Corso Arduino - Dipartimento di Fisica, Università della Calabria

Corso Arduino - Dipartimento di Fisica, Università della Calabria
Corso Arduino
Conoscere e usare

dell’ing.
MIRCO
SEGATELLO
È tra i sistemi di sviluppo più noti e
utilizzati: si basa su un processore Atmel
e dispone di numerosi I/O. Vediamo come
funziona e come si utilizza. Prima puntata.
rduino è il nome di una piattaforma
hardware per lo sviluppo di applicazioni
basate sui microcontrollori ATMEL. Ideata in
Italia nel 2005, è basata su una semplicissima
scheda di I/O e su un ambiente di sviluppo
che usa una libreria Wiring per semplificare
la scrittura di programmi in C e C++ da far
girare sulla scheda. Wiring è un ambiente di
programmazione open-source per impieghi
su schede elettroniche, pensato per una facile
applicazione; si tratta di un progetto italiano nato ad Ivrea (da un team composto da
Massimo Banzi, David Cuartielles, Tom Igoe,
Gianluca Martino e David Mellis) e successivamente sviluppato all’università Los Andes
in Colombia. Arduino può essere utilizzato
per lo sviluppo di oggetti interattivi standalone, ma può anche interagire con software
residenti su computer, come Adobe Flash,
Processing, Max/MSP, Pure Data, SuperCollider. La piattaforma hardware Arduino è
distribuita agli hobbisti sia attraverso Internet
che tramite fornitori locali ed è disponibile in
versione pre-assemblata, mentre le informazioni sul progetto hardware (nel pieno rispetto
della filosofia open-source) sono rese disponibili a tutti, in modo che, chiunque lo desideri,
può costruirsi un clone di Arduino con le
proprie mani. Il progetto Arduino ha preso
avvio in Italia ad Ivrea, nel 2005, con lo scopo
di rendere disponibile a progettisti, studenti
e semplici hobbisti, un dispositivo di svilup-
Elettronica In ~ Maggio / Giugno 2010
141
po facile ed allo stesso tempo più economico
rispetto a simili sistemi di prototipazione. I
progettisti sono riusciti nell’intento di creare
una piattaforma di semplice utilizzo ma che,
Il modulo Arduino serial.
al tempo stesso, permettesse una significativa
riduzione dei costi rispetto a molti prodotti
disponibili sul mercato. A ottobre 2008 erano
già stati venduti più di 50.000 esemplari di
Arduino in tutto il mondo.
Circuito stampato dell’Arduino serial V2.0.
142
Maggio / Giugno 2010 ~ Elettronica In
Corso Arduino
Arduino Single-Sided Serial.
Una scheda Arduino consiste di un microcontroller a 8-bit AVR prodotto dalla Atmel,
con l’aggiunta di componenti complementari
che ne facilitano l’utilizzo con altri circuiti.
Le schede ufficiali usano i chip della serie
megaAVR (nello specifico, i modelli ATmega8, ATmega168, ATmega328, e ATmega1280)
ma i loro cloni sono disponibili anche con altri
microcontrollori. Molte schede includono un
regolatore lineare di tensione a 5 volt ed un
oscillatore a quarzo da 16 MHz (o, in alcune
varianti, un risuonatore ceramico), sebbene
alcuni casi, come ad esempio LilyPad, girino
ad 8 MHz e facciano a meno dello stabilizzatore di tensione.
La scheda Arduino è pre-programmata con
un bootloader che semplifica il caricamento
dei programmi nella memoria Flash incorporata nel chip, rispetto ad altri dispositivi che
richiedono, solitamente, un programmatore
esterno.
A livello concettuale, tutte le schede vengono
programmate attraverso una porta seriale RS232, ma il modo in cui questa funzionalità è
implementata nell’hardware varia da versione
a versione. Le schede seriali Arduino contengono un semplice circuito traslatore di livelli
che permette la conversione tra il livello della
RS-232 e quello dei segnali TTL.
Le recenti versioni di Arduino (Diecimila
e Duemilanove) vengono gestite via USB,
grazie a un’implementazione che usa un chip
adattatore USB-seriale come l’FT232 della
FTDI. Alcune varianti, come la Arduino Mini
e la versione non ufficiale Boarduino, usano
una scheda o un cavo adattatore USB-to-serial
separato.
Le schede Arduino dispongono di molti connettori di Input/Output usabili quale estensione per altri circuiti esterni. La Diecimila, ad
esempio, offre 14 connettori per l’I/O digitale,
sei dei quali possono produrre segnali PWM;
esistono poi sei ingressi per segnali analogici. Questi pin sono disponibili sulla parte
superiore della scheda, mediante connettori
femmina a passo 0,1 pollici.
Inoltre, sono disponibili commercialmente
molte schede applicative plug-in, note come
“shields”.
Le schede Barebones e Boarduino e Seeduino,
tre cloni compatibili con la Arduino, sono
dotate di connettori maschio sul lato inferiore
Corso Arduino
del circuito, in modo da poter essere connesse
a una breadboard senza necessità di effettuare
saldature.
L’ambiente di programmazione integrato
(IDE) di Arduino è un’applicazione multipiattaforma scritta in Java, ed è derivata dall’IDE
creato per il linguaggio di programmazione
Processing e adattato al progetto Wiring. È
concepito per introdurre alla programmazione hobbisiti e neofiti, a digiuno di pratica
nello sviluppo di software.
Per consentire la stesura del codice sorgente, il programma include un editor di testo
dotato di alcune particolarità, come il syntax
highlighting, il controllo delle parentesi e
l’identificazione automatica delle istruzioni.
L’editor è inoltre in grado di compilare e
lanciare il programma eseguibile in una sola
passata e con un singolo click. In genere non
c’è bisogno di creare dei Makefile o far girare
programmi dalla riga di comando.
L’ambiente di sviluppo integrato di Arduino è fornito di una libreria software C/C++
chiamata “Wiring” (dall’omonimo progetto
Wiring) che rende molto più semplice implementare via software le comuni operazioni
input/output. I programmi di Arduino sono
scritti in C/C++, ma, per poter creare un file
eseguibile, all’utilizzatore non è chiesto altro
se non definire due funzioni:
• setup() ; è una funzione invocata una sola
volta all’inizio di un programma che può
essere utilizzata per i settaggi iniziali;
• loop() ; è una funzione chiamata ripetutamente fino a che la scheda non viene spenta.
Circuito stampato dell’Arduino USB.
Arduino serial: versione costruttivamente migliorata con PCB professionale, programmabile via seriale con microcontrollore ATMega8.
Arduino serial V2.0: versione migliorata della
Arduino serial.
Stampato dell’Arduino USB V2.0.
Arduino USB: versione con connessione USB
facente uso del convertitore FT232BM. La
programmazione avviene connettendola via
USB ad un PC.
L’IDE di Arduino usa la GNU toolchain e la
AVR Libc per compilare i programmi, mentre
si avvale di avrdude per caricarli sulla scheda.
L’hardware originale Arduino è realizzato
dalla italiana Smart Projects ed alcune schede
a marchio Arduino sono state progettate dalla
statunitense SparkFun Electronics.
Fino a oggi sono state commercializzate le
seguenti versioni dell’hardware Arduino.
Arduino Single-Sided Serial: la primissima
versione, equipaggiata con un ATMega8 e
programmabile via seriale. Lo stampato è di
tipo a singola faccia con tutti componenti DIP
ed è quindi facilmente realizzabile a livello
hobbistico.
Modulo Arduino extreme.
Elettronica In ~ Maggio / Giugno 2010
143
Arduino extreme V2.
Arduino USB V2.0: è la seconda versione
della Arduino USB. In essa è stato corretto
un problema sulla USB e viene fornita nuova
documentazione a corredo.
Arduino extreme: in questa versione vengono
usati più componenti a montaggio superficia-
Arduino NG: è la New Generations di arduino ed utilizza il convertitore USB-Seriale
di FTDI FT232RL, che richiede meno componenti esterni dell’FT232BM. Inoltre ha un
LED incorporato sul pin 13. La versione plus
viene fornita con un ATMega 168 invece di un
ATMega8.
Arduino NG REV.C: la versione C di NG non
ha il LED incorporato collegato al pin 13, ma
semplicemente una resistenza da 1 kohm; il
LED può quindi essere connesso all’esterno
senza aggiunta di ulteriori componenti.
Arduino DIECIMILA: è dotato di interfaccia
di programmazione USB e di un ATmega168
in un package DIL28. Il reset può avvenire
indifferentemente via software o con pulsante
sulla scheda. Viene usato uno stabilizzatore
di tensione e l’alimentazione può avvenire
indifferentemente via USB o dall’esterno (non
serve che sia stabilizzata). Un polyfuse protegge la linea alimentazione dell’USB. Inoltre
è presente un LED collegato sul pin 13, utile
per i primi esperimenti.
Modulo Arduino NG.
le. I connettori sono di tipo femmina a differenza delle prime versioni. Sono installati due
LED sulle linee TX ed RX per monitorare il
traffico della comunicazione.
Arduino DUEMILANOVE. È la versione
aggiornata della diecimila: rispetto ad essa
viene eliminato il selettore per l’alimentazione, in quanto uno switch interno commuta in
automatico tra alimentazione USB o esterna.
Viene eliminata la funzione di autoreset eventualmente ripristinabile con un jumper.
Dal 1° marzo 2009, il Duemilanove viene
fornito con il nuovo microcontrollore ATmega328p anziché il ATmega168.
Arduino Mini: è la versione in miniatura
facente uso di un ATmega168 a montaggio
superficiale.
Arduino Nano: versione ancora più piccola
della Mini, utilizzante lo stesso controller ATmega168 SMD e alimentata tramite USB.
Arduino NC REV.C.
144
Maggio / Giugno 2010 ~ Elettronica In
LilyPad Arduino: si tratta di un progetto
minimalista per applicazioni “indossabili”
basate sullo stesso ATmega168 SMD.
Corso Arduino
Arduino extreme V2: è fatta come la versione
precedente, ma con piano di massa sul PCB.
Corso Arduino
Arduino BT: dotato di interfaccia di programmazione Bluetooth e basato su un
microcontrollore ATmega168.
Arduino Mega: si caratterizza per il fatto che
impiega un processore ATmega1280 a montaggio superficiale per la gestione di I/O e
memoria addizionale.
Gli schemi hardware di Arduino vengono
distribuiti, in modo da poter essere utilizzati
nei termini legali, con una licenza Creative
Commons Attribution Share-Alike 2.5, e sono
disponibili sul sito ufficiale Arduino. Per
alcune versioni della scheda sono disponibili
anche il layout e i file di produzione.
Il codice sorgente per l’Ambiente di sviluppo
integrato e la libreria residente sono disponibili, e concessi in uso, secondo i termini legali
contenuti nella licenza GPLv2.
La GNU General Public License è una licenza
per software libero. È comunemente indicata
con l’acronimo GNU GPL o semplicemente
GPL.
Contrariamente alle licenze per software
proprietario, la GNU GPL assicura all’utente
libertà di utilizzo, copia, modifica e distribuzione. La GPL ha incontrato un gran successo
fra gli autori di software sin dalla sua creazione, ed è oggi la più diffusa licenza per il
software libero.
Come ogni licenza software, la GPL è un documento legale associato al programma rilasciato sotto tale licenza. Come tutte le licenze
di software libero, essa concede ai licenziatari
il permesso di modificare il programma, di
copiarlo e di ridistribuirlo con o senza modifiche, gratuitamente o a pagamento. Rispetto
alle altre licenze di software libero, la GPL è
classificabile come “persistente” e “propagativa”. È “persistente” perché impone un vincolo
alla redistribuzione, nel senso che se l’utente
distribuisce copie del software deve farlo
secondo i termini della GPL stessa. In pratica,
deve distribuire il testo della GPL assieme al
software e corredarlo del codice sorgente o
di istruzioni per poterlo ottenere ad un costo
nominale.
Questa è la caratteristica principe della GPL,
il concetto ideato da Richard Stallman e da lui
battezzato copyleft. Il suo scopo è di mantene-
Modulo Arduino Diecimila.
re libero un programma una volta che esso sia
stato posto sotto GPL, anche se viene migliorato correggendolo e ampliandolo.
È “propagativa” perché definisce nel testo
Un esemplare di Arduino 2009.
una particolare interpretazione di “codice
derivato”, tale che in generale l’unione di un
programma coperto da GPL con un altro programma coperto da altra licenza può essere
distribuita sotto GPL.
Sia la scheda originale che i suoi cloni fanno uso di shields, ovvero di espansioni alla
Modulo Arduino Mini.
Elettronica In ~ Maggio / Giugno 2010
145
Arduino base, realizzate con schede a circuito
stampato che possono essere collocate al di sopra della Arduino, inserendosi nei connettori
normalmente forniti. Esistono espansioni dedicate a varie funzioni, dal controllo motorio,
Il coreografico LilyPad Arduino.
al breadboarding (prototipizzazione).
Tutta la documentazione originaria di riferimento costantemente aggiornata è presente
sul sito ufficiale in lingua inglese http://arduino.cc/en. Esiste anche la versione in italiano,
ma non è costantemente aggiornata; la trovate
Il modulo Arduino BT.
146
Maggio / Giugno 2010 ~ Elettronica In
LA SCHEDA ARDUINO DUEMILANOVE
Adesso che abbiamo appreso il senso del
progetto Arduino, entriamo nel dettaglio
di uno dei prodotti: per la precisione, della
scheda Duemilanove, che risulta essere la
più recente al momento in cui scriviamo e
quella che meglio rappresenta la filosofia
Arduino e ben si presta ad un po’ di didattica.
Analizziamone subito lo schema elettrico:
la scheda Arduino Duemilanove (“2009”)
è basata su di un microprocessore ATmega328; in essa sono presenti 14 piedini
input/output digitali (di cui 6 utilizzati
come uscite PWM), 6 ingressi analogici,
un oscillatore con quarzo a 16 MHz, una
connessione USB, un ingresso per l’alimentazione, un ICSP header (In-Circuit Serial
Programming) ed un pulsante di reset.
Tutto ciò che è necessario per supportare il
microprocessore è contenuto nella scheda.
Per iniziare a lavorare con essa è sufficiente
connetterla ad un computer con un cavo
USB oppure tramite un alimentatore ACDC o una batteria.
Alimentazione
La scheda Arduino Duemilanove può
essere alimentata tramite la porta USB del
PC, oppure con un alimentatore esterno;
la sorgente di alimentazione è selezionata
automaticamente.
L’alimentazione esterna (non USB) può
arrivare da un alimentatore AC/DC non
stabilizzato (con plug da 2,1 mm) oppure
da una batteria (usare i contatti Vin e GND
per la connessione).
E’ consigliabile alimentare la scheda con
una tensione esterna da 7 a 12 volt in quanto con un potenziale inferiore il regolatore
interno non riesce a fornire i 5 volt necessari mentre, con una tensione superiore, si
rischia il surriscaldamento.
Corso Arduino
Il modulo Arduino Nano.
su http://arduino.cc/it . All’interno di questo
sito potete navigare attraverso alcuni link per
accedere alla sezione hardware, alla sezione
software, al forum o ai tutorial; i link sono i
seguenti:
- http://arduino.cc/en/Tutorial/Blink;
- http://arduino.cc/en/Main/Hardware;
- http://arduino.cc/it/Main/FAQ.
Corso Arduino
Schema elettrico di Arduino 2009.
I piedini di alimentazione risultano disponibili sul connettore POWER e sono elencati qui di seguito:
• VIN = tensione di alimentazione esterna;
può essere fornita tramite questo pin (in
alternativa al plug) oppure prelevata per
alimentare una scheda esterna;
• 5V = è l’alimentazione stabilizzata per il
microcontrollore e i suoi componenti. Proviene dal VIN attraverso il regolatore della
scheda, oppure dalla USB o da un’altra
linea di alimentazione fissa a 5 V.
• 3V3 = tensione di 3,3 volt generata dal chip
FTDI della scheda; da essa non è possibile
prelevare più di 50 mA. La linea corrispondente può essere usata per alimentare
schede esterne.
• GND = piedino di massa (zero volt).
Memoria
La ATmega328 dispone di 32 kB di memoria flash per caricare il codice (di cui 2 sono
utilizzati per il bootloader). Ha inoltre 2 kB
di SRAM e 1 kB di EEPROM (che può essere
letta e scritta con la libreria EEPROM).
Ingressi e uscite
Ciascuno dei 14 piedini digitali della Duemilanove può essere utilizzato sia come ingresso che come uscita, utilizzando le funzioni
pinMode(), digitalWrite(), e digitalRead() ed
operando a 5 volt. Ogni piedino gestisce al
massimo 40 mA ed ha una resistenza di pullup (disconnessa di default) da 20÷50 kohm.
Inoltre, alcuni piedini hanno delle funzioni
specializzate che descriviamo di seguito.
• Serial: 0 (RX) e 1 (TX). Utilizzati per ricevere (RX) e trasmettere (TX) in TTL dati
seriali. Questi piedini sono connessi ai
corrispondenti piedini del chip seriale FTDI
USB-to-TTL.
• Interruttori esterni: 2 e 3. Questi piedini
possono essere configurati come ingressi
digitali.
• PWM: 3, 5, 6, 9, 10, e 11. Fornisce un’uscita
a 8-bit PWM con la funzione analogWrite().
• SPI: 10 (SS), 11 (MOSI), 12 (MISO), 13
(SCK). Questi piedini supportano la comunicazione SPI, che, sebbene implementata a
livello hardware, non è al momento inclusa
nel linguaggio Arduino.
• LED: 13. Connesso al piedino digitale 13
Elettronica In ~ Maggio / Giugno 2010
147
ATmega328
5V
Tensione di alimentazione (raccomandata)
7÷12 V
Tensione di alimentazione (limite)
6÷20 V
Piedini digitali I/O
Piedini di ingresso analogici
14 (di cui 6 utilizzati come output
PWM)
6
corrente DC per i piedini di I/O
40 mA
corrente DC per il piedino a 3.3V
50 mA
Memoria Flash
SRAM
16 kB (di cui 2 kB utilizzati dal
bootloader)
1 kB
EEPROM
512 byte
Clock
16 MHz
Caratteristiche dell’Arduino Duemilanove.
è montato sulla scheda un LED. Quando
questo ha valore HIGH, il LED è acceso,
quando il piedino è LOW, il LED è spento.
La Duemilanove ha sei ingressi analogici,
ognuno dei quali con una risoluzione di
10 bit (ovvero 1.024 valori differenti). Per
impostazione predefinita essi accettano in
ingresso una tensione tra GND e 5 V, sebbene sia possibile cambiare il limite superiore
utilizzando il piedino AREF. Inoltre, alcuni
piedini hanno delle funzioni specializzate; si
tratta di:
• 4 (SDA) e 5 (SCL); riguardano un bus I²C e
supportano la comunicazione I²C (TWI) utilizzando la libreria Wire (la documentazione del caso si trova sul sito della Wiring).
Ci sono poi altri due piedini specializzati, che
sono:
• AREF; tensione di riferimento per gli
ingressi analogici; viene utilizzato con analogReference().
• Reset; portata a livello basso permette di resettare il microprocessore (inizializzazione).
A questo proposito conviene consultare il
data-sheet dell’ATmega168.
Comunicazione
La Arduino Duemilanove ha una serie di funzioni utili alla comunicazione con un computer, un’altra scheda Arduino, o altri microprocessori. L’ATmega328 dispone di un modulo
di comunicazione seriale UART TTL-compatibile (5 V) accessibile dai piedini digitali
0 (RX) e 1 (TX). Un integrato FTDI FT232RL
sulla scheda canalizza questa comunicazione
seriale sulla USB; i driver forniti dalla FTDI
(disponibili con il software Arduino) provvedono a creare una porta COM virtuale utiliz-
148
Maggio / Giugno 2010 ~ Elettronica In
zabile dal software presente sul computer. Il
software Arduino include un monitor seriale
che permette di spedire o ricevere dalla scheda Arduino semplici dati di testo.
Una libreria SoftwareSerial permette la comunicazione seriale su qualunque dei piedini digitali della Duemilanove. Il microcontrollore
ATmega328 supporta anche la comunicazione
I²C (TWI) e la SPI. Il software Arduino include
una libreria Wire per semplificare l’uso del
bus I²C; la documentazione del caso si trova
sul sito Wiring, che potete consultare per
dettagli. Per sapere come utilizzare la comunicazione SPI communication, consultate i dati
tecnici della ATmega328.
Programmazione
Il microcontrollore ATmega328 della scheda
Arduino Duemilanove ha già un bootloader
pre-caricato, che permette di caricare nuovo
codice senza la necessità di uno specifico
programmatore esterno; comunica utilizzando il protocollo originale STK500. Si può,
naturalmente, evitare l’utilizzo del bootloader
e programmare la ATmega328 attraverso il
connettore ICSP (In Circuit Serial Programming).
Inizializzazione automatica (Software)
Il microcontrollore può essere resettato sia
a livello hardware con l’apposito pulsante
sulla scheda, sia via software al caricamento
di un programma. Una delle linee di controllo del flusso hardware (DTR) della FT232L è
connessa alla linea di reset della ATmega328
attraverso un condensatore da 100 nanofarad.
Quando questa linea viene alimentata con una
tensione troppo bassa, la linea di reset assume
un livello sufficiente ad impartire il reset della
scheda. Il software Arduino utilizza questa caratteristica per caricare codice semplicemente
premendo il pulsante di caricamento (upload). Ciò significa che il bootloader può avere
un timeout più breve, mentre l’abbassamento
del DTR può essere coordinato con l’inizio del
caricamento.
Questa configurazione ha altre implicazioni:
quando la Duemilanove è connessa ad un
Mac o ad un PC con sistema operativo Linux,
ogni volta che viene fatta una connessione
via software (attraverso la porta USB) essa
si re-inizializza. Per il mezzo secondo (circa)
Corso Arduino
Microprocessore
Tensione operativa
Corso Arduino
successivo, sulla Duemilanove sarà attivato il
bootloader.
Poiché la programmazione è stata fatta con la
caratteristica di ignorare i dati non formattati
correttamente (ad esempio, tutto ciò che non
ha a che fare con il caricamento di un nuovo
codice) intercetterà i primi pochi byte dei dati
spediti alla scheda quando viene aperta una
connessione. Se all’Arduino è connessa una
scheda aggiuntiva che utilizza questa porta
dati per comunicare con il microcontrollore,
è importante che il software con cui comunica attenda circa un secondo dopo l’apertura
della connessione e prima della trasmissione
di qualunque dato. La Duemilanove contiene
una pista che permette di disabilitare l’autoreset: è sufficiente ripristinare il contatto
(che sullo stampato viene identificato come
“RESET-EN”) per ripristinare la funzione.
Protezione da sovratensione della USB
La Arduino Duemilanove ha un fusibile autoripristinante che protegge la porta USB del
computer da cortocircuiti ed eccessiva tensione di alimentazione. Anche se la maggior
parte dei computer già prevede una protezione interna, il fusibile fornisce un ulteriore
livello di tutela. Se più di 200 mA attraversano
la porta USB, il fusibile interrompe automaticamente la connessione fino a quando il
cortocircuito o il picco non venga meno.
Caratteristiche fisiche
Il PCB della scheda Duemilanove misura 6,8
per 5,33 cm e riporta tre fori per il fissaggio
della scheda ad una superficie o ad un contenitore. Il connettore USB e il plug per l’alimentazione escono leggermente dal profilo
dello stampato.
Approfondimenti sull’hardware
Una prima fonte di alimentazione può essere
applicata al plug al quale fa capo un diodo a
protezione dall’inversione di polarità ed uno
stabilizzatore di tensione a 5 volt. L’alimentazione giunge anche tramite il connettore
USB, ma solo se non è presente l’alimentazione primaria; infatti il circuito composto
dall’operazionale IC5 provvede a disabilitare
l’alimentazione dalla USB, portando in OFF il
MOSFET NDT2955 quando sente la presenza
dell’alimentazione primaria letta tramite le
Contenuto del file compresso scaricabile da Internet.
resistenze R10 ed R11.
Il clock è ottenuto tramite un quarzo a 16 MHz,
Avvio schermata richiesta driver.
che stabilisce l’intervallo di tempo per l’esecuzione di una istruzione, in quanto quasi tutte
Impostazione manuale del percorso dei driver.
Elettronica In ~ Maggio / Giugno 2010
149
Percorso dei driver USB.
Completamento dell’installazione dei driver.
le istruzioni necessitano di un ciclo di clock
per la loro esecuzione. Nei microcontrollori
Microchip, ad esempio, sono necessari 4
impulsi di clock per eseguire un’istruzione
e quindi il numero di istruzioni eseguibili in
Il programma di esempio “LED blink”.
150
Maggio / Giugno 2010 ~ Elettronica In
Come si usa
Ma entriamo nel cuore dell’applicazione, ovvero del software di sviluppo necessario alla
programmazione del microcontrollore, senza
cui la scheda Arduino, appena acquistata, non
fa assolutamente nulla. Per poterla programmare da remoto senza alcun specifico programmatore, il microcontrollore viene fornito
preprogrammato con uno specifico bootloader
che instraderà in modo corretto il firmware
nell’apposita area di memoria EEPROM
durante la fase di programmazione. Faremo
riferimento alla scheda Arduino duemilanove,
ma nello stesso modo potremo operare con altre schede Arduino (tipo USB) e cloni, purché
provvisti di interfaccia USB.
Siccome la scheda dispone di un LED, come
primo esperimento lo faremo lampeggiare.
La Arduino Diecimila (e la Arduino NG originaria) hanno una resistenza e un LED integrati collegati sul pin 13. Nelle schede Arduino
NG Rev. C e precedenti il pin 13 ha comunque
una resistenza integrata, ma bisogna provvedere a collegare un LED esterno. In questo
caso è necessario connettere il polo positivo (il
reoforo più lungo) del LED al pin 13 e il polo
negativo (quello corto) alla massa (marcata
con “GND”); per non sbagliare, ricordate che
i LED sono normalmente piatti dalla parte del
catodo (negativo).
Vediamo ora, per passi, come improntare la
nostra primissima applicazione.
1. Procurare il materiale
Per prima cosa dobbiamo procurarci una
scheda Aduino Duemilanove ed un cavo USB
con connettore standard A-B, che è quello normalmente utilizzato per collegare una stampante USB al computer.
2. Scaricare il software Arduino
Per programmare la scheda Arduino è
necessario disporre dell’ambiente software
Corso Arduino
un” secondo (MIPS) equivale ad un quarto
della frequenza di clock.
Notiamo dallo schema che tutti i segnali sono
disponibili nei vari connettori, quindi, oltre
agli IN/OUT, disponiamo del segnale seriale
in uscita dall’FT232, dei segnali per il programmatore seriale esterno e delle tensioni di
alimentazione. A completare la scheda, il LED
PWR, acceso in presenza di alimentazione.
Corso Arduino
Arduino. Facendo riferimento al sito ufficiale Arduino, scarichiamo il software relativo
all’ambiente di sviluppo; al momento in cui
scriviamo è disponibile la versione per windows arduino-0018.zip, quella per MAC arduino-0018.dmg e quella per linux arduino-0018.
tgz. Nella successiva descrizione faremo riferimento all’installazione in ambiente Windows.
Decomprimete il file scaricato assicurandovi
di conservare la struttura delle cartelle.
Nelle varie cartelle sono compresi, oltre al
sistema di sviluppo, tutti i file java necessari, i
driver per FT232 e gli esempi del caso.
3. Connettere la scheda
Come prima applicazione suggeriamo di
alimentare la scheda direttamente dalla USB;
per fare questo è sufficiente inserire il cavo tra
la porta USB del PC e la scheda. Non ci sono
jumper o deviatori da impostare, quindi il
LED di alimentazione (PWR) deve illuminarsi.
Appena inserita la scheda, il sistema operativo Windows inizia l’installazione dei driver;
con Vista questo passaggio è automatico, in
quanto esso ricerca autonomamente i drive
e li installa, operazione che richiede alcuni
secondi. Per sistemi operativi più vecchi la
procedura avviene manualmente.
Una volta aperta la finestra di dialogo della richiesta dei driver bisogna fare clic sul
pulsante sfoglia e specificare il percorso in cui
trovare i driver: nel nostro caso è la cartella
FDT USB driver contenuta nei file di Arduino.
Fatto ciò si deve avviare l’installazione dei
driver.
Il codice del programma LED Blink.
Menu di scelta della scheda Arduino.
può essere ricavata leggendo dalle periferiche
installate tramite il percorso: Computer- (pulsante destro proprietà) - gestione dispositiviporte COM & LPT - USB serial PORT.
Assicuratevi che sia selezionata la voce “Arduino duemilanove” nel menu Tools > Board.
Ora basta semplicemente fare clic sul pulsante
4. Avviare il software
Avviamo il software, aprendo la cartella Arduino appena decompressa e facendo doppio
clic sull’icona dell’eseguibile Arduino.
5. Caricare un programma
Apriamo il programma di esempio LED blink:
ARDUINO-0018/Examples/Digital/Blink.
pde.
Di lato ecco come appare il codice del programma di esempio che farà lampeggiare il
LED. Selezionate la scheda Arduino dall’elenco disponibile in TOOL-BOARD.
Selezionate la COM alla quale è connessa
la scheda. Questa indicazione viene anche
riportata durante l’installazione dei driver, ma
Ricerca della porta COM virtuale assegnata ad Arduino.
Elettronica In ~ Maggio / Giugno 2010
151
Definizione della COM virtuale nel programma.
Il pulsante di compilazione.
“Upload” nell’interfaccia grafica del programma. Dopo qualche secondo dovrebbero
lampeggiare molto velocemente i LED RX e
TX sulla scheda.
Significa che la scheda sta comunicando con
il computer. Se la procedura è andata a buon
fine apparirà il messaggio “Done uploading”
nella barra di stato.
Notate che, se state utilizzando una scheda
Arduino Mini, NG, o altri tipi di schede,
dovrete premere fisicamente il loro pulsante
di reset appena prima di fare clic su “Upload” nel software; nelle altre schede il reset è
automatico.
Il software di sviluppo non ha la necessità
di creare file intermedi, perché partendo
direttamente dal codice sorgente crea, immediatamente il codice macchina da inserire nel
microcontrollore; il tutto, in un unico passaggio. Esiste comunque il pulsante di compilazione che provvede a verificare la correttezza
del codice. Qualche secondo dopo il
termine del processo di upload,
vedrete il LED color
Il modulo
Seeeduino.
152
Maggio / Giugno 2010 ~ Elettronica In
CLONI DI ARDUINO
Per il fatto che è possibile per terze parti
creare una propria Arduino compatibile
con il software originale, sono disponibili in
commercio diversi cloni. Benché i progetti
hardware e software siano resi disponibili
con licenze copyleft, gli sviluppatori hanno
espresso il desiderio che il nome “Arduino” (o
suoi derivati) venga riferito solo al prodotto
originale e non sia usato per indicare opere
derivate senza il permesso. Il documento che
esprime la policy ufficiale sull’uso del nome
“Arduino” mette l’accento su come il progetto
sia aperto ad incorporare lavori altrui nel prodotto ufficiale. Quale conseguenza di queste
convenzioni sulla protezione del nome, molti
prodotti simili ad Arduino sono presenti sul
mercato ma con nome diverso dall’originale,
come Freeduino o Seeeduino. Il nome non è
però inteso come un marchio commerciale
ma è liberamente utilizzabile da chiunque lo
desideri. Tra le schede disponibili sul mercato,
la SeeeduinoV2.12 (completamente assemblata con componenti SMD) propone una valida
alternativa all’originale con alcune differenze,
tra cui la possibilità di programmazione via
USB con connettore micro ed alimentazione
esterna tramite connettore JST.
CARATTERISTICHE DI SEEEDUINO
Seeeduino v2.12 è una scheda compatibile con Arduino Diecimila e basata sul
microcontrollore ATmega168. La pin-out, i
fori di fissaggio e le dimensioni sono compatibili al 100 % con quelle di Arduino Diecimila. La scheda dispone di 14 I/O (di cui sei
possono essere utilizzati come uscite PWM),
8 ingressi analogici, 16 kB di memoria flash, 1
kB di SRAM e 512 byte di memoria EEPROM.
Rispetto alla scheda Arduino Diecimila, presenta alcune differenze di seguito elencate.
1. Gli stessi ingressi e uscite sono disponibili
su due connettori differenti.
2. Il microcontrollore ATmega168 versione
DIP è stato sostituito con la versione SMD;
ciò ha permesso di ottenere più spazio sul
PCB, semplificando l’inserimento delle
schede dei vostri prototipi sui connettori
Corso Arduino
ambra lampeggiare sulla scheda.
Congratulazioni! Se lo vedete, avete una scheda Arduino connessa e funzionante.
Corso Arduino
del Seeduino.
3. Per consentire un facile accesso, tutti i pulsanti e gli interruttori sono vicini ai bordi
del PCB.
4. A causa delle sue dimensioni ingombranti,
il connettore USB tipo B è stato sostituito
con un connettore Mini USB.
5. A causa delle sue dimensioni ingombranti,
la presa di alimentazione (jack da 3,5 mm)
è stata sostituita con connettore JST a 2
poli.
6. Dispone di LED indicatore presenza alimentazione e di Reset vicino al pulsante
RST.
7. Ha la funzione di Auto-reset selezionabile.
8. Dispone di interruttore di selezione per
tensione a 3,3 V o 5 V.
9. Interfaccia UART per FTDI232 che permette di trasferire il bootloader senza la
necessità di utilizzare un cavo ISP.
10. Sono state aggiunti 2 ingressi ADC.
11. Facile connessione I²C e sensori analogici.
12. Possibilità di alimentazione diretta del
Seeeduino a 5 Vcc (Attenzione: Usare solo
5 V) mediante ingresso supplementare.
13. Il microcontrollore ATmega168 versione
DIP è stato sostituito con la versione SMD;
questo ha permesso di ottenere più spazio
sul PCB.
14. Dispone di connessione USART.
15. Riga supplementare di pin a saldare. È così
possibile utilizzare un connettore femmina o maschio a propria scelta.
16. Dispone di un regolatore di tensione da
3,3 V in grado di fornire più corrente (150
mA) rispetto ai 50 mA forniti dall’ FT232.
Seeeduino V3.28
Seeeduino è una scheda compatibile con Arduino duemilanove basata sul
microcontrollore ATmega328. Differisce dal
modello Seeeduino V2.12 perchè dispone di
maggior memoria flash, EEPROM e SRAM.
Per quanto riguarda l’utilizzo, essa non di
discosta molto dalla versione originale.
Sulla scheda sono disponibili tre piccoli deviatori con le seguenti funzioni:
- seleziona se l’alimentazione giunge dalla
USB o da fonte esterna; per la prima applicazione impostiamo l’alimentazione da
USB, così da non doverci procurare ulteriori
alimentatori;
Funzionalità della scheda Seeeduino.
- seleziona l’alimentazione della logica a 5 V
o 3,3 volt; 5 volt vanno benissimo come inizio
e i 3,3 V potrebbero essere utili se si intende
usare la scheda per alimentare un
circuito esterno funzionante a
tale tensione;
- il terzo deviatore
seleziona la
modalità di
reset; impostandola su
automatico
la scheda
si resetterà in
automatico non
appena sarà caricato
il firmware.
Seeeduino V3.28.
Per la prima applicazione impostiamo tutti i
deviatori con la levetta rivolta verso l’interno
della scheda. La scheda viene connessa al PC
con il solito cavo USB (con connettore micro
dal lato scheda); la procedura di avvio e di
programmazione è identica alla scheda Ardui
no originaria descritta in precedenza.
Funzioni degli interruttori a slitta di Seeeduino.
Elettronica In ~ Maggio / Giugno 2010
153
Corso Arduino
Conoscere e usare
rduino
dell’ing.
MIRCO
SEGATELLO
Impariamo ad utilizzare le shield e
mettiamo in pratica alcuni semplici
programmi, chiamati “sketches”, che
permettono di sfruttare le funzioni
della Danger Shield.
ella prima puntata abbiamo presentato il sistema di sviluppo italiano per
microcontrollori Atmel denominato
Arduino descrivendo i vari hardware messi in
commercio nelle loro numerose versioni, ma
anche descrivendo l’ambiente di sviluppo e
riportando i link di riferimento per i tutorial
ed il download del software. Il primo esempio, semplicissimo, descriveva l’accensione
di un LED e aveva lo scopo di farci prendere
confidenza con il sistema di sviluppo in modo
semplice e graduale. In questa seconda puntata prendiamo in considerazione la realizzazione di applicazioni più complesse, ma sempre
idonee alla comprensione di questo interessante sistema di sviluppo: per la precisione,
ci occuperemo di alcune shield . Ricordiamo
che esse non sono altro che appositi circuiti, i
quali, inserendosi direttamente nei connettori
della scheda principale (quella con a bordo
il microcontrollore) ne espandono le funzionalità aggiungendo hardware più specifico.
Facciamone ora una breve carrellata giusto per
avere conoscenza dei prodotti oggi disponibili
in commercio e valutare le possibili applicazioni. Il sistema è comunque costantemente
in sviluppo e nuove ed interessanti funzioni
vengono implementate e rese disponibili a tutti; infatti non dimentichiamo che, secondo la
licenza concessa dallo staff che ha sviluppato
Arduino, chiunque può sviluppare espansioni
sia per un uso personale, sia per fini commer-
Elettronica In ~ Luglio 2010
111
Corso Arduino
Fig. 1 - Schema della
Danger Shield.
ciali. Le shield che analizziamo sono elencate
e sommariamente descritte qui di seguito.
•Protoshield: è una piastra sperimentale
(58,50 x 82,70 mm) per piccole applicazioni, realizzata appositamente per le schede
Arduino o Seeeduino; permette di avere un
numero maggiore di piazzole su cui montare i componenti. Alcuni piazzole sono
predisposte per montare un connettore USB
tipo B, un mini potenziometro da stampato, pulsanti, LED, ecc. Dispone di piazzole
riservate al montaggio di connettori per
UART, ISP e I²C.
•Danger Shield: montata sopra una scheda
Arduino o Seeeduino, permette di testare
i vari ingressi/uscite, grazie ad una serie
di componenti elettronici. Il KIT contiene 3
Slider lineari con LED integrati, 4 pulsanti,
3 LED indicatori, 1 Buzzer, 1 Sensore di
temperatura.
•Motor Shield: basata sul chip L298, permette di controllare direzione e velocità di
2 motori DC con una corrente massima di 2
ampere ciascuno. Alimentata direttamente
dalla linea Vin di Arduino Duemilanove o
Seeeduino, ogni uscita dispone di un LED
112
Luglio 2010 ~ Elettronica In
blu e uno giallo per indicare la direzione di
rotazione del motore. Tutte le linee di uscita del chip L298 sono protette da un diodo.
Ethernet Shield: è un dispositivo basato sul
chip ethernet Wiznet W5100, che permette
di connettere una scheda Arduino ad una
LAN utilizzando la libreria Ethernet library. Ardui-no Ethernet Shield supporta fino
a quattro connessioni socket simultanee.
•Wiznet Shield: si tratta di un modulo basato sul chip W5100 e dotato di connettore
ethernet completo di filtri magnetici e 2
LED per la segnalazione di stato. Supporta
i protocolli hardware Ethernet: DLC, MAC
e internet: TCP, IP Ver.4, UDP, ICMP, ARP,
PPPoE, IGMP. Funziona in modalità sia
full-duplex che half-duplex. Questo modulo è la scelta ideale per gli utenti che desiderano dotare i loro dispositivi di connessione
Internet.
•GPS Shield: permette di dotare la scheda
Arduino di un modulo ricevitore GPS.
Grazie alle librerie disponibili in rete, sono
facilmente realizzabili applicazioni come
data-logger, localizzatori ecc. Il GPS Shield
è dotato di un connettore per il montaggio
Corso Arduino
Tabella 1
del ricevitore GPS 8160-EM406A e di una
piccola area riservata alla prototipazione.
•Tellymate Shield: collegato ad una scheda
Arduino e, utilizzando il comando “Serial.
println()”, permette di inviare semplici testi
e grafici sul vostro televisore. La velocità di
trasmissione può essere selezionata tramite
ponticelli.
•UARTSBV22: si tratta di un convertitore
USB-seriale che permette di dotare i vostri
progetti di connessione USB. Viene utilizzato per gestire la scheda RAIMBOWDUINO
e gli strip di cui è dotato permettono una
facile integrazione con altre schede. La
scheda offre la possibilità di montare un
modulo XBee o Bluetooth, permettendo in
questo modo di ottenere una connessione
wireless con il PC.
•SD Card shield: è una piccola scheda
dotata di slot per SD-Card e permette ai
dispositivi come Arduino e Seeeduino di
leggere e scrivere le SD-Card con apposite
librerie disponibili gratuitamente. L’unità è
dotata di un piccolo deviatore per selezionare la fonte di alimentazione dell’SD card:
tramite pin o 3,3 V della scheda Arduino/
Seeeduino.
In questo articolo ci occuperemo essenzialmente della Danger Shield e dalla sua programmazione. Questa scheda, reperibile in
kit di montaggio (ad esempio su www.futurashop.it) è l’ideale per le prime applicazioni, e
permette di prendere confidenza con l’hardware ed il software del sistema Arduino.
All’interno della confezione non sono fornite
le istruzioni (per altro disponibili in Internet)
quindi per la sua installazione dovete seguire le indicazioni seguenti. Dal suo schema
elettrico (Fig. 1) potete notare la presenza di
un LED (LED3) di segnalazione di presenza
dell’alimentazione, i LED1 e LED2 usabili a
piacimento per segnalazioni varie, tre potenziometri a slider che forniranno una tensione
analogica in ingresso al microcontrollore, un
buzzer ed un sensore di tocco ottenuto tramite
un secondo buzzer, tre pulsanti funzionanti
in logica positiva (premuti, forniscono uno
logico) e, infine, un display a LED a sette
segmenti controllato da uno shift-register tipo
74HC795. La corrispondenza tra le periferiche e i pin del microcontrollore è illustrata
Nome periferica
Nome sullo stampato
Segnale
microcontrollore
LED3
Power
Presenza
alimentazione
Pulsante_1
Button 1
D2
Pulsante_2
Button 2
D7
Pulsante_3
Button 3
D4
LED2
LED2
D5
LED1
LED1
D6
Potenziometro 3
Slider3
A0
Potenziometro 2
Slider2
A1
Potenziometro 1
Slider1
A2
Fotoresistenza
LDR
A3
Sensore temperatura
Temp sensor
A4
Sensore di suono
SG1 Knock sensor
A5
LED su slider1
LED su slider1
D9
LED su slider2
LED su slider2
D10
LED su slider3
LED su slider3
D11
Buzzer
SG2 Buzzer
D3
In seriale 795
Serial
D13
Clock per 795
Clock
D12
Enable per 795
Latch
D8
nella Tabella 1. La corrispondenza tra la sigla
delle resistenze ed il loro valore è riportata
nella Tabella 2. Sullo stampato è riportata
la serigrafia per tutti i componenti, quindi
non dovrebbero esserci difficoltà nel trovare
l’ubicazione di ciascun elemento; per aiutarvi
fate riferimento alle foto dell’articolo. Come al
solito, iniziate dalle resistenze montate in piano ed a seguire collocate gli altri componenti,
in ordine di altezza. Le resistenze del display
a LED sono invece posizionate in verticale;
fate molta attenzione perché lo spazio a disposizione è molto esiguo. Per ultimi saldate
i potenziometri. Fate estrema attenzione alla
giusta inserzione dei LED e del display, del
buzzer e del sensore di tocco. Notate una
curiosità: il sensore di tocco ed il buzzer in
pratica sono il medesimo componente; infatti
il cicalino piezoelettrico è reversibile, in quanto se gli applichiamo corrente elettrica esso
fornisce un suono, ma se non lo alimentiamo
e lo sollecitiamo meccanicamente (ad esempio
gli diamo un colpo sufficientemente intenso
con un dito) genera una tensione elettrica.
Detto ciò, vi rimane da saldare i connettori
Tabella 2
Resistenza
Valore
R1, R2, R3, R7
10 K
R6, R12, R13, R14, R15, R16, R17, R18
680
R4, R5, R9, R10, R11, R19
560
R8
1M
IC1
74HC795
Elettronica In ~ Luglio 2010
113
Verify/Compile
Compila e verifica errori nel listato.
Stop
Ferma l’applicativo Serial Monitor o altra funzione attiva.
New
Crea un nuovo sketch.
Open
Per aprire uno sketch esistente negli esempi
o in una cartella proprietaria.
Save
Salva l’attuale sketch aperto.
Upload to I/O Board
Compila e trasferisce il codice all’interno della Arduino board.
Serial Monitor
Apre l’applicativo serial monitor. Utile per inviare o ricevere
velocemente caratteri dalla porta di comunicazione seriale.
che permettono il fissaggio alla Arduino board; nel nostro esempio abbiamo utilizzato gli
strip maschi forniti nella confezione, il che ci
permette di tenere la Danger board ad alcuni
millimetri di distanza dal connettore USB e di
alimentazione della Arduino board.
Per sicurezza ponete del nastro adesivo isolante sopra il connettore USB, così da essere
certi che incidentalmente questo non vada a
toccare le piste dello stampato della Danger
Shield.
L’ambiente di sviluppo Arduino contiene
un editor di testo, un’area per i messaggi,
Listato 1
/*
Danger_01
Lampeggio LED1.
Per DangerShield su Arduino Duemilanove
una toolbar con pulsanti per le funzioni più
frequenti ed una serie di menu. I programmi
scritti con Arduino si chiamano Sketches e vengono scritti nell’editor di testo, il quale, è in
grado di gestire contemporaneamente più file
aperti ad esempio C files (.c extension), C++
files (.cpp), oppure header files (.h). Tutte le
classiche funzioni di copia/incolla, ricerca del
testo ecc. sono state implementate, così come
la messaggistica relativa agli errori ed allo
stato di lavoro. La toolbar per le funzioni più
frequenti comprende i comandi visibili nella
Tabella 3. I menu riepilogati nella barra dei
menu soprastante (File, Edit, Sketch, Tools,
Help) permettono di accedere alle funzioni
più evolute e meno frequenti, come ad esempio la selezione della scheda Arduino da noi
utilizzata. Di seguito descriviamo quelle più
importanti
Edit
• Copy for Discourse: copia il codice selezionato.
• Copy as HTML: copia il codice selezionato e
lo rende disponibile per il trasferimento in
una pagina Web.
Sketch
• Verify/Compile: compila e verifica gli errori
nel listato.
• Import Library: aggiunge una
libreria allo sketch attuale inserendo
#include statements nel codice.
• Show Sketch Folder: apre la cartella
contenente I file dello sketch attuale.
• Add File... : aggiunge un file sorgente allo sketch attuale.
*/
int ledPin =
6;
// LED connesso al pin digitale D6
void setup()
{
// inizializza il pin del LED come uscita digitale:
pinMode(ledPin, OUTPUT);
}
// Viene dichiarato un loop senza uscita
// Le istruzioni interne al loop vengono continuamente eseguite
void loop()
{
digitalWrite(ledPin, HIGH);
delay(1000);
digitalWrite(ledPin, LOW);
delay(1000);
}
114
// Accende il LED
// aspetta un secondo
// spegne il LED
// aspetta un secondo
Luglio 2010 ~ Elettronica In
Tools
• Auto Format: serve per formattare
il codice ad esempio per renderlo
“identato”, cioè per applicare rientri
diversi a seconda delle righe.
• Board: seleziona la scheda Arduino
utilizzata.
• Serial Port: per impostare la porta
seriale sulla quale la scheda è connessa.
• Burn Bootloader: questo menu
permette di avviare la procedura di
installazione del bootloader all’interno della scheda Arduino.
Questa operazione non è richiesta
Corso Arduino
Tabella 3
Corso Arduino
Listato 2
con le schede arduino in
quanto vengono fornite
con il bootloader già precaricato.
Uploading
Per caricare il vostro sketch
è necessario prima selezionare la corretta Arduino
Board dal menu Tools >
Board ed impostare la giusta
porta di comunicazione, dal
percorso Tools > Serial Port.
Libraries
Le librerie permettono di
estendere le funzionalità di base implementate.
Questo comando permette
di aggiungere una libreria
allo sketch tramite Sketch >
Import Library menu.
Serial Monitor
Questa applicazione permette di inviare dei semplici caratteri attraverso la
porta seriale verso la scheda
Arduino. In alcune schede
in cui è implementata la comunicazione USB, la porta
seriale è solo virtuale.
int
int
int
int
int
LED1
= 6;
LED2
= 5;
Button_1 = 2;
Button_2 = 7;
Button_3 = 4;
// LED1 connesso al
// LED2 connesso al
// Button_1 connesso
// Button_2 connesso
// Button_3 connesso
pin digitale D6
pin digitale D5
al pin digitale D2
al pin digitale D7
al pin digitale D4
// Dichiarazione delle variabili usate per leggere lo stato dei pulsanti
int Button_1_State = 0;
int Button_2_State = 0;
void setup()
{
// inizializza il pin del LED come uscita digitale:
pinMode(LED1, OUTPUT);
// initializza il pin del pulsante come ingresso:
pinMode(Button_1, INPUT);
// initializza il pin del pulsante come ingresso:
pinMode(Button_2, INPUT);
}
// Viene dichiarato un loop infinito
void loop() {
// Legge lo stato del pulsante 1:
Button_1_State = digitalRead(Button_1);
// Se è premuto attiva il LED:
if (Button_1_State == HIGH) {
// Accendo il LED:
digitalWrite(LED1, HIGH);
}
// Legge lo stato del pulsante 2:
Button_2_State = digitalRead(Button_2);
// Se è premuto spegne il LED
if (Button_2_State == HIGH) {
// Spengo il LED:
digitalWrite(LED1, LOW);
}
}
Boards
Da questo menu è possibile selezionare l’unità
Arduino utilizzata.
Help
Questo menu permette di accedere ad una
serie di informazioni riguardanti l’ambiente
di sviluppo tramite l’accesso diretto a delle
pagine HTML contenute nella cartella reference. Proprio questa voce del menu permette
di aprire una pagina HTML contenente tutte
le istruzioni disponibili e cliccando sopra
ognuna di esse è possibile entrare nei dettagli.
LA PROGRAMMAZIONE
Seguendo le istruzioni riportate nella prima
puntata del corso sarete in grado di installare
e rendere operativo il software di sviluppo.
Il primo programma che realizzeremo non si
discosterà molto dall’esempio già proposto il
mese scorso, dato che faremo semplicemente
lampeggiare il LED1 della Danger Shield,
connesso al pin 6 del microcontrollore. Dopo
aver avviato il software (Arduino ver. 18,
nel nostro caso) potete scegliere di creare da
zero un nuovo progetto oppure, in modo più
veloce, utilizzare un programma simile già
disponibile modificando le parti necessarie.
Consigliamo di creare una nuova cartella, nel
nostro caso Danger_01, nella quale potremmo
inserire un programma già esistente (simile
per funzione) come ad esempio il file Blink.pde
presente nella cartella Example/Digital/Blink, e
rinominarlo come Danger_01.pde.
Ricordiamo che Arduino è sì un prodotto
italiano, ma per favorirne la massima diffusione sia il software che la documentazione sono
scritti in lingua inglese; in questo corso, per
facilitare la comprensione, nomi e commenti
ai programmi saranno in lingua italiana, tranne alcuni termini riconosciuti universalmente
Elettronica In ~ Luglio 2010
115
Strutture
• void setup()
• void loop()
Sintassi
• ; (semicolon)
• {} (curly braces)
• // (single line comment)
• /* */ (multi-line comment)
Operazioni booleane
• && (and)
• || (or)
• ! (not)
116
Luglio 2010 ~ Elettronica In
Costanti
• HIGH | LOW
• INPUT | OUTPUT
• true | false
• Integer Constants
Tipi di dati
• boolean
• char
• byte
• int
• unsigned int
• long
• unsigned long
• float
• double
• string
• array
• void
Controllo
• if
• if...else
• for
• switch case
• while
• do... while
• break
• continue
• return
• goto
Operazioni Aritmetiche
• = (assignment)
• + (addition)
• - (subtraction)
• * (multiplication)
• / (division)
• % (modulo)
Comparazione
• == (equal to)
• != (not equal to)
• < (less than)
• > (greater than)
• <= (less than or equal to)
• >= (greater than or equal
to)
Operatori
• ++ (increment) -- (decrement)
• += (compound addition)
• -= (compound subtraction)
• *= (compound multiplication)
• /= (compound division)
Conversioni
• int()
• long()
• float()
Funzioni:
Listato 3
/*
Danger_04
Nota sonora sul Buzzer.
Per DangerShield su Arduino Duemilanove
*/
// Buzzer connesso a pin 3
int Buzzer = 3;
void setup() {
pinMode(Buzzer, OUTPUT);
}
void loop() {
// Suona una nota sul pin 3 alla frequenza di 1000Hz per 200msec:
tone(Buzzer, 1000, 200);
delay(1000);
}
Corso Arduino
in lingua inglese. Tutti i file saranno anche
disponibili per il download direttamente dal
sito della rivista a corso terminato, nel qual
caso sarà sufficiente copiarli in una cartella
in modo da renderli immediatamente utilizzabili. Per completezza riportiamo di seguito
alcuni riferimenti al linguaggio di programmazione che, come precedentemente ricordato, deriva dall’ANSI C.
Corso Arduino
Tabella 4
Digital I/O
• pinMode(pin, mode)
• digitalWrite(pin, value)
• int digitalRead(pin)
Analog I/O
• int analogRead(pin)
• analogWrite(pin, value) - PWM
Advanced I/O
• shiftOut(dataPin, clockPin, bitOr
der, value)
• unsigned long pulseIn(pin, value)
Time
• unsigned long millis()
• delay(ms)
• delayMicroseconds(us)
Math
• min(x, y)
• max(x, y)
• abs(x)
• constrain(x, a, b)
• map(value, fromLow, fromHigh, toLow, toHigh)
• pow(base, exponent)
• sq(x)
• sqrt(x)
Trigonometry
• sin(rad)
• cos(rad)
• tan(rad)
Random Numbers
• randomSeed(seed)
• long random(max)
• long random(min, max)
Serial Communication
Usate per comunicare tra schede arduino, oppure tra schede arduino ed il PC. Vengono usati i pin TX ed RX, facenti capo al modulo.
USART del microcontrollore.
• Serial.begin(speed)
• int Serial.available()
• int Serial.read()
• Serial.flush()
• Serial.print(data)
• Serial.println(data)
UTILIZZO DEI LED (SKETCH DANGER_01)
Torniamo adesso al nostro primo programma
per la scheda Danger, nel quale, a differenza
Numero
visualizzato
Bit inviati
Numero decimale
Segmenti
accesi
0
11111100
252
a,b,c,d,e,f
1
01100000
96
a,b
2
11011010
218
a,b,g,e,d
3
11110010
242
a,b,c,d,g
4
01100110
102
b,c,f,g
5
10110110
182
a,f,g,c,d
6
10111110
190
a,c,d,e,f,g
7
11100000
224
a,b,c
8
11111110
254
a,b,c,d,e,f,g
9
11110110
246
a,b,c,d,g,f
del programma Blink, useremo l’uscita 6 invece della 13. Il programma sarà quindi come
esposto nel Listato 1.
Dopo averlo compilato e trasferito al
microcontrollore, vedrete immediatamente
lampeggiare il LED. La scheda Arduino Duemilanove supporta il reset automatico, così
cliccando semplicemente su UpLoad avrete
la compilazione automatica, il trasferimento
ed anche il reset e quindi, in circa 4 secondi, il
vostro programma sarà già operativo all’interno della Arduino.
Analizziamo il software riga per riga, almeno
per questo primo esempio: racchiusi tra /* e
*/ trovate dei commenti che riportano il nome
del programma, la funzione svolta e in quale
hardware può funzionare.
Ulteriori commenti su di una riga possono
essere scritti iniziandola con //.
Nella prima riga “int ledPin = 6” si dichiara
una variabile denominata ledPin e associata al
pin 6.
La riga di codice racchiusa nella struttura
“Void Setup()” specifica che la variabile
ledPin associata al pin 6 è utilizzata come
uscita. All’interno di questa struttura andremo sempre a specificare la funzione associata
per ogni pin utilizzato.
La seconda ed ultima struttura di dati si
chiama “Void loop()” e rappresenta semplicemente un loop infinito, ovvero le istruzioni al
suo interno vengono eseguite in successione
partendo dalla prima dopo la parentesi graffa
aperta “{“ sino alla fine della struttura delimitata dalla parentesi graffa chiusa “}”, per
poi essere rieseguite nuovamente all’infinito.
Come vedete, quindi, l’impostazione di un
programma risulta assai agevole e semplice.
USARE I PULSANTI (SKETCH DANGER_02)
L’unità Danger Shield dispone di tre pulsanti; come primo esempio faremo in modo
Elettronica In ~ Luglio 2010
117
Listato 4
118
Luglio 2010 ~ Elettronica In
Corso Arduino
che premendo Button_1 si accenda il LED1
void loop() vengono ripetute all’infinito per
e premendo Button_2 lo stesso si spenga.
testare in continuazione lo stato dei pulsanti
Impostiamo quindi il nostro Sketch per poter
ed accendere e spegnere, di conseguenza, il
utilizzare queste due periferiche; il programLED.
ma corrispondente è visibile nel Listato 2.
Le prime righe del listato dichiarano la corUTILIZZO DEL BUZZER (SKETCH DANGER_04)
rispondenza che c’è tra le nuove periferiche
Vediamo ora come emettere delle semplici
(pulsanti e LED) e i pin del microcontrollore.
note acustiche tramite il cicalino di cui la
Seguono due righe per dichiarare due vaDanger Shield è equipaggiata. L’istruzione da
riabili di tipo intero che saranno usate per
utilizzare si chiama tone e la sintassi di scrittuleggere lo stato degli ingressi. All’interno
ra è la seguente: tone(pin, frequency, duration).
della struttura di setup vengono usate le istru- Tale istruzione emette un’onda quadra con
zioni pinMode(xxx, INPUT) e pinmode(xxx,
duty-cycle del 50 % sul pin specificato alla
OUTPUT) per definire quale pin sia di ingresfrequenza frequency, per la durata duration
so e quale quello di uscita. Nella struttura del
espressa in millisecondi. Tra gli esempi
loop viene usata l’istruzione Button_1_State = disponibili nella cartella example potrete
digitalRead(Button_1); per leggere il livello lo- trovare il file pitches.h, che una volta aperto
gico del pin specificato ed inserire questo vacon Word Pad vi fornirà la corrispondenza
lore nella corrispondente variabile. Il valore di tra frequenza e note; lo stesso file può essere
tale variabile viene usato nell’istruzione sucincluso nell’applicazione. Un esempio di ciò è
cessiva if (Button_1_State == HIGH) per testadisponibile in file/example/digital/toneKeyre lo stato del pulsante e, se premuto (livello
board. Un ulteriore esempio di emissione
logico alto) eseguire
ulteriori istruzioni, che
nel nostro caso coincidono con l’accendere il
LED1. Analizzando lo
/*
Danger_05
schema elettrico della
Visualizza in sequenza i numeri dal 0 al 9 sul display a LED.
scheda Danger possiaPer DangerShield su Arduino Duemilanove
*/
mo infatti vedere che i
pulsanti sono connessi
//Pin connesso a ST_CP di 74HC595
int latchPin = 8;
ognuno tra il relativo
//Pin connesso a SH_CP di 74HC595
pin digitale e l’aliint clockPin = 12;
mentazione positiva,
////Pin connesso a DS di 74HC595
int dataPin = 13;
mentre una resistenza
è connessa tra tali pin
// Corrispondenza tra i segmenti accesi ed i pin attivi:
int numero[] = {252, 96, 218, 242, 102, 182, 190, 224 , 254, 246};
e la massa, allo scopo
di garantire un livello
void setup() {
//imposta i pin come uscite
logico basso (LOW)
pinMode(latchPin, OUTPUT);
se il pulsante non è
pinMode(clockPin, OUTPUT);
premuto. A pulsante
pinMode(dataPin, OUTPUT);
}
premuto la tensione di
alimentazione giungerà
void loop() {
al pin corrispondente
//routine di conteggio
ponendolo a livello
for (int j = 0; j < 10; j++) {
//metto bassa la linea latch e predispongo per la trasmissione seriale
logico alto (HIGH). Le
digitalWrite(latchPin, LOW);
ultime istruzioni del
//shift sequenza dei bit in ingresso
listato testano il pulshiftOut(dataPin, clockPin, LSBFIRST, numero[j]);
//trasferisco il numero sul display
sante 2 e spengono il
digitalWrite(latchPin, HIGH);
LED qualora esso fosse
delay(1000); }
}
premuto. Le istruzioni
contenute all’interno di
Corso Arduino
Listato 5
sonora, ma più sofisticato, lo
potete trovare in file/example/digital/tonemelody.
Per utilizzare questi esempi
dovete modificare la riga che
specifica la connessione del
buzzer (o dell’altoparlante)
la quale, nel nostro caso, è
la linea 3. L’uso dell’istruzione è semplicissimo,
come mostra l’esempio nel
Listato 3. Il programma si
limita ad emettere una nota
ogni secondo. L’istruzione
delay(1000) crea, semplicemente, un ritardo di 1.000
millisecondi (1 secondo
appunto) tra la nota e la
successiva.
/*
Danger_06
Lettura ingresso analogico.
Viene letta la posizione del Slider1 e visualizzata sul display con valori
da 0 a 9.
Per DangerShield su Arduino Duemilanove
*/
//Slider 1 connesso all’ingresso analogico 0
int Slider_1 = 2;
//Variabile che definisce la posizione dello slider
int Slider_Pos = 0;
//Pin connesso a ST_CP di 74HC595
int latchPin = 8;
//Pin connesso a SH_CP di 74HC595
int clockPin = 12;
////Pin connesso a DS di 74HC595
int dataPin = 13;
// Corrispondenza tra i segmenti accesi ed i pin attivi:
int numero[] = {252, 96, 218, 242, 102, 182, 190, 224 , 254, 246};
void setup() {
//imposta i pin come uscite
pinMode(latchPin, OUTPUT);
pinMode(clockPin, OUTPUT);
pinMode(dataPin, OUTPUT);
}
void loop() {
UTILIZZO DEL DISPLAY
// legge il valore del potenziometro
Slider_Pos = analogRead(Slider_1);
A LED
//Converto il valore letto 0-1023 in un valore 0-9
(SKETCH DANGER_05)
Slider_Pos = Slider_Pos/103;
//metto bassa la linea latch e predispongo per la trasmissione seriale
Vediamo adesso come
digitalWrite(latchPin, LOW);
visualizzare un numero
//trasferisco in seriale il valore da visualizzare
sul display in dotazione al
shiftOut(dataPin, clockPin, LSBFIRST, numero[Slider_Pos]);
digitalWrite(latchPin, HIGH);
modulo, con la premessa
delay(200);
che il programma neces}
sario allo scopo è leggerdovremo fare in modo che agli otto bit spediti
mente più complesso di quelli visti finora.
in sequenza corrisponda l’accensione di un deIl display a sette segmenti ha bisogno di
terminato numero di segmenti del display tale
sette linee di comando, ciascuna delle quali
da far visualizzare una cifra. Per fare questo
accende un specifico segmento; accendendovremo crearci una corrispondenza tra il nudo i segmenti in modo opportuno siamo in
mero inviato ed i segmenti accesi, come indicagrado di visualizzare un numero decimale
to nella Tabella 4. Il programma che riguarda
tra 0 e 9. In teoria servirebbero sette linee del
lo sketch per la gestione del display è illustrato
microcontrollore più un’ottava per il punto
nel Listato 4. Oltre alle solite dichiarazioni che
decimale, ma è possibile risparmiare I/O,
ora tralasciamo, vediamo che una riga dichiara
usando opportunamente uno shift-register
un vettore di dieci elementi ciascuno contetipo 74HC595 quale convertitore da seriale
nente il numero decimale corrispondente ai
a parallelo. Vediamone il funzionamento in
segmenti da accendere. Non serve far altro che
dettaglio. Portando la linea Latch a livello
trasferire ogni singolo numero al 595 in modo
logico basso, si bloccano le uscite allo stato
attuale; tramite le linee Clock e Data si inviano seriale, cioè bit per bit, e per questo useremo
un’apposita funzione, chiamata shiftout, che si
uno per volta i singoli bit di un numero a 8 bit
accolla l’onere di spedire bit per bit il numero
(chiamato byte) il quale verrà successivamenrichiesto. Prima di richiamare questa funzione
te posto sulle otto uscite non appena la linea
dovremmo portare a livello basso la linea del
latch sarà riportata al livello logico alto. Lo
latch per bloccare la visualizzazione sul numero
svantaggio di questa procedura è ovviamente
attuale e predisporre l’integrato alla ricezione
il ritardo impiegato per inviare in sequendella sequenza seriale; successivamente porteza tutti gli otto bit, ma sono sufficienti solo
remo la linea di latch al valore alto per trasferire
tre linee del microcontrollore. Ovviamente
Elettronica In ~ Luglio 2010
119
/*
Danger_06
Lettura ingresso analogico.
Viene letta la posizione del Slider1 e visualizzata sul display con valori da 0 a 9.
Per DangerShield su Arduino Duemilanove
*/
//Slider 1 connesso all’ingresso analogico 0
int Slider_1 = 2;
//Variabile che definisce la posizione dello slider
int Slider_Pos = 0;
//Pin connesso a ST_CP di 74HC595
int latchPin = 8;
//Pin connesso a SH_CP di 74HC595
int clockPin = 12;
////Pin connesso a DS di 74HC595
int dataPin = 13;
// Corrispondenza tra i segmenti accesi ed i pin attivi:
int numero[] = {252, 96, 218, 242, 102, 182, 190, 224 , 254, 246};
void setup() {
//imposta i pin come uscite
pinMode(latchPin, OUTPUT);
pinMode(clockPin, OUTPUT);
pinMode(dataPin, OUTPUT);
}
void loop() {
// legge il valore del potenziometro
Slider_Pos = analogRead(Slider_1);
//Converto il valore letto 0-1023 in un valore 0-9
Slider_Pos = Slider_Pos/103;
//metto bassa la linea latch e predispongo per la trasmissione seriale
digitalWrite(latchPin, LOW);
//trasferisco in seriale il valore da visualizzare
shiftOut(dataPin, clockPin, LSBFIRST, numero[Slider_Pos]);
digitalWrite(latchPin, HIGH);
delay(200);
}
il numero alle uscite dell’integrato, così da
aggiornare il numero visualizzato sul display.
Queste funzioni sono racchiuse all’interno di
un ciclo “for” che le ripete per ciascun numero dallo zero al nove con un ritardo di un
secondo tra un numero e l’altro.
USO DEGLI INGRESSI ANALOGICI
(SKETCH DANGER_06)
Vediamo ora come poter utilizzare gli ingressi
analogici, ai quali sono connessi i potenziometri, i sensori di luce e temperatura ed il
microfono. L’istruzione che andremo ad
utilizzare si chiama AnalogRead e permette, appunto, di leggere il livello di tensione
all’ingresso di un pin analogico. Specifichiamo subito che mentre un ingresso digitale
può assumere solo due valori, che sono uno
o zero (ad esempio pulsante premuto oppure
rilasciato), un ingresso analogico accetta tutte
le tensioni comprese tra lo zero ed il potenziale di alimentazione (in questo caso 5 volt). La
scheda Arduino dispone di 6 canali analogici
120
Luglio 2010 ~ Elettronica In
con convertitore analogico digitale a 10 bit,
che però non possono essere letti direttamente
dal microcontrollore, il quale riconosce solo
componenti digitali. A trasformare i segnali analogici in dati digitali riconoscibili dal
micro, provvede il modulo interno denominato ADC (analog to digital converter); la
risoluzione di 10 bit significa che il numero
associato alla lettura analogica potrà andare
da un minimo di zero fino ad un massimo di
1.023 (210-1). Essendo la corrispondenza lineare, possiamo dire che se a 5 volt corrisponde
il numero 1.023, a 2,5 corrisponde 511 e via
di seguito. Va da sè che la risoluzione sarà al
massimo 5/1024 ovvero circa 4,9 millivolt. Il
tempo necessario alla conversione è di circa
100 microsecondi e quindi la massima frequenza di campionamento potrebbe essere di
10 kHz, ovvero diecimila campioni al secondo. La sintassi con cui scrivere l’istruzione
è: analogRead(pin), dove pin indica il piedino
del micrcontrollore dal quale sarà eseguita
la lettura. La funzione ritorna il valore della
Corso Arduino
Listato 6
Corso Arduino
Fig. 2
conversione, che, come detto prima, sarà compreso tra 0 e 1.023.
Come al solito, prepariamo un esempio
per dimostrare l’utilizzo della nostra istruzione: creiamo uno sketch che permetta di
visualizzare sul display la posizione dello
slider_1 tramite un numero tra 0 e 9. Ovviamente non è possibile leggere direttamente
il valore del potenziometro, ma come avete
visto dallo schema, i due capi del potenziometro sono collegati uno a massa ed uno alla
tensione di alimentazione, mentre il terzo contatto, quello centrale, è connesso all’ingresso
del microcontrollore. In questo modo abbiamo
creato un partitore resistivo che permette di
far giungere all’ingresso solo una parte della
tensione di alimentazione a seconda della
posizione dello stick dello slider.
Il programma che permette di visualizzare il
numero corrispondente alla posizione del cur-
Fig. 3
sore del potenziometro è esposto nel Listato 5.
Abbiamo utilizzato il listato del precedente
esercizio per consentire la visualizzazione sul
display, però aggiungendo semplicemente
due righe necessarie alla lettura dell’ ingresso
analogico.
La riga int Slider_1 = 2; dichiara la lettura
analogica dall’ingresso 2, al quale è connesso
lo slider_1, mentre la int Slider_Pos = 0; definisce una variabile che useremo per scalare
il valore numerico da 1023 a 9 per adattarlo alla capacità del display. Segue la riga
che avvia la conversione, ossia Slider_Pos =
analogRead(Slider_1);, la quale salva il risultato
nella variabile Slider_Pos e successivamente lo
scala riconducendolo ad un valore compreso
tra 0 e 9. Ciò viene ottenuto semplicemente
dividendo la variabile per 103:
Slider_Pos = Slider_Pos/103;. Il valore così
ottenuto viene visualizzato sul display con le
istruzioni precedentemente descritte.
Se appena alimentata l’unità noterete dei valori strani sul display, premete il pulsante di
reset e tutto tornerà a posto.
USARE LA FOTORESISTENZA
(SKETCH DANGER_07)
In modo del tutto simile è possibile
visualizzare sul display l’intensità luminosa
che colpisce la fotoresistenza: è sufficiente modificare il canale di lettura specificando quello
cui è connessa la fotoresistenza. Anche in questo caso per avere una tensione che dipenda
dal livello luminoso, è sufficiente creare un
partitore di tensione con un’altra resistenza
(R7) come visibile nello schema. Applicando
la legge di Ohm possiamo anche determinare
la tensione che giunge al microcontrollore,
secondo la formula:
Elettronica In ~ Luglio 2010
121
Fig. 4
Vin=5∙R7/(R7+RLDR)
Tale tensione dipende dal valore resistivo della fotoresistenza, il quale a sua volta è funzione dell’intensità luminosa.
UTILIZZO DEL SENSORE DI TEMPERATURA
(SKETCH DANGER_08)
Anche in questo caso nulla di nuovo: il canale
analogico da leggere è il “4” ed il programma
è facilmente adattabile. Il sensore utilizzato,
un LM35, fornisce 10 mV per ogni grado centigrado rilevato e quindi per una temperatura
ambiente di 20 °C erogherà una tensione di
soli 200 mV, a dire il vero un po’ pochini per
Fig. 5
122
Luglio 2010 ~ Elettronica In
USO DEL SENSORE DI COLPI
(SKETCH DANGER_09)
Il sensore di colpi è lo stesso buzzer usato
per generare le note acustiche: sollecitato
meccanicamente, la capsula piezoelettrica
che si trova al suo interno genera una piccola tensione che può essere rilevata tramite
l’ingresso analogico del microcontrollore.
Possiamo quindi realizzare un semplice programma che possa captare i colpi sul sensore
per accendere momentaneamente un LED;
lo trovate nel Listato 6. Chi non disponesse
della Danger Shield potrà comunque ripetere
tutte le esperienze qui presentate, a patto di
connettere alla MainBoard Arduino le giuste
periferiche. Così, ad esempio, se volessimo
collegare un pulsante sull’ingresso digitale 2
dovremmo fare come descritto nelle figure 2 e
3, visibili in queste pagine. Si tratta di connettere gli stessi componenti usati della Danger
Shied, ma direttamente alla mainboard; in
questo caso ci siamo aiutati con una breadboard esterna per facilitare i collegamenti con
dei semplici spezzoni di filo. Se volessimo
collegare un potenziometro all’ingresso analogico 0 potremmo fare riferimento alle figure
4 e 5. Un’altra alternativa è l’utilizzo della
PROTOSHIELD, che similmente alla Danger
board, è una scheda aggiuntiva da inserire
nel connettore della MainBoard, creandone di
fatto un’estensione. A differenza della Danger, non sono già connesse le varie periferiche
come i pulsanti i LED ecc., però è presente
un’area con delle piazzole alle quali sarete voi
a decidere cosa collegare e quali collegamenti
con il microcontrollore fare. Tale soluzione offre senz’altro più flessibilità di quella permessa dalla Danger board, in quanto potete anche
modificare a vostro piacimento le periferiche
togliendole e inserendole al bisogno.
Bene, con questa lezione è tutto; vi aspettiamo
alla prossima puntata.
g
Corso Arduino
poter realizzare una misura ben fatta. Ipotizzando una temperatura massima di circa
40 °C, raggiungibile scaldando con le mani
il sensore, possiamo anche stimare il massimo valore numerico fornito dal convertitore
ADC=1.023∙(0,4/5)=82. In virtù di ciò, possiamo quindi tarare la lettura affinché con il
valore di 40 °C sul display venga visualizzato
il massimo valore, cioè 9.
Corso Arduino
Conoscere e usare
rduino
dell’ing.
MIRCO
SEGATELLO
Scopriamo come gestire display a cristalli
liquidi alfanumerici e grafici, vedendo alcuni
sketch di esempio validi per i più comuni
modelli reperibili in commercio.
iamo giunti ormai alla terza puntata del
corso su Arduino; questa volta l’argomento della lezione sono i display: non
solo quelli di testo ma anche quelli grafici.
Faremo una carrellata di applicazioni con diversi tipi di dispositivi, sempre in modo molto
semplice e proponendo esempi pratici che
riguardino la parte sia hardware che software.
I primi dispositivi che andremo a descrivere
sono i display di testo, immancabili in svariate
applicazioni e molto semplici da utilizzare,
grazie alle librerie già pronte. Prima di addentrarci nei dettagli, facciamo una breve intro-
duzione su questo tipo di display, non tanto
dal punto di vista costruttivo, quanto riguardo
al loro utilizzo. Partiamo dicendo che tutti i
display LCD di testo si basano su un chip decoder, che, letti i dati in ingresso, provvede a
gestire i pixel del display in modo appropriato. È proprio il tipo di decoder usato all’interno del display che ne determina l’utilizzo e le
funzioni, non tanto la grandezza o il numero
di righe; è quindi importante, quando si acquista un display LCD, sapere quale chip decoder
lo governa, perché da questo dipenderà la sua
gestione a livello software. A livello hardware,
Elettronica In ~ Agosto / Settembre 2010
133
+5V
Alimentazione positiva
GND
Massa
VLCD
Tensione negativa usata per la regolazione del contrasto
Data
8 linee di dati
WR/RD
Linea per la lettura/scrittura per LCD
E
Comando di abilitazione display
RS
Linea per impostazione dati/comandi
invece, le cose sono più complicate, perché
ogni casa produttrice, anche a parità di chip
decoder montato, personalizza la piedinatura
dei contatti, rendendo a volte inutilizzabili
display privi di documentazione. Per questo
corso useremo esclusivamente display LCD
basati sul controller Hitachi HD44780 oppure
Samsung ST7066U: si tratta di display con
interfaccia parallela per i quali i più svariati
ambienti di sviluppo per microcontrollori
includono già i comandi per controllarli, il
che risparmia la fatica di dover elaborare
specifiche routine di controllo. L’interfaccia
hardware è standard e prevede i contatti raggruppati nella Tabella 1.
Oltre a queste linee, potrebbero essere disponibili i contatti della retroilluminazione (BL+
e BL-) da utilizzarsi se è richiesta la visione in
ambienti poco illuminati.
Ovviamente i nomi possono cambiare da produttore a produttore, così come il riferimento
al pin del connettore al quale fanno capo, però
la funzione rimane sempre la stessa.
Facciamo ora un esempio pratico, utilizzando
un display basato su chip Hitachi che presenta il connettore posto in alto e la piedinatura
riportata nella Tabella 2.
In questo display la retroilluminazione (in
inglese backlight) viene attivata semplicemente
ponendo BL- a massa e BL+ al positivo dei 5
volt con una resistenza da 20÷50 ohm a seconda del livello di intensità luminosa desiderato.
A questo punto siamo pronti al cablaggio fisico del display con la scheda Arduino; per fare
questo ci sono diverse possibilità, ad esempio
l’utilizzo della Protoshield oppure di una basetta sperimentale. L’importante è rispettare
lo schema di collegamento illustrato nella Fig.
1. Facciamo ora un esempio pratico utilizzando il display di codice CDL4162 (Clover) distribuito dalla ditta Futura Elettronica, dal cui
sito è possibile scaricare anche il data-sheet
in lingua italiana, nel quale è riportata chiaramente la piedinatura, con nomi e funzioni di
ogni singolo pin.
È inoltre riportata la mappa dei caratteri
visualizzabili, che si basa su un codice ASCII
rivisto per contenere numeri, lettere e simboli
in diverse lingue.
La corrispondenza tra pin e funzioni è riportata nella Tabella 3.
Per la retroilluminazione potete fare riferimento alle indicazioni precedenti. Per il
cablaggio dovete fare riferimento allo schema
elettrico illustrato nella Fig. 2.
In ogni caso è necessario effettuare i seguenti collegamenti tra la scheda Arduino e il
display LCD:
• LCD RS → pin digitale 12;
Tabella 3
Tabella 2
Pin
Segnale
Funzione
1
BL+
Terminale di alimentazione LED (+)
2
BL-
Terminale di alimentazione LED (-)
3
GND
Alimentazione (0V)
4
VDD
Alimentazione (5V)
5
VO
Drive LCD
6
RS
Alto) ingresso codici di istruzione
Basso) ingresso dati
7
R/W
(Alto) lettura dati
(Basso) scrittura dati
DB1
8
E
Segnale di abilitazione
DB2
9
DB0
10
DB1
11
DB2
DB5
12
DB3
13
DB6
13
DB4
14
DB7
14
DB5
15
BL-
Terminale di alimentazione LED (-)
15
DB6
16
BL+
Terminale di alimentazione LED (+)
16
DB7
Pin
Segnale
Funzione
1
VSS
Alimentazione (0V)
2
VDD
Alimentazione (5V)
3
VO
Drive LCD (0V rispetto VDD)
4
RS
Alto) ingresso codici di istruzione
Basso) ingresso dati
5
R/W
(Alto) lettura dati
(Basso) scrittura dati
6
E
Segnale di abilitazione
7
DB0
8
9
10
DB3
11
DB4
12
134
Linea di bus dati
Agosto / Settembre 2010 ~ Elettronica In
Linea di bus dati
Corso Arduino
Tabella 1
Corso Arduino
• LCD R/W → GND;
• LCD Enable → pin digitale 11;
• LCD D4 → pin digitale
5;
• LCD D5 → pin digitale
4;
• LCD D6 → pin digitale
3;
• LCD D7 → pin digitale
2.
Oltre a ciò bisogna provvedere a collegare l’alimentazione ed il trimmer per la
regolazione del contrasto. I
pin D0, D1, D2, D3 possono essere lasciati liberi
oppure posti a massa.
A questo punto avete il
vostro display cablato col
microcontrollore, ma non
ancora programmato; se
lo accendete, non noterete nulla se non dei pixel
parzialmente attivi.
Al momento non risulta
tarato neppure il contrasto.
Per completezza riportiamo qui di seguito
anche tutti i comandi disponibili in fase di
programmazione e gli esempi disponibili
nell’ambiente di sviluppo.
Function
• LiquidCrystal()
• begin()
• clear()
• home()
• setCursor()
• write()
• print()
• cursor()
• noCursor()
• blink()
• noBlink()
• display()
• noDisplay()
• scrollDisplayLeft()
• scrollDisplayRight()
• autoscroll()
• noAutoscroll()
• leftToRight()
• rightToLeft()
Fig. 1
• createChar()
Examples
• Hello World
• Blink
• Cursor
• Display
• Text Direction
• Autoscroll
• Serial input
Fig. 2
Elettronica In ~ Agosto / Settembre 2010
135
/*
Display_01
Semplice scritta su diaply LCD di testo.
Per il cablaggio hardware:
*
*
*
*
*
*
LCD
LCD
LCD
LCD
LCD
LCD
RS pin
Enable
D4 pin
D5 pin
D6 pin
D7 pin
to digital pin
pin to digital
to digital pin
to digital pin
to digital pin
to digital pin
12
pin 11
5
4
3
2
*/
// include la libreria LCD:
#include <LiquidCrystal.h>
// initializza il display con l’interfaccia
// hardware specificata
LiquidCrystal lcd(12, 11, 5, 4, 3, 2);
void setup() {
// setta il numero di colonne e righe del display:
lcd.begin(16, 2);
// Scrive un messaggio.
lcd.print(“hello, world!”);
}
void loop() {
// Imposta il cursore all’inizio della seconda riga
// (nota: il conteggio delle righe parte da zero:
lcd.setCursor(0, 1);
// Scrive il numero di secondi a partire
// dall’istante di reset:
lcd.print(millis()/1000);
}
• SetCursor
• Scroll
Adesso apriamo il software di sviluppo Arduino (la versione 18, nel nostro caso), creiamo
un nuovo sketch oppure, più velocemente,
utilizziamo un esempio già pronto disponibile
nella cartella del programma File/examples/
liquidcrystal/helloworld.
Sul nostro sito, a fine corso, saranno disponibili anche i programmi commentati in lingua
italiana usati nelle varie puntate.
Lo sketch cui facciamo riferimento è descritto
nel Listato 1.
Tabella 4 - Comandi per il display e loro sintassi.
Caricate ed avviate lo sketch, regolate il contrasto agendo sul trimmer sino ad evidenziare
la scritta “hello, world!” ed il gioco è fatto.
Questo esempio è molto importante perché
vi fa capire anche la modalità con la quale
vengono visualizzate le variabili, in questo
caso quella denominata millis() , che contiene
il numero di millisecondi da quando Arduino
sta eseguendo il programma; dividendola per
1.000 si ottiene il numero di secondi di esecuzione del programma.
Notate come la variabile scritta in memoria in
forma binaria venga rappresentata in numero
decimale cifra per cifra, con una conversione
automatica. Altro punto importante da notare
è la presenza della riga #include <LiquidCrystal.h> che permette di includere la libreria e
quindi i comandi per gestire un display LCD.
Allo stesso modo sarà possibile importare
altre librerie, anche create da terzi, al fine di
espandere le funzioni disponibili.
Potete sbizzarrirvi e provare anche tutti gli
altri esempi inerenti ai display LCD: ci sono
esempi per agire sulla scritta oppure sul cursore in vari modi. Per comodità riportiamo,
nella Tabella 4 di seguito, la sintassi con un
esempio dei principali comandi per il display.
Passiamo ora all’utilizzo dei display LCD
grafici (GLCD) sicuramente più affascinanti
e flessibili rispetto a quelli di testo; cercheremo di non addentrarci troppo nello specifico, rimandando, chi volesse approfondire
il discorso sul controllo dei display grafici,
all’apposito corso già pubblicato nei fascicoli
dal n° 115 al n° 123.
La prima cosa da dire è che come per i display LCD di testo, i GLCD si suddividono a
seconda del chip adibito al controllo e sono
essenzialmente disponibili sul mercato due
grandi categorie: la prima si basa sull’uso
comando
funzione
LiquidCrystal lcd(12, 11, 5, 4, 3, 2);
Inizializza il display e lo dichiara come oggetto di nome lcd da usarsi nel programma
lcd.begin(cols, rows);
Imposta per l’oggetto lcd il numero di colonne (cols) ed il numero di righe(rows)
lcd.cursor();
Attiva visualizzazione del cursore sulla posizione attuale
lcd.noCursor();
Disattiva visualizzazione del cursore sulla posizione attuale
lcd.blink();
Attiva il lampeggio del cursore
lcd.noBlink();
Disattiva il lampeggio del cursore
lcd.display()
Attiva visualizzazione sul display
lcd.noDisplay();
Disattiva visualizzazione sul display
lcd.scrollDisplayRight();
Trasla il testo del display di una posizione a destra
lcd.scrollDisplayLeft();
Descrizione: Trasla il testo del display di una posizione a sinistra
136
Agosto / Settembre 2010 ~ Elettronica In
Corso Arduino
Listato 1
Corso Arduino
Tabella 5 - Collegamenti fisici tra il display
LM12864MBC e Arduino Duemilanove.
Pin Arduino
del chip KS0107B che però consente una sola
risoluzione fissa pari a 128x64. Questo tipo di
display è abbastanza comune ed economico,
ma la risoluzione non troppo elevata lo rende
poco flessibile. Una seconda categoria si basa
sull’uso del cip T6963C, il quale permette di
gestire display con le seguenti risoluzioni:
128x128, 240x64 e 240x128.
Esistono in commercio svariati altri modelli
di GLCD, ma non sempre sono disponibili le
librerie per il loro controllo; quindi, di fatto
risultano più difficilmente gestibili.
Come primo esempio prendiamo in considerazione il display modello LM12864MBC
distribuito dalla Futura Elettronica (codice
1446-LCD102B6B) e basato sul chip KS0107B,
quindi con risoluzione 128x64 in bianco e
nero. Come già spiegato per le prove con
il display di testo, è necessario realizzare il
cablaggio elettrico e poi programmare adeguatamente la scheda Arduino; i collegamenti
sono quelli descritti nella Tabella 5.
Visto il carattere sperimentale dell’applicazione, anche in questo caso utilizziamo una
breadbord su cui eseguire i collegamenti con
dei fili rigidi. È possibile saldare sul display
un connettore strip femmina come quelli
presenti sulla scheda Arduino e da lì, sempre
con dei filetti rigidi, eseguire i collegamenti.
Sarebbe anche possibile saldare direttamen-
Nome
funzione
GND
Pin display
1
VSS
GND
+5V
2
VDD
+5V
Pin2 (centrale) del trimmer
3
Vo
Contrasto LCD
17 (analog3)
4
RS
Data/instruction
16 (analog2)
5
R/W
Read/Write
18 (analog4)
6
E
Enable
8
7
DB0
Dato
9
8
DB1
Dato
10
9
DB2
Dato
11
10
DB3
Dato
4
11
DB4
Dato
5
12
DB5
Dato
6
13
DB6
Dato
7
14
DB7
Dato
14 (analog0)
15
CS1
Chip select 1
15 (analog1)
16
CS2
Chip select 2
Reset (porre a +5V)
17
RST
Reset
Pin1 del trimmer
Pin3 del trimmer a GND
18
Vout
Tensione per Vo
+5V (se retro.zione ON)
19
BLA
Retroilluminazione
anodo
GND
20
BLK
Retroilluminazione
catodo
te dei fili sul display oppure utilizzare la
Protoshield per eseguire tutti i collegamenti
con dei filetti saldati. Ad ogni modo, dovete essere molto diligenti e seguire in modo
scrupoloso la Tabella 5, ricontrollando più
volte il lavoro eseguito. Il trimmer, del valore
di 10÷20 kohm, ha tre terminali: i due esterni
vanno connessi uno a massa ed uno al pin 18
del display (Vout) mentre il terminale centrale
Tabella 9 - Collegamenti fisici tra il display ADM12864H e Arduino Duemilanove.
Pin Arduino
Pin display
Nome
GND
2
VSS
funzione
GND
+5V
1
VDD
+5V
Pin2 (centrale) del trimmer
3
Vo
Contrasto LCD
17 (analog3)
16
D/I
Data/instruction
16 (analog2)
15
R/W
Read/Write
18 (analog4)
17
E
8
4
DB0
Dato
9
5
DB1
Dato
10
6
DB2
Dato
11
7
DB3
Dato
4
8
DB4
Dato
5
9
DB5
Dato
6
10
DB6
Dato
7
11
DB7
Dato
14 (analog0)
13
CS1
Chip select 1
15 (analog1)
12
CS2
Chip select 2
Reset (porre a +5V)
14
RST
Reset
Pin1 del trimmer / Pin3 del trimmer a GND
18
Vout
Tensione per Vo
+5V (se retro.zione ON)
19
BLA
Retroilluminazione anodo
GND
20
BLK
Retroilluminazione catodo
Enable
Elettronica In ~ Agosto / Settembre 2010
137
Corso Arduino
Fig. 3
va collegato al pin 3 (Vo) sempre del display.
Non guasta inserire un piccolo condensatore
da 100 nF tra i +5 V e il GND, il più vicino
possibile al display per sopprimere eventuali
disturbi elettrici presenti nei collegamenti.
Fatto questo, si passa alla programmazione
Fig. 4
Fig. 5
della scheda Arduino, per la quale dobbiamo
procurarci le librerie specifiche per il display
grafico LCD con chip K0108, sviluppate in
questo caso da terze parti. Sempre sul sito
ufficiale in lingua inglese di Arduino, potete trovare una sezione dedicata a “KS0108
comando
descrizione
GLCD.Init(NON_INVERTED)
Inizializza la libreria per il disegno normale o invertito. Se normale ogni pixel viene disegnato (appare scuro),
se invertito il pixel viene cancellato.
GLCD.GotoXY(x,y)
Posiziona il cursore nella posizione x e y, dove 0,0 è l’angolo superiore sinistro.
GLCD.ClearScreen()
Cancella lo schermo.
Graphic Drawing Functions: se color è WHITE
cancella pixel; se BLACK attiva pixel.
GLCD.DrawCircle(x, y, radius, color)
Disegna un cerchio alle coordinate x,y di raggio radius.
GLCD.DrawLine(x1,y1,x2,y2,color)
Disegna una linea dalle corrdinate x1,y1 alle x2,y2.
GLCD.DrawVertLine(x, y, length, color)
Disegna una linea verticale dalle coordinate x,y di lunghezza length.
GLCD.DrawHoriLine(x, y, length, color)
Disegna una linea orizzontale dalle cordinate x,y di lunghezza length.
GLCD.DrawRect(x, y, width, height, color)
Disegna un rettangolo.
GLCD.DrawRoundRect(x, y, width, height,
radius, color)
Disegna un rettangolo con gli angoli smussati.
GLCD.FillRect(x, y, width, height, color)
Disegna un rettangolo pieno.
GLCD.InvertRect(x, y, width, height)
Inverte i pixel del rettangolo specificato.
GLCD.SetInverted(invert)
Imposta il modo di disegno invertito.
GLCD.SetDot(x, y, color)
Disegna un pixel alla posizione x,y.
GLCD.DrawBitmap(bitmap, x, y, color)
Disegna un’immagine bitmap alle coordinate x,y.
Font Functions
GLCD.SelectFont(font, color )
Imposta i font dei caratteri.
GLCD.PutChar(character)
Scrive un carattere.
GLCD.Puts(string)
Scrive una stringa.
GLCD.Puts_P(string)
Scrive una stringa contenuta nella memoria del programma.
GLCD.PrintNumber(number)
Scrive il valore decimale di una variabile numerica.
GLCD.CursorTo(x, y)
Imposta le coordinate di base per i font a larghezza fissa.
Tabella 6 - Comandi per la gestione dei display grafici, ripartiti per categoria: Graphic Drawing Functions riguardano
il disegno di primitive grafiche e Font Functions è inerente ai caratteri.
138
Agosto / Settembre 2010 ~ Elettronica In
Corso Arduino
Tabella 7 - Collegamenti fisici tra scheda Arduino
e Graphic LCD serial backpack LCD-09352.
Tabella 8
funzione
Bytes
[esadecimale]
Note
Pin Arduino
Pin LCD-09352
Cancellazione
0x7C + 0x00
Vin
Vin
Alimentazione positiva 6-7V
Demo mode
0x7C + 0x04
GND
GND
GND
Reverse Mode
0x7C + 0x12
TX
RX
Linea dati
Set retroilluminazione
0x7C + 0x02 + R
R=valore illuminazione 0-100
Set/reset pixel
0x7C + 0x10 + X
+Y+P
X=coordinata orizzontale
Y=coordinata verticale
P=0 resetta P=1 setta
Disegna Linea
0x7C + 0x0C +
X1 + Y1 + X2 +
Y2 + P
X1,Y1=coordinate di inizio
X2,Y2=coordinate di fine
P=0 cancella P=1 disegna
Disegna cerchio
0x7C + 0x03 +
X1 + Y1 + R + P
X1,Y1=coordinate centro
R=raggio
P=0 cancella P=1 disegna
Disegno rettangolo
0x7C + 0x0F +
X1 + Y1 + X2 +
Y2 + P
X1,Y1=angolo alto sinistro
X2,Y2=angolo basso destro
P=0 cancella P=1 disegna
Modifica baudrate
0x7C + 0x07 + N
N=“1” = 4800bps
N=“2” = 9600bps
N=“3” = 19,200bps
N=“4” = 38,400bps
N=“5” = 57,600bps
N=”6” = 115,200bps
Set coordinate
0x7C + 0x18 + X
X=nuova coordinata X
Set coordinate
0x7C + 0x19 + Y
Y=nuova coordinata Y
Graphics LCD library” che spiega in dettaglio
l’utilizzo di questa libreria e ne permette anche il download. I nostri lettori troveranno già
disponibili questi file, arricchiti da un ulteriore esempio; la cartella di nome KS0108GLCD
contiene sia le libreria, sia dei file di esempio
e deve essere copiata all’interno della cartella
Libraries sottodirectory della cartella principale
Arduino-0018.
Aprite lo sketch di nome GLCDexample.pde, che troverete nel percorso
File→example→Ks0108 e caricatelo sulla scheda Arduino. Una volta avviato il firmware,
compariranno tre schermate in sequenza, la
prima con un’immagine, la seconda con tutti i
caratteri stampati e la terza con linee e cerchi,
come mostrato nelle figure, rispettivamente,
3, 4, 5. Per vedere bene le rappresentazioni
potrebbe essere necessario regolare il contrasto del display agendo sul trimmer.
Lo sketch appena descritto dimostra l’utilizzo
della libreria GLCD per KS0108 visualizzando
a video sia immagini (bitmap in questo caso)
sia testo e grafica. Se utilizzate i file scaricati
dal nostro sito Internet, troverete anche un
ulteriore esempio denominato GLCDelettroni-
Listato 2
/*********************************************************/
/* Configuration for assigning LCD bits to Arduino Pins */
/*********************************************************/
/* Arduino pins used for Commands
* default assignment uses the first five analog pins
*/
#define CSEL1
14
// CS1 Bit
// swap pin assignments with CSEL2 if
left/right image is reversed
#define CSEL2
15
// CS2 Bit
#define R_W
16
// R/W Bit
#define D_I
17
// D/I Bit
#define EN
18
// EN Bit
//#define RES 19
// Reset Bit // uncomment this to contol
LCD reset on this pin
/* option: uncomment the next line if all command pins are on the same port for slight speed & code size improvement */
#define LCD_CMD_PORT
PORTC
// Command Output Register for pins 14-19
/* Arduino pins used for LCD Data
* un-comment ONE of the following pin options that corresponds to the wiring of data bits 0-3
*/
#define dataPins8to11 // bits 0-3 assigned to arduino pins 8-11, bits 4-7 assigned to arduino pins 4-7
//#define dataPins14to17 //bits 0-3 assigned to arduino pins 14-17, bits 4-7 assigned to arduino pins 4-7.
(note command pins must be changed)
//#define dataPins0to3 // bits 0-3 assigned to arduino pins 0-3 , bits 4-7 assigned to arduino pins 4-7, this
is marginally the fastest option but its only available on runtime board without hardware rs232.
/* NOTE: all above options assume LCD data bits 4-7 are connected to arduino pins 4-7 */
/*******************************************************/
/*
end of Arduino configuration
/*******************************************************/
*/
Elettronica In ~ Agosto / Settembre 2010
139
cain, che permette di visualizzare a video una
semplice scritta. Lo sketch semplificato è più
semplice da comprendere rispetto all’esempio
originale. Un secondo esempio denominato
GLCDeinline disegna due linee incrociate a
tutto schermo, con al centro un cerchio.
La libreria è molto nutrita e l’elenco completo
di tutti i comandi è riportato, con le descrizioni del caso, nella Tabella 6.
Come avete visto, il display grafico richiede 8
linee per i dati e 5 per il controllo; l’assegnazione di queste funzioni è esplicitata nel file
KS0108_Arduino.h con le righe di programma
Listato 3
/*
Display_02
Semplice esempio utilizzo GLCD a comando seriale.
Per il cablaggio hardware:
Graphic LCD Serial Backpack connesso a GLCD-ADM12864H
Usare le linee Vin, GND, TX.
*/
byte
byte
byte
byte
buf_erase[]
buf_backl[]
buf_line[]
buf_circle[]
=
=
=
=
{0x7C,
{0x7C,
{0x7C,
{0x7C,
0x00};
0x02, 0};
0x0C, 0, 0, 127, 63, 1};
0x03, 63, 31, 20, 1};
void setup()
{
Serial.begin(115200);
}
void loop()
{
Serial.write(buf_backl, 3);
delay(100);
Serial.write(buf_erase, 2);
delay(1000);
Serial.write(buf_line, 7);
delay(1000);
Serial.write(buf_circle, 6);
delay(1000);
Serial.print(“ElettronicaIN”);
delay(1000);
}
140
//
//
//
//
Cancella schermo
(retroilluminazione 0=0% 100=100%)
Linea (X1,Y1) (X2,Y2) 1=disegna 0=cancella
Cerchio (X1,Y1) raggio 1=disegna 0=cancella
// Imposta comunicazione a 115200 baud
// Ripete all’infinito
// Retroilluminazione 0%
// Cancella schermo
// Disegna linea
// Disegna cerchio
// Scrive un testo
Agosto / Settembre 2010 ~ Elettronica In
Corso Arduino
visibili nel Listato 2. È possibile modificare
queste linee di codice per impostare in modo
diverso le linee utilizzate per la gestione del
display GLCD; a riguardo, si consiglia prima
di leggere le note esplicative riportate nella pagina HTML di riferimento per questa
libreria, nel sito di Arduino. Utilizzando un
microcontrollore a 28 pin rimangono comunque poche linee disponibili per le applicazioni. Una seconda possibilità è offerta dal
display grafico ADM12864H, anche questo
reperibile presso la Futura Elettronica (codice
LCD128x64) sempre basato sul chip KS0108
che presenta il vantaggio di avere i 20 pin in
linea e quindi facilmente gestibili con una
breadbord. Per il collegamento alla scheda
Arduino potete fare riferimento alla Tabella 9.
Una valida soluzione alle difficoltà di cablaggio ed al cospicuo numero di linee utilizzato,
arriva con l’introduzione sul mercato dei display a controllo seriale, i quali necessitano di
sole quattro linee (+Vcc, GND, TX, RX) che si
comandano tramite semplici stringhe inviate
in modalità seriale. In commercio sono anche
Corso Arduino
Listato 4
/*
Display_03
Semplice esempio utilizzo GLCD a comando seriale.
Si usano i comandi a riga
Per il cablaggio hardware:
Graphic LCD Serial Backpack connesso a GLCD-ADM12864H
Usare le linee Vin, GND, TX.
*/
void setup()
{
Serial.begin(115200);
}
// imposta comunicazione a 115200 baud
void loop()
// ripete all’infinito
{
Serial.print(0x7C, BYTE); // Cancella schermo
Serial.print(0x00, BYTE);
delay(100);
Serial.print(0x7C, BYTE); // Retroilluminazione 0%
Serial.print(0x02, BYTE);
Serial.print(0x00, BYTE);
delay(100);
Serial.print(0x7C, BYTE); // Disegna un cerchio
Serial.print(0x03, BYTE); //
Serial.print(100, BYTE);
// Coordinata X
Serial.print(50, BYTE);
// Coordinata Y
Serial.print(10, BYTE);
// Raggio
Serial.print(1, BYTE);
// 1=disegna 0=cancella
delay(1000);
Serial.print(0x7C, BYTE); // Set coordinata X
Serial.print(0x18, BYTE); // Coordinata X
Serial.print(10, BYTE);
// Coordinata X
Serial.print(0x7C, BYTE); // Set coordinata Y
Serial.print(0x19, BYTE); // Coordinata Y
Serial.print(40, BYTE);
// Coordinata Y
Serial.print(“ElettronicaIN”);
delay(1000);
}
disponibili dei convertitori seriale/parallelo
per display GLCD, denominati Graphic LCD
serial backpack: un esempio è il modello
LCD-09352, perfettamente compatibile con
il display grafico ADM12864H (foto nella
pagina precedente in alto a sinistra). In questo
caso il cablaggio è veramente minimo, perché sono sufficienti le tre linee descritte nella
Tabella 7. La scheda aggiuntiva va innestata
sul connettore del display; nel nostro caso
abbiamo usato uno strip maschio sul display
ed uno femmina sull’adattatore. Siccome la
scheda aggiuntiva internamente ricava i 5 volt
tramite un proprio stabilizzatore, va alimentata con una tensione leggermente più alta
6÷7 V (raccomandati); il massimo ammesso è
9 volt. Ecco perché la scheda Arduino dovrà
venire alimentata tramite un alimentatore
esterno, dato che la tensione della USB non
è sufficiente. Per i nostri esperimenti abbiamo utilizzato un semplice alimentatore non
stabilizzato da 0,5 A, impostato per ottenere
una tensione di uscita di 6 volt; anche se può
sembrare poco, in realtà con tale impostazione
in questo genere di alimentatori è facile prelevare anche 8÷9 volt. Sul pin Vin della scheda
Arduino è presente la tensione appena uscita
dall’alimentazione e non ancora stabilizzata a
5 volt; dovremo avere l’accortezza di fornire
in ingresso non più di uno o due volt oltre
detto valore. Le gestione di questo adattatore
avviene semplicemente con l’invio di comandi
seriali che la scheda Arduino gestisce in fase di
programmazione tramite le due linee (TX ed
RX) che sono le stesse utilizzate per la comunicazione con la USB (tramite il convertitore
FT232). Riassumiamo, nella Tabella 8, i principali comandi da inviare al display, che devono
essere composti secondo lo standard RS232,
impostando come parametri di comunicazione
115200,N,8,1 ovvero 115.200 baud (valore predefinito ma modificabile), nessun bit di parità,
8 bit di dati ed un bit di stop.
Nel Listato 3 trovate il programma usato per
testare il display, che permette di impostare
la retroilluminazione a zero (spenta) cancella
Elettronica In ~ Agosto / Settembre 2010
141
/*
Display_04
Semplice esempio utilizzo GLCD a comando seriale.
Si usano SubRoutine per i comandi
Per il cablaggio hardware:
Graphic LCD Serial Backpack connesso a GLCD-ADM12864H
Usare le linee Vin, GND, TX.
*/
void setup()
{
Serial.begin(115200);
}
// imposta comunicazione a 115200 baud
void loop()
{
backlight(0);
clearLCD();
cursorSet(40,30);
Serial.print(“ElettronicaIN”);
line(10,10,50,50);
circle(10,10,10);
delay(2000);
}
//
//
//
//
//
//
//
Retroilluminazione a 0%
Cancella schermo
Imposta posizione per il testo
scrive un testo nella posizione indicata
Disegna una linea
Disegna un cerchio
SubRoutine
// cancella LCD
void clearLCD(){
Serial.print(0x7C, BYTE);
Serial.print(0x00, BYTE);
}
// gestione retroilluminazione
void backlight(byte light){
Serial.print(0x7C, BYTE);
Serial.print(0x02, BYTE);
Serial.print(light); // imposter zero per disabilitare la retroilluminazione
}
// disegna una linea
void line(byte x1, byte y1, byte x2, byte y2){
byte buf_line[]
= {0x7C, 0x0C, 0, 0, 127, 63, 1}; // Linea (X1,Y1)
Serial.print(0x7C, BYTE); // Disegna un cerchio
Serial.print(0x0C, BYTE);
Serial.print(x1, BYTE);
// Coordinata X1
Serial.print(y1, BYTE);
// Coordinata Y1
Serial.print(x2, BYTE);
// Coordinata X2
Serial.print(y2, BYTE);
// Coordinata Y2
Serial.print(1, BYTE);
// 1=disegna 0=cancella
}
// Disegna un cerchio
void circle(byte xpos, byte ypos, byte radius){
Serial.print(0x7C, BYTE);
// Disegna un cerchio
Serial.print(0x03, BYTE);
//
Serial.print(xpos, BYTE);
// Coordinata X
Serial.print(ypos, BYTE);
// Coordinata Y
Serial.print(radius, BYTE);
// Raggio
Serial.print(1, BYTE);
// 1=disegna 0=cancella
}
// muove il cursore alla posizione X, Y specificata
void cursorSet(byte xpos, byte ypos){
Serial.print(0x7C, BYTE); // Set coordinata X
Serial.print(0x18, BYTE); // Coordinata X
Serial.print(xpos, BYTE);
// Coordinata X
Serial.print(0x7C, BYTE); // Set coordinata Y
Serial.print(0x19, BYTE); // Coordinata Y
Serial.print(ypos, BYTE);
// Coordinata Y
}
142
Agosto / Settembre 2010 ~ Elettronica In
Corso Arduino
Listato 5
Corso Arduino
lo schermo e disegna una linea, un
cerchio e una scritta. Come vedete,
le scritte sono immediate grazie al
generatore di caratteri incluso nel
backpack; è infatti sufficiente inviare
il codice ASCII relativo al carattere
da stampare a video. Ovviamente
non dovrete fare alcuna conversione ma solo usare l’istruzione
Serial.print seguita dalla stringa da
stampare racchiusa tra virgolette.
Un’alternativa all’invio dei comandi appena descritti è riportata nel
Listato 4, in cui sono vedete una
porzione di programma che spedisce i byte necessari uno alla volta.
Vi è anche una terza alternativa, che
consiste nel costruirsi delle subroutine da richiamare ogni qualvolta
si voglia fare una funzione; questa
soluzione la trovate meglio descritta nel Listato 5. Se avete modo di
scaricare il data-sheet di questo
backpack, noterete che risulta compatibile anche con un altro display
“Huge Graphic LCD 160x128 pixel”
di grandi dimensioni e con risoluzione maggiore. La gestione a
livello software avviene nello stesso
modo in quanto, ovviamente, la
scheda Arduino dialoga ancora con
il backpack, che riesce a gestire il display in completa autonomia. Con la
retroilluminazione spenta la visibilità è ridotta, quindi abbiamo previsto
un apposito scketch (display_05) che
imposta anche una minima retroilluminazione. Il Backpack viene
normalmente fornito compatibile
con il display 128x64, ma è possibile
impostarlo per funzionare con il
display 128x160: allo scopo basta
rimuovere il jumper posto sullo
stampato. Tale jumper è davvero
minuscolo ed è realizzato con una
piccola saldatura (una goccia di
stagno) che dovrà essere rimossa
con molta attenzione. Bene, anche
per questa puntata è tutto; avete
tempo fino alla prossima per fare
tutti gli esperimenti e le prove
pratiche descritte.
g
Le due piazzole da cui rimuovere il cortocircuito a stagno per
impostare la scheda Arduino in modo da farle controllare un display
da128x160 pixel.
Elettronica In ~ Agosto / Settembre 2010
143
Corso Arduino
Conoscere e usare

dell’ing.
MIRCO
SEGATELLO
Impariamo a gestire gli attuatori
ed in particolare vediamo come
comandare servocomandi da modellismo,
stepper-motor e motori a spazzole,
tramite semplici routine firmware.
iamo giunti alla quarta puntata del corso
dedicato al sistema di sviluppo per
microcontrollori Arduino. Stavolta ci occupiamo di attuatori, ovvero di tutti quei componenti che convertono energia elettrica in
movimento; nello specifico, parleremo di servocomandi da modellismo, motori a spazzole
e motori passo/passo. I servo da modellismo,
come sapete, sono utilizzati appunto in campo
modellistico per poter muovere alcune parti
di un modello, come ad esempio lo sterzo in
un’automobilina oppure il piano di coda di
un aereo. Il segnale di comando giunge dalla
ricevente di bordo e non è inusuale trovare
modelli con quattro o più servocomandi dedicati ad altrettanti movimenti.
Utilizzare un servo da modellismo con la
scheda Arduino è davvero molto semplice:
basta semplicemente cablare tre fili ed avviare
il programma corrispondente.
Per la programmazione dobbiamo fare riferimento alla libreria standard Servo.h, che andiamo a descrivere di seguito e che si compone
delle istruzioni seguenti.
Elettronica In ~ Ottobre 2010
113
Nati per impiego modellistico, si trovano molto diffusi
oggigiorno anche in applicazioni elettroniche, grazie
alla loro versatilità e facilità di gestione in tutte quelle
situazioni in cui è necessario eseguire un movimento
meccanico di precisione. Dal costo contenuto e forniti
in svariate grandezze, dipendenti essenzialmente dalla loro potenza, possono essere impiegati in tantissime
applicazioni pratiche: una tra tutte, la movimentazione
di piccole videocamere per le riprese a bordo di robot (pan/tilt).
Per comprendere il funzionamento di un servo da
modellismo, occorre osservarlo al suo interno: esso è
costituito da un piccolo motore in corrente continua che,
grazie
ad un sistema di ingranaggi, fa ruotare un perno
sul quale è calettato un
piccolo potenziometro; la
lettura del valore resistivo
di questo potenziometro
fornisce la posizione esatta del perno. Un circuito
elettronico realizzato in
tecnologia SMD provvede
al controllo bidirezionale del motore ed al corretto posizionamento del perno in relazione al segnale elettrico
di comando.
Il tutto funziona secondo lo schema riportato nella Fig.
1, dal quale appare evidente che il posizionamento avviene confrontando il valore in tensione fornito dal potenziometro con quello ricavato dal segnale di ingresso
colore
funzione
Nero o marrone
Negativo di alimentazione (GND)
rosso
Positivo di alimentazione (+Vcc)
Giallo o bianco
Segnale di comando (ingresso)
Tabella 1
Occorre dire che non è prevista la rotazione continua
(salvo casi particolari) del perno, ma solo di ±60° rispetto alla posizione iniziale, anche se è possibile
espandere la rotazione sino a ±90 °. Il segnale di controllo è di tipo PWM (Pulse Wide Modulation) formato
da impulsi ad onda rettangolare ripetuti ogni 20 ms,
la cui “larghezza” permette di impostare la posizione
del perno del servo. La posizione centrale si ottiene
Posizione +60°
Posizione centrale 0°
Posizione -60°
2msec
1,5msec
1msec
20msec
20msec
Fig. 2 - Il segnale di comando.
Segnale di
ingresso
Perno
Scheda di
controllo
Motore
Riduttore
Potenziometro
Fig. 1
ISTRUZIONE ATTACH()
Associa la variabile servo ad uno specifico
pin. In Arduino 0016 e precedenti, sono supportati solo due servo collegati ai pin 9 and 10.
Sintassi: servo.attach(pin), servo.attach(pin, min,
max).
Parametri servo: variabile di tipo Servo.
Pin: numero del pin harware utilizzato.
Min (opzionale): durata minima dell’impulso,
in microsecondi, corrispondente al minimo
grado di rotazione (0 gradi) del servo (il valo-
114
e ruotando di conseguenza il motore sino a quando
questi due valori non coincidono perfettamente.
In questo modo si ottiene
un controllo di posizione
molto veloce e preciso, comandabile con semplici segnali elettrici. Il cavetto di collegamento è composto da
un filo di riferimento (GND), un filo per l’alimentazione
(da 4,8 a 6 volt) ed un filo per il segnale di comando
(Tabella 1).
Ottobre 2010 ~ Elettronica In
quando gli impulsi hanno una durata di 1,5 ms (Fig. 2).
Questo tipo di segnale digitale si presta benissimo ad
essere generato da una logica programmabile, quindi i servo possono essere comodamente gestiti dai
microcontrollori.
re predefinito è 544).
Max (opzionale): durata massima dell’impulso, in microsecondi, corrispondente alla massima rotazione (180 gradi) del servo (il valore
predefinito è 2400).
ISTRUZIONE ATTACHED()
Verifica l’associazione tra la variabile servo ed
il pin.
Sintassi: servo.attached().
Parametri servo: variable di tipo Servo.
Corso Arduino
Il servo da modellismo
Corso Arduino
Ritorno: vero se il servo è associato al pin;
falso in caso contrario.
ISTRUZIONE DETACH()
Dissocia la variabile servo al pin specificato.
Se tutte le variabili servo non sono associate,
i pin 9 e 10 possono essere usati come uscite
PWM con l’istruzione analogWrite().
Sintassi: servo.detach().
Paramettri: servo= variabile di tipo servo.
ISTRUZIONE READ()
Legge l’attuale posizione del servo corrispondente all’ultima posizione passata con l’istruzione write().
Sintassi: servo.read().
Parametri servo: variabile di tipo servo.
Ritorno: l’angolo del servo da 0 a 180 gradi.
ISTRUZIONE WRITE()
Invia il valore in gradi relativo alla posizione
del perno del servo. Un valore 0 corrisponde
alla massima rotazione a sinistra, mentre 180
equivale alla massima rotazione a destra; il
valore 90 indica la posizione centrale. L’esatta
corrispondenza tra valore in gradi inviato e
l’effettiva rotazione del servo viene specificata dai valori Max e Min nella dichiarazione
dell’istruzione attach(); tali valori devono essere ricavati mediante prove pratiche, in quanto
possono anche variare da servo a servo.
Sintassi: servo.write(angle).
Parametri servo: variabile di tipo servo.
Angle: valore corrispondente alla rotazione in
gradi.
ISTRUZIONE WRITEMICROSECONDS()
Imposta la posizione del servo come valore
relativo alla durata dell’impulso espressa in
microsecondi. Normalmente un valore 1000
corrisponde alla massima rotazione a sinistra,
2000 alla massima rotazione a destra ed il valore 1500 corrisponde alla posizione centrale
(neutro)
Sintassi: servo.writeMicroseconds(µS).
Parametri servo: variabile di tipo servo.
µS: valore in microsecondi relativo alla posizione del servo.
Installando il software Arduino-18, vi ritroverete con due esempi già pronti relativi all’utilizzo dei servo: il primo, denominato Knob,
permette di posizionare il servo a seconda
Listato 1
#include <Servo.h>
Servo myservo;
// crea un oggetto di tipo servo con nome myservo
int pos = 0;
// variabile contenente il valore della posizione del servo
void setup()
{
myservo.attach(9);
}
// associa l’oggetto myservo
void loop()
{
for(pos = 0; pos < 180; pos += 1)
{
myservo.write(pos);
delay(15);
}
//
for(pos = 180; pos>=1; pos-=1)
{
myservo.write(pos);
delay(15);
}
}
al pin 9
// loop partendo da 0 fino a 180 gradi
// a passi di un grado
// imposta la posizione del servo
// attende che il servo raggiunga la posizione
dal minimo al massimo sono necessari 15msX180=2,7secondi
// loop da 180 fino a zero gradi
// imposta la posizione del servo
// attende che il servo abbia raggiunto la posizione
Elettronica In ~ Ottobre 2010
115
#include <Servo.h>
l’utilizzo di questa libreria.
Come si vede da tale listato, la
libreria semplifica notevolmente
void setup()
{
il lavoro di programmazione; le
Serial.begin(9600);
// imposta comunicazione a 115200 baud
istruzioni chiave sono quelle che
Serial.println(“Pronto!”);
}
definiscono un oggetto di tipo
servo myservo=Servo che succesvoid loop() {
sivamente sarà associato ad uno
static int v = 0;
specifico pin myservo.attach(9).
Fatto questo, per impostare la
if ( Serial.available()) {
char ch = Serial.read();
posizione del servo è sufficiente
utilizzare il comando myservo.
switch(ch) {
case ‘0’...’9’:
write(pos) con il parametro pos
v = (ch - ‘0’)*20; // ‘0’=0° ‘9’=180°
che può valere tra 0 e 180 (corrimyservo.write(v);
spondenti ad una rotazione tra 0°
break;
case ‘d’:
e 180°).
myservo.detach();
Possiamo ora realizzare uno
break;
case ‘a’:
sketch che ci permetta di impomyservo.attach(9);
stare la posizione di un servo
break;
}
direttamente da PC, inviando la
}
posizione tramite il tool Serial}
Monitor.
Il programma per questa funziodella posizione di trimmer cablati sulla scheda ne è descritto dal Listato 2.
Arduino, mentre il secondo, denominato SweIl listato, peraltro molto semplice, prevede di
ep, permette di far girare l’alberino del servo
inizializzare un servo “myservo” ed associarlo
alternativamente dalla posizione minima a
al pin 9; viene quindi abilitata la comunicazioquella massima. In entrambi gli sketch il servo ne seriale con il comando Serial.begin(9600).
è cablato connettendo il positivo al pin +5 V
La riga di codice char ch = Serial.read() permetdi Arduino, la massa al pin GND e l’ingresso
te di attendere l’arrivo di un carattere e di saldi comando al pin 9. Solo per il primo esemvarlo nella variabile ch che successivamente,
pio è necessario collegare anche un trimmer
con l’istruzione case, viene usata per eseguire
con i contatti esterni connessi uno a +5 V e
le istruzioni di associazione servo (‘a’), dissol’altro a GND ed il centrale (cursore) al pin 0
ciazione servo (‘d’) oppure posizionamento
di Arduino.
del servo (numeri da ‘0’ a ‘9’).
Nel Listato 1 riportiamo il codice relativo al
Per provare questo programma lasciate il sersecondo esempio e ne descriviamo il funziovo connesso al pin 9 ed avviate Serial monitor
namento, allo scopo di comprendere meglio
dal menu Tools; assicuratevi di aver impostato
Servo myservo;
116
// crea un oggetto di tipo servo con nome myservo
Ottobre 2010 ~ Elettronica In
Corso Arduino
Listato 2
Corso Arduino
Arduino
Motorshield
Pin 12
Controllo direzione motore A
Pin 10
Segnale PWM per controllo velocità motore A
Pin 13
Controllo direzione motore B
Pin 11
Segnale PWM per controllo velocità motore B
Morsetti 1 e 2 collegamento motore A
Morsetti 3 e 4 collegamento motore B
Tabella 2
una velocità di comunicazione di 9.600 baud.
Aspettate che si evidenzi la scritta “pronto!”
inviata dalla scheda Arduino appena terminata la programmazione, quindi spedite il
carattere “a” per abilitare il servo; successivamente digitate un numero tra 0 e 9 ed inviatelo (pulsante send). Il servo viene posizionato
tra 0° e 180° in passi di 20°.
La gestione di due servocomandi è altrettanto facile, essendo sufficiente dichiarare due
oggetti di tipo servo ad esempio Servo_1 e Servo_2, associarli alle uscite 9 e 10 e comandarli
con le istruzioni Servo_1.write(pos1) e Servo_2.
write(pos2). La gestione di un sistema pan/tilt
per il puntamento di una videocamera risulta
molto semplice; un esempio di sketch lo troverete assieme ai sorgenti di questa puntata,
con il nome di motor_2. Per la parte meccanica
consigliamo di utilizzare due servocomandi
(codice SERVO206) in abbinamento al pan/
tilt bracket kit di codice PANTILTKIT, il tutto
reperibile presso la ditta Futura Elettronica
(www.futurashop.it).
Vediamo ora come sia possibile gestire dei
motori a spazzole in corrente continua, di
quelli, per intenderci, che normalmente ven-
gono usati nei giocattoli e che spesso troviamo
in molte applicazioni di robotica. Per questo
è disponibile uno specifico hardware denominato ArduMoto (la versione V12 nel nostro
caso) disponibile presso la Futura Elettronica (il codice del prodotto è 7300-MOTORSHIELD).
Questa scheda viene fornita già montata con
componenti in SMD, è basata sul chip L298
e permette di controllare direzione e velocità
di 2 motori DC con una corrente massima di
2 ampere ciascuno. Alimentata direttamente
dalla linea Vin di Arduino Duemilanove o
Seeeduino, ogni sua uscita dispone di un LED
blu e uno giallo per indicare la direzione di
rotazione del motore. Tutte le linee di uscita
del chip L298 sono protette da un diodo.
Con questa scheda è possibile gestire ciascun
Fig. 3 – Cablaggio del motore a 6 V.
Rapporto di riduzione
1:120
Giri a vuoto(3V)
100 RPM
Giri a vuoto(6V)
200 RPM
Corrente a vuoto(3V)
60 mA
Corrente a vuoto(6V)
71 mA
Corrente a rotore bloccato(3V)
260 mA
Corrente a rotore bloccato(6V)
470 mA
Coppia (3V)
1,2 kgcm
Coppia (6V)
1,92 kgcm
Dimensioni
55 x 48,3 x 23 mm
Peso
45 g
Tabella 3
Elettronica In ~ Ottobre 2010
117
motore in entrambi i sensi di marcia, mentre
la velocità di rotazione viene regolata con la
tecnica del PWM. Ricordiamo in breve che,
con il termine PWM, si intende una tecnica di
modulazione in cui il segnale in uscita, in questo caso la tensione al motore, viene applicata
e poi tolta ad intervalli regolari e molto velocemente. Maggiore è il tempo in cui è presente
la tensione in uscita, rispetto al tempo in cui
è assente, più il motore girerà velocemente e
viceversa.
La ArduMoto si installa direttamente al di
sopra della scheda Arduino, con un cablaggio
predefinito e riepilogato nella Tabella 2.
Allo scopo è necessario che vi procuriate degli
strip maschio passo 2,54 ed una morsettiera
per contatti passo 2,54 oppure 3,5 mm per il
collegamento dei motori; la loro saldatura non
presenta alcuna difficoltà.
Per la scelta dei motori, da poter collegare,
dovete considerare che l’alimentazione viene
prelevata dalla linea Vin della scheda Arduino,
che a sua volta coincide con l’alimentazione
esterna applica al Plug di alimentazione e può
avere un valore compreso tra 7 e 14 V. Per
quanto riguarda l’assorbimento dei motori, ri-
pin
con
funzione
Motor A
Jp3
Avvolgimento A.
Motor A
Jp3
Avvolgimento A.
Motor B
Jp3
Avvolgimento B.
Motor B
Jp3
Avvolgimento B.
GND
Jp1
Massa alimentazione motori.
M+
Jp1
Alimentazione positiva motori (8-30volt).
GND
Jp4
Massa integrato A3967.
+5V
Jp4
Alimentazione integrato A3967 (per impostazione di fabbrica, è ricavata dalla tensione motori tramite stabilizzatore interno).
APWR
Sj1
Ponticello (normalmente chiuso) alimentazione integrato dalla tensione motori. Tagliare per alimentare l’integrato dal connettore JP4.
3/5V
Sj2
Ponticello per impostare alimentazione integrato su 5 o 3,3 V e di conseguenza i livelli logici dei segnali di comando. Per impostazione
predefinita, normalmente aperto Vcc=5 V e i segnali di comando sono 0÷5 V.
SLP
Jp5
Cur Adj
Imposta la corrente di riposo dei motori (150÷750 mA).
Pone in standby l’integrato. Di default la linea è alta e l’integrato è attivo.
Impostazioni funzione passo:
MS1=1 e MS2=1 1/8 di passo (predefinito);
MS1=0 e MS2=1 1/4 di passo;
MS1=1 e MS2=0 1/2 di passo;
MS1=0 e MS2=0 passo intero.
MS1
Jp5
MS2
Jp6
ENABLE
Jp6
Abilitazione integrato. Per impostazione predefinita, la linea è a livello basso e l’integrato è abilitato.
RST
Jp7
Reset dell’integrato. Per impostazione predefinita la linea è a livello alto e l’integrato non è resettato.
PFD
Jp7
Imposta la rapidità di variazione di corrente tra un passo ed il successivo. Permette di ottimizzare la funzionalità ad alto numero di giri.
Preimpostato su di un valore intermedio.
GND
Jp2
Massa segnale di comando.
STEP
Jp2
Impulso di comando corrispondente ad uno step.
DIR
Jp2
Imposta la direzione di rotazione. La direzione di rotazione dipende anche dal cablaggio degli avvolgimenti.
Tabella 4 – Collegamenti della EasyDriver 4.3.
118
Ottobre 2010 ~ Elettronica In
Corso Arduino
Per provare il primo
sketch di controllo di due
motori, abbiamo utilizzato
la piattaforma robotica
7300-2WDPMA Futura
Elettronica, di cui vedete le
fasi di montaggio.
Corso Arduino
I motori passo-passo
I motori passo-passo fanno sempre parte della grande famiglia dei motori in corrente continua, però, a
differenza di quelli a spazzole, i loro avvolgimenti
sono esterni (statore) mentre i magneti sono interni
(rotore). Quindi non necessitano di spazzole per portare corrente al rotore. Questo implica alcuni vantaggi
tra cui l’assenza di usura, minimi disturbi (proprio per
la mancanza dei contatti sulle spazzole), possibilità
di bloccare il rotore in una specifica posizione; per
contro, non è sufficiente collegare il motore ad un alimentatore ma bisogna comandarlo con un apposito
driver.
Il driver deve essere in grado di fornire corrente alternativamente con una sequenza prestabilita su
ogni fase del motore (di solito quattro) alla quale corrisponde la rotazione dell’albero motore di uno step
(da cui, appunto, il nome di “step-motor”). A seconda
del tipo di motore, si possono avere 64, 100, 200,
360 o più step con il vantaggio che è possibile mantenere il motore fermo in un determinato step sempli-
cemente fermando la sequenza di alimentazione ma
continuando a mantenere alimentato il motore (con
una corrente impostabile sul driver di comando). Viste
le esigue potenze realizzabili in pratica, questi motori
vengono usati per movimenti di precisione in stampanti o bracci robotizzati per lo spostamento di piccoli
oggetti. La gestione da parte di un microcontrollore
risulta assai agevole, dovendo dialogare con un driver
“intelligente” al quale è sufficiente indicare la direzione di rotazione e fornire un impulso per ogni step che
si vuole ottenere. Per come funzionano, i motori passo-passo possono ruotare il proprio perno anche solo
per porzioni di giro, con estrema precisione. I motori
passo-passo si dividono in due categorie (unipolari e
bipolari) a seconda della configurazione degli avvolgimenti interni. In quelli unipolari sono presenti quattro
avvolgimenti e la corrente li percorre in un solo senso;
il cablaggio consiste in quattro fili, uno per ciascun
avvolgimento, più un filo comune (5 fili totali) oppure
quattro fili, uno per ciascun avvolgimento più due fili
ciascuno il comune di due avvolgimenti (6 fili totali).
In quelli bipolari sono presenti solo due avvolgimenti
ma la corrente può andare in entrambi i sensi; il cablaggio consiste in due fili per ciascun avvolgimento,
per un totale di 4 fili.
cordiamo che in un motore elettrico oltre alla
corrente assorbita in funzionamento normale
è importante considerare anche la corrente
massima richiesta in fase di avvio (corrente di
spunto) che può arrivare anche a 3 o 4 volte
la corrente nominale. Se prevedete un utilizzo
intenso dei motori con continue accelerazioni e frenate, è importante che anche questa
corrente non superi il valore consigliato dei 2
A. Per tale ragione sceglierete dei motori con
corrente nominale non superiore a 500 mA.
Per i primi esperimenti abbiamo utilizzato un
piccolo motore da 6 V (corrente massima di
100 mA) ricavato da un’automobilina giocattolo dismessa, cablato come visibile nella
Fig. 3. Per l’alimentazione abbiamo usato un
alimentatore universale non stabilizzato da 5
W, impostato per fornire una tensione di 6 V,
sufficienti per alimentare sia la scheda ArduMoto che Arduino.
Come primo sketch facciamo in modo da
attivare entrambi i motori con la seguente
sequenza che si ripete all’infinito: motore A e
B avanti a mezza velocità, motore A e B avanti
a piena velocità, motore A e B fermi, motore A
e B indietro a mezza velocità.
Una possibile ed interessante applicazione
è il controllo delle ruote di una piattaforma
robotica come quella commercializzata dalla
ditta Futura Elettronica (codice 7300-2WDPMA) perfettamente compatibile con le schede
Arduino. L’assemblaggio di questa piattaforma robotica è davvero agevole, in quanto
essa è già fornita di tutte le viti necessarie al
fissaggio.
Per i più tecnici forniamo anche le caratteristiche elettriche dei motori, che trovate nella
Tabella 3.
Il parametro “a rotore bloccato” si riferisce
al valore della corrente assorbita dal motore
quando la ruota è ferma, ovvero quando al
robot da fermo viene data tensione per farlo
partire o quando lo stesso robot dovesse
andare a sbattere contro una parete rimanendovi bloccato. È in pratica la massima corrente
assorbita dai motori ed anche il punto in cui
i motori sono maggiormente sollecitati, ma
come potete vedere, anche alla massima tensione di 6 volt, siamo ampiamente al disotto
del valore dei 2 A sopportato dal driver di
ArduMotor. Utilizzando la piattaforma robotizzata a quattro ruote, i motori di ogni lato
Elettronica In ~ Ottobre 2010
119
Angolo passo-passo
1,8° (200 passi)
Numero di fasi
2 (bipolare)
Resistenza per fase
55 ohm
Induttanza per fase
80 mH
Resistenza d'isolamento
100 Mohm min. (500 Vcc)
Classe d'isolamento
B
Inerzia del rotore
54 g.cm²
Massa
0,23 kg
Alimentazione
max. 15,4 V
Consumo
0,28 A
Coppia di tenuta (coppia che, con motore
alimentato, si oppone alla rotazione)
Coppia residua (coppia che si oppone alla
rotazione dell'albero di un motore non
alimentato)
Dimensioni
2,4 kg x cm
120 g x cm
42,3 x 42,3 x 37 mm
Tabella 5 – Caratteristiche del motore
7300-STEPMOT01 della Futura Elettronica.
Pin
Collegamento
Motor A
Avvolgimento A
Motor A
Avvolgimento A
Motor B
Avvolgimento B
Motor B
Avvolgimento B
GND
Massa alimentazione motori.
Da collegarsi al pin GND di Arduino.
M+
Alimentazione positiva motori.
Da collegarsi al pin vin di Arduino.
Cur Adj
Regoliamola al minimo, risparmieremo corrente,
anche se il motore avrà meno forza a rotore fermo.
GND
Massa segnale di comando.
Da collegare al pin GND della scheda Arduino.
STEP
Impulso di comando corrispondente ad un step.
Da collegare al pin 9 della scheda Arduino.
DIR
Imposta la direzione di rotazione.
Da collegare al pin 10 della scheda Arduino.
Tabella 6 – Connessioni di EasyDriver da usare per la
nostra applicazione. Tutti gli altri pin non sono utilizzati.
120
Ottobre 2010 ~ Elettronica In
ed un interruttore, utili per realizzare un
cablaggio più raffinato.
Abbiamo messo appunto uno sketch apposito
denominato motor_4, che permette di comandare i motori in direzione e velocità tramite
comandi dal PC, ovviamente con il cavo di
programmazione connesso.
Anche se in modo limitato, è comunque
possibile testare le funzionalità della piattaforma, se non vi soddisfa il senso di rotazione è
comunque possibile invertire i fili del motore
interessato.
Ci rimane, adesso, un’ultima parte riguardante i motori passo-passo, non essendo disponibile una vera e propria motor shield specifica
per questi motori abbiamo optato per l’utilizzo di un driver siglato EasyDriver, fornitoci
dalla ditta Futura (codice 7300-EASYDRIVER)
e reperibile sul sito www.futurashop.it.
Questo driver è basato sul chip A3967SLB
della Allegro ed è in grado di controllare
un singolo motore passo-passo bipolare con
possibilità di selezionare quattro modalità di
controllo del motore: passo, 1/2 passo, 1/4 di
passo e 1/8 di passo. Consente di impostare la
corrente in uscita tramite l’apposito trimmer
(montato sul circuito).
La versione di EasyDriver usata in questo
esempio è la 4.3 ed i rispettivi collegamenti
sono illustrati nella Tabella 4.
Non dovete spaventarvi di tutti i contatti di
cui dispone, in quanto il driver è già impostato in modo ottimale per la maggior parte
delle applicazioni; l’unica raccomandazione
è non collegare e scollegare il motore quando
il driver è alimentato, per non danneggiare
l’integrato A3967.
Il motore utilizzato in questo esempio è distribuito dalla ditta Futura Elettronica (codice
7300-STEPMOT01); esso ha le caratteristiche
descritte nella Tabella 5.
In ogni caso, assicuratevi che il motore che vi
accingete ad usare non assorba una corrente
superiore a 750 mA e possa essere alimentato
con una tensione compresa tra 8 e 30 volt,
oltre ad essere di tipo bipolare.
Per sapere se il motore sia effettivamente
bipolare è sufficiente verificare se ha almeno
quattro fili; allo scopo utilizzate un tester e
misurate la continuità tra i vari fili per identificare i due avvolgimenti A e B. Se avete recuperato il motore in qualche discarica e non
Corso Arduino
potranno essere connessi in parallelo funzionando all’unisono come in un carro armato,
rispettando ancora una volta il limite massimo
di 2A.
Per l’alimentazione ci affidiamo a 4 batterie
ricaricabili da 1,2 V, le quali, completamente
cariche, forniranno 1,5x4=6 volt (il massimo
consentito dai motori). Tuttavia non potremo
sfruttarle al massimo, perché già ad 1,1 volt
per cella la tensione totale sarà di soli 4,4 V.
Inserite le batterie in un portabatterie e realizzate un cavetto di alimentazione che abbia
da una parte il plug per la scheda Arduino
e dall’altra la clip per il portabatterie. Sulla
confezione della base robotica troverete anche
tutte le viti per il fissaggio, un plug maschio
Corso Arduino
Listato 3
int StepPin = 9;
int DirPin = 10;
void setup() {
pinMode(StepPin, OUTPUT);
pinMode(DirPin, OUTPUT);
}
void loop(){
delay(1000);
Rotate(false,1000, 1250);
}
void
//
//
//
// Richiama funzione per la rotazione
Rotate(boolean dir,int steps, int Delay){
Dir direzione true o false
Steps numero di impulsi
Delay ritardo tra un impulso ed il successivo
digitalWrite(DirPin,dir);
delay(50);
for(int i=0;i<steps;i++){
digitalWrite(StepPin, HIGH);
delayMicroseconds(Delay/2);
digitalWrite(StepPin, LOW);
delayMicroseconds(Delay/2);
}
// ripete steps volte
// pone alto il pin
// attende
// pone basso il pin
// attende
}
trovate i suoi dati, assicuratevi almeno che
la resistenza di ogni fase sia sufficientemente alta per poter garantire una corrente non
superiore ai 750 mA. Ipotizzando una tensione di alimentazione di 12 volt, la resistenza di
ciascuna fase dovrà essere di almeno 16 ohm;
se trovate un valore più basso, il motore non è
adatto al nostro driver.
Appurata l’idoneità del motore, non vi resta
che cablare il tutto seguendo le indicazioni
riportate nella Tabella 6; in essa, per comodità
ai pin del driver EasyDriver sono stati saldati
alcuni strip maschio per poterlo utilizzare con
una piccola breadboard. Facciamo in modo
che l’alimentazione tramite il plug di Arduino
possa alimentare anche EasyDriver, sfruttando il pin Vin allo scopo. Per far funzionare
l’insieme, è sufficiente utilizzare il solito
alimentatore non stabilizzato impostato per
una tensione di uscita di 6÷9 V. Un pezzetto
di nastro adesivo renderà chiaramente visibile
la rotazione del perno del motore.
Cablaggio del motore passo-passo con ArduMoto
ed EasyDriver.
Per quanto riguarda il programma di test, è
sufficiente che generi una sequenza di impulsi alla frequenza desiderata, per il numero
impostato. Lo sketch prevede una procedura
denominata Rotate, alla quale passare come
parametri la direzione, il numero di impulsi
ed il ritardo tra un impulso ed il successivo. Il
suo utilizzo è molto semplice: se, ad esempio,
con il motore in nostro possesso volessimo
compiere un giro intero, non dovremmo
fare altro che generare 1.600 impulsi. Questo
perché il motore è un 200 step, ognuno dei
quali è ampio 1,8 °; sapendo che tramite i pin
MS1 e MS2, Easydriver è impostato ad 1/8 di
passo, vediamo che effettivamente per un giro
(formato da 200 passi) servono 200∙8=1600
impulsi. Volendo compiere un giro in due
secondi, otteniamo anche la variabile Delay:
Delay=2/1.600=1.250 µs.
In generale Delay=(durata della rotazione)/
(numero di impulsi) e steps=(Numero di
Giri)/1600.
Il Listato 3 espone il codice necessario alla
gestione del motore e impiegante la variabile
Delay. La libreria “stepper.h” non è compatibile con questo driver, ma è invece adatta ad
un driver più semplificato, senza logica, in
quanto la sequenza dell’alimentazione delle
fasi del motore viene generata internamente
dal firmware; sul sito ufficiale Arduino potrete trovare alcuni esempi applicativi in cui è
specificato il tipo di hardware da usarsi. 
Elettronica In ~ Ottobre 2010
121
Corso Arduino
Conoscere e usare
rduino
dell’ing.
MIRCO
SEGATELLO
Scopriamo Processing, il linguaggio
di programmazione Java-based
e open-source, col quale realizzeremo
diverse applicazioni. Quinta puntata.
rocessing è un linguaggio di programmazione basato su Java, che consente di
sviluppare diverse applicazioni come
giochi, animazioni e contenuti interattivi. Basandosi su Java, ne eredita completamente la
sintassi, i comandi e il paradigma di programmazione orientata agli oggetti; in più, mette
a disposizione numerose funzioni ad alto
livello per gestire facilmente l’aspetto grafico e
multimediale. É distribuito sotto licenza Open
Source ed è supportato dai sistemi operativi
GNU/Linux, Mac OS X e Windows.
Il pacchetto, scaricabile gratuitamente dal sito
ufficiale http://processing.org, mette a disposizione un ambiente di sviluppo integrato (IDE),
e le varie creazioni (chiamate sketch) vengono
organizzate in uno sketchbook. Ogni sketch
contiene in genere, oltre alle classi che lo compongono, una cartella chiamata Data in cui
viene inserito il materiale multimediale utile
all’applicazione, quali, ad esempio, immagini,
font e file audio. Ogni applicazione creata può
inoltre essere esportata come Java applet.
Le funzionalità di processing possono essere
espanse tramite delle librerie aggiuntive, spesso create da terze parti, ottenendo un ambiente di sviluppo molto poliedrico. Ad esempio,
è possibile utilizzare in Processing protocolli
di comunicazione Seriale, TCP/IP, UDP, RDP,
OSC, riuscendo in questo modo a gestire una
moltitudine di applicazione hardware esterne.
Grazie alla libreria specifica Arduino, l’in-
Elettronica In ~ Novembre 2010
147
Fig. 2
Fig. 3
148
Novembre 2010 ~ Elettronica In
Corso Arduino
Fig. 1
tegrazione tra il mondo software e quello
hardware non è mai stata così facile: basti
pensare che l’ambiente di sviluppo Software
di Arduino è derivato proprio da Processing,
con il quale condivide sia la struttura che il
linguaggio di programmazione. In questo articolo non ci addentreremo nella descrizione di
Processing, peraltro ben documentato su diversi siti, ma piuttosto impariamo quei pochi
ed essenziali passaggi che ci permettono di
poterlo interfacciare con la scheda Arduino (la
Duemilanove, in questo caso...) tramite alcuni
semplici esempi. Lasciamo a voi il piacere di
utilizzare questi strumenti come meglio vi
conviene, realizzando degli applicativi più
complessi e di maggiore utilità.
Per prima cosa dobbiamo preparare la nostra
scheda Arduino in modo che possa essere
gestita in remoto dal software Processing; allo
scopo, dobbiamo collegarla al PC e caricarvi
l’apposito sketch denominato StandardFrimata.
pde, situato nella cartella
arduino-018\libraries\firmata\example\StandardFirmata.pde.
Con il termine Firmata si intende un generico protocollo di comunicazione per
microcontrollori e computer, che essendo
molto semplice, può essere facilmente implementato su qualsiasi piattaforma software.
A chi volesse approfondire la conoscenza di
questo protocollo, consigliamo il link: http://
firmata.org/wiki/Main_Page. Il riferimento ad
Arduino, invece, lo si trova all’indirizzo web
http://arduino.cc/en/Reference/Firmata, dal quale
è possibile scaricare, oltre alla libreria, anche
alcuni esempi.
Caricando questo firmware, si ha la possibilità di gestire in remoto la scheda Arduino
proprio con questo protocollo; tra le altre
cose, il firmware è facilmente adattabile alle
più svariate applicazioni; infatti nella cartella
esempi troverete altri sketch che permettono
di gestire funzioni specifiche della scheda
Arduino.
Prima di caricare lo sketch su Arduino assicuratevi che, nella riga Firmata.begin(57600);,
sia impostata una velocità di comunicazione
di 57.600 bps. Per collaudare i nostri esempi
collegate al pin 9, tramite una resistenza da
200 ohm, un LED, mentre al pin 2 (che useremo come ingresso) connettete un pulsante con
la relativa resistenza di pull-down (Fig. 1).
Corso Arduino
Listato 1
/*
processing_02
Semplice esempio di utilizzo del software Processing per
dialogare con Arduino duemilanove. Su Arduino è caricato
StandardFirmata.pde, questo programma va utilizzato con Processing-1.2.1
Con il mouse sul shape-quadrato si attiva l’uscita 13
L’ingresso 2 viene usato per cambiare colore al shape-cerchio.
Con il mouse sullo shape rettangolo si regola la luminosità
del LED connesso all’uscita 9.
*/
import processing.serial.*;
import cc.arduino.*;
Arduino arduino;
color off = color(4, 79, 111);
color on = color(84, 145, 158);
int[] values = { Arduino.LOW };
int pin_out = 13; // Definisce pin di uscita 13 (LED on board)
int pin_in = 2;
// Definisce pin di ingresso 2
void setup() {
size(200, 200);
println(Arduino.list());
arduino = new Arduino(this, Arduino.list()[2], 57600);
// Impostare l’indice array (2) a seconda della COM usata da Arduino
// Utilizzare le indicazioni riportate sulla taskbarr in basso all’avvio
// del programma
arduino.pinMode(pin_out, Arduino.OUTPUT);
arduino.pinMode(pin_in, Arduino.INPUT);
}
void draw() {
background(off);
stroke(on);
// Modifica colore shape-qadrato a seconda del livello logico dell’uscita
if (values[0] == Arduino.HIGH)
fill(on);
else
fill(off);
rect(40, 40, 40, 40);
// Modifica colore shape-cerchio a seconda del livello logico dell’ingresso
if (arduino.digitalRead(pin_in) == Arduino.HIGH)
fill(on);
else
fill(off);
ellipse(150, 60, 40, 40);
// Controllo luminosità LED
fill(constrain(mouseX / 2, 0, 255));
rect(40, 140, 140, 40);
arduino.analogWrite(9, constrain(mouseX / 2, 0, 255));
}
void mousePressed()
{
// Verifica sel premuto pulsante del mouse sopra la shape-quadrato
// nel qual caso inverte stato pin di uscita
if (mouseX>40 & mouseX<80 & mouseY>40 & mouseY<80)
{
if (values[0] == Arduino.LOW) {
arduino.digitalWrite(pin_out, Arduino.HIGH);
values[0] = Arduino.HIGH;
} else {
arduino.digitalWrite(pin_out, Arduino.LOW);
values[0] = Arduino.LOW;
}
}
}
Elettronica In ~ Novembre 2010
149
Corso Arduino
Fig. 4
Fig. 5
A questo punto passiamo al lato PC; per
prima cosa dobbiamo scaricare e scompattare Processing dal sito di riferimento: http://
processing.org/download/. Appena scompattato,
il software è subito pronto e non necessita di
installazione, proprio come l’IDE di Arduino. Affinché Processing possa dialogare con
Arduino, è necessario installare l’apposita
libreria che troverete qui: http://www.arduino.
cc/playground/uploads/Interfacing/processingarduino-0017.zip. Esiste anche una sezione del
sito di Arduino dedicata a Processing, rintracciabile dalla pagina web http://www.arduino.cc/
playground/Interfacing/Processing.
Esistono diverse versioni di questa libreria; ad
esempio, una meno recente si trova in un file
chiamato processing-arduino2.zip, ma consigliamo di utilizzare sempre la libreria più recente.
Scompattate i file scaricati e copiate la cartella
Arduino all’interno della cartella libraries di
Processing; l’aggancio alla libreria avviene al
primo avvio del programma.
All’interno dei file della libreria trovate anche
alcuni esempi di sketch per Processing, con
alcuni controlli per Arduino; ad esempio, arduino_output.pde (Fig. 2) disponibile in processing/libraries/arduino/example, che permette di
comandare le uscite di Arduino.
Con la scheda Arduino connessa alla USB,
caricate questo sketch su Processing e verificate la riga arduino = new Arduino(this, Arduino.
list()[0], 57600). Assicuratevi che la velocità
di comunicazione sia impostata su 57600;
ricordate che occorre impostare la porta di
comunicazione settando l’indice del vettore
Arduino.list, il quale contiene l’elenco delle
porte COM installate nel PC. Andate su esplora risorse di Windows per conoscere su quale
porta è presente Arduino, quindi avviate lo
sketch; anche se ciò determinerà la segnala-
150
Novembre 2010 ~ Elettronica In
zione di errore in
comunicazione, vi
farà vedere nella
taskbar in basso
le porte COM
installate ed il corrispondente indice
del vettore.
Avviate il programma, la prima
casella a sinistra
corrisponde
all’uscita 13 di Arduino, alla quale
Fig. 6
è presente il LED
interno. Potete accenderlo e spegnerlo a vostro piacimento. Per
verificare le altre uscite è necessario connettere un LED su ogni uscita.
Sono presenti altri due esempi utili per testare
uno gli ingressi digitali e l’altro le uscite
PWM.
Per provare appieno queste nuove funzioni, ci siamo cimentati nella stesura di uno
sketch che permettesse di attivare un’uscita e
visualizzare lo stato di un ingresso; lo abbiamo chiamato Processing_01.pde. Descriviamo,
però, un secondo sketch denominato Processing_02, con il quale oltre a gestire in ed out
controlliamo la luminosità di un LED tramite
l’uscita PWM. Le righe di codice corrispondenti sono riepilogate nel Listato 1.
La Fig. 4 mostra la schermata di uno sketch
che comanda i LED della scheda Arduino:
facendo clic nella casella quadrata in alto a
sinistra, attivate il LED interno ad Arduino,
mentre sul cerchio in alto a destra potete
vedere il livello logico del pin 2, usato come
ingresso. Il rettangolo in basso, se puntato col
mouse permette di regolare la luminosità del
Corso Arduino
LED connesso all’uscita 9.
Con un po’ di pratica, seguendo i numerosissimi tutorial ed esempi disponibili in rete,
potrete realizzare la vostra interfaccia; vi ricordiamo che il software è in grado di gestire
anche grafica in 3D ed animazioni. L’applicativo può essere esportato in svariati formati,
anche come applet java da inserire nel vostro
sito personale. È anche possibile esportare
l’applicazione in formato eseguibile (.exe) per
i diversi sistemi operativi, in modo da distribuire molto facilmente il vostro lavoro.
OSC
Se già quanto esposto finora vi sembra abbastanza, adesso vi faremo vedere un’altra
interessantissima applicazione realizzata con
questo software. Si tratta di utilizzare il protocollo OSC per poter gestire la scheda Arduino
tramite una periferica esterna con accesso alla
rete in modalità Wi-Fi.
Ma andiamo per gradi e spendiamo due
parole per spiegare cos’è OSC. Open Sound
Control (OSC) è un protocollo di comunicazione per messaggi tra computer, strumenti
musicali elettronici e altri dispositivi multimediali, ottimizzato per funzionare nelle moderne reti informatiche. I benefici delle moderne
tecnologie di reti nel mondo degli strumenti
elettronici OSC permette di aggiungere molta
flessibilità organizzativa oltre, ovviamente, a
controlli centralizzati per grossi studi, teatri o
concerti. Per chi volesse conoscere più approfonditamente questo standard di comunicazione consigliamo il sito: http://opensoundcontrol.org/.
Affinché Processing possa gestire una comunicazione con OSC è necessario installare
l’apposita libreria, scaricabile all’indirizzo
http://www.sojamo.de/libraries/oscP5/. Sempre a
questo indirizzo, è disponibile tutta la documentazione per l’utilizzo di tale libreria. Il file
oscP5.zip deve essere scompattato all’interno
della cartella libraries di Processing (Fig. 6).
Al primo avvio di Processing la libreria verrà
caricata e sarà subito utilizzabile.
Quello che vogliamo fare è utilizzare questa
libreria per dialogare con un iPhone connesso
in Wi-Fi alla rete del PC e poter così gestire
da remoto la scheda Arduino. Per arrivare a
fare questo è necessario installare sull’iPhone un’applicazione in grado di utilizzare lo
Fig. 7
Fig. 8
standard Open Sound Control che si chiama
TouchOSC, il cui sito di riferimento è http://
hexler.net/touchosc.
Elettronica In ~ Novembre 2010
151
Corso Arduino
Fig. 9
Fig. 10
Dal sito è possibile scaricare il manuale utente
touchosc-manual-v1-1.pdf ed alcuni esempi di
utilizzo anche per Processing:
• simple.pde; serve alla ricezione ed alla
visualizzazione di messaggi dal “Simple”
layout (solo pagina 1); richiede la libreria
oscP5;
• Example Code per la gestione dei dati dell’accelerometro;
• Processing Apps – Processing examples + video
by Mike Cook.
Fig. 11a
TouchOSC è scaricabile dall’AppStore della
Apple, al costo di 3,99 euro, giustificato anche
dal fatto che questa applicazione è completamente configurabile tramite un semplicissimo
editor, che può essere scaricato dal sito di riferimento e che è:
• touchosc-editor-1.4-osx.zip per Mac OS X;
• touchosc-editor-1.4-win32.zip per Windows;
• touchosc-editor-1.4-noarch.zip per Linux o
altri sistemi operativi.
Fig. 11b
152
Novembre 2010 ~ Elettronica In
Corso Arduino
Listato 2
/**
processing_osc
Per mettere in funzione il
tutto è bene iniziare con
l’esempio,denominato simple.
pde, già disponibile sul sito.
Per poterlo utilizzare dovete
creare una cartella chiamata
simple all’interno della libreria oscP5 e copiarci dentro il
file simple.pde.
Create quindi una rete Wi-Fi
tra il PC e l’iPhone (Fig. 7).
Aprite processing ed avviate
lo sketch simple.pde; dal lato
iPhone avviate l’applicativo
TouchOSC ed impostate i
parametri per l’accesso alla
rete mediante il protocollo
UDP (figure 8 e 9).
Fatto ciò, alla voce HOST inserite l’indirizzo IP del Computer, quindi nella sezione
PORT (outgoing) scrivete
il numero 8000; alla voce
PORT (incoming) immettete
il numero 9000. Introdotti
questi valori, alla voce LOCAL IP ADRESS comparirà
in automatico l’indirizzo IP
dell’iPhone.
Nella relativa schermata
selezionate come Layout il
modello Simple ed avviate
l’applicativo (Fig. 10).
Complimenti! Adesso il vostro iPhone potrà interagire
con il software Processing.
Adesso siamo pronti per creare il nostro applicativo per
la gestione della scheda Arduino: vogliamo realizzare
un controllo con un pulsante
per accendere e spegnere un
LED ed un fader per regolare
la luminosità di quest’ultimo.
Mentre su Arduino è sempre
caricato firmataStandard.pde,
noi dobbiamo occuparci di
creare l’interfaccia per l’iPhone e lo sketch per Processing.
Avviamo quindi TouchOSC editor e, sulla schermata
dell’iPhone, cliccando con il
Test controllo Arduino con IPhone
su Arduino è installato firmatastandard
V1.0
*/
// Per OSC
import oscP5.*;
import netP5.*;
OscP5 oscP5;
// Per Arduino
import processing.serial.*;
import cc.arduino.*;
Arduino arduino;
int[] values = { Arduino.LOW };
int pin_out = 13; // Definisce pin di uscita 13 (LED on board)
float fader1 = 0.0f;
float toggle1 = 0.0f;
float led1 = 0.0f;
void setup() {
size(320,440);
frameRate(25);
/* start oscP5, listening for incoming messages at port 8000 */
oscP5 = new OscP5(this,8000);
// Impostazioni per Arduino
println(Arduino.list());
arduino = new Arduino(this, Arduino.list()[3], 57600);
// Impostare l’indice array (2) a seconda della COM usata da Arduino
// Utilizzare le indicazioni riportate sulla taskbarr in basso all’avvio
// del programma
arduino.pinMode(pin_out, Arduino.OUTPUT);
}
void oscEvent(OscMessage theOscMessage) {
String addr = theOscMessage.addrPattern();
float val = theOscMessage.get(0).floatValue();
if(addr.equals(“/1/fader1”))
else if(addr.equals(“/1/toggle1”))
{ fader1 = val; }
{ toggle1 = val; }
}
void draw() {
background(0);
// toggle 1 outlines
fill(0);
stroke(0, 196, 168); // Set colore bordo pulsante
rect(80,95+100,60,60); //Set posizione bordo pulsante
// toggle 1 fills
fill(0, 196, 168);
if(toggle1 == 1.0f) {
rect(80,95+100,60,60);
arduino.digitalWrite(pin_out, Arduino.HIGH); // LED ON
}
else
arduino.digitalWrite(pin_out, Arduino.LOW); // LED OFF
// fader 1 outlines
fill(0);
stroke(255, 237, 0);
// Set colore bordo fader
rect(20+200,95,60,255); //Set posizione bordo fader
// fader 1 fills
fill(255, 237, 0);
rect(20+200,95+200+55,60,-fader1*255); //Set posizione bordo fader
arduino.analogWrite(9, int(fader1*255)); //Set luminosità LED
}
Elettronica In ~ Novembre 2010
153
Corso Arduino
Fig. 13
Fig. 12
pulsante destro inseriamo un toggle button
ed un fader verticale (Fig. 11a-b). Cliccate su
sync e seguite le istruzioni a video per caricare
la nuova schermata sull’iPhone; l’operazione
avviene tramite la rete Wi-Fi in modo molto
semplice e funzionale. Selezionate questo
nuovo layout ed avviatelo, aprite processing e
caricate lo sketch processing_osc_01.pde che riportiamo nel Listato 2. Lo sketch in questione
prevede la gestione dei messaggi in standard
OSC provenienti dall’iPhone e intercettati
grazie alla funzione oscEvent, dai quali viene
estrapolato il valore del fader e del pulsante.
Questi valori sono utilizzati per gestire la
grafica a video (anche se non strettamente
necessario) e i comandi per Arduino, già sperimentati nei precedenti esempi. Ricordatevi
di attivare la casella stay connected per fare in
modo che il canale di comunicazione rimanga
aperto (Fig. 12).
Un ultimo esempio molto significativo (processing_osc_03.pde) prevede l’utilizzo dell’accelerometro interno all’iPhone i cui valori
possono essere elaborati tramite Processing, in
questo caso per comandare la luminosità del
LED della scheda Arduino. Per questa applicazione è importante che attiviate la casella
Accelerometer, questo permetterà all’applicazione TouchOSC di inviare in continuazione i
154
Novembre 2010 ~ Elettronica In
valori dell’ accelerometro interno ad IPhone.
Nella schermata dello sketch di processing
sarà visualizzato un rettangolo in 3D che
mostrerà l’orientamento dell’IPhone, mentre, a seconda della sua inclinazione, si potrà
variate la luminosità del LED connesso al pin
9 della scheda Arduino. Il LED dell’uscita 13,
invece, si accenderà e si spegnerà a seconda
di quale faccia dell’iPhone è rivolta verso
l’alto (Fig. 13). Completiamo l’articolo con
un esempio conclusivo che prevede l’utilizzo
di comandi OSC bidirezionali tra Processing
(file processing_osc_04) e ToucOSC (file ein_testin.touchosc). Oltre ai comandi già descritti,
che prevedono da IPhone la gestione di un
pulsante e uno slider di Processing, adesso
aggiungiamo un controllo LED su Touchosc
la cui accensione è gestita da Processing. Non
riportiamo l’intero codice, ma solo la nuova
parte attinente l’invio di comandi.
La prima riga dichiara una variabile IPhoneLocation che contiene l’indirizzo IP del nostro
IPhone e la porta di comunicazione adibita
alla ricezione dei messaggi, già dichiarata su
Touchosc:
IPhoneLocation
=
new
NetAd-
dress(“192.168.0.46”,9000);
Quando viene premuto il pulsante del mouse
su un qualsiasi punto dello sketch di Processing avviene l’invio del comando per attivare
il LED:
void mousePressed() {
OscMessage
led1”);
myMessage
=
new
OscMessage(“/1/
Corso Arduino
Fig. 14
Fig. 15
if (LEDStatus==1) {
LEDStatus=0;
myMessage.add(LEDStatus); /* add comando per
led1 */
}
else
{
LEDStatus=1;
myMessage.add(LEDStatus); /* add comando per
led1 */
}
oscP5.send(myMessage, IPhoneLocation);
La prima riga provvede alla creazione del
messaggio che deve riportare la posizione del
LED (“/1/led1”); successivamente al messaggio, viene aggiunto (mymessage.add) il valore,
in questo caso 1 o 0, a seconda se si vuole accendere o spegnere il LED. Dopodiché il messaggio viene spedito all’indirizzo specificato.
L’istruzione IF viene semplicemente usata per
la funzione toggle del LED ad ogni pressione
del pulsante del mouse (Fig. 14-Fig. 15).
L’aggiunta delle righe di codice per la gestione di Arduino risulta abbastanza semplice;
prendete spunto dagli esempi precedenti. g
}
rduino
la piattaforma open source alla portata di tutti
STARTER KIT CON ARDUINO UNO
cod:
ARDUINOUNOKIT
€
55,oo
IVA inclusa.
kit composto da scheda Arduino UNO, cavo USB,
mini Breadboard a 170 contatti con 10 cavetti
da 15cm, piastra sperimentale (58,5 x 82,7mm),
2 motori elettrici, fotoresistenza, termistore, LED,
micropulsanti, transistor e molti altri componenti
necessari per cominciare ad utilizzare
questa potente piattaforma hardware.
Via Adige, 11 • 21013 Gallarate (VA)
Tel. 0331/799775 • Fax. 0331/792287
Maggiori informazioni su questo prodotto e su tutte le altre apparecchiature sono disponibili
sul sito www.futurashop.it tramite il quale è anche possibile effettuare acquisti on-line.
Elettronica In ~ Novembre 2010
155
Corso Arduino
Conoscere e usare

dell’ing.
MIRCO
SEGATELLO
Impariamo ad utilizzare i moduli XBee per
realizzare semplici collegamenti Wireless
nelle nostre applicazioni con Arduino.
Sesta puntata.
n queste pagine vedremo come sia possibile
dotare la scheda Arduino di un modulo di
comunicazione radio, al fine di comunicare
con un’altra scheda Arduino oppure con un
PC. Tra le infinite possibilità offerte dal mercato, Arduino ha sposato lo standard ZigBee e
quindi le applicazioni si sono orientate verso
uno specifico hardware, comunque disponibile a livello commerciale in molteplici versioni.
LO STANDARD ZIGBEE
Il termine ZigBee deriva dalle parole inglesi
“zigging bee”, che significano “danza delle
api”; è stato adottato ispirandosi al modo di
comunicazione essenziale e veloce che tali
insetti utilizzano per la sopravvivenza di ogni
loro colonia. Il protocollo ZigBee è stato implementato dalla ZigBee Alliance (www.zigbee.
org/en/index.asp) che è un consorzio no-profit
per la fabbricazione di semiconduttori, obiettivo del quale è stato creare un protocollo molto
versatile a larga diffusione in grado di funzionare in strutture di reti multiple, caratterizzate
da un basso consumo e adatte ad essere alimentate a batteria per lunghi periodi. È il caso
di telemetria, sistemi di allarme, domotica,
rilevatori di fumo ecc. Il protocollo ZigBee è
stato studiato per poter implementare diverse
tipologie di reti, statiche, dinamiche, a stella
e mesh, con la possibilità di arrivare sino a
65.000 nodi e garantendo l’assenza di collisioni ed un controllo degli errori molto avanzato.
Elettronica In ~ Dicembre 2010 / Gennaio 2011
141
Standard
Portata in metri
Durata batteria
Numero di nodi nella rete
Applicazioni
Stack Size (KB)
Velocità di trasmissione (kb/s)
ZigBee 802.15.4
Wi-Fi 802.11b
Bluetooth 802.15.1
1 ÷ 100
1 ÷100
1 ÷ 10
100 ÷ 1000
0,5 ÷ 5
1÷7
65.000
32
7
Monitoraggio, controllo, telemetria
Web, Email, Video
In sostituzione di cablaggio
4 ÷ 32
1.000
250
20 ÷ 250
11.000
720
Fig 1 - Confronto tra i vari standard di comunicazione.
Il protocollo ZigBee prevede delle specifiche
di sicurezza per l’accesso alla rete, tra cui un
sistema criptato a 128 bit basato sul NIST Certified Advanced Encryption Standard (AES).
Confrontando lo ZigBee con il Wi-Fi ed il
Bluetooth, ci si accorge subito di alcune differenze: il Bluetooth è essenzialmente utilizzato
per far colloquiare due apparati a brevissima
distanza, senza l’utilizzo di cavi; di solito è
implementato sui telefoni cellulari per utilizzare periferiche esterne come auricolari e
ricevitori GPS o per lo scambio dati con il PC.
Non è in grado di gestire molte periferiche
contemporaneamente ed il raggio di portata
che consente è piuttosto limitato.
Il Wi-Fi ha il vantaggio di una portata maggiore, tanto che con apparati ed antenne speTabella 2 - Caratteristiche tecniche dei moduli Xbee serie 1.
Parametro
XBee
XBee-PRO
ISM 2,4GHz
ISM 2,4GHz
Potenza in trasmissione
1 mW
63 mW
Sensibilità ricezione
-92 dB
-100 dB
Portata
30 m (indoor)
100 m (in aria libera)
90 m (indoor)
1.600 m (in aria libera)
Consumo
TX 45 mA
RX 50 mA
Power-down < 10μA
TX 250 mA
RX 55 mA
Power-down < 10μA
Velocità di trasferimento RF
250 kbps
250 kbps
Velocità trasferimento UART
1,2÷115 kBaud
1,2÷115 kBaud
Linee di A/D e digitali
Linee di A/D e digitali
65.000
65.000
Frequenza operativa
Estensioni
Periferiche indirizzabili
Numero di canali disponibili
Alimentazione
142
16
12
2,8÷3,4V
2,8÷3,4V
Dicembre 2010 / Gennaio 2011 ~ Elettronica In
cifiche si arriva sino a qualche chilometro; ha
una velocità di trasferimento notevole, migliorata con gli ultimi standard, che gli permette
l’invio di immagini in streaming e consente
la creazione di reti anche complesse sia tra
periferiche, sia fra PC. Tuttavia gli alti costi
dell’hardware e l’elevato consumo di corrente
non lo rendono idoneo in applicazioni a basso
costo con alimentazione a batteria per connessioni di lunga durata (Tabella 1).
A livello commerciale, lo standard ZigBee/
IEEE 802.15.4 è stato implementato dalla
Maxstream-Digi (www.maxstream.net e www.
digi.com) con i moduli denominati XBee.
I primi di questi moduli immessi nel mercato
e denominati semplicemente XBee, si riferiscono alla serie 1 ed implementano solo in
parte il protocollo ZigBee, mantenendo, però,
la caratteristica di poter essere utilizzati nella
realizzazione di reti a basso costo e a basso
consumo. I moduli sono semplici da utilizzare, richiedono pochissima energia e costituiscono una soluzione efficace ed affidabile per
la trasmissione di dati critici. I moduli XBee
operano nella banda ISM alla frequenza di 2,4
GHz, permettendo di realizzare applicazioni
hardware estremamente compatte; inoltre
sono compatibili con le normative vigenti in
paesi come U.S.A., Canada, Australia, Israele
e negli stati dell’Europa. Ciascun modulo è
formato da un transceiver a radiofrequenza
ed un microcontrollore, con firmware aggiornabile, che gestisce, oltre alla comunicazione
radio, anche una serie di linee di I/O sia digitali che analogiche, con funzioni di interrupt e
sleep. Ciò permette di connettere direttamente
al modulo sensori o contatti e di farlo lavorare
sul campo in modalità stand-alone, senza la
necessità di interfacciarlo con altri elementi
esterni se non una batteria di alimentazione.
Tutte le funzioni che dovrà svolgere saranno
programmate dall’utente secondo le esigenze.
Di questa prima serie esiste anche la versione PRO, che pur mantenendo le medesime
caratteristiche e la stessa piedinatura (cambia
la lunghezza) ha una potenza trasmissiva
maggiore, che permette la comunicazione a
Corso Arduino
Tabella 1 - Confronto tra gli standard di comunicazione.
Corso Arduino
grande distanza; in sintesi, le caratteristiche
tecniche sono riportate nella Tabella 2.
Esistono diverse versioni di moduli XBee a
seconda del tipo di antenna adottato, il più
performante dei quali consente l’utilizzo di
un’antenna esterna con attacco U.FL; ma i
costi e gli ingombri maggiorati non sempre ne
giustificano l’utilizzo. Una seconda versione
prevede un’antenna a stilo già installata e
consente di ottenere quasi la massima portata dichiarata; un’ultima versione dispone di
un’antenna integrata, decisamente molto pratica, ma che riduce la portata di circa il 30 %.
La serie PRO, perfettamente compatibile con
la standard, ha una potenza ed una sensibilità
in ricezione maggiorata, caratteristiche che le
permettono di essere impiegata in comunicazioni a lungo raggio; si distingue per la scritta
PRO sull’involucro e la lunghezza leggermente superiore a quella degli altri moduli.
La serie 2 dei moduli XBee implementa completamente lo standard ZigBee; ciò aumenta
la possibilità di realizzare reti complesse
autoconfiguranti con funzioni di auto-routing,
auto-riparanti e reti mesh. L’aspetto esterno
è invariato ma viene aggiunta la sigla “serie
2” e si perde la compatibilità con i moduli
della serie 1. La serie 2 introduce la possibilità
di configurare un modulo come router, che,
inserito in una rete, si comporta da ponte tra il
Coordinator e gli End Device, oppure con altri
router permette di estendere dinamicamente
la rete. Anche in questo caso esiste la versione
PRO con potenza maggiorata (la Tabella 3
riepiloga le caratteristiche tecniche).
Vediamo ora, qui di seguito, gli elementi di
base che formano una rete ZigBee.
• Node; questo termine indica un qualsiasi dispositivo della rete che consente lo scambio di
dati via radio ed è identificato da un numero
(Identify Device).
Fig 2
Modulo
XBee
con antenna
integrata.
Fig 3
Modulo
XBee
con attacco
U.FL per
antenna esterna.
Fig 4
Modulo
XBee
con antenna
esterna integrata.
Fig 5
Modulo
XBee PRO
con antenna
integrata.
Fig 6
Modulo
XBee PRO
con attacco
U.FL per
antenna esterna.
Fig 7
Modulo
XBee PRO
con antenna
esterna integrata.
Elettronica In ~ Dicembre 2010 / Gennaio 2011
143
Parametro
XBee Serie2
XBee-PRO Serie2
ISM 2,4 GHz
ISM 2,4 GHz
Potenza trasmissiva
2 mW
63 mW
Sensibilità ricezione
-92 dB
-100 dB
40 m (indoor)
120 m (in aria libera)
90 m (indoor)
1.600 m (in aria libera)
TX 40 mA
RX 40 mA
Power-down < 1μA
TX 250 mA
RX 55 mA
Power-down < 4μA
Velocità di trasferimento RF
250 kbps
250 kbps
Velocità trasferimento UART
1,2 k ÷ 1M baud
1,2 k ÷ 1M baud
Linee di A/D e digitali
Linee di A/D e digitali
65.000
65.000
16
15
2,1 ÷ 3,6 V
2,7 ÷ 3,6 V
Frequenza operativa
Fig 8
Modulo
XBee Serie2
con antenna
integrata.
portata
consumo
estensioni
Periferiche indirizzabili
Numero di canali disponibili
Fig 9
Modulo
XBee Serie2
con attacco
per antenna
esterna.
Fig 10
Modulo
XBee Serie2
con attacco
U.FL per
antenna esterna.
alimentazione
anche agire come intermediario per il rilascio
verso il nodo centrale di informazioni da altri
dispositivi.
• End Device – ZED; anche detto Reduced
Function Device, RFID o semplicemente, nodo,
è un dispositivo client: raccoglie informazioni
e le invia al Coordinator o al Router, ma non
opera come intermediario per altri dispositivi.
È l’elemento più semplice ed economico, solitamente destinato ad oggetti quali interruttori,
TV, radio, lampade, elettrodomestici, ecc.
Normalmente fa parte di una sottorete a stella
di tipo point-to-multipoint verso un Router o
Coordinator.
RETI IMPLEMENTABILI CON I MODULI XBEE
Di seguito vediamo quali sono i tipi di rete
wireless implementabili con i moduli XBee.
Fig 11
Modulo
Xbee PRO
con antenna
esterna integrata.
• Coordinator – ZC (Controller); rappresenta
il nodo radice della rete ad albero, inizializza
la rete, gestisce i vari nodi, opera la raccolta
dati ed è in grado di operare da ponte verso
altre reti; per ogni rete viene designato un
Coordinator che contiene le informazioni sulla
rete e le chiavi di sicurezza ed è in grado di
configurare gli altri moduli della rete.
• Router – ZR; detto anche Full function
Device (FFD) è un dispositivo client (genera
informazioni e le invia al nodo centrale); può
144
Dicembre 2010 / Gennaio 2011 ~ Elettronica In
Rete point to point (PPP)
In questa rete due dispositivi dialogano tra
di loro. Per migliorare l’immunità ai disturbi
ed evitare conflitti che possano ritardare le
comunicazioni, è possibile assegnare a questi
due moduli un canale trasmissivo differente
rispetto agli altri. La rete, anche se di soli due
elementi, può contenere un master ed uno
slave (Fig. 12).
Rete point to multipoint (PMP)
È una rete in cui un dispositivo dialoga con
più dispositivi. La rete di tipo a stella ha una
maggior complessità e impone di risolvere il
problema dei conflitti, assegnando ad un solo
dispositivo il compito di master mentre gli
altri sono slave. Nel caso di reti ZigBee ci sarà
un Coordinator e degli End Device (Fig. 13).
Rete peer to peer (P2P)
Si tratta di una rete definita paritaria, nella
Corso Arduino
Tabella 3 - Caratteristiche tecniche moduli XBee serie 2.
Corso Arduino
quale non sono presenti dispositivi client o
server, ma un numero di dispositivi che si
equivalgono (in inglese peer) che svolgono le
funzioni sia di server che di client. In questo modo ogni nodo è in grado di avviare e
completare la comunicazione; è il caso di due
portatili oppure di un PC ed uno smartphone
che comunicano tra loro per scambiarsi file
senza la necessità di utilizzare un Router. In
ambiente Windows questa rete è anche denominata “rete ad hoc”.
Rete Mesh
È la rete che impiega appieno le potenzialità
del protocollo ZigBee, in cui sono presenti un
Coordinator e diversi End Device supportati
da Router utilizzati per espandere ed instradare le comunicazioni in modo dinamico.
Questa rete può essere realizzata solo con i
moduli della serie 2. Nelle reti mesh il dispositivo Coordinator è in grado di configurare dinamicamente gli altri moduli della rete; ogni
dispositivo Router può svolgere operazioni
di smistamento agganciandosi a sua volta ad
altri Router. Espandendo in modo dinamico
la rete, infatti, è possibile inserire “al volo”
nuovi nodi lasciando che la rete stessa si autoconfiguri aumentando le distanze coperte. Nel
caso la comunicazione con alcuni dispositivi
si perda, si può recuperarla in automatico
restaurandola tramite altri nodi; così la rete
diventa molto robusta nei riguardi dei disturbi e dei guasti (Fig.15).
Le modalità di comunicazione implementabili
con i moduli XBee sono tre e vengono elencate
e descritte qui di seguito.
Transparent mode (pprz)
Questa modalità prevede che ogni modulo sia
impostato come End Device e sia disabilitata
l’associazione tra End Device in tutti i moduli; ogni dispositivo della rete dovrà avere gli
stessi parametri ID e CH. Questa modalità è
chiamata anche Transparent Mode e in essa
due dispositivi sono utilizzati come radiomodem, comportandosi a tutti gli effetti come
un normale cavo seriale: quello che si manda
all’RX di un modulo arriva direttamente al TX
dell’altro, senza dover programmare o settare
nulla (tranne il baud-rate per la comunicazione); la packetizzazione dei dati e l’aggiunta
di un checksum (per il controllo degli errori)
Confronto con i moduli
a 433-868 MHz
Un’altra grande famiglia di moduli radio, disponibili sul
mercato ed usati da molti appassionati per applicazioni wireless con i microcontrollori, utilizza la frequenza
di trasmissione di 433 oppure 868 MHz. Rispetto agli
XBee, questi offrono alcuni vantaggi tra i quali la tensione di alimentazione a 5 volt (direttamente compatibile
con i microcontrollori) il costo leggermente inferiore ed
una piedinatura a passo 2,54 mm standard, a differenza
dei moduli XBee che, per limitare lo spazio, utilizzano un
connettore a passo 2 mm. I moduli XBee hanno però alcuni indubbi vantaggi, come ad esempio la bidirezionalità
di comunicazione, non sempre implementata sui moduli
economici a 433 o 868 MHz. Altro vantaggio è la possibilità di indirizzare i moduli XBee in modo univoco, in quanto
ogni modulo è già fornito di un numero seriale univoco,
che permette a due moduli di dialogare solo tra di loro,
ignorando i segnali di altri moduli nelle vicinanze. I moduli
XBee implementano al loro interno anche una logica per la
correzione degli errori ed una crittografia dei dati a 128 bit.
Fig 12 - Esempio di rete PPP.
Fig 13 - Esempio di rete PMP.
Fig 14 - Esempio di rete P2P.
Fig 15 - Esempio di rete Mesh.
Elettronica In ~ Dicembre 2010 / Gennaio 2011
145
devono esse fatte dall’utente prima dell’invio
dei dati.
Command mode
Inviando i tre caratteri speciali “+++” il modulo XBee si porta in Command Mode e può
essere configurato da semplici comandi AT, il
che permette di modificare il baud-rate, l’indirizzo di destinazione ecc.
API mode.
Questa modalità è la più evoluta: oltre a poter
configurare tutti i parametri di un modulo
con i comandi AT (senza entrare in Command
Mode) è possibile gestire le comunicazioni con
Fig 17
Adattatore
XBee logica 5 V.
Fig 18
Adattatore
XBee logica 5V
con modulo XBee inserito.
146
Dicembre 2010 / Gennaio 2011 ~ Elettronica In
gli altri moduli, ma anche ricevere notifica sui nodi associati, dissociati o resettati,
richiedendo informazioni sugli indirizzi dei
nodi della rete, oppure ricevere informazioni
sullo stato di una trasmissione (buon esito)
ed identificare l’indirizzo sorgente di una
ricezione. In API Command Mode il modulo
può essere configurato con maggiori possibilità di interazione con la rete e programmato
per un funzionamento stand-alone (compresa
la gestione delle linee di I/O e ADC) senza
alcun supporto esterno. Ad esempio è possibile configurare un pin analogico affinché
acquisisca ad intervalli regolari il segnale
da un sensore ed invii i dati via radio. Con i
comandi API è possibile configurare i moduli direttamente dall’applicazione Host (il
microcontrollore, nel nostro caso).
USO PRATICO
Come avrete intuito, i moduli XBee sono completi e progettati per essere utilizzati in reti di
una certa complessità, il cui studio non sarà
trattato in questa sede. Per le nostre applicazioni è sufficiente che un microcontrollore
possa dialogare con un altro o con un PC in
una piccola rete di tipo PAN, con al massimo
qualche dispositivo. Il primo problema da
affrontare riguarda la connessione hardware
tra il modulo XBee ed il microcontrollore, in
quanto i moduli Xbee operano a 3,3 V e adottano un connettore a passo 2 mm non proprio
di facilissima reperibilità, quindi non possono
essere utilizzati direttamente su di una basetta millefori sperimentale.
Per i collegamenti hardware tra
microcontrollore e XBee è necessario considerare che la linea TX degli XBee può
essere connessa direttamente alla RX del
microcontrollore; pur giungendo una tensione di 3,3 volt a livello logico alto, il
tutto funzionerà lo stesso. La linea TX del
microcontrollore può essere connessa alla linea RX di XBee tramite un partitore di tensione che abbassi da 5 a 3,3 V la tensione, oppure
interponendo un diodo con l’anodo rivolto
verso il modulo Xbee (RX) e il catodo rivolto
verso il microcontrollore (TX). È necessario
siano abilitate le resistenze di pull-up del modulo XBee. In commercio esistono opportune
interfacce già predisposte per queste funzioni,
illustrate nelle figure 17 e 18.
Corso Arduino
Fig 16 - Esempio di rete Mesh per la gestione dell’impianto
di illuminazione di un edificio di grandi dimensioni.
Corso Arduino
Tabella 4 - Piedinatura dei moduli XBee.
Pin
Nome
Direction
Descrizione
1
VCC
-
Power supply
2
DOUT
Output
UART Data Out
3
DIN / CONFIG
Input
UART Data In
4
DIO12
Either
Digital I/O 12
5
RESET
Input
Module Reset (reset pulse must be at least 200 ns)
6
PWM0 / RSSI / DIO10
Either
PWM Output 0 / RX Signal Strength Indicator / Digital IO
7
PWM / DIO11
Either
Digital I/O 11
8
[reserved]
-
Do not connect
9
DTR / SLEEP_RQ/ DIO8
Either
Pin Sleep Control Line or Digital IO 8
10
GND
-
Ground
11
DIO4
Either
Digital I/O 4
12
CTS / DIO7
Either
Clear-to-Send Flow Control or Digital I/O 7
13
ON / SLEEP / DIO9
Output
Module Status Indicator or Digital I/O 9
14
[reserved]
-
Do not connect
15
Associate / DIO5
Either
Associated Indicator, Digital I/O 5
16
RTS / DIO6
Either
Request-to-Send Flow Control, Digital I/O 6
17
AD3 / DIO3
Either
Analog Input 3 or Digital I/O 3
18
AD2 / DIO2
Either
Analog Input 2 or Digital I/O 2
19
AD1 / DIO1
Either
Analog Input 1 or Digital I/O 1
20
AD0 / DIO0 / Commissioning Button
Either
Analog Input 0Digital IO 0 or Commissioning Button
Non vi dovete spaventare per la quantità di
contatti di questi moduli, in quanto per l’utilizzo pratico sono richiesti solo VCC, GND,
DOUT e DIN, oltre che limitate connessioni
con supporto per aggiornamento firmware:
VCC, GND, DIN, DOUT, RTS & DTR; ogni
modulo include una resistenza di pull-up da
50 kohm sul pin di reset. Non è strettamente necessario comandare questo pin, quindi
possiamo anche lasciarlo scollegato. Alcuni
ingressi possono essere programmati con
resistenza di pull-up o meno, mentre i pin non
utilizzati vanno lasciati disconnessi.
CONFIGURAZIONE DEI MODULI
La configurazione dei moduli XBee può essere
fatta tramite comandi AT, ma può diventare
più semplice utilizzando il programma XCTU, che la MaxStream-Digi fornisce gratuitamente per ambiente Windows. Questo software permette altresì di testare la rete radio
tramite la misura dell’intensità del segnale
e la qualità (errori rilevati) e consente anche
l’upgrade del firmware dei moduli. X-CTU è
scaricabile dal sito del produttore all’indirizzo
http://www.digi.com/support/; selezionare come
prodotto XCTU successivamente accedere alla
pagina del download nella sezione “Diagnostics, Utilities and MIBs”.
Per interfacciare il modulo XBee al PC è conveniente procurarsi un adattatore, disponibile
sia in versione seriale che USB; quest’ultima
è equipaggiata con il convertitore USB-seriale
della FDTI, nel qual caso dovrete prima instal-
lare gli appositi driver scaricabili dal sito del
produttore del chip http://ftdichip.com/Drivers/
VCP.htm. Se state usando una scheda Arduino
con interfaccia USB, questi driver li avete già
installati.
In riferimento all’adattatore USB-XBee, i
due LED denominati TX e RX permettono di
monitorare il traffico dati del modulo XBee;
un terzo è connesso alla linea RSSI di XBee ed
un quarto indica presenza di alimentazione.
Inserite il modulo XBee sull’adattatore e
collegatelo al PC; nel caso usiate la versione
per USB, utilizzate Gestione Risorse del sistema
operativo per sapere su quale COM è stato
installato (Fig. 25). Avviate il software X-CTU
e selezionate la cartella PC_Setting, quindi
specificate la porta COM utilizzata dall’adattatore; se non compare nell’elenco cliccate su
User_Com_Port e poi inserite manualmente
il numero della porta sul campo Com_Port_
Number e cliccate su Add. Adesso sarà disponibile nell’elenco delle COM (Fig. 26).
Per impostazione predefinita, i moduli
comunicano con il protocollo 9.600 baud, 8
bit di dati, 1 bit di stop e nessun bit di parità;
cliccate su Test/Query e lasciate che il software
identifichi il modulo.
Se tutto è andato a buon fine, avrete la sigla
del modulo e la versione del firmware (Fig.
27); ad esempio, inserendo un modulo XBee
PRO, come risposta abbiamo ottenuto: modem
tipo XBP24 versione firmware 10E6 (modelli con
firmware versione 1.x.
Selezionate la cartella Modem_Configuration
Elettronica In ~ Dicembre 2010 / Gennaio 2011
147
Fig 20
Adattatore
USB-Xbee versione Dongle.
Fig 21
Adattatore USBXBee V.Dongle
installato
Fig 22
Adattatore
USB-Xbee (XBee installato)
Fig 23
Adattatore
RS232-XBee.
148
Dicembre 2010 / Gennaio 2011 ~ Elettronica In
Corso Arduino
Fig 19
Adattatore
USB-XBee
e cliccate su Modem_Parameter - Read per
ottenere la configurazione del vostro modulo.
Se il modulo è più recente del software sarà
necessario aggiornare il data base delle funzioni, connettendovi ad internet e cliccando su
Download_New_Version (Fig. 28).
Con il comando Read otterrete l’intera configurazione presente nella memoria del modulo
(Fig. 29). Analizziamo di seguito, in dettaglio,
i parametri fondamentali.
• CH è il canale di comunicazione (frequenza del modulo radio); solo i moduli con lo
stesso canale possono comunicare fra loro,
mentre moduli con un CH diverso creano di
fatto una sottorete nella quale solo essi possono comunicare e coesistere con altre reti.
• ID è l’identificativo della PAN (Personal
Area Network) sulla quale il modulo sta
operando. Solo moduli con lo stesso ID
e lo stesso CH possono comunicare tra
di loro; in questo caso fanno parte della
stessa PAN.
• DH-DL è l’indirizzo di destinazione dei messaggi. Impostando DH =0 e DL inferiore a
0xFFFF, i messaggi trasmessi da questo modulo sono ricevuti da tutti gli altri moduli
della PAN che hanno parametro My uguale
a DL. Se DH=0 e DL=0xFFFF la trasmissione
di questo modulo sarà ricevuta da tutti i
moduli. Se DH>0 e DL>0xFFFF la trasmissione di questo modulo verrà ricevuta esclusivamente dai moduli che hanno numero
seriale uguale a questo SH (ricevente)=DH
(trasmettitore) ed SL (ricevente)=DL (trasmettitore). Tutto questo è valido per moduli facenti parte della stessa PAN.
• SH-SL è l’identificativo (32 bit in totale)
univoco impostato in fabbrica, ovvero ogni
modulo ne ha uno diverso ed ovviamente
non può essere modificato.
• My è l’indirizzo sorgente (il modulo in
questione) da non confondersi con il numero di serie univoco per ogni modulo. Come
vedremo questo indirizzo ci tornerà utile
quando dovremo indirizzare delle trasmissioni solo verso alcuni moduli. Impostando
MY=0xFFFF si disabilita la ricezione con
indirizzo a 16 bit.
• RANGE è compreso tra 0 e 0XFFFF.
• PL è usato per impostare la potenza di trasmissione; a potenze inferiori corrispondono
anche consumi inferiori.
Corso Arduino
• BD: imposta il baud-rate
per la comunicazione
seriale. È importante
conoscere sempre il
valore impostato sul
modulo, altrimenti non
sarà possibile accedervi
né per leggere la configurazione né per settarla. Per impostazione
predefinita, sia i moduli che X-CTU sono impostati su 9.600 baud;
questa è anche l’impostazione da utilizzare
su Arduino per la comunicazione con XBee.
I moduli della serie 1 sono già settati per la comunicazione in transparent mode, operante in
una tipologia di rete peer-to-peer in cui ogni
modulo è utilizzato come End Device. Possiamo quindi utilizzare due moduli XBee (serie
1) per sostituire un collegamento cablato
RS232 tra due dispositivi (transparent mode)
senza la necessità di programmarli.
Utilizziamo quindi un secondo modulo XBee
serie 1 (XBP24) che potrebbe essere inserito su
un secondo adattatore ed interfacciato ad un
secondo PC, oppure, come faremo noi, utilizzare il modulo XBee con una scheda Arduino
in modo da realizzare un collegamento wireless PC-Arduino. Per connettere il modulo
XBee alla scheda Arduino, potete utilizzare
l’adattatore generico (Fig. 17 e Fig. 18) realizzando i seguenti collegamenti:
• +5V Arduino al +5V adattatore XBee;
• GND Arduino -> GND adattatore XBee;
• TX Arduino -> RX Adattatore XBee;
• RX Arduino -> TX Adattatore XBee.
Fig 24
Schema
adattatore USB.
Fig 25 - Visualizzazione dispositivi seriali disponibili.
Fig 26 - Selezione COM sul software X-CTU.
Ricordiamo che la linea TX di Arduino fa
capo alla RX del convertitore FDTI, mentre
la linea RX di Arduino fa capo alla TX del
convertitore FDTI; ciò è un problema perché i
due dispositivi XBee e FDTI inviano dati sulla
stessa linea. L’alternativa è utilizzare l’apposita XBee Shiedl, che consente di realizzare tutti i
collegamenti in modo semplice e veloce.
Tra le varie Shield disponibili nel mercato abbiamo usato la versione sviluppata in collaborazione con la Libelium, che fornisce supporto
a questo indirizzo: http://www.libelium.com/
squidbee/index.php?title=Downloads.
Elettronica In ~ Dicembre 2010 / Gennaio 2011
149
Fig 28 - Fase di scaricamento
aggiornamento definizione moduli.
Fig 29 - Lettura parametri di default modulo XBee.
Fig 30 - Elenco opzioni del menu Function_Set di X-CTU.
150
Dicembre 2010 / Gennaio 2011 ~ Elettronica In
La prima versione, siglata V1.0, faceva uso di
soli componenti non SMD, mentre l’attuale
versione V1.1, che abbiamo utilizzato (Fig.
31) dispone di piazzole idonee ad accettare i
componenti sia classici che SMD.
Dallo schema (Fig. 32) si capisce che la tensione di alimentazione per il modulo XBee
viene ricavata internamente da un apposito
regolatore partendo dai +5 V della scheda Arduino. Le uniche linee utilizzate di Xbee sono
la DIN (RX) e la DOUT (TX) le quali fanno
capo a due jumper; la linea DIN ha un partitore per poter essere comandata con logica
a 5 volt. I jumper permettono di configurare
l’utilizzo della XBee Shield con il microprocessore Atmel oppure con la linea USB.
Con i jumper in XBee mode la linea
DOUT di XBee è collegata al pin RX del
microcontrollore, a sua volta connessa (in
modo fisso) con la linea TX del chip FDTI.
La linea DIN di XBee è connessa alla linea
TX del microcontrollore, che a sua volta è
collegata (in modo fisso) alla linea RX del
chip FDTI. In questa modalità l’invio di dati
da parte del microcontrollore avviene sia
tramite il modulo XBee, sia tramite la USB. Il
microcontrollore è abilitato a ricevere dati solo
dal modulo XBee e non tramite la USB. Un
eventuale dato in arrivo dalla USB e indirizzato al microcontrollore sarebbe in conflitto
con la linea DOUT del modulo XBee. Usate
questa modalità affinché il microcontrollore di
Arduino usi il modulo XBee per trasmettere e
ricevere dati.
Con i jumper in USB mode la linea DOUT
dell’XBee è connessa alla RX dell’FDTI ed
alla TX del microcontrollore, mentre la linea
DIN dell’XBee è connessa alla TX dell’FDTI
ed alla linea RX del microcontrollore. Il
microcontrollore della scheda Arduino può
quindi comunicare normalmente con il PC
tramite la USB. Usate questa modalità per
programmare via USB il microcontrollore.
Rimuovendo il micro, il PC può comunicare
direttamente con il modulo XBee tramite la
USB, ma non disponendo delle linee RTS e
DTR il collegamento non sarà equivalente
all’utilizzo dell’adattatore USB-XBee. Ciò
permette di usare il modulo XBee direttamente da PC, ad esempio per l’acquisizione
di dati da una rete di sensori posti in luoghi
diversi. Se il microcontrollore rimane inserito
Corso Arduino
Fig 27 - Report della funzione Test/Query di X-CTU.
Corso Arduino
Tabella 5 - Lista dei principali parametri di default per modulo XBP24 (XBee serie1).
Parametro
default
funzione
CH
C
Set/read the channel number (Uses 802.15.4 channel numbers). RANGE:0XC-0X17
ID
3332
Set the PAN (Personal Area Network) ID. Set ID = 0xFFFF to send message to all PANs. RANGE:0-0XFFFF
DH
0
Set/read the upper 32 bits of the 64 bit destination address. Set the DH register to zero and DL less than 0xFFFF to transmit using a
16 bit address. 0x000000000000FFFF is the broadcast address for the PAN. RANGE:0-0XFFFFFFFF
DL
0
Set/read the lower 32 bits of the 64 bit destination address. Set the DH register to zero and DL less than 0xFFFF to transmit using a 16 bit
address. 0x000000000000FFFF is the broadcast address for the PAN. RANGE:0-0XFFFFFFFF
MY
0
Set/read the 16-bit source address for the modem. Set MY = 0xFFFF to disable reception of packets with 16-bit addresses. 64-bit
source address is the serial number and is always enabled. RANGE:0-0XFFFF
SH
13A200
Read high 32 bits of modems unique IEEE 64-bit source address. 64-bit source address is always enabled.
SL
4062B32D
Read low 32 bits of modems unique IEEE 64-bit source address. 64-bit source address is always enabled.
nella scheda esso potrà comunque
comunicare via USB normalmente, ma né il computer né il
/*
XBee_01
microcontrollore possono comuProva moduli Xbee
nicare con XBee.
riceve e rispedisce un carattere
attiva LED 13 se riceve il carattere H
Vogliamo ora implementare un
spegne LED 13 de riceve il carattere L
semplice esempio, nel quale un
*/
dato inviato dal PC arriva alla
byte ChRX =0;
//carattere ricevuto
scheda Arduino e questa risponde
int Led = 13;
// LED connesso al pin digitale 13
con lo stesso dato ricevuto: una
specie di ECO che ci permette di
void setup()
{
verificare se il collegamento wirepinMode(Led, OUTPUT);
// LED pin di uscita
less funziona. Il Listato 1 mostra
Serial.begin(9600);
// Velocità seriale = BD
}
le righe di codice corrispondenti.
Il programma semplicemente
void loop()
{
aspetta un carattere in ricezione;
while (Serial.available() > 0) {
il carattere “h” accende il LED
// aspetta arrivo di un carattere:
ChRX = Serial.read();
della scheda, mentre il carattere
if (ChRX == ‘h’)
“l” lo spegne; in ogni caso l’infordigitalWrite(Led, HIGH); // sets the LED on
mazioine viene rispedita indietro
if (ChRX==’l’)
sia tramite il modulo Xbee, sia
digitalWrite(Led, LOW); // sets the LED off
tramite la USB. Se Arduino è conSerial.print(ChRX); //println
nessa al PC ed è aperto l’Editor
delay(100);
}
Arduino con attivato il tools Serial
}
monitor (impostato su 9.600 baud)
il carattere ricevuto sarà mostrato
a video.
Terminal, ed iniziamo a digitare dei caratteri,
Connettiamo quindi il modulo Xbee alla
uno alla volta con calma. Appena premiamo
Arduino Shield, che a sua volta sarà inserita
un tasto il carattere relativo viene inviato e,
nella scheda Arduino (nel nostro caso una
se tutto è a posto, lo stesso carattere torna
Duemilanove); impostiamo i jumper su USB,
indietro. Sull’IDE di Arduino vedrete, invece,
connettiamo la scheda al PC e programmiai caratteri in arrivo sulla XBeeShield.
mola normalmente (massima attenzione alla
Sempre in X-CTU, andate sulla schermata
porta COM utilizzata). Spostiamo ora i jumRange_Test e in basso, alla voce Create_Data,
per su XBee mode affinché il microcontrollore
inserite 1 e cliccate su Create_Data; viene
ATMega possa usare il modulo XBee.
impostato semplicemente il carattere 0 da
Sulla XBee Shiled dovrebbe lampeggiare il
spedire.
LED associated per indicare l’associazione con
Cliccate ora su Start in modo che il carattere
il primo XBee. Sull’adattatore di quest’ultimo
venga spedito in continuazione; il software
dovrebbe accendersi il LED RSSI (ad ogni
verifica la corretta ricezione ed il relativo
dato ricevuto) ad indicare la presenza di
livello. Il perché inviamo un solo carattere è
segnale.
dovuto al fatto che lo sketch prevede, appunAvviamo X-CTU (che sarà sintonizzato
to, la ricezione e l’invio di un solo carattere; se
sull’adattatore USB-XBee) e la schermata
Listato 1
Elettronica In ~ Dicembre 2010 / Gennaio 2011
151
XBee!
invece collegassimo RX e TX assieme sul secondo modulo (Arduino duemilanove e XBee
shield omessi) potremmo trasmettere quanti
caratteri vogliamo.
La linea RSSI programmata come tale (parametro P0=1) è un’uscita PWM con duty-cycle
variabile a seconda del livello del segnale
che viene valutato ad ogni ricezione di dati;
con un piccolo filtro passa-basso si ottiene
una tensione proporzionale alla potenza del
segnale ricevuto. Il PWM rimane attivo per il
tempo indicato dal parametro RP (in 100 ms).
Lo schema generale adottato è riportato nella
Fig. 37; il secondo PC può essere omesso,
essendo XBee gestito da Arduino, oppure è
possibile utilizzare lo stesso PC facendo attenzione alle COM utilizzate.
Al posto di X-CTU, per inviare e ricevere dati
con la scheda Arduino potreste usare anche
il Tools serial monitor di Arduino. La scheda
Arduino a sua volta potrebbe essere inserita
in un robot, del quale volete avere il controllo
da remoto, non solo per gestirne i movimenti
ma anche per acquisire parametri sul campo.
PERSONALIZZAZIONE
DELLA COMUNICAZIONE
Se utilizzassimo tre moduli con configurazione predefinita, il dato trasmesso da uno
qualsiasi giungerebbe agli altri due.
Ora vediamo come si possono configurare
diversamente i moduli: ad esempio, vogliamo
comandare un robot a distanza, in modo che
non vi siano interazioni con altri robot even-
Fig. 32
Schema elettrico
XBee shield.
152
Dicembre 2010 / Gennaio 2011 ~ Elettronica In
Corso Arduino
Fig. 31
XBee-shield
Verione 1.1.
Corso Arduino
Fig. 35 - Funzione Terminal di X-CTU.
tualmente presenti nelle vicinanze che utilizzano la stessa tecnologia wireless; il modulo
XBee A deve comunicare solo con il modulo
XBee B. Sicuramente, per quanto detto prima
entrambi i moduli dovranno avere stesso canale e stesso ID, cioè appartengono alla stessa
PAN; dovranno, perciò, essere configurati in
questo modo:
- Modulo A: DLA=SLB DHA=SHB;
- Modulo B: DLB=SLA DHB=SHA.
Avendo inserito come indirizzo di destinazione in ciascun modulo il numero seriale
dell’altro, la comunicazione può avvenire
solo tra questi due moduli. E se nessun altro
conosce il numero seriale dei vostri moduli
non potrà in alcun modo intromettersi nella
comunicazione.
ESEMPI DI UTILIZZO
Vediamo adesso alcuni esempi di configurazione di sistemi wireless con moduli XBee;
nel primo, il Modulo A può trasmettere solo
a B, mentre quest’ultimo può trasmettere a
chiunque. La configurazione è la seguente:
Fig. 36 - Funzione Range Test di X-CTU.
Fig. 37 - Schema degli elementi utilizzati per l’esempio.
• Modulo A: DLA=SLB DHA=SHB;
• Modulo B: DLB=0 DHB=0.
Il Modulo A usa come indirizzo di destinazione proprio il numero di serie del Modulo B,
che quindi è l’unico a poter ricevere i messaggi di A. B invece ha come indirizzo di destinazione 0 e quindi trasmette a tutti.
Un secondo esempio che possiamo fare,
prevede tre moduli A,B,C che comunicano in
questo modo:
• A invia i dati a C;
• B invia i dati a C;
• C invia i dati sia ad A che a B.
Quindi A e B non comunicano direttamente
tra di loro. La configurazione è la seguente:
• Modulo A: DLA=2 DHA=0 MYA=1;
• Modulo B: DLB=2 DHB=0 MYB=1;
• Modulo C: DLC=1 DHC=0 MYC=2.
Il Modulo C ha come indirizzo di destinazione lo stesso valore dell’indirizzo sorgente dei
moduli A e B, quindi ogni suo dato inviato
giungerà sia ad A che a B. Sia A che B hanno
come indirizzo di destinazione l’indirizzo
sorgente di C (che è diverso da A e B) quindi
solo a questo modulo giungeranno le loro
trasmissioni.
Ovviamente se disponete di una sola postazione di programmazione dovrete programmare prima un modulo e successivamente
l’altro, utilizzate il software X-CTU ed impostate i vari parametri, poi premete Write per
scrivere nella memoria del microcontrollore i
nuovi valori.
PROGRAMMAZIONE DEI MODULI
XBEE SERIE 2.
La serie 1 non implementa la funzione di router e non è possibile configurare reti mesh.
Con l’introduzione della serie 2, le modalità
Elettronica In ~ Dicembre 2010 / Gennaio 2011
153
Fig.41 - Possibili selezioni del menu Function_
Set per un modulo XBee serie 2.
Fig. 39 - Scrittura su modulo dei nuovi parametri.
Fig. 40 - Scrittura terminata con successo.
Fig. 41 - Lettura dei parametri predefiniti di
un modulo XBee serie 2.
di comunicazioni implementabili sono diverse
e dipendendo dalla versione firmware installata; non è quindi nota a priori la modalità
operativa predefinita, né tantomeno è possibile sapere se supportano il transparent mode.
Le versioni di firmware disponibili (ZigBee
154
Dicembre 2010 / Gennaio 2011 ~ Elettronica In
OEM RF Modules by MaxStream - Digi International brand Firmware Versions) sono:
• 1.0xx - Coordinator, Transparent Operation;
• 1.1xx - Coordinator, API Operation;
• 1.2xx - Router, End Device, Transparent
Operation;
• 1.3xx - Router, End Device, API Operation.
Non è possibile utilizzare immediatamente
i moduli, dato che prima è necessario programmarli; volendo nuovamente utilizzare
due moduli per realizzare una semplice rete
punto a punto in Transparet Mode, è necessario impostare un modulo come Coordinator e
l’altro come End Device.
Come prima, dovete interfacciare il modulo
al PC, in cui avvierete X-CTU; la lettura dei
parametri predefiniti vi fornirà la schermata
visibile nella Fig. 41. Noterete la sigla XB24B, ad indicare la serie 2 e dal menu a tendina
Function_Set si potranno leggere le varie
impostazioni per il modulo; per impostazione
predefinita, il canale trasmissivo è il D ed il
PAN ID è 234. Due moduli identici, con le
stesse impostazioni predefinite, non potranno
comunicare tra di loro.
Lasciate un modulo impostato come ZNET
2.5 ROUTER/END DEVICE AT ed impostate
l’altro come ZNET 2.5 COORDINATOR AT
(Fig. 42). Per impostarlo è sufficiente selezionare questa dicitura sul menu a tendina e fare
clic su Write. A questo punto il modulo End
Device potrà inviare dati al modulo Coordinator, ma non viceversa.
Per permettere al Coordinator di inviare dati
Corso Arduino
Fig. 38 - Avvio procedura di scrittura nuovi
parametri su modulo.
Corso Arduino
Fig. 43 - Impostazione parametro DL modulo
XBee serie 2.
all’EndDevice, possiamo ad esempio impostare il parametro DL=0xFFFF; questo abilita la
trasmissione a tutti i moduli (broadcast mode)
come visibile nella Fig. 43.
Se invece vogliamo che il Coordinator invii
dati solo al nostro End Device, dovremo
impostare:
• DHCOORDINATOR=SHENDDEVICE;
• DLCOORDINATOR=SLENDDEVICE.
Esiste anche una terza possibilità, che consiste
nell’utilizzare entrambi i moduli come ZigBee
ROUTER/END DEVICE AT (figure 44 e 45)
con parametri:
• DHA=SHB;
• DLA=SLB;
• DHB=SHA;
• DLB=SLA.
Ora i moduli sono in grado di dialogare tra
loro; in questa modalità i dati inviati sul TX di
un modulo, arrivano direttamente sull’RX del
modulo remoto e viceversa.

Fig.42 - Impostazione di un modulo XBee serie2
come Coordinator.
Fig. 44 - Modulo XBee serie2 configurazione A.
Fig. 45 - Modulo XBee serie2 configurazione B.
Elettronica In ~ Dicembre 2010 / Gennaio 2011
155
Corso Arduino
Conoscere e usare

dell’ing.
MIRCO
SEGATELLO
Impariamo ad utilizzare le SD-Card
con Arduino, avvalendoci di uno shield
realizzato appositamente.
Settima puntata.
ramai massicciamente utilizzate in fotocamere, palmari e navigatori satellitari per
immagazzinare dati, le schede di memoria del
tipo SD-Card sono diventate in breve tempo
di largo utilizzo anche in apparecchiature
elettroniche hobbistiche. Il perché è molto
semplice: costano poco, hanno un’elevata
capacità di memoria, sono di facile gestione e
mantengono i dati anche in assenza di alimentazione. In breve, sono diventate il naturale
complemento della risicata memoria di cui
dispongono i microcontrollori, in tutte quelle
applicazioni dove si renda necessario l’immagazzinamento o la lettura di una considerevole quantità di dati senza spendere grosse
cifre: al momento in cui scriviamo, giusto per
fare le nostre prove, abbiamo comperato una
SD da 2 GB per appena 7 euro. Se consideriamo che un buon microcontrollore dispone
di circa 1 kB di memoria non volatile, appare
evidente l’abisso di prestazioni. La principale
applicazione delle SD riguarda essenzialmente
i data-logger, ovvero quelle apparecchiature
che ad intervalli regolari memorizzano su di
un supporto non volatile una serie di dati,
come, ad esempio, parametri ambientali,
posizioni rilevate da ricevitori GPS ed altro.
Una SD-Card può essere facilmente gestita
(lettura e scrittura) da qualsiasi PC tramite un
economicissimo lettore, che nei computer più
recenti è già integrato.
In questa puntata del corso vi insegneremo ad
Elettronica In ~ Febbraio 2011
147
Tipo
dimensioni
MMC
30 x 23 x 1,4 mm
RS-MMC
18 x 24 x 1,4 mm
MMC mobile
14 x 11 x 1.1mm
SD
Mini-SD
Micro-SD (Trans Flash Card)
SDHC
Mini-SDHC
32 x 24 x 2,1 mm
21,5 x 20 x 1,4 mm
11 x 15 x 1 mm
Formattazione
Velocità
Capacità massima
FAT16
2 MB/s
512 MB
FAT16
FAT32
2 MB/s
2 GB
FAT32
Classe 2 - 2 MB/s
Classe 4 - 4 MB/s
Classe 6 - 6 MB/s
Classe 10 - 10 MB/s
32 GB
FAT64
100 MB/s
2 TB
32 x 24 x 2,1 mm
21.5 x 20 x 1.4 mm
11 x 15 x 1 mm
SDXC
32 x 24 x 2,1 mm
utilizzare le SD-Card con Arduino, ma prima
di scendere nel dettaglio riteniamo sia doveroso spiegare qualcosa in più su questo genere
di memorie.
La Multi Media Card (MMC) ha rappresentato uno dei primi standard di Memory Card:
ha la stessa forma e la medesima piedinatura
delle Secure Digital (SD), nate successivamente, con le quali è compatibile. Le SD-Card
incorporano un microswitch che offre una
protezione hardware contro la scrittura, ma
ha portato lo spessore fino a 2,1 mm, quindi le schede MMC possono lavorare senza
problemi in un socket per SD, mentre una SD
non può entrare in un socket per MMC. Esiste
anche una versione di MMC di dimensioni
ridotte, chiamata RS-MMC (Reduced Size MultiMedia Card), del tutto identica nelle specifiche alla MMC classica. Attraverso un adattatore, che serve semplicemente ad adattare le
dimensioni della card, le RS-MMC possono
essere usate in qualsiasi slot per MMC (o SD).
Le Secure Digital (chiamate più brevemente
SD) sono l’evoluzione delle MMC e raggiungono una capacità di 32 GB. Esistono
tre formati (Tabella 1): le SD di dimensioni
standard, le mini-SD e le microSD, chiamate
anche TF Card (Trans Flash Card). Sia le microSD che le miniSD possono essere utilizzate
con lettori di SD mediante semplici adattatori.
Analogamente alle Multi Media Card, le SD
utilizzano contatti superficiali anziché connettori maschio-femmina, fatto che ne aumenta
ulteriormente la robustezza, ma le rende
poco indicate per applicazioni in ambienti
particolarmente gravosi, specie in presenza di
vibrazioni.
Le SD superiori ai 2 GB e con una velocità minima di lettura/scrittura di 2,2 MB/s vengono
chiamate SDHC (Secure Digital High Capacity)
oppure SD 2.0, e non sono compatibili con i
vecchi lettori di schede SD. Le SDHC (nate
per accelerare la riproduzione dei contenuti
multimediali) sono classificate in base alla
velocità di trasferimento, detta SD Speed Class
Ratings e definita dalla SD Association, che le
divide in classi (Tabella 1). Le SD con capacità
superiori ai 32 GB verranno chiamate con il
nuovo termine: SDXC (Secure Digital eXtended
Capacity) o SD 3.0. La capacità massima teorica dello standard SDXC è di 2.048 GB (2 TB)
con una velocità del bus di 104 MB/s; il File
System adottato è chiamato ExFAT (FAT64).
I vari lettori di schede SD non sono compatiFig 2
Esempio di miniSD
e relativo adattatore.
Fig 1
Formati
di una
SD-Card.
148
Febbraio 2011 ~ Elettronica In
Corso Arduino
Tabella 1 - Caratteristiche delle schede di memoria.
Corso Arduino
Tabella 2 - Contatti elettrici di una SD-Card (nella colonna Type, S=power supply; I=input; O=output
con push-pull).
SD Mode
Pin
Name
Type
SPI Mode
Description
Name
Type
Description
1
CD/DAT3
I,O
Card detection / Data Line 3 (Bit 3)
CS
I
Chip Select (Active low)
2
CMD
I,O
Command/Response
DataIn
I
Host to Card Commands and Data
3
VSS1
S
Supply Voltage Ground
VSS1
S
Supply Voltage Ground
4
VDD
S
Supply Voltage
VDD
S
Supply Voltage
5
CLK
I
Clock
CLK
I
Clock
6
VSS2
S
Supply Voltage Ground
VSS2
S
Supply Voltage Ground
7
DAT0
I,O
Data Line 0 (Bit 0)
DataOut
O
Card to Host Data and Status
8
DAT1
I,O
Data Line 1 (Bit 1)
RSV
-
Reserved
9
DAT2
I,O
Data Line 2 (Bit 2)
RSV
-
Reserved
Tabella 3 - Contatti elettrici di una MM Card (Type: S=power supply; I=input; O=output).
MultiMediaCard Mode
Pin
Name
Type
SPI Mode
Description
Name
Type
Description
1
RSV
NC
Not connected or Always
CS
I
Chip Select (Active low)
2
CMD
I,O,PP,OD
Command/Response
DataIn
I
Host-to-card Command and Data
3
VSS1
S
Supply Voltage Ground
VSS1
S
Supply Voltage Ground
4
VDD
S
Supply Voltage
VDD
S
Supply Voltage
5
CLK
I
Clock
CLK
I
Clock
6
VSS2
S
Supply Voltage Ground
VSS2
S
Supply Voltage Ground
7
DAT0
I,O,PP
Data0
DataOut
O
Card-to-host Data and Status
bili con le nuove versioni prodotte successivamente, ma solo con quelle precedenti; quindi
un lettore di schede SDXC sarà compatibile
con le schede SDXC, SDHC e SD, mentre un
lettore di schede SD sarà compatibile solo
con le schede SD. I dispositivi che non dichiarano il supporto SDHC non sono in grado
di riconoscere le schede SDHC: ad esempio,
schede da 4 GB non marcate come SDHC, non
sono conformi né allo standard SD né a quello
nuovo, SD2.0/SDHC.
Analizzando le caratteristiche elettriche di una
SD Card, possiamo notare che l’interfaccia
elettrica prevede 9 contatti ed una modalità
di comunicazione compatibile con l’interfaccia parallela a 4 bit (SD Mode) e l’interfaccia
seriale SPI (Serial Peripheral Interface) a due
linee dati ed un clock (SPI Mode).
La tipica tensione di alimentazione è di 3,3
volt (i valori ammessi sono 2,7÷3,6 V) quindi
i livelli dei segnali per la comunicazione dovranno essere analoghi. Se il microcontrollore
cui è connessa la SD è alimentato a 3,3 V i
segnali saranno applicati direttamente, mentre
se si usa una logica a 5 V sarà necessario prevedere un adattamento tra i segnali, rispettando le seguenti indicazioni:
I segnali in uscita dalla SD-Card (3,3 V) possono essere applicati direttamente agli ingressi
del microcontrollore, che pur alimentato a 5
volt riconoscerà correttamente il livello logico
“uno” di 3,3 V, mentre i segnali in uscita dal
microcontrollore (5 V) dovranno essere ridotti
al livello di 3,3 V. Per fare questo esistono due
soluzioni: utilizzare un partitore di tensione,
in modo che i 5 V vengano ridotti a 3,3 volt,
oppure usare dei traslatori di livello 5–›3,3 V
come gli integrati 74HC4050N, 74AHC125N,
74LCX245. La differenza risiede nel fatto che
Tabella 4 - Collegamento tra la SD-Card e Arduino.
funzione
Pin morsettiera
Arduino
1
CS
10
2
DI
11
3
4
5
6
7
8
VSS1
VDD
SCLK
VSS2
DO
RSV
GND
+3,3 V
13
GND
12
Non usato
9
RSV
Non usato
Pin SD
Fig 3
Piedinatura
di una
SD Card.
funzione
SS
MOSI (Serial Data
OUT)
GND
+3,3 V
Clock
GND
MISO (Serial Data IN)
Elettronica In ~ Febbraio 2011
149
ARDUINO E LE SD-CARD
Bene, dopo questo “tutorial” sulle schede di
memoria SD possiamo passare al nocciolo
della questione, ossia a come usare le SD con i
moduli Arduino.
Per facilitare l’utilizzo delle SD-Card con
Arduino, in commercio sono reperibili diverse
Shield con alloggiamento per SD-Card, oppure per microSD; le Shield vengono proposte
con traslatore di livelli sia a partitore resistivo,
Fig 4 - Cablaggio di una SD-Card con Arduino.
Fig 8 - SD Card Shield schema elettrico.
150
Febbraio 2011 ~ Elettronica In
Fig 5
La SD-Card
Shield V2.1.
Fig 6
La SD-Card
Shield inserita
sulla scheda Seeeduino.
Fig 7 - Dettaglio inserimento SD-Card Shiled.
Corso Arduino
un partitore resistivo, pur essendo semplice
ed economico, a causa delle capacità parassite
non potrà gestire segnali ad elevata frequenza, mentre utilizzando un circuito elettronico
traslatore (pure più costoso) consentirà di raggiungere velocità di comunicazione maggiori.
L’interfacciamento tra una SD-Card ed un
microcontrollore avviene tramite il bus seriale
in SPI Mode, sfruttando essenzialmente due
linee dati ed una linea di clock, oltre ad una
linea per il Chip Select.
Corso Arduino
Fig 9 - Proprietà di una SD-Card da 2 GB
visualizzate in Windows.
sapere il tipo di FAT con cui è formattata una
card è molto importante, perché non tutte le
librerie di Arduino supportano lo standard
FAT32 e quindi occorre accertarsene prima.
sia a logica integrata. Per la nostra applicazione abbiamo utilizzato la SD-Card Shield della
SeeedStudio (www.seeedstudio.com) commercializzata dalla ditta Futura Elettronica (codice
7300-ARDUINOSDLETT). Questa unità,
molto semplice e dal costo contenuto, permette il cablaggio veloce di una SD-Card standard
con Arduino. Il piccolo deviatore presente
sulla scheda permette di scegliere se prendere
l’alimentazione per la SD-Card dal PIN9 o dai
3,3 volt di Arduino. A seconda della libreria
utilizzata, saranno supportate MMC, SD o
SDHC; come esempio per questo articolo
abbiamo utilizzato una SD-Card standard da
2 GB. Se la inserite in un PC (tramite apposito lettore esterno, se non già integrato nel
PC) e andate a visualizzare le proprietà della
periferica (mostrata da Windows come Disco
Rimovibile) troverete una schermata come
quella visibile nella Fig. 9.
Oltre allo spazio disponibile, potrete leggere la formattazione presente, che nel nostro
esempio è FAT, corrispondente ad una FAT16;
LA FORMATTAZIONE DELLE SD
La File Allocation Table (FAT) è un filesystem primario per diversi sistemi operativi
DOS e Microsoft Windows fino alla versione
Windows ME. Windows NT e le successive
versioni hanno introdotto l’NTFS e mantenuto
la compatibilità con la FAT, così come molti
altri sistemi operativi moderni (Unix, Linux,
Mac OS).
La FAT è relativamente semplice ed è supportata da moltissimi sistemi operativi; queste
caratteristiche la rendono adatta ad esempio
per i floppy-disk e le Memory Card. Esistono
varie versioni di questo file-system, in base a
quanti bit sono allocati per numerare i cluster
del disco: FAT12, FAT16, FAT32, ExFAT. L’intera memoria è suddivisa in aree denominate
cluster (in Windows vengono chiamate Unità
di Allocazione) composte a loro volta da un certo numero di bit. Quando un file viene salvato
in memoria occuperà un certo numero (intero)
di cluster. Cluster di grande dimensione
permettono una migliore velocità di accesso ai
file ma di contro offrono una scarsa efficienza
nell’uso dei bit della memoria (frammentazione) perché, ad esempio, un semplice file di testo in cui vi è scritto un solo carattere occupa
lo spazio di un byte, ma lo spazio occupato su
disco sarà pari alla dimensione di un cluster.
La FAT in sé mantiene la traccia delle aree
del disco disponibili e di quelle già usate dai
file e dalle directory: la differenza fra FAT12,
FAT16, FAT32, ExFAT consiste appunto in
quanti bit sono allocati per numerare i cluster del disco. La prima versione del FAT fu
la FAT12, un file-system per floppy-disk, i
cui indirizzi per i cluster erano appunto a 12
bit e per questo poteva gestire dischi grandi
al massimo 32 MB. Nel 1987 arrivò il formato che ora viene chiamato FAT16 e che ha i
Tabella 5 - Tipo di formattazione per una SD-Card (riferito a sistemi operativi Windows).
Massima capacità
Massimo numero di file
Massimo numero di cluster
Massima lunghezza nomi dei file
ExFat (FAT64)
FAT32
FAT16
FAT12
512 TB
2.796.202 (per
directory)
2^64
32 GB
2 GB
16 MB
4.194.304
65.536
2^32
255
255
2^16
Standard - 8.3 estesa
fino a 255
2^12
254
Elettronica In ~ Febbraio 2011
151
Area riservata
Settore
di avvio
Informazioni FS
(solo FAT32)
FAT
Riservati
(opzionale)
FAT N°1
cluster a 32 kB e 16 bit di indirizzamento; ciò
fissò il limite massimo di una partizione in 2
GB. Per superare i limiti sulla dimensione dei
volumi imposta dal FAT16, Microsoft decise
di creare una nuova FAT chiamata FAT32,
caratterizzata da indirizzi dei cluster a 32 bit,
anche se in realtà si usano solo 28 bit.
Il file system FAT è strutturato in quattro
sezioni diverse:
• la prima (area riservata) è il settore di avvio
e contiene di codice del boot-loader per il
sistema operativo;
• la regione FAT contiene la mappatura della
regione dati e, per motivi di sicurezza, è in
duplice copia;
• la Root Directory memorizza le cartelle ed i
file presenti nella directory principale (chiamata root, appunto) ed è presente solo nella
FAT12 e nella FAT16, mentre nella FAT32 la
memorizzazione avviene direttamente nella
regione dati;
• l’area dati, che è quella dove sono memorizzati i file (occupa la maggior parte della
partizione).
Prima di iniziare ad utilizzare la nostra SDCard con Arduino dobbiamo procurarci le
relative librerie che ci assolvono da tutto il
lavoro necessario ad implementare il protocollo di comunicazione; il bello di Arduino è
proprio questo! La pagina web di riferimento
di Arduino è la seguente: www.arduino.cc/
playground/Learning/SDMMC.
Fig 10 - IDE Arduino con libreria caricata.
152
Febbraio 2011 ~ Elettronica In
FAT N°2
Root directory
(solo FAT12/16)
Regione dati
Esistono diverse versioni di libreria adatte a
gestire la FAT16 oppure la FAT32, alcune delle quali permettono la gestione del bus SPI ad
alta velocità ma necessariamente l’adattatore
per la SD-Card dovrà contemplare un traslatore di livelli a circuito integrato molto veloce.
Ogni libreria, inoltre, utilizza proprie linee di
controllo per SD-Card.
La prima libreria che andiamo a descrivere si
chiama SDuFAT, sviluppata da David Cuartielles e disponibile all’indirizzo http://blushingboy.net/p/SDuFAT/, dove è reperibile nel file
chiamato SDuFAT.zip.
La libreria SDuFAT è compatibile con le
SD-Card standard formattate FAT16 con
protocollo di comunicazione SPI e permette
di leggere e scrivere su file già esistenti. Per
poterla utilizzare, scompattate il file e copiate
l’intera cartella SDuFAT nella cartella librarie del software Arduino; al primo avvio vi
ritroverete con la disponibilità della libreria e
relativo esempio.
Prendete la SD-Card, inseritela nel PC e
verificate che sia formattata in modalità FAT;
di solito quelle appena acquistate sono già formattate, ma potete tranquillamente riformat-
Fig 11 - Formattazione della SD-Card.
Corso Arduino
Tabella 6 - Struttura di un File system.
Corso Arduino
Fig 12 - Il nostro file di prova, hola.txt.
tarle, purché in modalità FAT e in un’unica
partizione. Non è possibile gestire file se non
nella Root della scheda.
Create all’interno della SD un “Documento
di testo” di nome hola.txt e scrivete all’interno
di questo file un certo numero di caratteri:
ad esempio 20 caratteri “spazio”. Attenzione:
utilizzate un editor di testo che non aggiunga formattazione, come ad esempio “Blocco
note” di Windows; in alternativa copiate, sulla
SD-Card, il file di prova hola.txt presente nei
file della libreria.
È necessario fare questo perché la libreria non
è in grado di creare un file, né tantomeno un
testo: semplicemente si occupa di scrivere
o leggere all’interno dei caratteri che avrete
preventivamente inserito.
Inserite la SD-Card nello slot della SD Shield,
la quale a sua volta è inserita nella scheda
Arduino; assicuratevi che il deviatore PWR sia
in posizione D9, quindi connettetela via USB
al PC, come al solito. Avviate l’IDE Arduino e
caricate l’esempio SDuFAT.
Nel codice corrispondente, cercate la riga
seguente:
// define the pin that powers up the SD card
#define MEM_PW 8
Quindi modificate il numero del pin di alimentazione in 9, con il comando seguente:
#define MEM_PW 9
Adesso, come al solito, caricate lo sketch su
Arduino. Avviate Tools->Serial Monitor ed
impostate un baud-rate di 19.200 bps. Dalle indicazioni riportate sullo sketch potete
ricavare i comandi, via seriale, che gestiscono
la SD-Card; per verificare che il collegamento
funzioni, inserite il carattere ‘H’ (maiuscolo)
e cliccate su SEND, Arduino risponde con
l’elenco dei comandi (Fig. 13). Inviate il carattere ‘L’ per avere come report lo stato della SD
Card.
Ora inviate il comando ‘D’, che permette di
cancellare il file ed inserire in automatico il
Fig 13 - Lettura dello stato del file hola.txt.
Fig 14 - Stato del file dopo la cancellazione.
carattere speciale (0x03 ASCII) di fine testo.
Rileggete lo stato del file con il comando ‘L’.
Il parametro length vi riporta il numero di
caratteri che avete inserito inizialmente; esso
rappresenta anche il massimo numero di
caratteri che potremmo scrivere. Il parametro
sectors vi riporta il numero di settori occupati
dal file, mentre used vi indica il numero di
caratteri usati, che in questo caso è zero.
Inviate il comando ‘P’, che permette di scrivere il testo “hola caracola”; viene data conferma della scrittura con la dicitura “Done”. I caratteri ‘\n’ indicano l’inserimento di un “fine
linea”. Ripetete il comando ‘L’ per verificare
lo stato del file, quindi inviate il comando ‘R’
per leggere il testo scritto nel file (Fig. 15).
Come potete vedere, ora il parametro used
vale 15, ad indicare la scrittura di 15 caratteri.
Potete anche rimuovere la SD-Card da Arduino (senza necessariamente scollegare alcunché) ed inserirla nel PC per leggere il file.
Noterete la scritta “hola caracola” ed una
serie di caratteri speciali aggiunti durante
la cancellazione del file con il comando ‘D’.
In totale, contando anche i caratteri “Null”
(uno prima ed uno dopo il testo) troverete 20
Elettronica In ~ Febbraio 2011
153
caratteri come avete scritto all’inizio.
Una seconda scrittura sullo stesso file
comporterà la saturazione dovuta al
superamento del numero massimo di
caratteri.
Vediamo ora tutti i comandi (Basic)
implementati in questa libreria:
• ls(filename); riporta la dimensione massima, il numero di settori ed il numero di
caratteri usati;
• del(filename); cancella il file ed inserisce il
carattere NULL (0x00 ASCII) all’inizio di
ciascun settore;
• print(filename, string); aggiunge una stringa alla fine del file;
• println(filename, string); aggiunge una
stringa e un EOL (End Of Line) a fine testo;
• cat(filename); legge il contenuto del file o lo
invia alla porta seriale;
• append(filename); attende l’arrivo di testo
dalla seriale e lo aggiunge a fine file.
case ‘S’:
Sample=analogRead(0);
result = SD.println(“hola.txt”, itoa(Sample, buf, 10));
result = SD.println(“hola.txt”, “\r\n”);
Serial.print(“AN0=”);
Serial.println(Sample); // Report su serial monitor
break;
• A aggiunge al file il testo ricevuto dalla
seriale.
Considerando che uno dei principali utilizzi
delle SD-Card nei circuiti elettronici è il salvataggio di dati nei data-logger, vi proponiamo
anche un’estensione dello sketch di esempio,
aggiungendo il comando ‘S’. Con questo
comando viene acquisito il valore dal pin
analogico 0 e salvato sulla SD-Card. Il nuovo
sketch si chiama SD_01.pde ed è disponibile
assieme a tutti i file dell’articolo. Nel Listato 1
riportiamo la parte di programma attinente al
nuovo comando.
Oltre alla riga di acquisizione dall’ingresso
analogico, viene usata la funzione ITOA per
convertire il valore numerico in una stringa,
Lo skecth prevede la gestione di questi conecessaria per avere compatibilità con la funmandi tramite l’invio di caratteri dalla seriale
zione println della libreria SDuFAT. La seconcon il tool Serial monitor; più esattamente, le
da riga di println (caratteri “\r\n”) consente
funzioni dei comandi sono le seguenti:
di andare a capo e quindi di scrivere i valori
• H scrive l’elenco dei comandi;
tutti in colonna invece che nella stessa riga.
• L scrive la lista delle informazioni del file
Dopo aver acquisito alcuni valori sarà possi(“hola.txt”);
bile verificare la corretta scrittura leggendo la
• D cancella il file(“hola.txt”);P: Scrive sul file
SD-Card con il PC (Fig. 19).
“hola.txt” il testo “hola caracola”;
Esiste anche una versione semplificata della
• W inizializza il file inserendovi il testo ricelibreria SDuFAT, ottimizzata per ridurre la
vuto dalla seriale;
memoria occupata del microcontrollore ed
• R legge il contenuto del file o lo invia alla
aumentare la velocità di scrittura, denominata
seriale;
FileLogger e scaricabile dal sito Internet http://
code.google.com/p/arduino-filelogger/;
il file corrispondente si chiama
FileLogger.V0.X.zip (dove X è la
versione della libreria). Con questa
libreria è possibile solo scrivere
all’interno di una SD in FAT16, con
il vantaggio che non è necessario
Fig 16 - File hola.txt dopo
preimpostare il testo al suo interno,
l’operazione di Write.
ma è sufficiente che sia presente
almeno un carattere; quelli scritti
saranno accodati a questo. Diciamo subito che abbiamo testato con
successo sia la versione 0.1 sia la
0.5, ma abbiamo riscontrato problemi con la versione 0.6. Dopo aver
Fig 15 - Scrittura sul file
Fig 17 - File hola.txt dopo
scompattato il file copiate la carseconda scrittura.
hola.txt.
tella FileLogger direttamente sulla
154
Febbraio 2011 ~ Elettronica In
Corso Arduino
Listato 1
Corso Arduino
Fig 18 - Scrittura di dati numerici
con esempio SD_01.pde.
Listato 2
case ‘S’:
Sample = analogRead(0);
strcat(logStr,”\nVal= “);
itoa(Sample,buffer,10);
strcat(logStr,buffer);
Serial.print (logStr);
Fig 19
Contenuto del
file di prova hola.
txt dove sono
stati scritti i dati
numerici.
cartella libraries di Arduino. Il file di esempio
si chiama FileLoggerDemo e prima di caricarlo sulla scheda Arduino dovete modificarne la
riga che imposta il pin di alimentazione della
SD-Card; fate ciò con le seguenti istruzioni:
// define the pin that powers up the SD card
#define MEM_PW 9
Assicuratevi che la SD Card sia formattata in
FAT16, create al suo interno il file di nome
“file.log” e scrivete in questo alcuni caratteri.
Inserite la SD nello slot della shield ed avviate
lo sketch; dovete aprire anche Serial Monitor
(impostato sui 9.600 baud) per poter inviare il
comando di scrittura “W”.
Verrà scritto all’interno della SD Card il messaggio dichiarato con la riga #define MESSAGE; se l’operazione è andata a buon fine
vedrete visualizzata la stringa ‘OK’ su serial
monitor.
Abbiamo creato anche un esempio minimalista (SD_03.pde) nel quale oltre a scrivere un
testo viene scritto il valore acquisito dall’ingresso analogico 0. Lo spezzone di codice
che esegue questo passaggio è riportato nel
Listato 2.
Come potete vedere le istruzioni sono molto
semplici e prevedono essenzialmente l’acquisizione del dato dall’ingresso analogico 0 e la
creazione della stringa ‘logStr’ che contiene
il valore acquisito e che sarà visualizzata
su Serial Monitor. La stringa formata da
caratteri viene quindi convertita in un array di byte come richiesto dall’istruzione
FileLogger::append, che si occupa di scriverla
nella SD-Card.
Un’altra libreria, molto avanzata, con ottima
documentazione riguardante anche la parte
// Eco su Serial monitor
// conversione da array di char ad array di byte
unsigned int length = (strlen(logStr)+1);
byte bufSD[length];
int i;
for(i=0; i<length;i++)
{
bufSD[i] = logStr[i];
}
if( FileLogger::append(“data.log”, bufSD, 10) != 0) {
Serial.println(“Error write SD!”);
}
hardware, si chiama SDFATLIB ed è scaricabile dall’indirizzo web http://code.google.
com/p/sdfatlib/; il file corrispondente si chiama
sdfatlib201000818.zip. Questa libreria sfrutta il
bus SPI alla velocità di 8 MHz, quindi il traslatore di livello deve essere a circuito integrato,
tuttavia è stata testata sulla nostra Shield con
successo. Permette di gestire scrittura, lettura, creazione e cancellazione di file e gestisce
anche sottodirectory in SD e SDHC formattate
FAT16 e FAT32. Scompattatene il file e copiate
l’intera cartella SdFat nella cartella libraries
di Arduino, così avrete a disposizione sia la
libreria che molteplici esempi. In questo caso è
necessario che il deviatore PWR sia in posizione 3,3 V. Aprite il file Sd2PinMap.h e verificate
l’impostazione dei pin: SS_PIN deve essere
configurato sul pin 10. La configurazione
dovrà essere la seguente:
#else // defined(__AVR_ATmega1280__)
// 168 and 328 Arduinos
// Two Wire (aka I2C) ports
uint8_t const SDA_PIN = 18;
uint8_t const SCL_PIN = 19;
// SPI port
uint8_t const SS_PIN = 10;
uint8_t const MOSI_PIN = 11;
uint8_t const MISO_PIN = 12;
uint8_t const SCK_PIN = 13;
A questo punto avviate Arduino, quindi aprite e caricate (UpLoad) l’esempio SDFatWrite;
se tutto è andato a buon fine verrà creato il
file WRITE00.TXT, con all’interno cento righe
che riportano i millisecondi da quando è stato
avviato lo sketch.
Giusto per testare le funzionalità di questa
Elettronica In ~ Febbraio 2011
155
Fig 21 - Esempio di file creato
con libreria SDFAT.
libreria, abbiamo scritto un piccolo sketch
(SD_02.pde) che permette di aggiungere al file
WRITE00.TXT 10 valori acquisiti dall’ingresso Analog0 ad intervalli di un secondo.
Utilizzate il file già esistente WRITE00.TXT,
dopo averlo cancellato, o createne uno di nuovo; non è necessario scrivere alcun contenuto.
La libreria FAT16LIB, è la versione semplificata per solo SD Card (no SDHC) formattate in
FAT16, della libreria SDFATLIB.
Il file, che si chiama fat16lib20100826.zip, si
scarica all’indirizzo http://code.google.com/p/
fat16lib/. Verificate, aprendo il file SdCard.h, la
corretta impostazione delle linee di controllo:
#else // SPI pins
// pins for other Arduinos
/** Slave Select pin */
uint8_t const SPI_SS_PIN = 10;
/** Master Out Slave In pin */
uint8_t const SPI_MOSI_PIN = 11;
/** Master In Slave Out pin */
uint8_t const SPI_MISO_PIN = 12;
/** Serial Clock */
uint8_t const SPI_SCK_PIN = 13;
#endif // SPI pins
All’interno del file fat16lib20100826.zip troverete anche molta documentazione utile per i
collegamenti hardware.
Come indicato nella documentazione, è
possibile (in caso di problemi) utilizzare il comando card.init(true) per inizializzare il BUS
a 4 MHz invece di 8 MHz, come di default,
per ottenere la compatibilità con traslatore di
livelli a resistenze.
Questa libreria gestisce SD Card in FAT16
(non SDHC) con funzioni di lettura, scrittura, creazione e cancellazione di file nella sola
156
Febbraio 2011 ~ Elettronica In
directory principale con nomi in formato 8.3
(8 caratteri per il nome e 3 per l’estensione).
È stata pensata per l’uso del BUS SPI ad alta
velocità con traslatore di livelli a circuito integrato è tuttavia compatibile con la nostra SD
Card Shield. Per il suo utilizzo fate riferimento alla libreria SDFATLIB.
Al fine di verificarne la compatibilità, abbiamo provato anche la libreria FAT16 creata
da Ryan Owens e disponibile all’indirizzo
www.roland-riegel.de/ con file di nome sd-reader_
source_20100110.zip.
Questa libreria permette la scrittura e la
lettura in file esistenti su MMC, SD e SDHC
formattate FAT16 e FAT32 (FAT32 solo con
ATmega328).
Anche in questo caso è necessario che il deviatore PWR sia in posizione 3,3 V e che nelle
impostazioni generali sia impostato:
//Define the pin numbers
//#define CS 8
#define CS 10
#define MOSI 11
#define MISO 12
#define SCK 13
Per il resto, il principio di funzionamento è
simile alle altre librerie descritte.
La libreria SDFAT scaricabile all’indirizzo
www.sparkfun.com/tutorial/microSD_Shield/SdFat.zip con file di nome SdFat.zip, è la versione
“Sparkfun” della libreria SDFATLIB dalla
quale eredita tutte le caratteristiche.
Occorre tenere presente che più una libreria è
complessa e ricca di funzioni, maggiori risorse
richiederà in fatto di memoria; per questo
motivo consigliamo di usare la libreria che
abbia il minor numero possibile di funzioni
richieste dalla vostra applicazione. A titolo di
esempio, nella Tabella 7 riportiamo l’occupazione in memoria di ciascuna libreria nel caso
dell’esempio base.
Con ciò, abbiamo concluso questa puntata. 
libreria
Binary Sketch Size
SDuFAT
8340 su 30720
FileLogger
6020 su 30720
SDFATLIB
11706 su 30720
FAT16LIB
8142 su 30720
Tabella 7 - Memoria usata da ciascuna libreria.
Corso Arduino
Fig 20 - Il file ‘data.
log” dopo la scrittura
di 5 valori con sketch
SD_03.pde.
Corso Arduino
Conoscere e usare

dell’ing.
MIRCO
SEGATELLO
Analizziamo la neonata Arduino UNO,
la scheda di sviluppo e prototipazione
creata per sostituire la popolare
Duemilanove.
lla fine di settembre dell’anno scorso il
team di Arduino ha annunciato alla stampa l’imminente disponibilità di due nuove
schede, una delle quali è Arduino UNO; in
questa puntata del corso riguardante il mondo
Arduino vogliamo introdurvi ed insegnarvi
ad utilizzare proprio questa novità. L’origine
Italiana del prodotto è (come non mai) esaltata dal nome, il quale, non a caso, è UNO e
non ONE (come si direbbe in inglese) e dalla
presenza di un ben evidente marchio “Made
in Italy” sulla confezione (e sul prodotto),
con tanto di simbolo geografico dell’Italia.
Arduino UNO è la prima su cui appare il
nuovo logo scelto dal progetto Arduino, che
è il simbolo matematico di infinito, scelto
probabilmente per simboleggiare le infinite
possibilità d’uso della scheda o la sconfinata
espandibilità del progetto open-source da cui
Arduino trae origine. Acquistando Arduino
UNO, all’interno della confezione trovate
alcuni adesivi ed un piccolo manuale -riportante le indicazioni principali sulla licenza
di utilizzo- in lingua inglese, come è logico
aspettarsi da un prodotto internazionale opensource. L’impressione che si ha, prendendo in
Elettronica In ~ Marzo 2011
149
Fig 1
La confezione del
nuovo Arduino.
Fig 2
Aspetto dell’Arduino UNO vista dall’alto.
Fig 3
La scheda Arduino UNO vista da sotto.
150
Marzo 2011 ~ Elettronica In
SCHEMA ELETTRICO
La particolarità dell’Arduino UNO e quindi
ciò che la distingue nettamente da tutte le
altre versioni proposte in questi anni, è che
in essa per la connessione USB non viene più
utilizzato il convertitore USB-Seriale della
FDTI, bensì un microcontrollore ATmega8U2
programmato per funzionare come convertitore USB-Seriale. Questo nuovo prodotto della
ATMEL è infatti un microcontrollore con a
bordo un modulo Transceiver USB liberamente programmabile, come lo hanno ad esempio
alcuni PIC della serie 18F della Microchip.
Il nuovo Arduino ha anche ricevuto la certificazione FCC sulle emissioni elettromagnetiche; le diciture “ROHS Compliant” e “Zero
carbon footprint” fanno emergere l’interesse
del team Arduino per la tutela dell’ambiente.
Arduino UNO è ancora basato sul
microcontrollore ATmega328 (in formato DIP)
e dispone di 14 pin di I/O (di cui 6 utilizzabili come uscite PWM), 6 ingressi analogici,
un oscillatore a 16 MHz, un connettore per la
programmazione In-Circuit ed un Plug per
l’alimentazione. Come nelle ultime versioni di
Arduino, è presente un connettore USB che,
semplicemente connesso ad un Personal Computer, permette sia di alimentare la scheda, sia
di programmarla.
Questa versione di Arduino è da intendersi
come la 1.0 basata sulla nuova tecnologia
per la connessione alla USB; la pagina di
riferimento per comparare tutte le versioni
hardware è la seguente: http://arduino.cc/en/
Main/Boards. Al solito, il sito Internet di riferimento dove vedere le caratteristiche e trovare
tutto quello che riguarda Arduino UNO è
www.arduino.cc (in lingua inglese).
La Tabella 1 riepiloga le caratteristiche più
importanti della scheda Arduino UNO.
L’alimentazione della scheda può avvenire
tramite la porta USB, ma è disponibile il solito
connettore plug che accetta, in ingresso, una
tensione non regolata con valore compreso tra
7 e 12 volt; in questo caso un semplice alimentatore non stabilizzato universale impostato
sul valore di 9 volt è l’ideale, ma nulla vieta di
Corso Arduino
mano questo nuovo hardware, è eccellente:
la scheda è di buona qualità e lo stampato è
di ottima fattura, con una serigrafia molto precisa e completa.
Corso Arduino
Tabella 1 - Caratteristiche di Arduino UNO
Microcontrollore
Tensione di lavoro
ATmega328
5V
Alimentazione esterna (raccomandata)
7÷12 V
Alimentazione esterna (limiti)
6÷20 V
I/O digitali
Ingressi analogici
Corrente per ogni I/O Pin
Corrente prelevabile dal pin 3,3 V
Flash memory
14 (di cui 6 usabili come PWM output)
6
40 mA
50 mA
32 kB (ATmega328) di cui 0,5 kB usati per il bootloader
SRAM
2 kB (ATmega328)
EEPROM
1 kB (ATmega328)
Frequenza di clock
16 MHz
alimentare la scheda tramite una batteria a 9 o
12 volt. La sorgente di alimentazione viene riconosciuta in automatico e non serve impostare alcun deviatore. La porta USB è comunque
protetta da accidentali cortocircuiti nella scheda e comunque da essa non vengono prelevati
più dei 500 mA massimi ammessi.
I pin di alimentazione nella scheda Arduino
sono i seguenti:
• VIN; questo, semplicemente replica la
tensione fornita in ingresso sul connettore
plug e può essere usato per alimentare altri
circuiti che dispongano già di un regolatore
di tensione (ad esempio gli shield applicati
al modulo);
• 5 V; fornisce i 5 volt dello stabilizzatore di
tensione interno alla scheda ed è utile per
alimentare altri circuiti compatibili con i 5
volt;
• 3V3; questo pin fornisce i 3,3 volt ricavati
dallo stabilizzatore interno alla scheda e
consente di alimentare circuiti compatibili
con tensioni di 3,3 volt (la massima corrente
prelevabile è di 50 mA);
• GND; è il contatto di massa (GND).
CARATTERISTICHE DI ARDUINO UNO
Vediamo adesso le prerogative e la dotazione
della nuova scheda Arduino, a partire dalla
memoria: il microcontrollore ATmega328
dispone di 32 kB di memoria di programma,
della quale 0,5 kB sono usati per il bootloader.
Dispone inoltre di 2 kB di SRAM ed 1 kB di
EEPROM utilizzabile, quest’ultima, per il sal-
Schema elettrico di Arduino UNO
Elettronica In ~ Marzo 2011
151
Il modulo PWM del microcontrollore ATmega si può assegnare ai pin 3, 5, 6, 9, 10, e 11.
Questi ultimi possono essere configurati via
software per generare segnali PWM con risoluzione di 8 bit. Tramite un semplice filtro RC
è possibile ottenere tensioni continue di valore
variabile.
E veniamo alle porte di comunicazione:
la seriale fa capo ai pin TX(1) e RX(0) che
sono i corrispondenti dell’USART interno al
microcontrollore e sono connessi al convertitore USB-Seriale della scheda.
Sempre in tema di comunicazione, va detto
che il microcontrollore ATmega328 utilizza
il modulo UART interno per comunicare,
con livelli logici 0/5 volt, via seriale con altri
dispositivi o con un PC. I segnali corrispondenti sono disponibili sui pin esterni (TX e
RX) e risultano connessi anche al convertitore
Installare Arduino UNO su Seven
Seven è strutturato in modo da installare in automatico
ogni periferica eventualmente cercando in rete i driver
più opportuni. Arduino è però una periferica molto particolare, ragion per cui la procedura automatica potrebbe
non andare a buon fine.
Quando inserite Arduino il sistema operativo identifica la
presenza di una nuova periferica senza però riuscire ad
installare i driver, e ovviamente non disponete del CD di
installazione, in questo caso dovete procedere manualmente all’installazione dei driver. Dopo aver inserito la
scheda Arduino Cliccate su Avvio-Pannello di controllo-
152
Marzo 2011 ~ Elettronica In
Gestione dispositivi, troverete evidenziata la periferica
Arduino con un punto esclamativo in quanto presente
ma non correttamente installata.
Cliccate con il pulsante destro del mouse sopra la periferica e selezionate Aggiornamento software Driver…
Quindi selezionate a mano la cartella “driver” del software Arduino, la procedura proseguirà adesso in automatico sino alla completa installazione.
A questo punto sarà presente la periferica Arduino correttamente installata e verrà indicato quale COM le è
stata assegnata.
Corso Arduino
vataggio di dati permanenti (mantiene i dati
anche in assenza di alimentazione).
Quanto agli ingressi e alle uscite, ciascuno dei
14 pin di I/O può essere usato come pin di
input o output e può erogare/assorbire una
corrente massima di 40 mA; inoltre dispone di
una resistenza di pull-UP del valore di 20÷50
kohm (attivabile tramite programmazione).
Arduino UNO dispone di sei ingressi
analogici (A0,A1,A2,A3,A4 e A5) che per
impostazione predefinita hanno risoluzione di
10 bit ed accettano una tensione compresa fra
0 e 5 volt; tuttavia è possibile usare l’ingresso
Aref per modificare il range di misura.
Arduino UNO prevede degli interrupt esterni
localizzati ai pin 2 e 3; questi possono essere
configurati come trigger per eventi esterni,
come ad esempio il rilevamento di un fronte
di salita o di discesa di un segnale in ingresso.
Corso Arduino
Fig 4 - Impostazione del software per Arduino UNO.
USB-Seriale della scheda, il che permette la
comunicazione tramite la porta USB del computer. A differenza del chip della FDTI, per il
quale era necessario installare appositi driver,
con l’utilizzo dell’integrato ATmega8U2 ciò
non è più necessario, in quanto vengono usati
i driver comuni della periferica USB già disponibili con il sistema operativo. Tuttavia, con
sistemi operativi Windows, per la corretta creazione di una porta COM virtuale è necessario
installare un driver aggiuntivo. Allo scopo
ricordiamo che Arduino UNO è compatibile
con i sistemi operativi Windows, Mac OS X e
Linux, per i quali sono previsti i driver.
Il bus SPI fa capo ai pin 10 (SS), 11 (MOSI), 12
(MISO), 13 (SCK) i quali possono essere programmati per realizzare una comunicazione
SPI, appunto.
Arduino UNO prevede anche un bus I²C,
localizzato ai piedini 4 (SDA) e 5 (SCL) che
permettono di realizzare una comunicazione
nello standard I²C a due fili, in abbinamento
alla libreria Wire.
Concludiamo la carrellata sulle funzionalità di
Arduino UNO con il piedino LED (pin 13) che
è connesso a un LED interno alla scheda, utile
per segnalazioni di diagnostica.
Infine abbiamo il Reset: questo contatto, portato a livello logico basso resetta il
microcontrollore. La funzione corrispondente
può essere attivata anche tramite il pulsante
presente nella scheda Arduino.
INSTALLAZIONE ED UTILIZZO
Per il corretto utilizzo di questa nuova versione di Arduino è opportuno disporre dell’ultima versione del software -la 21- scaricabile
gratuitamente all’indirizzo http://arduino.cc/
en/Main/Software, la quale contiene sia i driver
per Arduino UNO, sia i Driver per il chip
FTDI di Arduino 2009. Con sistema operativo
Windows, appena connettete Arduino al PC,
esso verrà riconosciuto come nuovo hardware
e vi verrà chiesta l’installazione del driver;
allora non dovrete far altro che specificare
come percorso la cartella “driver” del software Arduino (Arduino UNO.inf); il sistema
operativo provvederà alla sua installazione ed
alla creazione della porta COM virtuale. Fatto
ciò avviate il software Arduino e specificate
l’utilizzo di Arduino UNO, oltre alla COM
alla quale è connesso. Il semplice esempio
applicativo chiamato File-Esempi-1.Basics-Blink
vi permetterà di testare il funzionamento della
scheda. Inoltre sono disponibili tutorial e documentazione agli indirizzi web http://arduino.
cc/en/Tutorial/HomePage ed http://arduino.cc/en/
Reference/HomePage.
Grazie al Bootloader preinstallato a bordo,
non è necessario utilizzare alcun programmatore esterno né è necessario rimuovere
il microcontrollore, la connessione USB tra
PC e Arduino è sufficiente a permettere la
programmazione e la gestione della comunicazione. La funzione di autoreset interna alla
scheda permette la programmazione con un
solo click del mouse.
Su questa nuova versione di Arduino è
presente un nuovo Bootloader basato sul
protocollo STK-500, che occupa un quarto di
memoria rispetto alla versione precedente.
Adesso sono sufficienti 512 byte di memoria
al posto dei 2 kb della precedente versione;
inoltre, il nuovo bootloader può gestire la
velocità di comunicazione sino a 115 kbps,
contro i 57,6 k della precedente versione.
Tutta la documentazione sia hardware che
software, compresi i sorgenti, è disponibile
per il download sul sito di Arduino.
Arduino UNO è predisposta per comunicare
in seriale con il PC semplicemente avviando
il tools “Serial monitor” sull’ambiente di sviluppo; in questo modo un dato acquisito dalla
scheda può essere facilmente visualizzato a
video.
Il microcontrollore ATmega8U2 usato come
convertitore USB-Seriale può essere facilmente programmato in quanto, al suo interno, è
già precaricato il bootloader. In questo caso
è possibile utilizzare le apposite piazzole di
programmazione dopo aver attivato la modalità di programmazione saldando il piccolo
jumper disponibile sul retro della scheda. Il
software necessario per lo sviluppo dei pro-
Elettronica In ~ Marzo 2011
153
Connettore programmazione
atmega8u2
Fig 5 - Posizione del microcontrollore 8U2 sulla scheda
Arduino UNO.
Cortocircuitare questo ponticello per abilitare
il bootloader atmega8u2
Certificazioni
FCC e CE
Fig 6 - Jumper per attivare modalità aggiornamento
firmware 8U2.
grammi per l’ATmega8U2 si chiama Atmel’s
FLIP software per Windows (si scarica dalla
pagina web http://www.atmel.com/dyn/products/
tools_card.asp?tool_id=3886) e DFU programmer per Mac OS X e Linux (si scarica da http://
dfu-programmer.sourceforge.net/).
Ai più preparati non passerà inosservato il
Fig 7 - Piazzole per la programmazione di 8U2.
grosso vantaggio di avere il convertitore USBSeriale programmabile; infatti sino ad ora
Arduino poteva essere visto dal PC solo come
una periferica seriale e infatti i driver del
convertitore della FDTI creavano una seriale
virtuale.
Adesso, invece, potendo programmate il
convertitore, Arduino può essere visto dal
sistema operativo del PC come una periferica
ad-hoc. Nulla vieterebbe di far rilevare Arduino come una stampante e quindi, qualora
inviaste il comando di stampa da un qualsiasi
software, i dati giungerebbero ad Arduino,
il quale, magari, può così controllare una
macchina CNC! Allo stesso modo si potrebbe
inventare un nuovo sistema di puntamento che, una volta connesso al PC, verrebbe
riconosciuto come periferica tipo mouse ed il
cursore sullo schermo si muoverebbe guidato
da questa nuova periferica. Vi lasciamo immaginare quale interessante scenario Arduino
UNO apre su quanto riguarda lo sviluppo di

nuove periferiche per PC.
rduino
la piattaforma open source alla portata di tutti
STARTER KIT CON ARDUINO UNO
cod:
ARDUINOUNOKIT
€
55,oo
IVA inclusa.
kit composto da scheda Arduino UNO, cavo USB,
mini Breadboard a 170 contatti con 10 cavetti
da 15cm, piastra sperimentale (58,5 x 82,7mm),
2 motori elettrici, fotoresistenza, termistore, LED,
micropulsanti, transistor e molti altri componenti
necessari per cominciare ad utilizzare
questa potente piattaforma hardware.
Via Adige, 11 • 21013 Gallarate (VA)
Tel. 0331/799775 • Fax. 0331/792287
154
Marzo 2011 ~ Elettronica In
Maggiori informazioni su questo prodotto e su tutte le altre apparecchiature sono disponibili
sul sito www.futurashop.it tramite il quale è anche possibile effettuare acquisti on-line.
Corso Arduino
atmega8u2
Corso Arduino
Conoscere e usare

dell’ing.
MIRCO
SEGATELLO

Interfacciamo Arduino con i ricevitori
GPS utilizzando l’apposito GPS Shield
e facciamo le nostre prime esperienze
con la localizzazione da satellite. Nona
puntata.
uesta volta ci occupiamo della interessantissima tecnologia GPS per la
rilevazione della posizione sul globo
terrestre (Global Position System). Come
saprete sopra le nostre teste, a circa 20.000
km, sono posizionati dei satelliti che inviano
costantemente sulla terra una serie di informazioni; queste, opportunamente captate ed
elaborate, ci permettono di determinare la
nostra posizione. Per ricevere ed analizzare i dati serve un GPS receiver completo di
antenna, il quale, dopo essersi agganciato al
segnale dei satelliti, fornisce sulla sua uscita
una stringa di caratteri ASCII contenenti, oltre
alla posizione, importanti dati. Il ricevitore
GPS deve ovviamente essere nella condizione
di ricevere segnali dallo spazio e quindi non
funziona in ambienti chiusi come abitazioni o
gallerie; inoltre, come tutti gli apparati radio
operanti a microonde, riceve male in presenza
di palazzi o costruzioni di grandi dimensioni,
dato che a tali frequenze la propagazione del
segnale è quasi in linea retta. Se la ricezione
è buona, dopo l’accensione serve un tempo
di acquisizione (denominato fixing) di solito
compreso tra 30 secondi e 1 minuto, dopo cui
il ricevitore passa alla fase di tracciamento,
nella quale fornisce la posizione. Per chi vo-
Elettronica In ~ Aprile 2011
147
Sentenza NMEA
Descrizione
GGA
Dati relativi alla posizione
GLL
Posizione geografica
GSA
Elenco satelliti attivi
GSV
Satelliti acquisiti
RMC
Dati minimi essenziali sulla posizione
VTG
Direzione al suolo e velocità
lesse approfondire l’aspetto teorico di questa
tecnologia suggeriamo di leggere “Tecnologia
ed apparati GPS” – VISPA edizioni (lo potete
richiedere alla nostra redazione o acquistare
on-line dalla sezione Libri del nostro sito www.
elettronicain.it).
La sequenza dei dati in uscita è composta da
semplici caratteri ASCII codificati nella sentenza NMEA e contiene, oltre alla longitudine
e latitudine del ricevitore anche l’altezza sul
mare, la data e l’ora e le indicazioni dei satelliti agganciati. Oggigiorno il mercato fornisce
svariati modelli di GPS facilmente utilizzabili
nelle nostre applicazioni hobbystiche, a prezzi
sempre più ridotti.
Per un acquisto consapevole ci sono alcuni
parametri da tenere in considerazione: la
dimensione, ad esempio, è un parametro
importante soprattutto in apparecchiature che
devono limitare gli ingombri; in questo rientra
anche il discorso dell’antenna ricevente, che
può essere integrata oppure esterna. Un altro
parametro importante è il numero di letture
che è in grado di fornire in un secondo: quasi
tutti i modelli commerciali a basso costo forniscono una lettura al secondo, mentre i più
evoluti arrivano anche a 10 letture al secondo.
L’alimentazione è un altro parametro di
estrema importanza; di solito i
ricevitori sono apparati
progettati per funzionare in apparecchiature
portatili e quindi pensati per essere alimentati a
Fig. 1
Aspetto del ricevitore
GPS EM406A.
3,3 o 5 volt con una corrente assorbita, variabile a seconda del modello, tra 10 e 50 mA,
valore che va riducendosi con il migliorare
della tecnologia.
Il numero dei canali gestibili è un altro parametro di solito sbandierato dai produttori,
ma spesso una quantità inferiore di satelliti
ben agganciati ed elaborati assicura migliori
risultati di tanti satelliti ricevuti male.
La sensibilità fornisce un’indicazione della
capacità di poter agganciare anche segnali
deboli e quindi è indice di un buon funzionamento anche in zone disturbate o in cui giunge un segnale, debole come in centro città.
La precisione è un altro parametro di sicura
importanza ed è strettamente legato al prezzo
dell’apparato; tralasciando costose versioni
per misure sul territorio (catasto o viabilità)
i ricevitori commerciali si attestano su una
precisione di ±10 metri o poco meno.
Per chi di voi si stia chiedendo a cosa possano
servire i ricevitori GPS, diciamo che la loro
principale applicazione è la memorizzazione
di un percorso, nel caso di escursionisti, o la
tracciabilità dei veicoli; più raramente, i GPS
si usano per la navigazione di veicoli senza
pilota. Molto più spesso li troviamo integrati
negli smartphone di ultima generazione, così
da rendere disponibile una serie di servizi
tra cui la visita guidata alle città d’arte o da
aiutarci a recuperare la strada di casa durante
una vacanza in una nuova città; gli smartphone con ricevitore GPS possono diventare (con
appositi software) navigatori satellitari dotati
di assistenza vocale.
Tra i modelli disponibili sul mercato ne abbiamo selezionati un paio di facile reperibilità e
pienamente compatibili con la nostra scheda
Arduino; infatti, vista l’estrema miniaturizzazione di questi apparati, l’uso con una semplice breadboard e qualche spezzone di filo non
risulta molto agevole.
Tabella 2 - Descrizione della piedinatura EM406A
Fig. 2 - Piedinatura EM406A.
148
Aprile 2011 ~ Elettronica In
Pin
Nome
1,5
GND
Zero volt alimentazione (ground)
Funzione
2
Vin
Alimentazione positiva 4,5~6,5 V
3
RX
Segnale di ingresso RS232 per operazioni di
programmazione
4
TX
Segnale di uscita RS232 (uscita dati)
6
1PPS
Fornisce un impulso ad ogni lettura
(1 al secondo)
Corso Arduino
Tabella 1 - Contenuto della sentenza NMEA
Corso Arduino
Tabella 3 - GGA data output.
Nome
Message ID
Il primo modello che prendiamo in considerazione si chiama EM406A ed è un modulo
GPS a 20 canali con antenna integrata, le cui
caratteristiche essenziali sono:
• chipset GPS a 20 canali SiRFStar III;
• alta sensibilità (-159 dBm);
• precisione nella posizione di ±10 metri, 2D
RMS e di ±5 metri, 2D RMS;
• precisione nel calcolo della velocità di ±0,1
m/s;
• TTFF (Time To First Fix) estremamente
efficace anche con livello di segnale non
ottimale;
• supporta lo standard dati NMEA 0183
GGA, GSA, GSV, RMC, VTG e GLL;
• protocollo di comunicazione in logica TTL
a 4.800 bps;
• tecnologia SuperCap che permette una
rapida acquisizione dei dati dal satellite;
• antenna patch integrata;
• tempo di cold start di 42 s (da spento ad
acceso);
• tempo di hot start di 1 secondo;
• alimentazione: 4,5 V ~ 6,5 V;
• consumo: 44 mA;
• dimensioni di 30x30x10,5 mm.
È possibile impostare il ricevitore per fornire
diverse serie di dati in uscita; ad esempio, la
sequenza GGA è quella illustrata nella Tabella 3. La stringa ricevuta, detta anche sentenza,
è quindi la seguente:
$GPGGA,161229.487,3723.2475,N,12158.3416,W,1,07,1.0,9.0,M,,,,0000*18
Ma veniamo all’utilizzo pratico di questo
ricevitore GPS (siglato EM-406A) reperibile
presso la ditta Futura Elettronica (www.futurashop.it) con codice 8160-EM406A, completo
di cavetto di collegamento. Per chi volesse
utilizzarlo direttamente su di una breadboard
per fare degli esperimenti, consigliamo
di eliminare il connettore di uscita
in dotazione e rimpiazzarlo
con uno più adatto; se invece
intendete realizzare da voi
uno stampato per ricevere
i segnali da questo modulo, potete trovare, sempre
a catalogo Futura Elettronica, il relativo connettore
(codice 7300-CONNEM406A).
Esempio
UTC Time
161229.487
Latitude
3723.2475
N/S Indicator
Longitude
E/W Indicator
Unità
$GPGGA
Descrizione
GGA protocol header
hhmmss.sss
ddmm.mmmm
N
N=north or S=south
12158.3416
dddmm.mmmm
W
E=east or W=west
Position
Fix Indicator
1
0=no fix
1=fix OK (GPS SPS Mode)
2=fix OK (Differential GPS,
SPS Mode)
4= fix OK (GPS PPS Mode,
fix valid )
Satellites Used
07
HDOP
1.0
MSL Altitude
9.0
meters
M
meters
Units
Geoid Separation
Units
meters
M
meters
Null fields when DGPS is
not used
Age of Diff. Corr.
Diff. Ref. Station ID
0000
Checksum
*18
<CR><LF>
Range 0 to 12
Horizontal Dilution of
Precision
End of message termination
Per interfacciare correttamente questo modulo
con la scheda Arduino, possiamo semplicemente utilizzare l’apposita GPS-Shield
disponibile sempre dalla Futura Elettronica
con il codice 7300-GPSSHIELD, fornita già
montata ed equipaggiata con il connettore
per il modulo EM406A; in essa sono presenti
anche un pulsante di reset ed uno di ON/OFF
per il modulo GPS. Non comprende, però, i
connettori per il fissaggio alla scheda Arduino
che dovrete acquistare a parte (7300-STRIP6 e
7300-STRIP8) e successivamente saldare.
Questa scheda dispone inoltre di piazzole per
il collegamento del modulo EM408, funzionante a 3,3 V. Per il modulo EM406, la scheda
provvede a fornire l’alimentazione a 5 volt
ed il cablaggio dei due
Fig. 3 - GPS
segnali TX ed RX del
shield con modulo
GPS con le linee D2 e D3
EM406A.
di Arduino. Particolare
attenzione deve essere
posta nell’uso del deviatore DLINE-UART. Con il
deviatore in posizione
UART il modulo GPS
è connesso alle linee
digitali 0 e 1, ovvero le linee TX ed RX
del modulo UART
di Arduino. Con il
deviatore in posizione
Elettronica In ~ Aprile 2011
149
Fig. 4 - GPS shield e sue funzioni.
DLINE il ricevitore GPS è connesso alle linee
digitali D2 e D3 di Arduino. Ponete il deviatore nella posizione DLINE sia per programmare Arduino sia per testare gli sketch; in questo
modo non ci sarà alcun conflitto con i dati
provenienti dalla USB, che invece impegnano
le linee TX ed RX (pin 0 e 1).
Assicuratevi che il modulo EM406 non tocchi
le piazzole sottostanti lo stampato della GPSshield e in caso contrario isolatelo con della
plastica.
A questo punto potete occuparvi della programmazione, obiettivo della quale è leggere
la stringa che esce ogni secondo dal modulo
EM406, estrapolando le varie sentenze contenenti i dati. Aver utilizzato la piattaforma
Fig. 6 - Schema elettrico del GPS shield.
150
Aprile 2011 ~ Elettronica In
Corso Arduino
Fig. 5 - GPS shield e
relativi connettori.
Corso Arduino
Fig. 8 - Schermata appena
avviato l’esempio StaticTest.
Fig. 7 - Librerie
aggiunte.
Arduino ci assicura la disponibilità in rete di
un’apposita libreria che ci assolva dal compito
di dover redigere un complicato software.
Le librerie che andiamo ad utilizzare si chiamano NeoSoftSerial e TinyGPS, sono state
create da Mikal Hart e risultano reperibili
all’indirizzo web http://arduiniana.org; entrambe le librerie, come al solito, andranno copiate
nella directory libraries del software Arduino.
In alternativa potete scaricare queste librerie
all’indirizzo http://www.sparkfun.com/tutorial/
GPSQuickStart/GPSQuickStart-lib.zip.
Assicuratevi che il deviatore di alimentazione
sulla GPS shield sia in posizione ON e che il
secondo deviatore sia in posizione DLINK,
poi collegate Arduino al PC con il solito cavo
USB. Sulla GPS shield si deve accendere il
LED rosso (alimentazione OK); il LED sul modulo EM406 darà le seguenti indicazioni:
• LED OFF = ricevitore spento;
• LED ON = non agganciato, ricerca del
segnale;
• LED lampeggiante = segnale agganciato.
Aprite l’ambiente Arduino, importate l’esempio TinyGPS->StaticTest e caricatelo sul
microcontrollore di Arduino. Aprite Tools>Serial Monitor ed impostate la comunicazione su 115.200 Baud; riceverete una serie
di dati preimpostati dal software, ma non
ancora provenienti dal modulo GPS. Questa
prima fase vi assicura che il trasferimento e la
visualizzazione dei dati siano corretti.
Scaricate quindi l’esempio denominato
gps_parsing_v12ii.pde scritto da Aaron Weiss
e reperibile all’indirizzo http://www.sparkfun.
com/tutorial/GPSQuickStart/gps_parsing_v12ii.
pde, poi caricatelo su Arduino; avviate Tool>SerialMonitor e finalmente a video vi ritroverete i dati acquisiti dal vostro GPS.
Se il LED del modulo EM406A rimane a luce
fissa per più di un minuto, significa che siete
Fig. 9 - Schermata appena avviato lo sketch
gps_parsing_v12ii.
Elettronica In ~ Aprile 2011
151
// Queste righe servono ad includere le due librerie
#include <NewSoftSerial.h>
#include <TinyGPS.h>
// Si definiscono i pin usati per la comunicazione con Arduino ed il baud rate del modulo GPS
#define RXPIN 3
#define TXPIN 2
#define GPSBAUD 4800
// Viene creta un’istanza all’oggetto TinyGPS
TinyGPS gps;
// Si inizializza la libreria NewSoftSerial utilizzata per la comunicazione con il modulo GPS
NewSoftSerial uart_gps(RXPIN, TXPIN);
// Si dichiara un prototipo per la funzione della libreria TinyGPS
void getgps(TinyGPS &gps);
void setup()
{
// Si inizializza il modulo UART per la comunicazione con il PC
Serial.begin(115200);
// Si imposta il baud rate per il modulo GPS
uart_gps.begin(GPSBAUD);
// Testo iniziale inviato dallo sketch verso il PC
Serial.println(“”);
Serial.println(“GPS Shield QuickStart Example Sketch v12”);
Serial.println(“
...waiting for lock...
“);
Serial.println(“”);
}
// Il loop principale semplicemente aspetta l’arrivo di una sentenza valida dal modulo GPS
// quindi ne estrae le sotto stringhe richieste e le invia al PC
void loop()
{
while(uart_gps.available())
{
int c = uart_gps.read();
if(gps.encode(c))
{
getgps(gps);
}
}
}
// Aspetta l’arrivo di dati validi
// Carica i dati ricevuti nella variabile c
// Verifica congruenza dati
// Estrapola le sottostringhe di dati e le invia al PC
void getgps(TinyGPS &gps)
{
// Richiama la funzione che estrapola dalla sentenza i dati relativi alla posizione
float latitude, longitude;
gps.f_get_position(&latitude, &longitude);
// Invia al PC i dati estrapolati
Serial.print(“Lat/Long: “);
Serial.print(latitude,5);
Serial.print(“, “);
Serial.println(longitude,5);
// Richiama la funzione che estrapola dalla sentenza i dati relativi alla data
int year;
byte month, day, hour, minute, second, hundredths;
gps.crack_datetime(&year,&month,&day,&hour,&minute,&second,&hundredths);
// Invia al PC i dati estrapolati
Serial.print(“Date: “); Serial.print(month, DEC); Serial.print(“/”);
Serial.print(day, DEC); Serial.print(“/”); Serial.print(year);
Serial.print(“ Time: “); Serial.print(hour, DEC); Serial.print(“:”);
Serial.print(minute, DEC); Serial.print(“:”); Serial.print(second, DEC);
Serial.print(“.”); Serial.println(hundredths, DEC);
// Si può usare una sintassi diretta per inviare al PC i dati estratti
Serial.print(“Altitude (meters): “); Serial.println(gps.f_altitude());
Serial.print(“Course (degrees): “); Serial.println(gps.f_course());
Serial.print(“Speed(kmph): “); Serial.println(gps.f_speed_kmph());
Serial.println();
}
152
Aprile 2011 ~ Elettronica In
Corso Arduino
Listato 1
Corso Arduino
Fig. 10 - GPS Bee visto
da sopra.
in una posizione nella quale il segnale GPS
non giunge con la sufficiente intensità. Spostatevi all’esterno, in una zona facilmente raggiungibile dai segnali satellitari, ed attendete
che il modulo agganci correttamente i satelliti
e cominci la fase di tracking nella quale, ogni
secondo, invia i dati relativi alla posizione.
Vediamo ora in dettaglio come funziona
questo sketch, che viene meglio descritto dal
Listato 1. Si parte con due righe di codice che
servono a includere le librerie NewSoftSerial.h
e TinyGPS.h e, a seguire, vengono definiti i pin
da utilizzare per acquisire i dati e il baud-rate
corrispondente. Poi vengono create le istanze
e inizializzate le librerie, quindi si inizializza
l’UART e lo si imposta a 115.200 baud; ora
parte il loop principale nel quale lo sketch
attende l’arrivo di stringhe di dati dal lettore
GPS. Quando questi arrivano, le elabora per
estrapolare latitudine e longitudine (oltre ad
altri dati significativi) e ne invia le informazioni al PC.
L’elenco completo dei dati estraibili dalla sentenza GGA in arrivo dal ricevitore GPS sono i
seguenti:
- get_position;
- get_datetime;
- altitude;
- speed;
- course;
- stats;
- f_get_position;
- crack_datetime;
- f_altitude;
- f_course;
- f_speed_knots;
- f_speed_mph;
- f_speed_mps;
- f_speed_kmph;
- library_version.
Un primo semplice utilizzo dei dati acquisiti
si può fare inserendo direttamente su Google
Maps® le coordinate relative alla posizione, in
modo da rintracciare il ricevitore sulle mappe
di Google. Dalla riga in cui sono specificate la
latitudine e la longitudine (Lat/Long:) estrapolate i due numeri successivi ed inseriteli nel
seguente indirizzo internet: http://maps.google.
com; per l’esattezza, componete nella casella
degli indirizzi del browser una stringa del
tipo http://maps.google.com/maps?q=45.643876,
Fig. 11
GPS Bee
visto da sotto.
8.814163, dove al posto di 45.643876, 8.814163
dovete scrivere le due coordinate desunte
dalla vostra applicazione. Nel caso di questo
esempio, 45.643876, 8.814163 sono le coordinate della nostra redazione.
Inserendo la stringa e premendo Invio (o facendo clic sul pulsante di inoltro dell’indirizzo) si aprirà la pagina web di Google Maps®
con la posizione specificata sulla cartina sia in
modalità stradale che satellitare, a scelta.
Per sperimentare applicazioni GPS con Arduino, potete usare un secondo modulo GPS
denominato GPS Bee, facente uso del chipset
U-BLOX5 e capace di ricevere sino a 50 satelliti contemporaneamente (ha quindi 50 canali);
il suo formato lo rende del tutto compatibile
con l’hardware dei moduli XBee. Le caratteristiche di questo modulo sono le seguenti:
• chipset U-BLOX 5;
• hot Start in 1 secondo;
• sensibilità di -160 dBm in acquisizione e
tracking;
• precisione nella posizione di ±2 metri;
• precisione nel calcolo della velocità di ±0,1
m/s;
• avvio accelerato a segnali deboli per moduli con funzione Kickstart;
• supporto servizi AssistNow Online e AssistNow Offline A-GPS; compatibile OMA
SUPL;
• elevata immunità ai disturbi;
• frequenza di aggiornamento della posizione = 4 Hz;
• interfacce UART, USB, DDC e SPI;
• alimentazione: 2,7 V ~ 3,6 V;
Elettronica In ~ Aprile 2011
153
Questo modulo necessita di antenna esterna,
come ad esempio la MINI ANTENNA GPS
15x15 mm con CONNETTORE U.FL, disponibile presso la ditta Futura Elettronica (codice
Cod. 8160-MINIANTGPS) le cui caratteristiche sono:
• alimentazione: 3,3 V ~ 5 mA;
• V.S.W.R. (Rapporto Onde Stazionarie): <2;
• guadagno: 20 dB;
• peso: 15 g;
• dimensioni: 15 x 15 x 6,4 mm;
• lunghezza cavo: 90 mm.
Questo modulo GPS-Bee è facilmente interfacciabile con il PC utilizzando l’apposito adattatore XBee-USB (codice 7300-UARTSBV31
della Futura Elettronica). Grazie al software
U-Center, scaricabile gratuitamente all’indirizzo http://www.seeedstudio.com/depot/
154
Aprile 2011 ~ Elettronica In
datasheet/u-center_5.07_Installer.rar, è possibile
visualizzare a video tutti i dati relativi a tempo, velocità, latitudine e longitudine, ecc.
Lo shield ArduinoXBee consente di interfacciare velocemente il modulo alla scheda
Arduino, realizzando in maniera fissa le
connessioni delle linee TX ed RX del modulo,
alle linee TX ed RX della scheda Arduino, le
quali, sono anche utilizzate dal convertitore
USB-Seriale per l’interfacciamento alla porta
USB. Questo vincolo non consente di gestire
in contemporanea la comunicazione da parte
del microcontrollore sia con il modulo GPS
che con la porta USB; per i particolari, si veda
la sesta puntata del corso, relativa ai moduli
XBee.
Per la lettura dei dati in arrivo dal modulo
GPS è possibile usare la libreria standard
“Seriale” impostata per un Baud-Rate di 9.600
Baud, mentre la decodifica della sentenza
può avvenire con la libreria precedentemente

descritta.
Corso Arduino
• assorbimento: 44 mA;
• dimensioni XBee compatibili.
Corso Arduino
Conoscere e usare

dell’ing.
MIRCO
SEGATELLO

Conosciamo e impariamo ad utilizzare
Ethernet Shield, uno strumento che
permetterà di affacciare Arduino su una
rete o sul mondo di Internet. Decima
puntata.
roseguiamo spediti con il nostro corso
sul mondo Arduino e questa volta ci
occupiamo di sviluppare degli sketch
orientati al web, tramite l’utilizzo dello
Shield Ethernet. Abbinare i termini Arduino
e web significa poter accedere ad un mondo
di applicazioni davvero sorprendenti e di
interessantissima utilità. In questo articolo vi
dimostreremo come l’elettronica e l’informatica possano “andare a braccetto” e come l’una
completi l’altra permettendo la realizzazione
di sistemi, anche complessi, con una serie di
applicazioni che spaziano dai controlli alla
domotica all’informazione.
LO SHIELD ETHERNET
Chi conosce Arduino sa che oramai le applicazioni implementabili grazie ad esso non
si contano più e che tra queste non avrebbe
potuto mancare l’interfacciamento con una
rete informatica. Se disponete di una scheda
Arduino Diecimila, Duemilanove oppure
Uno, avrete la possibilità di collegarvi ad una
rete ethernet semplicemente applicando uno
“Shield Ethernet”. Ufficialmente Arduino ha
adottato quale chip di interfaccia il modello
W5100 prodotto dalla WizNet e quindi ci sarà
piena compatibilità con i vari shield che utilizzano questo chip; tuttavia in commercio sono
Elettronica In ~ Maggio 2011
151
disponibili altre interfacce equipaggiate con
differenti chip. Lo Shield Ethernet che useremo in questa puntata è la versione prodotta
da SeeedStudio, distribuita da Futura Elettronica (codice 7300-SEEEDWIZNET). Questa
unità è basata sul chip Ethernet Wiznet W5100
ed è compatibile sia con Arduino (anche la
versione MEGA) che Seeeduino (anche la
versione MEGA11). Presso la stessa azienda
è disponibile anche lo Shield Ethernet (codice
7300-SHIELDETHERNET) anch’esso basato
sul chip Ethernet Wiznet W5100 e compatibile
con Arduino (ma non con la versione MEGA).
Entrambe gli shield fanno uso dello stesso
chip e supportano fino a quattro connessioni
socket simultanee; il connettore di collegamento è lo standard RJ45. I contatti utilizzati
da Arduino per comunicare con il chip W5100
sono i pin digitali 10, 11, 12 e 13 (porta SPI)
che quindi non possono essere utilizzati come
I/O. Il pulsante di reset sulla scheda resetta
sia il chip W5100 che la scheda Arduino (o
Seeeduino). Il chip Ethernet Wiznet W5100
implementa a livello hardware uno stack IP
completo di protocollo di comunicazione TCP
ed UDP.
Il protocollo TCP (Transfer Control Protocol)
si basa sulla creazione di una comunicazione
tra un Client ed un Server. È il Client che può
iniziare una comunicazione inviando una
richiesta al Server che è in attesa su una porta
in particolare; se il Server accetta, viene aperta
una comunicazione e allora sarà possibile
effettuare il trasferimento di dati.
Caratteristica di questo protocollo è quella di
essere a conoscenza dello stato della connessione e di verificare se i pacchetti sono stati
ricevuti correttamente dal ricevente.
Nel protocollo UDP (User Datagram Protocol), a differenza del TCP, non viene aperta
una comunicazione, ma semplicemente è
previsto l’invio di dati verso una determinata
152
Maggio 2011 ~ Elettronica In
Per quanto riguarda l’utilizzo dello shield
a livello software, non ci sono problemi in
quanto l’ambiente di lavoro di Arduino contiene già la libreria e gli esempi per la gestione della Ethernet; possiamo quindi passare
direttamente all’impiego pratico. Lo Shield
Ethernet (versione SeeedStudio) viene fornito
già pronto all’uso, ma consigliamo di saldare
sugli appositi spazi degli strip femmina, in
modo da avere facilmente accesso
Fig 2
ai pin di Arduino o per inserirci
Ethernet
un secondo shield; appena
Shield.
inserita nella scheda Arduino, è pronta all’uso.
Durante tutte le prove che vorrete fare,
potrete lasciare collegato sia il cavo di
rete che quello USB
Corso Arduino
Fig 1
Ethernet
shield di
SeeedStudio.
porta di un indirizzo IP; ciò significa che non
esiste il ruolo di Client o Server.
Non vi è, quindi, alcun controllo dello stato
della comunicazione (perché non è stata effettuata) né è possibile sapere se i dati inviati
siano effettivamente giunti a destinazione.
Possiamo paragonare il protocollo UDP all’invio di una lettera tramite posta normale: non
vi è certezza assoluta della consegna, ma nella
stragrande maggioranza dei casi la trasmissione andrà a buon fine. Invece il protocollo TCP
può essere visto come l’invio di una lettera
tramite posta con ricevuta di ritorno, nel qual
caso si ha una verifica della corretta ricezione
del messaggio. Risulta più semplice, quindi,
implementare il protocollo UDP, sebbene esso
accentui i limiti del sistema.
Detto ciò, ritorniamo a parlare del nostro
shield, elencando le funzioni dei LED posti a
bordo:
- TX:lampeggia quando lo shield trasmette
dati;
- RX: lampeggia quando lo shield riceve dati;
- COL: lampeggia quando si verifica una
collisione di pacchetti all’interno della rete;
- FDX: indica che la connessione alla rete
avviene in full-duplex;
- LINK: indica la presenza di una rete e lampeggia quando lo shield trasmette o riceve
dati;
- RST: stato di reset;
- PWR: indica che lo shield è alimentato.
Corso Arduino
usato per la programmazione; infatti Arduino
dialoga con lo Shield Ethernet tramite la porta
SPI, lasciando libero l’UART.
Particolare attenzione deve essere prestata
alla configurazione della vostra rete domestica; giusto per esservi di aiuto, vi diciamo che
sul PC principale da noi usato per programmare Arduino è installato il sistema operativo Vista e che i parametri della rete sono
IP=192.168.0.199 e SubNetMask=255.255.255.0,
mentre Gateway e Server DNS non sono
specificati. Queste impostazioni sono gestibili
accedendo a: Start>Impostazioni>Pannello
di controllo>Centro di connessione di rete e
condivisione>Gestisci connessioni di rete.
Il PC e Arduino (Ethernet Shield) sono connessi ad un router D-Link con impostazioni
da fabbrica. Come IDE di sviluppo facciamo
riferimento alla versione 0021; se usate versioni più vecchie, alcune funzioni, specificamente
sulle stringhe, non saranno implementabili.
Come primo semplice esempio utilizzeremo il
nostro Ethernet Shield per realizzare un Web
Server.
Detto in parole semplici, andremo a creare
tramite il chip W5100 una pagina web accessibile in rete da qualsiasi browser, che conterrà
i dati relativi al valore degli ingressi analogici
di Arduino; quindi non una semplice pagina
web, ma una speciale pagina che sia in grado
di interagire con Arduino e quindi con il mondo esterno.
Collegate il tutto, avviate l’IDE di Arduino
ed aprite l’esempio File-Esempio-EthernetWebServer; per rendere compatibile la pagina
web con la nostra rete, dovremo impostare
correttamente il MAC e l’IP address. L’indirizzo MAC (MAC address) è un codice di 12
caratteri che identifica ogni singolo apparato
in grado di connettersi a una rete; nel nostro caso, sia la scheda di rete che il router
ne avranno uno univoco. Lasciate invariato
quello proposto nello sketch. Solo se la vostra
scheda dovesse accedere alla rete internet,
dovrete preoccuparvi di recuperare un indirizzo MAC libero perché altri potrebbero aver
avuto la vostra stessa idea.
L’indirizzo IP (IP Address) è una sequenza di
quattro numeri compresi tra 0 e 255 e, similmente al MAC, identifica ogni dispositivo
all’interno di una rete. Anche questo deve
essere univoco per ogni dispositivo sulla rete
e va assegnato in congiunzione con il subnet
mask, il quale è un’altra sequenza di quattro
numeri che permettono di specificare delle
sottoreti. Nel nostro caso, avendo una subnet
mask pari a 255.255.255.0 potranno colloquiare
tra di loro tutti i dispositivi facenti parte della
sottorete che ha indirizzo IP con i primi tre
numeri uguali ed il terzo scelto a piacere e
compreso tra 0 e 255. L’indirizzo IP di Arduino dovrà quindi essere del tipo 192.168.0.xxx,
dove xxx sarà un numero compreso tra 0 e 255
non utilizzato da altri dispositivi nella rete.
In definitiva, la configurazione per il nostro
esempio sarà:
ROUTER
PC
PC
ARDUINO
ARDUINO
IP=192.168.0.1
IP=192.168.0.199
subnet mask=255.255.255.0
IP=192.168.0.77
subnet mask=255.255.255.0
Lasceremo non specificati tutti gli altri parametri.
In una connessione TCP, oltre all’indirizzo IP
della postazione remota cui devono giungere
le informazioni, bisogna conoscere anche a
quale applicazione esse debbono essere passate. A tale scopo, si usano le porte, le quali
sono una specie di allocazione della memoria
del computer che esiste quando due computer
sono in comunicazione tra loro e forniscono
un punto terminale per l’applicazione remota.
Le porte vengono sempre identificate con un
numero compreso tra 0 e 65.535, i cui valori 0
Fig 3
Pagina web dello
sketch Web Server.
Elettronica In ~ Maggio 2011
153
byte mac[] = { 0xDE, 0xAD, 0xBE, 0xEF, 0xFE, 0xED };
byte ip[] = { 192, 168, 0, 77 };
Server server(80);
Ora caricate lo sketch su Arduino e lasciate
che il nuovo firmware avvii la comunicazione con il router. Aprite Internet Explorer
o un Browser a scelta e scrivete l’indirizzo
http://192.168.0.77: vedrete caricarsi la pagina
web residente all’interno di Arduino, riportante i dati relativi agli ingressi analogici.
Se agli ingressi non avete collegato alcunché, i
valori saranno casuali ed in ogni caso per leggere una nuova serie di valori sarà necessario
rinnovare la richiesta di lettura pagina, cosa
fattibile cliccando sul pulsante di refresh. Per
testare meglio lo sketch, utilizzate un trimmer
del valore di 10 kohm, al quale avrete saldato
tre fili che collegherete così: gli estremi ai pin
+5V, GND ed il centrale ad uno degli ingressi
analogici. Utilizzate il trimmer per impostare
un certo livello di tensione in ingresso.
Fig 4
Pagina web
dello sketch
Ethernet_01.
pde.
154
L’applicazione è così interessante che viene
voglia di migliorarla, completando la pagina
web ed attivando un autorefresh in modo da
visualizzare in tempo reale il livello di tensione all’ingresso. Poche conoscenze di HTML
permettono di scrivere il nuovo sketch, il
quale si chiama Ethernet_01.pde, che potete anche scaricare dal nostro sito www.elettronicain.
it assieme agli altri file di questo corso; per
facilitarne la comprensione i commenti sono
stati tradotti in italiano.
A questo punto vogliamo imparare a gestire
le uscite e lo facciamo inserendo dei pulsanti
sulla pagina web, con i quali poter attivare un
semplice LED. Essendo occupata l’uscita 13,
il LED di sistema non sarà accessibile, perciò
per le segnalazioni del caso usate un semplice
LED con in serie una resistenza da 470 ohm,
connesso tra l’uscita digitale 2 ed il pin di
massa. Lo sketch già commentato in italiano si
chiama ethernet_02.pde.
In questo sketch è stata aggiunta la possibilità di gestire il LED sia tramite un check,
sia mediante due pulsanti; la pagina web è
anche più complessa, proprio per far vedere le
potenzialità del sistema. Volendo approfondire l’argomento, esiste un’interessante libreria
Fig 5
Pagina web
dello sketch
Ethernet_02.
pde.
Maggio 2011 ~ Elettronica In
Corso Arduino
e 1.023 sono già assegnati a specifiche funzioni del sistema operativo.
Ecco la configurazione usata per il nostro
esempio:
Corso Arduino
creata da Jordan Terrell (http://blog.jordanterrell.com) la quale permette di implementare la
funzione di DHCP, ovvero la possibilità che il
router assegni alla scheda Arduino in automatico un indirizzo IP libero senza doverlo
specificare a priori.
Se volessimo rendere visibile la periferica
da noi creata anche al di fuori della nostra
rete domestica, dovremmo necessariamente
disporre di un collegamento alla rete internet
ed abilitare un canale di comunicazione
con la nostra applicazione; infatti gli accessi
dall’esterno saranno intercettati dal router,
il quale dovrà essere configurato affinché
un certo tipo di richieste giunga proprio ad
Arduino. Per fare questo si deve attivare il
servizio di “redirezione port forwarding” del
router, impostando il numero di porta accessibile da internet e specificando a quale porta
effettivamente è connesso Arduino sulla rete
interna. Per i dettagli, vi rimandiamo alle specifiche del tipo di router che utilizzate.
Sempre accedendo alla rete internet, potete
testare l’esempio WebClient, il quale prevede che sia la nostra applicazione a fare una
richiesta (Client) verso un Server esterno:
Google, in questo caso. La richiesta consiste
nella ricerca del termine Arduino, mentre la
risposta visualizzata tramite SerialMonitor
sarà il risultato della ricerca.
Un altro interessantissimo esempio si chiama
UdpNtpClient e prevede, sempre tramite
accesso ad internet, di interrogare un Server
Ntp per rilevare l’ora internazionale sempre
precisa. Infatti i server Ntp (Network Time
Protocol) dispongono di informazioni orarie
messe a disposizione degli utenti e facilmente
accessibili tramite l’invio di richieste in protocollo UDP.
L’ora corrente viene letta dall’applicazione
e successivamente resa disponibile tramite
SerialMonitor di Arduino.
Esiste un’altra possibilità per rendere disponibili i dati acquisiti da Arduino verso Internet,
ovvero trasferire i dati ad un server di dati,
come ad esempio il server Pachube, accessibile dall’indirizzo web www.pachube.com;
in questo caso Arduino dialogherà solo con
detto server, mentre gli utenti che vorranno
vedere i dati accederanno al sito www.pachube.
com, il quale, oltre a rendere disponibili i dati,
fornirà una visualizzazione in formato grafico
Fig 6
Applicazione del protocollo UDP in Visual Basic.
ed informazioni di geolocalizzazione.
Per quanto riguarda lo sviluppo del firmware,
Arduino mette a disposizione gli esempi
PachubeClinet e PachubeClientString. Un valido
esempio è già stato proposto sul numero 151
della rivista a proposito dell’articolo riguardante il “Termostato ambiente”.
È disponibile anche un altro interessantissimo
esempio che prevede l’invio e la ricezione di
stringhe dal PC ad Arduino con il protocollo
UDP: aprite lo sketch denominato UDPSendReceive.pde, modificate se necessario l’indirizzo IP e caricatelo su Arduino.
Nella parte terminale dello sketch trovate il
listato da far girare su processing (lo trovate
nella quinta puntata di questo corso su Arduino), utilizzato in questo caso per inviare la
stringa “hello word” via ethernet alla nostra
scheda Arduino. Tramite Serial monitor
dell’IDE di Arduino vedrete la stringa arrivata
ed una risposta di consenso giungerà anche a
processing. Per poter usare il protocollo UDP
con processing è necessario installare la libreria hypermedia.net, che trovate nel nostro sito
assieme ai file di questo numero della rivista.
Vista l’interessante modalità di comunicazione tra un PC ed Arduino tramite ethernet
abbiamo pensato di realizzare una piccola applicazione scritta in Visual Basic 6 che implementa, appunto, il protocollo UDP. Anche in
questo caso l’applicazione invia una semplice
stringa di testo ed attende risposta da Arduino, ma facilmente può essere modificata per
ogni altra esigenza.
Come avete visto, le applicazioni implementabili sono davvero moltissime e tutte della
massima facilità. Alcune conoscenze sulle reti
informatiche e di programmazione in HTML
permettono di ottenere in brevissimo tempo
delle applicazioni molto innovative e professionali che non mancheranno di darvi soddi
sfazione.
Elettronica In ~ Maggio 2011
155
Corso Arduino
Conoscere e usare

dell’ing.
MIRCO
SEGATELLO

Conosciamo ed impariamo ad usare un
nuovo shield: quello che permette di
dotare il nostro Arduino della connettività
Bluetooth. Undicesima puntata.
gni giorno o quasi, nascono shield dedicati a realizzare con Arduino tutte le
funzioni che già conosciamo e vediamo
associate a dispositivi di uso comune. In questa puntata impareremo ad utilizzare quello
creato e sviluppato per implementare il Bluetooth. Per la precisione, vogliamo interfacciare
una scheda Arduino ad un PC tramite un
collegamento wireless utilizzando lo standard
Bluetooth, già impiegato con successo nella comunicazione locale tra cellulari, negli
auricolari e vivavoce wireless per automobile,
nella strumentazione, ma anche nelle periferiche del computer e nei lettori di codice a barre
senza fili. Come vedremo, dotare Arduino di
un’interfaccia Bluetooth risulterà assai semplice e per niente costoso; sarà inoltre una valida
soluzione per comunicazione wireless, alternativa a quella rappresentata dai moduli radio
XBee o WiFi. Come sempre, in questo corso,
partiamo dalla descrizione dell’hardware,
per poi proseguire con lo sviluppo della parte
software.
In sintesi, gli elementi che abbiamo utilizzato
per questa puntata, sono i seguenti:
• una scheda Arduino duemilanove (va bene
anche Arduino UNO);
• una XBee shield, che è la versione prodotta
dalla Libelium (www.libelium.com);
• un modulo Bluetooth Bee della Seeedstudio
Elettronica In ~ Giugno 2011
155
Fig 1 - XBee shield.
Fig 2 - Modulo
Bluetooth Bee.
Fig 3 - Modulo
Bluetooth Bee.
Fig 4 - Modulo Bluetooth.
156
Giugno 2011 ~ Elettronica In
È possibile acquistare a parte il solo modulo Bluetooth (Futura Elettronica, codice
7300-BLUETOOTHMOD) ma, viste le ridotte
dimensioni, il suo utilizzo non è per niente
agevole. Pur costando di più, consigliamo
l’utilizzo del modulo già cablato sulla piccola
basetta XBee, facilmente utilizzabile con la sua
XBee shield.
Vediamo ora brevemente le caratteristiche di
questo ricetrasmettitore Bluetooth appositamente progettato per realizzare collegamenti
trasparenti tra due apparecchiature. Questo
modulo contiene un ricetrasmettitore funzionante nella banda ISM (ricordiamo che
lo standard Bluetooth riguarda connessioni
effettuate alla frequenza di 2,4 GHz) ed è in
grado di gestire collegamenti seriali sino a
460.800 bps.
È compatibile con le specifiche Bluetooth v2.0
+ EDR, con una potenza in trasmissione di 4
dBm (Classe 2) che gli consente collegamenti
sino a circa 10 metri.
Il modulo UART interno ha il baud-rate programmabile e la gestione del transito dati è
asservita ad un sistema di crittografia; l’alimentazione è a 3,3 volt e dispone di un’antenna integrata nel PCB.
Il modulo UART interno è configurato, per
impostazione predefinita, per una comunicazione a 38.400 baud con 8 bit di dati, 1 bit
di stop, nessuna parità, nessun controllo di
flusso; sono comunque supportate le seguenti
velocità di trasferimento: 9.600, 19.200, 38.400,
57.600, 115.200, 230.400, 460.800.
Sono disponibili le linee CTS e RTS per il
controllo del flusso dati e due LED (uno verde
e uno rosso) per la segnalazione dello stato di
funzionamento.
Quando il modulo si trova nello stato “sconnesso”, si vedrà il solo LED verde lampeggiare 2 volte al secondo. In attesa di collegamento
ci saranno sia il LED verde che il LED rosso
a lampeggiare una volta la secondo, mentre
nello stato “connesso” lampeggerà il solo LED
verde una volta al secondo.
Per impostazione predefinita, il modulo è
predisposto alla connessione automatica con
l’ultimo dispositivo non appena viene acceso;
il codice di accesso è impostato a “0000”. Per
Corso Arduino
(www.seeedstudio.com) fornito dalla Futura
Elettronica (codice 7300-BLUETBEE).
Corso Arduino
Fig 5 - Configurazione hardware.
“ultimo dispositivo” si intende quello con cui
si è collegato prima di essere spento.
Per i dettagli relativi alla funzione dei pin di
collegamento, vi rimandiamo alla lettura dei
data-sheet del prodotto.
Volendo realizzare un collegamento wireless con un PC, dovremmo necessariamente
dotarci di un adattatore Bluetooth (Bluetooth
dongle) da inserire in una porta USB libera
del PC. Per le nostre verifiche sul campo
abbiamo utilizzato il Bluetooth USB dongle
prodotto dalla Velleman e distribuito dalla
Futura Elettronica con il codice PCUSBBT;
esso viene fornito con il software Bluesoleil
della IVT Corporation (il più diffuso per far
dialogare dispositivi Bluetooth con un com-
puter) al quale faremo riferimento in questa
puntata del corso. Il modulo Bluetooth Bee
sarà inserito nella XBee shield e a sua volta su
Arduino, ma, per poterlo utilizzare, è necessario programmarlo; la programmazione avviene tramite l’invio di semplici comandi seriali.
È possibile inserire il modulo Bluetooth Bee in
un adattatore USB-XBee, in modo da consentire la programmazione via PC, ma preferiamo
sia direttamente Arduino, tramite un apposito
sketch, ad inviare le impostazioni. Elenchiamo
qui di seguito i comandi a disposizione.
Imposta modalità di funzionamento
\r\n+STWMOD=0\r\n Client (slave)
\r\n+STWMOD=1\r\n Server (master)
Imposta Baud-rate
\r\n+STBD=115200\r\n Imposta baudrate
115200
Baudrate supportati: 9600, 19200,38400,57600,11
5200,230400,460800.
Imposta il nome del dispositivo
\r\n+STNA=abcdefg Imposta il nome “abcdefg”
Listato 1
/*
BluetoothBee Demo Code
2011 ElettronicaIN
Hardware:
modulo BluetoothBee
XBee shiled Libelium
Arduino duemilanove
USB Bluetooth dongle Velleman
Questo sketch configura il modulo come slave
*/
void setup()
{
Serial.begin(38400); //Imposta l’UART a 38400 baud
delay(1000);
Serial.print(“\r\n+STWMOD=0\r\n”); //Imposta il modulo come slave
Serial.print(“\r\n+STNA=Arduino\r\n”); //Assegna il nome “Arduino” al modulo
delay(2000); // Ritardo necessario per la configurazione.
Serial.print(“\r\n+INQ=1\r\n”);
delay(2000); // Ritardo necessario per abilitare la comunicazione.
}
void loop()
{
delay(1000);
int sensorValue = analogRead(A0);
Serial.println(sensorValue, DEC);
}
//Legge il canale analogico A0
//Invia il dato via UART
Elettronica In ~ Giugno 2011
157
Corso Arduino
Fig 6 - Schermata di avvio di Bluesoleil.
Fig 8 - Ricerca servizi della periferica trovata.
Fig 9 - Inserimento Passkey.
Fig 7 - Ricerca periferiche.
Autoconnessione con l’ultimo dispositivo
connesso
\r\n+STAUTO=0\r\n Proibito
\r\n+STAUTO=1\r\n Permesso
Permette la connessione del dispositivo
\r\n+STOAUT=0\r\n Proibito
\r\n+STOAUT=1\r\n Permesso
Imposta PIN code (Passkey)
\r\n +STPIN=2222\r\n Imposta il PINCODE
“2222”
Cancella PIN code (Passkey assegnata dal
microcontrollore)
\r\n+DLPIN\r\n Cancella PINCODE
Legge l’indirizzo del dispositivo
\r\n+RTADDR\r\n Riporta l’indirizzo del
dispositivo
158
Giugno 2011 ~ Elettronica In
Auto riconnessione quando viene perso il
segnale con il dispositivo master
\r\n+LOSSRECONN=0\r\n Proibito
\r\n+LOSSRECONN=1\r\n Permesso
Ricerca moduli
a) Nel caso di modulo configurato come
Master:
\r\n+INQ=0\r\n Ferma ricerca dispositivi
\r\n+INQ=1\r\n Avvia ricerca dispositivi
b) Nel caso di modulo configurato come
Slave:
\r\n+INQ=0\r\n Ferma visibilità dispositivo
\r\n+INQ=1\r\n Avvia visibilità dispositivo
Siamo adesso pronti per scrivere lo sketch
occorrente alla gestione della comunicazione
in Bluetooth, il quale, una volta caricato su
Arduino, configurerà il modulo e, successivamente, andrà a leggere l’ingresso analogico 0
ed invierà al PC i dati acquisiti, ad intervalli di
un secondo, via Bluetooth. Il codice corrispondente è quello illustrato nel Listato 1.
La configurazione del modulo avviene inviando semplici caratteri seriali nello standard
Corso Arduino
Fig 10 - Connessione stabilita.
Fig 12 - Dati ricevuti da Serial monitor di Arduino.
Fig 11 - Porta COM virtuale utilizzata dalla connessione.
specificato nei data-sheet. Il comando “\r\
n+STWMOD=0\r\n” imposta il modulo come
Slave; sarà l’adattatore Bluetooth sul PC a
svolgere la funzione di Master.
Il comando “\r\n+STNA=Arduino\r\n”
assegna al modulo il nome “Arduino”; infine,
il comando “\r\n+INQ=1\r\n” abilita la visibilità del modulo da parte del Master.
Tutte queste fasi sono chiaramente indicate
dallo stato di lampeggio dei LED. Quando il
LED verde lampeggia due volte al secondo,
significa che il modulo non è connesso; ciò accade, ad esempio, quando alimentate quest’ultimo senza prima averlo configurato.
Quando si abilita la visibilità del modulo, lampeggiano una volta al secondo i LED sia verde
che rosso, mentre una volta che viene stabilita una connessione, lampeggia il solo LED
verde , sempre con la cadenza di una volta al
secondo. Durante la fase di programmazione
di Arduino con lo sketch riportato nel Listato
1 è importante che gli interruttori della XBee
shield siano posti in modalità USB. Quindi
staccate Arduino, impostate gli interruttori
della XBee Shield su XBee ed alimentate la
scheda tramite la presa Plug. Questo è neces-
sario perché il modulo Bluetooth Bee dialoga
con il microcontrollore di Arduino tramite il
modulo UART, il quale non deve entrare in
conflitto con eventuali segnali giunti via USB.
Passati alcuni secondi dall’accensione, il
modulo Bluetooth sarà operativo e visibile. Avviate il software Bluesoleil, installato
precedentemente, inserite il Bluetooth dongle,
attendete venga riconosciuto, quindi selezionate Bluetooth-Rileva periferiche Bluetooth;
sul modulo Bluetooth Bee devono lampeggiare entrambi i LED. Cliccate con il pulsante
destro sopra l’icona della periferica trovata
e, dal menu contestuale cui accedete, attivate
la funzione di ricerca servizi. Verrà chiesta
la Passkey di accesso alla periferica; il valore
predefinito è 0000 (quattro zeri). Sempre con il
pulsante destro del mouse sopra la periferica,
dal menu contestuale avviate il servizio SPP
(servizio porta seriale). A questo punto inizierà a lampeggiare lentamente il solo LED verde. Visualizzate le proprietà della connessione
SPP per sapere a quale COM virtuale è stata
associata la comunicazione con il modulo.
Avviate l’IDE di Arduino, aprite Serial monitor sulla COM, assegnata all’adattatore Bluetooth, con il Baud Rate di 38.400 ed attendete
l’arrivo dei dati acquisiti da Arduino. Notate
che è come se Arduino fosse collegato via
cavo USB, ma in pratica è connesso in modalità wireless. Non essendo cablate le linee RTS e
CTS dal modulo Bluetooth Bee verso Arduino, non sarà possibile la programmazione di

Arduino tramite questo collegamento.
Elettronica In ~ Giugno 2011
159
Corso Arduino
Conoscere e usare

dell’ing.
MIRCO
SEGATELLO

Sperimentiamo la realizzazione di una
connessione Wi-Fi, resa possibile dallo
specifico modulo WiFly Shield, prodotto
dalla Rovin Network e compatibile anche
con alcuni cloni di Arduino. Dodicesima e
ultima puntata.
n questa puntata del corso su Arduino
ci occupiamo dello shield denominato
WiFly, che permette ad una scheda
Arduino (anche alle versioni “clone” con
essa compatibili) di potersi connettere ad una
rete wireless secondo lo standard 802.11b/g.
Lo shield che abbiamo utilizzato per questa occasione è stato sviluppato dalla ditta
americana Sparkfun ed è basato sul modulo
wireless prodotto dalla Roving Network di
sigla RN-131G. Questo modulo, operante in
logica a 3,3 volt, potrebbe esse interfacciato
con il modulo seriale (UART) di Arduino, ma
ciò non garantirebbe la possibilità di utilizzare
la massima velocità di comunicazione. Per
sfruttare appieno le prestazioni del modulo
wireless è preferibile interfacciarlo con la
porta SPI (Serial Peripheral Interface Bus) di
Arduino, che assicura una velocità di trasferimento ben superiore rispetto a quella garanti-
Elettronica In ~ Luglio / Agosto 2011
151
152
Luglio / Agosto 2011 ~ Elettronica In
• bassissimo consumo: 4 µA sleep, 35 mA RX
e 200 mA massimi in TX;
• velocità di trasferimento fino a 1 Mbps
tramite UART;
• supporto per reti “ad hoc”;
• interfaccia hardware UART ad alta velocità;
• 10 linee digitali per uso generico,
programmabili;
• 8 linee analogiche per interfacciamento con
sensori;
• real-time clock, auto-sleep e modalità autowakeup;
• alimentazione a 3,3 Vcc oppure 2÷3 Vcc con
batterie;
• configurazione tramite UART o wireless
con semplici comandi ASCII;
• aggiornamento firmware tramite FTP;
• autenticazione di rete WEP-128, WPA-PSK
(TKIP), WPA2-PSK;
Fig 1 - Come
si presenta
la WiFly.
Fig 2 - Identificazione release2 di wiFly.
Corso Arduino
ta dalla trasmissione asincrona dell’UART. Il
convertitore da UART a SPI siglato SC16IS750,
permette la comunicazione tra il modulo
UART ad alta velocità dell’integrato RN-131G,
con la porta SPI di Arduino, facente uso dei
segnali CS, MOSI, MISO, SCLK che utilizzano
i pin 10, 11, 12, 13.
L’interfaccia UART di Arduino rimane così a
disposizione per la comunicazione con il PC.
La differente configurazione del convertitore
SC16IS750 ha portato all’esistenza in commercio di tre differenti versioni dello stesso WiFly
shield.
La versione più recente (Revision 3) è distribuita dalla ditta Sparkfun (www.sparkfun.
com/products/9954), viene contraddistinta dal
codice 9954 e riporta sul lato inferiore la data
“6/15/10”. In questa versione è presente
un pulsante di reset ed il quarzo utilizzato
per l’ SC16IS750 è da 14 MHz. La versione
meno recente (Revision 2) (www.sparkfun.com/
products/9367) ha codice 9367 e si riconosce
per la presenza del quarzo a 14 MHz e per
un piccolo dispositivo metallico rettangolare
vicino ai pin 6 e 7, riportante la scritta “14.”;
sullo stampato non è presente alcuna data
stampigliata e non c’è il pulsante di reset. La
primissima versione (Revision1) si riconosce
per la presenza di un quarzo da 12 MHz e per
la scritta “12.” serigrafata vicino ai contatti
6 e 7. La corretta impostazione del tipo di
shield utilizzato deve essere specificato con la
variabile SHIELD_REVISION presente nel file
Configuration.h della libreria (si veda la parte
riguardante il software di gestione, in questa
stessa puntata).
Vediamo ora le caratteristiche implementate nel modulo WiFly della Rovin Network:
si tratta di un modulo a bassissimo consumo (non superiore ai 100 mW) studiato per
funzionare con alimentazione a batteria e in
grado di interagire in reti wireless secondo lo
standard 802.11b/g. Utilizza la banda radio
dei 2,4 GHz e dispone di uno stack TCP/IP,
un real-time clock, un’interfaccia analogica e
della cifratura dei dati. Nella configurazione
hardware più semplice sono sufficienti quattro linee (+Vcc, TX, RX, GND) per creare una
connessione wireless. La distanza di trasmissione, a seconda delle condizioni, arriva ad
un massimo di 100 metri. Queste, in sintesi, le
caratteristiche del modulo:
Corso Arduino
Fig 3 - Avvio sketch SpiUartTerminal.
• protocolli di rete implementati: DHCP,
UDP, DNS, ARP, ICMP.
Lo shield utilizzato per questo articolo è l’ultima versione, viene fornito già montato, e in
esso è sufficiente saldare gli appositi strip per
permettere la facile installazione su Arduino
ed eventualmente sovrapporre un secondo shield. Il sito di riferimento per quanto
riguarda la parte software è: www.sparkfun.
com/commerce/tutorial_info.php. Da esso, oltre
ai vari esempi, potete seguire il forum relativo
all’argomento ed il link riguardante lo sviluppo del software di gestione.
Una prima vera libreria non esiste, in quanto
è ancora in fase di sviluppo da parte della comunità di Arduino, però la versione “alpha2”
è già a buon punto ed in fase di test da parte
degli utilizzatori di Arduino, cui anche noi
apparteniamo).
Non ci resta che inserire il WiFly shield su Arduino e connettere Arduino al PC, con il solito
cavo USB. Scaricate la libreria dal sito https://
github.com/sparkfun/WiFly-Shield; il file da noi
utilizzato si chiama sparkfun-WiFly-Shield-wifly-library-alpha-2-11-g981ea95.zip. Scompattatelo (mantenendo inalterata la struttura delle
sotto directory) e copiate la cartella wifly nella
cartella library di Arduino. Aprendo L’IDE di
Arduino vi ritroverete con una serie di esempi
già preparati; aprite ed inviate ad Arduino
quello denominato SpiUartTerminal, il quale
permette la gestione a comandi del WiFly
shield. Questo semplicissimo sketch vi permette di verificare il corretto interfacciamento,
tramite l’integrato SC16IS750, tra Arduino e il
modulo WiFly ed abilita la programmazione
manuale del modulo RN-131G.
Aprite Serial-Monitor ed attendete la connessione al convertitore SPI-UART; se tutto è
andato bene otterrete una risposta positiva;
in caso contrario verificate la versione del
vostro shield e modificate di conseguenza il
file configuration.h. A questo punto inviate tre
caratteri dollaro “$$$” in modo da portare il
modulo WiFly in modalità di comando; esso
deve rispondere con la stringa CMD.
A questo punto, in serial monitor, passate dalla modalità no line ending alla modalità carriage
return, in quanto i prossimi comandi devono
terminare con un fine linea. Inviate il comando
“ver” ed otterrete come risposta la versione
Fig 4 - Modalità di accesso al WiFly con comandi.
Fig 5 - Richiesta versione firmware.
del firmware del modulo; avrete, così, la certezza che tutto funziona correttamente.
La segnalazione dei tre LED dello shield vi
permetterà di capire rapidamente lo stato di
funzionamento; la Tabella 1 riepiloga le varie
condizioni segnalate.
Per proseguire sarà ora necessario disporre
di una rete alla quale associarsi; nel nostro
caso abbiamo utilizzato un router Wi-Fi
della Dlink, al quale è connesso il PC con
cui programmiamo Arduino. La piccola rete
domestica è così configurata: indirizzo IP del
PC = 192.168.0.199, indirizzo IP del router
192.168.0.1.
Elettronica In ~ Luglio / Agosto 2011
153
condizione
PIO6 LED rosso
PIO5 LED giallo
Luce fissa
Lampeggio veloce
Non associato
TX-RX attività
Lampeggio lento
Spendo
Nessun indirizzo IP
Indirizzo IP OK
associato
Per le prime prove configuriamo il router per
una rete aperta senza password. A questo
punto inviamo il comando “scan” che rileva le
reti Wi-Fi in prossimità: dovremmo rilevare la
nostra rete domestica.
Per associarsi alla rete è sufficiente inviare
il comando “join dlink”; il canale di comunicazione ed il tipo di crittografia saranno
impostati in automatico. Assicuratevi che sia
presente la scritta DHCP=ON, ad indicare che
l’assegnazione degli indirizzi IP alle periferiche della rete sarà svolta in automatico dal
router, mentre la scritta IP=192.168.0.100:80 vi
indicherà l’indirizzo IP assegnato alla WiFly.
Complimenti, Arduino fa parte della vostra
rete domestica!
Potete usare i comandi “show net” e “show
connection” per conoscere le impostazioni
della rete.
Adesso siete pronti per avviare lo sketch
denominato WiFly_autoconnect_terminal, che
provvederà all’associazione automatica alla
vostra rete; le uniche impostazioni da fare
riguardano il file credential.h, nel quale dovrete specificare il nome della vostra rete (char
ssid[] = “dlink”). Sullo sketch principale dovete
indicare che la vostra rete non ha alcuna
password di protezione (!WiFly.join(ssid)). Caricate lo sketch, lasciategli qualche secondo e
se tutto è a posto, su serial monitor comparirà
la scritta “associated!”.
Provate ora a configurare il vostro router per
l’accesso alla rete con credenziali, come ad
Fig 6 - Impostazioni del router.
154
PIO4 LED verde
Connesso con TCP
Luglio / Agosto 2011 ~ Elettronica In
esempio una protezione di tipo WEP, WPA1 o
WPA2; in questo caso specificate sia l’ssid che
la passphrase. Con il nostro router Dlink, come
anche segnalato nei forum, in reti protette da
password abbiamo riscontrato alcuni problemi. Potete provare ad usare lo sketch, preparato da noi, denominato wifly_01.pde, che permette l’associazione automatica ad una rete
con la procedura a linea di comando passopasso, molto valida per una diagnostica.
Il passo successivo è l’avvio dello sketch
wifly_webserver, che semplicemente permette
di visualizzare tramite un qualsiasi browser il
Fig 7 - Rilevamento reti.
Fig 8 - Associazione alla rete domestica.
Corso Arduino
Tabella 1
Corso Arduino
Fig 9 - Sketch wifly_01.pde
su Serial Monitor.
Fig 10 - Visualizzazione
tramite browser relativa
allo sketch wifly_01.pde.
valore degli ingressi analogici di Arduino. Per
maggiori dettagli sulle funzionalità di questo
e degli altri sketch di esempio, si consiglia di
leggere l’articolo del corso su Arduino riguardante l’Ethernet shield. Anche in questo caso
abbiamo scritto un nostro sketch, che permette la gestione tramite browser di un LED,
connesso all’uscita 2 di Arduino.
Un ulteriore sketch denominato wifly_04.pde
permette di interagire con una pagina web
contenente un menu a tendina, il cui valore
selezionato sarà inviato ad Arduino.
Ulteriori esempi sono forniti assieme alla
libreria e riguardano le applicazioni di Web_
Client già descritte in occasione dell puntata
del corso dedicata all’Ethernet Shield.
L’utilizzo della WiFly non si limita certamente
a quanto qui descritto, ma esistono altri impieghi di un certo interesse; uno di questi è la
gestione di una scheda Arduino tramite un te-
Fig 12 - Sketch wifly_02.pde
su serial monitor.
Fig 11 - Visualizzazione tramite
browser relativa allo sketch
wifly_02.pde.
lefono cellulare.
Dedicheremo a
ciò le prossime
pagine di questa puntata del
corso. In pratica
intendiamo gestire ingressi e
uscite di Arduino tramite un iPhone, senza però passare da
un PC oppure da un router sempre accesi per
avere la connessione in rete Wi-Fi. Il nostro
approccio, questa volta è diverso: vogliamo
che sia la nostra WiFly a creare una rete di
tipo ad-hoc tra essa e una periferica esterna,
che nel nostro caso è un iPhone, aprendo un
canale di comunicazione nello standard UDP.
Per prima cosa è necessario configurare il modulo RN-131G in modo da renderlo capace di
creare una rete ad-hoc tra due dispositivi.
Fig 13 - Visualizzazione tramite
browser relativa allo sketch
wifly_04.pde.
Fig 14 - Sketch wifly_04.pde
su serial monitor.
Elettronica In ~ Luglio / Agosto 2011
155
Per fare questo, è necessario utilizzare lo
sketch SPIUartTerminal, come già descritto
precedentemente, ed inviare la seguente configurazione che andiamo a descrivere passopasso:
- Set wlan ssid ARDUINO; imposta il nome
della rete visibile dal dispositivo che vorrà
connettersi;
- Set wlan join 4; imposta il tipo di rete in
modalità ad-hoc;
- Set wlan chan 1; imposta il numero di canale
utilizzato per la comunicazione Wi-Fi;
- Set ip adress 169.254.1.1; imposta l’indirizzo
IP del WiFly nella rete (local);
- Set ip netmask 255.255.0.0; imposta la maschera di sottorete;
Fig 16 - Configurazione indirizzi IP rete adhoc.
156
Luglio / Agosto 2011 ~ Elettronica In
Fig 17 - Rilevamento rete da parte di iPhone.
- Set ip dhcp 0; disabilita il DHCP;
- Set ip protocol 1; imposta il protocollo di
comunicazione su UDP;
- Set ip host 169.254.1.100; imposta l’indirizzo
del dispositivo esterno (host);
- Set ip remote 9000; imposta il numero di
porta utilizzato dal dispositivo esterno per
ricevere i messaggi inviati da WiFly;
- Set ip local 8000; imposta il numero di porta
utilizzato da WiFly per ricevere i messaggi
dal dispositivo esterno;
- Save; salva i valori in memoria permanente;
- Reboot; riavvia il sistema e rende operativi i
nuovi parametri;
È possibile, a questo punto, interrogare il
Fig 18 - Impostazione manuale della rete di iPhone.
Corso Arduino
Fig 15 - Configurazione rete adhoc.
Corso Arduino
Fig 19 - Associazione tra WiFly e IPhone.
WiFly shield, con i comandi get ip e show net,
per verificare l’effettiva funzionalità dei nuovi
parametri (figure 15 e 16).
A questo punto dovete intervenire sull’iPhone per impostare i parametri della nuova
rete; accedete alla sezione Wi-Fi del menu
impostazioni e in esso impostate la modalità
Wi-Fi su ON ed attendete che l’iPhone rilevi
la presenza della nuova rete, identificandola
con il nome ARDUINO, da noi stessi assegnato nella programmazione del WiFly.
Assegnate manualmente l’indirizzo IP statico a 169.254.1.100 e la maschera di sottorete
al valore 255.255.0.0; i campi DHCP e Router
vanno lasciati vuoti. Cliccate sulla connessione per ottenere l’associazione alla nuova rete;
un segno di spunta apparirà di fianco al nome
della rete.
Fig 20 - Utilizzo di touch editor.
Fig 21 - Schermata
dell’applicazione per iPhone.
Fig 22 - Impostazioni
per TouchOSC.
A questo punto dobbiamo occuparci dell’applicazione da far girare su iPhone per poter
inviare messaggi tramite la nuova rete creata.
Il modo più semplice prevede di utilizzare il
protocollo UDP per il trasporto dei dati codificati secondo standard OSC. In APP Store sono
disponibili diverse applicazioni più o meno
sofisticate che permettono di inviare questo
tipo di messaggi, come ad esempio TouchOSC,
IOSC, OSCEmote, MRMR_OSC_controller.
Per il nostro scopo abbiamo preferito l’applicazione TouchOSC che, anche se più costosa,
dispone di un ottimo supporto on-line; inoltre
è facilmente personalizzabile tramite l’apposito editor (touchosc-editor) di immediato e facile
Fig 23 - Ricezione messaggi OSC da iPhone.
Elettronica In ~ Luglio / Agosto 2011
157
utilizzo tramite PC. Il sito di riferimento è
www.hexler.net.
Tramite l’editor di Touchosc realizzate una
schermata con un LED, un pulsante ed un
fader; i nomi predefiniti corrispondono agli
indirizzi cui dovremo fare riferimento per
sviluppare l’applicazione per Arduino:
- per il LED “/1/LED1”;
- per il pulsante “/1/toggle1”;
- per il fader “/1/fader1”.
Caricate sull’iPhone questa nuova schermata
seguendo le indicazioni riportare sul sito di
riferimento.
Impostate su Touch OSC i parametri di funzionamento come segue: Host=169.254.1.1,
Port (outgoing)=8000, Port(incoming)=9000,
Local IP address viene assegnato in automatico. Ora siete pronti per far funzionare il tutto.
Arduino è operativo con lo sketch SPIUartTerminal, WiFly è associata con l’iPhone e TouchOSC è avviato e configurato.
Avviate Serial Monitor di Arduino per vedere
i messaggi inviati dall’iPhone e in arrivo sulla
WiFly. Provate a cliccare sul pulsante (toggle1)
per inviare un primo messaggio; su Serial
Monitor vedrete comparire una stringa contenente l’indirizzo dell’elemento che lo ha generato ed il corrispondente valore numerico.
Come potete vedere, il protocollo OSC,
almeno nella sua forma elementare, è molto
semplice; purtroppo non esiste ancora una apposita libreria che sia in grado di lavorare con
messaggi OSC provenienti dal WiFly shield.
Fortunatamente il protocollo OSC è ben do-
158
Luglio / Agosto 2011 ~ Elettronica In
cumentato ed il sito di riferimento http://opensoundcontrol.org ci permette di comprendere al
meglio questo sistema di comunicazione, nato
principalmente per far comunicare tra loro
dispositivi multimediali e strumenti musicali
digitali.
Il messaggio OSC, spedito dall’applicazione
touch-OSC, è composto da tre campi, il primo
dei quali contiene l’indirizzo dell’elemento
coinvolto nell’invio del messaggio (pulsante,
fader, ecc…). Un secondo campo contiene
indicazioni su quali saranno gli argomenti
numerici successivi (integer, float, string),
mentre il terzo campo contiene il dato, che nel
nostro caso è un solo valore numerico di tipo
float che riporta lo stato del pulsante (0.0=OFF
1.0=ON) oppure il valore del fader (0.0=cursore in basso 1.0=cursore in alto).
Nel protocollo OSC il messaggio deve essere
composto da gruppi di 4 byte, pertanto potrebbe contenere anche dei caratteri NULL che
devono essere opportunamente separati dai
campi di importanza.
Ad esempio, premendo il pulsante toggle1 il
messaggio inviato sarà:
2f (/)
31 (1)
2f (/) 74 (t)
6f (o)
67 (g)
67 (g) 6c (l)
65 (e)
0 ()
0 ()
0 ()
2c (,)
66 (f)
0 ()
0 ()
0 ()
3f (?)
0 ()
0 ()
La prima stringa ricevuta “/1/toggle1” indica che è stato premuto il pulsante, segue il
campo relativo all’argomento “,f” ad indicare
che segue un unico dato di tipo float a 32 bit. I
seguenti caratteri essendo appunto un valore float a 32 bit non sono identificabili come
caratteri ma vanno invece analizzati come un
insieme di bit.
Il passo successivo consiste nel creare uno
sketch che estrapoli, dal messaggio OSC,
l’indirizzo ed il valore numerico; lo sketch si
chiama wiflyosc_01 ed è disponibile assieme ai
file di questo articolo.
Nello sketch contenuto nel Listato 1, viene
usata la libreria wifly.h solo per la gestione
della comunicazione con la WiFly; il resto del
listato riguarda l’elaborazione dei caratteri
provenienti dalla comunicazione SPI.
Il loop principale provvede alla ricezione
dei caratteri in arrivo per poi richiamare la
funzione oscRXHandler che ha il compito
Corso Arduino
Fig 24 - Risultati dello sketch wiflyosc_01.
Corso Arduino
Listato 1
void loop() {
byte incomingByte;
// Aspetto la ricezione dei dati dalla wifly:
while (SpiSerial.available() > 0) {
incomingByte = SpiSerial.read() & 0xFF; // leggo un byte
oscRxHandler(incomingByte); // Elaborazione del carattere
}
}
di interpretarli. Alla funzione oscRXHandler
è associata una variabile di stato OSC_RXOP, la
quale tiene traccia dello stato di ricezione, a
seconda che stia arrivando l’indirizzo, il tipo
di dato oppure il valore, contenuti nel messaggio OSC.
L’arrivo del quarto byte del dato identifica la
fine del messaggio OSC e le variabili oscRxData
e oscRxFloatArg contengono, rispettivamente, il
valore numerico del dato ed il suo indirizzo.
Adesso completiamo lo sketch aggiungendo
la possibilità di attivare un LED, connesso
all’uscita 2 di Arduino, tramite il pulsante
toggle1 di TouchOSC. Aggiungiamo anche
la possibilità di attivare da Arduino il Led1
di TouchOSC e sempre da Arduino andare a
modifica la scritta su Label1.
Lo sketch si chiama wiflyosc_02 e attraverso Serial monitor potete inviare i seguenti
comandi:
- carattere ‘a’ =attiva LED1 su touchOSC;
- carattere ‘b’ = spegne LED1 su touchOSC;
- carattere ‘s’ = scrive su Label1 di touchOSC
la scritta “ciao”;
- carattere ‘d’ = scrive su Label1 di touchOSC
la scritta “mondo”.
In questo sketch sono presenti le procedure
e oscSendString che provvedono
all’invio di messaggi OSC verso iPhone.
oscSendFloat
Ad esempio, per accendere il led1 su touchOSC è sufficiente scrivere:
oscSendFloat (“/1/led1”, 1.0)
mentre la riga di codice oscSendString (“/1/label1”, “ciao”) consente di modificare la scritta
attuale su label1 di touchOSC con la scritta
“ciao”.
Per la ricezione dei messaggi è stata predisposta la procedura oscReceiveFloat(char * msg,
float value) che viene richiamata ogni qualvolta
arriva un messaggio da touchOSC.
Nel nostro caso è utilizzata per attivare, tramite il pulsante toggle1 di touchOSC, il LED
collegato al contatto 2 di Arduino (Listato 2).
Facilmente, potrete adattare questi sketch per
altri generi di applicazione. Ad esempio, oltre
al controllo in remoto di svariati tipi di robot,
l’interesse potrebbe spostarsi sulla domotica,
in quanto la WiFly è configurata per associarsi
ad un iPhone con un specifico indirizzo IP
non appena si trova nel suo raggio d’azione.
Immaginate di essere appena rincasati dal
lavoro e di trovarvi, col vostro cellulare, a portata di WiFly: subito il vostro iPhone diventa
automaticamente il controller di casa vostra,
permettendovi dall’apertura del cancello alla
gestione delle tende da sole, fino al comando
dell’impianto di riscaldamento. Il tutto nelle

vostre mani.
Listato 2
void oscReceiveFloat(char * msg, float value)
{
char adress1[] = “/1/toggle1”;
if(strncmp(msg,adress1,strlen(adress1))==0) {
if (value==1.0) {
Serial.println(“P1=ON”);
digitalWrite(2, HIGH);
// accende LED
}
if (value==0.0) {
Serial.println(“P1=OFF”);
digitalWrite(2, LOW);
// spegne LED
}
}
return;
}
Elettronica In ~ Luglio / Agosto 2011
159
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement