PJ1000M-C - 3

PJ1000M-C - 3
PJ1000M-C
Manuale Utente
Volume 1
Prodotto da
Italia
Nome File:
CAPITOLI_IT.P65
Versione:
1.1
Data:
10/11/2003
Cronologia revisioni
Data
Versione
29/10/03
1.0
10/11/03
1.1
Ragione
Nuova Versione
Aggiornamento al Software 2.3
Autore
J. Berti
D. Canazza
PJ1000M-C - Manuale Utente
Versione 1.1
© Copyright 2003
R.V.R. Elettronica SpA
Via del Fonditore 2/2c - 40138 - Bologna (Italia)
Telefono:
+39 051 6010506
Fax:
+39 051 6011104
Email:
[email protected]
Web:
www.rvr.it
All rights reserved
Tutti i diritti sono riservati. Stampato in Italia. Nessuna parte di questo
manuale può essere riprodotta, memorizzata in sistemi d’archivio o
trasmessa in qualsiasi forma o mezzo, elettronico, meccanico, fotocopia, registrazione o altri senza la preventiva autorizzazione scritta
del detentore del copyright.
Avviso riguardante l’uso designato e le limitazioni d’uso del prodotto
Questo prodotto è un trasmettitore radio indicato per il servizio di radiodiffusione audio in modulazione di frequenza. Utilizza frequenze operative che non
sono armonizzate negli stati di utenza designati.
L’utilizzatore di questo prodotto deve ottenere dall’Autorità di gestione dello
spettro dello stato di utenza designato apposita autorizzazione all’uso dello
spettro radio, prima di mettere in esercizio questo apparato.
La frequenza operativa, la potenza del trasmettitore, nonché altre caratteristiche
dell’impianto di trasmissione sono soggette a limitazione e stabilite nell’autorizzazione ottenuta.
Dichiarazione di Conformità
Con la presente R.V.R. Elettronica SpA dichiara che questo trasmettitore è
conforme ai requisiti essenziali ed alle altre disposizioni pertinenti stabilite dalla
direttiva 1999/5/CE
PJ1000M-C
Sommario
1.
2.
3.
3.1
3.2
4.
5.
5.1
5.2
5.3
6.
6.1
6.2
6.3
6.4
6.5
6.6
6.7
6.8
6.9
6.10
7.
7.1
7.2
7.3
7.4
8.
8.1
8.2
Istruzioni preliminari
Garanzia
Primo soccorso
Trattamento degli shock elettrici
Trattamento delle ustioni elettriche
Descrizione Generale
Guida rapida all’installazione ed uso
Preparazione
Uso
Encoder
Software
Menù Principale
Menù potenza RF d’ingresso
Menù Power Amplifier (P.A)
Menù della corrente sui moduli di potenza
Menù temperatura
Menù Allarmi
Descrizione degli allarmi registrati
Menù Mode Selection
Menù spegnimento
Menù Software
Descrizione Esterna
Pannello Frontale
Pannello Posteriore
Identificazione dei moduli
Descrizione dei connettori
Specifiche Tecniche
Caratteristiche meccaniche
Caratteristiche elettriche
Manuale Utente
Rev. 1.1 - 10/11/03
1
3
5
5
6
7
9
9
10
12
13
13
13
14
14
14
15
16
17
18
19
21
21
22
23
24
25
25
25
i
PJ1000M-C
Pagina lasciata intenzionalmente in bianco
ii
Rev. 1.1 - 10/11/03
Manuale Utente
PJ1000M-C
1. Istruzioni preliminari
Questo manuale costituisce una guida generale diretta a personale addestrato e
qualificato, consapevole dei rischi connessi all’operare su circuiti elettrici ed
elettronici.
Esso non si propone di contenere una relazione completa di tutte le precauzioni
di sicurezza che devono essere osservate dal personale che utilizza questa od
altre apparecchiature.
L’installazione, l’uso e la manutenzione di questa apparecchiatura implicano rischi
sia per il personale che per l’apparecchiatura stessa, la quale deve essere
maneggiata solo da personale qualificato.
La R.V.R. Elettronica SpA non si assume la responsabilità di lesioni o danni
causati da un uso improprio o da procedure di utilizzo errate da parte di personale
qualificato o meno.
Si prega di osservare le norme locali e le regole antiincendio durante l’installazione
e l’uso di questa apparecchiatura.
ATTENZIONE: disconnettere sempre l’alimentazione prima di aprire i coperchi o
rimuovere qualsiasi parte dell’apparecchiatura.
Usare appropriate misure di messa a terra per scaricare i condensatori ed i punti
di alta tensione prima di procedere a qualsiasi manutenzione
ATTENZIONE: questo apparecchio irradia energia a radiofrequenza, e se non
installato in accordo con le istruzioni del manuale ed i regolamenti in vigore può
causare interferenze alle comunicazioni radio.
Operare con questo apparecchio in un ambiente residenziale può provocare disturbi
radio; in questo caso, può essere richiesto all’utilizzatore di prendere misure
adeguate.
La R.V.R. Elettronica SpA si riserva il diritto di apportare modifiche al progetto e
alle specifiche tecniche dell’apparecchiatura, nonché al presente manuale, senza
alcun preavviso.
Manuale Utente
Rev. 1.1 - 20/10/03
1 / 26
PJ1000M-C
Pagina lasciata intenzionalmente in bianco
2 / 26
Rev. 1.1 - 20/10/03
Manuale Utente
PJ1000M-C
2. Garanzia
La garanzia è riferita a qualsiasi prodotto R.V.R. Elettronica. Essa varia a seconda
che il soggetto acquirente sia un consumatore finale o un rivenditore. Se il soggetto
acquirente è un consumatore, la garanzia ha termine di due anni, con l’obbligo di
denunciare eventuali vizi entro due mesi dalla loro scoperta. Se il soggetto acquirente
è un rivenditore, la garanzia ha termine di un anno, con l’obbligo di denunciare
eventuali vizi entro otto giorni dalla loro scoperta.
Su componenti quali valvole per finali, vale la garanzia della casa costruttrice.
La R.V.R. Elettronica SpA estende inoltre tutte le garanzie di fabbricazione
trasferibili.
Queste saranno trattenute dalla R.V.R. Elettronica per assicurare un’assistenza
più precisa e veloce possibile; eventuali reclami dovranno essere inoltrati
direttamente alla R.V.R. Elettronica secondo le procedure prestabilite.
La garanzia non include:
1 danni verificatisi durante la spedizione della macchina alla R.V.R. per eventuali
riparazioni;
2 qualsiasi modifica o riparazione non autorizzata;
3 danni incidentali o causati non dovuti a difetti dell’apparecchiatura;
4 danni nominali non incidentali;
5 costi di spedizione, di assicurazione dell’apparecchiatura, di sostituzione di
parti o unità.
Qualsiasi danno all’apparecchiatura causato dal trasporto deve essere segnalato
al corriere e riportato per iscritto sulla ricevuta di spedizione.
Qualsiasi differenza o danno scoperto dopo la consegna dovrà essere riferito alla
R.V.R. Elettronica entro 5 (cinque) giorni dalla data di consegna.
Per far valere la garanzia occorre seguire la seguente procedura:
1 contattare il rivenditore o il distributore dove è stata acquistata l’apparecchiatura;
descrivere il problema o il malfunzionamento per verificare se esiste una
soluzione semplice.
Rivenditori e Distributori sono in grado di fornire tutte le informazioni relative ai
problemi che possono presentarsi più frequentemente; normalmente possono
riparare l’apparecchiatura molto più velocemente di quanto non potrebbe fare
la casa costruttrice;
2 se il vostro rivenditore non può aiutarvi, contattare la R.V.R. Elettronica ed
esporre il problema; se il personale lo riterrà necessario, Vi verrà spedita
l’autorizzazione all’invio dell’apparecchiatura con le istruzioni del caso;
3 una volta ricevuta l’autorizzazione, restituire l’apparecchiatura in porto franco
all’indirizzo specificato. Imballarla con cura, utilizzando possibilmente l’imballo
originale, e sigillare il pacco.
Manuale Utente
Rev. 1.1 - 20/10/03
3 / 26
PJ1000M-C
Non restituire la macchina senza l’autorizzazione all’invio perché potrebbe essere
rispedita al mittente.
4 citare il tipo, modello e numero di serie dell’apparecchiatura; allegare una diagnosi
tecnica scritta dove sono elencati tutti i problemi ed i malfunzionamenti riscontrati
ed una copia della fattura di acquisto.
La sostituzione di parti in garanzia o di pezzi di ricambio può essere richiesta al
seguente indirizzo:
R.V.R. Elettronica SpA
Via del Fonditore, 2/2c
40138 BOLOGNA
ITALY
Tel. +39 051 6010506
citando il tipo, modello e numero di serie dell’apparecchiatura.
4 / 26
Rev. 1.1 - 20/10/03
Manuale Utente
PJ1000M-C
3. Primo soccorso
Il personale impegnato nell’installazione, nell’uso e nella manutenzione
dell’apparecchiatura deve avere familiarità con la teoria e le pratiche di primo
soccorso.
3.1
Trattamento degli shock elettrici
3.1.1
Se la vittima ha perso conoscenza
Seguire i principi di primo soccorso riportati qui di seguito.
•
Posizionare la vittima sdraiata sulla schiena su una superficie rigida.
•
Aprire le vie aeree sollevando il collo e spingendo indietro la fronte (Fig. 3-1).
•
Se necessario, aprire la bocca e controllare la respirazione.
•
Se la vittima non respira, iniziare immediatamente la respirazione artificiale
(Fig. 3-2): inclinare la testa, chiudere le narici, fare aderire la bocca a quella
della vittima e praticare 4 respirazioni veloci.
Figura 3-1
•
Figura 3-2
Controllare il battito cardiaco (Fig. 3-3); in assenza di battito, iniziare
immediatamente il massaggio cardiaco (Fig. 3-4) comprimendo lo sterno
approssimativamente al centro del torace (Fig. 3-5).
Figura 3-3
Figura 3-4
Figura 3-5
•
Nel caso di un solo soccorritore, questo deve tenere un ritmo di 15 compressioni
alternate a 2 respirazioni veloci.
•
Nel caso in cui i soccorritori siano due, il ritmo deve essere di una respirazione
ogni 5 compressioni.
Manuale Utente
Rev. 1.1 - 20/10/03
5 / 26
PJ1000M-C
3.1.2
3.2
3.2.1
•
Non interrompere il massaggio cardiaco durante la respirazione artificiale.
•
Chiamare un medico prima possibile.
Se la vittima è cosciente
•
Coprire la vittima con una coperta.
•
Cercare di tranquillizzarla.
•
Slacciare gli abiti e sistemare la vittima in posizione coricata.
•
Chiamare un medico prima possibile.
Trattamento delle ustioni elettriche
Vaste ustioni e tagli alla pelle
•
Coprire l’area interessata con un lenzuolo o un panno pulito.
•
Non rompere le vesciche; rimuovere il tessuto e le parti di vestito che si fossero
attaccate alla pelle; applicare una pomata adatta.
•
Trattare la vittima come richiede il tipo di infortunio.
•
Trasportare la vittima in ospedale il più velocemente possibile.
•
Se le braccia e le gambe sono state colpite, tenerle sollevate.
Se l’aiuto medico non è disponibile prima di un’ora e la vittima è cosciente e non
ha conati di vomito, somministrare una soluzione liquida di sale e bicarbonato di
sodio: 1 cucchiaino di sale e mezzo di bicarbonato di sodio ogni 250ml d’acqua.
Far bere lentamente mezzo bicchiere circa di soluzione per quattro volte e per un
periodo di 15 minuti.
Interrompere qualora si verificassero conati di vomito.
Non somministrare alcolici
3.2.2
6 / 26
Ustioni Meno gravi
•
Applicare compresse di garza fredde (non ghiacciate) usando un panno il più
possibile pulito.
•
Non rompere le vesciche; rimuovere il tessuto e le parti di vestito che si fossero
attaccate alla pelle; applicare una pomata adatta.
•
Se necessario, mettere abiti puliti ed asciutti.
•
Trattare la vittima come richiede il tipo di infortunio.
•
Trasportare la vittima in ospedale il più velocemente possibile.
•
Se le braccia e le gambe sono state colpite, tenerle sollevate.
Rev. 1.1 - 20/10/03
Manuale Utente
PJ1000M-C
4. Descrizione Generale
Il PJ1000M-C, prodotto dalla RVR Elettronica, è un amplificatore FM a larga banda,
con dimensioni estremamente ridotte (solamente 3 unità) e con fattore di forma adatto
al montaggio su rack da 19".
Può lavorare senza regolazioni manuali in tutta la banda FM 87.5-108 MHz, ha un
efficenza totale del 70%, così da avere un consumo di potenza di soli 1450W per
erogare 1000 W di potenza nominale.
La sezione di potenza RF impiega quattro MOSFET SD2932 in grado di erogare
300 W ciascuno.
L'alimentatore è di tipo switching, da 2kW massimi e comprende il PFC (Power
Factor Corrector), con efficenza superiore al 90% e fattore di potenza maggiore di
0,95.
Il software di controllo del PJ1000M-C implementa le seguenti funzioni:
•
Misura e visualizzazione dei parametri di lavoro dell'amplificatore
•
Attivazione e disattivazione dell'erogazione di potenza
•
Protezione dell'amplificatore rispetto a situazioni potenzialmente dannose come
l’eccesso di potenza erogata, ROS, potenza di pilotaggio o temperatura eccessivi
•
Protezioni ultra veloci per la potenza riflessa, temperatura, Imax, VPA e Overdrive
•
Interazione con dispositivi esterni tramite il connettore di telemetria.
Il software di gestione dell'amplificatore è basato su un sistema a menù.
L'utente può navigare fra i diversi sottomenù e modificare i parametri utilizzando
l’encoder e ruotandolo in senso orario o antiorario. L’encoder può essere premuto
per entrare all’interno dei sottomenù o per confermare le modifiche dei parametri.
Lo stato della macchina viene indicato da una serie di LED presenti sul pannello
anteriore, di colore rosso, giallo o verde a seconda che indichino condizioni di
allarme, di attenzione o di funzionamento regolare.
La modalità LOCAL permette l’immissione di comandi tramite i pulsanti sul frontale
ed esclude il controllo da remoto (cioè tramite il connettore di telemetria). In modalità
REMOTE, è invece abilitato il controllo remoto, mentre con l’encoder è possibile
solamente visualizzare i vari parametri, ma non modificarli.
Alcuni parametri di funzionamento sono disponibili per l'utente sul connettore di
telemetria, sotto forma di livelli di tensione proporzionali al valore del parametro che
si sta considerando.
Un filtro passa-basso incorporato nella macchina mantiene le emissioni non
desiderate al di sotto dei livelli permessi dalle normative CCIR e FCC.
Manuale Utente
Rev. 1.1 - 20/10/03
7 / 26
PJ1000M-C
Pagina lasciata intenzionalmente in bianco
8 / 26
Rev. 1.1 - 20/10/03
Manuale Utente
PJ1000M-C
5. Guida rapida all’installazione ed uso
5.1
Preparazione
Disimballare l'amplificatore e prima di ogni altra operazione verificare l'assenza di
eventuali danni dovuti al trasporto. Controllare in particolare che tutti i connettori
siano in perfette condizioni.
L'amplificatore è predisposto per alimentazione da rete da 230Vac ±10%. Una
variazione fino al 15% è tollerata. Tensioni maggiori rispetto a questo valore (circa
265V) causano l’intervento delle protezioni (LED “Mains”) ed il blocco istantaneo
del funzionamento.
Tensioni minori di 190V causano un intervento limitativo della potenza che si riduce
automaticamente a 500W. Se la potenza programmata è inferiore a questo valore
non si ha alcun intervento.
Tensioni minori di 165V causano, come per la condizione maggiore di 265V, il blocco
istantaneo del funzionamento. Al cessare delle condizioni di anomalia si ha il restart
automatico per un numero di volte prefissato.
Controllare che l'interruttore principale del PJ1000M-C siano in posizione "spento".
L'amplificatore dispone di un interruttore sito nel pannello posteriore della macchina
che interrompe completamente l'alimentazione di rete della macchina.
Connettere all’ingresso RF l’uscita di un eccitatore FM di tipo adeguato (per esempio,
il PTX30 della R.V.R. Elettronica), utilizzando un cavo munito di connettori di tipo N.
Collegare il connettore “INTERLOCK OUT” dell’amplificatore al connettore
INTERLOCK dell’eccitatore, se disponibile.
Connettere l’uscita RF al cavo di antenna o ad un carico fittizio in grado di dissipare
la potenza generata dall’amplificatore. L'apparato deve lavorare su carico nominale
di 50 Ohm, con basso valore di onde riflesse (VSWR consigliato < 1.2:1). A questo
basso valore corrisponde una miglior efficienza, un minor riscaldamento, maggiore
durata e minore consumo. Curare inoltre che la linea ed il connettore coassiale siano
ben collegati.
Si consiglia di avvitare il connettore di uscita (7/16") " a mano", senza l'uso di pinze
o chiavi, guidando con delicatezza la corsa del filetto con lievi oscillazioni della ghiera
e del cavo.
Uso di cavità: l'apparato può lavorare su cavità accordate a banda stretta e ad alto
Q. Esso non è però stabile in tutte le condizioni di adattamento ed a tutti gli angoli di
fase. La cavità, sebbene ben accordata, presenta un valore d'impedenza, che si
suppone puramente resistivo, solo in prossimità del suo centro di sintonia. Fuori da
questo ristretto segmento, la riflessione è in pratica infinita ed il carico, del tutto
reattivo, si presenta con ogni angolo di fase. L'apparato è invece a banda larghissima
(molte decine di MHz a -3dB) e perciò si trova, nel caso di cavità, non correttamente
Manuale Utente
Rev. 1.1 - 20/10/03
9 / 26
PJ1000M-C
caricato sulla quasi totalità della sua "finestra" attiva di amplificazione. È da
considerare inoltre che, al fine di mantenere un rendimento estremamente elevato
(classe C..F), l'impedenza di uscita varia con la potenza fornita.
È essenziale mantenere l'apparato in condizioni di corretto pilotaggio, per
far sì che l'impedenza d'uscita venga controllata attraverso il suo sistema
interno a processore.
Connettere il cavo di alimentazione alla morsettiera di rete.
È essenziale che l'apparato venga collegato correttamente ad una terra di
eccellente qualità (bassa impedenza), per garantire sicurezza di
funzionamento e prestazioni corrette.
5.2
Uso
Accendere l'amplificatore e verificare che la spia “PWS OK” si illumini. Il display
LCD mostrerà una schermata con l'indicazione dei valori di potenza diretta e riflessa.
Il PJ1000M-C, a differenza della maggior parte degli apparati analoghi, dispone di
un completo sistema di controllo e gestione della potenza di pilotaggio, indipendente
dalla marca e dal tipo di pilota utilizzato.
Infatti, all'accensione, il pilota è connesso tramite relay, ad un carico fittizio interno
da 50Ohm/50Wmax. Solo se il livello della potenza fornita sarà compreso tra quelli
accettati si avvierà il ciclo di partenza e la messa in potenza. Tale condizione (driving
corretto) è indicata da una tripletta di led posti sul pannello (giallo = potenza non
sufficiente, verde = OK, rosso lampeggiante = potenza eccessiva, rosso fisso =
sconnessione del driver ed intervento protezione). È importante operare in
condizione di pilotaggio corretto, vale a dire a circa 18W .
Accendere l'eccitatore (a potenza minima) ed attendere che si agganci sulla
frequenza di lavoro. Una volta agganciato, incrementare la potenza gradualmente,
controllando lo stato dei led dell'amplificatore. A potenza di pilotaggio bassa, il led
giallo AGC LOW è spento e il led verde AGC OK è spento. Aumentare la potenza
dell'eccitatore i due led cominciano a lampeggiare alternativamente. In questo stato,
l’amplificatore comincia ad erogare potenza: sul display della macchina si deve
notare che il valore “FWD” comincia a salire fino a raggiungere la potenza impostata
nel campo “PWRSET”.
Aumentare ancora la potenza di pilotaggio fino a che il led AGC LOW si spegne e
AGC OK rimane acceso in modo fisso. Questa è la zona di funzionamento ottimale
per l’amplificatore.
Il PJ1000M-C è normalmente fornito con la potenza di uscita regolata al minimo
(circa 50W). Il setting di potenza potrà essere eseguito in modo diretto o indiretto, a
seconda che il pilota sia operativo oppure no.
Sul display, nel menù indicante la potenza diretta si hanno due indicazioni: PWRSET,
sulla riga superiore, riporta la potenza di impostazione, mentre nella riga inferiore
10 / 26
Rev. 1.1 - 20/10/03
Manuale Utente
PJ1000M-C
viene indicata la potenza effettiva d'uscita (zero se il driver è spento). Premendo la
manopola di regolazione (l’indicazione PWRSET inizia a lampeggiare) è possibile
variare la potenza di setting. Una successiva pressione confermerà il nuovo valore.
All'accensione del driver, la cui potenza sarà stata aggiustata come indicato in
precedenza per l'accensione del led verde, la seconda riga del display, attraverso
una crescita a rampa (soft start), si porterà a coincidere con la potenza settata.
Non è possibile regolare la potenza d'uscita agendo sulla regolazione
dell'eccitatore: quando la potenza di pilotaggio scende al di sotto della soglia
minima l’erogazione di potenza viene disabilitata. Questa operazione
porterebbe fuori classe di lavoro il finale, modificandone guadagno,
rendimento e stabilità, compromettendone il buon funzionamento.
A questo punto, tramite il sistema di gestione software, è possibile verificare tutti i
parametri di funzionamento della macchina.
Normalmente, la macchina non richiede supervisione per funzionare. Nel caso si
verifichino condizioni di allarme, queste sono gestite in modo automatico dal sistema
di protezione e vengono notificate all’utente tramite i LED sul pannello o messaggi
a display. Sono fissati 9 cicli prima del blocco definitivo. Se una protezione è
intervenuta e per circa 45’ non si ha la sua reiterazione, la logica automaticamente
azzera il conteggio dei cicli. Se interviene all'interno dei 45’ predetti la stessa
protezione, o anche un'altra diversa, il conteggio del tempo interprotezione riprende
da zero e quindi il sistema viene "osservato" per altri 45 minuti. Al nono ciclo
consecutivo (tra intervento ed intervento intercorre un tempo morto di circa 10 sec)
si ha il blocco definitivo della macchina. E' tenuta in memoria la causa che ha
provocato l'intervento. In caso di reset manuale tale indicazione resta comunque
visibile fino al prossimo primo nuovo intervento di una protezione.
Per esempio, potenze riflesse maggiori di 100W causano l'intervento immediato
delle protezioni per riflessa. In tal caso si avrà il fermo macchina e la ripartenza
ciclica per un numero massimo di nove volte. Al raggiungimento di questo numero
l'apparato sarà definitivamente fermo, ovvero in "FAULT", e sarà quindi richiesto
l'intervento, locale o remoto, dell'operatore (reset manuale).
ATTENZIONE: Se la macchina è settata in "remote" non è più possibile
effettuare variazioni in modo locale. Il modo remoto ha priorità!
Manuale Utente
Rev. 1.1 - 20/10/03
11 / 26
PJ1000M-C
5.3
Encoder
Il sistema di controllo del PJ1000M-C è basato su un display LCD ed una manopola
con i quali si possono impostare e verificare tutte le configurazioni. Il livello di potenza
di uscita della macchina viene regolato tramite un trimmer sul pannello frontale della
macchina.
L'interazione fra l'utente ed il software di controllo dell'apparato avviene tramite
l'encoder
Le operazioni che si possono compiere sull'encoder sono:
12 / 26
•
rotazione: permette di scorrere i vari menù oppure modificare i valori selezionati
•
pressione: permette di selezionare il parametro da modificare ed accettare il
nuovo valore impostato.
Rev. 1.1 - 20/10/03
Manuale Utente
PJ1000M-C
6. Software
La macchina è dotata di un display LCD a due righe sul quale viene mostrato un
insieme di menù. A seconda dei casi, il menù può riportare la dicitura "Push to
Program", in questo caso premere l'encoder per accedere alla modifica del
parametro, qualora fosse necessario.
Di seguito sono descritti i vari menù presenti nel PJ1000M-C, partendo dal menù
principale e ruotando l'encoder in senso orario.
6.1
Menù Principale
All'accensione, viene mostrata sul display una finestra informativa contenente alcuni
dati della macchina:
•
Potenza impostata
•
Potenza diretta in Watts (FWD)
•
Potenza riflessa in Watts (REF)
Tramite questo menù si ha la possibilità di variare il valore della potenza. Per effettuare
questa operazione premere l’encoder, la scritta “PWRSET” inizierà a lampeggiare
e ruotando l’encoder si avrà la possibilità di variare il valore. Una volta raggiunto il
valore desiderato, premere per confermare il dato.
Da questo menù è possibile accedere a tutti gli altri ruotando l'encoder presente in
senso orario o antiorario, per praticità verrà descritta la sequenza dei menù nel
caso la manopola venga ruotata in senso orario.
6.2
Menù potenza RF d’ingresso
Si tratta di una finestra informativa contenente alcuni dati sulla potenza in ingresso:
•
Potenza diretta in Watts (FWD)
•
Potenza riflessa in Watts (REF)
Manuale Utente
Rev. 1.1 - 20/10/03
13 / 26
PJ1000M-C
6.3
Menù Power Amplifier (P.A)
Questa schermata mostra all'utente le misure relative all'amplificatore RF
dell'apparato:
• Tensione (VPA)
• Corrente (IPWS)
La tensione VPA si riferisce al valore di alimentazione all’ingresso dei moduli.
La corrente IPWS si riferisce alla corrente complessiva all’uscita dell’alimentatore e
corrisponde alla somma delle correnti dei singoli moduli di potenza.
6.4
Menù della corrente sui moduli di potenza
In questo menù vengono mostrati i valori della corrente sulla coppia di moduli di
potenza di destra (IR) e di sinistra (IL) dell’amplificatore.
6.5
Menù temperatura
Tramite questo menù viene mostrata sul display la temperatura presente della sezione
RF della macchina.
14 / 26
Rev. 1.1 - 20/10/03
Manuale Utente
PJ1000M-C
6.6
Menù Allarmi
Questo menù offre all'utente le informazioni relative allo stato del sistema di protezioni
incorporato nell'amplificatore.
Consiste in un certo numero di sottomenù, ciascuna dell quali contiene il nome della
variabile controllata dal sistema di protezione ed il numero di interventi che sono
stati effettuati dal sistema.
Nel sottocapitolo 6.1.7 vengono descritti tutti gli allarmi registrati.
Per accedere ai sottomenù premere l’encoder e quindi ruotandolo si scorre tra le
pagine che descrivono le diverse variabili controllate.
Nella prima riga è descritto il tipo di allarme, nella seconda è indicato il numero degli
eventi registrati. Quando il numero degli eventi di un singolo allarme raggiunge le
nove unità la macchina passa in modalità protezione visualizzando questo stato con
l’accensione del LED “Fault” sul pannello frontale; contemporaneamente sul display
comparirà la seguente pagina:
Per far ripartire la macchina dopo aver eliminato la causa del malfunzionamento
premere l’encoder.
Nel caso la macchina non abbia raggiunto lo stato di protezione l’ultima pagina del
menù Allarmi, che consente il ritorno al menù principale, è la seguente:
Manuale Utente
Rev. 1.1 - 20/10/03
15 / 26
PJ1000M-C
6.7
Descrizione degli allarmi registrati
Massima potenza riflessa consentita.
Massima potenza diretta consentita.
Massima potenza di pilotaggio.
Massima temperatura consentita
stadio amplificatore.
Massima temperatura consentita
stadio alimentatore.
Massima corrente consentita banco
MOSFET di destra.
Massima corrente consentita banco
MOSFET di sinistra.
Minima tensione di alimentazione della
macchina (Mains) consentita.
16 / 26
Rev. 1.1 - 20/10/03
Manuale Utente
PJ1000M-C
Allarme esterno segnalato sui
connettori “External Set” e “Interlock In”.
Allarme esterno segnalato sui
connettori “External Set” e “Interlock In”.
6.8
Menù Mode Selection
Tramite questo menù è possibile abilitare o disabilitare le funzionalità di controllo
remoto della macchina.
Premendo l’encoder si accede al menù di abilitazione dell’interlock esterno.
Scegliere, ruotando l’encoder, l’abilitazione o l’esclusione della funzionalità.
L’Interlock esterno permette ad un’altro dispositivo, ad esempio un telecontrollo, di
inibire l’erogazione di potenza del PJ1000M-C tramite i connettori “EXT SET” e
“INTRLK IN” posti sul retro.
Se si abilita questa funzione senza che vengano dati gli opportuni segnali ai
connettori sopra descritti la macchina non erogherà potenza, quindi non
abilitare mai questa funzione se non si è esattamente sicuri delle operazioni
da compiere.
Premendo l’encoder si confermerà la scelta e si passerà alla pagina seguente:
Manuale Utente
Rev. 1.1 - 20/10/03
17 / 26
PJ1000M-C
Da questa pagina si può scegliere se abilitare o disabilitare il controllo remoto della
macchina, tramite la presa TLC - TLS posta sul retro.
In modalità “REMOTE” non è possibile controllare la macchina tramite
l’encoder, ovvero non si potranno più controllare i parametri “Power On Off” e “Power Set”, quindi non porre mai il PJ1000M-C in modalità “Remote”
se non si è esattamente sicuri delle operazioni da compiere.
Premendo l’encoder si confermerà la scelta e si passerà alla pagina seguente:
Premendo l’encoder si tornerà al menù principale.
6.9
Menù spegnimento
Tramite questo menù viene data la possibilità di spegnere la macchina.Premendo
l’encoder si accede al menù di conferma dell'operazione effettuata.
Ruotare in senso orario o antiorario la manopola e premere sulla scelta desiderata.
18 / 26
Rev. 1.1 - 20/10/03
Manuale Utente
PJ1000M-C
6.10
Menù Software
Tramite questo menù si ottengono indicazioni sulla release del software, del sistema
di protezione e del sitema di Telecontrollo.
Manuale Utente
Rev. 1.1 - 20/10/03
19 / 26
PJ1000M-C
Pagina lasciata intenzionalmente in bianco
20 / 26
Rev. 1.1 - 20/10/03
Manuale Utente
PJ1000M-C
7. Descrizione Esterna
Questo capitolo descrive gli elementi presenti nei pannelli anteriore e posteriore del
PJ1000M-C con una breve descrizione di ciascuno di loro.
7.1
Pannello Frontale
[1]
[2]
[3]
[4]
[5]
[6]
[7]
MORE
LOCK
+V
-V
PWS OK
MAINS
ID MAX
[8] TEMP
[9] P MAX
[10] P REF
[11] WAIT
[12] FAULT
[13] AGC LOW
[14] AGC OK
[15] OVR DRV
[16] LOCAL
[17] REMOTE
[18] RF TEST
[19]
[20]
[21]
[22]
RS232
ENCODER
DISPLAY
PADJ
Manuale Utente
LED verde, riservato ad usi futuri
LED verde, riservato ad usi futuri
LED verde, quando acceso indica tensione positiva corretta
LED verde, quando acceso indica tensione negativa corretta
LED verde, quando acceso indica corretto funzionamento dell’alimentatore
LED giallo, quando acceso indica un’avaria nell’alimentazione da rete
LED giallo, quando acceso indica una corrente eccessiva sui moduli di
potenza
LED giallo, quando acceso indica un’eccesso della temperatura interna
LED giallo, quando acceso indica che è stata superata la soglia di
potenza massima erogabile dalla macchina
LED giallo, quando acceso indica che è stata superata la soglia di potenza
riflessa
LED giallo che indica che l’amplificatore è in attesa che venga rimossa
una condizione che impedisce l’erogazione di potenza o sta effettuando un
ciclo spegnimento/riaccensione
LED rosso che indica la presenza di un malfunzionamento che non può
essere risolto automaticamente (occorre resettare manualmente)
LED giallo, quando acceso indica che la potenza di pilotaggio non è
sufficente
LED verde, quando acceso indica che la corretta potenza di pilotaggio
LED rosso, quando acceso indica che la potenza di pilotaggio è
eccessiva, con la possibilità di sconnessione del driver ed intervento
della protezione
LED giallo, che se acceso indica che l’amplificatore è in modo di controllo
locale
LED verde, che se acceso indica che l’amplificatore è in modo di controllo
remoto
Connettore BNC per l'uscita RF di test: adatta per analizzare la
modulazione, non utilizzabile per analisi spettrale
Connettore DB9 per la programmazione di fabbrica
Manopola e pulsante per il controllo del software
Display a cristalli liquidi
Trimmer per la regolazione della potenza (Non disponibile)
Rev. 1.1 - 20/10/03
21 / 26
PJ1000M-C
7.2
Pannello Posteriore
[1] AIR FLOW
[2] RF INPUT
[3] RF OUTPUT
[4] I2C
[5] TM/TC CONFIGURATION
[6] TM/TC
[7] EXT SET
[8] INTRLK OUT
[9] MAINS VOLTAGE SOCKET
[10] MAIN CONNECTOR
[11] INTRLK IN
[12] AIR FLOW
[13] RS 485
22 / 26
Uscita del flusso d’aria proveniente dal modulo amplificatore.
Connettore di ingresso RF (“N” type).
Connettore di uscita RF (7/16” EIA flange ).
Connettore DB9 per comunicazioni in standard I2C.
Jumper di configurazione della telemetria.
Connettore di telemetria DB25
Connettore ausiliario di tipo phoenix per segnali di Interlock
Connettore BNC per bloccare dispositivi esterni, come un
eccitatore. In caso di guasto, il conduttore centrale viene posto a
massa
Mosettiera della tensione di rete
Interruttore di rete
Connettore BNC per bloccare, in caso di guasto o allarmi, il
PJ1000M-C da parte di dispositivi esterni.
Uscita del flusso d’aria proveniente dal modulo alimentatore.
Connettore RJ45 - riservato ad usi futuri
Rev. 1.1 - 20/10/03
Manuale Utente
PJ1000M-C
7.3
1
Identificazione dei moduli
2
3
9
10
[1]
[2]
[3]
[4]
[5]
[6]
[7]
[8]
[9]
[10]
[11]
[12]
[13]
[14]
[15]
[16]
4
11
5
12
13
6
14
7
8
15
16
Scheda misure e telecontrollo
Scheda di controllo delle ventole
Ventola
Filtro Passa Basso e accoppiatore direzionale
Combinatore 4 vie
Moduli amplificatori RF
Splitter 1 in 4
Scheda ingresso RF
Scheda RJ45
Ventola
Linea di ingresso e scheda protezioni
Alimentatore
Scheda interfaccia
Scheda filtro EMI
Scheda LED
Scheda logica
Manuale Utente
Rev. 1.1 - 20/10/03
23 / 26
PJ1000M-C
7.4
7.4.1
Descrizione dei connettori
Connettore di telemetria
Tipo: DB25 Femmina
1
14
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
SWR interno
Misura tensione dell’ amplificatore di potenza RF
GND
Misura potenza riflessa
Interlock
Non utilizzato
GND
Comando “On”
Power good (potenza erogata superiore al 80 % di quella impostata)
WAIT
Comando Reset allarmi
Acknowledge OFF
Interlock esterno
Misura della Temperatura
Corrente dell’ amplificatore di potenza RF
Misura della potenza diretta
FAULT
Warning potenza riflessa (RFL > 50 W)
Potenza in ingresso
Comando “OFF”
GND
Power good (potenza erogata superiore al 50 % di quella impostata)
Aknowledge LOC
+12Vcc
Acknowledge ON
ATTENZIONE: Le telemisure hanno danno valori nominali di 3.9V. il fondo
scala per tutte le misure è a 4.3V Accensione e spegnimento remoti richiedono
in impulso basso di almeno 100mS. Trattasi di comandi bistabili ed esclusivi,
nel senso che dopo un comando di ON può essere accettato solo un OFF e
solo dopo che il comando precedente è cessato. Sono previsti gli
“acknoledge” per gli stati ON/OFF/Local.
24 / 26
Rev. 1.1 - 20/10/03
Manuale Utente
PJ1000M-C
8. Specifiche Tecniche
8.1
Caratteristiche meccaniche
Dimensioni pannello
132 mm (5,19”) H, 3HE
600 mm (23,61) D
483 mm (Standard 19”) W
Meno di 20 Kg
-10 °C ÷ 50 °C
Peso
Temperatura di funzionamento
8.2
Caratteristiche elettriche
Alimentazione CA
Banda di frequenza
Potenza di uscita
Connettore di uscita RF
Impedenza di uscita
Connettore di ingresso RF
Impedenza di ingresso
Consumo di potenza
Efficenza
Soppressione di armoniche e spurie
Raffreddamento
Interfaccia seriale
interfaccia di telemetria
Manuale Utente
220 Vac, 50-60 Hz, with PFC
87.5 – 108 MHz
1000 W
7/16” female
50 Ohm
N-type
50 Ohm
1450 W
about 70%
Meets or exceeds all FCC and CCIR
requirements
Forced ventilation
RS232 (DB9 female connector) IIC (DB9
female connector for IIC bus networking)
DB25 female connector
Rev. 1.1 - 20/10/03
25 / 26
PJ1000M-C
Pagina lasciata intenzionalmente in bianco
26 / 26
Rev. 1.1 - 20/10/03
Manuale Utente
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement