Zerowatt | OZ 0871D-30 | Zerowatt OZ 0871D-30 Manuale utente

Zerowatt OZ 0871D-30 Manuale utente
Lavabiancheria
Istruzioni per l’uso
OZ
Prefazione
Legga queste istruzioni per l’uso e tutte le altre informazioni accluse alla lavatrice,
e si comporti di conseguenza.
Conservi tutta la documentazione per le successive consultazioni o per eventuali
successivi proprietari.
Questo apparecchio è destinato ad un uso in ambienti
domestici e simili come per esempio:
- nelle aree ristoro di negozi, uffici e altri ambienti di lavoro;
- negli agriturismo;
- dai clienti negli hotels, motels e altre aree residenziali simili;
- nei bed & breakfast.
Un utilizzo diverso da quello tipico dell’ambiente domestico, come l’uso professionale da
parte di esperti o di persone addestrate, è escluso anche negli ambienti sopra descritti.
Un utilizzo non coerente con quello riportato, può ridurre la vita del prodotto e può invalidare
la garanzia del costruttore.
Qualsiasi danno all’apparecchio o ad altro, derivante da un uso diverso da quello domestico
(anche quando l’apparecchio è installato in un ambiente domestico), non sarà ammesso dal
costruttore in sede legale.
Avvertenze per lo smaltimento
Tutti i materiali d’imballaggio impiegati sono ecologici e riciclabili. Si prega di contribuire ad
uno smaltimento ecologico dell’imballaggio.
Il vostro fornitore o l’amministrazione comunale
sapranno informarvi sulle attuali forme di smaltimento.
Gli apparecchi dismessi non sono rifiuti senza valore! Attraverso una rottamazione ecologica
possono essere recuperati materiali pregiati.
Attenzione: estrarre la spina di alimentazione degli
apparecchi dismessi. Tagliare il cavo di collegamento ed
eliminarlo insieme alla spina.
Volendo eliminare una vecchia lavatrice si abbia cura di rendere inservibile la chiusura
dell’ oblò per evitare che i bambini possano chiudersi nella macchina.
2
Indice
Pagina
Prefazione
Note generali alla consegna
Prescrizioni di sicurezza
Consultazione rapida
Descrizione comandi
Tabella programmi
Selezione programmi
Cassetto detersivo
Detersivi, additivi e dosaggi
Consigli utili per l’utente
Macchie difficili
Esempio d’uso
Pulizia e manutenzione ordinaria
Ricerca guasti
Dati tecnici
Servizio assistenza clienti
Messa in opera, installazione
2
4
4
5
6
12
14
16
17
19
19
21
23
25
26
27
28
PRIMA DI METTERE IN FUNZIONE LA LAVATRICE
ASSICURARSI DI AVERE RIMOSSO LE VITI DI
TRASPORTO COME INDICATO A PAGINA 28.
3
Note generali alla consegna
Alla consegna controlli che con la macchina ci siano:
– Manuale d’istruzione
– Certificati di garanzia
– Tubo carico
– Bacinella detersivo liquido o candeggiante
e controlli che non abbia subito danni durante il trasporto, in caso contrario chiami il Servizio
Assistenza Tecnica Autorizzato più vicino (vedi Servizio assistenza clienti).
Prescrizioni di sicurezza
Attenzione:
per qualsiasi intervento di pulizia e manutenzione
della lavatrice
A) Tolga la spina.
B) Chiuda il rubinetto dell’acqua.
C) Zerowatt correda tutte le sue macchine di messa a terra. Si assicuri che l’impianto
elettrico sia provvisto di messa a terra in caso contrario richieda l’intervento di personale
qualificato.
D) Non tocchi l’apparecchio quando mani o piedi sono bagnati o umidi. Non usi
l’apparecchio a piedi nudi.
E) È sconsigliato l’uso di adattatori, prese multiple e/o prolunghe.
Attenzione:
durante il lavaggio l’acqua può andare a 90°C.
F) Prima di aprire l’oblò si assicuri che non vi sia acqua nel cestello.
G) Questo apparecchio non è destinato ad essere usato da bambini e persone incapaci o
inesperte all'uso del prodotto, a meno che non vengano sorvegliate o istruite riguardo
all'uso dell'apparecchio da una persona responsabile della loro sicurezza.
Sorvegliare i bambini in modo tale da assicurarsi che non giochino con l'apparecchio.
H) Non tiri il cavo di alimentazione o l’apparecchio stesso, per staccare la spina dalla presa
di corrente.
I) Non lasci esposto l’apparecchio ad agenti atmosferici (pioggia, sole, ecc…).
L) In caso di trasloco non sollevi mai l’apparecchio dalle manopole o dal cassetto del
detersivo.
Durante il trasporto non appoggi mai l’oblò al carrello e non movimenti la macchina senza
il fondo imballo
4
M) Importante!
Nel caso si installi l’apparecchio su un pavimento ricoperto da tappeti o con moquette si
deve fare attenzione che le aperture di ventilazione alla base dell’apparecchio non
vengano ostruite.
N) In caso di guasto e/o di cattivo funzionamento dell’apparecchio, lo spenga, chiuda il
rubinetto dell’acqua e non manometta l’elettrodomestico.
Per l’eventuale riparazione si rivolga solamente al Servizio Assistenza Tecnica Autorizzato e
richieda l’utilizzo di ricambi originali.
Il mancato rispetto di quanto sopra può compromettere la sicurezza dell’apparecchio.
O) Qualora si rendesse necessaria la sostituzione del cavo di alimentazione
dell’apparecchio, rivolgersi al Servizio Assistenza Tecnica Autorizzato.
Consultazione rapida
Lavaggio
–
–
–
–
Aprire l’oblò con l’apposita maniglia apertura oblò “A” (fig. 1, pag. 6)
Selezionare la biancheria ed introdurla all’interno della macchina (pag. 21)
Chiudere l’oblò
Introdurre il detersivo nelle vaschette come indicato dalla tabella programmi di questo
manuale d’uso (pag. 12)
– Impostare il programma
– Attendere che una delle spie “Centrifuga” si accenda
Premere i tasti supplementari (se desiderati)
(pag. 8-9)
– Premere il tasto “START/PAUSA” (pag. 7)
– Dopo alcuni secondi ha inizio il programma.
Dopo il lavaggio
– Alla fine del programma si illuminano tutte le spie
delle fasi di lavaggio.
– Attendere lo spegnimento della spia oblò bloccato
(2 minuti dalla fine del programma).
– Spegnere la lavabiancheria portando la manopola
programmi in posizione “OFF”.
– Aprire l’oblò ed estrarre la biancheria.
5
Descrizione comandi
Fig. 1
N
C H GM D
P
B L F ME
A
Maniglia apertura oblò
Spia “Blocco Porta”
Tasto “Start/Pausa”
Tasto “Lavaggio Freddo”
Tasto “Extra Risciacquo”
Tasto “Partenza Differita”
Tasto “Regolazione centrifuga”
Spie giri centrifuga
Spie “Fasi lavaggio” e”Tempo Partenza Differita”
Spie tasti
Manopola programmi con posizione di “OFF”
Cassetto detersivo
6
A
B
C
D
E
F
G
H
L
M
N
P
Maniglia apertura oblò
Per aprire l’oblò premere la leva situata all’interno della maniglia.
A
B
Spia SICUREZZA PORTA
La spia è illuminata quando l’oblò è chiuso correttamente e la macchina è accesa.
Dopo aver premuto il tasto “START/PAUSA” inizialmente la spia lampeggia per poi diventare fissa
sino alla fine del lavaggio.
Nel caso in cui l’oblò non sia chiuso correttamente la spia continuerà a lampeggiare.
Uno speciale dispositivo di sicurezza impedisce che l’oblò possa venire aperto immediatamente
dopo la fine di un ciclo di lavaggio, attendere 2 minuti che la spia si spenga e quindi spegnere la
macchina portando la manopola programmi in posizione di “OFF”.
C
Tasto START/PAUSA
Dopo avere selezionato un programma attendere che una
spia “Centrifuga” si accenda prima di premere il tasto START.
Premere per avviare il ciclo impostato con la manopola programmi (a seconda del ciclo
impostato si illuminerà una delle spie delle fasi di lavaggio).
Nota: Dopo avere avviato la lavabiancheria con il tasto
“START/PAUSA” si dovrà attendere alcuni secondi
affinché la macchina inizi il programma.
Modificare impostazioni dopo avvio del programma (PAUSA)
Dopo l’avvio del programma possono essere modificate solo le regolazioni e le opzioni
tramite i tasti opzione. Tenere il tasto START/PAUSA premuto per circa 4 secondi, il
lampeggio delle spie dei tasti funzione e di una spia delle fasi di lavaggio indica che la
macchina è in pausa, modifichi quanto desiderato e prema nuovamente il tasto
START/PAUSA annullando l’ intermittenza.
Se si desidera aggiungere o togliere capi durante il lavaggio, attendere DUE minuti affinché
il dispositivo di sicurezza liberi il blocco dell’oblò e ne permetta l’apertura.
Effettuata la manovra, dopo aver richiuso l’oblò e premuto il tasto “START/PAUSA”, la
macchina ripartirà dal punto in cui era stata fermata.
CANCELLAZIONE PROGRAMMA IMPOSTATO
Per annullare il programma, portare il selettore in posizione OFF.
Selezionare un programma diverso.
Riportare il selettore programmi in posizione OFF.
7
I tasti opzione devono essere selezionati prima di
premere il tasto START/PAUSA.
TASTO LAVAGGIO A FREDDO
D
Inserendo questa funzione si possono eseguire tutti i cicli di lavaggio senza il riscaldamento
dell’acqua, mentre rimangono invariate tutte le altre caratteristiche (livello d’acqua, tempi,
ritmi di lavaggio ecc.).
I programmi a freddo sono indicati per il lavaggio di tutti i capi di biancheria i cui colori non
sono resistenti e per il lavaggio di tende, copriletti, fibre sintetiche particolarmente delicate,
piccoli tappeti o tessuti poco sporchi.
E
Tasto EXTRA RISCIACQUO
Agendo sul tasto è possibile effettuare un nuovo speciale ciclo di lavaggio applicabile nei
programmi per tessuti resistenti e misti che si prende cura delle fibre e della pelle delicata di chi le
indossa.
L’aggiunta di molta più acqua e la nuova azione combinata di cicli di rotazione del cesto con carico
e scarico d’acqua, permette di ottenere capi perfettamente puliti e risciacquati. Viene aumentata
l’acqua in lavaggio per ottenere la perfetta dissoluzione del detersivo, garantendo un’efficace
azione pulente. Viene aumentata l’acqua anche al momento dei risciacqui in modo da eliminare
ogni traccia di detersivo dalle fibre.
Questa funzione è stata studiata appositamente per le persone con pelle delicata e sensibile, per le
quali anche un minimo residuo di detersivo può causare irritazioni o allergie.
Si consiglia di utilizzare questa funzione anche per i capi dei bambini e per i delicati in generale,
oppure nel lavaggio di capi di spugna le cui fibre tendono maggiormente a trattenere il detersivo.
Per assicurare le migliori prestazioni di lavaggio questa funzione è sempre attiva nei programmi
Delicati e Lana/Lavaggio a mano.
8
F
Tasto PARTENZA DIFFERITA
Questo tasto permette di programmare l’avvio del ciclo di lavaggio con un ritardo di 3, 6 o 9 ore.
Per impostare la partenza ritardata procedere nel seguente modo:
Impostare il programma scelto.
Attendere che una delle spie “Centrifuga” si accenda.
Premere il pulsante “PARTENZA DIFFERITA “(ad ogni pressione si potrà impostare una
partenza ritardata rispettivamente di 3,6 o 9 ore e la spia corrispondente al tempo scelto
inizierà a lampeggiare)
Premere il tasto “START/PAUSA” ( la spia corrispondente al tempo scelto rimarrà accesa)
per iniziare il conteggio alla fine del quale il programma inizierà automaticamente.
E’ possibile annullare la partenza ritardata agendo come segue:
premere ripetutamente il tasto “PARTENZA DIFFERITA” per spegnere le spie.
A questo punto è possibile iniziare il programma scelto in precedenza premendo il tasto
“START/PAUSA” o annullare l’operazione portando il selettore in posizione di “OFF” e
successivamente selezionare un altro programma.
Attenzione: Se dovesse mancare la corrente durante il
funzionamento della lavabiancheria, una speciale memoria
conserverà l’impostazione effettuata e, al ritorno della
corrente, la macchina ripartirà dal punto in cui si era fermata.
Tasto REGOLAZIONE CENTRIFUGA
G
La fase di centrifuga è molto importante per la preparazione ad una buona asciugatura ed il
vostro modello è dotato della massima flessibilità per ogni vostra esigenza.
Premendo questo tasto, si può ridurre la massima velocità di centrifuga possibile per il
programma selezionato, fino alla sua completa esclusione (le spie giri centrifuga sono
spente). Per riattivare la centrifuga, è sufficiente premere nuovamente il tasto, fino al
raggiungimento della velocità scelta.
Per la salvaguardia dei tessuti, non è possibile aumentare la velocità oltre quella
automaticamente indicata al momento della selezione del programma.
E' possibile modificare la velocità della centrifuga in qualsiasi momento, anche senza portare
la macchina in PAUSA.
Nota: il modello è dotato di un dispositivo elettronico che controlla il corretto
bilanciamento della biancheria.
Nel caso il carico risulti leggermente sbilanciato, la macchina provvederà a
riequilibrarlo automaticamente per poi effettuare la normale centrifuga.
Se dopo diversi tentativi non vi dovesse riuscire, effettuerà una centrifuga a velocità
ridotta.
Nel caso di carichi eccessivamente sbilanciati la fase della centrifuga viene
soppressa.
Questo serve a contenere le vibrazioni, a migliorare la silenziosità e la durata della
lavabiancheria.
9
Spie GIRI CENTRIFUGA
H
Al momento della selezione di un programma, la massima
velocità di centrifuga possibile verrà automaticamente
indicata tramite l'accensione della relativa spia.
Scegliendo una minor velocità tramite l'apposito tasto, si
illuminerà la spia corrispondente.
L
Spie FASI DI LAVAGGIO
= lavaggio
= risciacquo
= centrifuga
Spie TASTI
M
Si accendono quando i rispettivi tasti vengono premuti.
Nel caso in cui sia stata selezionata un’ opzione non compatibile con il programma scelto, a seconda
dei modelli, la luce sul pulsante non si accenderà, oppure prima lampeggia e dopo si spegne.
10
Manopola PROGRAMMI con posizione di “OFF”
N
Può ruotarla nei due sensi.
Quando si seleziona un programma,
dopo alcuni secondi , si accende una
spia della centrifuga.
Per spegnere la segnalazione luminosa
ruotare la manopola programmi sulla
posizione OFF.
Premere il tasto “Start/Pausa” per iniziare il ciclo di lavaggio
Il ciclo di lavaggio avverrà con la manopola programmi ferma sul programma selezionato sino
alla fine del lavaggio.
A fine ciclo spegnere la lavabiancheria portando la manopola programmi in posizione "OFF"
Nota:
La manopola programmi deve essere sempre portata in
posizione di “OFF” alla fine di un lavaggio e prima di
selezionarne uno nuovo.
11
TABELLA PROGRAMMI
PROGRAMMA PER:
Tessuti resistenti
SELEZIONE
PUNTATORE
MANOPOLA
PROGRAMMI SU:
CARICO
MAX
kg*
TEMP.
°C
CARICO DETERSIVO
2
1
Bianchi
7
8
90°
●
●
Colorati resistenti
con prelavaggio
7
8
60°
●
●
7
8
60°
●
●
7
8
40°
●
●
Colorati delicati
7
8
30°
●
●
Tessuti misti e
sintetici
Colorati resistenti
3,5
4
50°
●
●
Sintetici (Nylon Perlon)
misti di cotone
Colorati delicati
3,5
4
40°
●
●
Misti, sintetici delicati
Colorati delicati
3,5
4
30°
●
●
2
2,5
40°
●
●
Lana "lavabile in
lavatrice"
1
2
40°
●
●
Lavaggio a mano
1
1,5
30°
●
●
Risciacqui
-
-
-
Centrifuga energica
-
-
-
Solo scarico
-
-
-
Chef
scioglimacchia
7
8
40°
●
●
Ciclo rapido 44'
3
3,5
40°
●
●
Ciclo rapido 30'
2
2,5
30°
●
●
Cotone, lino, canapa
Cotone, misti resistenti
**
Colorati resistenti
Cotone, misti
Tessuti delicati
Speciali
Biancheria in lana
Sintetici (Dralon,
Acrylico, Trevira)
**
Colorati resistenti
Delicati
12
●
●
Note da considerare
* La massima capacità di carico di biancheria asciutta differisce a seconda del modello (vedere
targhetta dati).
In caso di biancheria con elevato grado di sporco é consigliata la riduzione del carico a non più
di 3/4 kg.
** PROGRAMMI COTONE DI PROVA SECONDO (EU) No 1015/2010 e No 1061/2010.
PROGRAMMA COTONE con temperatura di 60°C
PROGRAMMA COTONE con temperatura di 40°C
Questi programmi sono indicati per lavare capi di cotone normalmente sporchi e sono i
più efficienti in termine di consumo combinato di acqua e energia per lavaggi di
biancheria in cotone.
Questi programmi sono stati sviluppati per essere conformi con le temperature di
lavaggio delle etichette degli indumenti e la temperatura effettiva dell’ acqua potrebbe
differire leggermente da quella dichiarata dal ciclo.
In tutti i programmi è possibile regolare la velocità della centrifuga secondo il consiglio
del fabbricante del tessuto.
Se l’etichetta non riporta alcuna indicazione è possibile centrifugare alla massima
velocità prevista dal programma.
Quando solo alcuni capi presentano macchie che richiedono un trattamento con prodotti
candeggianti liquidi, si può procedere ad una smacchiatura preliminare in lavatrice.
Introdurre nello scomparto "2" del cassetto detersivo l'apposita vaschetta in dotazione nella
quale versare il candeggiante ed impostare il programma "RISCIACQUI" (
).
Finito questo trattamento, riportare la manopola programmi in posizione "OFF", aggiungere
ai capi candeggiati il resto della biancheria e procedere al bucato normale con il programma
più adatto.
13
SELEZIONE PROGRAMMI
Per trattare i vari tipi di tessuto e le varie gradazioni di sporco, la lavatrice ha 4 fasce di programmi
diversi per tipo di tessuto, temperatura e durata (vedere tabella programmi di lavaggio).
1. TESSUTI RESISTENTI
I programmi sono realizzati per sviluppare il massimo grado di lavaggio e i
risciacqui, intervallati da fasi di centrifuga, assicurano un perfetto risciacquo.
La centrifuga finale alla massima velocità assicura un’ottima strizzatura.
COTONE
2. TESSUTI MISTI E SINTETICI
Il lavaggio ed il risciacquo sono ottimizzati nei ritmi di rotazione del cesto e
nei livelli di acqua. La centrifuga ad azione delicata, assicura una ridotta
formazione di pieghe sui tessuti.
MISTI
3. TESSUTI DELICATISSIMI
E’ un nuovo concetto di lavaggio in quanto alterna momenti di lavoro a
momenti di pausa, particolarmente indicato per il lavaggio di tessuti molto
delicati. Il lavaggio ed i risciacqui sono eseguiti con alto livello di acqua per
assicurare le migliori prestazioni.
DELICATI
PROGRAMMA LANA
Grazie ad uno specifico ciclo i capi vengono puliti in profondità con il
massimo rispetto per la loro integrità.
Il ciclo alterna momenti di lavoro a momenti di pausa con una temperatura
massima di 40°C e si conclude con 3 risciacqui ed una centrifuga delicata.
PROGRAMMA SPECIALE “LAVAGGIO A MANO“
La macchina presenta anche un ciclo di lavaggio delicato chiamato
Lavaggio a mano. Il programma consente un ciclo di lavaggio completo per i
capi da lavare esclusivamente a mano.
Il programma raggiunge una temperatura massima di 30°C e termina con 3
risciacqui e una centrifuga delicata.
SPECIALI
4. SPECIALI
PROGRAMMA SPECIALE “RISCIACQUI”
Questo programma effettua 3 risciacqui della biancheria con centrifuga intermedia
(eventualmente annullabile tramite l’ apposito tasto). E’ utilizzabile per risciacquare
qualsiasi tipo di tessuto, ad esempio dopo un lavaggio effettuato a mano.
Questo programma può essere inoltre utilizzato come ciclo di CANDEGGIO
(vedi tabella programmi).
PROGRAMMA SPECIALE “CENTRIFUGA FORTE”
Questo programma effettua una centrifuga alla massima velocità
(eventualmente riducibile tramite l’apposito tasto).
SOLO SCARICO
Questo programma effettua lo scarico dell’acqua.
14
PROGRAMMA “CHEF SCIOGLIMACCHIA”
Si tratta di un sistema esclusivo Zerowatt per l’eliminazione delle macchie come
quelle di sugo di pomodoro, uovo, olio… offrendo 2 grandi vantaggi:
• poter lavare insieme capi di diversi tessuti (es. cotone + sintetico ecc…)
NON STINGENTI;
• effettuare il lavaggio con un notevolissimo risparmio di energia.
Il programma di lavaggio “CHEF” ha una temperatura di 40°C ed alterna fasi
dinamiche (il cesto che gira) a fasi statiche (capi in ammollo in fase di riposo).
Il consumo di energia elettrica per l’intero ciclo a pieno carico è di soli 850 W/h
corrispondente alla classe A.
Avvertenze:
• il primo lavaggio di capi colorati nuovi deve essere effettuato separatamente.
• in ogni caso, non mischiare mai capi colorati stingenti.
LAVAGGIO GIORNALIERO 40°C - CICLO RAPIDO 44’
Ciclo di lavaggio completo (lavaggio, risciacquo e centrifuga) in grado di
lavare in circa 44 minuti:
- carichi massimi fino a 3/3,5 kg;
- tessuti poco sporchi (cotone e misti)
Con questo programma si raccomanda di usare solo il 30% del detersivo
normalmente usato per evitare sprechi inutili.
LAVAGGIO GIORNALIERO 30°C - CICLO RAPIDO 30’
Ciclo di lavaggio completo (lavaggio, risciacquo e centrifuga) in grado di
lavare in circa 30 minuti:
- carichi massimi fino a 2/2,5 kg;
- tessuti poco sporchi (cotone e misti)
Con questo programma si raccomanda di usare solo il 20% del detersivo
normalmente usato per evitare sprechi inutili.
CAPACITÀ VARIABILE AUTOMATICA
La lavabiancheria è dotata di un sistema per la Riduzione Automatica dei Consumi
(detto capacità variabile automatica). Con tale dispositivo la macchina è in grado di dosare la quantità
di acqua necessaria a lavare e a risciacquare la biancheria in funzione del carico effettuato.
Ciò consente di ridurre il consumo di acqua e dell’energia elettrica necessaria a riscaldarla al
minimo indispensabile, senza tuttavia attuare alcun compromesso sulle prestazioni
di lavaggio e risciacquo. Infatti l’acqua e l’energia utilizzate saranno sempre proporzionali alla
quantità dei capi messi a lavare. La lavabiancheria le garantisce quindi eccezionali risultati di
lavaggio nel rispetto dell’ambiente e con un considerevole risparmio di denaro.
15
Cassetto detersivo
P
Il cassetto detersivo è suddiviso in 3 vaschette:
– la vaschetta contrassegnata con “1” serve per il
detersivo del prelavaggio;
– la vaschetta contrassegnata con “ ”, serve per
additivi speciali, ammorbidenti, profumi inamidanti,
azzurranti, ecc.
– la vaschetta contrassegnata con “2” serve per il
detersivo di lavaggio.
Se si desidera adoperare detersivi liquidi, va introdotta
l’apposita vaschetta in dotazione nello scomparto
contrassegnato con “2” del cassetto detersivo.
Questo assicura che il sapone liquido vada nel cesto solo
al momento in cui è necessario.
Se si desidera Candeggiare occorre utilizzare il
programma Risciacqui ed inserire la sopracitata
vaschetta sempre nello scomparto “2”.
Attenzione: si ricordi che alcuni
detersivi sono di difficile
asportazione. In questo caso Le
consigliamo l’uso di un apposito
contenitore da porre nel cestello.
Attenzione: nella vaschetta contrassegnata con
“
” mettere solo prodotti liquidi. La macchina è
predisposta al prelievo automatico degli additivi durante
I’ultimo risciacquo in tutti i cicli di lavaggio.
16
Detersivi, additivi e dosaggi
Scelta del detersivo
Detersivi di tipo universale
– Detersivi in polvere per lavaggio pieno con supplemento di candeggiante,
particolarmente adatti per l’impiego in programmi ad alte temperature di lavaggio
(60°C ed oltre), per biancheria con forte grado di sporco e biancheria macchiata.
– Detersivi liquidi, particolarmente adatti per sporco causato da grasso, ad esempio
grasso cutaneo, cosmetici ed olio.
Questi detersivi non sono tanto adatti per il lavaggio di biancheria macchiata, poiché non
hanno candeggiante.
– Detersivi biologici. Piena potenza di lavaggio che non viene però ottenuta con tutti i
prodotti offerti.
Detersivi speciali
– Detersivi per biancheria colorata e biancheria delicata, senza supplemento di
candeggiante, spesso anche senza sostanze ottiche di schiarimento, con cura del colore.
– Detersivi per pieno lavaggio, senza supplemento di candeggianti ed enzimi,
particolarmente adatti per la cura delle fibre di lana.
– Detersivi per tendine con sostanze schiarenti otticamente e resistenti alla luce, per
evitare l’ingiallimento attraverso l’influenza dei raggi solari.
– Detersivi speciali per I’utilizzazione programmata di sostanze chimiche secondo il tipo
del tessuto, il grado di sporco e la durezza dell’acqua.
In questo caso detersivi di base, dolcificanti, candeggianti/sali contro macchie possono
essere dosati separatamente.
Sostanze ausiliarie di lavaggio
– Addolcitore anticalcare, permette l’impiego di quantitativi ridotti di detersivo in abitazioni
dove il grado di durezza dell’acqua è da duro a durissimo.
– Sostanze di pretrattamento, per il trattamento programmato preliminare di macchie.
La loro utilizzazione permette l’eventuale susseguente lavaggio con temperatura bassa di
lavaggio o con detersivi senza candeggianti.
– Ammorbidente, impedisce la carica statica in tessuti sintetici e rende la biancheria più
soffice.
Se siete in possesso di un’asciugabiancheria i capi di vestiario diventano morbidi e soffici
anche senza l’impiego di ammorbidente.
Non introdurre solventi nella lavatrice!
Conservare il detersivo e i prodotti per la cura della biancheria fuori dalla portata dei bambini.
Prima di versare il detersivo, accertarsi che nel cassetto per il detersivo non siano presenti
eventuali corpi estranei.
Sulle confezioni dei detersivi sono riportate di solito le indicazioni per il dosaggio. Attenersi a
tali indicazioni.
17
Dosaggi
Utilizzate soltanto detersivi adatti per l’impiego in lavatrice.
Otterrete il migliore effetto di lavaggio con minimo impiego di prodotti chimici ed un’ottimale
cura della biancheria se oltre alla scelta del tipo di detersivo considerate anche il grado di
sporco della biancheria.
Il quantitativo di detersivo dipende da:
– la durezza dell’acqua: a seconda del grado di durezza dell’acqua e del tipo di detersivo
impiegato, è possibile ridurre il quantitativo di detersivo.
– Il grado di sporco: a seconda del grado di sporco è possibile ridurre il quantitativo
di detersivo.
– Il quantitativo di biancheria: in caso di piccoli quantitativi di biancheria è possibile ridurre il
quantitativo di detersivo.
Dosaggio del detersivo in polvere
Per detersivi a normale e bassa concentrazione: per biancheria normalmente sporca
scegliere un programma senza prelavaggio.
Introdurre il detersivo nello scomparto “2” del cassetto.
Per biancheria molto sporca scegliere un programma con prelavaggio.
Mettere 1/4 del detersivo nello scomparto “1”, 3/4 nello scomparto “2” del cassetto.
Impiegando addolcitori per acqua separati, introdurre prima il detersivo, quindi I’addolcitore
nello scomparto “2”.
Per detersivi da bucato ad alta concentrazione, non a dose singola, osservare esattamente
quanto indicato sulle confezioni per il tipo e quantitativo di dosaggio.
Per evitare il verificarsi di difficoltà di prelievo, usare i mezzi di dosaggio contenuti nelle
confezioni dei detersivi.
Dosaggio del detersivo liquido
I detersivi liquidi possono essere usati, in base a quanto indicato sulle relative confezioni, per
tutti i programmi senza prelavaggio utilizzando l’apposito contenitore da porre nel cestello o
per i modelli che ne sono provvisti la bacinella per detersivi liquidi.
18
Consigli utili per gli utenti
Brevi suggerimenti per un utilizzo del proprio elettrodomestico nel rispetto dell’ambiente e con
il massimo risparmio.
Caricare al massimo la propria lavabiancheria
Per eliminare eventuali sprechi di energia, acqua o detersivo si raccomanda di utilizzare la
massima capacità di carico della propria lavabiancheria.
È possibile infatti risparmiare fino al 50% di energia con un carico pieno effettuato con un
unico lavaggio rispetto a due lavaggi a mezzo carico.
Quando serve veramente il prelavaggio?
Solamente per carichi particolarmente sporchi!
Si risparmia dal 5 al 15% di energia evitando di selezionare l’opzione prelavaggio per
biancheria normalmente sporca.
Quale temperatura di lavaggio selezionare?
L’utilizzo di smacchiatori prima del lavaggio in lavabiancheria riduce la necessità di lavare a
temperature superiori a 60°C.
È possibile risparmiare fino al 50% utilizzando la temperatura di lavaggio di 60°C anziché 90°C.
Macchie difficili
la soluzione ideale per ogni tipo di macchia
aceto: acqua fredda e ammoniaca, sciacquare
acquerello: acqua e ammoniaca
attacca tutto: acetone
biro: alcol a 90 gradi; su lana e pelle tamponate con benzina; su capi bianchi usate candeggina
birra: sciacquare con acqua tiepida
bruciatura: acqua e ammoniaca o acqua ossigenata
cacao: immergere il capo nell’acqua di bollitura delle patate
caffè: strofinare con acqua e alcol e lavare con acqua e sapone
cera di candela: raschiare quanto è possibile, sistemare sopra e sotto la macchia due fogli di carta
assorbente e stirare. Spostare i fogli in modo che la macchia venga assorbita meglio.
chewing-gum: indurire la gomma passandoci sopra con un cubetto di ghiaccio. Staccarla con un coltello.
cioccolato: acqua e ammoniaca (5 ml in 500 ml d’acqua); seta: tamponate con succo di limone o qualche
goccia di ammoniaca
colla: v. cioccolato.
19
colore: mescolare una parte di acqua ossigenata e 4 di acqua fredda, qualche goccia di ammoniaca ed
utilizzare la soluzione per tamponare.
colori a olio: trementina
erba: alcol a 90 gradi su cotone e lino. Sulla lana usare una soluzione di acqua tiepida - 3 parti - , alcol - 2 parti
-, ammoniaca - 1 parte-. Risciacquare con acqua e aceto
fango: spazzolarlo asciutto e tamponare con acqua e aceto (lana), con acqua e ammoniaca (cotone, lino,
seta, sintetici)
frutta: succo di limone oppure sale e limone. Sciacquare e mettere in lavatrice o lavare a mano; cotone e lino
colorati vanno tamponati con latte caldo; cotone e lino bianchi con perborato; la lana con acqua e ammoniaca;
la seta con acqua ossigenata diluita in acqua in misura di 1 a 6; tappeti e moquettes, tamponateli prima con
acqua e poi con acetone o trielina
grassi in genere: sciogliere del sale in alcool denaturato o in ammoniaca, spazzolare e lavare in acqua calda
e sapone. Oppure, cospargere immediatamente con talco, lasciare assorbire, passare con il ferro da stiro ben
caldo, spazzolare. Per togliere eventuali aloni lavare direttamente con acqua e sapone. Oppure, provate con
acqua e ammoniaca
gelato: lavare subito con acqua e sapone; in generale, provare anche con acqua e borace in soluzione di
15ml x 500ml di acqua.
iodio: acqua e ammoniaca.
inchiostro: mettere un foglio di carta assorbente e tamponare la macchia con succo di limone puro o alcol a
90° o latte caldo
inchiostro di china: acqua e ammoniaca
liquori: tamponate con acqua e glicerina, sciacquate con acqua e aceto; su lana e seta tamponate con acqua
e ammoniaca
lucido da scarpe: sciogliere con trementina e lavare con acqua tiepida e sapone
marmellate e miele: sciacquare con acqua
muffa: ammollo in acqua e perborato per una notte, poi lavare, risciacquare con acqua e limone.
olio per auto: ammoniaca e poi acqua e sapone
olio: tamponate con acquaragia, poi con ammoniaca diluita in acqua e quindi risciacquate; su seta, lana e
sintetici, tamponate con acquaragia diluita in succo di limone.
pennarello: succo di limone o alcol denaturato sulla macchia e poi in lavatrice
pomodoro crudo: prima con acqua, poi coprire con borotalco.
pomodoro cotto: smacchiare con acqua e ammoniaca.
profumo: tamponare con acqua e acqua ossigenata a 12 volumi, sciacquare con acqua e aceto bianco
resina: tamponare con alcol e ripassare con ammoniaca e trementina; su cotone e colorati e lana, usate
l’acquaragia.
ribes: lavare con una soluzione di succo di limone e aceto senza acqua; poi risciacquare.
rossetto: tamponate con alcol e poi lavate normalmente; se il rossetto è indelebile pre trattate la macchia con
una soluzione di glicerina e acqua calda.
ruggine: succo di limone e sale fino; su lana usare acqua e ammoniaca solo sulla macchia oppure immergere
il capo in acqua e glicerina
salse: acqua e ammoniaca.
sangue: acqua e ammoniaca e poi lavare normalmente.
smalto per unghie: provate un solvente per smalto, completate l’operazione con alcol denaturato; sugli
acetati evitate i solventi e l’alcol denaturato
succo di frutta: acqua e ammoniaca
sudore: tamponate con acqua calda e perborato di sodio o con una soluzione di acqua ossigenata a 20 vol. e
acqua fredda in misura di 1 a 6; su colorati e lana, tamponate con soluzione di acqua calda e ammoniaca; se il
tessuto si è scolorito, tamponate con una soluzione di aceto bianco (15 ml in 250 ml di acqua calda). Lana e
seta possono essere lavate e poi sciacquate con acqua ossigenata a 12 volumi e aceto bianco.
tè: acqua e succo di limone.
trucco: batuffolo di cotone con latte detergente su tutti i tessuti ad esclusione dei sintetici.
uovo: acqua, sapone e qualche goccia di ammoniaca.
vernice: essenza di trementina o acquaragia
vino: contro il vino bianco usare il rosso e viceversa. Oppure coprire la macchia di sale fino, dopo mezz’ora
sfregare con succo di limone caldo, quindi lavare. Se invece la macchia è su seta, sfregare con acqua e aceto
bianco prima di lavare normalmente. Se è su lana, tamponare con acqua ossigenata; in alternativa, su lana
usate acqua e ammoniaca; su seta e sintetici latte caldo.
20
Esempio d’uso
Scelta della biancheria
– Si raccomanda di lavare esclusivamente tessuti lavabili con acqua e detersivo e non a
secco.
– Se si devono lavare tappetoni, copriletti o altri indumenti pesanti è bene non centrifugare.
– Dividere la biancheria in base al tipo di tessuto, allo sporco e alla temperatura di
lavaggio: osservare l’etichetta posta sui tessuti che é un valido aiuto per il trattamento e
la cura della biancheria.
Biancheria lavabile ad alta temperatura
Biancheria colorata e facilmente trattabile
Biancheria delicata e lana
Biancheria da lavare manualmente
– La biancheria contrassegnata con il seguente simbolo è inadatta per il lavaggio nella
lavatrice:
Da lavare a secco
Per tessuti molto delicati quali tende, biancheria intima, collants ecc., è consigliabile
l’utilizzo di un sacchetto di rete.
– Indumenti e biancheria di lana, per poter essere lavati in lavatrice, devono essere
contrassegnati con il simbolo “Pura Lana Vergine” e avere inoltre l’indicazione
“non infeltrisce” oppure “lavabile in lavatrice”.
– La biancheria nuova colorata ha spesso perdite di colore.
Queste possono essere trasmesse ad altri tessuti più chiari durante il processo
di lavaggio.
Per questo motivo consigliamo di effettuare il primo lavaggio dei colorati a parte.
Successivamente i capi colorati non stingenti possono essere lavati con capi
bianchi solo fino a 40°C.
Attenzione: durante la selezione
dei capi da lavare
– si assicuri che nella biancheria da lavare non vi siano
oggetti metallici (ad esempio fermagli, spille di sicurezza,
spilli, monete, ecc…);
– abbottoni le federe, chiuda le cerniere lampo,
gancetti a occhielli, annodi cinghie sciolte e lunghi nastri
di vestaglie;
– asporti dalle tendine anche i rulli di scorrimento;
– osservi attentamente le etichette sui tessuti;
– se durante la selezione vede delle macchie
resistenti, le asporti con del detersivo speciale o con
un’apposita pasta di lavaggio.
– Le consigliamo di non fare un carico di soli capi in tessuto di spugna che assorbendo
molta acqua diventano troppo pesanti.
21
Il modo giusto di lavare
Preparazione della biancheria
A) Selezioni i capi di biancheria.
Carico della biancheria
B) Apra l’oblò.
C) Introduca la biancheria nella lavatrice.
Richiuda l’oblò assicurandosi che nessun
capo di biancheria ostruisca la chiusura stessa.
Introduzione del detersivo
D) Apra il cassetto, scelga il detersivo e lo dosi
secondo le istruzioni del produttore e i consigli di
pag. 17.
Aggiunga le eventuali sostanze ausiliari
(vedi pag. 17). Richiuda il cassetto.
Selezione del programma di lavaggio
Faccia riferimento alla tabella dei programmi o alla legenda dei programmi sulla macchina,
per scegliere il programma più adatto.
Il programma viene scelto ruotando la manopola programmi e facendo coincidere il numero
del programma con l’indice.
Attenda che una delle spie “Centrifuga” si accenda.
Eventualmente prema i pulsanti supplementari.
Si assicuri che il rubinetto dell’acqua sia aperto e che lo scarico sia in posizione regolare.
Prema il tasto “START/PAUSA”.
Il programma ha inizio.
Il ciclo di lavaggio avverrà con la manopola programmi ferma sul programma selezionato
sino alla fine del lavaggio.
Attenzione: Se dovesse mancare la corrente durante il funzionamento della lavabiancheria,
una speciale memoria conserverà l’impostazione effettuata e, al ritorno della corrente, la
macchina ripartirà dal punto in cui si era fermata
Dopo la fine del programma
Alla fine del programma si illuminano tutte le spie delle fasi di lavaggio.
Attenda lo spegnimento della spia oblò bloccato (2 minuti dalla fine del programma).
Spenga la lavabiancheria portando la manopola programmi in posizione “OFF”. Apra l’oblò e
tolga i tessuti. Chiuda il rubinetto dell’acqua.
22
Pulizia e manutenzione ordinaria
Per la Sua lavatrice, all’esterno non usi abrasivi alcool e/o diluenti, basta solo una passata
con un panno umido. La lavatrice ha bisogno di pochissime manutenzioni:
– Pulizia vaschette.
– Pulizia filtro.
Pulizia vaschette
Anche se non strettamente necessario è bene pulire
saltuariamente le vaschette del detersivo, del
candeggiante e additivi.
A) Per questa operazione basta estrarre il cassetto
con una leggera forza.
B) Pulisca tutto il contenuto sotto un getto d’acqua.
C) Reinserisca il tutto nella propria sede.
Pulizia filtro
La lavatrice è dotata di uno speciale filtro in grado di
trattenere i residui più grossi che potrebbero bloccare
lo scarico (monete, bottoni, ecc.) che possono così
essere facilmente recuperati.
È consigliabile mensilmente la pulizia del filtro.
Quando lo deve pulire si comporti così:
A)
Abbassi lo sportellino.
B)
Solo su alcuni modelli:
Estragga il tubicino,tolga il tappo e raccolga
l’acqua in un contenitore.
C)
Prima di svitare il filtro si raccomanda di
collocare un panno assorbente sotto di esso al
fine di raccogliere l’acqua residua che ne
fuoriesce.
D)
Ruoti il filtro in senso antiorario fino all’arresto, in
posizione verticale.
Lo estragga e lo pulisca.
E)
Dopo averlo pulito osservi la tacca e lo rimonti
seguendo in senso contrario tutte le operazioni
precedentemente descritte.
23
Traslochi o lunghi periodi di fermo
macchina
Per eventuali traslochi o qualora la macchina restasse
ferma a lungo in luoghi non riscaldati, è necessario
svuotare completamente da ogni residuo di acqua tutti i
tubi.
A corrente disinserita, stacchi il tubo dalla fascetta e lo
porti, verso il basso, in un catino, fino alla completa
fuoriuscita dell’acqua.
Al termine dell’operazione fissare il tubo di scarico
all’apposita fascetta.
24
Ricerca guasti
Da cosa può dipendere se…
Difetti che potete eliminare personalmente
ANOMALIA
CAUSA
RIMEDIO
1. Non funziona con
qualsiasi
programma
Spina corrente elettrica non inserita
nella presa.
Tasto interruttore generale non inserito.
Manca energia elettrica.
Fusibile o interruttori automatici impianto
domestico guasto.
Oblò aperto.
Inserire la spina.
2. Non carica acqua
Vedi cause 1.
Rubinetto dell’acqua chiuso.
Programmatore non correttamente
posizionato.
Controllare.
Aprire il rubinetto acqua.
Posizionare programmatore
correttamente.
3. Non scarica acqua
Tubo di scarico piegato.
Presenza corpi estranei nel filtro.
Raddrizzare tubo di scarico.
Ispezionare filtro (vedere pagine 23-24).
Inserire tasto interruttore generale.
Controllare.
Controllare.
Chiudere l’oblò.
4. Presenza di acqua sul Perdita della guarnizione posta tra
pavimento attorno alla rubinetto e tubo carico.
lavabiancheria
Sostituire guarnizione e
stringere bene tubo e rubinetto.
5. Non centrifuga
La lavabiancheria non ha ancora
scaricato l’acqua.
“Esclusione centrifuga” inserita (solo per
alcuni modelli).
Attendere alcuni minuti, la macchina
scaricherà.
Disinserire tasto o ruotare
manopola “esclusione centrifuga”.
6. Forti vibrazioni
durante la centrifuga
Lavabiancheria non perfettamente in
piano.
Staffe di trasporto non ancora asportate.
Carico biancheria non uniformemente
distribuito.
Regolare gli appositi piedini
regolabili.
Asportare staffe di trasporto.
Distribuire in modo uniforme la
biancheria.
7.
Non sono passati due minuti
dalla fine del programma.
Attendere due minuti.
L’oblò non si apre
Durante le centrifughe la macchina fa
un rumore diverso! Questo perché è
munita di un motore a collettore che
consente migliori prestazioni funzionali.
Non si vede molta acqua nel cesto!
Questo perché le nuove macchine
usano poca acqua, ottenendo gli
stessi risultati di lavaggio e risciacquo.
25
Attenzione:
L’utilizzo di detersivi ecologici senza fosfati può produrre i seguenti effetti:
– I’acqua di scarico dei risciacqui risulta più torbida per la presenza di zeoliti in sospensione
senza che l’efficacia del risciacquo ne risulti pregiudicata;
– presenza di polvere bianca (zeoliti) sulla biancheria al termine del lavaggio che non si
ingloba nei tessuti e non ne altera il colore.
– La presenza di schiuma nell’acqua dell’ultimo risciacquo non è necessariamente indice di
una cattiva sciacquatura.
– I tensioattivi anionici presenti nelle formulazioni dei detersivi per lavabiancheria, risultano
spesso difficilmente allontanabili dalla biancheria stessa e, anche in minima quantità,
possono produrre vistosi fenomeni di formazione di schiuma.
– L’esecuzione di ulteriori cicli di risciacquo, in casi come questi, non comporta alcun
beneficio.
Fig. 2
Dati tecnici
■ Carico biancheria asciutta
■ Pressione di alimentazione
dell’acqua
7 kg
8 kg
0,05 ÷ 0,8 MPa
0,05 ÷ 0,8 MPa
60 cm
52 cm
85 cm
60 cm
54 cm
85 cm
Dimensioni
■ Larghezza
■ Profondità
■ Altezza
N.B.: Per quanto riguarda i valori inerenti i dati elettrici, vedere targhetta dati applicata sul
frontale della lavabiancheria nella zona oblò (fig. 2).
Apparecchio conforme alle Direttive Europee 73/23/CEE e 89/336/CEE, sostituite
rispettivamente da 2006/95/CE e 2004/108/CE , e successive modifiche.
26
Servizio Assistenza Clienti
CERTIFICATO DI GARANZIA CONVENZIONALE: cosa fare?
Il Suo prodotto è garantito, alle condizioni e nei termini riportati sul certificato inserito nel prodotto ed in
base alle previsioni del decreto legislativo 24/02, nonché del decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206,
per un periodo di 24 mesi decorrenti dalla data di consegna del bene.
Così come riportato nei testi dei Decreti Legislativi citati, il certificato di garanzia dovrà essere da Lei
conservato, debitamente compilato, per essere mostrato al Servizio Assistenza Tecnica Autorizzato, in
caso di necessità, unitamente ad un documento fiscalmente valido rilasciato dal rivenditore al momento
dell’acquisto (bolla di consegna, fattura, scontrino fiscale, altro) sul quale siano indicati il nominativo del
rivenditore, la data di consegna, gli estremi identificativi del prodotto ed il prezzo di cessione.
Resta pure inteso che, salvo prova contraria, poiché si presume che i difetti di conformità che si
manifestano entro sei mesi dalla consegna del bene esistessero già a tale data, a meno che tale ipotesi
sia incompatibile con la natura del bene o con la natura del difetto di conformità, il Servizio di Assistenza
Tecnica Autorizzato Gias, verificato il diritto all’intervento, lo effettuerà senza addebitare il diritto fisso di
intervento a domicilio, la manodopera ed i ricambi. Per contro, nel successivo periodo di diciotto mesi di
vigenza della garanzia, sarà invece onere del consumatore che intenda fruire dei rimedi accordati dalla
garanzia stessa provare l’esistenza del difetto di conformità del bene sin dal momento della consegna; nel
caso in cui il consumatore non fosse in grado di fornire detta prova, non potranno essere applicate le
condizioni di garanzia previste e pertanto il Servizio di Assistenza Tecnica Autorizzato Gias effettuerà
l’intervento addebitando al consumatore tutti i costi relativi.
Le ricordiamo inoltre che sullo stesso certificato di garanzia convenzionale Lei troverà le informazioni ed i
documenti necessari per una copertura sino a 5 anni e così, in caso di guasto, non pagare il diritto fisso di
intervento a domicilio, la manodopera ed i ricambi.
Per qualsiasi informazione necessitasse, La preghiamo rivolgersi al numero telefonico del Servizio Clienti
199 12 13 14.
ANOMALIE E MALFUNZIONAMENTI: a chi rivolgersi ?
Per qualsiasi necessità il centro assistenza autorizzato è a Sua completa disposizione per fornirLe i
chiarimenti necessari; comunque qualora il Suo prodotto presenti anomalie o mal funzionamenti, prima di
rivolgersi al Servizio Assistenza Autorizzato, consigliamo vivamente di effettuare i controlli indicati nel
capitolo "Ricerca guasti".
UN SOLO NUMERO TELEFONICO PER OTTENERE ASSISTENZA.
Qualora il problema dovesse persistere, componendo il “Numero Utile” sotto indicato, sarà messo in
contatto direttamente con il Servizio Assistenza Tecnica Autorizzato che opera nella Sua zona di residenza.
Attenzione:
la chiamata è a pagamento; il costo verrà comunicato, tramite messaggio vocale, dal Servizio clienti
dell’operatore telefonico utilizzato. Dettagli sono presenti sul sito internet www.zerowatt-iberna.it.
MATRICOLA DEL PRODOTTO. Dove si trova?
E’ indispensabile che comunichi al Servizio Assistenza Tecnica Autorizzato la sigla del prodotto ed il
numero di matricola (16 caratteri che iniziano con la cifra 3) che troverà sul certificato di garanzia oppure
sulla targa matricola posta sul frontale della lavabiancheria (zona oblò). In questo modo Lei potrà
contribuire ad evitare trasferte inutili del tecnico, risparmiando oltretutto i relativi costi.
27
Messa in opera installazione
Porti la macchina vicino al luogo di utilizzo senza il
basamento dell’imballo.
Tagliare le fascette fermatubo, prestando attenzione di
non danneggiare il tubo e il cavo elettrico.
Svitare le 4 viti (A) sul lato posteriore e rimuovere i 4
distanziali (B).
Richiudere i 4 fori utilizzando i tappi contenuti nella busta
istruzione.
ATTENZIONE:
NON LASCI ALLA PORTATA DI BAMBINI GLI ELEMENTI DELL’IMBALLAGGIO IN
QUANTO POTENZIALI FONTI DI PERICOLO.
Applichi il foglio di polionda sul fondo come
mostrato.
Livelli la macchina con i 4 piedini:
a) Girare in senso orario il dado per sbloccare la vite del
piedino.
A
b) Ruotare il piedino e farlo scendere o salire fino ad ottenere la
perfetta aderenza al suolo.
c) Bloccare infine il piedino riavvitando il dado in senso
antiorario, fino a farlo aderire al fondo della lavatrice.
28
B
C
Attenzione: si consiglia di conservare le viti per
immobilizzare la macchina in caso di trasporto futuro.
La Casa Costruttrice non risponde di eventuali danni
provocati all’apparecchio per l’inosservanza delle norme
relative allo sbloccaggio.
Tutte le spese di installazione sono a carico dell’utente.
Collegamento idraulico
L’apparecchio deve essere connesso alla rete idrica
solo con i nuovi tubi di carico forniti in dotazione.
I vecchi tubi di carico non devono essere riutilizzati.
La macchina è dotata di un tubo di carico con le
estremità munite di ghiere filettate da 3/4” da allacciare
tra il raccordo filettato dell’apparecchio e la sorgente
dell’acqua fredda.
L’apparecchio deve essere collegato esclusivamente
alla sorgente di acqua fredda.
Il collegamento con sorgenti di acqua calda, cioè a
temperatura maggiore di 40°C, può danneggiare alcuni
tessuti delicati.
max 100 cm
min 4 cm
29
+2,6 mt max
min 50 cm
max 85 cm
Attenzione: dopo ogni lavaggio è consigliabile chiudere
il rubinetto di carico per isolare la lavatrice dal circuito
idraulico.
Per consentire il corretto funzionamento della lavabiancheria è necessario che
l’estremità terminale (bocca) del tubo di scarico sia posta ad un’altezza minima di 50
cm e massima di 85 cm da terra.
Collegamento elettrico e consigli di sicurezza
Le lavatrici vengono fornite per funzionare con tensione 230 V, monofase 50 Hz.
Assicurarsi che il contatore sia dimensionato per erogare almeno 3,0 kW, quindi collegare la
spina di alimentazione con una presa di 16 A, con polo di terra.
Verificare che la presa di corrente della Sua abitazione sia completa di presa di “terra”.
La presa dell’abitazione e la spina dell’apparecchio devono essere dello stesso tipo.
In generale è sconsigliabile l’uso di adattatore prese multiple e/o prolunghe.
L’apparecchio deve essere posto in modo che la spina sia accessibile ad installazione
avvenuta.
Tutte le lavabiancheria Zerowatt sono costruite conformemente a tutte le normative di
sicurezza previste e certificate dai più qualificati Istituti di Qualità Internazionali.
ATTENZIONE:
nel caso si renda necessario sostituire il cavo di alimentazione, assicurarsi di rispettare il
seguente codice-colore durante il collegamento dei singoli fili:
BLU
- NEUTRO (N)
MARRONE
- FASE (L)
GIALLO-VERDE - TERRA (
)
30
La Ditta costruttrice declina ogni responsabilità per eventuali errori di stampa contenuti
nel presente libretto. Si riserva inoltre il diritto di apportare le modifiche che si
renderanno utili ai propri prodotti senza compromettere le caratteristiche essenziali.
Questo elettrodomestico è marcato conformemente alla Direttiva Europea 2002/96/CE sui rifiuti da
apparecchiature elettriche ed elettroniche (WEEE).
Assicurandovi che questo prodotto sia smaltito correttamente, aiuterete ad evitare possibili conseguenze
negative all’ambiente e alla salute delle persone, che potrebbero verificarsi a causa d’un errato trattamento di
questo prodotto giunto a fine vita.
Il simbolo sul prodotto indica che questo apparecchio non può essere trattato come un normale rifiuto
domestico; dovrà invece essere consegnato al punto più vicino di raccolta per il riciclo delle apparecchiature
elettriche ed elettroniche.
Lo smaltimento deve essere effettuato in accordo con le regole ambientali vigenti per lo smaltimento dei rifiuti.
Per informazioni più dettagliate sul trattamento, recupero e riciclo di questo prodotto, per favore contattare
l’ufficio pubblico di competenza (del dipartimento ecologia e ambiente), o il vostro servizio di raccolta rifiuti a
domicilio, o il negozio dove avete acquistato il prodotto.
12.06 - 43003253
IT
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Related manuals

Download PDF

advertising