Digistor | DS-4016 | Manuale in italiano NVR DIGIEVER

Videoregistratore di rete
Manuale utente
1.0.0.10
7 Marzo 2013
Le informazioni di questo documento sono soggette a cambiamenti senza preavviso.
© Copyright, DIGIEVER Corporation. Tutti i diritti riservati.
1
Indice
Capitolo 1. Introduzione ................................................................................ 6
1.1
Descrizione dell'hardware .......................................................................... 7
1.1.1
Serie DS-2000 ................................................................................... 7
1.1.2
Serie DS-4000 ................................................................................... 8
1.1.3
Serie DS-4200 Pro ............................................................................ 9
1.1.4
Serie DS-8200-RM .......................................................................... 10
1.2
Stato degli indicatori LED .......................................................................... 11
1.2.1
Serie DS-2000 .................................................................................... 11
1.2.2
Serie DS-4000 .................................................................................... 13
1.2.3
Serie DS-4200 Pro............................................................................... 15
1.2.4
Serie DS-8200-RM Pro ........................................................................ 17
1.3
Collegamento HDMI e VGA ..................................................................... 19
Capitolo 2. Installazione del videoregistratore di rete ............................ 20
2.1
Requisiti del sistema .................................................................................. 20
2.2
Connessione a DIGISTOR .......................................................................... 21
2.2.1
Quick Guide (Guida rapida) ................................................................. 21
2.2.2
Install EZ Search (Installa EZ Search) .................................................... 21
2.2.3
Installazione di S-NVR Decoder............................................................ 29
2.2.4
Manuale d'uso ................................................................................... 31
2.2.5
Sfoglia CD .......................................................................................... 31
2.3
Configurazione rapida .............................................................................. 35
2.3.1
Avvio ............................................................................................... 35
2.3.2
Impostazioni di rete ....................................................................... 36
2.3.3
Impostazioni del server ................................................................. 37
2.3.4
Data e ora........................................................................................ 38
2.3.5
Disk Management (Gestione disco) .............................................. 40
2.3.6
Impostazioni fotocamera ............................................................... 48
2
2.3.7
Fine ................................................................................................. 48
Capitolo 3. Usare DIGISTOR dal display locale ............................................... 49
3.1
Accesso al videoregistratore di rete DIGISTOR ..................................... 49
3.1.1
Accesso anonimo ............................................................................... 49
3.1.2
Tastiera virtuale ................................................................................. 50
3.2
Configurazione rapida .............................................................................. 51
3.2.1
Avvio ................................................................................................ 51
3.2.2
Impostazioni di rete ........................................................................... 52
3.2.3
Impostazioni del server ...................................................................... 52
3.2.4
Data e Ora ......................................................................................... 53
3.2.5
Gestione disco ................................................................................... 53
3.2.6
Impostazioni fotocamera .................................................................... 56
3.2.7
Fine .................................................................................................. 59
3.3
Visione dal vivo.......................................................................................... 59
3.4
Riproduzione .............................................................................................. 65
3.4.1
Fasi per cercare i video da riprodurre .......................................... 65
3.4.2
Visualizzare la riproduzione video ................................................ 66
3.4.3
Riproduzione audio ........................................................................ 68
3.4.4
Esportazione dei file ...................................................................... 69
3.4.5
Istantanea di riproduzione ............................................................. 70
3.5
3.5.1
Altro ............................................................................................................. 70
Schermata del display locale ........................................................ 70
Capitolo 4. Usare DIGISTOR da web browser remoto ..................................... 70
4.1
Visione dal vivo.......................................................................................... 71
4.1.1
Selezione delle modalità di visione nella pagina di visione dal vivo ......... 72
4.1.2
Funzioni principali per la visione dal vivo ............................................. 73
4.1.3
Server multi-NVR ............................................................................... 80
4.2
Riproduzione .............................................................................................. 82
4.2.1
Fasi per cercare i video da riprodurre .......................................... 83
4.2.2
Visualizzare la riproduzione video ................................................ 87
3
4.2.3
4.3
Esportazione dei file ...................................................................... 88
Riprodurre i file video ................................................................................ 91
4.3.1
Networking Windows ......................................................................... 91
4.3.2
Servizio FTP ....................................................................................... 96
Capitolo 5. Configuration (Configurazione) .................................................... 99
5.1
Telecamera IP ............................................................................................ 99
5.1.1
Impostazioni fotocamera .................................................................... 99
5.1.2
Cerca telecamera ............................................................................. 104
5.1.3
Parametri telecamera ....................................................................... 106
5.1.4
Stato telecamera.............................................................................. 109
5.2
Registrazione ed Eventi ........................................................................... 110
5.2.1
Impostazioni di registrazione ............................................................ 110
5.2.2
Pianificazione di registrazione ........................................................... 112
5.2.3
Gestione evento e azione.................................................................. 116
5.2.4
Pianificazione allarme .................................................................. 126
5.2.5
E-mail ............................................................................................. 129
5.3
Gestione disco ......................................................................................... 132
5.3.1
Gestione disco ................................................................................. 132
5.3.2
Gestione File System ........................................................................ 133
5.3.3
Servizio di condivisione file ............................................................... 134
5.4
Configurazione di rete ............................................................................ 136
5.4.1
Configurazione di rete ...................................................................... 136
5.4.2
Servizio di rete ................................................................................. 138
5.4.3
DDNS .............................................................................................. 140
5.5
Gestione.................................................................................................... 141
5.5.1
Gestione utenti ................................................................................ 141
5.5.2
Sistema log ...................................................................................... 146
5.5.3
Salva/carica configurazione .............................................................. 150
5.5.4
Backup USB ..................................................................................... 152
5.5.5
Dispositivo IO esterno ...................................................................... 155
4
5.6
Sistema ...................................................................................................... 156
5.6.1
Informazioni dispositivo ................................................................... 156
5.6.2
Upgrade del sistema ......................................................................... 157
5.6.3
Lingua ............................................................................................. 158
5.6.4
Data e Ora ....................................................................................... 158
5.6.5
Segnale acustico .............................................................................. 159
5.6.6
Riavvia e spegni ............................................................................... 160
5
Capitolo 1. Introduzione
Prima di utilizzare questo prodotto
Alla prima apertura della confezione del prodotto, verificare che siano inclusi tutti gli
accessori elencati nella sezione "Contenuti della confezione" della "Guida
all’installazione rapida". Prima di installare DIGISTOR, leggere le istruzioni contenute
nella "Guida all’installazione rapida" per evitare l'uso improprio, quindi seguire le
istruzioni nella sezione "Installazione del disco rigido" per evitare danni dovuti ad
errori di montaggio o d’installazione.
6
1.1 Descrizione dell'hardware
1.1.1 Serie DS-2000
DS-2005/2009/2012/2016
Veduta frontale
Veduta posteriore
1.
2.
Indicatori LED: LAN, eSATA, HDD1, HDD2
Tasto d’alimentazione
3.
4.
5.
6.
7.
8.
9.
10.
Tasto USB BACKUP – Backup video automatico
USB 2.0 X1 (supporto del backup video automatico)
HDD1
HDD2
LAN Gigabit
USB 2.0 x 2
eSATA x 2 (riservato)
DI/DO (4 ingressi 2 uscite)
Dall'alto al basso: Vcc5V, GND, DI-1, DI-2, DI-3, DI-4, DO-1, DO-2
11. Tasto di ripristino
12. Connettore d’alimentazione
13. Sistema antifurto K-Lock
7
1.1.2 Serie DS-4000
DS-4005/4009/4012/4016
Veduta frontale
Veduta posteriore
1.
2.
3.
4.
5.
Indicatori LED: LAN, eSATA, HDD1, HDD2, HDD3, HDD4
Tasto d’alimentazione
Tasto USB BACKUP – Backup video automatico
USB 2.0 x 1 (supporto del backup video automatico)
HDD1
6.
7.
8.
9.
10.
11.
12.
HDD2
HDD3
HDD4
LAN Gigabit
USB 2.0 x 2
eSATA x 2 (riservato)
DI/DO (4 ingressi 2 uscite)
Dall'alto al basso: Vcc5V, GND, DI-1, DI-2, DI-3, DI-4, DO-1, DO-2
13. Tasto di ripristino
14. Connettore d’alimentazione
15. Sistema antifurto K-Lock
8
1.1.3 Serie DS-4200 Pro
DS-4205 Pro/4209 Pro/4212 Pro/4216 Pro/4220 Pro/4225 Pro
Veduta frontale
Veduta posteriore
1.
2.
3.
4.
5.
6.
Indicatori LED: LAN1, LAN2, eSATA, HDD1, HDD2, HDD3, HDD4
Tasto d’alimentazione
Tasto USB BACKUP – Backup video automatico
USB 2.0 x 1 (supporto del backup video automatico)
USB 2.0 x 1
HDD1
7.
8.
9.
10.
11.
12.
13.
14.
15.
HDD2
HDD3
HDD4
Gigabit LAN x 2
USB 2.0 x 4
eSATA x 2 (riservato)
Uscita VGA
Uscita HDMI
DI/DO (4 ingressi 2 uscite)
Dall'alto al basso: Vcc5V, GND, DI-1, DI-2, DI-3, DI-4, DO-1, DO-2
16. Tasto di ripristino
17. Connettore d’alimentazione
18. Sistema antifurto K-Lock
9
1.1.4 Serie DS-8200-RM
DS-8209-RM Pro/ DS-8212-RM Pro/ DS-8216-RM Pro/ DS-8220-RM Pro/
DS-8225-RM Pro
Veduta frontale
Veduta posteriore
1. Indicatori LED: LAN1, LAN2, eSATA, HDD1, HDD2, HDD3, HDD4, HDD5, HDD6,
HDD7, HDD8
2. Tasto d’alimentazione
3. Tasto USB BACKUP – Backup video automatico
4. USB 3,0 x 1 (supporto del backup video automatico)
5. HDD1
6. HDD2
7. HDD3
8. HDD4
9. HDD5
10. HDD6
11. HDD7
12. HDD8
13. Gigabit LAN x 2
14. USB 2.0 x 4
15. eSATA x 2 (riservato)
16. Uscita VGA
17. Uscita HDMI
18. DI/DO (4 ingressi 2 uscite)
Da destra a sinistra: Vcc5V, GND, DI-1, DI-2, DI-3, DI-4, DO1, DO2
19. Tasto di ripristino
20. Connettore d’alimentazione
10
1.2 Stato degli indicatori LED
1.2.1 Serie DS-2000
DS-2005/2009/2012/2016
LED del pannello frontale
LED
LAN
eSATA
Colore e stato del LED
Indica
Disattiva
Il collegamento LAN non è stato stabilito
Arancione
Il collegamento LAN è stato stabilito
Lampeggiante
arancione
È in corso l’accesso alla LAN
Disattiva
Nessuna trasmissione dati
Lampeggiante
È in corso al dispositivo eSATA
arancione
HDD1
HDD2
Disattiva
Disco rigido non stabilito
Verde
Disco rigido pronto per l’accesso
Verde lampeggiante
È in corso l’accesso ai dati del disco rigido
Rosso lampeggiante
Si è verificato un errore del disco rigido,
frequenza di lampeggiamento 0.5Hz
Rosso
Il disco rigido non funziona più ed è necessario rimuoverlo
Disattiva
Spegnimento
Verde
Accensione e sistema NVR pronto
Alimentazione Verde lampeggiante
Il sistema è in fase iniziale, fase di spegnimento e fase di
aggiornamento del firmware
BACKUP
Rosso
Si è verificato un errore di sistema
Disattiva
Dispositivo USB non rilevato
Blu
Il dispositivo USB è pronto
Blu lampeggiante
È in corso la copia dei dati del videoregistratore di rete sul
dispositivo USB, frequenza di lampeggiamento 1Hz
Rosso
Si è verificato un errore di backup
11
LED del connettore RJ-45 sul pannello posteriore
LED
Posizione del LED
Stato del LED
Disattiva
LAN
Collegamento/Attività Giallo
(LED rosso)
Giallo
Indica
Il collegamento LAN non è stato stabilito
Il collegamento LAN è stato stabilito
È in corso l’attività LAN
lampeggiante
LAN
Velocità (LED di
sinistra)
Disattiva
Connessione a 10M/100Mbps oppure
nessuna
Connessione
Arancione
Connessione a 1000Mbps
*Il BACKUP USB si avvia ed è emesso un segnale acustico 3 secondi dopo avere
premuto il tasto BACKUP.
** Per spegnere il videoregistratore di rete, è necessario tenere premuto il tasto
d’alimentazione per almeno 2 secondi.
** Per accendere il videoregistratore di rete, è necessario tenere premuto il tasto
d’alimentazione per almeno 3 secondi.
12
1.2.2 Serie DS-4000
DS-4005/4009/4012/4016
LED del pannello frontale
LED
LAN
eSATA
Colore e stato del
LED
Indica
Disattiva
Il collegamento LAN non è stato stabilito
Arancione
Il collegamento LAN è stato stabilito
Lampeggiante
arancione
È in corso l’accesso alla LAN
Disattiva
Nessuna trasmissione dati
Lampeggiante
È in corso al dispositivo eSATA
arancione
HDD1
HDD2
HDD3
HDD4
Disattiva
Disco rigido non stabilito
Verde
Disco rigido pronto per l’accesso
Verde lampeggiante È in corso l’accesso ai dati del disco rigido
Rosso lampeggiante Si è verificato un errore del disco rigido,
frequenza di lampeggiamento 0.5Hz
Rosso
Il disco rigido non funziona più ed è necessario rimuoverlo
Disattiva
Spegnimento
Verde
Accensione e sistema NVR pronto
Alimentazione Verde lampeggiante Il sistema è in fase iniziale, fase di spegnimento e fase di
aggiornamento del firmware
BACKUP
Rosso
Si è verificato un errore di sistema
Disattiva
Dispositivo USB non rilevato
Blu
Il dispositivo USB è pronto
Blu lampeggiante
È in corso la copia dei dati del videoregistratore di rete sul
dispositivo USB, frequenza di lampeggiamento 1Hz
Rosso
Si è verificato un errore di backup
13
LED del connettore RJ-45 sul pannello posteriore
LED
Posizione del LED
Stato del LED
Disattiva
LAN
Collegamento/Attività Giallo
(LED rosso)
Giallo
Indica
Il collegamento LAN non è stato stabilito
Il collegamento LAN è stato stabilito
È in corso l’attività LAN
lampeggiante
LAN
Velocità (LED di
sinistra)
Disattiva
Connessione a 10M/100Mbps oppure
nessuna
Connessione
Arancione
Connessione a 1000Mbps
*Il BACKUP USB si avvia ed è emesso un segnale acustico 3 secondi dopo avere
premuto il tasto BACKUP.
** Per spegnere il videoregistratore di rete, è necessario tenere premuto il tasto
d’alimentazione per almeno 2 secondi.
** Per accendere il videoregistratore di rete, è necessario tenere premuto il tasto
d’alimentazione per almeno 3 secondi.
14
1.2.3 Serie DS-4200 Pro
DS-4205 Pro/4209 Pro/4212 Pro/4216 Pro/4220 Pro/4225 Pro
LED del pannello frontale
LED
Stato del LED
Indica
Disattiva
Il collegamento LAN non è stato stabilito
Arancione
Il collegamento LAN è stato stabilito
Lampeggiante
arancione
È in corso l’attività LAN
Disattiva
Nessuna trasmissione dati
eSATA
Lampeggiante
arancione
È in corso al dispositivo eSATA
HDD1
HDD2
HDD3
HDD4
Disattiva
HDD non pronto
Verde
È in corso l’accessoall’HDD
Rosso
Si è verificato un errore del disco rigido,
frequenza di lampeggiamento 0.5Hz
Disattiva
Spegnimento
LAN1
LAN2
Alimentazione Verde
BACKUP
Accensione
Rosso
Si è verificato un errore di sistema
Disattiva
Dispositivo USB non rilevato
Blu
Il dispositivo USB è pronto
Blu lampeggiante È in corso la copia dei dati del videoregistratore di rete sul
dispositivo USB, frequenza di lampeggiamento 1Hz
Rosso
Si è verificato un errore di backup
*Il BACKUP USB si avvia ed è emesso un segnale acustico 3 secondi dopo avere
premuto il tasto BACKUP.
** Per spegnere il videoregistratore di rete, è necessario tenere premuto il tasto
d’alimentazione per almeno 2 secondi.
15
LED del connettore RJ-45 sul pannello posteriore
LED
Posizione del LED
LED/Stato
Disattiva
LAN1
LAN2
Collegamento/Attività Giallo
(LED rosso)
Giallo
Indica
Il collegamento LAN non è stato stabilito
Il collegamento LAN è stato stabilito
È in corso l’attività LAN
lampeggiante
LAN1
LAN2
Velocità
(LED di sinistra)
Disattiva
Connessione a 10Mbps oppure nessuna
connessione
Verde
Connessione a 100Mbps
Arancione
Connessione a 1000Mbps
*Il BACKUP USB si avvia ed è emesso un segnale acustico 3 secondi dopo avere
premuto il tasto BACKUP.
** Per spegnere il videoregistratore di rete, è necessario tenere premuto il tasto
d’alimentazione per almeno 2 secondi.
16
1.2.4 Serie DS-8200-RM Pro
DS-8209-RM Pro/ DS-8212-RM Pro/ DS-8216-RM Pro/
DS-8220-RM Pro/ DS-8225-RM Pro
LED del pannello frontale
LED
LAN1
LAN2
eSATA
Stato del LED
Indica
Disattiva
Il collegamento LAN non è stato stabilito
Arancione
Il collegamento LAN è stato stabilito
Lampeggiante
arancione
È in corso l’attività LAN
Disattiva
Nessuna trasmissione dati
Lampeggiante
È in corso al dispositivo eSATA
arancione
HDD1
HDD2
HDD3
HDD4
HDD5
HDD6
HDD7
HDD8
Disattiva
HDD non pronto
Verde
È in corso l’accessoall’HDD
Rosso
Si è verificato un errore del disco rigido,
frequenza di lampeggiamento 0.5Hz
Disattiva
Spegnimento
Alimentazione Verde
BACKUP
Accensione
Rosso
Si è verificato un errore di sistema
Disattiva
Dispositivo USB non rilevato
Blu
Il dispositivo USB è pronto
Blu lampeggiante È in corso la copia dei dati del videoregistratore di rete sul
dispositivo USB, frequenza di lampeggiamento 1Hz
Rosso
Si è verificato un errore di backup
17
LED del connettore RJ-45 sul pannello posteriore
LED
Posizione del LED
LED/Stato
Disattiva
LAN1
LAN2
Collegamento/Attività Giallo
(LED rosso)
Giallo
Indica
Il collegamento LAN non è stato stabilito
Il collegamento LAN è stato stabilito
È in corso l’attività LAN
lampeggiante
LAN1
LAN2
Velocità
(LED di sinistra)
Disattiva
Connessione a 10Mbps oppure nessuna
connessione
Verde
Connessione a 100Mbps
Arancione
Connessione a 1000Mbps
*Il BACKUP USB si avvia ed è emesso un segnale acustico 3 secondi dopo avere
premuto il tasto BACKUP.
** Per spegnere il videoregistratore di rete, è necessario tenere premuto il tasto
d’alimentazione per almeno 2 secondi.
*** I LED dei cassetti HDD sono riservati
18
1.3 Collegamento HDMI e VGA
La serie DS-4200 Pro e DS-8200-RM di display locali fornisce interfacce d’uscita video
HDMI e VGA.
È possibile collegare contemporaneamente sia il connettore HDMI, sia il connettore
VGA per l'uscita video.
Situazione A: Se entrambi i monitor sono Full HD (1920x1080), la visualizzazione sarà
Full HD.
Situazione B: Se entrambi i monitor sono XGA (1024x768), la visualizzazione sarà
XGA.
Situazione C: Se un monitor è 1920x1080 e l’altro è 1024x768, entrambi i monitor
sono impostati su 1024x768
19
Capitolo 2. Installazione del videoregistratore di rete
2.1 Requisiti del sistema
Di seguito sono riportati i requisiti minimi del sistema (computer) perché DIGISTOR
funzioni con le prestazioni migliori:

Sistema operativo
Microsoft® Windows® XP/ Vista/ 7

Browser
Microsoft® Internet Explorer 7.0 o superiore (32-bit)

CPU
Per meno di 16 canali: CPU Intel® Dual Core 3.0 GHz o superiore.
Per più di 16 canali: CPU Intel® i5/i7 3.3 GHz o superiore.

Rete
Minimo Ethernet 10/100 (Gigabit Ethernet raccomandato)

Nota: * Si consiglia di collegare telecamere e videoregistratore di rete usando
switch Gigabit.
Memoria
Per meno di 16 canali: DDR3 4G o superiore.
Per più di 16 canali: DDR3 8G o superiore



Scheda video
AGP o PCI-Express, minimo 1024x768, colore 16 bit, 1G di memoria o superiore
Nota: Si raccomanda di usare schede video che forniscano risoluzioni
superiori a 1024 x 768 per sfruttare tutti i vantaggi del software.

Assicurarsi che l'impostazione DPI dello schermo sia configurata sul valore
predefinito di 96 DPI

Per impostare il valore DPI, fare clic col tasto destro del mouse sul desktop,
scegliere la scheda “Settings (Impostazioni) ” >> “Advanced (Avanzate) ”
>> “General” (Generale).
Unità CD-ROM
È necessario leggere le istruzioni per l'uso nel CD-ROM fornito in dotazione.
Adobe Reader
È necessario leggere le istruzioni per l'uso nel CD-ROM fornito in dotazione.
La funzione audio non funziona se nel PC non è installata una scheda audio.
L’audio può essere interrotto in base al traffico di rete.
20
2.2 Connessione a DIGISTOR
Per iniziare, inserire il CD-ROM del prodotto nel PC per accedere alla Guida rapida,
Manuale d’uso ed installare le utilità. Mentre il CD è in esecuzione è visualizzato il
menu che segue.
2.2.1
Quick Guide (Guida rapida)
Fare clic su “Quick Guide (Guida rapida)”
per accedere alla
cartella e fare doppio clic sul file per aprirlo. Leggere la Guida rapida per
comprendere rapidamente la procedura d’installazione di DIGISTOR.
2.2.2
Install EZ Search (Installa EZ Search)
Fare clic su “Install EZ Search (Installa EZ Search)”
per trovare
DIGISTOR nella rete. Seguire le istruzioni per l'installazione ed EZ Search sarà
eseguito automaticamente.
21
Apparirà la finestra dell’installazione guidata di EZ Search.
Fare clic su “Next (Avanti)” per continuare l'installazione.
Leggere il contratto di licenza e fare clic su “I accept the terms of the license
agreement (Accetto i termini del contratto di licenza)”. Fare clic su “Next (Avanti)”
per continuare l'installazione.
22
Selezionare un percorso di destinazione e selezionare una cartella in cui il
programma d’installazione può installare i file. Il percorso predefinito è:
C:\Programmi (x86)\DIGIEVER\EZ Search. È anche possibile installare EZ Search in
un’altra cartella facendo clic su “Change (Cambia)” e selezionando il percorso come
mostrato di seguito. Fare clic su “OK” per salvare le impostazioni.
Dopo avere selezionato una cartella, fare clic su “OK” per continuare l'installazione.
23
La finestra mostra che l’installazione guidata sta installando EZ Search.
Attendere finché la procedura guidata completa l'installazione.
L’installazione guidata ha installato correttamente EZ Search. Selezionare “Create
Desktop Shortcut (Crea collegamento sul desktop)” / “Create Quick Launch
Shortcut”/ “Create StartMenu Shortcut (Crea collegamento di avvio veloce)” e fare
clic su “Next (Avanti)” per continuare.
24
L'installazione è completata. Fare clic su “Launch application when done installing
(Avvia applicazione al termine dell’installazione)” per eseguire EZ Search.
Al termine dell'installazione apparirà la finestra di EZ Search.
Easy Search sarà eseguito automaticamente e mostrerà NO. (Numero), Name, IP
Address (Indirizzo IP), Mac Address (Indirizzo MAC) e Model name (Nome del
modello) del DIGISTOR connesso.
È possibile fare clic su “Search (Cerca)” per cercare i sistemi videoregistratori di rete
collegati.
25
EZ Search fornisce tre tipi di barre degli strumenti:
1. File
È possibile fare clic su “Exit (Esci)” per uscire da EZ Search e chiudere la
finestra.
2.
Setting (Impostazioni)
Configurare UPnP e Rete facendo clic su “Setting (Impostazioni)” in alto a
sinistra o al centro a destra.
26
Nota: Sarà richiesto di inserire le informazioni d’accesso a DIGISTOR
prima di poter essere autorizzati a modificare le impostazioni.
Quando si accede all'impostazione del videoregistratore di rete, sarà
richiesto di inserire il nome utente e la password DIGISTOR. Al primo
utilizzo, per impostazione predefinita, il nome utente e la password sono
admin/admin. Dopo avere inserito il nome utente e la password corretta,
fare clic su “Login (Accesso)” per continuare.
UPnP
UPnP (Universal Plug and Play) semplifica la procedura di aggiunta di un
DIGISTOR ad una rete locale. Dopo avere eseguito la connessione ad una
LAN, DIGISTOR apparirà automaticamente sulla rete Intranet. È possibile
cambiare il nome UPnP di DIGISTOR. Fare clic su “OK” per terminare
l'impostazione.
27

Network (Rete)
Sono disponibili due modelli per l'impostazione della rete: DHCP e Static
IP(IP statico).
3.
Option (Opzione)
28
L'opzione prevede dodici lingue
Dopo avere fatto clic su “Connect (Connetti)” o doppio clic sull’elenco NVR
selezionato, il browser IE si aprirà automaticamente con l'interfaccia su base web.
2.2.3
Installazione di S-NVR Decoder
Fare clic su “Install S-NVR Decoder (Installazione di S-NVR Decoder)”
per installare decoder e seguire le istruzioni per la
configurazione.
Apparirà la finestra dell’installazione guidata; fare clic su “Next (Avanti)” per
continuare l'installazione di S-NVR Decoder.
29
Leggere il contratto di licenza e fare clic su “I accept the terms of the license
agreement (Accetto i termini del contratto di licenza)”. Fare clic su “Next (Avanti)”
per continuare l'installazione.
L’installazione guidata sta installando S-NVR Decoder.
30
L'installazione è completata. Fare clic su “Finish (Fine)” per chiudere la finestra.
2.2.4
Manuale d'uso
Fare clic su “User Manual (Manuale d'uso)”
e fare doppio clic sul file del manuale per leggerlo.
2.2.5
per aprire la cartella
Sfoglia CD
Fare clic su “Browse CD (Sfoglia CD)”
file Autorun.exe corrente.
per aprire la cartella del
31
2.2.6
Attivazione del servizio Live View (Visione dal vivo)
Dopo aver impostato EZ Search, è possibile collegarsi all’interfaccia su base web
usando le due opzioni che seguono:

Connessione a DIGISTOR tramite EZ Search
1. Dopo avere fatto clic su “Connect (Connetti)” o doppio clic sull’elenco NVR
selezionato, il browser IE si aprirà automaticamente.
2.
3.
Inserire nome utente e password. Al primo utilizzo, per impostazione predefinita,
il nome utente e la password sono “admin/admin.”
Selezionare la lingua per l'interfaccia utente.
32
Consentire il controllo ActiveX
Dopo avere eseguito l'accesso a DIGISTOR, si raccomanda di installare il controllo
ActiveX per la prima installazione.
1. Fare clic sulla descrizione “This website wants to run the following add-on: ‘NVR
ActiveX’ from ‘DIGIEVER Corporation’…. (Il sito Web sta tentando di eseguire il
componente aggiuntivo: ‘NVR ActiveX’ da ‘DIGIEVER Corporation’)”.
2. Fare clic sulla descrizione “Run Add on (Esegui componente aggiuntivo)”.
33
3. Fare clic su “Run (Esegui)” per usare i controlli ActiveX su licenza.
34
2.3 Configurazione rapida
Dopo avere eseguito l’accesso a DIGISTOR ed avere installato il controllo ActiveX, il
sistema indirizzerà all’impostazione della Configurazione rapida in cinque fasi
principali. Seguire le istruzioni della Presentazione della procedura guidata per
completare la configurazione del sistema.
2.3.1
Avvio
Per iniziare, il sistema indirizzerà a “Start (Avvio)” del menu a discesa Configuration
Utility (Utilità di configurazione).
Per la configurazione iniziale, prima studiare la Presentazione, quindi procedura
guidata assisterà durante le cinque fasi per configurare rapidamente il sistema.
Fare clic su “Start (Avvio)” nella Presentazione della procedura guidata per iniziare la
configurazione rapida.
35
2.3.2
Impostazioni di rete
Selezionare “Network Settings (Impostazioni di rete)” nel menu a discesa
Configuration Utility (Utilità di configurazione).
È necessario regolare le impostazioni nella pagina Network Setup (Configurazione
rete) per permettere a DIGISTOR di funzionare in modo appropriato all'interno della
rete.


Obtain an IP address automatically (NVR Default) [Ottieni automaticamente
un indirizzo IP (impostazione predefinita videoregistratore di rete)]
Si ottiene un indirizzo IP dinamico disponibile assegnato da un server DHCP. Se
questa opzione è selezionata, DIGISTOR ottiene automaticamente un indirizzo IP
dinamico disponibile dal server DHCP dopo avere eseguito la connessione alla
rete.
Specify an IP address (Specifica un indirizzo IP).
Se negli ambienti di rete non ci sono server DHCP, l'indirizzo IP statico
assegnato sarà del tipo 192.168.1.245. Dovrebbe essere adattabile alla maggior
parte degli ambienti di rete, e - in questa pagina - è possibile scegliere di
mantenere l'indirizzo IP predefinito oppure di modificarlo. Tuttavia, si
raccomanda di impostare indirizzi IP diversi per DIGISTOR se sulla stessa LAN è
presente più di un DIGISTOR.
36
Per assegnare un indirizzo IP statico a DIGISTOR:
1. Selezionare “Specify an IP address (Specifica un indirizzo IP)”
2. Inserire IP address (Indirizzo IP), Subnet Mask, Default Gateway IP Address
(Indirizzo IP Gateway predefinito) e l'indirizzo del server DNS .
3. Se l'indirizzo IP è modificato, è necessario eseguire l’uscita da DIGISTOR ed
accedere di nuovo.
Fare clic su “Next (Avanti)” per procedere con la configurazione.
2.3.3
Impostazioni del server
Selezionare “Server Settings (Impostazioni del server)” nel menu a discesa
Configuration Utility (Utilità di configurazione).
37

Nome server con UPnP
UPnP (Universal Plug and Play) semplifica la procedura di aggiunta di un DIGISTOR ad
una rete locale. Dopo avere eseguito la connessione ad una LAN, DIGISTOR apparirà
automaticamente sulla rete Intranet. È possibile selezionare di abilitare la funzione
UPnP e modificare il nome del server.

Impostazioni password
Ciascun DIGISTOR è dotato di account “admin” con password “admin”. Si
raccomanda vivamente di cambiare la password dopo avere eseguito l’accesso
iniziale. Inserire una nuova password nel campo “New Password (Nuova password)”
ed inserirla di nuovo nel campo “Retype Password (Conferma password)”. Per la
conferma fare clic su “Next (Avanti)” e la password di amministratore sarà
modificata.
2.3.4
Data e ora
Selezionare “Date & Time (Data e ora)” nel menu a discesa Configuration Utility
(Utilità di configurazione).

Impostazione manuale
Usare l'elenco a discesa e configurare l'ora manualmente. Selezionare Year (Anno),
Month (Mese), Date (Data) e Time (Ora). L'impostazione dell'ora sarà applicata
quando si fa clic su “Next (Avanti)”.
38

Fuso orario: Sincronizzazione automatica con un server orario Internet.
Selezionare il fuso orario della propria zona ed aggiornare automaticamente la data
e l'ora di DIGISTOR con un server NTP. È anche possibile abilitare una opzione per
aggiornare automaticamente all'ora legale.
Configurare l'ora e la data verificando e regolando l’ora locale corrente e l’ora legale
al fine di evitare i seguenti errori:

Visualizzazione scorretta dell’orario per la riproduzione video.

Visualizzazione incoerente dell’orario dei log degli eventi e dell’ora in cui si
sono effettivamente verificati.
Selezionare di sincronizzare l'ora del server con un con un server orario
Internet. NTP (Network Time Protocol) è un protocollo per sincronizzare gli
orologi di un sistema PC. Inserire il nome host di un server NTP valido.
Server NTP intergrato sul videoregistratore di rete.
Il videoregistratore di rete DIGISTOR fornisce la funzione di server NTP per
permettere al dispositivo client di sincronizzare l'orologio in tempo reale. Aiuta a
mantenere la stessa programmazione oraria nel sistema di sorveglianza.
39
2.3.5
Disk Management (Gestione disco)
Selezionare “Disk Management (Gestione disco)” nel menu a discesa Configuration
Utility (Utilità di configurazione).
Quando su DIGISTOR non è installato alcun disco rigido, la pagina mostrerà “Disk
doesn’t exist (Il disco non esiste)”.
Dopo che nel cassetto è stato inserito un disco, Disk Information (Informazioni disco)
mostrerà Device Information (Informazioni dispositivo) ed è possibile iniziare a
creare nuovo disco RAID.

Informazioni disco
Device Information (Informazioni dispositivo) fornisce i dettagli del disco rigido: HDD
Model (Modello HDD), Serial NO. (Numero di serie), Capacity (Capacità) e Status
(Stato).
40

Creat (Crea)
Quando il disco rigido è disponibile, la voce Stato di Device Information (Informazioni
dispositivo) mostra “Ready (Pronto)”, indicando che il disco rigido è pronto per
essere creato.
Fare clic su “Create (Crea)” per accedere alla finestra per la creazione di un nuovo
disco RAID e selezionare il disco rigido nel campo Free HDDs (HDD liberi).
41
Il disco rigido selezionato nel campo Free HDDs (HDD liberi) sarà evidenziato in blu;
fare clic su
per impostare il disco rigido nel campo Assigned HDDs (HDD
assegnati).
Il disco rigido selezionato nel campo Assigned HDDs (HDD assegnati) sarà evidenziato
in blu.
Nel frattempo, Target RAID Disk (Disco RAID di destinazione) è pronto per costruire il
disco RAID e mostra quattro tipi di configurazione del disco.
Configurazione disco
Big Drive (Linear)
Big Drive (JBOD) è un insieme di dischi rigidi e non fornisce alcuna
(Unità grande
protezione RAID. I dati sono scritti continuamente sui dischi.
(Lineare))
Performance (Raid0)
RAID0 è un volume di grandi dimensioni composto di 2 o più dischi rigidi.
(Prestazione (Raid0))
I dati sono scritti sui dischi rigidi senza alcuna informazione di parità. La
capacità totale di archiviazione è la somma di tutti i dischi rigidi.
Fault Tolerant
Sono necessari 2 dischi rigidi per creare un array RAID1. RAID1 è in grado
(Raid1) (Tolleranza
di fornire il mirroring del disco duplicando i dati tra due dischi rigidi.
guasti (Raid1))
42
Fault
È necessario un minimo di 3 dischi rigidi per creare un array RAID5. È
Tolerant
eseguito lo striping dei dati in tutti i dischi rigidi di un array RAID5 e le
(Raid5)
informazioni di parità sono archiviate in ogni unità. Se un disco rigido si
(Tolleranza guasti
guasta, l'array accede alla modalità degradata. I dati possono essere
(Raid5))
ricostruiti dagli altri dischi membri dopo l'installazione di un nuovo disco
in sostituzione di quello guasto.
Fault Tolerant
È eseguito lo striping dei dati sui dischi principali di cui è stato eseguito il
(Raid10) (Tolleranza
mirroring sui dischi secondari. Una tipica configurazione RAID10 è
agli errori (Raid10))
composto di quattro unità, due per lo striping e due per il mirroring.
Il RAID10 è supportato solo dalla serie DS-8200-RM Pro e DS-4200 Pro.
Selezionare un tipo di configurazione del disco, e fare clic su “Apply (Applica)” per
eseguire la costruzione del nuovo disco RAID.
Nota: Non spengere il server né scollegare qualsiasi disco rigido mentre è in
corso la procedura di costruzione del RAID.
Attendere. È in corso la configurazione del disco.
43
L’avanzamento è “formatting….20% (formattazione…20%)”. Attendere finché
raggiunge il 100%.
L’avanzamento è “Create swap (Creazione swap)” e la creazione del disco sta
terminando.
Infine, la creazione del disco RAID è completa.
Dopo che è stato creato il disco RAID, RAID List (Elenco RAID) mostra RAID Name
(Nome RAID) ed i dispositivi d’archiviazione disponibili. Device Information
(Informazioni dispositivo) fornisce lo stato del disco rigido: RAID Name (Nome RAID),
Level (Livello), Capacity (Capacità), Status-Active (Stato-Attivo), Action State (Stato
azione), Background Activity (Attività in Background) e Progress-none
(Avanzamento-Nessuno).
44

Delete (Elimina)
Dopo che il è stato creato il disco RAID, è disponibile l’opzione “Delete (Elimina)”.
Fare riferimento alla descrizione che segue se si intende eliminare il disco RAID.
Nell’opzione “Delete (Elimina)” è possibile rimuovere o formattare il disco RAID
selezionando il disco RAID. Nella tabella sono mostrati RAID Name (Nome RAID),
RAID type (Tipo di RAID), Capacity (Capacità) e Status (Stato).

Remove (Rimuovi)
Fare clic su “Remove (Rimuovi)” per eliminare il disco RAID. Dopo avere fatto
clic su “Remove (Rimuovi)” appare una finestra che chiede conferma
dell’esecuzione.
Per eliminare il disco RAID, fare clic su “OK” per procedere.
Attendere. È in corso l’eliminazione.
45
Se si intende cambiare l’impostazione del livello RAID, fare clic su “Remove
(Rimuovi)”. Dopo che il disco RAID è stato rimosso, la voce Status (Stato) di
Device information (Informazioni dispositivo) visualizza “Ready (Pronto),”
quindi è possibile tornare alla pagina Create (Crea) per continuare con la nuova
configurazione del livello RAID.
Nota: Dopo aver rimosso il disco ed averne creato uno nuovo, il video
registrato sarà formattato.

Format (Formatta)
Fare clic su “Format (Formatta)” per formattare il disco RAID, tutti i video
registrati saranno eliminati.
Dopo avere fatto clic su “Format (Formatta)”, appare una finestra che chiede
conferma dell’esecuzione.
Per formattare il disco RAID, fare clic su “OK” per continuare.
È in corso la formattazione del disco rigido.
Attendere finché la la formattazione raggiunge il 100%.
46
Dopo che il disco RAID è stato formattato, Device Information (Informazioni
dispositivo) mostra Status (Stato) - “active (Attivo)”.
47
2.3.6
Impostazioni fotocamera
Fare riferimento al capitolo 5.1.1 .
2.3.7
Fine
Selezionare “Finish (Fine)” nel menu a discesa Configuration Utility (Utilità di
configurazione).
Dopo avere completato le cinque fasi della configurazione rapida, la finestra
mostrerà lo stato Completed (Completato). È possibile fare clic su “Back (Indietro)”
per ritornare alle fasi precedenti per modificare la configurazione, oppure fare clic su
“Start Live view (Avvia Visione dal vivo)” per avviare il monitoraggio.
Per rivedere le impostazioni o le informazioni della configurazione rapida, è anche
possibile selezionare “Quick Configuration (Configurazione rapida)” a sinistra nella
pagina principale Configuration (Configurazione).
48
Capitolo 3. Usare DIGISTOR dal display locale
DIGISTOR può essere collegato ad un monitor tramite connettore HDMI e VGA per la
configurazione rapida e per la visione dal vivo.
Nota: La funzione di display locale è supportata solo dalla serie DIGISTOR Pro,
includendo la serie DS-4200 Pro e DS-8200-RM Pro.
Attenersi alle istruzioni che seguono per avviare il display locale.
1. Installare almeno un disco rigido su DIGISTOR.
2. Collegare alla rete DIGISTOR e le telecamere di rete.
3. Assicurarsi che il monitor HDMI o VGA sia collegato all'interfaccia (HDMI o VGA)
del pannello posteriore di DIGISTOR.
4. Collegare un mouse USB alla porta USB di DIGISTOR.
5. Collegare il cavo ed il connettore d’alimentazione per accendere DIGISTOR.
6. Quando si accede all’interfaccia d’accesso a DIGISTOR, inserire nome utente
“admin” e password “admin” predefinita, e selezionare la lingua.
3.1 Accesso al videoregistratore di rete DIGISTOR
È necessario inserire il nome utente e la password corretta per accedere al
videoregistratore di rete
Risoluzione:
È possibile selezionare la risoluzione 1920x1080 o 1024x768 in pagina d’accesso,
quando il monitor supporta entrambi i tipi di risoluzione.
3.1.1 Accesso anonimo
L’accesso Anonymous (Anonimo) permette di accedere senza nome utente e
password.
49
L’utente anonimo può solo visualizzare il monitoraggio in tempo reale e la pagina di
riproduzione sul monitor locale, tuttavia la pagina di configurazione sarà disabilitata.
Quando è applicato l’accesso anonimo, dopo l'avvio il sistema accederà
automaticamente senza procedura di autorizzazione.
Iniziare a configurare l'accesso anonimo
A. Andare alla pagina User Management (Gestione utenti) del browser web remoto,
e andare a Advance Settings (Impostazioni avanzate). Selezionare “Enable
Anonymous Access (Abilita accesso anonimo)”.
B. Selezionare “Anonymous (Anonimo)” nella pagina d’accesso al display locale,
quindi accedere.
3.1.2 Tastiera virtuale
È possibile scegliere di usare tastiera USB per interagire col display locale di DIGISTOR,
oppure di compilare le colonne usando la tastiera virtuale.
La tastiera virtuale del display locale può essere abilitata dal lato di ciascuna colonna
50
Ci sono 3 tipi di tastiera virtuale tra cui si può scegliere: maiuscole, minuscole e
simboli.
3.2 Configurazione rapida
Dopo avere eseguito l’accesso al display locale di DIGISTOR il sistema indirizzerà
all’impostazione della Configurazione rapida in cinque fasi principali. Seguire le
istruzioni della Presentazione della procedura guidata per completare la
configurazione del sistema.
Fare riferimento al capitolo 2.3 Configurazione rapida per altre informazioni.
3.2.1 Avvio
Per iniziare, studiare la Presentazione, quindi procedura guidata assisterà durante le
cinque fasi per configurare rapidamente il sistema.
Fare clic su “Start (Avvio)” nella Presentazione della procedura guidata per iniziare la
configurazione rapida.
51
3.2.2 Impostazioni di rete

Ottieni indirizzo IP automaticamente
Si ottiene un indirizzo IP dinamico disponibile assegnato da un server DHCP.

Specify an IP address (Specifica un indirizzo IP).
È possibile assegnare un indirizzo IP statico.
Fare clic su “Next (Avanti)” per procedere con la configurazione.
3.2.3 Impostazioni del server

Nome server con UPnP
È possibile selezionare di abilitare la funzione UPnP e modificare il nome del server.
Dopo avere abilitato l’UPnP, DIGISTOR può essere cercato sulla rete Intranet (LAN).

Impostazioni password
Ciascun DIGISTOR è dotato di account “admin” con password “admin”. Si
raccomanda vivamente di cambiare la password dopo avere eseguito l’accesso
iniziale.
52
3.2.4 Data e Ora

Impostazione manuale
Usare l'elenco a discesa e configurare l'ora manualmente.

Fuso orario: Sincronizzazione automatica con un server orario Internet.
Selezionare il fuso orario della propria zona ed aggiornare automaticamente la data
e l'ora di DIGISTOR con un server NTP.
Fare clic su “Next (Avanti)” per continuare la configurazione.
3.2.5 Gestione disco

Informazioni disco
53
Device Information (Informazioni dispositivo) fornisce i dettagli del disco rigido: HDD
Model (Modello HDD), Serial NO. (Numero di serie), Capacity (Capacità) e Status
(Stato).

Create (Crea)
Quando il disco rigido è disponibile, la voce Status (Stato) di Device Information
(Informazioni dispositivo) mostra “Ready (Pronto)”, indicando che il disco rigido è
pronto per essere creato. Fare clic su “Create (Crea)” per accedere alla finestra per la
creazione di un nuovo disco RAID e selezionare il disco rigido nel campo Free HDDs
(HDD liberi).
Il disco rigido selezionato nel campo Free HDDs (HDD liberi) sarà evidenziato; fare
54
clic su
per impostare il disco rigido nel campo Assigned HDDs (HDD assegnati).
Il disco rigido selezionato nel campo Assigned HDDs (HDD assegnati) sarà evidenziato
in blu.
Selezionare un tipo di configurazione del disco, e fare clic su “Apply (Applica)”.
Dopo che è stato creato il disco RAID, RAID List (Elenco RAID) mostra RAID Name
(Nome RAID) ed i dispositivi d’archiviazione disponibili.

Delete (Elimina)
Nell’opzione “Delete (Elimina)” è possibile rimuovere o formattare il disco RAID
selezionando il disco RAID.
55

Remove (Rimuovi)
Se si intende cambiare l’impostazione del livello RAID, fare clic su “Remove
(Rimuovi)”. Dopo che il disco RAID è stato rimosso, la voce Status (Stato) di
Device information (Informazioni dispositivo) visualizza “Ready (Pronto)”, quindi
è possibile tornare alla pagina Create (Crea) per continuare con la nuova
configurazione del livello RAID.

Format (Formatta)
Fare clic su “Format (Formatta)” per formattare il disco RAID, tutti i video registrati
saranno eliminati.
3.2.6 Impostazioni fotocamera
Impostazioni telecamera
Fornisce due opzioni per aggiungere una nuova telecamera.
1. Camera Search (Cerca telecamera)
2. Auto Detection (Rilevamento automatico)
1. Camera Search (Cerca telecamera):
Fare clic su “Search (Cerca)” per trovare i dispositivi UPnP nella LAN.
56
Aggiungere le telecamere, una per volta, facendo clic su “+” nell’elenco.
È necessario inserire manualmente Camera Name (Nome telecamera), User Name
(Nome utente) e Password. Quindi fare clic su “apply (Applica)” per applicare le
impostazioni.
Telecamere applicate saranno visualizzate in Camera List (Elenco telecamere).
2. Auto Detection (Rilevamento automatico):
Inserire manualmente Camera Name (Nome telecamera), IP Address (Indirizzo IP),
User Name (Nome utente), Password e selezionare vendor (Fornitore) o Auto,
quindi fare clic su “Apply (Applica)” per avviare la connessione alla telecamera di
rete.
57
Tutte le telecamere applicate saranno visualizzate in Camera List (Elenco telecamere).
Fare clic su “Next (Avanti)” per procedere.
RTSP generico / MJPEG generico
Il videoregistratore di rete DIGISTOR fornisce l'interfaccia per inserire gli URL
RTSP/MJPEG delle telecamere di rete per ricevere lo streaming video dalle
telecamere di rete. Lo streaming può essere usato per la visione dal vivo, la
registrazione e la riproduzione.
Le funzioni Generic RTSP (RTSP generico) e Generic MJPEG (MJPEG generico)
possono essere selezionate in Vendor list (Elenco fornitori) della pagina Camera
setting (Impostazioni telecamera).
Proseguire inserendo nella colonna Generic URL (URL generico) gli URL RTSP o
MJPEG appropriati.
58
Se è selezionato il metodo Generic RTSP (RTSP generico), anche il campo RTSP port
(Porta RTSP) deve essere completato.
Fare clic su “Apply (Applica)” per applicare le impostazioni.
Ciascun fornitore di telecamera dovrebbe fornire l’URL più corretto.
È possibile anche fare riferimento a siti
- https://www.soleratec.com/rtsp/`
- http://www.ispyconnect.com/sources.aspx
3.2.7 Fine
Dopo avere completato le cinque fasi della configurazione rapida, la finestra
mostrerà lo stato Completed (Completato).
3.3 Visione dal vivo
Dopo avere completato la configurazione rapida, è possibile monitorare
59
correttamente le telecamere di rete. Nella pagina di visione dal vivo, è possibile
monitorare le telecamere in diverse modalità di visualizzazione e controllare le
telecamere PTZ.
Versione firmware
È possibile trovare facilmente la versione del firmware nella pagina di visione dal vivo
In alto a destra nella visione dal vivo, è possibile selezionare quattro modalità di
visualizzazione.
Modalità
Descrizione
Live View (Visione dal vivo):
Fare clic su “Live View (Visione dal vivo)” per controllare
immediatamente il monitoraggio.
Playback (Riproduzione):
Fare clic su “Playback (Riproduzione)” per riprodurre ed esportare
i file video registrati.
Configurazione:
Fare clic su “Configuration (Configurazione)” per configurare
telecamere, registrazione, eventi, gestione, rete, configurazione
60
rapida e sistema.
Uscita:
Fare clic su “Logout (Uscita)” per uscire da DIGISTOR.
Modalità di visualizzazione
DIGISTOR supporta la modalità multi-display per il monitoraggio. Fare clic sull'icona
della modalità di visualizzazione per monitorare la visione dal vivo. Quando si fa clic
su una modalità di visualizzazione, le icone della modalità diventano di colore blu.
Icona
Descrizione
Schermo intero
1 schermata
4 schermata
9 schermata
12 schermata
16 schermata
20 schermata
25 schermata
5+1 schermate
Modalità sequenza
Icona
Descrizione
Riproduzione:
Avvia il monitoraggio.
Stop:
Arresta il monitoraggio.
Rimuovi:
Rimuove la telecamera dal monitoraggio.
Rimuovi tutto:
Rimuove tutte le telecamere dal monitoraggio.
61
Cornice d’avviso
Una cornice rossa d’avviso sarà mostrata sul canale quando è rilevato un evento di
movimento.
Quando l'evento di movimento è stato identificato, è possibile fare semplicemente
clic sul canale e la cornice d’avviso sarà rimossa.
La cornice d’avviso può essere abilitata/disabilitata; fare riferimento al Capitolo 4. 1.2
Pannello di controllo PTZ
Se la telecamera di rete supporta la funzione PTZ, è possibile usare il pannello di
controllo per regolare l'angolo di visione. Le funzioni che seguono sono disponibili in
base al modello di telecamera.
Icona
Descrizione
PTZ pannello:
Il controllo PTZ permette di monitorare aree di grandi
dimensioni con una sola telecamera. Le funzioni di panoramica,
inclinazione e zoom possono essere controllate in remoto. Se il
62
dispositivo supporta il controllo PTZ, è possibile fare clic sulle
frecce per eseguire la panoramica e/o l’inclinazione della
telecamera. L’icona della casa al centro permette di tornare alla
posizione originale di monitoraggio.
Posizioni predefinite:
Selezionare le posizioni predefinite che sono definite nella
telecamera PTZ e la telecamera si sposterà nella posizione
selezionata.
Ingrandimento/riduzione ottico:
Se la telecamera supporta il controllo PTZ, regolare la
telecamera PTZ per ridurre o ingrandire.
Pianificazione per PTZ:
Selezionare “Set (Imposta)” per impostare la posizione
predefinita della telecamera. È possibile aprire la finestra di
dialogo per impostare quante volte ripetere la sequenza PTZ e
quanti secondi la telecamera deve restare in ciascun punto
predefinito.
Pianificazione per PTZ:
Fare clic su “Go (Vai)” per avviare la sequenza PTZ pianificata.
Scambio di streaming
Il videoregistratore di rete DIGISTOR permette di impostare la configurazione dual
streaming nella pagina Cameras Parameters (Parametri telecamere) se le telecamere
supportano il dual stream. Si suggerisce di impostare lo streaming 1 su alta
risoluzione e lo streaming 2 su bassa definizione.
Questo aiuta a scegliere lo streaming appropriato nella visione dal vivo con controllo
intuitivo.
Per cambiare streaming, è possibile selezionare il canale nella pagina della Visione
dal vivo e fare clic col tasto destro del mouse per visualizzare l’elenco.
63
Istantanea della visione dal vivo sul display locale
L’istantanea della visione dal vivo permette di acquisire sul display locale l'immagine
della visione dal vivo.
L'immagine si trova nella cartella – Public/liveview_snapshot, ed è possibile
accedervi tramite Windows Networking (Rete Windows) o il servizio FTP di File
Sharing (Condivisione file) nella pagina Configuration (Configurazione).
64
3.4
Riproduzione
La riproduzione è una funzione che permette di visualizzare i video registrati dalle
telecamere collegate a DIGISTOR. DIGISTOR offre la riproduzione sincronizzata di
fino a quattro telecamere, e fornisce semplici passaggi per ordinare rapidamente i
video registrati.
3.4.1
Fasi per cercare i video da riprodurre
Selezionare le telecamere
È possibile selezionare fino a quattro telecamere per riprodurre
contemporaneamente il video registrato.
Selezionare l’intervallo di tempo:
È possibile definire l’intervallo di tempo per la riproduzione video.
Se le telecamere selezionate hanno dei video registrati nell’intervallo di tempo
indicato, le date saranno mostrate su uno sfondo blu.
65
Seleziona il tipo di video registrati:
Ci sono quattro tipi di video registrati: Normal (Normale), Event (Evento), Video Clip
e Recovery (Recupero).
Dopo avere selezionato il tipo di video e l’intervallo di tempo, fare clic sul tasto di
riproduzione
per avviare la riproduzione.
3.4.2 Visualizzare la riproduzione video
Lo schermo mostra il tempo di registrazione di ciascun canale nella parte superiore di
ogni griglia.
Fare clic su
per visualizzare il video a schermo intero.
Per visualizzare la riproduzione ci sono a disposizione una schermata
schermate
.
66
o quattro
Ingrandimento e riduzione digitale
L'immagine può essere ingrandita facendo clic sul tasto ingrandimento digitale.
L'immagine può anche tornare a dimensioni precedenti facendo clic sul tasto
riduzione digitale.
Controllo velocità di riproduzione video
1
2
3
4
1. Riproduzione: Fare clic sul tasto per riprodurre i file video.
2. Rallenta: Quando si fa clic su “Rallenta”, il video registrato sarà riprodotto a
velocità più basse.
3. Pausa: per interrompere temporaneamente la riproduzione.
4. Aumenta: Quando si fa clic su “Aumenta”, il video registrato è riprodotto più
velocemente.
La velocità di riproduzione è visualizzata sopra la barra di ricerca.
67
Barra di ricerca
Spostando la barra di ricerca, è possibile andare direttamente all’intervallo specifico
di registrazione. La data e l’ora sono visualizzate sopra la barra di ricerca per fornire
riferimento temporale.
3.4.3 Riproduzione audio
L'audio è riprodotto in base al canale selezionato sullo schermo.
Regolazione volume
Dopo avere selezionato il canale, è possibile regolare il volume usando il tasto del
volume.
Esclusione audio
La funzione di esclusione audio disabilita l'audio per tutti i canali di riproduzione.
68
3.4.4 Esportazione dei file
La funzione di esportazione permette di esportare file direttamente sulla chiavetta
USB
Prima selezionare le telecamere, i tipi di file video, la data e l’intervallo di tempo, e
poi fare clic sul tasto Esporta per copiare i file.
Sarà chiesto se, con ai file video, devono essere scaricati DIGIPlayer and DIGICheck.
DIGIPlayer è il lettore per la guardare i file registrati dal videoregistratore di
rete DIGISTOR.
DIGICheck è lo strumento di verifica per verificare se i file registrati sono
originati dal videoregistratore di rete DIGISTOR.
È possibile controllare l’orario di inizio, di fine e la capacità prima di eseguire
l'esportazione dei file.
Se l'esportazione riesce, sarà visualizzato il messaggio di cui sopra.
69
3.4.5 Istantanea di riproduzione
È possibile acquisire l'istantanea mentre è in corso la riproduzione sul display locale.
È necessario collegare una chiavetta USB per l'esportazione delle immagini e ci
saranno 10 immagini in sequenza da salvare nel dongle USB.
3.5
Altro
3.5.1 Schermata del display locale
L'immagine a schermo intero sul display locale può essere raffigurata negli HDD del
videoregistratore di rete.
L'immagine sarà salvata nella cartella “Public (Pubblica)” , ed è possibile accedere
alla la cartella da browser web remoto.
È possibile accedere al file tramite Windows Networking (Rete Windows) o servizio
FTP.
Nota: Per usare Windows Networking (Rete Windows) ed il servizio FTP, abilitarli
entrambi in “File Sharing Service (Servizio di condivisione file)” nella pagina
Configuration (Configurazione). Fare riferimento al Capitolo 5.3.3.
Capitolo 4.
Usare DIGISTOR da web browser remoto
È possibile adottare Microsoft Internet Explorer per controllare la telecamera di rete
e visualizzare la riproduzione.
70
4.1
Visione dal vivo
Dopo avere completato la configurazione rapida, il videoregistratore di rete guiderà
alla visione dal vivo. È possibile visualizzare lo streaming video dal vivo dalla
telecamera di rete via rete e controllare in remoto la visione immediata.
La visione dal vivo visualizza il video in base all’elenco telecamere che è stato
configurato in Camera Settings (Impostazioni telecamera) della configurazione
rapida.
71
4.1.1
Selezione delle modalità di visione nella pagina di visione dal
vivo
In alto a destra nella visione dal vivo, è possibile selezionare quattro modalità di
visualizzazione.
Modalità
Descrizione
Live View (Visione dal vivo):
Fare clic su “Live View (Visione dal vivo)” per controllare
immediatamente il monitoraggio.
Playback (Riproduzione):
Fare clic su “Playback (Riproduzione)” per riprodurre ed esportare
i file video registrati.
Configuration (Configurazione):
Fare clic su “Configuration (Configurazione)” per configurare
telecamere, registrazione, eventi, gestione, rete, configurazione
rapida e sistema.
Logout (Uscita):
Fare clic su “Logout (Uscita)” per uscire da DIGISTOR.
72
4.1.2
Funzioni principali per la visione dal vivo
Versione firmware:
È possibile trovare la versione firmware direttamente senza dovere andare alla
pagina di configurazione
La funzione di ciascun tasto è descritta brevemente di seguito:
Stato telecamera:
Icona
Descrizione
Nome telecamera:
Il nome della telecamera si trova nell'angolo in alto a sinistra in
ogni finestra video. È possibile rinominare la telecamera su
“Configuration (Configurazione) -> IP Camera (Telecamera di
rete) -> Camera Settings (Impostazioni telecamera)”.
Formato di compressione video:
M-JPEG/MPEG-4/H.264
Audio: Se la telecamera supporto l'audio, DIGISTOR mostra l'audio
in blu. In caso contrario, DIGISTOR mostra l'audio in grigio.
Evento: Quando si verifica un evento, DIGISTOR mostra un avviso
per allarmare immediatamente l'utente
73
Stato registrazione:
La finestra mostra se la telecamera sta registrando oppure no.
Griglia voluta:
Il contorno circonda la griglia della finestra voluta per evidenziare
l'immagine messa a fuoco.
Clic tasto destro del mouse sulla finestra video:
Mute: Per escludere l'audio del video
Video size (Dimensioni video): Original (Originale) o Fit (Adatta)
Streaming change (Cambio streaming): Per cambiare l’origine dello streaming.
Go To Web (Vai a web): Va alla pagina di configurazione della telecamera
Modalità di visualizzazione
DIGISTOR supporta la modalità multi-display per il monitoraggio. Fare clic sull'icona
della modalità di visualizzazione per monitorare la visione dal vivo. Quando si fa clic
su una modalità di visualizzazione, le icone della modalità diventano di colore blu.
Icona
Descrizione
Schermo intero
1 schermata
4 schermata
9 schermata
74
10 schermata
12 schermata
16 schermata
20 schermata
25 / 30 / 36 schermate
5+1 schermate
7+1 schermate
12+1 schermate
Modalità sequenza
Fare clic su
per scegliere la pagina della visione dal vivo
. A scelta,
è possibile impostare l'intervallo
sequenziale in secondi definiti dall'utente per la modalità di
visualizzazione.
Funzioni di base:
Icona
Descrizione
Elenco telecamere:
Lo stato della telecamera è abilitato/rimosso nella visione dal vivo.
Riproduzione:
Avvia il monitoraggio.
Stop:
Arresta il monitoraggio.
Rimuovi:
Rimuove la telecamera dal monitoraggio.
Rimuovi tutto:
Rimuove tutte le telecamere dal monitoraggio.
75
Riduzione / Ingrandimento:
Selezionare un canale per abilitare la funzione di zoom digitale.
Informazioni telecamera:
Consistono di: nome telecamera, indirizzo IP, bit rate e stato.

IO remoto:
Fare clic su
per verificare i pin di ingresso ed i pin d’uscita del controllo
DI/DO della telecamera.

Istantanea:
Fare clic su “Snapshot(Istantanea)”
per salvare le istantanee. Quindi
appare una finestra per visualizzare l'immagine. Ci sono tre funzioni per l’istantanea:
1. Clipboard (Appunti):
Copia l'immagine nella memoria temporanea del dispositivo. È possibile incollare
l'immagine in un programma di grafica come Paint per l'editing avanzato.
2. Save (Salva):
Salva l’immagine sul percorso predefinito.
3. Cancel (Annulla):
Annulla l’istantanea.

Option (Opzioni):
76
1. General (Generale):
Dynamic sort (Ordinamento dinamico):
È possibile abilitare l’ordinamento dinamico per riorganizzare i video in modo
ordinato senza griglia dopo avere rimosso il video dalla visione dal vivo.
Resize all video images at all time (Ridimensiona sempre tutte le immagini video)
È possibile fare clic col tasto destro del mouse sul video ed impostare le sulle
dimensioni video per mantenere le dimensioni originali oppure per adattarsi sempre
alla griglia.
Evidenzia finestra video quando si attiva un evento
Selezionando “Highlight video window when event is triggered” (Evidenzia finestra
video quando si attiva un evento) si abilitare una cornice d’avviso che apparirà sul
canale in cui è rilevato un evento.
77
2. Multi-Server:
È possibile salvare l'elenco delle telecamere del multi-server nella pagina di
visione dal vivo.
3. Sequential Mode Setting (Impostazione modalità sequenza):
Fare clic su Sequential Interval (Intervallo sequenza) per impostare il numero di
secondi definiti dall'utente per la modalità sequenza.
78
Pannello di controllo PTZ
Se la telecamera di rete supporta la funzione PTZ, usare il pannello di controllo per
regolare l'angolo di visione. Le funzioni che seguono sono disponibili in base al
modello di telecamera.
Icona
Descrizione
PTZ pannello:
Il controllo PTZ permette di monitorare aree di grandi
dimensioni con una sola telecamera. Le funzioni di panoramica,
inclinazione e zoom possono essere controllate in remoto. Se il
dispositivo supporta il controllo PTZ, è possibile fare clic sulle
frecce per eseguire la panoramica e/o l’inclinazione della
telecamera. L’icona della casa al centro permette di tornare alla
posizione originale di monitoraggio.
Posizioni predefinite:
Selezionare le posizioni predefinite che sono definite nella
telecamera PTZ e la telecamera si sposterà nella posizione
selezionata.
Ingrandimento/riduzione ottico:
Se la telecamera supporta il controllo PTZ, regolare la
telecamera PTZ per ridurre o ingrandire.
Pianificazione per PTZ:
Selezionare “Set (Imposta)” per impostare la posizione
predefinita della telecamera. (Riservato)
È possibile aprire la finestra di dialogo per impostare quante
volte ripetere la sequenza PTZ e quanti secondi la telecamera
deve restare in ciascun punto predefinito
Pianificazione per PTZ:
Fare clic su “Go (Vai)” per avviare la sequenza PTZ pianificata.
Scambio di streaming
Il videoregistratore di rete DIGISTOR permette di impostare la configurazione dual
streaming nella pagina Cameras Parameters (Parametri telecamere) se le telecamere
supportano il dual stream. Si suggerisce di impostare lo streaming 1 su alta
risoluzione e lo streaming 2 su bassa definizione.
79
Questo aiuta a scegliere lo streaming appropriato nella visione dal vivo con controllo
intuitivo.
Per cambiare streaming, è possibile selezionare il canale nella pagina della Visione
dal vivo e fare clic col tasto destro del mouse per visualizzare l’elenco.
4.1.3
Server multi-NVR
È possibile aggiungere un server multi-NVR facendo clic su “Searching NVR (Cerca
videoregistratore di rete)”.
Inserire account e password del videoregistratore di rete che si sta per aggiungere al
server locale, quindi apparirà il videoregistratore di rete che si trova nella LAN,
includendo il videoregistratore di rete locale. Fare clic sulle telecamere, al massimo
fino a 144 canali, per aggiungerle all’elenco telecamera. Fare clic su “OK” per
aggiungere telecamere oppure ripetere la ricerca per cercare di nuovo i
videoregistratori di rete.
80
Add Server (Aggiungi server)
I videoregistratori di rete DIGISTOR possono essere aggiunti manualmente alla WAN
o LAN inserendo IP, porta, nome utente e password corretta, e facendo clic su OK
per applicare.
81
4.2
Riproduzione
La riproduzione è una funzione che permette di visualizzare i video registrati dalle
telecamere collegate a DIGISTOR. DIGISTOR offre la riproduzione sincronizzata di
fino a quattro telecamere, e fornisce semplici passaggi per ordinare rapidamente i
video registrati.
La riproduzione video può essere visualizzata a schermo intero ed è possibile
acquisire e salvare istantanee durante la riproduzione video.
82
4.2.1
Fasi per cercare i video da riprodurre
Prima di visualizzare i video registrati, sono messi a disposizione due tasti “Search
(Cerca)”
e “Preference (Preferenze)”
video registrati per la riproduzione.


per cercare i
Search (Cerca): Fare clic sul tasto per aprire i video registrati e fare riferimento
all’introduzione nella descrizione che segue.
Preference (Preferenze): selezionare “Preference (Preference)” ed impostare il
percorso ed il formato Bmp o Jpg delle istantanee. Impostare anche il percorso
d’archiviazione per scaricare i file registrati dal server NVR.
Attenersi alle quattro fasi che seguono per cercare rapidamente i video
registrati:
1.
2.
3.
4.
Selezionare la data nel calendario.
Selezionare il file normal (Normale), event (Evento) o recovery (Recupero).
Selezionare il numero del canale.
Selezionare il video dalla tabella oraria.
1. Selezionare la data nel calendario
Selezionare la data per cercare i video registrati.
83
Seleziona una data che fornisce un video registrato, la data sarà evidenziata in blu
2. Selezionare il file Normal (Normale), Event (Evento) o Recovery
(Recupero).
È possibile selezionare il tipo di file video di diversi colori da visualizzare nella tabella
oraria al fine di distinguere i vari tipi di file video.
3. Selezionare il numero del canale
Selezionare il numero di canale per cercare i video registrati. Possono essere
selezionati fino a 4 canali contemporaneamente.
84
4. Selezionare il video dalla tabella oraria
Dopo aver selezionato la data, i tipi di file video e le telecamere, è possibile
selezionare l’intervallo di tempo dei file video ed i risultati saranno evidenziati in
grigio nelle caselle della tabella oraria.
Tipi diversi di registrazione possono essere presentati in colori diversi nel calendario
di riproduzione del browser remoto.
Se ci sono solo registrazioni normali nella data specifica, la data sarà evidenziata in
blu.
85
Se ci sono registrazioni di eventi nella data specifica, la data sarà evidenziata in blu
con una riga rossa di lato.
È anche possibile spostare la barra
per ingrandire o ridurre
l’intervallo di tempo per controllare i file video nella tabella oraria.
Dopo avere selezionato i file video di diversi tipi e periodi di tempo, una sezione
mostrerà le informazioni selezionate.
Infine, fare clic su “OK” per avviare la riproduzione.
86
4.2.2
Visualizzare la riproduzione video
Lo schermo mostra il tempo di registrazione di ciascun canale nella parte superiore di
ogni griglia.
Fare clic su
per visualizzare il video a schermo intero.
Per visualizzare la riproduzione ci sono a disposizione una schermata
schermate
.
o quattro
È possibile selezionare diversi tasti per riprodurre i video:
1
2
3
4
1. Riproduzione: Fare clic sul tasto per riprodurre i file video.
2. Rallenta: Quando si fa clic su “speed down (Rallenta)”, il video registrato sarà
riprodotto a velocità più basse e la velocità minima è di 1/32 X.
3. Pausa: per interrompere temporaneamente la riproduzione.
4. Aumenta: Quando si fa clic su “speed up (Aumenta)”, il video registrato è
riprodotto più velocemente e la velocità massima è di 32X.
Snapshot (Istantanea)
È possibile salvare l'immagine della riproduzione facendo clic su “Snapshot
(Istantanea)”
.
Prima di acquisire le istantanee da DIGISTOR, si raccomanda di impostare il percorso
delle istantanee da “Preference (Preferenze)”
87
.
Cambiare il colore del menu OSD
È possibile selezionare colori diversi per il menu OSD mentre è in corso la
riproduzione dei file registrati.
1. Fare clic su “Preference (Preferenze)”
2. Fare clic sul tasto di impostazione colore del menu OSD, selezionare il colore del
menu OSD e fare clic su “OK”
3. Quindi, tutto il menu OSD sarà colore nel colore selezionato
4.2.3 Esportazione dei file
La funzione di esportazione permette di recuperare i file registrati dal server
88
Selezionare il percorso AVI per l’archiviazione
Nella pagina di impostazione di riproduzione, è possibile indicare il percorso su cui
salvare i fileesportati, DIGIPlayer e DIGICheck.
Selezione per telecamere e per intervallo di tempo
È possibile indicare quali telecamere e quali intervalli di tempo devono essere
esportati.
89
Avviare l’esportazione dei file dal videoregistratore di rete
Premendo il tasto Export (Esporta) si avvia la procedura d’esportazione.
Insieme ai file video, sono scaricati anche DIGIPlayer e DIGICheck.
DIGIPlayer è il lettore di file registrati del videoregistratore di rete
DIGISTOR.
DIGICheck è lo strumento di verifica per verificare se i file registrati sono
originati dal videoregistratore di rete DIGISTOR.
Per annullare il trasferimento.
È possibile annullare il trasferimento dei file mentre è in corso il download dal
videoregistratore di rete.
90
4.3
Riprodurre i file video
È possibile accedere ai file video tramite Windows Networking (Rete Windows) o
servizio FTP.
Nota: Per usare Windows Networking (Rete Windows) ed il servizio FTP, abilitarli
entrambi in “File Sharing Service (Servizio di condivisione file)” nella pagina
Configuration (Configurazione).
Usando il tasto Link (Collegamento) nella pagina File Sharing Service (Servizio di
condivisione file), è possibile aprire la finestra subito dopo avere abilitato il servizio.
4.3.1
Networking Windows
Tramite Windows Networking (Rete Windows), è possibile cercare i file video
scegliendo DIGISTOR oppure inserendo l'indirizzo IP per eseguire la ricerca dal menu
Start di Windows.

Scegliere un computer di DIGISTOR
Andare alla cartella “Network (Rete)” e scegliere DIGISTOR. Se sulla rete è presente
più di un server, la cartella “Network (Rete)” visualizzerà tutti i server.
91
Nota: Il nome di ciascun DIGISTOR connesso deriva sono dal “Mac Address
(Indirizzo Mac)” di ciascun DIGISTOR presente in System Information (Informazioni di
sistema) e segue il “Computer Name (Nome computer)” in Network Information
(Informazioni di rete).
È possibile fare riferimento a “System (Sistema)” > “Device Information
(Informazioni dispositivo)”> “System Information (Informazioni di sistema)” nella
pagina Configuration (Configurazione) per acquisire l'indirizzo MAC.
“Computer Name (Nome computer)” è mostrato in “Network (Rete)” > “Network
Setup (Impostazioni di rete)” > “Information (Informazioni)” nella pagina di
configurazione.
Ad esempio, il nome del computer è NVR005043000203.
Pertanto, è possibile selezionare un DIGISTOR nella cartella Network (Rete) usando
questo nome di computer.
92
Quando si seleziona un DIGISTOR, appare una finestra che chiede di inserire la
password di rete.
Se l'utente non può modificare il nome utente e la password, inserire i valori
predefiniti: “admin/admin.”
Dopo avere inserito nome utente e password corretta, DIGISTOR visualizzerà la
cartella “Public (Pubblica)” e “videodata1”. Selezionare “videodata1” per controllare
i file video.
93
Dopo avere eseguito l’accesso a “videodata1”, la cartella visualizza le RecordFolder
cronologicamente per data di registrazione. Selezionare una cartella a cui accedere.
Tutti i file video sono elencati in ordine cronologico per intervallo di tempo registrato
e la lunghezza video di ogni sequenza è di cinque minuti.
Selezionare un file video da riprodurre.

Inserire l'indirizzo IP per eseguire la ricerca
Inserire l'indirizzo IP del videoregistratore di rete dal menu Start di Windows.
94
Quando si inserisce l’indirizzo IP, appare una finestra che chiede di inserire la
password di rete. Se l'utente non può modificare il nome utente e la password,
inserire i valori predefiniti: “admin/admin”.
Dopo avere inserito nome utente e password corretta, la cartella del
videoregistratore di rete visualizza la cartella “videodata1”. Quindi, selezionare una
RecordFolder ed un file video da riprodurre.
95
4.3.2
Servizio FTP
Per accedere al servizio FTP in un’interfaccia su base web, aprire Windows Internet
Explorer ed inserire l'indirizzo IP del videoregistratore di rete configurato dall’utente.
Mentre si inserisce l'indirizzo IP, appare una finestra che chiedere di inserire nome
utente e password per accedere al server FTP. Se l'utente non può modificare il nome
utente e la password, inserire i valori predefiniti: “admin/admin”.
96
Fare clic su “Log On (Accedi)” per procedere.
Il browser IE mostra le cartelle del server FTP. Seleziona cartella “videodata1”.
97
La cartella visualizza le RecordFolder cronologicamente per data di registrazione.
Selezionare una cartella a cui accedere.
Tutti i file video sono elencati in ordine cronologico per intervallo di tempo registrato
e la lunghezza video di ogni sequenza è di cinque minuti.
Selezionare un file video da riprodurre.
98
Capitolo 5. Configuration (Configurazione)
Nella pagina Configuration (Configurazione), è possibile configurare Quick
Configuration (Configurazione rapida), IP Camera (Telecamera di rete), Recording &
Event (Registrazione ed Eventi), Disk Management (Gestione disco), Network
Management (Gestione di rete) e System (Sistema) da ciascun menu a discesa.
Nota: DIGISTOR uscirà automaticamente dalla pagina di configurazione dopo 10
minuti di inattività.
5.1
5.1.1
Telecamera IP
Impostazioni fotocamera

Camera Settings (Impostazioni fotocamera)
DIGISTOR fornisce due opzioni per aggiungere le telecamere.
1. UPnP Search (Ricerca UPnP)
2. Delete (Rileva)
Detect (Rileva):
In questa opzione, è necessario inserire Camera Name (Nome telecamera), IP
Address (Indirizzo IP), User Name (Nome utente), Password e selezionare vendor
(Fornitore) o Auto.
99
Poi fare clic su “Apply (Applica)”.
Se si commettono errori durante l’inserimento delle informazioni di cui sopra,
apparirà la relativa finestra di notifica.
Quando è inserito un indirizzo non appropriato, apparirà una finestra come quella
che segue.
100
Quando è inserito un nome utente non appropriato, apparirà una finestra come
quella che segue.
Quando è inserita una password non appropriata, apparirà una finestra come quella
che segue.
Dopo il rilevamento, l’elenco telecamere mostra la telecamera collegata con Camera
Name (Nome telecamera), IP Address (Indirizzo IP), Port (Porta), Vendor (Fornitore)
e Mode (Modalità).
Tutte le telecamere applicate saranno mostrate in Camera List (Elenco telecamere) e,
se non devono essere collegate altre telecamere, fare clic su “Next (Avanti)” per
continuare la configurazione.
Se una qualsiasi telecamera deve essere eliminata dall’elenco telecamere, fare clic
sulla colonna per evidenziarla in blu e fare clic su “Delete (Elimina)”.
101
Appare una finestra che chiede conferma dell’esecuzione.
Per eliminare la telecamera, fare clic su “OK” per procedere.
Attendere. È in corso l’eliminazione.
La telecamera è stato eliminata dall’elenco telecamere.
RTSP generico / MJPEG generico
Il videoregistratore di rete DIGISTOR fornisce l'interfaccia per inserire gli URL
RTSP/MJPEG delle telecamere di rete per ricevere lo streaming video dalle
telecamere di rete. Lo streaming sarà applicato a monitoraggio, registrazione e
riproduzione.
Le funzioni Generic RTSP (RTSP generico) e Generic MJPEG (MJPEG generico)
possono essere selezionate in Vendor list (Elenco fornitori) della pagina Camera
setting (Impostazioni telecamera).
102
Proseguire inserendo nella colonna Generic URL (URL generico) gli URL RTSP o
MJPEG appropriati.
Se è selezionato il metodo Generic RTSP (RTSP generico), anche il campo RTSP port
(Porta RTSP) deve essere completato.
Fare clic su “Apply (Applica)” per abilitare i parametri.
Ciascun fornitore di telecamera dovrebbe fornire l’URL più corretto.
È possibile anche fare riferimento a siti.
- https://www.soleratec.com/rtsp/`
- http://www.ispyconnect.com/sources.aspx
103
5.1.2
Cerca telecamera
Fare clic su “UPnP Search (Cerca UPnP)” per trovare i dispositivi UPnP nella LAN.
Attendere. È in corso la ricerca UPnP.
Saranno visualizzate le telecamere disponibili nella rete.
Aggiungere le telecamere, una per volta, facendo clic su “Add (Aggiungi)” nell’elenco.
Dopo la ricerca, la finestra visualizza IP Address (Indirizzo IP), Port (Porta), Vendor
(Fornitore) e Model (Modello), ma è necessario inserire manualmente Camera
Name (Nome telecamera), User Name (Nome utente) e Password per applicare le
impostazioni.
104
Fare clic su “Apply (Applica)” per avviare il collegamento alla telecamera di rete.
Tutte le telecamere applicate saranno mostrate in Camera List (Elenco telecamere) e,
se non devono essere collegate altre telecamere, fare clic su “Next (Avanti)” per
continuare.
È inoltre possibile fare clic su “Delete (Elimina)” per disconnettere la telecamera.
105
5.1.3
Parametri telecamera
Selezionare “Camera Parameter (Parametri telecamera)” dal menu a discesa IP
Camera (Telecamera di rete).
DIGISTOR supporta il multi-streaming per il monitoraggio e la registrazione. In questa
pagina è possibile modificare la configurazione della telecamera, come formato video,
frame rate, risoluzione, qualità video, abilitazione audio e target streaming tramite
DIGISTOR.
Questa sezione si compone di due parti: Parameter (Parametri) e Camera List
(Elenco telecamere).
Prima selezionare una telecamera in Camera List (Elenco telecamere).
106
Quando si fa clic su una colonna, questa è evidenziata in blu, attendere ed apparirà la
finestra che segue che permette di configurare il multi-streaming.
Dopo avere caricato le informazioni della telecamera, è possibile modificare i
parametri della telecamera.

Video Format (Formato video)
Scegliere un formato di compressione video per la visione dal vivo e la
registrazione: MPEG4, H.264 e MJPEG.
Nota: I tipi di formato video variano in base alle marche ed i modelli delle
telecamere.

Frame Rate (Frequenza di quadro)
Selezionare il frame rate dall’elenco a discesa. Il frame rate della telecamera di
rete sarà influenzato dall'ambiente di rete.

Resolution (Risoluzione)
Selezionare la risoluzione per la telecamera dall'elenco a discesa.

Video Quality (Qualità video)
Selezionare “VBR (Variable Bit Rate)” o “CBR (Constant Bit Rate)” per
impostare la qualità video.

Audio Enable (Abilita audio)
Per abilitare o disabilitare la funzione di registrazione audio.

Stream target
Applica le impostazioni di streaming a destinazioni diverse includendo live view
(Visione dal vivo), record (Registrazione) e live view & Record (Visione dal vivo
e Registrazione).
Inoltre, fare clic su “Go to Web (Vai a web)” per la configurazione avanzata della
telecamera nell'interfaccia della telecamera.
107
Allo stesso tempo, apparirà una finestra che chiede nome utente e password per la
configurazione della telecamera.
108
5.1.4
Stato telecamera
Selezionare “Camera Status (Stato telecamera)” dal menu a discesa IP Camera
(Telecamera di rete).
Camera List (Elenco telecamere) mostra lo stato di connessione della registrazione.
Notare il “Bitrate” per lo stato di caricamento ed evitare che il totale bitrate diventi di
colore rosso perché indica il sovraccarico del server.
109
5.2
Registrazione ed Eventi
Recording & Events (Registrazione ed Eventi) fornisce diverse modalità degli
eventi e registrazioni pianificate per configurare la telecamera di rete. Event &
Action Management (Gestione eventi ed Azioni) permette inoltre di combinare
vari eventi e le azioni che attivano gli eventi per ottenere la sorveglianza di
sicurezza.
Se il disco rigido non è installato, appare la finestra che segue quando si fa clic su
“Recording & Event” (Registrazione ed Eventi).
Dopo che il disco rigido è pronto, è possibile continuare con le seguenti impostazioni.
5.2.1
Impostazioni di registrazione
Selezionare “Recording Settings (Impostazioni di registrazione)” dal menu a discesa
Recording & Event (Registrazione ed Eventi).
110
Modalità di registrazione
È possibile impostare la modalità “No Recording (Nessuna registrazione)”,
“Recording by Schedule (Registrazione pianificata)” e “Always Recording (Registra
sempre)” per ciascuna telecamera collegata.


No Recording (Nessuna registrazione): Dopo avere selezionato “No Recording
(Nessuna registrazione)”, tutte le telecamere saranno disabilitate per la
registrazione video.
Recording by Schedule (Registrazione pianificata): Dopo avere selezionato
“Recording by Schedule (Registrazione pianificata)”è possibile impostare
l’orario previsto per la registrazione video. È necessario configurare la
pianificazione nella sezione “Recording Schedule (Registrazione pianificata) ”.

Always Recording (Registra sempre): È possibile selezionare la telecamera
oppure fare clic su “All (Tutto)” per applicare la funzione “Always Recording
(Registra sempre)”. Il video sarà registrato in modo continuo.
DIGISTOR fornisce due modi per eliminare i video registrati.

HDD Automatic Recycle (Riciclaggio automatico HDD): È possibile impostare la
percentuale di registrazione per conservare i video per sovrascrivere
automaticamente i file video meno recenti. La soglia massima è 90% mentre la
minima è 20%. Ad esempio, dopo avere impostato la soglia sul 70% e lo spazio
d’archiviazione occupato del disco rigido arriva al 70%, il server eliminerà
automaticamente i video registrati meno recenti.

Video Keeping Period (Periodo di conservazione dei video): È possibile
impostare il periodo di conservazione per i video. Ad esempio, dopo avere
impostato 7 giorni ed il disco rigido ha conservato i video per più di 7 giorni,
DIGISTOR eliminerà automaticamente i video registrati del primo giorno.
Fare clic su “Apply (Applica)” per applicare le impostazioni oppure su “Reset
(Ripristina)” per modificare le impostazioni.
111
5.2.2
Pianificazione di registrazione
È possibile configurare la Recording Schedule (Registrazione pianificata) per definire
l'intervallo di tempo per tutti i canali.
Selezionare intervallo di tempo e canale per la registrazione pianificata e fare clic su
“Insert (Inserisci)”.
112
Dopo aver inserito intervallo di tempo e canale, la barra tempo/telecamera visualizza
il tempo selezionato.
Fare clic su “Apply (Applica)” per completare l'impostazione oppure su “Reset
(Ripristina)” per riorganizzare canale ed intervallo di tempo.
Nota: Una telecamera può impostare più registrazioni pianificate allo stesso
tempo.
113
Delete (Elimina)
È possibile cancellare l’intervallo di tempo specifico nella registrazione pianificata
selezionando l’intervallo e facendo clic su Delete (Elimina).
114
Delete All (Elimina tutto)
Selezionando Delete All (Elimina tutto) e poi selezionare la telecamera, è possibile
rimuovere la registrazione pianificata per una determinata telecamera dopo avere
fatto clic su Delete (Elimina).
115
5.2.3
Gestione evento e azione
Selezionare “Event & Action Management (Gestione eventi ed Azioni)” dal menu a
discesa Recording & Event (Registrazione e Eventi).
“Event & Action Management (Gestione eventi ed Azioni)” permette di definire
l'impostazione di allarme che gestisce gli eventi e la corrispondente azione da
attivare. Quando si verifica un evento, DIGISTOR esegue determinate azioni. Questa
impostazione può rafforzare il livello di sicurezza durante il monitoraggio e la
registrazione notificando l'utente quando necessario.
Evento e azione
1
2
3
4
5
6
DIGISTOR supporta diverse azioni che possono essere attivate quando gli eventi
selezionati sono attivati nelle telecamere di rete. È possibile configurare tre tipi di
evento per le telecamere e DIGISTOR fornisce inoltre tre tipi di evento per il
videoregistratore di rete DIGISTOR.
1.
2.
3.
4.
5.
6.
Disconnected (Disconnesso)
Movimento dalla telecamera
Ingresso digitale
NVR event (Evento NVR): Disconnected (Disconnesso)
NVR event (Evento NVR): Ingresso digitale
External event(HTTP-in) [Evento esterno (Ingresso HTTP)]
116
Un tipo di evento è un insieme di parametri che definiscono azioni diverse.
Selezionare il tipo di evento e fare clic su “Add (Aggiungi)” per selezionare l’azione
del videoregistratore di rete.
Nota: L'azione sarà attivata solo quando l’azione è aggiunta all'evento.
1. Disconnected (Disconnesso)
È possibile impostare l’azione su “Send E-Mail (Invia e-mail)”, “Digital Output (Uscita
digitale)”, “User Defined Action (Azione definita dall’utente)” e “SMS”. Quando c’è
la perdita di connessione con la telecamera, entrambe le azioni possono essere
attivate.

Invia e-mail
La finestra E-Mail Configuration (Configurazione e-mail) apparirà quando si
aggiunge “Send E-Mail (Invia e-mail)” all’azione. Tuttavia, all’inizio non ci
saranno informazioni di contatto elencate nella configurazione, fare riferimento
al paragrafo Aggiungere nuovi contattori nella sezione “E-Mail” che segue.
Dopo avere aggiunto il contatto, Contact List (Elenco contatti) mostra i nomi e
gli indirizzi di posta elettronica. Selezionare Contact List (Elenco contatti) e
Apply Options (Applica opzioni) per le telecamere. Quindi fare clic su “OK” per
terminare la configurazione e-mail.
Se è selezionato “Attached with the snapshot (Allega istantanea)” il messaggio
sarà inviato con un'istantanea dell’evento.
117
Fare clic su “Apply (Applica)” per terminare la configurazione.
L’azione E-Mail sarà attivata una volta ogni 20 secondi quando si verifica un
evento, il che significa che se un evento è della durata di un minuto, il
videoregistratore di rete invierà 3 messaggi, uno ogni 20 secondi.

Uscita digitale
La finestra Digital Output Configuration (Configurazione uscita digitale)
apparirà quando si aggiunge “Digital Output (Uscita digitale)” all’azione.
L’opzione Buzzer (Segnale acustico) può essere abilitata per emettere un
segnale della durata di 60 secondi.
Nota: È possibile premere per un secondo il tasto “USB BACKUP (BACKUP
USB)” sul pannello frontale di DIGISTOR per interrompere il segnale acustico.
Digital Output1 (Uscita digitale 1) e Digital Output2 (Uscita digitale 2) sono
supportate da altre uscite digitali del server e possono essere abilitate fino a 60
secondi.
Selezionare Apply Options (Applica opzioni) per le telecamere per terminare la
configurazione.
118

User Defined Action (Azione definita dall’utente)
User Defined Action (Azione definita dall’utente) permette di inviare il
comando HTTP specifico quando si verifica un evento. Può essere inviato per
gestire dispositivi come regolatori di potenza, dispositivi di rilevamento
fuoco/fumo eccetera.
119

SMS
SMS è l'acronimo di Short Message Service. È possibile essere avvisati con un
SMS quando si verifica l'evento. Il servizio è supportato da Clickatell ed è
necessario eseguire la registrarsi per usufruire del servizio. Al momento
supporta solo messaggio in inglese.
Impostazioni:
1. Inserire nome utente e password corretta e l’ID API del server SMS.
2. Selezionare il paese ed inserire il numero di cellulare.
3. Inserire il messaggio da inviare al telefono cellulare.
4. È possibile verificare se le informazioni dell’account e del cellulare sono
corrette prima di applicare.
5. Fare clic su “OK” per completare le impostazioni dei parametri.
120
2. Movimento dalla telecamera
È possibile impostare l'azione su “Event Trigger Record (Registrazione attivata da
evento)”, “Send E-Mail (Invia e-mail)”, “Digital Output (Uscita digitale)”, “User
Defined Action (Azione definita dall’utente)” e “SMS”. Dopo che la telecamera ha
rilevato il movimento, possono essere attivate tre azioni.

Registrazione attivata da evento
È possibile abilitare Event trigger record (Registrazione attivata da evento) e
Video Clip.
Event triggered record (Registrazione attivata da evento): Quando è attivato
l'evento, DIGISTOR registra il video e registra ogni cinque minuti mentre l'evento
continua ad accadere.
121
Video Clip: Il video clip sarà inviato via e-mail ed è possibile modificare Pre-time
(Intervallo pre-registrazione) e Post-time (Intervallo post-registrazione) in
“Advanced Settings (Impostazioni avanzate)”.
Selezionare le telecamere nel campo Apply Options (Applica opzioni) per
terminare la configurazione.
3. Ingresso digitale
È possibile impostare l’azione su “Event Trigger Record (Registrazione attivata da
evento)”, “Send E-Mail (Invia e-mail)”, “Digital Output (Uscita digitale)”, “User
Defined Action (Azione definita dall’utente)” e “SMS”. Dopo che la telecamera ha
rilevato l’ingresso digitale, possono essere attivate tre azioni.
122
4. NVR event (Evento NVR): Disconnected (Disconnesso)
È possibile impostare l’azione su “Digital Output (Uscita digitale)”. Quando c’è la
perdita di connessione con il sistema, le azioni possono essere attivate.
5. NVR event (Evento NVR): Ingresso digitale
È possibile impostare l’azione su “Event Trigger Record (Registrazione attivata da
123
evento)”, “Send E-Mail (Invia e-mail)”, “Digital Output (Uscita digitale)”, “User
Defined Action (Azione definita dall’utente)” e “SMS”. Dopo che la telecamera ha
rilevato l’ingresso digitale, possono essere attivate tre azioni.
6. Evento esterno (Ingresso HTTP)
È possibile impostare l’azione su “Event Trigger Record (Registrazione attivata da
evento)”, “Send E-Mail (Invia e-mail)”, “Digital Output (Uscita digitale)”, “User
Defined Action (Azione definita dall’utente)” e “SMS”. Dopo che la telecamera ha
rilevato l’ingresso digitale, possono essere attivate tre azioni.
124
L’evento può essere attivato da comando CGI ingresso HTTP esterno. Permette di
definire fino a 5 eventi ingresso HTTP diversi. È possibile impostare le azioni di
“External Event (Evento esterno) ” proprio come per gli altri eventi
Il formato dell’evento CGI ingresso HTTP esterno è:
http://<NVR_IP>/login.cgi/cgi_main.cgi?cgiName=event_ipc.cgi&eventName=Defined_<int>
- <NVR_IP> È l'IP del videoregistratore di rete a cui deve essere inviato il comando.
- <int> è definito per indicare quale numero (1~5) di ingresso HTTP esterno deve
essere attivato.
Ad esempio:
http://192.168.1.245/login.cgi/cgi_main.cgi?cgiName=event_ipc.cgi&eventName=
Defined_3
- Il CGI è per l'invio al videoregistratore di rete con IP 192.168.1.245 ed attivare
l'evento esterno numero 3
Infine, fare clic su “Apply (Applica)” per applicare tutte le impostazioni.
125
Impostazioni avanzate
È possibile impostare Pre-time (Intervallo pre-registrazione) e Post-time (Intervallo
post-registrazione) per la registrazione di video ed eventi.
Pre-time (Intervallo pre-registrazione) registra fino a 300 secondi prima
dell’attivazione dell’evento e Post-time (Intervallo post-registrazione) registra fino a
300 secondi dopo il termine dell’evento.
Fare clic su “Apply (Applica)” per applicare l'impostazione.
5.2.4
Pianificazione allarme
È possibile impostare il rilevamento di eventi per un determinato periodo di tempo
Impostare la pianificazione dell’allarme
A. Abilitare il rilevamento degli eventi in “Event & Action (Eventi ed Azioni) ” facendo
clic sul qualsiasi casella degli eventi.
La pianificazione dell’allarme sarà avviata automaticamente con la modalità
“always (Sempre) ”.
B. Andare alla pagina d’impostazione della pianifciazione per eseguire la
configurazione.
126
C. Impostare la pianificazione dell’allarme.
Selezionare il tipo di pianificazione allarme

Day (Giornaliero)
1. Selezionare la telecamera
2. Indicare l’intervallo di tempo
3. Fare clic sul tasto Insert (Inserisci) per applicare
127
4. Sarà visualizzata la durata designata

5. La durata designata è visualizzata sul grafico
Premere Apply (Applica)
Week (Settimanale)
1. Selezionare la pianificazione “Week” (Settimanale)
2. Selezionare il giorno per la registrazione pianificata specifica.
3. Indicare l’intervallo di tempo
4. Selezionare la telecamera da applicare
5. Fare clic su Insert (Inserisci) per applicare
6. Sarà visualizzata la durata designata.
7. La durata designata è visualizzata sul grafico
Premere “Apply (Applica)”
Rimuovere la pianificazione dell’allarme
Rimuovere un certo intervallo di tempo
1. Designare l’intervallo di tempo sul grafico facendo clic su di esso
2. Fare clic su tasto Delete (Elimina)
3. Il periodo designato è rimosso
Rimuovere tutti gli intervalli di allarme di una telecamera
128
1. Fare clic su un intervallo di tempo qualsiasi della telecamera
2. Selezionare la casella Delete All (Elimina tutto)
3. Fare clic su tasto Delete (Elimina)
4. Tutti gli intervalli di tempo della telecamera sono rimossi
Nota: Rimarrà la pianificazione allarme in modalità “always (Sempre)”
5.2.5 E-mail
Selezionare “E-Mail” dal menu a discesa Recording & Event (Registrazione ed
Eventi).
Server SMTP




Server Address (Indirizzo del server): Inserire l'indirizzo del server SMTP.
Sender (Mittente): Specificare l’indirizzo di posta elettronica del mittente nel
campo “Sender (Mittente)”.
Subject (Oggetto): Inserire l’oggetto.
Body (Corpo): Inserire il contenuto per il corpo del messaggio.
129



Authentication (Autenticazione): In base al sensore di posta, il server SMTP
fornisce tre tipi di autenticazione. Impostare “Authentication (Autenticazione)”
su “PLAIN (SEMPLICE)”, “LOGIN (ACCESSO)” O “LOGIN with TLS (ACCESSO con
LTS)” in base alle regole dei diversi server SMTP.
User name (Nome utente): Specificare il nome utente.
Password: Specificare la password.
Fare clic su “Apply (Applica)” per terminare oppure su “Send Test Mail (Invia
messaggio di prova)” per verificare la disponibilità.
Contatto
Aggiungere i contatti inserendo nome ed indirizzo e-mail e poi fare su “Add Contact
(Aggiungi contatto)”.
Contact List (Elenco contatti) mostrerà le informazioni inserite. Fare clic su “Apply
(Applica)” per applicare le impostazioni.
130
I risultati saranno mostrati nell’elenco contatti ed è possibile eliminare i contatti
oppure continuare ad aggiungere altri contatti.
131
5.3 Gestione disco
DIGISTOR può creare nuovo disco RAID oppure eliminare/formattare il disco RAID.
Inoltre, è possibile gestire i dispositivi d’archiviazione di DIGISTOR per la trasmissione
dei dati e la condivisione dei file.
5.3.1
Gestione disco
Selezionare “Disk Management (Gestione disco)” nel menu a discesa Configuration
Utility (Utilità di configurazione).

Disk Information (Informazioni disco)
Quando su DIGISTOR non è installato alcun disco rigido, la pagina mostrerà
“Disk doesn’t exist (Il disco non esiste)”.
Per le procedure per la creazione e l'eliminazione del disco rigido, fare riferimento a
Disk Management (Gestione disco) della configurazione rapida.
Selezionare “Disk Management (Gestione disco)” nel menu a discesa Configuration
Utility (Utilità di configurazione).
132
5.3.2
Gestione File System
Selezionare “File system Management” (Gestione File System)” nel menu a discesa
Disk Management (Gestione disco).
Quando nel videoregistratore di rete non è installato alcun disco rigido, la pagina
mostrerà “No Filesystem (Nessun File System)”.
Dopo avere installato il disco rigido, il file system visualizzerà il volume RAID, come
mostrato di seguito.
Il File System fornisce un modo efficiente per organizzare i dati che dovrebbero
essere conservati dopo la chiusura di un programma, fornendo le procedure per
archiviare, recuperare ed aggiornare i dati, nonché per gestire lo spazio disponibile
sul dispositivo che li contiene. DIGISTOR fornisce un mezzo perché più programmi
aggiornino i dati nello stesso file quasi contemporaneamente.
133
5.3.3
Servizio di condivisione file
Selezionare “File Sharing Service (Servizio di condivisione file)” nel menu a discesa
Disk Management (Gestione disco).
Organizzare il servizio di trasmissione di dati includendo Windows Networking (Rete
Windows) e FTP service (Servizio FTP).
Quando su DIGISTOR non è installato alcun disco rigido, la pagina mostrerà “No
Filesystem (Nessun File System)”.

Informazioni
Dopo avere installato il disco rigido, il file system visualizzerà lo stato, come mostrato
di seguito. Impostare su ON (Attiva) o OFF (Disattiva) il servizio di condivisione per
abilitare o disabilitare Windows Networking (Rete Windows) e FTP service (Servizio
FTP).
`
Dopo avere abilitato il servizio, usando il tasto Link (Collegamento) nella pagina File
Sharing Service (Servizio di condivisione file), è possibile aprire direttamente la
finestra del servizio di condivisione di Windows e del servizio FTP.
134

Networking Windows
Nel campo Windows Networking (Rete Windows) è possibile abilitare o disabilitare i
servizi e Computer Name (Nome computer) è già mostrato. Computer Description
(Descrizione computer) e Domain or Workgroup Name (Nome dominio o gruppo di
lavoro) può essere modificato.

FTP
In FTP Settings (Impostazioni FTP) è possibile abilitare o disabilitare FTP Services
(Servizi FTP).
È possibile organizzare Command Port (Porta di comando) e Passive Port (Porta
passiva) e configurare la lingua in Client Coding Type (Tipo codifica client).
Fare clic su “Apply (Applica)” per applicare le impostazioni FTP.
135
5.4 Configurazione di rete
5.4.1
Configurazione di rete
Selezionare “Network Setup (Configurazione rete)” dal menu a discesa Network
(Rete).
Questa sezione spiega come configurare la connessione di rete con il
videoregistratore di rete.

Informazioni
Network information (Informazioni Rete) visualizza la configurazione di rete attuale,
includendo: Computer Name (Nome computer), IP address (Indirizzo IP), Subnet
mask, Default Gateway (Gateway predefinito), Primary and Secondary DNS (DNS
primario e secondario).

Configurazione
136
È possibile rinominare Computer Name (Nome computer) ed assegnare DHCP o
Static IP (IP statico).

DHCP: Si ottiene un indirizzo IP dinamico disponibile assegnato da un server
DHCP. Se questa opzione è selezionata, DIGISTOR ottiene automaticamente un
indirizzo IP dinamico disponibile dal server DHCP ogni volta che esegue la
connessione alla LAN.

Static IP (IP statico): Se negli ambienti di rete non ci sono server DHCP,
l'indirizzo IP statico assegnato sarà del tipo 192.168.1.245. Dovrebbe essere
adattabile alla maggior parte degli ambiente di rete, e - in questa pagina - è
possibile scegliere di mantenere l'indirizzo IP predefinito oppure di modificarlo.
Tuttavia, si raccomanda di impostare indirizzi IP diversi per DIGISTOR se sulla
stessa LAN è presente più di un DIGISTOR.

Configurazione porta
Impostazione della porta di trasmissione per accedere DIGISTOR. La porta predefinita
per la connessione DIGISTOR è 80.
137
5.4.2
Servizio di rete
Selezionare “Network Service (Servizio di rete)” dal menu a discesa Network (Rete).

Elenco consentiti/non consentiti
Modificare la White o Black List per allow (consentire) o bolck (bloccare) diversi
indirizzi IP.
Quando è abilitata la White List, appare una finestra che chiede conferma
dell’esecuzione.
Quando è abilitata la Black List, appare una finestra che chiede conferma
dell’esecuzione.
138
Inserire l'intervallo di indirizzi IP da aggiungere alla White List o Black List.
Nota: L'indirizzo IP di cui sopra è solo un esempio di riferimento. Si raccomanda
di modificare con cautela la White List o la Black List in base alle varie necessità. È
anche possibile impostare contemporaneamente White List e Black List.
Dopo aver aggiunto la White List o la Black List, le seguenti informazioni che seguono
visualizzano l’accesso consentito e l’accesso negato. È anche possibile eliminare
l'elenco.

UPnP
139
Abilitare o disabilitare la ricerca UPnP.
Rinominare UPnP.
Nota: Il numero massimo di caratteri consentiti per il nome UPnP è 32.
Fare clic su “Apply (Applica)” per applicare le impostazioni.
5.4.3
DDNS
Selezionare “DDNS” dal menu a discesa Network (Rete).
DDNS collega un nome di dominio ad un indirizzo IP, consentendo di accedere
facilmente alla telecamera se l’indirizzo IP è cambiato. I videoregistratori di rete
DIGISTOR sono compatibili con i quattro provider di servizi DDNS (1) ipcam.jp (2)
mwcam.jp (3) DynDNS e (4) No-IP.
NOTA - Prima di usare questa funzione, richiedere un account di dominio
dinamico ad un provider DDNS.
140
5.5 Gestione
In Management (Gestione) è possibile facilmente creare, modificare e cambiare
l'accesso utente alla visione dal vivo ed alla riproduzione. Inoltre, è possibile leggere
le varie informazioni log in Log System (Sistema log) e salvare o caricare rapidamente
la configurazione del videoregistratore di rete. In questa pagina può anche essere
impostato il backup emergente dei file video più recenti ed il controllo di ingresso e
uscita esterna.
5.5.1
Gestione utenti
Selezionare “User Management (Gestione utenti)” nel menu a discesa Management
(Gestione).
L’accesso al videoregistratore di rete può essere eseguito da più utenti
contemporaneamente. Fatta eccezione per l’account predefinito Administrator
(Amministratore) (nome utente "admin" e password "admin"), l'amministratore può
creare anche altri account Power User e User (Utente). L’amministratore possiede
più privilegi di Power User e User (Utente). Inoltre, a Power User e User (Utente)
possono essere assegnati privilegi diversi per la visione dal vivo e la riproduzione di
diversi canali.
Creazione utente
Andare alla pagina Create User (Crea utente)

Power User
Inserire nome utente e password in “User List (Elenco utenti)” e selezionare un
gruppo dall'elenco a discesa “Group (Gruppi)” per assegnare un nuovo Power User.
Live View Access (Accesso a visione dal vivo) e Playback Access (Accesso a
riproduzione) sono selezionati automaticamente per Power User.
141
Fare clic su “Apply (Applica)” per aggiungere un nuovo Power User.
142
Dopo aver creato il Power User, User List (Elenco utenti) visualizzerà le informazioni
come segue.

User (Utente)
L'amministratore può anche selezionare un gruppo dall'elenco a discesa “Group
(Gruppi)” per assegnare un nuovo utente. Inserire nome utente e password “User
List (Elenco utenti)”, quindi selezionare Live View Access (Accesso a visione dal vivo)
e Playback Access (Accesso a riproduzione) per il nuovo utente.
Dopo aver creato l’utente, User List (Elenco utenti) visualizzerà le informazioni come
segue.
Modify User (Modifica utente)
Andare alla pagina Modify User (Modifica utente)
Selezionare un account da modificare il Power User o User (Utente).
143
L'account selezionato sarà evidenziato in blu ed apparirà la pagina per la modifica
dell’utente, come segue. È possibile modificare Live View Access (Accesso a visione
dal vivo) e Playback Access (Accesso a riproduzione). Fare clic su “Apply (Applica)”
per procedere.
Dopo avere modificato l'utente, User List (Elenco utenti) visualizzerà le informazioni
aggiornate.
Fare clic su “Del. (Elimina)” per eliminare l'account dal User List (Elenco utenti).
Cambia password
Ciascun videoregistratore di rete è dotato di account “admin” con password “admin”
per gli amministratori. Si raccomanda vivamente di cambiare la password dopo avere
eseguito l’accesso iniziale.
Selezionare un account dall'elenco a discesa “User Name (Nome utente)” per
144
modificare la password. Inserire una nuova password nel campo “New Password
(Nuova password)” ed inserirla di nuovo nel campo “Retype Password (Conferma
password)”. Fare clic su “Apply (Applica)”, la password sarà cambiata.
145
5.5.2
Sistema log
Selezionare “Log System (Log di sistema)” nel menu a discesa Management
(Gestione).
Se il disco rigido non è installato, appare la finestra che segue quando si fa clic su
“Log System (Log di sistema)”.
Quando il disco rigido è pronto, il Log system (Log di sistema) registra gli eventi del
videoregistratore di rete e fornisce informazioni di base per la risoluzione dei
problemi. Ci sono sei tipi di log per eseguire il controllo: Hardware Log (Log
hardware), NVR Log (Log NVR), Event Log (Log eventi), Current User (Utenti
correnti), Historical User Log (Log storico utenti) e File Access Log (Log accesso file).

Hardware Log (Log hardware)
Le informazioni di Hardware Log (Log hardware) includono RAID creation (Creazione
RAID), RAID deletion (Eliminazione RAID), RAID modification (Modifica RAID), CPU,
buzzer, fan (CPU, segnale acustico, ventola), system (Sistema), sensor (Sensore) e
USB.
146

NVR Log (Log NVR)
Le informazioni di NVR Log (Log NVR) includono time zone (Fuso orario), daylight
(Ora legale), system (Sistema), firmware upgrading (Aggiornamento firmware),
configuration IP (Configurazione IP), recording files export (Esportazione
registrazioni) e storage (Archiviazione).

Event Log (Log eventi)
Le informazioni di Event Log (Log eventi) includono “Camera is connected (La
telecamera è connessa)”, “The camera is disconnected (La telecamera è
disconnessa)”, “Digital Input (Ingresso digitale)”, “Motion detected (Movimento
rilevato)” e “Storage usage is out of limit (Spazio d’archiviazione esaurito) ”,
eccetera.
147

Current User (Utenti correnti)
Le informazioni di Current User (Utenti correnti) mostrano gli utenti correntemente
collegati al videoregistratore di rete ed il loro indirizzo IP

Historical User Log (Log cronologia utente)
Le informazioni di Historical User Log (Log storico utenti) registrano tutti gli utenti
che hanno eseguito l'accesso al videoregistratore di rete. Ad esempio, “Execute
detect (Esegui rilevamento)”, “Motion detected (Movimento rilevato)”, “FTP
service is configured (Servizio FTP configurato)”, “Account is created (Account
creato)”, “Execute system shutdown (Esegui arresto del sistema)”, eccetera.
148

File Access Log (Log accesso file)
Il messaggio è relativo ad altro metodo per ottenere l’accesso a DIGISTOR come
SAMBA o FTP.
Questa sezione è per File Access Log (Log accesso file). Il messaggio è relativo ad
altro metodo per ottenere l’accesso a DIGISTOR come SAMBA o FTP.
Esportare i file log
È possibile esportare e salvare i file log dalla pagina Log System (Log di sistema). A
ciascun tipo di log corrisponde un file log.
I contenuti del log possono essere salvati in formato HTML o txt.
149
5.5.3
Salva/carica configurazione
Selezionare “Save/Load Configuration (Salva/Carica configurazione) ” dal menu a
discesa Management (Gestione).
Se il disco RAID non è costruito, appare la finestra che segue.

Save Configuration (Salva configurazione)
Selezionare Volume e Folder (Cartella) per salvare la configurazione in un formato cfg
e specificare File Name (Nome file).
Nota: Salvando la configurazione si salvano solo Camera Setting (Impostazioni
telecamera), Recording Settings (Impostazioni registrazione), Event & Action
Setting (Impostazioni Eventi ed Azioni) E-Mail settings (Impostazioni e-mail) e
Server Settings (Impostazioni server).
150
Il file di configurazione è salvato nella cartella Public (Pubblica) del
videoregistratore di rete, dove è possibile trovare Windows Networking
(Rete Windows) o il servizio FTP.

Load Configuration (Carica configurazione)
Load configuration (Carica configurazione) permette di duplicare le stesse
impostazioni da un videoregistratore di rete ad un altro senza dover configurare
manualmente il sistema. È possibile selezionare Load Type (Tipo di caricamento)
come “Load Default Settings (Carica impostazioni predefinite)” o “Load
Configuration (Carica configurazione)”.
Dopo avere selezionato “Load Default Settings (Carica impostazioni predefinite)” ed
avere fatto clic su “Apply (Applica)”, la configurazione di Camera Setting
(Impostazioni telecamera), Recording Settings (Impostazioni registrazione), Event &
Action Setting (Impostazioni Eventi ed Azioni) E-Mail settings (Impostazioni e-mail)
e Server Settings (Impostazioni server) sarà impostata sui valori predefiniti.
Quando si seleziona “Load Configuration (Carica configurazione)”, sfogliare la
cartella del videoregistratore di rete per trovare la configurazione salvata. Dopo che è
stato visualizzato il nome del file, fare clic su “Apply (Applica)” per caricare la
configurazione.
151
5.5.4
Backup USB
È possibile impostare la durata massima ed i canali del tasto USB Backup (Backup USB)
del browser web remoto per eseguire in futuro il backup locale in modo rapido dei
file video più recenti. Con l’impostazione del tasto USB Backup (Backup USB), quando
si inserisce un dispositivo USB nella porta USB del videoregistratore di rete (area
backup del pannello frontale) e si preme per 3 secondi il tasto “USB BACKUP”, il
videoregistratore di rete eseguirà il backup USB ed i file video più recenti saranno
duplicati.
Durante la procedura di backup il LED USB lampeggia di colore blu. Quando il
videoregistratore di rete ha terminato di duplicare i dati sul dispositivo USB, la luce
blu si spegne.
Nota: Se si verifica un errore, compresa la mancata abilitazione della funzione
USB Backup (Backup USB), il LED USB sarà di colore rosso per avvisare.
Nota: Il formato del dispositivo USB deve essere File System FAT32.
152
Per abilitare la funzione del tasto USB Backup (Backup USB) ed impostare i canali e la
durata massima per le duplicazioni future del tasto USB Backup (Backup USB),
selezionare “USB Backup (Backup USB)” dal menu a discesa Management
(Gestione).
.
Impostazioni pulsante backup USB

La funzione del tasto USB Backup (Backup USB) può essere abilitata o


disabilitata, per questioni di sicurezza.
The latest duration of recordings (Durata massima delle registrazioni): È
possibile impostare un massimo di giorni ed ore per eseguire il backup dei file
video più recenti.
Channel Selection (Selezione canali): È possibile selezionare alcuni canali,
oppure fare clic su “All (Tutto)” per il backup futuro, e fare clic su “Apply
(Applica)” per terminare la configurazione.
Dopo aver terminato la configurazione, è possibile inserire un dispositivo USB nel
videoregistratore di rete locale per eseguire il backup dei file video più recenti.
Quando nel videoregistratore di rete è inserito un dispositivo USB, le Informazioni
dispositivo USB Backup (Backup USB) del browser remoto mostrano lo stato “Wait...
(Attendere...)”. Quando dispositivo USB è pronto, le Informazioni dispositivo
mostrano lo stato “Ready (Pronto)” ed il LED USB si accende di colore blu. Se è
necessario cancellare i dati correnti nel dispositivo USB, fare clic su “Format
(Formatta)” per eliminare i dati corrente del dispositivo USB.
153
Nota: Se nel videoregistratore di rete non è inserito un dispositivo USB, lo
schermo visualizzerà il messaggio “There is no USB device… (Non c’è alcun
dispositivo USB...)”.
Nota: Insieme ai file video, sono scaricati anche DIGIPlayer e DIGICheck.
154
5.5.5
Dispositivo IO esterno
Selezionare “External IO Device (Dispositivo IO esterno)” nel menu a discesa
Management (Gestione).
Inserire le informazioni necessarie per aggiungere manualmente i dispositivi, le
informazioni includono: Device Name (Nome dispositivo), IP Address (Indirizzo IP),
User Name (Nome utente) e Password.
Fare clic su “Detect (Rileva)” per verificare se la connessione è riuscita.
Fare clic su “Apply (Applica)” per completare le impostazioni. "Vender" (Fornitore) e
"Model" (Modello) saranno visualizzati automaticamente, se rilevabili.
Camera List (Elenco telecamere) mostra tutte le informazioni disponibili sul
dispositivo tra cui: Camera Name (Nome telecamera), IP Address (Indirizzo IP), Port
(Porta), Vender (Fornitore) e Model (Modello).
Inoltre, Device Event (Eventi dispositivo) mostrerà l'evento impostato
originariamente sul dispositivo.
155
5.6 Sistema
5.6.1
Informazioni dispositivo
Selezionare “Device Information (Informazioni dispositivo)”nel menu a discesa
System (Sistema).

Informazioni sistema
System Information (Informazioni del sistema) mostrano Operating System (Sistema
operativo), OS Version (Versione sistema operativo), NVR Version (Versione NVR),
CPU, Network Adapter (Scheda di rete), MAC Address (Indirizzo MAC) e Network
Flow (Flusso di rete).
Locate (Trova)
Fare clic su "Locate (Trova)", il segnale acustico del videoregistratore di rete sarà
attivato per 3 secondi. Aiuta a trovare il videoregistratore di rete.

Informazioni vano
Enclosure Information (Informazioni interne) mostrano CPU Temperature
(Temperatura CPU) e System Fan Speed (Velocità ventola di sistema).
Nota: La temperatura dell’ambiente operativo del videoregistratore di rete è
0~40˚C.
156
5.6.2
Upgrade del sistema
Selezionare “System Upgrade (Aggiorna sistema)” dal menu a discesa System
(Sistema).
DIGIEVER offre un nuovo firmware per il videoregistratore di rete DIGISTOR per
aggiornare le funzioni. Scaricare il firmware più recente dal sito DIGIEVER
www.digiever.com e salvare il file del firmware su un computer locale.
Nota: Assicurarsi che il modello e la versione del firmware del videoregistratore
di rete siano corretti.
Dopo aver scaricato il file del firmware, è possibile eseguire l'aggiornamento del
nuovo firmware da una cartella del computer locale e cercare la cartella dove
caricarlo.
Apparirà una finestra che chiedere di selezionare la cartella in cui caricare il
firmware.
Dopo aver selezionato il file, fare clic su “Upgrade (Aggiorna)” per aggiornare il
videoregistratore di rete.
157
5.6.3
Lingua
Selezionare “Language (Lingua)” dal menu a discesa System (Sistema).
Il videoregistratore di rete DIGISTOR fornisce diverse lingue. È possibile configurare la
lingua su AUTO o su altre lingue.
Fare clic su “Apply (Applica)” e la lingua sarà cambiata.
5.6.4
Data e Ora
Selezionare “Date & Time (Data e ora) ”dal menu a discesa System (Sistema).

Configurazione
158
Selezionare dall'elenco a discesa e configurare manualmente l'ora, l'impostazione
sarà effettiva dopo avere fatto clic su “Apply (Applica)”.

Time zone (Fuso orario)
Impostare l'ora e la data in base al fuso orario corretto e regolare l'ora per l’ora
legale, come preferito.
Inserire il nome host di un server NTP valido.
5.6.5
Segnale acustico
Selezionare “Buzzer (Segnale acustico) ” dal menu a discesa System (Sistema).
159
Selezionare “Enable (Abilita)” o “Disable (Disabilita)” per impostare Buzzer Notice
(Avviso acustico)
Dopo avere disabilitato l'avviso acustico, non sarà eseguita l'azione di segnale
acustico dell’uscita digitale.
Nota: È possibile premere per un secondo il tasto “USB Backup (Backup USB)” sul
pannello frontale di DIGISTOR per interrompere il segnale acustico.
5.6.6
Riavvia e spegni
Selezionare “Reboot & Shutdown (Riavvio e Spegnimento)” dal menu a discesa
System (Sistema).
Fare clic su “Reboot (Riavvio)” per riavviare il videoregistratore di rete.
Fare clic su “Shutdown (Spegnimento)” per spegnere il videoregistratore di rete.
160
Download PDF