HP | DreamColor Z27x G2 Studio Display | HP DreamColor Z27x G2 Studio Display Manuale dell'utente

HP DreamColor Z27x G2 Studio Display Manuale dell'utente
Manuale dell'utente
© Copyright 2018 HP Development Company,
L.P.
HDMI, il Logo HDMI e High-Definition
Multimedia Interface sono marchi o marchi
registrati di HDMI Licensing LLC. Windows è un
marchio registrato o un marchio di Microsoft
Corporation negli Stati Uniti e/o in altri paesi.
Le informazioni contenute in questo
documento sono soggette a modifiche senza
preavviso. Le uniche garanzie per i prodotti e i
servizi HP sono esposte sotto forma di
dichiarazioni di garanzia esplicita che
accompagnano tali prodotti e servizi. Nulla di
quanto contenuto nel presente documento può
essere interpretato come costituente una
garanzia aggiuntiva. HP non si ritiene
responsabile di omissioni o errori tecnici ed
editoriali contenuti nel presente documento.
Prima edizione: Gennaio 2018
Numero di parte del documento: L12831-061
Informazioni sulla Guida
Questa guida fornisce informazioni sulle funzionalità e sulla configurazione del display, sull'utilizzo del
software e sulle specifiche tecniche.
AVVERTENZA!
lesioni gravi.
Indica una situazione di pericolo potenziale che, se non evitata, può comportare la morte o
ATTENZIONE:
moderate.
Indica una situazione di pericolo potenziale che, se non evitata, può comportare lesioni lievi o
IMPORTANTE: Indica informazioni considerate importanti ma non relative a situazioni di pericolo (ad
esempio, messaggi correlati a danni alle cose). Un avviso segnala all'utente che la mancata osservanza della
procedura esattamente come descritta potrebbe causare la perdita di dati o danni all'hardware o al software.
il messaggio contiene inoltre informazioni essenziali utili a spiegare un concetto o completare un'attività.
NOTA:
Contiene informazioni aggiuntive che rimarcano o integrano punti importanti del testo principale.
SUGGERIMENTO:
Fornisce consigli utili per il completamento di un'attività.
Questo prodotto è dotato di tecnologia HDMI.
iii
iv
Informazioni sulla Guida
Sommario
1 Guida introduttiva ......................................................................................................................................... 1
Importanti informazioni sulla sicurezza ............................................................................................................... 1
Caratteristiche e componenti del prodotto ........................................................................................................... 2
Caratteristiche ..................................................................................................................................... 2
Comandi pannello anteriore ................................................................................................................ 4
Componenti posteriori e laterali ......................................................................................................... 5
Installazione del monitor ....................................................................................................................................... 6
Prestare attenzione durante l'installazione del display ..................................................................... 6
Installazione del supporto del display ................................................................................................ 6
Montaggio del monitor ........................................................................................................................ 7
Individuazione del numero di serie e del numero di prodotto ............................................................ 8
Collegamento di un dispositivo opzionale al retro del display ........................................................... 9
Installazione di un cavo di sicurezza ................................................................................................... 9
Collegamento dei cavi ....................................................................................................................... 10
Regolazione del display .................................................................................................................... 14
Spegnimento del monitor ................................................................................................................. 15
Politica di HP sulla persistenza di immagini e filigrane .................................................................... 16
Collegamento dei dispositivi USB ...................................................................................................... 16
Rimozione del supporto del display ................................................................................................. 17
2 Uso del display ............................................................................................................................................ 18
Software e utility ................................................................................................................................................. 18
Il file di informazioni .INF .................................................................................................................. 18
Il file per la corrispondenza dei colori ............................................................................................... 18
Installazione dei file .INF e .ICM ........................................................................................................................... 19
Installazione dal disco ....................................................................................................................... 19
Scaricamento da Internet .................................................................................................................. 19
Aggiornamento del firmware .............................................................................................................................. 19
Selezione delle impostazioni predefinite per lo spazio colore ........................................................................... 21
Regolazione della luminanza .............................................................................................................................. 21
Comprendere le opzioni di regolazione dell'immagine ....................................................................................... 22
Regolazioni del segnale video .......................................................................................................... 22
Regolazione RGB a valle ................................................................................................. 22
Utilizzo dei livelli video (64-960) .................................................................................... 22
Sovrascansione del fotogramma .................................................................................... 23
Mostrare solo il canale del blu ........................................................................................ 23
v
Uso delle opzioni di gestione formato .............................................................................................. 24
Le opzioni "Riempi" ......................................................................................................... 24
Rapporto altezza-larghezza sorgente (proporzionale) ............................... 24
Tutto schermo (non proporzionale) ............................................................. 25
Larghezza tutto schermo (proporzionale) ................................................... 25
Altezza tutto schermo (proporzionale) ........................................................ 26
Pixel-per-pixel .............................................................................................. 26
Uso delle opzioni "Riempi" ........................................................................... 27
Mascheratura del formato cinema digitale ....................................................................................... 27
Utilizzo delle opzioni di mascheratura del formato cinema digitale ............................. 27
Mostra contenitore DCI completo ................................................................. 27
Maschera in formato DCI 1,85:1 ................................................................... 28
Maschera in formato DCI 2,39:1 ................................................................... 28
Mostra area mascherata .............................................................................. 29
Imposta opacità maschera ........................................................................... 29
Lavorare con indicatori ........................................................................................................................................ 29
Indicatori di formato della pellicola .................................................................................................. 30
Indicatori di formato 16:9 ................................................................................................................. 31
Indicatori di formato 4:3 ................................................................................................................... 32
Indicatori mirino ................................................................................................................................ 33
Colore indicatore ............................................................................................................................... 33
Indicatori personalizzati ................................................................................................................... 33
Elemento dell'indicatore ................................................................................................. 33
Elemento informazione dell'indicatore .......................................................................... 34
Elemento posizione dell'indicatore ................................................................................ 34
Elemento stile di un indicatore ....................................................................................... 34
Esempio di indicatore personalizzato ............................................................................ 35
Uso di picture-in-picture (PIP) e dual split 2×1 ................................................................................................... 35
Regolazione dell'immagine PIP ......................................................................................................... 36
Video legale (64-960) ..................................................................................................... 36
Sovrascansione per azione sicura .................................................................................. 36
Ritaglio cinema digitale .................................................................................................. 36
Rinominare ingressi video ................................................................................................................................... 36
Nomi di ingressi video personalizzati ............................................................................................... 37
Elemento ingresso video ................................................................................................ 37
Elemento informazione dell'ingresso ............................................................................. 37
Esempio di nome personalizzato di ingresso video ....................................................... 37
Uso dell'interruttore KVM .................................................................................................................................... 38
Come connettere i computer al display ............................................................................................ 38
Come associare gli ingressi USB alle connessioni video ................................................................... 38
Per passare tra i computer collegati ................................................................................................. 39
vi
Personalizzazione dei pulsanti del frontalino .................................................................................................... 39
Modifica dei pulsanti funzione del frontalino ................................................................................... 39
Modifica della modalità dei pulsanti funzione del frontalino .......................................................... 40
Regolazione dei LED dei pulsanti del frontalino ............................................................................... 41
Impostazioni predefinite dell'utente ................................................................................................................... 41
Creare e salvare un'impostazione predefinita utente ...................................................................... 43
Attivare un'impostazione predefinita utente ................................................................................... 43
Migrazione di impostazioni predefinite utente tra display .............................................................. 43
Elemento delle impostazioni predefinite utente ............................................................ 43
File delle impostazioni predefinite utente ..................................................................... 44
Esempio di impostazione predefinita utente ................................................................. 44
Impostazioni predefinite automatiche basate sull'ingresso .............................................................................. 44
Esplorazione dei menu OSD ................................................................................................................................. 45
Menu Impostazioni colore ................................................................................................................. 45
Menu ingresso video ......................................................................................................................... 46
Menu regolazione immagine ............................................................................................................. 48
Menu di controllo Split/PIP ................................................................................................................ 50
Carica/salva impostazione predefinita utente .................................................................................. 51
Calibrazione ....................................................................................................................................... 51
Menu lingua ....................................................................................................................................... 53
Menu di gestione ............................................................................................................................... 53
Menu e menu controllo messaggi ..................................................................................................... 58
Informazioni ...................................................................................................................................... 59
Aggiornamento automatico EDID ........................................................................................................................ 60
3 Calibrazione del display ............................................................................................................................... 61
Calibrazione predefinita ...................................................................................................................................... 61
Preparazione alla calibrazione ............................................................................................................................ 61
Abilitazione del processore interno .................................................................................................. 62
Abilitazione di calibrazione e strumenti esterni ............................................................................... 62
Ambiente di calibrazione ................................................................................................................... 62
Frequenza di calibrazione ................................................................................................................. 63
Riscaldamento del display da un'accensione a freddo ..................................................................... 63
Modalità di riscaldamento .............................................................................................. 64
Stabilizzazione della retroilluminazione dopo una modifica della luminanza ................................ 64
Metodi di calibrazione utente .............................................................................................................................. 65
Calibrazione utente basata su menu ................................................................................................................... 65
Impostazione predefinita di ricalibrazione attiva ............................................................................. 65
Configura e calibra impostazione predefinita .................................................................................. 66
Impostazione predefinita del colore ............................................................................... 66
Gamut di colori ................................................................................................................ 66
vii
Punto del bianco ............................................................................................................. 66
Gamma/EOTF .................................................................................................................. 66
Luminanza ....................................................................................................................... 67
Calibrazione StudioCal XML ................................................................................................................................. 67
Automazione della calibrazione .......................................................................................................................... 68
Pianificazione di calibrazioni automatiche ....................................................................................... 68
Visualizzazione della pianificazione delle calibrazioni ..................................................................... 68
Utilizzo di un file XML StudioCal per l'automazione ......................................................................... 69
Accesso alle informazioni di convalida della calibrazione automatica ............................................ 69
Allineare il colorimetro interno a uno strumento di riferimento esterno ........................................................... 69
Riscaldamento automatico del display all'inizio della giornata ......................................................................... 70
Utilizzo di strumenti di misurazione esterni ....................................................................................................... 71
Colorimetri Klein Instruments K10 e K10-A ...................................................................................... 71
Configurazione ................................................................................................................ 71
Linee guida per l'utilizzo ................................................................................................. 71
Spettroradiometri Photo Research ................................................................................................... 72
Configurazione ................................................................................................................ 72
Linee guida per l'utilizzo ................................................................................................. 72
Colorimetro Konica Minolta CA-310 .................................................................................................. 73
Configurazione ................................................................................................................ 73
Linee guida per l'utilizzo ................................................................................................. 73
Spettrofotometri X-Rite i1Pro 2 ........................................................................................................ 73
Configurazione ................................................................................................................ 74
Linee guida per l'utilizzo ................................................................................................. 74
Colorimetro X-Rite i1Display Pro ...................................................................................................... 74
Configurazione ................................................................................................................ 74
Linee guida per l'utilizzo ................................................................................................. 74
Spettroradiometro Colorimetry Research CR-250 ........................................................................... 74
Configurazione ................................................................................................................ 74
Linee guida per l'utilizzo ................................................................................................. 75
4 Uso dello schema StudioCal XML ................................................................................................................... 76
Formato dei dischi e dei nomi di file .................................................................................................................... 76
Dichiarazione ....................................................................................................................................................... 76
Commenti ............................................................................................................................................................. 76
Elemento radice ................................................................................................................................................... 76
Elemento di calibrazione ..................................................................................................................................... 77
Elemento calibration info .................................................................................................................................... 77
Tag di calibrazione core ....................................................................................................................................... 77
Preimpostazione ............................................................................................................................... 77
Target_primaries ............................................................................................................................... 78
viii
Gamma .............................................................................................................................................. 79
Esempi di tag di calibrazione core ..................................................................................................... 79
Generazione di un profilo ICC ............................................................................................................ 80
Tag di calibrazione opzionali ............................................................................................................................... 81
Media delle misurazioni .................................................................................................................... 81
Impostare segmento lineare ............................................................................................................. 81
Selezionare un file cal Klein .............................................................................................................. 82
Limitazione del rapporto di contrasto .............................................................................................. 82
Convalida ............................................................................................................................................................. 82
Convalida attivata/disattivata .......................................................................................................... 82
Elemento padre della sequenza di convalida ................................................................................... 82
Elemento figlio della sequenza di convalida .................................................................................... 83
Esempio di codice di convalida .......................................................................................................... 83
File dei risultati di convalida .............................................................................................................. 84
Archiviazione, scaricamento e caricamento di LUT ............................................................................................. 84
Archiviazione LUT .............................................................................................................................. 84
Scaricamento LUT .............................................................................................................................. 84
Scaricare l'elemento padre LUT ...................................................................................... 85
Scaricare l'elemento figlio LUT ....................................................................................... 85
Esempio di scaricamento LUT ......................................................................................... 85
Caricamento LUT ............................................................................................................................... 86
Caricare l'elemento padre LUT ........................................................................................ 86
Caricare l'elemento figlio LUT ......................................................................................... 86
Esempio di caricamento LUT .......................................................................................... 86
Struttura della cartella LUT ............................................................................................................... 87
Uso di apparecchiature di misurazione non supportate ..................................................................................... 88
Eseguire misurazioni con apparecchiature di misurazione non supportate .................................... 88
Elementi non relativi alla calibrazione ................................................................................................................ 89
Nomi di ingressi video personalizzati ............................................................................................... 90
Elemento ingresso video ................................................................................................ 90
Elemento informazione dell'ingresso ............................................................................. 90
Esempio di nome personalizzato di ingresso video ....................................................... 90
Indicatori personalizzati ................................................................................................................... 91
Elemento padre di un indicatore ..................................................................................... 91
Elemento padre info dell'indicatore ............................................................................... 91
Elemento posizione dell'indicatore ................................................................................ 91
Elemento stile di un indicatore ....................................................................................... 91
Esempio di indicatore personalizzato ............................................................................ 92
Impostazioni predefinite dell'utente ................................................................................................ 92
Elemento delle impostazioni predefinite utente ............................................................ 92
File delle impostazioni predefinite utente ..................................................................... 93
ix
Esempio di impostazione predefinita utente ................................................................. 93
Caricamento e scaricamento delle impostazioni del display ........................................................... 93
5 Gestione remota .......................................................................................................................................... 94
Configurazione della gestione remota ................................................................................................................ 94
Attivare la gestione remota .............................................................................................................. 94
Verifica e impostazione dell'indirizzo IP del display ......................................................................... 94
Impostazione della sicurezza dell'applicazione ............................................................................... 95
Primo accesso all'applicazione Web .................................................................................................. 96
Accesso all'applicazione Web ............................................................................................................ 97
Esplorazione dell'applicazione .......................................................................................................... 97
Spostamento tra diverse sezioni dell'applicazione .......................................................................... 97
Disconnessione dall'applicazione ..................................................................................................... 98
6 Supporto e risoluzione dei problemi .............................................................................................................. 99
Soluzione dei problemi più comuni ..................................................................................................................... 99
Blocchi pulsanti .................................................................................................................................................... 99
Assistenza tecnica ............................................................................................................................................. 100
Prima di chiamare l'assistenza tecnica .............................................................................................................. 100
7 Manutenzione del display ........................................................................................................................... 101
Indicazioni per la manutenzione ....................................................................................................................... 101
Pulizia dello schermo ...................................................................................................................... 101
Spostamento del monitor ............................................................................................................... 102
Appendice A Specifiche tecniche .................................................................................................................... 103
Risoluzioni di visualizzazione predefinite ......................................................................................................... 104
Accesso alle modalità utente .......................................................................................................... 106
Funzione risparmio energetico ......................................................................................................................... 106
Appendice B Accessibilità .............................................................................................................................. 107
Tecnologie assistive supportate ....................................................................................................................... 107
Come contattare l'assistenza ............................................................................................................................ 107
x
1
Guida introduttiva
Importanti informazioni sulla sicurezza
Il display viene fornito con il cavo di alimentazione. Nel caso venga utilizzato un altro cavo, utilizzare
esclusivamente una sorgente di alimentazione e un tipo di collegamento adatti al display. Per informazioni
sul set del cavo di alimentazione corretto da utilizzare con il display, fare riferimento agli Avvisi relativi al
prodotto forniti con il kit di documentazione.
AVVERTENZA!
Per ridurre il rischio di scosse elettriche o danni all'apparecchiatura:
• Collegare il cavo di alimentazione a una presa CA facilmente accessibile in ogni momento.
• Scollegare completamente il computer dalla sorgente di alimentazione staccando il cavo di alimentazione
dalla presa CA.
• Se la spina del cavo di alimentazione è tripolare, inserirla in una presa tripolare dello stesso tipo, provvista
del terminale di messa a terra. Non escludere il contatto di terra del cavo di alimentazione (collegando, ad
esempio, un adattatore bipolare). in quanto svolge un'importante funzione di sicurezza.
Per la propria sicurezza, non appoggiare nulla sopra i cavi. Sistemarli in modo che non possano essere
calpestati accidentalmente. Non tirare i cavi. Per staccare il cavo dalla presa CA, afferrarlo per la spina.
Per ridurre il rischio di gravi lesioni, leggere la Guida alla sicurezza e al comfort. in cui vengono forniti agli
utenti di computer alcuni importanti suggerimenti sulla organizzazione ottimale della postazione di lavoro,
sulla postura e sulle abitudini di lavoro corrette da adottare. La Guida alla sicurezza e al comfort fornisce
anche importanti informazioni sulla sicurezza elettrica e meccanica. La Guida alla sicurezza e al comfort è
disponibile in rete alla pagina http://www.hp.com/ergo.
IMPORTANTE: Per la protezione del display e del computer, collegare tutti i cavi d'alimentazione del
computer e delle relative periferiche (monitor, stampante, scanner) a uno stabilizzatore di tensione, ad
esempio una ciabatta o un gruppo di continuità. Non tutte le ciabatte di alimentazione forniscono protezione
contro gli sbalzi di tensione; le ciabatte devono essere specificamente etichettate come dotate di questa
funzione. Utilizzare una presa multipla con garanzia del rispettivo produttore di sostituzione
dell'apparecchiatura in caso di danno da sovratensione.
Utilizzare mobili di dimensioni appropriate e corrette per supportare il monitor LCD HP.
AVVERTENZA! I monitor LCD collocati in maniera inappropriata su credenze, librerie, mensole, scrivanie,
altoparlanti, cassettiere o carrelli possono cadere e procurare lesioni personali.
Prestare attenzione nell'orientare tutti i cavi collegati al display LCD in modo che non possano essere tirati,
afferrati o vi si possa inciampare.
NOTA: Questo prodotto è adatto per l'intrattenimento. Si consiglia di posizionare il monitor in un ambiente
luminoso controllato per evitare interferenze da parte delle superfici luminose e lucenti nelle vicinanze le
quali potrebbero causare riflessi di disturbo della schermata.
Importanti informazioni sulla sicurezza
1
Caratteristiche e componenti del prodotto
Caratteristiche
Il monitor presenta le seguenti caratteristiche:
2
●
Area di visualizzazione diagonale pari a 68,6 cm (27 pollici), risoluzione 2560 x 1440 e supporto a
schermo intero di risoluzioni inferiori
●
100% di copertura sRGB e BT. 709, 99% di copertura RGB Adobe, 93% di copertura DCI-P3 e 72% di BT.
2020
●
LCD (monitor a cristalli liquidi) con uno schermo a matrice attiva, con transistor a pellicola sottile (TFT).
●
Capacità di rimappare accuratamente la gamma dei colori del display (all'interno della gamma dei colori
supportati del pannello) per consentire la selezione dello spazio di colore e impostare molto
accuratamente i colori primari RGB, il punto del bianco e la risposta in scala di grigi per garantire colori
costanti e riproducibili
●
Molto colore e luminanza ad alta stabilità (con uso tipico)
●
Le impostazioni predefinite calibrate dello spazio colore per DCI P3 D65, BT.709, BT.2020, sRGB D65,
sRGB D50, Adobe RGB D65 e Adobe RGB D50 rendono il display pronto all'uso in applicazioni in cui il
colore è di importanza critica, con esigenze minime di impostazione
●
Impostazioni predefinite di colore ricalibrabili che consentono di ricalibrare a uno spazio di colore
standard o personalizzato specificando il colori primari, il punto del bianco, la gamma/EOTF, la
luminanza e il nome (tramite StudioCal XML)
●
Opzione di ripristino alle impostazioni di calibrazione di fabbrica o alle impostazioni di calibrazione
dell'utente per ripristinare facilmente il monitor alle impostazioni di fabbrica o dell'utente
●
Supporto integrato per dispositivi di misurazione X-Rite i1 Pro, Klein Instruments K10-A, Photo Research
PR-6xx/7xx, Colorimetry Research CR-250 e Konica Minolta CA-310
●
Firmware del display aggiornabile per consentire a HP di fornire rapidamente e facilmente soluzioni ai
problemi identificati e di offrire soluzioni personalizzate
●
Quattro pulsanti funzione del frontalino riassegnabili per selezionare rapidamente le operazioni di
utilizzo più comune
●
Ampio angolo di visualizzazione per consentire la visione dello schermo da una posizione seduta o in
piedi, oppure lateralmente
●
Capacità di inclinazione, altezza e rotazione regolabili
●
Supporto rimovibile per soluzioni di montaggio flessibili dello schermo
●
Montaggio VESA integrato da 100 mm
●
Due ingressi di segnale video per supportare DisplayPort digitale con un cavo di segnale fornito
●
Due ingressi di segnale video per supportare HDMI digitale con un cavo di segnale fornito
●
Uscita audio analogica per cuffie
●
Interruttore KVM (mouse/video/tastiera) integrato con interruttore in ingresso basato su tastiera
●
Connettore di rete RJ-45
●
Due porte USB DreamColor per collegare uno strumento di misurazione o per l'aggiornamento del
firmware
Capitolo 1 Guida introduttiva
●
Due porte USB 3.0 con ricarica rapida
●
Porta USB Type-C (USB 3.1 Gen1, 5 Gbps) con un cavo USB Type-C e un cavo USB Type-C ad A
●
Hub USB 3.0 con una porta upstream (cavo fornito) che si collega al computer e quattro porte
downstream per il collegamento ai dispositivi USB
●
Funzionalità Plug and Play se supportata dal sistema operativo
●
Slot di sicurezza sul retro del display per cavo con lucchetto opzionale
●
Funzione di gestione dei cavi per il posizionamento di cavi e fili
●
Regolazioni OSD in diverse lingue per la semplificazione dell'impostazione e l'ottimizzazione dello
schermo
●
Tecnologia di protezione dalla copia HDCP 2.2 (High Bandwidth Digital Content Protection) su tutti gli
ingressi digitali
●
Disco software e della documentazione contenente i driver del display, documentazione del prodotto,
esempi di script StudioCal XML e il materiale SDK (kit di sviluppo software). Questi materiali sono
disponibili anche all'indirizzo https://support.hp.com/.
NOTA: Per informazioni sulla sicurezza e sulle normative, fare riferimento agli Avvisi relativi al prodotto nel
kit di documentazione. Per individuare gli aggiornamenti della guida per l'utente del prodotto in uso, visitare
la pagina http://www.hp.com/support. Selezionare Trova il tuo prodotto, quindi seguire le istruzioni
visualizzate.
Caratteristiche e componenti del prodotto
3
Comandi pannello anteriore
Comando
Funzione
1
Utilizzare questi pulsanti per spostarsi all'interno del menu OSD sulla base degli
indicatori accanto ai pulsanti che vengono attivati quando l'OSD è aperto.
Pulsanti funzione
NOTA: Per attivare i pulsanti funzione, premere uno qualsiasi dei pulsanti in modo che
le etichette dei pulsanti vengano visualizzate sul lato destro dello schermo e i LED dei
pulsanti si accendano.
2
Pulsante
Alimentazione
Accende o spegne il display.
NOTA: accertarsi che l'interruttore di alimentazione principale sul retro del display sia
nella posizione di accensione ON.
NOTA: Per visualizzare un simulatore di menu OSD, visitare HP Customer Self Repair Services Media Library
alla pagina http://www.hp.com/go/sml.
NOTA: È possibile regolare la luminosità dei pulsanti del frontalino e modificare la funzione dei pulsanti
nell'OSD. Per ulteriori informazioni, consultare Modifica dei pulsanti funzione del frontalino a pagina 39 e
Regolazione dei LED dei pulsanti del frontalino a pagina 41.
4
Capitolo 1 Guida introduttiva
Componenti posteriori e laterali
Componente
1
Funzione
Interruttore di
alimentazione principale
Consente di spegnere il display.
2
Connettore di
alimentazione AC
Consente di collegare il cavo di alimentazione CA al display.
3
HDMI1
Consente di collegare un cavo HDMI al display.
4
HDMI2
Consente di collegare un cavo HDMI al display.
5
DisplayPort 1
Consente di collegare il cavo DisplayPort al display.
6
DisplayPort 2
Consente di collegare il cavo DisplayPort al display.
7
Uscita audio analogica
Consente di collegare le cuffie al display.
8
Porta per tastiera KVM
Consente di collegare una tastiera al display.
9
Connettore RJ-45
Consente di collegare un cavo di rete al display.
10
Porte USB DreamColor (2)
Consente di collegare uno strumento di misurazione o un'unità
flash USB per la calibrazione del colore o per l'aggiornamento
del firmware.
11
Porta a monte USB Type-C
(per connessioni host)
Consente di collegare un dispositivo host con connettore TypeC.
12
Porta a monte USB 3.0
Consente di collegare il cavo hub USB al connettore USB dell'hub
del display e a una porta/hub USB host.
NOTA: Portando l'interruttore in posizione Off, verrà
mantenuto lo stato di alimentazione minimo quando il display
non è in uso.
Caratteristiche e componenti del prodotto
5
Componente
Funzione
13
Porte USB 3.0 a valle (2)
Consente di collegare dispositivi USB opzionali al display.
14
Porte USB 3.0 a valle
(pannello laterale) (2)
Consente di collegare dispositivi USB opzionali al display.
Installazione del monitor
Prestare attenzione durante l'installazione del display
ATTENZIONE: Per evitare di danneggiare il display, non toccare la superficie del pannello LCD. La pressione
sul pannello potrebbe comportare difformità dei colori o cattivo orientamento dei cristalli liquidi. In tal caso lo
schermo potrebbe non ritornare alle condizioni normali.
Per evitare danni al display, fare attenzione a non esercitare pressione sull'area del colorimetro (parte
centrale superiore del frontalino) durante il trasporto del display.
Installazione del supporto del display
ATTENZIONE: Non toccare la superficie dello schermo a cristalli liquidi. La pressione, infatti, potrebbe
comportare disuniformità dei colori o cattivo orientamento dei cristalli liquidi. In tal caso lo schermo potrebbe
non ritornare alle condizioni normali.
Il display offre facile montaggio e smontaggio del pannello. Per montare il pannello sul supporto d'appoggio:
6
1.
Appoggiare lo schermo rivolto verso il basso su una superficie piana coperta con un panno pulito e
asciutto.
2.
Far scorrere il lato superiore del supporto (1) sotto il bordo superiore del vano sul retro del pannello.
3.
Abbassare il lato inferiore della piastra di montaggio del supporto (2) nel vano fino a farlo scattare in
posizione.
Capitolo 1 Guida introduttiva
Montaggio del monitor
È possibile fissare la testa del display anche a una parete, a un braccio snodabile o a un altro dispositivo di
montaggio.
NOTA:
CSA.
Questo apparato è concepito per essere sostenuto da una staffa montata a parete certificata UL o
ATTENZIONE: Il display supporta fori di montaggio da 100 mm secondo lo standard industriale VESA. Se si
utilizza una soluzione di montaggio sul display realizzata da terzi, è necessario disporre di quattro viti da 4
mm, passo della filettatura di 0,7 e lunghezza 15 mm. Non utilizzare viti più lunghe perché potrebbero
danneggiare il monitor. È importante verificare che il sistema di montaggio utilizzato sia conforme allo
standard VESA e in grado di sostenere il peso del monitor. Per ottenere le migliori prestazioni è importante
utilizzare i cavi di alimentazione e video forniti col monitor.
1.
Rimuovere le quattro viti dai fori VESA situati sul retro della testa del display.
2.
Installare il coperchio della piastra posteriore incluso sopra le viti di montaggio sul retro del display.
Installazione del monitor
7
3.
Per montare la testa del display direttamente a un impianto di montaggio, utilizzare le quattro viti
rimosse dai fori VESA sul retro della testa del display e installarle per fissare il dispositivo di montaggio
alla parte posteriore del display.
Individuazione del numero di serie e del numero di prodotto
Il numero di serie e il numero del prodotto si trovano su un'etichetta affissa al pannello posteriore del
monitor. Tali dati potrebbero essere necessari se si contatta HP a proposito del display.
NOTA:
8
Potrebbe essere necessario ruotare parzialmente la testa del display per leggere l'etichetta.
Capitolo 1 Guida introduttiva
Collegamento di un dispositivo opzionale al retro del display
È disponibile una staffa con quattro fori di montaggio standard VESA 40 mm × 40 mm che consente il
montaggio di un dispositivo quale un SDI o un convertitore video over ip alla parte posteriore del display.
▲
Posizionare la staffa contro il retro del display con i fori delle viti allineati e quindi installare le viti.
Installazione di un cavo di sicurezza
È possibile assicurare il display a un oggetto fisso mediante un cavo di sicurezza opzionale, disponibile presso
HP.
Installazione del monitor
9
Collegamento dei cavi
NOTA: il display viene fornito con determinati cavi. Non tutti i cavi mostrati in questa sezione sono forniti in
dotazione con il display.
1.
Collocare il display vicino al computer in una posizione adatta e ben ventilata.
2.
Prima di collegare i cavi, farli passare nell'apposito foro al centro del supporto.
3.
In base alla configurazione, collegare il cavo DisplayPort, HDMI o USB Type-C tra il computer e il display.
NOTA: La modalità video è determinata dal cavo video utilizzato. Il display determinerà
automaticamente quali sono gli ingressi con segnali video validi. Gli ingressi possono essere selezionati
attraverso la funzione On-Screen Display (OSD) premendo uno dei pulsanti del frontalino per attivare i
pulsanti, quindi premendo il pulsante Apri menu per aprire il menu OSD. Nel menu OSD selezionare
Ingresso video, quindi scegliere la sorgente di ingresso desiderata.
IMPORTANTE: L'ingresso USB-C deve essere selezionato manualmente per un ingresso video. Dopo
aver selezionato USB-C per l'ingresso video, la scansione automatica degli ingressi HDMI e DisplayPort è
disabilitata.
●
Per il funzionamento digitale di DisplayPort, collegare il cavo del segnale DisplayPort al connettore
DisplayPort sul retro del display e l'altra estremità al connettore DisplayPort del computer (cavo
fornito).
NOTA: Esistono due connessioni DisplayPort sul retro del display che consentono di collegare due
workstation al display.
10
Capitolo 1 Guida introduttiva
●
Per il funzionamento digitale di HDMI, collegare il cavo del segnale HDMI alla porta HDMI sul retro
del display e l'altra estremità alla porta HDMI del computer (cavo fornito).
NOTA: Esistono due porte HDMI sul retro del display che consentono di collegare due dispositivi
video al monitor.
Installazione del monitor
11
●
4.
Per il funzionamento digitale di USB Type-C, collegare il cavo USB Type-C al connettore USB Type-C
sul retro del display e l'altra estremità al connettore USB Type-C del computer (cavo fornito).
Collegare un'estremità del cavo USB fornito alla porta USB a valle sul pannello posteriore del computer, e
l'altra estremità al connettore USB a monte sul display.
NOTA: Il display supporta USB 3.0. Per ottenere prestazioni ottimali, collegare il cavo USB a una porta
USB 3.0 del computer, se disponibile.
12
Capitolo 1 Guida introduttiva
5.
Collegare un'estremità del cavo di alimentazione CA al connettore di alimentazione CA sul retro del
display e l'altra estremità a una presa CA.
NOTA: L'interruttore di alimentazione principale sul retro del display deve essere in posizione Attivato
prima di premere il pulsante di alimentazione sulla parte anteriore del display.
AVVERTENZA!
Per ridurre il rischio di scosse elettriche o danni al prodotto:
Collegare il cavo di alimentazione a una presa CA facilmente accessibile in ogni momento.
Scollegare completamente il computer dalla sorgente di alimentazione staccando il cavo di
alimentazione dalla presa CA.
Se la spina del cavo di alimentazione è tripolare, inserirla in una presa tripolare dello stesso tipo,
provvista del terminale di messa a terra. Non escludere il contatto di terra del cavo di alimentazione
(collegando, ad esempio, un adattatore bipolare). in quanto svolge un'importante funzione di sicurezza.
Per la propria sicurezza, non appoggiare nulla sopra i cavi. Sistemarli in modo che non possano essere
calpestati accidentalmente. Non tirare i cavi. Per staccare il cavo dalla presa CA, afferrarlo per la spina.
Installazione del monitor
13
Regolazione del display
14
1.
Inclinare il pannello del display in avanti o indietro per posizionarlo a un'angolazione confortevole.
Idealmente, la superficie del pannello deve essere perpendicolare rispetto agli occhi.
2.
Ruotare la testa del display verso sinistra o destra per ottenere l'angolo di visualizzazione ottimale.
Capitolo 1 Guida introduttiva
3.
Regolare l'altezza del display in una posizione comoda per la propria workstation individuale. Il bordo
superiore del frontalino del display non deve superare l'altezza degli occhi. Un display in posizione bassa
e inclinata potrebbe essere più comodo per gli utenti con lenti correttive. Il display deve essere
riposizionato quando si regola la postura di lavoro nel corso della giornata lavorativa.
Spegnimento del monitor
1.
Portare l'interruttore di alimentazione principale sul retro del display nella posizione di accensione ON.
2.
Premere il pulsante di accensione per accendere il computer.
3.
Per attivarlo, premere il pulsante di accensione sulla parte anteriore del monitor.
NOTA: La prima volta che il display è alimentato dall'interruttore di alimentazione principale possono
passare fino a 30 secondi prima che risponda al comando di accensione anteriore. Ciò è normale ed è dovuto
all'avvio dei sistemi interni.
NOTA: Se la pressione del pulsante di alimentazione non ha alcun effetto, la funzione Blocco del pulsante di
alimentazione potrebbe essere abilitata. Per disabilitare questa funzione, premere il pulsante di accensione
del display e tenerlo premuto per 10 secondi.
Quando il display è acceso, viene visualizzato un messaggio di stato per cinque secondi. Il messaggio indica
l'ingresso del segnale attivo corrente, lo stato dell'impostazione di accensione/spegnimento automatica della
sorgente (On oppure Off; il valore predefinito è On), il segnale della sorgente predefinita (DisplayPort), la
risoluzione attualmente preimpostata per lo schermo e quella consigliata.
Installazione del monitor
15
Il monitor esegue automaticamente una scansione degli ingressi del segnale per trovare un ingresso attivo e
utilizza tale ingresso per la visualizzazione. Se due o più ingressi sono attivi, il display indica la sorgente di
ingresso predefinita. Se la sorgente predefinita non è uno degli ingressi attivi, il display visualizza l'ingresso
con la priorità più elevata. È possibile selezionare la sorgente di ingresso nell'OSD. Premere uno dei pulsanti
del frontalino per attivarli, quindi premere il pulsante Apri menu per aprire il menu OSD. Nel menu OSD
selezionare Ingresso video, quindi scegliere la sorgente di ingresso desiderata.
IMPORTANTE: L'ingresso USB-C deve essere selezionato manualmente per un ingresso video. Dopo aver
selezionato USB-C per l'ingresso video, la scansione automatica degli ingressi HDMI e DisplayPort è
disabilitata.
Politica di HP sulla persistenza di immagini e filigrane
I modelli di display IPS sono progettati con tecnologia IPS (In-Plane Switching) che assicura angoli di visuale
estremamente estesi e qualità avanzata delle immagini. I display IPS sono adatti a una vasta gamma di
applicazioni che richiedono qualità avanzata delle immagini. Questa tecnologia per schermi piatti non è
tuttavia adatta alle applicazioni che visualizzano immagini statiche, immobili o fisse per lunghi periodi di
tempo senza l'impiego di salvaschermo. Questi tipi di applicazioni possono includere la sorveglianza tramite
videocamera, i videogame, i loghi di marketing e i modelli che sono visualizzati sullo schermo per un periodo
di tempo prolungato. Le immagini statiche possono causare danni derivanti dalla ritenzione dell'immagine
che possono apparire come macchie o filigrane sullo schermo del display.
I display utilizzati 24 ore al giorno che evidenziassero danni causati da ritenzione dell'immagine non sono
coperti dalla garanzia HP. Per evitare danni causati dalla ritenzione dell'immagine, spegnere sempre il display
quando non è in uso oppure utilizzare l'impostazione di risparmio energetico, se supportata dal sistema, per
spegnere lo schermo quando il sistema non è attivo.
Collegamento dei dispositivi USB
Sono disponibili quattro porte USB a valle nel display (due nella parte posteriore e due laterali).
NOTA: Per attivare le porte USB sul display è necessario collegare il cavo dell'hub USB (USB Type-B o USB
Type-C) dal display al computer.
16
Capitolo 1 Guida introduttiva
Rimozione del supporto del display
È possibile rimuovere la testa del display dal supporto per installare il pannello su una parete, un braccio
snodabile o un altro impianto di montaggio.
ATTENZIONE: Prima di procedere allo smontaggio, spegnere il display e scollegare tutti i cavi di
alimentazione, del segnale e di rete. Scollegare anche tutti i cavi USB collegati al display.
1.
Scollegare e rimuovere tutti i cavi dal monitor.
2.
Appoggiare il display rivolto verso il basso su una superficie piana coperta da un panno pulito e asciutto.
3.
Premere verso il basso la levetta accanto alla parte centrale inferiore del display per sbloccare il
supporto (1).
4.
Ruotare la parte inferiore del supporto fino a far fuoriuscire la piastra di montaggio dal vano (2).
5.
Far scorrere il supporto all'esterno del vano (3).
Installazione del monitor
17
2
Uso del display
Software e utility
In dotazione al display viene fornito un disco contenente i file installabili sul computer.
●
Un file .INF (Information)
●
File ICM (Corrispondenza Colori Immagine) (uno per ogni spazio colore calibrato)
●
Kit di sviluppo software (SDK) USB per Linux, Windows e Mac
●
Script esempio StudioCal XML
NOTA: Gli elementi sopra elencati possono essere scaricati dal sito Web di assistenza per i display HP. Per
ulteriori informazioni, visitare la pagina Scaricamento da Internet a pagina 19.
Il file di informazioni .INF
Il file .INF definisce le risorse del display utilizzate dai sistemi operativi Windows® per garantire la
compatibilità del display con la scheda grafica del computer.
Questo display è compatibile con Microsoft Windows Plug and Play. Funziona correttamente senza installare il
file .INF. Per la compatibilità plug and play è necessario che la scheda grafica del computer sia compatibile con
VESA DDC2 e che il display sia collegato direttamente alla scheda grafica.
Il file per la corrispondenza dei colori
I file ICM sono file di dati che descrivono la colorimetria del display. Nel caso di display calibrati, descrivono la
colorimetria di un'impostazione colore data. Queste informazioni includono il la gamma colori calibrata
dell'impostazione predefinita, la risposta in scala di grigi e il punto del bianco. Questi file vengono utilizzati
dal motore di gestione del colore del sistema operativo,nonché dal motore di gestione del colore integrato
nelle applicazioni specializzate di fotografia, video e arti grafiche,per garantire che i colori su schermo siano
con resi correttamente e visualizzati in modo accurato sul display. Anche se non tutti i programmi supportano
l'utilizzo di questi file, HP consiglia vivamente di selezionare o di abilitare sempre il file ICM che corrisponde
all'impostazione predefinita del colore attiva per garantire la migliore riproduzione delle immagini.
NOTA:
18
Il profilo colori ICM è conforme alle specifiche International Color Consortium (ICC) Profile Format.
Capitolo 2 Uso del display
Installazione dei file .INF e .ICM
È possibile installare i file .INF e .ICM dal disco o scaricarli da Internet.
Installazione dal disco
Per installare i file .INF e .ICM dal disco:
1.
Inserire il disco nell'unità ottica del computer. Verrà visualizzato il menu del disco.
2.
Visualizzare il file HP Display Software Information (Informazioni sul software del display HP).
3.
Selezionare Install Display Driver Software (Installa il software per il driver del display).
4.
Seguire le istruzioni visualizzate.
NOTA: Sebbene il file .INF sia specifico per Windows, se si utilizza macOS o Linux è opportuno installare i
file .ICM per garantire la precisione del colore su schermo. Questi file possono essere copiati manualmente sul
computer in uso. Consultare la guida del sistema operativo host per informazioni su dove installare questi file.
Scaricamento da Internet
Per scaricare la versione aggiornata dei file .INF e .ICM dal sito HP di assistenza per i display:
1.
Visitare la pagina http://www.hp.com/support.
2.
Immettere il nome o il codice del prodotto HP nella casella Search all support (Ricerca tutto il supporto),
quindi fare clic sull'icona di ricerca.
3.
Selezionare una delle opzioni di menu visualizzate per ottenere driver, software e firmware.
4.
Scaricare il software seguendo le istruzioni.
Aggiornamento del firmware
HP consiglia di verificare la disponibilità di firmware del monitor aggiornati e installare un firmware più
recente, se disponibile.
NOTA: Per impostazione predefinita, il processore interno del display, che è necessario per l'aggiornamento
del firmware, è disabilitato. Prima di poter aggiornare il firmware del display, è necessario abilitare il
processore. Nell'OSD, selezionare Gestione > Processore interno e scegliere Abilita per attivare il processore.
Se l'abilitazione avviene prima di procedere all'aggiornamento del firmware, attendere circa un minuto
affinché il processore interno sia completamente avviato.
Per aggiornare il firmware con USB:
1.
Controllare la versione corrente del firmware.
a.
Premere un qualsiasi pulsante funzione sul frontalino.
b.
Premere il pulsante Apri menu per aprire l'OSD.
c.
Selezionare Informazioni per visualizzare la versione corrente del firmware.
Installazione dei file .INF e .ICM
19
SUGGERIMENTO: Un collegamento dei pulsanti funzione del frontalino, Visualizza informazioni,
viene fornito sul quarto pulsante del frontalino nella configurazione di fabbrica del display. È
possibile accedere alla pagina informazioni tramite questo collegamento, a meno che il pulsante
del frontalino sia stato riassegnato. Questa pagina di informazioni indica anche se il processore
interno è acceso o spento.
2.
3.
Trovare il firmware più recente sul Web.
a.
Visitare la pagina http://www.hp.com/support.
b.
Immettere il nome o il codice del prodotto HP nella casella Search all support (Ricerca tutto il
supporto), quindi fare clic sull'icona di ricerca.
c.
Selezionare una delle opzioni di menu visualizzate per ottenere il firmware.
d.
Controllare le revisioni dei firmware più recenti elencate per il display per vedere se si tratta di una
versione più recente di quella che è attualmente installata.
e.
Scaricare il firmware su un'unità flash USB. Sono supportati i seguenti formati di unità USB: FAT,
FAT32, NTFS.
Inserire l'unità flash USB con il firmware più recente in una delle porte USB DreamColor e seguire le
istruzioni per installare il firmware visualizzate.
NOTA: Il firmware è distribuito come un file rar compresso e firmato. Non decomprimere il file prima di
installarlo.
ATTENZIONE:
20
Capitolo 2 Uso del display
Non spegnere il display durante l'aggiornamento del firmware.
Selezione delle impostazioni predefinite per lo spazio colore
Il display fornisce impostazioni predefinite per lo spazio colore calibrate di fabbrica, adatte a una vasta
gamma di flussi di lavoro in cui il colore ha un'importanza critica, inclusi effetti visivi, animazione,
visualizzazione on-set/giornalieri, fotografia professionale, design di prodotto, stampa/pre-stampa, arti
grafiche e molti altri. Sette spazi di colore standard di settore vengono forniti insieme alla gamma di colori
nativa del display. La tabella seguente fornisce informazioni sugli otto spazi di colore standard forniti.
Numero
dell'impos
tazione
predefinit
a
Nome
dell'impostazion
e predefinita
Rosso
primario
(u’v’)
Verde
primario
(u’v’)
Blu primario
(u’v’)
Punto del
bianco
Gamma predefinita
o EOTF
Luminanza
predefinit
a
0
DCI P3 D65
0,496, 0,526
0,099, 0,578
0,175, 0,158
D65
2,4
100 cd/m2
1
BT.709
0,451, 0,523
0,125, 0,563
0,175, 0,158
D65
BT.1886
100 cd/m2
2
BT.2020
0,557, 0,516
0,056, 0,587
0,159, 0,126
D65
BT.1886
100 cd/m2
3
sRGB D65
0,451, 0,523
0,125, 0,563
0,175, 0,158
D65
sRGB
250 cd/m2
4
sRGB D50
0,451, 0,523
0,125, 0,563
0,175, 0,158
D50
sRGB
250 cd/m²
5
Adobe RGB D65
0,451, 0,523
0,076, 0,576
0,175, 0,158
D65
2,2
250 cd/m2
6
Adobe RGB D50
0,451, 0,523
0,076, 0,576
0,175, 0,158
D50
2,2
250 cd/m2
7
Originario
Pannello
Pannello
Pannello
D65
2,2
250 cd/m2
NOTA: L'impostazione predefinita di fabbrica DCI-P3 ha un punto del bianco D65, luminanza di 100 cd/m² e
un gamma di potenza 2,4. Ciò differisce dalla configurazione DCI-P3 tipicamente presente in proiettori
cinematografici (punto del bianco P3, luminanza di 48 cd/m² e un gamma di potenza 2,6). Questo perché, di
accordo con gli studi di animazione ed effetti visivi, si è stabilito che la configurazione D65/100/2,4 è più
adatta al tipico ambiente di lavoro di un artista rispetto alla configurazione dei proiettori cinematografici.
Per selezionare impostazioni predefinite dello spazio colore:
1.
Premere un qualsiasi pulsante funzione sul frontalino.
2.
Premere il pulsante Apri menu per aprire l'OSD.
3.
Selezionare Impostazioni colore per visualizzare la schermata di configurazione dello spazio colore.
4.
Utilizzare i pulsanti Su/giù per passare allo spazio colore desiderato, quindi premere il pulsante
Seleziona per attivarlo.
Regolazione della luminanza
Sebbene ogni impostazione predefinita sia calibrata a un livello di luminanza specifico, la luminanza può
essere regolata successivamente alla calibrazione. È possibile regolare la gamma di luminanza per tutte le
impostazioni predefinite dello spazio colore calibrato da 48–250 cd/m2.
NOTA: A causa del modo in cui i LED rispondono alla tensione, più si regola la luminanza allontanandosi dal
valore calibrato, meno accurato sarà il valore di luminanza segnalato dall'OSD. Quando ci si allontana dal
valore calibrato, si modifica la colorimetria del punto del bianco. HP consiglia di calibrare il monitor alla
luminanza di lavoro desiderata. Per ulteriori informazioni sulla calibrazione, vedere Calibrazione del display
a pagina 61.
Selezione delle impostazioni predefinite per lo spazio colore
21
Per regolare la luminanza:
1.
Premere un qualsiasi pulsante funzione sul frontalino.
2.
Premere il pulsante Apri menu per aprire l'OSD.
3.
Selezionare Impostazioni colore per visualizzare la schermata di configurazione dello spazio colore.
4.
Usare i pulsanti Su/giù per spostarsi sull'opzione Regola luminanza, quindi premere il pulsante
Seleziona per attivarla.
5.
Utilizzare i pulsanti Aumenta/Diminuisci per regolare la luminanza al livello desiderato.
NOTA:
L'opzione Regola luminanza visualizza il valore corrente di luminanza a destra dell'opzione di menu.
Comprendere le opzioni di regolazione dell'immagine
Diverse opzioni di regolazione dell'immagine speciali sono progettate per adattarsi a flussi di lavoro specifici
nel settore dei media e dell'intrattenimento. La sezione seguente descrive queste funzioni dal punto di vista
della loro applicazione in questi flussi di lavoro.
Regolazioni del segnale video
Regolazione RGB a valle
In alcuni casi potrebbe essere necessaria una post-calibrazione per ottimizzare la configurazione (nero) o il
guadagno (bianco) di uno o più dei canali RGB per ottenere una corrispondenza visiva a un altro display o
proiettore. Queste regolazioni sono posizionate a valle di (cioè dopo) il blocco di elaborazione di gestione
colore nell'hardware del display. Queste regolazioni forniscono una precisione di 10-bit.
Per regolare la configurazione e il guadagno di RGB:
1.
Premere un qualsiasi pulsante funzione sul frontalino.
2.
Premere il pulsante Apri menu per aprire l'OSD.
3.
Selezionare Impostazioni colore > Regolazione RGB a valle.
4.
Utilizzare le impostazioni di regolazione per la modifica di configurazione e guadagno fino a ottenere la
corrispondenza colore desiderata con l'altro dispositivo di visualizzazione.
Utilizzo dei livelli video (64-960)
Questa opzione è progettata per supportare la visualizzazione accurata di "segnali video legali" che includono
footroom sotto il nero e headroom sopra il bianco. Questi tipi di segnali si incontrano generalmente quando si
lavora con segnali video conformi allo standard ITU-R BT.709 completo. Tali standard consentono escursioni
oltre il bianco e nero, non trattano bianco e nero come assoluti.
Questi segnali sono tipicamente riscontrati nelle seguenti situazioni:
●
Visualizzazione dell'uscita HDMI o HD-SDI da una scheda di acquisizione e riproduzione video, ad
esempio AJA Kona o Blackmagic Design DeckLink
●
Visualizzazione di un'immagine nella finestra di composizione/modifica/anteprima di un programma di
monitoraggio video non lineare
●
Visualizzazione dell'uscita di un lettore Blu-Ray/DVD destinato al consumatore
In tutte queste circostanze il segnale video include generalmente headroom e footroom BT.709. Se questa
opzione non è abilitata, quando si guarda il display i neri e le ombre sono più chiari, i bianchi sono più scuri e i
colori hanno meno saturazione rispetto a quella contenuta effettivamente nel segnale.
22
Capitolo 2 Uso del display
Se questa opzione è abilitata, i neri saranno tagliati al valore di 10-bit di 64 e i bianchi al valore di 10 bit di 960
(per 8-bit, il taglio si verificherà ai valori di 16 e 235). Il segnale viene quindi rimappato per essere visualizzato
nell'intervallo visivo corretto.
Se non si è certi se si sta utilizzando materiale sorgente con headroom e footroom, controllare le
impostazioni dell'applicazione o contattare qualcuno che sa come il materiale sorgente è stato acquisito o
sottoposto a rendering. Dopo l'abilitazione di questa impostazione, potrebbe essere necessario regolare la
luminosità dell'interfaccia dell'applicazione di elaborazione.
Per utilizzare i livelli video:
1.
Premere un qualsiasi pulsante funzione sul frontalino.
2.
Premere il pulsante Apri menu per aprire l'OSD.
3.
Selezionare Regolazione immagine per visualizzare la schermata delle opzioni di regolazione.
4.
Utilizzare i pulsanti Su/giù per spostarsi sull'opzione Video legali (64–960), quindi premere il pulsante
Seleziona per selezionarla. L'opzione viene selezionata quando è attiva.
Sovrascansione del fotogramma
Per impostazione predefinita il display visualizza tutti i pixel dell'immagine, quando si esegue lo screening dei
giornalieri o di una revisione di modifica si potrebbe desiderare di visualizzare l'immagine in modalità
sovrascansionata, simile a come viene visualizzata su una televisione digitale destinata al consumatore.
L'opzione Sovrascansiona fotogramma ingrandisce l'immagine del 5% in modo che venga visualizzata solo
quella porzione di fotogramma all'interno dell'area sicura per l'azione (Action Safe Region). Tradizionalmente
viene definita Azione Sicura un'area che inizia il 5% all'interno del bordo del fotogramma.
Per utilizzare la modalità Sovrascansiona fotogramma:
1.
Premere un qualsiasi pulsante funzione sul frontalino.
2.
Premere il pulsante Apri menu per aprire l'OSD.
3.
Selezionare Regolazione immagine per visualizzare la schermata delle opzioni di regolazione.
4.
Utilizzare i pulsanti Su/giù per spostarsi sull'opzione Eseguire sovrascansione fotogramma del 5%,
quindi premere il pulsante Seleziona per selezionarla. L'opzione viene selezionata quando è attiva.
Mostrare solo il canale del blu
Poiché l'essere umano è poco sensibile alle variazioni del blu, la maggior parte degli algoritmi di compressione
e codifica assegnano la minor quantità di larghezza di banda al canale del blu. Per questo motivo, gli errori di
compressione/codifica sono più facilmente visibili quando si visualizza il canale del blu. Il display consente
all'utente di visualizzare solo il canale del blu, disattivando temporaneamente i canali del rosso e del verde, in
modo che l'immagine possa essere ispezionata per questi errori.
Per visualizzare solo il canale del blu:
1.
Premere un qualsiasi pulsante funzione sul frontalino.
2.
Premere il pulsante Apri menu per aprire l'OSD.
3.
Selezionare Regolazione immagine per visualizzare la schermata delle opzioni di regolazione.
4.
Utilizzare i pulsanti Su/giù per spostarsi sull'opzione Mostra solo canale del blu, quindi premere il
pulsante Seleziona per selezionarla. L'opzione viene selezionata quando è attiva.
Comprendere le opzioni di regolazione dell'immagine
23
Uso delle opzioni di gestione formato
Il display comprende un numero di opzioni speciali di gestione del formato che vanno ben oltre ciò che è
tipicamente presente in un display. La sezione seguente si occupa di come queste opzioni siano integrate in
flussi di lavoro specifici.
Le opzioni "Riempi"
Queste opzioni stabiliscono come l'ingresso sorgente è visualizzato sullo schermo se la sua risoluzione è
diversa dalla risoluzione nativa del display di 2560×1440.
Rapporto altezza-larghezza sorgente (proporzionale)
Questa opzione mantiene il formato dell'ingresso sorgente, rendendo l'immagine il più grande possibile,
centrandola nel display e utilizzando un nero allo 0% per riempire le aree inutilizzate dello schermo. Ad
esempio, un ingresso sorgente di larghezza inferiore a 16 × 9 sarà visualizzato a tutta altezza con barre nere
a destra e a sinistra dell'immagine sorgente e un ingresso sorgente di larghezza superiore a 16 × 9 sarà
visualizzato a piena larghezza con barre nere al di sopra e al di sotto dell'immagine sorgente.
Il Rapporto altezza-larghezza sorgente è il valore predefinito ed è l'opzione più adatta per la maggior parte
dei flussi di lavoro.
La seguente illustrazione mostra il risultato visivo quando un ingresso sorgente 2048×1080 viene
visualizzato sul display con l'opzione Rapporto altezza-larghezza sorgente (proporzionale) abilitata.
24
Capitolo 2 Uso del display
Tutto schermo (non proporzionale)
Questa opzione esegue la distorsione dei formati sorgente di proporzioni diverse da 16×9 per forzare un
adattamento al formato 16×9 del display. L'immagine risultante occuperà l'intero display e sarà allungata in
orizzontale (per formati di larghezza inferiore) o in verticale (per formati di larghezza superiore).
Utilizzare Tutto schermo se il formato sorgente è irrilevante e si desidera riempire tutto lo schermo,
indipendentemente dalla distorsione che può derivarne.
La seguente illustrazione mostra il risultato visivo quando un ingresso sorgente 2048 × 1080 viene
visualizzato sul display con l'opzione Tutto schermo (non proporzionale) abilitata. Notare che, rispetto
all'illustrazione precedente, il cerchio e i quadrati sono allungati orizzontalmente in modo che l'immagine
riempia l'intero formato 16:9.
Larghezza tutto schermo (proporzionale)
Questa opzione è destinata a flussi di lavoro specifici con video sorgente di larghezza inferiore al formato
16×9 nativo del display. In alcuni flussi di lavoro di pellicole si desidera rendere l'animazione o gli effetti visivi
con un formato Academy o più elevato ed eseguire una "estrazione centro" per la resa su widescreen. Se
abilitata, questa opzione ridimensiona l'immagine sorgente in modo che la larghezza corrisponda alla
larghezza del display. L'immagine di origine è quindi centrata verticalmente e la parte superiore e inferiore
dell'immagine sono ritagliate, lasciando una "estrazione del centro" 16×9 del fotogramma Academy. Le
proporzioni dell'immagine sorgente vengono mantenute.
L'opzione Larghezza tutto schermo deve essere utilizzata quando si desiderano estrazioni del centro verticali
come parte del processo di screening dei giornalieri o delle revisioni.
La seguente illustrazione mostra il risultato visivo quando un ingresso sorgente 1024×768 viene visualizzato
sul display con l'opzione Larghezza tutto schermo (proporzionale) abilitata. Tenere presente che, rispetto
all'illustrazione precedente, l'area al di sopra e al di sotto dei quadrati esterni è stata ritagliata e l'immagine
ridimensionata per occupare l'intero fotogramma 16:9.
Comprendere le opzioni di regolazione dell'immagine
25
Altezza tutto schermo (proporzionale)
Questa opzione è destinata a flussi di lavoro specifici con video sorgente di larghezza superiore al formato
16×9 nativo del display. In alcuni flussi di lavoro di pellicole si desidera vedere un'estrazione orizzontale 17 x
9 di un formato sorgente di larghezza superiore. Se abilitata, questa opzione ridimensiona l'immagine
sorgente in modo che l'altezza corrisponda all'altezza del display. L'immagine di origine è quindi centrata
orizzontalmente e la parte sinistra e destra dell'immagine sono ritagliate, lasciando una "estrazione del
centro" 16×9 del fotogramma di larghezza superiore. Le proporzioni dell'immagine sorgente vengono
mantenute.
L'opzione Altezza tutto schermo deve essere utilizzata quando si desiderano estrazioni del centro orizzontali
come parte del processo di screening dei giornalieri o delle revisioni.
La seguente illustrazione mostra un immagine dell'ingresso sorgente 2048×858 e il risultato visivo quando
quell'ingresso sorgente viene visualizzato sul display con l'opzione Altezza tutto schermo (proporzionale)
abilitata. Notare che i bordi destro e sinistro del fotogramma sono stati ritagliati e l'immagine ridimensionata
per occupare l'intero fotogramma 16:9.
Pixel-per-pixel
Questa opzione deve essere utilizzata per un video sorgente con una risoluzione inferiore alla risoluzione di
2560×1440 nativa del display e se si desidera visualizzare l'immagine senza l'applicazione di
ridimensionamento. Se abilitata, questa opzione visualizza l'ingresso sorgente nelle dimensioni native e
riempie il resto del fotogramma con nero allo 0%.
La seguente illustrazione mostra il risultato visivo quando un ingresso sorgente 2048×1080 viene
visualizzato sul display con l'opzione Pixel-per-pixel abilitata.
26
Capitolo 2 Uso del display
Uso delle opzioni "Riempi"
Per cambiare il modo in cui il video sorgente viene visualizzato sullo schermo:
1.
Premere un qualsiasi pulsante funzione sul frontalino.
2.
Premere il pulsante Apri menu per aprire l'OSD.
3.
Selezionare Regolazione immagine per visualizzare la schermata delle opzioni di regolazione.
4.
Selezionare Ridimensionamento immagine per visualizzare le opzioni del display.
5.
Utilizzare i pulsanti Su/giù per spostarsi nell'opzione desiderata aperta. Quindi premere il pulsante
Seleziona per selezionarla.
NOTA: Il menu Ridimensionamento immagine può essere riassegnato a un pulsante funzione del frontalino
per accedervi con facilità. Fare riferimento a Modifica dei pulsanti funzione del frontalino a pagina 39 per
istruzioni su come assegnare il pulsante funzione del frontalino.
Mascheratura del formato cinema digitale
Inoltre, il display supporta la mascheratura del formato per due formati standard, 1,85:1 e 2,39:1, all'interno
del contenitore d'immagine DCI. Quando si abilita la mascheratura del formato cinema digitale, il segnale
sorgente viene mascherato per mostrare solo i pixel che rientrano nel formato scelto. La tabella seguente
elenca i pixel attivi che verranno visualizzati per ciascun contenitore d'immagine e formato.
Dimensione contenitore DCI
Proporzioni
Pixel attivi orizzontali
Pixel attivi verticali
2048 × 1080
1,85:1
1998
1080
2048 × 1080
2,39:1
2048
858
Utilizzo delle opzioni di mascheratura del formato cinema digitale
Tutte le opzioni del display relative al cinema digitale si trovano nell'OSD, alla pagina Menu principale >
Regolazione immagine > Mascheratura cinema digitale. Queste opzioni non sono disponibili e l'opzione di
menu è inattiva, a meno che non venga visualizzato 2048 x 1080 tramite l'ingresso video attivo:
Per accedere alle opzioni di mascheratura del cinema digitale:
1.
Collegare un computer o periferica video al display configurato per l'uscita di un segnale di 2048×1080.
2.
Premere un qualsiasi pulsante sul frontalino.
3.
Premere il pulsante Apri menu per aprire l'OSD.
4.
Selezionare Regolazione immagine per visualizzare la schermata delle opzioni di regolazione.
5.
Selezionare Mascheratura cinema digitale per visualizzare le opzioni relative al cinema digitale.
Sono disponibili le seguenti opzioni di mascheratura del cinema digitale.
Mostra contenitore DCI completo
Questa è l'opzione predefinita e mostrerà l'intero fotogramma 2048×1080.
Comprendere le opzioni di regolazione dell'immagine
27
Maschera in formato DCI 1,85:1
Questa opzione maschera i pixel 25 più a sinistra e a destra del fotogramma di larghezza 2048. L'immagine
risultante viene quindi visualizzata come specificato utilizzando le opzioni di ridimensionamento immagine
descritte nella sezione precedente.
L'illustrazione seguente mostra una sorgente DCI ritagliata a 1,85:1.
Maschera in formato DCI 2,39:1
Questa opzione maschera i pixel 111 più in alto e in basso del fotogramma di larghezza 2048. L'immagine
risultante viene quindi visualizzata come specificato utilizzando le opzioni di ridimensionamento immagine
descritte nella sezione precedente.
L'illustrazione seguente mostra una sorgente DCI ritagliata a 2,39:1.
28
Capitolo 2 Uso del display
Mostra area mascherata
Quando questa opzione è abilitata, viene utilizzata una maschera parzialmente trasparente anziché una
maschera opaca. Questa opzione è utile, ad esempio, per controllare la riga superiore in un formato 2,39:1 e
vedere quali informazioni possono essere disponibili, se l'headroom deve essere regolato tramite reframing.
L'illustrazione seguente mostra una sorgente DCI ritagliata a 2,39:1 con l'opzione Mostra area mascherata
abilitata.
Imposta opacità maschera
Questa opzione è disponibile quando Mostra zona mascherata è attivo e consente di specificare il grado di
opacità applicato all'area ritagliata. Regolare come necessario per ottenere il bilanciamento desiderato tra le
zone attive e quelle ritagliate del fotogramma.
Lavorare con indicatori
Il display include un set completo di indicatori sovrapponibili che possono essere utilizzati per indicare aree o
zone specifiche del fotogramma. Sono inclusi diversi indicatori standard.
Lavorare con indicatori
29
Indicatori di formato della pellicola
Sono forniti indicatori per i formati standard cinematografici 1,85:1 e 2,39:1. Questi indicatori posizionano
una riga sul bordo del formato della pellicola sia di ingressi sorgente a 17:9 (2048×1080) che a 16:9
(2560×1440, 1920×1080 o 1280×720).
Nel caso di ingressi sorgente a 17:9, le righe sono posizionate sui punti definiti da DCI. Per ingressi a 16:9, le
righe sono posizionate sui punti matematici di questi formati di pellicola. Significa che un formato 1,85:1
utilizzerà righe verticali per gli ingressi sorgente a 17:9 e righe orizzontali per ingressi sorgente a 16:9.
Ingressi sorgente a 17:9
Ingressi sorgente a 16:9
NOTA: È possibile visualizzare contemporaneamente solamente un indicatore di formato della pellicola.
Pertanto, se si è abilitato un indicatore di formato 1,85:1 e si abilita l'indicatore di formato 2,39, l'indicatore di
formato 1,85 verrà disabilitato.
30
Capitolo 2 Uso del display
Indicatori di formato 16:9
Sono forniti indicatori per il formato 16:9. Questi indicatori supportano sia ingressi sorgente a 17:9
(2048×1080) che 16:9 (2560×1440, 1920×1080 o 1280×720).
●
Estrazione 16:9: mostra la zona 16:9 all'interno del fotogramma 17:9. Questo indicatore è disponibile
solo quando si utilizza un ingresso sorgente a 17:9 (4096×2160 o 2048×1080).
●
Azione sicura 16:9: mostra l'area di sicurezza dell'azione all'interno di 16:9 come definita da EBU R19,
Revisione 1. Quest'area viene definita come un riquadro del 3,5% più interno di ogni bordo
dell'immagine.
●
Titolazione sicura 16:9: mostra l'area di titolazione sicura all'interno di 16:9 come definita da EBU R19,
Revisione 1. Quest'area viene definita come un riquadro del 5% più interno di ogni bordo dell'immagine.
L'illustrazione seguente mostra gli indicatori di azione sicura e titolazione sicura in 16:9 visualizzati sullo
schermo.
Lavorare con indicatori
31
Indicatori di formato 4:3
Sono forniti indicatori per il formato 4:3. Questi indicatori supportano sia ingressi sorgente a 17:9
(2048×1080) che 16:9 (2560×1440, 1920×1080 o 1280×720).
●
Estrazione 4:3: mostra la zona 4:3 all'interno del fotogramma 17:9 o 16:9.
●
Azione sicura 4:3: mostra l'area di titolazione sicura all'interno di 4:3 come definita da SMPTE RP 218.
Quest'area viene definita come un riquadro del 5% più interno di ogni bordo dell'immagine.
●
Titolazione sicura 16:9: mostra l'area di titolazione sicura all'interno di 16:9 come definita da SMPTE RP
218. Quest'area viene definita come un riquadro del 10% più interno di ogni bordo dell'immagine.
L'illustrazione seguente mostra gli indicatori di azione sicura e titolazione sicura in 16:9 visualizzati sullo
schermo.
32
Capitolo 2 Uso del display
Indicatori mirino
Sono forniti indicatori per posizionare mirini sullo schermo. Questi indicatori supportano sia ingressi sorgente
a 17:9 (2048×1080) che 16:9 (2560×1440, 1920×1080 o 1280×720).
●
Mirino centrale: fornisce un mirino al centro dello schermo. Il mirino ha una larghezza di 300 pixel e
un'altezza di 300 pixel.
●
Mirino in terzi: fornisce quattro mirini, dividendo lo schermo in terzi in orizzontale e verticale. I mirini
vengono posizionati correttamente per gli ingressi sorgente a 17:9 e 16:9.
La seguente illustrazione mostra gli indicatori di mirino centrale e in terzi sper un ingresso sorgente
16:9.
Colore indicatore
Gli indicatori possono essere definiti in uno tra sette diversi colori:
●
Bianco
●
Rosso
●
Verde
●
Blu
●
Ciano
●
Magenta
●
Giallo
Indicatori personalizzati
Il display fornisce il supporto per la creazione di indicatori personalizzati utilizzando XML come parte dello
schema StudioCal XML. Consultare Uso dello schema StudioCal XML a pagina 76 per informazioni complete
sullo schema StudioCal XML.
Indicatori personalizzati possono includere fino a 16 righe e ogni riga può avere larghezza e colore univoci.
(Sono supportate larghezze di riga fino a 10 pixel).
Sono presenti quattro elementi associati a indicatori personalizzati.
Elemento dell'indicatore
Lo schema StudioCal XML consente di definire fino a dieci righe per indicatore personalizzato. Per il supporto
di questa opzione, un elemento padre dell'indicatore viene utilizzato per racchiudere le informazioni per ogni
Lavorare con indicatori
33
indicatore. Questo elemento contiene due tag, un tag "entries" per specificare il numero di righe
nell'indicatore personalizzato e un tag "product" per definire la visualizzazione per cui gli indicatori sono
realizzati.
Il tag "entries" supporta valori interi compresi tra 1 e 16. Il tag "product" attualmente supporta soltanto un
valore, "Z31x" e "Z27x". Si consiglia di utilizzare "Z27x" per i segni pensati per il monitor.
IMPORTANTE: Il modello Z31x ha un formato e un numero di pixel in orizzontale e verticale diversi rispetto
al modello Z27x. Se un file XML StudioCal è inserito nel Z27x con il prodotto sul valore Z31x, verrà
visualizzato un errore e i segni non verranno importati.
L'elemento deve essere strutturato come segue:
<marker entries="INTEGER, 1–16" product="Z27x">
</marker>
Elemento informazione dell'indicatore
I dettagli di ogni riga dell'indicatore sono archiviati in due elementi. Pertanto un elemento padre
"marker_info" viene utilizzato per racchiudere i dettagli di ogni riga dell'indicatore. Questo elemento non
include alcun tag.
L'elemento deve essere strutturato come segue:
<marker_info>
</marker_info>
Elemento posizione dell'indicatore
Le posizioni di inizio e fine xy di ogni riga dell'indicatore sono memorizzate in un singolo elemento
"marker_pos". L'elemento contiene i tag seguenti:
●
startx: Il punto iniziale nell'asse x della riga. Sono supportati valori interi compresi tra 1 e 2560.
●
endy: Il punto finale nell'asse x della riga. Sono supportati valori interi compresi tra 1 e 2560.
●
starty: Il punto iniziale nell'asse y della riga. Sono supportati valori interi compresi tra 1 e 1440.
●
endy: Il punto finale nell'asse y della riga. Sono supportati valori interi compresi tra 1 e 1440.
L'elemento deve essere strutturato come segue:
<marker_pos startx="INTEGER" endx="INTEGER" starty="INTEGER"
endy="INTEGER"/>
Elemento stile di un indicatore
"width" e "color" di ogni riga sono memorizzati in un unico elemento "marker_style". L'elemento contiene i tag
seguenti:
34
●
width: la larghezza della riga. Sono supportati valori interi compresi tra 1 e 10.
●
color: il colore della riga. Sono supportati i valori seguenti:
○
white
○
red
○
green
○
blue
Capitolo 2 Uso del display
○
cyan
○
magenta
○
yellow
L'elemento deve essere strutturato come segue:
<marker_style width="INTEGER, 1–10" color="VALUE"/>
Esempio di indicatore personalizzato
Di seguito viene presentato un esempio di un file StudioCal XML che mostra l'utilizzo dei tag di un indicatore.
L'esempio disegna due righe per indicare un'area di sottotitolazione sicura 4:3, come definita in EBU R 95.
<?xml version="1.0" encoding="ISO-8859-1"?>
<studiocal>
<marker entries="2" product="Z27x">
<marker_info>
<marker_pos startx="416" endx="416" starty="0" endy="1440"/>
<marker_style width="4" color="red"/>
</marker_info>
<marker_info>
<marker_pos startx="2144" endx="2144" starty="0" endy="1440"/>
<marker_style width="4" color="red"/>
</marker_info>
</marker>
</studiocal>
SUGGERIMENTO: Il disco ottico fornito in dotazione con il display dispone di diversi indicatori personalizzati
già creati che possono essere importati nel display o utilizzati come riferimento per la creazione dei propri
indicatori.
Uso di picture-in-picture (PIP) e dual split 2×1
SUGGERIMENTO: Per visualizzare le sorgenti ad altezza completa fianco a fianco, impostare la risoluzione
dello display a 1280×1440 nel sistema operativo in uso.
Il display supporta sia la visualizzazione PIP, nella quale una sorgente viene sovrapposta ad un'altra, sia
quella dual split 2×1, dove una sorgente è posizionata accanto ad un'altra orizzontalmente. L'utilizzo di dual
split 2×1 fornisce l'orientamento matrice, due colonne per una riga.
Per utilizzare PIP o dual split 2×1:
1.
Collegare una sorgente di ingresso secondaria al display.
2.
Premere uno dei pulsanti del frontalino per attivarli, quindi premere il pulsante Apri menu per aprire il
menu OSD.
3.
Nell'OSD, selezionare Controllo Split/PIP > Abilita Split/PIP, quindi selezionare Picture-in-Picture o
2×1 dual split.
Uso di picture-in-picture (PIP) e dual split 2×1
35
4.
Il display esegue la scansione sugli ingressi secondari per individuare un ingresso valido e utilizzare tale
ingresso per l'immagine PIP. Se si desidera modificare l'ingresso PIP, selezionare Assegna ingressi
nell'OSD, quindi selezionare l'ingresso desiderato (DisplayPort 1, DisplayPort 2, HDMI 1, HDMI 2 o USB
Type-C).
5.
Se si desidera modificare le dimensione del PIP, selezionare Posizione e dimensione PIP nell'OSD, quindi
selezionare Massima, Predefinita, Minima o Personalizzata. Alla dimensione massima, il PIP
visualizzerà pixel-per-pixel tutti i formati di ingresso fino a 2048×1080. Questo per facilitare l'uso del
PIP come confidence monitor. Fare riferimento alla sezione seguente per ulteriori informazioni su
questo uso.
6.
Se si desidera regolare la posizione del PIP, selezionare Posizione e dimensione PIP nell'OSD, quindi
selezionare In alto a sinistra, In alto a destra, In basso a sinistra, In basso a destra o Personalizzata.
Regolazione dell'immagine PIP
Molte delle regolazioni immagine disponibili per l'ingresso principale sono disponibili anche per essere usate
nel PIP. Consultare Comprendere le opzioni di regolazione dell'immagine a pagina 22 e Mascheratura del
formato cinema digitale a pagina 27 per ulteriori informazioni su queste regolazioni.
Le seguenti regolazioni sono disponibili nel PIP. Nessuna è abilitata per impostazione predefinita.
Video legale (64-960)
Se si esegue il monitoraggio di un'uscita del segnale video da una scheda di acquisizione video, ad esempio
AJA Kona o Blackmagic Design Decklink, questa opzione dovrebbe di solito essere attivata poiché i livelli video
vengono tipicamente utilizzati nei flussi di lavoro di post-produzione video.
Sovrascansione per azione sicura
Utilizzare questa opzione se si desidera vedere come l'uscita video in uso verrà visualizzata su un televisore
destinato al consumatore. Questa funzionalità è particolarmente utile quando si desidera assicurare che i
margini per la grafica sottopancia siano corretti e che nulla sia tagliato su un televisore destinato al
consumatore.
Ritaglio cinema digitale
Se si visualizza un segnale in ingresso 2048×1080 come un PIP, è possibile indicare al display di visualizzare il
contenitore DCI completo oppure ritagliare il PIP al formato di 1,85:1 o 2,39:1. Se si ritaglia in base a un
formato, la forma del PIP viene modificata nel formato selezionato. Ai bordi del PIP non saranno visibili bande
nere.
Rinominare ingressi video
È possibile rinominare qualsiasi ingresso video. L'OSD fornisce un menu di nomi consigliati, nonché la
possibilità di fornire un nome personalizzato utilizzando un file StudioCal XML.
Per rinominare ingressi video:
36
1.
Premere un qualsiasi pulsante sul frontalino.
2.
Premere il pulsante Apri menu per aprire l'OSD.
3.
Selezionare Ingresso video > Rinomina ingressi.
Capitolo 2 Uso del display
4.
Utilizzare i pulsanti Su/giù per spostarsi sull'ingresso che si desidera modificare, quindi premere il
pulsante Seleziona per selezionarlo.
5.
Utilizzare i pulsanti Su/giù per spostarsi sull'ingresso desiderato, quindi premere il pulsante Seleziona
per selezionarlo.
Nomi di ingressi video personalizzati
I nomi di ingressi personalizzati possono essere assegnati utilizzando XML come parte dello schema
StudioCal XML. Consultare Uso dello schema StudioCal XML a pagina 76 per informazioni complete sullo
schema StudioCal XML.
Dopo aver creato un nome personalizzato per un ingresso, sarà disponibile come opzione nel menu Rinomina
ingressi fino a quando non viene assegnato un nuovo nome personalizzato o viene eseguito un ripristino delle
impostazioni di fabbrica.
Esistono due elementi associati ai nomi di ingressi video personalizzati.
Elemento ingresso video
Un nome univoco personalizzato può essere assegnato a ogni ingresso video, consentendo la massima
flessibilità. Per il supporto di questa opzione, un elemento padre dell'ingresso video viene utilizzato per
racchiudere le informazioni per ogni nome di ingresso video personalizzato. Questo elemento contiene un tag
"entries" per specificare il numero di nomi di ingressi nel file XML. Il tag "entries" supporta valori interi tra uno
e cinque.
L'elemento deve essere strutturato come segue:
<video_input entries="INTEGER, 1–5">
</video_input>
Elemento informazione dell'ingresso
L'elemento informazione dell'ingresso contiene due tag:
●
●
input: l'ingresso a cui il nome personalizzato sarà assegnato. Sono supportati i valori seguenti:
○
DisplayPort1
○
DisplayPort2
○
HDMI1
○
HDMI2
○
USB
name: il nome personalizzato da assegnare all'ingresso. Sono supportati nomi fino a 16 caratteri di
lunghezza.
L'elemento deve essere strutturato come segue:
<input_info input="INPUT" name="Custom Name"/>
Esempio di nome personalizzato di ingresso video
Di seguito viene presentato un esempio di un file StudioCal XML che mostra l'utilizzo degli elementi del nome
personalizzato dell'ingresso video.
<?xml version="1.0" encoding="ISO-8859-1"?>
Rinominare ingressi video
37
<studiocal>
<video_input entries="2">
<input_info input="DisplayPort1" name="HP Z840"/>
<input_info input="HDMI1" name="AJA Kona"/>
</video_input>
Uso dell'interruttore KVM
È possibile associare due ingressi USB a ingressi video specifici, fornendo la funzionalità di un interruttore
KVM. Per impostazione predefinita, questo funzionalità è disabilitata.
La funzione interruttore KVM consente di controllare due diversi computer dal display. Ad esempio, un
computer può essere utilizzato come un dispositivo dedicato per il flusso di lavoro, mentre l'altro può essere
utilizzato per e-mail, accesso a Internet e così via.
Come connettere i computer al display
Effettuare i seguenti collegamenti di cavi e hardware dai computer al display:
1.
Collegare una tastiera alla porta per tastiera dedicata sul display. La porta per tastiera è ruotata di 90
gradi rispetto alle altre porte.
NOTA: Per ulteriori informazioni sulla posizione della porta per tastiera dedicata, consultare
Componenti posteriori e laterali a pagina 5.
2.
Collegare un mouse e qualsiasi altro dispositivo USB che si desidera condividere tra i due computer a
qualsiasi delle altre porte USB disponibili sul display.
3.
Effettuare una connessione video da ogni computer al display mediante cavi video (DisplayPort, HDMI o
USB Type-C).
4.
Effettuare una connessione dati da ogni computer al display utilizzando un cavo da USB Type-B a Type-A
e un cavo da USB Type-C a Type-A. (Se si è collegato un computer utilizzando la connessione USB Type-C
in precedenza, si utilizzerà la stessa connessione USB Type-C per i dati. Nessuna connessione aggiuntiva
è necessaria).
IMPORTANTE: Quando si controllano due diversi computer dal display, accertarsi che la tastiera sia
collegata alla porta per tastiera dedicata sul display. La porta per tastiera è ruotata di 90 gradi rispetto alle
altre porte.
Come associare gli ingressi USB alle connessioni video
Per configurare il display per riconoscere i computer, utilizzare il menu OSD:
38
1.
Premere un qualsiasi pulsante sul frontalino.
2.
Premere il pulsante Apri menu per aprire l'OSD.
3.
Selezionare Ingresso Video > Associazione porta USB.
4.
Utilizzare i pulsanti Su/giù per spostarsi al valore che si desidera assegnare, quindi premere il pulsante
Seleziona.
5.
Per attivare il KVM: Utilizzare i pulsanti Su/giù per spostarsi su Associa USB 1 e 2 a ingressi specifici,
quindi premere il pulsante Seleziona.
6.
Per impostare associazioni USB 1 (Type-B) o USB 2 (Type-C):
Capitolo 2 Uso del display
a.
Utilizzare i pulsanti Su/giù per spostarsi sulla connessione USB-B, premere il pulsante Seleziona,
quindi selezionare l'ingresso video appropriato per associare la connessione USB-B.
b.
Utilizzare i pulsanti Su/giù per spostarsi sulla connessione USB-C, premere il pulsante Seleziona,
quindi selezionare l'ingresso video appropriato per associare la connessione USB-C.
Per passare tra i computer collegati
▲
Per passare tra i computer collegati, premere la combinazione di tasti CTRL + CTRL + Freccia su sulla
tastiera collegata alla porta per tastiera del display.
Su tastiere con LED, il LED di blocco scorrimento lampeggerà dopo aver premuto la sequenza di tasti CTRL +
CTRL per indicare il passaggio è in corso.
IMPORTANTE: Se si sta passando da un computer all’altro utilizzando l'interruttore KVM, HP non consiglia di
collegare unità disco rigido USB o unità flash alle porte USB sul display. Tutte le porte USB del display passano
da un computer all’altro, il che indica che il trasferimento dei dati tra il computer e l'unità disco rigido USB
collegata o unità flash viene interrotta. In alcuni casi ciò potrebbe causare la perdita dei dati. Collegare
sempre l’unità disco rigido USB o l’unità flash direttamente al computer, se si utilizza la funzione di
commutazione KVM.
Personalizzazione dei pulsanti del frontalino
Il display dispone di sei pulsanti sul frontalino, di cui i quattro superiori sono pulsanti funzione
personalizzabili. È anche possibile modificare il modo in cui i pulsanti di rispondono a una pressione, nonché il
colore e la visualizzazione del LED accanto a ciascun pulsante.
Modifica dei pulsanti funzione del frontalino
I quattro pulsanti funzione del frontalino consentono di accedere rapidamente a comandi o menu usati di
frequente. È anche possibile non assegnare un tasto funzione per semplificare l'interfaccia di visualizzazione.
I menu e i comandi seguenti possono essere assegnati:
●
Impostazioni predefinite spazio colore: consente di visualizzare il menu delle impostazioni predefinite
dello spazio colore. Utilizzare per passare tra le impostazioni predefinite degli spazi colore. Questo
comando è associato al pulsante funzione uno per impostazione predefinita.
●
Regola luminanza: consente di modificare la luminanza del display. Questo comando è associato al
pulsante funzione tre per impostazione predefinita.
●
Selezione ingresso video: consente di visualizzare un menu degli ingressi video disponibili in modo da
poter passare a un altro ingresso, secondo le esigenze. Questo comando è associato al pulsante
funzione due per impostazione predefinita.
●
Ingresso video attivo successivo: utilizzare questo comando per passare rapidamente tra gli ingressi
video attivi. Un ingresso attivo viene definito come un ingresso che riceve un segnale da un computer o
da un'altra sorgente video.
●
Ridimensionamento immagine: consente di aprire il menu Ridimensionamento immagine, che consente
di modificare come una sorgente di ingresso è visualizzata sullo schermo.
●
Area cinema digitale: consente di aprire un menu per scegliere come si desidera visualizzare gli ingressi
sorgente a 4096×2160 o 2048×1080. Se assegnata, questa opzione è disattivata se l'ingresso sorgente
ha una risoluzione diversa da 4096×2160 o 2048×1080.
●
Indicatori: consente di aprire il menu Indicatori, per attivare o disattivare gli indicatori disponibili.
Questo menu si applica soltanto a indicatori di sorgente primaria e non indicatori PIP.
Personalizzazione dei pulsanti del frontalino
39
●
Livelli video (64-960) attivati/disattivati: consente di spostarsi rapidamente tra la visualizzazione
video a gamma completa e a gamma ridotta. Se impostato su gamma completa questo comando sarà
visualizzato come "Livelli video attivati" e quando è impostato su gamma ridotta questo comando sarà
visualizzato come "Livelli video disattivati".
●
Sovrascansione attivata/disattivata: consente di abilitare e disabilitare rapidamente la sovrascansione
video. Quando abilitato, questo comando sarà visualizzato come "Sovrascansione attivata" e quando
disabilitato sarà visualizzato come "Sovrascansione disattivata".
●
Modalità solo blu attivata/disattivata: consente di abilitare e disabilitare rapidamente la
visualizzazione solo blu. Quando disabilitato, questo comando sarà visualizzato come "Modalità solo blu
attivata" e quando abilitato sarà visualizzato come "Modalità solo blu disattivata".
●
Dual split attivato/disattivato: consente di spostarsi rapidamente tra le modalità di visualizzazione a
schermo intero e dual split. Quando in modalità schermo intero questo comando sarà visualizzato come
"Dual split attivato" e quando in modalità dual split questo comando sarà visualizzato come "Dual split
disattivato".
●
PIP attivato/disattivato: consente di accendere e spegnere rapidamente il PIP. Quando abilitato, questo
comando sarà visualizzato come "PIP attivato" e quando disabilitato sarà visualizzato come "PIP
disattivato".
●
Scambia primario/secondario: utilizzare questa opzione per scambiare rapidamente gli ingressi
primario e secondario. L'uso di questa opzione non richiede che il PIP sia abilitato, ma solo che l'ingresso
PIP sia configurato. Per questo motivo, questa opzione può essere utilizzata come un altro metodo di
commutazione rapida tra due ingressi.
●
Mostra informazioni display: Questo comando visualizza informazioni utili sul display comprese
modalità di visualizzazione, spazio colore attivo, numero di serie, revisione firmware e ore di
retroilluminazione. Questo comando è associato al pulsante funzione quattro per impostazione
predefinita.
●
Mostra informazioni spazio colore: questo comando visualizza informazioni utili sullo spazio colore
corrente, incluse le coordinate dei colori primari, le coordinate del punto del bianco e la gamma.
●
Generatore di sequenze di test: questo comando visualizza un elenco di sequenze di test integrate tra
cui nero, bianco, grigio medio, rosso, verde e blu.
●
Vuoto: questo comando cancella un pulsante funzione del frontalino. Quando selezionato, l'etichetta
sarà vuota.
Per modificare le funzioni dei pulsanti del frontalino:
1.
premere uno dei pulsanti del frontalino per visualizzare le etichette dei pulsanti, quindi premere il
pulsante Apri menu per aprire il menu OSD.
2.
Nell'OSD, selezionare Menu e controllo messaggi > Configura pulsanti funzione, quindi selezionare una
delle opzioni disponibili per il pulsante che si desidera riconfigurare.
Modifica della modalità dei pulsanti funzione del frontalino
Per impostazione predefinita, quando si preme un qualsiasi pulsante del frontalino viene visualizzato sullo
schermo un menu a sinistra dei pulsanti che indica il comando assegnato a ciascun pulsante. Quando viene
visualizzato il menu, è possibile premere il pulsante desiderato per eseguire un comando assegnato. Una
volta che si ha dimestichezza con la configurazione del menu è possibile disabilitare la visualizzazione
dell'etichetta dei pulsanti funzione e premere semplicemente il pulsante del frontalino desiderato per
eseguire il comando desiderato. Questo disabiliterà solo la visualizzazione dell'etichetta dei pulsanti funzione
per i comandi dei pulsanti funzione. Una volta aperto l'OSD verranno visualizzate le etichette delle funzioni.
Per modificare la modalità dei pulsanti funzione del frontalino:
40
Capitolo 2 Uso del display
1.
premere uno dei pulsanti del frontalino per visualizzare le etichette dei pulsanti, quindi premere il
pulsante Apri menu per aprire il menu OSD. (Se questa modalità è già stata attivata, premere il pulsante
di funzione inferiore del frontalino per aprire il menu OSD).
2.
Nell'OSD, selezionare Menu e controllo messaggi > Modalità pulsanti funzione e selezionare una delle
seguenti funzioni.
a.
Selezionare Apri prima etichetta pulsante per visualizzare le etichette dei pulsanti quando si
preme un pulsante del frontalino.
b.
Selezionare Esegui comando alla prima pressione per eseguire immediatamente il comando
assegnato quando si preme un pulsante del frontalino.
Regolazione dei LED dei pulsanti del frontalino
I LED dei pulsanti del frontalino dispongono di una funzione di dissolvenza automatica che è attiva per
impostazione predefinita. I LED si dissolvono dopo il periodo di timeout del menu OSD. È possibile modificare
il comportamento dei LED in modo che non si dissolvano e, se la funzione di dissolvenza è disabilitata, è
inoltre possibile regolarne la luminosità.
Per disattivare la funzione di dissolvenza dei pulsanti del frontalino:
1.
Premere uno dei pulsanti del frontalino per attivarli, quindi premere il pulsante Apri menu per aprire il
menu OSD.
2.
Nell'OSD, selezionare Menu e controllo messaggi > Dissolvenza automatica pulsante del frontalino >
Disabilita (sempre attivo).
Se la funzione di dissolvenza dei pulsanti del frontalino è stata disabilitata (come descritto sopra), è possibile
regolare la luminosità dei pulsanti sul frontalino per diversi livelli di illuminazione ambientale.
Per modificare la luminosità dei pulsanti del frontalino:
1.
Premere uno dei pulsanti del frontalino per attivarli, quindi premere il pulsante Apri menu per aprire il
menu OSD.
2.
Nell'OSD, selezionare Menu e controllo messaggi > Luminosità pulsanti del frontalino, quindi
utilizzare la scala di regolazione per impostare i pulsanti alla luminosità desiderata.
È inoltre possibile modificare il colore dei LED dei pulsanti sul frontalino. È possibile rendere i LED dei pulsanti
bianchi o rossi, oppure impostarli per cambiare automaticamente da bianco a rosso quando si riduce
l'illuminazione ambientale. Il rosso dovrà essere utilizzato quando si usa il display in ambienti con scarsa
illuminazione. Il colore bianco del LED, a differenza del rosso, può avere un impatto negativo sulla sensibilità
degli occhi al colore.
Per modificare il colore dei pulsanti del frontalino:
1.
Premere uno dei pulsanti del frontalino per attivarli, quindi premere il pulsante Apri menu per aprire il
menu OSD.
2.
Nell'OSD, selezionare Menu e controllo messaggi > Colore pulsante del frontalino e selezionare
Sempre bianco, Sempre rosso oppure Passa a rosso a 70 cd/m².
Impostazioni predefinite dell'utente
Dato che il monitor offre un'ampia gamma di funzionalità rivolte a specifici flussi di lavoro di produzione e
post-produzione, il display offre un metodo per memorizzare e richiamare rapidamente una configurazione
del display. Le impostazioni predefinite dell'utente consentono di memorizzare la configurazione delle
seguenti impostazioni del display.
Impostazioni predefinite dell'utente
41
●
●
●
●
Impostazioni colore
○
Impostazione predefinita dei colori attiva
○
Luminanza (se modificata rispetto al valore calibrato)
○
Regolazione RGB a valle
Regolazione immagine
○
Ridimensionamento immagine
○
Mascheramento cinema digitale
○
Indicatori
○
Video legale
○
Sovrascansione del fotogramma
○
Solo canale blu
○
Overdrive
○
Deinterlacciamento
○
Rilevamento cadenza
Controllo Split/PIP
○
Stato acceso/spento
○
Modalità (dual split 2×1 o PIP)
○
Assegnazioni ingressi
○
Opzioni video PIP
○
Ritaglio PIP cinema digitale
○
Indicatori PIP
Menu e controllo messaggi
○
Configura pulsanti funzione
Le impostazioni predefinite dell'utente consentono di configurare diverse impostazioni e di richiamarle in
modo semplice e veloce. Ad esempio, se si utilizza il monitor come un display di riferimento per finitura
online, potrebbero essere utili una serie di opzioni configurate specificamente per tale utilizzo. Tali opzioni
potrebbero includere un set di indicatori di azione/titolazione sicura e magari un indicatore personalizzato per
un area bug e un'area di sottotitolazione sicura e livelli legali video attivati.
Le impostazioni predefinite dell'utente possono memorizzare tutte queste impostazioni, in modo da passare
facilmente tra una configurazione standard del display e la configurazione di riferimento. Analogamente, è
possibile avere un'impostazione predefinita separata configurata per essere utilizzate quando si lavora in un
formato cinema per classificazione, che include indicatori e maschere di formato parzialmente trasparenti.
Invece di dover riconfigurare il display ogni volta che si passa tra questi diversi tipi di processi, è possibile
memorizzare ciascuno come un'impostazione predefinita dell'utente.
SUGGERIMENTO: Se lo si desidera, è possibile memorizzare la configurazione predefinita del display
preferita come un'impostazione predefinita dell'utente prima di creare e memorizzare impostazioni
predefinite per flussi di lavoro speciali.
42
Capitolo 2 Uso del display
Creare e salvare un'impostazione predefinita utente
Creare e salvare un'impostazione predefinita utente è semplice.
1.
Configurare il display come desiderato per un determinato scenario di flusso di lavoro. Fare riferimento
all'elenco delle impostazioni memorizzate all'interno di un'impostazione predefinita utente nella sezione
precedente per informazioni su quali impostazioni sono memorizzate.
2.
Al termine della configurazione del display, premere uno qualsiasi dei cinque pulsanti sul lato destro del
frontalino per attivare i pulsanti.
3.
Premere il pulsante Apri menu per aprire l'OSD.
4.
Utilizzare le frecce Su/giù per spostarsi su Carica/Salva impostazione predefinita utente e premere
Seleziona per aprire il sottomenu.
5.
Spostarsi alla sezione Salva impostazione predefinita del menu, quindi all'impostazione predefinita
utente che si desidera utilizzare per memorizzare la configurazione del display.
6.
Premere Seleziona per salvare la configurazione del display come impostazione predefinita dell'utente.
Verrà visualizzato un messaggio per indicare che l'impostazione predefinita è stata salvata.
Attivare un'impostazione predefinita utente
1.
Premere uno qualsiasi dei cinque pulsanti sul lato destro del frontalino per attivare i pulsanti.
2.
Premere il pulsante Apri menu per aprire l'OSD.
3.
Utilizzare le frecce Su/giù per spostarsi su Carica/Salva impostazione predefinita utente e premere
Seleziona per aprire il sottomenu.
4.
Spostarsi alla sezione Carica impostazione predefinita del menu e quindi all'impostazione predefinita
utente che si desidera caricare.
5.
Premere Seleziona per caricare l'impostazione predefinita utente.
Il display sarà vuoto per alcuni secondi mentre l'impostazione predefinita viene caricata. Verrà quindi
visualizzato un messaggio per indicare che l'impostazione predefinita è stata caricata.
SUGGERIMENTO: È possibile assegnare il comando Carica impostazioni predefinite utente a uno dei pulsanti
funzione per passare più facilmente tra le impostazioni predefinite. Questo comando visualizza un menu che
consente di selezionare le impostazioni predefinite dell'utente.
Migrazione di impostazioni predefinite utente tra display
Se si è configurato una o più impostazioni predefinite utente su un display, è possibile utilizzare StudioCal
XML per eseguire la loro migrazione da un display a un altro. Questo metodo può essere utilizzato anche per
archiviare una copia della configurazione delle impostazioni predefinite utente. Consultare Uso dello schema
StudioCal XML a pagina 76 per informazioni complete sullo schema StudioCal XML.
Elemento delle impostazioni predefinite utente
Viene fornito un elemento per salvare e caricare le impostazioni predefinite utente. Questo elemento contiene
un tag, "operation", che supporta due valori: "save" e "load". L'elemento deve essere strutturato come segue:
<user_presets operation="save|load"/>
Impostazioni predefinite dell'utente
43
File delle impostazioni predefinite utente
Quando si salvano impostazioni predefinite utente, viene scritto un file denominato "Z27x_UserPreset.xml"
sull'unità flash USB collegata. Questo file XML contiene tutte le informazioni sulle impostazioni predefinite
utente, ma non è progettato per essere leggibile o modificabile dall'utente. Si consiglia vivamente di non
modificare i valori di questo file. Quando il display individua un file StudioCal XML con un elemento
<user_presets operation="load"/>, cerca il file "Z27x_UserPreset.xml" nella radice dell'unità flash USB
collegata. Quindi carica questo file nel display. Se il file non è preimpostato, viene visualizzato un messaggio
di errore.
Esempio di impostazione predefinita utente
Di seguito sono forniti esempi di file StudioCal XML che consentono di salvare e caricare le impostazioni
predefinite dell'utente.
<?xml version="1.0" encoding="ISO-8859-1"?>
<studiocal>
<user_presets operation="save"/>
</studiocal>
<?xml version="1.0" encoding="ISO-8859-1"?>
<studiocal>
<user_presets operation="load"/>
</studiocal>
Impostazioni predefinite automatiche basate sull'ingresso
Sebbene le impostazioni predefinite dell'utente offrano il grado maggiore di flessibilità e controllo, alcune
informazioni sulla configurazione del display vengono memorizzate automaticamente con ogni ingresso. Se,
ad esempio, si imposta sempre l'ingresso computer su DisplayPort 1 e l'uscita dalla scheda Blackmagic Design
Decklink o AJA Kona su HDMI 2, il display memorizza automaticamente informazioni di configurazione per
ciascun ingresso.
Le impostazioni seguenti vengono memorizzate automaticamente con ogni ingresso.
●
●
44
Impostazioni colore
○
Impostazione predefinita dei colori attiva
○
Luminanza (se modificata rispetto al valore calibrato)
○
Regolazione RGB a valle
Regolazione immagine
○
Ridimensionamento immagine
○
Mascheramento cinema digitale
○
Indicatori
○
Video legale
○
Sovrascansione del fotogramma
○
Solo canale blu
Capitolo 2 Uso del display
○
Overdrive
○
Deinterlacciamento
○
Rilevamento cadenza
Queste impostazioni predefinite automatiche basate sull'ingresso consentono di passare tra due ingressi e
fare in modo che entrambi siano configurati appositamente secondo le esigenze. Questa funzionalità è
particolarmente utile quando si passa tra un computer e un ingresso video, ed è stato concepita
principalmente per questo flusso di lavoro.
Esplorazione dei menu OSD
Utilizzare l'OSD (On-Screen Display) per regolare l'immagine sullo schermo in base alle preferenze di
visualizzazione. Per accedere al menu OSD, procedere come segue:
1.
Premere uno qualsiasi dei cinque pulsanti sul lato destro del frontalino per attivare i pulsanti.
2.
Premere il pulsante Apri menu per aprire l'OSD.
3.
Utilizzare i pulsanti del frontalino per spostarsi, selezionare e regolare le opzioni del menu. Le etichette
dei pulsanti sono variabili a seconda del menu o sottomenu attivo.
NOTA: Le voci del menu OSD che appaiono in grigio non sono supportate con l'ingresso video e le
impostazioni selezionate.
Le tabelle nelle sezioni seguenti elencano le selezioni del menu dell'On-Screen Display (OSD) e le relative
descrizioni funzionali. Le selezioni in grassetto sono i valori predefiniti di fabbrica.
Menu Impostazioni colore
Livello 1
Livello 2
Impostazioni colore
Impostazione predefinita
spazio colore
Livello 3
Livello 4
DCP P3 D65
BT.709
BT.2020
sRGB D65
sRGB D50
Adobe RGB D65
Adobe RGB D50
Originario
Modalità luce blu bassa
Le modalità a luce blu bassa
consentono di ridurre la
quantità di energia spettrale
blu emessa dal display. Le
seguenti modalità a luce blu
bassa utilizzano un gamut sRGB
e una gamma sRGB. Queste
modalità non sono accurate nei
colori e non devono essere
utilizzate per processi in cui il
colore è fondamentale.
Esplorazione dei menu OSD
45
Livello 1
Livello 2
Livello 3
Livello 4
Luce blu bassa
Notte
Lettura
Ripristina impostazione
predefinita colore precedente
Indietro
Regola luminanza
Termometro di regolazione
luminanza
Informazioni sull'impostazione
predefinita spazio colore
[Impostazione predefinita
colore corrente]
Colori primari (u'v' / xy)
●
Rossa: x.xxx x.xxx
●
Blu: x.xxx x.xxx
●
Verde: x.xxx x.xxx
Punto del bianco (u'v' / xy)
●
x.xxx x.xxx
●
Nome punto del bianco
(es. D65)
Gamma (x.x, sRGB, BT.1886)
Passare alla visualizzazione
delle coordinate xy/u'v'
(consente di cambiare le
informazioni da visualizzare
come CIE 1931 xy o CIE 1976
u'v')
Indietro
Ripristina all'ultima
calibrazione
Ripristina alla calibrazione di
fabbrica
Regolazione RGB a valle
Configurazione rosso, verde, blu
Guadagno rosso, verde, blu
Reset
Indietro
Indietro
Menu ingresso video
Livello 1
Livello 2
Ingresso video
DisplayPort 1
DisplayPort 2
46
Capitolo 2 Uso del display
Livello 3
Livello 4
Livello 1
Livello 2
Livello 3
Livello 4
HDMI 1
HDMI 2
USB Type-C
Commutazione automatica
sorgente
Attivo
Non attivo
Indietro
Rinomina ingressi
DisplayPort 1
Workstation 1
DisplayPort 2
Workstation 2
HDMI 1
PC portatile
HDMI 2
Sistema Windows
USB Type-C
Sistema Linux
Indietro
Sistema macOS
Principale
Riproduzione
Client
Personalizzata
Ripristina nome al nome della
porta predefinito
Indietro
Associazione porta USB
È possibile associare i due
ingressi USB a ingressi video
specifici, fornendo la
funzionalità di un interruttore
KVM. Questa funzionalità è
disabilitata per impostazione
predefinita. Come si desidera
configurare gli ingressi USB?
Associazione USB 1 (Type-B)
DisplayPort 1
DisplayPort 2
HDMI 1
HDMI 2
Rilevamento automatico USB
USB Type-C
Utilizza solo USB 1 (Type-C)
Indietro
Utilizza solo USB 2 (Type-C)
Associazione USB 2 (Type-C)
Associa USB 1 e USB 2 a
ingressi specifici
DisplayPort 1
Associazione USB 1 (Type-B)
Associazione USB 2 (Type-C)
Indietro
DisplayPort 2
HDMI 1
HDMI 2
USB Type-C
Indietro
Indietro
Esplorazione dei menu OSD
47
Menu regolazione immagine
Livello 1
Livello 2
Livello 3
Regolazione immagine
Ridimensionamento immagine
Adatta al rapporto altezzalarghezza schermo
(proporzionale)
Livello 4
Adatta a larghezza schermo
(proporzionale)
Adatta ad altezza schermo
(proporzionale)
Riempi in 17:9 (nonproporzionale)
Riempi in 16:9 (nonproporzionale)
Riempi in 1,85:1 (nonproporzionale)
Riempi in 2,39:1 (nonproporzionale)
Pixel-per-pixel
Indietro
Mascheramento cinema
digitale
Mostra contenitore DCI
completo
Maschera in formato DCI 1,85:1
Maschera in formato DCI 2,39:1
Mostra area mascherata
Imposta opacità maschera
Termometro di regolazione
opacità
Indietro
Indicatori
Cancella tutti gli indicatori
Formato 1,85:1
Formato 2,39:1
Estrazione 16:9
Azione sicura 16:9
Titolazione sicura 16:9
Estrazione 4:3
Azione sicura 4:3
Titolazione sicura 4:3
Mirino centrale
Terzi
Utente (StudioCal)
Colore indicatore
Colore indicatore
Bianco
48
Capitolo 2 Uso del display
Livello 1
Livello 2
Livello 3
Livello 4
Rosso
Verde
Blu
Ciano
Magenta
Giallo
Indietro
Indietro
Video legale
Eseguire sovrascansione
fotogramma del 5%
Mostra solo canale blu
Funzioni avanzate
Overdrive
Overdrive può migliorare la
velocità di aggiornamento ed
eliminare le strisciate
dell'immagine, ma altre
caratteristiche, come il PIP,
verranno disabilitate per alcune
risoluzioni di ingresso.
Attivo
Non attivo
Indietro
Deinterlacciatore
Il deinterlacciatore deve essere
abilitato se si utilizza una
sorgente interlacciata (ad
esempio a 1080i). Disabilitare
per controllare la presenza di
errori di codifica di
interlacciamento in una
sorgente progressiva.
Attivo
Non attivo
Indietro
Rilevamento cadenza
Il rilevatore di cadenza
decodifica le cadenze delle
pellicole nelle sorgenti video
(ad es: pulldown 2:3).
Disabilitare per controllare la
presenza di errori di cadenza
nella sorgente.
Attivo
Non attivo
Indietro
Indietro
Esplorazione dei menu OSD
49
Menu di controllo Split/PIP
Livello 1
Livello 2
Controllo Split/PIP
Abilita Split/PIP
Livello 3
Livello 4
Primario (lato sinistro)
DisplayPort 1
Modalità Split/PIP
Dual split 2×1
Picture-in-picture
Assegna ingressi
DisplayPort 2
HDMI 1
HDMI 2
USB Type-C
Indietro
Secondario (lato destro)
DisplayPort 1
DisplayPort 2
HDMI 1
HDMI 2
USB Type-C
Indietro
Scambia primario/secondario
Indietro
Opzioni video PIP
Video legale (64-960)
Sovrascansione per azione
sicura
Indietro
Area cinema digitale PIP
Mostra contenitore DCI
completo
Ritaglia in formato 1,85:1 DCI
Ritaglia in formato 2,39:1 DCI
Indietro
Posizione e formato PIP
Posiz.:
Parte superiore sinistra
Parte superiore destra
Parte inferiore sinistra
Parte inferiore destra
Personalizzata
Utilizzare i pulsanti per
perfezionare la posizione PIP.
Premere indietro al termine.
Dimensioni:
50
Capitolo 2 Uso del display
Livello 1
Livello 2
Livello 3
Livello 4
massimo
Valore predefinito
Minimo
Personalizzata
Utilizzare i pulsanti per
perfezionare la posizione PIP.
Premere indietro al termine.
Indietro
Indietro
Carica/salva impostazione predefinita utente
Livello 1
Livello 2
Carica/salva impostazione
predefinita utente
Le impostazioni predefinite
utente vengono utilizzate per
caricare e salvare la
configurazione delle
impostazioni spazio colore,
regolazione immagine e
controllo split/PIP.
Livello 3
Livello 4
Livello 3
Livello 4
Carica impostazione predefinita
Utente 1
Utente 2
Utente 3
Utente 4
Salva impostazione predefinita
Utente 1
Utente 2
Utente 3
Utente 4
Indietro
Calibrazione
Livello 1
Livello 2
Calibrazione
Ricalibra [impostazione
predefinita attiva]
Configura e calibra
impostazione predefinita
Avanti
Indietro
Installa file StudioCal XML
Esplorazione dei menu OSD
51
Livello 1
Livello 2
Livello 3
Livello 4
Imposta pianificazione
calibrazione
Visualizza pianificazione
calibrazione
La seguente pianificazione della
calibrazione è stata impostata:
Frequenza: Ogni [# ore/giorni/
settimane]
Ora calibrazione: [Giorno della
settimana] alle [ora]
Annulla pianificazione
calibrazione
Annullare la pianificazione
della calibrazione?
Sì, annulla pianificazione
Indietro
Indietro
Allinea strumento interno
Esporta dati dell'ultima
calibrazione
Imposta tempo di
riscaldamento
Si desidera che il display si
attivi ed esegua il
riscaldamento prima di iniziare
a lavorare?
Attivo
Non attivo
Imposta orari di inizio di lavoro
Impostare l'ora in cui si desidera
che il display sia pronto per un
utilizzo in cui il colore è
fondamentale. Il display si
avvierà automaticamente
prima di quest'ora per garantire
la precisione dei colori all'avvio
del lavoro.
[Ora]
Giorni lavorativi
Domenica
Lunedì
Martedì
Mercoledì
Giovedì
Venerdì
Sabato
Indietro
Indietro
Indietro
52
Capitolo 2 Uso del display
Menu lingua
Livello 1
Livello 2
Lingua
Deutsch
Livello 3
Livello 4
繁體中文
簡體中文
English
Español
Français
Italiano
日本語
Nederlands
Português
Menu di gestione
Livello 1
Livello 2
Livello 3
Livello 4
Gestione
Modalità sospensione
automatica
Si desidera che il display vada in
modalità di sospensione quando
non è attivo alcun ingresso video?
Nota: non è possibile eseguire la
calibrazione automatica quando
il display è in modalità di
sospensione.
Mettere lo schermo in modalità di
sospensione
Spegnere solo il pannello
Indietro
Ripristino all'accensione
Si desidera che il display si
riaccenda automaticamente dopo
un'inaspettata interruzione di
corrente?
Attivo
Non attivo
Indietro
Comunicazioni DDC/CI
Si desidera che il display risponda
ai comandi inviati dall'host
tramite DDC/CI?
Attivo
Non attivo
Indietro
Aggiornamento automatico
EDID
Si desidera che il display aggiorni
automaticamente l'EDID quando
si cambiano spazi di colore?
Esplorazione dei menu OSD
53
Livello 1
Livello 2
Livello 3
Attivo
Non attivo
Indietro
Inizializzazione hot-plug
Si desidera che il display avvii un
evento hot plug quando si
cambiano gli spazi colore?
Attivo
Non attivo
Indietro
Rilevamento Hot-Plug
DisplayPort
Si desidera che le connessioni
DisplayPort passino in modalità
basso consumo quando il display
è in modalità di sospensione o
rimangano attive affinché il
display possa rispondere alla
comunicazione dell'host?
Batteria scarica
Sempre attive
Indietro
Compatibilità con DisplayPort
Non tutti i display possono essere
sincronizzati con una connessione
DisplayPort 1.2. Si desidera che
DisplayPort 1 si identifichi come
la versione 1.1 ai display
collegati?
DisplayPort 1.2
Modalità di compatibilità
DisplayPort 1.1
Indietro
Configurazione DisplayPort
EDID
A seconda della revisione del
driver della scheda grafica in uso,
se non si passa a una
configurazione CEA-861 EDID,
potrebbero non essere disponibili
tutte le modalità del display. Si
desidera utilizzare un ID Display o
EDID CEA-861? Tenere presente
che in modalità CEA-861, il
temporizzatore predefinito sarà
3840×2160 a causa delle
limitazioni di CEA-861.
ID Display (temporizzatore
predefinito 4096×2160)
CEA-861 (temporizzatore
predefinito 3840×2160)
Indietro
Configurazione USB Type-C
54
Capitolo 2 Uso del display
Come si desidera configurare la
connessione USB Type-C? La
connessione USB Type-C non può
Livello 4
Livello 1
Livello 2
Livello 3
Livello 4
supportare contemporaneamente
il formato 4K a una frequenza di
aggiornamento di 60 Hz e USB
3.0.
4096×2160 a 60 Hz + dati USB
2.0
4096×2160 a 30 Hz + dati USB
3.0
Indietro
Funzionalità USB in modalità di
sospensione
Come si desidera far funzionare le
porte USB del display quando il
display è in modalità di
sospensione? Se si disattivano gli
hub USB durante la modalità di
sospensione del display, si
risparmierà energia elettrica ma
verranno disconnessi dall'host
tutti i dispositivi collegati. Se si
desidera che i dispositivi USB
rimangano collegati quando il
display è in modalità di
sospensione, abilitare questa
opzione.
Abilita le porte USB durante la
modalità di sospensione
Disabilita le porte USB durante la
modalità di sospensione
Indietro
Processore interno
Si desidera abilitare il processore
interno? Il processore interno
deve essere abilitato per la
calibrazione del display, gli
aggiornamenti del firmware e la
gestione remota.
Attivo
Non attivo
Indietro
Impostazioni data e ora
[Data]
[Ora]
Imposta data e ora
automaticamente
Modifica data e ora
Widget ora (xx : XX AM/PM)
Utilizza formato a 12 ore
Utilizza formato a 24 ore
Widget data (mese / giorno /
anno)
Indietro
Imposta fuso orario
[Elenca tutti i fusi orari validi]
Esplorazione dei menu OSD
55
Livello 1
Livello 2
Livello 3
Livello 4
Passa automaticamente all'ora
legale
Indietro
Configurazione calibrazione
Abilita calibrazione
Consenti utilizzo strumento
esterno
Allinea lo strumento interno al
riferimento
Allinea la posizione dello
strumento
Uniformità della luminanza
Questo display è dotato di
compensazione
dell'uniformità con
uniformità della luminanza
massima. Questo processo,
tuttavia, può ridurre il
rapporto di contrasto del
display. Se necessario, è
possibile disabilitare la
compensazione
dell'uniformità.
Modificando lo stato (acceso
o spento) della
compensazione
dell'uniformità si influenza la
precisione di una calibrazione
colore esistente. Per la
precisione del colore è
necessario ricalibrare il
display dopo aver modificato
questa impostazione.
Abilita uniformità della
luminanza
Disabilita uniformità della
luminanza
Indietro
Assistenza aggiornamento del
firmware
Consentire gli aggiornamenti del
firmware?
Abilita, da USB o rete
Abilita, solo da USB
Abilita, solo da rete
Non attivo
Indietro
Assistenza impostazione
predefinita utente
Consentire il salvataggio delle
impostazioni predefinite
dell'utente?
Attivo
Non attivo
56
Capitolo 2 Uso del display
Livello 1
Livello 2
Livello 3
Livello 4
Indietro
Servizi di gestione remota
Abilita/disabilita server
Abilitare il server Web di
gestione remota interna?
Attivo
Non attivo
Indietro
Modalità configurazione IP
DHCP
Manuale
Indirizzo IPv4:
xxx.xxx.xxx.xxx
Maschera di sottorete IPv4:
xxx.xxx.xxx.xxx
Gateway IPv4:
xxx.xxx.xxx.xxx
Indirizzo MAC
Indietro
Configurazione WS-Management
Abilita WS-Management
Abilita assistenza WSidentity
Indietro
Installa certificato client
Installa certificato server
Reimposta password
amministratore
Protezione dell'applicazione
Quale dato richiedere per la
connessione all'applicazione
Web?
Richiedi solo password
Richiedi password e
certificato client
Indietro
Indietro
Blocca menu gestione
Si desidera bloccare il menu di
gestione? Se bloccato, può essere
sbloccato solo tenendo premuti il
secondo e il quarto pulsante del
frontalino per cinque secondi.
Blocco
Sblocco
Indietro
Esplorazione dei menu OSD
57
Livello 1
Livello 2
Livello 3
Livello 4
Regolazione di fabbrica
Indietro
Menu e menu controllo messaggi
Livello 1
Livello 2
Livello 3
Menu e controllo messaggi
Posizione menu e messaggio
Utilizzare i pulsanti per
regolare la posizione del Menu.
Premere il tasto "Indietro"
quando si è terminato.
Opacità menu e messaggio
Termometro di regolazione
opacità
Timeout menu e messaggio
Termometro di regolazione
timeout
Abilita/disabilita messaggi
Mostra informazioni
all'accensione del display
Livello 4
Mostra informazioni alla
modifica della sorgente di
ingresso
Mostra informazioni alla
modifica dello spazio colore
Attiva promemoria dell'ora di
riscaldamento
Attiva notifica alla scadenza
della ricalibrazione
Indietro
Configura pulsanti funzione
Pulsante funzione 1:
[Assegnazione corrente]
Pulsante funzione 2:
[Assegnazione corrente]
Selezione spazio colore
Regola luminanza
Selezione ingresso video
Pulsante funzione 3:
[Assegnazione corrente]
Passa all'ingresso video attivo
successivo
Pulsante funzione 4:
[Assegnazione corrente]
Visualizzazione formato
Livelli video (16-235) attivati/
disattivati
Sovrascansione attivata/
disattivata
Modalità solo blu attivata/
disattivata
Dual split attivato/disattivato
PIP attivato/disattivato
Scambia ingressi primario/PIP
Mostra informazioni display
58
Capitolo 2 Uso del display
Livello 1
Livello 2
Livello 3
Livello 4
Mostra informazioni spazio
colore
Carica impostazioni predefinite
utente
Generatore di sequenze di test
Vuota (nessuna funzione)
Modalità pulsanti funzione
Apri prima etichetta pulsante
Esegui comando alla prima
pressione
Indietro
Colore pulsante frontalino
Sempre bianco
Sempre rosso
Passa automaticamente a
rosso a 70 cd/m2
Indietro
Luminosità pulsante frontalino
Termometro di regolazione
luminosità
Dissolvenza automatica
pulsante frontalino
Abilita (rispetta timeout del
menu)
Disabilita (sempre attivo)
Indietro
Indietro
Informazioni
Livello 1
Livello 2
Informazioni
Ingresso corrente: Ingresso
corrente
Livello 3
Livello 4
Modalità visualizzazione:
Modalità Visualizzazione
Impostazioni predefinite spazio
colore: Spazio di colore
Luminanza: luminanza
Regolazione RGB a valle: On/Off
Ridimensionamento immagine:
ridimensionamento immagine
Area cinema digitale: area
cinema digitale
Note legali video: On/Off
Sovrascansione: On/Off
Indicatori: On/Off
Esplorazione dei menu OSD
59
Livello 1
Livello 2
Livello 3
Livello 4
Numero di serie: Numero di
serie
Revisione firmware: ID revisione
firmware
Ultima calibrazione: ore xxxxx
Ore di retroilluminazione: ore
xxxxx
Processore interno: On/Off
Server di gestione remota:
On/Off
Indirizzo IPv4: xxx.xxx.xxx.xxx
Indietro
Reset impostazioni predefinite
Aggiornamento automatico EDID
Per impostazione predefinita, il display aggiorna automaticamente l'EDID del display quando si cambiano
spazi di colore.
Se l'aggiornamento EDID automatico è abilitato, l'EDID verrà aggiornato per tutti gli ingressi ogni volta che si
modificano le impostazioni predefinite dello spazio colore attivo. Se l'aggiornamento EDID automatico è
disabilitato, ogni ingresso verrà impostato sui valori predefiniti di fabbrica per lo spazio colore originario.
È possibile abilitare o disabilitare l'aggiornamento EDID automatico nell'OSD:
60
1.
Premere uno qualsiasi dei pulsanti del frontalino sul lato destro del frontalino per attivare i pulsanti.
2.
Premere il pulsante Apri menu per aprire l'OSD.
3.
Nell'OSD, selezionare Gestione > Aggiornamento EDID automatico, quindi selezionare Abilita o
Disabilita.
Capitolo 2 Uso del display
3
Calibrazione del display
Il display è adatto ad applicazioni in cui il colore è di importanza critica, può quindi essere calibrato per
soddisfare i requisiti di produzione e ricalibrato per mantenere la precisione del colore. Il display è autocalibrato con tutti gli algoritmi di calibrazione in esecuzione internamente, pertanto non è necessario alcun
software basato su host. Il display è dotato anche di un colorimetro XYZ integrato, che consente una
calibrazione indipendente. Per coloro che preferiscono utilizzare uno strumento esterno, un'ampia gamma di
strumenti di misurazione di terzi sono supportati. Le funzionalità di calibrazione del display consentono di
adottare un elevato numero di diverse strategie di calibrazione, tra cui la calibrazione automatica on demand
e pianificata.
Calibrazione predefinita
I colori del display sono calibrati in fabbrica con sette impostazioni predefinite di colore calibrate in fabbrica,
allo scopo di offrire configurazioni predefinite per un'ampia gamma di flussi di lavoro e casi d'uso. Tutte le
impostazioni predefinite possono essere ridefinite e calibrate per soddisfare esigenze specifiche. La tabella
seguente elenca le impostazioni predefinite dei colori e fornisce informazioni sulla loro configurazione.
Impostazione
predefinita del
colore
Rosso primario
(CIE xy)
Verde primario
(CIE xy)
Blu primario
(CIE xy)
Punto del
bianco
Gamma/EOTF
Luminanza
DCI-P3 D65
0,680, 0,320
0,265, 0,690
0,150, 0,060
D65
alimentazione
2,4
100 cd/m2
BT.709
0,640, 0,330
0,300, 0,600
0,150, 0,060
D65
BT.1886
100 cd/m²
BT.2020
0,708, 0,292
0,170, 0,797
0,131, 0,046
D65
BT.1886
100 cd/m2
sRGB D65
0,640, 0,330
0,300, 0,600
0,150, 0,060
D65
sRGB
250 cd/m2
sRGB D50
0,640, 0,330
0,300, 0,600
0,150, 0,060
D65
sRGB
250 cd/m2
Adobe RGB D65
0,640, 0,330
0,210, 0,710
0,150, 0,060
D65
alimentazione
2,2
250 cd/m2
Adobe RGB D50
0,640, 0,330
0,210, 0,710
0,150, 0,060
D50
alimentazione
2,2
250 cd/m2
NOTA: Il monitor viene fornito con il set di impostazioni predefinite di fabbrica DCI-P3 D65 invece delle impostazioni predefinite DCIP3 Theatrical. Ciò significa che presenta un diverso punto del bianco, luminanza e gamma rispetto alle impostazioni predefinite
Theatrical. Questa definizione di impostazioni è stata effettuata dopo aver consultato i principali studi di effetti visivi e animazione e
dopo aver stabilito che questo era la configurazione più tipica utilizza dagli artisti. Tuttavia, è possibile creare un'impostazione
predefinita DCI-P3 Theatrical utilizzando i comandi di calibrazione. Inoltre, uno script di calibrazione DCI-P3 Theatrical è incluso nei
campioni StudioCal XML sul disco ottico fornito con il display; lo script ricalibra le impostazioni predefinite di fabbrica DCI-P3 D65 in
DCI-P3 Theatrical.
Preparazione alla calibrazione
La calibrazione utente consente di definire un'impostazione predefinita dei colori specificando i target di
calibrazione (colori primari, punto del bianco, gamma/EOTF e luminanza di picco) e quindi calibrare le
impostazioni predefinite ai target. È possibile eseguire la calibrazione utente in molti modi diversi, tra cui la
selezione delle opzioni menu su schermo o la scrittura di uno script di calibrazione. Discuteremo questi
Calibrazione predefinita
61
metodi in dettaglio più avanti in questa guida per l'utente. Per il momento, stabiliamo prima alcuni nozioni di
base.
Abilitazione del processore interno
Il display viene fornito con il processore interno disabilitato, per ridurre il consumo energetico del display per
soddisfare i requisiti di consumo di energia per alcuni Paesi, ma la calibrazione non può essere eseguita fino a
quando il processore interno è acceso.
SUGGERIMENTO: Per stabilire se il processore è disabilitato, consultare il menu principale dell'OSD. Se il
menu Calibrazione non è disponibile, il processore è disabilitato.
Per abilitare il processore interno:
1.
premere uno dei pulsanti del frontalino per visualizzare le etichette dei pulsanti, quindi premere il
pulsante Apri menu per aprire il menu OSD.
2.
Selezionare Gestione, quindi selezionare Processore interno.
3.
Selezionare Abilita calibrazione per accendere il processore.
4.
Premere il pulsante Esci per chiudere l'OSD.
Attendere circa un minuto affinché il processore venga completamente avviato prima di tentare una
calibrazione.
Abilitazione di calibrazione e strumenti esterni
Per impostazione predefinita, la calibrazione è abilitata e sono consentiti sia strumenti interni che esterni. Ciò
può essere modificato nel menu Gestione. Se si è abilitato il processore interno e non è possibile eseguire la
calibrazione, la calibrazione potrebbe essere disabilitata sul display.
Per abilitare o disabilitare la calibrazione:
1.
premere uno dei pulsanti del frontalino per visualizzare le etichette dei pulsanti, quindi premere il
pulsante Apri menu per aprire il menu OSD.
2.
Selezionare Gestione, quindi selezionare Configurazione calibrazione.
3.
Selezionare Abilita per attivare o disattivare la calibrazione.
4.
Premere il pulsante Esci per chiudere l'OSD.
Inoltre, è possibile controllare se gli strumenti esterni sono consentiti per la calibrazione. Consultare Utilizzo
di strumenti di misurazione esterni a pagina 71 per ulteriori informazioni sugli strumenti esterni.
Per abilitare o disabilitare l'uso degli strumenti esterni:
1.
premere uno dei pulsanti del frontalino per visualizzare le etichette dei pulsanti, quindi premere il
pulsante Apri menu per aprire il menu OSD.
2.
Selezionare Gestione, quindi selezionare Configurazione calibrazione.
3.
Selezionare Consenti l'uso di strumenti esterni per attivare o disattivare il supporto degli strumenti
esterni.
4.
Premere il pulsante Esci per chiudere l'OSD.
Ambiente di calibrazione
L'ambiente di calibrazione consigliato varia a seconda dello strumento utilizzato per la calibrazione. Se si
utilizza il colorimetro integrato o uno strumento a contatto diretto, ad esempio Klein K10-A o X Rite i1Display
62
Capitolo 3 Calibrazione del display
o i1Pro, HP consiglia di calibrare con illuminazione fioca e senza luce diretta sullo schermo. Se si effettua la
calibrazione utilizzando uno strumento non a contatto, ad esempio uno spettroradiometro Photo Research,
HP consiglia vivamente di calibrare in una stanza completamente buia o utilizzare un ambiente chiuso
oscurato, ad esempio un box di calibrazione.
Per calibrare più display, HP consiglia di identificare un'area con luce controllata da cui eseguire le calibrazioni.
Quest'area deve consentire a diversi display di essere disposti e riscaldati prima della calibrazione. Se si
utilizza un strumento su un cavalletto fisso, come spesso accade per gli strumenti Photo Research, HP
consiglia di allineare un display in modo che esso sia posizionato correttamente rispetto allo strumento,
quindi segnare la posizione del tavolo/della panca del display o utilizzare una maschera di montaggio. Ciò
consente di posizionare ciascun display alla posizione di misurazione corretta.
Frequenza di calibrazione
Il pannello IPS avanzato del display è molto stabile, ma i LED di tutte le retroilluminazioni si attenuano
gradualmente nel corso del tempo. Come regola generale, si prevede che un pannello LED moderno si attenui
di circa 1% rispetto alla sua luminanza di picco per ogni 1000 ore di utilizzo. Poiché il monitor dispone sia di
LED blu che rossi, il diverso attenuamento di questi LED può provocare una leggera modifica di colore. Per
molti utilizzi, tuttavia, non si percepisce alcuna modifica di colore anche dopo 2000 o più ore dalla
calibrazione.
Dato che il display è dotato di un strumento di calibrazione integrato, si potrebbe decide di calibrarlo più
frequentemente del solito. La frequenza di calibrazione per l'ambiente deve essere stabilita soprattutto in
base al livello di comfort. Il display può essere impostato per eseguire una ricalibrazione automatica in base a
un programma definito dall'utente, ciò facilita l'esecuzione di ricalibrazioni periodiche.
Riscaldamento del display da un'accensione a freddo
I LED utilizzati nella retroilluminazione del display richiedono un periodo di stabilizzazione prima che il
display sia calibrato. HP consiglia di consentire al display di riscaldarsi in modo che la retroilluminazione
possa stabilizzarsi. Il timer interno del display è configurato per segnalare a se si tenta di calibrare entro 30
minuti dall'accensione del display. Questo tempo di riscaldamento è stato stabilito effettuando misurazioni
programmate del display dall'accensione a freddo. Punto del bianco, colori primari e secondari sono stati
misurati ogni minuto utilizzando uno spettroradiometro Photo Research PR-740. Sequenze ColorChecker
sono state misurate ogni cinque minuti, dato che non tutte le misurazioni potevano essere completate entro
un minuto con il dispositivo PR-740.
Per riferimento, la tabella seguente mostra la precisione del display, espressa come ΔE 2000, in diversi
momenti di riscaldamento dall'accensione a freddo.
Tempo di riscaldamento
Punto del bianco
Colori primari/secondari
Sequenze ColorChecker
15 minuti
< 1,5 ΔE 2000
< 1,0 ΔE 2000
< 1,0 ΔE 2000
30 minuti
< 1,0 ΔE 2000
< 0,5 ΔE 2000
< 0,5 ΔE 2000
45 minuti
< 0,5 ΔE 2000
< 0,25 ΔE 2000
< 0,5 ΔE 2000
60 minuti
< 0,25 ΔE 2000
< 0,25 ΔE 2000
< 0,25 ΔE 2000
Il display può riscaldarsi automaticamente prima dell'inizio del giornata per assicurare che sia pronto per
operazioni in cui il colore ha un'importanza critica, nel momento in cui l'artista si siede alla scrivania.
Quest'opzione riscalda il display per 30 minuti, assicurando che la precisione del display sia inferiore a 1,0 ΔE
2000.
Preparazione alla calibrazione
63
Per impostare il riscaldamento automatico del display:
1.
premere uno dei pulsanti del frontalino per visualizzare le etichette dei pulsanti, quindi premere il
pulsante Apri menu per aprire il menu OSD.
2.
Aprire il menu Calibrazione.
3.
Selezionare Imposta ora di riscaldamento.
IMPORTANTE: È necessario impostare l'orologio interno per impostare una programma di calibrazione.
Per impostare l'orologio, spostarsi su Gestione > Impostazioni di data e ora.
4.
Selezionare Abilita.
5.
Selezionare Imposta orario di inizio lavoro.
6.
Impostare l'ora e i giorni della settimana in cui avviare il riscaldamento del display.
7.
Premere il pulsante Esci per chiudere l'OSD.
Modalità di riscaldamento
Per facilitare un flusso di lavoro di calibrazione in blocco in cui diversi monitor sono calibrati o ricalibrati in una
sessione singola, il display dispone di una modalità di riscaldamento autonoma. Questa modalità consente di
riscaldare più monitor senza collegarli a un computer host. Il display viene riscaldato alla luminanza
specificata nell'impostazione predefinita del colore attiva.
Per abilitare la modalità di riscaldamento autonoma:
1.
Collegare ciascun display a una fonte di alimentazione e assicurarsi che l'interruttore di alimentazione
principale sul retro del display sia in posizione di accensione. A seconda della configurazione del display,
questo si potrebbe accendere immediatamente quando l'interruttore di alimentazione principale è
attivato.
2.
Accendere il display, se necessario, quindi spegnerlo nuovamente utilizzando il pulsante di
alimentazione sulla parte inferiore destra del frontalino. Questa prima accensione avvia l'hardware
interno, mentre il nuovo spegnimento lo porta in stato di sospensione.
3.
Utilizzare i pulsanti sulla parte inferiore destra del frontalino, tenere premuto il pulsante più in alto del
frontalino, quindi premere e rilasciare il pulsante più in basso. In seguito all'accensione delle spie del
frontalino, rilasciare il pulsante superiore.
Il monitor entra nella modalità di riscaldamento e inizia ad eseguire un ciclo di bianco, rosso, verde, blu, ciano,
magenta e giallo a schermo intero. Se un dispositivo sorgente attivo è collegato a uno qualsiasi degli ingressi
del display, la modalità burn-in si spegnerà e sarà sostituita dall'output della sorgente. Se la sorgente è
scollegata, la modalità di riscaldamento riprende nel momento in cui la sorgente non è più presente.
NOTA: Per disattivare la modalità di riscaldamento, accendere e spegnere il display utilizzando il pulsante di
alimentazione del frontalino.
Stabilizzazione della retroilluminazione dopo una modifica della luminanza
La retroilluminazione del monitor funziona in modalità CC "stile analogico", che significa che la tensione ai LED
cambia quando cambia la luminanza FOS (front-of-screen). Di conseguenza, è necessario un periodo di
stabilizzazione della retroilluminazione quando si passa da un'impostazione di luminanza a un'altra. Ciò può
ridurre la precisione della calibrazione, se, ad esempio, il display è stato riscaldato a una luminanza di 250
cd/m² ed è stata richiesta una calibrazione con una luminanza di 100 cd/m², la calibrazione del punto del
bianco calibrazione potrebbe essere errata fino a 2,0 ΔE 2000.
64
Capitolo 3 Calibrazione del display
La retroilluminazione necessita di tempo per stabilizzarsi al nuovo livello di luminanza. Le misurazioni
effettuate con lo spettroradiometro PR-740 indicano che la precisione del punto bianco si trova entro 0,002
CIE xy dopo 10 minuti al nuovo livello di luminanza ed entro 0,001 CIE xy dopo 15 minuti. Per i migliori
risultati, HP consiglia di consentire alla retroilluminazione di stabilizzarsi alla luminanza desiderata prima
della calibrazione. Un modo per farlo è di calibrare per la luminanza desiderata, attendere circa 10-15 minuti,
quindi calibrare nuovamente alla stessa luminanza. La seconda calibrazione sarà molto più accurata della
prima. Per questa ragione stessa, se si passa da un set di impostazioni predefinite ad un altro con livelli di
luminanza notevolmente diversi, attendere almeno 10 minuti prima eseguire valutazioni in cui il colore ha
un'importanza critica.
Metodi di calibrazione utente
La calibrazione utente è il processo di specifica dei target di calibrazione (colori primari, punto del bianco,
gamma/EOTF e luminanza) e quindi di indicazione al display di calibrare per tali target. Esistono tre metodi
principale per la calibrazione utente.
●
Utilizzare una procedura di calibrazione su schermo basata sul menu
Quest'opzione fornisce opzioni di calibrazione d base ed è adatta per la calibrazione di un singolo utente,
quando si desiderano colori primari e gamma/EOTF di spazi colore standard. È disponibile anche
un'opzione per ricalibrare una calibrazione esistente.
●
Calibrazione basata su XML utilizzando StudioCal XML
Quest'opzione offre la maggiore flessibilità di calibrazione, poiché consente di fare molto di più rispetto
a una calibrazione standard. Le funzionalità di StudioCal XML includono le seguenti possibilità:
–
Denominazione personalizzata delle impostazioni predefinite del colore
–
Specifica di colori primari e punto del bianco personalizzati (in CIE xy o CIE u'v')
–
Esecuzione di un passaggio di convalida personalizzato post-calibrazione
–
Sovrascrittura del contenitore memoria di calibrazione di fabbrica
–
Archiviazione di LUT calibrati sull'unità flash USB
Lo schema StudioCal XML fornisce funzionalità aggiuntive che vanno oltre alla calibrazione. Per maggiori
informazioni, vedere Uso dello schema StudioCal XML a pagina 76.
●
Ricalibrazione automatica pianificata
Oltre ai due metodi basati sull'utente, il display può essere configurato per eseguire una ricalibrazione
automatica in base a un programma definito dall'utente.
Calibrazione utente basata su menu
Il metodo basato su menu per la calibrazione utente consente di ricalibrare un'impostazione predefinita
esistente o di specificare una nuova configurazione per un'impostazione predefinita esistente. È possibile
accedere a entrambi dal menu Calibrazione.
Impostazione predefinita di ricalibrazione attiva
Quest'opzione indica al display di ricalibrare l'impostazione predefinita colore attiva. L'impostazione
predefinita è ricalibrata utilizzando i target di calibrazione attuali.
Metodi di calibrazione utente
65
Configura e calibra impostazione predefinita
Utilizzare quest'opzione se si desidera definire un nuovo set di impostazioni di calibrazione basato su gamme
e punti del bianco standard. I menu offrono una serie di opzioni per ogni tipo di target di calibrazione.
Impostazione predefinita del colore
È possibile selezionare otto impostazioni predefinite, tutte configurabili. Ad esempio, è possibile modificare
l'impostazione predefinita Adobe RGB D65 in un'impostazione Cinema DCI. L'impostazione predefinita viene
da rinominata automaticamente dopo la calibrazione pre riflettere la configurazione scelta. Il menu elenca i
nomi correnti.
Gamut di colori
Questo menu offre i seguenti gamut standard:
●
DCI-P3: il gamut standard di settore per la proiezione cinema digitale
●
sRGB/BT.709: il gamut standard per Internet e televisore ad alta definizione
●
BT.2020: il gamut target di un televisore Ultra HD. Non tutti i contenuti Ultra HD sono supportati da BT.
2020
●
Adobe RGB: popolare tra i fotografi professionisti
●
BT.601: il gamut standard di un televisore a definizione standard
●
Gamut nativo del display: il gamut più ampio possibile, utilizzando i colori primari nativi del display
Punto del bianco
Questo menu offre i seguenti punti del bianco standard:
●
D65: il punto del bianco standard per la maggior parte delle produzioni video, nonché la maggior parte
delle attività di computer graphics e design. Può essere utilizzato anche per la produzione
cinematografica.
●
D50: il punto del bianco standard per prove colore e stampa di produzione. È più caldo rispetto al punto
del bianco D65.
●
D55: il punto del bianco tradizionale per la proiezione di film. È il punto del bianco della luce emessa
dalla lampadina di un proiettore per film.
●
DCI-P3: il punto del bianco standard per un proiettore cinematografico digitale.
Gamma/EOTF
Questo menu offre le seguenti opzioni:
66
●
2,2: una gamma di funzione di potenza 2,2 considerata la gamma standard per l'uso con illuminazione
ambiente di livello luce diurna
●
2,4: una gamma di funzione di potenza 2,4 che in precedenza era la gamma standard per ambienti con
illuminazione fioca. Per operazioni video questa funzione gamma è stata sorpassata da BT.1886 EOTF
(funzione trasferimento elettroottica)
●
2,6: una gamma di funzione di potenza 2,6 è la gamma standard per ambienti con illuminazione
cinematografica con fondamentalmente nessuna illuminazione ambientale
Capitolo 3 Calibrazione del display
●
BT.1886: un EOTF che è stata definito dall'International Telecommunication Union (ITU) l'EOTF standard
per produzione e finitura di video professionali ad alta definizione
●
sRGB: un EOTF basato sulla gamma di funzione di potenza 2,2 ma progettato per offrire una migliore
rappresentazione dei neri più scuri passando da una curva a una funzione lineare per i valori inferiori
della scala di grigi
Luminanza
Questo menu fornisce i seguenti valori di luminanza, nonché l'opzione di selezionare un valore di luminanza
tra 48 e 250 candele per metro quadrato (cd/m²):
●
250 cd/m²: la luminanza massima a cui può essere calibrato il display
●
100 cd/m²: la luminanza standard, originariamente definita da SMPTE, per video online e finitura
●
120 e 80 cd/m²: due opzioni che forniscono bracketing dei valori attorno a 100 cd/m², sulla base
dell'illuminazione ambiente tipica in studi di effetti visivi
●
48 cd/m²: la luminanza front-of-screen standard per presentazione cinematografica, equivalente a 17 fl
(footlamberts)
Dopo aver definito la calibrazione e confermato i valori prescelti, viene avviata la calibrazione. La calibrazione
richiederà circa 10 minuti quando si utilizza lo strumento interno, a seconda della luminanza di destinazione.
Il tempo di calibrazione potrebbe essere maggiore con alcuni strumenti esterni. Non spegnere il display
durante il processo di calibrazione. Viene dato un nome all'impostazione predefinita in base ai target di
calibrazione selezionati.
NOTA: Se è collegato un strumento esterno, viene chiesto se si desidera utilizzare lo strumento esterno o
interno per misurazioni di calibrazione. Se si sceglie l'esterno, un obiettivo di allineamento viene fornito sullo
schermo per semplificare il posizionamento dello strumento esterno al centro dello schermo.
Calibrazione StudioCal XML
Il metodo di calibrazione StudioCal XML consente di specificare con molta precisione i target di calibrazione
per un impostazione predefinita colore e calibrare fino a tre impostazioni predefinite di calibrazione in una
singola sessione di calibrazione. StudioCal XML è un schema XML estensibile sviluppato da HP per la
calibrazione e la modifica del display. È stato introdotto per la prima volta con HP DreamColor Z27xG1 Studio
Display ed è stato esteso per supportare le funzionalità aggiuntive di questo display. Sebbene i file XML
StudioCal siano progettati per essere compatibili tra i diversi display HP DreamColor Studio, in questo display
sono disponibili comandi aggiuntivi che non sono riconosciuti dal Z27x G1. Tuttavia, lo schema di calibrazione
fondamentale è progettato per essere compatibile e in molti casi lo stesso file XML può essere condiviso tra
diversi display DreamColor Studio.
Anziché selezionare opzioni di target di calibrazione dai menu, con StudioCal XML è possibile definire questi
target utilizzando tag e oggetti XML. Il codice XML viene quindi salvato come un file denominato
StudioCal.xml e viene memorizzato nella radice di un'unità flash USB. Sono supportate unità flash formattate
come FAT, FAT32 e NTFS. Consultare Uso dello schema StudioCal XML a pagina 76 per apprendere come
utilizzare lo schema XML per scrivere script di calibrazione e di altro tipo.
Per calibrare utilizzando un file StudioCal.xml:
1.
Creare un file denominato StudioCal.xml file e copiarlo nella directory radice (principale) di un'unità flash
USB.
2.
Inserire l'unità flash USB in una delle due porte USB DreamColor sulla parte inferiore del display.
Calibrazione StudioCal XML
67
3.
Viene visualizzato un messaggio che chiede se si desidera utilizzare il file StudioCal.xml sull'unità flash
per calibrare il display.
Se si trova anche un file del firmware sull'unità flash, il display chiede se si desidera utilizzare il file XML
per la calibrazione o installare l'aggiornamento del firmware. Selezionare il file XML.
4.
Se è collegato uno strumento esterno, il display si chiede se si desidera utilizzare lo strumento esterno o
interno per la calibrazione.
Se si seleziona lo strumento esterno, un obiettivo di allineamento viene visualizzato per agevolare il
posizionamento dello strumento.
La calibrazione ha inizio; questo processo durerà circa tre minuti e mezzo se si utilizza lo strumento interno. Il
tempo di calibrazione potrebbe essere maggiore con alcuni strumenti esterni. Non spegnere il display durante
il processo di calibrazione.
Automazione della calibrazione
Poiché il display è stato appositamente progettato per attività in cui il colore ha importanza critica, è
importante che lo schermo rimanga calibrato, per questo motivo il display consente di pianificare una
calibrazione automatica. Questa calibrazione può essere pianificata a intervalli regolari in base alle ore di
utilizzo, alle settimane fisiche o ai mesi fisici. È inoltre possibile specificare quando avviare la calibrazione
automatica, accertandosi che avvenga durante ore di inattività e non interrompa il processo di produzione.
Pianificazione di calibrazioni automatiche
Utilizzare il menu Calibrazione per pianificare la calibrazione. Se non è stato impostato l'orologio interno del
display (Gestione > Impostazioni di data e ora), il display richiede di impostare l'orologio, in modo che le
calibrazioni avvengano nel momento giusto.
Per pianificare calibrazioni automatiche:
1.
Premere un pulsante qualsiasi del frontalino per visualizzare le etichette dei pulsanti funzione.
2.
Premere il pulsante Apri menu per visualizzare il menu principale.
3.
Selezionare Calibrazione.
4.
Selezionare Imposta pianificazione calibrazione.
È necessario impostare l'orologio interno per impostare una programma di calibrazione.
5.
Selezionare la quantità di tempo tra le calibrazioni, quindi selezionare Avanti.
6.
Scegliere la durata appropriata, quindi selezionare Avanti.
7.
Scegliere il giorno della settimana per eseguire la calibrazione, quindi selezionare Avanti.
SUGGERIMENTO: Sebbene sia possibile scegliere qualsiasi giorno e ora, HP consiglia di selezionare un
orario quando il display non è utilizzato, in modo da non interrompere la produzione.
8.
Impostare l'orario in cui eseguire la calibrazione, quindi selezionare Avanti.
9.
Selezionare Conferma ed esci. Si avvia l'orologio e la calibrazione viene eseguita automaticamente.
Visualizzazione della pianificazione delle calibrazioni
Una volta impostata una pianificazione delle calibrazioni, è possibile verificare il programma in Calibrazione >
Visualizza pianificazione calibrazione. (Se non è impostata alcuna pianificazione, verrà richiesto di
impostare una pianificazione.) Questa opzione consente di annullare la pianificazione della calibrazione.
68
Capitolo 3 Calibrazione del display
Utilizzo di un file XML StudioCal per l'automazione
Per impostazione predefinita, il processo di calibrazione ricalibra l'impostazione predefinita utente attiva. Se
si desidera calibrare un'impostazione o impostazioni specifiche, è possibile definirle utilizzando StudioCal
XML e quindi installare il file sul display. Questo file viene quindi utilizzato per l'automazione della
calibrazione.
Per installare un file StudioCal XML:
1.
Creare un file "StudioCal.xml" e copiarlo nella directory radice (principale) di un'unità flash USB.
2.
Inserire l'unità flash USB in una delle porte USB DreamColor sulla parte inferiore del display.
3.
Eliminare qualsiasi messaggio relativo a calibrazione o firmware visualizzato.
4.
Aprire il Menu principale.
5.
Selezionare Calibrazione.
6.
Selezionare Installa StudioCal XML.
Il display cerca un file StudioCal.xml sull'unità flash USB collegata.
Una volta installato, il file verrà utilizzato per tutti le calibrazioni automatizzate successive.
Accesso alle informazioni di convalida della calibrazione automatica
È possibile richiedere informazioni di misurazione dall'ultima calibrazione automatica che contengono le
sequenze RGB e i valori XYZ misurati dallo strumento. Se un file StudioCal XML è stato installato e contiene
elementi di convalida, include anche i valori XYZ misurati dopo la calibrazione per le sequenze di convalida
richieste.
Per scaricare i dati dall'ultima calibrazione:
1.
Inserire un'unità flash USB in una delle porte USB DreamColor. Se l'unità flash contiene file firmware o
StudioCal XML, un messaggio su schermo chiede se si desidera utilizzarli. Annullare qualsiasi menu
visualizzato.
2.
Aprire il menu Calibrazione.
3.
Selezionare Esporta dati dell'ultima calibrazione.
I dati di calibrazione sono scritti sull'unità flash USB inserita.
Allineare il colorimetro interno a uno strumento di riferimento
esterno
Il colorimetro XYZ integrato è stato allineato e calibrato in fabbrica con uno strumento Konica Minolta CA-310.
Sebbene questo allineamento possa essere adatto alle esigenze dell'utente, se si distribuiscono diversi
display, è opportuno allineare il colorimetro interno di questi display a un proprio strumento di riferimento.
Utilizzare il menu Calibrazione per questa operazione. Consultare Utilizzo di strumenti di misurazione esterni
a pagina 71 per ulteriori informazioni sugli strumenti esterni supportati.
Per allineare il colorimetro interno a uno strumento di riferimento esterno:
1.
Lasciare che il monitor si riscaldi per almeno 30 minuti.
2.
Assicurarsi che l'illuminazione ambientale sia impostata al livello corretto: fioca per uno strumento a
contatto e buia per uno strumento non a contatto.
Allineare il colorimetro interno a uno strumento di riferimento esterno
69
3.
Collegare lo strumento esterno da utilizzare per l'allineamento. Annullare qualsiasi menu di calibrazione
visualizzato. Se si utilizza un strumento esterno X-Rite, regolare la posizione dello strumento e il cavo in
modo che non interferiscano con il funzionamento del braccio dello strumento interno.
4.
Aprire il menu Calibrazione.
5.
Selezionare Allineamento strumento interno come da riferimento.
6.
Selezionare Allinea strumenti. Viene visualizzato un obiettivo di allineamento.
7.
Posizionare lo strumento esterno in modo che sia allineato all'obiettivo, quindi premere il pulsante
Avvia allineamento.
Avrà inizio l'allineamento. Se si verifica un errore, il display indica se si è verificato l'errore con lo
strumento esterno o interno. Se l'errore si è verificato con lo strumento esterno, verificare la
configurazione del strumento e assicurarsi che la luce ambientale non sia troppo luminosa per il tipo di
strumento. Se l'errore si è verificato con lo strumento interno, potrebbe essere necessario allineare la
posizione del strumento interno utilizzando l'opzione di menu fornita. Questa procedura richiede circa
un minuto e garantisce che le posizioni di avvio/arresto motore siano correttamente allineate in modo
che lo strumento sia posizionato correttamente di fronte al display.
Riscaldamento automatico del display all'inizio della giornata
Lo schermo può riscaldarsi automaticamente prima dell'inizio della giornata per essere pronto per attività in
cui il colore ha un'importanza critica nel momento in cui l'artista inizia a lavorare. Quest'opzione riscalda il
display per 30 minuti, garantendo una precisione del display inferiore a 1,0 ΔE 2000.
Per riferimento, la tabella seguente mostra la precisione del display, espressa in ΔE 2000, in diversi tempi
riscaldamento. Questi tempi di riscaldamento sono stati stabiliti effettuando misurazioni programmate del
display dall'accensione a freddo. Punto del bianco, colori primari e secondari sono stati misurati ogni minuto
utilizzando uno spettroradiometro Photo Research PR-740. Sequenze ColorChecker sono state misurate ogni
cinque minuti, dato che non tutte le misurazioni ColorChecker possono essere completate in un minuto con il
PR-740.
Tempo di riscaldamento
Punto del bianco
Colori primari/secondari
Sequenze ColorChecker
15 minuti
< 1,5 ΔE 2000
< 1,0 ΔE 2000
< 1,0 ΔE 2000
30 minuti
< 1,0 ΔE 2000
< 0,5 ΔE 2000
< 0,5 ΔE 2000
45 minuti
< 0,5 ΔE 2000
< 0,25 ΔE 2000
< 0,5 ΔE 2000
60 minuti
< 0,25 ΔE 2000
< 0,25 ΔE 2000
< 0,25 ΔE 2000
Per impostare il riscaldamento automatico del display:
1.
Aprire il menu Calibrazione.
2.
Scegliere l'opzione Imposta tempo di riscaldamento e premere Seleziona.
Se l'orologio interno non è stato impostato, il display chiede di impostare prima l'orologio. Immettere la
data e l'ora corrette, impostare l'ora in 12 o 24 ore e impostare il fuso orario.
70
3.
Scegliere Abilita dal menu, quindi premere Seleziona.
4.
Scegliere Imposta orari di inizio di lavoro e premere Seleziona.
Capitolo 3 Calibrazione del display
5.
Impostare l'orario in cui si inizia a lavorare.
6.
Impostare i giorni della settimana che devono essere considerati giorni lavorativi.
Il display si riscalderà solamente nei giorni selezionati.
Utilizzo di strumenti di misurazione esterni
Il monitor è dotato di un colorimetro XYZ ad alta precisione e offre anche supporto nativo per diversi tipi di
strumenti di misurazione, da colorimetri a basso costo a quelli fascia alta e spettroradiometri. Questi
strumenti possono essere utilizzati al posto dello strumento integrato per la calibrazione. Inoltre, gli
strumenti esterni possono essere utilizzati per allineare lo strumento interno.
Molti degli strumenti supportati sono stati selezionati di accordo con gli studi partner di HP e rappresentano
gli strumenti standardizzati nei loro stabilimenti. Alcuni di questi strumenti richiedono configurazioni o
calibrazioni specifiche per poter funzionare correttamente con il display.
Tutti questi strumenti utilizzano USB per collegarsi a una delle porte USB HP DreamColor sul display. Non è
necessario alcun software basato su host per il funzionamento ma potrebbe essere necessario per la
calibrazione e configurazione dello strumento.
IMPORTANTE: Con tutti questi strumenti, è molto importante che lo strumento di misurazione sia
posizionato perpendicolarmente alla superficie del display.
Colorimetri Klein Instruments K10 e K10-A
Si tratta di dispositivi leggeri ad alta velocità, molto accurati, che supportano un contatto diretto con il
monitor o possono essere utilizzati in una stanza oscurata a distanza.
Configurazione
Gli strumenti Klein K10 e K10-A sono forniti pre-calibrati in fabbrica con una matrice display memorizzata
come file cal 15. Se si dispone di un'unità esistente, HP consiglia vivamente di inviare lo strumento Klein per
una ricalibrazione. Tuttavia, se si è in grado di creare una matrice di calibrazione e si ha accesso a un
spettroradiometro, è possibile utilizzare il programma Klein ChromaSurf per generare la propria matrice di
calibrazione. HP consiglia di memorizzare la propria matrice personalizzata come file cal 15, che verrà
caricato per impostazione predefinita quando il K10-A è collegato al display. Tuttavia, utilizzando
StudioCal.XML è possibile specificare un file cal da utilizzare nella calibrazione, che consente di memorizzare
una matrice personalizzata in qualsiasi posizione.
Linee guida per l'utilizzo
Tenere presente i seguenti suggerimenti e linee guida se si utilizza il dispositivo Klein K10-A con il display:
●
Il display può richiedere fino a 10 secondi dopo la connessione dello strumento per visualizzare il primo
menu di calibrazione. Ciò è normale per questo strumento perché è alimentato tramite USB e deve
avviarsi prima di essere in grado di rispondere.
●
Si consiglia la misurazione a contatto diretto con l'utilizzo del paraluce K-10 SF. Ciò consente di calibrare
il monitor in condizioni di illuminazione ambientale tipica (anche se si consiglia comunque
un'illuminazione attenuate per le migliori misurazioni del nero).
Se si utilizza la misurazione a distanza, HP consiglia vivamente di oscurare completamente l'ambiente
per la calibrazione.
●
Se necessario, utilizzare ChromaSurf ricalibrare il livello di nero prima della calibrazione. K10-A
mantiene la propria calibrazione del livello di nero per un periodo prolungato, ma se fosse necessaria
una ricalibrazione, la procedura è molto rapida.
Utilizzo di strumenti di misurazione esterni
71
Dopo la calibrazione del display, se il display mostra la scala di grigi più bassa come grigio chiaro con
poca o nessuna definizione delle ombre, è necessario ricalibrare il livello di nero del K10-A e ricalibrare il
display.
Spettroradiometri Photo Research
Il display supporta la maggior parte degli spettroradiometri Photo Research, tra cui i seguenti:
●
PR-655 SpectraScan
●
PR-670 SpectraScan
●
PR-680 / PR-680L SpectraDuo
●
PR-730 SpectraScan
●
PR-740 SpectraScan
●
PR-788 SpectraScan
Lo strumento di Photo Research deve disporre di interfaccia USB. Ciò è opzionale su alcuni modelli, ma è
necessario per il collegamento al display. Se diverse interfacce sono supportate dallo strumento, il metodo di
comunicazione USB deve essere abilitato e attivo.
Configurazione
Questi strumenti contengono un'ampia gamma di opzioni di configurazione, che possono essere tutte
impostate utilizzando l'interfaccia LCD con schermo tattile sul retro dello strumento. La tabella seguente
elenca la configurazione consigliata per ciascun display.
PR 655
PR 670
PR 680
PR 680L
PR 730
PR 740
Versione firmware
minima
3.12
3.14
3.14
3.14
3.10
3.14-74X
Larghezza di banda
8 nm
—
—
—
2 nm
2 nm
Apertura
—
1 grado
1 grado
1 grado
1 grado
0,5 gradi
Adattiva
Attivata
Attivata
Attivata
Attivata
Attivata
Attivata
Sensibilità
—
Esteso
Esteso
Esteso
Esteso
Esteso
Velocità
—
Normale
Normale
Normale
Normale
Normale
Sync
Auto
Auto
Auto
Auto
Auto
Auto
Smart black
—
Disabilitata
Disabilitata
Disabilitata
Disabilitata
Disabilitata
Modalità sensore
—
—
—
Spectro
—
—
Linee guida per l'utilizzo
Tenere presente i seguenti suggerimenti e linee guida se si utilizza uno spettroradiometro Photo Research
con il display:
72
●
Il display può richiedere fino a cinque secondi dopo la connessione dello strumento per visualizzare il
primo menu di calibrazione. Si tratta di una cosa del tutto normale per questo strumento.
●
Dato che questo strumento è normalmente utilizzato per misurazioni non a contatto, in genere a una
distanza di uno o più piedi, è fondamentale che tutte le misurazioni siano effettuate in un ambiente
completamente buio.
Capitolo 3 Calibrazione del display
●
Misurazioni a contatto possono essere effettuate utilizzando una delle sonde flessibili opzionali, ma fare
molta attenzione a montare correttamente la sonda in modo che sia perpendicolare alla superficie del
display.
●
Per ottenere i migliori risultati, accertarsi di seguire la pianificazione di ricalibrazione dello strumento
consigliata.
Colorimetro Konica Minolta CA-310
Konica Minolta CA-310 è un colorimetro ad alta velocità. Progettato sia per misurazioni indipendenti che per
essere utilizzato esternamente, lo strumento è composto da due componenti: il corpo principale contenente
l'hardware logico principale e una sonda di misurazione leggera. Lo strumento deve essere collegato al
monitor utilizzando un cavo USB A a USB B.
Configurazione
Lo strumento deve essere impostato alla modalità di misurazione xyLv. Cosa più importante, dato che questo
dispositivo è un colorimetro, è necessario eseguire una calibrazione utente (sia del punto del bianco che
matrice) prima di effettuare qualsiasi misurazione del display. La calibrazione utente può essere memorizzata
in qualsiasi canale di memoria, ma quel canale deve essere selezionato prima di collegare lo strumento al
display.
Linee guida per l'utilizzo
Tenere presente i seguenti suggerimenti e linee guida se si utilizza il dispositivo Konica Minolta CA-310 con il
display:
●
Il display può richiedere fino a dieci secondi dopo la connessione dello strumento per visualizzare il
primo menu di calibrazione. Si tratta di una cosa del tutto normale per questo strumento.
●
È necessario eseguire la calibrazione di livello di nero (zero) dopo ogni accensione dello strumento. Se si
stanno calibrando più display, Konica Minolta consiglia che la calibrazione zero venga eseguita ogni ora,
soprattutto se si sta calibrando a un target di luminanza basso, ad esempio 48 cd/m2.
●
Confermare che lo strumento sia stato calibrato correttamente e che il canale di memoria calibrato sia
attivo.
●
Si consiglia la misurazione a contatto diretto utilizzando il paraluce standard. Ciò consente di calibrare il
monitor in condizioni di illuminazione ambientale tipica (anche se si consiglia comunque
un'illuminazione attenuate per le migliori misurazioni del nero).
Se si utilizza una misurazione non a contatto, la distanza dello strumento può essere più di 30 cm dalla
superficie del display. Si consiglia inoltre vivamente di utilizzare un ambiente completamente oscurato
per misurazioni non a contatto.
Spettrofotometri X-Rite i1Pro 2
X-Rite i1Basic Pro 2, i1Photo Pro 2 e i1Publish Pro 2 sono spettrofotometri a basso costo. Se acquistati nuovi
per l'uso con il display, HP consiglia di acquistare i1Basic Pro 2, dato che i1Photo Pro 2 e i1Publish Pro 2
contengono apparecchiature e software aggiuntivi non necessari per la calibrazione del display.
Come con il colorimetro X-Rite i1Display, lo strumento è fornito con il software associato su un disco ottico.
HP consiglia di installare il software, dato che è necessario per calibrare lo strumento prima di utilizzarlo con il
display.
Utilizzo di strumenti di misurazione esterni
73
Configurazione
i1Pro 2 deve essere calibrato prima di utilizzarlo con il software X-Rite. Per ulteriori informazioni, consultare
la guida per l'utente del prodotto.
Linee guida per l'utilizzo
Tenere presente i seguenti suggerimenti e linee guida se si utilizza X-Rite i1 Pro 2 con il display:
●
Il display può richiedere fino a 15 secondi dopo la connessione dello strumento per visualizzare il primo
menu di calibrazione. Si tratta di una cosa del tutto normale per questo strumento.
●
Questo strumento deve essere montato nel supporto display fornito se utilizzato con il display. Regolare
il contrappeso in modo che lo strumento sia a contatto con il pannello del display.
Colorimetro X-Rite i1Display Pro
i1DisplayPro di X-Rite è uno strumento di misurazione a basso costo è disponibile in negozi al dettaglio.
Nonostante lo strumento sia dotato di software di profilazione su disco ottico, il software non deve essere
installato per calibrare il display dato che lo strumento i1Display è collegato direttamente al display.
IMPORTANTE: HP sconsiglia vivamente l'uso del software X-Rite fornito con il display, dato che eseguirà un
profilo del display basato sull'host e non una calibrazione completa del display
Configurazione
Nessuna configurazione è necessaria per lo strumento i1Display Pro. Il display caricherà automaticamente la
matrice di calibrazione richiesta (file EDR) nello strumento quando questo è collegato.
Linee guida per l'utilizzo
Tenere presente i seguenti suggerimenti e linee guida se si utilizza X-Rite i1Display Pro con il display:
●
Il display può richiedere fino a cinque secondi dopo la connessione dello strumento per visualizzare il
primo menu di calibrazione. Si tratta di una cosa del tutto normale per questo strumento.
●
Questo strumento dovrebbe essere utilizzato in modalità di collegamento diretto con il contrappeso
regolato per mantenere la posizione dello strumento durante la calibrazione.
●
HP consiglia di eseguire la calibrazione in un ambiente con illuminazione fioca.
●
Il filtro di luce ambientale deve essere ruotato allontanandolo dalla lente dello strumento prima di
effettuare misurazioni. Se lasciato in posizione, si verificheranno errori di misurazione.
●
i1Display Pro dispone di una tolleranza di errore per la calibrazione di fabbrica di ogni strumento.
Differenze di calibrazione visibili possono verificarsi se viene utilizzata una diversa sonda per ciascun
display. HP consiglia di utilizzare un unico kit i1Display Pro per calibrare tutti i display all'interno di uno
stabilimento o flusso di lavoro.
Spettroradiometro Colorimetry Research CR-250
Colorimetry Research CR-250 è uno spettroradiometro economico che può essere utilizzato come uno
strumento a contatto con il paraluce in gomma opzionale o come un dispositivo di misurazione a distanza con
un sistema di visualizzazione opzionale.
Configurazione
Nessuna configurazione è necessaria per lo strumento CR-250.
74
Capitolo 3 Calibrazione del display
Linee guida per l'utilizzo
Tenere presente i seguenti suggerimenti e linee guida se si utilizza il dispositivo Colorimetry Research CR-250
con il display:
●
Il display può richiedere fino a 15 secondi dopo la connessione dello strumento per visualizzare il primo
menu di calibrazione. Si tratta di una cosa del tutto normale per questo strumento.
●
Se utilizzato come strumento a contatto, HP consiglia di calibrare in un ambiente con illuminazione
fioca.
●
Se utilizzato come strumento non a contatto, HP consiglia vivamente di calibrare in un ambiente buio.
Utilizzo di strumenti di misurazione esterni
75
4
Uso dello schema StudioCal XML
StudioCal XML è un schema XML progettato da HP che consente di controllare dettagliatamente il processo di
calibrazione del display. Contiene elementi e tag che consentono di specificare i target di calibrazione per un
massimo di tre impostazioni predefinite di calibrazione, fornire nomi alle impostazioni predefinite
personalizzati e definire sequenze di convalida da misurare. Viene usato anche per caricare e scaricare LUT di
calibrazione, installare nomi di ingressi personalizzati, indicatori e impostazioni predefinite dell'utente e
caricare e scaricare l‘intera configurazione del display.
SUGGERIMENTO: Una raccolta di file StudioCal XML è fornita sul disco ottico in dotazione con il display. È
possibile scaricare questi file anche dal sito www.hp.com. Questi file possono essere utilizzati direttamente
con il display o come strumenti di apprendimento.
Formato dei dischi e dei nomi di file
Quando si inserisce un'unità USB in una delle porte USB DreamColor, il display cerca un file denominato
StudioCal.xml, che utilizza per la calibrazione.
IMPORTANTE: Il display non cerca eventuali altri file XML, il nome deve quindi essere esatto. Il nome file non
effettua la distinzione tra maiuscole e minuscole.
Le unità USB contenenti un file StudioCal.xml possono essere formattate con FAT16, FAT32 o NTFS.
Dichiarazione
La dichiarazione XML standard deve trovarsi sulla prima riga del file. Sono supportate tutte le codifiche
standard, incluse UTF-8, UTF-16, ISO-8859-1 e così via. Deve essere strutturato come segue:
<?xml version="1.0" encoding="ISO-8859-1"?>
Commenti
Sono supportati i commenti XML, utili per indicare le procedure eseguite dal file XML. Ad esempio, un file
StudioCal XML che la calibra le impostazioni predefinite dello spazio colore BT.709 potrebbe includere la
seguente riga di commento:
<!--BT.709 calibration-->
I commenti possono essere collocati ovunque all'interno del file XML.
Elemento radice
Tutti i comandi StudioCal devono essere racchiusi in un elemento radice <studiocal>. Il comando finale nel file
XML deve essere un tag chiusura per l'elemento radice. Per questo motivo, il livello più elevato di un file
StudioCal XML è strutturato come segue:
<?xml version="1.0" encoding="ISO-8859-1"?>
<studiocal>
</studiocal>
76
Capitolo 4 Uso dello schema StudioCal XML
Elemento di calibrazione
Lo schema StudioCal XML consente di specificare fino a tre diverse impostazioni predefinite di calibrazione.
Per supportare questa possibilità, si utilizza un elemento di calibrazione per racchiudere le informazioni di
configurazione per ciascuna impostazione predefinita. Questo elemento contiene anche un tag "entries" che
può essere utilizzato per specificare il numero di impostazioni predefinite che il file XML deve calibrare.
Questo tag supporta valori interi di uno, due o tre.
Strutturare l'elemento come segue:
<calibration entries="INTEGER, 1–3">
</calibration>
Elemento calibration info
L'elemento "calibration info" è annidato all'interno dell'elemento di calibrazione e viene utilizzato per fornire i
tag di calibrazione core per ciascuna impostazione predefinita da calibrare.
Strutturare l'elemento come segue:
<calibration_info>
</calibration_info>
Tag di calibrazione core
Esistono tre tag di calibrazione core contenuti all'interno di un elemento calibration info. Questi devono
essere presenti in tutti i file di StudioCal XML utilizzati per la calibrazione. Tuttavia, se il file StudioCal XML non
viene utilizzato per la calibrazione,ad esempio se è utilizzato solo per caricare un set di LUT,questi comandi
non devono essere inclusi.
Preimpostazione
Questo tag è utilizzato per specificare il numero impostazioni predefinite dello spazio colore, il nome
dell'impostazione predefinita e il tipo di contenitore di memoria utilizzato per mantenere i dati di calibrazione.
Il tag e gli attributi sono strutturati come segue:
<preset num="INTEGER" name="ALPHA" store="user|factory"/>
num: specifica la posizione di memoria dell'impostazione predefinita. Il display dispone di otto posizioni di
memoria preimpostate, numerate da 0 a 7. Queste impostazioni predefinite vengono presentate sui menu su
schermo in ordine numerico da superiore a inferiore. La tabella seguente elenca i nomi delle impostazioni
predefinite dello spazio colore e il loro numero preimpostato.
Nome predefinito in fabbrica dell'impostazione
Numero dell'impostazione predefinita
DCI-P3 D65
0
BT.709
1
BT.2020
2
sRGB D65
3
sRGB D60
4
Adobe RGB D65
5
Elemento di calibrazione
77
Nome predefinito in fabbrica dell'impostazione
Numero dell'impostazione predefinita
Adobe RGB D50
6
Originario
7
Sono supportati solo numeri di impostazioni predefinite da 0 a 7. Qualsiasi altro numero genererà un errore di
sintassi. HP consiglia vivamente che l'impostazione predefinita nativa (impostazione predefinita num 7) sia
lasciata com'è.
name: specifica il nome assegnato all'impostazione predefinita. Questo nome appare sui menu su schermo. I
nomi hanno lunghezza massima di 14 caratteri e possono essere costituiti da caratteri alfanumerici (A–Za–
z0–9), un punto (.) e uno spazio. Tutti gli altri caratteri ASCII vengono convertiti in punti.
store: specifica il contenitore di memoria che verrà utilizzato e accetta i valori "user" (utente) o "factory"
(fabbrica).
●
Il contenitore di fabbrica è una posizione protetta della memoria dove viene memorizzata la calibrazione
di fabbrica. Quando una calibrazione viene scritta sulla posizione di memoria di fabbrica, viene riscritta
anche la posizione di memoria utente per farla corrispondere alla posizione di memoria di fabbrica.
Questa posizione può essere riscritta solamente con StudioCal XML. Questa opzione è fornita per
consentire di archiviare una calibrazione che possa essere facilmente richiamata utilizzando il comando
"Ripristino alla calibrazione di fabbrica" o "Ripristino delle impostazioni di fabbrica".
●
Il contenitore utente è la posizione di memoria in cui sono memorizzate tutte le calibrazioni basate su
menu. Questa posizione di memoria non è protetta ed è riscritta quando viene eseguito qualsiasi tipo di
calibrazione, oppure quando viene inviato un comando "Calibrazione di fabbrica" o "Ripristino delle
impostazioni di fabbrica".
IMPORTANTE: Sovrascrivere la posizione di memoria di fabbrica rende impossibile ripristinare la
calibrazione originale del display. Non sarà possibile ripristinare la calibrazione originale in caso di un
problema con lo strumento di misurazione. HP consiglia di accertarsi che lo strumento stia funzionando
correttamente prima di utilizzare la posizione di memoria di fabbrica.
Target_primaries
Questa etichetta di calibrazione primaria consente di specificare i colori primari target (rosso, verde, blu), il
punto del bianco e la luminanza in cd/m2 utilizzando CIE xy o CIE u’v’. Sono supportati anche due ulteriori
attributi, come indicato di seguito. Salvo diversamente indicato, sono necessario tutti gli attributi. Il tag e gli
attributi sono strutturati come segue:
<target_primaries rx="FLOAT" ry="FLOAT" gx="FLOAT" gy="FLOAT" bx="FLOAT"
by="FLOAT" wx="FLOAT" wy="FLOAT" wY="INTEGER" use_uv="xy|uv"
external="TRUE|FALSE"/>
rx: il valore CIE x o u’ per il rosso primario. Supporta valori a virgola mobile da 0,0 a 1,0. I valori che
posizionano il colore primario al di fuori del luogo CIE genereranno un errore di calibrazione.
ry: il valore CIE y o v’ per il rosso primario. Supporta valori a virgola mobile da 0,0 a 1,0. I valori che
posizionano il colore primario al di fuori del luogo CIE genereranno un errore di calibrazione.
gx: il valore CIE x o u’ per il verde primario. Supporta valori a virgola mobile da 0,0 a 1,0. I valori che
posizionano il colore primario al di fuori del luogo CIE genereranno un errore di calibrazione.
gy: il valore CIE y o v’ per il verde primario. Supporta valori a virgola mobile da 0,0 a 1,0. I valori che
posizionano il colore primario al di fuori del luogo CIE genereranno un errore di calibrazione.
78
Capitolo 4 Uso dello schema StudioCal XML
bx: il valore CIE x o u’ per il blu primario. Supporta valori a virgola mobile da 0,0 a 1,0. I valori che posizionano
il colore primario al di fuori del luogo CIE genereranno un errore di calibrazione.
by: il valore CIE y o v’ per il blu primario. Supporta valori a virgola mobile da 0,0 a 1,0. I valori che posizionano
il colore primario al di fuori del luogo CIE genereranno un errore di calibrazione.
wx: il valore CIE x o u’ per il punto del bianco primario. Supporta valori a virgola mobile da 0,0 a 1,0. I valori
che posizionano il colore primario al di fuori del luogo CIE genereranno un errore di calibrazione.
wv: il valore CIE y o v’ per il punto del bianco primario. Supporta valori a virgola mobile da 0,0 a 1,0. I valori
che posizionano il colore primario al di fuori del luogo CIE genereranno un errore di calibrazione.
wY: la luminanza target specificata in candele per metro quadrato (cd/m2). Sono supportati valori da 48 a 250
cd/m2.
use_uv: (opzionale) specifica se sono forniti valori CIE xy o CIE u’v’ per colori primari e punto bianco. Questo
attributo accetta i valori "xy" o "uv". Se questo attributo opzionale viene omesso dal tag, si presume siano
utilizzati i valori xy.
external: questo attributo viene utilizzato assieme al tag "external_primaries" per consentire l'utilizzo di
strumenti di misurazione non supportati. Utilizzato come flag, questo attributo supporta valori "TRUE" e
"FALSE". Deve essere impostato come FALSE a meno di includere anche un tag external_primaries nel file
StudioCal XML. L'uso di questo tag è discusso più avanti in questa guida per l'utente.
Gamma
Questo tag consente di specificare la gamma o l'EOTF da utilizzare per le impostazioni predefinite dello spazio
colore. Il tag contiene un attributo ed è strutturato come segue:
<gamma value="FLOAT|sRGB|BT1886|EPD"/>
L'attributo "value" supporta i seguenti valori:
1,0–3,0: valori di gamma di funzione di potenza. I valori tipici sono 2,2, 2,4 e 2,6.
sRGB: genera un EOTF sRGB per sRGB standard. Questa curva EOTF è approssimativamente equivalente a una
gamma 2,2 con un segmento lineare nell'area inferiore.
BT1886: genera un EOTF ITU-R BT.1886. Questo EOTF è progettato per rappresentare più accuratamente la
risposta desiderata per la produzione di video e viene in genere utilizzato con i colori primari BT.709 e BT.
2020.
EPD: Genera un Equal Probability of Detection (uguale probabilità di rilevamento) EOTF, come specificato nel
documento della Society for Information Display Information Display Measurement Standard. Questa
funzione di scala di grigi è progettata per la visualizzazione di immagini satellitari allo scopo di rendere gli
oggetti di interesse a basso contrasto più fiochi, più facilmente leggibili se all'interno di aree più luminose
nell'immagine.
Esempi di tag di calibrazione core
Di seguito sono presentati esempi di un file StudioCal XML che mostrano l'utilizzo dei tag di calibrazione core.
Il primo esempio indica al display di calibrare un'impostazione predefinita con colori primari BT.709, un punto
del bianco D65 e una gamma BT.1886. Memorizza la calibrazione nella posizione di memoria utente.
<?xml version="1.0" encoding="ISO-8859-1"?>
<!--BT.709/BT.1886 calibration-->
<studiocal>
<calibration entries="1">
Tag di calibrazione core
79
<calibration_info>
<preset num="3" name="BT.709" store="user"/>
<gamma value="bt1886"/>
<target_primaries rx="0.640" ry="0.330" gx="0.300" gy="0.600"
bx="0.150" by="0.060" wx="0.3127" wy="0.329" wY="80"
external="FALSE"/>
</calibration_info>
</calibration>
</studiocal>
Questo secondo esempio indica al display di calibrare due impostazioni predefinite, la prima con colori primari
BT.709, un punto del bianco D65 e una gamma BT.1886. La seconda sarà calibrata con colori primari DCI-P3,
un punto del bianco P3 e una gamma 2,6. Memorizza i entrambi le calibrazioni nella posizione di memoria di
fabbrica.
<?xml version="1.0" encoding="ISO-8859-1"?>
<!--BT.709/BT.1886 calibration-->
<studiocal>
<calibration entries="2">
<calibration_info>
<preset num="3" name="BT.709" store="factory"/>
<gamma value="bt1886"/>
<target_primaries rx="0.640" ry="0.330" gx="0.300" gy="0.600"
bx="0.150" by="0.060" wx="0.3127" wy="0.329" wY="80"
external="FALSE"/>
</calibration_info>
<calibration_info>
<preset num="5" name="DCI P3" store="factory"/>
<gamma value="2.6"/>
<target_primaries rx="0.680" ry="0.320" gx="0.265" gy="0.690"
bx="0.150" by="0.060" wx="0.314" wy="0.351" wY="48"
use_uv="false" external="false"/>
</calibration_info>
</calibration>
</studiocal>
Generazione di un profilo ICC
In alcuni flussi di lavoro, è necessario un profilo ICC dell'impostazione predefinita calibrata. Il profilo può
essere generato utilizzando un tag save_icc. Questo tag indica al display di calcolare un profilo ICC per
80
Capitolo 4 Uso dello schema StudioCal XML
l'impostazione predefinita calibrata e di scriverlo sull'unità flash USB contenente il file StudioCal XML.
Calcolare un profilo ICC richiede l'esecuzione di ulteriori misurazioni successive alla calibrazione, per questo
motivo le calibrazioni con spettroradiometro potrebbero richiedere tempi molto più lunghi.
Questo tag contiene un attributo ed è strutturato come segue:
<save_icc value="TRUE|FALSE"/>
Se "value" viene impostato su TRUE, vengono eseguire misurazioni estese della scala di grigi inferiore. Se il
valore è impostato su FALSE, il tag viene ignorato.
Questo tag deve essere collocato all'interno dell'elemento <calibration_info>, insieme ai tag di calibrazione
core. Questo tag richiede inoltre l'inclusione del tag <validation> nel file XML e che questo sia impostato su
TRUE. Consultare Convalida a pagina 82 per informazioni sul tag <validation>.
I profili ICC generati sono denominati utilizzando la convenzione PRESETNUM-PRESETNAME.ICC. Pertanto,
un'impostazione predefinita di calibrazione con il tag di impostazione predefinita <preset num="3"
name="BT.709" store="factory"/>, viene denominato 3-BT.709.ICC. Fare riferimento alla documentazione del
proprio sistema operativo e/o applicazione per informazioni su dove memorizzare questi profili ICC sul
computer e come attivarli.
Tag di calibrazione opzionali
I seguenti tag opzionali possono essere aggiunti ai tag di calibrazione core per fornire funzionalità aggiuntive.
Questi tag opzionali devono essere collocati prima dell'elemento <calibration>; non possono essere annidati
all'interno di esso. Nessuno di questi tag è richiesto in un file StudioCal XML.
Media delle misurazioni
Questo tag consente di eseguire diverse misurazioni e calcolare la media. Se si utilizza un colorimetro per
misurazioni di calibrazione, potrebbe essere desiderabile eseguire diverse misurazioni dei livelli inferiori della
scala di grigi per compensare il rumore presente in alcuni colorimetri.
NOTA: Dato che gli spettroradiometri presentano meno rumore nella scala di grigi inferiore, quest'opzione
non è in genere utilizzata quando si eseguono misurazioni con questi strumenti.
Il tag contiene due attributi ed è strutturato come segue:
<average_meas N="INTEGER" use_below_RGB="INTEGER"/>
N: il numero di misurazioni da eseguire e di cui calcolare la media. Sono supportati valori interi compresi tra 2
e 10.
use_below_RGB: il valore della scala di grigi RGB al di sotto del quale si desiderano eseguire diverse
misurazioni di cui calcolare la media. È supportato un singolo valore a 8 bit compreso tra 1 e 255.
Impostare segmento lineare
Questo tag consente di specificare un valore della scala di grigi in cui la gamma passerà dalla curva calcolata a
una pura transizione lineare a zero, per consentire di simulare le prestazioni misurate di alcuni proiettori.
Il tag contiene un attributo ed è strutturato come segue:
<set_linear_section value="INTEGER"/>
L'attributo "value" supporta valori a 10 bit compresi tra 1 e 1024.
Tag di calibrazione opzionali
81
Selezionare un file cal Klein
Questo tag è specifico per i dispositivi Klein K10 e K10-A e consente di specificare un eventuale file cal
memorizzato nello strumento come la matrice utilizzata per le misurazioni. Il file cal predefinito è 15 e questo
è quello calibrato da Klein Instrument, ma è possibile anche generare la propria matrice utilizzando
ChromaSurf.
Questo tag contiene un attributo ed è strutturato come segue:
<klein_cal value="INTEGER"/>
L'attributo "value" supporta valori interi da 0 a 89.
Limitazione del rapporto di contrasto
In alcuni flussi di lavoro,ad esempio la visualizzazione di carta da giornale,è utile avere un rapporto di
contrasto inferiore al rapporto di contrasto nativo del display. Il display offre un tag per questo flusso di
lavoro. Il tag è dotato di un argomento ed è strutturato come segue:
<cr_set cr="150"/>
cr: specifica il rapporto di contrasto desiderato.
Quando questo tag si trova nel file XML, un livello di nero 0 verrà calcolato utilizzando i valori cr e wY. Il
risultato è una calibrazione con un rapporto di contrasto inferiore su schermo e un livello di nero più elevato
rispetto al normale. Questo tag deve essere collocato prima dell'elemento <calibration>.
Convalida
Dopo la calibrazione, è possibile istruire il display di misurare una serie di sequenze e registrare le misurazioni
in un file di testo sull'unità flash che contiene il file StudioCal.xml.
Convalida attivata/disattivata
Questo tag consente di specificare se eseguire la convalida dopo la calibrazione. Si tratta di un tag opzionale
ed è richiesto solo se si desidera abilitare la convalida. Supporta un stato disattivato per consentire di
modificare rapidamente l'attributo senza rimuovere tutti i tag di convalida dal file StudioCal XML.
Il tag contiene un attributo ed è strutturato come segue:
<validate_flag value="TRUE|FALSE"/>
Se "value" viene impostato su FALSE, tutti gli altri tag di convalida nella flag XML sono ignorati. Tuttavia,
possono verificarsi due diversi comportamenti se "value" viene impostato su TRUE:
●
se gli altri tag di convalida sono presenti, il display leggerà tali tag per stabilire le sequenze da misurare.
●
se gli altri tag di convalida non sono presenti,verranno visualizzate e misurate le sequenze X-Rite
ColorChecker.
Elemento padre della sequenza di convalida
Questo elemento padre contiene gli elementi figlio che forniranno le terne RGB delle sequenze da
visualizzare. Contiene anche un attributo che consente di specificare il numero di sequenze che saranno
misurate. Tenere presente che in quanto elemento padre, un tag di chiusura deve essere utilizzato dopo
l'elenco di elementi figlio.
Il tag contiene un attributo ed è strutturato come segue:
<validation_pattern entries="INTEGER"/>
82
Capitolo 4 Uso dello schema StudioCal XML
L'attributo "entries" supporta valori compresi tra 1 e 10.
Elemento figlio della sequenza di convalida
L'elemento figlio definisce i valori RGB che verranno visualizzati per ogni sequenza. Contiene tre elementi ed è
strutturato come segue:
<valid_rgb r="INTEGER" g="INTEGER" b="INTEGER"/>
Tutti e tre gli attributi accettano valori a 8 bit da 0 a 255.
Esempio di codice di convalida
Di seguito è presentato il file XML illustrato in precedenza, questa volta con l'aggiunta dei tag di convalida.
Visualizzerà bianco al 100%, nero, rosso, verde e blu.
<?xml version="1.0" encoding="ISO-8859-1"?>
<!--BT.709/BT.1886 calibration-->
<studiocal>
<validate_flag value="TRUE"/>
<validation_pattern entries="8">
<valid_rgb r="255" g="255" b="255"/>
<valid_rgb r="0" g="0" b="0"/>
<valid_rgb r="255" g="0" b="0"/>
<valid_rgb r="0" g="255" b="0"/>
<valid_rgb r="0" g="0" b="255"/>
<valid_rgb r="0" g="255" b="255"/>
<valid_rgb r="255" g="0" b="255"/>
<valid_rgb r="255" g="255" b="0"/>
</validation_pattern>
<calibration entries="1">
<calibration_info>
<preset num="3" name="BT.709" store="user"/>
<gamma value="bt1886"/>
<target_primaries rx="0.640" ry="0.330" gx="0.300" gy="0.600"
bx="0.150" by="0.060" wx="0.3127" wy="0.329" wY="80"
external="FALSE"/>
</calibration_info>
</calibration>
</studiocal>
Convalida
83
File dei risultati di convalida
Quando è abilitata la convalida, viene creato un file di testo contenente tutte le misurazioni effettuate
durante la calibrazione. Il nome del file include il numero di serie del display e un numero univoco a tre cifre. Il
file è suddiviso in diverse parti, con linee intestazione con prefisso # per ogni sezione. Salvo sia diversamente
indicato, se la sezione contiene misurazioni vengono elencati i dati delle terne RGB (in RGB 8 bit) e di
misurazione (in CIE XYZ) per ciascuna sequenza.
Il file è costituito dalle seguenti sezioni:
●
#Calibration Equipment: elenco degli strumenti di misurazione utilizzati per la calibrazione.
●
#MEAS_NUM: il numero di misurazioni effettuate durante la caratterizzazione del display.
●
#MEAS_DATA: le misurazioni effettuate per caratterizzare il display.
●
#PRESET NAME: il nome assegnato all'impostazione predefinita.
●
#VALID RGB o #Color Checker: definisce se sono stati utilizzati per la convalida le sequenze fornite
dall'utente o le sequenze X-Rite Color Checker. Questa intestazione è seguita da dati della terna RGB e
della misurazione post calibrazione per ogni sequenza.
●
#Primary Colors: misurazioni successive alla calibrazione di colori primari al 100% di saturazione.
●
#Secondary Colors: misurazioni successive alla calibrazione di colori secondari al 100% di saturazione.
●
#Target Primaries: i valori CIE xy per i colori primari e il punto del bianco desiderati e la luminanza del
punto del bianco in cd/m2.
●
#Calibrated Primaries: le misurazioni CIE xy per i colori primari e il punto del bianco calibrati e la
luminanza del punto del bianco in cd/m2.
●
#Calibrated Secondaries: le misurazioni CIE xy per i colori secondari calibrati.
Archiviazione, scaricamento e caricamento di LUT
StudioCal XML offre tre diversi tag che consentono di salvare i LUT su un'unità USB o di caricarli sul display da
un'unità USB.
Archiviazione LUT
Progettato per essere utilizzato con una calibrazione, il tag di archiviazione LUT indica al display di scaricare i
LUT calibrati e la matrice sull'unità flash USB contenente il file studiocal.xml. I file vengono memorizzati in
una cartella e il nome della cartella assegnato è il nome dell'impostazione predefinita calibrata.
Il tag contiene un attributo ed è strutturato come segue:
<archive_lut_flag value="TRUE|FALSE"/>
Se "value" viene impostato su TRUE, alla fine della calibrazione i LUT saranno scaricati sull'unità flash. Se il
valore è impostato su FALSE, il tag viene ignorato.
Scaricamento LUT
Progettato per essere utilizzato indipendentemente da una calibrazione, il tag di scaricamento LUT indica al
display di scaricare il LUT calibrato e la matrice sull'unità USB contenente il file studiocal.xml.
84
Capitolo 4 Uso dello schema StudioCal XML
Scaricare l'elemento padre LUT
Questo elemento padre contiene un attributo che consente di specificare il numero di impostazioni predefinite
colore i cui LUT saranno scaricati. Tenere presente che in quanto elemento padre, un tag di chiusura deve
essere utilizzato dopo l'elenco di elementi figlio.
Il tag contiene un attributo ed è strutturato come segue:
<download_lut entries="INTEGER"/>
</download_lut>
L'attributo "entries" supporta valori compresi tra 1 e 6.
Scaricare l'elemento figlio LUT
L'elemento figlio definisce l'impostazione predefinita che sarà scaricata. Contiene due attributi ed è
strutturato come segue:
<lut_details num="INTEGER" folder="ALPHA"/>
num: il numero di impostazioni predefinite che si desidera scaricare. Sono supportati valori interi da 0 a 7.
folder: il nome della cartella sull'unità flash USB dove si desiderano memorizzare i file LUT. Se la cartella non
è presente sull'unità, sarà creata.
store: specifica il contenitore di memoria da cui scaricare e accetta i valori "user" (utente) o "factory"
(fabbrica). Il display contiene due diversi contenitori di memoria: fabbrica e utente.
●
Il contenitore di fabbrica è una posizione protetta della memoria dove viene memorizzata la calibrazione
di fabbrica. Quando una calibrazione viene scritta sulla posizione di memoria di fabbrica, viene riscritta
anche la posizione di memoria utente per farla corrispondere alla posizione di memoria di fabbrica.
Questa posizione può essere riscritta solamente con StudioCal XML. Questa opzione è fornita per
consentire di archiviare una calibrazione che possa essere facilmente richiamata utilizzando il comando
"Ripristino alla calibrazione di fabbrica" o "Ripristino delle impostazioni di fabbrica".
●
Il contenitore utente è la posizione di memoria in cui sono memorizzate tutte le calibrazioni basate su
menu. Questa posizione di memoria non è protetta ed è riscritta quando viene eseguita qualsiasi tipo di
calibrazione o se viene inviato un comando "Calibrazione di fabbrica" o "Ripristino delle impostazioni di
fabbrica".
Esempio di scaricamento LUT
Di seguito è presentato un esempio di un file StudioCal XML che scarica i LUT per due impostazioni predefinite,
impostazione predefinita 0 e 3.
<?xml version="1.0" encoding="ISO-8859-1"?>
<studiocal>
<download_lut entries="2">
<lut_details num="0" folder="0-GS DCI D65" store="user"/>
<lut_details num="1" folder="1-GS BT.709" store="user"/>
</download_lut>
</studiocal>
Archiviazione, scaricamento e caricamento di LUT
85
Caricamento LUT
Progettato per essere utilizzato indipendentemente da una calibrazione, il tag di caricamento LUT indica al
display di caricare i file LUT memorizzati sull'unità USB collegata e installarli nell'impostazione predefinita
dello spazio colore specificata.
Caricare l'elemento padre LUT
Questo elemento padre contiene un attributo che consente di specificare il numero di impostazioni predefinite
colore i cui LUT saranno caricati.
NOTA:
In quanto elemento padre, un tag di chiusura deve essere utilizzato dopo l'elenco di elementi figlio.
Il tag contiene un attributo ed è strutturato come segue:
<upload_lut entries="INTEGER"/>
</upload_lut>
L'attributo "entries" supporta valori compresi tra 1 e 6.
Caricare l'elemento figlio LUT
Il tag contiene quattro attributi ed è strutturato come segue:
<lut_details num="INTEGER" name="ALPHA" folder="ALPHA" store="user|
factory"/>
num: il numero dell'impostazione predefinita a cui caricare. Sono supportati valori interi da 0 a 6.
name: il nome dell'impostazione predefinita che si sta creando. I nomi hanno lunghezza massima di 15
caratteri e possono essere costituiti da caratteri alfanumerici (A–Za–z0–9), un punto (.) e uno spazio. Tutti gli
altri caratteri ASCII vengono convertiti in punti.
folder: il nome della cartella sull'unità flash USB dove sono memorizzati i file LUT.
store: il nome del contenitore di memoria che sarà utilizzato e accetta i valori "user" (utente) o "factory"
(fabbrica). Il display contiene due diversi contenitori di memoria: fabbrica e utente.
●
Il contenitore di fabbrica è una posizione protetta della memoria dove viene memorizzata la calibrazione
di fabbrica. Quando una calibrazione viene scritta sulla posizione di memoria di fabbrica, viene riscritta
anche la posizione di memoria utente per farla corrispondere alla posizione di memoria di fabbrica.
Questa posizione può essere riscritta solamente con StudioCal.XML. Questa opzione è fornita per
consentire di archiviare una calibrazione che possa essere facilmente richiamata utilizzando il comando
"Ripristino alla calibrazione di fabbrica" o "Ripristino delle impostazioni di fabbrica".
●
Il contenitore utente è la posizione di memoria in cui sono memorizzate tutte le calibrazioni basate su
menu. Questa posizione di memoria non è protetta ed è riscritta quando viene eseguita qualsiasi tipo di
calibrazione o se viene inviato un comando "Calibrazione di fabbrica" o "Ripristino delle impostazioni di
fabbrica".
Esempio di caricamento LUT
Di seguito è presentato un esempio di un file StudioCal XML che carica i LUT per l'impostazione predefinita 6.
<?xml version="1.0" encoding="ISO-8859-1"?>
<studiocal>
<upload_lut entries="1">
<lut_details num="0" name = "GS DCI D65" folder="0-GS DCI D65"
86
Capitolo 4 Uso dello schema StudioCal XML
store="factory"/>
</upload_lut>
</studiocal>
Struttura della cartella LUT
Una cartella LUT deve contenere tre file di testo. Ogni file è dotato di un nome che identifica nome e numero
dell'impostazione predefinita e il tipo di informazioni memorizzate all'interno del file, oppure "name-numtype" (nome-numero-tipo). Ad esempio, se il nome dell'impostazione predefinita è "BT.709" e il numero è "2",
ciascun nome file LUT ha il prefisso "BT.709-2". I seguenti file sono richiesti in una cartella LUT:
Name-num-3D.cube: un file di testo ASCII che è conforme con il formato .cube. Il LUT 3D utilizzato dal display
è un cubo 17×17×17 con valori interi a bit 12 per ogni vertice. La documentazione per il formato .cube è
gestita da Adobe ed è disponibile online.
name-num-PostLUT.txt: un file di testo ASCII che è conforme con il formato ASCII 1D. Il PostLUT utilizzato dal
display dispone di 1024 voci, con i valori interi a 14 bit per ciascuna voce.
La prima riga del file LUT è la dichiarazione e indica il numero di LUT nel file (solitamente 3, uno ciascuno per
rosso, verde e blu), il numero di voci in ogni lut e la precisione di bit dei valori LUT. Ad esempio, i LUT scaricati
dal display hanno la dichiarazione seguente:
LUT: 3 1024 14-bit
Commenti opzionali possono essere utilizzati per memorizzare l'impostazione predefinita dello spazio colore
per cui il LUT è stato generato, il tipo di LUT (PreLUT o PostLUT) e l'inizio del LUT di ogni canale. Il display
genera automaticamente tutti questi commenti per rendere il file LUT più leggibile dagli esseri umani. Il
seguente è un esempio di file LUT:
# BT.709 #
# PostLUT #
# Begin Red #
0
1
…
16344
16383
#Begin Green #
0
1
…
16344
16383
#Begin Blue #
0
1
Archiviazione, scaricamento e caricamento di LUT
87
…
16344
16383
# END #
name-num-PresetValue.xml: un file XML con le informazioni da visualizzare nel menu su schermo delle
informazioni dello spazio colore e da passare al computer host dall'EDID. Questo file è basato sullo schema di
calibrazione StudioCal XML, ma utilizza l'elemento radice <preset_values>. Un file campione con valore
preimpostato è presentato di seguito:
<?xml version="1.0" encoding="ISO-8859-1"?>
<preset_values>
<gamma value= "2.4" />
<target_primaries rx="0.640" ry="0.330" gx="0.300" gy="0.600"
bx="0.150" by="0.060" wx="0.313" wy="0.329" wY="100"/>
</preset_values>
Uso di apparecchiature di misurazione non supportate
Sebbene il display sia dotato di supporto nativo per diversi strumenti di misurazione, si potrebbe desiderare
di utilizzare un altro strumento per apportare regolazioni a un'impostazione predefinita esistente o crearne
un'altra. StudioCal XML supporta questa opzione con il tag <external_primaries>. Progettato per funzionare
in maniera analoga allo strumento di ricalibrazione integrato nella maggior parte dei proiettori
cinematografici digitali, vengono eseguite misurazioni dei colori primari rosso, verde e blu nativi e il bianco
100%. Questi dati vengono quindi forniti al software di calibrazione utilizzando questo tag.
Ci sono due cose a cui prestare attenzione:
●
Dato che con lo strumento esterno sono effettuate solo misurazioni dei colori primari e del punto del
bianco, non è possibile ripetere un nuovo target di luminanza. Per questo motivo, verrà utilizzato il
valore di luminanza esistente per l'impostazione predefinita che si sta ricalibrando.
●
Dati di misurazione di calibrazione esistenti devono essere presenti sul display affinché la gamma sia
calcolata correttamente. Nella maggior parte dei casi, i dati di fabbrica o i dati dalla calibrazione più
recente con uno strumento supportato saranno sufficienti.
<external_primaries rx="0.675" ry="0.315" gx="0.210" gy="0.705"
bx="0.147" by="0.054" wx="0.3129" wy="0.329"/>
Gli attributi sono uguali a quelli riportati in target_primaries. Come con target_primaries, il tag use_uv è
opzionale.
Eseguire misurazioni con apparecchiature di misurazione non supportate
Per facilitare le misurazioni dei colori primari e del punto del bianco, HP consiglia di utilizzare il generatore di
sequenze di test interno. Ciò perché le sequenze di test interne vengono sempre visualizzate utilizzando la
gamma nativa del display. Le sequenze di test interne non sono accessibili per impostazione predefinita, ma
uno dei tasti funzione dei pulsanti del frontalino può essere impostato per visualizzare il generatore di
sequenze.
Per impostare un tasto funzione per il generatore di sequenze di test:
88
Capitolo 4 Uso dello schema StudioCal XML
1.
Premere un qualsiasi pulsante del frontalino per visualizzare le etichette dei pulsanti iniziali, quindi
scegliere Apri menu per visualizzare il menu principale.
2.
Selezionare Menu e controllo messaggi.
3.
Selezionare Configura pulsanti funzione.
4.
Selezionare il pulsante funzione desiderato per visualizzare l'elenco dei comandi che possono essere
assegnati.
5.
Selezionare Generatore di sequenze di test per assegnarlo al pulsante funzione.
6.
Premere Esci.
Una volta associate le sequenze di test a un pulsante del frontalino, è possibile utilizzare quella funzione per
visualizzare le sequenze richieste. Visualizzare le sequenze di test per rosso, verde, blu e bianco e misurarle
con lo strumento. Registrare le misurazioni xy o u’v’ in un tag <external_primaries> tag nel file Studio Cal
XML. Quindi immettere i colori primari e il punto del bianco desiderati in un tag <target_primaries> nello
stesso file.
Di seguito è fornito un esempio di un file di StudioCal XML per misurazioni esterne:
<?xml version="1.0" encoding="ISO-8859-1"?>
<studiocal>
<calibration entries="1">
<calibration_info>
<preset num="0" name="sRGB D65" store="user"/>
<gamma value="sRGB"/>
<target_primaries rx="0.640" ry="0.330" gx="0.300" gy="0.600"
bx="0.150" by="0.060" wx="0.3127" wy="0.329" wY="80"
external="FALSE"/>
<external_primaries rx="0.675" ry="0.315" gx="0.210" gy="0.705"
bx="0.147" by="0.054" wx="0.3129" wy="0.327"/>
</calibration_info>
</calibration>
</studiocal>
Quando è inserita un'unità USB in una delle porte USB DreamColor, il display legge il file StudioCal. È possibile
generare un nuovo spazio colore basato sulle misurazioni esterne. La nuova impostazione predefinita dello
spazio colore viene generata e il display passa a tale impostazione. Con quello spazio colore attivo, è possibile
utilizzare il generatore di sequenze di test per misurare e verificare i colori primari generati.
Elementi non relativi alla calibrazione
Sebbene StudioCal XML sia utilizzato principalmente per la calibrazione, è possibile utilizzarlo anche per
impostare diverse configurazioni all'interno del display. Ad esempio, è possibile utilizzarlo per creare un
indicatore personalizzato da visualizzare su schermo, spostare le impostazioni predefinite dell'utente tra
display e archiviare o spostare l'intera configurazione del display.
Elementi non destinati alla calibrazione non possono essere utilizzati in un XML che contiene elementi di
calibrazione. Tuttavia, l'elemento radice deve essere incluso.
Elementi non relativi alla calibrazione
89
Nomi di ingressi video personalizzati
I nomi di ingressi personalizzati possono essere assegnati utilizzando XML come parte dello schema
StudioCal XML. Una volta creato un nome personalizzato per un ingresso, sarà disponibile come opzione nel
menu Rinomina ingressi fino a quando non viene assegnato un nuovo nome personalizzato o viene eseguito
un ripristino delle impostazioni predefinite in fabbrica.
Due elementi sono associati a nomi di ingressi video personalizzati:
Elemento ingresso video
Un nome univoco personalizzato può essere assegnato a ogni ingresso video. Per il supporto di questa
opzione, un elemento padre dell'ingresso video viene utilizzato per racchiudere le informazioni per ogni nome
di ingresso video personalizzato. Questo elemento contiene un tag "entries" per specificare il numero di nomi
di ingressi nel file XML. Il tag "entries" supporta valori interi tra uno e cinque.
Strutturare l'elemento come segue:
<video_input entries="INTEGER, 1–5">
</video_input>
Elemento informazione dell'ingresso
L'elemento informazione dell'ingresso contiene due tag:
input: l'ingresso a cui è assegnato il nome personalizzato. Sono supportati i valori seguenti:
●
DisplayPort1
●
DisplayPort2
●
HDMI1
●
HDMI2
●
USB
name: il nome personalizzato assegnato all'ingresso. Sono supportati nomi con lunghezza massima di 14
caratteri.
Strutturare l'elemento come segue:
<input_info input="INPUT" name="Custom Name"/>
Esempio di nome personalizzato di ingresso video
Di seguito viene presentato un esempio di un file StudioCal XML che mostra l'utilizzo degli elementi del nome
personalizzato dell'ingresso video.
<?xml version="1.0" encoding="ISO-8859-1"?>
<studiocal>
<video_input entries="2">
<input_info input="DisplayPort1" name="HP Z840"/>
<input_info input="HDMI1" name="AJA Kona"/>
</video_input>
</studiocal>
90
Capitolo 4 Uso dello schema StudioCal XML
Indicatori personalizzati
È possibile creare indicatori personalizzati tramite StudioCal XML. Gli indicatori personalizzati possono
includere fino a 16 righe e ogni riga può avere larghezza e colore univoci. Sono supportate larghezze di riga
fino a 10 pixel.
Gli elementi seguenti sono associati a indicatori personalizzati.
Elemento padre di un indicatore
Lo schema StudioCal XML consente di definire fino a 16 righe per indicatore personalizzato. Per il supporto di
questa opzione, un elemento padre dell'indicatore viene utilizzato per racchiudere le informazioni per ogni
indicatore. Questo elemento contiene due tag:
entries: specifica il numero di righe nell'indicatore personalizzato.
Questo tag supporta valori interi tra 1 e 16.
product: definisce il display per cui gli indicatori sono progettati.
Questo tag attualmente supporta soltanto due valori: "Z31x" e "Z27x". Si consiglia di utilizzare "Z27x" per i
segni pensati per il monitor.
L'elemento deve essere strutturato come segue:
<marker entries="INTEGER, 1–16" product="Z27x">
</marker>
Elemento padre info dell'indicatore
I dettagli di ogni riga dell'indicatore sono archiviati in due elementi. Pertanto un elemento padre
"marker_info" viene utilizzato per racchiudere i dettagli di ogni riga dell'indicatore. Questo elemento è
sprovvisto di qualsiasi tag e deve essere racchiuso all'interno di un elemento spadre dell'indicatore.
<marker_info>
</marker_info>
Elemento posizione dell'indicatore
startx: Il punto iniziale nell'asse x della riga. Sono supportati valori interi compresi tra 1 e 2560.
endx: Il punto finale nell'asse x della riga. Sono supportati valori interi compresi tra 1 e 2560.
starty: Il punto iniziale nell'asse y della riga. Sono supportati valori interi compresi tra 1 e 1440.
endy: Il punto finale nell'asse y della riga. Sono supportati valori interi compresi tra 1 e 1440.
Strutturare l'elemento come segue:
<marker_pos startx="INTEGER" endx="INTEGER" starty="INTEGER"
endy="INTEGER"/>
Elemento stile di un indicatore
"width" e "color" di ogni riga sono memorizzati in un unico elemento "marker_style". L'elemento contiene i tag
seguenti:
width: la larghezza della riga. Sono supportati valori interi compresi tra 1 e 10.
color: il colore della riga. Sono supportati i valori seguenti:
Elementi non relativi alla calibrazione
91
●
white
●
red
●
green
●
cyan
●
magenta
●
yellow
Strutturare l'elemento come segue:
<marker_style width="INTEGER, 1–10" color="VALUE"/>
Esempio di indicatore personalizzato
Di seguito viene presentato un esempio di un file StudioCal XML che mostra l'utilizzo dei tag di un indicatore.
L'esempio disegna due righe per indicare un'area di sottotitolazione sicura 4:3, come definita in EBU R 95.
<?xml version="1.0" encoding="ISO-8859-1"?>
<studiocal>
<marker entries="2" product="Z27x">
<marker_info>
<marker_pos startx="416" endx="416" starty="0" endy="1440"/>
<marker_style width="4" color="red"/>
</marker_info>
<marker_info>
<marker_pos startx="2144" endx="2144" starty="0" endy="1440"/>
<marker_style width="4" color="red"/>
</marker_info>
</marker>
</studiocal>
SUGGERIMENTO: Il disco ottico fornito in dotazione con il display dispone di diversi indicatori personalizzati
già creati che possono essere importati nel display o utilizzati come riferimento per la creazione dei propri
indicatori.
Impostazioni predefinite dell'utente
Se si è configurato una o più impostazioni predefinite utente su un display, è possibile utilizzare StudioCal
XML per eseguire la loro migrazione da un display a un altro. Questo metodo può essere utilizzato anche per
archiviare una copia della configurazione delle impostazioni predefinite utente.
Elemento delle impostazioni predefinite utente
Viene fornito un elemento per salvare e caricare le impostazioni predefinite utente. Questo elemento contiene
un tag, "operation", che supporta due valori: "save" e "load". L'elemento deve essere strutturato come segue:
<user_presets operation="save|load"/>
92
Capitolo 4 Uso dello schema StudioCal XML
File delle impostazioni predefinite utente
Quando si salvano impostazioni predefinite utente, viene scritto un file denominato "Z27x_UserPreset.xml"
sull'unità flash USB collegata. Questo file XML contiene tutte le informazioni sulle impostazioni predefinite
utente, ma non è progettato per essere leggibile o modificabile dall'utente. HP consiglia vivamente di non
modificare i valori di questo file. Quando il display individua un file StudioCal XML con un elemento
<user_presets operation="load"/>, cerca il file "Z27x_UserPreset.xml" nella radice dell'unità flash USB
collegata. Quindi carica quel file nel display. Se il file non è preimpostato, viene visualizzato un messaggio di
errore.
Esempio di impostazione predefinita utente
Di seguito sono forniti esempi di file StudioCal XML che consentono di salvare e caricare le impostazioni
predefinite dell'utente.
<?xml version="1.0" encoding="ISO-8859-1"?>
<studiocal>
<user_presets operation="save"/>
</studiocal>
<?xml version="1.0" encoding="ISO-8859-1"?>
<studiocal>
<user_presets operation="load"/>
</studiocal>
Caricamento e scaricamento delle impostazioni del display
Sebbene Studio Cal XML sia stato concepito principalmente per funzioni di calibrazione, è progettato per
offrire ulteriori funzionalità diverse dalla calibrazione. Il tag <user_settings> consente di esportare una
configurazione del display in un file XML e quindi caricare tale configurazione sullo stesso display o
distribuirla su altri display.
Questo tag è stato concepito per facilitare il modello di "configurazione, calibrazione e distribuzione"utilizzato
da molti importanti studi di animazione ed effetti visivi. Con questo tag, l'IT può configurare un singolo display
in modo che tutti i menu siano configurati come desiderato e quindi distribuire tale configurazione su tutti gli
altri display dello studio. Dato che questo comando non riguarda la calibrazione, non può essere utilizzato con
tag specifici di calibrazione.
Il tag contiene due attributi ed è strutturato come segue:
<user_settings operation="save|load"/>
Il tag operation può essere impostato su "save" o "load". Se impostato su "save", la configurazione del display
viene scritta su un file denominato "Z27X_UserSettings.xml" sulla radice dell'unità USB collegata. Se questo
file esiste già sull'unità, sarà sovrascritto. Sebbene il file sia leggibile da esseri umani, non è progettato per
essere modificato manualmente e di conseguenza gli attributi del tag non sono documentati. Se un attributo
è stato modificato a un valore che non rientra nell'intervallo, tale attributo viene ignorato quando caricato nel
display.
Se impostato su "load", il file "Z27X_UserSettings.xml" deve essere presente sull'unità USB inserita. Quindi
carica le impostazioni nel display, sostituendo tutte le impostazioni esistenti con quelle nuove. Le
impostazioni predefinite degli spazi di colore, essendo basati su calibrazione, non sono interessate da questo
comando.
Elementi non relativi alla calibrazione
93
5
Gestione remota
Il display offre tre diversi metodi di gestione remota:
●
Applicazione Web: controllo e comando uno a uno basati sulla rete
●
WS-Management: gestione uno a molti basata sulla rete di livello IT utilizzando protocolli SOAP
●
API USB: controllo e comando uno-a-uno basati su host
I metodi di gestione remota WS-Management e API USB sono documentati in altri documenti e sono
disponibili sul disco ottico fornito con il display e alla pagina www.hp.com. Questo documento contiene
informazioni sull'applicazione Web.
L'applicazione Web richiede una connessione Ethernet al display. Prima di impostare la gestione remota,
assicurarsi di collegare un cavo Ethernet con connettività di rete al display.
Configurazione della gestione remota
La configurazione della gestione remota utilizza le opzioni di server di gestione remota nel menu Gestione.
Attivare la gestione remota
La gestione remota è disabilitata per impostazione predefinita e deve essere attivata prima di utilizzarla.
Deve essere attivato anche il processore interno.
Per attivare il processore e la gestione remota:
1.
premere uno dei pulsanti del frontalino per visualizzare le etichette dei pulsanti, quindi premere il
pulsante Apri menu per aprire il menu OSD.
2.
Selezionare Gestione, quindi selezionare Processore interno.
3.
Selezionare Abilita per attivare il processore.
4.
Selezionare Indietro per ritornare al menu Gestione.
5.
Selezionare Servizi di gestione remota.
6.
Selezionare Abilita/disabilita server.
7.
Selezionare Abilita per attivare il server di gestione remota.
8.
Premere il pulsante Esci per chiudere l'OSD.
Verifica e impostazione dell'indirizzo IP del display
Quando si attivano i servizi di gestione remota e e il display è collegato alla rete, il display richiederà un
indirizzo IP dal server DHCP della rete. È possibile confermare che un indirizzo IP sia stato assegnato tramite il
menu Informazioni.
Aprire il menu Informazioni display premendo uno dei cinque pulsanti del frontalino per visualizzare le
etichette dei pulsanti. Quindi premere il pulsante Informazioni display per aprire il menu Informazioni.
L'indirizzo IP viene visualizzato come ultima voce del menu. Se non è presente un indirizzo IP, controllare il
cavo di rete per assicurarsi che il display sia collegato alla rete.
94
Capitolo 5 Gestione remota
NOTA: Se il pulsante del frontalino assegnato per impostazione predefinita a Informazioni display è stato
modificato, è possibile accedere al menu Informazioni anche tramite il menu Principale.
È inoltre possibile assegnare un indirizzo IP statico al display, come indicato di seguito:
1.
premere uno dei pulsanti del frontalino per visualizzare le etichette dei pulsanti, quindi premere il
pulsante Apri menu per aprire il menu OSD.
2.
Selezionare Gestione.
3.
Selezionare Servizi di gestione remota, quindi premere Seleziona per aprire.
4.
Selezionare Modalità configurazione IP, quindi premere Seleziona per aprire.
5.
Scegliere Manuale, quindi premere Seleziona per passare alla modalità di indirizzo IP statica.
Le opzioni Indirizzo IPv4, Maschera di sottorete e Gateway sono rese attive e il cursore passa alla
prima voce nell'Indirizzo IPv4.
6.
Utilizzare i pulsanti del frontalino per inserire i numeri di indirizzo, maschera di sottorete e gateway
richiesti.
I pulsanti del frontalino consentono di aumentare o diminuire il valore numerico della voce e di spostarsi
tra le voci.
7.
Premere Indietro al termine della configurazione dell'indirizzo IP.
Impostazione della sicurezza dell'applicazione
Per impostazione predefinita, l'applicazione Web richiede solo una password. La password predefinita è
"DreamColor" ed è possibile reimpostarla al primo accesso all'applicazione. Se si dimentica la password, è
possibile ripristinarla a "DreamColor" dal menu Servizi di gestione remota.
Per ripristinare la password predefinita:
1.
premere uno dei pulsanti del frontalino per visualizzare le etichette dei pulsanti, quindi premere il
pulsante Apri menu per aprire il menu OSD.
2.
Selezionare Gestione.
3.
Selezionare Servizi di gestione remota.
4.
Selezionare Reimposta password amministratore.
5.
Selezionare OK per reimpostare la password a "DreamColor".
È inoltre possibile richiedere l'uso di certificati digitali dell'utente. Qualsiasi certificato digitale emesso
correttamente funziona con il display. I certificati richiedono che gli utenti che si collegano al display
conoscano la password del display e il certificato corretto sia memorizzato nei loro computer.
Per utilizzare i certificati sono necessari passaggi aggiuntivi. È necessario innanzitutto richiedere e ricevere un
certificato digitale univoco, dal proprio reparto IT o da un'autorità di certificazione su Internet.
Una volta ottenuto un certificato, installarlo sul computer utilizzato per connettersi al display. Fare
riferimento alla guida o alla documentazione del sistema operativo per informazioni su come installare i
certificati. Quindi impostare il display per l'uso dei certificati e installare lo stesso certificato sul display.
Per configurare il display per l'uso dei certificati e installare un certificato su di esso:
1.
premere uno dei pulsanti del frontalino per visualizzare le etichette dei pulsanti, quindi premere il
pulsante Apri menu per aprire il menu OSD.
2.
Selezionare Gestione.
Configurazione della gestione remota
95
3.
Selezionare Servizi di gestione remota.
4.
Selezionare Protezione dell'applicazione.
5.
Selezionare Richiedi password e certificato client per modificare la configurazione di protezione.
6.
Premere il pulsante Esci per chiudere l'OSD.
Per installare un certificato utente sul display:
1.
Copiare il certificato che è installato sul computer in uso sulla radice di un'unità flash USB, quindi
inserirla in una delle due porte USB DreamColor.
2.
premere uno dei pulsanti del frontalino per visualizzare le etichette dei pulsanti, quindi premere il
pulsante Apri menu per aprire il menu OSD.
3.
Selezionare Gestione.
4.
Selezionare Servizi di gestione remota.
5.
Selezionare Installa certificato client.
6.
Premere OK per installare il certificato.
Primo accesso all'applicazione Web
Dopo aver configurato le impostazioni dell'applicazione, è possibile accedere all'applicazione da un browser
Web. Qualsiasi dispositivo sulla stessa rete locale può collegarsi al display. La prima volta che ci si collega
all'applicazione è necessario configurare il sito Web.
Per accedere all'applicazione Web e configurarla:
1.
Aprire un browser Web.
2.
Immettere l'indirizzo IP del display nella barra degli indirizzi, quindi premere Invio.
Il browser si connette al display e viene visualizzata la schermata di configurazione iniziale.
3.
Immettere DreamColor (la password predefinita) e fare clic su Avanti.
Se si è configurato il display per utilizzare i certificati ed è stato utilizzato un certificato con una
password incorporata, immettere invece tale password. L'applicazione richiede di creare una nuova
password.
4.
Immettere una nuova password nei campi Crea nuovo e Immetti nuovamente, quindi fare clic su Avanti.
5.
Immettere le informazioni sul display, quindi fare clic su Avanti. È necessario immettere i valori nei
campi delle informazioni del display.
Sono disponibili quattro campi: Nome del display, Data distribuzione, Posizione e Tag ID Asset.
Nonostante sia necessario immettere le informazioni in questi campi al primo accesso, è possibile
modificare queste informazioni in seguito.
6.
Se si desidera, creare nomi utente e password per ulteriori utenti e fare clic su Aggiungi o fare clic su
Ignora per ignorare quest'opzione.
7.
Fare clic su Fine per completare la configurazione iniziale.
L'applicazione è ora configurata per l'uso.
96
Capitolo 5 Gestione remota
Accesso all'applicazione Web
Per eseguire l'accesso all'applicazione Web:
1.
Aprire un browser Web.
2.
Immettere l'indirizzo IP del display nella barra degli indirizzi, quindi premere Invio.
Il browser si connette al display e la schermata di accesso dell'applicazione viene visualizzata.
3.
Selezionare l'utente appropriato dall'elenco, quindi immettere la password dell'utente.
Se non sono stati creati utenti durante la configurazione, l'utente Admin è disponibile.
4.
Se si desidera, selezionare Mantieni attivo l'accesso per impedire il timeout dell'applicazione e la
disconnessione.
5.
Fare clic su Effettua l'accesso per accedere all'applicazione.
Esplorazione dell'applicazione
Dopo aver effettuato l'accesso, la pagina iniziale dell'applicazione fornisce informazioni sul display, comprese
informazioni sulle risorse e la configurazione attuale.
Il menu Vai a consente di spostarsi alle diverse pagine di configurazione del display.
Per spostarsi su una pagina impostazioni:
1.
Fare clic sul menu Vai a, quindi configurare le impostazioni desiderate.
2.
Fare clic sul pulsante Vai per visualizzare le impostazioni desiderate.
Ciascuna pagina impostazioni contiene tutte le opzioni disponibili nel menu OSD, riposizionate per facilitare
l'accesso.
Queste impostazioni utilizzano tabulazioni per suddividere le opzioni in sezioni logiche.
La scheda Indicatori consente di importare file StudioCal XML nel display. Il pulsante Importare indicatore
consente di passare al percorso del file XML sulle unità locali e importarlo sul display. È possibile anche
importare file StudioCal XML direttamente per automazione della calibrazione, impostazioni predefinite
dell'utente e così via. Spostarsi alla relativa pagina di configurazione per accedere a queste opzioni di
importazione.
È possibile anche spostarsi tra gruppi diversi di impostazioni facendo clic su di essi nella metà sinistra dello
schermo.
Spostamento tra diverse sezioni dell'applicazione
Il menu Vai a consente di accedere alle diverse opzioni all'interno della sezione Impostazioni monitor. Sono
disponibili due ulteriori sezioni:
●
Home: la sezione visualizzata quando si esegue il primo accesso al display.
●
Profilo del monitor: consente di accedere ai campi dei dettagli del display inseriti al primo accesso al
display.
Per passare tra le sezioni dell'applicazione:
1.
Fare clic sul menu Accesso remoto DreamColor, situato nella parte superiore sinistra dell'applicazione,
per visualizzare il menu della sezione.
2.
Selezionare la sezione desiderata.
Configurazione della gestione remota
97
Disconnessione dall'applicazione
Se non si è disconnessi alla chiusura dell'applicazione, è possibile disconnettersi manualmente dalla sessione
dell'applicazione.
Per disconnettersi dall'applicazione:
98
1.
Fare clic sull'icona utente nell'angolo superiore destro dell'applicazione per visualizzare il menu utente.
2.
Fare clic su Scollegati per disconnettersi dall'applicazione.
3.
Chiudere la finestra del browser per disconnettersi dal display.
Capitolo 5 Gestione remota
6
Supporto e risoluzione dei problemi
Soluzione dei problemi più comuni
Nella tabella seguente sono elencati i possibili problemi, la causa possibile dei singoli problemi e le soluzioni
consigliate.
Problema
Causa possibile
Risoluzione
Lo schermo non funziona o il
video lampeggia.
Il cavo di alimentazione è scollegato.
Collegare il cavo di alimentazione.
Il pulsante Alimentazione è spento.
Premere il pulsante Alimentazione.
NOTA: Se la pressione del pulsante Alimentazione non ha
alcun effetto, premere e tenere premuto il pulsante
Alimentazione per 10 secondi per disattivare la funzione di
blocco del pulsante di alimentazione.
Il cavo video è collegato male.
Collegare correttamente il cavo video. Vedere Collegamento
dei cavi a pagina 10 per ulteriori informazioni.
Il sistema è in modalità sospensione.
Premere un tasto sulla tastiera e/o muovere il mouse per
disattivare l'utility di disattivazione schermo.
La scheda video non è compatibile.
Aprire il menu OSD e selezionare il menu Ingresso video.
Impostare Commutazione automatica sorgente su Disabilita
e selezionare manualmente l'ingresso.
Controllare il cavo video è
visualizzato sullo schermo.
Il cavo video del display è scollegato.
Collegare l'apposito cavo del segnale video tra il computer e il
display. Il computer deve essere spento quando si collega il
cavo video.
Segnale di ingresso fuori dai
limiti è visualizzato sullo
schermo.
La risoluzione e/o la frequenza di
aggiornamento video sono impostate
su valori superiori a quelli supportati
dal display.
Modificare le impostazioni ad un valore supportato (vedere
Risoluzioni di visualizzazione predefinite a pagina 104).
Il display è spento ma non
sembra passare in modalità
di sospensione a basso
consumo.
Il comando di controllo del risparmio
di energia del display è disabilitato.
Aprire il menu OSD e selezionare Gestione, selezionare
Modalità sospensione automatica, quindi impostare la
sospensione automatica su Mettere lo schermo in modalità
di sospensione.
È visualizzato Blocco OSD.
La funzione di blocco OSD del display
è abilitata.
Premere e tenere premuto il pulsante inferiore sul pannello
laterale per 10 secondi per disattivare la funzione di blocco
dell'OSD.
È visualizzato Blocco del
pulsante di alimentazione.
La funzione di blocco del pulsante di
alimentazione del display è attivata.
Premere e tenere premuto il pulsante Alimentazione per 10
secondi per sbloccare la funzione del pulsante Alimentazione.
Blocchi pulsanti
Se la finestra del menu OSD o le etichette dei pulsanti non vengono visualizzate, tenendo premuti specifici
pulsanti per dieci secondi l'utente può bloccare diverse parti della funzionalità dell'OSD. Si tratta
principalmente di una misura provvisoria per evitare regolazioni accidentali. L'utente può ripristinare la
funzionalità tenendo nuovamente premuti i pulsanti specifici per dieci secondi.
Soluzione dei problemi più comuni
99
Questa funzionalità è disponibile solo quando il display è alimentato e mostra un segnale attivo.
All'attivazione o disattivazione di un blocco, viene visualizzato un messaggio per l'utente che indica che il
blocco è stato attivato o disattivato.
La seguente tabella elenca i blocchi disponibili e i pulsanti che devono essere premuti per abilitare e
disabilitare il blocco.
Pulsante di attivazione
Blocco
Note
Pulsante Alimentazione
Blocco alimentazione
Quando bloccato, il pulsante di alimentazione non funziona. Il
display può ancora essere spento tramite l'interruttore di
alimentazione nella parte inferiore del display.
Pulsante del menu inferiore
Blocco menu
Non è possibile immettere l'OSD principale. Tuttavia, tutti i pulsanti
funzione precedentemente assegnati (ad esempio per cambiare lo
spazio colore o l'ingresso) sono ancora disponibili. Aggiornamento
del firmware e calibrazione sono ancora disponibili, se non
disabilitati nel Menu di gestione.
Pulsante del menu nella parte
superiore
Blocco del menu e delle
funzioni
Sia il menu principale OSD sia i tasti funzione sono bloccati.
Aggiornamento del firmware e calibrazione sono ancora
disponibili, se non disabilitati nel Menu di gestione.
Secondo e quarto pulsante
Blocco del Menu di gestione
L'opzione del Menu di gestione è disattivata nel menu principale
dell'OSD principale.
Assistenza tecnica
Per ulteriori informazioni sull'utilizzo del display, consultare la pagina http://www.hp.com/support.
Selezionare Trova il tuo prodotto, quindi seguire le istruzioni visualizzate.
NOTA: I materiali di riferimento del display, la guida per l'utente e i driver sono disponibili alla pagina
http://www.hp.com/support.
Qui potete eseguire le seguenti operazioni:
●
Chattare on-line con un tecnico HP
NOTA: Se le chat di supporto tecnico non sono disponibili in una determinata lingua, utilizzare quelle in
inglese.
●
Localizzare un centro di assistenza HP
Prima di chiamare l'assistenza tecnica
Se non si è in grado di risolvere un problema con l'aiuto dei consigli presentati in questo capitolo è necessario
rivolgersi all'assistenza tecnica. Al momento della chiamata, tenere a disposizione i seguenti dati:
●
Numero di modello e numero di serie del display (vedere Individuazione del numero di serie e del
numero di prodotto a pagina 8)
●
Data di acquisto riportata in fattura
●
Condizioni nelle quali si è verificato il problema
●
Messaggi di errore ricevuti
●
Configurazione hardware
●
Nome e versione dell'hardware e del software che si stanno utilizzando
100 Capitolo 6 Supporto e risoluzione dei problemi
7
Manutenzione del display
Indicazioni per la manutenzione
Per ottimizzare le prestazioni del monitor e prolungarne la vita, procedere come segue:
●
Non aprire l'involucro del monitor né tentare di riparare da sé questo prodotto. Regolare esclusivamente
i comandi descritti nelle istruzioni per il funzionamento. Se il monitor non funziona correttamente o se è
caduto o è stato danneggiato, rivolgersi al rivenditore HP autorizzato, al distributore o a un centro di
assistenza.
●
Utilizzare una sorgente di alimentazione e un tipo di collegamento adatti al monitor, come indicato
sull'etichetta o sulla targa affisse sul monitor.
●
Verificare che l'amperaggio totale delle apparecchiature collegate alla presa non superi la portata della
presa CA e che l'amperaggio totale delle apparecchiature collegate al cavo non superi la portata del
cavo. Leggere la targhetta relativa all'alimentazione per determinare l'amperaggio (AMP o A) dei singoli
dispositivi.
●
Installare il monitor in prossimità di una presa facilmente raggiungibile. Per scollegare l'unità, afferrare
saldamente la spina e staccarla dalla presa di corrente. Non estrarre mai la spina dalla presa di corrente
tirando il cavo di alimentazione.
●
Spegnere il monitor quando non è in uso. Il monitor può durare molto più a lungo se si utilizza un
salvaschermo e se si spegne regolarmente lo schermo quando non viene utilizzato.
NOTA: I display con danni da "immagine persistente" non sono coperti dalla garanzia HP.
●
Gli alloggiamenti e le cavità dell'involucro servono a favorire la ventilazione e non devono essere né
bloccati né coperti. Evitare di introdurre oggetti di qualsiasi tipo negli alloggiamenti dell'involucro o in
altre cavità.
●
Prestare attenzione a non fare cadere l'unità e a non appoggiarla su superfici instabili.
●
Non collocare oggetti sul cavo di alimentazione. Non calpestare il cavo.
●
Il monitor deve essere conservato in un'area ben ventilata, lontano da fonti di luce, calore o umidità
eccessive.
●
Non appoggiare mai il display rivolto verso il basso. Se lo si posiziona rivolto verso il basso, una
sollecitazione sulla curvatura dello schermo potrebbe danneggiarlo.
Pulizia dello schermo
1.
Spegnere il monitor e staccare il cavo di alimentazione dal retro dell'unità.
2.
Spolverare il monitor passando un panno antistatico soffice e pulito sullo schermo e sull'involucro
esterno.
3.
Per situazioni di pulizia più difficili, utilizzare una miscela 50/50 di acqua e alcool isopropilico.
ATTENZIONE: Spruzzare il detergente su un panno e utilizzare il panno inumidito per strofinare
delicatamente la superficie dello schermo. Non spruzzare mai il detergente direttamente sulla superficie dello
schermo: potrebbe penetrare dietro il bezel e danneggiare l'elettronica.
Indicazioni per la manutenzione 101
ATTENZIONE: Non utilizzare detergenti che contengono sostanze derivate dal petrolio, come benzene,
diluenti o altre sostanze volatili per pulire lo schermo o l'involucro esterno del monitor. Questi agenti chimici
potrebbero danneggiare l'unità.
Spostamento del monitor
È necessario conservare l'imballaggio originale. che andrà utilizzato qualora sia necessario traslocare o
spedire il monitor.
102 Capitolo 7 Manutenzione del display
A
Specifiche tecniche
NOTA: Tutte le specifiche rappresentano i valori tipici forniti dai costruttori dei componenti HP; le
prestazioni effettive possono risultare superiori o inferiori.
Per le specifiche più recenti o aggiuntive su questo prodotto, si prega di collegarsi al sito
http://www.hp.com/go/quickspecs/ e di ricercare nelle QuickSpecs il modello specifico dello schermo.
Schermo
Widescreen 68,46 cm
Tipo
IPS ad alte prestazioni
Inclinazione
da -5° a +20°
Rotazione
da -45° a 45°
Widescreen da 27,0 pollici
Peso
Senza supporto
7,41 kg
16,34 libbre
Con supporto
12,06 kg
26,59 libbre
Larghezza
64,21 cm
25,28 pollici
Profondità
24,80 cm
9,76 pollici
Altezza
55,08 cm
21,68 pollici
Risoluzione grafica massima
2560 x 1440 (60 Hz)
Pixel Pitch
(H) 0,2331 × (V) 0,2331
Pixel per pollice (PPI)
109
Angolo di visuale orizzontale
178°
Angolo di visuale verticale
178°
Luminosità (tipica)
250 cd/m2
Area attiva del pannello (a x v)
59.67×33,57 cm
Profondità di bit del pannello
True 10 bit (fino a 1,07 miliardi di colori)
Proporzioni
17:9
Dimensioni (supporto compreso)
Rapporto di contrasto statico
Tipica
1500:1
Minimo
1000:1
Requisiti di temperatura ambientale:
Temperatura di funzionamento
da 5 °C a 35 °C
da 41 °F a 95 °F
Temperatura di conservazione
da -20 °C a 60 °C
da -4°F a 140°F
Umidità relativa
In funzione
da 20% a 80% (senza condensa)
Non in funzionamento
da 5% a 95%, 38,7 °C max a bulbo umido
103
Altitudine:
In funzione
da 0 m a 5.000 m
da 0 a 16.400 piedi
Conservazione
da 0 m a 12.192 m
da 0 a 40.000 piedi
Alimentazione
100 – 240 V CA, 50/60 Hz
Consumo misurato:
Pronto
160 W
Impostazioni tipiche
W da definire
Autospegnimento
0,5 W
* Il display supporta firmware aggiornabile dal
cliente. Gli aggiornamenti del firmware possono
aumentare il consumo energetico del display.
Terminale d'ingresso
Due DisplayPort 1.2, due HDMI 2.0, una USB Type-C, un'Ethernet, un jack di
uscita audio analogico, un USB Type-B, due USB 3.0 con ricarica rapida, due
USB DreamColor, una tastiera KVM
Risoluzioni di visualizzazione predefinite
Le risoluzioni elencate nella tabella seguente costituiscono le modalità più frequentemente utilizzate e sono
impostate come predefinite. Questo display riconosce automaticamente queste modalità preimpostate, che
appaiono correttamente dimensionate e centrate sullo schermo.
IMPORTANTE: In alcune configurazioni di Windows 10, utilizzando le impostazioni del display di Windows
non è possibile modificare correttamente la risoluzione dello schermo. Per accertarsi di modificare la
risoluzione del display, utilizzare l'interfaccia utente delle impostazioni del processore grafico. È possibile
verificare la risoluzione corrente del display aprendo il menu OSD e selezionando Informazioni display.
Quando si modifica l'impostazione della risoluzione del display, il display diventa brevemente nero, quindi la
nuova impostazione viene applicata.
SUGGERIMENTO: Se si desidera utilizzare la funzione PIP per visualizzare sorgenti affiancate ad altezza
completa, impostare la risoluzione del display a 1280×1440.
Preimpos
tazione
Formato in pixel
Proporzioni
Frequenza verticale
(Hz)
1
640×480
4:3
60(p)
2
720×400
--
70(p)
3
800×600
4:3
60,317
4
1024×768
4:3
60,004
5
1280×720
16:9
24(p)
6
1280×720
16:9
30(p)
7
1280×720
16:9
50(p)
8
1280×1024
16:9
60(p)
9
1280×1024
5:4
60(p)
10
1366×768
16:9
60,000
104 Appendice A Specifiche tecniche
Preimpos
tazione
Formato in pixel
Proporzioni
Frequenza verticale
(Hz)
11
1920×1080
16:9
23,976(p)
12
1920×1080
16:9
24(p)
13
1920×1200
16:9
30(p)
14
1920×1080
16:9
50(i)
15
1920×1080
16:9
50(p)
16
1920×1080
16:9
59,94(i)
17
1920×1080
16:9
59,94(p)
18
1920×1080
16:9
60,000
19
1920×1200
16:10
59,950
20
1920×1200
16:10
59,995
21
2048×1080
17:9
24,000
22
2048×1080
17:9
48,000
23
2048×1080
17:9
60,000
24
2560×1440
16:9
48
25
2560×1440
16:9
50
26
2560×1440
16:9
60
27
1280×1440
16:18
60
Risoluzioni di visualizzazione predefinite 105
Accesso alle modalità utente
A volte il segnale proveniente dalla scheda grafica può richiamare una modalità non preimpostata alle
seguenti condizioni:
●
Non si sta utilizzando una scheda grafica standard.
●
Non si utilizza una modalità preimpostata.
In questo caso può essere necessario regolare nuovamente i parametri del display utilizzando l'OSD. Le
modifiche potranno essere immesse in una qualsiasi di tali modalità o in tutte e salvate nella memoria. Il
display memorizza automaticamente la nuova impostazione, quindi la riconosce come fosse preimpostata.
Oltre alle modalità preimpostate in fabbrica, esistono almeno 10 modalità utente che è possibile immettere e
memorizzare.
Funzione risparmio energetico
Il display supporta una modalità di alimentazione ridotta. La modalità di alimentazione ridotta viene attivata
quando il display rileva l'assenza del segnale di sincronizzazione orizzontale o verticale. Quando il display
rileva l'assenza di questi segnali, lo schermo si spegne, la retroilluminazione viene disattivata e la spia di
alimentazione diventa di colore arancione. In modalità di alimentazione ridotta, il display utilizza <0,5 watt di
potenza. Prima di tornare allo stato operativo normale, il display impiega alcuni istanti per tornare alla
temperatura di esercizio.
Per le istruzioni relative all'impostazione della modalità di risparmio energetico (talvolta denominata anche
funzione di gestione dell'alimentazione) consultare il manuale del computer.
NOTA: La funzione descritta sopra funziona solo se il display è collegato ad un computer dotato di tale
funzione.
Selezionando le impostazioni nell'utility Timer di disattivazione del display è possibile programmare
l'attivazione della modalità di risparmio energetico del display ad un orario prestabilito. Quando il Timer di
disattivazione del display fa passare il display nello stato di alimentazione ridotto, la spia di alimentazione
lampeggia di colore arancione.
106 Appendice A Specifiche tecniche
B
Accessibilità
HP progetta, produce e commercializza prodotti e servizi che possono essere utilizzati da chiunque, incluse
persone diversamente abili, sia in maniera indipendente che con l'ausilio di dispositivi assistivi appropriati.
Tecnologie assistive supportate
I prodotti HP supportano un'ampia gamma di tecnologie assistive del sistema operativo che possono essere
configurate per funzionare con tecnologie assistive supplementari. Per individuare maggiori informazioni
sulle funzioni assistive, utilizzare la funzionalità di ricerca sul dispositivo sorgente connesso al display.
NOTA: Per ulteriori informazioni su un prodotto di tecnologia assistiva particolare, contattare l'assistenza
clienti per tale prodotto.
Come contattare l'assistenza
L'accessibilità ai nostri prodotti e servizi viene costantemente migliorata e sono graditi commenti da parte
degli utenti. Se si è verificato un problema con un prodotto o si desidera informare sulle funzioni di
accessibilità che sono state d'aiuto, contattare il numero (888) 259-5707, dal lunedì al venerdì, dalle 6 alle 21
Mountain Time. In caso di persone non udenti o con difficoltà uditive che utilizzano TRS/VRS/WebCapTel, se si
richiede supporto tecnico o si desidera chiedere informazioni sull'accessibilità, contattare il numero (877)
656-7058, dal lunedì al venerdì, dalle 6 alle 21 Mountain Time.
Tecnologie assistive supportate 107
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertising