Scarica il manuale

Scarica il manuale
Stampato in Luglio 2011
GARANZIA
In conformità al D. Lgs n. 24 del 2-2-2002 la garanzia ha una durata di 24 mesi nel
caso di vendita a privati. Per imprese, professionisti o soggetti con partita IVA la
garanzia ha una durata di 12 mesi.
Per ulteriori informazioni sull'assistenza vi invitiamo a visionare il nostro sito
www.sequoia.it nella sezione relativa ai prodotti o contattarci tramite email
all'indirizzo info@sequoia.it
Disclaimer
Il presente manuale è stato redatto a cura di Sequoia IT, si prega di leggere attentamente questo disclaimer e le note
legali in quanto l'utilizzo del FastTracer implica da parte dell'utente l'accettazione automatica delle clausole ivi
presenti. Sequoia IT si riserva il diritto di apportare in qualsiasi momento modifiche ai disclaimer ed alle note legali
che sono pubblicate in questa pagina. Sequoia IT attua ogni ragionevole sforzo per garantire che le notizie presenti
su questo manuale siano esenti da errori, inesattezze ed omissioni. Ciò nonostante, a causa della natura stessa delle
informazioni qui riportate, sono da intendersi fornite "così come sono". Sequoia IT non può fornire alcuna garanzia
in merito all'affidabilità ed all'esattezza dei risultati ottenuti con i propri software e declina pertanto ogni
responsabilità per qualsiasi danno, diretto, indiretto, incidentale e consequenziale legato all'uso, proprio o
improprio, la perdita di profitto, l'interruzione di attività aziendale o professionale, la perdita di dati o altro tipo di
dati ubicati sul sistema informatico dell'utente o altro sistema. La presente clausola di esclusione della
responsabilità non ha lo scopo di eludere il rispetto dei requisiti prescritti dalla normativa vigente, né di escludere la
responsabilità per i casi nei quali essa non possa essere esclusa ai sensi della normativa vigente. Per ogni eventuale
controversia insorta in relazione all'uso di FastTracer e dei relativi software, o a qualsiasi altro titolo, tra l'utente e
Sequoia IT l'utente accetta l'esclusiva competenza del Tribunale di Torino
Fast
FastTracer
Tracer Manuale Utente I
DICHIARAZIONE DI CONFORMITA'
In accordo alla guida 22 ISO/IEC ed alla norma EN45014, il costruttore Sequoia IT
dichiara che il FastTracer risponde alle direttive EMC 89/336/EEC – Marcatura CE
93/68/CE ed alle seguenti Norme armonizzate:
emissioni: EN 61000-6-4 (2001);
immunità: EN 61000-6-2 (2001).
Il simbolo del contenitore mobile barrato segnala che, in accordo con la
direttiva 2002/96/CE sul riciclo dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed
elettroniche (WEEE), all’interno dell’Unione Europea, il prodotto è
soggetto a raccolta speciale alla fine del ciclo di vita. Oltre che al presente
dispositivo, tale norma si applica a tutti gli accessori contrassegnati da
questo simbolo. Non smaltire questo prodotti nei rifiuti urbani
indifferenziati ma destinarlo al recupero differenziato dei materiali di cui è
composto.
Copyright
Tutti i contenuti (testo, grafica ed immagini) presenti all'interno di questo manuale, sono protetti dai diritti d'autore.
Il permesso di utilizzare parte di questo documento è concesso fatto salvo che:
•
la sottostante notifica di copyright appaia su tutte le copie assieme alle presenti condizioni di concessione
del permesso;
•
l'uso di tali documenti sia solo informativo, personale e non commerciale e tale uso non implichi la copia
e/o l'invio e la diffusione su reti di computer o altri media;
•
non venga apportata alcuna modifica ai documenti utilizzati.
Ogni altro uso è espressamente proibito dalla Legge.
Ogni prodotto o società menzionati in questo manuale sono marchi dei rispettivi proprietari o titolari e possono
essere protetti da brevetti e/o copyright concessi o registrati dalle autorità preposte.
II
INDICE
1.2 Introduzione al manuale...................................................................1
1.2.1 Prerequisiti.................................................................................1
1.2.2 Organizzazione del manuale......................................................1
1.3 Definizioni........................................................................................2
1.3.1 Caratteristiche tecniche.............................................................2
1.3.2 Misurare con FastTracer...........................................................3
Introduzione
1.3.3 Diagnosi e caratterizzazione di macchine o strutture................3
1.4 Filosofia di impiego..........................................................................4
1
2 .1 Preparazione all'uso.........................................................................5
2.2 Requisiti di sistema...........................................................................5
2.3 Installazione di FTAnalyzer..............................................................5
2.4 Installazione di Esplora 3D...............................................................6
2.4.1 Posizionamento e fissaggio del sensore....................................6
Installazione 2.5 Domande e Soluzione ai Problemi Più Comuni (FAQ)....................7
2
3 .1 Introduzione......................................................................................8
3.2 Filosofia d'impiego ..........................................................................8
3.3 Avvio...............................................................................................10
3.4 Interfaccia.......................................................................................10
3.4.1 Graphics area...........................................................................11
3.4.2 Devices list..............................................................................12
3.4.3 Menu........................................................................................13
3.4.4 Global Settings .......................................................................13
3.4.5 Toolbar ....................................................................................14
3.5 New view........................................................................................16
3.5.1 Time: misura nel dominio del tempo ......................................17
3.5.1.1 Time: opzioni di visualizzazione .....................................18
3.5.1.1.1 Time: Selezione delle grandezze da visualizzare..........19
3.5.1.1.2 Time: Filtri....................................................................19
3.5.1.1.3 Time: Operazioni di misura con i cursori......................19
3.5.2 Frequency: misure nel dominio della frequenza.....................19
FTAnalyzer
3.5.2.1 Frequency: opzioni di visualizzazione..............................20
3.5.2.1.1 Frequency: selezione delle grandezze da visualizzare. .21
3.5.2.1.2 Frequency - modifiche di scala: dB, lineare..................21
3.5.3.1.3 Misura dell'Overall di vibrazione..................................22
3.5.3 Triggered: misure sincronizzate ad eventi..............................23
3.6 File Device......................................................................................24
3.6.1 Registrazione delle misure......................................................24
3.6.2 Creazione di un File Device (dispositivo virtuale).................25
3.6.3 Rimozione di un File Device...................................................27
3.7 Export to text file: esportazione di misure......................................27
3.8 Export to spreadsheet: esportazione misure in MS-Excel .............29
3.8.1 Nota sulla configurazione di Microsoft Excel........................30
3.9 Perspective save and load...............................................................32
3
Fast
FastTracer
Tracer Manuale Utente III
4
FTEditor
4 .1 Filosofia d'impiego........................................................................33
4.2 Avvio...............................................................................................34
4.3 Create new model...........................................................................35
4.4 Add test...........................................................................................35
4.5 Add measure...................................................................................36
4.6 Export database to file....................................................................38
5 .1 Filosofia d'impiego ........................................................................39
Model Instance..............................................................................40
Model DB......................................................................................40
5.2 Avvio...............................................................................................40
5.2.1 Import model DB.....................................................................41
5.3 Test model instance: selezione modello - macchina.......................41
5.3.1 Create model instance: creazione di una istanza ....................42
Esplora 3D
5.3.2 Test selected instance: diagnostica..........................................43
5.4 Browse model instance: consultare i report....................................44
5.5 Menu...............................................................................................45
5
6
Wireless
FastWI
IV
6.1 Contenuto della confezione............................................................46
6.2 Installazione...................................................................................47
Interfaccia Wifi – specifiche tecniche ….......................................49
Introduzione
Definizioni e Concetti
Introduzione
1.2 Introduzione al manuale
La ringraziamo per aver scelto FastTracer.
FastTracer è il sistema semplice ed affidabile, che trasforma un normale pc in uno
strumento per la diagnosi delle macchine o delle strutture attraverso la misura delle
vibrazioni. FastTracer è uno strumento innovativo ed altamente flessibile impiegabile
anche per ricerche sperimentali inerenti le vibrazioni o per scopi didattici.
FastTracer è prodotto da SEQUOIA IT società leader nello sviluppo di soluzioni esperte
per il monitoraggio delle vibrazioni.
Lo scopo di questo manuale è introdurre l'utente all'uso del sistema FastTracer e dei
relativi software nelle possibili diverse situazioni di impiego. L'esposizione delle varie
tipologie di misure eseguibili e delle varie caratteristiche del software vi aiuteranno a
comprendere la flessibilità del nostro sistema e ad usarlo con il massimo della
produttività.
1.2.1 Prerequisiti
La guida è stata redatta supponendo che l'utente abbia un livello base di conoscenze
informatiche ed un buon livello di conoscenza dei fenomeni vibrazionali. La guida non
approfondisce pertanto questi aspetti, tuttavia se necessario per chiarezza di esposizione
si preciseranno eventuali argomenti per la migliore comprensione del testo.
1.2.2 Organizzazione del manuale
Il manuale è composto da cinque capitoli e tratta tutte le problematiche inerenti l'uso del
sistema FastTracer. Questo primo capitolo esplicita le caratteristiche tecniche del
FastTracer e ne introduce la filosofia di utilizzo. Il secondo capitolo spiega come
installare il software e quali sono i requisiti minimi per poter utilizzare la soluzione al
meglio. Il terzo capitolo introduce l'utente all'uso di FTAnalyzer descrivendone la
filosofia d'impiego e le caratteristiche avanzate. Il quarto capitolo presenta il modulo
FTEditor del software FTAnalyzer. Infine l'ultimo capitolo espone le peculiarità del
software Esplora 3D.
Fast
FastTracer
Tracer Manuale Utente 1
Introduzione
Definizioni e Concetti
1.3 Definizioni
Prima di introdurre l'uso del FastTracer è bene chiarire alcuni aspetti come le
caratteristiche tecniche del FastTracer, il tipo di misure che si possono effettuare e quali
informazioni si possono ricavare da tali dati.
1.3.1 Caratteristiche tecniche
La soluzione FastTracer è completa di dispositivo di acquisizione ( detto anche sensore
o dispositivo di misura) e di software per la visualizzazione ed il trattamento dei dati. Il
dispositivo di misura integra al suo interno un innovativo accelerometro triassiale
capacitivo a tecnologia MEMS interfacciato con un microprocessore che elabora e
trasmette il segnale in digitale al Pc tramite USB 2.0 o WiFi (opz). La trasmissione delle
misure in digitale le rende immuni ai disturbi elettromagnetici. Grazie all'impiego della
tecnologia MEMS, il sensore ha capacità di autodiagnosi e non necessita di nessuna
calibrazione periodica. I software sviluppati da Sequoia IT a corredo di FastTracer sono
FTAnalyzer ed Esplora 3D. Nelle pagine che seguono verranno ampiamente trattati
entrambi i software ed il loro utilizzo in ambito di misura o diagnosi. Caratterizzano
inoltre il sistema la completezza della soluzione che non richiede altro software o
hardware, un'ottima resistenza agli urti sino a 10000g del dispositivo di acquisizione, la
possibilità di aggiornare il firmware via software, il costo contenuto ed il grado di
protezione IP67.
C A R A T T E R I S T IC H E T E C N I C H E
Massima accelerazione:
+/- 5g Opzionale: 2g,18g
Banda di frequenza:
0 – 2500 Hz
Risoluzione:
0,0025 m/s2
Rumore:
0,075 m/s2
Dimensioni:
30 x 55 x 15 mm
Massa:
55 g
Lunghezza cavo:
3- 30 m
Comunicazione:
Usb 2.0 – WiFi (Opzionale)
Livello Protezione:
IP67
Resistenza agli Shock
10.000g
Intervallo di temperatura:
0° C .. +70°C
Conformità
CEI UNI -EN 61000-6-2 /4
Software
FastTracer suite Software
2
Dimensioni - dispositivo di acquisizione
Introduzione
Definizioni e Concetti
1.3.2 Misurare con FastTracer
Il dispositivo di misura FastTracer acquisisce
l'andamento nel tempo delle componenti x,y, e
z dell'accelerazione rilevate nel punto di
applicazione del sensore. La terna di
riferimento
x-y-z
è
quella
indicata
sull'involucro del sensore e ad essa bisogna far
riferimento per il verso delle accelerazioni
misurate.
Il dispositivo può acquisire accelerazioni con
modulo massimo pari al fondo scala del vostro
FastTracer (±18g,± 5g, ±2g) e con frequenza
Dispositivo di acquisizione o sensore
compresa tra 0 Hz e 2500 Hz. Il sample rate di
acquisizione dei dispositivi di acquisizione
FastTracer è 8192 sample/s e cioè in un secondo vengono realizzate 8192 misure della
accelerazione rilevata nel punto di posizionamento del sensore.
I segnali acquisiti vengono convertiti in digitale da un processore dedicato e trasmessi
in digitale ai software di Sequoia IT installati sul vostro computer (FTAnalyzer, Esplora
3D). I software attraverso operazioni matematiche forniscono tutte le misure dirette ed
indirette necessarie per le vostre diagnosi o indagini sperimentali.
1.3.3 Diagnosi e caratterizzazione di macchine o strutture
Con FastTracer è possibile analizzare la firma vibrazionale delle macchine ai fini di
caratterizzazioni strutturali o del monitoraggio delle condizioni.
Monitoraggio delle macchine
Con FastTracer si possono effettuare diagnosi ai fini della manutenzione predittiva
secondo due livelli di diagnosi:
1. Diagnosi di 1° Livello: sorveglianza delle condizioni
Una semplice misura, ripetuta nel tempo del livello RMS della velocità
di vibrazione della macchina nel punto di misura, individua lo stato di
esercizio attuale della macchina ed il suo andamento nel tempo.
2. Diagnosi di 2° Livello: indagine sulla causa
Questo livello d'indagine si basa sull'analisi FFT dei dati acquisiti e
consente di identificare il problema in funzione della forma dello spettro.
Questo tipo di diagnosi è utile per individuare difetti come
sbilanciamento dei rotori, disallineamento giunti, danni ingranaggi,ecc.
Fast
FastTracer
Tracer Manuale Utente 3
Introduzione
Definizioni e Concetti
Livelli di diagnosi
1.4 Filosofia di impiego
Come detto, i software a corredo di FastTracer sono FTAnalyzer ed Esplora 3D. Il
primo è un software per la visualizzazione ed il trattamento delle misure. Attraverso
l'uso di FTAnalyzer l'utente effettua analisi sulle grandezze cinematiche come
spostamenti, velocità ed accelerazioni al fine di individuare possibili guasti e
determinarne l'effetto. Per esempio nell'ottica di mettere a punto strategie di
manutenzione per particolari famiglie di macchine si può monitorare una macchina da
test con guasto incipiente e determinare l'effetto che tale guasto ha sulla firma
vibrazionale della macchina. Individuato l'effetto in relazione alla causa, si può
procedere con l'apposito modulo FTEditor di FTAnalyzer alla redazione di un modello
di test dedicato alla famiglia di macchine. Come spiegato nel capitolo 5, questo
modello viene poi impiegato da utenti meno esperti, che seguendo una serie di
istruzioni fornite dal software Esplora 3D, vengono guidati nell'operazione di diagnosi
del guasto. L'impiego di FastTracer nell'ambito della manutenzione predittiva riduce le
ispezioni a macchina ferma e il numero di fermi dovuti a guasti inattesi, massimizzando
l'efficienza e l'efficacia delle attività di manutenzione. Conoscere in anticipo
l'avvicinarsi di una rottura o fermo semplifica l'attività di manutenzione permettendo di
pianificare molti aspetti quali il personale, le parti di ricambio e l'attrezzatura da
impiegare consentendo quindi di risparmiare sui costi e sui tempi.
Uso dei software in dotazione con FastTracer
4
Installazione
Installazione software FastTracer
Installazione
2 .1 Preparazione all'uso
Per utilizzare FastTracer è sufficiente posizionare il sensore in maniera corretta ed
avviare FTAnalyzer o Esplora 3D. In questo capitolo vengono affrontate le
problematiche inerenti l'installazione dei software ed il corretto posizionamento e
fissaggio del sensore.
2.2 Requisiti di sistema
FastTracer funziona su normali computer desktop e portatili con Windows 2000, XP,
Vista e Windows 7 e necessita del seguente hardware.
Minimo
Standard
Consigliato
Processore
X86 – 500 MHz
X86 – 900 MHz
X86 – 1,6 MHz
RAM
128 MB
512 MB
1 GB
Hard Disk- Spazio libero
20 MB
1 GB
5 GB
Video
SVGA
SVGA
SVGA
Porte
USB 2.0
USB 2.0
USB 2.0
Altro
Mouse – Cd Rom
Mouse – Cd Rom
Mouse – Cd Rom
Compatibilità Microsoft Office
Office 2000 o suc.
Office 2000 o suc.
Office 2000 o suc.
Requisiti di sistema
2.3 Installazione di FTAnalyzer
Prima di procedere con l'installazione è
necessario chiudere tutti i programmi in
esecuzione sul computer. Si raccomanda
di non connettere il dispositivo di misura
fino a quando la procedura di
installazione del software non sia stata
ultimata.
Setup FTAnalyzer
Fast
FastTracer
Tracer Manuale Utente 5
Installazione
Installazione software FastTracer
Per procedere con l'installazione eseguire la seguente procedura d'installazione:
1. inserire il cd-rom a corredo di FastTracer all'interno del lettore;
2. individuare sul desktop l'icona “risorse del computer” e cliccate due volte su
essa, in alternativa cliccare sul menu avvio e successivamente su “risorse del
computer”;
3. individuate il lettore Cd-Rom e cliccate due volte sulla relativa icona;
4. cliccare sull'icona di FTAnalyzer_setup;
5. seguire le istruzioni sullo schermo e procedere con l'installazione del software.
Installato FTAnalyzer, è necessario connettere almeno un dispositivo di misura
FastTracer al computer per avviare i driver e la licenza. Si noti che se il dispositivo non
è inserito non sarà possibile avviare il software la prima volta e quindi questo sarà
inutilizzabile anche per operazioni off-line.
2.4 Installazione di Esplora 3D
Prima di procedere con l'installazione è necessario chiudere tutti i programmi in
esecuzione sul computer. Si raccomanda di non connettere il dispositivo di misura
fino a quando la procedura di installazione del software non sia stata ultimata. Per
procedere con l'installazione eseguire la seguente
procedura d'installazione:
1. inserire il cd-rom a corredo di FastTracer
all'interno del lettore;
2. individuare sul desktop l'icona “ risorse
del computer” e cliccate due volte su
essa, in alternativa cliccare sul menu avvio
e successivamente su “risorse del
computer”;
3. individuate il lettore Cd-Rom e cliccate
due volte sulla relativa icona;
Setup Esplora 3D
4. cliccare sull'icona di Esplora 3D_setup.exe;
5. seguire le istruzioni sullo schermo e procedere con l'installazione del software.
Installato Esplora3D è necessario connettere almeno un dispositivo di misura
FastTracer al computer per avviare i driver e la licenza. Si noti che se il dispositivo non
è inserito non sarà possibile avviare il software la prima volta e quindi questo sarà
inutilizzabile anche per operazioni off-line.
2.4.1 Posizionamento e fissaggio del sensore
Per utilizzare in maniera corretta FastTracer è necessario che l'utente presti attenzione al
posizionamento ed al fissaggio del sensore di acquisizione. L'errato posizionamento e la
6
Installazione
Installazione software FastTracer
mancanza di rigidezza del fissaggio possono portare a misure inaffidabili o fuorvianti.
Per il corretto posizionamento del sensore l'unica precauzione da adottare è quella di
collocarlo quanto più possibile in prossimità delle sorgenti di vibrazioni così che lo
stesso possa rilevarle. Ovviamente il punto di misura deve essere scelto in modo che il
sensore catturi l'evento vibrazionale in studio. Nelle letture [1] e [2] è possibile trovare
indicazioni su come posizionare i sensori per monitorare le condizioni delle macchine.
Per quanto riguarda il fissaggio del sensore, è bene che l'utente si accerti prima della
misura che il dispositivo sia ben ancorato, altrimenti la comparsa di vibrazioni può
falsare le misure. Il dispositivo di acquisizione è dotato di adattatori magnetici che
rappresentano un'ottima soluzione per l'ancoraggio del sensore, oltre a ciò si può
considerare anche l'opportunità di impiegare delle colle a base di cianoacrilati (es.
Loctite). È bene notare che comunque la rigidezza del fissaggio è decisamente
importante per cui la migliore soluzione è indubbiamente fissare il dispositivo di
acquisizione con delle viti mordenti.
2.5 Domande e Soluzione ai Problemi Più Comuni (FAQ)
D: Il software non rileva un dispositivo connesso.
R: Attivare la Device List e fare clic sul tasto Refresh Device List.
D: Il software non si avvia correttamente.
R:Provare a connettere un dispositivo di acquisizione FastTracer se il problema persiste
reinstallare il software seguendo la procedura riportata al punto 2.3.
D: Quanti FastTracer posso usare contemporaneamente?
R: Il numero massimo dei dispositivi FastTracer contemporaneamente utilizzabili non è
limitato e dipende esclusivamente dall'hardware del computer.
D: Come posso ricevere assistenza?
R: L'assistenza tecnica di Sequoia IT è contattabile all'indirizzo email info@sequoia.it
D: Posso copiare o utilizzare diverse copie del software e della documentazione
Sequoia IT nei computer della mia azienda?
R: Il software e la documentazione sono liberamente utilizzabili e copiabili su tutti i
computer di proprietà dell'acquirente del sistema FastTracer
Fast
FastTracer
Tracer Manuale Utente 7
FTAnalyzer
Acquisizione Dati
FTAnalyzer
3 .1 Introduzione
FTAnalyzer è il software per la visualizzazione, l'archiviazione ed il trattamento delle
misure effettuate con i dispositivi FastTracer.
Prima di presentare FTAnalyzer si richiama l'attenzione sulle seguenti convenzioni:
◦ I dispositivi di acquisizione FastTracer misurano l'accelerazione nel punto
di applicazione del dispositivo secondo la terna x,y,z riportata sull'involucro
del sensore. Pertanto nel seguito del manuale le direzioni, i versi ed il punto
di misura sono così da intendersi;
◦ Il sample rate di acquisizione del sensore è fisso a 8192 sample/s;
◦ Il dispositivo può acquisire accelerazioni con modulo massimo pari al fondo
scala del vostro FastTracer (±18g,± 5g, ±2g) e con frequenza compresa tra
0Hz e 2500Hz.
Consigliamo all'utente di leggere con attenzione le pagine seguenti, le quali descrivono
le funzioni di FTAnalyzer al fine di sfruttare al massimo FastTracer.
3.2 Filosofia d'impiego
FTAnalyzer elabora e visualizza le misure acquisite in real-time o in modalità off-line
da uno o più dispositivi di misura FastTracer. Il numero massimo dei dispositivi
FastTracer contemporaneamente utilizzabili non è limitato e dipende esclusivamente
dall'hardware del computer. In sintesi FTAnalyzer può:
8
•
Elaborare o visualizzare misure acquisite in tempi diversi (real time / off-line) e
registrate su file;
•
Registrare su file le misure in fase di acquisizione;
•
Esportare le misure verso altri software numerici;
•
Esportare i dati in un documento Microsoft Excel o di testo;
•
Filtrare le misure con l'applicazione di filtri passa-alto e passa-basso;
•
Confrontare misure effettuate in tempi diversi.
FTAnalyzer
Acquisizione Dati
Particolarmente utile ai fini del condition monitoring è quest'ultima funzione, infatti
poter confrontare misure effettuate in tempi diversi ma realizzate sulla medesima
macchina permette di caratterizzarne lo stato di salute. Ovviamente le misure
confrontate devono interessare la stessa grandezza ed essere effettuate posizionando il
sensore sempre nel medesimo punto. Questa tecnica permette di monitorare
l'andamento nel tempo delle condizioni generali della macchina e di determinarne lo
stato d'esercizio. Nelle letture [1], [2]e [4] è possibile trovare indicazioni su quali
grandezze monitorare e come posizionare i sensori per controllare le condizioni delle
macchine. Come detto FTAnalyzer può lavorare anche con dati archiviati su file
registrati in sessioni di misura precedenti all'elaborazione. I File di dati vengono visti da
FTAnalyzer come dispositivi virtuali denominati File Device.
FTAnalyzer: misure e diagnosi
FTAnalyzer permette di visualizzare le misure effettuate dai dispositivi di acquisizione
nel dominio del tempo, nel domino della frequenza o in entrambi i domini.
Nel dominio del tempo si possono visualizzare le
componenti dell'accelerazione nel punto di misura, i
moduli xy, xz, yz ed xyz oppure misure indirette
come il valore quadratico medio della velocità vRms.
Nel dominio della frequenza è possibile visualizzare
tramite FFT lo spettro delle componenti della
accelerazione, velocità o spostamento nel punto di
applicazione del sensore. Una funzione molto utile
è la modalità Triggered.
La modalità di visualizzazione Triggered permette
di sincronizzare l'acquisizione dei dati ad eventi
vibrazionali dalle caratteristiche specificate
dall'utente e per una durata prestabilita.
FTAnalyzer: componenti
accelerazione x-y-z; proiezioni
piane
Le funzioni di FTAnalyzer permettono all'utente
esperto di studiare i fenomeni vibrazionali, soprattutto di comprendere le relazioni tra la
causa della anomalia (guasto incipiente, allentamento pezzo, ecc...) ed il suo effetto
Fast
FastTracer
Tracer Manuale Utente 9
FTAnalyzer
Acquisizione Dati
sulla firma vibrazionale della macchina o su altri parametri (ad esempio un valore
quadratico medio della velocità elevato, ampiezza di certe grandezze anomale, ecc....).
Individuato l'effetto in relazione alla causa si può procedere con l'apposito Modulo
FTEditor di FTAnalyzer alla redazione di un modello di test dedicato alla particolare
macchina. Questo modello può essere impiegato tramite il software Esplora 3D da
utenti meno esperti che tramite una serie di operazioni (pianificate dall'utente esperto
nel modello FTEditor) sono guidati nell'operazione di diagnosi del guasto. Per l'uso del
modulo FTEditor e del software Esplora 3D si rimanda ai capitoli 4 e 5 di questa guida.
3.3 Avvio
Per avviare FTAnalyzer, si individui il tasto start di Windows e si proceda cliccando nel
seguente ordine:
Start ► Programmi ► SequoiaIT FTAnalyzer ► FTAnalyzer 1.r.z.t
Nel caso in cui il programma non si avviasse oppure venissero visualizzati messaggi
d'errore si seguano i consigli riportati nei punti 2.3 e 2.5 di questo manuale.
3.4 Interfaccia
L'interfaccia di FTAnalyzer è simile a quella di molti programmi di concezione moderna
ed è composta (vedi figura sottostante) da un barra del titolo, da una barra dei menu
testuali, da diverse barre degli strumenti (evidenziate), da una Device List (evidenziata)
e da diverse aree grafiche (evidenziate) denominate Graphics area. Nel seguito di
questo paragrafo si presentano le varie componenti dell'interfaccia di FTAnalyzer.
FTAnalyzer: Interfaccia
10
FTAnalyzer
Acquisizione Dati
3.4.1 Graphics area
FTAnalyzer utilizza delle speciali finestre grafiche denominate Graphics area per
visualizzare le misure. Queste finestre sono principalmente di due tipi ed hanno diverse
funzioni.
Graphics area per analisi nel dominio del tempo (oscilloscopio)
La finestra si comporta come lo schermo di un oscilloscopio e visualizza
l'andamento nel tempo delle grandezze in esame.
Graphics area per analisi nel dominio della frequenza (analizzatore di spettro)
La finestra si comporta come lo schermo di un analizzatore di spettro e
visualizza la trasformata di Fourier veloce delle grandezze in acquisizione. In
queste finestre FTAnalyzer applica la trasformata di Fourier veloce al segnale in
acquisizione (indicata con FFT acronimo di Fast Fourier Transform) e ne
visualizza lo spettro in frequenza.
FTAnalyzer: diverse Graphics area visualizzate nella nella finestra attiva
FTAnalyzer può visualizzare contemporaneamente diverse Graphics area all'interno
della stessa finestra di visualizzazione. Per trascinare una Graphics area nella finestra in
vista si proceda come segue:
•
cliccare con il tasto sinistro del mouse sull'etichetta del titolo e tenere pigiato;
•
trascinare il puntatore all'incirca nella mezzeria del bordo esterno della zona
dove si desidera posizionare la Graphics area. Si noti che la porzione della
Fast
FastTracer
Tracer Manuale Utente 11
FTAnalyzer
Acquisizione Dati
finestra che conterrà la Graphics area assume una tonalità color blu;
•
rilasciare il tasto sinistro del mouse.
3.4.2 Devices list
La finestra Devices contiene al suo interno le informazioni sui dispositivi FastTracer
connessi o sui File Device aperti.
I File Device sono dispositivi virtuali che riproducono misure già effettuate e
contenute all'interno di un file. I File Device si comportano a tutti gli effetti come
dispositivi FastTracer virtualmente connessi.
FTAnalyzer: Devices List
Nella Devices List tutti i dispositivi di acquisizione FastTracer connessi vengono
indicati con la sigla:
FastTracer ng
mentre i File Device vengono indicati con la sigla:
File FastTracer ng -SQ-S-xxxxxx
si noti che ng è il fondo scala del FastTracer usato mentre l'etichetta -SQ-S-xxxxxx
rappresenta il numero di serie del dispositivo.
Il pulsante Refresh Device List, posizionato in basso alla Devices List, permette di
aggiornare la lista dei dispositivi connessi e ne verifica lo stato.
12
FTAnalyzer
Acquisizione Dati
Inoltre cliccando con il tasto destro sulla Devices List appare un menu contestuale che
permette di creare File Device o di aggiornare la lista dei dispositivi connessi.
3.4.3 Menu
La barra dei menu (FTAnalyzer) è composta da quattro menu a tendina che consentono
all'utente di compiere diverse azioni. Si riportano nella tabella di seguito i menu con la
relativa descrizione generale.
File
Exit
Consente di uscire dal programma
View
New View...
Effettua una misura (vedi punto 3.5)
New File Device...
Carica un file come file device
Show Device
Visualizza la Device List
Show global settings Visualizza i settaggi di FTAnalyzer
Device Toolbar
Action Toolbar
Tool Toolbar
Visualizza la toolbar
Trigger Toolbar
Fullscreen
Applicazione a tutto schermo
FTEditor
Avvio del modulo FTEditor
Default Toolbar
Layout
Ripristina le condizioni di default delle toolbar
File: xxx
Visualizza la Graphics area panoramica dei dati
contenuti nel file device xxx
Perspective
Load Perspective
Richiama una configurazione delle finestre
salvata
Save Perspective
Salva una configurazione delle finestre
Help
About
Informazioni su FTAnalyzer
3.4.4 Global Settings
Per visualizzare i settaggi (FTAnalyzer) operare attraverso
il menu nel seguente ordine:
View ►Global Settings
in questa finestra è possibile variare diversi parametri di
FTAnalyzer: Default Settings
Fast
FastTracer
Tracer Manuale Utente 13
FTAnalyzer
Acquisizione Dati
FTAnalyzer.
C o nc et t o E sp res so Da l P a ra met ro
D ef a ul t( o p z )
Oscilloscope X Scale
Imposta la scala dell'asse X del grafico in unità
correnti.
100
Oscilloscope Y Offset
Sposta i segnali visualizzati nella direzione Y
della quantità impostata.
0
Oscilloscope Y Scale
Imposta la scala dell'asse Y del grafico in unità
correnti.
5
Spectrum Y Scale Type
Imposta il tipo di scala dell'asse Y del grafico
nel dominio della frequenza.
Spectrum Minimum Hz
Imposta il valore minimo della scala dell'asse X
del grafico nel dominio della frequenza.
0
Spectrum Maximum Hz
Imposta il valore massimo della scala dell'asse
X del grafico nel dominio della frequenza.
2500
Spectrum Minimum
Magnitude
Imposta il valore minimo della scala dell'asse Y
del grafico nel dominio della frequenza
0
Spectrum Maximum
Magnitude
Imposta il valore massimo della scala dell'asse
Y del grafico nel dominio della frequenza
5
Spectrum Horizontal
Axis Unit
Imposta l'unità di misura dell'asse X del grafico
nel dominio della frequenza.
Hz (rpm)
DeciBell Reference
Level m/s2
Valore di riferimento per il calcolo dei decibel
nel caso si impiegasse la visualizzazione con
scale type dB sull'asse Y
0
Last Spectrum Weight
Media pesata dello spettro visualizzato
1
FFT Spectrum Sample
Risoluzione dell'asse X nel dominio della
frequenza.
16384
FFT Peak Mode
Parametro visualizzato della grandezza in
analisi.
Peak (pk-pk ; rms)
Numero di righe poste a zero a partire da 0 Hz.
FFT Low Frequencies
Questo parametro ha significato solo per spettri
Row Zeroed
di velocità o spostamento.
Linear (dB)
25
È inoltre possibile settare attraverso i due pulsanti Choose... il colore della griglia
(Foreground) ed il colore dello sfondo dei grafici (background).
3.4.5 Toolbars
FTAnalyzer dispone di diverse toolbar che permettono di richiamare in maniera veloce
le funzioni attraverso dei pulsanti a forma di icone. Per utilizzare al meglio FTAnalyzer
è consigliabile conoscere il significato delle icone e le relative funzioni. Di seguito nelle
tabelle si riportano la lista delle diverse toolbar, delle icone che le compongono e le
14
FTAnalyzer
Acquisizione Dati
relative funzioni.
Tri g g er To o l ba r
SINGLE attiva la funzione trigger.
NONE disattiva la funzione trigger.
Determina il valore di trigger.
POSITIVO l'acquisizione inizia quando il
segnale attraversa il valore di trigger in fase di
salita.
NEGATIVO l'acquisizione parte quando il
segnale attraversa il valore di trigger in fase di
discesa.
Tempo di avvio in ms dall'evento di trigger per
l'acquisizione dei campioni per la FFT.
Asse su cui attivare la funzione trigger in
ascolto.
Le condizioni sono a logica OR
D ev ic e To o l ba r
Visualizza il dispositivo che fornisce i dati
all'area grafica in vista.
Quando attivo blocca l'acquisizione dei dati e
sono disponibili i cursori di lettura
Avvia /Spegne la registrazione dei dati su un file.
Per ulteriori informazioni sulle funzioni di questa
icona vedere la sezione relativa ai File Device
Visualizza il file ed il relativo percorso dove
vengono archiviate le informazioni
Imposta il nome del file su cui saranno archiviati
i dati se viene avviata la registrazione
To o l To o lb a r
Sposta la visualizzazione nell'area grafica in
attivo.
Permette di individuare una area del grafico per
l'esportazione in spreadsheet, salvataggio in file
immagine o stampa.
Fast
FastTracer
Tracer Manuale Utente 15
FTAnalyzer
Acquisizione Dati
A ct i o n To o l ba r
Crea una nuova area grafica per la
visualizzazione dei dati acquisiti da un
dispositivo connesso oppure da un file con dati
archiviati.
Crea un Dispositivo di acquisizione virtuale
partendo da un file presente sul disco.
FTAnalyzer: Avvio di una nuova acquisizione
3.5 New view
La funzione New View consente di effettuare nuove misure con i dispositivi FastTracer
connessi oppure di riprodurre misure contenute in un File Device. Tale funzione è
richiamabile tramite il tasto New View della Action Toolbar oppure dalla barra dei
menu cliccando nel seguente ordine:
View ►New Vi ew …
La funzione New View chiede all'utente di selezionare il dominio di misura, la grandezza
da acquisire ed il dispositivo acquisizione da impiegare.
16
FTAnalyzer
Acquisizione Dati
FTAnalyzer: scelta del dominio di misura e grandezze in acquisizione
Le misure possono essere visualizzate nel dominio del tempo, della frequenza oppure su
entrambi i domini con o senza avvio di acquisizione sincronizzata ad eventi
vibrazionali.
3.5.1 Time: misura nel dominio del tempo
Per eseguire delle misure nel dominio del tempo selezionare nel combo box intitolato
View Type la voce TIME. Le misure saranno visualizzate in Graphics area di tipo
oscilloscopio.
Il grafico avrà sull'asse delle ascisse il tempo mentre sull'asse delle ordinate la
grandezza selezionata.
Per selezionare la grandezza da misurare selezionare nel combo box denominato
“signal type” la voce corrispondente come di seguito spiegato:
Axes & Modules: visualizza le componenti x,y,z dell'accelerazione misurate dal
dispositivo di acquisizione. Inoltre è possibile visualizzare i moduli delle proiezioni del
vettore accelerazione sui piani xy,xz,yz ed xyz.
Rms: visualizza il valore quadratico medio (RMS) di ogni componente della velocità
di vibrazione nel punto di misura; tali valori (indicati con RMS Velocity X, RMS
Velocity Y e RMS Velocity Z) vengono poi plottati in funzione del tempo in una
Graphics area.Il valore RMS è calcolato in accordo con la norma ISO 10816/1
attraverso la formula:
(ISO 10816-1)
ed è determinato su un buffer di 1024 misure acquisite ogni 125 ms.
La norma ISO 10816/1 fornisce diversi metodi per valutare la condizione di una
macchina attraverso il valore quadratico medio della velocità (RMS) di vibrazione
misurato in ben determinati punti di acquisizione.
Fast
FastTracer
Tracer Manuale Utente 17
FTAnalyzer
Acquisizione Dati
Il criterio più usato tra quelli indicati dalla norma è il “vibration magnitude”. Secondo
tale criterio per ogni macchina (appartenente cioè ad una determinata classe) il livello di
vibrazione è suddiviso in 4 intervalli classificati nella figura sottostante con colori da
Verde (buono) a rosso (inaccettabile) in ordine crescente di importanza.
VRms della velocità quadratica media di vibrazione
SEVERITÀ DELLA VIBRAZIONE ISO 10816
in/s
mm/s
0,01
0,28
0,02
0,45
0,03
0,71
0,04
1,12
0,07
1,80
0,11
2,80
0,18
4,50
0,28
7,10
0,44
11,20
0,71
18,00
1,10
28,00
1,77
45,00
Classe I
Classe II
Classe III
Classe IV
FTAnalyzer: livelli di vibrazione ISO 10816
Questa tecnica permette di monitorare l'andamento nel tempo delle condizioni generali
della macchina e di determinarne lo stato d'esercizio. Per ulteriori informazioni
sull'argomento e sull'uso della misura della VRms si rimanda alla norma [4].
3.5.1.1 Time: opzioni di visualizzazione
Tutte le Graphics area che visualizzano misure nel tempo, riportano sotto la barra di
scorrimento alcune caselle di testo e pulsanti che hanno il compito di cambiare i
parametri di visualizzazione. Nella tabella vengono riportate le varie opzioni e la
relativa spiegazione.
P a ra me t r i di v is ua l iz za zi o ne G ra p hic s a rea ne l d o mi ni o del t e mp o
Evidenzia il colore della grandezza in esame.
Imposta la scala dell'asse Y del grafico.
Sposta tutti i segnali visualizzati della quantità impostata.
Imposta la scala dell'asse X del grafico.
Settaggi avanzati
Attraverso il tasto Settings si accede ai settaggi avanzati che permettono di selezionare
le grandezze da visualizzare o di applicare dei filtri alle misure in acquisizione.
18
FTAnalyzer
Acquisizione Dati
3.5.1.1.1 Time: Selezione delle grandezze da visualizzare
Per selezionare la traccia della grandezza
che si intende visualizzare si proceda nel
seguente ordine:
Settings ► Track
FTAnalyzer: selezione delle tracce - Time
le opzioni permettono di escludere/includere la grandezza in esame attraverso i check
box, il colore ed il tipo linea da impiegare nella visualizzazione.
3.5.1.1.2 Time: Filtri
Per filtrare le misure in fase di acquisizione si
proceda nel seguente ordine:
Settings ► Filters
FTAnalyzer: attivazione dei filtri.
le opzioni permettono di selezionare il tipo di
filtro attraverso i check box e di stabilirne la frequenza di taglio. Come si nota dalla
figura si può attivare un filtro passa basso ed un filtro passa alto. Entrambi i filtri sono
del 4° ordine ed hanno pendenza di 80dB/decade.
3.5.1.1.3 Time: Operazioni di misura con i cursori
In questo modo è possibile determinare i valori
numerici delle grandezze acquisite dal FastTracer. Per
effettuare la misura manuale con i cursori, agire nel
seguente modo:
• Fare click sul pulsante Hold;
• Fare click sul pulsante Selection/Export;
• Spostare il cursore sulla Graphics area in cui si
vogliono leggere i valori.
FTAnalyzer: cursori di misura
3.5.2 Frequency: misure nel dominio della frequenza
Per visualizzare le misure nel dominio della frequenza selezionare nel primo combo
box intitolato View type il valore FREQUENCY. Successivamente selezionare nel
secondo combo box la grandezza di cui si vuole conoscere lo spettro in frequenza . Il
programma permette di analizzare lo spettro di una delle seguenti grandezze:
FTAnalyzer: Analisi nel dominio della frequenza
•
FFT Acceleration: visualizza lo spettro in frequenza delle componenti x, y, z
Fast
FastTracer
Tracer Manuale Utente 19
FTAnalyzer
Acquisizione Dati
dell'accelerazione misurate dal dispositivo di acquisizione;
•
FFT Velocity: visualizza lo spettro in frequenza delle componenti x,y, z della
velocità misurate dal dispositivo di acquisizione;
•
FFT Displacement: visualizza lo spettro in frequenza delle componenti x,y,z
dello spostamento misurate dal dispositivo di acquisizione.
3.5.2.1 Frequency: opzioni di visualizzazione
Tutte le Graphics area, che visualizzano misure nel dominio della frequenza, riportano
sotto la barra di scorrimento alcune caselle di testo e pulsanti che hanno il compito di
cambiare i parametri di visualizzazione.
Nella tabella vengono riportate le varie opzioni e la relativa spiegazione.
Para met ri d i v is ua l izza zio n e G ra p h ic s a rea n el do mi ni o d el la f requ en za
Evidenzia il colore della grandezza in esame.
Imposta il valore minimo della scala sull'asse X del grafico
Imposta il valore massimo della scala sull'asse X del grafico
Imposta il valore minimo della scala sull'asse Y del grafico
Imposta il valore massimo della scala sull'asse Y del grafico
Numeri di punti impiegati per la visualizzazione del grafico FFT
Valore riportato sull'asse Y (Picco, Picco-Picco, rms)
Settaggi avanzati
Il parametro FFT points dà anche la risoluzione in frequenza, cioè in quanti punti (detti
campioni) viene diviso il campo di frequenza da 0 Hz e 2500 Hz e cioè:
Risoluzione=
F sampling
FFT points
Se l'utente desidera avere una risoluzione in frequenza alta si devono impiegare un
numero elevato di punti e cioè valori alti del parametro FFT points. Tuttavia è bene
notare che il buffer dei dati con cui viene calcolato lo spettro deve contenere un numero
di campioni doppio del numero di FFT points. Di conseguenza, il tempo necessario per
20
FTAnalyzer
Acquisizione Dati
acquisire tale numero di punti ( 2 * FFT points) può avere durate anche dell'ordine
della decina di secondi se si richiede alta risoluzione. Per una stima esatta del tempo
necessario ad acquisire 2 * FFT points si può utilizzare la relazione:
Tempo Acquisizione=
2 FFT point
Sample Rate
Nella seguente tabella si riporta il tempo di acquisizione necessario per un assegnato
numero di FFT points considerando una velocità di campionamento di 8192 samples/s.
FFT points
Time Request [s]
256
0,0625
512
0,125
1024
0,25
2048
0,5
4096
1
8192
2
16384
4
32768
8
65536
16
131072
32
262144
64
524288
128
3.5.2.1.1 Frequency: selezione delle grandezze da visualizzare
Per selezionare la traccia che si intende visualizzare si proceda nel seguente ordine:
Settings ► Track
FTAnalyzer: selezione delle tracce e parametri di
visualizzazione - frequency
le opzioni permettono di selezionare la grandezza in esame attraverso i check box, il
colore ed il tipo linea da impiegare nella visualizzazione.
3.5.2.1.2 Frequency - modifiche di scala: dB, lineare
Il software permette di modificare le scale e le grandezze presenti sui grafici degli
spettri in frequenza in particolare:
Y Scale Type: imposta il tipo di scala (lineare ;dB);
Fast
FastTracer
Tracer Manuale Utente 21
FTAnalyzer
Acquisizione Dati
Y Measure Unit: Unità di misura impiegato sull'asse y (m/s2 ; g);
X Measure Unit: Unità di misura impiegato sull'asse x ( Hz ; rpm);
dB Ref Value: imposta il valore di riferimento per il calcolo dei decibel nel
caso si impiegasse la visualizzazione con scale type dB sull'asse Y.
3.5.2.1.3 Misura dell'Overall di vibrazione
Contemporaneamente all'apertura di una nuova vista FFT viene visualizzata nel
riquadro in alto a destra il valore dell'Overall corrispondente (sui tre diversi assi X, Y e
Z).
L'Overall è un algoritmo di valutazione della vibrazione in grado di elaborarne il
contenuto complessivo, in una banda predefinita, senza però fornire i valori
dell'ampiezza delle singole componenti in frequenza.
Definita la banda di visualizzazione della vista in FFT (bandwidth) l'overall viene
calcolato con la seguente formula:
Overall =
n
∑A
i =0
2
i
Dove n è il numero di righe all'interno della banda compresa tra MinX(Hz) e MaxX(Hz)
e Ai sono le singole ampiezze di ciascuna riga dello spettro.
22
FTAnalyzer
Acquisizione Dati
3.5.3 Triggered: misure sincronizzate ad eventi
La modalità TRIGGERED permette di sincronizzare l'acquisizione dei dati ad eventi
vibrazionali dalle caratteristiche specificate dall'utente (detti livelli o soglie di trigger) e
per una durata prestabilita. Si noti che le soglie di trigger possono essere attivate solo
sulle componenti dell'accelerazione e che è possibile attivare la funzione di trigger su
più assi contemporaneamente con logica di tipo OR.
Quando l'ampiezza delle componenti dell'accelerazione supera un livello di trigger
impostato, FTAnalyzer avverte l'evento. In particolare, se il trigger è configurato in
positive FTAnalyzer sente l'evento quando il segnale attraversa una soglia di trigger in
fase di salita, mentre se il trigger è configurato in negative FTAnalyzer sente l'evento
quando il segnale attraversa una soglia di trigger in fase di discesa.
Dall'evento di trigger FTAnalyzer aspetta che trascorra il tempo impostato nel campo
start Time dall'utente dopodiché avvia l'acquisizione delle misure e la sospende quando
il buffer che contiene i valori per la FFT è pieno .
Per selezionare la funzione trigger scegliere nel combo box intitolato view type il
valore TRIGGERED. Le misure effettuate con questa modalità vengono riportate sia
nel dominio del tempo che nel domino della frequenza.
Per selezionare la grandezza che si ha intenzione di misurare selezionare nel combo
box intitolato Signal Type uno dei seguenti termini:
FTAnalyzer: funzione trigger
Axes &FFT Acceleration: la Graphics area viene divisa in due parti e vengono
visualizzate l'andamento temporale e lo spettro in frequenza delle componenti x,
y, z dell'accelerazione misurate dal dispositivo di acquisizione;
Axes &FFT Velocity: la Graphics area viene divisa in due parti e vengono
visualizzate l'andamento temporale e lo spettro in frequenza delle componenti x,
y, z della velocità misurate dal dispositivo di acquisizione;
Axes &FFT Displacement: la Graphics area viene divisa in due parti e vengono
visualizzate l'andamento temporale e lo spettro in frequenza delle componenti x,
y, z dello spostamento misurate dal dispositivo di acquisizione.
FTAnalyzer: parametri di trigger
Fast
FastTracer
Tracer Manuale Utente 23
FTAnalyzer
Acquisizione Dati
Per attivare la funzione trigger è necessario impostare i valori delle soglie sulla barra di
trigger secondo quanto indicato nella sottostante tabella.
Tri g g er To o l ba r
SINGLE attiva la funzione trigger.
NONE disattiva la funzione trigger.
Determina il valore di trigger.
POSITIVO l'acquisizione inizia quando il segnale
attraversa il valore di trigger in fase di salita.
NEGATIVO l'acquisizione parte quando il segnale
attraversa il valore di trigger in fase di discesa.
Asse su cui mettere la funzione trigger in ascolto.
Le condizioni sono a logica OR
Tempo di avvio in ms dall'evento di trigger
l'acquisizione dei campioni per la FFT.
per
3.6 File Device
I file contenenti dati acquisiti in sessioni di misura precedenti possono essere elaborati
da FTAnalyzer. Il software tratta questii file come dei dispositivi virtuali denominati
File Device i quali riproducono le storie temporali delle componenti delle accelerazioni
archiviate sul file.
3.6.1 Registrazione delle misure
Per registrare su un file le misure che si intendono effettuare procedere
cliccando sulla barra degli strumenti l'icona Select file....
Appare la normale finestra di salvataggio file per cui individuare la directory dove
salvare le misure e inserire il nome che si intende dare all'archivio.
Nota
Al nome assegnato al file vengono aggiunti di default alcune informazioni nel
seguente modo:
Nome file_Anno_mese_Giorno_oraminutisecondi
ad esempio se l'utente assegna il nome motor sul disco avremo il seguente nome:
motor_2009_Dec_03_111732
Da notare che i file di FTAnalyzer non hanno estensione di default, pertanto l'utente è
libero di assegnarne una a proprio piacere.
Una volta aperto il file, all'interno della text box presente nella Device Toolbar viene
24
FTAnalyzer
Acquisizione Dati
riportato il path ed il nome del file.
Per gestire l'acquisizione della misura si impieghino i seguenti pulsanti .
Stato della Registrazione
Possibile Azione
OFF
singolo click per avviare la
registrazione
ON
singolo click per fermare la
registrazione
Da notare che durante la fase di registrazione la pressione del tasto Hold blocca lo
scorrimento nel diagramma delle misure che comunque vengono comunque registrate su
file.
3.6.2 Creazione di un File Device (dispositivo virtuale)
Per creare un File Device con i dati presenti in un file e acquisiti in sessioni di misura
precedenti si proceda in uno dei seguenti modi:
•
Cliccare sull'icona New File Device;
•
Utilizzare la combinazione di tasti Ctrl + F;
•
Con il tasto destro cliccare sulla Device List, selezionare new device
from file ..
quindi individuare il file che si intende caricare e cliccare sul bottone open. Se il file è
valido (vedi figura pag. successiva) ed i dati sono validi compaiono nella finestra di
visualizzazione principale alcune informazioni:
•
nella Device List appare un nuovo dispositivo denominato File
FastTracer {1} (vedi figura);
•
Nella parte bassa della finestra appare una Graphics area {2} dove
vengono riportati: una vista panoramica delle misure caricate, il sensore
impiegato, path del file dati, durata della misura e spazio occupato su
disco;
Fast
FastTracer
Tracer Manuale Utente 25
FTAnalyzer
Acquisizione Dati
FTAnalyzer: apertura e riproduzione dei dati contenuti in un file device
Nel combo box {3} appare un icona a forma di floppy indicante che il dispositivo è
virtuale. Per riprodurre o analizzare la misura, aprire una nuova finestra attivando il
comando New View e scegliere il tipo di grafico che si intende visualizzare [time,
frequency, trigger] avendo cura di selezionare nel terzo combo box il device corretto.
FTAnalyzer: Visualizzazione delle misure nel File Device
Una volta che la Graphics area è stata visualizzata, per far partire la visualizzazione
delle misure cliccare due volte sulla finestra {2} dal punto desiderato, due linee
verticali visualizzeranno il punto di inizio misura (cursore di start - linea gialla) mentre
la linea verde scorrerà tutto il grafico per visualizzare il punto di misura attualmente in
lettura.
È inoltre possibile estrapolare in un altro file una parte delle misure registrate sul File
26
FTAnalyzer
Acquisizione Dati
Device in esame e visualizzate nella Graphics area {2}. A tale scopo, cliccare nella
Graphics area {2} posizionando il cursore di start (linea gialla) nel punto iniziale
dell'intervallo che si vuole estrarre, attivare il menu contestuale cliccando con il tasto
destro sulla Graphics area {2} e selezionare Extract to file from cursor start. Di
seguito apparirà una finestra dove specificare l'estensione in minuti dell'intervallo della
misura da estrarre.
FTAnalyzer: estrapolazione di dati dal File Device.
Si noti che se un device è stato creato e la finestra grafica è stata chiusa erroneamente è
possibile richiamarla cliccando nel seguente ordine:
View ►File Device 'nome File Device'
3.6.3 Rimozione di un File Device
Posizionare il puntatore del mouse nella
Device List in corrispondenza del nome del
File Device che si vuole rimuovere, fare click
con il tasto destro e selezionare Remove file
device.
FTAnalyzer: rimozione File Device
3.7 Export to text file: esportazione di misure
Per esportare delle misure in fase di acquisizione o già residenti su file è necessario
bloccare lo scorrimento dei dati nella Graphics area utilizzando il tasto Hold. Fare clic
sul grafico individuando il punto di partenza così che una barra verticale appaia;
trascinare quest'ultima sino al punto in cui si vogliono esportare i dati. Quindi attivare
facendo click con il tasto destro, il menu contestuale e scegliere Export to text file.... Il
lettore noti che i dati saranno esportati in modo congruente con il dominio da cui si
estraggono le misure. Il menu contestuale permette anche di stampare la Graphics area o
salvare un file jpg contenente l'immagine della graphics area. Per eliminare la selezione
scegliere Remove Selection....
Fast
FastTracer
Tracer Manuale Utente 27
FTAnalyzer
Acquisizione Dati
FTAnalyzer: selezione dati per esportazione in file di testo.
Nel caso di misure nel dominio del tempo FTAnalyzer visualizza la finestra sotto
riportata che permette di impostare il tempo di inizio, il tempo di fine ed i corrispettivi
campioni associati.
FTAnalyzer: parametri per l'esportazione.
Una volta confermato basta solo aggiungere il nome del file di output. L'esportazione
avviene per tutto il tratto selezionato e la velocità di campionamento sarà 8192
Sample/s nel caso del dominio del tempo. Se viene esportato lo spettro in frequenza di
una o più grandezze, i punti riportati nel file saranno pari al numero di punti impiegati
per la visualizzazione della parte evidenziata del grafico FFT.
La struttura del file in output è di tipo testo, i dati sono organizzati in colonna ed il
carattere di separazione è la virgola.
Il file presenta nelle prime due righe informazioni sul sensore e sulla misura, la terza
riga è generalmente vuota mentre nella quarta riga viene riportata l'etichetta della
grandezza per ogni colonna.
28
FTAnalyzer
Acquisizione Dati
FTAnalyzer: acquisizione dei dati esportati in formato testo
3.8 Export to spreadsheet: esportazione misure in MS - Excel
Come accennato FTAnalyzer può esportare le misure in modo nativo per Microsoft
Excel: questa funzione consente all'utente di inserire nei documenti office le misure
effettuate o di fare ulteriori calcoli o misure indirette.
Per esportare delle misure in fase di acquisizione o già residenti su file si deve scegliere
la Graphics area da cui si vogliono estrarre le misure. Fare clic sul grafico
individuando il punto di partenza così che una barra verticale appaia; trascinare
quest'ultima sino al punto in cui si vogliono esportare i dati. Successivamente cliccare
con il tasto destro e dal menu contestuale scegliere Export to Spreadsheet.
La finestra “Export to worksheet” apparirà, impostare il numero di punti da esportare e
cliccare sul tasto Export... . La finestra successiva chiederà all'utente di inserire il nome
del file di testo, si proceda e si clicchi su salva.
Fast
FastTracer
Tracer Manuale Utente 29
FTAnalyzer
Acquisizione Dati
FTAnalyzer: selezione del numero dei campioni da esportare in Microsoft Excel
Una volta che il file è stato salvato, Microsoft Excel viene avviato automaticamente;
cliccando sul pulsante Reload Data e selezionando il file precedentemente acquisito i
dati vengono caricati e presentati a schermo.
Microsoft Excel: documento con le misure esporate.
Il documento Microsoft Excel contiene un foglio di calcolo con le misure e diversi
grafici che riproducono le grandezze misurate sia nel dominio del tempo che della
frequenza. Il foglio di calcolo riporta ordinate in colonne le seguenti grandezze:
•
Sample (asse indipendente per le misure nel dominio del tempo);
•
Accelerazione (XA,YA,ZA);
•
velocità (XV,YV,ZV):
•
Spostamento (XD,YD,ZD);
•
RMS della velocità (RMS XV,RMS YV, RMS ZV);
•
Frequenza (asse indipendente per le misure nel dominio della frequenza);
•
Spettro dell'accelerazione ( Spectrum XA, Spectrum YA, Spectrum ZA) ;
•
Spettro della velocità (Spectrum XV, Spectrum YV, Spectrum ZV);
•
Spettro dello spostamento (Spectrum XD, Spectrum YD, Spectrum ZD).
3.8.1 Nota sulla configurazione di Microsoft Excel
Affinché Microsoft Excel importi i dati è necessario attivare le macro e le connessioni
su dati esterni. Si seguano allo scopo le seguenti raccomandazioni:
Fare clic sul pulsante Microsoft Office e quindi su Opzioni di Excel;
Fare clic su Centro protezione, su Impostazioni Centro protezione ;
30
FTAnalyzer
Acquisizione Dati
Individuare Impostazioni macro e selezionare “Attivare tutte le macro”;
Individuare Contenuto esterno nelle impostazioni denominate “Impostazione di
protezione per connessioni dati” selezionare “Attiva tutte le connessioni”;
Configurazione di Microsoft Excel
Se Microsoft Excel dovesse comunicare un avviso di protezione cliccare sul tasto
Opzioni... presente nell'avviso di protezione, selezionare nelle opzioni “attiva il
contenuto”.
Configurazione di Microsoft Excel - avvisi di protezione
Fast
FastTracer
Tracer Manuale Utente 31
FTAnalyzer
Acquisizione Dati
3.9 Perspective save and load
Per salvare la configurazione delle finestre in visualizzazione si individui il menu
Perspective e si proceda cliccando nel seguente ordine::
Perspective ► Save perspective... oppure Ctrl + S
per ripristinare una configurazione delle finestre per la visualizzazione salvata in
precedenza si proceda cliccando nel seguente ordine:
Perspective ► Load perspective... oppure Ctrl + O
32
FTEditor
Modelli per diagnosi
FTEditor
4 .1 Filosofia d'impiego
Come abbiamo visto nel capitolo precedente, l'analisi dei problemi vibrazionali
effettuata con FTAnalyzer, consente all'esperto di determinare le relazioni tra causa del
guasto ed effetto conseguente sulla firma vibrazionale delle macchine.
Per sfruttare al massimo le potenzialità del proprio software e fornire inoltre ai servizi di
service strumenti che ne migliorino la produttività, Sequoia IT ha sviluppato il modulo
FTEditor di FTAnalyzer.
FTEditor è stato pensato per applicazioni di diagnostica ed il suo scopo è aiutare gli
esperti di vibrazioni a preparare “percorsi” di diagnostica che si basino su prove da loro
prestabilite per essere poi impiegate da utenti meno esperti.
A questo punto prima di introdurre come funziona FTEditor è bene fissare quali figure
professionali sono coinvolte e in che modo queste interagiscano direttamente o
indirettamente con il software Sequoia IT.
Architettura d'uso dei software Sequoia IT
Una prima distinzione necessaria da fare è tra l'utente esperto in vibrazioni (master)
che si occuperà di redigere percorsi di diagnostica per le diverse macchine (sulla base di
una esperienza documentata) e l'operatore di manutenzione che impiegherà i modelli
preparati con FTEditor sul campo con il software Esplora 3D.
In altre parole, l'utente esperto prepara con FTEditor un archivio che contiene diverse
prove e le relative linee guida di come impiegarle, mentre l'operatore di manutenzione
sul campo riproduce le prove contenute nell'archivio, attraverso il software Esplora 3D
al fine di caratterizzare lo stato delle macchine.
Fast
FastTracer
Tracer Manuale Utente 33
FTEditor
Modelli per diagnosi
Chiarito questo aspetto si analizza il funzionamento di FTEditor ad un primo livello di
dettaglio concettuale. Per comprendere come funziona FTEditor si faccia riferimento
alla figura, dove viene riportato il modello concettuale di riferimento di un archivio
(Model Database) che viene impiegato per monitorare una determinata macchina.
Archivio prove dedicate alla macchina
Test1::misura 1
Test 1
Test1::misura 2
Test1::misura 3
Test2::misura 1
Test 2
Test2::misura 2
Test2::misura 3
Test3::misura 1
Test 3
Test3::misura 2
Test3::misura 3
FTEditor: Struttura di un Model DB
FTEditor: Avvio del modulo FTEditor
Come si vede dalla prima citata figura, l'archivio contiene al proprio interno diversi test
(tre in figura) ed ognuno richiede a sua volta un insieme di misure da effettuare.
Questo archivio, preparato da un utente esperto, rappresenta uno strumento virtuale di
manutenzione e nel caso specifico è formato da tre test e relative misure. L'operatore di
manutenzione, per diagnosticare la situazione della macchina, svolge i tre test ed
effettua le diverse misure.
Ovviamente per ogni test è bene pensare un numero congruo di misure le quali vanno
poi ripetute in numero adeguato. L'output di ogni test sono le informazioni sulla
condizione della macchina su cui è stato effettuato. Di conseguenza il numero di test da
inserire nell'archivio e da fornire deve essere tale da coprire tutti gli aspetti della
macchina che si vogliono controllare.
Nel seguito del capitolo si esporrà
macchina specifica.
come si realizza un archivio dedicato ad una
4.2 Avvio
Per accedere al modulo FTEditor si deve avviare FTAnalyzer.
Per avviare FTAnalyzer, si individui il tasto start e si proceda cliccando nel seguente
ordine:
Start ► Programmi ► SequoiaIT FTAnalyzer ► FTAnalyzer x.y.z.t
Nel caso il programma non si avviasse oppure vengono visualizzati messaggi d'errore si
seguano le indicazioni riportate nei punti 2.3 e 2.5 di questo manuale.
Per avviare il modulo FTEditor si proceda secondo uno dei seguenti modi:
34
FTEditor
Modelli per diagnosi
•
cliccare sulla action toolbar il tasto FTEditor;
•
dal menu testuale View ►FTEditor
4.3 Create new model
Il tasto Create New Model consente di creare un nuovo raccoglitore virtuale di prove
per il condition monitoring di una determinata macchina.
L'utilità dei modelli è principalmente di concentrare tutte le prove da effettuare su una
macchina in un unico file che li contenga e che quindi acquisisce l'utilità di uno
strumento di diagnostica virtuale.
Per creare un nuovo archivio cliccare su Create New Model così che una maschera
intitolata Editing Model appaia all'interno della finestra principale.
Per definire l'archivio compilare la maschera con la descrizione della macchina, la
famiglia della macchina, il produttore, il modello di riferimento e delle immagini di
descrizione della macchina. Il tasto Save permette di salvare il modello.
FTEditor: creazione di un nuovo modello
Da notare che sul lato sinistro della maschera, una volta salvato l'archivio, viene creato
il modello con identificativo uguale al testo inserito nel campo model.
4.4 Add test
Descritta la macchina da diagnosticare si devono definire le prove (test) da effettuare
per il monitoraggio delle condizioni. Per creare un test (prova) selezionare l'archivio di
riferimento (che ha il nome della macchina) e cliccare su tasto Add Test ed una
Fast
FastTracer
Tracer Manuale Utente 35
FTEditor
Modelli per diagnosi
maschera, come quella di figura denominata Editing Test Model 'NomeArchivio',
appare.
FTEditor: creazione di un nuovo modello – aggiunta immagini
Nella parte destra della maschera sotto l'etichetta Image è riportata una figura della
macchina in esame scelta tra quelle definite in fase di preparazione del modello.
Sulla figura è possibile tracciare un rettangolo color rosso per evidenziare la zona in
esame. Per tracciare il rettangolo cliccare sulla figura e trascinare il mouse sino alla
dimensione voluta. L'inserimento del rettangolo aiuterà l'operatore ad individuare la
zona di misura.
Nella figura a sinistra si può caricare un'immagine di ulteriore aiuto ad esempio su come
posizionare il sensore.
La casella di testo deve contenere le istruzioni per gli operatori che sul campo andranno
ad effettuare le misure, pertanto si raccomanda di compilarla con la giusta attenzione.
4.5 Add measure
Una volta individuato il test da effettuare sulla macchina, è necessario definire quali
misure compiere sulla macchina per svolgerlo. Per aggiungere una misura cliccare sul
tasto Add Measure...
36
FTEditor
Modelli per diagnosi
La maschera che si presenta serve all'utente compilatore per stabilire quali misure
l'operatore di manutenzione dovrà effettuare, i valori di riferimento per gli allarmi
(soglie) ed i relativi messaggi.
FTEditor: creazione di un nuovo modello- simulazione prova
Nella tabella sottostante si riportano i campi presenti nella maschera di definizione delle
misure.
Measure settings
Name
nome della misura
Signal
dominio e grandezza da misurare es. (time - frequency-Rms)
Time Duration
tempo di durata della misura
Axis
Asse di riferimento
Nel riquadro Thresholds si definiscono le soglie nel dominio della frequenza o del
tempo. Quando queste soglie vengono superate il programma avvia un insieme di
messaggi che avvisano l'operatore. I messaggi hanno lo scopo di aiutare l'operatore nella
diagnostica e pertanto dovrebbero essere chiari e di facile comprensione.
Measure simulate
Refresh Device List
aggiorna la lista dei device
Device
device in uso al momento della simulazione
Simulate Measure
Simula la misura sul campo
Fast
FastTracer
Tracer Manuale Utente 37
FTEditor
Modelli per diagnosi
Thresholds
Name
Nome della soglia
Type
Tipo di vincolo sulla soglia:massimo, minimo o warning
Freq. Min
Estremo inferiore del campo di esistenza della soglia nel dominio della
frequenza .
Freq. Max
Estremo inferiore del campo di esistenza della soglia nel dominio della
frequenza .
Value
Valore di soglia
Message
Messaggio da comunicare all'operatore
Action
Azione che deve compiere l'operatore di manutenzione.
La Graphics area in basso permette di effettuare delle misure di prova per verificare
l'efficienza dei parametri inseriti.
Measure simulate
Refresh Device
List
aggiorna la lista dei device
Device
device in uso al momento della simulazione
Simulate Measure Simula la misura sul campo
4.6 Export database to file
Il tasto Export Database to file consente di esportare l'archivio preparato con FTEditor
e renderlo disponibile per il software Esplora 3D.
38
Esplora3D
Diagnosi
Esplora 3D
5 .1 Filosofia d'impiego
Esplora 3D è la soluzione software di Sequoia IT, pensata per essere usata sul campo da
operatori di manutenzione, per la diagnostica di macchine o impianti. Esplora 3D
permette di fare diagnosi predittiva al tecnico di manutenzione semplicemente
seguendo le indicazioni date dal programma ed ottenute attraverso raffronti con soglie
di verifica.
Come abbiamo visto nel capitolo precedente l'utente esperto prepara con FTEditor un
archivio che contiene diverse prove e le relative linee guida di come impiegarle, mentre
l'operatore di manutenzione sul campo riproduce le prove contenute nell'archivio,
attraverso il software Esplora 3D al fine di caratterizzare lo stato delle macchine.
Architettura d'uso dei software Sequoia IT
Grazie all’apposito modulo di Esplora 3D è inoltre possibile l’archiviazione dei test per
la successiva creazione di report automatici e di schede di manutenzione della macchina
in esame.
Esplora 3D ruota attorno ai concetti di Model Instance e Model DB e per chiarirli
si invita il lettore a leggere con attenzione le righe successive.
Fast
FastTracer
Tracer Manuale Utente 39
Esplora 3D
Diagnosi
Model Instance
Un operatore di manutenzione opera diagnosi su diverse macchine le quali sono
caratterizzate da un produttore, un numero di serie, una precisa ubicazione e da alcune
caratteristiche salienti (es. il colore, la sostanza che trattano ecc..); in sostanza ogni
macchina è un caso a se stante. Di conseguenza ogni macchina da diagnosticare
rappresenta per Esplora 3D una istanza o meglio una Model Instance.
Quindi per identificare una macchina è necessario creare una Model Instance
specificando al programma almeno due dei parametri riportati in tabella.
Parametro
Significato
Serial Number
Numero di serie della macchina
Machine Identification
Identificazione della macchina
Location
Ubicazione della macchina anche relativa ad un impianto
Machine Model
Modello
Model DB
Il Model DB è l' archivio relativo ad una ben determinata famiglia di macchine; esso
contiene diverse prove con le relative linee guida di come svolgerle e di quali azioni
intraprendere nel caso di problemi.
Esplora 3D: avvio
5.2 Avvio
Per avviare Esplora 3D, si individui il tasto start e si proceda cliccando nel seguente
40
Esplora3D
Diagnosi
ordine:
Start ► Programmi ► SequoiaIT Esplora 3D ► Esplora 3D 1.2.z.t
Nel caso il programma non si avviasse oppure vengono visualizzati messaggi d'errore si
seguano i consigli riportati nei punti 2.3 e 2.5 di questo manuale.
Quando Esplora 3D viene avviato la finestra principale del programma propone due
possibili attività: Test Model Instace e Browse Model Instance Tests Reports. Il tasto
Test Model Instance avvia le procedure per la diagnosi di una macchina, mentre il tasto
Browse Model Instance Test Reports permette di navigare tra i report salvati. È bene
comunque far notare che prima di procedere alla diagnostica è necessario accertarsi che
il software abbia caricato l'archivio ( Model DB ) adeguato.
5.2.1 Import model DB
Come accennato all'inizio, prima della fase di diagnosi, Esplora 3D deve caricare il
Model DB relativo alla macchina in esame. A tale scopo si proceda nel seguente ordine:
File ► Import Model DB oppure utilizzando i tasti Ctrl + I
una finestra del tipo open file.... appare, selezionare e aprire il database di riferimento
cliccando sul tasto open.
5.3 Test model instance: selezione modello - macchina
Per eseguire una diagnosi relativa ad una macchina fare clic sul tasto Test Model
Instance.
Esplora 3D: model selection
Fast
FastTracer
Tracer Manuale Utente 41
Esplora 3D
Diagnosi
Appare una finestra divisa in due sezioni: la parte superiore è denominata Models e la
parte inferiore è denominata Instances. Nel Riquadro Models sono riportati i modelli
disponibili all'interno del database. Nella riquadro Instances sono riportate le Model
Instances relative al modello selezionato. Se nel riquadro Models non compare la
classe delle macchine a cui appartiene la macchina in esame accertarsi che il data base
sia quello corretto (si riveda il punto precedente). Nella finestra sono inoltre presenti i
tre tasti con le seguenti funzioni:
•
Create Model Instance permette la creazione di un'istanza del modello caricato;
•
Back annulla l'operazione e torna alla schermata precedente;
•
Test Selected Instance per passare alla fase di test.
Selezionare nella parte superiore nel riquadro Models il modello e nella parte in basso
Instances l'istanza appena creata e fare clic su Test Selected Instance per procedere alla
diagnosi.
Il lettore noti che per procedere è necessario selezionare il modello (Model ) e l'istanza
(Model Instance) relativa alla macchina che se non esiste è necessario creare come
spiegato al punto successivo.
5.3.1 Create model instance: creazione di una istanza
Per creare una nuova istanza fare clic sul tasto Create Model Instance e riempire la
maschera che appare con almeno due informazioni inerenti la macchina in esame.
Esplora 3D: creazione Model Instance
È vivamente consigliato specificare quanti più dati possibili per permettere veloci
identificazioni successive dei report.
42
Esplora3D
Diagnosi
5.3.2 Test selected instance: diagnostica
Per iniziare la fase di test cliccare sul tasto Test Selected Instance. Una nuova finestra
appare e all'interno di questa viene riportata l'immagine di una macchina come quella in
prova. Si noti che viene anche evidenziata la zona interessata alla prova all'interno di
rettangolo rosso tracciato sull'immagine. I tasti Next e Prev permettono di visionare
ulteriori immagini se presenti.
Esplora 3D: istruzioni all'operatore
Individuata la zona di posizionamento del sensore per procedere alla esecuzione dei test
fare clic sul tasto Execute All Tests. Un'altra finestra viene visualizzata e in essa
vengono riportate le informazioni per l'operatore ed una immagine che ha lo scopo di
fornire all'utente altre informazioni. Nella parte superiore della finestra vengo inoltre
riportati l'identificativo della macchina ed il nome del test in fase di preparazione. Una
volta cliccato sul tasto Next, il programma ci chiede di individuare il dispositivo di
acquisizione da impiegare nella misura nel caso si abbiano più dispositivi connessi.
Esplora 3D: Test
Fast
FastTracer
Tracer Manuale Utente 43
Esplora 3D
Diagnosi
Si noti che la durata del test è stata pianificata da chi ha preparato il modello di test e
pertanto l'operatore non ha controllo sulla durata temporale dell'acquisizione
Esplora 3D: esito del test
Quando il test è ultimato il programma fornisce l'esito del test nel riquadro sotto la
Graphics area e nel caso di fallimento ripropone il messaggio inserito nel database
suggerendo la relativa azione da intraprendere. Alla fine del test l'operatore può
scegliere di compilare un report e di salvarlo sul disco. Il programma poi continua a far
eseguire tutti i test presenti all'interno dell'archivio relativo alla macchina.
5.4 Browse model instance: consultare i report
Il tasto Browse Model Instance Tests Report permette all'utente di consultare i risultati
dei test che sono stati effettuati e salvati e quindi rappresenta un archivio virtuale delle
varie prove.
Esplora 3D: navigazione attraverso i report
44
Esplora3D
Diagnosi
5.5 Menu
La barra dei menu testuali di Esplora 3D è composta da tre menu a tendina che
consentono all'utente di compiere diverse azioni. Si riportano nella tabella di seguito i
menu con la relativa descrizione generale.
File
Import Model DB
Importa un archivio di prove
Exit
Consente di uscire dal programma
View
Show Device
Visualizza la device list
Fullscreen
Applicazione a tutto schermo
Help
About
Informazioni su FastTracer
Fast
FastTracer
Tracer Manuale Utente 45
Comunicazione Wi-Fi
L'interfaccia Wireless FastWI
Dispositivo di comunicazione Wireless FastWI
Il FastWI è l'interfaccia di comunicazione Wi-Fi (abbreviazione di Wireless Fidelity)
adatta ad essere utilizzata con il dispositivo di analisi delle vibrazioni triassiale
FastTracer. Nella seguente sezione del manuale vengono presentate le principali
caratteristiche del dispositivo FastWI e la sua corretta configurazione.
La procedura di installazione va effettuata una sola volta su ogni computer con cui si
intenda comunicare tramite WIFI con il FastTracer.
In caso vengano perse le impostazioni di rete e/o si voglia ripristinare il FastWI allo
stato di default, il dispositivo è predisposto con un tasto di RESET sul retro che se
premuto per 7 secondi riporta il FastWI allo stato iniziale di configurazione per il quale
diventa nuovamente necessaria la procedura qui descritta.
6 .1 Contenuto della confezione
La confezione del FastWI contiene:
– 1 dispositivo FastWI
– 1 cavetto di alimentazione M5 della lunghezza di 2 metri
– 1 Alimentatore Universale
– 1 Connettore a vite di adattamento tra il cavetto di alimentazione e l'alimentatore
– 1 Antenna FastWI
– 1 CD Software di configurazione LANTRONIX WiPORT
– Scheda Tecnica e Installazione
46
Comunicazione Wi-Fi
L'interfaccia Wireless FastWI
6.2 Installazione
Per il primo avvio del dispositivo seguire i seguenti passi:
1. Connettere il sensore FastTracer al FastWI, prestando attenzione al corretto
serraggio del connettore al dispositivo.
2. Avvitare l'antenna all'apposito connettore SMA sul FastWI.
3. Cablare il cavo di alimentazione nella macchina a una tensione continua
compresa tra 12 e 30 Volt. In caso di installazione provvisoria può anche essere
utilizzato (mediante l'apposito connettore a vite) l'alimentatore in dotazione.
Si ricorda di rispettare la corrispondenza dei colori dei capicorda al fine di
garantire la corretta alimentazione. Il positivo è identificato dal capicorda di
colore rosso (il negativo dal nero).
4. Inserire il CD in dotazione ed installare il software Lantronix Device Installer
(disponibile anche sul CD FTAnalyzer e sul sito internet Lantronix
http://www.lantronix.com/ )
5. Quando l'istallazione è conclusa, ricercare tra le reti wireless disponibili
dall'elenco fornito da Windows, quella del FastWI e connettersi.
6. Avviare il programma Lantronix Device Installer. Premere il pulsante “Search”
in alto a sinistra ed attendere che il dispositivo venga individuato.
Fig. : Search for devices on the net
7. Quando il FastWI viene riconosciuto sulla parte destra della finestra appare il
relativo simbolo con un breve sommario dei dati del dispositivo. Tra questi dati
vi è l'identificativo indirizzo IP.
8. Aprire la finestra del vostro browser e digitare nella barra degli indirizzi l'IP del
dispositivo. Verrà aperta una finestra di login, alla quale dovrete lasciare in
bianco tutto e cliccare su “Accedi”.
9. Viene presentata l'interfaccia web per la configurazione del dispositivo. Una
volta impostati i parametri relativi alla vostra rete sotto la voce “Network del
menu a sinistra” accedete dallo stesso menu alla voce “Server”.
Fast
FastTracer
Tracer Manuale Utente 47
Comunicazione Wi-Fi
L'interfaccia Wireless FastWI
10. La voce “CPU performance mode” deve essere impostata su “high”. Sempre dal
menu a sinistra accedere alla sezione “channel 2”->”Serial Settings”. La
configurazione corretta è la seguente:
•
Protocol: RS422/RS485 – 4 WIRE
•
Baudrate: 921600
•
Data Bits: 8
•
Flow Control: NONE
•
Parity: NONE
•
Stop Bits: 1
Lasciare invariati tutti i restanti parametri. Si ricorda che se la modifica delle
impostazioni Wireless del dispositivo prevedesse la modifica della rete di lavoro
potrebbe risultare necessario connettersi alla nuova rete per la nuova individuazione del
dispositivo e per il corretto utilizzo del software in dotazione.
Applicare le modifiche. Il dispositivo ora è pronto per essere utilizzato con il software
FT Analyzer in dotazione.
48
Comunicazione Wi-Fi
L'interfaccia Wireless FastWI
I n t e r f a c c i a Wi - F i : s p e c i f i c h e t e c n i c h e
L'interfaccia WiFi consente di connettere un dispositivo di acquisizione FastTracer ad un PC attraverso
una rete WLAN, sia in modalità punto a punto oppure attraverso le infrastrutture configurate a tale
scopo.
Caratteristiche principali
•
Accesso remoto al devices
•
Interfaccia industriale standard 802.11b/g
•
Non è necessario alcun software aggiuntivo
•
FastTracer pronto alla connessione
•
Connessioni Wireless sicure secondo IEEE 802.11-PSK, WPA-PSK, TKIP
•
Piccole dimensioni e basso consumo energetico
Caratteristiche meccaniche e dimensioni (approx)
•
L=100 mm
•
W=50 mm
•
H=20 mm
•
Peso= 150 g
•
Fissaggio semplice grazie ai piedini magnetici
Interfacce di rete
•
802.11b/g WLAN
•
Connettore: Antenna (RP-SMA)
•
Standards: WPA, WEP, ARP, UDP/IP, TCP/IP, ICMP, SNMP,AutoIP, DHCP,TFTP, Telnet and
HTTP
Interfaccia Seriale
Sicurezza
•
Connettore: Waterproof LF07
•
IEEE 802.11b/g – PSK Encryption
•
RS422 Serial Protocol
•
WPA – PSK
•
Data Rate: 921600 bit/s
•
TKIP Encryption
•
Characters: 8 data bits
•
64/128 bit WEP
•
No parity
•
1 Stop Bits
Parametri ambientali (stima)
•
Range operativo di temperatura : -40 to 70 ° C
•
Umidità: 0 to 95%, senza condensa
•
Storage temperature range: -40 to 85 ° C
Caratteristiche elettriche
•
Largo range di input : 12 - 30 VDC
Conformità
•
Ambienti industriali: CEI UNI EN
61000-6-2, CEI UNI EN 61000-6-4
•
Protezione IP40
Fast
FastTracer
Tracer Manuale Utente 49
Indice analitico
Action Toolbar (FTAnalyzer)..........................................................................................15
Add Measure (FTEditor).................................................................................................36
Add Test (FTEditor)........................................................................................................35
Analizzatore di spettro.....................................................................................................11
Autodiagnosi......................................................................................................................2
Avviare FTAnalyzer...................................................................................................10, 34
Avvio (Esplora 3D).........................................................................................................40
Avvio (FTEditor).............................................................................................................34
Axes...........................................................................................................................17, 23
Axes & Modules..............................................................................................................17
Browse model instance....................................................................................................44
Calibrazione.......................................................................................................................2
Caratteristiche tecniche (FastTracer) ................................................................................2
Caratteristiche tecniche (FastWI - WiFi).........................................................................49
Convenzioni.......................................................................................................................8
Create Model Instance.....................................................................................................42
Create New Model (FTEditor)........................................................................................35
Cursori ............................................................................................................................19
Dati esportati (Foglio di calcolo )....................................................................................30
Device..............................................................................................................................12
Devices list......................................................................................................................12
Dispositivo di misura.........................................................................................................2
Dispositivo virtuale..........................................................................................................25
Driver.................................................................................................................................6
Execute All Tests.............................................................................................................43
Export Database to File (FTEditor).................................................................................38
Export to spreadsheet.......................................................................................................29
Export to text file.............................................................................................................27
Extract to file from cursor...............................................................................................27
FFT Acceleration (FTAnalyzer).......................................................................................19
FFT Displacement (FTAnalyzer).....................................................................................20
FFT points........................................................................................................................20
FFT Velocity (FTAnalyzer)..............................................................................................20
File Device...........................................................................................9, 12, 13, 15, 24-27
File Device ......................................................................................................................12
Filosofia di impiego...........................................................................................................4
Filtri (FTAnalyzer)...........................................................................................................19
Fissaggio............................................................................................................................7
Fondo scala........................................................................................................................3
Frequency: misure nel dominio della frequenza..............................................................19
Frequenza.........................................................2, 3, 8, 9, 11, 14, 17, 19-21, 23, 28, 30, 38
Frequenza o del tempo (dominio)....................................................................................37
FTAnalyzer......................................................................................................................13
FTAnalyzer: Devices List................................................................................................12
FastWI.............................................................................................................................46
Graphics area................................................................................10-13, 18, 20, 23, 25-27
Import Model DB (Esplora 3D)......................................................................................41
Installazione di Esplora 3D................................................................................................6
Installazione di FTAnalyzer...............................................................................................5
50
Interfaccia di FTAnalyzer................................................................................................10
Licenza...............................................................................................................................6
Livelli di diagnosi..............................................................................................................3
Measure settings (FTEditor)............................................................................................37
Measure simulate (FTEditor).....................................................................................37, 38
Menu (Esplora 3D).........................................................................................................45
Menu (FTAnalyzer).........................................................................................................13
Model DB........................................................................................................................34
Model DB (Esplora 3D)..................................................................................................40
Model Instance (Esplora 3D)...........................................................................................40
New View............................................................................................................13, 16, 26
Numero massimo...........................................................................................................7, 8
Oscilloscopio.............................................................................................................11, 17
Percorsi di diagnostica ....................................................................................................33
Perspective.......................................................................................................................32
Posizionamento e fissaggio del sensore.............................................................................6
Protezione..........................................................................................................................2
Refresh Device List.........................................................................................................12
Registrazione (salvare misure)........................................................................................25
Remove file device..........................................................................................................27
Requisiti di sistema............................................................................................................5
Rms..................................................................................................................9, 17, 18, 37
Sample rate....................................................................................................................3, 8
Scala (dB - Lineare).........................................................................................................23
Settaggi (FTAnalyzer).....................................................................................................13
Sfondo dei grafici............................................................................................................14
Terna di riferimento...........................................................................................................3
Test Model Instance (Esplora 3D)..................................................................................41
Test selected instance.......................................................................................................43
Thresholds (FTEditor)...............................................................................................37, 38
Time: misure nel dominio del tempo...............................................................................17
Toolbar (FTAnalyzer)......................................................................................................14
Tracce (selezione) dominio della frequenza....................................................................21
Traccia ( selezione) dominio del tempo).........................................................................19
Trigger Toolbar (FTAnalyzer).........................................................................................14
Triggered............................................................................................................................9
TRIGGERED (modalità).................................................................................................23
View Type........................................................................................................................17
Virtual device...................................................................................................................25
Wi-Fi ..........................................................................................................................46,47
Fast
FastTracer
Tracer Manuale Utente 51
Bibliografia:
1. - Analysis I - "How to implement an effective condition monitoring
program using vibration analysis " - Technical Associates of Charlotte, P.C.
2. - Analysis II - "Concentrated vibration signature analysis and related
condition monitoring techniques" - Technical Associates of Charlotte, P.C.
3. - "An introduction to random vibration, spectral & wavelet analysis" Shock
and Vibration Handbook - Cyril M. Harris
4. - ISO 10816-1: 2010 Mechanical vibration -- Evaluation of machine
vibration by measurements on non-rotating parts -- Part 1: General
guidelines
52
Note
Fast
FastTracer
Tracer Manuale Utente 53
Sequoia IT s.r.l
via Einaudi, 25
10024 Moncalieri - TO - Italy
info@sequoia.it
www.sequoia.it
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertising