IT-SmartDrive COMPACT Manuale Utente - inverter

IT-SmartDrive COMPACT Manuale Utente - inverter
Ho
Honeywell
Manuale Utente Completo
SmartDrive Compact
Inverter SmartDrive compatti
a coppia fissa e variabile
e velocita variabile
per motori a induzione
Le informazioni contenute nel presente catalogo possono subire variazoni senza prevavviso
Honeywell
1
User’s Manual
Index
1. SICUREZZA ......................................................................................... 4
1.1 Avvertenze ...........................................................................................4
1.2 Istruzioni relative alla sicurezza ........................................................... 6
1.3 Messa a terra e protezione dai guasti di terra...................................... 6
1.4 Prima di avviare il motore .................................................................... 7
2. RICEVIMENTO DEL MATERIALE ...................................................... 8
2.1 Codice di identificazione ......................................................................8
2.2 Stoccaggio ...........................................................................................8
2.3 Manutenzione ...................................................................................... 9
2.4 Garanzia ..............................................................................................9
3. INSTALLAZIONE............................................................................... 10
3.1 Installazione meccanica .....................................................................10
3.1.1 Dimensioni SmartDrive Compact ........................................... 11
3.1.2 Raffreddamento ......................................................................11
3.1.3 Livelli EMC .............................................................................. 12
3.1.4 Cambio della classe di protezione EMC da H a T................... 13
3.2 Cablaggio e collegamenti................................................................... 14
3.2.1 Collegamenti di potenza.......................................................... 14
3.2.2 Collegamenti di controllo......................................................... 15
3.2.3 Dimensioni dei cavi e dei fusibili ............................................. 17
3.2.4 Istruzioni generali per il cablaggio........................................... 18
3.2.5 Lunghezza di spelatura dei cavi motore e di rete.................... 19
3.2.6 Installazione dei cavi e normative UL...................................... 19
3.2.7 Controllo dell'isolamento dei cavi e del motore ....................... 19
4. MESSA IN SERVIZIO ........................................................................ 21
4.1 Istruzioni per la messa in servizio di SmartDrive Compact ................ 21
5. INDIVIDUAZIONE GUASTI................................................................ 23
6. SMARTDRIVE COMPACT COLLEGAMENTI DEI COMANDI.......... 26
6.1 Introduzione ....................................................................................... 26
6.2 I/O di Controllo ................................................................................... 28
7. PANNELLO DI CONTROLLO ........................................................... 29
7.1 Generalità ..........................................................................................29
7.2 Il Display ............................................................................................29
7.3 La tastiera ..........................................................................................30
7.4 Consultazione del pannello di controllo di SmartDrive Compact .......31
7.4.1 Menù Principale ......................................................................31
2
Honeywell
7.4.2 Menù Riferimento.................................................................... 32
7.4.3 Menù Monitor .......................................................................... 32
7.4.4 Menù Parametri ...................................................................... 34
7.4.5 Menù Memoria Guasti............................................................. 35
8. PARAMETRI.......................................................................................36
8.1 Parametri Avvio Rapido (Menù Virtuale, con il par. 13.1 =1) ........... 37
8.2 Impostazioni motore (Pannello di controllo: Menù PAR -> P1).......... 39
8.3 Impostazioni Marcia/Arresto (Pannello di controllo: Menù PAR -> P2)
........................................................................................................... 40
8.4 Riferimenti di frequenza (Pannello di controllo: Menù PAR -> P3) .... 40
8.5 Rampe e impostazioni frenatura (Pannello di controllo: Menù PAR ->
P4) ..................................................................................................... 41
8.6 Ingressi digitali (Pannello di controllo: Menù PAR -> P5) .................. 42
8.7 Ingressi analogici (Pannello di controllo: Menù PAR -> P6) .............. 43
8.8 Uscite analogiche e digitali (Pannello di controllo: Menù PAR -> P7) 44
8.9 Protezioni (Pannello di controllo: Menù PAR -> P9) .......................... 45
8.10 Parametri riavviamento automatico (Pannello di controllo: Menù PAR
-> P10)............................................................................................... 46
8.11 Parametri regolatorePI (Pannello di controllo: Menù PAR -> P12).. 46
8.12 Menù Easy (Pannello di controllo: Menù PAR -> P0) ..................... 47
8.13 Parametri di sistema ........................................................................ 48
9. DESCRIZIONE PARAMETRI .............................................................50
9.1 Impostazioni motore (Pannello di controllo: Menù PAR -> P1).......... 50
9.2 Impostazioni Marcia/Arresto (Pannello di controllo: Menù PAR -> P2) .
........................................................................................................... 53
9.3 Riferimenti di Frequenza (Pannello di controllo: Menù PAR -> P3) ... 57
9.4 Rampe & impostazioni frenatura (Pannello di controllo: Menù PAR >P4) ................................................................................................... 58
9.5 Ingressi digitali (Pannello di controllo: Menù PAR -> P5) .................. 62
9.6 Ingressi analogici (Pannello di controllo: Menù PAR -> P6) .............. 63
9.7 Uscite analogiche e digitali (Pannello di controllo: Menù PAR -> P7) 64
9.8 Protezione termica del motore (parametri 9.7 - 9.10) ........................ 64
9.9 Parametri riavviamento automatico (Pannello di controllo: Menù
PAR -> P10) ...................................................................................... 67
9.10 parametri regolatore PI (Pannello di controllo: Menù PAR -> P12) . 68
9.11 Menù Easy (Pannello di controllo: Menù PAR -> P9) ...................... 69
9.12 Parametri bus di campo (Pannello di controllo: Menù PAR -> S2) .. 70
9.12.1 Canali di processo Modbus................................................... 71
10. DATI TECNICI ..................................................................................74
10.1 SmartDrive Compact - Dati Tecnici.................................................. 74
10.2 Valori nominali di potenza................................................................ 76
Honeywell
3
10.2.1 SmartDrive Compact - Tensione di alimentazione 208 - 240 V
..............................................................................................76
10.2.2 SmartDrive Compact - Tensione di alimentazione 380 - 480 V
..............................................................................................77
1
4
Sicurezza
Honeywell
1. SICUREZZA
L'INSTALLAZIONE ELETTRICA DEVE ESSERE EFFETTUATA
UNICAMENTE DA PERSONALE SPECIALIZZATO!
Questo manuale contiene chiaramente indicate le precauzioni e le avvertenze che
sono destinate per la vostra sicurezza personale e per evitare qualsiasi danno accidentale al prodotto o ad apparecchiature ad esso collegate.
Si prega di leggere con attenzione le informazioni contenute nelle avvertenze
e precauzioni:
= Tensione pericolosa
Rischio di morte o gravi danni
= Allarme generico
Rischio di danni al prodotto o alle apparecchiature connesse
1.1 AVVERTENZE
1
I componenti dell'unità di potenza dell'inverter sono sotto tensione
quando il SmartDrive Compact è collegato alla tensione di rete.
Entrare in contatto con tale tensione è estremamente pericoloso e
può causare la morte o gravi danni. L'unità di controllo è isolata dal
potenziale di rete.
2
Quando il SmartDrive Compact è collegato alla rete, i morsetti del
motore U, V, W, i morsetti + e - del resistore di frenatura e quello del
circuito intermedio in CC sono sotto tensione, anche se il motore non
è in marcia.
3
I morsetti I/O di controllo sono isolati dal potenziale di rete. Tuttavia,
le uscite relè ed altri morsetti I/O possono presentare una tensione di
comando pericolosa anche quando il SmartDrive Compact non è
collegato alla rete.
4
La corrente di dispersione verso terra del SmartDrive Compact è
superiore a 3,5mA AC. In conformità alla norma EN61800-5-1, è
necessario utilizzare un collegamento di terra rinforzato.
5
Se SmartDrive Compact viene scollegato dalla rete con il motore in
marcia, esso rimane alimentato se il motore viene tenuto energizzato
dal processo. In questo caso il motore opera da generatore e
restituisce energia all'inverter.
Sicurezza
Honeywell
5
6
Dopo aver scollegato l'inverter dalla rete, attendere l'arresto del
ventilatore e lo spegnimento degli indicatori sul pannello di comando
(se tale pannello non è presente, controllare gli indicatori sul
coperchio). Attendere altri 5 minuti prima di eseguire qualsiasi
operazione ai morsetti del connessioni per l’alimentazione.
7
Il motore può ripartire automaticamente dopo una situazione di
guasto se la funzione di riavviamento automatico è stata attivata.
1
1
6
Sicurezza
Honeywell
1.2 ISTRUZIONI RELATIVE ALLA SICUREZZA
1
L'inverter SmartDrive
installazioni fisse.
2
Non eseguire alcuna procedura di misurazione quando l'inverter è
collegato alla rete.
3
Non eseguire alcuna prova di isolamento della tensione su nessuna
componente del SmartDrive Compact. Il prodotto è stato
completamente testato in sicurezza presso la fabbrica.
4
Prima di effettuare misurazioni sul motore o sul cavo motore,
scollegare il cavo motore dall'inverter.
5
Non aprire il coperchio del SmartDrive Compact. Scariche di tensione
statica potrebbero danneggiare i componenti. L'apertura del coperchi
può causare il danneggiamento dell'unità. Se viene aperto il
coperchio del SmartDrive Compact le condizioni di garanzia
decadono.
Compact
è
destinato
unicamente
ad
1.3 MESSA A TERRA E PROTEZIONE DAI GUASTI DI TERRA
L'inverter SmartDrive Compact deve essere sempre connesso a terra mediante un
conduttore di terra collegato al morsetto di terra. Si veda la figura qui sotto:
•
La protezione dai guasti di terra all'interno dell'inverter protegge
unicamente l'unità stessa contro i guasti di terra.
•
Se vengono utilizzati degli interruttori di protezione contro le correnti di guasto, essi devono essere testati con correnti di guasto
verso terra raggiungibili nelle possibili condizioni di guasto.
Honeywell
Sicurezza
1.4 PRIMA DI AVVIARE IL MOTORE
Checklist:
Prima di procedere all'avviamento, controllare che il motore sia
stato opportunamente montato e assicurarsi che la macchina
ad esso collegata ne consenta la messa in moto.
La velocità massima del motore (frequenza) deve essere
configurata in funzione del motore e della macchina ad
esso collegata.
Prima di invertire la direzione di rotazione dell'albero motore,
assicurarsi che tale operazione possa essere eseguita senza
alcun rischio.
Assicurarsi che nessun condensatore di rifasamento sia
collegato al cavo motore.
7
1
8
Ricevimento Del Materiale
Honeywell
2. RICEVIMENTO DEL MATERIALE
Dopo aver disimballato il prodotto, verificare tuttavia che l'unità non presenti danni
dovuti al trasporto e che la fornitura sia completa (confrontare il codice di identificazione del prodotto con il codice sotto riportato).
Nel caso in cui l'azionamento abbia subito dei danni durante la spedizione, si prega
di contattare anzitutto la compagnia che ha provveduto all'assicurazione del carico o
lo spedizioniere.
Nel caso in cui la fornitura non corrisponda al proprio ordine, rivolgersi immediatamente al fornitore.
2.1
CODICE DI IDENTIFICAZIONE
Figura 2.1: Codice di identificazione di SmartDrive Compact
2.2
STOCCAGGIO
Nel caso in cui l'inverter debba essere tenuto in magazzino prima della messa in funzione, assicurarsi che l'ambiente sia idoneo a tale scopo:
Temperatura di stoccaggio -40…+70 C.
Umidità relativa <95%, nessuna condensa.
2
Honeywell
2.3
Ricevimento Del Materiale
9
MANUTENZIONE
In condizioni normali, gli inverter SmartDrive Compact non necessitano di alcun intervento di manutenzione.
2.4
GARANZIA
Il periodo di garanzia del Honeywell Ë di 30 mesi a decorrere dalla data di consegna
oppure di 24 mesi dalla data di messa in servizio, a seconda di quale delle due condizioni si verifichi prima. (Condizioni Generali NL92/Orgalime S92).
2
3
10
Installazione
Honeywell
3. INSTALLAZIONE
3.1
INSTALLAZIONE MECCANICA
E' possibile installare a parete SmartDrive Compact in due modi diversi: o con viti o
su guida DIN. Le dimensioni di montaggio sono riportate sul retro dell'inverter e sulla
pagina che segue.
Figura 3.1: Fissagio con le viti
Figura 3.2: Montaggio su guida DIN
Installazione
Honeywell
11
3.1.1 Dimensioni SmartDrive Compact
W2
D2
W3
H1
H2
H3
D1
W1
Figura 3.3: Dimensioni di SmartDrive Compact, MI1-MI3
Tipo
H1
H2
H3
W1
W2
W3
D1
D2
MI1
156,5
147
137,3
65,5
37,8
4,5
98,5
7
MI2
195
183
170
90
62,5
5,5
101,5
7
MI3
262,5
252,3
241,3
100
75
5,5
108,5
7
Tabella 3.1: Dimensioni in millimetri di SmartDrive Compact
3.1.2 Raffreddamento
Tutti gli inverter SmartDrive Compact sono dotati di ventilazione forzata per il
raffreddamento.
Occorre lasciare sufficiente spazio libero attorno all'inverter al fine di garantire una
corretta circolazione d'aria e raffreddamento. Nella tabella sotto riportata sono
indicate le dimensioni richieste per tale spazio libero:
3
3
12
Tipo
Installazione
Honeywell
Dimensioni (mm)
A
B
MI1
100
50
MI2
100
50
MI3
100
50
A
Tabella 3.2: Dimensioni richieste per il raffreddamento
Tipo
Quantità d’aria richiesta (m3/h)
MI1
10
MI2
10
MI3
30
B
Tabella 3.3: Aria richiesta per il raffreddamento
Nota! L’installazione fianco a fianco è consentita solo se la temperatura ambiente è
inferiore ai 40 gradi Celsius.
3.1.3 Livelli EMC
Categoria C1 (Honeywell EMC classe C): Gli inverter appartenenti a questa classe
sono conformi ai requisiti della categoria C1 dello standard EN 61800-3 (2004). La
categoria C1 garantisce le migliori caratteristiche EMC e include gli inverter la cui
tensione nominale è minore di 1000V e che sono destinati allíuso nel primo ambiente. Questa classe EMC è destinata alle aree particolarmente sensibili e in alcuni
casi può essere obbligatoria, ad esempio nelle installazioni per gli ospedali e le torri
di controllo degli aeroporti.
NOTA: In relazione alle emissioni condotte, i requisiti della classe C1 sono da considerarsi rispettati solo in presenza di un filtro EMC esterno.
Categoria C2 (Honeywell EMC classe H): Gli inverter compatti SmartDrive della
Honeywell sono conformi ai requisiti della categoria C2 dello standard EN 61800-3
(2004). La categoria C2 include gli inverter in installazioni fisse la cui tensione nominale sia minore di 1000V. Gli inverter della classe H possono essere utilizzati sia nel
primo che nel secondo ambiente. Questa categoria soddisfa i requisiti delle normali
installazioni in edifici.
Reti IT (Honeywell EMC classe T): Gli inverter appartenenti a questa classe soddisfano i requisiti dello standard EN 61800-3 (2004) se destinati all’ uso nei sistemi
IT. Nei sistemi IT, le reti sono isolate dalla terra o collegate alla terra tramite un’ íimpedenza elevata per ottenere una bassa corrente di dispersione. NOTA: se gli inverter vengono utilizzati con altri prodotti, perdono la conformità ai requisiti EMC. Gli
Honeywell
Installazione
13
inverter compatti SmartDrive possono essere facilmente configurati per i requisiti
della classe T. Questa classe è obbligatoria anche per le installazioni sulle navi.
Definizione degli ambienti nella norma di prodotto EN 61800-3 (2004)
1° ambiente: Questo tipo di ambiente include innanzitutto gli edifici adibiti ad abitazione. Include inoltre tutti gli edifici che sono collegati direttamente, senza trasformatori intermedi, ad una rete a bassa tensione che fornisce alimentazione agli immobili
ad uso residenziale.
NOTA: case, appartamenti, negozi o uffici all'interno di edifici residenziali sono esempi di luoghi che ricadono in questa tipologia di ambiente.
2° ambiente: Questo tipo di ambiente include tutti gli edifici che non sono collegati
ad una rete a bassa tensione che fornisce alimentazione agli immobili ad uso residenziale.
NOTA: Aree industriali, aree tecniche di qualsiasi edificio la cui alimentazione proviene da un trasformatore dedicato sono esempi di luoghi che ricadono in questa tipologia di ambiente.
3.1.4 Cambio della classe di protezione EMC da H a T
Il livello di protezione EMC di SmartDrive Compact può essere cambiato da classe
H a classe T togliendo il filtro EMC con la rimozione della vite, come mostrato
nelle figure seguenti.
Nota! Non si tenti di riportare il livello EMC alla classe H. Anche se la procedura appena illustrata è reversibile, l'inverter non soddisfa più i requisiti EMC delle classi H!
Gli inverter SmartDrive Compact sono suddivisi in cinque classi a seconda del livello
dei disturbi elettromagnetici emessi, dei requisiti della rete di alimentazione e
dell'ambiente di installazione(si veda più sotto). La classe EMC di ciascun prodotto
è definita dal corrispondente codice di identificazione.
3
3
14
Installazione
Honeywell
3.2 CABLAGGIO E COLLEGAMENTI
3.2.1 Collegamenti di potenza
Nota! La coppia di serraggio per i cavi di potenza è 0.5 - 0.6 Nm.
Figura 3.4: SmartDrive Compact collegamenti di potenza, MI1
Figura 3.5: SmartDrive Compact collegamenti di potenza, MI2 - MI3
Honeywell
Installazione
15
3.2.2 Collegamenti di controllo
Figura 3.6: Montare la piastra PE e il supporto per il cavo di controllo
3
3
16
Installazione
Honeywell
Figura 3.7: Aprire il coperchio
Figura 3.8: Installare i cavi di controllo. Si veda il capitolo 6.2
Installazione
Honeywell
17
3.2.3 Dimensioni dei cavi e dei fusibili
Utilizzare cavi con resistenza al calore pari ad almeno +70 C. I cavi e i fusibili devono
essere dimensionati in accordo con le tabelle sottostanti. La procedura di installazione dei cavi conforme alle normative UL è illustrata nel Capitolo 3.2.6.
I fusibili funzionano come una protezione contro il sovraccarico per i cavi.
Queste istruzioni si riferiscono unicamente ai casi in cui vi sia un solo motore e un
solo cavo di collegamento dall'inverter al motore. In tutti gli altri casi, rivolgersi al costruttore per ulteriori informazioni.
Livello H (C2)
Livello C (C1)
Cavo di alimentazione principale
Classe EMC
1
1
Cavo motore
3
3
Cavo di controllo
4
4
Tabella 3.4: Tipi di cavo richiesti per soddisfare le normative. I livelli EMC
sono descritti nel Capitolo 3.1.3.
Tipo cavo
Descrizione
1
Cavo di potenza adatto ad un'installazione fissa e alla specifica tensione di
rete. Non è richiesta la schermatura del cavo.
(Si consiglia un cavo NKCABLES/MCMK o simile)
2
Cavo di potenza dotato di conduttore di protezione concentrico, adatto alla
specifica tensione di rete.
(Si consiglia un cavo NKCABLES /MCMK o simile).
3
Cavo di Potenza dotato di schermatura compatta a bassa impedenza adatto
alla specifica tensione di rete.
(Si consiglia un cavo NKCABLES /MCCMK, SAB/…ZCUY-J o simile).
4
Cavo schermato dotato di schermatura compatta a bassa impedenza.
(Si consiglia un cavo NKCABLES /Jamak, SAB/…ZCuY-O o simile).
*per la conformità alle normative EMC, occorre che entrambe le estremità siano
provviste di messa a terra a 360º dello schermo
Tabella 3.5: Spesifiche dei cavi
Dimensione cavo morsetti
(min/max)
Taglia
Tipo
IN
[A]
Fus.
[A]
Cavo
di rete
Morsetto
Morsetto Morsetto
Morsett
di
Cu [mm2] principale di terra
o relè
[mm2]
[mm2]
controllo
[mm2]
[mm2]
MI1
P25-P75
1.7-3.7
10
2*1.5+1.5
1.5-4
1.5-4
0.5-1.5
MI2
1P1-1P5
4.8-7.0
20
2*2.5+2.5
1.5-4
1.5-4
0.5-1.5
0.5-1.5
0.5-1.5
MI3
2P2
9.6
32
2*6+6
1.5-6
1.5-6
0.5-1.5
0.5-1.5
Tabella 3.6: Dimensioni dei cavi e dei fusibili per SmartDrive Compact, 208 - 240V
3
3
18
Taglia
Installazione
Tipo
IN
[A]
Honeywell
Dimensione cavo morsetti (min/
max)
Cavo
Fus.
di rete
Morsetto
Morsetto Morsetto
Morsett
[A]
di
Cu [mm2] principale di terra
o relè
[mm2]
[mm2]
controllo
[mm2]
[mm2]
MI1
P37-1P1
1.9-3,3
6
3*1.5+1.5
1.5-4
1.5-4
0.5-1.5
0.5-1.5
MI2
1P5-2P2
4.3-5.6
10
3*1.5+1.5
1.5-4
1.5-4
0.5-1.5
0.5-1.5
MI3
3P0-5P5
7.6-12
20
3*2.5+2.5
1.5-6
1.5-6
0.5-1.5
0.5-1.5
Tabella 3.7: Dimensioni dei cavi e dei fusibili per SmartDrive Compact, 380 - 480V
3.2.4 Istruzioni generali per il cablaggio
1
Prima di iniziare l'installazione, assicurarsi che nessuna componente dell'inverter
sia in tensione.
2
Posare i cavi motore ad una sufficiente distanza dagli altri cavi:
• Evitare lunghi tragitti paralleli dei cavi motore con altri cavi.
• Nel caso in cui i cavi motore siano paralleli ad altri cavi, la distanza minima
tra i cavi motore e gli altri cavi deve essere di 0,3 m.
• Tale distanza vale anche tra i cavi motore e i cavi segnale di altri dispositivi.
• La lunghezza massima dei cavi motore è di 30 m.
• I cavi motore devono incrociare gli altri cavi con un angolo di 90°.
3
Si veda il Capitolo 3.2.7 nel caso in cui siano necessari dei controlli all'isolamento
dei cavi.
4
Collegare i cavi:
• I cavi motore e di rete devono essere spelati come indicato nella Figura 3.9.
• Collegare i cavi di rete, il motore e i cavi di commando ai rispettivi morsetti,
si vedano le Figura 3.4 - 3.8.
• Si vedano le coppie di serraggio dei cavi di Potenza e di controllo a pagina
14 e a pagina 16.
• Per informazioni relative all'installazione dei cavi conformemente alle
normative UL, si veda il Capitolo 3.2.6.
• Accertarsi che i cavi di controllo non entrino in contatto con i componenti
elettronici dell'unità.
• Nel caso venga utilizzata una resistenza di frenatura esterna(opzionale),
collegare il relativo cavo agli appositi morsetti.
• Controllare che il cavo di terra sia collegato al motore e al morsetto di
terra dell'inverter.
• Collegare la schermatura separata del cavo motore alla placca di terra
dell'inverter, del motore e del quadro generale.
Honeywell
Installazione
19
3.2.5 Lunghezza di spelatura dei cavi motore e di rete
Figura 3.9: Spelatura dei cavi
Nota! Spelare anche la guaina di plastica dei cavi per consentire la messa a terra a
360°. Si vedano le Figure 3.4, 3.5 e 3.8.
3.2.6 Installazione dei cavi e normative UL
Al fine di ottemperare alla normative UL (Underwriters Laboratories), occorre utilizzare un cavo di rame approvato UL avente una resistenza al calore minima pari a
+60/75 °C.
3.2.7 Controllo dell'isolamento dei cavi e del motore
Nel caso si sospettino dei guasti all'isolamento del motore o dei cavi, si possono eseguire i seguenti controlli.
1. Controllo dell’isolamento del cavo motore
Scollegare il cavo motore dai morsetti U/T1, V/T2 e W/T3 dell'inverter e dal motore.
Misurare l'impedenza d'isolamento del cavo motore tra ogni conduttore di fase e tra
ogni conduttore di fase e il conduttore di terra. L'impedenza d'isolamento deve essere >1MOhm.
2. Controllo dell’isolamento del cavo rete
Scollegare il cavo di rete dai morsetti L1, L2/N e L3 dell'inverter e dalla rete. Misurare
l'impedenza d'isolamento del cavo di rete tra ogni conduttore di fase e tra ogni conduttore di fase e il conduttore di terra. L'impedenza d'isolamento deve essere
>1MOhm.
3
3
20
Installazione
Honeywell
3. Controllo dell’isolamento del motore
Scollegare il cavo motore al motore e aprire I collegamenti nella scatola dei morsetti
del motore. Misurare l'impedenza d'isolamento tra ogni avvolgimento del motore. La
tensione di prova deve corrispondere almeno alla tensione nominale del motore ma
non deve superare i 1000V. L'impedenza d'isolamento deve essere >1MOhm.
Honeywell
Messa In Servizio
21
4. MESSA IN SERVIZIO
Prima della messa in servizio, leggere le avvertenze e le istruzioni riportate nel
Capitolo 1!
4.1 ISTRUZIONI PER LA MESSA IN SERVIZIO DI SMARTDRIVE COMPACT
1
2
Leggere e osservare attentamente le istruzioni relative alla sicurezza riportate più
sopra e nel Capitolo 1.
Dopo l'installazione, assicurarsi che:
• sia l'inverter che il motore siano collegati a terra.
• i cavi di allacciamento alla rete elettrica e al motore siano conformi ai
requisiti illustrati nel Capitolo 3.2.3.
• i cavi comando siano posizionati il più lontano possibile dai cavi potenza (si
veda il Capitolo 3.2.4, punto 2) e che le schermature dei cavi siano
collegati alla protezione di terra.
3
Verificare la qualità e la quantità dell'aria di raffreddamento (Capitolo 3.1.2)
4
Verificare che tutti gli interruttori Start/Stop collegati ai morsetti I/O siano su Stop.
5
Collegare l'inverter alla rete elettrica.
Eseguire la procedura guidata di avvio (questa procedura è illustrata in dettaglio
nel Capitolo 9.11)
1. Attivare la procedura guidata tenendo premuto il pulsante di Arresto per 5
secondi
2. Mettere a punto la velocità nominale del motore
3. Mettere a punto la corrente nominale del motore
4. Selezionare la modalità (0= base, 1= Ventola, 2 = Pompa, 3 = Nastro)
Se invece l'impostazione viene effettuata manualmente, impostare i parametri del
gruppo 1 in base ai requisiti della propria applicazione. Occorre impostare almeno
i seguenti parametri:
6
• tensione nominale del motore (par. 1.1)
• frequenza nominale del motore (par. 1.2)
• velocità nominale del motore (par. 1.3)
• corrente nominale del motore (par. 1.4)
I valori relativi ai parametri sono indicati sulla targa con i dati caratteristici del
motore.
4
22
4
Messa In Servizio
Honeywell
7
Eseguire il test di avvio senza motore. Effettuare il test A o il test B.
A) Controllo dai morsetti I/O:
• Portare l'interruttore Start/Stop su ON.
• Cambiare il riferimento di frequenza(potenziometro).
• Verificare nel Menù Monitor che il valore della frequenza di uscita cambi in
funzione della variazione del riferimento di frequenza.
• Portare l'interruttore Start/Stop su OFF.
B) Controllo da Pannello:
• Passare al controllo da tastiera tenendo premuto per 5 secondi il selettore
rotante. Si può anche selezionare la tastiera come postazione di controllo
tramite il par. 2.1.
• Premere il Tasto Start sul Pannello
• Verificare nel Menù Monitor che il valore della frequenza di uscita cambi in
funzione della variazione del riferimento di frequenza.
• Premere il Tasto Stop sul Pannello
8
Effettuare i test di avvio senza che il motore sia collegato alla macchina. Se ciò
non fosse possibile, prima di procedere ai test, verificare che gli stessi possano
essere eseguiti senza alcun rischio. Avvertire tutto il personale interessato
dell'inizio dei test.
• Escludere l'alimentazione e attendere che l'azionamento sia spento.
• Collegare il cavo motore al motore e ai morsetti del cavo motore
sull'inverter.
• Verificare che tutti gli interruttori Start/Stop siano su Stop.
• Collegare la rete elettrica di alimentazione.
• Ripetere il test 7A o il test 7B.
9
Collegare il motore alla macchina(nel caso in cui il test di avvio sia stato effettuato
con motore non collegato)
• Prima di eseguire i test, verificare che gli stessi possano essere eseguiti
senza alcun rischio.
• Avvertire tutto il personale interessato dell'inizio dei test.
• Ripetere il test 7A o il test 7B.
Honeywell
Individuazione Guasti
23
5. INDIVIDUAZIONE GUASTI
Quando viene rilevato un guasto dall'elettronica di controllo dell'inverter, l'azionamento viene arrestato e sul display compaiono il simbolo F con il numero ordinale
del guasto e il codice del guasto nel seguente formato, ad esempio:
Il guasto può essere ripristinato premendo il pulsante di Stop sul pannello di controllo
oppure attraverso i morsetti I/O o via bus di campo. I guasti vengono memorizzati nel
Menù Memoria Guasti che si potrà scorrere. La tabella di seguito riportata indica i
diversi codici di guasto, le loro cause e le azioni correttive.
Cod.
Guasto
Guasto
Causa possibile
Rimedi
Sovraccorrente
L'inverter ha rilevato una
corrente troppo elevata (>4*IN)
nel cavo motore:
• improvviso forte aumento
del carico.
• corto circuito nei cavi
motore.
• motore inadeguato.
Sovratensione
La tensione del circuito
intermedio a CC ha superato i
limiti interni di sicurezza.
Aumentare il tempo di
• Il tempo di decelerazione è
decelerazione(P.4.3).
troppo breve.
• Alti picchi di sovratensione
alla rete di alimentazione.
3
Guasto di terra
Il circuito di misura della
corrente ha rilevato un eccesso
Controllare i cavi del motore e il
di corrente di perdita all'avvio:
motore.
• Guasto all'isolamento dei
cavi o al motore.
8
Guasto di sistema
1
2
Tabella 5.1: Codici di guasto
• Guasto a un componente.
• Funzionamento difettoso.
Controllare il carico.
Controllare il motore.
Controllare i cavi.
Resettare il guasto e riavviare.
Se il guasto si ripresenta,
contattare assitenza tecnica.
5
5
24
Cod.
Guasto
Individuazione Guasti
Causa possibile
Rimedi
Sottotensione
La tensione del circuito
intermedio a CC è al di sotto dei
limiti di tensione interni di
sicurezza:
• Causa più probabile:
tensione di alimentazione
insufficiente.
• Guasto interno all'inverter.
• Interruzioni
dell'alimentazione.
In caso di interruzione
momentanea dell'alimentazione,
resettare il guasto e riavviare
l'inverter. Controllare la tensione
di alimentazione. Se è corretta,
si è verificato un guasto interno
contattare assitenza tecnica.
11
Supervisione fase
di uscita
La misurazione della corrente
Controllare il motore e i relativi
ha rilevato che non vi è corrente
cavi.
su una fase del motore.
13
Sottotemperatura
inverter
La temperature dell'IGBT è
inferiore ai -10 °C.
Controllare la temperatura
dell'ambiente.
14
Sovratemperatura
inverter
La temperatura dell'IGBT
supera i 120° C.
Scatta l'allarme di
sovratemperatura quando la
temperatura dell'IGBT supera i
110° C.
Controllare che la quantità e il
flusso dell'aria di raffreddamento siano regolari.
Controllare che non vi sia
polvere nel dissipatore di calore.
Controllare la temperatura
ambiente.
Assicurarsi che la frequenza di
commutazione non sia troppo
alta rispetto alla temperatura
ambiente e al carico del motore.
15
Stallo motore
E' scattata la protezione di
stallo motore.
Controllare il motore.
16
Sovratemperatura
motore
Il modello di temperatura
motore dell'inverter ha rilevato
un surriscaldamento del
motore. Il motore è in
sovraccarico.
Ridurre il carico del motore.
Se il motore non è in
sovraccarico, controllare
i parametri del modello
di temperatura.
17
La protezione contro il
Sottocarico motore sottocarico del motore ha
rilevato una situazione di carico
insufficiente.
22
Errore checksum
EEPROM
25
Guasto Watchdog
microprocessore
9
Guasto
Honeywell
Tabella 5.1: Codici di guasto
Recupero parametri fallito:
• Guasto a un componente.
• Funzionamento difettoso.
• Guasto a un componente.
• Funzionamento difettoso.
VENTOLA: verificare che la
cinghia non sia rotta.
POMPA: verificare che la pompa
non sia asciutta.
contattare assitenza tecnica.
Resettare il guasto e riavviare.
Se il guasto si ripresenta,
contattare assitenza tecnica.
Honeywell
Individuazione Guasti
25
Cod.
Guasto
Guasto
27
Protezione contro
back EMF
34
Errore di
comunicazione
bus interno
Interferenza ambientale o
difetto hardware.
Se il guasto si ripresenta,
contattare assitenza tecnica.
35
Guasto
applicazione
L'applicazione non funziona
correttamente.
contattare assitenza tecnica.
50
Ingresso analogico La corrente in corrispondenza
Iin < 4mA
dell'ingresso analogico è < 4mA Verificare l'integrità del circuito
• Cavo comandi danneggiato di corrente.
(gamma segnale
o allentato.
selezionata da 4 a
• Guasto sorgente segnale.
20 mA)
Causa possibile
Rimedi
•
Controllare la programmazione
e il dispositivo collegato
all'ingresso digitale che causa il
guasto esterno. Controllare
anche il corretto collegamento
del dispositivo.
51
Guasto esterno
Guasto determinato da un
ingresso digitale. Un ingresso
digitale è stato programmato
come guasto esterno e in
questo momento è attivo.
53
Guasto bus
di campo
Controllare l'installazione.
Il collegamento dati tra il Master
Se l'installazione è corretta,
del bus di campo e la scheda
contattare il distributore
del bus di campo è interrotto.
Honeywell più vicino.
57
Errore di
identificazione
Tabella 5.1: Codici di guasto
Identificazione non riuscita.
Il comando di marcia è stato
rimosso prima del
completamento
dell’identificazione. Il motore
non è collegato all’inverter. C’è
carico sull’albero motore.
5
26
Collegamenti Dei Comandi
Honeywell
6. SMARTDRIVE COMPACT COLLEGAMENTI DEI COMANDI
6.1 INTRODUZIONE
SmartDrive Compact ingressi e uscite di controllo:
I/O di controllo
6 Ingressi digitali
2 Ingressi analogici
1 Uscita analogica
1 Uscita digitale
2 Uscite relè
Interfaccia RS-485
Tabella 6.1: SmartDrive Compact I/O di controllo
Questa sezione fornisce una descrizione e le istruzioni relative ai segnali I/O.
La velocità di riferimento può essere selezionata dagli ingressi analogici, dal bus di
campo, dalle velocità preimpostate o dal pannello.
Proprietà di base:
•
Gli ingressi digitali DI1…DI6 sono programmabili a piacere.
L’utente pu assegnare uno stesso ingresso a molte funzioni
•
Le uscite digitali, relè e analogiche sono programmabili a piacere
Caratteristiche speciali:
•
•
•
•
•
•
•
•
6
Logica programmabile di Marci/Arresto e segnale di Inversione
Scalatura del riferimento
Funzioni di Marcia e Arresto programmabili
Frenatura in CC all'avvio e all'arresto
Curva V/f programmabile
Frequenza di commutazione programmabile
Riavviamento automatico dopo un guasto
Protezioni e supervisioni (tutte completamente programmabili; disabilitate, allarme, guasto):
• Guasto segnale di ingresso in corrente
• Guasto esterno
• Guasto di sottotensione
• Guasto di terra
Honeywell
Collegamenti Dei Comandi
27
• Protezione termica motore, stallo motore
e sottocarico
•
•
•
•
Comunicazione bus di campo
8 velocità preimpostate
Selezione escursione, scalatura e filtraggio dell'ingresso analogico
Regolatore PI
6
28
Collegamenti Dei Comandi
Honeywell
6.2 I/O DI CONTROLLO
Morsetto
mA
Segnale
Default
Descrizione
1
+10Vre
Uscita di tensione
per il riferimento
2
AI1
Ingresso
analogico 1
3
GND
Massa I/O
Terra per riferimento e controlli
6
24Vout
Uscita 24V per gli
ingressi digitali
± 20%, max. load 50 mA
7
GND
Massa I/O
8
DI1
Ingresso digitale 1
Carico massimo 10 mA
Rif. di frequenza P)
0 - +10 V Ri = 200 k (min)
Terra per riferimento e controlli
Marcia AvantiP)
0 - +30 V Ri = 12 k min
9
DI2
Ingresso digitale 2
Marcia IndietroP)
10
DI3
Ingresso digitale 3
Vel. preimp. B0 P)
A
A
RS485 segnale A
Com. Bus di Campo Modbus
B
B
RS485 segnale B
Com. Bus di Campo Modbus
4
AI2
Ingresso
analogico 2
Retroazione PI P)
0 - +30V Ri = 12 k  min
B0 attivo = Velocità preimpostata
1 (predefinita 10 Hz)
B0 e B1 = Velocità preimpostata 3
(predefinita 20 Hz)
0(4) - 20 mA, Ri = 200 
5
GND
Massa I/O
13
GND
Massa I/O
Terra per riferimento e controlli
14
DI4
Ingresso digitale 4
Vel. Preimp. B1P)
0 - +30V Ri = 12 k  min
B1 attivo = Velocità preimpostata
2 (predefinita 15 Hz)
B0 e B1 = Velocità preimpostata 3
(predefinita 20 Hz)
15
DI5
Ingresso digitale 5
Reset guasti P)
0 - +30 V Ri = 12 k  (min)
16
DI6
Ingresso digitale 6
Disabilita reg. PI P)
18
AO
Uscita analogica
Terra per riferimento e controlli
Frequenza di uscita 0(4) - 20 mA, RL = 500 
P)
20
DO
22
RO 13
23
RO 14
24
RO 22
25
RO 21
26
RO 24
Uscita digitale
Attivo = PRONTO P) Open collector, carico max. 48V/
50mA
Uscita relè 1 Attivo = MARCIA P)
Max. capacità di commutazione:
250Vac/2A or 250Vdc/0,4A
Uscita relè 2 Attivo = GUASTO P) Max. capacità di commutazione:
250Vac/2A or 250Vdc/0,4A
Tabella 6.2: Configurazione e connessioni I/O predefinite
P) = Funzione programmabile, liste parametri e descrizioni, capitolo 8 e 9
6
Honeywell
Panello Di Controllo
29
7. PANNELLO DI CONTROLLO
7.1 GENERALITÀ
Il pannello è integrato nell'inverter ed è composto dalla propria scheda applicativa e
da un'etichetta di copertura con le descrizioni dello stato dell'inverter e dei pulsanti.
Il pannello di controllo è costituito da un display LCD retroilluminato, da una tastiera
con un selettore rotante, un pulsante verde di START e un pulsante rosso di STOP
(Si veda la Figura 7.1).
7.2 IL DISPLAY
Il display visualizza oggetti a 14 o 7 segmenti, frecce indicatrici e simboli delle unità
di misura. Le frecce indicatrici, quando visibili, segnalano alcune informazioni sull'inverter che sono stampate sull'etichetta di copertura del pannello (si vedano i punti
1…14 nella Figura 7.1). Le indicazioni delle frecce sono raggruppate in 3 gruppi con
il significato e la descrizione in Inglese indicato come segue(Si veda la Figura 7.1):
Gruppo 1 - 5; Stato dell’inverter
1 = L'inverter è pronto
2 = L'inverter è in marcia
3 = L'inverter è in arresto
4 = Un allarme è stato attivato
5 = L'inverter si è arrestato per un guasto
(READY)
(RUN)
(STOP)
(ALARM)
(FAULT)
Gruppo 6 - 10; Indicazioni di controllo
6 = Il motore ruota in avanti
(FWD)
7 = Il motore ruota indietro
(REV)
8 = I morsetti I/O sono la postazione di controllo selezionata(I/O)
9 = Il Pannello è la postazione di controllo selezionata
(KEYPAD)
10 = L'inverter è controllato tramite un bus di campo
(BUS)
Gruppo 11 - 14; Esplorazione del menù principale
11 = Menù Riferimento da Pannello
12 = Menù Monitor
13 = Menù Parametri
14 = Menù Memoria Guasti
(REF)
(MON)
(PAR)
(FLT)
7
7
30
Pannello Di Controllo
Honeywell
Figura 7.1: Pannello di controllo Honeywell
7.3 LA TASTIERA
La sezione tastiera del pannello di controllo è costituita da un selettore rotante per la
navigazione nei menù e dai pulsanti di START e STOP.(Si veda la Figura 7.1). Il selettore rotante viene utilizzato per spostarsi all'interno dei vari menu nel display, ma
funziona anche come potenziometro di riferimento quando il Pannello viene selezionato come postazione di controllo dell'inverter. Il selettore rotante ha due distinte
funzioni:
- ruotando il selettore, ad es. per modificare il valore di un parametro (12 passi / giro)
- premendo il selettore, ad es. per confermare il nuovo valore.
La pressione del pulsante di STOP provoca sempre l'arresto dell'inverter qualsiasi
sia la postazione di controllo selezionata. L'inverter va in marcia premendo il pulsante di START solo se la postazione di controllo selezionata è il Pannello.
Honeywell
Panello Di Controllo
31
7.4 CONSULTAZIONE DEL PANNELLO DI CONTROLLO DI SMARTDRIVE
COMPACT
Questo capitolo fornisce le informazioni necessarie per la navigazione tra i menù di
SmartDrive Compact e per la modifica dei parametri.
7.4.1 Menù Principale
La struttura dei menù del software di controllo di SmartDrive Compact consiste di un
menu principale e di altri sottomenù. Di seguito viene illustrata la navigazione nel
menù principale:
Figura 7.2: Il Menù Principale di SmartDrive Compact
7
7
32
Pannello Di Controllo
Honeywell
7.4.2 Menù Riferimento
Figura 7.3: Menù Riferimento da Pannello
Ci si posizioni nel Menù Riferimento utilizzando il selettore rotante (Si veda la Figura
7.2). Il valore del riferimento può essere modificato utilizzando il selettore come mostrato in Figura 7.3. Il valore del riferimento segue la rotazione del selettore in modo
continuo (= senza la necessità di confermare il nuovo valore).
7.4.3 Menù Monitor
Figura 7.4: Menù Monitor
Honeywell
Panello Di Controllo
I valori monitor rappresentano i valori effettivi dei segnali misurati nonché degli stati e
delle impostazioni del controllo. Sono visibili nel display nell' e Ridotta. I valori monitor
sono elencati nella Tabella 7.1.
Premendo una volta il selettore rotante in questo menu l'utente entra nel livello successivo dove il valore monitorato è visibile(si veda la Figura 7.2). Si possono scorrere
i valori monitor ruotando in senso orario il selettore rotante come mostrato in Figura
7.4.
Codice
Unità
ID
M1.1
Frequenza d'uscita
Segnale Monitor
Hz
1
M1.2
Riferimento di frequenza
Hz
25
M1.3
Velocità motore
rpm
2
Velocità motore calcolata
M1.4
Corrente motore
A
3
Corrente misurata sul motore
M1.5
Coppia motore
%
4
Coppia motore calcolata in rapporto alla Coppia nominale
M1.6
Potenza motore
%
5
Potenza motore calcolata in rapporto alla Potenza nominale
M1.7
Tensione motore
V
6
Tensione motore
M1.8
Tensione DC bus
V
7
Tensione misurata sul DC bus
M1.9
Temperatura unità
C

8
Temperatura del dissipatore
di calore
M1.10
Temperatura motore
C

M1.11
Ingresso analogica 1
%
13
M1.12
Ingresso analogico 2
%
14
Valore ingresso analogico AI2
M1.13
Uscita analocica
%
26
AO1
M1.14
DI1, DI2, DI3
15
Lo stato degli ingressi digitali
M1.15
DI4, DI5, DI6
16
Lo stato degli ingressi digitali
M1.16
RO1, RO2, DO
17
Lo stato dei relè e dell’uscita
digitale
M1.17
Riferimento PI
20
In % del valore massimo del riferimento
M1.18
Retroazione PI
%
21
In % del valore massimo del misurato
M1.19
Errore PI
%
22
In % del valore massimo
dell’errore
M1.20
Uscita PI
%
23
In % del valore massimo del segnale di uscita
%
Descrizione
Frequenza di uscita al motore
Temperatura calcolata
del motore
Tabella 7.1: Valori Monitor di SmartDrive Compact
Valore ingresso analogico AI1
33
7
7
34
Pannello Di Controllo
Honeywell
7.4.4 Menù Parametri
Nel menù Parametri viene visualizzato di default solo il gruppo Avvio Rapido. Inserendo il valore appropriato nel parametro 13.1 è possibile visualizzare anche i gruppi
dei parametri avanzati. La lista dei parametri e la loro descrizione vengono mostrate
nei capitoli 8 e 9.
La seguente figura mostra il menu parametri:
Figura 7.5: Menù Parametri
Honeywell
Panello Di Controllo
35
7.4.5 Menù Memoria Guasti
Figura 7.6: Menù Memoria Guasti
Nel menù Memoria Guasti si possono scorrere gli ultimi 9 guasti intervenuti(si veda
la Figura 7.6). Se un guasto è attivo, il relativo codice di guasto si alterna con il Menù
principale nel display. Quando si scorrono i guasti, il codice del guasto attivo lampeggia nel display. Il guasto attivo può essere ripristinato premendo il pulsante di STOP
per 1 secondo. Se il guasto non può essere ripristinato, il suo codice continua a lampeggiare nel display. Anche in presenza di un guasto attivo è comunque possibile
navigare tra i menù, e il display torna a mostrare il codice di guasto non appena il
selettore rotante non viene più premuto o ruotato. Le ore, i minuti e i secondi di funzionamento all'istante del guasto vengono mostrati nel menù Monitor(ore di funzionamento = valore visualizzato x 1000 h).
Nota! L'intera memoria guasti può essere azzerata premendo per
circa 5 secondi il pulsante di STOP con l'inverter in arresto e con
il menu Memoria Guasti visualizzato nel display. Quando ci si trova nel menu principale, premendo il pulsante di ARRESTO si attiva la procedura guidata di avvio e tutti i parametri vengono
riportati ai valori preimpostati in fabbrica.
Si veda il Capitolo 5 per la descrizione dei guasti.
7
36
Parametri
Honeywell
8. PARAMETRI
Le pagine che seguono riportano gli elenchi dei parametri nell'ambito dei rispettivi
gruppi. Le descrizioni dei parametri sono contenute nel Capitolo 9.
NOTA: I parametri possono essere modificati solo con l'inverter in stop!
Leggenda colonne:
Codice:
Indicazione di posizione sul pannello. Mostra all'operatore l'indice del
Parametro o del valore Monitor visualizzato
Parametro: Nome del Parametro o del valore Monitor visualizzato
Min:
Valore minimo del Parametro
Max:
Valore massimo del Parametro
Unità:
Unità di misura del Parametro; data quando disponibile
Default:
Valore dell'impostazione di fabbrica
ID:
Indice ID del parametro (usato per il controllo via bus di campo)
Ulteriori informazioni su questo parametro sono disponibili al
Capitolo 9: 'Descrizione Parametri' cliccando sul nome del
Parametro.
8
Parametri
Honeywell
37
8.1 PARAMETRI AVVIO RAPIDO (MENÙ VIRTUALE, CON IL PAR. 13.1 =1)
Codice
Parametro
P1.1
Tensione nominale del motore
Min
Max
180
690
P1.2
Frequenza nominale del motore
30
P1.3
Velocità nominale del motore
P1.4
Corrente nominale del motore
P1.5
Cos
Unità Default
ID
Note
V
230
400
575
110
Controllare la targa
del motore
320
Hz
50,00
111
Controllare la targa
del motore
300
20000
rpm
1440
112
Il default vale per
un motore a 4 poli.
0,2 x
INunit
2,0x
INunit
A
INunit
113
Controllare la targa
del motore
 motore
0,30
1,00
0,85
120
Controllare la targa
del motore
P1.7
Limite di corrente
0,2 x
INunit
2x
INunit
A
1,5 x
INunit
107
P1.15
Boost di coppia
0
1
0
109
0 = Non usato
1 = Attivato
P2.1
Postazione di
controllo
1
3
1
125
1 = Morsetti I/O
2 = Pannello
3 = Bus di Campo
P2.2
Funzione
di marcia
0
1
0
505
0 = Rampa
1 = Aggancio in velocità
P2.3
Funzione di
arresto
0
1
0
506
0 = Inerzia 1 = Rampa
P3.1
Frequenza
minima
0,00
P3.2
Hz
0,00
101
P3.2
Frequenza
massima
P3.1
320
Hz
50,00
102
P3.3
Riferimento da I/
O
P3.4
0
4
Velocità
preimpostata 0
0,00
P3.2
P3.5
Velocità
preimpostata 1
0,00
P3.2
P3.6
Velocità
preimpostata 2
0,00
P3.2
3
117
0 = Velocità preimp. (07)
1 = Rif. da Pannello
2 = Rif. da Bus di
Campo
3 = AI1
4 = AI2
Hz
5,00
124
Attivata dagli
ingressi digitali
Hz
10,00
105
Attivata dagli
ingressi digitali
106
Attivata dagli
ingressi digitali
Hz
15,00
Tabella 8.1: Parametri Avvio Rapido
8
38
Codice
Parametri
Parametro
Min
Max
P3.7
Velocità
preimpostata 3
0,00
P3.2
Hz
20,00
126
Attivata dagli
ingressi digitali
P4.2
Tempo
di accelerazione
0,1
3000
s
1,0
103
Tempo di accelerazione
da 0 Hz alla frequenza
massima
P4.3
Tempo
di decelerazione
0,1
3000
s
1,0
104
Tempo di decelerazione dalla frequenza
massima a 0 Hz
P6.1
Escursione
segnale AI1
0
3
0
379
P6.5
Escursione
segnale AI2
2
3
3
390
2 = Corrente 0…20 mA
3 = Corrente 4…20 mA
P10.4
Riavvio
automatico
0
1
0
731
0 = Non usato
1 = Attivato
P13.1
Visibilità
parametri
115
0 = Tutti i parametri
sono visibili
1 = Sono visibili solo
i parametri del
gruppo Avvio Rapido
0
Tabella 8.1: Parametri Avvio Rapido
8
Honeywell
1
Unità Default
1
ID
Note
0 = Tensione 0…10 V
1 = Tensione 2…10 V
Parametri
Honeywell
39
8.2 IMPOSTAZIONI MOTORE (PANNELLO DI CONTROLLO: MENÙ PAR -> P1)
Codice
Min
Max
Unità
Default
ID
Tensione nominale
del motore
180
500
V
230
400
110
P1.2
Frequenza nominale
del motore
30
320
Hz
50,00
111
Controllare la targa
del motore
P1.3
Velocità nominale del
motore
300
20000
rpm
1440
112
Il default vale per
un motore a 4 poli.
P1.4
Corrente nominale
del motore
0,2 x
INunit
2,0 x
INunit
A
INunit
113
Controllare la targa
del motore
P1.5
Cos
 motore
0,30
1,00
0,85
120
Controllare la targa
del motore
P1.7
Limite di corrente
0,2 x
INunit
2x
INunit
1,5 x
INunit
107
P1.8
Modo di controllo
motore
0
1
0
600
0 = Controllo di frequenza
1 = Controllo di velocità
108
0 = Lineare
1 = Qadratica
2 = Programmabile
P1.1
Parametro
P1.9
Selezione
rapporto V/f
P1.10
Punto di indebolimento campo
P1.11
A
0
2
0
30,00
320
Hz
50,00
602
Tensione al punto di
10,00
indebolimento campo
200
%
100,00
603
Note
Controllare la targa
del motore
% della Tensione
Nominale del motore
Frequenza del punto
P1.12
intermedio curva V/f
0,00
P1.10
Hz
50,00
604
Tensione del punto
P1.13
intermendio curva V/f
0,00
P1.11
%
100,00
605
% della Tensione
Nominale del motore
0,00
40,00
%
0,00
606
% della Tensione
Nominale del motore
0
1
0
109
0 = Non usato
1 = Attivato
1,5
16,0
6,0
601
P1.14
Tensione di uscita
a frequenza 0
P1.15 Boost di coppia
P1.16
Frequenza di
commutazione
Chopper
P1.17
di frenatura
P1.18
Identificazione
motore
kHz
0
2
0
504
0 = Disabilitato
1 = Utilizzato nello stato
di Marcia
2 = Utilizzato nello stato
di Marcia che di
Arresto
0
1
0
631
1 = Identificazione senza
rotazione dopo il
comando di marcia
Tabella 8.2: Impostazioni Motore
NOTA! Questi parametri vengono visualizzati quando il P13.1 = 0.
8
40
Parametri
Honeywell
8.3 IMPOSTAZIONI MARCIA/ARRESTO (PANNELLO DI CONTROLLO: MENÙ
PAR -> P2)
Codice
Parametro
Min
Max
Unità
Default
ID
Note
P2.1
Posto
di controllo
1
3
1
125
1 = Morsetti I/O
2 = Pannello
3 = Bus di campo
P2.2
Funzione di
marcia
0
1
0
505
0 = Rampa
1 = Aggancio di velocità
P2.3
Funzione
d’arresto
0
1
0
506
0 = Inerzia
1 = Rampa
P2.4
Logica di
Marca/Arresto
0
3
300
DI1
DI2
0 Start Fwd Start reverse
1 Start
Reverse
2 Start Pulse Stop Pulse
3 Start Fwd Start Rv
REAF
REAF
P2.5
Locale/remoto
0
1
211
0 = Remoto 1 = Pannello
0
Tabella 8.3: Impostazioni Marcia/Arresto
8.4 RIFERIMENTI DI FREQUENZA (PANNELLO DI CONTROLLO: MENÙ
PAR -> P3)
Codice
Min
Max
Unità
Default
ID
P3.1
Frequenza
minima
Parametro
0,00
P3.2
Hz
0,00
101
P3.2
Frequenza
massima
P3.1
320
Hz
50,00
102
P3.3
Riferimento
da I/O
0
4
3
0 = Velocità impostate (0-7)
1 = Rif. da pannello
117 2 = Rif. da bus di campo
3 = AI1
4 = AI2
P3.4
Vel. impostata 0
0,00
P3.2
Hz
5,00
124 Attiv. dagli ingressi digitali
P3.5
Vel. impostata 1
0,00
P3.2
Hz
10,00
105 Attiv. dagli ingressi digitali
P3.6
Vel. impostata 2
0,00
P3.2
Hz
15,00
106 Attiv. dagli ingressi digitali
P3.7
Vel. impostata 3
0,00
P3.2
Hz
20,00
126 Attiv. dagli ingressi digitali
P3.8
Vel. impostata 4
0,00
P3.2
Hz
25,00
127 Attiv. dagli ingressi digitali
P3.9
Vel. impostata 5
0,00
P3.2
Hz
30,00
128 Attiv. dagli ingressi digitali
P3.10
Vel. impostata 6
0,00
P3.2
Hz
40,00
129 Attiv. dagli ingressi digitali
P3.11
Vel. impostata 7
0,00
P3.2
Hz
50,00
130 Attiv. dagli ingressi digitali
Tabella 8.4: Riferimenti di frequenza
NOTA! Questi parametri vengono visualizzati quando il P13.1 = 0.
8
Note
Parametri
Honeywell
41
8.5 RAMPE E IMPOSTAZIONI FRENATURA (PANNELLO DI CONTROLLO:
MENÙ PAR -> P4)
Codice
Parametro
Min
Max
Unità Default
ID
Note
0 = Lineare
> 0 = tempo di rampa
curva S
P4.1
Rampa S
0,0
10,0
s
0,0
500
P4.2
Tempo
di accelerazione
0,1
3000
s
1,0
103
P4.3
Tempo
di decelerazione
0,1
3000
s
1,0
104
P4.4
Corrente
di frenatura DC
Unit
dep.
Unit
dep.
A
Varies
507
P4.5
Tempo
di frenatura DC
all’avvio
0,00
600.00
s
0
516
P4.6
Frequenza di
avvio della frenatura DC
durante l’arresto
0,10
10,00
Hz
1,50
515
P4.7
Tempo
di frenatura DC
all’arresto
0,00
600.00
s
0
508
0 = La frenatura DC
non è attiva
all'arresto
P4.8
Frenatura a flusso
0
3
520
0 = Off
1 = On
2 = Chopper
3 = Modalità completa
P4.9
Corrente frenatura a flusso
0
7,4
A
0,0
10,0
s
0,0
501
Tempo di accelerazione 2
0,1
3000
s
1,0
502
Tempo di decelerP4.12
azione 2
0,1
3000
s
1,0
503
P4.10 Forma rampa 2
P4.11
0 = La frenatura DC
non è attiva all'avvio
519
0 = Lineare
>0 = Rampa curva S
Tabella 8.5: Parametri rampe e impostazioni frenatura
8
42
Parametri
Honeywell
8.6 INGRESSI DIGITALI (PANNELLO DI CONTROLLO: MENÙ PAR -> P5)
Codice
Parametro
Min
Unità Default
ID
Note
0 = Non usato
1 = DI1
2 = DI2
3 = DI3
4 = DI4
5 = DI5
6 = DI6
P5.1
Segnale
di marcia 1
P5.2
Segnale
di marcia 2
0
6
2
404
Come il parametro 5.1
P5.3
Inversione
0
6
0
412
Come il parametro 5.1
P5.4
Guasto esterno
Chiuso
0
6
0
405
Come il parametro 5.1
P5.5
Guasto esterno
Aperto
0
6
0
406
Come il parametro 5.1
P5.6
Reset Guasti
0
6
5
414
Come il parametro 5.1
P5.7
Abilitazione
Marcia
0
6
0
407
Come il parametro 5.1
P5.8
Velocità
impostata B0
0
6
3
419
Come il parametro 5.1
P5.9
Velocità
impostata B1
0
6
4
420
Come il parametro 5.1
P5.10
Velocità
impostata B2
0
6
0
421
Come il parametro 5.1
P5.11
Disabilita PI
0
6
6
1020 Come il parametro 5.1
P5.12
Forza su I/O
0
1
6 (RS485)
0
409
Come il parametro 5.1
P5.13
Selezione tempo
di rampa
0
6
0
408
Come il parametro 5.1
Tabella 8.6: Ingressi digitali
8
Max
0
6
1
403
Parametri
Honeywell
43
8.7 INGRESSI ANALOGICI (PANNELLO DI CONTROLLO: MENÙ PAR ->
P6)
Codice
Parametro
P6.1
Escursione
segnale AI1
P6.2
Tempo di filtro AI1
P6.3
Min
Max
Unità Default
Note
0 = Tensione 0…10 V
379
1 = Tensione 2…10 V
0
3
0,0
10,0
s
0,1
378 0 = nessun filtraggio
AI1 Custom min
-100,0
100,0
%
0,0
380 0,0 = nessuna scal. min
P6.4
AI1 Custom max
-100,0
100,0
%
100,0
381
100,0 = nessuna scal.
max
P6.5
Escursione
segnale AI2
2
3
3
390
2 = Corrente 0…20 mA
3 = Corrente 4…20 mA
0,0
0
ID
P6.6
Tempo di filtro AI2
10,0
s
0,1
389 0 = nessun filtraggio
P6.7
Scalatura AI1 min -100,0
100,0
%
0,0
391 0,0 = nessuna scal. min
P6.8
Scalatura AI1
max
100,0
%
100,0
-100,0
392
100,0 = nessuna scal.
max
Tabella 8.7: Ingressi analogici
8
44
Parametri
Honeywell
8.8 USCITE ANALOGICHE E DIGITALI (PANNELLO DI CONTROLLO:
MENÙ PAR -> P7)
Codice
Parametro
Min Max Unità Default
Selezioni
P7.1
Funzione uscita Relè 1
0
11
2
0 = Non usata
1 = pronto
2 = Marcia
3 = Guasto
4 = Guasto invertito
5 = Allarme
313 6 = Inversione
7 = Vel. raggiunta
8 = Regolatore motore
Attivo
9 = FBControlWord.B13
10 = FBControlWord.B14
11 = FBControlWord.B15
P7.2
Funzione uscita
Relè 2
0
8
3
314 Come il parametro 7.1
P7.3
Funzione uscita
Digitale 1
0
8
1
312 Come il parametro 7.1
P7.4
Funzione uscita
analogica
0
4
1
0 = Non usata
1 = Freq. d’uscita (0-fmax)
2 = Corrente d’uscita
307
(0-InMotor)
3 = Coppia
(0-Coppia nominale)
4 = Uscita regolatore PI
P7.5
Minimo uscita
analogica
0
1
1
310
P7.6
2 invert
0
1
0
489 1 = Relè 2 invertito
Tabella 8.8: Uscite analogiche e digitali
8
ID
0 = 0 mA
1 = 4 mA
Parametri
Honeywell
45
8.9 PROTEZIONI (PANNELLO DI CONTROLLO: MENÙ PAR -> P9)
Codice
Parametro
Min
Max
Unità Default
ID
P9.1
Reazione guasto
riferimento 4mA
0
2
1
700
P9.2
Reazione al guasto
di sottotensione
0
2
2
727
P9.3
Proteziona guasto di
terra
0
2
2
703
P9.4
Protezione da Stallo
0
2
1
709
P9.5
Protezione da Sottocarico
0
2
0
713
P9.6
Riservato
2
704
P9.7
Protezione termica
motore
0
2
P9.8
Temperatura ambiente motore
-20
100
C
40
705
P9.9
Fattore di raffreddamento motore velocità 0
0,0
150,0
%
40,0
706
1
200
min
45
707
0
2
unità
2
702
Costante di tempo
P9.10 protezione termica
motore
P9.11
Supervisione fasi
motore
Note
0 = Nessuna
reazione
1 = Allarme
2 = Guasto, Arresto secondo
il P2.3
0 = Nessuna reazione
1 = Allarme
2 = Guasto, modo
arresto dopo un guasto
in base al parametro P2.3
Tabella 8.9: Protezioni
NOTA! Questi parametri vengono visualizzati quando il P13.1 = 0.
8
46
Parametri
Honeywell
8.10 PARAMETRI RIAVVIAMENTO AUTOMATICO (PANNELLO DI CON
TROLLO: MENÙ PAR -> P10)
Codice
Parametro
Min
Max
Unità Default
ID
Note
P10.1
Tempo di attesa
0,10 10,00
s
0,50
Ritardo per il riavvio
717 automatico dopo che
il guasto è stato eliminato.
P10.2
Tempo di prova
0,00 60,00
s
30,00
718
P10.3
Funzione
di riavvio
0
2
0
0 = Rampa
719 1 = Aggancio in velocità
2 = Secondo il par. P4.2
P10.4
Riavvio
automatico
0
1
0
731
Definisce il tempo durante
il quale l'inverter riavvia il
motore una volta che il
guasto è stato eliminato.
0 = Disabilitato
1 = Abilitato
Tabella 8.10: Parametri riavviamento automatico
NOTA! Questi parametri vengono visualizzati quando il P13.1 = 0.
8.11 PARAMETRI REGOLATOREPI (PANNELLO DI CONTROLLO: MENÙ
PAR -> P12)
Codice
Parametro
P12.1 Attivazione PI
Min
Max
0
2
PI Guadagno
regolatore
0,0
1000
Tempo integP12.3 rale regolatore PI
0,00
Riferimento
P12.4 reg. PI da
Pannello
P12.2
P12.5
Selezione
riferimento PI
ID
0
163
%
100,0
118
320,0
s
10,00
119
0,0
100,0
%
0,0
167
0
3
0
332
Tabella 8.11: Parametri regolatore PI
8
Unità Default
Note
0 = Non usato
1 = PI per il controllo
motore
2 = PI per uso esterno
0 = Riferimento PI
da Pannello, P12.4
1 = Bus di campo
2 = AI1
3 = AI2
Parametri
Honeywell
Codice
Parametro
Min
Selezione
P12.6
retroazione PI
P12.7
Retroazione
valore minimo
Retroazione
P12.8 valore massimo
P12.9
Max
0
2
0,0
100,0
0,0
100,0
Inversione
valore errore
0
47
Unità Default
ID
Note
2
334
0 = Bus di campo
1 = AI1
2 = AI2
%
0,0
336
0 = Nessuna scalatura
min.
%
100,0
337
100,0 = Nessuna scalat
ura max.
1
0
340
0 = Nessuna inversione
(Retroazione < Riferimento -> aumenta
l'uscita PI)
1 = Invertito (Retroazi
one < Riferimento ->
Diminuisce l'uscita PI)
Tabella 8.11: Parametri regolatore PI
NOTA! Questi parametri vengono visualizzati quando il P13.1 = 0.
8.12 MENÙ EASY (PANNELLO DI CONTROLLO: MENÙ PAR -> P0)
Codice
Parametro
P13.1
Visibilità
parametri
P13.2
Setup
Inverter
Min Max
0
0
Unità Default
1
3
1
0
ID
Note
115
0 = Tutti i parametri sono visibili
1 = Sono visibili solo i parametri
del gruppo Avvio Rapido
540
0 = Base
1 = Inverter Pompa
2 = Inverter Ventilatore
3 = Inverter convogliatore (HP)
NOTA! Visibile solo durante
l’avviamento guidato
Tabella 8.12: Parametri del Menù Easy
8
48
Parametri
Honeywell
8.13 PARAMETRI DI SISTEMA
Codice
Parametro
Min
Max
Unità
ID
Default
Informazioni software (MENU' PAR -> S1)
S1.1
SW sistema
S1.2
Versione del SW sistema
2314
835
S1.3
ID SW di alimentazione
2315
S1.4
Versione SW alimentazione
834
S1.5
ID SW applicazione
837
S1.6
Revisione SW applicazione
838
S1.7
Carico sistema
839
Informazioni RS485 (MENU' PAR -> S2)
808
Formato: xx.yyy
xx = 0 - 64 (Numero
di messaggi di errore)
yyy = 0 - 999 (Numero
di messaggio corretti)
0
809
0 = FB disabilitato
1 = Modbus
255
1
810
5
5
811
0 = 300, 1 = 600,
2 = 1200, 3 = 2400,
4 = 4800, 5 = 9600,
1
812
0 = 1, 1 = 2
0
813
0 = Nessuno (bloccato)
814
0 = Non usato,
1 = 1 secondo,
2 = 2 secondi ecc.
815
1 = Resetta il par. S2.1
S2.1
Stato comunicazione
S2.2
Protocollo Bus di campo
0
1
S2.3
Indirizzo Slave
1
S2.4
Baud rate
0
S2.5
Numero di bit di stop
0
1
S2.6
Tipo di parità
0
0
S2.7
Time-out comunicazione
0
255
0
S2.8
Reset stato comunicazione
Contatori (MENU' PAR -> S3)
Tabella 8.13: Parametri di sistema
8
Parametri
Honeywell
Codice
S3.1
Parametro
Min
Max
49
Unità
ID
Contatore MWh
827
S3.2
Giorni di funzionamento
828
S3.3
Ore di funzionamento
829
Default
Impostazioni Utente (MENU' PAR -> S4)
Regola il contrasto
del display
S4.1
Contrasto display
0
15
7
830
S4.2
Pagina di default
0
20
0
Definisce la pagina di
monitoraggio (1.1. - 1.20)
2318 da visualizzare dopo
l'avvio.
0 = Non in uso
S4.3
Ripristino dei valori
di fabbrica
0
1
0
831
1 = Ripristina i valori di
default di tutti i
parametri
Tabella 8.13: Parametri di sistema
NOTA! Questi parametri vengono visualizzati quando il P13.1 = 0.
8
9
50
Descrizione Parametri
Honeywell
9. DESCRIZIONE PARAMETRI
Nelle pagine che seguono si può trovare la descrizione di alcuni parametri. Le descrizioni sono state ordinate secondo i gruppi dei parametri e la loro numerazione.
9.1 IMPOSTAZIONI MOTORE (PANNELLO DI CONTROLLO: MENÙ PAR ->
P1)
1.8
MODO DI CONTROLLO MOTORE
Con questo parametro l'utente può selezionare la modalità di controllo del motore. Le selezioni sono:
0 = Controllo di frequenza:
I riferimenti dai Morsetti I/O, dal Pannello a da Bus di campo sono riferimenti di frequenza e l'inverter controlla la frequenza di uscita
(risoluzione frequenza di uscita = 0.01 Hz)
1 = Controllo di velocità:
I riferimenti dai Morsetti, dal Pannello e da Bus di campo sono I riferimenti di velocità e l'inverter controlla la velocità del motore.
1.9
SELEZIONE RAPPORTO V/F
Per questo parametro ci sono tre selezioni possibili:
0 = Lineare:
La tensione del motore varia linearmente con la frequenza nell'area a
flusso costante da 0Hz al punto di indebolimento campo dove viene
applicata al motore la tensione nominale. Il rapporto V/f lineare dovrebbe essere utilizzato nella applicazioni a coppia costante. Si veda la
Figura 9.1.
Questa impostazione predefinita dovrebbe essere utilizzata se non vi
sono esigenze speciali per cui è necessario selezionare un'altra impostazione.
1 = Quadratica:
La tensione del motore varia seguendo una curva quadratica con la
frequenza nell'area da 0 Hz al punto di indebolimento campo dove la
tensione nominale viene erogata al motore. Il motore funziona con
magnetizzazione ridotta al di sotto del punto di indebolimento campo
e produce meno coppia e meno rumore elettromeccanico. Il rapporto
V/f quadratico può essere utilizzato in quelle applicazioni in cui la richiesta relativa alla coppia del carico è proporzionale al quadrato della
velocità, ad esempio nelle pompe e nei ventilatori centrifughi.
Honeywell
Descrizione Parametri
51
Figura 9.1: Variazione lineare e quadratica della tensione del motore.
2 = Curva V/f programmabile:
La curva V/f può essere programmata con tre diversi punti. La curva
V/f programmabile può essere utilizzata se le altre impostazioni non
soddisfano le esigenze dell'applicazione.
Figura 9.2: Curva V/f programmabile
1.10
PUNTO DI INDEBOLIMENTO CAMPO
Il punto di indebolimento campo corrisponde alla frequenza di uscita a cui la
tensione di uscita raggiunge il valore massimo fissato nel par. 1.11.
9
9
52
1.11
Descrizione Parametri
Honeywell
TENSIONE AL PUNTO DI INDEBOLIMENTO CAMPO
Al di sopra della frequenza al punto di indebolimento campo, la tensione di uscita rimane al livello massimo fissato. Al di sotto della frequenza al punto di indebolimento campo, la tensione di uscita dipende dai valori dei parametri della
curva V/f. Si vedano i parametri 1.9 - 1.14 e le figure 9.1.- 9.2.
Quando vengono fissati i parametri 1.1 e 1.2 (tensione nominale e frequenza
nominale del motore), ai parametri 1.10 e 1.11 vengono automaticamente assegnati i valori corrispondenti. Se sono richiesti valori diversi per il punto di indebolimento campo e per la tensione di uscita massima, modificare questi
parametri dopo aver impostato i parametri 1.1 e 1.2.
1.12
FREQUENZA DEL PUNTO INTERMEDIO, CURVA V/F
Se è stata selezionata la curva V/f programmabile tramite il parametro 1.9,
questo definisce la frequenza intermedia della curva. Si veda la Figura 9.2.
1.13
TENSIONE DEL PUNTO INTERMEDIO, CURVA V/F
Se è stata selezionala la curva V/f programmabile tramite il parametro 1.9,
questo definisce la tensione intermedia della curva. Si veda la Figura 9.2.
1.14
TENSIONE DI USCITA A FREQUENZA ZERO
Questo parametro definisce la tensione a frequenza 0 della curva V/f. Si
vedano le figure 9.1 e 9.2.
1.15
BOOST DI COPPIA
La tensione del motore varia automaticamente e consente al motore di produrre una coppia sufficiente per avviarsi e funzionare a basse frequenze. L'incremento della tensione dipende dal tipo e dalla potenza del motore.Il boost
di coppia automatico si può utilizzare in quelle applicazioni in cui la coppia di
spunto è elevata, ad esempio nei convogliatori.
0 = Disabilitato
1 = Abilitato
Nota: Nella applicazione ad alta coppia - basse frequenza, il motore può venire surriscaldato. Se il motore funziona per un periodo di tempo prolungato in
queste condizioni, si faccia particolare attenzione al raffreddamento del motore. Si usi un sistema di raffreddamento esterno se la temperatura tende a
salire troppo in alto.
1.16
FREQUENZA DI COMMUTAZIONE
Si può minimizzare la rumorosità del motore utilizzando una frequenza di commutazione più alta. L'aumento della frequenza di commutazione riduce la capacità dell'inverter.
La frequenza di commutazione per SmartDrive Compact: 1.5…16 kHz.
Honeywell
1.17
Descrizione Parametri
53
CHOPPER DI FRENATURA
Nota! Il chopper di frenatura è integrato negli inverter ad alimentazione trifase
MI2 e MI3.
0 = Chopper di frenatura non usato
1 = Chopper di frenatura usato nello stato di Marcia
2 = Chopper di frenatura usato sia nello stato di Marcia che di Arresto
Quando l'inverter fa decelerare il motore, l'inerzia del motore e il carico vengono dissipati dalla resistenza di frenatura esterna, se il chopper di frenatura è
stato attivato. Questo permette all'inverter di decelerare il carico mantenendo
la coppia uguale a quella dell'accelerazione (a condizione che sia stata installata la resistenza di frenatura corretta). Si veda il manuale di Installazione della
resistenza di frenatura.
9.2 IMPOSTAZIONI MARCIA/ARRESTO (PANNELLO DI CONTROLLO:
MENÙ PAR -> P2)
2.1
POSTAZIONE DI CONTROLLO
Con questo parametro , l'utente può selezionare la postazione di controllo attiva. Le selezioni sono:
1 = Morsetti I/O
2 = Pannello
3 = Bus di Campo
Nota: Le modalità di controllo Locale/Remoto possono essere commutate
premendo per 5 secondi il selettore rotante. Le impostazioni del par. P2.1 non
hanno effetto in modalità Locale.
Locale = il pannello è la postazione di controllo attiva
Remoto = il par. P2.1 definisce la postazione di controllo Remoto
2.2
FUNZIONE DI MARCIA
L'utente può selezionare con questo parametro due modalità di avvio per
SmartDrive Compact:
0 = Avvio in rampa
L'inverter parte da 0 Hz e accelera fino a raggiungere la frequenza di
riferimento stabilita entro il tempo di accelerazione fissato (P4.2). (L'inerzia del carico o l'attrito di spunto possono prolungare i tempi
di accelerazione).
9
9
54
Descrizione Parametri
Honeywell
1 = Avvio in aggancio in velocità
L'inverter è in grado di sincronizzarsi ad un motore in rotazione applicando al motore una coppia ridotta e cercando la frequenza corrispondente alla velocità del motore in corsa. Questa ricerca parte dalla
frequenza massima e va verso la frequenza effettiva fino a rilevare il
valore corretto. Successivamente, la frequenza di uscita verrà aumentata/diminuita fino al valore del riferimento fissato in base ai parametri
di accelerazione/decelerazione stabiliti.
Ricorrere a questa modalità se il motore è in rotazione al momento in
cui viene dato il comando di marcia. Con l'aggancio in velocità, è possibile attraversare brevi interruzioni di tensione.
2.3
FUNZIONE D’ARRESTO
In questa applicazione possono essere selezionate due modalità di arresto:
0 = Arresto per inerzia
Il motore si arresta per inerzia senza alcun controllo da parte dell'inverter dopo il comando di Arresto.
1 = Arresto in rampa
Dopo il commando di Arresto, la velocità del motore diminuisce secondo i parametri di decelerazione impostati.
Nel caso in cui l'energia rigenerata sia elevate, potrebbe essere necessario utilizzare una resistenza di frenatura esterna per ottenere una
decelerazione più rapida.
Descrizione Parametri
Honeywell
2.4
9
55
LOGICA DI MARCIA/ARRESTO
Con questo parametro è possibile impostare la logica di Marcia/Arresto.
0 = DI1 = Marcia avanti
DI2 = Marcia indietro
FWD
Frequenza
di uscita
Funzione di arresto
(par. 2.3.) = inerzia
t
REV
DI1
DI2
1
2
3
Figura 9.3: Logica marcia/arresto, selezione 0
1 La direzione selezionata per prima ha la priorità più alta.
2 Quando si apre il contatto DIN1 la direzione della rotazione inizia la modifica.
3 Se i segnali Marcia avanti (DI1) e Marcia indietro (DI2) sono attivi simultanea
mente, il segnale Marcia avanti (DI1) ha la priorità.
9
56
Descrizione Parametri
Honeywell
1 = DI1 = Marcia
DI2 = Inversione
FWD
Frequenza
di uscita
Funzione di arresto
(par. 2.3.) = inerzia
t
REV
DI1
DI2
Figura 9.4: Logica marcia/arresto, selezione 1
2 = DI1 = Impulso di marcia
DI2 = Impulso di arresto
Frequenza di uscita
Funzione di arresto
(par. 2.3.) = inerzia
Se gli impulsi di marcia
e arresto sono simultanei,
prevale l'impulso di arresto
t
REV
DI1 Marcia
DI2 Arresto
Figura 9.5: Logica marcia/arresto, selezione 2
3 = DI1 = Marcia avanti, fronte di salita dopo un guasto
DI2 = Marcia indietro, fronte di salita dopo un guasto
Descrizione Parametri
Honeywell
2.5
57
LOCALE/REMOTO
Questo parametro definisce se la postazione di controllo del drive è remota (I/
O o Bus di campo) o il pannello. Il pannello può essere selezionato anche tenendo premuto il selettore rotante per 5 secondi.
L'ordine della priorità di selezione della postazione di controllo è
1. Selettore rotante
2. Forzato da I/O
3. Parametro 2.1
9.3 RIFERIMENTI DI FREQUENZA (PANNELLO DI CONTROLLO: MENÙ
PAR -> P3)
3.3
RIFERIMENTO DA I/O
Questo parametro definisce la sorgente del riferimento di frequenza quando
l'inverter viene controllato dai morsetti I/O.
0 = Velocità impostate 0 - 7
1 = Riferimento da Pannello
2 = Riferimento da bus di campo (FBSpeedReference)
3 = Riferimento AI1 (morsetti 2 e 3, ad esempio un potenziometro)
4 = Riferimento AI2 (morsetti 4 e 5, ad esempio un trasduttore)
3.4 - 3.11 VELOCITÀ PREIMPOSTATE 0 - 7
Questi parametri possono essere utilizzati per determinare il riferimento di frequenza quando viene attivata una particolare combinazione di ingressi digitali.
Le velocità preimpostate possono essere attivate dagli ingressi digitali indipendentemente dalla postazione di controllo attiva.
I valori dei parametri vengono limitati automaticamente tra la frequenza minima e la frequenza massima.(par. 3.1, 3.2).
Velocità
Velocità preimp.
B2
Velocità preimp.
B1
Velocità preimp.
B0
Se P3.3 = 0,
Velocità preimp. 0
Velocità preimp. 1
Tabella 9.1: Velocità preimpostate 1 - 7
x
9
9
58
Descrizione Parametri
Velocità
Velocità preimp.
B2
Velocità preimp. 2
Velocità preimp.
B1
Honeywell
Velocità preimp.
B0
x
Velocità preimp. 3
x
Velocità preimp. 4
x
Velocità preimp. 5
x
Velocità preimp. 6
x
x
Velocità preimp. 7
x
x
x
x
x
Tabella 9.1: Velocità preimpostate 1 - 7
9.4 RAMPE & IMPOSTAZIONI FRENATURA (PANNELLO DI CONTROLLO:
MENÙ PAR -> P4)
4.1
4.10
RAMPA S
FORMA RAMPA 2
L'inizio e la fine delle rampe di accelerazione e decelerazione possono essere
minimizzati tramite questi parametri. L'impostazione del valore 0 genera una
curva S della rampa lineare che porta l'accelerazione e la decelerazione a reagire immediatamente alle variazioni del segnale di riferimento.
L'assegnazione a questo parametro del valore 0.1…10 secondi genera un'accelerazione/decelerazione a S. Il tempo di accelerazione viene determinato
tramite i parametri 4.2 e 4.3.
Figura 9.6: Accelerazione/decelerazione a S
Honeywell
4.2
4.3
4.11
4.12
Descrizione Parametri
59
TEMPO DI ACCELERAZIONE
TEMPO DI DECELERAZIONE
TEMPO DI ACCELERAZIONE 2
TEMPO DI DECELERAZIONE 2
Questi limiti corrispondono al tempo necessario alla frequenza in uscita per
accelerare da zero alla frequenza massima impostata o per decelerare dalla
frequenza massima impostata a zero.
L'utente può impostare due diversi tempi di accelerazione/decelerazione per
un'applicazione.L'impostazione attiva può essere selezionata con l'ingresso
digitale selezionato (par. 5.13)
4.5
TEMPO DI FRENATURA DC ALL'AVVIO
La frenatura DC viene attivata quando viene dato il commando di Marcia.
Questo parametro stabilisce il tempo durante il quale viene attivata la frenatura DC. Trascorso questo tempo, la frequenza di uscita aumenta in accordo
con la funzione di Marcia fissata dal parametro 2.2.
4.6
FREQUENZA DI AVVIO DELLA FRENATURA DC DURANTE L'ARRESTO
La frequenza di uscita a cui si applica la frenatura DC. Si veda la Figura 9.9.
4.7
TEMPO DI FRENATURA DC ALL'ARRESTO
Stabilisce se la frenatura in DC è ATTIVA o NON ATTIVA e il tempo di frenatura quando il motore si ferma. Il funzionamento della frenatura DC dipende
dalla modalità di arresto, par. 2.3.
Figura 9.7: Tempo di frenatura DC all'avvio.
9
9
60
Descrizione Parametri
Honeywell
0 = La frenatura DC non è in uso
> 0 = La frenatura DC è in uso e il suo funzionamento dipende dalla
modalità di arresto, (par. 2.3). Il tempo di frenatura DC viene stabilito
tramite questo parametro.
Par. 2.3 = 0 (Funzione di arresto = arresto per inerzia):
Dopo il comando di arresto, il motore si arresta per inerzia senza alcun controllo da parte dell'inverter.
Con l'iniezione in DC, il motore può essere fermato elettricamente nel più
breve tempo possibile, senza utilizzare una resistenza di frenatura esterna opzionale.
Il tempo di frenature viene scalato a seconda della frequenza quando inizia la
frenatura in DC. Se la frequenza è superiore alla frequenza nominale del motore, il valore fissato dal par. 4.7 determina il tempo di frenatura. Quando la
frequenza è minore del 10% di quella nominale, il tempo di frenatura è pari al
10% del valore fissato dal parametro 4.7.
Figura 9.8: Tempo di frenatura DC con la funzione di Arresto = Arresto per
inerzia.
Par. 2.3 = 1 (Funzione di Arresto = Rampa):
Dopo il comando di Arresto la velocità del motore diminuisce, secondo i parametri di decelerazione fissati, il più velocemente possibile, fino alla velocità
stabilita tramite il parametro 4.6, velocità cui inizia la frenatura in DC.
Honeywell
Descrizione Parametri
61
Il tempo di frenatura viene stabilito tramite il parametro 4.7. Se l'inerzia è elevata, si consiglia di utilizzare una resistenza di frenatura esterna per ottenere
una decelerazione più rapida. Si veda la Figura 9.9.
Figura 9.9: Tempo di frenatura DC con la funzione di Arresto = Rampa.
4.8
FRENATURA A FLUSSO
A differenza della frenatura in CC, la frenatura a flusso è una utile modalità di
frenatura per motori fino ad un massimo di 15kW.
Quando è necessario frenare, la frequenza viene ridotta e il flusso del motore
incrementato con conseguente aumento della capacità di frenatura del motore. A differenza della frenatura in CC, la velocità del motore rimane controllata durante la frenatura.
Modalità attivazione
Descrizione
0 = Off
Non in uso
1 = On
Modalità normale Attiva la frenatura a flusso durante la decelerazione indipendentemente dal carico.
2 = Chopper
Emula il comportamento del chopper di frenatura attivando la frenatura a flusso in base alla tensione DC-link. Riduce al minimo il
riscaldamento del motore nelle applicazioni che richiedono frequenti variazioni di velocità.
3 = Modalità
completa
Attiva la frenatura a flusso durante la decelerazione e in
presenza di carichi a strappi nelle applicazioni più impegnative.
Nota: La frenatura a flusso converte l'energia in calore e va utilizzata in modo
non continuativo per evitare danni al motore.
9
9
62
Descrizione Parametri
Honeywell
9.5 INGRESSI DIGITALI (PANNELLO DI CONTROLLO: MENÙ PAR -> P5)
Le selezioni di questi parametri sono le seguenti:
0 = Non usato
1 = DI1
2 = DI2
3 = DI3
4 = DI4
5 = DI5
6 = DI6
5.1
5.2
5.3
5.4
5.5
5.6
5.7
5.8
5.9
5.10
5.11
5.12
SEGNALE DI MARCIA 1
SEGNALE DI MARCIA 2
INVERSIONE
GUASTO ESTERNO (CHIUSO)
GUASTO ESTERNO (APERTO)
RIPRISTINO GUASTI
ABILITAZIONE MARCIA
VELOCITÀ PREIMPOSTATA B0
VELOCITÀ PREIMPOSTATA B1
VELOCITÀ PREIMPOSTATA B2
DISABILITA REGOLATORE PI
FORZATO SU I/0
La postazione di controllo è forzata su I/O attivando l'ingresso digitale programmato per questa funzione.
L'ordine della priorità di selezione della postazione di controllo è
1. Selettore rotante
2. Forzato da I/O
3 Parametro 2.1
5.13
SELEZIONE TEMPO DI RAMPA
Contatto aperto: Tempo di accelerazione/decelerazione 1 selezionato.
Contatto chiuso: Tempo di accelerazione/decelerazione 2 selezionato.
Impostare i tempi di Accelerazione/Decelerazione con i parametri 4.2 e 4.3 e
i tempi delle rampe alternativi con 4.11 e 4.12.
Honeywell
Descrizione Parametri
63
9.6 INGRESSI ANALOGICI (PANNELLO DI CONTROLLO: MENÙ PAR ->
P6)
6.2
6.6
TEMPO DI FILTRO SEGNALE AI1
TEMPO DI FILTRO SEGNALE AI2
L'assegnazione a questo parametro di un valore superiore a 0, attiva
la funzione di filtro che elimina i disturbi provenienti dal segnale analogico
in entrata.
Un tempo lungo di filtro rallenta la reazione della regolazione.
Si veda Figura 9.10.
Figura 9.10: Filtraggio dei segnali AI1 e AI2
9
9
64
Descrizione Parametri
Honeywell
9.7 USCITE ANALOGICHE E DIGITALI (PANNELLO DI CONTROLLO:
MENÙ PAR -> P7)
7.1
FUNZIONE USCITA RELÈ 1
7.2
FUNZIONE USCITA RELÈ 2
7.3
FUNZIONE USCITA DIGITALE 1
Impostazioni
0 = Non usato
Contenuto del segnale
Non in funzione
1 = Pronto
L'inverter è pronto all'uso
2 = Marcia
L'inverter è in marcia (il motore è in funzione)
3 = Guasto
Si è verificato un blocco da guasto
4 = Guasto invertito
Non si è verificato alcun blocco da guasto
5 = Allarme
Segnale di allarme generico
6 = Invertito
E' stato selezionato il commando di inversione
7 = Velocità raggiunta
La frequenza di uscita ha raggiunto
il riferimento fissato
8 = Regolatore motore attivo
Uno dei regolatori di limite(es. limite di corrente,
limite di tensione) è stato attivato
Tabella 9.2: Segnali in uscita via RO1, RO2 e DO1
9.8 PROTEZIONE TERMICA DEL MOTORE (PARAMETRI 9.7 - 9.10)
La protezione termica del motore serve a proteggere il motore dal surriscaldamento.
L'azionamento Honeywell riesce a fornire al motore una corrente superiore a quella
nominale. Se il carico richiede questa corrente elevata, sussiste il rischio che il motore possa essere termicamente sovraccaricato. Questo si verifica soprattutto
alle basse frequenze. Alle basse frequenze, l'effetto di raffreddamento e la capacità
del motore si riducono. Se il motore è dotato di un ventilatore esterno, la riduzione
del carico alle basse velocità è lieve.
La protezione termica del motore si basa su un modello di calcolo e utilizza la corrente di uscita dell'azionamento per stabilire il carico sul motore.
La protezione termica del motore può essere regolata tramite i parametri. La corrente
termica IT specifica la corrente di carico al di sopra della quale il motore viene
sovraccaricato. Questo limite di corrente è una funzione della frequenza di uscita.
ATTENZIONE! Il modello di calcolo non protegge il
motore se il flusso d'aria al motore è ridotto a causa
di una presa d'aria ostruita.
Honeywell
Descrizione Parametri
65
9.7
PROTEZIONE TERMICA DEL MOTORE
0 = Nessuna reazione
1 = Allarme
2 = Guasto, modalità di arresto dopo il guasto secondo
il parametro 2.3.
Se si seleziona il blocco, l'inverter si ferma e si attiva la fase di guasto. Disattivando la protezione, vale a dire parametro con valore 0, si resetta il modello
termico del motore a 0%.
9.8
TEMPERATURA AMBIENTE MOTORE
Quando occorre prendere in considerazione la temperature ambiente del motore, si consiglia di assegnare un valore a questo parametro. Il valore può essere impostato tra -20 e 100 gradi Celsius.
9.9
CAPACITÀ DI RAFFREDDAMENTO DEL MOTORE A FREQUENZA
ZERO
La capacità di raffreddamento può essere impostata tra 0-150.0% della capacità di raffreddamento alla frequenza nominale. Si veda la Figura 9.11.
Figura 9.11: Capacità di raffreddamento del motore
9.10
COSTANTE DI TEMPO TERMICA DEL MOTORE
Questa è la costante di tempo termica del motore. Più grande è il motore,
maggiore è la costante temporale. La costante temporale indica il tempo entro
cui l'immagine termica calcolata ha raggiunto il 63% del suo valore finale.
La costante di tempo termica del motore è un fattore progettuale e varia tra i
diversi costruttori di motori.
9
9
66
Descrizione Parametri
Honeywell
Se è noto il tempo t6 del motore(fornito dal costruttore), si può fissare il parametro della costante temporale basandosi sul questo dato(t6 in secondi è il
tempo in cui il motore può funzionare in tutta sicurezza ad una corrente sei
volte superiore a quella nominale). Indicativamente, la costante di tempo termica del motore equivale in minuti al doppio di t6 espresso in secondi. Quando
l'inverter è in arresto, la costante temporale dell'immagine termica è posta al
triplo del valore fissato in questo parametro. Si veda la Figura 9.12.
Figura 9.12: Calcolo dell'immagine termica del motore.
9.11
SUPERVISIONE FASI MOTORE
La supervisione delle fasi del motore garantisce che le fasi del motore abbiano
approssimativamente uguale corrente.
Impostazioni per P9.11, intervallo 0-2:
Modalità
attivazione
Descrizione
0
Nessuna reazione
1
Allarme termistore
2
Guasto, modo arresto dopo un guasto in base al parametro
ID506(P2.3 Funzione di arresto)
Honeywell
Descrizione Parametri
67
9.9 PARAMETRI RIAVVIAMENTO AUTOMATICO (PANNELLO DI
CONTROLLO: MENÙ PAR -> P10)
10.2
RIAVVIAMENTO AUTOMATICO, TEMPO DI PROVA
La funzione di Riavviamento automatico riavvia l'inverter quando i guasti sono
stati eliminati ed è trascorso il tempo di attesa:
Il contatore del tempo inizia dal primo riavvio. Se il numero di guasti che si verificano durante il tempo di prova è maggiore di tre, lo stato di guasto diventa
permanente. Altrimenti, il guasto viene cancellato dopo che il tempo di prova
è trascorso e al successivo guasto il tempo di prova viene nuovamente contato a partire da zero. Si veda la Figura 9.13.
Se rimane un singolo guasto al termine del tempo di prova, si attiva lo stato
di guasto.
Figura 9.13: Riavviamento automatico.
9
9
68
Descrizione Parametri
Honeywell
9.10 PARAMETRI REGOLATORE PI (PANNELLO DI CONTROLLO: MENÙ
PAR -> P12)
12.2
GUADAGNO REGOLATORE PI
Questo parametro stabilisce il guadagno proporzionale del regolatore PI. Se il
valore del parametro viene fissato a 100%, una variazione del 10% del valore
dell'errore determina una variazione dell'uscita del regolatore del 10%.
12.3
TEMPO INTEGRALE REGOLATORE PI
Questo parametro stabilisce la costante di tempo integrale del regolatore PI.
Se questo parametro viene fissato a 1,00 secondo, l'uscita del regolatore varia
come il valore corrispondente all'uscita con il solo guadagno una volta al secondo (Guadagno*Errore)/s.
12.7
12.8
RETROAZIONE VALORE MINIMO
RETROAZIONE VALORE MASSIMO
Figura 9.14: Valori minimo e massimo retroazione
Honeywell
Descrizione Parametri
69
9.11 MENÙ EASY (PANNELLO DI CONTROLLO: MENÙ PAR -> P9)
13.2 SETUP INVERTER
Con questo parametro si può agevolmente impostare l'inverter per quattro differenti applicazioni.
Nota! Questo parametro è visibile solo quando si attiva la Guida all'Avviamento. La Guida all'Avviamento si attiva alla prima accensione. Può essere rilanciato anche successivamente. Si vedano le figure che seguono.
NOTA! Attivando la guida all'avviamento i parametri vengono riportati ai valori di fabbrica!
Figura 9.15: Guida all’Avviamento
9
9
70
Descrizione Parametri
Honeywell
Figura 9.16: Setup Inverter
9.1 PARAMETRI BUS DI CAMPO (PANNELLO DI CONTROLLO: MENÙ
PAR -> S2)
La connessione Modbus integrata di SmartDrive Compact supporta i seguenti codici
funzione:
- 03 Read Holding Registers
- 04 Read Input Registers
- 06 Preset Single Registers
Honeywell
Descrizione Parametri
71
9.1.1 Canali di processo Modbus
I canali di processo sono un'area indirizzi per il controllo da Bus di Campo. Il controllo
da Bus di Campo è attivo quando il valore del parametro 2.1(Posto di Controllo) è
3(=Bus di Campo). Il contenuto dei canali di processo è stato determinato nell'applicazione. Le seguenti tabelle descrivono i canali di processo presenti nell'applicazione GP.
ID
Registro Modbus
2101
32101, 42101
FB Status Word
Nome
Fondo scala
Tipo
2102
32102, 42102
FB General Status Word
2103
32103, 42103
FB Velocità attuale
0,01
%
2104
32104, 42104
Frequenza motore
0,01
+/- Hz
+/- Rpm
-
Codice binario
-
Codice binario
2105
32105, 42105
Velocità motore
1
2106
32106, 42106
Corrente motore
0,01
A
2107
32107, 42107
Coppia motore
0,1
+/- %
(della nominale)
2108
32108, 42108
Potenza motore
0,1
+/- %
(della nominale)
2109
32109, 42109
Tensione motore
0,1
V
2110
32110, 42110
Tensione DC bus
1
V
2111
32111, 42111
Guasto attivo
-
Codice duasto
Tabella 9.3: Canali di processo in uscita
ID
Registro Modbus
2001
32001, 42001
Nome
FB Control Word
Fondo scala
Tipo
-
Codice binario
-
Codice binario
2002
32002, 42002
FB General Control Word
2003
32003, 42003
FB Riferimento
di velocità
0,01
%
2004
32004, 42004
Riferimento regolare PI
0,01
%
2005
32005, 42005
Retroazione PI
0,01
%
2006
32006, 42006
-
-
-
2007
32007, 42007
-
-
-
2008
32008, 42008
-
-
-
2009
32009, 42009
-
-
-
2010
32010, 42010
-
-
-
2011
32011, 42011
-
-
-
Tabella 9.4: Canali di processo in ingresso
9
9
72
Descrizione Parametri
Honeywell
15
14
13
12
11
10
9
8
7
6
5
4
3
2
1
0
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Z
AREF
W
FLT
DIR
RUN
RDY
Tabella 9.5: Status Word
La Status Word contiene le informazioni e i messaggi riguardanti lo stato dell'inverter. La Status Word è composta da 16 bit il cui significato viene riportato nella Tabella
9.9.
15
14
13
12
11
10
9
8
7
6
5
4
3
2
1
MSB
0
LSB
Tabella 9.6: Velocità attuale
Esprime la velocità attuale dell'inverter. Il campo di variazione si estende da -10000
a 10000. Nell'applicazione il campo di variazione si riferisce in valore percentuale
all'area di frequenza settata tra la frequenza minima e massima.
15
14
13
12
11
10
9
8
7
6
5
4
3
2
1
0
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
RST
DIR
RUN
Tabella 9.7: Control word
Nelle applicazione Honeywell, i primi tre bit della Control Word vengono usati per
controllare l'inverter. Tuttavia, è possibile personalizzare il contenuto della Control
Word in applicazioni speciali utilizzando i rimanenti bit a piacere.
15
14
13
12
11
10
9
MSB
8
7
6
5
4
3
2
1
0
LSB
Tabella 9.8: Riferimento di velocità
E' il Riferimento 1 dell'inverter. Viene usato normalmente come riferimento di velocità. Il campo di variazione si estende da 0 a 10000. Nell'applicazione il campo di variazione si riferisce in valore percentuale all'area di frequenza settata tra la frequenza
minima e massima.
Descrizione Parametri
Honeywell
Bit
Descrizione
Valore = 0
Valore = 1
RUN
Stop
Marcia
DIR
Avanti
Indietro
RST
Sul fronte di salita di questo bit vengono ripristinati i guasti
RDY
Inverter non pronto
Inventer pronto
FLT
Nessuna guasto
Guasto attivo
W
Nessun allarme
Allarme attivo
AREF
Z
73
In rampa
Riferimento di velocità raggiunto
-
Tabella 9.9: Descrizione dei bit
Inverter in Marcia a velocità zero
9
74
Dati Tecnici
Honeywell
10. DATI TECNICI
10.1 SMARTDRIVE COMPACT - DATI TECNICI
Collegamento
alla rete
Rete di
distribuzione
Tensione d’ingresso
Uin
380 - 480V, -15%...+10% 3~
208…240V, -15%...+10% 1~
Frequenza
d’ingresso
THD di corrente di
linea
Collegamento alla
rete
Reti
45…66 Hz
Corrente di corto
circuito
Tensione d’uscita
Corrente d’uscita
Collegamento
al motore
Corrente / Coppia
di avvio
Frequenza d’uscita
Risoluzione frequenza
Metodo di controllo
Caratteristiche
di controllo
Frequenza di
commutazione
Riferimento frequenza
Punto indebolimento campo
Tempo di accelerazione
Tempo di decelerazione
Coppia di frenatura
> 120%
Una volta al minuto o meno (caso normale)
SmartDrive Compact, 400V, non può essere utilizzato con le reti di distribuzione "corner grounded"
La corrente di corto circuito massima deve essere
< 50kA
0 - Uin
Corrente continuativa IN alla temperatura ambiente
massima di +50ºC, sovraccarico di 1.5 x IN per
max. 1min/10min
Corrente 2 x IN per 2 sec. ogni 20 sec. La coppia
dipende dal motore
0…320 Hz
0,01 Hz
Controllo di frequenza V/f
Controllo Vettoriale Sensorless ad anello aperto
1...16 kHz; Default di fabbrica 6 kHz
Risoluzione 0.01 Hz
30…320 Hz
0.1…3000 sec
0.1…3000 sec
100%*TN con l'opzione chopper di frenatura
(solo per unità a 400V e di potenza > 1,5 kW)
30%*TN senza chopper di frenatura opzionale
Tabella10.1: SmartDrive Compact - Dati Tecnici
10
Dati Tecnici
Honeywell
Condizioni
ambientali
Temperatura ambiente d’esercizio
-10°C (senza congelamento)…+50°C: capacità di
carico nominale IN
Temperatura
di stoccaggio
Umidità relativa
-40°C…+70°C
Qualità dell'aria:
- vapori chimici
- particelle meccaniche
Altitudine
Vibrazioni:
EN60068-2-6
Urti
IEC 68-2-27
Classe di protezione meccanica
Immunità
Emissioni
EMC
Standard
Certificazioni e
dichiarazioni
di conformità
del costruttore
75
0…95% RH, non condensante, non corrosiva,
niente perdite di acqua
IEC 721-3-3, unità in funzione, classe 3C2
IEC 721-3-3, unità in funzione, classe 3S2
100% della capacità di carico (senza declassamento)
fino a 1000m, 1% di declassamento ogni 100m
sopra
i 1000m; max. 2000m
3...150 Hz
Ampiezza dello spostamento 1mm (di picco) a
3...15.8 Hz Ampiezza massima dell'accelerazione
1G a 15.8...150 Hz
UPS Drop Test (per pesi UPS applicabili)
Stoccaggio e spedizione: max 15 G, 11 ms (con
l'imballo)
IP20
Conforme a EN50082-1, -2, EN61800-3
È conforme allo standard EN61800-3 categoria C2
(Honeywell levello H: requisiti della normale rete
elettrica pubblica).
Categoria C1 con filtro EMC esterno (Honeywell
livello C): requisiti speciali per installazioni in aree
particolarmente sensibili).
Per EMC: EN61800-3,
Per la sicurezza: UL508C, EN61800-5
Per la sicurezza: CB, CE, UL, cUL,
Per EMC: CE, CB, c-tick
(si veda l'etichetta identificativa per maggiori dettagli)
Tabella10.1: SmartDrive Compact - Dati Tecnici
10
76
Dati Tecnici
Honeywell
10.2 VALORI NOMINALI DI POTENZA
10.2.1 SmartDrive Compact - Tensione di alimentazione 208 - 240 V
Tensione di alimentazione 208-240 V, 50/60 Hz, serie 1~
Capacità di carico
Codice prodotto
Potenza
motore
Corrente
nominale
di ingresso
Taglia
meccanica
e peso (kg)
100% Corrente
continuativa
IN [ A ]
150% Corrente
di sovraccarico
[A]
P
[ kW ]
[A]
COMP230-P25-20
1,7
2,6
0,25
4,2
MI1 0,55
COMP230-P37-20
2,4
3,6
0,37
5,7
MI1 0,55
COMP230-P55-20
2,8
4,2
0,55
6,6
MI1 0,55
COMP230-P75-20
3,7
5,6
0,75
8,3
MI2 0,70
COMP230-1P1-20
4,8
7,2
1,1
11,2
MI2 0,70
COMP230-1P5-20
7,0
10,5
1,5
14,1
MI2 0,70
COMP230-2P2-20*
9,6
14,4
2,2
15,8
MI3 0,99
Tabella10.2: SmartDrive Compact - valori nominali di potenza, 208 - 240 V, 1~
* La temperatura ambiente massima di funzionamento per l'unità SmartDrive Compact
COMP230-2P2-20 è +40°C!
10
Dati Tecnici
Honeywell
77
10.2.2 SmartDrive Compact - Tensione di alimentazione 380 - 480 V
Tensione di alimentazione 380-480 V, 50/60 Hz, serie 3~
Capacità di carico
Codice prodotto
Potenza
motore
Corrente
nominale
di ingresso
Taglia
meccanica
e peso (kg)
100%
Corrente
continuativa
IN [ A ]
150%
Corrente di
sovraccarico
[A]
Alim.
380-480V
P[ kW ]
[A]
COMP400-P37-20
1,3
2,0
0,37
2,2
MI1 0,55
COMP400-P55-20
1,9
2,9
0,55
2,8
MI1 0,55
COMP400-P75-20
2,4
3,6
0,75
3,2
MI1 0,55
COMP400-1P1-20
3,3
5,0
1,1
4,0
MI2 0,70
COMP400-1P5-20
4,3
6,5
1,5
5,6
MI2 0,70
COMP400-2P2-20
5,6
8,4
2,2
7,3
MI2 0,70
COMP400-3P0-20
7,6
11,4
3,0
9,6
MI3 0,99
COMP400-4P0-20
9,0
13,5
4,0
11,5
MI3 0,99
COMP400-5P5-20*
12,0
18,0
5,5
14,9
MI3 0,99
Tabella10.3: SmartDrive Compact - valori nominali di potenza, 380 - 480 V
* La temperatura ambiente massima di funzionamento per l'unità SmartDrive Compact COMP400-5P5-20 è +40°C!
Nota1: Le correnti di ingresso sono state calcolate presupponendo l'utilizzo di un
trasformatore di linea da 100 kVA.
Nota 2: Le dimensioni meccaniche delle unità vengono riportate nel Capitolo 3.1.1.
10
Find out more
For more information on
Honeywell’s frequency converters and other
Honeywell products, visit us online at
http://inverter.ecc.emea.honeywell.com
Automation and Control Solutions
Honeywell GmbH
Böblinger Str. 17
71101 Schönaich, Germany
Telephone (49) 7031 637 01
Telefax
(49) 7073 637 493
http://inverter.ecc.emea.honeywell.com
IT1B-0430GE51 R0711
July 2011
© 2011 Honeywell International Inc.
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement