ESAB | EPP-201 | Instruction manual | ESAB EPP-201 Manuale utente

ESAB EPP-201 Manuale utente
IT
EPP-201
Istruzioni per l'uso
0558 007 904 IT 20110513
Valid for serial no. 015-xxx-xxxx
DECLARATION OF CONFORMITY
According to
The Low Voltage Directive 2006/95/EC of 12 December 2006, entering into force 16 January 2007
The EMC Directive 2004/108/EC of 15 December 2004, entering into force 20 January 2005
Type of equipment
Plasma Cutting power source
Brand name or trade mark
ESAB
Type designation etc.
EPP-- 201, Valid from serial number 015 xxx xxxx (2010 w.15)
EPP-- 201 is used in installations for mechanized plasma cutting
Manufacturer or his authorised representative established within the EEA
Name, address, telephone number, telefax number:
ESAB AB
Esabvägen, SE-- 695 81 Laxå, Sweden
Phone: +46 586 81000, Fax: +46 584 411 924
The following harmonised standard in force within the EEA has been used in the design:
EN 60974-- 1, Arc welding equipment – Part 1: Welding power sources
EN 60974-- 10, Arc welding equipment – Part 10: Electromagnetic compatibility (EMC) requirements
Additional information: Restrictive use, Class A equipment, intended for use in locations other than residential.
This apparatus EPP-- 201 constitute a part of the electrical installation of a machine
By signing this document, the undersigned declares as manufacturer, or the manufacturer’s authorised
representative established within the EEA, that the equipment in question complies with the safety requirements
stated above.
Place and Date:
Laxå 2010-- 09-- 10
Signatur
Position / Befattning
Global Director
Equipment and Automation
Kent Eimbrodt
Clarification
-2-
© ESAB AB 2010
1 SICUREZZA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2 INTRODUZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4
6
2.1 Dispositivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.2 Proprietà e funzionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6
6
3 DATI TECNICI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4 INSTALLAZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6
7
4.1 Istruzioni per il sollevamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.2 Controllo alla consegna . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.3 Collocazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.4 Alimentazione elettrica di rete . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.4.1
Collegamento del cavo di rete in ingresso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.5 Cavi di alimentazione e di ritorno (forniti dal cliente) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.5.1
Attacco dei cavi di alimentazione e di ritorno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.6 Installazione in parallelo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.6.1
Collegamento in parallelo dei due generatori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.6.2
Marcatura con due generatori collegati in parallelo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.7 Attacchi per i cavi di alimentazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
8
8
8
9
9
10
10
11
11
12
13
5 FUNZIONAMENTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
14
5.1 Collegamenti e dispositivi di controllo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
14
5.1.1
Chiave di lettura dei simboli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
5.1.2
Pannello di controllo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
5.2 Modalità di funzionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
16
5.2.1
Generatore in funzionamento singolo (utilizzato con CNC, esistono due modalità di funzionamento di base) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
5.2.2
Diversi generatori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
5.3 Avvio di taglio e marcatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
18
6 MANUTENZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
19
6.1 Ispezioni e pulizia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
20
7 INDIVIDUAZIONE DEI GUASTI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
20
7.1 Lista dei codici di guasto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
21
8 ORDINAZIONE RICAMBI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
SCHEMA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
NO. DI CODICE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
22
24
29
Ci riserviamo il diritto di variare le specifiche senza preavviso.
TOCi
-3-
IT
1
SICUREZZA
L'utilizzatore dell'apparecchiatura ESAB è responsabile delle misure di sicurezza per il personale
che opera con il sistema o nelle vicinanze dello stesso. Le misure di sicurezza devono soddisfare le
norme previste per questo tipo di apparecchiatura. Queste indicazioni sono da considerarsi un
complemento alle norme di sicurezza vigenti sul posto di lavoro.
Il sistema di saldatura automatica deve essere manovrato secondo quanto indicato nelle istruzioni
e solo da personale adeguatamente addestrato. Una manovra erronea, causata da un intervento
sbagliato, oppure l'attivazione di una sequenza di funzioni non desiderata, può provocare anomalie
che possono causare danni all'operatore o all'impianto.
1.
Tutto il personale che opera con saldatrici automatiche deve conoscere:
S l'uso e il funzionamento dell'apparecchiatura
S la posizione dell'arresto di emergenza
S il suo funzionamento
S le vigenti disposizioni di sicurezza
S l'attività di saldatura e taglio
2.
L'operatore deve accertarsi:
S che nessun estraneo si trovi all'interno dell'area di lavoro dell'impianto per saldatura prima
che questo venga messo in funzione
S che nessuno si trovi esposto al momento di far scoccare l'arco luminoso
3.
La stazione di lavoro deve essere:
S adeguata alla funzione
S senza correnti d'aria
4.
Abbigliamento protettivo
S Usare sempre le attrezzature di protezione consigliate, come occhiali di sicurezza, abiti
ignifughi e guanti di sicurezza.
S Non usare abiti troppo ampi o accessori quali cinture, bracciali o anelli che possano impigliarsi o provocare ustioni.
5.
Alltro
S Controllare che i previsti cavi di ritorno siano correttamente collegati.
S Ogni intervento sui componenti elettrici deve essere effettuato solo da personale specializzato.
S Le attrezzature antincendio devono essere facilmente accessibili in luogo adeguatamente
segnalato.
S Non eseguire mai lubrificazioni e interventi di manutenzione sull'apparecchiatura quando è
in esercizio.
bp06di1
-4-
© ESAB AB 2010
IT
ATTENZIONE
I lavori effettuati con la saldatura ad arco e la fiamma ossidrica sono pericolosi. Procedere con cautela. Seguire le disposizioni di sicurezza basate sui consigli del fabbricante.
CHOCK ELETTRICO - Può essere mortale
S
Installare e mettere a terra la saldatrice secondo le norme.
S
Non toccare particolari sotto carico o gli elettrodi a mani nude o con attrezzatura di protezione bagnata.
S
Isolarsi dalla terra e dal pezzo in lavorazione.
S
Assicurarsi che la posizione di lavoro assunta sia sicura.
FUMO E GAS - Possono essere dannosi
S
Tenere il volto lontano dai fumi.
S
Ventilare l'ambiente e allontanare i fumi dall'ambiente di lavoro.
IL RAGGIO LUMINOSO - Puo causare ustioni e danni agli occhi
S
Proteggere gli occhi e il corpo. Usare un elmo protettivo per saldatura adeguato e abiti di protezione.
S
Proteggere l'ambiente circostante con paraventi o schermature adeguate.
PERICOLO D'INCENDIO
S
Le scintille della saldatrice possono causare incendi. Allontanare tutti gli oggetti infiammabili dal luogo.
RUMORE - Un rumore eccessivo può comportare lesioni dell'udito
S
Proteggere l'udito. Utilizzare cuffie acustiche oppure altre protezioni specifiche.
S
Informare colleghi e visitatori di questo rischio.
IN CASO DI GUASTO - Contattare il personale specializzato.
Leggere attentamente le istruzioni prima dell'installazione e dell 'uso.
PROTEGGETE VOI STESSI E GLI ALTRI!
ATTENZIONE!
Non utilizzare l'alimentazione elettrica per scongelare i tubi congelati.
AVVERTENZA!
L'apparecchiatura di Class A non è destinata all'uso in luoghi
residenziali in cui l'energia elettrica viene fornita dalla rete pubblica di
alimentazione a bassa tensione. A causa di disturbi sia condotti che
radiati, potrebbe essere difficile assicurare la compatibilità
elettromagnetica di apparecchiature di Class A in questi luoghi.
AVVERTENZA!
Questo prodotto può essere utilizzato esclusivamente per saldatura ad arco.
AVVERTENZA!
Leggere attentamente le istruzioni prima
dell'installazione e dell'uso.
bp06di1
-5-
© ESAB AB 2010
IT
Lo smaltimento delle apparecchiature elettroniche deve essere effettuato presso
la struttura di riciclaggio.
In osservanza della direttiva europea 2002/96/CE sui rifiuti di apparecchiature elettriche
ed elettroniche e della relativa attuazione nella legislazione nazionale, le
apparecchiature elettriche e/o elettroniche che giungono a fine vita operativa devono
essere smaltite presso una struttura di riciclaggio.
In quanto responsabile delle apparecchiature, è tenuto/a ad informarsi sulle stazioni di
raccolta autorizzate.
Per ulteriori informazioni contattare il rivenditore ESAB più vicino.
2
INTRODUZIONE
Il generatore al plasma EPP 201 è progettato per marcare e realizzare un taglio al
plasma meccanizzato ad alta velocità. Può essere utilizzato ad esempio con torce
PT-15, PT-19XLS, PT-600 e PT-36 assieme a Smart Flow II, un sistema
computerizzato di controllo e ricollegamento del gas.
2.1
Dispositivo
Il generatore è provvisto di:
S
Manuale di istruzioni
2.2
Proprietà e funzionamento
S
Raffreddamento mediante ventola
S
Protezione in caso di collegamento a un'alimentazione elettrica incorretta
S
Protezione termica in caso di sovraccarico
S
Collegabile in parallelo per aumentare l'intervallo di corrente.
3
DATI TECNICI
EPP201
Tensione di rete
3~ 380 V, 400 V +/–10 %, 50 Hz
Alimentazione elettrica di rete
Ssc min. 7,2 MVA
Zmax. 0,020 Ω
Corrente primaria lmax
64 A a 380 V, 59 A a 400 V
Intervallo di regolazione
marcatura
taglio
5 A - 200 A
10 A - 36 A
30 A - 200 A
Carico ammissibile
tempo caldo di saldatura 100%
200 A / 160 V
Efficienza con la corrente massima
90 %
Fattore di potenza con la corrente
massima
0,90
Tensione a circuito aperto U0
342 V a 380 V
360 V a 400 V
bp06di1
-6-
© ESAB AB 2010
IT
EPP201
Temperatura di esercizio
Da -10 a 40 °C
Temperatura durante il trasporto
Da -20 a 55
Dimensioni, l x p x h
1200 x 603 x 1035 mm
Peso
475 kg
Classe di protezione
IP21
Alimentazione di rete, Ssc min
Corrente di cortocircuito minima sulla rete in conformità con IEC 61000-3-12
Alimentazione di rete, Zmax
Impedenza di linea massima ammessa sulla rete in conformità con IEC 61000-3-11.
Fattore di intermittenza
Il fattore d'intermittenza è una percentuale calcolata su un intervallo di 10 minuti, durante il quale è
possibile saldare o tagliare con un carico specifico. Il tempo caldo di saldatura è valido per una temperatura ambiente di 40° C.
Classe di protezione
Il codice IPdefinisce la classe di protezione, vale a dire il grado di protezione dalla penetrazione di
corpi solidi e acqua. Gli apparecchi contrassegnati con IP 21 sono destinati all'uso al coperto.
4
INSTALLAZIONE
La connessione a rete deve essere eseguita da personale adeguatamente addestrato.
ATTENZIONE!
LE SCARICHE ELETTRICHE POSSONO UCCIDERE
Prendere misure precauzionali contro le scariche elettriche. Verificare che tutte le
alimentazioni elettriche siano scollegate – spegnere l'interruttore dalla presa a
muro ed estrarre il cavo di alimentazione del dispositivo dalla presa prima di
effettuare qualsiasi collegamento elettrico nel generatore.
ATTENZIONE!
L'inosservanza di queste istruzioni può provocare lesioni gravi, la morte o il
danneggiamento del dispositivo. Seguire queste istruzioni al fine di evitare
incidenti e lesioni. Rispettare le norme di sicurezza elettriche locali e nazionali.
ATTENZIONE!
Una messa a terra incorretta può provocare lesioni o la morte. Il telaio deve essere
collegato a una messa a terra omologata. Verificare che la messa a terra di
protezione non sia stata collegata per errore ad alcun terminale di fase.
AVVERTENZA!
Questo prodotto può essere utilizzato esclusivamente per scopi industriali. In ambienti
domestici questo prodotto può provocare interferenze radio. É responsabilità dell'utente
adottare precauzioni adeguate.
bp06di1
-7-
© ESAB AB 2010
IT
AVVERTENZA!
La polvere conduttrice e i contaminanti presenti all'interno del generatore possono
provocare scariche disruttive. In questo modo il dispositivo può danneggiarsi. L'accumulo di
polvere all'interno del generatore può provocare cortocircuiti (vedere il capitolo sulla
manutenzione).
4.1
Istruzioni per il sollevamento
ATTENZIONE!
Il prodotto deve essere sollevato con un
carrello elevatore oppure come indicato
di seguito:
4.2
Controllo alla consegna
1. Rimuovere l'imballo ed ispezionare il dispositivo per individuare danni non
immediatamente visibili al momento della consegna.
Comunicare immediatamente qualsiasi danno al corriere.
2. Controllare che non vi siano componenti staccati nell'imballo prima di procedere
al riciclaggio.
3. Controllare che gli ingressi e le uscite dell'aria di raffreddamento non siano
ostruiti.
4.3
Collocazione
S
La distanza minima consentita tra la parete o altri ostacoli all'aria fredda e la
parte frontale o il retro del generatore è di 1 m.
S
Collocare il generatore in modo che i pannelli superiore e laterale possano
essere rimossi per la manutenzione, la pulizia e l'ispezione.
S
Collocare il generatore vicino a una presa di rete provvista di fusibili.
S
Tenere pulita la superficie sotto il generatore in modo che l'aria fredda non
introduca contaminanti.
S
L'area circostante al dispositivo deve essere priva di polveri e vapori e deve
essere mantenuta per quanto possibile fresca. Questi fattori influiscono sulla
capacità di raffreddamento.
bp06di1
-8-
© ESAB AB 2010
IT
4.4
Alimentazione elettrica di rete
Il generatore è trifase. L'alimentazione elettrica deve essere fornita da una presa
provvista di interruttore, soppressori di sovracorrenti o MCB in conformità con le
norme locali.
Capacità dei fusibili e sezione minima dei cavi raccomandate
ESP 150
50 Hz
380 V
400 V
4 G 35*)
4 G 35*)
Corrente di fase I1eff
64 A
59 A
Fusibile, soppressore di
sovracorrente
100 A
100 A
Tensione di rete
Sezione dei cavi di
collegamento alla rete mm2
*) Fornito dal cliente.
NOTA: la sezione dei cavi di collegamento alla rete di alimentazione e le dimensioni dei fusibili
illustrate precedentemente sono conformi alle norme svedesi. Impiegare il generatore conformemente
alle norme pertinenti del paese di utilizzo.
4.4.1
1
Collegamento del cavo di rete in ingresso
Apertura per il cavo di rete
nel pannello posteriore
2
Morsetto di terra principale
3
Terminali di fase
1. Rimuovere il pannello piccolo dal retro del generatore.
2. Inserire il cavo di rete nell'apertura del pannello posteriore.
3. Fissare il cavo all'apertura con il pressacavo.
4. Collegare la messa a terra al morsetto di terra principale del telaio.
5. Collegare i conduttori di fase ai terminali di fase.
6. Reinstallare il pannello sul retro prima di collegare l'alimentazione.
bp06di1
-9-
© ESAB AB 2010
IT
4.5
Cavi di alimentazione e di ritorno (forniti dal cliente)
I cavi di alimentazione e di ritorno per il taglio al plasma devono essere provvisti di
conduttore di rame con sezione da 105 mm2 per 400 A ed avere un valore nominale
di almeno 600 V.
4.5.1
Attacco dei cavi di alimentazione e di ritorno
1. Aprire la piastra di sicurezza sul lato frontale del generatore.
2. Inserire i cavi nelle aperture sul fondo del generatore subito dietro il pannello
frontale.
3. Collegare i cavi ai terminali in uscita del generatore.
4. Chiudere il pannello frontale.
Pannello di protezione frontale chiuso
Pannello di protezione frontale aperto
bp06di1
- 10 -
© ESAB AB 2010
IT
4.6
Installazione in parallelo
I generatori possono essere collegati in parallelo per sopportare una tensione
superiore.
4.6.1
Collegamento in parallelo dei due generatori
AVVERTENZA!
Il conduttore elettrico (negativo) del generatore principale è scattato. Il conduttore di
ritorno (positivo) del generatore ausiliario è scattato.
1. Collegare i cavi negativi in uscita alla cassetta di avviamento dell'arco
(generatore ad alta frequenza).
2. Collegare i cavi positivi in uscita al pezzo da saldare.
3. Collegare i cavi positivi e negativi tra i generatori.
4. Collegare il cavo dell'arco pilota al terminale dell'arco pilota del generatore.
L'attacco dell'arco pilota del generatore ausiliare non viene utilizzato. Il circuito
dell'arco pilota non è collegato in parallelo.
5. Collegare un cavo di controllo parallelo tra i due generatori.
6. Collegare il cavo di controllo CNC al generatore principale.
Il generatore non è provvisto di interruttore di tensione di rete. La tensione di rete
viene spenta mediante l'interruttore sulla presa.
Collegamento parallelo delle due sorgenti elettriche con l'uso di entrambi i
generatori.
EPP-201
EPP-201
Generatore ausiliare
Generatore principale
Cavo di ritorno
(+)
Elettrodo
(-)
Cavo di ritorno
(+)
Arco pilota
Cavo di controllo parallelo per
generatori
Elettrodo
(-)
Cavo di
controllo
verso unità
di raffreddamento
Cavo di
controllo
CNC
2 cavi positivi
600 V 105 mm2
verso il pezzo
da saldare
bp06di1
1 conduttore da 600 V
2,5 mm2 verso
la cassetta di avviamento
dell'arco (generatore ad alta
frequenza)
- 11 -
2 cavi negativi
600 V 105 mm2
nella cassetta di
avviamento dell'arco
(generatore ad alta
frequenza)
© ESAB AB 2010
IT
Collegamento in parallelo delle due sorgenti elettriche con l'uso di un solo
generatore.
EPP-201
EPP-201
Generatore ausiliare
Generatore principale
Cavo di
ritorno
Elettrodo
Cavo di
ritorno
Elettrodo
(+)
(-)
(+)
(-)
Cavo di controllo
parallelo per generatori
2 cavi positivi
600 V 105 mm2
verso il pezzo da
saldare
4.6.2
Per tornare dal funzionamento in
parallelo a quello singolo, scollegare i
cavi negativi dal generatore ausiliare
ed isolarne le estremità.
Cavo di controllo verso l'unità
di raffreddamento
2 cavi negativi 600 V 105 mm2 nella
cassetta di avviamento dell'arco
(generatore ad alta frequenza)
Marcatura con due generatori collegati in parallelo
È possibile utilizzare due EPP-201s collegati in parallelo per marcare fino a 10 A e
tagliare da 30 A a 400 A.
Funzionamento con due generatori collegati in parallelo
1. Il segnale fornisce al generatore principale i segnali logico-digitali di
avvio/arresto, marcatura/taglio e intervallo di corrente alto e i segnali in ingresso
logico-digitali o analogici per il controllo dei segnali di corrente pilota verso il
generatore principale sia per marcare che per tagliare.
Entrambi i generatori si accendono durate la marcatura ma l'uscita di corrente
del generatore ausiliare si spegne quando vengono emessi segnali di marcatura.
bp06di1
- 12 -
© ESAB AB 2010
IT
4.7
Attacchi per i cavi di alimentazione
1
Funzionamento remoto (CNC)
2
Generatore collegato in parallelo
3
Gruppo di raffreddamento
4
Attacco arresto di emergenza
bp06di1
- 13 -
© ESAB AB 2010
IT
5
FUNZIONAMENTO
Le norme generali di sicurezza per utilizzare questo impianto sono descritte a
pagina 4, leggerle attentamente prima dell'uso dell'impianto.
5.1
Collegamenti e dispositivi di controllo
1
Attacco per il gruppo di raffreddamento
9
2
Attacco per generatore collegato in parallelo
10 Interruttore per pannello di controllo o
telecomando
3
Attacco per il telecomando, unità CNC
11 Interruttore per la visualizzazione del valore
reale e del valore programmato
4
MCB per unità CNC.
12 Comandi per le impostazioni correnti
5
Arresto di emergenza
13 Attacco per l'arresto d'emergenza
6
Amperometro
14 Cavo di rete per il collegamento (fornito dal
cliente)
7
Spia di segnalazione rossa, errore di riavvio
15 Fusibile 15 A
8
Spia di segnalazione arancione,
surriscaldamento
bp06di2
- 14 -
Voltmetro
© ESAB AB 2010
IT
5.1.1
5.1.2
Chiave di lettura dei simboli
Surriscaldamento (8)
Indicazione di guasto (7)
Arresto d'emergenza (5)
Attacco arresto
d'emergenza (13)
Funzionamento locale
(10)
Telecomando (10)
Corrente dell'arco pilota
(11)
Corrente (12)
Pannello di controllo
Interruttore di visualizzazione valore reale/valore programmato (11)
Posizione intermedia: parametri di taglio; viene visualizzato il valore reale.
Modalità UP: viene visualizzato il valore programmato per la corrente dell'arco
pilota durante il funzionamento locale o remoto.
S Modalità DOWN: viene visualizzato il valore programmato per la corrente di
taglio durante il funzionamento locale o remoto.
Protezione da surriscaldamento (8)
Si accende quando il generatore si è surriscaldato.
S
S
Indicazione di guasto (7)
Si accende in presenza di un guasto che richiede il riavvio del generatore.
Potenziometro di controllo della corrente (12)
L'intervallo del generatore è di 30-200 A. Utilizzato solo in modalità “PANEL”.
Pannello di controllo/funzionamento remoto interruttore (10)
Questo interruttore viene utilizzato per selezionare il punto di controllo della corrente.
Con l'interruttore in modalità di controllo remoto, PANEL, utilizzare il
potenziometro.
S Con l'interruttore in modalità di controllo remoto, REMOTE, la corrente viene
controllata mediante segnale esterno (CNC).
Finestra di visualizzazione (6, 9)
Visualizza la tensione e la corrente durante il taglio. L'amperometro può essere
attivato prima dell'avvio, ad indicare il valore della corrente di taglio, della corrente di
marcatura o della corrente dell'arco pilota (vedere A qui sopra). La finestra di
visualizzazione mostra inoltre eventuali codici di guasto.
S
Attacco arresto d'emergenza (13)
L'attacco dell'arresto d'emergenza dà accesso al contatto di rottura dell'arresto
d'emergenza. Il contatto è collegato a J4-A e J4-B e si rompe quando viene premuto
il pulsante dell'arresto d'emergenza. In questo modo viene inviato un segnale al
dispositivo di taglio al plasma, il quale informa che il generatore si trova in modalità
arresto d'emergenza.
bp06di2
- 15 -
© ESAB AB 2010
IT
Pulsante di arresto d'emergenza (5)
Il pulsante di arresto d'emergenza influisce sul funzionamento dell'interruttore di
arresto d'emergenza. Premendo il pulsante, si attiva lo stato di 'arresto
d'emergenza'. Il generatore non è in grado di erogare energia nonostante venga
dato il segnale d'avvio.
Interruttore di protezione miniaturizzato (MCB) CB1 - 3A (4)
Interruttore per unità da 115 V CA a CNC.
5.2
Modalità di funzionamento
In modalità taglio, la corrente in uscita del generatore può essere regolata in modo
continuo da 30 a 200 A usando il potenziometro sul pannello di controllo o mediante
un segnale di riferimento remoto collegato a J1.
Se si utilizzano segnali di riferimento remoti, 1 V corrisponde a 36 A e 200
corrisponde alla tensione di segnale da 5,55 V CC.
L'impostazione standard del generatore è il taglio. Per passare alla modalità
marcatura, il segnale di controllo deve essere inviato mediante telecomando.
L'interruttore è impostato in modalità marcatura con un relè esterno isolato o con un
interruttore esterno isolato che collega J1-R (115 V CA) con J1-C. Lo schema dei
circuiti elettrici si trova all'interno del pannello posteriore. La chiusura del contatto in
modalità marcatura deve avvenire almeno 50 ms prima che venga inviato il
comando di avvio o accensione contatto.
In modalità marcatura CNC, la corrente in uscita può essere regolata in modo
continuo da 0 a 36 A utilizzando un segnale di riferimento remoto collegato a J1. In
modalità marcatura con funzionamento locale, la corrente in uscita può essere
regolata in modo continuo da 0 a 18 A utilizzando il potenziometro sul pannello di
controllo (impostazione standard alla consegna). Se SW1-1, che è aperto sul
pannello di controllo, si chiude, l'intervallo diventa di 0-18 A.
Se si utilizzano segnali di riferimento remoti, 1 V corrisponde a 36 A e 200 A
corrisponde alla tensione di segnale da 10,00 V CC.
5.2.1
Generatore in funzionamento singolo (utilizzato con CNC, esistono due
modalità di funzionamento di base)
1. Funzionamento locale dal pannello di controllo – (interruttore sul generatore)
Interruttore per funzionamento locale/remoto in modalità controllo remoto,
PANEL. Utilizzato con unità CNC limitata che emette solo segnali di
avvio/arresto verso il generatore. L'unità di controllo micro nel generatore utilizza
le impostazioni analogiche del potenziometro del pannello di controllo come
segnale programmato per la corrente di taglio. Partendo da questi valori, l'unità
di controllo micro calcola la corrente iniziale, la corrente dell'arco pilota e il tempo
di accelerazione. I valori correnti per il taglio e l'arco pilota possono essere
visualizzati prima del taglio, spostando l'interruttore mediante molla di ritorno
nella posizione di visualizzazione del valore programmato per la corrente di
taglio e la corrente dell'arco pilota. Se la corrente dell'arco pilota è insufficiente,
l'unità CNC può incrementarla inviando segnali in uscita agli ingressi PA0 e PA1.
La corrente aumenta nel seguente modo.
bp06di2
- 16 -
© ESAB AB 2010
IT
PA0
PA1
nessun segnale
nessun segnale
nessuna modifica
segnale
nessun segnale
la corrente aumenta del 12,5%
nessun segnale
segnale
la corrente aumenta del 2,5%
segnale
segnale
la corrente aumenta del 37,5%
Vedere lo schema a pagina24.
La tabella qui sotto, utilizzata per calcolare la corrente di avvio, la corrente dell'arco
pilota e il tempo di accelerazione, viene salvata nell'unità di controllo micro.
Corrente di taglio
(A)
Corrente di avvio
(A)
Corrente dell'arco
pilota
(A)
Tempo di accelerazione
(ms)
30
20
15
200
50
25
20
250
100
50
25
500
200
100
30
800
Se per la corrente di taglio vengono utilizzati valori diversi da quelli della tabella, i
valori corrispondenti vengono calcolati partendo da un'accelerazione lineare per tutti
i parametri richiesti.
2. Modalità controllo remoto
a. Funzionamento CNC parziale – (pin del cavo CNC V aperto, aperto per il
controllo interno). L'interruttore di funzionamento locale/remoto deve essere
in modalità REMOTE. L'unità CNC deve fornire i valori programmati per la
corrente di taglio e i segnali di avvio/arresto verso il generatore. L'unità di
controllo micro nel generatore calcola la corrente iniziale, la corrente
dell'arco pilota e il tempo di accelerazione partendo dal valore programmato
per la corrente di taglio.
b. Modalità controllo remoto con funzionamento CNC completo – (pin V cavo
CNC chiuso, chiuso per controllo interno). L'interruttore di funzionamento
locale/remoto deve essere in modalità REMOTE. L'unità CNC deve attivare
l'ingresso per il controllo CNC completo sul pin V nel cavo di collegamento.
In questa modalità tutti i parametri vengono controllati dall'unità CNC, ivi
comprese la corrente iniziale, la corrente dell'arco pilota e il tempo di
accelerazione. La corrente dell'arco pilota può essere controllata utilizzando
segnali di ingresso logico-digitali o analogici. Se il segnale di ingresso
analogico è inferiore a 0,5 V, il generatore utilizza i segnali logico-digitali
sugli ingressi PA0 e PA1 per alimentare la corrente dell'arco pilota
necessaria in base alla seguente combinazione.
PA0
PA1
Corrente dell'arco pilota (A)
nessun segnale
nessun segnale
10
segnale
nessun segnale
20
nessun segnale
segnale
30
segnale
segnale
40
Se vengono utilizzati segnali di riferimento analogici, 10 V CC corrisponde a 45
A e 1 V CC a 4,5 A.
bp06di2
- 17 -
© ESAB AB 2010
IT
Marcatura– Può essere effettuata in modalità funzionamento locale/remoto.
L'ingresso per la modalità marcatura deve essere chiuso nell'unità CNC. In
modalità di funzionamento locale, la corrente di marcatura viene impostata
utilizzando il potenziometro sul pannello di controllo. La corrente di marcatura
massima è di 36 A. Se SW1-1, che è aperto sul pannello di controllo, si chiude,
l'intervallo diventa di max. 0-18 A. In modalità controllo remoto la corrente di
lavoro è regolata da un segnale di riferimento remoto, 10 V CC corrisponde a 36
A e 1 V CC a 3,6 A di corrente di marcatura.
5.2.2 Diversi generatori
1. Funzionamento con collegamento in parallelo – Collegare i generatori seguendo
le indicazioni del paragrafo 3.6. Impostare l'interruttore per il funzionamento
locale/remoto in modalità REMOTE su entrambi i generatori. Se le unità
vengono utilizzate per tagliare ed entrambe devono fornire corrente di taglio,
attivare l'ingresso logico HI CURRENT (pin T) sul cavo CNC. Con questa
impostazione la corrente massima è di 400 A con un segnale in ingresso
analogico di 10 V CC da CNC. Se l'ingresso HI CURRENT è disattivato, l'uscita
di corrente della sorgente ausiliare si spegne nonostante sia collegata al
generatore principale. Solo il generatore principale genera corrente in modalità
marcatura. Se la marcatura e il taglio vengono effettuati in modo alternativo,
l'ingresso HI CURRENT può essere lasciato attivo, nel qual caso l'ingresso di
marcatura viene controllato se si devono attivare entrambe le uscite di corrente
dei generatori o solo quella del generatore principale. L'intervallo di corrente
quando la marcatura è di 10-36 A e il taglio di 30-400 A.
5.3
Avvio di taglio e marcatura
1. Collegare il dispositivo all'alimentazione accendendo l'interruttore sulla presa (la
presa non è provvista di interruttore di rete). Quando il dispositivo è alimentato,
la finestra di visualizzazione mostra brevemente EPP-201 e Pr x.xx (il numero di
versione del programma) e quindi 0 A e 0 V.
2. Impostare l'interruttore per il funzionamento locale/remoto nella modalità
desiderata, a seconda che l'unità CNC possa essere controllata in remoto o
meno.
a. Durante il funzionamento locale (modalità PANEL) è possibile visualizzare il
valore programmato per la corrente di taglio tenendo l'interruttore sul
pannello di controllo in posizione di visualizzazione della programmazione
per la corrente di taglio. In modalità PANEL, il generatore calcola la corrente
dell'arco pilota, la corrente iniziale e il tempo di accelerazione dal valore
programmato impostato della corrente di taglio. È possibile visualizzare il
valore programmato impostato per la corrente dell'arco pilota tenendo il
sensore del pannello di controllo in posizione di visualizzazione del valore di
programmazione della corrente dell'arco pilota. Vedere il paragrafo 5.1.2
Pannello di controllo.
b. In modalità di controllo remoto esistono due modalità di funzionamento.
1 La modalità standard è simile alla modalità di funzionamento locale, ma
il segnale della corrente di taglio proviene dall'unità CNC invece che dal
potenziometro del pannello di controllo. La scala per il segnale di
corrente durante il funzionamento controllo remoto è di 1,0 V CC = 36 A.
Questa modalità può essere utilizzata se l'unità CNC non ha funzioni di
controllo della corrente iniziale e del tempo di accelerazione. Gli attacchi
per il controllo remoto sono basati sul programma dell'interfaccia CNC.
bp06di2
- 18 -
© ESAB AB 2010
IT
2
Se l'unità CNC ha funzioni di controllo della corrente iniziale e del tempo
di accelerazione, impostare l'interruttore per il controllo locale/remoto in
modalità REMOTE e collegare i pin R e V al contatto CNC. In questa
modalità, l'unità CNC fornisce segnali analogici per il controllo dei valori
della corrente iniziale, del tempo di accelerazione e della corrente di
taglio. La scala è uguale a quella della modalità standard. La corrente
dell'arco pilota è regolata da un altro segnale analogico, 0–10 V CC,
oppure da un segnale binario in base al programma per l'interfaccia
dell'unità CNC. La scala per il segnale della corrente dell'arco pilota è di
10 V CC = 45 A.
3. Avviare il taglio al plasma. Può essere necessario impostare variabili quali la
pressione del gas, il flusso, l'altezza della torcia, etc.
4. Se per qualsiasi motivo non fosse possibile avviare il taglio o la marcatura, il
generatore visualizzerà un codice di guasto indicante la causa del guasto
(vedere Codici di guasto nel paragrafo Individuazione dei guasti).
6
MANUTENZIONE
ATTENZIONE!
LE SCARICHE ELETTRICHE POSSONO UCCIDERE
Spegnere l'interruttore della presa prima di avviare i lavori di manutenzione.
ATTENZIONE!
Rischio di lesioni agli occhi durante la pulizia con il getto d'aria compressa.
S Utilizzare le apposite maschere provviste di protezioni laterali durante la
pulizia del generatore.
S Utilizzare solo aria a bassa pressione.
ATTENZIONE!
Rischio di scariche elettriche!
Reinstallare sempre tutte le coperture rimosse per la pulizia prima di riaccendere
l'alimentazione.
AVVERTENZA!
Tutte le garanzie del fornitore sono da considerarsi nulle nel caso in cui l'acquirente tenti
di intervenire sul prodotto durante il periodo di garanzia al fine di correggere eventuali
difetti.
AVVERTENZA!
La manutenzione può essere effettuata solo da personale qualificato.
bp06di2
- 19 -
© ESAB AB 2010
IT
AVVERTENZA!
Se il flusso d'aria fredda venisse ostruito per qualsiasi motivo, EPP-201 potrebbe
surriscaldarsi.
Gli interruttori termici sono in grado di attivare e prevenire il funzionamento continuo.
Non utilizzare filtri dell'aria su questo generatore.
Mantenere i passaggi dell'aria fredda liberi da polveri e ostruzioni.
Per garantire un funzionamento corretto e sicuro, eseguire sempre una
manutenzione regolare.
Le piastre di sicurezza possono essere rimosse solo da personale autorizzato con
adeguate competenze nel settore elettrico.
6.1
Ispezioni e pulizia
I seguenti punti sul generatore devono essere controllati e/o puliti regolarmente.
1. Controllare il raccordo del cavo di ritorno al pezzo da saldare.
2. Controllare che la terra di protezione del pezzo da saldare sia collegata
saldamente alla terra del telaio del generatore.
3. Controllare la protezione termica della torcia. Sostituirla se danneggiata.
4. Controllare quotidianamente l'elettrodo e l'ugello per individuare segni di usura.
Rimuovere ogni macchia, sostituire l'elettrodo e l'ugello se necessario.
5. Controllare che i cavi o i tubi non siano danneggiati né piegati.
6. Controllare che tutte le spine, gli attacchi e i terminali di terra siano saldamente
collegati.
7. Con un getto d'aria compressa asciutta, pulita e a bassa pressione, pulire tutti i
condotti di tutti i componenti, in particolare le alette di raffreddamento poste nella
parte frontale del generatore. La polvere è un isolante termico e riduce la
capacità di raffreddamento. Utilizzare una maschera.
8. Assicurarsi che tutte le alimentazioni elettriche in entrata siano scollegate.
Indossando occhiali protettivi e maschere facciali, ripulire internamente il
generatore con un soffio d'aria compressa asciutta a bassa pressione.
7
INDIVIDUAZIONE DEI GUASTI
ATTENZIONE!
LE SCARICHE ELETTRICHE POSSONO UCCIDERE
Non consentire mai a persone non dotate delle conoscenze necessarie di
controllare o riparare il dispositivo. Gli interventi elettrici possono essere svolti
solo da elettricisti qualificati.
bp06di2
- 20 -
© ESAB AB 2010
IT
AVVERTENZA!
Interrompere immediatamente qualsiasi lavoro se il generatore non funziona
correttamente.
Consentire solo al personale qualificato di ispezionare i guasti del dispositivo.
Utilizzare solo ricambi raccomandati.
Prima di richiedere l'intervento di un tecnico dell'assistenza autorizzata, eseguire i
controlli indicati di seguito.
Tipo di guasto
Intervento
Nessun arco.
S
S
S
La corrente viene interrotta durante la saldatura.
S
S
Controllare che l'interruttore
dell'alimentazione elettrica si trovi su ON.
Controllare che i cavi di ritorno siano
collegati correttamente.
Controllare che sia impostato il valore di
corrente corretto.
Controllare che le termocoppie di
sovraccarico non si siano attivate (la spia
deve accendersi sul pannello anteriore).
Controllare i fusibili dell'alimentazione
elettrica.
L'interruttore termico si attiva spesso.
S
Accertarsi che non si stiano superando i
valori nominali per il generatore (ad esempio
che il gruppo non sia sovraccarico).
Prestazioni di taglioinsufficienti.
S
Controllare che i cavi di ritorno siano
collegati correttamente.
Controllare che sia impostato il valore di
tensione corretto.
Controllare che sia in uso l'elettrodo
corretto.
Controllare i fusibili dell'alimentazione
elettrica.
S
S
S
7.1
Lista dei codici di guasto
01
LINE VOLT, IDLE
08
TORCH ERROR
15
BUS CHARGER FAILURE
02
LINE VOLT, CUTTING
09
OCV OVER 40V, IDLE
17
IGBT DRIVER ERROR
03
CONTROL BIAS
10
OCV OVER 70V,
STARTUP
18
CUT/MARK VOLTAGE
TOO LOW
04
THERMAL (SWITCH
OPEN)
12
1Ф OPERATION,
SHUTDOWN
19
SLAVE P/S NOT
DETECTED
05
START ON POWER UP
13
OCV FAILURE
20
SHORTED IGBT, BUS
CHARGED
06
FAIL TO FIRE
14
AMBIENT TEMP
113 SLAVE P/S ERROR
Codice
Contenuto del codice di guasto per il generatore EPP-201.
01
Deviazione superiore a +/- 15% in modalità 'idle'.
02
Cadute della tensione di rete superiori al 20% durante il taglio.
bp06di2
- 21 -
© ESAB AB 2010
IT
Codice
Contenuto del codice di guasto per il generatore EPP-201.
03
Problemi con l'alimentazione pre-voltaggio sulla scheda di controllo. Le alimentazioni +15 e
-15 V non sono equilibrate, la scheda deve essere sostituita.
04
Un carico termico è saltato. Il generatore non può essere attivato finché i componenti
surriscaldati non si sono raffreddati. Controllare che tutte le ventole funzionino e che non vi
siano aperture di ventilazione ostruite.
05
L'interruttore di avvio sull'unità CNC si è acceso quando il generatore è stato alimentato.
Spegnere ed accendere l'interruttore per la messa in servizio del generatore.
06
L'arco non si accende in 10 secondi.
NOTA! L'unità CNC ha un tempo di attesa ammissibile inferiore per l'accensione dell'arco e
quindi di solito ripristina il generatore in modalità 'idle' prima che si verifichi questo guasto.
08
La corrente dell'elettrodo si è verificata prima che si attivasse la modulazione della larghezza
dell'impulso. Possibilmente causata dalla pressione esercitata dall'elettrodo contro l'ugello
della torcia.
09
Tensione a circuito aperto in modalità 'idle' superiore a 40 V. Può essere causata da una
perdita dell'IGBT o da una scheda con modulazione di larghezza di impulso difettosa.
10
Tensione a circuito aperto superiore a 70 V sotto tensione. Può essere causata da una
perdita dell'IGBT o da una scheda con modulazione di larghezza di impulso difettosa.
12
Spegnimento provocato da una caduta di fase. Il fusibile è saltato nel circuito di
alimentazione.
13
La tensione a circuito aperto non raggiungeva 300 V nel tempo ammissibile. Controllare il
circuito modulato della larghezza d'impulso e l'arresto d'emergenza su J1.
14
Temperatura nel controllo e nell'armadio di regolazione superiore a 55ºC.
15
La tensione del bus non raggiungeva 100 V nel tempo ammissibile. Relè di caricamento bus
o resistenza di protezione dei transienti difettosi.
17
Guasto della scheda di controllo IGBT.
18
Caduta della tensione di taglio al di sotto dei 70 V durante il taglio oppure al di sotto dei 40 V
durante la marcatura.
19
Il generatore principale riceve segnali per alimentare il generatore ausiliare, ma non vi sono
generatori ausiliari.
20
Tensione a circuito aperto rilevata prima dell'attivazione della modulazione della larghezza
dell'impulso.
113
Guasto del generatore ausiliare.
8
ORDINAZIONE RICAMBI
EPP-201 sono disignate e collaudate secondo le norme internazionali ed europee EN
60974-1 ed EN 60974-10. Dopo l'effettuata assistenza oppure riparazione è di responsabilità dell'agenzia di servizio di accertarsi che il prodotto non si differenzi dalle summenzionate vigenti norme.
Le riparazioni e gli interventi a livello elettrico devono essere effettuati solamente da
tecnici autorizzati dalla ESAB.
Utilizzare solo pezzi di ricambio originali ESAB.
Indicare sempre il numero di costruttore dell'unità a cui si riferisce il pezzo di
ricambio. Il numero di costruttore si trova sulla targhetta dell'unità.
Per ordinare i pezzi di ricambio, rivolgersi al più vicino rivenditore ESAB; vedere l'ultima pagina di questo documento.
bp06di2
- 22 -
© ESAB AB 2010
p
- 23 -
Schema
bp06e
- 24 -
© ESAB AB 2010
bp06e
- 25 -
© ESAB AB 2010
bp06e
- 26 -
© ESAB AB 2010
bp06e
- 27 -
© ESAB AB 2010
CABLE
WIRE ID
PA ON
24-CONDUCTOR
CONNECTOR
24 CONDUCTOR CABLE
Plasma System Control
A
PA ON
B
WC FLOW FAULT: ON WITH FLOW OK
RED 01
WC FLOW FAULT: OFF WITH LO FLOW
RED 02
MARK MODE SELECT
CLOSED FOR MARKING
I mark = (3.6) X (Vcut cur ref)
MARK MODE SELECT
C
RED 03
Z
10K
115V AC NEUTRAL
RED 04
E-- STOP: ISOLATED CONTACT
CLOSED TO RUN
24V AC
E
RED 05
F
K4
E-- STOP
E-- STOP
RED 06
15V
15V CNC
COMMON
0 TO 10V
0 TO 10V
+
PLASMA START
+
CNC +15V DC
H
MASTER SELECT
J
CURRENT REF COM
K
WC LEVEL (ON W/ LEVEL OK)
L
+
CUT CURRENT REF
M
PLASMA START
N
+
PA CURRENT REF
P
ARC ON
10K
RED 10
20K
CUT CURRENT REF
Icut = (36) X (Vcut cur ref)
RED 11
20K
RED 12
ARC ON
10K
CNC +15V DC
PA CURRENT REF
Ipa = (4.5) X (Vpa cur ref)
RED 13
RED 14
RED 15
R
RED 16
RED 17
FOR LO: Icut = (20) X (Vcut cur ref)
CURRENT HI/LO
FOR HI: Icut = (40) X (Vcut cur ref)
CLOSED FOR 400A; OPEN FOR 200A
RED 18
(PARALLEL OPERATION ONLY)
RED 19
OPEN FOR INTERNAL CONTROL
CLOSED FOR EXTERNAL CONTROL
S
10K
115V AC H
PA1
PA CURRENT SELECT
10K
T
HI RANGE (400A)
10K
U
not used (reserved for P/A continuous)
V
PROCESS CONTROL SELECTION
W
POWER SOURCE FAULT
ON WITH FAULT
10K
RED 20
POWER SOURCE FAULT
FUSE
PA CURRENT SELECT
not used
PA CURRENT SELECT
Q PA0
PA CURRENT SELECT
115V AC
+
G
115V AC NEUTRAL
CNC
RED 07
MASTER SELECT - CONNECT H TO R (ALWAYS PRESENT)
RED 08
CNC ANALOG COMMON
WC LEVEL: OFF
RED 09
WITH FAULT
10K
RED 21
X
+
24V
PS 24V DC COMMON
RED 22
MASTER CURRENT
Y
RED 23
GRN/YEL
D
HALL TRANSDUCER
+
MASTER OUTPUT CURRENT
SIGNAL 1.0V = 100A
24V DC
COMMON
CHASSIS
bp06e
- 28 -
© ESAB AB 2010
3A
EPP-201
No. di codice
Ordering no.
Denomination
Type
0558 007 800 Plasma cutting
EPP-201
0463 148 086 Instruction manual RU
EPP-201
Notes
380 V / 400 V, 50 Hz
Instruction manuals are available on the Internet at www.esab.com
bp06o
- 29 -
© ESAB AB 2010
NOTES
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
notes
- 30 -
© ESAB AB 2010
NOTES
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................
notes
- 31 -
© ESAB AB 2010
ESAB subsidiaries and representative offices
Europe
AUSTRIA
ESAB Ges.m.b.H
Vienna-Liesing
Tel: +43 1 888 25 11
Fax: +43 1 888 25 11 85
BELGIUM
S.A. ESAB N.V.
Brussels
Tel: +32 2 745 11 00
Fax: +32 2 745 11 28
NORWAY
AS ESAB
Larvik
Tel: +47 33 12 10 00
Fax: +47 33 11 52 03
POLAND
ESAB Sp.zo.o.
Katowice
Tel: +48 32 351 11 00
Fax: +48 32 351 11 20
BULGARIA
ESAB Kft Representative Office
Sofia
Tel/Fax: +359 2 974 42 88
PORTUGAL
ESAB Lda
Lisbon
Tel: +351 8 310 960
Fax: +351 1 859 1277
THE CZECH REPUBLIC
ESAB VAMBERK s.r.o.
Vamberk
Tel: +420 2 819 40 885
Fax: +420 2 819 40 120
ROMANIA
ESAB Romania Trading SRL
Bucharest
Tel: +40 316 900 600
Fax: +40 316 900 601
DENMARK
Aktieselskabet ESAB
Herlev
Tel: +45 36 30 01 11
Fax: +45 36 30 40 03
RUSSIA
LLC ESAB
Moscow
Tel: +7 (495) 663 20 08
Fax: +7 (495) 663 20 09
FINLAND
ESAB Oy
Helsinki
Tel: +358 9 547 761
Fax: +358 9 547 77 71
SLOVAKIA
ESAB Slovakia s.r.o.
Bratislava
Tel: +421 7 44 88 24 26
Fax: +421 7 44 88 87 41
FRANCE
ESAB France S.A.
Cergy Pontoise
Tel: +33 1 30 75 55 00
Fax: +33 1 30 75 55 24
SPAIN
ESAB Ibérica S.A.
Alcalá de Henares (MADRID)
Tel: +34 91 878 3600
Fax: +34 91 802 3461
GERMANY
ESAB GmbH
Solingen
Tel: +49 212 298 0
Fax: +49 212 298 218
SWEDEN
ESAB Sverige AB
Gothenburg
Tel: +46 31 50 95 00
Fax: +46 31 50 92 22
GREAT BRITAIN
ESAB Group (UK) Ltd
Waltham Cross
Tel: +44 1992 76 85 15
Fax: +44 1992 71 58 03
ESAB international AB
Gothenburg
Tel: +46 31 50 90 00
Fax: +46 31 50 93 60
ESAB Automation Ltd
Andover
Tel: +44 1264 33 22 33
Fax: +44 1264 33 20 74
SWITZERLAND
ESAB AG
Dietikon
Tel: +41 1 741 25 25
Fax: +41 1 740 30 55
HUNGARY
ESAB Kft
Budapest
Tel: +36 1 20 44 182
Fax: +36 1 20 44 186
UKRAINE
ESAB Ukraine LLC
Kiev
Tel: +38 (044) 501 23 24
Fax: +38 (044) 575 21 88
ITALY
ESAB Saldatura S.p.A.
Bareggio (Mi)
Tel: +39 02 97 96 8.1
Fax: +39 02 97 96 87 01
North and South America
ARGENTINA
CONARCO
Buenos Aires
Tel: +54 11 4 753 4039
Fax: +54 11 4 753 6313
BRAZIL
ESAB S.A.
Contagem-MG
Tel: +55 31 2191 4333
Fax: +55 31 2191 4440
CANADA
ESAB Group Canada Inc.
Missisauga, Ontario
Tel: +1 905 670 02 20
Fax: +1 905 670 48 79
MEXICO
ESAB Mexico S.A.
Monterrey
Tel: +52 8 350 5959
Fax: +52 8 350 7554
USA
ESAB Welding & Cutting Products
Florence, SC
Tel: +1 843 669 44 11
Fax: +1 843 664 57 48
Asia/Pacific
SOUTH KOREA
ESAB SeAH Corporation
Kyungnam
Tel: +82 55 269 8170
Fax: +82 55 289 8864
UNITED ARAB EMIRATES
ESAB Middle East FZE
Dubai
Tel: +971 4 887 21 11
Fax: +971 4 887 22 63
Africa
EGYPT
ESAB Egypt
Dokki-Cairo
Tel: +20 2 390 96 69
Fax: +20 2 393 32 13
SOUTH AFRICA
ESAB Africa Welding & Cutting Ltd
Durbanvill 7570 - Cape Town
Tel: +27 (0)21 975 8924
Distributors
For addresses and phone
numbers to our distributors in
other countries, please visit our
home page
www.esab.com
CHINA
Shanghai ESAB A/P
Shanghai
Tel: +86 21 2326 3000
Fax: +86 21 6566 6622
INDIA
ESAB India Ltd
Calcutta
Tel: +91 33 478 45 17
Fax: +91 33 468 18 80
INDONESIA
P.T. ESABindo Pratama
Jakarta
Tel: +62 21 460 0188
Fax: +62 21 461 2929
JAPAN
ESAB Japan
Tokyo
Tel: +81 45 670 7073
Fax: +81 45 670 7001
MALAYSIA
ESAB (Malaysia) Snd Bhd
USJ
Tel: +603 8023 7835
Fax: +603 8023 0225
SINGAPORE
ESAB Asia/Pacific Pte Ltd
Singapore
Tel: +65 6861 43 22
Fax: +65 6861 31 95
THE NETHERLANDS
ESAB Nederland B.V.
Amersfoort
Tel: +31 33 422 35 55
Fax: +31 33 422 35 44
www.esab.com
© ESAB AB
110426
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertising