Eurotherm Epack EtherCAT 1PH Power Controller User guide

Eurotherm Epack EtherCAT 1PH Power Controller User guide
Regolatore di potenza SCR compatto
Corrente Monofase opzione EtherCAT
HA033412ITA Edizione 01
04/2019
Corrente
2
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Informazioni legali
Nella presente documentazione vengono fornite le descrizioni generali e/o le
caratteristiche tecniche delle prestazioni dei prodotti ivi contenuti. La presente
documentazione non sostituisce e non deve essere utilizzata per determinare
l'idoneità o l'affidabilità di questi prodotti per applicazioni specifiche dell'utente.
È dovere di qualsiasi utente o integratore eseguire un'appropriata e completa
analisi dei rischi, una valutazione e un test dei prodotti per quanto riguarda
l'applicazione specifica pertinente o il suo uso. Eurotherm Limited, Schneider
Electric o qualsivoglia delle loro affiliate o consociate non è responsabile per
l'uso improprio delle informazioni contenute nel presente documento.
In caso di suggerimenti per miglioramenti o modifiche o nel caso in cui siano stati
riscontrati degli errori nella presente pubblicazione, si prega di comunicarlo.
L'utente accetta di non riprodurre, tranne che per il proprio uso personale e non
commerciale, il presente documento, in toto o in parte, su qualsiasi supporto di
qualsiasi tipo senza l'autorizzazione scritta di Eurotherm Limited. L'utente accetta
inoltre di non impostare collegamenti ipertestuali al presente documento o al suo
contenuto. Eurotherm Limited non concede alcun diritto né alcuna licenza per l'uso
personale e non commerciale del presente documento o del suo contenuto, fatta
eccezione per una licenza non esclusiva di consultazione "così com'è", a proprio
rischio. Tutti gli altri diritti sono riservati.
Quando si installa e si utilizza il presente prodotto, è necessario osservare tutte le
norme di sicurezza nazionali, regionali e locali pertinenti. Per motivi di sicurezza
e per contribuire a garantire la conformità con i dati di sistema documentati, la
riparazione dei componenti deve essere effettuata esclusivamente dal produttore.
Quando vengono utilizzati dispositivi per applicazioni con requisiti di sicurezza
tecnica, è necessario attenersi alle relative istruzioni.
Il mancato utilizzo con i nostri prodotti hardware del software Eurotherm Limited o
di un software approvato può provocare lesioni, pericolo o funzionamento improprio.
La mancata osservanza delle presenti informazioni potrà causare lesioni o danni
all'attrezzatura.
Eurotherm, EurothermSuite, ECAT, EFit, EPack, EPower, Eycon, Eyris, Chessell,
Mini8, nanodac, optivis, piccolo e versadac sono marchi di fabbrica di Eurotherm
Limited SE, delle sue aziende consociate e affiliate. Tutti gli altri marchi di fabbrica
sono di proprietà dei rispettivi titolari.
© 2019 Eurotherm Limited. Tutti i diritti riservati.
EtherCAT® è un marchio registrato e una tecnologia brevettata, concessa in
licenza da Beckhoff Automation GmbH, Germania.
TwinCAT® è un marchio registrato e concesso in licenza di Beckhoff
Automation GmbH.
HA033412ITA Edizione 01
3
Indice
Corrente
Indice
Indice .................................................................................................4
Informazioni sulla sicurezza .............................................................10
Informazioni importanti............................................................................... 10
Indicazioni di sicurezza ....................................................................11
Uso ragionevole e responsabilità............................................................... 14
SELV ................................................................................................................ 14
Simboli utilizzati sulle etichette dello strumento ............................................... 15
Sostanze pericolose......................................................................................... 15
Sicurezza informatica....................................................................................... 16
Introduzione ............................................................................................... 16
Buone pratiche in materia di sicurezza informatica ................................... 16
Porte e canali di comunicazione disabilitati per impostazione predefinita . 16
Porte e canali di comunicazione disabilitati per impostazione predefinita . 17
Introduzione .....................................................................................19
Disimballaggio dell'unità................................................................................... 19
Codice ordine ................................................................................................... 20
Codifica del prodotto base ......................................................................... 21
Opzioni di aggiornamento software ........................................................... 22
Installazione .....................................................................................24
Installazione meccanica ................................................................................... 24
Dati di montaggio ....................................................................................... 24
Requisiti per l'installazione meccanica....................................................... 26
Dimensioni dello spazio una volta montato................................................ 27
Montaggio a pannello .......................................................................... 27
Montaggio su guida DIN ...................................................................... 29
Dimensioni ................................................................................................. 30
Dimensioni delle unità da 16 A a 32 A.................................................. 30
Dimensioni delle unità da 40 A a 63 A.................................................. 31
Dimensioni delle unità da 80 A a 100 A................................................ 32
Dimensioni delle unità da 125 A........................................................... 33
Collegamenti elettrici........................................................................................ 34
Dettagli sul collegamento........................................................................... 35
Alimentazione ausiliaria ............................................................................. 39
Alimentazione ausiliaria da 24 V ca/cc ................................................ 39
Alimentazione ausiliaria da 85 a 550 V ca ........................................... 39
Collegamenti (alimentazione e carico)....................................................... 41
Cablaggio del segnale ............................................................................... 46
Abilitazione accensione ....................................................................... 46
Uscita relè ............................................................................................ 46
Dettagli di ingressi e uscite I/O ............................................................ 48
Comunicazioni di rete (EtherCAT) ............................................................. 49
Presentazione ...................................................................................... 49
Comunicazioni EtherCAT..................................................................... 49
Indicatore di stato EtherCAT ................................................................ 50
Selettori ID dispositivo esplicito EtherCAT........................................... 51
Dati di contatto dei portafusibili (codice HSM di ordinazione dei fusibili)52
Interfaccia operatore ........................................................................55
Display ............................................................................................................. 55
Area di stato............................................................................................... 55
Icone softkey.............................................................................................. 56
Pulsanti ............................................................................................................ 57
Funzioni dei pulsanti .................................................................................. 57
Selezione dei valori delle voci di menu ...................................................... 57
4
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Indice
Indicazione di eventi sul pannello anteriore ..................................................... 58
Eventi dello strumento ............................................................................... 58
Allarmi di indicazione ................................................................................. 58
Allarmi di sistema....................................................................................... 58
Allarmi di processo..................................................................................... 58
Quick Code ...................................................................................59
Descrizione dei parametri del menu Quick Code (Codice rapido) ................... 61
Definizioni delle modalità di accensione .................................................... 63
Logica .................................................................................................. 63
Accensione fissa a treno di impulsi...................................................... 63
Accensione variabile a treno di impulsi................................................ 64
Controllo ad angolo di fase .................................................................. 64
Modalità A mezzo periodo intelligente (IHC) ........................................ 64
Ciclo operativo al 50% ......................................................................... 65
Ciclo operativo al 33% ......................................................................... 65
Ciclo operativo al 66% ......................................................................... 65
Tipo di feedback......................................................................................... 66
Modalità di trasferimento............................................................................ 66
Funzioni di limitazione................................................................................ 66
Limite angolo di accensione (in modalità Angolo di fase) .................... 67
Limite angolo di accensione (in modalità A treno di impulsi) ............... 67
Limite ciclo operativo(in modalità A treno di impulsi) ........................... 67
Definizione di Chop-off......................................................................... 68
Comunicazioni .................................................................................69
Supporto Field Device Tool (FDT) e Device Type Manager (DTM).................. 69
Modbus ............................................................................................................ 71
Presentazione ............................................................................................ 71
Fondamenti del protocollo.......................................................................... 71
Risoluzione parametro ............................................................................... 72
Lettura di numeri grandi ............................................................................. 73
Periodo di wait ........................................................................................... 73
Latenza ...................................................................................................... 73
Parametri della modalità di configurazione (EtherCAT) ............................. 73
Argomenti avanzati Modbus............................................................................. 74
Accesso a dati di temporizzazione e a dati di floating point a risoluzione piena
74
Tipi di dati utilizzati nelle unità EPack Power Controller ............................ 75
Parametri enumerati, Status Word e interi ................................................. 75
Parametri di floating point .......................................................................... 75
Parametri di tipo temporale........................................................................ 76
EtherCAT® .......................................................................................77
Descrizione ...................................................................................................... 77
Gestione del prodotto dallo strumento di configurazione EtherCAT .......... 78
Avvio immediato......................................................................................... 78
Ethernet over EtherCAT (EoE) ......................................................................... 79
Accesso a EPack da una piattaforma master ...................................... 79
Accesso a EPack da un PC remoto..................................................... 81
Interfaccia iTools con EoE ................................................................... 82
Accesso ai file su EtherCAT (FoE) ................................................................... 82
Panoramica di FoE .................................................................................... 82
Aggiornamento firmware............................................................................ 83
Caricamento/scaricamento della configurazione ....................................... 84
Caricamento ........................................................................................ 84
Download ............................................................................................. 85
Dizionario oggetti di EPack .............................................................................. 86
Area comunicazione .................................................................................. 86
Area mappatura oggetto dati di processo .................................................. 87
Area oggetto sincronizzazione................................................................... 89
Area oggetto del modulo............................................................................ 91
Dati in ingresso .................................................................................... 91
HA033412ITA Edizione 01
5
Indice
Corrente
Dati in uscita .............................................................................................. 93
Area oggetto del dispositivo....................................................................... 96
Dati di processo ..............................................................................................110
Mappatura.................................................................................................110
Sincronizzazione.......................................................................................112
Protocollo di applicazione CAN su EtherCAT (CoE) .......................................113
Configurazione progetto TwinCAT...................................................................114
Configurazione dal pannello frontale .............................................119
Pagine del menu ............................................................................................ 120
Menu EoE Comms (Comunicazioni EoE) ................................................ 120
Menu Meas (Misurazione) ....................................................................... 121
Menu Regola (Adjust) .............................................................................. 122
Menu Info ................................................................................................. 125
Menu Alarms (Allarmi).............................................................................. 126
Menu Alm Disable (Disattivazione allarme) ............................................. 127
Menu Alm Latch (Ritenuta allarme).......................................................... 128
Menu Alm Stop (Arresto allarme)............................................................. 129
Menu Alm Relay (Allarme relè) ................................................................ 130
Menu DI Stat (Stato DI)............................................................................ 131
Menu ECAT ID ......................................................................................... 131
Menu PLF Adjust...................................................................................... 131
Accesso alla sicurezza OEM ............................................................. 131
Configurazione con iTools ..............................................................133
Introduzione ................................................................................................... 133
Presentazione .......................................................................................... 133
Menu di accesso ............................................................................................ 134
Configurazione degli allarmi........................................................................... 135
Configurazione di controllo............................................................................. 137
Menu di configurazione di controllo ......................................................... 138
Parametri ........................................................................................... 138
Menu principale di controllo ..................................................................... 139
Parametri ........................................................................................... 139
Configurazione del limite di controllo ....................................................... 140
Parametri ........................................................................................... 140
Menu di diagnostica di controllo............................................................... 141
Parametri ........................................................................................... 141
Menu di disattivazione dell'allarme di controllo ....................................... 141
Parametri ........................................................................................... 141
Parametridi rilevamento dell'allarme di controllo ..................................... 142
Parametri ........................................................................................... 142
Parametri di segnalazione dell'allarme di controllo .................................. 142
Parametri ........................................................................................... 142
Parametri di controllo dell'allarme di ritenuta .......................................... 143
Parametri ........................................................................................... 143
Parametri di controllo riconoscimento allarme ....................................... 143
Parametri ........................................................................................... 143
Parametri di controllo allarme di arresto .................................................. 144
Parametri ........................................................................................... 144
AlmRelay, Relè allarme di controllo ......................................................... 144
Parametri ........................................................................................... 144
Configurazione contatore ............................................................................... 145
Parametri ........................................................................................... 145
Contatori a cascata .................................................................................. 146
Configurazione dei consumi energetici .......................................................... 147
Parametri ........................................................................................... 147
Risoluzione .............................................................................................. 148
Menu di rilevamento guasti ............................................................................ 149
Parametri ........................................................................................... 149
Menu di uscita di accensione ......................................................................... 151
Esempi ..................................................................................................... 152
Rampe di sicurezza, Avvio graduale e Attivazione ritardata, tipi di
6
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Indice
accensione......................................................................................... 152
Configurazione di ingressi/uscite (IO) ............................................................ 153
Configurazione degli ingressi analogici.................................................... 154
Ai Main ............................................................................................... 154
AlmDis ............................................................................................... 155
AlmDet ............................................................................................... 155
AlmSig ............................................................................................... 155
AlmLat................................................................................................ 155
AlmAck............................................................................................... 155
AlmStop ............................................................................................. 156
AlmRelay ........................................................................................... 156
Configurazione degli ingressi digitali........................................................ 157
Parametri ........................................................................................... 157
Stato relè.................................................................................................. 158
Parametri ........................................................................................... 158
Menu di configurazione dello strumento ........................................................ 159
Configurazione del display strumento...................................................... 159
Parametri ........................................................................................... 159
Configurazione dello strumento ............................................................... 160
Parametri ........................................................................................... 160
Opzioni di configurazione dello strumento ............................................... 161
Parametri ........................................................................................... 161
Fattore di scala ........................................................................................ 162
Esempio SetProv ............................................................................... 162
Configurazione del monitor IP ....................................................................... 163
Parametri ................................................................................................. 163
Menu Lgc2 (operatore logico a due ingressi) ................................................ 164
Parametri Lgc2......................................................................................... 164
Configurazione Lgc8 (operatore logico a otto ingressi).................................. 166
Parametri ................................................................................................. 166
Schema LGC8 ......................................................................................... 167
Tabella di decodifica delle uscite di inversione ........................................ 168
Linearizzazione di ingresso LIN16 ................................................................. 169
Compensazione in caso di non linearità del sensore............................... 170
Parametri di linearizzazione di ingresso .................................................. 171
Menu delle funzioni matematiche 2................................................................ 173
Parametri di Math2................................................................................... 173
Configurazione del modulatore ...................................................................... 176
Parametri del modulatore......................................................................... 176
Configurazione della rete ............................................................................... 177
Menu di misurazione di rete..................................................................... 178
Parametri ........................................................................................... 178
Configurazione della rete ........................................................................ 180
Parametri ........................................................................................... 180
Allarmi di rete .......................................................................................... 182
AlmDis ............................................................................................... 182
Sottomenu AlmDet rete ..................................................................... 182
Sottomenu AlmSig rete ...................................................................... 182
Sottomenu AlmLat rete ...................................................................... 182
Sottomenu AlmAck rete .................................................................... 183
Sottomenu AlmStop rete .................................................................... 183
Sottomenu Almrelay rete ................................................................... 183
Qcode............................................................................................................. 184
Parametri ................................................................................................. 184
Menu di configurazione Setprov..................................................................... 186
Parametri di provider setpoint .................................................................. 186
Configurazione del timer ................................................................................ 188
Parametri ................................................................................................. 188
Esempi di timer .................................................................................. 189
Configurazione del totalizzatore..................................................................... 190
Parametri ................................................................................................. 190
Menu di configurazione dei valori utente........................................................ 191
Parametri dei valori utente ....................................................................... 191
HA033412ITA Edizione 01
7
Indice
Corrente
Utilizzo di iTools .............................................................................193
Collegamento di iTools ................................................................................... 193
Rilevamento automatico .......................................................................... 193
Comunicazioni Ethernet (Modbus TCP) .................................................. 194
Editor del cablaggio grafico ........................................................................... 195
Barra degli strumenti................................................................................ 197
Dettagli sul funzionamento dell'editor cablaggio .................................... 197
Selezione dei componenti ................................................................. 197
Ordine di esecuzione dei blocchi ...................................................... 198
Blocchi funzione................................................................................. 198
Cablaggi............................................................................................. 201
Colori dei cavi ................................................................................... 203
Cablaggi spessi ................................................................................ 203
Commenti .......................................................................................... 203
Monitor .............................................................................................. 204
Download .......................................................................................... 205
Colori ................................................................................................. 206
Menu di contesto del diagramma ...................................................... 207
Composti ........................................................................................... 208
Tool tip ............................................................................................... 210
Explorer dei parametri ....................................................................................211
Dettaglio Explorer dei parametri .............................................................. 212
Strumenti di Explorer ............................................................................... 213
Menu di contesto...................................................................................... 213
Editor Watch/Recipe (Watch/Ricetta) ............................................................ 214
Creazione di un elenco di Watch ............................................................. 214
Aggiunta di parametri all'elenco di Watch .......................................... 214
Creazione di un insieme di dati ......................................................... 215
Icone Watch/Ricetta nella barra degli strumenti ...................................... 216
Menu di contesto di Watch/Ricetta........................................................... 216
Indirizzi parametri (Modbus) ..........................................................218
Introduzione ................................................................................................... 218
Tipi di parametri ............................................................................................. 218
Scala dei parametri ........................................................................................ 218
Elenco parametri ............................................................................................ 219
Allarmi ............................................................................................220
Monitoraggio globale del sistema................................................................... 220
Allarmi di sistema ........................................................................................... 221
Alimentazione assente............................................................................. 221
Corto circuito tiristore ............................................................................... 221
Sovratemperatura .................................................................................... 221
Cadute di rete ......................................................................................... 221
Errore frequenza di rete rilevato .............................................................. 221
Allarme di interruzione ............................................................................. 221
Allarmi di processo ........................................................................................ 222
Guasto totale di carico (TLF) .................................................................. 222
Allarme di ciclo chiuso ............................................................................. 222
Ingresso allarme ...................................................................................... 222
Rilevazione sovracorrente ....................................................................... 222
Indicazione sovratensione ....................................................................... 222
Indicazione sottotensione ........................................................................ 222
Guasto di carico parziale (PLF) ............................................................... 223
Allarmi di indicazione .................................................................................... 223
Trasferimento del valore di processo attivo ............................................. 223
Limitazione attiva ..................................................................................... 223
Sovracorrente di carico ............................................................................ 223
Manutenzione ................................................................................225
Precauzioni .................................................................................................... 225
Uso ragionevole e responsabilità............................................................. 225
8
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Indice
Manutenzione preventiva ............................................................................... 226
Fusibili ............................................................................................................ 227
Kit di contatti per portafusibili ............................................................. 229
Dimensioni dei portafusibili ...................................................................... 230
Fusibile di protezione dell'alimentazione ausiliaria ............................ 233
Aggiornamento dello strumento ..................................................................... 235
Aggiornamento di iTools........................................................................... 235
Aggiornamento del software .................................................................... 235
Ricezione di un codice via telefono ................................................... 235
Ricezione di un codice tramite iTools................................................. 236
Corrente Nota sulla licenza...................................................................... 237
Dati tecnici .....................................................................................238
Standard......................................................................................................... 238
Categorie di installazione......................................................................... 239
Dati tecnici...................................................................................................... 239
Potenza (a 45°C) ............................................................................... 239
Caratteristiche fisiche ........................................................................ 241
Ambiente............................................................................................ 241
Interfaccia operatore .......................................................................... 245
Ingressi/uscite .................................................................................... 245
Ingressi digitali .................................................................................. 246
Specifiche relé ................................................................................... 247
Dati dei kit di contatti per portafusibili ................................................ 247
Misure della rete di alimentazione ..................................................... 248
Comunicazioni ................................................................................... 248
HA033412ITA Edizione 01
9
Informazioni sulla sicurezza
Corrente
Informazioni sulla sicurezza
Informazioni importanti
Leggere attentamente le presenti istruzioni e osservare l'apparecchiatura per
prendere familiarità con il dispositivo prima di provare a installare, operare, riparare
o sottoporre a manutenzione il dispositivo. I seguenti messaggi speciali possono
essere riportati nel presente manuale o sull'apparecchiatura per indicare potenziali
pericoli o per richiamare l'attenzione su informazioni che spiegano o semplificano
una procedura.
L'aggiunta a un simbolo di "pericolo" o di "avviso" indica che sussiste
un pericolo elettrico che causerà lesioni fisiche in caso di mancata
osservanza delle istruzioni.
Questo è il simbolo di avviso sulla sicurezza. Viene utilizzato per
avvisare di un potenziale pericolo di lesioni fisiche. Osservare tutti
i messaggi di sicurezza che seguono questo simbolo per evitare per
evitare potenziali lesioni o decesso.
W PERICOLO
PERICOLO indica una situazione pericolosa che, se non evitata, causerà
decesso o gravi lesioni.
W AVVERTENZA
AVVISO indica una situazione pericolosa che, se non evitata, potrebbe causare
decesso o gravi lesioni.
W ATTENZIONE
ATTENZIONE indica una situazione pericolosa che, se non evitata, potrebbe
causare lesioni minori o moderate.
AVVISO
AVVISO è utilizzato per indicare pratiche non relative a lesioni fisiche.
10
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Indicazioni di sicurezza
Indicazioni di sicurezza
W
PERICOLO
PERICOLO DI SCOSSA ELETTRICA, DI ESPLOSIONE O DI ARCO ELETTRICO
•
Indossare idonei dispositivi di protezione individuale (DPI) e seguire pratiche di lavoro sicuro per quanto riguarda gli
interventi elettrici. Vedere gli standard nazionali applicabili, ad es. NFPA70E, CSA Z462, BS 7671, NFC 18-510.
•
Questa apparecchiatura deve essere installata e sottoposta a manutenzione solo da elettricisti qualificati.
•
Per l'installazione e la manutenzione fare riferimento al manuale.
•
Il prodotto non è idoneo per applicazioni di isolamento, secondo quanto previsto dalla norma EN60947-1.
Prima di iniziare a operare sui carichi dell'apparecchiatura, scollegare l'alimentazione.
•
Prima di iniziare a operare sull'apparecchiatura, scollegare l'alimentazione.
•
Utilizzare sempre un idoneo dispositivo di rilevamento della tensione nominale per accertarsi che
l'apparecchio non sia alimentato.
•
Se alla consegna l'unità o qualsiasi parte interna è danneggiata, non installare il prodotto, ma contattare il fornitore.
•
Non smontare, riparare o modificare l'apparecchiatura. In caso di guasto contattare il fornitore.
•
Installare, collegare e utilizzare il prodotto in conformità agli standard vigenti e/o ai regolamenti sull'installazione.
•
Non superare i valori nominali del dispositivo.
•
L'unità deve essere installata in un quadro o armadio collegato alla messa a terra di protezione.
•
L'armadio in cui è montato il prodotto deve essere isolato dall'inquinamento conduttivo elettrico.
•
Evitare che qualsivoglia sostanza od oggetto penetri all'interno del prodotto attraverso le aperture sulla custodia.
•
Prima di effettuare altre connessioni, collegare un conduttore protettivo al terminale di terra protettivo.
•
Il conduttore protettivo deve essere dimensionato in conformità ai requisiti normativi locali e nazionali.
•
Serrare tutti i collegamenti in conformità alla coppia specificata. Effettuare ispezioni periodiche.
•
I fusibili extrarapidi (fusibili supplementari oltre al dispositivo di protezione del circuito derivato), elencati
nella sezione relativa ai fusibili, sono obbligatori per proteggere EPack da cortocircuito del carico.
•
In caso di apertura del dispositivo di protezione del circuito derivato o dei fusibili extrarapidi (fusibili
supplementari), il prodotto deve essere esaminato da personale qualificato e sostituito se danneggiato.
•
Un fusibile extrarapido (fusibili supplementari oltre al dispositivo di protezione del circuito derivato) o un
doppio fusibile di protezione, elencati nella sezione relativa ai fusibili, è obbligatorio per proteggere la linea
di alimentazione ausiliaria da 85 V ca a 550 V ca.
•
In caso di apertura dei fusibili o del dispositivo di protezione del circuito derivato che alimenta la linea di
alimentazione ausiliaria da 85 V ca a 550 V ca, controllare per prima cosa il cablaggio. Se il cablaggio non
è danneggiato, non sostituire il fusibile e contattare il centro di assistenza locale del produttore.
•
La tensione massima tra un qualsiasi polo della linea di alimentazione ausiliaria da 85 V ca a 550 V ca e
tutti gli altri terminali deve essere inferiore a 550 V ca.
•
La "alimentazione ausiliaria a 24 V" è un circuito SELV. La tensione di alimentazione deve essere derivata
da un circuito SELV oppure PELV.
•
L'ingresso e uscita I/O e le porte di comunicazione sono un circuito SELV. Devono tutti essere collegati
a un circuito SELV oppure PELV.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o lesioni gravi.
HA033412ITA Edizione 01
11
Indicazioni di sicurezza
Corrente
W
PERICOLO
PERICOLO DI SCOSSA ELETTRICA, DI ESPLOSIONE O DI ARCO ELETTRICO
•
L'uscita relè e i contatti dei portafusibili sono conformi ai requisiti SELV; possono essere collegati a un circuito
SELV o PELV o a una tensione fino a 230 V (valore massimo della tensione nominale di esercizio per la
messa a terra: 230 V)
•
Assicurarsi che tutti i cavi e cablaggi siano ben fissati avvalendosi di un meccanismo serracavo idoneo.
•
Rispettare i requisiti degli impianti elettrici per garantire una classificazione IP ottimale.
•
Sostituire gli sportelli e collegare i terminali prima di accendere l'apparecchiatura.
•
Laddove sussistano pericoli per il personale e/ l'apparecchiatura, utilizzare idonei interblocchi di sicurezza.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o lesioni gravi.
W
PERICOLO
PERICOLO DI INCENDIO
•
La corrente nominale del prodotto deve essere maggiore o uguale al valore della corrente massima
del carico.
•
Con la funzione di limitazione della corrente tramite riduzione dell'angolo di fase, la corrente nominale del
prodotto deve essere maggiore o uguale alla corrente nominale del carico e alla funzione di limitazione
della corrente tramite riduzione dell'angolo di fase.
•
La funzione di limitazione della corrente tramite riduzione dell'angolo di fase non è disponibile con "Intelligent
Half Cycle" (IHC). La corrente nominale del prodotto deve essere selezionata in base alla corrente di punta.
•
Le funzionalità di limitazione della corrente del ciclo operativo (nella modalità a treno di impulsi) non limita il
valore della corrente di picco. La corrente nominale del prodotto deve essere selezionata in base al valore
della corrente di picco.
•
Questo prodotto non è dotato di protezione del circuito derivato; l'installatore deve aggiungere una protezione
del circuito derivato a monte dell'unità.
•
La protezione del circuito derivato deve essere selezionata a seconda della corrente massima in ciascuna
fase e deve essere regolata in conformità ai requisiti normativi locali e nazionali.
•
Collegamenti elettrici: Devono essere utilizzati esclusivamente cavi di rame intrecciato classificati a 90°C
nominali, la cui sezione deve essere selezionata in base al grado di protezione del circuito derivato.
•
I cavi utilizzati per collegare l'alimentazione ausiliaria e la tensione di riferimento di EPack devono essere
protetti da una protezione del circuito derivato. Tale protezione del circuito derivato deve essere conforme
ai requisiti normativi locali e nazionali.
•
Non è consentito collegare due conduttori allo stesso terminale: una parziale o totale perdita di collegamento
potrebbe generare un surriscaldamento dei terminali.
•
La lunghezza di spellatura dei conduttori deve essere conforme a quanto riportato nell'impianto elettrico.
•
Rispettare le prescrizioni d'installazione per consentire al dissipatore di dissipare energia.
•
Alla messa in servizio assicurarsi che in condizioni di carico massimo la temperatura ambiente del prodotto
non superi il limite riportato nel relativo manuale.
•
Il dissipatore deve essere pulito regolarmente. La periodicità dipende dall'ambiente locale, ma non deve
superare l'anno.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o lesioni gravi.
12
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Indicazioni di sicurezza
W AVVERTENZA
UTILIZZO IMPROPRIO DELL'APPARECCHIATURA
•
Non utilizzare il prodotto per applicazioni di controllo critico o di protezione
nel caso in cui la sicurezza delle persone o dell'attrezzatura si basi sul
funzionamento del circuito di controllo.
•
I cablaggi dei cavi di alimentazione e di segnale devono essere tenuti separati
tra di loro. Laddove non praticabile, tutti i cavi devono essere classificati alla
tensione di alimentazione nominale, mentre per il cablaggio dei segnali sono
consigliati cavi schermati.
•
Questo prodotto è stato progettato per ambienti di categoria A (industriale).
L'uso di questo prodotto in ambienti di categoria B (domestico, commerciale
e industriale leggero) può provocare disturbi elettromagnetici indesiderati.
In questo caso può essere richiesta l'adozione di misure di protezione
adeguate da parte dell'installatore.
•
Per la compatibilità elettromagnetica, il pannello o la guida DIN a cui il
prodotto è collegato deve essere dotato/a di corretta messa a terra.
•
Adottare tutte le precauzioni contro le scariche elettrostatiche prima di
manipolare l'unità.
•
La corrente nominale del prodotto deve essere impostata tra il 25% e il 100%
della corrente massima.
•
Alla messa in servizio, assicurarsi della solidità della sicurezza informatica
dell'impianto.
La mancata osservanza di queste istruzioni potrà causare decesso, lesioni
gravi o danni all'attrezzatura.
W ATTENZIONE
SUPERFICIE CALDA - RISCHIO DI USTIONI
•
Far raffreddare il dissipatore prima di procedere alla manutenzione.
•
Non conservare parti infiammabili o sensibili al calore nelle immediate
vicinanze del dissipatore.
La mancata osservanza di queste istruzioni potrà causare lesioni o danni
all'attrezzatura.
HA033412ITA Edizione 01
13
Indicazioni di sicurezza
Corrente
AVVISO
UTILIZZO IMPROPRIO DELL'APPARECCHIATURA
•
I regolatori EtherCAT slave rifletteranno tutti i frame sulla rete, pertanto non
dovrebbero essere collegati a una rete di ufficio poiché ciò potrebbe portare
a un broadcast storm.
•
La comunicazione EtherCAT non è disponibile come opzione di aggiornamento
software. Se è necessario EtherCAT, ordinare il prodotto con la comunicazione
EtherCAT.
•
Il protocollo PROFINET e il protocollo Ethernet/IP non sono disponibili come
opzione di aggiornamento software su un prodotto con comunicazione
EtherCAT. Non ordinare la comunicazione EtherCAT nel caso siano
necessari il protocollo PROFINET e il protocollo Ethernet/IP.
•
La memoria non volatile non deve essere accessibile in modalità scrittura per
più di 10.000 volte durante l'intero ciclo di vita del prodotto.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare un mancato
funzionamento dell'attrezzatura.
Uso ragionevole e responsabilità
Le informazioni contenute in questo manuale sono soggette a variazioni senza
preavviso. Pur avendo cercato di assicurare la massima precisione delle informazioni
fornite, il fornitore declina ogni responsabilità per eventuali errori contenuti nel
presente manuale.
EPack è un "AC semiconductor controller for non-motor loads" progettato secondo
le norme IEC60947-4-3 e UL60947-4-1 e conformemente ai requisiti delle direttive
europee sulla bassa tensione e sulla compatibilità elettromagnetica, che riguardano
gli aspetti relativi alla sicurezza e alla compatibilità elettromagnetica.
L'utilizzo in altre applicazioni o l'inosservanza delle istruzioni d'installazione del
presente manuale possono compromettere la sicurezza o la EMC.
La sicurezza e la compatibilità elettromagnetica di qualsiasi sistema incorporato
nel prodotto è responsabilità dell'assemblatore/installatore del sistema.
Il mancato utilizzo di software/hardware approvati con i nostri prodotti hardware
può provocare lesioni, pericolo o funzionamento improprio
Eurotherm non può essere ritenuta responsabile per danni, lesioni, perdite o
spese causate da un utilizzo scorretto del prodotto (EPack) o dalla mancata
osservanza delle presenti istruzioni.
SELV
Il sistema SELV è definito (in IEC60947-1) come un circuito elettrico nel quale la
tensione non può superare la tensione "ELV" alle normali condizioni di impiego o in
condizioni di guasto singolo, inclusi guasti di terra in altri circuiti. La definizione di
ELV è complessa in quanto dipende da diversi fattori quali l'ambiente, la frequenza
del segnale e così via. Vedere IEC 61140 per ulteriori dettagli.
Il connettore I/O (5 vie) e l'alimentazione ausiliaria (24 Vca/dc, 2 vie) sono conformi
ai requisiti SELV.
L'uscita del relè di allarme è conforme ai requisiti SELV; può essere collegata a SELV
o a una tensione fino a 230 V (tensione nominale di isolamento Ui: 230 V).
14
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Indicazioni di sicurezza
Simboli utilizzati sulle etichette dello strumento
Uno o più dei simboli seguenti possono essere riportati sulle etichette dello
strumento.
Terminale conduttore protettivo.
Solo alimentazione ca
Rischio di scossa elettrica
Adottare le opportune precauzioni contro
le scariche elettrostatiche durante l'utilizzo
dell'unità.
Marchio di Underwriters
laboratories per il Canada
e gli USA.
Non toccare la superficie calda
del dissipatore
Marchio CE. Indica la conformità con le
Direttive e gli standard europei pertinenti
Certificato di conformità EAC
(EurAsian Conformity)
Marchio RCM per l'Autorità australiana
per i media e le comunicazioni.
Consultare il manuale per le istruzioni.
Sostanze pericolose
Questo prodotto è conforme alle direttive Restriction of Hazardous Substances
(RoHS) (con deroghe) e Registration, Evaluation, Authorisation and Restriction
of Chemicals (REACH) dell'UE.
Le deroghe al RoHS applicate a questo prodotto riguardano l'uso di piombo.
La normativa China RoHS non include deroghe e pertanto il piombo viene
dichiarato presente nella dichiarazione China RoHS.
La legge californiana richiede la seguente nota:
WATTENZIONE: Il presente prodotto può generare esposizione a sostanze chimiche
inclusi piombo e composti a base di piombo considerati dallo Stato della California in
grado di provocare cancro, difetti alla nascita o danni agli organi riproduttivi. Per
maggiori informazioni visitare: http://www.P65Warnings.ca.gov
HA033412ITA Edizione 01
15
Indicazioni di sicurezza
Corrente
Sicurezza informatica
Introduzione
Se i regolatori EPack vengono utilizzati in un ambiente industriale, è importante prendere
in considerazione la "sicurezza informatica": in altre parole, il progetto di installazione deve
essere tale da impedire accessi non autorizzati e pericolosi sia fisici (ad esempio tramite la
fascia frontale)che elettronici (tramite connessioni di rete e comunicazioni digitali).
AVVERTENZA
UTILIZZO IMPROPRIO DELL'APPARECCHIATURA
•
Alla messa in servizio, assicurarsi della solidità della sicurezza informatica
dell'impianto.
La mancata osservanza di queste istruzioni potrà causare decesso, lesioni
gravi o danni all'attrezzatura.
Per ridurre al minimo qualsiasi potenziale perdita di controllo durante le
comunicazioni in rete o quando controllato tramite un dispositivo di terza parte
(cioè un regolatore, PLC o strumento di configurazione), assicurarsi che l'hardware
del sistema, il software e il design di rete siano stati configurati e messi in servizio
in modo tale da garantire la sicurezza informatica massima.
Buone pratiche in materia di sicurezza informatica
La struttura generale di una rete non rientra nell'ambito del presente manuale.
La Guida sulle buone pratiche in materia di sicurezza informatica, codice HA032968
fornisce una panoramica sui principi da tenere in considerazione. La Guida è
disponibile all'indirizzo www.eurotherm.co.uk.
Generalmente, un regolatore industriale come il regolatore di potenza EPack
non deve essere collocato in una rete con accesso diretto a Internet pubblico.
Preferibilmente le buone pratiche comprendono il collocamento dei dispositivi in
un segmento di rete con firewall, separato da Internet ad accesso pubblico da
una cosiddetta "zona demilitarizzata" (ZDM).
Porte e canali di comunicazione disabilitati per impostazione predefinita
I regolatori EPack supportano la connettività Ethernet per impostazione predefinita
(vedere il capitolo Comunicazioni) incluso il protocollo di riconoscimento Bonjour™.
Bonjour™ è un'implementazione di Zeroconf e abilita il regolatore affinché venga
riconosciuto automaticamente dagli altri dispositivi nella rete senza il bisogno di
interventi manuali. Bonjour™ è rilasciato da Apple sotto licenza limitata.
Nota: Il prodotto EtherCAT supporta la connettività Ethernet over EtherCAT (EoE).
Per impostazione predefinita, sono aperte al traffico le seguenti porte di comunicazione:
Porta
16
Assistenza
5353
UDP
Zeroconf
502
TCP
ModbusTCP
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Indicazioni di sicurezza
Se è disponibile l'opzione Ethernet/IP (non disponibile sui prodotti EtherCAT), sono
aperte al traffico le seguenti porte di comunicazione aggiuntive:
Porta
Assistenza
2222
UDP
22112
UDP
44818
TCP
44818
UDP
Ethernet-IP-2
Se è disponibile l'opzione PROFINET (vedere "Comunicazioni" a pagina 69, non
disponibile sui prodotti EtherCAT), sono aperte al traffico le seguenti porte di
comunicazione aggiuntive:
Porta
Assistenza
34964
UDP
Profinet-cm
49152
UDP
Mappatore Profinet RPC
Porte e canali di comunicazione disabilitati per impostazione
predefinita
Per impostazione predefinita, le seguenti porte di comunicazione sono chiuse al
traffico. Tuttavia, possono essere temporaneamente aperte per operazioni come
l'aggiornamento del firmware:
Porta
Assistenza
80
TCP
http
69
UDP
tftp
Inoltre, se viene utilizzata la modalità DHCP (vedere "Comunicazioni" a pagina 69),
possono essere aperte le seguenti porte:
Porta
68
HA033412ITA Edizione 01
UDP
Assistenza
bootp
17
Indicazioni di sicurezza
18
Corrente
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Introduzione
Introduzione
Nel presente documento sono descritti l'installazione, il funzionamento e la
configurazione di un regolatore di potenza single phase Corrente con opzione
EtherCAT. L'unità comprende i seguenti ingressi e uscite analogici e digitali,
montati di serie:
•
Due ingressi digitali (chiusura di contatto o livello di tensione), di cui uno può
essere configurato come uscita utente da 10 V.
•
Un ingresso analogico.
•
Un relé di commutazione controllato da software, configurabile dall'utente.
•
È montata anche una coppia di connettori EtherCAT RJ45.
Nel capitolo Installazione sono riportati i dettagli sulle posizioni del connettore
e delle morsettiere.
L'interfaccia operatore è composta da un display quadrato TFT 1,44" e quattro
pulsanti per la navigazione e la selezione dei dati.
single phase Corrente è disponibile in quattro versioni con correnti di carico massime
di: 32 A, 63 A, 100 A e 125 A.
La tensione di alimentazione per le unità può essere specificata come bassa
tensione (24 V ca/cc) o tensione di linea (da 85 a 550 V ca). La scelta viene
effettuata al momento dell'ordine e non può essere modificata in loco.
Disimballaggio dell'unità
W PERICOLO
PERICOLO DI SCOSSA ELETTRICA, DI ESPLOSIONE O DI ARCO ELETTRICO
•
Se alla consegna l'unità o qualsiasi parte interna è danneggiata, non
installare il prodotto, ma contattare il fornitore.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o
lesioni gravi.
Le unità vengono spedite in una confezione appositamente concepita per offrire una
protezione adeguata durante il trasporto. Nel caso in cui le confezioni presentino
segni di danneggiamento, aprirle immediatamente ed esaminare lo strumento. In
caso di danni, non azionare lo strumento e contattare il rappresentante locale per
ulteriori indicazioni.
Dopo aver disimballato lo strumento, verificare che tutti gli accessori e la
documentazione siano stati rimossi dall'imballaggio. Conservare quindi
l'imballaggio per eventuali future esigenze di trasporto.
HA033412ITA Edizione 01
19
Introduzione
Corrente
Codice ordine
Il regolatore di potenza Corrente viene ordinato tramite un codice breve per
l'hardware e un codice delle opzioni software a pagamento.
W
PERICOLO
PERICOLO DI INCENDIO
•
La corrente nominale del prodotto deve essere maggiore o uguale al valore
della corrente massima del carico.
La mancata osservanza di queste istruzioni potrà causare decesso, lesioni
gravi o danni all'attrezzatura.
Calcolare la corrente massima del carico tenendo conto della tolleranza di carico
resistiva (tolleranza e variazione dovuta alla temperatura) e della tolleranza di tensione.
È possibile selezionare una funzione di limitazione della corrente tramite riduzione
dell'angolo di fase per limitare la corrente di picco del carico e ridurre la corrente
nominale del prodotto.
W
PERICOLO
PERICOLO DI INCENDIO
•
Con la funzione di limitazione della corrente tramite riduzione dell'angolo di
fase, la corrente nominale del prodotto deve essere maggiore o uguale alla
corrente nominale del carico e alla funzione di limitazione della corrente
tramite riduzione dell'angolo di fase.
La mancata osservanza di queste istruzioni potrà causare decesso, lesioni
gravi o danni all'attrezzatura.
AVVISO
UTILIZZO IMPROPRIO DELL'APPARECCHIATURA
•
La comunicazione EtherCAT non è disponibile come opzione di aggiornamento
software. Se è necessario EtherCAT, ordinare il prodotto con la comunicazione
EtherCAT.
•
Il protocollo PROFINET e il protocollo Ethernet/IP non sono disponibili come
opzione di aggiornamento software su un prodotto con comunicazione
EtherCAT. Non ordinare la comunicazione EtherCAT nel caso siano
necessari il protocollo PROFINET e il protocollo Ethernet/IP.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare un mancato
funzionamento dell'attrezzatura.
EPack supporta il protocollo Modbus/TCP indipendentemente dal protocollo di
comunicazione utilizzato.
EPack con protocollo di comunicazione EtherCAT supporta il protocollo Modbus/TCP
utilizzando Ethernet over EtherCAT (EoE).
Il protocollo PROFINET è disponibile come opzione di aggiornamento software su
un prodotto con protocollo di comunicazione Modbus TCP ed Ethernet/IP.
Il protocollo Ethernet/IP è disponibile come opzione di aggiornamento software su un
prodotto con protocollo di comunicazione Modbus TCP e protocollo PROFINET.
20
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Introduzione
Codifica del prodotto base
HA033412ITA Edizione 01
21
Introduzione
Corrente
Opzioni di aggiornamento software
AVVISO
UTILIZZO IMPROPRIO DELL'APPARECCHIATURA
•
La comunicazione EtherCAT non è disponibile come opzione di
aggiornamento software. Se è necessario EtherCAT, ordinare il prodotto
con la comunicazione EtherCAT.
•
Il protocollo PROFINET e il protocollo Ethernet/IP non sono disponibili
come opzione di aggiornamento software su un prodotto con comunicazione
EtherCAT. Non ordinare la comunicazione EtherCAT nel caso siano necessari
il protocollo PROFINET e il protocollo Ethernet/IP.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare un mancato
funzionamento dell'attrezzatura.
EPack supporta il protocollo Modbus/TCP indipendentemente dal protocollo di
comunicazione utilizzato.
EPack con protocollo di comunicazione EtherCAT supporta il protocollo Modbus/TCP
utilizzando Ethernet over EtherCAT (EoE).
22
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
HA033412ITA Edizione 01
Introduzione
23
Installazione
Corrente
Installazione
Installazione meccanica
Dati di montaggio
W
PERICOLO
PERICOLO DI SCOSSA ELETTRICA, DI ESPLOSIONE O DI ARCO ELETTRICO
•
Indossare idonei dispositivi di protezione individuale (DPI) e seguire pratiche
di lavoro sicuro per quanto riguarda gli interventi elettrici. Vedere gli standard
nazionali applicabili, ad es. NFPA70E, CSA Z462, BS 7671, NFC 18-510.
•
Questa apparecchiatura deve essere installata e sottoposta a manutenzione
solo da elettricisti qualificati.
•
Prima di iniziare a operare sull'apparecchiatura, scollegare l'alimentazione.
•
Utilizzare sempre un idoneo dispositivo di rilevamento della tensione nominale
per accertarsi che l'apparecchio non sia alimentato.
•
Se alla consegna l'unità o qualsiasi parte interna è danneggiata, non installare
il prodotto, ma contattare il fornitore.
•
Non smontare, riparare o modificare l'apparecchiatura. In caso di guasto
contattare il fornitore.
•
Installare, collegare e utilizzare il prodotto in conformità agli standard vigenti
e/o ai regolamenti sull'installazione.
•
Non superare i valori nominali del dispositivo.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o
lesioni gravi.
W
PERICOLO
PERICOLO DI SCOSSA ELETTRICA, DI ESPLOSIONE O DI ARCO ELETTRICO
•
L'unità deve essere installata in un quadro o armadio collegato alla messa
a terra di protezione.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o
lesioni gravi.
Note:
1. EC: la dimensione minima della messa a terra protettiva deve essere selezionata
in conformità alla norma IEC 60364-5-54 tabella 54.2 o IEC61439-1 tabella 5 o
altri standard nazionali applicabili.
2. U.L.: la dimensione minima della messa a terra protettiva deve essere
selezionata in conformità alla norma NEC tabella 250.122 o NFPA79
tabella 8.2.2.3 o altri standard nazionali applicabili.
24
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Installazione
W
PERICOLO
PERICOLO DI SCOSSA ELETTRICA, DI ESPLOSIONE O DI ARCO ELETTRICO
•
L'armadio in cui è montato il prodotto deve essere isolato dall'inquinamento
conduttivo elettrico.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o
lesioni gravi.
Note:
1. Il prodotto è stato progettato per un grado di emissioni 2 in conformità alla
definizione della norma IEC60947-1: Di norma, si evidenzia solamente un
inquinamento non conduttivo. Può occasionalmente accadere che si verifichi
una conduttività temporanea causata dalla condensa.
2.
L'armadio in cui è montato il prodotto deve essere isolato dall'inquinamento
conduttivo elettrico. Per assicurare un'atmosfera adatta in condizioni di inquinamento
conduttivo, installare adeguati sistemi di condizionamento/filtraggio/raffreddamento
dell'aria sulla presa d'aria dell'armadio, ad es. installare armadi raffreddati a ventola
con un rilevatore di guasto della ventola o un interruttore termico di sicurezza.
W
PERICOLO
PERICOLO DI SCOSSA ELETTRICA, DI ESPLOSIONE O DI ARCO ELETTRICO
•
Evitare che qualsivoglia sostanza od oggetto penetri all'interno del prodotto
attraverso le aperture sulla custodia.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o
lesioni gravi.
Nota: Le parti conduttive o non conduttive che entrano nel prodotto possono
ridurre o provocare il cortocircuito delle barriere di isolamento all'interno del prodotto.
.
W AVVERTENZA
UTILIZZO IMPROPRIO DELL'APPARECCHIATURA
•
Adottare tutte le precauzioni contro le scariche elettrostatiche prima di
manipolare l'unità.
La mancata osservanza di queste istruzioni potrà causare decesso, lesioni
gravi o danni all'attrezzatura.
HA033412ITA Edizione 01
25
Installazione
Corrente
Requisiti per l'installazione meccanica
W
PERICOLO
PERICOLO DI INCENDIO
•
Rispettare le prescrizioni d'installazione per consentire al dissipatore di
dissipare energia.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o
lesioni gravi.
Note:
1. Il prodotto è stato progettato per un montaggio verticale.
2. Eliminare eventuali ostruzioni (sopra o sotto) che potrebbero ridurre o impedire
il flusso dell'aria.
3. In presenza di più unità collocate all'interno di uno stesso armadio, il montaggio
deve essere effettuato in modo tale da evitare che l'aria proveniente da un'unità
venga aspirata da un'altra unità.
4. Tra due EPack dovrebbero essere lasciati almeno 10 mm di spazio.
5. Tra EPack e il supporto per cavi deve essere lasciato almeno lo spazio definito
nella tabella in Dimensioni dello spazio una volta montato.
W
PERICOLO
PERICOLO DI INCENDIO
•
Alla messa in servizio assicurarsi che in condizioni di carico massimo la
temperatura ambiente del prodotto non superi il limite riportato nel relativo
manuale.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o
lesioni gravi.
Note:
1. EPack è stato progettato per una temperatura massima di 45°C (113°F) a
1000 m (3281 ft) di altitudine alla corrente nominale e 40°C (104°F) a 2000 m
(6562 ft) di altitudine alla corrente nominale.
2. Alla messa in servizio assicurarsi che in condizioni di carico massimo la
temperatura ambiente all'interno dell'armadio non superi il limite.
W
PERICOLO
PERICOLO DI INCENDIO
•
Il dissipatore deve essere pulito regolarmente. La periodicità dipende
dall'ambiente locale, ma non deve superare l'anno.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o
lesioni gravi.
W ATTENZIONE
SUPERFICIE CALDA - RISCHIO DI USTIONI
26
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Installazione
W ATTENZIONE
•
Non conservare parti infiammabili o sensibili al calore nelle immediate
vicinanze del dissipatore.
La mancata osservanza di queste istruzioni potrà causare lesioni o danni
all'attrezzatura.
Dimensioni dello spazio una volta montato
Fase:
Ampere:
single phase
16 - 32 A
40 - 63 A
80 - 100 A
125 A
Tra supporto per cavi e
Corrente
70 (2,76)
100 (3,94)
150 (5,91)
150 (5,91)
Tra due supporti per cavi
270 (10,6)
330 (13)
475 (18,7)
475 (18,7)
Tra due Corrente affiancati
10 (0,39)
10 (0,39)
10 (0,39)
10 (0,39)
Dimensioni dello spazio
Corrente in mm (pollici):
Le figure da 4 a 7 mostrano le dimensioni delle varie unità.
Le unità sono concepite per il montaggio su guida DIN o a pannello con i dispositivi
di fissaggio forniti.
Montaggio a pannello
Unità da 32 A e 63 A
Per il montaggio a pannello inserire la veletta superiore "A" sul retro dell'unità
rimuovendo la vite "B" e la relativa rondella antivibrazione. Porre la veletta sull'unità e
fissarla utilizzando la vite "B" assicurandosi che la veletta sia orientata correttamente
(come indicato nella figura) e che la rondella antivibrazione sia posizionata tra la
testa della vite e la veletta stessa.
Utilizzare un cacciavite dotato di punta esagonale AF da 3 mm. La coppia consigliata
è 1,5 Nm (1.1 lb-ft).
A
B
Figura 1 Installazione delle velette superiori per montaggio a pannello
(unità da 32 A mostrata; unità da 63 A simile)
HA033412ITA Edizione 01
27
Installazione
Corrente
Unità da 80 A, 100 A e 125 A
Per il montaggio a pannello inserire la veletta superiore "A" sul retro dell'unità
rimuovendo le viti "B" e le relative rondelle antivibrazione. Porre la veletta sull'unità e
fissarla utilizzando le viti "B" assicurandosi che la veletta sia orientata correttamente
(come indicato nella figura) e che le rondelle antivibrazione siano posizionate tra la
testa della vite e la veletta stessa. Il cacciavite deve disporre di una punta esagonale
AF da 3 mm. La coppia consigliata è 1,5 Nm.
B
A
Figura 2 Montaggio a pannello di un'unità da 80 A/100 A mostrato (125 A simile)
28
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Installazione
Montaggio su guida DIN
Unità da 32 A e 63 A
Le unità da 32 A e da 63 A possono essere montate utilizzando una guida DIN
standard da 7,5 mm o da 15 mm, montata orizzontalmente..
Unità da 80 A, 100 A e 125 A
Queste unità a potenza maggiore possono essere montate utilizzando due guide DIN
orizzontali e parallele da 7,5 mm o da 15 mm, come mostrato sotto.
Guida DIN superiore
Guida DIN inferiore
Figura 3 Dati di montaggio delle guide DIN per le unità da 80 A, 100 A e 125 A
HA033412ITA Edizione 01
29
Installazione
Corrente
Dimensioni
Dimensioni delle unità da 16 A a 32 A
Non collegato
24V
AC/DC
Alimentazione Corrente (ausiliaria)
(mostrata opzione di tensione bassa)
N/L2
51mm (2.01 in)
Vista dal lato
superiore
46.7mm (1.84 in)
136.2mm (5.36 in)
174mm (6.85 in)
Vista da destra
147mm (5.79 in)
Linea dell'alimentazione
principale
117mm (4.61 in)
121mm (4.76 in)
163.5mm (6.44 in)
Vista frontale
129.2mm (5.09 in)
Tensione di riferimento
(Linea 2 o neutro)
M5
1 2 3 4 5
Connessione di messa a
terra protettiva (dado M5).
La connessione a terra
protettiva deve essere
eseguita utilizzando un
terminale capocorda ad
anello Liste.
Connettore I/O
04 01 02
Uscita relè
Vista dal
lato inferiore
Uscita alimentazione carico
Figura 4 Dati per l'installazione meccanica (unità da 16 A a 32 A).
30
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Installazione
Dimensioni delle unità da 40 A a 63 A
Non collegato
24V
AC/DC
Alimentazione Corrente
(ausiliaria) (mostrata
opzione di tensione
bassa)
Vista dal
lato superiore
N/L2
Tensione di riferimento
(Linea 2 o neutro)
Linea dell'alimentazione
principale
Vista da destra
Vista frontale
Connessione di messa a
terra protettiva (dado M5).
La connessione a terra
protettiva deve essere
eseguita utilizzando un
terminale capocorda ad
anello Listed.
Connettore I/O
Vista dal
lato inferiore
Uscita relè
Uscita alimentazione carico
Figura 5 Dati per l'installazione meccanica (unità da 40 A a 63 A)
HA033412ITA Edizione 01
31
Installazione
Corrente
Dimensioni delle unità da 80 A a 100 A
Alimentazione Corrente (ausiliaria)
(mostrata opzione di tensione bassa)
N/L2
Vista dal
lato superiore
90.5 mm
(3.56 in)
80 mm
(3.15 in)
24V
AC/DC
80 mm
(3.15 in)
Tensione di
riferimento Linea dell'alimentazione
(Linea 2 o principale
neutro)
C
L
202.1 mm (7.96 in)
Non collegato
46.7mm (1.84 in)
Guida filo (2 punti)
Accesso alla testa della
vite del terminale della
linea dell'alimentazione
principale
Fermo porta
2/T1
Vista da destra
Fermo porta
Accesso alla testa
della vite del terminale
dell'uscita del carico
di potenza
Messa a terra
protettiva a terra
di sicurezza
(dado M6).
Uscita alimentazione
carico
130.50 mm (5.14 in)
80 mm
(3.15 in)
1 2 3 4 5
04 01 02
Connettore I/O
La connessione a terra protettiva
deve essere eseguita utilizzando
un terminale capocorda ad anello
Listed.
231.00 mm (9.09 in)
175.46 mm (6.91 in)
Vista frontale
182 mm (7.17 in)
197.6 mm (7.78 in)
218.25 mm (8.59 in)
321.23 mm (12.65 in)
1/L1
Uscita relè
Vista dal
lato inferiore
Figura 6 Dati per l'installazione meccanica (unità da 80 A a 100 A) (sportelli aperti).
32
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Installazione
Dimensioni delle unità da 125 A
Alimentazione Corrente (ausiliaria)
(mostrata opzione di tensione bassa)
Tensione di riferimento (Linea 2 o neutro)
Vista dal
lato superiore
N/L2
(3.56 in)
90.5 mm
120 mm (4.72 in)
24V
AC/DC
80 mm
(3.15 in)
Linea dell'alimentazione principale
C
L
202.1 mm (7.96 in)
46.7mm (1.84 in)
Non collegato
Guida filo (2 punti)
Accesso alla testa della vite
del terminale della linea
dell'alimentazione principale
Fermo porta
Vista da destra
231.00 mm (9.09 in)
175.46 mm (6.91 in)
Vista frontale
182 mm (7.17 in)
197.6 mm (7.78 in)
218.25 mm (8.59 in)
321.23 mm (12.65 in)
1/L1
2/T1
Fermo porta
Accesso alla testa
della vite del terminale
dell'uscita del carico
di potenza
Messa a terra protettiva
(dado M6)
150.33 mm (5.92 in)
1 2 3 4 5
04 01 02
La connessione a terra protettiva
deve essere eseguita utilizzando
un terminale capocorda ad anello
Listed.
Connettore I/O
Vista dal
lato inferiore
80 mm
(3.15 in)
Uscita alimentazione
carico
Uscita relè
Figura 7 Dati per l'installazione meccanica (unità da da 125 A) (sportelli aperti).
HA033412ITA Edizione 01
33
Installazione
Corrente
Collegamenti elettrici
W
PERICOLO
PERICOLO DI SCOSSA ELETTRICA, DI ESPLOSIONE O DI ARCO ELETTRICO
•
Indossare idonei dispositivi di protezione individuale (DPI) e seguire pratiche
di lavoro sicuro per quanto riguarda gli interventi elettrici. Vedere gli standard
nazionali applicabili, ad es. NFPA70E, CSA Z462, BS 7671, NFC 18-510.
•
Questa apparecchiatura deve essere installata e sottoposta a manutenzione
solo da elettricisti qualificati.
•
Prima di iniziare a operare sull'apparecchiatura, scollegare l'alimentazione.
•
Utilizzare sempre un idoneo dispositivo di rilevamento della tensione nominale
per accertarsi che l'apparecchio non sia alimentato.
•
Se alla consegna l'unità o qualsiasi parte interna è danneggiata, non installare
il prodotto, ma contattare il fornitore.
•
Non smontare, riparare o modificare l'apparecchiatura. In caso di guasto
contattare il fornitore.
•
Installare, collegare e utilizzare il prodotto in conformità agli standard vigenti
e/o ai regolamenti sull'installazione.
•
Non superare i valori nominali del dispositivo.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o
lesioni gravi.
W
PERICOLO
PERICOLO DI SCOSSA ELETTRICA, DI ESPLOSIONE O DI ARCO ELETTRICO
•
Evitare che qualsivoglia sostanza od oggetto penetri all'interno del prodotto
attraverso le aperture sulla custodia.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o
lesioni gravi.
Nota: Le parti conduttive o non conduttive che entrano nel prodotto possono
ridurre o provocare il cortocircuito delle barriere di isolamento all'interno del prodotto.
W
PERICOLO
PERICOLO DI SCOSSA ELETTRICA, DI ESPLOSIONE O DI ARCO ELETTRICO
•
Assicurarsi che tutti i cavi e cablaggi siano ben fissati avvalendosi di un
meccanismo serracavo idoneo.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o
lesioni gravi.
Nota: I cavi possono scivolare fuori dai terminali.
34
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Installazione
.
W AVVERTENZA
UTILIZZO IMPROPRIO DELL'APPARECCHIATURA
•
Adottare tutte le precauzioni contro le scariche elettrostatiche prima di
manipolare l'unità.
•
I cablaggi dei cavi di alimentazione e di segnale devono essere tenuti separati
tra di loro. Laddove non praticabile, tutti i cavi devono essere classificati alla
tensione di alimentazione nominale, mentre per il cablaggio dei segnali sono
consigliati cavi schermati.
•
Per la compatibilità elettromagnetica, il pannello o la guida DIN a cui il
prodotto è collegato deve essere dotato/a di corretta messa a terra.
La mancata osservanza di queste istruzioni potrà causare decesso, lesioni
gravi o danni all'attrezzatura.
Dettagli sul collegamento
W
PERICOLO
PERICOLO DI SCOSSA ELETTRICA, DI ESPLOSIONE O DI ARCO ELETTRICO
•
Prima di effettuare altre connessioni, collegare un conduttore protettivo al
terminale di terra protettivo.
•
Il conduttore protettivo deve essere dimensionato in conformità ai requisiti
normativi locali e nazionali.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o
lesioni gravi.
La connessione deve essere effettuata utilizzando un'aletta della dimensione indicata
in Tabella 1, "Dettagli sul collegamento". Devono essere utilizzati esclusivamente
cavi di rame intrecciato classificati a 90°C nominali.
HA033412ITA Edizione 01
•
CE: la dimensione minima della messa a terra protettiva deve essere selezionata
in conformità alla norma IEC 60364-5-54 tabella 54.2 o IEC61439-1 tabella 5 o
altri standard nazionali applicabili. La connessione a terra protettiva dell'unità
deve essere eseguita utilizzando un terminale capocorda ad anello, tramite il
dado e la rondella antivibrazione forniti (M5 per le unità da 16 A a 63 A e M6 per
unità da 80 A a 125 A ).
•
U.L.: l'area della sezione trasversale dei cavi della messa a terra protettiva deve
essere selezionata in conformità alla norma NEC tabella 250.122 o NFPA79
tabella 8.2.2.3 o altri standard nazionali applicabili. La connessione a terra
protettiva dell'unità deve essere eseguita utilizzando un terminale capocorda
ad anello U.L. Liste, tramite il dado e la rondella antivibrazione forniti (M5 per
le unità da 16 A a 63 A e M6 per unità da 80 A a 125 A ).
35
Installazione
Corrente
W PERICOLO
PERICOLO DI INCENDIO
•
Collegamenti elettrici: Devono essere utilizzati esclusivamente cavi di rame
intrecciato classificati a 90°C nominali, la cui sezione deve essere selezionata
in base al grado di protezione del circuito derivato.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o
lesioni gravi.
CE: Le sezioni dei conduttori devono essere conformi alla norma IEC 60364-5-52 o
altri standard nazionali applicabili
U.L.: Le sezioni dei conduttori devono essere conformi a NEC tabella 310.15(B)(16)
(in precedenza tabella 310.16) tenendo in considerazione la tabella 310.15(B)(2)
per i fattori di correzione dell'ampiezza o NFPA79 tabella 12.5.1 tenendo in
considerazione la tabella 12.5.5(a) per i fattori di correzione dell'ampiezza o
altri standard nazionali applicabili.
In Tabella 1, "Dettagli sul collegamento" sono riportati i dettagli sulle coppie di
serraggio per le varie connessioni di alimentazione e di cablaggio del segnale.
36
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Installazione
Tabella 1: Dettagli sul collegamento
Terminali
Tensione di
alimentazione
(1/L1)
e
Alimentazione carico
(2/T1)
Messa a terra protettiva
RiferimentoNeutro
(N/L2) (2 poli)
Alimentazione
(24 V ca/dc) (2 poli)
Alimentazione
(85 V - 550 V ca)(3 poli)
Connettore I/O (5 poli)
Connettore relè (3 poli)
1.
2.
Classificazione
prodotto
Da 16 A
a 63 A
Sezioni terminali1
mm2
Da
1,5 mm2 a
16 mm2
Tipo di
cavo
Coppia
Commenti
AWG
1,7 Nm
(15 lb in)
Cacciavite a punta
piatta
4 x 0,8 mm
(5/32 pollici x
0,0315 pollici) o
4,5 x 0,8 mm
(7/32 pollici x
0,0315 pollici)
Da 80 A da 10 mm2 Da AWG 8
a 125 A
ad
a 50 mm2
AWG 2/0
5,6 Nm
(50 lb in)
Cacciavite a punta
piatta
5,5 x 1 mm
(7/32 pollici x
0,039 pollici) o
6,5 x 1,2 mm
(1/4 pollici x
0,047 pollici)
Da 16 A Terminale capocorda
a 63 A ad anello M5
2,5 Nm
(22 lb in)
U.L.: È necessario
utilizzare un terminale
capocorda ad anello
Da 80 A Terminale capocorda
a 125 A ad anello M6
5,6 Nm
(50 lb in)
U.L.: È necessario
utilizzare un terminale
capocorda ad anello
0,56 Nm
(5 lb in)
Cacciavite a punta
piatta
3,5 x 0,6 mm
(1/8 in x 0,0236 in)
Tutti
da
0,25 mm2
a 2,5 mm2
Da
Cavi di
AWG 14 a rame
AWG 62 intrecciato
Classificato
a 90°C
(194°F)
da AWG 24 Cavi di
ad AWG 12 rame
intrecciato
Classificato
a 75°C
(167°F)
AWG (American Wire Gauge) per gli USA e il Canada (secondo lo standard cUL); sezione in mm² per i Paesi IEC (secondo lo standard
IEC/EN).
Per collegare il cavo AWG 4 al terminale, utilizzare terminali capocorda U.L. Liste YEV4CP20X75FX, tipo Burndy (E9498).
HA033412ITA Edizione 01
37
Installazione
Corrente
W
PERICOLO
PERICOLO DI SCOSSA ELETTRICA, DI ESPLOSIONE O DI ARCO ELETTRICO
•
Serrare tutti i collegamenti in conformità alla coppia specificata. Effettuare
ispezioni periodiche.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o
lesioni gravi.
Vedere Tabella 1, "Dettagli sul collegamento".
I cavi non sono correttamente trattenuti nei terminali con una coppia insufficiente.
Una coppia insufficiente può aumentare la resistenza di contatto:
•
La connessione a terra protettiva può essere troppo resistiva. In caso di
cortocircuito tra le parti sotto tensione e il dissipatore, quest'ultimo può
raggiungere una tensione pericolosa.
•
I terminali di alimentazione si surriscalderanno.
Una coppia eccessiva può danneggiare il terminale.
W
PERICOLO
PERICOLO DI INCENDIO
•
Non è consentito collegare due conduttori allo stesso terminale.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o
lesioni gravi.
La perdita parziale o totale della connessione a seguito del tentativo di collegare due
o più conduttori nello stesso terminale provoca un surriscaldamento dei terminali.
Vedere Tabella 1, "Dettagli sul collegamento".
38
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Installazione
Alimentazione ausiliaria
Le connessioni dell'alimentazione ausiliaria (per il funzionamento dell'unità Corrente)
terminano con un connettore a 2 poli (versione da 24 V ca/cc) o a 3 poli (versione
da 85 a 550 V ca) collocato sul lato superiore dell'unità, come mostrato in Figura 8
e Figura 9.
Alimentazione ausiliaria da 24 V ca/cc
W
PERICOLO
PERICOLO DI INCENDIO
•
I cavi utilizzati per collegare l'alimentazione ausiliaria e la tensione di
riferimento di EPack devono essere protetti da una protezione del
circuito derivato. Tale protezione del circuito derivato deve essere conforme
ai requisiti normativi locali e nazionali.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o
lesioni gravi.
•
EC: la protezione del circuito derivato deve essere selezionata in conformità
alla norma IEC 60364-4-43 o gli standard locali applicabili.
•
UL: la protezione del circuito derivato deve essere selezionata in conformità
a NEC article 210.20, necessaria per la conformità ai requisiti NEC (National
Electric Code).
W
PERICOLO
PERICOLO DI SCOSSA ELETTRICA, DI ESPLOSIONE O DI ARCO ELETTRICO
•
La "alimentazione ausiliaria a 24 V" è un circuito SELV. La tensione di
alimentazione deve essere derivata da un circuito SELV oppure PELV.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o
lesioni gravi.
Il sistema SELV è definito (in IEC60947-1) come un circuito elettrico nel quale la
tensione non può superare la tensione "ELV" alle normali condizioni di impiego
o in condizioni di guasto singolo, inclusi guasti di terra in altri circuiti.
La definizione di ELV è complessa in quanto dipende da diversi fattori quali l'ambiente,
la frequenza del segnale e così via. Vedere IEC 61140 per ulteriori dettagli.
Alimentazione ausiliaria da 85 a 550 V ca
W
PERICOLO
PERICOLO DI INCENDIO
•
I cavi utilizzati per collegare l'alimentazione ausiliaria e la tensione di
riferimento di EPack devono essere protetti da una protezione del
circuito derivato. Tale protezione del circuito derivato deve essere conforme
ai requisiti normativi locali e nazionali.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o
lesioni gravi.
La protezione del circuito derivato è obbligatoria per proteggere il cavo utilizzato per
collegare l'alimentazione ausiliaria.
HA033412ITA Edizione 01
39
Installazione
Corrente
•
EC: la protezione del circuito derivato deve essere selezionata in conformità
alla norma IEC 60364-4-43 o gli standard locali applicabili.
•
UL: la protezione del circuito derivato deve essere selezionata in conformità
a NEC article 210.20, necessaria per la conformità ai requisiti NEC (National
Electric Code).
W
PERICOLO
PERICOLO DI SCOSSA ELETTRICA, DI ESPLOSIONE O DI ARCO ELETTRICO
•
Un fusibile extrarapido (fusibili supplementari oltre al dispositivo di protezione
del circuito derivato) o un doppio fusibile di protezione, elencati in "Fusibili" a
pagina 227, è obbligatorio per proteggere la linea di alimentazione ausiliaria
da 85 V ca a 550 V ca.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o
lesioni gravi.
Tale fusibile è necessario per evitare che l'alimentazione ausiliaria da 85 V ca a
550 V ca emetta fiamme o fonda un elemento in caso di guasto di un componente.
Il fusibile extrarapido (fusibile supplementare) non protegge il cablaggio che deve
essere installato (in aggiunta al dispositivo di protezione del circuito derivato).
Un doppio fusibile di protezione comprende un fusibile del circuito derivato e un
fusibile extrarapido.
II doppi fusibili di protezione devono essere selezionati in base agli standard
nazionali applicabili
Gli standard per i fusibili di protezione del circuito derivato in USA/Canada
differiscono dagli standard IEC (ad es. Europa (CE)). Pertanto,
•
un fusibile approvato come fusibile di protezione del circuito derivato in
USA/Canada non costituisce un circuito derivato in tutti i Paesi nei quali
sono applicati gli standard IEC (ad es. Europa (CE)).
•
Un fusibile approvato come fusibile di protezione del circuito derivato in tutti
i Paesi nei quali sono applicati gli standard IEC (ad es. Europa (CE)) non
costituisce un circuito derivato in USA/Canada.
Vedere le tabelle in "Fusibili" a pagina 227.
W
PERICOLO
PERICOLO DI SCOSSA ELETTRICA, DI ESPLOSIONE O DI ARCO ELETTRICO
•
In caso di apertura dei fusibili o del dispositivo di protezione del circuito
derivato che alimenta la linea di alimentazione ausiliaria da 85 V ca a 550 V
ca, controllare per prima cosa il cablaggio. Se il cablaggio non è danneggiato,
non sostituire il fusibile e contattare il centro di assistenza locale del
produttore.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o
lesioni gravi.
40
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Installazione
Se il cablaggio non è danneggiato, un componente interno all'alimentazione ausiliaria
da 85 V ca a 550 V ca è guasto e il prodotto deve essere restituito al centro di
assistenza.
W
PERICOLO
PERICOLO DI SCOSSA ELETTRICA, DI ESPLOSIONE O DI ARCO ELETTRICO
•
La tensione massima tra un qualsiasi polo della linea di alimentazione
ausiliaria da 85 V ca a 550 V ca e tutti gli altri terminali deve essere inferiore
a 550 V ca.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o
lesioni gravi.
Se l'alimentazione ausiliaria da 85 V ca a 550 V ca è fornita da un trasformatore
dedicato, è necessario controllare la sincronizzazione per evitare sovratensioni.
Collegamenti (alimentazione e carico)
W
PERICOLO
PERICOLO DI INCENDIO
•
Questo prodotto non è dotato di protezione del circuito derivato, pertanto
l'installatore deve aggiungere una protezione del circuito derivato a monte
dell'unità.
•
La protezione del circuito derivato deve essere selezionata a seconda della
corrente massima in ciascuna fase e deve essere regolata in conformità ai
requisiti normativi locali e nazionali.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o
lesioni gravi.
La protezione del circuito derivato è obbligatoria per proteggere il cablaggio.
•
EC: la protezione del circuito derivato deve essere selezionata in conformità
alla norma IEC 60364-4-43 o gli standard locali applicabili.
•
UL: la protezione del circuito derivato deve essere selezionata in conformità
a NEC article 210.20, necessaria per la conformità ai requisiti NEC (National
Electric Code).
W
PERICOLO
PERICOLO DI INCENDIO
•
Collegamenti elettrici: Devono essere utilizzati esclusivamente cavi di rame
intrecciato classificati a 90°C nominali, la cui sezione deve essere selezionata
in base al grado di protezione del circuito derivato.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o
lesioni gravi.
CE: Le sezioni dei conduttori devono essere conformi alla norma IEC 60364-5-52
o altri standard nazionali applicabili
HA033412ITA Edizione 01
41
Installazione
Corrente
U.L.: Le sezioni dei conduttori devono essere conformi a NEC tabella 310.15(B)(16)
(in precedenza tabella 310.16) tenendo in considerazione la tabella 310.15(B)(2)
per i fattori di correzione dell'ampiezza o NFPA79 tabella 12.5.1 tenendo in
considerazione la tabella 12.5.5(a) per i fattori di correzione dell'ampiezza o
altri standard nazionali applicabili.
W
PERICOLO
PERICOLO DI SCOSSA ELETTRICA, DI ESPLOSIONE O DI ARCO ELETTRICO
•
I fusibili extrarapidi (fusibili supplementari oltre al dispositivo di protezione del
circuito derivato), elencati nella sezione relativa ai fusibili, sono obbligatori per
proteggere EPack da cortocircuito del carico.
•
In caso di apertura del dispositivo di protezione del circuito derivato o dei
fusibili extrarapidi (fusibili supplementari), il prodotto deve essere esaminato
da personale qualificato e sostituito se danneggiato.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o
lesioni gravi.
Vedere le tabelle in "Fusibili" a pagina 227.
42
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Installazione
W
PERICOLO
PERICOLO DI SCOSSA ELETTRICA, DI ESPLOSIONE O DI ARCO ELETTRICO
•
Rispettare i requisiti degli impianti elettrici per garantire una classificazione IP
ottimale.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o
lesioni gravi.
Prodotti con corrente nominale da 16 A a 63 A sono classificati IP10
conformemente alla norma EN60529.
Prodotti con corrente nominale da 80 A a 125 A sono classificati IP20
conformemente alla norma EN60529.
Se le lunghezze di spellatura dei conduttori dei cavi di alimentazione sono più lunghe
dei requisiti, la classe IP20 è compromessa.
Se le lunghezze di spellatura dei conduttori dei cavi di alimentazione sono più corte
dei requisiti, esiste un potenziale rischio di perdita totale della connessione. I cavi
possono scivolare fuori dai terminali.
Per i prodotti con corrente nominale da 80 A a 125 A, se per i cavi con diametro
inferiore a 9 mm vengono rimosse le funzionalità di distacco, il grado di protezione
IP20 è compromesso e il prodotto avrà un grado di protezione IP10.
W
PERICOLO
PERICOLO DI INCENDIO
•
La lunghezza di spellatura dei conduttori deve essere conforme a quanto
riportato in Collegamenti elettrici.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o
lesioni gravi.
Se le lunghezze di spellatura dei conduttori dei cavi di alimentazione sono più corte
dei requisiti, esiste un potenziale rischio di perdita parziale della connessione che
potrebbe generare un surriscaldamento dei terminali.
W
PERICOLO
PERICOLO DI SCOSSA ELETTRICA, DI ESPLOSIONE O DI ARCO ELETTRICO
•
Sostituire gli sportelli e collegare i terminali prima di accendere
l'apparecchiatura
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o
lesioni gravi.
Per i prodotti con corrente nominale da 80 A a 125 A, se le porte di accesso
superiore e/o inferiore sono aperte, il grado di protezione IP20 è compromesso
e i prodotti avranno un grado di protezione IP10.
I prodotti con corrente nominale da 16 A a 63 A sono classificati IP10 conformemente
alla norma EN60529, se il connettore della tensione di riferimento (N/L2) rimane
collegato, e la classificazione viene migliorata a IP20.
HA033412ITA Edizione 01
43
Installazione
Corrente
Unità da 16 A a 32 A e da 40 A a 63 A
Linea dell'alimentazione principale
Mostrata l'unità a 32 A;
unità 63 A simile
Sportellino sollevabile
Vista dal
lato superiore
Accesso alla testa della
vite del terminale della
linea dell'alimentazione
principale
Tensioni di
alimentazione
alternative (come
specificato al
momento
dell'ordine)
Accesso alla testa della
vite del terminale
dell'uscita di alimentazione
del carico
Messa a terra
protettiva (dado M5);
deve essere eseguita
con un terminale
capocorda ad anello
Listed
Non collegato
N/L2
Tensione di riferimento
Linea 2 o neutro
Pin centrale non
collegato
Sportellino apribile
Al carico
Impugnatura isolata
Consigliata testa della vite piatta
da 4 x 0,8 mm (5/32 pollici x
0,0315 pollici) o 4,5 x 0,8 mm
(7/32 pollici x 0,0315 pollici)
Minimo 60 mm (2,5")
Dettaglio della punta di cacciavite per serraggio terminali linea e carico
Fusibile extra-rapido di
protezione del tiristore ()
Linea
Dispositivo di
isolamento
Alimentazione Corrente (ausiliaria)
(mostrata opzione di tensione
bassa)
1/L1
Fusibile
Corrente
N/L2
Tensione di riferimento
Linea 2 o neutro
2/T1
Carico
Fusibile
Linea 2 o neutro
Dispositivo di isolamento
Figura 8 Dettagli su alimentazione e collegamento del carico (unità da 16 A a 63 A)
Tensione nominale
di Corrente
(Ampere)
Lunghezza parte di
conduttore esposta
mm (pollici)
Diametro massimo del cavo
mm (pollici)
Da 16 A a 63 A
da 9 a 11 (da 0,35 a 0,43)
8,5 (0,33)
Tabella 2: Corrente monofase, specifica di collegamento del cavo da 16 A a 63 A
44
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Installazione
Unità da 80 A a 125 A
Linea dell'alimentazione principale
Mostrata l'unità a 80/100 A;
unità a 125 A simile
Accesso alla testa della vite
del terminale della linea
dell'alimentazione principale
1/L1
Aprire gli sportelli premendo
i due fermi (due punti)
utilizzando uno strumento
idoneo, ad esempio un
cacciavite
Vista dal
lato superiore
Tensione di alimentazione
alternative
(come specificato
al momento dell'ordine)
Non collegato
Pin centrale non
collegato
Messa a terra protettiva
(dado M6); deve essere
eseguita con un
terminale capocorda
ad anello Listed
Tensione di
riferimento
Linea 2 o neutro
24V
AC/DC
N/L2
2/T1
Accesso alla testa della vite del
terminale del carico di potenza
Al carico
Impugnatura isolata
Minimo 100 mm (4")
Consigliata testa della vite piatta
da 5,5 x 1 mm (7/32 pollici x
0,039 pollici) o 6,5 x 1,2 mm
(1/32 pollici x 0,047 pollici)
Dettaglio della punta di cacciavite per serraggio terminali linea e carico
Figura 9 Dettagli su alimentazione e collegamento del carico (unità da 80 A a 125 A).
Per maggiori dettagli in merito al cablaggio vedere Figura 9.
Tensione nominale
di Corrente
(Ampere)
Lunghezza parte di
conduttore esposta
mm (pollici)
Rimuovere la parte staccabile dell'alloggiamento
dei terminali?
Diametro del cavo in mm (in)
Diametro massimo del cavo
mm (pollici)
Da 80 A a 125 A
20 - 23 (0,79 - 0,91)
Sì, per cavi maggiori di 9 (0,35)
17,5 (0,69)
Tabella 3: Specifica di collegamento del cavo Corrente monofase da 80 A a 125 A
HA033412ITA Edizione 01
45
Installazione
Corrente
Cablaggio del segnale
In Figura 10 è mostrata la posizione del connettore, sulla parte inferiore dell'unità,
per gli ingressi digitali e analogici e per l'uscita di relé interna.
Abilitazione accensione
Affinché i tiristori del modulo di alimentazione funzionino, è necessario abilitare
l'abilitazione di accensione.
Nella configurazione predefinita, l'ingresso digitale 1 viene utilizzato per abilitare
l'accensione ed è configurato in tipo chiusura contatto. Pertanto l'abilitazione
dell'accensione si ottiene cortocircuitando i pin 0 V and DI1 del connettore I/O
posizionato sul lato inferiore dell'unità (Ingresso digitale 1).
Il menu Quick Code consente all'utente di selezionare l'ingresso digitale 2 su
Abilitazione accensione. L'ingresso digitale 2 è configurato in tipo chiusura contatto,
pertanto l'abilitazione dell'accensione viene ottenuta mettendo in corto i pin 0 V e DI2
del connettore I/O situato sul lato inferiore dell'unità (ingresso digitale 2).
Se nessuno di questi è stato selezionato come funzione di abilitazione
dell'accensione nel menu Quick Code (Codice rapido), il blocco funzionale
userval1 verrà collegato all'ingresso di abilitazione dell'accensione del blocco
funzione firingOP.
Il blocco funzione Userval1 verrà impostato su 1, un valore che abilita l'accensione.
Uscita relè
Il relé viene normalmente eccitato (pin cortocircuito comune e normalmente aperto)
e viene diseccitato (pin cortocircuito comune e normalmente chiuso) quando attivo.
Nella configurazione predefinita, l'uscita relé è gestita dal rilevatore di guasti "allarme
personalizzato" che diviene attivo.
46
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Installazione
Per impostazione predefinita, l'allarme personalizzato è impostato per essere
equivalente a "AnySystemAlarm", che diventa attivo se vengono rilevate condizioni
di "arresto accensione", come quelle elencate di seguito.
In modalità configurazione è possibile inoltre configurare il relè utilizzando il menu
Alarm Relay (Relè allarme) nell'interfaccia operatore (pagina 130).
1. Rete di alimentazione assente. Linea della tensione di alimentazione
assente.
2. Corto circuito tiristorea
3. Cadute di rete Una riduzione nella tensione di alimentazione che supera
un valore configurabile (VdipsThreshold) impedisce l'accensione fino
a che la tensione di alimentazione non ritorna a un valore corretto.
VdipsThreshold rappresenta una modifica in percentuale della tensione
di alimentazione tra mezzi cicli successivi.
4. Freq fuori range. La frequenza di alimentazione viene controllata ogni
mezzo periodo e se il cambio percentuale tra mezzi periodi successivi
supera un valore di soglia (max 5%), viene generato un allarme di
sistema di frequenza della rete di alimentazione.
5. Interruzione dell'alimentazione all'unità Corrente.
6. Interruzione (pagina 68)
7. Sovracorrente dall'ingresso analogico. Per gli ingressi mA questo allarme
è attivo se è presente una corrente troppo alta che fluisce attraverso la
derivazione.
8. Linea sotto tensione (della tensione nominale).
9. Linea sovratensione (della tensione nominale).
10. Sovratensione (della tensione nominale)
Il relè è temporaneamente diseccitato, quindi rieccitato all'avvio.
a. Non è possibile rilevare un cortocircuito del tiristore quando l'unità emette il
100% di potenza di uscita.
HA033412ITA Edizione 01
47
Installazione
Corrente
Dettagli di ingressi e uscite I/O
Ingresso analogico
(pin 1 e 2)
Da 0 a 10 V, da 1 a 5 V
Da 2 a 10 V, da 0 a 5 V
Da 0 a 20 mA
Da 4 a 20 mA
Mostrata l'unità a 32 A; altre
unità simili
Ingresso V o mA
(vedere nota 3)
Vista dal
lato inferiore
Uscita relè
Ingressi digitali
(pin 3, 4 e 5)
Ingresso da contatto
Da 800 Ω a ∞ = aperto
Da 0 Ω a 450 Ω = chiuso
Da 451 Ω a 799 Ω = non
definito
Pin:
02 = Normalmente collegato
01 = Comune
04 = Normalmente aperto
Ingressi livello tensione
Da 11 V a 30 V, con da > 6 mA a < 30 mA = alto
da -3 V a 5 V, con > 2 mA a < 30 mA= basso
oppure
da 5 V a 11 V con < 2 mA
Caratteristiche di commutazione
(carichi resistivi):
• Vmax: 264 V RMS
• Vmin: 5 V cc
• Imax: 2 A RMS
• Imin: 10 mA
Ingresso digitale (DI2)
Uscita configurabile dall'utente
10,2 V, con max. 10 mA
Figura 10 Dettagli I/O
Note:
1. Nello schema vengono mostrati DI1 come ingresso da contatto e DI2
come ingresso in tensione.
2. DI1 può essere configurato come ingressi da contatto o ingressi di tensione.
3. DI2 può essere configurato come ingressi da contatto o ingressi di
tensione o uscita da 10,2 V (con max. 10 mA).
4. L'ingresso di tipo analogico (Volt o mA) viene selezionato nella
configurazione IP analogico I/O. Quando viene selezionato un range mA,
una resistenza di shunt adeguata viene automaticamente collegata al
circuito. Non è pertanto necessario per l'utente inserire componenti esterni.
W PERICOLO
PERICOLO DI SCOSSA ELETTRICA, DI ESPLOSIONE O DI ARCO ELETTRICO
•
Non superare i valori nominali del dispositivo.
•
L'ingresso e uscita I/O e le porte di comunicazione sono un circuito SELV.
Devono tutti essere collegati a un circuito SELV oppure PELV.
•
L'uscita relè e i contatti dei portafusibili sono conformi ai requisiti SELV; possono
essere collegati a un circuito SELV o PELV o a una tensione fino a 230 V (valore
massimo della tensione nominale di esercizio per la messa a terra: 230 V).
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o lesioni gravi.
Il sistema SELV è definito (in IEC60947-1) come un circuito elettrico nel quale la
tensione non può superare la tensione "ELV" alle normali condizioni di impiego
o in condizioni di guasto singolo, inclusi guasti di terra in altri circuiti.
La definizione di ELV è complessa in quanto dipende da diversi fattori quali l'ambiente,
la frequenza del segnale e così via. Vedere IEC 61140 per ulteriori dettagli.
48
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Installazione
Comunicazioni di rete (EtherCAT)
Presentazione
Indicatore STATO EtherCAT
Porta di ingresso
EtherCAT
Selettore ID dispositivo esplicito
EtherCAT (più significativo)
Selettore ID dispositivo esplicito
EtherCAT (meno significativo)
Porta di uscite EtherCAT
Figura 11 Connettori EtherCAT EPack
La connessione di rete EtherCAT è fornita da una coppia di connettori RJ45,
montati sul pannello frontale dell'unità EPack power controller.
Comunicazioni EtherCAT
Ogni connettore è dotato di una coppia di indicatori LED per segnalare la
connessione di rete (LED arancione) e l'attività di trasmissione della rete
(verde lampeggiante).
Non utilizzato (sempre spento)
Indicatore collegamento/attività
porta ingresso
Non utilizzato (sempre spento)
Indicatore collegamento/attività
porta uscita
Figura 12 Morsettiere EPack
HA033412ITA Edizione 01
49
Installazione
Corrente
Gli indicatori di collegamento/attività mostrano lo stato del collegamento fisico e
dell'attività su tale collegamento. I codici di lampeggiamento dell'indicatore di
collegamento/attività sono descritti di seguito:
Collegamento
Attività
Codice di
collegamento/attività
Sì
No
ON
Sì
Sì
Intermittente
No
(non applicabile)
OFF
Indicatore di stato EtherCAT
L'indicatore di stato EtherCAT è un LED bicolore rosso e verde. L'indicatore verde
mostra lo stato della macchina di stato EtherCAT. L'indicatore rosso mostra gli errori
come i timeout dei watchdog e i cambiamenti di stato non richiesti dovuti a errori
locali (ad es. errore di ingresso). Se in un dato momento sono presenti diversi errori,
viene indicato l'errore che si è verificato per primo.
Dettagli sull'indicazione verde:
Stati indicatore
Stato slave
Descrizione
OFF
INIZIALIZZAZIONE
Il dispositivo è in stato INIT
Lampeggiante
PRE_OPERATIONAL
Il dispositivo è in stato PRE_OPERATIONAL
Lampeggiamento
singolo
SAFE-OPERATIONAL
Il dispositivo è in stato SAFE-OPERATIONAL
ON
OPERATIONAL
Il dispositivo è in stato OPERATIONAL
Intermittente
INIZIALIZZAZIONE o
BOOTSTRAP
Il dispositivo si sta avviando e non è ancora
entrato nello stato INIT oppure:
Il dispositivo è in stato BOOTSTRAP.
Operazione di download del firmware in corso
Dettagli sull'indicazione rossa:
50
Stato ERR
Nome errore
Descrizione
Esempio
ON
Errore regolatore
applicazione
Si è verificato un errore di
critico di comunicazione
o del regolatore
dell'applicazione
Il regolatore dell'applicazione non
sta più rispondendo (timeout
watchdog PDI rilevato da ESC)
Lampeggiamento
doppio
Timeout watchdog dati
di processo/timeout
watchdog EtherCAT
Si è verificato il timeout del
watchdog di un'applicazione
Timeout watchdog gestore
sincronizzazione
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Installazione
Stato ERR
Nome errore
Descrizione
Lampeggiamento
singolo
Errore locale
L'applicazione del
dispositivo slave ha
modificato lo stato
EtherCAT in modo
autonomo a causa di un
errore locale (vedere la
macchina di stato EtherCAT
parte 6 ETG.1000). Il bit
indicatore di errore è
impostato su 1 nel registro
di stato AL.
Lampeggiante
Configurazione non
valida
Errore generale di
configurazione
OFF
Nessun errore
La comunicazione
EtherCAT del dispositivo è
in condizione operativa.
Esempio
Il cambiamento di stato
comandato dal master è
impossibile a causa delle
impostazioni del registro
o dell'oggetto oppure la
configurazione hardware
non è valida (violazione
della condivisione dei pin
rilevata da ESC)
Selettori ID dispositivo esplicito EtherCAT
Il meccanismo di identificazione del dispositivo esplicito è supportato con il
"Requesting Mechanism (Meccanismo di richiesta)" come definito in ETG.1020. Sono
presenti due manopole esadecimali (valore da 0x0 a 0xF) per impostare un valore di
identificazione del dispositivo esplicito. Esse sono etichettate come di seguito:
•
"x1" - Manopola meno significativa, corrispondente alla prima cifra esadecimale
•
"x10" - Manopola più significativa, corrispondente alla seconda cifra esadecimale
Pertanto è possibile selezionare ID da 0 a 255 (0xFF).
Nota: Il meccanismo di richiesta ID può essere ignorato dal master/dallo strumento
di configurazione, utilizzando il alternativa il registro dell'alias della stazione di
configurazione 0x0012. Il selettore ID in questo caso deve essere zero.
HA033412ITA Edizione 01
51
Installazione
Corrente
Dati di contatto dei portafusibili (codice HSM di ordinazione dei
fusibili)
W PERICOLO
PERICOLO DI SCOSSA ELETTRICA, DI ESPLOSIONE O DI ARCO ELETTRICO
•
Non superare i valori nominali del dispositivo.
•
L'uscita relè e i contatti dei portafusibili sono conformi ai requisiti SELV;
possono essere collegati a un circuito SELV o PELV o a una tensione fino
a 230 V (valore massimo della tensione nominale di esercizio per la messa
a terra: 230 V).
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o
lesioni gravi.
Il sistema SELV è definito (in IEC60947-1) come un circuito elettrico nel quale la
tensione non può superare la tensione "ELV" alle normali condizioni di impiego
o in condizioni di guasto singolo, inclusi guasti di terra in altri circuiti.
La definizione di ELV è complessa in quanto dipende da diversi fattori quali
l'ambiente, la frequenza del segnale e così via. Vedere IEC 61140 per ulteriori
dettagli.
Se è stato selezionato un codice d'ordine HSM per i fusibili, il portafusibili viene
consegnato unitamente a un kit di contatti che fornisce indicazioni se il fusibile è
saltato o mancante. Questo appare localmente sul portafusibili come una maniglia
rossa che attiva anche i microcontatti. Tali contatti possono essere cablati a un
ingresso digitale su Corrente, come mostrato nei seguenti diagrammi.
Il kit di contatti dei portafusibili viene consegnato con contatto NO e NC.
Il fusibile è nel
portafusibili e
non è saltato
La maniglia e
i contatti sono
nello stato
chiuso
52
Fusibile mancante
o saltato
La maniglia è aperta
e colorata di rosso
I contatti sono in
stato aperto
•
Collegamento: Alette Faston da 2,8 x 0,5 mm (0,11 x 0,02 pollici)
•
Tensione nominale di isolamento: 250 V ca
•
Corrente operativa nominale conforme alla norma IEC 60947-5 e -1
•
Categoria d'uso AC15: 4 A/24 V, 4 A/48 V, 3 A/127 V, 2,5 A/240 V
•
Categoria d'uso DC13: 3 A/24 V, 1 A/48 V, 0,2 A/127 V, 0,1 A/240 V
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Installazione
Per riferimenti relativi al kit di contatti in base alla classificazione del prodotto,
vedere Tabella 3 o Tabella 4.
Kit di contatti Mersen Y227928A, per dimensione dei fusibili 14 x 51 oppure Kit di
contatti Mersen G227959A per dimensioni dei fusibili 22 x 58.
Corrente e tensione operative minime: 1 mA/4 V ca o cc.
•
Questi contatti sono compatibili con gli ingressi digitali configurati nella modalità
chiusura di contatto.
Cablaggio consigliato:
NC
Contatto
portafusibili
Per kit di contatti Mersen E227612A, per dimensione dei fusibili 27 x 60
Corrente e tensione operative minime: 100 mA/20 V ca o cc
•
Questi contatti non sono compatibili con gli ingressi digitali configurati nella
modalità chiusura di contatto.
•
Questo contatti sono compatibili con gli ingressi digitali configurati negli ingressi
di tensione con alimentazione cc esterna e carico minimo di 100 mA cc.
Cablaggio consigliato:
NC
Alimentazione da 24 V cc
220 ohm
Contatto
portafusibili
HA033412ITA Edizione 01
53
Installazione
54
Corrente
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Interfaccia operatore
Interfaccia operatore
L'interfaccia operatore è posizionata nella parte anteriore del Modulo driver ed
è composta da un display quadrato e quattro pulsanti.
Display
Il display è diviso verticalmente in tre aree che ai fini del presente manuale vengono
definite area di stato in alto, display dati al centro e tasti softkey in basso. Il display,
insieme ai quattro tasti, consente di configurare e far funzionare l'unità.
Area di stato
Display
Icone softkey
Figura 13 Interfaccia operatore
La figura sopra mostra una schermata tipica in modalità operatore. Per le altre
schermate disponibili, scorrere utilizzando il tasto Indietro. La configurazione
dell'unità definisce quali parametri vengono visualizzati.
Le schermate vengono visualizzate nel seguente ordine:
1. Schermata principale di EPack (mostrata nella figura)
2. Menu Meas (Misurazione)
3. Menu Alarms (Allarmi)
4. Menu EoE Comms (Comunicazioni EoE)
5. DI Stat
6. Menu ECAT ID
7. Menu PLF Adjust
Note:
1. Il display Alarms (Allarmi) appare solo che uno o più allarmi sono attivi. I pulsanti
freccia su/giù possono essere utilizzati per scorrere l'elenco degli allarmi se sono
presenti più allarmi attivi di quanti non possano essere visualizzati nel riquadro
dello schermo.
2. La voce "Goto" (Vai a) consente all'utente di accedere alla modalità
Configurazione, purché la password sia nota.
3. Il display Energy (Energia) appare solo se è installata l'opzione Energy (Energia).
Area di stato
Quest'area nella parte superiore dello schermo contiene un testo descrittivo
dell'operazione corrente e alcune icone:
Chiave di configurazione. Visualizzata quando l'unità è in modalità
Configurazione.
Simbolo allarme. Indica che sono attivi uno o più allarmi.
HA033412ITA Edizione 01
55
Interfaccia operatore
Corrente
Icone softkey
Alcune icone possono essere visualizzate nella parte inferiore del display e ciascuna
icona rappresenta l'azione del pulsante immediatamente sotto di essa.
Menu. Appare nell'angolo in basso a sinistra; premendo il pulsante
Indietro appare il menu di livello superiore.
Indietro. Questa icona rossa a forma di croce appare nell'angolo in
basso a sinistra; premendo il pulsante Indietro le eventuali modifiche
alla configurazione nella pagina corrente vengono annullate oppure,
se non sono state apportate modifiche, viene visualizzata la schermata
di livello superiore.
Icone più e meno. Premendo il pulsante di scorrimento in alto e
in basso associato è possibile aumentare o diminuire il valore
visualizzato.
Frecce su/giù. Premendo il pulsante di scorrimento in alto e in basso
associato, è possibile scorrere tra le varie voci di menu visualizzate.
Freccia destra/sinistra. La freccia rivolta verso destra appare
nell'angolo in basso a destra; premendo il pulsante Invio il cursore si
sposta verso destra. Una volta eseguita tale operazione, nell'angolo
in basso a sinistra appare una freccia rivolta a sinistra, consentendo
all'utente di spostare il cursore a sinistra usando il pulsante Indietro.
Invio. Questo segno di spunta verde viene visualizzato nell'angolo in
basso a destra; premendo il pulsante Invio le eventuali modifiche alla
configurazione sulla pagina di visualizzazione vengano confermate.
Remoto/Locale. Appare nell'angolo in basso a destra; premendo il
pulsante Invio la selezione del setpoint passa da locale a remoto
e viceversa.
56
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Interfaccia operatore
Pulsanti
Le funzioni dei quattro tasti sotto il display dipendono dall'elemento visualizzato
nell'area softkey. Il pulsante all'estrema sinistra (Indietro) è associato al softkey
all'estrema sinistra, mentre il pulsante Freccia giù è associato al softkey successivo
e così via. Nell'esempio precedente il tasto "Indietro" viene utilizzato per accedere
al menu e per tornare da questo al display iniziale.
Indietro
Scorri
giù
Scorri
su
Invio
Funzioni dei pulsanti
Indietro
Consente di tornare al menu precedente (mentre i menu sono
visualizzati), annullare le modifiche (durante la modifica dei
parametri) ed eseguire il ciclo dello schermo (nella modalità
operatore).
Scorri inbasso/alto) Permette all'utente di scorrere tra le voci di menu o i valori
disponibili.
Invio
Passa alla voce di menu successiva. Nella modalità di modifica
dei parametri questo tasto consente di confermare le modifiche.
Selezione dei valori delle voci di menu
I tasti su/giù consentono di scorrere tra le varie voci dei menu. Una volta visualizzata
la voce richiesta, il tasto Invio viene utilizzato per selezionarla per la modifica.
La modifica del valore della voce viene effettuata scorrendo le selezioni disponibili
con i tasti di scorrimento su e giù. Una volta visualizzato il valore desiderato, il tasto
Invio viene utilizzato per confermare la scelta.
Quando occorre effettuare più modifiche (come, ad esempio, nella modifica di un
indirizzo IP), il tasto Invio opera come un tasto cursore destro che si sposta dal
campo appena modificato al campo successivo (Il pulsante Indietro consente di
spostare il cursore a sinistra.) Una volta che tutti i campi sono stati modificati,
il pulsante Invio viene utilizzato un'ultima volta per confermare la scelta.
HA033412ITA Edizione 01
57
Interfaccia operatore
Corrente
Indicazione di eventi sul pannello anteriore
Possono verificarsi vari allarmi ed eventi dello strumento e questi sono indicati da
icone che appaiono sullo schermo. Gli eventi e gli allarmi sono elencati di seguito.
Vedere Allarmi (pagina 220) per maggiori dettagli.
Eventi dello strumento
Conf Entry (Attivazione conf.) Lo strumento è in modalità Configurazione (icona
della ruota dentata).
Conf Exit (Disattivazione conf.) Lo strumento non è più in modalità Configurazione
(nessuna icona).
GlobalAck
È stata eseguita una conferma generale di tutti gli allarmi con
blocco di sicurezza.
Quick Code Entry (Attivazione Quick Code) Il menu Quick Code è attivo (icona della
ruota dentata + "QCode" nell'area di visualizzazione).
Tutti i seguenti allarmi provocano la comparsa dell'icona di una campanella rossa
nell'angolo superiore destro dello schermo.
Allarmi di indicazione
LimitAct
LoadOverI
PrcValTfr
Sono attivi uno o più limiti nel blocco di controllo.
Un allarme di sovracorrente è diventato attivo in uno o più
blocchi di rete.
Il trasferimento del valore di processo è attivo nel blocco di
controllo.
Allarmi di sistema
ChopOff
FuseBlown
MainsFreq
Missmains
NetwDip
Thyr SC
È stato rilevato un allarme di interruzione.
Non vi sono fusibili interni, ma è possibile utilizzare DI2 come un
ingresso "fuse-blown" cablato al blocco allarme in iTools.
La frequenza della rete di alimentazione non rientra nell'intervallo
accettabile.
L'alimentazione è assente.
È stato rilevato un allarme di caduta della rete.
Cortocircuito del tiristore. Non è possibile rilevare un cortocircuito
del tiristore quando l'unità emette il 100% di potenza di uscita.
Allarmi di processo
ClosedLp
Ana_In Over C
Under Volt
Over Volt
PLF
TLF
58
È stato rilevato un allarme Closed Loop (Loop chiuso) del blocco
di controllo.
Sovracorrente nello shunt. Se viene rilevato un allarme,
l'accensione viene arrestata per impostazione predefinita e
l'ingresso di tipo analogico viene automaticamente commutato
nella modalità 0 - 10 V per evitare danni.
Linea in sottotensione (configurabile tra il 2 e il 30% della
tensione nominale).
Linea in sovratensione (configurabile tra il 2 e il 10% della
tensione nominale).
È stato rilevato un allarme Partial Load Failure (Guasto di carico
parziale).
È stato rilevato un allarme Total Load Failure (Guasto di carico
totale).
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Quick Code
Quick Code
Alla prima accensione, l'unità Corrente accede al menu "QCode" che permette
all'utente di configurare i parametri principali senza dover accedere al menu di
configurazione completo dell'unità. Nella Figura 14 viene mostrata la panoramica
di un menu Quick Code (Codice rapido) standard. Le voci di menu effettivamente
visualizzate variano a seconda del numero di funzionalità software acquistate.
Quando Finish (Fine) è selezionato su Yes (Sì), lo strumento si avvia a freddo
dopo la conferma (tasto Invio); quando impostato su Cancel (Annulla) lo strumento
ignora le modifiche e si riavvia con la configurazione precedente.
Select Lang.
V Nominal
I Nominal
Firing
Control
I Limit
I2 Transfer
Transfo. (Trasfo)
Riscaldatore
AnaIn Functi
Analn Type
DigIn1 Funct
DigIn2 Funct
Link Speed
IP Mode
Indirizzo IP
Subnet mask
Finish (Fine)
Selezionare la lingua del display
Inserire il valore della tensione nominale
Inserire il valore della corrente di carico nominale
Selezionare la modalità di accensione
Selezionare la modalità di controllo (V2, I2, Potenza, o loop aperto)
Abilita/disabilita la caratteristica del limite di soglia
Abilita/disabilita la funzione di trasferimento I2
Sì = Carico collegato tramite trasformatore
Selezionare il tipo di carico
Selezionare la funzione di ingresso analogico
Selezionare il tipo di ingresso analogico
Selezionare la funzione di ingresso digitale 1
Selezionare la funzione di ingresso digitale 2
NON VISUALIZZATO
NON VISUALIZZATO)
NON VISUALIZZATO
NON VISUALIZZATO
Selezionare "Yes" (Sì), "No" o "Cancel" (Annulla). Se "Yes" (Sì),
confermare con il tasto Invio. Se "Cancel" (Annulla), lo strumento
elimina tutte le modifiche e si riavvia con la configurazione
precedente. Se "No", la modifica dei codici veloci può continuare.
Figura 14 Menu Quick Code (Codice rapido) tipico
Note:
1. Se l'unità è stata configurata completamente in fabbrica, il menu Quick Code
(Codice rapido) non verrà visualizzato e alla prima accensione l'unità passerà
direttamente alla modalità di funzionamento.
2. L'icona Ethernet NON viene visualizzata se l'opzione EtherCAT è installata.
HA033412ITA Edizione 01
59
Quick Code
Corrente
3. Una volta usciti, è possibile ritornare al menu Quick Code (Codice rapido) in
qualsiasi momento dal menu Access (Accesso) (descritto più avanti i questo
documento) (Configurazione con iTools (pagina 133)). Il ritorno al menu QCode
causerà l'avvio a freddo dell'unità.
60
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Quick Code
Descrizione dei parametri del menu Quick Code (Codice rapido)
Figura 15 Pagina Qcode (Codice rapido) di iTools
Language (Lingua) Selezionare Inglese, Francese, Tedesco, Italiano o
Spagnolo. Una volta che la selezione viene confermata,
tutte le schermate seguenti compaiono nella lingua
selezionata.
V Nominal
Valore nominale della tensione di alimentazione (inserimenti
validi sono da 20 V a 500 V). Appare un valore predefinito.
Utilizzare i pulsanti freccia su/giù per modificare.
I Nominal
Corrente che fluisce attraverso il carico in base alla potenza
nominale del carico. Tale corrente non deve superare la
corrente massima per la quale l'unità è stata progettata.
Valori inferiori non sono consigliabili in quanto, in questi
casi, la precisione e la linearità risultanti possono non
essere presenti nell'ambito della specifica. Appare un valore
predefinito. Utilizzare i pulsanti freccia su/giù per modificare.
Firing Mode
Selezionare tra IHC (A mezzo periodo intelligente), Burst
Var (Treno di impulsi variabile), Burst Fix (Treno di impulso
fisso), Logic (Logico) o Phase Angle (Angolo di fase).
Control
Selezionare VSq (V2), Isq (I2), Power (P) oppure Open
Loop (Loop aperto)
ILimit
Viene utilizzato per abilitare/disabilitare il limite di soglia.
(Per impostazione predefinita la funzione di limitazione
della corrente è abilitata.)
W PERICOLO
PERICOLO DI INCENDIO
•
La funzione di limitazione della corrente tramite riduzione dell'angolo di fase
non è disponibile con "Intelligent Half Cycle" (IHC). La corrente nominale del
prodotto deve essere selezionata in base alla corrente di punta.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o
lesioni gravi.
I2Transfer
Viene utilizzato per abilitare/disabilitare la funzione di
trasferimento. Il codice rapido configura la corrente al
quadrato come valore del processo di trasferimento.
XFMR (Transfo.)
No = carico di tipo resisitivo; Yes (Sì) = primario di
trasformatore.
Heater (Riscaldatore) Selezionare tra Resisitivo, Infrarosso (onde corte), CSi
(carburo di silicio) o MOSi2 (disilicato di molibdeno).
HA033412ITA Edizione 01
61
Quick Code
Corrente
AnaIn Functi
Selezionare SP (Setpoint), HR (setpoint limit), CL (current
limit), TS (transfer , HR (Limite setpoint), CL (Limite di
corrente), TS (Limite di trasferimento) o XX (nessuna
funzione) come funzione Analog Input (Ingresso analogico).
Nota: Il setpoint è disponibile solo per AnaIn Functi, se DI1 o DI2 Fct non sono
configurati su "Setpoint" quando la modalità di accensione è configurata su "Logic"
(Logico).
AnaIn Type
DI1 Fct
Selezionare: da 0 a 10 V, da 1 a 5 V, da 2 a 10 V, da 0 a
5 V, da 0 a 20 mA o da 4 a 20 mA come tipo di ingresso
analogico.
Selezionare "Firing Enable" (Abilitazione accensione),
Alarm ack (Conferma allarme), RemSP sel (Seleziona
setpoint remoto), Fuse Blown (Fusibile saltato), Setpoint
(in modalità logica) o nessuno.
Note:
1. La funzione è disponibile se non impostato in DI2.
2. Il setpoint è disponibile solo per la funzione DigIn1 se Analn o DI2 Fct non sono
configurati su "Setpoint" quando la modalità di accensione è configurata su
"Logic" (Logico).
DI2 Fct
Selezionare Firing Enable (Abilita accensione), Alarm
ack (Conferma allarme), RemSP sel (Seleziona setpoint
remoto), Fuse Blown (Fusibile saltato), Setpoint (in
modalità logica), 10 V user output (Uscita utente da 10 V),
Firing Enable (Abilitazione accensione) o nessuno.
Note:
1. Il setpoint è disponibile solo per DI1 o DI2 Fct se Analn Functi non è configurata
su "Setpoint" quando la modalità di accensione è configurata su "Logic" (Logico).
2. DI1 Fct e DI2 Fct si escludono reciprocamente.
Finish (Fine)
62
Se viene selezionato "Yes" (Sì) (e confermato utilizzando
il pulsante Invio), il codice rapido termina e lo strumento si
riavvia con la nuova configurazione. Se viene selezionato
"No", non viene intrapresa alcuna azione e l'utente può
continuare a modificare i parametri del codice veloce.
Se viene selezionato "Cancel" (Annulla), tutte le modifiche
vengono ignorate, il codice rapido termina e lo strumento
si riavvia con la configurazione precedente (ovvero non
modificata).
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Quick Code
Definizioni delle modalità di accensione
Logica
L'alimentazione si avvia al secondo o terzo passaggio dallo zero della tensione di
alimentazione dopo l'accensione dell'ingresso logico. L'alimentazione si interrompe
al secondo o terzo passaggio dallo zero della corrente dopo lo spegnimento
dell'ingresso logico. Nel caso di carichi resistivi, il passaggio dallo zero della tensione
e della corrente avvengono contemporaneamente. Nel caso di carichi induttivi, vi è
una differenza di fase tra tensione e corrente, il che significa che il passaggio dallo
zero avviene in tempi diversi. La differenza di fase aumenta con l'aumentare
dell'induttanza.
Ritardo accensione-spegnimento = due o
tre passaggi dallo zero a seconda del punto
del periodo di alimentazione in cui l'uscita
logica cambia stato.
Potenza applicata
Uscita logica dal regolatore
Figura 16 Modalità accensione logica
Accensione fissa a treno di impulsi
Significa che è presente un "tempo di ciclo" fisso pari a un numero intero di periodi
di tensione di alimentazione, secondo quanto configurato nel menu Modulator
(Modulatore). La potenza viene controllata variando il rapporto tra il periodo di
ACCENSIONE e il periodo di SPEGNIMENTO entro questo tempo di ciclo (Figura 17).
Tcyc
Potenza
applicata
Ton
Potenza
applicata
Toff
Ton
Tcyc = Ton + Toff
Figura 17 Modalità accensione fissa a treno di impulsi
HA033412ITA Edizione 01
63
Quick Code
Corrente
Accensione variabile a treno di impulsi
L'accensione a treno di impulsi variabile è la modalità preferita per il controllo della
temperatura. Tra lo 0 e il 50% del setpoint, il tempo di ACCENSIONE è il tempo
"Min on" impostato nel menu Modulator (Modulatore) e il tempo di SPEGNIMENTO
viene variato per ottenere il controllo. Tra lo 0 e il 50% del setpoint, il tempo di
SPEGNIMENTO è il tempo "Min on" impostato nel menu Modulator (Modulatore)
e il tempo di ACCENSIONE viene variato per ottenere il controllo.
Potenza applicata
Potenza
applicata
Potenza applicata
Min off
Ton
Min on Min off
Toff
Ton
Ton
Toff = 1/2 Min on = 66,7% ciclo operativo
Ton
Toff
Min on
Ton
Toff = Min on = 50% ciclo operativo
Potenza applicata
Potenza applicata
Min on
Min on = Min off = 2 in
questi esempi
Potenza
applicata
Toff
Ton
Toff = 2 x Min on = 33,3% ciclo operativo
Figura 18 Accensione variabile a treno di impulsi
Controllo ad angolo di fase
Questa modalità di accensione permette di controllare la potenza variando la
quantità di ogni ciclo applicato al carico, commutando il tiristore di controllo
parzialmente durante il ciclo. Nella Figura 19 è mostrato un esempio per la
potenza al 50%.
50% mostrato.
La potenza è proporzionale all'area
sottostante alla curva
On
On
On
On
On
On
On
On
Figura 19 Accensione ad angolo di fase
Modalità A mezzo periodo intelligente (IHC)
L'accensione con modalità a treno di impulsi con un periodo singolo di accensione
(o non accensione) è nota come modalità "a periodo singolo". Per ridurre le fluttuazioni
di potenza nel periodo di accensione, la modalità a mezzo periodo intelligente utilizza
i mezzi periodi come periodi di accensione/non accensione. Periodi positivi e negativi
vengono bilanciati per garantire che non si verifichino componenti cc. Gli esempi
seguenti descrivono la modalità a mezzo periodo per cicli operativi al 50%, 33% e 66%.
64
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Quick Code
Ciclo operativo al 50%
I tempi di accensione e non accensione corrispondono a un singolo periodo di
alimentazione (Figura 20).
Ton
Toff
Per un ciclo operativo al 50% Tn = Toff = 2 mezzi periodi
Figura 20 Modalità accensione a mezzo periodo intelligente: ciclo operativo al 50%
Ciclo operativo al 33%
Per cicli operativi inferiori al 50%, i tempi di accensione corrispondono a un mezzo
periodo. Per cicli operativi al 33%, i tempi di accensione corrispondono a un mezzo
periodo, quelli di non accensione a due mezzi periodi (Figura 21).
Ton
Toff
Ton
Toff
Per un ciclo operativo al 33%
Ton = 1 mezzo periodo; Toff = 2 mezzi periodi
Figura 21 Modalità accensione a mezzo periodo intelligente: ciclo operativo al 33%
Ciclo operativo al 66%
Per cicli operativi superiori al 50%, i tempi di non accensione corrispondono a un
mezzo periodo. Per cicli operativi al 66%, i tempi di accensione corrispondono a
due mezzi periodi, quelli di non accensione a un mezzo periodo (Figura 22).
Ton
Toff
Ton
Toff
Per un ciclo operativo al 66%
Ton = 2 mezzi periodi; Toff = 1 mezzo periodo
Figura 22 Modalità accensione a mezzo periodo intelligente: ciclo operativo al 66%
HA033412ITA Edizione 01
65
Quick Code
Corrente
Tipo di feedback
Tutti i tipi di feedback (ad eccezione di "Ciclo aperto") si basano su misurazioni in
tempo reale di parametri elettrici normalizzati ai valori nominali equivalenti.
V2
Il feedback è direttamente proporzionale al quadrato
della tensione RMS misurata nel carico.
Power
Il feedback è direttamente proporzionale alla potenza
effettiva totale erogata alla rete di carico.
2
I
Il feedback è direttamente proporzionale al quadrato della
corrente RMS nel carico. Per sistemi a due o tre fasi, il
feedback è proporzionale alla media dei quadrati delle
singole correnti di carico RMS.
Open loop (Ciclo aperto) Nessun feedback di misurazione. L'angolo di
accensione del tiristore in modalità ad angolo di fase
o il ciclo operativo in modalità di accensione a treno
di impulsi sono proporzionali al setpoint.
Nota: Vrms e Irms richiedono uno specifico cablaggio in modalità a treno di impulsi.
Contattare il distributore locale.
Modalità di trasferimento
Il sistema di controllo può utilizzare il trasferimento automatico di determinati
parametri di feedback. Ad esempio per carichi con una resistenza a freddo molto
bassa, il feedback I2 deve essere utilizzato per limitare la corrente di punta, ma
quando il carico inizia a riscaldarsi, deve essere utilizzato il feedback di potenza;
il programma di controllo può essere configurato per passare automaticamente
alla modalità di feedback.
La modalità di trasferimento può essere selezionata come I2 a P in modo
appropriato in base al tipo di carico controllato
None (Nessuno)
I2
Nessun trasferimento del parametro di feedback al
programma di controllo.
Seleziona la modalità di trasferimento: I2 nella modalità
di feedback selezionata (vedere sopra).
Funzioni di limitazione
Questa limitazione viene implementata mediante una riduzione dell'angolo di fase o
una riduzione del ciclo operativo a seconda del tipo di controllo (ad esempio angolo
di fase, accensione a treno di impulsi).
Per prevenire danni su alcune particolari applicazioni, può essere utilizzata la
funzione "Chop-off".
Nota: La funzione di limitazione "Chop-off" viene considerata un "Allarme" in
Corrente.
Ad esempio, per evitare potenziali correnti di spunto potenzialmente dannose, è
possibile impostare un valore per la potenza o per la corrente al quadrato che non
deve essere superato durante il periodo di alimentazione. Per casi come questo la
limitazione deve essere configurata per eseguire la riduzione dell'angolo di fase.
Per i carichi con una bassa impedenza a basse temperature ma con impedenza
elevata alla temperatura di esercizio, la corrente riduce i surriscaldamenti del carico
e gradualmente le limitazioni diventano inutili.
66
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Quick Code
Configurazione del limite di controllo (pagina 140) descrive i parametri di configurazione
che consentono all'utente di inserire una Variabile di processo (PV) e un setpoint (SP)
in cui la PV corrisponde al valore da limitare (ad esempio I2) e SP è il valore che
non deve essere superato da PV.
Limite angolo di accensione (in modalità Angolo di fase)
Per il controllo ad angolo di fase, la limitazione viene ottenuta riducendo l'angolo di
accensione su ciascun mezzo periodo della rete di alimentazione in modo tale che
non venga superato il valore limite del parametro in questione. Il limite si riduce, con
l'angolo di accensione che aumenta gradualmente fino a raggiungere l'impostazione
del target.
Limite angolo di accensione (in modalità A treno di impulsi)
Anche nella modalità a treno di impulsi la limitazione può essere raggiunta riducendo
l'angolo di accensione durante il tempo di ACCENSIONE, in modo tale che il valore
limite del relativo parametro non venga superato.
In questo modo il PV non deve superare l'SP limite durante il tempo di ACCENSIONE.
Otteniamo un "treno di impulsi di angolo di fase". Vedere la figura seguente.
Limite
riduzione graduale
Angolo di fase target
Limite ciclo operativo(in modalità A treno di impulsi)
Solamente per l'accensione a treno di impulsi, la limitazione riduce lo stato
dell'ACCENSIONE a treno di impulsi che aziona il carico. La corrente di carico, la
tensione e la potenza attiva vengono calcolare nel periodo di ogni periodo (Ton + Toff).
Ton
Toff
Condizione operativa normale
HA033412ITA Edizione 01
Ton
Ton
Toff
Ton
Durante il limite, l'ampiezza aumenta alla
diminuzione del ciclo operativo
67
Quick Code
Corrente
W
PERICOLO
PERICOLO DI INCENDIO
•
La corrente nominale del prodotto deve essere maggiore o uguale al valore
della corrente massima del carico.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o
lesioni gravi.
Calcolare la corrente massima del carico tenendo conto della tolleranza di carico
resistiva (tolleranza e variazione dovuta alla temperatura) e della tolleranza di
tensione.
È possibile selezionare una funzione di limitazione della corrente tramite riduzione
dell'angolo di fase per limitare la corrente di picco del carico e ridurre la corrente
nominale del prodotto.
W
PERICOLO
PERICOLO DI INCENDIO
•
Con la funzione di limitazione della corrente tramite riduzione dell'angolo di
fase, la corrente nominale del prodotto deve essere maggiore o uguale alla
corrente nominale del carico e alla funzione di limitazione della corrente
tramite riduzione dell'angolo di fase.
•
La funzione di limitazione della corrente tramite riduzione dell'angolo di fase
non è disponibile con "Intelligent Half Cycle" (IHC). La corrente nominale del
prodotto deve essere selezionata in base alla corrente di punta.
•
Le funzionalità di limitazione della corrente del ciclo operativo (nella modalità
a treno di impulsi) non limita il valore della corrente di picco. La corrente
nominale del prodotto deve essere selezionata in base al valore della
corrente di picco.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o
lesioni gravi.
Definizione di Chop-off
È una tecnica che permette di rilevare uno stato di allarme di sovracorrente,
arrestando l'accensione del tiristore per tutta la durata dello stato di allarme. Tutti
i relativi parametri sono reperibili in "Configurazione della rete" a pagina 180.
Le condizioni di attivazione di un allarme Chop-off sono:
1. Quando la soglia di interruzione supera il numero di volte specificate nel
parametro NumberChop Off. (NumberChop Off può essere specificato per
qualsiasi valore compreso tra 1 e 255 inclusi.) Per ulteriori dettagli vedere
pagina 180. La soglia ChopOff è regolabile tra il 100% e il 350% inclusi of
INominal.
Quando l'allarme è attivato, l'unità arresta l'accensione e attiva un allarme di
interruzione. Il processo di accensione non viene ripreso fino a che l'operatore
non conferma l'allarme Chop-off per il riavvio.
68
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Comunicazioni
Comunicazioni
Supporto Field Device Tool (FDT) e Device Type Manager (DTM)
Corrente supporta la funzione FDT/DTM. L'unità può pertanto essere gestita da
qualsiasi contenitore FDT:
1. Installare l'ultima versione di iTools, che includerà gli ultimi DTM di iTools.
2. Installare un contenitore FDT, ad es. PACTware
(http://www.schneider-electric.com/en/download/document/FD-SOFT-M-026/).
3. Installare un ModbusTCP CommDTM
(http://www.schneider-electric.com/en/download/document/Modbus+Com
munication+DTM+Library/).
4. Eseguire un contenitore FDT e aggiornare il catalogo DTM per rendere
disponibili gli ultimi prodotti:
Nota: Per maggiori informazioni sull'installazione del contenitore FDT fare
riferimento al Manuale utente.
5. Trascinare e rilasciare dal catalogo dei prodotti alla finestra Project
(Progetto) il DTM di comunicazione ModbusTCP e il prodotto che si
desidera collegare, Corrente.
HA033412ITA Edizione 01
69
Comunicazioni
Corrente
6. Configurare l'indirizzo IP del prodotto nel DTM di comunicazione ModbusTCP.
7. Assicurarsi che il modulo DTM del progetto, ovvero
ModbusTCPCommunicationDTM, sia selezionato, fare clic con
il pulsante destro del mouse e fare clic su Collega (Connect).
8. Dal contenitore FDT è possibile monitorare un insieme di parametri,
mentre è possibile utilizzare il pulsante Take me to iTools (Portami in
iTools) per aprire e configurare i valori dei parametri utilizzando iTools.
Figura 23 Parametri di configurazione delle comunicazioni utente Ethernet/IP
70
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Comunicazioni
Modbus
La descrizione della rete MODBUS/TCP non rientra nell'ambito del presente
manuale; a questo proposito fare riferimento alle informazioni consultabili sul
sito http://www.modbus.org/.
Vedere anche il Manuale sulle comunicazioni di EPower HA179770.
Presentazione
Le unità regolatore EPack supportano il protocollo Modbus/TCP utilizzando
Ethernet over EtherCAT (EoE). Questo protocollo integra il protocollo Modbus
standard all'interno di un layer TCP Ethernet.
Poiché la maggior parte dei parametri viene salvata nella memoria dell'unità
regolatore EPack, è necessario che la scheda di interfaccia recuperi questi
valori prima di poter iniziare una comunicazione EoE.
Fondamenti del protocollo
Un protocollo di comunicazione dati definisce le regole e la struttura dei messaggi
utilizzati da tutti i dispositivi di una rete per lo scambio di dati. Questo protocollo
definisce inoltre il corretto scambio dei messaggi e il rilevamento di errori.
Modbus richiede che la rete di comunicazione digitale disponga di un solo dispositivo
MASTER e uno o più dispositivi SLAVE. È possibile una rete singola o multi-drop.
I due tipi di reti di comunicazione sono illustrati nello schema seguente;
Modbus Master
Modbus Master
Tx
Rx
Rx
Tx
Slave 1 Modbus
TX
Rx
TX
Slave 1 Modbus
Rx
Rx
TX
Slave N Modbus
Figura 24 Collegamento seriale singolo e collegamento seriale multi-drop
Una tipica transazione consiste in una richiesta inviata dal dispositivo master seguita
da una risposta del dispositivo slave.
Il messaggio in entrambe le direzioni contiene le seguenti informazioni;
Indirizzo del
dispositivo
Codice di
funzione
Archiviazione
Checksum
Fine della
trasmissione
Su una rete di strumenti tale indirizzo viene utilizzato per specificare un particolare
strumento. Ogni strumento all'interno di una rete deve essere impostato su un
indirizzo univoco, con l'intervallo degli indirizzi disponibili che dipende dal
protocollo di rete.
HA033412ITA Edizione 01
71
Comunicazioni
Corrente
Poiché Corrente supporta solo il protocollo Modbus/TCP e la discriminazione sulla
rete avviene tramite gli indirizzi IP degli strumenti collegati, gli indirizzi Modbus del
dispositivo non vengono utilizzati.
Tutti i dispositivi slave possiedono un "indirizzo del dispositivo" univoco.
•
L'indirizzo del dispositivo 0 è un indirizzo speciale utilizzato per l'invio di
messaggi a tutti i dispositivi slave. È riservato a operazioni di scrittura parametri.
•
Il regolatore EPack supporta un sottogruppo di codici di funzione Modbus.
•
I dati comprenderanno i parametri dello strumento indicati da un "indirizzo
parametro".
•
L'Indirizzo dispositivo è un singolo byte (8 bit) univoco per ogni dispositivo
della rete.
•
I Codici funzione sono istruzioni di un singolo byte impartite allo slave che
descrivono l'azione da eseguire.
•
Il Segmento di dati di un messaggio dipende dal codice funzione pertanto il
numero di byte varia di conseguenza.
•
In genere, il segmento di dati contiene un indirizzo parametro e il numero di
parametri necessari per la lettura o la scrittura.
•
Il Cyclic Redundancy Check (CRC) è un checksum di lunghezza pari a due
byte (16 bit).
•
Il segmento EOT (EOT - End of Transmission) è un periodo di inattività pari a
3,5 intervalli di trasmissione di un singolo carattere. Il segmento EOT alla fine
di un messaggio indica al dispositivo in ascolto che la trasmissione successiva
conterrà un nuovo messaggio e pertanto un carattere di indirizzo dispositivo.
Risoluzione parametro
Il protocollo Modbus limita i dati a 16 bit per parametro, il che riduce il range attivo dei
parametri a 65536. Nelle unità regolatore EPack, il limite implementato è compreso
tra -32767 (8001h) e +32767 (7FFFh).
Il protocollo è inoltre limitato alla sola comunicazione di numeri interi. Le unità
regolatore EPack consentono una risoluzione piena. In modalità di risoluzione piena,
la posizione del punto decimale è sottintesa: 100,01 verrà quindi trasmesso come
10001. In considerazione di ciò e del limite di risoluzione a 16 bit, il valore massimo
comunicabile con una risoluzione a 2 posizioni decimali è 327,67. La risoluzione dei
parametri viene desunta dall'interfaccia utente del dispositivo slave, mentre il fattore
di conversione deve essere noto sia al dispositivo master che al dispositivo slave
quando si avvia la rete.
Le unità regolatore EPack dispongono di uno speciale sottoprotocollo per l'accesso
a dati di floating point a risoluzione piena. Ciò è descritto in "Accesso a dati di
temporizzazione e a dati di floating point a risoluzione piena" a pagina 74.
72
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Comunicazioni
Lettura di numeri grandi
I numeri grandi letti nelle comunicazioni digitali sono scalati. Il setpoint, ad
esempio, può avere il valore massimo di 99,999 e viene letto come nnn.nK
oppure 100,000 = 100.0 K e 1,000,000 = 1000.0 K.
EPack implementa un parametro di scala dedicato per ogni parametro ampio,
consentendo agli utenti di applicare una scalatura specifica per soddisfare il tipo
di applicazione richiesto.
Periodo di wait
I dispositivi slave in rete possono non essere in grado di generare una risposta in
svariati scenari:
•
Se il dispositivo master tenta di utilizzare un indirizzo non valido nessun
dispositivo slave riceverà il messaggio.
•
In caso di un messaggio corrotto da un'interferenza, il CRC trasmesso non è lo
stesso CRC calcolato internamente. Il dispositivo slave rifiuterà il comando e non
risponderà al dispositivo master.
Dopo un periodo di wait, il dispositivo master ritrasmette il comando.
Il periodo di wait deve superare la latenza dello strumento più il tempo necessario
alla trasmissione del messaggio. Un periodo di wait tipico per la lettura di un singolo
parametro è pari a 100 ms.
Latenza
Il tempo impiegato da un'unità regolatore EPack per elaborare un messaggio e
avviare la trasmissione di una risposta è noto con il termine di latenza. La latenza
non comprende il tempo necessario alla trasmissione della richiesta o della risposta.
Le funzioni parametro di lettura di 1 word (funzione 03h), di scrittura di 1 word
(funzione 06h) e di loopback (funzione 08h) vengono elaborate entro una latenza
compresa tra 20 e 120 ms (generalmente 90).
Per le funzioni parametro di lettura di n word (funzione 03h) e di scrittura di n word
(funzione 16h), la latenza è indeterminata. La latenza dipende dall'attività dello
strumento e dal numero di parametri trasferiti e richiede dai 20 ai 500 ms.
Parametri della modalità di configurazione (EtherCAT)
Per la scrittura dei parametri in questo gruppo, è necessario per prima cosa
impostare la macchina di stato EtherCAT su PREOP tramite il master di EtherCAT
in modo da impostare il regolatore in modalità di configurazione.
Per uscire dalla modalità di configurazione, impostare la macchina di stato EtherCAT
SAFEOP od OP tramite il master di EtherCAT.
HA033412ITA Edizione 01
73
Comunicazioni
Corrente
Argomenti avanzati Modbus
Accesso a dati di temporizzazione e a dati di floating point a risoluzione
piena
Uno dei principali limiti di Modbus risiede nel fatto che di norma è possibile trasferire
solo rappresentazioni di numeri interi a 16 bit di dati. Nella maggior parte dei casi, ciò
non rappresenta un problema in quanto è possibile applicare ai valori un'adeguata
scalatura senza comprometterne la precisione. Tutti i valori visualizzabili sul pannello
frontale a quattro cifre del regolatore EPack possono essere trasferiti in questo
modo. Tuttavia, questa operazione presenta uno svantaggio significativo: il fattore di
scalatura da applicare deve essere noto in corrispondenza di entrambe le estremità
del collegamento di comunicazione.
Un ulteriore problema consiste nel fatto che determinati parametri "temporali"
vengono sempre ritrasmessi attraverso il collegamento di comunicazione in
decimi di secondo o di minuto secondo la configurazione effettuata tramite
Instrument.Configuration.TimerRes. Per durate maggiori è possibile superare
il limite a 16 bit di Modbus.
Per ovviare a questi problemi è stato definito un sottoprotocollo che utilizza
la porzione superiore dello spazio degli indirizzi Modbus (8000h e oltre) per
l'impostazione dei parametri timer e di floating point a risoluzione piena a 32 bit.
L'area superiore è nota come regione IEEE.
Questo sottoprotocollo fornisce due indirizzi Modbus consecutivi per tutti i parametri.
L'indirizzo base di qualsiasi parametro presente nella regione IEEE può essere
calcolato in modo semplice raddoppiando il normale indirizzo Modbus e aggiungendo
a questo il valore 8000h. Ad esempio, l'indirizzo nella regione IEEE del setpoint
richiesto (indirizzo Modbus 2) è il seguente:
2 x 2 + 8000h = 8004h = 32772 decimale
Questo calcolo è valido per qualsiasi parametro che dispone di un indirizzo Modbus.
L'accesso all'area IEEE avviene tramite blocchi di lettura (funzioni 3 e 4) e scrittura
(funzione 16). Eventuali tentativi di utilizzo della funzione "Scrittura di una word"
(funzione 6) verranno respinti con una risposta. Inoltre, i blocchi di lettura e scrittura
che utilizzano l'area IEEE devono essere eseguiti solo con indirizzi pari nonostante
il tentativo di accesso con indirizzi dispari non causi alcun danno allo strumento.
In generale, si consiglia di impostare il campo "number of words" (numero di word)
del frame Modbus su valori doppi rispetto al valore di un'impostazione Modbus
"normale".
Le norme che regolano le modalità di organizzazione dei dati nei due indirizzi
Modbus consecutivi dipendono dal "tipo di dati" del parametro.
74
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Comunicazioni
Tipi di dati utilizzati nelle unità EPack Power Controller
•
I parametri elencati sono parametri che possiedono una rappresentazione
testuale del loro valore sull'interfaccia utente, ad esempio "Stato del parametro" –
"Corretto/Non corretto", "Tipo di operatore analogico" – "Aggiungi", "Sottrai",
"Moltiplica" ecc.
•
Gli operatori booleani sono parametri che possono avere un valore "0" o un
valore "1". Generalmente questi parametri sono elencati. Nella tabella sono
indicati come "bool".
•
Le Status Word in genere sono disponibili solo in comunicazioni e vengono
utilizzate per raggruppare informazioni di stato binarie.
•
I parametri di numeri interi sono quelli che non presentano mai un punto decimale
indipendentemente da come è configurato lo strumento e non si riferiscono a un
periodo o a un intervallo temporale. Questi parametri comprendono valori quali
l'indirizzo di comunicazione dello strumento e valori utilizzati per impostare
password, ma non parametri relativi a setpoint e variabili di processo anche se
la risoluzione del display dello strumento è impostata senza alcuna posizione
decimale. Possono essere a 8 o 16 bit e sono indicati da numeri interi senza
segno "uint8" o "uint16" oppure da numeri interi con segno (+ o -) "int8" o "int16".
•
I parametri di floating point sono quelli con un punto decimale (o che potrebbero
essere configurati in modo tale da avere un punto decimale), ad eccezione
dei parametri relativi a periodi e intervalli temporali. Questi tipi di parametri
comprendono variabili di processo, setpoint, setpoint di allarme ecc. e sono
indicati da "Float32" (parametri di floating point a 32 bit IEEE).
•
I parametri di tipo temporale misurano le durate, come ad esempio la durata
di un allarme al di sopra del valore di soglia, il tempo trascorso del timer ecc.
Sono indicati da "time32" nella tabella dei parametri.
Parametri enumerati, Status Word e interi
Utilizzano esclusivamente la prima word dei due indirizzi Modbus loro assegnati
nell'area IEEE. Alla seconda word corrisponde un valore di 8000 hex.
Sebbene non sia consentita la funzione "Scrivi una word" (funzione 6), questo tipo
di parametro può essere scritto sotto forma di singola word a 16 bit utilizzando la
funzione Modbus "Blocco Scrittura" (funzione 16). Non è necessario aggiungere un
valore di padding nel secondo indirizzo. Allo stesso modo, questi parametri possono
essere letti utilizzando una "Blocco lettura" Modbus (funzioni 3 e 4) come singole
word. In questo caso, la word di padding verrà omessa.
È tuttavia necessario riempire la word inutilizzata durante la scrittura di questo tipo
di dati in quanto parte di un blocco contenente altri valori di parametri.
Parametri di floating point
Utilizzano il formato IEEE per numeri di floating point, ovvero una quantità a 32 bit, che
è memorizzato in indirizzi Modbus consecutivi. Durante la lettura e la scrittura in float,
è necessario leggere o scrivere entrambe le word in un unico blocco lettura o scrittura.
Non è possibile, ad esempio, combinare i risultati delle letture di due singole word.
HA033412ITA Edizione 01
75
Comunicazioni
Corrente
Questo formato viene utilizzato dalla maggior parte dei linguaggi di programmazione
di alto livello quali ad esempio "C" e BASIC, e molti sistemi di strumentazione e
SCADA prevedono la decodifica automatica di numeri memorizzati in questo
formato. Il formato è il seguente:
BIT 31
30
23
Segno 27
20
22
0
2-1 2-2
2-23
{--- -ESPONENTE--- -}{------ -- - -- ------FRAZIONE----
---- --
-----}
dove il valore = (-1) Sign x 1.F x 2 E-127
Nota: Nella pratica, quando si utilizza il linguaggio C, i float IEEE vengono
generalmente decodificati inserendo in memoria i valori ritrasmessi dai canali
di comunicazione ed eseguendo un'operazione di "casting" dell'area come float,
anche se alcuni compilatori possono richiedere che l'area venga sottoposta a
byte swap da alto a basso prima del casting. I dettagli di questa operazione
non rientrano nell'ambito del presente manuale.
Il formato utilizzato per trasferire i numeri IEEE è il seguente:
Indirizzo Modbus inferiore
Parte alta dell'indirizzo Modbus
MSB
LSB
MSB
LSB
Bit 31 - 24
Bit 16 - 23
Bit 15 - 8
Bit 7 - 0
Per trasferire il valore 1.001, ad esempio, vengono trasmessi i seguenti valori (esadecimali).
Indirizzo Modbus inferiore
Parte alta dell'indirizzo Modbus
MSB
LSB
MSB
LSB
3F
80
20
C5
Parametri di tipo temporale
I valori di tipo temporale vengono ritrasmessi dai canali di comunicazione in 1/10 di
secondo o minuto. È possibile modificare questo valore nella tabella SCADA.
Nell'area IEEE le durate temporali vengono rappresentate come numero intero
a 32 bit di millisecondi. Durante la lettura e la scrittura in tipi temporali, è necessario
leggere o scrivere entrambe le word in un unico blocco lettura o scrittura. Non è
possibile, ad esempio, combinare i risultati delle letture di due singole word.
La rappresentazione dei dati è la seguente.
Indirizzo Modbus inferiore
Parte alta dell'indirizzo Modbus
MSB
LSB
MSB
LSB
Bit 31 - 24
Bit 16 - 23
Bit 15 - 8
Bit 7 - 0
Per creare un valore intero a 32 bit dai due valori Modbus, basta moltiplicare il valore
dell'indirizzo inferiore Modbus per 65536, quindi aggiungere il valore all'indirizzo
superiore. Dividere infine per 1000 per ottenere un valore espresso in secondi o
per 60000 per un valore in minuti ecc.
Ad esempio, il valore pari a 2 minuti (120000 ms) viene rappresentato nel modo seguente:
Indirizzo Modbus inferiore
76
Parte alta dell'indirizzo Modbus
MSB
LSB
MSB
LSB
00
01
D4
C0
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
EtherCAT®
EtherCAT®
Descrizione
EtherCAT è un marchio registrato e una tecnologia brevettata, concessa in licenza da
Beckhoff Automation GmbH, Germania.
EtherCAT (Ethernet for Control Automation Technology) è una tecnologia aperta in
tempo reale che realizza lo specifico trasferimento di dati. Offre prestazioni in tempo
reale e ha lo scopo di massimizzare l'uso del trasferimento dati Ethernet full duplex
ad alta velocità tramite un cavo a doppino intrecciato o una fibra ottica per esigenze
di controllo dei processi industriali.
EtherCAT si basa sulla tecnologia Ethernet e offre vantaggi come facilità di
implementazione e basso costo di gestione e standardizzazione. È pertanto
la soluzione ideale per le applicazioni industriali nonché per massimizzare le
prestazioni dei sistemi di controllo.
Il Media Access Control utilizza il principio Master/Slave, in cui il nodo del master
(generalmente il sistema di controllo) invia frame Ethernet ai nodi dello slave, dai
quali estrae i dati, inserendone altri automaticamente. Per le applicazioni EtherCAT
è possibile utilizzare una gamma completa di topologie.
Dal punto di vista di Ethernet, un segmento EtherCAT è un singolo dispositivo
Ethernet che riceve e invia frame Ethernet standard ISO/IEC 802-3. Il dispositivo
Ethernet può essere costituito da più dispositivi EtherCAT slave, che elaborano
direttamente i frame in arrivo ed estraggono i relativi dati utente oppure inseriscono
i dati e trasferiscono il frame al dispositivo EtherCAT slave successivo. L'ultimo
dispositivo EtherCAT slave all'interno del segmento reinvia il frame completamente
elaborato cosicché questo viene restituito dal primo dispositivo slave al master
come frame di risposta.
Questa procedura utilizza la modalità full duplex di Ethernet, che consente la
comunicazione in entrambe le direzioni in modo indipendente. È possibile stabilire
una comunicazione diretta senza uno switch tra un dispositivo master e un
segmento EtherCAT costituito da uno o più dispositivi slave. Vedere le indicazioni
di installazione di ETG.1600 EtherCAT per maggiori informazioni.
AVVISO
UTILIZZO IMPROPRIO DELL'APPARECCHIATURA
•
I regolatori EtherCAT slave rifletteranno tutti i frame sulla rete, pertanto non
dovrebbero essere collegati a una rete di ufficio poiché ciò potrebbe portare
a un broadcast storm.
•
La comunicazione EtherCAT non è disponibile come opzione di aggiornamento
software. Se è necessario EtherCAT, ordinare il prodotto con la comunicazione
EtherCAT.
•
Il protocollo PROFINET e il protocollo Ethernet/IP non sono disponibili
come opzione di aggiornamento software su un prodotto con comunicazione
EtherCAT. Non ordinare la comunicazione EtherCAT nel caso siano necessari
il protocollo PROFINET e il protocollo Ethernet/IP.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare un mancato
funzionamento dell'attrezzatura.
HA033412ITA Edizione 01
77
EtherCAT®
Corrente
EPack supporta il protocollo Modbus/TCP indipendentemente dal protocollo di
comunicazione utilizzato.
EPack con protocollo di comunicazione EtherCAT supporta il protocollo Modbus/TCP
utilizzando Ethernet over EtherCAT (EoE).
Gestione del prodotto dallo strumento di configurazione EtherCAT
EPack è uno slave EtherCAT che può essere utilizzato in tutte le reti EtherCAT
che includono un master EtherCAT. La configurazione della rete può essere
gestita da qualsiasi strumento di configurazione EtherCAT come TwinCAT®
(vedere "Configurazione progetto TwinCAT" a pagina 114).
Nelle sezioni che seguono viene utilizzato come esempio TwinCAT 3.1, tuttavia
alcune immagini possono variare a seconda della versione di TwinCAT.
Il dizionario oggetti EtherCAT di EPack è descritto nel file ESI (EtherCAT Slave
Information) "Eurotherm_EPackECAT.xml", disponibile sul sito Web Eurotherm
https://www.eurotherm.com/downloads.
Avvio immediato
Prima di collegare EPack a un qualsiasi master EtherCAT, può essere configurato
manualmente utilizzando il menu Quick Start (Avvio rapido), ovvero il menu
predefinito sullo schermo dopo l'accensione immediata.
Se all'accensione iniziale viene collegato un master EtherCAT, i valori di avvio rapido
predefiniti verranno caricati automaticamente sulla transizione di stato da PREOP
a SAFEOP e lo strumento eseguirà tale configurazione predefinita.
È quindi possibile gestire la configurazione del prodotto i qualsiasi momento
utilizzando:
78
•
iTools (vedere "Ethernet over EtherCAT (EoE)" a pagina 79).
•
La funzione di caricamento/scaricamento del file di configurazione (vedere
"Accesso ai file su EtherCAT (FoE)" a pagina 82).
•
Il menu Regola (Adjust) sulla fascia frontale (disponibile solo nello stato INIT
o PREOP).
•
Il comando Device Factory Reset CoE (vedere "Area oggetto del dispositivo" a
pagina 96).
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
EtherCAT®
Ethernet over EtherCAT (EoE)
EPack supporta EoE. Ciò consente a qualsiasi prodotto della gamma ePack di
utilizzare iTools per configurare e monitorare il funzionamento dello strumento.
Le funzioni di iTools, quali cablaggio grafico, clonazione della configurazione,
OPC scope e così via, rimangono disponibili (vedere "Interfaccia iTools con EoE" a
pagina 82).
Per abilitare la comunicazione EoE, le impostazioni IP degli strumenti devono essere
configurate da uno strumento di configurazione EtherCAT ( ad es. TwinCAT).
Nota: Per funzionare correttamente, il master deve essere collegato a una porta
di ingresso EtherCAT per EoE.
Accesso a EPack da una piattaforma master
Per accedere a EPack da una piattaforma master:
1. Riavviare il dispositivo e TwinCAT.
2. Configurazione della scheda di rete NIC:
a. Aprire le impostazioni dell'adattatore di rete.
b. Aprire le impostazioni della scheda di rete utilizzata per EtherCAT.
c. Impostare l'indirizzo IP della scheda sul valore che si desidera
utilizzare, ad esempio:
–
Indirizzo IP: 192.168.1.10
–
Subnet mask: 255.255.255.0
d. Lasciare vuoti tutti gli altri campi (DNS, WINS, Gateway).
HA033412ITA Edizione 01
79
EtherCAT®
Corrente
3. Salvare le impostazioni.
a. Configurare il dispositivo.
b. Aprire TwinCAT.
c. Effettuare una scansione della rete.
d. Selezionare il dispositivo EPackECAT.
e. Selezionare la scheda EtherCAT e fare clic su Advanced Settings
(Impostazioni avanzate).
f.
Configurare un indirizzo IP nella stessa subnet.
g. Impostare l'indirizzo IP della NIC come gateway.
4. Impostare la rete almeno su PRE-OP (è necessaria una comunicazione
della casella di posta).
Nota: Se le impostazioni IP vengono modificate da un master in cui EoE è già
in esecuzione, lo strumento EPack deve essere riavviato (ricommutando
l'alimentazione da SPENTA ad ACCESA).
80
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
EtherCAT®
5. Aprire iTools e fare clic su Add (Aggiungi).
6. In alternativa può essere utilizzato DHCP: selezionare Obtain an IP
address automatically (Ottenere automaticamente un indirizzo IP) in
NIC (passaggio 2.) e selezionare DHCP in TwinCAT (passaggio 3.f.).
Accesso a EPack da un PC remoto
I passaggi 1 e 3 sono gli stessi della sezione precedente (Accesso a EPack da una
piattaforma master).
4. Abilitare il routing IP sulla piattaforma master EtherCAT. I passaggi che
seguono dipendono dal sistema operativo.
a. Aprire le impostazioni avanzate EtherCAT dell'interfaccia master e
selezionare IP Enable Router (Router IP abilitato).
5. Riavviare il PC.
HA033412ITA Edizione 01
81
EtherCAT®
Corrente
6. Aggiungere un route a un PC esterno (ad es. il comando: route ADD
192.168.1.0 MASK 255.255.255.0 10.35.16.52).
7. Aprire iTools e fare clic su Add (Aggiungi).
Interfaccia iTools con EoE
In base alla specifica EtherCAT, se lo stato EtherCAT è INIT EoE è disabilitato. iTools
può pertanto rilevare uno strumento solo se lo stato EtherCAT è maggiore di INIT.
Per alcuni parametri di iTools, l'accesso alla scrittura è limitato alla modalità
Configurazione. Tali parametri sono contrassegnati dal simbolo
Explorer (Gestione parametri).
in Parameter
La modalità del prodotto (Configurazione od Operatore) si basa sulla macchina di
stato EtherCAT come definita di seguito:
Stato ECAT
PREOP
SAFEOP
OP
Modalità prodotto
Configurazione
Operatore (ma controllo in standby)
Operatore
Per scrivere un parametro contrassegnato con
da iTools, il master EtherCAT
deve prima impostare il proprio stato su PREOP. Per trasferire l'aggiornamento di
un cablaggio grafico oppure per caricare un clone su un dispositivo, anche lo stato
EtherCAT deve essere PREOP.
Nota: Poiché per gestire SAFEOP rispetto allo stato di transizione EtherCAT viene
utilizzato il parametro Control.Setup.Standby, nell'editor del cablaggio grafico esso
non deve essere mai cablato come un ingresso.
Accesso ai file su EtherCAT (FoE)
Panoramica di FoE
FoE può essere utilizzato per aggiornare il firmware di uno strumento. Può essere
utilizzato anche per caricare/scaricare la configurazione di uno strumento;
generalmente viene utilizzato per la sostituzione di uno strumento.
Il file del firmware "Eurotherm_EPackECAT_VXXX_cfgVYY.efw" è disponibile sul sito
Eurotherm https://www.eurotherm.com/downloads. XXX rappresenta la versione del
firmware (ad es. V506), mentre YY rappresenta la versione del file di configurazione
compatibile con tale firmware.
La versione del file di configurazione supportata dal dispositivo può essere verificata
nell'oggetto 0xF9FF (vedere "" a pagina 103). Se la versione del file di configurazione
(YY) nel filename del firmware è diverso dal valore 0xF9FF, dopo l'aggiornamento
del firmware la configurazione dello strumento verrà cancellata. Altrimenti rimarrà
invariata.
Note:
1. Nel caso in cui la versione del file di configurazione (YY) nel filename del
firmware sia diversa dal valore 0xF9FF, per evitare di perdere la configurazione
dello strumento è possibile utilizzare iTools per salvare quest'ultima all'interno
di un file clone (.uic) prima dell'aggiornamento del firmware, per poi ripristinarla
in seguito.
82
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
EtherCAT®
2. Il file di configurazione FoE può essere nuovamente caricato in qualsiasi
momento dopo il ripristino del clone in modo da ottenere un aggiornamento
del file di configurazione per un uso futuro.
Figura 25 Sistema di file
Aggiornamento firmware
L'aggiornamento del firmware tramite FoE è supportato secondo ETG.5003-2.
1. Verificare la versione del file di configurazione nell'oggetto 0xF9FF e
assicurarsi della corrispondenza di tale versione nel filename (vedere
"Panoramica di FoE" a pagina 82).
2. Impostare la macchina di stato EtherCAT su BOOTSTRAP.
3. Nella scheda Online del dispositivo EPack fare clic su Download (Scarica)
e selezionare il file "Eurotherm_EPackECAT_VXXX_cfgVYY.efw"
HA033412ITA Edizione 01
83
EtherCAT®
Corrente
4. Nella finestra popup assicurarsi che il campo String (Stringa) inizi con
"Eurotherm_EPackECAT" e che il campo Password sia impostato su
"46775570" in formato esadecimale.
5. Fare clic su OK; il download del firmare si avvia.
Caricamento/scaricamento della configurazione
La configurazione del prodotto (inclusi i valori dei parametri non volatili) può essere
caricata e archiviata in un file per scopi di backup, per essere in seguito nuovamente
scaricata sullo stesso (o su un diverso) strumento.
Caricamento
Per caricare una configurazione:
1. Impostare la macchina di stato EtherCAT su PREOP.
2. Registrare il valore dell'alias della stazione di configurazione dello
strumento.
3. Utilizzare il comando Store (Archivia) (0xFBF2) per assicurarsi che
eventuali modifiche recenti vengano archiviate nella memoria non volatile.
4. Utilizzare il comando Calculate Checksum (Calcola checksum) (0xFBF3)
per calcolare il checksum della configurazione attualmente archiviato nella
memoria non volatile. Registrare il checksum.
5. Nella scheda Online del dispositivo EPack fare clic su Upload (Carica) e
salvare il file con nome "epack_cfg" (tutto minuscolo) più qualsiasi suffisso
se necessario e con qualsiasi estensione di file. Si raccomanda di
includere la versione del file di configurazione (disponibile dall'oggetto
0xF9FF) all'interno del suffisso, in modo da identificarlo per un uso futuro.
84
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
EtherCAT®
6. Nella finestra popup assicurarsi che il campo String (Stringa) inizi con
"epack_cfg" e che il campo Password sia impostato su "436F6E66" in
formato esadecimale.
7. Fare clic su OK; il caricamento della configurazione si avvia.
Download
AVVISO
UTILIZZO IMPROPRIO DELL'APPARECCHIATURA
•
La memoria non volatile non deve essere accessibile in modalità scrittura per
più di 10.000 volte durante l'intero ciclo di vita del prodotto.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare un mancato
funzionamento dell'attrezzatura.
Il download della configurazione tramite FoE accede alla memoria non volatile in
modalità scrittura.
Per scaricare una configurazione:
1. Impostare la macchina di stato EtherCAT su PREOP.
2. Assicurarsi che il valore dell'alias della stazione di configurazione dello
strumento sia identico a quello da cui è stato caricato il file.
3. Nella scheda Online del dispositivo EPack fare clic su Download (Scarica)
e selezionare un file precedentemente archiviato
HA033412ITA Edizione 01
85
EtherCAT®
Corrente
4. Nella finestra popup assicurarsi che il campo String (Stringa) inizi con
"epack_cfg" e che il campo Password sia impostato su "436F6E66" in
formato esadecimale.
5. Fare clic su OK; il download della configurazione si avvia.
6. Utilizzare il comando Calculate Checksum (Calcola checksum) (0xFBF3)
per calcolare il checksum della configurazione appena scaricata nella
memoria non volatile e assicurarsi che corrisponda al valore del
checksum registrato prima dell'operazione di caricamento.
Nota: Se la versione del file di configurazione da scaricare non corrisponde
alla versione attuale del file di configurazione dello strumento (disponibile
dall'oggetto 0xF9FF), il download non verrà eseguito correttamente.
Dizionario oggetti di EPack
Il dizionario oggetti EtherCAT di EPack è descritto nel file ESI (EtherCAT Slave
Information) di EPack "Eurotherm_EPackECAT.xml", disponibile sul sito Web
Eurotherm https://www.eurotherm.com/downloads.
Il dizionario oggetti EPack è conforme con Semiconductor Common Device Profile
ETG.5003-1.
Area comunicazione
Tabella 4: Parametri Area comunicazione
Indice
SI
DataType
Nome
Default
Descrizione
0x1000
UINT32
Tipo dispositivo
0x0001138B
Profilo dispositivi comuni a
semiconduttore
0x1001
UINT8
Registro errori
0x1008
STRINGA
Nome produttore
dispositivo
0x1009
STRINGA
Versione hardware
del produttore
Versione hardware corrispondente a
PSL (Product Status Level) riportata
anche sull'etichetta dello strumento
0x100A
STRINGA
Versione software
del produttore
Versione del software del dispositivo
0x100B
STRINGA
Versione bootloader
del produttore
Versione software del bootloader
0x1018
86
Riservato per uso futuro
EPackECAT
Nome del dispositivo
Identity Object
1
UINT32
ID fornitore
0x1BC
Eurotherm Limited
2
UINT32
Codice prodotto
0xE1A2
EPackECAT
3
UINT32
Numero revisione
Numero revisione del dispositivo
4
UINT32
Numero di serie
Numero seriale del dispositivo
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
EtherCAT®
Tabella 4: Parametri Area comunicazione
Indice
SI
DataType
0x10F1
Nome
Default
Impostazioni errori
1
Reazione errore
locale
2
Limite contatore
Errore
sincronizzazione
0x10F8
UINT64
Descrizione
Riservato per uso futuro
Oggetto Timestamp
Timestamp locale del dispositivo in ns
Area mappatura oggetto dati di processo
Tabella 5: Mappatura RxPDO (0x1600 - 0x17FF)
Indice
SI
DataType
0x1600
Nome
Default
Descrizione
0x70010920
Setpoint provider Remote 2
Mappatura predefinita
RxPDO modulo
1
UINT32
0x1601
Mappatura specifica
utente RxPDO
modulo
1
UINT32
0x00000010
Mappatura flessibile
2
UINT32
0x00000010
Mappatura flessibile
3
UINT32
0x00000010
Mappatura flessibile
4
UINT32
0x00000010
Mappatura flessibile
5
UINT32
0x00000010
Mappatura flessibile
6
UINT32
0x00000010
Mappatura flessibile
7
UINT32
0x00000010
Mappatura flessibile
0x17FF
Mappatura specifica
utente RxPDO
dispositivo
1
UINT32
0x00000010
Mappatura flessibile
2
UINT32
0x00000010
Mappatura flessibile
3
UINT32
0x00000010
Mappatura flessibile
4
UINT32
0x00000010
Mappatura flessibile
5
UINT32
0x00000010
Mappatura flessibile
6
UINT32
0x00000010
Mappatura flessibile
7
UINT32
0x00000010
Mappatura flessibile
HA033412ITA Edizione 01
87
EtherCAT®
Corrente
Tabella 6: Mappatura RxPDO (0x1600 - 0x17FF)
Indice
SI
DataType
0x1600
Nome
Default
Descrizione
0x70010920
Setpoint provider Remote 2
Mappatura
predefinita RxPDO
modulo
1
UINT32
0x1601
Mappatura specifica
utente RxPDO
modulo
1
UINT32
0x00000010
Mappatura flessibile
2
UINT32
0x00000010
Mappatura flessibile
3
UINT32
0x00000010
Mappatura flessibile
4
UINT32
0x00000010
Mappatura flessibile
5
UINT32
0x00000010
Mappatura flessibile
6
UINT32
0x00000010
Mappatura flessibile
7
UINT32
0x00000010
Mappatura flessibile
0x17FF
Mappatura specifica
utente RxPDO
dispositivo
1
UINT32
0x00000010
Mappatura flessibile
2
UINT32
0x00000010
Mappatura flessibile
3
UINT32
0x00000010
Mappatura flessibile
4
UINT32
0x00000010
Mappatura flessibile
5
UINT32
0x00000010
Mappatura flessibile
6
UINT32
0x00000010
Mappatura flessibile
7
UINT32
0x00000010
Mappatura flessibile
Tabella 7: Mappatura TxPDO (0x1A00 - 0x1BFF)
Indice
SI
DataType
0x1A00
88
Nome
Default
Descrizione
Mappatura
predefinita TxPDO
modulo
1
UINT32
0xF3900008
Stato eccezione bloccata
2
UINT32
0xF3800008
Stato eccezione attiva
3
UINT32
0x60020120
Valore di processo di controllo
4
UINT32
0x60020220
Controllo setpoint principale
5
UINT32
0x60000520
Rete corrente
6
UINT32
0x60000A20
Tensione di carico della rete
7
UINT32
0xF3910120
Dettagli avvertenza dispositivo
bloccato
8
UINT32
0xF3930120
Dettagli errore dispositivo bloccato
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
EtherCAT®
Tabella 7: Mappatura TxPDO (0x1A00 - 0x1BFF)
Indice
SI
DataType
0x1A01
Nome
Default
Descrizione
Mappatura specifica
utente TxPDO
modulo
1
UINT32
0x00000010
Mappatura flessibile
2
UINT32
0x00000010
Mappatura flessibile
3
UINT32
0x00000010
Mappatura flessibile
4
UINT32
0x00000010
Mappatura flessibile
5
UINT32
0x00000010
Mappatura flessibile
6
UINT32
0x00000010
Mappatura flessibile
7
UINT32
0x00000010
Mappatura flessibile
8
UINT32
0x00000010
Mappatura flessibile
0xF3970120
Dettagli errore dispositivo globale
bloccato
0x1BFE
Mappatura
predefinita TxPDO
dispositivo
1
UINT32
0x1BFF
Mappatura specifica
utente TxPDO
dispositivo
1
UINT32
0x00000010
Mappatura flessibile
2
UINT32
0x00000010
Mappatura flessibile
3
UINT32
0x00000010
Mappatura flessibile
4
UINT32
0x00000010
Mappatura flessibile
5
UINT32
0x00000010
Mappatura flessibile
6
UINT32
0x00000010
Mappatura flessibile
7
UINT32
0x00000010
Mappatura flessibile
8
UINT32
0x00000010
Mappatura flessibile
Area oggetto sincronizzazione
Tabella 8: Tipo di comunicazione gestore sincronizzazione
Indice
SI
DataType
Nome
Default
Descrizione
1
UINT8
Gestore sincronizzazione
tipo di comunicazione 0
0x01
Ricezione casella di posta
(da master a slave)
2
UINT8
Gestore sincronizzazione
tipo di comunicazione 1
0x02
Invio casella di posta
(da slave a master)
3
UINT8
Gestore sincronizzazione
tipo di comunicazione 2
0x03
Uscita dati di processo
(da master a slave)
4
UINT8
Gestore sincronizzazione
tipo di comunicazione 3
0x04
Ingresso dati di processo
(da slave a master)
0x1C00
HA033412ITA Edizione 01
89
EtherCAT®
Corrente
Tabella 9: Assegnazione SyncManager 2
Indice
SI
DataType
1
Nome
Default
Descrizione
UINT16
0x1600
Mappatura predefinita RxPDO modulo
2
UINT16
0x1601
Mappatura specifica utente RxPDO modulo
3
UINT16
0x17FF
Mappatura specifica utente RxPDO
dispositivo
0x1C12
Tabella 10: Assegnazione SyncManager 3
Indice
SI
DataType
1
Nome
Default
Descrizione
UINT16
0x1A00
Mappatura predefinita TxPDO modulo
2
UINT16
0x1A01
Mappatura specifica utente TxPDO modulo
3
UINT16
0x1BFE
Mappatura predefinita TxPDO dispositivo
4
UINT16
0x1BFF
Mappatura specifica utente TxPDO
dispositivo
0x1C13
Nota: Vedere "Sincronizzazione" a pagina 112 per maggiori informazioni
sul significato dell'inserimento di un oggetto.
Tabella 11: Configurazione SyncManager 2
Indice
SI
DataType
Nome
Default
Descrizione
1
UINT16
Tipo sincronizzazione
0x0000
Esecuzione libera
2
UINT32
Tempo di ciclo
4
UINT16
Tipi di sincronizzazione
supportati
5
UINT32
Tempo di ciclo minimo
Tempo di ciclo minimo attuale
(necessario 0x1C32.8 Get Cycle Time = 1)
6
UINT32
Tempo di calcolo e di
copia
Tempo di calcolo e di copia attuale
(necessario 0x1C32.8 Get Cycle Time = 1)
8
UINT16
Ottieni tempo di ciclo
9
UINT32
Tempo di ritardo
Non utilizzato
10
UINT32
Tempo di ciclo Sync0
Non utilizzato
11
UINT16
Mancato evento SM
Non utilizzato
12
UINT16
Tempo di ciclo troppo
breve
Non utilizzato
32
UINT8
Errore di
sincronizzazione
Non utilizzato
0x1C32
90
Tempo di ciclo attuale
(necessario 0x1C32.8 Get Cycle Time = 1)
0x0001
0x0000
Supportata solo esecuzione libera
Scrittura 1 per avviare le misure del tempo
di ciclo
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
EtherCAT®
Nota: Vedere "Sincronizzazione" a pagina 112 per maggiori informazioni sul
significato dell'inserimento di un oggetto.
Tabella 12: Configurazione SyncManager 3
Indice
SI
DataType
Nome
Default
Descrizione
1
UINT16
Tipo sincronizzazione
0x0000
Esecuzione libera
2
UINT32
Tempo di ciclo
4
UINT16
Tipi di sincronizzazione
supportati
5
UINT32
Tempo di ciclo minimo
Tempo di ciclo minimo attuale (necessario
0x1C33.8 Get Cycle Time = 1)
6
UINT32
Tempo di calcolo e di
copia
Tempo di calcolo e di copia attuale
(necessario 0x1C33.8 Get Cycle Time = 1)
8
UINT16
Ottieni tempo di ciclo
9
UINT32
Tempo di ritardo
Non utilizzato
10
UINT32
Tempo di ciclo Sync0
Non utilizzato
11
UINT16
Mancato evento SM
Non utilizzato
12
UINT16
Tempo di ciclo troppo
breve
Non utilizzato
32
UINT8
Errore di sincronizzazione
Non utilizzato
0x1C33
Tempo di ciclo attuale (necessario
0x1C33.8 Get Cycle Time = 1)
0x0001
0x0000
Supportata solo esecuzione libera
Scrittura 1 per avviare le misure del
tempo di ciclo
Area oggetto del modulo
Dati in ingresso
In TxPDO è possibile mappare qualsiasi oggetto dati in ingresso.
Tabella 13: Dati di rete (reali)
Indice
SI
DataType
0x6000
Nome
Rete (reale)
0x01
REALE
Frequenza rete
0x02
REALE
Tensione linea di rete
0x05
REALE
Rete corrente
0x0A
REALE
Tensione di carico della rete
0x0F
REALE
Alimentazione rete per periodo di
modulazione
0x10
REALE
Alimentazione rete per ciclo principale
0x11
REALE
Potenza apparente rete
0x12
REALE
Fattore di potenza rete
0x13
REALE
Impedenza carico della rete
0x16
REALE
Riferimento Z rete
0x19
BOOL
PLF rete regolato
HA033412ITA Edizione 01
91
EtherCAT®
Corrente
Tabella 14: Dati provider setpoint (reali)
Indice
SI
DataType
0x6001
Nome
Provider setpoint (reale)
0x01
REALE
Setpoint di lavoro provider setpoint
0x02
REALE
Setpoint di lavoro provider setpoint in unità
ingegneristiche
0x03
BOOL
Stato velocità di rampa provider setpoint
Tabella 15: Dati di controllo (reali)
Indice
SI
DataType
0x6002
Nome
Controllo (reale)
0x01
REALE
Valore di processo di controllo
0x02
REALE
Controllo setpoint principale
0x03
REALE
Valore di processo del trasferimento di controllo
0x04
REALE
Limite di controllo PV1
0x05
REALE
Limite di controllo PV2
0x06
REALE
Limite di controllo PV3
0x07
BIT3
Stato di controllo
0x0A
REALE
Alimentazione uscita di controllo
0x0B
REALE
Uscita angolo di fase del controllo per riduzione PA
Tabella 16: Dati modulatore (reali)
Indice
SI
DataType
0x6003
Nome
Modulatore (reale)
0x01
REALE
Uscita modulatore
Tabella 17: Dati accensione
Indice
SI
DataType
0x6004
Nome
Accensione
0x01
BOOL
Stato rampa di sicurezza uscita di accensione
Tabella 18: Dati di rete (interi)
Indice
SI
DataType
0x6005
92
Nome
Rete (intero)
0x01
UINT
Frequenza rete
0x02
UINT
Tensione linea di rete
0x05
UINT
Rete corrente
0x0A
UINT
Tensione di carico della rete
0x0F
UINT
Alimentazione rete per periodo di modulazione
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
EtherCAT®
Tabella 18: Dati di rete (interi)
Indice
SI
DataType
Nome
0x10
UINT
Alimentazione rete per ciclo principale
0x11
UINT
Potenza apparente rete
0x12
UINT
Fattore di potenza rete
0x13
UINT
Impedenza carico della rete
0x16
UINT
Riferimento Z rete
0x19
BOOL
PLF rete regolato
Tabella 19: Dati provider setpoint (intero)
Indice
SI
DataType
0x6006
Nome
Provider setpoint (intero)
0x01
UINT
Setpoint di lavoro provider setpoint
0x02
UINT
Setpoint di lavoro provider setpoint in unità ingegneristiche
0x03
BOOL
Stato velocità di rampa provider setpoint
Tabella 20: Dati di controllo (interi)
Indice
SI
DataType
0x6007
Nome
Controllo (intero)
0x01
UINT
Valore di processo di controllo
0x02
UINT
Controllo setpoint principale
0x03
UINT
Valore di processo del trasferimento di controllo
0x04
UINT
Limite di controllo PV1
0x05
UINT
Limite di controllo PV2
0x06
UINT
Limite di controllo PV3
0x07
BIT3
Stato di controllo
0x0A
UINT
Alimentazione uscita di controllo
0x0B
UINT
Uscita angolo di fase del controllo per riduzione PA
Tabella 21: Dati modulatore (interi)
Indice
SI
DataType
0x6008
Nome
Modulatore (intero)
0x01
UINT
Uscita modulatore
Dati in uscita
In TxPDO è possibile mappare qualsiasi oggetto di dati in uscita.
Tabella 22: Dati di rete
Indice
SI
DataType
0x7000
Nome
Network
0x01
BIT3
HA033412ITA Edizione 01
Richiesta regolazione PLF rete
93
EtherCAT®
Corrente
Tabella 23: Dati provider setpoint (reali)
Indice
SI
DataType
0x7001
Nome
Provider setpoint (reale)
0x01
BOOL
Selezione setpoint provider setpoint
0x02
BOOL
Selezione setpoint remoto provider setpoint
0x03
BOOL
Disabilita rampa provider setpoint
0x04
BOOL
Accesso operatore al setpoint
0x07
REALE
Setpoint locale provider setpoint
0x08
REALE
Provider setpoint remoto 1
0x09
REALE
Setpoint provider Remote 2
Tabella 24: Dati di controllo (reali)
Indice
SI
DataType
0x7002
Nome
Controllo (reale)
0x05
REALE
Limite di controllo setpoint 1
0x06
REALE
Limite di controllo setpoint 2
0x07
REALE
Limite di controllo setpoint 3
Tabella 25: Dati modulatore
Indice
SI
DataType
0x7003
Nome
Modulatore
0x01
USINT
Tempo attivazione minimo modulatore
0x02
BOOL
Treno di impulsi interruttore modulatore
per PA
Tabella 26: Dati accensione
Indice
SI
DataType
0x7004
Nome
Accensione
0x01
BOOL
Abilitazione uscita di accensione
0x02
pad_7
0x03
USINT
Durata avvio graduale accensione
0x04
USINT
Durata fine graduale accensione
0x05
USINT
Innesco ritardo accensione
Tabella 27: Dati provider setpoint (intero)
Indice
SI
DataType
0x7006
94
Nome
Provider setpoint (intero)
0x01
BOOL
Selezione setpoint provider setpoint
0x02
BOOL
Selezione setpoint remoto provider setpoint
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
EtherCAT®
Tabella 27: Dati provider setpoint (intero)
Indice
SI
DataType
Nome
0x03
BOOL
Disabilita rampa provider setpoint
0x04
BOOL
Accesso operatore al setpoint
0x07
UINT
Setpoint locale provider setpoint
0x08
UINT
Provider setpoint remoto 1
0x09
UINT
Setpoint provider Remote 2
Tabella 28: Dati di controllo (interi)
Indice
SI
DataType
0x7007
Nome
Controllo (intero)
0x05
UINT
Limite di controllo setpoint 1
0x06
UINT
Limite di controllo setpoint 2
0x07
UINT
Limite di controllo setpoint 3
HA033412ITA Edizione 01
95
EtherCAT®
Corrente
Area oggetto del dispositivo
Tabella 29: Dati profilo dispositivo semiconduttore
Indice
SI
DataType
0xF000
Nome
Default
Descrizione
0x10
Offset dell'indice tra voci PDO
di due moduli consecutivi
(per ETG.5003 = 0x10)
Profilo dispositivo
semiconduttore
1
UINT16
Distanza indice
Non è rilevante per ePack, poiché
supporta un solo modulo
2
0xF010
UINT16
Numero massimo di
moduli
0x01
ePack supporta un solo modulo.
UINT32
Elenco profilo moduli
0x00000001
0x00000001 = Profilo dispositivi
comuni
Tabella 30: Dati gestione delle eccezioni
Indice
0xF380
SI
DataType
Nome
UINT8
Stato
eccezione
attiva
Default
Descrizione
Un byte di riepilogo che descrive la raccolta
di eccezioni dei dispositivi attivi una volta
applicate le maschere corrispondenti (0xF3Ax).
Bit 0: Avvertenza dispositivo
Bit 1: Avvertenza produttore
Bit 2: Errore dispositivo
Bit 3: Errore produttore
Bit 4...7: Riservato
0xF381
96
Dettagli
avvertenza
dispositivo
attivo
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
EtherCAT®
Tabella 30: Dati gestione delle eccezioni
Indice
SI
DataType
Nome
1
UINT32
Dettagli
avvertenza
dispositivo
attivo
Default
Descrizione
Bit 0-4: Riservato
Bit 5: TLF rete (Guasto di carico totale)
Bit 6: Riservato
Bit 7: PLF rete (Guasto di carico parziale)
Bit 8: Riservato
Bit 9: Sovratensione rete
Bit 10: Sottotensione rete
Bit 11: Pretemperatura rete: Riservato
Bit 12: Sovracorrente rete
Bit 13-14: Riservato
Bit 15: Ingresso esterno allarme
Bit 16: Anello chiuso di controllo
Bit 17: Trasferimento di controllo attivo
Bit 18: Limite di controllo attivo
Bit 19-31: Riservato
0xF383
Dettagli
errore
dispositivo
attivo
1
UINT32
Dettagli
errore
dispositivo
attivo
Bit 0: Alimentazione di rete assente
Bit 1: Corto circuito tiristore rete
Bit 2: Sovratemperatura rete: Riservato
Bit 3: Cadute di rete
Bit 4: Guasto frequenza di rete
Bit 5: Riservato
Bit 6: Interruzione rete
Bit 7-13: Riservato
Bit 14: Sovracorrente IP analogico
Bit 15-31: Riservato
0xF387
HA033412ITA Edizione 01
Dettagli
errore
dispositivo
globale attivo
97
EtherCAT®
Corrente
Tabella 30: Dati gestione delle eccezioni
Indice
SI
DataType
Nome
1
UINT32
Dettagli
errore
dispositivo
globale attivo
Default
Descrizione
Bit 0-23: Riservato
Bit 24: Qualsiasi bit in Status Word globale 0
(FAF0.1)
Bit 25: Qualsiasi bit in Status Word globale 1
(FAF0.2)
Bit 26: Qualsiasi bit in Status Word globale 2
(FAF0.3)
Bit 27: Qualsiasi bit in Status Word globale 3
(FAF0.4)
Bit 28-31: Riservato
0xF390
UINT8
Stato
eccezione
bloccata
Un byte di riepilogo che descrive la raccolta di
eccezioni dei dispositivi una volta applicate le
maschere corrispondenti (0xF3Ax).
Bit 0: Avvertenza dispositivo
Bit 1: Avvertenza produttore
Bit 2: Errore dispositivo
Bit 3: Errore produttore
Bit 4...7: Riservato
0xF391
Dettagli
avvertenza
dispositivo
bloccato
1
UINT32
Dettagli
avvertenza
dispositivo
bloccato
Bit 0-4: Riservato
Bit 5: TLF rete (Guasto di carico totale)
Bit 6: Riservato
Bit 7: PLF rete (Guasto di carico parziale)
Bit 8: Riservato
Bit 9: Sovratensione rete
Bit 10: Sottotensione rete
Bit 11: Pretemperatura rete: Riservato
Bit 12: Sovracorrente rete
Bit 13-14: Riservato
Bit 15: Ingresso esterno allarme
Bit 16: Anello chiuso di controllo
Bit 17: Trasferimento di controllo attivo
Bit 18: Limite di controllo attivo
Bit 19-31: Riservato
98
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
EtherCAT®
Tabella 30: Dati gestione delle eccezioni
Indice
SI
DataType
0xF393
Nome
Default
Descrizione
Dettagli
errore
dispositivo
bloccato
1
UINT32
Dettagli
errore
dispositivo
bloccato
Bit 0: Alimentazione di rete assente
Bit 1: Corto circuito tiristore rete
Bit 2: Sovratemperatura rete: Riservato
Bit 3: Cadute di rete
Bit 4: Guasto frequenza di rete
Bit 5: Riservato
Bit 6: Interruzione rete
Bit 7-13: Riservato
Bit 14: Sovracorrente IP analogico
Bit 15-31: Riservato
0xF397
Dettagli
errore
dispositivo
globale
bloccato
1
UINT32
Dettagli
errore
dispositivo
globale
bloccato
Bit 0-23: Riservato
Bit 24: Qualsiasi bit in Status Word globale 0
(FAF0.1)
Bit 25: Qualsiasi bit in Status Word globale 1
(FAF0.2)
Bit 26: Qualsiasi bit in Status Word globale 2
(FAF0.3)
Bit 27: Qualsiasi bit in Status Word globale 3
(FAF0.4)
Bit 28-31: Riservato
0xF3A1
HA033412ITA Edizione 01
Maschera
avvertenza
dispositivo
99
EtherCAT®
Corrente
Tabella 30: Dati gestione delle eccezioni
Indice
SI
DataType
Nome
Default
Descrizione
1
UINT32
Maschera
avvertenza
dispositivo
0x000796A0
Bitmask per includere i bit delle eccezioni di
avvertenza del dispositivo corrispondente negli
oggetti di stato delle eccezioni attive e bloccate
(0xF380 bit 0 e 0xF390 bit 0), se il bit
corrispondente è TRUE.
Bit 0-4: Riservato
Bit 5: TLF rete (Guasto di carico totale)
Bit 6: Riservato
Bit 7: PLF rete (Guasto di carico parziale)
Bit 8: Riservato
Bit 9: Sovratensione rete
Bit 10: Sottotensione rete
Bit 11: Pretemperatura rete: Riservato
Bit 12: Sovracorrente rete
Bit 13-14: Riservato
Bit 15: Ingresso esterno allarme
Bit 16: Anello chiuso di controllo
Bit 17: Trasferimento di controllo attivo
Bit 18: Limite di controllo attivo
Bit 19-31: Riservato
0xF3A3
100
Maschera
errore
dispositivo
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
EtherCAT®
Tabella 30: Dati gestione delle eccezioni
Indice
SI
DataType
Nome
Default
Descrizione
1
UINT32
Maschera
errore
dispositivo
0x0000405F
Bitmask per includere i bit delle eccezioni di
errore del dispositivo corrispondente negli
oggetti di stato delle eccezioni attive e bloccate
(0xF380 bit 2 e 0xF390 bit 2), se il bit
corrispondente è TRUE.
Bit 0: Alimentazione di rete assente
Bit 1: Corto circuito tiristore rete
Bit 2: Sovratemperatura rete: Riservato
Bit 3: Cadute di rete
Bit 4: Guasto frequenza di rete
Bit 5: Riservato
Bit 6: Interruzione rete
Bit 7-13: Riservato
Bit 14: Sovracorrente IP analogico
Bit 15-31: Riservato
Nota: La modifica di questa maschera può
portare a un comportamento inaspettato del
regolatore di potenza.
0xF3A7
Maschera
errore
dispositivo
globale
1
UINT32
Maschera
errore
dispositivo
globale
0x0F000000
Bitmask per includere i bit delle eccezioni di
errore del dispositivo corrispondente negli
oggetti di stato delle eccezioni attive e bloccate
(0xF380 bit 2 e 0xF390 bit 2), sempre TRUE
(non mascherabile).
Bit 0-23: Riservato
Bit 24: Errore di configurazione, ovvero
qualsiasi bit in Status Word globale 0 (FAF0.1)
Bit 25: Errore di configurazione, ovvero
qualsiasi bit in Status Word globale 1 (FAF0.2)
Bit 26: Errore di configurazione, ovvero
qualsiasi bit in Status Word globale 2 (FAF0.3)
Bit 27: Errore interno, ovvero qualsiasi bit in
Status Word globale 3 (FAF0.4)
Bit 28-31: Riservato
Tabella 31: Dati dispositivo specifici del produttore
Indice
SI
0xF500
HA033412ITA Edizione 01
DataType
Nome
Valore utente (reale)
101
EtherCAT®
Corrente
Tabella 31: Dati dispositivo specifici del produttore
Indice
SI
DataType
Nome
0x01
REALE
Valore UserVal1
0x02
REALE
Valore UserVal2
0x03
REALE
Valore UserVal3
0x04
REALE
Valore UserVal4
0xF501
Valore utente (intero)
0x01
UINT16
Valore UserVal1
0x02
UINT16
Valore UserVal2
0x03
UINT16
Valore UserVal3
0x04
UINT16
Valore UserVal4
Gli oggetti 0xF500 e 0xF501 possono essere utilizzati come un'interfaccia per
qualsiasi configurazione personalizzata progettata tramite cablaggio grafico.
I parametri interni da raggiungere devono essere cablati al blocco funzione UserVal
nell'editor del cablaggio grafico ed è poi possibile accedervi dallo scambio ciclico
(dati di processo) o dall'accesso CoE. Questo può essere eseguito nelle direzioni
di ingresso (da master a slave) e di uscita (da slave a master).
Figura 26 Esempio di cablaggio UserVal
Tabella 32: Dati in ingresso specifici del dispositivo
Indice
SI
DataType
0xF6F0
Descrizione
Timestamp locale blocco
ingresso
1
UINT32
0xF6EA
0x01
102
Nome
UINT16
Timestamp locale blocco
ingresso
Ora locale del regolatore corrispondente
all'ora di blocco di ingresso in microsecondi.
Parte a zero all'accensione del dispositivo.
Interfaccia analogica
Ingresso analogico del dispositivo
Valore misurato dell'ingresso
analogico in unità reali
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
EtherCAT®
Tabella 32: Dati in ingresso specifici del dispositivo
Indice
SI
DataType
Nome
0x02
UINT16
Valore in uscita scalato
dell'ingresso analogico
in unità di processo
0xF6EB
Descrizione
Interfaccia digitale
Ingresso digitale del dispositivo
0x01
BOOL
Valore misurato ingresso
digitale 1
0x02
BOOL
Stato corrente ingresso
digitale 1 (dopo l'inversione,
se presente)
0x03
BOOL
Valore misurato ingresso
digitale 2
0x04
BOOL
Stato corrente ingresso
digitale 2 (dopo l'inversione,
se presente)
0xF6EC
Relè
0x01
BOOL
Valore misurato del relè
Il valore misurato riflette lo stato della bobina
del relè, come segue:
0 = non eccitata
1 = eccitata
Tabella 33: Dati ingressi specifici del dispositivo
Indice
SI
DataType
0xF7EC
Nome
Descrizione
Relè
0x01
BOOL
Valore di processo
del relè
Questo è il valore desiderato. Il relè
è configurato come un'uscita di
sicurezza.
Ciò significa che il relè è eccitato
quando il PV è impostato su zero.
Tabella 34: Dati informazioni specifiche del dispositivo
Indice
SI
0xF9F0
DataType
Nome
Descrizione
STRING(10)
Numero di serie del
produttore
Stringa che rappresenta il numero di serie
del produttore del dispositivo.
Nota: Ha lo stesso valore di 0x1018:04.
0xF9F1
Numero generazione
funzionale CDP
1
UINT32
0xF9F2
Numero generazione funzionale del profilo
comune del dispositivo: 2
Numero generazione
funzionale SDP
1
UINT32
HA033412ITA Edizione 01
Non utilizzato, poiché ePack non soddisfa
alcuna SDP.
103
EtherCAT®
Corrente
Tabella 34: Dati informazioni specifiche del dispositivo
Indice
SI
0xF9F3
DataType
Nome
Descrizione
STRING(17)
Numero fornitore
Questa stringa identifica il fornitore del
dispositivo:
"Eurotherm Limited"
0xF9F4
STRING(3)
0xF9F5
Nome dispositivo SDP
semiconduttore
Stringa che identifica il tipo di dispositivo:
"N/A"
Identificatore uscita
1
UINT8
Identificatore uscita del modulo; questo valore
può essere mappato su RxPDO e TxPDO.
EPack archivia il valore in memoria così come
scritto dall'host. Il master può quindi rileggere
tale valore tramite TxPDO per garantire la
ricezione di RxPDO.
0xF9F6
UINT32
Ora dall'alimentazione
L'ora alla quale il dispositivo è stato
attualmente alimentato, in secondi,
indipendentemente dalla presenza
di comunicazione.
0xF9F8
UINT32
Numero generazione
funzionale aggiornamento
firmware
Numero generazione funzionale
aggiornamento firmware supportato
dal dispositivo: 0x00000001
0xF9ED
Funzionalità dispositivo
1
UINT8
Tipo modulo di alimentazione
Identificazione tipo modulo di alimentazione:
0: 32 A
1: 63 A
2: 100 A
3:125 A
2
UINT8
Opzione corrente nominale
massima
Configurata in fabbrica per indicare la corrente
massima (nominale fisica) dei moduli:
0: 16 A
1: 25 A
2: 32 A
3: 40 A
4: 50 A
5: 63 A
6: 80 A
7: 100 A
8: 125 A
9: 160 A
104
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
EtherCAT®
Tabella 34: Dati informazioni specifiche del dispositivo
Indice
SI
DataType
Nome
Descrizione
3
UINT8
Funzionalità opzionale
Parametro bitmap che indica la funzionalità
opzionale disponibile:
Bit 0: Limite di corrente
Bit 1: Trasferimento
Bit 2: Regolazione di potenza
Bit 3: Energia
Bit 4: Editor del cablaggio grafico
Bit 5: Riservato
Bit 6: Sicurezza OEM
Bit 7: Riservato
0xF9EF
STRING(3)
Versione file di
configurazione FoE
Versione del file di configurazione compatibile
per questo dispositivo (vedere "Accesso ai file
su EtherCAT (FoE)" a pagina 82)
Tabella 35: Dati diagnostica specifici del dispositivo
Indice
SI
DataType
0xFAE8
Nome
Descrizione
Stato globale
1
UINT32
Word di stato globale 0
Stato configurazione globale
2
UINT32
Word di stato globale 1
Stato globale hardware
3
UINT32
Word di stato globale 2
Stato globale dati
4
UINT32
Word di stato globale 3
Stato globale interno
5
UINT16
Status Word della
strategia
Parametro bitmap che indica lo stato della
strategia. La descrizione di ciascun bit e il
relativo significato, quando impostato, sono
i seguenti:
Bit 0: La rete non è attiva
Bit 1: La rete non è sincronizzata
Bit 2-7: Riservato
Bit 8: Strategia in modalità standby
Bit 9: Strategia in modalità telemetria
Bit 10: La strategia è in modalità calibrazione
Bit 11-15: Riservato
HA033412ITA Edizione 01
105
EtherCAT®
Corrente
Tabella 36: Oggetti comando
Indice
SI
DataType
0xFBF0
Nome
Descrizione
Comando Reset
dispositivo
L'esecuzione di questo comando provoca la
simulazione di una riaccensione completa del
dispositivo. Ciò include un ripristino ESC.
Sono disponibili due versioni di questo comando:
Reset dispositivo: in seguito a questo reset la
configurazione del prodotto non verrà modificata.
In seguito al reset, tutti i parametri volatili torneranno
ai valori predefiniti di accensione.
Factory Reset: La configurazione del prodotto verrà
modificata sull'impostazione immediata predefinita.
In seguito al reset, tutti i parametri volatili torneranno
ai valori predefiniti di accensione.
Nota: Dopo un Factory Reset, sullo schermo
apparirà il menu predefinito Quick Start (Avvio rapido)
fino a quando lo stato EtherCAT rimane INIT o
PREOP. I valori di avvio rapido predefiniti verranno
caricati automaticamente sulla transizione di stato
da PREOP a SAFEOP e lo strumento eseguirà tale
configurazione predefinita.
1
SERIE [0..5] DI
BYTE
Comando
Viene avviato un reset del dispositivo quando viene
inviata la seguente sequenza di byte:
Byte 0: 0x74
Byte 1: 0x65
Byte 2: 0x73
Byte 3: 0x65
Byte 4: 0x72
Byte 5: Reset standard dispositivo = 0x00, Factory
Reset = 0x66
2
UINT8
Stato
Valori supportati:
0: Valore predefinito se il comando non è stato avviato.
Valore altrimenti non supportato.
1: Riservato
2: Ultimo comando completato, errore, nessuna
risposta
3-254: Riservato
255: Il comando è in esecuzione
4
0xFBF1
106
SERIE [0..1] DI
BYTE
Risposta
Byte 0: vedere 0xFBF0.2
Byte 1: Inutilizzato
Comando Reset
eccezione
L'esecuzione di questo comando elimina le eccezioni
bloccate.
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
EtherCAT®
Tabella 36: Oggetti comando
Indice
SI
DataType
Nome
Descrizione
1
SERIE [0..4] DI
BYTE
Comando
Un reset dell'eccezione bloccata viene avviato quando
viene inviata la seguente sequenza di byte:
Byte 0: 0x74
Byte 1: 0x65
Byte 2: 0x73
Byte 3: 0x65
Byte 4: 0x72
2
UINT8
Stato
Valori supportati:
0: Ultimo comando completato, nessun errore,
nessuna risposta
1: Riservato
2: Ultimo comando completato, errore, nessuna
risposta
3-255: Riservato
3
SERIE [0..1] DI
BYTE
Risposta
Byte 0: vedere 0xFBF1.2
Byte 1: Inutilizzato
AVVISO
UTILIZZO IMPROPRIO DELL'APPARECCHIATURA
•
La memoria non volatile non deve essere accessibile in modalità scrittura
per più di 10.000 volte durante l'intero ciclo di vita del prodotto.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare un mancato
funzionamento dell'attrezzatura.
•
Eseguendo il comando di archiviazione parametri si accede alla memoria non volatile in modalità scrittura.
•
Allo spegnimento tutte le modifiche dei parametri non volatili vengono automaticamente archiviate in una
speciale parte della memoria chiamata "smart flash". Vengono ripristinate all'accensione senza necessità di
alcuna azione da parte dell'utente. Il comando di archiviazione dei parametri dovrebbe essere utilizzato solo
prima del caricamento della configurazione (vedere il capitolo relativo al caricamento della configurazione)
in modo da copiare le modifiche "smart flash" in una memoria non volatile.
0xFBF2
HA033412ITA Edizione 01
Comando
Archivia
parametri
Eseguendo questo comando tutte le modifiche di
configurazione eseguite da iTools dopo l'immissione
di PREOP nella memoria non volatile verranno
archiviate. Tutte le modifiche dei parametri non volatili
verranno inoltre copiate dalla memoria "smart flash"
a quella non volatile. Questo comando è limitato a
PREOP o a uno stato inferiore
107
EtherCAT®
Corrente
Tabella 36: Oggetti comando
Indice
SI
DataType
Nome
Descrizione
1
SERIE [0..3] DI
BYTE
Comando
Lettura:
Bit 0 = 1: lo slave salva i parametri non volatili durante
la scrittura di 0xFBF2:01 con 0x65766173
Bit 1-31: riservato
Scrittura:
Tutte le modifiche di configurazione eseguite da iTools
dopo l'inserimento di PREOP vengono archiviate e le
modifiche dei parametri non volatili vengono copiate
dalla memoria "smart flash" a quella non volatile
all'invio della sequenza seguente:
Byte 0: 0x73
Byte 1: 0x61
Byte 2: 0x76
Byte 3: 0x65
2
UINT8
Stato
Valori supportati:
0: Ultimo comando completato, nessun errore,
nessuna risposta
1: Riservato
2: Ultimo comando completato, errore, nessuna
risposta
3-255: Riservato
4
SERIE [0..1] DI
BYTE
0xFBF3
1
SERIE [0..3] DI
BYTE
Risposta
Byte 0: vedere 0xFBF2.2
Byte 1: Inutilizzato
Comando
Calcola
checksum
Eseguendo questo comando verrà calcolato il checksum
del contenuto della memoria non volatile. Questo
comando è limitato a PREOP o a uno stato inferiore
Comando
Lettura: Restituisce informazioni sul tipo di checksum
supportato:
Bit 0 = 1: Parametri non volatili supportati
Bit 1 = 1: CRC-32
Bit 2-31: Riservato
Scrittura: Selezione del tipo di checksum e avvio
del calcolo
Un accesso in lettura a questo sottoindice deve solo
configurare Bit 1 su True. Se vengono scritti altri valori,
viene restituito il valore del Codice di interruzione
"0x06040043 Parameter is incompatible"
Bit 0: Riservato, deve essere 0
Bit 1 = 1: CRC-32
Bit 2...31: Riservato, deve essere 0
108
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
EtherCAT®
Tabella 36: Oggetti comando
Indice
SI
DataType
Nome
Descrizione
2
UINT8
Stato
Valori supportati:
0: Valore predefinito se il comando non è stato avviato.
Valore altrimenti non supportato.
1: Ultimo comando completato, nessun errore,
rispondere qui
2: Ultimo comando completato, errore, nessuna
risposta
3-255: Riservato
4
SERIE [0..5] DI
BYTE
Risposta
Byte 0: vedere 0xFBF3.2
Byte 1: Inutilizzato
Byte 2-5: Valore di ritorno del checksum.
0xFBF4
1
SERIE [0..3] DI
BYTE
Comando
Carica
parametri
Eseguendo questo comando verrà caricata la
configurazione attualmente archiviata (inclusi i valori
dei parametri non volatili) dalla memoria non volatile.
Qualsiasi modifica della configurazione effettuata da
iTools dopo l'inserimento di PREOP verrà pertanto
sovrascritta. Questo comando è limitato a PREOP
o a uno stato inferiore
Comando
Lettura:
Bit 0 = 1: Lo slave carica la configurazione durante
la scrittura di 0xFBF4:01 con 0x64616F6C
Bit 1-31: Riservato
Scrittura:
La configurazione verrà caricata dalla memoria non
volatile all'invio della sequenza seguente:
Byte 0: 0x6C
Byte 1: 0x6F
Byte 2: 0x61
Byte 3: 0x64
2
UINT8
Stato
Valori supportati:
0: Ultimo comando completato, nessun errore,
nessuna risposta
1: Riservato
2: Ultimo comando completato, errore, nessuna
risposta
3-255: Riservato
4
SERIE [0..1] DI
BYTE
HA033412ITA Edizione 01
Risposta
Byte 0: vedere 0xFBF4.2
Byte 1: Inutilizzato
109
EtherCAT®
Corrente
Dati di processo
Mappatura
Il contenuto degli oggetti Dati di processo è definito in "Area mappatura oggetto dati
di processo" a pagina 87.
Sono disponibili fino a tre oggetti per la mappatura delle uscite e fino a quattro
oggetti per la mappatura degli ingressi. Nell'assegnazione PDO alcuni oggetti sono
obbligatori per stabilire lo scambio ciclico tra il master e lo slave di EPack e alcuni
di essi possono essere rimossi dall'assegnazione PDO:
Tabella 37: Uscite:
Indice
Nome
Assegnazione PDO
0x1600
Mappatura predefinita RxPDO modulo
Obbligatorio
0x1601
Mappatura specifica utente RxPDO
modulo
Opzionale
0x17FF
Mappatura specifica utente RxPDO
dispositivo
Opzionale
Tabella 38: Ingressi:
Indice
Nome
Assegnazione PDO
0x1A00
Mappatura predefinita TxPDO modulo
Obbligatorio
0x1A01
Mappatura specifica utente TxPDO
modulo
Opzionale
0x1BFE
Mappatura predefinita TxPDO
dispositivo
Obbligatorio
0x1BFF
Mappatura specifica utente TxPDO
dispositivo
Opzionale
Per tutti gli oggetti, il contenuto PDO può essere personalizzato. Con TwinCAT, fare
clic col pulsante destro del mouse sull'elenco dei contenuti PDO nella Scheda Store
parameters (Dati di processo) e selezionare:
110
•
Insert (Inserisci)... per aggiungere una voce PDO
•
Delete (Elimina)... per rimuovere una voce PDO
•
Edit (Modifica)... per modificare una voce PDO
•
Move Up (Sposta in alto)… / Move Down (Sposta in basso)… per modificare la
posizione della voce
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
EtherCAT®
Selezionando Insert (Inserisci) o Edit (Modifica), è possibile selezionare una
voce PDO dall'elenco di tutti gli ingressi e le uscite mappabili (a seconda se PDO
è Tx o Rx).
Nota: Per un'assegnazione/configurazione flessibile, tutte le seguenti regole
devono essere soddisfatte:
HA033412ITA Edizione 01
•
La stessa voce PDO non può essere mappata due volte come uscita (SM2).
•
Il numero di voci PDO in un PDO può essere modificato ma deve rimanere
minore o uguale al numero predefinito di voci PDO.
111
EtherCAT®
Corrente
•
La dimensione di una voce PDO può essere modificata, ma la dimensione
complessiva di SM2 (uscite) deve rimanere minore o uguale a 32 e la dimensione
complessiva di SM3 (ingressi) deve rimanere minore o uguale a 64.
•
Regole di struttura/allineamento:
◦
Tutte le voci PDO maggiori di 8 bit devono sempre iniziare a un preciso offset
WORD dall'indirizzo di partenza del PDO stesso.
◦
Tutte le voci PDO inferiori o uguali a 8 bit devono essere contenute in blocchi
da 16 bit ognuno allocato a un preciso offset WORD dall'indirizzo di partenza
del PDO stesso. Inoltre, all'interno di ciascuno di questi blocchi da 16 bit, la
transizione tra il primo e il secondo byte deve essere anche la transizione tra
due diverse voci PDO e il blocco complessivo a 16 bit deve essere riempito
completamente utilizzando una voce di padding (valore indice 0, valore
indice secondario 0 e lunghezza bit uguale alla lunghezza del padding
necessario, da 1 a 15).
Sincronizzazione
L'applicazione principale di EPack deve essere sincronizzata sulla rete principale in
modo tale da essere in grado di eseguire tutte le misure RSM per un intero periodo e
gestire l'accensione in modo accurato. Può inoltre essere sincronizzata su qualsiasi
ciclo di comunicazione EtherCAT e lo scambio di dati di processo EtherCAT viene
eseguito in modalità Esecuzione libera.
Tuttavia, se lo scambio ciclico di dati di processo è attivo (stato OP), l'esecuzione
di dati di processo di EtherCAT verrà sincronizzata internamente sull'applicazione
principale di EPack, come definito nel seguente schema temporale.
Questo garantisce l'elaborazione delle uscite e l'aggiornamento degli ingressi di
conseguenza entro un mezzo periodo di rete. (10 [email protected] Hz o 8 [email protected] Hz).
Nota: Se la rete principale non è collegata, l'applicazione principale di EPack
viene eseguita ciclicamente ogni 18 ms e, pertanto, [il processo di elaborazione /
l'aggiornamento degli ingressi] può richiedere fino a 18 ms.
Tutte le temporizzazioni descritte sul seguente diagramma temporale possono
essere misurate nell'ambiente attivo utilizzando gli oggetti 0x1C32 e 0x1C33
(vedere "" a pagina 90 e "" a pagina 90).
112
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
EtherCAT®
Protocollo di applicazione CAN su EtherCAT (CoE)
Tutti gli oggetti dal dizionario sono accessibili attraverso CoE. La lettura può essere
eseguita in tutti gli stati. Per alcuni oggetti la scrittura è consentita, esclusa o limitata
a PREOP.
HA033412ITA Edizione 01
113
EtherCAT®
Corrente
Configurazione progetto TwinCAT
TwinCAT è una soluzione software aperta per PC per controllo in tempo reale con
PLC, controllo degli assi NC, programmazione e funzionamento.
Per ulteriori informazioni e istruzioni di installazione visitare il sito:
https://infosys.beckhoff.com/
1. Copiare il file ESI (EtherCAT Slave Information) di EPack
"Eurotherm_EPackECAT.xml" (disponibile dal sito Web Eurotherm
https://www.eurotherm.com/downloads) nella directory di installazione
TwinCAT C:\TwinCAT\3.1\Config\Io\EtherCAT.
2. Collegare lo strumento EPack dalla porta IN ECAT alla macchina che
esegue TwinCAT tramite un cavo RJ45.
3. Aprire TwinCAT e creare un nuovo progetto TwinCAT.
114
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
EtherCAT®
4. Fare clic col pulsante destro del mouse sulla voce Devices (Dispositivi) del
menu I/O e selezionare Add New item (Aggiungi nuovo elemento), quindi
selezionare il master EtherCAT.
5. Assicurarsi che la scheda di rete Ethernet della macchina TwinCAT sia
disponibile nell'elenco dei dispositivi compatibili: TwinCAT -> Show
Realtime Ethernet Compatible Devices (Mostra in tempo reale i dispositivi
Ethernet compatibili).
HA033412ITA Edizione 01
115
EtherCAT®
Corrente
6. Se la scheda di rete Ethernet non è nell'elenco dei dispositivi installati e
pronti all'uso (con supporto in tempo reale), fare clic su Install (Installa).
7. Ritornare al progetto TwinCAT e fare clic col pulsante destro del mouse
sul dispositivo master e selezionare Scan (Scansiona):
116
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
EtherCAT®
8. Lo strumento collegato viene aggiunto automaticamente e può essere
azionato da TwinCAT, che funziona come un master EtherCAT:
HA033412ITA Edizione 01
117
EtherCAT®
118
Corrente
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Configurazione dal pannello frontale
Configurazione dal pannello frontale
All'accensione o all'uscita dal menu Qcode, l'unità si inizializza e quindi apre la
pagina di riepilogo (Figura 27) mostrando in tempo reale i valori dei due parametri
selezionati nella configurazione, vedere "Configurazione del display strumento" a
pagina 159 per maggiori dettagli.
75.4
Tasto Indietro
VN.NN = livello
di revisione del
software
Tasto Invio
Figura 27 Schermate di inizializzazione
Note:
1. Se vengono rilevati problemi (ad esempio, tensione di alimentazione assente)
durante l'inizializzazione, sullo schermo vengono visualizzati dei messaggi.
2. In caso di segnalazione di qualsiasi allarme di controllo, il colore del valore del
primo parametro i tempo reale nella pagina di riepilogo sarà arancione (vedere
Parametri di segnalazione dell'allarme di controllo). Ciò significa che attualmente
il loop di controllo non può raggiungere il proprio setpoint.
3. L'icona Ethernet non viene visualizzata se l'opzione EtherCAT è installata.
HA033412ITA Edizione 01
119
Configurazione dal pannello frontale
Corrente
Pagine del menu
Premendo il tasto Indietro si apre la prima pagina del menu, il cui contenuto dipende
dal livello di accesso attuale e dal numero delle opzioni abilitate.
Nelle descrizioni seguenti si presume che il livello di accesso sia "Configurazione".
Comunicazioni EoE
Meas
Adjust
Info
Alarms
Alm Disable
Alm Latch
Alm Stop
Alarm Relay
DI Stat
Access
Menu EoE Comms (Comunicazioni EoE)
Menu Meas (Misurazione)
Menu Regola (Adjust)
Menu Info
Menu Alarms (Allarmi)
Menu Alm Disable (Disattivazione allarme)
Menu Alm Latch (Ritenuta allarme)
Menu Alm Stop (Arresto allarme)
Menu Alm Relay (Allarme relè)
Menu DI Stat (Stato DI)
Menu Access (Accesso) (non per EtherCAT)
Menu EoE Comms (Comunicazioni EoE)
Consente la visualizzazione dei parametri di comunicazioni seguenti.
Comms (Comunicazioni)
120
Visualizza (in sola lettura) l'indirizzo IP e la subnet
mask correnti.
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Configurazione dal pannello frontale
Menu Meas (Misurazione)
Questo menu consente all'utente di visualizzare alcuni valori misurati in tempo reale.
Per ulteriori dettagli, vedere Menu Misurazione di rete (Vedere pagina 178).
Tensione di alimentazione
Frequenza
Meas
Vline
Meas
Tensione di
alimentazione
0.0
Frequency
(Frequenza)
Tensione di carico RMS
Meas
0.00
V
0.0
Meas
Meas
I
Vline
Frequency
(Frequenza)
V
I
Corrente RMS di carico.
0.0
Misura della potenza effettiva nell'accensione a treno di impulsi e
per il periodo di modulazione nell'accensione ad angolo di fase.
Meas
Meas
P
P
P Burst
S
PF
0
Meas
Meas
P
Treno di impulsi
Z
0
Meas
S
Meas
0
PF
Meas
Potenza effettiva
sulla rete
Z
Impedenza di carico
0
Misura potenza apparente
0
Fattore di potenza
Figura 28 Misurazione, menu
Nota: L'icona Ethernet non viene mostrata se l'opzione EtherCAT è installata.
HA033412ITA Edizione 01
121
Configurazione dal pannello frontale
Corrente
Menu Regola (Adjust)
Consente di configurare vari parametri di rete e di uscite di accensione nonché di
selezionare l'ingresso di tipo analogico.
Inserire i valori
nominali
Adjust
Vline
Nominal
230
Adjust
Adjust
I
Nominal
NominalPV
Adjust
Firing
Mode
16.0
52900
BurstVar
Adjust
Vline Nomin.
I Nominal
NominalPV
Selezionare
la modalità
di
accensione
Inserire un valore
Adjust
Firing Mode (Modalità
di accensione)
Lgc Max
Cycle Time
750
Adjust
Lgc Max Cyc
Imposta il
tempo di
ciclo
SP Op Access.
Backlight Di.
Adjust
Ana_In type
SP
Op Access
No
Adjust
Selezionare
Yes (Sì)
oppure No
Safety Ramp
Soft Start
Soft Stop
Adjust
PLF Adjust R
Backlight
Dimming
Menu
Sì
Adjust
Selezionare
Yes (Sì)
oppure No
PLF Adjusted
PLF Sensitiv.
Adjust
Ana_In
type
0-10V
Selezionare
il tipo di
ingresso
analogico
16
Selezionare
la velocità
di rampa
Adjust
PLF
Sensitivity
Adjust
Safety
Ramp
2
Selezionare il
valore della
sensibilità
Adjust
PLF
Regolato
No
Adjust
Adjust
PLF
Regolaz. richiesta
Soft
Stop
Soft
Start
Off
No
Selezionare Yes
(Sì) oppure No
Adjust
Selezionare Yes
(Sì) oppure No
Off
Selezionare il numero
di periodi
Selezionare il numero
di periodi
Figura 29 Menu Regola (Adjust)
122
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Configurazione dal pannello frontale
Nota: L'icona Ethernet non viene visualizzata se l'opzione EtherCAT è installata.
Vline Nominal
Valore nominale della tensione di linea (Linea a Neutro)
oppure Linea a L2 (collegamento fase a fase).
I Nominal
Corrente nominale fornita al carico.
NominalPV
Variabile di processo nominale. Definisce il valore nominale per
ogni tipo di controllo. Per Vsq control ad esempio, occorre
cablare Vsq dal blocco di rete al MainPV e configurare
NominalPV al valore nominale atteso per Vsq. Generalmente
dovrebbe essere VloadNominal * VloadNominal.
Lgc Max Cyc
Tempo di ciclo massimo per la modalità Logica. Questo
viene impostato in periodi di rete di alimentazione.
È equivalente al periodo di modulazione ed è utilizzato per
calcolare le quantità elettriche della rete in mancanza di
shift di modulazione. Disponibile solo in modalità Logica.
Firing Mode (Modalità accensione) Consente di selezionare la modalità di
accensione tra treno di impulsi variabile, treno di impulsi
fisso o logica, angolo di fase (PA) o mezzo periodo
intelligente (IHC). Vedere Menu di uscita di accensione
(pagina 151) per maggiori dettagli.
SP Op Access
Accesso operatore al setpoint. Consente all'utente di
accedere al setpoint tramite il pannello frontale quando
la configurazione operatore è abilitata. Per abilitare,
impostare su Yes (Sì). Il valore predefinito è Yes (Sì).
Backlight Di.
Backlight Dimming: Per impostazione predefinita la
retroilluminazione del display di Corrente si oscura
automaticamente per risparmiare energia. Impostare tale
parametro su No se si desidera che la retroilluminazione
rimanga sempre attiva. Se impostata su Yes (Sì), la
retroilluminazione si oscura 30 secondi dopo l'ultima
azione sui pulsanti del pannello frontale.
Ana_in type
Selezionare il tipo di ingresso analogico: da 0 a 10 V, da 1 a
5 V, da 2 a 10 V, da 0 a 5 V, da 0 a 20 mA o da 4 a 20 mA.
Safeno Ramp (Rampa di sicurezza) Visualizza la durata della rampa di
sicurezza, in periodi di tensione di alimentazione
(da 0 a 255), da applicare all'accensione. La rampa è
una rampa ad angolo di fase da zero all'angolo di fase
target richiesto o, nel caso dell'accensione a treno di
impulsi, da 0 a 100%. La Rampa di sicurezza non è
applicabile alla modalità a mezzo periodo.
Soft Start (Avvio graduale) Solo per l'accensione a treno di impulsi, rappresenta
la durata dell'avvio graduale, in mezzi periodi di tensione di
alimentazione, applicando una rampa ad angolo di fase
all'inizio di ogni periodo di accensione. Vedere Menu di
uscita di accensione (pagina 151) per maggiori dettagli.
Soft Stop (Arresto graduale) Nell'accensione a treno di impulsi rappresenta
la durata dell'arresto graduale, in periodi di tensione di
alimentazione, applicando una rampa ad angolo di fase
alla fine di ogni periodo di accensione. Vedere Menu di
uscita di accensione (pagina 151) per maggiori dettagli.
Delayed Trigger (Attivazione ritardata) Viene visualizzato solamente se
Modalità = Treno di impulsi, Avvio graduale = Off e Tipo
di carico = Trasformatore. Attivazione ritardata specifica
il ritardo dell'attivazione, in angolo di fase, durante
l'alimentazione di potenza a un carico di trasformatore.
Utilizzato per ridurre al minimo la corrente di punta.
Il valore è configurabile tra 0 e 90 gradi compresi.
PLF Adjust R
Richiesta regolata di guasto di carico parziale. Quando il
processo ha raggiunto una condizione di stato costante,
l'operatore deve impostare PLFAdjustReq. Ciò determina
l'esecuzione di una misurazione di impedenza di carico
HA033412ITA Edizione 01
123
Configurazione dal pannello frontale
Corrente
PLF Adjusted
PLF Sensitivity
124
da utilizzare come riferimento per rilevare un guasto di
carico parziale. Se è possibile effettuare la misurazione
dell'impedenza di carico, viene impostato "PLFAdjusted".
Non è possibile effettuare la misurazione se la tensione
di carico (V) è inferiore al 30% di VNominal o se la corrente
(I) è inferiore al 30% di INominal. L'ingresso è sensibile
ai bordi, pertanto se la richiesta è effettuata da un cablaggio
esterno e l'ingresso rimane a un livello alto in modo
permanente, viene considerato solo il primo bordo da 0 a 1.
Guasto di carico parziale regolato: È stata eseguita
correttamente una misura di impedenza del carico
(vedere PLF Adjust R sopra).
Sensibilità al guasto di carico parziale.
Definisce il livello di sensibilità del rilevamento del guasto di
carico parziale come rapporto tra l'impedenza di carico per
un carico PLFadjusted e la misurazione dell'impedenza di
corrente. Ad esempio, per un carico di N elementi identici
paralleli, se la sensibilità PLF (s) viene impostata su 2, un
allarme PLF si verifica quando N/2 o più elementi sono
guasti (ovvero a circuito aperto). Se la sensibilità PLF è
impostata su 3, un allarme PLF si verifica quando N/3 o più
elementi sono guasti. Se (N/s) non è un numero intero, la
sensibilità viene arrotondata. ESEMPIO: se N = 6 e s= 4,
l'allarme viene attivato se 2 o più elementi sono guasti.
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Configurazione dal pannello frontale
Menu Info
Questa schermata fornisce solo informazioni di sola lettura sull'unità.
Info
Serial
Num
1234567890
Info
SW
Version
E N.NN
Info
Serialseriale
Num
Num
SW version
Versione
SW
Passcode1
Passcode2
Passcode1
Info
Passcode1
12345
Info
Passcode2
67890
Figura 30 Menu Info
Nota: L'icona Ethernet non viene visualizzata se l'opzione EtherCAT è installata.
HA033412ITA Edizione 01
125
Configurazione dal pannello frontale
Corrente
Menu Alarms (Allarmi)
Consente all'utente di visualizzare lo stato di abilitazione della conferma globale e gli
errori di calibrazione (se presenti). Vengono visualizzati gli eventuali allarmi attivi con
le relative informazioni disponibili evidenziando l'allarme desiderato e utilizzando il
pulsante Invio.
Gli allarmi attivi possono essere confermati, se possibile, da un'ulteriore pressione
del tasto Invio.
Alarms
Allarme
Sì
ACK?
Alarms
Calib
Error
Alarms
Alarm Ack
Calib Error
Miss Mains
Thyr SC
Usare le frecce su/giù
per scorrere l'elenco
degli allarmi
1
Usare il pulsante Invio
per confermare gli
allarmi
Alarms
Miss Mains
P1Latched
ACK?
Alarms
Utilizzare il pulsante Pagina
(Menu) per tornare al livello
superiore degli allarmi
Thyr SC
P1Latched
ACK?
Figura 31 Menu Alarms (Allarmi)
Nota: L'icona Ethernet non viene visualizzata se l'opzione EtherCAT è installata.
126
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Configurazione dal pannello frontale
Menu Alm Disable (Disattivazione allarme)
Questo menu consente all'utente di disabilitare determinati tipi di allarme, in modo
che non vengano più rilevati o non sia più necessario intervenire. È possibile farlo
anche utilizzando iTools.
Per impostazione predefinita tutti gli allarmi sono abilitati.
Per disabilitare o ri-abilitare un allarme, è sufficiente scorrere l'elenco e selezionare
l'allarme desiderato, quindi utilizzare i pulsanti freccia per passare da Disable
(Disabilita) a Enable (Abilita) e viceversa.
Alm Disab
Miss Mains
Thyr SC
Volt Dips
Freq Fault
Utilizzare i pulsanti freccia per scorrere l'elenco
degli allarmi e premere il tasto Invio quando
il cursore verde si trova accanto
all'allarme desiderato.
Alm Disab
Interruzione
Under Volt
Over Volt
TLF
Alm Disab
Allarme
name
Disable
Alm Disab
PLF
Oltre I
Ana_In Over.
Closed Loop
Alm Disab
PV Transfer
Limitation
Extern In
Utilizzare i pulsanti freccia per
passare tra Disable (Disabilita) ed
Enable (Abilita) e viceversa per
l'allarme selezionato.
Affinché abbia effetto non occorre
premere il tasto Invio. (Premendo
qui il tasto Invio si passa allallarme
successivo nell'elenco.)
Figura 32 Menu Alarm Disable (Disabilitazione allarme)
Nota: L'icona Ethernet non viene visualizzata se l'opzione EtherCAT è installata.
HA033412ITA Edizione 01
127
Configurazione dal pannello frontale
Corrente
Menu Alm Latch (Ritenuta allarme)
Questo menu consente all'utente di impostare o meno una ritenuta per particolari tipi
di allarme.
Per selezionare il tipo di ritenuta è sufficiente scorrere l'elenco e selezionare l'allarme
desiderato, quindi utilizzare i pulsanti freccia per passare da Latch (ritenuta) a
NoLatch (Nessun blocco) e viceversa.
Alm Latch
Miss Mains
Thyr SC
Volt Dips
Freq Fault
Utilizzare i pulsanti freccia per scorrere
l'elenco degli allarmi e premere il tasto Invio
quando il cursore verde si trova accanto
all'allarme desiderato.
Alm Latch
Chop Off
Under Volt
Over Volt
TLF
Alm Latch
PLF
Oltre I
Ana_In Over.
Closed Loop
Alm Latch
PV Transfer
Limitation
Extern In
Alm Latch
Alarm
name
Latch
Utilizzare i pulsanti freccia per
passare da Latch a Enable (Nessun)
e viceversa per l'allarme
selezionato.
Affinché abbia effetto non occorre
premere il tasto Invio. (Premendo
qui il tasto Invio si passa allallarme
successivo nell'elenco.)
Figura 33 Menu Alarm Latch (Ritenuta allarme)
Nota: L'icona Ethernet non viene visualizzata se l'opzione EtherCAT è installata.
128
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Configurazione dal pannello frontale
Menu Alm Stop (Arresto allarme)
Questo menu consente all'utente di impostare quali allarmi possono provocare
l'arresto dell'accensione di Corrente . È possibile farlo anche utilizzando iTools.
Per impostazione predefinita, nessuno degli allarmi è impostato per arrestare
l'accensione.
Per abilitare un allarme all'arresto dell'accensione di Corrente , è sufficiente scorrere
l'elenco e selezionare l'allarme desiderato, quindi utilizzare i pulsanti freccia per
passare da Stop (Arresto) a NoStop (Nessun arresto) e viceversa.
Alm Stop
Miss Mains
Thyr SC
Volt Dips
Freq Fault
Utilizzare i pulsanti freccia per scorrere
l'elenco degli allarmi e premere il tasto Invio
quando il cursore verde si trova accanto
all'allarme desiderato.
Alm Stop
Interruzione
Under Volt
Over Volt
TLF
Alm Stop
Allarme
name
Alm Stop
PLF
Oltre I
Ana_In Over.
Closed Loop
Alm Stop
Stop
Utilizzare i pulsanti freccia per
passare da Stop (Arresto) a NoStop
(Nessun arresto) e viceversa per
l'allarme selezionato.
Affinché abbia effetto non occorre
premere il tasto Invio. (Premendo
qui il tasto Invio si passa allallarme
successivo nell'elenco.)
PV Transfer
Limitation
Extern In
Figura 34 Menu Alarm Stop (Arresto allarme)
Nota: L'icona Ethernet non viene visualizzata se l'opzione EtherCAT è installata.
HA033412ITA Edizione 01
129
Configurazione dal pannello frontale
Corrente
Menu Alm Relay (Allarme relè)
Questo menu consente all'utente di selezionare quale allarme deve attivare
(diseccitare) il relè "watchdog" di Corrente'. Per ogni allarme selezionato,
selezionare "Yes" (Sì) o "No".
Alm Relay
Miss Mains
Thyr SC
Volt Dips
Freq Fault
Alm Relay
Interruzione
Under Volt
Over Volt
TLF
Alm Relay
Allarme
name
Sì
Alm Relay
PLF
Oltre I
Ana_In Over.
Closed Loop
Per ciascun allarme selezionato,
scegliere "Yes" (Sì) se si desidera
che attivi (disecciti) il relè watchdog
quando l'allarme si attiva.
In caso contrario, selezionare "No".
Alm Relay
PV Transfer
Limitation
Extern In
Figura 35 Menu Alm Relay (Allarme relè)
Nota: L'icona Ethernet non viene visualizzata se l'opzione EtherCAT è installata.
130
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Configurazione dal pannello frontale
Menu DI Stat (Stato DI)
Il menu DI Stat visualizza lo stato di due ingressi digitali DI1 e DI2 di EPack.
"0" significa che all'ingresso è stato ricevuto un segnale logico di livello basso,
mentre "1" significa che all'ingresso è stato ricevuto un segnale logico di livello alto.
DI Stat
DI1
DI2
0
1
Figura 36 Menu DI Stat (Stato DI)
Menu ECAT ID
ID-Selector DEV ID: è il valore impostato dalle manopole del pannello frontale
e utilizzato con "Requesting Mechanism" (Meccanismo di richiesta).
Conf. Station Alias: è il valore caricato durante l'accensione dall'alias della stazione di
configurazione SII (EEPROM) se il valore delle manopole è 0 o una copia del valore
delle manopole è diverso da 0 (copia eseguita solo nello stato INIT).
Menu PLF Adjust
Vedere "Menu Regola (Adjust)" a pagina 122.
Accesso alla sicurezza OEM
Per accedere alla sicurezza OEM:
1. Aprire la voce di menu Access (Accesso).
2. Selezionare e aprire la voce di menu OEM Entry (Inserimento OEM).
3. Inserire il codice di accesso alla sicurezza OEM (predefinito: 200).
4. Appare automaticamente il menu OEM Enable (Abilita OEM), uscire dal
menu premendo il pulsante x.
Nota: Per abilitare, avviare la sicurezza OEM e selezionare "Yes" (Sì); per
disabilitare la funzione, selezionare "No".
5. Ritorna l'opzione del menu Access (Accesso) con due opzioni del menu
aggiuntive: OEM Enable (Abilita OEM) e OEM Pass.
HA033412ITA Edizione 01
131
Configurazione dal pannello frontale
132
Corrente
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Configurazione con iTools
Configurazione con iTools
Introduzione
Nota: Il presente capitolo riporta le descrizioni di tutti i menu disponibili. Se
un'opzione o una funzione non è prevista e/o abilitata, questa non compare nel
menu di livello superiore.
Il presente capitolo descrive in dettaglio come collegarsi utilizzando iTools e
fornisce dettagli sulle funzioni disponibili da questo strumento.
Presentazione
La configurazione dell'unità è suddivisa in una serie di aree separate, come segue:
HA033412ITA Edizione 01
•
"Menu di accesso" a pagina 134
•
"Configurazione degli allarmi" a pagina 135
•
"Configurazione di controllo" a pagina 137
•
"Configurazione contatore" a pagina 145
•
"Configurazione dei consumi energetici" a pagina 147
•
"Menu di rilevamento guasti" a pagina 149
•
"Menu di uscita di accensione" a pagina 151
•
"Configurazione di ingressi/uscite (IO)" a pagina 153
•
"Menu di configurazione dello strumento" a pagina 159
•
"Configurazione del monitor IP" a pagina 163
•
"Menu Lgc2 (operatore logico a due ingressi)" a pagina 164
•
"Configurazione Lgc8 (operatore logico a otto ingressi)" a pagina 166
•
"Linearizzazione di ingresso LIN16" a pagina 169
•
"Menu delle funzioni matematiche 2" a pagina 173
•
"Configurazione del modulatore" a pagina 176
•
"Configurazione della rete" a pagina 177
•
"Qcode" a pagina 184
•
"Menu di configurazione Setprov" a pagina 186
•
"Configurazione del timer" a pagina 188
•
"Configurazione del totalizzatore" a pagina 190
•
"Menu di configurazione dei valori utente" a pagina 191
133
Configurazione con iTools
Corrente
Figura 37 Struttura ad albero iTools
Nota: Corrente nominale, limitazione, controllo di trasferimento, controllo di
potenza, contatore energia ed editor del cablaggio grafico (GWE) sono opzioni
a pagamento. iTools secure può essere utilizzato per aggiornare le unità.
Menu di accesso
Il menu di accesso consente di configurare la funzione "Sicurezza OEM".
La funzione "Sicurezza OEM" offre agli utenti, generalmente OEM (Original
Equipment Manufacturers), la possibilità di proteggere la proprietà intellettuale
evitando l'accesso non autorizzato ai dati di configurazione.
È possibile configurare un codice di accesso di "Sicurezza OEM" per impedire
che iTools comunichi in modo completo con lo strumento in modo da evitare
che parametri specifici e i valori associati vengano copiati o sovrascritti durante
l'esportazione/importazione di un clone di iTools.
134
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Configurazione con iTools
Inoltre quando la funzione Sicurezza OEM è attiva, iTools ha accesso limitato agli
indirizzi Modbus compresi tra 0x100 e 0x4744, al cablaggio grafico .
Nota: La funzione di sicurezza OEM è un'opzione a pagamento al momento
dell'ordine o attraverso l'acquisto di un codice per la funzione di sicurezza.
Figura 38 Menu di accesso iTools
OEMEntry
Codice per l'accesso alla sicurezza OEM.
A condizione che l'utente inserisca il codice corretto,
la funzione di sicurezza OEM caricherà e visualizzerà
i parametri di sicurezza OEM rimanenti (e i menu sul
pannello anteriore dello strumento). (Il codice OEMEntry
inserito viene confrontato con il valore del parametro
OEMPassword, quando viene fornito l'accesso identico
e la funzionalità Sicurezza OEM viene caricata.)
Nota: Nel caso venga inserito un codice di accesso errato, il menu OEMEntry
diverrà non modificabile per un certo periodo di tempo. Il tempo aumenterà per
ogni codice errato inserito.
OEMEnable
OEMPassword
Parametro di sicurezza OEM utilizzato per impostare
la funzione di sicurezza OEM su On oppure Off.
Questo parametro viene archiviato nella memoria non
volatile. Il valore predefinito è Off dopo un iniziale avvio
Quick Code.
Parametro della password di sicurezza OEM che consente
all'utente di modificare il codice di accesso (su qualsiasi
valore compreso tra 0001 e 9999).
Questo parametro viene archiviato nella memoria non
volatile. Se il valore del parametro OEMPassword
è aggiornato, ovvero viene inserito un nuovo codice,
i parametri OEMEnable e OEMPassword (e i menu)
spariscono. La password OEM predefinita è 200.
Configurazione degli allarmi
Figura 39 Configurazione degli allarmi
Main (Rete di alimentazione) "ExternIn" è l'ingresso di questo blocco. Quando
collegato all'ingresso digitale 2 (DI2) e DI2 collegato a
un contatto di rilevamento di un fusibile saltato, questo
allarme è considerato come un allarme "fusibile saltato".
AlarmDis
Consente di abilitare o disabilitare l'allarme elencato.
0 = Abilitato; 1 = Disabilitato.
HA033412ITA Edizione 01
135
Configurazione con iTools
Corrente
AlmDet
AlmSig
AlmLat
AlmAck
AlmStop
AlmRelay
136
Il parametro indica se l'allarme è stato rilevato e se è
attualmente attivo. 0 = Inattivo; 1 = Attivo.
Segnala che si è verificato l'allarme ed è stato bloccato
dalle impostazioni Alarm Latch (Ritenuta allarme). Per
assegnare l'allarme a un relé (ad esempio), è necessario
cablare il parametro AlmSig corretto. 0 = Nessuna ritenuta,
1 = Ritenuta.
L'allarme può essere configurato con ritenuta o senza
ritenuta. Lo stato di viene mostrato nel registro dei segnali
di allarme (AlmSig). 0 = Nessuna ritenuta, 1 = Bloccato.
Consente di confermare l'allarme. Quando un allarme
viene confermato, il relativo parametro di segnalazione
(AlmSig) viene cancellato. Se l'allarme è ancora attivo
(come mostrato nel parametro di rilevamento AlmDet),
l'allarme può non essere confermato. I parametri di
conferma si cancellano automaticamente dopo essere
stati scritti.
0 = Non confermare; 1 = Confermare.
Consente la configurazione dell'allarme in modo tale da
arrestare l'accensione del relativo canale di potenza.
AlmStop viene attivato dai parametri di segnalazione
e può presentare un blocco.
0 = Non arrestare; 1 = Arrestare.
Consente all'allarme elencato di funzionare e di
diseccitare il relè di allarme quando impostato su attivo.
No (0) = Inattivo;
Sì (1) = Attivo.
(Quando si utilizza la funzione AlmRelay, assicurarsi
che il parametro FaultDet/CustomAlarm rimanga cablato
a IO.Relay/PV).
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Configurazione con iTools
Configurazione di controllo
Il menu di controllo fornisce l'algoritmo di controllo per eseguire il controllo e il
trasferimento di potenza, la limitazione di soglia e la riduzione dell'angolo di fase
(in caso di accensione a treno di impulsi). La Figura 40 seguente mostra un
panoramica del menu, descritto nei paragrafi seguenti:
•
•
•
•
Setup (Configurazione)
Diag (Diagnostica)
•
•
•
•
•
•
AlmDis (Disabilitazione allarme)
•
Main (Principale)
Limit (Limite)
AlmSig (Segnalazione allarme)
AlmLat (Ritenuta allarme)
AlmAck (Conferma dell'allarme)
AlmStop (Arresto accensione in
caso di allarme)
AlmRelay, Relè allarme di controllo
AlmDet (Rilevazione allarme)
Figura 40 Panoramica del menu di controllo
HA033412ITA Edizione 01
137
Configurazione con iTools
Corrente
Menu di configurazione di controllo
Contiene i parametri per configurare il tipo di controllo da eseguire.
Figura 41 Pagina Control Setup (Configurazione controllo)
Parametri
Standby
Se impostato su Sì (1), il regolatore passa alla modalità
Standby e viene richiesta una potenza pari allo zero %.
Quando si interrompe la modalità Standby (0), l'unità
ritorna alla modalità di funzionamento in un modo
controllato.
Nominal PV (PV nominale) Di norma, il valore nominale per ogni tipo di
controllo. Ad esempio, per la modalità di feedback = V2,
Vsq deve essere collegato a PV principale e PV nominale
impostato sul valore nominale previsto per V2 (di norma
VLoadNominal2).
En Limit
Questa è una funzione a pagamento. Se disponibile, viene
utilizzata per attivare/disattivare il limite di soglia. (Per
impostazione predefinita la funzione di limitazione della
corrente è abilitata.)
Transfer En
Impostare l'abilitazione trasferimento (limite proporzionale)
su "Yes" (Sì) (abilitato) o "No" (disabilitato).
Tipo FF
Tipo feedforward.
Off (0). Il feedforward è disabilitato.
Trim (1) Il valore di feedforward è l'elemento dominante
dell'uscita. Regolato dal loop di controllo sulla base del PV
principale e del setpoint.
FFOnly (Solo FF) (2). Il valore di feedforward è l'uscita
dal regolatore. Il controllo a ciclo aperto può essere
configurato in questo modo.
FF Gain (Guadagno FF) Il valore di guadagno inserito è applicato all'ingresso
feedforward.
FF Offset (Offset FF) Il valore inserito è applicato all'ingresso feedforward
dopo che il valore di guadagno è stato applicato a questo.
Bleed Scale (Scala dispersione) Parametro interno per uso da parte del
personale del servizio di assistenza.
138
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Configurazione con iTools
Menu principale di controllo
Questo menu contiene tutti i parametri associati al ciclo di controllo principale.
Figura 42 Menu "principale" di controllo
Parametri
PV
Visualizza la variabile di processo (PV) del regolatore
principale, cablata alla misura da controllare. Ad esempio,
per eseguire il controllo di V2, Vsq deve essere cablato
a questo parametro (PV) e al PV nominale configurato
in modo appropriato.
SP
Il setpoint a cui effettuare il controllo, come percentuale di
PV nominale (range superiore del ciclo in unità tecniche).
Ad esempio, se Vsq = 193600 e SP è impostato sul 20%,
il regolatore tenta di effettuare la regolazione a 193600 x
20/100 = 38720.
Trans PV (PV trasferimento) PV di trasferimento. È la misura PV per il
trasferimento. Ad esempio, se è necessario un
trasferimento da V2 a I2, Vsq deve essere cablato a
MainPV e Isq deve essere cablato a TransferPV. Viene
visualizzato solamente se Trans Enable (Abilitazione
trasferimento, Menu di configurazione di controllo)
è impostato su "Sì".
Trans SP (SP trasferimento) L'intervallo di lavoro per il trasferimento. Viene
visualizzato solamente se Trans Enable (Abilitazione
trasferimento, Menu di configurazione di controllo)
è impostato su "Sì".
TI
Permette all'utente di definite un tempo integrale per il
ciclo di controllo PI principale.
HA033412ITA Edizione 01
139
Configurazione con iTools
Corrente
Configurazione del limite di controllo
In questa area vengono configurati i parametri relativi al ciclo di controllo del limite.
Figura 43 Menu del limite di controllo
Parametri
Da PV1 a PV3
Da SP1 a SP3
TI
Valore di processo per i cicli del limite da 1 a 3,
rispettivamente. È il valore a cui si esegue il controllo del
limite di soglia. "Limit Enable" (Abilitazione limite) deve
essere impostato su "Sì" nel menu Setup (Configurazione,
Menu di configurazione di controllo).
Setpoint di soglia del limite da 1 a 3, rispettivamente.
Tempo di integrazione per il ciclo di controllo PI del limite.
Il valore predefinito è dipendente dalla modalità di
accensione.
Esempio:
Se è necessario il limite di soglia di I2, Isq è cablato a PV1, e il valore di soglia
richiesto viene inserito in SP1. Nella configurazione ad angolo di fase, l'angolo
di fase viene ridotto per ottenere il setpoint limite; nell'accensione a treno di
impulsi, l'unità continua l'accensione a treno di impulsi, ma gli impulsi sono ad
angolo di fase per ottenere il setpoint limite. La modulazione continua a tentare
di raggiungere il setpoint principale.
Noto anche come accensione a treno di impulsi a riduzione di angolo di fase.
140
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Configurazione con iTools
Menu di diagnostica di controllo
Figura 44 Menu di diagnostica iTools
Parametri
Status (Stato)
Indica lo stato di funzionamento corrente del regolatore:
Main PV (PV principale)
La strategia di controllo utilizza PV
principale come ingresso di controllo.
Transfer (Trasferimento) L'ingresso di trasferimento viene
utilizzato come ingresso nella strategia di controllo.
Limit1(2)(3) (Limite1(2)(3)) La limitazione del controllo è attiva e
utilizza il limite PV1(2)(3) e il limite SP 1(2)(3).
Output (Uscita)
La richiesta dell'uscita corrente in percentuale. Di norma
cablata a Modulator.In o a FiringOP.In
PAOP
Si applica solamente alle modalità di controllo di
accensione a treno di impulsi. Se questo parametro è
cablato a Firing.limitIn, il modulo di alimentazione emetterà
impulsi di accensione ad angolo di fase in base al setpoint
principale e al setpoint limite.
Menu di disattivazione dell'allarme di controllo
Permette di disabilitare singolarmente ogni allarme del blocco di controllo.
Figura 45 Pagina di disabilitazione dell'allarme
Parametri
Closed Loop (Ciclo chiuso) Selezionare Abilitazione (0) o Disabilitazione (1)
per l'allarme di interruzione del ciclo.
PV Transfer (Trasferimento PV) Uguale a ciclo chiuso, ma per l'allarme
"Trasferimento attivo".
Limitation (Limite) Uguale a loop chiuso, ma per l'allarme "Limite di
controllo attivo".
HA033412ITA Edizione 01
141
Configurazione con iTools
Corrente
Parametridi rilevamento dell'allarme di controllo
Indica se sono stati rilevati tutti gli allarmi e se sono attivi.
Figura 46 Pagina di rilevamento dell'allarme di controllo
Parametri
Closed Loop (Ciclo chiuso) Visualizza se l'allarme di ciclo chiuso è
attualmente attivo.
PV Transfer (Trasferimento PV) Uguale a ciclo chiuso, ma per l'allarme
"Trasferimento attivo".
Limitation (Limite) Uguale a loop chiuso, ma per l'allarme "Limite di
controllo attivo".
Parametri di segnalazione dell'allarme di controllo
Segnala che si è verificato un allarme e che è stato bloccato (se configurato in questo
modo in "Alarm Latch", Ritenuta allarme, pagina 143). Se, ad esempio, è necessario
assegnare un allarme a un relé, deve essere utilizzato il parametro di segnalazione
dell'allarme appropriato.
Figura 47 Pagina di segnalazione dell'allarme di controllo
Parametri
Closed Loop (Ciclo chiuso) Indica se l'allarme di interruzione del ciclo chiuso
è attualmente attivo.
PV Transfer (Trasferimento PV) Uguale a ciclo chiuso, ma per l'allarme
"Trasferimento attivo".
Limitation (Limite) Uguale a loop chiuso, ma per l'allarme "Limite di
controllo attivo".
142
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Configurazione con iTools
Parametri di controllo dell'allarme di ritenuta
Consente di configurare ciascun allarme con blocco o senza blocco.
Figura 48 Pagina di dell'allarme di controllo
Parametri
Closed Loop (Ciclo chiuso) Imposta lo stato di blocco dell'allarme.
PV Transfer (Trasferimento PV) Uguale a ciclo chiuso, ma per l'allarme
"Trasferimento attivo".
Limitation (Limite) Uguale a loop chiuso, ma per l'allarme "Limite di
controllo attivo".
Parametri di controllo riconoscimento allarme
Questo menu permette di confermare i singoli allarmi. Al momento della conferma,
il relativo parametro di segnalazione viene cancellato. I parametri di conferma si
cancellano automaticamente dopo essere stati scritti.
Se è ancora attivo (come mostrato nel display di rilevamento dell'allarme), l'allarme
non può essere confermato.
Figura 49 Pagina di conferma dell'allarme di controllo
Parametri
Closed Loop (Ciclo chiuso) Visualizza se l'allarme di ciclo chiuso è stato
o meno confermato.
PV Transfer (Trasferimento PV) Uguale a ciclo chiuso, ma per l'allarme
"Trasferimento attivo".
Limitation (Limite) Uguale a loop chiuso, ma per l'allarme "Limite di
controllo attivo".
HA033412ITA Edizione 01
143
Configurazione con iTools
Corrente
Parametri di controllo allarme di arresto
Permette la configurazione di singoli canali in modo tale da arrestare l'accensione
del relativo canale di alimentazione quando l'allarme è attivo. Questa funzione viene
attivata dai parametri di segnalazione, in modo tale che l'arresto dell'allarme possa
presentare una ritenuta.
Figura 50 Pagina di arresto dell'allarme di controllo di iTools
Parametri
Closed Loop (Ciclo chiuso) Indica se l'allarme di ciclo chiuso è stato o meno
configurato per la disabilitazione dell'accensione.
PV Transfer (Trasferimento PV) Uguale a ciclo chiuso, ma per l'allarme
"Trasferimento attivo".
Limitation (Limite) Uguale a loop chiuso, ma per l'allarme "Limite di
controllo attivo".
AlmRelay, Relè allarme di controllo
Consente di configurare ogni singolo allarme in modo che il relè di allarme sia
diseccitato (o meno) mentre l'allarme è attivo.
Nota: Quando si utilizza la funzione AlmRelay, assicurarsi che il parametro
FaultDet/CustomAlarm rimanga cablato a IO.Relay/PV.
Figura 51 Pagina del relè dell'allarme di controllo di iTools
Parametri
Closed Loop (Ciclo chiuso) Indica se l'allarme di ciclo chiuso è stato o meno
configurato per la diseccitazione dell'accensione del relè
dell'allarme.
PV Transfer (Trasferimento PV) Uguale a ciclo chiuso, ma per l'allarme
"Trasferimento attivo".
Limitation (Limite) Uguale a loop chiuso, ma per l'allarme "Limite di
controllo attivo".
144
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Configurazione con iTools
Configurazione contatore
L'uscita del contatore è un numero intero a 32 bit il cui valore viene ricalcolato in ogni
periodo campione. Quando viene rilevato un cambiamento dello stato del clock da
0 (falso) a 1 (vero), il valore del contatore viene aumentato se la direzione di
conteggio è "crescente" o diminuito se la direzione è "decrescente".
Quando viene resettato, il valore del contatore è impostato a 0 per i contatori
crescenti o al valore target per i contatori decrescenti.
Figura 52 Pagina Counter (Contatore) di iTools
Parametri
Enable (Abilita)
Se attivato, il contatore risponde alle transizioni di clock;
se disattivato, il conteggio viene arrestato.
Direction (Direzione) Seleziona la direzione di conteggio, crescente o
decrescente. I contatori crescenti iniziano (e vengono
resettati) a zero; i contatori decrescenti iniziano
(e vengono resettati) al valore target (sotto).
Ripple Carry (Abilita propagazione) Questa uscita di un contatore può fungere da
ingresso di abilitazione per il contatore successivo collegato
a cascata. Ripple carry viene impostato su "True" (Vero)
quando il contatore è abilitato e il suo valore è zero (per timer
decrescenti) o pari al valore target (contatori crescenti).
Overflow (Superamento) Overflow è impostato su "vero" quando il valore del
contatore è zero (per timer decrescenti) o pari al valore
target (contatori crescenti).
Clock
Il contatore aumenta o diminuisce con un margine positivo
(da 0 a 1; da falso a vero).
Target
Contatori crescenti: iniziano a zero ed effettuano il
conteggio verso il valore target. Quando viene raggiunto
tale valore, Overflow e Ripple carry vengono impostati
su vero (valore = 1).
Contatore decrescente: iniziano al valore target ed
effettuano il conteggio verso lo zero. Quando raggiungono
lo zero, Overflow e Ripple-carry vengono impostati su vero
(valore = 1).
Count (Conteggio) Il valore corrente del contatore. È un numero intero a 32 bit
che accumula transizioni di clock. Il valore minimo è zero.
Reset
Resetta i contatori crescenti a zero e i contatori
decrescenti al valore target. Reset imposta inoltre
Overflow su falso (Overflow = 0)
Clear Overflow (Cancella superamento) Imposta Overflow su falso (Overflow = 0)
HA033412ITA Edizione 01
145
Configurazione con iTools
Corrente
Contatori a cascata
Come menzionato in precedenza è possibile 'cablare' i contatori a cascata. I dettagli
relativi a un contatore 'crescente' vengono mostrati in Figura 53. La configurazione
del contatore decrescente è simile.
Clock
Conta i margini crescenti del clock
Clock
Conteggio 1
Enable
(alto = abilitato)
Ripple/carry 1
Direzione
Contatore 1
SP
Overflow 1
Conta il numero di volte in
cui il target del Contatore 1
viene superato
Clock
Ripple/carry
Contatore 2
SP
Reset
(alto = valori reset)
Conteggio 2
Enable
Direzione
Verso altri
contatori
Overflow
Reset
Cancella superamento
Cancella superamento
Cancella superamento
(elevato = cancella flag di overflow)
Clock
Cancella superamento
Clock
Conteggio 2 Conteggio 1
Conteggio 1
(Target = 4)
Ripple/Carry 1
Overflow 1
Conteggio 2
Figura 53 Contatori crescenti a cascata
Nota: Il contatore 2 di cui sopra conta il numero di volte in cui il target del
contatore 1 viene superato. Attivando in modo permanente il contatore 2, e
collegando l'uscita 'Ripple Carry' del contatore 1 all'ingresso 'Clock' del contatore 2
(sostituendo la connessione al flusso di impulsi di clock), il contatore 2 indica il
numero di volte in cui il target del contatore 1 viene raggiunto, invece del numero
di volte in cui viene superato.
146
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Configurazione con iTools
Configurazione dei consumi energetici
Fornisce vari contatori dei consumi energetici. L'energia consumata può essere
visualizzata in una delle varie unità disponibili, da Wh a GWh.
Figura 54 Pagina di configurazione dei consumi energetici
Parametri
UsrEnergyUnit
Consente di inserire un valore di unità di scala per la
visualizzazione dei consumi energetici. Selezionabile
come "1 Wh", "10 Wh", "100 Wh", "1 kWh", "10 kWh",
"100 kWh", "1 MWh", "10 MWh", "100 MWh" o "1 GWh".
Input (Ingresso)
Mostra l'ingresso energetico immediato dalla sorgente
di misurazione. Normalmente cablato all'uscita Meas.P
del blocco.
Reset
1 = L'uscita del contatore energetico va a zero e inizia
immediatamente l'accumulo.
0 = Contatore energetico non resettato.
Hold (Mantieni)
1 = Mantiene il valore dell'uscita. Blocca il valore dell'uscita
per il blocco al valore attuale. L'ingresso continua a essere
totalizzato, così quando l'ingresso Hold ritorna su 0, il
valore dell'uscita viene aggiornato automaticamente al
nuovo valore attuale.
0 = il valore dell'uscita non viene mantenuto e rappresenta
il valore dell'energia accumulata attuale.
Energy (Consumo energetico) Mostra il valore attuale del blocco Energy
Counter (Contatore energetico) selezionato.
Autoscale (Autoscala) No = Utilizza l'impostazione UsrUnit.
Yes (Sì) = Visualizzazione del valore energetico Autoscale
(Autoscala, Tabella 39).
Tabella 39: Valori di scala
Range alimentazione (watt-ore)
Da 0 a 65535
1
Da 65.535 a 65.535.000
1k
Da 65.535.000 a 655.350.000
10 k
Da 655.350.000 a 6.553.500.000
100 k
Da 6.553.500.000 a 65.535.000.000
1M
Da 65.535.000.000 a 655.350.000.000
10 M
Da 655.350.000.000 a 6.553.500.000.000
100 M
6,553,500,000,000 e oltre
HA033412ITA Edizione 01
Valore di scala
1G
147
Configurazione con iTools
Corrente
Risoluzione
La risoluzione del valore energetico memorizzato varia in base al valore
totalizzato, come mostrato in Tabella 40. Ad esempio, per valori memorizzati tra
33.554.432 watt-ore e 67.108.863 watt-ore, il valore aumenta con incrementi di
4 watt-ora.
Tabella 40: Risoluzione contatore energetico
148
Range alimentazione (watt-ore)
Risoluzione
(Wh)
Range alimentazione (watt-ore)
Risoluzione
(Wh)
Da 0 a 16.777.215
1
Da 17.179.869.184 a 34.359.738.367
2048
Da 16.777.216 a 33.554.431
2
Da 34.359.738.368 a 68.719.476.736
4096
Da 33.554.432 a 67.108.863
4
Da 68.719.476.736 a 137.438.953.471
8192
Da 67.108.864 a 134.217.727
8
Da 137.438.953.472 a 274.877.906.943
16384
Da 134.217.728 a 268.435.455
16
Da 274.877.906.944 a 549.755.813.887
32768
Da 268.435.456 a 536.870.911
32
Da 549.755.813.888 a 1.099.511.627.776
65536
Da 536.870.912 a 1.073.741.823
64
Da 1.099.511.627.776 a 2.199.023.255.551
131072
Da 1.073.741.824 a 2.147.483.647
128
Da 2.199.023.255.552 a 4.398.046.511.103
262144
Da 2.147.483.648 a 4.294.967.295
256
Da 4.398.046.511.104 a 8.796.093.022.207
524288
Da 4.294.967.296 a 8.589.934.591
512
Da 8.796.093.022.208 a 17.592.186.044.415
1048576
Da 8.589.934.592 a 17.179.869.183
1024
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Configurazione con iTools
Menu di rilevamento guasti
Gestisce la registrazione degli allarmi ed è un'interfaccia per la conferma generale
degli allarmi.
Figura 55 Pagina del menu di rilevamento guasti
Parametri
General Ack (Conferma generale) Esegue una conferma globale degli allarmi.
Gli allarmi bloccati vengono annullati se la causa
dell'attivazione non è più in una condizione di allarme.
Cablato per impostazione predefinita dall'ingresso
digitale 2.
AlarmAck
Abilita la conferma globale degli allarmi dalla fascia
frontale.
Any Alarm (Qualsiasi allarme) "Attivo" indica che uno o più allarmi di sistema,
di processo o di "interruzione" sono attivi. Se sono abilitati
gli allarmi pertinenti, gli allarmi di sistema e di interruzione
causano sempre l'arresto dell'accensione del modulo di
alimentazione. Gli allarmi di processo possono inoltre
essere configurati per impedire l'accensione quando
sono in "Alarm stop" (Arresto allarme).
NetProcAl
Indica che nella rete di alimentazione si è verificato un
allarme di processo.
AnySysAlm
Indica che è attivo un sistema di allarme. Per impostazione
predefinita, questo è cablato come allarme personalizzato
(vedere più avanti).
Custom Alarm (Allarme personalizzato) Indica che è attivo un allarme che
utilizza regole definite dall'utente. Per impostazione
predefinita, questo è cablato a IO Relay.PV
(vedere la scheda AlmRelay nel blocco funzione
corrispondente).
Global Disable (Disabilitazione globale) Consente all'utente di
disabilitare/abilitare tutti gli allarmi.
HA033412ITA Edizione 01
149
Configurazione con iTools
Corrente
StratStatus
Status Word codificato che fornisce informazioni
strategiche, come mostrato in Tabella 41.
Tabella 41: Stato strategia
Bit
0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
Valore
1
2
4
8
16
32
64
128
256
512
1024
2048
4096
8192
16384
32768
Descrizione
Non acceso
Non sincronizzato
Riservato
Riservato
Riservato
Riservato
Riservato
Strategia in modalità standby
Strategia in modalità telemetria
Riservato
Riservato
Riservato
Riservato
Riservato
Riservato
Riservato
Alarm Status 1(2) (Stato allarme 1(2)) Due word a 16 bit contenenti
informazioni sullo stato degli allarmi, come mostrato
in Tabella 42.
Tabella 42: Status Word di allarme 1
Status Word di allarme 2
Bit
0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
Valore
1
2
4
8
16
32
64
128
256
512
1024
2048
4096
8192
16384
32768
Descrizione
Alimentazione assente
Corto circuito tiristore
Sovratemp*
Cadute
Frequenza fuori range
Guasto di carico totale
Interruzione
Guasto carico parziale
Squilibrio di carico parziale
Sovratensione
Sottotensione
Pretemp*
Sovracorrente
Riservato
Ingresso analogico su C
Ingresso esterno
Bit
0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
Valore
1
2
4
8
16
32
64
128
256
512
1024
2048
4096
8192
16384
32768
Descrizione
Ciclo chiuso
Trasferimento attivo
Limite attivo
Riservato
Riservato
Riservato
Riservato
Riservato
Qualsiasi bit in Stato globale 0
Qualsiasi bit in Stato globale 1
Qualsiasi bit in Stato globale 2
Qualsiasi bit in Stato globale 3
Riservato
Riservato
Riservato
Riservato
Nota: * Questi allarmi non sono applicabili a questa versione ma sono riservati per
sviluppo futuro.
150
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Configurazione con iTools
Menu di uscita di accensione
Forma il collegamento tra la strategia di controllo e il carico fisico. Comprende anche
la Rampa di angolo di fase (avvio graduale) e la Rampa di sicurezza.
Figura 56 Pagina di configurazione dell'uscita di accensione di iTools
Mode (Modalità)
Visualizza la modalità di accensione corrente come A
mezzo periodo intelligente (IHC), Accensione a treno di
impulsi, Accensione ad angolo di fase o nessuna modalità.
Configurata con il menu "Modulatore" descritto più avanti.
Load Type (Tipo di carico) Consente di selezionare il tipo di carico come
"Resistivo" o "Trasformatore". Nel caso di tipo di carico
Resistivo, il carico deve essere direttamente collegato al
modulo di alimentazione e solo i carichi resistivi possono
essere collegati in questo modo. Nel caso di tipo di carico
Trasformatore, il carico viene collegato al modulo di
alimentazione per mezzo di un trasformatore e può
essere resistivo o reattivo.
Safeno Ramp (Rampa di sicurezza) Visualizza la durata della rampa di
sicurezza, in cicli di tensione di alimentazione (da 0 a 255),
da applicare all'accensione. La rampa è una rampa ad
angolo di fase da zero all'angolo di fase target richiesto o,
nel caso dell'accensione a treno di impulsi, da 0 a 100%;
vedere Figura 57. La Rampa di sicurezza non è applicabile
alla modalità a mezzo periodo intelligente (IHC).
Soft Start (Avvio graduale) Solo per l'accensione a treno di impulsi, rappresenta
la durata dell'avvio graduale, in mezzi periodi di tensione di
alimentazione, applicando una rampa ad angolo di fase
all'inizio di ogni periodo di accensione (Figura 58).
Soft Stop (Arresto graduale) Nell'accensione a treno di impulsi rappresenta
la durata dell'arresto graduale, in periodi di tensione di
alimentazione, applicando una rampa ad angolo di fase
alla fine di ogni periodo.
Delayed Trigger (Attivazione ritardata) Viene visualizzato solamente se
Modalità = Treno di impulsi, Avvio graduale = Off e Tipo
di carico = Trasformatore. Attivazione ritardata specifica
il ritardo dell'attivazione, in angolo di fase, durante
l'alimentazione di potenza a un carico di trasformatore.
Utilizzato per ridurre al minimo la corrente di punta.
Il valore è configurabile tra 0 e 90 gradi compresi
(Figura 59).
Enable (Abilita)
Abilita/disabilita l'accensione. Deve essere cablato a un
valore diverso da zero per abilitare l'accensione (di norma
un ingresso digitale).
In
Visualizza il valore di richiesta energetica di ingresso che
il modulo di potenza deve erogare.
PA Limit (Limite PA) Limite di angolo di fase. È un fattore di riduzione di angolo
di fase utilizzato nell'Accensione a treno di impulsi. Se è
HA033412ITA Edizione 01
151
Configurazione con iTools
Corrente
inferiore al 100%, il modulo di alimentazione eroga un
treno di impulsi di accensione ad angolo di fase. Viene
utilizzato di norma per eseguire la limitazione della
corrente di soglia nell'Accensione a treno di impulsi.
Ramp Status (Stato rampa) Visualizza lo stato della rampa di sicurezza come
"Ramping" (In rampa) o "Finish" (Fine).
Esempi
Rampe di sicurezza, Avvio graduale e Attivazione ritardata, tipi di
accensione
Rampa di sicurezza (magnetizzazione)
(4 cicli)
Rampa di sicurezza (10 cicli)
Tensione
di uscita
Tensione
di uscita
Alimentazione
di rete
Alimentazione
di rete
Angolo di attivazione ritardato
Carico resistivo
Carico induttivo
Figura 57 Esempi di rampa di sicurezza (accensione a treno di impulsi)
Avvio graduale = 2
Tensione
di uscita
Alimentazione di rete
Figura 58 Esempio di avvio graduale
Transitorio di corrente elevato
Tensione di carico
Corrente di carico
Commutazione a zero volt
Figura 59 Definizione di Attivazione ritardata
Nota: Le forme d'onda sono state idealizzate per maggior chiarezza.
152
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Configurazione con iTools
Configurazione di ingressi/uscite (IO)
Quest'area della configurazione consente all'utente di configurare gli ingressi
analogici e digitali e di visualizzare lo stato dell'uscita relé. La configurazione
è suddivisa nelle seguenti aree:
•
"Configurazione degli ingressi analogici" a pagina 154.
•
"Configurazione degli ingressi digitali" a pagina 157.
•
"Stato relè" a pagina 158.
Figura 60 Menu IO di livello superiore
HA033412ITA Edizione 01
153
Configurazione con iTools
Corrente
Configurazione degli ingressi analogici
La configurazione per l'ingresso analogico è divisa in una serie di aree:
Ai Main,
AlmDis,
AlmDet,
AlmSig,
AlmLat,
AlmAck,
AlmStop
AlmRelay
Ai Main
Figura 61 Pagina dell'ingresso analogico di iTools
Parametri
Type (Tipo)
Consente di selezionare il tipo di ingresso tra: da 0 a 10 V,
da 1 a 5 V, da 2 a 10 V, da 0 a 5 V, da 0 a 20 mA, da
4 a 20 mA. Per informazioni sulla morsettiera, vedere
Figura 15.
OffsetLow
Offset utilizzato per regolare il valore misurato. Il valore
del parametro può essere impostato da -1 a 1 in unità
elettriche (a seconda del tipo di ingresso) e viene aggiunto
a MeasVal. Può essere utilizzato per compensare
eventuali problemi di accuratezza o di rumore elettrico
sull'ingresso analogico.
RangeHigh (Range alto) Range elevato dell'ingresso per la scala dalle unità di
misura alle unità di processo. PV è legato al range alto se
l'ingresso supera il range.
RangeLow (Range basso) Range basso dell'ingresso per la scala dalle unità di
misura alle unità di processo. PV è legato al range basso
se l'ingresso è inferiore al range.
PV
Il valore scalato nelle unità di processo. Legato a Range
alto o Range basso se il segnale supera o è inferiore
al range.
MeasVal
Valore ai terminali dello strumento, incluso il valore del
parametro OffsetLow in unità elettriche.
154
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Configurazione con iTools
AlmDis
Consente all'utente di disabilitare o abilitare gli allarmi individualmente.
Esempio
La Figura 62 mostra una pagina iTools per Almdis. Le pagine degli altri parametri Alm
sono simili.
Figura 62 Esempio di AlmDis
AlmDet
Indica se ogni singolo allarme è stato rilevato ed è attualmente attivo. L'allarme
diviene attivo se la corrente in ingresso diviene maggiore di 25 mA; in questo caso
il tipo di ingresso analogico passa automaticamente a 0-10 V per evitare danni.
AlmSig
Segnala che si è verificato un allarme e se si trova o meno in stato di blocco.
Per assegnare l'allarme a un relé, ad esempio, è necessario cablare l'appropriato
parametro di segnalazione.
AlmLat
Consente di configurare ogni singolo allarme in stato di ritenuta, con lo stato di
blocco mostrato nel parametro di segnalazione dell'allarme.
AlmAck
Consente la conferma di ogni singolo allarme. Quando un allarme viene confermato
il relativo parametro di segnalazione (Almsig) viene cancellato. Se è ancora attivo
(come mostrato nel parametro di rilevamento Almdet), l'allarme può non essere
confermato. I parametri di conferma si cancellano automaticamente dopo essere stati
scritti.
HA033412ITA Edizione 01
155
Configurazione con iTools
Corrente
AlmStop
Consente la configurazione di ciascun singolo tipo di allarme in modo tale da
arrestare l'accensione del modulo di alimentazione. ALMSTOP viene attivato dal
parametro di segnalazione (Almsig) e può essere con blocco o meno a seconda
dell'impostazione di AlmLat per l'allarme.
AlmRelay
Provoca il controllo del relè da parte di questo allarme
Nota: Quando si utilizza la funzione Almrelay, assicurarsi che il parametro
FaultDet/CustomAlarm rimanga cablato a IO.Relay/PV.
156
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Configurazione con iTools
Configurazione degli ingressi digitali
Consente all'utente di configurare ognuno degli ingressi digitali.
Figura 63 Pagina di configurazione degli ingressi digitali di iTools
(ingresso digitale 2 visualizzato)
Parametri
Type (Tipo)
Invert (Inversione)
PV
MeasVal
10VuserStat
Selezionare per configurare il tipo di ingresso logico:
0 = IpVolts.
1 = IpContact.
2 = Op10Vuser.
Per informazioni sulla morsettiera, vedere Figura 10.
Imposta lo stato di inversione su "No" o "Sì".
Quando è impostato su "No", non vi è inversione
(ad esempio se MeasVal = 0, allora PV = 0).
Quando è impostato su "Sì", si verifica un'inversione
(ad esempio se MeasVal = 0, allora PV = 1)
Stato corrente dell'ingresso dopo l'applicazione di
un'inversione.
Per gli ingressi, mostra il valore misurato ai terminali
dello strumento in unità elettriche.
Visualizza lo stato degli ingressi utente da 10 V;
Corretto (0) = Nessun problema, è possibile fornire 10 V
NON CORRETTO (1) = Nessuna uscita da 10 V, possibile
cortocircuito o richiesta eccessiva di corrente.
Esempio: l'ingresso utente da 10 V viene tipicamente
utilizzato per collegare un potenziometro posizionato
in un armadietto sulla fascia frontale, da utilizzare per
regolare i valori di setpoint tramite l'ingresso digitale 1.
Nota: L'ingresso utente da 10 V è disponibile utilizzando l'ingresso digitale 2.
HA033412ITA Edizione 01
157
Configurazione con iTools
Corrente
Stato relè
Figura 64 Pagina dello stato relé di iTools
Parametri
PV
Meas Val
158
Mostra lo stato dell'ingresso al relè come "On" (vero)
oppure "Off" (falso).
Mostra lo stato corrente della bobina del relè. 1 = eccitata;
0 = diseccitata, in cui "eccitata" è "off" e "diseccitata" è "on".
Per informazioni sulla morsettiera, vedere Figura 15. Per
la specifica, vedere Specifiche relé (pagina 247).
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Configurazione con iTools
Menu di configurazione dello strumento
La configurazione dello strumento è suddivisa nelle seguenti aree:
•
•
•
•
"Configurazione del display strumento" a pagina 159
"Configurazione dello strumento" a pagina 160
"Opzioni di configurazione dello strumento" a pagina 161
"Fattore di scala" a pagina 162
Figura 65 Menu di configurazione di livello superiore
Configurazione del display strumento
Figura 66 Pagina di configurazione del display strumento
Parametri
Language (Lingua) Selezionare la lingua richiesta per le visualizzazioni
successive.
Serial No (N. di serie) Solo lettura. Visualizza il numero di serie dell'unità
impostato in fabbrica.
Dev Name (Nome dispositivo) Nome del dispositivo come appare sul
display utente.
Label 0(1) (Etichetta 0(1)) Testo che appare sulla pagina iniziale per i due
parametri definiti dagli indirizzi elencati in Param0 e
Param1. 3 caratteri (massimo) regolabili dall'utente.
Param0(1)MB
Indirizzo Modbus del primo (secondo) parametro da
visualizzare sulla schermata iniziale dello strumento.
HA033412ITA Edizione 01
159
Configurazione con iTools
Corrente
Configurazione dello strumento
Si tratta della configurazione attuale dell'hardware.
Figura 67 Configurazione dello strumento
Nota: Se è montata l'opzione EtherCAT, EIPSoftware e PNSoftware non sono
visualizzati.
Parametri
Net Type (Tipo rete) Si tratta di un'impostazione di fabbrica che non può essere
modificata dall'utente.
0 = 3 phase
1 = Monofase
2 = 2 phase
Power Type (Tipo alimentazione) Si tratta di un'impostazione di fabbrica che
non può essere modificata dall'utente
(0 = 32 A, 1 = 63 A, 2 = 100 A, 3 = 125 A).
Timer Res (Ris. timer) Risoluzione dei parametri temporali
0 = decimi di secondo (100 ms); 1 = decimi di minuto
(6 secondi).
Backlight_Dimming Opzione per il controllo della retroilluminazione del
display: accendendo l'attenuazione si riduce il
consumo energetico.
0 = No (disattiva l'attenuazione)
1 = Sì (attiva l'attenuazione)
DisplayID
Visualizza i dettagli del tipo di display (schermo) del
produttore:
0 = Tianma
1 = Densitron
Software
La versione del software del prodotto.
HWversion
Visualizza la versione hardware del prodotto impostata
in fabbrica (parametro di sola lettura).
160
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Configurazione con iTools
Opzioni di configurazione dello strumento
Figura 68 Pagina di configurazione dello strumento
Parametri
SerialNo (N. di serie) Numero di serie dello strumento.
Software
Versione del software in esecuzione sullo strumento
Passcode1 (2)(3)
Codice per Features Secure Word 1(2)(3).
HA033412ITA Edizione 01
161
Configurazione con iTools
Corrente
Fattore di scala
Consente di inserire i fattori di scala per una serie di parametri. In iTools i fattori di
scala sono organizzati in schede. Per chiarezza in questo documento viene descritta
solo una scheda (SetProv).
I fattori di scala vengono applicati nelle transazioni Modbus quando l'accesso ai
parametri corrispondenti viene effettuato utilizzando un campo di indirizzo basso
(non la regione IEEE).
Figura 69 Menu di livello superiore dei fattori di scala
Esempio SetProv
Nell'esempio riportato sopra si può vedere che tutti i parametri provider dei setpoint
sono scalati x100, ad eccezione di Ramp Rate (Velocità rampa) che non è scalata
(ovvero il fattore di scala = 1). Si può inoltre vedere che i fattori di scala disponibili
sono x1, x10, x100, x1.000, ÷10, ÷100, ÷1.000.
Se LocalSP, ad esempio, presenta un fattore di scala di x100, come sopra, un valore
di 5.000 significa in realtà che il valore reale è 50,00.
Note:
1. L'esempio precedente mostra i set dei formati di scala predefiniti impostati,
regolabili dall'utente.
2. I valori sono arrotondati per eccesso/difetto.
162
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Configurazione con iTools
Configurazione del monitor IP
Monitora un parametro cablato e ne registra il valore massimo, il valore minimo e il
tempo cumulativo in cui questo valore si trova al di sopra di una soglia configurabile.
Un allarme può essere impostato in modo tale che si attivi quando il valore del tempo
sopra la soglia supera una soglia determinata.
Figura 70 Pagina del monitor di ingresso di iTools (IPMon1)
Parametri
In
Il parametro da monitorare. Di norma è cablato a un
parametro (utilizzando iTools), ma può essere inserito
un valore numerico a scopo di test.
Max
Il valore massimo raggiunto dal parametro dall'ultimo
reset.
Min
Il valore minimo raggiunto dal parametro dall'ultimo reset.
Threshold (Soglia) Funge da attivazione per la misura di Time Above (Tempo
oltre il limite).
Days above (Giorni sopra la soglia) Mostra il numero di giorni completi in cui il
parametro si trova oltre il valore di soglia (in modo continuo
o intermittente) dall'ultimo reset. Il valore del tempo sopra
la soglia deve essere sommato a "Giorni sopra" per
trovare il tempo totale.
Time Above (Tempo sopra la soglia) Mostra il numero di ore, minuti e decimi di
minuti in cui il valore del parametro rimane oltre il valore
di soglia (in modo intermittente o continuo) dall'ultimo
reset o dall'ultimo giorno completo. (Quando il valore
supera 23:59.9, aumenta il valore "Giorni sopra la soglia"
e il "Tempo sopra la soglia" si resetta a 00:00.0.) Il valore
del tempo sopra la soglia deve essere sommato a "Giorni
sopra" per trovare il tempo totale.
Alarm Days (Giorni allarme) Insieme al tempo di allarme definisce il valore di
tempo totale oltre il valore di soglia che, se viene superato,
imposta il parametro di uscita dell'allarme su "On".
Alarm Time (Tempo allarme) Vedere "Giorni allarme" sopra.
Reset
Eseguendo un reset i valori Min e Max vengono impostati
al valore corrente, il valore 'Giorni oltre la soglia' viene
impostato su zero e il valore 'Tempo oltre il limite' viene
impostato su 00:00.0.
Status (Stato)
Mostra lo stato del parametro di ingresso come "Good"
(Corretto) o "Bad" (Non corretto).
HA033412ITA Edizione 01
163
Configurazione con iTools
Corrente
Menu Lgc2 (operatore logico a due ingressi)
Questo blocco di operatori logici fornisce una serie di operazioni logiche a due
ingressi. L'uscita è sempre "Booleana" (logico 0 o 1), indipendentemente dal fatto
che gli ingressi siano analogici o digitali. Per gli ingressi analogici qualsiasi valore al
di sotto di 0,5 rappresenta il logico 0 (off). Un valore uguale o maggiore di 0,5 viene
trattato come un logico 1 (on).
Gli ingressi possono essere "invertiti" nell'ambito della configurazione (cioè un
ingresso alto viene trattato come un ingresso basso e viceversa).
Figura 71 Pagina Lgc2 (Lgc2 1)
Parametri Lgc2
Oper
164
Consente all'utente di selezionare un'operazione logica
per il blocco. Le descrizioni seguenti assumono che
nessun ingresso sia invertito. Alto = 1 oppure on;
Basso = 0 oppure off.
Off Nessuna operazione logica selezionata.
AND Out è alto se entrambi gli ingressi sono alti, altrimenti
è basso.
OR Out è alto se uno o entrambi gli ingressi sono alti,
altrimentiè basso.
XOR Out è alto se un ingresso (ma non entrambi) è alto.
Basso se nessuno o entrambi gli ingressi sono alti.
Latch (Blocco) Se In2 è basso, Out blocca la transizione
successiva di In1. Il valore rimane bloccato fino a che
In2 non diminuisce, quando Out = In1 (vedere
figura 72).
Equal (Uguale) Out è alto se entrambi gli ingressi sono
uguali, altrimenti Out è basso.
Not Equal (Non uguale) Out è alto se gli ingressi non sono
uguali. Out è basso se gli ingressi sono uguali.
Greater than (Maggiore di)
Out è alto se il valore In1 è maggiore del valore In2,
altrimenti Out è basso.
Less than (Minore di) Out è alto se il valore In1 è minore del
valore In2, altrimenti Out è basso.
GreaterEqual
Out è alto se il valore In1 è uguale a o maggiore del
valore In2, altrimenti Out è basso.
LessEqual (Minore o uguale) Out è alto se il valore In1 è minore
del valore In2, altrimenti Out è basso.
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Configurazione con iTools
In1
Se cablato, mostra il valore In1; se non lo è, consente
all'utente di inserire un valore.
In2
Se cablato, mostra il valore In2; se non lo è, consente
all'utente di inserire un valore.
Fallback type (Tipo fallback) Consente la selezione di un tipo di fallback.
Definisce il valore dell'uscita e i display di stato se lo stato
di uno o di entrambi gli ingressi è "Bad" (Non corretto).
FalseBad (Falso Non corretto) Il valore dell'uscita
visualizza "False" (Falso); lo stato visualizza "Bad"
(Non corretto).
TrueBad (Vero Non corretto) Il valore dell'uscita
visualizza "True" (Vero); lo stato visualizza "Bad"
(Non corretto).
FalseGood (Falso Corretto) Il valore dell'uscita visualizza
"False" (Falso); lo stato visualizza "Good" (Corretto).
TrueGood (Vero Corretto) Il valore dell'uscita visualizza
"True" (Vero); lo stato visualizza "Good" (Corretto).
Invert (Inversione) Consente l'inversione di nessuno, uno o entrambi gli
ingressi.
Out
Mostra il valore corrente dell'uscita
Status (Stato)
Mostra lo stato dell'uscita come "Good" (Corretto) o "Bad"
(Non corretto).
Hysteresis (Isteresi) Solo per operatori comparativi (ad esempio Maggiore di),
consente l'inserimento di un valore di isteresi. Ad esempio,
se l'operatore è "Maggiore di" e l'isteresi è H, l'uscita
diviene alta quando In1 supera In2 e rimane alta fino a
che In1 non scende a un valore minore di (In2 - H). Non
applicabile alla funzione "Uguale".
Isteresi
Figura 72 Isteresi
In1
o/p blocca prima
transizione di In1
o/p segue
In1
o/p blocca prima
transizione di In1
o/p segue
In1
o/p blocca prima
transizione di In1
In2
Out
Quando In2 scende, Out segue la successiva transizione positiva o negativa di In1
(punta "X") e blocca questo valore finché In2 non sale. Quando In2 è alto, Out segue In1.
Figura 73 Operazione di blocco
HA033412ITA Edizione 01
165
Configurazione con iTools
Corrente
Configurazione Lgc8 (operatore logico a otto ingressi)
Consente di combinare tra due e otto ingressi grazie a una funzione logica AND, OR
oppure OR esclusivo (EXOR). Gli ingressi possono essere invertiti singolarmente e
anche l'uscita può essere invertita, consentendo di implementare la gamma completa
delle funzioni logiche.
Figura 74 Pagina di configurazione Lgc8
Parametri
Oper
Numin
InInvert
Out Invert
In1
In2 onwards
Out
166
Consente di selezionare le funzioni AND, OR oppure OR
esclusivo (oppure OFF).
AND = l'uscita è alta solo se tutti gli ingressi sono alti.
OR = l'uscita è alta solo se uno o tutti gli ingressi sono alti.
XOR = l'uscita è alta se un numero dispari di ingressi è alto
e bassa se un numero pari di ingressi è alto. Dal punto di
vista logico, una funzione XOR in cascata: (((((((In1  In 2)
 In 3)  In 4)....  In 8)
Status = Bit a bit OR degli ingressi concatenati in una word.
Imposta il numero di ingressi tra due e otto inclusi. Questo
numero definisce quanti tasti di inversione vengono
visualizzati in "Invert" (Inversione) e quante pagine di
valori di ingresso vengono visualizzate.
Consente all'utente di invertire i singoli ingressi come
descritto di seguito.
No = uscita normale; "Sì" indica che l'uscita viene invertita
e le funzioni NAND e NOR vengono implementate.
Lo stato (On oppure Off) del primo ingresso
Lo stato degli altri ingressi.
Il valore di uscita della funzione (On oppure Off)
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Configurazione con iTools
Schema LGC8
Ingresso 1
Inversione 1(x01)
Ingresso 2
Inversione 2 (x02)
Ingresso 3
Inversione 4 (x04)
Ingresso 4
Inversione 8 (x08)
Ingresso 5
Inversione 16 (x10)
Uscita
OutInvert
Ingresso 6
Inversione 32 (x20)
Ingresso 7
Inversione 64 (x40)
Ingresso 8
Inversione 128 (x80)
Figura 75 Schema LGC8
HA033412ITA Edizione 01
167
Configurazione con iTools
Corrente
Tabella di decodifica delle uscite di inversione
Lo stato delle inversioni può essere codificato/decodificato utilizzando la seguente
tabella.
Ingresso
8 7 6 5 4 3 2 1 Hex Dec
N N N N N N N N 00 0
N N N N N N N 1 01 1
N N N N N N 2 N 02 2
N N N N N N 2 1 03 3
N N N N N 3 N N 04 4
N N N N N 3 N 1 05 5
N N N N N 3 2 N 06 6
N N N N N 3 2 1 07 7
N N N N 4 N N N 08 8
N N N N 4 N N 1 09 9
N N N N 4 N 2 N 0A 10
N N N N 4 N 2 1 0B 11
N N N N 4 3 N N 0C 12
N N N N 4 3 N 1 0D 13
N N N N 4 3 2 N 0E 14
N N N N 4 3 2 1 0F 15
N N N 5 N N N N 10 16
N N N 5 N N N 1 11 17
N N N 5 N N 2 N 12 18
N N N 5 N N 2 1 13 19
N N N 5 N 3 N N 14 20
N N N 5 N 3 N 1 15 21
N N N 5 N 3 2 N 16 22
N N N 5 N 3 2 1 17 23
N N N 5 4 N N N 18 24
N N N 5 4 N N 1 19 25
N N N 5 4 N 2 N 1A 26
N N N 5 4 N 2 1 1B 27
N N N 5 4 3 N N 1C 28
N N N 5 4 3 N 1 1D 29
N N N 5 4 3 2 N 1E 30
N N N 5 4 3 2 1 1F 31
N N 6 N N N N N 20 32
N N 6 N N N N 1 21 33
N N 6 N N N 2 N 22 34
N N 6 N N N 2 1 23 35
N N 6 N N 3 N N 24 36
N N 6 N N 3 N 1 25 37
N N 6 N N 3 2 N 26 38
N N 6 N N 3 2 1 27 39
N N 6 N 4 N N N 28 40
N N 6 N 4 N N 1 29 41
N N 6 N 4 N 2 N 2A 42
N N 6 N 4 N 2 1 2B 43
N N 6 N 4 3 N N 2C 44
N N 6 N 4 3 N 1 2D 45
N N 6 N 4 3 2 N 2E 46
N N 6 N 4 3 2 1 2F 47
N N 6 5 N N N N 30 48
N N 6 5 N N N 1 31 49
N N 6 5 N N 2 N 32 50
N N 6 5 N N 2 1 33 51
N N 6 5 N 3 N N 34 52
N N 6 5 N 3 N 1 35 53
N N 6 5 N 3 2 N 36 54
N N 6 5 N 3 2 1 37 55
N N 6 5 4 N N N 38 56
N N 6 5 4 N N 1 39 57
N N 6 5 4 N 2 N 3A 58
N N 6 5 4 N 2 1 3B 59
N N 6 5 4 3 N N 3C 60
N N 6 5 4 3 N 1 3D 61
N N 6 5 4 3 2 N 3E 62
N N 6 5 4 3 2 1 3F 63
Ingresso
8 7 6 5 4 3 2 1 Hex Dec
N 7 N N N N N N 40 64
N 7 N N N N N 1 41 65
N 7 N N N N 2 N 42 66
N 7 N N N N 2 1 43 67
N 7 N N N 3 N N 44 68
N 7 N N N 3 N 1 45 69
N 7 N N N 3 2 N 46 70
N 7 N N N 3 2 1 47 71
N 7 N N 4 N N N 48 72
N 7 N N 4 N N 1 49 73
N 7 N N 4 N 2 N 4A 74
N 7 N N 4 N 2 1 4B 75
N 7 N N 4 3 N N 4C 76
N 7 N N 4 3 N 1 4D 77
N 7 N N 4 3 2 N 4E 78
N 7 N N 4 3 2 1 4F 79
N 7 N 5 N N N N 50 80
N 7 N 5 N N N 1 51 81
N 7 N 5 N N 2 N 52 82
N 7 N 5 N N 2 1 53 83
N 7 N 5 N 3 N N 54 84
N 7 N 5 N 3 N 1 55 85
N 7 N 5 N 3 2 N 56 86
N 7 N 5 N 3 2 1 57 87
N 7 N 5 4 N N N 58 88
N 7 N 5 4 N N 1 59 89
N 7 N 5 4 N 2 N 5A 90
N 7 N 5 4 N 2 1 5B 91
N 7 N 5 4 3 N N 5C 92
N 7 N 5 4 3 N 1 5D 93
N 7 N 5 4 3 2 N 5E 94
N 7 N 5 4 3 2 1 5F 95
N 7 6 N N N N N 60 96
N 7 6 N N N N 1 61 97
N 7 6 N N N 2 N 62 98
N 7 6 N N N 2 1 63 99
N 7 6 N N 3 N N 64 100
N 7 6 N N 3 N 1 65 101
N 7 6 N N 3 2 N 66 102
N 7 6 N N 3 2 1 67 103
N 7 6 N 4 N N N 68 104
N 7 6 N 4 N N 1 69 105
N 7 6 N 4 N 2 N 6A 106
N 7 6 N 4 N 2 1 6B 107
N 7 6 N 4 3 N N 6C 108
N 7 6 N 4 3 N 1 6D 109
N 7 6 N 4 3 2 N 6E 110
N 7 6 N 4 3 2 1 6F 111
N 7 6 5 N N N N 70 112
N 7 6 5 N N N 1 71 113
N 7 6 5 N N 2 N 72 114
N 7 6 5 N N 2 1 73 115
N 7 6 5 N 3 N N 74 116
N 7 6 5 N 3 N 1 75 117
N 7 6 5 N 3 2 N 76 118
N 7 6 5 N 3 2 1 77 119
N 7 6 5 4 N N N 78 120
N 7 6 5 4 N N 1 79 121
N 7 6 5 4 N 2 N 7A 122
N 7 6 5 4 N 2 1 7B 123
N 7 6 5 4 3 N N 7C 124
N 7 6 5 4 3 N 1 7D 125
N 7 6 5 4 3 2 N 7E 126
N 7 6 5 4 3 2 1 7F 127
Ingresso
8 7 6 5 4 3 2 1 Hex Dec
8 N N N N N N N 80 128
8 N N N N N N 1 81 129
8 N N N N N 2 N 82 130
8 N N N N N 2 1 83 131
8 N N N N 3 N N 84 132
8 N N N N 3 N 1 85 133
8 N N N N 3 2 N 86 134
8 N N N N 3 2 1 87 135
8 N N N 4 N N N 88 136
8 N N N 4 N N 1 89 137
8 N N N 4 N 2 N 8A 138
8 N N N 4 N 2 1 8B 139
8 N N N 4 3 N N 8C 140
8 N N N 4 3 N 1 8D 141
8 N N N 4 3 2 N 8E 142
8 N N N 4 3 2 1 8F 143
8 N N 5 N N N N 90 144
8 N N 5 N N N 1 91 145
8 N N 5 N N 2 N 92 146
8 N N 5 N N 2 1 93 147
8 N N 5 N 3 N N 94 148
8 N N 5 N 3 N 1 95 149
8 N N 5 N 3 2 N 96 150
8 N N 5 N 3 2 1 97 151
8 N N 5 4 N N N 98 152
8 N N 5 4 N N 1 99 153
8 N N 5 4 N 2 N 9A 154
8 N N 5 4 N 2 1 9B 155
8 N N 5 4 3 N N 9C 156
8 N N 5 4 3 N 1 9D 157
8 N N 5 4 3 2 N 9E 158
8 N N 5 4 3 2 1 9F 159
8 N 6 N N N N N A0 160
8 N 6 N N N N 1 A1 161
8 N 6 N N N 2 N A2 162
8 N 6 N N N 2 1 A3 163
8 N 6 N N 3 N N A4 164
8 N 6 N N 3 N 1 A5 165
8 N 6 N N 3 2 N A6 166
8 N 6 N N 3 2 1 A7 167
8 N 6 N 4 N N N A8 168
8 N 6 N 4 N N 1 A9 169
8 N 6 N 4 N 2 N AA 170
8 N 6 N 4 N 2 1 AB 171
8 N 6 N 4 3 N N AC 172
8 N 6 N 4 3 N 1 AD 173
8 N 6 N 4 3 2 N AE 174
8 N 6 N 4 3 2 1 AF 175
8 N 6 5 N N N N B0 176
8 N 6 5 N N N 1 B1 177
8 N 6 5 N N 2 N B2 178
8 N 6 5 N N 2 1 B3 179
8 N 6 5 N 3 N N B4 180
8 N 6 5 N 3 N 1 B5 181
8 N 6 5 N 3 2 N B6 182
8 N 6 5 N 3 2 1 B7 183
8 N 6 5 4 N N N B8 184
8 N 6 5 4 N N 1 B9 185
8 N 6 5 4 N 2 N BA 186
8 N 6 5 4 N 2 1 BB 187
8 N 6 5 4 3 N N BC 188
8 N 6 5 4 3 N 1 BD 189
8 N 6 5 4 3 2 N BE 190
8 N 6 5 4 3 2 1 BF 191
Ingresso
8 7 6 5 4 3 2 1 Hex Dec
8 7 N N N N N N C0 192
8 7 N N N N N 1 C1 193
8 7 N N N N 2 N C2 194
8 7 N N N N 2 1 C3 195
8 7 N N N 3 N N C4 196
8 7 N N N 3 N 1 C5 197
8 7 N N N 3 2 N C6 198
8 7 N N N 3 2 1 C7 199
8 7 N N 4 N N N C8 200
8 7 N N 4 N N 1 C9 201
8 7 N N 4 N 2 N CA 202
8 7 N N 4 N 2 1 CB 203
8 7 N N 4 3 N N CC 204
8 7 N N 4 3 N 1 CD 205
8 7 N N 4 3 2 N CE 206
8 7 N N 4 3 2 1 CF 207
8 7 N 5 N N N N D0 208
8 7 N 5 N N N 1 D1 209
8 7 N 5 N N 2 N D2 210
8 7 N 5 N N 2 1 D3 211
8 7 N 5 N 3 N N D4 212
8 7 N 5 N 3 N 1 D5 213
8 7 N 5 N 3 2 N D6 214
8 7 N 5 N 3 2 1 D7 215
8 7 N 5 4 N N N D8 216
8 7 N 5 4 N N 1 D9 217
8 7 N 5 4 N 2 N DA 218
8 7 N 5 4 N 2 1 DB 219
8 7 N 5 4 3 N N DC 220
8 7 N 5 4 3 N 1 DD 221
8 7 N 5 4 3 2 N DE 222
8 7 N 5 4 3 2 1 DF 223
8 7 6 N N N N N E0 224
8 7 6 N N N N 1 E1 225
8 7 6 N N N 2 N E2 226
8 7 6 N N N 2 1 E3 227
8 7 6 N N 3 N N E4 228
8 7 6 N N 3 N 1 E5 229
8 7 6 N N 3 2 N E6 230
8 7 6 N N 3 2 1 E7 231
8 7 6 N 4 N N N E8 232
8 7 6 N 4 N N 1 E9 233
8 7 6 N 4 N 2 N EA 234
8 7 6 N 4 N 2 1 EB 235
8 7 6 N 4 3 N N EC 236
8 7 6 N 4 3 N 1 ED 237
8 7 6 N 4 3 2 N EE 238
8 7 6 N 4 3 2 1 EF 239
8 7 6 5 N N N N F0 240
8 7 6 5 N N N 1 F1 241
8 7 6 5 N N 2 N F2 242
8 7 6 5 N N 2 1 F3 243
8 7 6 5 N 3 N N F4 244
8 7 6 5 N 3 N 1 F5 245
8 7 6 5 N 3 2 N F6 246
8 7 6 5 N 3 2 1 F7 247
8 7 6 5 4 N N N F8 248
8 7 6 5 4 N N 1 F9 249
8 7 6 5 4 N 2 N FA 250
8 7 6 5 4 N 2 1 FB 251
8 7 6 5 4 3 N N FC 252
8 7 6 5 4 3 N 1 FD 253
8 7 6 5 4 3 2 N FE 254
8 7 6 5 4 3 2 1 FF 255
Esempio: Il decimale 146 significa che gli ingressi 8, 5 e 2 sono invertiti.
168
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Configurazione con iTools
Linearizzazione di ingresso LIN16
Il blocco funzione Lin16 converte un segnale in ingresso in un PV in uscita utilizzando
una serie di fino a 15 linee rette per la caratterizzazione della conversione.
Il blocco funzione fornisce il seguente comportamento.
1. I valori d'ingresso devono essere monotonici e in costante aumento.
2. Per convertire l'MV in PV, l'algoritmo cercherà la tabella degli ingressi fino a che
non troverà il segmento corrispondente. Una volta trovata, i punti su entrambi
i lati verranno utilizzati per interpolare il valore di uscita.
3.
Se durante la ricerca viene trovato un punto che non è sopra il precedente (sotto in
caso di situazione invertita), la ricerca verrà interrotta e verrà preso il segmento preso
dall'ultimo punto valido all'estremo (In Hi-Out Hi); vedere il diagramma che segue.
Out Hi
Ricerca
terminata
Uscita 1 ( a 14)
Punti di dati
ignorati
Out Lo
In Lo
In Hi
Ingresso 1 ( a 14)
Figura 76 Esempio di linearizzazione
Note:
1. Il blocco di linearizzazione opera su ingressi/uscite in aumento oppure su
ingressi/uscite in diminuzione. Non è idoneo per uscite che aumentano e
diminuiscono sulla stessa curva.
2. Input Lo/Output Lo e Input Hi/Output Hi vengono inseriti per primi per definire i punti
inferiore e superiore della curva. Se non è richiesta accuratezza, non è necessario
definire tutti i 15 punti intermedi. I punti non definiti verranno ignorati e verrà applicata
una linea retta tra l'ultimo punto definito e il punto Input Hi/Output Hi. Se la fonte
d'ingresso si trova in stato "Bad" (Non corretto, interruzione sensore oppure range
superato), anche il valore di uscita si troverà nello stesso stato.
1.
2.
3.
Se il valore di ingresso è esterno
all'intervallo traslato, lo stato
dell'uscita indicherà "Bad" (Non
corretto) e il valore sarà limitato
al limite di uscita più vicino.
I parametri di unità e risoluzione
verranno utilizzati per i valori di
uscita. La risoluzione e le unità
dei valori di ingresso verranno
specificate dalla fonte del
cablaggio.
Se Out Low è maggiore di Out Hi,
la traslazione verrà invertita.
Out Low
Nota:
Out Low >
Out High
Punti di dati
ignorati
Ricerca
terminata
Out High
In Low
HA033412ITA Edizione 01
Primo punto
di dati non
monotonico
In High
169
Configurazione con iTools
Corrente
Figura 77 In che modo una curva invertita termina la propria ricerca quando
individua dati non monotonici
Compensazione in caso di non linearità del sensore
La funzione di linearizzazione personalizzata può essere utilizzata anche per
compensare imprecisioni nel sensore o nel sistema di misura. I punti intermedi sono,
pertanto, disponibili nel Livello 1 in modo tale da calibrate discontinuità note nella
curva. Il diagramma che segue mostra un esempio del tipo di discontinuità che può
verificarsi nella linearizzazione di un sensore di temperatura.
Output Hi
ad es. 1000oC
Punto cal 6
Punto cal 5
Uscita 1 ( a 14)
Punto cal 4
Punto cal 3
Punto cal 2
Punto cal 21
Ingresso 1
(a 14)
Output Lo
ad es. 0oC
Input Lo ad es. 0oC
Input Hi ad es. 1000oC
Figura 78 Compensazione in caso di discontinuità del sensore
La calibrazione del sensore utilizza la stessa procedura descritta sopra. Regolare
il valore di uscita (visualizzato) rispetto al corrispondente valore di ingresso per
compensare eventuali imprecisioni nella linearizzazione standard del sensore.
Nota: Non superare il range dello strumento quando si sceglie l'intervallo di
compensazione. Ad esempio, mentre le tabelle di tipo K mostrano valori in mV fino
a -270°C, il range dello strumento è limitato a -200°C in modo che si possano
verificare imprecisioni nella gamma media se vengono superati i -200°C.
170
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Configurazione con iTools
Parametri di linearizzazione di ingresso
Units (Unità)
Unità della linearizzazione di uscita.
Resolution (Risoluzione) Risoluzione del valore di uscita.
In
Misura di ingresso per la linearizzazione tra InLowLimit
e InHighLimit. Cablare alla fonte per la linearizzazione
personalizzata.
FallbackType
Tipo di fallback.
La strategia di fallback entra in azione se lo stato del valore
di ingresso è "Bad" (Non corretto) o se il valore di ingresso
si trova al di fuori del range della scala di ingresso alto e
della scala di ingresso basso.
Fallback Value (Valore di fallback) In caso di stato "Bad" (Non corretto), l'uscita
può essere configurata per adottare il valore di fallback.
Ciò consente alla strategia di dettare un risultato noto nel
caso in cui venga indicato un tipo di fallback.
Out
Risultato della linearizzazione.
InLowLimit
Regola il valore di ingresso basso.
OutLowLimit
Regola in modo da corrispondere al valore di ingresso basso.
InHighLimit
Regola il valore di ingresso alto.
OutHighLimit
Regola in modo da corrispondere al valore di ingresso alto.
In1
Regola il primo punto di intersezione.
Out1
Regola in modo da corrispondere all'ingresso 1.
In14
Regola l'ultimo punto di intersezione.
Out14
Regola in modo da corrispondere all'ingresso 14.
Status (Stato)
Lo stato del blocco. Un valore pari a zero indica una
conversione corretta.
La linearizzazione a 16 punti non richiede l'uso di tutti e 16 i punti. Se è necessaria
una quantità minore di punti, la curva può essere finalizzata impostando il primo
valore indesiderato come minore del punto precedente.
HA033412ITA Edizione 01
171
Configurazione con iTools
Corrente
Viceversa se la curva è in continua diminuzione, può essere finalizzata impostando il
primo punto indesiderato come sopra al precedente.
172
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Configurazione con iTools
Menu delle funzioni matematiche 2
Questa funzione consente di eseguire diverse funzioni matematiche a due ingressi.
Le funzioni disponibili sono elencate di seguito.
Figura 79 Pagina di configurazione delle funzioni matematiche 2
Parametri di Math2
Nota: Ai fini di questa descrizione, "High" (Alto), "1" e "True" (Vero) sono sinonimi
e "Low" (Basso), "0" e "False" (Falso) sono a loro volta sinonimi.
Oper
HA033412ITA Edizione 01
Definisce la funzione matematica da applicare agli ingressi.
None (Nessuno) Nessuna operazione.
Add (Aggiungi) Aggiunge l'ingresso uno all'ingresso due.
Sub Sottrae l'ingresso due dall'ingresso uno.
Mul Moltiplica gli ingressi uno e due.
Div Divide l'ingresso uno per l'ingresso due.
AbsDif
La differenza tra il valore dell'ingresso uno e quello
dell'ingresso due, indipendentemente dal segno.
SelMax Uscita = l'ingresso maggiore tra gli ingressi
uno e due.
SelMin Output = l'ingresso minore tra gli ingressi uno
e due.
HotSwap L'ingresso uno viene visualizzato come uscita per il
tempo in cui l'ingresso uno è "Good" (Corretto). Se al
contrario lo stato dell'ingresso è "Bad" (Non corretto),
l'ingresso due viene visualizzato come uscita.
SmpHld
Sample and Hold. L'uscita segue l'ingresso uno per
il periodo di tempo in cui l'ingresso è alto (sample
ovvero campiona). Quando l'ingresso due diminuisce
(hold ovvero mantieni), l'uscita viene mantenuta al
valore corrente al momento in cui l'uscita è diminuita
fino a che l'ingresso due non aumenta di nuovo.
L'ingresso due è di norma un valore digitale
(basso = 0 o alto =1); quando si tratta di un valore
analogico, ogni valore positivo diverso da zero
viene interpretato come alto.
173
Configurazione con iTools
Corrente
Power (Potenza) Uscita = l'ingresso uno aumentato alla potenza
dell'ingresso due (In1In2). Ad esempio se l'ingresso
uno ha un valore pari a 4,2, e il valore dell'ingresso
due è pari a 3, l'uscita = 4,23 = 74,09 (circa).
Sqrt
L'uscita è la radice quadrata dell'ingresso uno.
L'ingresso due non viene utilizzato.
Log
Log base 10: Uscita = {Log10 (Ingresso 1)}. L'ingresso
due non viene utilizzato.
Oper (Cont.)
Ln
Log base e: Uscita = {Logn (In1)}. L'ingresso due non
viene utilizzato.
Exp
Uscita = e(ingresso uno). L'ingresso due non viene
utilizzato.
10_x
Uscita = 10(ingresso uno). L'ingresso due non viene
utilizzato.
Sel1
Se il valore di ingresso Select è alto, l'ingresso due
viene visualizzato all'uscita; se è basso, l'ingresso
uno viene visualizzato all'uscita.
In1(2) Mul
Il fattore di scala da applicare all'ingresso uno (due).
Units (Unità)
Consente all'utente di selezionare le unità per l'uscita
(vedere figura 79).
Resolution (Risoluzione) Utilizzare le frecce su e giù per posizionare il punto
decimale nel modo richiesto.
Low Limit (Limite basso) Il limite inferiore per tutti gli ingressi alla funzione e per
il valore di fallback.
High Limit (Limite alto) Il limite superiore per tutti gli ingressi alla funzione e per
il valore di fallback.
Fallback
La strategia di fallback è rilevante se lo stato del valore di
ingresso è "Bad" (Non corretto) o se il suo valore si trova
al di fuori del range (Limite superiore - Limite inferiore).
Clip Bad (Clip Non corretto) L'uscita è impostata al limite alto
o basso in modo appropriato; lo stato dell'uscita è
impostato su "Bad" (Non corretto).
Clip Good (Clip Corretto) L'uscita è impostata al limite superiore
o inferiore in modo appropriato; lo stato dell'uscita
è impostato su "Good" (Corretto).
Fall Bad (Fallback Non corretto) L'uscita è impostata sul valore
di fallback (sotto); lo stato dell'uscita è impostato su
"Bad" (Non corretto).
Fall Good (Fallback Corretto) L'uscita è impostata sul valore di
fallback (sotto); lo stato dell'uscita è impostato su
"Good" (Corretto).
Upscale Bad
L'uscita è impostata al limite superiore e lo stato
è impostato su "Bad" (Non corretto).
Downscale Bad
L'uscita è impostata al limite inferiore e lo stato è
impostato su "Bad" (Non corretto).
Fallback value (Valore di fallback) Consente all'utente di inserire il valore
a cui l'uscita viene impostata per Fallback = Fall Good
o Fall Bad.
Select (Seleziona) Modificabile solo se Oper = Select. Consente di
selezionare l'ingresso uno o l'ingresso due per l'uscita.
In1
Valore ingresso uno
In2
Valore ingresso due.
Out
Il valore di uscita risultante dall'operazione matematica
configurata. Viene adottata la strategia di fallback se uno
dei due ingressi è "Bad" (Non corretto) o se il risultato è
al di fuori del range.
174
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Configurazione con iTools
Status (Stato)
HA033412ITA Edizione 01
Indica lo stato dell'operazione come "Good" (Corretto) o
"Bad" (Non corretto). Utilizzato per segnalare condizioni
e come interblocco per altre operazioni.
175
Configurazione con iTools
Corrente
Configurazione del modulatore
Questa funzione implementa le modalità di accensione a modulazione sotto forma di
modulazione a periodo fisso e variabile.
Nota: A titolo di completezza, tutti i parametri Modulatore sono mostrati nella
figura seguente. Normalmente, per maggiore chiarezza, i parametri non rilevanti
(ombreggiati) dovrebbero essere nascosti utilizzando >Parameter Availablity
Settings...>Hide Parameters and Lists when Not Relevant (Impostazioni disponibilità
parametri>Nascondi parametri ed elenchi quando non rilevanti).
Figura 80 Pagina del menu del modulatore
Parametri del modulatore
Mode (Modalità)
Selezionare la modalità di accensione richiesta tra "Logic"
(Logica), "PA" (Angolo di fase), "Half cycle" (A mezzo
periodo), "BurstVar" (Accensione a treno di impulsi - tempo
minimo di accensione) o "BurstFix" (Accensione a treno di
impulsi - tempo di ciclo).
In
È il valore che il modulatore deve erogare.
Out
Il segnale logico di uscita che controlla i tempi di accensione
e spegnimento del modulo di alimentazione, di norma cablato
all'ingresso del blocco di accensione. Per Modalità = Angolo
di fase, si tratta di una richiesta di angolo di fase.
Min On Time (Tempo minimo di accensione) Per la modulazione a periodo
variabile, imposta il tempo minimo di accensione in periodi
di tensione di alimentazione. Con una richiesta pari al 50%
da parte del modulatore, Ton = Toff = Tempo minimo di
accensione e Tempo di ciclo pari a 2 × Tempo minimo di
accensione = Periodo di modulazione. Il tempo minimo di
spegnimento è uguale a "Min on time" (Tempo minimo di
accensione).
Cycle Time (Tempo di ciclo) Per la modulazione a periodo fisso, rappresenta il
tempo di ciclo in periodi di tensione di alimentazione.
Logic Mode (Modalità logica) Per la modulazione di accensione logica, Half
cycle (Mezzo ciclo) imposta l'arresto dell'accensione in
corrispondenza del passaggio dallo zero successivo; Full
cycle (Ciclo completo imposta l'arresto dell'accensione in
corrispondenza del passaggio dallo zero del ciclo
completo successivo.
Switch PA (Passa a PA) Consente all'utente di imporre l'accensione ad angolo di
fase, sostituendo la modalità a treno di impulsi configurata
come visualizzato in "Mode" (Modalità), sopra.
PLMin
Non applicabile a questa release del software.
LgcMaxCycleTime Tempo di ciclo massimo per la modalità Logica. Questo
viene impostato in periodi di rete di alimentazione.
È equivalente al periodo di modulazione ed è utilizzato
per calcolare le quantità elettriche della rete in mancanza
di shift di modulazione.
176
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Configurazione con iTools
Configurazione della rete
Identifica il tipo di rete elettrica da controllare, che a sua volta definisce come
vengono presentate le misurazioni elettriche della rete. La configurazione è
suddivisa nelle seguenti aree:
•
•
•
•
•
•
•
•
•
HA033412ITA Edizione 01
Meas (Mis)
Setup (Configurazione)
AlmDis
AlmDet
AlmSig
AlmLat,
AlmAck,
AlmStop
AlmRelay
177
Configurazione con iTools
Corrente
Menu di misurazione di rete
Figura 81 Rete, Pannello configurazione misurazione
Parametri
Questo sottomenu presenta misurazioni di rete di potenza, a seconda del tipo di rete.
Tutte le misurazioni possibili vengono indicate di seguito, ma i valori effettivamente
visualizzati dipendono dalla configurazione di rete.
Frequency (Frequenza) Visualizza la frequenza calcolata della tensione di
alimentazione del canale di alimentazione associato
alla rete.
Vline
Visualizza la tensione di linea.
I
Visualizza la corrente di carico RMS di.
La misurazione della base temporale è il periodo principale
nella modalità ad angolo di fase e il periodo di
modulazione nella modalità a treno di impulsi.
IsqBurst
Valore quadrato medio di corrente di carico nell'accensione
a treno di impulsi. Isq medio nell'accensione a treno di
impulsi; la media viene calcolata per la durata del periodo
del treno di impulsi. Viene tipicamente utilizzata a fini di
monitoraggio e allarme per il periodo del treno di impulsi.
Isq
Valore quadrato medio di corrente di carico per il periodo
di rete di alimentazione nelle modalità Treno di impulsi e
Angolo di fase.
V
Visualizza la bassa tensione della (VRMS).
La misurazione della base temporale è il periodo principale
nella modalità ad angolo di fase e il periodo di
modulazione nella modalità a treno di impulsi.
VsqBurst
Valore al quadrato medio della tensione di carico
nell'accensione a treno di impulsi calcolata per la durata
del periodo del treno di impulsi. Di norma utilizzato a fini di
monitoraggio e strategie di allarme per il periodo del treno
di impulsi.
Vsq
Valore quadrato medio di tensione di carico per il periodo
della rete di alimentazione nelle modalità Treno di impulsi
e Angolo di fase. Di norma utilizzato per il controllo di V2.
P Burst
Misura della potenza effettiva sulla rete. Viene calcolata
per il periodo di modulazione nella modalità di accensione
a treno di impulsi. Di norma utilizzato a fini di monitoraggio
e strategie di allarme.
P
Misurazione della potenza effettiva per il periodo di rete di
alimentazione nelle modalità Treno di impulsi e Angolo
178
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Configurazione con iTools
S
PF
Z
HSink Temp
HA033412ITA Edizione 01
di fase. Di norma utilizzato per il controllo della potenza
effettiva.
Misura della potenza apparente. Per l'accensione ad
angolo di fase S=Vline x IRMS; per l'accensione a treno
di impulsi S=VRMS x IRMS
Calcolo del fattore di potenza. Definito come Fattore di
potenza = Potenza effettiva / Potenza apparente.
Nell'accensione ad angolo di fase è PF=P/S;
nell'accensione a treno di impulsi PF = PBurst/S =
Cos(carico)
Visualizza l'impedenza di carico della .
Definito come: Z=Vrms/Irms. La misurazione utilizza la
corrente di linea e la tensione di carico.
Riservato per sviluppo futuro.
179
Configurazione con iTools
Corrente
Configurazione della rete
Visualizza la configurazione di rete e le funzioni associate.
Figura 82 Pagina della configurazione di rete
Parametri
NetType
VMaximum
Vline Nominal
IMaximum
INominal
VLoadType
Heatsink Tmax
VdipsThreshold
FreqDriftThold
ChopOffThreshold
180
Tipo di rete al quale l'unità può essere collegata. Si tratta di
un'impostazione di fabbrica che non può essere modificata.
Indica la tensione massima (nominale fisica) dello stack
(500 V).
Valore nominale di tensione della linea (Linea a neutro).
Indica la corrente massima dello stack (16 A, 25 A, 40 A,
63 A, 100 A, 125 A). Ulteriori valori sono riservati per
sviluppo futuro.
Corrente nominale fornita al carico (limitata da IMaximum).
Definisce il metodo computazionale per la tensione di
carico (Vload).
0: Vload = Vline per il tempo in cui I > Ithreshold
(definizione interna).
1: Elabora Vload utilizzando la formula V²load=P²/I².
2: Vload = Vline per il periodo di tempo in cui vi è l'ordine
di accensione a tiristori.
Riservato per sviluppo futuro.
Valore di soglia delle cadute di tensione. È una differenza
percentuale (rispetto a Vline Nominal) tra due mezzi
periodi consecutivi. Ogni misurazione della tensione di un
mezzo periodo è integrata e alla fine di ogni mezzo periodo
vengono confrontati gli ultimi due numeri interi di tensione.
La frequenza di alimentazione viene controllata ogni
mezzo periodo e se il cambio percentuale tra 1/2 periodi
supera questo valore di soglia, viene generato un allarme
di sistema di frequenza della rete di alimentazione.
Il valore di soglia può essere impostato su un massimo del
5% per adattarsi agli effetti di reti altamente induttive.
L'allarme "Chop-off" diventa attivo quando la corrente
di carico supera la soglia per un numero di periodi di
alimentazione superiore al numero predefinito (parametro
Number Chop Off, Numero interruzioni). I valori di soglia si
collocano tra il 100% e il 350% della corrente nominale
dell'unità (INominal).
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Configurazione con iTools
NumberChopOff
Definizione del numero dei periodi della rete di
alimentazione in cui gli eventi di interruzione possono
verificarsi prima che un allarme di interruzione venga
abilitato. Utilizzato solo con la soglia di interruzione.
OverVoltThreshold Il valore di soglia per il rilevamento di una condizione
di sovratensione come percentuale di VLineNominal.
Se Vline supera il valore di soglia viene impostato un
allarme OverVolt.
UnderVoltThreshold È il valore di soglia per il rilevamento di una condizione
di sottotensione come percentuale di VLineNominal.
Se Vline scende al di sotto del valore di soglia, viene
impostato un allarme UnderVolt.
Heatsink PreTemp Riservato per sviluppo futuro.
PLFAdjustReq
Richiesta regolata di guasto di carico parziale. Perché
l'allarme di guasto di carico parziale (PLF) funzioni
correttamente, la condizione di stato costante normale
deve essere nota allo strumento. Per fare questo, è
necessario attivare PLF Adjust Req quando il processo
controllato ha raggiunto una condizione di stato stabile.
Ciò determina l'esecuzione di una misurazione di
impedenza di carico che viene utilizzata come riferimento
per rilevare un guasto di carico parziale. Se è possibile
effettuare la misurazione dell'impedenza di carico, viene
impostato PLFAdjusted (sotto). Non è possibile effettuare
la misurazione se la tensione di carico (V) è inferiore al
30% di (VNominal) o la corrente (I) è inferiore al 30% di
(INominal). L'allarme PLF si attiva come configurato in
"PLF Sensitivity" (Sensibilità PLF), descritto di seguito.
PLFAdjusted
Conferma regolata di guasto di carico parziale. Indica
che l'utente ha richiesto una regolazione di PLF e che la
regolazione è riuscita.
PLFSensitivity
Sensibilità al guasto di carico parziale. Definisce il livello
di sensibilità del rilevamento del guasto di carico parziale
come rapporto tra l'impedenza di carico per un carico
PLFadjusted e la misurazione dell'impedenza di corrente.
Ad esempio, per un carico di N elementi identici paralleli,
se la sensibilità PLF (s) viene impostata su 2, un allarme
PLF si verifica quando N/2 o più elementi sono guasti
(ovvero a circuito aperto). Se la sensibilità PLF è impostata
su 3, un allarme PLF si verifica quando N/3 o più elementi
sono guasti. Se (N/s) non è un numero intero, la sensibilità
viene arrotondata.
ESEMPIO: se N = 6 e s= 4, l'allarme viene attivato se 2 o
più elementi sono guasti.
Zref
Impedenza di carico di riferimento, misurata quando è
richiesta la regolazione di PLF.
OverIThreshold
Il valore di soglia per il rilevamento di una condizione di
sovracorrente come percentuale di INominal. Se I supera
la soglia, si verifica un allarme di corrente della rete di
alimentazione (DetoverCurrent).
HeaterType
Mostra il tipo di riscaldatore utilizzato nel carico:
"Resistive" (Resistivo), "SWIR" (Infrarossi ad onde corte),
"CSi" (Carburo di silicio), "MoSi2" (Disilicato di molibdeno).
HA033412ITA Edizione 01
181
Configurazione con iTools
Corrente
Allarmi di rete
Figura 83 Pagina degli allarmi di rete
AlmDis
Con questo menu è possibile abilitare/disabilitare i singoli allarmi di blocco di rete
(elencati di seguito).
Rete di alimentazione assente
Corto circuito tiristore
1
Sovratemperatura
Cadute tensione rete di
alimentazione
Errore frequenza di rete
rilevato
Interruzione
Sottotensione
Sovratensione
Guasto di carico totale
Guasto carico parziale
Pre-temperatura1
Sovracorrente
1.Riservato per sviluppo futuro
Sottomenu AlmDet rete
Uguale a "Alarm Disable" (Disabilita allarme) sopra, ma questo sottomenu di
rilevamento dell'allarme indica se sono stati rilevati allarmi di rete e se sono
attualmente attivi.
Sottomenu AlmSig rete
Queste schermate mostrano se si è verificato un allarme e se contiene inoltre
informazioni di blocco. Il parametro AlarmSig pertinente viene utilizzato durante il
cablaggio (ad esempio a un relé). L'elenco degli allarmi è indicato in precedenza.
Sottomenu AlmLat rete
Uguale a "Alarm Disable" (Disabilita allarme) sopra, ma questo sottomenu di allarme
di ritenuta consente di definire ogni singolo allarme di rete come con ritenuta o senza
ritenuta.
182
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Configurazione con iTools
Sottomenu AlmAck rete
Uguale a Alarm Disable (Disabilita allarme) sopra, ma questo sottomenu di conferma
di allarme consente di confermare ogni singolo allarme di blocco di rete. Al momento
della conferma, il relativo parametro di segnalazione viene cancellato. I parametri di
conferma si cancellano automaticamente dopo essere stati scritti.
Nota: Gli allarmi possono non essere confermati se la causa dell'attivazione è
ancora attiva.
Sottomenu AlmStop rete
Permette la configurazione di ciascun singolo tipo di allarme in modo tale da
arrestare l'accensione del modulo di alimentazione collegato. Attivato dal parametro
di segnalazione collegato. L'elenco degli allarmi è indicato in precedenza.
Sottomenu Almrelay rete
Consente di selezionare ogni singolo allarme per attivare o meno il relè.
Nota: Quando si utilizza la funzione Almrelay, assicurarsi che il parametro
FaultDet/CustomAlarm rimanga cablato a IO.Relay/PV.
HA033412ITA Edizione 01
183
Configurazione con iTools
Corrente
Qcode
I parametri Quick Code (Codice rapido) sono configurabili anche nella modalità di
configurazione Quick Code.
Accensione
Controllo
Xfrmr
Riscaldatore
AI_Fct
AI_Type
DI1_Fct
Finish (Fine)
DI2_Fct
Figura 84 Parametri Quick Code
Parametri
V_Nominal
Tensione nominale dell'uscita da erogare.
I_Nominal
Uscita nominale corretta che dovrebbe essere generata.
Firing (Accensione) Selezionare la modalità di accensione tra a mezzo periodo
intelligente), a treno di impulsi (fisso o variabile), logica o
ad angolo di fase.
Control (Controllo) Selezionare "Vsq" (V2), "Isq" (I2), "Power" oppure "Open
Loop" come modalità di controllo.
I_Limit
Viene utilizzato per abilitare/disabilitare il limite di soglia.
(Per impostazione predefinita la funzione di limitazione
della corrente è abilitata.)
I2_Transfer
Abilita o disabilita il trasferimento (Limite proporzionale).
Disponibile solo su ordinazione.
XFmr
Selezionare l'uscita come idonea per i carichi resistivi (No)
o per carichi primari di trasformatore (Sì).
Heater (Riscaldatore) Selezionare "Resistive" (Resistivo), "SWIR" (Infrarossi ad
onde corte), "CSi" (Carburo di silicio), "MoSi2" (Disilicato di
molibdeno).
AI_Fct
Selezionare la funzione dell'ingresso analogico come
"Setpoint" o "Setpoint limit" (Limite setpoint).
AI_Type
Selezionare l'intervallo Volt o mA richiesto (come mostrato
in precedenza) per l'ingresso analogico.
DI1_Fct
Selezionare la funzione dell'Ingresso digitale 1 come
"None" (Nessuno), "Firing Enable" (Abilitazione
accensione), "AlarmAck" (Conferma allarme),
"RemoteSelect" (Seleziona setpoint remoto) o
"FuseBlown" (Fusibile saltato) o Setpoint.
DI2_Fct
Selezionare la funzione dell'Ingresso digitale 2 come
"None" (Nessuno), "AlarmAck" (Conferma allarme),
"RemoteSelect" (Seleziona setpoint remoto) o "FuseBlown"
(Fusibile saltato) o Setpoint, purché l'accensione sia
configurata su "Logic" e AI_Type non sia configurato su
"Setpoint", o un ingresso configurabile dall'utente ("10Vuser").
184
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Configurazione con iTools
Finish (Fine)
HA033412ITA Edizione 01
Yes (Sì) = lascia codice rapido (dopo conferma) e riavvia
l'unità con la nuova configurazione; No = continua la
modifica della configurazione; Annulla = ignora tutte le
modifiche e riavvia l'unità con la configurazione
precedente (non modificata).
185
Configurazione con iTools
Corrente
Menu di configurazione Setprov
Il provider setpoint alimenta due setpoint locali e due remoti. Consente inoltre di
gestire una rampa di setpoint, un limite di setpoint (rilinearizzazione) e la possibilità
di selezionare tra percentuale e tecniche per le unità di setpoint.
Figura 85 Pagina di configurazione SetProv
Parametri di provider setpoint
SPSelect
RemSelect
LocalSP
Remote1
Remote2
Limit (Limite)
WorkingSP
RampRate
DisRamp
RateDone
SPTrack
186
Consente all'utente di selezionare tra Remote (Remoto)
o Local (Locale) come origine del setpoint.
Selezionare Remote1 o Remote2 come setpoint remoto.
Consente l'inserimento di un valore di setpoint da utilizzare
quando SPSelect (vedere sopra) è impostato su "Local"
(Locale).
Valore di setpoint remoto (normalmente cablato da un
ingresso analogico) da utilizzare quando SPSelect =
Remote e RemSelect = Remote2.
Valore di setpoint remoto (normalmente cablato da un
ingresso analogico) da utilizzare quando SPSelect =
Remote e RemSelect = Remote2.
Consente di scalare il setpoint target in modo tale che SP
target scalato = (SP target x limite)/100. Quindi, quando il
limite = 100, il setpoint non è scalato.
Il valore attivo che viene fornito come uscita del setpoint.
Può essere il setpoint target corrente o il setpoint target
con limite di velocità.
Applica un limite di velocità al setpoint di lavoro, fino a
che non è stato raggiunto il setpoint target. Il parametro
"RateDone" (sotto) è impostato su "No" per la durata della
limitazione di velocità, quindi impostato su "Yes" (Sì)
quando la limitazione di velocità è completa.
Si tratta di un controllo esterno utilizzato per
abilitare/disabilitare il limite di velocità di rampa e per
scrivere il setpoint target direttamente sul setpoint di
lavoro. Il parametro "RateDone" (sotto) è impostato su
"Yes" (Sì) quando DisRamp è "Yes" (Sì).
Impostato su "No" se il limite di velocità di rampa (vedere
sopra) è in funzione. In caso contrario è impostato su
"Yes" (Sì).
Se abilitato ("Yes", Sì) il setpoint locale registra i setpoint
remoti in modo che se il setpoint viene successivamente
impostato su "Local" (Locale), il setpoint locale sarà
uguale all'ultimo valore conosciuto del setpoint remoto,
contribuendo a garantire un trasferimento senza interruzioni.
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Configurazione con iTools
SPOpAccess
SPUnits
HiRange
EngWorkingSP
HA033412ITA Edizione 01
Il parametro di accesso operativo del setpoint viene
utilizzato per consentire o nascondere un accesso a
un setpoint locale.
Sì (1) = Abilita l'accesso.
No (0) = Disabilita (nasconde) l'accesso.
Il setpoint rimane regolabile da un ingresso remoto
indipendentemente dal valore di tale parametro.
Consente all'utente di selezionare % o "Eng" (Unità
tecniche) come unità del setpoint. Se viene selezionato
"Eng", "HiRange" e "Eng workingSP" appaiono
sull'interfaccia utente.
Appare solo se le unità SP sono impostate su "Eng".
Questo valore è l'intervallo alto del setpoint utilizzato
per scalare il setpoint in % del range alto.
Appare solo se le unità SP sono impostate su "Eng".
Questo valore è un'indicazione del setpoint di lavoro in
Unità tecniche. Il parametro non deve essere utilizzato
per il controllo poiché i cicli di controllo accettano solo
valori in %.
187
Configurazione con iTools
Corrente
Configurazione del timer
Figura 86 Configurazione del timer di iTools
Parametri
Tipo
Time
Tempo
trascorso
188
Consente all'utente di selezionare il tipo di timer richiesto come segue:
Off
Il timer è spento
On Pulse
L'uscita del timer si accende quando 'In' passa da Off a On e
rimane accesa fino a che non è trascorso il periodo di tempo
("Time", Tempo, sotto). Se l'ingresso viene riattivato prima che
sia trascorso il periodo indicato in "Time" (Tempo, sotto), il timer
si riavvia. "Triggered" (Attivato, sotto) segue lo stato dell'uscita.
On delay
Dopo che l'ingresso passa da Off a On, l'uscita del timer rimane
spenta fino a che non è trascorso il periodo di tempo definito in
"Time" (Tempo, sotto). Quando questo periodo è trascorso, se
l'ingresso è ancora acceso, l'uscita si accende e rimane accesa
fino a che l'ingresso non si spegne.
Il tempo trascorso è impostato su zero quando l'ingresso si spegne.
"Triggered" segue lo stato dell'ingresso.
One Shot
Se l'ingresso è impostato su On, non appena viene inserito un
valore nel parametro "Time" (Tempo, sotto), l'uscita si accende
e rimane accesa fino a che non è trascorso il periodo di tempo
oppure l'ingresso si spegne.
Se l'ingresso è impostato su Off, l'uscita viene impostata su Off e
il conto alla rovescia viene interrotto fino a che l'ingresso non si
accende nuovamente.
"Triggered" si accende non appena il valore "Time" (Tempo) viene
modificato e rimane acceso fino a che l'uscita non si spegne.
Il valore "Time" (Tempo) può essere modificato mentre è attivo.
Quando è trascorso il periodo di tempo, il valore "Time"
(Tempo) deve essere rimodificato per riavviare il timer.
Min On
L'uscita rimane On finché l'ingresso è acceso, più il periodo
indicato in "Time" (Tempo, sotto). Se l'ingresso ritorna allo stato
acceso prima che sia trascorso il periodo di tempo, il periodo di
tempo viene reimpostato a zero, così che il periodo di tempo
completo vena aggiunto al periodo On quando l'ingresso si
spegne di nuovo. "Triggered" (Attivato) è attivo quando il tempo
trascorso è maggiore di zero.
Consente all'utente di impostare un periodo di tempo per l'utilizzo come descritto in
'Tipo' (vedere sopra). Inizialmente, il display è nel formato Minuti:secondi.decimi di
secondo, ma con l'aumentare del valore di ingresso il formato cambia prima in
Ore:Min:Sec, poi in Ore:Min. (La pressione continua del tasto di freccia su causa
l'aumento della velocità a cui il valore aumenta. Il valore minimo è 0,1 secondi; il
valore massimo è 500 ore.
Mostra il tempo trascorso.
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Configurazione con iTools
In
Out
Triggered
Ingresso di attivazione del timer. La funzione dell'ingresso varia a seconda del tipo
di timer, come descritto sopra.
Mostra lo stato On/Off del timer.
Questa funzione dipende dal tipo di timer, come descritto sopra.
Esempi di timer
Figura 87 mostra alcuni esempi di conteggio del tempo per i diversi tipi di timer
disponibili.
Timer On Pulse
Ingresso
Uscita
Timer One Shot
Ingresso
Uscita
Ora
Ora
Tempo modificato
(ingresso alto)
Tempo
trascorso
Ora
Trigger
Tempo
trascorso
Tempo modificato (ingresso basso)
A
B
A+B = tempo
Ora
Trigger
Ingresso
L'ingresso si riattiva
prima della scadenza
del tempo
Uscita
Ora
Tempo
trascorso
L'ingresso controlla l'uscita
Ingresso
Time edited
Uscita
Trigger
A
B
C
D
A+B+C+D = Time
Timer minimo di attivazione
Timer On delay
Ingresso
Ingresso
Ora
Ritardo
Uscita
Tempo
trascorso
Trigger
Ritardo
L'ingresso si spegne
prima della scadenza
del tempo di ritardo
Ora
Uscita
Tempo
trascorso
Trigger
Figura 87 Esempi di timer
HA033412ITA Edizione 01
189
Configurazione con iTools
Corrente
Configurazione del totalizzatore
Il totalizzatore è una funzione dello strumento utilizzata per calcolare una quantità
totale mediante l'integrazione di un ingresso di velocità di flusso nel tempo. Il valore
massimo del totalizzatore è +/- 99999. Le uscite da un totalizzatore sono il proprio
valore integrato e uno stato di allarme.
Figura 88 Pagina del totalizzatore di iTools
Parametri
Total Out
In
Unità
Risoluzione
AlarmSP
AlarmOut
Run
Hold
Reset
190
Il totale integrato tra -1010 e +1010 (ad esempio,
± 10.000.000.000)
Parametro da totalizzare.
Unità della misura totalizzata.
Imposta il numero di posizioni decimali per il valore del
totalizzatore.
Setpoint allarme totalizzatore. Questo valore di soglia è
applicato alla misura totalizzata. Durante la totalizzazione di
valori positivi, deve essere immesso un valore AlarmSP positivo;
l'allarme del totalizzatore viene attivato quando il valore
del totalizzatore raggiunge o supera AlarmSP. Durante la
totalizzazione di valori negativi, deve essere immesso un valore
negativo; l'allarme del totalizzatore viene attivato quando il
valore del totalizzatore raggiunge o è inferiore a AlarmSP.
Se impostato a zero, l'allarme è disabilitato.
Stato On/Off dell'allarme del totalizzatore
Sì avvia l'integrazione; No impedisce l'integrazione.
Sì sospende l'integrazione; No riavvia l'integrazione.
Sì resetta il valore del totalizzatore a zero e reimposta l'allarme
del totalizzatore.
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Configurazione con iTools
Menu di configurazione dei valori utente
Consente di archiviare fino a quattro costanti definite dall'utente. Può essere
utilizzato come origine per funzioni matematiche oppure come archiviazione
per valori scritti nel link di comunicazioni.
Figura 89 Pagina UseVal di livello superiore
Parametri dei valori utente
Units (Unità)
Consente di selezionare le unità per i valori utente.
Resolution (Risoluzione) Imposta il numero di posizioni decimali per i valori
utente.
High/Low Limit (Limite alto/basso) Consente all'utente di impostare dei limiti
per impedire che il valore utente possa essere impostato
fuori dai limiti.
Value (Valore)
Consente all'utente di inserire un valore o il valore viene
cablato a un parametro idoneo.
Status (Stato)
Se questo parametro è cablato, può essere utilizzato per
imporre uno stato "Good" (Corretto) o "Bad" (Non corretto)
sul valore utente a scopo di test (ad esempio strategia di
fallback).
Se non è cablato, riflette lo stato dell'ingresso del valore
se questo ingresso è cablato.
HA033412ITA Edizione 01
191
Configurazione con iTools
192
Corrente
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Utilizzo di iTools
Utilizzo di iTools
L'esecuzione del software iTools su un PC permette di accedere in modo semplice e
veloce alla configurazione dell'unità. Vengono utilizzati gli stessi parametri descritti in
"Configurazione con iTools" a pagina 133, oltre ad alcuni parametri diagnostici.
iTools permette inoltre all'utente di eseguire il cablaggio software tra i blocchi
funzione, un'operazione che non può essere eseguita dall'interfaccia operatore.
Il cablaggio viene eseguito utilizzando la funzione Graphical Wiring Editor (Editor
cablaggio grafico).
Oltre a questa guida, in iTools sono disponibili due sistemi di assistenza online: la
guida ai parametri e la guida iTools. È possibile accedere alla guida ai parametri
facendo clic su "Help" (Guida) nella barra degli strumenti (si apre l'intero sistema
di assistenza ai parametri), facendo clic con il pulsante destro del mouse su un
parametro e selezionando "Parameter Help" (Guida ai parametri) dal menu di
contesto o facendo clic sul menu "Help" (Guida) e selezionando "Device Help"
(Guida dispositivo). È possibile accedere alla guida iTools cliccando sul menu "Help"
(Guida) e selezionando "Contents" (Indice). La guida di iTools è inoltre disponibile
come manuale con il codice HA028838, in formato cartaceo o come file PDF.
Icona nella barra
degli strumenti
per la guida ai
parametri
Menu di guida
Figura 90 Accesso alla guida
Collegamento di iTools
Rilevamento automatico
Le seguenti descrizioni presuppongono la corretta installazione dell'ultima versione
del software iTools sul PC.
Solo per unità Corrente (al momento della pubblicazione), se il desktop/laptop ed
Corrente sono IP compatibili (stessa subnet mask), il Plug & Play consente un
semplice collegamento come segue.
1. Impostare la corretta modalità IP e/o l'indirizzo IP sullo strumento e sul PC.
2. Lanciare iTools, fare clic sul pulsante "Add" (Aggiungi). Viene visualizzata una
finestra pop-up che mostra gli strumenti Corrente sulla rete.
3. Fare doppio clic su una o più unità per aggiungerle a iTools.
Nota: Il meccanismo "Eurotherm discovery" si basa sulla "Zero Configuration
Networking", che è il nome generico utilizzato per raggruppare insieme i protocolli,
in modo da creare automaticamente reti di comunicazione (Plug & Play).
In alternativa, se è presente un mix di Corrente e di altri strumenti sulla rete,
può essere utilizzata la seguente procedura.
HA033412ITA Edizione 01
193
Utilizzo di iTools
Corrente
Comunicazioni Ethernet (Modbus TCP)
Nota: La seguente descrizione fa riferimento a Windows XP. Windows 7 è simile.
Occorre innanzitutto determinare l'indirizzo IP dell'unità. Questa operazione può
essere effettuata dal menu Config o dal menu Quick Code.
Una volta completata la corretta installazione del collegamento Ethernet, procedere
come segue:
1. Fare clic su "Start".
2. Fare clic su "Pannello di controllo". (Se il Pannello di controllo si apre in
"Visualizzazione per categorie" passare alla "Visualizzazione classica".)
3. Fare doppio clic su "iTools".
4. Fare clic sulla scheda TCP/IP nella configurazione delle impostazioni di registro.
5. Fare clic su Aggiungi. Viene visualizzata la finestra di dialogo "Nuova porta
TCP/IP".
6. Inserire un nome per la porta e fare clic su Aggiungi.
7. Inserire l'indirizzo IP dell'unità nella finestra "Modifica host" visualizzata. Fare
clic su OK.
8. Verificare i dati nella finestra "Nuova porta TCP/IP", quindi fare clic su "OK".
9. Fare clic su "OK" nella finestra "Impostazioni di registro" per confermare la
nuova porta.
Figura 91 Aggiunta di una nuova porta Ethernet
Per verificare che il PC sia ora in grado di comunicare con lo strumento, fare clic
su "Start", "Tutti i programmi", "Accessori", "Prompt dei comandi". Quando viene
visualizzata la finestra del prompt dei comandi, inserire:
Ping<Spazio>IP1.IP2.IP3.IP4<Invio> (IP1 - IP4 indicano gli indirizzi IP dello
strumento).
194
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Utilizzo di iTools
Se il collegamento Ethernet allo strumento funziona correttamente, viene visualizzato
il messaggio "Collegamento riuscito". In caso contrario, viene visualizzato il
messaggio "La richiesta ping non è stata in grado di trovare l'host" e occorre
verificare i dati relativi al collegamento Ethernet, all'indirizzo IP e alla porta del PC.
Figura 92 Schermate del prompt dei comandi "Ping" (tipiche)
Editor del cablaggio grafico
Nota: L'Editor del cablaggio grafico è un'opzione a pagamento e l'icona appare
sulla barra degli strumenti solo se l'opzione è stata acquistata ed è abilitata.
HA033412ITA Edizione 01
195
Utilizzo di iTools
Corrente
Facendo clic sull'icona Editor cablaggio grafico (GWE) nella barra degli strumenti
si apre la finestra Graphical wiring (Cablaggio grafico) per la configurazione dello
strumento corrente. Inizialmente la finestra riflette il cablaggio di blocco predefinito
preimpostato di fabbrica.
Figura 93 Editor del cablaggio grafico
L'Editor del cablaggio grafico permette di:
1. "Trascinare e rilasciare" blocchi funzione, note, commenti ecc. dall'elenco ad
albero (riquadro sinistro) allo schema di cablaggio.
2. Cablare i parametri facendo clic sull'uscita e poi sull'ingresso richiesto.
3. Visualizzare e/o modificare i valori dei parametri facendo clic con il pulsante
destro del mouse su un blocco funzione e selezionando "Function Block View"
(Visualizza blocco funzione).
4. Selezionare gli elenchi dei parametri e passare dall'editor dei parametri all'editor
cablaggio e viceversa.
5. Scaricare nello strumento il cablaggio completo (i blocchi funzione e le oggetti di
cablaggio con contorno tratteggiato sono nuovi o sono stati modificati dall'ultimo
download).
196
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Utilizzo di iTools
Barra degli strumenti
Scarica cablaggio nello strumento.
Selezione mouse. Seleziona il funzionamento normale del mouse.
Esclude "Pan", sotto.
Mouse Pan. Quando è attivo, il cursore del mouse diventa
un'icona a forma di mano. Permette di selezionare e trascinare lo
schema grafico di cablaggio nell'apertura della finestra GWE.
Zoom. Permette di modificare l'ingrandimento dello schema di
cablaggio.
Strumento Pan. Quando viene fatto clic con il pulsante sinistro
del mouse su questa icona, il cursore diventa rettangolare e
rappresenta la posizione dell'apertura della finestra GWE
sull'intero schema di cablaggio. L'operazione di selezione e
trascinamento permette di spostare liberamente questa apertura
nello schema. La dimensione del rettangolo dipende dal valore
di zoom (ingrandimento).
Mostra/Nascondi griglia. Questa icona consente di visualizzare
o nascondere una griglia di allineamento sullo sfondo.
Annulla, Ripristina. Permette all'utente di annullare l'ultima azione
o di annullare l'annullamento stesso. I tasti di scelta rapida sono
<Ctrl>+<Z> per Annulla e <Ctrl>+<R> per Ripristina.
Taglia, Copia, Incolla. Normali funzioni di taglia (copia e cancella),
copia (copia senza eliminare) e incolla (inserimento). I tasti di
scelta rapida sono <Ctrl>+<X> per Taglia, <Ctrl>+<C> per Copia
e <Ctrl>+<V> per Incolla.
Copia frammento di schema; Incolla frammento di schema.
Permette di selezionare, rinominare e salvare in un file una parte
dello schema di cablaggio. Il frammento può poi essere incollato
in un qualsiasi schema di cablaggio, compreso lo schema iniziale.
Crea composto; Elimina composto. Queste due icone
permettono, rispettivamente, di creare ed eliminare i composti.
Dettagli sul funzionamento dell'editor cablaggio
Selezione dei componenti
Quando vengono selezionati, i singoli cavi vengono visualizzati con caselle in
corrispondenza degli "angoli". Quando si selezionano più cavi, come parte di un
gruppo, il cavo diventa color magenta. Gli altri elementi sono circondati da una
linea tratteggiata quando vengono selezionati.
È possibile fare clic su un singolo elemento per selezionarlo. È possibile aggiungere
elementi alla selezione tenendo premuto il tasto Ctrl mentre si fa clic sull'elemento da
aggiungere. (Una voce selezionata può essere deselezionata nello stesso modo.)
Selezionando un blocco, si selezionano anche tutti i cablaggi ad esso associati.
HA033412ITA Edizione 01
197
Utilizzo di iTools
Corrente
In alternativa, si può fare clic e trascinare il mouse sullo sfondo per creare una "linea
tratteggiata" intorno all'area di interesse; tutti gli elementi presenti in quest'area
verranno selezionati rilasciando il mouse.
<Ctrl>+<A> seleziona tutti gli elementi sullo schema attivo.
Ordine di esecuzione dei blocchi
Lo strumento esegue i blocchi in base a un ordine dipendente dal modo in cui i
blocchi stessi sono cablati. L'ordine viene elaborato automaticamente in modo tale
che i blocchi utilizzino i dati più recenti. Ogni blocco visualizza la propria posizione
nella sequenza in un quadrato colorato nell'angolo inferiore sinistro (Figura 94).
Blocchi funzione
Un blocco funzione è un algoritmo che può essere cablato a e da altri blocchi
funzione per eseguire una strategia di comando. Ogni blocco funzione presenta
ingressi e uscite. È possibile effettuare il cablaggio da tutti i parametri, mentre il
cablaggio può essere eseguito solo verso i parametri modificabili in modalità
Operatore. Un blocco funzione comprende tutti i parametri necessari per configurare
o utilizzare l'algoritmo. Gli ingressi e le uscite considerati di maggiore uso sono
sempre visualizzati. Nella maggior parte dei casi, tutti devono essere cablati prima
che il blocco possa eseguire un task utile.
Se un blocco funzione non è disattivato nella struttura ad albero (riquadro sinistro),
può essere trascinato sullo schema. Il blocco può essere trascinato nello schema
con il mouse.
Di seguito viene mostrato un blocco Maths esemplificativo. Se le informazioni
relative al tipo di blocco sono modificabili (come in questo caso), fare clic sulla
casella con la freccia giù per visualizzare una finestra di dialogo che permette
di modificare il valore.
Se è necessario eseguire un cablaggio da un parametro non mostrato come
uscita raccomandata, fare clic sull'icona "Click to Select Output" (Clic per
selezionare l'uscita) nell'angolo in basso a destra per visualizzare un elenco
completo dei parametri all'interno del blocco (Figura 96, sotto). Fare clic su uno
di questi parametri per avviare un cablaggio.
Freccia giù
Posizione
nell'ordine di
esecuzione
Figura 94 Esempio di blocco funzione
198
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Utilizzo di iTools
Menu di contesto del blocco funzione
Fare clic con il pulsante destro del mouse nel blocco funzione per visualizzare il menu
di contesto.
Function
block View
(Vista blocco
funzione)
Visualizza un elenco di parametri
associati al blocco funzione. È possibile
visualizzare i parametri "nascosti"
deselezionando "Hide Parameters and
Lists when not Relevant" (Nascondi
parametri ed elenchi non rilevanti) alla
voce "Parameter availability Settings"
(Impostazioni disponibilità dei
parametri) del menu Options (Opzioni).
Figura 95 Function block
context menu
Re-Route wires Ridisegna tutti i cablaggi associati al
(Reinstrada
blocco funzione.
cablaggi)
Ridisegna tutti i cablaggi di ingresso
Re-Route
associati al blocco funzione.
Input wires
(Reinstrada
cablaggi di
ingresso)
Re-Route Output wires (Reinstrada cablaggi di uscita)
Ridisegna tutti i cablaggi di uscita
associati al blocco funzione.
Show Wires Using Tags (Mostra cablaggi con tag)
I cablaggi non vengono disegnati, ma le
loro destinazioni di inizio e fine vengono
indicate da tag. Riduce il "disturbo" dei
cablaggi negli schemi, se sorgente e
destinazione sono molto distanti.
Hide Unwired Connections (Nascondi collegamenti non cablati)
Visualizza solamente i parametri cablati.
Cut (Taglia)
HA033412ITA Edizione 01
Permette di spostare negli Appunti uno o più elementi
selezionati per poi incollarli in un altro schema o composto
o per utilizzarli in una finestra Watch o in OPC scope. Gli
elementi originali vengono visualizzati in grigio e i blocchi
funzione e i collegamenti vengono visualizzati tratteggiati fino
al successivo download, in seguito al quale vengono rimossi
dallo schema. Tasto di scelta rapida = <Ctrl>+<X>. Le
operazioni eseguite con il comando Taglia a partire dall'ultimo
download possono essere annullate con l'icona "Undo"
(Annulla) della barra degli strumenti, selezionando "Undelete"
(Recupera) o utilizzando il tasto di scelta rapida <Ctrl>+<Z>.
199
Utilizzo di iTools
Corrente
Copy
(Copia)
Permette di copiare negli Appunti uno o più elementi
selezionati per poi incollarli in un altro schema o composto
o per utilizzarli in una finestra Watch o in OPC scope. Gli
elementi originali rimangono nello schema di cablaggio
corrente. Tasto di scelta rapida = <Ctrl>+<C>. Se gli elementi
vengono incollati nello stesso schema da cui sono stati copiati,
verranno ripetuti con diverse istanze di blocco. Se questo
determina più istanze di blocco rispetto a quelle disponibili,
viene visualizzato un messaggio che indica quali elementi non
sono stati copiati.
Paste
(Incolla)
Copia gli elementi dagli Appunti allo schema di cablaggio
corrente. <Ctrl>+<V>. Se gli elementi vengono incollati nello
stesso schema da cui sono stati copiati, verranno ripetuti con
diverse istanze di blocco. Se questo determina più istanze di
blocco rispetto a quelle disponibili, viene visualizzato un
Incolla visualizzazione del registro dei messaggi che indica
quali elementi non sono stati copiati.
Delete
(Elimina)
Contrassegna tutti gli elementi selezionati per l'eliminazione.
Questi elementi vengono mostrati tratteggiati fino al download
successivo, in seguito al quale vengono rimossi dallo schema.
Tasto di scelta rapida = <Canc>.
Undelete
(Recupera)
Annulla le operazioni eseguite con i comandi "Delete" (Elimina)
e "Cut" (Taglia) sugli elementi a partire dall'ultimo download.
Bring To
Front (Porta
in primo
piano)
Porta in primo piano sullo schema gli elementi selezionati.
Push To
back (Porta
in secondo
piano)
Porta in secondo piano sullo schema gli elementi selezionati.
Edit Parameter Value (Modifica valore parametro)
Questa voce di menu è attiva se il cursore scorre su un
parametro modificabile. Selezionando questa voce di menu
viene visualizzata una finestra pop-up che permette all'utente
di modificare il valore del parametro.
Parameter Properties (Proprietà parametro)
200
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Utilizzo di iTools
Questa voce di menu è attiva se il cursore scorre su un
parametro modificabile. Selezionando questa voce di menu
viene visualizzata una finestra pop-up che permette all'utente
di visualizzare le proprietà del parametro e la guida ai
parametri (facendo clic sulla scheda "Help" (Guida)).
Parameter
Help
(Guida ai
parametri)
Permette di visualizzare le proprietà dei parametri e la guida
per il blocco funzione o il parametro selezionato, a seconda
della posizione del cursore quando si fa clic con il pulsante
destro del mouse.
Cablaggi
Per creare un cablaggio
1. Trascinare due (o più) blocchi
sullo schema dalla struttura ad
albero dei blocchi funzione.
2. Fare clic su un'uscita raccomandata
o sull'icona "Click to Select output"
(Clic per selezionare l'uscita)
nell'angolo in basso a destra del
blocco per visualizzare una finestra
di dialogo per il collegamento e fare
clic sul parametro richiesto per
iniziare un collegamento.
I collegamenti raccomandati
vengono mostrati con un simbolo
verde a forma di spinotto; gli altri
parametri disponibili sono mostrati
in giallo. Facendo clic sul pulsante
rosso vengono visualizzati tutti i
parametri. Per chiudere la finestra
di dialogo del collegamento,
premere il tasto ESC sulla tastiera
o fare clic sulla croce in basso a
sinistra nella finestra di dialogo.
3. Una volta iniziato il cablaggio,
viene disegnato un cablaggio
tratteggiato a partire dall'uscita
verso la posizione corrente del
mouse. Per completare il
cablaggio, fare clic sul parametro
di destinazione richiesto.
4. I cablaggi restano tratteggiati
finché non vengono scaricati.
HA033412ITA Edizione 01
Figura 96 Finestra di dialogo di
selezione dell'uscita
201
Utilizzo di iTools
Corrente
Instradamento dei cablaggi
Il cablaggio viene instradato automaticamente durante il suo posizionamento.
L'algoritmo di instradamento automatico ricerca un percorso libero tra i due blocchi.
Un cablaggio può essere nuovamente instradato automaticamente utilizzando
i menu di contesto o facendo doppio clic sul cablaggio. Un segmento di cablaggio
può essere modificato manualmente selezionandolo e trascinandolo con il mouse.
Se si sposta il blocco al quale è collegato, l'estremità del cablaggio si sposta di
conseguenza, mantenendo invariato il percorso per quanto possibile.
Quando si seleziona un cablaggio con un clic, questo viene rappresentato con
piccole caselle in corrispondenza degli angoli.
Menu di contesto del cablaggio
Fare clic con il pulsante destro del mouse su un
cablaggio per visualizzare il menu di contesto del
blocco di cablaggio:
Esecuzione
forzata
interruzione
Quando i cablaggi formano un
circuito, occorre inserire un punto di
interruzione in cui il valore scritto nel
blocco proviene da una sorgente
eseguita per ultima durante il ciclo
precedente. iTools posiziona
automaticamente le interruzioni e
le visualizza in rosso.
Il comando
Esecuzione forzata interruzione
permette all'utente di stabilire il punto
in cui posizionare un'interruzione.
Le interruzioni in eccedenza vengono
visualizzate in nero.
Re-Route wire
(Reinstrada
cablaggio)
Sostituisce l'instradamento corrente
del cablaggio con un nuovo
instradamento generato ex-novo.
Use Tags
(Utilizza tag)
Passa dalla modalità cablaggio alla
modalità tag tra i parametri. La
modalità tag è utile nel caso di
sorgenti e destinazioni molto distanti.
Figura 97 Menu di
contesto del cablaggio
Find Start (Trova Va alla sorgente del cablaggio.
inizio)
Find End
(Trova fine)
Va alla destinazione del cablaggio.
Cut (Taglia),
Copy (Copia),
Paste (Incolla)
Non utilizzati in questo contesto.
Delete (Elimina) Contrassegna il cablaggio da
eliminare. Il cablaggio viene
ridisegnato con una linea tratteggiata
(o con tag tratteggiati) fino al
successivo download. L'operazione
può essere annullata finché non viene
eseguito il download successivo.
Undelete
(Recupera)
202
Annulla l'effetto dell'operazione di
eliminazione fino al download
successivo, in seguito al quale il
comando di recupero è disabilitato.
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Utilizzo di iTools
Bring to Front
(Porta in primo
piano)
Porta il cablaggio in primo piano sullo
schema.
Push to Back
(Porta in
secondo piano)
Porta il cablaggio in secondo piano
sullo schema.
Colori dei cavi
Nero
Rosso
Magenta
Viola
Verde
Cablaggio normale.
Il cablaggio è collegato a un parametro non modificabile.
I valori vengono respinti dal blocco di destinazione.
Il cursore del mouse è posizionato su un cablaggio normale.
Il cursore del mouse è posizionato su un cablaggio rosso.
Nuovo cablaggio (il cablaggio verde tratteggiato diventa
nero e continuo dopo essere stato scaricato).
Cablaggi spessi
Quando si tenta di eseguire un cablaggio tra blocchi posizionati in task diversi, se
non viene inserita nessuna interruzione di task, tutti i cablaggi interessati vengono
evidenziati con una linea più spessa del normale. I cablaggi spessi sono ancora
attivi, ma i risultati sono imprevedibili perché l'unità non è in grado di risolvere la
strategia.
Commenti
È possibile aggiungere dei commenti a uno schema di cablaggio trascinandoli
dalla struttura ad albero del Blocco funzione nello schema. Non appena si rilascia
il mouse, viene visualizzata una finestra di dialogo che permette di inserire il testo
del commento.
Per determinare la larghezza del commento si utilizzano i ritorni a capo. Una volta
inserito il testo, fare clic su "OK" per visualizzare il commento sullo schema. Non vi
sono limiti relativamente alle dimensioni di un commento. I commenti vengono salvati
nello strumento insieme alle informazioni relative al layout dello schema.
È possibile collegare i commenti ai blocchi funzione e ai cablaggi facendo clic
sull'icona a forma di catena nell'angolo in basso a destra della casella di commento
e facendo clic nuovamente sul blocco o cablaggio richiesto. Viene disegnata una
linea tratteggiata che va verso la parte superiore del blocco o verso il segmento di
cablaggio selezionato (Figura 99).
Nota: Una volta collegato il commento, l'icona a forma di catena scompare per
riapparire quando il cursore del mouse viene posizionato sull'angolo in basso a
destra della casella di monitor; vedere Figura 99.
HA033412ITA Edizione 01
203
Utilizzo di iTools
Corrente
Commento Menu di contesto
Edit (Modifica)
Unlink
(Scollega)
Cut (Taglia)
Copy (Copia)
Paste (Incolla)
Delete
(Elimina)
Undelete
(Recupera)
Apre la finestra di dialogo del commento
per permettere la modifica del testo del
commento.
Elimina dal commento il collegamento
corrente.
Sposta il commento negli Appunti per
poterlo incollare in qualsiasi altro punto.
Tasto di scelta rapida = <Ctrl>+<X>.
Copia il commento dallo schema di
cablaggio negli Appunti per poterlo
incollare in qualsiasi altro punto. Tasto
di scelta rapida = <Ctrl>+<C>.
Copia un commento dagli Appunti allo
schema di cablaggio. Tasto di scelta
rapida = <Ctrl>+<V>.
Contrassegna il commento da eliminare
nel successivo download.
Annulla il comando di eliminazione se
non si è ancora eseguito il download.
Figura 98 Menu
di contesto dei
commenti
Monitor
È possibile aggiungere punti monitor a uno schema di cablaggio selezionandoli e
trascinandoli nello schema dalla struttura ad albero del Blocco funzione. Un monitor
mostra il valore corrente (aggiornato alla velocità di aggiornamento dell'elenco di
parametri di iTools) del parametro a cui è collegato. Come impostazione predefinita,
viene visualizzato il nome del parametro. È possibile nascondere il nome del
parametro facendo doppio clic sulla casella del monitor oppure è possibile
visualizzare e nascondere il nome del parametro facendo clic su "Show Names"
(Mostra nomi) nel menu di contesto (clic con il pulsante destro).
È possibile collegare i monitor ai blocchi funzione e ai cablaggi cliccando sull'icona a
forma di catena nell'angolo in basso a destra della casella e cliccando nuovamente
sul parametro richiesto. Viene disegnata una linea tratteggiata che va verso la parte
superiore del blocco o verso il segmento di cablaggio selezionato.
Nota: Una volta collegato il monitor, l'icona a forma di catena scompare per
riapparire quando il cursore del mouse viene posizionato sull'angolo in basso
a destra della casella di monitor.
Commento
Monitor
204
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Utilizzo di iTools
Figura 99 Visualizzazione del commento e del monitor
Menu di contesto
del monitor
Show names
(Mostra nomi)
Visualizza e nasconde i nomi
dei parametri nella casella di
monitor.
Unlink
Elimina dal monitor il
(Scollega)
collegamento corrente.
Cut (Taglia)
Sposta il monitor negli Appunti
per poterlo incollare in qualsiasi
altro punto. Tasto di scelta
rapida = <Ctrl>+<X>.
Copy (Copia)
Copia il monitor dallo schema di
cablaggio negli Appunti per
poterlo incollare in qualsiasi
altro punto. Tasto di scelta
rapida = <Ctrl>+<C>.
Paste (Incolla)
Copia un monitor dagli Appunti
allo schema di cablaggio. Tasto
di scelta rapida = <Ctrl>+<V>.
Delete (Elimina) Contrassegna il monitor da
eliminare nel successivo
download.
Undelete
Annulla il comando di
(Recupera)
eliminazione se non si è ancora
eseguito il download.
Bring to Front
Porta l'elemento al livello
(Porta in primo "superiore" dello schema.
piano)
Porta l'elemento al livello
Push to Back
"inferiore" dello schema.
(Porta in
secondo piano)
Parameter Help Mostra la guida ai parametri
(Guida ai
per l'elemento.
parametri)
Figura 100
Menu di contesto
del monitor
Download
Quando viene aperto l'editor cablaggio, il layout corrente del cablaggio e dello
schema viene letto dallo strumento. Non viene effettuata nessuna modifica
all'esecuzione del blocco funzione dello strumento o al cablaggio finché non viene
premuto il pulsante di download. Le modifiche effettuate utilizzando l'interfaccia
operatore dopo l'apertura dell'editor vengono perse durante il download.
Quando un blocco viene trascinato sullo schema, vengono modificati i parametri
dello strumento per rendere disponibili i parametri relativi a quel blocco. Se vengono
effettuate delle modifiche e l'editor viene chiuso senza salvare, si verifica un ritardo
perché l'editor cancella questi parametri.
Durante il download, il cablaggio viene scritto nello strumento che poi calcola l'ordine
di esecuzione del blocco e avvia l'esecuzione dei blocchi. Il layout dello schema con i
commenti e i monitor viene poi scritto nella memoria flash dello strumento insieme
alle impostazioni correnti dell'editor. Quando l'editor viene riaperto, lo schema viene
mostrato nella stessa posizione in cui si trovava al momento dell'ultimo download.
HA033412ITA Edizione 01
205
Utilizzo di iTools
Corrente
Colori
Gli elementi sullo schema presentano i seguenti colori:
Rosso
Blu
Verde
Magenta
Viola
Nero
206
Elementi che nascondono totalmente o parzialmente altri
elementi ed elementi che sono totalmente o parzialmente
nascosti da altri elementi. Cablaggi collegati a parametri
non modificabili o non disponibili. Interruzioni di esecuzione.
Ordini di esecuzione del blocco per il task 1.
Parametri non disponibili nei blocchi funzione. Ordini di
esecuzione del blocco per il task 4. Interruzioni di task.
Elementi aggiunti allo schema dall'ultimo download,
visualizzati con linee tratteggiate verdi. Ordini di esecuzione
del blocco per il task 2.
Tutti gli elementi selezionati o gli elementi sui quali viene
posizionato il cursore.
Cablaggi rossi sui quali viene posizionato il cursore del
mouse.
Tutti gli elementi aggiunti allo schema prima dell'ultimo
download. Ordini di esecuzione del blocco per il task 3.
Interruzioni di task ridondanti. Testi di monitor e commenti.
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Utilizzo di iTools
Menu di contesto del diagramma
Cut (Taglia)
Copy (Copia)
Paste (Incolla)
Re-Route wires
(Reinstrada
cablaggi)
Align Tops
(Allinea parti
superiori)
Align Lefts
(Allinea margini
di sinistra)
Space Evenly
(Distanzia
uniformemente)
Attivo solamente quando si fa
clic con il pulsante destro del
mouse all'interno del
rettangolo di delimitazione
visualizzato quando si
selezionano più elementi.
Sposta la selezione dallo
schema agli Appunti. Tasto di
scelta rapida = <Ctrl>+<X>.
Uguale al comando "Cut"
(Taglia), ma in questo caso
la selezione viene copiata,
lasciando l'originale nello
schema. Tasto di scelta
rapida = <Ctrl>+<C>.
Copia i contenuti degli Appunti
nello schema. Tasto di scelta
rapida = <Ctrl>+<V>.
Reinstrada tutti i cablaggi
selezionati. Se non si seleziona
alcun cablaggio, vengono
reinstradati tutti i cablaggi.
Allinea le parti superiori di tutti i
blocchi nell'area selezionata.
Figura 101 Menu di contesto
dello schema
Allinea i margini di sinistra di
tutti i blocchi nell'area
selezionata.
Distanzia gli elementi
selezionati in modo che i loro
angoli superiori sinistri risultino
distanziati uniformemente per
la larghezza dello schema.
Fare clic sugli elementi da
posizionare all'estrema sinistra
e utilizzare la combinazione
<Ctrl>+<clic pulsante sinistro>
sugli elementi rimanenti
nell'ordine in cui devono
essere visualizzati.
Delete (Elimina) Contrassegna l'elemento da
eliminare nel successivo
download.
Il comando può essere
annullato finché non avviene
il successivo download.
Undelete
Inverte l'azione del comando
(Recupera)
di eliminazione sull'elemento
selezionato.
Select All
Seleziona tutti gli elementi sullo
(Seleziona
schema corrente.
tutto)
Attivo solamente quando si fa
Create
clic con il pulsante destro del
Compound
mouse, nello schema di livello
(Crea
superiore, all'interno del
composto)
rettangolo di delimitazione
visualizzato quando si
selezionano più elementi.
Crea un nuovo schema di
cablaggio come descritto
di seguito in "Composto".
HA033412ITA Edizione 01
207
Utilizzo di iTools
Corrente
Rename
(Rinomina)
Copy Graphic
(Copia grafica)
Permette di inserire un nuovo nome per lo schema di
cablaggio corrente. Tale nome compare nella relativa scheda.
Copia gli elementi selezionati (o l'intero schema, se non si
seleziona nessun elemento) negli Appunti come metafile di
Windows, formato idoneo per incollarli in un'applicazione di
documentazione. I cablaggi inseriti/rimossi dalla selezione
(se presenti) vengono disegnati in modalità tag.
Save Graphic
Uguale al comando "Copy Graphic" (Copia grafica) sopra, ma
(Salva grafica)
effettua il salvataggio in una posizione specificata dall'utente
e non negli Appunti.
Copy Fragment To File (Copia frammento nel file)
Copia gli elementi selezionati in un file denominato dall'utente
nella cartella "My iTools Wiring Fragments" (Frammenti di
cablaggio iTools" in "Documenti".
Paste Fragment From File (Incolla frammento
da file)
Permette all'utente di selezionare un frammento memorizzato
per inserirlo nello schema di cablaggio.
Centre (Centra) Posiziona la finestra di visualizzazione al centro degli elementi
selezionati. Se in precedenza si è fatto clic su "Select All"
(Seleziona tutti), la finestra di visualizzazione viene posizionata
al centro dello schema.
Composti
I composti vengono utilizzati per semplificare lo schema di cablaggio di livello
superiore permettendo di posizionare un numero qualsiasi di blocchi funzione
all'interno di una "casella", i cui ingressi e uscite funzionano come quelli di un
blocco funzione normale.
Quando viene creato un composto, nella parte superiore dello schema di cablaggio
viene visualizzata una nuova scheda. Inizialmente, i composti e le relative schede
vengono denominati "Composto 1", "Composto 2", ecc. ma possono essere
rinominati facendo clic con il pulsante destro del mouse sul composto nello
schema di livello superiore o in qualsiasi altro punto all'interno di un composto
aperto, selezionando "Rename" (Rinomina) e inserendo la stringa di testo richiesta
(max 16 caratteri).
I composti non possono contenere altri composti (i composti possono essere creati
solamente nello schema di livello superiore).
Creazione del composto
1. È possibile creare composti vuoti all'interno dello schema di livello superiore
facendo clic sull'icona "Create Compound" (Crea composto) nella barra degli
strumenti.
2. È inoltre possibile creare composti evidenziando uno
o più blocchi funzione nello schema di livello superiore
Crea
Elimina
e facendo clic sull'icona "Create Compound" (Crea
composto
composto
composto) nella barra degli strumenti. Gli elementi
evidenziati vengono spostati dallo schema di livello superiore in un nuovo
composto.
3. È possibile "eliminare" i composti evidenziando la voce rilevante nello schema
di livello superiore e facendo clic sull'icona "Elimina composto" nella barra degli
strumenti. Tutti gli elementi contenuti in precedenza nel composto vengono
visualizzati sullo schema di livello superiore.
208
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Utilizzo di iTools
4. Il cablaggio tra i parametri di livello superiore e di composto viene eseguito
facendo clic sul parametro di origine e facendo clic sul composto (o sulla scheda
di composto) e sul parametro di destinazione. Il cablaggio da un parametro di
composto a un parametro di livello superiore o da composto a composto viene
eseguito nello stesso modo.
5. I blocchi funzione inutilizzati possono essere spostati nei composti trascinandoli
dalla visualizzazione ad albero. I blocchi esistenti possono essere trascinati dallo
schema di livello superiore, o da un altro composto, sulla scheda associata al
composto di destinazione. I blocchi vengono spostati dai composti verso lo
schema di livello superiore o verso un altro composto nello stesso modo.
I blocchi funzione possono inoltre essere "tagliati e incollati".
6. I nomi predefiniti dei composti (ad es. "Composto 2") vengono utilizzati una sola
volta. Pertanto, se vengono creati, ad esempio, i Composti 1 e 2 e il Composto 2
viene successivamente eliminato, il nome del composto successivo sarà
comunque "Composto 3".
7. Gli elementi di livello superiore possono essere selezionati e trascinati nei
composti.
HA033412ITA Edizione 01
209
Utilizzo di iTools
Corrente
Tool tip
Quando si passa il cursore sui blocchi, vengono visualizzati "tooltip" che descrivono
la parte di blocco su cui scorre il cursore. Per quanto riguarda i parametri di blocco
funzione, i tooltip mostrano la descrizione del parametro, il nome OPC e, se
scaricato, il valore. Tooltip simili vengono visualizzati quando il cursore passa
su ingressi, uscite e molti altri elementi presenti sulla schermata di iTools.
È possibile abilitare un blocco funzione trascinandolo sullo schema, cablandolo e
infine scaricandolo nello strumento. I blocchi e i relativi cablaggi associati vengono
inizialmente visualizzati con linee tratteggiate e, in questo stato, l'elenco parametri
del blocco è abilitato ma il blocco non viene eseguito dallo strumento.
Il blocco viene aggiunto all'elenco di esecuzione dei blocchi funzione dello
strumento tramite l'icona "Download" e gli elementi vengono ridisegnati utilizzando
linee continue.
Se si elimina un blocco scaricato, questo viene visualizzato nello schema in
trasparenza finché non si preme il pulsante di download. (Ciò avviene perché nello
strumento il blocco o qualsiasi altro cablaggio diretto/proveniente da esso sono
ancora in esecuzione. Al momento del download il blocco verrà rimosso dall'elenco
di esecuzione dello strumento e dallo schema). Un blocco visualizzato in trasparenza
può essere "recuperato" come descritto sopra.
Se si elimina un blocco tratteggiato, questo viene rimosso immediatamente.
210
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Utilizzo di iTools
Explorer dei parametri
Viene visualizzata la seguente schermata:
1. facendo clic sull'icona "Parameter Explorer" (Explorer dei parametri) nella barra
degli strumenti,
2. facendo doppio clic sul blocco rilevante nel riquadro con struttura ad albero o
nell'editor del cablaggio grafico
3. selezionando "Function Block View" (Visualizzazione blocco funzione) dal menu
di contesto del Blocco funzione nell'Editor del cablaggio grafico.
4. selezionando "Parameter Explorer" (Explorer dei parametri) dal menu "View"
(Visualizza)
5. utilizzando il tasto di scelta rapida <Alt>+<Invio>.
In ogni caso i parametri del blocco funzione vengono visualizzati nella finestra di
iTools in formato tabellare, come mostrato in Figura 102.
Figura 102 Esempio di tabella di parametri
La figura mostra il layout predefinito della tabella. È possibile aggiungere/eliminare
colonne dalla schermata utilizzando la voce "Columns" (Colonne) dell'Explorer o dei
menu di contesto (Figura 103).
Menu di contesto
Menu Explorer
Figura 103 Abilitazione/disabilitazione colonna
HA033412ITA Edizione 01
211
Utilizzo di iTools
Corrente
Dettaglio Explorer dei parametri
Figura 104 mostra una tabella di parametri tipica. Questo parametro specifico
è caratterizzato da molte sottocartelle ad esso associate e ciascuna di esse è
rappresentata da una "scheda" nella parte superiore della tabella.
Figura 104 Tabella di parametri tipica
Note:
1. I parametri visualizzati in blu non sono modificabili (sola lettura). Nell'esempio
precedente, tutti i parametri sono di sola lettura. I parametri di lettura/scrittura
sono visualizzati in nero e presentano un simbolo a forma di "matita" nella
colonna di accesso di "lettura/scrittura" sul margine sinistro della tabella.
Elementi di questo tipo sono presenti in Figura 102, riportata sopra.
2. Colonne. La finestra Explorer predefinita (Figura 102) contiene le colonne
"Nome", "Descrizione", "Indirizzo" e "Valore". Come si può osservare dalla
Figura 105 precedente, è possibile selezionare le colonne da visualizzare
utilizzando il menu Explorer o il menu di contesto. Nell'esempio precedente
è stata abilitata l'opzione "Limits" (Limiti).
3. Parametri nascosti. Come impostazione predefinita, iTools nasconde i parametri
considerati irrilevanti nel contesto corrente. È possibile visualizzare i parametri
nascosti nella tabella utilizzando la voce "Parameter Availability" (Disponibilità
parametri) nel menu delle opzioni (Figura 105). Tali elementi vengono visualizzati
con uno sfondo ombreggiato.
4. Il percorso completo dell'elenco dei parametri visualizzati è riportato nell'angolo
in basso a sinistra della finestra.
Figura 105 Mostra/Nascondi parametri
212
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Utilizzo di iTools
Strumenti di Explorer
Sopra l'elenco dei parametri vengono visualizzate diverse icone di strumenti:
Torna a e Vai a.
L'Explorer dei parametri contiene un buffer di cronologia contenente fino
a 10 elenchi visitati nell'istanza corrente della finestra. Le icone "Torna a:
(nome elenco)" e "Vai a: (nome elenco)" permettono di rintracciare o di
ripetere facilmente la sequenza di visualizzazione dell'elenco di parametri.
Se si posiziona il cursore del mouse sull'icona dello strumento, viene
visualizzato il nome dell'elenco dei parametri che comparirà facendo clic
sull'icona. Facendo clic sulla punta di freccia, viene visualizzata una pick list
contenente fino a 10 elenchi precedentemente visitati che possono essere
selezionati dall'utente. Tasti di scelta rapida = <Ctrl>+<B> per "Torna a" o
<Ctrl>+<F> per "Vai a".
Sali di un livello, Scendi di un livello. Nel caso di parametri annidati, questi
pulsanti permettono all'utente di navigare "verticalmente" tra i livelli. Tasti di
scelta rapida = <Ctrl>+<U> per "Sali di un livello" o <Ctrl>+<D> per "Scendi
di un livello".
Premere lo spinotto per visualizzare la finestra in dominio globale. Facendo
clic su questa icona l'elenco di parametri corrente resta sempre visualizzato,
anche se un altro strumento diventa il "dispositivo corrente".
Menu di contesto
Copy Parameter
(Copia parametro)
Parameter properties
(Proprietà parametro)
Parameter Help
(Guida ai parametri)
HA033412ITA Edizione 01
Copia il parametro selezionato negli Appunti.
Visualizza le proprietà del parametro selezionato.
Visualizza la guida per il parametro selezionato.
213
Utilizzo di iTools
Corrente
Editor Watch/Recipe (Watch/Ricetta)
L'editor Watch/Recipe (Watch/Ricetta) può essere aperto facendo clic sull'icona
dello strumento Watch/Recipe (Watch/Ricetta), selezionando Watch/Recipe
(Watch/Ricetta) nel menu View (Visualizza) o utilizzando il tasto di scelta rapida
<Ctrl>+<A>. La finestra è suddivisa in due parti: la parte sinistra contenente l'elenco
di osservazione, la parte destra contenente uno o più insiemi di dati, inizialmente
vuoti e senza nome.
La finestra Watch/Recipe (Watch/Ricetta) viene utilizzata per:
1. Monitorare un elenco di parametri. Tale elenco può contenere parametri
provenienti da molti elenchi di parametri o da elenchi di parametri non
altrimenti collegati all'interno dello stesso dispositivo. Non può contenere
parametri provenienti da dispositivi diversi.
2. Creare "insiemi di dati" di valori dei parametri che possono essere selezionati
e scaricati nel dispositivo nella sequenza stabilita dalla ricetta. Lo stesso
parametro può essere utilizzato più di una volta in una ricetta.
Figura 106 Finestra dell'editor Watch/Recipe (Watch/Ricetta) con menu di contesto
Creazione di un elenco di Watch
Dopo aver aperto la finestra, è possibile aggiungervi i parametri nel modo descritto di
seguito. I valori dei parametri si aggiornano in tempo reale, permettendo all'utente
di monitorare contemporaneamente diversi valori.
Aggiunta di parametri all'elenco di Watch
1. I parametri possono essere selezionati e trascinati nell'elenco di Watch da
un'altra area della finestra di iTools (ad esempio, dalla finestra dell'Explorer dei
parametri, dall'editor del cablaggio grafico, dalla struttura ad albero). Il parametro
viene posizionato in una riga vuota nella parte inferiore dell'elenco o, se viene
trascinato sopra a un parametro già esistente, viene inserito sopra a questo
parametro e i parametri restanti vengono spostati di una posizione.
2. I parametri possono essere trascinati da una posizione all'altra dell'elenco. In tal
caso, viene generata una copia del parametro e il parametro originale rimane
nella sua posizione originale.
3. I parametri possono essere copiati con <Ctrl>+<C> e incollati con <Ctrl>+<V>
sia all'interno dell'elenco sia da una origine esterna, ad esempio la finestra del
browser dei parametri o dall'editor del cablaggio grafico.
214
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Utilizzo di iTools
4. Utilizzando il pulsante Insert item (Inserisci elemento)
, la voce "Insert
Parameter" (Inserisci parametro) nel menu Recipe (Ricetta) o nel menu di
contesto o il tasto di scelta rapida <Ins> è possibile aprire una finestra di
navigazione da cui viene selezionato un parametro da inserire sopra al
parametro attualmente selezionato.
Creazione di un insieme di dati
Una volta completata l'aggiunta dei parametri richiesti all'elenco, selezionare
l'insieme di dati vuoto facendo clic sull'intestazione della colonna. Compilare
l'insieme di dati con i valori correnti utilizzando uno sei seguenti metodi:
1. Fare clic sull'icona dello strumento Capture current values into a data set
(Acquisisci valori correnti in un insieme di dati)
(noto anche come strumento
"Snapshot valori").
2. Selezionare "Snapshot Values" (Snapshot valori) dal menu "Recipe" (Ricetta)
o dal menu di contesto (facendo clic con il pulsante destro del mouse).
3. Utilizzare il tasto di scelta rapida <Ctrl>+<A>.
È possibile a questo punto modificare i singoli valori dei dati scrivendo direttamente
nelle celle della griglia. I valori dei dati possono essere lasciati vuoti o cancellati; in
questo caso al momento del download non verrà scritto nessun valore per tali
parametri. I valori dei dati vengono eliminati cancellando tutti i caratteri contenuti
nella cella e quindi spostandoli in una cella diversa o premendo <Invio>.
Il nome predefinito dell'insieme è "Set 1", ma può essere rinominato utilizzando
"Rename data set" (Rinomina insieme di dati) nel menu Recipe (Ricetta) o nel
menu di contesto o utilizzando il tasto di scelta rapida <Ctrl>+<R>.
È possibile inserire nuovi insiemi di dati vuoti utilizzando uno dei seguenti metodi:
1. Fare clic sull'icona "Create a new empty data set" (Crea nuovo insieme di dati
vuoto) nella barra degli strumenti.
2. Selezionare "New Data Set" (Nuovo insieme di dati) nel menu Recipe (Ricetta)
o nel menu di contesto.
3. Utilizzare il tasto di scelta rapida <Ctrl>+<W>.
Una volta creati, gli insiemi di dati possono essere modificati come descritto in
precedenza.
Infine, dopo aver creato, modificato e salvato tutti gli insiemi di dati necessari,
questi possono essere scaricati nello strumento, uno alla volta, utilizzando lo
strumento Download, la voce "Download Values" (Scarica valori) nel menu
Recipe (Ricetta) o nel menu di contesto o il tasto di scelta rapida <Ctrl>+<D>.
HA033412ITA Edizione 01
215
Utilizzo di iTools
Corrente
Icone Watch/Ricetta nella barra degli strumenti
Crea un nuovo elenco di Watch/Ricetta. Crea un nuovo elenco cancellando
tutti i parametri e gli insiemi di dati da una finestra aperta. Se l'elenco
corrente non è stato salvato, viene richiesta una conferma. Tasto di scelta
rapida <Ctrl>+<N>
Apri file di Watch/Ricetta esistente. Se l'elenco o l'insieme di dati correnti
non è stato salvato, viene richiesta una conferma. In seguito, si apre una
finestra di dialogo che permette all'utente di selezionare un file da aprire.
Tasto di scelta rapida <Ctrl>+<O>
Salva elenco di Watch/Ricetta corrente. Permette di salvare l'insieme
corrente in una posizione specificata dall'utente. Tasto di scelta rapida
<Ctrl>+<S>.
Scarica insieme di dati selezionato nel dispositivo. Tasto di scelta rapida
<Ctrl>+<D>
Inserisci elemento sopra l'elemento selezionato. Tasto di scelta rapida
<Ins>.
Rimuovi parametro di ricetta. Tasto di scelta rapida <Ctrl>+<Canc>.
Sposta elemento selezionato. La freccia su sposta il parametro selezionato
in alto nell'elenco; la freccia giù sposta il parametro selezionato in basso
nell'elenco.
Crea nuovo insieme di dati vuoto. Tasto di scelta rapida <Ctrl>+<W>.
Elimina insieme di dati vuoto. Tasto di scelta rapida <Ctrl>+<Canc>
Acquisisci valori correnti in insieme di dati. Inserisce i valori nell'insieme
di dati selezionato. Tasto di scelta rapida <Ctrl>+<A>.
Cancella insieme di dati selezionato. Rimuove i valori dall'insieme di dati
selezionato. Tasto di scelta rapida <Maiusc>+<Canc>.
Apri OPC Scope. Apre un'utility separata che permette la generazione di
andamenti, le registrazioni dati e lo scambio dinamico di dati (DDE). OPC
Scope è un programma Explorer OPC in grado di collegarsi a qualsiasi
server OPC presente nel registro di Windows.
(OPC è l'acronimo di "OLE for Process Control", in cui OLE sta per "Object
Linking and Embedding", Collegamento e incorporamento di oggetti.)
Menu di contesto di Watch/Ricetta
Gli elementi del menu di contesto di Watch/Ricetta hanno le stesse funzioni già
descritte per gli elementi della barra degli strumenti.
216
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
HA033412ITA Edizione 01
Utilizzo di iTools
217
Indirizzi parametri (Modbus)
Corrente
Indirizzi parametri (Modbus)
Introduzione
I campi indirizzo di iTools visualizzano l'indirizzo Modbus di ciascun parametro
da utilizzare nell'indirizzamento di valori interi sul collegamento di comunicazione
seriale. Per poter accedere a questi valori come valori in virgola mobile IEEE, occorre
utilizzare il calcolo: indirizzo IEEE = {(indirizzo Modbus x 2) + esadec. 8000}.
Note:
1. Determinati parametri possono presentare valori che superano il valore massimo
leggibile o scrivibile con comunicazioni di numeri interi a 16 bit. Tali parametri
presentano un fattore di scala, come descritto in Scala dei parametri.
2. Quando si utilizza l'indirizzamento Modbus a intero scalare a 16 bit, i parametri
di tempo possono essere letti o scritti in decimi di minuto o in decimi di secondo
come indicato nel parametro Instrument.config. TimerRes.
Tipi di parametri
Vengono utilizzati i tipi di parametro seguenti:
bool
uint8
int16
uint16
int32
uint32
time32
float32
stringa
Operatore booleano
Intero senza segno a 8 bit
Intero con segno a 16 bit
Intero senza segno a 16 bit
Intero con segno a 32 bit
Intero senza segno a 32 bit
Intero senza segno a 32 bit (tempo in millisecondi)
Virgola mobile IEEE a 32 bit
Serie di interi senza segno a 8 bit.
Scala dei parametri
I valori di alcuni parametri potrebbero superare il valore massimo (32767)
leggibile/scrivibile tramite comunicazioni a intero scalare a 16 bit. A tali parametri
viene assegnato un fattore di scala, come descritto in "Fattore di scala" a pagina 162.
218
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Indirizzi parametri (Modbus)
Elenco parametri
L'elenco completo dei parametri disponibili tramite il collegamento di comunicazioni
è riportato nella tabella SCADA, inclusa nel sistema della guida di iTools. I singoli
indirizzi dei parametri sono riportati anche in ciascuna pagina di configurazione
di iTools, assieme alle "enumerazioni" che mostrano tutti i possibili valori che il
parametro può assumere.
Per visualizzare l'elenco dei parametri caricare il file della guida ai parametri
(Phelp_Epack_Vx.xx.chm) dal menu iTools.
1. Selezionare Help (Guida), Device Help (Guida dispositivo) dalla barra
dei menu di iTools.
2. Verrà visualizzato il file della guida ai parametri.
3. Selezionare l'argomento SCada dalla scheda Contents (Indice).
4. Scorrere al titolo List of Parameters (Elenco dei parametri) nella finestra
principale e fare clic sui parametri EPack.
Verrà visualizzata la tabella dei parametri di EPack.
HA033412ITA Edizione 01
219
Allarmi
Corrente
Allarmi
W
PERICOLO
PERICOLO DI SCOSSA ELETTRICA, DI ESPLOSIONE O DI ARCO ELETTRICO
•
Laddove sussistano pericoli per il personale e/ l'apparecchiatura, utilizzare
idonei interblocchi di sicurezza.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o
lesioni gravi.
Gli allarmi EPack proteggono i tiristori e i carichi dal funzionamento anomalo
e forniscono all'utente informazioni preziose sul tipo di guasto.
In nessun caso tali allarmi devono essere utilizzati in sostituzione di un'adeguata
protezione del personale.
Monitoraggio globale del sistema
All'accensione e durante l'esecuzione di alcune funzionalità, EPack esegue
un controllo dalla maggior parte delle parti elettroniche (alimentazione, memoria
digitale ecc). In caso di guasto, EPack riporta uno stato nei Parametri di stato
globali disponibili utilizzando la comunicazione e visualizza un messaggio sulla
fascia frontale.
Di seguito sono descritti i quattro tipi di messaggi possibili:
220
•
Il primo è relativo al rilevamento di un guasto sulla scheda del microregolatore
del display ed EPack visualizza "CONFIG ERROR (ERRORE DI
CONFIGURAZIONE)". Per questo tipo di problema si raccomanda di rispedire
l'unità a un centro di riparazione. EPack visualizza inoltre un codice esadecimale
per il tecnico. Questo codice è disponibile anche in decimali tramite iTools in
Stato globale 0.
•
Il secondo messaggio indica problemi relativi a un problema di hardware rilevato
dal microregolatore. I problemi possono essere presenti su diverse schede.
In questa situazione, EPack visualizza "HW Problem (Problema HW)".
Per questo tipo di problema si raccomanda di rispedire l'unità a un centro di
riparazione o di contattare il rappresentante locale. EPack visualizza inoltre un
codice esadecimale per il tecnico. Questo codice è disponibile anche in decimali
tramite iTools in Stato globale 1.
•
Il terzo messaggio è correlato ai dati di configurazione impostati sulla linea
di produzione oppure durante un aggiornamento. In questo caso, EPack
visualizza "INVALID DATA (DATI NON VALIDI)". Per questo tipo di problema
si raccomanda di rispedire l'unità a un centro di riparazione. EPack visualizza
inoltre un codice esadecimale per il tecnico. Questo codice è disponibile anche
in decimali tramite iTools in Stato globale 2.
•
Il quarto messaggio è relativo alla rilevazione di un malfunzionamento interno,
principalmente sulla scheda del microregolatore del display. Per questo evento
EPack visualizza "INTERNAL FAILURE (ERRORE INTERNO)". Per questo
tipo di problema si raccomanda di rispedire l'unità a un centro di riparazione.
EPack visualizza inoltre un codice esadecimale per il tecnico. Questo
codice è disponibile anche in decimali tramite iTools in Stato globale 3.
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Allarmi
Allarmi di sistema
Gli allarmi di sistema sono considerati "Eventi principali" che contribuiscono a
impedire il funzionamento corretto del sistema e che causano la modalità standby
dell'unità.
I sottoparagrafi seguenti descrivono ciascuno dei possibili allarmi di sistema.
Alimentazione assente
L'alimentazione è assente.
Corto circuito tiristore
Un corto circuito del tiristore provoca un flusso di corrente anche quando non
è attivo.
Sovratemperatura
Riservato per sviluppo futuro.
Cadute di rete
Rileva una riduzione nella tensione di alimentazione e se questa riduzione supera un
valore misurato configurabile (VdipsThreshold), l'accensione viene interrotta fino a
che la tensione di alimentazione non ritorna a un valore corretto. VdipsThreshold
indica una modifica percentuale nella tensione di alimentazione tra mezzi periodi
successivi e può essere definito dall'utente nel menu Network.Setup, come descritto
nel "Configurazione della rete" a pagina 180.
Errore frequenza di rete rilevato
Si attiva se la frequenza di tensione della rete di alimentazione esce dal range 47 - 63 Hz
o se la frequenza della rete di alimentazione cambia, tra un ciclo e l'altro, di più della
soglia definita nel menu Network.Setup, descritto nel "Configurazione della rete" a
pagina 180.
Il valore può essere regolato tra 0,9% e 5%; il valore predefinito è 5%.
Allarme di interruzione
L'allarme di interruzione diventa attivo quando una soglia di corrente viene superata
per un numero di periodi di alimentazione superiore a quello predefinito. La soglia
è regolabile dall'utente su un valore compreso tra il 100% e il 350% della corrente
nominale dell'unità. (nell'area di configurazione Network.setup ("Configurazione della
rete" a pagina 180).
HA033412ITA Edizione 01
221
Allarmi
Corrente
Allarmi di processo
Gli allarmi di processo sono collegati all'applicazione e possono essere configurati
per arrestare l'accensione dell'unità (modalità standby) oppure per consentire il
proseguimento dell'operazione. Gli allarmi di processo possono inoltre essere
configurati in modo tale da essere bloccati. In questo caso, devono essere
confermati prima che l'allarme sia considerato non attivo. Gli allarmi non
possono essere confermati fino a che la causa dell'attivazione non è tornata
a una condizione non attiva.
Guasto totale di carico (TLF)
Nessun carico è collegato.
Allarme di ciclo chiuso
L'allarme di interruzione del ciclo chiuso è attualmente attivo.
Ingresso allarme
L'ingresso allarme associato al blocco dell'allarme è attivo.
Rilevazione sovracorrente
L'allarme di rilevazione della sovracorrente dall'ingresso analogico è attivo.
Indicazione sovratensione
Nell'area Network.Setup della configurazione ("Configurazione della rete" a
pagina 180) è possibile configurare "UnderVoltThreshold" come percentuale di
VLineNominal. Se la tensione VLine supera il valore di soglia, viene impostato
un allarme di sovratensione.
Nota: L'allarme restituisce FALSE se è impostato l'allarme di rete di alimentazione
mancante.
Indicazione sottotensione
Nell'area Network.Setup della configurazione ("Configurazione della rete" a
pagina 180) è possibile configurare "UnderVoltThreshold" come percentuale di
VLineNominal. Se la tensione Vline scende sotto il valore di soglia, viene impostato
un allarme di sottotensione.
Nota: L'allarme restituisce FALSE se è impostato l'allarme di rete di alimentazione
mancante.
222
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Allarmi
Guasto di carico parziale (PLF)
Questo allarme rileva un aumento statico dell'impedenza di carico raffrontando
l'impedenza di carico di riferimento (come configurata dall'utente) con l'impedenza di
carico misurata per un periodo di rete di alimentazione (nell'accensione ad angolo di
fase) e per il periodo del treno di impulsi (per l'accensione logica e a treno di impulsi).
Carichi non induttivi, ad esempio forni a resistenza, carichi resistivi con coefficiente di
temperatura basso o infrarossi a onda corta possono essere monitorati utilizzando
questa funzione. Per altri tipi di carico, ad esempio carichi leggermente induttivi
AC51 o AC56a primario di un trasformatore, consultare Eurotherm.
La sensibilità della misurazione del guasto di carico parziale può essere impostata
su qualsiasi valore compreso tra 2 e 6 inclusi, dove un valore pari a 2, ad esempio,
significa che una metà (o più) degli elementi deve essere un circuito aperto per
attivare l'allarme, mentre un valore di 3 significa che un terzo (o più) degli elementi
deve essere un circuito aperto per attivare l'allarme e così via fino a un sesto. Tutti gli
elementi devono disporre di caratteristiche identiche e valori di impedenza identici e
devono essere collegati in parallelo.
I parametri pertinenti (PLFAdjustReq e PLFSensitivity) sono disponibili in
Network.Setup, come descritto nel "Configurazione della rete" a pagina 180).
Allarmi di indicazione
Gli allarmi di indicazione segnalano eventi che richiedono un'azione dell'operatore.
Gli allarmi di indicazione non possono essere configurati per arrestare l'accensione
del modulo di potenza, ma possono essere dotati di blocco se necessario e in
questo caso devono essere confermati perché lo stato di segnalazione ritorna
alla condizione normale (di non allarme).
Trasferimento del valore di processo attivo
Indica quando è attiva una modalità di controllo di trasferimento (ad esempio V2 <> I2
P <> I2 oppure V2 <> I2).
Limitazione attiva
Indica quando il loop interno di controllo di accensione limita l'uscita di accensione
(I2 oppure V2) (in modo da non superare il valore massimo regolato).
Sovracorrente di carico
Indica quando viene raggiunto o superato un valore di soglia di corrente di carico
RMS configurabile (OverIthreshold). Il parametro si trova nell'area di configurazione
Network.Setup ("Configurazione della rete" a pagina 180) ed è configurabile da 10%
a 400% della corrente nominale.
HA033412ITA Edizione 01
223
Allarmi
224
Corrente
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Manutenzione
Manutenzione
Precauzioni
W
PERICOLO
PERICOLO DI SCOSSA ELETTRICA, DI ESPLOSIONE O DI ARCO ELETTRICO
•
Indossare idonei dispositivi di protezione individuale (DPI) e seguire pratiche
di lavoro sicuro per quanto riguarda gli interventi elettrici. Vedere gli standard
nazionali applicabili, ad es. NFPA70E, CSA Z462, BS 7671, NFC 18-510.
•
Questa apparecchiatura deve essere installata e sottoposta a manutenzione
solo da elettricisti qualificati.
•
Per l'installazione e la manutenzione fare riferimento al manuale.
•
Il prodotto non è idoneo per applicazioni di isolamento, secondo quanto
previsto dalla norma EN60947-1. Prima di iniziare a operare sui carichi
dell'apparecchiatura, scollegare l'alimentazione.
•
Prima di iniziare a operare sull'apparecchiatura, scollegare l'alimentazione.
•
Utilizzare sempre un idoneo dispositivo di rilevamento della tensione nominale
per accertarsi che l'apparecchio non sia alimentato.
•
Non smontare, riparare o modificare l'apparecchiatura. In caso di guasto
contattare il fornitore.
•
Installare, collegare e utilizzare il prodotto in conformità agli standard vigenti
e/o ai regolamenti sull'installazione.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o
lesioni gravi.
Uso ragionevole e responsabilità
Le informazioni contenute in questo manuale sono soggette a variazioni senza
preavviso. Pur avendo cercato di assicurare la massima precisione delle
informazioni fornite, il fornitore declina ogni responsabilità per eventuali errori
contenuti nel presente manuale.
EPack è un "AC semiconductor controller for non-motor loads" progettato secondo
le norme IEC60947-4-3 e UL60947-4-1 e conformemente ai requisiti delle direttive
europee sulla bassa tensione e sulla compatibilità elettromagnetica, che riguardano
gli aspetti relativi alla sicurezza e alla compatibilità elettromagnetica.
L'utilizzo in altre applicazioni o l'inosservanza delle istruzioni d'installazione del
presente manuale possono compromettere la sicurezza o la EMC.
La sicurezza e la compatibilità elettromagnetica di qualsiasi sistema incorporato
nel prodotto è responsabilità dell'assemblatore/installatore del sistema.
Il mancato utilizzo del software/hardware approvati con i nostri prodotti hardware
può provocare lesioni, pericolo o funzionamento improprio.
Eurotherm non può essere ritenuta responsabile per danni, lesioni, perdite o spese
causate da un utilizzo scorretto del prodotto (EPack) o dalla mancata osservanza
delle presenti istruzioni.
HA033412ITA Edizione 01
225
Manutenzione
Corrente
In alcuni casi, la temperatura del dissipatore di EPack può superare i 50°C e dopo
che il prodotto viene spento possono essere necessari fino a 15 minuti per il
raffreddamento.
W ATTENZIONE
SUPERFICIE CALDA - RISCHIO DI USTIONI
•
Far raffreddare il dissipatore prima di procedere alla manutenzione.
•
Non conservare parti infiammabili o sensibili al calore nelle immediate
vicinanze del dissipatore.
La mancata osservanza di queste istruzioni potrà causare lesioni o danni
all'attrezzatura.
Manutenzione preventiva
W
PERICOLO
PERICOLO DI SCOSSA ELETTRICA, DI ESPLOSIONE O DI ARCO ELETTRICO
•
Serrare tutti i collegamenti in conformità alla coppia specificata. Effettuare
ispezioni periodiche.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o
lesioni gravi.
Vedere Tabella 1, "Dettagli sul collegamento" a pagina 37.
I cavi non sono correttamente trattenuti nei terminali con una coppia insufficiente.
Una coppia insufficiente può aumentare la resistenza di contatto:
•
La connessione a terra protettiva può essere troppo resistiva. In caso di
cortocircuito tra le parti sotto tensione e il dissipatore, quest'ultimo può
raggiungere una tensione pericolosa.
•
I terminali di alimentazione si surriscalderanno.
Una coppia eccessiva può danneggiare il terminale.
W
PERICOLO
PERICOLO DI SCOSSA ELETTRICA, DI ESPLOSIONE O DI ARCO ELETTRICO
•
Evitare che qualsivoglia sostanza od oggetto penetri all'interno del prodotto
attraverso le aperture sulla custodia.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o
lesioni gravi.
Le parti conduttive o non conduttive che entrano nel prodotto possono ridurre o
abbreviare le barriere di isolamento all'interno del prodotto.
W
PERICOLO
PERICOLO DI INCENDIO
•
Il dissipatore deve essere pulito regolarmente. La periodicità dipende
dall'ambiente locale, ma non deve superare l'anno.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o
lesioni gravi.
226
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Manutenzione
Fusibili
W
PERICOLO
PERICOLO DI INCENDIO
•
Questo prodotto non è dotato di protezione del circuito derivato; l'installatore
deve aggiungere una protezione del circuito derivato a monte dell'unità.
•
La protezione del circuito derivato deve essere selezionata a seconda della
corrente massima in ciascuna fase e deve essere regolata in conformità ai
requisiti normativi locali e nazionali.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o
lesioni gravi.
La protezione del circuito derivato è obbligatoria per proteggere il cablaggio.
•
EC: la protezione del circuito derivato deve essere selezionata in conformità
alla norma IEC 60364-4-43 o gli standard locali applicabili.
•
UL: la protezione del circuito derivato deve essere selezionata in conformità
a NEC article 210.20, necessaria per la conformità ai requisiti NEC (National
Electric Code).
W
PERICOLO
PERICOLO DI SCOSSA ELETTRICA, DI ESPLOSIONE O DI ARCO ELETTRICO
•
I fusibili extrarapidi (fusibili supplementari oltre al dispositivo di protezione del
circuito derivato), elencati nella sezione relativa ai fusibili, sono obbligatori per
proteggere EPack da cortocircuito del carico.
•
In caso di apertura del dispositivo di protezione del circuito derivato o dei
fusibili extrarapidi (fusibili supplementari), il prodotto deve essere esaminato
da personale qualificato e sostituito se danneggiato.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o
lesioni gravi.
Il circuito di alimentazione deve essere protetto da un fusibile supplementare,
che dovrebbe essere utilizzato assieme a idonei portafusibili e kit di contatti
(ove necessari) come mostrato in Tabella 3 o Tabella 4.
Nota: Con un fusibile supplementare (fusibile extrarapido), Corrente è adatto per
l'uso su un circuito in grado di fornire non più di 100 kA ampere simmetrici RMS,
massimo di 500 Volt (tipo di coordinazione 1).
HA033412ITA Edizione 01
227
Manutenzione
Corrente
Tabella 43: Dettagli sui fusibili extrarapidi (SENZA microinterruttori) e sui portafusibili necessari per
Corrente con codice d'ordine HSP
Kit di
contatti
Portafusibili
Corrente
nominale
Corrente
Potenza
nominale
fusibili
Produttore e
numero catalogo
fusibile
≤ 25 A
30 A
oppure
32 A
Mersen
FR10GR69V30
Mersen
FR10GR69V32
40 A
Mersen
FR14GR69V40
Mersen
FR14GC69V40
Cooper-Bussmann
FWP-40A14F
32 A
40 A
50 A
Mersen
FR14UC69V50
Cooper-Bussmann
FWP-50A14F
50 A
63 A
Mersen
FR22UD69V63
80 A
Mersen
FR27UQ69V80T
Mersen
FR27UB10C80T
63 A
Da 80 A
a 125 A
228
200 A
Q.tà
Dim.
fusibile
(mm)
Produttore
e numero
catalogo
10×38
Mersen
US101
oppure
Mersen
CUS101
14×51
Mersen
US141
1
22x58
Mersen
US221
27x60
Mersen
US271
Q.tà
Q.tà
1
0
Mersen
FR27UQ69V200T
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Manutenzione
Tabella 44: Dettagli sui fusibili extrarapidi (CON microinterruttori) e sui portafusibili necessari per
Corrente con codice d'ordine HSP
Portafusibili
Corrente
nominale
Corrente
Potenza
nominale
fusibili
Produttore e
numero catalogo
fusibile
32 A
Mersen
FR14GR69V32T
Mersen
FR14GC69V32T
Cooper-Bussmann
FWP-32A14FI
40 A
Mersen
FR14GR69V40T
Mersen
FR14GC69V40T
Cooper-Bussmann
FWP-40A14FI
40 A
50 A
Mersen
FR14UD69V50T
Cooper-Bussmann
FWP-50A14FI
50 A
63 A
Mersen
FR22UD69V63T
80 A
Mersen
FR27UQ69V80T
Mersen
FR27UB10C80T
≤ 25 A
32 A
63 A
80 A e
125 A
200 A
Q.tà
Dim.
fusibile
(mm)
14×51
Produttore
e numero
catalogo
Kit di contatti
Q.tà
Mersen
US141
1
Produttore
e numero
catalogo
Q.tà
Mersen
Y227928A
1
1
22×58
Mersen
US221
Mersen
G227959A
27x60
Mersen
US271
Mersen
E227612A
Mersen
FR27UQ69V200T
W
PERICOLO
PERICOLO DI SCOSSA ELETTRICA, DI ESPLOSIONE O DI ARCO ELETTRICO
•
Serrare tutti i collegamenti in conformità alla coppia specificata. Effettuare
ispezioni periodiche.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o lesioni gravi.
A meno che diversamente indicato sul lato del portafusibili, serrare i terminali del
portafusibili a 2 Nm.
I cavi non sono correttamente trattenuti nei terminali con una coppia insufficiente.
Una coppia insufficiente può aumentare la resistenza di contatto, provocando un
surriscaldamento dei terminali di alimentazione.
Una coppia eccessiva può danneggiare il terminale.
Kit di contatti per portafusibili
Per i dati tecnici e il cablaggio consigliato, vedere "Dati di contatto dei portafusibili
(codice HSM di ordinazione dei fusibili)" a pagina 52.
HA033412ITA Edizione 01
229
Manutenzione
Corrente
Dimensioni dei portafusibili
Nelle figure da 107 a 110 vengono mostrati i dettagli dimensionali dei vari
portafusibili elencati in
Tabella 3 e Tabella 4 (non tutti mostrati nella stessa scala).
58 mm (2.28 in)
17.5 mm
(0.69 in)
45 mm (1.77 in)
83 mm (3.27 in)
88.5 mm (3.48 in)
14.5 mm
(0.57 in)
6.5 mm
(0.26 in)
40.5 mm (1.59 in)
82 mm (3.23 in) (max)
Figura 107 Dimensioni dei portafusibili: US101 (10x38 mm)
56.5mm (2.22in)
17.5mm
(0.69in)
45mm (1.77in)
76.5m (3.01in)
79.3mm (3.12in)
20mm
(0.78in)
4.6mm
(0.18in)
43mm (1.69in)
76.9mm (3.03in) (max)
Figura 108 Dimensioni dei portafusibili: CUS101 (10x38 mm)
230
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Manutenzione
94 mm (3.70 in)
79.5 mm (3.13 in)
76.5 mm (3.01 in)
53.0 mm
(2.09 in)
45.0 mm
(1.77 in)
107 mm (4.21 in)
6.5 mm
(0.26 in)
50.5 mm
(1.98 in)
26.5 mm
(1.04 in)
3.8 mm
(0.15 in)
Figura 109 Dimensioni dei portafusibili: US141 (14x51 mm)
HA033412ITA Edizione 01
231
Manutenzione
Corrente
105.0 mm (4.13 in)
103.0 mm (4.06 in)
76.5 mm (3.01 in)
124 mm (4.88 in)
70.0 mm
(2.76 in)
45 mm
(1.77 in)
6.5 mm
(0.26 in)
50.5 mm
(1.98 in)
35 mm
(1.38 in)
3.8 mm
(0.15 in)
Dimensioni dei portafusibili: US221 (22x58 mm)
117 mm (4.61 in)
5.25 mm
(0.21 in)
87 mm (3.43 in)
40mm (1.57 in) 40mm (1.57 in)
(Fixing centres) (Fixing centres)
8.5 mm
(0.33 in)
57 mm (2.24 in)
118 mm (4.65 in)
130 mm (5.12 in) (Fixing centres)
148 mm (5.83 in)
25.5 mm
(1.003 in)
35 mm
(1.38 in)
75 mm (2.95 in)
8 mm
(0.31in)
3 mm
(0.12 in)
40mm (1.57 in)
80 mm (3.15 in)
120 mm (4.72 in)
Figura 110 Dimensioni dei portafusibili: US271 (27x60 mm)
232
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Manutenzione
Fusibile di protezione dell'alimentazione ausiliaria
W PERICOLO
PERICOLO DI INCENDIO
•
I cavi utilizzati per collegare l'alimentazione ausiliaria e la tensione di riferimento
di EPack devono essere protetti da una protezione del circuito derivato. Tale
protezione del circuito derivato deve essere conforme ai requisiti normativi locali
e nazionali.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o
lesioni gravi.
La protezione del circuito derivato è obbligatoria per proteggere il cavo utilizzato
per collegare l'alimentazione ausiliaria.
•
EC: la protezione del circuito derivato deve essere selezionata in conformità
alla norma IEC 60364-4-43 o gli standard locali applicabili.
•
UL: la protezione del circuito derivato deve essere selezionata in conformità
a NEC article 210.20, necessaria per la conformità ai requisiti NEC (National
Electric Code).
W PERICOLO
PERICOLO DI SCOSSA ELETTRICA, DI ESPLOSIONE O DI ARCO ELETTRICO
•
Un fusibile extrarapido (fusibili supplementari oltre al dispositivo di protezione
del circuito derivato) o un doppio fusibile di protezione, elencati nella sezione
relativa ai fusibili, è obbligatorio per proteggere la linea di alimentazione
ausiliaria da 85 V ca a 550 V ca.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o
lesioni gravi.
Tale fusibile è necessario per evitare che l'alimentazione ausiliaria da 85 V ca a
550 V ca emetta fiamme o fonda un elemento in caso di guasto di un componente.
Il fusibile extrarapido (fusibile supplementare) non protegge il cablaggio che deve
essere installato in aggiunta al dispositivo di protezione del circuito derivato.
Un doppio fusibile di protezione combina un fusibile del circuito derivato e un fusibile
extrarapido. Il doppio fusibile di protezione deve essere selezionato in base agli
standard nazionali applicabili. Gli standard per i fusibili di protezione del circuito
derivato in USA/Canada differiscono dagli standard IEC (ad es. Europa (CE)).
Pertanto,
HA033412ITA Edizione 01
•
un fusibile approvato come fusibile di protezione del circuito derivato in
USA/Canada non costituisce un circuito derivato in tutti i Paesi nei quali
sono applicati gli standard IEC (ad es. Europa (CE)).
•
Un fusibile approvato come fusibile di protezione del circuito derivato in tutti
i Paesi nei quali sono applicati gli standard IEC (ad es. Europa (CE)) non
costituisce un circuito derivato in USA/Canada.
233
Manutenzione
Corrente
Tabella 45: Fusibile di protezione dell'alimentazione ausiliaria
Categoria
fusibili UL
Categoria
fusibili CE
Fusibile (marca e tipo)
Supplementare
Supplementare
Fusibile tipo ATM2 con valore
nominale 2 A, 600 V ca/cc:
Mersen/Ferraz Shawmut (file UL:
E33925)
Circuito
derivato
Supplementare
Fusibile tipo J con valore
nominale 3 A/600 V ca:
HSJ3 di Mersen/Ferraz Shawmut
(file UL: E2137; classe CSA: 1422-02
LR12636)
oppure
DFJ-3 di Eaton/Cooper Bussman
(file UL: E4273; classe CSA: 1422-02
LR53787)
Supplementare
Circuito derivato
fusibili tipo gR con valore
nominale 3 A/700 V:
FR10GR69V3 (V1014571) di
Mersen/Ferraz Shawmut (file UL: E76491)
W PERICOLO
PERICOLO DI SCOSSA ELETTRICA, DI ESPLOSIONE O DI ARCO ELETTRICO
•
In caso di apertura dei fusibili o del dispositivo di protezione del circuito
derivato che alimenta la linea di alimentazione ausiliaria da 85 V ca a 550 V
ca, controllare per prima cosa il cablaggio. Se il cablaggio non è danneggiato,
non sostituire il fusibile e contattare il centro di assistenza locale del
produttore.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o
lesioni gravi.
Se il cablaggio non è danneggiato, un componente interno all'alimentazione ausiliaria
da 85 V ca a 550 V ca è guasto e il prodotto deve essere restituito al centro di
assistenza.
234
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Manutenzione
Aggiornamento dello strumento
L'aggiornamento dello strumento viene eseguito in due fasi: aggiornamento di iTools
all'ultima versione e aggiornamento del software.Contattare il rappresentante locale.
Aggiornamento di iTools
Sul sito Web www.Eurotherm.com individuare la sezione "Downloads" e fare clic sul
pulsante "Quick search (Ricerca rapida)" per ITOOLS. Viene visualizzato un elenco
con il software e la documentazione più recenti disponibili per iTools. Fare clic sui link
per scaricare e installare l'ultima versione.
Fare clic per
scaricare
l'ultima
versione
Figura 111 Sezione Downloads
Aggiornamento del software
L'aggiornamento del software può essere eseguito tramite uno tra i due metodi che
seguono:
Ricezione di un codice via telefono
1.Telefonare al rivenditore/addetto dell'assistenza locale
Eurotherm tenendo a portata di mano il numero di serie dello
strumento da aggiornare e l'attuale versione del software. Il
numero di serie si trova sull'etichetta laterale dello strumento;
la versione del software in fondo alla finestra iTools, come mostrato.
2. Effettuare un ordine per la nuova funzionalità necessaria.
3. Verrà fornito un nuovo codice da inserire nella configurazione delle opzioni
dello strumento.
HA033412ITA Edizione 01
235
Manutenzione
Corrente
Figura 112 Configurazione opzioni strumento
Ricezione di un codice tramite iTools
1. Fare clic sul pulsante "iTools secure"
.
2. Accettare il messaggio di attenzione.
3. Selezionare le funzioni richieste dall'elenco visualizzato (figura 113). Se è
montata l'opzione EtherCAT, le opzioni EthernetIP e PROFINET non sono
disponibili.
4. Fare clic su su "Proceed" (Avanti). Viene inviata un'e-mail che richiede il
codice di opzione. Seguire le istruzioni.
5. Inserire un nuovo codice come descritto al passaggio 3 sopra.
Figura 113 iTools secure
236
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Manutenzione
Corrente Nota sulla licenza
FreeRTOS
Corrente è alimentato da un FreeRTOS originale versione v7.1.0.
FreeRTOS è disponibile all'indirizzo http://www.freertos.org
EtherNet/IP
EPack utilizza uno stack MOLEX Ethernet/IP incorporato.
PROFINET
EPack utilizza uno stack PROFINET PORT incorporato.
/* microutf8
Copyright © 2011 di Tomasz Konojacki
Con le presenti note viene concessa l'autorizzazione, senza spesa alcuna, a qualsiasi
soggetto che ottenga una copia del software e dei file della documentazione associata
(il "Software") a utilizzare il Software senza limitazioni, compreso, senza limitazione,
il diritto di utilizzare, copiare, modificare, unire, pubblicare, distribuire, concedere in
sub-licenza e/o vendere copie del Software e consentire ad altre persone cui viene
fornito il Software gli stessi diritti, conformemente alle seguenti condizioni:
La nota sul copyright riportata sopra e la presente nota di autorizzazione devono
essere incluse in tutte le copie o parti sostanziali del Software.
IL SOFTWARE VIENE FORNITO "COSÌ COM'È", SENZA GARANZIA DI NESSUN
TIPO, ESPRESSA O IMPLICITA, COMPRESE, SENZA LIMITAZIONE ALCUNA,
LE GARANZIE DI COMMERCIABILITÀ, IDONEITÀ PER UNO SCOPO SPECIFICO
E NON VIOLAZIONE DI DIRITTI ALTRUI. IN NESSUN CASO GLI AUTORI O IL
TITOLARE DEL COPYRIGHT SARANNO RESPONSABILI PER QUALSIVOGLIA
RECLAMO, DANNO O ALTRA RESPONSABILITÀ, PER AZIONE PER
RESPONSABILITÀ CONTRATTUALE, TORTO O ALTRO, DERIVANTE DA,
INERENTE A O IN CONNESSIONE CON IL SOFTWARE O GLI UTILIZZI DEL
SOFTWARE.
/*
lwip
/*
* Copyright © 2001, 2002 Swedish Institute of Computer Science.
* Tutti i diritti riservati.
* La ridistribuzione e l'utilizzo in formato sorgente e binario, con o senza modifiche,
sono
* consentiti se vengono rispettate le seguenti condizioni:
* 1. Le ridistribuzioni del codice sorgente devono riportare la nota sul copyright
riportata sopra, il presente elenco
* di condizioni e l'esclusione di responsabilità riportata sotto.
* 2. Le ridistribuzioni in forma binaria devono riprodurre la nota sul copyright riportata
sopra, il presente elenco di
* condizioni e l'esclusione di responsabilità riportata di seguito nella documentazione
* e/o altro materiale fornito con la distribuzione.
* 3. Il nome dell'autore non deve essere usato per sostenere o promuovere i prodotti
* derivati dal presente software senza previo apposito consenso scritto.
HA033412ITA Edizione 01
237
Dati tecnici
Corrente
Dati tecnici
Standard
Il prodotto è stato progettato e realizzato in maniera conforme ai seguenti standard.
Paesi
Dettagli standard
Comunità
Europea
EN60947-4-3:2014.
Low-Voltage Switchgear and Controlgear Part 4-1: Contactors and motor-starters - AC
semiconductor controllers and contactors
for non-motor loads (identico a
IEC60947-4-3:2014).
Dichiarazione di conformità disponibile su
richiesta.
USA e
Canada
UL60947-4-1 CAN/CSA C22.2
NO.60947-4-1-14
Low-Voltage Switchgear and Controlgear Part 4-1: Contactors and Motor-Starters Electromechanical Contactors and
Motor-Starters
U.L. File N° E86160
Australia
Marchio RCM per l'Autorità australiana per
i media e le comunicazioni.
Basato sulla conformità a
EN60947-4-3:2014.
Cina
238
Simbolo
standard
/
Prodotto non elencato nel catalogo dei
prodotti soggetti al
Certificato cinese (CCC)
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Dati tecnici
Categorie di installazione
W
PERICOLO
PERICOLO DI SCOSSA ELETTRICA, DI ESPLOSIONE O DI ARCO ELETTRICO
•
Non superare i valori nominali del dispositivo.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o
lesioni gravi.
Le barriere di isolamento dell'apparecchiatura sono state progettate essere
classificate secondo la tabella sottostante ad un'altitudine massima di 2000 m.
Tabella 46: Categorie di installazione
Categoria di
installazione
Impulso di
tensione
di tenuta
nominale
(Uimp)
Tensione
nominale di
isolamento
Valore minimo
della tensione
nominale di
esercizio per la
messa a terra
Comunicazioni
II
0,5 kV
50 V
50 V
I/O standard
II
0,5 kV
50 V
50 V
Relè
III
4 kV
300 V
300 V
Terminali di
alimentazione
III
6 kV
500 V
500 V
Dati tecnici
Potenza (a 45°C)
Range di tensione
Carico:
Ausiliario:
da 100 a 500 V (+10% -15%)
24 V ca/cc (+20% -20%)
oppure
da 100 a 500 V (+10% -15%)
W
PERICOLO
PERICOLO DI SCOSSA ELETTRICA, DI ESPLOSIONE O DI ARCO ELETTRICO
•
La tensione massima tra un qualsiasi polo della linea di alimentazione ausiliaria
da 85 V ca a 550 V ca e tutti gli altri terminali deve essere inferiore a 550 V ca.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o
lesioni gravi.
Se l'alimentazione ausiliaria da 85 V ca a 550 V ca è fornita da un trasformatore
dedicato, è necessario controllare la sincronizzazione per evitare sovratensioni.
W
PERICOLO
PERICOLO DI SCOSSA ELETTRICA, DI ESPLOSIONE O DI ARCO ELETTRICO
•
La "alimentazione ausiliaria a 24 V" è un circuito SELV. La tensione di
alimentazione deve essere derivata da un circuito SELV oppure PELV.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o
lesioni gravi.
HA033412ITA Edizione 01
239
Dati tecnici
Corrente
Il sistema SELV è definito (in IEC60947-1) come un circuito elettrico nel quale la
tensione non può superare la tensione "ELV" alle normali condizioni di impiego o
in condizioni di guasto singolo, inclusi guasti di terra in altri circuiti.
La definizione di ELV è complessa in quanto dipende da diversi fattori quali l'ambiente,
la frequenza del segnale e così via. Vedere IEC 61140 per ulteriori dettagli.
Range di frequenza
da 47 a 63 Hz per alimentazione ausiliaria ca
e di rete
Requisiti elettrici:
24 V cc
24 V ca
500 V ca
Categoria di installazione
Corrente di carico nominale
Dissipazione di potenza
12 W
18 VA
20 VA
Vedere Tabella 46 sopra.
Da 16 a 125 ampere
1,3 Watt per Amp, per fase
Grado di inquinamento
Grado 2
W
PERICOLO
PERICOLO DI SCOSSA ELETTRICA, DI ESPLOSIONE O DI ARCO ELETTRICO
•
L'armadio in cui è montato il prodotto deve essere isolato dall'inquinamento
conduttivo elettrico.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o
lesioni gravi.
Il prodotto è stato progettato per un grado di emissioni 2 in conformità alla definizione
della norma IEC60947-1: Di norma, si evidenzia solamente un inquinamento non
conduttivo. Può occasionalmente accadere che si verifichi una conduttività
temporanea causata dalla condensa.
L'armadio in cui è montato il prodotto deve essere isolato dall'inquinamento
conduttivo elettrico. Per assicurare un'atmosfera adatta in condizioni di inquinamento
conduttivo, installare adeguati sistemi di condizionamento/filtraggio/raffreddamento
dell'aria sulla presa d'aria dell'armadio, ad es. installare armadi raffreddati a ventola
con un rilevatore di guasto della ventola o un interruttore termico di sicurezza.
Ciclo operativo
Indicazione forma
Protezione corto circuito
Corrente condizionale circuito
nominale
Categorie di utilizzo
Tipo riscaldatore
Condizioni di sovraccarico
Fattore carico di potenza
240
Ininterrotto/funzionamento continuo
Forma 4 (regolatore a semiconduttori)
Da fusibili supplementari esterni (fusibili
extrarapidi), vedere "Fusibili" a pagina 227.
100 kA (tipo di coordinamento 1)
AC51: Carichi non induttivi o leggermente
induttivi, forni a resistenza
AC56a: Primario di trasformatori
Coefficiente di temperatura bassa/elevata e
variabili nel tempo: Siliciuro di molibdeno MOSI,
carburo di silicio, carbonio.
AC51: 1xle continua
0,85 per carichi da 32 A fino a 125 A
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Dati tecnici
W
PERICOLO
PERICOLO DI SCOSSA ELETTRICA, DI ESPLOSIONE O DI ARCO ELETTRICO
•
Non superare i valori nominali del dispositivo.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o
lesioni gravi.
Sono ammessi solo carichi LEGGERMENTE induttivi, contattare Eurotherm per
consigli su carichi inferiori a 32 A.
Caratteristiche fisiche
Dimensioni e dispositivi di
montaggio
Peso:
Unità da 16 A a 32 A
Unità da 40 A a 63 A
Unità da 80 A e 100 A
Unità da 125 A
Vedere Figura 4, Figura 5, Figura 6 e Figura 7 per
maggiori dettagli
800 g + connettori utente
950 g + connettori utente
1800 g + connettori utente
2500 g + connettori utente
Ambiente
Limiti di temperatura:
Esercizio:
0°C - 45°C a 1000 m
0°C - 40°C a 2000 m
Da -25°C a +70°C
1000 m massimo a 45°C
2000 m massimo a 40°C
Stoccaggio:
Altitudine:
W
PERICOLO
PERICOLO DI SCOSSA ELETTRICA, DI ESPLOSIONE O DI ARCO ELETTRICO
•
Non superare i valori nominali del dispositivo.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o
lesioni gravi.
Le barriere di isolamento dell'apparecchiatura sono state progettate per un'altitudine
massima di 2000 m.
W
PERICOLO
PERICOLO DI INCENDIO
•
Alla messa in servizio assicurarsi che in condizioni di carico massimo la
temperatura ambiente del prodotto non superi il limite riportato nel relativo
manuale.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o lesioni gravi.
Limiti di umidità
U.r. dal 5 al 95% (senza formazione di condensa)
Grado di protezione (CE)
Unità da 16 A a 63 A: IP10 (EN60529)
Unità da 80 A a 125 A: IP20 (EN60529)
HA033412ITA Edizione 01
241
Dati tecnici
Corrente
W
PERICOLO
PERICOLO DI SCOSSA ELETTRICA, DI ESPLOSIONE O DI ARCO ELETTRICO
•
Rispettare i requisiti degli impianti elettrici per garantire e migliorare la
classificazione IP.
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o
lesioni gravi.
Se le lunghezze di spellatura dei conduttori dei cavi di alimentazione sono più lunghe
dei requisiti, la classe IP20 è compromessa.
Se le lunghezze di spellatura dei conduttori dei cavi di alimentazione sono più corte
dei requisiti, esiste un potenziale rischio di perdita totale della connessione. I cavi
possono scivolare fuori dai terminali.
Per i prodotti con corrente nominale da 80 A a 125 A, se per i cavi con diametro
inferiore a 9 mm vengono rimosse le funzionalità di distacco, il grado di protezione
IP20 è compromesso e il prodotto avrà un grado di protezione IP10.
Classificazioni tipi di quadro (UL)
Tutte le unità:
Open type
Atmosfera
Non esplosiva, non corrosiva, non conduttiva
Cablaggio esterno:
IEC/CE: deve essere conforme a IEC60364-1 e
IEC60364-5-54 e a tutte le normative locali
applicabili.
UL: Il cablaggio deve essere conforme al NEC e a
tutte le normative locali applicabili. Le sezioni
devono essere conformi a NEC, Article 310
Table 310-16 (vedere Tabella 1 del presente
manuale per la classificazione delle
temperature)
Urti
Conforme a EN60068-2-27 e IEC60947-1
(Allegato Q, Categoria E)
Vibrazioni
Conforme a EN60068-2-6 e IEC60947-1
(Allegato Q, Categoria E)
EMC Standard:
EN60947-4-3:2014.
Vedere Tabella 47 e Tabella 48 per l'emissione
EMC e i livelli di immunità a cui il prodotto
deve attenersi.
Tabella 47: Test di immunità EMC
Test di immunità EMC (in conformità con EN60947-4-3:2014)
Livello
Richiesto
Scariche elettrostatiche
(metodo di prova di
IEC 61000-4-2)
Modalità di scarico
dell'aria 8 kV
Modalità di scarico
del contatto 4 kV
Prova di immunità sui campi
irradiati a radiofrequenza
(metodo di prova di
EN 61000-4-3)
10 V/m da 80 MHz a 1 GHz
e da 1,4 GHz a 2 GHz
242
Criteri
Raggiunto
Modalità di scarico
dell'aria 8 kV
Modalità di scarico
del contatto 4 kV
Richiesto
Raggiunto
2
2
1
1
10 V/m da 80 MHz a
1 GHz e da 1,4 GHz
a 2 GHz
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Dati tecnici
Test transitorio rapido / a treno
di impulsi (5/50 ns)
(metodo di prova di
EN 61000-4-4)
Porte di alimentazione da
2 kV / 5 kHz
Porte di segnale da
1 kV / 5 kHz
Porte di alimentazione
da 2,5 kV / 5 kHz
Porte di segnale da
1 kV / 5 kHz
2
1
Test tensione di picco
(1,2/50 μs – 8/20 μs)
(metodo di prova di
EN 61000-4-5)
2 kV da linea a terra
1 kV da linea a linea
2 kV da linea a terra
1 kV da linea a linea
2
2
15 V (143,5 dBμV)
da 0,15 MHz a 80 MHz
1
1
0% durante 0,5 periodo
e 1 periodo
2
2
Test condotto a radiofrequenza 10 V (140 dBμV)
(metodo di prova di
da 0,15 MHz a 80 MHz
EN 61000-4-6)
Test delle cadute di tensione
0% durante 0,5 periodo e
1 periodo
(metodo di prova di
EN 61000-4-11)
40% durante 10/12 periodi 40% durante
10/12 periodi
3
3
70% durante 25/30 periodi 70% durante
25/30 periodi
3
2
80% durante
250/300 periodi
80% durante
250/300 periodi
3
2
0% durante
250/300 periodi
0% durante
250/300 periodi
3
2
Test brevi interruzioni
(metodo di prova di
EN 61000-4-11)
HA033412ITA Edizione 01
243
Dati tecnici
Corrente
Tabella 48: Test di emissioni EMC
Test di emissioni EMC (in conformità con EN60947-4-3:2014)
Test
Frequenza
(MHz)
Prova di emissione sui campi irradiati a
radiofrequenza
In conformità con EN60947-4-3:2014
(metodo di prova di CISPR11)
Prova di emissione condotta a radiofrequenza
In conformità con EN 60947-4-3:2014 per
una potenza nominale < 20 kVA
(metodo di prova di CISPR11)
Livello limite per classe A
industriale
Quasi picco
dB (μV)
Media dB
(μV)
Da 30 a
230
40 a 10 m
N/A
Da 230 a
1000
47 a 10 m
N/A
Da 0,15 a
0,5
79
66
Da 5 a 30
73
60
100
90
Prova di emissione condotta a radiofrequenza Da 0,15 a
0,5
In conformità con EN 60947-4-3:2014 per
una potenza nominale > 20 kVA
Da 0,5 a 5
(metodo di prova di CISPR11)
Da 5 a 30
86
76
1
Da 90 a 73
Commenti
Pass
Le emissioni di rete
possono soddisfare
i requisiti della norma
IEC60947-4-3:2014
con un filtro esterno
aggiunto alle
connessioni di linea.
Da 80 a 601 Questo è in linea con il
resto del settore2
1. Diminuisce con il registro delle emissioni di frequenza.
2. Nota tecnica TN1618 (disponibile su richiesta del cliente) descrive le strutture filtranti raccomandate che riducono le emissioni di
radiofrequenza di rete.
W AVVERTENZA
UTILIZZO IMPROPRIO DELL'APPARECCHIATURA
•
Non utilizzare il prodotto per applicazioni di controllo critico o di protezione
nel caso in cui la sicurezza delle persone o dell'attrezzatura si basi sul
funzionamento del circuito di controllo.
•
I cablaggi dei cavi di alimentazione e di segnale devono essere tenuti separati
tra di loro. Laddove non praticabile, tutti i cavi devono essere classificati alla
tensione di alimentazione nominale, mentre per il cablaggio dei segnali sono
consigliati cavi schermati.
•
Questo prodotto è stato progettato per ambienti di categoria A (industriale).
L'uso di questo prodotto in ambienti di categoria B (domestico, commerciale
e industriale leggero) può provocare disturbi elettromagnetici indesiderati. In
questo caso può essere richiesta l'adozione di misure di protezione adeguate
da parte dell'installatore.
•
Per la compatibilità elettromagnetica, il pannello o la guida DIN a cui il
prodotto è collegato deve essere dotato/a di corretta messa a terra.
•
Adottare tutte le precauzioni contro le scariche elettrostatiche prima di
manipolare l'unità.
•
La corrente nominale del prodotto deve essere impostata tra il 25% e il 100%
della corrente massima.
La mancata osservanza di queste istruzioni potrà causare decesso, lesioni
gravi o danni all'attrezzatura.
244
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Dati tecnici
W
PERICOLO
PERICOLO DI SCOSSA ELETTRICA, DI ESPLOSIONE O DI ARCO ELETTRICO
•
L'ingresso e uscita I/O e le porte di comunicazione sono un circuito SELV.
Devono tutti essere collegati a un circuito SELV oppure PELV.
•
L'uscita relè e i contatti dei portafusibili sono conformi ai requisiti SELV;
possono essere collegati a un circuito SELV o PELV o a una tensione fino
a 230 V (valore massimo della tensione nominale di esercizio per la messa
a terra: 230 V)
La mancata osservanza di queste istruzioni può causare decesso o
lesioni gravi.
Il sistema SELV è definito (in IEC60947-1) come un circuito elettrico nel quale la
tensione non può superare la tensione "ELV" alle normali condizioni di impiego
o in condizioni di guasto singolo, inclusi guasti di terra in altri circuiti.
La definizione di ELV è complessa in quanto dipende da diversi fattori quali
l'ambiente, la frequenza del segnale e così via. Vedere IEC 61140 per ulteriori
dettagli.
Interfaccia operatore
Display
Pulsanti
Display quadrato TFT 1,44'' a colori che
consente di visualizzare i valori dei parametri
selezionati in tempo reale nonché di configurare
i parametri strumentali per gli utenti che
dispongono di adeguate autorizzazioni di
accesso.
Quattro pulsanti consentono di selezionare le
pagine e le voci e di scorrere tra queste.
Ingressi/uscite
Se non diversamente specificato, tutte le cifre si riferiscono a 0 V.
Numero di input/output
Velocità di aggiornamento
Terminazione
1 Ingresso analogico, 2 Ingressi digitali (DI1 e DI2);
1 Uscita di relè
1 Uscita configurata utente (ingresso DI2) *
(* Esclusivo per DI2 quando non utilizzato come
ingresso digitale.) Vedere Dettagli di ingressi e
uscite I/O (pagina 48)
Due volte la frequenza principale.
Predefinita a 55 Hz (18 ms) se la frequenza
di fornitura si trova al di fuori del range
da 47 a 63 Hz.
Connettore rimovibile a 5 poli. Posizionato come
mostrato in Figura 10.
Ingresso analogico
Prestazione
Tipo d'ingresso
Massimi assoluti ingresso
HA033412ITA Edizione 01
Vedere Tabella 49 e Tabella 50
Configurabile come: da 0 a 10 V, da 1 a 5 V, da
2 a 10 V, da 0 a 5 V, da 0 a 20 mA, da 4 a 20 mA
da -0,6 V a +16 V e ±40 mA
245
Dati tecnici
Corrente
Tabella 49: Dati ingressi analogici (ingressi di tensione)
Ingresso analogico: Prestazioni ingresso di tensione
Parametro
Tipico
Intervallo operativo complessivo ingressi di tensione
Risoluzione (priva di disturbi elettrici) (nota 1)
11 bit
Precisione di calibrazione (note 2, 3)
<0,1%
Precisione linearità (nota 2)
Deviazione dalla temperatura ambiente (nota 3)
Resistenza di ingresso (da terminale a 0 V)
142 k
Max/Min
da 0 V a +10 V
<0,1%
±0,1%
<0,01%/°C
±0,2%
Nota 1: intervallo operativo complessivo w.r.t.
Nota 3: dopo riscaldamento. Ambiente = 25°C
Nota 2: % del range effettivo (da 0 a 5 V, da 0 a 10 V)
Tabella 50: Dati ingressi analogici (ingressi correnti)
Ingresso analogico: Prestazioni ingressi corrente
Parametro
Tipico
Intervallo ingressi di tensione di lavoro complessivi
Risoluzione (priva di disturbi elettrici) (nota 1)
Precisione di calibrazione (note 2, 3)
Precisione linearità (nota 2)
Deviazione dalla temperatura ambiente (nota 2)
Resistenza di ingresso (da terminale a 0 V)
Nota 1: intervallo operativo complessivo w.r.t.
Nota 2: % del range effettivo (da 0 a 20 mA)
Max/Min
da 0 a +25 mA
11 bit
< 102 
<0,2%
±0,1%
±0,01%/°C
±1%
Nota 3: dopo riscaldamento. Ambiente = 25°C
Ingressi digitali
Ingressi tensione
Livello attivo (alto): 11 V< Vin < 30 V con 6 mA < corrente di
ingresso < 30 mA
Livello non attivo (basso): -3 V< Vin < 5 V con 2 mA< corrente di
ingresso < 30 mA
O
5 V < Vin < 11 V con corrente di ingresso < 2 mA
Ingressi di chiusura contatto
Corrente della fonte: 10 mA min; 15 mA max
Resistenza contatto aperto
(non attivo): > 800 
Resistenza contatto chiuso
(attivo): < 450 
Massimi assoluti:
±30 V o ±25 mA
Nota: I valori massimi assoluti si riferiscono a segnali applicati esternamente
Uscita digitale
Uscita configurata utente (DI2): ± 2% 10,2 V, 10 mA
Ad esempio; Fornire un potenziometro tra
2 k - 10 k (± 20%) utilizzato per azionare
l'ingresso analogico quando configurato
per la modalità Voltage (Tensione) - vedere
Ingressi/uscite (pagina 245).
246
HA033412ITA Edizione 01
Corrente
Dati tecnici
Specifiche relé
Il relé è dotato di contatti placcati in oro utilizzabili per "circuiti asciutti"
(bassa corrente). Vedere "Dettagli di ingressi e uscite I/O" a pagina 48.
Durata dei contatti
Carichi resistivi: 100.000 operazioni
Carichi induttivi: Riduzione come da grafico allegato (Figura 114)
Utilizzo con alta tensione
Corrente: 2 A (carichi resistivi)
Tensione: <264 V RMS (UL: tensione 250 VCA)
Utilizzo con bassa tensione
Corrente: >10 mA
Tensione: >5 V
Configurazione contatti:
Commutazione con contatti scambio (comune,
normalmente aperto e normalmente chiuso)
Terminazione
Connettore rimovibile a 3 poli. Posizionato
come mostrato in Figura 10.
Categoria di installazione
Categoria di installazione III, a condizione che
la fase nominale rispetto alla tensione di terra
è  300 V RMS.
Capacità di commutazione max
<2 A a 240 V RMS (carichi resistivi)
assoluta
Fattore di riduzione
Nota: Le espressioni "normalmente chiuso" e "normalmente aperto" si riferiscono
al relé quando la bobina non è eccitata.
Fattore di potenza (cos) 
Durata induttiva = durata resistiva x fattore di riduzione
Figura 114 Curve di riduzione relé
Dati dei kit di contatti per portafusibili
Il kit di contatti dei portafusibili vengono consegnati con contatto NO e NC.
Collegamento:
Alette Faston da 2,8 x 0,5 mm
Tensione nominale di isolamento: 250 V ca
Corrente operativa nominale conforme alla norma IEC 60947-5 e -1
Categoria d'uso AC15: 4 A/24 V, 4 A/48 V, 3 A/127 V, 2,5 A/240 V
Categoria d'uso DC13: 3 A/24 V, 1 A/48 V, 0,2 A/127 V, 0,1 A/240 V
Corrente e tensione operative minime:
Per riferimenti relativo al kit di contatti in base alla classificazione del prodotto,
vedere Tabella 4
Kit di contatti Mersen Y227928A, per dimensione dei fusibili 14 x 51 oppure
Kit di contatti Mersen G227959A per dimensioni dei fusibili 22 x 58.
1 mA/4 V ca o cc
Kit di contatti Mersen E227612A, per dimensione dei fusibili 27 x 60
100 mA/20 V ca o cc
HA033412ITA Edizione 01
247
Dati tecnici
Corrente
Misure della rete di alimentazione
Tutte le misure di rete sono calcolate su un periodo completo dell'alimentazione di
rete, ma aggiornate internamente ogni mezzo periodo. Per questo motivo il controllo
di potenza, dei limiti correnti e degli allarmi sono eseguiti alla velocità di un mezzo
periodo della rete di alimentazione. I calcoli sono basati sulla campionatura di forme
d'onda, prelevate a una velocità di 20 kHz. La tensione di fase cui si fa rifermento è la
tensione di linea riferita al potenziale di ingresso N/L2.
I parametri elencati sotto sono ricavati direttamente da misure effettuate per
ciascuna fase.
Precisione (da 20 a 25°C)
Frequenza di linea (F): ±0,02 Hz
Tensione linea RMS (Vline): ±2% di Vline nominale.
Tensione di carico RMS (V): ±2% di V nominale per letture della
tensione >1% di V nominal. Non
specificata per letture inferiori
all'1% di Vnom.
Corrente di carico (IRMS): ±2% di IRMS Nominal per le letture
della corrente > 3,3% IRMS Nominal.
Non specificata per letture ≤ 3,3% di
nominale. IRMS.
Tensione di carico RMS al quadrato (Vsq): ± 2% di (V Nominal)2
Corrente tiristore RMS al quadrato (Isq): ± 2% di (I Nominal)2
Potenza di carico effettiva (P): ±2% di (V nominale) × (I nominale)
Risoluzione frequenza
0,1 Hz
Risoluzione misura
11 bit del valore nominale
Deriva misurazione con temp. ambiente: < 0,02% della lettura in /°C
Altri parametri (S, PF, Z, IsqBurst, Vsq Burst e PBurst) sono ricavabili dai valori
sopraelencati, per la rete (se necessario). Per ulteriori dettagli vedere "Menu di
misurazione di rete" a pagina 178.
W AVVERTENZA
UTILIZZO IMPROPRIO DELL'APPARECCHIATURA
•
La corrente nominale del prodotto deve essere impostata tra il 25% e il 100%
della corrente massima.
La mancata osservanza di queste istruzioni potrà causare decesso, lesioni
gravi o danni all'attrezzatura.
Comunicazioni
Collegamento
Tipo di cavo
Protocollo
Baud rate
Indicatori
248
Collegato al regolatore EtherCAT slave
Vedere le indicazioni di installazione di ETG.1600
EtherCAT
EtherCAT, Modbus TCP (over EtherCAT)
100 M full duplex
Attività di collegamento (verde)
HA033412ITA Edizione 01
Copertina posteriore (master)
Scansionare per trovare contenuti locali
Eurotherm Ltd
Faraday Close
Durrington
Worthing
West Sussex
BN13 3PL
Telefono: +44 (0)1903 268500
www.eurotherm.co.uk
Standard, specifiche e design variano periodicamente; chiedere pertanto conferma delle
informazioni fornite nella presente pubblicazione.
© 2019 Eurotherm Limited. Tutti i diritti riservati.
*HA033412ENG*
HA033412ITA Edizione 01
(CN37342)
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement