Relazione geologica generale - Comune di Città di Castello

Relazione geologica generale - Comune di Città di Castello
Capogruppo
Mandanti
Rev. 0 - Pag.
Documento
1.
2 di 35
09054 WGU 201
SOMMARIO
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.
9.
SOMMARIO .........................................................................................................................2
PREMESSA .........................................................................................................................4
QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO ..........................................................................4
INQUADRAMENTO GENERALE .........................................................................................6
4.1 GEOLOGIA E MORFOLOGIA........................................................................................6
4.2 IDROGEOLOGIA E IDRAULICA ....................................................................................7
4.2.1 CARATTERISTICHE DEI PRINCIPALI ACQUIFERI ............................................7
4.3 SISMICITA’ ...................................................................................................................9
REDAZIONE GE.06.3 - CARTA GEOLOGICA.................................................................... 15
5.1 INTRODUZIONE ........................................................................................................ 15
5.2 STRATIGRAFIA.......................................................................................................... 16
5.2.1 UNITÀ STRATIGRAFICHE QUATERNARIE NON APPARTENENTI A SPECIFICI
BACINI ................................................................................................................ 16
5.2.2 UNITÀ
STRATIGRAFICHE
QUATERNARIE
SINTEMICHE
PLIOPLEISTOCENICHE ................................................................................................ 17
5.3 ELEMENTI STRUTTURALI......................................................................................... 23
REDAZIONE GE.06.4 - CARTA GEOMORFOLOGICA ....................................................... 23
REDAZIONE GE.06.5 - CARTA IDROGEOLOGICA ........................................................... 25
7.1 VULNERABILITA’ DEGLI ACQUIFERI ........................................................................ 25
7.1.1 SITI CONTAMINATI .......................................................................................... 26
7.1.2 AREE VULNERABILI AI NITRATI ...................................................................... 28
7.2 CLASSI DI VULNERABILITA’ ...................................................................................... 29
7.2.1 VULNERABILITA’ ALL’INQUINAMENTO DEGLI ACQUIFERI DA
ELEVATA AD MOLTO ELEVATA ...................................................................... 29
7.2.2 VULNERABILITA’ ALL’INQUINAMENTO DEGLI ACQUIFERI DA
MEDIA AD ALTA ............................................................................................... 29
7.2.3 VULNERABILITA’ ALL’INQUINAMENTO DEGLI ACQUIFERI DA
BASSA A MOLTO BASSA ................................................................................. 29
REDAZIONE GE.06.6 - CARTA IDRAULICA ...................................................................... 30
REDAZIONE GE.06.7 – CARTA DELLA PROPENSIONE AL DISSESTO .......................... 30
Capogruppo
Mandanti
Rev. 0 - Pag.
3 di 35
-
Documento
09054 WGU 201
10.REDAZIONE GE.06.8 – CARTA DELLE MICROZONE OMOGENEE IN
PROSPETTIVA SISMICA ........................................................................................................ 31
11.REDAZIONE GE.06.9 – CARTA DELLO ZONING .............................................................. 32
11.1 AREE AD ALTO RISCHIO GEOLOGICO GEOMORFOLOGICO
IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO ............................................................................ 33
11.2 AREE A MEDIO RISCHIO GEOLOGICO GEOMORFOLOGICO
IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO ............................................................................ 33
11.3 AREE BASSO RISCHIO GEOLOGICO GEOMORFOLOGICO
IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO ............................................................................ 34
12.ITER TECNICO-NORMATIVO PER L’INTERVENTO NELLE AREE
INTERESSATE DA CRITICITA’............................................................................................... 34
GRUPPO DI LAVORO:
Geol. Fausto Pelicci
Geol. Gloria Ruspi
Geol. Giacomo Schirò
Capogruppo
Mandanti
Rev. 0 - Pag.
Documento
2.
4 di 35
09054 WGU 201
PREMESSA
La seguente relazione ha lo scopo di illustrare il lavoro svolto nell’ambito della
redazione della parte strutturale del PRG di Città di Castello, con particolare
riferimento alla cartografia tematica redatta. Sono descritte sinteticamente le
principali metodologie utilizzate per la realizzazione dello studio geologico s.l. e
sono inoltre fornite le principali chiavi di lettura per comprendere l’iter della
redazione della cartografia e gli elementi che sono stati individuati, con particolare
riferimento alla determinazione del rischio territoriale.
Come base di partenza per il lavoro è stata utilizzata la documentazione facente
parte dei precedenti studi relativi al PRG. Tale documentazione è stata integrata e
verificata, alla luce della normativa attualmente vigente ed aggiornata con i più
recenti elementi geomorfologici segnalati sino alla metà del mese di settembre
2013.
Lo studio della componente geologica, geomorfologica idrogeologica ed idraulica di
un PRG non può prescindere dall’acquisizione degli elementi censiti dagli strumenti
urbanistici sovraordinati così come dettato dalla normativa vigente in materia e
come richiesto dagli Enti competenti (Regione Umbria, Provincia di Perugia, Autorità
di Bacino ecc.). Tali Enti hanno prodotto, ad esempio, studi atti al censimento ed
alla mappatura di fenomeni di dissesto di vario grado e tipologia. Hanno inoltre
svolto studi sui principali corsi d’acqua individuando le aree soggette ad
esondazione rispetto a piene di riferimento con tempi di ritorno caratteristici (Tr50,
Tr200 e Tr 500 anni).
L’inquadramento del rischio territoriale va comunque inteso come una fotografia,
dettagliata quanto possibile, dello stato attuale e non può essere mai considerato
esaustivo, in quanto le condizioni geomorfologiche, idrogeologiche, idrauliche,
nonché le conoscenze geologiche e sismiche, sono “materia viva”.
Lo studio geologico di un PRG è finalizzato a fornire un valido supporto alla
Pianificazione ed in quanto tale è redatto evidenziando solo gli aspetti ritenuti
significativi per il fine preposto così come richiesti dalla vigente normativa.
3.
QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO
Il quadro normativo di riferimento è soggetto a continui cambiamenti dovuti alla
produzione legislativa. L’ultima modifica ha riguardato l’abrogazione della normativa
DGR 226/01 sostituita dalla DGR 377/10. In sintesi gli studi sono stati eseguiti
almeno in ottemperanza alla seguente normativa vigente:
D.G.R. 19 maggio 1982 n°2739 "Criteri relativi al tipo, ampiezza di studi ed
indagini di carattere geologico e geotecnico da effettuare sia per la formazione
degli strumenti urbanistici generali che per quelli attuativi" stabilisce che i
Comuni nella predisposizione degli strumenti urbanistici di previsione generale
ed attuativi devono effettuare studi atti a verificare la fattibilità dell'insieme dal
punto di vista geologico e geotecnico accertando la compatibilità delle previsioni
urbanistiche con le caratteristiche geomorfologiche e geotecniche del territorio.
D.G.R. 18 giugno 1985 n°3806 "Direttive e criteri metodologici di carattere
geologico-tecnico per le indagini da eseguire a corredo dei piani urbanistici di
grado subordinato" in cui si individua il tipo di indagine da eseguire, la scala di
rappresentazione ed i requisiti minimi comuni cui devono rispondere le indagini
Capogruppo
Mandanti
Rev. 0 - Pag.
5 di 35
-
Documento
09054 WGU 201
di carattere geologico-tecnico da effettuare a corredo dei piani urbanistici
comprensoriali.
Legge 18 maggio 1989 n. 183.
L.R. 10 aprile 1995 n°28 "Norme in materia di strumenti di pianificazione
territoriale ed urbanistica" che definisce gli strumenti generali della pianificazione
e programmazione territoriale.
L.R. 21 ottobre 1997 n°31 "Disciplina della pianificazione urbanistica comunale
norme di modificazione….", in cui si stabilisce che il PRG è composto di una
parte strutturale in cui si individuano le specifiche vocazioni territoriali a livello di
pianificazione generale in conformità con quanto espresso nel P.U.T. e nel
P.T.C.P., e da una parte operativa che individua e disciplina le modalità, forme e
limiti delle previsioni urbanistiche definite nella parte strutturale.
D.G.R. del 31 luglio 1998 n° 4363 "Indagini urgenti di microzonazione sismica".
Approvazione della relazione conclusiva, degli elaborati e delle tabelle dei
coefficienti di amplificazione per i centri abitati sottoposti ad indagine".
Decreto Legislativo 11 maggio 1999, n. 152 "Testo aggiornato del decreto
legislativo 11 maggio 1999, n. 152, recante: "Disposizioni sulla tutela delle
acque dall'inquinamento e recepimento della direttiva 91/271/CEE concernente il
trattamento delle acque reflue urbane e della direttiva 91/676/CEE relativa alla
protezione delle acque all'inquinamento provocato dai nitrati provenienti da fonti
agricole", a seguito delle disposizioni correttive ed integrative di cui al decreto
legislativo 18 agosto 2000, n. 258"
L.R. 24 marzo 2000 n°27 "Piano Urbanistico Territoriale" che illustra il contenuto
del PUT, le opzioni per la valorizzazione del territorio dell'Umbria ecc..
Delibera C.P. n°59 del 23 luglio 2002, PTCP “Variante di adeguamento al PUT
(L.R. 27/2002).
D.G.R. del 22 dicembre 2003 n° 1968, “Delimitazione delle aree di salvaguardia
delle acque sotterranee destinate al consumo umano di cui all’Art. 12 del D.Lgs.
152/99 e successive modifiche e integrazioni”.
O.P.C.M. 20 marzo 2003 n°3274, “Primi elementi in materia di criteri generali
per la classificazione sismica del territorio nazionale e di normative tecniche per
le costruzioni in zona sismica”.
D.G.R. 18 giugno 2003 n°852, “Approvazione classificazione sismica del
territorio regionale dell’Umbria”.
L.R. 22 febbraio 2005 n°11, “Norme in materia di governo del territorio:
pianificazione urbanistica comunale.
Decreto Legislativo 3 aprile 2006 n. 152, "Norme in materia ambientale”.
D.G.R. 28 aprile 2008 n°447, “Piano di bacino del fiume Tevere - Stralcio per
l'assetto idrogeologico - PAI - PS6. Disposizioni regionali per l'attuazione del
Piano”.
D.G.R. 18 giugno 2008 n. 707.
D.G.R. 8 marzo 2010 n.377, “Criteri per l’esecuzione degli studi di
microzonazione sismica”.
D.G.R. n. 384 del 29/04/2013, “Documenti di riferimento relativi allo scenario di
pericolosità da frana della Regione Umbria. Approvazione dell’Inventario IFFI
(Inventario Fenomeni Franosi in Italia), dell’Atlante dei Siti di Attenzione per il
Rischio Idrogeologico e dell’elenco aggiornato delle aree a rischio di frana medio
(R2) disciplinate dalla d.g.r. n. 447 del 28 aprile 2008.”
Capogruppo
Mandanti
Rev. 0 - Pag.
Documento
4.
6 di 35
09054 WGU 201
INQUADRAMENTO GENERALE
Il territorio del Comune di Città di Castello ha un’estensione di circa 38761 Ha e
come tale è il 20° in Italia per superficie areale. E’ compreso nella Regione Umbria
ed è confinante con altre due regioni: Regione Toscana e Regione Marche.
Di seguito è riportata un sintetico inquadramento a scala comunale dei principali
ambiti di conoscenza geologica.
4.1 GEOLOGIA e MORFOLOGIA
Nel Comune di Città di Castello affiorano terreni appartenenti alle successioni
geologiche Umbre, Marchigiane, Romagnole e Toscane. La presenza di litotipi
appartenenti a diversi bacini regionali testimonia l’intensa attività tettonica che ha
caratterizzato l’area, con accavallamenti, piegamenti e traslazioni delle formazioni
litoidi lungo lineamenti tettonici sia diretti che inversi.
In generale nell’Appennino centrale l’assetto geologico attuale è frutto di due
principali fasi tettoniche: un campo di stress regionale compressivo iniziato nel
Miocene sup. e una fase tettonica tensionale plio-pleistocenica che ha determinato
ribassamenti nelle successioni sedimentarie lungo faglie dirette.
Nel territorio comunale l’azione tettonica, in combinazione con gli agenti
atmosferici, ha generato a due principali ambiti strutturali collegati a tre principali
morfotipi: il graben su cui si è formato il Lago Tiberino e successivamente la
pianura alluvionale del F. Tevere e gli alti strutturali che corrispondo alle attuali
morfologie montuoso-collinari.
Nella seguente tabella, già presentata nel Documento Programmatico, il territorio
comunale è stato suddiviso in unità litologiche (a prescindere dal bacino di
appartenenza), a cui sono associate con buona relazione di corrispondenza le tre
principali unità di paesaggio:
UNITA’ LITOLOGICHE
PRINCIPALI
Depositi
continentali
quaternari:
depositi
alluvionali attuali, recenti
e terrazzati
Supersintema Tiberino
Unità Toscana
AMBITI AREALI DI AFFIORAMENTO
Valle del F. Tevere, del T. Sovara, del T.
Cerfone, del T. Regnano, del T. Vaschi, del T.
Soara, del T. Aggia, del T. Nestore, del T.
Minima, del T. Seano
Nella porzione centrale del comune, sulle colline
poste in dx e sx idrografica del F. Tevere.
UNITA’ DI
PAESAGGIO
Pianura e di valle
Collinare
Rilievi collinari di SO delimitati dalle valli dei
torrenti: Nestore-Minima, Minima-Seano, Seanolimite comunale meridionale.
Unità
Toscana
e
Successione Epitoscana
a)Rilievo di alta collina delimitato dalla valle del
torrente Nestore ed il limite comunale
occidentale.
b) Versanti della valle del T. Scarzola nel tratto a
ridosso del limite comunale Nord occidentale.
Successione Umbra:
Formazione Santa Maria
Rilievi a Nord Est di Santa Maria Tiberina.
Alto collinare montuoso
Capogruppo
Mandanti
Rev. 0 - Pag.
7 di 35
-
Documento
09054 WGU 201
Tiberina
Successione Umbra:
Formazione marnoso
Arenacea Umbra
Successione Umbra:
Formazione
marnoso
arenacea Romagnola
Successione
Marchigiana: Formazione
marnoso
Arenacea
Marchigiana
(membro
Urbino)
a) Rilievi a Nord Est di Lama (valle del torrente
Lama lungo limite comunale settentrionale)
b) Versante occidentale dell’allineamento Monte
Cedrone – Poggio Cadinieri (a Nord Est di Santa
Maria Tiberina)
c) al margine meridionale della pianura
alluvionale del fiume Tevere ad Est di Trestina
Affiora in una vasta area (circa 2/3 dell’intero
territorio comunale) in corrispondenza del
sistema collinare compreso tra la valle del
Tevere ed il limite comunale orientale e nell’isola
amministrativa
Affiora lungo il limite comunale posto a Nord Est,
a ridosso del limite regionale Umbria-Marche.
La combinazione delle litologie affioranti e della morfologia ad esse collegata rende
il territorio comunale molto vulnerabile nei confronti di fenomeni di dissesto
gravitativo. L’alta densità di frane nelle zone rilevate è ben rappresentata nelle
cartografie di cui si tratterà nei successivi capitoli.
4.2 IDROGEOLOGIA e IDRAULICA
Il territorio comunale è caratterizzato da una disposizione di strutture idrogeologiche
speculari all’asse del F. Tevere.
Semplificando alcune locali situazioni, da un punto di vista idrogeologico si possono
distinguere le seguenti unità:
rilievo flyshoide in sponda destra e rilievo flyshoide in sponda sinistra;
depositi continentali pleistocenici di sponda destra ed di sponda sinistra;
alluvioni attuali, terrazzate dell’Alta Valle del Tevere e conoidi.
Tali aree hanno sicuramente una diversa valenza intrinseca collegata all’importanza
strategica dei relativi acquiferi.
Le massime risorse idriche sono infatti tutte collocate nella pianura alluvionale
(Classificata ai sensi del D.lgs 30/2009 AV0402 Alta Valle del Tevere - Settore
orientale e meridionale) e sono fortemente collegate al regime del F. Tevere.
4.2.1 CARATTERISTICHE DEI PRINCIPALI ACQUIFERI
Rilievo flyscioide
Nel rilievo torbiditico/flyscioide sono ricomprese la quasi totalità delle formazioni
litoidi affioranti nel territorio comunale. I rilievi sono generalmente caratterizzati da
una densità di drenaggio medio-alta con la presenza di numerosi fossi a causa della
permeabilità relativamente bassa dei depositi affioranti. La presenza di orizzonti
calcarenitici ed arenitici, talvolta di potenza metrica ed interessati da sistemi di
Capogruppo
Mandanti
Rev. 0 - Pag.
8 di 35
-
Documento
09054 WGU 201
fratturazione/fessurazione, permette l’esistenza
di una circolazione idrica
sotterranea. I livelli marnosi, generalmente prevalenti, fungono invece da acquiclude
delimitando quindi dei sistemi idrici che risultano paralleli alla stratificazione ed a
compartimenti stagni. Le potenzialità sono scarse e la permeabilità è di tipo
secondario. La loro profondità è quindi variabile in base alla stratigrafia locale.
L’evidenza di tali reservoirs è testimoniata dalle captazioni realizzate in
corrispondenza dei crinali flyscioidi. Si tratta generalmente di acquiferi modesti, di
tipo confinato e a prevalente carattere stagionale.
Depositi continentali pleistocenici
All’interno di questa unità si distinguono in particolare due sintemi con caratteristiche
idrogeologiche notevolmente diverse: il sintema di Fighille e il sintema di Citerna. I
due sono caratterizzati da permeabilità diverse poiché è diversa la natura litologica:
prevalgono le argille limose di origine lacustre e fluvio-lacustre nel primo, mentre nel
secondo le ruditi con componente sabbiosa o ghiaiosa. Entrambe i sintemi sono
affioranti prevalentemente sui rilievi collinari che si affacciano in destra e sinistra
idrografica della valle del F. Tevere, in tutta la dorsale di Citerna o in plaghe isolate
da poco a molto estese in destra del F.Tevere.
Il sintema di Fighille è da considerarsi globalmente a bassa permeabilità e non
rilevante da un punto di vista idrogeologico. Il sintema di Citerna, a causa della
presenza di una matrice limo-sabbiosa e della cementazione, ha una permeabilità
complessiva medio-bassa: raramente i pozzi realizzati in queste aree di
affioramento mostrano una buona produttività. Le stesse sorgenti rinvenibili sono
per lo più caratterizzate da portate stagionali.
Alluvioni e conoidi
La porzione centrale del Comune è interessata dall’importante acquifero alluvionale
dovuto alla presenza della valle del F. Tevere.
Tale acquifero per sua natura è caratterizzato da un’accentuata variabilità
granulometrica e tessiturale sia in senso verticale che orizzontale. Sono tipici i
depositi di tipo lenticolare a media scala, mentre con vista più ampia si può
evidenziare la variazione granulometrica legata alle condizioni di energia fluviale,
sicchè i depositi più grossolani sono generalmente posti nella porzione centrale
della valle. In base alle informazioni reperite in prima istanza l’acquifero alluvionale
è poggiante sui livelli a bassa permeabilità delle unità pleistoceniche. I maggiori
spessori (che sono superiori a 100 m.) sono rinvenibili nella porzione centro
meridionale e nella zona settentrionale del Comune.
Nelle altre aree e nelle porzioni di bordo della valle, gli spessori dei depositi
prevalentemente sabbioso-ghiaioso sono più ridotti e in alcune zone, come in
corrispondenza del capoluogo, il complesso alluvionale è di poche decine di metri.
Gli assi di drenaggio principali coincidono con l’asta attuale del F. Tevere o con
delle situazioni legate al suo paleoalveo, In generale sulla base dei regressi studi
risulta che il rapporto tra il Tevere e la falda è di doppio scambio: a Nord è il fiume
che ricarica la falda, a Sud è la falda che cede le acque. E’ da sottolineare che le
indicazioni idrochimiche confermano il rapporto con il corso d’acqua e anche coi i
conoidi laterali alla valle (composizione bicarbonato-alcalino-terrosa).
Questo acquifero è quindi caratterizzato da un’alta porosità di tipo primario e risulta
decisamente vulnerabile a causa dell’assenza di una coltre di copertura argillosolimosa continua e della bassa soggiacenza che, soprattutto in prossimità delle aste
principali dei corsi d’acqua, è sempre inferiore ai 10 m dal p.c..
Capogruppo
Mandanti
Rev. 0 - Pag.
9 di 35
-
Documento
09054 WGU 201
4.3 SISMICITA’
Con Delibera Giunta Regionale del 18 settembre 2012 n. 1111 (pubblicata nel SO n.
3 del BUR n. 47 del 3/10/2012) è stato rivista la classificazione sismica dell'intero
territorio della Regione Umbria
In base alla Nuova Classificazione sismica (in vigore dal 2 novembre 2012) il
Comune di Città di Castello è riclassificato come zona sismica di II categoria
(O.P.C.M. n. 3274 del 20/03/2003 e successivamente con Delibera Giunta
Regionale 18/6/2003 n. 852). Il valore di ag, espresso come frazione
dell’accelerazione di gravità g, da adottare nella zona sismica II è pari a 0.25 g.
Il territorio comunale è circa diviso in due da un’importante struttura quale la Valle
Tiberina. Dal punto di vista tettonico la Valle Tiberina è un graben formatosi nel
Quaternario, circondato da complessi sistemi di faglie.
Tale struttura appartiene ad una più ampia serie di graben nei quali si concentra la
grande maggioranza degli epicentri sismici storici dell’Appennino Settentrionale. Da
nord-ovest a sud-est essi sono Lunigiana, Garfagnana, Mugello, Casentino ed
appunto, Val Tiberina, bacini che anche negli ultimi 100-150 anni sono stati oggetto
di eventi sismici distruttivi. Tutte queste strutture si possono dire “collegate” tra loro
dall’Etrurian Fault System (EFS), un complesso susseguirsi di elementi tettonici,
potenzialmente capaci di generare forti terremoti, lungo circa 350 km.
La differenza sismotettonica principale riscontrata nell’EFS, dal punto di vista
storico, è che nel settore settentrionale i terremoti sono meno frequenti ed intensi
ma più superficiali (ipocentri circa 7-8 km) mentre a sud gli eventi sono più potenti e
profondi (15-20 km): tra questi, l’ultimo episodio importante è quello umbromarchigiano del 1997 (magnitudo 6.0).
Il quadro sismotettonico che emerge quindi dai più recenti studi, definisce Valle
Tiberina come una struttura inserita in un contesto caratterizzato dall’azione di forze
tettoniche distensive e compressive, molto complesse ed articolate, ma le quali
inducono a ritenere la zona a sismicità potenziale elevata ed a rischio di un evento
di media-forte intensità.
Capogruppo
Mandanti
Rev. 0 - Pag.
10 di 35
-
Documento
09054 WGU 201
Figura 1: Sismicità storica della Val Tiberina. In nero i principali elementi tettonici. I cerchi rossi
rappresentano i terremoti avvenuti dopo l’anno 1000: la loro grandezza è proporzionale all’intensità
sulla scala MCS. Il poligono contornato in blu, al cui interno è presente Città di Castello, rappresenta
l’area entro cui potrebbe in futuro svilupparsi un terremoto con intensità fino al IX-X grado scala MCS
(da Mantovani ed altri, 2012)
La storia sismica di Città di Castello è consultabile dai dati ricavabili dal database
macrosismico (consultabile sul sito dell’INGV) di cui si riporta il seguente estratto:
Seismic history of Città di Castello
[43.457, 12.239]
Effects
Is
8-9
8-9
8-9
7
7-8
5
6
6-7
6-7
5-6
6
6-7
7
8
6
5
7-8
Total number of earthquakes: 67
Earthquake occurred:
Data
1352 12 25
1389 10 18
1458 04 26 12:15
1458 05 01 00:35
1558 02 09 04:15
1559 04 11 20:00
1668 08 22
1690 03 22 21:50
1693 02 24 03:45
1694 04 08 10:15
1725 04 17 13:05
1751 07 27 01:00
1781 06 03
1789 09 30 10:00
1832 01 13 13:00
1854 02 12 05:00
1865 09 21 20:50
Ax
Np
Io
Mw
MONTERCHI
BOCCA SERRIOLA
Val Tiberina
Città di Castello
Alta Valtiberina
Alta Valtiberina
Alta Valtiberina
Alta Valtiberina
Alta Valtiberina
Alta Valtiberina
Alta Valtiberina
Appennino umbro-marchigiano
CAGLIESE
VAL TIBERINA
Valle del Topino
Valle del Topino
Umbria settentrionale
7
9
5
2
3
3
2
1
2
7
4
68
157
73
102
21
5
9
9
8-9
6
7
6.44 ±0.54
5.99 ±0.34
5.78 ±0.34
4.72 ±0.34
5.14 ±0.34
5
6-7
6-7
7
6-7
10
10
9
10
8
7
4.30 ±0.34
4.93 ±0.34
4.93 ±0.34
5.14 ±0.34
4.93 ±0.34
6.25 ±0.22
6.42 ±0.13
5.84 ±0.24
6.33 ±0.14
5.55 ±0.44
5.14 ±0.55
Capogruppo
Mandanti
Rev. 0 - Pag.
Documento
5-6
NF
2
3
2
2
2-3
5
4
3
7
4-5
4
4
3
4
5-6
3
5
5
7
3
5
5
4
3
4
3
6
4
4-5
3
3
F
4
4
NF
6
NF
3
5
6
4
4-5
4-5
4-5
4-5
4-5
NF
NF
11 di 35
1873 03 12 20:04
1874 10 07
1875 03 17 23:51
1881 09 28
1885 02 26 20:48
1887 02 23 05:21:50
1887 05 26
1892 11 21
1895 04 14 22:17
1895 05 18 19:55:12
1897 12 18 07:24:20
1909 01 13 00:45
1909 08 25 00:22
1911 02 19 07:18
1911 09 13 22:29
1914 10 27 09:22:36
1915 01 13 06:52
1915 03 26 23:37
1916 05 17 12:49:50
1916 08 16 07:06
1917 04 26 09:35:59
1918 11 10 15:12:28
1919 06 29 15:06:12
1919 10 25 13:51:30
1920 09 07 05:55:40
1924 01 02 08:55:08
1930 10 30 07:13:13
1936 10 18 03:10:12
1948 06 13 06:33:31
1950 09 05 04:08
1961 03 23 01:01:59
1969 08 11 13:55:09
1972 02 04 02:42:19
1976 05 06 20:00:12
1979 09 19 21:35:37
1980 11 23 18:34:52
1983 11 09 16:29:52
1984 04 29 05:02:60
1986 10 13 05:10:01
1993 06 05 19:16:17
1997 09 26 00:33:13
1997 09 26 09:40:27
1997 10 02 19:38:02
1997 10 03 08:55:22
1997 10 06 23:24:53
1997 10 14 15:23:11
1998 04 05 15:52:21
2001 11 26 00:56:55
2003 12 07 10:20:33
2005 12 15 13:28:39
Marche meridionali
IMOLESE
Romagna sud-orientale
CESENA
SCANDIANO
Liguria occidentale
JESI
CITTA' DI CASTELLO
Slovenia
Fiorentino
Appennino umbro-marchigiano
BASSA PADANA
MURLO
Romagna meridionale
Chianti
Garfagnana
Avezzano
Assisi
Alto Adriatico
Alto Adriatico
Valtiberina
Appennino romagnolo
Mugello
MONTERCHI
Garfagnana
Medio Adriatico
SENIGALLIA
BOSCO CANSIGLIO
Valtiberina
GRAN SASSO
GUBBIO
TRASIMENO
Medio Adriatico
Friuli
Valnerina
Irpinia-Basilicata
Parmense
GUBBIO/VALFABBRICA
Appennino umbro-marchigiano
GUALDO TADINO
Appennino umbro-marchigiano
Appennino umbro-marchigiano
ALTA VAL TIBERINA
Appennino umbro-marchigiano
Appennino umbro-marchigiano
Appennino umbro-marchigiano
Appennino umbro-marchigiano
Casentino
Zona Forlì
Valle del Topino
196
60
144
24
78
1516
19
22
296
401
132
799
283
181
115
618
1041
40
132
257
134
187
566
30
756
76
263
267
142
386
22
46
75
770
694
1394
850
709
322
326
760
869
55
490
437
786
395
213
172
361
This file has been downloaded from INGV - DBMI11
8
7
6-7
6
5
5-6
8
8
7
6-7
7-8
7
7
7
11
6
9-10
9
10
6
10
7-8
8
9
7
8
7
7
9-10
8-9
10
6-7
7
5-6
6
8-9
5-6
7-8
6
5-6
5
5-6
09054 WGU 201
5.95 ±0.10
5.02 ±0.18
5.93 ±0.16
4.82 ±0.27
5.19 ±0.15
6.97 ±0.15
4.58 ±0.63
4.49 ±0.26
6.23 ±0.08
5.43 ±0.08
5.13 ±0.14
5.53 ±0.09
5.37 ±0.10
5.28 ±0.11
5.19 ±0.14
5.76 ±0.09
7.00 ±0.09
4.60 ±0.24
5.95 ±0.14
6.14 ±0.14
5.89 ±0.11
5.88 ±0.11
6.29 ±0.09
5.02 ±0.24
6.48 ±0.09
5.36 ±0.16
5.81 ±0.09
6.12 ±0.09
5.05 ±0.14
5.68 ±0.07
4.54 ±0.28
4.94 ±0.18
4.86 ±0.29
6.46 ±0.09
5.86 ±0.09
6.89 ±0.09
5.06 ±0.09
5.65 ±0.09
4.65 ±0.09
4.74 ±0.09
5.70 ±0.09
6.01 ±0.09
4.45 ±0.09
5.25 ±0.09
5.46 ±0.09
5.65 ±0.09
4.81 ±0.09
4.72 ±0.09
4.22 ±0.09
4.66 ±0.09
Capogruppo
Mandanti
Rev. 0 - Pag.
12 di 35
-
Documento
09054 WGU 201
Si riporta anche un estratto dalle note geologiche al foglio 289 da cui risulta che
l’ultima attività sismica rilevante con ipocentro nell’Alta Val Tiberina risale al 1948.
Capogruppo
Mandanti
Rev. 0 - Pag.
13 di 35
-
Documento
09054 WGU 201
Dal database delle Sorgenti Sismogenetiche (a cura dell’Istituto Nazionale di
Geofisica e Vulcanologia) si sono evidenziate le 2 principali faglie sismogenetiche
per l’area comunale. Si riportano le relative informazioni.
General information
Code
ITCS037
Name
Mugello-Sansepolcro-Trevi
Compiled
By
Burrato, P., and S. Mariano
Latest
Update
18/09/2007
Parametric information
Parameter
Qual.
Evidence
Min Depth
(km)
0.5
EJ
Inferred from regional tectonic considerations.
Max Depth
(km)
8
EJ
Inferred from regional tectonic considerations.
Strike
(deg)
280 - 330
EJ
Inferred from regional geological data.
Dip (deg)
25 - 40
EJ
Inferred from regional geological data.
Rake (deg)
260 - 280
EJ
Inferred from regional geological data.
Slip
Rate
(mm/y)
0.1 - 1
EJ
Unknown,
values
constraints.
Magnitude
(Mw)
6.2
LD
Derived from the largest
earthquake (CPTI04).
assumed
from
geodynamic
associated
historical
Capogruppo
Mandanti
Rev. 0 - Pag.
14 di 35
-
Documento
09054 WGU 201
General information
Code
ITCS041
Name
Selci-Lama
Compiled
By
Burrato, P., and S. Mariano
Latest
Update
24/09/2007
Parametric information
Parameter
Qual.
Evidence
Min Depth
(km)
1
LD
Based on geological data from various authors.
Max Depth
(km)
5
LD
Based on geological data from various authors.
Strike
(deg)
130 - 140
LD
Based on geological data from various authors.
Dip (deg)
40 - 50
LD
Based on geological data from various authors.
Rake (deg)
260 - 280
EJ
Inferred from regional geological data.
Slip
Rate
(mm/y)
0.1 - 1
EJ
Unknown,
values
constraints.
Magnitude
(Mw)
5.8
LD
Derived from the largest
earthquake (CPTI04).
assumed
from
geodynamic
associated
historical
Capogruppo
Mandanti
Rev. 0 - Pag.
Documento
5.
15 di 35
09054 WGU 201
REDAZIONE GE.06.3 - CARTA GEOLOGICA
5.1 INTRODUZIONE
Come già espresso nella parte generale, il territorio di Città di Castello è
caratterizzato dall’affioramento di Successioni geologiche Umbre, Marchigiane,
Romagnole e Toscane.
Ai sensi della normativa vigente ed in particolare del comma 4. della D.G.R. 8 marzo
2010 n.377, è stata acquisita la cartografia geologica redatta nell’ambito del
progetto CARG disponibile presso gli archivi della Regione Umbria.
L’acquisizione del materiale è avvenuta in due distinte modalità tra la fase del
Documento Programmatico e la stesura della Parte Strutturale.
In particolare per la stesura degli elaborati relativi al Documento Programmatico
erano state digitalizzate in formato vettoriale le tavolette in formato Raster in scala
1:10.000 reperite presso gli Uffici Tecnici della Regione Umbria. Successivamente
dall’inizio dell’anno 2013 dal sito http://www.umbriageo.regione.umbria.it/ è stato
possibile scaricare direttamente un file shape complessivo per tutta la Regione.
Si è perciò utilizzato tale file vettoriale come base per la redazione della Carta,
allestendo un’adeguata veste grafica e la relativa legenda.
Oltre alle formazioni geologiche, tale carta riporta anche i principali elementi
strutturali.
Su indicazione della Provincia di Perugia, la cartografia geologica riporta anche i
limiti delle aree in frana attiva, quiescente o presunta tratte dai principali studi
esistenti. Tali elementi sono stati distinti graficamente, in quanto non sempre
presenti nella Carta del CARG. In particolare ci si è riferiti ai seguenti database:
Siti attenzione Regione Umbria 2013;
del PAI (Autorità di Bacino del F. Tevere),
del PAI (Marche);
del Progetto I.F.F.I. (Inventario dei Fenomeni Franosi in Italia).
Tali elementi sono stati distinti dalle frane relative al derivate direttamente dal rilievo
CARG, utilizzando una specifica rappresentazione.
Di seguito si presenta la legenda della Carta, derivata dalla Legenda allegata al
progetto CARG.
Capogruppo
Mandanti
Rev. 0 - Pag.
16 di 35
-
Documento
09054 WGU 201
5.2 STRATIGRAFIA
Nell’elaborato GE.06.3 sono stati mappati le formazioni affioranti nel territorio
comunale utilizzando le indicazioni fornite dal “Manuale per il rilevamento geologico
e geotematico per l’individuazione delle aree suscettibili di amplificazioni sismiche
locali” predisposto dal Servizio Geologico Regionale.
5.2.1 Unità stratigrafiche quaternarie non appartenenti a specifici bacini
Depositi antropici ant
Deposito di materiale non cementato; materiale di riporto di origine antropica.
Olocene
Detriti di falda ddr
Depositi essenzialmente gravitativi, a granulometria variabile, da ben classati a
fortemente eterometrici. Clasti a spigoli vivi o sub-angolosi, in accumuli massivi o
grossolanamente stratificati. Pleistocene
Depositi alluvionali attuali b
Depositi alluvionali in rapporto con la morfologia e la dinamica attuali. A luoghi con
prevalenza di ghiaie e ghiaie sabbiose a luoghi con prevalenza di sabbie e sabbie
limose o con limi, limi argillosi e argille prevalenti.
Pleistocene - Olocene
Depositi alluvionali recenti b1
Depositi alluvionali di transizione dai depositi attuali a quelli terrazzati. A luoghi con
prevalenza di ghiaie e ghiaie sabbiose a luoghi con prevalenza di sabbie e sabbie
limose o con limi, limi argillosi e argille prevalenti.
Pleistocene - Olocene
Depositi alluvionali terrazzati bt
Depositi alluvionali non in rapporto con la morfologia attuale, con prevalenza di
ghiaie e ghiaie sabbiose e/o con prevalenza di sabbie e sabbie limose e/o con limi,
limi argillosi e argille prevalenti.
Pleistocene -Olocene
Coltre eluvio - colluviale ter
Depositi essenzialmente fini con clasti di varie dimensioni, provenienti dal
disfacimento delle rocce del substrato, accumulati in posto (eluvium) o sedimentati
sui versanti per trasporto in massa e/o ruscellamento diffuso (colluvium).
Pleistocene - Olocene
Capogruppo
Mandanti
Rev. 0 - Pag.
17 di 35
-
Documento
09054 WGU 201
5.2.2 Unità stratigrafiche quaternarie Sintemiche Plio-Pleistoceniche
UNITA’ PREVALENTEMENTE CONTINENTALI
Supersintema Tiberino (ST)
Sintema di Selci Lama - SLA
Ghiaie con clasti anche a spigoli vivi di diametro compreso tra 1 e 50 cm. I clasti
sono di natura arenacea e calcareo-marnosa in scarsa matrice sabbiosa gialla.
Pleistocene inferiore –superiore?
Sintema di Monterchi - MCT
Subsintema di Nuvole - MCT 3
Argille limose inglobanti clasti eterogenei ed eterometrici, prevalentemente
calcarenitici, a geometria pressoché tabulare.
Pleistocene medio-superiore
Subsintema di Anghiari - MCT 2
Depositi limo-sabbiosi di spessore sottile, di colore rossastro o bruno, con matrice
argillosa a geometria pressoché tabulare. Sporadici livelli di ghiaia fine e sabbie
gradate. Presenza di livelli a calcinoli.
Pleistocene medio-superiore
Subsintema di Mercatale - MCT 1
Conglomerato monogenico a clasti arenaci in scarsa matrice limoso-sabbiosa.
Pleistocene medio-superiore
Sintema di Citerna - CTA
Deposito clastico aggradazionale plurilenticolare.
Subsintema di M. Rotondo - CTA2
Depositi clastici plurilenticolari che poggiano in discordanza angolare sul sintema
di Fighille.
Vi si distinguono tre litofacies conglomeratiche poligeniche:
- da grossolana a molto grossolana (2-30cm) con scarsa matrice (Litofacies
CTA2b).
- anche estremamente grossolana (5-100cm) con nulla o scarsa matrice
(Litofacies CTA2c).
- grossolana (3-5cm) con abbondante matrice e con alternanze di sabbie di
frequente ad elevato grado di cementazione (Litofacies CTA2a).
Pleistocene medio-superiore -Olocene?
Subsintema di Molin dell'Olio -CTA1
Depositi prevalentemente sabbiosi grigio-ocra in strati spessi fino a 7 m talora
cementati a volte con resti vegetali con subordinati livelli limo-argillosi grigi con
lenti decimetriche di ruditi giallo ruggine di 1-5cm.
E’ stata rinvenuta una ricca associazione mammalofaunistica con Megaceroides
verticornis.
Pleistocene
Sintema di Fighille - FHL
Argille limose grigie organizzate in banchi potenti alcuni metri con subordinate
sabbie giallo ocra con noduli di fango centimetrici, resti carboniosi e sottili livelli di
ghiaie.
Capogruppo
Mandanti
Rev. 0 - Pag.
18 di 35
-
Documento
09054 WGU 201
Sono stati rinvenuti resti di Elephas gr. antiquus e di Leptobos cfr. vallisarni e una
ricca malacofauna (Gastrocopta vertgopsis, Parmacella sp.).
Pleistocene inferiore.
Unita' Toscane (Falda Toscana)
Marne di Vicchio - MMV
Marne e siltiti marnose grigio chiare, mal stratificate, a luoghi silicee, con patine
bruno ocracee e sottili livelli silto arenitici gialli vulcnoderivati. Stratigraficamente
sovrapposti agli strati più alti del membro di Lippiano MAC3 o alle arenarie di Celle
CLE. Due principali orizzonti silicei: il più alto, (orizzonte Rovereto-ro) costituito da
un banco di siltiti ed arenti fini vulcanoclastiche, silicizzate, biancastre, di circa 5 m;
il più basso (orizzonte Palaie-pa) costituito da selci listate in straterelli di 5-10cm
laminate, di circa 8 m di spessore. Spessore massimo complessivo di circa 200 m.
Biozone a nannofossili MNN1d-MNN2a e MNN3a-MNN3b.
Aquitaniano superiore-Burdigaliano medio
Arenarie di Celle - CLE
Arenarie arcosiche grigio gialle in banchi da spessi a molto spessi, alla base
massivi e privi di gradazione, verso il tetto caratterizzati da lamine incrociate o
convolute, frequentemente amalgamati. Rari interstrati marnosi talvolta
parzialmente erosi; frequenti allineamenti di clay chips anche di grosse dimensioni.
Spessore massimo affiorante di circa 80 m. Biozone a nannofossili MNN1-MNN1dMNN2a (?).
Aquitaniano superiore-Burdigaliano inferiore
MACIGNO
Membro di Lippiano - MAC3
Sequenza di torbiditi silicoclastiche in strati sottili e medi per lo più peliticoarenacei. Gli strati arenacei spessi sono relativamente rari e generalmente non
organizzati in megasequenze. Presenza di argilliti nere e torbiditi carbonatiche con
spessori da decimetrico a metrico. Potenti depositi da slumping nella parte alta. In
prossimità del passaggio al sottostante Membro del Poggio Belvedere aumenta la
frequenza degli strati arenacei spessi e delle torbiditi calcarenitico-marnose.
Spessore massimo di circa 600 m. Biozone a nannofossili MNP25b-MNN1d.
Oligocene superiore-Miocene inferiore (Aquitaniano).
Membro del Poggio Belvedere - MAC2
Alternanze di strati torbiditici quarzoso-feldspatici, in strati da spessi a molto spessi
e di livelli metrici o decametrici a torbiditi sottili. Prevalenza di livelli con rapporto
Arenarie/Peliti > 1 nella parte inferiore del membro e di livelli con A/P < 1 nella
parte superiore. Presenza di megatorbiditi calcarenitico-marnose a varie altezze
stratigrafiche. Passaggio graduale al Membro del Molin Nuovo. Passaggio alla
Formazione della Scaglia Toscana attraverso un livello spesso circa 10 m di siltiti
marnose color avana gradate in strati sottili. Spessore medio di circa 300 m.
Biozone a nannofossili MNP25a e MNN1-MNN1b.
Oligocene superiore-Miocene inferiore (Chattiano-Aquitaniano).
Membro di Molin Nuovo - MAC1
Arenarie torbiditiche quarzoso-feldspatiche in banchi spessi e molto spessi,
frequentemente amalgamati, a grana per lo più grossolana, di colore grigio alla
frattura fresca, giallo-ocraceo all’alterazione. Intervalli pelitico-marnosi di debole
Capogruppo
Mandanti
Rev. 0 - Pag.
19 di 35
-
Documento
09054 WGU 201
spessore e torbiditi calcarenitico-marnose in strati sottili nella parte superiore del
membro. Spessore massimo di circa 500 m, Biozona a nannofossili MNN25b.
Oligocene superiore (Chattiano).
SCAGLIA TOSCANA - STO
Membro di M. Filoncio - STO6
Marne grigie a stratificazione poco marcata alternate ad argilliti rosate o
verdognole e a straterelli radati di siltiti scure, di spessore compreso tra 2 e 15 cm.
Lo spessore massimo del membro non supera 80 metri. Il passaggio stratigrafico
con il sottostante membro delle calcareniti di Dudda (litofacies di Poggioni) è stato
cartografato in coincidenza alla comparsa dei primi strati calcarenitici. Biozone a
nannofossili MNP22-MNP25b.
Oligocene (Rupeliano-Chattiano).
Membro delle calcareniti di Dudda - STO4
Questo membro è stato suddiviso in due litofacies. La litofacies di Poggioni
(STO4b) è rappresentata da una alternanza di argilliti rosse, violacee, avana e
verdognole mal stratificate e di strati prevalentemente calcarenitici o calciruditici,
subordinatamente calcareo-marnosi, di spessore variabile da pochi centimetri ad
oltre un metro. Gli intervalli ruditici sono caratterizzati anche da facies F4 e F5 e
sono costituiti prevalentemente da clasti calcarei e silicei scarsamente arrotondati
o a spigoli vivi, subordinatamente da rocce ignee e metamorfiche. Prevalenza di
livelli argillosi nella porzione superiore del membro e di strati calcarenitici nella
porzione inferiore. Progressivo aumento dello spessore degli strati calcarenitici
procedendo dal tetto alla base del membro. Lo spessore complessivo non supera i
120 metri. Passaggio graduale al membro inferiore. Biozona a nannofossili NP15.
Eocene medio (Luteziano p.p.)
Litofacies di Poggioni - STO4b
Alternanza di argilliti da rosso-violacee a avana-verdognole mal stratificate a cui si
alternano strati di spessore variabile di calcareniti e calciruditi. Gli intervalli ruditici
sono caratterizzati anche da facies F4 e F5 e sono costituiti prevalentemente da
clasti calcarei e silicei scarsamente arrotondati e subordinatamente da clasti di
natura ignea e mletamorfica. Nella porzione inferiore dell'Unità prevalgono gli starti
calcarenitici mentre nella superiore prevalgono i livelli argillosi. Lo spessore
complessivo non supera i 120 metri. Il passaggio all'Unità sottostante è graduale.
Biozona a nannofossili NP15.
Luteziano p.p.
Litofacies di Montanare - STO4a
Costituita da una alternanza di strati calcareo-marnosi micritici o calcarenitici, di
colore grigio con locali focature rosso-scuro o verde di solito gradati e con spessore
variabile da 10 cm ad oltre 2 m, e di subordinate peliti marnose o argilliti di colore
grigio. Rapporto calcare-calcarenite/pelite >> 1. Frequenti liste e noduli di selce
verde o nera. Spessore massimo di circa 130 m. Questa litofacies è stata attribuita
alle biozone a nannofossili NP11- NP15?
Eocene inferiore-medio (Ypresiano p.p.-Luteziano p.p.)
Capogruppo
Mandanti
Rev. 0 - Pag.
20 di 35
-
Documento
09054 WGU 201
SUCCESSIONE UMBRO-ROMAGNOLA
Formazione di Monte Santa Maria Tiberina - SMT
Membro di Talacchio SMT 4
Alternanze di sottili strati torbiditici silicoclastici marnosi e marnoso argillosi.
Rapporto A/P sempre minore di 1/10 talora anche molto minore (1/15-1/20)
progressivamente decrescente verso l’alto. Parte sommatale quasi completamente
marnosa con locali intercalazioni di materiali liguri in giacitura caotica (argilliti
policrome rosse, verdi, o grigio scure, miste a blocchi di calcari bianchi). Spessore
valutabile in almeno 200 m. Biozone a nannofossili MNN6a-MNN6b.
Serravalliano
Membro di Poggio Strada - SMT 3
Torbiditi in strati da sottili a spessi di composizione prevalentemente silicoclastica,
più raramente ibrida con frazione carbonatica in percentuale molto variabile.
Rapporto A/P quasi ovunque minore di ¼, raramente minore di 1/8. Presenza di tre
megatorbide: strato Le Cime-lc, prevalentemente silicoclastico ma comprendente
nella parte intermedia una porzione più calcarea e compatta, spessore variabile tra
4 e 8 m; strato Strada-st, intervallo basale costituito da arenite ibrida di 1.8 m
seguito da una coda politica di spessore circa uguale; strato Palazzetto-pz, ibrido
alla base, calcarenitico al tetto, potenza compresa fra 4.5 e 8 m, posto a distanza
variabile fra 80 e 100 m dal tetto del sottostante membro di Serrone, localmente
preceduto da uno slump della potenza di alcuni metri. Lo spessore complessivo del
membro è valutabile in circa 300 m. Biozone a nannofossili MNN5a-MNN5b.
Langhiano inferiore – Langhiano superiore
Membro di Serrone - SMT 2
Marne siltose grigio scure con rare intercalazioni di arenti ibride in strati sottili a
grana medio grossolana. Spessore di circa 90 m. Biozone a nannofossili MNN4aMNN5a.
Langhiano inferiore
Membro di S. Lorenzo - SMT 1
Calciruditi, calcareniti ed areniti ibride in strati spessi o molto spessi, massivi alla
base, laminati, nella parte alta. Frequenti frammenti litici verdi e rossi; fra i bioclasti
frammenti di briozoi, macroforaminiferi, bivalvi, coralli, cidaridi, etc. Spessore
minimo di 50 m. Biozona a nannofossili MNN4a.
Burdigaliano superiore – Langhiano inferiore
Formazione Marnoso-Arenacea Romagnola
Membro di Civitella - FMA9
Al tetto, litofacies FMA9b, torbiditi pelitico-arenacee in strati silicoclastici (rapporto
A/P<1/10, talora anche<1/20) alimentate da NO. Spessore minimo di circa 50m.
Alla base (litofacies FMA9a) torbiditi in banchi da 1 a 7 metri costituite da arenarie
medio-fini giallastre, scarsamente cementate con alimentazione da NO. Strati
caratterizzati in prevalenza da lamine incrociate o convolute, solo occasionalmente
con una porzione inferiore massiva di debole potenza. Frequenti intervalli sommatali
di tipo slurry beds. Rapporto A/P compreso in genere fra ½ e ¼.
Biozona a nannofossili MNN7 per la presenza di C. premacintyrei, H.
walbersdorfensis, R. pseudoumbilicus> 7µm e l’assenza di C. premacintyrei.
Serravalliano superiore.
Capogruppo
Mandanti
Rev. 0 - Pag.
21 di 35
-
Documento
09054 WGU 201
Membro di Nespoli - FMA8
Torbiditi silicoclastiche pelitico-arenacee in strati da sottili a molto sottili, laminati,con
intervalli arenitici a lamine blandamente ondulate (Facies F9a). Dominante
l’alimentazione da NW. Rapporto A/P in genere compreso fra 1/6 e 1/10. Spessore
del membro (che affiora in modo molto limitato nella parte settentrionale del Foglio
299 - Umbertide) a Sud del T. Soara (Foglio 289 - Città di Castello), di circa 170 m.
L’associazione a nannofossili calcarei del Foglio 289 è risultata abbondante, con
buone condizioni di preservazione e caratterizzata da: D. productus, D. antarticus,
R. minuta, R. minutula, C. pelagicus, R. pseudoumbilicus > 7µm, H.
walbersdorfensis, H. carteri, H. intermedia, C. miopelagicus, C. macintyrei, C.
leptoporus. Tale associazione è indicativa della biozona MNN7.
Serravalliano (tetto).
Membro di Galeata - FMA4
Torbiditi pelitico-arenacee in strati da sottili a molto spessi con rapporto A/P molto
variabile ma in genere compreso fra 1/4 e 1/8. Composizione variabile delle areniti:
silicoclastiche di provenienza alpina, carbonatiche provenienti da SE e ibride,
alimentate da SO o da SE. Lo strato Contessa-(cs), torbidite ibrida di circa 6 metri di
spessore con coda marnosa di uguale potenza, suddivide il membro in una parte
superiore (litofacies FMA4b) più ricca in torbiditi carbonatiche da una inferiore
(litofacies FMA4a) apparentemente più povera. Immediatamente sopra il Contessa
presenza di 8 strati calcarenitici in circa 150 metri di successione. A circa 800 metri
dallo strato Contessa presenza di una calcarenite di circa 2.5 metri di spessore
(strato Val di Pierle-vd). Contiene depositi da slumping. Spessore minimo di circa
1200 m.
Biozone a nannofossili MNN5b-MNN7 per la presenza comune, nella parte inferiore
del membro di S. heteromorphus e H. walbersdorfensis e nella porzione superiore
per la presenza comune di R. pseudoumbilicus> 7µm e l’assenza di C.
premacintyrei.
Langhiano superiore-Serravalliano superiore.
Formazione Marnoso-Arenacea Umbra
Membro di Vesina - MUM3
Torbiditi silicoclastiche in strati sottili e medi con rapporto A/P compreso fra 1/4 e
1/10, alimentate in prevalenza da NO. Frequente presenza di intervalli carbonatici di
spessore variabile da pochi cm a vari dm, verosimilmente interpretabili come torbiditi
molto fini (Td-e). Tetto della successione non affiorante. Passaggio al sottostante
membro di Monte Casale contraddistinto da un deciso incremento degli strati
arenitici e del valore del rapporto A/P. Spessore massimo di circa 300 m. Subzone a
nannofossili MNN5a - MNN5b (?). Presenza di S. heteromorphus associato a rare
H. waltrans e H. walbersdorfensis; assente H. ampliaperta. Biozona N9 a
foraminiferi planctonici per la presenza di G. peripheroronda, G. scitula praescitula,
G. bisphaericus, O. suturalis, Praeorbulina e rare O. universa.
Langhiano p.p. – Langhiano superiore
Membro del Monte Casale - MUM2
Arenarie torbiditiche arcosiche e arcosico-litiche grigie alla frattura fresca, in strati da
spessi a molto spessi, massivi o laminati, frequentemente amalgamati, talvolta con
intervalli sommitali tipo slurry bed e a grana basale per lo più grossolana. Rapporto
A/P>> 1. Nella parte inferiore del membro intercalazioni di marne e di torbiditi ibride.
Capogruppo
Mandanti
Rev. 0 - Pag.
22 di 35
-
Documento
09054 WGU 201
Passaggio piuttosto brusco al sottostante membro di Casa Spertaglia. Spessore non
superiore a 40-50 m.
Subzone a nannofossili MNN4b e MNN5a.
Langhiano inferiore - Langhiano p.p..
Membro di Casa Spertaglia - MUM1
Sulla base dei caratteri litostratigrafici (rapporto A/P e composizione degli apporti
torbiditici) e biostratigrafici nel Membro di Casa Spertaglia è possibile individuare 5
differenti litofacies dal basso verso l’alto.
La litofacies MUM1a, è caratterizzata dalla netta prevalenza di torbiditi silicoclastiche
pelitico-arenacee laminate alimentate da NW e da sporadiche torbiditi la cui base è
costituita da areniti ibride alimentate da SE o da W-SW; il rapporto A/P è compreso
tra 1/4 ed 1/8. Lo spessore degli strati arenacei sottili, per lo più caratterizzati da
strutture trattive (Facies F9a) e da paleocorrenti prevalentemente da NW, è
compreso tra i 30 e gli 80 cm e occasionalmente è superiore al metro. Lo spessore
della litofacies MUM1a è stato valutato in circa 180 m.
La successiva litofacies MUM1b, è caratterizzata da una successione monotona di
marne siltose grigio-chiare, potente circa 50 m, in strati spessi o banchi.
La litofacies MUM1c, marca la ripresa di una sedimentazione torbiditica più
decisamente arenacea. Nel complesso tale litofacies non è sensibilmente differente
dalla litofacies MUM1a: si osservano infatti prevalenti torbiditi pelitico-arenacee a
composizione silicoclastica, rare torbiditi a base arenitica ibrida e calcareniti in strati
da sottili a medi (spessore variabile tra 20 cm ed 1 m). Prevalgono le Facies F8 ed
F9a ed il rapporto A/P è compreso tra 1/2 ed 1/6. Lo spessore, determinato lungo la
valle del Rio di Valdimonte, è di circa 350 m.
La litofacies MUM1d è un’associazione di facies peculiare e ben distinguibile dalle
precedenti poichè caratterizzata dalla prevalenza di torbiditi a composizione ibrida e
carbonatica sulle torbiditi silicoclastiche di apporto alpino. Le calcareniti hanno
granulometria basale grossolana, occasionalmente ruditica e spessore compreso tra
20 cm e 4 m. Esse si alternano a interstrati pelitici di circa pari spessore.
Maggiormente rappresentate sono le Facies F5 ed F6. Peculiare di questo intervallo
stratigrafico è infine la presenza di sporadici strati sottili di marne silicee grigioscure. Lo spessore è di circa 90 m.
La litofacies MUM1e, è caratterizzata dalla brusca scomparsa degli apporti
calcarenitici e dal progressivo incremento della parte arenitica nelle torbiditi
silicoclastiche ed ibride. Verso l’alto si nota un incremento anche nello spessore
degli strati ed il rapporto A/P, da valori compresi tra 1/2 ed 1/4, tende ad
approssimarsi ad 1; nuovamente prevalgono strati in Facies F8 ed F9. Il passaggio
con il Membro di Monte Casale è relativamente brusco e segnalato dai primi potenti
banchi di arenarie, grossolane ed in strati massivi, a composizione arcosica.
Lo spessore complessivo del Membro di Casa Spertaglia, comprensivo delle 5
litofacies sopradescritte è stato stimato in circa 700 m.
La parte basale del membro può essere riferita alla biozona MNN3a (Burdigaliano
medio) per la presenza di S. belemnos in associazione con: abbondanti D.
productus, R. minuta, R. minutula; frequenti C. pelagicus, H. ampliaperta, H. carteri,
Helicosphaera mediterranea rari R. pseudoumbilicus >7µ ed H. walbersdorfensis.
Nella parte medio-bassa del membro (litofacies MUM1a), si osserva la scomparsa
dei già rari S. belemnos e la comparsa di S. heteromorphus. Quest’ultima specie
permette di individuare la zona MNN3b. Quindi in prossimità della litofacies MUM1b
si individua la comparsa comune di S. heteromorphus, evento che definisce il
passaggio alla zona MNN4a. Nella porzione medio-superiore della litofacies MUM1d
si osserva l’ultima presenza comune di H. ampliaperta (parte sommitale della
Capogruppo
Mandanti
Rev. 0 - Pag.
23 di 35
-
Documento
09054 WGU 201
biozona MNN4a, Burdigaliano/Langhiano) associata ad: abbondanti C. pelagicus;
frequenti, H. carteri, S. heteromorphus, R. minuta; rari D. productus, R. minutula, C.
premacintyrei e C. floridanus. Nella porzione sommitale della litofacies MUM1d, il
brusco calo di frequenza di S. heteromorphus permette di individuare la zona MNN4b
(Langhiano inferiore).
Burdigaliano medio - Langhiano inferiore
Schlier - SCH
Nella parte alta argille e marne grigie alternate con frequenti livelli siltosi che
rendono ben evidente l’andamento della stratificazione. Alla base marne siltose ed
argillose grigie in strati da spessi a molto spessi in genere mal distinti. Lo spessore
affiorante è di circa 200 m. Subzona a nannofossili MNN3a.
Burdigaliano medio.
SUCCESSIONE UMBRO MARCHIGIANA
Marne di M. Vicino – MMVI ed Arenarie di M. Vicino - AMVI
Arenarie in strati e banchi (30-100cm) con interstrati di siltiti e marne grigie.
Rapporto A/P>>1.
Tortoniano inferiore
F. Marnoso Arenacea - MAR
Arenarie e marne, più o meno argillose, in strati alternanti e con strati calcarenitici,
Serravalliano Langhiano p.p.
5.3 ELEMENTI STRUTTURALI
Oltre alle formazioni nella Carta Geologica vengono riportati anche i principali
elementi strutturali, quali:
- anticlinali e sinclinali;
- giaciture delle stratificazioni;
- faglie, distinguendo laddove possibile faglie di tipo diretto, inverso e trascorrente.
6.
REDAZIONE GE.06.4 - CARTA GEOMORFOLOGICA
Lo studio geomorfologico si pone lo scopo di individuare gli elementi di dissesto
che, generando situazioni di rischio, possono condizionare l’edificabilità et sim..
Come tale, lo studio è mirato alla realizzazione di un quadro più completo possibile,
senza avere però la pretesa di risultare esaustivo per tutto il territorio comunale in
quanto lo stesso, come richiesto dall’Ente Provinciale, deve avere il carattere di
inquadramento e non di studio scientifico.
Si sono affrontati due aspetti fondamentali:
1. rilevamento in campagna distinguendo i processi geomorfologici attuali e passati
e stabilendo il relativo grado di pericolosità; verifica, mediante sopralluogo e/o
controllo su base cartografica, delle frane individuate nell’attuale PRG e delle più
recenti segnalazioni di dissesto;
2. recepimento in base alla vigente normativa (D.G.R. 28 aprile 2008 n°447 et
sim.) delle zone in dissesto individuate dagli Enti regionali o nazionali ed in
particolare dal PUT e PTCP, dal progetto CARG, dalle Autorità di Bacino e dal
progetto IFFI.
Capogruppo
Mandanti
Rev. 0 - Pag.
24 di 35
-
Documento
09054 WGU 201
Per quanto riguarda il primo punto il lavoro è consistito e consisterà principalmente
in rilievi di campagna e nella verifica geomorfologica delle zone ritenute più rilevanti
dal punto vista urbanistico. A questo lavoro si aggiunge la verifica e la tracciatura
degli episodi franosi di cui si è venuti a conoscenza mediante le segnalazioni
recepite dagli Uffici Tecnici comunali e dal CNR per l’ultima stagione invernale (la
quale è stata caratterizzata da intense piogge) in attesa della pubblicazione ufficiale.
Sono stati riportati i dissesti dell’atlante dei siti di attenzione della regione Umbria
per le aree che non erano gravate già dallo stesso tematismo.
Per quanto riguarda il recepimento degli studi pubblici approvati, in particolare sono
state individuate e cartografate le seguenti aree:
aree individuate dall’Autorità di bacino del Fiume Tevere come frane attive,
quiescenti, presunte ed inattive. Aree in erosione;
aree individuate dall’Autorità di bacino della regione Marche come frane attive,
ed inattive;
aree in frana ed aree a franosità diffusa del Progetto I.F.F.I. - Inventario dei
Fenomeni Franosi in Italia.
Per quanto riguarda le aree individuate dal P.U.T. della Regione Umbria e dal
P.T.C.P. della Provincia di Perugia come possibili sedi di movimenti franosi, come
aree in dissesto ed aree in erosione, le indicazioni ricevute dell’Ente Provincia sono
state di non includere tali aree se non su situazioni chiaramente conclamate. Il
censimento franoso contenuto in tale archivio risulta infatti ormai poco aggiornato e
superato dai più recenti studi.
In generale l’acquisizione, in mancanza di chiari elementi ed evidenze, avviene
senza modifiche dei file sorgente.
Oltre le già citate segnalazioni ricevute dal Comune e dal CNR, nell’aprile 2010
sono state richieste informazioni al Servizio Geologico e Sismico regionale riguardo
alle recenti approvazioni del Comitato Istituzionale dell’Autorità di Bacino del F.
Tevere del 10 marzo 2010. La Regione ha risposto in maniera ufficiale che non vi
sono state modifiche per il territorio comunale di Città di Castello.
In generale le aree interessate da frane attive sono quelle in cui il fenomeno
destabilizzante è in atto al momento del rilevamento di campagna o è giudicato di
tipo “ricorrente” a ciclo breve (stagionale).
Le aree interessate da frane quiescenti sono quelle in cui il fenomeno
destabilizzante non è in atto al momento del rilevamento di campagna, ma sono
rinvenibili evidenze morfologiche che lasciano presupporre una possibile evoluzione
del versante con la riattivazione del movimento.
Le aree interessate da frane inattive sono quelle in cui il fenomeno destabilizzante
non è in atto al momento del rilevamento di campagna e dove non sono rinvenibili
evidenze morfologiche che lasciano presupporre una possibile evoluzione del
versante con la riattivazione del movimento, se non ha seguito di mutate condizioni
al contorno (scavi, sovraccarichi, etc).
Gran parte delle principali frane rilevate possono essere classificate come frane “per
scivolamento” o di “colamento” e sono localizzate nelle coltri di copertura del
bedrock.
Le aree in erosione o soggette a dilavamento fanno parte dei processi di
degradazione dei versanti dove la causa scatenante è data dalla combinazione di
condizioni litologiche, morfologiche e climatiche (es. aree calanchive, aree
denudate).
Capogruppo
Mandanti
Rev. 0 - Pag.
Documento
7.
25 di 35
09054 WGU 201
REDAZIONE GE.06.5 - CARTA IDROGEOLOGICA
La Carta Idrogeologica contiene i principali elementi per valutare la “Vulnerabilità”
degli acquiferi presenti nel territorio.
Tale carta nasce dal connubio tra gli studi esistenti e le indicazioni normative che
interessano il Comune di Città di Castello.
Come evidenziato nella parte generale, l’area di maggior interesse idrogeologico è
sicuramente la pianura dell’Alto Tevere e le zone limitrofe ad essa collegate. Le
restanti porzioni di territorio sono interessate da acquiferi alimentati da circolazioni
locali e che non costituiscono una risorsa di pregio.
7.1 VULNERABILITA’ DEGLI ACQUIFERI
Ai sensi del P.T.C.P. sono stati acquisiti i limiti relativi al grado di vulnerabilità degli
acquiferi attribuito dalla Provincia di Perugia per la pianura alluvionale del Fiume
Tevere. Pertanto sono stati recepiti i limiti ed i gradi di vulnerabilità attribuiti dal
PTCP stesso mediante acquisizione dei file vettoriali forniti dalla Provincia di
Perugia. Per la restante parte del territorio comunale ci si è riferiti a quanto
contenuto nel PTCP per la classificazione degli acquiferi ricadenti in aree non
classificate. Sono stati acquisiti anche gli studi di vulnerabilità realizzati ed
autorizzati dalla Provincia di Perugia.
In generale gli acquiferi individuati sono caratterizzati da un grado di vulnerabilità
intrinseca che è funzione principalmente del grado di permeabilità delle idrostrutture
che contengono gli acquiferi e della soggiacenza. Altri parametri che influiscono
sulla vulnerabilità sono i tempi di rinnovamento delle acque, la velocità di deflusso
etc.
Oltre alle determinazioni effettuate sulla combinazione di questi fattori prettamente
geologici, è introdotto un elemento di massima vulnerabilità collegata all’uso
antropico del territorio. In particolare si sono acquisite le ubicazioni delle captazioni
idropotabili ad uso pubblico più recenti e sono state tracciate le fasce di rispetto ai
sensi D. Lgs 152/06 (normativa sulle Aree di salvaguardia). In questa fase sono
state ricostruite aree di rispetto con criteri geometrici (200 m di raggio dal punto di
captazione) in quanto non è stato possibile reperire specifici studi approvati.
Attualmente è stato redatto uno specifico studio per la Delimitazione delle Aree di
Salvaguardia esclusivamente per il campo pozzi denominato Piosina, ma tale studio
non è stato ufficialmente approvato dalla Regione Umbria e quindi non può
assumere valore vincolante. Andrà comunque acquisito quando sarà ufficializzata
l’approvazione, previo controllo ed eventuali modifiche.
Capogruppo
Mandanti
Rev. 0 - Pag.
26 di 35
-
Documento
09054 WGU 201
7.1.1 SITI CONTAMINATI
L'art. 31 della Legge Regionale 13 maggio 2009, n. 11, stabilisce che la Regione, ai
sensi dell'art. 251 del D.Lgs. 152/2006, predisponga, tra l’altro, l'anagrafe dei siti
oggetto di procedimento di bonifica, che contiene:
- l’elenco dei siti sottoposti a intervento di bonifica e ripristino ambientale, con
misure di sicurezza, di messa in sicurezza permanente e ripristino ambientale,
nonché degli interventi realizzati nei siti medesimi.
La Regione ha effettuato il censimento dei siti potenzialmente contaminati che ha
permesso di individuare e classificare i siti in funzione delle differenti azioni per gli
stessi proposte nell'ambito del Piano, degli aspetti procedurali eventualmente attivati
nonché delle eventuali risultanze analitiche esistenti.
I siti suddetti sono stati suddivisi in tre distinti gruppi, come di seguito riportato:
a)siti per i quali le risultanze analitiche dimostrano il superamento dei valori di
concentrazione limite accettabili di cui all’ Allegato 1 del D.M. 471/99 e che
ne comportano l’inserimento nell’”Anagrafe dei siti da bonificare”; tra queste
quelle che sono state considerate di competenza pubblica costituiscono la
LISTA A1;
b) siti per i quali esiste una forte presunzione di contaminazione ma non è
ancora stato accertato il superamento dei valori di concentrazione limite
accettabili stabiliti dal D.M. 471/99 - LISTA A2;
c) siti oggetto di notifica ai sensi del comma 3 dell’art. 9 del D.M. 471/99 per i
quali i soggetti interessati si sono avvalsi della facoltà di subordinare
l'attivazione della procedura di bonifica alla tempistica stabilita dal Piano
Regionale di Bonifica – LISTA A3.
A queste si aggiungono le aree della LISTA A4 rappresentate da “aree vaste”
potenzialmente interessate da criticità ambientali.
Nella Carta Idrogeologica sono state introdotte le perimetrazioni fornite dagl Uffici
Comunali, mediante digitalizzazione in formato vettoriale delle cartografie raster
allegate in calce.
Capogruppo
Mandanti
Rev. 0 - Pag.
27 di 35
-
Documento
09054 WGU 201
Capogruppo
Mandanti
Rev. 0 - Pag.
28 di 35
-
Documento
09054 WGU 201
7.1.2 AREE VULNERABILI AI NITRATI
La “Direttiva Nitrati” del 917676 del 12 dicembre 1991 per la “protezione delle acque
dall’inquinamento provocato dai nitrati provenienti da fonti agricole”, l’UE ha
affrontato per la prima volta il problema dell’inquinamento diffuso da nitrati.
Tale Direttiva fu recepita dal D.L. 152/99 concernente "Disposizioni sulla tutela delle
acque dall'inquinamento e recepimento della Direttiva 91/271/CEE sul trattamento
delle acque reflue urbane e della Direttiva 91/676/CEE relativa alla protezione delle
acque dall'inquinamento provocato da nitrati provenienti da fonti agricole"
successivamente riproposto all’interno della Parte Terza del Decreto Legislativo n
152 del 2006 concernente “Norme in materia ambientale”.
All’interno del D.L. 152/99 fu previsto il Piano di Tutela delle Acque.
Il Piano di tutela rappresenta uno specifico piano di settore e contiene gli interventi
volti a garantire il raggiungimento o il mantenimento degli obiettivi di cui alla Parte
Terza del decreto legislativo, nonché le misure necessarie alla tutela qualitativa e
quantitativa del sistema idrico. Tra i provvedimenti contenuti nel PTA vi era quindi
l’individuazione e regolamentazione delle zone vulnerabili ai nitrati.
Tale tipologia di provvedimento era stato già introdotto dalla D.G.R. 2052/2005
“Programma di Azione per le zone vulnerabili da nitrati di origine agricola –
Approvazione” ed è attualmente in via di parziale modifica. Quest’ultima modifica
(che sembra interessare marginalmente il Territorio di Città di Castello) è contenuta
nella D.G.R. n.1693 del 19 dicembre 2012, ma risulta attualmente sottoposta a
revisione.
Le perimetrazioni delle Zone vulnerabili ai nitrati sono state introdotte nella Carta
Idrogeologica mediante acquisizione dei file vettoriali dall’ARPA Umbria.
Regione Umbria - Piano Regionale di Tutela delle Acque. (approvato con Delibera
n. 357 del 1 dicembre 2009)
Capogruppo
Mandanti
Rev. 0 - Pag.
29 di 35
-
Documento
09054 WGU 201
7.2 CLASSI DI VULNERABILITA’
Come detto per determinare le classi di vulnerabilità riportate nella Carta
Idrogeologica si è utilizzata la metodologia imposta dal PTCP.
7.2.1 VULNERABILITA’ ALL’INQUINAMENTO DEGLI ACQUIFERI DA ELEVATA
AD MOLTO ELEVATA
Si parla di vulnerabilità da elevata ad estremamente elevata oltre che per gli
acquiferi definiti dal PTCP, anche per le aree nelle quali affiorano:
aree indicate nelle carte GNDCI-CNR e dal PTCP come "zone
caratterizzate da vulnerabilità all'inquinamento degli acquiferi elevata ed
estremamente elevata e zona di rispetto (200 mt) dei punti di captazione
(D.Lgs. 152 del 2006);
depositi attuali e recenti di fondovalle e terrazzati;
depositi di conoide;
detriti di falda.
7.2.2 VULNERABILITA’ ALL’INQUINAMENTO DEGLI ACQUIFERI DA MEDIA AD
ALTA
Gli acquiferi caratterizzati da questo grado di vulnerabilità sono contenuti nei
seguenti depositi continentali:
tutto il Sintema di Citerna;
le Arenarie di Celle;
la Scaglia Toscana (membro STO4a);
l'unità di Selci Lama.
7.2.3 VULNERABILITA’ ALL’INQUINAMENTO DEGLI ACQUIFERI DA BASSA A
MOLTO BASSA
Gli acquiferi caratterizzati da questo grado di vulnerabilità sono contenuti nelle
seguenti formazioni litoidi:
Marne di Vicchio;
il Subsintema di Fighille,
tutti i membri della Formazione marnoso arenacea Umbra;
tutti i membri del Macigno;
la Formazione marnoso arenacea Romagnola (membri di Civitella,
Nespoli, e Galeata);
la formazione marnoso arenacea Umbro-Marchigiana;
tutti i membri della formazione di Monte Santa Maria Tiberina;
la Scaglia Toscana (membri STO4b, STO4c).
Capogruppo
Mandanti
Rev. 0 - Pag.
Documento
8.
30 di 35
09054 WGU 201
REDAZIONE GE.06.6 - CARTA IDRAULICA
La Carta Idraulica contiene le fasce di esondazione e le aree soggette a rischio
idraulico, tratte dai principali studi esistenti nel territorio comunale.
Contiene inoltre le fasce di attenzione dei laghetti invasi e serbatoi presenti. La
trattazione più approfondita dello studio idraulico è contenuta nella specifico
documento GE.06.2 Relazione Idraulica.
9.
REDAZIONE GE.06.7 – CARTA DELLA PROPENSIONE AL DISSESTO
La carta è stata realizzata acquisendo lo studio di Sabatini (1982), il quale distinse il
territorio dell’Umbria in quattro classi di instabilità sulla base della litologia affiorante
e della pendenza del terreno. La propensione al dissesto è una speditiva
valutazione della tendenza all'instabilità del territorio.
Per la realizzazione dello specifico elaborato cartografico, su indicazioni degli Uffici
Tecnici Provinciali, sono stati utilizzati i file georeferenziati forniti dalla Provincia di
Perugia e derivati dalla Carta Derivata della Propensione al Dissesto allegata al
precedente PUT della Regione Umbria (Sabatini, 1982).
Le quattro classi evidenziate sono le seguenti:
Classe I - Aree ad elevata propensione al dissesto:
aree interessate da movimenti franosi in atto e aree di affioramento delle
argille scagliose.
Classe II - Aree a medio alta propensione al dissesto:
aree di affioramento delle formazioni della Marnoso Arenacea, Bisciaro,
Scaglia Cinerea con pendenze > 40%;
aree dei depositi argillosi, sabbiosi, conglomeratici Plio-Pleistocenici in
facies fluvio-lacustre o marina, alluvioni recenti, detriti di falda con
pendenze > 30%;
zone a pendio subverticale di affioramenti litoidi (travertini, vulcaniti e
calcari Mesozoici);
zone interessate da accentuate erosioni superficiali;
Classe III - Aree a medio bassa propensione al dissesto;
aree di affioramento delle formazioni della Marnoso Arenacea, Bisciaro,
Scaglia Cinerea con pendenze comprese fra il 10% ed il 40%;
aree dei depositi argillosi, sabbiosi, conglomeratici Plio-Pleistocenici in
facies fluvio-lacustre o marina, alluvioni recenti, detriti di falda con
pendenze comprese fra il 10% ed il 30%;
Classe IV - Aree a propensione al dissesto bassa o nulla:
aree a pendenza <10%;
affioramenti di calcari Mesozoici, travertini e vulcaniti.
Un confronto tra tali dati e quelli raccolti durante la redazione degli studi geologici e
geomorfologici permette di effettuare le seguenti considerazioni:
i settori della classe ad alta propensione al dissesto (Classe I) presentano
generalmenteun’alta densità di fenomeni franosi;
anche alcuni settori della classe medio-bassa (Classe III) presentano
un’alta densità di fenomeni franosi, equiparabile a quella della Classe I;
Capogruppo
Mandanti
Rev. 0 - Pag.
31 di 35
-
Documento
09054 WGU 201
le aree potenzialmente stabili (Classe IV) presentano una bassa
concentrazione di dissesti e frane;
la carta della propensione al dissesto non tiene conto di tutti quei fattori
"non geologici" (intervento dell'uomo) che possono aver accelerato, ed in
certi casi possono aver giocato un ruolo determinante, nello sviluppo di
movimenti franosi.
In conclusione c'è statisticamente una buona convergenza tra aree cartografate con
propensione al dissesto e la franosità reale, ma tuttavia le informazioni sulla
propensione al dissesto appaiono talvolta arbitrarie e poco esaustive.
10.
REDAZIONE GE.06.8 –
PROSPETTIVA SISMICA
CARTA
DELLE
MICROZONE
OMOGENEE
IN
Durante la redazione degli studi di carattere geologico, geomorfologico ed
idrogeologico a supporto del Documento Programmatico e della successiva Parte
Strutturale, è stata pubblicata la Deliberazione della Giunta Regionale 8 marzo
2010, n.377 “Criteri per l’esecuzione degli Studi di Microzonazione Sismica
(Supplemento ordinario n.1 al “Bollettino Ufficiale” – serie generale – n.15 del 31
Marzo 2010).
Tale delibera ha rivoluzionato completamente l’iter degli studi a supporto della
redazione dei PRG, rispetto a come indicato nella D.G.R. 226/01 del 14 marzo
2001 e nella D.G.R. n.745 del 4 luglio 2001 (le quali risultano sostituite
integralmente come indicato al comma 9).
Gli studi di Microzonazione sono ora ripartiti su 3 diversi livelli di approfondimento
che sono stati correlati alle tre principali fasi della pianificazione. In sostanza lo
schema di base dello studio è il seguente:
1. livello 1 di approfondimento: deve essere parte integrante della Parte
Strutturale del PRG;
2. livello 2 di approfondimento: deve essere parte integrante della Parte
Operativa del PRG;
3. livello 3 di approfondimento: deve essere parte integrante degli strumenti
attuativi.
Per quanto riguarda la Parte Strutturale al comma 5 della D.G.R. n.377 dice “di
stabilire conseguentemente che: la parte strutturale del PRG debba essere
corredata dalle carte di pericolosità sismica locale in scala 1:10.000 o di livello 1 di
approfondimento (carte delle microzone omogenee in prospettiva sismica) degli
Indirizzi e criteri generali per la microzonazione sismica redatti dal Dipartimento
della Protezione Civile congiuntamente con la Conferenza delle Regioni e delle
Provincie Autonome”.
Al comma 3 della stessa delibera si riporta quanto segue: “Di ritenere le carte di
pericolosità sismica locale in scala 1:10.000, prodotte ed aggiornate dai competenti
servizi regionali (omissis), equivalenti al livello 1 di approfondimento [...]”.
In base a quanto previsto dalla vigente normativa, si è quindi recepita la relativa
Cartografia regionale e si è proceduto alla redazione di una specifica carta che ne
riporti i contenuti. A tal fine si è utilizzato il file vettoriale fornito dalla Regione
Umbria come base per la redazione della Carta, allestendo un’adeguata veste
grafica e la relativa legenda.
Su indicazione della Provincia di Perugia, la cartografia riporta anche i limiti delle
aree in frana attiva, quiescente o presunta tratte dai principali studi esistenti.
Capogruppo
Mandanti
Rev. 0 - Pag.
32 di 35
-
Documento
09054 WGU 201
La Carta delle microzone omogenee in prospettiva sismica non è un elaborato che
esaurisce le problematiche relative alla conoscenza dei fenomeni di amplificazione
sismica locale. Non riporta infatti nessuna elaborazione, non è derivata da
specifiche indagini e non tiene conto di fenomeni topografici. Tale strumento
classifica esclusivamente il territorio sulla base delle litologie affioranti e quindi è
direttamente derivata dalla Carta Geologica.
11.
REDAZIONE GE.06.9 – CARTA DELLO ZONING
All’interno del territorio comunale nella GE.06.8 Carta dello Zoning GeologicoTecnico sono state individuate le aree soggette a rischio geologico, geomorfologico,
idrogeologico ed idraulico.
L’individuazione del rischio geologico e geomorfologico avviene mediante l’analisi
degli elementi geologici, geomorfologici caratterizzanti il territorio. Il rischio
idrogeologico individua la vulnerabilità del territorio in funzione della permeabilità dei
litotipi affioranti e della soggiacenza della falda. Il rischio idraulico individua le aree
soggette a possibile rischio esondazione dovuto alla presenza dei corsi d’acqua
demaniali.
Sono state individuate tre classi di rischio finalizzate all’edificabilità, così come
previsto dalla deliberazione di Giunta Regionale n. 3806 del 18 giugno 1985 e
dall’art.15 del PTCP:
aree ad alto rischio geologico, geomorfologico, idrogeologico ed idraulico;
aree a medio rischio geologico, geomorfologico, idrogeologico ed idraulico;
aree a basso rischio geologico, geomorfologico, idrogeologico ed idraulico.
Per quanto riguarda la tipologia degli studi idraulici del territorio comunale si
rimanda a quanto espresso nelle specifiche relazioni idrauliche preliminare allegata.
Capogruppo
Mandanti
Rev. 0 - Pag.
33 di 35
-
Documento
11.1 AREE
AD
ALTO
RISCHIO
IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO
GEOLOGICO
09054 WGU 201
GEOMORFOLOGICO
Rientrano in questa classe le seguenti aree:
Ab Marche Frana attiva;
franosità atlante siti di attenzione Regione Umbria;
Ab Tevere frane attive quiescenti e presunte;
frane attive e quiescenti da rilievo geologico;
franosità IFFI (Inventario dei Fenomeni Franosi in Italia).
aree con Vulnerabilità all’inquinamento degli acquiferi da elevata ad
estremamente elevata (comprese le aree di salvaguardia delle captazioni
idropotabili ai sensi del D Lgs 152/2006);
Ab Tevere rischio idraulico reticolo principale (rischio R3 e R4);
Ab Tevere rischio idraulico reticolo secondario (rischio R4);
aree esondabili ricadenti in Fascia A.
11.2 AREE
A
MEDIO
RISCHIO
IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO
GEOLOGICO
GEOMORFOLOGICO
Rientrano in questa classe le seguenti aree:
frane antiche e depositi antropici;
Ab Marche frana inattiva;
Ab Tevere frane inattive e aree in erosione;
aree con Vulnerabilità degli acquiferi da media ad alta;
Ab Marche rischio idraulico (R2);
Ab Tevere rischio idraulico reticolo principale (rischio R2);
aree esondabili ricadenti in Fascia B.
Capogruppo
Mandanti
Rev. 0 - Pag.
34 di 35
-
Documento
09054 WGU 201
11.3 AREE BASSO RISCHIO GEOLOGICO GEOMORFOLOGICO IDROGEOLOGICO
ED IDRAULICO
Rientrano in questa classe le seguenti aree:
aree ad alta propensione al dissesto da PTCP;
aree con Vulnerabilità degli acquiferi da bassa a molto bassa;
Ab Marche rischio idraulico (R1);
aree esondabili ricadenti in Fascia C.
12.
ITER TECNICO-NORMATIVO PER L’INTERVENTO NELLE AREE INTERESSATE
DA CRITICITA’
Lo studio condotto è finalizzato alla costruzione del più attuale quadro di rischio
derivato dalla presenza di rilevanti elementi geomorfologici ed idraulici. Gli elementi
di rischio territoriale, come già asserito, sono essenzialmente derivati da
osservazioni dirette del gruppo di studio e dal recepimento degli elementi censiti
dagli specifici studi pubblici.
Questa modalità di lavoro permette, una volta individuata la criticità, di definire un
iter tecnico normativo per ridurre e/o limitare i rischi connessi alla criticità stessa.
Da un punto di vista urbanistico quello che si ottiene non saranno quindi aree sulle
quali è vietata qualsiasi previsione, ma sulle quali la progettazione è sconsigliata e
l’attuazione è condizionata alla rimozione o riduzione dell’elemento di rischio.
La modalità di azione è stabilita sulla base della vigente normativa ed in particolare
si possono citare:
P.T.C.P. Piano territoriale di coordinamento provinciale;
D.G.R. 28 aprile 2008 n.447;
D.G.R. 8 marzo 2010, n.377.
In accordo con la disciplina vigente, potrà essere quindi avviato e completato un iter
minimo ma essenziale di studio (il quale sarà contenuto nelle Norme Tecniche di
Attuazione) per la definizione (geometrica, litologica, geotecnica, idrogeologica)
dell’elemento vincolante.
Successivamente allo studio redatto, nel caso in cui evidenzi la non sussistenza
proporrà la risagomatura o l’eliminazione del vincolo idrogeologico; nel caso in cui
invece si ravvisi la sussistenza dell’elemento, si redigerà un progetto di bonifica o si
opterà per l’abbandono del progetto.
Capogruppo
Mandanti
Rev. 0 - Pag.
35 di 35
-
Documento
09054 WGU 201
Bibliografia:
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Sismotettonica dell'Appennino settentrionale: implicazioni per la pericolosità sismica
della Toscana" è stato redatto da: "Università degli studi di Siena - Dipartimento di
Scienze della Terra Regione Toscana - Genio Civile di Area Vasta Firenze, Prato,
Pistoia e Arezzo Coordinamento Regionale Prevenzione Sismica marzo 2011;
ARPA UMBRIA: Lo stato chimico dei corpi sotterranei in Umbria -Il passaggio
normativo dal DLgs 152/99 al DLgs 30/2009;
CARG-note geologiche al foglio 289;
Corsi M., De Feyter A.J., Menichetti M. (1991), “Crop 03 - Il tratto val Tiberina - mare
Adriatico - Sezione geologica e caratterizzazione tettonico-sedimentaria delle
avanfosse della zona umbro-marchigiano-romagnola”. Studi geologici camerti, volume
speciale, pp. 279-293;
U. Crescenti - “Un vistoso fenomeno di dissesto idrogeologico nel Bacino del fiume
Chiascio (Umbria)”; Geologia tecnica. Contributo C.N.R., programma di ricerca n.
69.01900;
De Feyter A.J., Menichetti M. (1986), “Back thrusting in forelimbs of rootless anticlines,
with examples from the umbro-marchean Apennines (Italy)”. Mem. Soc. Geol. It., vol.
35;
Guide geologiche Regionali: Appennino Umbro – Marchigiano – a cura della Società
Geologica italiana, BE-MA editrice, 1994;
I.N.G.V., Pubblicazioni, Atti, Database;
Regione dell’Umbria, CNR-IRRS – La Microzonazione Sismica Speditivi relativa ai
terremoti del 1997-98 in Umbria;
Regione dell’Umbria – Pubblicazione on line del progetto CARG in formato shape;
F. Visini, G. La Vecchia, B. Pace e D.P. Tinari - Contesto tettonico, strutture crostali
attive e sismogenesi in Italia Centrale;
Studio geologico, relativo all'intero territorio comunale, finalizzato alla redazione del
nuovo PRG.
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertising