Samsung | RD-840/1640 | 16 canali - Videosorveglianza

DVR A 8 CANALI/
16 CANALI
Manuale utente
SRD-840/1640
DVR a 8 Canali/
16 Canali
Manuale utente
Copyright
©2012 Samsung Techwin Co., Ltd. Tutti i diritti riservati.
Marchio
è il logo registrato di Samsung Techwin Co., Ltd.
Il nome di questo prodotto è un marchio registrato di Samsung Techwin Co., Ltd.
Gli altri marchi citati in questo manuale sono marchi registrati delle relative società.
Limitazioni
Samsung Techwin Co., Ltd si riserva il copyright di questo documento. In nessun caso questo documento
potrà essere riprodotto, distribuito o modificato, parzialmente o interamente, senza l’autorizzazione formale di
Samsung Techwin.
Declinazione di responsabilità
Samsung Techwin fa del suo meglio per verificare l’integrità e la correttezza dei contenuti del presente
documento, ma non fornisce nessuna garanzia formale. L’uso di questo documento e i risultati che ne derivano
ricadono interamente sotto la responsabilità dell’utente. Samsung Techwin si riserva il diritto di modificare i
contenuti di questo documento senza preavviso.
Y Il progetto e le specifiche sono soggetti a modifiche senza preavviso.
Y La password predefinita è esposta agli attacchi degli hacker, pertanto si consiglia di cambiare
password dopo l’installazione del prodotto.
Si ricorda che la responsabilità per problemi di sicurezza o altro genere derivanti dal non aver
cambiato la password è a carico dell’utente.
introduzione
IMPORTANTI ISTRUZIONI PER LA SICUREZZA
Prima di utilizzare l’unità, leggere attentamente le seguenti istruzioni per l’uso.
Seguire tutte le istruzioni per la sicurezza elencate di seguito.
Conservare le istruzioni per l’uso per riferimento futuro.
Leggere queste istruzioni.
2)
Conservare le istruzioni.
3)
Osservare tutte le avvertenze.
4)
Seguire tutte le istruzioni.
5)
Non usare questo apparecchio vicino all’acqua.
6)
Pulire solo con un panno asciutto.
7)
Non ostruire le aperture per la ventilazione ed eseguire l’installazione secondo le istruzioni del
costruttore.
8)
Non installare vicino a fonti di calore quali caloriferi, stufe, cucine o altri apparecchi (compresi
amplificatori) che generino calore.
9)
Non annullare la sicurezza off erta dalla spina polarizzata o dotata di messa a terra. Una spina
polarizzata ha un polo di dimensioni maggiori dell’altro. Una spina dotata di messa a terra ha due poli
normali e un terzo polo di messa a terra. Il terzo polo di dimensioni maggiori ha una funzione di
sicurezza. Qualora la spina usata non si inserisca correttamente nella presa, consultare un elettricista
per sostituire la presa obsoleta.
 INTRODUZIONE
1)
10) Non calpestare il cavo di alimentazione ed evitare che venga schiacciato specie in prossimità delle
spine, delle prese e del punto in cui esce dall’apparecchio.
11) Utilizzare solo supporti/accessori indicati dal costruttore.
12) Utilizzare solo carrelli, supporti, treppiedi, staffe o tavoli consigliati dal costruttore
o venduti assieme all’apparecchio. Qualora venga utilizzato un carrello, prestare
attenzione nel muoverlo per evitare di danneggiare l’apparecchio in caso di
ribaltamento.
13) Durante forti temporali o in caso di non utilizzo per lunghi periodi di tempo,
scollegare l’apparecchio dall’alimentazione elettrica.
14) Per qualsiasi tipo di assistenza rivolgersi a personale qualificato. Il ricorso al
servizio di assistenza è necessario qualora si verifichi qualsiasi tipo di danno, quale deterioramento del
cavo o della spina di alimentazione, versamento di liquido o cadute di oggetti all’interno dell’
apparecchio, esposizione dell’apparecchio a pioggia o umidità, funzionamento anomalo o
danneggiamento da caduta accidentale.
Italiano _3
introduzione
PRIMA DI INIZIARE
Questo manuale d’uso fornisce informazioni per l’utilizzo del DVR quali una breve introduzione, i nomi delle parti, le
funzioni, il collegamento ad altri dispositivi, l’impostazione del menu, ecc.
Occorre tenere presenti le seguenti avvertenze:
• SAMSUNG possiede i diritti d’autore di questo manuale.
• Il presente manuale non può essere copiato senza il preventivo consenso scritto di SAMSUNG.
• Non siamo responsabili per i danni causati al prodotto dall’uso di prodotti non standard o per il mancato rispetto
delle istruzioni fornite nel presente manuale.
• Se si desidera aprire la cassa del sistema per controllare in caso di problemi, rivolgersi ad un esperto del negozio
in cui si è acquistato il prodotto.
• Prima di installare un HDD supplementare o di collegare un dispositivo di memorizzazione esterno (memoria USB
o HDD USB) a questo DVR, verificare la compatibilità. Per un elenco dei dispositivi compatibili, consultare il
fornitore.
Avvertenza
❖ Batteria
Utilizzare una batteria scorretta può causare esplosioni. Per questo motivo è necessario utilizzare un tipo di
batteria uguale a quella già in uso nel prodotto.
Le specifiche della batteria attualmente in uso sono le seguenti.
• Voltaggio normale: 3V
• Capacità normale: 170mAh
• Carica continua standard: 0,2mA
• Temperatura di Lavoro da -20°C ~ +85°C (-4°F ~ +185°F)
Attenzione
• Collegare il cavo di alimentazione a una presa di terra.
• Poiché la presa di rete viene utilizzata per scollegare l'apparecchio, deve essere facilmente accessibile in
qualsiasi momento.
• Le batterie non devono essere esposte a eccessivo calore, come luce del sole, fuoco o similari.
• Rischio di esplosione se la batteria viene sostituita con una di tipo non adeguato. Smaltire le batterie usate
secondo le istruzioni.
❖ Stop sistema
Se si spegne l'apparecchiatura mentre è in funzione o si eseguono operazioni non consentite, si possono
provocare danni o malfunzionamenti all'unità HD o al prodotto.
Scollegamento del cavo di alimentazione per spegnere.
Per uno scollegamento sicuro dell'alimentazione, selezionare <OK> nella finestra di dialogo di arresto del
sistema prima di scollegare il cavo di alimentazione.
Si può istallare un sistema UPS per un funzionamento sicuro, evitando i danni causati da un’ interruzione
inaspettata della corrente. (Per ulteriori informazioni sull’UPS, rivolgersi ad un rivenditore di USP).
❖ Temperatura di Lavoro
Le temperature di lavoro garantite di questo prodotto sono da 0°C ~ 40°C (32°F ~ 104°F).
Il prodotto può non funzionare correttamente dopo un lungo periodo di stoccaggio ad una temperatura al di
sotto di quelle garantite.
Quando si utilizza dopo un lungo periodo di stoccaggio a basse temperature, sistemare il prodotto a temperatura
ambiente per un momento e poi metterlo in funzione.
La temperatura garantita dell’HDD integrato è compresa tra 5°C ~ 55°C (41°F ~ 131°F).
Anche l’hard disk può non funzionare a temperature al di sotto di quelle garantite.
4_ introduzione
SOMMARIO
INTRODUZIONE
3
12
LIVE
17
UTILIZZO DEL DVR
28
Importanti Istruzioni per la Sicurezza
Prima di Iniziare
Sommario
Caratteristiche
Nomi e Funzioni delle Parti (Parte Anteriore)
Nomi e Funzioni delle Parti (Parte Posteriore)
Telecomando
12
12
13
13
13
14
14
15
Installazione
Controllo dell'ambiente di Installazione
Collegamento Video, Audio e Monitor
Collegamento USB
Collegamento di un Dispositivo POS
Collegamento delle Porte Alarm In/Out
Collegamento del Dispositivo RS-485
Collegamento alla Rete
17
19
23
25
26
26
26
27
Per Cominciare
Configurazione della Schermata Live
Modo Live
Uscita Spot
Zoom
Audio Attivo/Disattivato
Fermo Immagine
Monitoraggio Eventi
28
38
46
49
52
53
61
Impostazione del Sistema
Impostazione del Dispositivo
Impostazione della Registrazione
Impostazione dell'evento
Backup
Configurazione della Rete
Controllo di un Dispositivo PTZ
Italiano _5
 INTRODUZIONE
COLLEGAMENTO AD ALTRI
DISPOSITIVI
3
4
5
7
9
10
11
introduzione
RICERCA E RIPRODUZIONE
64
VISUALIZZATORE WEB
69
BACKUP VIEWER
64
67
Ricerca
Riproduzione
69
70
71
77
81
92
93
Introduzione al Visualizzatore Web
Collegamento del Visualizzatore Web
Utilizzo di Live Viewer
Utilizzo di Search Viewer
Impostazione del Visualizzatore
Info
Mobile Viewer
94
Backup Viewer per Formato SEC
96
99
101
104
107
Specifiche del Prodotto
Panoramica del Prodotto
Impostazione Predefinita
Risoluzione dei Problemi
Open Source License Report on the Product
94
APPENDICE
96
6_ introduzione
CARATTERISTICHE
Questo DVR permette di comprimere contemporaneamente 8 o 16 canali di sorgenti video in formato H.264 e 4
canali di sorgenti audio prima di eseguire operazioni di salvataggio e registrazione sull'HDD.
Questi DVR possono inoltre essere collegati in rete, consentendo di eseguire il monitoraggio da un PC remoto
mediante il trasferimento di dati video e audio.
• Comoda interfaccia utente
• Connettori d'ingresso video composito 8/16 canali
• Con il codec specifico della rete, il trasferimento di rete è stato abilitato indipendentemente dalle condizioni di
registrazione
• Visualizzazione delle informazioni e dello stato dell'HDD mediante HDD SMART
• Funzione di sovrascrittura dell'hard disk
• Backup dell'hard disk attraverso USB 2.0 ad alta velocità
• Registrazione e riproduzione simultanea di dati video a 8/16 canali
• Diversi modi di ricerca (Ora, Evento, Backup, POS, Rilevazione Movimento)
• Diversi modi di registrazione (Manuale, Evento, Programmata)
• Interfaccia allarme
• Funzione monitoraggio remoto da Network Viewer, Smart Viewer e Mobile Viewer
Italiano _7
 INTRODUZIONE
• Supporta formati di registrazione CIF(S) / 2CIF(M) / 4CIF(L)
introduzione
Contenuto della confezione
Disimballare il prodotto e collocarlo su una superficie piana o nel luogo in cui deve essere installato.
Controllare se l'unità principale e tutti gli accessori qui riportati sono inclusi nel pacchetto del prodotto.
DVR
Adattatore
Cavo di Alimentazione
Mouse
Telecomando /
Batteria del Telecomando (AAA)
Manuale Utente
Guida di avvio rapido (optional)
CD del Software Network Viewer /
Manuale Utente
Morsettiera (SRD-840)
Morsettiera (SRD-1640)
8_ introduzione
NOMI E FUNZIONI DELLE PARTI (PARTE ANTERIORE)
b c
Nomi delle parti
 INTRODUZIONE
Funzioni
Porta USB
Permette di collegare i dispositivi USB.
b
Ricevitore
telecomando
Immette il segnale del telecomando.
POWER : Visualizza lo stato di alimentazione ACCESO/SPENTO.
c
LED Indicator
ALARM : Si accende quando si verifica un evento.
REC : Si illumina quando la registrazione è in corso.
Italiano _9
introduzione
NOMI E FUNZIONI DELLE PARTI (PARTE POSTERIORE)
SRD-840
CH1
CH2
CH3
CH4
b
c
VIDEO IN
DC 12 V
1
2
3
4
5
6
7
SPOT
8
1
ALARM
OUT
VIDEO IN
AUDIO OUT
AUDIO IN
VGA OUT
COM COM
2
1 2 3 4 5 6 7 8 G
RS485
ALARM IN
SERIAL
9
5
10
6
11
7
12
8
13
14
15
16
VIDEO OUT
CONSOLE
NETWORK
SRD-1640
CH1
CH2
CH3
CH4
b
c
DC 12 V
1
2
3
4
5
6
7
SPOT
8
1
10
11
12
13
14
15
16
M
ALARM IN
15 16 G
VIDEO OUT
Nomi delle parti
1 2 3 4 5 6 7 8 G 9 10 11 12 13 14
RS485
SERIAL
9
VGA OUT
COM COM
2
ALARM
OUT
VIDEO IN
AUDIO OUT
AUDIO IN
b
c
VIDEO IN
CONSOLE
NETWORK
Funzioni
AUDIO IN
Porta di ingresso (jack RCA) per il segnale audio.
VIDEO IN
Porta di ingresso per il segnale video composito.
SPOT
Porta di uscita BNC per il segnale Spot.
ALARM IN
1~8, G : Porte ingresso allarme.
1~16, G : Porte ingresso allarme.
ALARM OUT
1~2, COM : Porte uscita allarme.
RS-485
Usato per stabilire comunicazioni RS485.
VGA OUT
Porta di uscita per il segnale video VGA.
DC 12V
Porta di ingresso di alimentazione della telecamera e del DVR.
NETWORK
Porta di connessione rete.
SERIAL
Porta seriale per il collegamento a un dispositivo POS.
VIDEO OUT
Porta di uscita BNC per il segnale video composito.
AUDIO OUT
Porte di uscita (jack RCA) per il segnale audio.
 [CONSOLE] è previsto solo per scopi di riparazione di assistenza.
 Per modificare il modo predefinito di uscita e portarlo su VGA quando viene visualizzata la schermata live con il beep
dopo l'avvio del sistema, premere in successione i tasti del telecomando: [FREEZE]  [VIEW]  [RETURN (
 [FREEZE]  [VIEW]  [RETURN ( )]. Il DVR passa al modo VGA con il beep dopo il riavvio.
 Per ulteriori informazioni sull'uscita del monitor, vedere “Uscita video”. (pagina 44)
10_ introduzione
)]
TELECOMANDO
SEARCH
Visualizza il menu di ricerca.
BACKUP
Visualizza il menu di backup.
MODE
Cambia il modo della schermata.
DVR
POWER
Attiva la funzione DVR.
Visualizza la schermata del pop up Chiudi.
ID
Riproduzione a salti indietro (per tempo unitario),
Riavvolgimento/avanzamento per fotogramma,
riproduzione a salti in avanti (per tempo unitario)
Imposta l'ID del sistema.
Selezionare 2 cifre da 0 a 9 premendo il tasto ID.
Cambio fotogramma
In pausa, passa al fotogramma precedente/successivo.
FR, STOP, PLAY/PAUSE, FF
T/W
Effettua lo zoom in avanti o indietro.
PTZ
Visualizza o termina il PTZ.
SCROLL ,.
Sposta lo scorrimento dei menu.
MENU
Va alla schermata del menu del sistema.
RETURN
Ritorna alla schermata precedente.
Su/Giù/Sinistra/Destra(▲▼◄ ►)/ENTER
Sposta il cursore su/giù/a sinistra/a destra e attiva il
menu di selezione.
AUDIO
Consente di attivare/disattivare l'audio.
FREEZE
Attiva temporaneamente il fermo immagine sulla schermata.
ZOOM
ALARM
Elimina l'allarme.
Attiva la funzione di zoom digitale (x2).
REC
Avvia o termina la registrazione live.
VIEW
Attiva la funzione di visualizzazione nel modo PTZ.
REC LOCK
Seleziona la funzione di blocco della registrazione.
PRESET
Visualizza la configurazione preimpostata.
Uso dei tasti numerici
CAN 1-9
Premere un tasto tra 1 e 9.
CAN 10
Premere innanzi tutto il tasto [+10], quindi premere nuovamente il tasto 0 entro 3 secondi.
CAN 11-16
Premere innanzi tutto il tasto [+10], quindi premere un numero tra 1 e 6 entro 3 secondi.
Modifica dell'ID del telecomando
1. Premere il tasto ID del telecomando e controllare l'ID visualizzato sul display del DVR.
L'ID predefinito del telecomando è 00.
2. Inserire 2 cifre della selezione in sequenza, premendo il tasto [ID].
3. Al termine dell'inserimento dell'ID, premere di nuovo il tasto [ID] per controllare l'impostazione.
M
 Per cambiare l'ID del telecomando in 08: premere 0 e 8 in successione premendo il tasto [ID].
L'ID del telecomando e quello del DVR devono corrispondere per garantire un funzionamento corretto.
Vedere “Dispositivi remoti”. (pagina 42)
Italiano _11
 INTRODUZIONE
NUMERI [0~+10]
Vengono usati come tasti di inserimento dei numeri o
per visualizzare un singolo canale
collegamento ad altri dispositivi
INSTALLAZIONE
Prima di utilizzare il prodotto prestare attenzione a quanto segue.
•
•
•
•
•
•
•
•
Non utilizzare il prodotto all'aperto.
Non versare acqua o liquidi sui collegamenti del prodotto.
Non sottoporre il sistema a urti o imprimere forza eccessiva.
Non scollegare la spina bruscamente.
Non smontare il prodotto da soli.
Non superare l'intervallo nominale di input o di output.
Utilizzare esclusivamente un cavo di alimentazione certificato.
Per il prodotto con messa a terra in ingresso, utilizzare una presa di alimentazione dotata di messa a terra.
CONTROLLO DELL'AMBIENTE DI INSTALLAZIONE
Il videoregistratore digitale Samsung (di seguito “DVR”) è
un'apparecchiatura di sicurezza all'avanguardia, che contiene
all'interno un (più ) hard disk e circuiti critici.
Temperatura
Unità: ºC
Un anno: 24 ore x 365 giorni =8760 ore
L'aumento della temperatura all'interno del prodotto
potrebbe provocarne il guasto e accorciarne la vita utile.
Durata (Unità: ORE)
12_ collegamento ad altri dispositivi
CH1
CH2
CH3
CH4
VIDEO IN
COLLEGAMENTO VIDEO, AUDIO E MONITOR
AUDIO
IN
O IN
AUDIO
OUT
VIDEO IN
1
AUDI
2
3
4
5
9
6
 COLLEGAMENTO AD ALTRI DISPOSITIVI
10
7
11
8
12
1
SPOT
13
14
COM
2
COM
ALA
RM
OUT
RS485
1 2
3 4
5 6
7 8
G
9 10
11
ALAR
M IN
15
12 13
14
15 16
G
16
VIDEO
OUT
VGA
OUT
DC 12
V
SERIA
L
CONS
OLE
NETW
ORK
M
 Le seguenti figure si riferiscono al modello SRD-1640.
COLLEGAMENTO USB
1. Per impostazione predefinita viene predisposta una porta USB per il collegamento esterno.
2. È possibile collegare un HDD USB, una memoria USB o un mouse alla porta USB.
3. Se un HDD USB è collegato al sistema, il riconoscimento e le impostazioni sono disponibili in “Menu >
Impostazione del dispositivo > Disp.memorizz.”. (pagina 40)
4. Questo prodotto supporta la funzione di collegamento a caldo che permette di connettere/rimuovere il
dispositivo USB quando il sistema è in funzione.
J
 Se il dispositivo USB viene utilizzato per il backup, deve essere formattato con FAT32 sul PC se non è stato
formattato sul DVR.
COLLEGAMENTO DI UN DISPOSITIVO POS
1. È possibile collegare un dispositivo POS alla porta RS-232C sul lato posteriore del prodotto quando lo si collega
direttamente con un cavo RS-232C.
2. Le impostazioni di connessione per la porta RS-232C sono disponibili in “Menu > Dispos. > Dispositivo POS”,
premere il pulsante <Imp. dispositivo POS> e impostare <Baudrate, Parità, Data, Bit stop e TipoTrasfer >.
(pagina 42)
Italiano _13
collegamento ad altri dispositivi
COLLEGAMENTO DELLE PORTE ALARM IN/OUT
Collegamento del segnale di ingresso allarme
DC 12 V
1
COM COM
2
ALARM
OUT
Collegare un trefolo della linea del segnale del sensore a uno dei
8/16 trefoli della porta di ingresso allarme e collegare l'altro trefolo
alla porta [G].
1 2 3 4 5 6 7 8 G
RS485
ALARM IN
SERIAL
DEO OUT
Collegamento del segnale di uscita allarme
1
COM COM
2
ALARM
OUT
Collegare un trefolo della linea del segnale del sensore alla porta di
uscita allarme e l'altro alla porta [COM].
CO
CONSOLE
NETWORK
1 2 3 4 5 6 7 8 G
RS485
ALARM IN
• ALARM IN : Assorbimento 5mA
< SRD-840 >
• ALARM OUT : 24 V c.c 1A, 125Vc.a./0.5A
DC 12 V
1
VGA OUT
COM COM
2
ALARM
OUT
1 2 3 4 5 6 7 8 G 9 10 11 12 13 14
RS485
ALARM IN
15 16 G
SERIAL
VIDEO OUT
1
COM COM
2
ALARM
OUT
CONSOLE
NETWORK
1 2 3 4 5 6 7 8 G 9 10 11 12 13 14
RS485
ALARM IN
15 16 G
< SRD-1640 >
COLLEGAMENTO DEL DISPOSITIVO RS-485
Collegare la porta [RS-485 +, –] posteriore alla telecamera PTZ o alla
tastiera di sistema.
M
 È possibile collegare e controllare la videocamera PTZ che
1
COM COM
2
ALARM
OUT
supporta la comunicazione RS-485.
 Controllare innanzitutto se il dispositivo RS485 è compatibile con il
1 2 3 4 5 6 7 8 G
RS485
ALARM IN
< SRD-840 >
prodotto.
 Quindi fare attenzione a non modificare la polarità (+, –) del
dispositivo RS-485 quando lo si collega.
 A seconda del tipo di telecamera, la polarità di collegamento può
essere diversa.
Per ulteriori informazioni, vedere la relativa documentazione della
telecamera PTZ.
1
COM COM
2
ALARM
OUT
1 2 3 4 5 6 7 8 G 9 10 11 12 13 14
RS485
ALARM IN
< SRD-1640 >
14_ collegamento ad altri dispositivi
15 16 G
COLLEGAMENTO ALLA RETE
Connessione alla rete mediante Ethernet (10/100BaseT)
VIDEO IN
CH1
CH2
CH3
CH4
AUD
IO IN
IN
IO OUT
2
3
 COLLEGAMENTO AD ALTRI DISPOSITIVI
AUD
VIDEO IN
1
AUDIO
4
5
9
6
10
7
11
8
12
SPO
13
1
T
COM
2
COM
ALAR
M
OUT
14
RS485
1 2
3 4
5 6
7 8
G
9 10
11
ALA
RM
15
12 13
IN
14
15 16
G
16
VIDEO
OUT
VGA
OUT
DC 12V
SERIAL
CON
SOLE
RETE
NETWO
RK
Cavo Ethernet RJ-45
(cavo diretto)
Dorsale
Hub/commutatore
Hub/commutatore
Network Viewer di
Windows
Connessione alla rete mediante router
VIDEO IN
CH1
CH2
CH3
CH4
AUD
IO IN
IN
AUD
IO OUT
VIDEO IN
1
AUDIO
2
3
4
5
9
6
10
7
11
8
12
SPO
13
1
T
14
COM
2
COM
ALAR
M
OUT
RS485
1 2
3 4
5 6
7 8
G
9 10
11
ALA
RM
15
IN
12 13
14
15 16
G
16
VIDEO
OUT
VGA
OUT
DC 12V
SERIAL
CON
Modem xDSL o via cavo
SOLE
NETWO
RK
Router
RETE
Modem xDSL o via cavo
PC remoto esterno
Server DDNS
(centro dati)
Italiano _15
collegamento ad altri dispositivi
Connessione alla Internet mediante ADSL
VIDEO IN
CH1
CH2
CH3
CH4
AUD
IO IN
IN
AUD
IO OUT
VIDEO IN
1
AUDIO
2
3
4
5
9
6
10
7
11
8
12
SPO
13
1
T
14
COM
2
COM
ALAR
M
OUT
RS485
1 2
3 4
5 6
7 8
G
9 10
11
ALA
RM
15
IN
12 13
14
15 16
G
16
VIDEO
OUT
VGA
OUT
DC 12V
SERIAL
CON
SOLE
Internet
Cavo Ethernet RJ-45
(cavo diretto)
Linea t
elefono
(ADSL)
Hub/commutatore
Network Viewer di
Windows
16_ collegamento ad altri dispositivi
NETWO
RK
ADSL MODEM
live
PER COMINCIARE
Avvio del sistema
M
 LIVE
1. Collegare il cavo di alimentazione del DVR alla presa di rete.
 Dopo l'avvio occorrono circa 10 secondi per visualizzare la
schermata iniziale.
2. Viene visualizzata la schermata di inizializzazione.
Il processo di inizializzazione dura circa 1 minuto, fino
all'accensione dell'ultima icona.
Se è stato installato un nuovo HDD, il processo di
inizializzazione potrebbe richiedere più tempo.
REC
3. La schermata live viene visualizzata con un segnale
acustico.
2012-01-01 01:10:25
2012-01-01
01:10:25
Arresto del sistema
È possibile arrestare solo il sistema soltanto se è stato effettuato l'accesso al DVR.
Gli utenti non collegati come amministratore devono disporre del permesso per arrestare il sistema.
1. Fare clic con il tasto destro del mouse per visualizzare il
menu di scelta rapida e selezionare <Chiudi> o premere il
tasto [POWER] sul telecomando.
2. Si apre la finestra di conferma “Chiudi”.
3. Utilizzare i tasti freccia sul telecomando per spostarsi su
<OK > e premere il tasto [ENTER] oppure fare clic su <OK>.
Il sistema si arresta.
2012-01-01 01:10:25
Chiudi
Esegui shutdown?
OK
Annulla
4. Scollegamento del cavo di alimentazione per spegnere e
ricollegamento del cavo di alimentazione per il riavvio.
M
 Per la gestione dei permessi, vedere “Gestione permesso > Impostazione dei permessi”. (pagina 33)
Italiano _17
live
Accesso
Per accedere al DVR o a un menu limitato è necessario aver eseguito l'accesso al DVR.
1. Nel modo Live, fare clic con il tasto destro del mouse su
qualsiasi area della schermata.
Viene visualizzato il menu di scelta rapida come nella figura
a destra.
Modo scena

Uscita Spot

2012-01-01 01:10:25
Audio Off
Ferm imm
Arresta allarme
Registr.
Riprod.
Ricerca
Backup
Menu princip
Chiudi
Nascondi ut.avvio
Accesso
2. Fare clic su <Accesso>.
Si apre la finestra di dialogo di accesso.
È possibile visualizzare la finestra di dialogo per accedere al
menu desiderato anche premendo il tasto [MENU] sul
telecomando.
 La finestra di dialogo di accesso si apre anche se si preme un
2012-01-01 01:10:25
Accesso
 ID
admin
 Password
OK
Annulla
tasto menu sul telecomando del DVR, quando il menu
corrispondente richiede la registrazione.
 Dopo il login, premere il tasto [RETURN] sul telecomando per
visualizzare la finestra di logout.
 Per impostazione predefinita, l'ID e la password iniziali sono impostati su “admin” e “4321”.
J
 La password predefinita è esposta agli attacchi degli hacker, pertanto si consiglia di cambiare password dopo
M
 Per il permesso limitato, vedere “Gestione permesso > Impostazione dei permessi”. (pagina 33)
l'installazione del prodotto.
Si ricorda che la responsabilità per problemi di sicurezza o altro genere derivanti dal non aver cambiato la password
è a carico dell'utente.
Blocco di tutti i tasti
Questo limita l'accesso a tutti i tasti disponibili nel DVR.
1. Nel modo Live, premere i tasti nell'ordine [STOP (@)]
[FREEZE][STOP (@)][FREEZE][MENU].
Tutti i tasti vengono bloccati.
2. Nella condizione di blocco, premere un tasto qualsiasi per
visualizzare la finestra di dialogo dove si chiede di inserire la
password per sbloccare i tasti.
Il blocco dei tasti viene rilasciato se si inserisce la password
amministratore.
18_ live
2012-01-01 01:10:25
PasswBloccoTasti
 ID
admin
 Password
OK
Annulla
CONFIGURAZIONE DELLA SCHERMATA LIVE
Icone sulla schermata live
È possibile controllare lo stato o il funzionamento del DVR attraverso le icone della schermata live.
2012-01-01 00:00:01
 LIVE
CAM 01
Nome
b
Descrizione
Data, ora corrente
Mostra la data e l'ora corrente.
Stato di accesso
Quando è stato eseguito l'accesso è visualizzata l'icona “LOG ON”.
Icona visualizzata se è attiva la funzione di zoom.
Attiva temporaneamente il fermo immagine sulla schermata.
c
Modo schermata
Icona visualizzata in modo sequenza automatica quando tutti i canali sono
selezionati in un determinato intervallo di tempo.
Questa icona appare quando un utente con accesso limitato al tasto di
registrazione tenta di eseguire una registrazione manuale.
 La registrazione può essere interrotta (arrestata) solo dall'utente con
autorizzazione valida.
Icona visualizzata se l'HDD è pieno e il DVR non ha spazio sufficiente per la
registrazione.
Funzionamento del
sistema
Icona visualizzata se non è installato nessun HDD o se l'HDD presente deve
essere sostituito.
Icona visualizzata se l'HDD necessita di intervento tecnico.
Questo viene visualizzato se l'operazione di backup è in corso d'opera.
Icona visualizzata se in rete è stato trovato un nuovo firmware.
Stato di ingresso
video
Nome telecamera/canale
Icona visualizzata se non vi è nessun ingresso quando la telecamera è impostata
su <ON>.
Non viene visualizzato nulla sullo schermo se la telecamera è impostata su
<OFF>.
Mostra il nome della telecamera e l'eventuale canale cambiato.
Visualizza la risoluzione della schermata di registrazione. (pagina 47)
Icona visualizzata con l'impostazione PTZ, evidenziata in giallo se il PTZ è in
funzione.
Funzionamento
telecamera
Indica se l'audio è attivato o disattivato.
Non visualizzato nel modo video se è disattivato.
Se il sensore è impostato su <ON>, il segnale di ingresso verrà visualizzato sullo
schermo del canale collegato.
Icona visualizzata se viene rilevato un movimento quando la rilevazione del
movimento è impostata su <ON>.
Visualizza il modo di registrazione corrente, Registr./Evento/Schedule.
Italiano _19
live
Informazioni di errore
• Se l'HDD interno non è collegato, viene visualizzato il messaggio “NO HDD” (
); se si verifica un problema,
) nell'angolo superiore sinistro. In questo caso, contattare
viene visualizzato il messaggio “Guasto HDD” (
il centro di assistenza, perché potrebbero verificarsi errori di registrazione, riproduzione o backup.
M
 Se sullo schermo sono presenti le icone NO HDD e GUASTO HDD, contattare il centro di assistenza per ulteriori
dettagli.
Menu schermata live
Oltre che con i tasti sul telecomando, è possibile accedere al menu desiderato facendo clic con il tasto destro
del mouse in qualsiasi punto in modo live.
Il menu di scelta rapida che appare facendo clic con il tasto destro del mouse sulla schermata è diverso a
seconda se è stato eseguito l'accesso o meno, se è attivo il modo di suddivisione della schermata e
funzionamento DVR.
M
 Le voci di menu Ricerca, Registr. , Backup, Chiudi e PTZ possono essere disattivate a seconda del permesso
dell'utente.
Modo scena

Uscita Spot

2012-01-01 01:10:25
Modo scena
2012-01-01 01:10:25
Uscita Spot
Audio Off
Comando PTZ
Ferm imm
Zoom av.
Arresta allarme
Audio Off
Registr.
Ferm imm
Riprod.
Arresta allarme
Ricerca
Registr.
Backup
Riprod.
Menu princip
Ricerca
Chiudi
Backup
Nascondi ut.avvio
Menu princip
Disconn.
Chiudi


Nascondi ut.avvio
Disconn.
< Menu del modo Singolo >
< Menu del modo Split >
Menu del modo Split
Il menu di scelta rapida in modo Split è diverso a seconda se è stato eseguito l'accesso o meno.
13
20_ live
12
11
10
9
8
7
6
5
4
3
2
1
Modo scena

Uscita Spot

Audio Off
Ferm imm
Arresta allarme
Registr.
Riprod.
Ricerca
Backup
Menu princip
Chiudi
Nascondi ut.avvio
Disconn.
2012-01-01 01:10:25
Menu
b
c
Descrizione
Vedere “Modo Live”. (pagina 23)
Uscita Spot
Vedere “Uscita Spot”. (pagina 25)
Audio On / Off
Vedere “Audio attivo/disattivato”. (pagina 26)
Ferm imm
Vedere “Fermo immagine”. (pagina 26)
Arresta allarme
Arresta l'uscita allarme, disattiva l'icona dell'evento e avvia la sequenza automatica.
Vedere “Monitoraggio eventi”. (pagina 27)
Registr. / Stop
Avvia/arresta la registrazione standard.
Riprod.
Vedere “Ricerca e riproduzione > Riproduzione”. (pagina 67)
Ricerca
Vedere “Ricerca e riproduzione > Ricerca”. (pagina 64)
Backup
Vedere “Utilizzo del DVR > Impostazione del backup”. (pagina 52)
Menu princip
Accede al menu principale. Vedere la sezione Utilizzo del DVR. (pagina 28)
Chiudi
Spegne il DVR.
Mostra launcher /
Nascondi ut.avvio
Mostra o nasconde il launcher. Vedere “Visualizzazione del menu Launcher”.
(pagina 22)
m
Accesso/Disconn.
Consente di effettuare l'accesso o la disconnessione.
Menu del modo Singolo
Questo menu è disponibile solo in modo Singolo.
Il menu di scelta rapida del modo a un canale in modo Split è diverso da quello del modo Singolo.
1
Uscita Spot
3
2
2012-01-01 01:10:25
Schermo int

Comando PTZ
Zoom av.
Audio On
Ferm imm
Arresta allarme
Registr.
Riprod.
Chiudi
Nascondi ut.avvio
Disconn.
Menu
Descrizione
Schermo int
Selezionare e fare clic su un canale desiderato in modo Split per passare al modo schermo
interno per il canale selezionato.
b
Comando PTZ
Accede al menu di comando PTZ. Se si seleziona un canale singolo, il menu PTZ si attiva
nella schermata Live. (pagina 61)
c
Zoom av.
Ingrandisce l'immagine selezionata. (pagina 26)
Italiano _21
 LIVE
Modo scena
live
Visualizzazione del menu Launcher
Il menu di avvio appare sul fondo della schermata live.
1. Nel modo Live, fare clic con il tasto destro del mouse per
visualizzare il menu di scelta rapida e selezionare
<Mostra Launcher>.
2012-01-01 01:10:25
2. Spostando il cursore, fare clic sulla voce desiderata del
menu Launcher.
M
 Se non viene eseguita nessuna operazione per 10 secondi, il
menu scompare.
 Al menu Launcher è possibile accedere soltanto con il mouse.
2012-01-01
01:10:25
 SRD-840 non supporta la schermata suddivisa in 16 parti.
2012-01-01
01:10:25
2012-01-01
01:10:25
PTZ
b
Allarme Ferm imm
c Menu
Descrizione
Data/ora
Mostra la data e l'ora corrente.
L'indicazione AM/PM viene visualizzata se si imposta il formato a 12 ore in
“Sistema > Data/Ora/Lingua > Ora”. (pagina 28)
b
Modo schermata
Premere questo tasto per passare da un modo dello schermo all'altro in sequenza.
Il modo schermata corrente viene visualizzato in bianco.
c
Tasto di espansione
menu
Fare clic per visualizzare il menu nascosto a destra.
Audio
Attiva/disattiva l'audio del canale selezionato.
Zoom
Ingrandisce l'area selezionata. È disponibile solo in modo Live Singolo.
PTZ
Esegue il launcher Comando PTZ.
Dopo aver selezionato un singolo canale, il controllo PTZ viene attivato nella schermata
live.
Allarme
Arresta l'allarme se è attivato.
Ferm imm
Congela temporaneamente la schermata live.
Riproduzione
Attiva il modo di riproduzione se è presente un file da riprodurre; se non lo è attiva il
modo di ricerca.
Registrazione
Avvia/arresta la registrazione nella schermata live.
22_ live
MODO LIVE
SRD-1640 mostra immagini live di 16 canali per un totale di 8 schermate suddivise diverse.
Selezione del modo schermata
Per selezionare il modo Split, selezionare un modo schermata nel menu Launcher, oppure fare clic con il tasto
destro del mouse per selezionare un modo schermata nel menu di scelta rapida.
Premere il tasto [MODE] sul telecomando per commutare il modo nella sequenza delle voci del menu di avvio.
 LIVE
M
 SRD-840 non supporta il modo schermata suddivisa in 16 parti.
CH1
CH2
CH3
CH4
CH5
CH6
CH7
CH8
CH9
CH10
CH11
CH12
CH13
CH14
CH15
CH16
CH1
Schermata divisa in
16 parti
CH1
CH2
CH3
CH2
CH1
CH4
CH5
CH6
CH7
CH8
CH9
CH1
CH3
Schermata divisa in
9 parti
CH2
CH2
CH3
CH3
CH6
CH4
CH8
CH1
CH8
CH10
CH11
CH4
CH2
CH4
CH3
CH4
Schermata divisa in
4 parti
CH5
CH6
Schermata divisa in
6 parti
CH5
CH7
CH19
CH2
CH5
CH6
CH7
Schermata divisa in
8 parti
CH12
CH13
CH1
CH1
Schermata divisa in
13 parti
PIP
Sequenza automatica
Selezione del modo Split
SRD-1640 mostra 16 immagini live nei modi Singolo, schermata divisa in 4 e schermata divisa in 9.
Sequenza automatica
CH1
CH1
CH1
CH1
CH1
CH1
CH1
CH1
CH1
CH1
CH1
CH1
CH1
CH1
CH1
CH1
CH1
CH1
Modo singolo
M
CH2
CH1
16
CH2
CH1
CH3
CH1
CH3
CH1
CH3
1
CH4
CH4
13-16
9-12
5-8
1-4
CH1
CH4
CH2
CH3
CH2
CH3
CH4
CH2
Schermata divisa in 4 parti
CH4
CH7
CH4
CH7
CH2
CH5
CH8
CH5
CH8
CH3
CH6
CH9
CH6
CH9
10-16
1-9
Schermata divisa in 9 parti
 In modo singolo , se è stato impostato <Tempo comm.seq.> in “Impostazione del dispositivo > Videocamera”,
la sequenza automatica viene eseguita all'intervallo impostato. (pagina 38)
 In modo Split, se è stato impostato <TemSEQMultic> in “Impostazione del dispositivo > Monitor”, la sequenza
automatica viene eseguita all'intervallo impostato. (pagina 44)
Italiano _23
live
Selezione manuale
Premere il tasto sinistro/destro o sul telecomando o fare clic sul tasto a freccia <◄/►> per passare alla
modalità split successiva.
• Se si preme il tasto a destra [►] nella schermata divisa in 9 parti:
schermata divisa in 9 (CH 1~9)  schermata divisa in 9 (CH 10~16)  Sequenza automatica
CH1
CH4
CH2
CH3
CH5
CH10
CH6
CH11
CH13
CH14
CH12
CH1
CH15
CH1
CH4
CH4
CH7
CH8
CH9
CH2
CH2
CH5
CH5
CH7
CH16
CH7
CH3
CH3
CH6
CH6
CH8
CH8
CH9
CH9
10-16
1-9
• Se si preme il tasto a destra [►] nella schermata divisa in 4 parti:
canale (CH 1~4)  canale (CH 5~8)  canale (CH 9~12)  canale (CH 13~16)  Sequenza automatica
CH1
CH2
CH3
CH4
CH5
CH6
CH7
CH8
CH9
CH10
CH11
CH12
CH13
CH14
CH15
CH16
CH1
CH2
CH1
CH3
CH1
CH3
CH1
CH2
CH3
CH3
CH4
CH4
CH4
CH4
CH2
CH2
13-16
9-12
5-8
1-4
Impostazione del canale
È possibile visualizzare il canale in un'area desiderata di una schermata suddivisa in più parti.
1. Posizionare il cursore sul nome della telecamera di ogni canale per visualizzare il tasto <▼> a destra dello
schermo.
2. Fare clic sul nome di una telecamera per visualizzare una lista di canali in cui selezionare un altro canale.
3. Selezionare il canale desiderato e fare clic su di esso.
Il canale selezionato diventa il canale corrente.
Utilizzare il cursore per selezionare un canale da spostare e trascinarlo sul canale desiderato; questo può
anche modificare la posizione del canale.
 Es. : per passare da CH 1 a CH 7
24_ live
CH1
CH2
CH3
CH4
CH5
CH6
CH7
CH8
CH9
CH10
CH11
CH12
CH13
CH14
CH15
CH16
CH7
CH2
CH3
CH4
CH5
CH6
CH1
CH8
CH9
CH10
CH11
CH12
CH13
CH14
CH15
CH16
Selezione del modo singolo
In modo Split, selezionare e fare doppio clic sul canale desiderato per passare al modo Singolo.
Premere il numero corrispondente al canale desiderato sul telecomando e commutarlo sul modo Singolo.
Vedere “Telecomando > Uso dei tasti numerici”. (pagina 11)
 Es. : Fare doppio clic su CH 3 o premere il numero “3” sul telecomando
CH2
CH3
CH4
CH5
CH6
CH7
CH8
CH9
CH10
CH11
CH12
CH13
CH14
CH15
CH16
 LIVE
CH1
CH3
USCITA SPOT
Il monitoraggio Uscita Spot è indipendente dal modo Live, che controlla il canale specifico attraverso la porta Uscita
Spot.
Selezione di un modo Uscita Spot
Se si verifica un evento come un sensore, un movimento o un allarme dalla porta Uscita Spot in relazione a
un monitor, è possibile selezionare un modo per lo schermo.
1. Nel modo Live, fare clic con il tasto destro del mouse su
qualsiasi area dello schermo.
Si apre il menu Live.
2. Fare clic su <Uscita Spot>.
Supporta l'uscita SPOT in schermata singola con modo
sequenza automatica.
 Se il monitor è collegato alla porta Spot, l'evento che si è
verificato dal canale selezionato viene emesso sul monitor.
Per la porta Uscita Spot di un modello, vedere “Nomi e funzioni
delle parti (Parte Posteriore)”. (pagina 10)
Modo scena

Uscita Spot

Audio Off
Ferm imm
Arresta allarme
Registr.
Riprod.
Ricerca
Backup
Menu princip
Chiudi
Nascondi ut.avvio
Disconn.
2012-01-01 01:10:25
Sequenza autom.
Canale1
Canale2
Canale3
Canale4
Canale5
Canale6
Canale7
Canale8
Canale9
Canale10
Canale11
Canale12
Canale13
Canale14
Canale15
Canale16
<M
Menu lilive multicanale
lti
l >
Italiano _25
live
ZOOM
È disponibile solo in modo Live Singolo. Nel modo singolo, selezionare l'area desiderata e utilizzare la funzione Zoom
per ingrandirla di due volte.
1. Selezionare <Zoom av.> nel menu di scelta rapida.
Premere il tasto [ZOOM] sul telecomando o semplicemente fare clic su <
Viene visualizzata la casella dello zoom.
> nel menu di avvio.
2. Utilizzare i tasti di direzione o la funzione di trascinamento per specificare un'area da ingrandire.
3. Premere il tasto [ENTER], oppure fare doppio clic sull'area selezionata per ingrandirla di due volte.
 Nell'immagine ingrandita usare i tasti di direzione (◄ ►) sul telecomando per spostare l'area ingrandita.
4. Premere il tasto [ZOOM] sul telecomando o semplicemente fare clic su <
disattivare lo zoom.
> nel menu di avvio per
2012-01-01 01:10:25
AUDIO ATTIVO/DISATTIVATO
Nel modo live, è possibile attivare/disattivare l'audio di ciascun canale.
Audio attivo/disattivato nel modo singolo
Fare clic sull'icona audio (
disattivare l'audio.
M
) sullo schermo o premere il tasto [AUDIO] sul telecomando per attivare/
 Solo il canale dove <AUDIO> è impostato su <ON> in “Dispos. > Videocamera” mostra l'icona dell'audio (
modo Live utilizzabile per attivare o disattivare l'audio.
FERMO IMMAGINE
È disponibile solo nel modo Live; arresta temporaneamente la riproduzione dell'immagine live.
1. Premere il tasto [FREEZE] sul telecomando o fare clic su < Ferm imm > nel menu di avvio.
La riproduzione dell'immagine viene arrestata temporaneamente.
2. Premere di nuovo il tasto [FREEZE], oppure fare clic su <
Il fermo immagine viene annullato.
26_ live
Ferm imm
>.
) in
MONITORAGGIO EVENTI
Mostra il canale su cui si è verificato un evento specifico (Sens. / Reg.mov. / Perdita vid).
In “Monitor > Visualizz. Evento”, impostare il monitoraggio eventi su ON/OFF e specificare il tempo di visualizzazione
degli eventi. (pagina 44)
• Se si verificano più eventi contemporaneamente, la schermata passa al modo Split.
- 2~4 eventi: schermata divisa in 4 parti
- 5~9 eventi: schermata divisa in 9 parti
- 10~16 eventi: schermata divisa in 16 parti
Occorrenza dell'evento
5 secondi
Stop allarme
CH1
 Es. : se si imposta <Visualizz. Evento> su 5 secondi e il secondo evento si verifica in CH 2 entro il tempo impostato per il
primo evento in CH 1.
Occorrenza dell'evento
4 secondi
9 secondi
Stop allarme
CH1
CH2
CH1
M
 Premere il tasto [ALARM] per resettare le impostazioni di allarme e uscire dal modo evento.
 Se si attiva un allarme nella condizione in cui sono stati impostati la registrazione dell'evento e i tempi pre/post
allarme, viene eseguita la registrazione dell'allarme.
 Questo vale anche per il monitor Uscita Spot.
J
 Se si verificano più eventi di movimento contemporaneamente e si arresta l'allarme evento ma si verifica un altro
evento, il passaggio alla schermata suddivisa o la selezione dei menu potrebbero non funzionare correttamente.
Italiano _27
 LIVE
• Se il secondo evento si verifica entro il tempo impostato per <Visualizz. Evento>, il primo evento dura
finché non termina il secondo. (pagina 44)
 Es. : Se si imposta <Visualizz. Evento> su 5 secondi, e solo un evento si verifica nel CH 1.
utilizzo del DVR
È possibile impostare le proprietà del sistema, i dispositivi e le opzioni per la
registrazione, gli eventi, il backup e la rete.
IMPOSTAZIONE DEL SISTEMA
È possibile impostare data/ora/lingua, permessi, proprietà del sistema e registro.
Data/Ora/Lingua
È possibile controllare e impostare la data/ora corrente e le proprietà relative, e la lingua usata per l'interfaccia.
Impostazione di Data/Ora/Lingua
Impostare data/ora/lingua
È più semplice eseguire l'impostazione con il mouse.
1. Premere il tasto [MENU] sul telecomando.
 Se non è ancora stato eseguito l'accesso, compare la finestra di
accesso.
Vedere “Login”. (pagina 18)
2012-01-01 01:10:25
2012-01-01
01:10:25
2. Usare i tasti a freccia sinistra/destra v per selezionare
<Sistema>.
Il menu di impostazione delle proprietà del sistema è
selezionato.
Disconn.
Sistema
3. Usare i tasti a freccia su/giù () per selezionare
<Data/Ora/Lingua> e premere il tasto [ENTER].
Data/Ora/Lingua
Gestione permesso
Gestione sistema
4. Selezionare <Data/Ora/Lingua>.
Si apre una finestra di dialogo per selezionare la data, l'ora
e la lingua.
Informazioni di registro
5. Utilizzare i tasti di direzione (◄ ►) per selezionare una
voce da impostare e apportare le modifiche.
• Data : imposta la data visualizzata sullo schermo.
È possibile selezionare il formato della data.
• Ora : imposta l'ora e il formato con cui appare sullo schermo.
Selezionare <24 Ore o 12 ore (AM/PM)>.
• Fuso orario : imposta il fuso orario della propria zona in base
a GMT (Greenwich Mean Time).
 GMT (Greenwich Mean Time) è l'ora mondiale di riferimento e la
base dei fusi orari.
Data/Ora/Lingua
Data/Ora/Lingua
 Data
AAAA-MM-GG
 Ora
08:14:24
24 Ore
 Fuso orario
GMT
 Sincron. ora
Impostaz.
 DST
 Lingua
• Sincron. ora : è possibile sincronizzare regolarmente l'ora
corrente del DVR con un <Time Server> selezionato se si
sceglie di usare <Time Server>.
In questo caso, <Data/Ora/Lingua> non consente la regolazione dell'ora.
28_ utilizzo del DVR
Ferie
2012-01-01
Dic Prima (Dom) 0H
Dic Prima (Dom) 0H
Italiano
OK
Annulla
Invio
Data/Ora/Lingua
Data/Ora/Lingua
Ferie
2012 -01-01
 Data
Sincronizzazione
AAAA-MM-GG
ora
Uso
 Sincronizzazione
08:14:24
24 Ore
 Ora
203.248.240.103
 Time Server
GMT+08:00
 Fuso orario
 Ult. ora sincron.
 Sincron. ora Impostaz. Non in uso
Uso
 Attiva come server
Dic Prima (Dom) 0H
 DST
 Lingua
OK
Annulla
OK
Annulla
Fallito
Dic Prima (Dom) 0H
Italiano
6. Al termine dell'impostazione della data/ora/lingua, premere <OK>.
M
 Per inserire i valori relativi a data e ora e ad altri campi numerici, è anche possibile utilizzare i tasti numerici sul
telecomando.
Impostazione delle vacanze
È possibile impostare date specifiche per le vacanze in base alle proprie preferenze.
Le vacanze vengono applicate anche a <Registrazione programmata> e <Programmazione allarme>.
È più semplice eseguire l'impostazione con il mouse.
1. Usare i tasti a freccia su/giù () nella finestra <Data/Ora/Lingua> per selezionare <Data/Ora/Lingua> e
premere il tasto [ENTER].
2. Selezionare <Ferie>.
Data/Ora/Lingua
Si apre un calendario per impostare le vacanze.
Ferie
Data/Ora/Lingua
3. Usare i tasti a freccia sinistra/destra <
> per
2012
Gen
selezionare l'anno o il mese e premere il tasto [ENTER].
Dom Lun
Mar
Mer
Gio
Ven
Sab
1
2
3
4
5. Al termine dell'impostazione delle vacanze, premere
<OK>.
6
7
9
10
11
12
13
14
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
Sab
7
OK
4. Utilizzare i tasti di direzione (◄ ►) per selezionare una
data desiderata e premere il tasto [ENTER].
Verrà visualizzata la schermata “Imp Vacanze”.
 Es. : selezionare il 9 gennaio e selezionare la casella <1/9> per
impostare come vacanza il 9 gennaio di ogni anno. Selezionare
sia <1/9> sia <Gen 2a Lun> per fare in modo che ogni 9
gennaio e secondo lunedì di gennaio siano vacanza.
5
8
15
Annulla
Data/Ora/Lingua
Ferie
Data/Ora/Lingua
2012
ImpDom
Vacanze
Lun
1
2
8
9
15
16
Gen
Mar
3
1/9
10
Mer
4
Gio
5
Ven
6
11
12
13
14
19
20
21
27
28
Gen 2a Lun
17
22
23
OK
24
29
30
31
OK
18
25
Annulla
26
Annulla
Uso del calendario
È più semplice eseguire l'impostazione con il mouse.
{ Selezionare l'anno e il mese.
Selezionare il tasto a freccia sinistra/destra <
> sul lato sinistro/destro dell'anno/mese e premere il
tasto [ENTER] per regolare di 1 anno/mese.
| Utilizzare i tasti di direzione per selezionare una data e premere il tasto [ENTER].
 Una data con dati registrati da ricercare appare in giallo in Registro di sistema, Registro eventi, Ricerca ora e Ricerca
evento.
Italiano _29
 UTILIZZO DEL DVR
- Time Server : inserire un indirizzo IP o URL del server ora.
- Ult. ora sincron. : visualizza l'ora dell'ultima sincronizzazione
con il server ora selezionato.
- Attiva come server : impostare su <Uso> per consentire
al DVR di agire da server ora per altri DVR.
• DST : impostare l'ora legale per andare indietro di un'ora
rispetto a GMT durante il periodo impostato.
• Lingua : selezionare la lingua. Imposta la lingua per l'interfaccia.
Sono disponibili Inglese, Francese, Tedesco, Spagnolo,
Italiano, Cinese, Russo, Coreano, Polacco, Giapponese,
Olandese, Portoghese, Turco, Ceco, Danese, Svedese,
Tailandese, Rumeno, Serbo, Croato, Ungherese e Greco.
utilizzo del DVR
Gestione permesso
Consente di impostare i permessi di ogni utente relativi alle funzioni e le impostazioni specifiche del DVR.
Impostazione dell'amministratore
È possibile impostare e cambiare l'ID e la password dell'amministratore.
L'amministratore può utilizzare e impostare tutte le voci di menu e le funzioni.
È più semplice eseguire l'impostazione con il mouse.
1. Utilizzare i tasti su/giù () nella finestra <Sistema> per
selezionare <Gestione permesso> e premere il tasto
[ENTER].
2. Selezionare <Ammin>.
Si apre una finestra di dialogo in cui inserire l'ID e la
password dell'amministratore.
Gestione permesso
Ammin
Gruppo
Utente
 ID
admin
 Nuova password
************
 Conferma P/W
************
Impostaz.
3. Utilizzare i tasti di direzione (◄ ►) per selezionare una
voce desiderata e impostare l'ID e la password.
M
OK
 Per impostazione predefinita, l'ID e la password iniziali sono
Annulla
impostati su “admin” e “4321”.
 La password predefinita è esposta agli attacchi degli hacker, pertanto si consiglia di cambiare password dopo
l'installazione del prodotto.
Si ricorda che la responsabilità per problemi di sicurezza o altro genere derivanti dal non aver cambiato la password
è a carico dell'utente.
4. Al termine dell'impostazione dell'amministratore, premere <OK>.
Utilizzo della tastiera virtuale
{ Per inserire dati alfanumerici, viene visualizzata la finestra della
tastiera virtuale.
| Utilizzare i tasti di direzione (◄ ►) per selezionare un
carattere desiderato e premere il tasto [ENTER].
} Nella casella di inserimento del testo nella parte superiore della
tastiera virtuale viene visualizzato un elenco di parole possibili
contenenti il carattere selezionato.
\
1
2
3
4
5
6
7
8
9
0
'
q
w
e
r
t
y
u
i
o
p
è
+
a
s
d
f
g
h
j
k
l
ò
à
ù
<
z
x
c
v
b
n
m
,
.
–
Spazio
AltGr
OK
Annulla
~ Selezionare una parola dall'elenco o utilizzare la tastiera per
inserire la parola per intero.
 Se ci sono molte parole possibili, utilizzare i tasti < , > per spostarsi tra esse avanti e indietro.
 Selezionare <OK>.
Viene applicata la parola digitata.
 Per le lettere maiuscole, usare il pulsante <Caps Lock>.
 Per i caratteri speciali, usare il pulsante <Shift>.
 La tastiera virtuale si usa alla stesso modo di una tastiera normale.
 È possibile inserire un ID composto esclusivamente da caratteri alfanumerici.
 Per la password è possibile utilizzare lettere dell'alfabeto e caratteri speciali, tranne < \ > e < “ >.
 È possibile utilizzare i tasti numerici sul telecomando.
30_ utilizzo del DVR
ì

Del
Maiusc
Bloc
Maiusc
Ctrl
Impostazione del gruppo
È possibile creare un gruppo di utenti e impostare i permessi di un gruppo di utenti.
È possibile registrare un utente per ogni gruppo in <Utente>.
È più semplice eseguire l'impostazione con il mouse.
1. Utilizzare i tasti su/giù () nella finestra <Sistema> per
selezionare <Gestione permesso> e premere il tasto
[ENTER].
Gruppo
Ammin
Utente
 Gruppo
Agg.
Impostaz.
Elimina
Rinomina
 Autorità gruppo
Visual.live
Impostaz.
Ricerca
Impostaz.
Backup
Impostaz.
Menu
Impostaz.
Audio bidirezionale
3. Utilizzare i tasti di direzione (◄ ►) per selezionare una
voce desiderata e impostare il valore.
Blocco reg.
PTZ
Usc. allarme rem.
OK
Chiudi
Annulla
• Agg., Elimina, Rinomina : è possibile aggiungere, eliminare,
rinominare un gruppo o modificare i permessi assegnati al
gruppo. Quando si selezionano <Agg.> o <Rinomina> viene visualizzata la tastiera virtuale.
- Agg. : Quando si accede al DVR per la prima volta con l'account amministratore, questo è l'unico account
presente. Agg. è già stato disattivato. Selezionare per visualizzare la tastiera virtuale. Inserire il nome di un gruppo.
È possibile aggiungere fino a 10 gruppi.
- Elimina : Elimina un gruppo di utenti già registrato. Se si seleziona Elimina, vengono eliminati tutti gli
account utente appartenenti a quel gruppo.
- Rinomina : Rinomina un gruppo già registrato. Selezionare <Rinomina> per visualizzare la tastiera virtuale.
 Per inserire il nome di un gruppo, vedere “Utilizzo della tastiera virtuale”. (pagina 30)
• Autorità gruppo : Imposta i permessi per accedere alle voci di menu di ogni gruppo.
Gli utenti di un gruppo possono accedere alle funzioni selezionate.
4. Al termine dell'impostazione del gruppo, premere <OK>.
Per impostare i permessi per un gruppo
È possibile impostare i permessi per gli utenti di un gruppo per accedere a un menu in base al canale.
1. Selezionare un menu al quale assegnare il permesso per il
gruppo. Il menu al quale è assegnato il permesso per il
gruppo viene visualizzato nel menu Live quando un utente
del gruppo vi accede.
Gestione permesso
• Ricerca : È possibile impostare il permesso di accedere al
menu Ricerca in base al canale.
Agg.
• Audio bidirezionale : Viene fornito il permesso di utilizzare le
funzioni di audio a due vie.
• Blocco reg., PTZ, Usc. allarme rem., Chiudi : Selezionare
una voce per aggiungerla ai permessi.
2. Selezionare <OK>.
Selezionare e assegnare un utente del gruppo in modo
che questo possa accedere al menu specificato.
Impostaz.
Elimina
Rinomina
Setup
Tutti
Ricerca
Setup
1
Backup
5
Menu
9
2
Setup
Setup
13
Audio bidirezionale
Blocco reg.
PTZ
3
4
6
7
8
10
11
12
14
15
16
OK
• Backup : È possibile impostare il permesso di accedere al
menu Backup in base al canale.
• Menu : È possibile impostare i menu accessibili con un
permesso specifico. Gli utenti del gruppo possono accedere
solo ai menu consentiti. Selezionare un menu per visualizzare
la schermata Autorizzazione menu.
Utente
ABC
 Autorità gruppo
Imp. canale
Visual.live
• Visual.live : È possibile impostare il permesso di accedere
alla schermata Live in base al canale.
Gruppo
Ammin
 Gruppo
Usc. allarme rem.
Annulla
OK
Chiudi
Annulla
Gestione permesso
Autorizzazione menu
Gruppo
Ammin
Utente
Impostaz.
Tutti
Gruppo
Sistema
Dispos.
Registr.
Agg.
Evento
Elimina
Backup
Rinomina
Rete
Autorità gruppo
Data/Ora/Lingua
Impostaz.
Visual.live
Data/Ora/Lingua
Ferie
Impostaz.
Ricerca
Gestione sistema
Impostaz.
Backup
Informazioni di sistema
Impostazioni
Impostaz.
Menu
Informazioni di registro
Blocco reg.
PTZ
Usc. allarme rem.
Chiudi
Registro di sistema
Registro eventi
Reg. backup
OK
OK
Annulla
Annulla
Italiano _31
 UTILIZZO DEL DVR
2. Selezionare <Gruppo>.
Viene visualizzata una finestra per impostare <Agg.>,
<Elimina>, <Rinomina> e <Autorità gruppo>.
Gestione permesso
utilizzo del DVR
Per limitare i permessi per gli utenti
Se l'amministratore limita tutti i permessi di un gruppo aggiunto, gli utenti che appartengono a questo gruppo
possono accedere solo ai menu di base predefiniti e modificare solo la propria password.
1. Accendere il DVR.
Se sono limitati tutti i permessi, viene visualizzata solo la
finestra di dialogo di accesso.
2. Accedere con un ID utente registrato.
Accesso
 ID
abc
 Password
OK
3. Fare clic con il tasto destro del mouse su una zona
qualsiasi dello schermo.
Se sono limitati tutti i permessi, vengono visualizzati solo i
menu di scelta rapida accessibili.
Annulla
2012-01-01 01:10:25
Modo scena 
Audio Off
Ferm imm
Arresta allarme
Menu Utente
Nascondi ut.avvio
Disconn.
Per cambiare la password utente
Se si accede con un account utente il cui accesso ai menu è limitato, è possibile cambiare solo la propria
password.
1. Accedere con il proprio account.
2. Selezionare <Menu Utente>.
Viene visualizzata la schermata di impostazione Gestione
permesso.
Gestione permesso
Utente
 ID
abc
 Nuova password
************
 Conferma P/W
************
3. Selezionare <Gestione permesso>.
Viene visualizzata la finestra di dialogo di impostazione
Password.
4. Inserire una nuova password.
5. Selezionare <OK>.
La password viene cambiata.
32_ utilizzo del DVR
OK
Annulla
Impostazione utenti
È possibile aggiungere utenti soltanto se èstato creato un gruppo nel menu <Gruppo>.
È più semplice eseguire l'impostazione con il mouse.
1. Utilizzare i tasti su/giù () nella finestra <Sistema> per
selezionare <Gestione permesso> e premere il tasto
[ENTER].
3. Utilizzare i tasti di direzione (◄ ►) per selezionare
<Agg.> dalla finestra.
Si apre la finestra “Aggiungi utente”.
È possibile configurare le impostazioni di Network Viewer fra
cui nome, ID, visualizzatore, Seleziona gruppo e password.
Il risultato della configurazione utente viene visualizzato nella
finestra <Utente>.
Per cambiare la proprietà utente, utilizzare “ModUtente”.
Si apre la finestra “ModUtente” quando si seleziona una
voce desiderata da cambiare nella finestra <Utente>.
Ammin
Utente
Gruppo
 Gruppo
Impostaz.
Tutti gruppi
Gruppo
Agg.
Nome
ID
Visualizzatore
Canc
Pagina preced/successiva
OK
Annulla
Gestione permesso
Ammin
 Gruppo
Utente
Gruppo
Impostaz.
Aggiungi
All Group utente
Gruppo  Nome
Agg.
Nome
ID
Visualizzatore
Canc
 ID
• Visualizzatore : Se si seleziona <Uso>, verrà fornito l'accesso
al Visualizzatore Web e a Network Viewer.
 Vedere “Collegamento del Visualizzatore Web”. (pagina 70)
 Visualizzatore
Non in uso
 Seleziona gruppo
ABC
 Password
 Conferma P/W
OK
Annulla
Pagina preced/successiva
 Per ulteriori informazioni sull'uso di Network Viewer, vedere la
OK
relativa guida utente.
Annulla
4. Al termine dell'impostazione utente, premere <OK>.
Impostazione dei permessi
È possibile impostare l'accesso limitato per tutti gli utenti generici.
Per usare le voci con limitazioni è necessario effettuare l'accesso.
È più semplice eseguire l'impostazione con il mouse.
1. Utilizzare i tasti su/giù () nella finestra <Sistema> per
selezionare <Gestione permesso> e premere il tasto
[ENTER].
2. Selezionare <Impostaz.>.
Viene visualizzata la schermata di impostazione Accesso
limitato, Limit. accesso rete, Disconn. autom., Inser.
manuale ID.
3. Utilizzare i tasti di direzione (◄ ►) per selezionare una
voce desiderata e impostare il valore.
Gestione permesso
Ammin
Gruppo
Utente
Impostaz.
 Accesso limitato
Visual.live
Backup
Blocco reg.
Ricerca
PTZ
Usc. allarme rem.
Chiudi
Tutti
 Limit. accesso rete
Tutta la rete
 Disconn. autom.
 Inser. manuale ID
Visualizzatore Web
OFF
ON
OK
Annulla
• Accesso limitato : per tutte le voci di menu consentite per
un utente può essere impostato l'accesso limitato.
- Selezionato ( ) : limitato
- Non selezionato ( ) : accessibile
 Se una voce non è selezionata ( ) in <Accesso limitato>, qualsiasi utente può accedere a tale voce,
indipendentemente dall'impostazione <Autorità gruppo>.
 Se una voce è selezionata ( ) in <Accesso limitato>, un utente può accedere a tale voce soltanto se per tale utente è
impostato il permesso relativo in <Autorità gruppo>.
• Limit. accesso rete : Limita l'accesso remoto da una rete con <Accesso limitato>.
- Tutta la rete : Limita tutti gli accessi tramite Network Viewer e visualizzatore Web.
- Visualizzatore Web : Limita l'accesso tramite visualizzatore Web.
• Disconn. autom. : l'utente viene automaticamente disconnesso se sul DVR non viene eseguita nessuna
operazione per un determinato periodo di tempo.
Italiano _33
 UTILIZZO DEL DVR
2. Selezionare <Utente>.
Si apre la finestra Aggiungi utente.
Gestione permesso
utilizzo del DVR
• Inser. manuale ID : Richiede l'inserimento manuale dell'ID
utente per accedere.
- Selezionato ( ) : Racchiude gli ID utente registrati tra i
simboli [].
Utilizzare la tastiera virtuale per inserire l'ID utente.
Login
 ID
*****
 Password
4. Al termine dell'impostazione dei permessi, premere <OK>.
OK
Annulla
Gestione sistema
È possibile controllare la versione del sistema, aggiornare la versione ed eseguire backup dei dati e
inizializzazione.
Controllo delle informazioni di sistema
È possibile controllare la versione corrente del sistema, il sistema di trasmissione, l'indirizzo MAC. È possibile
aggiornare il sistema.
È più semplice eseguire l'impostazione con il mouse.
1. Utilizzare i tasti su/giù () nella finestra <Sistema> per
selezionare <Gestione sistema> e premere il tasto
[ENTER].
Gestione sistema
Informazioni di sistema
 Versione software
2. Controllare Versione, Formato trasmiss. e Indirizzo MAC.
• Informazioni di sistema : mostra le informazioni correnti del
sistema.
I valori non possono essere cambiati da un utente.
V1.0xh_yymmddhhmmss
 Formato trasmiss.
NTSC
 Indirizzo MAC
00:00:F0:54:FF:FF
 Aggiornam. software
 Dispos.
Nessun disp.
 Versione
Nessun dato S/W
• Aggiornam. software : aggiorna il software del DVR.
 Es. : Se ci si collega ad un dispositivo di memorizzazione su cui è
installato un software aggiornabile e si ritorna al menu <Gestione
sistema>, viene visualizzata la versione software corrente.
Impostazioni
 Informazioni di sistema
Aggiornam.
Preced.
Gestione sistema
Informazioni di sistema
Impostazioni
 Informazioni di sistema
 Versione software
V1.0xh_yymmddhhmmss
 Formato trasmiss.
NTSC
 Indirizzo MAC
00:00:F0:54:FF:FF
 Aggiornam. software
 Dispos.
USB2FlashStorage
 Versione
V1.0xh_yymmddhhmmss
Preced.
34_ utilizzo del DVR
Aggiornam.
• Aggiornamento del software
1. Collegare il dispositivo in cui è memorizzato il software da
aggiornare. (Possono essere necessari 10 secondi per
rilevare il dispositivo).
 I dispositivi aggiornabili comprendono la memoria USB,
i e i dispositivi di rete.
Gestione sistema
Informazioni di sistema
 Versione software
Aggiorn
trasmiss.
 Formato
V1.0xh_yymmddhhmmss
sist NTSC
 Indirizzo MAC
Vers.corr.
Vers.nuova
 Per aggiornare la rete, il DVR corrente deve essere stato
software
 Aggiornam.
Aggiornare?
 Dispos.
00:00:F0:54:FF:FF
V1.0xh_yymmddhhmmss
V1.0xh_yymmddhhmmss
USB2FlashStorage
OK
Annulla
V1.08_090731170402
 Versione
Aggiornam.
Preced.
2. Selezionare <Gestione sistema> dalla finestra
<Sistema>.
3. Selezionare <Informazioni di sistema>.
4. Quando si apre il dispositivo riconosciuto, selezionare <Aggiornam.>.
 Il pulsante <Aggiornam.> si attiva soltanto se la <Versione software> corrente di <Informazioni di sistema> è la
stessa o più vecchia di <Aggiornam. software>.
5. Premere <OK> nella finestra “Aggiorn sist”.
 Durante l'aggiornamento viene visualizzato l'avanzamento del
processo.
• L'aggiornamento viene eseguito in 3 passi come mostrato
nella figura.
Gestione sistema
Informazioni di sistema
Impostazioni
 Informazioni di sistema
 Versione software
V1.0xh_yymmddhhmmss
 Formato trasmiss.
Aggiornam.NTSC
software
 Indirizzo MAC
00:00:F0:54:FF:FF
Aggior.software
 Aggiornam. software
 Dispos.
USB2FlashStorage
 Versione
V1.08_090731170402
Aggiornam.
Preced.
Gestione sistema
Informazioni di sistema
Impostazioni
 Informazioni di sistema
 Versione software
V1.0xh_yymmddhhmmss
 Formato trasmiss.
Aggiornam.NTSC
software
 Indirizzo MAC
00:00:F0:54:FF:FF
Aggior.software
 Aggiornam. software
 Dispos.
 Versione
Non spegnere durante l'aggiornamento.
Aggiornam.
USB2FlashStorage
V1.08_090731170402
Preced.
6. Al termine dell'aggiornamento, viene eseguito un riavvio
automatico.
Non spegnere l'unità prima del termine del riavvio.
M
 Se viene visualizzato “Aggiornamento fallito”, riprovare dal
passo 4.
Se non si riesce a eseguire l'aggiornamento, contattare il
centro di assistenza.
 Quando si esegue l'aggiornamento del software usando Smart
Viewer, il completamento dell'aggiornamento può richiedere
fino a 3 minuti dal momento in cui Smart Viewer ha emesso il
messaggio di conferma. Questo serve a garantire che l'apparecchio DVR funzioni in modo stabile. Per un
aggiornamento più veloce utilizzare il cavo USB per collegarsi all'apparecchio DVR.
Italiano _35
 UTILIZZO DEL DVR
collegato alla rete.
L'aggiornamento attraverso il server proxy potrebbe non essere
abilitato a causa dell'accesso limitato.
Impostazioni
 Informazioni di sistema
utilizzo del DVR
Impostazioni
È possibile copiare e importare le impostazioni del DVR utilizzando un supporto di memorizzazione.
È più semplice eseguire l'impostazione con il mouse.
1. Utilizzare i tasti su/giù () nella finestra <Sistema> per
selezionare <Gestione sistema> e premere il tasto
[ENTER].
Gestione sistema
Informazioni di sistema
Impostazioni
 Disp.memorizz.
2. Selezionare <Impostazioni>.
Si apre una finestra per selezionare il dispositivo di
memorizzazione e caricare le impostazioni predefinite.
0 MB (Capacità residua)
 DVRUSB
10041400
Esporta
 USBDVR
Nessun dato
Importa
Includi impostaz. di rete
 Carica imp.pred.
Predefin.
3. Utilizzare i tasti di direzione (◄ ►) per selezionare una
voce desiderata ed esportare o importare i dati delle
impostazioni in un dispositivo di memorizzazione.
Preced.
• Disp.memorizz. : mostra il dispositivo di memorizzazione collegato.
t
• Esporta : esporta le impostazioni del DVR in un dispositivo di memorizzazione collegato.
• Importa : importa le impostazioni DVR dal dispositivo di memorizzazione e le applica al DVR.
 Se è selezionato <Includi impostaz. di rete>, vengono importate anche le impostazioni di rete.
• Carica imp.pred. : se è selezionato <Predefin.>, si apre la
finestra di conferma “Carica imp.pred.”.
Premere <OK> per ripristinare le impostazioni predefinite del
sistema.
4. Per passare al menu precedente, premere <Preced.>.
Gestione sistema
Informazioni di sistema
Impostazioni
 Disp.memorizz.
Carica
 DVRUSB
 USBDVR
0 MB (Capacità residua)
imp.pred.
10041400
Esporta
Nessun dato
Importa
Sicuro di caricare
parametrididirete
Default?
Includi Iimpostaz.
 Carica imp.pred.
OK n.
Predefi
Annulla
Preced.
Informazioni di registro
È possibile visualizzare i registri del sistema e gli eventi.
Registro di sistema
Il Registro di sistema mostra il registro, la data e l'ora di ogni avvio e arresto del sistema e di ogni modifica
delle impostazioni del sistema.
È più semplice eseguire l'impostazione con il mouse.
1. Utilizzare i tasti su/giù () nella finestra <Sistema> per
selezionare <Informazioni di registro> e premere il tasto
[ENTER].
2. Selezionare <Registro di sistema>.
 Vedere “Uso del calendario”. (pagina 29)
Fare clic sul calendario < > per visualizzare la finestra del
calendario.
• Tipo : quando ci sono troppi registri, è possibile visualizzare
i registri del formato desiderato selezionando il tipo.
3. Utilizzare i tasti di direzione (◄ ►) per selezionare una
voce desiderata e premere <Ricerca>.
36_ utilizzo del DVR
Informazioni di registro
Registro di sistema
Cerca giorno
Registro eventi
2012-01-01
Prima pag
Ultima pag
N.
Elenco reg
Reg. backup
Ricerca
Tipo
Visual.tut
Data/ora
Pagina preced/successiva
Preced.
Registro eventi
Il Registro eventi mostra gli eventi registrati sugli allarmi, la rilevazione del movimento e la perdita video.
Mostra anche il registro e la relativa data e ora.
È più semplice eseguire l'impostazione con il mouse.
1. Utilizzare i tasti su/giù () nella finestra <Sistema> per
selezionare <Informazioni di registro> e premere il tasto
[ENTER].
3. Utilizzare i tasti di direzione (◄ ►) per selezionare la
voce desiderata.
4. Impostare Cerca giorno, Canale e Tipo e premere <Ricerca>.
 Vedere “Uso del calendario”. (pagina 29)
Fare clic sul calendario < > per visualizzare la finestra del
calendario.
Cerca giorno
Registro eventi
Reg. backup
Ricerca
2012-01-01
Prima pag
Ultima pag
N.
Elenco reg
Data/ora
7
Rilev.movim. [CH 1]
2012-01-01 00:02:14
6
Rilev.movim. [CH 2]
2012-01-01 00:02:14
5
Rilev.movim. [CH 3]
2012-01-01 00:02:14
4
Rilev.movim. [CH 4]
2012-01-01 00:02:18
3
Rilev.movim. [CH 3]
2012-01-01 00:02:18
2
Rilev.movim. [CH 2]
2012-01-01 00:02:18
1
Rilev.movim. [CH 1]
2012-01-01 00:02:18
Canale Tutti Canali
Tipo
Visual.tut
Pagina preced/successiva
Preced.
Registro di backup
È possibile trovare chi ha eseguito il backup e i dettagli dell'operazione (ora di backup, canale, dispositivo da
usare, formato file, ecc.).
È più semplice eseguire l'impostazione con il mouse.
1. Nella finestra <Sistema>, premere il tasto su/giù () per
spostarsi su <Informazioni di registro> e premere il tasto
[ENTER].
Informazioni di registro
Registro di sistema
Cerca giorno
Prima pag
2. Selezionare <Reg. backup>.
N.
Reg. backup
Registro eventi
2012-01-01
~
Ultima pag
Ricerca
2012-01-02
Pagina preced/successiva
Utente
Data/ora
3. Utilizzare i quattro tasti di direzione (◄ ►) per
selezionare la voce desiderata.
4. Specificare un termine di ricerca e selezionare <Ricerca>
a destra.
Vengono elencati i dettagli di backup per il termine
cercato.
Preced.
Italiano _37
 UTILIZZO DEL DVR
2. Selezionare <Registro eventi>.
Informazioni di registro
Registro di sistema
utilizzo del DVR
IMPOSTAZIONE DEL DISPOSITIVO
È possibile impostare Videocamera, Disp.memorizz., Dispositivo remoto, Dispositivo POS e Monitor.
Videocamera
Impostazione della telecamera
È possibile impostare Video, Audio, Nome CH e Tempo comm.seq. di una telecamera.
È più semplice eseguire l'impostazione con il mouse.
1. Premere il tasto [MENU] sul telecomando.
Disconn.
2. Utilizzare il tasto sinistro/destro (◄ ►) per selezionare
<Dispos.>.
Viene selezionato il menu di impostazione del dispositivo.
Invio
Dispos.
3. Utilizzare i tasti su/giù () per spostarsi su
<Videocamera> e premere il tasto [ENTER].
Videocamera
Disp.memorizz.
Dispositivo remoto
Dispositivo POS
Monitor
4. Selezionare <Videocamera>.
Visualizza la finestra delle impostazioni per Video, Audio,
Nome Canale, Tempo comm.seq., Impostazione
schermata, e Zona privacy.
5. Utilizzare i tasti di direzione (◄ ►) per selezionare una
voce desiderata e impostare il valore.
• Video
Videocamera
Videocamera
PTZ
Canale
Video 
Nome Canale
Tempo comm.seq. 
1
ON

OFF

CAM 01
5 sec

2
ON

OFF

CAM 02
5 sec

3
ON

OFF

CAM 03
5 sec

4
ON

OFF

CAM 04
5 sec

5
ON

OFF

CAM 05
5 sec

6
ON

OFF

CAM 06
5 sec

7
ON

OFF

CAM 07
5 sec

8
ON

OFF

CAM 08
5 sec

Audio
Pagina preced/successiva
Impostazione schermata
- <ON/OFF>: è possibile attivare/disattivare la telecamera
del canale selezionato.
Zona privacy
OK
Annulla
- <Nascosto1>: mostra informazioni diverse dal video del canale selezionato.
 Per la protezione della privacy, non mostra il video durante la registrazione.
- <Nascosto2>: non mostra nulla (schermata vuota) durante la registrazione.
• Audio
- Se impostato su <ON>, è possibile attivare/disattivare l'audio del canale sulla schermata live.
- Se impostato su <OFF>, l'audio del canale è disattivato sulla schermata Live e non viene registrato.
 L'audio viene emesso solo per un singolo canale.
38_ utilizzo del DVR
• Nome Canale : sono consentiti fino a 15 caratteri spazi inclusi. (Il primo carattere non deve essere vuoto).
 Vedere “Utilizzo della tastiera virtuale”. (pagina 30)
• Tempo comm.seq. : è possibile impostare il tempo di commutazione tra i canali per la schermata live e
Uscita Spot.
 Se impostato su <OFF>, il canale non è elencato in modo sequenza automatica.
• Zona privacy : È possibile specificare una determinata area
del video della videocamera da proteggere per garantire la
privacy.
Impostazione schermata
Canale1
50
50
Iniz
50
OK
Appl. a tutti canali
Annulla
6. Al termine dell'impostazione della telecamera, premere <OK>.
Per impostare la zona privacy
{ Selezionare <Zona privacy>.
| Quando si apre la finestra “Zona privacy”,
selezionare un canale per la rilevazione e impostare
l'area di rilevazione del movimento.
• Per impostare l'area nella finestra “Zona privacy”
Nella finestra “Zona privacy”, selezionare la regione
desiderata da <
>.
Zona privacy1
• Zona privacy
Singolo
È possibile specificare fino a 4 zone di privacy per ogni
canale, identificabili dal colore.
1
Porpora 2
Zona privacy
Canale1
Verde 3
Blu 4
OK
Appl. a tutti canali
Annulla
Giallo
• Per impostare l'area utilizzando la selezione <Singolo>
Nella finestra “Zona privacy”, è possibile selezionare le
celle individualmente utilizzando <Singolo>.
Quando viene selezionato <Singolo>, la finestra “Zona privacy” scompare ed è possibile selezionare le celle
una per una. Al termine dell'impostazione dell'area di rilevazione del movimento, fare clic con il tasto destro del
mouse per selezionare <Menu> nel menu di scelta rapida o premere il tasto [MENU] sul telecomando per
visualizzare di nuovo la finestra “Zona privacy”.
- Cancella tutto : La cella selezionata viene rimossa dalla zona privacy.
Cancella tutto
- Menu : dopo aver selezionato le singole aree di movimento, passare alla finestra
Menu
“Area rilev.mov.”.
 Se è selezionato <Appl. a tutti canali>, l'area di movimento selezionata viene applicata a tutti i canali.
} Una volta completate le impostazioni della zona di privacy, fare clic su <OK>.
Italiano _39
 UTILIZZO DEL DVR
• Impostazione schermata : il video che appare sullo schermo
può variare a seconda della telecamera del canale,
configurare la visualizzazione del DVR in base alle proprie
preferenze.
Selezionare un canale e regolare < (luminosità)>,
< (contrasto)>, e < (colore)> del canale selezionato.
 Premere <Init> per ripristinare le impostazioni predefinite 50.
utilizzo del DVR
Impostazione del PTZ
Per usare le funzioni PTZ della telecamera, gli ID e i protocolli di ogni telecamera e DVR devono corrispondere.
Per altre impostazioni, vedere le impostazioni “Dispositivi remoti”. (pagina 42)
È più semplice eseguire l'impostazione con il mouse.
1. Utilizzare i tasti su/giù () nella finestra <Dispos.> per
selezionare <Videocamera> e premere il tasto [ENTER].
2. Selezionare <PTZ>.
Viene visualizzata la finestra delle impostazioni PTZ.
3. Utilizzare i tasti di direzione (◄ ►) per evidenziare una
voce desiderata, quindi selezionarla.
Videocamera
PTZ
Videocamera
Protocollo 
Canale
ID
1
0
>
Nessuno
2
1
>
Nessuno

3
2
>
Nessuno

4
3
>
Nessuno

 5
4
>
Nessuno
6
5
>
Nessuno

7
6
>
Nessuno

8
7
>
Nessuno

• ID : impostare l'ID della telecamera collegata di ogni canale.
È possibile impostarlo facilmente utilizzando i tasti numerici
sul telecomando.


Pagina preced/successiva
OK
Cancel
• Protocollo : impostare il protocollo della telecamera collegata
di ogni canale.
M
 È possibile controllare l'ID e il protocollo della telecamera spegnendo e accendendo la telecamera dopo averla
collegata al DVR.
4. Al termine delle impostazioni PTZ, premere <OK>.
Disp.memorizz.
È possibile controllare le informazioni sui dispositivi di memorizzazione.
Controllo dei dispositivi
È possibile controllare i dispositivi di memorizzazione, lo spazio libero su di essi e il loro stato.
I dispositivi disponibili sono HDD e i dispositivi USB (Memoria, HDD).
È più semplice eseguire l'impostazione con il mouse.
1. Utilizzare i tasti su/giù () nella finestra <Dispos.> per
selezionare <Disp.memorizz.> e premere il tasto
[ENTER].
2. Selezionare <Dispos.>.
• N.: mostra il numero assegnato all'HDD interno.
• In uso/tot: mostra la capacità utilizzata/totale del dispositivo
di memorizzazione.
• Uso: imposta l'utilizzo del dispositivo di memorizzazione.
- La memoria USB viene usata esclusivamente a scopo di
backup.
• Stato/gestione : mostra lo stato corrente dell'HDD, come
Normale / Controllo / Sostit.
- Normale: disponibile per l'uso
- Controllo: disponibile per l'uso, ma è consigliata la sostituzione
- Sostit: Richiede la sostituzione immediata.
3. Per passare al menu precedente, premere <OK>.
40_ utilizzo del DVR
Disp.memorizz.
Dispos.
Formatta
Allarm HDD
Dispos.
N.
In uso/tot
Usato
Stato/gestione
HDD
1
0G/494.94G
Interno
Normale
HDD Map
OK
Annulla
Formattazione
Consente di formattare un dispositivo di memorizzazione.
È più semplice eseguire l'impostazione con il mouse.
1. Utilizzare i tasti su/giù () nella finestra <Dispos.> per
selezionare <Disp.memorizz.> e premere il tasto
[ENTER].
Disp.memorizz.
Formatta
Dispos.
Dispos.
HDD
3. Utilizzare i tasti di direzione (◄ ►) per selezionare un
dispositivo da formattare.
1
In uso/tot
Usato
0G/494.94G
Interno
Formatta
OK
4. Selezionare <Formatta> nella parte inferiore della
schermata.
Premere <OK> sulla finestra di conferma “Gestisci” per
avviare la formattazione del dispositivo selezionato.
 UTILIZZO DEL DVR
2. Selezionare <Formatta>.
Si apre una finestra per selezionare il dispositivo da
formattare.
Allarm HDD
Selez.
Annulla
Disp.memorizz.
Formatta
Dispos.
Dispos.
Allarm HDD
Selez.
HDD
1
In uso/tot
Usato
0G/494.94G
Interno
Manage
5. Al termine della formattazione, premere <OK>.
Formattando si eliminano le registrazioni.
Continuare con la formattazione?
M
 Anche se formattato, lo spazio usato dell'HDD non sarà mai
OK
di 0 GB per via dello spazio riservato dal sistema e necessario
per le operazioni.
Annulla
Formatta
OK
Annulla
Allarm HDD
È possibile configurare le impostazioni dei difetti dell'HDD quali Contr. PortaUscitaAllarme, Sost.
PortaUscitaAllarme, e la relativa durata.
È più semplice eseguire l'impostazione con il mouse.
1. Utilizzare i tasti su/giù () nella finestra <Dispos.> per
selezionare <Disp.memorizz.> e premere il tasto
[ENTER].
Disp.memorizz.
Dispos.
 Contr.PortaUscitaAllarm
2. Selezionare <Allarm HDD>.
Viene visualizzata una finestra per impostare il controllo
dell'HDD e sostituire le porte di uscita e la loro durata.
3. Utilizzare i tasti di direzione (◄ ►) per selezionare la
voce desiderata.
• Allarme
 Durata allarm
 Sost.PortaUscitaAllarm
 Durata allarm
Allarm HDD
Formatta
1
2
BIP
Tutti
OFF
1
2
BIP
Tutti
OFF
OK
Annulla
- Il segnale di allarme verrà emesso attraverso la porta di
allarme sul lato posteriore se si selezionano <1>, <2>.
- Se è stato selezionato <BIP>, viene emesso un segnale acustico.
- Se è stato selezionato <Tutti>, dalle porte posteriori verranno emessi sia il beep sia il segnale di allarme.
• Contr. PortaUscitaAllarme : se l'HDD genera un allarme di controllo, il segnale di allarme viene emesso sulla
porta specificata.
• Sost. PortaUscitaAllarme : se l'HDD genera un allarme di sostituzione, il segnale di allarme viene emesso
sulla porta specificata.
• Durata allarm : imposta la durata dell'allarme per il segnale di allarme e il suono di beep.
Italiano _41
utilizzo del DVR
M
 Lo stato <Controllo> significa che l'HDD è in funzione, ma presenta problemi che richiedono assistenza tecnica.
Sulla schermata live appare (
)
 Lo stato <Sostit> indica che l'HDD ha un difetto e richiede la sostituzione immediata.
Sulla schermata live appare (
).
4. Al termine dell'impostazione dell'allarme HDD, premere <OK>.
Dispositivi remoti
È possibile impostare la comunicazione RS-485 per l'uso della telecamera PTZ e della tastiera di sistema con il DVR.
È più semplice eseguire l'impostazione con il mouse.
1. Utilizzare i tasti su/giù () nella finestra <Dispos.> per
selezionare <Dispositivo remoto> e premere il tasto
[ENTER].
Dispositivo remoto
Baudrate
2. Utilizzare i tasti di direzione (◄ ►) per selezionare la
voce desiderata e premere il tasto [ENTER].
Parità
Data
 Nessuno 
9600
8
Bit stop

Tastiera di sist.
OFF
ID
1
Remoto
ON
ID
0
1
TipoTrasfer

Half Duplex
3. Impostare i valori di ogni impostazione della
comunicazione del dispositivo remoto.
• Baudrate : le impostazioni della velocità di trasmissione del
DVR, della telecamera PTZ e della tastiera di sistema devono
corrispondere per garantire un funzionamento corretto.
OK
Annulla
4. Specificare la tastiera di sistema e l'ID del telecomando e fare clic su <OK>.
M
 Per cambiare l'ID del telecomando, vedere “Modifica dell'ID del telecomando”. (pagina 11)
Dispositivi POS
È possibile impostare le proprietà dei dispositivi POS collegati al DVR.
Per collegare un dispositivo POS è necessario impostare canale, preimpostazione e Porta/Ethernet.
È più semplice eseguire l'impostazione con il mouse.
1. Utilizzare i tasti su/giù () nella finestra <Dispos.> per
selezionare <Dispositivo POS> e premere il tasto
[ENTER].
2. Utilizzare i tasti di direzione (◄ ►) per selezionare una
voce desiderata e impostare il valore.
• USO POS : quando è selezionato <USO POS>, DVR e
POS vengono collegati.
J
 È possibile cambiare i valori di impostazione solo se
<USO POS> è selezionato.
42_ utilizzo del DVR
Dispositivo POS
USO POS
Imp. dispositivo POS
POS
Canale
Preimposta 
Porta Ethernet
1
Nessuno
Nessuna preim
Nessuno
2
Nessuno
Nessuna preim
Nessuno
3
Nessuno
Nessuna preim
Nessuno
4
Nessuno
Nessuna preim
Nessuno
5
Nessuno
Nessuna preim
Nessuno
6
Nessuno
Nessuna preim
Nessuno
7
Nessuno
Nessuna preim
8
Nessuno
Nessuna preim
Nessuno
Nessuno
Pagina preced/successiva
OK
Annulla
• Imp. dispositivo POS : configura le impostazioni di
comunicazione per dispositivo POS e DVR.
 È indipendente dalla configurazione del Dispositivo remoto.
Dispositivo POS
USO POS
Imp. dispositivo POS
POS
Canale
Preimposta 
1
Nessuno
Nessuna preim
2
Nessuno
Imp.
dispositivo
POS
Porta Ethernet
Nessuno
Nessuna preim
3
Nessuno
Nessuna preim
Baudrate
Parità
Data
4
Nessuno
Nessuna preim
9600
8
 Nessuno 

5
Nessuno
Nessuna preim
6
Nessuno
7
Nessuno
Nessuna
preim
OK
Annulla
Nessuna preim
8
Nessuno
Nessuna preim
Nessuno
Bit stop
1
Nessuno
TipoTrasfer
Nessuno
Half Duplex

Nessuno
Nessuno
Nessuno
Nessuno
Pagina preced/successiva
OK
 Un dispositivo POS può essere sincronizzato con un massimo di
Dispositivo POS
USO POS
Imp. dispositivo POS
POS
Canale
Preimposta 
Porta Ethernet
1
Nessuno
Nessuna preim
Nessuno
2
Nessuno
Imp.
dispositivo
POS
3
Nessuno
1
4 Canale Nessuno
9
5
Nessuno
16 telecamere (canali); un canale non può essere sincronizzato
con più dispositivi POS.
2
10
Nessuna preim
Nessuna preim
3
4
Nessuna preim
11
12
Nessuna preim
6
Nessuno
7
Nessuno
Nessuna
preim
OK
Annulla
Nessuna preim
8
Nessuno
Nessuna preim
 I canali da sincronizzare con un dispositivo POS devono essere
6
14
Nessuno
7
Nessuno
15
Nessuno
8
16
Nessuno
Nessuno
Nessuno
Pagina preced/successiva
impostati su “Evento” in “Menu princip > Registr. >
Registrazione programmata”. (pagina 46)
• Preimposta : imposta il nome, le stringhe di inizio e fine della
preimpostazione.
 Il nome della preimpostazione deve essere univoco.
Nessuno
5
13
OK
Annulla
Dispositivo POS
USO POS
Imp
Preimp
POS
 Usare il pulsante <Agg.> per visualizzare la finestra “Aggiungi
PRESET”, e impostare il nome, la stringa di inizio e la stringa di
fine.
• Porta Ethernet : imposta il numero di porta per il
collegamento del DVR e del dispositivo POS.
 COM1: per le connessioni RS-232C
1
Imp. dispositivo POS
Canale
Preimposta
Aggiungi PRESET
Nessuna preim
Porta EthernetAgg.
3
Nessuno
Nome
Nessuno
 Nome
Nessuno
4
Nessuno
 Par.ch.iniz
Nessuna preim
Nessuno
5
Nessuno
 Par.ch.fin.
Nessuno
Nessuna preim
Nessuno
6
Nessuna preim
Nessuno
7
Nessuno
8
Nessuno
Nessuna preim
OK
Annulla
Nessuna preim
2
N.
Inizio
Fine
Nessuna preim
Nessuno
Inser. set car.
Nessuno
Nessuna preim
Nessuno
OK
Annulla
OK
Annulla
Canc
Nessuno
Nessuno
Pagina preced/successiva
 7001~7016: per le connessioni Ethernet
3. Al termine dell'impostazione del dispositivo POS, premere <OK>.
Italiano _43
 UTILIZZO DEL DVR
• Canale: selezionare la telecamera da sincronizzare al
dispositivo POS.
 Se è selezionato un campo di ingresso canale, si apre la finestra
“Imp. can. sincronizz.”.
Annulla
utilizzo del DVR
Monitor
È possibile configurare le informazioni da visualizzare e il relativo formato per il monitor Uscita Spot.
Impostazione del monitor
È più semplice eseguire l'impostazione con il mouse.
1. Utilizzare i tasti su/giù () nella finestra <Dispos.> per
selezionare <Monitor> e premere il tasto [ENTER].
Monitor
Monitor
2. Selezionare <Monitor>.
Uscita Spot
 Visualizz. Evento
Modo
OFF
3. Utilizzare i tasti di direzione (◄ ►) per selezionare una
voce desiderata e impostare il valore.
• Visualizz. Evento : imposta il tempo di commutazione della
visualizzazione del canale di evento sul monitor quando si
verifica un evento.
Se è selezionato <Continuo>, mostra il canale finché non si
preme il tasto [ALARM] per rilasciarlo.
• Visualizz : visualizza solo le voci selezionate sullo schermo
del monitor.
• TemSEQMultic : imposta l'intervallo tra la commutazione automatica della visualizzazione dal modo
schermata divisa in 4 parti al modo schermata divisa in 9 parti della schermata live.
• Uscita video : È possibile impostare il modo di uscita video.
- Auto : Il valore predefinito è Composito. (In modo VGA, viene visualizzato il logo “SAMSUNG”)
Se è collegato un monitor VGA, il modo video principale viene impostato su VGA. La porta Composite agisce
come sorgente SPOT. Il distributore di segnali video non è supportato. Per passare al modo VGA, scollegare
il set del DVR e collegare il jack del VGA. (Il monitor VGA si attiva)
- VGA : Il modo video principale passa a VGA dopo il riavvio del DVR; la sorgente composita viene
visualizzata sulla schermata spot.
- Composite : Il modo video principale passa a Composito dopo il riavvio del DVR. In modo VGA, viene
visualizzato il logo “SAMSUNG”.
 Visualizz
Data
 TemSEQMultic
5 sec
 Uscita video
Auto
Ora
Nome Canale
Icona
Imp. posizione display
OK
Annulla
4. Al termine dell'impostazione del monitor, premere <OK>.
 Per modificare il modo predefinito di uscita e portarlo su VGA quando viene visualizzata la schermata live con il beep
dopo l'avvio del sistema, premere in successione i tasti del telecomando: [FREEZE]  [VIEW]  [RETURN ( )] 
[FREEZE]  [VIEW]  [RETURN ( )]. Il DVR passa al modo VGA con il beep dopo il riavvio.
Impostazione della posizione di visualizzazione
Alcuni monitor, a seconda delle condizioni, non visualizzano le informazioni del DVR (nome della videocamera,
icona, informazioni sull'ora, ecc.). Quindi è possibile cambiare la posizione di visualizzazione dei dati.
1. Nella finestra <Dispos.>, premere i tasti su/giù () per spostarsi su <Monitor> e premere il tasto
[ENTER].
2. Selezionare <Monitor>.
3. Selezionare <Imp. posizione display> in basso.
Si passa alla finestra <Imp. posizione display>.
4. Utilizzare i quattro tasti di direzione o i tasti numerici sul
telecomando per regolare la posizione dati.
2012-01-01 01:10:25
Imp. posizione display
30
30
30
30
OK
44_ utilizzo del DVR
Annulla
Impostazione di Uscita Spot
È possibile impostare il DVR per trasmettere informazioni/video a parte l'uscita monitor.
È più semplice eseguire l'impostazione con il mouse.
1. Utilizzare i tasti su/giù () nella finestra <Dispos.> per
selezionare <Monitor> e premere il tasto [ENTER].
2. Selezionare <Uscita Spot>.
 Il numero di terminali Spot Out varia in base al modello.
Uscita Spot
Monitor
 Uscita Spot 1
SEQ
 Visualizz. Evento
OFF
Modo
OK
• Uscita Spot 1 : Si può scegliere tra Sequenza automatica, e
Singolo.
• Modo imp : viene visualizzata la finestra “Imp Uscita Spot”
ed è possibile impostare il canale per essa.
È possibile impostare il tempo di commutazione tra la
commutazione schermata in “Impostazione del
dispositivo > Videocamera > Tempo comm.seq.”.
(pagina 39)
• Visualizz. Evento : Specificare la durata di visualizzazione del
canale in cui si è verificato un evento sulla schermata spot.
Se è selezionato <Continuo>, mostra il canale finché non si
preme il tasto [ALARM] per rilasciarlo.
M
Tutti
Modo imp
 UTILIZZO DEL DVR
3. Utilizzare i tasti di direzione (◄ ►) per selezionare una
voce desiderata e impostare il valore.
Monitor
Annulla
Monitor
Monitor
Uscita Spot
 Uscita Spot 1
Modo
Set Mode
SEQ
Imp Uscita Spot
1
 Visualizz. Evento 5
9
13
2
All
3
4
6
7
8
10
11
12
15
16
OFF
14
OK
OK
Annulla
 È possibile eseguire la configurazione utilizzando il tasto destro del mouse nella schermata live.
Vedere “Uscita Spot”. (pagina 25)
4. Al termine dell'impostazione di Uscita Spot, premere <OK>.
Impostazione del modo schermata
È possibile configurare la schermata live e le schermate suddivise in più parti.
È più semplice eseguire l'impostazione con il mouse.
1. Utilizzare i tasti su/giù () nella finestra <Dispos.> per
selezionare <Monitor> e premere il tasto [ENTER].
2. Selezionare <Modo>.
Monitor
Monitor
Uscita Spot
Modo
 Schermata live
3. Utilizzare i tasti di direzione (◄ ►) per selezionare una
 Schermata di riprod.
voce desiderata e impostare il valore.
• Schermata live : selezionare i modi di suddivisione per la
schermata live.
Per impostazione predefinita sono previste le schermate
suddivise in 16, 9 e 4 parti.
• Schermata di riprod. : selezionare i modi di suddivisione per
la schermata di riproduzione.
Solo la schermata suddivisa in 13 parti è opzionale.
Il nero mostra la schermata di riproduzione mentre il bianco mostra la schermata live.
OK
Live
Riprod.
Annulla
4. Al termine dell'impostazione del modo schermata, premere <OK>.
Italiano _45
utilizzo del DVR
IMPOSTAZIONE DELLA REGISTRAZIONE
È possibile impostare la registrazione programmata, la registrazione degli eventi e altre impostazioni relative alla
registrazione.
Registrazione programmata
Effettuare la propria prenotazione impostando una data e un'ora per programmare la registrazione in un
determinato momento.
È più semplice eseguire l'impostazione con il mouse.
1. Premere il tasto [MENU] sul telecomando.
Disconn.
2. Utilizzare il tasto sinistro/destro (◄ ►) per selezionare
<Registr.>.
Il menu Registr. è selezionato.
Registr.
3. Utilizzare i tasti su/giù () per spostarsi su
<Registrazione programmata> e premere il tasto
[ENTER].
4. Selezionare <Registrazione programmata>.
Viene visualizzata una finestra per l'impostazione della
registrazione programmata.
5. Utilizzare i tasti di direzione (◄ ►) per selezionare una
voce desiderata e impostare il valore.
Invio
Registrazione programmata
Durata registraz. evento
Qtà e risoluz. registraz.
Opzione registrazione
Registrazione programmata
Canale1
Tutti
00 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23
Dom
Lun
Mar
Mer
Gio
Ven
Sab
Fer
Nessuna regist.
Continuo
Appl. a tutti canali
Evento
Reg.cont. e ev.
OK
• Appl. a tutti canali : se è selezionato <Appl. a tutti canali>,
viene visualizzata la finestra “Appl. a tutti canali”.
Premere <OK> per applicare la configurazione a tutti i
canali.
Annulla
Registrazione programmata
Canale1
Tutti
00 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23
Dom
Lun
Appl. a tutti canali
Mar
6. Al termine dell'impostazione della registrazione
programmata, premere <OK>.
Mer
Gio
Applicare reg. progr. a tutti i canali?
Ven
OK
Sab
Annulla
Fer
Nessuna regist.
Continuo
Appl. a tutti canali
Evento
Reg.cont. e ev.
OK
46_ utilizzo del DVR
Annulla
Colori della registrazione
Colore
Funzione
Bianco
Nessuna regist.
Arancione
Continuo
Blu
Evento
Verde
Reg.cont. e ev.
Descrizione
Nessuna registrazione programmata/eventi
Solo registrazione programmata
Solo registrazione eventi
Registrazione programmata/eventi
Durata registraz. evento
È possibile impostare il punto di inizio e fine della registrazione su un evento.
È più semplice eseguire l'impostazione con il mouse.
1. Utilizzare i tasti su/giù () nella finestra <Registr.> per
selezionare <Durata registraz. evento> e premere il tasto
[ENTER].
2. Utilizzare i tasti di direzione (◄ ►) per selezionare una
voce desiderata e impostare il valore.
• PreEvento : la registrazione viene avviata un determinato
tempo prima dell'evento effettivo.
Se tale tempo è impostato su 5 secondi, la registrazione
inizia 5 secondi prima dell'evento.
• Evento POST : la registrazione termina un determinato
tempo dopo l'evento effettivo.
Se tale tempo è impostato su 5 secondi, la registrazione
termina 5 secondi dopo un evento.
Durata registraz. evento
CH
PreEvento 
1
OFF

1 min

2
OFF

Evento POST 
1 min

3
OFF

1 min

4
OFF

1 min

5
OFF

1 min

6
OFF

1 min

7
OFF

1 min

8
OFF

1 min

Pagina preced/successiva
OK
Annulla
3. Al termine dell'impostazione della durata della registrazione degli eventi, premere <OK>.
Qtà e risoluz. registraz.
È possibile impostare risoluzione, fps e qualità delle registrazioni per canale e per tipo di registrazione
standard/evento.
Per ulteriori informazioni sulla risoluzione, vedere la sezione “Specifiche del prodotto”. (pagina 96)
Impostazione delle proprietà di registrazione standard
È possibile impostare la risoluzione, la qualità e l'fps di ogni canale per le registrazioni normali.
È più semplice eseguire l'impostazione con il mouse.
1. Utilizzare i tasti su/giù () nella finestra <Registr.> per
selezionare <Qtà e risoluz. registraz.> e premere il tasto
[ENTER].
Qtà e risoluz. registraz.
Standard
CH
2. Selezionare <Standard>.
3. Al termine dell'impostazione della registrazione, premere
<OK>.
Evento
Numero restante : 4CIF(L) : 8
2CIF(M) : 16
Risoluz. 
CIF(S) : 32
Vel registr 
Qualità registraz. 
1
CIF(S)

7fps

2
CIF(S)

7fps

Livello4

3
CIF(S)

7fps

Livello4

4
CIF(S)

7fps

Livello4
Livello4


5
CIF(S)

7fps

Livello4

6
CIF(S)

7fps

Livello4

7
CIF(S)

7fps

8
CIF(S)

7fps

Livello4

Livello4

Pagina preced/successiva
OK
Annulla
Italiano _47
 UTILIZZO DEL DVR
Ogni volta che si preme una cella selezionata si selezionano <Nessuna regist.>-<Continuo>-<Evento><Reg.cont. e ev.>.
utilizzo del DVR
Impostazione delle proprietà di registrazione degli eventi
È possibile impostare la risoluzione, la qualità e l'fps di ogni canale per le registrazioni degli eventi.
È più semplice eseguire l'impostazione con il mouse.
1. Utilizzare i tasti su/giù () nella finestra <Registr.> per
selezionare <Qtà e risoluz. registraz.> e premere il tasto
[ENTER].
2. Selezionare <Evento>.
Viene visualizzata la finestra di impostazione della
registrazione degli eventi.
Qtà e risoluz. registraz.
Evento
Standard
Numero restante : 4CIF(L) : 8
CH
CIF(S) : 32
Vel registr 
Qualità registraz. 
1
4CIF(L)

7fps

2
4CIF(L)

7fps

Livello4

3
4CIF(L)

7fps

Livello4

4
3. Utilizzare i tasti di direzione (◄ ►) per evidenziare
una voce desiderata, quindi selezionarla.
2CIF(M) : 16
Risoluz. 
4CIF(L)

7fps
Livello4

Livello4


5
4CIF(L)

7fps

Livello4

6
4CIF(L)

7fps

Livello4

7
4CIF(L)

7fps

8
4CIF(L)

7fps

Livello4

Livello4

Pagina preced/successiva
• Risoluz. : imposta la risoluzione della schermata registrata.
OK
Annulla
• Vel registr : immagini al secondo, i fotogrammi registrati al
secondo.
• Qualità registraz. : imposta la qualità di registrazione.
M
 Il numero restante totale stimato indica il numero totale delle registrazioni rimanenti sia per registrazioni standard
che per registrazioni eventi.
 Non è possibile aumentare il numero restante se il numero restante attuale è arrivato a zero o non vi è un numero
restante disponibile da altre pagine. In questo caso, ridurre il numero restante per la pagina corrente o ridurlo per lo
stesso canale su altre pagine.
4. Al termine dell'impostazione della registrazione degli eventi, premere <OK>.
Opzione registrazione
Specificare se arrestare la registrazione o sovrascrivere l'HDD se l'HDD è pieno.
È più semplice eseguire l'impostazione con il mouse.
1. Utilizzare i tasti su/giù () nella finestra <Registr.> per
selezionare <Opzione registrazione> e premere il tasto
[ENTER].
2. Utilizzare i tasti di direzione (◄ ►) per selezionare una
voce desiderata e impostare il valore.
Opzione registrazione
 Modo disco pieno
Sovrascrivi
Bip disco pieno

Elimin. autom.
Elimin. autom.
• Modo disco pieno : se è selezionato <Sovrascrivi>, la
registrazione continua nonostante l'HDD sia pieno; vengono
sovrascritti i dati più vecchi.
Se è selezionato <Stop>, la registrazione si arresta quando
l'HDD è pieno.
180
giorno
I dati di registrazione vengono cancellati.
Continuare?
OK
OK
Annulla
Annulla
• Bip disco pieno : se è selezionato <Stop>, la casella è
disponibile.
Se si seleziona questa casella, viene emesso un suono bip quando il disco è pieno e la registrazione viene
arrestata.
• Elimin. autom. : se si seleziona la casella, viene attivata la configurazione di Periodo registraz.
Se si specifica il periodo di eliminazione automatica, i dati registrati prima di quel periodo vengono eliminati
automaticamente.
 Questa opzione si attiva solo se la funzione Modo disco pieno è impostata su “Sovrascrivi”.
3. Al termine dell'impostazione dell'opzione di registrazione, premere <OK>.
48_ utilizzo del DVR
IMPOSTAZIONE DELL'EVENTO
È possibile impostare le opzioni di registrazione per sensore, movimento ed evento di perdita video.
Rilevazione sensore
È possibile impostare le condizioni di funzionamento dei sensori e la telecamera collegata, nonché l'uscita
dell'allarme e la relativa durata.
1. Premere il tasto [MENU] sul telecomando.
Disconn.
2. Event setting menu is selected. Utilizzare il tasto sinistro/
destro (◄ ►) per selezionare <Evento>.
Il menu di impostazione degli eventi è selezionato.
Invio
Evento
Rilevazione sensore
Rilev.movim.
Rilevazione perdita video
Programmazione allarme
3. Utilizzare i tasti su/giù () per spostarsi su <Rilevazione
sensore> e premere il tasto [ENTER].
Viene visualizzata una finestra per la configurazione della
rilevazione dei sensori.
4. Utilizzare i tasti di direzione (◄ ►) per selezionare una
voce desiderata e impostare il valore.
Rilevazione sensore
Cam 
Allarme 
1
OFF

1
Nessuno
10 sec

2
Funzion.sensore 
OFF

2
Nessuno
10 sec

3
OFF

3
Nessuno
10 sec

4
OFF

4
Nessuno
10 sec

5
OFF

5
Nessuno
10 sec

6
OFF

6
Nessuno
10 sec

7
OFF

7
Nessuno
10 sec

8
OFF

8
Nessuno
10 sec

Sens.
• Funzion.sensore : imposta il modo di funzionamento dei
sensori.
- <OFF> : Il sensore non funziona.
- <N.O (normalmente aperto)> : il sensore è aperto.
Se il sensore è chiuso, genera un allarme.
- <N.C (normalmente chiuso)>: Il sensore è chiuso.
Se il sensore è aperto da un'interruzione, viene generato un allarme.
• Cam : selezionare un canale da collegare al sensore.
Se è selezionata la telecamera, si apre la finestra
“Impost. Preimp. Videocam.”.
Selezionare un canale e configurare le preimpostazioni.
 La configurazione delle preimpostazioni può essere esguita in
modo PTZ.
Vedere “Configurazione delle preimpostazioni”. (pagina 63)
• Allarme : imposta il metodo di uscita dell'allarme.
 Per ulteriori informazioni sull'uscita allarme, vedere “Allarm HDD >
Allarme”. (pagina 41)
• Durata allarm : imposta la durata del segnale e del suono di
allarme.
5. Al termine dell'impostazione della rilevazione dei sensori,
premere <OK>.
Durata allarm 
Pagina preced/successiva
OK
Cancel
Rilevazione sensore
Sens.
1
2
3
4
5
6
7
8
Impost.
Preimp. Videocam.
Funzion.sensore 
Cam 
OFF
Canale 
OFF
1
OFF
2
OFF
3
OFF
4
OFF
5
OFF
6
OFF
7

Preimposta

Nessuno

Nessuno

Nessuno

Nessuno

Nessuno

Nessuno

Nessuno
8
Nessuno
1
2

3

4

5

6

7

8

Allarme 
Nessuno
Canale 
Nessuno
9
Nessuno
10
Nessuno
11
Nessuno
12
Nessuno
13
Nessuno
14
Nessuno
15

16
OK
Annulla
OK
Annulla
Durata allarm 
10 sec

Preimposta
10 sec

Nessuno

10 sec

Nessuno

10 sec

Nessuno

10 sec

Nessuno

10 sec

Nessuno

10 sec

Nessuno

10 sec

Nessuno

Previous/Next
Page
Nessuno

Rilevazione sensore
Cam 
Allarme 
1
OFF

1
Nessuno
10 sec

2
OFF

2
Nessuno
10 sec

Alarm
OFF Setup

3
Nessuno
10 sec

Nessuno
10 sec

10 sec

Sens.
3
Funzion.sensore 
Durata allarm 
4
OFF

4
5
OFF
5
6
OFF
1 
Tutti

6
Nessuno
10 sec

7
OFF

7
10 sec

8
OFF

Nessuno
Annulla
Nessuno
10 sec

OK
8
2
Nessuno
BIP
Pagina preced/successiva
OK
Annulla
Italiano _49
 UTILIZZO DEL DVR
È più semplice eseguire l'impostazione con il mouse.
utilizzo del DVR
Rilev.movim.
È possibile impostare la regione di rilevazione target e il movimento, nonché l'uscita del segnale di allarme.
Quando la regione di rilevazione del movimento è impostata, rileva il movimento all'interno di tale area.
È più semplice eseguire l'impostazione con il mouse.
1. Utilizzare i tasti su/giù () nella finestra <Evento> per
selezionare <Rilev.movim.> e premere il tasto [ENTER].
Si apre una finestra per la configurazione dell'area di
rilevazione del movimento.
Rilev.movim.
Sensibilità 
Allarme 
1
OFF

Liv10 (Alto) 
Nessuno
10 sec

2
OFF

Liv10 (Alto) 
Nessuno
10 sec

3
OFF

Liv10 (Alto) 
Nessuno
10 sec

4
OFF

Liv10 (Alto) 
Nessuno
10 sec

5
OFF

Liv10 (Alto) 
Nessuno
10 sec

6
OFF

Liv10 (Alto) 
Nessuno
10 sec

7
OFF

Liv10 (Alto) 
Nessuno
10 sec

8
OFF

Liv10 (Alto) 
Nessuno
10 sec

Canale
Modo 
2. Utilizzare i tasti di direzione (◄ ►) per selezionare una
voce desiderata e impostare il valore.
• Modo : imposta se attivare la rilevazione del movimento.
• Sensibilità : imposta il livello di sensibilità della rilevazione del
movimento.
• Allarme : imposta il metodo di uscita dell'allarme.
 Per ulteriori informazioni sull'uscita allarme, vedere “Allarm HDD > Allarme”. (pagina 41)
• Durata allarm : imposta la durata del segnale e del suono di allarme.
Durata allarm 
Pagina preced/successiva
Area rilev.mov.
OK
Annulla
3. Al termine dell'impostazione della rilevazione del movimento, premere <OK>.
Impostazione dell'area di rilevazione del movimento
{ Selezionare <Area rilev.mov.>.
| Quando si apre la finestra “Area rilev.mov.”,
selezionare un canale per la rilevazione e impostare
l'area di rilevazione del movimento.
• Per impostare l'area nella finestra “Area rilev.mov.”
Nella finestra “Area rilev.mov.”, selezionare la regione
desiderata da <
>.
• Per impostare l'area utilizzando la selezione <Singolo>
Area rilev.mov.
Canale1
Singolo
OK
Appl. a tutti canali
Annulla
Nella finestra “Area rilev.mov.”, è possibile selezionare le
celle individualmente utilizzando <Singolo>.
Quando viene selezionato <Singolo>, la finestra “Area rilev.mov.” scompare ed è possibile selezionare le
celle una per una. Al termine dell'impostazione dell'area di rilevazione del movimento, fare clic con il tasto
destro del mouse per selezionare <Menu> nel menu di scelta rapida o premere il tasto [MENU] sul
telecomando per visualizzare nuovamente la finestra “Area rilev.mov.”.
- Selez. : la cella selezionata viene impostata come parte dell'area di rilevazione del
Selez
movimento.
Deseleziona
- Deseleziona : la cella selezionata viene rimossa dall'area di rilevazione del movimento.
Inverti
- Inverti : le celle deselezionate vengono impostate come l'area di rilevazione del movimento.
Menu
- Menu : dopo aver selezionato le singole aree di movimento, passare alla finestra
“Area rilev.mov.”.
 Se è selezionato <Appl. a tutti canali>, l'area di movimento selezionata viene applicata a tutti i canali.
} Al termine dell'impostazione della rilevazione del movimento, premere <OK>.
50_ utilizzo del DVR
Rilevazione perdita video
È possibile impostare l'allarme da generare in caso di scollegamento della telecamera, che provoca una
perdita del video.
È più semplice eseguire l'impostazione con il mouse.
2. Utilizzare i tasti di direzione (◄ ►) per selezionare una
voce desiderata e impostare il valore.
Rilevazione perdita video
Canale
StatoPerdVideo 
Allarme 
Durata allarm 
1
OFF

Nessuno
10 sec

2
OFF

Nessuno
10 sec

3
OFF

Nessuno
10 sec

4
OFF

Nessuno
10 sec

5
OFF

Nessuno
10 sec

6
OFF

Nessuno
10 sec

7
OFF

Nessuno
10 sec

8
OFF

Nessuno
10 sec

Pagina preced/successiva
• StatoPerdVideo : imposta se attivare la rilevazione perdita
video.
• Allarme : imposta il metodo di uscita dell'allarme.
 Per ulteriori informazioni sull'uscita allarme, vedere “Allarm HDD > Allarme”. (pagina 41)
OK
Annulla
• Durata allarm : imposta la durata del segnale e del suono di allarme.
3. Al termine dell'impostazione della rilevazione perdita video, premere <OK>.
Programmazione allarme
È possibile impostare le condizioni e le ore di funzionamento degli allarmi programmati.
È più semplice eseguire l'impostazione con il mouse.
1. Utilizzare i tasti su/giù () nella finestra <Evento> per
selezionare <Programmazione allarme> e premere il
tasto [ENTER].
2. Si apre la finestra delle impostazioni <Programmazione
allarme>.
Programmazione allarme
Allarm1
Tutti
00 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23
Dom
Lun
Mar
Mer
Gio
3. Allarme : Imposta il metodo di uscita dell'allarme.
 Per ulteriori informazioni sull'uscita allarme, vedere “Allarm
HDD > Allarme”. (pagina 41)
Ven
Sab
Fer
OFF
ON
Applica a tutti allarmi
Sincr. eventi
• <ON> : di colore arancione, genera sempre l'allarme al
momento programmato.
• <OFF> : di colore bianco, non viene generato nessun allarme, neanche se si verifica un evento.
• Sincr. eventi : di colore blu, genera un allarme soltanto quando si verifica un evento.
• Applica a tutti allarmi : applica il programma configurato a
Programmazione allarme
tutti gli allarmi.
OK
Annulla
Allarm1
M
 Quando l'allarme viene generato nel momento programmato,
è possibile arrestare l'allarme annullando il programma.
Tutti
Lun
Applica a tutti allarmi
Mar
Mer
Gio
4. Al termine dell'impostazione della programmazione
dell'allarme, premere <OK>.
00 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23
Dom
Applicare progr. allarme a tutto?
Ven
OK
Sab
Annulla
Fer
OFF
ON
Applica a tutti allarmi
Sincr. eventi
OK
Annulla
Italiano _51
 UTILIZZO DEL DVR
1. Utilizzare i tasti su/giù () nella finestra <Evento> per
selezionare <Rilevazione perdita video>, quindi premere
il tasto [ENTER].
Si apre una finestra per la configurazione dell'area di
rilevazione di perdita video.
utilizzo del DVR
BACKUP
È possibile controllare il dispositivo di backup e impostare il programma di backup per canale o data/ora.
Il prodotto supporta solo l'HDD esterno di memoria USB e tipo USB. (pagina 96)
Impostazione del backup
È possibile eseguire il backup dei dati desiderati su un dispositivo collegato.
È più semplice eseguire l'impostazione con il mouse.
1. Premere il tasto [MENU] sul telecomando.
Disconn.
Invio
2. Utilizzare il tasto sinistro/destro (◄ ►) per selezionare
<Backup>. Il menu Backup è selezionato.
Backup
Backup
3. Premere il tasto [ENTER].
Viene visualizzata la finestra del backup.
È possibile accedere direttamente a essa da “Menu
schermata live”. (pagina 20)
Backup
 Inizio
2012-01-01 00:01:06
 Sovrapp
Tutti
 Fine
2012-01-01 08:25:45
~
Elenco0
1
2
3
4
5
6
7
4. Utilizzare i tasti di direzione (◄ ►) per selezionare una
voce desiderata e impostare il valore.
• Interv. backup: imposta la data/ora di <Inizio> e <Fine> del
backup.
• Canale : imposta il canale di cui eseguire il backup.
È possibile selezionare più canali.
• Dispos. : selezionare un dispositivo di backup tra i dispositivi
rilevati.
• Tipo : imposta il formato dei dati di backup.
- DVR : i dati salvati possono essere riprodotti solo dal DVR.
- SEC : salva i dati nel formato proprietario Samsung con visualizzatore integrato, che consente la
riproduzione immediata su un PC.
9
10
11
12
13
14
15
 Dispos.
USB-Storage
 Tipo
DVR
 Cartella
\20120101\
 NomeFile
0001
8
16
Cambia
Backup
Usato
Libero
Controlla capacità di backup.
OK
Annulla
• NomeFile : è possibile impostare il nome del file di backup.
 Vedere “Utilizzo della tastiera virtuale”. (pagina 30)
• Controlla capacità di backup. : mostra le dimensioni dei dati di backup selezionati, la capacità utilizzata e
disponibile del dispositivo di backup selezionato.
 Il controllo viene arrestato se la dimensione del backup supera del 200% la capacità disponibile.
• Sovrapp : mostra un elenco di dati sovrapposti per data/ora in base al numero di dati.
Appare quando un canale ha più dati per un determinato momento a causa del cambio delle impostazioni
dell'ora o del fuso orario, ecc.
 Vedere le impostazioni di data/ora e fuso orario di “Impostazione di data/ora/lingua”. (pagina 28)
52_ utilizzo del DVR
5. Al termine dell'impostazione del backup, premere <OK>.
 Se non viene rilevato nessun dispositivo disponibile per il backup, il pulsante <OK> non è attivato.
J
 L'applicazione può rallentare durante il backup.
 Possibile commutare alla schermata del menu mentre il backup in funzione, ma la riproduzione dei dati non disponibile.
 Se il backup non funziona, selezionare “Dispositivo > Dispositivo di memorizzazione” e verificare lo spazio libero
sull'HDD assicurandosi allo stesso tempo che l'HDD sia collegato correttamente.
 Premendo <Chiudi> durante il backup si ritorna al menu precedente, mentre il backup continua.
CONFIGURAZIONE DELLA RETE
Consente di eseguire il monitoraggio in rete della schermata live da remoto, e supporta la funzione di inoltro mail con
eventi. È possibile configurare l'ambiente di rete che consente tali funzioni.
Modo collegam.
Consente di impostare il percorso e il protocollo della connessione di rete.
Impostazione della connessione
Imposta il protocollo e l'ambiente della rete.
È più semplice eseguire l'impostazione con il mouse.
1. Premere il tasto [MENU] sul telecomando.
Disconn.
2. Utilizzare il tasto sinistro/destro (◄ ►) per selezionare
<Rete>.
Il menu Rete è selezionato.
Invio
Rete
3. Utilizzare i tasti su/giù () per spostarsi su <Modo
collegam.> e premere il tasto [ENTER].
Modo collegam.
DDNS
Trasfer. live
Servizio Mailing
4. Selezionare <Connessione>.
Si apre la finestra di impostazione del modo di
connessione.
5. Utilizzare i tasti di direzione (◄ ►) per selezionare una
voce desiderata e impostare il valore.
Modo collegam.
Connessione
Protocollo
 Modo collegam.
IP statico
 Larg.banda
2Mbps
 IP
 Gateway
192.168. 1.200
192.168. 1.
1
• Modo collegam. : imposta il modo connessione di rete.
• Larg.banda: imposta il flusso massimo di dati da trasferire.
(velocità di caricamento)
Le opzioni variano a seconda del modo di collegamento
selezionato.
- Per <IP statico>, <IP dinam.>: selezionare un valore tra 50 kbps e 2Mbps, o Illimitato.
- Per <ADSL>, selezionare un valore da 50 kbps a 600 kbps.
 Subnet mask
255.255.255. 0
 DNS
Manuale
168.126. 63. 1
OK
Annulla
Italiano _53
 UTILIZZO DEL DVR
M
utilizzo del DVR
• IP, Gateway, Subnet mask e DNS
- Per <IP statico> : È possibile introdurre direttamente
indirizzo IP, Gateway, Subnet mask e DNS.
- Per <IP dinam.> : Indirizzo IP, Gateway e Subnet mask
sono impostati automaticamente.
- Per <ADSL> : Indirizzo IP, Gateway e Subnet mask sono
impostati automaticamente.
• ID utente, Password : Se è stato scelto ADSL, inserire
“ID utente” e “Password”.
M
Modo collegam.
Connessione
Protocollo
 Modo collegam.
ADSL
 Larg.banda
600kbps
 IP
192.168. 1.200
 Gateway
192.168. 1.
 Subnet mask
255.255.255. 0
 DNS
Manuale
 ID utente
ID
 Password
************
1
168.126. 63. 1
OK
Annulla
 Il server DNS per <IP dinam.> e <ADSL> può essere impostato dall'utente soltanto se è stato selezionato
<Manuale>.
6. Al termine dell'impostazione della connessione, premere <OK>.
Impostazione del protocollo
1. Utilizzare i tasti su/giù () nella finestra <Rete> per
selezionare <Modo collegam.> e premere il tasto
[ENTER].
Modo collegam.
Connessione
Protocollo
 Tipo protocollo
2. Selezionare <Protocollo>.
3. Utilizzare i tasti di direzione (◄ ►) per selezionare una
voce desiderata e impostare il valore.
 Porta (TCP)
TCP
4520
 Porta (UDP)
 Unicast/Multicast
 IP Multicast
~
224.126. 63. 1
 TTL
 Porta visual. web
4524
8000 ~ 8160
Unicast
5
80
• Tipo protocollo : selezionare il tipo di protocollo tra TCP e
UDP.
 Se è selezionato UDP, sono attivate le selezioni di Porta (TCP),
Porta (UDP) e Unicast/Multicast.
OK
Annulla
 Se si imposta un modo di connessione <ADSL>, non è possibile selezionare il protocollo di tipo UDP.
• Porta (TCP) : inizialmente è impostato <4520~4524>. Aumenta / diminuisce di 5.
- TCP : ha una maggiore stabilità e una velocità inferiore rispetto a UDP, ed è raccomandato per gli
ambienti Internet.
• Porta (UDP) : inizialmente è impostato <8000~8160>. Aumenta / diminuisce di 160.
- UDP : ha una stabilità inferiore e una velocità superiore rispetto a TCP, ed è raccomandato per gli ambienti
LAN (local area network).
• Unicast/Multicast : scegliere Unicast o Multicast.
Se è selezionato Multicast, IP Multicast e TTL sono attivati.
- Unicast : trasferisce i dati (UDP, TCP) singolarmente a ogni client connesso.
- Multicast : più client possono ricevere i dati (solo in UDP) senza aumentare ulteriormente il traffico della rete.
• IP Multicast : l'utente può immettere dati direttamente.
• TTL : Scegliere un valore da 0 a 255. Il valore iniziale impostato per TTL è <5>.
• Porta visual. web : Inserire il numero di porta per il visualizzatore Web. Inizialmente è impostato su <80>.
M
 Si raccomanda di utilizzare i protocolli TCP dal momento che il protocollo UDP può provocare una perdita di pacchetti
di rete.
 Se si selezionano i protocolli UDP e viene impostato il port forwarding nel router IP si ha come conseguenza una
connessione di rete instabile; occorre quindi configurare le impostazioni del DMZ nel router IP in modo adeguato.
4. Al termine dell'impostazione del protocollo, premere <OK>.
54_ utilizzo del DVR
Connessione e impostazione della rete
Il collegamento in rete può differire a seconda del metodo di connessione; controllare l'ambiente prima di
impostare il modo di connessione.
Se non viene utilizzato un router
• Modo IP dinamico (DHCP)
- Connessione Internet: collegare il DVR direttamente a un
modem via cavo, a un modem ADSL DHCP o a una rete
FTTH.
- Impostazioni di rete DVR: impostare <Modo collegam.> nel
menu <Connessione> del DVR connesso su <IP dinam.>.
 Modo collegam.
IP statico
 Larg.banda
2Mbps
 IP
192.168. 1.200
 Gateway
192.168. 1.
 Subnet mask
255.255.255. 0
 DNS
Manuale
1
168.126. 63. 1
OK
Annulla
• ADSL (PPPoE: certificazione ID e password)
- Connessione Internet : un modem ADSL è collegato direttamente al DVR, dove la connessione ADSL
richiede ID utente e password.
- Impostazioni di rete DVR : impostare <Modo collegam.>
Modo collegam.
nel menu <Connessione> del DVR connesso su <ADSL>.
Connessione
Protocollo
 <ID utente> e <Password> dell'ADSL devono corrispondere ai
dati utente.
Se non si conoscono l'ID e la password, consultare il fornitore del
servizio ADSL.
 Modo collegam.
ADSL
 Larg.banda
600kbps
 IP
192.168. 1.200
 Gateway
192.168. 1.
1
 Subnet mask
255.255.255. 0
 DNS
Manuale
 ID utente
ID
 Password
************
168.126. 63. 1
OK
Annulla
Italiano _55
 UTILIZZO DEL DVR
• Modo IP statico
- Connessione Internet : ADSL IP statico, linea dedicata e ambienti LAN consentono la connessione tra DVR
e utente remoto.
- Impostazioni di rete DVR : impostare <Modo collegam.> nel
Modo collegam.
menu <Connessione> del DVR connesso su <IP statico>.
Connessione
Protocollo
 Consultare l'amministratore della rete per IP, Gateway e Subnet
mask.
utilizzo del DVR
Se viene utilizzato un router
J
 Per evitare un conflitto dell'indirizzo IP con l'IP statico del DVR, controllare quanto segue.
• Impostazione del DVR con un IP statico
- Connessione Internet: è possibile collegare il DVR ad un router collegato a un modem ADSL/via cavo o a un
router in un ambiente LAN (Local Area Network).
• Impostazione della rete DVR
1. Impostare <Modo collegam.> nel menu <Connessione> del DVR connesso su <IP statico>.
2. Controllare se l'indirizzo IP impostato è compreso nell'intervallo di IP statici fornito dal router a banda larga.
IP, Gateway e Subnet mask: consultare l'amministratore della rete.
 Controllare se l'indirizzo IP impostato è compreso nell'intervallo di IP statici fornito dal router a banda larga.
J
 Se il server DHCP è configurato con l'indirizzo iniziale (192.168.0.100) e finale (192.168.0.200), impostare
l'indirizzo IP in base all'intervallo DHCP configurato (192.168.0.2 - 192.168.0.99 e 192.168.0.201 192.168.0.254).
3. Controllare che l'indirizzo del gateway e la subnet mask corrispondano a quelli impostati nel router a
banda larga.
• Impostazione dell'indirizzo IP DHCP del router a banda larga
1. Per accedere alle configurazioni del router a banda larga, aprire un browser Web sul PC locale collegato al
router a banda larga e inserire l'indirizzo del router (es: http://192.168.1.1).
2. A questo punto, impostare le seguenti configurazioni di rete di Windows per il PC:
Es.) IP: 192.168.1.2
Subnet mask: 255.255.255.0
Gateway: 192.168.1.1
- Una volta eseguita la connessione al router a banda larga, viene richiesta la password. Non inserire nulla nel
campo Nome utente, inserire “admin” nel campo della password e premere <OK> per accedere alle
configurazioni del router.
- Accedere al menu di configurazione DHCP del router e impostare l'attivazione del server DHCP, e indicare
l'indirizzo iniziale e finale.
Impostare l'indirizzo iniziale (192.168.0.100) e finale (192.168.0.200).
M
 I passi descritti sopra possono differire a seconda dei router delle diverse case produttrici.
• Impostazione del Port Forwarding del router
1. Impostare il protocollo su <TCP>.
2. Intervallo porte esterne : inserire la porta TCP impostata in
<Porta (TCP)> nel menu <Protocollo> del DVR collegato.
Se al router è collegato più di un DVR, la porta TCP può
essere diversa.
3. Indirizzo IP interno del PC : inserire l'indirizzo IP impostato
in <IP> nel menu <Connessione> del DVR collegato.
4. Intervallo porte interne: impostare lo stesso di “Intervallo
porte esterne”.
M
Modo collegam.
Connessione
 Tipo protocollo
 Porta (TCP)
Protocollo
TCP
4520
 Porta (UDP)
 Unicast/Multicast
 IP Multicast
~
224.126. 63. 1
 TTL
 Porta visual. web
4524
8000 ~ 8160
Unicast
5
80
OK
Annulla
 I passi descritti sopra possono differire a seconda dei router
delle diverse case produttrici.
Il port forwarding è necessario per accedere al DVR connesso al router dall'esterno della rete del router.
56_ utilizzo del DVR
DDNS
È possibile impostare il sito DDNS per la connessione di rete di un utente remoto.
È più semplice eseguire l'impostazione con il mouse.
1. Utilizzare i tasti su/giù () nella finestra <Rete> per
selezionare <DDNS> e premere il tasto [ENTER].
2. Utilizzare la tastiera virtuale per inserire i dati dell'utente.
 Sito DDNS
iPOLiS
 Nome host
www.samsungip...
 Nome utente
 Password utente
 Indirizzo host DDNS
http://www.samsungipolis.com/
 UTILIZZO DEL DVR
 Vedere “Utilizzo della tastiera virtuale”. (pagina 30)
 Se sono selezionati <OFF> o <iPOLiS>, i campi di input sono
DDNS
disattivati.
 Se si seleziona <iPOLiS>, viene visualizzato “Indirizzo host
DDNS”.
OK
Annulla
3. Al termine dell'impostazione di DDNS, premere <OK>.
Impostazione DDNS
DDNS è l'acronimo di Dynamic Domain Naming System.
DNS (Domain Name System) è un servizio che indirizza un nome di dominio costituito da caratteri di
immediata comprensione per l'utente (es: www.google.com) a un indirizzo IP costituito da numeri
(64.233.189.104).
DDNS (Dynamic DNS) è un servizio che registra un nome di dominio e l'indirizzo IP variabile con il server
DDNS in modo che il nome di dominio possa essere indirizzato all'indirizzo IP anche se l'IP viene cambiato in
un sistema IP dinamico.
Trasfer. live
Imposta la qualità dell'immagine trasferita dal DVR alla rete.
È più semplice eseguire l'impostazione con il mouse.
1. Nella finestra dell'impostazione della <Rete>, premere il
tasto su/giù () per selezionare <Trasfer. live> e
premere il tasto [ENTER].
Viene visualizzata la finestra di trasferimento live.
Trasfer. live
 Risoluz.
CIF(S)
 Qualità
Bassa
2. Utilizzare i tasti di direzione (◄ ►) per selezionare una
voce desiderata e impostare il valore.
3. Dopo aver completato il trasferimento live, premere <OK>.
 La risoluzione è fissa su CIF(S) ed è possibile specificare solo la
qualità del trasferimento.
OK
Annulla
Italiano _57
utilizzo del DVR
Servizio Mailing
È possibile inviare un'e-mail a un utente registrato sul DVR in un determinato intervallo di tempo, o se si
verifica un evento.
M
 Se si verifica un evento con un canale in cui il video della videocamera è impostato su <OFF> o il numero restante
J
 Se si imposta un intervallo di notifica e-mail troppo breve, il server e-mail può considerare queste e-mail come spam
delle registrazioni è impostato su <OFF>, solo la notifica di testo viene inviata all'indirizzo e-mail interessato.
e non trasmetterle correttamente.
Impostazione SMTP
Imposta il server di posta SMTP.
È più semplice eseguire l'impostazione con il mouse.
1. Nella finestra dell'impostazione della <Rete>, premere il
tasto su/giù () per selezionare <Servizio Mailing> e
premere il tasto [ENTER].
Servizio Mailing
SMTP
 Tip.server
Evento
Gruppo
Destinatario
ServerPosta SMTP
 Server
2. Selezionare <SMTP>.
Viene visualizzata la finestra di impostazione SMTP.
3. Utilizzare i tasti di direzione (◄ ►) per selezionare una
voce desiderata e impostare il valore.
• Tip.server : mostra il tipo di server collegato.
 Porta
25
Usa autenticazione
 Utente
 Password
************
 Trasferim.sicuro
Mai
 Mittente
ex. user@example.net
TEST
OK
Annulla
• Server : inserire un server a cui collegarsi.
• Porta : imposta la porta di comunicazione.
• Usa autenticazione : selezionare questa casella se il server SMTP usa l'autenticazione utente.
Viene attivato il riquadro di inserimenti dei dati dell'account.
• Utente : inserire un nome utente per l'autenticazione per la connessione al server SMTP.
• Password : inserire la password dell'utente del server SMTP.
• Trasferim.sicuro : scegliere <Mai> e <TLS (se disponibile)>.
• Mittente : Utilizzare la tastiera virtuale per indicare l'indirizzo e-mail.
 Vedere “Utilizzo della tastiera virtuale”. (pagina 30)
• TEST : esegue il test delle impostazioni del server.
4. Al termine dell'impostazione SMTP, premere <OK>.
58_ utilizzo del DVR
Impostazione degli eventi
È possibile impostare l'intervallo e il tipo di evento che verrà inviato all'utente.
È più semplice eseguire l'impostazione con il mouse.
1. Nella finestra dell'impostazione della <Rete>, premere il
tasto su/giù () per selezionare <Servizio Mailing> e
premere il tasto [ENTER].
2. Selezionare <Evento>.
SMTP
Evento
 Intervallo eventi
Gruppo
Destinatario
10 min
 Usa trasferim.eventi
Sens.
Reg.mov.
Camb.passw
Info HDD
Alim. on/off
Reg. manuale
• Intervallo eventi : impostare l'intervallo tra gli eventi.
 Se si verifica una serie di eventi, l'e-mail viene inviata all'intervallo
specificato, non a ogni evento.
OK
Perdita video
Annulla
• Usa trasferim.eventi : selezionare un tipo di evento da inviare se si verifica un evento.
Se si verifica l'evento selezionato, l'e-mail viene inviata al gruppo con autorità di destinatario.
4. Al termine dell'impostazione dell'evento, premere <OK>.
Impostazione del gruppo
È possibile impostare il gruppo a cui l'e-mail viene inviata e specificare il permesso per ogni gruppo.
È possibile aggiungere destinatari a ogni gruppo nella voce di menu <Destinatario>.
Il destinatario è impostato separatamente dal gruppo di utenti DVR.
È più semplice eseguire l'impostazione con il mouse.
1. Nella finestra dell'impostazione della <Rete>, premere il
tasto su/giù () per selezionare <Servizio Mailing> e
premere il tasto [ENTER].
2. Selezionare <Gruppo>.
3. Utilizzare i tasti di direzione (◄ ►) per selezionare una
voce desiderata e impostare il valore.
• Agg. : selezionare <Agg.> e utilizzare la tastiera virtuale per
aggiungere un gruppo.
 Vedere “Utilizzo della tastiera virtuale”. (pagina 30)
Servizio Mailing
SMTP
Gruppo
Evento
 Gruppo
Agg.
Destinatario
Elimina
Rinomina
 Autorizzazione destinatario
Sens.
Reg.mov.
Camb.passw
Info HDD
Alim. on/off
Reg. manuale
OK
Perdita video
Annulla
• Elimina : elimina il gruppo selezionato.
• Rinomina : è possibile resettare il permesso di ricevere i messaggi di un gruppo esistente.
• Autorizzazione destinatario : impostare il permesso del gruppo di destinatari.
4. Al termine dell'impostazione del gruppo, premere <OK>.
Italiano _59
 UTILIZZO DEL DVR
3. Utilizzare i tasti di direzione (◄ ►) per selezionare una
voce desiderata e impostare il valore.
Servizio Mailing
utilizzo del DVR
Impostazione dei destinatari
È possibile aggiungere/rimuovere un destinatario(i) al/dal gruppo specificato e modificare il gruppo se necessario.
È più semplice eseguire l'impostazione con il mouse.
1. Nella finestra dell'impostazione della <Rete>, premere il
tasto su/giù () per selezionare <Servizio Mailing> e
premere il tasto [ENTER].
Servizio Mailing
SMTP
Evento
 Gruppo
Destinatario
Gruppo
Tutti gruppi
Gruppo
Agg.
Nome
Indirizzo e-mail
Canc
2. Selezionare <Destinatario>.
3. Utilizzare i tasti di direzione (◄ ►) per selezionare una
voce desiderata e impostare il valore.
Pagina preced/successiva
OK
• Agg. : È possibile selezionare il nome di un destinatario, un
indirizzo e-mail o un gruppo.
Prima di poter aggiungere utenti a un gruppo è necessario
che il gruppo sia stato creato nella voce di menu <Gruppo>.
 Per inserire il nome del destinatario e l'indirizzo email, vedere
“Utilizzo della tastiera virtuale”. (pagina 30)
Annulla
Servizio Mailing
SMTP
Evento
 Gruppo
Agg.
Aggiungi destinatario
Gruppo
Nome
Indirizzo e-mail
Canc
 Nome
 E-mail
 Seleziona gruppo
ABC
OK
Annulla
4. Al termine dell'impostazione del destinatario, premere
<OK>.
Pagina preced/successiva
OK
60_ utilizzo del DVR
Destinatario
Gruppo
ABC
Annulla
CONTROLLO DI UN DISPOSITIVO PTZ
Il DVR consente di regolare le impostazioni di una telecamera PTZ e di una telecamera convenzionale in base alle
proprie preferenze.
Dispositivo PTZ
Il dispositivo PTZ può essere attivato solo se viene selezionato un canale in relazione alla telecamera PTZ.
Informazioni di base sul PTZ
PTZ
Audio On
> per visualizzare il live launcher.
Fare clic con il tasto destro del mouse su qualsiasi area dello
schermo per visualizzare il menu di scelta rapida e selezionare
<Comando PTZ>.
 Usando le icone sulla schermata live
M

Zoom av.
 Usando il menu di scelta rapida in modo Live
Fare clic sull'icona PTZ <

Uscita Spot
Comando PTZ
 Usando il menu Launcher
Fare clic su PTZ <
Modo scena
> sulla schermata live.
Ferm imm
Arresta allarme
Registr.
Riprod.
Ricerca
Backup
Menu princip
Chiudi
Nascondi ut.avvio
Disconn.
2012-01-01 01:10:25
 La funzione PTZ è disponibile solo se la telecamera PTZ è
collegata in modo che l'icona PTZ sia visualizzata sullo schermo.
Italiano _61
 UTILIZZO DEL DVR
La telecamera PTZ è disponibile solo se è selezionato un canale, nel modo seguente:
 Uso dei tasti del telecomando
2012-01-01 01:10:25
Premere il tasto [PTZ] sul telecomando.
utilizzo del DVR
Uso della telecamera PTZ
È possibile utilizzare una telecamera per eseguire tutte le funzioni di PAN, TILT e ZOOM per monitorare più
punti e impostare le preimpostazioni in base alle proprie preferenze nel modo desiderato.
1. Avviare il menu <Comando PTZ>.
Mentre l'icona PTZ <
> nell'angolo inferiore destro
diventa gialla, si accede al modo “Comando PTZ” per
visualizzare il menu “Comando PTZ”.
M
 Prima di iniziare, assicurarsi di configurare gli ambienti in cui
attivare la funzione PTZ poiché l'icona che indica che la
funzione PTZ è attivata può essere visualizzata anche se la
funzione non è attiva.
2012-01-01 01:10:25
Comando PTZ CAM01
Pan auto
Selez.
Scansione
Selez.
Modello
Selez.
Preimposta Selez.
Imp videoc
Selez preimp
Salv
Rinomina
Delete
All tutto
EliminaDelete
Canc.
Chiudi
2. Utilizzare la rotella PTZ nel menu di avvio per regolare
l'area di monitoraggio o usare i tasti di direzione (◄ ►)
sul telecomando per spostare la telecamera verso il punto desiderato.
• Rotella PTZ : Facendo clic su un punto più vicino al centro, ci si sposta lentamente in quella direzione;
facendo clic su un punto più lontano dal centro ci si sposta velocemente.
 Se si continua a fare clic verso sinistra, l'obbiettivo viene fatto ruotare in senso antiorario; se si continua a fare clic verso
destra, l'obbiettivo viene fatto ruotare in senso orario.
• Zoom (
) : È possibile utilizzare la funzione Zoom della telecamera PTZ.
• DIAFR (
) : Regola l'intensità della radiazione che entra nel diaframma.
• Fuoco (
) : Consente di regolare manualmente la messa a fuoco.
• Panoramica auto : la telecamera si sposta automaticamente tra i due punti selezionati.
• Scansione : la telecamera si sposta nei punti preimpostati nella sequenza specificata.
Se sono specificate più preimpostazioni, la telecamera PTZ si sposta automaticamente in tutti i punti
preimpostati in una volta.
• Modello : fa in modo che la telecamera PTZ ricordi e segua il tragitto percorso.
 Le funzioni di Panoramica auto, Scansione e Modello sono supportate dai protocolli Samsung, Panasonic e Pelco, e sono
diverse in termini di nome e impostazione, a seconda dei protocolli di Samsung, Panasonic e Pelco.
(Panasonic: panoramica auto, sequenza, ordinamento / Pelco: panoramica automatica, scansione fotogrammi (scansione),
modello)
M
 Prima di accedere al modo di comando del dispositivo PTZ, impostare i valori del dispositivo PTZ in <Impostazione
del PTZ>. (pagina 40)
62_ utilizzo del DVR
Configurazione delle preimpostazioni
Una preimpostazione è un gruppo di punti target specifici di una telecamera PTZ; possono essere
memorizzate fino a 127 preimpostazioni per telecamera.
1. Nel modo Comando PTZ, utilizzare i tasti di direzione per regolare la telecamera in una direzione desiderata.
2. Selezionare il tasto <Salv>.
Viene visualizzata la tastiera virtuale per inserire la preimpostazione.
 Vedere “Utilizzo della tastiera virtuale”. (pagina 30)
Salv : Consente di salvare le impostazioni preimpostate.
Rinomina : È possibile cambiare le impostazioni delle preimpostazioni esistenti.
Elimina : Elimina la preimpostazione selezionata.
Canc. tutto : Elimina tutte le preimpostazioni esistenti.
M
 Se si sostituisce la telecamera del canale che memorizza l'elenco di preimpostazioni con una nuova, è necessario
resettare la preimpostazione di conseguenza.
3. Premere <OK>.
La preimpostazione viene salvata con il nome inserito.
Impostazione telecamera
La telecamera PTZ ha il proprio sistema di menu. Ottimizzare la telecamera PTZ in base al DVR.
1. Collegare la telecamera PTZ al DVR ed eseguire di nuovo
la telecamera PTZ per visualizzare la finestra di
impostazione del protocollo della telecamera.
2. Controllare il protocollo ID della telecamera.
 In “Dispos. > Impostazione del PTZ”, inserire l'ID della
telecamera PTZ nella casella di ingresso dell'ID del canale
collegato alla telecamera PTZ. (pagina 40)
2012-01-01 01:10:25
SAMSUNG PROTOCOL
ADDR
TYPE
BAUD
LENS
TILT
PAN
3. Selezionare <Imp videoc> nel menu Comando PTZ.
Si apre il menu specifico della telecamera.
 È possibile configurare le impostazioni soltanto delle telecamere
che supportano i protocolli di Samsung, Pelco D/P, AD e
Panasonic.
 Se si stanno impostando Panoramica auto o Modello nel menu
della telecamera, tenere premuto il pulsante relativo per qualche
istante in modo che il funzionamento del pulsante sia diverso
rispetto alla normale impostazione PTZ.
0
RS-485,HALF
9600
OK!
OK!
OK!
2012-01-01 01:10:25
** MAIN MENU **
Imp.telec

Chiudi
CAMERA SET...
...
VIDEO SET...
PRESET...
ZONE SET...
AUTO SET...
ALARM SET...
OTHER SET...
CLOCK SET...
SYSTEM INFO...
Italiano _63
 RICERCA E RIPRODUZIONE
•
•
•
•
ricerca e riproduzione
RICERCA
È possibile eseguire la ricerca dei dati registrati in base alla data/ora o a criteri di ricerca quali un evento.
È possibile accedere al menu <Ricerca> direttamente nel modo Live.
1. Nel modo Live, fare clic con il tasto destro del mouse su
qualsiasi area della schermata.
Si apre il menu Live.
Modo scena
2012-01-01 01:10:25
Uscita Spot


Audio Off
Ferm imm
Arresta allarme
Registr.
2. Selezionare <Ricerca>.
Oppure, premere il tasto [SEARCH] sul telecomando.
Riprod.
Ricerca
Backup
Menu princip
Chiudi
Nascondi ut.avvio
Disconn.
3. Si apre il menu Ricerca.
 Se non è stato selezionato “USO POS” nel menu “Menu princip >
Dispos. > Dispositivo POS”, il menu Ricerca non comprende la
voce “Ricerca POS”. (pagina 42)
2012-01-01 01:10:25
Invio
Ricerca ora
Ricerca evento
4. La ricerca può essere limitata dalla funzione di eliminazione
automatica.
Vedere “Impostazione della registrazione > Opzione
registrazione”. (pagina 48)
M
Ricerca backup
Ricerca POS
Ricerca movimento
 Dati sovrapposti: appare soltanto se vi sono dati sovrapposti
in una determinata data/ora, prodotti a causa del cambiamento dell'impostazione della data/ora del DVR. I dati più
recenti vengono per primi, da <Elen 0>. Non appare in <Ricerca backup>.
Ricerca ora
È possibile ricercare i dati registrati nella data/ora desiderata.
Poiché l'ora visualizzata può variare a seconda del fuso orario e dell'ora legale (DST), l'ora dei dati registrati
con la stessa ora può essere visualizzata in modo diverso a seconda delle impostazioni del fuso orario e
dell'ora solare.
È più semplice eseguire l'impostazione con il mouse.
1. Selezionare <Ricerca ora> nel menu <Ricerca>.
2. Selezionare una data da ricercare.
 Vedere “Uso del calendario”. (pagina 29)
Ricerca ora
Vai a primo
2012-01-01
Dati sovrapp
Vai all'ultimo
List1
Tutti
3. Vengono elencati i dati dei record per la data specifica.
La barra visualizzata è diversa a seconda del tipo di dati.
Verificare il tipo di dati in base al colore nel riquadro sinistro.
4. Utilizzare i tasti di direzione (◄ ►) per impostare i
criteri di ricerca e premere il tasto [ENTER].
•
•
•
•
Zoom av.
Zoom ind.
00:01
Data
CAM 01
CAM 02
CAM 03
2012/01/01 00:01:17
Standard
Programma
Reg.mov.
Sens.
V.Perd
Ecc
CAM 04
CAM 05
CAM 06
CAM 07
Pagina preced/successiva
Riprod.
Invio
Vai a primo : Passa alla data di registrazione più vecchia.
Vai all'ultimo : Passa alla data di registrazione più recente.
Ora : Inserire un'ora per eseguire la ricerca o usare il pulsante su/giù <>> per selezionarne una.
Pagina precedente/successiva : Sposta alla pagina precedente/successiva. (Utilizzare il telecomando o i
tasti del pannello frontale.)
64_ ricerca e riproduzione
• Zoom av. : la mappa si ingrandisce.
Commuta nella sequenza di 24 ore -16 ore -8 ore -4 ore.
• Zoom ind. : la mappa commuta nell'ordine inverso rispetto a
quello descritto sopra.
Commuta nella sequenza 4 ore -8 ore -16 ore -24 ore.
Ricerca ora
Vai a primo
2012-01-01
Vai all'ultimo
Dati sovrapp
List1
Zoom av.
Zoom ind.
00:01
Tutti
Data
CAM 01
CAM 02
CAM 03
2012/01/01 00:01:17
M
 Fare doppio clic su un'ora desiderata per ingrandire o ridurre.
• Anteprima: fare clic su <Canale> e selezionare (facendo clic
o trascinando) un'ora in <Durata> per visualizzare
un'immagine fissa per la porzione.
CAM 04
Standard
Programma
Reg.mov.
Sens.
V.Perd
Ecc
CAM 05
CAM 06
CAM 07
Pagina preced/successiva
Riprod.
Invio
 RICERCA E RIPRODUZIONE
- Se il canale selezionato non contiene dati registrati, viene colorato di nero.
5. Selezionare una voce dati e fare clic su <Riprod.>.
La schermata passa al modo di riproduzione dei dati.
Ricerca evento
È possibile ricercare gli eventi in base al canale e riprodurli.
È più semplice eseguire l'impostazione con il mouse.
1. Selezionare <Ricerca evento> nel menu <Ricerca>.
2. Utilizzare i tasti di direzione (◄ ►) per impostare i
criteri di ricerca e premere il tasto [ENTER].
 Vengono trovati tutti gli eventi di una data specifica. (Compresa
la registrazione normale/programmata)
Ricerca evento
CAM 01
2012-01-01
Dati sovrapp
• AnteprimaData/Ora : se si seleziona una voce dati
nell'elenco, l'immagine fissa dei dati selezionati viene
visualizzata nel riquadro di anteprima sinistro.
• Evento : mostra il tipo di evento che si è verificato.
Vai a primo
List1
Vai all'ultimo
N.
AnteprimaData/Ora
Evento
3
02:47:54 ~ 02:48:59
Reg.mov.
2
00:39:06 ~ 00:40:30
Reg.mov.
1
00:01:22 ~ 00:02:28
Reg.mov.
2012/01/01 00:01:22
Pagina preced/successiva
Riprod.
Invio
3. Selezionare una voce dati e fare clic su <Riprod.>.
La schermata passa al modo di riproduzione dei dati degli eventi.
Ricerca backup
Permette di cercare i dati di backup nel dispositivo di backup collegato.
Solo i dati nel formato del DVR sono compresi nella ricerca.
Vedere <Tipo> in “Backup > Impostazione del backup”. (pagina 52)
È più semplice eseguire l'impostazione con il mouse.
1. Selezionare <Ricerca backup> nel menu <Ricerca>.
2. Utilizzare i tasti di direzione (◄ ►) per impostare i
criteri di ricerca e premere il tasto [ENTER].
• Periodo registraz : visualizza il periodo di registrazione.
• Informazioni canale : Visualizza il canale registrato.
• OraAvvioRipr : selezionare la data e l'ora in cui avviare la
riproduzione.
3. Selezionare una voce dati e fare clic su <Riprod.>.
La schermata passa al modo di riproduzione dei dati di
backup.
Ricerca backup
USB:USB2FlashStorage
N.
Cartella
Nome file
1
20120101
16190000
Pagina preced/successiva
 Nome file 16190000
 Informazioni canale 1
 Periodo registraz
2012-01-01 01:01:01 - 2012-01-01 01:01:10
 OraAvvioRipr
2012-01-01
Riprod.
01:01:01
Invio
Italiano _65
ricerca e riproduzione
Ricerca POS
È possibile ricercare i dati nel dispositivo POS collegato al DVR.
È possibile utilizzare il mouse per selezionare le voci relative.
1. Selezionare <Ricerca POS> nel menu <Ricerca>.
 La voce <Ricerca POS> si attiva solo se si abilita l'opzione
“Usa POS” da “Dispositivo > Dispositivo POS”. (pagina 42)
Ricerca POS
Data/ora
2012-01-01 02:41:18
2012-01-01 03:41:18
Ric.p.chiav
Dati sovrapp
Case sensitive
List1
Vai a primo
Ricerca
Parola int
Vai all'ultimo
2. Utilizzare i tasti di direzione (◄ ►) per impostare i
criteri di ricerca e premere il tasto [ENTER].
 È possibile inserire il testo specifico per affinare la ricerca.
• Ric.p.chiav : utilizzare la tastiera virtuale per inserire una
parola chiave.
• Criteri di ricerca :
- <Case sensitive> : se questa opzione è selezionata, la
ricerca verrà eseguita facendo differenza tra maiuscole e minuscole.
- <Parola int> : se questa opzione è selezionata, verranno trovate solo le corrispondenze esatte della
parola chiave.
• Anteprima: selezionare una voce dati nell'elenco per visualizzare l'anteprima.
Le informazioni sull'immagine vengono visualizzate nella parte inferiore della schermata.
: È possibile utilizzare questi tasti per accelerare la ricerca se la lista di risultati della ricerca è molto
•
lunga.
POS
Canale
Data/ora inizio
1
1
2012-01-01 03:41:15
CHANGE _
1
1
2012-01-01 03:41:15
CASH _
Ric.p.chiav
1
1
2012-01-01 03:41:10
CASH _
2012/01/01 03:41:15
CHANGE
5.95
Pagina preced/successiva
Riprod.
Invio
3. Selezionare una voce dati e fare clic su <Riprod.>.
La schermata passa al modo di riproduzione dei dati POS.
Ricerca movimento
Se viene rilevato un movimento in ogni canale, è possibile impostare un'area desiderata per eseguire la ricerca.
È possibile utilizzare il mouse per selezionare le voci relative.
1. Selezionare <Ricerca movimento> nel menu <Ricerca>.
2. Utilizzare i tasti di direzione (◄ ►) per impostare i
criteri di ricerca e premere il tasto [ENTER].
 Se si imposta l'area di movimento su <Area man>, si attiva il
pulsante <Impostaz.>.
• Area rilev.mov. : selezionare un'area per eseguire la ricerca.
- Tutte aree: ricerca in tutte le aree del canale selezionato.
- Area corr: ricerca l'area di movimento per ogni canale
specificato in “Rilev.movim. > Impostazione dell'area di
rilevazione del movimento”. (pagina 50)
- Area man: è possibile impostare l'area del movimento
manualmente.
• Impostaz. : Il pulsante Impostaz. si attiva soltanto se l'area
del movimento è impostata su Manuale. Premere questo
pulsante per visualizzare la finestra di impostazione dell'area.
• Data/ora : la data/ora viene impostata automaticamente con
un'ora, e l'ora di fine viene impostata automaticamente
un'ora dopo l'ora di inizio se è impostata.
• Anteprima : Selezionare una voce dati nell'elenco per
visualizzare l'immagine fissa della voce.
Ricerca movimento
Canale
CAM 01
Data/ora
2012-01-01 03:41:18
Dati sovrapp
66_ ricerca e riproduzione
~
Impostaz.
Tutte aree
2012-01-01 05:11:44
Vai a primo
List1
2012/01/01 01:01:30
3. Selezionare una voce dati e fare clic su <Riprod.>.
La schermata passa al modo di riproduzione dei dati di movimento.
Area rilev.mov.
N.
Ora di inizio
7
01:01:30
6
01:01:25
5
01:01:20
4
01:01:15
3
01:01:10
2
01:01:05
1
01:01:01
Ricerca
Vai all'ultimo
Pagina preced/successiva
Riprod.
Invio
Area rilev.mov.
Canale1
Singolo
OK
Annulla
Appl. a tutti canali
RIPRODUZIONE
Riproduzione
È possibile riprodurre i dati memorizzati nell'HDD ed eseguire un backup di una porzione desiderata dei dati.
È più semplice eseguire l'impostazione con il mouse.
1. Nel modo Live, fare clic su <Riprod.> nel menu di scelta
rapida o su <
> nel menu di avvio o premere il tasto
Riprod. sul telecomando.
Modo scena
2012-01-01 01:10:25
Uscita Spot


Audio Off
 RICERCA E RIPRODUZIONE
Ferm imm
Arresta allarme
2. Utilizzare il tasto su/giù () per selezionare un menu.
 Per la ricerca dei dati, vedere <Ricerca>. (pagina 64)
Registr.
Riprod.
Ricerca
Backup
Menu princip
Chiudi
Nascondi ut.avvio
Disconn.
3. Selezionare una voce dati e fare clic su <Riprod.> nel
menu di ricerca.
I dati selezionati vengono riprodotti e sullo schermo
compare il Play Launcher.
 Se esistono dati, la <Riprod.> inizia immediatamente, senza
eseguire la ricerca.
2012-01-01 01:10:25
• Informazioni sulla riproduzione : mostra la data e l'ora dei
dati correnti nell'angolo superiore.
REC
• Backup : fare clic su <
> per impostare l'ora corrente
come ora di inizio del backup; è possibile specificare
un'area di backup utilizzando il mouse (triangolo giallo).
Fare di nuovo clic su <
> per impostare l'ora corrente
come ora di fine del backup e si apre la finestra “Interv.
backup”.
- Tipo : supporta i formati DVR e SEC.
Vedere la lista dei formati in “Impostazione del backup”.
(pagina 52)
- Dispos. : selezionare un dispositivo di backup.
- Controlla capacità di backup. : consente di controllare la
capacità del dispositivo di memorizzazione selezionato.
Interv. backup
 Inizio
 Fine
2012-01-01 00:01:06
2012-01-01 01:10:25
 Dispos.
USB-Storage
 Tipo
 Cartella
\20120101\
 NomeFile 0001
Cambia
Backup
Usato
Libero
Controlla capacità di backup.
4. Per ritornare alla schermata live in modo di riproduzione, fare clic su <
premere il tasto [] sul telecomando.
DVR
OK
Annulla
> nel menu di avvio o
Italiano _67
ricerca e riproduzione
Utilizzo del tasto di riproduzione
REC
Nomi delle parti
Funzioni
Barra del tempo
di riproduzione
Indica il punto di riproduzione attuale e può essere scorsa.
b
Salto indietro
Torna indietro di un'unità di tempo.
c
Riproduzione
veloce all'indietro
Riprodurre il video all'indietro.
Riproduzione
rallentata
all'indietro
Consente di effettuare la ricerca all'indietro fotogramma per fotogramma mentre il dispositivo è
in PAUSA.
Indietro di un
fotogramma
Si sposta all'indietro di un fotogramma per volta.
Pausa
Arresta temporaneamente la riproduzione del file video corrente.
Stop
Arresta la riproduzione e passa alla schermata live.
Avanti di un
fotogramma
Si sposta in avanti di un fotogramma per volta.
Riproduzione
rallentata in
avanti
Garantisce la riproduzione in avanti di fino a 4 canali contemporaneamente a bassa velocità.
 Nei modi di suddivisione della schermata, la riproduzione in tempo reale potrebbe non
essere supportata, a seconda della qualità della registrazione, della risoluzione e del numero
di canali. Alcune frequenze dei fotogrammi potrebbero essere supportate.
Riproduzione
veloce in avanti
Consente di effettuare la riproduzione rapida in avanti.
Salto avanti
Avanza di un'unità di tempo.
Invio
Torna alla schermata di configurazione della ricerca.
m
Audio
Consente di attivare/disattivare l'audio.
 Se si utilizzano contemporaneamente il visualizzatore Web e l'apparecchio DVR, il segnale
audio viene emesso dall'apparecchio DVR.
n
REC
Registra tutti i canali nel modo Live.
Backup parziale
Avvia il backup della sezione selezionata del video in riproduzione tenendo conto del punto di
inizio/fine specificato.
Selezione del
modo
Fare clic sul modo di riproduzione desiderato o premere [MODE] per passare da un modo dello
schermo all'altro in sequenza.
 L'area grigia al centro del modo schermata suddivisa in 13 parti riproduce il canale live.
Il canale predefinito del modo Live è CH1, che successivamente può essere cambiato.
68_ ricerca e riproduzione
visualizzatore web
INTRODUZIONE AL VISUALIZZATORE WEB
Che cos'è il visualizzatore Web?
Caratteristiche del Prodotto
• Connessione in remoto usando il browser
• Controllo telecamera PTZ attivato
• Possibilità di supportare i formati di visualizzazione da 1, 4,
9, 16 videocamere (fino a 16 videocamere).
• Possibilità di ottenere immagini in formato JPEG, BMP da
stampare e salvare.
• Registrazione video in formato AVI—compatibile con lettori multimediali più diffusi. (è necessario il codec
H.264)
Requisiti di Sistema
Di seguito sono elencati i requisiti minimi consigliati per l'hardware e il sistema operativo necessari per
eseguire il visualizzatore Web.
Sistema operativo
Browser Web
CPU
Windows XP Professional
Windows 2000
Windows Vista Home Basic / Premium
Windows 7
Internet Explorer 6.0.2900.2180 o versione successiva
Intel Pentium 4 / 2 GHz
Memoria
512 MB
Monitor
Risoluzione high color a 16 bit 1024 x 768
HDD
50 MB (spazio richiesto per l'installazione)
* Spazio HDD aggiuntivo richiesto per la registrazione.
Le dimensioni del file registrato variano a seconda delle impostazioni della qualità
di registrazione.
Italiano _69
 VISUALIZZATORE WEB
Il visualizzatore Web permette l'accesso remoto ai DVR e a
video live, video archiviati, al comando PTZ (se configurato),
ecc.
visualizzatore web
COLLEGAMENTO DEL VISUALIZZATORE WEB
1. Aprire il browser Web e digitare l'indirizzo IP o l'URL del
DVR nella casella dell'indirizzo URL.
M
Nel caso di un indirizzo MAC, l'URL di base per il DVR è:
 http://www.samsungipolis.com/ID del prodotto
– ID del prodotto : ID registrato nella home page di iPOLiS.
 È anche possibile utilizzare l'URL registrato nelle impostazioni del menu di configurazione del DVR.
2. Impostare l'ID e la password dell'amministratore in modo
che siano uguali a quelli dell'amministratore DVR.
Per gli utenti generali, inserire l'ID utente e la password del
DVR.
J
 La password predefinita è esposta agli attacchi degli hacker,
M





pertanto si consiglia di cambiare password dopo
l'installazione del prodotto.
Si ricorda che la responsabilità per problemi di sicurezza o altro genere derivanti dal non aver cambiato la password
è a carico dell'utente.
Consente fino a 4 accessi simultanei, inclusi quelli dell'amministratore e degli utenti generali.
Non consente l'accesso multiplo dell'utente Amministratore.
La password iniziale dell'utente Amministratore è impostata su “4321”.
La password dell'amministratore e degli utenti generali può essere cambiata nel menu <Gestione permesso> del DVR.
Gli utenti normali devono avere impostato <Visualizzatore> sotto <Gestione permesso> su “Uso” prima di
collegarsi al visualizzatore Web. (pagina 33)
 Le impostazioni applicate sono quelle del DVR.
 Se si modificano le impostazioni di autorizzazione dopo aver eseguito l'accesso al visualizzatore Web, l'utente
potrebbe essere riportato alla schermata di accesso.
3. Fare clic su <Install ActiveX Control…>.
Il download del controllo ActiveX può durare diversi minuti,
a seconda delle impostazioni di sicurezza del PC.
4. Fare clic su <Install>.
70_ visualizzatore web
5. È possibile che la finestra di avviso “Windows Security
Alert” tenti di bloccare l'operazione con il firewall di
Windows. In questo caso fare clic su <Unblock> per
avviare il visualizzatore Web.
6. L'installazione è completata.
Ora è possibile visualizzare la schermata principale di Live
Viewer.
 VISUALIZZATORE WEB
UTILIZZO DI LIVE VIEWER
b
c
La schermata di Live Viewer è costituita dai seguenti elementi:
Visualizza l'indirizzo IP e il nome del modello del DVR collegato.
b Questi menu sono costituiti dalle voci <LIVE>, <ricerca>, <Config.>, <Info>.
c Questi tasti sono utilizzati per suddividere la schermata e per tornare allo schermo intero.
Mostra l'indirizzo IP e il nome modello del DVR collegato.
Selezionare per attivare/disattivare l'audio.
Selezionare <DVR Ora> o <PC Ora> per impostare la visualizzazione a video delle informazioni sull'ora di
Live Viewer.
Questi tasti permettono di impostare la sequenza e di modificare i canali a video.
Questi tasti servono a catturare, stampare e salvare l'immagine.
Mostra il canale del DVR collegato.
Questi tasti sono utilizzati per le funzioni correlate a PTZ.
Visualizza la schermata della videocamera collegata al DVR.
M
 La risoluzione è impostata su 1024X768 pixel.
 Il modo di suddivisione iniziale della schermata è impostato un base al numero di canali collegati al DVR.
È possibile modificare il modo di suddivisione della schermata facendo clic sui relativi tasti.
Italiano _71
visualizzatore web
Visualizzazione Informazioni OSD
Visualizza il numero di canale e le dimensioni video del DVR
collegato.
b Questa icona appare quando viene emesso il segnale audio.
c La data e l'ora correnti verranno visualizzate in base
all'impostazione scelta per la visualizzazione delle informazioni
sull'ora in <DVR Ora> o <PC Ora>.
Viene visualizzata l'icona dell'allarme quando viene emesso
l'allarme. Scompare premendo il tasto [ALARM] del DVR.
Viene visualizzata l'icona del movimento quando viene rilevato il
movimento. Scompare premendo il tasto [ALARM] del DVR.
Viene visualizzata se sono attivi i comandi PTZ.
M
b
 Se per il DVR sono state impostate videocamere PTZ, sulla
schermata viene visualizzato “PTZ”. Selezionare un canale per la
videocamera PTZ
e utilizzare il tasto [PTZ] per il controllo della videocamera.
c
Suddivisionde della Schermata
È possibile cambiare il modo di suddivisione facendo clic sull'icona di ciascun numero.
MODO SINGOLO
MODO A QUATTRO
MODO A NOVE
• Fare clic sul tasto <
>.
La schermata visualizza la videocamera selezionata collegata al DVR in
“MODO SINGOLO”.
• Fare clic sul tasto <
>.
La schermata visualizza la videocamera selezionata collegata al DVR in
“MODO A QUATTRO”.
• Fare clic sul tasto <
>.
La schermata visualizza la videocamera selezionata collegata al DVR
“MODO A NOVE”.
• Fare clic sul tasto <
>.
La schermata visualizza la videocamera selezionata collegata al DVR
“MODO A SEDICI”.
• Fare clic sul tasto <
>.
La schermata visualizza la videocamera selezionata collegata al DVR in
“MODO SCHERMO INT.”.
Facendo doppio clic sulla schermata o premendo qualsiasi tasto della
tastiera si ritorna al modo precedente.
72_ visualizzatore web
MODO A SEDICI
DVR Collegato
Visualizza l'indirizzo IP e lo stato di connessione del DVR.
M
 Messaggio di errore di connessione
Nessuna risposta : Appare quando il DVR non risponde.
Accesso negato : Appare quando è stato superato il numero massimo di
utenti.
 Il numero di connessioni simultanee è limitato a 4.
 VISUALIZZATORE WEB
Impostazione della visualizzazione a video delle
informazioni sull'ora
Selezionare <DVR Ora> o <PC Ora> per impostare la visualizzazione a
video delle informazioni sull'ora.
• DVR Ora : Si basa sull'ora del DVR collegato
• PC Ora : Si basa sull'ora del PC su cui è correntemente in esecuzione il
visualizzatore Web.
• Audio : Audio on/off
Modifica del Modo della Schermata Live
 Il modo Suddivisione in 16 parti non supporta “Sequenza”, “PREC” e “Prossimo”.
• Sequenza: Facendo clic su questo tasto, le schermate passano
all'intervallo preimpostato.
In modo singolo i numeri dei canali sono commutati in sequenza da 1 a 16.
In Modo a quattro, vengono visualizzati i primi 4 canali (1~4)  il secondo
gruppo di 4 canali(5~8)  il terzo gruppo di 4 canali(9~12)  e il quarto
gruppo di 4 canali (13~16).
In Modo a nove, le schermate si susseguono da un gruppo di 9 canali
(1~9) a un gruppo di 7 canali (10~16).
 Intervallo preimpostato (10 secondi)
• PREC: Facendo clic su questo tasto, viene visualizzata la schermata
precedente.
In modo singolo, i numeri dei canali sono commutati nell'ordine inverso.
In Modo a quattro, vengono visualizzati i primi quattro canali (1~4) 
il secondo gruppo di quattro canali (13~16)  il terzo gruppo di quattro
canali (9~12)  il quarto gruppo di quattro canali (5~8).
In Modo a nove, le schermate si susseguono da un gruppo di 9 canali
(1~9) a un gruppo di 7 canali (10~16).
Italiano _73
visualizzatore web
• Prossimo: Facendo clic su questo tasto, viene visualizzata la schermata successiva.
In modo singolo i numeri dei canali sono commutati in sequenza da 1 a 16.
In Modo a quattro, vengono visualizzati i primi 4 canali (1~4)  il secondo gruppo di 4 canali (5~8)  il terzo
gruppo di 4 canali (9~12)  il quarto gruppo di 4 canali (13~16).
In Modo a nove, le schermate si susseguono da un gruppo di 9 canali (1~9) a un gruppo di 7 canali (10~16).
 Se il DVR a 16 canali è collegato, facendo clic su “Prossimo” nel Modo a quattro la schermata cambia come indicato
nell'immagine.

(dal canale 1 al canale 4)

(dal canale 5 al canale 8)

(dal canale 9 al canale 12)
(dal canale 13 al canale 16)
16-channel DVR
Salvataggio della Schermata Live Sul PC
• Cattura: Salva la schermata corrente in un file BMP o JPEG.
M
 Il percorso predefinito è “C:\Programmi\Samsung\DVR Web
Viewer\SnapShot\Live”. Per cambiare il percorso, fare clic sul
pulsante <SALVA PER (
)>, quindi specificare il percorso
desiderato. Per Windows Vista, il percorso predefinito è
“C:\Utenti\(ID Utente)\AppData\LocalLow\Samsung\DVR Web
Viewer\SnapShot\” di default.
 Al file viene assegnata automaticamente la seguente
denominazione: “Indirizzo IP_numero porta_AAAAMMGG_HHMMSS_numero videocamera_indice”
Es.) 192.168.1.200_554_20120101_093118_01_00
• Stampa: Stampa la schermata selezionata dalle schermate
live attualmente visualizzate. Stampa anche l'Indirizzo IP,
l'ora, il numero della videocamera e lo stato dell'evento
corrente.
74_ visualizzatore web
• Salva: Salva l'immagine corrente sulla schermata e la salva
come file video in formato .avi.
M
 Per registrarla, è necessario almeno 1GB di spazio
disponibile.
 Il percorso predefinito è “C:\Programmi\Samsung\DVR Web
Modifica del Canale della Schermata Live
• Numeri blu: Il canale collegato alla schermata live corrente
• Numeri grigi: Il canale non collegato alla schermata live
corrente
Utilizzo della Videocamera PTZ
Fare clic sui tasti di direzione per controllare la videocamera.
•<
>
Con il tasto ZOOM si può zoomare un'immagine in avanti o indietro.
•<
>
Con il tasto IRIS Si può regolare la quantità di luce in ingresso.
•<
>
Con il tasto FOCUS si può regolare il fuoco.
Italiano _75
 VISUALIZZATORE WEB
Viewer\VideoClip\Live”. Per cambiare il percorso, fare clic sul
pulsante <SALVA PER (
)>, quindi specificare il percorso
desiderato. Per Windows Vista o 7, il percorso è
“C:\Utenti\(ID Utente)\AppData\LocalLow\Samsung\DVR Web Viewer\VideoClip\”.
 Al file viene assegnata automaticamente la seguente denominazione: “Indirizzo IP_numero porta_AAAAMMGG_
HHMMSS_numero videocamera_indice”
Es.) 192.168.1.200_554_20120101_070455_01_00
 Per il salvataggio dei file AVI, è necessario il codec H.264 per la riproduzione dei file salvati.
 Dimens. libera. min. HDD : Durante la registrazione, se l'HDD non contiene altro spazio libero oltre quello impostato,
verrà visualizzato un messaggio di popup : “Impossibile registrare a causa di spazio su disco insufficiente
nell'HDD”.
visualizzatore web
• Menu: Appare la schermata con il menu della videocamera.
• Preimposta : Sposta l'obiettivo in una direzione
preimpostata.
1. Facendo clic su una voce preimpostata, la videocamera si
sposta alla posizione della preimpostazione selezionata.
2. È possibile eliminare la preimpostazione selezionata o tutte
le preimpostazioni.
3. Una nuova preimpostazione può essere salvata con un
numero o un nome.
M
 È possibile salvare fino a 127 preimpostazioni.
• Pan auto : Sposta la direzione dell'obbiettivo della
videocamera tra 2 punti impostati.
• Scansione : Sposta la direzione dell'obbiettivo della
videocamera tra 2 punti preimpostati.
• Modello : È possibile impostare vari modelli di movimento
(ad esempio zoom, movimento, ecc.) in modo che la
videocamera si sposti automaticamente.
M
 Mentre il DVR controlla una videocamera PTZ, il visualizzatore
Web non può controllare la videocamera.
 La configurazione del menu della videocamera è disponibile
solo per la videocamera che supporta la funzione.
 Ogni funzione del PTZ è uguale a quella del DVR.
 La Panoramica/Inclinazione della videocamera Smart Dome
viene manipolata automaticamente per centrare la
videocamera nel punto in cui si è fatto clic con il mouse.
 Se si trascina il mouse con il tasto sinistro su un certo punto, la Panoramica/Inclinazione della videocamera Smart
Dome viene manipolata automaticamente per centrare la videocamera nel punto intermedio tra la posizione di inizio
e la posizione di fine trascinamento.
Il trascinamento verso l'alto riduce lo zoom, mentre il trascinamento verso il basso lo aumenta.
 L'inclinazione della videocamera PTZ funziona correttamente entro 45°.
 Le funzioni di alimentazione e di Panoramica/Inclinazione sono disponibili solo per la videocamera che le supporta.
Es. : Samsung SCC-C6475
76_ visualizzatore web
UTILIZZO DI SEARCH VIEWER
b
c
La schermata di Search Viewer è costituita dai seguenti elementi:
Visualizza l'indirizzo IP e il nome del modello del DVR collegato.
b Sono disponibili 4 schede: <LIVE>, <ricerca>, <Config.>, <Info>.
c Passare ad un modo di suddivisione.
Mostra l'indirizzo IP e il nome modello del DVR collegato.
Selezionare per attivare/disattivare l'audio.
Questi tasti servono a catturare, stampare e salvare l'immagine.
Visualizza un calendario in cui è possibile ricercare il video registrato.
Si apre la lista di controllo duplicati se si trovano dei duplicati nella stessa linea del tempo.
Gli elementi duplicati vengono elencati nell’ordine ultimo-primo
Visualizza una linea del tempo in cui è possibile ricercare il video registrato in base all'ora.
Questi tasti sono utilizzati per controllare la riproduzione.
Visualizza la schermata per la riproduzione di un video registrato.
M
 I tasti <Sequenza>, <PREC>, <Prossimo> non sono disponibili nel menu di ricerca.
 Durante il backup del DVR, l'accesso alla ricerca CMS e sul Web può presentare dei problemi.
Italiano _77
 VISUALIZZATORE WEB
visualizzatore web
Suddivisionde della Schermata
È possibile cambiare il modo di suddivisione facendo clic sull'icona di
ciascun numero.
MODO SINGOLO
MODO A QUATTRO
>.
• Fare clic sul tasto <
La schermata visualizza la videocamera selezionata collegata al DVR in
“MODO SINGOLO”.
• Fare clic sul tasto <
>.
La schermata visualizza la videocamera selezionata collegata al DVR in
“MODO A QUATTRO”.
M
 Nel menu di ricerca sono disponibili solo il Modo singolo e il Modo a quattro.
 Se il DVR a 16 canali è collegato, è possibile selezionare i modi da singolo a
sedici.
DVR Collegato
The IP of the connected DVR will be displayed.
Selezionare per attivare/disattivare l'audio.
M
 Messaggio di errore di connessione
Nessuna risposta : Appare quando il DVR non risponde.
Accesso negato : Appare quando è stato superato il numero massimo di
utenti.
 Il numero di connessioni simultanee è limitato a 2.
78_ visualizzatore web
Salvataggio della Schermata Live Sul PC
• Cattura: Salva la schermata corrente in un file BMP o JPEG.
M
 Il percorso predefinito è “C:\Programmi\Samsung\DVR Web
• Stampa: Stampare la schermata corrente. Stampa anche
l'indirizzo IP, l'ora, il numero della videocamera e lo stato
dell'evento corrente.
• Salva: Premendo questo tasto durante la riproduzione,
vengono salvati i dati video del canale selezionato come file
AVI. (salvato nella cartella indicata sul PC.)
Per arrestare la registrazione, fare di nuovo clic su questo
tasto.
M
 Per registrarla, è necessario almeno 1GB di spazio
disponibile.
 Il percorso predefinito è “C:\Programmi\Samsung\DVR Web Viewer\VideoClip\Search”. Per cambiare il percorso, fare
)>, quindi specificare il percorso desiderato. Per Windows Vista o 7, il percorso è
clic sul pulsante <SALVA PER (
“C:\Utenti\(ID Utente)\AppData\LocalLow\Samsung\DVR Web Viewer\VideoClip\”.
 Al file viene assegnata automaticamente la seguente denominazione: “Indirizzo IP_numero porta_AAAAMMGG_
HHMMSS_numero videocamera_indice”
Es.) 192.168.1.200_554_20120101_070455_01_00
 Per il salvataggio dei file AVI, è necessario il codec H.264 per la riproduzione dei file salvati.
Italiano _79
 VISUALIZZATORE WEB
Viewer\SnapShot\Search”. Per cambiare il percorso, fare clic
)>, quindi specificare il
sul pulsante <SALVA PER (
percorso desiderato. Per Windows Vista, il percorso predefinito è
“C:\Utenti\(ID Utente)\AppData\LocalLow\Samsung\DVR Web
Viewer\SnapShot\”
 Al file viene assegnata automaticamente la seguente denominazione: “Indirizzo IP_numero porta_AAAAMMGG_
HHMMSS_numero videocamera_indice”
Es) 192.168.1.200_554_20120101_093118_01_00
visualizzatore web
Ricerca del Video Registrato Nel Calendario
Se i dati video sono stati registrati in una data, questa viene
evidenziata in verde. Facendo clic sulla data, le informazioni
sul video registrato vengono visualizzate nella linea del tempo.
Facendo clic su <Oggi>, verrà sincronizzato con l'ora (la data)
di sistema del PC corrente.
Controllo duplicati
Se si trovano duplicati nella stessa linea del tempo dopo avere cambiato l'ora
del DVR, i duplicati vengono elencati in ordine <0> con l'ultimo in cima.
Ricerca del Video Registrato Nella Linea del Tempo
Visualizza lo stato dei dati del video registrato sul DVR dopo aver
selezionato una data. Il modo normale visualizza un intervallo di tempo che
va da 0 a 24 ore, mentre il modo estensione visualizza un intervallo di tempo
di 2 ore.
[Modo normale]
• Facendo clic sul tasto < >, si passa al modo estensione.
• Ogni linea del tempo rappresenta 1 ora.
[Modo estensione]
• Facendo clic sul tasto < >, si passa al modo normale.
• Ogni linea del tempo rappresenta 5 minuti.
M
 I canali vanno da CH01 a CH16.
80_ visualizzatore web
Controllo della Riproduzione
b
c
 VISUALIZZATORE WEB
Riavvolgimento veloce: Riproduce il video all'indietro. (in x2 ~ x64)
b Riproduzione indietro: Riproduzione all'indietro.
c Riproduzione: Riproduzione.
Avanzamento veloce: Riproduce il video in avanti. (in x2 ~ x64)
Vai a primo: Passaggio all'ora di inizio del video registrato nella linea
tempo.
Riavvolgimento per scena: Riproduzione all'indietro per fotogramma.
Pausa: Arresta temporaneamente la riproduzione.
Avanzamento per scena: Riproduzione in avanti per fotogramma.
Vai all'ultimo: Passaggio all'ora finale del video registrato nella linea
tempo.
M
 Only the admin account can play the audio signal during the playback.
If using both web view and DVR set simultaneously, the audio signal will be
output from the DVR set.
IMPOSTAZIONE DEL VISUALIZZATORE
Le impostazioni del DVR possono essere configurate da remoto sulla rete.
Per configurare le impostazioni del DVR, fare clic su <Impostaz.>.
Sistema
È possibile configurare le diverse impostazioni del sistema DVR.
Data/Ora/Lingua
Per ulteriori informazioni, vedere <Data/Ora/Lingua> nel menu <Impostazione del sistema>. (pagina 28)
1. Selezionare <Data/Ora/Lingua> nel menu di sistema.
2. Configurare le impostazioni del DVR in base all'ambiente di
sistema.
• Data/Ora
Imposta la data e l'ora.
Italiano _81
visualizzatore web
• Sincronizzazione ora
Imposta la sincronizzazione dell'ora.
• Visualizz
Formato data: Imposta il tipo di data.
Ora: Seleziona un formato ora da visualizzare sulla schermata.
• DST (ora legale)
DST visualizza un'ora avanti rispetto all'ora standard del fuso
orario.
• Lingua
Seleziona una lingua preferita per il DVR.
Ferie
È possibile impostare date specifiche per le vacanze in base
alle proprie preferenze.
Per ulteriori informazioni, vedere <impostazione delle
vacanze> nel menu <Impostazione del sistema>.
(pagina 29)
Gestione permesso
Per ulteriori informazioni, vedere <Gestione permesso> nel menu <Impostazione del sistema>. (pagina 30)
• Ammin
 Consente di cambiare l'ID o la password dell'amministratore.
 È possibile inserire un ID composto esclusivamente da caratteri
alfanumerici.
 Per la password è possibile utilizzare lettere dell'alfabeto e caratteri
speciali, tranne < \ > e < “ >.
82_ visualizzatore web
• Gruppo
Gli utenti sono classificati in gruppi e il permesso può essere
impostato in base al gruppo.
 Per prima cosa, aggiungere un gruppo.
 VISUALIZZATORE WEB
• Utente
Consente di aggiungere, cambiare o rimuovere un utente o
più utenti.
• Impostaz.
Consente di impostare il permesso dell'utente.
Gestione sistema
Per ulteriori informazioni, vedere <Gestione sistema> nel menu <Impostazione del sistema>. (pagina 34)
• Informazioni di sistema
Consente di visualizzare le informazioni del sistema corrente.
Controllare la versione software, il formato di trasmissione e
l'indirizzo MAC.
Italiano _83
visualizzatore web
Dispos.
Consente di controllare un elenco dei dispositivi collegati al DVR e di configurare le impostazioni necessarie.
Fare clic su <Dispos.> nella schermata del menu.
Per ulteriori informazioni, vedere “Impostazione del Dispositivo”. (pagina 38)
Videocamera
• Videocamera
Consente di configurare le impostazioni della videocamera
collegata al DVR.
• Zona privacy
È possibile specificare la qualità dei dati di immagine che un
utente remoto riceve.
• PTZ
Consente di configurare le impostazioni della videocamera
PTZ collegata al DVR.
Impostare l'ID e il protocollo.
84_ visualizzatore web
Disp.memorizz.
Consente di controllare e cambiare le impostazioni del dispositivo di memorizzazione.
• Dispos.
Viene visualizzato un elenco dei dispositivi di memorizzazione
collegati al DVR.
È possibile controllare il tipo, la quantità di memoria in uso/
totale, l'utilizzo e lo stato del dispositivo.
 VISUALIZZATORE WEB
• Allarm HDD
Consente di impostare il canale di uscita dell'allarme e la
durata dell'allarme per un errore.
Dispositivo remoto
Consente di visualizzare un elenco dei dispositivi remoti,
incluse le videocamere PTZ e le tastiere di sistema collegate
alla porta RS-485 del DVR, e di configurare le impostazioni
necessarie.
Dispositivo POS
Consente di impostare il canale, la preimpostazione e la porta
di comunicazione del dispositivo POS collegato al DVR.
M
 Non possibile impostare l'uso in remoto del dispositivo POS.
Italiano _85
visualizzatore web
Monitor
• Monitor
Consente di configurare le impostazioni della schermata di
monitoraggio e di impostare il sistema di uscita.
• Uscita Spot
Con il monitor collegato mediante la porta SPOT, se si verifica
un evento come Sensore, Movimento o Allarme, è possibile
selezionare un modo di uscita video per il monitoraggio
esterno.
• Modo
Consente di commutare tra il modo live e il modo di
riproduzione.
86_ visualizzatore web
Registr.
Per ulteriori informazioni, vedere <Impostazione della registrazione>. (pagina 46)
Registrazione programmata
Se si imposta il programma di registrazione per una data e
un'ora specifiche, la registrazione si avvia all'ora impostata.
 VISUALIZZATORE WEB
- Appl.a tutti CH: Fare clic su <Appl.a tutti CH> per
visualizzare la finestra di conferma.
Durata registraz. evento
Consente di impostare l'ora di inizio e di fine registrazione da
attivare se si verifica un evento.
Italiano _87
visualizzatore web
Qtà e risoluz. registraz.
• Standard/Evento
Consente di impostare la risoluzione, la frequenza dei
fotogrammi e la qualità di registrazione per ogni canale.
Opzione registrazione
Consente di impostare il Modo disco pieno.
Evento
Per ulteriori informazioni, vedere <Impostazione dell'evento>. (pagina 49)
Rilevazione sensore
Consente di impostare il modo di funzionamento del sensore,
la videocamera sincronizzata e il tipo e la durata di emissione
dell'allarme.
88_ visualizzatore web
Rilev.movim.
Consente di impostare il modo di rilevamento del movimento,
la sensibilità e il tipo e la durata di emissione dell'allarme.
 VISUALIZZATORE WEB
• Area rilev.mov.
Imposta l'area di rilevamento del movimento prestabilito.
Rilevazione perdita video
Consente di impostare l'ora di emissione dell'allarme se si
verifica una perdita video.
Programmazione allarme
L'emissione dell'allarme può essere programmata in base al
giorno della settimana e all'ora.
L'impostazione predefinita è Sincr. eventi, che attiva l'allarme
solo se si verifica un evento.
Italiano _89
visualizzatore web
Rete
Per ulteriori informazioni, vedere <Configurazione della rete>. (pagina 53)
Connessione
Un utente remoto può accedere al DVR attraverso la rete per
verificare il modo corrente e l'indirizzo IP.
• Connessione
Consente di impostare il percorso della connessione di rete.
• Protocollo
Consente di configurare le impostazioni correlate al protocollo.
DDNS
Consente di controllare le impostazioni DDNS.
90_ visualizzatore web
Trasfer. live
Un utente remoto può impostare le immagini del DVR.
• Trasfer. live
È possibile specificare la qualità dei dati di immagine che un
utente remoto riceve.
Consente di specificare il server SMTP che invia una mail se si verifica un evento e di impostare il gruppo del
destinatario e gli utenti.
• SMTP
Consente di impostare il server che invia le mail e di
specificare se si utilizza il processo di autenticazione.
• Evento
Consente di impostare l'intervallo dell'evento e di specificare
quali sono gli eventi a cui il server invia le mail.
Italiano _91
 VISUALIZZATORE WEB
Servizio Mailing
visualizzatore web
• Gruppo
Consente di aggiungere un gruppo per ricevere la mail se si
verifica un evento e di impostare il permesso per ricevere la
mail dell'evento per ogni gruppo.
• destinatario
Consente di aggiungere un utente o più utenti a cui inviare la
mail.
INFO
Fare clic su <Info>.
Visualizza il nome del modello di DVR collegato e la versione
del visualizzatore Web.
92_ visualizzatore web
MOBILE VIEWER
Che cos'è Mobile Viewer?
iPOLIS mobile è un'applicazione per smartphone che
consente di collegarsi al DVR (registratore video digitale) da
remoto e di controllare in tempo reale la riproduzione video e
le operazioni PTZ (se impostate).
• Accesso remoto attraverso Smartphone
• Riconoscimento della voce
• Supporto dei modi suddivisione singola e in 4 parti in Live
Viewer (la funzione di ricerca non è tuttavia disponibile).
• Commutazione tra i canali tramite il display LCD a
sfioramento
• Supporto delle operazioni della telecamera PTZ (conforme al
protocollo del DVR collegato)
• Supporto di 16 canali
• Audio(wifi :O, 3G :X)
1.X
Smartphone supportati
Questa applicazione è ottimizzata per
• iPhone OS v4.2.x/v4.3.x
• Android 2.1/ 2.2/2.3 (Galaxy S/S2)
M
 Per ulteriori informazioni, vedere il manuale utente.
(http://www.samsungcctv.com)
Italiano _93
 VISUALIZZATORE WEB
Caratteristiche principali
backup viewer
BACKUP VIEWER PER FORMATO SEC
È possibile riprodurre un file di cui sia stato eseguito il backup in formato SEC.
Il backup in formato SEC comporta la generazione di due file: uno per i dati di backup e uno per il visualizzatore.
Se si esegue il backup viewer, il file dei dati di backup viene riprodotto automaticamente.
b
c
Requisiti di sistema consigliati
I PC con specifiche inferiori a quelle raccomandate potrebbero non supportare completamente la riproduzione
in avanti/indietro e la riproduzione ad alta velocità.
•
•
•
•
Sistema operativo : Windows XP Professional, Windows Vista, Windows 7
CPU : Intel Core2-Duo 2.4GHz o superiore
RAM : DDR PC-3200 1G o superiore
VGA : Geforce 6200 o superiore
94_ backup viewer
Nome
Descrizione
/
Tasto a bilanciere. Ogni volta che si preme questo tasto, l'uscita audio
commuta tra attivato e disattivato.
Audio
Consente di regolare il livello del volume da 0 a 100.
c
Stampa
schermata
Rilevamento
manomissione
file
Stampa la schermata corrente. È opportuno installare il driver di stampa
appropriato prima di stampare la schermata.
/
Deinterlace
Funzione OSD
Tasto a bilanciere. Ogni volta che viene premuto, questo tasto commuta tra
attivato e disattivato. L'icona del lucchetto chiuso indica che è attivato il
rilevamento della manomissione del file, che lampeggia per tre volte sulla
schermata e arresta la riproduzione se viene rilevata una manipolazione non
autorizzata di un file di dati.
 Nella barra dei menu viene visualizzato il messaggio “Il file è contraffatto”.
È possibile abilitare la funzione di deinterlacciamento.
Selezionare la casella di controllo OSD per visualizzare le informazioni OSD
sulla schermata di riproduzione di backup. Sulla schermata vengono
visualizzate informazioni quali la data di backup, il giorno della settimana,
l'ora, il nome del modello e il numero di canale.
Riduce l'intervallo dei tempi visualizzato sulla barra dei tempi di registrazione.
La barra dei tempi può essere ridotta finché il campo globale non arriva a 24
ore.
Zoom In/Out
Visualizzazione dell'intervallo dei
tempi di registrazione
Ingrandisce l'intervallo dei tempi visualizzato sulla barra dei tempi di
registrazione. La barra dei tempi può essere allargata finché il campo globale
non viene esteso a 1 minuto.
Visualizza l'intervallo dei tempi di un file video registrato.
È possibile spostare il cursore della barra dei tempi per selezionare l'ora di
riproduzione.
Tasto a bilanciere; ogni volta che viene premuto, l'icona “Riproduzione
rallentata” cambia il proprio colore, indicando cos se attivata o disattivata.
Se attivata, si pu utilizzare il controllo della velocit di riproduzione per regolare
quest'ultima fino a x16 sia in avanti che indietro; se disattivata possibile una
regolazione fino a x16 in avanti e indietro.
Velocità
Tasto a bilanciere; ogni volta che viene premuto, l'icona “Blocca velocit”
cambia il proprio colore, indicando cos se attivata o disattivata.
Se attivata, la velocità regolata viene mantenuta anche se si rilascia il mouse
sulla barra della velocità. Se disattivata, la velocità regolata viene applicata
solo se si utilizza il mouse per mantenere la velocità regolata, e se si rilascia il
mouse, la velocità viene ripristinata a x1.
La velocit di riproduzione in avanti e indietro, che varia a seconda della frequenza
dei fotogrammi al secondo della sorgente, pu essere regolata fino a x16.
I limiti massimi della riproduzione veloce sono: x2 per gli spezzoni registrati a
20 ~ 30 fps (fotogrammi al secondo), x4 a 11 ~ 19 fps, x8 a 6 ~ 10 fps e x16
per gli spezzoni registrati a meno di 6 fps.
Visualizza il fotogramma successivo. Questo è possibile solo se la riproduzione
è arrestata.
Riprod.
Tasto a bilanciere. Premerlo una volta per avviare la riproduzione del video e
commutare il tasto in 'Pausa', quindi premerlo una seconda volta per
commutare il tasto su Riprod. e arrestare temporaneamente la riproduzione.
Visualizza il fotogramma precedente. Questo è possibile solo se la riproduzione
è arrestata.
Italiano _95
 BACKUP VIEWER
b
Salva la schermata corrente come file d'immagine. Tra i formati file supportati
sono compresi i formati BMP e JPEG.
appendice
SPECIFICHE DEL PRODOTTO
Dettagli
Elemento
SRD-1640
Ingressi
Video composito 16 0,5–1 Vpp
Risoluzione
704x480 NTSC, 704x576 PAL
SRD-840
Video composito 8 0,5–1 Vpp
Video
Frequenza fotogrammi 480fps NTSC, 400fps PAL
Live
Risoluzione
704x480 NTSC, 704x576 PAL
Visualizzazione
multischermo
1/4/6/8/9/13/16/SEQUENZA/PIP
Integrato
Linux
Compressione
H.264
240fps NTSC, 200fpsPAL
1/4/6/8/9/SEQUENZA/PIP
Prestazioni
Sistema operativo
Velocità di
registrazione
Registrazione
NTSC: Fino a 120fps @ 704x480
PAL: Fino a 100fps @ 704x576
NTSC: Fino a 60fps @ 704x480
PAL: Fino a 50fps @ 704x576
NTSC: Fino a 240fps @ 704x240
PAL: Fino a 200fps @ 704x288
NTSC: Fino a 120fps @ 704x240
PAL: Fino a 100fps @ 704x288
NTSC: Fino a 480fps @ 352x240
PAL: Fino a 400fps @ 352x288
NTSC: Fino a 240fps @ 352x240
PAL: Fino a 200fps @ 352x288
NTSC : Manuale, Programmata (Continua/Evento), Evento (Pre/Post)
Modo
PAL: Manuale, Programmata (Continua/Evento), Evento (Pre/Post)
Modi di sovrascrittura
Continua
Preallarme
Fino a 5 sec.
Postallarme
Fino a 6 ore. (5, 10, 20, 30 sec, 1, 3, 5, 10, 20 min, 1, 2, 3, 4, 5, 6 ore)
Modo ricerca
Ricerca e riproduzione Funzione di
riproduzione
Data/ora, evento, backup, POS, movimento
Ricerca rapida in avanti/indietro, Ricerca lenta in avanti/indietro, Salto in avanti/
indietro
Velocità di trasmissione CIF, 100/120fps
Rete
96_ appendice
Ancho de banda
Fino a (4)Mbps, illimitata(4M)/2/1.5/1 Mbps/800/600/500/400/300/200/100/
50 kbps
Controllo larghezza di
banda
Selezionabile
Flusso
CIF (H.264)
Numero max utenti
remoti
4 (ricerca max. (2), live unicast/live multicast supportati)
Protocolli supportati
TCP/IP, DHCP, PPPoE, SMTP, NTP, HTTP, DDNS, RTP, RTSP
Monitoraggio
Webviewer, CMS (SmartViewer, NET-i)
Dettagli
Elemento
SRD-1640
Smart phone
Sicurezza
Android, i-Phone (incluso iPad)
Protocollo
RTP, RTSP, HTTP, CGI
Velocità di trasmissione CIF Max 15fps (canale singolo) / CIF Max 2fps (canale quadruplo)
Massimo numero
utenti remoti
In diretta (1)
HDD interno
Fino a 1 HDD SATA
HDD esterno
-
Masterizzatore DVD
(backup)
-
USB (backup)
USB 2.0 porte
Formato file (backup)
BU(lettore DVR), EXE(incluso lettore)
Protezione mediante
password
1 amministratore, 10 gruppo, 10 utente per gruppo
 APPENDICE
Memorizzazione
Smart Phone
SRD-840
Autenticazione dei dati Watermark
Interfaccia
Monitor
Audio
VGA
1 VGA (1024x768) principale, possibilità di selezionare Composite
HDMI
-
Principale/Spot
composito
1 BNC (1 Vp-p, 75 ohm) / spot analogico (1 BNC, 1 Vp-p, 75 ohm) selezionabile
Spot composito
Spot analogico (1 BNC, 1 Vp-p, 75 ohm)
Uscite loop
-
Ingressi/uscite
4 ingressi linea / 1 uscita linea
Compressione
G.711
Frequenza di
campionamento
8KHz
Ingressi/uscite
Porta di ingresso terminale x(16)8 (NO/NC) / uscita relè terminale x2
Potenza nominale: 125V 1A 24V CC, CA/0.5A
Notifica remota
Notifica via e-mail
Ethernet
1 RJ45 10/100 base T
Interfaccia seriale
RS-485(Half) per PTZ, tastiera di sistema ※ Interfaccia POS supportata (VSI-Pro)
USB
USB 2.0, 2 porte (anteriori)
e-SATA
-
Allarme
Connessioni
Supporto applicazione Mouse, telecomando
Supporto protocollo
PTZ
Samsung-E / Samsung-T/ Pelco-D / Pelco-p / Panasonic / Phillips / AD / DIAMOND
/ ERNA / GE / VCL TP / VICON / ELMO
Italiano _97
appendice
Dettagli
Elemento
SRD-1640
SRD-840
Caratteristiche generali
Caratteristiche
elettriche
Caratteristiche
ambientali
Caratteristiche
meccaniche
Tensione/corrente in
ingresso
Adattatore 12V CC, 4A, 100~250V CA, 50~60Hz, 48W
Consumo
Max. 36 W (con 1 HDD)
Temperatura/umidità
operativa
Da +0°C a +40°C (da +32°F a +104°F)/ da 20%RH a 85%RH
Dimensioni (L x A x P)
L360 x A44 x P160 mm (14.17 x 1.73 x 6.30 pollici)
Peso (con hard disk)
1,72Kg
Kit supporto rack
-
Lingua
1,68Kg
Coreano, Giapponese, Cinese, Inglese, Francese, Tedesco, Spagnolo, Italiano,
Russo, Polacco, Ceco, Turco, Olandese, Portoghese, Svedese, Danese, Tailandese,
Rumeno, Serbo, Croato, Ungherese, Greco (22 Lingua)
 Questo prodotto rispetta le norme antirumore previste per le apparecchiature industriali. Per l'installazione in luoghi chiusi, si
consiglia l'uso di apparecchiature insonorizzate.
98_ appendice
Italiano _99
360 (14.17")
44 (1.73")
48.7(1.92")
171.3 (6.74")
159.93 (6.30")
 APPENDICE
CH4
CH3
CH2
CH1
VIDEO IN
1
AUDIO IN
2
3
4
DC 12 V
SPOT
1
AUDIO OUT
COM COM
2
ALARM
OUT
VIDEO IN
RS485
VGA OUT
1 2 3 4 5 6 7 8 G
ALARM IN
SERIAL
5
6
7
8
VIDEO OUT
CONSOLE
NETWORK
unità: mm (pollici)
❖ SRD-840
PANORAMICA DEL PRODOTTO
100_ appendice
360 (14.17")
44 (1.73")
48.7(1.92")
171.3 (6.74")
159.93 (6.30")
CH4
CH3
CH2
CH1
VIDEO IN
1
2
3
4
5
6
7
DC 12 V
8
SPOT
1
AUDIO IN
AUDIO OUT
COM COM
2
ALARM
OUT
VIDEO IN
RS485
VGA OUT
1 2 3 4 5 6 7 8 G 9 10 11 12 13 14
ALARM IN
15 16 G
SERIAL
9
10
11
12
13
14
15
VIDEO OUT
16
CONSOLE
NETWORK
unità: mm (pollici)
❖ SRD-1640
appendice
IMPOSTAZIONE PREDEFINITA
Questo ripristina le impostazioni predefinite.
Le impostazioni sono come segue:
• Utilizzare Sistema/Carica imp. pred. in MENU
 Le impostazioni predefinite si basano su SRD-1640.
 La password predefinita è esposta agli attacchi degli hacker, pertanto si consiglia di cambiare password dopo l'installazione del prodotto.
Si ricorda che la responsabilità per problemi di sicurezza o altro genere derivanti dal non aver cambiato la password è a carico
dell'utente.
Dettagli
Data/Ora/Lingua
Impostaz. di
sistema
Impostazioni predefinite
Data
AAAA-MM-GG
Formato ora
24 Ore
Fuso orario
GMT
Sincronizzaz. ora
OFF
DST
OFF
Lingua
English
ID
admin
Nuova password
4321
Accesso limitato
Backup/Blocco reg./
Ricerca/PTZ/
Usc. allarme rem. /
Chiudi
Chiusura automatica
sessione
OFF
Formato trasmiss.
NTSC/PAL
Video
ON
Audio
OFF
Nome CH
CAM 01 ~ CAM 16
Tempo comm.seq.
5sec
ID
N. videocamera
Protocollo
Nessuno
Luminosità
50
Contrasto
50
Colore
50
Contr.PortaUscitaAllarm
OFF
Durata allarm
OFF
Sost.PortaUscitaAllarm
OFF
Durata allarm
OFF
Data/Ora/Lingua
Amministratore
Gestione
Autorizzazione
Impostazione
Gestione sistema
Informazioni di
sistema
Videocam
Videocam
PTZ
Dispositivo
Impostazione
schermata
Dispositivo di
memorizzazione
Allarme HDD
Italiano _101
 APPENDICE
Categoria
appendice
Categoria
Dettagli
Dispositivo da remoto
Impostazioni predefinite
Baudrate
9600
Parità
Nessuno
Data
8
Bit stop
1
TipoTrasfer
Half Duplex
Tastiera di sist.
OFF
Telecomando
ON(00)
Dispositivo POS
OFF
Dispositivo
Monitor
Monitor
Visualizz. Evento
OFF
Visualizz
Tutti
TemSEQMultic
5 sec
Uscita video
Auto
Imp. posizione display
30
Uscita Spot 1
CH1 ~ CH16
Visualizz. Evento
OFF
Modo live
TUTTI
Modo di riproduzione
TUTTI
Uscita Spot
Modo
Registrazione
programmata
Durata registraz.
evento
Canale 1
Evento
PRE Evento
OFF
POST Evento
1 min
Registrazione
normale
Registrazione
Risoluzione
CIF(S)
Freq.fotogrammi
7 fps
Qualità registraz.
Livello 4
Risoluzione
4CIF(L)
Freq.fotogrammi
7 fps
Qualità registraz.
Livello 4
Impostaz.
Sovrascrivo
Bip disco pieno
OFF
Qualità/Risoluzione
Evento
Modo disco pieno
Opzione Registrazione
Eliminazione
automatica
102_ appendice
OFF
Categoria
Dettagli
Impostazioni predefinite
Funzion.sensore
OFF
Videocam
N. videocamera
Allarme
Nessuno
Durata allarm
10 sec
Modo
OFF
Sensibilità
Livello10 (alto)
Allarme
Nessuno
Durata allarm
10 sec
Area rilev.mov.
Tutte aree
StatoPerdVideo
OFF
Allarme
Nessuno
Durata allarm
10 sec
Allarm1
Sincr. eventi
Rilevazione sensore
Rilevazione perdita
video
Programmazione
allarme
Modalità Collegamento
IP statico
Larghezza banda
2Mbps
IP
192.168.1.200
Gateway
192.168.1.1
Subnet Mask
255.255.255.0
DNS
168.126.63.1
Tipo protocollo
TCP
Porta (TCP)
4520~4524
Porta visual. Web
80
Connessione
Modalità
Collegamento
Protocollo
DDNS
Sito DDNS
OFF
Risoluzione
CIF(S)
Qualità
Bassa
Rete
Trasfer. live
Server
OFF
Porta
25
Usa autenticazione
OFF
Trasferim.sicuro
Never
Intervallo eventi
10 min
Usa trasferim.eventi
OFF
Gruppo
OFF
Autorizzazione destinatario
OFF
SMTP
Service di posta
elettronica
Evento
Gruppo
Italiano _103
 APPENDICE
Evento
Rilevazione
movimento
appendice
RISOLUZIONE DEI PROBLEMI
Sintomo
Soluzione
Il sistema non si accende e l'indicatore sul pannello
anteriore non funziona.
 Verificare che il sistema di alimentazione sia collegato correttamente.
 Verificare la tensione di ingresso del sistema dall'alimentatore.
 Se il problema persiste anche dopo aver adottato i provvedimenti di cui
sopra, controllare l'alimentatore e sostituirlo con uno nuovo se
necessario.
Alcuni canali visualizzano una schermata nera
quando ricevono sorgenti video.
 Controllare che la videocamera collegata al sistema visualizzi
correttamente l'immagine. Talvolta questo problema può verificarsi su
una videocamera non collegata correttamente alla sorgente video.
 Verificare che la videocamera sia alimentata correttamente.
 Talvolta questo problema può verificarsi su un canale con segnale video
debole proveniente da un distributore video collegato a più sistemi.
In questo caso, inserire la sorgente video della videocamera direttamente
nel DVR. In questo modo è possibile individuare la causa e risolvere il
problema.
Se premo il tasto [REC] sul telecomando, l'indicatore
REC non lampeggia e il lettore non avvia la
registrazione.
 Verificare che vi sia spazio libero per la registrazione sull'hard-disk.
 Verificare che il modo di registrazione sia impostato su ON.
La schermata visualizza ripetutamente l'immagine
del logo.
 Questo può accadere se vi è un problema con la piastra principale o se
il software correlato è danneggiato.
Per ulteriori informazioni, contattare il centro di assistenza più vicino.
Il tasto CAN non funziona sulla schermata live.
 Il tasto CAN non funziona se la schermata corrente è nel modo
monitoraggio eventi.
Nella schermata monitoraggio eventi, premere il tasto [ALARM] per
uscire dalla schermata e selezionare un canale.
Il cursore non si sposta sul tasto Inizio quando si
avvia la ricerca del calendario.
 Verificare che il canale e la data da riprodurre siano marcati con il
simbolo V.
Prima di avviare la riproduzione con il tasto Inizio è opportuno
controllare sia il canale che la data.
Quando suona l'allarme, premo il tasto [ALARM] per
disattivare l'allarme ma l'operazione non funziona.
L'allarme persiste e non si riesce a disattivarlo in
alcun modo.
 Premere il tasto [MENU] per disattivare l'allarme nel seguente modo:
1) Per uscire dal modo monitoraggio eventi: Modo monitoraggio
– impostare la durata del monitoraggio eventi su Off.
2) Per disattivare il suono dell'allarme: Modo Registrazione evento Allarme (Rilev.movim./Perdita vid) – disattivare il suono di allarme.
3) Per rilasciare l'evento: Modo Registrazione evento - Allarme (Rilev.
movim./Perdita vid) – impostare il modo su Off.
Non viene fornita risposta neppure se si preme il
tasto [PTZ] sulla schermata live.
 Menu  Videocamera  Verificare se i protocolli correnti e altre
impostazioni nel dispositivo PTZ sono configurati correttamente
secondo la videocamera PTZ.
104_ appendice
Sintomo
Soluzione
 Il DVR impiega un po' di tempo per riconoscere più HDD esterni.
Riprovare dopo un po' e se il problema (o il mancato riconoscimento del
numero di hard-disk collegati) persiste, ciò può essere dovuto ad un
errore meccanico dell'hard-disk installato. Riprovare con un hard-disk
diverso.
Sulla schermata appare il messaggio “Resettare
data/ora”.
 Questo messaggio si presenta in caso di problemi di impostazione
dell'ora sull'orologio interno o in caso di problemi legati all'orologio
stesso. Per ulteriori informazioni, contattare il rivenditore o il centro di
assistenza.
La barra dei tempi non è visualizzata in modo
Ricerca.
 La linea del tempo può commutare tra modo normale ed esteso. In
modo esteso, la barra dei tempi può non essere visualizzata nella linea
del tempo corrente. Commutare sul modo normale oppure utilizzare il
tasto sinistro o destro per navigare attraverso la barra dei tempi.
Vengono visualizzati l'icona “NO HDD” e un
messaggio di errore.
 Verificare che l'hard-disk sia collegato. Se il problema persiste in
condizioni normali, contattare il centro di assistenza più vicino per far
controllare l'hard-disk dal personale di assistenza.
Un dispositivo di memorizzazione esterno (HDD SATA
esterno) è stato collegato al DVR, ma il DVR non
sembra riconoscerlo.
 Vedere l'elenco della compatibilità dei dispositivi di memorizzazione
esterni per verificare che il dispositivo collegato sia supportato dal DVR.
Per l'elenco della compatibilità, contattare il rivenditore presso cui è
stato acquistato il DVR.
Se si preme il tasto ESC con WebViewer in modo
schermata intera, il sistema non commuta su un
modo di suddivisione normale.
 Premere i tasti ALT+TAB per selezionare ‘ACTIVE MOVIE’ e premere
nuovamente il tasto ESC. Il sistema commuta su un modo di
suddivisione normale.
Ho avuto difficoltà a configurare le impostazioni di
rete se vengono utilizzate le impostazioni di default
relative a ricerca, backup e router.
 Per ulteriori informazioni, vedere il manuale utente.
 Per informazioni sulle caratteristiche di base del prodotto che
permettono di essere subito operativi, consultare la guida di avviamento
rapido.
Ho dimenticato la password.
 Contattare il personale addetto all'installazione del DVR o contattarci
direttamente al.
I dati di backup non sono riprodotti dal PC o dal DVR.
 Durante il backup dei dati, per quanto riguarda il lettore si può scegliere
tra: PC o DVR. Effettuare la selezione desiderata prima di procedere.
 Se si utilizza il PC per riprodurre i dati, il formato del file di backup deve
essere SEC.
 Se si utilizza il DVR a questo scopo, la formattazione dei file di backup
deve essere effettuata dal DVR.
Il mio lettore non commuta al modo Live durante la
riproduzione.
 Premere il tasto Stop [@] sul telecomando o fare clic sull'icona [
sul launcher per passare al modo Live.
 APPENDICE
Il DVR non riconosce tutti i dischi installati dopo aver
collegato più HDD esterni al DVR.
]
Italiano _105
appendice
Sintomo
Soluzione
La registrazione non funziona.
 Se il lettore non visualizza assolutamente un'immagine Live, la registrazione
non funziona. Pertanto, occorre innanzitutto controllare che la
visualizzazione delle immagini sullo schermo avvenga correttamente.
 La registrazione non funziona se le impostazioni di registrazione non
sono configurate correttamente.
1) Registrazione manuale: : Premere il tasto [REC] sul telecomando per
avviare la registrazione.
2) Registrazione programmata: Specificare l'ora desiderata in Menu –
Registr. Registrazione programmata. La registrazione inizierà all'ora
specificata.
- Registrazione <Continuo>: La registrazione continuerà in
qualsiasi condizione all'ora specificata.
- Registrazione <Evento> Quando si verifica un evento, la
registrazione avviene solo se si tratta di un evento di allarme,
rilevazione del movimento e perdita video. Se non viene individuato
alcun evento, la registrazione non avviene.
- Registrazione <Continuo / Evento>: Se non viene individuato
alcun evento, si attiva la registrazione continua. Mentre, se si
verifica un evento, si attiva la registrazione evento.
La qualità d'immagine dei dati registrati non è
buona.
 Aumentare la risoluzione e la qualità in Menu – Registr. – Qualità /
Risoluz..
1) Risoluzione: Quando si specifica la dimensione della registrazione,
selezionare una dimensione maggiore. (4CIF > 2CIF > CIF)
L'immagine registrata in formato CIF è di bassa qualità perché è
l'ingrandimento di un'immagine di piccole dimensioni.
2) Qualità di registrazione: Specificare una qualità di registrazione più
elevata.
 Aumentando la risoluzione e la qualità di registrazione, la dimensione
dei dati aumenta di conseguenza. In tal modo l'HDD si riempie più
velocemente. L'operazione di sovrascrittura sovrascrive i dati esistenti e
la registrazione procede a un intervallo più breve.
106_ appendice
OPEN SOURCE LICENSE REPORT ON THE PRODUCT
The software included in this product contains copyrighted software that is licensed under the GPL/LGPL. You may obtain the complete
Corresponding Source code from us for a period of three years after our last shipment of this product by sending email to help.cctv@samsung.com
If you want to obtain the complete Corresponding Source code in the physical medium such as CD-ROM, the cost of physically performing source
distribution might be charged.
• GPL Software : linux kernel, Sysvinit, dosfstools, wget, msmtp, busybox, cdrtools, dvd+rw-tools, iconv, smartctl, uboot, minicom, openssl, bash,
lm_sensors
• LGPL Software : glibc, vmstat, inetutils
• OpenSSL License : OpenSSL
GNU GENERAL PUBLIC LICENSE
Version 2, June 1991
Copyright (C) 1989, 1991 Free Software Foundation, Inc.
51 Franklin Street, Fifth Floor, Boston, MA 02110-1301, USA
Everyone is permitted to copy and distribute verbatim copies of this
license document, but changing it is not allowed.
Preamble
The licenses for most software are designed to take away your freedom
to share and change it. By contrast, the GNU General Public License is
intended to guarantee your freedom to share and change free software
to make sure the software is free for all its users. This General Public
License applies to most of the Free Software Foundation’s software and
to any other program whose authors commit to using it. (Some other
Free Software Foundation software is covered by the GNU Lesser
General Public License instead.) You can apply it to your programs, too.
When we speak of free software, we are referring to freedom, not price.
Our General Public Licenses are designed to make sure that you have
the freedom to distribute copies of free software (and charge for this
service if you wish), that you receive source code or can get it if you
want it, that you can change the software or use pieces of it in new free
programs; and that you know you can do these things.
To protect your rights, we need to make restrictions that forbid anyone
to deny you these rights or to ask you to surrender the rights. These
restrictions translate to certain responsibilities for you if you distribute
copies of the software, or if you modify it.
For example, if you distribute copies of such a program, whether gratis
or for a fee, you must give the recipients all the rights that you have. You
must make sure that they, too, receive or can get the source code. And
you must show them these terms so they know their rights.
We protect your rights with two steps:
(1) copyright the software, and (2) offer you this license which gives you
legal permission to copy, distribute and/or modify the software.
Also, for each author’s protection and ours, we want to make certain
that everyone understands that there is no warranty for this free
software. If the software is modified by someone else and passed on,
we want its recipients to know that what they have is not the original, so
that any problems introduced by others will not reflect on the original
authors’ reputations.
Finally, any free program is threatened constantly by software patents.
We wish to avoid the danger that redistributors of a free program will
individually obtain patent licenses, in effect making the program
proprietary. To prevent this, we have made it clear that any patent must
be licensed for everyone’s free use or not licensed at all. The precise
terms and conditions for copying, distribution and modification follow.
TERMS AND CONDITIONS FOR COPYING,
DISTRIBUTION AND MODIFICATION
Version 2, June 1991
Copyright (C) 1989, 1991 Free Software Foundation, Inc.
51 Franklin S
0. This License applies to any program or other work which contains a
notice placed by the copyright holder saying it may be distributed under
the terms of this General Public License. The “Program”, below, refers
to any such program or work, and a “work based on the Program”
means either the Program or any derivative work under copyright law:
that is to say, a work containing the Program or a portion of it, either
verbatim or with modifications and/or translated into another language.
(Hereinafter, translation is included without limitation in the term
“modification”.) Each licensee is addressed as “you”.
Activities other than copying, distribution and modification are not
covered by this License; they are outside its scope. The act of running
the Program is not restricted, and the output from the Program is
covered only if its contents constitute a work based on the Program
(independent of having been made by running the Program). Whether
that is true depends on what the Program does.
1. You may copy and distribute verbatim copies of the Program’s
source code as you receive it, in any medium, provided that you
conspicuously and appropriately publish on each copy an appropriate
copyright notice and disclaimer of warranty; keep intact all the notices
that refer to this License and to the absence of any warranty; and give
any other recipients of the Program a copy of this License along with
the Program.
You may charge a fee for the physical act of transferring a copy, and
you may at your option offer warranty protection in exchange for a fee.
2. You may modify your copy or copies of the Program or any portion of
it, thus forming a work based on the Program, and copy and distribute
such modifications or work under the terms of Section 1 above,
provided that you also meet all of these conditions:
a) You must cause the modified files to carry prominent notices
stating that you changed the files and the date of any change.
b) You must cause any work that you distribute or publish, that in
whole or in part contains or is derived from the Program or any
part thereof, to be licensed as a whole at no charge to all third
parties under the terms of this License.
c) If the modified program normally reads commands interactively
when run, you must cause it, when started running for such
interactive use in the most ordinary way, to print or display an
announcement including an appropriate copyright notice and a
notice that there is no warranty (or else, saying that you provide a
warranty) and that users may redistribute the program under
these conditions, and telling the user how to view a copy of this
License. (Exception: if the Program itself is interactive but does
not normally print such an announcement, your work based on
the Program is not required to print an announcement.)
These requirements apply to the modified work as a whole. If identifiable
sections of that work are not derived from the Program, and can be
reasonably considered independent and separate works in themselves,
then this License, and its terms, do not apply to those sections when
you distribute them as separate works. But when you distribute the
same sections as part of a whole which is a work based on the
Program, the distribution of the whole must be on the terms of this
License, whose permissions for other licensees extend to the entire
whole, and thus to each and every part regardless of who wrote it.
Thus, it is not the intent of this section to claim rights or contest your
rights to work written entirely by you; rather, the intent is to exercise the
right to control the distribution of derivative or collective works based on
the Program.
In addition, mere aggregation of another work not based on the
Program with the Program (or with a work based on the Program) on a
volume of a storage or distribution medium does not bring the other
work under the scope of this License.
3. You may copy and distribute the Program (or a work based on it,
under Section 2) in object code or executable form under the terms of
Sections 1 and 2 above provided that you also do one of the following:
a) Accompany it with the complete corresponding machinereadable source code, which must be distributed under the
terms of Sections 1 and 2 above on a medium customarily used
for software interchange; or,
b) Accompany it with a written offer, valid for at least three years, to
give any third party, for a charge no more than your cost of
physically performing source distribution, a complete machinereadable copy of the corresponding source code, to be
distributed under the terms of Sections 1 and 2 above on a
medium customarily used for software interchange; or,
c) Accompany it with the information you received as to the offer to
distribute corresponding source code. (This alternative is allowed
only for noncommercial distribution and only if you received the
program in object code or executable form with such an offer, in
accord with Subsection b above.)
The source code for a work means the preferred form of the work for
making modifications to it. For an executable work, complete source
code means all the source code for all modules it contains, plus any
associated interface definition files, plus the scripts used to control
compilation and installation of the executable. However, as a special
exception, the source code distributed need not include anything that is
normally distributed (in either source or binary form) with the major
components (compiler, kernel, and so on) of the operating system on
which the executable runs, unless that component itself accompanies
the executable.
If distribution of executable or object code is made by offering access to
copy from a designated place, then offering equivalent access to copy
the source code from the same place counts as distribution of the
source code, even though third parties are not compelled to copy the
source along with the object code.
4. You may not copy, modify, sublicense, or distribute the Program
except as expressly provided under this License. Any attempt otherwise
to copy, modify, sublicense or distribute the Program is void, and will
automatically terminate your rights under this License. However, parties
who have received copies, or rights, from you under this License will not
have their licenses terminated so long as such parties remain in full
compliance.
5. You are not required to accept this License, since you have not
signed it. However, nothing else grants you permission to modify or
distribute the Program or its derivative works. These actions are
prohibited by law if you do not accept this License. Therefore, by
modifying or distributing the Program (or any work based on the
Program), you indicate your acceptance of this License to do so, and all
its terms and conditions for copying, distributing or modifying the
Program or works based on it.
6. Each time you redistribute the Program (or any work based on the
Program), the recipient automatically receives a license from the original
licensor to copy, distribute or modify the Program subject to these
terms and conditions. You may not impose any further restrictions on
the recipients’ exercise of the rights granted herein. You are not
responsible for enforcing compliance by third parties to this License.
7. If, as a consequence of a court judgment or allegation of patent
infringement or for any other reason (not limited to patent issues),
conditions are imposed on you (whether by court order, agreement or
otherwise) that contradict the conditions of this License, they do not
excuse you from the conditions of this License. If you cannot distribute
so as to satisfy simultaneously your obligations under this License and
any other pertinent obligations, then as a consequence you may not
distribute the Program at all. For example, if a patent license would not
permit royalty-free redistribution of the Program by all those who receive
copies directly or indirectly through you, then the only way you could
satisfy both it and this License would be to refrain entirely from
distribution of the Program.
If any portion of this section is held invalid or unenforceable under any
particular circumstance, the balance of the section is intended to apply
and the section as a whole is intended to apply in other circumstances.
It is not the purpose of this section to induce you to infringe any patents
or other property right claims or to contest validity of any such claims;
this section has the sole purpose of protecting the integrity of the free
software distribution system, which is implemented by public license
practices. Many people have made generous contributions to the wide
range of software distributed through that system in reliance on
consistent application of that system; it is up to the author/donor to
decide if he or she is willing to distribute software through any other
system and a licensee cannot impose that choice.
This section is intended to make thoroughly clear what is believed to be
a consequence of the rest of this License.
8. If the distribution and/or use of the Program is restricted in certain
countries either by patents or by copyrighted interfaces, the original
copyright holder who places the Program under this License may add
an explicit geographical distribution limitation excluding those countries,
so that distribution is permitted only in or among countries not thus
excluded. In such case, this License incorporates the limitation as if
written in the body of this License.
9. The Free Software Foundation may publish revised and/or new
versions of the General Public License from time to time. Such new
versions will be similar in spirit to the present version, but may differ in
detail to address new problems or concerns.
Each version is given a distinguishing version number. If the Program
specifies a version number of this License which applies to it and “any
later version”, you have the option of following the terms and conditions
either of that version or of any later version published by the Free
Software Foundation. If the Program does not specify a version number
of this License, you may choose any version ever published by the Free
Software Foundation.
10. If you wish to incorporate parts of the Program into other free
programs whose distribution conditions are different, write to the author
to ask for permission. For software which is copyrighted by the Free
Software Foundation, write to the Free Software Foundation; we
sometimes make exceptions for this. Our decision will be guided by the
two goals of preserving the free status of all derivatives of our free
software and of promoting the sharing and reuse of software generally.
NO WARRANTY
11. BECAUSE THE PROGRAM IS LICENSED FREE OF CHARGE,
THERE IS NO WARRANTY FOR THE PROGRAM, TO THE EXTENT
PERMITTED BY APPLICABLE LAW. EXCEPT WHEN OTHERWISE
STATED IN WRITING THE COPYRIGHT HOLDERS AND/OR OTHER
PARTIES PROVIDE THE PROGRAM “AS IS” WITHOUT WARRANTY
OF ANY KIND, EITHER EXPRESSED OR IMPLIED, INCLUDING, BUT
NOT LIMITED TO, THE IMPLIED WARRANTIES OF
MERCHANTABILITY AND FITNESS FOR A PARTICULAR PURPOSE.
THE ENTIRE RISK AS TO THE QUALITY AND PERFORMANCE OF
THE PROGRAM IS WITH YOU. SHOULD THE PROGRAM PROVE
DEFECTIVE, YOU ASSUME THE COST OF ALL NECESSARY
SERVICING, REPAIR OR CORRECTION.
12. IN NO EVENT UNLESS REQUIRED BY APPLICABLE LAW OR
AGREED TO IN WRITING WILL ANY COPYRIGHT HOLDER, OR ANY
OTHER PARTY WHO MAY MODIFY AND/OR REDISTRIBUTE THE
PROGRAM AS PERMITTED ABOVE, BE LIABLE TO YOU FOR
DAMAGES, INCLUDING ANY GENERAL, SPECIAL, INCIDENTAL OR
CONSEQUENTIAL DAMAGES ARISING OUT OF THE USE OR
INABILITY TO USE THE PROGRAM (INCLUDING BUT NOT LIMITED
TO LOSS OF DATA OR DATA BEING RENDERED INACCURATE OR
LOSSES SUSTAINED BY YOU OR THIRD PARTIES OR A FAILURE OF
THE PROGRAM TO OPERATE WITH ANY OTHER PROGRAMS), EVEN
IF SUCH HOLDER OR OTHER PARTY HAS BEEN ADVISED OF THE
POSSIBILITY OF SUCH DAMAGES.
END OF TERMS AND CONDITIONS
How to Apply These Terms to Your New
Programs
If you develop a new program, and you want it to be of the greatest
possible use to the public, the best way to achieve this is to make it free
software which everyone can redistribute and change under these
terms.
To do so, attach the following notices to the program. It is safest to
attach them to the start of each source file to most effectively convey
the exclusion of warranty; and each file should have at least the
“copyright” line and a pointer to where the full notice is found.
one line to give the program’s name and an idea of what it does.
Copyright (C) yyyy name of author
This program is free software; you can redistribute it and/or modify it
under the terms of the GNU General Public License as published by the
Free Software Foundation; either version 2 of the License, or (at your
option) any later version.
This program is distributed in the hope that it will be useful, but
WITHOUT ANY WARRANTY; without even the implied warranty of
MERCHANTABILITY or FITNESS FOR A PARTICULAR PURPOSE. See
the GNU General Public License for more details.
You should have received a copy of the GNU General Public License
along with this program; if not, write to the Free Software Foundation,
Inc., 51 Franklin Street, Fifth Floor, Boston, MA 02110-1301, USA.
Also add information on how to contact you by electronic and paper
mail. If the program is interactive, make it output a short notice like this
when it starts in an interactive mode:
Gnomovision version 69, Copyright (C) year name of author
Gnomovision comes with ABSOLUTELY NO WARRANTY; for details
type ‘show w’. This is free software, and you are welcome to
redistribute it under certain conditions; type ‘show c’ for details.
The hypothetical commands ‘show w’ and ‘show c’ should show the
appropriate parts of the General Public License. Of course, the
commands you use may be called something other than ‘show w’ and
‘show c’; they could even be mouse-clicks or menu items--whatever
suits your program.
You should also get your employer (if you work as a programmer) or
your school, if any, to sign a “copyright disclaimer” for the program, if
necessary. Here is a sample; alter the names:
Yoyodyne, Inc., hereby disclaims all copyright interest in the program
‘Gnomovision’ (which makes passes at compilers) written by James
Hacker.
signature of Ty Coon, 1 April 1989 Ty Coon, President of Vice This
General Public License does not permit incorporating your program into
proprietary programs. If your program is a subroutine library, you may
consider it more useful to permit linking proprietary applications with the
library. If this is what you want to do, use the GNU Lesser General
Public License instead of this License.
GNU GENERAL PUBLIC LICENSE
Version 3, 29 June 2007
Copyright © 2007 Free Software Foundation, Inc. <http://fsf.org/>
Everyone is permitted to copy and distribute verbatim copies of this license
document, but changing it is not allowed.
Preamble
The GNU General Public License is a free, copyleft license for software
and other kinds of works.
The licenses for most software and other practical works are designed
to take away your freedom to share and change the works. By contrast,
the GNU General Public License is intended to guarantee your freedom
to share and change all versions of a program--to make sure it remains
free software for all its users. We, the Free Software Foundation, use the
GNU General Public License for most of our software; it applies also to
any other work released this way by its authors. You can apply it to your
programs, too.
When we speak of free software, we are referring to freedom, not price.
Our General Public Licenses are designed to make sure that you have
the freedom to distribute copies of free software (and charge for them if
you wish), that you receive source code or can get it if you want it, that
you can change the software or use pieces of it in new free programs,
and that you know you can do these things.
A “covered work” means either the unmodified Program or a work
based on the Program.
To “propagate” a work means to do anything with it that, without
permission, would make you directly or secondarily liable for
infringement under applicable copyright law, except executing it on a
computer or modifying a private copy. Propagation includes copying,
distribution (with or without modification), making available to the public,
and in some countries other activities as well.
To “convey” a work means any kind of propagation that enables other
parties to make or receive copies. Mere interaction with a user through
a computer network, with no transfer of a copy, is not conveying.
An interactive user interface displays “Appropriate Legal Notices” to the
extent that it includes a convenient and prominently visible feature that
(1) displays an appropriate copyright notice, and (2) tells the user that
there is no warranty for the work (except to the extent that warranties
are provided), that licensees may convey the work under this License,
and how to view a copy of this License. If the interface presents a list of
user commands or options, such as a menu, a prominent item in the list
meets this criterion.
1. Source Code.
The “source code” for a work means the preferred form of the work for
making modifications to it. “Object code” means any non-source form
of a work.
To protect your rights, we need to prevent others from denying you
these rights or asking you to surrender the rights. Therefore, you have
certain responsibilities if you distribute copies of the software, or if you
modify it: responsibilities to respect the freedom of others.
A “Standard Interface” means an interface that either is an official
standard defined by a recognized standards body, or, in the case of
interfaces specified for a particular programming language, one that is
widely used among developers working in that language.
For example, if you distribute copies of such a program, whether gratis
or for a fee, you must pass on to the recipients the same freedoms that
you received. You must make sure that they, too, receive or can get the
source code. And you must show them these terms so they know their
rights.
The “System Libraries” of an executable work include anything, other
than the work as a whole, that (a) is included in the normal form of
packaging a Major Component, but which is not part of that Major
Component, and (b) serves only to enable use of the work with that
Major Component, or to implement a Standard Interface for which an
implementation is available to the public in source code form. A “Major
Component”, in this context, means a major essential component
(kernel, window system, and so on) of the specific operating system (if
any) on which the executable work runs, or a compiler used to produce
the work, or an object code interpreter used to run it.
Developers that use the GNU GPL protect your rights with two steps:
(1) assert copyright on the software, and (2) offer you this License giving
you legal permission to copy, distribute and/or modify it.
For the developers’ and authors’ protection, the GPL clearly explains
that there is no warranty for this free software. For both users’ and
authors’ sake, the GPL requires that modified versions be marked as
changed, so that their problems will not be attributed erroneously to
authors of previous versions.
Some devices are designed to deny users access to install or run
modified versions of the software inside them, although the
manufacturer can do so. This is fundamentally incompatible with the
aim of protecting users’ freedom to change the software. The
systematic pattern of such abuse occurs in the area of products for
individuals to use, which is precisely where it is most unacceptable.
Therefore, we have designed this version of the GPL to prohibit the
practice for those products. If such problems arise substantially in other
domains, we stand ready to extend this provision to those domains in
future versions of the GPL, as needed to protect the freedom of users.
Finally, every program is threatened constantly by software patents.
States should not allow patents to restrict development and use of
software on general-purpose computers, but in those that do, we wish
to avoid the special danger that patents applied to a free program could
make it effectively proprietary. To prevent this, the GPL assures that
patents cannot be used to render the program non-free.
The precise terms and conditions for copying, distribution and
modification follow.
TERMS AND CONDITIONS
0. Definitions.
“This License” refers to version 3 of the GNU General Public License.
“Copyright” also means copyright-like laws that apply to other kinds of
works, such as semiconductor masks.
“The Program” refers to any copyrightable work licensed under this
License. Each licensee is addressed as “you”. “Licensees” and
“recipients” may be individuals or organizations.
To “modify” a work means to copy from or adapt all or part of the work
in a fashion requiring copyright permission, other than the making of an
exact copy. The resulting work is called a “modified version” of the
earlier work or a work “based on” the earlier work.
The “Corresponding Source” for a work in object code form means all
the source code needed to generate, install, and (for an executable
work) run the object code and to modify the work, including scripts to
control those activities. However, it does not include the work’s System
Libraries, or general-purpose tools or generally available free programs
which are used unmodified in performing those activities but which are
not part of the work. For example, Corresponding Source includes
interface definition files associated with source files for the work, and the
source code for shared libraries and dynamically linked subprograms
that the work is specifically designed to require, such as by intimate
data communication or control flow between those subprograms and
other parts of the work.
The Corresponding Source need not include anything that users can
regenerate automatically from other parts of the Corresponding Source.
The Corresponding Source for a work in source code form is that same
work.
2. Basic Permissions.
All rights granted under this License are granted for the term of
copyright on the Program, and are irrevocable provided the stated
conditions are met. This License explicitly affirms your unlimited
permission to run the unmodified Program. The output from running a
covered work is covered by this License only if the output, given its
content, constitutes a covered work. This License acknowledges your
rights of fair use or other equivalent, as provided by copyright law.
You may make, run and propagate covered works that you do not
convey, without conditions so long as your license otherwise remains in
force. You may convey covered works to others for the sole purpose of
having them make modifications exclusively for you, or provide you with
facilities for running those works, provided that you comply with the
terms of this License in conveying all material for which you do not
control copyright. Those thus making or running the covered works for
you must do so exclusively on your behalf, under your direction and
control, on terms that prohibit them from making any copies of your
copyrighted material outside their relationship with you.
Conveying under any other circumstances is permitted solely under the
conditions stated below. Sublicensing is not allowed; section 10 makes
it unnecessary.
3. Protecting Users’ Legal Rights From Anti-Circumvention Law.
No covered work shall be deemed part of an effective technological
measure under any applicable law fulfilling obligations under article 11 of
the WIPO copyright treaty adopted on 20 December 1996, or similar
laws prohibiting or restricting circumvention of such measures.
When you convey a covered work, you waive any legal power to forbid
circumvention of technological measures to the extent such
circumvention is effected by exercising rights under this License with
respect to the covered work, and you disclaim any intention to limit
operation or modification of the work as a means of enforcing, against
the work’s users, your or third parties’ legal rights to forbid
circumvention of technological measures.
4. Conveying Verbatim Copies.
You may convey verbatim copies of the Program’s source code as you
receive it, in any medium, provided that you conspicuously and
appropriately publish on each copy an appropriate copyright notice;
keep intact all notices stating that this License and any non-permissive
terms added in accord with section 7 apply to the code; keep intact all
notices of the absence of any warranty; and give all recipients a copy of
this License along with the Program.
You may charge any price or no price for each copy that you convey,
and you may offer support or warranty protection for a fee.
5. Conveying Modified Source Versions.
You may convey a work based on the Program, or the modifications to
produce it from the Program, in the form of source code under the
terms of section 4, provided that you also meet all of these conditions:
a) The work must carry prominent notices stating that you modified
it, and giving a relevant date.
b) The work must carry prominent notices stating that it is released
under this License and any conditions added under section 7.
This requirement modifies the requirement in section 4 to “keep
intact all notices”.
c) You must license the entire work, as a whole, under this License
to anyone who comes into possession of a copy. This License
will therefore apply, along with any applicable section 7 additional
terms, to the whole of the work, and all its parts, regardless of
how they are packaged. This License gives no permission to
license the work in any other way, but it does not invalidate such
permission if you have separately received it.
d) If the work has interactive user interfaces, each must display
Appropriate Legal Notices; however, if the Program has
interactive interfaces that do not display Appropriate Legal
Notices, your work need not make them do so.
A compilation of a covered work with other separate and independent
works, which are not by their nature extensions of the covered work,
and which are not combined with it such as to form a larger program, in
or on a volume of a storage or distribution medium, is called an
“aggregate” if the compilation and its resulting copyright are not used to
limit the access or legal rights of the compilation’s users beyond what
the individual works permit. Inclusion of a covered work in an aggregate
does not cause this License to apply to the other parts of the
aggregate.
6. Conveying Non-Source Forms.
You may convey a covered work in object code form under the terms of
sections 4 and 5, provided that you also convey the machine-readable
Corresponding Source under the terms of this License, in one of these
ways:
a) Convey the object code in, or embodied in, a physical product
(including a physical distribution medium), accompanied by the
Corresponding Source fixed on a durable physical medium
customarily used for software interchange.
b) Convey the object code in, or embodied in, a physical product
(including a physical distribution medium), accompanied by a
written offer, valid for at least three years and valid for as long as
you offer spare parts or customer support for that product
model, to give anyone who possesses the object code either (1)
a copy of the Corresponding Source for all the software in the
product that is covered by this License, on a durable physical
medium customarily used for software interchange, for a price
no more than your reasonable cost of physically performing this
conveying of source, or (2) access to copy the Corresponding
Source from a network server at no charge.
c) Convey individual copies of the object code with a copy of the
written offer to provide the Corresponding Source. This
alternative is allowed only occasionally and noncommercially, and
only if you received the object code with such an offer, in accord
with subsection 6b.
d) Convey the object code by offering access from a designated
place (gratis or for a charge), and offer equivalent access to the
Corresponding Source in the same way through the same place
at no further charge. You need not require recipients to copy the
Corresponding Source along with the object code. If the place to
copy the object code is a network server, the Corresponding
Source may be on a different server (operated by you or a third
party) that supports equivalent copying facilities, provided you
maintain clear directions next to the object code saying where to
find the Corresponding Source. Regardless of what server hosts
the Corresponding Source, you remain obligated to ensure that it
is available for as long as needed to satisfy these requirements.
e) Convey the object code using peer-to-peer transmission,
provided you inform other peers where the object code and
Corresponding Source of the work are being offered to the
general public at no charge under subsection 6d.
A separable portion of the object code, whose source code is excluded
from the Corresponding Source as a System Library, need not be
included in conveying the object code work.
A “User Product” is either (1) a “consumer product”, which means any
tangible personal property which is normally used for personal, family, or
household purposes, or (2) anything designed or sold for incorporation
into a dwelling. In determining whether a product is a consumer
product, doubtful cases shall be resolved in favor of coverage. For a
particular product received by a particular user, “normally used” refers to
a typical or common use of that class of product, regardless of the
status of the particular user or of the way in which the particular user
actually uses, or expects or is expected to use, the product. A product
is a consumer product regardless of whether the product has
substantial commercial, industrial or non-consumer uses, unless such
uses represent the only significant mode of use of the product.
“Installation Information” for a User Product means any methods,
procedures, authorization keys, or other information required to install
and execute modified versions of a covered work in that User Product
from a modified version of its Corresponding Source. The information
must suffice to ensure that the continued functioning of the modified
object code is in no case prevented or interfered with solely because
modification has been made.
If you convey an object code work under this section in, or with, or
specifically for use in, a User Product, and the conveying occurs as part
of a transaction in which the right of possession and use of the User
Product is transferred to the recipient in perpetuity or for a fixed term
(regardless of how the transaction is characterized), the Corresponding
Source conveyed under this section must be accompanied by the
Installation Information. But this requirement does not apply if neither
you nor any third party retains the ability to install modified object code
on the User Product (for example, the work has been installed in ROM).
The requirement to provide Installation Information does not include a
requirement to continue to provide support service, warranty, or
updates for a work that has been modified or installed by the recipient,
or for the User Product in which it has been modified or installed.
Access to a network may be denied when the modification itself
materially and adversely affects the operation of the network or violates
the rules and protocols for communication across the network.
Corresponding Source conveyed, and Installation Information provided,
in accord with this section must be in a format that is publicly
documented (and with an implementation available to the public in
source code form), and must require no special password or key for
unpacking, reading or copying.
7. Additional Terms.
“Additional permissions” are terms that supplement the terms of this
License by making exceptions from one or more of its conditions.
Additional permissions that are applicable to the entire Program shall be
treated as though they were included in this License, to the extent that
they are valid under applicable law. If additional permissions apply only
to part of the Program, that part may be used separately under those
permissions, but the entire Program remains governed by this License
without regard to the additional permissions.
When you convey a copy of a covered work, you may at your option
remove any additional permissions from that copy, or from any part of it.
(Additional permissions may be written to require their own removal in
certain cases when you modify the work.) You may place additional
permissions on material, added by you to a covered work, for which
you have or can give appropriate copyright permission.
Notwithstanding any other provision of this License, for material you add
to a covered work, you may (if authorized by the copyright holders of
that material) supplement the terms of this License with terms:
a) Disclaiming warranty or limiting liability differently from the terms
of sections 15 and 16 of this License; or
b) Requiring preservation of specified reasonable legal notices or
author attributions in that material or in the Appropriate Legal
Notices displayed by works containing it; or
c) Prohibiting misrepresentation of the origin of that material, or
requiring that modified versions of such material be marked in
reasonable ways as different from the original version; or
d) Limiting the use for publicity purposes of names of licensors or
authors of the material; or
e) Declining to grant rights under trademark law for use of some
trade names, trademarks, or service marks; or
f) Requiring indemnification of licensors and authors of that
material by anyone who conveys the material (or modified
versions of it) with contractual assumptions of liability to the
recipient, for any liability that these contractual assumptions
directly impose on those licensors and authors.
All other non-permissive additional terms are considered “further
restrictions” within the meaning of section 10. If the Program as you
received it, or any part of it, contains a notice stating that it is governed
by this License along with a term that is a further restriction, you may
remove that term. If a license document contains a further restriction but
permits relicensing or conveying under this License, you may add to a
covered work material governed by the terms of that license document,
provided that the further restriction does not survive such relicensing or
conveying.
If you add terms to a covered work in accord with this section, you
must place, in the relevant source files, a statement of the additional
terms that apply to those files, or a notice indicating where to find the
applicable terms.
Additional terms, permissive or non-permissive, may be stated in the
form of a separately written license, or stated as exceptions; the above
requirements apply either way.
8. Termination.
You may not propagate or modify a covered work except as expressly
provided under this License. Any attempt otherwise to propagate or
modify it is void, and will automatically terminate your rights under this
License (including any patent licenses granted under the third paragraph
of section 11).
However, if you cease all violation of this License, then your license from
a particular copyright holder is reinstated (a) provisionally, unless and
until the copyright holder explicitly and finally terminates your license,
and (b) permanently, if the copyright holder fails to notify you of the
violation by some reasonable means prior to 60 days after the
cessation.
Moreover, your license from a particular copyright holder is reinstated
permanently if the copyright holder notifies you of the violation by some
reasonable means, this is the first time you have received notice of
violation of this License (for any work) from that copyright holder, and
you cure the violation prior to 30 days after your receipt of the notice.
Termination of your rights under this section does not terminate the
licenses of parties who have received copies or rights from you under
this License. If your rights have been terminated and not permanently
reinstated, you do not qualify to receive new licenses for the same
material under section 10.
9. Acceptance Not Required for Having Copies.
You are not required to accept this License in order to receive or run a
copy of the Program. Ancillary propagation of a covered work occurring
solely as a consequence of using peer-to-peer transmission to receive a
copy likewise does not require acceptance. However, nothing other
than this License grants you permission to propagate or modify any
covered work. These actions infringe copyright if you do not accept this
License. Therefore, by modifying or propagating a covered work, you
indicate your acceptance of this License to do so.
10. Automatic Licensing of Downstream Recipients.
Each time you convey a covered work, the recipient automatically
receives a license from the original licensors, to run, modify and
propagate that work, subject to this License. You are not responsible for
enforcing compliance by third parties with this License.
An “entity transaction” is a transaction transferring control of an
organization, or substantially all assets of one, or subdividing an
organization, or merging organizations. If propagation of a covered work
results from an entity transaction, each party to that transaction who
receives a copy of the work also receives whatever licenses to the work
the party’s predecessor in interest had or could give under the previous
paragraph, plus a right to possession of the Corresponding Source of
the work from the predecessor in interest, if the predecessor has it or
can get it with reasonable efforts.
You may not impose any further restrictions on the exercise of the rights
granted or affirmed under this License. For example, you may not
impose a license fee, royalty, or other charge for exercise of rights
granted under this License, and you may not initiate litigation (including
a cross-claim or counterclaim in a lawsuit) alleging that any patent claim
is infringed by making, using, selling, offering for sale, or importing the
Program or any portion of it.
11. Patents.
A “contributor” is a copyright holder who authorizes use under this
License of the Program or a work on which the Program is based. The
work thus licensed is called the contributor’s “contributor version”.
A contributor’s “essential patent claims” are all patent claims owned or
controlled by the contributor, whether already acquired or hereafter
acquired, that would be infringed by some manner, permitted by this
License, of making, using, or selling its contributor version, but do not
include claims that would be infringed only as a consequence of further
modification of the contributor version. For purposes of this definition,
“control” includes the right to grant patent sublicenses in a manner
consistent with the requirements of this License.
Each contributor grants you a non-exclusive, worldwide, royalty-free
patent license under the contributor’s essential patent claims, to make,
use, sell, offer for sale, import and otherwise run, modify and propagate
the contents of its contributor version.
In the following three paragraphs, a “patent license” is any express
agreement or commitment, however denominated, not to enforce a
patent (such as an express permission to practice a patent or covenant
not to sue for patent infringement). To “grant” such a patent license to a
party means to make such an agreement or commitment not to enforce
a patent against the party.
If you convey a covered work, knowingly relying on a patent license, and
the Corresponding Source of the work is not available for anyone to copy,
free of charge and under the terms of this License, through a publicly
available network server or other readily accessible means, then you must
either (1) cause the Corresponding Source to be so available, or (2)
arrange to deprive yourself of the benefit of the patent license for this
particular work, or (3) arrange, in a manner consistent with the
requirements of this License, to extend the patent license to downstream
recipients. “Knowingly relying” means you have actual knowledge that, but
for the patent license, your conveying the covered work in a country, or
your recipient’s use of the covered work in a country, would infringe one or
more identifiable patents in that country that you have reason to believe
are valid.
If, pursuant to or in connection with a single transaction or arrangement,
you convey, or propagate by procuring conveyance of, a covered work,
and grant a patent license to some of the parties receiving the covered
work authorizing them to use, propagate, modify or convey a specific
copy of the covered work, then the patent license you grant is
automatically extended to all recipients of the covered work and works
based on it.
A patent license is “discriminatory” if it does not include within the scope
of its coverage, prohibits the exercise of, or is conditioned on the
non-exercise of one or more of the rights that are specifically granted
under this License. You may not convey a covered work if you are a
party to an arrangement with a third party that is in the business of
distributing software, under which you make payment to the third party
based on the extent of your activity of conveying the work, and under
which the third party grants, to any of the parties who would receive the
covered work from you, a discriminatory patent license (a) in connection
with copies of the covered work conveyed by you (or copies made from
those copies), or (b) primarily for and in connection with specific
products or compilations that contain the covered work, unless you
entered into that arrangement, or that patent license was granted, prior
to 28 March 2007.
Nothing in this License shall be construed as excluding or limiting any
implied license or other defenses to infringement that may otherwise be
available to you under applicable patent law.
12. No Surrender of Others’ Freedom.
If conditions are imposed on you (whether by court order, agreement or
otherwise) that contradict the conditions of this License, they do not
excuse you from the conditions of this License. If you cannot convey a
covered work so as to satisfy simultaneously your obligations under this
License and any other pertinent obligations, then as a consequence you
may not convey it at all. For example, if you agree to terms that obligate
you to collect a royalty for further conveying from those to whom you
convey the Program, the only way you could satisfy both those terms
and this License would be to refrain entirely from conveying the
Program.
13. Use with the GNU Affero General Public License.
Notwithstanding any other provision of this License, you have
permission to link or combine any covered work with a work licensed
under version 3 of the GNU Affero General Public License into a single
combined work, and to convey the resulting work. The terms of this
License will continue to apply to the part which is the covered work, but
the special requirements of the GNU Affero General Public License,
section 13, concerning interaction through a network will apply to the
combination as such.
14. Revised Versions of this License.
The Free Software Foundation may publish revised and/or new versions
of the GNU General Public License from time to time. Such new
versions will be similar in spirit to the present version, but may differ in
detail to address new problems or concerns.
Each version is given a distinguishing version number. If the Program
specifies that a certain numbered version of the GNU General Public
License “or any later version” applies to it, you have the option of
following the terms and conditions either of that numbered version or of
any later version published by the Free Software Foundation. If the
Program does not specify a version number of the GNU General Public
License, you may choose any version ever published by the Free
Software Foundation.
If the Program specifies that a proxy can decide which future versions of
the GNU General Public License can be used, that proxy’s public
statement of acceptance of a version permanently authorizes you to
choose that version for the Program.
Later license versions may give you additional or different permissions.
However, no additional obligations are imposed on any author or
copyright holder as a result of your choosing to follow a later version.
15. Disclaimer of Warranty.
THERE IS NO WARRANTY FOR THE PROGRAM, TO THE EXTENT
PERMITTED BY APPLICABLE LAW. EXCEPT WHEN OTHERWISE
STATED IN WRITING THE COPYRIGHT HOLDERS AND/OR OTHER
PARTIES PROVIDE THE PROGRAM “AS IS” WITHOUT WARRANTY
OF ANY KIND, EITHER EXPRESSED OR IMPLIED, INCLUDING, BUT
NOT LIMITED TO, THE IMPLIED WARRANTIES OF
MERCHANTABILITY AND FITNESS FOR A PARTICULAR PURPOSE.
THE ENTIRE RISK AS TO THE QUALITY AND PERFORMANCE OF
THE PROGRAM IS WITH YOU. SHOULD THE PROGRAM PROVE
DEFECTIVE, YOU ASSUME THE COST OF ALL NECESSARY
SERVICING, REPAIR OR CORRECTION.
16. Limitation of Liability.
IN NO EVENT UNLESS REQUIRED BY APPLICABLE LAW OR
AGREED TO IN WRITING WILL ANY COPYRIGHT HOLDER, OR ANY
OTHER PARTY WHO MODIFIES AND/OR CONVEYS THE PROGRAM
AS PERMITTED ABOVE, BE LIABLE TO YOU FOR DAMAGES,
INCLUDING ANY GENERAL, SPECIAL, INCIDENTAL OR
CONSEQUENTIAL DAMAGES ARISING OUT OF THE USE OR
INABILITY TO USE THE PROGRAM (INCLUDING BUT NOT LIMITED
TO LOSS OF DATA OR DATA BEING RENDERED INACCURATE OR
LOSSES SUSTAINED BY YOU OR THIRD PARTIES OR A FAILURE OF
THE PROGRAM TO OPERATE WITH ANY OTHER PROGRAMS), EVEN
IF SUCH HOLDER OR OTHER PARTY HAS BEEN ADVISED OF THE
POSSIBILITY OF SUCH DAMAGES.
17. Interpretation of Sections 15 and 16.
If the disclaimer of warranty and limitation of liability provided above
cannot be given local legal effect according to their terms, reviewing
courts shall apply local law that most closely approximates an absolute
waiver of all civil liability in connection with the Program, unless a
warranty or assumption of liability accompanies a copy of the Program
in return for a fee.
END OF TERMS AND CONDITIONS
GNU LESSER GENERAL PUBLIC LICENSE
Version 2.1, February 1999
Copyright (C) 1991, 1999 Free Software Foundation, Inc.
51 Franklin Street, Fifth Floor, Boston, MA 02110-1301 USA
Everyone is permitted to copy and distribute verbatim copies of this
license document, but changing it is not allowed.
[This is the first released version of the Lesser GPL.
It also counts as the successor of the GNU Library Public License,
version 2, hence the version number 2.1.]
Preamble
The licenses for most software are designed to take away your freedom
to share and change it. By contrast, the GNU General Public Licenses
are intended to guarantee your freedom to share and change free
software to make sure the software is free for all its users.
This license, the Lesser General Public License, applies to some
specially designated software packages--typically libraries--of the Free
Software Foundation and other authors who decide to use it. You can
use it too, but we suggest you first think carefully about whether this
license or the ordinary General Public License is the better strategy to
use in any particular case, based on the explanations below.
When we speak of free software, we are referring to freedom of use, not
price. Our General Public Licenses are designed to make sure that you
have the freedom to distribute copies of free software (and charge for
this service if you wish); that you receive source code or can get it if you
want it; that you can change the software and use pieces of it in new
free programs; and that you are informed that you can do these things.
To protect your rights, we need to make restrictions that forbid
distributors to deny you these rights or to ask you to surrender these
rights. These restrictions translate to certain responsibilities for you if you
distribute copies of the library or if you modify it.
For example, if you distribute copies of the library, whether gratis or for a
fee, you must give the recipients all the rights that we gave you. You
must make sure that they, too, receive or can get the source code. If
you link other code with the library, you must provide complete object
files to the recipients, so that they can relink them with the library after
making changes to the library and recompiling it. And you must show
them these terms so they know their rights.
We protect your rights with a two-step method: (1) we copyright the
library, and (2) we offer you this license, which gives you legal
permission to copy, distribute and/or modify the library.
To protect each distributor, we want to make it very clear that there is no
warranty for the free library. Also, if the library is modified by someone
else and passed on, the recipients should know that what they have is
not the original version, so that the original author’s reputation will not be
affected by problems that might be introduced by others.
Finally, software patents pose a constant threat to the existence of any
free program. We wish to make sure that a company cannot effectively
restrict the users of a free program by obtaining a restrictive license from
a patent holder. Therefore, we insist that any patent license obtained for
a version of the library must be consistent with the full freedom of use
specified in this license.
Most GNU software, including some libraries, is covered by the ordinary
GNU General Public License. This license, the GNU Lesser General
Public License, applies to certain designated libraries, and is quite
different from the ordinary General Public License. We use this license
for certain libraries in order to permit linking those libraries into non-free
programs.
When a program is linked with a library, whether statically or using a
shared library, the combination of the two is legally speaking a
combined work, a derivative of the original library. The ordinary General
Public License therefore permits such linking only if the entire
combination fits its criteria of freedom. The Lesser General Public
License permits more lax criteria for linking other code with the library.
We call this license the “Lesser” General Public License because it does
Less to protect the user’s freedom than the ordinary General Public
License. It also provides other free software developers Less of an
advantage over competing non-free programs. These disadvantages
are the reason we use the ordinary General Public License for many
libraries. However, the Lesser license provides advantages in certain
special circumstances.
For example, on rare occasions, there may be a special need to
encourage the widest possible use of a certain library, so that it
becomes a de-facto standard. To achieve this, non-free programs must
be allowed to use the library. A more frequent case is that a free library
does the same job as widely used non-free libraries. In this case, there
is little to gain by limiting the free library to free software only, so we use
the Lesser General Public License.
In other cases, permission to use a particular library in non-free
programs enables a greater number of people to use a large body of
free software. For example, permission to use the GNU C Library in
non-free programs enables many more people to use the whole GNU
operating system, as well as its variant, the GNU/Linux operating
system.
Although the Lesser General Public License is Less protective of the
users’ freedom, it does ensure that the user of a program that is linked
with the Library has the freedom and the wherewithal to run that
program using a modified version of the Library.
The precise terms and conditions for copying, distribution and
modification follow. Pay close attention to the difference between a
“work based on the library” and a “work that uses the library”. The
former contains code derived from the library, whereas the latter must
be combined with the library in order to run.
TERMS AND CONDITIONS FOR COPYING,
DISTRIBUTION AND MODIFICATION
0. This License Agreement applies to any software library or other
program which contains a notice placed by the copyright holder or
other authorized party saying it may be distributed under the terms of
this Lesser General Public License (also called “this License”). Each
licensee is addressed as “you”.
A “library” means a collection of software functions and/or data
prepared so as to be conveniently linked with application programs
(which use some of those functions and data) to form executables.
The “Library”, below, refers to any such software library or work which
has been distributed under these terms. A “work based on the Library”
means either the Library or any derivative work under copyright law: that
is to say, a work containing the Library or a portion of it, either verbatim
or with modifications and/or translated straightforwardly into another
language. (Hereinafter, translation is included without limitation in the
term “modification”.)
“Source code” for a work means the preferred form of the work for
making modifications to it. For a library, complete source code means
all the source code for all modules it contains, plus any associated
interface definition files, plus the scripts used to control compilation and
installation of the library.
Activities other than copying, distribution and modification are not
covered by this License; they are outside its scope. The act of running a
program using the Library is not restricted, and output from such a
program is covered only if its contents constitute a work based on the
Library (independent of the use of the Library in a tool for writing it).
Whether that is true depends on what the Library does and what the
program that uses the Library does.
1. You may copy and distribute verbatim copies of the Library’s
complete source code as you receive it, in any medium, provided that
you conspicuously and appropriately publish on each copy an
appropriate copyright notice and disclaimer of warranty; keep intact all
the notices that refer to this License and to the absence of any
warranty; and distribute a copy of this License along with the Library.
You may charge a fee for the physical act of transferring a copy, and
you may at your option offer warranty protection in exchange for a fee.
2. You may modify your copy or copies of the Library or any portion of
it, thus forming a work based on the Library, and copy and distribute
such modifications or work under the terms of Section 1 above,
provided that you also meet all of these conditions:
a) The modified work must itself be a software library.
b) You must cause the files modified to carry prominent notices
stating that you changed the files and the date of any change.
c) You must cause the whole of the work to be licensed at no
charge to all third parties under the terms of this License.
d) If a facility in the modified Library refers to a function or a table of
data to be supplied by an application program that uses the
facility, other than as an argument passed when the facility is
invoked, then you must make a good faith effort to ensure that,
in the event an application does not supply such function or
table, the facility still operates, and performs whatever part of its
purpose remains meaningful.
(For example, a function in a library to compute square roots has a
purpose that is entirely well-defined independent of the application.
Therefore, Subsection 2d requires that any application-supplied function
or table used by this function must be optional: if the application does
not supply it, the square root function must still compute square roots.)
These requirements apply to the modified work as a whole. If identifiable
sections of that work are not derived from the Library, and can be
reasonably considered independent and separate works in themselves,
then this License, and its terms, do not apply to those sections when
you distribute them as separate works. But when you distribute the
same sections as part of a whole which is a work based on the Library,
the distribution of the whole must be on the terms of this License,
whose permissions for other licensees extend to the entire whole, and
thus to each and every part regardless of who wrote it.
Thus, it is not the intent of this section to claim rights or contest your
rights to work written entirely by you; rather, the intent is to exercise the
right to control the distribution of derivative or collective works based on
the Library.
In addition, mere aggregation of another work not based on the Library
with the Library (or with a work based on the Library) on a volume of a
storage or distribution medium does not bring the other work under the
scope of this License.
3. You may opt to apply the terms of the ordinary GNU General Public
License instead of this License to a given copy of the Library. To do this,
you must alter all the notices that refer to this License, so that they refer
to the ordinary GNU General Public License, version 2, instead of to this
License. (If a newer version than version 2 of the ordinary GNU General
Public License has appeared, then you can specify that version instead
if you wish.) Do not make any other change in these notices.
Once this change is made in a given copy, it is irreversible for that copy,
so the ordinary GNU General Public License applies to all subsequent
copies and derivative works made from that copy.
This option is useful when you wish to copy part of the code of the
Library into a program that is not a library.
4. You may copy and distribute the Library (or a portion or derivative of
it, under Section 2) in object code or executable form under the terms
of Sections 1 and 2 above provided that you accompany it with the
complete corresponding machine-readable source code, which must
be distributed under the terms of Sections 1 and 2 above on a medium
customarily used for software interchange.
If distribution of object code is made by offering access to copy from a
designated place, then offering equivalent access to copy the source
code from the same place satisfies the requirement to distribute the
source code, even though third parties are not compelled to copy the
source along with the object code.
5. A program that contains no derivative of any portion of the Library,
but is designed to work with the Library by being compiled or linked
with it, is called a “work that uses the Library”. Such a work, in isolation,
is not a derivative work of the Library, and therefore falls outside the
scope of this License.
However, linking a “work that uses the Library” with the Library creates
an executable that is a derivative of the Library (because it contains
portions of the Library), rather than a “work that uses the library”. The
executable is therefore covered by this License. Section 6 states terms
for distribution of such executables.
When a “work that uses the Library” uses material from a header file
that is part of the Library, the object code for the work may be a
derivative work of the Library even though the source code is not.
Whether this is true is especially significant if the work can be linked
without the Library, or if the work is itself a library. The threshold for this
to be true is not precisely defined by law.
If such an object file uses only numerical parameters, data structure
layouts and accessors, and small macros and small inline functions (ten
lines or less in length), then the use of the object file is unrestricted,
regardless of whether it is legally a derivative work. (Executables
containing this object code plus portions of the Library will still fall under
Section 6.)
Otherwise, if the work is a derivative of the Library, you may distribute
the object code for the work under the terms of Section 6. Any
executables containing that work also fall under Section 6, whether or
not they are linked directly with the Library itself.
6. As an exception to the Sections above, you may also combine or link
a “work that uses the Library” with the Library to produce a work
containing portions of the Library, and distribute that work under terms
of your choice, provided that the terms permit modification of the work
for the customer’s own use and reverse engineering for debugging such
modifications.
You must give prominent notice with each copy of the work that the
Library is used in it and that the Library and its use are covered by this
License. You must supply a copy of this License. If the work during
execution displays copyright notices, you must include the copyright
notice for the Library among them, as well as a reference directing the
user to the copy of this License. Also, you must do one of these things:
a) Accompany the work with the complete corresponding machinereadable source code for the Library including whatever changes
were used in the work (which must be distributed under Sections
1 and 2 above); and, if the work is an executable linked with the
Library, with the complete machine readable “work that uses the
Library”, as object code and/or source code, so that the user
can modify the Library and then relink to produce a modified
executable containing the modified Library. (It is understood that
the user who changes the contents of definitions files in the
Library will not necessarily be able to recompile the application to
use the modified definitions.)
b) Use a suitable shared library mechanism for linking with the
Library. A suitable mechanism is one that (1) uses at run time a
copy of the library already present on the user’s computer
system, rather than copying library functions into the executable,
and (2) will operate properly with a modified version of the library,
if the user installs one, as long as the modified version is
interface-compatible with the version that the work was made
with.
c) Accompany the work with a written offer, valid for at least three
years, to give the same user the materials specified in
Subsection 6a, above, for a charge no more than the cost of
performing this distribution.
d) If distribution of the work is made by offering access to copy
from a designated place, offer equivalent access to copy the
above specified materials from the same place.
e) Verify that the user has already received a copy of these
materials or that you have already sent this user a copy.
For an executable, the required form of the “work that uses the Library”
must include any data and utility programs needed for reproducing the
executable from it. However, as a special exception, the materials to be
distributed need not include anything that is normally distributed (in
either source or binary form) with the major components (compiler,
kernel, and so on) of the operating system on which the executable
runs, unless that component itself accompanies the executable.
It may happen that this requirement contradicts the license restrictions
of other proprietary libraries that do not normally accompany the
operating system. Such a contradiction means you cannot use both
them and the Library together in an executable that you distribute.
7. You may place library facilities that are a work based on the Library
side-by-side in a single library together with other library facilities not
covered by this License, and distribute such a combined library,
provided that the separate distribution of the work based on the Library
and of the other library facilities is otherwise permitted, and provided
that you do these two things:
a) Accompany the combined library with a copy of the same work
based on the Library, uncombined with any other library facilities.
This must be distributed under the terms of the Sections above.
b) Give prominent notice with the combined library of the fact that
part of it is a work based on the Library, and explaining where to
find the accompanying uncombined form of the same work.
8. You may not copy, modify, sublicense, link with, or distribute the
Library except as expressly provided under this License. Any attempt
otherwise to copy, modify, sublicense, link with, or distribute the Library
is void, and will automatically terminate your rights under this License.
However, parties who have received copies, or rights, from you under
this License will not have their licenses terminated so long as such
parties remain in full compliance.
9. You are not required to accept this License, since you have not signed
it. However, nothing else grants you permission to modify or distribute the
Library or its derivative works. These actions are prohibited by law if you
do not accept this License. Therefore, by modifying or distributing the
Library (or any work based on the Library), you indicate your acceptance
of this License to do so, and all its terms and conditions for copying,
distributing or modifying the Library or works based on it.
10. Each time you redistribute the Library (or any work based on the
Library), the recipient automatically receives a license from the original
licensor to copy, distribute, link with or modify the Library subject to
these terms and conditions. You may not impose any further restrictions
on the recipients’ exercise of the rights granted herein. You are not
responsible for enforcing compliance by third parties with this License.
11. If, as a consequence of a court judgment or allegation of patent
infringement or for any other reason (not limited to patent issues),
conditions are imposed on you (whether by court order, agreement or
otherwise) that contradict the conditions of this License, they do not
excuse you from the conditions of this License. If you cannot distribute
so as to satisfy simultaneously your obligations under this License and
any other pertinent obligations, then as a consequence you may not
distribute the Library at all. For example, if a patent license would not
permit royalty free redistribution of the Library by all those who receive
copies directly or indirectly through you, then the only way you could
satisfy both it and this License would be to refrain entirely from
distribution of the Library.
If any portion of this section is held invalid or unenforceable under any
particular circumstance, the balance of the section is intended to apply, and
the section as a whole is intended to apply in other circumstances.
It is not the purpose of this section to induce you to infringe any patents or
other property right claims or to contest validity of any such claims; this
section has the sole purpose of protecting the integrity of the free software
distribution system which is implemented by public license practices. Many
people have made generous contributions to the wide range of software
distributed through that system in reliance on consistent application of that
system; it is up to the author/donor to decide if he or she is willing to
distribute software through any other system and a licensee cannot impose
that choice.
This section is intended to make thoroughly clear what is believed to be
a consequence of the rest of this License.
12. If the distribution and/or use of the Library is restricted in certain
countries either by patents or by copyrighted interfaces, the original
copyright holder who places the Library under this License may add an
explicit geographical distribution limitation excluding those countries, so
that distribution is permitted only in or among countries not thus
excluded. In such case, this License incorporates the limitation as if
written in the body of this License.
13. The Free Software Foundation may publish revised and/or new
versions of the Lesser General Public License from time to time. Such
new versions will be similar in spirit to the present version, but may differ
in detail to address new problems or concerns.
Each version is given a distinguishing version number. If the Library
specifies a version number of this License which applies to it and “any
later version”, you have the option of following the terms and conditions
either of that version or of any later version published by the Free
Software Foundation. If the Library does not specify a license version
number, you may choose any version ever published by the Free
Software Foundation.
14. If you wish to incorporate parts of the Library into other free
programs whose distribution conditions are incompatible with these,
write to the author to ask for permission. For software which is
copyrighted by the Free Software Foundation, write to the Free
Software Foundation; we sometimes make exceptions for this. Our
decision will be guided by the two goals of preserving the free status of
all derivatives of our free software and of promoting the sharing and
reuse of software generally.
NO WARRANTY
15. BECAUSE THE LIBRARY IS LICENSED FREE OF CHARGE, THERE
IS NO WARRANTY FOR THE LIBRARY, TO THE EXTENT PERMITTED
BY APPLICABLE LAW. EXCEPT WHEN OTHERWISE STATED IN
WRITING THE COPYRIGHT HOLDERS AND/OR OTHER PARTIES
PROVIDE THE LIBRARY “AS IS” WITHOUT WARRANTY OF ANY KIND,
EITHER EXPRESSED OR IMPLIED, INCLUDING, BUT NOT LIMITED
TO, THE IMPLIED WARRANTIES OF MERCHANTABILITY AND
FITNESS FOR A PARTICULAR PURPOSE. THE ENTIRE RISK AS TO
THE QUALITY AND PERFORMANCE OF THE LIBRARY IS WITH YOU.
SHOULD THE LIBRARY PROVE DEFECTIVE, YOU ASSUME THE
COST OF ALL NECESSARY SERVICING, REPAIR OR CORRECTION.
16. IN NO EVENT UNLESS REQUIRED BY APPLICABLE LAW OR
AGREED TO IN WRITING WILL ANY COPYRIGHT HOLDER, OR ANY
OTHER PARTY WHO MAY MODIFY AND/OR REDISTRIBUTE THE
LIBRARY AS PERMITTED ABOVE, BE LIABLE TO YOU FOR
DAMAGES, INCLUDING ANY GENERAL, SPECIAL, INCIDENTAL OR
CONSEQUENTIAL DAMAGES ARISING OUT OF THE USE OR
INABILITY TO USE THE LIBRARY (INCLUDING BUT NOT LIMITED TO
LOSS OF DATA OR DATA BEING RENDERED INACCURATE OR
LOSSES SUSTAINED BY YOU OR THIRD PARTIES OR A FAILURE OF
THE LIBRARY TO OPERATE WITH ANY OTHER SOFTWARE), EVEN IF
SUCH HOLDER OR OTHER PARTY HAS BEEN ADVISED OF THE
POSSIBILITY OF SUCH DAMAGES.
END OF TERMS AND CONDITIONS
How to Apply These Terms to Your New
Libraries
If you develop a new library, and you want it to be of the greatest
possible use to the public, we recommend making it free software that
everyone can redistribute and change. You can do so by permitting
redistribution under these terms (or, alternatively, under the terms of the
ordinary General Public License).
To apply these terms, attach the following notices to the library. It is
safest to attach them to the start of each source file to most effectively
convey the exclusion of warranty; and each file should have at least the
“copyright” line and a pointer to where the full notice is found. one line
to give the library’s name and an idea of what it does.
Copyright (C) year name of author
This library is free software; you can redistribute it and/or modify it under
the terms of the GNU Lesser General Public License as published by
the Free Software Foundation; either version 2.1 of the License, or (at
your option) any later version.
This library is distributed in the hope that it will be useful, but WITHOUT
ANY WARRANTY; without even the implied warranty of
MERCHANTABILITY or FITNESS FOR A PARTICULAR PURPOSE. See
the GNU Lesser General Public License for more details.
You should have received a copy of the GNU Lesser General Public
License along with this library; if not, write to the Free Software
Foundation, Inc., 51 Franklin Street, Fifth Floor, Boston, MA 021101301 USA Also add information on how to contact you by electronic
and paper mail.
You should also get your employer (if you work as a programmer) or
your school, if any, to sign a “copyright disclaimer” for the library, if
necessary. Here is a sample; alter the names:
Yoyodyne, Inc., hereby disclaims all copyright interest in the library
‘Frob’ (a library for tweaking knobs) written by James Random Hacker.
signature of Ty Coon, 1 April 1990 Ty Coon, President of Vice.
OpenSSL LICENSE
Copyright (c) 1998-2006 The OpenSSL Project. All rights reserved.
Redistribution and use in source and binary forms, with or without
modification, are permitted provided that the following conditions are met:
1. Redistributions of source code must retain the above copyright
notice, this list of conditions and the following disclaimer.
2. Redistributions in binary form must reproduce the above copyright
notice, this list of conditions and the following disclaimer in the
documentation and/or other materials provided with the distribution.
3. All advertising materials mentioning features or use of this software
must display the following acknowledgment: “This product includes
software developed by the OpenSSL Project for use in the OpenSSL
Toolkit. (http://www.openssl.org/)”
4. The names “OpenSSL Toolkit” and “OpenSSL Project” must not be
used to endorse or promote products derived from this software
without prior written permission. For written permission, please contact
openssl-core@openssl.org.
5. Products derived from this software may not be called “OpenSSL”
nor may “OpenSSL” appear in their names without prior written
permission of the OpenSSL Project.
6. Redistributions of any form whatsoever must retain the following
acknowledgment: “This product includes software developed by the
OpenSSL Project for use in the OpenSSL Toolkit (http://www.openssl.
org/)”
THIS SOFTWARE IS PROVIDED BY THE OpenSSL PROJECT ‘‘AS IS’’
AND ANY EXPRESSED OR
IMPLIED WARRANTIES, INCLUDING, BUT NOT LIMITED TO, THE
IMPLIED WARRANTIES OF MERCHANTABILITY AND FITNESS FOR A
PARTICULAR PURPOSE ARE DISCLAIMED. IN NO EVENT SHALL
THE OpenSSL PROJECT OR ITS CONTRIBUTORS BE LIABLE FOR
ANY DIRECT, INDIRECT, INCIDENTAL, SPECIAL, EXEMPLARY, OR
CONSEQUENTIAL DAMAGES (INCLUDING, BUT NOT LIMITED TO,
PROCUREMENT OF SUBSTITUTE GOODS OR SERVICES; LOSS OF
USE, DATA, OR PROFITS; OR BUSINESS INTERRUPTION) HOWEVER
CAUSED AND ON ANY THEORY OF LIABILITY, WHETHER IN
CONTRACT, STRICT LIABILITY, OR TORT (INCLUDING NEGLIGENCE
OR OTHERWISE) ARISING IN ANY WAY OUT OF THE USE OF THIS
SOFTWARE, EVEN IF ADVISED OF THE POSSIBILITY OF SUCH
DAMAGE.This product includes cryptographic software written by Eric
Young (eay@cryptsoft.com). This product includes software written by
Tim Hudson (tjh@cryptsoft.com).
Original SSLeay License
Copyright (C) 1995-1998 Eric Young (eay@cryptsoft.com) All rights
reserved. This package is an SSL implementation written by Eric Young
(eay@cryptsoft.com). The implementation was written so as to conform
with Netscapes SSL. This library is free for commercial and noncommercial use as long as the following conditions are aheared to. The
following conditions apply to all code found in this distribution, be it the
RC4, RSA, lhash, DES, etc., code; not just the SSL code. The SSL
documentation included with this distribution is covered by the same
copyright terms except that the holder is Tim Hudson (tjh@cryptsoft.
com).
Copyright remains Eric Young’s, and as such any Copyright notices in
the code are not to be removed.
If this package is used in a product, Eric Young should be given
attribution as the author of the parts of the library used. This can be in
the form of a textual message at program startup or in documentation
(online or textual) provided with the package.Redistribution and use in
source and binary forms, with or without modification, are permitted
provided that the following conditions are met:
1. Redistributions of source code must retain the copyright notice, this
list of conditions and the following disclaimer.
2. Redistributions in binary form must reproduce the above copyright
notice, this list of conditions and the following disclaimer in the
documentation and/or other materials provided with the distribution.
3. All advertising materials mentioning features or use of this software
must display the following acknowledgement: “This product includes
cryptographic software written by Eric Young (eay@cryptsoft.com)” The
word ‘cryptographic’ can be left out if the rouines from the library being
used are not cryptographic related :-).
4. If you include any Windows specific code (or a derivative thereof) from
the apps directory (application code) you must include an
acknowledgement: “This product includes software written by Tim
Hudson (tjh@cryptsoft.com)”
THIS SOFTWARE IS PROVIDED BY ERIC YOUNG ‘‘AS IS’’ AND ANY
EXPRESS OR IMPLIED WARRANTIES, INCLUDING, BUT NOT
LIMITED TO, THE IMPLIED WARRANTIES OF MERCHANTABILITY
AND FITNESS FOR A PARTICULAR PURPOSE ARE DISCLAIMED. IN
NO EVENT SHALL THE AUTHOR OR CONTRIBUTORS BE LIABLE
FOR ANY DIRECT, INDIRECT, INCIDENTAL, SPECIAL, EXEMPLARY,
OR CONSEQUENTIAL DAMAGES (INCLUDING, BUT NOT LIMITED
TO, PROCUREMENT OF SUBSTITUTE GOODS OR SERVICES; LOSS
OF USE, DATA, OR PROFITS; OR BUSINESS INTERRUPTION)
HOWEVER CAUSED AND ON ANY THEORY OF LIABILITY, WHETHER
IN CONTRACT, STRICT LIABILITY, OR TORT (INCLUDING
NEGLIGENCE OR OTHERWISE) ARISING IN ANY WAY OUT OF THE
USE OF THIS SOFTWARE, EVEN IF ADVISED OF THE POSSIBILITY
OF SUCH DAMAGE.The licence and distribution terms for any publically
available version or derivative of this code cannot be changed. i.e. this
code cannot simply be copied and put under another distribution
licence [including the GNU Public Licence.
Corretto smaltimento del prodotto (rifiuti elettrici ed elettronici)
(Applicabile nell’Unione Europea e in altri paesi europei con sistema di raccolta differenziata)
Il marchio riportato sul prodotto, sugli accessori o sulla documentazione indica che il prodotto e i relativi accessori elettronici (quali
caricabatterie, cuffia e cavo USB) non devono essere smaltiti con altri rifiuti domestici al termine del ciclo di vita. Per evitare eventuali
danni all'ambiente o alla salute causati dall'inopportuno smaltimento dei rifiuti, si invita l'utente a separare il prodotto e i suddetti
accessori da altri tipi di rifiuti e di riciclarli in maniera responsabile per favorire il riutilizzo sostenibile delle risorse materiali.
Gli utenti domestici sono invitati a contattare il rivenditore presso il quale è stato acquistato il prodotto o l'ufficio locale preposto per tutte
le informazioni relative alla raccolta differenziata e al riciclaggio per questo tipo di materiali.
Gli utenti aziendali sono invitati a contattare il proprio fornitore e verificare i termini e le condizioni del contratto di acquisto. Questo
prodotto e i relativi accessori elettronici non devono essere smaltiti unitamente ad altri rifiuti commerciali.
Corretto smaltimento delle batterie del prodotto
(Applicabile nei paesi dell’Unione Europea e in altri paesi europei con sistemi di conferimento differenziato delle batterie.)
Il marchio riportato sulla batteria o sulla sua documentazione o confezione indica che le batterie di questo prodotto non devono essere smaltite con altri rifiuti
domestici al termine del ciclo di vita. Dove raffigurati, i simboli chimici Hg, Cd o Pb indicano che la batteria contiene mercurio, cadmio o piombo in quantità
superiori ai livelli di riferimento della direttiva UE 2006/66. Se le batterie non vengono smaltite correttamente, queste sostanze possono causare danni alla salute
umana o all'ambiente. Per proteggere le risorse naturali e favorire il riutilizzo dei materiali, separare le batterie dagli altri tipi di rifiuti e riciclarle utilizzando il sistema
di conferimento gratuito previsto nella propria area di residenza.
RETE DI VENDITA
SAMSUNG TECHWIN CO., LTD.
Samsungtechwin R&D Center, 701, Sampyeong-dong, Bundang-gu, Seongnam-si, Gyeonggi-do, Korea, 463-400
TEL : +82-70-7147-8740~60 FAX : +82-31-8018-3745
SAMSUNG TECHWIN AMERICA Inc.
100 Challenger Rd. Suite 700 Ridgefield Park, NJ 07660
Toll Free : +1-877-213-1222 Direct : +1-201-325-6920
Fax : +1-201-373-0124
www.samsungcctvusa.com
www.samsungtechwin.com
www.samsungsecurity.com
www.samsungipolis.com
SAMSUNG TECHWIN EUROPE LTD.
Samsung House, 1000 Hillswood Drive, Hillswood Business
Park Chertsey, Surrey, UNITED KINGDOM KT16 OPS
TEL : +44-1932-45-5300 FAX : +44-1932-45-5325
Download PDF