Fujitsu ARXG07KLLAP Guida d'installazione

Aggiungi a I miei manuali
20 Pagine

annuncio pubblicitario

Fujitsu ARXG07KLLAP Guida d'installazione | Manualzz

CONDIZIONATORE D'ARIA

Tipo di condotto

MANUALE DI INSTALLAZIONE

Contenuto

1. PRECAUZIONI DI SICUREZZA ........................................................ 1

1.1. Precauzioni per l'uso del refrigerante R32 .................................. 2

2. SPECIFICHE DEL PRODOTTO ........................................................ 4

2.1. Strumenti di installazione ............................................................ 4

2.2. Accessori .................................................................................... 4

2.3. Requisiti relativi ai tubi ................................................................ 4

2.4. Requisiti elettrici ......................................................................... 4

2.5. Componenti opzionali ................................................................. 5

3.1. Selezione della posizione di installazione .................................. 5

3.2. Misure di installazione ................................................................ 5

3.3. Installazione dell'unità ................................................................. 5

3.4. Installazione dello scarico ........................................................... 7

3.5. Installazione dei tubi ................................................................... 9

3.6. Cablaggio elettrico .................................................................... 10

3.7. Impostazione del telecomando ................................................. 13

4. LAVORO D'INSTALLAZIONE OPZIONALE .................................... 13

4.1. Installazione kit opzionale ......................................................... 13

4.2. Input e output esterni ................................................................ 13

4.3. Sensore remoto (componenti opzionali) ................................... 14

4.4. Unità ricevitore IR (componenti opzionali) ................................ 14

4.5. Griglia alette automatica (componenti opzionali) ...................... 14

4.6. Altri componenti opzionali ......................................................... 14

4.7. Fissaggio cavi componenti opzionali ........................................ 15

5.1. Controllo del gruppo ................................................................. 15

5.2. Più telecomandi ........................................................................ 16

5.3. Impostazione interruttore DIP 101 ............................................ 16

5.4. Funzionamento multisistema simultaneo ................................. 17

6. IMPOSTAZIONE DELLE FUNZIONI ............................................... 17

6.1. Dettagli delle funzioni ............................................................... 17

7.1. Elementi di veri fi ca ................................................................... 19

7.2. Metodo operativo ...................................................................... 19

10. CODICI DI ERRORE ....................................................................... 19

NOTE:

Questo manuale descrive le modalità di installazione del condizionatore d'aria descritto sopra. Le operazioni di movimentazione e installazione devono essere eseguite esclusivamente dai professionisti indicati nel presente manuale.

1. PRECAUZIONI DI SICUREZZA

• Leggere attentamente il presente manuale prima di procedere all'installazione.

• Le avvertenze e precauzioni indicate nel presente manuale contengono importanti informazioni relative alla sicurezza. Rispettarle scrupolosamente.

• Consegnare il presente manuale al cliente, insieme al manuale di istruzioni. Chiedere al cliente di tenere i manuali a portata di mano per poterli consultare quando necessario, ad esempio in caso di spostamento o di riparazione dell'unità.

AVVERTENZA

Indica una situazione di potenziale o imminente pericolo che, se non evitata, potrebbe provocare infortuni gravi o mortali.

ATTENZIONE

Indica una situazione di potenziale pericolo che potrebbe provocare lesioni personali di lieve o modesta entità o danni materiali.

N. PARTE 9374342532

A uso esclusivo del personale tecnico autorizzato.

AVVERTENZA

• L'apparecchio deve essere installato, fatto funzionare e conservato in una stanza con una super fi cie del pavimento maggiore di X m².

Quantità di carica di refrigerante

M (kg)

Super

fi

cie minima della stanza

X (m

2

)

M ≤ 1,22

1,22 < M ≤ 1,23

1,23 < M ≤ 1,50

1,50 < M ≤ 1,75

1,75 < M ≤ 2,0

2,0 < M ≤ 2,5

2,5 < M ≤ 3,0

3,0 < M ≤ 3,5

-

1,45

2,15

2,92

3,82

5,96

8,59

11,68

3,5 < M ≤ 4,0 15,26

(IEC 60335-2-40)

• L'installazione di questo prodotto deve essere eseguita da tecnici esperti dell'assistenza o da installatori professionisti conformemente alle istruzioni fornite nel presente manuale. L'installazione inadeguata o eseguita da persone non professioniste potrebbe causare gravi incidenti quali infortuni, perdite d'acqua, scosse elettriche o incendi.

Un'installazione del prodotto non conforme alle istruzioni contenute nel presente manuale farà decadere la garanzia del fabbricante.

• Non accendere l'unità fi nché il lavoro d'installazione non è stato portato completamente a termine. L'accensione dell'unità prima che sia stata completata l'installazione può provocare gravi incidenti come scosse elettriche o incendi.

• In caso di perdita di refrigerante durante l'esecuzione del lavoro, aerare il locale.

L'eventuale contatto diretto del refrigerante fuoriuscito con fi amme provoca l'esalazione di gas tossici.

• L'installazione deve essere eseguita in conformità con regolamenti, norme o standard di cablaggio e delle apparecchiature di ciascun Paese, regione o luogo di installazione.

• Non utilizzare strumenti diversi da quelli consigliati dal produttore per accelerare la procedura di sbrinamento o la pulizia.

• Questo apparecchio non è destinato a essere utilizzato da persone (bambini inclusi) con ridotte capacità fi siche, sensoriali o mentali, o con esperienza e conoscenze insuf fi cienti, se non dietro sorveglianza e istruzioni di un soggetto responsabile della loro incolumità. Prendere i provvedimenti necessari af fi nché i bambini non giochino con l'apparecchio.

• Per evitare il rischio di soffocamento, tenere buste di plastica o pellicole sottili quali materiale d’imballaggio al di fuori della portata dei bambini.

• L’apparecchio deve essere tenuto in una stanza senza fonti continue di accensione

(es: fi amme libere, apparecchiature per gas e un termosifone elettrico).

• Non perforare o bruciare.

• Siate consapevoli del fatto che i refrigeranti possono non contenere odore.

ATTENZIONE

• Leggere attentamente tutte le informazioni riguardanti la sicurezza contenute nel presente manuale prima di installare o utilizzare il condizionatore d'aria.

• Installare il prodotto in conformità con le norme e i regolamenti locali in vigore nel luogo di installazione e con le istruzioni fornite dal produttore.

• Questo prodotto è parte di un insieme che costituisce un condizionatore d'aria. Il prodotto non deve essere installato da solo o con un componente non autorizzato dal fabbricante.

• Per questo prodotto utilizzare sempre una linea di alimentazione separata e protetta da un sistema salvavita operante su tutti i cavi, con una distanza tra i contatti di 3 mm.

• Per proteggere le persone, eseguire correttamente la messa a terra del prodotto e utilizzare il cavo di alimentazione insieme a un interruttore differenziale (ELCB, Earth

Leakage Circuit Breaker).

• Questo prodotto non è a prova di esplosione, quindi non dovrebbe essere installato in un’atmosfera esplosiva.

• Per evitare scosse elettriche, non toccare mai i componenti elettrici subito dopo l'interruzione dell'alimentazione. Dopo aver interrotto l'alimentazione, attendere sempre almeno 5 minuti prima di toccare i componenti elettrici.

• Questo prodotto non include componenti riparabili dall'utente. Per interventi di riparazione consultare sempre tecnici esperti in assistenza.

• In caso di spostamento o riposizionamento del condizionatore d'aria, consultare tecnici esperti dell'assistenza per scollegare e reinstallare il prodotto.

• Non toccare le alette di alluminio dello scambiatore di calore incorporato nell’unità interna o esterna per evitare lesioni personali quando si installa o si effettua la manutenzione dell’unità.

• Non collocare nessun altro prodotto elettrico od oggetto domestico sotto il condizionatore d'aria. Le gocce di condensa provenienti dall'unità potrebbe bagnarli e causare danni o problemi di funzionamento ai suddetti oggetti o prodotti.

• Fare attenzione a non graf fi are il condizionatore d'aria nel maneggiarlo.

It-1

1.1. Precauzioni per l'uso del refrigerante R32

Le procedure di installazione di base sono le stesse previste per i modelli con refrigerante convenzionale (R410A,R22).

Prestare comunque particolare attenzione ai punti seguenti:

Poiché la pressione di esercizio è 1,6 volte superiore a quella dei modelli R22 con refrigerante convenzionale, l'installazione e la manutenzione richiedono un certo numero di tubi e utensili speciali. (Fare riferimento a “2.1. Strumenti di installazione”.)

In particolare, quando si sostituisce un modello con refrigerante R22 con un nuovo refrigerante modello R32 sostituire sempre i tubi e i dadi svasati convenzionali con tubi

R32 e R410A e dadi svasati sull'unità esterna.

Per R32 e R410A, possono essere usati gli stessi dadi svasati e tubazioni sul lato dell'unità esterna.

I modelli che funzionano con refrigerante R32 e R410A presentano un diverso diametro dei fi letti dell'apertura di caricamento, per evitare caricamento errato di refrigerante convenzionale

R22, oltre che per ragioni di sicurezza. Eseguire pertanto un controllo preliminare. [Il diametro dei fi letti dell'apertura di caricamento del refrigerante R32 e R410A corrisponde a 1/2-20 UNF].

Prestare maggiore attenzione rispetto agli R22 al fi ne di evitare la penetrazione di corpi estranei (olio, acqua, ecc.) nei tubi. Quando si ripongono i tubi, inoltre, chiuderne bene le aperture stringendo, applicando nastro, ecc. (La gestione di R32 è simile a R410A)

ATTENZIONE

1-Installazione (Spazio)

• Che l'installazione del tubo di lavoro sia ridotta al minimo.

• Che il tubo di lavoro sia protetto da danni fi sici.

• L'apparecchio non deve essere installato in uno spazio non ventilato, se lo spazio è più piccolo di X m².

Quantità di carica di refrigerante

M (kg)

Super

fi

cie minima della stanza

X (m

2

)

M ≤ 1,22

1,22 < M ≤ 1,23

1,23 < M ≤ 1,50

1,50 < M ≤ 1,75

1,75 < M ≤ 2,0

2,0 < M ≤ 2,5

2,5 < M ≤ 3,0

3,0 < M ≤ 3,5

3,5 < M ≤ 4,0

-

1,45

2,15

2,92

3,82

5,96

8,59

11,68

15,26

(IEC 60335-2-40)

• Deve essere osservata la conformità alle normative nazionali sul gas.

• I collegamenti meccanici devono essere accessibili per la manutenzione.

• Nei casi che richiedono la ventilazione meccanica, le aperture di ventilazione devono essere mantenute sgombre da ostacoli.

• Per lo smaltimento del prodotto basarsi su normative nazionali, opportunamente elaborate.

2-Manutenzione

2-1 Personale di servizio

• Qualsiasi persona che lavora su un circuito refrigerante deve possedere una certi fi cazione valida da parte di un servizio di valutazione accreditato del settore, che autorizza la competenza per gestire in modo sicuro i refrigeranti secondo un settore riconosciuto di speci fi ca valutazione.

• La manutenzione deve essere eseguita solo come raccomandato dal produttore dell'apparecchiatura. Manutenzione e riparazione che richiedono l'assistenza di altro personale quali fi cato devono essere effettuate sotto la supervisione della persona competente nell'uso di refrigeranti in fi ammabili.

• La manutenzione deve essere eseguita solo come raccomandato dal produttore.

2-2 Lavoro

• Prima di iniziare il lavoro a sistemi contenenti refrigeranti in fi ammabili sono necessari controlli di sicurezza per garantire che il rischio di accensione sia minimizzato. Per la riparazione al sistema di refrigerazione, le precauzioni da 2-2 a 2-8 devono essere rispettate prima di eseguire lavori sul sistema.

• Il lavoro è effettuato secondo una procedura controllata in modo da minimizzare il rischio di un gas in fi ammabile o vapore presente durante l'esecuzione del lavoro.

• Tutto il personale di manutenzione e altri che lavorano nel locale devono essere istruiti sulla natura del lavoro svolto.

• I lavori in spazi con fi nati devono essere evitati.

• La zona intorno l'area di lavoro deve essere sezionata.

• Assicurarsi che le condizioni all'interno della zona siano state messe in sicurezza per il controllo di materiale in fi ammabile.

2-3 Controllo della presenza di refrigerante

• L'area deve essere controllata con un rilevatore di refrigerante appropriato prima e durante il lavoro, per garantire che il tecnico è consapevole di atmosfere potenzialmente in fi ammabili.

• Assicurarsi che i rilevatori di perdite utilizzati siano adatti per l'uso con refrigeranti in fi ammabili, cioè non producano scintille, siano adeguatamente sigillati o intrinsecamente sicuri.

2-4 Presenza di estintore

• Se deve essere eseguito un lavoro a caldo sulle apparecchiature di refrigerazione o parti associate, devono essere disponibili a portata di mano estintori appropriati.

• Procurarsi estintori a polvere secca o CO

2

adiacenti alla zona di ricarica.

ATTENZIONE

2-5 Nessuna fonte di accensione

• Nessuna persona operante in relazione a un sistema di refrigerazione che riguarda esposizione di tubature che contengono o hanno contenuto refrigerante in fi ammabile dovrà usare fonti di accensione in modo tale da comportare rischio di incendio o esplosione.

• Tutte le possibili fonti di accensione, tra cui il fumo di sigaretta, devono essere tenute suf fi cientemente lontano dal sito di installazione, riparazione, rimozione e smaltimento, durante il quale il refrigerante in fi ammabile può eventualmente essere rilasciato nello spazio circostante.

• Prima di iniziare il lavoro, la zona intorno alla apparecchiatura deve essere ispezionata per assicurarsi che non vi siano pericoli di fi amme o rischi di accensione.

Devono essere visualizzati segnali “Vietato Fumare”.

2-6 area ventilata

• Assicurarsi che la zona sia aperta o che sia adeguatamente ventilata prima di inserirsi nel sistema o svolgere qualsiasi lavoro a caldo.

• Un grado di ventilazione deve continuare durante il periodo in cui il lavoro viene svolto.

• La ventilazione deve disperdere in sicurezza il refrigerante rilasciato e preferibilmente espellerlo all'esterno nell'atmosfera.

2-7 controlli per impianti di refrigerazione

• Dove i componenti elettrici vengono modi fi cati, questi devono essere idonei allo scopo e per le speci fi che corrette.

• Devono essere sempre seguite le linee guida di manutenzione e assistenza del produttore.

• In caso di dubbio consultare il reparto tecnico del produttore assistenza.

• I seguenti controlli devono essere applicati ad impianti che utilizzano refrigeranti in fi ammabili.

- La dimensione della carica è in conformità con la dimensione della camera all'interno della quale sono installate le parti contenenti refrigerante.

- La macchina e le prese di ventilazione devono funzionare in modo adeguato e non essere ostruite.

- Se viene utilizzato un circuito di refrigerazione indiretta, il circuito secondario deve essere controllato per la presenza di refrigerante.

- La marcatura all'apparecchiatura vede continuare ad essere visibile e leggibile.

Marcature e segni illeggibili devono essere corretti.

- Tubi di refrigerazione o componenti devono essere installati in una posizione in cui è improbabile che possano essere esposti a sostanze che possono corrodere i componenti contenenti refrigerante, a meno che i componenti siano costruiti di materiali intrinsecamente resistenti ad essere corrosi o opportunamente protetti contro quel tipo di corrosione.

2-8 controlli per dispositivi elettrici

• Riparazione e manutenzione di componenti elettrici comprendono controlli di sicurezza iniziali e procedure di ispezione dei componenti.

• In caso di guasto che possa compromettere la sicurezza, nessuna alimentazione elettrica deve essere collegata al circuito fi no a quando questo non è soddisfacentemente gestito.

• Se l'errore non può essere corretto immediatamente, ma è necessario continuare il funzionamento, deve essere utilizzata una soluzione temporanea adeguata.

• Questo deve essere segnalato al proprietario del dispositivo in modo da avvisare tutte le parti.

• I controlli di sicurezza iniziali comprendono.

- Condensatori non carichi:questo deve essere fatto in un modo sicuro per evitare possibilità di scintille.

- Nessun componente elettrico sotto tensione e cablaggio esposto durante la carica, il recupero o lo spurgo del sistema.

- La presenza di continuità del collegamento a terra.

3-riparazione dei componenti sigillati

• Durante le riparazioni ai componenti sigillati, tutte le forniture elettriche vanno staccate dalle apparecchiature in funzione prima di qualsiasi rimozione dei coperchi a tenuta, etc.

• Se è assolutamente necessario avere una alimentazione elettrica alle apparecchiature durante la manutenzione, una forma che opera in modo permanente per il rilevamento delle perdite deve essere situata nel punto più critico per avvertire di una situazione potenzialmente pericolosa.

• Particolare attenzione deve essere posta a quanto segue per garantire che, lavorando su componenti elettrici, l'involucro non sia alterato in modo tale da interessare il livello di protezione.

• Questo include danni ai cavi, numero eccessivo di connessioni, terminali non originali, danni alle guarnizioni, montaggio errato dei passacavo, ecc.

• Accertarsi che gli apparecchi siano montati saldamente.

• Accertarsi che le guarnizioni o materiali di tenuta non siano degradati in modo da non servire più allo scopo di impedire l'ingresso di atmosfere in fi ammabili.

• Le parti di ricambio devono essere conformi alle speci fi che del costruttore.

NOTE: L'uso di sigillante siliconico può inibire l'ef fi cacia di alcuni tipi di apparecchiature di rilevamento di perdite.

I componenti a sicurezza intrinseca non devono essere isolati prima di lavorare su di essi.

4-Riparazione ai componenti a sicurezza intrinseca

• Non applicare carichi induttivi o capacitivi permanenti al circuito senza garantire che questo non superi la tensione ammissibile e la tensione consentita per le apparecchiature in uso.

• I componenti a sicurezza intrinseca sono gli unici tipi su cui si può lavorare sotto tensione in presenza di atmosfera in fi ammabile.

• L'apparecchiatura di prova deve essere di portata nominale adeguata.

• Sostituire i componenti solo con parti speci fi cate dal produttore.

• Altre parti possono provocare l'accensione di refrigerante nell'atmosfera a causa di una perdita.

It-2

ATTENZIONE

5 Cablaggio

• Controllare che il cablaggio non sia soggetto ad usura, corrosione, pressione eccessiva, vibrazioni, spigoli vivi o altri effetti negativi sull'ambiente.

• Il controllo deve inoltre tener conto degli effetti dell'invecchiamento o vibrazioni continue da fonti quali compressori o ventilatori.

6-Rilevamento di refrigeranti in fi ammabili

• In nessun caso le potenziali fonti di accensione devono essere utilizzate nella ricerca o rilevazione di perdite di refrigerante.

• Non devono essere utilizzati torce alogenure (o qualsiasi altro rivelatore con fi amma libera).

7- metodi di rilevamento perdite

• I rilevatori di perdite elettronici sono utilizzati per rilevare i refrigeranti in fi ammabili, ma la sensibilità non può essere suf fi ciente, o potrebbe essere necessaria una ri-calibratura. (Le apparecchiature di rilevamento devono essere tarate in una zona libera da refrigerante.)

• Assicurarsi che il rivelatore non sia una fonte potenziale di accensione e sia adatto al refrigerante utilizzato.

• Le apparecchiature di rilevamento di perdite sono fi ssate a una percentuale del LFL del refrigerante e sono tarate per il refrigerante impiegato e la percentuale appropriata di gas (25% massimo) è confermata.

• I fl uidi di rilevamento perdite sono adatti per l'uso con la maggior parte dei refrigeranti ma l'uso di detergenti contenenti cloro va evitato perché il cloro può reagire con il refrigerante e corrodere le tubature in rame.

• Se si sospetta una perdita, tutte le fi amme libere devono essere rimosse/spente.

• Se viene rilevata una perdita di refrigerante che richiede brasatura, tutto il refrigerante viene recuperato dal sistema, o isolato (tramite valvole di intercettazione) in una parte del sistema lontano dalla perdita.

Azoto libero da ossigeno (OFN) viene quindi spurgato attraverso il sistema sia prima che durante il processo di brasatura.

8-Rimozione ed evacuazione

• Quando si entra nel circuito frigorifero per riparazioni - o per qualsiasi altro scopo-saranno usate le procedure convenzionali.

Tuttavia, è importante seguire le migliori prassi dato che l'in fi ammabilità è da tenere in conto.

Deve essere rispettata la procedura seguente:

• rimuovere il refrigerante

• spurgare il circuito con gas inerte

• evacuare

• spurgare di nuovo con gas inerte

• aprire il circuito tagliando o brasando

• La carica di refrigerante deve essere recuperata nei cilindri di recupero corretti.

• Il sistema deve essere "lavato" con OFN per rendere l'unità sicura.

• Può essere necessario ripetere più volte questo processo.

• L'aria compressa o ossigeno non devono essere utilizzati per questo scopo

• Il lavaggio deve essere eseguito rompendo il vuoto nel sistema con OFN e continuando a riempire fi nché la pressione di esercizio viene raggiunta, quindi ventilare l'atmosfera, e in fi ne tirando verso un vuoto.

• Questo processo deve essere ripetuto fi no a quando all'interno del sistema non vi è più refrigerante.

• Quando si utilizza la carica OFN fi nale, il sistema deve essere s fi atato fi no alla pressione atmosferica per consentire di eseguire il lavoro.

• Questa operazione è assolutamente vitale se operazioni di brasatura sulle tubazioni devono avere luogo.

• Assicurarsi che la presa per la pompa del vuoto non sia vicino a fonti di accensione e sia disponibile ventilazione.

9-Procedure di ricarica

• Oltre alle procedure di ricarica convenzionali, devono essere seguiti i seguenti requisiti.

- Garantire quando si utilizzano apparecchiature di ricarica non vi sia contaminazione di diversi refrigeranti.

Tubi o linee devono essere il più corti possibile per ridurre al minimo la quantità di refrigerante contenuto in essi.

- I cilindri devono essere mantenuti in posizione verticale

- Assicurarsi che il sistema di refrigerazione sia collegato a terra prima di caricare il sistema con il refrigerante.

- Etichettare il sistema quando la carica è completa (se non già fatto).

- Estrema cura deve essere usata per non riempire eccessivamente il sistema di refrigerazione.

• Prima di ricaricare il sistema la pressione deve essere testata con OFN.

• Estrema cura deve essere usata per non riempire eccessivamente il sistema di refrigerazione.

• Un follow-up di prova di tenuta deve essere eseguito prima di lasciare il sito.

ATTENZIONE

10-Decommissionamento

• Prima di eseguire questa procedura, è essenziale che il tecnico abbia completa familiarità con l'attrezzatura e tutti i suoi dettagli.

• Si raccomanda come buona pratica che tutti i refrigeranti vengano recuperati in modo sicuro.

• Prima del compito in corso, un campione di olio e refrigerante viene sottoposto ad analisi del caso prima del riutilizzo del refrigerante recuperato.

• È essenziale che l'alimentazione elettrica sia disponibile prima di iniziare l'attività a) Acquisire familiarità con l'apparecchiatura e il suo funzionamento.

b) Isolare il sistema elettricamente.

c) Prima di eseguire la procedura accertarsi che:

• attrezzature meccaniche di movimentazione siano disponibili, se necessario, per la movimentazione di cilindri refrigeranti;

• tutti i dispositivi di protezione individuale siano disponibili e vengano utilizzati correttamente;

• il processo di recupero sia curato in ogni momento da una persona competente;

• impianti di recupero e cilindri siano conformi agli standard appropriati.

d) Svuotare il sistema refrigerante, se possibile.

e) Se un vuoto non è possibile, fare un collettore in modo che il refrigerante possa essere rimosso da varie parti del sistema.

f) Assicurarsi che il cilindro si trovi sulla graduazione prima del recupero.

g) Avviare la macchina di recupero e operare secondo le istruzioni del produttore.

h) Non riempire eccessivamente i cilindri. (Non caricare un volume di liquido superiore all' 80%).

i) Non superare la pressione massima di esercizio del cilindro, anche solo temporaneamente.

j) Quando i cilindri sono stati riempiti correttamente e il processo completato, fare in modo che i cilindri e le attrezzature vengano rimossi dal sito prontamente e tutte le valvole di isolamento sulle attrezzature siano chiuse.

k) il refrigerante recuperato non deve essere caricato in un altro sistema di refrigerazione a meno che non sia stato pulito e controllato.

11-Etichettatura

• Le attrezzature devono essere etichettate speci fi cando che il refrigerante è stato de-commissionato e svuotato.

• L'etichetta deve essere datata e fi rmata.

• Assicurarsi che ci siano etichette sulle attrezzature indicanti che l'apparecchiatura contiene refrigerante in fi ammabile.

12-Recupero

• Quando si rimuove il refrigerante da un sistema, per manutenzione o per disattivazione, si raccomanda come buona pratica che tutti i refrigeranti vengano rimossi in tutta sicurezza.

• Durante il trasferimento del refrigerante in cilindri, garantire che siano impiegati solo adeguati cilindri di recupero del refrigerante.

• Assicurarsi che sia disponibile il numero corretto di cilindri per la tenuta della carica totale del sistema.

• Tutti i cilindri da utilizzare sono indicati per il refrigerante recuperato ed etichettati per questo refrigerante (ad esempio cilindri speciali per il recupero di refrigerante).

• Le bombole devono essere complete di valvola limitatrice di pressione e valvole di intercettazione associate in buone condizioni.

• I cilindri di recupero vuoti sono evacuati e, se possibile, raffreddati prima che si veri fi chi il recupero.

• L'apparecchiatura di recupero deve essere in buone condizioni di lavoro con una serie di istruzioni relative alle attrezzature a portata di mano e adatte al recupero dei refrigeranti in fi ammabili.

• Inoltre, una serie di bilance tarate deve essere disponibile e in buone condizioni.

• Tubi fl essibili devono essere completi di innesti senza perdite e in buone condizioni.

• Prima di utilizzare la macchina di recupero, veri fi care che sia in condizioni di funzionamento soddisfacente, adeguatamente mantenuta e che eventuali componenti elettrici associati siano sigillati per evitare l'accensione in caso di un rilascio di refrigerante.

Consultare il produttore in caso di dubbio.

• Il refrigerante recuperato dovrà essere restituito al fornitore del refrigerante nel cilindro di recupero corretto, e il relativo trasferimento dei ri fi uti organizzato.

• Non mescolare refrigeranti in unità di recupero e soprattutto non in bombole.

• Se compressori o oli per compressori devono essere rimossi, in modo che essi siano evacuati ad un livello accettabile per accertarsi che il refrigerante in fi ammabile non rimanga all'interno del lubri fi cante.

• Il processo di evacuazione deve essere effettuato prima di re inviare il compressore ai fornitori.

• Solo il riscaldamento elettrico al corpo compressore deve essere impiegato per accelerare questo processo.

• Quando l'olio viene scaricato da un sistema, questo deve essere eseguito in modo sicuro.

Spiegazione dei simboli visualizzati sull'unità interna o unità esterna.

AVVERTENZA

ATTENZIONE

Questo simbolo indica che questo apparecchio utilizza un refrigerante in fi ammabile.

Se il refrigerante perde e sottoposto ad una fonte di accensione esterno, vi è il rischio di incendio.

Questo simbolo indica che il manuale di istruzioni deve essere letto con attenzione.

ATTENZIONE

ATTENZIONE

Questo simbolo indica che la manipolazione di questo apparecchio deve essere eseguita da personale di manutenzione con riferimento al manuale di installazione.

Questo simbolo indica che le informazioni sono disponibili, come il manuale di installazione o operativo.

It-3

2. SPECIFICHE DEL PRODOTTO

2.1. Strumenti di installazione

Nome dell'attrezzo

Raccordo del manometro

Tubo fl essibile di carica

Pompa per il vuoto

Rivelatore di fughe di gas

Cambiare da R22 a R32 (R410A)

La pressione è elevata e non può essere misurata con un manometro R22. Onde evitare l'uso erroneo di altri refrigeranti, è stato modi fi cato il diametro di ciascuna apertura.

Si consiglia di utilizzare un manometro con guarnizioni da

-0,1 a 5,3 MPa (da -1 a 53 bar) per l'alta pressione.

Da -0,1 a 3,8 MPa (da -1 a 38 bar) per bassa pressione.

Per aumentare la resistenza alla pressione, si è proceduto alla modi fi ca del materiale del tubo fl essibile e delle dimensioni base. (R32 / R410A)

È possibile utilizzare una normale pompa per il vuoto installando un apposito adattatore.

(non è consentito utilizzare una pompa per il vuoto con un motore di serie).

Rilevatore di fughe di gas speciale per il refrigerante HFC

R410A o R32.

Tubi di rame

È necessario utilizzare tubi in rame senza saldature ed è auspicabile che la quantità di olio residuo sia inferiore a 40 mg/10 m. Non utilizzare tubi in rame con parti schiacciate, deformate o scolorite (in particolare sulla super fi cie interna). La valvola di espansione o il tubo capillare possono altrimenti rimanere ostruiti da impurità.

Come condizionatore che usa R32 (R410A) incorre pressione maggiore di quella che usa

R22, è necessario scegliere materiali adeguati.

AVVERTENZA

• Non utilizzare i dadi svasati e i tubi esistenti (per R22).

Se si usano materiali esistenti, la pressione all'interno del ciclo frigorifero aumenterà e causerà guasti, lesioni, ecc (utilizzare i materiali speciali R32 / R410A.)

• Utilizzare solo (ricarica o sostituire con) refrigerante speci fi cato (R32). L'utilizzo di refrigerante diverso da quello indicato può causare malfunzionamento del prodotto, esplosioni o infortuni.

• Non mescolare gas o impurità tranne il refrigerante speci fi cato (R32). L'ingresso di aria o l'utilizzo di materiale non speci fi cato rende troppo elevata la pressione interna del ciclo del refrigerante e potrebbe causare malfunzionamento, rottura delle tubazioni o infortuni.

• Per l’installazione, è assolutamente necessario utilizzare i pezzi forniti dal fabbricante o gli altri pezzi prescritti. L’uso di pezzi non speci fi camente prescritti può provocare gravi incidenti come la caduta dell’unità, perdite d’acqua, scosse elettriche o incendi.

• Non accendere l’unità fi nché il lavoro d’installazione non è stato portato completamente a termine.

ATTENZIONE

Questo manuale descrive soltanto le modalità di installazione dell'unità interna. Per installare l’unità esterna o la scatola di derivazione, (se disponibile), fare riferimento al manuale di installazione incluso con ciascun prodotto.

2.2. Accessori

AVVERTENZA

• Per l’installazione, è assolutamente necessario utilizzare i pezzi forniti dal fabbricante o gli altri pezzi prescritti. L'uso di pezzi non speci fi camente prescritti può provocare gravi incidenti come la caduta dell'unità, perdite d'acqua, scosse elettriche o incendi.

• Conservare il Manuale di installazione in un luogo sicuro e non gettare via nessun accessorio prima di aver portato a termine il lavoro d'installazione.

Per l'installazione, sono forniti i pezzi seguenti. Utilizzarli come prescritto.

Nome e forma

Manuale di istruzioni

Quantità Nome e forma

Fascetta (grande)

1

Quantità

4

Manuale di istruzioni

(CD-ROM)

Fascetta serracavi (media)

1 3

Manuale di installazione

(il presente manuale)

Filtro (grande)

[Modello 18]

1

2

Mascherina di installazione Filtro (piccolo)

[Modello 07,09,12,14]

1

2

Isolamento termico accoppiatore (grande)

Isolamento termico accoppiatore (piccolo)

Isolamento

(per cablaggio elettrico)

1

1

2

Fascetta del tubo fl essibile

Isolamento del tubo fl essibile di drenaggio B

1

1

I componenti seguenti sono necessari per installare questo condizionatore d'aria. (i componenti non sono inclusi con il condizionatore d'aria e devono essere acquistati separatamente).

Materiali aggiuntivi

Corpo tubo di collegamento

Cavo di collegamento (a 4 conduttori)

Coprimuro

Collare

Tubazione murale

Nastro decorativo

Nastro in vinile

Tubo fl essibile di drenaggio

Viti auto fi lettanti

Stucco

2.3. Requisiti relativi ai tubi

Modello

07, 09, 12,14

18

Dimensioni del tubo del gas

(spessore) [mm]

Ø 9,52 (0,80)

Ø 12,70 (0,80)

Dimensioni del tubo del liquido

(spessore) [mm]

Ø 6,35 (0,80)

Ø 6,35 (0,80)

ATTENZIONE

Fare riferimento al manuale di installazione per il gruppo esterno riguardo la lunghezza ammissibile del tubo e la differenza di altezza.

• Utilizzare tubi con isolamento termico impermeabile.

ATTENZIONE

• Installare l’isolamento termico sia intorno al tubo del gas che a quello del liquido.

Il mancato isolamento termico o un lavoro di isolamento termico errato potrebbe provocare perdite d'acqua.

• Per il modello a ciclo inverso, utilizzare un isolamento termico che resista a temperature superiori a 120 °C.

• Se il livello di umidità previsto nel luogo d'installazione della tubazione del refrigerante supera il

70%, installare l'isolamento termico anche attorno ai tubi del refrigerante.

Se il livello di umidità previsto è compreso tra il 70 e l’80%, utilizzare un isolamento termico con uno spessore minimo pari a 15 mm.

Se il livello di umidità previsto è superiore all’80%, utilizzare un isolamento termico con uno spessore minimo pari a 20 mm.

• L’utilizzo di un isolamento termico con spessore inferiore a quello sopraspeci fi cato potrebbe formare condensa sulla super fi cie dell’isolamento.

• Utilizzare un isolamento termico con conduttività termica pari al massimo a 0,045 W/

(m•K), a 20 °C.

2.4. Requisiti elettrici

L'unità interna è alimentata dall'unità esterna. Non accendere l'unità interna da una fonte di alimentazione separata.

AVVERTENZA

Lo standard del cablaggio e delle attrezzature elettriche è diverso in ciascun Paese o regione. Prima di iniziare il lavoro elettrico, veri fi care i relativi regolamenti, norme o standard.

Cavo Dimensioni dei conduttore [

mm

2

]

Tipo Note

Cavo di collegamento

1,5 (Min) Tipo 60245 IEC 57

3 cavi + messa a terra,

1 Ø 230 V

Lungh. massima cavi: Limite di tensione inferiore al 2%. Aumentare la sezione del cavo se il calo di tensione è pari o superiore al 2%.

Rondella Tubo fl essibile di drenaggio

8

1

It-4

2.5. Componenti opzionali

Fare riferimento a ciascun manuale di installazione per istruzioni sull’installazione dei componenti opzionali.

Denominazione dei componenti

Telecomando a fi lo

Telecomando semplice

Unità ricevitore IR

Sensore remoto

Kit griglia alette automatica

Kit di collegamento esterno

Interfaccia W-LAN

Modello n.

Applicazione

UTY-RNR  Z 

Per il funzionamento del condiziona-

UTY-RLR  tore d'aria (tipo a 2 fi li)

UTY-RVN  M

Per il funzionamento del condiziona-

UTY-RNN  M tore d'aria (tipo a 3 fi li)

UTY-RSR 

UTY-RHR 

Per il funzionamento del condizionatore d'aria (tipo a 2 fi li)

UTY-RSN  M

Per il funzionamento del condizionatore d'aria (tipo a 3 fi li)

UTY-LBT  M Per il telecomando senza fi li

UTY-XSZX Sensore temperatura ambiente

UTD-GXTA-W

UTD-GXTB-W

Griglia di uscita aria con aletta automatica (Modelli 07, 09,12,14)

Griglia uscita aria con aletta automatica (Modello 18)

Terminale PCB Per porta di controllo input

UTY-XWZXZG Per porta di controllo output

UTY-TFSXZ1 Per controllo LAN wireless

3.2. Misure di installazione

Predisporre un accesso di servizio da utilizzare per le ispezioni.

Non porre cavi o luci in tale spazio, in quanto ostacolerebbero gli interventi di manutenzione.

Sof

fi

tto resistente e di lunga durata

Unità interna

Lato sinistro

Lato destro

150 mm o più

20 mm o più

400 mm o più

300 mm o più

20 mm o più

3. LAVORO D'INSTALLAZIONE

AVVERTENZA

Non spostare l'apparecchio tenendo le tubazioni dell'unità interna.

(La tensione applicata ai giunti di tubo può causare fuoriuscita di gas in fi ammabile fuoriuscita durante il funzionamento.)

Accesso di servizio Sof

fi

tto

Pavimento

Regolare la direzione del vento nella stanza a seconda della forma dell'apertura di sfogo.

Accesso di servizio

3.1. Selezione della posizione di installazione

Il luogo d'installazione riveste particolare importanza per il condizionatore d'aria di tipo split, in quanto è molto dif fi cile spostarlo dopo la prima installazione.

AVVERTENZA

Scegliere luoghi d'installazione che possano sostenere adeguatamente il peso dell'unità interna.

Installare le unità in maniera che siano stabili e non rischino di ribaltarsi o cadere.

ATTENZIONE

• Non installare l'unità nei luoghi seguenti:

- Luoghi in cui vi è una forte presenza di sale, come le zone balneari. Il sale deteriora i componenti metallici provocandone la caduta o causando perdite d'acqua dall'unità.

- Luoghi in cui siano presenti oli minerali o possano esservi schizzi d'olio o vapore in grande quantità, come le cucine. L'olio o il vapore deteriorano i pezzi in plastica provocandone la caduta o causando perdite d'acqua dall'unità.

- Luoghi in prossimità di fonti di calore.

- Luoghi con produzione di sostanze che danneggiano l'attrezzatura, come gas solforico, cloro, acido o alcali. Queste sostanze provocano la corrosione dei tubi in rame e dei raccordi saldati, che può a sua volta provocare perdite di liquido refrigerante.

- Luoghi in cui possano veri fi carsi perdite di gas combustibile o nella cui aria si trovino fi bre di carbone, polveri in fi ammabili o sostanze volatili in fi ammabili come diluenti o benzina.

- In caso di perdita di gas e di accumulo del gas in prossimità dell'unità, può veri fi carsi un incendio.

- Luoghi in cui animali possano urinare sull'unità o possa essere generata ammoniaca.

• Non utilizzare l'unità a fi ni particolari quali la conservazione di alimenti, l'allevamento di animali, la coltura di piante o la conservazione di strumenti di precisione o di oggetti d'arte. Si rischia di rovinare gli oggetti conservati.

• Installare l'unità in un luogo in cui il drenaggio non provochi danni.

• Installare l'unità interna, l'unità esterna, il cavo di alimentazione, il cavo di trasmissione e il cavo del telecomando ad almeno 1 m di distanza da televisori o radio. La suddetta precauzione ha lo scopo di impedire che si producano interferenze nella ricezione televisiva o rumori radioelettrici.

(Anche in caso di installazione a più di 1 metro di distanza, in determinate condizioni possono comunque veri fi carsi disturbi).

• Se vi è il rischio che bambini di età inferiore ai 10 anni si avvicinino all'unità, adottare precauzioni intese ad evitarlo.

• Stabilire la posizione di montaggio insieme al cliente tenendo presente quanto segue:

(1) Installare l'unità interna su un supporto suf fi cientemente resistente per reggerne il peso.

(2) Le bocche di ingresso e di uscita non devono essere ostruite; l'aria deve poter circolare in tutto il locale.

(3) Lasciare lo spazio necessario per eseguire la manutenzione del condizionatore d'aria.

(4) L'aria deve poter essere distribuita in modo uniforme dall'unità nell'intero locale.

(5) Installare l'unità in una posizione in cui il collegamento all'unità esterna risulti facile.

(6) Installare l'unità in un luogo in cui non vi siano dif fi coltà per installare il tubo di collegamento.

(7) Installare l'unità in un luogo in cui non vi siano dif fi coltà per installare il tubo di scarico.

(8) Installare l'unità in un luogo in cui il rumore e le vibrazioni non vengano ampli fi cati.

(9) Tenere conto delle esigenze di manutenzione, riparazione, ecc. e lasciare gli appositi spazi. Installare inoltre l'unità in modo che si possa rimuovere il fi ltro.

Unità

Scatola di comando

400 mm o più

Spazio di servizio

3.3. Installazione dell'unità

AVVERTENZA

• Installare il condizionatore d'aria su un supporto che possa sostenere un carico pari ad almeno 5 volte il peso dell'unità principale e in un luogo che non ne ampli fi chi il rumore o le vibrazioni. Se il supporto non è suf fi cientemente resistente, l'unità interna può cadere e provocare lesioni fi siche.

• Se il lavoro viene effettuato unicamente con il telaio del pannello, vi è il rischio che l'unità non venga fi ssata saldamente. Procedere con attenzione.

3.3.1. Esempio di installazione dell'unità

Collegare il condotto acquistato in loco:

(1) Lato aspirazione

• Collegare il condotto alla fl angia di aspirazione acquistata in loco.

• Collegare la fl angia al corpo con le viti fi lettate acquistate in loco.

• Avvolgere la fl angia di aspirazione collegandola al condotto con il nastro in alluminio, ecc. per evitare la scarica in aria.

ATTENZIONE

Quando il condotto è collegato al lato di aspirazione, rimuovere il fi ltro contenuto e fi ssare saldamente il fi ltro acquistato in loco all'apertura di aspirazione.

(2) Lato uscita

• Collegare il condotto regolando la parte interna della fl angia di uscita.

• Avvolgere la fl angia di uscita collegandola al condotto con il nastro in alluminio, ecc. per evitare la scarica in aria.

• Isolare il condotto per evitare la formazione di condensa.

It-5

ATTENZIONE

• Veri fi care che il condotto non superi l'intervallo di pressione statica esterna dell'attrezzatura.

• Assicurarsi di isolare i condotti per evitare la formazione di condensa.

• Assicurarsi di isolare i raccordi tra i condotti e le pareti nel caso in cui vengano utilizzati condotti in metallo.

• Illustrare i metodi di manutenzione e lavaggio dei materiali acquistati in loco al cliente.

• Per impedire che qualcuno tocchi le parti interne dell'unità, non dimenticare di installare le griglie alle bocche di ingresso e di uscita. Le griglie devono essere tali da non poter essere rimosse se non con l'uso di attrezzi.

• Quando si effettua il collegamento del condotto alla bocca di uscita dell'unità interna, assicurarsi di isolare la bocca di uscita e le viti di installazione per evitare fuoriuscite di acqua vicino alla bocca.

• Impostare la pressione statica esterna all'unità su 90 Pa o inferiore (l'intervallo consentito è compreso tra 0 e 90 Pa.)

Sostituire la copertura come illustrato di seguito:

• Rimuovere le viti, quindi rimuovere la copertura e la protezione del ventilatore.

• Installare la copertura con le viti come illustrato nell'immagine qui di seguito.

Modello

07, 09, 12, 14

18

Vite

9

11

Vite

Copertura

Protezione ventilatore

Lato uscita

Lato aspirazione

A

B

Modelli 07, 09, 12,14

650 mm

P200×2=400 mm

Modello 18

850 mm

P200×3=600 mm

ATTENZIONE

• Installare la griglia la griglia di ingresso e uscita aria per garantire la circolazione dell'aria. Non è possibile rilevare la temperatura corretta.

• Le griglie devono essere fi ssate in modo da impedire il contatto delle persone con il ventilatore dell'unità interna e con lo scambiatore di calore e da non poter essere rimosse manualmente senza l'uso di attrezzi.

• Accertarsi di installare il fi ltro dell'aria nel punto di ingresso aria.

In caso contrario, lo scambiatore di calore può ostruirsi, con conseguente riduzione delle sue prestazioni.

3.3.2. Installazione dei

fi

ltri

• Installare i fi ltri sull'unità.

Ingresso laterale - Uscita laterale

Materiale isolante (da acquistare in loco)

Nastro in alluminio

Flangia (da acquistare in loco)

Aria

Condotto

(da acquistare in loco)

Griglia di aspirazione

(da acquistare in loco)

Aria

Ingresso laterale - Uscita laterale (condotto)

Materiale isolante (da acquistare in loco)

Aria

Nastro in alluminio

Flangia (da acquistare in loco)

Flangia (da acquistare in loco)

Nastro in alluminio

Vite fi lettata per collegamento fl angia

(M4 x 10 mm / da acquistare in loco)

Condotto

(da acquistare in loco)

Griglia di aspirazione

(da acquistare in loco)

Ingresso inferiore - Uscita laterale

Condotto (da acquistare in loco)

Aria

Aria

Griglia di aspirazione (da acquistare in loco)

Aria

It-6

Filtro (accessori)

Unità

Filtro

3.3.3. Posizionare il foro a sof

fi

tto e i bulloni di sospensione

• Utilizzando la mascherina di installazione, praticare i fori per i bulloni (4 fori).

Mascherina di installazione (accessorio)

Posizione di foratura per i bulloni

Aria

A

A

Modelli 07, 09, 12, 14

734 mm

Modello 18

934 mm

3.3.4. Fissaggio dell'unità

(1) Appendere l'unità

Supporto

Bullone di supporto

Dado A

(da acquistare in loco)

Rondella

(accessori)

Dado B

(da acquistare in loco)

Bullone di supporto

Dado A

(da acquistare in loco)

Rondella

(accessori)

Supporto

Unità

Dado B

(da acquistare in loco) lunghezza

20 mm

Copertura

* In caso di lunghezza superiore a 20 mm, l'apertura e la chiusura del coperchio/del coperchio della scatola di comando potrebbero risultare dif fi coltose.

(2) Livellamento

Procedere al livellamento orizzontale dell'unità ponendo la livella sulla parte superiore dell'unità.

Sof

fi

tto

Livella

3.4. Installazione dello scarico

3.4.1. Installazione dei tubi di scarico

AVVERTENZA

• Non inserire la tubazione di scarico nelle fognature, dove potrebbero generarsi gas solforosi. (può prodursi un'erosione a livello dello scambiatore di calore)

• Isolare adeguatamente i pezzi, in modo da evitare il gocciolamento di acqua dai raccordi.

• Terminato il lavoro, veri fi care che il drenaggio avvenga correttamente utilizzando la parte visibile dell'apertura di scarico e l'uscita fi nale della tubazione di scarico sul corpo.

ATTENZIONE

Non applicare adesivi sull'uscita di scarico del corpo.

(utilizzare il fl essibile di drenaggio fornito e collegare la tubazione di scarico).

Quando si utilizza la pompa di drenaggio

• Utilizzare un tubo di cloruro di polivinile rigido (VP25) [diametro esterno 32 mm].

• Evitare rialzi, ostacoli e scarichi di aria.

• Predisporre una pendenza (almeno 1/100).

• Utilizzare sostegni per l'installazione di tubi lunghi.

• Utilizzare il necessario materiale isolante per evitare il congelamento dei tubi.

• Installare i tubi in maniera da consentire la rimozione della scatola di comando.

CORRETTO

Spazio compreso tra 1,5 e 2 m

Sostegno

Tubo disposto localmente

Max. 300 mm

VP25 [diam. est. 32 mm o superiore]

700 mm o meno

In orizzontale o in salita

NON CONSENTITO

Scarico dell'aria

Rialzo

Ostacolo

Aria

CORRETTO

Livella

NON CONSENTITO

Seguire le seguenti procedure per costruire gli elementi dei tubi di scarico centralizzati.

VP30 o maggiore [diam. est. 38 mm o superiore]

Pendenza pari a minimo 1/100

CORRETTO NON CONSENTITO

ATTENZIONE

• Lasciare uno spazio di almeno 100 mm tra la bocca di aspirazione e il sof fi tto.

• Fissare saldamente l'unità con i dadi speciali A e B.

700 mm o meno

Se non si utilizza la pompa di drenaggio (drenaggio naturale)

ATTENZIONE

Impostare "Impostazione della funzione Drenaggio (Interruttore DIP 101-1)" in “5.3.

Impostazione interruttore DIP 101”

Se non si utilizza la pompa di drenaggio, sostituire con il tappo di scarico.

• Utilizzare un tubo di cloruro di polivinile rigido (VP25) [diametro esterno 32 mm].

• Evitare rialzi, ostacoli e scarichi di aria.

It-7

• Predisporre una pendenza (almeno 1/100).

• Utilizzare sostegni per l'installazione di tubi lunghi.

• Utilizzare il necessario materiale isolante per evitare il congelamento dei tubi.

• Installare i tubi in maniera da consentire la rimozione della scatola di comando.

CORRETTO

Spazio compreso tra 1,5 e 2 m

Pendenza

2,5-5,0 mm

Sostegno

100 mm o più

Tubo disposto localmente

VP25 [diam. est. 32 mm o superiore]

NON CONSENTITO

Scarico dell'aria

(2) Assicurarsi di collegare il tubo di scarico con adesivo (cloruro di polivinile) in modo che non vi siano perdite.

Zona di applicazione adesivo

Tubo di raccordo

(da acquistare in loco)

Tubo di drenaggio (VP25)

(da acquistare in loco)

4 mm o meno

ATTENZIONE

Non eseguire la connessione al foro di scarico mediante adesivo. L'utilizzo di adesivo può causare danni e perdite.

(3) Dopo aver installato il tubo fl essibile di drenaggio, controllare se il drenaggio funziona correttamente.

ATTENZIONE

Per impedire pressione eccessiva sul tubo fl essibile di drenaggio, evitare pieghe o attorcigliamenti. (La piega o attorcigliamento può provocare perdite di acqua).

(4) Dopo aver veri fi cato il drenaggio, collegare l'isolamento del tubo fl essibile di drenaggio

B per isolare, seguendo le istruzioni come mostrato nelle fi gure.

Per evitare la presenza di spazi tra il tubo fl essibile di drenaggio e la fascetta tubo fl essibile, premere saldamente l'isolamento del tubo fl essibile di drenaggio B.

Ostacolo

Rialzo

Seguire le seguenti procedure per costruire gli elementi dei tubi di scarico centralizzati.

VP30 o maggiore

[diam. est. 38 mm o superiore]

Pendenza pari a minimo 1/100

3.4.2. Installazione del tubo

fl

essibile di drenaggio (accessorio) e del tubo di drenaggio (da acquistare in loco)

(1) Assicurarsi di usare il tubo fl essibile di drenaggio in dotazione e la relativa fascetta

Fascetta tubo

fl

essibile (accessorio)

Tubo

fl

essibile di drenaggio (accessorio)

Foro di drenaggio

Lato PVC rigido

Non lasciare spazio.

• Dal PASSAGGIO 1 al PASSAGGIO 3

Far combaciare l'isolamento con l'unità.

Fascetta del tubo

fl

essibile

Isolamento del tubo

fl

essibile di drenaggio

B (accessorio)

PASSAGGIO 1

Premere con forza

Premere con forza

Unità

Fessura

20 mm

Tubo

fl

essibile di drenaggio

4 mm o meno

Fascetta del tubo

fl

essibile

Serrare la fascetta del tubo

fl

essibile in posizione orizzontale rispetto al suolo.

La fascetta del tubo

fl

essibile deve essere posizionata a destra del tubo

fl

essibile di drenaggio come da

fi

gura.

Fessura

Premere con forza

PASSAGGIO 2

Premere con forza

Fessura

Premere con forza

Arrotolare l' isolamento intorno al raccordo.

PASSAGGIO 3

• ULTIMARE

Veri fi care che non ci siamo spazi intermedi tra l'unità e l'isolazione del scarico.

fl essibile di

It-8

• Quando si utilizza la pompa di drenaggio.

Non coprire la

fi

nestra del pannello.

• Quando non si utilizza la pompa di drenaggio. (Drenaggio naturale)

Non coprire la copertura della scatola di comando.

NOTE: Veri fi care il drenaggio

Versare circa 1 litro d'acqua dalla posizione indicata nello schema o dall'uscita del fl usso d'aria nel vassoio di raccolta. Controllare che non vi siano anomalie come rumori strani e che la pompa di drenaggio funzioni normalmente.

ATTENZIONE

Assicurarsi che l'acqua di scarico venga adeguatamente eliminata.

3.5. Installazione dei tubi

3.5.1. Raccordo tubi

ATTENZIONE

Serrare i dadi svasati con una chiave dinamometrica secondo il metodo di serraggio speci fi cato.

Altrimenti, i dadi svasati potrebbero spezzarsi dopo un lungo periodo, con conseguente perdita di refrigerante e formazione di gas pericoloso in caso di contatto con fi amme.

Svasatura

Utilizzare speciale tagliatubi e utensili di svasatura progettato per tubazioni R410A o R32.

(1) Con un tagliatubi, tagliare il tubo di collegamento alla lunghezza necessaria.

(2) Tenere il tubo rivolto verso il basso, in modo che i trucioli non penetrino all'interno, ed eliminare tutte le sbavature.

(3) Inserire il dado svasato (utilizzare sempre il dado svasato in dotazione, rispettivamente con l'unità o le unità interne e con l'unità esterna o scatola di derivazione) sul tubo ed eseguire la svasatura con l'apposito attrezzo. Utilizzare lo speciale utensile di svasatura

R410A o R32, o lo strumento di svasatura tradizionale. Se si utilizzano dadi svasati che non siano quelli appositamente previsti, vi è il rischio di perdite di refrigerante.

(4) Proteggere i tubi stringendoli oppure utilizzando del nastro onde evitare che polvere, sporcizia o acqua penetrino all'interno.

B

Verificare che [L] sia svasato in modo uniforme e non presenti fenditure o graffi.

Stampo

A

Tubo

L

Diametro esterno del tubo

[mm (poll.)]

6,35 (1/4)

9,52 (3/8)

12,70 (1/2)

15,88 (5/8)

19,05 (3/4)

Dimensione A [mm]

Utensile per svasatura per

R32, tipo a frizione

Da 0 a 0,5

Dimensione B [mm]

9,1

13,2

16,6

19,7

24,0

Quando si usano utensili di svasatura tradizionale per svasare i tubi R32, la dimensione A dovrebbe essere di circa 0,5 mm rispetto a quanto indicato in tabella (per svasatura con strumenti R32) per ottenere la svasatura speci fi cata. Utilizzare un calibro di spessore per misurare la dimensione A.

Larghezza tra le facce

Diametro esterno del tubo

[mm (poll.)]

6,35 (1/4)

9,52 (3/8)

12,70 (1/2)

15,88 (5/8)

19,05 (3/4)

Larghezza tra le facce del dado svasato [mm]

17

22

26

29

36

NOTE:

Le speci fi che del dado svasato sono conformi a ISO14903.

Piegatura dei tubi

ATTENZIONE

• Per evitare rottura del tubo, evitare curve strette.

• Se il tubo è piegato ripetutamente nello stesso posto, si romperà.

• I tubi possono essere piegati manualmente. Fare attenzione a non appiattirli.

• Piegare l'R70 mm con un piegatubi.

• Non curvare i tubi ad un angolo superiore a 90°.

• Se i tubi vengono ripetutamente piegati o tirati, il materiale si indurirà, rendendo dif fi cile piegarli o tirarli ancora.

• Non piegare o tirare i tubi più di 3 volte.

Tubo • Quando si piega il tubo, non piegarlo così com'è. Il tubo potrebbe appiattirsi. In questo caso, tagliare il tubo di isolamento con un tagliatubi appuntito come illustrato nella fi gura a destra, e piegarlo dopo aver scoperto il tubo. Dopo aver piegato il tubo nella maniera desiderata, accertarsi di applicare di nuovo l'isolamento termico sul tubo e di fi ssarlo con il nastro.

Tubo isolante

Tagliatubi

Linea di taglio

Connessione a cartella

ATTENZIONE

• Fare attenzione a collegare correttamente il tubo all'apertura dell'unità interna. Se il centraggio non è adeguato, il dado svasato non potrà essere serrato agevolmente.

Se il dado svasato viene forzato, i fi letti risulteranno danneggiati.

• Non rimuovere il dado svasato dal tubo dell'unità interna se non immediatamente prima di collegare il tubo di collegamento.

• Tenere la chiave dinamometrica in presa, mantenendola in angolo retto con il tubo, in modo da serrare correttamente il dado svasato

• Serrare i dadi svasati con una chiave dinamometrica secondo il metodo di serraggio speci fi cato. Altrimenti, i dadi svasati potrebbero spezzarsi dopo un lungo periodo, con conseguente perdita di refrigerante e formazione di gas pericoloso in caso di contatto con fi amme.

• Collegare i tubi in modo che la copertura della scatola di comando possa essere rimossa facilmente per la manutenzione in caso di necessità.

• Per evitare perdite di acqua nella scatola di comando, assicurarsi che i tubi siano ben isolati.

Dopo aver serrato adeguatamente il dato svasato a mano, mantenere la giunzione dal lato del corpo con una chiave fissa, quindi serrare con la chiave dinamometrica. (Fare riferimento alla tabella seguente per le coppie di serraggio del dado svasato).

Serrare con 2 chiavi.

Chiave di bloccaggio

Chiave dinamometrica

Dado svasato

Tubo dell'unità interna

(lato corpo)

Dado svasato [mm (poll.)]

Dia. 6,35 (1/4)

Dia. 9,52 (3/8)

Dia. 12,70 (1/2)

Dia. 15,88 (5/8)

Dia. 19,05 (3/4)

Tubo di collegamento

Coppia di serraggio [N·m (kgf·cm)]

Da 16 a 18 (da 160 a 180)

Da 32 a 42 (da 320 a 420)

Da 49 a 61 (da 490 a 610)

Da 63 a 75 (da 630 a 750)

Da 90 a 110 (da 900 a 1.100)

Rimuovere il tappo dal tubo di collegamento solo dopo aver collegato il tubo stesso.

It-9

3.6. Cablaggio elettrico

AVVERTENZA

• Il cablaggio deve essere effettuato conformemente alle istruzioni del presente Manuale da una persona autorizzata a norma di legge a livello nazionale o regionale.

Utilizzare tassativamente un circuito dedicato per l'unità. Un circuito di alimentazione insuf fi ciente o errori di esecuzione nei lavori elettrici possono provocare gravi incidenti come scosse elettriche o incendi.

• Prima di iniziare il lavoro, assicurarsi che l'unità interna e l'unità esterna non siano alimentate.

• Per il cablaggio, utilizzare il tipo di cavi prescritto, collegarli saldamente ed assicurarsi che le connessioni dei terminali non siano sottoposte a sollecitazioni esterne.

Cavi connessi in maniera inadeguata o non sicura possono provocare gravi incidenti, come il surriscaldamento dei terminali, scosse elettriche o incendi.

• Installare saldamente il coperchio della scatola elettrica sull'unità. Se il coperchio della scatola elettrica non viene installato correttamente, possono veri fi carsi gravi incidenti come scosse elettriche o incendi in seguito all'esposizione a polvere o acqua.

• Inserire dei manicotti in tutti i fori praticati nelle pareti per il cablaggio. Possono altrimenti veri fi carsi cortocircuiti.

• Utilizzare i cavi di collegamento ed i cavi di alimentazione in dotazione o speci fi dal fabbricante. Collegamenti inadeguati, un isolamento insuf fi

cati

ciente o il superamento della corrente consentita possono essere causa di scosse elettriche o incendi.

• Non modi fi care i cavi di alimentazione e non utilizzare prolunghe né effettuare derivazioni. Collegamenti inadeguati, un isolamento insuf fi ciente o il superamento della corrente consentita possono essere causa di scosse elettriche o incendi.

• Fare corrispondere i numeri della morsettiera e i colori dei cavi di collegamento a quelli dell'unità esterna o della scatola di derivazione. Errori di cablaggio possono portare alla bruciatura delle parti elettriche.

• Collegare saldamente i cavi di collegamento alla morsettiera. Fissare inoltre i cavi con i serracavo. Collegamenti inadeguati, al livello del cablaggio o delle relative estremità, possono provocare problemi di funzionamento, scosse elettriche o incendi.

• Fissare sempre la copertura esterna del cavo di collegamento con il fermacavi. (se l'elemento d'isolamento è usurato possono veri fi carsi scariche elettriche).

• Installare un interruttore differenziale con messa a terra. Inoltre, installare l'interruttore differenziale con messa a terra in modo che venga interrotta al tempo stesso l'intera alimentazione CA. Possono altrimenti veri fi carsi scosse elettriche o incendi.

• Collegare sempre il cavo di messa a terra. Una messa a terra inadeguata può provocare scosse elettriche.

• Eseguire il lavoro di cablaggio in conformità con le norme, in modo che il condizionatore d'aria possa essere utilizzato in modo sicuro e corretto.

• Fissare bene il cavo di collegamento alla morsettiera. Un'installazione eseguita in maniera non corretta può provocare incendi.

• Utilizzare terminali ad anello e serrare le viti dei terminali alle coppie speci può altrimenti veri fi all'interno dell'unità.

fi cate;

carsi un surriscaldamento anomalo, con il rischio di gravi danni

ATTENZIONE

• Fare attenzione a non produrre scintille nei modi seguenti quando si utilizza refrigerante in fi ammabile.

- Non rimuovere il fusibile quando l'unità è accesa.

- Non scollegare il cavo quando l'unità è accesa.

- Si consiglia di posizionare il collegamento della presa in un punto elevato. Sistemare i cavi in modo che non si attorciglino.

• Mettere l'unità a massa. Non collegare il cavo di terra a un tubo del gas, un tubo dell'acqua, un parafulmine o un fi lo di terra del telefono. Una messa a terra inadeguata può dar luogo a scosse elettriche.

• Installare i cavi del telecomando in modo da non doverli toccare direttamente con le mani.

• Non collegare cavi di alimentazione ai terminali di trasmissione o del telecomando, in quanto si danneggerebbe il prodotto.

• Non affastellare mai il cavo di alimentazione e quello di trasmissione insieme al cavo del telecomando. Allontanare questi cavi di almeno 50 mm l'uno dall'altro.

L'affastellamento di questi cavi provocherebbe problemi di funzionamento o guasti.

• Quando si maneggia la scheda a circuiti stampati, l'elettricità statica accumulatasi sul corpo può compromettere il funzionamento della scheda. Seguire le precauzioni indicate qui di seguito:

- Creare la messa a terra per le unità interne ed esterne ed i dispositivi periferici.

- Disattivare l'alimentazione (interruttore generale).

- Per scaricare l'elettricità statica accumulatasi sul corpo, toccare la parte metallica dell'unità interna ed esterna per più di 10 secondi.

- Non toccare i terminali delle parti e dei circuiti della scheda a circuiti stampati.

• Eseguire correttamente il cablaggio facendo riferimento al diagramma precedente.

Un cablaggio errato può determinare malfunzionamenti dell'unità.

• Veri fi care le normative elettriche locali e le istruzioni o limitazioni speci fi che riguardanti il cablaggio.

3.6.1. Schema del sistema di cablaggio

Doppino standard

Cavo di collegamento

Unità interna

Linea di messa a terra

Unità esterna

Linea di alimentazione

Linea di controllo

Cavo del telecomando a filo tipo a 2 fili

Unità interna

Rosso bianco

Y1

Y2

Y3

1

2

tipo a 3 fili

Unità interna

Cavo del telecomando

Telecomando a filo

R

W

Telecomando a filo

Y1

Y2

Y3

1

2 rosso bianco nero

Cavo del telecomando

R

W

B

*Procedere alla messa a terra del telecomando se dotato di un cavo di messa a terra.

Flessibile gruppi multipli

Cavo di collegamento

Unità interna

Linea di messa a terra

Unità esterna

Linea di alimentazione

Unità interna

Linea di controllo

Cavo del telecomando a filo tipo a 2 fili

Unità interna

Rosso bianco

Telecomando a filo

Cavo del telecomando

tipo a 3 fili

Unità interna

Telecomando a filo rosso bianco nero

Cavo del telecomando

*Procedere alla messa a terra del telecomando se dotato di un cavo di messa a terra.

It-10

Unità doppia simultanea (solo modello 18)

Cavo di collegamento

Unità interna

(principale)

Scatola di giunzione (da acquistare in loco)

Linea di messa a terra

Unità esterna

Unità triple simultanee (solo modello 18)

Cavo di collegamento

Unità interna

(principale)

Scatola di giunzione (da acquistare in loco)

Linea di messa a terra

Unità esterna

Unità interna

(secondaria)

Linea di messa a terra

Linea di controllo

Linea di alimentazione

Unità interna

(secondaria)

Linea di messa a terra

Linea di controllo

Linea di alimentazione

Cavo del telecomando a filo

Solo tipo a 3 fili

Unità interna

(principale)

Unità interna

(secondaria)

Telecomando a filo rosso bianco nero

Cavo del telecomando

Cavo bus (da acquistare in loco, cavo del telecomando)

Lunghezza massima: 500 m

*Procedere alla messa a terra del telecomando se dotato di un cavo di messa a terra.

• Collegare i cavi del telecomando all'unità principale.

Unità interna

(secondaria)

Cavo del telecomando a filo

Solo tipo a 3 fili

Unità interna

(principale) Telecomando a filo

Rosso bianco nero

Cavo del telecomando

Unità interna

(secondaria)

Cavo bus (da acquistare in loco, cavo del telecomando)

Lunghezza massima: 500 m

Unità interna

(secondaria)

*Procedere alla messa a terra del telecomando se dotato di un cavo di messa a terra.

• Collegare i cavi del telecomando all'unità principale.

Si consiglia l'uso di un telecomando a filo per l'utilizzo di doppie o triple connessioni simultanee.

It-11

3.6.2. Preparazione del cavo di collegamento

Cavo di collegamento

Assicurarsi che il cavo di terra (messa a terra) sia più lungo rispetto agli altri.

Cavo di collegamento

1 2 3

20 mm

Cavo di messa a terra

• Utilizzare un cavo a 4 fi li.

Cavo del telecomando

Per tipo a 2 fi li

30 mm

30mm o più

Cavo di collegamento

Per tipo a 3 fi li

30 mm

3.6.3. Come collegare il cablaggio ai terminali

Precauzione durante il cablaggio

Per togliere il rivestimento del fi lo conduttore, utilizzare sempre un attrezzo speci fi co come lo spelacavi. In assenza di strumenti appositi, rimuovere accuratamente il rivestimento utilizzando un coltello o altro utensile simile.

(1) Per il collegamento alla morsettiera, utilizzare terminali ad anello con guaine isolanti come illustrato nella fi gura.

(2) Fissare saldamente i terminali ad anello ai cavi utilizzando un apposito attrezzo, onde evitare che i cavi si allentino.

Spelare: 10 mm

Terminale ad anello

Manicotto

(3) Collegare saldamente i cavi speci fi cati e fi ssarli in modo da non creare sollecitazioni sui terminali.

(4) Utilizzare un cacciavite adeguato per serrare le viti dei terminali. L'utilizzo di un cacciavite non adeguato danneggerà la testa delle viti e queste ultime non potranno essere serrate adeguatamente.

(5) Non stringere troppo le viti del terminale. Altrimenti, le viti potrebbero rompersi.

Vite con rondella speciale

Vite con rondella speciale

Cavo

Terminale ad anello

Terminale ad anello

Morsettiere

Cavo

(6) Per le coppie di serraggio delle viti dei terminali, fare riferimento alla tabella.

Vite M4

Coppia di serraggio [N·m (kgf·cm)]

Da 1,2 a 1,8 (da 12 a 18)

3.6.4. Collegamento del cablaggio

ATTENZIONE

• Durante l'installazione fare attenzione a non confondere il cavo di alimentazione con i fi li di collegamento.

• Eseguire l'installazione facendo in modo che i cavi del telecomando non entrino in contatto con altri cavi di collegamento.

(1) Rimuovere il coperchio della scatola di comando

(2) Collegare il cavo di connessione.

Copertura

Terra (Messa a terra)

Unità esterna

Cavo del telecomando

Interruttore DIP

Linea di controllo

Linea di alimentazione

Cavo di collegamento

(alimentazione)

Tipo a 3 fi li

Scheda a circuiti stampati

(PCB)

tipo a 2 fi li

Y1 Y2 Y3

TO REMOTE CONTROL UNIT

1

Ex IN

2 Y1 Y2 Y3

TO REMOTE CONTROL UNIT

1

Ex IN

2

Messa nero bianco rosso

Cavo del telecomando

Telecomando rosso

Bianco

Messa

Telecomando

Cavo del telecomando

Collegamento delle

Componenti opzionali

Impostare su

“3 CAVI”

Impostazione di fabbrica

“2 CAVI”

*Procedere alla messa a terra del telecomando se dotato di un cavo di messa a terra.

NOTE:

Assicurarsi di impostare l’interruttore DIP sul telecomando corrispondente.

Quando un telecomando a 2 fi li è collegato a un'impostazione "3WIRE", l'alimentazione non verrà fornita.

Quando un telecomando a 3 fi li è collegato a un'impostazione "2WIRE", verrà rilevato un errore di comunicazione.

(3) Una volta completato il cablaggio, fi ssare con il fermacavi il cavo del telecomando e il cavo di collegamento.

Cavo del telecomando

Cavo di collegamento

(alimentazione)

Fermacavi

Vite

Fascetta

(media, accessorio)

Evitare di coprire l'ingresso dell'aria con i cavi.

Cavo di collegamento

(alimentazione)

Evitare di toccare il sof

fi

tto con i cavi

Sof

fi

tto

Non fi ssare il cavo di alimentazione insieme ad altri cavi.

It-12

(4) Chiudere con stucco l'uscita del cavo o altri spazi vuoti per evitare che condensa o insetti penetrino nella scatola elettrica di comando.

(5) Posizionare di nuovo il coperchio della scatola di comando.

ATTENZIONE

Non affastellare il cavo del telecomando, né cablarlo in parallelo, con il cavo di collegamento dell'unità interna (all'unità esterna) ed il cavo di alimentazione. Si rischiano altrimenti problemi di funzionamento.

Terminale

Y1 Y2 Y3

TO REMOTE CONTROL UNIT

1

Ex IN

2

3.7. Impostazione del telecomando

Per installare e impostare il telecomando, consultare il manuale di installazione del telecomando.

4. LAVORO D'INSTALLAZIONE OPZIONALE

4.1. Installazione kit opzionale

AVVERTENZA

I regolamenti relativi ai cavi variano in funzione della zona geogra fi ca; rispettare le norme in vigore a livello locale.

È possibile collegare questo condizionatore d'aria con i kit opzionali seguenti.

Per maggiori dettagli su come installare i componenti opzionali, consultare il manuale di installazione fornito in dotazione con ciascun componente.

Connettore n.

CN47*1

CN8

CN48

CN11

CN65*2

Tipo di opzione

Cavo di collegamento (UTY-XWZXZG)

Sensore remoto (UTY-XSZX)

Ricevitore IR (UTY-LBT

M)

Griglia alette automatica (UTD-GXT

Altri componenti opzionali

-W)

*1: Per l'impostazione del terminale di output esterno, fare riferimento alla Funzione n.60 in “6. IMPOSTAZIONE DELLE FUNZIONI”.

*2: Altre opzioni (adattatore WLAN, convertitori, ecc.) potrebbero essere collegabili. Si prega di fare riferimento ai dati tecnici per i dettagli.

NOTE:

Le opzioni collegate a CN65 non possono essere utilizzate contemporaneamente.

4.2. Input e output esterni

CN65

CN11

CN47

CN48

CN8

4.2.1. Input esterno

• Le funzioni dell'unità interna quali Funzionamento/Arresto o Arresto forzato possono essere attivate utilizzano i terminali dell'unità interna.

• Le modalità “Funzionamento/Arresto” o “Arresto forzato” possono essere selezionate tramite l'impostazione delle funzioni dell'unità interna.

• Utilizzare un cavo a doppino intrecciato (22 AWG). La lunghezza massima del cavo è di

150 m (492 ft.).

• Utilizzare un cavo di output e input esterno con le dimensioni esterne adeguate, a seconda del numero di cavi da installare.

• Il collegamento del cavo deve essere separato dalla linea del cavo di alimentazione.

Dispositivo collegato

Terminale contatto a secco

Quando non è necessario erogare alimentazione al dispositivo di input che si desidera collegare, utilizzare il terminale contatto a secco.

*1

Terminale

(esterno ingresso)

Dispositivo collegato

*1: L'interruttore può essere utilizzato con le caratteristiche seguenti: CC da 12 V a 24 V, da 1 mA a 15 mA.

Condotta di funzionamento

Tipo di segnale di input

ON

OFF

Valle

Quando l'impostazione delle funzioni è in modalità “Funzionamento/Arresto” 1.

Segnale input

OFF → ON

ON → OFF

Funzionamento

Arresto

Comando

Quando l'impostazione delle funzioni è in modalità “Arresto forzato”.

Segnale input

OFF → ON

ON → OFF

Comando

Arresto forzato

Normale

* Quando si innesca l'arresto forzato, l'unità interna si arresta e l'operazione di

Funzionamento/Arresto da telecomando è limitata.

Quando l'impostazione delle funzioni è in modalità “Funzionamento/Arresto” 2.

Segnale input

OFF → ON

ON → OFF

Comando

Funzionamento

Arresto (R.C. disattivato)

4.2.2. Output esterno

• Utilizzare un cavo a doppino intrecciato (22AWG). La lunghezza massima del cavo è di

25 m (82 piedi).

• Utilizzare un cavo di output e input esterno con le dimensioni esterne adeguate, a seconda del numero di cavi da installare.

• Voltaggio in uscita: alto 12 V ± 2 V CC, basso 0 V.

• Corrente consentita: 50mA

Selezione output

Se interdipendente con un dispositivo esterno

PCB (scheda a circuiti stampati)

Dispositivo collegato

CN47

Relè (da acquistare in loco)

o

Se viene visualizzato “Funzionamento/Arresto”

Resistore

PCB (scheda a circuiti stampati)

CN47

LED

Dispositivo collegato

It-13

■ Condotta di funzionamento

*Se l'impostazione della funzione “60” è posizionata su “00”

Impostazione delle funzioni

60

00

09

10

11

Stato

Arresto

Funzionamento

Normale

Errore

Arresto ventilatore unità interna

Funzionamento ventilatore unità interna

Riscaldatore esterno OFF

(SPENTO)

Riscaldatore esterno ON

(ACCESO)

Voltaggio in uscita

0V

CC 12 V

0V

CC 12 V

0V

CC 12 V

0 V

CC 12V

4.2.3. Metodi di collegamento

Modi

fi

• Rimuovere l'elemento isolante dal cavo collegato al connettore del cavo in dotazione.

• Rimuovere l'elemento isolante dal cavo da acquistare in loco. Utilizzare un connettore isolato di tipo crimpato per unire il cavo e il cavo in dotazione.

• Collegare il cavo con il cavo di collegamento con una lega per saldatura.

IMPORTANTE:

isolare il collegamento tra i cavi.

Da acquistare in loco

Componenti opzionali

Cavo output esterno

Saldare e isolare le parti collegate.

• Collegamento dei cavi ai terminali.

Per il collegamento alla morsettiera, utilizzare terminali ad anello con guaine isolanti.

opzionali”)

4.3. Sensore remoto (componenti opzionali)

4.3.1. Metodo di collegamento

• Rimuovere il connettore esistente e sostituirlo con il connettore del sensore remoto

(assicurarsi di utilizzare il connettore corretto).

• Il connettore originale deve essere isolato per evitare che venga a contatto con altri componenti di circuiti elettrici.

• Collegamento terminali e disposizione cavi. (Fare riferimento a “4.6. Altri componenti opzionali”)

4.3.2. Impostazione per la correzione della temperatura ambiente

Quando è collegato un sensore remoto, procedere all'impostazione delle funzioni dell'unità interna come indicato di seguito.

• Numero funzione “30”:

Impostare il Numero di Impostazione su “00”. (Prede fi nito)

• Numero funzione “31”:

Impostare il Numero di Impostazione su “02”.

* Fare riferimento a “6. IMPOSTAZIONE DELLE FUNZIONI” per i dettagli sul numero di

Funzione e sul valore di Impostazione

4.4. Unità ricevitore IR (componenti opzionali)

• Per il metodo di installazione, fare riferimento al manuale di installazione dell'unità ricevente IR.

4.4.1. Metodo di collegamento

• Utilizzare 7 pin per il cavo dell'unità ricevitore.

• In primo luogo, collegare il cavo dell'unità ricevitore la PCB del controllore.

• Collegare il nucleo che si trova tra la PCB del controllore e il fermacavi.

• Collegamento terminali e disposizione cavi. (Fare riferimento a “4.6. Altri componenti opzionali”).

4.5. Griglia alette automatica (componenti opzionali)

4.5.1. Metodo di collegamento

• Disposizione cavi

PCB del controllore

CN11

Interruttore DIP

101 ( " 2 " : ON)

ATTENZIONE

Per proteggere l'isolamenteo del cavo dopo aver aperto un foro incompleto, rimuovere le sbavature dal bordo del foro.

(a) Apertura del foro incompleto

(c) Bloccare le lacune con l’isolamento (accessori)

(b) Boccola (accessorio di componenti opzionali)

Cavo griglia alette automatica

CN65

CN47

CN48

Fascetta

(media, accessorio)

4.6. Altri componenti opzionali

4.6.1. Metodo di collegamento

• Collegamento terminali e disposizione cavi

Nella fi gura seguente vengono illustrati tutti i possibili collegamenti a fi ni descrittivi.

Nell'installazione effettiva i collegamenti possono essere diversi a seconda delle esigenze speci fi che di ogni installazione.

PCB del controllore

Output esterno

Input esterno

CN8

Nucleo

It-14

4.7. Fissaggio cavi componenti opzionali

Boccola**

Isolamento

Altri cavi di componenti opzionali

Cavo del telecomando

Cavo griglia alette automatica

Cavo di alimentazione

Ingresso dell’aria

Fascetta serracavi

(medio, accessori)

Evitare di coprire l’ingresso dell’aria con i cavi.

Evitare di toccare il sof

fi

tto con i cavi.

Sof

fi

tto

* Utilizzare un accessorio dell’unità interna o dei componenti opzionali per la fascetta.

** Utilizzare un accessorio dei componenti opzionali per il

fi

ssaggio.

• Non ssare il cavo di alimentazione insieme ad altri cavi.

ATTENZIONE

Per proteggere l'isolamenteo del cavo dopo aver aperto un foro incompleto, rimuovere le sbavature dal bordo del foro.

5. INSTALLAZIONE DEL TELECOMANDO

5.1. Controllo del gruppo

NOTE:

Il controllo di gruppo non può essere utilizzato insieme all'adattatore W-LAN.

È possibile azionare contemporaneamente numerose unità interne tramite un unico telecomando.

* Se diversi tipi di unità interne (quali ad esempio tipo a parete e tipo a cassetta, tipo a cassetta e tipo a condotto o altre combinazioni) sono collegati tramite il sistema controllo gruppo, alcune funzioni potrebbero non essere più disponibili.

(2) Impostare l'indirizzo R.C.

(impostazione degli interruttori DIP)

Impostare l'indirizzo R.C. di ciascuna unità interna utilizzando gli interruttori DIP sulla scheda a circuiti stampati delle unità interne.

SW100

(a) tipo a 2 fi li

Interruttore DIP (RC AD SW)...Impostazione di fabbrica “00”

Le impostazioni dell'indirizzo del telecomando vengono con fi gurate automaticamente.

Non è quindi necessario con fi gurarle manualmente.

Tuttavia, in caso di con fi gurazione manuale, è necessario con fi gurare sia l'unità interna che il telecomando. Per informazioni dettagliate, consultare il manuale di installazione del telecomando.

(b) tipo a 3 fi li

Interruttore DIP (RC AD SW)...Impostazione di fabbrica “00”

Quando si collegano più unità interne ad 1 telecomando a fi lo standard, impostare l'indirizzo a RC AD SW in sequenza da “00”.

Impostazione Intervallo di regolazione Interruttore 100

ON

Indirizzo del telecomando

Da 00 a 15

Esempio di impostazione 00

1 2 3

RC AD

4

Esempio

Se sono collegate 4 unità interne.

Unità interna 1

RC AD SW

00

Unità interna 2

RC AD SW

01

Unità interna 3

RC AD SW

02

Unità interna 4

RC AD SW

03

I.U.

I.U.

I.U.

I.U.

B C D E

A

Telecomando

A, B, C, D, E : Cavo del telecomando.

A+B+C+D+E ≤ 500 m.

Esempio di metodo di cablaggio (tipo a 2 fili)

Unità interna 1 Unità interna 2 Unità interna 3 Unità interna 4

Telecomando

1 2 3

1 2 3

Y

1

Y

2

Telecomando

1 2 3

Cavo del telecomando

1 2 3 1 2 3

Cavo del telecomando

Impostare l'indirizzo R.C. in base alla tabella in basso.

Unità interna Indirizzo R.C.

INTERRUTTORE DIP n.

13

14

15

16

9

10

11

12

7

8

5

6

3

4

1

2

12

13

14

15

08

09

10

11

04

05

06

07

00

01

02

03

1

OFF

ON

OFF

ON

OFF

ON

OFF

ON

OFF

ON

OFF

ON

OFF

ON

OFF

ON

2

OFF

OFF

ON

ON

OFF

OFF

ON

ON

OFF

OFF

ON

ON

OFF

OFF

ON

ON

3

OFF

OFF

OFF

OFF

ON

ON

ON

ON

OFF

OFF

OFF

OFF

ON

ON

ON

ON

NOTE:

Accertarsi di impostare indirizzi R.C. consecutivi.

Non è possibile azionare le unità interne se viene saltato un numero.

Unità esterna 1

Unità esterna 2

Unità esterna 3

Unità esterna 4

4

ON

ON

ON

ON

ON

ON

ON

ON

OFF

OFF

OFF

OFF

OFF

OFF

OFF

OFF

Telecomando

Unità interna 1

Unità interna 2

Unità interna 3

Unità interna 4

Indirizzo R.C.

(impostazione interruttori DIP)

00 01 02 03

: Cavo di trasmissione, cavo di alimentazione

: Cavo del telecomando : Cavo di collegamento

It-15

Impostazioni nel caso in cui siano compresi Gruppi multipli simultanei

(3) Impostare l'indirizzo del circuito refrigerante (impostazione del telecomando)

1. Accendere tutte le unità interne.

* Accendere per ultima l'unità interna con l'indirizzo R.C. 00.

(entro 1 minuto)

2. Impostare l'indirizzo del circuito refrigerante.

Assegnare lo stesso numero a tutte le unità interne collegate a un'unità esterna.

(l'impostazione predefinita è “00”)

Indirizzo del circuito refrigerante

00

01

Numero funzione

Valore dell'impostazione

02 Da 00 a 15

14

15

5.2. Più telecomandi

È possibile utilizzare fino a 2 telecomandi per azionare un'unità interna.

ATTENZIONE

Il metodo di installazione di più telecomandi descritto sopra non consente di combinare il tipo a 3 fi li e quello a 2 fi li.

A

I.U.

I.U.

A B

(4) Stabilire le impostazioni dell'unità “principale” e di quella “secondaria”. (impostazione del telecomando)

(impostare come “principale” l'unità interna collegata a quella esterna mediante un cavo di trasmissione).

Numero funzione

Principale

Secondaria

51

Valore dell'impostazione

00

01

Dopo aver completato le impostazioni delle funzioni, spegnere tutte le unità interne e quindi riaccenderle.

* Se viene visualizzato il codice di errore 21, 22, 24 o 27 alcune impostazioni potrebbero essere errate. Ripetere l'impostazione del telecomando.

NOTE:

• Quando si collegano modelli diversi di unità interne mediante il sistema controllo gruppo, alcune funzioni potrebbero non essere più disponibili.

• Se il sistema controllo di gruppo include più unità in funzione contemporaneamente, collegare e impostare le unità come illustrato qui di seguito.

• La commutazione automatica funziona con la stessa modalità del modello con indirizzo

R.C. 00.

• Non deve essere collegata con nessun altro Gr che non sia della stessa serie (solo

A**G).

Doppino standard

Doppino standard

Simultaneo doppio

Simultaneo triplo

Unità esterna 1

Unità esterna 2

Unità esterna 3

Unità esterna 4

Principale Principale Secondaria

A, B: Cavo del telecomando. (Fare riferimento a “2.4. Requisiti elettrici”)

A ≤ 500 m, A+B ≤ 500 m

• Non è possibile utilizzare le funzioni di timer e auto-diagnosi sulle unità secondarie.

(1) Metodo di cablaggio (dell'unità interna al telecomando)

Unità interna

Cavo del telecomando

Unità principale

Unità secondaria

Telecomando

(2) Impostazione del DIP switch 1 del telecomando

Impostare il DIP switch 1 n.2 del telecomando in base alla tabella seguente.

Unità principale

Unità secondaria

DIP SW 1-N. 2

OFF

ON

Telecomando

Unità interna 1

Unità interna 2

Unità interna 3

Unità interna 4

Indirizzo R.C.

(impostazione interruttori DIP)

Impostazione dell'indirizzo del circuito refrigerante

(Numero funzione 02)

Impostazione Principale/

Secondaria

(numero funzione 51)

: Cavo di trasmissione, cavo di alimentazione

: Cavo del telecomando

Unità interna 5

Unità interna 6

Unità interna 7

: Cavo di alimentazione

: Cavo di collegamento

5.3. Impostazione interruttore DIP 101

Se non si utilizza la pompa di drenaggio in dotazione, impostare la funzione di drenaggio su “Disabilita” nell'attivazione della funzione di drenaggio.

L'impostazione della griglia alette automatica (parti opzionali) può essere utilizzata quando questa è montata.

Per il metodo di impostazione, fare riferimento a “4.5. Griglia alette automatica (componenti opzionali)”.

È possibile utilizzare l’impostazione di ritardo ventilatore se il riscaldatore ausiliario è installato.

Quando viene arrestato il funzionamento e l'unità interna è in funzione con un riscaldatore ausiliario, il funzionamento continuerà per 1 minuto.

Modi fi care le impostazioni seguenti utilizzando l'interruttore DIP.

( ♦ ... Impostazione di fabbrica)

Interruttore

DIP 101

1

2

3

Stato DIP SW

Dettagli

ON OFF

Disabilitazione Abilita ♦ Impostazione della funzione Drenaggio

Abilitazione Disabilitazione ♦ Impostazione griglia alette automatica

Abilitazione Disabilitazione ♦ Impostazione ritardo ventilatore

Posizione di commutazione

Interruttore

DIP 101

It-16

5.4. Funzionamento multisistema simultaneo

ATTENZIONE

• Quando si impostano gli interruttori DIP, non toccare a mani nude altre parti della scheda a circuiti stampati.

• Assicurarsi di interrompere l'alimentazione principale.

• Assicurarsi di utilizzare un telecomando cablato di tipo a 3 fi li. (Impostare l’interruttore

DIP su tipo a 3 fi li).

• Quando si utilizza un multisistema simultaneo, non è possibile utilizzare un adattatore

WLAN.

• Se collegato a un’unità interna che supporta R410A, viene visualizzato un messaggio di errore. Controllare il tipo di macchina dell’unità interna da collegare, e accertarsi di utilizzare un’unità interna che supporti R32.

• Collegandole a un'unità esterna, è possibile accendere/spegnere contemporaneamente

2 unità interne doppie e 3 unità interne triple.

(1) Metodo di cablaggio

• Fare riferimento alla sezione “3.6. Cablaggio elettrico” per la procedura e il metodo di cablaggio.

• L'unità interna collegata a quella esterna mediante un cavo di trasmissione è l'unità “principale”.

• Collegare il cavo del telecomando all'unità principale.

Tipo doppio (solo modello 18)

Unità esterna

3. Dopo aver completato le impostazioni delle funzioni, spegnere tutte le unità interne e quindi riaccenderle.

* Se viene visualizzato il codice di errore 21, 22, 24 o 27 alcune impostazioni potrebbero essere errate. Ripetere l'impostazione del telecomando.

Tipo doppio (solo modello 18)

Unità esterna

Telecomando

Indirizzo R.C.

(impostazione interruttori DIP)

Impostazione principale/secondaria

(numero funzione 51)

Tipo triplo (solo modello 18)

Unità esterna

Unità interna 1

[Principale]

Unità interna 2

[Secondaria]

Telecomando

Unità interna 1

[Principale]

Unità interna 2

[Secondaria]

Unità interna 3

[Secondaria]

Telecomando

Unità interna 1

[Principale]

Unità interna 2

[Secondaria]

Tipo triplo (solo modello 18)

Unità esterna

Telecomando

Unità interna 1

[Principale]

Unità interna 2

[Secondaria]

Unità interna 3

[Secondaria]

: Cavo di trasmissione, cavo di alimentazione

: Cavo del telecomando

: Cavo di alimentazione

: cavo di collegamento

(2) Impostare l'indirizzo R.C. (impostazione dell'interruttore DIP)

Impostare l'indirizzo R.C. di ciascuna unità interna utilizzando gli interruttori DIP della relativa scheda a circuiti stampati. (fare riferimento alla tabella e alla fi gura seguenti).

Gli interruttori DIP sono normalmente impostati per assegnare all'indirizzo R.C. il numero 00.

Unità interna Indirizzo R.C.

1

2

3

00

01

02

1

OFF

ON

OFF

INTERRUTTORE DIP n.

2

OFF

OFF

ON

3

OFF

OFF

OFF

4

OFF

OFF

OFF

SW100

NOTE:

Verificare di impostare in sequenza gli indirizzi R.C.

(3) Impostare il principale e il secondario (impostazione del telecomando)

1. Accendere tutte le unità interne.

2. Stabilire le impostazioni dell'unità “principale” e di quella “secondaria”.

(impostare come “principale” l'unità interna collegata a quella esterna mediante un cavo di trasmissione).

Numero funzione

Principale

Secondaria

51

Valore dell'impostazione

00

01

Indirizzo R.C.

(impostazione interruttori DIP)

Impostazione principale/secondaria

(numero funzione 51)

: Cavo di trasmissione, cavo di alimentazione

: Cavo del telecomando

6. IMPOSTAZIONE DELLE FUNZIONI

: Cavo di alimentazione

: Cavo di collegamento

6.1. Dettagli delle funzioni

Spia

fi

ltro

Selezionare gli intervalli adeguati per visualizzare la spia fi ltro sull’unità interna in base alla quantità prevista di polvere nell’aria della stanza.

Se l’indicazione non è necessaria, selezionare “Nessuna indicazione” (03).

( ♦ ... Impostazione di fabbrica)

Numero funzione

11

Valore dell'impostazione

00

01

02

03

Descrizione dell'impostazione

Standard (400 ore)

Intervallo lungo (1000 ore)

Intervallo breve (200 ore)

Nessuna indicazione ♦

Pressione statica

Selezionare una pressione statica adeguata in base alle condizioni di installazione.

( ♦ ... Impostazione di fabbrica)

Numero funzione

Valore dell'impostazione

00

Descrizione dell'impostazione

0 Pa

01 10 Pa

26

06

07

08

09

31

02

03

04

05

20 Pa

30 Pa

40 Pa

50 Pa

60 Pa

70 Pa

80 Pa

90 Pa

♦ 25 Pa [Standard]

L'intervallo di pressione statica varia da modello a modello.

Intervallo di pressione statica Da 0 a 90 Pa

It-17

Controllo della temperatura ambiente per il sensore dell'unità interna

In base all’ambiente di installazione, potrebbe essere necessaria una correzione al sensore della temperatura della stanza.

Selezionare l’impostazione di controllo adeguata in base all’ambiente di installazione.

I valori di correzione della temperatura mostrano la differenza dall’ “Impostazione Standard”

(00) (valore consigliato dal produttore).

( ♦ ... Impostazione di fabbrica)

Numero funzione

30

(Per raffreddamento)

31

(Per riscaldamento)

12

13

14

09

10

11

15

16

17

04

05

06

07

08

Valore dell'impostazione

00

01

02

03

Descrizione dell'impostazione

Impostazione Standard

Nessuna correzione 0,0 °C (0 °F)

-0,5 °C (-1 °F)

-1,0 °C (-2 °F)

-1,5 °C (-3 °F)

-2,0 °C (-4 °F)

-2,5 °C (-5 °F)

-3,0 °C (-6 °F)

-3,5 °C (-7 °F)

-4,0 °C (-8 °F)

+0,5 °C (+1 °F)

+1,0 °C (+2 °F)

+1,5 °C (+3 °F)

+2,0 °C (+4 °F)

+2,5 °C (+5 °F)

+3,0 °C (+6 °F)

+3,5 °C (+7 °F)

+4,0 °C (+8 °F)

Maggiore

Raffreddamento

Minore

Riscaldamento

Minore

Raffreddamento

Maggiore

Riscaldamento

Controllo della temperatura ambiente per sensore del telecomando a

fi

lo

In base all’ambiente di installazione, potrebbe essere necessaria una correzione al sensore della temperatura del telecomando a fi lo.

Selezionare l’impostazione di controllo adeguata in base all’ambiente di installazione.

Per modi fi care questa impostazione, posizionare la Funzione 42 su “Entrambi” (01).

Veri fi care che l’icona del sensore del termostato sia visualizzata sul display del telecomando.

( ♦ ... Impostazione di fabbrica)

Numero funzione

35

(Per raffreddamento)

36

(Per riscaldamento)

Valore dell'impostazione

00

01

02

Descrizione dell'impostazione

Nessuna correzione

Nessuna correzione 0,0 °C (0 °F)

-0,5 °C (-1 °F)

11

12

13

08

09

10

14

15

16

17

03

04

05

06

07

-1,0 °C (-2 °F)

-1,5 °C (-3 °F)

-2,0 °C (-4 °F)

-2,5 °C (-5 °F)

-3,0 °C (-6 °F)

-3,5 °C (-7 °F)

-4,0 °C (-8 °F)

+0,5 °C (+1 °F)

+1,0 °C (+2 °F)

+1,5 °C (+3 °F)

+2,0 °C (+4 °F)

+2,5 °C (+5 °F)

+3,0 °C (+6 °F)

+3,5 °C (+7 °F)

+4,0 °C (+8 °F)

Maggiore

Raffreddamento

Minore

Riscaldamento

Minore

Raffreddamento

Maggiore

Riscaldamento

Riavvio automatico

Abilitare o disabilitare il riavvio automatico dopo un’interruzione di corrente.

( ♦ ... Impostazione di fabbrica)

Numero funzione

40

Valore dell'impostazione

00

01

Descrizione dell'impostazione

Abilitazione

Disabilitazione

* Il riavvio automatico è una funzione di emergenza da utilizzare in caso di interruzione di corrente, ecc. Non cercare di utilizzare questa funzione durante il normale funzionamento. Assicurarsi di eseguire le operazioni mediante telecomando o dispositivo esterno.

Attivazione/Disattivazione del sensore temperatura ambiente

(solo per telecomando senza fi li)

Se si utilizza il sensore di temperatura del telecomando a fi lo, posizionare l’impostazione su “Entrambi” (01).

( ♦ ... Impostazione di fabbrica)

Numero funzione

42

Valore dell'impostazione

00

01

Descrizione dell'impostazione

Unità interna

Entrambi

00: Il sensore sull’unità interna è attivo.

01: I sensori sull’unità interna e sul telecomando a fi lo sono attivi.

* Il sensore del telecomando deve essere attivato utilizzando il telecomando

It-18

Codice personalizzato del telecomando

(solo per telecomando senza fi li)

È possibile modi fi care il codice personalizzato dell'unità interna. Selezionare il codice personalizzato adeguato.

( ♦ ... Impostazione di fabbrica)

Numero funzione

44

Valore dell'impostazione

00

01

02

03

Descrizione dell'impostazione

A

B

C

D

Controllo input esterno

È possibile selezionare la modalità “Funzionamento/Arresto” oppure “Arresto forzato”.

( ♦ ... Impostazione di fabbrica)

Numero funzione

46

Valore dell'impostazione

00

01

02

03

Descrizione dell'impostazione

Modalità Funzionamento/Arresto 1

(Impostazione non consentita)

Modalità "Forced stop" ("Arresto forzato")

Modalità Funzionamento/Arresto 2

Attivazione/Disattivazione del sensore temperatura ambiente (aus.)

Per utilizzare il sensore di temperatura solo sul telecomando a fi lo, modi fi care l’impostazione posizionandola su “Telecomando a fi lo” (01). Questa funzione sarà operativa soltanto se l’impostazione della funzione 42 è posizionata su “Entrambi” (01)

( ♦ ... Impostazione di fabbrica)

Numero funzione

48

Valore dell'impostazione

00

01

Descrizione dell'impostazione

Entrambi

Telecomando a fi lo

Controllo del ventilatore dell’unità interna per risparmio energetico durante il raffreddamento

Abilita o disabilita la funzione risparmio energetico controllando la rotazione del ventilatore dell’unità interna quando l’unità esterna viene arrestata durante il funzionamento in modalità

Raffreddamento.

( ♦ ... Impostazione di fabbrica)

Numero funzione

49

Valore dell'impostazione

00

01

02

Descrizione dell'impostazione

Disabilitazione

Abilitazione

Telecomando ♦

00: Quando l’unità esterna viene arrestata, il ventilatore dell’unità interna funziona ininterrottamente in base all’impostazione del telecomando.

01: Quando l’unità esterna viene arrestata, il ventilatore dell’unità interna funziona a intermittenza a velocità molto bassa.

02: Abilitare o disabilitare questa funzione tramite l’impostazione del telecomando.

*Se si utilizza un telecomando a fi lo privo di controllo del ventilatore dell’unità interna per il risparmio energetico per la funzione raffreddamento, o se si collega un convertitore a split singolo, non è possibile eseguire l’impostazione con il telecomando. Impostare su (00) o (01).

Per veri fi care se il telecomando è dotato di questa funzione, consultare il manuale di istruzione di tutti i telecomandi.

Funzioni di Attivazione/Disattivazione del terminale output esterno

È possibile attivare/disattivare le funzioni del terminal output esterno.

( ♦ ... Impostazione di fabbrica)

Numero funzione

60

Valore dell'impostazione

00

01 a 08

09

10

11

Descrizione dell'impostazione

Stato funzionamento

(Impostazione non consentita)

Stato errore

Controllo aria fresca

Riscaldatore ausiliario

Registro impostazioni

Registrare eventuali modi fi che alle impostazioni nella tabella seguente.

Valore dell'impostazione Descrizione dell'impostazione

Spia fi ltro

Pressione statica

Controllo della temperatura ambiente per il sensore dell'unità interna

Controllo della temperatura ambiente per sensore del telecomando a fi lo

Raffreddamento

Riscaldamento

Raffreddamento

Riscaldamento

Riavvio automatico

Attivazione/Disattivazione del sensore temperatura ambiente

Codice personalizzato del telecomando

Controllo input esterno

Attivazione/Disattivazione del sensore temperatura ambiente (aus.)

Controllo del ventilatore dell’unità interna per risparmio energetico durante il raffreddamento

Funzioni di Attivazione/Disattivazione del terminale output esterno

Dopo aver completato l'Impostazione delle funzioni, assicurarsi di interrompere e quindi ripristinare l'alimentazione.

7. COLLAUDO

7.1. Elementi di veri

fi

ca

□ I singoli tasti del telecomando funzionano correttamente?

□ Tutte le spie si accendono correttamente?

□ Il drenaggio funziona normalmente?

□ Durante il funzionamento si avvertono rumori o vibrazioni anomale?

Evitare di utilizzare il condizionatore d’aria per collaudi prolungati.

7.2. Metodo operativo

In base alla tua installazione, scegli le seguenti opzioni:

Dal telecomando senza

fi

li (con il tasto [TEST RUN] (CICLO DI PROVA))

(1) Per iniziare il collaudo premere [START/STOP] (AVVIO/ARRESTO) e [TEST RUN]

(CICLO DI PROVA) dal telecomando.

(2) Per terminare il collaudo, premere [START/STOP] (AVVIO/ARRESTO) sul telecomando.

Dall’unità interna o dall’unità ricevitore IR

(1) Per avviare il collaudo, premere [MANUAL AUTO] (MANUALE AUTO) sull’unità per più di 10 secondi (raffreddamento forzato).

(2) Per terminare il test, tenere premuto [MANUAL AUTO] (MANUALE AUTO) per più di 3 secondi o premere [START/STOP] (AVVIO/ARRESTO) sul telecomando.

 L’indicatore di Funzionamento e l’indicatore Timer inizieranno a lampeggiare simultaneamente durante il test.

solo per telecomando a

fi

lo

(1) Per il metodo di funzionamento, fare riferimento al manuale d’installazione del telecomando a fi lo.

Quindi inizierà il test di riscaldamento dopo pochi minuti se viene selezionato HEAT

(riscaldamento) tramite il telecomando [solo modelli a ciclo inverso].

8. ULTIMAZIONE

Installare il materiale di isolamento termico dopo essersi assicurati che non vi siano perdite di refrigerante (per informazioni dettagliate, fare riferimento al manuale d'installazione dell'unità esterna).

Isolamento termico accoppiatore

ATTENZIONE

• Eseguire quanto descritto nella presente parte dopo essersi assicurati che non vi siano perdite di gas (consultare il Manuale d'installazione dell'unità esterna).

• Installare l'isolamento termico sia intorno al tubo più grande (gas) che intorno a quello più piccolo (liquido). In caso contrario possono prodursi perdite d'acqua.

• Disporre l'isolamento termico accoppiatore (accessori) intorno al tubo del gas ed al tubo del liquido sull'unità interna.

• Dopo aver installato l'isolamento termico accoppiatore, avvolgere entrambe le estremità di nastro in vinile in modo che non vi siano aperture.

• Dopo aver posizionato l'isolamento termico accoppiatore, fi ssarlo con 2 fascette

(grandi, accessori), uno su ogni lato dell'isolamento.

• Fare in modo che le fascette siano sovrapposti al tubo con l'isolamento termico.

Isolamento termico accoppiatore

(accessori)

Ricoprire questa parte con isolante termico.

Fascetta serracavi

(grandi, accessori)

Isolamento termico

Illustrare al cliente quanto segue, in conformità con il manuale di istruzioni:

(1) Metodo di avvio e arresto, cambio modalità operativa, regolazione temperatura, timer, attivazione/disattivazione fl usso d'aria e altre operazioni del telecomando.

(2) Pulizia e manutenzione del prodotto e di altri elementi quali fi ltri dell'aria e alette dell'aria se applicabili.

(3) Consegnare al cliente il manuale di istruzioni e il manuale di installazione.

(4) In caso di modi fi ca del codice personalizzato dell'unità interna, e se l'installazione comprende un telecomando senza fi li, informare il cliente della modi fi ca del codice. (Su alcuni telecomandi senza fi lo, il codice personalizzato potrebbe tornare ad A quando vengono sostituite le batterie).

10. CODICI DI ERRORE

Se si utilizza un telecomando senza fi li, la spia dell'unità fotorilevatore emetterà i codici di errore con diverse modalità di lampeggiamento. Se si utilizza un telecomando a fi lo, i codici di errore appariranno sul display del telecomando. Per le modalità di lampeggiamento ed i codici di errore, fare riferimento alla tabella. Un errore viene visualizzato solo durante il funzionamento.

TO

Visualizzazione errori

Spia FUN-

ZIONAMEN-

(verde)

Spia

TIMER

(arancione)

Spia RI-

SPARMIO

ENERGE-

TICO

(verde)

(1)

(1)

Codici di errore

Descrizione

Errore di comunicazione seriale

(1)

(1)

(1)

(1)

(2)

(5)

(6)

(8)

• Errore di comunicazione del telecomando a fi lo

• Errore di comunicazione server controllo ambiente

Controllare ciclo incompleto

Errore regolazione automatica del flusso dell'aria

Errore connessione scheda di trasmissione unità periferica

Errore di comunicazione esterna

(2)

(2)

(2)

(1)

(2)

(3)

Errore di impostazione del numero di unità o dell'indirizzo del circuito refrigerante [Simultaneo gruppi multipli]

Errore di capacità dell'unità interna

Errore combinazione

(2)

(2)

(2)

(2)

(3)

(4)

(6)

(7)

(9)

(1)

• Errore numero unità collegate

(unità secondaria interna)

[Simultaneo gruppi multipli]

• Errore numero unità collegate

(unità interna o unità di derivazione) [Flessibile gruppi multipli]

Errore di impostazione dell'indirizzo dell'unità interna

Errore impostazione unità principale, unità secondaria

[Simultaneo gruppi multipli]

Errore di collegamento numero di unità in sistema con telecomando a filo

Errore interruzione alimentazione

(3)

(3)

(3)

(3)

(3)

(4)

(4)

(4)

(2)

(3)

(5)

(9)

(10)

(1)

(2)

(4)

Errore informazione modello scheda a circuiti stampati unità interna

Errore rilevamento consumo elettrico motore unità interna

Errore interruttore manuale automatico

Errore alimentazione unità interna del motore del ventilatore

Errore circuito di comunicazione unità interna (telecomando a filo)

Errore del sensore temp. ambiente

Errore sensore temp. media scamb. di calore unità interna

Errore sensore volumetrico

(5)

(5)

(1)

(3)

Errore motore del ventilatore unità interna

Errore pompa di drenaggio

(5)

(4)

Errore inversione filtro dell'aria elettrico VDD

It-19

TO

Visualizzazione errori

Spia FUN-

ZIONAMEN-

(verde)

Spia

TIMER

(arancione)

Spia RI-

SPARMIO

ENERGE-

TICO

(verde)

(5)

(5)

(5)

(7)

Codici di errore

Descrizione

Errore impostazione filtro

Errore fine corsa

(5)

(8)

Errore griglia di aspirazione

(5)

(5)

(9)

(10)

Errore motore 2 del ventilatore unità interna

(Ventilatore lato sinistro)

Errore motore 3 del ventilatore unità interna

(Ventilatore lato destro)

Errore unità interna

(5)

(6)

(15)

(1)

(6)

(2)

Fase inversa/mancante unità esterna ed errore di collegamento

Errore informazione modello scheda a circuiti stampati principale unità esterna o errore di comunicazione

Errore inverter

(6)

(6)

(6)

(3)

(4)

(5)

Errore filtro attivo, errore circuito scheda PFC

Errore intervento terminale a L

(6)

(6)

(7)

(7)

(7)

(8)

(10)

(1)

(2)

(3)

Errore aumento di temp. del sensore di limitazione degli sbalzi di corrente dell'unità esterna

Errore di comunicazione microcomputer scheda a circuiti stampati display

Errore del sensore temp. di emissione

Errore sensore temp. compressore

Errore sensore temp. liquido scamb. di calore unità esterna

Errore sensore temp. esterna

(7)

(7)

(4)

(5)

(7)

(7)

(8)

(6)

(7)

(2)

Errore del sensore di temp. gas di aspirazione

• Errore sensore temp. valvola a 2 vie

• Errore sensore temp. valvola a 3 vie

Errore sensore di temp. dissipatore di calore

• Errore del sensore di temp. ingr. gas scambiatore di calore sottoraffreddamento

• Errore del sensore di temp. uscita gas scambiatore di calore sottoraffreddamento

Errore sensore temp. tubo liquido

(8)

(8)

(3)

(4)

Errore sensore di corrente

(8)

(9)

(6)

(4)

• Errore sensore di pressione di emissione

• Errore sensore di pressione di aspirazione

• Errore interruttore alta pressione

Rilevamento scatto

TO

Visualizzazione errori

Spia FUN-

ZIONAMEN-

(verde)

Spia

TIMER

(arancione)

Spia RI-

SPARMIO

ENERGE-

TICO

(verde)

Codici di errore

Descrizione

(9)

(9)

(9)

(5)

(7)

(8)

Errore rilevamento posizione rotore compressore (arresto permanente)

Errore motore 1 del ventilatore unità esterna

Errore motore 2 del ventilatore unità esterna

Errore valvola a 4 vie

(9)

(9)

(9)

(10)

Errore bobina (valvola di espansione)

Errore temp. di emissione

(10)

(1)

(10)

(3)

Errore temp. compressore

(10)

(4)

Errore alta pressione

(10)

(5)

Errore bassa pressione

(13)

(2)

Errore scatole di derivazione

[Flessibile gruppi multipli]

Modalità di visualizzazione

: 0,5 sec. ACCESA / 0,5 sec. SPENTA

: 0,1 sec. ACCESA / 0,1 sec. SPENTA

( ) : Numero di lampeggiamenti

It-20

annuncio pubblicitario

Manuali correlati