFontName="Arial"

xmlns:fon="http://www.businessobjects.com/xml/schema/analysis/multidimensional/ services/fonts/server">

<fon:Font

name="Arial"

caption="Arial"

resourceUrl="file://C:/WINDOWS/Fonts/ARIAL.TTF"

type="TrueType"

locale="en" />

<fon:Font

name="MS Mincho"

caption="MS Mincho"

resourceUrl="file://C:/WINDOWS/Fonts/MSMINCHO.TTC,0"

type="TrueTypeCollection"

locale="ja" />

<fon:Font

name="MingLiU"

caption="MingLiU"

resourceUrl="file://C:/WINDOWS/Fonts/mingliu.ttc,0"

type="TrueTypeCollection"

locale="zh" />

<fon:Font

name="Batang"

caption="Batang"

resourceUrl="file://C:/WINDOWS/Fonts/batang.ttc,0"

type="TrueTypeCollection"

locale="ko" />

</fon:ServerFonts>

Suggerimento

Se il carattere utilizzato per il rendering dei grafici non corrisponde a quello previsto, verificare che la proprietà name del file fonts.xml sia corretta. Se non corrisponde a un carattere disponibile nel percorso dei caratteri del sistema operativo in cui è in esecuzione il server MDAS, per il rendering dei grafici viene utilizzato un carattere predefinito interno.

Suggerimento

Se il carattere utilizzato per generare i documenti PDF non corrisponde a quello previsto, verificare che la proprietà resourceURL del file fonts.xml sia corretta. Se l'URL non è valido, per generare i documenti PDF viene utilizzato un carattere predefinito interno. Per verificare la validità dell'URL, è possibile cercare nei registri del server MDAS un'eccezione di tipo MalformedURLException o FileNotFoundException.

18 © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Installazione e configurazione

4.6 Uso della porta firewall

Questa tabella riporta i server e i numeri di porta utilizzati da Analysis:

Server

CMS

Servizio di analisi multidimensionale (MDAS)

Input FRS

Requisiti della porta

Porta server dei nomi CMS

Porta richiesta MDAS

Porta richiesta Input FRS

Valore predefinito

6400

Assegna automaticamente

Assegna automaticamente

Per ulteriori informazioni consultare la sezione “Protezione della piattaforma BI” nel Manuale dell'amministratore

della piattaforma SAP BusinessObjects Business Intelligence.

4.7 Duplicazione delle distribuzioni server di Analysis

Il Servizio di analisi multidimensionale è ospitato da Adaptive Processing Server (APS). È possibile duplicare un

APS esistente o crearne uno nuovo contenente MDAS e altri servizi. È anche possibile duplicare un'intera distribuzione MDAS. Questo può essere utile, ad esempio, se è stato impostato un ambiente di test e si desidera trasferire tale ambiente a quello di produzione.

Per informazioni sulla duplicazione di server e distribuzioni di Analysis, vedere la sezione “Amministrazione server” nel Manuale dell'amministratore della piattaforma SAP BusinessObjects Business Intelligence.

4.8 Limite di esportazione

Per impedire esportazioni di dimensioni eccessive in Excel, CSV e PDF, il limite di esportazione predefinito è impostato su 100.000 valori di dati.

A seconda della quantità di memoria utilizzata da MDAS, è possibile aumentare questo valore in modo sicuro nel caso in cui il limite predefinito non sia sufficiente. È possibile variare il valore modificando la seguente proprietà nel file mdas.properties: multidimensional.services.export.cells.limit=100000

● In Windows il file mdas.properties si trova in:

C:\Programmi (x86)\SAP BusinessObjects\SAP BusinessObjects Enterprise XI 4.0\java

\pjs\services\MDAS\resources\com\businessobjects\multidimensional\services

● In UNIX, il file mdas.properties si trova in: sap_bobj/enterprise_xi40/java/pjs/services/MDAS/resources/com/businessobjects/ multidimensional/services

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Installazione e configurazione © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

19

4.9 Impostazioni timeout sessione

Impostazioni timeout lato client

Poiché il client Analysis viene eseguito in BI Launch Pad, che a sua volta viene eseguito nel contenitore server

Web, assicurarsi che il timeout del server Web sia sempre maggiore o uguale al timeout di BI Launch Pad.

Nei file web.xml, individuare il seguente blocco XML e modificare i valori di timeout (in minuti) come desiderato:

<session-config>

<session-timeout>20</session-timeout>

</session-config>

Le modifiche avranno effetto dopo l'eliminazione della directory di lavoro del server Web precedente e il riavvio del server Web.

● In Windows (presupponendo che la distribuzione utilizzi il server Web Tomcat) le impostazioni di timeout lato client sono impostate in questi file:

○ Server Web: C:\Programmi (x86)\SAP BusinessObjects\Tomcat6\conf\web.xml

L'impostazione del timeout di sessione si trova nella sezione relativa alla configurazione della sessione predefinita.

○ BI Launch Pad: C:\Programmi (x86)\SAP BusinessObjects\Tomcat6\webapps\BOE\WEB-INF

\web.xml

● In UNIX (presupponendo che la distribuzione utilizzi il server Web Tomcat) le impostazioni di timeout lato client sono archiviate in questi file:

○ Server Web: <directory di installazione della piattaforma SAP BusinessObjects

Business Intelligence>/sap_bobj/tomcat/conf/web.xml

L'impostazione del timeout di sessione si trova nella sezione relativa alla configurazione della sessione predefinita.

○ BI Launch Pad: <directory di installazione della piattaforma SAP BusinessObjects

Business Intelligence>/sap_bobj/tomcat/webapps/BOE/WEB-INF/web.xml

Impostazione timeout lato server

Assicurarsi che il valore di timeout lato server sia maggiore del valore di timeout lato client.

● In Windows, l'impostazione del timeout lato server è memorizzata in questo file: C:\Programmi (x86)\SAP

BusinessObjects\SAP BusinessObjects Enterprise XI 4.0\java\pjs\services\MDAS

\resources\com\businessobjects\multidimensional\services\mdas.properties

● In UNIX, l'impostazione del timeout lato server viene memorizzata in questo file: <directory di installazione della piattaforma SAP BusinessObjects Business Intelligence>/ sap_bobj/enterprise_xi40/java/pjs/services/MDAS/resources/com/businessobjects/ multidimensional/services/mdas.properties

20 © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Installazione e configurazione

4.10 Installazione e configurazione per connessioni all'origine dati Oracle OLAP

4.10.1 Panoramica del provider di dati Oracle OLAP

Il provider di dati Oracle OLAPconnette Analysisdirettamente al database Oracle OLAP, abilitando l'analisi e l'efficace funzione di query dei dati multidimensionali. Questo provider di dati di medio livello elabora le richieste

XMLA provenienti da Analysise recupera i dati dal database Oracle OLAP.

La seguente sezione descrive la modalità di installazione e di configurazione del provider di dati Oracle OLAPsu computer che eseguono sistemi operativi Windowso Linuxe su uno dei server di applicazioni Web: JBoss

Application Servero Apache Tomcat.

Dopo l'installazione del provider e l'abilitazione delle origini dati Oracle OLAPper la piattaforma BI, è possibile creare connessioni all'origine dati Oracle OLAPnella console CMC (Central Management Console).

Temi collegati

Impostazioni di connessione per le origini dati Oracle OLAP

[pagina 69]

4.10.2 Requisiti software per il provider di dati Oracle OLAP

Il seguente software è necessario per l'installazione del provider di dati Oracle OLAP:

● Windows Server 2008 R2Service Pack 1 o SUSE Linux Enterprise Server 11(x86_64) Service Pack 2

● Oracle Instant Client ODBC Driverversione 11.2 (a 64 bit)

● Java SE Development Kit(JDK) 6 Update 35 o successivo (a 64 bit)

● JBoss Application Server 7.1.1o Apache Tomcat 7.0.37o successivo

Nota

Sia JBossche Tomcatrichiedono l'installazione di un JDK, piuttosto che di un JRE (Java Runtime Environment).

4.10.2.1 Installazione del driver ODBC

Il provider di dati Oracle OLAPcomunica con il database utilizzando un'interfaccia Open Database Connectivity

(ODBC). Il driver consigliato è Oracle Instant Clientversione 11.2 a 64 bit.

Nota

Il provider di dati Oracle OLAPutilizza un'architettura a 64 bit; pertanto, anche il driver ODBC deve utilizzare un'architettura a 64 bit.

1. In un browser Web, passare al seguente URL:

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Installazione e configurazione © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

21

○ Per Windows: http://www.oracle.com/technetwork/topics/winx64soft-089540.html

○ Per Linux: http://www.oracle.com/technetwork/topics/linuxx86-64soft-092277.html

2. Scaricare la versione più recente di Instant Client Package - Basic e di Instant Client Package - ODBC .

3. Aprire il file readme nel pacchetto Instant Client Package - ODBC e seguire le istruzioni per l'installazione di

Oracle ODBC Instant Client.

Nel pacchetto per Windows, il file readme è ODBC_IC_Readme_Win.html

. Nel pacchetto per Linux, il file è

ODBC_IC_Readme_Unix.html

.

Dopo l'installazione di Oracle ODBC Instant Client, è necessario aggiungere un DSN per il database Oracleal quale connettersi in Analysis, quindi configurare le variabili di ambiente.

Per ulteriori informazioni sull'utilizzo di unixODBC, consultare http://www.unixodbc.org/ .

4.10.2.2 Creazione di un nome dell'origine dati (DSN) del driver Oracle ODBC

Per Windows, attenersi alla seguente procedura per creare un DSN per il database Oracle. Per Linux, per creare un DSN è necessario utilizzare il file odbc_update_ini.sh. Per ulteriori informazioni, fare riferimento alla documentazione inclusa nel pacchetto di installazione di Oracle ODBC Instant Client.

1. Aprire la finestra di dialogo Amministratore origine dati ODBC . Ad esempio, fare clic su Start Pannello di controllo Strumenti di amministrazione Origini dati (ODBC) .

2. Fare clic sulla scheda DSN di sistema .

3. Fare clic su Aggiungi .

4. Nella finestra di dialogo Crea nuova origine dati , fare clic su Oracle in instantclient_11_2 , quindi su Fine .

5. Nella finestra di dialogo per la configurazione del driver Oracle ODBC , immettere le seguenti informazioni:

○ Nome origine dati : digitare un nome per l'origine dati.

○ Descrizione : in via facoltativa, digitare una descrizione dell'origine dati.

○ Nome del servizio TNS : digitare <host>:<porta>/<SID> , dove <host> è il nome del servizio o l'indirizzo

IP al quale si connette il database, <porta> è la porta su cui il database è in ascolto e <SID> è il nome univoco dell'istanza del database. Ad esempio, 192.168.100.101:1521/ORCL o dbhost:1521/ORCL .

In alternativa, è possibile fare clic sulla freccia a destra del campo e selezionare il nome del servizio di database per il server Oracle corrispondente.

○ ID utente : in via facoltativa, digitare il nome utente utilizzato per l'accesso al database Oracle.

6. Fare clic su Test della connessione .

7. Nella finestra di dialogo Oracle ODBC Driver Connect , digitare le credenziali utilizzare per accedere al database Oracle. Fare clic su OK .

8. Se la connessione viene stabilita correttamente, nella finestra di dialogo per la configurazione del driver Oracle

ODBC , fare clic su OK .

Nota

In caso contrario, verificare le impostazioni fornite per il DSN.

22 © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Installazione e configurazione

4.10.2.3 Pacchetto di installazione del provider di dati Oracle

OLAP

Il provider di dati Oracle OLAPviene fornito nel seguente file zip, dove <Versione> è il numero della versione del provider:

● Per Windows: M4OXmlaWebService_ <Versione> _windows.zip

● Per Linux: M4OXmlaWebService_ <Versione> _linux.zip

L'archivio contiene i seguenti file:

● M4OXmlaWebService.war

Questo è un file dell'archivio Web, un archivio compresso utilizzato per distribuire applicazioni Web.

● M4OXmlaWebService.war.dodeploy

Questo è un file con testo vuoto che indica a JBossdi distribuire l'applicazione Web

M4OXmlaWebService.war. Questo file non viene utilizzato durante l'installazione del servizio Web in Tomcat.

● sxo\DatasetSchema.xml

● sxo\DataSources.xml

● sxo\tracesettings.conf

● Utils\Logging\Windows_Logging_Off.reg

● Utils\Logging\Windows_Logging_On.reg

4.10.2.3.1 Installazione del provider di dati Oracle OLAP mediante JBoss

1. Nel computer in cui si intende installare il provider di dati Oracle OLAP, passare alla cartella deploymentsdell'installazione JBoss e assicurarsi che vi sia una cartella webapps. Ad esempio, C:

\Programmi (x86)\jboss-as-7.1.1.Final\standalone\deployments\webapps. Se non esiste ancora, creare una cartella webapps.

2. Nella cartella webapps, creare una cartella denominata M4OXmlaWebService.war.

3. Aprire il pacchetto di installazione ed estrarre l'archivio M4OXmlaWebService.war.

4. Rinominare il file M4OXmlaWebService.wardi archivio in M4OXmlaWebService.zip, quindi estrarre i contenuti dell'archivio M4OXmlaWebService.zipnella cartella standalone\deployments\webapps

\M4OXmlaWebService.war.

5. Aprire il pacchetto di installazione ed estrarre il file M4OXmlaWebService.war.dodeploy nella cartella

\standalone\deployments\webappsdell'installazione JBoss.

6. Aprire il pacchetto di installazione ed estrarre la cartella sxoe i relativi contenuti.

○ Per Windows, estrarre la cartella sxonella directory principale dell'unità di avvio di Windows (di norma C:

\).

○ Per Linux, nella cartella /etc, creare una cartella denominata mdxprovidered estrarre la cartella sxoin /etc/mdxprovider. Quindi, nella cartella /etc/mdxprovider/sxo, creare una cartella denominata logs.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Installazione e configurazione © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

23

4.10.2.3.2 Installazione del provider di dati Oracle OLAP mediante Apache Tomcat

1. Nel computer in cui si intende installare il provider di dati Oracle OLAP, aprire il pacchetto di installazione ed estrarre il file di archivio M4OXmlaWebService.warnella cartella webappsdell'installazione Tomcat. Ad esempio, C:\Programmi (x86)\SAP BusinessObjects\tomcat\webapps

2. Aprire il pacchetto di installazione ed estrarre la cartella sxoe i relativi contenuti.

○ Per Windows, estrarre la cartella sxonella directory principale dell'unità di avvio di Windows (di norma C:

\).

○ Per Linux, nella cartella /etc, creare una cartella denominata mdxprovidered estrarre la cartella sxoin /etc/mdxprovider.

4.10.2.3.3 Aggiornamento di un'installazione esistente del provider di dati Oracle OLAP

Attenersi alla seguente procedura per eseguire l'aggiornamento dalla versione 2.0.0.1 o successiva alla versione più recente del provider di dati Oracle OLAP .

1. Arrestare il server Web.

2. Eliminare tutti i file o le cartelle seguenti dalla cartella webappsin cui è stato installato il provider di dati Oracle

OLAP:

○ M4OXmlaWebService.war

○ M4OXmlaWebService.war.deployed

○ M4OXmlaWebService

3. Rinominare la cartella sxo in sxo_old.

In Windows, questa cartella si trova solitamente in C:\sxo. In Linux, si trova in etc\mdxprovider\sxo.

4. Seguire la procedura appropriata per installare la versione più recente del provider di dati Oracle OLAP.

5. Aggiornare il file DataSources.xmlnella cartella sxosulla base delle impostazioni contenute nel file

DataSources.xmldella cartella sxo_old.

Dopo avere eseguito questa procedura, è possibile eliminare la cartella sxo_old.

6. Se la cartella sxonon è stata estratta nel percorso predefinito, è necessario configurare nuovamente il file xmla.properties.

7. Avviare il server Web.

Temi collegati

Esecuzione del server Web e del servizio XMLA [pagina 32]

Installazione del provider di dati Oracle OLAP mediante JBoss

[pagina 23]

Installazione del provider di dati Oracle OLAP mediante Apache Tomcat [pagina 24]

Configurazione del file DataSources.xml

[pagina 27]

Configurazione del file xmla.properties

[pagina 28]

24 © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Installazione e configurazione

4.10.3 Pacchetto di installazione del provider di dati Oracle

OLAP

Il provider di dati Oracle OLAPviene fornito nel seguente file zip, dove <Versione> è il numero della versione del provider:

● Per Windows: M4OXmlaWebService_ <Versione> _windows.zip

● Per Linux: M4OXmlaWebService_ <Versione> _linux.zip

L'archivio contiene i seguenti file:

● M4OXmlaWebService.war

Questo è un file dell'archivio Web, un archivio compresso utilizzato per distribuire applicazioni Web.

● M4OXmlaWebService.war.dodeploy

Questo è un file con testo vuoto che indica a JBossdi distribuire l'applicazione Web

M4OXmlaWebService.war. Questo file non viene utilizzato durante l'installazione del servizio Web in Tomcat.

● sxo\DatasetSchema.xml

● sxo\DataSources.xml

● sxo\tracesettings.conf

● Utils\Logging\Windows_Logging_Off.reg

● Utils\Logging\Windows_Logging_On.reg

4.10.3.1 Installazione del provider di dati Oracle OLAP mediante JBoss

1. Nel computer in cui si intende installare il provider di dati Oracle OLAP, passare alla cartella deploymentsdell'installazione JBoss e assicurarsi che vi sia una cartella webapps. Ad esempio, C:

\Programmi (x86)\jboss-as-7.1.1.Final\standalone\deployments\webapps. Se non esiste ancora, creare una cartella webapps.

2. Nella cartella webapps, creare una cartella denominata M4OXmlaWebService.war.

3. Aprire il pacchetto di installazione ed estrarre l'archivio M4OXmlaWebService.war.

4. Rinominare il file M4OXmlaWebService.wardi archivio in M4OXmlaWebService.zip, quindi estrarre i contenuti dell'archivio M4OXmlaWebService.zipnella cartella standalone\deployments\webapps

\M4OXmlaWebService.war.

5. Aprire il pacchetto di installazione ed estrarre il file M4OXmlaWebService.war.dodeploy nella cartella

\standalone\deployments\webappsdell'installazione JBoss.

6. Aprire il pacchetto di installazione ed estrarre la cartella sxoe i relativi contenuti.

○ Per Windows, estrarre la cartella sxonella directory principale dell'unità di avvio di Windows (di norma C:

\).

○ Per Linux, nella cartella /etc, creare una cartella denominata mdxprovidered estrarre la cartella sxoin /etc/mdxprovider. Quindi, nella cartella /etc/mdxprovider/sxo, creare una cartella denominata logs.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Installazione e configurazione © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

25

4.10.3.2 Installazione del provider di dati Oracle OLAP mediante Apache Tomcat

1. Nel computer in cui si intende installare il provider di dati Oracle OLAP, aprire il pacchetto di installazione ed estrarre il file di archivio M4OXmlaWebService.warnella cartella webappsdell'installazione Tomcat. Ad esempio, C:\Programmi (x86)\SAP BusinessObjects\tomcat\webapps

2. Aprire il pacchetto di installazione ed estrarre la cartella sxoe i relativi contenuti.

○ Per Windows, estrarre la cartella sxonella directory principale dell'unità di avvio di Windows (di norma C:

\).

○ Per Linux, nella cartella /etc, creare una cartella denominata mdxprovidered estrarre la cartella sxoin /etc/mdxprovider.

4.10.3.3 Aggiornamento di un'installazione esistente del provider di dati Oracle OLAP

Attenersi alla seguente procedura per eseguire l'aggiornamento dalla versione 2.0.0.1 o successiva alla versione più recente del provider di dati Oracle OLAP .

1. Arrestare il server Web.

2. Eliminare tutti i file o le cartelle seguenti dalla cartella webappsin cui è stato installato il provider di dati Oracle

OLAP:

○ M4OXmlaWebService.war

○ M4OXmlaWebService.war.deployed

○ M4OXmlaWebService

3. Rinominare la cartella sxo in sxo_old.

In Windows, questa cartella si trova solitamente in C:\sxo. In Linux, si trova in etc\mdxprovider\sxo.

4. Seguire la procedura appropriata per installare la versione più recente del provider di dati Oracle OLAP.

5. Aggiornare il file DataSources.xmlnella cartella sxosulla base delle impostazioni contenute nel file

DataSources.xmldella cartella sxo_old.

Dopo avere eseguito questa procedura, è possibile eliminare la cartella sxo_old.

6. Se la cartella sxonon è stata estratta nel percorso predefinito, è necessario configurare nuovamente il file xmla.properties.

7. Avviare il server Web.

Temi collegati

Esecuzione del server Web e del servizio XMLA [pagina 32]

Installazione del provider di dati Oracle OLAP mediante JBoss

[pagina 23]

Installazione del provider di dati Oracle OLAP mediante Apache Tomcat [pagina 24]

Configurazione del file DataSources.xml

[pagina 27]

Configurazione del file xmla.properties

[pagina 28]

26 © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Installazione e configurazione

4.10.4 Configurazione del provider di dati Oracle OLAP

Per configurare il provider di dati Oracle OLAP per SAP BusinessObjects Business Intelligence, è necessario specificare diverse impostazioni:

● Impostazioni dell'origine dati

● Proprietà del servizio XMLA

● Variabili di ambiente

● Opzioni sull'utilizzo della memoria

4.10.4.1 Configurazione del file DataSources.xml

Il file DataSources.xml specifica il nome dell'origine dati (DSN) utilizzato dal provider di dati Oracle OLAP.

1. Aprire il file DataSources.xmlche si trova nella cartella sxo in un editor di testo.

2. Nell'elemento <DataSourceName>, digitare un nome per l'origine dati.

3. Nell'elemento <DataSourceDescription>, digitare eventuali dettagli rilevanti sull'origine dati.

4. Nell'elemento <DataSourceInfo>, fornire la stringa di connessione dell'origine dati utilizzando la seguente sintassi:

<DataSourceInfo>Data Source= <DataSourceName> ;User

ID= <UserID> ;Password= <Password> </DataSourceInfo>

In questo esempio, <DataSourceName> è il nome dell'origine dati del driver OracleODBC creato per il provider di dati, <UserID> è il nome dell'utente utilizzato per la connessione al database e <Password> è la password corrispondente al nome utente.

Nota

Non è necessario fornire ID utente e password, poiché tali credenziali verranno fornite durante la creazione di una connessione al database da Analysis.

5. Nell'elemento <URL>, digitare l'URL della cartella virtuale del provider di dati Oracle OLAPper indicare la modalità di accesso del server Web ai file distribuiti del servizio. Ad esempio, se l'installazione del server Web utilizza la porta predefinita e tale porta viene associata all'indirizzo IP predefinito 127.0.0.1, digitare il seguente

URL: <URL>http://localhost:8080/M4OXmlaWebService/</URL>

Nota

L'indirizzo IP dipende dalle impostazioni del server Web.

6. Salvare e chiudere il file DataSources.xml.

Se si configura il provider di dati Oracle OLAP mentre il servizio XMLA è in esecuzione, perché le modifiche vengano applicate è necessario arrestare e riavviare il servizio.

Temi collegati

Esecuzione del server Web e del servizio XMLA

[pagina 32]

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Installazione e configurazione © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

27

4.10.4.2 Configurazione del file xmla.properties

Se non si installa il provider di dati Oracle OLAPnel percorso predefinito, è necessario configurare il file xmla.properties.

1. Passare alla cartella in cui è stato estratto il file di archivio M4OXmlaWebService.warper installare il provider di dati Oracle OLAP.

2. Da questa cartella, aprire il file \M4OXmlaWebService.war\WEBINF\classes\com\customer

\xmla.propertiesin un editor di testo.

3. Impostare la proprietà DatasourcesURI sul percorso assoluto del file DataSources.xml.

○ Ad esempio, in Linux: DatasourcesURI=/etc/mdxprovider/sxo/DataSources.xml

○ Per Windows, utilizzare la sintassi Uniform Resource Identifier (URI). Ad esempio:

DatasourcesURI=file:///C:/sxo/DataSources.xml

4. Impostare la proprietà DatasetSchemaURI sul percorso assoluto del file DatasetSchema.xml.

○ Ad esempio, in Linux: DatasetSchemaURI=/etc/mdxprovider/sxo/DatasetSchema.xml

○ Per Windows, utilizzare la sintassi URI. Ad esempio: DatasetSchemaURI=file:///C:/sxo/

DatasetSchema.xml

5. Salvare e chiudere il file xmla.properties.

4.10.4.3 Configurazione delle variabili di ambiente

È necessario impostare le variabili di ambiente per specificare la cartella in cui sono installati Java Development

Kit e JBoss o Tomcat.

Da ricordare

Perché le modifiche alle variabili di ambiente abbiano effetto, è necessario disconnettersi dal sistema, quindi eseguire nuovamente l'accesso.

4.10.4.3.1 Configurazione delle variabili di ambiente per

Windows

Impostazione della variabile di ambiente JAVA_HOME per Windows

1. Aprire la finestra di dialogo Proprietà di sistema . Ad esempio, fare clic su Start Pannello di controllo

Sistema e sicurezza Sistema , quindi su Impostazioni di sistema avanzate .

2. Nella finestra di dialogo Proprietà di sistema , fare clic sulla scheda Avanzate , quindi su Variabili di ambiente .

3. Nell'area Variabili di sistema , configurare la variabile JAVA_HOME.

○ Se la variabile JAVA_HOMEnon esiste, fare clic su Nuova . Nella finestra di dialogo Nuova variabile di sistema , digitare JAVA_HOME nel campo Nome variabile . Nel campo Valore variabile , digitare il percorso

28 © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Installazione e configurazione

alla cartella principale dell'installazione Java Development Kit nel computer. Ad esempio, il percorso potrebbe essere C:\Programmi\Java\jdk1.6.0_37. Fare clic su OK .

Nota

Non impostare il valore della variabile di ambiente JAVA_HOMEnel percorso della sottocartella /bin.

○ Se la variabile JAVA_HOMEesiste, assicurarsi che il suo valore sia correttamente impostato come percorso alla cartella principale dell'installazione JDK nel computer.

Impostazione della variabile di ambiente JBOSS_HOME per Windows

Se si utilizza JBoss Application Server in un sistema operativo Windows, attenersi alla seguente procedura per impostare la variabile di ambiente JBOSS_HOMEper specificare la cartella in cui è installato JBoss.

1. Aprire la finestra di dialogo Proprietà di sistema . Ad esempio, fare clic su Start Pannello di controllo

Sistema e sicurezza Sistema , quindi su Impostazioni di sistema avanzate .

2. Nella finestra di dialogo Proprietà di sistema , fare clic sulla scheda Avanzate , quindi su Variabili di ambiente .

3. Nell'area Variabili di sistema , configurare la variabile JBOSS_HOME.

○ Se la variabile JBOSS_HOMEnon esiste, fare clic su Nuova . Nella finestra di dialogo Nuova variabile di sistema , digitare JBOSS_HOME nel campo Nome variabile . Nel campo Valore variabile , digitare il percorso alla cartella principale dell'installazione JBoss Application Server nel computer. Fare clic su OK .

○ Se la variabile JBOSS_HOMEesiste, assicurarsi che il suo valore sia correttamente impostato come percorso alla cartella principale dell'installazione JBoss nel computer.

Impostazione della variabile di ambiente CATALINA_HOME per Windows

Se si utilizza Tomcat in un sistema operativo Windows, attenersi alla seguente procedura per impostare la variabile di ambiente CATALINA_HOMEper specificare la cartella in cui è installato Tomcat.

1. Aprire la finestra di dialogo Proprietà di sistema . Ad esempio, fare clic su Start Pannello di controllo

Sistema e sicurezza Sistema , quindi su Impostazioni di sistema avanzate .

2. Nella finestra di dialogo Proprietà di sistema , fare clic sulla scheda Avanzate , quindi su Variabili di ambiente .

3. Nell'area Variabili di sistema , configurare la variabile CATALINA_HOME.

○ Se la variabile CATALINA_HOMEnon esiste, fare clic su Nuova . Nella finestra di dialogo Nuova variabile di sistema , digitare CATALINA_HOME nel campo Nome variabile . Nel campo Valore variabile , digitare il percorso alla cartella principale dell'installazione Tomcatnel computer. Fare clic su OK .

○ Se la variabile CATALINA_HOMEesiste, assicurarsi che il suo valore sia correttamente impostato come percorso alla cartella principale dell'installazione Tomcat nel computer.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Installazione e configurazione © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

29

4.10.4.3.2 Configurazione delle variabili di ambiente per Linux

Impostazione della variabile di ambiente JAVA_HOME per Linux

1. In un editor di testo, aprire il seguente file: /etc/profile.local

Nota

Se il file /etc/profile.localnon esiste, occorre crearlo.

2. Nel file profile.local, aggiungere la riga seguente: export JAVA_HOME=” <JDKRootFolder> ”

<JDKRootFolder> rappresenta il percorso alla cartella principale dell'installazione Java Development Kit nel computer. Ad esempio, il percorso potrebbe essere /usr/java/jdk1.7.0_17.

Nota

Non impostare il valore della variabile di ambiente JAVA_HOMEnel percorso della sottocartella /bin.

3. Salvare e chiudere il file profile.local.

Impostazione della variabile di ambiente JBOSS_HOME per Linux

Se si utilizza JBoss Application Server in un sistema operativo Linux, attenersi alla seguente procedura per impostare la variabile di ambiente JBOSS_HOMEper specificare la cartella in cui è installato JBoss.

1. In un editor di testo, aprire il seguente file: /etc/profile.local

2. Nel file profile.local, aggiungere la riga seguente: export JBOSS_HOME=” <JBossRootFolder> ”

<JBossRootFolder> rappresenta il percorso alla cartella principale dell'installazione JBossnel computer.

3. Salvare e chiudere il file profile.local.

Impostazione della variabile di ambiente CATALINA_HOME per Linux

Se si utilizza Tomcat in un sistema operativo Linux, attenersi alla seguente procedura per impostare la variabile di ambiente CATALINA_HOMEper specificare la cartella in cui è installato Tomcat.

1. In un editor di testo, aprire il seguente file: /etc/profile.local

2. Nel file profile.local, aggiungere la riga seguente: export CATALINA_HOME=” <TomcatRootFolder> ”

30 © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Installazione e configurazione

<TomcatRootFolder> rappresenta il percorso alla cartella principale dell'installazione Tomcatnel computer.

3. Salvare e chiudere il file profile.local.

4.10.4.4 Configurazione dell'utilizzo della memoria JVM

Per allocare memoria per il server Web Java Virtual Machine (JVM), è necessario impostare i seguenti parametri:

Parametro

-Xms64M

-Xmx4096M

-XX:MaxPermSize=512M

-Xss256k

Descrizione

Imposta il requisito minimo di memoria su 64 MB di spazio heap.

Imposta la dimensione massima dell'heap su 4 GB.

Imposta la memoria di generazione massima permanente su

512 MB.

Imposta la dimensione massima dello stack frame su 256 KB.

La procedura di impostazione di questi parametri dipende dal server Web in uso.

4.10.4.4.1 Impostazione dell'utilizzo della memoria JVM per

JBoss

1. In un editor di testo, aprire il file standalone.conf.batnella cartella bindell'installazione JBoss. Per Linux, il file si chiama standalone.conf.

2. Aggiungere o aggiornare la riga di codice che definisce la variabile JAVA_OPTSin modo da impostare i parametri appropriati per l'utilizzo della memoria.

Ad esempio, aggiungere la riga seguente: set "JAVA_OPTS=-Xms64M -Xmx4096M -XX:MaxPermSize=512M -Xss256k"

3. Salvare e chiudere il file standalone.conf.bat.

4.10.4.4.2 Impostazione dell'utilizzo della memoria JVM per

Tomcat

1. In un editor di testo, aprire il file startup.batnella cartella bindell'installazione Tomcat. Per Linux, il file si chiama startup.sh.

2. Aggiungere o aggiornare la riga di codice che definisce la variabile CATALINA_OPTSin modo da impostare i parametri appropriati per l'utilizzo della memoria.

Ad esempio, aggiungere la riga seguente: set "CATALINA_OPTS=-Xms64M -Xmx4096M -XX:MaxPermSize=512M -Xss256k"

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Installazione e configurazione © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

31

3. Salvare e chiudere il file startup.bat.

4.10.5 Esecuzione del server Web e del servizio XMLA

Durante la verifica, è possibile avviare e arrestare il provider di dati Oracle OLAPavviando e arrestando il server

Web mediante la riga di comando. In un sistema di produzione, la gestione del server Web utilizzando gli strumenti forniti da esso consente di gestire il provider di dati Oracle OLAPsenza arrestare il server Web.

Per ulteriori informazioni, fare riferimento alla documentazione relativa al server Web:

● Per informazioni sulla gestione di JBoss Application Server 7.1.1, consultare la documentazione

JBossall'indirizzo https://docs.jboss.org/author/display/AS71/Documentation

● Per informazioni sulla gestione di Tomcat, consultare http://tomcat.apache.org/tomcat-7.0-doc/

4.10.5.1 Avvio e arresto di JBoss per Windows

4.10.5.1.1 Per avviare JBoss per Windows

1. Aprire una nuova finestra del prompt dei comandi. Ad esempio, fare clic su Start Programmi

Accessori , fare clic con il tasto destro del mouse su Prompt dei comandi , quindi scegliere Esegui come amministratore .

Nota

Per riconoscere eventuali modifiche apportate alle variabili di ambiente durante la configurazione del provider di dati Oracle OLAP, è necessario aprire una nuova finestra del prompt dei comandi.

2. Nella finestra del prompt dei comandi, passare alla cartella principale in cui è installato JBoss.

3. Digitare cd bin e premere Invio .

4. Digitare standalone.bat e premere Invio .

Nota

L'esecuzione di standalone.batsenza alcun parametro collega JBossall'indirizzo IP dell'host locale

127.0.0.1. Di conseguenza, il servizio XMLA non è accessibile da computer remoti. A scopo di test, è possibile avviare JBossdigitando standalone.bat –b 0.0.0.0per effettuare un collegamento a tutti gli indirizzi IP e rendendo così il servizio XMLA accessibile da tutti i computer remoti. Il collegamento di

JBossa tutti gli indirizzi IP non è consigliato per i sistemi di produzione per una questione di sicurezza. Per ulteriori informazioni, consultare la documentazione relativa a JBoss.

Di norma, JBoss viene avviato entro 30 secondi.

32 © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Installazione e configurazione

4.10.5.1.2 Per arrestare JBoss per Windows

1. Selezionare la finestra del prompt dei comandi in cui è stato avviato JBoss e premere Ctrl + C .

2. Alla richiesta di arresto del processo batch, digitare y , quindi premere Invio .

4.10.5.2 Avvio e arresto di JBoss per Linux

4.10.5.2.1 Per avviare JBoss per Linux

Eseguire il seguente comando :

$JBOSS_HOME/bin/standalone.sh

Nota

L'esecuzione di standalone.shsenza alcun parametro collega JBoss all'indirizzo IP dell'host locale

127.0.0.1. Di conseguenza, il servizio XMLA non è accessibile da computer remoti. A scopo di test, è possibile avviare JBoss digitando standalone.sh –b 0.0.0.0per effettuare un collegamento a tutti gli indirizzi IP e rendendo così il servizio XMLA accessibile da tutti i computer remoti. Il collegamento di JBoss a tutti gli indirizzi IP non è consigliato per i sistemi di produzione per una questione di sicurezza. Per ulteriori informazioni, consultare la documentazione relativa a JBoss.

Di norma, JBoss viene avviato entro 30 secondi.

4.10.5.2.2 Per arrestare JBoss per Linux

Nella finestra del terminale in cui è stato avviato JBoss, premere Ctrl + C .

Per arrestare JBoss, è inoltre possibile eseguire il seguente comando:

$JBOSS_HOME/bin/jboss-cli.sh --connect --command=:shutdown

4.10.5.3 Avvio e arresto di Tomcat per Windows

4.10.5.3.1 Per avviare Tomcat per Windows

Il presupposto di questa procedura è che non sia stato utilizzato Windows Service Installer per installare Tomcat.

Se Tomcat è stato installato utilizzando Windows Service Installer, utilizzare la GUI (graphical user interface) per avviare Tomcat.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Installazione e configurazione © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

33

1. Aprire una nuova finestra del prompt dei comandi. Ad esempio, fare clic su Start Programmi

Accessori , fare clic con il tasto destro del mouse su Prompt dei comandi , quindi scegliere Esegui come amministratore .

Nota

Per riconoscere eventuali modifiche apportate alle variabili di ambiente durante la configurazione del provider di dati Oracle OLAP, è necessario aprire una nuova finestra del prompt dei comandi.

2. Nella finestra del prompt dei comandi, passare alla cartella principale in cui è installato JBoss.

3. Digitare cd bin e premere Invio .

4. Digitare startup.bate premere Invio .

Nota

Per impostazione predefinita, Tomcat si collega a tutti gli indirizzi IP. Il collegamento di Tomcat a tutti gli indirizzi IP non è consigliato per i sistemi di produzione per una questione di sicurezza. Per ulteriori dettagli sulla configurazione del server Apache Tomcat, consultare http://tomcat.apache.org/tomcat-7.0-doc/ config/index.html

.

4.10.5.3.2 Per arrestareTomcat per Windows

Il presupposto di questa procedura è che non sia stato utilizzato Windows Service Installer per installare Tomcat.

Se Tomcat è stato installato utilizzando Windows Service Installer, utilizzare la GUI (graphical user interface) per arrestare Tomcat.

Nella finestra del prompt dei comandi dalla quale è stato avviato Tomcat, digitare shutdown.bate premere

Invio .

4.10.5.4 Avvio e arresto di Tomcat per Linux

4.10.5.4.1 Per avviare Tomcat per Linux

Eseguire il seguente comando come utente principale:

$CATALINA_HOME/bin/startup.sh

Nota

Per impostazione predefinita, Tomcat si collega a tutti gli indirizzi IP. Il collegamento di Tomcat a tutti gli indirizzi IP non è consigliato per i sistemi di produzione per una questione di sicurezza. Per ulteriori dettagli sulla configurazione del server Apache Tomcat, consultare http://tomcat.apache.org/tomcat-7.0-doc/ config/index.html

.

34 © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Installazione e configurazione

4.10.5.4.2 Per arrestare Tomcat per Linux

Eseguire il seguente comando come utente principale:

$CATALINA_HOME/bin/shutdown.sh

4.10.6 Verifica dell'installazione

È possibile verificare l'installazione per confermare che il server Web e il servizio XMLA sono in esecuzione.

Verifica del server Web

Dopo l'avvio del server Web, è possibile confermare che è in esecuzione utilizzando un browser Web per passare a un URL con la seguente struttura: http:// <<indirizzo IP>> : <<porta>> , dove <<indirizzo IP>> è l'indirizzo IP al quale il server Web è collegato e <<porta>> è la porta su cui il server Web è in ascolto.

Ad esempio, se il server Web utilizza la porta predefinita ed è collegato all'indirizzo IP 127.0.0.1, digitare http:// localhost:8080/

Se il server Web è installato correttamente, il browser mostra una pagina che notifica l'esecuzione del server Web.

Verifica del servizio XMLA

Se il server Web è in esecuzione, è possibile confermare che il servizio XMLA è in esecuzione passando a un URL con la struttura seguente: http:// <<indirizzo IP>> : <<porta>> /M4OXmlaWebService/, dove

<<indirizzo IP>> e <<porta>> hanno gli stessi valori utilizzati per verificare il server Web.

Il carattere di barra (/) è obbligatorio.

Se il server Web ha correttamente distribuito il servizio XMLA, il browser mostra la pagina iniziale del servizio

XMLA che elenca i metodi Executee Discoversotto l'intestazione XmlaWebService .

4.10.7 Utilizzo di JConsole per il monitoraggio del provider di dati Oracle OLAP

Lo strumento di monitoraggio JConsole fornisce informazioni sulle prestazioni e sull'utilizzo delle risorse delle applicazioni in esecuzione sulla piattaforma Java.

Per ulteriori informazioni, fare riferimento alla documentazione relativa al server Web o a JDK.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Installazione e configurazione © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

35

4.10.7.1 Monitoraggio degli attributi in JBoss

JBossfornisce una versione di JConsole che può essere utilizzata dai client per monitorare il servizio XMLA. Per monitorare il servizio XMLA su JBoss, è necessario utilizzare questa versione di JConsole. Non utilizzare lo strumento JConsole fornito con JDK.

Ogni client che monitora il servizio XMLA deve avere JBossinstallato nel computer locale. Assicurarsi inoltre di avviare JConsole eseguendo jconsole.bato jconsole.shin modo che vengano costruiti i percorsi corretti.

1. Se si utilizza una finestra del terminale per Linux o una finestra di prompt dei comandi per Windows, passare alla cartella bindell'installazione JBoss.

2. Digitare il seguente comando, quindi premere Invio :

○ Per Windows: jconsole.bat

○ Per Linux: sh jconsole.sh

3. Nella finestra di dialogo JConsole: New Connection ,selezionare Remote Process .

4. Nel campo sotto il pulsante di opzione Remote Process , digitare un URL con la seguente struttura: service:jmx:remotingjmx:// <Host> : <Porta> , dove <Host> è l'indirizzo IP del computer che esegue

JBosse <Porta> è la porta su cui è in ascolto l'interfaccia di gestione nativa JBoss. Per impostazione predefinita, la porta è 9999.

5. Nel campo Username , digitare il nome utente per l'accesso all'agente JMX.

6. Nel campo Password , digitare la password corrispondente al nome utente.

7. Fare clic su Connect .

8. Nella finestra Java Monitoring & Management Console , fare clic su MBeans .

9. Nel pannello sinistro, fare clic su MDX Provider for Oracle XMLA XMLA Attributes .

10. Selezionare un attributo per visualizzarne i dettagli.

4.10.7.2 Monitoraggio degli attributi in Tomcat

I client possono utilizzare lo strumento JConsole fornito con JDK per il monitoraggio del servizio XMLA in Tomcat.

Ogni client che monitora il servizio XMLA deve avere JDK installato nel computer locale.

1. Se si utilizza una finestra del terminale per Linux o una finestra di prompt dei comandi per Windows, passare alla cartella bindell'installazione JDK.

2. Digitare il seguente comando, quindi premere Invio :

○ Per Windows: jconsole.exe

○ Per Linux: jconsole

3. Nella finestra di dialogo JConsole: New Connection ,selezionare Remote Process .

4. Nel campo sotto il pulsante di opzione Remote Process , digitare un URL con la seguente struttura:

<Host> : <Porta> , dove <Host> è l'indirizzo IP del computer che esegue Tomcat e <Porta> è la porta configurata per il monitoraggio.

5. Nel campo Username , digitare il nome utente per l'accesso all'agente JMX.

6. Nel campo Password , digitare la password corrispondente al nome utente.

36 © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Installazione e configurazione

7. Fare clic su Connect .

8. Nella finestra Java Monitoring & Management Console , fare clic su MBeans .

9. Nel pannello sinistro, fare clic su MDX Provider for Oracle XMLA XMLA Attributes .

10. Selezionare un attributo per visualizzarne i dettagli.

4.10.7.3 Riferimenti degli attributi di JConsole

La tabella di seguito riportata elenca gli attributi monitorati da JConsole per il provider di dati Oracle OLAP:

Attributo

CurrentSessionCount

Descrizione

Il numero totale delle sessioni attualmente aperte.

TotalSessionCreated

Il numero totale di sessioni create dalla connessione degli utenti all'origine dati.

CellDataQueryCount

Il numero totale delle query che accedono ai dati aziendali.

CellDataQueryAvgSecond

La quantità di tempo media, in secondi, impiegata per l'esecuzione di una query sui dati delle celle.

CellDataQueryMaxSecond

La quantità di tempo massima, in secondi, impiegata per l'esecuzione di una query sui dati delle celle.

ConnectionQueryCount

Il numero totale di query correlate alla sicurezza, agli account utente e al processo di connessione.

ConnectionQueryAvgSecond

La quantità di tempo media, in secondi, impiegata per l'esecuzione di una query sulle connessioni.

ConnectionQueryMaxSecond

La quantità di tempo massima, in secondi, impiegata per l'esecuzione di una query sulle connessioni.

DrillThroughQueryCount

Il numero totale di query che accedono ai dati raggruppati per un indicatore.

DrillThroughQueryAvgSecond

La quantità di tempo media, in secondi, impiegata per l'esecuzione di una query sui drill-through.

DrillThroughQueryMaxSecond

La quantità di tempo massima, in secondi, impiegata per l'esecuzione di una query sui drill-through.

MetaDataQueryCount

Il numero totale di query eseguite sui dati del repository di

Business Intelligence.

MetaDataQueryAvgSecond

La quantità di tempo media, in secondi, impiegata per l'esecuzione di una query sui metadati.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Installazione e configurazione © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

37

Attributo

MetaDataQueryMaxSecond

TotalQueryCount

TotalQueryAvgSecond

TotalQueryMaxSecond

XmlaExecuteCount

XmlaExecuteAvgSecond

Descrizione

La quantità di tempo massima, in secondi, impiegata per l'esecuzione di una query sui metadati.

Il numero totale di tutte le query elaborate dall'installazione del provider di dati Oracle OLAP.

La quantità di tempo media, in secondi, impiegata per l'esecuzione di una query.

La quantità di tempo massima, in secondi, impiegata per l'esecuzione di una query.

Il numero totale di volte per cui è stata richiamata la funzione

Execute XMLA.

La quantità di tempo media, in secondi, impiegata per l'esecuzione della funzione Execute XMLA.

4.10.8 Abilitazione del fornitore di dati Oracle OLAP per l'analisi

È necessario impostare una proprietà nel file mdas_oda.properties dell'installazione della piattaforma BI per creare connessioni dell'origine dati a database Oracle OLAP.

1. Aprire il seguente file, dove <<dir_install>> è la cartella di installazione principale della piattaforma BI:

<<dir_install>> \SAP BusinessObjects Enterprise XI 4.0\java\pjs\services\MDAS

\resources\com\businessobjects\multidimensional\services\mdas_oda.properties

2. Assicurarsi che la proprietà per Oracle OLAP sia impostata su true:

ENABLE_ORACLE_OLAP = true

3. Salvare e chiudere il file.

4. Aprire la console CMC (Central Management Console) e riavviare ogni Adaptive Processing Server che ospita un'istanza MDAS.

Oracle OLAP viene visualizzata come opzione nell'elenco Provider quando si utilizzano connessioni di origini dati

OLAP nella CMC. Ora è possibile creare connessioni dell'origini dati OLAP al server Oracle OLAP.

Temi collegati

Creating OLAP data source connections [pagina 57]

Connection settings for Oracle OLAP data sources [pagina 69]

38 © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Installazione e configurazione

4.10.9 Disinstallazione del provider di dati Oracle OLAP

4.10.9.1 Disinstallazione del provider di dati Oracle OLAP per

Windows

1. Se l'unico servizio Web in esecuzione è il provider di dati Oracle OLAP, arrestare il server Web.

2. Aprire la finestra di dialogo Amministratore origine dati ODBC . Ad esempio, fare clic su Start Pannello di controllo Strumenti di amministrazione Origini dati (ODBC) .

3. Fare clic sulla scheda DSN di sistema .

4. Selezionare il DSN creato per la connessione del provider di dati Oracle OLAP al database, quindi fare clic su

Rimuovi .

5. Fare clic su OK .

6. Nella directory principale dell'unità di avvio di Windows (di norma C:\), eliminare la cartella sxo.

7. Eliminare i seguenti file e cartelle:

○ Per JBoss, eliminare M4OXmlaWebService.ware M4OXmlaWebService.war.deployeddalla cartella

\standalone\deployments\webapps\dell'installazione JBoss.

○ Per Tomcat, eliminare M4OXmlaWebService.ware la cartella M4OXmlaWebServicedalla cartella

\webapps\dell'installazione Tomcat.

Temi collegati

Running the web server and XMLA service [pagina 32]

4.10.9.2 Disinstallazione del provider di dati Oracle OLAP per

Linux

1. Se l'unico servizio Web in esecuzione è il provider di dati Oracle OLAP, arrestare il server Web.

2. Rimuovere il DSN creato per la connessione del provider di dati Oracle OLAP al database.

3. Eliminare la cartella /etc/mdxprovider.

4. Eliminare i seguenti file e cartelle:

○ Per JBoss, eliminare M4OXmlaWebService.ware M4OXmlaWebService.war.deployeddalla cartella / standalone/deployments/webappsdell'installazione JBoss.

○ Per Tomcat, eliminare M4OXmlaWebService.ware la cartella M4OXmlaWebServicedalla cartella / webappsdell'installazione Tomcat.

Temi collegati

Running the web server and XMLA service [pagina 32]

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Installazione e configurazione © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

39

4.10.10 Utilizzo della registrazione per la risoluzione dei problemi relativi a MDX e SQL

Quando i messaggi di errore non forniscono informazioni sufficienti per risolvere un problema, potrebbe essere necessario attivare la registrazione nel provider di dati Oracle OLAP. Una volta attivata la registrazione, ripetere i passaggi che causano l'errore.

Nota

Attivare la registrazione soltanto per il tempo necessario a rilevare il problema. La registrazione infatti rallenta il provider di dati e può richiedere una grande quantità di spazio su disco.

4.10.10.1 Attivazione della registrazione per Windows

Prima di eseguire questa procedura, arrestare MDAS e il provider di dati Oracle OLAP.

1. Nel pacchetto di installazione del provider di dati Oracle OLAP, passare alla sottocartella \Utils\Logginge fare doppio clic sul file di registro denominato Windows_Logging_On.reg.

Il file Windows_Logging_On.regcontiene il percorso in cui verranno salvati i file di registro. Per impostazione predefinita, il percorso è C:\Logs. Per modificarlo, aprire il file in un editor di testo e aggiornare il valore di “Path”=.

È necessario che i caratteri di barra rovesciata (\) vengano preceduti da un carattere di escape, ossia da una seconda barra rovesciata.

Ad esempio:

"PATH"="C:\\Users\\Administrator"

2. Riavviare il provider di dati Oracle OLAP.

3. Riavviare MDAS.

I file di registro vengono salvati con i nomi di file quale OracleMdxProvider.

<<timestamp>> .log. I file di registro vengono suddivisi automaticamente in file da 5MB, quindi potrebbe esserci una serie di file consecutivi.

4.10.10.2 Disattivazione della registrazione per Windows

Prima di eseguire questa procedura, arrestare MDAS e il provider di dati Oracle OLAP.

1. Nel pacchetto di installazione del provider di dati Oracle OLAP, passare alla sottocartella \Utils\Logginge fare doppio clic sul file di registro denominato Windows_Logging_Off.reg.

2. Riavviare il provider di dati Oracle OLAP.

3. Riavviare MDAS.

40 © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Installazione e configurazione

4.10.10.3 Attivazione della registrazione per Linux

Prima di eseguire questa procedura, arrestare MDAS e il provider di dati Oracle OLAP.

1. In un editor di testo, aprire il file di configurazione /etc/mdxprovider/sxo/tracesettings.conf

Questo file di configurazione imposta il percorso in cui verranno salvati i file di registro. Il percorso predefinito

è /etc/mdxprovider/sxo/logs. Per modificare il percorso, aggiornare il valore della riga del file di configurazione che inizia con LogEx.LogWriter.LogFile.Path=

2. Modificare la riga LogEx.Enabled=falsein LogEx.Enabled=truee salvare il file.

3. Riavviare il provider di dati Oracle OLAP.

4. Riavviare MDAS.

I file di registro vengono salvati con i nomi di file quale OracleMdxProvider.

<<timestamp>> .log. I file di registro vengono suddivisi automaticamente in file da 5MB, quindi potrebbero esserci una serie di file consecutivi.

4.10.10.4 Disattivazione della registrazione per Linux

Prima di eseguire questa procedura, arrestare MDAS e il provider di dati Oracle OLAP.

1. In un editor di testo, aprire il file di configurazione /etc/mdxprovider/sxo/tracesettings.conf

2. Modificare la riga LogEx.Enabled=truein LogEx.Enabled=falsee salvare il file.

3. Riavviare il provider di dati Oracle OLAP.

4. Riavviare MDAS.

4.11 Accesso facilitato

Analysis fornisce una modalità di accessibilità per gli utenti con disabilità visive o motorie. Per informazioni sull'attivazione della modalità di accessibilità, consultare il Manuale dell'utente di Analysis.

4.12 Richiede note SAP

Aggiornamenti in caso di utilizzo di origini dati SAP BW

Per ottenere prestazioni ottimali quando si utilizzano origini dati SAP BW, fare riferimento alla nota SAP 1498007, che illustra in dettaglio gli aggiornamenti necessari per il sistema. Questi aggiornamenti risolvono diversi problemi noti e aggiungono nuove funzionalità, come la ricerca senza distinzione tra maiuscole e minuscole nel client di

Analysis.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Installazione e configurazione © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

41

"Mostra livelli" e "Crea filtro preferiti"

“Mostra livelli” e “Crea filtro preferiti” sono disponibili solo sul server BW 7.0.1 e versioni successive per motivi concernenti le prestazioni.

Per SAP BW 7.0.1 SP3 o SP4, è necessaria la nota SAP 1436426.

42 © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Installazione e configurazione

5 Protezione

5.1 Configurazione del server MDAS per SSL (Secure

Sockets Layer)

Il servizio MDAS comunica con gli altri server della piattaforma BI e con i server Web mediante un meccanismo di comunicazione denominato CORBA (Common Object Request Broker Architecture). CORBA può essere configurato per l'uso dell'SSL, un protocollo di sicurezza utilizzato per creare una connessione crittografata per l'invio di dati riservati tramite CORBA.

Per ulteriori informazioni sulla configurazione di SSL per server e servizi della piattaforma BI, incluso MDAS, vedere la sezione “Configurazione di server per SSL” del Manuale dell'amministratore della piattaforma SAP

BusinessObjects Business Intelligence.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Protezione © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

43

6 Gestione dei diritti

6.1 Panoramica dei diritti e dei livelli di accesso

Gli utenti devono disporre di determinati diritti per eseguire attività in Analysis. Affinché un utente possa, ad esempio, modificare uno spazio di lavoro, deve disporre del diritto Modifica. Se un utente deve salvare spazi di lavoro in determinate cartelle a livello locale o in rete, a tale utente devono essere concesse le autorizzazioni di scrittura sufficienti per la cartella in cui deve essere salvato lo spazio di lavoro.

Per la creazione di nuovi spazi di lavoro è necessario concedere agli utenti il diritto “Crea spazio di lavoro di

Analysis” per l'applicazione Analysis nella Central Management Console (CMC). Se agli utenti non viene concesso questo diritto, essi potranno comunque visualizzare e modificare gli spazi di lavoro esistenti se dispongono dei diritti Visualizza e Modifica.

Oltre a concedere o negare diritti specifici, è anche possibile assegnare livelli di accesso a utenti o gruppi. I livelli di accesso consentono di impostare in modo rapido e uniforme i livelli di protezione comuni anziché dover impostare singolarmente i diritti.

È possibile utilizzare la Central Management Console per aggiungere utenti e gruppi e impostare diritti e livelli di accesso per i vari componenti della suite di prodotti, inclusi spazi di lavoro e connessioni di Analysis.

6.2 Diritto Crea spazio di lavoro di Analysis

Per consentire agli utenti di creare nuovi spazi di lavoro, è necessario concedere loro il diritto “Crea spazio di lavoro di Analysis”.

6.2.1 Concessione del diritto di creare uno spazio di lavoro di

Analysis

1. Avviare la CMC (Central Management Console).

Ad esempio, in Windows fare clic su Start Tutti i programmi SAP Business Intelligence Piattaforma

SAP BusinessObjects BI 4 Central Management Console della piattaforma SAP BusinessObjects BI .

2. Accedere alla CMC.

3. Selezionare Applicazioni nell'area Gestisci della CMC.

4. Selezionare Analysis, versione per OLAP e fare clic su Gestisci Protezione utente .

Verrà visualizzata la finestra di dialogo Protezione utente .

5. Selezionare un utente o un gruppo e fare clic su Assegna protezione .

6. Nella scheda Avanzate , fare clic su Aggiungi/Rimuovi diritti .

7. Espandere Applicazione e fare clic su Applicazione Analysis .

8. Concedere il diritto “Crea spazio di lavoro di Analysis”.

44 © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Gestione dei diritti

6.3 Diritti per gli oggetti di Analysis

Gli oggetti connessione origine dati e spazio di lavoro di Analysis supportano i diritti generali degli oggetti nella

Central Management Console; tuttavia, non tutti i diritti generali sono applicabili agli oggetti Analysis. I diritti di pianificazione sono ad esempio irrilevanti per gli oggetti di Analysis, perchéquesti non vengono pianificati nella piattaforma BI.

Diritti cartella Connessioni OLAP

● Il diritto Visualizza determina se un utente può vedere l'origine dati nella Central Management Console o nell'elenco delle origini dati disponibili durante la creazione di un nuovo spazio di lavoro di Analysis.

● Il diritto Modifica controlla la possibilità di un utente di modificare l'oggetto origine dati nella CMC.

● Negare il diritto Visualizza per la cartella Connessioni OLAP a uno specifico utente significa che tale utente non può visualizzare né utilizzare le connessioni OLAP in Analysis.

● Negare il diritto Visualizza a uno specifico oggetto origine dati OLAP significa che l'utente non può visualizzare uno spazio di lavoro di Analysis basato su quella origine dati.

Diritto Crea spazio di lavoro di Analysis

● Per consentire agli utenti di creare spazi di lavoro, è necessario concedere loro questo diritto nella Central

Management Console.

Diritto Visualizza per uno spazio di lavoro

● Se il diritto Visualizza viene negato per uno specifico spazio di lavoro, l'utente non potrà aprirlo. In più, se allo stesso utente è negata l'origine dati OLAP utilizzata nello spazio di lavoro, quest'ultimo non verrà caricato.

Diritti per l'invio di spazi di lavoro alle caselle di posta in arrivo

Per consentire agli utenti di inviare spazi di lavoro di Analysis alle caselle di posta in arrivo di altri utenti della piattaforma BI, è necessario concedere loro i diritti “Visualizza” e “Aggiungi oggetti alla cartella” per tali caselle di posta.

Oltre all'assegnazione di diritti, è possibile utilizzare uno dei livelli di accesso predefiniti per concedere insiemi di diritti agli utenti oppure definire livelli di accesso appropriati per gli utenti dell'organizzazione. Per ulteriori

informazioni sui livelli di accesso, vedere Livelli di accesso per gli oggetti Analysis [pagina 46]. Se si preferisce

concedere e negare singolarmente i diritti, selezionare il livello di accesso Avanzato.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Gestione dei diritti © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

45

Nota

Per ulteriori informazioni sull'utilizzo della Central Management Console per impostare i livelli e i diritti di accesso per vari componenti della suite di prodotti, inclusi gli oggetti Analysis, vedere la sezione “Impostazione dei diritti” nel Manuale dell'amministratore della piattaforma SAP BusinessObjects Business Intelligence.

6.3.1 Impostazione dei diritti per un oggetto Analysis

1. Avviare la Central Management Console.

Ad esempio, in Windows fare clic su Start Tutti i programmi SAP Business Intelligence Piattaforma

SAP BusinessObjects BI 4 Central Management Console della piattaforma SAP BusinessObjects BI .

2. Se viene richiesto, immettere nome utente e password.

3. Fare clic sul tipo di oggetto per il quale si desidera assegnare i diritti (ad esempio Cartelle o Server ).

4. Dall'elenco di oggetti visualizzato, fare clic sul singolo oggetto per il quale si desidera assegnare diritti.

5.

Fare clic su Gestisce le funzioni di protezione dell'utente .

6. Se si desidera aggiungere un utente o un gruppo all'elenco di utenti che dispongono dei diritti per l'oggetto, fare clic sul pulsante Aggiungi principali .

7. Selezionare l'utente o il gruppo a cui si desidera assegnare i diritti e fare clic su Assegna protezione .

8. Fare clic sulla scheda Avanzate .

9. Fare clic su Aggiungi/Rimuovi diritti .

10. Selezionare i diritti desiderati e fare clic su Applica o OK per salvare le modifiche.

Nota

Per ulteriori informazioni sull'utilizzo della Central Management Console per impostare i livelli e i diritti di accesso per vari componenti della suite di prodotti, inclusi gli oggetti Analysis, vedere la sezione

“Impostazione dei diritti” nel Manuale dell'amministratore della piattaforma SAP BusinessObjects Business

Intelligence.

6.4 Livelli di accesso per gli oggetti Analysis

I livelli di accesso concedono insiemi di diritti per gli oggetti. La maggior parte dei requisiti di accesso degli utenti possono essere soddisfatti mediante la selezione del livello di accesso adeguato.

Esempio

Ad esempio, il livello di accesso Visualizza concede agli utenti un insieme di diritti che consentono di visualizzare e modificare gli spazi di lavoro Analysis, di salvarli in cartelle per le quali si dispone di diritti di modifica (ad esempio la cartella Preferiti), ma non di salvarli nella cartella originale. Il livello di accesso

Visualizza impedisce pertanto che gli spazi di lavoro vengano sovrascritti.

46 © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Gestione dei diritti

Viceversa, se si desidera concedere agli utenti i diritti per visualizzare gli spazi di lavoro e anche salvare le modifiche nei file originali, è possibile assegnare il livello di accesso Controllo completo anziché consentire esplicitamente i diritti "Visualizzare oggetti" e "Modificare oggetti"

Gli oggetti Analysis supportano i livelli di accesso standard nella Central Management Console, tuttavia non tutti i livelli di accesso sono applicabili agli oggetti Analysis:

● Nessun accesso: gli utenti non possono accedere all'oggetto

● Visualizza: gli utenti possono visualizzare l'oggetto, modificarlo e salvarlo in una cartella per la quale hanno diritti di modifica, ma non salvarlo nella cartella originale.

● Pianifica: questo livello di accesso non ha alcun effetto sugli oggetti Analysis, perché gli oggetti Analysis non sono pianificati nella piattaforma BI.

● Visualizza su richiesta: analogo al livello di accesso Visualizza. Per alcune applicazioni di SAP BusinessObjects l'insieme di diritti forniti dal livello di accesso Visualizza su richiesta è diverso dall'insieme di diritti fornito dal livello di accesso Visualizza, ma per Analysis i livelli di accesso Visualizza e Visualizza su richiesta sono equivalenti.

Nota

Gli oggetti di altre applicazioni di SAP Business Objects, ad esempio Crystal Reports, possono essere aggiornati o visualizzati su richiesta a fronte di un'origine dati aggiornata. Non occorre aggiornare gli oggetti Analysis, poiché i dati visualizzati in Analysis sono sempre i più recenti.

● Controllo completo: gli utenti hanno il controllo amministrativo completo dell'oggetto.

Nota

Può non essere opportuno concedere il livello di accesso Controllo completo a molti utenti poiché gli utenti potrebbero involontariamente sovrascrivere le versioni degli spazi di lavoro originali salvate dagli analisti.

Utilizzare viceversa il livello di accesso Visualizza.

6.4.1 Impostazione del livello di accesso per un oggetto

Analysis

1. Avviare la Central Management Console.

Ad esempio, in Windows fare clic su Start Tutti i programmi SAP Business Intelligence Piattaforma

SAP BusinessObjects BI 4 Central Management Console della piattaforma SAP BusinessObjects BI .

2. Se viene richiesto, immettere nome utente e password.

3. Fare clic sul tipo di oggetto per il quale si desidera impostare i livelli di accesso (ad esempio Cartelle o Server ).

4. Dall'elenco di oggetti visualizzato, fare clic sul singolo oggetto per il quale si desidera impostare i livelli di accesso.

5.

Fare clic su Gestisce le funzioni di protezione dell'utente .

6. Se si desidera aggiungere un utente o un gruppo all'elenco di utenti che dispongono dei diritti per l'oggetto, fare clic sul pulsante Aggiungi principali .

7. Selezionare l'utente o il gruppo di cui si desidera impostare il livello di accesso e fare clic su Assegna protezione .

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Gestione dei diritti © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

47

8. Nell'elenco Livelli di accesso disponibili, selezionare un livello di accesso per tale utente o gruppo e spostarlo nell'elenco Livelli di accesso assegnati.

Se si desidera impostare diritti di accesso avanzati (dettagliati) per un utente, fare clic sul collegamento

Avanzate .

9. Fare clic su Applica o OK per salvare le modifiche.

Nota

Per ulteriori informazioni sull'utilizzo della Central Management Console per impostare i livelli e i diritti di accesso per vari componenti della suite di prodotti, inclusi gli oggetti Analysis, vedere la sezione

“Impostazione dei diritti” nel Manuale dell'amministratore della piattaforma SAP BusinessObjects Business

Intelligence.

6.5 Accesso ai dati

Analysis offre la flessibilità necessaria per controllare quali utenti possono visualizzare o creare spazi di lavoro e quali dati possono vedere. Questo controllo è un'aggiunta alla protezione dei dati fornita dal server OLAP. Per abilitare l'accesso ai dati, è necessario concedere agli utenti i diritti appropriati per la cartella Connessioni OLAP e le relative sottocartelle, oppure a specifici oggetti connessione origine dati.

Per impostazione predefinita, il livello di accesso del gruppo “Tutti” è impostato su “Nessun accesso” per la cartella Connessioni OLAP. Di seguito sono riportati gli effetti di questa impostazione per gli utenti finali di

Analysis (non per gli amministratori):

● Non è possibile creare nuovi spazi di lavoro di Analysis.

● Gli utenti finali non possono utilizzare le origini dati di Analysis; pertanto, gli spazi di lavoro di Analysis non si apriranno.

● La pagina Connessioni OLAP in Central Management Console non è disponibile.

Se si desidera consentire agli utenti finali di accedere a specifiche origini dati di Analysis, concedere loro il livello di accesso “Visualizza” solo per tali origini dati.

Poiché i diritti assegnati a un oggetto figlio sostituiscono i diritti ereditati, gli utenti finali possono accedere alle origini dati di Analysis se dispongono del livello di accesso “Visualizza” per singole origini dati, anche se per la cartella che le contiene è impostato il livello “Nessun accesso”.

Se si concede agli utenti finali il livello di accesso “Visualizza” per la cartella Connessioni OLAP, essi ereditano il livello di accesso “Visualizza” anche per gli oggetti origini dati di Analysis che la cartella contiene. Per non consentire agli utenti finali l'accesso a una specifica origine dati, è possibile assegnare il livello di accesso “Nessun accesso” a tale oggetto origine dati.

Queste combinazioni consentono di controllare chi è autorizzato a creare nuovi spazi di lavoro di Analysis e oggetti origine dati di Analysis e chi non lo è, e chi può visualizzare quali dati correlati ad Analysis.

Nota

Le cartelle e la protezione su connessioni OLAP possono essere gestite sia dalla pagina Connessioni OLAP che dalla pagina Connessioni della CMC. Quindi la protezione assegnata a una specifica cartella interessa anche tutti gli elementi figlio della cartella, anche se le connessioni sono a dati relazionali e non a dati OLAP. Ad

48 © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Gestione dei diritti

esempio, la limitazione dei diritti a livello dell'elemento principale si propaga a tutte le sottocartelle e connessioni nella cartella principale e non solo alle connessioni OLAP.

Per ulteriori informazioni su come utilizzare la Central Management Console per impostare i livelli di accesso per i vari componenti della suite del prodotto, compresi elementi di Analysis come gli spazi di lavoro e gli oggetti origine dati, vedere la sezione “Impostazione di diritti” nel Manuale dell'amministratore della piattaforma SAP

BusinessObjects Business Intelligence.

6.5.1 Per impostare diritti di accesso alla cartella

Connessioni OLAP

1. Avviare la Central Management Console.

Ad esempio, in Windows fare clic su Start Tutti i programmi SAP Business Intelligence Piattaforma

SAP BusinessObjects BI 4 Central Management Console della piattaforma SAP BusinessObjects BI .

2. Accedere alla CMC.

3.

Nell'area Organizza della CMC, selezionare Connessioni OLAP .

4. Fare clic su Gestisci Protezione di livello superiore Tutte le connessioni .

5. Selezionare un utente o un gruppo nell'elenco e fare clic su Assegna protezione .

6. Assegnare i livelli di accesso appropriati o fare clic sulla scheda Avanzate per assegnare specifici diritti (i livelli di accesso sono gruppi di diritti).

Per creare uno spazio di lavoro Analysis gli utenti devono disporre almeno dei diritti di visualizzazione per la cartella Connessioni OLAP.

7. Fare clic su Applica o OK per salvare le modifiche.

Temi collegati

Panoramica dei diritti e dei livelli di accesso [pagina 44]

6.6 Modifica dell'accesso agli spazi di lavoro di Analysis

Dopo avere pubblicato uno spazio di lavoro, è possibile utilizzare la console CMC per modificarne le autorizzazioni di accesso.

6.6.1 Per modificare l'accesso agli spazi di lavoro

1. Avviare la Central Management Console.

Ad esempio, in Windows fare clic su Start Tutti i programmi SAP Business Intelligence Piattaforma

SAP BusinessObjects BI 4 Central Management Console della piattaforma SAP BusinessObjects BI .

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Gestione dei diritti © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

49

2. Collegarsi alla CMC.

3.

Nell'area Organizza della CMC, selezionare Cartelle o Cartelle personali .

4. Espandere l'elenco delle cartelle per individuare lo spazio di lavoro di cui si desidera modificare le proprietà.

5. Selezionare lo spazio di lavoro e fare clic su Gestisci Protezione utente .

6. Fare clic sul nome dell'utente o del gruppo per il quale si desidera modificare l'accesso, quindi fare clic su

Assegna protezione .

7. Assegnare i livelli di accesso o i diritti appropriati, quindi fare clic su OK .

Nota

Se una delle caselle di controllo Eredità è selezionata, i livelli di accesso o i diritti assegnati potrebbero essere sostituiti dall'accesso ereditato. Per ulteriori informazioni sull'assegnazione dei diritti e dei livelli di accesso, vedere la sezione “Impostazione di diritti” del Manuale dell'amministratore della piattaforma SAP

BusinessObjects Business Intelligence.

50 © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Gestione dei diritti

7 Manutenzione MDAS

7.1 Avvio e arresto di Server Intelligence Agent

Server Intelligence Agent (SIA) gestisce tutti i server e i servizi della piattaforma BI, incluso il servizio MDAS.

Quando si avvia la piattaforma BI, SIA viene avviato automaticamente, così come eventuali server della piattaforma BI configurati per essere avviati all'avvio di SIA.

Inoltre le proprietà di SIA, ad esempio l'accesso come account o il tipo di avvio, vengono propagate a tutti i server eseguiti in SIA.

In Windows, utilizzare Central Configuration Manager (CCM) per avviare e arrestare SIA. In tutte le piattaforme

UNIX supportate, eseguire gli script startservers.sh e stopservers.sh dal prompt dei comandi per avviare e arrestare SIA.

Per ulteriori informazioni su Server Intelligence Agent, consultare il Manuale dell'amministratore della piattaforma

SAP BusinessObjects Business Intelligence.

7.2 Avvio e interruzione del Servizio di analisi multidimensionale

In alcuni casi potrebbe essere necessario arrestare o riavviare manualmente MDAS.

Ad esempio, se è stato configurato un cluster di istanze MDAS, potrebbe essere necessario avviare o arrestare singole istanze in base alle condizioni di carico.

Per ulteriori informazioni sull'avvio e l'interruzione di server e servizi della piattaforma BI, incluso il servizio MDAS, consultare il Manuale dell'amministratore della piattaforma SAP BusinessObjects Business Intelligence.

7.3 Riavvio del Servizio di analisi multidimensionale

In alcuni casi potrebbe essere necessario riavviare MDAS.

Ad esempio:

● I file di configurazione sono stati modificati e devono essere ricaricati.

● Un amministratore cambia la porta e il nome dell'interfaccia e per rendere effettive le modifiche è necessario il riavvio.

● MDAS ha rilevato una condizione di errore che non riesce a risolvere.

Per ulteriori informazioni sul riavvio di server e servizi della piattaforma BI, incluso il servizio MDAS, consultare il

Manuale dell'amministratore della piattaforma SAP BusinessObjects Business Intelligence.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Manutenzione MDAS © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

51

7.4 Abilitazione e disabilitazione di MDAS

Disabilitando un server della piattaforma BI si evita che il server riceva e risponda a nuove richieste, senza tuttavia arrestare realmente il processo del server. Questa possibilità si rivela particolarmente utile se si desidera consentire a un server di portare a termine l’elaborazione di tutte le richieste correnti prima di una completa interruzione.

Quando si disabilita un'istanza MDAS, il servizio continuerà a essere eseguito, ma non verranno accettate nuove richieste da Analysis o da Central Management Console (CMC).

Quando si abilita un'istanza di MDAS attiva, l'istanza di MDAS accetta nuove richieste da Analysis o CMC; ad esempio, la creazione di una connessione.

Per ulteriori informazioni sull'abilitazione e la disabilitazione di server e servizi della piattaforma BI, incluso il servizio MDAS, consultare il Manuale dell'amministratore della piattaforma SAP BusinessObjects Business

Intelligence.

7.5 Aggiunta e rimozione di istanze MDAS

È possibile creare più di una istanza di MDAS attiva. È possibile creare un nuovo MDAS specificandone i parametri oppure in base a un MDAS esistente. Dopo aver aggiunto una nuova istanza di MDAS, è necessario avviarla e abilitarla.

Per ulteriori informazioni sull'aggiunta e la rimozione di server e servizi della piattaforma BI, incluso il servizio

MDAS, consultare il Manuale dell'amministratore della piattaforma SAP BusinessObjects Business Intelligence.

Temi collegati

Duplicazione delle distribuzioni server di Analysis [pagina 19]

Avvio e interruzione del Servizio di analisi multidimensionale [pagina 51]

Riavvio del Servizio di analisi multidimensionale

[pagina 51]

Abilitazione e disabilitazione di MDAS [pagina 52]

7.6 File di configurazione per il server MDAS

È possibile modificare i seguenti file di configurazione MDAS per personalizzare la distribuzione di Analysis:

File di configurazione per il server MDAS [pagina 52].

File di configurazione per il server MDAS [pagina 52]

I file di configurazione si trovano in:

● In Windows:

C:\Programmi (x86)\SAP BusinessObjects\Tomcat6\webapps\BOE\WEB-INF\config\default

● In UNIX:

<Directory di installazione piattaforma BI>/tomcat/webapps/BOE/WEB-INF/config/ default

52 © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Manutenzione MDAS

7.6.1 File di configurazione di MDAS: mdas.properties

È possibile configurare il comportamento di una singola istanza di MDAS modificando i parametri nel file mdas.properties associato. I parametri includono il timeout del server, il numero massimo di celle da esportare in Excel e altri parametri utilizzati a scopo di sviluppo e verifica che non devono essere modificati né riportati in un ambiente di produzione.

Si consiglia di non modificare il file mdas.properties a meno che non si conosca completamente l'effetto di ogni parametro sul funzionamento di MDAS.

Tutte le modifiche apportate a questo file di configurazione verranno rese effettive solo al successivo riavvio di

MDAS.

7.6.1.1 Elenco dei file mdas.properties

# Turn this value to false in deployed environments to ensure the

# server is not using xml validation. This value should be true in

# development environments.

multidimensional.services.server.xml.use_validation=false

# Flag indicating whether or not xml data returned by

# MDAS should be pretty printed. This helps debugging

# but slows performance multidimensional.services.server.xml.prettyprint=false

# none, info, verbose.

multidimensional.services.transport.trace.level=none

# The number of milliseconds before idle session is closed by the session

# monitor.

# Default time is set to 30 minutes multidimensional.services.server.session.monitor.idle.timeout=1800000

# The upper bound on the number of cells that may be exported to csv,

# excel, etc. As exporting large data sets requires large amounts of

# memory the size of the export is limited. Increasing this

# threshold may cause the server to run out of memory. Please

# coordinate changes to this value with your memory settings and

# expected user load.

multidimensional.services.export.cells.limit=100000

# Boolean flag indicating whether or not query chunking is enabled multidimensional.services.query.chunking.enabled=true

# For logging BICS profile data purpose, set it to true.

multidimensional.services.bics.profiling.enabled=false

# Leave an empty line at the end of the file for unix.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Manutenzione MDAS © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

53

7.6.2 File di configurazione del client MDAS: mdaclient.properties

Il file mdaclient.properties contiene i parametri seguenti:

● Il numero di righe restituite prima che venga inviata un'altra richiesta al server.

● Il numero di colonne restituite prima che venga inviata un'altra richiesta al server.

● La visibilità delle informazioni sul conteggio di righe, colonne e celle.

● L'impostazione che consente di scegliere se la finestra di dialogo Collegamento rapido utilizza sempre le chiavi dei membri o l'impostazione "Visualizza come" del pannello Layout.

7.6.2.1 Elenco dei file mdas.properties

# Turn this value to false in deployed environments to ensure the

# server is not using xml validation. This value should be true in

# development environments.

multidimensional.services.server.xml.use_validation=false

# Flag indicating whether or not xml data returned by

# MDAS should be pretty printed. This helps debugging

# but slows performance multidimensional.services.server.xml.prettyprint=false

# none, info, verbose.

multidimensional.services.transport.trace.level=none

# The number of milliseconds before idle session is closed by the session

# monitor.

# Default time is set to 30 minutes multidimensional.services.server.session.monitor.idle.timeout=1800000

# The upper bound on the number of cells that may be exported to csv,

# excel, etc. As exporting large data sets requires large amounts of

# memory the size of the export is limited. Increasing this

# threshold may cause the server to run out of memory. Please

# coordinate changes to this value with your memory settings and

# expected user load.

multidimensional.services.export.cells.limit=100000

# Boolean flag indicating whether or not query chunking is enabled multidimensional.services.query.chunking.enabled=true

# For logging BICS profile data purpose, set it to true.

multidimensional.services.bics.profiling.enabled=false

# Leave an empty line at the end of the file for unix.

54 © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Manutenzione MDAS

7.7 Proprietà e metriche di MDAS

Nella CMC è possibile accedere alle metriche MDAS e configurare le proprietà di MDAS. Per accedere alle metriche e alle proprietà, attenersi ai passaggi seguenti:

1.

Selezionare Server nell'area Organizza della CMC.

2. Selezionare Categorie di servizio Analysis Services .

3. Fare doppio clic sull'istanza di Adaptive Processing Server

Ora è possibile configurare le proprietà di MDAS o accedere alla pagina Metriche dal riquadro di navigazione

7.7.1 pagina Proprietà

La pagina Proprietà contiene le impostazioni per Adaptive Processing Server e i relativi servizi in esecuzione, compreso MDAS.

Per ulteriori informazioni sulle proprietà del server, consultare l'“Appendice Proprietà del server” nel Manuale

dell'amministratore della piattaforma SAP BusinessObjects Business Intelligence.

Proprietà del servizio di analisi multidimensionale

● Numero massimo sessioni client : questa impostazione definisce il numero massimo di sessioni che è possibile aprire simultaneamente in un MDAS. Quando il numero di sessioni aperte raggiunge tale valore, eventuali altri tentativi di avviare sessioni Analysis genera un messaggio di errore di tipo “server non disponibile”. È possibile cambiare questo valore per ottimizzare le prestazioni di MDAS, in base alle specifiche necessità e all'hardware disponibile; tuttavia, aumentare il valore potrebbe causare problemi di prestazioni a MDAS e al server di database.

● Numero massimo di celle restituite da una query : questa impostazione consente agli amministratori di controllare il numero massimo di celle che verranno restituite all'utente per una singola query. L'utente non può eseguire una query che restituisce un numero di celle estremamente elevato, che consuma un quantità eccessiva di memoria. Se la query dell'utente supera il limite di celle specificato, l'utente riceve un messaggio di errore.

● Numero massimo di membri restituiti durante il filtraggio : questa impostazione consente agli amministratori di controllare il numero di membri che verranno recuperati durante il filtraggio per membro. Un numero elevato di membri recuperati può consumare una quantità eccessiva di memoria.

Di seguito sono illustrate alcune situazioni in cui è possibile che venga recuperato un numero di membri elevato:

○ Apertura del pannello “Filtra per membro”con un lungo elenco semplice.

○ Apertura del pannello “Filtra per membro” con una gerarchia di grandi dimensioni e con la struttura completamente espansa.

○ Espansione di un membro principale con numerosi membri secondari.

○ Visualizzazione del livello dei membri foglia.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Manutenzione MDAS © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

55

○ Ricerca di membri mediante il carattere jolly asterisco “*”.

7.7.2 Pagina Metriche

Nella pagina Metriche sono visualizzate le impostazioni per Adaptive Processing Server e i relativi servizi in esecuzione, compreso MDAS.

Per ulteriori informazioni sulle metriche server, consultare l'“Appendice Metriche del server” nel Manuale

dell'amministratore della piattaforma SAP BusinessObjects Business Intelligence.

Metriche del Servizio di analisi multidimensionale

● Conteggio sessione : questa impostazione indica il numero attuale di connessioni dai client Analysis al MDAS.

Se in un client sono presenti numerosi spazi di lavoro aperti, ogni spazio di lavoro costituisce una connessione che non ha raggiunto il timeout.

● Conteggio query : il numero di richieste di dati aperte tra il client Analysis e i server di database. Una query attiva potrebbe essere aperta tra qualsiasi sessione attiva e qualsiasi origine dati attiva.

● Conteggio cubi : questa impostazione indica il numero di origini dati utilizzate per fornire dati alle connessioni

(come indicato in precedenza dal numero di sessioni attive) che non hanno raggiunto il timeout.

56 © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Manutenzione MDAS

8 Connessioni origine dati

8.1 Creazione di connessioni di origine dati OLAP

Affinché gli utenti siano in grado di utilizzare i dati aziendali in Analysis, è necessario creare connessioni alle origini dati OLAP per consentirne l'aggiunta agli spazi di lavoro Analysis.

Una connessione origine dati OLAP è un oggetto repository della piattaforma BI che contiene tutte le informazioni necessarie per la connessione di Analysis a un'origine dati OLAP. L'oggetto connessione viene quindi collegato a uno spazio di lavoro Analysis.

È possibile creare connessioni a singoli cubi OLAP o query SAP BW, o a sistemi di origini dati contenenti più cubi e query. Se un utente aggiunge una connessione a un sistema di origine dati a uno spazio di lavoro, l'utente deve scegliere un singolo cubo o una singola query dal sistema.

È possibile creare nuovi oggetti connessione origine dati di Analysis e gestire quelli esistenti in Central

Management Console (CMC). Le connessioni possono essere salvate in un'unica cartella, oppure è possibile creare sottocartelle allo scopo di raggruppare gli oggetti connessione e amministrare i diritti di accesso. Si potrebbe, ad esempio, creare una cartella per le connessioni origine dati SAP BW e un'altra cartella per le connessioni origine dati Microsoft Analysis Services, e concedere agli utenti l'accesso solo a una delle cartelle.

Una volta create le connessioni origine dati, queste origini dati vengono visualizzate nell'elenco delle origini dati contenuto nella finestra di dialogo Apri origine dati del client Web Analysis e gli utenti possono aggiungerle ai loro spazi di lavoro.

Nota

Nell'applicazione client Analysis tutte le origini dati vengono visualizzate in un elenco semplice anche se nella

CMC sono organizzate in cartelle.

Nota

Le connessioni OLAP sono condivise con altre applicazioni, come SAP Crystal Reports, SAP BusinessObjects

Web Intelligence e Information Design Tool

Temi collegati

Configurazione di IIS per la connettività MSAS [pagina 79]

Gestione delle connessioni origine dati Analysis

[pagina 70]

8.1.1 Per creare un nuovo oggetto connessione per un sistema origine dati

1. Avviare la Central Management Console.

Ad esempio, in Windows fare clic su Start Tutti i programmi SAP Business Intelligence Piattaforma

SAP BusinessObjects BI 4 Central Management Console della piattaforma SAP BusinessObjects BI .

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Connessioni origine dati © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

57

2. Collegarsi alla CMC.

3.

Nell'area Organizza della CMC, selezionare Connessioni OLAP .

4. Selezionare la cartella in cui si desidera collocare la nuova connessione.

È possibile selezionare la cartella Connessioni o qualsiasi sottocartella, oppure creare una nuova sottocartella.

5.

Fare clic su Nuova connessione .

6. Digitare un nome e, facoltativamente, una descrizione per la connessione.

7. Selezionare un provider OLAP dall'elenco.

8. Immettere le informazioni sul server specifiche del fornitore, ad esempio il nome del server.

9. Selezionare un tipo di autenticazione.

10. Fare clic su Salva per creare la connessione.

La connessione è ora disponibile per essere aggiunta dagli utenti a uno spazio di lavoro.

Temi collegati

Impostazioni di connessione per le origini dati [pagina 64]

Individuazione di un cubo o una query

[pagina 59]

Creazione di connessioni di origine dati OLAP [pagina 57]

8.1.2 Per creare un nuovo oggetto connessione per un cubo o una query

1. Avviare la Central Management Console.

Ad esempio, in Windows fare clic su Start Tutti i programmi SAP Business Intelligence Piattaforma

SAP BusinessObjects BI 4 Central Management Console della piattaforma SAP BusinessObjects BI .

2. Collegarsi alla CMC.

3.

Nell'area Organizza della CMC, selezionare Connessioni OLAP .

4. Selezionare la cartella in cui si desidera collocare la nuova connessione.

È possibile selezionare la cartella Connessioni o qualsiasi sottocartella, oppure creare una nuova sottocartella.

5.

Fare clic su Nuova connessione .

6. Digitare un nome e, facoltativamente, una descrizione per la connessione.

7. Selezionare un provider OLAP dall'elenco.

8. Immettere le informazioni sul server specifiche del fornitore, ad esempio il nome del server.

9. Fare clic su Connetti .

10. Se necessario, immettere le credenziali e fare clic su OK .

11. Nel Browser cubo selezionare il cubo o la query che si desidera utilizzare per questa connessione e fare clic su

Seleziona .

Per individuare il cubo, è possibile sfogliare le cartelle manualmente nel Browser cubo oppure è possibile cercarlo.

58 © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Connessioni origine dati

12. Selezionare un tipo di autenticazione.

13. Fare clic su Salva per creare la connessione.

La connessione è ora disponibile per essere aggiunta dagli utenti a uno spazio di lavoro.

Temi collegati

Impostazioni di connessione per le origini dati

[pagina 64]

Individuazione di un cubo o una query

[pagina 59]

Creazione di connessioni di origine dati OLAP

[pagina 57]

8.1.3 Individuazione di un cubo o una query

Il Browser cubo fornisce funzionalità di ricerca che aiutano l'utente a individuare un cubo o una query SAP BW in un sistema origine dati.

Ricerca nel Browser cubo

Per cercare un cubo o una query SAP BW, è possibile digitare una stringa di ricerca nel campo di testo presente nella parte superiore del Browser cubo.

Nota

Le origini dati SAP BW possono essere visualizzate per Didascalia o per Nome . Questa impostazione non influisce sulla ricerca. Se si ricevono risultati apparentemente non attinenti ai termini della ricerca, alternare le impostazioni Nome e Didascalia per visualizzare i risultati relativi ai termini della ricerca.

Se nessun cubo o query corrisponde alla stringa di ricerca, viene visualizzato il messaggio “Nessun cubo trovato”.

Per cancellare i risultati della ricerca e ritornare all'elenco completo delle origini dati, utilizzare il pulsante

Torna all'elenco Cubo .

Analysis utilizza le stesse tecniche di ricerca impiegate dai motori di ricerca Internet:

Stringa di ricerca vendite

Risultati della ricerca

Trova tutti i cubi e le query i cui nomi contengono la parola vendite , ad esempio report delle vendite e vendite del negozio .

Nota se si esegue una ricerca per vendite , la ricerca non troverà un cubo denominato vendite2008 . Per trovare vendite2008 , si dovrebbe eseguire una ricerca per vendite* . Vedere la sezione Utilizzo dei caratteri jolly per le ricerche.

"report delle vendite"

Trova solo i cubi e le query i cui nomi contengono il testo esatto come riportato all'interno delle virgolette.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Connessioni origine dati © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

59

Stringa di ricerca report delle vendite report OR vendite

Risultati della ricerca

In questo esempio, la ricerca troverà report delle vendite ma non report delle vendite e degli acquisti .

Più termini includono un operatore AND implicito, pertanto, in questo esempio, la ricerca selezionerà tutti i cubi e le query i cui nomi contengono entrambe le parole vendite e report :

● report delle vendite

● report delle vendite e degli acquisti

Trova i cubi e le query i cui nomi contengono la parola report oppure la parola vendite .

L'operatore OR deve essere maiuscolo.

In questo esempio, la ricerca troverà i cubi e le query con questi nomi:

● report delle vendite

● report degli acquisti

● report

● vendite del negozio

Nota per i termini di ricerca non viene fatta distinzione tra lettere maiuscole e minuscole. Cercare vendite equivale a cercare Vendite o VENDITE o ancora venDITe .

Utilizzo dei caratteri jolly per le ricerche

Nella stringa di ricerca è possibile utilizzare i caratteri jolly.

Carattere jolly Significato

* Rappresenta una stringa di zero o più caratteri. Ad esempio, cercando vendite sia vendite2008 .

vendite* si troverà sia

8.1.4 Per copiare un oggetto connessione

1. Avviare la Central Management Console.

Ad esempio, in Windows fare clic su Start Tutti i programmi SAP Business Intelligence Piattaforma

SAP BusinessObjects BI 4 Central Management Console della piattaforma SAP BusinessObjects BI .

2. Collegarsi alla CMC.

3.

Nell'area Organizza della CMC, selezionare Connessioni OLAP .

60 © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Connessioni origine dati

4. Selezionare la connessione da copiare.

5.

Fare clic su Copia connessione .

6. Digitare un nome e, facoltativamente, una descrizione per la connessione.

È possibile scegliere di salvare la connessione copiata o di apportare modifiche alle impostazioni di connessione.

7. Fare clic su Salva per creare la connessione.

La connessione è ora disponibile per essere aggiunta dagli utenti a uno spazio di lavoro.

Temi collegati

Impostazioni di connessione per le origini dati

[pagina 64]

8.1.5 Autenticazione

È possibile impostare il tipo di autenticazione da utilizzare quando gli utenti creano nuovi spazi di lavoro o accedono agli spazi di lavoro esistenti.

Quando si crea una connessione Analysis in CMC, è possibile scegliere tra i seguenti tipi di autenticazione:

Prompt

Se si seleziona questo tipo di autenticazione per la connessione, viene visualizzata una finestra di dialogo in cui l'utente finale deve immettere nome utente e password quando Analysis avvia la connessione.

Nota

Nome utente e password non vengono crittografati da Analysis. Per proteggere nomi utente e password, è necessario abilitare SSL nel server di applicazioni Web.

SSO (Single Sign On)

Se si seleziona l'opzione Single Sign On, l'utente accede una volta all'applicazione BI Launch Pad, e successivamente sarà in grado di connettersi ai server backend di Analysis senza dover immettere nuovamente nome utente e password. Analysis (attraverso MDAS) recupera automaticamente le credenziali dalla sessione corrente di BI Launch Pad e le trasmette al server.

I seguenti provider OLAP supportano Single Sign On:

Provider

SAP BW

Autenticazione

Autenticazione SAP, incluso SNC (Secure Network Communications)

Microsoft Analysis Services Windows Active Directory

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Connessioni origine dati © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

61

Provider

SAP Business Planning and

Consolidation

SAP BusinessObjects

Extended Analytics (solo v10)

SAP BusinessObjects

Profitability and Cost

Management

Autenticazione

Enterprise

Windows Active Directory, LDAP o Enterprise

Enterprise

Per Microsoft Analysis Services, il Single Sign On funziona solo se:

1. La piattaforma SAP BusinessObjects Business Intelligence è correttamente configurata per l'autenticazione

Active Directory in ambiente Java. Per ulteriori informazioni consultare il Manuale dell'amministratore della

piattaforma SAP BusinessObjects Business Intelligence e le informazioni tecniche sulla configurazione

dell'autenticazione Active Directory tramite server di applicazioni Java.

2. Tutte le istanze di CMS e MDAS devono essere avviate con lo stesso account di dominio. Questo account di servizio deve essere attendibile per la delega in Active Directory.

3. L'utente accede a BI Launch Pad utilizzando il plug-in di autenticazione di Active Directory.

Predefinito

Con questa opzione selezionata, l'amministratore immette un nome utente e una password specifici, che vengono archiviati come parte dell'oggetto di connessione. Il nome utente e la password archiviati verranno sempre utilizzati per l'autenticazione del server backend, quando si accede a questo oggetto connessione da Analysis.

Come per l'opzione Single Sign On, questo tipo di autenticazione non richiede l'immissione di nome utente e password da parte dell'utente finale in Analysis. Tuttavia, poiché per ogni utente che accede al cubo tramite questa connessione vengono utilizzate le stesse credenziali, questa opzione non è sempre appropriata.

8.2 Modifica delle impostazioni di connessione

Se esiste una connessione a un'origine dati OLAP, ma i relativi dettagli sono cambiati, è possibile modificare le impostazioni di connessione. Per modificare la connessione, è necessario disporre di diritti sufficienti per le cartelle.

8.2.1 Per modificare le impostazioni di connessione

1. Avviare Central Management Console.

In Windows fare clic, ad esempio, su Start Programmi Piattaforma SAP BusinessObjects Business

Intelligence 4 Piattaforma SAP BusinessObjects Business Intelligence Central Management Console .

62 © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Connessioni origine dati

2. Collegarsi alla CMC.

3.

Nell'area Organizza della CMC, selezionare Connessioni OLAP .

Viene visualizzato un elenco delle connessioni esistenti.

Nota

Se nell'elenco non è presente alcuna connessione, è necessario creare una nuova connessione OLAP per consentire agli analisti di dati di iniziare a utilizzare gli spazi di lavoro di Analysis.

4.

Selezionare la connessione da modificare e fare clic su Modifica connessione .

Nota

Se non si dispone dell'autorizzazione "Aggiungi oggetti alla cartella" nel sistema della piattaforma BI, non è possibile modificare una connessione, pertanto il pulsante Modifica connessione non è disponibile.

È possibile modificare il contenuto di qualsiasi campo per riconfigurare la connessione OLAP.

5. Fare clic su Salva per salvare le nuove impostazioni di connessione.

Temi collegati

Per modificare le impostazioni di connessione [pagina 62]

Impostazioni di connessione per le origini dati

[pagina 64]

8.3 Eliminazione di una connessione

Se una connessione origine dati non viene più utilizzata, è possibile eliminarla.

Nota

Se si elimina una connessione ancora utilizzata da uno spazio di lavoro, lo spazio di lavoro viene reso inutilizzabile. Pertanto, prima di eliminare la connessione, è necessario verificare in Central Management

Console che gli spazi di lavoro non utilizzino connessioni.

Temi collegati

Gestione delle connessioni origine dati Analysis

[pagina 70]

8.3.1 Per eliminare una connessione

1. Avviare la Central Management Console.

Ad esempio, in Windows fare clic su Start Tutti i programmi SAP Business Intelligence Piattaforma

SAP BusinessObjects BI 4 Central Management Console della piattaforma SAP BusinessObjects BI .

2. Collegarsi alla CMC.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Connessioni origine dati © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

63

3.

Nell'area Organizza della CMC, selezionare Connessioni OLAP .

Viene visualizzato un elenco delle connessioni esistenti.

4. Selezionare la connessione da eliminare.

5. Dal menu, selezionare Gestisci Elimina .

8.4 Spostamento di una connessione in un'altra cartella

È possibile spostare connessioni origini dati da una cartella all'altra nella CMC.

8.4.1 Per spostare un oggetto connessione

1. Avviare la Central Management Console.

Ad esempio, in Windows fare clic su Start Tutti i programmi SAP Business Intelligence Piattaforma

SAP BusinessObjects BI 4 Central Management Console della piattaforma SAP BusinessObjects BI .

2. Collegarsi alla CMC.

3.

Nell'area Organizza della CMC, selezionare Connessioni OLAP .

4. Selezionare la connessione da spostare.

5. Scegliere Organizza Sposta in .

6. Selezionare una cartella di destinazione e fare clic su Sposta .

8.5 Impostazioni di connessione per le origini dati

In questa sezione vengono descritte le impostazioni di connessione specifiche del provider per tutte le origini dati

OLAP supportate:

Impostazioni di connessione per origini dati SAP NetWeaver Business Warehouse

[pagina 65]

Impostazioni di connessione per origini dati Microsoft Analysis Services [pagina 66]

Impostazioni di connessione per le origini dati di SAP BusinessObjects Profitability and Cost Management

[pagina 67]

Impostazioni di connessione per le origini dati di SAP BusinessObjects Extended Analytics [pagina 67]

Impostazioni di connessione per le origini dati di SAP BusinessObjects Planning and Consolidation [pagina

68]

Impostazioni di connessione per le origini dati SAP HANA [pagina 68]

Impostazioni di connessione per le origini dati Teradata [pagina 69]

Impostazioni di connessione per le origini dati Oracle OLAP

[pagina 69]

Per ulteriori informazioni, consultare la documentazione dei relativi prodotti.

64 © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Connessioni origine dati

8.5.1 Impostazioni di connessione per origini dati SAP

NetWeaver Business Warehouse

Connessione a un server di applicazioni

Per connettersi direttamente a un server di applicazioni SAP BW, scegliere Server per Tipo di server. Per stabilire una connessione a un server di applicazioni sono necessarie le seguenti informazioni:

● Sistema: l'ID del sistema SAP, a tre caratteri

● Server: il nome o l'indirizzo IP del server di applicazioni

● Numero di sistema

● Client: il numero client a tre cifre

Connessione a un gruppo di accesso

È possibile sfruttare il bilanciamento del carico SAP connettendosi a un gruppo di accesso. Per connettersi a un gruppo di accesso, scegliere Gruppo per Tipo di server. Per stabilire una connessione a un gruppo di accesso sono necessarie le seguenti informazioni:

● Sistema: l'ID del sistema SAP, a tre caratteri

● Gruppo: il nome del gruppo di accesso

● Server messaggi: il nome o l'indirizzo IP del server messaggi

● Client: il numero client a tre cifre

Impostazione di una lingua

Il campo della lingua accetta un codice lingua ISO a due caratteri. Ad esempio, immettere EN per l'inglese, DE per il tedesco o FR per il francese. Il codice lingua immesso in questo campo verrà utilizzato al momento della connessione al server per scegliere un'origine dati.

È inoltre possibile scegliere se salvare o meno il codice lingua come parte dell'oggetto connessione origine dati. Se si sceglie di salvare la lingua, tutti gli spazi di lavoro Analysis che fanno riferimento all'origine dati in questione eseguiranno l'accesso con la lingua specificata.

Se la lingua non viene salvata, gli spazi di lavoro Analysis che fanno riferimento all'origine dati accederanno con la lingua della sessione della piattaforma BI attiva dell'utente.

Tipi di autenticazione

Per le origini dati SAP BW, sono supportati i seguenti tipi di autenticazione:

● Prompt

Richiede all'utente un nome utente e una password SAP da autenticare all'origine dati.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Connessioni origine dati © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

65

● SSO

Quando l'utente apre uno spazio di lavoro Analysis, l'applicazione recupera le informazioni di accesso a SAP dalla sessione della piattaforma BI corrente dell'utente. All'utente non viene richiesto di immettere nome utente o password.

Affinché questa opzione funzioni, la piattaforma SAP BusinessObjects Business Intelligence deve essere configurata correttamente per l'autenticazione SAP. Per ulteriori informazioni, consultare la sezione sull'“autenticazione SAP” del Manuale dell'amministratore della piattaforma SAP BusinessObjects Business

Intelligence.

● Predefinito

Connessione all'origine dati con il nome utente e la password SAP salvati come parte della connessione.

8.5.2 Impostazioni di connessione per origini dati Microsoft

Analysis Services

Queste impostazioni di connessione sono configurabili con origini dati Microsoft OLAP come Microsoft SQL

Server 2012 Analysis Services.

Impostazione

Informazioni server

Descrizione

Connettersi a un cubo in un server di Analysis Services fornendo l'URL all'istanza di IIS che elabora le richieste XMLA per il server. Ad esempio: http://<nome server

IIS>/olap/msmdpump.dll, in cui <nome server IIS> è il nome del server IIS. È possibile utilizzare localhost come nome del server IIS se tutto è installato su un solo server.

Tipo di autenticazione Impostare il tipo di autenticazione da utilizzare quando gli utenti creano nuovi spazi di lavoro o accedono agli spazi di lavoro già esistenti. Sono disponibili le opzioni riportate di seguito:

● Prompt

Vengono sempre richieste agli utenti le credenziali di accesso.

● SSO (Single Sign On)

Utilizza le credenziali che gli utenti immettono quando accedono alle proprie sessioni di BI Launch Pad.

● Condizioni

Utilizzare sempre il nome utente e la password specificati al momento della creazione della connessione da parte dell'amministratore.

Per ulteriori informazioni consultare la documentazione fornita da Microsoft per Analysis Services disponibile come componente dell'installazione di Microsoft SQL Server Analysis Services o sul sito Web MSDN all'indirizzo http://msdn.microsoft.com/library/.

.

Per ulteriori informazioni sulla configurazione dell'accesso HTTP a SQL Server Analysis Services, consultare l'articolo di Microsoft all'indirizzo: http://technet.microsoft.com/en-us/library/cc917711.aspx

.

66 © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Connessioni origine dati

8.5.3 Impostazioni di connessione per le origini dati di SAP

BusinessObjects Profitability and Cost Management

Queste impostazioni di connessione sono configurabili con le origini dati di Profitability and Cost Management:

Impostazione

Informazioni server

Descrizione

Connettersi a un cubo in un server di Profitability and Cost Management fornendo l'URL al server Web che elabora le richieste XMLA per il server.

Tipo di autenticazione Impostare il tipo di autenticazione da utilizzare quando gli utenti creano nuovi spazi di lavoro o accedono agli spazi di lavoro già esistenti. Sono disponibili le opzioni riportate di seguito:

● Prompt

Vengono sempre richieste agli utenti le credenziali di accesso.

● SSO (Single Sign On)

Utilizza le credenziali che gli utenti immettono quando accedono alle proprie sessioni di BI Launch Pad.

● Condizioni

Utilizzare sempre il nome utente e la password specificati al momento della creazione della connessione da parte dell'amministratore.

Per ulteriori informazioni, consultare la documentazione di Profitability and Cost Management.

8.5.4 Impostazioni di connessione per le origini dati di SAP

BusinessObjects Extended Analytics

Queste impostazioni di connessione sono configurabili con le origini dati Extended Analytics:

Impostazione

Informazioni server

Descrizione

Connettersi a un cubo in un server di Extended Analytics fornendo l'URL al server Web che elabora le richieste XMLA per il server.

Tipo di autenticazione Impostare il tipo di autenticazione da utilizzare quando gli utenti creano nuovi spazi di lavoro o accedono agli spazi di lavoro già esistenti. Sono disponibili le opzioni riportate di seguito:

● Prompt

Vengono sempre richieste agli utenti le credenziali di accesso.

● SSO (Single Sign On) (disponibile solo con Extended Analytics versione 10)

Utilizza le credenziali che gli utenti immettono quando accedono alle proprie sessioni di BI Launch Pad.

● Condizioni

Utilizzare sempre il nome utente e la password specificati al momento della creazione della connessione da parte dell'amministratore.

Per ulteriori informazioni, consultare la documentazione di Extended Analytics.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Connessioni origine dati © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

67

8.5.5 Impostazioni di connessione per le origini dati di SAP

BusinessObjects Planning and Consolidation

Queste impostazioni di connessione sono configurabili con le origini dati Planning and Consolidation:

Impostazione

Informazioni server

Descrizione

Connettersi a un cubo in un server di Planning and Consolidation fornendo l'URL al server Web che elabora le richieste XMLA per il server.

Tipo di autenticazione Impostare il tipo di autenticazione da utilizzare quando gli utenti creano nuovi spazi di lavoro o accedono agli spazi di lavoro già esistenti. Sono disponibili le opzioni riportate di seguito:

● Prompt

Vengono sempre richieste agli utenti le credenziali di accesso.

● SSO (Single Sign On)

Utilizza le credenziali che gli utenti immettono quando accedono alle proprie sessioni di BI Launch Pad.

● Condizioni

Utilizzare sempre il nome utente e la password specificati al momento della creazione della connessione da parte dell'amministratore.

Per ulteriori informazioni, consultare la documentazione di Planning and Consolidation.

8.5.6 Impostazioni di connessione per le origini dati SAP

HANA

Queste impostazioni di connessione sono configurabili con le origini dati SAP HANA:

Impostazione

Server

Porta

Descrizione

Digitare il nome del server.

Digitare il numero di porta JDBC per la connessione.

Tipo di autenticazione Impostare il tipo di autenticazione da utilizzare quando gli utenti creano nuovi spazi di lavoro o accedono agli spazi di lavoro già esistenti. Sono disponibili le opzioni riportate di seguito:

● Prompt

Vengono sempre richieste agli utenti le credenziali di accesso.

● Condizioni

Utilizzare sempre il nome utente e la password specificati al momento della creazione della connessione da parte dell'amministratore.

Per ulteriori informazioni, consultare la documentazione relativa a SAP HANA disponibile nel SAP Help Portal all'indirizzo http://help.sap.com

.

68 © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Connessioni origine dati

8.5.7 Impostazioni di connessione per le origini dati Teradata

Queste impostazioni di connessione sono configurabili con le origini dati Teradata OLAP:

Impostazione

Informazioni server

Descrizione

Digitare l'URL di un server Teradata che elabora le richieste XMLA.

Tipo di autenticazione Impostare il tipo di autenticazione da utilizzare quando gli utenti creano nuovi spazi di lavoro o accedono agli spazi di lavoro già esistenti. Sono disponibili le opzioni riportate di seguito:

● Prompt

Vengono sempre richieste agli utenti le credenziali di accesso.

● Condizioni

Utilizzare sempre il nome utente e la password specificati al momento della creazione della connessione da parte dell'amministratore.

Per ulteriori informazioni, consultare la documentazione di Teradata.

8.5.8 Impostazioni di connessione per le origini dati Oracle

OLAP

Le seguenti impostazioni di connessione sono configurabili con le origini dati che si connettono al provider di dati

Oracle OLAP per SAP BusinessObjects Business Intelligence.

Nota

È necessario installare e configurare il provider di dati Oracle OLAP prima di creare questo tipo di connessione alle origini dati.

Impostazione

Informazioni server

Descrizione

Connettersi a un cubo su un server Oracle OLAP fornendo l'URL del server Web che elabora le richieste XMLA per il server, ad esempio http://

<<server>> : <<porta>> /M4OXmlaWebService/services/XmlaWebService/

Tipo di autenticazione Impostare il tipo di autenticazione da utilizzare quando gli utenti creano nuovi spazi di lavoro o accedono agli spazi di lavoro già esistenti. Sono disponibili le opzioni riportate di seguito:

● Prompt

Vengono sempre richieste agli utenti le credenziali di accesso.

● Predefinito

Utilizzare sempre il nome utente e la password specificati al momento della creazione della connessione da parte dell'amministratore.

● Se viene visualizzato un messaggio intitolato Impossibile ottenere le connessioni per la connessione [{0}] utilizzando le impostazioni locali della sessione [{1}], il server

Web in uso potrebbe non essere configurato in maniera tale da accettare connessioni da server remoti.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Connessioni origine dati © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

69

● Se viene visualizzato un messaggio intitolato Impossibile esplorare le connessioni mediante la risorsa [{0}]: si è verificata un'eccezione RuntimeException…, verificare di aver digitato le credenziali corrette.

Per ulteriori informazioni, consultare la documentazione di Oracle OLAP.

Temi collegati

Panoramica del provider di dati Oracle OLAP

[pagina 21]

Abilitazione del fornitore di dati Oracle OLAP per l'analisi [pagina 38]

8.6 Gestione delle connessioni origine dati Analysis

La Central Management Console (CMC) è uno strumento di amministrazione basato sul Web per la gestione di connessioni origine dati e spazi di lavoro di Analysis, account utente, diritti, cartelle, impostazioni del server e codici di licenza. Per accedere alla CMC, è necessario essere un amministratore della piattaforma BI.

Per informazioni sull'accesso alla CMC, consultare il Manuale dell'amministratore della piattaforma SAP

BusinessObjects Business Intelligence.

Nella CMC è possibile modificare le proprietà degli oggetti connessione origine dati di Analysis salvati. È inoltre possibile visualizzare un elenco degli spazi di lavoro che utilizzano l'origine dati.

8.6.1 Modifica del titolo e della descrizione di un a connessione origine dati Analysis

Nella CMC è possibile modificare le proprietà titolo e descrizione degli oggetti connessione origine dati di Analysis salvati.

8.6.1.1 Per modificare le proprietà degli oggetti connessione origine dati esistenti

1. Avviare la Central Management Console.

Ad esempio, in Windows fare clic su Start Tutti i programmi SAP Business Intelligence Piattaforma

SAP BusinessObjects BI 4 Central Management Console della piattaforma SAP BusinessObjects BI .

2. Collegarsi alla CMC.

3.

Nell'area Organizza della CMC, selezionare Connessioni OLAP .

Viene visualizzato un elenco di tutte le connessioni origine dati.

4. Fare doppio clic su una connessione per aprire la relativa pagina Proprietà.

5. Apportare le modifiche desiderate e fare clic su Salva .

70 © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Connessioni origine dati

8.6.2 Visualizzazione di un elenco di spazi di lavoro che utilizzano una connessione origine dati

Una connessione origine dati di Analysis può essere utilizzata da diversi spazi di lavoro. Prima di eliminare una connessione, verificare che l'elenco degli spazi di lavoro che utilizzano questa connessione sia vuoto.

8.6.2.1 Per visualizzare un elenco di spazi di lavoro che utilizzano una connessione origine dati

1. Avviare la Central Management Console.

Ad esempio, in Windows fare clic su Start Tutti i programmi SAP Business Intelligence Piattaforma

SAP BusinessObjects BI 4 Central Management Console della piattaforma SAP BusinessObjects BI .

2. Collegarsi alla CMC.

3.

Nell'area Organizza della CMC, selezionare Connessioni OLAP .

4. Selezionare una connessione e fare clic su Azioni Spazi di lavoro .

In alternativa, è possibile fare clic con il pulsante destro del mouse sulla connessione e selezionare Spazi di lavoro .

Viene visualizzato l'elenco degli spazi di lavoro che utilizzano al momento la connessione origine dati.

8.6.3 Modifica dell'accesso alle connessioni origini dati

Analysis

Dopo aver salvato una connessione alla piattaforma BI, è possibile utilizzare la console CMC per modificare le autorizzazioni di accesso.

8.6.3.1 Per modificare l'accesso alle connessioni origini dati

1. Avviare la Central Management Console.

Ad esempio, in Windows fare clic su Start Tutti i programmi SAP Business Intelligence Piattaforma

SAP BusinessObjects BI 4 Central Management Console della piattaforma SAP BusinessObjects BI .

2. Collegarsi alla CMC.

3.

Nell'area Organizza della CMC, selezionare Connessioni OLAP .

4. Selezionare una connessione origine dati e fare clic su Gestisci Protezione utente .

In alternativa, fare clic con il pulsante destro del mouse sulla connessione origini dati e selezionare Protezione utente .

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Connessioni origine dati © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

71

5. Fare clic sul nome dell'utente o del gruppo per il quale si desidera modificare l'accesso, quindi fare clic su

Assegna protezione .

6. Assegnare i livelli di accesso o i diritti appropriati, quindi fare clic su OK .

Nota

Se una delle caselle di controllo Eredità è selezionata, i livelli di accesso o i diritti assegnati potrebbero essere sostituiti dall'accesso ereditato. Per ulteriori informazioni sull'assegnazione dei diritti e dei livelli di accesso, vedere la sezione “Impostazione di diritti” del Manuale dell'amministratore della piattaforma SAP

BusinessObjects Business Intelligence.

8.6.4 Sostituzione di una connessione origine dati di Analysis

In alcuni casi potrebbe essere necessario sostituire l'origine dati utilizzata da uno spazio di lavoro. Di seguito sono riportati i motivi per i quali potrebbe essere necessario sostituire un'origine dati:

● L'origine dati utilizzata dallo spazio di lavoro è stata eliminata e gli utenti non riescono più ad aprire lo spazio di lavoro.

● Si desidera modificare alcune informazioni della connessione origine dati (ad esempio, per stabilire la connessione a un altro server) ma senza modificare l'oggetto connessione origine dati esistente. Oppure, si desidera creare una nuova connessione origine dati e aggiornare lo spazio di lavoro per utilizzare tale connessione.

8.6.4.1 Per sostituire una connessione origine dati

1. Avviare la Central Management Console.

Ad esempio, in Windows fare clic su Start Tutti i programmi SAP Business Intelligence Piattaforma

SAP BusinessObjects BI 4 Central Management Console della piattaforma SAP BusinessObjects BI .

2. Collegarsi alla CMC.

3.

Nell'area Organizza della CMC, selezionare Cartelle o Cartelle personali .

4. Espandere l'elenco delle cartelle per individuare lo spazio di lavoro di cui si desidera sostituire la connessione.

5. Selezionare lo spazio di lavoro e selezionare Connessioni dal menu Azioni .

6. Fare clic su Sostituisci connessione nella parte superiore della pagina che elenca le connessioni.

7. Nella colonna Connessione corrente , individuare la connessione da sostituire, quindi nella colonna Sostituisci con , fare clic sulla freccia alla destra del nome della connessione per aprire un elenco delle connessioni disponibili.

8. Scegliere una connessione dall'elenco.

9. Per applicare le modifiche a tutti gli spazi di lavoro che utilizzano la stessa connessione, selezionare l'opzione

Applica modifiche a tutti gli spazi di lavoro .

10. Fare clic su Salva , quindi su Chiudi .

Dopo la sostituzione della connessione, aprire lo spazio di lavoro in BI Launch Pad per verificare che lo spazio di lavoro sia collegato alla nuova connessione.

72 © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Connessioni origine dati

Nota

La connessione corrente e la nuova connessione devono avere lo stesso layout di dati.

Nota

Tutte le connessioni in uno spazio di lavoro di Analysis devono essere diverse. Se si sostituiscono più connessioni con la stessa nuova connessione, è necessario verificare che tutte le connessioni siano differenti. Se le connessioni non sono tutte differenti, lo spazio di lavoro non verrà aperto.

Nota

Quando si seleziona l'opzione Applica modifiche a tutti gli spazi di lavoro , gli spazi di lavoro che già utilizzano la nuova connessione non verranno modificati.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Connessioni origine dati © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

73

9 Gestione degli spazi di lavoro

9.1 Presentazione

La Central Management Console (CMC) è uno strumento di amministrazione basato sul Web per la gestione di connessioni origine dati e spazi di lavoro di Analysis, account utente, diritti, cartelle, impostazioni del server e codici di licenza. Per accedere alla CMC, è necessario essere un amministratore della piattaforma BI.

Dalla CMC è possibile modificare le proprietà di uno spazio di lavoro di Analysis salvato.

9.2 Modifica del titolo, della descrizione e delle parole chiave di uno spazio di lavoro di Analysis

È possibile utilizzare la CMC o BI Launch Pad per modificare il titolo, la descrizione e le parole chiave di uno spazio di lavoro Analysis pubblicato nella piattaforma SAP BusinessObjects Business Intelligence.

9.2.1 Modifica del titolo, della descrizione e delle parole chiave di uno spazio di lavoro di Analysis nella CMC

1. Avviare la Central Management Console.

Ad esempio, in Windows fare clic su Start Tutti i programmi SAP Business Intelligence Piattaforma

SAP BusinessObjects BI 4 Central Management Console della piattaforma SAP BusinessObjects BI .

2. Collegarsi alla CMC.

3.

Nell'area Organizza della CMC, selezionare Cartelle o Cartelle personali .

4. Espandere l'elenco delle cartelle per individuare lo spazio di lavoro di cui si desidera modificare le proprietà, quindi fare doppio clic sul titolo dello spazio di lavoro per aprire la pagina Proprietà.

5. Apportare le modifiche desiderate e fare clic su Salva .

9.2.2 Modifica del titolo, della descrizione e delle parole chiave di uno spazio di lavoro di Analysis in BI Launch Pad

1. Avviare BI Launch Pad e accedere.

Ad esempio, in Windows fare clic su Start Tutti i programmi SAP Business Intelligence Piattaforma

SAP BusinessObjects BI 4 Central Management Console della piattaforma SAP BusinessObjects BI .

2. Fare clic sulla scheda Documenti .

74 © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Gestione degli spazi di lavoro

3. Espandere l'elenco delle cartelle per individuare lo spazio di lavoro di cui si desidera modificare le proprietà, quindi selezionare il titolo dello spazio di lavoro.

4. Fare clic su Visualizza Proprietà per aprire la pagina Proprietà.

5. Apportare le modifiche desiderate e fare clic su OK .

9.3 Visualizzazione di un elenco di connessioni collegate allo spazio di lavoro

Uno spazio di lavoro Analysis può essere collegato a più oggetti connessione origine dati.

9.3.1 Per visualizzare un elenco di oggetti di connessione collegati allo spazio di lavoro

1. Avviare la Central Management Console.

Ad esempio, in Windows fare clic su Start Tutti i programmi SAP Business Intelligence Piattaforma

SAP BusinessObjects BI 4 Central Management Console della piattaforma SAP BusinessObjects BI .

2. Collegarsi alla CMC.

3.

Nell'area Organizza della CMC, selezionare Cartelle o Cartelle personali .

4. Espandere l'elenco delle cartelle per individuare lo spazio di lavoro di cui si desidera visualizzare le connessioni.

5. Selezionare lo spazio di lavoro e fare clic su Azioni Connessioni .

Verranno elencati tutti gli oggetti di connessione collegati allo spazio di lavoro.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Gestione degli spazi di lavoro © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

75

10 Scala e prestazioni

10.1 Clustering delle istanze di MDAS

Il Servizio di analisi multidimensionale è intrinsecamente associato alla memoria. Con l'aumento del numero di utenti e il conseguente aumento del numero di query da gestire, aumentano anche i requisiti di memoria del

MDAS.

Per questo motivo può essere opportuno eseguire il clustering di più istanze di MDAS. Analysis identifica e utilizza automaticamente le istanze di MDAS in cluster senza richiedere ulteriori configurazioni.

Per ulteriori informazioni sui cluster di server e servizi della piattaforma BI, incluso il servizio MDAS, consultare il

Manuale dell'amministratore della piattaforma SAP BusinessObjects Business Intelligence.

Per ulteriori informazioni sull'ottimizzazione della memoria, consultare la SAP BusinessObjects BI Sizing

Companion Guide.

10.2 Bilanciamento del carico

Come per altri servizi della piattaforma BI, è possibile installare più istanze del servizio MDAS. Dopo avere installato MDAS in un unico computer, è possibile creare più istanze di MDAS in tale computer mediante la Central

Management Console.

È inoltre possibile installare MDAS in computer diversi per distribuire il carico.

Per ulteriori informazioni sui cluster di server e servizi della piattaforma BI, incluso il servizio MDAS, consultare il

Manuale dell'amministratore della piattaforma SAP BusinessObjects Business Intelligence.

Temi collegati

Failover del server [pagina 14]

Clustering delle istanze di MDAS [pagina 76]

10.3 Ottimizzazione delle prestazioni

È possibile ottimizzare le prestazioni di Analysis seguendo le indicazioni contenute nella SAP BusinessObjects BI

Sizing Companion Guide.

76 © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Scala e prestazioni

11 Monitoraggio e registrazione

11.1 Auditing

Controllo è una funzionalità della piattaforma BI che consente agli amministratori di tenere un record degli eventi significativi in server e applicazioni della piattaforma BI, come l'apertura di connessioni origini dati e la modifica di spazi di lavoro. Le informazioni registrate consentono di comprendere a quali informazioni accedono gli utenti e in che modo, come vengono modificate le informazioni e chi esegue queste operazioni.

Analysis registra un evento di controllo ogni volta che viene eseguita una delle operazioni seguenti:

● Creazione di un nuovo spazio di lavoro o di una visualizzazione analisi

● Salvataggio di uno spazio di lavoro o di una visualizzazione analisi

● Eliminazione di uno spazio di lavoro o di una visualizzazione analisi

● Visualizzazione di uno spazio di lavoro o di una visualizzazione analisi

● Esportazione di uno spazio di lavoro o di una visualizzazione analisi in un diverso formato

● Connessione a MDAS

● Chiusura di una connessione MDAS

● Connessione a un'origine dati

● Chiusura di una connessione a un'origine dati

Per ulteriori informazioni su questa funzionalità, vedere la sezione “Controllo” del Manuale dell'amministratore

della piattaforma SAP BusinessObjects Business Intelligence.

11.2 Registrazione analisi

L'analisi consente agli amministratori di sistema e al personale di supporto di monitorare le prestazioni dei componenti della piattaforma BI (server e applicazioni Web) e l'attività svolta all'interno dei componenti monitorati.

Le analisi sono registrazioni di eventi che si verificano durante il funzionamento di un componente monitorato. I messaggi a livello di sistema generati dai server della piattaforma BI vengono analizzati e scritti nei file di registro.

I file di registro vengono utilizzati dagli amministratori di sistema per il monitoraggio delle prestazioni o per il debug.

Per ulteriori informazioni sull'analisi, consultare la sezione “Gestione e configurazione dei registri” nel Manuale

dell'amministratore della piattaforma SAP BusinessObjects Business Intelligence.

11.3 Abilitazione delle statistiche per Analysis su un server

SAP BW

Per abilitare le statistiche su un server SAP BW per Analysis, versione per OLAP, è necessario eseguire le seguenti operazioni:

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Monitoraggio e registrazione © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

77

1. Abilitare le statistiche sul server SAP BW per la query BEx o l'InfoProvider di cui si desidera registrare le statistiche.

2. Sul server della piattaforma BI aprire il file mdas.properties.

Nei sistemi Windows il file mdas.properties si trova in questa directory:

<<DIR_INSTALL_BOE>> \SAP BusinessObjects\SAP BusinessObjects Enterprise XI 4.0\java

\pjs\services\MDAS\resources\com\businessobjects\multidimensional\services\ dove <<DIR_INSTALL_BOE>> è il percorso dei file della directory di installazione (per impostazione predefinita C:\Programmi (x86)\).

Nei sistemi Unix il file mdas.properties si trova in questa directory:

<<DIR_INSTALL_BOE>> /sap_bobj/enterprise_xi40/java/ pjs/services/MDAS/resources/com/ businessobjects/multidimensional/services/

3. Modificare il valore della proprietà multidimensional.services.bics.profiling.enabled da false a true. Salvare e chiudere il file.

4. Aprire la console CMC (Central Management Console) e riavviare l'istanza di Adaptive Processing Server che ospita il Servizio di analisi multidimensionale (MDAS).

5. Utilizzando Collegamento SAP, attivare le statistiche tramite la transazione RSDDSTAT e impostare la registrazione sulla query BEx o l'InfoProvider.

6. Dopo aver eseguito il workflow desiderato in Analysis, versione per OLAP tramite la query per cui è sono state abilitate le statistiche, è possibile accedere ai dati statistici tramite la transazione SE16 ed esaminare la tabella

RSDDSTAT_OLAP.

Per ulteriori informazioni, fare riferimento alla documentazione relativa a SAP NetWeaver disponibile nel SAP

Help Portal all'indirizzo http://help.sap.com/ . Ad esempio, per SAP NetWeaver 7.3, aprire SAP NetWeaver

Library: Function-Oriented View e fare clic su Business Warehouse Generic Tools and Services BW

Statistics .

se non si desidera più registrare le statistiche per Analysis sul server SAP BW, è necessario annullare queste modifiche. Disabilitare le statistiche per la query BEx o l'InfoProvider, impostare la proprietà multidimensional.services.bics.profiling.enabled di nuovo su false, quindi riavviare l'istanza di

Adaptive Processing Server che ospita MDAS. Utilizzando Collegamento SAP, disattivare le statistiche tramite la transazione RSDDSTAT.

Temi collegati

File di configurazione per il server MDAS

[pagina 52]

Riavvio del Servizio di analisi multidimensionale

[pagina 51]

78 © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Monitoraggio e registrazione

12 Considerazioni su Microsoft Analysis

Services

12.1 Configurazione di IIS per la connettività MSAS

Per configurare IIS per la connettività MSAS, eseguire la procedura seguente.

Nota

Questi passaggi sono basati su Microsoft Windows Server 2008 R2. Per configurare IIS in Microsoft Windows

Server 2003, consultare il seguente articolo Microsoft TechNet: http://technet.microsoft.com/en-us/library/ cc917711.aspx

.

1.

Copia dei file richiesti

[pagina 79]

2.

Creazione di un pool di applicazioni [pagina 80]

3.

Creazione di una directory virtuale [pagina 80]

4.

Configurazione della protezione [pagina 80]

5.

Configurazione di Estensione servizio Web

[pagina 81]

Al termine della procedura è possibile creare nuove connessioni alle origini dati MSAS.

Temi collegati

Creazione di connessioni di origine dati OLAP

[pagina 57]

Impostazioni di connessione per le origini dati

[pagina 64]

12.1.1 Copia dei file richiesti

Si presume che il server Windows sia già stato configurato per il ruolo Web Server (IIS). È possibile confermare o aggiungere questo ruolo utilizzando Gestione server. Fare clic su Start Esegui e digitare

ServerManager.msc

.

1. Creare una nuova cartella all'interno di c:\inetpub\wwwroot denominata olap.

2. Copiare la cartella e i file presenti all'interno della cartella SSAS isapi nella cartella IIS olap.

Ad esempio, se SQL Server 2008 R2 è installato, copiare tutto quel che è presente in c:\programmi

\microsoft sql server\msas10.mssqlserver\olap\bin\isapi in c:\inetpub\wwwroot\olap. La cartella olap deve ora contenere una cartella Risorse e due file: msmdpump.dll e msmdpump.ini.

3. Avviare Gestione IIS: fare clic su Start Esegui e digitare inetmgr .

4. Nel pannello Connessioni espandere “Siti”, quindi espandere “Sito Web predefinito” e verificare che sia stata aggiunta una cartella denominata olap.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Considerazioni su Microsoft Analysis Services © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

79

12.1.2 Creazione di un pool di applicazioni

1. Nel pannello Connessioni fare clic con il pulsante destro del mouse su “Pool di applicazioni” e scegliere

“Aggiungi pool di applicazioni”.

2. Nella finestra di dialogo “Aggiungi pool di applicazioni” immettere le seguenti informazioni e scegliere OK:

Nome

Versione .NET Framework

Modalità pipeline gestita

Avvia pool di applicazioni immediatamente olap

.NET Framework v2.0.50727

Modalità classica

Selezionare l'opzione

3. Nel pannello Connessioni fare clic su “Pool di applicazioni” e verificare che il pool di applicazioni “olap” sia ora visualizzato nel pannello “Pool di applicazioni”.

4. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul pool di applicazioni “olap” e scegliere “Impostazioni avanzate”.

5. Nella categoria “Generale” impostare “Attiva applicazioni a 32 bit” su “Falso”.

6. Nella categoria “Modello di processo” impostare “Identità” su “NetworkService” e scegliere OK.

12.1.3 Creazione di una directory virtuale

1. Se Gestione IIS non è già in esecuzione, avviarlo: fare clic su Start Esegui e digitare inetmgr .

2. Nel pannello Connessioni espandere “Siti” e quindi “Sito Web predefinito”.

3. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla cartella olap e scegliere “Aggiungi directory virtuale”.

4. Nella finestra di dialogo “Aggiungi directory virtuale” immettere le seguenti informazioni e scegliere OK:

Alias olap

Percorso fisico c:\inetpub\wwwroot\olap

5. Nel pannello Connessioni fare clic con il pulsante destro del mouse sulla cartella “olap” e scegliere “Converti in applicazione”.

6. Nella finestra di dialogo Aggiungi applicazione selezionare “olap” per il “Pool di applicazioni” e quindi scegliere

OK.

12.1.4 Configurazione della protezione

Sono disponibili più opzioni di autenticazione.

● L'autenticazione anonima viene abilitata per impostazione predefinita, ma deve essere disattivata, a meno che non si sia intenzionati a non utilizzare alcuna delle funzionalità di protezione SSAS. Con l'autenticazione anonima abilitata SSAS non può in alcun modo distinguere i diversi utenti. Tuttavia, l'abilitazione dell'autenticazione anonima può essere utile per la risoluzione dei problemi di connettività.

● L'autenticazione di base richiede l'immissione di nome utente e password. È obbligatorio abilitare l'autenticazione di base quando si definiscono connessioni OLAP nella CMC. Una volta definite le connessioni, l'autenticazione di base può essere disabilitata.

80 © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Considerazioni su Microsoft Analysis Services

● L'autenticazione Windows è la più sicura, oltre a essere quella consigliata, e deve essere abilitata per configurare il Single Sign On (SSO).

1. Nel pannello Connessioni selezionare l'applicazione “olap”.

Si tratta della cartella che è stata convertita in applicazione al passaggio “Creazione di una cartella virtuale”.

2. Scegliere la Visualizzazione funzionalità e aprire “Autenticazione” nella categoria delle funzionalità “IIS”.

3. Disabilitare “Autenticazione anonima” e abilitare “Autenticazione di base” e “Autenticazione Windows”.

12.1.5 Configurazione di Estensione servizio Web

1. Nel pannello Connessioni selezionare l'applicazione “olap”.

2. Scegliere la Visualizzazione funzionalità e aprire “Mapping gestori” nella categoria delle funzionalità “IIS”.

3. Fare clic con il pulsante destro del mouse su un'area vuota, senza opzioni selezionate, e scegliere “Aggiungi mapping di script”.

4. Nella finestra di dialogo “Aggiungi mapping di script” immettere le seguenti informazioni e scegliere OK:

Percorso richiesta

Eseguibile

*.dll

c:\inetpub\wwwroot\olap\msmdpump.dll

Nome olap

5. Fare clic su “Restrizioni richieste” e, nella scheda Verbi, selezionare “Tutti i verbi”.

6. Fare clic su Sì quando richiesto, per consentire l'estensione ISAPI.

12.2 Analysis, versione per OLAP e protezione tramite

Analysis Services

In questa sezione viene illustrato come impostare i servizi SAP BusinessObjects per l'autenticazione in Microsoft

Analysis Services.

12.2.1 Protezione ruolo Analysis Services

L'architettura di protezione di SQL Server Analysis Services e è basata sull'autenticazione Microsoft Windows. Per accedere ai dati in Analysis Services, gli utenti devono connettersi con un account che può essere autenticato da

Microsoft Windows. Analysis Services non riconosce gli account utente creati nel sistema di protezione di SQL

Server Database Engine (relazionale), ad esempio l'account incorporato dell'amministratore "sa". Dopo l'autenticazione dell'utente, Analysis Services verifica i ruoli di protezione a cui appartiene l'utente, per stabilire quali valori di cubi, dimensioni, membri e celle restituire.

Per consentire agli utenti di visualizzare i dati in un cubo Analysis Services da Analysis, è necessario innanzitutto definire i ruoli di protezione adeguati sul cubo di destinazione.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Considerazioni su Microsoft Analysis Services © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

81

12.2.1.1 Per definire un ruolo di protezione in Analysis

Services 2005 o 2008

1. Aprire Microsoft SQL Server Management Studio e connettersi all'istanza di Analysis Services.

2. Espandere la struttura della cartella del database.

3. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla cartella Ruoli e selezionare Nuovo ruolo .

4. Immettere un nome per il ruolo nel campo Nome ruolo e selezionare la casella di controllo Lettura definizione per assegnare i diritti di lettura agli utenti.

5. Fare clic su Appartenenza nel riquadro di sinistra e fare clic su Aggiungi per aggiungere l'elenco degli utenti del dominio a cui verrà assegnato l'accesso in lettura al database.

Nota

Se sono presenti molti utenti, potrebbe essere più efficace creare un gruppo in Active Directory per l'accesso OLAP e aggiungere tutti gli utenti al gruppo, quindi aggiungere semplicemente il gruppo all'elenco.

6. Selezionare le autorizzazioni utente appropriate facendo clic su Origini dati , Cubi , Dati delle celle , Dimensioni ,

Dati della dimensione e Strutture di data mining per decidere a quali aree gli utenti avranno l'accesso in lettura.

Nota

La quantità di dati a cui si desidera che gli utenti abbiano accesso dipende dai report creati, dalla protezione dell'organizzazione e dalla protezione conseguentemente pianificata.

12.2.2 Informazioni più dettagliate

Protezione e autenticazione di Analysis Services

● Per ulteriori informazioni su Kerberos, consultare la pagina Web all'indirizzo: http:// technet.microsoft.com/en-us/library/cc753173%28WS.10%29.aspx

● Guida all'abilitazione della registrazione degli eventi Kerberos per la risoluzione dei problemi: http:// support.microsoft.com/kb/q262177/

● Informazioni sull'utilizzo di SQL Profiler per l'analisi dei dati: http://msdn2.microsoft.com/en-us/library/ ms187929

● Download del Service Pack di SQL Server 2005/Analysis Services: http://technet.microsoft.com/en-us/ sqlserver/bb331754

● Download del Service Pack di SQL Server 2008/Analysis Services: http://support.microsoft.com/kb/968382

● Download del Service Pack di SQL Server 2008 R2/Analysis Services: http://support.microsoft.com/kb/

2527041

82 © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Considerazioni su Microsoft Analysis Services

Ordine di risoluzione del calcolo

● Spiegazioni Microsoft dell'ordine di risoluzione per Analysis Services: http://msdn2.microsoft.com/en-us/ library/ms145539

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Considerazioni su Microsoft Analysis Services © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

83

13 Conversione degli spazi di lavoro in

Analysis

13.1 Conversione di spazi di lavoro da Voyager ad Analysis, versione per OLAP

Per il passaggio da Voyager ad Analysis, versione per OLAP, utilizzare Upgrade Management Tool per convertire lo spazio di lavoro di Voyager in formato Analysis. L'Upgrade Management Tool viene fornito con la piattaforma

SAP BusinessObjects Business Intelligence.

Nota se si utilizza Voyager XI versione 2 o XI 3.0, è necessario aggiornarlo alla versione XI 3.1 per poter eseguire la conversione alla versione attuale di Analysis.

Lo strumento Upgrade Management fornisce due opzioni di aggiornamento, completo o incrementale:

● Aggiornamento completo

Con il processo di aggiornamento completo vengono convertiti tutti gli oggetti di ogni tipo. L'aggiornamento richiede un impegno e un'interazione minimi, ma possono essere necessarie molte ore per il completamento del processo.

● Aggiornamento incrementale

Il processo di aggiornamento incrementale consente di scegliere quali oggetti convertire. Gli oggetti sono raggruppati per tipo, così, ad esempio, è possibile selezionare tutti gli spazi di lavoro di Voyager.

Poiché le connessioni origini dati di Analysis presentano una formattazione diversa da quelle di Voyager, se si esegue l'aggiornamento completo, la conversione degli oggetti di Voyager non verrà eseguita. Pertanto, prima di convertire gli spazi di lavoro di Voyager, è necessario ricreare manualmente le connessioni origini dati di Voyager nella piattaforma SAP BusinessObjects Business Intelligence 4.0.

È possibile eseguire l'aggiornamento in due modi:

● Eseguire per prima cosa un aggiornamento completo. La conversione degli oggetti di Voyager non verrà eseguita, ma tutti gli altri oggetti saranno migrati correttamente. Al termine dell'aggiornamento completo, ricreare manualmente le connessioni origine dati di Voyager nella CMC della piattaforma SAP

BusinessObjects Business Intelligence 4.0. Quindi eseguire un aggiornamento incrementale per gli spazi di lavoro di Voyager.

● Ricreare manualmente le connessioni origine dati di Voyager nella CMC della piattaforma SAP

BusinessObjects Business Intelligence 4.0. Quindi eseguire un aggiornamento completo.

Nota

Quando si ricreano manualmente le connessioni alle origini dati, i nomi delle connessioni ad Analysis utilizzati nella versione 4.0 devono essere uguali ai nomi delle connessioni a Voyager utilizzati nella versione XI 3.1.

Per ulteriori informazioni consultare il Manuale di aggiornamento della piattaforma SAP BusinessObjects Business

Intelligence e il documento sulla conversione di spazi di lavoro da Voyager ad Analysis.

84 © 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

Manuale dell'amministratore di SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP

Conversione degli spazi di lavoro in Analysis

www.sap.com/contactsap

© 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.

Non è ammessa la riproduzione o la trasmissione del presente documento, né di alcuna delle sue parti, in qualsiasi formato o per qualsiasi fine senza l’esplicita autorizzazione di SAP AG. Le informazioni qui contenute sono soggette a modifica senza preavviso.

Alcuni prodotti software commercializzati da SAP AG e dai suoi distributori contengono componenti software di proprietà di altri produttori di software. Le specifiche nazionali dei prodotti possono variare.

Tali informazioni sono fornite da SAP AG e dalle sue affiliate

(“Gruppo SAP”) solo a scopo informativo, senza alcun fine illustrativo o di garanzia di qualsiasi natura; il Gruppo SAP non si assume alcuna responsabilità per eventuali errori od omissioni presenti nelle informazioni. Le uniche garanzie applicabili ai prodotti e ai servizi del Gruppo SAP sono quelle espressamente menzionate nelle apposite clausole contrattuali eventualmente previste per i singoli prodotti o servizi. Nessuna parte del presente documento è da interpretarsi come garanzia aggiuntiva.

SAP e gli altri prodotti e servizi SAP qui menzionati, nonché i relativi loghi, sono marchi o marchi registrati di SAP AG in Germania e in altri Paesi.

Per ulteriori informazioni e comunicazioni sui marchi consultare http://www.sap.com/corporate-en/legal/copyright/index.epx

annuncio pubblicitario

Scaricare PDF

annuncio pubblicitario

Indice