Istruzioni di funzionamento. Manutenzione e pulizia. Manuale EB10

www.groupdynamics-laundry.com
sales@groupdynamics.lv
Istruzionidi
difunzionamento.
funzionamento.
Istruzioni
Manutenzioneeepulizia.
pulizia.
Manutenzione
Manuale
Manuale
EB10-15-25-33-41G400DRY
EB10-15-25-33-41G400DRY
Realizzato in base alla EN 62079:2002-01 – EN 60204-1
Realizzato in base alla EN 62079:2002-01 – EN 60204-1
Conservare per futura
consultazione.
Conservare
per futura
consultazione.
MA_H010_EB10-15-25-33-41_CAP6-7_rev.06.docx
06/12/2010
1
www.groupdynamics-laundry.com
sales@groupdynamics.lv
Sommario
6.
ISTRUZIONI DI FUNZIONAMENTO .................................................................................. 4
PERICOLI CHIMICI ....................................................................................................... 4
6.1 FUNZIONAMENTO IN CONDIZIONI DI SICUREZZA............................................................ 4
6.2 FUNZIONAMENTO ORDINARIO (FUNZIONAMENTO MANUALE, AUTOMATICO) ....................... 5
6.2.1 DESCRIZIONE DELL’APPARECCHIATURA E DEL PANNELLO COMANDI ................................... 5
6.3 DESCRIZIONE DISPLAY ................................................................................................ 6
6.4 FUNZIONAMENTO PER LIBERO SERVIZIO – SELF-SERVICE ................................................ 7
6.4.1 INSTALLAZIONE PULSANTE DI ARRESTO DI EMERGENZA .................................................. 7
6.4.2 IMPOSTAZIONE SCHEDA PER FUNZIONAMENTO LIBERO SERVIZIO – SELF-SERVICE ............. 7
6.4.3 VERSIONI ................................................................................................................... 8
6.4.4 PAGAMENTO MULTIPLO................................................................................................. 8
6.4.5 INDICAZIONI A DISPLAY .............................................................................................. 8
6.4.6 IMPOSTAZIONE COSTO CICLO ....................................................................................... 9
6.4.7 APERTURA E CHIUSURA PORTA.................................................................................... 10
6.5 CONSIGLI UTILI PER L’USO DELL’APPARECCHIATURA ...................................................... 11
6.5.1 SIMBOLI (ETICHETTE) APPLICATI SUI TESSUTI ............................................................. 11
6.6 PARTENZA DI UN PROGRAMMA DI ASCIUGATURA .......................................................... 13
6.6.1 AVVIO DEL CICLO DI ASCIUGATURA. ........................................................................... 14
6.7 ESECUZIONE AUTOMATICA DI UN PROGRAMMA ............................................................. 15
6.8 DESCRIZIONI DEI PROGRAMMI STANDARD FORNITI CON L’APPARECCHIATURA
MODELLI KG10 E KG15 ...................................................................................................... 15
6.9 DESCRIZIONI DEI PROGRAMMI STANDARD FORNITI CON L’APPARECCHIATURA
MODELLI KG25, KG33 E KG41 ............................................................................................ 17
6.10 INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE ..................................................................... 19
6.10.1 INTERFACCIA UTENTE ............................................................................................. 20
6.10.2 STRUTTURA BASE DEI MENU’ DI PROGRAMMAZIONE ................................................... 21
6.11 PROGRAMMAZIONE.................................................................................................... 21
6.11.1 VISUALIZZAZIONI E MODIFICHE DURANTE IL CICLO ................................................... 22
6.11.2 MENÙ CICLO .......................................................................................................... 22
6.11.3 MENÙ PARAMETRI MACCHINA ................................................................................... 25
6.11.4 MENÙ SERVIZIO ..................................................................................................... 26
6.11.5 CICLO TEST ........................................................................................................... 29
6.11.6 OPERAZIONE DI PRESET .......................................................................................... 29
6.12 FUNZIONI/SITUAZIONI ECCEZIONALI .......................................................................... 30
6.12.1 ABORTIRE PROGRAMMA IN CASO DI ANOMALIA .......................................................... 31
6.13 SEGNALI DA OSSERVARE............................................................................................ 31
6.14 MODULI OPZIONALI, SUPPLEMENTARI .......................................................................... 31
6.14.1 ISTRUZIONI DI RIFERIMENTO RAPIDE ....................................................................... 31
6.14.2 SMALTIMENTO DEI RIFIUTI ...................................................................................... 31
6.15 INFORMAZIONE AGLI UTENTI ...................................................................................... 32
7.
MANUTENZIONE E PULIZIA ......................................................................................... 33
7.1 PRECAUZIONI DI SICUREZZA ...................................................................................... 33
7.2 FUNZIONI DI SICUREZZA DI CUI È DOTATA L’APPARECCHIATURA..................................... 34
7.3 MANUTENZIONE E PULIZIA DA PARTE DEGLI UTILIZZATORI ............................................ 34
7.3.1 TARATURA DELLA FUNZIONE DI ASPIRAZIONE .............................................................. 34
COME PROCEDERE ALLA TARATURA ..................................................................................... 34
7.3.2 PULIZIA QUOTIDIANA E SETTIMANALE ......................................................................... 35
7.3.3 PULIZIA MENSILE ...................................................................................................... 35
7.3.4 REGISTRO MANUTENZIONE E PULIZIA GIORNALIERA, SETTIMANALE E MENSILE ............... 36
7.4 MANUTENZIONE ORDINARIA E PULIZIA DA PARTE DI PERSONALE AVVERTITO O ISTRUITO . 36
7.4.1 MANUTENZIONE ORDINARIA. CONTROLLO DELLE 750H VALIDO PER TUTTI I MODELLI ....... 37
7.4.2 MANUTENZIONE ORDINARIA. LUBRIFICAZIONE CUSCINETTI .......................................... 37
7.4.3 PULIZIA DELLA VENTOLA DELL’ASPIRATORE, DEL VANO FILTRO E
DEI TUBI DEL PRESSOSTATO. ............................................................................................. 38
7.4.4 MANUTENZIONE PREVENTIVA ..................................................................................... 38
7.4.5 MANUTENZIONE ORDINARIA. CONTROLLO ANNUALE SPECIFICO PER MODELLI A GAS ........ 39
7.4.6 MANUTENZIONE ORDINARIA. CONTROLLO ANNUALE VALIDO PER TUTTI I MODELLI. .......... 39
7.5 MODULO MANUTENZIONE E PULIZIA DA PARTE DI PERSONALE QUALIFICATO ................... 40
7.6 RICERCA GUASTI, DIAGNOSI E RIPARAZIONI, MESSAGGI A DISPLAY ............................... 41
7.7 DESCRIZIONE ALLARMI .............................................................................................. 41
7.8 GESTIONE DELLO STORICO DEGLI ALLARMI.................................................................. 48
7.8.1 MESSAGGI DI ATTENZIONE VISUALIZZATI A DISPLAY .................................................... 48
MESSAGGIO MANUTENZIONE ............................................................................................. 48
MESSAGGIO ENERGY SAVING SPEGNIMI .............................................................................. 49
MESSAGGIO PAUSA ........................................................................................................... 49
2
www.groupdynamics-laundry.com
sales@groupdynamics.lv
MESSAGGI DIVERSI .......................................................................................................... 49
MESSAGGIO BLOCCO APPARECCHIATURA FRA CICLI “XX” ...................................................... 49
MESSAGGIO POWER FAIL ................................................................................................... 49
MESSAGGIO E0 OLM SOVRACCARICO MOTORE ..................................................................... 49
Traduzione delle istruzioni originali.
In qualsiasi caso il testo di riferimento per eventuali contestazioni o osservazioni è quello in lingua originale
del costruttore, ovverosia l’Italiano.
3
www.groupdynamics-laundry.com
sales@groupdynamics.lv
6. ISTRUZIONI DI FUNZIONAMENTO
Attenzione!
• Qualsiasi persona utilizzi quest’apparecchiatura dovrà leggere il
presente manuale d’uso.
• L’apparecchiatura deve essere utilizzata solo da persone
addestrate all’uso della stessa.
• L’apparecchiatura non è destinata a essere usata da persone
(bambini compresi) le cui capacità fisiche, sensoriali o
mentali siano ridotte, oppure con mancanza di esperienza o
di conoscenza, a meno che esse abbiano potuto beneficiare,
attraverso l’intermediazione di una persona responsabile della
loro sicurezza, di una sorveglianza o di istruzioni riguardanti
l’uso dell’apparecchiatura.
• L’apparecchiatura non è stata progettata per essere utilizzata
in ambienti soggetti alla normativa ATEX relativa agli ambienti
esplosivi.
• Non è possibile trattare nell’apparecchiatura capi di biancheria
che siano stati in contatto o imbevuti di sostanze infiammabili.
• L’apparecchiatura non è stata progettata per disinfettare la
biancheria.
• Prima di effettuare qualsiasi operazione di pulizia o
manutenzione, accertarsi che i rubinetti acqua calda, fredda
e del vapore (nelle apparecchiature con questo tipo di
riscaldamento) siano chiusi e l’interruttore generale sia spento.
• Tenere i liquidi infiammabili lontano dall’apparecchiatura.
• Tenere i prodotti per la pulizia e i detergenti sempre lontani
dall’apparecchiatura e chiusi in un armadio.
• I bambini devono essere controllati in modo che non possano
giocare con l’apparecchiatura.
PERICOLI CHIMICI
Attenzione!
• Non è possibile trattare nell’apparecchiatura capi di biancheria
che siano stati in contatto o imbevuti di sostanze infiammabili.
• La decomposizione in apparecchiature direttamente riscaldate a
gas di alcuni prodotti chimici, come certi solventi utilizzati per la
pulitura a secco, può produrre fumi tossici.
6.1 FUNZIONAMENTO IN CONDIZIONI DI SICUREZZA
Verificare che i carrelli per il trasporto della biancheria siano più bassi del limite inferiore della
porta.
Evitare che i carrelli colpiscano la porta danneggiandola.
Attenzione!
• Per evitare fenomeni di autocombustione è necessario rimuovere
il carico di biancheria non appena termina il ciclo di asciugatura.
• Per lo stesso motivo togliere il carico di biancheria se
l’apparecchiatura dovesse arrestarsi in seguito alla mancanza
dell’alimentazione elettrica.
• Le apparecchiature possono presentare a fine ciclo di
asciugatura la presenza di residui di prodotti chimici agressivi
o decomposti del carico di biancheria, che possono provocare
danni all’apparecchiatura oltre che liberare fumi tossici.
• La porta non deve essere utilizzata come supporto per la
biancheria.
4
www.groupdynamics-laundry.com
sales@groupdynamics.lv
6.2 FUNZIONAMENTO ORDINARIO (FUNZIONAMENTO MANUALE, AUTOMATICO)
6.2.1
DESCRIZIONE DELL’APPARECCHIATURA E DEL PANNELLO COMANDI
Nelle figure sono riportate le immagini delle apparecchiature con i principali componenti necessari
per il funzionamento oltre che il pannello di controllo elettronico dell’apparecchiatura.
C
B
A = Sportello pulizia filtro.
B = Lettore smart card (optional).
C = Pulsante arresto di emergenza.
D = Porta.
E = Maniglia porta.
F = Maniglia portello pulizia filtro.
G = Pannello controllo.
G
E
D
F
A
Pulsante
SELEZIONE
DISPLAY
grafico
Pulsante
ECO
Pulsante
START - STOP
Pulsante
MODE
Pulsante
Enter
Pulsante
MENO
Figura 1 Vista pannello di controllo
Pulsante PIU’
5
www.groupdynamics-laundry.com
sales@groupdynamics.lv
6.3 DESCRIZIONE
DISPLAY
Con il ciclo in esecuzione, premere il pulsante MODE: il display cambia la visualizzazione come
quella seguente ed indica i parametri funzionali del ciclo di asciugatura in corso.
SeƩore ciclo, valore tra
A, B e C, verso la fine.
Riscaldamento
acceso
Numero programma
Temperatura
istantanea.
Temperatura
prevista
Funzione ECONOMY
disaƩavata. Sole
dimezzato = Aƫvata
Nome del programma di asciugatura
Simbolo intasamento filtro.
Valore di
depressione
interna
Percentuale di
intasamento del
filtro
Corrente
assorbita
dal motore
cesto
Premere il pulsante MODE per ritornare alla visualizzazione standard.
Premere il pulsante ENTER per passare alla visualizzione e successiva modifica dei parametri funzionali
del ciclo di asciugatura.
Attenzione!
• Queste modifiche non sono salvate in memoria e pertanto alla
successiva esecuzione del ciclo di asciugatura questo partirà
come da programma originale.
Le videate sono come qui di seguito proposto.
Con i pulsanti “+” e “-“ modificare la temperatura di lavoro
dell’apparecchiatura come desiderato.
Passare alla videata successiva con il pulsante ENTER.
Con i pulsanti “+” e “-“ modificare la durata del ciclo di asciugatura
come desiderato.
Passare alla videata successiva con il pulsante ENTER.
Con i pulsanti “+” e “-“ modificare la temperatura di raffreddamento del
ciclo di asciugatura come desiderato.
Passare alla videata successiva con il pulsante ENTER.
Con i pulsanti “+” e “-“ modificare la durata del raffreddamento del ciclo
di asciugatura come desiderato.
Passare alla videata successiva con il pulsante ENTER.
Con i pulsanti “+” e “-“ modificare la velocità di rotazione del ciclo di
asciugatura come desiderato.
Passare alla videata successiva con il pulsante ENTER o ritornare alla
prima videata con il pulsante MODE.
6
www.groupdynamics-laundry.com
sales@groupdynamics.lv
6.4
FUNZIONAMENTO PER LIBERO SERVIZIO – SELF-SERVICE
Valido per i modelli da 10kg, 15kg e 25kg di carico.
6.4.1
INSTALLAZIONE PULSANTE DI ARRESTO DI EMERGENZA
In base alla norma
ISO10472-1: paragrafo 5.2
Il dispositivo di arresto di emergenza è facoltativo sulle apparecchiature previste per libero servizio – selfservice.
Attenzione!
• I modelli predisposti per libero servizio – self-service non
hanno montato di serie un dispositivo di arresto di emergenza.
Tali arresti dovranno quindi essere predisposti nei locali di
destinazione delle apparecchiature e collegati ad ognuna di esse.
• I dispositivi di arresto di emergenza, devono essere in
numero sufficiente affinchè, almeno uno, sia visibile da ogni
posizione all’interno della zona di accesso dell’operatore a
2mt dall’apparecchiatura, e ciascun dispositivo deve essere
posizionato entro 8mt dalle postazioni di lavoro dell’operatore.
• Se il dispositivo consiste in un pulsante di arresto di emergenza
esso deve essere posizionato a un’altezza compresa tra i 70cm
ed i 170cm al di sopra del suolo o della piattaforma di lavoro.
Il dispositivo o i dispositivi di arresto di emergenza devono essere collegati alla fonte di alimentazione
elettrica delle apparecchiature in modo che al loro intervento siano in grado di togliere alimentazione
indistintamente a tutte le apparecchiature presenti nel locale destinato al libero servizio – self-service.
6.4.2 IMPOSTAZIONE SCHEDA PER FUNZIONAMENTO LIBERO SERVIZIO –
SELF-SERVICE
Attraverso il dip switch n°3 è possibile abilitare l’apparecchiatura al funzionamento o meno
tramite un dispositivo a gettoniera, sia meccanica sia elettronica.
DS3
STATO DELL’APPARECCHIATURA
ON
OFF
CON GETTONIERA
SENZA GETTONIERA
Nelle versioni con gettoniera la funzione
“economizzazione” non e disponibile e
l’ingresso del pulsante ECONOMY diventa
“avanzamento rapido”. Il pulsante START
assume quindi la sola funzione di avviare il
ciclo.
OFF
Tramite la programmazione da pulsantiera
s’imposta il numero di gettoni necessari per
lo svolgimento di ciascun ciclo di asciugatura
presente nell’apparecchiatura.
Per poter avviare il ciclo, la scheda deve
contare altrettante attivazioni dell’ingresso
KGETT (un’attivazione ad ogni gettone).
La partenza del ciclo di asciugatura avviene
poi come sempre attraverso il tasto START.
ON
7
www.groupdynamics-laundry.com
sales@groupdynamics.lv
6.4.3
VERSIONI
Possono essere presenti le possibili versioni:
•
•
•
•
•
6.4.4
Gettoniera
Centrale di pagamento
Stepper
Pagamento multiplo: SI / NO (default NO)
N° di pagamenti: 1 – 10 (default 3)
PAGAMENTO MULTIPLO
L’opzione di pagamento multiplo attivata comporta che si possa pagare al massimo n volte con
n=10 incrementando il tempo di funzionamento della macchina.
Attenzione!
• L’incremento del tempo ha effetto se e solo se il pagamento
successivo si effettua durante il riscaldamento.
• Pagamenti effettuati durante la fase di raffreddamento non
hanno più alcun effetto sul funzionamento dell’apparecchiatura.
Con un tempo di mantenimento della temperatura pari a “x” minuti per pagamento eseguito,
abilitando il pagamento multiplo ad ogni operazione di pagamento si incrementa di un’unita di
tempo il funzionamento della macchina.
Esempio
Pagando 3 volte l’apparecchiatura funziona per un tempo pari a 3 volte il tempo “x”, fino ad un
massimo di 10 volte il tempo “x”, in funzione di com’e programmato l’ultimo parametro “N° di
pagamenti” (vedi diagramma a blocchi allegato).
Oltre al numero massimo di pagamenti programmati non si memorizzano più né incrementano
più nè il valore del tempo di funzionamento nè i pagamenti in eccesso. La gettoniera elettronica
inibisce l’accettazione del pagamento in eccesso.
6.4.5
INDICAZIONI A DISPLAY
Oltre alle normali indicazioni a display in condizione attesa START ciclo di asciugatura, secondo il
tipo di impostazione SELF SERVICE saranno visualizzate le seguenti indicazioni:
Gettoniera con stepper
Visualizzata la scritta, con l’apparecchiatura in attesa del pagamento e prima dell’attivazione del
pulsante di START:
“Inserire n. gettoni: xx”
Gettoniera esterna o centrale di pagamento
Visualizzata la scritta, con l’apparecchiatura in attesa del pagamento e prima dell’attivazione del
pulsante di START:
“Effettuare il pagamento”
Gettoniera elettronica a bordo macchina
Visualizzata la scritta, con l’apparecchiatura in attesa del pagamento e prima dell’attivazione del
pulsante di START:
“Effettuare il pagamento di €:xx,xx”
In questa versione s’indica anche il messaggio:
“la macchina non dà resto”.
8
www.groupdynamics-laundry.com
sales@groupdynamics.lv
6.4.6
IMPOSTAZIONE COSTO CICLO
Per impostare il costo/ciclo di asciugatura occorre dare tensione all’apparecchiatura con il contatto PRGET chiuso, posto nel retro della stessa.Secondo il tipo di gestione SELF SERVICE attivata,
ci potranno essere le seguenti opzioni:
Gettoniera con stepper
Il display visualizza il prezzo (n. gettoni) e il ciclo di asciugatura selezionato, con una visualizzazione del tipo:
Pxx :(numero del programma da 01 a 20)
Costo ciclo: xx (01-10)
Attraverso i pulsanti “PIU” e “MENO” si modifica il prezzo (campo 1...10) mentre attraverso il
pulsante “SEL” il ciclo di asciugatura.
Sono proposti tutti i cicli memorizzati sull’apparecchiatura, anche quelli eventualmente presenti
ma non abilitati.
Gettoniera esterna o centrale di pagamento
Non è possibile programmare nessun prezzo perché tutto è gestito dal sistema di pagamento
remoto.
L’apparecchiatura è abilitata alla partenza con un solo impulso di almeno 200msec proveniente
dalla centrale di pagamento.
Caso Gettoniera elettronica a bordo macchina
Il display visualizza il prezzo e il ciclo selezionato con una visualizzazione che è:
Pxx :(numero del programma da 01 a 20)
Costo ciclo: xx,xx €
Attraverso “PIU” e “MENO” si modifica il prezzo (campo variabile da 0,00€ a 99,95€ con step
minimi di 0,05€) e con il pulsante “SEL” il ciclo di asciugatura al quale applicare il prezzo di vendita.
Sono proposti tutti i cicli memorizzati sull’apparecchiatura, anche quelli eventualmente presenti
ma non abilitati.
Per terminare la programmazione occorre riportare il selettore PRGET in posizione “0” e togliere
e ridare tensione all’apparecchiatura.
Con abilitato il funzionamento tramite gettoniera, accendendo l’apparecchiatura il display visualizza:
Oppure
Oppure
Il ciclo di asciugatura selezionato con la temperatura massima prevista.
Il tempo programmato per il conto alla rovescia.
“Inserire n. gettoni: xx”
“Effettuare il pagamento”
“Effettuare il pagamento di €: xx,xx”
In funzione delle possibili differenti impostazioni della modalità di pagamento.
“xx” e “xx,xx”corrispondono al valore precedentemente inserito, espresso in numero di gettoni
o costo in €, per quel particolare ciclo di asciugatura.
Durante l’inserimento dei gettoni o delle monete il costo del ciclo di asciugatura scala fino a che,
all’inserimento dell’ultimo gettone o dell’ultima moneta il display indica
“00” lampeggiante
Con porta chiusa appare la scritta:
“PREMERE START”
Premere il pulsante START per avviare il ciclo di asciugatura.
9
www.groupdynamics-laundry.com
sales@groupdynamics.lv
Con la porta aperta appaiono le due scritte:
“caricare la biancheria”
“chiudere la porta”
Alla partenza del ciclo di asciugatura sul display sono visualizzate le normali indicazioni presenti
anche nella apparecchiature non previste per il funzionamento libero – self-service.
Attenzione!
• Il numero di gettoni o monete inseriti e non utilizzati rimane
memorizzato in caso di caduta della rete elettrica.
• Il credito massimo, ovvero il numero massimo di gettoni
conteggiati è pari a 10.
• Il credito massimo, ovvero il valore massimo accumulabile in
formato monetario, è di 20,00€.
È possibile azzerare il credito residuo con macchina in attesa di iniziare il ciclo di asciugatura e
con la porta aperta seguendo la procedura qui illustrata che deve essere portata a termine entro
il tempo massimo di 10 secondi:
•
•
Premere 5 volte consecutive il tasto ECO;
Premere 5 volte consecutive il tasto START;
La conferma dell’avvenuto azzeramento del credito eventualmente residuo avviene con il messaggio a tutto display
“CREDITO AZZERATO”
NOTA
Il conteggio dei 10 secondi parte dalla prima pressione del tasto ECO.
Attenzione!
• Possono essere eseguiti solo i cicli di asciugatura abilitati;
• Non è possibile accedere alla programmazione dei parametri
opzionali;
• Non è possibile inserire una pausa durante il ciclo di asciugatura;
• In caso di caduta rete durante un ciclo di asciugatura, al ritorno
della tensione questo riparte solo dopo la pressione del pulsante
di START senza dover inserire altri gettoni/monete.
• I parametri opzionali abilitati prima dell’inserimento di P3
rimangono attivi anche dopo la abilitazione della gettoniera
(tranne “Partenza ritardata ciclo”).
6.4.7
APERTURA E CHIUSURA PORTA
Per aprire la porta agire sulla maniglia e tirare.
Processo inverso per la chiusura.
La porta non è dotata di dispositivi di blocco/sblocco e può essere aperta anche a ciclo di
asciugatura in corso.
L’apertura della porta a ciclo di asciugatura in corso comporta l’arresto immediato della
rotazione del cesto e la comparsa dell’allarme “E2 : porta aperta”.
Chiudere la porta e premere il pulsante di START per far ripartire il ciclo di asciugatura.
10
www.groupdynamics-laundry.com
sales@groupdynamics.lv
6.5 CONSIGLI UTILI PER L’USO DELL’APPARECCHIATURA
Il carico nominale di biancheria s’intende eseguito con biancheria centrifugata con fattore G ≥
400 e % UR≤50.
Per tessuti resistenti tipo cotone o lino e consigliato l’uso del carico nominale mentre per tessuti
delicati-sintetici e consigliato l’uso a carico ridotto. Questo consente un’azione meno energica.
Dove non sia strettamente necessario è consigliabile effettuare cicli con carico e temperatura di
riscaldamento ridotti per diminuire il consumo energetico dell’apparecchiatura, con conseguente
riduzione dei tempi di esecuzione del ciclo stesso.
Attenzione!
• Non toccare il vetro della porta poichè durante
il funzionamento dell’apparecchiatura potrebbe
diventare molto caldo. Porre attenzione
all’indicazione riportata.
6.5.1
Segno grafico
SIMBOLI (ETICHETTE) APPLICATI SUI TESSUTI
Segni grafici di base
Lavaggio a umido: per il lavaggio ad umido il simbolo è una vaschetta.
Candeggio al cloro: per il candeggio al cloro il simbolo è un triangolo.
Stiratura: per la stiratura il simbolo è la sagoma di un ferro da stiro.
Manutenzione tessile professionale.
Pulitura ad umido professionale.
Asciugatura a mezzo di asciugabiancheria a tamburo rotativo: per l'asciugatura a mezzo di asciugabiancheria a tamburo rotativo dopo il lavaggio, il simbolo è un cerchio inscritto in un quadrato.
Segno grafico
Segni grafici di base
Trattamento non ammesso: oltre ai 5 segni grafici precedenti la croce di S.Andrea posta su uno di tali
segni grafici indica che il trattamento espresso da quel particolare segno grafico non deve essere eseguito.
Trattamento moderato: oltre ai primi 5 segni grafici, la barra sotto la vaschetta o il cerchio indica che
il trattamento dovrebbe essere eseguito in modo moderato rispetto al trattamento corrispondente allo
stesso segno grafico senza barra.
Trattamento molto moderato: oltre ai primi 5 segni grafici, la barra interrotta sotto la vaschetta indica un
trattamento di lavaggio molto moderato.
Segno grafico
Segni grafici complementari
Temperatura massima: 95°C.
Azione meccanica normale.
Risciacquo normale.
Centrifugazione normale.
Temperatura massima: 95°C.
Azione meccanica ridotta.
Risciacquo a temperatura gradualmente decrescente (per immissione graduale di acqua fredda).
Centrifugazione ridotta.
Temperatura massima: 70°C.
Azione meccanica normale.
Risciacquo normale.
Centrifugazione normale
11
www.groupdynamics-laundry.com
Temperatura massima: 60°C.
sales@groupdynamics.lv
Azione meccanica normale.
Risciacquo normale.
Centrifugazione normale
Temperatura massima: 60°C.
Azione meccanica ridotta.
Risciacquo a temperatura gradualmente decrescente (per Immissione graduale di acqua fradda).
Centrifugazione ridotta
Temperatura massima: 50°C.
Azione meccanica ridotta.
Risciacquo a temperatura gradualmente decrescente (per Immissione graduale di acqua fredda).
Centrifugazione ridotta
Temperatura massima: 40°C.
Azione meccanica ridotta.
Risciacquo a temperatura gradualmente decrescente (per Immissione graduale di acqua fredda).
Centrifugazione ridotta
Temperatura massima: 40°C.
Azione meccanica molto ridotta.
Risciacquo normale.
Centrifugazione normaleNon torcere
Temperatura massima: 40°C.
Azione meccanica molto ridotta.
Risciacquo normale.
Centrifugazione ridotta
Lavaggio solo a mano.
Non lavare a macchina- temperatura massima 30°C.
Trattare con cura
Non lavare in acqua.
Allo stato umido trattare con cura.
Segno grafico
Asciugatura a mezzo di asciugabiancheria a tamburo rotativo
Asciugatura a mezzo di asciugabiancheria a tamburo rotativo ammessa.
Programma di asciugatura normale
Asciugatura a mezzo di asciugabiancheria a tamburo rotativo ammessa.
Programma di asciugatura a temperatura ridotta
Non asciugare a mezzo di asciugabiancheria a tamburo rotativo
Segno grafico
Asciugatura Naturale
Asciugatura appeso. L'articolo tessile è asciugato appendendolo UMIDO ad una linea dopo l'estrazione di
acqua eccedente.
Asciugatura per gocciolamento. Il capo tessile è asciugato appendendolo bagnato sgocciolante, con o
senza rimodellare o lisciare, senza estrazione di acqua eccedente.
Asciugatura in piano. L'articolo tessile è rimodellato e asciugato su di una superficie piana dopo
l'estrazione dell'acqua eccedente.
Asciugatura all'ombra. Questo simbolo è posto a fianco dei simboli di asciugatura appeso, per gocciolamento o in piano per indicare che il processo deve essere effettuato lontano dall'azione diretta del sole.
Segno grafico
Candeggio
Ammesso il candeggio al cloro solo a freddo ed in soluzione diluita.
Non candeggiare al cloro.
Qualsiasi agente candeggiante ossidante permesso.
Consentito solo candeggio ossidante senza cloro.
12
www.groupdynamics-laundry.com
sales@groupdynamics.lv
NON candeggiare.
Segno grafico
Stiratura
Temperatura massima della piastra stirante: 200°C.
Temperatura massima della piastra stirante: 150°C.
Temperatura massima della piastra stirante: 110°C.
A vapore può essere rischiosa la stiratura.
Non stirare.La stiratura a vapore ed i trattamenti a vapore non sono ammessi.
Segno grafico
Manutenzione tessile professionale
Lavaggio a secco con tutti i solventi normalmente utilizzati nel lavaggio a secco, compresi i solventi indicati per li segno P nonchè il tricloroetilene e 1.1.1-tricloroetano.
Lavaggio a secco con tetracloroetilene, monofluoro-triclorometano nonchè tutti i solventi indicati per il
segno F.
Trattamenti di lavaggio normali, senza restrizioni.
Lavaggio a secco con i solventi indicati al punto precedente.
Severe limitazioni all'aggiunta di acqua e/o all'azione meccanica e/o alla temperatura di lavaggio e/o asciugatura.
Non lavare a secco presso lavanderie automatiche a gettone.
Lavaggio a secco con trifluorotricloroetano, idrocarburi (punto di ebollizione tra i 150°C ed i 200°C, punto
di infiammabilità tra i 38°C ed i 60°C).
Trattamenti di lavaggio normali, senza restrizioni.
Lavaggio a secco con i solventi indicati al punto precedente.
Severe limitazioni all'aggiunta di acqua e/o all'azione meccanica e/o alla temperatura di lavaggio e/o asciugatura.
Non lavare a secco presso lavanderie automatiche gettone.
Pulitura ad umido professionale.
Procedimento normale.
Pulitura ad umido professionale.
Procedimento delicato.
Pulitura ad umido professionale.
Procedimento molto delicato.
Non lavare a secco.
Non smacchiare con solventi.
6.6 PARTENZA DI UN PROGRAMMA DI ASCIUGATURA
Partenza del ciclo di aciugatura:
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Verificare che il cesto sia vuoto e pulito.
Caricare biancheria con le stesse caratteristiche (tipo di tessuto) e le stesse necessità di
asciugatura.
Controllare le etichette presenti su ogni capo e seguire le indicazioni riportate. Prima di
asciugare qualsiasi capo fare attenzione che gli eventuali bottoni, cerniere, fermagli e fibbie
siano rivolti verso l’interno.
Controllare le tasche: devono essere vuote.
Aprire le saracinesche del vapore e scarico/recupero della condensa (per apparecchiature
con questo tipo di riscaldamento).
Aprire le saracinesche del gas (per apparecchiature con questo tipo di riscaldamento).
Alimentare l’apparecchiatura. Verificare l’accensione del display dell’apparecchiatura. Attendere qualche secondo che appaia sul display dell’apparecchiatura la configurazione di attesa
selezione ciclo .
Selezionare il ciclo tramite il pulsante SEL secondo quanto riportato sulle etichette dei capi
da asciugare.
Chiudere la porta e premere il pulsante START/STOP.
13
www.groupdynamics-laundry.com
sales@groupdynamics.lv
Capacità di carico massima dell’apparecchiatura ( biancheria asciutta)
modello
6.6.1
EB10 = Kg 10
EB15 = Kg 15
EB25 = 25Kg
EB33 = 33Kg
EB41 = 41Kg
AVVIO DEL CICLO DI ASCIUGATURA.
Temperatura
Numero
programma di asciugatura
Accensione
Messaggio di avvio con
visualizzazione versione
FW-sofware e versione
apparecchiatura
P 01
Selezione
ECO
90°C
Durata totale del
programma
00:30
Denominazione programma
Stato porta
Cambia
funzione
ECO
Macchina
pronta
Cambia
ciclo
NO
SI
Porta chiusa?
Chiudere la
porta
Esecuzione
programma
P 01
fase in corso
Finito il ciclo l’apparecchiatura segnala la fine del programma con un messaggio acustico e
appare sul display il messaggio “FINE CICLO”.
Attenzione!
• Prima di procedere all’apertura accertarsi sempre che il cesto sia
fermo e che la temperatura interna sia scesa sotto i 40°C.
• Non inserire nell’apparecchiatura biancheria che sia stata
pulita, bagnata, lavata o smacchiata con sostanze infiammabili o
esplosive. Procedere prima con un lavaggio a mano.
Termine del lavoro: eseguire le seguenti operazioni.
•
•
•
•
Lasciare la porta aperta.
Togliere tensione all’apparecchiatura tramite l’interruttore generale.
Chiudere i rubinetti del gas, del vapore e del recupero/scarico della condensa (sulle apparecchiature con questo tipo di riscaldamento).
Sezionare l’apparecchiatura dalla rete elettrica.
Attenzione!
• Non lasciare l’apparecchio inutilmente alimentato dalla rete
elettrica.
• SPEGNERE l’interruttore generale dell’apparecchio quando lo
stesso non è utilizzato.
14
www.groupdynamics-laundry.com
sales@groupdynamics.lv
6.7 ESECUZIONE AUTOMATICA DI UN PROGRAMMA
Il controllo elettronico è già fornito con alcuni cicli di asciugatura standard.
Alla pressione del pulsante di START il controllo elettronico esegue le fasi necessarie per il ciclo
di asciugatura selezionato. La sequenza base del ciclo di asciugatura prevede:
•
•
•
•
fase
fase
fase
fase
di verifica dell’eventuale sovraccarico di biancheria caricata;
di riscaldamento;
asciugatura, con il mantenimento della temperatura di set point;
raffreddamento.
Alcune fasi non sono presenti su tutti i cicli di asciugatura!
Ogni fase di cui si compone il ciclo di asciugatura può avere un’azione di movimento del cesto e
temperatura dedicate per il tipo di tessuto da trattare.
6.8 DESCRIZIONI DEI PROGRAMMI STANDARD FORNITI CON L’APPARECCHIATURA MODELLI KG10 E KG15
Tabella B1
B1
Ciclo
N
Nome ciclo
ASCIUGATURA
Raffreddamento
Motore
Riscaldamento
Temperatura
Mantenimento
Potenza
Riscaldamento
Tempo
Temperatura
Attivazione Dx/
Sx
Tempo di
pausa
Velocità
[°C]
[min]
[%]
min.
ºC
[s]
[s]
[rpm]
1
Asciugamani
140
37
95
4
30
30
1
46
Standard
2
Cotone leggero
120
33
95
3
30
30
1
48
Standard
3
Cotone medio
120
36
95
3
30
30
1
47
Standard
4
Sintetico
80
22
95
2
30
45
1
48
Standard
5
Delicato
90
27
95
3
30
60
1
49
Standard
6
Energico normale
135
32
95
3
30
30
1
48
Standard
7
Energico medio
135
37
95
3
30
30
1
47
Standard
8
Intensivo
140
27
95
4
30
25
1
48
Standard
9
Intensivo
pesante
140
32
95
4
30
25
1
48
Standard
10
Misto sintetico
90
22
95
3
30
30
1
47
Standard
11
Asciugamani
140
37
95
4
30
30
1
46
Standard
12
Cotone leggero
120
33
95
3
30
30
1
48
Standard
13
Cotone medio
120
36
95
3
30
30
1
47
Standard
14
Sintetico
80
22
95
2
30
45
1
48
Standard
15
Delicato
90
27
95
3
30
60
1
49
Standard
16
Energico normale
135
32
95
3
30
30
1
48
Standard
17
Energico medio
135
37
95
3
30
30
1
47
Standard
18
Intensivo
140
27
95
4
30
25
1
48
Standard
19
Intensivo
pesante
140
32
95
4
30
25
1
48
Standard
20
Misto sintetico
90
22
95
3
30
30
1
47
Standard
15
www.groupdynamics-laundry.com
sales@groupdynamics.lv
Tabella C1
C1
Ciclo
N
Nome ciclo
1
Cotone Pesante
2
3
4
5
ASCIUGATURA
Raffreddamento
Temperatura
Mantenimento
Potenza
Riscaldamento
Tempo
[°C]
[min]
[%]
140
30
95
Cotone
125
30
Spugna
110
30
Sintetico
100
Delicato
90
Motore
Riscaldamento
Temperatura
Attivazione Dx/
Sx
Tempo di
pausa
Velocità
min.
ºC
[s]
[s]
[rpm]
5
30
30
1
48
Standard
95
5
30
30
1
48
Standard
95
5
30
30
1
46
Standard
30
95
3
30
45
1
48
Standard
30
95
3
30
60
1
48
Standard
Tabella D1
D1
Ciclo
N
Nome ciclo
1
Camicie cotone
ASCIUGATURA
Raffreddamento
Motore
Riscaldamento
Temperatura
Mantenimento
Potenza
Riscaldamento
Tempo
Temperatura
Attivazione Dx/
Sx
Tempo di
pausa
Velocità
[°C]
[min]
[%]
min.
ºC
[s]
[s]
[rpm]
100
20
95
5
30
30
1
46
Standard
2
Lana
60
10
95
5
30
30
1
60
Standard
3
Merinos
70
27
95
5
30
30
1
60
Standard
4
Capi Spalla
90
20
95
3
30
45
1
70
Standard
5
Piumoni
120
30
95
3
30
60
1
50
Standard
6
Giacche a vento
130
20
95
5
30
30
1
46
Standard
Tabella E1
E1
Ciclo
N
Nome ciclo
ASCIUGATURA
Raffreddamento
Motore
Riscaldamento
Temperatura
Mantenimento
Potenza
Riscaldamento
Tempo
Temperatura
Attivazione Dx/Sx
Tempo di
pausa
Velocità
[°C]
[min]
[%]
min.
ºC
[s]
[s]
[rpm]
automatico
1
Towels & Bathrobes
130
30
95
5
30
30
1
46
Standard
2
Clothing hand iron
125
22
95
5
30
30
1
46
Standard
3
Sheets roller iron
125
27
95
5
30
30
1
46
Standard
4
Siynthetic
90
20
95
3
30
45
1
46
Standard
5
Siynthetic delicate
80
25
95
3
30
60
1
46
Standard
6
Mixed cotton 100%
Dry
130
20
95
5
30
30
1
46
Standard
7
Mixed Heavy 100%
Dry
130
30
95
5
30
30
1
46
Standard
8
Intensive hot 15
min
140
15
95
5
30
25
1
46
Standard
9
Intensive hot 20
min
140
20
95
5
30
25
1
46
Standard
10
Test
60
8
95
3
30
30
1
46
Standard
11
Towels & Bathrobes
130
30
95
5
30
30
1
46
Standard
12
Clothing hand iron
125
22
95
5
30
30
1
46
Standard
13
Sheets roller iron
125
27
95
5
30
30
1
46
Standard
14
Siynthetic
90
20
95
3
30
45
1
46
Standard
15
Siynthetic delicate
80
25
95
3
30
60
1
46
Standard
16
Mixed cotton 100%
Dry
130
20
95
5
30
30
1
46
Standard
17
Mixed Heavy 100%
Dry
130
30
95
5
30
30
1
46
Standard
18
Intensive hot 15
min
140
15
95
5
30
25
1
46
Standard
19
Intensive hot 20
min
140
20
95
5
30
25
1
46
Standard
20
Test
60
8
95
3
30
30
1
46
16
www.groupdynamics-laundry.com
sales@groupdynamics.lv
6.9 DESCRIZIONI
DEI PROGRAMMI STANDARD FORNITI CON L’APPARECCHIATURA
MODELLI KG25, KG33 E KG41
Tabella A2
A2
Ciclo
N
Nome ciclo
ASCIUGATURA
Raffreddamento
Motore
Riscaldamento
Temperatura
Mantenimento
Potenza
Riscaldamento
Tempo
Temperatura
Attivazione Dx/Sx
Tempo di
pausa
Velocità
[°C]
[min]
[%]
min.
ºC
[s]
[s]
[rpm]
147
45
95
5
30
30
1
41
Standard
1
Asciugamani
2
Cotone leggero
140
41
95
5
30
30
1
41
Standard
3
Cotone medio
150
44
95
5
30
30
1
41
Standard
4
Sintetico
80
30
95
3
30
45
1
41
Standard
5
Delicato
90
35
95
3
30
60
1
41
Standard
6
Energico normale
150
40
95
5
30
30
1
41
Standard
7
Energico medio
145
45
95
5
30
30
1
41
Standard
8
Intensivo
147
35
95
5
30
25
1
41
Standard
9
Intensivo pesante
147
40
95
5
30
25
1
41
Standard
10
Misto sintetico
90
30
95
3
30
30
1
41
Standard
11
Asciugamani
147
45
95
5
30
30
1
41
Automatico
12
Cotone leggero
140
41
95
5
30
30
1
41
Automatico
13
Cotone medio
150
44
95
5
30
30
1
41
Automatico
14
Sintetico
80
30
95
3
30
45
1
41
Automatico
15
Delicato
90
35
95
3
30
60
1
41
Automatico
16
Energico normale
150
40
95
5
30
30
1
41
Automatico
17
Energico medio
145
45
95
5
30
30
1
41
Automatico
18
Intensivo
147
35
95
5
30
25
1
41
Automatico
19
Intensivo pesante
147
40
95
5
30
25
1
41
Automatico
20
Misto sintetico
90
30
95
3
30
30
1
41
Automatico
Tabella B2
B2
Ciclo
N
Nome ciclo
ASCIUGATURA
Raffreddamento
1
Asciugamani
2
Cotone leggero
140
41
95
3
Cotone medio
140
47
95
4
Sintetico
80
30
95
5
Delicato
90
35
95
6
Energico normale
145
42
95
5
30
30
1
41
Standard
7
Energico medio
142
47
95
5
30
30
1
41
Standard
8
Intensivo
140
38
95
5
30
25
1
41
Standard
9
Intensivo pesante
140
43
95
5
30
25
1
41
Standard
Temperatura
Mantenimento
Potenza
Riscaldamento
Tempo
[°C]
[min]
[%]
140
50
95
Motore
Riscaldamento
Temperatura
Attivazione Dx/Sx
Tempo di
pausa
Velocità
min.
ºC
[s]
[s]
[rpm]
5
30
30
1
41
Standard
5
30
30
1
41
Standard
5
30
30
1
41
Standard
3
30
45
1
41
Standard
3
30
60
1
41
Standard
10
Misto sintetico
90
30
95
3
30
30
1
41
Standard
11
Asciugamani
140
50
95
5
30
30
1
41
Automatico
12
Cotone leggero
140
41
95
5
30
30
1
41
Automatico
13
Cotone medio
140
47
95
5
30
30
1
41
Automatico
14
Sintetico
80
30
95
3
30
45
1
41
Automatico
15
Delicato
90
35
95
3
30
60
1
41
Automatico
16
Energico normale
145
42
95
5
30
30
1
41
Automatico
17
Energico medio
142
47
95
5
30
30
1
41
Automatico
18
Intensivo
140
38
95
5
30
25
1
41
Automatico
19
Intensivo pesante
140
43
95
5
30
25
1
41
Automatico
20
Misto sintetico
90
30
95
3
30
30
1
41
Automatico
17
www.groupdynamics-laundry.com
sales@groupdynamics.lv
Tabella C2
C2
Ciclo
N
Nome ciclo
1
Cotone Pesante
2
Cotone
ASCIUGATURA
Raffreddamento
Temperatura
Mantenimento
Potenza
Riscaldamento
Tempo
[°C]
[min]
[%]
140
30
95
125
30
95
Motore
Riscaldamento
Temperatura
Attivazione Dx/Sx
Tempo di
pausa
Velocità
automatico
min.
ºC
[s]
[s]
[rpm]
5
30
30
1
48
Disabilitato
5
30
30
1
48
Disabilitato
3
Spugna
110
30
95
5
30
30
1
46
Disabilitato
4
Sintetico
100
30
95
3
30
45
1
48
Disabilitato
5
Delicato
90
30
95
3
30
60
1
48
Disabilitato
Tabella D2
D2
Ciclo
N
Nome ciclo
1
Camicie cotone
ASCIUGATURA
Raffreddamento
Motore
Riscaldamento
Temperatura
Mantenimento
Potenza
Riscaldamento
Tempo
Temperatura
Attivazione Dx/Sx
Tempo di
pausa
Velocità
[°C]
[min]
[%]
min.
ºC
[s]
[s]
[rpm]
100
20
95
5
30
30
1
41
automatico
Disabilitato
2
Lana
60
10
95
5
30
30
1
55
Disabilitato
3
Merinos
70
27
95
5
30
30
1
55
Disabilitato
4
Capi Spalla
90
20
95
3
30
45
1
41
Disabilitato
5
Piumoni
120
30
95
3
30
60
1
41
Disabilitato
6
Giacche a vento
130
20
95
5
30
30
1
41
Disabilitato
Tabella E2
E2
Ciclo
N
Nome ciclo
ASCIUGATURA
Raffreddamento
Motore
Riscaldamento
Temperatura
Mantenimento
Potenza
Riscaldamento
Tempo
Temperatura
Attivazione Dx/Sx
Tempo di
pausa
Velocità
[°C]
[min]
[%]
min.
ºC
[s]
[s]
[rpm]
automatico
1
Towels & Bathrobes
130
30
95
5
30
30
1
41
Disabilitato
2
Clothing hand iron
125
22
95
5
30
30
1
41
Disabilitato
3
Sheets roller iron
125
27
95
5
30
30
1
41
Disabilitato
4
Siynthetic
90
20
95
3
30
45
1
41
Disabilitato
5
Siynthetic delicate
80
25
95
3
30
60
1
41
Disabilitato
6
Mixed cotton 100%
Dry
130
20
95
5
30
30
1
41
Disabilitato
7
Mixed Heavy 100%
Dry
130
30
95
5
30
30
1
41
Disabilitato
8
Intensive hot 15
min
140
15
95
5
30
25
1
41
Disabilitato
9
Intensive hot 20
min
140
20
95
5
30
25
1
41
Disabilitato
10
Test
60
8
95
3
30
30
1
41
Disabilitato
11
Towels & Bathrobes
130
30
95
5
30
30
1
41
Abilitato
12
Clothing hand iron
125
22
95
5
30
30
1
41
Abilitato
13
Sheets roller iron
125
27
95
5
30
30
1
41
Abilitato
14
Siynthetic
90
20
95
3
30
45
1
41
Abilitato
15
Siynthetic delicate
80
25
95
3
30
60
1
41
Abilitato
16
Mixed cotton 100%
Dry
130
20
95
5
30
30
1
41
Abilitato
17
Mixed Heavy 100%
Dry
130
30
95
5
30
30
1
41
Abilitato
18
Intensive hot 15
min
140
15
95
5
30
25
1
41
Abilitato
19
Intensive hot 20
min
140
20
95
5
30
25
1
41
Abilitato
20
Test
60
8
95
3
30
30
1
41
Abilitato
18
www.groupdynamics-laundry.com
sales@groupdynamics.lv
Attenzione!
•
•
6.10
Nel caso in cui l’apparecchiatura sia stata riprogrammata da
tastiera o siano state attivate alcune delle funzioni speciali non
fare riferimento alle tabelle.
Il costruttore si riserva di modificare in qualsiasi momento le
caratteristiche dei cicli di asciugatura normalmente memorizzati
nelle apparecchiature.
INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE
Il controllo denominato G400 DRY, permette di modificare i cicli di asciugatura, i parametri e le
funzionalità dell’apparecchiatura.
Queste modifiche sono possibili in due modalità:
• permanente: avviene all’interno di specifici menù denominati MENU’ CICLO, MENU’
PARAMETRI e MENU’ SERVIZIO.
• non permanenete: avviene all’interno del ciclo in corso e le modifiche apportate durano
fino alla fine del ciclo stesso, riprendendo successivamente i valori di fabbrica.
La programmazione può avvenire nei modi seguenti:
• Agire sulla tastiera come illustrato nello schema a blocchi e successivamente descritto
nel paragrafi 6.11 e suoi sottoparagrafi.
• Utilizzare una smart card programmata con le modifiche necessarie.
• Utilizzare il PC con software e dispositivo di connessione dedicato.
Le apparecchiature che dispongono di un lettore Smart Card permettono in modo molto semplice di:
• Aggiornare il firmware dell’elettronica di comando con smart card da 128kB.
• Modificare programmi e parametri (software) con smart card da 16kB.
• Trasferire firmware o software da una macchina all’altra tramite smart card da 16kB o
128kB.
L’utilizzo del PC permette di:
• avere velocemente nuovi firmware o software tramite posta elettronica da poter installare direttamente nella scheda logica dell’apparecchiatura.
• creare delle smart card con l’utilizzo di un lettore da tavolo.
Attenzione!
• Il lettore di smart card a bordo macchina o da tavolo, le smart
card e il kit di programmazione tramite PC sono opzionali in
questo tipo di apparecchiature.
• Nel caso si desideri modificare la programmazione delle
apparecchiature con i dispositivi sopra elencati, contattare il
rivenditore o il servizio di assistenza tecnica. Vi veranno forniti
i dispositivi con le relative istruzioni necessarie a soddisfare al
meglio le Vostre esigenze.
• Se interessati, contattare il rivenditore o il servizio di assistenza
tecnica che vi forniranno delle smart card contenenti i cicli con
le modifiche da Voi richieste per meglio rispondere alle Vostre
esigenze.
Attenzione!
• Non leggere o programmare l’apparecchiatura se non si è
in possesso dell’appropriato cavetto e del software per il
PC: l’operazione potrebbe rivelarsi dannosa per le schede
elettroniche.
• Non tentare di leggere o programmare l’apparecchiatura con
delle smart card diverse da quelle originali (bancomat, carte di
credito, tessere videonoleggi etc.) poiché si danneggieranno
irreparabilmente. Il costruttore NON risponde per errati e
impropri utilizzi del lettore smart card eventualmente presente
nell’apparecchiatura.
19
www.groupdynamics-laundry.com
sales@groupdynamics.lv
Attenzione!
• Nel caso in cui manchi tensione durante qualsiasi fase di
programmazione, i dati modificati non vengono memorizzati e si
rende necessario ripetere il procedimento dall’inizio.
6.10.1
INTERFACCIA UTENTE
Il display a bordo dell’apparecchiatura ha sempre sfondo verde con il testo, le icone e tutti i
parametri di colore nero. (I colori dello sfondo utilizzati su questo manuale servono solamente
per aiutare a capire la parte del menù in corso.)
A ogni pressione dei pulsanti vi é l’emissione di un breve beep. Alla fine del ciclo di asciugatura
l’apparecchiatura segnala l’evento con l’emissione di una sequenza di suoni per 15 secondi.
E’ possibile interrompere questa sequenza premendo il pulsante “ – “.
Il funzionamento del buzzer può essere inibito modificando l’impostazione relativa nel menù
PARAMETRI MACCHINA.
Qui di seguito vengono riportati i simboli dei pulsanti del G400 DRY utilizzati per la navigazione
all’interno dei menù, la programmazione e l’utilizzo dell’apparecchiatura.
Simbolo
Denominazione
Descrizione
START/STOP
Pulsante di avvio ciclo, avanzamento forzato del ciclo di asciugatura e fine
ciclo. Usato nei testi dei “commenti” per cancellare il carattere selezionato.
MODE
Pulsante per entrare e uscire dall’indirizzo del menù, uscire senza confermare variazioni o visualizzare informazioni durante l’esecuzione del programma.
ECO
Pulsante per ridurre l’isteresi di mantenimento della temperatura per il ciclo
di asciugatura selezionato e la temperatura allo scarico.
MENO
Pulsante per cambiare voce sul menù, decrementare il valore visualizzato,
spostarsi verso sinistra nei testi o commenti.
PIU
Pulsante per cambiare voce sul menù, decrementare il valore visualizzato,
spostarsi verso destra nei testi o commenti.
ENTER
Pulsante per confermare il valore visualizzato, entrare nella voce del menù
visualizzata o confermare il carattere da modificare.
SEL
Pulsante per selezionare il programma o per selezionare le lettere (in caso
di inserimento testi, commenti o nome manutentore).
Attenzione! Funzione ECONOMY
• Questa funzione riduce l’isteresi di riscaldamento e nelle
apparecchiature con doppia sonda anche la temperatura allo
scarico. Non è da intendersi come “pulsante ½ carico”.
20
www.groupdynamics-laundry.com
sales@groupdynamics.lv
6.10.2
STRUTTURA BASE DEI MENU’ DI PROGRAMMAZIONE
Cambia
ciclo
Possibilità preset , programmazione con PC
o con smart card ( vedi istruzioni specifiche)
Numero
programma
Messaggio di avvio con
visualizzazione versione
FW-sofware e versione
apparecchiatura
Accensione
Inserire nome del tecnico usando i
tasƟ SEL , + e – ed Enter
P 01
90°C
Durata totale del
programma
00:30
Denominazione programma
Stato porta
MANUTENZIONE
Cicli
Temperatura
del lavaggio
Macchina
pronta
Selezione
ECO
0/0750
Appare per qualche secondo la
conferma azzeramento cicli
Cambia
funzione
ECO
MANUTENZIONE
Tecnico :
MANUTENZIONE
MANUTENZIONE
Ore
Giorno
0/0750
Selezionare
giorno mese
e anno con
tasƟ + e –
confermare
con enter
dd/mm/aa
Tenere
premuto
per 8”
SI
Porta chiusa?
NO
Programmazione
CICLO 01
10 volte
in 15”
Asciugamani
Programmazione
CICLO
Programmazione
PAR.MACCHINA
RAFFREDDARE
CALIBRAZIONI
Programmazione
Chiudere oblò
PAR.MACCHINA
Chiudere oblò
Servizio
INSERIRE PASSWORD
Programmazione
SERVIZIO
PAR.MACCHINA
CALIBRAZIONI
Oblò chiuso
Esecuzione
programma
P 01
fase in corso
PAR.MACCHINA
Esecuzione
calibrazione
CALIBRAZIONI
21
P 01
90°C
00:30
Denominazione programma
Stato porta
www.groupdynamics-laundry.com
sales@groupdynamics.lv
6.11
PROGRAMMAZIONE
6.11.1
VISUALIZZAZIONI E MODIFICHE DURANTE UN CICLO
Durante l’esecuzione del programma è possibile visualizzare e cambiare alcune funzioni quali:
•
•
•
•
•
Tempo di mantenimento della temperatura.
Temperatura massima di asciugatura.
Temperatura di raffreddamento
Tempo di raffreddamento
Velocità di rotazione del cesto.
Procedere come segue:
•
•
•
Premere il pulsante MODE durante l’esecuzione del ciclo di asciugatura.
Il display indica le attuali condizioni di lavoro quali:
• Temperatura reale e impostata (solo il valore di T1 nei modelli da 10kg e 15kg e
T1-T2 nei modelli da 25, 33 e 41kg di carico).
• Percentuale di intasamento del filtro.
• Corrente assorbita dai motori.
Premere il pulsante ENTER per passare alla visualizazzione dei vari parametri che possono essere gestiti con il ciclo in corso. Il passaggio da un parametro all’altro avviene
con il pulsante ENTER mentre la modifica dei valori con i pulsanti PIU’ e MENO.
Al paragrafo 6.3 di questo manuale è riportata la visualizzazione del display relativa alla procedura appena descritta.
Attenzione!
• Tutte le variazioni apportate in questo modo non sono
memorizzate ed a fine ciclo di asciugatura le impostazioni
ritornano quelle iniziali.
6.11.2
MENÙ CICLO
In questo menù si possono modificare i cicli di asciugatura qualora nessuno tra i 20 previsti dal
costruttore dell’apparecchiatura risponda alle Vostre esigenze
Se abilitati nel menù parametri questi cicli possono diventare 35.
Seguendo le indicazioni dello schema del paragrafo 6.10.2 o la sequenza sintetizzata qui di
seguito, si possono scegliere i parametri all’interno del menù ciclo.
SELEZIONE DEI PARAMETRI DA MODIFICARE:
Porta aperta -> MODE -> compare CICLO -> ENTER ->compare CICLO 01 -> con +/- selezionare il ciclo da modificare -> ENTER ->compare COMMENTO -> con +/- selezionare quale
parametro si desidera modificare tra quelli indicati nella tabella in seguito riportata.
Premendo MODE più volte si ritorna al livello di scelta precedente, finchè non ricompare a display la visualizzazione iniziale e l’apparecchiatura è pronta allo start.
22
www.groupdynamics-laundry.com
sales@groupdynamics.lv
Menù cicli di asciugatura
Selezionare il ciclo di asciugatura del quale si desidera cambiare le impostazioni.
Voci menù
Commento
Menù Riscalda
Tutte le scelte si eseguono modificando
il valore con i pulsanti
“+” e “-“, confermando
con “ENTER”.
Per tornare indietro
utilizzare “MODE”.
Menù Raffredda
Menù Finissaggio
Menù Umidità
Menù Motore
Valori ammessi
(Nome predefinito)
Inserimento del nome del ciclo in funzione
delle proprie necessità.(*)
Voci menù
Valori ammessi
Temperatura
•
•
(--)0 ÷ 140°C (10-15kg)
(--)0 ÷ 150°C (25-33-41kg)
Mantenimento
1 ÷ 140 min
Tempo settore 1
(0-100%)
Tempo settore 2
(0-100%)
Tempo settore 3
(0-100%)
Vel. settore 1
(0-130%)
Vel. settore 2
(0-130%)
Vel. settore 3
(0-130%)
Isteresi
(2-10°C)
Potenza riscaldamento
70 ÷ 100%
Valori impostati:
Pompa calore
Si/no
Controllo
•
•
•
Voci menù
Valori ammessi
Temperatura
-- ÷ 100°C
Tempo
-- ÷ 10min
Voci menù
Valori ammessi
No T2 - No S.Um.
Sonda T2
Sonda Umidità
Tempo
-- ÷ 60sec
Voci menù
Valori ammessi
Delta T2
Valore -- ÷ 100°C
Percentuale UR
Valore -- ÷ 50%
Timeout
Valore 5 ÷ 90min
Voci menù
Valori ammessi
Attivazione Dx/Sx
5 ÷ 240sec
Pausa
0 ÷ 5sec
Velocità
•
•
20 ÷ 80rpm (10-15kg)
20 ÷ 65rpm (25-33-41kg)
DESCRIZIONE VOCI MENU’ CICLO
COMMENTO
COMMENTO:
per inserire/variare la descrizione di un ciclo dopo averla selezionata:
• spostare il cursore con +/- fino al punto in cui si vuole inserire un carattere;
• premere il pulsante SEL ed il cursore lampeggierà;
• con +/- selezionare il carattere (lettera maiuscola, lettera minuscola, simbolo) desiderato;
• confermare la modifica con ENTER;
• modificare/inserire in successione i caratteri per completare la descrizione voluta;
• uscire premendo ENTER o MODE.
23
www.groupdynamics-laundry.com
RISCALDA
sales@groupdynamics.lv
TEMPERATURA:
permette l’impostazione del valore di temperatura del ciclo.
MANTENIMENTO:
permette di impostare la durata del ciclo.
TEMPO SETTORE 1-2-3; VELOCITA’ SETTORE 1-2-3:
l’apparecchiatura permette di gestire delle variazioni di velocità del cesto durante l’esecuzione
del ciclo. Queste variazioni sono espressi in percentuale rispetto alla durata e al numero di
giri impostati. Nei cicli preimpostati, questi valori sono 8%-80%-12% per il tempo settore e
110%-100%-95% per la velocità settore.
Questo significa per esempio che per i primi 8% del ciclo la rotazione del cesto avrà una velocità pari al 110% rispetto alla velocità impostata.
La variazione di velocità a tempo permette di raggiungere la miglior distribuzione della biancheria in funzione del suo stato di asciugatura e migliorare le prestazioni dell’apparecchiatura.
ISTERESI:
permette di regolare la termostatazione del riscaldamento. Il valore impostato rappresenta lo
scostamento (negativo) della temperatura sotto al quale si ravvia il riscaldamento.
POTENZA DI RISCALDAMENTO:
permette la salvaguardia delle resistenze nel caso di riscaldamento elettrico. Determina lo
spegnimento del riscaldamento dopo un tempo xx% di un valore predefinito indipendentemente dal raggiungimento o meno della temperatura impostata nel ciclo. Con riscaldamento
elettrico questo valore è preimpostato al 95% mentre è al 100%(funzione disabilitata) con
riscaldamento a gas o vapore.
POMPA CALORE:
funzione prevista ma non disponibile.
CONTROLLO:
permette di determinare la fine di un ciclo in funzione di una variazione di temperatura o di
umidità della biancheria con apposite sonde in alternativa al tradizionale conto alla rovescia impostato nel ciclo. Per poter disporre di queste funzioni sono necessarie una sonda di
temperatura(T2) o di umidità opzionali che dovranno essere montate nell’apparecchiatura
e abilitate dal MENU’ SERVIZIO. Al punto “umidità” di seguito descritto verranno impostati i
valori di riferimento.
RAFFREDDA
TEMPERATURA:
permette di far terminare la fase di raffreddamento al raggiungimento della temperatura
impostata. Se la condizione di temperatura è raggiunta prima del tempo impostato alla voce
TEMPO il ciclo risulta più breve e con valori di temperatura
TEMPO:
permette di determinare un tempo di raffreddamento.
FINISSAGGIO
TEMPO:
permette di determinare la durata dell’attivazione di una pompa dosatrice (optionale) per
l’erogazione di sostanze profumate non infiammabili a fine ciclo. La funzione è opzionale e
richiede l’applicazione di un apposito kit.
UMIDITÀ
DELTA T2:
permette di determinare in modo approssimativo la fine di un ciclo di asciugatura in base alla
temperatura dei fumi di scarico. Il valore di “delta T2” rappresenta la variazione di temperatu-
24
www.groupdynamics-laundry.com
sales@groupdynamics.lv
ra allo scarico rispetto una lettura campionata ad inizio ciclo. Questo parametro non è visibile
se la sonda di temperatura T2 non è abilitata nel “menù servizio” e se in “menù ciclo -> controllo” non è stato selezionato il fine ciclo con “sonda T2”.
La funzione è disponibile solamente con la sonda di temperatura T2 (opzionale) installata.
TIME OUT:
permette di dare un limite al ciclo indipendentemente dal raggiungimento della condizione
richiesta in delta T2 o l’umidità relativa impostata nel caso di fine ciclo con sonda di umidità
PERCENTUALE UR:
permette di determinare la fine di un ciclo al raggiungimento dell’umidità relativa (UR%)
impostata. Questo parametro non è visibile se la sonda di umidità non è abilitata nel “menù
servizio” e se in “menù ciclo -> controllo” non è stata selezionata il fine ciclo con “sonda di
umidità”.
La funzione è disponibile solamente con la sonda di umidità (opzionale) installata.
MOTORE
ATTIVAZIONE SX/DX:
permette di impostare il tempo di rotazione sx/dx del cesto.
PAUSA:
permette di stabilire la pausa tra una rotazione sx e una dx.
VELOCITA’:
permette di impostare la velocità di rotazione del cesto.
6.11.3
MENÙ PARAMETRI MACCHINA
In questo menù è possibile abilitare o meno dei cicli o alcune loro funzioni.
Seguendo le indicazioni dello schema del paragrafo 6.10.2 o la sequenza sintetizzata qui di seguito, si possono scegliere i parametri all’interno del menù parametri macchina.
SELEZIONE DEI PARAMETRI DA MODIFICARE:
Porta aperta -> MODE -> compare CICLO -> con +/- selezionare MENÙ PARAMETRI MACCHINA
-> ENTER -> compare RAFFREDDA -> con +/- selezionare il parametro voluto _> ENTER.
Premendo MODE più volte si ritorna al livello di scelta precedente, finchè non ricompare a display la visualizzazione iniziale e l’apparecchiatura è pronta allo start.
Menù parametri macchina
Selezionare il parametro che si desidera modificare.
Raffredda
Tutte le scelte si eseguono modificando
il valore con i pulsanti
“+” e “-“, confermando
con “ENTER”.
Per tornare indietro
utilizzare “MODE”.
Ritardo start
Buzzer
Abilitazione
Antipiega
Visualizzazione
Valori ammessi
ciclo 01
si/no per n°35 cicli
Visualizzazione
Valori ammessi
Disabilitato
abilitato/disabilitato
Visualizzazione
Valori ammessi
Abilitato (lampeggiante)
abilitato/disabilitato
Voci menù
Valori ammessi
Tempo
si/no per n°35 cicli
Visualizzazione
Valori ammessi
si/no per n°35 cicli
ciclo 01
25
www.groupdynamics-laundry.com
sales@groupdynamics.lv
DESCRIZIONE
VOCI MENU’ PARAMETRI MACCHINA
RAFFREDDA:
permette di abilitare o meno la fase di raffreddamento. Tale funzione può essere abitata/disabilitata per ogni singolo ciclo. Quando è stata selezionata questa funzione, compare “ciclo 01”
che normalmente è abilitato. Premendo ENTER lampeggia la scelta “si” oppure ”no”. Modificare
la scelta con +/- e confermare con ENTER. Allo stesso modo si può abilitare/disabilitare la funzione per ogniuno dei 35 cicli presenti
RITARDO START:
permette di programmare una partenza ritardata. Selezionando questa funzione viene visualizzato “disabilitato”. Premere ENTER -> premere + e compare “abilitato” -> ENTER -> viene
visualizzato “RITARDO START -> premere +/- e modificare il tempo di ritardo start -> ENTER
-> viene visualizzato nuovamente “RITARDO START -> premere MODE due volte. Selezionare
il ciclo e premere start. Partirà il conto alla rovescia dopo il quale avrà inizio il ciclo. Premendo
nuovamente START i ciclo parte indipendentemente dal conto alla rovescia.
BUZZER:
permette di abilitare o meno la segnalazione acustica alla pressione dei tasti. Entrando in
questo parametro compare abilitato/disabilitato lampeggiante. Modificare con +/- e premere
ENTER.
ABILITAZIONE:
permette l’abilitazione o meno all’utilizzo dei 35 cicli programmabili. Modificare la scelta con
ENTER -> +/- -> ENTER
ANTIPIEGA:
permette di abilitare o meno per ogni ciclo la funzione antipiega. Questa funzione permette di
movimentare la biancheria dopo la fine ciclo ad intervalli regolari. Abilitare la funzione con +/(scelta del ciclo) -> ENTER -> la scelta lampeggia -> +/- -> ENTER
6.11.4
MENÙ SERVIZIO
In questo menù sono presenti parametri ai quali si può accedere solamente conoscendo le
password di primo e secondo livello. Seguendo le indicazioni dello schema del paragrafo 6.10.2
o la sequenza sintetizzata qui di seguito, si possono scegliere i parametri all’interno del menù
servizio.
SELEZIONE DEI PARAMETRI DA MODIFICARE:
Porta aperta -> MODE -> compare CICLO -> con +/- selezionare MENÙ SERVIZIO -> ENTER
-> richiesta password 1 -> compare LINGUA -> con +/- selezionare il parametro voluto ->
ENTER -> richiesta o meno della password 2.
Premendo MODE più volte si ritorna al livello di scelta precedente, finchè non ricompare a display la visualizzazione iniziale e l’apparecchiatura è pronta allo start.
Nella tabella seguente sono elencati tutti i parametri presenti nel menù servizio. Successivamente verranno illustrati quelli relativi alla password 1. Gli altri, protetti da password 2, sono
disponibili solamente per la ditta produttrice e non sono generalmente necessari per interventi
di assistenza tecnica. Fanno eccezione “aspirazione” e “riscaldamento automatico” di cui si
ritiene utile dare spiegazione.
26
www.groupdynamics-laundry.com
sales@groupdynamics.lv
Menù servizio
Selezionare il parametro che si desidera modificare.
Accesso
Valori ammessi
Lingua
Password 1
Italiano-Inglese-Tedesco-FranceseSpagnolo-Rumeno-Portoghese-Russo.
Tipo gradi
Password 1
Celsius-Fahrenheit
Motore cesto
Password 1 + Password 2
---
Riscaldamento
Password 1 + Password 2
---
Password
Password 1 - Password 2
Password 1 - Password 2
Potenze: selezionare caratteristiche
apparecchiatura.
Consumi
Password 1
Parziale ultimo ciclo: lettura dati
parziali
Totali: lettura dati totali
Commenti
Blocco macchina
Test macchina
Tutte le scelte si eseguono modificando
il valore con i pulsanti
“+” e “-“, confermando
con “ENTER”.
Per tornare indietro
utilizzare “MODE”.
Gettoniera
Password 1
Grande
Piccolo
Codice blocco
Blocco/sblocco - n° cicli
Password 1
Avanzamento con start: istruzioni a
display
Password 1 + Password 2
Tipo: stepper-centrale pag.-get.
elettronica
Pagamento multiplo: si/no + n° gettoni
Temperatura reale
incrementale standard
incrementale maggiorata
Tabella risc.
Password 1
PID per risc.
Password 1 + Password 2
---
Sonde uscita
Password 1 + Password 2
no T2 - no sonda umidità
sonda T2
sonda umidità
sonda T2 e umidità
Manutenzione
Password 1 + Password 2
Ordinaria
straordinaria
storico
Storico allarmi
Password 1
lista ultimi errori
Economy
Password 1
Isteresi
T2 eco
Mantenimento ECO
Time out risc.
Password 1
5-60 minuti
Tab. acc.
Password 1 + Password 2
---
Tab. dec.
Password 1 + Password 2
---
Tab. Pausa
Password 1 + Password 2
---
Tab. depressione
Password 1 + Password 2
---
Aspirazione
Password 1 + Password 2
Aspirazione on/off
Aspirazione variabile
Risc. auto.
Password 1 + Password 2
n° ciclo abilitato/disabilitato
DESCRIZIONE VOCI MENU’ SERVIZIO
LINGUA:
permette di selezionare la lingua tra quelle indicate in tabella.
TIPO GRADI:
permette di passare da indicazioni in gradi Celsius o in gradi Fahrenheit.
PASSWORD:
permette di modificare le password di primo e secondo livello.
27
www.groupdynamics-laundry.com
sales@groupdynamics.lv
CONSUMI:
permette di impostare dei valori di potenza impegnata dalla batteria elettrica, di portata gas e
la potenza dei motore cesto e aspirazione tra una serie di valori preimpostati. In funzione dei
dati impostati (rilevabili dalla targhetta dati e dall’allegato tecnico dell’apparrecchiatura) vengono calcolati i consumi dell’ultimo ciclo effettuato ed il totale di quelli effettuati precedentemente divisi. Questi valori permettono di quantificare il cosume dellìapparecchiatura.
COMMENTI:
permette di modificare la descrizione delle schermate visualizzate durante l’accensione
dell’apparecchiatura. Le descrizioni sono di due formati e si possono modificare separatamente.
BLOCCO MACCHINA:
permette di impedire il funzionamento dell’apparecchiatura al termine di un numero prestabilito di cicli.
TEST MACCHINA:
permette di verificare il corretto funzionamento dell’apparecchiatura. Questa funzione verrà
trattato in un apposito paragrafo.
TABELLA RISCALDAMENTO:
permette di creare una lettura falsata della temperatura impostata.
STORICO ALLARMI:
permette di verificare gli ultimi 10 errori rilevati dalla scheda logica ed il ciclo in cui l’errore si è
verificato.
ECONOMY:
permette di modificare dei parametri relativi alla pressione del pulsante ECO.
• Isteresi: aumenta del valore impostato la normale isteresi (vedere RISCALDA del menù
ciclo.
• T2 eco: determina un limite di temperatura allo scarico e quindi nell’ambiente dove
vengono scaricate le fumane. E’ possibile solamente con T2 (opzionale).
• Mantenimento eco: determina la durata del ciclo dopo il raggiungimento di T2 eco.
TIME OUT RISCALDAMENTO:
determina un errore qualora non sia raggiunta la temperatura impostata nel ciclo entro un determinato tempo. Permette di controllare lo stato di efficienza del riscaldamento
dell’apparecchiatura.
ASPIRAZIONE:
permette di abilitare l’apirazione on/off (standard) o variabile nelle apparecchiatura da 25-3341 Kg. Normalmente l’apparecchiatura viene fornita dal produttore con la configurazione on/off
salvo richiesta specifica. Particolari condizioni di installo possono richiederne una applicazione
successiva. L’aspirazione automatica oltre a permettere condutture di scarico lunghe fino a 51
m (manuale di installazione capitoli 1-5), in condizioni più favorevoli regola la velocità di aspirazione in funzione della migliore resa dall’apparecchiatura.
Una errata impostazione nel menù servizio, determina una segnalazione di errore dopo pochi
secondi.
RISCALDAMENTO AUTOMATICO:
permette di eseguire dei cicli con un andamento particolare che determina la diminuzione dei
tempi di asciugatura utilizzando tutte le potenzialità dell’apparecchiatura (doppia sonda di
temperatura, variazione di velocità durante il ciclo, studi di laboratorio sull’andamento della
temperatura della biancheria durante il ciclo). Questi cicli sono possibili solamente con sonda
di temperatura T2 applicata. Nelle apparecchiature da 25-33-41 Kg ci sono già abilitati di serie
10 cicli standad (1-10) e 10 automatici (11-20).
28
www.groupdynamics-laundry.com
sales@groupdynamics.lv
6.11.5
CICLO TEST
L’apparecchiatura è provvista di un ciclo TEST per la verifica del corretto funzionamento di
tutte le proprie funzioni e dei microinterruttori relativi alla porta e allo sportello filtro. Si accede
al ciclo test dal menù servizio. A display vengono visualizzate le informazioni necessarie per il
suo svolgimento. Per avere esito positivo, tutte le operazioni devono esse ripetute n°2 volte.
Se tutto funziona correttamente viene visualizzato PASS.
Attenzione!
• Eseguire il ciclo test sempre con cesto vuoto.
• Il “ciclo test” NON è un ciclo di asciugatura ed ha come
unico scopo quello di verificare il corretto funzionamento
dell’apparecchiatura.
6.11.6
OPERAZIONE DI PRESET
Attenzione!
• La procedura di preset, se erroneamente eseguita, può causare
guasti e malfunzionamenti.
• Selezionare solo le opzioni realmente presenti
sull’apparecchiatura oggetto del preset dati.
• La procedura di preset dati se erroneamente eseguita può essere
ripetuta senza danneggiare la scheda elettronica.
• Se la procedura di preset dati non è stata eseguita correttamente
NON tentare di avviare un ciclo di asciugatura. Per esempio
selezione dell’apparecchiatura con fonte di riscaldamento
diverso da quello realmente presente.
• Deve essere eseguita da personale qualificato e seguendo
scrupolosamente le istruzioni riportate.
• Elimina tutte le modifiche ed eventuali programmi speciali
eseguiti o richiesti. Ripristina i valori ed i programmi standard.
• Non cancella lo storico allarmi, le ore lavorate ed il n° di cicli di
asciugatura eseguiti.
Per avviare la procedura di preset dare tensione all’apparecchiatura con i pulsanti PIU’ e MENO
premuti contemporaneamente e seguire poi le istruzioni a video. Nella tabella seguente vengono riportate le opzioni possibili. In funzione di queste scelte, l’apparecchiatura modificherà
molti parametri relativi ai menù ciclo, menù parametri e menù servizio automaticamente.
Al termine delle selezioni parte in automatico il preset. A display vengono visualizzate le indicazioni “preset in corso” e successivamente “preset eseguito” con segnalazione acustica. Per
completare l’operazione premere START o spegnere e riaccendere l’apparecchiatura.
29
www.groupdynamics-laundry.com
sales@groupdynamics.lv
Opzioni di preset
Avviare la procedura di preset e effettuare le scelte adeguate.
OPZIONI
IT - EN - DE - FR -ES - PT
-RO - RU
STD - UK
Tutte le scelte si eseguono modificando
il valore con i pulsanti
“+” e “-“, confermando
con “ENTER”.
Non è possibile ritornare al punto precedente con “MODE”.
6.12
DESCRIZIONE
Scelta della lingua
Configura l’apparecchiatura in modo standard o personalizzata UK.
Determinano la scelta della tabella cicli utilizzata (vedere paragrafi
6.8 e 6.9)
Normal - Gentlewash
Determinano un’ulteriore scelta tra le tabelle dei paragrafi 6.8 e 6.9.
I cicli GW (gentlewash) sono destinati al trattamento di biancheria
molto delicata
EB 10-15-25-33-41
Determinano la scelta di molti parametri fondamentali
dell’apparecchiatura. Una scelta errata potrebbe dare origine ad errori sistematici ed alla scelta di tabelle ciclo non adeguate.
TDE - Mitsubishi - MItsubishi+
Permettono di controllare la rotazione del motore cesto con variatori
di velocità con caratteristiche e produttori diversi. La scelta corretta
viene evidenziata automaticamente. Le altre opzioni sono presenti
per non precludere la possibiltà dell’utilizzo degli altri variatori di
velocità. Una scelta errata determina una segnalazione di errore alla
fine dell’operazione di preset.
Elettrico - Gas - Vapore
Viene selezionato una serie di impostazioni in funzione del tipo di
riscaldamento presente nell’apparecchiatura.
RIC. LEGA - STEPPER CASSA
Queste opzioni sono visualizzate solamente impostando nella scheda
logica il DS3=ON come descritto nel paragrafo 6.4.2 relativo al
funzionamento a libero servizio/self service. In tale paragrafo sono
descritte le caratteristiche dei sistemi di pagamento indicati.
FUNZIONI/SITUAZIONI ECCEZIONALI
In caso di mancanza di tensione di alimentazione durante l’esecuzione del programma
l’apparecchiatura si ferma in sicurezza fino al ripristino dell’alimentazione.
Attenzione!
• La temperatura all’interno del cesto è destinata ad alzarsi per i
primi minuti successivi alla mancanza di tensione.
Al ritorno della tensione di alimentazione l’apparecchiatura esegue un conto alla rovescia e appare la scritta “power fail” a display.
Alla fine del conto alla rovescia l’apparecchiatura visualizza il messaggio “START ?”.
Premere il pulsante di START/STOP per ripartire.
Il ciclo di asciugatura riparte dall’inizio della fase nella quale e mancata la tensione di alimentazione.
Se al ritorno della tensione di alimentazione la porta è aperta il ciclo si considera finito.
Lo stato dell’apparecchiatura è costantemente monitorato e in caso di anomalia compare
l’indicazione di una sigla di allarme. La sigla è del tipo “E0” oppure “E1” seguita da un numero
sul display (vedere paragrafo 7.7).
Se persiste la causa che ha generato la segnalazione dell’anomalia, all’accensione
dell’apparecchiatura o alla ripartenza del programma (l’operatore deve premere nuovamente il
pulsante START/STOP) ci sarà di nuovo la segnalazione dell’anomalia.
30
www.groupdynamics-laundry.com
sales@groupdynamics.lv
6.12.1
ABORTIRE PROGRAMMA IN CASO DI ANOMALIA
Attenzione!
• Gli allarmi generati dalla gestione motore e dall’inverter
richiedono molto tempo per essere resettati.
• Attendere almeno 5 minuti prima di riaccendere
l’apparecchiatura.
Trascorsi i 5 minuti alimentare nuovamente tramite la tensione di rete l’apparecchiatura.
6.13
SEGNALI DA OSSERVARE
Nel display possono apparire diversi messaggi o icone, per l’identificazioni delle funzio attive, lo
stato di avanzamento del ciclo o le anomalie. Queste ultime sono descritte nel paragrafo 7.7 .
6.14
MODULI OPZIONALI, SUPPLEMENTARI
Nelle apparecchiature è possibile richiedere i seguenti moduli opzionali che incrementano le
prestazione dell’apparecchiatura in termini di versatilità di controllo:
•
•
•
•
•
•
•
Kit aspirazione automatica (solo 25kg, 33kg e 41kg).
Sonda di temperatura T2 nei modelli da 10kg e 15kg di carico.
Sonda di rilevamento umidità.
Lettore smart card.
Sistema antincendio (solo 25kg, 33kg e 41kg).
Dosatore di sostanza profumata non infiammabile.
Battente della porta destro o sinistro.
6.14.1
ISTRUZIONI DI RIFERIMENTO RAPIDE
Fare riferimento al diagramma di flusso allegato al presente manuale per l’esecuzione di un
programma.
6.14.2
SMALTIMENTO DEI RIFIUTI
Quando si decida di non utilizzare piu l’apparecchiatura, si raccomanda di renderla inoperante
eliminando opportunamente i materiali e tenendo presente quanto gia detto al paragrafo “11
Messa fuori servizio del prodotto”. In conformità alle norme per lo smaltimento dei rifiuti vigenti
nei singoli paesi e per il rispetto dell’ambiente in cui è installata l’apparecchiatura, tutte le parti
dell’apparecchiatura devono essere divise in modo da poterle smaltire separatamente o recuperare opportunamente. Tutte le parti componenti l’apparecchiatura sono assimilabili ai rifiuti solidi
urbani fatta eccezione per le parti metalliche che comunque non sono iscritte tra i rifiuti speciali
nella maggior parte dei paesi europei.
31
www.groupdynamics-laundry.com
sales@groupdynamics.lv
6.15
INFORMAZIONE AGLI UTENTI
Ai sensi delle Direttive 2002/95/CE,2002/96/CE e 2003/108/CE, relative alla riduzione dell’uso di sostanze pericolose nelle apparecchiature
elettriche ed elettroniche, nonche allo smaltimento dei rifiuti” il simbolo del
cassonetto barrato riportato sull’apparecchio ( vedi figura 49 ) indica che
il prodotto, alla fine della propria vita utile, deve essere raccolto separatamente dagli altri rifiuti.
La raccolta differenziata della presente apparecchiatura giunta a fine vita è
organizzata e gestita dal produttore.
Nel caso di acquisto di una nuova apparecchiatura, l’utente che vorrà
Figura 49
disfarsi della presente apparecchiatura dovrà quindi contattare il produttore e seguire il sistema che questo ha adottato per consentire la raccolta
separata dell’apparecchiatura giunta a fine vita. L’adeguata raccolta differenziata per l’avvio successivo dell’apparecchio dismesso al riciclaggio,
al trattamento e allo smaltimento ambientalmente compatibile contribuisce ad evitare possibili effetti negativi sull’ambiente e sulla salute e favorisce il riciclo dei materiali di cui e composta l’apparecchiatura. Lo smaltimento abusivo del prodotto da parte dell’utente comporta
l’applicazione delle sanzioni amministrative previste dalla normativa vigente.
Attenzione!
• Quando l’apparecchiatura è messa fuori servizio, ricordarsi di
togliere – smantellare la porta!
Fare riferimento alla direttiva Europea WEEE per il recupero delle parti (solo per paesi membri
dell’Unione Europea).
Nella possibilità di poter smantellare le singole parti e portarle in un centro di raccolta differenziato, fare riferimento ai gruppi di catalogazione delle singole parti.
Nell’evenienza i gruppi di catalogazione possono essere trovati al sito: www.euwas.org
32
www.groupdynamics-laundry.com
sales@groupdynamics.lv
7. MANUTENZIONE E PULIZIA
La manutenzione si suddivide in cinque differenti livelli:
•
Manutenzione correttiva o necessaria
Intervento su chiamata a causa di guasto o malfunzionamento improvviso.
•
Manutenzione ordinaria
Ha come scopo la conservazione dell’efficienza e della sicurezza dell’apparecchiatura.
•
Manutenzione preventiva
Interviene in anticipo sull’apparecchiatura per prevenire guasti o malfunzionamenti in
base all’esperianza della ditta costruttrice.
•
Manutenzione migliorativa
In genere adeguamento per migliorare il grado di sicurezza dell’apparecchiatura o adeguamenti alle mutate normative vigenti.
•
Manutenzione straordinaria
Tutti gli interventi di ammodernamento importanti volti a prolungare la vita
dell’apparecchiatura o l’efficienza della stessa, senza però modificare le caratteristiche
funzionali e la struttura dell’apparecchiatura.
Le prime tre tipologie di manutenzione sono da considerare tra le normali attività di cui
un’apparecchiatura può e deve essere oggetto.
Nelle ultime due tipologie di manutenzione invece possono intervenire delle variazioni significative alla funzionalità dell’apparecchiatura s’innescano delle ripercussioni a livello normativo e
legislativo che devono essere tenute in considerazione.
Qualsiasi operazione di manutenzione migliorativa o straordinaria deve essere effettuata dai centri di assistenza autorizzati o da personale debitamente formato.
Tutti gli interventi di manutenzione non compresi nel presente manuale escludono ogni responsabilità da parte della ditta produttrice che si ritiene pertanto estranea ad ogni possibile ripercussione di carattere legale.
7.1 PRECAUZIONI DI SICUREZZA
Tutte le apparecchiature devono essere sottoposte a regolare manutenzione tecnica e devono
essere eliminati quanto più tempestivamente possibile tutti i difetti rilevati che possano pregiudicare la salute e la sicurezza dei lavoratori.
Attenzione!
• Prima di qualsiasi operazione di manutenzione togliere
tensione all’apparecchiatura e sezionare tutte le altre fonti di
alimentazione quali vapore/scarico condensa o gas.
• Verificare che il cesto sia fermo.
• Verificare che la temperatura interna sia inferiore a 40°C.
Tutto il personale interessato alle operazioni di manutenzione e riparazione delle apparecchiature deve essere qualificato in modo specifico per svolgere detti compiti.
Il personale dedito alla manutenzione delle apparecchiature, a qualsiasi dei 5 livelli previsti,
deve essere in possesso di tutte le informazioni necessarie al corretto svolgimento del compito
assegnato.
Parte importante delle informazioni la fornisce il presente manuale, oltre che alle istruzioni specifiche eventualmente fornite assieme al componente nuovo che vada a sostituire
l’equivalente difettoso.
Fare attenzione a tutte le segnalazioni e seguire tutte le richieste specificate dai fornitori dei
prodotti necessari per la pulizia e manutenzione dell’apparecchiatura. Leggere le istruzioni allegate a tali prodotti e osservare le indicazioni relative ai dispositivi di protezione individuali.
33
www.groupdynamics-laundry.com
sales@groupdynamics.lv
7.2
FUNZIONI DI SICUREZZA DI CUI È DOTATA L’APPARECCHIATURA
Attenzione!
• L’apparecchiatura è provvista delle sicurezze di seguito elencate.
•
•
•
•
•
•
•
•
Microinterruttore rilevazione porta chiusa.
Resistenze di riscaldamento protette da fusibili. S’interrompere il circuito elettrico di
alimentazione in caso di anomalia.
Arresto di emergenza. Permette d’interrompere il ciclo in corso in caso di emergenza.
Sensore di depressione nel circuito dell’aria (pressostato nei modelli da 25kg, 33kg e
41kg di carico): non abilita il riscaldamento in presenza di depressione insufficiente.
Termostati di sicurezza. Controllano la temperatura del circuito dell’aria in molteplici
punti dell’apparecchiatura.
Inverter motore cesto e aspirazione (opzionale). Regola la velocità del motore, verifica
e protegge il motore e sè stesso da malfunzionamenti quali: temperature eccessive dei
circuiti o dissipatori di calore, sovracorrenti, cortocircuiti, ecc.).
Sensore di sovraccarico. Si tratta di un sistema elettronico in grado di determinare se il
cesto è stato sovraccaricato di biancheria con un numero eccessivo di kg.
Sensore di presenza fiamma: presente nei soli modelli con riscaldamento a gas.
7.3 MANUTENZIONE E PULIZIA DA PARTE DEGLI UTILIZZATORI
7.3.1
TARATURA DELLA FUNZIONE DI ASPIRAZIONE
Attenzione!
• Operazione da effettuare solo con apparecchiatura
completamente scarica.
• Operazione da effettuare solo con filtro lanuggine perfettamente
pulito.
• Operazione da effettuare solo con tubo evacuazione montato e
realizzato secondo le indicazioni del presente manuale.
• Valida per tutti i modelli e versioni. Eseguire sempre alla prima
messa in funzione dell’apparecchiatura.
• Un’operazione di taratura eseguita in modo non corretto (con
cesto non completamente vuoto per esempio) compromette le
prestazioni dell’apparecchiatura, sia in termini di asciugatura sia
di consumo fino all’esecuzione della successiva taratura.
• La mancata esecuzione della funzione di taratura può bloccare
l’utilizzo dell’apparecchiatura con erronee segnalazioni di
anomalie.
• Perseverare nell’utilizzo senza eseguire la taratura degrada
velocemente le prestazioni dell’apparecchiatura in termini di
qualità di asciugatura e di consumo di energia.
COME PROCEDERE ALLA TARATURA
A porta aperta premere 10 volte il pulsante START. Il display visualizza la scritta:
CALIBRAZIONI - chiudere la porta
Chiudere la porta (appare la scritta porta chiusa) e premere il pulsante START.
Il display visualizza al termine il valore “Delta impianto in cm”. Annotare il valore nel report di
collaudo dell’apparecchiatura per future operazioni di manutenzione.
L’operazione si conclude automaticamente dopo alcuni secondi.
Attenzione!
• Un continuo intervento dell’allarme E7 significa che il canale di
evacuazione deve essere modificato.
34
www.groupdynamics-laundry.com
sales@groupdynamics.lv
7.3.2
PULIZIA QUOTIDIANA E SETTIMANALE
•
•
Mantenere pulita la guarnizione della porta; non utilizzare solventi acidi o grassi per
la pulizia delle guarnizioni!
Pulire il vano filtro ogni giorno o a ogni inizio turno. Il display comunque indica
quando e quanto è intasato il filtro.
•
Nei modelli da 25kg, 33kg e 41kg con
riscaldamento vapore procedere alla pulizia del
filtro in ingresso con cadenza almeno settimanale.
Filtro aria per la batteria vapore.
Ventola di raffreddamento.
7.3.3
Attenzione!
• Non mettere in funzione
l’apparecchiatura senza questo
dispositivo inserito.
• La parte interna del vano di
alloggiamento del filtro è molto calda
anche dopo che l’apparecchiatura ha
terminato il ciclo di asciugatura. Non
accedervi con gli arti o con attrezzi.
• Estrarre il filtro indossando opportune
protezioni contro il calore quali dei
guanti termoresistenti ed isolanti.
• La mancata pulizia del filtro comporta un
rapido deterioramento delle prestazioni
dell’apparecchiatura.
PULIZIA MENSILE
Pulire i pannelli di rivestimento con uno straccio umido. Non utilizzare prodotti infiammabili o
abrasivi.
Attenzione!
• Mantenere sempre libere dalla polvere le aperture di
raffreddamento forzato (ventole di raffreddamento)
realizzate nella parte posteriore dell’apparecchiatura.
• Non tentare di accedervi con gli arti e tantomeno con
attrezzi.
• Pulire la superficie visiva del display e in genere i
pannelli di controllo delle apparecchiature con un panno
leggermente umido. Sostanze solventi e/o abrasive
danneggiano irreparabilmente queste superfici.
• Agire sempre senza eccessiva pressione.
• In caso di contatto di parti del corpo con il fluido
eventualmente uscito dal vetro del display danneggiato
asciugare abbondantemente con acqua e sapone.
• In caso d’ingestione involontaria del fluido eventualmente
uscito dal vetro del display danneggiato consultare un
medico. La tossicità del prodotto è estremamente bassa ma
occorre in ogni caso agire con cautela.
• Non usare mai getti d’acqua diretti per la pulizia
dell’apparecchiatura.
35
www.groupdynamics-laundry.com
La formazione di condensa sul vetro del display può danneggiare irrimediabilmente il display.
sales@groupdynamics.lv
Anche
se non e previsto di mettere in funzione l’apparecchiatura, eventuali gocce d’acqua
devono essere asciugate immediatamente.
Il display è, al pari di tutti i componenti elettronici, sensibile alle scariche elettrostatiche.
Alla fine dell’utilizzo dell’apparecchiatura spegnerla, sezionare le fonti di alimentazione e lasciare la porta aperta.
7.3.4 REGISTRO MANUTENZIONE E PULIZIA GIORNALIERA, SETTIMANALE
E MENSILE
Qui di seguito un esempio di come può essere strutturato il registro di manutenzione ordinaria
(tipo 2) da mettere a corredo dell’apparecchiatura.
Avvio dell’apparecchiatura
OK
KO
Attività
Data
Firma
Note
Data
Firma
Note
Alimentare l’apparecchiatura con tutte le fonti di alimentazione di cui necessita.
Eseguire la pulizia del filtro e del vano filtro allo scarico.
Registrare eventuali anomalie di funzionamento.
Fine giornata
OK
KO
Attività
Sezionare l’alimentazione elettrica.
Sezionare le eventuali altre fonti di alimentazione.
Pulire la guarnizione porta nella zona di contatto.
Verificare cesto vuoto e pulito.
Lasciare la porta aperto.
Registrare eventuali anomalie di funzionamento.
7.4 MANUTENZIONE ORDINARIA E PULIZIA DA PARTE DI PERSONALE AVVERTITO O ISTRUITO
Attenzione!
• Rispettare quanto al paragrafo 2.1 relativo alla
sicurezza.
• Anche se l’interruttore sezionatore è in posizione
spenta, i morsetti d’ingresso possono essere alimentati
e quindi sotto tensione!
• Nel caso di interventi sul motore o sull’inverter
(regolatore di velocità) attendere 5 minuti dallo
spegnimento dell’interruttore sezionatore in modo che
la tensione residua nell’inverter sia stata scaricata.
Eventualmente verificare sui terminali della morsettiera
“+” e “–” che la tensione sia inferiore a 30VDC.
• Non escludere mai i dispositivi di sicurezza per nessun
motivo.
Utilizzare solo ricambi originali e in caso di dubbio consultare tempestivamente il nostro ufficio
tecnico, comunicando il modello e il numero di matricola rilevabili dalla targhetta posta sul retro
dell’apparecchiatura.
36
www.groupdynamics-laundry.com
sales@groupdynamics.lv
7.4.1 MANUTENZIONE ORDINARIA. CONTROLLO DELLE 750H VALIDO PER
TUTTI I MODELLI
Controllare ogni 750 ore di funzionamento quanto segue:
•
•
•
•
Verificare che a porta aperta il ciclo di asciugatura non parta e che a ciclo di asciugatura
in corso aprendo la porta la rotazione del cesto si arresti.
Verificare che a pannello di ispezione filtro aperto il ciclo di asciugatura non parta e che
a ciclo di asciugatura in corso aprendo il pannello la rotazione del cesto si arresti.
Controllare che il filtro di alimentazione vapore sia pulito (nelle apparecchiature con
questo tipo di riscaldamento).
Pulire/rimuovere tutte le tracce di polvere accumulatesi all’interno e/o all’esterno
dell’apparecchiatura.
Attenzione!
• La polvere può essere fonte di incendio.
7.4.2
MANUTENZIONE ORDINARIA. LUBRIFICAZIONE CUSCINETTI
Per tutte le apparecchiature; è necessario inserire del grasso lubrificante a base di litio e con additivi per alte temperature (NLGI 2) nei 2 punti d’ingrassaggio posti sui due portacuscinetti.
Figura 3 Posizione attacchi ingrassaggio cuscinetti.
Chiudere i grani di fissaggio dell’albero nel cuscinetto anteriore e in quello posteriore.
Attenzione!
• Il grasso serve esclusivamente per la lubrificazione dei
cuscinetti anteriori e dei cuscinetti posteriori.
• Un’eccessiva lubrificazione può essere dannosa come
una scarsa lubrificazione.
• Una velocità di spinta del grasso troppo alta può
deformare lo schermo di tenuta del cuscinetto e
comprometterne il funzionamento.
• Mai utilizzare lubrificanti a base di petrolio con
lubrificanti a base silicone.
• Rimontare il pannello posteriore superiore
precedentemente rimosso per raggiungere i supporti
cuscinetti.
37
www.groupdynamics-laundry.com
L’apparecchiatura
provvede automaticamente a segnalare la richiesta di ingrassaggio all’inizio
sales@groupdynamics.lv
del ciclo successivo al raggiungimento delle 750 ore di funzionamento.
Il grasso inserito non può raggiungere zone dell’apparecchiatura dove normalmente si carica la
biancheria.
Procedere all’inserimento del grasso lentamente. Per avere un’indicazione in merito al tempo di
carico del grasso, considerare che ogni corsa della pistola del grasso deve durare non meno di
12 secondi.
La quantità di grasso da inserire a richiesta manutenzione deve essere di 2cm3per ogni attacco
d’ingrassaggio (cuscinetto posteriore, cuscinetto anteriore).
Se il tipo di grasso utilizzato è diverso da quello indicato verificare che i 2 tipi di grasso siano
compatibili; lubrificanti a base di litio sono compatibili con lubrificanti a base calcarea ma non
con lubrificanti a base di sodio.
Una volta effettuata l’operazione di lubrificazione è possibile cancellare il messaggio azzerando
il contatore seguendo la procedura di azzeramento richiesta manutenzione. Vedere schema a
blocchi allegato e descrizione (paragrafi 6.10.2 e 7.8.1)
Verificare eventuali perdite d’olio dal riduttore. Pulire la trafilazione d’olio e contattare il servizio
di assistenza tecnica.
7.4.3 PULIZIA DELLA VENTOLA DELL’ASPIRATORE, DEL VANO FILTRO E
DEI TUBI DEL PRESSOSTATO.
Ogni 750 ore procedere alla pulizia delle alette
del ventilatore.
Per accedere al ventilatore procedere come
segue.
1)
2)
3)
4)
5)
6)
Sezionare tutte le fonti di alimentazione
dell’apparecchiatura.
Aprire il pannello ispezione filtro.
Rimuovere la rete filtrante.
Pulire con un aspirapolvere il vano filtro.
Pulire con un aspirapolvere la ventola
dell’aspiratore.
Pulire i tubi del trasduttore di pressione/
pressostato elettronico ed elettromeccanico.
3
2
4
5
7.4.4
MANUTENZIONE PREVENTIVA
Ogni 4000 ore sostituire i microinterruttori della porta e dello sportello filtro esclusivamente
con ricambi originali.
38
www.groupdynamics-laundry.com
sales@groupdynamics.lv
7.4.5
MANUTENZIONE ORDINARIA. CONTROLLO ANNUALE SPECIFICO PER
MODELLI A GAS
Controllare gli elettrodi di accensione del gas e se necessario pulirli o sostituirli se usurati.
Devono essere a 5mm tra loro e il corpo del bruciatore.
Per accedere al box bruciatore rimuovere il pannello posteriore superiore (A) e quindi il pannello di chiusura (B) del box stesso.
A questo punto gli elettrodi di accensione (C) e la sonda di presenza fiamma (D) sono visibili e
possono essere manutenzionati.
A
B
D
C
7.4.6 MANUTENZIONE ORDINARIA. CONTROLLO ANNUALE VALIDO PER
TUTTI I MODELLI.
Al trascorrere del primo anno di attività eseguire i seguenti controlli e verifiche:
•
•
•
•
Prendere nota del numero di cicli eseguiti, riportarli sul modulo manutenzione.
Verificare il corretto funzionamento dell’interruttore differenziale (dove previsto dal tipo
di installazione) premendo il pulsante di test.
Verificare la corretta chiusura delle viti di connessione elettrica di potenza su tutti i
componenti dell’equipaggiamento elettrico.
Controllare il funzionamento delle resistenze e pulirle da eventuali filacce.
39
www.groupdynamics-laundry.com
sales@groupdynamics.lv
7.5 MODULO MANUTENZIONE E PULIZIA DA PARTE DI PERSONALE QUALIFICATO
Installazione
OK
KO
Attività
Data
Firma
Note
Verifica dati di targa.
Verificare tensione di alimentazione.
Livellamento dell’apparecchiatura.
Connessione delle fonti di alimentazione
Verifica di perdite dai tubi di connessione delle fonti di alimentazione.
Regolazione della pressione gas (modelli con questo tipo di riscaldamento).
Verifica del funzionamento del dispositivo differenziale.
Verificare partenza ciclo solo con porta chiusa.
Verifica dispositivi di sezionamento delle fonti di alimentazione.
Eseguire taratura del pressostato.
Verifica primo ciclo con biancheria.
Verifica primo ciclo con biancheria
1° Manutenzione ogni 750 ore, da non effettuarsi oltre i ___________ cicli eseguiti dall’installazione
Verificare partenza ciclo solo con porta chiusa.
Verificare pulizia filtri.
Pulizia vano filtro e ventola aspiratore.
Verificare pulizia delle zone di ventilazione forzata.
Lubrificazione cuscinetti.
Serraggio viti fissaggio dei teleruttori di riscaldamento.
Pulizia canali di scarico/camini
Calibrazione (solo con la pulizia dei canali/camini eseguita)
Eseguire il ciclo test (pressione del pulsante + 10 volte di seguito in al massimo 15
secondi)
N° dei cicli realmente eseguiti
2° Manutenzione ogni 750 ore, da non effettuarsi oltre i ___________ cicli eseguiti dall’installazione
Verificare partenza ciclo solo con porta chiusa.
Verificare pulizia filtri.
Pulizia vano filtro e ventola aspiratore.
Verificare pulizia delle zone di ventilazione forzata.
Lubrificazione cuscinetti.
Serraggio viti fissaggio dei teleruttori di riscaldamento.
Pulizia canali di scarico/camini
Calibrazione (solo con la pulizia dei canali/camini eseguita)
Eseguire il ciclo test (pressione del pulsante + 10 volte di seguito in al massimo 15
secondi)
N° dei cicli realmente eseguiti
3° Manutenzione ogni 750 ore, da non effettuarsi oltre i ___________ cicli eseguiti dall’installazione
Verificare partenza ciclo solo con porta chiusa.
Verificare pulizia filtri.
Pulizia vano filtro e ventola aspiratore.
Verificare pulizia delle zone di ventilazione forzata.
Lubrificazione cuscinetti.
Serraggio viti fissaggio dei teleruttori di riscaldamento.
Pulizia canali di scarico/camini
Calibrazione (solo con la pulizia dei canali/camini eseguita)
Eseguire il ciclo test (pressione del pulsante + 10 volte di seguito in al
massimo 15 secondi)
N° dei cicli realmente eseguiti
40
www.groupdynamics-laundry.com
sales@groupdynamics.lv
7.6
RICERCA GUASTI, DIAGNOSI E RIPARAZIONI, MESSAGGI A DISPLAY
Nel caso di anomalie di vario genere, dalla caduta di tensione di rete alle sovratemperature,
l’apparecchiatura e predisposta alla loro segnalazione mediante vari tipi di allarmi che saranno
visualizzati nel DISPLAY del pannello frontale. Tutti i dettagli sono spiegati nei paragrafi seguenti
denominati DESCRIZIONE ALLARMI e MESSAGGI A DISPLAY.
L’apparecchiatura è provvista di memorizzazione degli ultimi 10 allarmi occorsi. Per visualizzare
questi allarmi entrare nel menù SERVIZIO e andare alla voce STORICO ALLARMI.
Per riferimenti più dettagliati consultare il diagramma a blocchi allegato.
Attenzione!
• Nel caso sia necessario sostituire qualche componente
non disponibile mettere un lucchetto sul sezionatore in
posizione di spento.
• Porre un cartello sull’apparecchiatura con
riportato “APPARECCHIATURA FUORI SERVIZIO,
NON UTILIZZARE” e riposizionare tutti i pannelli
precedentemente rimossi.
7.7 DESCRIZIONE ALLARMI
La visualizzazione di qualsiasi allarme a display rimane sempre attiva.
Nel caso di anomalie che possano pregiudicare la sicurezza dell’operatore o l’integrita dei componenti costituenti l’apparecchiatura, contestualmente all’attivazione immediata del buzzer si
arrestano tutte le attivita che l’apparecchiatura stava eseguendo.
ALLARME E1
TERMICA MOTORE ASPIRAZIONE
DESCRIZIONE
A DISPLAY
E1: sovraccarico motore aspirazione
CAUSA
C’è stato un surriscaldamento/sovraccarico o un corto circuito del motore aspirazione.
ATTIVAZIONE
BUZZER
È prevista da subito l’attivazione del BUZZER.
RESET ALLARME
L’allarme è tolto spegnendo e riaccendendo la macchina.
COSA CONTROLLARE
Ventola di raffreddamento del motore.
Girante dell’aspiratore.
Presenza delle tre fasi di alimentazione nella versione trifase.
Verificare il cavo di alimentazione del motore – ventilatore ed il corretto funzionamento del
teleruttore di controllo.
AZIONE CORRETTIVA
Pulizia e controllo della ventola di raffreddamento del motore.
Pulizia e controllo della girante del ventilatore: a mano il sistema deve ruotare molto facilmente.
ALLARME E1
TERMICA MOTORE ASPIRAZIONE AUTOMATICA
DESCRIZIONE
A DISPLAY
E1: “Sigla allarme” . Vedere la tabella per E0
CAUSA
C’è stato un surriscaldamento/sovraccarico o un corto circuito del motore aspirazione o
dell’inverter 2 che lo gestisce.
ATTIVAZIONE
BUZZER
È prevista da subito l’attivazione del BUZZER.
RESET ALLARME
L’allarme è tolto spegnendo e riaccendendo la macchina.
COSA CONTROLLARE
Ventola di raffreddamento del motore.
Girante dell’aspiratore.
Connessione del cavo di comunicazione seriale tra l’inverter ed il controllo G400DRY.
AZIONE CORRETTIVA
Pulizia e controllo della ventola di raffreddamento del motore.
Pulizia e controllo della girante del ventilatore: a mano il sistema deve ruotare molto facilmente.
41
www.groupdynamics-laundry.com
MICROINTERRUTTORE PORTA
sales@groupdynamics.lv
ALLARME E2
DESCRIZIONE
A DISPLAY
E2: porta aperta
CAUSA
Se durante il funzionamento della macchina si apre la porta allora devono essere disabilitati tutti i relè
tranne il relè ciclo. La macchina continua a visualizzare questa condizione fino alla richiusura della
porta.
Le temporizzazioni si comportano come qui di seguito descritto.
Caso 1 - Per i primi 30 secondi di apertura della porta:NON si continua il conto alla rovescia, che però
allo scadere dei 30sec regolarmente riprende. Se la porta risulta poi chiusa entro i 30 secondi disponibili allora riprende la normale temporizzazione ed alla pressione del pulsante START / STOP si riavvia di fatto anche la macchina (riscaldamento se necessario, ventola e motore cesto).
Alla richiusura il display cambia visualizzazione e passa a ”E2: premi start”.
Caso 2- Oltre ai primi 30 secondi la porta rimane ancora aperta. Dopo 120sec dalla sua apertura il ciclo
TERMINA visualizzando la scritta “FINE CICLO”. Se la porta è chiusa nel tempo intermedio tra i 30 sec
ed i 120 sec allora si procedere come per il punto precedente.
ATTIVAZIONE
BUZZER
È prevista l’attivazione del BUZZER.
RESET ALLARME
Caso 1 - L’allarme è automaticamente spento alla ripartenza della macchina.
Caso 2 – Normale attivazione e spegnimento che si ha a fine ciclo.
COSA CONTROLLARE
Funzionamento del microinterruttore porta.
Tenuta della calamita di ritegno della porta.
Connessione elettrica tra microinterruttore porta e scheda G400 DRY.
AZIONE CORRETTIVA
Controllare ed eventualmente sostituire il mcrointerruttore porta.
Controllare ed eventualmente sostituire la calamita di ritegno della porta.
verificare e se del caso sostituire la connessione elettrica tra il microinterruttore porta e la scheda G400 DRY.
ALLARME E3
MICROINTERRUTTORE SPORTELLO FILTRO
DESCRIZIONE
A DISPLAY
E3: filtro aperto
CAUSA
Se durante il funzionamento della macchina si apre lo sportello filtro allora devono essere disabilitati
tutti i relè tranne il relè ciclo ed a display si visualizza la scritta “E3: filtro aperto”. La macchina continua a visualizzare questa condizione fino alla richiusura dello sportello.
Le temporizzazioni SONO SOSPESE fino alla chiusura dello sportello filtro. Alla richiusura il display
cambia visualizzazione e passa a ”E3: premi start” ricominciando le temporizzazioni che erano in corso.
ATTIVAZIONE
BUZZER
È prevista l’attivazione del BUZZER.
RESET ALLARME
L’allarme è tolto automaticamente quando si richiude il portello.
COSA CONTROLLARE
Funzionamento del microinterruttore portello filtro.
Tenuta delle calamite di ritegno del portello.
Connessione elettrica tra microinterruttore portello e scheda G400 DRY.
AZIONE CORRETTIVA
Controllare ed eventualmente sostituire il mcrointerruttore portello.
Controllare ed eventualmente sostituire la/le calamite di ritegno del portello.
Verificare e se del caso sostituire la connessione elettrica tra il microinterruttore portello filtro e la
scheda G400 DRY.
ALLARME E4
ANOMALIA MANCANZA FIAMMA: SOLO MODELLI CON RISCALDAMENTO A GAS
DESCRIZIONE
A DISPLAY
E4: Mancanza Fiamma
CAUSA
Questo allarme è gestito solo nel caso di tipo di riscaldamento a gas. Tramite l’allarme “E4: Mancanza Fiamma” si
segnala che è necessario eseguire il reset sulla centralina elettronica di gesione del bruciatore.
Questo allarme è gestito solamente durante l’accensione del riscaldamento, quindi con il relè R4A in ON e la centralina gas alimentata. Tale allarme è ritardato di 12 secondi rispetto alla condizione di necessità di accensione del
riscaldamento, in modo di dare il tempo alla centralina di eseguire tutta la procedura di accensione.
Se dopo un tempo prestabilito che la centralina ha ricevuto il segnale di accensione del bruciatire, relè R4A in ON, la
centralina stessa non rileva la presenza della fiamma allora commuta il segnale ed è necessario agire sul pulsante di
reset gas posto sul retro dell’apparecchiatura. A display si visualizza l’allarme che si resetta premendo.
Analoga sequenza di controlli se per qualsiasi motivo manca la fiamma durante il periodo di accensione del riscaldamento (per esempio finisce il gas…).
Per permettere il reset manuale della centralina, e quindi la riaccensione della fiamma, anche con l’allarme attivo, il
relè R4A rimane in ON.
NOTE sulla visualizzazione.
Alla comparsa del messaggio “E4: Mancanza fiamma” deve seguire forzatamente la pressione del pulsante di reset
gas da parte dell’operatore e quindi si visualizzano temporizzati i messaggi “E4: Mancanza Fiamma” ed “E4: Premere
reset gas”. Alla pressione del pulsante di reset gas, cablato direttamente sulla centralina gas, questa torna operativa,
mentre il display ritorna alla visualizzazione normale solo premendo Enter. Se dopo il tentativo di accensione della
fiamma dovessero esserci ancora dei problemi allora la centralina torna a commutare il segnale e il display torna a
visualizzare l’allarme e così via.
Per motivi di sicurezza la gestione dell’allarme mancanza fiamma è doppia, ovvero sia tramite la centralina sia
tramite il controllo G400. I due sistemi di controllo in questo caso non sono connessi ed è quindi necessario agire su
entrambi i comandi per ritornare in condizione di lavoro.
42
www.groupdynamics-laundry.com
ATTIVAZIONE
È prevista l’attivazione del BUZZER.
sales@groupdynamics.lv
BUZZER
RESET ALLARME
L’allarme è tolto alla pressione del pulsante di reset gas e del pulsante Enter.
COSA CONTROLLARE
Alimentazione gas.
Circuito del circolo dell’aria.
Motore aspirazione.
Camino di evacuazione fumane.
AZIONE CORRETTIVA
Verificare che la saracinesca del gas sia aperta e che il tipo di gas e la pressione di alimentazione siano
corrette in funzione dei dati di targa dell’apparecchiatura.
Il circuito di circolo dell’aria, ed in particolare il filtro per la lanuggine, devono essere regolarmente
puliti, se necessario anche alla fine di OGNI ciclo di lavoro.
Il motore di aspirazione deve ruotare nel senso corretto, aspirando l’aria dal cesto spingendola verso il
camino di evacuazione fumane.
Detto camino deve essere pulito, con meno curve possibile e senza tratti orrizzontali lunghi. NON vi
devono essere tratti in discesa o sifoni.
ALLARME E5
TERMOSTATO DI SICUREZZA
DESCRIZIONE
A DISPLAY
E5: sovratemperatura
CAUSA
Se il termostato di sicurezza non risulta collegato, termostato elettromeccanico a riarmo manuale, ogni
funzione è disabilitata, l’eventuale ciclo in corso abortito e sul display appare la scritta “E5: sovratemperatura”.
ATTIVAZIONE
BUZZER
È prevista da subito l’attivazione del BUZZER.
RESET ALLARME
L’allarme è tolto spegnendo e riaccendendo la macchina oltre che premendo l’apposito pulsante posto
nel retro dell’apparecchiatura sotto ad una protezione di plastica nera avvitata. È presente un adesivo
che identifica tale pulsante.
COSA CONTROLLARE
Integrità della sonda di temperatura del termostato di sicurezza: cavetto + elemento sensibile + connettore.
Corretta connessione del cablaggio sulla scheda elettronica G400 DRY.
Corretto funzionamento del teleruttore di riscaldamento.
AZIONE CORRETTIVA
Sostituzione del termostato guasto con uno nuovo.
Ripristinare la connessione elettrica sulla scheda elettronica G400 DRY.
Sostituzione del contattore di riscaldamento con uno nuovo.
ALLARME E6
SONDA DI TEMPERATURA PT1000 N°1 E N°2
DESCRIZIONE
A DISPLAY
E6: sovratemperatura T1
E6: sovratemperatura T2
CAUSA
Se la sonda di temperatura T1 non risulta collegata o se viene misurata una temperatura maggiore di
un valore prestabilito rispetto a Tset del ciclo, ogni funzione viene disabilitata, l’eventuale ciclo in corso
abortito, sul display appare la scritta “E6: sovratemperatura T1”
T1”.. L’errore viene visualizzato dopo
circa 2 minuti dall’inizio ciclo.
Nel caso la sonda di temperatura T2 (solo per modelli predisposti) risulti non collegata o se viene
misurata una temperatura superiore a T1, ogni funzione viene disabilitata, l’eventuale ciclo in corso
abortito, sul display appare la scritta “E6: sovratemperatura T2”
T2”..
L’errore viene visualizzato dopo circa 5 minuti dall’inizio ciclo.
L’
ATTIVAZIONE
BUZZER
È prevista l’attivazione del BUZZER.
RESET ALLARME
L’allarme viene tolto solo spegnendo e riaccendendo la macchina.
COSA CONTROLLARE
Integrità della sonda di temperatura: cavetto + elemento sensibile + connettore.
Corretta connessione del cablaggio sulla scheda elettronica G400 DRY.
Corretto funzionamento del teleruttore di riscaldamento.
Carico della biancheria corretto.
AZIONE CORRETTIVA
Sostituzione della sonda di temperatura guasta con una nuova.
Ripristinare la connessione elettrica sulla scheda elettronica G400 DRY.
Sostituzione del contattore di riscaldamento con uno nuovo.
Invertire il collegamento delle sonde sulla scheda logica se errato.
43
www.groupdynamics-laundry.com
ANOMALIA DEPRESSIONE CIRCUITO ARIA
sales@groupdynamics.lv
ALLARME E7
DESCRIZIONE
A DISPLAY
E7: Anomalia depressione
CAUSA
In qualunque momento, se il sensore di depressione elettronico a bordo scheda G400 DRY segnala una
depressione insufficente, ogni funzione viene disabilitata, l’eventuale ciclo in corso abortito, sul display
appare la scritta “E7: Anomalia depressione”.
Tale allarme deve è gestito solo a ciclo in corso.
ATTIVAZIONE
BUZZER
È prevista l’attivazione del BUZZER.
RESET ALLARME
L’allarme è tolto solo spegnendo e riaccendendo la macchina.
COSA CONTROLLARE
Aspiratore e motore aspirazione.
Filtro lanuggine.
Camino evacuazione delle fumane.
Carico della biancheria.
Tubi di connessione del pressostato elettronico a bordo scheda G400 DRY.
AZIONE CORRETTIVA
Oltre che a funzionare correttamente, il motore aspirazione deve girare nel senso corretto, aspirando
l’aria dal cesto spingendola verso il camino di evacuazione delle fumane.
Il filtro lanuggine deve essere mantenuto efficente e se del caso deve essere pulito ad OGNI ciclo di
lavoro.
Il camino di evacuazione delle fumane deve essere pulito e senza filacce / polvere all’interno: eventuali
comignoli o griglie poste all’uscita devono essere mantenute efficenti.
ALLARME E8
ANOMALIA RISCALDAMENTO
DESCRIZIONE
A DISPLAY
E8: Anomalia riscaldamento
CAUSA
In caso di lettura della temperatura da parte di T1 superiore di 50°C o più rispetto al set point impostato, il ciclo è abortito, sul display appare la scritta “E8: Anomalia riscaldamento”.
Questo controllo si esegue solo a ciclo in corso e solo nella fase di riscaldamento. NON è gestito nella
fase di raffreddamento.
In caso di rottura della sonda di temperatura o che questa sia scollegata ha prevalenza
l’allarme E6 sull’allarme E8.
ATTIVAZIONE
BUZZER
È prevista l’attivazione del BUZZER.
RESET ALLARME
L’allarme è tolto solo spegnendo e riaccendendo la macchina.
COSA CONTROLLARE
Teleruttore di riscaldamento, bobina e contatti di potenza.
Sonda di temperatura TEMP1.
Carico della biancheria e camino evacuazione fumane.
Cambio ciclo con ciclo in corso.
AZIONE CORRETTIVA
Sostituire il teleruttore di riscaldamento.
Controllare il cavo di connessione, l’elemento sensibile ed il connettore della sonda T1. Se del caso
cambiare la sonda.
Verificare che il carico della biancheria non ecceda quello nominale e che il camino di evacuazione delle
fumane rispetti le prescrizioni previste.
Cambiando ciclo mentre la macchina lavora è possibile che la nuova selezione preveda una temperatura molto più bassa della precedente e quindi la macchina dia l’allarme. Far partire direttamente il
ciclo corretto.
ALLARME E9
TIME OUT RISCALDAMENTO
DESCRIZIONE
A DISPLAY
E9: Time-out riscaldamento
CAUSA
In caso la macchina impieghi più tempo di quello previsto per arrivare al set point impostato, il ciclo è
abortito, sul display appare la scritta “E9: Time-out riscaldamento”.
Questo controllo si esegue solo a ciclo in corso e solo nella fase di primo riscaldamento, cioè fino al
primo raggiungimento della temperatura impostata. NON è gestito nella fase di termoregolazione o raffreddamento. Non è attivo nelle apparecchiatura con riscaldamento a vapore.
ATTIVAZIONE
BUZZER
Non è prevista l’attivazione del BUZZER.
RESET ALLARME
L’allarme è tolto automaticamente al raggiungimento della temperatura.
COSA CONTROLLARE
Teleruttore di riscaldamento, bobina e contatti di potenza.
Sonda di temperatura TEMP1.
Carico della biancheria e camino evacuazione fumane.
AZIONE CORRETTIVA
Sostituire il teleruttore di riscaldamento.
Controllare il cavo di connessione, l’elemento sensibile ed il connettore della sonda TEMP1. Se del caso
cambiare la sonda.
Verificare che il carico della biancheria non ecceda quello nominale e che il camino di evacuazione delle
fumane rispetti le prescrizioni previste.
44
www.groupdynamics-laundry.com
La lista degli allarmi che segue è da ritenersi valida sia per il motore cesto che aspirazione
sales@groupdynamics.lv
qualora si tratti di apparecchiatura con aspirazione automatica.
ALLARME E0
INTERVENTO PROTEZIONE MOTORE CON ALLARMI IN AUTORESET
DESCRIZIONE
A DISPLAY
1
2
3
4
5
6
CAUSA
Questi 6 allarmi sono visualizzati a display a seconda del loro intervento con priorità a decrescere.Una
volta che l’inverter è entrato in condizione di errore attende il reset automatico dal controllo G400 DRY.
ATTIVAZIONE
BUZZER
È prevista l’attivazione del BUZZER.
RESET ALLARME
Il controllo G400 DRY procede al primo tentativo di reset e sul dispay appare la richiesta “START?”.
Dopo 5 interventi consecutivi dell’allarme la segnalazione è da considerarsi fissa ed eliminabile solo
togliendo e ridando tensione alla macchina.
COSA CONTROLLARE
La tensione di alimentazione della macchina deve essere nell’intervallo previsto dai dati di targa.
Il carico di biancheria NON deve eccedere il carico nominale della macchina.
Vedere anche la descrizione dell’allarme E1.
AZIONE CORRETTIVA
Collegare l’apparecchiatura ad una rete elettrica di alimentazione che garantisca la corretta tensione di
alimentazione.
Ottimizzare il carico della biancheria.
Vedere anche la descrizione dell’allarme E1.
ALLARME E0
INTERVENTO PROTEZIONE MOTORE CON ALLARMI NON IN AUTORESET
DESCRIZIONE
A DISPLAY
1 “OH Sovratemperatura inverter”
2 “OLi Sovraccarico inverter”
3 “OLM Sovraccarico motore”
4 “OLR Sovraccarico frenatura”
5 “OT Sovraccarico coppia motore”
6 “PH Manca fase inverter”
7 “FU Fusibile ingresso inverter”
8 “OP1 Mancata comunicazione”
9 “OP2 Mancata comunicazione”
10 “BF Mancata comunicazione”
11 “OHS Sovratemperatura inverter”
12 “LF Condizione limite Inverter”
13 “SHC Corto circuito motore”
CAUSA
Questi 13 allarmi sono visualizzati a display a seconda del loro intervento con eguale priorità.
NON c’è alcun tempo di autoreset dell’inverter.
ATTIVAZIONE
BUZZER
È prevista l’attivazione del BUZZER.
RESET ALLARME
La segnalazione è da considerarsi fissa ed eliminabile solo togliendo e ridando tensione alla macchina.
A display sarà visualizzata la scritta corrispondente all’allarme intervenuto e l’indicazione di “spegnere
la macchina”.
COSA CONTROLLARE
ATTENZIONE! Molte possibili cause comportano l’intervento del MANUTENTORE per essere risolte.
AZIONE CORRETTIVA
1 “OH Sovratemperatura inverter”: La macchina deve essere installata in un luogo che rispetti i
dati di targa. Verificare la pulizia ed il funzionamento delle ventole di raffreddamento dell’inverter
2 “OLi Sovraccarico inverter”: Ottimizzare il carico di biancheria.
3 “OLM Sovraccarico motore”: Ottimizzare il carico di biancheria.
4 “OLR Sovraccarico frenatura”: Ottimizzare il carico di biancheria.
5 “OT Sovraccarico coppia motore”: Ottimizzare il carico di biancheria.
6 “PH Manca fase inverter”: Ripristinare il collegamento elettrico.
7 “FU Fusibile ingresso inverter”:Contattare l’assistenza tecnica di zona.
8 “OP1 Mancata comunicazione”: Contattare l’assistenza tecnica di zona.
9 “OP2 Mancata comunicazione”: Contattare l’assistenza tecnica di zona.
10 “BF Mancata comunicazione”: Contattare l’assistenza tecnica di zona.
11 “OHS Sovratemperatura inverter” La macchina deve essere installata in un luogo che rispetti i
dati di targa. Verificare la pulizia ed il funzionamento delle ventole di raffreddamento dell’inverter
12 “LF Condizione limite Inverter” Ottimizzare il carico di biancheria.
13 “SHC Corto circuito motore” contattare l’assistenza tecnica di zona.
Vedere anche la descrizione dell’allarme E1.
“EF Anomalia motore”
“OC Sovraccorrente motore”
“OV Sovratensione motore”
“UV Sottotensione UV”
“OCH Anomalia motore”
“ST Anomalia motore”
45
www.groupdynamics-laundry.com
sales@groupdynamics.lv
ALLARME E12
INTERVENTO CIRCUITO SICUREZZA OBLO’
DESCRIZIONE
A DISPLAY
Appaiono le videate contenenti le descrizioni:
CAUSA
Il doppio microinterruttore dell’oblò non commuta più contemporaneamente i due contatti.
Nelle apparecchiature previste per il funzionamento self-service non è stato collegato il dispositivo di
arresto di emergenza esterno conformemente alla EN60204-1
ATTIVAZIONE
BUZZER
Non è prevista l’attivazione del BUZZER.
RESET ALLARME
Aprire completamente e quindi richiudere l’oblò per resettare normalmente l’allarme.
Dopo il terzo reset premere il pulsante di emergenza a fungo e quindi riarmarlo.
COSA CONTROLLARE
Controllare il circuito di sicurezza nella sua completezza. Fare riferimento all’allegato tecnico.
AZIONE CORRETTIVA
Contattare il servizio di assistenza tecnica autorizzato.
ALLARME E13
MANCATO COLLEGAMENTO DEL CONNETTORE CN2 O PRESET NON CONFORME ALLA EFFETTIVA CONFIGURAZIONE DELL’APPARECCHIATURA
DESCRIZIONE
A DISPLAY
La sola sigla E13
Schermata 1
Errore modulo sic.
apri/chiudi porta
Schermata 2 che appare dopo il terzo tentativo di reset dell’allarme:
Reset a. emergenza
o guasto circ. sic.
CAUSA
E’ stato eseguito un preset dell’apparecchiatura che non rispetta la sua configurazione effettiva.
ATTIVAZIONE
BUZZER
E’ prevista l’attivazione del BUZZER.
RESET ALLARME
Rieseguire correttamente il preset.
COSA CONTROLLARE
La correttezza delle selezioni eseguite durante la procedura di preset.
La correttezza del cablaggio connesso al G400 che discrimina il tipo variatore di velocità utilizzato.
AZIONE CORRETTIVA
Eseguire correttamente le operazioni di preset.
Con l’introduzione dei variatori di velocità (inverter) Mitsubishi oltre agli errori sopra indicati,
possono comparirne degli altri con codice E0 o E1 (a seconda che siano utilizzati per il motore
cesto o quello aspirazione) seguiti da un codice. Nella tabella seguente, sono descritti gli errori
visualizzati sul display G400 e sul display degli inverter.
46
www.groupdynamics-laundry.com
sales@groupdynamics.lv
ALLARME E0 - E1
CODICE G400
CODICE MITSUBISHI
0
No fault present
DESCRIZIONE
16
E.OC1
Sovracorrente durante accelerazione
17
E.OC2
Sovracorrente durante velocità costante
18
E.OC3
Sovracorrente durante decelerazione o stop
32
E.OV1
Sovratensione durante accelerazione
33
E.OV2
Sovratensione durante velocità costante
34
E.OV3
Sovratensione durante decelerazione o stop
48
E.THT
Sovraccarico (inverter)
49
E.THM
Sovraccarico motore (relè termico elettronico)
64
E.FIN
Surriscaldamento del radiatore
82
E.ILF
Mancanza fase di ingresso
96
E.OLT
Allarme limite di prevenzione allo stallo
112
E.BE
Guasto transistor di frenatura/errore circuito int.
128
E.GF
Dispersione verso terra
129
E.LF
Mancanza fase motore
144
E.OHT
Allarme relé termico esterno
145
E.PTC
Allarme PTC esterno
176
E.PE
Errore di memoria
177
E.PUE
PU scollegata
178
E.RET
Sup. del numero di tentativi di reset automatico
192
E.CPU
Errore CPU
196
E.CDO
Superamento della soglia di corrente in uscita
197
E.IOH
Surriscaldamento della resistenza di precarica
199
E.AIE
Errore ingresso analogico
201
E.SAF
Errore circuito di sicurezza
245
E.5
Errore CPU
Attenzione!
• Per rimuovere completamente l’allarme E0 è necessario
spengere l’inverter (regolatore di velocità).
• Questa condizione si ottiene solo dopo aver tolto
alimentazione per almeno 5 minuti all’apparecchiatura
tramite interruttore sezionatore.
• Nel caso si abbia necessità di inizializzare nuovamente
un ciclo nel quale si è manifestato un allarme seguire le
istruzioni come all’allegato tecnico.
47
www.groupdynamics-laundry.com
sales@groupdynamics.lv
7.8
GESTIONE DELLO STORICO DEGLI ALLARMI.
Nel menù SERVIZIO, sotto password di 1° livello, è gestito uno storico degli allarmi che
permette di risalire agli ultimi 10 eventi registrati dal controllo G400 DRY.
Attenzione!
• NON si memorizzano data ed ora dell’evento.
7.8.1
MESSAGGI DI ATTENZIONE VISUALIZZATI A DISPLAY
MESSAGGIO MANUTENZIONE
Il numero di ore che l’apparecchiatura esegue è automaticamente memorizzato ed ogni 750
ore di funzionamento (in ciclo di asciugatura) l’apparecchiatura visualizza un messaggio a partire dall’esecuzione del ciclo di asciugatura successivo allo scadere del termine.
Più precisamente, alla pressione del pulsante di START - STOP nel momento di iniziare un
nuovo ciclo di asciugatura, l’apparecchiatura visualizza la scritta “RICHIESTA MANUTENZIONE”
lampeggiante per 10 secondi e si attiva il Buzzer.
Il ciclo di asciugatura procede comunque normalmente.
Alla visualizzazione di questo messaggio procedere come per il controllo annuale previsto per la
manutenzione dell’apparecchiatura.
Per eliminare la scritta fare riferimento al diagramma a blocchi allegato.
Per ricominciare da capo il conteggio delle 750 ore di asciugatura è necessario premere per almeno 8 secondi il pulsante “ – “ con la porta chiusa.
Il display visualizza il numero totale di ore di asciugatura effettivamente eseguite e alla pressione del pulsante “ – “ entro 10 sec. e richiesto l’inserimento di una data e di un testo ponendo
prima la domanda ”data: 01/01/01”.
Il cursore si trova automaticamente sul primo “0” e tramite i tasti “+” e “ - “ è possibile scegliere il numero confermandolo con il pulsante “ENTER”.
Il cursore passa poi automaticamente alla seconda cifra della data “1” e si procedera conseguentemente fino alla fine della data.
Alla pressione del pulsante “ENTER” il controllo G400DRY richiede il nome del “tecnico” e si procede nella scrittura del nome dell’operatore che ha effettuato la manutenzione.
Digitando il pulsante “SEL” il cursore s’ingrandisce e tramite i tasti “+” e “-“ si procede alla
scelta del carattere che andrà confermato tramite il pulsante “ENTER” mentre tramite il pulsante
“+” ci si sposta nella posizione successiva e si sceglie il carattere come già indicato.
Attenzione!
• Senza i valori “data” e “tecnico” compilati l’azzeramento
non può essere eseguito.
Queste due informazioni sono memorizzate per successive consultazioni nel menù SERVIZIO
alla voce MANUTENZIONE unitamente alle ore di asciugatura eseguite dalla precedente manutenzione e alle ore di asciugatura totali raggiunte al momento della manutenzione.
48
www.groupdynamics-laundry.com
sales@groupdynamics.lv
MESSAGGIO ENERGY SAVING SPEGNIMI
Nel caso appaia il messaggio ENERGY SAVING - SPEGNIMI ciò significa che l’apparecchiatura è
inutilizzata da almeno 5’.
Per togliere il messaggio è sufficiente toccare un pulsante qualsiasi sul pannello o chiudere/aprire
la porta.
MESSAGGIO PAUSA
Il messaggio appare solo in caso di pressione contemporanea dei pulsanti “+” e “-“ durante
l’esecuzione di un ciclo di asciugatura.
All’apparire del messaggio “PAUSA” l’apparecchiatura sospende tutte le attività che stava svolgendo.
Per eliminare il messaggio è sufficiente premere il pulsante START - STOP e l’apparecchiatura
riprenderà il ciclo di asciugatura dal punto dove si erano arrestate tutte le attività.
MESSAGGI DIVERSI
PAR. APPARECCHIATURA, SERVIZIO, CICLI, FASI, DATATRACK o messaggi dei sotto menu
delle stesse fasi.
È possibile che siano visualizzati altri tipi di messaggio (tipo Parametri apparecchiatura o
Servizio o Cicli o ancora dei messaggi appartenenti ai sotto menu di cui in precedenza).
In questo caso significa che è stato premuto il pulsante MODE con la porta aperta. Per cancellare questo tipo di messaggio:
• Spegnere e riaccendere l’apparecchiatura
• Premere piu’ volte il pulsante MODE fino a ripristinare la visualizzazione standard di
attesa inizio ciclo di asciugatura.
MESSAGGIO BLOCCO APPARECCHIATURA FRA CICLI “XX”
Se appare il messaggio “BLOCCO APPARECCHIATURA FRA CICLI XX” dopo la pressione del
pulsante START - STOP chiamare il servizio di assistenza tecnica.
MESSAGGIO POWER FAIL
Se appare il messaggio “POWER FAIL” e di seguito un conto alla rovescia in secondi significa
che all’apparecchiatura è stata tolta alimentazione elettrica durante l’esecuzione di un ciclo di
asciugatura.
Attendere che il conto alla rovescia termini.
Se la porta è ancora chiusa l’apparecchiatura visualizza a display il messaggio “START:?”. Alla
pressione del pulsante START – STOP l’apparecchiatura riparte dall’inizio della fase durante la
quale si è verificata la mancanza di alimentazione elettrica.
MESSAGGIO E0 OLM SOVRACCARICO MOTORE
Se appare il messaggio “OLM sovraccarico motore” si attiva in contemporanea anche il BUZZER.
Appare il messaggio: “Ridurre carico” ed “Attesa START”.
Premendo il pulsante START si elimina la segnalazione ed il controllo attende una nuova pressione al pulsante START per riavviare l’apparecchiatura.
Dopo un numero massimo di 3 ripetizioni di questa procedura non è più resettabile la segnalazione e si deve procedere con il togliere e ridare tensione all’apparecchiatura.
49
Download PDF