SIME scaldabagno ONDA OF

SIME scaldabagno ONDA OF
LIBRETTO ISTRUZIONI PER L’INSTALLAZIONE
L’USO E LA MANUTENZIONE
ONDA 11 OF
ONDA 14 OF
ONDA 17 OF
SCALDABAGNI ISTANTANEI A GAS DI TIPO B11BS
A MODULAZIONE DI FIAMMA
ED ACCENSIONE AUTOMATICA A IONIZZAZIONE DI FIAMMA
1
AVVERTENZA
Questo libretto contiene dati ed informazioni destinati sia all’utente che all’installatore.
Nello specifico si avverte che i capitoli: Introduzione, Consigli utili e Messa in funzione sono
quelli riferiti all’utente
INDICE
INTRODUZIONE ALL’USO ED AVVERTENZE
pag.
3
CONSIGLI UTILI
pag.
3
pag.
pag.
4
4
pag.
pag.
pag.
pag.
pag.
pag.
pag.
pag.
5
5
6
6
7
7
7
8
pag.
pag.
pag.
9
9
9
1
CARATTERISTICHE TECNICHE
1. a
1. b
2
INSTALLAZIONE
2. a
2. b
2. c
2. d
2. e
2. f
2. g
2. h
3
Funzionamento
Diagramma campo di prelievo
Uso dell’apparecchio
MANUTENZIONE
4. a
4. b
2
Normative
Fissaggio a parete
Ventilazione dei locali
Collegamento elettrico a batteria
Collegamento gas
Collegamento acqua
Trasformazione gas
Evacuazione dei prodotti della combustione
MESSA IN FUNZIONE
3. a
3. b
3. c
4
Dati Tecnici
Dimensioni e pesi
Per togliere il mantello
Anomalie: Cause e rimedi
pag. 10
pag. 11
INTRODUZIONE ALL'USO ED AVVERTENZE
L'apparecchio è costruito secondo le regole della buona tecnica nello spirito della Legge 1083 del 6 Dic.1971.
La marcatura CE posta sul prodotto indica che lo stesso è conforme alle seguenti Direttive Europee: 90/396 - 93/
68-73/23-89/336.
L’apparecchio può funzionare con gas metano e con gas di petrolio liquefatto (G.P.L.), viene predisposto per l’uso
singolo di uno dei gas delle due famiglie sopra indicate.
ASSICURARSI che il presente libretto d'istruzioni sia SEMPRE a corredo dell'apparecchio affinché possa essere consultato dall'utilizzatore, dall'installatore e dal personale specializzato per il
servizio di assistenza. Se l'apparecchio deve essere venduto o trasferito ad un altro proprietario
o se si dovesse traslocare e lasciare l'apparecchio, assicurarsi sempre che il libretto accompagni l'apparecchio in modo che possa essere consultato dal nuovo propri.
UN CONSIGLIO IMPORTANTE: Prima di procedere alla lettura di questo libretto attiriamo l'attenzione sul fatto che la garanzia dell'apparecchio sarà valida a decorrere dall'installazione e
che DOVRÀ ESSERE ESEGUITA ESCLUSIVAMENTE DA PERSONALE QUALIFICATO.
Importante: questo apparecchio serve a scaldare l'acqua. Deve perciò essere allacciato ad una
rete di distribuzione di acqua sanitaria, compatibile alle sue prestazioni ed alla sua potenza.
L'inserimento di un addolcitore, nel caso in cui la durezza dell'acqua sia eccessiva, riduce la frequenza delle
pulizie dello scambiatore di calore mantenendo un rendimento ottimale dell'apparecchio. È vietata l'utilizzazione dell'apparecchio per scopi diversi da quanto specificato.
La ditta costruttrice non può essere considerata responsabile per eventuali danni derivanti da usi impropri, erronei ed irragionevoli.
CONSIGLI UTILI
L'installazione, la manutenzione e la trasformazione gas, devono essere eseguite da personale abilitato
ai sensi della legge N°46 del 5 Marzo 1990 ed in conformità alle norme UNI-CIG 7129 e 7131 ed aggiornamenti.
Un'errata installazione può causare danni a persone, animali o cose, nei confronti dei quali la ditta costruttrice non
può essere considerata responsabile. La manutenzione dello scaldabagno deve essere eseguita almeno una volta
all'anno, da personale qualificato e comunque da una ditta specializzata nel servizio assistenza.
Non toccare la finestrella di ispezione della fiamma e le sue immediate vicinanze visto che le temperature che si
raggiungono in condizioni di funzionamento normale possono provocare delle scottature.
Non appoggiare alcun oggetto sopra lo scaldabagno.
Dopo aver tolto ogni imballaggio assicurarsi dell'integrità del contenuto.
In caso di dubbio non utilizzare l'apparecchio e rivolgersi al fornitore.
Avvertendo odore di gas nel locale ove è installato l'apparecchio non azionare interruttori elettrici, telefoni o
qualsiasi altro apparecchio che provochi scintille.
Aprire immediatamente porte e finestre per creare una corrente d'aria che purifichi il locale. Chiudere il rubinetto centrale del gas (al contatore) o quello della bombola, e chiedere l'intervento del servizio tecnico assistenza.
In caso di assenza prolungata chiudere il rubinetto centrale del gas o quello della bombola.
Gli scaldabagni devono essere equipaggiati esclusivamente con accessori originali
La ditta costruttrice non si rende responsabile per eventuali danni derivanti da usi impropri, erronei od irragionevoli dell'apparecchio e dall'utilizzo di materiali non originali.
La ditta costruttrice declina ogni responsabilità da eventuali traduzioni del presente libretto dalle quali possano
derivare interpretazioni errate.
3
1. CARATTERISTICHE TECNICHE
1.a Dati Tecnici
11
Potenza utile nominale
Portata termica nominale
Potenza utile minima
Portata termica minima
TIPO GAS
kcal/h
kW
kcal/h
kW
kcal/h
18
21,2
8,8
10,5
15.480
18.000
7.568
9.030
24,5
28,5
11,2
14
21.070
24.510
9.632
12.040
29,5
34
13
15
25.370
29.240
11.180
12.900
GAS
GAS LIQUIDO
GAS
Pressione bruciatore
Ø ugello fiamma pilota
Ø ugello bruciatore principale
ugelli
Ø attacco gas
Ø diaframma
Portata massica dei fumi
Temperatura fumi
MJ/m3
MJ/m3
mbar
m3/h
kg/h
mbar
mm
mm
N.
g/s
°C
GAS LIQUIDO
G30
34,02
45,67
20
2,27
12,5
0,35
1,15
G31
116,09
88
80,58 70,69
30
37
0,66
0,87
1,80
0,76
27,6
34
0,25
0,71
12
1/2”
5,2
13,65
149
14
GAS
GAS LIQUIDO
METANO
34,02
45,67
20
2,27
12,3
0,35
1,15
G30
selet. min.
l /min
°C
bar
bar
bar
mm
G31
116,09
80,58
30
0,88
2,25
28
88
70,69
37
1,16
2,22
36
0,25
0,71
METANO
34,02
45,67
20
3,58
12
0,35
1,3
G30
G31
155
116,09
88
80,58 70,69
30
37
1,05
1,39
2,67
2,63
28,5
35,5
0,25
0,77
15
1/2”
20,7
162
14
17
16
1/2”
19,92
18,25
11
ACQUA
Campo di prelievo
Elevazione di temp. dell’acqua
Pressione minima
Pressione normale
Pressione massima
Ø attacchi acqua
Ø tubo scarico fumi
17
kW
METANO
P.C.I. (15° C 1013 mbar)
WI
(15° C 1013 mbar)
Pressione nominale di alimentaz.
Consumo
14
selet. max
selet. min.
selet. max
da 2,5 a 5
da 5 a 11
circa 50
circa 25
0,2
2
10
1/2”
110
da 2,5 a 7
circa 50
da 7 a 14
circa 25
0,2
2
10
1/2”
130
21,6
selet. min.
selet. max
da 3,5 a 8,5 da 8,5 a 17
circa 25
circa 50
0,2
2
10
1/2”
130
1.b Dimensioni e pesi
APPARECCHIO
Altezza
larghezza
Profondità
Peso
mm
mm
mm
Kg
760
350
250
13,5
IMBALLO
785
362
272
14,6
APPARECCHIO
IMBALLO
775
400
275
15,5
815
412
307
16,8
A
B
APPARECCHIO
765
400
275
16,5
C
D
54
11
14
17
A
350
400
400
B (ø)
110
130
130
C
250
275
275
D
105
135
120
E
760
775
765
E
Misure in mm.
30 30
fig.1
4
IMBALLO
815
412
307
17,8
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
Dispositivo di controllo scarico fumi
Cappa scarico prodotti della combustione
Scambiatore di calore
Elettrodo di accensione
Bruciatore
Presa di pressione gas
Vite di regolazione
Regolatore di pressione
Contenitore per batteria (a torcia 1,5 Volt)
Regolatore di temperatura
Entrata gas
Valvola idraulica
Apparecchiatura elettronica
Valvola gas
Economizzatore
Bruciatore pilota
Telaio
Antirefouler
fig. 2
2. INSTALLAZIONE
2.a Normative
L'impiego delle apparecchiature a gas è sottoposto ad una precisa regolamentazione. È pertanto indispensabile
osservare le normative UNI-CIG 7129 e 7131.
Per i gas di petrolio liquefatti (G.P.L.), l'installazione dovrà essere conforme alle prescrizioni delle società distributrici e
rispondere ai requisiti delle norme sopra citate.
2.b Fissaggio a parete
25
25
200
Precauzioni
Non installare questo apparecchio in un locale che
presenti una atmosfera ambiente contenente polveri o vapori grassi e/o corrosivi.
- L'apparecchio deve essere installato su una parete
idonea ed in prossimità di un condotto di evacuazione fumi. - Per consentire le operazioni di manutenzione è indispensabile lasciare intorno all'apparecchio le distanze minime indicate in fig. 3
B
uscita acqua calda
C
260
313
313
D
E
635
760
626
775
626
765
Misure in mm.
14,5
C
260
22
=
=
7
635
A
11
14
17
entrata acqua fredda
fig. 3
E
760
Ubicazione
- Lo scaldabagno non deve essere mai chiuso ermeticamente in un mobile o una nicchia ma deve essere
previsto un adeguato afflusso d'aria (fig. 4)
- lo scaldabagno non deve essere posto al disopra di
una cucina o altro apparecchio di cottura al fine di
evitare la deposizione del grasso dei vapori di cucina
e conseguentemente un cattivo funzionamento
- in fig. 4 vengono indicate le quote dell'apparecchio
per il suo fissaggio a parete
A
B
fig. 4
D
60
5
2.c Ventilazione dei locali
L'installazione dello scaldabagno deve sottostare a tutte le prescrizioni contenute nella norma UNI-CIG 7129 e
7131 ed aggiornamenti. Consultare il presente libretto di istruzioni al paragrafo 2.a.
Attenzione: Questo apparecchio può essere installato e funzionare solo in locali permanentemente ventilati secondo la
norma UNI 7129.
Volumi d'aria
È indispensabile che nei locali in cui sono installati apparecchi a gas (di tipo B) possa affluire almeno tanta aria
quanta ne viene richiesta dalla regolare combustione del gas e dalla ventilazione del locale.
- è vietata per la sua pericolosità, il funzionamento nello stesso locale di aspiratori, caminetti e simili contemporaneamente allo scaldabagno
- l'ambiente in cui è installato lo scaldabagno deve essere provvisto della regolare presa d'aria per la ventilazione
del locale.
Afflusso dell'aria
L'afflusso naturale dell'aria deve avvenire per via diretta attraverso:
- aperture permanenti praticate su pareti del locale da ventilare che danno verso l'esterno;
- condotti di ventilazione, singoli oppure collettivi ramificati.
L'aria di ventilazione deve essere prelevata direttamente dall'esterno, in zona lontana da fonti di inquinamento.
È consentita anche la ventilazione indiretta, mediante prelievo dell'aria da locali attigui a quello da ventilare, con
le avvertenze e le limitazioni di seguito riportati:
- il locale adiacente sia dotato di ventilazione diretta;
- nel locale da ventilare siano installati solo apparecchi raccordati a condotti di scarico;
- il locale adiacente non sia adibito a camera da letto o non costituisca parte comune dell'immobile;
- il locale adiacente non sia un ambiente con pericolo di incendio, quali rimesse, garage, magazzini di materiali
combustibili, ecc.
- il locale adiacente non sia messo in depressione rispetto al locale da ventilare per effetto di tiraggio contrario (il
tiraggio contrario può essere provocato dalla presenza nel locale, sia di altro apparecchio di utilizzazione funzionante a qualsivoglia tipo di combustibile, sia di un caminetto, sia di qualunque dispositivo di aspirazione, per
i quali non sia stato previsto un ingresso di aria);
- il flusso dell'aria dal locale adiacente sino a quello da ventilare possa avvenire liberamente attraverso aperture
permanenti.
2.d Collegamento elettrico a batteria
L'apparecchio è alimentato da una batteria da 1,5 V modello LR20 di tipo alcalino a lunga durata, per cui non
necessita di essere collegato alla rete elettrica.
COLLEGAMENTO SU SCHEDA
0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
S
S
- Nero
- Marrone
- Rosso
- Arancio
- Giallo
- Verde
- Blu (Azzurro)
- Viola (Rosa)
- Grigio
- Bianco
HV
HV
fig. 5
1
2
L1
L1
3
L2
4
G5
-6
7
W1
+8
9
W2
10
B
11
A
0
9
3
4
3
2
+
TF
MS
EV2
5
EV1
6
G
6
7
8
9
10
11
EV1
EV2
MS
TF
Terra
+
Positivo alimentazione
W1
Contatto per flussostato acqua
W2
Contatto per flussostato acqua
–
Negativo alimentazione
A
Alla bobina del bruciatore
B
Alla bobina del pilota
Elettrovalvola bruciatore
Elettrovalvola pilota
Micro acqua
Termostato fumi
2.e Collegamento gas
Consultare il presente libretto di istruzioni al paragrafo 2.a.
Determinare il diametro della tubazione secondo le norme vigenti. Prima di effettuare l'installazione dell'apparecchio è
opportuno soffiare nella conduttura del gas onde eliminare eventuali residui di lavorazione. Collegare lo scaldabagno
alla tubazione gas dell'impianto interno e inserire a monte dell'apparecchio un rubinetto per la intercettazione e
l'apertura gas.
Gli scaldabagni funzionanti a G.P.L. e alimentati con bombole provviste di dispositivi di intercettazione e regolazione,
devono essere collegati in maniera tale da garantire condizioni di sicurezza per le persone e per l'ambiente circostante.
Attenersi alle prescrizioni di norma.
Per la prima messa in funzione dell'apparecchio, far effettuare da personale professionalmente qualificato le
seguenti verifiche:
- il controllo della tenuta interna ed esterna dell'impianto di adduzione del gas;
- la regolazione della portata del gas secondo la potenza richiesta dall'apparecchio;
- che l'apparecchio sia alimentato dal tipo di gas per il quale è predisposto;
- che la pressione di alimentazione del gas sia compresa nei valori riportati in targhetta;
- che l'impianto di alimentazione del gas sia dimensionato per la portata necessaria all'apparecchio e che sia
dotato di tutti i dispositivi di sicurezza e controllo prescritti dalle norme vigenti.
In caso di assenza prolungata dell'utente dell'apparecchio, chiudere il rubinetto principale di adduzione del gas
all'apparecchio.
Non ostruire le aperture di areazione del locale dove installato un apparecchio a gas per evitare situazioni pericolose
quali la formazione di miscele tossiche ed esplosive.
Non utilizzare i tubi del gas come messa a terra di apparecchi elettrici.
2.f Collegamento acqua
Collegare lo scaldabagno alla rete idrica e inserire un rubinetto di intercettazione dell'acqua a monte dell'apparecchio. Guardando l'apparecchio, l'entrata acqua fredda è a destra, l'uscita acqua calda è a sinistra. Assicurarsi che le tubazioni del vostro
impianto idrico non siano usate come prese di terra del vostro impianto elettrico o telefonico.
Non sono assolutamente idonee a questo uso. Potrebbero verificarsi in breve tempo gravi danni alle tubature,
ed all'apparecchio.
CIRCUITO IDRAULICO
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
Cappa scarico prodotti della combustione
Scambiatore di calore
Camera di combustione
Bruciatore
Filtro gas
Entrata gas
Apparecchiatura elettronica di controllo
Dispositivo di controllo
Batteria
Uscita acqua calda
Entrata acqua fredda
Regolatore di pressione acqua
Selettore di temperatura
Venturi
Membrana
Microinterruttore
Economizzatore
Iniettore
Elettrodo di rilevazione
Elettrodo di accensione
Bruciatore pilota
Dispositivo di controllo fumi
fig. 6
2.g Trasformazione gas
L’operazione di trasformazione dell’apparecchio da un gas di una famiglia ad un gas di un’altra famiglia può
essere facilmente effettuata anche con apparecchio installato. Le istruzioni per la trasformazione e regolazione
nei vari tipi di gas, sono descritte nel libretto di trasformazione gas presente nel kit di trasformazione.
Si ricorda che l’operazione di trasformazione deve essere effettuata da personale abilitato e qualificato ai sensi
della Legge n° 46 del 5 Marzo 1990; vanno inoltre rispettate le disposizioni contenute nelle norme UNI CIG 7129
e 7131.
7
2.h Evacuazione dei prodotti della combustione
Per l'evacuazione dei prodotti della combustione riferirsi alla normativa UNI-CIG 7129 e 7131 ed aggiornamenti.
Consultare anche il presente libretto di istruzione al paragrafo 2.a.
Gli apparecchi a gas, muniti di attacco per il tubo di scarico dei fumi, devono avere un collegamento diretto a
camini o canne fumarie di sicura efficienza; solo in mancanza di questi è consentito che gli stessi scarichino i
prodotti della combustione direttamente all'esterno. Il raccordo degli apparecchi ad un camino o ad una canna
fumaria avviene a mezzo di canali da fumo. I canali da fumo devono essere collegati al camino od alla canna
fumaria nello stesso locale in cui è installato l'apparecchio, o, tutt'al più, nel locale contiguo, devono essere a
tenuta e realizzati in materiali adatti a resistere nel tempo alle normali sollecitazioni meccaniche, al calore ed
all'azione dei prodotti della combustione e delle loro eventuali condense. In qualsiasi punto del canale da fumo e
per qualsiasi condizione esterna, la temperatura dei fumi deve essere superiore a quella del punto di rugiada.
DISPOSITIVO DI CONTROLLO ALLO SCARICO FUMI
L'apparecchio è equipaggiato di serie di un dispositivo di controllo allo scarico fumi. Il dispositivo controlla la
corretta evacuazione dei prodotti della combustione, cioè il flusso dei gas combusti verso il condotto di scarico e
la canna fumaria.
Il dispositivo di controllo è costituito da un “termostato” collegato alla apparecchiatura elettronica, il suo intervento provoca l'interruzione del flusso del gas sia al bruciatore principale che alla fiamma pilota. L'intervento del
dispositivo di controllo può essere provocato da un'ostruzione totale o parziale del condotto di scarico o della
canna fumaria.
L'ostruzione può essere dovuta sia a cause esterne, che a cause interne,ad esempio:
- una configurazione del condotto di scarico non adeguata,
- riduzione di diametro del condotto di scarico
- eccessivi cambi di direzione (curve)
- contropendenze.
Tutto questo provoca delle considerevoli perdite di carico che ostacolano il
flusso verso l'esterno dei prodotto della combustione. L'intervento del dispositivo di controllo blocca il funzionamento dell'apparecchio, non permettendo
ai gas di scarico di riversarsi nel locale dove l'apparecchio è installato.
Per ripristinare il funzionamento dell'apparecchio è necessario premere il pulsante del dispositivo (vedi fig. 7), dopo aver atteso almeno 10
minuti .
Nel caso di avaria del dispositivo e dei suoi collegamenti elettrici, l'apparecchio non può essere messo in funzione, si garantisce una condizione di sicu- fig. 7
rezza. Nell'eventualità di una continua messa in sicurezza dell'apparecchio,
provocato dall'intervento del dispositivo di controllo, è necessario richiedere l'intervento di un tecnico qualificato
ed abilitato ai sensi della legge N° 46 del 5 Marzo 1990, per verificare la corretta evacuazione dei prodotti della
combustione e l'efficenza del condotto di scarico e/o della canna fumaria, nel rispetto delle normative di istallazione
UNI-CIG 7129 e 7131.
Si fa espressamente divieto di intervenire sul dispositivo di controllo per modificare il suo stato od escludere la sua azione; ne va della vostra sicurezza e della sicurezza delle persone che vivono con voi.
Solo ed esclusivamente un tecnico qualificato ed autorizzato, facente parte del nostro servizio di assistenza
tecnica, può intervenire sul dispositivo di controllo unicamente per verificarne il corretto funzionamento o per la
sua sostituzione in caso di avaria.
Se si rendesse necessario sostituire il dispositivo di controllo, si invita ad utilizzare solo un “ricambio
originale” fornito dal costruttore; dato che tale dispositivo è stato progettato, studiato e regolato per
essere abbinato all'apparecchio.
3. MESSA IN FUNZIONE
B
C
A = rubinetto di intercettazione del gas
(non in dotazione)
B = finestra di controllo fiamma
ON
OFF
C = economizzatore gas e acceso/
spento
OFF
ON
MIN
D = selettore di temperatura dell’acqua
MIN
D
A
fig. 8
8
3.a Funzionamento
Gli scaldabagni sono apparecchi a gas per la produzione istantanea di acqua calda. Il prelievo di acqua calda può
essere effettuato da uno o più rubinetti di prelievo.
Alla richiesta di acqua calda, con l'apertura di un rubinetto di prelievo, il bruciatore principale si accende, e lo
scaldabagno scalda l'acqua che scorre al suo interno.
Questi apparecchi a modulazione di fiamma sono particolarmente idonei per l'impiego con moderne rubinetterie,
come miscelatori meccanici e termostati.
Questo scaldabagno, a differenza dei tradizionali scaldabagni a fiamma fissa, è equipaggiato di una valvola
modulatrice, che ottimizza le prestazioni dello scaldabagno, dato che permette il funzionamento dell'apparecchio
con minor pressione d'acqua e minor portata, modulando la fiamma in relazione alla quantità di acqua prelevata,
così da mantenere costante la temperatura dell'acqua erogata.
Gli scaldabagni sono apparecchi a variazione automatica di potenza di tipo “PROPORZIONALE”, cioè in
grado di adeguare il consumo del gas (modulazione di fiamma) ai prelievi di acqua richiesti caso per caso.
Questo apparecchio è dotato di una apparecchiatura elettronica alimentato da una batteria da 1,5 V che provvede
alla accensione automatica della fiamma pilota e poi del bruciatore, ogni volta che viene richiesta acqua calda.
Il controllo della avvenuta accensione e della presenza della fiamma viene effettuato dalla scheda tramite la
ionizzazione di fiamma.
Modelli 11 OF: per prelievi di acqua da 2,5 a 5 l/min la temperatura dell'acqua fornita rimane pressochè costante
intorno ad un valore di 60°C, (in questa condizione la valvola del gas provvede a fornite al bruciatore la quantità di
gas proporzionata alla quantità di acqua richiesta), oltre i 5 l/min fino ai 11 l/min la temperatura dell'acqua varia dai
60°C ai 40°C.
Modelli 14 OF: per prelievi di acqua da 2,5 a 7 l/min la temperatura dell'acqua fornita rimane pressochè costante
intorno ad un valore di 60°C, (in questa condizione la valvola del gas provvede a fornite al bruciatore la quantità di
gas proporzionata alla quantità di acqua richiesta), oltre i 7 l/min fino ai 14 l/min la temperatura dell'acqua varia dai
60°C ai 40°C.
Modelli 17: per prelievi di acqua da 3,5 a 8,5 l/min la temperatura dell'acqua fornita rimane pressochè costante
intorno ad un valore di 60°C, (in questa condizione la valvola del gas provvede a fornite al bruciatore la quantità di
gas proporzionata alla quantità di acqua richiesta), oltre i 8,5 l/min fino ai 17 l/min la temperatura dell'acqua varia
dai 60°C ai 40°C.
3.b Diagramma campo di prelievo
Agendo sul settore “D” (fig. 8) è possibile preselezionare la
temperatura di mandata dell'acqua (T = ∆T + t rete).
L'intersezione con le curve del campo di lavoro darà i riferimenti per l'escursione di portata nell'ambito della quale la T
rimarrà costante.
Esempio di lettura diagramma:
- temperatura richiesta in esercizio T 50°C (T = ∆T 35°C + t
15°C rete)
- dal punto ∆T selettore = 35°C, tracciare una verticale fino ad
intersecare le due curve del campo di lavoro
- rilevare i punti “A” e “B”
- ricercare sulla ordinata la relativa portata minima “A1” e
massima “B1” (lt/1)
Nell'ambito del campo di portata rilevato la temperatura di
esercizio preselezionato rimarrà costante al variare dei prelievi.
lt/1'
11
14
17
B1
B1
B1
5
7
8,5
A1
2,5
A1
2,5
A1
3,5
B
A
∆T°C
Selettore
0
50
45
40
35
30
25
3.c Uso dell’apparecchio
assicurarsi che il rubinetto del gas e tutti i rubinetti di utilizzazione dell'acqua siano chiusi
- aprire il rubinetto del contatore del gas o della bombola del gas di petrolio liquefatto (G.P.L.)
- aprire il rubinetto gas A, non fornito di serie, posto immediatamente prima dello scaldabagno sulla tubazione di
arrivo del gas
- ruotare la manopola C nella posizione fiamma grande (ON )
- alla richiesta di acqua, il dispositivo di accensione automatica accende la fiamma pilota, rilevata la presenza di
fiamma si accende il bruciatore principale.
- al termine della richiesta di acqua (chiudendo il rubinetto) il bruciatore principale si spegne e l'apparecchio si
dispone pronto per le successive richieste.
Nel caso non avvenga l'accensione nell'arco di un tempo di 60 secondi, il rilevatore di fiamma, riconoscendo
l'assenza della fiamma stessa interrompe il flusso di gas e mette l'apparecchio nella posizione di blocco.
La situazione di blocco richiede un intervento manuale; per rimettere in funzione l'apparecchio, chiudere il rubinetto di prelievo dell'acqua, quindi riaprirlo, affinchè la sequenza di accensione si riavvii automaticamente.
Nel caso di spegnimento accidentale del bruciatore principale, è previsto un tentativo di riavviamento. Se in 60
secondi l'apparecchio non si rimette in funzione, si ritorna in posizione di blocco precedentemente descritta.
9
- Nel caso di guasti all'elettrodo di accensione si interrompe il flusso di gas, si realizza così la situazione di
Sicurezza Positiva.
- Gli apparecchi sono costruiti per funzionamento con pressione normale di acqua; inoltre sono provvisti di un
selettore di temperatura D.
Con il selettore di temperatura ruotato completamente a sinistra, si ottiene la massima erogazione di
acqua, con lo stesso girato completamente a destra, si ottiene la minima erogazione d'acqua.
La messa fuori servizio dell'apparecchio si ottiene ruotando la manopola C nella posizione (l OFF) disco pieno.
Quando sono previsti lunghi periodi di non utilizzazione dello scaldabagno chiudere il rubinetto manuale A o nel
caso di alimentazione con GPL la valvola (rubinetto) della bombola.
- per ottenere prestazioni ottimali nel tempo , è opportuno far effettuare un controllo dell'apparecchio da personale qualificato almeno una volta all'anno.
Uso dell'economizzatore gas
L'apparecchio è equipaggiato di un dispositivo detto economizzatore gas, che dà la possibilità di selezionare a
piacere la temperatura dell'acqua calda fornendola alla temperatura più prossima a quella di utilizzo, realizzando
nel contempo un interessante risparmio di gas.
Il dispositivo economizzatore viene inserito ruotando la manopola (C) fino al raggiungimento della posizione
contrassegnata dalla fiamma piccola (MIN ).
L'inserimento dell'economizzatore consente di limitare la massima potenza termica fornita quando le esigenza di
utilizzo dovessero essere generalmente contenute (basso salto termico o ridotte portate di prelievo come ad
esempio durante il periodo estivo).
PERICOLO DI GELO
Se sussistono probabilità che nell'ambiente in cui è installato l'apparecchio la temperatura possa scendere al di sotto dello zero è necessario svuotarlo di tutta l'acqua contenuta. A tale scopo chiudere il rubinetto di alimentazione acqua fredda e svuotare completamente l'apparecchio, agendo sul tappo di scarico indicato in figura 9.
4. MANUTENZIONE
Tappo di scarico acqua apparecchio
fig. 9
Per un uso corretto nel tempo far eseguire un controllo dell'apparecchio da personale qualificato almeno una volta l'anno.
Prima di effettuare qualsiasi operazione di pulizia, manutenzione, apertura o smontaggio dei pannelli dello scaldabagno, spegnere l'apparecchio chiudendo il rubinetto del gas. In particolare controllare il bruciatore principale
e la fiamma pilota, l'elettrodo di accensione, la valvola di sicurezza e la tenuta del circuito gas.. Verificare che non
siano ostruite le sezioni di passaggio fumi dello scambiatore.
Per effettuare la pulizia dei pannelli esterni utilizzare un panno imbevuto di acqua e sapone. Non utilizzare solventi, polveri e spugne abrasive.
Non effettuare pulizie dell'apparecchio e/o delle sue parti con sostanze facilmente infiammabili (esempio: benzina, alcoli, nafta, ecc.).
4.a Per togliere il mantello
Per lo smontaggio del mantello procedere come segue:
a togliere la manopola del selettore (a) e la
manopola (b)
b svitare la ghiera (c) (girare a sinistra)
c spostare in avanti il mantello
e spostare verso l'alto il mantello allo
scopo di liberare i ganci superiori del
mantello
f per rimontare il mantello, procedere
in senso inverso
10
4.b Anomalie: cause e rimedi
Per un buon funzionamento dello scaldabagno, per prolungare la sua durata e perchè funzioni sempre nelle
ottimali condizioni di sicurezza, è opportuno, almeno una volta all'anno, fare ispezionare l'apparecchio da personale qualificato. Si tratterà normalmente di effettuare le seguenti operazioni:
- rimozione di eventuale ossidazione dal bruciatore
- rimozione di eventuali incrostazioni dall'elettrodo della candeletta
- pulizia della camera di combustione
- controllo dell'accensione, spegnimento e funzionamento dell'apparecchio
- controllo della tenuta dei raccordi e tubazioni dei collegamenti gas ed acqua
Attenzione: le indicazioni seguenti sono indirizzate unicamente a tecnici qualificati ed autorizzati ad
interventi sull'apparecchio.
ANOMALIE
CAUSE
batteria esaurita
cavo elettrico del piezo staccato
scheda elettronica guasta
non vi è sufficiente pressione di
acqua
RIMEDI
non vi è presenza di scintilla
-
-
sostituire
inserire
verificare, sostituire
intervenire sull’impianto per garantire la pressione ruotare il selettore
tutto a destra
- membrana guasta
- sostituire
- vite lenta accensione bloccata in - verificare, svitare e pulire
chiusura
- elettrodo avariato
- sostituire
non si accende il pilota in presenza di
scintilla
- dispositivo di controllo guasto
- manca alimentazione gas
- aria nella tubazione del gas
- sostituire
- aprire gas
- sfogare gas
non si spegne il bruciatore alla chiusura dell’acqua
- sporcizia sulla sede dell’otturatore gas
- pistoncino della valvola acqua
bloccato in apertura
- leva micro bloccata in apertura
- nella versione a GPL controllare
la pressione di alimentazione gas
- verificare, pulire
- smontare, pulire ed eventualmente
sostituire
- verificare
- regolare e nel caso sostituire il
regolatore di pressione della bombola
le lamelle dello scambiatore si sporcano - cattivo tiraggio o ambiente troppo - controllare efficienza canna fumaria
polveroso
in breve tempo
- controllare tipo di gas e pulire il bru- fiamme gialle
ciatore
- controllare e regolare
- eccessivo consumo di gas
odore di gas
- è dovuto a perdite nel circuito del- - non attivare interruttori elettrici o
qualsiasi oggetto che provochi scinle tubazioni, occorre controllare le
tille areare il locale
tubazioni ed individuare la perdita
odore di gas combusti
- possono essere dovuti ad ostru- - controllare l’efficienza della canna
fumaria e del condotto fumi
zioni nel circuito dei fumi
- controllare e regolare
- consumo eccessivo di gas
11
Cod. 10024279 - Ed. 1
Fonderie Sime S.p.A.
Via Garbo, 27 37045 Legnago (VR)
La ditta costruttrice nella costante azione di miglioramento dei prodotti, si riserva la possibilità di modificare i dati espressi in
questa documentazione in qualsiasi momento e senza preavviso.
La presente documentazione è un supporto informativo e non considerabile come contratto nei confronti di terzi.
12
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement