ESAB | PRC 33-90 | Instruction manual | ESAB PRC 33-90 Manuale utente

ESAB PRC 33-90 Manuale utente
A21 PRC 17- 49
A21 PRC 33- 90
A21 PRC 60- 170
101103105107109111102021110025108024042106023061104022041100020040060001
Bruksanvisning
Brugsanvisning
Bruksanvisning
Käyttöohjeet
Instruction manual
Betriebsanweisung
0443 934 001
020321
Manuel d’instructions
Gebruiksaanwijzing
Instrucciones de uso
Istruzioni per l’uso
Manual de instruções
Ïäçãßåò ÷ñÞóåùò
Valid for serial no. 803--xxx--xxxx
SVENSKA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3
DANSK . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
NORSK . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
SUOMI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
ENGLISH . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59
DEUTSCH . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 73
FRANÇAIS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 87
NEDERLANDS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 101
ESPAÑOL . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 115
ITALIANO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 129
PORTUGUÊS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 143
ÅËËÇÍÉÊÁ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 157
Rätt till ändring av specifikationer utan avisering förbehålles.
Ret til ændring af specifikationer uden varsel forbeholdes.
Rett til å endre spesifikasjoner uten varsel forbeholdes.
Oikeudet muutoksiin pidätetään.
Rights reserved to alter specifications without notice.
Änderungen vorbehalten.
Sous réserve de modifications sans avis préalable.
Recht op wijzigingen zonder voorafgaande mededeling voorbehouden.
Reservado el derecho de cambiar las especificaciones sin previo aviso.
Ci riserviamo il diritto di variare le specifiche senza preavviso.
Reservamo--nos o direito de alterar as especificações sem aviso prévio.
Äéáôçñåßôáé ôï äéêáßùìá ôñïðïðïßçóçò ðñïäéáãñáöþí ×ùñßò ðñïåéäïðïßçóç.
-- 2 --
ITALIANO
1
2
3
4
5
DIRETTIVA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
SICUREZZA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
INTRODUZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
DATA TECNICI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
INSTALLAZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
130
130
131
132
133
5.1 Collegamenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5.2 Istruzioni di montaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
133
134
6 USO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 135
6.1
6.2
6.3
6.4
Bloccaggio della testa orbitale prima della saldatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Regolazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Avvio di saldatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Saldatura in spazi limitati. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
135
136
136
137
7 MANUTENZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 140
7.1
7.2
7.3
7.4
7.5
Giornalmente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
In caso di necessità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Sostituzione dei pezzi usurati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Montaggio dell’elettrodo wolfram . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Smontaggio della pinza dall’attrezzatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
140
140
142
142
142
8 ORDINAZIONE PEZZI DI RICAMBIO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
SCHEMA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
ELENCO RICAMBI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
ACCESSORI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
142
172
173
203
TOCi
-- 129 --
IT
1
DIRETTIVA
DICHIARAZIONE DI CONFORMITA
Esab Welding Equipment AB, 695 81 Laxå Sweden, dichiara sotto la propria responsabilità che la attrezzatura per saldare A21 PRC 17--49 / 33--90 / 60--170 dal numero
di serie 732 è conforme alla norma EN 60292 ai sensi dei requisiti previsti dalla direttiva (89/392/CEE) e successive integrazioni nella direttiva.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------Laxå 97--09--22
Paul Karlsson
Managing Director
Esab Welding Equipment AB
695 81 LAXÅ
SWEDEN
2
Tel: + 46 584 81000
Fax: + 46 584 12336
SICUREZZA
L’utilizzatore di un impianto per saldatura ESAB è responsabile delle misure di sicurezza per il personale che opera con il sistema o nelle vicinanze dello stesso. Le misure di sicurezza devono soddisfare le norme previste per questo tipo di impianto per saldatura. Queste indicazioni sono da considerarsi un complemento alle norme di sicurezza vigenti sul posto di lavoro.
Il sistema di saldatura automatica deve essere manovrato secondo quanto indicato nelle istruzioni
e solo da personale adeguatamente addestrato. Una manovra erronea, causata da un intervento
sbagliato, oppure l’attivazione di una sequenza di funzioni non desiderata, può provocare anomalie
che possono causare danni all’operatore o all’impianto.
1.
Tutto il personale che opera con saldatrici automatiche deve conoscere:
S l’uso e il funzionamento dell’apparecchiatura
S la posizione dell’arresto di emergenza
S il suo funzionamento
S le vigenti disposizioni di sicurezza
S l’attività di saldatura
2.
L’operatore deve accertarsi:
S che nessun estraneo si trovi all’interno dell’area di lavoro dell’impianto per saldatura prima
che questo venga messo in funzione
S che nessuno si trovi esposto al momento di far scoccare l’arco luminoso
3.
La stazione di lavoro deve essere:
S adeguata alla funzione
S senza correnti d’aria
4.
Abbigliamento protettivo
S Usare sempre l’abbigliamento di sicurezza previsto, per es. occhiali di protezione, abiti non
infiammabili, guanti protettivi.
S Non usare abiti troppo ampi o accessori quali cinture, bracciali o anelli che possano impigliarsi o provocare ustioni.
5.
Alltro
S Controllare che i previsti cavi di ritorno siano correttamente collegati.
S Ogni intervento sui componenti elettrici deve essere effettuato solo da personale specializzato.
S Le attrezzature antincendio devono essere facilmente accessibili in luogo adeguatamente
segnalato.
S Non eseguire mai lubrificazioni e interventi di manutenzione sull’impianto per saldatura
quando è in esercizio.
dsa9d1ia
-- 130 --
IT
ATTENZIONE
I LAVORI EFFETTUATI CON LA SALDATURA AD ARCO E LA FIAMMA OSSIDRICA SONO PERICOLOSI. PROCEDERE CON CAUTELA. SEGUIRE LE DISPOSIZIONI DI SICUREZZA BASATE SUI
CONSIGLI DEL FABBRICANTE.
CHOCK ELETTRICO -- Può essere mortale
S
Installare e mettere a terra l’elettrosaldatrice secondo le norme.
S
Non toccare particolari sotto carico o gli elettrodi a mani nude o con attrezzatura di protezione
bagnata.
S
Isolarsi dalla terra e dal pezzo in lavorazione.
S
Assicurarsi che la posizione di lavoro assunta sia sicura.
FUMO E GAS -- Possono essere dannosi
S
Tenere il volto lontano dai fumi di saldatura.
S
Ventilare l’ambiente e allontanare i fumi dall’ambiente di lavoro.
IL RAGGIO LUMINOSO -- Puo causare ustioni e danni agli occhi
S
Proteggere gli occhi e il corpo. Usare un elmo protettivo per saldatura adeguato e abiti di protezione.
S
Proteggere l’ambiente circostante con paraventi o schermature adeguate.
PERICOLO D’INCENDIO
S
Le scintille della saldatrice possono causare incendi. Allontanare tutti gli oggetti infiammabili dal
luogo di saldatura.
RUMORE -- Un rumore eccessivo può comportare lesioni dell’udito
S
Proteggere l’udito. Utilizzare cuffie acustiche oppure altre protezioni specifiche.
S
Informare colleghi e visitatori di questo rischio.
IN CASO DI GUASTO -- Contattare il personale specializzato.
LEGGERE ATTENTAMENTE LE ISTRUZIONI PRIMA DELL’INSTALLAZIONE E DELL’USO.
PROTEGGETE VOI STESSI E GLI ALTRI!
3
INTRODUZIONE
Le teste orbitali A21 PRC 17--49 / 33--90 / 60--170 sono progettate per la saldatura
su tubi (testa a testa) in TIG.
Le teste orbitali sono provviste di raffreddamento ad acqua ed hanno una funzione di
pendolamento (6) con una regolazione della lunghezza dell’arco automatica (tramite
la regolazione della tensione dell’arco = AVC) (5), sono designate per essere
collegate ai generatori di corrente LTP 450. In caso necessiti il filo d’apporto usare
l’unità di alimentazione del filo MEI 21.
Le teste orbitali sono costruite secondo un
particolare principio a pinza il quale consente
un montaggio rapido e preciso della saldatrice
sul tubo. Il sistema a pinza consiste di una
coppia di ganasce (4) le quali bloccano la testa
sul tubo premendo la leva (1) contro l’impugnatura.
Durante la saldatura ruota solamente la corona
dentata (3) assieme ai suoi particolari.
Per il movimento di rotazione viene usato una
particolare motorizzazione (2) la quale consiste di un
motoriduttore a corrente continua con magnete permanente e di un
trasduttore a impulsi per la regolazione del numero di giri. La tensione al motore,
viene data dal gruppo di comando (generatore di corrente per saldatura).
dsa9d1ia
-- 131 --
IT
A 21 PRC ci sono nelle seguenti versioni:
PRC 17--49
PRC 33--90
PRC 60--170
Con AVC
0443 751 880
0443 761 880
0443 771 880
Con AVC e unità di pendolamento
0443 752 880
0443 762 880
0443 772 880
Kit di conversione per la conversione da A21 PRB a A21 PRC
PRB 17--49
PRB 33--90
PRB 60--170
Unità AVC
0443 936 880
0443 936 881
0443 936 882
Unità di pendolamento
0443 937 880
0443 937 880
0443 938 880
Osservare che normalmente non si può avere la funzione di pendolamento senza
l’unità AVC.
4
DATA TECNICI
Testa orbitale per saldatura di tubi
Corrente max di saldatura ad intermittenza
100% (A)
Diametro esterno tubo (mm)
Velocità di avanzamento circolare (r/min)
Peso escluso cavi, fascio flessibili, AVC-- e unità di
pendolamento (kg)
Diametro dell’elettrodo wolfram (mm)
Lunghezza del fascio flessibili (m)
Diametro filo di apporto (mm) Fe, SS
Unitá di avanzamento
Tensione dell’indotto massima (V DC)
Corrente dell’indotto massima (A DC)
Numero di giri dell’indotto a 20 volt (giri/min)
Rapporto di riduzione meccanica
Pendolamento
Motore
Tensione dell’indotto massima (V DC)
Corrente dell’indotto massima (A DC)
Velocità massima, movimento di pendolamento
(mm/s)
Velocità minima, movimento di pendolamento
(mm/s)
Area di regolazione (mm)
Amplitudine (mm)
Peso (kg)
AVC (Regolazione della tensione dell’arco)
Motore
Tensione dell’indotto massima (V DC)
Corrente dell’indotto massima (A DC)
Regolazione normale della velocità a 10 V (regolazione dell’arco mm/s)
Peso (kg)
dsa9d1ia
-- 132 --
PRB 17--49
PRB 33--90
PRB 60--170
250
250
250
17--49
33--90
60--170
0,12 -- 2,4
0,08 -- 1,6
0,05 -- 0,95
2,8
3,2
4,4
1,6 / 2,4
1,6 / 2,4
1,6 / 2,4
7
7
7
0,6 / 0,8 / 0.9
0,6 / 0,8 / 0.9
0,6 / 0,8 / 0.9
24
0,5
6950
246:1
24
0,5
6950
246:1
24
0,5
6950
246:1
24
0,2
12
2
20
6
1,8
24
0,2
12
2
20
6
1,8
24
0,2
12
2
20
6
2,2
12
0,2
2
12
0,2
2
12
0,2
2
0,5
0,5
0,5
IT
5
INSTALLAZIONE
La connessione a rete deve essere eseguita da personale adeguatamente addestrato.
ATTENZIONE!
Attenzione alle parti girevoli. Rischio di schiacciamento.
Generatore di corrente per saldatura LTP 450, vedere istruzioni per
l’uso 0456 634 xxx
Alimentatore filo MEI 21, vedere istruzioni per l’uso 0443 831 xxx.
S
S
5.1
Collegamenti
A
Cavo motore -- rotazione
B
Guidafilo
C
Flessibile acqua di raffreddamento uscita
D
Flessibile acqua di raffreddamento entrata
E
Cavo per saldatura
F
Flessibile gas
G
Cavo motore -- unità di pendolamento
H
Cavo di misurazione -- unità AVC
I
Cavo motore -- unità AVC
dsa9d1ia
-- 133 --
IT
5.2
Istruzioni di montaggio
Unità AVC
Unità di pendolamento
Unità di pendolamento (3), la pinza (1) può
essere montata anche all’incontrario, cioè
con la leva di bloccaggio (1c) verso il basso.
S
Smontaggio della pinza (1) e unità di
pendolamento (3) da l’unità du rotazione
(4).
Un’attrezzatura speciale (5), in corredo
alla consegna, deve essere applicata tra
le ganasce di bloccaggio (1b) e la
corona dentata prima (4b) del
bloccaggio. Questo per evitare che il
centro si sposti lateralmente bloccando
la testa orbitale (1) contro l’unità di
rotazione (4).
dsa9d1ia
-- 134 --
IT
6
USO
Le norme generali di sicurezza per utilizzare questo impianto sono descritte a
pagina 130, leggerle attentamente prima dell’uso dell’impianto.
Generatore di corrente per saldatura LTP 450, vedere manuale di
programmazione 0456 638 xxx
S
ATTENZIONE!
Per evitare danni alla attrezzatura di saldatura, controllare che il cavo di ritorno sia collegato al
pezzo in lavorazione e che l’elettrodo di tungsteno sia nella sua posizione di avvio prima dell’inizio
della saldatura.
6.1
Bloccaggio della testa orbitale prima della saldatura
S
Impostare il diametro del tubo con
la vite di regolazione (3) e tenere la
leva di bloccaggio (1) in posizione
chiusa.
S
Aprire le ganasce della testa
orbitale con la leva (1).
S
Avvitare ancora circa 1/4 di giro la vite
di regolazione (3) in modo di
ottenere un’idonea tensione.
OSSERVARE! Una tensione troppo tesa può danneggiare
la testa orbitale di saldatura spostando lateralmente il centro
e causando di conseguenza dei difetti di saldatura.
In saldatura con l’attrezzatura per delle dimensioni di tubi 8--17 mm (vedere
accessori a pagina NO TAG) la testa orbitale deve essere bloccata con l’unità di
trazione in posizione verticale, oppure come alternativa applicare un supporto o
un equilibratore sotto l’unità di trazione per evitare che la testa orbitale si avvolgi
attorno al tubo.
S
Richiudere la testa con la leva (1).
S
Svincolare la corona dentata con la leva (2).
S
Far ruotare la corona dentata (4) di circa 1,5 giri per avvolgere il fascio cavi di
collegamento.
dsa9d1ia
-- 135 --
IT
6.2
Regolazioni
Regolazione della posizione dell’elettrodo
wolfram sul giunto della saldatura
S
Regolare la distanza radiale
dell’elettrodo con l’unità AVC (3)
della tastiera di comando.
OSSERVARE! Quando nella testa orbitale si usa il
diametro massimo del tubo (49, 90, 170 mm) la
distanza tra la periferia del tubo e la campana del gas
non deve superare 7,5 mm.
Regolare la posizione radiale dell’elettrodo con la vite
di regolazione (1) oppure con l’unità di pendolamento (2)
della tastiera di comando
La pressione della molla sul braccio portaelettrodo è regolata in fabbrica. Per
eventuali ulteriori regolazioni mettersi in contatto con un rappresentante ESAB per
informazioni.
S
Alimentazione del filo d’apporto
S Vedere istruzioni per l’uso,
alimentatore filo MEI 21, 0443 831 xxx.
Regolazione del filo d’apporto
S
Regolare la posizione assiale
dell’ugello del filo d’apporto (1) con
una chiave per viti con esagono
incassato e per una regolazione fine
con la manopola (2).
6.3
Avvio di saldatura
S
Richiamare in saldatura l’attuale programma per la designata area (vedere il
manuale di programmazione).
S
Premere il pulsante di avvio (A) sull’unità di impostazione.
dsa9d1ia
-- 136 --
IT
6.4
Saldatura in spazi limitati.
PRC 17--49 con AVC
PRC 17--49 con AVC e unità di pendolamento
PRC 17--49
D
C--C min
S Completa.
D±49
70+D
S Senza la manopola per la regolazione fine (1) del filo
D±49
70+D/2
S Senza la manopola per la regolazione fine (1) del filo
D±34
34±D±49
56+ D/2
39+D
d’apporto.
S La campana della torcia (3) possono essere sostituite con
una variante più corta.
S
S
S
S
d’apporto.
Senza le piastre di estremità (2).
Con spazio per i cavi in senso assiale.
La campana della torcia (3) possono essere sostituite con
una variante più corta.
Con l’ugello del filo d’apporto 0443 880 880.
dsa9d1ia
-- 137 --
IT
PRC 33--90 con AVC
PRC 33--90 con AVC e unità di pendolamento
PRC 33--90
D
C--C min
D±68
68±D±90
94+D/2
60+D
S Senza la manopola per la regolazione fine (1) del filo
D±90
94+D/2
S Senza la manopola per la regolazione fine (1) del filo
D±90
82+D/2
S Completa.
d’apporto.
S La campana della torcia (3) possono essere sostituite con
una variante più corta.
d’apporto.
S Senza le piastre di estremità (2).
S Con spazio per i cavi in senso assiale.
S La campana della torcia (3) possono essere sostituite con
una variante più corta.
dsa9d1ia
-- 138 --
IT
PRC 60--170 con AVC
PRC 60--170 con AVC e unità di pendolamento
PRC 60 -- 170
S Completa.
dsa9d1ia
-- 139 --
D
C--C min
D±170
137+D/2
IT
7
MANUTENZIONE
NOTA!
Tutti gli impegni di garanzia assunti dal fornitore cessano di valere se il cliente
stesso, durante il periodo di garanzia, interviene nell’impianto per riparare eventuali
avarie.
7.1
Giornalmente
Controllare che i cavi e i flessibili non siano difettosi.
7.2
In caso di necessità
Pulire e lubrificare tutte le superfici di scorrimento con grasso lubrificante. numero di
articolo 0444 044 001 (BP Energrease LS EP 00).
Sostituzione del portaelettrodo completo
S
Aprire il carter di protezione (1).
S
Smontare i blocchi di collegamento (2) e (3) svitando le vite ad esagono
incassato.
S
Allentare la graffa (6).
S
Estrarre il vecchio portaelettrodo (5) attraverso il carter di protezione (1).
Restituirlo assieme alla graffa (6) al più vicino rappresentante ESAB per la
sostituzione secondo il nostro sistema di scambio.
S
Montare il nuovo portaelettrodo in ordine inverso
S
Controllare che gli anelli di tenuta O tra i blocchi di collegamento (2) e (3) siano
correttamente montati.
Riparazione del fascio cavo gas/corrente/acqua
ATTENZIONE! Questodeve essere effettuato da personale autorizzato della
ESAB.
S
Allentare le fascette di fissaggio (4) e (6) all’estremità della parte avariata e
sfilare il flessibile (7).
S
Dissaldare con l’aiuto di un saldatore a stagno i raccordi (11) dal
portaelettrodo (12) / blocco di fissaggio (2).
S
Tagliare la parte difettosa del flessibile, lasciando i conduttori di corrente alcuni
cm più lunghi.
dsa9d1ia
-- 140 --
IT
S
Fasciare del nastro adesivo (8) attorno ai conduttori di corrente (9) in modo da
contrassegnare la lunghezza del flessibile.
S
Sfilare i conduttori di corrente (9) per 60--70 mm dal flessibile e impedire che
questi ritornino indietro usando un ago di sicurezza oppure del filo metallico
(10).
S
Tagliare i conduttori di corrente (9) in modo che questi siano 15 mm più corti del
flessibile.
S
Bloccare schiacciando, con una pinza per cavi oppure con un altro attrezzo
idoneo, i nuovi raccordi (11).
S
Saldare a stagno i raccordi di corrente (11) contro il portaelettrodo (12) / blocco
di fissaggio (2).
S
Togliere l’ago di sicurezza/filo metallico (10).
S
Bagnare i raccordi di corrente (11) e ricoprirli con il flessibile (7).
S
Rimettere le fascette di fissaggio (4) e (6).
dsa9d1ia
-- 141 --
IT
7.3
Sostituzione dei pezzi usurati
S
Togliere la campana della torcia (1).
S
Togliere l’elettrodo di wolfram (5).
S
Togliere il manicotto di fissaggio (2).
S
Togliere la campana del gas (6).
S
Svitare l’ugello dell’elettrodo (4) dal diffusore del
gas (3) con l’aiuto di una chiave per viti con
esagono incassato.
S Montare in ordine contrario.
ATTENZIONE! Assicurarsi che la lente del gas (3) sia
montata con la parte liscia contro la rondella di tenuta (7).
7.4
Montaggio dell’elettrodo wolfram
Il montaggio dell’elettrodo wolfram sul portaelettrodo dopo l’affilatura avviene come
segue:
S
Togliere la campana gas della torcia (1).
S
Infilare l’elettrodo wolfram (5) attraverso l’ugello del portaelettrodo (4) e
manicotto di fissaggio (2).
S
Bloccare l’elettrodo wolfram con la campana gas della torcia (1).
7.5
Smontaggio della pinza dall’attrezzatura
Vedere “Unità di pendolamento” pagina 134.
8
ORDINAZIONE PEZZI DI RICAMBIO
A21 PRC 17--49 / 33--90 / 60--170 sono costruite e collaudate secondo le norme internazionali EN 60 292 (IEC 292).
Dopo l’effettuata assistenza oppure riparazione è di responsabilità dell’agenzia di servizio di accertarsi che il prodotto non si differenzi dalle
summenzionate vigenti norme.
Le parti di ricambio vengono ordinate dal più vicino rappresentante ESAB, vedere
sull’ultima pagina di questo manuale. All’ordinazione indicare tipo di macchina e numero di serie, descrizione e numero del ricambio secondo la lista delle parti di ricambio. Ciò semplifica l’espletamento dell’ordine e assicura forniture corrette.
dsa9d1ia
-- 142 --
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertising