Negli ultimi anni si sente parlare sempre più spesso di

COMITATO DI REDAZIONE:
REDAZIONE DEL NEWSLETTER:
Mario Gonano
info@afamweb.com
P.le G.Miani, 133047 REMANZACCO (UD)
Tel: +39 0432 668 176
MARZO 2005 N. 58
IL TUO NEGOZIO DI FIDUCIA
Strada statale 13, numero 145/11
CAMPOFORMIDO (UD)
Tel 0432/ 652609
ASSOCIAZIONE FRIULANA DI ASTRONOMIA E METEOROLOGIA
EDITORIALE
Negli ultimi anni si sente parlare
sempre più spesso di Inquinamento
Luminoso. Per astronomi si tratta di
un problema ben noto, e note sono
pure le soluzioni illuminotecniche
che permettono di salvaguardare la
sicurezza dei cittadini senza gravare
sulle
casse
delle
Pubbliche
Amministrazioni (anzi, in molti casi
l’adozione di un corretto impianto di
illuminazione
permette
dei
considerevoli risparmi nelle spese di
gestione). E’ significativo che da
qualche tempo a questa parte, stiamo
assistendo ad una presa di coscienza
del problema anche da parte di
coloro che non si interessano affatto
di astronomia. Le associazioni
ambientaliste iniziano a rendersi
conto dell’impatto che ha questa
subdola forma di inquinamento nei
confronti della biosfera (mutamento
del ciclo circadiano, influssi per la
sintesi clorofilliana delle piante, ecc.)
e non mancano degli allarmanti
rapporti medici che attestano
l’insorgenza di pericolose patologie
dell’uomo legate al fatto che la notte
non e’ più buia. In tempi in cui il
petrolio si paga 50 dollari al barile,
l’energia elettrica costa cara, e la
gente inizia a porsi delle legittime
domande sulle
ingenti spese
necessarie per far splendere (spesso
inutilmente) la notte: a questo
proposito
la
trasmissione
di
RadioRAI “Caterpillar” ha lanciato
una giornata di sensibilizzazione per
il risparmio energetico che si e’
tenuto lo scorso 16 febbraio,
chiamata
significativamente
“M’illumino di meno”. Anche
“l’uomo della strada” si sta rendendo
conto che l’adozione indiscriminata
delle luci negli impianti pubblici e
Pagina 1 di 7
nelle proprietà private, e’ una nota
stonata. Qualche giorno fa, presso il
nostro osservatorio abbiamo ricevuto
una
telefonata
significativa:
chiamava
una
signora
sessantacinquenne
piuttosto
allarmata, la quale chiedeva quale
strano
fenomeno
astronomico
potesse illuminare il cielo notturno
come se fosse giorno. Le e’ stato
spiegato che si trattava delle luci di
vie, piazze, case, industrie, ecc., che
si riflettevano sulle nuvole, ed il cui
effetto veniva esaltato da una recente
nevicata. La signora, assolutamente
digiuna
di
astronomia,
ha
commentato avvilita sul fatto che
stiamo cambiando (in peggio)
l’ambiente in cui viviamo. Capita
sempre più spesso di ascoltare le
lamentele degli automobilisti che si
dicono
irritati
per
l’effetto
dell’abbagliamento
provocato
dall’illuminazione pubblica lungo
certe vie: in alcuni incroci delle
lampade esageratamente potenti e
mal orientate arrivano a pregiudicare
la guida in condizioni di sicurezza.
L’amico Alessandro Di Giusto
(Coordinamento “Luce Amica delle
Stelle”) recentemente citava il caso
di un cittadino che lo ha contattato
per sapere quali azioni legali poteva
intraprendere nei confronti di una
proprietà confinante illuminata a
giorno, che gli impediva di poter
dormire d’estate con le finestre
aperte, e persino di guardare in pace
la TV! Si tratta di piccole
testimonianze che parlano di un
disagio crescente, e ci fanno capire
come la gente stia prendendo
coscienza
del
fatto
che
l’inquinamento ambientale a volte
può assumere degli aspetti subdoli,
ma sempre fastidiosi, se non proprio
pericolosi. Nel caso
dell’Inquinamento Luminoso, la lotta
per la protezione dell’ambiente si
coniuga con il risparmio energetico.
Dunque perchè non facciamo
qualcosa?
Il Presidente
Giovanni Sostero
Sopra, immagine della Luna ripresa
da L.Monzo con un C8 + web-cam +
filtro rosso (W25)
CALENDARIO DELLE ATTIVITA’
GIOVEDI’ 17 MARZO ORE 21:15
Serata osservativa pubblica presso la
specola di Remanzacco
VENERDI’ 18 MARZO ORE 21:15
Conferenza pubblica di M. Spolaor
su: “Reportage dall’osservatorio
astronomico delle Canarie” presso
la sede di Remanzacco.
VENERDI’ 1 APRILE ORE 21:15
INCONTRO CON I SOCI: “Stelle
doppie di primavera” presso la sede
di Remanzacco.
GIOVEDI’ 14 APRILE ORE 21:15
Serata osservativa pubblica presso la
specola di Remanzacco
DIVULGAZIONE E DIDATTICA
di Claudio Cecotti
Proseguendo il nostro discorso
sull’evoluzione dell’astronomia a
partire
dai
suoi
primordi,
consideriamo ora il modo di
descriverne i fenomeni. Il primo
aspetto che è stato considerato dagli
astronomi è la periodicità dei
fenomeni celesti. Infatti, la prima
cosa che fu rilevata fu, per esempio,
il ciclo giornaliero del sorgere e del
tramontare degli astri (fra essi
ovviamente anche il Sole). A questo
è seguito il ciclo lunare. L’evidenza
delle fasi non è stata la sola ragione
di approfondimento di questo ciclo,
l’uomo - cacciatore ha dovuto
considerare l’andamento del ciclo ai
fini della programmazione della sua
attività. Più difficile è stata
l’individuazione del ciclo annuale,
intendendo per questo il ciclo delle
stagioni. Quella che è nata così è una
specie di astronomia aritmetizzata,
un’astronomia molto semplice i cui
fenomeni
erano
descritti
semplicemente in base alle loro
sequenze temporali ed alla loro
durata. È il periodo dell’astronomia
babilonese e di quella egizia. I
Babilonesi descrivevano le variazioni
in declinazione (la declinazione è la
corrispondente astronomica della
latitudine geografica) del Sole
secondo un diagramma a dente di
sega. Nella rappresentazione che si
può dedurre dai testi babilonesi le
estremità successive, minima e
massima, del movimento del Sole in
declinazione possono essere unite da
un segmento rettilineo che veniva
percorso dal Sole ora in salita ora in
discesa. Noi oggi sappiamo che ciò
non è vero e che il movimento reale
è più vicino a quello di una sinusoide
percorsa di moto non uniforme (ciò
in quanto non lo è il movimento della
Terra sulla sua orbita e quindi
neppure quello del Sole sull’orbita
che descrive apparentemente nel
cielo). Analogo era il discorso per il
movimento
della
Luna.
Ciononostante non possiamo non
considerare con molta attenzione
questa
rappresentazione
dell’universo come sede di fenomeni
ciclici descritti in base alle uniche
leggi matematiche in possesso di
questi osservatori primitivi. La
descrizione dell’universo risulta in
Pagina 2 di 7
Sopra, immagine della sonda Rosetta
tal modo funzione dei mezzi
posseduti per descriverli. Questa sarà
una
costante
della
storia
dell’astronomia e della storia della
scienza: lo sviluppo degli strumenti
tecnici (leggi, per lo più, matematica)
ha sempre condizionato in maniera
importante i modelli di descrizione
del mondo fisico.
L’aritmetica, senza altri agganci, è di
per se stessa lineare in quanto nasce
come risposta alla necessità del
conteggio, della somma e della
differenza, e della moltiplicazione e
della divisione che altro non sono
che addizioni e sottrazioni ripetitive.
Non fa quindi meraviglia che gli
astronomi
Babilonesi
abbiano
scoperto il ciclo di Saros, ovvero il
ciclo secondo il quale le eclissi si
ripetono con la stessa sequenza di
mesi con o senza eclisse. Devo
purtroppo rilevare che talvolta la
spiegazione della durata di questo
ciclo è fatta in modo tale che risulta
difficile intendere il meccanismo che
ne è alla base e che ne ha permesso
l’individuazione.
Innanzitutto
i
Babilonesi contavano il tempo in
mesi lunari, questo è un dato
assodato. Poi l’eclisse si ha o in
corrispondenza alla fase di Luna
Nuova (eclisse di Sole) o in quella di
Luna Piena (eclisse di Luna). Perché
si abbia l’eclisse bisogna anche la
Luna si trovi sul piano dell’eclittica,
cioè del percorso apparente descritto
dal Sole nel cielo. Se questo non
avviene, al momento delle fasi lunari
sopra richiamate non si ha un
allineamento di Terra, Sole e Luna
sulla stessa retta ma solo sullo stesso
meridiano. Ora, mentre il mese
lunare (detto mese sinodico) dura 29
giorni 12 ore 44 minuti 3,3 secondi,
il periodo fra il passaggio della Luna
per lo stesso nodo (ascendente o
discendente) in cui taglia l’orbita
apparente del Sole si ha ogni 27
giorni 5 ore 5 minuti 35,8 secondi
(mese draconitico). Lo sfasamento
fra i due periodi fa sì che se questo
mese abbiamo un’eclisse certamente
non ne avremo il mese successivo,
per esempio. È chiaro anche che
dopo un periodo che contiene un
numero intero dei due cicli si
ripeteranno tutte le situazioni
dell’analogo periodo precedente.
Questo periodo risulta pari a 6585
giorni 7 ore 42 minuti e
corrispondente a 223 rivoluzioni
sinodiche (cioè mesi del calendario
babilonese) e 242 mesi draconitici.
Casualmente questo periodo è anche
multiplo (239) del cosiddetto mese
anomalistico lunare (pari a 27 giorni
13 ore 18 minuti 34,7 secondi) che
corrisponde al periodo di passaggio
della Luna alla minima distanza dalla
Terra (perigeo). Non abbiamo invece
alcuna certezza circa un’eventuale
conoscenza del ciclo di Metone, il
periodo di 19 anni solari che
corrisponde a 235 mesi lunari. I due
periodi
erano
difficilmente
relazionabili fra di loro. Così la
differenza fra l’anno lunare di 12
mesi lunari e quello solare veniva
coperta con l’inserimento di un mese
intercalare che avveniva senza una
regolarità precalcolata ma in base ad
osservazioni fatte di volta in volta. Il
lungo periodo dell’anno solare ha
messo in difficoltà diverse civiltà del
passato. I monumenti megalitici sono
una
testimonianza
di
questa
difficoltà: risultava evidentemente
più facile eseguire un’osservazione
di un particolare allineamento del
Sole, all’alba ed al tramonto, con
elementi dell’orizzonte o con
strutture appositamente costruite (i
monumenti megalitici per l’appunto)
che tenere il computo del tempo
trascorso
dall’allineamento
precedente. Tutto ciò ci riporta alla
riflessione sui limiti di modelli
matematici così semplici. Di questi
troviamo traccia non solo nelle
tavolette babilonesi, ma anche nei
testi apocrifi dell’antico testamento
(si veda il caso del Libro
dell’Astronomia che si trova nel
Libro di Enoc, editrice Tea). Non
dobbiamo infatti dimenticare che i
testi religiosi assumevano talvolta
anche la
funzione di testi
astronomici, visto che astronomia,
astrologia, calendario e religiosità
erano facce diverse di un’unica
espressione culturale.
Il mio indirizzo e-mail è:
c.cecotti@libero.it.
Pagina 3 di 7
VITA DI ASSOCIAZIONE
Di Giovanni Sostero
Febbraio e’ stato caratterizzato da
una situazione meteorologica più
sfavorevole
rispetto
ai
mesi
precedenti. Il numero di nottate
serene non e’ stato affatto elevato, ed
il
freddo
pungente
ha
considerevolmente penalizzato le
spedizioni osservative in montagna.
Nonostante ciò, lavorando dalla
specola di Remanzacco, siamo
riusciti a svolgere una discreta
attività osservativa. A dire il vero,
alcuni temerari (Bruno Bombardier,
Mario e Virgilio Gonano, Federico
Zucchetto) si sono recati sul Monte
Iauer (nei pressi di Subit) da dove
hanno potuto godere di un cielo
cristallino, ma a spese di qualche
acciacco
per
la
prolungata
esposizione notturna ai rigori del
clima. Per quanto riguarda l’attività
didattica, segnalo che Denis Pigani
sta completando la preparazione di
una nuova versione della home page
AFAM. Desidero ringraziare Luca
Monzo per l’aiuto che ci sta’ dando
per aggiornare l’attuale versione del
nostro sito internet. Le conferenze
del mese di Febbraio hanno
riguardato gli strumenti astronomici
dell’antico Islam (C. Cecotti) ed i
sistemi di coordinate astronomiche
(G. D’Andrea). Entrambe le serate
sono state apprezzate dal pubblico
per la bravura dei relatori e
l’interesse (anche pratico) degli
argomenti trattati. Il 17 Febbraio si e’
svolta presso il nostro osservatorio
una serata osservativa pubblica, alla
quale ha partecipato una nutrita
scolaresca
dell'istituto
onnicomprensivo di Fagagna (hanno
presenziato Antonio Lepardo e
Guido
D’Andrea).
Grazie
all’interessamento
di
Esther
Dembitzer (responsabile dell’attività
divulgativa
dell’AFAM)
siamo
riusciti a ripristinare la nostra
collaborazione con il più importante
quotidiano locale; dallo scorso 4
Marzo e’ quindi ricomparsa la
rubrica di astronomia del venerdì sul
“Messaggero Veneto”, che ci
permette di informare i lettori
friulani riguardo le novità del mondo
dell’astronomia. Per quanto concerne
la ricerca scientifica, il gruppo di
radioastronomia
(Alessandro
e
Giuseppe Candolini, Diego Ganzini)
ha iniziato a monitorare le emissioni
gioviane tramite il dipolo installato
presso la nostra specola di
Remanzacco. Ora che il pianeta
gigante si sta avviando verso
l’opposizione, diventa via via sempre
più facile riuscire a studiarlo. A
proposito di pianeti, segnalo che
sulla rivista “Astronomia UAI” di
Gennaio-Febbraio 2005, sono stati
pubblicati un paio di articoli sulle
campagne osservative riguardanti
l’elusivo Mercurio;
(continua a pag 4)
ERRATA/CORRIGE
Nello scorso numero è stata
pubblicata una immagine di M1
ripresa con il 4 metri del Kitt Peak e
non come erroneamente scritto del
socio F.Zontone. Pubblichiamo sotto
l’immagine invece realizzata dal
socio
Zontone
che
mostra
l’espansione dei filamenti nel corso
degli anni, paragonata alla foto del
Kitt Peak già pubblicata
(segue da pag 3)
al loro interno viene citato anche il
contributo portato dal nostro
osservatorio, con alcuni disegni e
delle riprese webcam. Da qualche
settimana abbiamo iniziato un
programma di collaborazione con il
cacciatore di supernovae Tim
Puckett. Il lavoro viene svolto sia
sulle
immagini
dell’astrofilo
statunitense, che su quelle prese
presso
l’Osservatorio
di
Remanzacco. Già a pochi giorni
dall’inizio, abbiamo ottenuto un
lusinghiero risultato, riuscendo a
confermare la scoperta di una
supernova effettuata dai nostri
collaboratori americani. Ecco un
estratto della circolare nr.8488
dell’Unione
Astronomica
Internazionale, in cui si da’ notizia
della cosa: -“SUPERNOVAE 2005aj
E 2005ak. Successivamente alla
IAUC 8486, T. Puckett e J. Newton
riportano la loro scoperta di
un’apparente supernova (mag 18) su
una ripresa CCD senza filtro
ottenuta con il telescopio automatico
da 0,6m per la ricerca di supernovae
il 18,02 Febbraio UT (e confermata
da immagini riprese da G. Sostero,
Remanzacco, Italia, con un riflettore
da 0,25m il 18.87 Febbraio, la
magnitudine e’ stata riportata
ancora di 18)...”-.
E’
continuata
la
campagna
osservativa sulle comete, con varie
immagini CCD ottenute da Mario e
Virgilio Gonano, Antonio Lepardo e
dal
sottoscritto.
Le
comete
monitorate sono state alcune deboli
periodiche (come la 9P, 32P, 49P,
62P e 78P) e la brillante C/2004Q2
(Machholz). Dati ed immagini sono
stati pubblicati su varie riviste e siti
internet (a proposito, sapevate che la
nostra foto della congiunzione
Machholz-Pleiadi dello scorso sette
Gennaio e’ stata pubblicata su ben
tre riviste del settore? Si tratta di:
“Le Stelle”, “Nuovo Orione” e
“l’Astronomia”).
Le
maggiori
soddisfazioni dal punto di vista
scientifico stanno giungendo dalla
campagna osservativa sulla cometa
Tempel 1, in cui siamo tra i
protagonisti
del
programma
scientifico per piccoli telescopi (vedi
il sito internet della missione NASA
“Deep-Impact”:
http://deepimpact.umd.edu/stsp/camp
Pagina 4 di 7
aigns/index.shtml). La nota rivista
statunitense “Sky & Telescope” ci ha
contattato
per
richiedere
l’autorizzazione a pubblicare una
delle nostre immagini della cometa
Tempel 1 in un loro articolo sulla
missione “Deep-Impact”. La notte
del 19 Febbraio scorso, il nostro
socio Paolo Corelli e’ riuscito ad
ottenere un’immagine della Nova
Cygni 2005 (da poco scoperta) dal
suo osservatorio privato di Pagnacco.
Termino con una curiosità: la sera
del 2 Marzo, Antonio Lepardo e lo
scrivente sono riusciti a riprendere la
sonda spaziale dell’ESA “Rosetta”,
mentre si stava avvicinando alla
Terra per un fly-by che la porterà, tra
diversi anni, ad incontrare la cometa
67P/Churyumov-Gerasimenko. La
foto e’ stata effettuata tramite il
riflettore MEADE LX200 GPS da
254mm di apertura installato a
Remanzacco, sfruttando la sensibilità
della camera CCD Hi-Sis23ME che
abbiamo in dotazione. La sonda, di
16.ma magnitudine circa, si spostava
alla velocità apparente di 6”/min.
L’immagine
non
e’
affatto
spettacolare, ma essendo stata tra le
prime disponibili, e’ comparsa su
vari siti internet, ed e’ stata anche
citata dalla trasmissione scientifica
radiofonica di Radio24 “Il volo delle
oche”. Per maggiori dettagli, potete
consultare il comunicato stampa
pubblicato
sulla
home
page
dell’Unione
Astrofili
Italiani
(http://www.uai.it/index.php?tipo=A
&id=743).
Nova Cygni 2005
L’astrofilo
giapponese
Hideo
Nishimura ha scoperto una nova
nella costellazione del Cigno.
L’avvistamento e’ avvenuto tramite
alcune
riprese
fotografiche
(Fotocamera
Pentax
6x7,
teleobbiettivo 200mm, f/4 e pellicola
T-MAX 400) effettuate la notte del
10 febbraio scorso (analoghe riprese,
filo al 6 febbraio, non mostravano
nulla nella stessa posizione, fino alla
magnitudine 11) . Spettrogrammi a
bassa risoluzione ottenuti l’11
febbraio dai professionisti H. Naito e
N.
Tokimasa
(Nishi-Harima
Astronomical Observatory) con un
riflettore da 60cm, confermano che
l’oggetto e’ una nova, a causa delle
sue cospicue linee in emissione della
serie di Balmer (la FWHM della
linea H_alpha e’ di circa 3200
Km/sec). L’oggetto si trova alle
coordinate: A.R. = 20h 09m 19s;
Decl.= +39° 48’ 52” (Equinozio
2000.0). ed al momento della
scoperta brillava di magnitudine 10
circa; successivamente e’ stato
osservato un suo rapidissimo calo di
splendore, tanto che le ultime stime,
effettuate dall’AAVSO lo scorso 22
febbraio, lo riportano di magnitudine
15,8 circa. Il socio dell’AFAM Paolo
Corelli, ha ripreso la Nova Cygni
2005 lo scorso 19 febbraio
(immagine
sotto),
dal
suo
osservatorio privato di Pagnacco,
utilizzando un riflettore SchmidtCassegrain da 20cm di diametro ed
una camera CCD Starlight Xpress
MX916.
LO CHEF CONSIGLIA….
di Vincenzo Santini
TELESCOPI SENZA SEGRETI
3° parte
Proseguiamo il nostro viaggio alla scoperta del (buon) funzionamento del telescopio. In questa puntata parleremo del
TUBO OTTICO
Ovviamente il tubo ottico è il cuore dello strumento. Naturalmente esistono infiniti tubi/schemi ottici e qui tratteremo i più
usati. Cominciamo con un classico che non passa mai di moda: il rifrattore.
IL RIFRATTORE:
E’ il più antico in quanto è stato inventato dagli ottici olandesi ai primi anni del ‘600. Incredibile , ma vero, l’invenzione ha
un’origine militare. Infatti il cannocchiale serviva a vedere per tempo la cavalleria nemica prima che caricasse (in questo
caso, vai di gambe!). Il nome stesso di “cannocchiale” deriva appunto da “cannone” e questo la dice lunga sul suo uso.
Invece, molto più pacificamente, Galileo fu il primo ad usarlo per le osservazioni astronomiche. Era nato così il primo
telescopio. Quindi il nostro ha un’origine decisamente più pacifica: meglio così. Egli prese due lenti e le unì con un tubo di
cartone prima, e in legno rivestito di cuoio, dopo. Quindi, sostanzialmente lo schema ottico è alquanto semplice. Due lenti,
un tubo e oplà, il telescopio è presto fatto! In realtà le cose non sono così semplici. Questo sistema abbisogna di vetri di
altissima qualità realizzati in doppietti, spaziati ad arte e intubati meglio! Comunque per piccoli diametri la cosa funziona
bene e in modo abbastanza economico. Su grandi diametri e volendo ottiche di altissima qualità (leggi apocromatiche),
sono dolori…al portafoglio! Ultimamente hanno avuto un boom i telescopi cinesi acromatici di qualità medio-bassa. Tuttavia
se usati in visuale con un buon filtro che “taglia” le frequenze gialle dello spettro non dovrebbero essere poi così male. Si sa,
i filtri fanno miracoli…o quasi. E poi lo dice anche il proverbio: chi si accontenta, gode!
IL RIFLETTORE:
Inventato da Newton (sì, proprio quello della mela) è oggi uno schema ottico molto usato (si chiama newton, appunto). Si
distingue per l’ottimo rapporto tra resa ottica e costo. Sostanzialmente si tratta di uno specchio parabolico che concentra i
raggi luminosi provenienti delle stelle in un punto tramite un piccolo specchio piano diagonale. Va otticamente molto bene,
di contro è un po’ ingombrante e per diametri maggiori è decisamente (troppo) pesante. Per ovviare a questo difetto è stato
inventato uno schema ottico più maneggevole: lo schmidt-cassegrain (una variante dell’eccellente camera schmidt inventata
negli anni ’30 da quel gran genio dell’ottica del sig. Schmidt). Immaginate una lastra asferica che corregge i difetti, uno
specchio sferico accordato con un secondo specchio iperbolico, il tutto che lavora in perfetta risonanza; un vero capolavoro
dell’ottica! Per molti è il telescopio “perfetto” (anche se i miei quattro lettori già sanno che il telescopio perfetto non esiste…).
Comunque bisogna dire la verità: questo telescopio va decisamente molto bene. Chi ne ha posseduto uno e poi ha avuto la
malaugurata idea di venderlo, ci ripensa con nostalgia: “Ah, lo schmidt-cassegrain era un’altra cosa…”. Ottima resa visuale,
discreta resa fotografica, maneggevolezza da vendere, facilità d’uso incredibile, cosa volete di più? Certo che la qualità
costa, ma d’altronde: poco si spende, poco si gode.
Per ovviare al problema del costo, molti ottici hanno cercato un buon sostituto allo s.c. cioè uno schema ottico simile che dia
buoni risultati ottici e che sia contemporaneamente facile (leggi economico) da costruire. Sono stati fatti svariati tentativi.
L’unico che è andato vicino all’obiettivo (scusate il gioco di parole) è stato il dott. Maksutov dell’Istituto Superiore di Ottica di
Mosca. Egli negli anni ’40 ha inventato uno schema ottico fatto esclusivamente con superfici sferiche e con specchio a
menisco. Purtroppo, pere quanto riguarda l’economicità, la cosa non è stata del tutto raggiunta. Invece il telescopio “mak” si
è rivelato una cannonata come qualità ottica (al centro del campo) da non far troppo rimpiangere troppo un riflettore
apocromatico (scusate se è poco…). Quindi il dilemma sarà: schmidt-cassegrain oppure maksutov? Ai posteri l’ardua
sentenza…
ERRATA CORRIGE:
Ebbene si, anche noi sbagliamo. Nella scorsa puntata ci sono state alcune “sviste” che correggiamo subito. Ci scusiamo
con i lettori. Cominciando dall’alto:
Alla riga 10: invece di “orizzontale” leggi “verticale”.
Alla riga 11: invece di “verticale” leggi “orizzontale”.
Alla riga 18: invece di “altezza” leggi “azimut”.
Infine, a gentile richiesta, ripubblichiamo molto volentieri l’elenco degli oggetti Messier visibili con facilità nel mese, con
un’ascensione retta da circa 12,00 ore a circa 12,30. Buona visione!
Messier
M61
M40
M100
M84
M85
M86
M49
M87
Pagina 5 di 7
A.R.
12h 21m
12h 22m
12h 22m
12h 25m
12h 25m
12h 26m
12h 29m
12h 30m
Dec.
+4° 28’
+58° 05’
+15° 49’
+12° 53’
+18° 11’
+12° 57’
+8° 00’
+12° 24’
Cost.
Vir
Uma
Com
Vir
Com
Vir
Vir
Vir
OGGETTO
Galassia sp.
Stella doppia
Galassia sp.
Galassia e.
Galassia e.
Galassia e.
Galassia e.
Galassia e.
Mag.
9,7
8,5
9,4
9,3
9,2
9,2
8,4
8,6
dimensioni
6’x5’
1’
7’x6’
5’x4’
7’x5’
7’x5’
9’x7’
7’
ASTRONEWS
di Luca Monzo
NEO “2005 CK” (fonte Unione
Astrofili Italiani): 2005 CK è la sigla
assegnata ad un asteroide di tipo
NEO
(Near
Earth
Asteroid)
recentemente
individuato
dall’astrofilo Sergio Foglia, attuale
responsabile
della
“Sezione
Asteroidi” della UAI (Unione
Astrofili Italiani). Nei giorni seguenti
la sua scoperta questo oggetto
temporaneamente
designato
“SW40ku” è stato riosservato
sempre da Foglia insieme ai colleghi
D. Crespo e S. Minuto riuscendo a
fornire i dati essenziali per
confermare la sua esistenza e
calcolare i suoi parametri orbitali. Si
è scoperto in particolare che
l’asteroide possiede un diametro
compreso tra i 12 e 37 metri e un
periodo di rotazione di pochi
secondi, “<<una vera scheggia
rotolante.....>>”
come è stato
definito dal suo stesso scopritore.
SITI INTERNET
(Fonte rivista Le Stelle)
a cura di Virgilio Gonano.
Ben ritrovati a questo appuntamento
mensile con i siti del mese.
Il primo sito , che vi propongo è
:http://www.nasa.gov/mission_pages
/deepimpact/main/index.html
E’ dedicato alla sonda Deep Impact ,
che avrà il compito di “sparare” un
proiettile piuttosto massiccio sulla
superficie di una cometa, ovvero la
cometa Tempel . Ciò che succederà
e’ ancora un mistero, sicuramente
però ci servirà per capire meglio la
composizione e la sua struttura
interna. Il sito è in lingua inglese.
Il secondo sito che vi suggerisco è :
http://neo.jpl.nasa.gov
Rappresenta uno dei siti dedicati alla
misurazione
astrometrica
degli
oggetti asteroidali e\o
comete
appena scoperti e quindi di valutare
il rischio d’impatto a loro associato .
Molto bello ed interessante.In
inglese.
Il terzo ed ultimo sito che vi
consiglio
è:
http://spaceguard.esa.int/tumblingsto
ne
E’ un sito interessante e ben fatto
sempre aggiornato e tratta come un
Pagina 6 di 7
giornale on.-line delle notizie
dedicata ai N.E.O,
ovvero agli
asteroidi che sono potenzialmente
pericolosi per la Terra. Esso è sia in
inglese che in italiano.
Per questo mese è tutto ci rivediamo
il mese prossimo .
NOTIZIE DALLA BIBLIOTECA
Di Esther Dembitzer
La nostra biblioteca ha acquisito due
nuovi testi Il primo, di Stephen
Hawking, ha per titolo “La teoria del
tutto” editrice Rizzoli. Il grande
scienziato illustra attraverso sette
lezioni, che ripercorrono la storia del
pensiero cosmologico da Aristotele
attraverso
Copernico,
Newton,
Einstein per giungere alle ultime
frontiere della fisica contemporanea,
gli sforzi della scienza per arrivare
ad una teoria unificata dell’Universo,
teoria che “includa in un’unica
spiegazione coerente, la meccanica
quantistica, la forza di gravità e le
altre interazioni di cui parla la
fisica”. Una teoria del tutto, appunto.
Il secondo, di Maurizio Pallante,
s’intitola “Un futuro senza luce?”, ed
ha per sottotitolo “Come evitare i
black out senza costruire nuove
centrali”. Questo secondo testo non
tratta propriamente argomenti a noi
consueti, ma si occupa di energia con
i suoi sprechi, l’eccesso dei consumi,
le inefficienze del sistema, le
emissioni di CO² nell’atmosfera con
conseguente effetto serra, e considera
saggiamente come i risparmi nel
settore energetico, oltre ad accrescere
l’efficienza dell’attuale sistema,
consentirebbero nuovi investimenti
nello studio delle fonti alternative.
La trattazione è preceduta da una
introduzione di Beppe Grillo.Il
nostro socio Giacomo Meo ha fatto
dono all’Associazione di una serie di
venti videoregistrazioni dell’editrice
Fabbri che trattano diversi argomenti
Qualche esempio: Big Bang. La
grande esplosione – La sfida dello
spazio – Esplode una supernova – Il
cielo degli antichi - In viaggio verso
il futuro – Segnali dall’Universo
ecc.. Ringraziamo sentitamente il
socio Giacomo Meo .Per quanto
riguarda i contatti con i media
desideriamo segnalare che, dopo
un’interruzione di alcuni mesi, con i
primi di marzo è ripresa la nostra
collaborazione con il Messaggero
Veneto.
Secondo
l’antica
consuetudine, infatti, il venerdì
mattina, nella pagina della posta,
ritroveremo il nostro articolo su
argomenti vari, redatto da mani
diverse e curato dalla sottoscritta.
Invito quei soci che desiderino
partecipare a questa attività ed
abbiano un minimo di consuetudine
con penna ed astronomia a darci una
mano e provare magari la
soddisfazione di vedersi pubblicati.
RICORDIAMO AI SOCI NON IN
REGOLA
CON
IL
TESSERAMENTO 2005, CHE
QUESTO
E’
L’ULTIMO
NUMERO
DELLA
NEWSLETTER
CHE
RICEVERANNO
Download PDF