ROX ROX600 ROX1000 ROX1000/V1

ROX ROX600 ROX1000 ROX1000/V1
ROX
ROX600
ROX1000
ROX1000/V1
Per cancelli scorrevoli
IT - Istruzioni ed avvertenze per l’installazione e l’uso
SOMMARIO
AVVERTENZE GENERALI:
SICUREZZA - INSTALLAZIONE - USO
2
1 - DESCRIZIONE PRODOTTO E DESTINAZIONE D’USO
3
2 - LIMITI D’IMPIEGO
3
3 - INSTALLAZIONE
4
4 - COLLEGAMENTI ELETTRICI
4.1 - Tipologia cavi elettrici
4.2 - Collegamenti cavi elettrici 9
9
5 - AVVIO AUTOMAZIONE E VERIFICHE DEI COLLEGAMENTI
5.1 - Allacciamento dell’automazione alla rete elettrica
10
6 - COLLAUDO E MESSA IN SERVIZIO
6.1 - Collaudo
6.2 - Messa in servizio 11
12
7 - PROGRAMMAZIONE
GLOSSARIO 7.1 - Centrale di comando: tasti di programmazione 7.1.1 - Trimmer 7.2 - Funzioni programmabili
7.3 - Ricevitore radio integrato 7.3.1 - Memorizzazione dei trasmettitori radio 7.3.2 - Memorizzazione a distanza 7.3.3 - Cancellazione trasmettitori radio 12
13
13
14
15
15
16
16
8 - APPROFONDIMENTI
8.1 - Aggiungere o rimuovere dispositivi
8.2 - Alimentazione di dispositivi esterni 8.3 - Cancellazione totale della memoria del ricevitore
8.4 - Diagnostica
8.4.1 - Segnalazioni della centrale di comando 17
17
17
17
17
9 - SMALTIMENTO DEL PRODOTTO
18
10 - COSA FARE SE...
18
11 - MANUTENZIONE
18
12 - CARATTERISTICHE TECNICHE
19
DICHIARAZIONE CE DI CONFORMITÀ
20
Manuale per l’uso (da consegnare all’utilizzatore finale) 21
Italiano – 1
AVVERTENZE GENERALI: SICUREZZA - INSTALLAZIONE - USO (istruzioni originali in italiano)
ATTENZIONE
Istruzioni importanti per la sicurezza. Seguire tutte le istruzioni poiché l’installazione non corretta può causare
gravi danni
ATTENZIONE Istruzioni importanti per la sicurezza. Per la sicurezza delle persone è importante seguire queste istruzioni.
Conservare queste istruzioni
• Prima di iniziare l’installazione verificare le “Caratteristiche tecniche del prodotto”, in particolare se il presente prodotto è adatto ad automatizzare
la vostra parte guidata. Se non è adatto, NON procedere all’installazione
• Il prodotto non può essere utilizzato prima di aver effettuato la messa in servizio come specificato nel capitolo “Collaudo e messa in servizio”
ATTENZIONE Secondo la più recente legislazione europea, la realizzazione di un’automazione deve rispettare le norme armonizzate
previste dalla Direttiva Macchine in vigore, che consentono di dichiarare la presunta conformità dell’automazione.
In considerazione di ciò, tutte le operazioni di allacciamento alla rete elettrica, di collaudo, di messa in servizio e di
manutenzione del prodotto devono essere effettuate esclusivamente da un tecnico qualificato e competente!
• Prima di procedere con l’installazione del prodotto, verificare che tutto il materiale da utilizzare sia in ottimo stato ed adeguato all’uso
• Il prodotto non è destinato a essere usato da persone (bambini compresi) le cui capacità fisiche, sensoriali o mentali siano ridotte, oppure con
mancanza di esperienza o di conoscenza
• I bambini non devono giocare con l’apparecchio
• Non permettere ai bambini di giocare con i dispositivi di comando del prodotto. Tenere i telecomandi lontano dai bambini
ATTENZIONE Al fine di evitare ogni pericolo dovuto al riarmo accidentale del dispositivo termico di interruzione, questo apparecchio non deve
essere alimentato con un dispositivo di manovra esterno, quale un temporizzatore, oppure essere connesso a un circuito che
viene regolarmente alimentato o disalimentato dal servizio
• Nella rete di alimentazione dell’impianto prevedere un dispositivo di disconnessione (non in dotazione) con una distanza di apertura dei
contatti che consenta la disconnessione completa nelle condizioni dettate dalla categoria di sovratensione III
• Durante l’installazione maneggiare con cura il prodotto evitando schiacciamenti, urti, cadute o contatto con liquidi di qualsiasi natura.
Non mettere il prodotto vicino a fonti di calore, né esporlo a fiamme libere. Tutte queste azioni possono danneggiarlo ed essere causa di
malfunzionamenti o situazioni di pericolo. Se questo accade, sospendere immediatamente l’installazione e rivolgersi al Servizio Assistenza
• Il produttore non si assume alcuna responsabilità per danni patrimoniali, a cose o a persone derivanti dalla non osservanza delle istruzioni di
montaggio. In questi casi è esclusa la garanzia per difetti materiali
• Il livello di pressione acustica dell’emissione ponderata A è inferiore a 70 dB(A)
• La pulizia e la manutenzione destinata ad essere effettuata dall’utilizzatore non deve essere effettuata da bambini senza sorveglianza
• Prima degli interventi sull’impianto (manutenzione, pulizia), disconnettere sempre il prodotto dalla rete di alimentazione
• Verificare frequentemente l’impianto, in particolare controllare i cavi, le molle e i supporti per rilevare eventuali sbilanciamenti e segni di usura
o danni. Non usare se è necessaria una riparazione o una regolazione, poiché un guasto all’installazione o un bilanciamento della porta non
corretto possono provocare lesioni
• Il materiale dell’imballo del prodotto deve essere smaltito nel pieno rispetto della normativa locale
• Tenere le persone lontane dalla porta quando questa viene movimentata mediante gli elementi di comando
• Durante l’esecuzione della manovra controllare l’automazione e mantenere le persone lontano da essa, fino al termine del movimento
• Non comandare il prodotto se nelle sue vicinanze ci sono persone che svolgono lavori sull’automazione; scollegate l’alimentazione elettrica
prima di far eseguire questi lavori
• Se il cavo di alimentazione è danneggiato, esso deve essere sostituito dal costruttore o dal suo servizio di assistenza tecnica o comunque da
una persona con qualifica similare, in modo da prevenire ogni rischio
AVVERTENZE INSTALLAZIONE
• Prima di installare il motore di movimentazione, controllare che tutti gli organi meccanici siano in buone condizioni, regolarmente bilanciati e
che la porta possa essere manovrata correttamente
• Se il cancello da automatizzare è dotato di una porta pedonale occorre predisporre l’impianto con un sistema di controllo che inibisca il
funzionamento del motore quando la porta pedonale è aperta
• Assicurarsi che gli elementi di comando siano tenuti lontani dagli organi in movimento consentendone comunque una visione diretta.
A meno che non si utilizzi un selettore, gli elementi di comando vanno installati ad un’altezza minima di 1,5m e non devono essere accessibili
• Se il movimento di apertura è controllato da un sistema antincendio, assicurarsi che eventuali finestre maggiori di 200mm vengano chiuse
dagli elementi di comando
• Prevenire ed evitare ogni forma di intrappolamento tra le parti in movimento e quelle fisse durante le manovre
• Apporre in modo fisso e permanente l’etichetta riguardante la manovra manuale vicino all’elemento che consente la manovra stessa
• Dopo aver installato il motore di movimentazione assicurarsi che il meccanismo, il sistema di protezione ed ogni manovra manuale funzionino
correttamente
2 – Italiano
1
DESCRIZIONE PRODOTTO E DESTINAZIONE D’USO
ROX è un motoriduttore elettromeccanico destinato all’automatizzazione di cancelli scorrevoli per uso residenziale: dispone di una centrale elettronica di comando che incorpora un ricevitore radio 433,92 MHz con codifica FLO, FLOR, OPERA, HCS SMILO.
ATTENZIONE! – Qualsiasi altro uso diverso da quello descritto e in condizioni ambientali diverse da quelle riportate in questo
manuale è da considerarsi improprio e vietato!
2
LIMITI D’IMPIEGO
Tabella 1: limiti d’impiego riferiti all’uso quotidiano del cancello.
Tabella 2: limiti d’impiego riferiti alle dimensioni e peso del cancello.
La reale idoneità di ROX per automatizzare un cancello scorrevole dipende dagli attriti e da altri fenomeni (anche occasionali tipo presenza di
ghiaccio che potrebbe ostacolare il movimento dell’anta).
È necessario misurare la forza necessaria per muovere l’anta durante tutta la sua corsa e controllare che questa non superi il 25% del valore
della ‘forza massima’ (capitolo 12 - caratteristiche tecniche): si consiglia questo valore perché le condizioni climatiche avverse potrebbero far
aumentare gli attriti.
Tabella 1 – limiti d’impiego
ROX600
ROX1000
ROX1000/V1
Tipo di finecorsa
elettromeccanico
elettromeccanico
elettromeccanico
Lunghezza anta ‘ottimale’
(consigliata)
5m
5m
5m
Peso massimo anta
600 kg
1000 kg
1000 kg
Coppia massima allo spunto
18 Nm
24 Nm
24 Nm
Corrispondenti a forza massima
600 N
800 N
800 N
Tabella 2 – limiti d’impiego
ROX600
ROX1000
ROX1000/V1
Lunghezza
anta (m)
cicli/ora
massimi
cicli consecutivi
massimi
cicli/ora
massimi
cicli consecutivi
massimi
cicli/ora
massimi
cicli consecutivi
massimi
Fino a 4
40
20
40
20
60
30
4÷6
25
13
25
13
30
15
6÷8
20
10
20
10
24
12
8 ÷ 10
-
-
-
-
16
8
10 ÷ 12
-
-
-
-
-
-
Attenzione! Qualsiasi altro uso diverso o con misure superiori a quelle indicate è da considerarsi non conforme alla destinazione d’uso. Nice declina ogni responsabilità per danni causati da un impiego diverso.
Italiano – 3
3
INSTALLAZIONE
Importante! Prima di eseguire l’installazione del prodotto verificare capitolo 2 e capitolo 12 (caratteristiche tecniche).
La fig. 1 mostra il contenuto dell’imballo: verificare il materiale.
La fig. 2 mostra la posizione dei vari componenti di un impianto tipico
con accessori Nice:
a-motoriduttore ROX
b-fotocellule
c-colonnine per fotocellule
d-selettore a chiave / tastiera digitale
e-lampeggiante
f -cremagliera
1
2
E
F
D
D
C D
B
e
d
b
c
c
a
f
D
A
Prima di procedere con l’installazione verificare l’ingombro del motoriduttore (fig. 3) e le quote d’installazione (fig. 4):
92 mm
303 mm
3
330 mm
210 mm
4
0 ÷ 10
mm
0 ÷ 10
mm
192 mm
192 mm
330 mm
4 – Italiano
0 ÷ 50 mm
0 ÷ 50 mm
330 mm
01.
Eseguire lo scavo di fondazione e predisporre i tubi per i
cavi elettrici
02.
Fissare le due zanche alla piastra di fondazione; un dado
superiore e uno inferiore.
25 ÷ 35 mm
Il dado inferiore deve essere avvitato in modo
che la filettatura superiore sporga di circa 25/35
mm.
03.
Eseguire la colata di calcestruzzo per fissare la piastra di
fondazione.
Prima che il calcestruzzo indurisca verificare che
la piastra di fondazione sia perfettamente in bolla e
parallela all’anta del cancello.
04.
Attendere che il calcestruzzo indurisca.
05.
Fissare il motoriduttore:
a - togliere i dadi superiori delle zanche
b - appoggiare il motoriduttore sulle zanche: verificare che
sia parallelo all’anta del cancello
c - inserire le rondelle e i dadi in dotazione, avvitandoli
leggermente
Italiano – 5
d - per la regolazione in altezza del motoriduttore, avvitare
i grani di regolazione: posizionare il pignone alla giusta altezza lasciando 1÷2 mm dalla cremagliera (per evitare che
il peso dell’anta gravi sul motoriduttore)
g
e / f / g - sbloccare il motoriduttore
h - aprire manualmente e completamente l’anta del cancello
h
h
1÷2 mm
i - appoggiare sul pignone del motoriduttore il primo pezzo
di cremagliera: verificare che corrisponda all’inizio dell’anta e che tra pignone e cremagliera ci sia uno spazio di
1÷2 mm (per evitare che il peso dell’anta gravi sul motoriduttore)
h
g
l - fissare il pezzo di cremagliera
1÷2 mm
6 – Italiano
m - far scorrere l’anta manualmente e, utilizzando il pignone come riferimento, fissare gli altri pezzi della cremagliera
h
1÷2 mm
n - eventualmente tagliare il pezzo eccedente della parte
finale di cremagliera
06.
Muovere manualmente l’anta in Apertura e Chiusura per verificare che la cremagliera scorra allineata sul pignone.
Nota: verificare che tra pignone e cremagliera ci sia uno spazio di 1÷2 mm per tutta la lunghezza dell’anta
1÷2 mm
07.
Avvitare energicamente i dadi per il fissaggio del motoriduttore alla piastra di fondazione e coprire i dadi con gli
appostiti tappi
1÷2 mm
08.
Fissare la staffa di finecorsa di APERTURA e di CHIUSURA: eseguire le stesse operazioni per entrambi i finecorsa
APERTURA:
a - aprire manualmente l’anta del cancello lasciando 2/3 cm dall’arresto meccanico
b - far scorrere la staffa di finecorsa sulla cremagliera nel senso di Apertura fino a quando interviene il finecorsa (si sente il ‘click’ dello
switch del finecorsa)
c - dopo il ‘click’ spostare la staffa più avanti di 2 cm (minimo)
d - bloccare la staffa di finecorsa alla cremagliera con gli appositi grani
Italiano – 7
+2
cm
!
ck
cli
2-3 cm
CHIUSURA:
a - chiudere manualmente l’anta del cancello lasciando 2/3 cm dall’arresto meccanico
b - far scorrere la staffa di finecorsa sulla cremagliera nel senso di Chiusura fino a quando interviene il finecorsa (si sente il ‘click’ dello
switch del finecorsa)
c - dopo il ‘click’ spostare la staffa più avanti di 2 cm (minimo)
d - bloccare la staffa di finecorsa alla cremagliera con gli appositi grani
+2
2-3 cm
cm
clic
k!
09.
Bloccare manualmente il motoriduttore
Per eseguire l’installazione dei dispositivi previsti nell’impianto fare riferimento ai rispettivi manuali d’istruzione.
IMPORTANTE! – Il motoriduttore è predisposto (impostazione di fabbrica) per essere installato a destra (fig. 5) ma se necessita
di essere installato a sinistra occorre eseguire le operazioni mostrate in fig. 6 (a - b).
5
6
8 – Italiano
a
LIMIT SWITCH
b
MOTOR
180°
180°
4
COLLEGAMENTI ELETTRICI
ATTENZIONE! – Tutti i collegamenti elettrici devono essere eseguiti in assenza di tensione all’impianto. Collegamenti errati
possono causare danni all’apparecchiature o alle persone.
La fig. 2 mostra i collegamenti elettrici di un impianto tipico; la fig. 7 mostra lo schema dei collegamenti elettrici da fare sulla centrale di comando.
4.1 - Tipologia cavi elettrici
Tabella 3 - tipologia cavi elettrici (riferimento fig. 2)
Collegamento
Tipologia cavo
Lunghezza massima
A
ALIMENTAZIONE
3 x 1,5 mm
B
C
LAMPEGGIANTE CON ANTENNA N°1 cavo: 2 x 1,5 mm
N°1 cavo schermato tipo RG58
D
FOTOCELLULE
N°1 cavo: 2 x 0,25 mm2 (TX)
N°1 cavo: 4 x 0,25 mm2 (RX)
30 m
30 m
E-F
SELETTORE A CHIAVE
N°2 cavi: 2 x 0,5 mm2 **
20 m
30 m *
2
2
10 m
10 m (consigliato < di 5 m)
* Se il cavo di alimentazione è più lungo di 30 m occorre un cavo con sezione maggiore, ad esempio 3 x 2,5 mm2 ed è necessaria una messa
a terra di sicurezza in prossimità dell’automazione.
** I due cavi 2 x 0,5 mm2 possono essere sostituiti da un solo cavo 4 x 0,5 mm2.
4.2 - Collegamenti cavi elettrici: fig. 7
Tabella 4 – Descrizione collegamenti elettrici
Morsetti
Funzione
Descrizione
1-2
Antenna
- ingresso antenna per ricevitore radio
- antenna incorporata nel lampeggiante; in alternativa è possibile usare un’antenna esterna
9 - 12
Passo - Passo
ingresso per dispositivi che comandano azioni di movimento: è possibile collegare contatti tipo NA (Normalmente Aperti)
9 - 10
Stop
- ingresso per dispositivi che comandano azioni di blocco o arresto di una manovra in corso: è possibile collegare contatti NC (Normalmente Chiusi)
- per approfondimenti vedere paragrafo 8.1
9 - 11
Foto
- ingresso per dispositivi di sicurezza che intervengono durante la manovra di chiusura invertendo la manovra: è
possibile collegare contatti NC (Normalmente Chiusi)
- per approfondimenti vedere paragrafo 8.1.
5-4
Lampeggiante
- uscita per lampeggiante (230 V autointermittente)
- durante l’esecuzione della manovra emette lampeggi con intervallo regolare: 0,5 sec. acceso e 0,5 sec. spento
Avvertenze
• Ingressi contatti NC (Normalmente Chiusi): se non vengono utilizzati devono essere cortocircuitati; se è presente piú di un contatto da collegare all’ingresso stop devono essere collegati in SERIE tra di loro;
• Ingressi contatti NA (Normalmente Aperto): se non vengono utilizzati devono essere lasciati liberi; se è presente piú di un contatto da collegare all’ingresso devono essere collegati in PARALLELO tra di loro.
• I contatti devono essere esclusivamente di tipo meccanico e svincolati da qualsiasi potenziale elettrico.
Bordi
sensibili
Non è previsto un ingresso dedicato, è necessario utilizzare specifici dispositivi Nice:
- bordi sensibili fissi: utilizzare interfaccia ‘TCE’
- bordi sensibili mobili: utilizzare dispositivo ‘FT210’ oppure interfaccia ‘IRW’
Per l’utilizzo dei dispositivi fare riferimento ai manuali istruzioni del singolo prodotto
Per effettuare i collegamenti elettrici procedere come descritto di seguito e vedere fig. 7:
01.
Aprire il coperchio: svitare la vite e portare il coperchio verso l’alto
02.
Far passare il cavo di alimentazione attraverso il foro predisposto (lasciare 20/30 cm in più di cavo) e collegarlo all’apposito morsetto
03.
Far passare i cavi dei dispositivi previsti o già presenti nell’impianto attraverso il foro predisposto (lasciare 20/30 cm in più di cavo) e
collegarli ai morsetti predisposti come mostrato nella fig. 7
04.
Prima di chiudere il coperchio eseguire le programmazioni desiderate: capitolo 7
05.
Chiudere il coperchio con l’apposita vite
Italiano – 9
7
AERIAL
= ANTENNA
LIMIT SWITCH
=
FINE CORSA
PROGRAM
SWITCH
= MICRO
INTERRUTTORI
FLASH
=
LAMPEGGIANTE
LED RADIO
= LED RADIO
BOOST
CAPACITOR
=
CONDENSATORE
DI SPUNTO
LED PHOTO
= LED FOTOCELLULE
RUN
CAPACITOR
=
CONDENSATORE
DI MARCIA
LED P.P.
= LED PASSO PASSO
MOTOR
=
MOTORE
LED OK
= LED OK
FUSE
=
FUSIBILE
RADIO
= TASTO RADIO
TX
1 2
RX
1 2 3 4 5
FLASH
230 V
NC NO
C C
NO NC
PROGRAM SWITCH
1 2 3 4 5 6 7 8 910
LED
LED
8 9 10 11 12
2 1
LED FCC
LED FCA
4 5
LED:
1 2
(ROX1000)
5
AVVIO AUTOMAZIONE E VERIFICHE DEI COLLEGAMENTI
5.1 - Allacciamento dell’automazione alla rete elettrica
ATTENZIONE! – L’allacciamento dell’automazione alla rete elettrica deve essere eseguita da personale qualificato ed esperto
nel pieno rispetto di leggi, norme e regolamenti del territorio.
Procedere come descritto di seguito
01.
Sbloccare manualmente il motoriduttore per poter muovere l’anta in Apertura e Chiusura
02.
Portare l’anta del cancello a metà della sua corsa
10 – Italiano
03.
Bloccare manualmente il motoriduttore
04.
dare alimentazione elettrica di rete all’automazione e verificare:
- che il Led OK esegua dei lampeggi regolari: 1 lampeggio al secondo
- che non vengano eseguite manovre e che
il lampeggiante sia spento
ON
se tutto questo non avviene è necessario procedere come segue (passo 05)
05.
6
Togliere alimentazione elettrica di rete all’automazione e controllare: collegamenti elettrici, allineamenti fotocellule e fusibili. Eventualmente verificare il collegamento dei due finecorsa: muovere la leva del finecorsa e verificare che il relativo finecorsa intervenga spegnendo il
led FCA o led FCC presenti sulla centrale di comando
COLLAUDO E MESSA IN SERVIZIO
Queste sono le fasi più importanti nella realizzazione dell’automazione per garantire la massima sicurezza dell’impianto.
Devono essere eseguite da personale qualificato ed esperto che dovrà farsi carico di stabilire le prove necessarie a verificare le soluzioni adottate
nei confronti dei rischi presenti e di verificare il rispetto di quanto previsto da leggi, normative e regolamenti: in particolare, tutti i requisiti delle
norme EN 13241-1, EN 12445 ed EN 12453.
I dispositivi aggiuntivi devono essere sottoposti a un collaudo specifico sia per la funzionalità sia per la corretta interazione con ROX: fare riferimento ai manuali istruzioni dei singoli dispositivi.
6.1 - Collaudo
Il collaudo può essere usato anche per verificare periodicamente i dispositivi che compongono l’automazione. Ogni singolo componente dell’automatismo (bordi sensibili, fotocellule, arresto di emergenza, ecc.) richiede una specifica fase di collaudo; per questi dispositivi eseguire le procedure riportate nei rispettivi manuali istruzioni.
Eseguire il collaudo come segue:
01.
Verificare che sia stato rispettato rigorosamente quanto previsto nel capitolo 1 - AVVERTENZE
02.
Sbloccare il motoriduttore e verificare se è possibile muovere manualmente il cancello in Apertura e in Chiusura con una forza non
superiore al valore previsto dai limiti d’impiego di Tabella 1
03.
Bloccare il motoriduttore
Italiano – 11
04.
Utilizzando il selettore a chiave o il pulsante di comando o il trasmettitore fare delle prove di Chiusura e Apertura del cancello e verificare
che il movimento corrisponda a quanto previsto
05.
Eseguire diverse prove per valutare la scorrevolezza del cancello, eventuali difetti di montaggio o regolazione e la presenza di punti
d’attrito
06.
Verificare il corretto funzionamento di ogni dispositivo di sicurezza presente nell’impianto (fotocellule, bordi sensibili ecc.)
07.
Verificare il funzionamento delle fotocellule ed eventuali interferenze con altri dispositivi:
1 - passare un cilindro di diametro 5 cm e lunghezza 30 cm sull’asse ottico: prima vicino al TX poi vicino all’RX
2 - verificare che le fotocellule intervengano in qualsiasi caso passando dallo stato di attivo a quello di allarme e viceversa
3 - verificare che l’intervento provochi nella centrale l’azione prevista: esempio, nella manovra di Chiusura provoca l’inversione di movimento
08.
Se le situazioni pericolose provocate dal movimento del cancello sono state salvaguardate mediante la limitazione della forza d’impatto
si deve eseguire la misura della forza secondo quanto previsto dalla norma EN 12445
Se la regolazione della ‘Forza’ viene usata come ausilio al sistema per la riduzione della forza d’impatto, provare fino a trovare la regolazione che offre i migliori risultati
6.2 - Messa in servizio
La messa in servizio può avvenire solo dopo aver eseguito con esito positivo tutte le fasi di collaudo (paragrafo 6.1).
Non è consentita la messa in servizio parziale o in situazioni ‘provvisorie’.
01.
Realizzare e conservare (minimo 10 anni) il fascicolo tecnico dell’automazione che deve comprendere: disegno complessivo dell’automazione, schema dei collegamenti elettrici, analisi dei rischi e relative soluzioni adottate, dichiarazione di conformità del fabbricante
di tutti i dispositivi utilizzati (per ROX utilizzare la Dichiarazione CE di conformità allegata); copia del manuale di istruzioni per l’uso e del
piano di manutenzione dell’automazione
02.
Fissare in modo permanente sul cancello un’etichetta o targa con indicate le operazioni dello sblocco manuale del motoriduttore: utilizzare le figure contenute nel ‘Manuale per l’uso’ posto alla fine del manuale (inserto staccabile)
03.
Fissare in modo permanente sul cancello un’etichetta o targa
con l’immagine a lato (altezza minima 60 mm):
04.
Utilizzando il selettore a chiave o il trasmettitore fare delle prove di Chiusura e Apertura del cancello e verificare che il movimento corrisponda a quanto previsto
05.
Compilare e consegnare al proprietario dell’automazione la dichiarazione di conformità dell’automazione
06.
Consegnare al proprietario dell’automazione il ‘manuale per l’uso’ (inserto staccabile)
07.
Realizzare e consegnare al proprietario dell’automazione il piano di manutenzione
08.
La regolazione della forza è importante per la sicurezza e deve essere effettuata con la massima cura da persone qualificate. Importante! - Effettuare la regolazione della forza ad un livello sufficente che permetta l’esecuzione della manovra in modo corretto; valori
superiori a quelli necessari allo spostamento del cancello possono, nel caso di impatto con ostacoli, sviluppare delle forze tali da provocare ferite a persone e animali o danneggiare cose
09.
Prima di mettere in servizio l’automatismo informare adeguatamente e in forma scritta il proprietario, su pericoli e rischi ancora presenti
7
PROGRAMMAZIONE
In questo manuale le procedure di programmazione sono spiegate con l’uso di icone; il significato è riportato nel glossario di seguito:
GLOSSARIO
Simbolo
Descrizione
Simbolo
Descrizione
led RADIO acceso
attendere ...
led RADIO spento
osservare / verificare
led RADIO lampeggio
premere e rilasciare il tasto RADIO
togliere alimentazione elettrica di rete
mantenere premuto il tasto RADIO
dare alimentazione elettrica di rete
rilasciare il tasto RADIO
OFF
ON
12 – Italiano
premere e rilasciare il tasto desiderato del trasmettitore da memorizzare
↕
rilasciare il tasto RADIO esattamente ad un determinato comportamento del led (acceso, lampeggio,
spento)
mantenere premuto il tasto desiderato del trasmettitore da memorizzare
procedura corretta
rilasciare il tasto del trasmettitore
procedura NON corretta
7.1 - Centrale di comando: tasti di programmazione
La centrale di comando dispone di varie funzioni con impostazione di fabbrica che sono programmabili: in questo capitolo sono descritte le
funzioni disponibili e le procedure per programmarle. Da consultare anche il capitolo 8 ‘Approfondimenti’.
Sulla centrale di comando sono presenti i microinterruttori e trimmer (fig.7):
Nome
Simbolo
Descrizione
MICRO INTERRUTTORI
Utilizzare per l’attivazione delle funzioni
Trimmer TL
Utilizzare per regolare i parametri del ‘Tempo Lavoro’ (Paragrafo 7.1.1)
Trimmer TP
Utilizzare per regolare i parametri del ‘Tempo Pausa’ (Paragrafo 7.1.1)
Trimmer F
Utilizzare per regolare i parametri della ‘Forza’ (Paragrafo 7.1.1)
Tasto RADIO
Utilizzare per la programmazione del ricevitore radio
Impostazioni di fabbrica (Default)
MICRO INTERRUTTORI:
ON
OFF
Semiautomatico (1 = ON)
Trimmer TL (Tempo Lavoro)
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Trimmer TP (Tempo Pausa)
Trimmer F (Forza)
7.1.1 -Trimmer (TL - TP - F)
I parametri di funzionamento della centrale di comando sono regolabili con i tre trimmer (fig. 7)
TL (Tempo Lavoro)
Modalità di funzionamento
Regolazione
regola la durata massima della
manovra di Apertura o di Chiusura
01. selezionare modalità ‘Semiautomatico’ o ‘Automatico’ e posizionare il micro interruttore 1 su ‘ON’
02. posizionare il trimmer TL a metà corsa
03. eseguire un ciclo completo di Apertura e di Chiusura:
verificare che la durata massima impostata della manovra (Apertura o Chiusura) sia sufficiente e che
rimanga un margine di 2 o 3 secondi.
Eventualmente regolare nuovamente il trimmer TL con il valore massimo.
Nota: se questo tempo non è ancora sufficiente è necessario tagliare il ponticello TLM posizionato
vicino al trimmer TL (fig. 7) per ottenere un ‘Tempo Lavoro Maggiorato’ (TLM)
Funzione di rallentamento: per utilizzare questa funzione è necessario attivare la funzione programmabile ‘rallentamento’ e regolare il trimmer ‘TL’ in modo tale che la fase di rallentamento inizi a 50/70 cm prima dell’ intervento dei finecorsa.
Nota: un’eventuale modifica di questo parametro sarà visibile durante l’esecuzione della prima manovra di Apertura comandata dopo aver
effettuato la modifica.
Italiano – 13
TP (Tempo Pausa)
Modalità di
funzionamento
Regolazione
regola il tempo che intercorre
tra il termine della manovra di
Apertura e l’inizio della manovra
di Chiusura
01. selezionare modalità ‘Automatico’ posizionando il micro interruttore 2 su ‘ON’
02. regolare il “Trimmer TP” a piacere
03. per verificare se il tempo impostato è corretto, eseguire una manovra di Apertura completa e, controllare il tempo che trascorre prima dell’inizio della manovra di Chiusura
F (Forza)
ATTENZIONE! – La regolazione di questo parametro può incidere notevolmente sul grado di sicurezza dell’automazione: fare
molta attenzione durante questa operazione.
Per la regolazione del parametro procedere per tentativi: è necessario misurare la forza applicata dall’anta del cancello durante l’esecuzione
di una manovra e confrontarla con i valori previsti dalle normative vigenti sul territorio.
7.2 - Funzioni programmabili
La Centrale di comando dispone di una serie di micro interruttori (PROGRAM SWITCH - fig. 7) che permettono di attivare varie funzioni per
rendere l’automazione più adatta e sicura alle esigenze dell’utilizzatore finale.
I micro interruttori permettono di selezionare i vari modi di funzionamento e di programmare le funzioni desiderate, descritte nella Tabella 5.
Per attivare o disattivare le funzioni:
Micro interruttori (1 ... 10)
ATTIVAZIONE
DISATTIVAZIONE
ON
OFF
IMPORTANTE! - alcune delle funzioni disponibili sono legate alla sicurezza quindi, è importante valutare con attenzione quale
sia la funzione più sicura.
Tabella 5
Switch 1-2
Funzionamento
Off-Off
Manuale (a uomo presente)
On-Off
Semiautomatico
Off-On
Automatico (chiusura automatica)
On-On
Automatico + Chiude Sempre
Switch 3
Funzionamento
On
Condominiale (non disponibile in modo manuale)
Switch 4
Funzionamento
On
Prelampeggio
Switch 5
Funzionamento
On
Richiudi 5 secondi dopo ‘Foto’ se impostato in ‘Automatico’ o ‘Chiudi dopo Foto’ se impostato in ‘Semiautomatico’
Switch 6
Funzionamento
On
Sicurezza ‘Foto’ anche in Apertura
Switch 7
Funzionamento
On
Partenza graduale
Switch 8
Funzionamento
On
Rallentamento
Switch 9
Funzionamento
On
Freno
Switch 10
Funzionamento
Off
Non in uso
Switch 1-2:
Funzionamento
‘Manuale’
Funzionamento
‘Semiautomatico’
Funzionamento
‘Automatico’
Funzionamento
‘Chiude Sempre’
Switch 3:
Funzionamento
‘Condominiale’
14 – Italiano
la manovra viene eseguita solo fino a quando il comando è attivo (tasto premuto del trasmettitore a uomo presente).
l’invio di un comando fa eseguire la manovra completa fino allo scadere del ‘Tempo Lavoro’ o fino al raggiungimento
del finecorsa.
dopo una manovra di Apertura c’è una pausa e al termine di questa viene eseguita automaticamente una manovra di
Chiusura.
interviene in seguito ad un black-out elettrico: se, al ritorno dell’alimentazione, la Centrale rileva l’anta del cancello in
posizione di Apertura, avvia automaticamente una manovra di Chiusura preceduta da 5 secondi di prelampeggio.
quando viene inviato un comando “Passo Passo” e inizia una manovra di Apertura, questa non può essere interrotta da
nessun altro invio di comando “Passo-Passo” oppure “Apre” via radio fino alla fine della manovra stessa.
Invece, nella manovra di Chiusura, l’invio di un nuovo comando “Passo Passo” provoca l’arresto e l’inversione della
manovra stessa.
Switch 4:
Quando viene inviato un comando si attiva prima il lampeggiante e, dopo 5 secondi (2 secondi se impostato in modo di funzionamento “Manuale”) inizia la manovra.
Switch 5:
Questa funzione, se impostata in modo di funzionamento ‘Automatico’ permette di mantenere l’anta del cancello aperta solo per il tempo
necessario al transito di mezzi o persone; infatti, al termine dell’intervento dei dispositivi di sicurezza ‘Foto’, la manovra si arresta e, dopo 5
secondi inizia automaticamente una manovra di Chiusura.
Invece, se la funzione è impostata in modo “Semiautomatico”, quando intervengono i dispositivi di sicurezza “Foto”, durante la manovra di
Chiusura si attiva la Chiusura automatica con la durata del “Tempo Pausa” programmato.
Switch 6:
Solitamente la funzione di sicurezza ‘Foto’ è attiva solo per la manovra di Chiusura, se il micro interruttore 6 viene impostato su ‘ON’, l’intervento del dispositivo di sicurezza provoca una interruzione della manovra anche in Apertura. Invece, se è impostato il modo di funzionamento
‘Semiautomatico’ o ‘Automatico’, la ripresa della manovra di Apertura inizierà subito dopo il disimpegno dei dispositivi di sicurezza.
Switch 7
Impostando questa funzione, l’inizio della manovra avverrà in modo graduale; in questo modo è possibile evitare scossoni indesiderati dell’automazione.
Switch 8:
Il rallentamento, consiste in una riduzione della velocità al 30% della velocità nominale; questo riduce la forza d’impatto dell’anta del cancello
al termine di una manovra.
Quando questa funzione viene attivata, è necessario regolare il ‘Tempo Lavoro (TL)’ in quanto, l’inizio della fase di rallentamento è legata al tempo lavoro impostato. Quindi, occorre regolare il TL affinchè la fase di rallentamento inizi circa 50-70 cm prima dell’intervento dei finecorsa. La
funzione di rallentamento oltre a diminuire la velocità dell’automazione riduce del 70% la coppia del motore. ATTENZIONE – Nelle automazioni
che richiedono un valore elevato della coppia del motore, questa funzione di rallentamento potrebbe provocare l’arresto immediato del motore.
Switch 9:
Impostando questa funzione, al termine di una manovra viene eseguita una procedura di freno al motore; inizialmente moderata, poi più pesante in modo tale da fermare velocemente l’anta del cancello, senza provocare scossoni.
Switch 10:
Non in uso.
7.3 - Ricevitore radio integrato
Per il comando a distanza la centrale incorpora un ricevitore radio con frequenza 433,92 MHz e compatibile con codifica FLO, FLOR, OPERA,
HCS SMILO.
Poiché le codifiche sono diverse, il primo trasmettitore memorizzato determina la tipologia dei trasmettitori memorizzati in seguito.
• Per modificare la famiglia di codifica è necessario eseguire la procedura di ‘Cancellazione totale della memoria del ricevitore’ - paragrafo 8.3.
• Per verificare se nel ricevitore sono già memorizzati dei trasmettitori e la famiglia di codifica è necessario procedere come segue:
OFF
01.
Tabella 7
alla centrale
ON
02.
03.
alla centrale
contare il numero dei lampeggi di colore verde che emette il
Led del ricevitore e verificarli nella Tabella 7
Lampeggio
Codifica
1
Flo
2
O-Code / FloR / TTS
3
Smilo
4
nessun trasmettitore inserito
7.3.1 -Memorizzazione dei trasmettitori radio
Ogni trasmettitore viene riconosciuto dal ricevitore radio da un ‘codice’ diverso per ogni trasmettitore. La memorizzazione è disponibile in due
modalità: Modo 1 e Modo 2.
• Modo 1:
Tabella 8
assegnare automaticamente ai tasti del trasmettitore i comandi
riportati nella Tabella 8.
Tasto trasmettitore
Comando
Per ogni trasmettitore viene eseguita un unica fase e si memorizzano
1
Passo Passo
tutti i tasti: non ha importanza quale tasto viene premuto. (Nella memoria viene occupato un posto per ogni tasto memorizzato).
2
ALT
Nota: con memorizzazione in ‘Modo 1’ un trasmettitore può comanda3
Apertura
re una sola automazione.
4
Procedura di memorizzazione Modo 1
01.
02.
x 4s
TASTO RADIO
Chiusura
Nota: i trasmettitori mono canale dispongono solo del tasto 1; quelli
bicanale dispongono del tasto 1 e 2
03.
↕
LED E TASTO RADIO
04.
entro 10s
x 3s
TASTO DESIDERATO TRASMETTITORE
LED RADIO
Italiano – 15
• Modo 2:
associare liberamente un comando tra quelli disponibili riportati
nella Tabella 9.
Per ogni fase viene memorizzato solo un tasto, quello premuto durante
la fase di memorizzazione.
(Nella memoria viene occupato un posto per ogni tasto memorizzato)
Procedura di memorizzazione Modo 2
01.
Tabella 9
Tasto trasmettitore
Comando
1
Passo Passo
2
ALT
3
Apertura
4
Chiusura
02.
03.
04.
Passo
Passo
x 1
entro 10s
x 3s
ALT
x 2
entro 10s
x 3s
Apertura
x 3
entro 10s
x 3s
Chiusura
x 4
entro 10s
x 3s
TASTO RADIO
TASTO DESIDERATO
TRASMETTITORE
LED RADIO
LED RADIO
Nota: se ci sono altri trasmettitori da memorizzare ripetere il punto 03 entro 10 sec. La fase di memorizzazione termina dopo 10 sec se non vengono eseguite
altre operazioni
7.3.2 -Memorizzazione a distanza
È possibile memorizzare un nuovo trasmettitore senza dover agire sul tasto del ricevitore (10-20 m dal ricevitore).
È necessario avere un trasmettitore già memorizzato (vecchio). Il nuovo trasmettitore verrà memorizzato con le stesse caratteristiche del vecchio.
Importante! La memorizzazione a distanza può avvenire in tutti i ricevitori che si trovano nel raggio della portata del trasmettitore; quindi, è necessario tenere alimentato solo il ricevitore interessato.
Procedura ‘standard’
Procedura ‘alternativa’
Durante la procedura se il trasmettitore vecchio è memorizzato in:
Durante la procedura se il trasmettitore vecchio è memorizzato in:
- Modo 1 ¨ premere un tasto qualsiasi
- Modo 2 ¨ premere il tasto che si desidera memorizzare
- Modo 1 ¨ premere un tasto qualsiasi
- Modo 2 ¨ premere il tasto che si desidera memorizzare
01.
Con motore fermo posizionarsi vicino alla centrale
01. Con motore fermo posizionarsi vicino alla centrale
02.
NUOVO
trasmettitore
03.
VECCHIO
trasmettitore
già
memorizzato
04.
NUOVO
trasmettitore
*
x 1s
*
02.
x 5s
x 1s
*
NUOVO
trasmettitore
VECCHIO
03. trasmettitore
già memorizzato
x 1s
04.
x 1s
**
*
NUOVO
trasmettitore
VECCHIO
05. trasmettitore
già memorizzato
Se la procedura è andata a buon fine il nuovo trasmettitore è memorizzato
* stesso tasto nel NUOVO trasmettitore
x 3s
x 3s
x 3s
**
LED RADIO
x 3s
non visibile
a distanza
Se la procedura è andata a buon fine il nuovo trasmettitore è memorizzato
* stesso tasto nel NUOVO trasmettitore
** stesso tasto nel VECCHIO trasmettitore
7.3.3 -Cancellazione trasmettitori radio
01.
02.
03.
04.
↕
TASTO RADIO
16 – Italiano
LED RADIO
LED RADIO
LED E TASTO RADIO
LED E TASTO RADIO
8
APPROFONDIMENTI
STOP
8.1 - Aggiungere o rimuovere dispositivi
È possibile aggiungere o rimuovere in qualsiasi momento nuovi dispositivi all’automazione.
8 9 10 11 12
Ingresso STOP
Ingresso che provoca l’arresto immediato della manovra seguito da una breve inversione.
All’ingresso possono essere collegati dispositivi con uscita a contatto normalmente chiuso ‘NC’; é possibile collegare più dispositivi con contatto NC collegandoli in serie tra di loro.
Nota: quando si verifica una apertura del contatto NC, l’ automazione effettua un arresto della manovra con una breve inversione.
8 9 10 11 12
8 9 10 11 12
8 9 10 11 12
STOP
TX
1 2
8 9 10 11 12
Fotocellule
RX
1 2 3 4 5
8 9 10 11 12
Per aggiungere una coppia di fotocellule procedere come segue:
01. Alimentare i ricevitori (RX) direttamente ai morsetti 8 - 9
02. Collegare il contatto NC del ricevitore della fotocellula aggiunta in serie al contatto NC già presente sui morsetti della centrale 9 - 11.
TX
RX
1 2 3 4 5
8 9 10 11 12
8 9 10 11 12
1 2
8 9 10 11 12
8 9 10 11 12
Se si usano due coppie di fotocellule, per evitare che possano interferire tra loro, è necessario attivare la funzione di ‘sincronismo’ come
descritto nel manuale istruzioni delle fotocellule.
9 10 11 12
24 Vac (30 Vac max)
0
8 9 10 11 12
Se si desidera alimentare dispositivi esterni (lettore di prossimità per tessere a transponder oppure la
retro-illuminazione di un selettore a chiave) è possibile collegare il dispositivo alla centrale del prodotto
come indicato nella figura sottostante.
La tensione di alimentazione è 24Vac -20% ÷ +30% con corrente massima disponibile di 100 mA.
8
8 9 10 11 12
8.2 - Alimentazione di dispositivi esterni
8.3 - Cancellazione totale della memoria del ricevitore
Per cancellare tutti i trasmettitori memorizzati o tutti i dati presenti nella memoria del ricevitore, procedere nel modo seguente:
01.
02.
03.
04.
↕
TASTO RADIO
LED RADIO
LED RADIO
LED E TASTO RADIO
LED E TASTO RADIO
8.4 - Diagnostica
Alcuni dispositivi sono predisposti per emettere delle segnalazioni con il quale è possibile riconoscere lo stato di funzionamento oppure di eventuali anomalie.
8.4.1 - Segnalazioni della centrale di comando
I led presenti sulla centrale emettono delle segnalazioni particolari sia per segnalare il normale funzionamento sia eventuali anomalie.
Nella Tabella 10 sono descritte le varie tipologie di segnalazione:
Italiano – 17
Tabella 10
Led OK
Causa
Soluzione
Spento
Anomalia
Verificare se c’è alimentazione; verificare che i fusibili non siano intervenuti; nel caso,
verificare la causa del guasto e poi sostituirli con altri dello stesso valore
Acceso
Anomalia
grave
C’è una anomalia grave; provare a spegnere per qualche secondo la centrale; se lo
stato permane c’è un guasto e occorre sostituire la scheda elettronica
Un lampeggio al Tutto OK
secondo
Funzionamento normale della centrale
2 lampeggi
veloci
È avvenuta una variazione dello È normale quando avviene un cambiamento di uno degli ingressi: PP, STOP, intervento
stato degli ingressi
delle fotocellule o viene utilizzato il trasmettitore radio
Led FOTO
Causa
Soluzione
Spento
Intervento dell’ingresso di fotocellula
All’inizio della manovra una o più fotocellule non danno il consenso al movimento: verificare se ci sono ostacoli o se il collegamento NC è corretto
Acceso
Tutto OK
La fotocellula è allineata ed è consentita la manovra
Led FCA e
Led FCC
Causa
Soluzione
Spenti
Intervento dell’ingresso di STOP
Verificare i dispositivi collegati all’ingresso di STOP
Accesi
Tutto OK
Ingresso STOP attivo
9
SMALTIMENTO DEL PRODOTTO
Questo prodotto è parte integrante dell’automazione e quindi deve essere smaltito insieme con essa.
Come per le operazioni d’installazione anche al termine della vita di questo prodotto, le operazioni di smantellamento devono essere eseguite
da personale qualificato.
Questo prodotto è costituito da vari tipi di materiali: alcuni possono essere riciclati, altri devono essere smaltiti. È necessario informarsi sui sistemi
di riciclaggio o smaltimento previsti dai regolamenti vigenti sul vostro territorio per questa categoria di prodotto.
ATTENZIONE! - Alcune parti del prodotto possono contenere sostanze inquinanti o pericolose che se disperse nell’ambiente
potrebbero provocare effetti dannosi sull’ambiente stesso e sulla salute umana.
Come indicato dal simbolo a lato è vietato gettare questo prodotto nei rifiuti domestici. Eseguire la ‘raccolta differenziata’ per lo
smaltimento secondo i regolamenti vigenti sul vostro territorio oppure riconsegnare il prodotto al venditore nel momento dell’acquisto di un nuovo prodotto equivalente.
ATTENZIONE! - I regolamenti vigenti a livello locale possono prevedere pesanti sanzioni in caso di smaltimento
abusivo di questo prodotto.
10
COSA FARE SE...
Nel caso di malfunzionamento causato da problemi durante la fase di installazione oppure per guasto, consultare la Tabella 11:
Tabella 11
Problema
Soluzione
Il trasmettitore radio non comanda il cancello Verificare se le pile del trasmettitore sono scariche, eventualmente sostituirle
ed il led sul trasmettitore non si accende
Il trasmettitore radio non comanda il cancello Verificare se il trasmettitore è correttamente memorizzato nel ricevitore radio.
ma il led sul trasmettitore si accende
Verificare la corretta emissione del segnale radio del trasmettitore con questa prova empirica:
premere un tasto ed appoggiare il led all’antenna di un comune apparecchio radio (meglio se
di tipo economico) acceso e sintonizzato sulla banda FM alla frequenza di 108,5 Mhz o quanto
più prossima; si dovrebbe ascoltare un leggero rumore con pulsazione gracchiante
Non si comanda nessuna manovra ed il led Verificare che il motoriduttore sia alimentato con la tensione di rete 230 V.
OK non lampeggia
Verificare che i fusibili F1 e F2 (fig. 7) non siano interrotti; in questo caso, verificare la causa del
guasto e poi sostituirli con altri dello stesso valore di corrente e caratteristiche
Non si comanda nessuna manovra ed il lam- Verificare che il comando venga effettivamente ricevuto: se il comando giunge sull’ingresso PP,
peggiante è spento
il led OK esegue un doppio lampeggio per segnalare che il comando è stato ricevuto
18 – Italiano
11
MANUTENZIONE
Per mantenere costante il livello di sicurezza e per garantire la massima durata dell’intera automazione è necessario eseguire una manutenzione
regolare: entro 6 mesi al massimo o dopo 20.000 manovre al massimo, dalla precedente manutenzione.
ATTENZIONE! – La manutenzione deve essere effettuata nel pieno rispetto delle avvertenze sulla sicurezza del presente manuale e secondo quanto previsto dalle leggi e normative vigenti.
01.
02.
03.
12
OFF
Verificare lo stato di deterioramento di tutti i materiali che compongono l’automazione: fare attenzione a erosione e ossidazione
delle parti strutturali; sostituire le parti che non forniscono sufficienti garanzie
Verificare lo stato di usura delle parti in movimento: pignone, cremagliera e tutte le parti dell’anta e sostituire la parti usurate
ON
Eseguire tutte le prove e le verifiche previste nel paragrafo 6.1 - Collaudo
CARATTERISTICHE TECNICHE
Tutte le caratteristiche tecniche riportate, sono riferite ad una temperatura ambientale di 20°C (± 5°C). • Nice S.p.A. si riserva il diritto di apportare modifiche al prodotto in qualsiasi momento lo riterrà necessario, mantenendone comunque la stessa funzionalità e destinazione d’uso.
ROX600
ROX1000
ROX1000/V1
Tipologia
Motoriduttore elettromeccanico per il movimento automatico di cancelli scorrevoli per uso residenziale
completo di centrale elettronica di controllo
Pignone Z
15; Modulo: 4; Passo: 12,5 mm; Diametro primitivo: 60 mm
Coppia massima allo spunto
18 Nm
24 Nm
24 Nm
Coppia nominale
9 Nm
9 Nm
12 Nm
Velocità a vuoto
11 m/min
11 m/min
13 m/min
Velocità alla coppia nominale
8,5 m/min
8,5 m/min
8,5 m/min
Cicli di funzionamento
20 cicli/ora
20 cicli/ora
25 cicli/ora
Tempo massimo funzionamento
continuo
Alimentazione nominale
Potenza nominale
Classe di isolamento elettrico
Uscita lampeggiante
Ingresso STOP
Ingresso PP
Ingresso FOTO
Ingresso ANTENNA Radio
Ricevitore radio
Temperatura di funzionamento
Grado di protezione
Dimensioni (mm) e peso
4 minuti
230 V - 50/60 Hz
230 V - 50/60 Hz
120 V - 60 Hz
300 W
350 W
350 W
1 (è necessaria la messa a terra di sicurezza)
Per 1 lampeggiante 230 V autointermittente
Per contatti Normalmente Chiusi (una variazione rispetto allo stato chiuso provoca il comando ‘STOP’)
Per contatti Normalmente Aperti (la chiusura del contatto provoca il comando P.P.)
Per contatti Normalmente Chiusi (una variazione rispetto allo stato chiuso provoca una inversione
manovra durante la chiusura per rilevazione interruzione fascio fotocellula)
52 ohm per cavo tipo RG58 o simili
Incorporato
-20°C ÷ 50°C
IP 44
330 x 210 x 303 h; 11 kg
Ricevitore radio integrato
Tipologia
Frequenza
Ricevitore a 4 canali per radiocomando incorporato
433.92MHz
Compatibilità trasmettitori
codifica FLO, FLOR, OPERA, HCS SMILO
Trasmettitori memorizzabili
Fino a 1024 se memorizzati in Modo I
Impedenza di ingresso
Sensibilità
Portata dei trasmettitori
Uscite
Temperatura di funzionamento
52Ω
migliore di 0,5 µV
Da 100 a 150 m, questa distanza può variare in presenza di ostacoli e disturbi elettromagnetici
eventualmente presenti ed è influenzata dalla posizione dell’antenna ricevente
Per comandi come da tabelle 8 e 9
-20°C ÷ 50°C
Italiano – 19
Dichiarazione CE di conformità
Dichiarazione in accordo alle Direttive:
1999/5/CE (R&TTE), 2004/108/CE (EMC); 2006/42/CE (MD) allegato II, parte B
Nota: il contenuto di questa dichiarazione corrisponde a quanto dichiarato nel documento ufficiale depositato presso la sede di Nice
S.p.a., e in particolare, alla sua ultima revisione disponibile prima della stampa di questo manuale. Il testo qui presente è stato riadattato
per motivi editoriali. Copia della dichiarazione originale può essere richiesta a Nice S.p.a. (TV) I.
Numero dichiarazione: 532/ROX
Revisione: 0
Lingua: IT
Nome produttore: NICE S.p.A.
Indirizzo: Via Pezza Alta N°13, 31046 Rustignè di Oderzo (TV) Italy
Persona autorizzata a costituire la documentazione tecnica: NICE S.p.A.
Tipo di prodotto: Motoriduttore elettromeccanico e relativi accessori
Modello / Tipo: ROX600, ROX1000
Accessori: Il sottoscritto Mauro Sordini in qualità di Amministratore Delegato, dichiara sotto la propria responsabilità che i prodotti sopra indicati
risulta conforme alle disposizioni imposte dalle seguenti direttive:
• Il modello risulta conforme alla Direttiva 1999/5/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 9 marzo 1999 riguardante
le apparecchiature radio e le apparecchiature terminali di comunicazione e il reciproco riconoscimento della loro conformità, secondo le
seguenti norme armonizzate:
· Protezione della salute (art. 3(1)(a)): EN 62479:2010
· Sicurezza elettrica (art. 3(1)(a)): EN 60950-1:2006+A1:2010+A12:2011+A1:2010+A2:2013
· Compatibilità elettromagnetica (art. 3(1)(b)): EN 301 489-1 V1.9.2:2011, EN 301 489-3 V1.6.1:2013
· Spettro radio (art. 3(2)): EN 300 220-2 V2.4.1:2012
In accordo alla direttiva 1999/5/CE (Allegato V), il prodotto risulta di classe 1
• Il modello risulta conforme alla DIRETTIVA 2004/108/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 15 dicembre 2004 concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative alla compatibilità elettromagnetica e che abroga la direttiva 89/336/
CEE, secondo le seguenti norme armonizzate:
EN 61000-6-2:2005, EN 61000-6-3:2007+A1:2011
Inoltre il prodotto risulta essere conforme alla seguente direttiva secondo i requisiti previsti per le “quasi macchine”:
Direttiva 2006/42/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 17 maggio 2006 relativa alle macchine e che modifica la
direttiva 95/16/CE (rifusione)
– Si dichiara che la documentazione tecnica pertinente è stata compilata in conformità all’allegato VII B della direttiva 2006/42/CE e che
sono stati rispettati i seguenti requisiti essenziali: 1.1- 1.1.2- 1.1.3- 1.2.1-1.2.6- 1.5.1-1.5.2- 1.5.5- 1.5.6- 1.5.7- 1.5.8- 1.5.10- 1.5.11
– Il produttore si impegna a trasmettere alle autorità nazionali, in risposta ad una motivata richiesta, le informazioni pertinenti sulla “quasi
macchina”, mantenendo impregiudicati i propri diritti di proprietà intellettuale.
– Qualora la “quasi macchina” sia messa in servizio in un paese europeo con lingua ufficiale diversa da quella usata nella presente dichiarazione, l’importatore ha l’obbligo di associare alla presente dichiarazione la relativa traduzione.
– Si avverte che la “quasi macchina” non dovrà essere messa in servizio finché la macchina finale in cui sarà incorporata non sarà a sua
volta dichiarata conforme, se del caso, alle disposizioni della direttiva 2006/42/CE.
Inoltre il prodotto risulta conforme alle seguenti norme:
EN 60335-1:2002 + A1:2004 + A11:2004 + A12:2006 + A2:2006 + A13:2008 + A14:2010 + A15:2011; EN 60335-2-103:2003 +A11:2009
Il prodotto risulta conforme, limitatamente alle parti applicabili, alle seguenti norme:
EN 13241-1:2003+A1:2011, EN 12445:2002, EN 12453:2002, EN 12978:2003+A1:2009
Oderzo, 28 aprile 2015
20 – Italiano
Ing.Mauro Sordini
(Amministratore Delegato)
Manuale per l’uso
(da consegnare all’utilizzatore finale)
• Per il primo utilizzo dell’automazione è importante essere
informati dall’installatore riguardo l’origine dei rischi residui
e dedicare alcuni minuti alla lettura di questo manuale per
l’uso.
zione dell’intensità d’uso. Qualunque intervento di controllo, manutenzione o riparazione deve essere eseguito
solo da personale qualificato.
• Sblocco manuale motoriduttore
• È importante conservare questo manuale per l’uso (consegnato dall’installatore) per dubbi futuri e da consegnare ad un eventuale nuovo proprietario dell’automazione.
• La vostra automazione è un macchinario che esegue
fedelmente i vostri comandi; un uso improprio può renderlo pericoloso: non comandare il movimento dell’automazione se nel suo raggio di azione si trovano persone,
animali o cose.
• Bambini: un impianto di automazione garantisce un alto
grado di sicurezza, impedendo con i suoi sistemi di rilevazione il movimento in presenza di persone o cose, e
garantendo un’attivazione sempre prevedibile e sicura.
È comunque prudente vietare ai bambini di giocare in
prossimità dell’automazione e non lasciare i trasmettitori
alla loro portata: non è un gioco!
• Controllo dell’impianto: in particolare i cavi, le molle e
i supporti per verificare eventuali sbilanciamenti e segni
di usura o danni.
– Verificare mensilmente che l’impianto sia sicuro con l’ausilio di dispositivi di sicurezza provvisti di bordi sensibili.
– Non usare l’automazione se necessita di una riparazione o regolazione; un guasto o un cancello non correttamente bilanciato può provocare ferite.
• Blocco manuale motoriduttore
• Anomalie: se l’automazione mostra comportamenti anomali, togliere l’alimentazione elettrica all’impianto. Non
tentare alcuna riparazione ma richiedere l’intervento del
vostro installatore di fiducia.
– L’impianto può funzionare manualmente: sbloccare il
motoriduttore come descritto al punto ‘Sblocco manuale motoriduttore’.
– Non modificare l’impianto ne i parametri di programmazione e di regolazione dell’automazione: la responsabilità è del vostro installatore.
– Il collaudo, le manutenzioni periodiche e le eventuali
riparazioni devono essere documentate da chi le esegue
e i documenti conservati dal proprietario dell’impianto.
Importante: quando le sicurezze sono fuori uso è necessario far riparare l’automazione quanto prima. ‘Il transito è consentito solo se il cancello è aperto e fermo’.
• Smaltimento: A termine della vita dell’automazione, è
necessario che lo smantellamento sia eseguito da personale qualificato e che i materiali vengano riciclati o
smaltiti secondo i regolamenti vigenti sul vostro territorio
per questa categoria di prodotto.
• Manutenzione: come ogni macchinario la vostra automazione ha bisogno di una manutenzione periodica affinché possa funzionare più a lungo possibile ed in completa sicurezza. Concordare con l’installatore di fiducia,
un piano di manutenzione con frequenza periodica; Nice
consiglia un intervento ogni 6 mesi per un normale utilizzo domestico, ma questo periodo può variare in fun-
Italiano – 21
IDV0378A03IT_18-12-2015_DIGITAL VERSION
Nice SpA
Oderzo TV Italia
[email protected]
www.niceforyou.com
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement