UNICAL manuale installatore modulex ext

UNICAL manuale installatore modulex ext
MODULEX EXT
100 - 116 - 150
200 - 250 - 300
350
CALDAIA MODULARE
A CONDENSAZIONE
00333180 - 2a edizione - 12/10
ISTRUZIONI
PER L’INSTALLATORE
E IL MANUTENTORE
IT
Attenzione il presente manuale contiene istruzioni ad uso esclusivo dell’installatore e/o del manutentore professionalmente qualificato, in conformità alle
leggi vigenti.
Il responsabile dell’impianto NON è abilitato a intervenire sulla caldaia.
Nel caso di danni a persone, animali o cose derivanti dalla mancata osservanza delle istruzioni contenute nei manuali forniti a corredo con la caldaia, il
costruttore non può essere considerato responsabile
INDICE
2
1
INFORMAZIONI GENERALI ............................................................................................................................................................................... 3
1.1 Simbologia utilizzata nel manuale ................................................................................................................................................................ 3
1.2 Uso conforme dell’apparecchio ................................................................................................................................................................... 3
1.3 Informazioni da fornire al responsabile dell’impianto .................................................................................................................................. 3
1.4 Avvertenze per la sicurezza ....................................................................................................................................................................... 4
1.5 Targhetta dei dati tecnici .............................................................................................................................................................................. 5
1.6 Avvertenze generali ..................................................................................................................................................................................... 6
2
CARATTERISTICHE TECNICHE E DIMENSIONI ............................................................................................................................................. 7
2.1 Caratteristiche tecniche ................................................................................................................................................................................ 7
2.2 Dimensioni ..................................................................................................................................................................................................... 8
2.3 Dati di funzionamento secondo UNI 10348 ................................................................................................................................................. 9
2.4 Vista laterale destra con l’indicazione dei componenti principali ............................................................................................................. 10
3
ISTRUZIONI PER L’INSTALLATORE ............................................................................................................................................................... 11
3.1 Avvertenze generali ................................................................................................................................................................................... 11
3.2 Norme per l’installazione ........................................................................................................................................................................... 12
3.3 Imballo ........................................................................................................................................................................................................ 13
3.4 Posizionamento in centrale termica .......................................................................................................................................................... 13
3.5 Installazione su impianti esistenti ............................................................................................................................................................. 14
3.6 Allacciamento della caldaia ....................................................................................................................................................................... 15
3.7 Allacciamento gas ..................................................................................................................................................................................... 16
3.8 Allacciamento tubi mandata e ritorno impianto ........................................................................................................................................ 17
3.9 Determinazione della pompa circuito primario o pompa di caldaia ........................................................................................................ 18
3.10 Dispositivi di sicurezza, protezione e controllo aggiuntivi prescritti dal D.M. 01-12-1975 + kit anello primario ................................... 19
3.11 Schema collegamento ISPELS ................................................................................................................................................................. 20
3.12 Scarico valvola di sicurezza .................................................................................................................................................................... 21
3.13 Filtro impianto idraulico ............................................................................................................................................................................. 21
3.14 Valvole a sfera ............................................................................................................................................................................................ 21
3.15 Protezione antigelo della caldaia .............................................................................................................................................................. 22
3.16 Compensatore idraulico e scambiatore a piastre .................................................................................................................................... 22
3.17 Scarico della condensa ............................................................................................................................................................................. 23
3.18 Trattamento dell’acqua .............................................................................................................................................................................. 24
3.19 Allacciamento alla canna fumaria ............................................................................................................................................................. 25
3.20 Allacciamento collettore scarico fumi ...................................................................................................................................................... 25
3.21 Funzionamento .......................................................................................................................................................................................... 27
3.22 Allacciamenti elettrici ................................................................................................................................................................................. 29
3.23 Schema di collegamento pratico ............................................................................................................................................................... 30
3.24 Schema collegamenti e gestione .............................................................................................................................................................. 32
3.25 Esempi di installazione (schema funzionale e descrizione collegamenti) con centralina di controllo opzionale ................................ 34
Collegamenti per caldaie in cascata gestite da termoregolazioni esterne ............................................................................................. 36
3.26 Controllore di cascata BCM ...................................................................................................................................................................... 38
3.27 Configurazione con circolatore ................................................................................................................................................................ 42
3.28 Riempimento e svuotamento dell’impianto ............................................................................................................................................... 43
3.29 Verifica regolazione della pressione al bruciatore ................................................................................................................................... 44
3.30 Operatività di emergenza ........................................................................................................................................................................ 47
3.31 Prima accensione ...................................................................................................................................................................................... 48
4
ISPEZIONE E MANUTENZIONE ........................................................................................................................................................................ 49
5
CERTIFICATO CE .............................................................................................................................................................................................. 55
Informazioni generali
1
INFORMAZIONI GENERALI
1.1 - SIMBOLOGIA UTILIZZATA NEL MANUALE
Nella lettura di questo manuale, particolare attenzione deve essere posta alle parti contrassegnate dai simboli rappresentati:
PERICOLO!
Grave pericolo per
l’incolumità e la vita
ATTENZIONE!
Possibile situazione pericolosa
per il prodotto e l’ambiente
NOTA!
Suggerimenti per l’utenza
1.2 - USO CONFORME DELL’APPARECCHIO
L'apparecchio MODULEX è stato costruito sulla base del livello attuale della tecnica e delle riconosciute
regole tecniche di sicurezza.
Ciò nonostante, in seguito ad un utilizzo improprio, potrebbero insorgere pericoli per l'incolumità e la
vita dell'utente o di altre persone ovvero danni all'apparecchio oppure ad altri oggetti.
L'apparecchio è previsto per il funzionamento in impianti di riscaldamento a circolazione d'acqua calda.
Qualsiasi utilizzo diverso viene considerato quale improprio.
Per qualsiasi danno risultante da un utilizzo improprio UNICAL non si assume alcuna responsabilità.
Un utilizzo secondo gli scopi previsti prevede anche che ci si attenga scrupolosamente alle istruzioni del
presente manuale.
1.3 - INFORMAZIONI DA FORNIRE ALL’UTENTE
L'utente deve essere istruito sull'utilizzo e sul funzionamento del proprio impianto di riscaldamento, in particolare:
• Consegnare all'utente le presenti istruzioni, nonché gli altri documenti relativi all'apparecchio inseriti nella
busta contenuta nell'imballo. L’utente deve custodire tale documentazione in modo da poterla avere a
disposizione per ogni ulteriore consultazione.
• Informare l'utente sull'importanza delle bocchette di areazione e del sistema di scarico fumi, evidenziandone
l'indispensabilità e l'assoluto divieto di modifica.
• Informare l'utente riguardo al controllo della pressione dell'acqua dell'impianto nonché sulle operazioni per il
ripristino della stessa.
• Informare l'utente riguardo la regolazione corretta di temperature, centraline/termostati e radiatori per risparmiare energia.
• Ricordare che è obbligatorio effettuare una manutenzione regolare dell'impianto una volta all'anno e un'analisi
di combustione ogni due anni (come da legge nazionale).
• Se l'apparecchio dovesse essere venduto o trasferito ad un altro proprietario o se si dovesse traslocare e
lasciare l'apparecchio, assicurarsi sempre che il libretto accompagni l'apparecchio in modo che possa essere
consultato dal nuovo proprietario e/o dall'installatore.
Nel caso di danni a persone, animali e cose derivanti dalla mancata osservanza delle istruzioni contenute
nel presente manuale il costruttore non può essere considerato responsabile.
3
Informazioni generali
1.4 - AVVERTENZE PER LA SICUREZZA
ATTENZIONE!
L’apparecchio non deve essere usato da persone con ridotte capacità fisiche, mentali e sensoriali, senza
esperienza e conoscenza. Queste persone devono essere precedentemente istruite e sorvegliate durante
le operazioni di manovra. I bambini devono essere sorvegliati affinchè non giochino con l’apparecchio.
ATTENZIONE!
L’installazione, la regolazione e la manutenzione dell’apparecchio deve essere eseguita da personale
professionalmente qualificato, in conformità alle norme e disposizioni vigenti, poichè un'errata installazione può causare danni a persone, animali e cose, nei confronti dei quali il costruttore non può essere
considerato responsabile.
PERICOLO!
Lavori di manutenzione o riparazioni della caldaia devono essere eseguiti da personale professionalmente qualificato, autorizzato da Unical; si raccomanda la stipula di un contratto di manutenzione.
Una manutenzione carente o irregolare può compromettere la sicurezza operativa dell’apparecchio e
provocare danni a persone, animali e cose per i quali il costruttore non può essere considerato responsabile.
Modifiche alle parti collegate all'apparecchio
Non effettuare modifiche ai seguenti elementi:
- alla caldaia
- alle linee di alimentazione gas, aria, acqua e corrente elettrica
- al condotto fumi, alla valvola di sicurezza e alla sua tubazione di scarico
- agli elementi costruttivi che influiscono sulla sicurezza operativa dell'apparecchio
Attenzione!
Per stringere o allentare i raccordi a vite, utilizzare esclusivamente delle chiavi a forcella (chiavi fisse) adeguate.
L'utilizzo non conforme e/o gli attrezzi non adeguati possono provocare dei danni (per es. fuoriuscite di acqua
o di gas).
ATTENZIONE!
Indicazioni per apparecchi funzionanti a gas propano
Sincerarsi che prima dell'installazione dell'apparecchio il serbatoio del gas sia stato disaerato.
Per una disaerazione a regola d'arte del serbatoio rivolgersi al fornitore del gas liquido e comunque a personale
abilitato ai sensi di legge.
Se il serbatoio non è stato disaerato a regola d'arte possono insorgere problemi di accensione.
In tal caso rivolgersi al fornitore del serbatoio del gas liquido.
Odore di gas
Qualora venisse avvertito odore di gas attenersi alle seguenti indicazioni di sicurezza:
- non azionare interruttori elettrici
- non fumare
- non far uso del telefono
- chiudere il rubinetto d'intercettazione del gas
- aerare l'ambiente dove è avvenuta la fuga di gas
- informare la società di erogazione gas oppure una ditta specializzata nell’installazione e manutenzione di
impianti di riscaldamento.
Sostanze esplosive e facilmente infiammabili
Non utilizzare o depositare materiali esplosivi o facilmente infiammabili (ad es. benzina, vernici, carta) nel locale
dove è installato l'apparecchio.
ATTENZIONE
IL GRUPPO TERMICO DEVE ESSERE INSTALLATO IN MODO TALE DA
EVITARE, NELLE CONDIZIONI DI FUNZIONAMENTO PREVISTE,
IL CONGELAMENTO DEL LIQUIDO IN ESSO CONTENUTO E IMPEDIRE CHE
GLI ORGANI DI COMANDO E CONTROLLO
VENGANO ESPOSTI A TEMPERATURE INFERIORI A -15°C E SUPERIORI A +40°C.
IL GRUPPO TERMICO DEVE ESSERE PROTETTO DA VARIAZIONI
CLIMATICHE/AMBIENTALI CON :
- La coibentazione delle tubazioni idrauliche e dello scarico condensa
- L’adozione di specifici prodotti antigelo nell’impianto idraulico.
Normativa di riferimento UNI 11071/03
4
Informazioni generali
TARGHETTA DEI DATI TECNICI
Marcatura CE
La marcatura CE documenta che le caldaie soddisfano:
- I requisiti essenziali della direttiva relativa agli apparecchi
a gas (direttiva 2009-142 EC)
- I requisiti essenziali della direttiva relativa alla compatibili-
-
tà elettromagnetica (direttiva 2004/108 EC)
I requisiti essenziali della direttiva rendimenti (direttiva
92/42/EEC)
I requisiti essenziali della direttiva bassa tensione (direttiva 2006/95EC)
®
1
2
3
4
5
6
7
8
A
9
10
11
12
13
14
B
15
16
17
18
19
C
20
D
21
22
25
24
26
23
E
27
28
LEGENDA:
1 = Ente di sorveglianza CE
2 = Tipo di caldaia
3 = Modello caldaia
4 = Numero di stelle (direttiva 92/42/CEE)
5 = (S.N°) Matricola
6 = P.I.N. Numero Identificativo del Prodotto
7 = Tipi di configurazioni scarico fumi approvati
8 = (NOx) Classe di NOx
A
9
10
11
12
13
14
=
=
=
=
=
=
=
B =
15 =
16 =
17 =
Caratteristiche circuito riscaldamento
(Pn) Potenza utile nominale
(Pcond) Potenza utile in condensazione
(Qmax) Portata termica massima
(Adjusted Qn) Regolata per portata termica nominale
(PMS) Pressione max. esercizio riscaldamento
(T max) Temperatura max. riscaldamento
Caratteristiche circuito sanitario
(Qnw) Portata termica nominale in funzione sanitario (se diversa da Qn)
(D) Portata specifica A.C.S. secondo EN 625 - EN 13203-1
(R factor) N° rubinetti in base alla quantità di acqua dichiarata
(EN 13203-1)
18 = (F factor) N°stelle in base alla qualità di acqua dichiarata
(EN 13203-1)
19 = (PMW) Pressione max. esercizio sanitario
20 = (T max) Temperatura max. sanitario
C =
21 =
22 =
23 =
Caratteristiche elettriche
Alimentazione elettrica
Consumo
Grado di protezione
D
24
25
26
Paesi di destinazione
Paesi diretti ed indiretti di destinazione
Categoria gas
Pressione di alimentazione
=
=
=
=
E = Regolazioni di fabbrica
27 = Regolata per gas tipo X
28 = Spazio per marchi nazionali
5
Informazioni generali
1.7 - AVVERTENZE GENERALI
Il libretto d'istruzioni costituisce parte integrante ed essenziale del prodotto e dovrà essere conservato dal responsabile
dell’impianto.
Leggere attentamente le avvertenze contenute nel libretto in
quanto forniscono importanti indicazioni riguardanti la sicurezza di installazione, l'uso e la manutenzione.
Conservare con cura il libretto per ogni ulteriore consultazione.
L'installazione e la manutenzione del vostro apparecchio
devono essere effettuate in ottemperanza alle norme vigenti, secondo le istruzioni del costruttore, a regola d’arte
e da personale qualificato ed abilitato ai sensi di legge.
Gli impianti per la produzione di acqua calda ad uso sanitario DEVONO essere costruiti nella loro interezza con materiali conformi al D.M. 174/2004 ( rubinetterie, tubazioni, raccordi ecc...)
Per personale professionalmente qualificato s'intende,
quello avente specifica competenza tecnica nel settore dei
componenti di impianti di riscaldamento ad uso civile, produzione di acqua calda ad uso sanitario e manutenzione. Il
personale dovrà avere le abilitazioni previste dalla legge
vigente.
Un'errata installazione o una cattiva manutenzione possono
causare danni a persone, animali o cose, per i quali il costruttore non è responsabile.
Prima di effettuare qualsiasi operazione di pulizia o di manutenzione, disinserire l'apparecchio dalla rete di alimentazione agendo sull’interruttore dell'impianto e/o attraverso gli appositi organi di intercettazione.
Non ostruire i terminali dei condotti di aspirazione/scarico.
6
In caso di guasto e/o cattivo funzionamento dell'apparecchio,
disattivarlo, astenendosi da qualsiasi tentativo di riparazione
o di intervento diretto. Rivolgersi esclusivamente a personale
abilitato ai sensi di legge.
L'eventuale riparazione dei prodotti dovrà essere effettuata
solamente da personale autorizzato da Unical, utilizzando
esclusivamente ricambi originali. Il mancato rispetto di quanto sopra può compromettere la sicurezza dell'apparecchio e
il decadimento della garanzia.
Per garantire l'efficienza dell'apparecchio e per il suo corretto
funzionamento è indispensabile far effettuare da personale
abilitato la manutenzione annuale.
Allorché si decida di non utilizzare l'apparecchio, si dovranno
rendere innocue quelle parti suscettibili di causare potenziali
fonti di pericolo.
Prima di rimettere in servizio un apparecchio rimasto inutilizzato, procedere al lavaggio dell’impianto di produzione acqua calda sanitaria, facendo scorrere l’acqua per il tempo
necessario al ricambio totale.
Se l'apparecchio dovesse essere venduto o trasferito ad un
altro proprietario o se si dovesse traslocare e lasciare l'apparecchio, assicurarsi sempre che il libretto accompagni l'apparecchio in modo che possa essere consultato dal nuovo proprietario e/o dall'installatore.
Per tutti gli apparecchi con optional o kit (compresi quelli elettrici) si dovranno utilizzare solo accessori originali.
Questo apparecchio dovrà essere destinato solo all'uso per il
quale è stato espressamente previsto.
Ogni altro uso è da considerarsi improprio e quindi pericoloso (*).
Caratteristiche tecniche e dimensioni
2
CARATTERISTICHE TECNICHE
E DIMENSIONI
A) Ripartizione della potenza sul n° maggiore di moduli
2.1 - CARATTERISTICHE TECNICHE
• E' un generatore di calore compatto a gas a condensazione Low NOx costituito da un solo modulo termico predisposto per funzionare singolarmente o in batteria e per
essere collocato direttamente all’esterno (IPX5D). Tale modulo termico è costituito da due a più elementi termici (da
2 a 7), da esso inscindibili in quanto racchiusi sotto lo
stesso mantello di protezione. Questi elementi sono collegati ad un unico collettore di scarico fumi e vengono
controllati da un unico microprocessore, con gestione totale delle temperature sia dal punto di vista funzionale che
delle sicurezze.
Viene fornita unicamente nella versione SOLO RISCALDAMENTO.
ATTENZIONE: Questi apparecchi NON sono idonei alla
produzione di acqua per il consumo umano secondo il
D.M. 174/2007.
• Rendimento al 100% di carico con temperatura 30/50° C =
101%.
Al 30% di carico con 30°C sul ritorno = 108,2%.
• Classe di rendimento
• Ciascun elemento termico, in alluminio/magnesio/silicio, è
costituito da uno scambiatore di calore privo di intercettazioni idrauliche composto da camera di combustione con
bruciatore, ventilatore modulante, valvola gas, BMM, dispositivo di accensione e controllo fiamma, sensore NTC di controllo
temperatura locale e termostato di sicurezza.
• L’intero gruppo termico dispone di sensori NTC di controllo
temperatura globale sui collettori di mandata e ritorno.
• Coibentazione integrale con lana sintetica anallergica.
• Bruciatore a premiscelazione totale, modulante, con combustore di "spugna metallica" (NIT) , ad irraggiamento. Premiscelazione inel ventilatore. Diaframma automatico antiriflusso di separazione dalla camera di combustione.
• Sistema di aspirazione/alimentazione dell’aria comburente dal
locale caldaia o direttamente dall’esterno (bruciatore stagno).
• Potenza massima utile nominale erogata per ciascun modulo 50 kW; minima 12 kW.
• Livello di rumorosità alla massima potenza inferiore a 49
dBA.
• Possibilità di configurazione dei moduli :
• Possibilità di affiancamento in cascata di 2 o più gruppi
termici Modulex
• Funzionamento in riscaldamento: determinazione della potenza istantanea mediante microprocessore di comando,
con preimpostazione di parametri di confronto tra temperatura richiesta (o calcolata dalla termoregolazione esterna)
e temperatura globale di mandata.
• Logica di funzionamento:
2
3
3
4
5
6
7
100
116
150
200
250
300
350
possibile al carico minimo possibile (fino a 12 kW) per
l’ottenimento del massimo rendimento.
B) Sistema di ripartizione delle ore di lavoro automatico
per ciascun modulo al fine di garantire lo sfruttamento
omogeneo ottimale.
C) Produzione di A.C.S. mediante sonda di priorità, per il
comando mediante pompa di carico bollitore o valvola
deviatrice a tre vie attraverso E 8.
D) Possibilità di controllo di potenza dei singoli moduli per
eventuali tarature e/o assistenza con codice di accesso
riservato.
• Possibilità di controllo di potenza dei singoli moduli.
• Controllo della richiesta di calore: setpoint della
temperatura e livello della modulazione.
• Monitoraggio dello stato di funzionamento e delle
temperature.
• Gestione degli allarmi.
• Impostazione dei parametri.
• Relay di comando per l’attivazione di una pompa a velocità
fissa
• Uscita analogica 0÷10V per il controllo di un circolatore
modulante.
• Operatività di emergenza: consente di evitare il fermo
impianto quale conseguenza dell’interruzione della
comunicazione con il sistema di automazione (eventuale
telegestione) della centrale:
• Ingresso per comando di richiesta a “Setpoint costante”:
70°C, potenza massima 50%.
• Ingresso di reset Allarme.
• Relay di segnalazione Allarme.
• Tubi di collegamento gas, mandata, ritorno acqua impianto predisposti per eventuale collegamento (dal lato opposto).
• Pannellatura integrale facilmente rimovibile con pannelli
in acciaio verniciati a fuoco
• Scarico fumi posizionabile a destra, sinistra. dietro il gruppo termico.
• Vasca raccolta condensa con sifone di scarico e camera
fumo in acciaio inox.
• Disareatore incorporato
• Pesi e dimensioni (vedere tabella al punto 1.2)
• Pannelli strumenti a scomparsa (POP-UP)
SONDE a corredo della caldaia:
• 00262208 sonda esterna
• 00262209 mandata miscelata
• 00262210 sonda caldaia
• 00262211 sonda bollitore
Accessori opzionali:
• 00262603 Sonda PT1000
• 00262827 Neutralizzatore condensa acida fino 300 kW
• 00262829 Neutralizzatore condensa acida fino 1500 kW
• 00361044 Kit pulizia corpi modulex
• 00361332 Kit termoregolazione E8
• 00361358 Kit comando remoto BM8
• 00361359 Kit custodia termoregolazione
• 00361545 Kit modulo espansione E8
• Anelli primari: COMPO S - BOX COPERTURA ANELLO
COMPO S. - KIT ISPELS, vedi cap. 3.10
• 00361976 Separatore idraulico
• 00362075 Kit supporto terminale fumi
• 00362076 Kit scarico fumi posteriore
• 00362021 Kit supporto 10 cm
7
Caratteristiche tecniche e dimensioni
VISTA LATERALE DESTRA
2.2 - DIMENSIONI
(Condizione di fornitura per attacchi lato destro)
VISTA FRONTALE
P (770)
L
387
384
G
R
390
S
275
106
833
20
750
1150
M
255
276
70
L1
352
353
VISTA LATERALE SINISTRA
(P1) 705
318
PRETRANCIO
MANDATA
LATO
SINISTRO
VISTA SUPERIORE
PRETRANCIO
GAS
LATO
SINISTRO
PRETRANCIO
RITORNO
LATO
SINISTRO
M
R
Mandata impianto
Ritorno impianto
G
S
MODULEX
8
Dimensioni
N. elementi termici
Altezza
Larghezza ''L''
Larghezza ''L1''
Profondità ''P''
Profondità ''P1''
mm
mm
mm
mm
mm
Dimensioni attacchi
Raccordo Gas
Mandata impianto M
Ritorno impianto R
Raccordo camino
Scarico condensa
mm (inch)
mm (inch)
mm (inch)
mm
mm
Ingresso gas
Scarico condensa
100
116
150
200
250
300
350
2
1150
764
706
770
705
3
1150
764
706
770
705
3
1150
764
706
770
705
4
1150
1032
974
770
705
5
1150
1032
974
770
705
6
1150
1300
1242
770
705
7
1150
1300
1242
770
705
50(2 )
50(2 ) 50(2 ) 50(2 ) 50(2 )
50(2 )
50(2 )
64 (2½) 64 (2½) 64 (2½) 64 (2½) 64 (2½) 64 (2½) 64 (2½)
64 (2½) 64 (2½) 64 (2½) 64 (2½) 64 (2½) 64 (2½) 64 (2½)
150*/200 150*/200 150*/200 150*/200
200
200
200
40
40
40
40
40
40
40
(*) Riduzione raccordo camino Ø200/150
Caratteristiche tecniche e dimensioni
2.3 - DATI DI FUNZIONAMENTO (UNI 10348) /
CARATTERISTICHE GENERALI
MODULEX
100
CALDAIA TIPO
Categoria della caldaia
II2H3P
Portata termica nominale su P.C.I. Qn
kW
100
Portata termica minima su P.C.I. Qmin
kW
12
Potenza utile nominale (Tr 60 / Tm 80 °C) Pn
kW
97,2
Potenza utile minima (Tr 60 / Tm 80 °C) Pn min
kW
11,7
Potenza utile nominale (Tr 30 / Tm 50 °C) Pcond
kW
100,1
Potenza utile minima (Tr 30 / Tm 50 °C) Pcond min kW
12,5
Rendimento a potenza nominale (Tr 60 / Tm 80°C)
%
97,2
Rendimento a potenza minima (Tr 60 / Tm 80°C)
%
97,16
Rendimento a potenza nominale (Tr 30 / Tm 50°C)
%
100,1
Rendimento al potenza minima (Tr 30 / Tm 50°C)
%
106,5
Classe di rendimento secondo direttiva 92/42 CEE
4
Rendimento di combustione a carico nominale
%
97,8
Rendimento di combustione a carico minimo
%
98,3
Perdite al mantello bruciatore funzionante
%
0,6
Perdite al mantello bruciatore spento
0,1
Temperatura fumi netta tf-ta (max)
°C
44,2
Portata massica fumi (max)
kg/h
163,4
Eccesso aria
%
25,5
(**) CO2 (min/max)
%
NOX (valore ponderato secondo EN 297A3)
mg/kWh 53,8
Classe di NOX
5
Perdite al camino con bruciatore funzionante (max) %
2,2
Portata d'acqua alla potenza nominale (ΔT 20°C)
l/h
4180
Pressione minima del circuito riscaldamento
bar
0,5
Pressione massima del circuito riscaldamento
bar
6
Contenuto d'acqua
l
10,1
Consumo gas metano G20 (p.alim. 20 mbar) a Qn
m3/h
10,6
Consumo gas metano G20 (p.alim. 20 mbar) a Qmin m3/h
1,3
Consumo gas G25 (p.alim. 20/25 mbar) a Qn
m3/h
12,3
Consumo gas G25 (p.alim. 20/25 mbar) a Qmin
m3/h
1,5
Consumo gas propano (p.alim. 37/50 mbar) a Qn
kg/h
7,8
Consumo gas propano (p.alim. 37/50 mbar) a Qmin kg/h
0,9
Massima pressione disponibile base camino
Pa
100
Produzione di condensa max
kg/h
15,3
Emissioni
CO con 0% di O2 nei fumi
ppm
<77
NOx con 0% di O2 nei fumi
ppm
<44
Sonore
dBA
<49
Dati elettrici
Tensione di alimentazione / Frequenza
V/Hz 230/50
Fusibile sull'alimentazione
A (F)
4
Potenza massima
W
145
(***) Grado di protezione
IP
X5D
Consumo in stand-by
W
10
(*)
(**)
(***)
Temperatura Ambiente = 20°C
Vedi tabella ‘’UGELLI - PRESSIONI’’
Il grado di protezione IP X5D è ottenuto
con coperchio abbassato.
116
150
200
116
12
112,9
11,7
116
12,5
97,3
97,16
101,0
106,5
4
97,8
98,3
0,5
0,1
45,1
189,6
25,5
53,8
5
2,2
4853
0,5
6
14,2
12,3
1,3
14,3
1,5
9,0
0,9
100
17,7
150
12
146,1
11,7
150,0
12,5
97,4
97,16
100,8
106,5
4
97,8
98,3
0,4
0,1
45,1
245,2
25,5
53,8
5
2,2
6282
0,5
6
14,2
15,9
1,3
18,4
1,5
11,6
0,9
100
23
200
12
195,2
11,7
200,4
12,5
97,6
97,16
100,2
106,5
4
97,8
98,3
0,2
0,1
46,5
326,9
25,5
53,8
5
2,2
8394
0,5
6
18,3
21,1
1,3
24,6
1,5
15,5
0,9
100
30,6
<77
<44
<49
<77
<44
<49
<77
<44
<49
300
350
250
300
12
12
244,5 294,0
11,7
11,7
251,3 302,7
12,5
12,5
97,8
98,0
97,16 97,16
100,5 100,9
106,5 106,5
4
4
98,0
98,1
98,3
98,3
0,2
0,1
0,1
0,1
47,3
48,2
408,6 490,3
25,5
25,5
53,8
53,8
5
5
2,0
1,9
10514 12642
0,5
0,5
6
6
22,4
26,5
26,4
31,7
1,3
1,3
30,7
36,9
1,5
1,5
19,4
23,3
0,9
0,9
100
100
38,3
45,9
348
12
342,2
11,7
354,6
12,5
98,2
97,16
101,9
106,5
4
98,3
98,3
0,1
0,1
49,1
572
25,5
53,8
5
1,7
14784
0,5
6
30,6
37,0
1,3
43,0
1,5
27,2
0,9
100
53,6
250
<77
<44
<49
<77
<44
<49
<77
<44
<49
230/50 230/50 230/50 230/50 230/50 230/50
4
4
4
4
4
4
290
362
435
507
165
210
X5D
X5D
X5D X5D
X5D
X5D
10
10
10
10
10
10
La targhetta dati tecnici si trova sotto al mantello ed è posizionata sulla traversa di fissaggio anteriore.
9
Caratteristiche tecniche e dimensioni
2.4 - VISTA LATERALE DESTRA CON L'INDICAZIONE DEI COMPONENTI PRINCIPALI
PANNELLO
COMANDI
VALVOLA GAS
VENTILATORE
COPERCHIO
BRUCIATORE
SFIATO ARIA
AUTOMATICO
TUBO GAS
ACCENSIONE
IONIZZAZIONE
SONDA
NTC GLOBALE
DI MANDATA
SONDA NTC
LOCALE
MANDATA
RISCALDAM.
TERMOSTATO
LIMITE
BRUCIATORE
NTC GLOBALE
DI RITORNO
SCAMBIATORE
ALLUMINIO
SILICIO
RITORNO
RISCALDAM.
SENSORE
DI LIVELLO
A
RUBINETTO
DI SCARICO
BACINELLA
RACCOGLI
CONSENSA RACCORDO
CAMINO
USCITA
SCARICO
CONDENSA
TELAIO
Profondità min. 100 mm
uscita fumi lato DESTRO (condizione di fornitura) - lato SINISTRO e lato POSTERIORE (ordinare kit uscita fumi
posteriore)
mandata lato DESTRO (condizione di fornitura) - lato SINISTRO
ritorno lato DESTRO (condizione di fornitura) - lato SINISTRO
ingresso Gas lato DESTRO (condizione di fornitura) - lato SINISTRO
Nel caso vi sia la necessità di posizionare lo scarico fumi, sul lato sinistro della caldaia, è necessario spostare il
coperchio ‘‘A‘‘ con il relativo cablaggio, sensore di livello e tubo pressostato, sul lato posteriore della caldaia.
Il coperchio posteriore (precedentemente tolto) deve essere ri-posizionato sul lato destro della caldaia.
10
Istruzioni per l’installatore
3
ISTRUZIONI PER
L’INSTALLAZIONE
3.1 - AVVERTENZE GENERALI
ATTENZIONE!
Questa caldaia deve essere destinata solo
all'uso per il quale è stata espressamente
prevista. Ogni altro uso è da considerarsi improprio e quindi pericoloso.
Questa caldaia serve a riscaldare acqua ad
una temperatura inferiore a quella di ebollizione a pressione atmosferica.
ATTENZIONE!
Gli apparecchi sono progettati esclusivamente per installazioni all'interno di vani tecnici
idonei.
Prima di allacciare la caldaia far effettuare da
personale professionalmente qualificato:
a) Un lavaggio accurato di tutte le tubazioni
dell'impianto per rimuovere eventuali residui o impurità che potrebbero compromettere il buon funzionamento della caldaia, anche dal punto di vista igenico-sanitario.
b) La verifica che la caldaia sia predisposta
per il funzionamento con il tipo di combustibile disponibile.
Il tipo di combustibile è rilevabile dalla scritta
sull'imballo e dalla targhetta delle caratteristiche tecniche.
c) Il controllo che il camino/canna fumaria abbia un tiraggio adeguato, non presenti strozzature, e che non siano inseriti scarichi di
altri apparecchi, a meno che la canna fumaria non sia realizzata per servire più utenze secondo le specifiche norme e prescrizioni vigenti. Solo dopo questo controllo può
essere montato il raccordo tra caldaia e camino/canna fumaria.
ATTENZIONE!
In locali dove sono presenti vapori aggressivi oppure polveri, l’apparecchio deve funzionare indipendentemente dall’aria del locale
d’installazione!
ATTENZIONE!
L’apparecchio deve essere installato da un
tecnico qualificato in possesso dei requisiti
tecnico-professionali secondo la legge 46/
90 che, sotto la propria responsabilità, garantisca il rispetto delle norme secondo le
regole della buona tecnica.
ATTENZIONE!
Montare l'apparecchio in modo che possano essere rispettate le distanze minime richieste per
l'installazione e la manutenzione.
La caldaia deve essere allacciata ad un impianto
di riscaldamento compatibilmente alle sue prestazioni ed alla sua potenza.
11
Istruzioni per l’installatore
3.2 - NORME PER L'INSTALLAZIONE
La MODULEX EXT è un gruppo termico previsto per la categoria gas II2H3P.
L’installazione dell’apparecchio dovrà essere effettuata in ottemperanza alle istruzioni contenute in questo manuale.
L’installazione deve essere eseguita da un tecnico professionalmente abilitato, il quale si assume la responsabilità per il
rispetto di tutte le leggi locali e/o nazionali pubblicate sulla
gazzetta ufficiale, nonchè le norme tecniche applicabili.
Per l’installazione occorre osservare le norme, le regole e le
prescrizioni riportate di seguito che costituiscono un elenco
indicativo e non esaustivo, dovendo seguire l’evolversi dello
“stato dell’arte”. Ricordiamo che l’aggiornamento normativo è a carico dei tecnici abilitati all’installazione.
Leggi di installazione nazionale:
Reti canalizzate
Norme UNI-CIG 7129
Reti non canalizzate
Norme UNI-CIG 7131
12
Legge del 5.03.90 n°46
D.P.R. 447/91
D.M. n° 37 del 22/01/2008
Legge del 9.01.91 n°10
D.P.R. 412/93
Altre disposizioni applicabili:
Legge 1083/71 (rif. Norme UNI di progettazione, installazione e manutenzione).
D.M. 1.12.1975
D.M. 174 - 6 Aprile 2004
UNI 11071: Impianti a gas per uso domestico asserviti ad
apparecchi a condensazione e affini.
Rispettare inoltre le norme cogenti il locale caldaia, i regolamenti edilizi e le disposizioni sui riscaldamenti a combustione nel paese di installazione.
L’apparecchio deve essere installato, messo in servizio e sottoposto a manutenzione secondo lo “stato dell’arte” attuale.
Ciò vale anche per impianto idraulico, l’impianto di scarico
fumi, il locale di installazione e l’impianto elettrico.
L’ inosservanza delle suddette norme comporta la decadenza della garanzia
Istruzioni per l’installatore
3.3 - IMBALLO
La caldaia MODULEX viene fornita assemblata in una robusta scatola di catone.
Dopo aver tolto le due reggette sfilare il cartone
dall'alto e, assicurarsi dell’integrità del contenuto.
C
Gli elementi dell'imballo (scatola di cartone,
reggette, sacchetti di plastica, etc.) non devono essere lasciati alla portata dei bambini in
quanto potenziali fonti di pericolo.
La Unical declina ogni responsabilità nel caso
danni procurati a persone, animali o cose subentranti in seguito a mancata osservanza di
quanto sopra esposto.
sul lato frontale della caldaia:
- Il collettore di scarico fumi Ø 200 ancorato con viti sulla
traversa anteriore + (solo per modulex 100 - 116 - 150 200) riduzione raccordo camino Ø200/150
sul fianco sinistro della caldaia:
- Il tubo del sifone di scarico condensa
- Zoccolo laterale DX e SX
- Una scatola di cartone contenente:
• Guarnizione tra bacinella e terminale.
• Guarnizione collare Ø 200.
• Due curve + un T + un tappo in plastica per lo
scarico della condensa
• Le viti necessarie per il fissaggio del terminale fumi
- Le sonde: esterna, mandata, bollitore.
- Il tappo ispezione fumi
- Kit resistenze
- Lamierino e passacavi per uscita alimentazione
Sopra il coperchio della caldaia:
- Un sacchetto in plastica contenente:
- Libretto istruzioni installatore e manutentore
A
B
Dentro il cartone si trova
100
116
150
200
250
300
350
-
840
840
840
1110
1110
1375
1375
890
890
890
890
890
890
890
1250
1250
1250
1250
1250
1250
1250
203 kg
236 kg
236 kg
295 kg
325 kg
386 kg
419 kg
Libretto istruzioni responsabile impianto
Libretto uso centralina di controllo E8
Certificato di garanzia
Certificato di prova idraulica
Libretto di centrale
Cedola ricambi
Spinette per bloccare l’assieme ventilatori in posizione
sollevata
3.4 - POSIZIONAMENTO IN CENTRALE TERMICA
Particolare importanza deve essere data alle norme e leggi
locali in fatto di centrali termiche ed in special modo alle distanze minime che devono essere mantenute libere intorno
alla caldaia.
L’installazione deve essere conforme alle prescrizioni contenute nelle più recenti norme e leggi in fatto di centrali termiche, installazioni di impianti termici e di produzione di acqua
calda, ventilazione, camini idonei a scaricare i prodotti di combustione di caldaie a condensazione, e quant’altro applicabile.
La caldaia potrà essere appoggiata su uno zoccolo piano e
sufficientemente robusto di dimensioni, in pianta, non inferiori
a quelle della caldaia ed avente un'altezza di almeno 100 mm
(v. fig. 2) in modo da poter montare il sifone per lo scarico della
condensa. In alternativa a questo zoccolo è possibile ricavare
un pozzetto sul pavimento, a fianco della caldaia, avente profondità di 100 mm per l'alloggiamento del sifone (ved. fig. 2).
Ad installazione avvenuta la caldaia dovrà risultare perfettamente orizzontale e ben stabile (onde ridurre eventuali vibrazioni e rumorosità).
13
Istruzioni per l’installatore
A
B
D
C
Sifone
A > 400 mm
B > 400 mm
C = 100 mm
D = 500 mm
Rispettare le minime distanze di ingombro per poter
eseguire le operazioni di normale manutenzione e
pulizia.
3.5 - INSTALLAZIONE
Quando l’apparecchio viene installato su impianti esistenti,
verificare che:
-
-
La canna fumaria sia dotata di attacco per l’evacuazione
della condensa.
-
Il locale caldaia sia dotato di condotto per l’evacuazione
della condensa prodotta dalla caldaia.
-
L’impianto elettrico sia realizzato nel rispetto delle norme
specifiche e da personale tecnico qualificato.
-
La portata, la prevalenza e la direzione del flusso delle
pompe di circolazione sia appropriata.
-
La linea di adduzione del combustibile e l’eventuale serbatoio siano realizzati secondo le norme vigenti in materia.
I vasi di espansione assicurino il totale assorbimento
della dilatazione del fluido contenuto nell’impianto.
-
-
14
La canna fumaria sia adatta per apparecchi a condensazione, alle temperature dei prodotti della combustione,
calcolata e costruita secondo le norme vigenti in materia.
Sia più rettilinea possibile, a tenuta, isolata e non abbia
occlusioni o restringimenti.
L’impianto sia stato ripulito da fanghi e incrostazioni.
In casi di installazione di una Modulex su Impianti esistenti:
Nel caso sia possibile programmare la sostituzione, è
necessario provvedere ad un intervento con lavaggio preventivo dotato di disperdenti basici. I lavaggi devono essere eseguiti quattro settimane prima della sostituzione,
con impianto funzionante a temperatura di 35°C - 40°C
Attenzione!
Se la nuova caldaia è stata sostituita in un vecchio impianto senza aver provveduto a lavaggio
come menzionato nel precedente paragrafo, non
lavare l’impianto, in quanto eventuali residui di
prodotto presenti nel circuito, potrebbero dopo
la sostituzione riempire di residui il generatore.
Si consiglia di contattare una ditta specializzata
per il trattamento acqua.
In caso invece di installazione di una Modulex su un
impianto nuovo si raccomanda di procedere uguamente
ad un buon lavaggio con prodotti adeguati di tutto l'impianto e di montare sul tubo di ritorno in caldaia, un filtro
ad ipsilon con due valvole di intercettazione, in modo che,
all’occorrenza, possa essere pulito.
Tale filtro proteggerà la caldaia dallo sporco proveniente
dall’impianto di riscaldamento.
In entrambi i casi è necessario tenere conto delle perdite
di carico localizzate nel circuito primario ai fini del corretto
dimensionamento del circolatore.
Istruzioni per l’installatore
3.6 - ALLACCIAMENTO DELLA CALDAIA
La caldaia Modulex lascia la fabbrica predisposta per i collegamenti idraulici (mandata e ritorno), gas e uscita fumi posti
sul fianco destro della caldaia.
Per spostare lo scarico fumi da Dx (posizione
di fornitura standard) a Sx invertire tra loro i
due pannelli laterali del mantello.
Per spostare lo scarico fumi da Dx (posizione
di fornitura standard) in posizione posteriore
è necessario richiedere il kit fumi 00362076
costituito dal Ti visibile in figura e una lamiera
di chiusura del foro fianco Dx del mantello.
Per spostare gli attacchi idraulici (uno solo od
entrambi) dal lato Dx (posizione di fornitura
standard) al lato Sx è necessario rimuovere la
parte pretranciata, in corrispondenza degli attacchi che si intende spostare sul lato opposto
e chiudere il lato Dx del mantello con il kit cod.
00362074.
Per spostare sul lato opposto l’attacco del gas (posizione
di fornitura standard lato Dx) invertire tra loro la flangia
cieca con il tronchetto flangiato.
Reversibilità Gas
Reversibilità Mandata e Ritorno
Per spostare sul lato opposto gli attacchi Mandata / Ritorno (posizione di fornitura standard lato Dx) invertire tra loro
la flangia cieca con il tronchetto flangiato.
Diaframmi e Guarnizioni
A
B
Guarnizione con diaframma Ø 22 (A) montata sulla sede del
foro di mandata del primo ed ultimo elemento di caldaia.
Solo guarnizioni (B) montate su tutti gli altri fori dei vari elementi.
15
Istruzioni per l’installatore
3.7 - ALLACCIAMENTO GAS
Prima dell'installazione si consiglia di effettuare un'accurata pulizia interna di tutte le
tubazioni di adduzione del combustibile al
fine di rimuovere eventuali residui che potrebbero compromettere il buon funzionamento della caldaia.
La tubazione di adduzione gas deve essere allacciata alla caldaia al rispettivo raccordo da R 1½” come indicato a pagina 8.
La tubazione di alimentazione deve avere una sezione uguale
o superiore a quella usata in caldaia e comunque deve assicurare una corretta pressione del gas.
Avvertendo odore di gas:
a) Non azionare interruttori elettrici, il telefono o qualsiasi altro oggetto che possa
provocare scintille;
b) Aprire immediatamente porte e finestre
per creare una corrente d'aria che purifichi il locale;
c) Chiudere il rubinetti del gas;
d) Chiedere l'intervento di personale professionalmente qualificato.
E' comunque opportuno attenersi alle specifiche norme e prescrizioni vigenti in materia, prevedendo valvola di intercettazione, filtro gas, giunto antivibrante ecc.
Prima di mettere in servizio un impianto di distribuzione interna di gas e quindi prima di allacciarlo al contatore, si deve
verificarne accuratamente la tenuta.
Se qualche parte dell'impianto non è in vista, la prova di tenuta deve precedere la copertura della tubazione.
Al fine di cautelarsi contro eventuali fughe di
gas si consiglia di installare un sistema di sorveglianza e protezione composto da un rilevatore di fughe di gas abbinato ad una elettrovalvola di intercettazione sulle linea di alimentazione combustibile.
Pericolo!
L’allacciamento del gas deve essere eseguito solo a cura di un installatore abilitato che
dovrà rispettare ed applicare quanto previsto dalle leggi vigenti in materia e dalle locali prescrizioni della società erogatrice,
poiché un'errata installazione può causare
danni a persone, animali e cose, nei confronti dei quali il costruttore non può essere considerato responsabile.
ESEMPIO DI SISTEMA DI ADDUZIONE GAS
INTERNO
CENTRALE
TERMICA
1
1
2
3
4
5
6
16
2
Valvola intercettazione combustibile
Regolatore a doppia membrana
Filtro gas
Giunto antivibrante
Elettrovalvola gas
Rubinetto di intercettazione
3
EST E RN O
CENTRALE
TERMICA
4
6
5
6
Istruzioni per l’installatore
3.8 - ALLACCIAMENTO TUBI MANDATA E
RITORNO IMPIANTO
La mandata e il ritorno del riscaldamento devono essere allacciati alla caldaia ai rispettivi raccordi da 2” M e R come
indicato a pagina 8.
Per il dimensionamento dei tubi del circuito di riscaldamento è
necessario tenere conto delle perdite di carico indotte dai componenti dell’impianto e dalla configurazione propria dello stesso.
ATTENZIONE!
E’ ASSOLUTAMENTE VIETATO INSERIRE
ORGANI DI INTERCETTAZIONE SUL GENERATORE PRIMA DEI DISPOSITIVI DI SICUREZZA,
Il tracciato dei tubi dovrà essere concepito prendendo ogni
precauzione necessaria per evitare le sacche d’aria e per facilitare il degasaggio continuo dell’impianto.
ATTENZIONE!
Prima di collegare la caldaia all’impianto procedere ad un accurato lavaggio delle tubazioni con un prodotto idoneo in conformità alla
norma UNI-CTI 8065, al fine di eliminare residui metallici di lavorazione e di saldatura, di
olio e di grassi che potrebbero essere presenti
e che, giungendo fino alla caldaia, potrebbero
alterarne il funzionamento.
Per il lavaggio dell’impianto non utilizzare
solventi, in quanto un loro utilizzo potrebbe
danneggiare l’impianto e/o i suoi componenti.
La mancata osservanza delle istruzioni del
seguente manuale può causare danni a persone, animali e cose, nei confronti dei quali
il costruttore non può essere considerato
responsabile.
Gli impianti per la produzione di acqua calda
ad uso sanitario DEVONO essere costruiti
nella loro interezza con materiali conformi al
D.M. 174/2004 ( rubinetterie, tubazioni, raccordi ecc...)
Assicurarsi che le tubazioni dell'impianto non
siano usate come prese di terra dell'impianto
elettrico o telefonico. Non sono assolutamente
idonee a questo uso. Potrebbero verificarsi in
breve tempo gravi danni alle tubazioni, alla
caldaia ed ai radiatori.
17
Istruzioni per l’installatore
3.9 - DETERMINAZIONE DELLA POMPA CIRCUITO PRIMARIO O POMPA DI CALDAIA
Le pompe devono essere determinate dall’installatore o dal progettista in base ai dati
di caldaia e dell’impianto.
La curva della resistenza lato acqua della
caldaia è rappresentata nella tabella di seguito riportata.
La pompa non è parte integrante della caldaia.
E' consigliato scegliere un circolatore con
la portata e prevalenza a circa 2/3 della sua
curva caratteristica.
La pompa di caldaia deve avere una prevalenza capace di
assicurare le portate rappresentate nel grafico “Perdite di carico lato acqua”.
La tabella di seguito riportata fornisce indicativamente le portate del circolatore in funzione del Δt del circuito primario nel
caso in cui l’installazione disponga di separatore idraulico.
100
116
150
200
250
300
350
Portata massima
In l/h (Δt=15 K)
5573
6471
8376
11192
14018
16856
19712
Portata nominale
richiesta in l/h (Δt=20 K)
4180
4853
6282
8394
10514
12642
14784
Perdite di carico (m/H
O))
2
(
Potenza in kW
6
5,8
5,6
5,4
5,2
5
4,8
4,6
4,4
4,2
4
3,8
3,6
3,4
3,2
3
2,8
2,6
2,4
2,2
2
1,8
1,6
1,4
1,2
1
0,8
0,6
0,4
0,2
0
116 EXT 200 250 EXT 300 EXT
150 EXT EXT
350 EXT
100 EXT
0
2000
4000
6000
8000
10000 12000
14000 16000 18000
20000 22000 24000
PORTATA l/h
ESEMPIO:
Per un ΔT 20K, di una MODULEX 250 la portata acqua massima richiesta è di 10514 l/h.
Dal grafico delle perdite di carico della caldaia si ricava che il circolatore deve garantire una
prevalenza di almeno 1,6 m/H2O
NOTA:
Il compensatore idraulico inserito tra il circuito caldaia e il circuito impianto è sempre consigliabile, diventa INDISPENSABILE se l’impianto richiede portate superiori a quelle massime consentite nella caldaia e cioè Δt inferiori a 15K.
18
Istruzioni per l’installatore
3.10 - DISPOSITIVI DI SICUREZZA, PROTEZIONE E CONTROLLO AGGIUNTIVI PRESCRITTI DAL D.M. 01-12-1975 E RELATIVE SPECIFICAZIONI TECNICHE APPLICATIVE (RACCOLTA R)
CERTIFICAZIONE DEI DISPOSITIVI DI SICUREZZA AGGIUNTIVI:
Taluni enti prescrivono organi di sicurezza aggiuntivi.
Per le valvole di sicurezza e di intercettazione del combustibile è necessaria la certificazione ISPESL di taratura comprovata da piombo o punzonatura.
I vasi di espansione con capacità superiore a 24 litri devono
essere dotati di libretto di omologazione rilasciato dall' ISPESL e certificato di conformità del costruttore.
Per tutti gli accessori è necessario il certificato di omologazione ISPESL.
DISPOSITIVI DI SICUREZZA
1 Valvola intercettazione gas: Ha la funzione di intercettare direttamente l'alimentazione gas in caso di raggiungimento del valore limite della temperatura dell'acqua.
L'elemento sensibile deve essere installato il più vicino
possibile all'uscita del generatore (tubo mandata) ad una
distanza che deve essere < di 500 mm e non deve essere
intercettabile. Non fornita da Unical
Valvola di sicurezza: Ha la funzione di scaricare in atmosfera il fluido contenuto nel generatore quando questo
per qualsiasi motivo ha raggiunto la pressione massima
di esercizio. Non fornita da Unical
2a Imbuto scarico visivo. Non fornito da Unical
DISPOSITIVI DI CONTROLLO
11 Indicatore di pressione con (12) tubo ammortizzatore e
(13) rubinetto porta-manometro: Indica la pressione effettiva esistente nel generatore, deve essere graduato in
"bar", avere il fondo scala correlato della massima pressione di esercizio ed essere provvisto di un rubinetto a tre
vie con l'attacco per il manometro di controllo.
14 Termometro: Indica la temperatura effettiva dell'acqua
contenuta nel generatore, deve essere graduato in gradi
centigradi con fondo-scala non superiore a 120°C.
17 Pozzetti di ispezione: Omologati per l'inserimento di dispositivi di controllo.
19 Tronchetti G1 ¼’’: Per l'inserimento valvole di sicurezza
3
Vaso di espansione collaudato: Permette di assorbire
l'aumento di volume dell'acqua dell'impianto a seguito
dell'aumento di temperatura; la pressione di bollo (ISPESL) non deve essere superiore alla pressione di taratura
della valvola di sicurezza. Non fornito da Unical
8
7
5
4
6
Filtro a Y
Pompa modulante (Non fornita nel kit ISPELS)
Separatore idraulico (Non fornito nel kit ISPELS)
Valvola di sfiato. Non fornita da Unical
Rubinetto di scarico. Non fornito da Unical.
2
DISPOSITIVI DI PROTEZIONE
10 Termostato di sicurezza: Ha la funzione di arrestare il
generatore in caso di mancato funzionamento del termostato di sicurezza montato in caldaia. Deve essere a taratura INAMOVIBILE < di 100°C.
15 Pressostato di minima: Ha la funzione di arrestare il generatore in caso di decadimento della pressione minima
di esercizio (può essere tarato da 0,5 ÷ 1,7 bar). Deve
essere a riarmo manuale.
16 Manicotto supplementare G1’’ :
18 Pressostato di sicurezza: Ha la funzione di arrestare il
generatore in caso di raggiungimento della pressione
massima di esercizio (può essere tarato 1 ÷ 5 bar).
kit ISPELS
MODULEX 100-116-150:
00361980
MODULEX 200-250:
00361981
MODULEX 300-350:
00333556
3
1a
1
2
BCM
2a
13
19
19
17
16
15
14 12 11
4
18
10
6
19
Istruzioni per l’installatore
ANELLO PRIMARIO
3.11 - SCHEMA COLLEGAMENTO ISPESL
MODULEX 100-116-150:
(COMPO S. 00361944) (PREMO S. 00362062) (PREMO C. 00362015)
con circolatore ON-OFF
MODULEX 200-250
(COMPO S. 00361945) (PREMO S. 00362063) (PREMO C. 00362014)
COMANDO POMPA DA E8
al morsetto 2 del connettore Y4
della BCM) Alimentazione
Caldaia
230 V
SERIE SICUREZZE
ISPESL
L1
MODULEX 300-350
(COMPO S. 00361946) (PREMO S. 00362064) (PREMO C. 00362013)
COMPO S.
LINEA
230 V
RELE’
N
L1
N
LINEA
230 V
In caso di intervento dei dispositivi di sicurezza, la pompa ON/OFF continua a funzionare per
favorire lo smaltimento dell’alta temperatura.
con circolatore MODULANTE
PREMO S.
MORSETTI EXT-MIN
interfaccia pompa
WILO modulante
Alimentazione
Caldaia
230 V
SERIE SICUREZZE
ISPESL
L1
LINEA
230 V
RELE’
N
L1
PREMO C.
N
LINEA
230 V
In caso di intervento dei dispositivi di sicurezza, la pompa MODULANTE si posiziona alla minima velocità e continua a funzionare per favorire lo smaltimento dell’alta temperatura.
20
Istruzioni per l’installatore
3.12 - SCARICO VALVOLA DI SICUREZZA
Prevedere sulla tubazione di mandata, entro 0,5
m, dalla caldaia una valvola di sicurezza dimensionata per la capacità della caldaia ed in conformità con le normative vigenti.
Attenzione!
Si ricorda che è vietato interporre, tra la caldaia e la valvola di sicurezza, qualsiasi tipo
di intercettazione e si raccomanda inoltre di
usare valvole per intervento non oltre la pressione massima di esercizio consentita.
VALVOLA DI
SICUREZZA
IMBUTO DI
SCARICO
VISIVO
Attenzione!
Prevedere in corrispondenza della valvola di
sicurezza riscaldamento, un tubo di scolo
con imbuto ed un sifone che conducano ad
uno scarico adeguato. Lo scarico deve essere controllabile a vista.
In assenza di tale precauzione, un eventuale
intervento della valvola di sicurezza può causare danni a persone, animali e cose, nei confronti dei quali il costruttore non può essere
considerato responsabile.
3.13 - FILTRO IMPIANTO IDRAULICO
BCM
Si consiglia di montare, sul tubo di ritorno in
caldaia, un filtro ad ipsilon.
Tale filtro proteggerà la caldaia dallo sporco
proveniente dall’impianto di riscaldamento.
19
15
3.14 - VALVOLE A SFERA
Si raccomanda di montare delle valvole di intercettazione, a
sfera, sulle tubazioni di mandata e ritorno impianto.
Circuito
secondario
ATTENZIONE!
NON INTERCETTARE MAI GLI ORGANI DI SICUREZZA DAL GENERATORE, quali valvola
di sicurezza e vaso espansione.
In questo modo la caldaia, nel caso di una
manutenzione ordinaria/straordinaria, potrà essere scollegata o svuotata senza vuotare l’intero impianto.
21
Istruzioni per l’installatore
3.15 - PROTEZIONE ANTIGELO DELLA
CALDAIA
Se la temperatura di mandata (misurata all’NTC di mandata globale) dovesse scendere sotto i 7 °C, la pompa impianto si mette in
moto.
Se la temperatura dovesse scendere ulteriormente (sotto i 3 °C),
tutti i moduli si metteranno in funzionamento alla potenza minima finché la temperatura di ritorno non abbia raggiunto i 10 °C.
Questo dispositivo protegge solo la caldaia. Per proteggere anche l’impianto è necessario aggiungere liquido antigelo.
NB: Il liquido antigelo deve essere compatibile con i mate-
riali presenti sull'intero impianto e tollerabile per leghe in alluminio.
ATTENZIONE
DOPO UNA PROLUNGATA INATTIVITA' DEL GENERATORE, NEL CASO VENGA RISCONTRATA
PRESENZA DI GHIACCIO (TEMPERATURE < DI
3°C), NON ATTIVARE ASSOLUTAMENTE IL
GENERATORE.
E' CONSENTITO SOLAMENTE NEL CASO IN
CUI VENGA ASSICURATA PRESENZA DI ANTIGELO NEL CIRCUITO PRIMARIO.
3.16 - SEPARATORE IDRAULICO E SCAMBIATORE A PIASTRE
Per garantire un corretto funzionamento è necessario utilizzare un separatore idraulico che garantisce:
- separazione e raccolta delle impurità dei circuiti
- disaerazione ottimale
- disaccoppiamento idraulico tra i due anelli di circolazione
idraulica
- bilanciamento dei circuiti
Lo scambiatore a piastre opportunamente dimensionato, ha
il vantaggio di tenere separati idraulicamente i due circuiti
(primario e secondario) proteggendo lo scambiatore acqua/
fumi della caldaia. consente anche successivamente, con l’aggiunta o rimozione di piastre addizionali, di adeguare il sistema a mutate esigenze.
50°C
(b
70°C ( t)
ht)
Circuito
Primario
Caldaia
(bt)
70°C
t)
80°C (h
M
M
R
R
Circuito
Secondario
Impianto 40°C
Separatore Idraulico Modulex Ext 100 - 350
cod. 00361976
M = DN 100 - (G 4’’)
R = DN 100 - (G 4’’)
Consultare il catalogo ed il listino per identificare il
separatore idraulico e l’intero anello primario, dimensionati da unical.
(b
60°C (h t)
t)
Separatore a Piastre per circuiti:
Alta Temperatura:
Bassa Temperatura:
Caldaia Primario
Caldaia Primario
M = 80 °C - R = 65 °C
M = 70 °C - R = 55 °C
Secondario Impianto
Secondario Impianto
M = 70 °C - R = 60 °C
M = 50 °C - R = 40 °C
Modulex
Ext 100 cod. 00362087
Ext 150 cod. 00362088
Ext 200 cod. 00362089
Ext 250 cod. 00362090
Ext 300 cod. 00362091
Ext 350 cod. 00362092
COLD OUT
COLD IN
HOT IN
HOT OUT
22
(bt)
55°C
ht)
65°C (
Modulex
Ext 100 cod. 00362080
Ext 150 cod. 00362081
Ext 200 cod. 00362082
Ext 250 cod. 00362083
Ext 300 cod. 00362084
Ext 350 cod. 00362085
Mandata all’impianto
Ritorno dall’impianto
Mandata dalla caldaia
Ritorno alla caldaia
(G 2’’)
(G 2’’)
(G 2’’)
(G 2’’)
Istruzioni per l’installatore
3.17 - SCARICO DELLA CONDENSA
Lo scarico delle condense in fogna deve essere:
- realizzato in modo tale da impedire la fuoriuscita dei prodotti gassosi della combustione in ambiente o in fogna (sifonatura).
- dimensionato e realizzato in modo da consentire il corretto
deflusso degli scarichi liquidi prevenendo eventuali perdite
(pendenza 3%).
- installato in modo tale da evitare il congelamento del liquido in esso contenuto nelle condizioni di funzionamento previste.
- facilmente ispezionabile tramite apposito pozzetto
- miscelato ad esempio con reflui domestici (scarichi lavatrici, lavastoviglie etc.) per lo più a pH basico in modo da
formare una soluzione tampone per poterla poi immettere
nelle fognature.
E' vietato scaricare la condensa attraverso i pluviali delle grondaie, visto il rischio di ghiaccio e la degradazione dei materiali
normalmente utilizzati per la realizzazione dei pluviali stessi.
Il raccordo allo scarico dovrà essere visibile.
Visto il grado di acidità della condensa (pH da 3 a 5) come
materiale per le tubazioni di scarico si dovranno utilizzare solamente materiali plastici idonei.
L'uscita della tubazione di scarico condensa avviene verso il
lato di collegamento del collettore cassa fumi togliendo la parte pre-tranciata sul pannello di copertura.
Il materiale utilizzato consigliato deve essere PE (polietilene)
oppure PPI (polipropilene).
Prima dell'accensione del generatore provvedere al riempimento del sifone tramite l'apposito tappo.
Deve essere evitato il ristagno dei condensati nel sistema di
scarico dei prodotti della combustione (per questo motivo il
condotto di evacuazione deve avere un'inclinazione, verso lo
scarico, di almeno 30 mm/m) ad eccezione dell'eventuale battente di liquido, presente nel sifone di scarico del sistema per
l'evacuazione dei prodotti della combustione (che deve essere riempito dopo il montaggio e la cui altezza minima con tutti
i ventilatori in funzione alla massima velocità deve essere di
almeno 25 mm - vedere fig. 5).
LATO ANTERIORE
150
150
TAPPO DI
RIEMPIMENTO
INIZIALE
DEL SIFONE
PAVIMENTO
DELLA C.T.
* Sifone minimo di sicurezza imposto dalla norma
** Battente minimo con caldaia in funzione alla massima
potenza.
Nel caso in cui non si volesse o potesse creare uno zoccolo è possibile montare la caldaia a livello pavimento e
creare un pozzetto profondo almeno 100 mm per alloggiarvi il sifone
23
Istruzioni per l’installatore
3.18 - TRATTAMENTO DELL'ACQUA
Le caratteristiche chimico/fisiche dell'acqua dell'impianto di riscaldamento e di reintegro sono fondamentali per il buon funzionamento e sicurezza della caldaia.
Le norme di seguito menzionate prevedono un trattamento preventivo prima di immettere acqua all'interno del circuito di riscaldamento.
Norme di riferimento:
- UNI CTI 8065/1989 ''Trattamento dell' acqua negli impianti
termici ad uso civile''
- UNI CTI 8364/1984 ''Impianti di riscaldamento Controllo e
manutenzione''.
Lo scopo di questo trattamento è finalizzato all'eliminazione o
alla sostanziale riduzione degli inconvenienti riassumibili in:
incrostazioni
corrosioni
depositi
crescite biologiche (muffe, funghi, alghe, batteri ecc.)
Il trattamento delle acque di alimentazione consente di prevenire gli inconvenienti e mantenere funzionalità ed efficienza del generatore nel tempo.
L'analisi chimica dell'acqua permette di ricavare molte informazioni sullo stato e la "salute" dell'impianto.
Essa è di fondamentale importanza per prevenire inconvenienti
sulla caldaia.
Il pH è un'indicazione numerica dell'acidità o alcalinità di una
soluzione.
La scala di pH va da 0 a 14, dove 7 corrispondente alla neutralità.
Valori inferiori a 7 indicano acidità,valori maggiori a 7 indicano
alcalinità.
Il valore di pH ideale dell'acqua negli impianti di riscaldamento con caldaie in alluminio è compreso tra 6,5 e 8, con
una durezza di 15°f.
L'acqua di un impianto che abbia un valore di pH al di fuori di
questo intervallo accelera considerevolmente la distruzione
dello strato protettivo di ossido che naturalmente si forma all'interno dei corpi di alluminio e non può riscontrarsi naturalmente: se il pH è inferiore a 6 è presente dell'acido, se è superiore a 8 l'acqua è alcalina o per la presenza di un trattamento
alcalino (ad esempio con fosfati o glicoli in funzione antigelo)
o in alcuni casi per la generazione naturale di alcali nel sistema.
Viceversa se il valore del pH è compreso tra 6,5 e 8, le superfici di alluminio del corpo risultano passivate e protette da ulteriori attacchi corrosivi.
Per minimizzare la corrosione, è fondamentale l'uso di un
inibitore di corrosione, tuttavia affinchè questo funzioni
efficacemente, le superfici metalliche devono risultare pulite.
I migliori inibitori in commercio, contengono anche un sistema di protezione dell'alluminio che agisce per stabilizzare il pH al valore dell'acqua di riempimento impedendone variazioni impreviste (effetto tampone).
Si consiglia di controllare sistematicamente (minimo due
volte l'anno) il valore di pH dell'acqua dell'impianto. Per
fare questo non è necessario un'analisi chimica di laboratorio, ma risulta sufficiente il controllo con semplici "kit"
analitici contenuti in valigette portatili facilmente reperibili in commercio.
Per cui sarà necessario prevedere prima dell'immissione
nell'impianto di riscaldamento i dispositivi indicati in figura.
L'INNESTO DOVRÀ ESSERE PREVISTO SUL
TUBO DI RITORNO DEL CIRCUITO PRIMARIO
A VALLE DEL CIRCOLATORE.
Dovranno essere prese tutte le precauzioni atte ad evitare la
formazione e localizzazione di ossigeno nell'acqua dell'impianto. Per questo motivo bisognerà che negli impianti di riscaldamento a pavimento i tubi in plastica utilizzati non siano permeabili all'ossigeno.
Per eventuali prodotti antigelo assicurarsi che siano compatibili con l'alluminio ed eventuali altri componenti e materiali
dell'impianto.
ATTENZIONE!
QUALSIASI DANNO PROVOCATO ALLA
CALDAIA, DOVUTO ALLA FORMAZIONE DI
INCROSTAZIONI O DA ACQUE CORROSIVE,
NON SARÀ COPERTO DA GARANZIA.
ESEMPIO DI GRUPPO PER IL TRATTAMENTO DELL’ACQUA
1
2
3
4
5
6
7
1
24
2
3
4
5
2
6
7
1
Valvola a sfera
Pozzetto di prelievo
Gruppo di riempimento
Disconnettore
Gruppo trattamento acqua
Contalitri (consigliato)
Filtro a "Y"
Istruzioni per l’installatore
3.19 - ALLACCIAMENTO ALLA CANNA
FUMARIA
In una caldaia a condensazione i fumi vengono scaricati ad
una temperatura molto bassa (Max 84°C circa). E' quindi necessario che il camino sia perfettamente impermeabile alla
condensa dei prodotti della combustione e sia costruito con
materiali idonei resistenti alla corrosione.
I vari giunti a bicchiere devono essere ben sigillati e dotati di
guarnizioni idonee, in modo da impedire la fuoriuscita di condensa e l’ingresso di aria.
Per quanto riguarda la sezione e l’altezza del camino, è necessario fare riferimento alle regolamentazioni nazionali e locali in vigore.
Per il dimensionamento riferirsi ad UNI 9615, UNI 10641 e pr
EN 13384.
Allo scopo di evitare, durante il funzionamento, la formazione
di ghiaccio, la temperatura della parete interna in ogni punto
del sistema per l'evacuazione dei prodotti della combustione
per tutta la sua lunghezza non deve essere inferiore a 0°C.
Per condizioni di funzionamento in condensazione dell'apparecchio alla temperatura esterna di progetto, sarà quindi necessario l'eventuale realizzazione di un sistema di scarico dei
condensati confluente, secondo le condizioni di installazione,
nella vasca di raccolta della caldaia oppure separato da essa.
Per l’allacciamento del condotto scarico fumi sono da rispettare le normative locali e nazionali (vedi Norme UNI
13384-1-2).
Nella costruzione del condotto di evacuazione è necessa-
rio impiegare materiali resistenti ai prodotti della combustione, in classe W1 secondo UNI EN 1443, tipicamente
acciaio inox o materiali plastici certificati.
Come il PVDF (polivinildimetilfluoruro) oppure il PPS (polipropilene translucido semplice) oppure alluminio o materiali diversi ma con caratteristiche equivalenti nel rispetto delle norme vigenti.
E’ esclusa qualsiasi responsabilità contrattuale ed extracontrattuale del fornitore per i danni causati da errori nell’installazione e nell’uso
e comunque per inosservanza delle istruzioni
date dal costruttore stesso.
100
116
150
200
250
300
350
2
3
3
4
5
6
7
150 -200
150 -200
150 -200
150 -200
200
200
200
3.20 - ALLACCIAMENTO COLLETTORE
SCARICO FUMI
Per il fissaggio del collettore di scarico fumi utilizzare i 6 dadi + rondelle CH 10 contenute nel
sacchetto .
La presa fumi deve essere posizionata sul primo tratto rettilineo entro 1 metro dalla caldaia.
Per eseguire la presa di ispezione fumi, effettuare un foro Ø 21 mm nel tubo uscita fumi, e montare la presa d’ispezione seguendo la sequenza
indicata.
hole
Ø21 mm
25
Istruzioni per l’installatore
Dimensionamento camini
secondo DIN 4705
Portata fumi
Temperatura fumi
Pressione disponibile
40°C
40 Pa
Tenore di CO2
kg/h
kg/s
6%
8%
10%
2520
0,700
778
1037
1400
2160
0,600
667
889
1200
1800
0,500
555
1440
0,400
445
741
668
593
1000
900
800
1260
0,350
389
519
700
1080
0,300
333
444
600
900
0,250
277
370
500
720
0,200
222
296
400
540
0,150
167
222
300
5
10
15
20
25
30
1200
da 400
1000
900
800
700
600
da 315
500
400
da 250
300
250
408
360
324
288
0,100
0,090
0,080
111
100
89
148
133
119
200
180
160
252
0,070
78
104
140
140
216
0,060
67
89
120
120
180
0,050
0,040
0,035
74
66
59
52
100
90
80
70
da 160
144
126
56
50
44
39
100
90
80
70
108
0,030
34
44
60
60
28
37
50
da 125
200
180
160
da 200
50
0,020
22
30
40
54
0,015
17
22
30
36
32
29
25
0,010
0,009
0,008
0,007
12
10
20
18
16
14
20
18
16
14
22
0,006
12
14,4
12,0
10,8
0,005
0,004
0,003
0,002
9,0
0,001
Portata termica nominale (kW)
72
11
9
8
7
9
12
5,6
5,0
4,4
3,9
8
7,4
6,6
5,9
10
9
8
7
3,4
4,4
6
40
da 110
Modulex
100
116
150
200
250
300
350
Portata massica
Fumi (max)
kg/h
163,4
189,6
245,2
326,9
408,6
490,3
572,0
10
9
8
7
da 75
6
5
Tabella portata fumi Max.
30
10
15
20
Esempio:
MODULEX 250
Portata massica fumi
Altezza canna fumaria
Diametro
25
=
=
=
408,6 Kg/h
25 m
250 mm
NOTA:
Il diagramma
fornisce valori indicativi
30
Portata termica nominale (kW) con tenore di CO2 al 10%
90
26
1400
Istruzioni per l’installatore
3.21 - FUNZIONAMENTO
La Modulex è costituita moduli collegati fra loro; ogni modulo è
composto da:
- camera di combustione
- bruciatore
- ventilatore
- valvola gas
- NTC (sensori di temperatura) locale (controlla la temperatura di ogni modulo)
- Scheda di controllo BMM (Burner Modular Manager)
- Termostato limite di sicurezza
- Elettrodo di accensione
- Elettrodo di rilevazione
Un modulo è in grado di fornire una potenza massima di 50 kW.
Così, ad esempio, una caldaia modello 350 (portata termica
350 kW) è costituita da 7 moduli.
Ogni modulo ha il suo sensore di temperatura NTC - Negative
Temperature Coefficient, che controlla localmente la temperatura di ogni singolo modulo.
La temperatura dell'acqua in uscita dalla caldaia e la temperatura dell'acqua che ritorna in caldaia sono controllate da NTC
globali.
Se c'è una richiesta di calore da parte dell'impianto di riscaldamento o da parte dell'acqua sanitaria la caldaia si metterà
in funzione e l'acqua di caldaia sarà riscaldata dallo scambiatore.
La pompa del circuito primario invierà l’acqua al separatore
idraulico e da qui sarà inviata ai radiatori in funzione del sistema di riscaldamento scelto.
L'aria comburente viene fornita da ventilatori e prelevata o
dall'ambiente stesso in cui la caldaia è installata (per apparecchi di tipo B), o dall'esterno attraverso tubi (per apparecchi
di tipo C, cioè stagni).
L'aria comburente entra nel mixer posizionato in uscita della
valvola gas e collegato all’ingresso del ventilatore. All’interno
del mixer avviene la miscelazione aria/gas (miscelazione a
monte del ventilatore). In uscita dal ventilatore, la miscela
viene spinta oltre la valvola di non ritorno e viene inviata al
combustore.
Quindi, all'uscita dal bruciatore, la miscela aria/gas viene accesa elettricamente.
I gas di combustione che ne derivano, dopo essere stati trasportati (e raffreddati) attraverso gli elementi piolinati del corpo, entrano nel collettore sottostante che raccoglie la condensa e quindi abbandonano la caldaia attraverso il camino.
Valvola gas
Ventilatore
Camera
di combustione
Bruciatore
Sfiato aria
automatico
Elettrodo
di accensione
Sensore
globale
di mandata
Elettrodo
di rilevazione
Sonda NTC
locale
Termostato
limite
Collettore
mandata
Sensore
globale
di ritorno
Collettore
ritorno
Elemento
piolinato
Sensore di
livello
Rubinetto di
scarico
Collettore
raccogli
condensa
Presa
pressostato
fumi
Sifone
27
Istruzioni per l’installatore
Se c’è un richiesta di calore (da parte di una termoregolazione interna E8 o in alternativa da una BCM Boiler Cascade
Manager), la potenza necessaria per il riscaldamento sarà calcolata sulla base della differenza misurata tra la temperatura
impostata (o calcolata da una eventuale termoregolazione) e
la temperatura globale di mandata. Il numero di moduli (ogni
modulo rappresenta una potenza massima di 50 kW) x 100%
determina la potenza massima espressa in percentuale.
Quando la potenza è stata determinata, la pompa di caldaia
(non fornita) viene attivata ed il ventilatore di un modulo si
mette in moto alla velocità di accensione. La valvola del gas si
apre e nel giro di 5 secondi deve avvenire l’accensione. Quando la fiamma è stata rilevata dall’elettrodo di ionizzazione ha
inizio il funzionamento del modulo.
Successivamente è possibile che altri moduli si mettano in funzionamento nella stessa maniera. Uno dei principi di funzionamento di questa caldaia è quello di lasciare in funzione contemporaneamente quanti più bruciatori è possibile al minor
carico possibile (dando, in questo modo, il massimo rendimento).
Se per esempio una caldaia da 4 moduli deve fornire il massimo della sua potenza essa lavorerà al 400% cioè:
Qualora debba fornire un carico calcolato del 200%, grazie al
sistema di ripartizione della potenza sul massimo numero di
moduli, essa farà funzionare ciascuno di essi al 50% e cioè:
200% : 4 moduli = 50 %
corrispondente a 100 kW totali
ossia 25 kW per ciascun modulo.
Tale principio consente di ottenere rendimenti nettamente superiori a quelli in uso nei sistemi a cascata tradizionali. Quando la potenza ripartita su ogni modulo è inferiore a 12 kW ne
viene automaticamente escluso un primo e via via i successivi, suddividendo la potenza residua sui moduli che hanno un
minor numero di ore di funzionamento, grazie al sistema automatico di conteggio del tempo di lavoro. La modulazione, cioè
la riduzione di potenza, si basa sulla differenza venutasi a determinare tra la temperatura impostata (o calcolata dalla termoregolazione) e la temperatura globale di mandata.
In caso di mancata accensione il modulo ripete 2 volte il tentativo di accensione dopo di che si pone in blocco di sicurezza.
50 kW x 4 moduli = 200 kW = 400%
400% : 200 kW = 200% : X
1 Modulo = 50 kW = 100%
X = (200x200) : 400 = 100 kW è la potenza ripartita
sui 4 Moduli
4 Moduli = 50 kW x 4 = 200 kW = 400%
Potenza ripartita sui 4 moduli : Potenza totale = 100:200
= 0,5 = 50%
4 moduli da 50 kW che lavorano
al 50% della potenza = 100 kW = (200%),
ossia 25 kW / modulo
40
35
% (p.c.i.)
30
104,2
25
102,4
1 modulo
20
50 % = 25 kW
15
5
kW 0
mod 1
10
100
1 modulo
100 % = 50 kW
10
12
30
20
40
50 P(kW)
25
Rendimento del modulo a 50 kW = 100 % (in condensazione)
Rendimento del modulo a 25 kW = 102,4 % (in condensazione)
Rendimento del modulo a 12 kW = 104,2 % (in condensazione) che tutti i moduli lavorano in parallelo alla medesima poRicordiamo
tenza, eguagliando quindi il rendimento del sistema a quello modulo.
28
Istruzioni per l’installatore
3.22 - ALLACCIAMENTI ELETTRICI
Avvertenze generali
Collegamento alimentazione elettrica 230V
La sicurezza elettrica dell'apparecchio è assicurata soltanto
quando lo stesso è correttamente collegato ad un efficace impianto di messa a terra eseguito come previsto dalle vigenti
norme di sicurezza: non sono assolutamente idonee, come
prese di terra, le tubazioni degli impianti gas, idrico e di riscaldamento.
I collegamenti elettrici sono illustrati nella sezione "SCHEMA
DI COLLEGAMENTO PRATICO"
E' necessario verificare questo fondamentale requisito di sicurezza; In caso di dubbio, richiedere un controllo accurato
dell'impianto elettrico da parte di personale professionalmente qualificato, poichè il costruttore non è responsabile di eventuali danni causati dalla mancanza di messa a terra dell'impianto.
Far verificare da personale professionalmente qualificato che
l'impianto elettrico sia adeguato alla potenza massima assorbita dall'apparecchio, indicata in targa, accertando in particolare che la sezione dei cavi dell'impianto sia idonea alla potenza assorbita dall'apparecchio.
Per l'alimentazione generale dell'apparecchio dalla rete elettrica non è consentito l'uso di adattatori, prese multiple e/o
prolunghe.
L'uso di un qualsiasi componente che utilizza energia elettrica
comporta l'osservanza di alcune regole fondamentali, quali:
• non toccare l'apparecchio con parti del corpo bagnate e/o
umide e/o a piedi nudi;
• non tirare i cavi elettrici;
• non permettere che l'apparecchio sia usato da bambini o
da persone inesperte.
L'installazione della caldaia richiede il collegamento elettrico
ad una rete a 230 V - 50 Hz: Tale collegamento deve essere
effettuato a regola d'arte come previsto dalle vigenti norme
CEI.
ATTENZIONE!
Si ricorda inoltre che, a monte dell’alimentazione, sarà necessario prevedere un relé di
servizio (NON FORNITO) che, all’intervento
delle sicurezze elettriche (ISPESL), tolga alimentazione elettrica alla valvola intercettazione combustibile montata sul circuito adduzione gas, ma non alla caldaia in modo tale
da garantire il funzionamento della pompa e
quindi il raffreddamento della caldaia stessa.
Pericolo!
L’installazione elettrica deve essere eseguita solo a cura di un tecnico abilitato.
Prima di eseguire i collegamenti o qualsiasi
operazione sulle parti elettriche, disinserire
sempre l’alimentazione elettrica e assicurarsi che non possa essere accidentalmente
reinserita.
Si ricorda che è necessario installare sulla linea di alimentazione elettrica della caldaia un interruttore bipolare con distanza tra i contatti maggiore di 3 mm, di facile accesso, in
modo tale da rendere veloci e sicure eventuali operazioni di
manutenzione.
L'alimentazione elettrica della caldaia, 230 V - 50 Hz monofase,
deve essere eseguita sulla presa A data a corredo, con cavo
tripolare tipo H05VV-F (FASE - NEUTRO - TERRA) con sezione
di 0.75 mm fino a 1.5 mm rispettando la polarità fase e neutro
della rete di alimentazione con i terminali di fase e neutro
indicati sulla presa.
ATTENZIONE:
I cavi percorsi da tensione di 230 V
devono viaggiare ben separati dai cavi percorsi da tensione di 24 V.
29
Istruzioni per l’installazione
3.23 - SCHEMA DI COLLEGAMENTO PRATICO
(*)
CONTROLLO
POMPA
MODULANTE
INSERIMENTO
SCHEDA
3
KF
5
4
3
2
O
1
SEGNALAZIONE
ALLARME
4
2
3
4
3
2
1
Y4
Y3
DL1 DL2
BCM
Y1
Set point
82°C
71°C
60°C
49°C
38°C
27°C
1
Jp1
eBUS -
2
1
IX
BIANCO
2
1
Y2
eBUS +
3
3
2 III 1
BUS
0-10 V
IMP
3
2
1
2
F15 F14 F13 F12 F11
VIII
V
1
F17
L H
FBR
PT1000 SPF
10 9
8
7
AF
6 I 5
F6
F9 F8
VF
4
3
F5
KF / SPF
DL3
SMG
A1
5
6
SW1
2
1
VF
FA
n
T1 T2 T3 T4
M
M
1
BIANCO
A1 A2 A3 A4 A5
II
2
3
4
5
6
7
1
VII
eBUS
0-10 V
FBR
N L1 L1’
1a
II
1
2
F3 F2 F1
1
1
6
+ 24 V
4
SE8/BCM
I1b
7
NERO
ROSSO
MARRONE
Modbus - B
Modbus - A
0-10 V
(-)
(+)
(-)
GRIGIO
COMANDO POMPA
CIRCUITO COLLETTORE
PLC /
BMS
ROSA
Ext sens
aperto
100 KΩ
47 KΩ
22 KΩ
10 KΩ
Corto circuito
IG
PR SBLOCCO
eBUS
remoto
(Gestore
di cascata
esterno)
SET POINT
EMERGENZA
Inserire
resistenze in base
alla tabella
(*)
BIANCO
8
A6
V I A7
9 10
1
2
2
3
4
A8 A9 IV A10 A11
1
2
3
4
5
MARRONE
NERO
MARRONE
N L1 L1 1 2
ROSSO
1
BLU
BLU
NERO
COLLEGAMENTO
NEUTRI (N)
MARRONE
CENTRALINA DI
TERMOREGOLAZIONE E8
BLU
BLU
BLU
BLU
PE
NERO (-)
BLU (TACHO)
MARRONE (PWM)
ARANCIO +
BLU
ROSA
BIANCO
BLU
BLU
BIANCO
GRIGIO
SR
BLU
AZZURRO (N)
MARRONE (L1)
5
ALIMENTAZIONE
230 V - 50Hz
BLU
2
BLU
GIA/VER
4
BLU
1
ALIM.
RIL./REG. 230V
BLU
L1 N
VM1
BLU
BLU
BLU
SRR
IG
ROSSO
BLU
1° Modulo
ROSSO
1
2
3
MARRONE
BIANCO
BLU
2 a 6 moduli
5
TLG
C
LTLG
1b
SL
BIANCO
2 7 moduli
1
ROSSO
1a
ARANCIONE
MARRONE
ARANCIONE
BIANCO
BIANCO
2
1
MARRONE
3
PG
RELE’
9
ROSSO
NERO
MARRONE
MARRONE
10
11
NERO
F6A
ARANCIONE
MARRONE
BLU
12
MARRONE
PV1
BLU
TL1
TL
AZZURRO
BLU
13
BIANCO
MARRONE
MARRONE
BLU
BLU
MARRONE
14
15
MARRONE
M1
GIA/VER
BLU
VT
MARRONE
M3
30
E.RIL.1
AZZURRO
Nota: Le figure riportate sulo schema di collegamento pratico, sono puramente indicative.
GIA/VER
F10A
MARRONE
GIA/VER
MARRONE
MARRONE
MARRONE
8
AZZURRO
7
AZZURRO
MARRONE
5
BLU
AZZURRO
MARRONE
6
MARRONE
BLU
BLU
AZZURRO
MARRONE
MARRONE
4
AZZURRO
BLU
SR1
MARRONE
BIANCO
MARRONE
BLU
NERO
GIA/VER
MARRONE
M2
Istruzioni per l’installazione
4
5
6
7
1
2
2
3
2-3
2-3 / 4-5
2-3 / 4-5
2-3 / 4-5 / 6-7
VM (A)
VM (A)
3
2
1
5
FILTRO
ROSSO
3
3
2
1
2
1
3
N
L1
MARRONE
AZZURRO
N
MARRONE
MARRONE
2
GIALLO-VERDE
AZZURRO
1
L1
4
ST 2
MARRONE
MARRONE
4
ST 2
ROSSO
5
AZZURRO
(#)
GIALLO-VERDE
Elettrodo di accensione
Elettrodo di rilevazione
Interruttore generale
Inserimento scheda BCM
Sonda mandata globale E8
Lampada termostato limite generale
Pressostato Gas (predisposizione collegamento)
Pulsante di reset
Pressostato Ventilatore
Sonda Mandata Globale BCM
Sensore di livello condensa
E8/BCM selettore
Sensore Mandata
Sensore Mandata locale
Sensore Ritorno Riscaldamento
Termostato di sicurezza
Termostato di sicurezza locale
Termostato limite generale
Valvola Gas
Trasformatore di accensione
Ventilatore Modulante
MARRONE
E.ACC 1....7
E.RIL 1....7
IG
IS
KF
LTLG
PG
PR
PV 1....7
SMG
SL
SE8/BCM
SR
SR 1....7
SRR
TL
TL 1....7
TLG
VG 1....7
TRA.ACC 1....7
VM 1....7
AZZURRO
3° - 7° MODULO
3
GIA/VER
1 2
AZZURRO (N)
MARRONE (L1)
BLU (TACHO)
MARRONE (PWM)
GRIGIO
ROSA
GRIGIO
ARANCIO +
ROSA
1
4
2
5
NERO (-)
NERO
MARRONE
ROSSO
ALIM.
RIL./REG. 230V
(#)
VG2...VG7
SR2...SR7
eBUS -
2° - 7° Modulo
4
BIANCO
BIANCO
AZZURRO
AZZURRO
MARRONE
MARRONE
E.ACC.2...E.ACC.7
E.ACC.1
MARRONE
GIA/VER
AZZURRO
MARRONE
GIA/VER
GIA/VER
MARRONE
AZZURRO
AZZURRO
AZZURRO
BIANCO
MARRONE
GIA/VER
AZZURRO
MARRONE
ROSSO
AZZURRO
MARRONE
ROSSO
AZZURRO
TR.ACC.2...TR.ACC.7
TR.ACC.1
PV2...PV7
TL2...TL7
BIANCO
E.RIL.2...E.RIL7
Modulo 1 Modulo 2 Modulo 3 Modulo 4 Modulo 5 Modulo 6 Modulo 7
(Pos 0)
(Pos 1)
(Pos 2)
(Pos 3)
(Pos 4)
(Pos 5)
(Pos 6)
7 8
90 1
0 1
0 1
90 1
7 8
90 1
9
7 8
9
5 6
4 5 6
4
7 8
90 1
3° - 7° MODULO
2 3
2 3
4 5 6
5 6
4 5 6
4
7 8
90 1
2 3
2 3
2 3
4 5 6
4 5 6
7 8
Posizionamento
selettore schede/moduli
2 3
2 3
7 8
Y1
3
2
1
eBUS +
+ 24 V
VG1
31
Istruzioni per l’installatore
3.24 - SCHEMA COLLEGAMENTI E GESTIONE
Sulla parte posteriore della centralina di controllo, sono presenti due morsettiere una dedicata alle connessioni di rete
l’altra dedicata alle connessioni in bassa tensione. I principali
comandi, necessari alla gestione e al controllo del generatore, alcuni componenti facenti parte della centrale termica devono essere collegati alle morsettiere.
NERO
BLU
MARRONE
Alimentazione
della caldaia
N L1 L1 1 2
Morsettiera
di rete
1
2
3
II
4
5
1
6
7
8
9 10
A1 A2 A3 A4 A5
1
2
1
VI A7
A6
2
1
L H
3
IMP
F17
IX
4
2
1
FBR
3
F15
2 III 1
2
3
4
n
FBR
1
0-10 V
5
T1 T2 T3 T4
N L1 L1’
3
BUS
4
M
M
50 Hz 230 V
3
A8 A9 IV A10 A11
PT1000
SPF
VF
F14 F13 F12 F11
V
VIII
2
1
2
1
AF
KF / SPF
F6
F9 F8
10 9
8
7
FA
eBUS
0-10 V
VF
F5
6 I 5
F3 F2 F1
4
3
2
1
VII
2
1
ROSA
GRIGIO
Morsettiera di
bassa tensione
Dalla BCM
Descrizione morsettiera per collegamenti di rete
Morsetto II
II
II
2
3
4
5
6
7
8
M
A1 A2 A3 A4 A5
N L1 L1 1 2
1
N L1 L1’
1
9 10
A6
T1 T2
Morsetto VI
VI
1
2
VI A7
T3 T4
Morsetto IV
1
2
2
IV
: Valv. misc. Circ. risc. 1 APERTA / relè multifunzione
: Valv. misc. Circ. risc. 1 CHIUSA / relè multifunzione
3
4
3
5
4
A8 A9 IV A10 A11
M
1
n
32
N: Cavo di rete neutro
L1 : Alimentazione rete apparecchiatura
L1’: Alimentazione rete relè
: Pompa circuito riscaldamento Circ. risc. 1
: Pompa circuito riscaldamento Circ. risc. 2
: Pompa di carico del bollitore
: Valvola miscelatrice Circ. risc. 2 APERTA
: Valvola miscelatrice Circ. risc. 2 CHIUSA
relè multifunzione
relè multifunzione
3
4
1
2
Istruzioni per l’installatore
Descrizione morsettiera per collegamenti di bassa tensione
Morsetto VII
1
2
3
6 I 5
4
2
1
F3 F2 F1
F6 F5
7
F9 F8
8
V
VF
2 V1
F12 F11
SPF
VF
Morsetto V
SPF
1
F13
2
F14
F15
2 III 1
F15
3
F17
IMP
F17
1
2
L
+
IX
Pin 1: Ingresso 0-10V (da abilitare)
Pin 2: Massa
Per collegamento a dispositivi di controllo remoto
3
IX
H
4
Pin 1: Sensore GC 2 / Sensore solare 2 / sensore relè multifunzione 3
Pin 2: Sensore solare 1 / sensore relè multifunzione 4
III
Morsetto IX
L H
FBR
1
0-10 V
Morsetto III
Pin 1: Sonda di mandata circ. risc. 1 / sensore multifunzione 1
Pin 2: Sonda (sotto) bollitore / sensore multifunzione 2
Sensore PT 1000
F14 F13
VIII
PT1000
Morsetto VIII
3
I
Pin 1: Tampone sotto sensore
Pin 2: Tampone centro sensore / Telereg. Circ di risc. 1 (sensore amb.)
Pin 3: Tampone sopra sensore / Telereg. Circ di risc 1 (valore nom.)
VF Pin 4: Massa sonda di mandata circ. risc. 2 / Telereg circ. 1 massa
VF Pin 5: Sonda mandata circ. risc. 2
SPF Pin 6: Sonda bollitore
SPF Pin 7: Massa Sonda mandata Globale
KF Pin 8: Sonda mandata globale
AF Pin 9: Sonda esterna
AF Pin 10: Massa sonda esterna / Massa sonda Mandata Cir. Risc. 1
10 9
AF
KF / SPF
VF
FBR
Morsetto I
BUS
Per collegamento alla BCM
Pin 1: eBUS (FA) risp. Uscita 0-10 V
Pin 2: (massa BUS / 0-10 V)
VII
eBUS
0-10 V
FA
VII
CAN Bus Pin 1 =
CAN Bus Pin 2 =
CAN Bus Pin 3 =
CAN Bus Pin 4 =
H (data)
L (data)
- (massa, Gnd)
+ (alimentazione 12V)
33
Istruzioni per l’installatore
3.25 - ESEMPI DI INSTALLAZIONE (schema funzionale e descrizione collegamenti)
MONTAGGIO DI UNA CALDAIA CON COLLEGAMENTO A UNA ZONA DIRETTA
AF (9-10) sonda esterna
Circuito di
riscaldamento 1
VF
(1) sonda mandata circ. risc.1
I
(10)
massa sonda mandata circ. risc.1
10
(4) Pompa circ. risc. 1
(4) Pompa collettore
VF
VF
VF
1
AF
Sonda
Esterna
ISPESL
M
Separatore
idraulico
3
Filtro
R
Pompa
Collettore
MONTAGGIO DI UNA CALDAIA CON COLLEGAMENTO A DUE ZONE DIRETTE + PRODUZIONE ACS
VF
(4-5) sonda mandata circ. risc. 2
VF
SPF
(6-7) sonda bollitore
I
(1) sonda mandata circ. risc.1
10 (10) massa sonda mandata circ. risc.1
AF (9-10) sonda esterna
C
Circuito di
riscaldamento 1
Circuito di
riscaldamento 2
(4) Pompa circ. risc. 1
(5) Pompa circ. risc. 2
(6) Pompa bollitore
4
n
SPF
n
(5) Pompa di ricircolo bollitore
(4) Pompa collettore
VF
VF
VF
VF
VF
1
AF
Sonda
Esterna
ISPESL
M
3
Filtro
R
Pompa
Collettore
34
Separatore
idraulico
2
Ric. F
Istruzioni per l’installatore
MONTAGGIO DI UNA CALDAIA CON COLLEGAMENTO A UNA ZONA MISCELATA E UNA DIRETTA + PRODUZIONE ACS
VF
VF
(4-5) sonda mandata circ. risc. 2
(1) sonda mandata circ. risc.1
I
10 (10) massa sonda mandata circ. risc.1
SPF
(6-7) sonda bollitore
C
Ric. F
C
Ric. F
Circuito di
riscaldamento 2
Circuito di
riscaldamento 1
AF (9-10) sonda esterna
4
(4) Pompa circ. risc. 1
(5) Pompa circ. risc. 2
(6) Pompa bollitore
n
SPF
(7) Valvola miscelatrice circ. risc. 1 APERTA
(8) Valvola miscelatrice circ. risc. 1 CHIUSA
(5) Pompa di ricircolo
n bollitore
VF
VF
VF
VF
VF
(4) Pompa collettore
2
1
AF
Sonda
Esterna
ISPESL
M
Separatore
idraulico
3
Filtro
R
Pompa
Collettore
MONTAGGIO DI UNA CALDAIA CON COLLEGAMENTO A DUE ZONE MISCELATE + PRODUZIONE ACS
VF
(4-5) sonda mandata circ. risc. 2
VF
SPF
(6-7) sonda bollitore
AF (9-10) sonda esterna
I
(1) sonda mandata circ. risc.1
(10)
massa sonda mandata circ. risc.1
10
Circuito di
riscaldamento 1
(4) Pompa circ. risc. 1
(5) Pompa circ. risc. 2
(6) Pompa bollitore
Circuito di
riscaldamento 2
4
n
(7) Valvola miscelatrice circ. risc. 2 APERTA
(8) Valvola miscelatrice circ. risc. 2 CHIUSA
SPF
(1) Valvola miscelatrice circ. risc. 1 APERTA
(2) Valvola miscelatrice circ. risc. 1 CHIUSA
n
(5) Pompa di ricircolo
bollitore
VF
VF
VF
VF
VF
(4) Pompa collettore
1
2
AF
Sonda
Esterna
ISPESL
M
3
Separatore
idraulico
Filtro
R
Pompa
Collettore
35
Istruzioni per l’installatore
MONTAGGIO DI UNA CALDAIA CON COLLEGAMENTO A DUE ZONE MISCELATE + PRODUZIONE ACS CON PANNELLI
SOLARI
VF
(4-5) sonda mandata circ. risc. 2
VF
SPF
(6-7) sonda bollitore
AF (9-10) sonda esterna
I
(1) sonda mandata circ. risc.1
(10)
massa sonda mandata circ. risc.1
10
(4) Pompa circ. risc. 1
(5) Pompa circ. risc. 2
(6) Pompa bollitore
(7) Valvola miscelatrice circ. risc. 2 APERTA
(8) Valvola miscelatrice circ. risc. 2 CHIUSA
(1) Valvola miscelatrice circ. risc. 1 APERTA
(2) Valvola miscelatrice circ. risc. 1 CHIUSA
n
(5) Pompa di ricircolo bollitore
(4) Pompa collettore
V
(2) Acqua potabile sotto sensore / Sensore multifunzione 2
PT1000
(2) Sensore solare 1 / sensore relè multifunzione 4
PT1000
F14
C
Circuito di
riscaldamento 1
F
2+
Circuito di
riscaldamento 2
SPF
4
VF
VF
5
A11
VF
VF
VF
F12
1
AF
Sonda
Esterna
ISPESL
M
3
Separatore
idraulico
Filtro
R
Pompa
Collettore
Per il collegamento ad un impianto solare è
necessario variare alcuni parametri di impostazione vedi Tabella:
Campo TECNICO ⇒ Livello SOLARE MF ⇒
MF 4 FUNZIONE = ‘’23’’
36
2
2+
Istruzioni per l’installatore
MONTAGGIO DI DUE CALDAIA IN CASCATA CON COLLEGAMENTO A DUE ZONE MISCELATE + PRODUZIONE ACS
C
Circuito di
riscaldamento 1
Ric. F
Circuito di
riscaldamento 2
4
Centralina
di Controllo
Master
Sonda
di
caldaia
KF
n
AF
SPF
Sonda
Esterna
VF
ISPESL
M
VF
VF
VF
3
VF
Filtro
R
1
2
ISPESL
M
3
Separatore
idraulico
Filtro
R
Pompa
Collettore
ATTENZIONE!
In questo collegamento nella centralina E8 deve
essere impostato il parametro INDIRIZZO BUS
CALDAIA.
Collegamenti centralina di controllo MASTER
I collegamenti dell’anello secondario vanno eseguiti sulla
centralina di controllo MASTER
VF
Il regolatore esterno E8 (MASTER) deve essere impostato a:
----,
i regolatori di caldaia E8 (SLAVE) devono essere impostati da:
01 a 08.
(4-5) sonda mandata circ. risc. 2
SPF
(6-7) sonda bollitore
AF (9-10) sonda esterna
(4) Pompa circ. risc. 1
(5) Pompa circ. risc. 2
(6) Pompa bollitore
(7) Valvola miscelatrice circ. risc. 2 APERTA
(8) Valvola miscelatrice circ. risc. 2 CHIUSA
(1) Valvola miscelatrice circ. risc. 1 APERTA
(2) Valvola miscelatrice circ. risc. 1 CHIUSA
n
(5) Pompa di ricircolo bollitore
(4) Pompa collettore
VF
I
(1) sonda mandata circ. risc.1
10 (10) massa sonda mandata circ. risc.1
37
Istruzioni per l’installatore
3.26 - CONTROLLORE DI CASCATA BCM
Applicazione la BCM è parte integrante della caldaie
Modulex in quanto gestore della cascata dei moduli caldaia
ed aggiunge le seguenti funzionalità:
- Gestione ON/OFF dell’allarme
- Controlla una pompa di collettore modulante con
l’obbiettivo di aumentare significativamente il
rendimento ai bassi carichi.
- Fornisce la possibilità di integrare le Modulex nei sistemi
di automazione della centrale termica realizzati con PLC
industriali
- La disponibilità commerciale di convertitori di protocollo
LonWorks/Modbus apre la possibilità di inserire le
Modulex anche nei più avanzati sistemi di Building
Automation.
Caratteristiche Il BCM può essere asservito al sistema
di automazione della centrale termica tramite interfaccia
dati:
• Modbus: per la gestione mediante PLC industriali.
I protocolli di comunicazione consentono la piena gestione
del sistema:
• Controllo della richiesta di calore: setpoint della
temperatura e livello della modulazione.
• Monitoraggio dello stato di funzionamento e delle
temperature.
38
• Gestione degli allarmi.
• Impostazione dei parametri.
Gestione della pompa di collettore:
• Relay di comando per l’attivazione di una pompa a
velocità fissa
• Uscita analogica 0÷10V per il controllo di un circolatore
modulante.
Funzionalità speciali
Emergenza: consente di evitare il fermo impianto quale
conseguenza dell’interruzione della comunicazione con il
sistema di automazione della centrale:
• Ingresso per comando di richiesta a “Setpoint costante
selezionabile” con potenza massima 50%.
• Ingresso di reset Allarme.
• Relay di segnalazione Allarme.
Istruzioni per l’installatore
Collegamento per caldaie in cascata gestite da un Termoregolatore E8
SLAVE 1
M
E8
MASTER
CanBUS
1 per ogni batteria di CALDAIE
R
- Cascade Manager
Selettore in Pos. I
SLAVE 2
M
I = Posizione di fornitura
II = Posizione service
R
In questa configurazione il
selettore va lasciato su ‘’I‘’
BCM (modulex 1)
Y2 (3-4)
7
Y3
SPF
2
1
PT1000
2
1
2
3
IX
E8
4
1
BUS
2
A1
Cascade Manager
3
1
F15
2 III 1
0-10 V
IMP
3
L H
F17
N L1 L1’
3
Jp1
4
3
3
2
1
2
Y4
IX
1
BUS
DL3
SW1
DL1 DL2
4
BCM
6
FBR
6
5
4
3
2
1
5
II
2
4
Y1
1
3
eBUS remoto
N L1 L1 1 2
4
Y2
3
eBUS remoto
A1 A2 A3
5
2
eBUS -
F14 F13 F12 F11
VIII
V
6
1
+ 24 V
eBUS +
L H
3
1
A1
2
Y3
4
3
2
Y4
DL1 DL2
1
SW1
DL3
7
6
5
1
eBUS remoto
eBUS remoto
4
3
3
Y2
2
eBUS -
2
1
2
SPF
F14 F13 F12 F11
VIII
V
3
1
2
Cascade Manager
4
3
PT1000
0-10 V
I MP
N L1 L1’
II
F15
2 III 1
A1 A2 A3
4
3
L H
Cascade Manager
IX
Jp1
BUS
1
BCM
6
+ 24 V
F17
2
5
E8
BCM (modulex 3)
Y2 (3-4)
eBUS +
3 FBR 1
3
4
Y1
Fisicamente
staccati
2
eBUS remoto
eBUS remoto
4
Y2
3
5
2
eBUS +
1
6
N L1 L1 1 2
7
1
+ 24 V
eBUS -
5
6
BCM (modulex 2)
Y2 (3-4)
2
4
Y1
ATTENZIONE!
In questo collegamento nella centralina E8 deve
essere impostato il parametro INDIRIZZO BUS
CALD.
Il regolatore esterno E8 (MASTER) deve essere impostato a:
----,
i regolatori di caldaia E8 (SLAVE) devono essere impostati da:
01 a 08.
1
5
Jp1
6
BCM
3
Fisicamente
staccati
2
1
A1
Y3
Cascade Manager
Dalla 1a caldaia portare il collegamento eBUS
lato HOST BCM su eBUS 2a e 3a etc. dopo aver
posizonato il selettore di questa su 0.
4
3
2
Y4
DL1 DL2
1
DL3
SW1
39
Istruzioni per l’installatore
Collegamento per caldaie in cascata collegate a una BCM esterna e gestite da PLC/BMS (E8 scollegato)
Scheda PLC/BMS
Scheda BCM
eBUS
2 3
45 6
78
90 1
BCM
(Pos 0)
M
- Cascade Manager
- System Monitor
Modbus
Modbus
BCM
(Pos 1÷7)
- System Manager
- System Supervisor
4 5 6
90 1
2 3
R
7 8
Selettore in Pos. 0
23
4
56
I = Posizione di fornitura
M
II = Posizione service
7 8
90 1
BCM
(Pos 1)
In questa configurazione il
selettore deve essere
posizionato su ‘’ 0 ‘’
- E8 non collegato al BUS -
R
Le applicazioni in cascata tramite BCM
aggiuntiva o controllo tramite Modbus richiedono
anche la corretta impostazione dell’indirizzo della
caldaia all’interno della cascata tramite il
selettore SW1 della BCM interna: 0…7, tutti
diversi e in successione, esattamente come
richiesto dai singoli moduli bruciatore.
BCM (modulex 2)
Y2 (3-4)
- Cascade Manager
- System Monitor
- System Manager
- System Supervisor
7
eBUS remoto
eBUS remoto
4
Y2
3
3
5
2
eBUS +
eBUS
Modbus
Modbus
2
4
Y1
1
5
Jp1
BCM
6
3
2
A1
1
Y3
4
3
2
Y4
DL1 DL2
1
DL3
SW1
40
Scheda PLC/BMS
Scheda BCM
6
1
+ 24 V
eBUS -
- System Manager
- System Supervisor
Istruzioni per l’installatore
Collegamento per caldaie in cascata gestite da PLC esterno (E8 scollegato)
Scheda PLC/BMS
Modbus
BCM
(Pos 0)
1 per ogni batteria di Caldaie
M
4
5 6
7 8
9 01
2 3
- System Supervisor
- Cascade Manager
BCM
(Pos 1÷7)
R
Selettore in Pos. 0
45 6
90 1
2 3
7 8
BCM
(Pos 1)
I = Posizione di fornitura
4
901
2 3
5 6
M
II = Posizione service
R
In questa configurazione
il selettore deve essere
posizionato su ‘’ 0 ‘’
7 8
Le applicazioni in cascata tramite BCM
aggiuntiva o controllo tramite Modbus richiedono
anche la corretta impostazione dell’indirizzo della
caldaia all’interno della cascata tramite il
selettore SW1 della BCM interna: 0…7, tutti
diversi e in successione, esattamente come
richiesto dai singoli moduli bruciatore.
BCM (modulex 2)
Y2 (1-2)
7
System Supervisor
Cascade Manager
6
Scheda PLC/BMS
4
3
3
Y2
2
eBUS +
5
1
+ 24 V
eBUS -
2
4
Y1
eBUS remoto
eBUS remoto
1
5
Modbus
Jp1
BCM
6
3
2
A1
1
Y3
4
3
2
Y4
DL1 DL2
1
DL3
SW1
41
Istruzioni per l’installatore
3.27 - CONFIGURAZIONE CON CIRCOLATORI:
(0 - 10 V)
SEGNALAZIONE
ALLARME
3
7
6
5
4
3
2
2
L1
1
4
1
Y2
Jp1
3
2
N
1
Y4
Y3
APM
DL1 DL2
ALIMENTAZIONE
POMPA
MODULANTE
DL3
eBUS +
BCM
Y1
1
2
3
4
N
L1
ALIMENTAZIONE
230 V - 50 Hz
eBUS -
Il segnale di modulazione 0 - 10 Volt è preimpostato a:
- 3 Volt per la velocità minima
- 10 Volt per velocità massima.
Questi valori possono essere modificati a seconda del modello di circolatore utilizzato. Per
ulteriori informazioni sul segnale 0 - 10 Volt,
fare riferimento anche al manuale del circolatore.
MORSETTI 0-10 V
INTERFACCIA POMPA
MODULANTE WILO
(-)
La scheda BCM elabora i dati relativi al salto termico
(Δt tra mandata e ritorno primario e potenza erogata).
Al ridursi della potenza erogata diminuisce il numero di
giri della pompa e quindi la portata oraria, mantenendo
pressochè costante il salto termico.
Ottenedo maggior rendimento in condensazione e
maggior risparmio di energia elettrica.
+ 24 V
Circolatore modulante
MODULANTE
A1
5
6
SW1
ON-OFF
ALIMENTAZIONE
230 V - 50 Hz
N
L1
N
L1
ALIMENTAZIONE
230 V - 50 Hz
SEGNALAZIONE
ALLARME
RELE’
3
7
6
5
4
3
2
2
N
1
4
1
Y2
L
Jp1
Y3
3
2
1
Y4
P
POMPA
42
+ 24 V
eBUS -
eBUS +
DL1 DL2
1
2
3
DL3
BCM
A1
Y1
4
5
6
SW1
Istruzioni per l’installatore
3.28 - RIEMPIMENTO E SVUOTAMENTO
DELL’IMPIANTO
Attenzione!
Non miscelare l'acqua del riscaldamento con
sostanze antigelo o anticorrosione in errate
concentrazioni! Può danneggiare le guarnizioni e provocare l'insorgere di rumori durante il funzionamento.
La Unical declina ogni responsabilità nel
caso danni procurati a persone, animali o
cose subentranti in seguito a mancata osservanza di quanto sopra esposto.
trebbe accumularsi in caldaia, compromettendone il buon funzionamento. L’impianto, pertanto, deve essere dotato di un proprio rubinetto di svuotamento, di dimensione adatta alla capacità dell’impianto stesso.
Effettuati tutti i collegamenti dell'impianto si può procedere al
riempimento del circuito.
Per il riempimento dell'impianto è necessario predisporre
un rubinetto di carico sul ritorno dell'impianto.
Il riempimento può essere fatto anche attraverso il rubinetto di scarico montato sul collettore di ritorno della caldaia.
La caldaia è dotata di un proprio rubinetto di svuotamento, la
cui posizione è indicata nella figura di pagina 10. Questo rubinetto non può mai essere utilizzato per lo svuotamento dell’impianto, in quanto tutta la sporcizia presente nell’impianto po-
ESEMPIO DI GRUPPO CARICAMENTO IMPIANTO
GRUPPO DI
CARICAMENTO
43
Istruzioni per l’installatore
3.29 - VERIFICA REGOLAZIONE DELLA
PRESSIONE AL BRUCIATORE
ATTENZIONE!
Tutte le istruzioni di seguito riportate sono ad uso
esclusivo del personale addetto all'assistenza autorizzata.
1
2
3
Tutte le caldaie escono di fabbrica già tarate e collaudate, tuttavia qualora le condizioni di taratura
dovessero essere modificate, è necessario eseguire la ritaratura della valvola gas.
4
ATTENZIONE!
A) REGOLAZIONE ALLA POTENZA MASSIMA
-
-
Svitare il cappuccio di chiusura della presa per l’analisi
dei fumi dal camino
Introdurre la sonda dell’analizzatore nella presa per l’analisi dei fumi.
Far funzionare il bruciatore 1 alla max potenza, seguendo
la procedura illustrata a pagina 46 ‘’funzione spazzacamino’’ (CASCATA MAN 100 %)
Verificare che il livello della CO2 rientri nei valori indicati
nella tabella “Ugelli pressioni”.
Correggere eventualmente il valore girando la vite di regolazione ''A'' in senso ORARIO per diminuirlo in senso
ANTIORARIO per aumentarlo.
VITE DI REGOLAZIONE
POTENZA MASSIMA
44
Rimuovere il tappo 2, fissare il cappuccio
rosso 3 alla presa fumi 1. Inserire la sonda
di analisi della CO2 4 nel foro del cappuccio.
Effettuata la misurazione. rimuovere il cappuccio e rchiudere con l’apposito tappo 2 la
presa scarico fumi.
B) REGOLAZIONE ALLA POTENZA MINIMA
- Far funzionare il bruciatore 1 alla minima potenza seguendo
la procedura illustrata a pagina 46 ‘’funzione spazzacamino’’ (CASCATA MAN 10 %)
- Verificare il livello della CO2 rientri nei valori indicati nella
tabella “Ugelli pressioni”.
- Correggere eventualmente il valore girando la vite di regolazione ''B'' in senso ORARIO per aumentarlo in senso
ANTIORARIO per diminuirlo.
VITE DI REGOLAZIONE
POTENZA MINIMA
Istruzioni per l’installatore
C) CONCLUSIONE DELLE TARATURE DI BASE
Seguire questa procedura anche per regolare gli altri moduli.
Se la portata letta è troppo bassa verificare che il sistema di
alimentazione e scarico (i tubi di alimentazione e scarico)
non siano ostruiti.
Se questi non sono ostruiti verificare che il bruciatore e/o lo
scambiatore non siano sporchi.
- Controllare i valori della CO2 alla minima e massima portata.
- Se necessario procedere agli eventuali ritocchi.
Per un corretto funzionamento occorre tarare
i valori di CO2 con particolare attenzione rispettando i valori di tabella.
- Richiudere con l’apposito tappo la presa d’ispezione fumi
NOTA: Non forzare i limiti di finecorsa della
vite di regolazione.
In caso di sostituzione della Valvola gas o
difficolta' di accensione:
Avvitare la vite di regolazione massima ''A''
in senso orario fino a battuta, quindi svitare
per 7 giri.
Verificare l'accensione della caldaia, nel caso
si verifichi il blocco svitare ancora la vite ''A''
di un giro, quindi riprovare l'accensione. Nel
caso la caldaia vada ancora in blocco, eseguire ancora le operazioni sopradescritte fino
all'accensione della caldaia.
A questo punto eseguire la regolazione del
bruciatore come precedentemente illustrato.
UGELLI - PRESSIONI
MODULEX
100 - 150 - 200
250 - 300 - 350
MODULEX
116
Controllare spesso i livelli di CO2 specialmente alle basse portate.
Tipo di
Gas
Pressione
Aliment.
(mbar)
Ø Ugelli
(mm)
Diaframma
Gas nat. (G20)
Gas nat. (G25)
Propano (G31)
20
25
37
7
9
7
-
Tipo di
Gas
Pressione
Aliment.
(mbar)
Ø Ugelli
(mm)
Diaframma
Gas nat. (G20)
Gas nat. (G25)
Propano (G31)
20
25
37
7
9
7
-
Velocità
ventilatore
min
max
(rpm)
(rpm)
1860
1860
1800
5880
5880
5460
Velocità
ventilatore
min
max
(rpm)
(rpm)
1860
1860
1800
4560
4560
4440
Potenza
Livelli CO2 (%) all'avviamento
IG
m i n max
(%)
9,1
9,1
10,8
9,1
9,1
10,8
80
80
80
Potenza
Livelli CO2 (%) all'avviamento
IG
m i n max
(%)
9,1
9,1
10,8
9,1
9,1
10,8
80
80
80
45
Istruzioni per l’installatore
FUNZIONE SPAZZACAMINO
Prima di aprire lo sportello
girare in senso orario fino
a portarsi sul simbolo
Aprire lo sportellino
sul display compare
Girare in
senso
antiorario
VISUALIZZARE
GENERALE
Trascorsi
2 sec
sul display
è visualizzato
il livello .
Girare in
senso
antiorario
ASSIST
DATA/ORA
Premere
per aprire
il Livello
TEST RELE
Girare in
senso
orario
TEST SONDA
ALTRE VOCI
Premere
per aprire
il Livello
SW NO XXXX
CASCATA MANU
Girare in
senso
orario
Premere
per aprire
il Livello
CALDAIA 01 - 00%
PORTARE IL VALORE
PERCENTUALE
AL 10 %.
VARIARE IL VALORE
PERCENTUALE
DA 10 % A 100%.
CALDAIA 01 - 100%
CALDAIA 01 - 10%
Tutti i moduli della caldaia sono accesi e funzionanti alla MINIMA
potenza
Tutti i moduli della caldaia sono accesi e funzionanti alla MASSIMA
potenza
Per la regolazione di ogni singolo modulo è
necessario portare l’interruttore ‘’C’’, come mostrato in figura in posizione I. In questo modo
tuti i moduli si spengono e si accende il primo
modulo. Per passare ai moduli successivi (previo spegnimento del precedente) ripetere la
seguenza 0 - 1 dell’interrutore ‘’C’ come mostrato in figura.
C
ATTENZIONE!
La funzione rimane attiva per un
tempo di 15 min.trascorso il quale
vengono ripristinati i parametri impostati.
46
BCM
Istruzioni per l’installatore
3.30 - OPERATIVITA’ DI EMERGENZA E
SICUREZZE
I H
1
G2 F
E
D
L C B
A
BCM
BCM
La scheda BCM consente di evitare il fermo impianto nel caso il sistema di gestione principale della centrale sia fuori uso.
A
LED GIALLO = lampegginte
(comunicazione tra BMM e BCM) ok
L
Selettore serie parallelo
0
=
Emergenza attiva o controllo gesti
to da PLC o BMS
LED ROSSO = acceso (Codice errore rilevato)
I
=
Serie (BCM gestisce la cascata)
posizione corretta di fornitura
B
Consente di riarmare eventuali blocchi di bruciatori
II
=
Parallelo (posizione Service per
diagnostica approfondita).
C
In posizione I la centrale funzionerà in richiesta a ‘’SETPOINT COSTANTE’’: 70°C.
potenza massima 50%
LED VERDE = acceso (Pompa Attiva)
D
Idrometro (opzionale)
E
Pannello di controllo E8
F
Solo per MODULEX 350 Lampada di interevento TLG Termostato Limite Generale
G
Fusibili: 1 = 6.3 A
H
Interruttore Generale
I
Solo per MODULEX 350
TLG Termostato Limite Generale, quando interviene toglie tensione alla caldaia, la lampada F si accende.
Per riarmare togliere il tappo e pre mere.
2 = 10 A
NOTA:
I dispositivi sono posizionati sotto al mantello
accanto alla centralina.
NOTA: La funzione emergenza attiva solo i bruciatori della caldaia al 50% e 50 °C in mandata. Tutti i carichi dell’impianto compresa la
pompa collettore devono essere comandati
manualmente.
Posizione sensore livello condensa
47
Istruzioni per l’installatore
3.31 - PRIMA ACCENSIONE
Controlli preliminari
-
Pericolo!
Prima della messa in servizio dell’apparecchio riempire il sifone attraverso il foro di
riempimento e verificare il corretto drenaggio della condensa.
Se l'apparecchio viene utilizzato con il sifone scarico condensa vuoto sussiste pericolo di intossicazione in seguito a fuoriuscita
dei gas di scarico.
La prima accensione deve essere effettuata
da personale professionalmente qualificato. La Unical declina ogni responsabilità nel
caso danni procurati a persone, animali o
cose subentranti in seguito a mancata osservanza di quanto sopra esposto.
Prima della messa in funzione della caldaia è opportuno verificare che:
-
48
l'installazione risponda alle specifiche norme e prescrizioni vigenti sia per quanto riguarda la parte gas che per quanto
riguarda la parte elettrica;
-
l'adduzione dell'aria comburente e la evacuazione dei fumi
avvengano in modo corretto secondo quanto stabilito dalle
specifiche norme e prescrizioni vigenti;
-
l'impianto di alimentazione del combustibile sia dimensionato per la portata necessaria alla caldaia e che sia dotata
di tutti i dispositivi di sicurezza e di controllo prescritti dalle
norme vigenti;
-
la tensione di alimentazione della caldaia sia 230V - 50Hz;
-
l'impianto sia stato riempito d'acqua (pressione manometro 0,8/1 bar con circolatore fermo);
-
eventuali saracinesche di intercettazione impianto siano
aperte;
-
il gas da utilizzare corrisponda a quello di taratura della
caldaia: in caso contrario provvedere ad effettuare la conversione della caldaia all'utilizzo del gas disponibile (vedi
sezione: "ADATTAMENTO ALL'UTILIZZO DI ALTRI GAS");
tale operazione deve essere eseguita da personale tecnico qualificato secondo le norme vigenti;
-
il rubinetto di alimentazione del gas sia aperti;
-
non ci siano perdite di gas;
-
l'interruttore generale esterno sia inserito;
-
la valvola di sicurezza dell'impianto sulla caldaia non sia
bloccata e che sia collegata allo scarico fognario;
il sifone scarico condensa sia stato riempito d’acqua;
-
non ci siano perdite d'acqua.
-
siano garantite le condizioni per l'aerazione e le distanze
minime per effettuare eventuali operazioni di manutenzione.
Accensione e spegnimento
Per l’accensione e spegnimento della caldaia vedere il libretto relativo al regolatore E8.
Informazioni da fornire al responsabile dell’impianto
Il responsabile dell’impianto deve essere istruito sull'utilizzo e
sul funzionamento del proprio impianto di riscaldamento, in
particolare:
• Consegnare al responsabile dell’impianto le "ISTRUZIONI
D’USO PER IL RESPONSABILE DELL’IMPIANTO", nonché gli altri documenti relativi all'apparecchio inseriti nella
busta contenuta nell'imballo. Il responsabile dell’impianto deve custodire tale documentazione in modo da poterla avere a disposizione per ogni ulteriore consultazione.
• Informare il responsabile dell’impianto sull'importanza delle
bocchette di areazione e del sistema di scarico fumi, evidenziandone l'indispensabilità e l'assoluto divieto di modifica.
• Informare il responsabile dell’impianto riguardo il controllo
della pressione dell'acqua dell'impianto nonché sulle operazioni per il ripristino della stessa.
• Informare il responsabile dell’impianto riguardo la regolazione corretta di temperature, centraline/termostati e radiatori per risparmiare energia.
• Ricordare che è obbligatorio effettuare una manutenzione
regolare dell'impianto e la misura del rendimento di combustione combustione (come da legge nazionale).
• Se l'apparecchio dovesse essere venduto o trasferito ad
un altro proprietario o se si dovesse traslocare e lasciare
l'apparecchio, assicurarsi sempre che il libretto accompagni l'apparecchio in modo che possa essere consultato dal
nuovo proprietario e/o dall'installatore.
Ispezioni e manutenzione
4
ISPEZIONI E
MANUTENZIONE
Ispezioni e manutenzioni effettuate a regola
d'arte ed ad intervalli regolari, nonché l'utilizzo esclusivo di pezzi di ricambio originali
sono di primaria importanza per un funzionamento esente da anomalie ed una garanzia di lunga durata della caldaia.
La manutenzione annuale dell'apparecchio
è obbligatoria come da Leggi vigenti.
Ispezioni e Manutenzioni non eseguite possono causare danni materiali e personali
Per questo motivo raccomandiamo di stipulare un contratto di
ispezione o di manutenzione.
L’ispezione serve a determinare lo stato effettivo di un apparecchio ed a confrontarlo con lo stato ottimale. Questo avviene mediante misurazione, controllo, osservazione.
La manutenzione è necessaria per eliminare eventualmente
le deviazioni dello stato effettivo dallo stato ottimale. Ciò ha
luogo di consueto mediante la pulitura, l'impostazione e l'eventuale sostituzione di singoli componenti soggetti ad usura.
Questi intervalli di manutenzione vengono determinati dallo
specialista sulla base dello stato dell'apparecchio accertato
nell'ambito dell'ispezione.
Istruzioni per l'ispezione e per la manutenzione
Per assicurare a lungo tutte le funzioni del
vostro apparecchio e per non alterare le condizioni del prodotto di serie omologato devono essere utilizzati esclusivamente pezzi
di ricambio originali Unical.
Prima di procedere con le operazioni di manutenzione eseguire sempre le operazioni riportate qui di seguito:
• Disinserire l’interruttore della rete.
• Separare l'apparecchio dalla rete elettrica mediante un dispositivo di separazione con un'apertura di contatto di almeno 3 mm (p. es. dispositívi di sicurezza o interruttori di
potenza) e accertarsi che non possa essere reinserito accidentalmente.
• Chiudere la valvola intercettazione gas a monte della caldaia.
• Se necessario, ed in funzione dell’intervento da eseguire,
chiudere le eventuali valvole di intercettazione sulla mandata e sul ritorno del riscaldamento.
• Rimuovere il mantello frontale dell'apparecchio.
Dopo avere ultimato tutti i lavori di manutenzione eseguire sempre le operazioni qui di seguito riportate:
• Aprire la mandata ed il ritorno del riscaldamento
• Sfiatare e, se necessario, procedere al ripristino della pressione dell’impianto di riscaldamento fino a raggiungere una
pressione di 0,8/1,0 bar.
• Aprire la valvola intercettazione gas.
• Ricollegare l'apparecchio alla rete elettrica ed inserite l'interruttore della rete.
• Controllare la tenuta stagna dell'apparecchio, sia sul lato
gas che sul lato dell'acqua.
• Rimontare il rivestimento mantello frontale dell'apparecchio.
TABELLA DEI VALORI DI RESISTENZA IN FUNZIONE DELLA TEMPERATURA
DELLA SONDA RISCALDAMENTO (SR) E DELLA SONDA RITORNO RISCALDAMENTO (SRR)
T°C
0
10
20
30
40
50
60
70
80
90
0
32755
20003
12571
8112
5363
3627
2504
1762
1263
920
1
31137
19072
12019
7775
5152
3491
2415
1703
1222
892
2
29607
18189
11493
7454
4951
3362
2330
1646
1183
865
3
28161
17351
10994
7147
4758
3238
2249
1592
1146
839
4
26795
16557
10519
6855
4574
3119
2171
1539
1110
814
Relazione fra la temperatura (°C) e la resistenza nom. (Ohm)
della sonda riscaldamento SR e della sonda ritorno riscaldamento SRR.
5
25502
15803
10067
6577
4398
3006
2096
1488
1075
790
6
24278
15088
9636
6311
4230
2897
2023
1440
1042
766
7
23121
14410
9227
6057
4069
2792
1954
1393
1010
744
8
22025
13765
8837
5815
3915
2692
1888
1348
979
722
9
20987
13153
8466
5584
3768
2596
1824
1304
949
701
Esempio: A 25°C, la resistenza nominale è di 10067 Ohm
A 90°C, la resistenza nominale è di 920 Ohm
49
Ispezioni e manutenzione
Raccomandiamo di far eseguire da personale
tecnico qualificato quanto previsto dalle norme vigenti relativamente ai controlli periodoci di manutenzione.
Poiché la polvere viene aspirata all’interno, la resistenza lato
fumi, attraverso la caldaia, aumenterà, il che, in fine, porterà
ad una riduzione del carico termico (e, di conseguenza, della
potenza).
Prima della pulizia, verificare il carico termico (ved. 3.24) e la
percentuale di CO2 (ved. 3.24). Se il carico letto (con una CO2
corretta) si trova entro il 5% del valore indicato nel capitolo
3.24, la caldaia non ha bisogno di essere pulita.
L’operazione può quindi limitarsi alla pulizia del sifone
ATTENZIONE!
Un calo nel carico termico può essere causato
dall’ostruzione del canale di scarico o del condotto di arrivo dell’aria. Verificare, innanzitutto,
che non sia proprio questa la causa.
Se viene riscontrata una riduzione del carico
di oltre il 5%, verificare lo stato di pulizia della
bacinella raccogli-condensa e del bruciatore.
Pulire anche il sifone.
Prima fase – Smontaggio
• Chiudere l'alimentazione elettrica e del gas accertandosi
che il rubinetto sia ben chiuso.
• Rimuovere:
- tutte le mantellature
- Togliere le viti di fissaggio fianchi (lato destro/sinistro).
- Agire sulle due cerniere di chiusura per rimuovere il
coperchio
- Togliere le viti di fissaggio lamiera di chiusura (lato uscita
fumi) e rimuovere la mantellatura.
- Togliere la vite di fissaggio mantello posteriore sul lato
destro e sinistro.
50
Ispezioni e manutenzione
- Rimuovere il connettore valvola gas
- Sganciare la molla di fissaggio camera ventilatori
(lato destro/sinistro).
- Rimuovere il connettore ventilatore
- Rimuovere i tubi in silicone rossi e poi la camera ventilatori
• Cablaggio
- Rimuovere la connessione pressostato gas
- Sganciare le fascette di fissaggio cablaggi nella parte
superiore della caldaia (NON TAGLIARE)
51
Ispezioni e manutenzione
• Viti elementi
B
B
A
52
- Rimuovere le viti ‘’A’’ per ogni elemento
(con chiave a tubo da 13 mm)
- Rimuovere le viti fissaggio tubo gas (lato destro e
sinistro)
- Rimuovere le viti ‘’B’’ (con chiave a tubo da 13 mm / chiave
esagonale da 13 mm) e rimuovere le lamiere di fissaggio
- Rimuovere le quattro viti con chiave a tubo 10 mm, quindi
la flangia gas
Ispezioni e manutenzione
D
D
- Inserire le spinette nei fori ‘’D’’ per sostenere il blocco
bruciatori.
C
C
- Alzare leggermente il blocco bruciatori posteriore ed
estrarre i 2 perni con chiave esagonale 4 mm, fino a raggiungere i fori ‘’C’’
- Alzare il blocco bruciatori (parte anteriore)
53
Ispezioni e manutenzione
Seconda fase – Pulizia
• Rimuovere le guarnizioni e i bruciatori.
• Eseguire pulizia a secco dei bruciatori mediante soffiaggio con aria compressa agendo dalla parte del “lato fiamma”
• Verificare visivamente lo stato delle saldature degli angolari e della maglia dei bruciatori.
Terza fase – Rimontaggio
•
Dopo aver effettuato la pulizia del corpo e/o bruciatori
posizionare nuovamente i bruciatori nelle rispettive sedi
•
Posizionare le nuove guarnizioni in grafite
Al rimontaggio procedere in senso inverso
avendo cura di serrare le viti di fissaggio del
gruppo mixer/ventilatori al corpo, con coppia di serraggio 13 Nm
Le guarnizioni dei bruciatori devono essere
sostituite ad ogni operazione di pulizia.
ATTENZIONE
AD OGNI OPERAZIONE DI MANUTENZIONE E’ OBBLIGATORIO SOSTITUIRE LE
GUARNIZIONI DI TENUTA DI CIASCUN BRUCIATORE.
Codici ricambi:
00251482
-
KIT GUARNIZIONE BRUCIATORE
MODULEX (5 pz.)
95262823
-
KIT BRUCIATORE MODULEX E8
• Prima dell’accensione verificare che il sifone di scarico condensa sia ben riempito d'acqua.
• Prima di riaprire il rubinetto di alimentazione del gas assicurarsi che il raccordo gas, precedentemente allentato, sia
ben serrato. Per fare ciò aprire il rubinetto e verificarne la
tenuta con soluzione saponosa.
• Man mano che si accende un bruciatore verificare immediatamente le tenute fra ogni singola valvola gas e la relativa
camera di premiscelazione
• Eseguire l'analisi di combustione e verificarne i parametri.
• Assicurarsi che tutte le prese di pressione gas che sono state aperte vengano richiuse.
Aria compressa
• Lavare con acqua la camera di combustione facendo attenzione a non bagnare i cablaggi elettrici.
Durante questa operazione sarà necessario verificare che
il tubo di scarico della condensa rimanga sempre libero in
modo che l'acqua di lavaggio non fuoriesca dall'apertura
di ispezione.
• Soffiare la camera di combustione con aria compressa cercando di rimuovere eventuale sporcizia ancora fissata ai
piolini.
• A lavaggio degli elementi ultimato assicurarsi che il sifone
di scarico condensa sia libero: eventualmente provvederne la pulizia
• Ispezionare il tubo di evacuazione fumi e la canna fumaria
54
AG S.P.A.
46033 casteldario - mantova - italia - tel. 0376/57001 (r.a.) - fax 0376/660556
www.unical.ag - info@unical-ag.com
La Unical declina ogni responsabilità per le possibili inesattezze se dovute ad errori di trascrizione o di stampa. Si riserva altresì
il diritto di apportare ai propri prodotti quelle modifiche che riterrà necessarie o utili, senza pregiudicarne le caratteristiche
essenziali.
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertising