GUIDA ALLE RETI
GUIDA
ALLE RETI
INDICE
1
BENVENUTI .................................................................................................................. 4
2
GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE............................. 5
2.1
COMPONENTI BASE DELLA RETE ................................................................................ 5
2.2
TOPOLOGIA ETHERNET .............................................................................................. 6
2.2.1
Tabella riassuntiva ........................................................................................... 7
2.3
CLIENT E SERVER ...................................................................................................... 7
2.4
CABLAGGIO ............................................................................................................... 8
2.5
SCHEDE DI RETE ........................................................................................................ 8
2.6
HUB ........................................................................................................................... 9
2.6.1
Esempio ............................................................................................................ 9
2.7
SWITCH ..................................................................................................................... 9
2.7.1
Esempio .......................................................................................................... 10
2.8
ROUTER ................................................................................................................... 10
2.8.1
Esempio .......................................................................................................... 10
3
PANORAMICA SULLE TECNOLOGIE DI NETWORKING .............................. 11
3.1
LAN ETHERNET E FAST ETHERNET ......................................................................... 11
3.2
ACCESSO REMOTO E WAN...................................................................................... 12
3.3
RETI PRIVATE VIRTUALI (VIRTUAL PRIVATE NETWORK, VPN):.............................. 13
3.4
L’ALTERNATIVA CONVENIENTE ALLA WAN PRIVATA ............................................. 13
3.5
LA SICUREZZA NELLE VPN ..................................................................................... 14
3.6
GLI ELEMENTI NECESSARI PER CREARE UNA VPN ................................................... 14
3.6.1
Linee analogiche ............................................................................................ 14
3.6.2
ISDN ............................................................................................................... 15
3.6.3
Novità: le linee ADSL..................................................................................... 15
3.6.4
Linee dedicate................................................................................................. 16
3.7
IL SERVIZIO IDEALE PER OGNI ESIGENZA .................................................................. 16
4
ESEMPI DI NETWORKING PER PICCOLE E MEDIE AZIENDE.................... 18
4.1
4.2
4.3
4.4
4.5
4.6
4.7
5
LAN PER PICCOLI UFFICI ......................................................................................... 18
LA RETE DEL PICCOLO UFFICIO SI ESPANDE ............................................................. 18
RETE GEOGRAFICA (WAN) DI RIDOTTA COMPLESSITÀ ............................................ 19
RETE GEOGRAFICA (WAN) AD ALTE PRESTAZIONI .................................................. 20
PICCOLA RETE PRIVATA VIRTUALE .......................................................................... 20
GIGABIT ETHERNET 1000BASE.............................................................................. 21
GLI INDIRIZZI IP ...................................................................................................... 22
I COLLEGAMENTI DI RETE CORRETTI ............................................................ 25
5.1
COME COLLEGARSI A INTERNET .............................................................................. 25
5.2
COME SCEGLIERE L’INTERNET SERVICE PROVIDER ................................................. 26
5.3
ELEMENTI DI VALUTAZIONE DI UN INTERNET SERVICE PROVIDER (ISP) ................. 27
5.3.1
Prezzo ............................................................................................................. 27
Vietata la riproduzione e la diffusione senza autorizzazione
2
5.3.2
Supporto tecnico............................................................................................. 27
5.3.3
Accesso ........................................................................................................... 27
5.3.4
Prestazioni...................................................................................................... 27
5.3.5
Servizi aggiuntivi............................................................................................ 27
5.4
COME CREARE UN PROPRIO SITO WEB ..................................................................... 28
6
DOMANDE E RISPOSTE SULLA PROGETTAZIONE DI RETE ...................... 29
6.1
GUIDA AI PROBLEMI DELLA CONGESTIONE .............................................................. 29
6.2
COME INDIVIDUARE LA CONGESTIONE SULLA RETE ................................................. 29
6.2.1
Maggiore ritardo sulla rete............................................................................ 29
6.2.2
Elevato utilizzo della rete ............................................................................... 29
6.2.3
Utenti insoddisfatti ......................................................................................... 30
6.3
LA REGOLA 8020..................................................................................................... 30
6.4
COME AUMENTARE LE PRESTAZIONI DI RETE ........................................................... 31
6.4.1
Molti file piccoli ............................................................................................. 31
6.4.2
Pochi file grandi............................................................................................. 31
6.4.3
Molti file grandi.............................................................................................. 31
6.5
COME UTILIZZARE LE APPARECCHIATURE ESISTENTI QUANDO LA RETE EVOLVE ..... 32
7
BREVE ELENCO DEI COMPONENTI DI RETE FONDAMENTALI ............... 33
7.1
7.2
7.3
8
CREAZIONE DI UNA PICCOLA LAN .......................................................................... 33
COLLEGAMENTO DI UFFICI E DIPARTIMENTI ............................................................ 33
COLLEGAMENTO DI UFFICI SITUATI IN LUOGHI DIVERSI ........................................... 33
APPENDICE................................................................................................................. 34
8.1
COSA CI RISERVA IL FUTURO? .................................................................................. 34
8.2
PERCHÈ DUE SE NE BASTA UNA? .............................................................................. 34
8.3
LA RETE C’È ANCHE SE NON SI VEDE........................................................................ 35
8.3.1
Libertà di movimento...................................................................................... 35
8.3.2
Facilità di installazione e convenienza .......................................................... 35
8.3.3
Connessioni in situazioni particolari ............................................................. 35
9
GLOSSARIO ................................................................................................................ 36
Vietata la riproduzione e la diffusione senza autorizzazione
3
1 Benvenuti
Questa Guida è stata realizzata per illustrare in modo chiaro e comprensibile i principi
fondamentali per la creazione ed il funzionamento di una rete. Nel presentare i concetti
abbiamo avuto un occhio di riguardo per le piccole e medie imprese, cuore dell’attività
produttiva nel nostro paese e grandi beneficiari della diffusione del networking come
strumento di efficienza e competitività.
Inoltre la prima sezione è rivolta a chi vuole conoscere anche gli elementi più semplici delle
reti: se disponete già dei primi rudimenti di networking, potete passare direttamente alla
panoramica sulle tecnologie di rete.
La maggior parte delle persone non utilizzerebbe mai le parole “networking” e “base” nella
stessa frase, tuttavia, anche se i principi base del networking sono in un certo senso
complessi, la creazione di una rete può diventare semplicissima, se si utilizzano gli strumenti
adatti e se si sa come combinarli.
Con le reti è giusto partire in piccolo e pianificare poi la crescita. Anche la rete più modesta
può assicurare grandi benefici economici, se consente di risparmiare tempo, migliorare le
comunicazioni tra i dipendenti, i clienti e i fornitori, aumentare la produttività e aprire nuove
strade verso le risorse informative di tutto il mondo.
In un’ottica di questo tipo, le reti sono come le macchine: per spostarsi non è necessario
conoscere in dettaglio come funziona il motore.
Questa guida non ha quindi l’obiettivo di trasformarvi in un esperto di networking, ma
piuttosto di aiutarvi a:
•
•
•
conoscere gli elementi base essenziali delle reti e il ruolo di ognuno di essi,
conoscere le tecnologie di networking più diffuse o i metodi necessari per spostare i
vostri dati da un luogo all’altro,
decidere l’approccio di networking migliore e le tecnologie più adatte alla vostra
attività.
Vietata la riproduzione e la diffusione senza autorizzazione
4
2 Gli elementi base per la creazione di una rete
Anche se il termine “rete” ha molte accezioni, possiamo definirla come un gruppo di due o
più computer collegati.
Se i computer sono collegati in rete è possibile scambiarsi file e condividere periferiche quali
modem, stampanti, unità nastro di backup, lettori di CDROM.
Le reti possono essere locali o geografiche: quando si parla della rete situata in un’unica sede
dell’azienda abbiamo una rete locale (LAN, Local Area Network), se due reti situate in due
sedi differenti sono collegate mediante servizi offerti da un Internet Service Provider (ISP) o
tramite una linea dedicata fornita da una società telefonica, abbiamo anche oltre a due reti
locali una rete WAN (Wide Area Network, detta anche rete geografica).
Ogni rete comprende:
•
•
•
•
•
almeno due computer;
una scheda di rete (un dispositivo che permette al computer di colloquiare con la rete)
su ogni computer (detta anche NIC, Network Interface Card);
un mezzo di collegamento, ovvero il cavo. Oggi esiste anche la possibilità di far
comunicare i computer e le periferiche collegati in rete senza cavo (in inglese,
“wireless”);
un software di rete, normalmente già presente nei più comuni sistemi operativi quali
Windows 9x, Windows NT/2000, Apple MacOS, Novell NetWare.
un ‘punto di aggregazione, ovvero una ‘scatola’ per connettere tutti i cavi. In passato vi erano anche reti
in cui il cavo di rete di ogni PC si collegava direttamente ad un altro PC: oggi invece le reti prevedono
quasi sempre una struttura più efficiente, che riunisce i cavi connessi ai PC in un unico punto. Questa
‘scatola intelligente cui si attaccano i cavi provenienti dai PC può essere un hub o uno switch.
2.1 Componenti base della rete
La maggior parte delle reti è composta da almeno due computer, da schede di rete, dal
cablaggio, dal software di rete e da un hub.
componenti base della rete
Vietata la riproduzione e la diffusione senza autorizzazione
5
2.2 Topologia Ethernet
Il collegamento fisico tra i nodi di una rete Ethernet può essere a bus o a stella, a seconda
della versione.
La topologia di cui sto parlando è la topologia fisica, che non va confusa con la topologia
elettrica della rete, che in entrambi i casi rimane a bus. Questo significa che in qualsiasi rete
Ethernet, il segnale tocca i nodi passando per un solo percorso, indipendentemente da come
essi sono collocati. Un esempio famoso di rete con disposizione non a bus è Token Ring, che
ha una topologia elettrica ad anello.
Le reti 10Base-2 e 10Base-5 hanno una topologia fisica a bus, quindi il cavo si snoda da un
computer all'altro "toccando" ogni computer, senza creare anelli o derivazioni secondarie.
Topologia a bus (10Base-5, 10Base-2)
Le reti come la 10Base-T e la 100Base-TX, continuano ad avere una topologia elettrica a
bus, ma la topologia fisica diventa a stella. Questo significa che tutte le macchine si
collegano ad un punto, l'hub (in inglese concentratore) che, oltre a riunire a se tutte le
connessioni, ha anche le funzioni di ripetitore.
Vietata la riproduzione e la diffusione senza autorizzazione
6
Topologia a stella (10Base-T, 100Base-TX)
2.2.1
Tabella riassuntiva
Versione
Velocità
max.
Lunghezza
max. di un
segmento
N° max. di
nodi su un
segmento
Lunghezza
totale
raggiungibile
N° max. di
ripetitori
N° max. di
segmenti
Tipo di cavo
utilizzato
10Base-5
10Mbps
500m.
100
2500m.
4
5, di cui 2
non popolati
Coassiale
grosso
10Base-2
10Mbps
200m.
30
1000m.
4
5, di cui 2
non popolati
Coassiale
sottile
10Base-T
10Mbps
100m.UTP
500m.STP
2
500m.
4
5, di cui 2
non popolati
Doppino
UTP/STP
100Base-T
100Mbps
100m.
2
205
2
3, di cui 1 per
l'uplink
Doppino UTP
(cat.5)
2.3 Client e server
Spesso, quando la rete si ingrandisce e aumenta il numero di utilizzatori connessi, si
introduce un computer su cui non lavorerà nessuno: sarà infatti un computer dedicato ad
offrire servizi agli altri PC della rete.
Questo computer viene chiamato server, un punto centralizzato per archiviare (e
condividere) informazioni (file) o programmi.
I server si occupano anche di gestire e mettere a disposizione di tutti alcune periferiche come
le stampanti. Se esiste un server in rete, gli altri computer prendono il nome di client.
In piccole reti dove si decide di non installare un server alcune funzioni di condivisione
possono essere espletate dai singoli computer connessi.
Vietata la riproduzione e la diffusione senza autorizzazione
7
Gli utenti possono comunque scambiare file ed email, copiare i file sui dischi fissi di qualcun
altro e utilizzare persino le stampanti collegate a un altro computer. Tuttavia, se alla rete si
aggiungono più utenti, un server dedicato è sicuramente più efficiente e sicuro.
2.4 Cablaggio
Il cablaggio di rete può essere realizzato utilizzando tre tipi di dispositivi:
1. Il cavo coassiale, che assomiglia ai cavi per la televisione, la cui diffusione si sta però
riducendo.
2. Il doppino, (denominato anche 10BaseT), che viene usato di norma nelle nuove
installazioni ed è conforme a diversi standard quali, ad esempio, il doppino non
schermato (UTP, Unshielded Twisted Pair) di Categoria 3, utilizzato nelle linee
telefoniche tradizionali, e quello di Categoria 5, sempre più spesso usato nelle attuali
reti dati (e in quelle miste dati/fonia).
3. Le fibre ottiche, che generalmente vengono riservate ai collegamenti più importanti
delle grandi reti. Si tratta di un cablaggio, che di norma non vedrete collegare i PC
di un ufficio: serve infatti per portare grandi quantità di dati ed è particolarmente
costoso.
È quindi importante scegliere il cablaggio giusto per gli uffici e gli edifici e non va
dimenticato che quello che viene fatto passare sotto il pavimento o lungo le pareti non deve
soddisfare solo le esigenze attuali ma deve essere in grado di far fronte alle trasformazioni
future. Per esempio, per una normale rete locale Ethernet (velocità: 10 Mbps) è sufficiente
utilizzare un cablaggio con doppino UTP di Categoria 3.
Ma se successivamente deciderete di passare ad una più veloce rete Fast Ethernet (velocità:
100 Mbps), dovrete avere un cablaggio con doppino UTP di Categoria 5: rischiereste
altrimenti di dover rimettere tutti i cavi.
2.5 Schede di rete
Le schede di rete sono generalmente installate all’interno del computer. Sul retro del
computer compare la parte terminale della scheda, dove si inserisce il cavo di rete.
Portatili e notebook hanno schede di rete differenti (formato PCMCIA), ed occupano uno
slot che si trova solitamente su uno dei lati.
Anche per le schede di rete è necessario scegliere con un occhio di riguardo per il futuro: ad
esempio coloro che uno o due anni fa hanno adottato la scheda Fast Ethernet (velocità
10/100 Mbps, ormai uno standard), invece della più lenta scheda Ethernet, hanno oggi
maggior facilità a sfruttare le prestazioni di una rete potenziata.
Fast Ethernet si sta diffondendo rapidamente, ma è già prevedibile che in futuro saranno
comuni reti locali con velocità superiori.
Vietata la riproduzione e la diffusione senza autorizzazione
8
2.6 Hub
Gli hub, o ripetitori, sono i dispositivi che collegano fra di loro gli utenti, il ‘punto di
aggregazione di tutti i cavi collegati ai PC.
Ogni pacchetto di dati proveniente da un computer viene ricevuto dall’hub su una porta e
trasmesso a tutte le altre.
Tutti gli utenti collegati a un hub o a una serie di hub connessi “in cascata” si trovano nello
stesso “segmento” di rete e condividono la stessa larghezza di banda (la velocità, per così
dire).
Ad esempio, nel caso della comune rete Ethernet, la banda di 10 Mbps viene condivisa in
modo tale per cui se un utente ne sta utilizzando il 10%, agli altri utenti rimangono 9 Mbps.
È facile immaginare che questa tipologia di connessione con banda ‘condivisa’ esaurisca
rapidamente la capacità della rete di far viaggiare rapidamente il traffico delle informazioni.
2.6.1 Esempio
Per comprendere perché un hub, pur essendo un dispositivo poco costoso, sia meno
efficiente di altri dispositivi di rete usiamo una metafora: un hotel con un’unica linea
telefonica interna per tutti gli ospiti.
Se un ospite ne chiama un altro, i telefoni nelle camere di tutti gli altri ospiti si mettono a
suonare.
Per capire a chi è indirizzata la chiamata, ogni ospite dovrà rispondere.
Inoltre, per tutta la durata della chiamata la linea telefonica non potrà essere utilizzata da
altri.
Con pochi ospiti questo sistema potrebbe essere accettabile, tuttavia, nelle ore di punta,
diciamo quando ognuno rientra nella propria camera alle 6 del pomeriggio, diventa difficile
comunicare.
La linea telefonica è sempre occupata ed i telefoni squillano continuamente.
2.7 Switch
Gli switch svolgono la stessa funzione degli hub, ma sono più potenti ed intelligenti.
Innanzitutto offrono una larghezza di banda maggiore agli utenti, perché la banda non è
condivisa, ma dedicata: se si tratta di 10 Mbps, ogni utente ha i propri 10 Mbps, da non
dividere con nessuno.
Inoltre uno switch invia i pacchetti di dati solo alla porta specifica del destinatario (questo
avviene perché “legge” le informazioni con l’indirizzo di ogni pacchetto.
Per isolare la trasmissione dalle altre porte, lo switch stabilisce una connessione temporanea
tra la sorgente e la destinazione, chiudendola al termine della conversazione.
Vietata la riproduzione e la diffusione senza autorizzazione
9
2.7.1 Esempio
Rispetto all’esempio precedente, lo switch è come un centralino telefonico intelligente e
multilinea, dove è possibile chiamare solo la persona desiderata (senza far squillare tutti gli
altri telefoni) e dove non si verificano ‘ingorghi’ in caso di eccessivo traffico: la linea è
sempre libera.
2.8 Router
Anche i router sono “smistatori di traffico” che ricevono dati e li inviano da qualche altra
parte.
Nelle reti si occupano solitamente del traffico verso l’esterno della rete locale, ad esempio
per un collegamento a Internet.
I router sono particolarmente intelligenti: leggono un “indirizzo” più completo per
determinare il punto successivo cui inviare il “pacchetto” dei dati.
Basandosi su una mappa di rete denominata “tabella di routing”, i router possono fare in
modo che i pacchetti raggiungano le loro destinazioni attraverso i percorsi più efficaci.
Se cade la connessione tra due router, per non bloccare il traffico, il router sorgente può
definire un percorso alternativo.
I router creano anche i collegamenti tra reti che utilizzano linguaggi diversi o, in termini
tecnici, “protocolli” diversi.
Tra i protocolli utilizzati vi sono IP (Internet Protocol), IPX (Internet Packet Exchange) e
AppleTalk.
I router possono anche collegare reti situate nello stesso luogo o in un gruppo di edifici ma
sono usati soprattutto per il collegamento WAN tra reti fisicamente distanti.
I servizi WAN, che vengono offerti dalle società di telecomunicazione per collegare network
geograficamente distribuiti, verranno spiegati dettagliatamente in seguito.
2.8.1 Esempio
Per capire la funzione dei router, si può immaginare che l’Hotel Ambasciatori e tutti gli altri
hotel associati della catena dispongano di operatori più efficienti.
Quando Fabiola Sassaroli, ospite dell’Hotel Ambasciatori, chiama Rita Mascetti all’Hotel
Firenze, l’operatore dell’Ambasciatori sa qual è il modo migliore per inoltrare la chiamata.
Invia quindi la chiamata all’Hotel Michelangelo che la passa poi all’Hotel Firenze.
Se vi fosse un problema al centralino dell’Hotel Michelangelo, l’operatore dell’Ambasciatori
potrebbe utilizzare un percorso alternativo, passando la chiamata ad un altro centralino
dell’hotel che, a sua volta, invierebbe la chiamata al Michelangelo.
Vietata la riproduzione e la diffusione senza autorizzazione
10
3 Panoramica sulle tecnologie di networking
3.1 LAN Ethernet e Fast Ethernet
Ethernet è apparsa nel 1970 ed è la tecnologia di rete più diffusa per le reti locali (LAN).
Ethernet si basa sullo standard CSMA/CD (Carrier Sense Multiple Access with Collision
Detection), (Vedere alla voce Token Ring nel glossario per informazioni su un altro tipo di
comunicazione di rete di base).
Un computer con scheda di rete Ethernet può inviare i pacchetti di dati solo quando nessun
altro pacchetto sta viaggiando sulla rete, ovverosia quando la rete è “tranquilla”.
In caso contrario, aspetta a trasmettere come quando, durante una conversazione, una
persona deve attendere che l’altra smetta prima di parlare a sua volta.
Se più computer percepiscono contemporaneamente un momento “tranquillo” e iniziano ad
inviare i dati nello stesso momento, si verifica una “collisione” dei dati sulla rete, che non
implica errori ma la necessità di altri tentativi.
Ogni computer, infatti, attende per un certo periodo e prova a inviare nuovamente il
pacchetto di dati.
Se le persone che cercano di utilizzare la rete aumentano, cresce rapidamente anche il
numero di collisioni, errori e di ritrasmissioni, con un effetto a valanga dannoso per le
prestazioni della rete.
Quando viene utilizzato più del 50 percento della larghezza di banda totale, la percentuale di
collisioni provoca quindi congestioni: il tempo per stampare i file si allunga, le applicazioni
si aprono lentamente e gli utenti devono aspettare.
Quando questo valore raggiunge e supera il 60 percento, la rete rallenta drasticamente o,
addirittura, si ferma.
Come sottolineato nel capitolo precedente, la larghezza di banda o la capacità di trasmissione
dei dati di Ethernet è di 10 Mbps., Fast Ethernet opera nello stesso modo ma ad una velocità
dieci volte superiore (100 Mbps).
Dato il modo di operare delle reti Ethernet, è facile comprendere quanto uno switch possa
essere efficiente nel risolvere i problemi di traffico, fornendo più ‘corsie’ ai dati che
viaggiano, rispetto alle reti dove la banda è condivisa da tutti i computer.
Ethernet
Vietata la riproduzione e la diffusione senza autorizzazione
11
Fast Ethernet
Ethernet commutata (switch)
Fast Ethernet commutata (switch)
3.2 Accesso remoto e WAN
Le LAN servono gli utenti locali all’interno di un edificio (o al massimo, di edifici adiacenti,
i cosiddetti “campus”). Le reti WAN, invece, collegano LAN situate in luoghi diversi della
stessa città, nazione o di qualsiasi altra parte del mondo.
Vietata la riproduzione e la diffusione senza autorizzazione
12
Si tratta quindi di un collegamento a distanza e si parla in questo caso di connettività
geografica. Internet è ovviamente una rete WAN, così come lo sono le reti che connettono le
filiali di un’azienda sparse sul territorio.
In generale, le velocità delle reti locali (LAN) sono decisamente superiori a quelle delle
WAN.
Se una Ethernet va a 10 Mbps, ovvero milioni di bit al secondo un comune modem opera a
56 Kbps (migliaia di bit al secondo), quindi meno del 10 percento della velocità di una
Ethernet.
Anche le connessioni WAN dedicate più potenti e costose non reggono il confronto.
Le connessioni geografiche sono anche quelle tra un singolo utente e una rete distante, ad
esempio, un dipendente che si connette da casa alla rete dell’ufficio (per accedere a un
documento o inviare un messaggio).
Oppure un utente che si connette a un Internet Service Provider per utilizzare quest’ultimo
come un “ponte” verso Internet o verso la rete aziendale.
In questi casi si parla di “accesso remoto” e si utilizzano solitamente le linee telefoniche.
3.3 Reti private virtuali (Virtual Private Network, VPN):
3.4 l’alternativa conveniente alla WAN privata
Come abbiamo visto, le reti locali si possono collegare fra loro anche se sono distanti e si
crea così una rete geografica.
Per il collegamento geografico (da città a città, per esempio) le aziende hanno
tradizionalmente utilizzato apposite linee dedicate, fornite da una società telefonica.
La “congiunzione” tra sede e filiale, o tra la sede e la casa di un dipendente, in passato
richiedeva perciò una costosa linea “privata”, appositamente noleggiata dall’azienda per il
servizio.
Per un’azienda di medie o piccole dimensioni, una WAN rappresentava perciò una risorsa
impegnativa.
Ora però è disponibile un’alternativa: la rete privata virtuale (VPN, Virtual Private
Network).
La VPN è una connessione che utilizza una rete pubblica (come Internet) per offrire gli stessi
vantaggi delle linee dedicate: sicurezza e efficienza nel trasferimento dei dati.
In pratica:
• Maggiore convenienza. Gli utenti remoti e le filiali possono collegarsi alle risorse
della rete centrale chiamando un Internet Service Provider locale, al costo di una
chiamata urbana. Un metodo decisamente più conveniente rispetto alle linee dedicate
da città a città.
• Maggiore flessibilità. Spostarsi o aprire nuove filiali in altre località non richiede
l’installazione di nuove linee dedicate per la trasmissione dati. Inoltre le VPN
semplificano anche la creazione di una extranet, ovvero una rete ‘protetta’ e riservata
a cui accedono clienti o fornitori, per esempio, per ordinare prodotti, verificare lo
stato delle forniture, inviare fatture.
Vietata la riproduzione e la diffusione senza autorizzazione
13
3.5 La sicurezza nelle VPN
Sfruttare Internet per la propria rete WAN può sembrare pericoloso: qualcuno potrebbe
vedere i dati privati dell’azienda senza autorizzazione.
In realtà le VPN proteggono i dati da accessi non autorizzati in molteplici modi.
Innanzitutto creano una specie di “tunnel” riservato all’interno della rete pubblica: i dati non
si mescolano a quelli di tutte le altre aziende e utenti, inoltre particolari tecnologie di
cifratura rendono i dati leggibili solo dal mittente e dal destinatario: quindi, nessun pericolo.
3.6 Gli elementi necessari per creare una VPN
Una azienda di medie o piccole dimensioni può creare e gestire una propria VPN, ma è
sicuramente più semplice affidarsi a un Internet Service Provider.
In tal caso l’azienda si collega alla rete del Provider, il quale farà da “ponte” verso la filiale o
l’utente remoto che si desidera connettere.
È ovviamente necessario che il Provider scelto sia in grado di garantire un efficace livello di
servizio (tra cui un funzionamento ininterrotto per almeno il 99% del tempo!) e di
prestazioni.
È anche utile scegliere un Provider che abbia molti punti di connessione sparsi sul territorio
(POP) per facilitare la creazione di nuove VPN in altre città mantenendo le chiamate
telefoniche sulla tariffa urbana.
Con una rete VPN è anche consigliabile disporre di un firewall, un dispositivo che agisce da
“sentinella” e protegge ulteriormente la rete dagli utenti non autorizzati.
Le funzionalità firewall possono anche essere svolte dai dispositivi di rete esistenti,
aggiungendo un apposito software.
3.6.1 Linee analogiche
La soluzione standard per collegarsi ad altre reti o a Internet, o per permettere agli utenti
remoti di collegarsi alla propria rete centralizzata, è la normale linea telefonica analogica.
Basta quindi collegare un modem al computer e alla presa del telefono per collegarsi ad un
Internet Service Provider o ad una filiale.
Attualmente, i modem analogici più veloci per il trasferimento di dati operano a 56 Kbps. Le
dimensioni sempre più consistenti dei file e l’uso sempre maggiore della rete rende tale
velocità spesso insufficiente.
Inoltre un modem può supportare solo una “conversazione” remota alla volta e ogni
computer che vuole collegarsi con l’esterno deve disporre di un proprio modem.
10 computer richiedono perciò 10 modem, ma in questo caso vi è una soluzione più
efficiente per una connessione WAN: il router.
Il router utilizza linee ISDN (digitali) e collega tutti i computer della rete locale: basta un
router e 10 (o più) computer possono navigare sul web o collegarsi ad una filiale.
Inoltre il router offre maggior protezione da accessi indesiderati, è più rapido nell’effettuare
la connessione e nello staccare la linea telefonica quando l’attività di rete cessa.
Vietata la riproduzione e la diffusione senza autorizzazione
14
3.6.2 ISDN
Le nuove linee ISDN si stanno diffondendo notevolmente in tutto il mondo. Dal punto di
vista telefonico sono convenienti perché offrono servizi aggiuntivi basati sulle tecnologie
digitali a costi ridotti.
Dal punto di vista dei dati di rete sono efficienti perché sono digitali e non analogiche.
Cosa significa questo?
Ricordate i rumori emessi da un fax o un modem? Quello è il linguaggio analogico, meno
efficiente e con maggior rischio di errore.
La tecnologia digitale, usata dalla linea ISDN e dai router, trasmette puri dati (e non
“rumorosi” segnali da decodificare), non è afflitta dai “disturbi” della linea, opera a 64
oppure a 128 Kbps (è quindi più veloce dei modem), consente numerose funzionalità in più.
I costi per i collegamenti ISDN sono paragonabili a quelli per le linee analogiche, ma la
convenienza deriva dalla maggior velocità.
Tecnicamente, una linea ISDN comprende due canali da 64 Kbps che operano separatamente
o insieme. Potete usarne uno per telefonare e l’altro per i dati, oppure usare tutti e due i
canali per la trasmissione dati, o addirittura usarli per l’una o per l’altra attività a seconda del
bisogno del momento.
Va sottolineato inoltre che le linee ISDN sono in grado di farvi usare anche i vostri vecchi
dispositivi analogici (un vecchio fax, un telefono non digitale, un modem analogico):
ovviamente non sfrutterete tutti i benefici del digitale, ma salverete i vostri investimenti.
Alla linea ISDN potete collegare un router (del tipo predisposto per ISDN), in grado di
“convogliare” tutta la rete locale sulla linea esterna in modo digitale.
Potreste anche utilizzare, invece di un router, un “modem digitale” detto anche adattatore
terminale, che rappresenta una via di mezzo fra un modem analogico e un router, ma in
questo caso collegherete solo un computer e non tutta la rete locale.
3.6.3 Novità: le linee ADSL
La tecnologia ADSL (Digital Subscriber Line Asincrona) è un servizio ad alta velocità che,
come ISDN, opera attraverso i normali cavi telefonici (il doppino in rame che siamo abituati
a vedere nelle case) e fornisce i servizi telefonici ad abitazioni e aziende (per ora solo nelle
principali città). È una tecnologia asimmetrica, ovvero la capacità di trasmettere dati è
maggiore da Internet verso l’utente (e inferiore quando è l’utente a inviare dati verso
Internet).
Per sfruttarla dovrete avere un modem o un router di tipo ADSL (probabilmente vi verrà
fornito dall’ISP a cui vi appoggerete per il servizio).
Questa tecnologia garantisce una trasmissione dei dati più rapida sia rispetto ai modem
analogici sia al servizio ISDN.
Le offerte ADSL sul mercato comprendono una connessione ininterrotta per 24 ore al giorno
senza scatti, in cambio di un canone fisso e danno anche la possibilità di utilizzare
contemporaneamente la linea per telefonare.
In breve, ADSL si sta rivelando molto vantaggiosa, in particolare per le aziende di minori
dimensioni.
Vietata la riproduzione e la diffusione senza autorizzazione
15
3.6.4 Linee dedicate
Le società telefoniche offrono numerosi servizi con linee dedicate, ovvero linee digitali,
permanenti, “aperte” 24 ore al giorno, sette giorni la settimana, solo per voi, sulla tratta da
voi richiesta (passando per una centrale della società telefonica).
Invece di pagare un costo “a scatti”, si paga una cifra fissa mensile senza limiti d’uso, basata
sulla velocità e/o sulla distanza.
Le linee dedicate migliori per le medie e piccole aziende hanno velocità variabili da 56 Kbps
a 45 Mbps.
La scelta della velocità dovrebbe dipende ovviamente dal traffico e dal numero di utenti
della rete. Le aziende con un uso considerevole della WAN, generalmente, scelgono una
linea con larghezza di banda di 1,5 Mbps, ma per molti è sufficiente una larghezza di banda
decisamente inferiore (con costi ridotti).
3.7 Il servizio ideale per ogni esigenza
La scelta del servizio migliore dipende dalle opportunità offerte nell’area del cliente, dal tipo
di utilizzo e dai costi. I servizi analogici tradizionali (le consuete linee telefoniche di
vecchio tipo) sono i meno costosi, i più disponibili e i più facili da usare.
Le linee ISDN e ADSL sono leggermente più costose ma offrono prestazioni e servizi
migliori.
Le linee dedicate sono le più costose ma offrono un servizio digitale dedicato per situazioni
complesse e impegnative.
Per scegliere la soluzione migliore e più adatta alle proprie esigenze basta porsi le seguenti
domande:
• I dipendenti utilizzeranno Internet di frequente (per e-mail, navigazione web,
scambio di file) o per quantità di dati significative (ad esempio, file di grandi
dimensioni)?
• Internet verrà utilizzata per attività aziendali importanti (p. es.
gestione
dell’inventario, vendita online da catalogo, informazioni contabili, ricerca di
personale)?
• Si prevede un traffico intenso tra gli uffici di filiale e l’azienda?
• Chi utilizzerà la connessione principale verso Internet? I singoli dipendenti della sede
centrale, i dipendenti in telelavoro che chiamano da casa, i dipendenti mobili che
chiamano mentre sono in viaggio?
Maggiori sono i sì alle risposte, maggiore è la necessità di passare a soluzioni più potenti,
partendo dalle linee analogiche per arrivare a ISDN, ADSL o alle linee dedicate.
È comunque possibile combinare servizi diversi, per esempio, i piccoli uffici di filiale o i
singoli dipendenti che chiamano da casa potrebbero collegarsi alla sede centrale tramite
ISDN o ADSL, mentre la connessione principale dalla sede centrale a Internet potrebbe
essere di tipo dedicato.
Vietata la riproduzione e la diffusione senza autorizzazione
16
La scelta del servizio dipende anche dall’Internet Service Provider (ISP) utilizzato: si
consiglia di analizzare la sua offerta anche i termini di servizi e di evoluzione successiva e
non solo di economicità dei servizi di base offerti.
Si deve inoltre considerare che una rete VPN può offrire le stesse funzionalità di una linea
dedicata con costi inferiori, estendendo la rete aziendale e l’accesso a Internet agli uffici
remoti e ai singoli utenti, con risparmi significativi.
Vale quindi la pena di porsi anche le seguenti domande:
• È prevista l’aggiunta di filiali o utenti remoti a breve termine?
• Gli attuali costi di linea per l’accesso remoto aumentano rapidamente?
• L’azienda preferirebbe focalizzare il proprio interesse sulle attività strategiche
piuttosto che sulla creazione di una WAN?
• E’ prevista la creazione di una extranet per collegare in modo sicuro fornitori, partner
o clienti alla rete aziendale?
Se la risposta è sì a una o più domande, la VPN potrebbe essere la soluzione corretta. Per
maggiori dettagli sulle offerte disponibili conviene comunque contattare un Internet Service
Provider di fiducia.
Vietata la riproduzione e la diffusione senza autorizzazione
17
4 Esempi di networking per piccole e medie aziende
4.1 LAN per piccoli uffici
Questo tipo di LAN è semplice da creare: potrebbe essere una rete Ethernet con alcuni hub
per collegare i computer tra loro e uno o due server per condividere le risorse, ed un modem
per collegarsi saltuariamente a Internet da un unico computer.
Figura 3: piccola LAN
4.2 La rete del piccolo ufficio si espande
Purtroppo la LAN descritta non è in grado di soddisfare esigenze di un’attività in espansione.
Con gli hub troppi utenti devono contendersi il percorso Ethernet da 10 Mbps.
Solo un utente può collegarsi di tanto in tanto a Internet dal modem.
I dipendenti iniziano a sfruttare sempre più i vantaggi della rete ed usarla in modo intensivo.
Le prestazioni della rete si riducono drasticamente.
La soluzione potrebbe essere l’introduzione di switch Fast Ethernet al posto degli hub per
migliorare prestazioni e flessibilità della rete locale e l’acquisto di un router in sostituzione
del modem per ottimizzare il collegamento all’esterno, ad esempio a Internet.
In tal modo viene messa a disposizione di tutti i dipendenti una larghezza di banda superiore
ed è possibile effettuare contemporaneamente collegamenti multipli a Internet attraverso
un’unica linea.
Vietata la riproduzione e la diffusione senza autorizzazione
18
Il potenziamento della rete non ha richiesto la sostituzione dei cavi esistenti (erano già
doppini UTP Categoria 5) e consente di continuare a utilizzare le schede di rete a 10 Mbps
dei computer più vecchi.
Ma i nuovi computer che utilizzano schede a 100 Mbps sfruttano tutta la potenza dei 100
Mbps., ed il traffico della rete è disciplinato dall’intelligenza dello switch, invece di essere
ingorgato dalle indicazioni “stupide” di un hub.
Inoltre in caso di navigazione web o invio di posta elettronica, il router apre la linea verso
Internet in una frazione di secondo, e tutti gli utenti hanno la sensazione di essere sempre
connessi alla Rete mondiale, della quale ora apprezzano anche la velocità.
Figura 4: LAN di medie dimensioni
4.3 Rete geografica (WAN) di ridotta complessità
Per migliorare le comunicazioni tra un paio di piccoli uffici remoti e un ufficio centralizzato,
un’azienda decide di installare una WAN.
Il potenziamento permetterà anche di risparmiare sulla connettività Internet offrendo a tutti
gli uffici un collegamento su una linea centralizzata ad alta velocità.
Figura 5: piccola WAN
Vietata la riproduzione e la diffusione senza autorizzazione
19
4.4 Rete geografica (WAN) ad alte prestazioni
Un’azienda in crescita rileva che il traffico di rete nelle tre sedi situate in città diverse sta
aumentando e desidera installare reti locali predisposte per gli sviluppi futuri, in grado di
supportare volumi di traffico in rapida crescita.
Si vogliono inoltre predisporre connessioni WAN ad alta velocità che permettano ai
dipendenti degli uffici di Roma e Torino di collegarsi in videoconferenza con la sede di
Cagliari.
Infine, avendo numerosi dipendenti che lavorano da casa, l’azienda vorrebbe che si
collegassero alla rete aziendale.
Figura 6: WAN ad alte prestazioni
4.5 Piccola rete privata virtuale
Una piccola azienda apre filiali e collega utenti remoti a ritmi elevati.
Se decidesse di collegarli attraverso sia linee dedicate che accessi analogici in dial up,
dovrebbe dedicare più tempo all’amministrazione della propria WAN con costi di linea e per
chiamate interurbane notevolmente superiori.
L’azienda decide invece di implementare una rete privata virtuale (VPN) con l’aiuto del
proprio Internet Service Provider (ISP).
L’ISP dispone di punti di accesso in varie città e gli utenti remoti possono così collegarsi alla
rete centralizzata dell’azienda con chiamate urbane poco costose.
Vietata la riproduzione e la diffusione senza autorizzazione
20
Nella sede centrale, un router di accesso predisposto per la VPN crea un collegamento sicuro
all’ISP (e a Internet). La soluzione integra infatti un router, un firewall, servizi di codifica e
tunneling, la protezione tramite password e un collegamento ad alta velocità verso la LAN
della sede centrale.
Figura 7: piccola VPN
4.6 Gigabit Ethernet 1000BASE
I nuovi standard Gigabit Ethernet manterranno la compatibilità con la base già installata di
quasi 100 milioni di nodi Ethernet, permettendo agli utenti di Ethernet di sfruttare
pienamente gli investimenti effettuati sia nei prodotti che nella conoscenza delle tecnologie.
Gigabit Ethernet manterrà il supporto per il metodo di accesso del primo standard Ethernet,
Carrier Sense Multiple Access/Collision Detection (CSMA/CD) e includerà sia un supporto
operativo full-duplex che half-duplex.
I primi standard Gigabit Ethernet supporteranno sia il cavo di fibra ottica multimode o
single-mode che il cablaggio locale in rame (UTP/STP/FTP). Gli standard per il cablaggio in
rame su lunghe distanze, 100BASE-T (UTP), sono state definite dalla Categoria 5E.
1000BASE-SX fibra ottica multimode 850nm
1000BASE-LX fibra ottica multimode e single-mode1300nm
1000BASE-CX Cablaggio locale in rame (STP)
1000BASE-T
Cablaggio in rame su lunghe distanze attraverso UTP
Fonte: IEEE 802.3z, Gennaio1997
Vietata la riproduzione e la diffusione senza autorizzazione
21
Per assicurare la disponibilità di componenti e prodotti, lo standard sfrutta la tecnologia di
segnalazione a livello fisico Fibre Channel adattata per supportare una velocità di dati di
1000 Mbit/s sulla fibra ottica.
Gli ulteriori sviluppi avuti nell'ambito della tecnologia del silicio e dell'elaborazione dei
segnali digitali hanno facilitato un supporto conveniente all'operatività Gigabit Ethernet, su
un cablaggio UTP di categoria 5E.
Per quanto concerne le lunghezze massime dei collegamenti Gigabit Ethernet, gli obiettivi
standard fissati dal comitato sono i seguenti:
Gigabit Ethernet confrontato con Ethernet e Fast Ethernet
Ethernet 10BASE-T
Fast Ethernet 100BASE-T Gigabit Ethernet
Velocità dati
10 Mbit/s
100 Mbit/s
1 Gbit/s
Categoria 5 di
UTP
100 m (min)
100 m
25-100 m (cat5/5E)
STP
500 m
100 m
25 m
Fibra Multimode
2 km
412 m (hd)*
2 km (fd)**
Fibra Single-Mode 25 km
20 km
50/125: 500 m
62,5/125: 275 m
Da 2 km a 70 Km
* specifica IEEE half duplex
** specifica IEEE full duplex
4.7 Gli indirizzi IP
Un indirizzo IP, 32 bit, viene indicato come 4 numeri decimali, ognuno esprime 8 bit (8bit x
4n=32bit), es. 192.168.150.10. Essendo solo 8 i bit per ogni numero, i valori andranno da 0 a
255.
Un indirizzo IP a 32 bit può essere visto come una coppia di due numeri: il numero di rete e
il numero di host o nodo.
Il numero di bit usato per il numero di rete dipende dalla classe di indirizzo. Esistono cinque
classi di indirizzi IP:
Classe A: inizia con un bit a 0 (primo ottetto da 1 a 126 in decimale), 7 bit per la rete , 24 per
l'host. Permette di avere 126 reti con 16777213 host ciascuno.
Classe B: inizia con due bit a 10 (primo ottetto da 128 a 191 in decimale), 14 bit per la rete ,
16 per l'host. 16382 reti, di 65534 host ciascuno.
Vietata la riproduzione e la diffusione senza autorizzazione
22
Classe C: inizia con tre bit a 110 (primo ottetto da 192 a 223 in decimale), 21 bit per la rete ,
8 per l'host. 2097150 reti, di 254 host ciascuno.
Classe D: inizia con quattro bit a 1110 (primo ottetto da 224 a 239 in decimale), riservato per
il multicasting.
Classe E: inizia con quattro bit a 1111 (primo ottetto da 240 a 254 in decimale), riservato per
usi futuri.
Il numero di rete è assegnato da un ente centrale, l'InterNIC, il numero di host è invece
deciso dal possessore di quel numero di rete. Quando il numero di host è fatto solo da '0',
l'indirizzo esprime l'indirizzo di rete. Quando è fatto di soli '1', indica un broadcast a tutti i
nodi della rete.
Dato che la suddivisione per classi è piuttosto grezza, è stato creato il concetto di subnet, o
sottorete, che permette di sottrarre qualche bit del numero dell'host in favore di una maggiore
flessibilità di configurazione (ad esempio per separare il traffico in rete tramite un router),
invisibile fuori dalla rete.
In questo modo l'indirizzo è composto da: un numero di rete, un numero di subnet, un
numero di host.
Se facciamo un AND bit a bit tra un indirizzo IP e una subnet mask quello che otteniamo è il
numero di rete comprensivo del numero di subnet.
I valori di default per le prime tre classi sono:
Classe A: 255.0.0.0, pari a 11111111.00000000.00000000.00000000
Classe B: 255.255.0.0, pari a 11111111.11111111.00000000.00000000
Classe C: 255.255.255.0, pari a 11111111.11111111.11111111.00000000
Usando queste maschere standard con un indirizzo IP, riotteniamo semplicemente il numero
di rete. Se però volessimo fare tre sottoreti, dato un numero di rete di Classe C, possiamo
"rubare" tre bit al quarto ottetto (l'inizio del numero di host), bastano 3 bit perchè con 111
abbiamo il numero 7(>5). Quando facciamo questo otteniamo una Subnet mask di
11111111.11111111.11111111.11100000 (255.255.255.224)
Se la rete è 193.1.1.0, gli host delle varie sottoreti avranno indirizzi che iniziano per:
11000001.00000001.00000001.00000001.00000000
(193.1.1.0)
1°
subnet
11000001.00000001.00000001.00000001.00100000
(193.1.1.32)
2°
subnet
11000001.00000001.00000001.00000001.01000000
(193.1.1.64)
3°
subnet
11000001.00000001.00000001.00000001.01100000
(193.1.1.96)
4°
subnet
11000001.00000001.00000001.00000001.10000000
(193.1.1.128)
5°
subnet
11000001.00000001.00000001.00000001.10100000
(193.1.1.160)
6°
subnet
11000001.00000001.00000001.00000001.11000000
(193.1.1.192)
7°
subnet
11000001.00000001.00000001.00000001.11100000
(193.1.1.224)
8°
subnet
Vietata la riproduzione e la diffusione senza autorizzazione
23
In realtà le subnet 1=000 e 8=111 è meglio non usarle perchè i numeri fatti di soli 0 o soli 1
hanno le funzioni particolari di cui parlavamo prima.
N.B. : quando assegnate gli indirizzi IP alle vostre macchine, è buona norma non assegnare
mai valori già usati in Internet, per questo sono stati definiti indirizzi "sicuri": 10.0.0.0
(numero di rete=primi 8 bit), 172.16.0.0 (numero di rete=primi 20 bit), 192.168.0.0 (numero
di rete=primi 16 bit), se non avete particolari esigenze io vi consiglio quest'ultimo.
Evitate come al solito i valori 0 e 255. Un'altra classe di indirizzi riservata è 127.0.0.0
(numero di rete=primi 8 bit), che identifica il localhost, ossia il proprio computer.
In generale il mio consiglio è di assegnare alle macchine della vostra LAN gli indirizzi
192.168.x.y dove x rappresenta il numero di sottorete, e y il numero per il nodo, e come
subnet 255.255.255.0.
Tra parentesi, una macchina può essere collegata a più di una rete, avrà quindi due o più
indirizzi IP, uno per ogni rete. Tale macchina viene detta multi-homed e può svolgere le
funzione di un router (un altro nome usato è gateway, tuttavia questa parola ha anche altre
definizioni e può generare confusione).
Un indirizzo Ethernet, 48 bit, viene invece indicato con una notazione differente: 6 numeri
esadecimali, ma ognuno di essi continua ad esprime ancora 8 bit(8bit x 6n=48bit), es. 20-5352-b8-1f-00.
I valori vanno da 00 a ff (che per l'appunto sono poi equivalenti in decimale a 0 e 255,
cambia solo il modo di scriverli). Anche qui i numeri 0 e ff non vanno usati, ma di questo
non vi dovete preoccupare.
Infatti gli indirizzi Ethernet sono già scritti nelle schede di rete quando vengono fabbricate.
Essi devono seguire le disposizioni della IEEE in materia, secondo le quali non devono
esistere due schede di rete con lo stesso indirizzo.
Ora la domanda sorge spontanea: cosa unisce l'indirizzo IP di una macchina con l'indirizzo
fisico della scheda di rete di quella macchina?
Nulla! E' per questo che hanno inventato un altro protocollo molto importante: ARP,
Address Resolution Protocol
Vietata la riproduzione e la diffusione senza autorizzazione
24
5 I collegamenti di rete corretti
5.1 Come collegarsi a Internet
Internet è una rete globale di migliaia di computer che ogni anno cresce a passi da gigante.
Essa permette a una comunità di decine di milioni di persone di comunicare da ogni distanza,
accedere a informazioni in tutto il mondo e condividere testi e immagini istantaneamente.
Internet permette di collegarsi alle risorse informative di aziende, università e enti pubblici,
semplificando la raccolta di informazioni, e aumentando le possibilità di commercio
elettronico di beni e servizi.
Molte aziende non dispongono ancora di un collegamento a Internet e saranno quindi stupite
di apprendere come collegarsi ad essa, ora, sia ancora più semplice.
Se in passato i collegamenti richiedevano servizi speciali e costosi, ora le opzioni disponibili
sono molteplici.
Ormai numerosi ISP offrono dal collegamento gratuito a Internet via modem a collegamenti
veloci per ogni fascia di prezzo con velocità di linea fino a 45 Mbps per ambienti con
esigenze complesse o numerosi utenti.
Da un punto di vista hardware, il collegamento su richiesta (dialup, tramite linea telefonica
analogica o ISDN) può essere effettuato con un modem collegato a un computer o un router
collegato alla LAN, che permette a utenti multipli di accedere a Internet.
Figura 8: accesso dialup
Vietata la riproduzione e la diffusione senza autorizzazione
25
Figura 9: accesso condiviso
I collegamenti tramite modem sono poco costosi e facili e possono essere una soluzione
valida per chi è agli inizi o per le aziende con pochi utenti e computer.
In questo caso, tuttavia, solo una persona alla volta può utilizzare il modem, creando evidenti
intralci nell’utilizzo delle numerose risorse offerte da Internet.
Il router singolo può invece rappresentare la soluzione di accesso condiviso che, con il
collegamento diretto al router dell’ISP, permette di gestire più utenti e collegamenti multipli
contemporanei a Internet.
5.2 Come scegliere l’Internet Service Provider
Gli Internet Service Provider tra cui poter scegliere sono sempre di più e offrono servizi e
prezzi molto diversi tra loro.
Per avere informazioni sul provider locali ci si può affidare a Internet (siti o guide e libri in
rete), o alle riviste di settore.
In Internet è disponibile anche un elenco con tutti gli ISP presenti sul Web all’indirizzo:
http://thelist.internet.com.
Vietata la riproduzione e la diffusione senza autorizzazione
26
5.3 Elementi di valutazione di un Internet Service Provider (ISP)
5.3.1 Prezzo
Alcuni ISP offrono l’accesso a un canone mensile o annuo fisso. Altri offrono il servizio con
tariffe orarie o per megabyte di dati trasferiti o memorizzati.
Se non si conosce il proprio livello di utilizzo, è utile iniziare con un piano a canone fisso e
controllare poi l’utilizzo.
5.3.2 Supporto tecnico
Se l’azienda non dispone di propri esperti di networking è necessario che l’ISP fornisca
anche il supporto tecnico.
È quindi meglio informarsi presso l’ISP sui servizi di configurazione on-site, il training, il
software compreso nel servizio, l’esistenza di un help desk telefonico o tramite e-mail.
5.3.3 Accesso
È opportuno porre alcune domande all’ISP, tra cui (in caso di connessione dialup, ovvero
saltuaria):
•
•
•
Sono previsti tempi massimi di collegamento e accesso protetto da password?
Si utilizza un numero di accesso singolo o una serie di numeri?
Quali sono le velocità di collegamento disponibili? (Per esempio, devono essere
disponibili modem analogici ad alta velocità da 33,6 e 56 Kbps o, se interessa,
modem digitali ISDN da 128 Kbps. Verificare la compatibilità della tecnologia
utilizzata con quella del Provider).
5.3.4 Prestazioni
È importante sapere come il Provider “collega se stesso” a Internet.
Per esempio, non ha senso avere un collegamento con linea dedicata T3 tra il proprio ufficio
e l’ISP, se quest’ultimo è collegato a Internet con una più lenta linea T1, soprattutto se l’ISP
ha numerosi altri clienti da servire.
In linea generale, velocità di connessione maggiori permettono all’ISP di soddisfare più
utenti e di operare con maggiore efficienza.
5.3.5 Servizi aggiuntivi
La connettività Internet implica una configurazione e una manutenzione continua; servizi
che possono essere offerti tutti dagli ISP.
Per gli utenti più piccoli che si connettono saltuariamente è necessario informarsi presso il
Provider se viene offerto un buon servizio di supporto per problemi di connessione e se è
prevista una gestione degli indirizzi di posta elettronica; in particolare, è importante che
Vietata la riproduzione e la diffusione senza autorizzazione
27
l’ISP non limiti le dimensioni dei messaggi di posta elettronica che si possono ricevere e
spedire (alcuni lo fanno) in modo che si possano ricevere sia le e-mail che i documenti
eventualmente allegati.
Inoltre è consigliabile domandare se verrà fornito spazio web e per i più tecnici se è
prevista l’attribuzione di un indirizzo IP statico, utile nel caso di connessioni permanenti
come ADSL o linee dedicate: potrete poi associare a tale “indirizzo numerico” uno o più
nomi di domini web, ovvero i famosi indirizzi www.nomeazienda.com ed avere “in casa” un
sito Internet e la gestione completa della posta elettronica su un server di vostra proprietà e
totale controllo.
5.4 Come creare un proprio sito Web
L’impaginazione di documenti web può essere fatta programmando manualmente il codice
html che compone le pagine.
Ma vi sono oggi anche numerosi software in commercio che consentono di creare le pagine
web con semplicità paragonabile a quella richiesta da una presentazione di PowerPoint o da
un documento con grafici e immagini in Word.
Ovviamente per un sito web aziendale è consigliabile rivolgersi a esperti di web design: si
tratta di un mezzo di comunicazione ancor più complesso della carta: struttura, testi e grafica
richiedono quindi competenze specifiche.
Potete cercare una società di progettazione siti su Internet (quale posto migliore?) e studiare
insieme al partner scelto le soluzioni migliori.
Il sito potrà essere ospitato da un Provider consigliato dai progettisti, oppure dal vostro ISP
di fiducia o anche se avete una linea dedicata nella stessa rete aziendale.
Una volta pronto il sito, pubblicizzatelo adeguatamente (soprattutto, fatelo registrare sui
motori di ricerca) e aggiornatelo costantemente, altrimenti perderete presto visitatori e con
essi una valida opportunità di marketing.
Vietata la riproduzione e la diffusione senza autorizzazione
28
6 Domande e risposte sulla progettazione di rete
6.1 Guida ai problemi della congestione
In ambito di rete per congestione s’intende un eccesso di traffico che blocca i percorsi dei
dati lungo la rete.
Tra le principali cause di congestione vi sono:
• un numero troppo elevato di utenti su un unico segmento di rete (denominato
dominio di collisione);
• un traffico intenso dovuto all’utilizzo di applicazioni ‘impegnative’ quali quelle
multimediali o di editoria elettronica;
• un traffico intenso dovuto a troppi messaggi di posta elettronica con allegati troppo
pesanti;
• un numero eccessivo di utenti che si collegano a Internet.
6.2 Come individuare la congestione sulla rete
Tra i più comuni segnali di congestione della rete si possono evidenziare i seguenti:
6.2.1 Maggiore ritardo sulla rete
Tutte le reti sono caratterizzate da una capacità di trasporto dei dati limitata.
Quando il carico è leggero, il tempo medio che intercorre tra il tentativo di invio di un
pacchetto di dati da parte di un computer e l’invio effettivo sulla LAN è abbastanza breve.
Se molti utenti cercano di collegarsi e di comunicare, il ritardo medio aumenta e fa sembrare
la rete “più lenta”, perché, rispetto a condizioni di carico leggere, ci vuole più tempo per
inviare la stessa quantità di dati.
In casi estremi, in presenza di un pesante carico di rete, le applicazioni possono anche
bloccarsi.
Il computer può scollegarsi, le applicazioni o il sistema operativo cadere e il sistema
richiedere un riavvio.
Non va comunque dimenticato che il livello prestazionale delle applicazioni dipende anche
da altri fattori (per esempio la velocità dei computer e le prestazioni del disco).
6.2.2 Elevato utilizzo della rete
Quando si cerca di determinare un livello di utilizzo accettabile, si devono considerare molte
variabili, compreso il numero di stazioni presenti sulla LAN, il comportamento del software
o dell’applicazione e gli schemi di traffico sulla rete.
In altre parole, ci si deve chiedere se il traffico principale si registra tra gli utenti e il server
locale o se gli utenti escono dai propri segmenti di rete provocando la congestione.
Vietata la riproduzione e la diffusione senza autorizzazione
29
Per la maggior parte degli ambienti aziendali i seguenti livelli di utilizzo possono diventare
un metodo empirico per determinare se una LAN Ethernet sta raggiungendo il proprio carico
massimo:
• 20 percento della capacità totale, rilevata come media di una giornata lavorativa di
otto ore;
• 30 percento, come media dell’ora peggiore della giornata;
• 50 percento, come media dei peggiori 15 minuti della giornata.
6.2.3 Utenti insoddisfatti
Le velocità di rete sono in parte soggettive: per misurare il livello di congestione della LAN,
in ultima analisi, si può verificare semplicemente se gli utenti riescono a svolgere il proprio
lavoro in modo efficiente.
Se gli utenti non sono soddisfatti delle prestazioni della rete, il problema esiste, anche se le
statistiche indicano che la rete funziona bene.
Ovviamente l’insoddisfazione degli utenti è meno indicativa se il computer che utilizzano è
obsoleto e influenza così la sensazione di scarse prestazioni rilevata dalle persone.
6.3 La regola 8020
Un buon design di rete dipende dal giusto bilanciamento tra client e server. Idealmente, i
client dovrebbero trovarsi nella stessa rete dei server a cui accedono più di frequente.
Ciò può essere semplicemente il risultato di un collegamento di client e server allo stesso
dispositivo (hub), ma può essere anche ottenuto in modo “virtuale”, tramite il software di
rete, in modo tale che gli utenti dell’area di un edificio possono trovarsi negli stessi segmenti
logici della rete di un server situato all’estremità opposta dello stesso edificio.
Questo accorgimento permette di minimizzare il carico della dorsale di rete che trasporta il
traffico tra i segmenti.
Ecco un’ottima regola empirica: in un ambiente di rete medio/piccolo, progettato
adeguatamente, l’80 percento del traffico su un determinato segmento deve essere di tipo
locale (ad esempio, verso un server dello stesso gruppo di lavoro) e non più del 20 percento
può, all’occorrenza, muoversi sulla dorsale, verso altri segmenti o “sottoreti”.
La congestione della dorsale indica che gli schemi di traffico non rispondono alla regola
dell’80/20.
In tal caso, invece di aggiungere switch o di potenziare gli hub, può essere più semplice
migliorare le prestazioni della rete in uno dei seguenti modi:
• Spostare le risorse (per esempio applicazioni, programmi, file da un server all’altro)
per mantenere il traffico locale all’interno di un gruppo di lavoro.
• Spostare gli utenti (“virtualmente”, tramite specifiche software, se non è possibile
fisicamente) in modo tale che i gruppi di lavoro riflettano meglio gli schemi di
traffico effettivi.
• Aggiungere server per consentire agli utenti di accedervi localmente senza
attraversare la dorsale.
Vietata la riproduzione e la diffusione senza autorizzazione
30
Dopo essersi assicurati un design di rete e una collocazione delle risorse migliori, il passo
successivo riguarda la scelta della la tecnologia più adatta alle proprie esigenze.
6.4 Come aumentare le prestazioni di rete
La maggior parte delle LAN nascono come Ethernet condivise con tutti gli utenti su un unico
segmento. Ovviamente, se aumenta il numero di utenti collegati alla rete e se inviano file
sempre più grandi, il carico di traffico aumenta.
Rispetto agli hub tradizionali da 10 Mbps, gli hub e gli switch Fast Ethernet (velocità: 100
Mbps) migliorano immediatamente e drasticamente le prestazioni.
Aggiungere questi dispositivi alla rete è come aumentare il limite di velocità (nel caso di un
hub Fast Ethernet) e, con uno switch, aggiungere anche corsie a un’autostrada.
6.4.1 Molti file piccoli
Per un traffico sostenuto di piccoli file (messaggi di posta elettronica frequenti o stampe di
documenti word), la congestione è tra il client e il server.
Per le installazioni esistenti la segmentazione della rete con uno switch Ethernet (10 Mbps su
tutte le porte, eccettuate una o due porte più veloci) rappresenta la soluzione più conveniente.
Ciò significa avere connessioni a 10 Mbps per porta con i computer e una connessione
veloce da 100 Mbps per l’accesso al server.
6.4.2 Pochi file grandi
Il traffico “congestionato” con il trasferimento di grandi file e l’uso di applicazioni ad alto
consumo di larghezza di banda da parte di alcuni utenti richiede un approccio diverso.
Un gruppo di tecnici che utilizza programmi CAD può essere un esempio di traffico
sporadico con trasferimento di grandi file.
In tal caso, una velocità di 10 Mbps richiede lunghi tempi di invio ed è quindi meglio optare
per switch che offrano tutte le porte ad alta velocità (100 Mbps).
Ovviamente le schede di rete dei computer connessi a tali porte dovranno anche esse essere a
100 Mbps per sfruttare questa “autostrada” più ampia e veloce per il trasferimento dei dati.
6.4.3 Molti file grandi
Anche per un traffico sostenuto di grandi file, come nel caso dei backup di rete, gli switch
Fast Ethernet costituiscono la soluzione migliore.
Essi possono infatti aumentare la velocità delle transazioni, riducendo l’impatto sulla dorsale
e minimizzando la congestione del traffico.
Inoltre gli switch Fast Ethernet permettono di segmentare la LAN (dividerla in segmenti,
“sottoreti” più piccole) e di assegnare a ogni segmento un collegamento di rete specifico.
Questo è un indubbio vantaggio perchè consente flessibilità e adattabilità della rete,
permettendo di creare sottogruppi di utenti e diconnetterli con velocità adeguate alle loro
necessità.
Vietata la riproduzione e la diffusione senza autorizzazione
31
Alcuni switch possono anche avere una o più porte a 1000 Mbps (si parla in questo caso di
Gigabit Ethernet, ed è facile immaginare che in futuro se ne parlerà sempre di più).
Combinando switch e hub, è possibile a questo punto ipotizzare una LAN con una
connessione ultraveloce al server o alla dorsale aziendale (a 1000 Mbps), connessioni veloci
a 100 Mbps per alcuni utenti molto esigenti in fatto di uso della rete e connessioni più lente a
10 Mbps verso hub cui si connettono piccoli gruppi di lavoro con poche esigenze di
networking.
6.5 Come utilizzare le apparecchiature esistenti quando la rete evolve
L’aumento delle prestazioni dipende in parte anche dalle apparecchiature di rete già
installate, comprese le schede di rete, i computer, i server e il cablaggio.
Conviene sempre essere lungimiranti. Ad esempio, dispositivi di rete quali schede di rete e
switch possono essere “autosensing”, ovvero essere capaci di rilevare e accettare connessioni
provenienti da dispositivi sia Ethernet che Fast Ethernet (adeguando la velocità della
connessione a 10 Mbps oppure a 100 Mbps).
Grazie a tale caratteristica non dovrete cambiare dispositivi meno potenti o aggiornati come
hub e schede di rete 10 Mbps già presenti in azienda.
Come sottolineato in precedenza, con gli switch Ethernet o Fast Ethernet è comunque
consigliato installare schede di rete da 10/100 Mbps (autosensing) su ogni computer o server
nuovo, poiché il costo aggiuntivo rispetto a una scheda non autosensing o limitata a 10 Mbps
è minimo.
Per quanto riguarda il cablaggio, i più diffusi sono quelli con doppino non schermato (UTP)
di Categoria 3 o Categoria 5 e Categoria 5E.
Le reti Fast Ethernet richiedono UTP di Categoria 5 o 5E, perciò i nuovi cablaggi
dovrebbero essere di quest’ultimo tipo.
Vietata la riproduzione e la diffusione senza autorizzazione
32
7 Breve elenco dei componenti di rete fondamentali
Di seguito vengono riassunti i componenti fondamentali necessari per l’implementazione di
una rete con l’obiettivo di fornire delle linee guida generali, che nella pratica devono essere
adattate alle esigenze specifiche dell’utente.
7.1 Creazione di una piccola LAN
•
•
•
•
•
•
Computer con schede di rete
Un server
Un hub o un piccolo switch
Il cablaggio
Il sistema operativo di rete (p. es. Windows NT/2000, Windows 9x, Novell NetWare)
Un router per il collegamento a Internet
7.2 Collegamento di uffici e dipartimenti
•
•
•
•
•
•
•
Computer con schede di rete
Server
Hub
Switch
Il cablaggio
Il sistema operativo (p. es. Windows NT/2000, Windows 9x, Novell NetWare)
Un router per l’accesso a Internet
7.3 Collegamento di uffici situati in luoghi diversi
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Computer con schede di rete
Server
Hub
Switch
Router in ogni sede per i collegamenti WAN e l’accesso condiviso a Internet
Un router specifico (server di accesso dialup) per gli utenti che si connettono da
remoto
Il cablaggio
Il servizio WAN (ISDN, Frame Relay o linea dedicata)
Il sistema operativo (p. es. Windows NT/2000, Windows 9x, Novell NetWare)
Vietata la riproduzione e la diffusione senza autorizzazione
33
8 Appendice
8.1 cosa ci riserva il futuro?
Per esigenze di brevità in questa guida non abbiamo trattato le numerose innovazioni del
networking che estenderanno ulteriormente gli utilizzi delle reti.
Ma vale la pena di citare due esempi significativi di tecnologie che possono essere adottate
da un’impresa per ridurre i costi e aumentare l’efficienza: l’integrazione di voce e dati su
un’unica rete e l’utilizzo di dispositivi wireless per ottenere collegamenti di rete senza
utilizzare cavi.
8.2 Perchè due se ne basta una?
La voce su reti IP (Voice over IP, VoIP) viene considerata fra le più importanti innovazioni
dell’Internet Economy.
In breve, VoIP permette di instradare la telefonia tradizionale sulla rete dati.
Potrebbe sembrare poco, ma le implicazioni sono stupefacenti.
Oggi la vostra azienda utilizza due reti, una per i dati e una per il sistema telefonico.
Immaginate di poter far confluire entrambe in un’unica rete.
Innanzitutto, diventano subito evidenti i risparmi sui costi per la notevole riduzione delle
attività di assistenza.
L’utilizzo del protocollo Internet, e non dei protocolli proprietari della telefonia tradizionale,
permette ad un unico esperto di occuparsi di entrambe le reti.
Inoltre è possibile diminuire anche i costi delle bollette telefoniche.
Se disponete di una connessione permanente per la trasmissione dati tra filiali, è possibile
utilizzarla anche per la voce.
Con il progredire della tecnologia sarà possibile effettuare chiamate a lunga distanza su
connessioni Internet standard.
In tal modo non si pagheranno più le tariffe interurbane ma solo i costi per la chiamata locale
all’ISP.
Ma non si tratta solo di diminuire i costi. La convergenza di dati e voce su un’unica rete
multiservizio apre le porte a nuove applicazioni che possono migliorare significativamente
varie aree di business.
Ad esempio, i call center possono avvalersi di VoIP per la gestione integrata di varie
tipologie di chiamate, dalle telefonate tradizionali ai fax, alle e-mail.
E la telefonia su base IP costituisce una soluzione decisamente più scalabile rispetto alla
telefonia tradizionale.
L’aggiunta di nuovi utenti si trasforma nella semplice creazione di ulteriori “account” di rete.
Lo spostamento di un dipendente da una scrivania ad un’altra richiede solo di reinserire il
telefono in una presa per ricevere tutti i servizi di cui ha bisogno (estensione, casella vocale,
rubrica personale, etc.).
E infine, ovviamente, la messaggistica unificata permette loro di ricevere tutte le
comunicazioni direttamente sul proprio PC o telefono Internet.
Vietata la riproduzione e la diffusione senza autorizzazione
34
8.3 La rete c’è anche se non si vede.
Le LAN wireless (WLAN) sono reti locali senza cavi, interne a edifici, che comunicano
utilizzando una tecnologia radio o a raggi infrarossi per collegare i computer.
Ad esempio, una persona che utilizza un computer portatile con tecnologia wireless è in
grado di controllare la posta elettronica, connettersi ad Internet e alle risorse di rete mentre si
“sposta” fisicamente all’interno di un edificio.
Le WLAN impiegano sia la tecnologia a raggi infrarossi (IR) sia la frequenza radio (RF), ma
quest’ultima è senz’altro la più utilizzata, avendo un raggio d’azione più lungo, una banda
più larga e una copertura più ampia.
La maggior parte delle reti odierne LAN wireless ha una banda di frequenza di 2.4 GHz.
Oggi, con la diffusione di alcuni standard, è possibile creare reti locali wireless in grado di
trasmettere dati ad una velocità maggiore di 10 Mbps.
In breve, la rete wireless è diventata una realtà e offre innumerevoli vantaggi:
8.3.1 Libertà di movimento
Si può accedere in tempo reale alle informazioni, ovunque e in qualsiasi momento,
all’interno di uno o più edifici, senza essere collegati tramite cavi.
Ciò può essere di grandissima utilità per applicazioni specifiche che richiedano spostamenti
frequenti.
8.3.2 Facilità di installazione e convenienza
Installare una LAN wireless è facile e veloce ed elimina la necessità di far passare cavi
attraverso muri e soffitti. Si risparmia sul costi dei cavi, dell’installazione muraria e della
manutenzione di una rete fisica. Inoltre possono essere collegate senza cavi anche due reti
che operano in due palazzi a breve distanza.
8.3.3 Connessioni in situazioni particolari
Le reti LAN wireless possono risolvere il problema del cablaggio negli edifici in cui per
ragioni di conservazione è meglio evitare qualsiasi installazione fissa (fori nei muri,
canaline, etc.). Inoltre la rapidità di installazione può consentire la creazione di reti
“temporanee” o urgenti in pochi minuti.
Vietata la riproduzione e la diffusione senza autorizzazione
35
9 Glossario
ABR
Available Bit Rate (ATM)
ADSL
Vedere alla voce DSL
ARP
Address Resolution Protocol
ATM
(asynchronous Transfer Mode)
Modalità di trasporto asincrona che trasferisce il traffico multiplo
(come voce, video o dati) in cellule di lunghezza fissa (piuttosto che in
“pacchetti” di lunghezza variabile come accade nelle tecnologie
Ethernet e FDDI). La modalità ATM permette di raggiungere velocità
elevate e diventa particolarmente diffusa nelle dorsali di rete a traffico
intenso. Le apparecchiature di rete di nuova generazione permettono di
supportare le trasmissioni WAN anche in ATM, rendendola
interessante anche per grandi organizzazioni geograficamente
distribuite.
BGP
Border Gateway Protocol utilizzato per collegare tra di loro varie reti
IP suddivise in gruppi detti “Autonomous System”
BUS
Broadcast and Unknown Server (ATM)
Bridge
Termine inglese utilizzato per indicare un’apparecchiatura che sposta i
pacchetti tra i segmenti multipli di una rete utilizzando lo stesso
protocollo di comunicazione. Se un pacchetto è destinato a un utente
situato nello stesso segmento di rete del mittente, il bridge mantiene il
pacchetto a livello locale. Se il pacchetto è invece destinato a un altro
segmento, il bridge lo passa ad un’altra dorsale di rete.
CES
Circuit Emulation Service (ATM)
CBR
Constant Bit Rate (ATM)
Client
Termine che indica un PC o un terminale collegato in rete che
condivide “servizi” con altri PC. I servizi sono memorizzati o
amministrati su un server. Vedere anche alla voce server.
Dorsale
La parte della rete che agisce da percorso principale per il traffico (ad
esempio, tra sottoreti).
DVMRP
Distance Vector Multicast Routing Protocol per la gestione dei
Multicast IP
Vietata la riproduzione e la diffusione senza autorizzazione
36
DSL
(Digital Subscriber Line).
Tecnologia di rete che trasmette con larghezza di banda ampia a
distanze limitate e attraverso il tradizionale doppino telefonico in
rame. Le DSL sono di quattro tipi: ADSL, HDSL, SDSL e VDSL.
Ognuna di esse si avvale di due dispositivi specifici (simili ai modem)
ai due estremi della trasmissione. Poiché la maggior parte delle
tecnologie DSL non utilizza tutta la larghezza di banda disponibile sul
doppino, rimane spazio per un canale voce (ad esempio, per normali
telefonate).
Ethernet
La più diffusa tecnologia LAN che utilizza CSMA/CS (Collision
Detection) per spostare i pacchetti tra computer. Opera su vari tipi di
cavi ad una velocità di 10 Mbps; è denominata anche 10BaseT.
Extranet
Una rete simile a Internet ma limitata nell’accesso a partner, fornitori o
clienti di un’azienda, cui è stata fornita un’apposita password.
Permette di condividere in modo semplice e conveniente informazioni
e risorse.
Fast Ethernet
Tecnologia LAN che utilizza lo stesso metodo di trasmissione di
Ethernet 10 Mbps (Collision Detection) ma opera con una velocità
dieci volte superiore (100 Mbps). Fast Ethernet è la soluzione ideale
per prestazioni superiori in reti Ethernet congestionate, poiché utilizza
lo stesso cablaggio e gli stessi software di rete. Le varianti esistenti
comprendono 100BaseFX, 100BaseT4 e 100BaseTX.
Frame Relay
Tecnologia di collegamento
commutazione di pacchetto.
FTP
(File Transfer Protocol) Un protocollo Internet ampiamente utilizzato
per trasferire i file.
HSRP
Hot StandBy Router Protocol protocollo proprietario di Cisco con
funzioni identiche al VRRP
HTML
(HyperText Markup Language). Linguaggio di formattazione dei
documenti utilizzato per creare le pagine web. Viene letto e
interpretato dai browser per visualizzare correttamente testi, grafica e
link.
HTTP
(HyperText Transmission Protocol). Protocollo che regola la
trasmissione su Internet di documenti formattati (ad esempio, i
documenti html).
di
tipo
geografico
Vietata la riproduzione e la diffusione senza autorizzazione
(WAN)
a
37
Hub
Termine che indica un’apparecchiatura che collega client e server,
‘ripetendo’ i segnali. Gli hub agiscono da “concentratori” di rete,
accogliendo i cavi provenienti dai computer.
IEEE
Institute of Electrical and Electronic Engineers: comitato americano
dedicato alla stesura di standard, tra cui il progetto 802 .x per la
standardizzazione delle reti locali
IEEE 802.1
LAN management e bridging
IEEE 802.1d
Spannino Tree Protocol (STP)
IEEE 802.1p
Traffic prioritisation
IEEE 802.1q
Virtual LAN (VLAN)
IEEE 802.2
Standard di livello superiore per il livello di Data Link
IEEE 802.3
Protocollo CSMA/CD, seguito da Ethernet (velocità 10Mbps)
IEEE 802.3u
Protocollo CSMA/CD, seguito da Fast Ethernet (velocità 100Mbps)
IEEE 802.3z
Protocollo CSMA/CD, seguito da Gigabit Ethernet (velocità
1000Mbps) su fibra ottica
IEEE 802.3ab
Protocollo CSMA/CD, seguito da Gigabit Ethernet (velocità
1000Mbps) su rame
IEEE 802.3ae
Protocollo CSMA/CD, seguito da 10Gigabit Ethernet (velocità
10000Mbps) su fibra (in via di definizione)
IEEE 802.3x
Full Duplex per reti 802.3
IEEE 802.3ad
Trunking
IEEE 802.4
Token Bus
IEEE 802.5
Token Ring
IEEE 802.6
Distributed Queue Dual Bus (DQDB) per le MAN
IEEE 802.7
Broadband
IEEE 802.8
FDDI (parzialmente, in quanto FDDI è un insieme di standard)
IEEE 802.9
Integrazione di voce e dati su LAN
Vietata la riproduzione e la diffusione senza autorizzazione
38
IEEE 802.10
Security
IEEE 802.11
Wireless
IEEE 802.12
100VG AnyLAN
IETF
Internet Engineering Task Force: insieme di gruppi di lavoro dedicato
a risolvere le necessità di breve e medio termine di Internet
ICMP
Internet Control Message Protocol utilizzato per la gestione degli
errori e dei messaggi di controllo del livello IP, messaggi di controllo e
diagnostici (ad esempio pacchetti ECHO).
IGMP
Internet Group Multicast Protocol utilizzato per il riconoscimento di
gruppi di nodi definiti “Multicast Domain”
IMAP
Internet Message Access Protocol Protocollo speculare riepstto a POP:
permette di esaminare una casella remota di posta elettronica senza
trasferire i messaggi. L'uso e la sua ragione d'essere sono
sostanzialmente gli stessi di POP
Internet
Rete mondiale che collega fra loro decine di migliaia di computer e
reti ed è accessibile da qualsiasi computer, con connessione da modem
o router e un software adeguato.
Intranet
Rete simile a Internet ma limitata nell’accesso ai soli dipendenti
dell’azienda o membri dell’organizzazione.
IP
Internet Protocol Responsabile del trasporto di pacchetti di dati da una
sorgente (identificata da un indirizzo IP) ad una destinazione
(identificata da un altro indirizzo IP). Se necessario questo livello del
protocollo si occupa di spezzettare i pacchetti troppo grandi in
pacchetti di dimensione adatta alla rete da utilizzare
ISDN
(Integrated Service Digital Network). Protocollo di comunicazione
che permette collegamenti ad alta velocità tra computer e reti
geograficamente distribuiti.
LAN
(Local Area Network). Rete locale, ovvero circoscritta ad un ufficio od
un palazzo. Confrontare con la voce WAN.
Larghezza di banda
Capacità di “trasporto dei dati” di un collegamento di rete utilizzata
per indicare la velocità di trasmissione. Per esempio, un collegamento
Ethernet è in grado di spostare 10 milioni di bit di dati al secondo, un
collegamento Fast Ethernet 100 milioni di bit di dati al secondo, con
una larghezza di banda, quindi, 10 volte superiore.
Vietata la riproduzione e la diffusione senza autorizzazione
39
LEC
LAN Emulation Client (ATM)
LECS
LAN Emulation Configuration Server (ATM)
LES
LAN Emulation Server (ATM)
Modem
Dispositivo che permette a un computer di collegarsi ad altri computer
attraverso la linea telefonica tradizionale. I modem ‘traducono’ i
segnali digitali del computer in linguaggio analogico con lo scopo di
trasmetterli lungo la linea e ritradurli all’arrivo.
MOSPF
Multicast Open Shorter Path First per la gestione del Multicast IP
OSPF
Open Shorter Path First utilizzato per le reti IP di grandi dimensioni
Pacchetto
Gruppo di dati con un “header” che può indicare il contenuto del
pacchetto e il suo destinatario. Si può immaginare un pacchetto come
una “busta di dati” con l’header che funge da indirizzo.
PIM
Protocol Indipendent Multicast per la gestione del Multicast IP
POP
Post Office Protocol Protocollo utilizzato per recuperare i messaggi di
posta elettronica conservati su un host remoto. Nato per permettere
l'accesso ai servizi di posta alle macchine non collegate direttamente
ad Internet, viene recentemente sempre più spesso utilizzato anche su
LAN a causa dei problemi legati alla configurazione di un server di
posta "sicuro"
PPP
Point to Point Protocol Permette di trasferire traffico IP su una linea
seriale. Creato in particolare per gestire i collegamenti transitori via
modem, comprende meccanismi di auto-configurazione delle estremità
del collegamento e di autenticazione
RIP
Routine Information Protocol utilizzato per le reti IP di piccole o
medie dimensioni
Server di accesso
Remoto
Router che gestisce chiamate multiple in entrata da utenti remoti che
desiderano accedere alle risorse centralizzate di una rete. Un server
ad accesso remoto permette agli utenti di instaurare una connessione
verso una rete attraverso un unico numero telefonico. Il server
individua un canale aperto e stabilisce la connessione senza inviare
alcun segnale di occupato.
Vietata la riproduzione e la diffusione senza autorizzazione
40
Router
Termine che indica un dispositivo che sposta i dati tra segmenti di rete
diversi ed è in grado di leggere l’header del pacchetto di dati per
determinare il percorso di trasmissione migliore. I router possono
collegare segmenti di rete che utilizzano protocolli diversi. Essi
permettono inoltre a tutti gli utenti di una rete di condividere un unico
collegamento verso Internet o verso una WAN.
Server
Termine che indica un computer e un software che offrono servizi ai
client quali la memorizzazione dei file (file server), i programmi
(application server), la condivisione di stampanti (print server), fax
(fax server) o modem (modem server). Vedere anche alla voce client.
Switch
Dispositivo che connette tra loco i computer analogamente a quanto fa
un hub, ma in modo più efficiente e flessibile. Migliora le prestazioni
di una rete segmentandola in sottoreti e attribuendo la banda
disponibile in modo intelligente. Quando la porta di uno switch riceve
i pacchetti di dati, li invia solo alla porta specifica del destinatario
previsto. In tal modo si ottimizza l’uso della larghezza di banda
disponibile tra client, server o gruppi di lavoro collegati ad ogni porta
dello switch.
SMTP
Simple Mail Transfer Protocol E' il protocollo utilizzato per trasferire
(fra host che "parlano" TCP/IP) i messaggi di posta elettronica
TCP
Transmission Control Protocol Questo è il protocollo di livello
superiore ad IP che viene utilizzato più di frequente. La sua
caratteristica è quella di stabilire una connessione fra due applicazioni
identificate, come in UDP, da un numero di porta, e di garantire la
trasmissione senza errori di un flusso di dati. Se vengono ricevuti
pacchetti corrotti, il protocollo richiede la ritrasmissione dei dati a
partire dal primo pacchetto corrotto identificato. TCP implementa
anche un timeout per la chiusura delle connessioni interrotte o non
stabilite
TELNET
Protocollo basato su TCP (e quindi su IP), finalizzato alla creazione di
una sessione interattiva su una macchina remota, del tutto simile ad
una normale sessione di lavoro su un terminale collegato direttamente
alla macchina remota stessa. E' stato il primo protocollo "applicativo"
sviluppato nella suite di IP, ed era come l'obiettivo principale
dell'intero progetto di sviluppo di IP. Viene tuttora utilizzato per
ottenere sessioni remote laddove non vi sia alcuna preoccupazione
riguardo alla sicurezza informatica (il protocollo non prevede infatti
alcuna protezione o crittazione dei dati).
TIM
Traffic Manager (ATM)
Vietata la riproduzione e la diffusione senza autorizzazione
41
Token Ring
Tecnologia LAN nella quale i pacchetti vengono trasferiti tra le
stazioni terminali della rete da un “gettone virtuale” (token), che si
muove continuamente intorno a un anello chiuso tra le stazioni, ad una
velocità di 4/16 Mbps.
UDP
User Datagram Protocol Questo protocollo si trova ad un livello
superiore rispetto ad IP, ed aggiunge alla semplice funzionalità di
trasporto di IP la possibilità di "smistare" i pacchetti nella macchina di
destinazione sulla base di un numero di porta aggiunto all'indirizzo.
Viene controllata l'integrità dei dati attraverso una checksum, ma i
pacchetti corrotti vengono semplicemente buttati via
UBR
Unspecified Bit Rate (ATM)
VRRP
Virtual Router Redundant Protocol consente di definire due router
come default gateway evitando un single point of failure
VPN
(Virtual Private Network). Rete privata virtuale che permette al
traffico dati di viaggiare in modo sicuro su una rete pubblica (ad
esempio, Internet) grazie alla codifica di tutto il traffico. Rappresenta
una alternativa conveniente alle linee dedicate.
Vietata la riproduzione e la diffusione senza autorizzazione
42
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertising