MANUALE UTENTE

MANUALE UTENTE
MANUALE UTENTE
PER I BASSI FENDER®
Si necesita acceder a los manuales de instrucciones de las guitarras bajos en Español, visite
nuestra página web http://www.fender.com/support
Lingue
Vous trouverez le mode d’emploi des guitares basses Fender® en français sur le site
Internet http://www.fender.com/support
Il manuale d’uso dei bassi Fender® in Italiano è disponibile nel nostro sito web http://www.
fender.com/support
Das Fender Bedienungshandbuch für Bässe in Deutsch, finden Sie auf unserer Website http://
www.fender.com/support
Se desejar ler o manual do proprietário Fender® para baixos em português, por favor, visite
nosso website em http://www.fender.com/support
日本語のベースギター用 Fender オーナーズ・マニュアルは、弊社のウェブサイト
http://www.fender.com/support をご参照ください。
1
Benvenuto nella
Famiglia Fender®
Congratulazioni, sei appena entrato in possesso
di un pezzo di storia prodotto da Fender Musical
Instruments: l’azienda che ha messo al mondo il basso
elettrico solid body.
Che tu sia un neofita o un bassista esperto che suona
già da diversi anni, questo manuale saprà fornirti tutte le
informazioni necessarie a svelare i segreti dell’accordatura,
del cambio di corde, della messa a punto, delle regolazioni,
dell’intonazione, e della manutenzione del tuo basso.
È facile! E una volta imparato a prenderti cura del tuo
strumento nel modo giusto, vedrai che anche questo saprà
prendersi grande cura di te, divenendo un meraviglioso
veicolo di divertimento, creatività e auto-espressione
musicale, per tanti anni a venire.
Con questo pensiero in mente, ci auguriamo che tu
possa passare qualche momento nella lettura di
questo intero manuale. Non te ne pentirai!
2
Storia
Dagli inizi...
Fender---il solo nostro nome è già sinonimo di tutto ciò che concerne il basso. Prima che Clarence
“Leo” Fender con la sua piccola compagnia nel sud della California concepisse e iniziasse a
produrre il Precision Bass® e l’amplificatore Bassman® agli inizi degli anni ‘50, il basso elettrico
e gli amplificatori per basso semplicemente non esistevano.
Per tutti gli anni ‘30 e ‘40, il contrabbasso, che costituiva lo strumento standard nella musica popolare
dell’epoca, poteva essere a malapena percepito sotto il volume e il fragore delle band popolari e delle
orchestre di allora. Nel 1951, Fender cambiò definitivamente questa situazione creando il modello
Precision Bass®, una basso elettrico dall’intonazione “precisa” che, quando amplificato, poteva
essere udito e percepito sul palco e in ogni angolo delle sale da ballo di quel periodo.
.
3
Storia
Nel 1960, Fender creò un altro strumento rivoluzionario: il Jazz Bass®. Con la
sua sagoma disallineata, i due pickup e il manico stretto, il Jazz Bass forniva
versatilità sonora e velocità esecutiva, divenendo in breve tempo lo
standard di paragone al quale, da quel momento in poi, ogni altro basso
elettrico si sarebbe dovuto misurare.
I modelli Fender sono divenuti i bassi più registrati sul pianeta e
continuano tutt’oggi a dominare i cataloghi di musica popolare; tutto
questo grazie ad un suono ed una “voce” dal carattere unico, che ha
contribuito a definire e a plasmare gli stili e i generi di musica elettrica
che tutti noi amiamo ascoltare.
Fender continua a rimanere all’avanguardia nello sviluppo della chitarra
basso ed offre una fenomenale selezione di strumenti e di amplificatori
di prima classe, rivolti a chiunque: dal musicista alle prime armi ai
professionisti dei palchi e degli studi di registrazione.
Da James Jamerson a Geddy Lee, da Jaco Pastorius a Marcus Miller, il basso Fender ha costituito lo strumento scelto dai maestri e
dagli innovatori. Adesso hai anche tu l’occasione di entrare nella leggenda.
Quindi... ora che possiedi il tuo nuovo basso, è giunto il momento di
indossarlo, collegarlo e cominciare a fare “la Storia”: Make History™
con Fender!
4
Storia
1951
Nascono il
1946
Precision Bass®
Fender viene
e
fondata da
l’amplificatore
Clarence Leonidas
Bassman® 1954
“Leo” Fender
Presentato
il modello
Stratocaster®
1950
Nascono la
Telecaster®
e
la Esquire®
5
1960
Nasce il
Jazz Bass®
1958
Nasce la
chitarra Jazzmaster®
1952
Nasce il
Twin Amp®
1965
CBS
acquisisce
Fender
Cronologia
2000+
Continua l’innovazione Fender,
proiettata nel futuro
Metà anni ‘80
Inizio dell’era
moderna Fender
1962
Nasce
la chitarra Jaguar®
6
Anatomia
Anatomia
Che tu conosca o meno i nomi di tutte le parti dello strumento, i diagrammi
anatomici fanno sempre un certo effetto. Ecco l’anatomia di base di un basso:
7
corpo
polo del
pickup
pickup
pirolo reggicinghia
selletta
del ponte
manico
ponte
cinghia
pirolo
vite di regolazione intonazione
connettore
d’uscita
(jack)
manopole per il
controllo di tono/
volume
corda
battipenna
regolazione del
truss rod
(in base al
modello)
intarsio
segnatasto
tasto
regolazione del
truss rod
(in base al
modello)
chiavette per
accordare
(meccaniche)
tastiera
Anatomia
meccaniche
(perno)
capotasto
12° tasto
(ottava) intarsio
segnatasto
tendi corde
paletta
8
9
Specifiche
Controlli e
Visita la sezione “Support” del sito www.fender.com per accedere
ai diagrammi di cablaggio, ai diagrammi dei selettori/controlli delle
funzionalità e alla lista delle componenti per il tuo modello specifico:
cliccando sul link “Wiring Diagrams/Parts Lists” otterrai informazioni su
numerosi strumenti Fender.
Sei comunque libero di contattarci direttamente, per ottenere le
informazioni tramite posta, e-mail o telefono:
Attn: Consumer Relations
Fender Musical Instruments Corp.
8860 East Chaparral Road, Suite 100
Scottsdale, Ariz. 85250-2610
480.596.7195
[email protected]
10
Info
Caratteristiche
Per informazioni più dettagliate riguardanti le caratteristiche e le
specifiche del tuo particolare modello di basso, visita la sezione
“Products” del sito web www.fender.com, in cui ogni singolo modello di
basso elencato dispone di un link “Specs” che fornisce la relativa lista di
specifiche, facile da consultare.
Info
COMPRENDERE GLI EFFETTI DELLA TEMPERATURA E DELL’UMIDITÀ…
Il tuo basso è stato costruito usando i migliori materiali e i più avanzati processi produttivi. Come parte della fase di
assemblaggio finale, lo strumento è stato regolato manualmente e messo a punto seguendo le specifiche Fender®, le quali
restituiscono la migliore azione esecutiva. Tuttavia, come per tutti gli strumenti realizzati in legno, il basso può essere sensibile
alle fluttuazioni dei livelli di temperatura e umidità.
Quando l’aria è umida, l’umidità viene assorbita dai legni del basso, evaporando quando il livello di umidità scende. Inoltre, il
legno può espandersi o contrarsi a causa dei cambiamenti di temperatura. Si tratta di movimenti naturali pressoché irrilevanti
ma, anche se impercettibili ad occhio nudo, possono influire in modo radicale sull’assetto e la suonabilità dello strumento.
Ad esempio, in una giornata molto calda, quando uno strumento già accordato viene trasferito dall’abitacolo di un’automobile
all’interno di un ambiente in cui è attivo un sistema di condizionamento dell’aria, e quindi viene subito estratto dalla sua custodia
rigida, i legni si raffredderanno e restringeranno abbastanza velocemente. Questa contrazione diminuisce la tensione delle
corde causando un notevole calo dell’intonazione.
Questi stessi aspetti entrano in gioco anche quando lo strumento lascia i nostri stabilimenti o quando dal Rivenditore passa
nelle tue mani. Nel momento in cui si riceve il basso, la sua azione esecutiva e il suo assetto dipenderanno da diversi fattori,
come:
• La quantità di tempo che intercorre tra l’assemblaggio finale e il momento in cui lo strumento viene consegnato da Fender.
•
•
•
•
•
•
11
La quantità di tempo impiegata dallo strumento nel trasporto dagli stabilimenti Fender alla destinazione finale.
Il metodo usato per la consegna dello strumento - ad esempio via terra, via aerea, ecc.
Le condizioni climatiche a cui lo strumento è stato esposto durante la consegna.
Le condizioni climatiche presenti nel luogo di destinazione.
La quantità di tempo che lo strumento trascorre nel magazzino del Rivenditore Fender prima dell’acquisto.
L’eventuale preparazione e regolazioni eseguite sullo strumento dal Rivenditore Fender prima dell’acquisto.
NON ALLARMARTI SE, NEL MOMENTO IN CUI RICEVI LO
STRUMENTO PER LA PRIMA VOLTA, TROVI CHE LA SUA
AZIONE NON RISULTI PIÙ ESSERE IMPOSTATA SECONDO LE
SPECIFICHE DI FABBRICA. È NATURALE CHE L’ASSETTO CAMBI
NEL TEMPO NEL CASO IN CUI LO STRUMENTO SIA STATO
ESPOSTO AI FATTORI DESCRITTI NELLA PRECEDENTE PAGINA.
In caso di dubbi riguardo le tue capacità nell’effettuare personalmente
queste operazioni in modo corretto, sei libero di portare il tuo basso
presso un Centro Assistenza Autorizzato Fender.
Nota: al momento dell’acquisto, la messa a punto e le regolazioni
standard dello strumento e delle sue componenti sono da considerarsi
come la normale preparazione del prodotto da parte del Rivenditore
e non sono coperte dalla garanzia Fender. Al ricevimento e
all’accettazione dello strumento, il cliente si assume ogni responsabilità
riguardante la messa a punto, le regolazioni e la manutenzione.
12
Info
Gli strumenti elettronici Fender dispongono di numerosi punti di
regolazione che consentono di compensare le eventuali variazioni
nelle condizioni dell’azione esecutiva, che potrebbero essere sorte
tra l’assemblaggio finale e il momento in cui lo strumento è entrato
in tuo possesso. Se trovi che l’azione delle corde risulta troppo alta
o bassa per i tuoi gusti o per il tuo stile esecutivo, ti preghiamo di
consultare questo manuale per ottenere le informazioni riguardanti la
messa a punto, le regolazioni e la manutenzione, che consentiranno
di ristabilire lo strumento nelle condizioni ottimali.
Messa a punto per un ottimo basso
Anche se è possibile mettere a punto il basso usando solo pochi strumenti di base e un occhio attento,
l’operazione risulta di gran lunga più semplice con gli strumenti giusti. Per i migliori risultati nel cambio di
corde, nella messa a punto e nelle regolazioni, consigliamo l’uso degli strumenti elencati di seguito.
Setup
• Accordatore elettronico
• Pinza tagliafili
• Capotasto
• Spessimetro a lamine (0,05 mm - 0,6 mm)
• Un righello da 15 cm
• Un ampio cacciavite a croce (bassi Vintage Series), oppure la chiave esagonale per il truss rod fornita in
dotazione con lo strumento (bassi moderni)
• Un piccolo cacciavite a testa piatta (bassi Vintage Series), oppure la chiave esagonale per la
regolazione delle sellette fornita in dotazione con lo strumento (bassi moderni)
ACCORDATURA
Se non possiedi un accordatore elettronico, forse dovresti pensare di acquistarne uno, in quanto semplifica
molte delle seguenti procedure. Se già ne possiedi uno, collegalo e imposta al massimo il controllo di volume
del basso. Pizzica una corda vuota oppure l’armonico al 12° tasto,* per fornire all’accordatore il tono più
chiaro e preciso. (*L’armonico è un suono “campanelloso” che si genera toccando leggermente con la punta
delle dita l’esatto punto intermedio della corda al dodicesimo tasto e pizzicando la corda con l’altra mano.)
Nota: premendo la corda troppo forte, questa verrà frenata soffocando il suono. Ad ogni modo, con un
minimo di pratica svilupperai la leggerezza di tocco necessaria per far risuonare gli armonici.
13
Basso a 4 corde: accorda le corde vuote su Mi (E), La (A), Re (D), Sol (G)
E
A
D
G
Basso a 5 corde: accorda le corde vuote su Si (B), Mi (E), La (A), Re (D), Sol (G)
B
E
A
D
G
Setup
Basso a 6 corde: accorda le corde vuote su Si (B), Mi (E), La (A), Re (D), Sol (G), Do (C)
B
E
A
D
G
C
14
Setup
Cambiare le corde
L’uso di un nuovo set di corde può soffiare nuova vita nel tuo basso, ed un’operazione semplice come l’avvolgere le corde nelle chiavette
delle meccaniche durante il cambio di corde determinerà la stabilità dell’accordatura e la tensione delle corde. È anche una buona idea tirare
leggermente le corde durante l’accordatura per assicurarsi che ciascuna risulti ben avvolta e alloggiata nella meccanica. In questo modo ti
risparmierai eventuali frustrazioni riguardanti l’intonazione durante l’uso. Afferra semplicemente le corde nella parte centrale e tirale leggermente
in alto e in basso per rimuovere qualsiasi allentamento, quindi accorda nuovamente. (Per reperire
nuovi set di corde per basso Fender® contatta il tuo rivenditore Fender.)
Comincia tirando ciascuna corda attraverso il ponte, sul capotasto e dopo la meccanica
corrispondente, con una lunghezza extra sufficiente ad avvolgerla di almeno tre volte nella meccanica.
Contrassegna questo punto sulla corda. Con una pinza tagliafili, piega la corda con un angolo di oltre
45° a circa 25 mm prima del segno, quindi taglia la porzione di corda che eccede il segno (Figura A).
Ora, posiziona l’estremità della corda infilandola fino
in fondo nel foro centrale della meccanica e piega la
corda attorno alla fessura. Avvolgi la chiavetta della
meccanica per stringere e intonare la corda tenendo
l’estremità allentata con l’altra mano (Figura B).
Assicurati che la corda non si
sovrapponga su se stessa e
che si avvolga da cima a fondo
sul perno della meccanica,
per essere certi che alloggi
correttamente sul capotasto,
presentando un’angolazione il
più possibile acuta (Figura C).
15
Figura B
Figura A
Figura C
Sostituire le batterie
Fender produce modelli di bassi con elettronica passiva (priva di batterie) o con
una sezione preamp attiva (alimentata da batteria). Alcuni bassi dispongono di
un selettore attivo/passivo, per alternare le due modalità. In base al modello, il
tuo basso potrebbe disporre di un sistema a 9 volt (una batteria) o a 18 volt (due
batterie). Visita il sito Fender per le specifiche dettagliate relative al tuo strumento.
Al calo di potenza delle batterie corrisponderà il calo di voltaggio fornito al
preamp, risultando in un segnale distorto e rumoroso. La presenza di rumore
e distorsione nel segnale è segno che le batterie devono essere sostituite
per continuare ad usare lo strumento in modo corretto. Nota: con le batterie
esaurite, i bassi attivi che non dispongono di selettore “attivo/passivo” non
produrranno alcun segnale in modo passivo.
Per i bassi con preamp da 18 volt e 2 batterie, sostituisci sempre entrambe
le batterie allo stesso tempo, in quanto voltaggi non corrispondenti possono
influire negativamente sulle prestazioni del preamp. È consigliabile fare uso
sempre di batterie della stessa marca, per prolungare la vita dello strumento.
Il tempo meteorologico (temperatura e umidità), può avere un
impatto radicale sul modo in cui il basso si comporta. Tutti gli
strumenti in legno si espandono e si contraggono a seguito delle
fluttuazioni stagionali di temperatura e umidità e, naturalmente,
l’altezza delle corde e l’azione ne sono influenzate. In base al
clima dell’area in cui ci si trova, il basso può richiedere di essere
regolato almeno un paio di volte all’anno.
I bassi Fender® dispongono di diversi punti di regolazione utili a
compensare gli effetti negativi di tali variazioni ambientali; ancor
più importante, queste caratteristiche consentono di personalizzare
l’azione del basso in base allo stile esecutivo personale.
Nota: le seguenti specifiche di fabbrica sono valori medi
forniti esclusivamente come guida. Non sono da intendersi
come regole imprescindibili. Se preferisci l’azione delle corde
un po’ più alta o bassa puoi regolarla come vuoi, ma ricorda
che un’impostazione più alta risulterà in un’esecuzione più
difficoltosa, mentre un’impostazione più bassa potrebbe portare
a un’eccessiva vibrazione sui tasti, a seconda della tua tecnica e
del tuo modo di suonare.
16
Setup
La durata tipica delle batterie per entrambi i sistemi è di circa 600 ore di
operatività continua. Tutti i bassi Fender con preamp attivo sono equipaggiati
con connessioni switching che attivano la batteria quando un cavo viene
collegato. Nota: per massimizzare la durata delle batterie, disconnetti il cavo
dal basso quando questo non viene utilizzato.
Semplicità di regolazioni e messa a punto
Le seguenti procedure di regolazione si intendono per il basso Fender con corde fornite dalla
fabbrica come configurazione standard. Se intendi utilizzare corde di spessore diverso, considera
che le regolazioni suggerite dovranno cambiare in relazione alla dimensione delle corde. Entro
certi parametri, puoi effettuare modifiche alle specifiche per venire incontro al tuo modo di suonare
o per impieghi particolari (ad esempio quanto forte pizzichi, tocchi, tiri e premi le corde, se fai slap
ecc.)
Regolazione del truss rod
Setup
La tensione delle corde esercita sul
manico del basso una straordinaria
forza di flessione; la barra di torsione
in acciaio (o truss rod) presente
nel manico esercita una tensione
opposta a quella delle corde. Se
Figura D
queste due forze opposte non
sono in armonia, il risultato sarà
uno strumento dalla suonabilità
mediocre. Nota: un truss rod troppo
allentato restituisce un manico
concavo e un’azione elevata, per
Figura E
cui richiederà uno sforzo maggiore
nell’esecuzione strumentale (Figura D). Un truss rod troppo stretto e teso restituirà un manico
convesso, traducendosi in un’azione troppo bassa e corde rumorose (Figura E)
La regolazione ideale del manico prevede una moderata quantità di rilievo (curvatura) per
consentire la vibrazione delle corde in tutta la sua ampiezza. Le specifiche di fabbrica per il corretto
rilievo del manico nei bassi Fender® prevedono una distanza tra la parte inferiore della corda e la
superficie superiore del tasto (al 7° tasto) compresa tra 0,3 mm e 0,35 mm.
Per determinare se il truss rod del basso necessiti di essere regolato, occorre innanzi tutto
misurare l’attuale rilievo presente nel manico. Prima di cominciare, assicurati che il basso sia
accordato all’intonazione appropriata, così da facilitare una misura accurata. Quindi, installa un
17
capotasto al 1° tasto (a ridosso della paletta). Se stai regolando un basso
a 4 corde, con una mano premi la corda “Mi (E)” sull’ultimo tasto (se stai
regolando un basso a 5 o 6 corde, premi la corda “Si (B)”, sempre sull’ultimo
tasto). Con lo spessimetro nell’altra mano, controlla il distacco presente
tra la parte inferiore della corda e la superficie superiore del 7° tasto e
annota la misura (Figura F). Il distacco dovrebbe essere compreso tra 0,3
mm e 0,35 mm. Se non disponi di uno spessimetro, non rinunciare; puoi
approssimare il distacco corretto sovrapponendo un foglio di carta sopra a un
normale biglietto da visita.
Se trovi che il truss rod necessiti di essere regolato, allenta le corde per
alleggerire la tensione del manico durante le regolazioni, ma ricorda di
reintonare le corde prima di rieffettuare la misurazione. Per regolare il truss rod,
usa un grande cacciavite a croce o piatto (maggior parte dei bassi stile vintage),
Figura F
Setup
o la chiave esagonale fornita in dotazione (modelli moderni).
Nota: per i bassi vintage con la regolazione del truss rod situata
alla base del manico, occorre rimuovere le corde e allentare le viti
di montaggio del manico e/o rimuovere il battipenna, in modo da
accedere al dado per la regolazione del truss rod.
Se il manico è troppo concavo (Figura D), ruota il dado del truss rod
in senso orario (Figura G). Se il manico è troppo convesso (Figura
E), ruota il dado del truss rod in senso anti-orario (Figura H). Verifica
l’accordatura, quindi controlla nuovamente il distacco usando lo
spessimetro. Nota: regola il truss rod apportando piccoli incrementi
di solo 1/4 di giro alla volta e consenti al legno di stabilizzarsi prima
di misurare e regolare di nuovo.
Figura G
Figura H
Se il manico necessita di continue regolazioni, se incontri una
resistenza eccessiva, oppure se semplicemente non ti senti a tuo
agio nell’eseguire personalmente queste operazioni, porta il tuo
basso presso un Centro Assistenza Autorizzato Fender.
18
Regolazione dell’altezza delle corde (azione)
Setup
Le specifiche di fabbrica riguardanti l’altezza delle corde dei bassi Fender® prevede una misura di 2,4 mm su entrambi i lati del manico (alti e
bassi). Prima di cominciare, assicurati che il basso sia accordato all’intonazione appropriata, così da facilitare una misura accurata. Quindi, usando
un righello, misura la distanza tra la parte inferiore di ciascuna corda e la parte superiore del 17° tasto (Figura I). Regola le sellette del ponte
per impostare l’altezza conforme alle raccomandazioni di fabbrica, quindi accorda nuovamente lo strumento. Usa un piccolo cacciavite standard
per le sellette dei bassi vintage (Figura J), oppure, per i modelli moderni, la chiave esagonale fornita in dotazione (Figura K). Non aver timore di
sperimentare altezze diverse, così da individuare quella più giusta per i tuoi gusti e la tua tecnica strumentale. Se suoni usando un tocco leggero,
puoi adottare un’azione relativamente bassa, mentre se fai uso di una tecnica energica occorre un’azione più alta, onde evitare rumori e ronzii
causati dai tasti.
Figura I
Figura J
19
Figura K
Regolazioni Shimming e Micro-Tilt™
Lo “Shimming” è una procedura usata per regolare il tono, ovvero l’angolazione del manico in relazione al corpo, e può essere espletata sia
mediante l’uso di un cuneo, sia effettuando una regolazione Micro-Tilt. L’esigenza di regolare il tono può nascere quando l’altezza relativa delle
corde è alta, ma la regolazione dell’azione risulta già all’altezza minima consentita dalla regolazione dell’altezza delle corde. Lo Shimming o la
regolazione Micro-Tilt consentono di inclinare posteriormente il manico in relazione al piano del corpo, consentendo di aumentare l’estensione nella
regolazione dell’azione.
La regolazione Micro-Tilt è una caratteristica presente su alcuni bassi Fender®, e consente di eseguire la stessa funzione dello Shimming
avvitando una vite esagonale (presente nel pannello posteriore del corpo), la quale preme su una placca di pressione installata alla base del
manico. Il Micro-Tilt elimina la necessità di rimuovere il manico dal corpo per effettuare questa regolazione.
Figura L
Figura M
20
Setup
Per i modelli di basso dotati di regolazione Micro-Tilt e del pannello del manico a 3 viti, innanzi tutto occorre allentare di 1/2 giro le due viti superiori
di montaggio del manico. Quindi, allenta l’altra vite di montaggio del manico, posta vicino al foro di accesso per la regolazione, eseguendo almeno
4 giri (Figura L). Infine, occorre stringere l’apposita vite inserendo un cacciavite esagonale da 3 mm nel foro ed eseguendo approssimativamente
1/4 di giro (Figura M). Una volta terminata la regolazione, stringi nuovamente tutte le viti di montaggio del manico.
Per eseguire lo shimming del manico è necessario innanzi tutto rimuovere le corde. Quindi, occorre svitare le quattro viti che fissano il manico,
separandolo dal corpo (Figura N). Nota: Tutte le finiture restano piuttosto elastiche. Presta attenzione nel separare il manico dal corpo, dato che
ciò potrebbe causare dei danni alle finiture, nei casi in cui la finitura del manico avesse aderito a quella del corpo. I danni causati inavvertitamente
allo strumento in fase di messa a punto o regolazione sono di responsabilità dell’utente e non saranno coperti dalla garanzia Fender®.
Setup
Usa un cuneo che abbia le seguenti dimensioni approssimative; 6 mm di larghezza x 45 mm di lunghezza x 0,25 mm di spessore (lo spessore di
un biglietto da visita standard), collocandolo in fondo allo scasso del corpo (Figura O), quindi fissa nuovamente il manico. Posizionando il cuneo
nello scasso del corpo si abbasserà efficacemente l’azione delle corde, consentendo approssimativamente un margine di 0,8 mm di movimento
aggiuntivo per l’altezza della selletta. Nota: se pensi che il tuo strumento necessiti della regolazione di tono ma non ti sentissi a tuo agio con
questa procedura, portalo presso un Centro Assistenza Autorizzato Fender.
21
Figura N
Figura O
Regolazione dell’altezza del pickup
La corretta regolazione dell’altezza dei pickup assicura che il basso funzioni al meglio delle sue capacità. Al contrario, un’altezza non corretta
può costituire la fonte potenziale di un paio di problematiche. I pickup impostati troppo bassi causeranno una perdita del livello d’uscita, mentre,
se impostati troppo alti, eserciteranno un’eccessiva forza magnetica sulla corda, che può provocare il tipico “gorgheggio” delle note oppure false
letture di intonazione crescente in fase di accordatura dello strumento. I pickup del tuo nuovo basso sono regolabili in altezza, in modo da poterli
collocare in una posizione appropriata relativamente alle corde, per ottenere le prestazioni ottimali.
Per misurare l’altezza dei pickup, premi ciascuna delle corde esterne sull’ultimo tasto. Usando il righello, misura le distanze tra la parte inferiore
delle corde e la superficie superiore del polo corrispondente del pickup (Figura P). Per i pickup sprovvisti di poli, o per quelli con poli di tipo “flush
mounted”, misura dalla superficie del pickup stesso. Come punto di partenza, fai riferimento alla Tabella per la regolazione in altezza dei pickup.
Figura P
Figura Q
22
Setup
L’effettiva altezza con cui è possibile regolare il pickup può variare in base all’entità di forza magnetica del pickup stesso e al tipo di corde utilizzate.
Le corde con un maggior spessore di solito producono una più elevata ampiezza della vibrazione, che può richiedere una maggiore quantità di
spazio. Regola l’altezza del pickup usando un piccolo cacciavite a croce (Figura Q). Nota: regolando il pickup ad un’altezza maggiore, potrebbe
essere necessario dover tirare fisicamente il pickup sollevandolo nella posizione impostata, in quanto lo spaziatore in foam sottostante il pickup
solitamente si comprime col passare del tempo ed occorrerà sollevare manualmente il pickup per aiutarlo ad espandersi e riempire il vuoto.
Setup
Tabella per la regolazione in altezza dei pickup
Tipo pickup
Lato bassi
Lato alti
Vintage Style Precision Bass®
3,6 mm (8/64”)
2 mm (6/64”)
Vintage Style Jazz Bass®
3,6 mm (8/64”)
2 mm (6/64”)
Standard Jazz Bass
2,8 mm (7/64”)
2 mm (5/64”)
Standard Precision Bass
2,8 mm (7/64”)
2 mm (5/64”)
American Standard Jazz Bass
2,8 mm (7/64”)
2 mm (5/64”)
American Standard Precision Bass
2,8 mm (7/64”)
2 mm (5/64”)
Vintage Noiseless™ Jazz Bass
3,6 mm (8/64”)
2 mm (6/64”)
N3 Noiseless Jazz Bass
3,6 mm (8/64”)
2 mm (6/64”)
Special Design Humbucking
2,8 mm (7/64”)
2 mm (5/64”)
23
Regolazione dell’intonazione
Nota: regola l’intonazione solo dopo aver completato tutti i passaggi della sezione “Setup”,
nelle pagine precedenti. Per intonare il basso si procederà accorciando o allungando
la lunghezza della vibrazione di ciascuna corda, così da farla risultare intonata con se
stessa – in relazione alla lunghezza di scala dello strumento. L’intonazione può subire
l’influenza delle condizioni climatiche, delle variazioni del rilievo del manico, dello
sporco e dell’usura delle corde e addirittura della procedura di montaggio di un set di
corde nuove; per cui, è bene che il controllo e la regolazione dell’intonazione entri a
far parte della regolare routine di manutenzione dello strumento.
Ponte moderno
Figura R
Setup
Per impostare l’intonazione del basso è necessario un accordatore elettronico e un
piccolo cacciavite standard piatto o a croce, oppure esagonale (in base al tipo di viti
adottate dalle sellette al ponte). Nota: un basso non correttamente intonato non
potrà suonare in modo intonato, lungo l’intero manico, anche quando si accordano
accuratamente le singole corde usando un accordatore elettronico.
Ponte stile vintage
Figura S
24
Procedura per impostare l’intonazione
1.
Collega l’accordatore e imposta al massimo il livello di volume del basso. Suona l’armonico al 12° tasto (consulta la sezione Accordatura, a pag.13) e intona la corda al tono corretto.
2. Premi leggermente la corda al 12° tasto e controlla di nuovo l’intonazione nell’accordatore (una pressione troppo pesante restituirà una falsa lettura crescente della nota.)
Setup
3. Se l’intonazione dell’armonico e quella della corda premuta sul tasto corrispondono, la corda è correttamente intonata e non occorre fare altre regolazioni. Se le due intonazioni non corrispondono, esegui le seguenti regolazioni con un cacciavite a croce o esagonale, in base al tipo di ponte.
4.
Se l’intonazione della nota premuta sul tasto è crescente rispetto all’intonazione dell’armonico, occorrerà allungare la vibrazione della corda fino a che le due intonazioni non corrispondono. Per fare ciò, ruota in senso orario la vite di regolazione della selletta, per far arretrare la selletta verso il fondo del ponte, fino a quando l’armonico e la nota premuta al tasto registrano la medesima intonazione (Figura R). Durante la regolazione, è buona norma tirare e reintonare la corda, in quanto il movimento della selletta influirà sull’intonazione.
5.
Se l’intonazione della nota premuta sul tasto è calante rispetto all’armonico, occorrerà accorciare la vibrazione della corda fino a che le due intonazioni non corrispondono. Per farlo, ruota in senso anti-orario la vite di regolazione della selletta per farla avanzare, fino a quando l’armonico e la nota premuta al tasto registrano la medesima intonazione
(Figura S). Ricorda di tirare e reintonare la corda. Nota: per completare la regolazione,
potrebbe essere necessario scordare leggermente la corda e spingere manualmente la
selletta facendola avanzare, in quanto la pressione verso il basso applicata dalla corda
potrebbe impedire alla selletta di procedere liberamente.
25
6.
Una volta completate queste procedure per ciascuna corda, il basso dovrebbe risultare correttamente intonato. Quindi, dopo aver un ulteriore controllo finale dell’intonazione, non ti rimane che collegare lo strumento all’amplificatore e Make History™ con Fender!
CURA E MANUTENZIONE
Il tuo nuovo basso Fender® è uno strumento costruito con la massima perizia, per assicurare anni di soddisfazioni. Poche
semplici operazioni di manutenzione conserveranno lo strumento nelle condizioni ottimali per molti anni a venire.
Mantieni il basso pulito: sporco, polvere, sudore, oli per la pelle, fumo e traspirazione possono prematuramente
invecchiare la finitura e gli accessori del basso. Dopo ogni impiego dello strumento, puliscilo interamente usando un
panno morbido e asciutto. Periodicamente, usa un prodotto pulente per pulire le superfici in legno rifinito ed un prodotto
pulente/detergente per le superfici in metallo, quindi asciuga usando un panno morbido. Tutti i prodotti per la pulizia
utilizzati sullo strumento devono essere approvati da Fender (visita il sito www.fender.com per maggiori informazioni).
Lubrifica periodicamente la tastiera: col passare del tempo, gli oli naturali delle tastiere in palissandro, pau ferro
e ebano possono asciugarsi. Margini dei tasti ruvidi ed esposti sono i risultati evidenti di un legno ritirato e non
idratato. È consigliabile idratare periodicamente la tastiera usando olio di limone, olio di semi di lino bolliti o altro
tipo d’olio per legno/mobili non a base di silicone, per preservarne l’integrità e naturale bellezza. Nota: dopo
aver rimosso le corde, applica l’olio su un panno pulito e che non sfilacci, quindi sfregalo sul legno; lascialo
asciugare per qualche minuto, quindi pulisci i punti con una presenza eccessiva di olio. Non applicare l’olio
sulle superfici in finitura del basso.
Verifica periodicamente lo stato dei piroli reggicinghia: col passare del tempo, il movimento e il
peso del basso sulla cinghia possono allentare le viti dei piroli reggicinghia. Di tanto in tanto, ricordati
di stringerle. Se trascuri le viti allentate e non provvedi a stringerle periodicamente, il movimento dello
strumento durante l’uso può espandere il foro di montaggio fino ad allentare permanentemente le viti.
Regolazioni e messa punto: prendi confidenza con le procedure di regolazione e messa a punto riportate in
questo manuale, o recati presso un Centro Assistenza Autorizzato Fender per effettuare le regolazioni necessarie.
Nota: trascurare uno strumento che necessita di una messa a punto può portare a delle complicazioni in futuro.
26
Cura
Regolazioni stagionali: il basso, come tutti gli strumenti in legno, può essere sensibile alle fluttuazioni di
temperatura e umidità. È naturale per il legno espandersi o contrarsi a causa di queste variazioni e tali movimenti
possono influire sulla messa a punto e sulla suonabilità. È buona norma programmare una routine periodica di
regolazioni per compensare gli effetti di queste variazioni stagionali.
Cura
Evita di esporre il basso a condizioni climatiche estreme: temperature
e tassi d’umidità estremi possono danneggiare lo strumento. Se non è
possibile evitare tali condizioni (ad esempio, durante il trasporto), riduci
leggermente la tensione delle corde per minimizzare il rischio di danni
potenziali. Lascia riscaldare gradualmente uno strumento freddo prima di
aprire la custodia in cui è riposto, per evitare il distacco della finitura. Non
lasciare mai il tuo basso per un solo istante in un ambiente che non ritieni
confortevole neanche per te stesso.
Finiture laccate: molti bassi Fender dispongono di una laccatatura,
una finitura di tipo naturale usata da tempo sul legno dei mobili e degli
strumenti musicali di pregio. La laccatura è la finitura preferita tra gli
strumenti Fender vintage, tra i più collezionati e richiesti, prodotti negli
anni ‘50 e ‘60. Consiste di uno strato relativamente sottile e piuttosto
poroso che consente al tono del legno di risuonare molto più liberamente,
restituendo uno strumento dal suono più vibrante e, per molti esperti
musicisti, più bello. Se da un lato la laccatura consente allo strumento
di vibrare generosamente, dall’altro risulta molto più soggetto, per sua
natura, all’usura, all’invecchiamento del legno sottostante, alle interazioni
chimiche e alle condizioni climatiche, rispetto alle finiture in poliestere o
uretano.
27
Se la finitura del tuo basso è laccata, leggi la scheda “Finitura laccata:
Precauzioni e Cura” che accompagna lo strumento. Evita l’esposizione
a materiali come tessuti tinti o pelle, plastica, materiali sintetici e tubi
in lattice ad uso sanitario (spesso utilizzati nei supporti e cinghie per
chitarra); questi materiali reagiscono negativamente con la laccatura
rovinando la finitura dello strumento. Se non sei certo di quale sia
la finitura del tuo basso, consulta le specifiche dettagliate del tuo
strumento nel sito www.fender.com, oppure chiama il nostro dipartimento
Consumer Relations (480-596-7195). Nota: fenomeni quali il distacco,
le screpolature, il ritiro, la perdita di colore e la rapida usura, sono
tutti da considerarsi come il risultato del normale processo naturale
d’invecchiamento delle finiture laccate e, come tali, non sono coperte dalla
garanzia Fender®.
ASSISTENZA
Per l’assistenza tecnica negli Stati Uniti e
nel Canada, si prega di contattare un Centro
Assistenza Autorizzato Fender, reperibile
chiamando il Fender Consumer Relations
Department (480.596.9690) o usando il
link “Service Center Finder” nella sezione
“Support” del sito web www.fender.com.
Per l’assistenza tecnica al di fuori degli Stati Uniti o del Canada, si prega di
contattare il rivenditore autorizzato o il distributore Fender del proprio stato o zona:
per maggiori dettagli, la sezione “Resources” del sito web www.fender.com mette
a disposizione l’apposito link “International Distributor”.
Assistenza
28
Garanzia
Strumenti Elettrici Fender
Garanzia Limitata per gli
Fender Musical Instruments Corporation garantisce questo strumento marchiato Fender
come privo di difetti nei materiali e nella lavorazione, fino a quando questo risulti in possesso
dell’acquirente originale, ad eccezione delle seguenti componenti: pickup, selettori, connettori,
controlli, ogni altra componente elettronica, meccaniche, hardware, battipenna, superfici
placcate, custodie morbide o rigide (case) e relativo hardware; queste parti sono garantite
per un periodo di un (1) anno a partire dalla data d’acquisto originale. La presente garanzia si
applica unicamente al soggetto acquirente originale (solo se l’acquisto risulti essere avvenuto
presso un Rivenditore Autorizzato Fender) ed è soggetta alle limitazioni qui riportate.
IMPORTANTE: CONSERVARE LA RICEVUTA D’ACQUISTO ORIGINALE, COSTITUISCE
LA PROVA D’ACQUISTO CHE VALIDA LA PRESENTE GARANZIA LIMITATA.
29
Fender ha istituito un network di Centri Assistenza Autorizzati adibiti al servizio d’assistenza
in garanzia. Anche il Rivenditore Fender presso cui si è acquistato lo strumento può essere
autorizzato a fornire assistenza in garanzia e, quindi, dovrebbe costituire il primo punto di
contatto quando si rende necessario un intervento tecnico di qualsiasi tipo sullo strumento
Fender. Per usufruire del servizio di assistenza in garanzia (durante il periodo applicabile),
occorre consegnare lo strumento completo a un Centro Assistenza Autorizzato Fender,
presentando la ricevuta come prova d’acquisto. Le componenti difettose qualificate ad essere
coperte da questa garanzia verranno riparate o sostituite (a discrezione di Fender) senza alcun
costo a carico. Le riparazioni di qualsiasi strumento Fender al di fuori dei normali interventi di
assistenza richiedono la valutazione e la conferma riguardo il difetto e il consulto diretto da parte
del Centro Assistenza Autorizzato presso Fender, per considerazioni alternative.
I costi di trasporto, spedizione e assicurazione associati al servizio di riparazione e assistenza in garanzia
degli strumenti Fender sono a carico dell’acquirente, come pure ogni servizio di assistenza atto a
effettuare messe a punto o regolazioni diverse da quelle predefinite da Fender. Al momento dell’acquisto,
messa a punto e regolazioni standard iniziali dello strumento e delle sue componenti sono da considerarsi
normale preparazione del prodotto da parte del rivenditore, non coperte dalla garanzia Fender.
Limiti ed esclusioni
Le seguenti voci non sono coperte dalla presente garanzia.
1. Usura dei tasti, delle sellette, dei dadi/viti, delle corde e delle batterie.
2. La screpolatura, il restringimento, il deterioramento, la perdita di colore e l’usura delle finiture laccate.
3. Impostazioni, regolazioni e procedure di manutenzione di qualsiasi tipo.
4. Danni alle finiture o crepe, separazioni o deformazioni del legno dovuti alle variazioni di temperatura o umidità, all’esposizione/
contatto con sole, fuoco, umidità/condensa, sali corporei e acidi da traspirazione, cinghie per chitarra, supporti/reggi-chitarra in vinile,
plastica, gomma, materiali sintetici o qualsiasi altro prodotto per la pulizia di tipo chimico o non approvato da Fender.
5. Danni, corrosioni o ossidazioni di qualsiasi componente hardware causati dall’umidità, dall’aria salmastra o
dall’esposizione alla condensa, ai sali e agli acidi da traspirazione corporea.
30
Garanzia
Garanzia
6.
Qualsiasi danno dello strumento causato da operazioni di modifica o personalizzazione dello stesso.
7. La normale usura e il deterioramento di qualsiasi parte della custodia morbida/rigida dello strumento, inclusi connettori,
controlli, selettori, superfici placcate, meccaniche, battipenna, cerniere, impugnature, maniglie, chiusure, hardware dei case ecc.
8. Qualsiasi altro danno o deterioramento dovuto al normale utilizzo e all’usura, all’invecchiamento, a incidenti, alla
negligenza, all’abuso o a cause di forza maggiore.
9.
Qualsiasi strumento il cui numero di serie risulti assente, alterato o manomesso in qualsiasi modo.
10. Qualsiasi strumento acquistato da chiunque non sia un Rivenditore Autorizzato Fender.
11. Strumenti riparati e revisionati da soggetti non-autorizzati (ovvero qualsiasi soggetto che non risulti essere un Tecnico
Certificato Fender operante in un Centro Assistenza Autorizzato Fender).
LE PRECEDENTI NORME COSTITUISCONO L’UNICA GARANZIA REDATTA DA FENDER RISPETTO AI SUOI PRODOTTI,
CREATA ESPRESSAMENTE AL POSTO DI OGNI ALTRA GARANZIA ESPRESSA O IMPLICITA
Ogni altra garanzia (incluse, senza limitazioni, ogni garanzia implicita di commerciabilità o idoneità a scopi particolari imposte
dalle leggi statali) sono circoscritte alla sola durata di questa garanzia limitata.
Alcuni stati non consentono limitazioni riguardanti la durata di una garanzia implicita, per cui le limitazioni elencate potrebbero
non essere applicabili.
31
FMIC NON SI ASSUME ALCUNA RESPONSABILITÀ RELATIVAMENTE A DANNI CAUSATI DA GUASTI O CARENZE
DI QUESTO PRODOTTO, NÉ A QUALSIASI PERDITA DI GUADAGNO, SODDISFAZIONE O A DANNEGGIAMENTI
VERIFICATISI A CAUSA DEL MANCATO IMPIEGO DELLO STESSO DOVUTO A DIFETTI O ALLA SUA NON DISPONIBILITÀ
DURANTE L’ASSISTENZA.
La presente garanzia è applicabile ai soli strumenti Fender prodotti successivamente alla data 1 Gennaio 1998, acquistati e
assistiti negli Stati Uniti e in Canada. Le garanzie valide per gli altri stati sono definite dai Distributori Fender autorizzati per i
diversi stati o zone, e può variare dalla presente nei termini e/o nella durata.
Fender Musical Instruments Corp.
8860 East Chaparral Road, Suite 100
Scottsdale, Ariz. 85250-2610 U.S.A.
Telefono: 480.596.9690
www.fender.com
Fender®, Stratocaster®, Strat®, Telecaster®, Tele®, Precision Bass®, P Bass®, Jazz Bass®, J Bass® and the distinctive
headstock designs commonly found on these guitars are registered trademarks of Fender Musical Instruments Corporation.
Tutti i diritti riservati.
32
Garanzia
IMPORTADO POR: Instrumentos Musicales Fender S.A. de C.V., Calle Huerta # 132, Col. Carlos Pacheco, C.P. 228890,
Ensenada, Baja California, Mexico.
RFC: IMF870506R5A Hecho en Mexico. Servicio de Cliente: 001-8665045875
NOTICE REGARDING USE OF HISTORIC PATENT NUMBERS/MARKINGS: FENDER is proud to offer some of the most
iconic musical instruments and amplifiers of the past 60 years. Some FENDER products are intentional recreations or reissues
of vintage guitars and amplifiers, and may therefore incorporate markings or text associated with original patents that have
since expired. Specific examples of such models include patent numbers on the tremolo plates and decals of the JAGUAR®
and JAZZMASTER® guitars, “Pat Pending” on some vintage TELECASTER® guitar bridge plates, and “Design and Circuits
Patented” language on the control panels of certain model amplifiers in FENDER Vintage Modified, Vintage Reissue and Custom
lines. Such markings are included only for the sake of historical accuracy, and are not intended to denote or imply live patents or
ongoing patent protection.
33
34
© 2011 FENDER MUSICAL INSTRUMENTS CORP.
P/N 0079381000 Rev. A
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement