I
GUIDA DELL’UTILIZZATORE
Conservare tutto il materiale informativo per riferimenti futuri.
Precauzioni riguardanti la sicurezza
Prima di provare ad usare il piano, accertarsi di
leggere le “Precauzioni riguardanti la sicurezza”
a parte.
PX3I1B
Importante!
Tenere presente le seguenti importanti informazioni prima di usare questo prodotto.
• Prima di usare il trasformatore CA AD-A12150LW opzionale per alimentare lo strumento, accertarsi innanzitutto
di controllare che il trasformatore CA non sia danneggiato. Controllare attentamente che il cavo di alimentazione
non sia spezzato, incrinato, non abbia conduttori esposti e non presenti altri seri danni. Non lasciare mai che i
bambini usino un trasformatore CA seriamente danneggiato.
• Il prodotto non è idoneo all’uso da parte di bambini di età inferiore ai 3 anni.
• Usare esclusivamente il trasformatore CA AD-A12150LW CASIO.
• Il trasformatore CA non è un giocattolo.
• Accertarsi di scollegare il trasformatore CA prima di pulire il prodotto.
Questo marchio vale soltanto nei paesi dell’UE.
Manufacturer:
CASIO COMPUTER CO.,LTD.
6-2, Hon-machi 1-chome, Shibuya-ku, Tokyo 151-8543, Japan
Responsible within the European Union:
CASIO EUROPE GmbH
Casio-Platz 1, 22848 Norderstedt, Germany
Indice
Guida generale .......................... I-2
Installazione del leggio per spartiti................................I-3
Configurazione di PX-3S ..............................................I-4
Modi ..............................................................................I-6
Salvataggio delle impostazioni
e uso del blocco pannello .............................................I-7
Ripristino del piano digitale alle sue
impostazioni iniziali di fabbrica .....................................I-7
Presa di corrente ....................... I-8
Uso di un trasformatore CA ..........................................I-8
Modifica dei parametri
di zona ...................................... I-28
Operazioni dei parametri di zona ............................... I-28
Impostazioni dei parametri di zona ............................ I-30
Uso della memoria di
registrazione ............................ I-34
Dati di registrazione ................................................... I-34
Operazioni con la memoria di registrazione............... I-34
Salvataggio dei dati del banco della
memoria di registrazione ad un file ............................ I-36
Collegamenti.............................. I-9
Collegamento delle cuffie .............................................I-9
Collegamento di un pedale ...........................................I-9
Collegamento di un’apparecchiatura audio o
amplificatore ...............................................................I-10
Accessori in dotazione e accessori opzionali .............I-10
Uso del menu funzioni ............ I-38
Selezione ed
esecuzione di un timbro ......... I-11
Operazioni di riproduzione di file MIDI ....................... I-41
Operazioni supportate durante
la riproduzione di file MIDI.......................................... I-42
Creazione di una nuova cartella
musicale sulla scheda ................................................ I-44
Per accendere il piano digitale....................................I-11
Ascolto dei brani dimostrativi ......................................I-11
Selezione di un timbro ................................................I-11
Sovrapposizione e suddivisione dei timbri..................I-12
Applicazione di
effetti ad un timbro.................. I-17
Reverbero e chorus ....................................................I-17
Rotella di pitch bend ...................................................I-17
Conferma delle impostazioni
dei parametri comuni .............. I-18
Operazioni con i parametri comuni .............................I-18
Impostazioni dei parametri comuni .............................I-20
Uso dei pulsanti
assegnabili............................... I-24
Applicazione della modulazione alle note
(ASSIGNABLE 1)........................................................I-24
Applicazione di portamento alle note
(ASSIGNABLE 1/2).....................................................I-24
Cambio della velocità dell’effetto di rotazione
(ASSIGNABLE 2)........................................................I-24
Bypass del DSP (ASSIGNABLE 2).............................I-25
Invio di cambi controllo (ASSIGNABLE 1/2) ...............I-25
Uso del piano digitale come
una tastiera MIDI master......... I-26
Collegamento di dispositivi MIDI esterni.....................I-26
Specificazione della configurazione zona...................I-26
Specificazione di ciò che controlla ciascuna zona......I-27
Configurazioni di zona ................................................I-27
B
Operazioni con il menu funzioni ................................. I-38
Impostazioni del menu funzioni.................................. I-39
Riproduzione di un file MIDI ... I-41
Uso di una scheda
di memoria ............................... I-46
Operazioni con la scheda di memoria........................ I-46
Messaggi di errore ..................................................... I-48
Collegamento ad un
computer .................................. I-49
Requisiti minimi di sistema del computer ................... I-49
Collegamento del piano digitale al computer ............. I-49
Trasferimento dei dati tra il piano digitale ed
un computer ............................................................... I-50
Riferimento .............................. I-52
Risoluzione dei problemi ............................................ I-52
Caratteristiche tecniche del prodotto.......................... I-54
Avvertenze per l’uso................................................... I-55
Appendice ................................ I-57
Lista dei timbri ............................................................ I-57
Lista di assegnazione batteria.................................... I-59
Lista degli effetti DSP................................................. I-60
Lista degli algoritmi dei DSP ...................................... I-61
MIDI Implementation Chart
I nomi di società e di prodotti citati in questo manuale
potrebbero essere marchi di fabbrica depositati di altri.
I-1
Guida generale
8
1
2
3
4
5
6
9
7
bl
bk
bm
bn
bo
bp
∗
bq
do
br
ck
bs
cl
cm
bt
cn
co
cp
cs
ct
cq
cr
dk
dn
dl
dm
Retro
dp
dq
dr
Lato sinistro
ds
dt
ek
Fondo
en
el
I-2
em
Guida generale
• Questo manuale utilizza i numeri e i nomi riportati sotto per riferirsi ai pulsanti e ai comandi.
1 Manopola del volume (VOLUME)
ck Pulsante di pianoforte, 1 (PIANO, 1)
2 Pulsante di selettore zona, ripetizione
cl Pulsante di piano elettrico 1, 2 (ELEC PIANO 1, 2)
(ZONE SELECTOR (LOWER 1), REPEAT)
3 Pulsante di selettore zona, ritorno
4
cm Pulsante di piano elettrico 2, 3 (ELEC PIANO 2, 3)
(ZONE SELECTOR (LOWER 2), sREW)
cn Pulsante di clavicembalo/vibrafono, 4
Pulsante di selettore zona, avanti
(ZONE SELECTOR (UPPER 1), dFF)
co Pulsante di organo, 5 (ORGAN, 5)
5 Pulsante di selettore zona, pausa
(ZONE SELECTOR (UPPER 2), PAUSE)
6 Pulsante di interno/esterno, riproduzione/arresto
(INT/EXT, PLAY/STOP)
7 Pulsante di modifica zona, pagina, parte
(ZONE EDIT, PAGE, PART)
(CLAVI/VIBES, 4)
cp Pulsante di archi/orchestra, 6
(STRINGS/ENSEMBLE, 6)
cq Pulsante di chitarra/basso, 7 (GUITAR/BASS, 7)
cr Pulsante di altro/GM, 8 (OTHERS/GM, 8)
cs Pulsante di sovrapposizione, uscita (LAYER, EXIT)
8 Pulsante assegnabile 1 (ASSIGNABLE 1)
ct Pulsante di suddivisione (SPLIT, u)
9 Pulsante assegnabile 2 (ASSIGNABLE 2)
dk Pulsante di reverbero (REVERB, i)
bk Pulsanti di modifica, tempo (EDIT, TEMPO)
dl Pulsante di chorus, invio (CHORUS, ENTER)
bl Pulsante di controllo master, riproduttore scheda,
dm Pulsante di memorizzazione, modalità dispositivo
carica/salva (MASTER CONTROL, CARD PLAYER,
LOAD/SAVE)
bm Pulsante di selettore parametri (trasposizione, A)
(PARAMETER SELECTOR (TRANSPOSE, A))
bn Pulsante di selettore parametri (gamma di variazione
del pitch, B) (PARAMETER SELECTOR (BEND
RANGE, B))
bo Pulsante di selettore parametri (brillantezza, C)
(PARAMETER SELECTOR (BRILLIANCE, C))
bp Pulsante di selettore parametri
(attiv./disattiv. equalizzatore, D)
(PARAMETER SELECTOR (EQ ON/OFF, D))
bq Display
br
Pulsante di timbro, registrazione
(TONE, REGISTRATION)
USB (STORE, USB DEVICE MODE)
dn Slot per scheda SD (SD CARD SLOT)
do Rotella di pitch bend (PITCH BEND)
dp Porta USB
dq Terminali di uscita/ingresso midi (MIDI OUT/IN)
dr Prese per pedale di risonanza, sordina/sostenuto
(DAMPER, SOFT/SOSTENUTO PEDAL)
ds Terminale DC 12V
dt Prese di uscita linea R, L/mono
(LINE OUT R, L/MONO)
ek Prese di ingresso linea R, L/mono
(LINE IN R, L/MONO)
el Pulsante di alimentazione (POWER)
bs Pulsante di funzione (FUNCTION)
em Prese per cuffie (PHONES)
bt Pulsante w/NO, q/YES
en Connettore per pedali
* Installazione del leggio per spartiti
Inserire la parte inferiore del leggio per spartiti
nella scanalatura sulla superficie della consolle
del piano digitale.
I-3
Guida generale
Configurazione di PX-3S
Configurazione controllo master
Il piano digitale PX-3S è una tastiera MIDI master che utilizza le quattro zone (UPPER 1, UPPER 2, LOWER 1,
LOWER 2) per controllare la fonte sonora interna (INT) e i dispositivi MIDI esterni (EXT). Ciascuna zona esegue
simultaneamente il controllo su una parte della fonte sonora interna e un canale del dispositivo MIDI esterno
(quando sono attivati entrambi INT e EXT).
Il controllo (INT/EXT) di ciascuna zona può essere attivato o disattivato come si desidera utilizzando il pulsante 6
(INT/EXT) . La modifica della zona (pagina I-28) vi consente di configurare le impostazioni dettagliate relative su
come ciascuna zona individuale controlla una fonte sonora interna e/o dispositivo MIDI esterno.
Nel caso di una fonte sonora interna, la modifica di zona può essere eseguita per creare suoni selezionando un DSP,
configurando le impostazioni DSP, modificando i timbri, ecc. Seguentemente alla creazione del suono, i segnali
vengono messi in uscita tramite un equalizzatore che consente la regolazione delle impostazioni dei parametri
comuni centralizzati (pagina I-18).
Invio risonanza acustica
ACOUSTIC
RESONANCE
Invio reverbero
REVERB
Invio chorus
Parte
WAVE
GENERATOR
CHORUS
Thru
EQUALIZER
DSP
Invio risonanza acustica DSP
Invio reverbero DSP
DSP
X 36
EFFECT
1
EFFECT
2
EFFECT
3
Bypass DSP
Uscita
Invio chorus DSP
X2
NOTA
• Quale delle quattro zone sia disponibile per l’uso dipende dallo stato di attivazione/disattivazione di LAYER e
SPLIT. Per maggiori dettagli, vedere “Sovrapposizione e suddivisione dei timbri” (pagina I-12) e “Specificazione
della configurazione zona” (pagina I-26).
I-4
B
Guida generale
Configurazione della fonte sonora
La fonte sonora viene configurata con un totale di 36 parti: quattro parti che corrispondono a ciascuna delle zone,
16 parti per la riproduzione dei file MIDI, e 16 parti che operano come fonte sonora multitimbro durante la ricezione
di ingresso MIDI.
Quanto segue mostra le relazioni tra parti, porte e canali MIDI.
Porta 0 (Parti eseguite dalle mani)
Numero di parte
1
2
3
4
Canale MIDI
Nome di parte
IN:- - /
OUT:01-16*1
Upper1
IN:- - /
OUT:01-16*1
Upper2
IN:- - /
OUT:01-16*1
Lower1
IN:- - /
OUT:01-16*1
Lower2
*1 Il canale MIDI OUT depende dalla modifica della zona (pagina I-28).
Porta 1 (Parti di riproduzione del file MIDI)
Numero di parte
Canale MIDI
Nome di parte
17
IN:- - / OUT:01
Song01
...
...
...
32
IN:- - / OUT:16
Song16
Numero di parte
Canale MIDI
Nome di parte
33
IN:01 / OUT:- -
Ext.01
Porta 2 (Parti MIDI IN)
...
...
...
48
IN:16 / OUT:- -
Ext.16
NOTA
• I messaggi MIDI messi in uscita da Porta 0 e Porta 1 riportate sopra vengono raggruppati e inviati da una singola
porta MIDI. L’invio da una porta specificata non è supportato.
I-5
Guida generale
Modi
Questo piano digitale dispone di due modi principali: un modo MASTER CONTROL e un modo CARD PLAYER.
Ciascuno di questi modi dispone di due sottomodi: un modo TONE e un modo REGISTRATION.
Modo MASTER CONTROL
Modo CARD PLAYER
Modo TONE
Modo TONE
Modo REGISTRATION
Modo REGISTRATION
Usare il modo MASTER CONTROL quando si suona il piano digitale in una configurazione indipendente o quando
lo si usa come una tastiera MIDI master.
La predisposizione del modo MASTER CONTROL può essere cambiata usando i parametri comuni (pagina I-18) e i
parametri di zona (pagina I-28).
Usare il modo CARD PLAYER per riprodurre un file MIDI. Nel modo CARD PLAYER, è possibile suonare sulla
tastiera insieme alla riproduzione di un file MIDI. Sebbene il modo CARD PLAYER supporti anche il controllo di un
dispositivo MIDI esterno, le impostazioni dei parametri non possono essere configurate.
Notare che si deve essere a conoscenza del modo attuale del piano digitale ogniqualvolta si esegue un’operazione.
Notare i seguenti punti importanti.
• Il modo iniziale di default del piano digitale al momento dell’accensione è la
modalità TONE del modo MASTER CONTROL.
• Ogni pressione del pulsante bl (MASTER CONTROL/CARD PLAYER)
Illuminata nel modo MASTER CONTROL.
commuta ciclicamente tra i modi MASTER CONTROL e CARD PLAYER. È
possibile determinare il modo attuale verificando quale spia bl (MASTER
CONTROL/CARD PLAYER) sia illuminata.
Illuminata nel modo CARD PLAYER.
• Ogni pressione del pulsante br (TONE/REGISTRATION) commuta
ciclicamente i modi TONE e REGISTRATION. È possibile determinare il modo
attuale verificando quale spia br (TONE/REGISTRATION) sia illuminata.
Illuminata nel modo TONE.
IMPORTANTE!
• Tutte le operazioni riportate in questa guida dell’utilizzatore iniziano dallo stato
iniziale di default al momento dell’accensione (modo MASTER CONTROL,
TONE). Se all’avvio si verificano problemi di funzionamento, per prima cosa
provare a riportare il piano digitale al modo MASTER CONTROL, TONE. Se
non ha importanza perdere le impostazioni e i dati attuali non salvati, spegnere
semplicemente l’alimentazione e quindi riaccenderla.
Illuminata nel modo REGISTRATION.
NOTA
• Le barre di titoli delle sezioni riportate in questa guida dell’utilizzatore mostrano anche il modo (MASTER
CONTROL o CARD PLAYER, o entrambi) dove possono essere eseguite le operazioni descritte in ciascuna
sezione.
I-6
Guida generale
Salvataggio delle impostazioni
e uso del blocco pannello
Il vostro piano digitale vi consente di salvare le sue
impostazioni correnti e di bloccare i suoi pulsanti come
protezione contro eventuali errori di operazioni. Per i
dettagli, vedere “Backup” e “Blocco pannello”
(pagina I-40).
Ripristino del piano digitale
alle sue impostazioni iniziali di
fabbrica
Eseguire la seguente procedura quando si desidera
ripristinare i dati e le impostazioni del piano digitale ai
loro valori iniziali di fabbrica.
1.
2.
Spegnere il piano digitale.
Mantenendo premuti entrambi i pulsanti br
(TONE) e bs (FUNCTION), premere il
pulsante el (POWER).
• Il piano digitale si accenderà e inizializzerà il suo
sistema interno. Sarà possibile usare il piano digitale
dopo un breve tempo.
NOTA
• Per informazioni sull’accensione e spegnimento del
piano digitale, vedere la sezione “Per accendere il
piano digitale” (pagina I-11).
I-7
Presa di corrente
Il vostro piano digitale funziona con la normale
corrente domestica. Accertarsi di spegnere
l’alimentazione quando non si usa il piano digitale.
Uso di un trasformatore CA
Utilizzare esclusivamente il trasformatore CA (standard
JEITA, con spina a polarità unificata) in dotazione a
questo piano digitale. L’uso di un tipo differente di
trasformatore CA può causare un malfunzionamento.
Trasformatore CA specificato: AD-A12150LW
• Usare il cavo di alimentazione fornito in dotazione
per collegare il trasformatore CA come viene
mostrato nell’illustrazione riportata sotto.
Retro
Presa di corrente domestica
Cavo di alimentazione
Terminale DC 12V
Trasformatore CA
Osservare le seguenti importanti avvertenze per
evitare di danneggiare il cavo di alimentazione.
Durante l’uso
• Non tirare mai il cavo con forza eccessiva.
• Non tirare mai il cavo ripetutamente.
• Non attorcigliare mai il cavo alla base della spina o
connettore.
• Il cavo di alimentazione non deve essere
eccessivamente teso mentre è in uso.
Durante lo spostamento
• Prima di spostare il piano digitale, accertarsi di
scollegare il trasformatore CA dalla presa di
corrente.
Durante la conservazione
• Avvolgere e allacciare il cavo di alimentazione, ma
non avvolgerlo mai attorno al trasformatore CA.
IMPORTANTE!
• Non collegare mai il trasformatore CA (standard
JEITA, con spina a polarità unificata) in dotazione a
questo piano digitale, a qualsiasi altro dispositivo. In
tal modo si crea il rischio di malfunzionamento.
• Assicurarsi che il piano digitale sia spento prima di
collegare o di scollegare il trasformatore CA.
• Il trasformatore CA diverrà caldo al tocco dopo un
uso molto prolungato. Questo è normale e non è
indice di malfunzionamento.
I-8
Collegamenti
Collegamento delle cuffie
IMPORTANTE!
• Prima di collegare le cuffie, accertarsi di usare la
manopola 1 (VOLUME) del piano digitale per
regolare il volume ad un livello basso. Dopo il
collegamento, è possibile regolare il volume al livello
desiderato.
Lato sinistro
Prese PHONES
Cuffie disponibili in
commercio
Spina mini
Collegare le cuffie disponibili in commercio alle prese
PHONES. Per proteggere l’udito, accertarsi di non
regolare il volume ad un livello troppo alto quando si
usano le cuffie.
Collegamento di un pedale
Il retro del piano digitale dispone di due prese per
pedali, una per un pedale di risonanza e l’altra per un
pedale di sordina/sostenuto.
NOTA
• È possibile collegare un pedale alla presa SOFT/
SOSTENUTO PEDAL ed applicare uno degli effetti
di sordina o sostenuto alle note che vengono
suonate. Per i dettagli, vedere “Assegnazione
pedale” (pagina I-39).
Funzioni dei pedali
z Pedale di risonanza
Premendo il pedale di risonanza mentre si suona farà
riverberare le note suonate sulla tastiera per un periodo
di tempo molto lungo.
• Ogniqualvolta è selezionato un timbro di piano,
premendo questo pedale si attiverà l’effetto di
risonanza acustica del piano digitale, che farà
risuonare le note alla stessa maniera come quando si
preme il pedale di risonanza su un pianoforte
acustico. È possibile regolare l’effetto di risonanza
acustica per ogni timbro individuale, ed è possibile
applicarlo agli altri timbri non di pianoforte, se lo si
desidera. Per maggiori dettagli, vedere “Risonanza
acustica” (pagina I-39) e “Invio risonanza acustica”
(pagina I-32).
z Pedale della sordina
Premendo questo pedale, si attenuano le note che
vengono suonate sulla tastiera dopo aver premuto il
pedale, rendendone il suono più smorzato.
z Pedale di sostenuto
Solo le note eseguite mentre questo pedale è premuto
vengono sostenute finché il pedale non viene rilasciato.
Per collegare alla presa per pedali
A seconda del tipo di funzione che si desidera far
eseguire al pedale (SP-3), collegare il cavo del pedale
alla presa DAMPER PEDAL o alla presa SOFT/
SOSTENUTO PEDAL del piano digitale. Se si
desidera usare entrambe le funzioni (prese)
contemporaneamente, è necessario acquistare un altro
pedale disponibile opzionalmente.
Connettore per pedali
È possibile collegare l’unità a 3 pedali (SP-32)
disponibile opzionalmente, al connettore per pedali
sulla parte inferiore del piano digitale. È possibile
quindi usare i pedali per l’espressione in modo simile a
quello disponibile su un pianoforte acustico.
Fondo
Connettore per pedali
Retro
Prese PEDAL
NOTA
SP-3
• L’unità pedali SP-32 supporta il funzionamento di
metà pedale (premendo il pedale a metà corsa). È
possibile regolare l’ammontare dell’effetto che viene
applicato quando si preme il pedale di risonanza a
metà corsa. Per maggiori dettagli, vedere “Effetto di
metà pedale” (pagina I-39).
• Per utilizzare l’unità pedali SP-32 si richiede il
supporto speciale CS-67P disponibile opzionalmente.
I-9
Collegamenti
Collegamento di
un’apparecchiatura audio o
amplificatore
Questo piano digitale mette in uscita le note da LINE
OUT R (uscita del canale destro) e LINE OUT L/
MONO (uscita del canale sinistro). Collegare un
amplificatore per tastiere o altro dispositivo per l’uscita
diretta ai diffusori. È possibile regolare il livello del
volume LINE OUT con la monopola 1 (VOLUME) del
piano digitale.
L’ingresso della presa jack LINE IN R viene messo in
uscita dalla presa jack LINE OUT R , e l’ingresso LINE
IN L/MONO viene messo in uscita da LINE OUT L/
MONO. Utilizzare i cavi di connessione disponibili in
commercio che corrispondono all’apparecchiatura da
collegare. Collegando un solo cavo a LINE IN L/
MONO, si causerà il missaggio dei canali sinistro e
destro, che verranno messi in uscita da entrambe le
prese jack LINE OUT R e LINE OUT L/MONO.
NOTA
IMPORTANTE!
• Ogni volta che si collega qualche apparecchio al
piano digitale, innanzitutto usare la manopola 1
(VOLUME) per impostare il volume ad un livello
basso. Dopo il collegamento, è possibile regolare il
volume al livello desiderato.
• Ogni volta che si collega un qualsiasi dispositivo al
piano digitale, assicurarsi di leggere la
documentazione per l’utente fornita con il
dispositivo.
Amplificatore per chitarra
Amplificatore per tastiera, ecc.
INPUT 1
Spina standard
INPUT 2
Registratore a nastro,
fonte sonora MIDI, ecc.
Presa jack standard
Presa AUX IN dell’amplificatore
audio, ecc.
SINISTRA (Bianco)
DESTRA (Rosso)
Spina a pin
Per mettere in uscita ad un amplificatore
per strumenti musicali (Figura 1)
Usare un cavo disponibile in commercio per collegare
l’amplificatore alla presa jack LINE OUT L/MONO del
piano digitale, come mostrato in Figura 1. Collegando
solo un cavo a LINE OUT L/MONO, si causerà il
missaggio dei canali sinistro e destro, che verranno
messi in uscita come canale monofonico.
Per mettere in uscita ad
un’apparecchiatura audio (Figura 2)
Usare cavi di connessione disponibili in commercio per
eseguire il collegamento come viene mostrato in Figura
2. Normalmente, si deve impostate il selettore
d’ingresso dell’apparecchiatura audio al terminale
dove è collegato il piano digitale (AUX IN, ecc.).
I-10
Per mettere in ingresso da
un’apparecchiatura audio (Figura 3)
• L’ingresso da LINE IN R e LINE IN L/MONO viene
messo in uscita così come è da LINE OUT R e LINE
OUT L/MONO. L’impostazione della manopola 1
(VOLUME) del piano digitale non influisce su
questa uscita.
Accessori in dotazione e
accessori opzionali
Usare esclusivamente gli accessori che sono specificati
per l’uso con questo piano digitale.
L’uso di accessori non autorizzati comporta il rischio di
incendio, scossa elettrica e lesioni fisiche.
NOTA
• È possibile avere informazioni sugli accessori che
sono venduti separatamente per questo prodotto,
dal catalogo CASIO disponibile dal vostro
rivenditore, e dal sito web CASIO al seguente URL.
http://world.casio.com/
Selezione ed esecuzione di un timbro
MASTER CONTROL
Per accendere il piano digitale
1.
Dopo aver confermato che il pulsante el
(POWER) sia nella posizione di spento,
collegare il trasformatore CA al piano digitale.
Ascolto dei brani dimostrativi
1.
• Questa operazione avvia la riproduzione di un brano
dimostrativo.
• Il piano digitale dispone di un totale di quattro brani
dimostrativi. È possibile usare i pulsanti bt per
saltare all’inizio del brano dimostrativo precedente
(q) o successivo (w). È possibile usare i pulsanti
del gruppo di timbri (da ck a cn) per selezionare un
brano dimostrativo specifico.
• È possibile suonare sulla tastiera durante la
riproduzione di un brano dimostrativo. Notare,
tuttavia, che non è possibile cambiare il timbro
assegnato alla tastiera. Solo le operazioni con i tasti
descritte sopra sono supportate.
Lato sinistro
Posizione
spento
Posizione
acceso
Pulsante el
• Per informazioni sul collegamento del trasformatore
CA, vedere “Presa di corrente” (pagina I-8).
2.
Ruotare la manopola 1 (VOLUME) verso
MIN per regolare il volume ad un livello
basso.
3.
Collegare le cuffie o altri dispositivi al piano
digitale come si richiede (vedere
“Collegamenti” a pagina I-9).
4.
Premere il pulsante el (POWER) per
accendere il piano digitale.
• La schermata del display del piano digitale apparirà
come viene mostrato sotto, indicante che il piano è
pronto per suonare (usando le impostazioni iniziali
di default di accensione).
Mantenendo premuto il pulsante 7 (PART),
premere il pulsante 6 (PLAY/STOP).
2.
Per arrestare la riproduzione di un brano
dimostrativo, premere di nuovo il pulsante 6
(PLAY/STOP).
Selezione di un timbro
Il vostro piano digitale dispone di 250 timbri (che
includono 10 set batteria) incorporati. I timbri sono
suddivisi in otto gruppi di timbri mostrati sotto.
Usare la procedura seguente per selezionare un singolo
timbro che viene applicato all’intera tastiera.
Per selezionare un timbro
• Per spegnere il piano digitale, premere di nuovo il
pulsante el (POWER).
1.
Usare la “Lista dei timbri” (pagina I-57) per
ricercare il gruppo e il numero di timbro che si
desidera selezionare.
2.
Controllare per assicurarsi che la spia sopra il
pulsante bl (MASTER CONTROL) sia
illuminata.
• Se essa non è illuminata, premere il pulsante bl
IMPORTANTE!
• Normalmente, spegnendo e quindi accendendo di
nuovo l’alimentazione, si farà ritornare il piano
digitale alle sue impostazioni iniziali di default di
accensione. Se si esegue l’operazione di backup
(pagina I-40), riaccendendo l’alimentazione si
ripristineranno le impostazioni salvate. Eseguire
un’operazione di backup (pagina I-40) o di
registrazione (pagina I-34) per salvare la
predisposizione della tastiera se si desidera
ripristinarla in futuro.
(MASTER CONTROL) per accenderla.
3.
Controllare per assicurarsi che entrambe le
spie dei pulsanti cs (LAYER) e ct (SPLIT)
non siano illuminate.
• Se esse sono illuminate, premere i pulsanti cs
(LAYER) e/o ct (SPLIT) per spegnere entrambe le
spie.
I-11
Selezione ed esecuzione di un timbro
4.
Se la spia del pulsante 4 (UPPER 1) non è
illuminata, premere il pulsante 4 (UPPER 1)
in modo che la sua spia sia illuminata.
5.
Controllare per assicurarsi che la spia sopra il
pulsante br (TONE) sia illuminata.
Illuminata
Sovrapposizione e
suddivisione dei timbri
È possibile configurare la tastiera in modo che essa
suoni due timbri differenti contemporaneamente
(Sovrapposizione) o per suonare timbri differenti nelle
gamme a sinistra e a destra (Suddivisione). È possibile
anche usare la sovrapposizione e la suddivisione in
combinazione tra loro.
Quanto segue descrive le varie combinazioni possibili
di sovrapposizione e suddivisione.
• Se essa non è illuminata, premere il pulsante br
(TONE) per accendere la spia in alto.
6.
z Un timbro per l’intera tastiera (pagina I-11)
Usare la zona UPPER 1.
Usare i pulsanti da ck a cr (Gruppo di timbri)
per selezionare il gruppo che si desidera.
UPPER 1 INT ON
LAYER OFF
UPPER 1
SPLIT OFF
• La spia del pulsante che si preme si illuminerà.
7.
Usare i pulsanti bt (w, q) per selezionare
il timbro che si desidera. Ora è possibile
suonare la tastiera usando il timbro da voi
selezionato.
z Due timbri per l’intera tastiera (pagina I-13)
Usare le zone UPPER 1 e UPPER 2
contemporaneamente.
UPPER 1/2 INT ON
LAYER ON
Esempio: Per selezionare il timbro “Jazz Organ 2” nel
gruppo “ORGAN”
Numero di timbro
Nome del timbro
UPPER 1
UPPER 2
SPLIT OFF
z Due timbri, uno per la gamma a sinistra e uno per
la gamma a destra della tastiera (pagina I-14)
Usare le zone UPPER 1 e LOWER 1
contemporaneamente.
UPPER 1/LOWER 1 INT ON
LAYER OFF
LOWER 1
NOTA
• Premendo w e q contemporaneamente, si
seleziona il timbro 001 nel gruppo attualmente
selezionato.
• Mantenendo premuto w o q si scorrono i timbri
ad alta velocità.
• Mantenendo premuto il pulsante bs (FUNCTION)
quando si preme w o q, si salteranno 10 timbri.
UPPER 1
SPLIT ON
z Quattro timbri, due sovrapposti per la gamma a
sinistra e due sovrapposti per la gamma a destra
della tastiera (pagina I-15)
Usare le zone UPPER 1, UPPER 2, LOWER 1 e
LOWER 2 contemporaneamente.
UPPER 1/2 INT ON
LOWER 1/2 INT ON
LOWER 1
LOWER 2
UPPER 1
UPPER 2
LAYER ON, SPLIT ON
z Tre timbri, uno per una gamma e due sovrapposti
per l’altra gamma della tastiera (pagina I-16)
Usare tutte le quattro zone contemporaneamente,
ma con il suono di una zona disattivato
configurando una delle zone con INT OFF per
sconnettere la fonte sonora interna. L’esempio sotto
mostra l’impostazione INT OFF configurata per
LOWER 2.
UPPER 1/2, LOWER 1 INT ON
LOWER 2 INT OFF
LOWER 1
I-12
UPPER 1
UPPER 2
LAYER ON, SPLIT ON
Selezione ed esecuzione di un timbro
4.
IMPORTANTE!
• È possibile selezionare un timbro per ciascuna zona
in entrambi i modi MASTER CONTROL e CARD
PLAYER. Notare, tuttavia, che alcune procedure e
operazioni (stato di illuminazione delle spie) quando
un timbro è selezionato per ciascuna zona nel modo
CARD PLAYER, sono differenti da quelle che si
hanno nel caso del modo MASTER CONTROL.
Qui, le spiegazioni sono basate sulla selezione di un
timbro per ciascuna zona nel modo MASTER
CONTROL. Per informazioni sulla selezione dei
timbri nel modo CARD PLAYER, vedere “Per
selezionare un timbro per ciascuna zona nel modo
CARD PLAYER” (pagina I-44).
• Per maggiori dettagli sulla selezione dei timbri,
vedere “Per selezionare un timbro” (pagina I-11).
5.
Sovrapposizione di due timbri
Premere il pulsante cs (LAYER) in modo che
la sua spia sia illumininata.
Illuminata
Spenta
Illuminata
• In questo momento la spia del pulsante 4 (UPPER 1)
si spegnerà, e la spia del pulsante 5 (UPPER 2) si
illuminerà al suo posto. Questo indica che è possibile
selezionare il timbro della zona UPPER 2.
NOTA
• Quando si usa la sovrapposizione e/o suddivisione
per suonare più di un timbro contemporaneamente,
è possibile regolare il bilanciamento del volume di
ciascuna zona, eseguire lo spostamento di ottava per
ciascuna zona, e configurare le impostazioni
dettagliate per gli effetti applicati alle zone. Per
maggiori dettagli sui parametri che possono essere
configurati e sulle procedure di impostazione,
vedere “Modifica dei parametri di zona”
(pagina I-28).
Selezionare il timbro della zona UPPER 1.
6.
7.
Selezionare il timbro della zona UPPER 2.
Suonare qualche brano sulla tastiera per
verificare come i timbri suonino sovrapposti
insieme.
• In qualsiasi momento è possibile premere il pulsante
4 (UPPER 1) per cambiare il timbro della zona
UPPER 1 o il pulsante 5 (UPPER 2) per cambiare il
timbro della zona UPPER 2.
8.
Per annullare la sovrapposizione dei timbri,
premere di nuovo il pulsante cs (LAYER) in
modo che la sua spia si spenga.
UPPER 1
UPPER 2
1.
Usare la “Lista dei timbri” (pagina I-57) per
ricercare il(i) gruppo(i) e numeri dei due timbri
(timbro della zona UPPER 1 e timbro della
zona UPPER 2) che si desidera usare.
2.
Controllare per assicurarsi che entrambe le
spie cs (LAYER) e ct (SPLIT) non siano
illuminate.
• Se una o entrambe le spie sono illuminate, premere i
pulsanti cs (LAYER) e ct (SPLIT) per spegnerle.
3.
Premere il pulsante 4 (UPPER 1) in modo
che la sua spia sia illumininata.
• Questo indica che è possibile selezionare il timbro
della zona UPPER 1.
Illuminata
I-13
Selezione ed esecuzione di un timbro
Suddivisione della tastiera tra due timbri
LOWER 1
1.
2.
UPPER 1
Usare la “Lista dei timbri” (pagina I-57) per
ricercare il(i) gruppo(i) e numeri dei due timbri
(timbro della zona UPPER 1 e timbro della
zona LOWER 1) che si desidera usare.
8.
NOTA
• Inoltre è possibile specificare il punto di
suddivisione della tastiera, che è la posizione dove la
tastiera viene suddivisa tra la gamma a sinistra e la
gamma a destra. Nell’impostazione di default
iniziale il punto di suddivisione è al tasto F#3.
Zona LOWER 1
Premere il pulsante 4 (UPPER 1) in modo
che la sua spia sia illumininata.
• Questo indica che è possibile selezionare il timbro
della zona UPPER 1.
Punto di
suddivisione
Per maggiori dettagli, vedere “Per specificare il
punto di suddivisione della tastiera” (pagina I-14).
Per specificare il punto di suddivisione
della tastiera
1.
Illuminata
4.
Zona UPPER 1
Controllare per assicurarsi che entrambe le
spie cs (LAYER) e ct (SPLIT) non siano
illuminate.
• Se una o entrambe le spie sono illuminate, premere i
pulsanti cs (LAYER) e ct (SPLIT) per spegnerle.
3.
Per annullare la suddivisione della tastiera,
premere di nuovo il pulsante ct (SPLIT) in
modo che la sua spia si spenga.
Mantenere premuto il pulsante ct (SPLIT)
finché non appare la schermata mostrata
sotto.
Selezionare il timbro della zona UPPER 1.
• Per maggiori dettagli sulla selezione dei timbri,
vedere “Per selezionare un timbro” (pagina I-11).
5.
Premere il pulsante ct (SPLIT) in modo che
la sua spia sia illuminata.
Illuminata
Nome del tasto del punto di suddivisione attuale
2.
Illuminata
Spenta
• Il nome del tasto che si preme apparirà sul display
come nome del tasto del nuovo punto di
suddivisione.
• Inoltre è possibile usare i pulsanti bt (w, q) per
cambiare il nome del tasto del punto di suddivisione.
• In questo momento la spia del pulsante 4 (UPPER 1)
si spegnerà e la spia del pulsante 2 (LOWER 1) si
illuminerà al suo posto. Questo indica che è possibile
selezionare il timbro della zona LOWER 1.
6.
7.
Selezionare il timbro della zona LOWER 1.
Eseguire qualche brano sulla parte sinistra e
destra della tastiera per confermare che i
timbri sono stati assegnati correttamente.
• In qualsiasi momento è possibile premere il pulsante
4 (UPPER 1) per cambiare il timbro della zona
UPPER 1 o il pulsante 2 (LOWER 1) per cambiare il
timbro della zona LOWER 1.
I-14
Premere il tasto della tastiera che si desidera
stabilire come tasto di estrema sinistra nella
gamma del lato destro (zona UPPER 1).
3.
Quando si conclude, premere il pulsante ct
(SPLIT).
Selezione ed esecuzione di un timbro
Per usare la sovrapposizione e la
suddivisione insieme
LOWER 1
LOWER 2
1.
2.
UPPER 1
UPPER 2
Usare la “Lista dei timbri” (pagina I-57) per
ricercare il(i) gruppo(i) e numeri dei due timbri
(timbri delle zone UPPER 1, UPPER 2,
LOWER 1 e LOWER 2) che si desidera usare.
Controllare per assicurarsi che entrambe le
spie cs (LAYER) e ct (SPLIT) non siano
illuminate.
• Se una o entrambe le spie sono illuminate, premere i
pulsanti cs (LAYER) e ct (SPLIT) per spegnerle.
3.
7.
Premere il pulsante cs (LAYER) in modo che
la sua spia sia spenta.
8.
Premere il pulsante ct (SPLIT) in modo che
la sua spia sia illuminata.
Illuminata
Illuminata
• Questa operazione farà illuminare la spia del
pulsante 2 (LOWER 1). Questo indica che è possibile
selezionare il timbro della zona LOWER 1.
9. Selezionare il timbro della zona LOWER 1.
10. Premere il pulsante cs (LAYER) in modo che
la sua spia sia illuminata.
Illuminata
Premere il pulsante 4 (UPPER 1) in modo
che la sua spia sia illumininata.
• Questo indica che è possibile selezionare il timbro
della zona UPPER 1.
Illuminata
• Questa operazione farà illuminare il pulsante 3
(LOWER 2). Questo indica che è possibile selezionare
il timbro della zona LOWER 2.
Illuminata
4.
Selezionare il timbro della zona UPPER 1.
• Per maggiori dettagli sulla selezione dei timbri,
vedere “Per selezionare un timbro” (pagina I-11).
5.
Premere il pulsante cs (LAYER) in modo che
la sua spia sia illuminata.
Illuminata
11. Selezionare il timbro della zona LOWER 2.
12. Eseguire qualche brano sulla parte sinistra e
destra della tastiera per confermare che i
timbri sono stati assegnati e sovrapposti
correttamente.
• È possibile cambiare uno qualsiasi dei timbri delle
zone in qualsiasi momento eseguendo una delle
operazioni riportate sotto.
Per cambiare il
timbro di questa
zona:
Spenta
6.
Illuminata
Fare questo:
Zona UPPER 1
• Questa operazione farà illuminare la spia del
pulsante 5 (UPPER 2). Questo indica che è possibile
selezionare il timbro della zona UPPER 2.
Premere il pulsante 4 (UPPER 1) e
quindi selezionare un timbro.
Zona UPPER 2
Premere il pulsante 5 (UPPER 2) e
quindi selezionare un timbro.
Selezionare il timbro della zona UPPER 2.
Zona LOWER 1
Premere il pulsante 2 (LOWER 1)
e quindi selezionare un timbro.
Zona LOWER 2
Premere il pulsante 3 (LOWER 2)
e quindi selezionare un timbro.
I-15
Selezione ed esecuzione di un timbro
13. Per annullare la sovrapposizione e la
suddivisione, premere di nuovo i pulsanti cs
(LAYER) e ct (SPLIT) in modo che le loro
spie si spengano.
NOTA
• Quando si usano la sovrapposizione e la
suddivisione contemporaneamente, è possibile
commutare solo ad un singolo timbro in entrambe le
gamme della tastiera configurando INT OFF per la
zona di cui non si desidera far eseguire il timbro. Ad
esempio, si potrebbero eseguire i passi riportati sotto
per suonare le zone UPPER 1, UPPER 2 e LOWER 1,
senza suonare la zona LOWER 2.
LOWER 1
UPPER 1
UPPER 2
1. Premere il pulsante 3 (LOWER 2) in modo che la
sua spia sia illuminata.
2. Premere due volte il pulsante 6 (INT/EXT) in
modo che la spia del lato INT (lato a sinistra) si
spenga.
Spenta
Illuminata
• Premendo il pulsante 4 (UPPER 1), 5 (UPPER 2),
2 (LOWER 1) o 3 (LOWER 2), si causa
l’accensione della spia del pulsante premuto, e lo
spegnimento delle spie degli altri pulsanti. In questo
momento, il nome del timbro della zona di cui si
preme il pulsante apparirà sul display, e sarà
possibile cambiare il timbro, se lo si desidera.
Tuttavia, i timbri che suonano quando vengono
premuti i tasti della tastiera dipendono dalle
impostazioni attuali di attivazione/disattivazione
della sovrapposizione e della suddivisione.
• Il pulsante 6 (INT/EXT) è dedicato per la
specificazione di quello che ciascuna zona controlla
(INT = fonte sonora interna, EXT = dispositivo MIDI
esterno). La spia al lato INT (sinistro) indica
l’attivazione/disattivazione del controllo della fonte
sonora interna, mentre quella al lato EXT (destro)
indica l’attivazione/disattivazione del controllo del
dispositivo MIDI esterno. Per maggiori dettagli su
questo pulsante, vedere “Uso del piano digitale
come una tastiera MIDI master” (pagina I-26).
I-16
Applicazione di effetti ad un timbro
MASTER CONTROL
Reverbero e chorus
Il vostro piano digitale è dotato di quattro tipi di
reverbero e quattro tipi di chorus. Le funzioni di
reverbero e chorus dispongono di propri tasti dedicati
per una facile operazione di attivazione/
disattivazione.
• Ogni pressione del pulsante dk (REVERB) commuta
attivato e disattivato il reverbero. La spia sopra il
pulsante è illuminata quando il reverbero è attivo,
ed è spenta quando esso è disattivo.
• Ogni pressione del pulsante dl (CHORUS)
commuta attivato e disattivato il chorus. La spia
sopra il pulsante è illuminata quando il chorus è
attivo, ed è spenta quando esso è disattivo.
2.
CARD PLAYER
Usare i pulsanti bt (w, q) per selezionare
il tipo di reverbero che si desidera.
• È possibile selezionare uno dei seguenti tipi di
reverbero: 1 Room, 2 Hall, 3 Large Hall,
4 Stadium.
3.
Quando si conclude, premere il pulsante dk
(REVERB).
Per cambiare il tipo di chorus
1.
Mantenere premuto il pulsante dl (CHORUS)
finché non appare la schermata mostrata
sotto.
2.
Usare i pulsanti bt (w, q) per selezionare
il tipo di chorus che si desidera.
IMPORTANTE!
• Alle impostazioni iniziali di default di determinati
timbri, il chorus non viene applicato attivandolo
semplicemente. Questo perché il valore iniziale di
default dell’impostazione di invio chorus è 0. Per
applicare il chorus, cambiare il valore di invio chorus
della zona dove si desidera utilizzarlo. Per maggiori
dettagli, vedere la sezione “Impostazioni degli effetti”
(pagina I-32).
NOTA
• L’impostazione di attivazione/disattivazione di
reverbero e chorus viene applicata a tutte le zone,
tuttavia le impostazioni di invio reverbero e invio
chorus possono essere configurate per zone
individuali. Per maggiori dettagli, vedere la sezione
“Impostazioni degli effetti” (pagina I-32).
Per cambiare il tipo di reverbero
1.
Mantenere premuto il pulsante dk (REVERB)
finché non appare la schermata mostrata
sotto.
• È possibile selezionare uno dei seguenti tipi di
chorus: 1 Light Chorus, 2 Chorus, 3 Deep Chorus,
4 Flanger.
3.
Quando si conclude, premere il pulsante dl
(CHORUS).
Rotella di pitch bend
La rotella do (PITCH BEND) vi consente
di cambiare l’intonazione delle note che si
stanno eseguendo, ruotandola in avanti o
indietro. Ruotando la rotella lontano da
voi si innalza l’intonazione, mentre
ruotandola verso di voi la si abbassa.
Rilasciando la rotella, l’intonazione delle
note ritorna automaticamente ai valori
normali.
IMPORTANTE!
• Non ruotare la rotella di pitch bend quando si
accende il piano digitale.
NOTA
• Inoltre è possibile cambiare la gamma della rotella di
pitch bend. Vedere “Gamma di variazione del pitch”
(pagina I-20).
I-17
Conferma delle impostazioni dei parametri
comuni
MASTER CONTROL
I parametri comuni includono la trasposizione, la gamma di variazione del pitch, l’equalizzatore, e altri parametri
globali. I parametri comuni includono anche le impostazioni delle funzioni assegnate ai pulsanti ASSIGNABLE.
Operazioni con i parametri comuni
Le impostazioni dei parametri comuni compaiono sul menu generale che appare per primo ogni volta che si
accende il piano digitale.
Pagina
Nome del parametro
Menu comune
Impostazioni
• Il menu comune dispone di cinque pagine. Premere il pulsante 7 (PAGE) per scorrere le pagine.
• Ciascuna pagina del menu comune include fino a quattro parametri, ognuno dei quali corrisponde ad uno dei
pulsanti PARAMETER SELECTOR (da bm (A) a bp (D)).
• La lista “COMMON PARAMETER” in alto a sinistra del pannello di controllo del piano digitale mostra i
parametri assegnati a ciascuno dei pulsanti PARAMETER SELECTOR.
I-18
Conferma delle impostazioni dei parametri comuni
Per cambiare le impostazioni dei
parametri comuni
1.
5.
• Premendo w e q contemporaneamente,
l’impostazione ritona a quella iniziale di default.
• Mantenendo premuto w o q si scorreranno le
impostazioni ad alta velocità.
• Per maggiori dettagli sul significato e sulla gamma di
ciascuna impostazione di parametro, vedere
“Impostazioni dei parametri comuni” (pagina I-20).
Controllare per assicurarsi che la spia sopra il
pulsante bl (MASTER CONTROL) sia
illuminata.
• Se la spia non è illuminata, premere il pulsante bl
(MASTER CONTROL) per accenderla.
Illuminata
Usare i pulsanti bk (EDIT w, q) per
cambiare l’impostazione.
6.
Se si desidera cambiare le impostazioni di
altri parametri, ripetere i punti da 3 a 5 di
questa procedura.
IMPORTANTE!
2.
Controllare per assicurarsi che la spia sopra il
pulsante 7 (ZONE EDIT) non sia illuminata.
• Se la spia è illuminata, mantenere premuto il pulsante
7 (ZONE EDIT) finché essa non si spegne.
3.
Usare il pulsante 7 (PAGE) per visualizzare
la pagina del menu comune che contiene il
parametro di cui si desidera cambiare
l’impostazione.
Esempio: Pagina 2 del menu comune
Spegnendo il piano digitale, tutti i parametri comuni
ritornano alle loro impostazioni iniziali di default. Se è
necessario salvare una predisposizione di parametro
comune, eseguire una delle operazioni descritte di
seguito.
• Se si desidera ripristinare la predisposizione attuale
la volta successiva che si accende il piano digitale,
eseguire l’operazione di backup. Per maggiori
dettagli, vedere “Backup” (pagina I-40).
• Se non è necessario ripristinare la predisposizione
attuale la volta successiva che si accende il piano
digitale, ma si desidera averla a portata di mano per
richiamarla quando necessita, salvare la
predisposizione alla memoria di registrazione. Per
maggiori dettagli, vedere “Uso della memoria di
registrazione” (pagina I-34).
• Ad ogni pressione del pulsante 7 (PAGE) si avanza
alla pagina successiva.
4.
Premere il pulsante PARAMETER
SELECTOR (da bm (A) a bp (D)) per
selezionare il parametro di cui si desidera
cambiare l’impostazione.
• Le parentesi intorno all’impostazione del parametro
da voi selezionato cambieranno da [ ] a %.
Questo indica che la modifica dell’impostazione è
abilitata.
Esempio: Dopo aver premuto il pulsante bo (C)
• Mantenendo premuto uno dei pulsanti
PARAMETER SELECTOR, verrà visualizzato il suo
nome completo. Ad esempio, “LoMdG” cambierà a
“LowMid Gain”.
I-19
Conferma delle impostazioni dei parametri comuni
Impostazioni dei parametri comuni
Questa sezione spiega il significato di ciascun parametro comune, e fornisce informazioni sulle loro gamme di
impostazione e sui valori iniziali di default.
• In questa sezione, ciascun parametro è preceduto da un numero e una lettera, come “1-A”. Questo indica il
numero (1) di pagina del menu comune, e il pulsante PARAMETER SELECTOR che è necessario premere per
selezionarlo (A).
• I valori che seguono la descrizione di un parametro rappresentano la gamma di impostazione di quest’ultimo.
L’impostazione iniziale di default è indicata da un asterisco (*).
Impostazioni generali
■ 1-A Trasposizione (Trnsp)
Regola l’intonazione globale della tastiera in unità di semitoni.
Da –12 a 0*, a 12 semitoni
■ 1-B Gamma di variazione del pitch (BendR)
Specifica la gamma di variazione del pitch che si verifica quando si ruota la rotella di pitch bend.
Da 0 a 2*, a 12 semitoni
■ 1-C Brillantezza (Brila)
Controlla la brillantezza del timbro. Un valore maggiore produce un suono più brillante e vigoroso, mentre un
valore inferiore produce un suono più dolce e smorzato.
Da –3 a 0*, a 3
Impostazioni dell’equalizzatore
Queste impostazioni costituiscono un equalizzatore a quattro bande per la compensazione del suono.
■ 1-D EQ ON/OFF (EQ)
Specifica se il suono messo in uscita dal piano digitale passa (ON) o non passa (OFF) attraverso l’equalizzatore.
OFF (Disattivato), ON (Attivato)*
I-20
Conferma delle impostazioni dei parametri comuni
■ Da 2-A a 3-D Impostazioni di guadagno e frequenza banda
Nome del parametro
Collocazione
Descrizione
Impostazioni
(* indica il valore di default).
Low Gain (LoG)
2-A
Regola il guadagno nella gamma bassa.
Da –12 a 0*, a 12
Low Freq. (LoF)
2-B
Specifica la frequenza della gamma bassa
regolata dal Low Gain.
0,2*, 0,4, 0,8 kHz
LowMid Gain
(LoMdG)
2-C
Regola il guadagno nella gamma bassamedia.
Da –12 a 0*, a 12
LowMid Freq.
(LoMdF)
2-D
Specifica la frequenza della gamma bassamedia regolata dal LowMid Gain.
1,0*, 1,3, 1,6, 2,0, 2,5, 3,2, 4,0, 5,0 kHz
HighMid Gain
(HiMdG)
3-A
Regola il guadagno nella gamma altamedia.
Da –12 a 0*, a 12
HighMid Freq.
(HiMdF)
3-B
Specifica la frequenza della gamma altamedia regolata dal HighMid Gain.
1,0, 1,3, 1,6, 2,0, 2,5*, 3,2, 4,0, 5,0 kHz
High Gain (HiG)
3-C
Regola l’alto guadagno.
Da –12 a 0*, a 12
High Freq. (HiF)
3-D
Specifica la frequenza della gamma alta
regolata dal High Gain.
6,0, 8,0, 10* kHz
Impostazioni dei pulsanti assegnabili
Queste impostazioni specificano le funzioni assegnate ai pulsanti 8 (ASSIGNABLE 1) e 9 (ASSIGNABLE 2). Le
funzioni che possono essere assegnate a ciascun pulsante sono mostrate nelle liste “ASSIGNABLE 1 TYPE” e
“ASSIGNABLE 2 TYPE” sul pannello di controllo alla sinistra dei pulsanti ASSIGNABLE.
NOTA
• Indipendentemente dalle impostazioni che si configurano qui per i pulsanti 8 (ASSIGNABLE 1) e 9
(ASSIGNABLE 2), è possibile utilizzare la procedura di modifica della zona (pagina I-28) per abilitare o
disabilitare ciascuna zona individuale. Per maggiori dettagli, vedere la sezione “Impostazioni di controllo”
(pagina I-33).
I-21
Conferma delle impostazioni dei parametri comuni
■ 4-A Pulsante assegnabile Tipo 1 (Asgn1)
Specifica la funzione assegnata al pulsante 8 (ASSIGNABLE 1).
Quanto segue descrive le funzioni che possono essere assegnate da ciascuna impostazione.
Impostazione
Funzioni assegnate
Modulazione (Mod)
Questa impostazione assegna la modulazione al pulsante.*1 La profondità della modulazione viene
specificata usando i pulsanti bn (B) e bo (C).
Portamento (Por)
Questa impostazione assegna il portamento al pulsante. Quando questa funzione è assegnata, il
portamento viene applicato mentre è premuto il pulsante 8 (ASSIGNABLE 1), e non applicato
mentre il pulsante è rilasciato.*2
Numero di cambio
controllo da 0 a 127
(CC# da 000 a 127)
Questa impostazione assegna un numero di cambio controllo al pulsante. Il canale MIDI per l’invio di
un cambio controllo, o il valore inviato quando è premuto o rilasciato il pulsante 8
(ASSIGNABLE 1), viene specificato usando i pulsanti bn (B), bo (C) e bp (D).
*1 Per applicare la modulazione solo ad una zona particolare, selezionare “001” (CC#1 = Modulazione) come Asgn1
invece di “Mod”. Inoltre, specificare un canale MIDI che invia il cambio controllo, che corrisponde al canale MIDI
della zona dove si desidera applicare la modulazione. Per ulteriori informazioni, vedere “Impostazioni quando
Asgn1/Asgn2 = Numero di cambio controllo da 0 a 127” (pagina I-23).
*2 Il portamento può essere attivato o disattivato per ciascuna zona. Per maggiori dettagli, vedere la sezione
“Modifica dei timbri” (pagina I-31).
■ 5-A Pulsante assegnabile Tipo 2 (Asgn2)
Specifica la funzione assegnata al pulsante 9 (ASSIGNABLE 2).
Quanto segue descrive le funzioni che possono essere assegnate da ciascuna impostazione.
Impostazioni
Funzioni assegnate
Rotazione (Rot)
Questa funzione, che commuta la velocità di rotazione, può essere assegnata per l’effetto rotante
utilizzato dal DSP (vedere “Tipo di DSP” a pagina I-30). La velocità è “Rapida” quando il pulsante 9
(ASSIGNABLE 2) è attivato (spia illuminata), mentre è “Lenta” quando quest’ultimo è disattivato
(spia spenta).
Portamento (Por)
Questa impostazione assegna il portamento al pulsante. Il portamento viene applicato quando il
pulsante 9 (ASSIGNABLE 2) è attivato, mentre non viene applicato quando quest’ultimo è
disattivato.*1
Bypass DSP (Dbp)
Questa impostazione assegna una funzione che disattiva il DSP di una zona particolare. La zona il cui
DSP si vuole disattivare viene specificata con il pulsante bn (B).
Numero di cambio
controllo da 0 a 127
(CC# da 000 a 127)
Questa impostazione assegna un numero di cambio controllo al pulsante. Il canale MIDI per l’invio di
un cambio controllo, o il valore inviato quando è attivato o disattivato il pulsante 9
(ASSIGNABLE 2), viene specificato usando i pulsanti bn (B), bo (C), e bp (D).
*1 Il portamento può essere attivato o disattivato per ogni zona. Per maggiori dettagli, vedere la sezione “Modifica
dei timbri” (pagina I-31).
■ 4-B, 4-C Impostazioni quando Asgn1 = Modulazione (Mod)
Nome del parametro
Collocazione
Descrizione
Impostazioni
(* indica il valore di default)
Depth (Pulsante OFF)
(OfDep)
4-B
Specifica la profondità di modulazione
mentre il pulsante non è premuto.
Da 0* a 127
Depth (Pulsante ON)
(OnDep)
4-C
Specifica la profondità di modulazione
mentre il pulsante è premuto.
Da 0 a 127*
I-22
Conferma delle impostazioni dei parametri comuni
■ 4-B, 4-C, 4-D, 5-B, 5-C, 5-D Impostazioni quando Asgn1/Asgn2 = Numero di cambio controllo da
0 a 127
Nome del parametro
Collocazione
Descrizione
Impostazioni
(* indica il valore di default)
Channel (Ch)
4-B, 5-B
Specifica il canale MIDI*1 per l’invio dei cambi Da 1* a 16
di controllo.
Value (Pulsante OFF)
(OfVal)
4-C, 5-C
Specifica il valore inviato quando il pulsante è Da 0* a 127
rilasciato (disattivato).
Value (Pulsante ON)
(OnVal)
4-D, 5-D
Specifica il valore inviato quando il pulsante è Da 0* a 127
premuto (attivato).
*1 Le informazioni di cambio controllo in linea di massima vengono inviate dal piano digitale ad una destinazione
esterna tramite il canale MIDI qui specificato. Tuttavia, quando un canale di invio MIDI di una delle zone del
piano digitale corrisponde al canale qui specificato, e tale zona è configurata come INT ON, le informazioni sul
cambio controllo vengono inviate per la fonte sonora interna che corrisponde a quella zona.
■ 5-B Impostazioni quando Asgn2 = Bypass DSP (Dbp)
Nome del parametro
Zone
Collocazione
5-B
Descrizione
Impostazioni
(* indica il valore di default)
Questa impostazione può essere utilizzata per Up1*, Up2, Lo1, Lo2
selezionare la zona (Up1: UPPER 1,
Up2: UPPER 2, Lo1: LOWER 1,
Lo2: LOWER 2) che bypassa il DSP (DSP
disattivato) quando il pulsante 9
(ASSIGNABLE 2) è attivato (spia illuminata).
I-23
Uso dei pulsanti assegnabili
MASTER CONTROL
Sono presenti due pulsanti assegnabili denominati 8
(ASSIGNABLE 1) e 9 (ASSIGNABLE 2). Il pulsante
8 (ASSIGNABLE 1) è progettato in modo che si attiva
mentre è premuto e si disattiva mentre è rilasciato. Il
pulsante 9 (ASSIGNABLE 2) commuta attivato (spia
illuminata) e disattivato (spia spenta) ogni volta che
viene premuto.
L’uso principale dei pulsanti assegnabili è per eseguire
operazioni in tempo reale, maggiormente per gli effetti.
È possibile configurare le impostazioni per il pulsante
assegnabile con il menu comune (pagina I-18).
NOTA
• Per informazioni su come configurare le
impostazioni, vedere “Per cambiare le impostazioni
dei parametri comuni” (pagina I-19).
• Le voci “Informazioni dei parametri comuni” e
“Informazioni dei parametri di zona” nelle
spiegazioni riportate in questa sezione mostrano
dove si devono ricercare le informazioni sui
parametri che fanno parte di una funzione
assegnabile.
Applicazione della
modulazione alle note
(ASSIGNABLE 1)
La modulazione con profondità fissata viene applicata
alle note mentre si preme o si rilascia il pulsante 8
(ASSIGNABLE 1).
Informazioni dei parametri comuni:
4-A Pulsante assegnabile Tipo 1 (Asgn1)
(pagina I-22)
4-B, 4-C Impostazioni quando Asgn1 = Modulazione
(Mod) (pagina I-22)
I-24
CARD PLAYER
Applicazione di portamento
alle note (ASSIGNABLE 1/2)
Applicando il portamento, si determina lo slittamento
dell’intonazione tra due note suonate in successione.
Questo è un effetto che viene utilizzato con gli
strumenti a corda e con gli strumenti a fiato in legno.
Con il pulsante 8 (ASSIGNABLE 1), il portamento
viene applicato mentre il pulsante è premuto. Con il
pulsante 9 (ASSIGNABLE 2), il portamento viene
applicato mentre il pulsante è attivato.
Informazioni dei parametri comuni:
4-A Pulsante assegnabile Tipo 1 (Asgn1)
(pagina I-22)
5-A Pulsante assegnabile Tipo 2 (Asgn2)
(pagina I-22)
Informazioni dei parametri di zona:
4-C Portamento ON/OFF (Porta) (pagina I-31)
4-D Tempo del portamento (PTime) (pagina I-31)
Cambio della velocità
dell’effetto di rotazione
(ASSIGNABLE 2)
Quando l’effetto di rotazione è selezionato da DSP
(paginaI-30), ogni pressione del pulsante 9
(ASSIGNABLE 2) commuta la velocità di rotazione tra
rapida e lenta.
Informazioni dei parametri comuni:
5-A Pulsante assegnabile Tipo 2 (Asgn2)
(pagina I-22)
Informazioni dei parametri di zona:
Impostazioni DSP (pagina I-30)
Uso dei pulsanti assegnabili
Bypass del DSP
(ASSIGNABLE 2)
Mentre il pulsante 9 (ASSIGNABLE 2) è attivato, solo
il suono di una zona specificata viene messo in uscita
senza passare attraverso il DSP.
Informazioni dei parametri comuni:
5-A Pulsante assegnabile Tipo 2 (Asgn2)
(pagina I-22)
5-B Impostazioni quando Asgn2 = Bypass DSP
(Dbp) (pagina I-23)
NOTA
• Per maggiori informazioni sul baypass DSP, vedere
l’organigramma riportato in “Configurazione
controllo master” (pagina I-4).
Invio di cambi controllo
(ASSIGNABLE 1/2)
Poiché il cambio controllo è un messaggio MIDI,
l’obiettivo di un’operazione di invio è generalmente un
dispositivo MIDI esterno.*
Con il pulsante 8 (ASSIGNABLE 1), possono essere
specificati valori di cambio controllo differenti per
l’invio ai punti quando il pulsante viene premuto e
quando viene rilasciato.
Con il pulsante 9 (ASSIGNABLE 2), possono essere
specificati valori di cambio controllo differenti per
l’invio ai punti quando il pulsante viene attivato e
quando viene disattivato.
Informazioni dei parametri comuni:
4-A Pulsante assegnabile Tipo 1 (Asgn1)
(pagina I-22)
5-A Pulsante assegnabile Tipo 2 (Asgn2)
(pagina I-22)
4-B, 4-C, 4-D, 5-B, 5-C, 5-D Impostazioni quando
Asgn1/Asgn2 = Numero di cambio controllo da 0 a
127 (pagina I-23)
* Inoltre è possibile configurare l’invio di cambio
controllo per la fonte sonora interna che corrisponde
ad una zona particolare. Vedere la nota riportata in
“4-B, 4-C, 4-D, 5-B, 5-C, 5-D Impostazioni quando
Asgn1/Asgn2 = Numero di cambio controllo da 0 a
127” (pagina I-23).
I-25
Uso del piano digitale come una tastiera
MIDI master
MASTER CONTROL
Un unico canale MIDI può essere assegnato a ciascuna delle quattro zone del piano digitale (UPPER 1, UPPER 2,
LOWER 1, LOWER 2) per fornire il controllo simultaneo fino a quattro dispositivi MIDI esterni.
IMPORTANTE!
• Questa sezione fornisce solo informazioni di base su come usare il piano digitale come una tastiera MIDI master.
Per i dettagli sulle specifiche MIDI di questo piano digitale, vedere la documentazione “Implementazione MIDI”
presso il sito web localizzato al seguente URL.
http://world.casio.com/
Collegamento di dispositivi MIDI esterni
Il piano digitale è dotato di terminali MIDI OUT e MIDI IN di tipo a connettore DIN standard a 5 pin. Spetta
all’utilizzatore di acquistare i cavi MIDI disponibili opzionalmente o reperibili in commercio, quando si esegue il
collegamento ad un dispositivo MIDI esterno.
IMPORTANTE!
• I terminali MIDI sono disabilitati mentre il piano digitale è collegato ad un computer tramite la porta USB.
Specificazione della configurazione zona
Premere i pulsanti cs (LAYER) e ct (SPLIT) in modo che le loro spie siano illuminate in una delle combinazioni
mostrate sotto per ottenere la configurazione di zona che si desidera.
LAYER spenta, SPLIT spenta
LAYER illuminata, SPLIT spenta
UPPER 1
UPPER 2
UPPER 1
LAYER spenta, SPLIT illuminata
LOWER 1
UPPER 1
LAYER illuminata, SPLIT illuminata
LOWER 1
LOWER 2
UPPER 1
UPPER 2
NOTA
• È possibile cambiare le gamme delle zone UPPER e LOWER usando la procedura descritta in “Per specificare il
punto di suddivisione della tastiera” (pagina I-14).
I-26
Uso del piano digitale come una tastiera MIDI master
Specificazione di ciò che controlla ciascuna zona
Dopo aver usato i pulsanti cs (LAYER) e ct (SPLIT) per selezionare una configurazione di zona, è possibile attivare
o disattivare il controllo della fonte sonora interna (INT) e il controllo del dispositivo MIDI esterno (EXT) come si
richiede per ciascuna zona. Usare il pulsante 6 (INT/EXT) per specificare ciò che una zona controlla.
Per specificare ciò che una zona controlla
1.
Premere il pulsante che corrisponde alla zona di cui si desidera cambiare le impostazioni: pulsante
4 (UPPER 1), pulsante 5 (UPPER 2), pulsante 2 (LOWER 1), pulsante 3 (LOWER 2).
• La spia del pulsante che si preme si illuminerà.
2.
Usare il pulsante 6 (INT/EXT) per specificare ciò che si desidera far controllare alla zona da voi
selezionata nel punto 1.
• Premendo il pulsante 6 (INT/EXT) commutano ciclicamente le impostazioni disponibili, che sono indicate dalle due
spie sopra il pulsante, come viene illustrato sotto.
Illuminata
Illuminata
Illuminata
Spenta
Spenta
Spenta
Illuminata
Spenta
• La spia al lato INT indica la fonte sonora interna, mentre la spia al lato EXT indica un dispositivo MIDI esterno.
Mantenere premuto il pulsante finché la spia(e) del dispositivo(i) che si desidera che la zona controlli sia illuminata.
3.
Se si desidera configurare altre zone, ripetere i punti 1 e 2 di questa procedura come richiesto.
NOTA
• Se si desidera utilizzare il piano digitale esclusivamente come un controller di dispositivi MIDI esterni, è possibile
disattivare l’impostazione di controllo locale (pagina I-39), che interrompe la connessione reale tra la sua tastiera
e la fonte sonora interna.
Configurazioni di zona
In aggiunta al canale MIDI, è possibile configurare le impostazioni di controllo del dispositivo MIDI esterno e le
impostazioni della fonte sonora interna (selezione timbri, impostazioni DSP) per ciascuna zona individuale.
• Per la procedura da adottare per selezionare un timbro per ciascuna zona, vedere “Sovrapposizione e
suddivisione dei timbri” (pagina I-12).
• Per maggiori informazioni sulla configurazione del canale MIDI, mixer, DSP e altre impostazioni dettagliate per
ciascuna zona, vedere “Modifica dei parametri di zona” (pagina I-28).
I-27
Modifica dei parametri di zona
MASTER CONTROL
Il vostro piano digitale è una tastiera MIDI master in quattro zone (“Configurazione controllo master”, pagina I-4).
Una zona è un’unità che controlla la fonte sonora interna e/o il dispositivo MIDI esterno. Così come è possibile
selezionare un timbro differente della fonte sonora interna per ciascuna zona, è anche possibile specificare un mixer,
DSP e altre impostazioni per una fonte sonora interna, ed inoltre è possibile specificare un canale MIDI ed altre
impostazioni di controllo per un dispositivo MIDI esterno.
Operazioni dei parametri di zona
I parametri le cui impostazioni possono essere configurate per ciascuna zona sono denominati “parametri di zona”.
Per configurare le impostazioni dei parametri di zona, introdurre il modo MASTER CONTROL e quindi mantenere
premuto il pulsante 7 (ZONE EDIT) finché non appare sul display il menu della zona.
Pagina
Nome del parametro
Menu della zona
Impostazioni
• Il menu della zona dispone di otto pagine. Premere il pulsante 7 (ZONE EDIT) per scorrere le pagine.
• Ciascuna pagina di menu della zona comprende fino a quattro parametri, ognuno dei quali corrisponde ad uno
dei pulsanti PARAMETER SELECTOR (da bm (A) a bp (D)).
• Il formato delle impostazioni DSP sulla pagina 3 del menu della zona è leggermente differente dalle altre pagine,
come mostrato sotto.
• La lista “ZONE PARAMETER” in alto a sinistra del pannello di controllo del piano digitale mostra i parametri di
zona assegnati a ciascuno dei pulsanti PARAMETER SELECTOR.
I-28
Modifica dei parametri di zona
Per cambiare le impostazioni dei
parametri di zona
1.
Controllare per assicurarsi che la spia sopra il
pulsante bl (MASTER CONTROL) sia
illuminata.
• Se essa non è illuminata, premere il pulsante bl
(MASTER CONTROL) per accenderla.
Illuminata
2.
Mantenere premuto il pulsante 7 (ZONE
EDIT) finché non appare la schermata del
menu della zona mostrata sotto.
• Questa operazione farà illuminare la spia del
pulsante 7 (ZONE EDIT).
3.
Usare il pulsante 7 (ZONE EDIT) per
visualizzare la pagina del menu della zona
che contiene il parametro di cui si desidera
cambiare l’impostazione.
5.
Premere il pulsante che corrisponde alla zona
di cui si desidera cambiare le impostazioni:
pulsante 4 (UPPER 1), pulsante
5 (UPPER 2), pulsante 2 (LOWER 1),
pulsante 3 (LOWER 2).
• La spia del pulsante da voi premuto si illuminerà,
indicante che la sua zona è selezionata.
6.
Usare i pulsanti bk (EDIT w, q) per
cambiare l’impostazione.
• Premendo w e q contemporaneamente,
l’impostazione ritorna a quella iniziale di default.
• Mantenendo premuto w o q si scorreranno le
impostazioni ad alta velocità.
• Per maggiori dettagli sul significato e sulla gamma di
ciascuna impostazione di parametro, vedere
“Impostazioni dei parametri di zona” (pagina I-30).
7.
Se si desidera cambiare l’impostazione dello
stesso parametro in altre zone, eseguire di
nuovo i punti 5 e 6.
8.
Se si desidera cambiare l’impostazione di altri
parametri, ripetere di nuovo i punti da 3 a 7
come richiesto.
9.
Dopo aver regolato tutti i parametri di zona
come si desidera, mantenere premuto il
pulsante 7 (ZONE EDIT) finché la spia del
pulsante non si spegne.
• Questa operazione riporterà il menu nella parte in
basso del display al menu comune.
Esempio: Pagina 2 del menu della zona
IMPORTANTE!
• Ogni pressione del pulsante 7 (ZONE EDIT) fa
avanzare alla pagina successiva.
4.
Premere il pulsante PARAMETER
SELECTOR (da bm (A) a bp (D)) per
selezionare il parametro di cui si desidera
cambiare l’impostazione.
• Le parentesi intorno all’impostazione del parametro
da voi selezionato cambieranno da [ ] a %. Questo
indica che la modifica dell’impostazione è abilitata.
Esempio: Dopo aver premuto il pulsante bo (C)
Spegnendo il piano digitale, tutti i parametri di zona
ritornano alle loro impostazioni iniziali di default. Se è
necessario salvare una predisposizione di parametro di
zona, eseguire una delle operazioni descritte di
seguito.
• Se si desidera ripristinare la predisposizione attuale
la volta successiva che si accende il piano digitale,
eseguire l’operazione di backup. Per maggiori
dettagli, vedere “Backup” (pagina I-40).
• Se non è necessario ripristinare la predisposizione
attuale la volta successiva che si accende il piano
digitale, ma si desidera averla a portata di mano per
richiamarla quando necessita, salvare la
predisposizione alla memoria di registrazione. Per
maggiori dettagli, vedere la sezione “Uso della
memoria di registrazione” (pagina I-34).
• Mantenendo premuto uno dei pulsanti
PARAMETER SELECTOR, verrà visualizzato il suo
nome completo. Ad esempio, “MidCh” cambierà a
“MIDI Out Ch”.
I-29
Modifica dei parametri di zona
Impostazioni dei parametri di
zona
Questa sezione spiega il significato di ciascun
parametro di zona, e fornisce informazioni sulle loro
gamme di impostazione e sui valori iniziali di default.
• In questa sezione, ciascun parametro è preceduto da
un numero e una lettera, come ad esempio “1-A”.
Questo indica il numero (1) di pagina del menu
comune, e il pulsante PARAMETER SELECTOR
che è necessario premere per selezionarla (A).
• In questa sezione, il nome di ciascun parametro di
zona (parametro di ciascuna zona) è seguito da
INT e/o EXT .
INT indica un’impostazione che si applica al
controllo della fonte sonora interna.
EXT indica un’impostazione che si applica al
controllo del dispositivo MIDI esterno.
• I valori che seguono la descrizione di un parametro
rappresentano la gamma di impostazione di
quest’ultimo. L’impostazione iniziale di default è
indicata da un asterisco (*).
■ 2-A Canale di uscita MIDI (MidCh)
Specifica il canale MIDI utilizzato da ciascuna
EXT
zona quando si inviano i dati MIDI.
Da 1 a 16 (*UPPER 1: 1, UPPER 2: 2, LOWER 1: 3,
LOWER 2: 4)
■ 2-B Banco MSB (BnkMS)
Specifica il valore del banco MSB che viene
aggiunto quando si invia un cambio
programma ad una destinazione esterna con
l’operazione 2-D.
Da 0* a 127
EXT
■ 2-C Banco LSB (BnkLS)
Specifica il valore del banco LSB che viene
aggiunto quando si invia un cambio
programma ad una destinazione esterna con
l’operazione 2-D.
Da 0* a 127
EXT
■ 2-D Cambio programma (Prog)
Impostazioni del mixer
■ 1-A Volume (Vol)
Regola il livello del volume. 0 è muto,
127 è il volume massimo.
Da 0 a 127*
Impostazioni MIDI
INT / EXT
■ 1-B Pan
Regola la posizione pan. 0 specifica una
INT / EXT
posizione pan centrale, un valore
negativo la sposta alla sinistra, mentre un valore
positivo la sposta alla destra.
Da –64 a 0*, a +63
■ 1-C Spostamento di ottava (Oct)
Sposta l’intonazione verso l’alto o verso
INT / EXT
il basso in passi di ottave. Cambiando
questa impostazione, si sposta anche il numero di nota
inviato ad un dispositivo MIDI esterno.
Da –2 a 0*, a +2
Specifica il numero di cambio programma
EXT
inviato ad una destinazione esterna. Ogni
volta che questo valore viene cambiato, il
corrispondente cambio di programma numerato viene
inviato ad una destinazione esterna (senza interessare
la fonte sonora interna).
Da 0* a 127
Impostazioni DSP
■ 3-A Tipo di DSP (DSP)
Seleziona tremolo, rotazione o qualche altro
INT
tipo di DSP. Il tipo di DSP è indicato da “ton”
(che è lo stato iniziale di default per ciascun timbro) o
da un numero da 1 a 64. Ogni volta che si utilizzano i
pulsanti bk (EDIT w, q) per cambiare il numero,
apparirà sul display il nome del tipo di DSP che
corrisponde al numero attuale.
I parametri visualizzati in 3-B dipendono dal tipo di
DSP qui selezionato.
■ 3-B Parametro DSP (Parameter)
Concordemente al tipo di DSP selezionato in
INT
3-A, si visualizza il nome dei parametri le cui
impostazioni possono essere configurate. Quando sono
presenti parametri multipli, è possibile usare i pulsanti
bk (EDIT w, q) per scorrere tra loro. Eseguire
l’operazione riportata in 3-C per cambiare
l’impostazione di un parametro.
I-30
Modifica dei parametri di zona
■ 3-C Valore di parametro (Value)
■ 5-B Tempo di rilascio (Relas)
Questa voce è utilizzata per cambiare
l’impostazione del parametro
visualizzato in 3-B.
Il tempo di rilascio rappresenta il tempo
INT / EXT
di dissolvenza del suono quando una
nota ha termine. La regolazione è relativa
all’impostazione iniziale di default (0) di ciascun
timbro. Un valore assoluto negativo maggiore abbrevia
il tempo di rilascio, mentre un valore positivo
maggiore allunga il tempo di rilascio.
Da –64 a 0*, a +63
INT / EXT
IMPORTANTE!
• Per informazioni dettagliate sui nomi, impostazioni e
stati iniziali di default per ciascun parametro, sotto
ciascun numero e nome di tipo di DSP, vedere “Lista
degli effetti DSP” (pagina I-60) e “Lista degli algoritmi
dei DSP” (pagina I-61).
Modifica dei timbri
■ 4-A Intonazione approssimativa (CrsTu)
Cambia l’intonazione in passi di
semitoni.
Da –12 a 0*, a +12 semitoni
INT / EXT
■ 4-B Intonazione precisa (FinTu)
Utilizzare questa voce per regolare
l’intonazione in passi di centesimi
(1 centesimo = 1/100 semitono).
Da –99 a 0*, a +99 centesimi
INT / EXT
■ 4-C Portamento ON/OFF (Porta)
Specifica se il portamento deve o no
INT / EXT
essere applicato a ciascuna zona
quando viene premuto il pulsante assegnabile a cui è
stato assegnato il portamento.
OFF (Disattivato)*, ON (Attivato)
■ 4-D Tempo del portamento (PTime)
Specifica il tempo di cambio
INT / EXT
intonazione quando il portamento è
attivato in 4-C. Un numero più piccolo specifica un
tempo minore, mentre un numero più grande specifica
un tempo maggiore. Il portamento non viene applicato
quando questa impostazione è 0.
Da 0* a 127
■ 5-A Tempo di attacco (Atack)
Il tempo di attacco rappresenta il tempo
INT / EXT
che si richiede al suono per raggiungere
il suo pieno volume quando si suona una nota. Questa
voce esegue le regolazioni relative al tempo di attacco
di default (0) di ciascun timbro. Un valore positivo
maggiore allunga il tempo di attacco, producendo un
attacco più lento. Un valore assoluto negativo
maggiore abbrevia il tempo di attacco, producendo un
attacco più rapido.
Da –64 a 0*, a +63
■ 5-C Filtro Cutoff (Flter)
Questa voce è per la regolazione di
INT / EXT
come viene applicato il filtro cutoff ad
un timbro. Il filtro cutoff è un filtro di regolazione del
timbro che elimina (taglia via) tutte le componenti al di
sopra di una data frequenza dall’interno delle
componenti armoniche di un timbro. La regolazione è
relativa all’impostazione iniziale di default (0) di
ciascun timbro.
Un valore assoluto negativo maggiore produce una
suono più morbido, mentre un valore assoluto positivo
maggiore produce un suono più vigoroso e brillante.
Da –64 a 0*, a +63
■ 5-D Sensibilità al tocco (Sense)
Questa voce è per la regolazione di quanto
INT
cambia il volume del suono e il timbro, a
seconda della pressione sulla tastiera.
Impostando un valore assoluto maggiore, si causa un
cambiamento relativamente grande nel volume del
suono e timbro, in risposta alle variazioni della
pressione dei tasti. Se questa impostazione è 0, il
volume del suono e il timbro rimangono costanti
indifferentemente dalla pressione dei tasti.
Se l’impostazione è positiva, un valore maggiore ha
come risultato note più vigorose quando viene
applicata una pressione maggiore, e note più morbide
quando viene applicata una pressione minore. Se
l’impostazione è negativa, un valore maggiore ha come
risultato note più morbide quando viene applicata una
pressione maggiore, e note più vigorose quando viene
applicata una pressione minore. Il cambiamento nel
volume del suono e timbro dipende dal tono.
Da –64 a 0, a +63*
■ 6-A Velocità del vibrato (VbRat)
Questa voce è per la regolazione della
INT / EXT
velocità del vibrato applicato alle note.
Un valore assoluto negativo maggiore diminuisce la
velocità, mentre un valore positivo maggiore aumenta
la velocità.
Da –64 a 0*, a +63
I-31
Modifica dei parametri di zona
■ 6-B Profondità del vibrato (VbDpt)
Questa voce è per la regolazione della
INT / EXT
profondità (intensità) del vibrato
applicato alle note. Un valore assoluto negativo
maggiore rende il vibrato meno profondo, mentre un
valore positivo maggiore lo rende più profondo.
Da –64 a 0*, a +63
■ 6-C Ritardo del vibrato (VbDly)
Questa voce è per la regolazione del
INT / EXT
tempo prima dell’avvio
dell’applicazione del vibrato ad una nota. Un valore
assoluto negativo maggiore rende più breve il tempo
che si richiede prima dell’applicazione del vibrato ad
una nota, mentre un valore positivo maggiore lo rende
più lungo.
Da –64 a 0*, a +63
■ 6-D Forma d’onda del vibrato (WvFrm)
Questa voce è per la selezione della forma
INT
d’onda quando si applica il vibrato alle note.
È possibile selezionare tra le seguenti forme d’onda.
Originale (Org*)
––
A dente di sega in
giù (SDw)
Sinusoidale (Sin)
A impulso 1:3
(P13)
A triangolo (Tri)
A impulso 2:2
(P22)
A dente di sega in
su (SUp)
A impulso 3:1
(P31)
* “Org” è l’impostazioni iniziale di default per tutti i
timbri. Il tipo di forma d’onda di default attuale
dipende dal timbro.
Impostazioni degli effetti
Per i dettagli sui significati delle impostazioni in questa
sezione, vedere l’organigramma riportato in
“Configurazione controllo master” (pagina I-4).
■ 7-A Invio reverbero (RvbSd)
Specifica quanto segnale proveniente
INT / EXT
dalla fonte sonora viene inviato al
reverbero.
Da 0 a 127 (*l’impostazione di default dipende dal
timbro)
■ 7-B Invio chorus (ChoSd)
Specifica quanto segnale proveniente
INT / EXT
dalla fonte sonora viene inviato al
chorus.
Da 0 a 127 (*l’impostazione di default dipende dal
timbro)
■ 7-C Invio risonanza acustica (AReso)
Specifica quanto segnale proveniente dalla
INT
fonte sonora viene inviato alla risonanza
acustica.
Da 0 a 127 (*l’impostazione di default dipende dal
timbro)
■ 7-D DSP ON/OFF (DSP)
Commuta attivato o disattivato il DSP per
ciascuna zona. Selezionando OFF si disattiva
il DSP per quella zona particolare.
OFF (Disattivato), ON (Attivato)*
INT
Il DSP di questo piano digitale può essere utilizzato
simultaneamente fino a due parti. Ciascuna parte
(“Configurazione della fonte sonora”, pagina I-5)
dispone una priorità DSP, che determina quale delle
due parti che hanno il DSP attivato deve avere l’effetto
DSP applicato. Quanto segue mostra le priorità
assegnate a ciascuna parte.
Priorità
Numero di parte
Nome di parte
1
Parte 1
Upper1
2
Parte 3
Lower1
3
Parte 2
Upper2
4
Parte 4
Lower2
5
Parte da 17 a 48
Da Song01 a Song16,
da Ext01 a Ext16
Per applicare un DSP ad una delle parti con priorità
inferiore (ad esempio Lower2), disattivare DSP ON/
OFF per le parti con priorità superiore (Upper1,
Lower1, Upper2).
I-32
Modifica dei parametri di zona
Impostazioni di controllo
Se si stanno utilizzando zone multiple per l’esecuzione
con la tastiera e si desidera disabilitare i pedali e le altre
operazioni del controller per una zona particolare,
disattivare le impostazioni descritte in questa sezione
per quella zona.
■ 8-A Pedale
Abilita e disabilita le operazioni con i
pedali.
OFF (Disattivato), ON (Attivato)*
INT / EXT
■ 8-B Bender (Bend)
Abilita e disabilita le operazioni con la
rotella do (PITCH BEND).
OFF (Disattivato), ON (Attivato)*
INT / EXT
■ 8-C Assignable 1 (Asgn1)
Abilita e disabilita le operazioni con il
pulsante 8 (ASSIGNABLE 1).
OFF (Disattivato), ON (Attivato)*
INT / EXT
■ 8-D Assignable 2 (Asgn2)
Abilita e disabilita le operazioni con il
pulsante 9 (ASSIGNABLE 2).
OFF (Disattivato), ON (Attivato)*
INT / EXT
I-33
Uso della memoria di registrazione
MASTER CONTROL
Normalmente, prima di eseguire qualche brano è
necessario predisporre il piano digitale configurando
numerose impostazioni differenti, incluse
l’attivazione/disattivazione della sovrapposizione e
suddivisione, una selezione di timbri per ciascuna
zona, le impostazioni dell’equalizzatore e le
impostazioni DSP. È possibile salvare fino a 64
configurazioni del piano digitale (che includono le
impostazioni del pannello di controllo e quelle interne)
nella memoria di registrazione, per richiamarle in
futuro quando necessitano. Ciascuna configurazione
viene salvata come “dati di registrazione”.
Dati di registrazione
Quanto segue sono le impostazioni che vengono
salvate come dati di registrazione quando si salva una
configurazione del piano digitale.
• Layer ON/OFF
(Attivazione/disattivazione sovrapposizione)
• Split ON/OFF
(Attivazione/disattivazione suddivisione)
• Split point (Punto di suddivisione)
• Reverb ON/OFF
(Attivazione/disattivazione reverbero)
• Reverb type (Tipo di reverbero)
• Chorus ON/OFF
(Attivazione/disattivazione chorus)
• Tipo di chorus
• Numero di timbro di ciascuna zona
• INT/EXT ON/OFF di ciascuna zona
• Tutti i parametri comuni (pagina I-18)
• Tutti i parametri di zona (pagina I-28)
• Voci di menu delle funzioni seguenti (pagina I-38)
• Risposta al tocco
• Assegnazione pedale
• Tipo di temperamento
• Nota del tasto di temperamento
• Accordatura progressiva
• Risonanza acustica ON/OFF
• Effetto di metà pedale
NOTA
• Il modo attuale del piano digitale (MASTER
CONTROL, CARD PLAYER, ZONE EDIT) non è
incluso nei dati di registrazione. Questo significa che
il modo del piano digitale non cambia quando
vengono richiamati i dati di registrazione.
• Le impostazioni di menu delle funzioni seguenti non
sono incluse nei dati di registrazione. È possibile,
tuttavia, eseguire l’operazione di backup
(pagina I-40) per conservare queste impostazioni
quando si spegne il piano digitale.
• Intonazione
• Mantenimento EQ
• Contrasto del display
• Uscita MIDI del brano
• Volume del brano
• Preconteggio del brano
• Ripetizione brano
• L’operazione di backup (pagina I-40) salva tutte le
impostazioni di menu delle funzioni riportate sopra,
ed anche tutte le impostazioni che sono incluse nei
dati di registrazione.
I-34
CARD PLAYER
Operazioni con la memoria di
registrazione
Durante le operazioni di salvataggio e di richiamo dei
dati di registrazione, la posizione dei dati nella
memoria di registrazione viene specificata utilizzando
un numero di banco ed un numero di area. La memoria
di registrazione dispone di otto banchi, ciascuno dei
quali è diviso in otto aree.
Per salvare una configurazione come dati
di registrazione
1.
Configurare il piano digitale con le
impostazioni che si desidera salvare.
2.
Premere il pulsante br (REGISTRATION) in
modo che la sua spia inferiore sia illuminata.
Questo è il modo REGISTRATION.
Illuminata
Numero di banco
3.
Usare i pulsanti bt (w, q) per scorrere tra i
banchi (da 1 a 8) finché non viene
visualizzato il banco dove si desidera salvare
i dati di registrazione.
Uso della memoria di registrazione
4.
ck
Mentre si mantiene premuto il pulsante dm
(STORE), premere uno dei tasti numerici (da
ck (1) a cr (8)) per specificare il numero di
area (da 1 a 8) dove si desidera salvare i dati
di registrazione.
cl
cm
cn
co
cp
cq
cr
Per rinominare un banco della memoria di
registrazione
1.
Mentre si mantiene premuto il pulsante bs
(FUNCTION), premere il pulsante br
(REGISTRATION).
2.
Usare i pulsanti bt (w, q) per scorrere tra i
banchi (da 1 a 8) finché non viene
visualizzato quello che si desidera
rinominare.
dm
• Premendo un tasto numerico, si esegue
immediatamente l’operazione di salvataggio dei dati
di registrazione.
• Di seguito viene mostrato come potrebbe apparire il
display se si seleziona Banco 1, Area 3.
Numero di area
Numero di banco
• Questa operazione visualizza una schermata per la
modifica del nome.
3.
Modificare il nome.
• Il nome iniziale di default di tutti i banchi è
“REGIBANKNAME”.
• Usare i pulsanti ct (u) e dk (i) per spostare il
cursore a sinistra e a destra, e quindi i pulsanti bt
(w, q) per scorrere tra i caratteri alla posizione
attuale del cursore. Di seguito vengono mostrati i
caratteri che possono essere utilizzati in un nome.
0
A
K
U
(
Per richiamare una configurazione
salvata come dati di registrazione
1.
2.
3.
Premere il pulsante br (REGISTRATION) in
modo che la sua spia inferiore sia illuminata.
Questo è il modo REGISTRATION.
Usare i pulsanti bt (w, q) per scorrere tra i
banchi (da 1 a 8) finché non viene
visualizzato quello dove si desidera
richiamare i dati di registrazione.
Premere uno dei tasti numerici (da ck (1) a
cr (8)) per specificare il numero di area (da
1 a 8) dove sono posizionati i dati di
registrazione che si desidera richiamare.
• Premendo un tasto numerico, si richiama
immediatamente e si applica la configurazione
concordemente ai dati di registrazione richiamati.
• Di seguito viene mostrato come potrebbe apparire il
display se si seleziona Banco 3, Area 7.
1 2 3
B C D
L M N
V W X
) - ^
4
E
O
Y
{
5 6
F G
P Q
Z S
} @
7
H
R
&
~
8
I
S
_
`
9
J
T
'
• È possibile specificare fino a 12 caratteri per un nome
di banco.
4.
Dopo che il nome è come si desidera,
premere il pulsante dl (ENTER).
5.
In risposta al messaggio di conferma
(“Sure?”) che appare, premere il pulsante
bt (YES) per applicare la modifica, oppure il
pulsante bt (NO) per ritornare alla schermata
del punto 3 di questa procedura senza
cambiare nulla.
NOTA
• Per visualizzare un nome di banco, mantenere
premuto il pulsante br (REGISTRATION) sulla
schermata del modo di registrazione.
I-35
Uso della memoria di registrazione
Salvataggio dei dati del banco
della memoria di registrazione
ad un file
3.
Per salvare i dati in un singolo banco
I dati di registrazione possono essere salvati ad un file
nell’area della memoria interna del piano digitale o su
una scheda SD. È possibile salvare i dati di
registrazione in un singolo banco della memoria di
registrazione (8 aree), o i dati presenti in tutti i banchi
della memoria di registrazione (64 aree) ad un file.
Per salvare i dati in tutti i banchi
NOTA
• Quando si salvano i dati del banco della memoria di
registrazione ad un file, viene assegnato
automaticamente un nome di file concordemente
con le regole seguenti.
• Se si salvano i dati in un singolo banco, il nome
del file sarà nel formato: <primi 6 caratteri del
nome del banco><numero di 2 cifre specificato da
voi>.CB6.
• Se si salvano i dati in tutti i banchi, il nome del file
sarà nel formato: <REGIST><numero di 2 cifre
specificato da voi>.CR6.
• Prima di salvare i dati del banco della memoria di
registrazione ad una scheda SD, assicurarsi di
leggere prima le informazioni importanti contenute
nelle seguenti sezioni di questa guida
dell’utilizzatore.
• “Precauzioni per la scheda e lo slot per la scheda”
(pagina I-46)
• “Per inserire e rimuovere una scheda di
memoria” (pagina I-46)
• “Per formattare una scheda di memoria”
(pagina I-46)
Per salvare i dati del banco della memoria
di registrazione ad un file
1.
A seconda della posizione dove si desidera
salvare il file di dati, eseguire uno dei passi
mostrati di seguito.
Se si sta salvando il file
qui:
Eseguire questa operazione:
Area interna
Rimuovere la scheda SD dallo
slot per la scheda del piano
digitale.
Scheda SD
Inserire la scheda SD nello slot
per la scheda del piano
digitale.
2.
Mentre si mantiene premuto il pulsante bs
(FUNCTION), premere il pulsante bl (LOAD/
SAVE).
• Con questa operazione si entra nel modo LOAD/
SAVE (carica/salva).
I-36
A seconda del tipo di operazione che si
desidera eseguire, usare i pulsanti ct (u) e
dk (i) per visualizzare una delle schermate
mostrate di seguito.
4.
Usare i pulsanti bt (w, q) per specificare il
numero a due cifre che si desidera attribuire
al nome del file.
5.
Premere il pulsante dl (ENTER).
• In questo modo si salva il file.
• Il messaggio “Replace?” apparirà se esiste già un file
con lo stesso nome. Se si desidera sostituire il file
esistente con quello che si sta salvando, premere bt
(YES). Premere bt (NO) per ritornare alla schermata
del punto 4 di questa procedura senza salvare.
6.
Per uscire dal modo LOAD/SAVE, premere il
pulsante cs (EXIT).
NOTA
• Un file di dati del banco della memoria di
registrazione salvato su una scheda SD, verrà
collocato nella cartella MUSICDAT. La cartella
MUSICDAT viene creata automaticamente quando
si formatta la scheda di memoria sul piano digitale
(pagina I-46). Notare che le operazioni di
caricamento, cancellazione e rinomina non possono
essere eseguite su file che non sono all’interno della
cartella MUSICDAT, o su file in cartelle all’interno
della cartella MUSICDAT. Tenere a mente questa
limitazione ogni volta che si maneggiano i file sulla
scheda SD con il computer.
Uso della memoria di registrazione
Per richiamare i dati del banco della
memoria di registrazione da un file
1.
6.
A seconda di dove è posizionato il file,
eseguire uno dei passi mostrati di seguito.
Se il file è
posizionato qui:
• Questa operazione visualizza il messaggio
“Replace?”.
• Per annullare l’operazione di richiamo ed uscire dal
modo LOAD/SAVE, premere il pulsante cs (EXIT).
Eseguire questa operazione:
Area intera
Rimuovere la scheda SD dallo slot
per la scheda del piano digitale.
Scheda SD
Inserire la scheda SD nello slot per
la scheda del piano digitale.
2.
Premere il pulsante br (REGISTRATION) in
modo che la sua spia inferiore sia illuminata.
Questo è il modo REGISTRATION.
3.
Se si sta richiamando un file che contiene i
dati per un singolo banco, usare i pulsanti bt
(w, q) per scorrere tra i numeri dei banchi
(da 1 a 8) finché non viene visualizzato quello
di cui si desidera richiamare i dati.
Usare i pulsanti bt (w, q) per visualizzare
il file che contiene i dati che si desidera
richiamare, e quindi premere il pulsante dl
(ENTER).
7.
Per sostituire i dati di registrazione
attualmente presenti nel banco(i) da voi
selezionato(i), con i dati di registrazione nel
file, premere il pulsante bt (YES). Per
ritornare alla schermata nel punto 6 di questa
procedura senza richiamare nulla, premere il
pulsante bt (NO).
• Premendo il pulsante bt (YES), si richiamano i dati
dal file nel banco(i) e si esce dal modo LOAD/SAVE.
• Se si sta richiamando un file che contiene i dati per
tutti i banchi, è possibile saltare questo passo.
4.
Mantenendo premuto il pulsante bs
(FUNCTION), premere il pulsante bl (LOAD/
SAVE).
• Con questa operazione si entra nel modo LOAD/
SAVE.
5.
A seconda del tipo di operazione che si
desidera eseguire, usare i pulsanti ct (u) e
dk (i) per visualizare una delle schermate
mostrate di seguito.
Per richiamare un file che contiene i dati per un singolo
banco
Per richiamare un file che contiene i dati per tutti i
banchi
I-37
Uso del menu funzioni
MASTER CONTROL
Il menu funzioni contiene le impostazioni globali
(regolazione generale di intonazione e tocco,
attivazione/disattivazione del controllo locale, ecc.)
che necessitano di essere cambiate relativamente di
rado. Esso inoltre include alcune operazioni con la
scheda SD (formattazione, ecc.)
2.
CARD PLAYER
È possibile usare un tasto numerico (da
ck (1) a cr (8)) per selezionare un’altra voce
per cambiare la sua impostazione.
• Ciascun tasto numerico corrisponde ai numeri delle
voci riportate in “Impostazioni del menu funzioni”
(pagina I-39).
• È anche possibile scorrere sequenzialmente le
impostazioni con i pulsanti ct (u) e dk (i).
• “>ENT” alla destra di una voce indica un gruppo di
impostazioni. In questo caso, premere il pulsante dl
(ENTER) per introdurre il gruppo di impostazioni.
Successivamente, usare i pulsanti ct (u) e dk (i)
per scorrere le voci nel gruppo.
Operazioni con il menu
funzioni
Questa sezione spiega le operazioni riguardanti le
impostazioni del menu funzioni. Per i dettagli sulle
voci specifiche del menu funzioni, vedere
“Impostazioni del menu funzioni” (pagina I-39).
Per cambiare l’impostazione di una voce
del menu funzioni
1.
ENTER
EXIT
Premere il pulsante bs (FUNCTION).
• La spia del pulsante si illuminerà, e il display
cambierà come viene mostrato sotto.
• Per uscire da un gruppo di impostazioni, premere il
pulsante cs (EXIT).
Nome della voce
“%” indica l’impostazione.“>ENT”
indica un gruppo di impostazioni.
3.
Usare i pulsanti bt (w, q) per cambiare
l’impostazione attualmente visualizzata.
• Mantenendo premuto il pulsante bs (FUNCTION)
quando si preme w o q, si cambierà
l’impostazione per un fattore di 10.
4.
Per uscire dal menu funzioni, premere il
pulsante cs (EXIT) o il pulsante bs
(FUNCTION).
IMPORTANTE!
• Spegnendo il piano digitale, tutte le impostazioni del
menu funzioni ritornano ai loro stati iniziali di default.
Se è necessario salvare una configurazione del
menu funzioni, eseguire l’operazione di backup. Per
maggiori dettagli, vedere “Backup” (pagina I-40).
• Determinate impostazioni del menu funzioni
possono essere anche salvate nella memoria di
registrazione. Per maggiori dettagli, vedere “Uso
della memoria di registrazione” (pagina I-34).
I-38
Uso del menu funzioni
Impostazioni del menu
funzioni
Questa sezione spiega il significato di ciascun
parametro del menu funzioni, e fornisce informazioni
sulle loro gamme di impostazione e sui valori iniziali di
default.
• Per ciascuna voce, l’impostazione iniziale di default
è indicata da un asterisco (*).
1 Intonazione
(Tune)
Utilizzare questa voce per regolare il pitch in passi di
centesimi (1 centesimo = 1/100 semitono).
Da –99 a 0*, a +99 centesimi
2 Mantenimento EQ
Selezionare OFF* per sovrascrivere le impostazioni
esistenti dell’equalizzatore quando si richiamano i dati
di registrazione (pagina I-34). Selezionare ON per
mantenere le impostazioni esistenti dell’equalizzatore.
3 Risposta al tocco
6 Temperamento/effetto
Temperamento
(Tmpr/Effect)
(Temper.)
Usare questa impostazione per selezionare uno dei
temperamenti (intonazioni) mostrati sotto, per la
fonte sonora interna. Premendo un tasto della
tastiera mentre questa voce è visualizzata, si
configurerà il nome della nota di quel tasto (da C* a
B) come la nota del tasto di temperamento.
00*
01
02
03
04
05
06
07
08
:
:
:
:
:
:
:
:
:
Temperata equabile
Pure Major
Pure Minor
Pythagorean
Kirnberger 3
Werckmeister
Mean-Tone
Rast
Bayati
:
:
:
:
:
:
:
:
09
10
11
12
13
14
15
16
Hijaz
Saba
Dashti
Chahargah
Segah
Gurjari Todi
Chandrakauns
Charukeshi
NOTA
• Il temperamento equabile è sempre utilizzato per
la riproduzione di file MIDI nel modo CARD
PLAYER.
(Touch)
Selezionare una delle impostazioni riportate sotto per
specificare la relazione tra la pressione del tasto e il
volume della nota.
OFF: Volume costante della nota, indifferentemente dalla
pressione del tasto
1
: Suono forte anche con una pressione leggera
2* : Normale
3
: Suono normale anche con una pressione forte
4 Assegnazione pedale
(PedAssign)
Accordatura progressiva
(Stretch)
L’accordatura progressiva è un metodo standard di
accordatura del piano, che accorda le note alte
leggermente superiori e le note basse leggermente
inferiori. Selezionare ON* per questa voce per
abilitare l’accordatura progressiva, oppure OFF per
l’accordatura naturale.
Risonanza acustica
(AcoReson.)
Specifica se l’unità pedali connessa alla presa jack
SOFT/SOSTENUTO PEDAL è un pedale di sordina
(SFT*) o un pedale di sostenuto (SOS).
La risonanza acustica si verifica quando si preme il
pedale di risonanza su un pianoforte acustico a
coda. Selezionare ON* per questa voce per abilitare
la risonanza acustica, oppure OFF per disabilitarla.
5 Controllo locale
Effetto di metà pedale
(LocalCtl.)
Selezionare OFF per scollegare la tastiera del piano
digitale dalla fonte sonora interna.
OFF, ON*
(HalfPedal)
Usare questa voce per regolare la quantità di
funzionamento di metà pedale (premendo il pedale
a metà corsa) quando si utilizza il pedale di
risonanza dell’unità pedali opzionale (SP-32).
Un’impostazione di 00 disabilita l’effetto di metà
pedale. L’impostazione 42 applica un effetto di
pressione completa, anche se il pedale viene
premuto a metà corsa.
Da 00 a 24*, a 42
I-39
Uso del menu funzioni
7 Riproduzione/scheda
Uscita MIDI del brano
(Play/CARD)
(MIDI Out)
Selezionare ON* per questa voce per inviare i dati
MIDI ad una destinazione esterna quando viene
riprodotto un file SMF in Formato0 o Formato1 sul
piano digitale. Selezionare OFF per disabilitare
l’invio. I dati MIDI non vengono mai inviati
durante la riproduzione di un file in formato CM2,
indipendentemente da quello che è selezionato per
questa impostazione.
Volume del brano
(SongVol.)
Usare questa voce per regolare il livello del volume
per la riproduzione dei file MIDI sul piano digitale.
Questa voce può essere utilizzata per bilanciare il
livello del volume di riproduzione del file MIDI con
il volume di riproduzione della tastiera.
Un’impostazione di 00 rende muta la riproduzione
del file MIDI.
Da 00 a 42*
Preconteggio del brano
(PreCount)
Selezionare ON per questa voce per far eseguire un
preconteggio all’inizio di un brano, quando si avvia
la riproduzione di un file MIDI sul piano digitale.
Selezionare OFF* per disabilitare il preconteggio.
Ripetizione brano
(SngRepeat)
Selezionare ON per questa voce per ripetere un
singolo brano quando si riproduce un file MIDI sul
piano digitale. Selezionare OFF* per disabilitare la
ripetizione del brano.
Impostazione della cartella della scheda
(CardFolder)
Vedere “Creazione di una nuova cartella musicale
sulla scheda” (pagina I-44).
Formato scheda
(CardFORMAT)
Vedere “Per formattare una scheda di memoria”
(pagina I-46).
Cancellazione file
(FileDELETE)
Vedere “Per cancellare un file” (pagina I-47).
Rinomina file
(FileRENAME)
Vedere “Per rinominare un file su una scheda di
memoria” (pagina I-47).
I-40
8 Altro
(General)
Blocco pannello
(PanelLock)
Attivando la funzione di blocco pannello, si
bloccano tutti i pulsanti del piano digitale (eccetto
per le operazioni con il pulsante di accensione ed il
pulsante di sblocco*). Attivare il blocco pannello
quando si desidera proteggersi contro le operazioni
involontarie con i pulsanti. Spegnendo il piano
digitale, si sblocca automaticamente il blocco
pannello.
* Per sbloccare il pannello, eseguire la stessa
operazione che si esegue per attivare il blocco
pannello.
Contrasto del display
(Contrast)
Usare questa voce per regolare il contrasto del
display.
Da 00 a 08*, a 16
Backup
(BackUp)
Cambiando questa voce da OFF* a ON, si crea un
file di dati di backup che contiene informazioni su
tutte le impostazioni attuali del piano digitale. Se
questa voce rimane su ON, la predisposizione del
piano digitale viene configurata concordemente
con i contenuti del file di dati di backup
attualmente salvato. Per dettagli sul contenuto del
file di dati di backup, vedere la nota alla fine di
“Dati di registrazione” (pagina I-34).
NOTA
• Cambiando l’impostazione di backup da ON a
OFF, si cancella l’attuale file di dati di backup.
Spegnendo il piano digitale e quindi
accendendolo di nuovo mentre l’impostazione di
backup è OFF, tutte le impostazioni ritorneranno
ai loro valori iniziali di default di accensione. I
dati della memoria di registrazione e i dati
dell’area di memoria interna non vengono
interessati.
• Per aggiornare i contenuti del file di dati di
backup con la vostra attuale predisposizione del
piano digitale, cambiare l’impostazione di
backup da ON a OFF, e quindi di nuovo a ON.
Riproduzione di un file MIDI
CARD PLAYER
È possibile usare il piano digitale per riprodurre
direttamente un file MIDI salvato su una scheda SD. È
anche possibile copiare i file MIDI alla memoria
incorporata del piano digitale (area di memoria
interna) e riprodurli da lì.
IMPORTANTE!
• Il vostro piano digitale supporta la riproduzione di file
SMF Formato0 e Formato1, e file in formato CM2
(proprietà CASIO). È supportata la riproduzione fino
a 17 tracce di un file SMF Formato1.
• La riproduzione di file audio (WAV, MP3, ecc.) non è
supportata.
5.
• A: MUSICDAT, B: MUSIC__B, C: MUSIC__C,
D: MUSIC__D.
6.
Usare i pulsanti bt (w, q) per selezionare
il file MIDI che si desidera.
7.
Per arrestare la riproduzione, premere il
pulsante 6 (PLAY/STOP).
• Premere il pulsante 4 (FF) per eseguire
un’operazione di avanzamento veloce, oppure il
pulsante 3 (REW) per il ritorno. Premendo e
rilasciando uno dei pulsanti ci si sposta di una
misura, mentre mantenendo premuto un pulsante si
scorre ad alta velocità.
• Premendo il pulsante 5 (PAUSE), si mette in pausa
la riproduzione. Premere di nuovo per riprendere la
riproduzione del brano.
• Per informazioni sulle altre operazioni che sono
supportate durante la riproduzione, vedere
“Operazioni supportate durante la riproduzione di
file MIDI” (pagina I-42).
• La riproduzione si arresterà quando viene raggiunta
la fine del file (alle impostazioni iniziali di default).
Per arrestare la riproduzione prima della
conclusione, premere il pulsante 6 (PLAY/STOP).
Operazioni di riproduzione di
file MIDI
Per riprodurre un file MIDI da una scheda
SD
1.
Formattare la scheda SD sul piano digitale
(pagina I-46).
• Con questa operazione verranno create
automaticamente le cartelle con i nomi MUSICDAT,
MUSIC__B, MUSIC__C e MUSIC__D nella root
directory della scheda SD.
2.
Usare il computer per copiare i file MIDI che
si desidera riprodurre sul piano digitale, nelle
cartelle che sono state create sulla scheda
SD nel punto 1 di questa procedura.
3.
Inserire la scheda SD nello slot per la scheda
del piano digitale.
4.
Premere il pulsante bl (CARD PLAYER) in
modo che si illumini la sua spia inferiore.
Questo è il modo CARD PLAYER.
• Il pulsante bm (A) si illuminerà ed apparirà sul
display del piano digitale il nome del primo file MIDI
nella cartella MUSICDAT.
È possibile usare i tasti alfabetici (da bm (A) a
bp (D)) per specificare una cartella della
scheda SD.
8.
Per uscire dal modo CARD PLAYER,
premere il pulsante bl (CARD PLAYER).
• La spia sopra il pulsante si illuminerà, ed il piano
digitale ritornerà al modo MASTER CONTROL.
Per riprodurre un file MIDI dall’area della
memoria interna del piano digitale
1.
Copiare il file MIDI che si desidera eseguire
all’area della memoria interna del piano
digitale.
• Per informazioni su come copiare il file, vedere
“Trasferimento dei dati tra il piano digitale ed un
computer” (pagina I-50).
2.
Se è presente una scheda SD nello slot per la
scheda del piano digitale, rimuoverla.
I-41
Riproduzione di un file MIDI
3.
Premere il pulsante bl (CARD PLAYER) in
modo che si illumini la sua spia inferiore.
Questo è il modo CARD PLAYER.
• Questa operazione visualizza il nome del primo file
MIDI nell’area della memoria interna.
• I punti rimanenti di questa procedura sono gli stessi
come quelli che iniziano con il punto 6 riportato in
“Per riprodurre un file MIDI da una scheda SD”
(pagina I-41).
Operazioni supportate durante
la riproduzione di file MIDI
■ Per regolare il tempo battendo
ripetutamente
1.
Mentre si mantiene premuto il pulsante bs
(FUNCTION), battere quattro volte sul
pulsante q bk (TEMPO) a tempo con le
battute che si desidera specificare.
• L’impostazione del tempo cambierà concordemente
con la sincronizzazione delle vostre battute.
• Dopo aver utilizzato questo metodo per specificare il
tempo approssimativo, è possibile usare la procedura
riportata in “Per regolare il tempo usando i pulsanti
bk (TEMPO w, q)” per regolare l’impostazione ad
un valore più esatto.
• L’impostazione verrà annullata se si rilascia il
pulsante bs (FUNCTION) prima di battere quattro
volte sul pulsante q bk (TEMPO) .
Battere quattro volte
Per cambiare il tempo di riproduzione
Sono disponibili due metodi differenti che si possono
utilizzare per cambiare l’impostazione del tempo:
premendo i pulsanti q (più veloce) e w (più lento), o
battendo ripetutamente con un pulsante.
■ Per regolare il tempo usando i pulsanti bk
(TEMPO w, q)
Ogni pressione di un pulsante aumenta o diminuisce il
valore dei battiti per minuto di una unità.
• Mantenendo premuto uno dei pulsanti, si cambia il
valore ad alta velocità.
• Premendo entrambi i pulsanti bk (TEMPO w, q)
contemporaneamente, il brano ritornerà al suo
tempo di default.
• È possibile specificare un valore di tempo nella
gamma da 20 a 255.
Per regolare il volume di riproduzione
concordemente al volume di esecuzione
della tastiera
Vedere “Volume del brano” (pagina I-40). Per
informazioni su come cambiare l’impostazione, vedere
“Per cambiare l’impostazione di una voce del menu
funzioni” (pagina I-38).
Per eseguire un preconteggio all’inizio
della riproduzione
Vedere “Preconteggio del brano” (pagina I-40). Per
informazioni su come cambiare l’impostazione, vedere
“Per cambiare l’impostazione di una voce del menu
funzioni” (pagina I-38).
Valore del tempo
I-42
Riproduzione di un file MIDI
Per esercitarsi con una delle mani
(Disattivazione parte)
3.
NOTA
indicante che la riproduzione a ripetizione è in corso.
Dopo una pausa di una misura (quattro battute nel
lancio di un brano con tempo 4/4), il piano digitale
avvierà la riproduzione della sezione da voi
selezionata. La riproduzione della sezione selezionata
continua, con una pausa di una misura prima di ogni
riproduzione.
• È possibile usare il pulsante 6 (PLAY/STOP) per
arrestare e riavviare la riproduzione della sezione.
• Per eseguire la procedura riportata sotto, usare un
file MIDI che ha la parte della mano sinistra
registrata nel Canale 3, e la parte della mano destra
registrata nel Canale 4.
1.
Introdurre il modo CARD PLAYER e quindi
selezionare il file MIDI che si desidera
riprodurre.
2.
Premere il pulsante 7 (PART).
4.
• Questa operazione farà apparire sul display la
schermata di attivazione/disattivazione della parte
(L-[ON] R-[ON]).
3.
4.
Premere il pulsante 7 (PART) per uscire
dalla schermata di attivazione/disattivazione
della parte.
5.
Per arrestare la riproduzione, premere il
pulsante 6 (PLAY/STOP).
• Questa operazione avvia la riproduzione della parte
attivata nel punto 3. È possibile eseguire la parte da
voi disattivata sulla tastiera insieme alla
riproduzione.
Per ripetere la riproduzione di una
sezione specifica di un brano
1.
2.
Premere il pulsante 6 (PLAY/STOP) per
avviare la riproduzione del brano.
Quando la riproduzione raggiunge la prima
battuta della sezione che si desidera
selezionare per la ripetizione, premere il
pulsante 2 (REPEAT).
• Questa operazione farà lampeggiare la spia del
pulsante 2 (REPEAT).
Per uscire dalla riproduzione a ripetizione,
premere di nuovo il pulsante 2 (REPEAT) in
modo che la sua spia si spenga.
• Usando i pulsanti bt (w, q) per cambiare ad un
altro brano, si uscirà anche dalla riproduzione a
ripetizione.
Usare i pulsanti bt (w, q) per commutare
le parti attivate e disattivate.
• w commuta la parte della mano sinista, e q
commuta la parte della mano destra.
Quando la riproduzione raggiunge l’ultima
battuta della sezione, premere di nuovo il
pulsante 2 (REPEAT).
• La spia del pulsante 2 (REPEAT) rimarrà illuminata,
Per suonare sulla tastiera insieme alla
riproduzione
1.
Nel modo MASTER CONTROL, selezionare i
timbri che si desidera utilizzare per ciascuna
zona che verrà eseguita sulla tastiera.
• Vedere “Selezione di un timbro” (pagina I-11) e
“Sovrapposizione e suddivisione dei timbri”
(pagina I-12).
2.
Introdurre il modo CARD PLAYER ed avviare
la riproduzione del file MIDI.
• Vedere “Operazioni di riproduzione di file MIDI”
(pagina I-41).
3.
Suonare sulla tastiera insieme con la
riproduzione.
NOTA
• Le parti utilizzate per la riproduzione del file MIDI
(da Song01 a Song16) sono indipendenti dalle parti
utilizzate per l’esecuzione con la tastiera del piano
digitale (Upper1, Upper2, Lower1, Lower2). Per
maggiori informazioni, vedere la sezione
“Configurazione della fonte sonora” (pagina I-5).
Questo significa che l’esecuzione sulla tastiera non
interferisce con la riproduzione corretta del file
MIDI.
• È possibile selezionare i timbri per ciascuna zona che
verrà eseguita sulla tastiera dopo aver introdotto il
modo CARD PLAYER. Per maggiori informazioni,
vedere la sezione “Per selezionare un timbro per
ciascuna zona nel modo CARD PLAYER”
(pagina I-44).
I-43
Riproduzione di un file MIDI
Per selezionare un timbro per ciascuna
zona nel modo CARD PLAYER
1.
Premere i pulsanti cs (LAYER) e ct (SPLIT)
in modo che le loro spie siano illuminate nelle
combinazioni mostrare sotto e selezionare i
timbri che si desidera.
Per cambiare il
timbro di questa
zona:
Configurare le spie dei pulsanti
cs (LAYER) e ct (SPLIT) in questo
modo:
Zona UPPER 1
cs (LAYER): spenta, ct (SPLIT): spenta
cs (LAYER): illuminata,
ct (SPLIT): spenta
cs (LAYER): spenta,
ct (SPLIT): illuminata
cs (LAYER): illuminata,
ct (SPLIT): illuminata
Zona UPPER 2
Zona LOWER 1
Zona LOWER 2
2.
Premere il pulsante br (TONE) in modo che
la sua spia superiore sia illuminata.
3.
Usare i pulsanti da ck a cr (Gruppo di timbri)
per selezionare il gruppo che si desidera.
• La spia del pulsante da voi premuto si illuminerà.
4.
Usare i pulsanti bt (w, q) per selezionare
il timbro che si desidera.
5.
Ripetere i passi da 1 a 4 per tutte le zone che
si desidera utilizzare per l’esecuzione con la
tastiera.
Creazione di una nuova
cartella musicale sulla scheda
Quando si inserisce una scheda SD, il piano digitale
esegue la ricerca per i file MIDI all’interno di specifiche
cartelle sulla scheda. Alle impostazioni iniziali di
default, le cartelle che vengono ricercate sono nominate
“MUSICDAT” (che è assegnata al pulsante bm (A) del
piano digitale), “MUSIC__B” (pulsante bn (B)),
“MUSIC__C” (pulsante bo (C)), e “MUSIC__D”
(pulsante bp (D)). Premendo un pulsante si accede al
contenuto della cartella corrispondente.
È possibile usare la procedura seguente per assegnare
cartelle differenti ai pulsanti bn (B), bo (C) e bp (D).
• La procedura seguente crea una nuova cartella e la
assegna al pulsante bn (B), bo (C), o bp (D). Le
assegnazioni dei pulsanti vengono salvate sulla
scheda SD, quindi se la si rimuove, le ultime
assegnazioni dei pulsanti che sono state utilizzate
verranno ripristinate la volta successiva che si
inserisce la scheda.
• Se si crea più di una cartella per un pulsante,
l’ultima da voi creata verrà assegnata al pulsante.
• L’esecuzione della procedura riportata sotto non
cancella o influisce sul contenuto della cartella
attualmente assegnata ad un pulsante.
Per creare una nuova cartella musicale
sulla scheda
1.
Inserire la scheda SD nello slot per la scheda
di memoria del piano digitale.
2.
3.
4.
Premere il pulsante bs (FUNCTION).
Premere il pulsante cq (7).
Usare i pulsanti ct (u) e dk (i) per
visualizzare “CardFolder” e quindi premere il
pulsante dl (ENTER).
• Questa operazione fa apparire la schermata CARD
Folder.
5.
I-44
Usare i pulsanti bt (w, q) per scorrere tra i
nomi dei pulsanti (B, C, D) finché quello per il
quale si desidera creare una nuova cartella
viene visualizzato all’interno di parentesi
(%).
Riproduzione di un file MIDI
6.
Introdurre un nome per la cartella che si
desidera creare.
• Usare i pulsanti ct (u) e dk (i) per spostare il
cursore a sinistra e a destra, ed i pulsanti bt (w, q)
per scorrere tra i caratteri alla posizione attuale del
cursore. Di seguito vengono mostrati i caratteri che
possono essere utilizzati in un nome.
0
A
K
U
(
1 2 3
B C D
L M N
V W X
) - ^
4
E
O
Y
{
5 6
F G
P Q
Z S
} @
7
H
R
&
~
8
I
S
_
`
9
J
T
'
• Se si conosce il nome di una cartella esistente sulla
scheda SD, è possibile introdurre il nome nel passo
riportato sopra. Questa operazione assegnerà la
cartella esistente al pulsante applicabile senza creare
una nuova cartella.
7.
Dopo che il nome è come si desidera,
premere il pulsante dl (ENTER).
8.
In risposta al messaggio di conferma
(“Sure?”) che appare, premere il pulsante bt
(YES) per creare la nuova cartella, o il
pulsante bt (NO) per ritornare alla schermata
nel punto 6 di questa procedura senza creare
nulla.
• Il messaggio “Please Wait” rimarrà sul display
mentre l’operazione è in corso. Non eseguire nessuna
operazione con il piano digitale mentre questo
messaggio viene visualizzato sul display. Dopo il
completamento dell’operazione apparirà sul display
il messaggio “Complete”.
I-45
Uso di una scheda di memoria
MASTER CONTROL
È possibile salvare i dati di registrazione del piano
digitale ad una scheda di memoria SD disponibile in
commercio, se lo si desidera.
z Usare una scheda di memoria con una capacità di
2 GB o inferiore. L’uso di una scheda con capacità
superiore a 2 GB o altri tipi di schede di memoria
non è supportato.
z In questo manuale, le menzioni di una “scheda di
memoria” si riferiscono ad una scheda di memoria SD.
■ Tipi di dati
Tipo di dati
Descrizione
(Estensione nome
file)
Registrazione Configurazioni
(pagina I-34) del piano digitale
(CB6, CR6)
Operazioni supportate
Salvare alla
Caricare
scheda di dalla scheda
memoria
di memoria
O
CARD PLAYER
Operazioni con la scheda di
memoria
Per inserire e rimuovere una scheda di
memoria
IMPORTANTE!
• Una scheda di memoria deve essere posizionata
correttamente quando la si carica nel piano digitale.
Tentando di forzare una scheda di memoria
orientata non correttamente nello slot si può
danneggiare la scheda di memoria e lo slot.
1.
O
Con la parte superiore della scheda di
memoria rivolta verso l’alto (in modo da
poterla vedere), inserirla con attenzione nello
slot (dn) per la scheda di memoria del piano
digitale finché non si arresta con un clic.
Precauzioni per la scheda e lo slot per la
scheda
IMPORTANTE!
• Accertarsi di osservare le precauzioni fornite nella
documentazione in dotazione con la scheda di
memoria.
• Le schede di memoria hanno un selettore di
protezione da scrittura. Usarlo quando si desidera
proteggere i dati sulla scheda dalla cancellazione
accidentale.
• Evitare di usare una scheda di memoria nelle
seguenti condizioni. Tali condizioni possono
corrompere i dati salvati sulla scheda di memoria.
• Aree soggette ad elevate temperature, umidità o
gas corrosivi
• Aree soggette a forti cariche elettrostatiche e
disturbi digitali
• Non toccare mai i contatti di una scheda di memoria
quando la si inserisce o rimuove dal piano digitale.
• Non espellere mai la scheda di memoria mentre i
dati sono in fase di scrittura o caricamento da essa.
In tal modo si possono corrompere i dati sulla
scheda di memoria e danneggiare lo slot per la
scheda di memoria.
• Non inserire mai nessun altro oggetto che non sia
una scheda di memoria nello slot per la scheda. In
tal modo si crea il rischio di malfunzionamento.
• La carica elettrostatica rilasciata dalle vostre dita o
dalla scheda di memoria allo slot per la scheda, può
causare il malfunzionamento del piano digitale. Se
ciò accade, spegnere il piano digitale e quindi
accenderlo di nuovo.
• Una scheda di memoria può divenire abbastanza
calda dopo un uso prolungato nello slot per la
scheda di memoria. Questo è normale e non è indice
di malfunzionamento.
I-46
Parte superiore
2.
Per rimuovere la scheda di memoria,
premerla prima nello slot ulteriormente.
In questo modo la scheda di memoria si disinserisce e
viene parzialmente espulsa. Estrarre la scheda di
memoria fuori dallo slot completamente.
Per formattare una scheda di memoria
IMPORTANTE!
• Formattare una scheda di memoria prima di usarla
per la prima volta.
• Prima di formattare una scheda di memoria, assicurarsi
che essa non contenga qualche dato utile salvato.
• L’operazione di formattazione della scheda di
memoria eseguita da questo piano digitale è una
“formattazione rapida”. Se si desidera cancellare
completamente tutti i dati presenti sulla scheda di
memoria, formattarla sul vostro computer o su
qualche altro dispositivo.
1.
Inserire la scheda di memoria che si desidera
formattare nello slot per la scheda di memoria
del piano digitale.
Accertarsi che il selettore di protezione da scrittura
della scheda di memoria non sia nella posizione di
protezione, in modo che sia abilitata la scrittura.
Uso di una scheda di memoria
2.
3.
4.
Premere il pulsante bs (FUNCTION).
Premere il pulsante cq (7).
Usare i pulsanti ct (u) e dk (i) per
visualizzare “CardFORMAT” e quindi
premere il pulsante dl (ENTER).
Questa operazione visualizzerà un messaggio di
conferma (SURE?).
• Se si desidera annullare l’operazione di
formattazione, premere il pulsante bt (NO) o cs
(EXIT).
5.
Premere il pulsante bt (YES).
• Il messaggio “Please Wait” rimarrà sul display
mentre l’operazione di formattazione è in corso. Non
eseguire nessuna operazione con il piano digitale
mentre questo messaggio viene visualizzato sul
display. Dopo il completamento della formattazione
apparirà sul display il messaggio “Complete”.
• Formattando una scheda di memoria, verranno create
automaticamente le cartelle con i nomi MUSICDAT,
MUSIC__B, MUSIC__C e MUSIC__D nella root
directory della scheda.
Per rinominare un file su una scheda di
memoria
1.
• Questo passo non è necessario se si sta rinominando
un file per l’area della memoria interna.
2.
3.
4.
6.
Usare i pulsanti ct (u) e dk (i) per
spostare il cursore lampeggiante al carattere
che si desidera cambiare, e quindi usare i
pulsanti bt (w, q) per cambiare il
carattere.
• I caratteri che possono essere selezionati sono
mostrati sotto.
0
A
K
U
(
Premere il pulsante bs (FUNCTION).
Premere il pulsante cq (7).
7.
Questa operazione visualizza una schermata per la
selezione di un file da cancellare.
5.
Usare i pulsanti bt (w, q) per selezionare
il file che si desidera cancellare.
6.
Premere il pulsante dl (ENTER).
Questa operazione visualizzerà un messaggio di
conferma (SURE?).
• Se si desidera annullare l’operazione di cancellazione,
premere il pulsante bt (NO) o cs (EXIT).
7.
Premere il pulsante bt (YES).
Usare i pulsanti ct (u) e dk (i) per
visualizzare “FileRENAME” e quindi premere
il pulsante dl (ENTER).
Usare i pulsanti bt (w, q) per selezionare
il file che si desidera rinominare.
Inserire la scheda SD nello slot per la scheda
del piano digitale.
Usare i pulsanti ct (u) e dk (i) per
visualizzare “FileDELETE” e quindi premere il
pulsante dl (ENTER).
Premere il pulsante cq (7).
5.
• Questo passo non è necessario se si sta cancellando
un file per l’area della memoria interna.
2.
3.
4.
Premere il pulsante bs (FUNCTION).
Questa operazione visualizza una schermata per
cambiare il nome del file.
Per cancellare un file
1.
Inserire la scheda SD nello slot per la scheda
del piano digitale.
1 2 3
B C D
L M N
V W X
) - ^
4
E
O
Y
{
5 6
F G
P Q
Z S
} @
7
H
R
&
~
8
I
S
_
`
9
J
T
'
Dopo che il nome del file è come si desidera,
premere il pulsante dl (ENTER).
Questa operazione visualizzerà un messaggio di
conferma (SURE?).
• Se si desidera annullare l’operazione di rinomina,
premere il pulsante bt (NO) o cs (EXIT).
8.
Premere il pulsante bt (YES).
• Il messaggio “Please Wait” rimarrà sul display
mentre è in esecuzione l’operazione di rinomina. Non
eseguire nessuna operazione con il piano digitale
mentre questo messaggio viene visualizzato sul
display. Dopo il completamento della rinomina
appare sul display il messaggio “Complete”.
• Il messaggio “Please Wait” rimarrà sul display
mentre è in esecuzione l’operazione di cancellazione.
Non eseguire nessuna operazione con il piano
digitale mentre questo messaggio viene visualizzato
sul display. Dopo il completamento della
cancellazione apparirà sul display il messaggio
“Complete”.
I-47
Uso di una scheda di memoria
Messaggi di errore
Quando si verifica un problema, appare sul display uno dei messaggi di errore riportati sotto.
• Tutte le menzioni di “scheda di memoria” nella tabella seguente si riferiscono ad una scheda di memoria SD.
Messaggio
sul display
Format
MediaFull
Media R/W
No Card
No File
Causa
Azione richiesta
1. Il formato della scheda di memoria attuale non è
compatibile con questo piano digitale.
1. Formattare la scheda di memoria sul piano digitale
(pagina I-46).
2. La capacità della scheda di memoria è superiore a
2 GB.
2. Usare una scheda di memoria con una capacità di 2 GB o
inferiore.
3. C’è qualche errore con la scheda di memoria.
3. Utilizzare una scheda di memoria differente.
1. Non c’è sufficiente spazio disponibile sulla scheda di
memoria.
1. Cancellare alcuni dei file sulla scheda di memoria per fare
spazio per i nuovi dati (pagina I-47), oppure usare una scheda
differente.
2. Non c’è sufficiente spazio disponibile nella memoria
del piano digitale.
2. Cancellare alcuni o tutti i dati dell’utente dalla memoria del
piano digitale per creare spazio per i nuovi dati.
1. I dati della scheda di memoria sono corrotti.
1. Utilizzare una scheda di memoria differente.
2. La memoria del piano digitale è corrotta.
2. Eseguire il backup dei dati della memoria del piano digitale
copiandoli sul vostro computer, e quindi spegnere e riaccendere
il piano digitale.
• Notare che in determinati casi potrebbe non essere possibile
eseguire il backup dei dati del piano digitale.
1. La scheda di memoria non è inserita correttamente
nello slot per la scheda di memoria del piano digitale.
1. Inserire correttamente la scheda di memoria nello slot per la
scheda di memoria.
2. La scheda di memoria è stata rimossa mentre era in
corso qualche operazione.
2. Non rimuovere la scheda di memoria mentre qualsiasi
operazione è in corso.
1. Non c’è nessuna cartella MUSICDAT (pagina I-41)
sulla scheda di memoria.
1. Creare una cartella MUSICDAT sulla scheda di memoria o
formattare la scheda di memoria sul piano digitale (pagina I-46).
2. Non ci sono dati caricabili o riproducibili nella cartella 2. Spostare il file che si desidera caricare o riprodurre, nella
cartella MUSICDAT della scheda di memoria. Per la
MUSICDAT, oppure non ci sono dati riproducibili in
riproduzione dei brani, è possibile posizionare i dati dei brani in
una cartella di riproduzione brani (MUSIC__B, ecc.).
una qualsiasi delle seguenti cartelle: MUSIC__B, MUSIC__C, o
MUSIC__D.
Not SMF01
Si sta tentando di riprodurre dati di brani in SMF
formato 2.
Questo piano digitale supporta la riproduzione solo di SMF
Formato0 o Formato1.
Protect
La scheda di memoria è protetta da scrittura.
Usare il selettore di protezione da scrittura della scheda di memoria
per abilitare la scrittura.
ReadOnly
Si sta tentando di usare un file di sola lettura con lo stesso • Usare un nome differente per salvare il nuovo file.
nome, che è già memorizzato sulla scheda di memoria.
• Rimuovere l’attribuzione di sola lettura dal file esistente e
sovrascriverlo con il nuovo file.
• Utilizzare una scheda di memoria differente.
SizeOver
I dati sulla scheda di memoria sono troppo grandi per la
riproduzione.
Questo piano digitale supporta la riproduzione dei file di dati di
brani con una dimensione massima di 320 KB.
WrongDat
1. La scheda di memoria è corrotta.
—
2. La scheda di memoria contiene dati che non sono
supportati da questo piano digitale.
I-48
Collegamento ad un computer
MASTER CONTROL
È possibile collegare il piano digitale ad un computer e
scambiare i dati MIDI tra di loro. È possibile inviare i
dati dell’esecuzione dal piano digitale ad un software
per la musica installato sul vostro computer, oppure è
possibile inviare i dati MIDI dal vostro computer al
piano digitale per la riproduzione.
2.
CARD PLAYER
Dopo l’avvio del computer, usare un cavo
USB disponibile in commercio per collegarlo
al piano digitale.
Connettore B
Cavo USB
(Tipo A-B)
Requisiti minimi di sistema del
computer
Connettore A
Porta USB del piano
digitale
Porta USB del computer
Di seguito vengono mostrati i requisiti minimi di
sistema del computer per l’invio e la ricezione dei dati
MIDI. Verificare per assicurarsi che il vostro computer
sia conforme a questi requisiti prima di collegare ad
esso il piano digitale.
z Sistema operativo
Windows® XP (SP2 o superiore)*1
Windows Vista® *2
Windows® 7 *3
Mac OS® X (10.3.9, 10.4.11 o superiore, 10.5.6 o
superiore, 10.6.2 o superiore)
*1 Windows XP Home Edition
Windows XP Professional (32-bit)
*2 Windows Vista (32-bit)
*3 Windows 7 (32-bit, 64-bit)
z Porta USB
IMPORTANTE!
• Non collegare mai la tastiera digitale ad un computer
che non è conforme ai requisiti riportati sopra. In
caso contrario, è possibile causare problemi al
vostro computer.
Collegamento del piano
digitale al computer
IMPORTANTE!
• Accertarsi di seguire esattamente i passi della
procedura riportata sotto. Eseguendo il
collegamento in modo sbagliato, si può rendere
impossibile l’invio e la ricezione dei dati.
1.
Spegnere il piano digitale e quindi avviare il
computer.
• Non avviare ancora il software per la musica sul
computer!
3.
Accendere il piano digitale.
• Se questa è la prima volta che si collega il piano
digitale al computer, verrà installato
automaticamente sul computer il driver che si
richiede per inviare e ricevere i dati.
4.
Avviare il software per la musica sul
computer.
5.
Configurare le impostazioni del software per
la musica, per selezionare come dispositivo
MIDI uno dei seguenti.
CASIO USB-MIDI : (Per Windows Vista, Windows 7,
Mac OS X)
USB Speakers
: (Per Windows XP)
• Per informazioni su come selezionare il dispositivo
MIDI, consultare la documentazione per l’utente
fornita in dotazione con il software per la musica in
uso.
IMPORTANTE!
• Accertarsi di accendere il piano digitale prima di
avviare il software per la musica sul vostro
computer.
NOTA
• Una volta che si è realizzato il collegamento con
successo, non c’è alcun problema a lasciare collegato
il cavo USB quando si spegne il computer e/o il
piano digitale.
• Questo piano digitale è conforme allo standard
General MIDI, livello 1 (GM).
• Per le specifiche dettagliate ed i collegamenti che si
applicano per l’invio e la ricezione dei dati MIDI da
questo piano digitale, fare riferimento alle
informazioni di supporto più aggiornate fornite dal
sito web al seguente URL:
http://world.casio.com/
I-49
Collegamento ad un computer
Trasferimento dei dati tra il
piano digitale ed un computer
3.
Mantenendo premuto il pulsante bs
(FUNCTION), premere il pulsante dm (USB
DEVICE MODE).
Con questa operazione si entrerà in modalità di
memorizzazione, che abilita il trasferimento dei dati
con il computer collegato. La spia del pulsante bs
(FUNCTION) lampeggerà e il display apparirà come
viene mostrato sotto.
È possibile usare la procedura seguente per trasferire i
dati di registrazione dal piano digitale ad un computer
per il salvataggio. È anche possibile trasferire i file
MIDI standard (SMF) dal vostro computer alla
memoria del piano digitale.
■ Tipi di dati supportati per il trasferimento
Tipo di dati
Descrizione (Estensione nome file)
File MIDI
(pagina I-41)
Uno dei seguenti due tipi di dati musicali
• Dati di formato CASIO (CM2)
• File MIDI standard (MID),
SMF Formato0 o Formato1
• Per uscire dalla modalità di memorizzazione in
qualsiasi momento, premere il pulsante bs
(FUNCTION). Questa è la sola operazione con il
pulsante supportata mentre il piano digitale è nella
modalità di memorizzazione.
• Non sarà possibile entrare nella modalità di
memorizzazione mentre è in corso una qualsiasi delle
seguenti operazioni.
Riproduzione di file MIDI, trasferimento dati tra il
piano digitale e la scheda
Registrazione Configurazioni del piano digitale (CB6,
(pagina I-34) CR6)
IMPORTANTE!
• Spegnendo il piano digitale durante il trasferimento
dei dati, si può causare la cancellazione di tutti i dati
attualmente salvati nella memoria del piano digitale.
Prestare attenzione che non venga spenta
l’alimentazione accidentalmente durante le
operazioni di trasferimento. Se i dati vengono
cancellati, il piano digitale richiederà un tempo
maggiore rispetto al normale per l’avvio la volta
successiva che si accende (pagina I-11).
1.
4.
In “Periferiche con archivi rimovibili”, sarà possibile
vedere una icona che rappresenta la memoria del piano
digitale o la scheda di memoria inserita nel piano
digitale (vedere sotto).
* Windows Vista, Windows 7: Fare doppio clic su
“Computer”.
Mac OS: Saltare il punto 4 e fare doppio clic su
“PIANO” sul desktop Mac.
Rimuovere la scheda di memoria dallo slot
per la scheda di memoria del piano digitale
(pagina I-46).
• Non sarà possibile trasferire i dati tra il piano digitale
e un computer se è presente una scheda nello slot per
la scheda di memoria.
2.
Se sul vostro computer è installato Windows
XP, fare doppio clic su “Risorse del
computer”.*
Eseguire i punti da 1 a 3 nella sezione
“Collegamento del piano digitale al computer”
per collegare il piano al vostro computer
(pagina I-49).
Unità PIANO (memoria del piano digitale)
5.
Fare doppio clic su “PIANO”.
Ora si dovrebbero vedere le cartelle riportate sotto.
Questa cartella non è una cartella di dati. Non si deve provare ad
usarla per le operazioni normali del piano digitale.
I-50
Collegamento ad un computer
6.
Le estensioni dei nomi di file (.MID, .CM2,
ecc.) non vengono visualizzate con le
impostazioni di default iniziali di Windows.
Eseguire la procedura seguente per attivare
la visualizzazione delle estensioni dei nomi di
file.
(1) Eseguire una delle operazioni seguenti per
visualizzare le informazioni delle cartelle.
• Windows XP:
Sul menu [Strumenti], alla parte superiore della
finestra della cartella, selezionare [Opzioni
cartella].
• Windows Vista, Windows 7:
Al lato sinistro della finestra della cartella, fare
clic su [Organizza], e quindi selezionare [Opzioni
cartella e ricerca].
(2) Sulla finestra delle informazioni della cartella, fare
clic sulla scheda [Visualizzazione].
(3) In “Impostazioni avanzate”, togliere il segno di
spunta dalla casella “Nascondi le estensioni per i
tipi di file conosciuti” e quindi fare clic su [OK].
7.
Eseguire una delle operazioni seguenti per
trasferire i dati.
7-1. Per trasferire i dati dalla memoria del
piano digitale ad un computer, eseguire
l’operazione richiesta sul computer per
copiare i dati dalla memoria del piano
digitale ad un’altra posizione sul
computer.
7-2. Per caricare un file MIDI (.MID o .CM2)
dal computer alla memoria del piano
digitale, copiare il file che si desidera
caricare alla root directory dell’unità
“PIANO”.
7-3. Per caricare un file di dati di
registrazione (.CB6 o .CR6) dal
computer alla memoria del piano
digitale, copiare il file che si desidera
caricare alla cartella “REGISTMR”.
8.
Premere il pulsante bs (FUNCTION) per
uscire dalla modalità di memorizzazione.
Uso del piano digitale come un lettore di
schede di memoria
È possibile visualizzare il contenuto della scheda di
memoria attualmente caricata nello slot per la scheda
del piano digitale, ed eseguire la copia, la cancellazione
ed altre operazioni, dal vostro computer.
1.
Inserire la scheda di memoria nello slot per la
scheda di memoria del piano digitale.
2.
Eseguire la procedura iniziando dal punto 2 a
pagina I-50.
Nel punto 4 della procedura, apparirà “SD_MMC”
invece di “PIANO”. È possibile fare doppio clic su
“SD_MMC” per visualizzare il contenuto della scheda
caricata nello slot per la scheda del piano digitale, e
cambiarlo come si desidera.
Diritti d’autore
I diritti dei creatori e dei possessori del diritto d’autore
di musica, immagini, programmi per computer,
database, ed altri dati, sono protetti dalle leggi sui
diritti d’autore. È consentito di riprodurre tali opere
esclusivamente per l’uso personale o non
commerciale. Per qualsiasi altro scopo, la
riproduzione totale (inclusa la conversione del
formato dati), la modifica, il trasferimento di
riproduzioni, la distribuzione su un network, o
qualsiasi altro uso senza l’autorizzazione del
detentore del diritto d’autore, vi espone a ricorsi per
danni e procedimento giudiziario per trasgressione
alle leggi sul copyright e violazione dei diritti
personali dell’autore. Assicurarsi di riprodurre ed
altrimenti utilizzare le opere protette da copyright
esclusivamente in conformità con le leggi applicabili
sui diritti d’autore.
• Se si sta utilizzando un Macintosh, trascinare la
cartella PIANO al cestino e quindi premere il
pulsante bs (FUNCTION) del piano digitale.
IMPORTANTE!
• Se si verifica un problema durante il trasferimento
dei dati, apparirà sul display il messaggio “ERROR,
DATA EXCHANGE”. Se si verifica ciò, controllare il
messaggio nella cartella “STATELOG” (pagina I-50)
sull’unità “PIANO”. Seguentemente ricercare lo
stesso messaggio nella tabella a pagina I-48 di
questo manuale, per deteminare la causa del
problema e l’azione da intraprendere per evitarlo.
I-51
Riferimento
Risoluzione dei problemi
Problema
Causa
Rimedio
Non si sente nulla con le
cuffie collegate o diffusori
amplificati quando si suona
qualche brano.
La manopola 1 (VOLUME) è
regolata su “MIN”.
L’impostazione della zona UPPER 1
è INT OFF.
Il pitch del piano digitale è
disattivato.
L’impostazione della chiave del
piano digitale è alquanto diversa da
0.
L’intonazione del piano digitale è
errata.
Ruotare la manopola 1 (VOLUME)
maggiormente verso il lato “MAX”.
Cambiare l’impostazione della zona
UPPER 1 a INT ON. Se si sta utilizzando
la sovrapposizione e/o la suddivisione,
cambiare l’impostazione della zona in uso
a INT ON.
Cambiare l’impostazione della chiave a 0,
o spegnere il piano digitale e quindi
riaccenderlo.
Regolare l’intonazione del piano digitale,
o spegnere l’alimentazione del piano
digitale e quindi riaccenderla.
Cambiare l’impostazione(i) a 0, o
spegnere l’alimentazione del piano
digitale e quindi riaccenderla.
Cambiare l’impostazione di
temperamento a “00:Temperata
equabile”, che rappresenta l’intonazione
moderna standard.
Cambiare l’impostazione dello
spostamento di ottava a 0.
Disattivare “Backup”. Successivamente,
spegnere e riaccendere l’alimentazione.
L’impostazione di intonazione
approssimativa e/o intonazione
precisa è diversa da 0.
È in uso un’impostazione di
temperamento non standard.
È abilitato lo spostamento di ottava.
I timbri e/o gli effetti vengono
riprodotti in modo strano.
Spegnendo l’alimentazione e
quindi riaccendendola di
nuovo non si elimina il
problema.
È attivata la funzione di “Backup”.
Esempio: L’intensità delle note
non cambia neanche se si
modifica la pressione dei tasti.
Non è possibile udire nessun L’impostazione di invio chorus/invio
effetto di chorus/reverbero
reverbero è 0.
quando si attiva il chorus/
reverbero.
Cambiare l’impostazione di invio chorus/
invio reverbero ad un valore maggiore.
Vedere a
pagina
) I-11
) I-27
) I-20
) I-39
) I-31
) I-39
) I-30
) I-40
) I-32
Il file che si sta tentando di riprodurre Questo piano digitale supporta
) I-41
non è in un formato supportato da
esclusivamente la riproduzione dei file
questo piano digitale.
SMF Formato0 o Formato1, o file CM2
(formato di proprietà CASIO). La
riproduzione dei file WAV e MP3, o file
MIDI in altri formati non è supportata.
Non è possibile trasferire i
—
• Controllare per assicurarsi che il cavo
) I-49
dati dopo la connessione del
USB sia collegato al piano digitale e al
piano digitale ad un computer.
computer, e che sia selezionato il
dispositivo corretto con il software per la
musica sul vostro computer.
• Spegnere il piano digitale e quindi
chiudere il software per la musica sul
vostro computer. Successivamente,
riaccendere il piano digitale e quindi
riavviare il software per la musica sul
vostro computer.
Non è possibile riprodurre un
file musicale da una scheda
SD.
I-52
Riferimento
Problema
Non è possibile salvare i dati
su una scheda di memoria o
caricare i dati da una scheda
di memoria.
La riproduzione in corso si
interrompe durante il
trasferimento dei dati del
brano dal computer.
La qualità e il volume di un
timbro risultano leggermente
diversi a seconda del punto
dove si suona sulla tastiera.
Quando si preme un pulsante,
la nota che si sta suonando
viene momentaneamente
interrotta, oppure c’è un
leggero cambiamento
riguardo a come gli effetti
vengono applicati.
Anche se si suona su gamme
differenti della tastiera, le note
non cambiano di ottave.
Causa
—
Rimedio
Vedere “Messaggi di errore” a
pagina I-48.
Vedere a
pagina
—
Arrestare la riproduzione del brano,
) I-49
scollegare il cavo USB dal piano digitale,
e quindi ricollegarlo. Dopodiché, provare
di nuovo a riprodurre il brano.
Se in questo modo non si risolve il
problema, chiudere il software MIDI in
uso, scollegare il cavo USB dal piano
digitale, e quindi ricollegarlo.
Successivamente, riavviare il software
MIDI e provare di nuovo a riprodurre il
brano.
Questa è una conseguenza inevitabile del processo di campionamento digitale*, e non indica
un malfunzionamento.
* Dei campionamenti digitali plurimi vengono prelevati per la gamma più bassa, la gamma
media e la gamma alta dello strumento musicale originale. Per questo motivo, potrebbe
esserci una leggera differenza nella qualità e nel volume del timbro tra le gamme di
campionamento.
Disturbi digitali provenienti dal cavo
USB o dal cavo di alimentazione
hanno causato l’interruzione della
comunicazione dati tra il computer e
il piano digitale.
Eseguendo un’operazione con i pulsanti mentre è in riproduzione un file MIDI si può causare
tale fenomeno quando il piano digitale commuta gli effetti dei timbri interni. Ciò non è indice di
malfunzionamento.
Le gamme di determinati timbri sono limitate, il che significa che le ottave cambiano
normalmente fino ad una certa nota bassa o nota alta. Con un tale timbro, le note dell’ottava
più bassa verranno ripetute alla sinistra della nota più bassa possibile, e l’ottava più alta verrà
ripetuta alla destra della nota più alta possibile. Questo è dovuto alle limitazioni nella gamma
dello strumento musicale originale per ciascun timbro, e non è indice di malfunzionamento
del piano digitale.
I-53
Riferimento
Caratteristiche tecniche del prodotto
Modello
PX-3SBK
Tastiera
88 tasti della tastiera del piano, con risposta al tocco (3 tipi)
Polifonia massima
128 note
Timbri
250 (con sovrapposizione e suddivisione)
Effetti
DSP, Reverbero (4 tipi), Chorus (4 tipi), Brillantezza (da –3 a 0, a 3), Risonanza acustica
Mixer
UPPER 1, UPPER 2, LOWER 1, LOWER 2; il livello di volume di ogni zona può essere regolato
indipendentemente.
Pulsanti assegnabili
2
Brani dimostrativi
4 brani originali (riprodotti sequenzialmente e ripetutamente)
Registrazione
8 aree × 8 banchi
Pedali
Risonanza, sordina/sostenuto (commutabile)
Altre funzioni
•
•
•
•
•
•
MIDI
Ricevimento multitimbro a 16 canali, standard GM livello 1
Rotella di pitch bend
Gamma variazione del pitch: Da 00 a 12 semitoni
Scheda di memoria SD
• Slot per scheda di memoria SD
• Schede di memoria SD supportate: Fino a 2 GB
• Funzioni: Riproduzione SMF, memorizzazione file, richiamo file, formattazione scheda
Ingressi/Uscite
•
•
•
•
•
•
•
•
Requisiti di alimentazione
Trasposizione: ±1 ottava (da –12 a 0, a 12)
Intonazione: A4 = 440,0 Hz ±99 cent
Spostamento di ottava: ±2 ottave
Temperamenti: 17 tipi
Accordatura progressiva
Blocco pannello
Prese per cuffie (PHONES): Prese mini jack stereo × 2
Prese per i pedali: Prese jack standard × 2
Terminali di uscita/ingresso midi (MIDI OUT/IN)
Prese jack LINE OUT R, L/MONO: Prese jack standard × 2
Impedenza di uscita: 2,3 KΩ
Tensione di uscita: 1,8 V (RMS) massimo
Prese jack LINE IN R, L/MONO: Prese jack standard × 2
Impedenza d’ingresso: 9,0 KΩ
Tensione d’ingresso: 200 mV
Alimentazione: CC a 12 V
Porta USB: Tipo B
Connettore per pedali (solo per SP-32 opzionale)
Trasformatore CA: AD-A12150LW
Consumo
12 V = 18 W
Dimensioni
132,2 (L) × 28,6 (P) × 13,5 (A) cm
Peso
Circa 10,8 kg
* Basato su 1 KB = 1024 byte, 1 MB = 10242 byte
• Le caratteristiche tecniche e design sono soggetti a modifiche senza preavviso.
I-54
B
Riferimento
Avvertenze per l’uso
Assicurarsi di leggere e osservare le seguenti
avvertenze per l’uso.
■ Collocazione
Evitare i seguenti luoghi per questo prodotto.
• Luoghi esposti alla luce solare diretta e ad elevata
umidità
• Luoghi soggetti a temperature estremamente basse o
alte
• Vicino ad una radio, televisore, videoregistratore o
sintonizzatore
• Gli apparecchi riportati sopra non causeranno
malfunzionamento di questo prodotto, tuttavia il
prodotto potrà causare interferenze nell’audio o nel
video di un apparecchio posto nelle vicinanze.
■ Distorsione generata dalle impostazioni
Sebbene le funzioni di DSP ed equalizzatore del piano
digitale vi consentono di applicare vari effetti ai timbri
incorporati, determinate combinazioni di impostazioni
potrebbero avere come risultato la distorsione delle
note.
■ Manutenzione dell’utente
• Non usare mai benzina, alcool, solventi o altre
sostanze chimiche per pulire il prodotto.
• Per pulire il prodotto o la sua tastiera, strofinare con
un panno morbido inumidito in una soluzione
debole di acqua e detergente neutro. Strizzare bene il
panno per eliminare tutto il liquido in eccesso prima
di passarlo sul prodotto.
■ Accessori in dotazione e opzionali
Usare esclusivamente gli accessori specificati per l’uso
con questo prodotto. L’uso di accessori non autorizzati
comporta il rischio di incendio, scossa elettrica e lesioni
fisiche.
• È vietata qualsiasi riproduzione parziale o totale del
contenuto di questo manuale. Eccetto che per il
proprio uso personale, qualsiasi altro uso del
contenuto di questo manuale senza il consenso della
CASIO è proibito dalle leggi sul copyright.
• IN NESSUN CASO LA CASIO SI RITERRÀ
RESPONSABILE PER QUALUNQUE DANNO
(INCLUDENDO, SENZA LIMITAZIONE, DANNI
PER PERDITE DI PROFITTI, INTERRUZIONE DI
LAVORO, PERDITA DI INFORMAZIONI)
DERIVANTE DALL’USO O INABILITÀ D’USO DI
QUESTO MANUALE O PRODOTTO, ANCHE SE
LA CASIO HA RICEVUTO AVVISO DELLA
POSSIBILITÀ DI TALI DANNI.
• Il contenuto di questo manuale è soggetto a
modifiche senza preavviso.
■ Precauzioni d’uso del trasformatore CA
• Usare una presa di corrente che sia facilmente
accessibile in modo da poter scollegare il
trasformatore CA se si verifica un
malfunzionamento o ogniqualvolta sia necessario.
• Il trasformatore CA è destinato esclusivamente per
l’uso in interni. Non utilizzarlo dove potrebbe essere
esposto a schizzi d’acqua o umidità. Non collocare
nessun contenitore, come ad esempio un vaso da
fiori, contenente liquidi sul trasformatore CA.
• Conservare il trasformatore CA in un luogo asciutto.
• Utilizzare il trasformatore CA in un’area aperta e
ben ventilata.
• Non coprire mai il trasformatore CA con un
giornale, una tovaglia, una tenda, o qualsiasi altro
oggetto simile.
• Scollegare il trasformatore CA dalla presa di
corrente se non si ha in programma di utilizzare il
piano digitale per un lungo periodo di tempo.
• Non provare mai a riparare il trasformatore CA o a
modificarlo in qualsiasi maniera.
• Ambiente di funzionamento del trasformatore CA
Temperatura: da 0 a 40°C
Umidità: da 10% a 90% RH
• Polarità di uscita: &
■ Linee di saldatura
Le linee potrebbero essere visibili all’esterno del
prodotto. Sono presenti “linee di saldatura” risultanti
dal processo di formatura plastica. Esse non sono delle
incrinature o graffi.
■ Uso rispettoso dello strumento musicale
Fare sempre attenzione alle altre persone intorno a voi
ogniqualvolta si usa questo prodotto. Prestare
attenzione specialmente quando si suona a tarda notte
per mantenere il volume ai livelli che non disturbino le
altre persone. Le altre misure che si possono adottare
quando si suona a tarda notte, sono quelle di chiudere
le finestre e l’uso delle cuffie.
I-55
Riferimento
Precauzioni d’uso del trasformatore CA
Modello: AD-A12150LW
1. Leggere queste istruzioni.
2. Tenere queste istruzioni a portata di mano.
3. Tenere conto di tutte le avvertenze.
4. Seguire tutte le istruzioni.
5. Non usare questo prodotto vicino all’acqua.
6. Pulire solo con un panno asciutto.
7. Non installare vicino ai radiatori, elementi riscaldanti, stufe, o qualsiasi altra fonte di calore (inclusi gli
amplificatori).
8. Usare solo collegamenti ed accessori specificati dal fabbricante.
9. Affidare tutta la manutenzione al personale di assistenza qualificato. La manutenzione viene richiesta dopo
che si verifica uno qualsiasi dei casi seguenti: quando il prodotto è danneggiato, quando il cavo di
alimentazione o la spina è danneggiato, quando nel prodotto viene versato un liquido, quando un oggetto
estraneo penetra nel prodotto, quando il prodotto è esposto a pioggia o umidità, quando il prodotto non
funziona normalmente, quando il prodotto è caduto.
10. Non permettere che il prodotto venga esposto a sgocciolio o schizzi di liquidi. Non collocare nessun
oggetto contenente liquidi sul prodotto.
11. Non permettere che l’uscita della linea elettrica superi la tensione nominale riportata sull’etichetta.
12. Assicurarsi che l’area circostante sia asciutta prima di collegarsi ad una fonte di alimentazione.
13. Assicurarsi che il prodotto sia orientato correttamente.
14. Scollegare il prodotto durante i temporali con fulmini o quando non si ha intenzione di utilizzarlo per un
lungo periodo di tempo.
15. Non permettere che le aperture di ventilazione del prodotto divengano ostruite. Installare il prodotto
conformemente alle istruzioni del fabbricante.
16. Prestare attenzione che il cavo di alimentazione venga collocato dove esso non potrà essere calpestato o
piegato notevolmente, soprattutto in vicinanza di spine e prese, e nelle posizioni di uscita dal prodotto.
17. Il trasformatore CA deve essere collegato in una presa di corrente il più vicino possibile al prodotto per
consentire lo scollegamento immediato della spina in caso di emergenza.
Il simbolo riportato sotto è un segnale di allarme che indica un voltaggio pericoloso non isolato all’interno
dell’involucro del prodotto, che potrebbe costituire il rischio di scossa elettrica agli utenti.
’
Il simbolo riportato sotto è un segnale di allarme che indica la presenza di istruzioni importanti per il
funzionamento e la manutenzione (assistenza) nella documentazione che accompagna il prodotto.
*
I-56
Appendice
Lista dei timbri
Numero
sequenziale
Nome di gruppo
Numero
di gruppo
01
02
03
04
05
06
07
08
09
10
11
12
13
14
15
PIANO
PIANO
PIANO
PIANO
PIANO
PIANO
PIANO
PIANO
PIANO
PIANO
PIANO
PIANO
PIANO
PIANO
PIANO
001
002
003
004
005
006
007
008
009
010
011
012
013
014
015
16
PIANO
016
17
18
19
20
21
22
ELEC PIANO 1
ELEC PIANO 1
ELEC PIANO 1
ELEC PIANO 1
ELEC PIANO 1
ELEC PIANO 1
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
33
34
35
36
37
38
39
40
41
42
43
44
45
46
47
48
49
50
51
52
53
54
55
56
57
58
59
60
61
62
63
64
65
66
67
68
Nome del timbro
Cambio MSB di
di pro- selezione
gramma
banco
Algoritmo DSP
0
0
1
0
1
0
0
1
0
1
0
0
3
3
6
48
49
48
50
49
51
52
50
53
51
54
55
48
49
48
Equalizer
–
–
Equalizer
Equalizer
–
–
Equalizer
Compressor
Equalizer
Enhancer
Enhancer
–
–
–
6
49
–
001
002
003
004
005
006
GRAND PIANO 1
GRAND PIANO 2
ROCK PIANO
MELLOW PIANO
BRIGHT PIANO
MONO PIANO 1
MONO PIANO 2
LA PIANO
COMP.PIANO
DANCE PIANO
STRINGS PIANO
PIANO PAD
HONKY-TONK
OCTAVE PIANO
HARPSICHORD
COUPLED
HARPSICHORD
ELEC.PIANO 1
ELEC.PIANO PURE
ELEC.PIANO 2
DYNO ELEC.PIANO
60’S E.PIANO
PHASER EP
4
4
4
4
4
4
48
49
50
51
52
53
ELEC PIANO 1
007
TREMOLO EP
4
54
ELEC PIANO 1
ELEC PIANO 1
ELEC PIANO 1
ELEC PIANO 1
ELEC PIANO 1
ELEC PIANO 2
ELEC PIANO 2
ELEC PIANO 2
ELEC PIANO 2
ELEC PIANO 2
ELEC PIANO 2
ELEC PIANO 2
ELEC PIANO 2
CLAVI/VIBES
CLAVI/VIBES
CLAVI/VIBES
CLAVI/VIBES
CLAVI/VIBES
CLAVI/VIBES
CLAVI/VIBES
CLAVI/VIBES
ORGAN
ORGAN
ORGAN
ORGAN
ORGAN
ORGAN
ORGAN
ORGAN
ORGAN
ORGAN
ORGAN
ORGAN
ORGAN
ORGAN
ORGAN
ORGAN
ORGAN
ORGAN
STRINGS/
ENSEMBLE
STRINGS/
ENSEMBLE
STRINGS/
ENSEMBLE
STRINGS/
ENSEMBLE
STRINGS/
ENSEMBLE
STRINGS/
ENSEMBLE
008
009
010
011
012
001
002
003
004
005
006
007
008
001
002
003
004
005
006
007
008
001
002
003
004
005
006
007
008
009
010
011
012
013
014
015
016
017
018
COMP.EP
WAH EP
PHASER 60’S EP
TREMOLO 60’S EP
STRINGS EP
FM E.PIANO 1
FM E.PIANO 2
CHORUS EP
MELLOW E.PIANO
POP ELEC.PIANO
SYNTH-STR.EP
ELEC.GRAND 1
ELEC.GRAND 2
CLAVI 1
CLAVI 2
WAH CLAVI
PHASER CLAVI
COMP.CLAVI
VIBRAPHONE
TREMOLO VIBES
MARIMBA
JAZZ ORGAN 1
JAZZ ORGAN 2
ROCK ORGAN 1
ROCK ORGAN 2
PERC.ORGAN 1
PERC.ORGAN 2
PERC.ORGAN 3
DRAWBAR ORGAN 1
DRAWBAR ORGAN 2
DRAWBAR ORGAN 3
ELEC.ORGAN 1
ELEC.ORGAN 2
ELEC.ORGAN 3
70’S ORGAN
OVERDRIVE ORGAN
TREMOLO ORGAN
CHURCH ORGAN
CHAPEL ORGAN
4
4
4
4
4
5
5
5
5
5
5
2
2
7
7
7
7
7
11
11
12
17
17
18
18
17
17
17
16
16
16
16
16
16
17
16
16
19
19
55
56
57
58
59
49
48
50
51
52
53
48
49
48
49
50
51
52
48
49
48
48
49
48
49
50
51
52
48
49
50
51
52
53
53
54
55
48
49
Stereo Phaser
–
3-Phase Chorus
–
–
Stereo Phaser
Phaser - Auto
Pan
Compressor
Auto Wah
Stereo Phaser
Auto Pan
–
–
–
Phaser - Chorus
Stereo Phaser
Enhancer
–
–
Stereo Phaser
–
–
Auto Wah
Stereo Phaser
Compressor
–
Tremolo
–
Rotary
Rotary
Drive Rotary
Rotary
Rotary
Rotary
Rotary
Rotary
Rotary
Rotary
Rotary
Rotary
Rotary
Rotary
Distortion
Auto Pan
–
–
001
STEREO STRINGS
48
48
Early Reflection
002
STRINGS
48
49
–
003
WARM STRINGS
48
50
–
004
STRING ENSEMBLE
48
51
–
005
SLOW STRINGS
49
48
–
006
SYNTH-STRINGS 1
50
48
Equalizer
Numero
sequenziale
Nome di gruppo
83
84
85
STRINGS/
ENSEMBLE
STRINGS/
ENSEMBLE
STRINGS/
ENSEMBLE
STRINGS/
ENSEMBLE
STRINGS/
ENSEMBLE
STRINGS/
ENSEMBLE
STRINGS/
ENSEMBLE
STRINGS/
ENSEMBLE
STRINGS/
ENSEMBLE
STRINGS/
ENSEMBLE
STRINGS/
ENSEMBLE
STRINGS/
ENSEMBLE
STRINGS/
ENSEMBLE
STRINGS/
ENSEMBLE
GUITAR/BASS
GUITAR/BASS
GUITAR/BASS
86
GUITAR/BASS
87
69
Numero
di gruppo
Nome del timbro
Cambio MSB di
di pro- selezione
gramma
banco
Algoritmo DSP
007
SYNTH-STRINGS 2
51
48
Stereo Phaser
008
70’S SYNTH-STR.
50
49
–
009
80’S SYNTH-STR.
50
50
–
010
VIOLIN SECTION
49
49
–
011
ORCHESTRA PAD
48
52
Early Reflection
012
CHOIR
52
48
–
013
SYNTH-VOICE
54
48
–
014
VOICE PAD
54
49
Phaser
015
WARM PAD
89
48
–
016
WARM VOX
89
49
–
017
FANTASY
88
48
–
018
NEW AGE
88
49
Equalizer
019
POLYSYNTH PAD
90
48
–
020
ATMOSPHERE PAD
99
48
–
001
002
003
STEEL STR.GUITAR 1
NYLON STR.GUITAR
12 STR.GUITAR
25
24
25
48
48
49
004
JAZZ GUITAR
26
48
GUITAR/BASS
005
CLEAN GUITAR
27
48
88
GUITAR/BASS
006
DISTORTION GT
29
48
89
90
91
92
93
94
95
96
97
98
99
100
101
102
103
104
105
106
107
108
109
110
111
112
113
114
115
116
117
118
119
120
121
122
123
124
125
126
127
128
GUITAR/BASS
GUITAR/BASS
GUITAR/BASS
GUITAR/BASS
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
007
008
009
010
001
002
003
004
005
006
007
008
009
010
011
012
013
014
015
016
017
018
019
020
021
022
023
024
025
026
027
028
029
030
031
032
033
034
035
036
ACOUSTIC BASS
RIDE BASS
FINGERED BASS
FRETLESS BASS
STEREO BRASS
BRASS SECTION
SYNTH-BRASS 1
SYNTH-BRASS 2
80’S SYNTH-BRASS
SQUARE LEAD 1
SQUARE LEAD 2
SAW LEAD 1
SAW LEAD 2
SAW LEAD 3
MELLOW SAW LEAD
PULSE LEAD 1
PULSE LEAD 2
SINE LEAD
ALTO SAX
TENOR SAX
BREATHY ALTO SAX
CLARINET
FLUTE
TRUMPET
GM PIANO 1
GM PIANO 2
GM PIANO 3
GM HONKY-TONK
GM E.PIANO 1
GM E.PIANO 2
GM HARPSICHORD
GM CLAVI
GM CELESTA
GM GLOCKENSPIEL
GM MUSIC BOX
GM VIBRAPHONE
GM MARIMBA
GM XYLOPHONE
GM TUBULAR BELL
GM DULCIMER
32
32
33
35
61
61
62
63
62
80
80
81
81
81
81
80
80
80
65
66
65
71
73
56
0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
48
49
48
48
48
49
48
48
49
48
49
48
49
50
51
50
51
52
48
48
49
48
48
48
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
–
–
–
Compressor Chorus
Compressor Phaser
Compressor Distortion - Auto
Pan
–
–
–
–
Early Reflection
–
–
–
–
Early Reflection
–
Early Reflection
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
Enhancer
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
70
71
72
73
74
75
76
77
78
79
80
81
82
I-57
Appendice
Numero
sequenziale
Nome di gruppo
Numero
di gruppo
129
130
131
132
133
134
135
136
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
037
038
039
040
041
042
043
044
137
OTHERS/GM
045
138
OTHERS/GM
046
139
140
141
142
143
144
145
146
147
148
149
150
151
152
153
154
155
156
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
047
048
049
050
051
052
053
054
055
056
057
058
059
060
061
062
063
064
157
OTHERS/GM
065
158
159
160
161
162
163
164
165
166
167
168
169
170
171
172
173
174
175
176
177
178
179
180
181
182
183
184
185
186
187
188
189
190
191
192
193
194
195
196
197
198
199
200
201
202
203
204
205
206
207
208
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
066
067
068
069
070
071
072
073
074
075
076
077
078
079
080
081
082
083
084
085
086
087
088
089
090
091
092
093
094
095
096
097
098
099
100
101
102
103
104
105
106
107
108
109
110
111
112
113
114
115
116
I-58
Nome del timbro
GM ORGAN 1
GM ORGAN 2
GM ORGAN 3
GM PIPE ORGAN
GM REED ORGAN
GM ACCORDION
GM HARMONICA
GM BANDONEON
GM NYLON
STR.GUITAR
GM STEEL
STR.GUITAR
GM JAZZ GUITAR
GM CLEAN GUITAR
GM MUTE GUITAR
GM OVERDRIVE GT
GM DISTORTION GT
GM GT HARMONICS
GM ACOUSTIC BASS
GM FINGERED BASS
GM PICKED BASS
GM FRETLESS BASS
GM SLAP BASS 1
GM SLAP BASS 2
GM SYNTH-BASS 1
GM SYNTH-BASS 2
GM VIOLIN
GM VIOLA
GM CELLO
GM CONTRABASS
GM TREMOLO
STRINGS
GM PIZZICATO
GM HARP
GM TIMPANI
GM STRINGS 1
GM STRINGS 2
GM SYNTH-STRINGS 1
GM SYNTH-STRINGS 2
GM CHOIR AAHS
GM VOICE DOO
GM SYNTH-VOICE
GM ORCHESTRA HIT
GM TRUMPET
GM TROMBONE
GM TUBA
GM MUTE TRUMPET
GM FRENCH HORN
GM BRASS
GM SYNTH-BRASS 1
GM SYNTH-BRASS 2
GM SOPRANO SAX
GM ALTO SAX
GM TENOR SAX
GM BARITONE SAX
GM OBOE
GM ENGLISH HORN
GM BASSOON
GM CLARINET
GM PICCOLO
GM FLUTE
GM RECORDER
GM PAN FLUTE
GM BOTTLE BLOW
GM SHAKUHACHI
GM WHISTLE
GM OCARINA
GM SQUARE LEAD
GM SAW LEAD
GM CALLIOPE
GM CHIFF LEAD
GM CHARANG
GM VOICE LEAD
GM FIFTH LEAD
GM BASS+LEAD
GM FANTASY
GM WARM PAD
GM POLYSYNTH
GM SPACE CHOIR
GM BOWED GLASS
GM METAL PAD
GM HALO PAD
GM SWEEP PAD
Cambio MSB di
di pro- selezione
gramma
banco
Algoritmo DSP
16
17
18
19
20
21
22
23
0
0
0
0
0
0
0
0
–
–
–
–
–
–
–
–
24
0
–
25
0
–
26
27
28
29
30
31
32
33
34
35
36
37
38
39
40
41
42
43
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
44
0
–
45
46
47
48
49
50
51
52
53
54
55
56
57
58
59
60
61
62
63
64
65
66
67
68
69
70
71
72
73
74
75
76
77
78
79
80
81
82
83
84
85
86
87
88
89
90
91
92
93
94
95
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
Numero
sequenziale
209
210
211
212
213
214
215
216
217
218
219
220
221
222
223
224
225
226
227
228
229
230
231
232
233
234
235
236
237
238
239
240
241
242
243
244
245
246
247
248
249
250
Nome di gruppo
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
OTHERS/GM
Numero
di gruppo
Nome del timbro
117
118
119
120
121
122
123
124
125
126
127
128
129
130
131
132
133
134
135
136
137
138
139
140
141
142
143
144
145
146
147
148
149
150
151
152
153
154
155
156
157
158
GM RAIN DROP
GM SOUND TRACK
GM CRYSTAL
GM ATMOSPHERE
GM BRIGHTNESS
GM GOBLINS
GM ECHOES
GM SF
GM SITAR
GM BANJO
GM SHAMISEN
GM KOTO
GM THUMB PIANO
GM BAGPIPE
GM FIDDLE
GM SHANAI
GM TINKLE BELL
GM AGOGO
GM STEEL DRUMS
GM WOOD BLOCK
GM TAIKO
GM MELODIC TOM
GM SYNTH-DRUM
GM REVERSE CYMBAL
GM GT FRET NOISE
GM BREATH NOISE
GM SEASHORE
GM BIRD
GM TELEPHONE
GM HELICOPTER
GM APPLAUSE
GM GUNSHOT
STANDARD SET 1
STANDARD SET 2
ROOM SET
POWER SET
ELECTRONIC SET
SYNTH SET 1
SYNTH SET 2
JAZZ SET
BRUSH SET
ORCHESTRA SET
Cambio MSB di
di pro- selezione
gramma
banco
96
97
98
99
100
101
102
103
104
105
106
107
108
109
110
111
112
113
114
115
116
117
118
119
120
121
122
123
124
125
126
127
0
1
8
16
24
25
30
32
40
48
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
120
120
120
120
120
120
120
120
120
120
Algoritmo DSP
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
NOTA
• Vedere la “Lista di assegnazione batteria”
(pagina I-59) per lo strumento a percussione
assegnato ad ogni tasto della tastiera quando è
selezionato un set batteria (numero sequenziale da
241 a 250).
29
F1
41
F2
53
F3
65
F4
77
F5
89
F6
30
42
39
54
51
66
63
78
75
Eb6
87
C # 6 85
B b 5 82
A b 5 80
F#5
Eb5
C # 5 73
B b 4 70
A b 4 68
F#4
Eb4
C # 4 61
B b 3 58
A b 3 56
F#3
Eb3
C # 3 49
B b 2 46
A b 2 44
F#2
Eb2
C # 2 37
B b 1 34
A b 1 32
F#1
STANDARD SET 2
Standard2 Kick 2
Standard2 Kick 1
Standard2 Snare 1
Standard2 Snare 2
Standard2 Closed Hi-Hat
Standard2 Pedal Hi-Hat
Standard2 Open Hi-Hat
STANDARD SET 1
High Q
Slap
Scratch Push
Scratch Pull
Sticks
Square Click
Metronome Click
Metronome Bell
Standard1 Kick 2
Standard1 Kick 1
Side Stick
Standard1 Snare 1
Hand Clap
Standard1 Snare 2
Low Tom 2
Closed Hi-Hat
Low Tom 1
Pedal Hi-Hat
Mid Tom 2
Open Hi-Hat
Mid Tom 1
High Tom 2
Crash Cymbal 1
High Tom 1
Ride Cymbal 1
Chinese Cymbal
Ride Bell
Tambourine
Splash Cymbal
Cowbell
Crash Cymbal 2
Vibraslap
Ride Cymbal 2
High Bongo
Low Bongo
Mute High Conga
Open High Conga
Open Low Conga
High Timbale
Low Timbale
High Agogo
Low Agogo
Cabasa
Maracas
Short High Whistle
Long Low Whistle
Short Guiro
Long Guiro
Claves
High Wood Block
Low Wood Block
Mute Cuica
Open Cuica
Mute Triangle
Open Triangle
Shaker
Jingle Bell
Bell Tree
Castanets
Mute Surdo
Open Surdo
Applause 1
Applause 2
POWER SET
Power Kick 2
Power Kick 1
Power Snare 1
Power Snare 2
Room Low Tom 2
Room Low Tom 1
Room Mid Tom 2
Room Mid Tom 1
Room High Tom 2
Room High Tom 1
ROOM SET
Room Kick 2
Room Kick 1
Room Snare 1
Room Snare 2
Room Low Tom 2
Room Low Tom 1
Room Mid Tom 2
Room Mid Tom 1
Room High Tom 2
Room High Tom 1
Elec. Kick 2
Elec. Kick 1
Elec. Snare 1
Elec. Snare 2
Elec. Low Tom 2
Elec. Low Tom 1
Elec. Mid Tom 2
Elec. Mid Tom 1
Elec. High Tom 2
Elec. High Tom 1
Reverse Cymbal
ELECTRONIC SET
• “»” indica che un tasto è assegnato agli stessi toni come per STANDARD SET.
88
E6
D6 86
C6 84
B5 83
A5 81
G5 79
76
E5
D5 74
C5 72
B4 71
A4 69
G4 67
64
E4
D4 62
C4 60
B3 59
A3 57
G3 55
52
E3
D3 50
C3 48
B2 47
A2 45
G2 43
40
E2
D2 38
C2 36
B1 35
A1 33
G1 31
28
E1
Numero di tasto/
nota
E b 1 27
Lista di assegnazione batteria
SYNTH SET 1
Synth1 Kick 2
Synth1 Kick 1
Synth1 Rim Shot
Synth1 Snare 1
Synth1 Hand Clap
Synth1 Snare 2
Synth1 Low Tom 2
Synth1 Closed Hi-Hat 1
Synth1 Low Tom 1
Synth1 Closed Hi-Hat 2
Synth1 Mid Tom 2
Synth1 Open Hi-Hat
Synth1 Mid Tom 1
Synth1 High Tom 2
Synth1 Crash Cymbal
Synth1 High Tom 1
Synth1 Ride Cymbal
Synth1 Tambourine
Synth1 Cowbell
Synth1 High Bongo
Synth1 Low Bongo
Synth1 Mute Hi Conga
Synth1 Open Hi Conga
Synth1 Open Low Conga
Synth1 Maracas
Synth1 Claves
SYNTH SET 2
Synth2 Kick 2
Synth2 Kick 1
Synth1 Rim Shot
Synth2 Snare 1
Synth2 Snare 2
Synth2 Low Tom 2
Synth2 Closed Hi-Hat 1
Synth2 Low Tom 1
Synth2 Closed Hi-Hat 2
Synth2 Mid Tom 2
Synth2 Open Hi-Hat
Synth2 Mid Tom 1
Synth2 High Tom 2
Synth2 High Tom 1
Synth1 Cowbell
Synth1 Maracas
Synth1 Claves
BRUSH SET
Jazz Kick 2
Brush Kick
Brush Side Stick
Brush Snare 1
Brush Slap
Brush Snare 2
Brush Crash Cymbal 1
Brush Ride Cymbal 1
Brush Ride Bell
Brush Tambourine
Brush Splash Cymbal
Brush Crash Cymbal 2
Brush Ride Cymbal 2
JAZZ SET
Jazz Kick 2
Jazz Kick 1
Jazz Snare 1
Jazz Snare 2
ORCHESTRA SET
Closed Hi-Hat
Pedal Hi-Hat
Open Hi-Hat
Ride Cymbal 1
Jazz Kick 1
Concert BD
Concert SD
Castanets
Concert SD
Timpani F
#
Timpani F
Timpani G
#
Timpani G
Timpani A
#
Timpani A
Timpani B
Timpani c
#
Timpani c
Timpani d
#
Timpani d
Timpani e
Timpani f
Concert Cymbal 2
Concert Cymbal 1
Appendice
L
I-59
Appendice
Lista degli effetti DSP
La tabella riportata sotto mostra i tipi di DSP che possono essere configurati per ciascuna zona utilizzando i
paramentri di zona (pagina I-28).
• La colonna “N. DSP” mostra i numeri dei tipi di DSP che appaiono a pagina 3 del menu di zona, e “Nome di
schermata” mostra il nome (abbreviato) che appare sulla schermata. “Nome DSP” mostra la versione completa
del nome della schemata.
• Per informazioni sui parametri di un tipo di DSP, annotare il valore mostrato per esso nella colonna “N.
algoritmo”, e quindi riferirsi alla voce corrispondente nella Lista degli algoritmi dei DSP (pagine da I-61 a I-66).
Notare inoltre che gli algoritmi da 01 a 17 sono effetti singoli, mentre i numeri con M davanti a loro sono effetti
multipli.
• I seguenti due parametri sono comuni per tutti i tipi di DSP nella tabella riportata sotto.
Invio reverbero (da 0 a 127)
Specifica quanto segnale del suono che attraversa il DSP viene inviato al reverbero.
Invio chorus (da 0 a 127)
Specifica quanto segnale del suono che attraversa il DSP viene inviato al chorus.
Nome di
schermata
N. DSP
Nome DSP
N.
algoritmo
Dynamics Fx
Nome di
schermata
N. DSP
Nome DSP
N.
algoritmo
Wah Fx
[1]
Equalizer
Equalizer
01
[37]
LFO Wah
LFO Wah
16
[2]
Compressor 1
Compressor 1
02
[38]
Auto Wah
Auto Wah
15
[3]
Compressor 2
Compressor 2
02
[39]
Comp-LFO Wah
Compressor - LFO Wah
M12
[4]
Limiter
Limiter
03
[40]
Comp-Auto Wah
Compressor - Auto Wah
M11
[5]
Enhancer
Enhancer
04
[41]
LFO Wah-Chorus
LFO Wah - Chorus
M20
[6]
Comp-Enhancer
Compressor - Enhancer
M03
[42]
Auto Wah-Cho 1
Auto Wah - Chorus 1
M21
[43]
Auto Wah-Cho 2
Auto Wah - Chorus 2
M21
[44]
Auto Wah-Phaser
Auto Wah - Phaser
M08
Reflection
[7]
Reflection
Reflection
07
[8]
Phaser 1
Phaser 1
12
[45]
Crunch
Crunch
[9]
Phaser 2
Phaser 2
12
[46]
Overdrive
Overdrive
14
[10]
Phaser 3
Phaser 3
13
[47]
Distortion
Distortion
14
[11]
Comp-Phaser
Compressor - Phaser
M17
[48]
Phaser-Dist
Phaser - Distortion
M18
[49]
Crunch-Phaser
Crunch - Phaser
M09
Phaser
Distortion Fx
Chorus/Flanger
14
[12]
Chorus 1
Chorus 1
05
[50]
Ovrdrive-Phaser
Overdrive - Phaser
M09
[13]
Chorus 2
Chorus 2
05
[51]
Crunch-Chours
Crunch - Chorus
M10
[14]
Chorus 3
Chorus 3
10
[52]
Ovrdrive-Chorus
Overdrive - Chorus
M10
[15]
Flanger
Flanger
17
[53]
Dist-Chorus 1
Distortion - Chorus 1
M10
[16]
Comp-Chorus
Compressor - Chorus
M04
[54]
Dist-Chorus 2
Distortion - Chorus 2
M10
[17]
Enha-Chorus 1
Enhancer - Chorus 1
M01
[55]
Comp-Dist-Cho 1
Compressor - Distortion - Chorus 1
M22
[18]
Enha-Chorus 2
Enhancer - Chorus 2
M01
[56]
Comp-Dist-Cho 2
Compressor - Distortion - Chorus 2
M22
[57]
LWah-Dist-Cho 1
LFO Wah - Distortion - Chorus 1
M23
Pha/Cho/Flanger Combination
[19]
Phaser-Chorus 1
Phaser - Chorus 1
M05
[58]
LWah-Dist-Cho 2
LFO Wah - Distortion - Chorus 2
M23
[20]
Phaser-Chorus 2
Phaser - Chorus 2
M05
[59]
AWah-Dist-Cho 1
Auto Wah - Distortion - Chorus 1
M24
[21]
Chorus-Flan 1
Chorus - Flanger 1
M07
[60]
AWah-Dist-Cho 2
Auto Wah - Distortion - Chorus 2
M24
[22]
Chorus-Flan 2
Chorus - Flanger 2
M07
[61]
Cmp-Dist-APan 1
Compressor - Distortion - Auto Pan 1
M25
Pan/Tremolo Fx
[62]
Cmp-Dist-APan 2
Compressor - Distortion - Auto Pan 2
M25
06
[63]
Cmp-Dist-Trem 1
Compressor - Distortion - Tremolo 1
M26
Chorus - Tremolo
M02
[64]
Cmp-Dist-Trem 2
Compressor - Distortion - Tremolo 2
M26
Compressor - Tremolo
M16
M14
[23]
Tremolo
Tremolo
[24]
Chorus-Tremolo
[25]
Comp-Tremolo
[26]
Dist-Tremolo
Distortion - Tremolo
[27]
Auto Pan
Auto Pan
[28]
Comp-Auto Pan
Compressor - Auto Pan
[29]
Dist-Auto Pan
Distortion - Auto Pan
M13
[30]
Phaser-APan 1
Phaser - Auto Pan 1
M06
[31]
Phaser-APan 2
Phaser - Auto Pan 2
M06
[32]
Pha-Cho-AutoPan
Phaser - Chorus - Auto Pan
M19
11
M15
Rotary Fx
[33]
Rotary 1
Rotary 1
08
[34]
Rotary 2
Rotary 2
08
[35]
Od Rotary 1
Overdrive Rotary 1
09
[36]
Od Rotary 2
Overdrive Rotary 2
09
I-60
Appendice
Lista degli algoritmi dei DSP
Algoritmi di effetti singoli
01:
Equalizzatore
Questo è un equalizzatore a tre bande.
Gamme dei valori dei parametri:
0 : Frequenza Equalizzatore 1 (1,0, 1,3, 1,6, 2,0, 2,5, 3,2, 4,0, 5,0 [KHz])
Regola la frequenza centrale di Equalizzatore 1.
1 : Guadagno Equalizzatore 1 (da –12 a 0, a +12)
Regola il guadagno di Equalizzatore 1.
2 : Frequenza Equalizzatore 2 (1,0, 1,3, 1,6, 2,0, 2,5, 3,2, 4,0, 5,0 [KHz])
Regola la frequenza centrale di Equalizzatore 2.
3 : Guadagno Equalizzatore 2 (da –12 a 0, a +12)
Regola il guadagno di Equalizzatore 2.
4 : Frequenza Equalizzatore 3 (1,0, 1,3, 1,6, 2,0, 2,5, 3,2, 4,0, 5,0 [KHz])
Regola la frequenza centrale di Equalizzatore 3.
5 : Guadagno Equalizzatore 3 (da –12 a 0, a +12)
Regola il guadagno di Equalizzatore 3.
Nota: Il valore del guadagno non è un valore in dB.
02:
Compressore
Comprime il segnale in ingresso, che può avere l’effetto di
soppressione della variazione di livello e di rendere possibile di
sostenere i suoni smorzati più a lungo.
Gamme dei valori dei parametri:
0 : Profondità (da 0 a 127)
Regola la compressione del segnale audio.
1 : Attacco (da 0 a 127)
Regola l’ammontare di attacco del segnale in ingresso. Un valore
minore causa un funzionamento immediato del compressore, che
sopprime l’attacco del segnale in ingresso. Un valore maggiore
ritarda il funzionamento del compressore, che causa la messa in
uscita dell’attacco del segnale in ingresso così come è.
2 : Rilascio (da 0 a 127)
Regola il tempo dal punto in cui il segnale in ingresso cade al di
sotto di un certo livello, fino a quando ha termine l’operazione di
compressione.
Quando si desidera una sensazione di attacco (assenza di
compressione all’inizio del suono), impostare questo parametro
ad un valore più basso possibile. Per avere sempre la
compressione applicata, impostare un valore elevato.
3 : Livello (da 0 a 127)
Regola il livello dell’emissione
Il volume dell’emissione cambia a seconda dell’impostazione di
Profondità e delle caratteristiche del timbro in ingresso. Usare
questo parametro per correggere tali cambiamenti.
03:
Limitatore
Limita il livello del segnale in ingresso in modo che esso non si alzi
sopra un livello prestabilito.
Gamme dei valori dei parametri:
0 : Limite (da 0 a 127)
Regola il livello di volume a cui viene applicata la limitazione.
1 : Attacco (da 0 a 127)
Regola l’ammontare di attacco del segnale in ingresso.
2 : Rilascio (da 0 a 127)
Regola il tempo dal punto in cui il segnale in ingresso cade al di
sotto di un certo livello, fino a quando il funzionamento limite ha
termine.
3 : Livello (da 0 a 127)
Regola il livello dell’emissione.
Il volume dell’emissione cambia a seconda dell’impostazione di
Limite e delle caratteristiche del timbro in ingresso. Usare questo
parametro per correggere tali cambiamenti.
04:
Enhancer
Potenzia i profili della gamma bassa e della gamma alta del segnale
in ingresso.
Gamme dei valori dei parametri:
0 : Bassa frequenza (da 0 a 127)
Regola la frequenza di enhancer per la gamma bassa.
1 : Basso guadagno (da 0 a 127)
Regola il guadagno di enhancer per la gamma bassa.
2 : Alta frequenza (da 0 a 127)
Regola la frequenza di enhancer per la gamma alta.
3 : Alto guadagno (da 0 a 127)
Regola il guadagno di enhancer per la gamma alta.
05:
Chorus
Questo è un effetto di chorus stereo utilizzando un LFO a onda
sinusoidale.
Gamme dei valori dei parametri:
0 : Velocità dell’LFO (da 0 a 127)
Regola la velocità dell’LFO.
1 : Profondità dell’LFO (da 0 a 127)
Regola la profondità dell’LFO.
2 : Feedback (da –64 a 0, a +63)
Regola l’intensità del feedback
3 : Livello del suono processato (da 0 a 127)
Regola il livello del suono dell’effetto.
4 : Polarità (–, +)
Inverte il segnale LFO del canale uno, che cambia l’espansione
del suono.
06:
Tremolo
Regola il volume del segnale in ingresso utilizzando un LFO.
Gamme dei valori dei parametri:
0 : Velocità (da 0 a 127)
Regola la velocità del tremolo.
1 : Profondità (da 0 a 127)
Regola la profondità del tremolo.
07:
Early Reflection
Estrae il suono di riflessione iniziale dal suono di riverberazione.
Gamme dei valori dei parametri:
0 : Livello del suono processato (da 0 a 127)
Regola il livello del suono dell’effetto.
1 : Feedback (da 0 a 127)
Regola la ripetizione del suono riflesso.
2 : Tono (da 0 a 127)
Regola il tono del suono riflesso.
I-61
Appendice
08:
Rotazione
Questo è un simulatore di diffusore a rotazione.
Gamme dei valori dei parametri:
0 : Velocità (Lenta, Rapida)
Cambia il modo di velocità tra rapida e lenta.
1 : Interruzione (Rotazione, arresto)
Interrompe la rotazione del diffusore.
2 : Accelerazione in calo (da 0 a 127)
Regola l’accelerazione quando si cambia il modo di velocità da
rapida a lenta.
3 : Accelerazione in innalzamento (da 0 a 127)
Regola l’accelerazione quando si cambia il modo di velocità da
lenta a rapida.
4 : Velocità lenta (da 0 a 127)
Regola la velocità di rotazione del diffusore nel modo di velocità
lenta.
5 : Velocità rapida (da 0 a 127)
Regola la velocità di rotazione del diffusore nel modo di velocità
rapida.
09:
Drive Rotazione
Questo è un simulatore di diffusore a overdrive - rotazione.
Gamme dei valori dei parametri:
0 : Guadagno dell’overdrive (da 0 a 127)
Regola il guadagno dell’overdrive.
1 : Livello dell’overdrive (da 0 a 127)
Regola il livello di uscita dell’overdrive.
2 : Velocità (Lenta, Rapida)
Cambia il modo di velocità tra rapida e lenta.
3 : Interruzione (Rotazione, arresto)
Arresta la rotazione del diffusore.
4 : Accelerazione in calo (da 0 a 127)
Regola l’accelerazione quando si cambia il modo di velocità da
rapida a lenta.
5 : Accelerazione in innalzamento (da 0 a 127)
Regola l’accelerazione quando si cambia il modo di velocità da
lenta a rapida.
6 : Velocità lenta (da 0 a 127)
Regola la velocità di rotazione del diffusore nel modo di velocità
lenta.
7 : Velocità rapida (da 0 a 127)
Regola la velocità di rotazione del diffusore nel modo di velocità
rapida.
10:
Chorus a 3 fasi
Questo è un effetto di chorus a 3 fasi utilizzante due LFO con
differenti velocità di onda sinusoidale.
Gamme dei valori dei parametri:
0 : Velocità 1 (Stato dell’LFO rapida) (da 0 a 127)
Regola la velocità dell’LFO 1.
1 : Profondità 1 (Profondità dell’LFO rapida) (da 0 a 127)
Regola la profondità dell’LFO 1.
2 : Velocità 2 (Stato dell’LFO lenta) (da 0 a 127)
Regola la velocità dell’LFO 2.
3 : Profondità 2 (Profondità dell’LFO lenta) (da 0 a 127)
Regola la profondità dell’LFO 2.
4 : Livello del suono processato (da 0 a 127)
Regola il livello del suono dell’effetto.
I-62
11:
Pan automatico
Esegue ininterrottamente il panning sinistra-destra del segnale in
ingresso utilizzando un LFO.
Gamme dei valori dei parametri:
0 : Velocità (da 0 a 127)
Regola la velocità del panning.
1 : Profondità (da 0 a 127)
Regola la profondità del panning.
12:
Phaser stereo
Questo è un phaser stereo che modula la fase utilizzando un LFO a
onda sinusoidale.
Gamme dei valori dei parametri:
0 : Risonanza (da 0 a 127)
Regola l’intensità della risonanza.
1 : Manuale (da –64 a 0, a +63)
Regola l’ammontare della variazione di riferimento del phaser.
2 : Velocità (da 0 a 127)
Regola la velocità dell’LFO.
3 : Profondità (da 0 a 127)
Regola la profondità dell’LFO.
4 : Livello del suono processato (da 0 a 127)
Regola il livello del suono dell’effetto.
13:
Phaser
Questo è un phaser monofonico che modula la fase utilizzando un
LFO a onda sinusoidale.
Gamme dei valori dei parametri:
0 : Risonanza (da 0 a 127)
Regola l’intensità della risonanza.
1 : Manuale (da –64 a 0, a +63)
Regola l’ammontare della variazione di riferimento del phaser.
2 : Velocità (da 0 a 127)
Regola la velocità dell’LFO.
3 : Profondità (da 0 a 127)
Regola la profondità dell’LFO.
4 : Livello del suono processato (da 0 a 127)
Regola il livello del suono dell’effetto.
14:
Distorsione
Questo effetto fornisce Distorsione + Simulatore di amplificatore.
Gamme dei valori dei parametri:
0 : Guadagno (da 0 a 127)
Regola il guadagno del segnale in ingresso.
1 : Bassa (da 0 a 127)
Regola il guadagno della banda bassa.
La frequenza di cutoff dipende dal tipo di DSP.
2 : Alta (da 0 a 127)
Regola l’alto guadagno.
La frequenza di cutoff dipende dal tipo di DSP.
3 : Livello (da 0 a 127)
Regola il livello di uscita.
Appendice
15:
Questo è un effetto “wah” che può variare automaticamente la
frequenza concordemente con il livello del segnale in ingresso.
Gamme dei valori dei parametri:
0 : Livello di ingresso (da 0 a 127)
Regola il livello di ingresso. Il segnale in ingresso può risultare
distorto quando il livello del suono in ingresso, il numero di
accordi o il valore di Risonanza è elevato. Regolare questo
parametro per eliminare tale distorsione.
1 : Risonanza (da 0 a 127)
Regola l’intensità della risonanza.
2 : Manuale (da 0 a 127)
Regola la frequenza di riferimento del filtro wah.
3 : Profondità (da –64 a 0, a +63)
Regola la profondità dell’effetto wah concordemente con il livello
del segnale in ingresso.
Impostando un valore positivo si fa aprire il filtro wah in
proporzione diretta con il livello del segnale in ingresso,
producendo un suono chiaro. Impostando un valore negativo si
fa chiudere il filtro wah in proporzione diretta con il livello del
segnale in ingresso, producendo un suono cupo. Anche quando il
filtro wah è chiuso, un ingresso di livello elevato lo farà riaprire.
16:
Wah LFO
Questo è un effetto “wah” che può influire automaticamente sulla
frequenza utilizzando un LFO.
Gamme dei valori dei parametri:
0 : Livello di ingresso (da 0 a 127)
Regola il livello di ingresso. Il segnale in ingresso può risultare
distorto quando il livello del suono in ingresso, il numero di
accordi o il valore di Risonanza è elevato. Regolare questo
parametro per eliminare tale distorsione.
1 : Risonanza (da 0 a 127)
Regola l’intensità della risonanza.
2 : Manuale (da 0 a 127)
Regola la frequenza di riferimento per il filtro wah.
3 : Velocità dell’LFO (da 0 a 127)
Regola la velocità dell’LFO.
4 : Profondità dell’LFO (da 0 a 127)
Regola la profondità dell’LFO.
17:
Algoritmi di effetti multipli
Wah automatico
Flanger
Questo è un flanger che utilizza un LFO a onda sinusoidale.
Gamme dei valori dei parametri:
0 : Velocità dell’LFO (da 0 a 127)
Regola la velocità dell’LFO.
1 : Profondità dell’LFO (da 0 a 127)
Regola la profondità dell’LFO.
2 : Feedback (da –64 a 0, a +63)
Regola l’intensità del feedback
3 : Livello del suono processato (da 0 a 127)
Regola il livello del suono dell’effetto.
Un multieffetto è associato ad effetti singoli multipli
(pagina I-61).
“M01: Multi01 (Enhancer - Chorus)”, ad esempio, è un
multieffetto associato a due effetti singoli: Enhancer e
Chorus. I parametri inclusi in un algoritmo di
multieffetto sono gli stessi come ciascuno degli
algoritmi dei singoli effetti collegati. Tuttavia, i
seguenti due parametri sono specifici ai multieffetti.
*** Skip (Off, On)
Questo parametro è incluso in M05, M06 (Phaser Skip),
M08 (Wah Skip), ecc.
Esso rende possibile il bypass di uno degli effetti di un
multieffetto (come ad esempio un Wah nel caso di Wah
Skip). Attivando questo parametro, si causa il bypass
dell’effetto corrispondente.
Notare che a seconda dello stato di attivazione o
disattivazione di *** Skip, potrebbe esserci qualche
differenza nel livello delle note che passano attraverso
il multieffetto. Il verificarsi della differenza di livello
dipende dalle impostazioni degli altri parametri del
multieffetto. Regolare il livello, profondità, ed altri
parametri per l’effetto saltato come si richiede.
Routing
Questo parametro è incluso in M11 e M12. Esso
scambia il routing dell’effetto.
Di seguito vengono mostrati solo i parametri degli
algoritmi di multieffetti (da M01 a M26).
M01: Multi01 (Enhancer - Chorus)
0
1
2
3
4
5
6
7
: Bassa frequenza di Enhancer
: Basso guadagno di Enhancer
: Alta frequenza di Enhancer
: Alto guadagno di Enhancer
: Velocità del chorus
: Profondità del chorus
: Feedback del chorus
: Livello del suono processato del chorus
M02: Multi02 (Chorus - Tremolo)
0
1
2
3
4
5
6
: Velocità del chorus
: Profondità chorus
: Feedback del chorus
: Livello del suono processato del chorus
: Velocità del tremolo
: Profondità del tremolo
: Polarità del chorus
I-63
Appendice
M03: Multi03 (Compressore - Enhancer)
M08: Multi08 (Wah automatico - Phaser)
0
1
2
3
4
5
6
7
0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
: Profondità del compressore
: Attacco del compressore
: Rilascio del compressore
: Livello del compressore
: Bassa frequenza di Enhancer
: Basso guadagno di Enhancer
: Alta frequenza di Enhancer
: Alto guadagno di Enhancer
M04: Multi04 (Compressore - Chorus)
0
1
2
3
4
5
6
7
8
: Profondità del compressore
: Attacco del compressore
: Rilascio del compressore
: Livello del compressore
: Velocità del chorus
: Profondità del chorus
: Feedback del chorus
: Livello del suono processato del chorus
: Polarità del chorus
M05: Multi05 (Phaser - Chorus)
0 : Risonanza del phaser
1 : Phaser manuale
2 : Velocità del phaser
3 : Profondità del phaser
4 : Livello del suono processato del phaser
5 : Velocità del chorus
6 : Profondità del chorus
7 : Feedback del chorus
8 : Livello del suono processato del chorus
9 : Polarità del chorus
10 : Phaser Skip
M06: Multi06 (Phaser - Pan automatico)
0
1
2
3
4
5
6
7
: Risonanza del phaser
: Phaser manuale
: Velocità del phaser
: Profondità del phaser
: Livello del suono processato del phaser
: Velocità del pan automatico
: Profondità del pan automatico
: Phaser Skip
M07: Multi07 (Chorus - Flanger)
0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
: Velocità del chorus
: Profondità del chorus
: Feedback del chorus
: Livello del suono processato del chorus
: Velocità del flanger
: Profondità del flanger
: Feedback del flanger
: Livello del suono processato del flanger
: Polarità del chorus
: Polarità del flanger
I-64
: Livello di ingresso del wah
: Risonanza del wah
: Wah manuale
: Profondità del wah
: Risonanza del phaser
: Phaser manuale
: Velocità del phaser
: Profondità del phaser
: Livello del suono processato del phaser
: Wah Skip
M09: Multi09 (Distorsione - Phaser)
0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
: Guadagno della distorsione
: Banda bassa della distorsione
: Banda alta della distorsione
: Livello della distorsione
: Risonanza del phaser
: Phaser manuale
: Velocità del phaser
: Profondità del phaser
: Livello del suono processato del phaser
: Skip distorsione
M10: Multi10 (Distorsione - Chorus)
0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
: Guadagno della distorsione
: Banda bassa della distorsione
: Banda alta della distorsione
: Livello della distorsione
: Velocità del chorus
: Profondità del chorus
: Feedback del chorus
: Livello del suono processato del chorus
: Polarità del chorus
: Skip distorsione
M11: Multi11 (Compressore - Wah automatico)
0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
: Profondità del compressore
: Attacco del compressore
: Rilascio del compressore
: Livello del compressore
: Livello di ingresso del wah
: Risonanza del wah
: Wah manuale
: Profondità del wah
: Skip del wah
: Routing (C-W: Comp-Wah, W-C: Wah-Comp)
M12: Multi12 (Compressore - Wah LFO)
0 : Profondità del compressore
1 : Attacco del compressore
2 : Rilascio del compressore
3 : Livello del compressore
4 : Livello di ingresso del wah
5 : Risonanza del wah
6 : Wah manuale
7 : Velocità dell’LFO wah
8 : Profondità dell’LFO wah
9 : Skip wah
10 : Routing (C-W: Comp-Wah, W-C: Wah-Comp)
Appendice
M13: Multi13 (Distorsione - Pan automatico)
M19: Multi19 (Phaser - Chorus - Pan automatico)
0
1
2
3
4
5
6
7
0 : Risonanza del phaser
1 : Phaser manuale
2 : Velocità del phaser
3 : Profondità del phaser
4 : Livello del suono processato del phaser
5 : Velocità del chorus
6 : Profondità del chorus
7 : Feedback del chorus
8 : Livello del suono processato del chorus
9 : Velocità del pan automatico
10 : Profondità del pan automatico
: Guadagno della distorsione
: Banda bassa della distorsione
: Banda alta della distorsione
: Livello della distorsione
: Velocità del pan automatico
: Profondità del pan automatico
: Skip distorsione
: Skip pan automatico
M14: Multi14 (Distorsione - Tremolo)
0
1
2
3
4
5
6
7
: Guadagno della distorsione
: Banda bassa della distorsione
: Banda alta della distorsione
: Livello della distorsione
: Velocità del tremolo
: Profondità del tremolo
: Skip distorsione
: Skip tremolo
M15: Multi15 (Compressore - Pan automatico)
0
1
2
3
4
5
6
: Profondità del compressore
: Attacco del compressore
: Rilascio del compressore
: Livello del compressore
: Velocità del pan automatico
: Profondità del pan automatico
: Skip pan automatico
M16: Multi16 (Compressore - Tremolo)
0
1
2
3
4
5
6
: Profondità del compressore
: Attacco del compressore
: Rilascio del compressore
: Livello del compressore
: Velocità del tremolo
: Profondità del tremolo
: Skip tremolo
M17: Multi17 (Compressore - Phaser)
0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
: Profondità del compressore
: Attacco del compressore
: Rilascio del compressore
: Livello del compressore
: Risonanza del phaser
: Phaser manuale
: Velocità del phaser
: Profondità del phaser
: Livello del suono processato del phaser
: Phaser Skip
M18: Multi18 (Phaser - Distorsione)
0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
M20: Multi20 (Wah LFO - Chorus)
0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
: Livello di ingresso del wah
: Risonanza del wah
: Wah manuale
: Velocità dell’LFO wah
: Profondità dell’LFO wah
: Velocità del chorus
: Profondità del chorus
: Feedback del chorus
: Livello del suono processato del chorus
: Polarità del chorus
M21: Multi21 (Wah automatico - Chorus)
0
1
2
3
4
5
6
7
8
: Livello di ingresso del wah
: Risonanza del wah
: Wah manuale
: Profondità del wah
: Velocità del chorus
: Profondità del chorus
: Feedback del chorus
: Livello del suono processato del chorus
: Polarità del chorus
M22: Multi22 (Compressore - Distorsione - Chorus)
0 : Profondità del compressore
1 : Attacco del compressore
2 : Rilascio del compressore
3 : Livello del compressore
4 : Guadagno della distorsione
5 : Banda bassa della distorsione
6 : Banda alta della distorsione
7 : Livello della distorsione
8 : Velocità del chorus
9 : Profondità del chorus
10 : Feedback del chorus
11 : Livello del suono processato del chorus
12 : Polarità del chorus
13 : Skip distorsione
: Risonanza del phaser
: Phaser manuale
: Velocità del phaser
: Profondità del phaser
: Livello del suono processato del phaser
: Guadagno della distorsione
: Banda bassa della distorsione
: Banda alta della distorsione
: Livello della distorsione
: Phaser Skip
I-65
Appendice
M23: Multi23 (Wa LFO - Distorsione - Chorus)
0 : Livello di ingresso del wah
1 : Risonanza del wah
2 : Wah manuale
3 : Velocità dell’LFO wah
4 : Profondità dell’LFO wah
5 : Guadagno della distorsione
6 : Banda bassa della distorsione
7 : Banda alta della distorsione
8 : Livello della distorsione
9 : Velocità del chorus
10 : Profondità del chorus
11 : Feedback del chorus
12 : Livello del suono processato del chorus
13 : Polarità del chorus
14 : Skip distorsione
M24: Multi24 (Wah autimatico - Distorsione Chorus)
0 : Livello di ingresso del wah
1 : Risonanza del wah
2 : Wah manuale
3 : Profondità del wah
4 : Guadagno della distorsione
5 : Banda bassa della distorsione
6 : Banda alta della distorsione
7 : Livello della distorsione
8 : Velocità del chorus
9 : Profondità del chorus
10 : Feedback del chorus
11 : Livello del suono processato del chorus
12 : Polarità del chorus
13 : Skip distorsione
M25: Multi25 (Compressore - Distorsione - Pan
automatico)
0 : Profondità del compressore
1 : Attacco del compressore
2 : Rilascio del compressore
3 : Livello del compressore
4 : Guadagno della distorsione
5 : Banda bassa della distorsione
6 : Banda alta della distorsione
7 : Livello della distorsione
8 : Velocità del pan automatico
9 : Profondità del pan automatico
10 : Skip distorsione
11 : Skip pan automatico
M26: Multi26 (Compressore - Distorsione - Tremolo)
0 : Profondità del compressore
1 : Attacco del compressore
2 : Rilascio del compressore
3 : Livello del compressore
4 : Guadagno della distorsione
5 : Banda bassa della distorsione
6 : Banda alta della distorsione
7 : Livello della distorsione
8 : Velocità del tremolo
9 : Profondità del tremolo
10 : Skip distorsione
11 : Skip tremolo
I-66
MIDI Implementation Chart
Model PX-3S
Function
Recognized
Basic
Channel
Default
Changed
1 - 16
1 - 16
1 - 16
1 - 16
Mode
Default
Messages
Altered
Mode 3
X
Mode 3
X
0 - 127
0 - 127
0 - 127*1
O 9nH v = 1 - 127
X 8nH v = 64
O 9nH v = 1 - 127
X 9nH v = 0, 8nH v =**
X
X
X
O
O
O
Dz Dz *² Dz Dz Dz Dz Dz *² Dz Dz Dz Dz Dz Dz Dz Dz Dz *² Dz Dz Dz Dz Dz Dz Dz Dz Dz Dz Dz *² Dz Dz Dz Dz *² Dz Dz *²
Dz
Dz
Dz
Dz
Dz
Dz
Dz
Dz
Dz
Dz
Dz
Dz
Dz
Dz
Dz
Dz
Dz
Dz
Dz
Dz
Dz
Dz
Dz
Dz
Dz
Dz
Dz
Dz
Dz
Dz
Dz
Dz
Note
Number
True voice
Velocity
Note ON
Note OFF
After
Touch
Key’s
Ch’s
Pitch Bender
°
±
µ
¶¬ ³¸
·
±°
±±
±¶
±·
±¸
±¹
¶´
¶µ
¶¶
¶·
·±
·²
·³
·´
·¶
··
·¸
¸°
¸±
¸²
¸³
¸´
¹±
¹³
±°°¬ ±°±
±²°
±²±
°­±²·
Control
Change
Program
Change
O
O
System
Common
: Song Pos
: Song Sel
: Tune
X
X
X
X
X
X
System
Real Time
: Clock
: Commands
O
O
X
X
Aux
: Local ON/OFF
: All notes OFF
: Active Sense
: Reset
X
O
X
X
X
O
O
X
Mode 1 : OMNI ON, POLY
Mode 3 : OMNI OFF, POLY
**: nessuna relazione
Âáîë óåìåãô
Íïäõìáôéïî
Ðïòôáíåîôï Ôéíå
Äáôá åîôòù ÌÓ¬ ÍÓ *³
Öïìõíå
Ðáî
Åøðòåóóéïî
ÄÓÐ Ðáòáíåôåò° *³
ÄÓÐ Ðáòáíåôåò± *³
ÄÓÐ Ðáòáíåôåò² *³
ÄÓÐ Ðáòáíåôåò³ *³
Äáíðåò
Ðïòôáíåîôï Ó÷éôãè
Óïóôåîõôï
Óïæô ðåäáì
Æéìôåò Òåóïîáîãå
Òåìåáóå Ôéíå
Áôôáãë Ôéíå
Æéìôåò Ãõô Ïææ
Öéâòáôï òáôå
Öéâòáôï äåðôè
Öéâòáôï äåìáù
ÄÓÐ Ðáòáíåôåò´ *³
ÄÓÐ Ðáòáíåôåòµ *³
ÄÓÐ Ðáòáíåôåò¶ *³
ÄÓÐ Ðáòáíåôåò· *³
Ðïòôáíåîôï Ãïîôòïì
Òåöåòâ óåîä
Ãèïòõó óåîä
ÒÐÎ ÌÓ¬ ÍÓ *³
Áìì óïõîä ïææ
Òåóåô áìì ãïîôòïììåò
O
O
Remarks
Remarks
0 - 127
:True #
System Exclusive
Messages
B
Transmitted
Version : 1.0
*3
*1 : Dipende dal tono
*2 : Uno di questi messaggi di cambio controllo viene inviato quando la funzione
corrispondente è assegnata al pulsante ASSIGNABLE 1 o ASSIGNABLE 2.
*3 : Per maggiori dettagli, vedere la voce Implementazione MIDI nel sito
http://world.casio.com/.
Mode 2 : OMNI ON, MONO
Mode 4 : OMNI OFF, MONO
O : Yes
X : No
Questo marchio di riciclaggio indica che la confezione è conforme
alla legislazione tedesca sulla protezione dell’ambiente.
MA1103-B
PX3I1B
Download PDF

advertising