Miller | MF302369D | Owner Manual | Miller STi 270/270C Manuale utente

Miller STi 270/270C Manuale utente
OM-263 706C/ita
2015−07
Processi
Saldatura con elettrodo di
tungsteno (GTAW)
Saldatura con elettrodo rivestito
(SMAW)
Descrizione
Generatore per saldatura ad arco
STi 270 e STi 270C
CE
MANUALE D’USO
Miller, il vostro partner per
la saldatura!
Congratulazioni e Grazie per aver scelto Miller. Da adesso potrete
realmente lavorare in modo ottimale. Noi sappiamo che oggi non si può
fare altrimenti.
Per questo motivo Niels Miller, quando ha iniziato a fabbricare saldatrici
ad arco nel 1929, si assicurò di fornire prodotti di qualità superiore,
destinati ad offrire prestazioni ottimali per lunghissimo tempo.
Come Voi, i suoi Clienti esigevano i prodotti migliori
disponibili sul mercato.
Oggi, la tradizione continua, grazie agli uomini che fabbricano e
vendono i materiali Miller, con l’intento di fornire apparecchi e servizi,
che rispondano agli stessi criteri rigorosi di qualità e valore, stabiliti nel
1929.
Questo Manuale di Istruzioni è studiato per aiutarvi ad approfondire e
sfruttare al meglio i vostri prodotti Miller.
Leggete con attenzione le prescrizioni relative alla sicurezza; vi
aiuteranno a proteggervi da eventuali pericoli, nel luogo di lavoro. Miller
vi permetterà un’installazione rapida e un utilizzo semplice.
Mantenuto correttamente il materiale Miller vi assicurerà performance
immutate ed affidabili per lunghissimo tempo, e se per qualche ragione,
l’apparecchiatura necessitasse di intervento, trovate una guida alla
soluzione dei problemi più comuni. La lista delle parti di ricambio vi
aiuterà a decidere il particolare giusto da sostituire per risolvere i
problemi.
Trovate infine informazioni dettagliate riguardanti Garanzia e Assistenza
del vostro apparecchio.
Miller Electric produce una linea
completa di saldatrici ed apparecchi legati
alla saldatura. Per informazioni sugli altri
prodotti Miller di qualità contattare il distributore Miller per ricevere il
catalogo aggiornato completo o i singoli fogli del catalogo.
Tutti i generatori Miller sono
coperti dalla Garanzia True
Blue, che vi silleverà da ogni
preoccupazione e problema.
INDICE
SEZIONE 1 − PRECAUZIONI DI SICUREZZA − LEGGERE PRIMA DELL’USO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1-1. Uso Simboli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1-2. Rischi Saldatura ad Arco . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1-3. Rischi riguardanti installazione addizionale, operazione e manutenzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1-4. Avvertenze “California Proposition 65” . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1-5. Norme di Sicurezza Principali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1-6. Informazione EMF . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
SEZIONE 2 − DEFINIZIONI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2-1. Simboli di sicurezza aggiuntivi e relative definizioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2-2. Simboli vari e relative definizioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
SEZIONE 3 − DATI TECNICI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3-1. Posizione del numero di serie e della targa dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3-2. Specifiche per STH 270 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3-3. Specifiche ambientali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3-4. Curve Volt-Ampere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3-5. Ciclo di lavoro e surriscaldamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
SEZIONE 4 − INSTALLAZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4-1. Scelta dell’ubicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4-2. Scelta della sezione dei cavi* . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4-3. Morsetti di saldatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4-4. Connessioni TIG Lift-Arc DCEN (corrente continua elettrodo negativo) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4-5. Connessioni Stick DCEP (Corrente Continua Elettrodo Positivo) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4-6. Guida per i componenti elettrici del circuito di alimentazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4-7. Collegamento dell’alimentazione trifase . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4-8. Collegamento ad un moto-generatore trifase con uscita w/400 V . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
SEZIONE 5 − FUNZIONAMENTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5-1. Comandi (in figura, modello STi 270) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5-2. Preparazione dell’unità per la saldatura Stick (SMAW) (in figura, modello STi 270) . . . . . . . . . . . . . .
5-3. Preparazione dell’unità per la saldatura TIG (GTAW) (in figura, modello STi 270) . . . . . . . . . . . . . . .
5-4. Selettore processo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5-5. Procedura di innesco Lift-Arc . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5-6. Procedura di innesco per saldatura Stick − Tecnica di innesco a striscio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5-7. Controllo corrente (tutti i modelli) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
SEZIONE 6 − MANUTENZIONE E RISOLUZIONE DEI PROBLEMI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6-1. Manutenzione ordinaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6-2. Come espellere la polvere dall’interno della macchina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6-3. Individuazione guasti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
SEZIONE 7 − SCHEMA ELETTRICO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
SEZIONE 8 − SCELTA E PREPARAZIONE DELL’ELETTRODO DI TUNGSTENO
PER LA SALDATURA CC O CA CON MACCHINE AD INVERTER . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
8-1. Scelta dell’elettrodo di tungsteno (Indossare guanti puliti per prevenire la contaminazione
dell’elettrodo di tungsteno) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
8-2. Preparazione dell’elettrodo di tungsteno per la saldatura CC con elettrodo negativo (DCEN)
o per la saldatura CA con macchine ad inverter . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
SEZIONE 9 − LINEE GUIDA PER LA SALDATURA (GTAW) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
SEZIONE 10 − GUIDA PER LA SALDATURA STICK (SMAW) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
SEZIONE 11 − ELENCO PARTI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
GARANZIA
1
1
1
3
5
5
5
7
7
8
9
9
9
9
10
10
11
11
12
12
13
13
14
15
16
17
17
18
19
20
20
21
21
22
22
22
23
24
26
26
26
27
29
36
DECLARATION OF CONFORMITY
for European Community (CE marked) products.
ITW Welding Italy S.r.l Via Privata Iseo 6/E, 20098 San Giuliano M.se, (MI) Italy declares that the prod­
uct(s) identified in this declaration conform to the essential requirements and provisions of the stat­
ed Council Directive(s) and Standard(s).
Product/Apparatus Identification:
Product
Stock Number
STi 270
STi 270C
059016022
059016023
Council Directives:
·2006/95/EC Low Voltage
·2004/108/EC Electromagnetic Compatibility
·2011/65/EU Restriction of the use of certain hazardous substances in electrical and electronic equipment
Standards:
·IEC 60974-1:2012 Arc Welding Equipment – Part 1: Welding Power Sources
·IEC 60974-10:2007 Arc Welding Equipment – Part 10: Electromagnetic Compatibility Requirements
EU Signatory:
July 1st, 2015
___________________________________________________________________________________
Massimigliano Lavarini
Date of Declaration
ITW WELDING ITALY PRODUCTION MANAGER
956 172 238
SEZIONE 1 − PRECAUZIONI DI SICUREZZA − LEGGERE
PRIMA DELL’USO
ita_som_2013−09
7
Proteggere sé stessi e gli altri da possibili lesioni — leggere, rispettare e conservare queste importanti precauzioni di sicurezza e
istruzioni d’uso.
1-1. Uso Simboli
PERICOLO! Indica una situazione pericolosa che, in assenza di contromisure, può causare lesioni gravi o fatali. I possibili pericoli sono raffigurati dai simboli contigui o spiegati nel testo.
Indica una situazione pericolosa che, in assenza di contromisure, può causare lesioni gravi o fatali. I possibili
pericoli sono raffigurati dai simboli contigui o spiegati
nel testo.
AVVISO − Indica dichiarazioni non connesse a possibili lesioni.
. Indica istruzioni speciali.
Questo gruppo di simboli significa: AVVERTENZA! Attenzione! Pericolo di ELETTROCUZIONE, PEZZI IN MOVIMENTO e COMPONENTI CALDI. I simboli e le istruzioni per evitare i pericoli sono riportati qui di seguito.
1-2. Rischi Saldatura ad Arco
I simboli raffigurati sotto sono usati nell’intero manuale per
attirare l’attenzione ed identificare i possibili pericoli. Quando si incontra il simbolo, fare attenzione ed attenersi alle
istruzioni per evitare il pericolo segnalato. Le informazioni
sulla sicurezza presentate sotto sono solamente un riassunto del materiale relativo agli standard di sicurezza elencato
nella sezione 1-5. Leggere e conformarsi a tutti gli standard
di sicurezza indicati.
D
L’installazione, messa in funzione, manutenzione e riparazione di questa unità vanno affidate esclusivamente a personale
qualificato.
D
Durante il funzionamento, tenere lontano chiunque, specie i
bambini.
D
Le SCOSSE ELETTRICHE possono
uccidere.
Toccare parti sotto tensione può causare scosse
mortali o gravi ustioni. L’elettrodo e il circuito
operativo sono sotto tensione ogni volta che il
generatore è attivato. Anche il circuito di erogazione
e i circuiti interni della macchina sono sotto tensione
quando la corrente è attivata. Nella saldatura a filo
semiautomatica o automatica la bobina del filo, la
sede del rullo di guida per il filo e tutte le parti di
metallo che toccano il filo di saldatura sono sotto
tensione. L’installazione o la messa a terra incorrette
della macchina costituiscono un rischio.
D Non toccare parti elettriche sotto tensione.
D Indossare guanti isolanti asciutti e privi di fori e protezione per il
corpo.
D
D
D
D
D
D
D
D Isolarsi dal piano di lavoro e da terra usando tappetini isolanti
asciutti o coperture di dimensioni sufficienti a evitare qualsiasi contatto fisico con il piano di lavoro o con il pavimento.
D
D Non utilizzare prese a c.a. in zone umide se gli spazi sono ristretti o
se vi e rischio di cadute.
D
D Utilizzare prese a c.a. solo se indispensabile.
D Se occorre utilizzare prese a c.a. , usare il commando a distanza
(se previsto).
D Quando si verifica una delle seguenti condizioni di rischio di scossa elettrica, occorre prendere delle precauzioni di sicurezza
aggiuntive: in ambienti umidi o quando si indossano indumenti bagnati; su strutture metalliche come scale, grigliati o impalcature;
quando ci si trova in posizioni con limitata possibilità di movimento
(posizione seduta, inginocchiata o sdraiata) oppure quando esiste
un rischio elevato di contatto inevitabile o accidentale con il pezzo
da saldare o la terra. Per queste condizioni, usare i seguenti equi-
D
D
D
D
D
paggiamenti, nell’ordine elencati: 1) una saldatrice
semiautomatica a filo a tensione costante in CC, 2) una saldatrice
manuale in CC (stick), oppure 3) una saldatrice in CA con tensione
a vuoto ridotta. Nella maggior parte delle situazioni, si consiglia
l’uso di una saldatrice a filo a tensione costante in CC. Inoltre, è
buona norma non lavorare mai da soli.
Disinserire la corrente o fermare la macchina prima di installare o
effettuare operazioni di riparazione sull’attrezzatura. Assicurarsi
che il dispositivo di arresto automatico della corrente sia installato
in conformità all’ OSHA 29 CFR 1910.147 (vedi Norme di Sicurezza).
Installare, mettere a terra e utilizzare l’attrezzatura rispettando
quando contenuto nel Manuale d’uso, nonché le normative
nazionali, statali e locali.
Controllare sempre la messa a terra della rete − controllare e assicurarsi che il filo di messa a terra del cavo di rete sia collegato in
modo appropriato con il terminale di terra dell’interruttore di circuito
o che la spina sia collegata ad una presa messa a terra in modo
appropriato.
Nel fare qualsiasi collegamento di rete attaccare per primo il
conduttore di messa a terra − controllare sempre i collegamenti.
Ispezionare frequentemente il cavo di alimentazione e il conduttore di terra ai fini di individuare eventuali danni o fili scoperti −
sostituire immediatamente il cavo in caso di danno − i fili scoperti
possono uccidere.
Controllare frequentemente il cavo della corrente per individuare
eventuali danni o cavi scoperti − sostituire immediatamente qualsiasi cavo danneggiato − i cavi scoperti possono uccidere.
Spegnere tutte le attrezzature quando non in uso.
Non usare cavi scoperti, danneggiati, di misura inferiore al normale o non giuntati in modo appropriato.
Non avvolgere i cavi intorno al corpo.
Se è necessaria la messa a terra del pezzo da lavorare, collegare
direttamente il pezzo a terra, con un cavo separato.
Non toccare l’elettrodo se si è in contatto con il pezzo da lavorare, il
pavimento o un altro elettrodo appartenente ad una macchina diversa.
Non toccare contemporaneamente le pinze porta elettrodo connesse a due saldatrici diverse in quanto sarà presente una
tensione pari a due volte la tensione a vuoto.
Usare solo attrezzature in buone condizioni. Riparare o sostituire
immediatamente parti danneggiate. Mantenere la macchina in
conformità a quanto descritto nel manuale.
Indossare un’imbragatura di sicurezza nel caso si lavori sospesi
da terra.
Tenere tutti i pannelli e i coperchi al loro posto.
Fissare il cavo di lavoro al pezzo da lavorare con contatto metallosu-metallo il più vicino possibile al punto di saldatura.
Isolare il morsetto de masse quando non e collegato al pezzo de
saldare, per evitare contatti accidentali con altri oggetti metallici.
OM-263 706 Pagina 1
D Anche con l’interruttore di linea aperto all’interno degli “inverter”
rimane una tensione residua pericolosa. Scollegare il cavo relativo
al processo non in uso.
scintille prodotte dall’arco di saldatura, quando si salda o si assiste
alle operazioni di saldatura (vedi ANSI Z49.1 e Z87.1 elencati nelle
Norme di Sicurezza).
D Quando si utilizza un’attrezzatura ausiliaria in ambienti umidi o in
presenza di acqua, assicurarsi che sia prevista la protezione di un
interruttore differenziale.
D Indossare occhiali di sicurezza di modello approvato e con schermi laterali sotto la maschera.
Sulle saldatrici ad inverter, è presente una TENSIONE
CONTINUA ELEVATA ANCHE DOPO l’interruzione
dell’alimentazione.
D Usare schermi protettivi o barriere ai fini di proteggere terze persone da bagliori e scintille; assicurarsi che terze persone non fissino
l’arco.
D Spegnere il generatore, aprire l’interruttore di linea e scaricare
i condensatori seguendo le istruzioni riportate nella Sezione
Manutenzione prima di toccare qualsiasi parte.
D Indossare indumenti per la protezione di tutto il corpo realizzati in
materiale ignifugo e resistente (pelle, cotone pesante, lana). Tale
protezione deve comprendere indumenti privi di sostanze a base
oleosa, quali ad esempio guanti in pelle, camicia pesante, pantaloni senza risvolto, scarpe pesanti e casco.
LE PARTI CALDE possono causare
ustioni.
LE OPERAZIONI DI SALDATURA possono causare incendi o esplosioni.
D Non toccare le parti calde a mani nude.
D Lasciare raffreddare prima di effettuare
qualsiasi operazione sulla saldatrice.
D Per movimentare parti calde, usare gli attrezzi
adatti e/o indossare guanti per saldatura e indumenti spessi e isolati per prevenire bruciature.
Saldare su contenitori chiusi, quali serbatoi, bidoni e
tubi può risultare nell’esplosione di questi ultimi.
L’arco di saldature può emanare scintille. Le scintille,
il pezzo in lavorazione e l’attrezzatura riscaldati
possono causare incendi e ustioni. Un contatto accidentale tra
l’elettrodo e oggetti in metallo può provocare scintille, esplosioni,
surriscaldamento oppure un incendio. Assicurarsi che l’area sia
sicura prima di effettuare qualsiasi operazione di saldatura.
I FUMI E I GAS possono essere pericolosi.
L’operazione di saldatura produce fumi e gas.
Respirare tali fumi e gas può essere pericoloso per
la salute.
D Tenere la testa fuori dai fumi. Non respirare i fumi.
D Nel caso si lavori in ambiente chiuso, aerare l’ambiente e/o usare
un sistema di ventilazione forzata in corrispondenza dell’arco per
rimuovere i fumi e i gas prodotti dalla saldatura.Per determinare il
livello di ventilazione adeguato, si raccomanda di prelevare un
campione e analizzare la composizione e la quantità di vapori e
gas a cui è esposto il personale.
D Nel caso ci sia poca ventilazione, indossare un respiratore ad aria
di modello approvato.
D Leggere attentamente le schede di sicurezza dei materiali (MSDS)
e le istruzioni del costruttore relative ad adesivi, rivestimenti, detergenti, consumabili, refrigeranti, sgrassanti, flussi e metalli.
D Lavorare in ambiente chiuso solo se ben ventilato, oppure se
si indossa un respiratore ad aria. Lavorare sempre con una persona esperta al fianco. I fumi e i gas derivanti dalla saldatura possono
alterare la qualità dell’aria abbassando il livello di ossigeno e quindi
causare problemi o morte. Assicurarsi che la qualità dell’aria rientri
nei livelli di sicurezza.
D Non saldare in prossimità di operazioni di sgrassatura, pulizia o
spruzzatura. Il calore e i raggi prodotti dall’arco possono reagire
con i vapori e formare gas altamente tossici e irritanti.
D Rimuovere tutti i materiali infiammabili in un area di 10,7 m intorno
all’arco di saldatura. Qualora ciò non sia possibile coprire accuratamente tutto con le coperture di modello approvato.
D Non effettuare operazioni di saldatura nel caso in cui ci sia la possibilità che le scintille colpiscano materiale infiammabile.
D Proteggere sè stessi e gli altri da scintille e metallo caldo.
D Fare attenzione, in quanto le scintille e i materiali caldi derivanti dal
processo di saldatura possono facilmente inserirsi attraverso
piccole crepe e aperture e passare ad aree adiacenti.
D Attenzione a possibili incendi; tenere sempre un estintore nelle
vicinanze.
D Fare attenzione, in quanto operazioni di saldatura effettuate su
soffitti, pavimenti, muri di sostegno o divisori possono causare incendi dalla parte opposta.
D Non effettuare operazioni di saldatura su contenitori precedentemente utilizzati per la conservazione di combustibili o contenitori
chiusi quali serbatoi, bidoni o tubi, a meno che questi non siano
preparati in modo appropriato in conformità allo standard AWS
F4.1 e AWS A6.0 (vedi Norme di Sicurezza).
D Non saldare laddove l’atmosfera possa contenere polvere, gas o
vapori infiammabili (tipo quelli di benzina).
D Collegare il cavo di lavoro al pezzo da saldare il più vicino possibile
alla zona di saldatura ai fini di evitare che la corrente di saldatura
debba percorrere lunghi tratti, magari non in vista, in quanto questo
può causare scosse elettriche, scintille e rischi di incendio.
D Non usare la saldatrice per disgelare tubature.
D Rimuovere l’ elettrodo a bacchetta dal portaelettrodo o tagliare il
filo di saldatura alla punta di contatto quando non in uso.
D Non effettuare operazioni di saldatura su metalli rivestiti, quali ferro
zincato, piombato o cadmiato, a meno che il rivestimento non
venga rimosso dalla zona di saldatura, l’area non sia ben ventilata
e, se necessario, non si indossi un respiratore ad aria. I rivestimenti e qualsiasi metallo contenente tali elementi possono emettere
fumi tossici se vengono saldati.
D Indossare indumenti per la protezione di tutto il corpo realizzati in
materiale ignifugo e resistente (pelle, cotone pesante, lana). Tale
protezione deve comprendere indumenti privi di sostanze a base
oleosa, quali ad esempio guanti in pelle, camicia pesante, pantaloni senza risvolto, scarpe pesanti e casco.
RAGGI DELL’ARCO possono causare ustioni ad occhi e pelle.
D Una volta completato il lavoro, ispezionare l’area e verificare l’assenza di scintille, tizzoni ardenti e fiamme.
I raggi dell’arco derivanti dal processo di saldatura
producono raggi intensi visibili e invisibili (ultravioletti e infrarossi) che possono ustionare sia occhi che
pelle. Nel luogo de saldatura si generano delle scintille.
D Indossare un casco per saldatura di tipo approvato con visiera
dotata di filtro con schermatura protezione appropriata per
proteggere il viso e gli occhi dalla radiazione luminosa e dalle
OM-263 706 Pagina 2
D Rimuovere tutti i combustibili, quali accendini al butano o fiammiferi, da se stessi prima di iniziare qualsiasi operazione di saldatura.
D Usare solamente i fusibili o gli interruttori di sicurezza giusti. Non
aumentarne in modo eccessivo l’amperaggio né escluderli.
D Seguire i requisiti OSHA 1910.252 (a) (2) (iv) e NFPA 51B per i
lavori ad alta temperatura e tenere a portata di mano un dispositivo
antincendio ed un estintore.
D Leggere attentamente le schede di sicurezza dei materiali (MSDS)
e le istruzioni del costruttore relative ad adesivi, rivestimenti, detergenti, consumabili, refrigeranti, sgrassanti, flussi e metalli.
I PEZZI DI METALLO VOLANTI o lo
SPORCO possono danneggiare gli
occhi.
D Le operazioni di saldatura, sbavatura, spazzolatura e molatura possono generare scintille e
proiezioni metalliche. Quando la zona saldata
si raffredda, possono essere proiettate delle
scorie.
D Anche se si indossa la maschera, utilizzare al di sotto occhiali di
protezione approvati, con schermi laterali.
L’ACCUMULO DI GAS può causare
lesioni, anche mortali.
D Chiudere sempre la valvola della bombola
quando non si utilizza.
D In ambienti confinati, mettere sempre in funzione una ventilazione adeguata o utilizzare respiratori con alimentatore d’aria approvati.
I CAMPI ELETTROMAGNETICI (EMF)
possono influenzare il funzionamento dei
dispositivi medicali impiantati negli esseri
umani.
D Le persone su cui sono stati impiantati
pacemaker o altri dispositivi medicali devono rimanere a debita
distanza.
D Le persone su cui sono stati impiantati dispositivi medicali
devono rivolgersi al proprio medico e al produttore del
dispositivo prima di avvicinarsi a luoghi dove si svolgono
operazioni di saldatura ad arco, saldatura a punti, scriccatura,
taglio ad arco plasma e riscaldamento a induzione.
LE BOMBOLE, se
possono esplodere.
danneggiate,
Le bombole del gas contengono gas ad alta
pressione. Se danneggiata, una bombola può
esplodere. Le bombole di gas fanno parte del
processo di saldatura e come tali devono essere maneggiate con
cautela.
D Proteggere le bombole di gas compresso da calore eccessivo,
colpi, danni, scorie, fiamma viva, scintille ed archi elettrici.
D Installare le bombole in posizione verticale fissandole ad un supporto fisso o agli appositi contenitori ai fini di evitare che si rovescino o che cadano.
D Tenere le bombole lontano dalle operazioni di saldatura o da altri
circuiti elettrici.
D Non avvolgere mai una torcia di saldatura intorno ad una bombola di gas.
D Non permettere mai che l’elettrodo tocchi una bombola.
D Non effettuare mai operazioni di saldatura su una bombola sotto
pressione in quanto questo causerà un’esplosione.
D Utilizzare esclusivamente bombole, regolatori, tubi e accessori
dedicati, effettuandone una regolare manutenzione e utilizzando
solo parti in buone condizioni.
D Nell’aprire la valvola della bombola, tenere la faccia lontana
dall’ugello di uscita e non sostare di fronte o dietro il regolatore.
D Tenere il coperchio protettivo sulla valvola eccetto quando la
bombola è in uso.
D Usare l’attrezzatura appropriata, le procedure corrette ed un numero di persone sufficiente per sollevare o spostare le bombole.
D Leggere e seguire le istruzioni riguardanti le bombole di gas
compresso e relativi accessori, così come la pubblicazione P-1
CGA (Compressed Gas Association) elencata nelle Norme di
Sicurezza.
IL RUMORE può danneggiare l’udito.
Il rumore emesso da alcuni procedimenti e da certi
apparecchiature può danneggiare l’udito.
D Utilizzare gli appositi tappi o paraorecchie di
modello approvato qualora il livello del rumore
sia eccessivo.
1-3. Rischi riguardanti installazione addizionale, operazione e manutenzione
LE PARTI IN CADUTA
causare ferimenti.
RISCHIO DI INCENDIO OD ESPLOSIONE.
D Non posizionarle la macchina, sopra o vicino
a superfici combustibili.
D Non installare la macchina in vicinanza di materiali infiammabili.
D Non sovraccaricare il circuito di alimentazione. Prima de allacciare il generatore accertarsi che il circuito de alimentazione sia
di sezione adeguato al carico che deve alimentare.
D
D
D
D
possono
D Usare la vite ad occhio per sollevare solo la
macchina e NON le parti mobili, le bombole di
gas o qualsiasi altro accessorio.
Usare un’apparecchiatura adeguata per sollevare la macchina.
Nel caso si usassero carrelli con forche ai fini di spostare la macchina, assicurarsi che tali forche siano di una lunghezza sufficiente a raggiungere il lato opposto della macchina stessa.
Mantenere le apparecchiature (i fili ed i cavi) lontano dai veicoli in
movimento quando si lavora in posizione sopraelevata.
Seguire le istruzioni riportate nel Manuale applicativo
dell’equazione NIOSH per le attività di sollevamento, versione
aggiornata (Pubblicazione No. 94–110) quando si sollevano
manualmente parti o apparecchiature pesanti.
OM-263 706 Pagina 3
L’USO ECCESSIVO può causare
SURRISCALDAMENTO DELL’APPARECCHIATURA.
D Permettere che l’apparecchiatura si raffreddi;
seguire il ciclo operativo nominale.
D Ridurre la corrente o il ciclo operativo prima di
ricominciare di nuovo a saldare.
D Non ostacolare con filtri ad altro l’aria che fluisce nell’apparecchiatura.
LE SCINTILLE
ferimenti
possono
causare
LEGGERE LE ISTRUZIONI.
D Leggere attentamente tutte le etichette ed il
Manuale d’uso e seguire le indicazioni ivi
riportate prima di installare, mettere in funzione
o riparare la macchina. Leggere le informazioni
di sicurezza riportate all’inizio del manuale ed
in ciascuna sezione.
D Usare solo parti di ricambio originali del costruttore.
D Eseguire la manutenzione e le riparazioni seguendo quanto
riportato sul Manuale d’uso, gli standard industriali e le normative
applicabili.
D Indossare un gran facciale per proteggere sia
gli occhi che la faccia.
D Conformare l’elettrodo al tungsteno solamente
con la molatrice completa delle apposite protezioni, in un luogo sicuro, proteggendo in modo
opportuno il volto, le mani ed il corpo.
D Le scintille possono causare incendi. Tenere lontane le sostanze
infiammabili.
LE RADIAZIONI EMESSE DALL’ALTA
FREQUENZA possono causare delle
interferenze.
L’ELETTRICITA’ STATICA può danneggiare le parti sul circuito.
D Indossare fascetta di messa a terra sul polso
PRIMA di maneggiare circuiti o parti.
D Usare sacchi o scatole antistatica per immagazzinare, muovere o trasportare cartelle di
circuito stampato.
D
D
LE PARTI IN MOVIMENTO possono
causare ferimenti.
D Tenersi lontani dalle parti in movimento.
D Tenersi lontani da parti potenzialmente pericolose, quali i rulli di trasmissione.
D
D
D
IL FILO DI SALDATURA può causare
ferimenti.
D Le radiazioni ad alta frequenza possono interferire con la radionavigazione, i servizi di sicurezza, i computer e gli strumenti di comunicazione.
Questa installazione deve essere effettuata esclusivamente da
persone qualificate e specializzate nell’uso di attrezzature elettroniche.
É responsabilità dell’utente fare correggere immediatamente
qualsiasi problema di interferenza che si presenti in seguito
all’installazione da un elettricista qualificato.
Qualora avvisati dall’FCC (Ufficio Controllo Frequenze) riguardo
interferenze, smettere immediatamente di usare l’attrezzatura.
Assicurarsi che l’apparecchiatura sia regolarmente controllata e
mantenuta in efficienza.
Tenere i portelli e i pannelli della fonte di alta frequenza ben chiusi, assicurarsi che la distanza tra le puntine sia quella regolare e
utilizzare messe a terra e protezioni ai fini di minimizzare la possibilità di interferenza.
D Non premere il pulsante della torcia fino a quando non ricevete istruzioni a tale fine.
D Non puntare la torcia verso il corpo, altre persone o qualsiasi metallo durante le operazioni di
alimentazione del cavo di saldatura.
L’ESPLOSIONE DELLA BATTERIA
può causare ferimenti.
D Non utilizzare la saldatrice per caricare le
batterie o per l’avviamento assistito di veicoli, a
meno che non disponga di una funzione di
carica della batteria specificatamente
progettata per questi scopi.
LE PARTI IN MOVIMENTO possono
causare ferimenti.
D Tenersi lontani da parti in movimento quali i volani.
D Tenere tutti i portelli, i pannelli, i coperchi e le protezioni chiusi e al
loro posto.
D Se necessario, per la manutenzione e la riparazione dei guasti,
far rimuovere gli sportelli, i pannelli, i coperchi o le protezioni solo
da personale qualificato.
D Rimontare gli sportelli, i pannelli, i coperchi e le protezioni quando la manutenzione è terminata e prima di collegare il connettore
di alimentazione.
OM-263 706 Pagina 4
LA SALDATURA AD ARCO può causare
interferenza.
D L’energia elettromagnetica può causare interferenza con il funzionamento degli apparecchi
elettronici sensibili, quali computer e macchine
regolate da computer, come i robot.
D Accertarsi che tutti gli apparecchi che si trovano nell’area di saldatura soddisfino i requisiti sulla compatibilità elettromagnetica.
D Per ridurre la possibilità d’interferenza, utilizzare cavi quanto più
corti possibile, vicini tra di loro e tenerli bassi, per esempio sul pavimento.
D Eseguire la saldatura ad almeno 100 metri di distanza da qualsiasi
apparecchio elettrico sensibile.
D Accertarsi che la saldatrice sia installata e collegata all’impianto di
messa a terra come specificato in questo manuale.
D Se si verifica interferenza, adottare misure ulteriori quali lo spostamento della saldatrice, l’utilizzo di cavi schermati, di filtri in linea o la
schermatura dell’area di lavoro.
1-4. Avvertenze “California Proposition 65”
L’apparecchiatura di saldatura o di taglio produce fumi o gas
che contengono sostanze chimiche note allo Stato della California come cause di malformazioni alla nascita e, in alcuni casi, di
cancro. (California Health & Safety Code Section 25249.5 e
succ.)
Questo prodotto contiene sostanze chimiche, tra cui il piombo, note allo Stato della California come cause di cancro e
malformazioni alla nascita o altre anomalie nella riproduzione. Lavarsi le mani dopo l’uso.
1-5. Norme di Sicurezza Principali
Safety in Welding, Cutting, and Allied Processes, ANSI Standard Z49.1,
is available as a free download from the American Welding Society at
http://www.aws.org or purchased from Global Engineering Documents
(phone: 1-877-413-5184, website: www.global.ihs.com).
Safe Practices for the Preparation of Containers and Piping for Welding
and Cutting, American Welding Society Standard AWS F4.1, from Global Engineering Documents (phone: 1-877-413-5184, website:
www.global.ihs.com).
Safe Practices for Welding and Cutting Containers that have Held Combustibles, American Welding Society Standard AWS A6.0, from Global
Engineering Documents (phone: 1-877-413-5184,
website: www.global.ihs.com).
National Electrical Code, NFPA Standard 70, from National Fire Protection Association, Quincy, MA 02269 (phone: 1-800-344-3555, website:
www.nfpa.org and www. sparky.org).
Safe Handling of Compressed Gases in Cylinders, CGA Pamphlet P-1,
from Compressed Gas Association, 14501 George Carter Way, Suite
103, Chantilly, VA 20151 (phone: 703-788-2700, website:www.cganet.com).
Safety in Welding, Cutting, and Allied Processes, CSA Standard
W117.2, from Canadian Standards Association, Standards Sales, 5060
Spectrum Way, Suite 100, Ontario, Canada L4W 5NS (phone:
800-463-6727, website: www.csa-international.org).
Safe Practice For Occupational And Educational Eye And Face Protection, ANSI Standard Z87.1, from American National Standards Institute,
25 West 43rd Street, New York, NY 10036 (phone: 212-642-4900, website: www.ansi.org).
Standard for Fire Prevention During Welding, Cutting, and Other Hot
Work, NFPA Standard 51B, from National Fire Protection Association,
Quincy, MA 02269 (phone: 1-800-344-3555, website: www.nfpa.org.
OSHA, Occupational Safety and Health Standards for General Industry, Title 29, Code of Federal Regulations (CFR), Part 1910, Subpart Q,
and Part 1926, Subpart J, from U.S. Government Printing Office, Superintendent of Documents, P.O. Box 371954, Pittsburgh, PA 15250-7954
(phone: 1-866-512-1800) (there are 10 OSHA Regional Offices—
phone for Region 5, Chicago, is 312-353-2220, website:
www.osha.gov).
Applications Manual for the Revised NIOSH Lifting Equation, The National Institute for Occupational Safety and Health (NIOSH), 1600
Clifton Rd, Atlanta, GA 30333 (phone: 1-800-232-4636, website:
www.cdc.gov/NIOSH).
1-6. Informazione EMF
Il passaggio della corrente elettrica in qualsiasi conduttore genera
campi elettromagnetici localizzati (EMF). La corrente della saldatura ad
arco (e di processi affini, quali saldatura a punti, scriccatura, taglio ad
arco plasma e riscaldamento a induzione) crea un campo
elettromagnetico attorno al circuito per la saldatura. I campi EMF
possono interferire con i dispositivi medicali, quali i pacemaker. Le
persone a cui sono stati impiantati apparecchi medicali devono
assumere misure protettive, ad esempio la limitazione dell’accesso ai
non addetti e la valutazione dei rischi individuali per i saldatori. Ad
esempio, limitare l’accesso ai passanti o eseguire singole valutazioni
del rischio per le saldatrici. Tutti i saldatori sono tenuti a rispettare le
seguenti procedure al fine di ridurre al minimo l’esposizione ai campi
EMF creati intorno al circuito di saldatura:
1. Tenere i cavi insieme attorcigliandoli o avvolgendoli con nastro
oppure utilizzando un copricavo.
2. Non infrapporsi tra i cavi di saldatura. Disporre i cavi su un lato e
lontano dall’operatore.
3. Non avvolgere i cavi intorno al corpo.
4. Tenere testa e busto quanto più lontano possibile dall’apparecchiatura inserita nel circuito di saldatura.
5. Fissare il morsetto al pezzo da lavorare il più vicino possibile al
punto di saldatura.
6. Non lavorare, sedersi o restare in prossimità della saldatrice.
7. Non eseguire la saldatura mentre si trasporta la saldatrice o
l’alimentatore di filo.
Nota sui dispositivi medici impiantati
I portatori di dispositivi medici impiantati devono consultare il proprio
medico ed il fabbricante del dispositivo prima di avvicinarsi o eseguire
operazioni di saldatura ad arco e a punti, sgorbiatura, taglio arco−plasma o di riscaldamento ad induzione. Una volta ottenuto il parere
favorevole del medico, non mancare si attenersi alle procedure indicate
in precedenza.
OM-263 706 Pagina 5
OM-263 706 Pagina 6
SEZIONE 2 − DEFINIZIONI
2-1. Simboli di sicurezza aggiuntivi e relative definizioni
. Alcuni simboli vengono riportati solo su prodotti CE.
Significa Attenzione! Questa operazione comporta possibili rischi! Tali rischi vengono illustrati dai simboli.
Safe1 2012−05
Non smaltire il prodotto con i rifiuti generici.
Riutilizzare o riciclare i Rifiuti da Apparecchiature Elettriche o Elettroniche (RAEE) rivolgendosi, per lo smaltimento,
a un centro di raccolta autorizzato.
Contattare la società di smaltimento rifiuti locale oppure il distributore locale per maggiori informazioni.
Safe37 2012−05
Indossare guanti isolanti asciutti. Non toccare l’elettrodo a mani nude. Non usare guanti bagnati o danneggiati.
Safe2 2012−05
Proteggersi da scariche elettriche isolandosi dal pezzo in lavorazione e da terra.
Safe3 2012−05
Staccare la spina di alimentazione o disinserire la corrente prima di effettuare lavori sulla macchina.
Safe5 2012−05
Tenere la testa fuori dai fumi.
Safe6 2012−05
Utilizzare ventilazione forzata o un aspiratore ai fini di rimuovere i fumi.
Safe8 2012−05
Utilizzare un ventilatore ai fini di rimuovere i fumi.
Safe10 2012−05
Tenere i materiali infiammabili a distanza di sicurezza dalla zona di saldatura. Non effettuare saldature
in prossimità di materiali infiammabili.
Safe12 2012−05
Le scintille generate dalla saldatura possono causare incendi. Tenere un estintore a portata di mano,
con un osservatore pronto ad usarlo.
Safe14 2012−05
OM-263 706 Pagina 7
Non effettuare operazioni di saldatura su bidoni o altri contenitori chiusi.
Safe16 2012−05
Non rimuovere o coprire in alcun modo le etichette.
Safe20 2012−05
Indossare copricapo e occhiali di sicurezza. Usare protezioni per le
orecchie e assicurarsi che la camicia sia abbottonata fino al colletto.
Utilizzare un casco con visiera dotata di filtro con livello di protezione
appropriato. Indossare indumenti per la protezione di tutto il corpo.
Safe38 2012−05
Leggere il manuale di istruzioni prima di effettuare interventi sulla
saldatrice o iniziare a saldare.
Safe40 2012−05
2-2. Simboli vari e relative definizioni
A
I
Ampere
Comando
a distanza
Positivo
Uscita/On
Innesco Lift−Arc
(GTAW)
Negativo
Saldatura ad arco
con elettrodo
di tungsteno
sotto protezione
gassosa (GTAW)
V
Hz
Processo
Volt
Alta Temperatura
Hertz
Collegamento
alla linea
di alimentazione
Alimentazione
(ingresso)
X
Ciclo di lavoro
Corrente Continua
Funzione Hot
Start
Saldatura con
elettrodo rivestito
(SMAW)
On (acceso)
Convertitore −
trasformatore −
raddrizzatore
statico trifase
Percento
Uscita in tensione
Off (spento)
OM-263 706 Pagina 8
Messa a terra
I2
U2
U1
IP
I1max
I1eff
Corrente nominale
di saldatura
Tensione al carico
nominale
Tensione primaria
Grado di
protezione
Corrente nominale
massima
assorbita
Corrente effettiva
massima
assorbita
Configurazione
Corrente alternata
Intensità dell’arco
(Arc Force)
U0
Tensione a vuoto
(OCV)
SEZIONE 3 − DATI TECNICI
3-1. Posizione del numero di serie e della targa dati
Il numero di serie e i dati nominali del prodotto si trovano nella parte posteriore dell’unità. Fare riferimento alle targhe dati per i requisiti di alimentazione
e/o le prestazioni nominali. Riportare il numero di serie nello spazio fornito sulla quarta di copertina di questo manuale per riferimento futuro.
3-2. Specifiche per STH 270
. Non utilizzare le informazioni nella tabella delle caratteristiche dell’unità per determinare i requisiti dell’alimentazione elettrica. Per informazioni
sul collegamento all’alimentazione, vedere le Sezioni 4-6 e 4-7.
Modello
Tensione di
alimentazione
Tensione
trifase
AC 50/60 Hz
Stick 400 Volt
Prestazioni
100%
40%
180 A
27,2 V
270 A
30,8 V
STi 270
Massima
tensione
a vuoto
Campo di
correnti/
tensioni
DC
kVA/kW al ciclo
di lavoro
Dimensioni
Peso
5 − 270 A
20 − 30,8 V
11,4 KVA / 10,3 KW
40% DC
7,9 KVA / 7,06 KW
100% DC
Lunghezza:
568 mm (22,4 in.)
Netto: 23,2
(51,1)
Larghezza:
219 mm (8,6 in.)
Altezza: 347 mm
(13,7 in.)
Con
imballo:
25,2
(55,6)
50 VDC
TIG 400 Volt
180 A
17,2 V
270 A
20,8 V
5 − 270 A
10 − 20,8 V
7,7 KVA / 6,7 KW
40% DC
4,8 KVA / 4,0 KW
100% DC
Stick 400 Volt
180 A
27,2 V
270 A
30,8 V
5 − 270 A
20 − 30,8 V
11,4 KVA / 10,3 KW
40% DC
7,9 KVA / 7,06 KW
100% DC
5 − 270 A
10 − 20,8 V
7,7 KVA / 6,7 KW
40% DC
4,8 KVA / 4,0 KW
100% DC
Sti 270C
50 VDC
TIG 400 Volt
180 A
17,2 V
270 A
20,8 V
Lunghezza:
568 mm (22,4 in.)
Larghezza:
219 mm
(8,6 in.)
Altezza: 347 mm
(13,7 in.)
Netto: 23,4
(51,6)
Con
imballo:
25,4
(56)
3-3. Specifiche ambientali
A. Classificazione IP
Classificazione IP
Campo di temperatura d’esercizio
IP23S
Questa unità è progettata per l’uso all’aperto. È consentito
l’immagazzinamento ma non la saldatura all’aperto in caso di
precipitazioni, a meno che non venga previsto un riparo adeguato.
−10 a 40°C (14 a 104°F)
IP23S 2014−06
B. Informazioni sui campi elettromagnetici (EMF)
!
La presente apparecchiatura non può essere utilizzata da personale non qualificato, poiché durante la saldatura si potrebbero
superare le restrizioni EMF (campi elettromagnetici) definite per il personale non professionale.
L’apparecchiatura è costruita nel rispetto della norma EN 60974−1 ed è predisposta per l’uso esclusivamente in ambiente professionale (dove
l’accesso al pubblico non è consentito o è limitato con modalità che lo assimilano all’utilizzo professionale) da parte di personale esperto o debitamente preparato.
Unità trainafilo e dispositivi accessori, quali torce, sistemi di refrigerazione a liquido e dispositivi di innesco e stabilizzazione dell’arco, inclusi nel
circuito di saldatura, possono essere relativamente irrilevanti ai fini dei campi elettromagnetici. Leggere il Manuale di istruzioni per informazioni
supplementari sull’esposizione EMF relativa ai componenti del circuito di saldatura.
S
S
La valutazione EMF sull’apparecchiatura è stata condotta a una distanza di 0,5 m.
Alla distanza di 1 metro, i valori di esposizione EMF erano inferiori al 20% dei valori ammessi.
ce-emf 1 2010-10
C. Informazioni sulla compatibilità elettromagnetica (EMC)
!
Questa attrezzatura di classe A non è adatta all’uso in applicazioni residenziali in cui l’alimentazione elettrica sia fornita da una
rete pubblica a bassa tensione. In questo caso, possono esservi potenziali difficoltà ad assicurare la compatibilità
elettromagnetica, a causa di interferenze sia per conduzione che per radiazione.
Questa attrezzatura non è conforme alla normativa IEC 61000−3−12. In caso di collegamento a una rete pubblica a bassa tensione, l’installatore
o l’utilizzatore sono tenuti ad assicurarsi, se necessario dopo aver consultato il gestore della rete di distribuzione, che l’attrezzatura possa
effettivamente essere collegata.
Lo standard IEC/TS 61000−3−4 può essere utilizzato come riferimento per l’installazione di apparecchiature per la saldatura ad arco alimentate
da una rete a bassa tensione con una corrente di ingresso maggiore di 16 A.
ce−emc 2 2014−07
OM-263 706 Pagina 9
Tensione continua (V)
3-4. Curve Volt-Ampere
54
52
50
48
46
44
42
40
38
36
34
32
30
28
26
24
22
20
18
16
14
12
10
8
6
4
2
0
0 10 20 30 40 50 60 70 80 90 100110120 130140150160170180190200210220230240250260270280
Le curve Volt−Ampere indicano i
valori minimo e massimo della corrente e della tensione erogabili dal
generatore. Le curve per gli altri
valori saranno comprese entro le
due curve indicate.
Corrente continua (A)
3-5. Ciclo di lavoro e surriscaldamento
300
Il ciclo di lavoro corrisponde alla percentuale basata su un tempo di
10 minuti durante la quale la macchina è in grado di saldare a carico
nominale senza surriscaldarsi.
STICK/TIG
Se la macchina si surriscalda, la
potenza in uscita si annulla e la ventola di raffreddamento continua a
funzionare. Attendere quindici minuti affinché l’unità si raffreddi. Ridurre la corrente, la tensione o il ciclo di lavoro prima di riprendere a
saldare.
Corrente erogata
250
200
150
AVVISO − Superare il ciclo di
lavoro può danneggiare la
macchina e invalidare la garanzia.
100
50
10
50
100
270 A con ciclo di lavoro del 40%
180 A con ciclo di lavoro del 100%
4 Minutes Welding
4 minuti di saldatura
6 Minutes Resting
6 minuti di riposo
Surriscaldamento
A oppure V
0
15
Minuti
OM-263 706 Pagina 10
OPPURE
Ridurre il ciclo di lavoro
SEZIONE 4 − INSTALLAZIONE
4-1. Scelta dell’ubicazione
!
Spostamento
Non spostare o mettere in funzione la macchina
se si trova in posizione instabile.
1
Collocazione e flusso dell’aria
!
Può
essere
necessaria
un’installazione
particolare
nel caso in cui ci sia la
presenza di benzina o liquidi
volatili − vedi NEC Articolo 511
o CEC Sezione 20.
1
Maniglia di sollevamento
Utilizzare la maniglia per sollevare
la macchina.
2
2
Interruttore di linea
Collocare la macchina vicino alla
presa di alimentazione.
460 mm
460 mm
loc_small 2015-04
OM-263 706 Pagina 11
4-2. Scelta della sezione dei cavi*
AVVISO − La lunghezza totale dei cavi nel circuito di saldatura (vedi tabella sotto) è la somma della lunghezza di entrambi i cavi. Per esempio, se
la saldatrice si trova a 30 m (100 ft) dal pezzo, la lunghezza totale del circuito di saldatura è di 60 m (2 cavi da 30 m). Per scegliere la sezione dei cavi,
fare riferimento alla colonna 60 m (200 ft).
Sezioni (diametri)** e lunghezza totale dei cavi (in rame) di saldatura
non superiori a***
Minore di 30 m (100 ft)
45 m
(150 ft)
60 m
(200 ft)
70 m
(250 ft)
90 m
(300 ft)
105 m
(350 ft)
120 m
(400 ft)
Ciclo
di lavoro
10−60%
Ciclo
di lavoro
60−100%
mm2 (AWG)
mm2 (AWG)
100
20 (4)
20 (4)
20 (4)
30 (3)
35 (2)
50 (1)
60 (1/0)
60 (1/0)
150
30 (3)
30 (3)
35 (2)
50 (1)
60 (1/0)
70 (2/0)
95 (3/0)
95 (3/0)
200
30 (3)
35 (2)
50 (1)
60 (1/0)
70 (2/0)
95 (3/0)
120 (4/0)
120 (4/0)
300
50 (1)
60 (1/0)
70 (2/0)
95 (3/0)
120 (4/0)
2x70 (2x2/0)
2x95 (2x3/0)
2x95 (2x3/0)
Corrente di
saldatura
(A)
Ciclo di lavoro 10−100%
mm2 (AWG)
* Questa
tabella serve come guida generale e può non adattarsi a tutte le applicazioni. Se il cavo si surriscalda, utilizzare cavi della misura
immediatamente più grande.
** La sezione del cavo di saldatura è calcolata su una caduta di 4 V oppure su una densità di corrente pari a 300 millesimi del diametro per ogni
ampere.
*** Per distanze maggiori di quelle indicate in questa guida, contattare un nostro consulente applicativo.
Codice riferimento Milano S−0007−L 2015−02
4-3. Morsetti di saldatura
!
Non usare cavi usurati,
danneggiati, sottodimensionati
o riparati.
1
Morsetto di saldatura positivo (+)
2
Morsetto di saldatura negativo (−)
informazioni sulle normali
procedure
di
collegamento
dei morsetti di saldatura, vedere le
Sezioni da 4-4 a 4-5.
2
OM-263 706 Pagina 12
Spegnere l’alimentatore prima di
collegare i morsetti di saldatura.
. Per
1
Note
!
output term1 2015−02
4-4. Connessioni TIG Lift-Arc DCEN (corrente continua elettrodo negativo)
!
6
Spegnere il generatore prima di effettuare i collegamenti.
1
Morsetto positivo
3
Collegare il cavo di saldatura
al morsetto positivo sul generatore
di saldatura.
5
4
2
Morsetto negativo sul
generatore di saldatura
Collegare la torcia TIG al terminale
di uscita negativo.
3
4
Bombola del gas
Valvola
Aprire leggermente la valvola in
modo da eliminare lo sporco. Chiudere la valvola.
1
5
6
Regolatore/misuratore
di portata
Regolazione del flusso
Generalmente la portata viene impostata a circa 7 L/minuto (15 CFH
piedi cubi all’ora).
Attrezzi necessari:
2
21 mm (11/16, 1−1/8 in.)
Collegare il tubo del gas al regolatore/flussometro.
7
Elettrovalvola gas
La valvola controlla il gas. Aprire
la valvola sulla torcia subito prima
di iniziare a saldare.
7
4-5. Connessioni Stick DCEP (Corrente Continua Elettrodo Positivo)
!
Spegnere il generatore prima di effettuare i collegamenti.
1
Morsetto negativo sul
generatore di saldatura
Collegare il cavo di saldatura
al morsetto negativo sul generatore
di saldatura.
2
Morsetto positivo
Collegare la pinza porta elettrodo
al terminale positivo sul generatore
di saldatura.
2
1
OM-263 706 Pagina 13
4-6. Guida per i componenti elettrici del circuito di alimentazione
. La tensione di alimentazione effettiva non può essere minore di −10% rispetto alla tensione minima o maggiore di +10% rispetto alla tensione
massima di ingresso riportate in tabella.
Attenzione: il mancato rispetto delle raccomandazioni qui riportate relative ai fusibili e ai disgiuntori può provocare pericoli di scosse
elettriche o di incendio. Queste raccomandazioni si intendono per l’alimentazione tramite linea dedicata della saldatrice con valori di
uscita e fattore di utilizzo nominali.
Nelle installazioni dedicate, il National Electrical Code (NEC) permette l’utilizzo di connettori o cavi con una portata inferiore a quelle
del dispositivo di protezione dei circuiti. Tutti i componenti del circuito devono essere fisicamente compatibili. Vedere gli Articoli
NEC 210.21, 630.11 e 630.12.
Trifase, ciclo di lavoro 40%
380−440 +/− 10%
Tensione di ingresso (V)
16
Corrente assorbita (A) alla potenza nominale
Portata massima consigliata fusibile standard in Ampere 1
Fusibili ritardati 2
Fusibili rapidi
3
Sezione minima del conduttore di ingresso in mm2 (AWG) 4
Lunghezza massima raccomandata conduttori di linea in metri (piedi)
Sezione minima del conduttore di massa in AWG
4
20
25
2,5 mm2 (14)
45 (149)
2,5 mm2 (14)
Riferimento: 2014 “National Electrical Code” (NEC) (Codice Elettrico Nazionale), compreso l’articolo 630.
Se si usa un disgiuntore anziché un fusibile, scegliere un disgiuntore con curve tempo/corrente confrontabili con quelle del fusibile consigliato.
“I fusibili” ritardati sono di classe UL “RK5”. Vedere UL 248.
“I fusibili standard” (di impiego generale − senza ritardo) sono di classe UL “K5” (fino a 60 A compresi) e UL “H” (da 65 A e oltre).
I dati riportati in questa sezione specificano le dimensioni dei conduttori (ad eccezione dei cavi flessibili) tra il quadro di comando e la macchina, come
da tabella 310.15(B)(16) del NEC. Se si usa un cavo flessibile, la sezione minima richiesta dei conduttori potrebbe essere maggiore. Vedi tabella
NEC 400.5(A) per i requisiti dei cavi flessibili.
4 Conductor data in this section specifies conductor size (excluding flexible cord or cable) between the panelboard and the equipment per NEC Table
310.15(B)(16). If a flexible cord or cable is used, minimum conductor size may increase. See NEC Table 400.5(A) for flexible cord and cable
requirements.
1
2
3
4
OM-263 706 Pagina 14
4-7. Collegamento dell’alimentazione trifase
3
= Messa a terra GND/PE
4
7
2
L1
3
L2
5
L3
6
1
Attrezzi necessari:
input2 2012−05 − 956172127_1-A
OM-263 706 Pagina 15
4-7. Collegamento dell’alimentazione trifase (continua)
!
!
!
L’installazione deve essere conforme
a tutte le normative nazionali o locali −
far eseguire l’installazione solo da
personale qualificato.
Vedere la targa dati sulla macchina e controllare che la tensione disponibile sia quella corretta.
Collegare per primo il conduttore di massa
verde o verde/giallo al morsetto di massa dell’interruttore di linea.
Per il funzionamento trifase
Scollegare e applicare i blocchi di
sicurezza sull’alimentazione prima di
collegare i conduttori di alimentazione.
Per l’installazione
e
la
rimozione dei blocchi di sicurezza,
seguire le procedure prestabilite.
1
Cavo di alimentazione
Collegare i conduttori di alimentazione L1 (U),
L2 (V) ed L3 (W) ai terminali di linea dell’interruttore.
2
Interruttore di linea (raffigurato in
posizione OFF)
3
Conduttore di terra verde o verde/giallo
4
Scollegare il terminale di massa
Collegare per primo il connettore di
massa verde o verde/giallo al morsetto
di massa dell’alimentatore; non collegarlo mai ad un terminale di linea.
5
Conduttori di alimentazione
(L1, L2 ed L3)
6
Terminali dell’interruttore di linea
7
Protezione di sovracorrente
Scegliere il tipo ed il livello di protezione secondo quanto riportato nella Sezione 4-6 (nella figura è rappresentato un interruttore aperto).
Chiudere e bloccare lo sportello sul dispositivo di sezionamento. Seguire le procedure di
applicazione dei blocchi di sicurezza previste
per la messa in servizio dell’unità.
input2 2012−05
4-8. Collegamento ad un moto-generatore trifase con uscita w/400 V
L’installazione deve essere conforme a tutte le normative nazionali o locali − far eseguire l’installazione solo da personale
qualificato.
. Procurarsi un connettore da 400 V adatto alla presa sul generatore. Applicare il connettore al cavo della saldatrice attenendosi alle istruzioni del
produttore del connettore.
Requisiti del generatore
• Il generatore deve fornire la corrente in ingresso corretta (vedere Sezione 4-6)
• La frequenza deve essere compresa tra 50 e 60 Hz
AVVISO − Durante la fase di avvio del moto−generatore, assicurarsi che la saldatrice sia spenta. Non accendere la saldatrice prima che il generatore
abbia raggiunto la velocità di regime.
Note
OM-263 706 Pagina 16
SEZIONE 5 − FUNZIONAMENTO
5-1. Comandi (in figura, modello STi 270)
4
11
2
2
3
4
5
6
1
7
1
8
8a
15
14
9
1
13
12
17
16
10
11
1
956172127_2−A
1
Pulsante selezione corrente/tensione
Utilizzare il pulsante per visualizzare la tensione o la corrente di saldatura.
2
Spia di alimentazione
3
Spia di surriscaldamento
La spia si accende se la macchina si surriscalda. La saldatura può riprendere quando
la macchina si è raffreddata (vedi Sezione
3-5).
4
Display dell’amperometro/tensione
Il display mostra la corrente/tensione effettiva durante la saldatura.
5
Spia di indicazione di erogazione
Se acceso indica assenza di tensione
in uscita (nel modo TIG) o la presenza di
12 VCC con la funzione VRD attiva
(nel modo Stick).
6
Indicatore errore tensione sulla linea
di alimentazione
Se acceso mentre viene riprodotto un segnale acustico continuo, indica un segnale di
tensione in uscita fuori range.
Il LED lampeggiante e il segnale acustico
continuo indicano una perdita di una fase sulla linea di alimentazione.
Il LED lampeggiante e il segnale acustico intermittente indicano la perdita di uno o più segnali di comando.
7 Selettore processo
Vedere Sezione 5-4.
8 Pulsante VRD (modelli STi 270)
Premere e rilasciare il pulsante per selezionare o disabilitare la funzione di riduzione
della tensione (VRD).
9a Pulsante CELL/VRD (modelli Sti 270C)
Premere e rilasciare il pulsante per selezionare (I) o (O) per disabilitare la funzione
Cell. Quando la funzione Cell è disabilitata,
la funzione VRD è abilitata.
9 Selettore parametro
Premere e rilasciare il pulsante per scorrere
i parametri del sequencer.
10 Presa negativa (−) sul generatore
di saldatura
11 Presa positiva (+) sul generatore
di saldatura
12 Comando regolazione
corrente/parametro
Vedere Sezione 5-7.
13 Indicatore di corrente
Vedere Sezione 5-7.
14 Indicatore Arc Force
È acceso quando la funzione Arc Force è attiva.
15 Indicatore funzione Hot start
È acceso quando la funzione Hot start è attiva.
16 Cavo di alimentazione
17 Interruttore principale (ON/OFF)
Utilizzare l’interruttore per accendere/ spegnere la saldatrice.
OM-263 706 Pagina 17
5-2. Preparazione dell’unità per la saldatura Stick (SMAW) (in figura, modello STi 270)
7
8
6
9
5
9a
10
1
4
3
1
1
Presa positiva (+) sul generatore
di saldatura
2
Presa negativa (−) sul generatore
di saldatura
3
Regolazione corrente/parametro
4
Indicatore Arc Force
5
Indicatore funzione Hot start
6
Indicatore di corrente
7
Display dell’amperometro/tensione
8
Selettore processo
Vedere Sezione 5-4.
9
Selettore VRD (modelli STi 270)
9a Selettore CELL/VRD
(modelli Sti 270C)
10 Selettore parametro
Collegare la pinza portaelettrodo al morsetto di massa (vedere Sezione 4-5). Accendere l’unità. Lasciare tempo sufficiente perché completi il ciclo di avvio.
Premere e rilasciare il comando Processo
per selezionare la saldatura Stick e accendere il LED corrispondente.
2
Impostazione della funzione di riduzione
tensione (VRD) (modello STi 270)
Per modificare il valore di riduzione della
tensione (VRD), procedere come segue:
premere e rilasciare il pulsante VRD per selezionare VRD (LED I) o disabilitare VRD
(LED 0). Il valore della tensione a vuoto con
la funzione VRD attiva è di 12 V.
Impostazioni elettrodo cellulosico per
saldatura Stick (CELL)
Per la funzione elettrodo cellulosico
(CELL), procedere come segue: premere e
rilasciare il pulsante CELL/VRD per abilitare la funzione CELL e l’indicatore LED corrispondente.
L’elettrodo cellulosico assicura un’eccezionale stabilità dell’arco e un’ottima penetrazione. È l’ideale per la saldatura in tutte
le posizioni.
Funzione Hot Start
Questo parametro serve per aumentare
la corrente all’avvio della saldatura in modo
da contribuire a prevenire l’incollaggio dell’elettrodo. Per modificare l’impostazione Hot
Start, procedere come segue: premere e rilasciare il pulsante del parametro fino a quando
non si accende l’indicatore Hot Start. Utilizzare il comando Corrente/ Parametro per
regolare il valore di Hot Start.
Arc Force
Usare l’impostazione Arc Force per
aumentare la corrente di corto circuito in
condizioni di bassa tensione dell’arco. Impostare a 0 per tensione di saldatura normale. Ruotare il comando in senso orario
per aumentare la corrente di corto circuito.
Per modificare l’impostazione Arc Force,
procedere come segue: premere e rilasciare il pulsante del parametro fino
a quando non si accende l’indicatore Arc
Force. Utilizzare il comando Corrente/ Parametro per regolare il valore di Arc Force.
. Se non viene rilevata alcuna attività per
più di cinque secondi, l’unità esce
automaticamente dal menu di
configurazione. Premere e rilasciare
il pulsante del parametro per rientrare
in modalità configurazione.
Corrente di saldatura
Utilizzare il comando per regolare la corrente di saldatura (vedere la Sezione 5-7).
956172127_3−A
OM-263 706 Pagina 18
5-3. Preparazione dell’unità per la saldatura TIG (GTAW) (in figura, modello STi 270)
4
5
3
1
1
2
Morsetto positivo
2
Morsetto negativo
3
Regolazione corrente/parametro
4
Display dell’amperometro/tensione
5
Selettore di procedimento
Per preparare l’unità per la saldatura TIG, procedere come segue: collegare torcia TIG al
morsetto negativo (vedere Sezione4-4). Ac-
cendere l’unità. Lasciare tempo sufficiente
perché completi il ciclo di avvio.
Premere e rilasciare il comando Processo
per selezionare la saldatura TIG e accendere il LED corrispondente.
956172127_4−A
OM-263 706 Pagina 19
5-4. Selettore processo
1
Selettore processo
Utilizzare
il
comando
per
selezionare Stick o il processo TIG
Lift Arc.
1
Stick (SMAW) − Questo è un
processo
DCEP
(corrente
continua elettrodo positivo) (vedere
la Sezione 5-6). Eseguire i collegamenti secondo quanto riportato nella
Sezione 4-5.
TIG Lift−Arct − Questo è un
processo DCEN (corrente continua
elettrodo negativo) nel quale
l’elettrodo deve entrare in contatto
con il pezzo da saldare per
innescare un arco (vedere la
Sezione 5-5). Realizzare i
collegamenti
secondo
la
Sezione 4-4.
5-5. Procedura di innesco Lift-Arc
Innesco Lift−Arc
Quando viene selezionato il
processo Lift−Arct, innescare
l’arco come segue:
Metodo di innesco Lift−Arc
1
”Toccare”
2
1−2
secondi
1
Elettrodo di tungsteno
2
Pezzo da saldare
Attivare il gas. Mettere in contatto
l’elettrodo di tungsteno con il pezzo
da saldare nel punto di inizio della
saldatura, mantenere il contatto
per 1−2 secondi, quindi sollevare
l’elettrodo lentamente. Una volta
sollevato l’elettrodo si formerà un
arco.
La tensione a vuoto non è presente
prima di toccare il pezzo con
l’elettrodo. Solo una bassa
tensione è presente tra elettrodo e
pezzo. Il teleruttore elettronico si
chiude dopo che l’elettrodo ha
toccato il pezzo. Questo particolare
evita scintillii, surriscaldamento
o contaminazione dell’elettrodo.
Utilizzo
NON strofinare come un fiammifero!
OM-263 706 Pagina 20
Il metodo Lift−Arc viene utilizzato
per i processi GTAW DCEN
quando non è consentito il metodo
di innesco HF od in sostituzione del
metodo di innesco a striscio.
5-6.
Procedura di innesco per saldatura Stick − Tecnica di innesco a striscio
Quando viene selezionato il processo Stick,
innescare l’arco come segue:
1
2
3
1
2
Strisciare l’elettrodo sul pezzo come per
accendere un fiammifero; sollevare
leggermente l’elettrodo dopo che esso ha
toccato il pezzo da saldare. Se l’arco si
spegne, l’elettrodo è stato portato troppo in
alto. Se l’elettrodo si incolla al pezzo,
ruotarlo rapidamente per liberarlo.
!
3
Elettrodo
Pezzo
sommerso
Quando VRD è disattivato, prima
che l’elettrodo tocchi la lamiera,
la tensione a vuoto assume il valore
normale (50 V).
Quando VRD è attivato, prima che l’elettrodo
tocchi il pezzo, non è presente la tensione
a vuoto normale; tra l’elettrodo ed il pezzo
è presente solo una tensione di rilevamento
bassa.
5-7. Controllo corrente (tutti i modelli)
1
Regolazione corrente
Ruotare la manopola in senso
orario per aumentare il valore di
corrente (0−270 A).
2
Indicatore LED corrente
Il LED è acceso quando si utilizza
il comando della corrente.
2
1
956172127_5−A
OM-263 706 Pagina 21
SEZIONE 6 − MANUTENZIONE E RISOLUZIONE
DEI PROBLEMI
6-1. Manutenzione ordinaria
!
Scollegare l’alimentazione prima di effettuare la manutenzione.
. Sottoporre a manutenzione più frequente durante periodi di uso intenso.
A. Saldatrice
n = Controllare
Z = Cambiare
~ = Pulire
* Da eseguire a cura di un tecnico di assistenza autorizzato
Δ = Riparare
l = Sostituire
Ogni
3 mesi
nl Etichette/targhe
n l Tubi del gas
Ogni
3 mesi
nΔ lCavi
Ogni
6 mesi
!
Non rimuovere il coperchio per soffiare aria all’interno della macchina
(vedere Sezione 6-2).
~ Durante l’utilizzo intenso, pulire ogni mese.
6-2. Come espellere la polvere dall’interno della macchina
!
Per espellere la polvere, non
rimuovere il coperchio.
Per espellere la polvere dalla
macchina dirigere il flusso d’aria
attraverso le feritoie di aerazione
poste sul fronte e sul retro del
generatore.
OM-263 706 Pagina 22
6-3. Individuazione guasti
Problema
Nessuna erogazione di corrente di
saldatura; la macchina non funziona.
Soluzione
Chiudere l’interruttore di linea (vedi Sezione 4-7).
Controllare e sostituire il/i fusibile/i di linea se necessario, oppure richiudere il disgiuntore (vedere
Sezione 4-7).
Controllare i collegamenti alla linea di alimentazione (vedi Sezione 4-7).
Nessuna erogazione di corrente
di saldatura; indicatore LED acceso.
La tensione di alimentazione è al di fuori della gamma di variazione consentita (vedere Sezione 4-6).
Nessuna erogazione di corrente
di saldatura; indicatore LED
sovratemperatura acceso.
Unità surriscaldata. Lasciare raffreddare la saldatrice con le ventole in funzione (vedere Sezione 3-5).
Erogazione di corrente irregolare
o non corretta.
Usare cavi di saldatura di sezione e tipo adeguati (vedi Sezione 4-2).
Pulire e serrare tutti i collegamenti (vedere Sezione 4-2).
La ventola non funziona.
Controllare il ventilatore e rimuovere la causa che ne impedisce la rotazione.
Fare controllare dal servizio di assistenza autorizzato il motore del ventilatore.
Arco irregolare.
Utilizzare un elettrodo di tungsteno di dimensioni appropriate (vedere Sezione 8).
Utilizzare un elettrodo di tungsteno opportunamente preparato (vedere Sezione 8).
Ridurre la portata di gas (vedere Sezione 4-4).
L’elettrodo di tungsteno si ossida e non Proteggere l’area di saldatura da correnti d’aria.
rimane lucido al termine della saldatura.
Consentire una durata di post−gas adeguata per proteggere l’elettrodo di tungsteno mentre si raffredda,
al termine della saldatura.
Controllare e serrare tutti i raccordi del gas (vedere Sezione 4-4).
Presenza di acqua nella torcia. Consultare il manuale della torcia.
OM-263 706 Pagina 23
SEZIONE 7 − SCHEMA ELETTRICO
Figura 7-1. Schema elettrico STi 270
OM-263 706 Pagina 24
956172128_B
Figura 7-2. Schema elettrico STi 270C
956172129_B
OM-263 706 Pagina 25
SEZIONE 8 − SCELTA E PREPARAZIONE
DELL’ELETTRODO DI TUNGSTENO PER LA SALDATURA
CC O CA CON MACCHINE AD INVERTER
gtaw_Inverter_2011−06ita
Quando possibile e pratico, usare la connessione output per la saldatura CC anziché quella
per la saldatura CA.
8-1. Scelta dell’elettrodo di tungsteno
(Indossare guanti puliti per prevenire la contaminazione dell’elettrodo di tungsteno)
. Non tutti i produttori di elettrodi al tungsteno utilizzano gli stessi colori per identificarne il tipo. Per informazioni sul tungsteno che si sta utilizzando,
contattare il produttore dell’elettrodo o fare riferimento alla confezione del prodotto.
Gamma di correnti - Tipo di gas♦ − Polarità
Diametro dell’elettrodo
(CCEN) − Argo
CA − Argo
Saldatura a corrente continua con elettrodo negativo
Controllo di bilanciamento impostato sul 65%
di elettrodo negativo
(Per l’alluminio)
(Per l’acciaio al carbonio o l’acciaio inox)
Leghe di tungsteno al 2% con Cerio, al 1,5% con Lantanio, o al 2% con Torio
0,010” (0,25 mm)
Fino a 25
Fino a 20
0,020” (0,5 mm)
15-40
15-35
0,040” (1 mm)
25-85
20-80
1/16” (1,6 mm)
50-160
50-150
3/32” (2,4 mm)
130-250
135-235
1/8” (3,2 mm)
250-400
225-360
5/32” (4,0 mm)
400-500
300-450
3/16” (4,8 mm)
500-750
400-500
1/4” (6,4 mm)
750-1000
600-800
♦Le portate tipiche del gas Argo di protezione vanno da 11 a 35 cfh (piedi cubi all’ora).
I dati riportati devono essere considerati come una guida; essi sintetizzano le raccomandazioni dell’AWS (American Welding Society) e dei costruttori
di elettrodi.
8-2. Preparazione dell’elettrodo di tungsteno per la saldatura CC con elettrodo negativo
(DCEN) o per la saldatura CA con macchine ad inverter
La molatura dell’elettrodo di tungsteno produce polvere e scintille che possono causare ferimenti ed incendi.
Utilizzare un aspiratore locale (ventilazione forzata) presso la molatrice oppure indossare un respiratore approvato.
Leggere il documento MSDS per le informazioni di sicurezza. Considerare la possibilità di utilizzare del tungsteno
legato con cerio, lantanio o ittrio anziché con torio. La polvere prodotta dagli elettrodi al torio contiene materiali
leggermente radioattivi. Smaltire la polvere di molatura in modo appropriato ed ecologico. Indossare le protezioni
appropriate per il viso, le mani ed il corpo. Tenere lontano dai materiali infiammabili.
Causa il
serpeggiamento
dell’arco
La molatura radiale
1
2,5 volte
Diametro dell’elettrodo
2
3
1
Molare l’estremità del tungsteno su una mola
fine, altamente abrasiva. Non utilizzare mole
non adatte perché il tungsteno potrebbe
essere contaminato e potrebbe produrre una
qualità di taglio minore.
2
Preparazione errata
dell’elettrodo di tungsteno
Molatrice
Elettrodo di tungsteno
Si consiglia di utilizzare un elettrodo di
tungsteno ceriato al 2%.
4
Preparazione ideale del tungsteno − Arco stabile 3 Piatto
Il diametro della parte piatta determina
le capacità di conduzione della corrente.
4
Terra diretta
Molare in senso longitudinale, non in senso
radiale.
OM−263 706 Pagina 26
SEZIONE 9 − LINEE GUIDA PER LA SALDATURA (GTAW)
9-1. Posizionamento della torcia
!
La
molatura
dell’elettrodo
di tungsteno produce polvere
e scintille che possono causare
ferimenti ed incendi. Utilizzare una
ventilazione
forzata
presso
la molatrice oppure indossare un
respiratore approvato. Leggere il
documento
MSDS
per
le
informazioni
di
sicurezza.
Considerare la possibilità di
utilizzare del tungsteno legato con
cerio o lantanio anziché con torio.
La polvere di torio contiene
materiali leggermente radioattivi.
Smaltire la polvere di molatura in
modo appropriato ed ecologico.
Indossare
le
protezioni
appropriate per il viso, le mani ed
il corpo. Tenere lontano dai
materiali infiammabili.
1
Pezzo
3
2
4
90°
1
Assicurarsi che il pezzo sia pulito prima
della saldatura.
2
10−15°
Morsetto di Massa
Posizionare il più vicino possibile alla
saldatura.
4
5
6
10−25°
5
6
1/16 di pollice
3/16
di pollice
Vista dal basso del cappuccio del gas
3
4
5
6
Torcia
Barretta di materiale d’apporto
(se applicabile)
Cappuccio del gas
Elettrodo di tungsteno
Scegliere e preparare l’elettrodo di
tungsteno secondo quanto riportato
nella Sezione 8.
Linee guida:
Il diametro interno del cappuccio del gas
deve essere almeno tre volte il diametro
dell’elettrodo
per
assicurare
un’appropriata protezione di gas.
(Per esempio, se l’elettrodo ha un
diametro di 1,5 mm, il cappuccio del gas
deve avere un diametro minimo di
4,5 mm.)
L’estensione dell’elettrodo di tungsteno
è la distanza di cui esso sporge dal
cappuccio del gas sulla torcia.
L’estensione dell’elettrodo non deve
superare il diametro interno del cappuccio del gas.
La lunghezza dell’arco è la distanza tra
elettrodo di tungsteno ed elettrodo da
saldare.
Rif. ST-161 892
OM−263 706 Pagina 27
9-2. Movimento della torcia durante la saldatura
Solo elettrodo
75°
Direzione di saldatura
Creare una cavità
Spostare la torcia verso la
parte anteriore della cavità.
Ripetere il procedimento.
Inclinare la torcia
Elettrodo e materiale d’apporto
75°
Direzione di saldatura
Aggiungere il materiale d’apporto
Inclinare la torcia
Creare una cavità
Rimuovere la barretta
15°
Spostare la torcia verso la
parte anteriore della cavità.
Ripetere il procedimento.
ST-162 002-B
9-3. Posizionamento dell’elettrodo di tungsteno e della torcia per vari giunti saldati
Giunto a “T”
Saldatura di testa e cordone di saldatura
20°
90°
70°
75°
20°
10°
15°
Giunto ad angolo
Giunto sovrapposto
20-40°
90°
75°
75°
15°
15°
30°
ST-162 003 / S-0792
OM−263 706 Pagina 28
SEZIONE 10 − GUIDA PER LA SALDATURA STICK (SMAW)
10-1. Procedura per la saldatura ad elettrodo (Stick)
!
La corrente di saldatura viene
generata quando l’elettrodo
tocca il pezzo da saldare.
!
La corrente di saldatura può
danneggiare
le
parti
elettroniche nei veicoli.
Scollegare entrambi i cavi
della batteria prima di
effettuare saldature su un
veicolo.
Posizionare
il
morsetto il più vicino
possibile alla saldatura.
Strumenti necessari:
Componenti necessari:
. Indossate
7
sempre
gli
appropriati indumenti protettivi.
Pezzo
Assicurarsi che il pezzo sia pulito
prima della saldatura.
8
Morsetto di massa
Posizionare il più vicino possibile
alla saldatura.
9
Saldatrice a corrente costante standard
5
4
10 Portaelettrodo isolato
11 Posizione del porta-elettrodo
12 Lunghezza dell’arco
2
3
6
1
Elettrodo
Prima di innescare l’arco, inserire
un
elettrodo
nella
pinza
portaelettrodo. Un elettrodo di
piccolo diametro richiede meno
corrente di uno grande. Per
l’impostazione della corrente di
saldatura,
rispettare
le
raccomandazioni del produttore
dell’elettrodo (vedere la sezione
10-2).
7
Per lunghezza d’arco si intende
la distanza che va dall’elettrodo al
pezzo da saldare. Con il giusto
livello di corrente, un arco breve
produce uno schiocco netto.
La lunghezza dell’arco corretta
dipende dal diametro dell’elettrodo.
Esaminare il cordone di saldatura
per determinare se la lunghezza
dell’arco è corretta.
La lunghezza dell’arco per elettrodi
di diametro 1/16 e 3/32 di pollice
deve essere di circa 1/16 di pollice
(1,6 mm); la lunghezza dell’arco per
elettrodi di diametro 1/8 e 5/32 di
pollice deve essere di circa 1/8 di
pollice (3 mm).
13 Scoria
Usare uno scalpello ed una
spazzola metallica per rimuovere la
scoria. Rimuovere la scoria
e controllare il cordone di saldatura
prima di eseguire un’altra passata.
stick 2015−04 ita − 151 593
OM−263 706 Pagina 29
DIAMETRO
6013
7014
7018
7024
Ni-Cl
308L
6011
EP
EP
TUTTI
TUTTI
6013
EP / EN
TUTTI
7014
EP / EN
TUTTI
7018
EP
6010
7024
EP / EN
NI-CL
EP
308L
EP
TUTTI
MINIMA PREPARAZ.,
RUVIDA MOLTI
SPRUZZI
LOW
GENERALE
MEDIA LISCIA, FACILE,
VELOCE
POCO IDROGENO,
LOW
ROBUSTA
ALTA
ALTA
PIATTA
LOW
ORIZZ.
D’ANGOLO
TUTTI
TUTTI
USO
PENETRAZIONE
POSIZIONE
CA
CC*
450
400
350
300
250
200
150
3/32
1/8
5/32
3/16
7/32
1/4
1/16
5/64
3/32
1/8
5/32
3/16
7/32
1/4
3/32
1/8
5/32
3/16
7/32
1/4
3/32
1/8
5/32
3/16
7/32
1/4
3/32
1/8
5/32
3/16
7/32
1/4
3/32
1/8
5/32
3/16
3/32
1/8
5/32
ELETTRODO
6010
&
6011
100
GAMMA DI CORRENTE
50
ELETTRODO
10-2. Tabella di selezione dell’elettrodo e della corrente
LISCIA, FACILE,
VELOCE
LOW
GHISA
LOW
INOX
*EP = ELETTRODO POSITIVO/POLARITÀ INVERSA
EN = ELETTRODO NEGATIVO (POLARITÀ DIRETTA)
Rif. S-087 985-A
10-3. Innesco dell’arco
1
!
La corrente di saldatura viene
generata quando l’elettrodo tocca il
pezzo da saldare.
1
2
3
Elettrodo
Pezzo da saldare
Arco
Tecnica a striscio
2
3
Strisciare l’elettrodo sul pezzo come per
accendere un fiammifero; sollevare
leggermente l’elettrodo dopo che esso ha
toccato il pezzo da saldare. Se l’arco si
spegne, l’elettrodo è stato portato troppo in
alto. Se l’elettrodo si incolla al pezzo, ruotarlo
rapidamente per liberarlo.
Tecnica a battimento
1
2
Portare a contatto l’elettrodo con il pezzo
verticalmente; quindi sollevarlo per
innescare l’arco. Se l’arco si spegne,
l’elettrodo è stato portato troppo in alto. Se
l’elettrodo si incolla al pezzo, ruotarlo
rapidamente per liberarlo.
3
S-0049 / S-0050
OM−263 706 Pagina 30
10-4. Posizionamento del porta-elettrodo
1
Vista stremità dell’angolo del
pezzo
Vista laterale dell’inclinazione
dell’elettrodo
2
Dopo aver
appreso
come
innescare e mantenere l’arco,
fare pratica a formare il cordone
di saldatura usando piastre piatte e
utilizzando un elettrodo completo.
1
10°-30°
90°
2
Può essere utile tenere l’elettrodo
quasi perpendicolare al pezzo
da saldare e inclinato in avanti
(nella direzione di saldatura).
90°
. Per
i
migliori
risultati,
mantenere
l’arco
corto,
spostarsi con velocità uniforme
e accompagnare l’elettrodo
verso il basso con andamento
costante, man mano che
l’elettrodo si fonde.
SALDATURE A SCANALATURA
10°-30°
45°
1
2
45°
SALDATURE A RICOPRIMENTO
S-0060
10-5. Caratteristiche di cordoni di saldatura di scarsa qualità
1
2
3
4
2
4
3
5
Schizzi di saldatura di ampie
dimensioni
Cordoni non omogenei
e irregolari
Leggero infossamento
durante la saldatura
Sovrapposizione non eseguita
bene
Scarsa penetrazione
5
1
S-0053-A
10-6. Caratteristiche di cordoni di saldatura di buona qualità
1
2
3
Schizzi di saldatura fini
Cordone uniforme
Affossamento molto lieve
durante la saldatura
Saldare un nuovo cordone o strato
per ogni 3,2 mm di spessore del
metallo saldato.
2
3
4
5
4
5
Nessuna sovrapposizione
Buona penetrazione nel
metallo di base
1
S-0052-B
OM−263 706 Pagina 31
10-7. Fattori che condizionano la forma del cordone di saldatura
. La
Angolo troppo piccolo
Inclinazione corretta
10° - 30°
forma del cordone di
saldatura
è
influenzata
dall’inclinazione dell’elettrodo,
dalla lunghezza dell’arco, dalla
velocità di spostamento e dallo
spessore del metallo di base.
Angolo troppo grande
INCLINAZIONE
DELL’ELETTRODO
Trascinamento
Spruzzi
LUNGHEZZA
DELL’ARCO
VELOCITÀ
DI SPOSTAMENTO
Troppo corto
Normale
Lenta
Normale
Troppo lungo
Veloce
S-0061
10-8. Spostamento dell’elettrodo durante la saldatura
. Un
2
1
1
2
3
3
solo cordone longitudinale di
saldatura è solitamente sufficiente
per la maggior parte delle giunzioni a
scanalatura stretta; tuttavia nel caso
di giunzioni a scanalatura larga o per
collegare delle aperture, la soluzione
migliore consiste nell’utilizzo di
cordoni a zig-zag o di cordoni
longitudinali multipli.
Cordone longitudinale − Movimento
regolare lungo la giunzione
Cordoni a tessitura − Movimento
serpeggiante lungo la giunzione
Strutture a tessitura
Usare cordoni con penzolamenti laterali
per coprire zone ampie con una sola
passata dell’elettrodo. Non attuare
movimenti laterali di ampiezza maggiore
di 2 volte e 1/2 il diametro dell’elettrodo.
S-0054-A
10-9. Saldatura di giunti sovrapposti
1
2
30°
o inferiore
30°
o inferiore
1
2
Saldatura d’angolo a strato singolo
OM−263 706 Pagina 32
1
3
Saldatura d’angolo multistrato
Elettrodo
Saldatura con raccordo
monostrato
Spostare l’elettrodo con movimento
circolare.
3
Saldatura con raccordo
multistrato
Creare un secondo strato quando è
necessario un raccordo più robusto.
Rimuovere le scorie prima di
eseguire un’altra passata. Saldare
entrambi i bordi del giunto per
ottenere la massima robustezza.
S-0063 / S-0064
10-10. Saldatura di giunti di testa
1
Puntature
Evitare la distorsione di un giunto di testa durante
la saldatura puntando i materiali in posizione
prima della saldatura finale.
1
2
2
3
4
1/16 di pollice 30°
(1.6 mm)
4
3
La distorsione del pezzo da saldare si verifica
quando si applica calore localmente su un giunto.
Un lato della piastra in metallo si “arriccerà” verso
l’alto nel senso della saldatura. La distorsione
provocherà inoltre l’avvicinamento dei bordi di un
giunto di testa davanti all’elettrodo man mano che
la saldatura si raffredda.
Saldatura con cianfrino dritto
Saldatura con cianfrino a V
Saldatura con cianfrino a doppio V
I materiali con spessore fino a 3/16 di pollice
(5 mm) possono spesso essere saldati senza
alcuna preparazione utilizzando i lembi retti.
Tuttavia, quando si saldano materiali più spessi
può essere necessario preparare i lembi
(cianfrino a V) dei giunti di testa per assicurare un
buon risultato.
La saldatura con cianfrino a V o a doppio V
è adatta a materiali con spessore compreso tra
3/16 - 3/4 di pollice (5-19 mm). In linea generale,
la saldatura con cianfrino a V è usata su materiali
con spessore fino a 3/4 di pollice (19 mm)
e quando, indipendentemente dallo spessore,
è possibile saldare su un solo lato. Eseguire
una cianfrinatura di 30 gradi con attrezzatura di
ossitaglio o taglio al plasma. Rimuovere le bave
dopo il taglio. Per la preparazione può essere
usata anche una mola.
S-0662
10-11. Saldatura di giunti a T
1
2
Elettrodo
Saldatura d’angolo
Mantenere l’arco corto e spostare
l’elettrodo a velocità costante.
Tenere l’elettrodo come indicato per
ottenere la fusione nello spigolo.
Bordi retti sulla superficie di
saldatura.
1
1
Per ottenere la massima robustezza,
saldare entrambi i bordi della faccia
superiore.
3
45°
2 o inferiore
2
3
Depositi multistrato
Saldare un secondo strato se
è necessario un raccordo più
robusto. Usare una delle tipologie di
saldatura illustrate nella Sezione
10-8. Rimuovere le scorie prima di
eseguire la seconda passata.
S-0060 / S-0058-A / S-0061
OM−263 706 Pagina 33
10-12. Test di saldatura
1
2
3
Morsa
Giunto saldato
Martello
Percuotere il giunto di saldatura nella direzione
indicata. Se la saldatura è eseguita correttamente, il
pezzo si piega, ma non si spezza.
Se la saldatura si rompe, esaminarla per determinarne
la causa.
3
Se la saldatura è porosa (presenza di fori sul cordone)
la lunghezza dell’arco è probabilmente eccessiva.
3
2 - 3”
(51-76 mm)
1/4”.
(6.4 mm)
2
1
2 - 3”
(51-76 mm)
2
1
La presenza di scorie nella saldatura può essere
dovuta a una lunghezza eccessiva dell’arco o allo
spostamento non corretto dell’elettrodo, che ha
consentito alle scorie di rimanere intrappolate nella
saldatura. Ciò può verificarsi in una saldatura a V
effettuata su più strati e richiede una maggiore pulizia
tra uno strato e l’altro.
Se è visibile la superficie originariamente cianfrinata, il
materiale non si è completamente fuso, il che spesso
è dovuto a calore insufficiente o a una velocità
eccessiva.
S-0057-B
10-13. Risoluzione dei problemi − Porosità
Porosità − piccole cavità o fori causati da sacche gassose nel metallo di saldatura.
Possibili cause
Azioni correttive
Lunghezza dell’arco eccessiva.
Ridurre la lunghezza dell’arco.
Elettrodo umido.
Usare un elettrodo asciutto.
Pezzo in lavorazione sporco.
Prima di effettuare saldature, rimuovere grasso, olio, umidità, ruggine, vernice, pellicole, scorie e
sporco dalla superficie del pezzo.
Schizzi di saldatura eccessivi − la proiezione di particelle di metallo fuse che raffreddandosi
formano dei corpi sparsi in prossimità del cordone di saldatura.
Possibili cause
Azioni correttive
Corrente troppo elevata per l’elettrodo.
Ridurre la corrente o scegliere un elettrodo di dimensioni maggiori.
Lunghezza dell’arco eccessiva o tensione
troppo alta.
Ridurre la lunghezza o la tensione dell’arco.
Fusione incompleta − incompleta fusione del metallo di saldatura con il metallo di base o con un
cordone di saldatura precedente.
Possibili cause
Azioni correttive
Apporto di calore insufficiente.
Aumentare la corrente. Scegliere un elettrodo di dimensioni maggiori ed aumentare la corrente.
Tecnica di saldatura non corretta.
Nell’operazione di saldatura, posizionare il cordone di saldatura nel punto, o nei punti, di giunzione
corretti.
Regolare l’angolo del pezzo o allargare la scanalatura per accedere al fondo durante la saldatura.
Quando si utilizza la tecnica della saldatura a tessitura, mantenere momentaneamente l’arco
sulle pareti laterali della scanalatura.
Tenere l’arco sul bordo di entrata del bagno di saldatura.
Pezzo in lavorazione sporco.
OM−263 706 Pagina 34
Prima di effettuare saldature, rimuovere grasso, olio, umidità, ruggine, vernice, pellicole, scorie
e sporco dalla superficie del pezzo.
Mancanza di penetrazione − bassa fusione tra metallo di saldatura e metallo di base.
Mancanza di
penetrazione
Buona
penetrazione
Possibili cause
Azioni correttive
Preparazione dei giunti non appropriata.
Materiale troppo spesso. La preparazione e la struttura dei giunti devono consentire l’accesso
alla parte inferiore della scanalatura.
Tecnica di saldatura non corretta.
Tenere l’arco sul bordo di entrata del bagno di saldatura.
Apporto di calore insufficiente.
Aumentare la corrente. Scegliere un elettrodo di dimensioni maggiori ed aumentare la corrente.
Ridurre la velocità di spostamento.
Eccessiva penetrazione − il metallo di saldatura fonde attraverso il metallo di base e pende sotto
la saldatura.
Eccessiva
penetrazione
Buona
penetrazione
Possibili cause
Azioni correttive
Apporto di calore eccessivo.
Selezionare una corrente inferiore. Usare un elettrodo di dimensioni minori.
Aumentare e/o mantenere stabile la velocità di spostamento.
Fusioni perforate − il metallo di saldatura fonde completamente attraverso il metallo di base; il
risultato sono dei fori dove non rimane metallo.
Possibili cause
Azioni correttive
Apporto di calore eccessivo.
Selezionare una corrente inferiore. Usare un elettrodo di dimensioni minori.
Aumentare e/o mantenere stabile la velocità di spostamento.
Andamento ondulatorio del cordone − metallo di saldatura non parallelo e che non copre la
giunzione formata dal metallo di base.
Possibili cause
Azioni correttive
Mano non ferma.
Usare due mani. Fare pratica.
Distorsione − la contrazione del metallo di saldatura durante l’operazione di saldatura
determina il movimento del metallo di base.
Il metallo di base si
muove nella direzione
del cordone di saldatura.
Possibili cause
Azioni correttive
Apporto di calore eccessivo.
Utilizzare un morsetto o simili per trattenere in posizione il metallo di base.
Eseguire dei punti di saldatura lungo la giunzione prima di iniziare la saldatura.
Selezionate una corrente minore per l’elettrodo.
Aumentare la velocità di spostamento.
Saldare in segmenti brevi e lasciare raffreddare tra le saldature.
OM−263 706 Pagina 35
SEZIONE 11 − ELENCO PARTI
. Le parti meccaniche (viti, dadi, ecc..) sono di tipo comune e se non sono elencate non vengono fornite.
2
18
3
19
17
4
5
15
20
16
14
21
6
1
13
12
23
22
24
11
25
10
9
26
8
7
27
29
38
31
28
39
37
43
32
42
40
30
33
36
35
34
41
40
956172127_7-B
Figura 11-1. Gruppo principale STi 270
Item
No.
Dia.
Mkgs.
Part
No.
Description
Quantity
Figura 11-1. Gruppo principale STi 270
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
. . . . . . . . . . . . . 057116003
. . . . . . . . . . . . +156122096
. . . . . . . . . . . . . . . . . 179310
. . . . . . . . . . . . . 956172112
. . . . PC5 . . . 057084194
. . . . PC1 . . . 057084199
. . . . . . . . . . . . . . . . . 193919
. . . . . . . . . . . . . 356029259
. . . . . . . . . . . . . 156118094
. . . . PC3 . . . 057084196
. . . . . . . . . . . . . 156122097
. . . . . . . . . . . . . 156005192
. . . . PC2 . . . 028069196
OM-263 706 Page 36
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
Strap, Shoulder Assy . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
Wrapper . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
2
2
1
1
1
1
1
1
1
1
1
Label, Gen. Precautionary . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Label, Side STi 270 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Circuit Card, Capacitor And Relay Board . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Circuit Card, Inverter Control Board . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Knob, Pointer . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Nameplate, Front, STi 270 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Panel, Front . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Circuit Card, Display Board . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Bulkhead, Front . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Bracket, LH . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Circuit Card, Power Interconnecting Board . . . . . . . . . . . . . . . . .
Item
No.
Dia.
Mkgs.
Part
No.
Description
Quantity
Figura 11-1. Gruppo principale STi 270 (continuó)
. . . . . . . . . . . . . 156005193
. . . . PC4 . . 057084198
. . . . . S1 . . . . . . . 244920
. . . . . . . . . . . . . 156118096
. . . . . . . . . . . . . 356029264
. . . . . . . . . . . . . 656089046
. . . . . . . . . . . . . 256071011
. . . . . . . . . . . . . . . . . 246624
. . . . . LF . . . 156160003
. . . . . FM . . . 057035023
. . . . . . . . . . . . . 156122098
. . . . . . . . . . . . . 756033060
. . . . . . . . . . . . . 156005194
. . . . . . . . . . . . . 056082105
. . . D1, D2 . 028069158
. . . . . L1 . . . . 057098025
. . . . . T1 . . . 058021164
. . . . . T2 . . . 058021170
. . . . HD1 . . 056167009
. . . . . . . . . . . . . 056076260
. . . . . . . . . . . . . . . . . 246623
. . . . . . . . . . . . . 956172116
. . . . . . . . . . . . . 956172115
. . . . . . . . . . . . . 216031080
. . . . . . . . . . . . . 316031024
. . . . . . . . . . . . . 156006094
. . . . . . . . . . . . . . . . . 250946
. . . . . . . . . . . . . . . . . 246626
. . . . . . . . . . . . . . 656043049
. . . . . . . . . . . . . . 656043050
. . . Bracket, Door . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
. . . Circuit Card, Filter Board . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
. . . Switch, TGL 3PST 40A 600 VAC SCR Term Wide TGL . . . . 1
. . . Panel, Rear . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
. . . Nameplate, Rear, STi 270−270C . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
. . . Strain Relief, M25x1.5 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
. . . Cable, Primary 4 Core 2.5 MM 2 3.3 MT . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
. . . Bezel, Rear . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
. . . Core, Toroidal, 13x26x28.5 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
. . . Fan, 230 VAC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
. . . Bulkhead, Rear . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
. . . Insulator, Secondary Output . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
. . . Bracket, RH . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
. . . Heat Sink, Secondary Output . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
. . . Kit, Diode Power Module . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2
. . . Choke . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
. . . Transformer . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
. . . Transformer, Toroidal 400 VAC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
. . . Probe, 400A . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
. . . Dinse, Socket, Female, 50 MMQ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2
. . . Bezel, Front . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
. . . Label, Negative . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
. . . Label, Positive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
. . . Bus Bar, 3x15 L.110 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
. . . Bus Bar, 4x20 L.110 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2
. . . Base, Internal . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
. . . Foot, Base . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
. . . Base . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
33
34
35
36
37
38
39
40
41
42
43
+
When ordering a component originally displaying a precautionary label, the label should also be ordered.
. . . Hole Cap, D 31.5 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
. . . Hole Cap, D 40 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
To maintain the factory original performance of your equipment, use only Manufacturer’s Suggested
Replacement Parts. Model and serial number required when ordering parts from your local distributor.
OM-263 706 Pagina 37
. Le parti meccaniche (viti, dadi, ecc..) sono di tipo comune e se non sono elencate non vengono fornite.
2
19
3
5
4
20
18
16
21
17
15
22
6
1
14
13
24
23
25
10
11
12
26
9
27
8
7
30
28
41
31
34
29
42
40
46
35
45
33
43
32
36
39
38
37
44
43
956172127_8-B
Figura 11-2. Gruppo principale STi 270C
Item
No.
Dia.
Mkgs.
Part
No.
Description
Quantity
Figura 11-2. Gruppo principale STi 270C
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
. . . . . . . . . . . . . 057116003
. . . . . . . . . . . . +156122096
. . . . . . . . . . . . . . . . . 179310
. . . . . . . . . . . . . 956172113
. . . . PC5 . . . 057084194
. . . . PC1 . . . 057084195
. . . . . . . . . . . . . . . . . 193919
. . . . . . . . . . . . . 356029260
. . . . . . . . . . . . . 156118094
. . . . PC3 . . . 057084196
. . . . PC6 . . . 057084197
. . . . . . . . . . . . . 156122097
. . . . . . . . . . . . . 156005192
. . . . PC2 . . . 028069196
. . . . . . . . . . . . . 156005193
. . . . PC4 . . 057084198
OM-263 706 Page 38
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
Strap, Shoulder Assy . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
Wrapper . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
Label, Gen. Precautionary . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2
Label, Side STi 270 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2
Circuit Card, Capacitor And Relay Board . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
Circuit Card, Inverter Control Board . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
Knob, Pointer . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
Nameplate, Front, STi 270 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
Panel, Front . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
Circuit Card, Display Board . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
Circuit Card, Cad CITO MMA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
Bulkhead, Front . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
Bracket, LH . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
Circuit Card, Power Interconnecting Board . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
Bracket, Door . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
. . . Circuit Card, Filter Board . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
Item
No.
Dia.
Mkgs.
Part
No.
Description
Quantity
Figura 11-2. Gruppo principale STi 270C (continuó)
. . . . . S1 . . . . . . . 244920
. . . . . . . . . . . . . 156118096
. . . . . . . . . . . . . 356029264
. . . . . . . . . . . . . 656089046
. . . . . . . . . . . . . 256071011
. . . . . . . . . . . . . . . . . 246624
. . . . . LF . . . 156160003
. . . . . FM . . . 057035023
. . . . . . . . . . . . . 156122098
. . . . . . . . . . . . . 756033060
. . . . . . . . . . . . . 156005194
. . . . PC7 . . . 028069159
. . . D1, D2 . 028069158
. . . . . . . . . . . . . 056082105
. . . . . L1 . . . . 057098025
. . . . . L2 . . . . 057098026
. . . . . T1 . . . 058021162
. . . . . T2 . . . 058021170
. . . . HD1 . . 056167009
. . . . . . . . . . . . . 056076260
. . . . . . . . . . . . . . . . . 246623
. . . . . . . . . . . . . 956172116
. . . . . . . . . . . . . 956172115
. . . . . . . . . . . . . 216031080
. . . . . . . . . . . . . 316031024
. . . . . . . . . . . . . 156006094
. . . . . . . . . . . . . . . . . 250946
. . . . . . . . . . . . . . . . . 246626
. . . . . . . . . . . . . . 656043049
. . . . . . . . . . . . . . 656043050
. . . Switch, TGL 3PST 40A 600 VAC SCR Term Wide TGL . . . .
. . . Panel, Rear . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . Nameplate, Rear, STi 270−270C . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . Strain Relief, M25x1.5 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . Cable, Primary 4 Core 2.5 MM 2 3.3 MT . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . Bezel, Rear . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . Core, Toroidal, 13x26x28.5 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . Fan, 230 VAC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . Bulkhead, Rear . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . Insulator, Secondary Output . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . Bracket, Rh . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . Circuit Card, Mod Citoflex . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . Kit, Diode Power Module . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . Heat Sink, Secondary Output . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . Choke . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . Choke, 30 A Citoflex . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . Transformer . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . Transformer, Toroidal 400 VAC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . Probe, 400 A . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . Dinse, Socket, Female, 50 MMQ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . Bezel, Front . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . Label, Negative . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . Label, Positive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . Bus Bar, 3x15 L.110 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . Bus Bar, 4x20 L.110 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . Base, Internal . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . Foot, Base . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . Base . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
33
34
35
36
37
38
39
40
41
42
43
44
45
46
+
When ordering a component originally displaying a precautionary label, the label should also be ordered.
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
2
1
1
1
1
1
1
2
1
1
1
1
2
1
4
1
. . . Hole Cap, D 31.5 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
. . . Hole Cap, D 40 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
To maintain the factory original performance of your equipment, use only Manufacturer’s Suggested
Replacement Parts. Model and serial number required when ordering parts from your local distributor.
OM-263 706 Pagina 39
Valida Dal 1 gennaio, 2015
(Attrezzatura con numero di serie preceduto da “MF” o più recente)
La garanzia limitata MILLER sostituisce qualsiasi altra garanzia MILLER precedente ed esclude qualsiasi altra garanzia espressa o implicita.
GARANZIA LIMITATA − In conformità con i termini e le condizioni seguenti, ITW Welding Products Italy S.r.l., garantisce all’acquirente originale che le nuove attrezzature MILLER vendute dopo la data di validità della presente garanzia limitata sono
prive di difetti per quanto riguarda materiale e fabbricazione al
momento in cui vengono spedite dalla MILLER stessa. LA
PRESENTE GARANZIA SOSTITUISCE ESPRESSAMENTE
QUALSIASI ALTRA GARANZIA, ESPRESSA O IMPLICITA,
COMPRESE LE GARANZIE DI COMMERCIABILITÀ E IDONEITÀ.
Entro i periodi di garanzia elencati di seguito, la MILLER si impegna a riparare o sostituire qualsiasi parte o componente in
garanzia che presentino difetti di materiale o fabbricazione. La
MILLER deve essere informata per scritto entro trenta (30)
giorni dall’accertamento di tale difetto, così che la MILLER stessa potrà fornire indicazioni sulle procedure di reclamo in garanzia da seguirsi. Se la notifica viene inviata sotto forma di richiesta di garanzia online, è necessario completare tale richiesta
con una descrizione dettagliata del guasto e dei passaggi intrapresi per identificare i componenti guasti e la relativa causa.
La MILLER si impegna a rispettare tutti i reclami in garanzia rispetto alle attrezzature in garanzia elencate di seguito nel caso
in cui presentino tali difetti durante il periodo di garanzia. Tutti i
periodi di garanzia incominciano a partire dalla data in cui l’attrezzatura è stata consegnata all’acquirente originale, oppure
un anno dopo che l’attrezzatura è stata spedita in Europeo, oppure dodici mesi dopo che l’attrezzatura è stata spedita ad un
distributore internazionale.
1.
5 anni sulle parti — 3 anni sulla manodopera
*
2.
3 anni — Parti e manodopera
*
*
*
*
*
3.
*
*
Visiere fotocromatiche per maschere di saldatura
(manodopera esclusa)
Migmatic 175
Unità ad alta frequenza
1 anno — Parti e manodopera salvo diversa specifica
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
5.
Motosaldatrici
(NOTA: i motori vengono garantiti separatamente
dai relativi costruttori.)
Generatori di potenza ad inverter (salvo diversa specifica)
Controllori di processo
Trainafilo semiautomatici e automatici
Generatori di potenza a trasformatore
2 anni — Parti
*
4.
Raddrizzatori di potenza montati all’origine, compresi
SCR, diodi e moduli raddrizzatori discreti. Sono esclusi
i modelli STR, Si, STi, STH e MPi
Dispositivi di movimentazione automatica
Opzioni installate sul campo (Field Options)
(NOTA: le opzioni installate sul campo sono
coperte dalla garanzia True Blue) residua del periodo al momento della loro installazione e
comunque per un periodo minimo di un anno).
Generatori di potenza per riscaldamento ad induzione,
gruppi di raffreddamento e controlli/registratori elettronici
Torce motorizzate (tranne torce Spoolmate)
Posizionatori e controlli
Unità di ventilazione PAPR (manodopera esclusa)
Cremagliere
Parti mobili e carrelli
Gruppi guidafilo per arco sommerso
Sistemi di raffreddamento
Stazioni di lavoro/Banchi di saldatura (manodopera
esclusa)
6 mesi — Parti
*
Batterie
6.
90 giorni — Parti
*
Accessori (Kit)
*
Coperture in tela
*
Bobine e coperture per riscaldamento ad induzione
*
Torce MIG
*
Comandi a distanza
*
Parti di ricambio (manodopera esclusa)
*
Torce Spoolmate
*
Cavi e senza controlli elettronici
La garanzia limitata Miller True Blue® non si applica a:
1.
Componenti di consumo, quali beccucci passafilo,
ugelli di taglio, contattori, spazzole, interruttori, anelli
di scorrimento, relè o parti soggette a normale usura.
2.
Articoli forniti dalla MILLER, ma fabbricati da altri, quali motori o accessori di commercio. Tali articoli saranno coperti
da eventuale garanzia del fabbricante.
3.
Attrezzature che sono state modificate da terzi e non dalla
MILLER, oppure attrezzature che sono state installate o
operate in modo scorretto oppure utilizzate in modo scorretto e non in conformità agli standard di industria, oppure
attrezzature che non sono state sottoposte a manutenzione ragionevole e necessaria, oppure attrezzature che
sono state usate per operazioni non previste dai dati tecnici delle attrezzature stesse.
I PRODOTTI MILLER SONO INTESI PER VENDITA ED USO
DA PARTE DI UTENTI COMMERCIALI/INDUSTRIALI E PERSONE QUALIFICATE ED ESPERTE NELL’USO E LA MANUTENZIONE DI ATTREZZATURE DA SALDATURA.
Nel caso in cui si sporga reclamo per parti coperte dalla presente garanzia, le soluzioni saranno scelte esclusivamente da
MILLER tra le seguenti: (1) riparazione; (2) sostituzione; qualora autorizzato dalla MILLER per scritto e in casi appropriati, (3)
il costo ragionevole di riparazione o sostituzione presso un servizio assistenza autorizzato della MILLER; oppure (4) accredito del prezzo di acquisto (meno ragionevole deprezzamento
corrispondente all’uso) su restituzione della merce a carico e
rischio del cliente. L’opzione MILLER di riparazione o sostituzione sarà Franco Fabbrica di ITW Welding Products Group
Europe, oppure Franco Fabbrica presso un servizio assistenza autorizzato MILLER determinato dalla MILLER stessa. Non
si effettuerà quindi alcun rimborso per costi di trasporto o di
qualsiasi altro tipo.
NEI LIMITI CONSENTITI DALLA LEGGE, LE SOLUZIONI
PREVISTE DAL PRESENTE SONO UNICHE ED ESCLUSIVE. LA MILLER NON SARÀ RESPONSABILE IN NESSUN
CASO PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI, SPECIALI O INCIDENTALI (COMPRESA LA PERDITA DI PROFITTO), SIA BASATI SU CONTRATTO CHE ATTO ILLECITO O QUALSIASI
ALTRO PRINCIPIO LEGALE.
QUALSIASI GARANZIA ESPRESSA NON PREVISTA DAL
PRESENTE, E QUALSIASI GARANZIA IMPLICITA, GARANZIA O DICHIARAZIONE RIGUARDO LE PRESTAZIONI E
QUALSIASI ALTRA SOLUZIONE PER INADEMPIMENTO DI
CONTRATTO, ATTO ILLECITO O QUALSIASI ALTRO PRINCIPIO LEGALE CHE, ECCETTO LA PRESENTE CLAUSOLA,
POSSA SORGERE IMPLICITAMENTE, PER LEGGE, PER
MODO DI COMMERCIO O DI TRATTATIVA, COMPRESA
QUALSIASI GARANZIA IMPLICITA DI COMMERCIABILITÀ O
IDONEITÀ AD UN PARTICOLARE SCOPO, RISPETTO A
TUTTE LE APPARECCHIATURE FORNITE DALLA MILLER,
VENGONO ESCLUSE E NEGATE DALLA MILLER STESSA.
Questa garanzia originale fa riferimento ai termini legali inglesi.
In caso di reclami o di disaccordo, prevarrà il significato dei termini in inglese.
milan_warr_ita2015−01
Scheda d’identità della macchina
Completare e conservare le seguenti informazioni.
Nome del modello
Dati d’acquisto
Numero di serie/stile
(Data in cui la macchina è stata consegnata al cliente)
Distributore
Indirizzo
Paese
Codice Postale
Servizio
Contattare il proprio distributore o persone autorizzate dalla
fabbrica.
Fornire sempre il nome del modello e il numero di serie/stile.
Contattare il distributore per:
Materiale per saldatura e prodotti di consumo
Prodotti opzionali ed accessori
Manutenzione e riparazioni
Parti di ricambio
Manuali d’istruzioni
Contattare il corriere incaricato della
consegna per:
ITW Welding Italy S.r.l.
Presentare un reclamo per perdite o danni
subiti durante la spedizione.
Per assistenza nella compilazione o nella composizione di
reclami, contattare il proprio distributore e/o il Reparto Trasporti del produttore dell’apparecchio.
Traduzione conforme all’originale − STAMPATO IN USA
© 2015 Miller Electric Mfg. Co. 2015−01
Via Privata Iseo, 6/E
20098 San Giuliano
Milanese, Italy
Tel: 39 (0) 2982901
Fax: 39 (0) 298290-203
email: miller@itw−welding.it
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertising