Action Vertic - Manuale d`Uso

Action Vertic - Manuale d`Uso

I n v a c a r e

®

Action

®

Ver tic

Yes, you can.

Manuale d’uso

Premessa

Le informazioni contenute nel presente manuale sono soggette a modifi ca senza preavviso. Alcune delle informazioni fornite sono vincolate dalla legge sul diritto d’autore. E’ vietata la copia o la riproduzione fotostatica, totale o parziale, del presente manuale senza la preventiva autorizzazione scritta di Invacare®.

Invacare®, leader a livello europeo e mondiale nella costruzione di carrozzine per disabili, produce una vasta gamma di articoli che consentono all’utilizzatore di far fronte agevolmente alle necessità quotidiane. La scelta del modello di carrozzina che meglio si adatta ai requisiti di ogni singolo paziente, comunque, spetta sempre all’utilizzatore, opportunamente consigliato dal personale sanitario competente.

- La Vostra carrozzina è stata progettata e realizzata per un utilizzo in ambienti chiusi. E’ stata ideata per utenti adulti, attivi, che desiderano porsi in posizione verticale nel corso della giornata per motivi medici o professionali. Questo prodotto è a norma delle direttive Europee CE EN93/42 relative ai prodotti medici di Classe 1, EMC (NF EN6060-2 et CEI 60335-2) e nel rispetto degli standard normativi NF (NF EN ISO 14971 & NF EN 12182).

- Action® Vertic è stata realizzata per un utilizzo sia per brevi periodi che a lungo termine, nella vita quotidiana o in ambienti di lavoro.

- E’ importante che ciascun utilizzatore rispetti le direttive fornitegli dal proprio fi sioterapista, relativamente alla posizione verticale (durata, frequenza, postura, angolo massimo in perpendicolarità,…).

Norme di Sicurezza in merito ad Interferenze Elettromagnetiche

Questo veicolo elettrico è stato testato con successo nel rispetto degli Standard Internazionali che monitorano le Interferenze Elettromagnetiche (EMI). Tuttavia, campi elettromagnetici come quelli generati da stazioni radio e televisive o da telefonini cellulari possono comunque interferire sulle funzioni dei veicoli elettrici. Inoltre le stesse componenti elettroniche utilizzate nei nostri veicoli possono generare un minimo livello di interferenza elettromagnetica, che tuttavia rimane entro i limiti di tolleranza consentiti per legge.

Per questi motivi vi invitiamo a rispettare le seguenti precauzioni:

AVVERTENZA: Pericolo o malfunzionamento dovuto a interferenze elettromagnetiche!

− Non accendete o azionate rice-trasmettitori portatili o simili dispositivi di comunicazione personale (come telefonini cellulari, rice-trasmettitori CB, walkietalkie) mentre il veicolo è attivato!

− Evitate di avvicinarvi a forti trasmettitori come stazioni radio e televisive!

− Nel caso il veicolo dovesse muoversi non intenzionalmente spegnetelo immediatamente!

− L’aggiunta di accessori e altre componenti , o comunque modifi che di qualunque tipo apportate al veicolo, possono renderlo più suscettibile ad interferenze elettromagnetiche. Ricordate che non esiste modo sicuro per determinare quale effetto tali modifi che possano avere sull’immunità complessiva del sistema elettronico!

Informate il costruttore del veicolo di tutte le circostanze in cui si sono verifi cati movimenti non voluti del veicolo o il rilascio involontario dei freni!

Timbro del Distributore

Introduzione

Ai nostri Clienti

Grazie per aver scelto una carrozzina Invacare®.

Questo modello presenta tutti i vantaggi e le caratteristiche che possono soddisfare al meglio le vostre esigenze. Tutti i componenti sono stati selezionati in funzione della loro qualità e sugli stessi sono stati eseguiti degli accurati controlli durante la fabbricazione.

Questo manuale descrive l’uso previsto della vostra carrozzina e illustra le operazioni di manutenzione/ regolazione che dovrete eseguire o far eseguire sulla stessa.

Occorre comunque precisare che le riparazioni – con la sola eccezione delle camere d’aria – e molte delle regolazioni richiedono una formazione tecnica specifi ca e, di conseguenza, devono essere eseguite dal vostro

Distributore.

!

Vi raccomandiamo di leggere con attenzione le istruzioni operative presentate in questo Manuale

Utente prima di iniziare ad utilizzare la vostra carrozzina.

Questo prodotto è stato fornito dal costruttore Invacare® nel rispetto dell’ambiente. E’ in conformità con le direttive 2002/96/CE relative allo smaltimento di materiale elettrico ed elettronico. Questo prodotto può contenere sostanze che possono danneggiare l’ambiente se smaltite in luoghi non idonei o che non rispettano le direttive nazionali.

Il simbolo del bidone barrato con una X è stato posto su questo prodotto per incoraggiarvi al suo

smaltimento in apposite strutture predisposte (da individuarsi contattando le autorità municipali più vicine). Vi preghiamo di essere ecologicamente responsabili e di riciclare correttamente questo prodotto al termine dell’utilizzo.

2

A. LINEE GUIDA GENERALI

Pagina

1. Sicurezza e uso previsto

1.1. Come raggiungere un oggetto dalla carrozzina

1.2. Trasferimento verso altre sedute

1.3. Basculamento

1.4. Basculamento, Marciapiedi

1.5. Rampe

1.6. Scale

1.7. Posizionamento verticale

3

5

6

6

7

7

7

2.1. Come ripiegare e aprire la carrozzina

3.1. Controllo delle prestazioni

3.2. Controllo dello stato generale

4. Ricarica delle batterie

5. Trasporto

6. Riepilogo delle condizioni di garanzia

6.1. Termini e condizioni standard di garanzia

6.2.Limiti di responsabilità

7. Istruzioni d’uso

8

11

11

13

14

15

15

15

15

INDICE

B. DESCRIZIONE DELLA CARROZZINA

Pagina

1. Presentazione

1.1. Introduzione

1.2. Descrizione generale

16

16

2. Regolazioni e manutenzione

2.1. Componenti della seduta

2.1.1. Sedile regolabile in profondità

2.1.2. Regolazione della fodera del sedile

2.1.3. Regolazione dell’altezza dello schienale

2.1.4. Regolazione della fodera dello schienale

2.1.5. Poggiapiedi

2.1.6. Braccioli

2.1.7. Fasce in velcro e cinture di posizionamento

2.2. Telaio

2.2.1. Fiancate

2.2.2. Meccanismo di verticalizzazione

2.3. Ruote posteriori

2.3.1. Ruote

2.3.2. Anelli corrimano

2.3.3. Assi ad estrazione rapida

2.4. Ruote anteriori

2.4.1. Ruote

2.5.Freni

2.5.1. Freni manuali

2.6. Opzioni e accessori

2.6.1. Impugnature per la spinta

2.6.2. Ruotine anti-ribaltamento

2.6.3. Vassoio

2.7. Tabella esplicativa dei segnali sonori

2.8. Caratteristiche tecniche e attrezzature

2.8.1. Caratteristiche standard della carrozzina

2.8.2. Utensili per la manutenzione (non forniti)

2.8.3. Servizio post-vendita e smaltimento

2.9. Caratteristiche dimensionali (secondo ISO)

24

24

24

25

23

23

23

24

25

25

25

26

27

22

22

22

23

21

21

21

22

18

19

19

20

17

17

18

18

1. Sicurezza e uso previsto

Per un utilizzo effi cace e sicuro della carrozzina è necessario attenersi alle istruzioni qui riportate:

- Stabilità ed equilibrio

La vostra carrozzina è stata progettata in modo da assicurare la massima stabilità, nel corso delle attività quotidiane.

Qualsiasi movimento dell’utente si rifl ette sulla posizione del baricentro, questo può provocare un’oscillazione dell’ausilio e la caduta dell’utilizzatore.

Per aumentare la sicurezza dell’utente che ha bisogno di muoversi molto o di spostare il proprio peso da un punto all’altro della carrozzina si raccomanda di utilizzare le cinture di cui è dotata la seduta.

- Distribuzione del peso (fi gura 1)

Le necessità della vita quotidiana impongono all’utilizzatore di sporgersi, appoggiarsi con i gomiti ai braccioli, spostarsi e cambiare posizione sulla carrozzina e fuori dalla stessa.

Queste azioni modifi cano il normale bilanciamento, il baricentro (G) e la distribuzione del peso sulla carrozzina.

- Limiti di peso

Il peso massimo consigliato per l’utilizzatore è di 115 kg.

Tuttavia anche il suo grado di attività è un fattore determinante: per esempio, un utente attivo di 75 kg può sottoporre la carrozzina ad una sollecitazione maggiore rispetto ad un utente poco dinamico e che pesi 100 kg. Per questo motivo consigliamo di consultare il vostro Distributore sulla scelta del modello di carrozzina più idoneo al vostro stile di vita quotidiano.

1.1. Come raggiungere un oggetto dalla carrozzina

I limiti di equilibrio per riuscire a raggiungere un oggetto rimanendo in posizione seduta sono stati determinati sulla base di un campione rappresentativo di utilizzatori della carrozzina:

3

1 2 3

4

- Solamente le braccia dovrebbero venire estese oltre la zona della seduta della carrozzina (fi gura 2).

- Il corpo e la testa devono rimanere entro i limiti della seduta (fi gura 3).

1. 1. 1 Piegamenti in avanti

Vi raccomandiamo di non sporgervi con il busto oltre il bracciolo (fi gura 4).

Per raggiungere un oggetto posto di fronte a voi, dovrete inclinarvi e piegarvi in avanti: per far questo dovrete servirvi delle ruote piroettanti (direzionandole in avanti) in modo da mantenere la stabilità e l’equilibrio. L’allineamento corretto delle ruote è essenziale per la vostra sicurezza (fi gura 5).

1. 1.2 Piegamenti all’indietro

Portate la carrozzina il più vicino possibile all’oggetto da raggiungere, in modo da poterlo prendere semplicemente tendendo il braccio e rimanendo nella normale posizione seduta.

Vi raccomandiamo particolarmente di non sporgervi all’indietro, per evitare il possibile ribaltamento della carrozzina

(fi gure 6 e 7).

4 5 6 7

1.2. Trasferimento verso altre sedute

(fi gure 8 e 9)

Questo trasferimento può essere eseguito senza bisogno di aiuto, a condizione che la mobilità dell’utente sia buona e il suo tono muscolare lo consenta.

- Avvicinare il più possibile la carrozzina alla superfi cie su cui si desidera sedersi; le ruote piroettanti devono essere direzionate in avanti. Bloccare i freni manuali delle ruote posteriori. Piegare le impugnature per facilitare il trasferimento. A questo punto si può spostare il corpo verso la nuova seduta (fi gura 8).

- Il trasferimento in avanti frontalmente è possibile facendo leva sui braccioli per alzarsi; tuttavia non è consigliabile, poiché la leggera fl essibilità dei braccioli può causare momentanea instabilità e portare alla caduta.

- Nel movimento dalla carrozzina verso la nuova seduta il corpo avrà poco o nessun supporto. Quando possibile, nei trasferimenti si utilizzi l’ausilio di una tavola di trasferimento

(fi gura 9).

!

Avvertenza

- Portatevi il più vicino possibile alla nuova posizione dove desiderate sedervi.

- Nella fase di trasferimento, sedetevi bene sulla carrozzina

(fi no in fondo al sedile) per evitare di rompere le viti, rovinare il rivestimento o far ribaltare l’ausilio in avanti.

- Bloccate i due freni, che non devono comunque mai servire da appoggio per i trasferimenti.

- Evitate di appoggiarvi ai poggiapiedi quando vi sedete o vi alzate dalla carrozzina (fi gura 10).

5

8 9

10

6

1.3. Basculamento (bilanciamento sulle ruote posteriori)

Per garantire una maggiore sicurezza, questa manovra deve venire eseguita da una terza persona, ben consapevole dello sforzo fi sico che dovrà sostenere e che quindi dovrà mettersi in una posizione comoda, per non gravare troppo sulla propria schiena (schiena diritta e ginocchia fl esse durante lo sforzo).

Per far basculare la carrozzina, l’assistente deve afferrare saldamente le manopole di accompagnamento, verifi cando preliminarmente che siano state adeguatamente fi ssate.

Avvisare sempre l’utilizzatore della carrozzina prima di inclinare la stessa e ricordargli di piegarsi all’indietro, assicurandosi che i piedi e le mani dell’utilizzatore siano lontani dalle ruote.

A questo punto l’assistente esercita una pressione con il piede sul tubo di basculamento e fa ribaltare l’ausilio con un movimento dolce e senza strappi, fi no a sentire una diversa ripartizione del peso (equilibrio che si produce ad un angolo approssimativo di 30°).

La carrozzina è ora in grado di superare l’ostacolo senza diffi coltà.

Per concludere, l’assistente abbassa lentamente la parte anteriore dell’ausilio, sempre con un movimento continuo, fi no a toccare il suolo e mantenendo salda l’impugnatura delle manopole.

!

Avvertenza

- Fare attenzione alle parti mobili, come ad esempio i braccioli o i poggiagambe: queste parti non devono MAI essere usate come sostegno, perché potrebbero staccarsi accidentalmente e ferire l’utilizzatore e/o il suo aiutante.

- Evitare di abbassare bruscamente la carrozzina, anche se la distanza da coprire è di pochi centimetri, poiché un movimento brusco potrebbe provocare lesioni all’utilizzatore.

1.4. Basculamento, marciapiedi

Per salire su di un marciapiedi :

- Metodo 1 (fi gura 11)

L’aiutante porta la carrozzina di fronte al marciapiede, la fa basculare per far salire le ruote piroettanti sul marciapiede. A questo punto spinge in avanti la carrozzina fi no a portare le ruote posteriori in battuta contro il bordo del marciapiede e quindi continua a spingere l’ausilio in avanti fi nché anche le ruote posteriori avranno superato il bordo.

11 12

- Metodo 2 (fi gura 12)

In questo caso l’aiutante sale sul marciapiedi e posiziona la carrozzina con lo schienale rivolto al marciapiede stesso, le ruote posteriori in battuta contro il bordo; fa quindi basculare la carrozzina all’indietro fi no a farla ri-bilanciare e poi la tira con un movimento regolare fi nché le ruote posteriori non abbiano superato il bordo del marciapiede. A questo punto l’assistente può abbassare le ruote piroettanti, accertandosi comunque che l’ausilio sia suffi cientemente lontano dal bordo, per evitare che le ruote cadano nel vuoto.

Per scendere da un marciapiede :

L’assistente porta la carrozzina di fronte al marciapiede, in marcia avanti, e la fa basculare all’indietro fi no a ri-bilanciarla, quindi la spinge fi nché le ruote posteriori – una volta superato l’ostacolo – tocchino la carreggiata; quindi abbassa con delicatezza le ruote piroettanti fi no a farle poggiare a terra.

1.5. Rampe

Si raccomanda di non affrontare rampe con pendenza superiore ai 9°. Oltre questo limite la carrozzina rischia di rovesciarsi in caso di rotazione o di spostamento laterale

(fi gura 13).

Rampe ascendenti (fi gura 14) :

Inclinare il busto in avanti e spingere rapidamente sugli anelli corrimano per raggiungere una velocità suffi ciente e riuscire a controllare la direzione. Qualora ci fosse la necessità di una sosta durante il percorso per potersi riposare è suffi ciente azionare contemporaneamente i due freni al momento dell’arresto.

Rampe discendenti (fi gura 15) :

Inclinare il busto all’indietro e lasciar scorrere gli anelli corrimano. Rimanere sempre all’erta per poter ben controllare e correggere la velocità e la direzione se necessario.

!

Avvertenza

− Evitare di sterzare bruscamente e di salire o scendere da una rampa in diagonale (fi gura 16).

7

13

14 15 16

8

1.6. Scale

Si tratta di una manovra delicata ed è per questa ragione che si raccomanda di eseguirla con l’aiuto di due persone, una davanti e l’altra dietro.

!

Avvertenza

Utenti con peso superiore ai 125 kg non devono utilizzare questa procedura!

Per salire le scale (fi gura 17) :

L’assistente che si trova di dietro fa basculare la carrozzina all’indietro fi no a raggiungere un nuovo punto di equilibrio, quindi mantiene la carrozzina ferma contro il primo gradino, tenendo saldamente le manopole di accompagnamento per consentirne la salita.

L’assistente che si trova sul davanti solleva la carrozzina oltre lo scalino, facendo leva sui montanti laterali del telaio (parte anteriore), e li tiene ben stretti mentre l’altro aiutante sale sullo scalino successivo e ripete la sequenza di operazioni.

Le ruote piroettanti della carrozzina non devono essere abbassate fi no a quando l’aiutante che si trova davanti non avrà superato l’ultimo scalino.

Per scendere le scale :

Stessa manovra descritta sopra, ma con sequenza inversa.

!

Avvertenza

Non tentate di sollevare la carrozzina facendo presa sulle parti mobili (come braccioli, poggiagambe o poggiapiedi).

- Evitare di usare le scale mobili, che potrebbero causare gravi lesioni in caso di caduta.

1.7.Posizionamento verticale

L’autonomia delle batterie permette all’utilizzatore di portarsi dalla posizione seduta a quella verticale per circa 150 volte (dipende dal peso dell’utilizzatore) prima di richiedere una nuova ricarica.

17

18

19

!

Avvertenza

NON usare il meccanismo di verticalizzazione/ abbassamento mentre il caricabatterie è collegato, se non nel caso in cui le batterie siano troppo scariche per poter riportare l’utilizzatore in posizione seduta.

Vi raccomandiamo di rispettare scrupolosamente le istruzioni impartitevi dal vostro fi sioterapista in merito alla posizione in piedi.

E’ importante che la vostra Action® Vertic sia perfettamente regolata in base alla vostra personale morfologia, tutte le impostazioni possibili sono descritte al paragrafo B 2.1.

Accertatevi sempre che il terreno su cui andrete ad eseguire la manovra di verticalizzazione sia perfettamente piano e sicuro, senza ostacoli o oggetti che potrebbero interferire con la stabilità della carrozzina e la vostra stessa sicurezza.

Utilizzate entrambe i freni manuali per bloccare le ruote posteriori.

Assicuratevi che le quattro imbragature che servono per

A reggere il corpo nel posizionamento verticale siano in posizione corretta e ben regolate, vedere il paragrafo B 2. 1.7.

Assicuratevi che non vi siano ostacoli o persone (ad esempio bambini) che possano impedire il movimento di innalzamento o di abbassamento, poiché c’è il pericolo di serie lesioni nel caso in cui il corpo rimanesse incastrato nel meccanismo di movimento.

Fate attenzione che non vi siano impedimenti nel manovrare l’impugnatura di gestione del movimento di innalzamento/ abbassamento, per evitare di trovarvi bloccati in posizione in verticale.

Assicuratevi di aver sempre la possibilità di chiedere aiuto e ricevere assistenza in caso di problemi mentre siete in posizione verticale (telefono cellulare o altro sistema di richiesta aiuto).

1.7. 1. Posizione verticale (foto 20 e 21)

Dopo aver messo in atto tutte le misure di sicurezza indicate nei paragrafi precedenti, potete procedure a portarvi in

9

20 21

22

10

posizione verticale: appoggiate gli avambracci sui braccioli e azionate il pulsante (A) verso l’alto; alzatevi in piedi in modo progressivo (procedendo per gradi) fi no a raggiungere l’angolo di inclinazione verticale prescritto. Una serie di indicazioni sonore avviseranno le persone vicino a voi e voi stessi che è in azione la funzione di innalzamento.

1.7.2. Posizione seduta (foto 22)

Tenete gli avambracci sui braccioli e premete il pulsante (A) verso il basso; in modo progressivo, per gradi, riportatevi alla posizione iniziale seduta (il segnale sonoro a quel punto si interromperà).

2.1. Come ripiegare ed aprire la carrozzina:

2.1.1. Come ripiegare la carrozzina:

23

A

24

- Per ridurre la dimensione della carrozzina per poterla meglio trasportare o riporre, innanzitutto allentare entrambe le manopole fi lettate di bloccaggio (A) senza forzarle (per non perdere i dadi), portare i due braccioli in posizione parallela rispetto allo schienale, che va tirato verso l’alto e ripiegato quindi sopra il sedile.

- Anche le ruote posteriori possono essere rimosse : spingere sul pulsante centrale sull’asse di sgancio rapido delle ruote (vedere il paragrafo B-2.3.3.)

2. 1.2. Come aprire la carrozzina:

- Seguire le istruzioni viste sopra in ordine inverso, iniziando dall’aggancio delle ruote posteriori.

- Quindi riportare lo schienale nella posizione originale.

!

Avvertenza

Spingere lo schienale (verso il basso) prima di fi ssare nuovamente entrambe le manopole fi lettate di bloccaggio (A) in modo da assicurarsi che lo schienale sia in posizione corretta.

!

Avvertenza

Assicurarsi che l’asse di sgancio veloce delle ruote sia ben posizionato nel suo alloggiamento e ben agganciato, in modo da evitare qualunque rischio di caduta.

2.2. Sistema di spinta della carrozzina

La propulsione della carrozzina è gestita dagli anelli corrimano montati sulle ruote. Questi anelli possono essere regolati in funzione della statura dell’utilizzatore, che potrà così afferrarli correttamente; per migliorarne la presa, inoltre, è possibile prevedere degli accessori supplementari (materiale anti-scivolo, kit timone regolabile, ecc…).

Il personale medico o paramedico qualifi cato sarà senz’altro in grado di fornire tutti i suggerimenti necessari circa il metodo di spinta più adatto alle esigenze dell’utilizzatore.

3. 1. Controllo delle prestazioni

Gli utilizzatori saranno i primi ad osservare eventuali malfunzionamenti della loro carrozzina. La tabella seguente ri-

La carrozzina sbanda verso destra

La carrozzina sbanda verso sinistra

La carrozzina gira o si sposta lentamente

Le ruote piroettanti sbandano

Cigolii e tintinnii

Gioco nella carrozzina

Controlli da eseguire

Assicurarsi che la pressione di entrambe i pneumatici sia

Assicurarsi che le viti siano suffi cientemente serrate

Verifi care che l’angolo delle forcelle anteriori sia corretto

Assicurarsi che le ruote piroettanti appoggino sul pavimento nel medesimo porta i sintomi di malfunzionamento più comuni e i controlli preliminari che l’utilizzatore stesso può effettuare.

Se il problema dovesse persistere anche dopo aver regolato la pressione dei pneumatici e controllato il fi ssaggio dei loro dadi e viti, si raccomanda di contattare il proprio rivenditore.

Le camere d’aria delle ruote sono le sole componenti che possono essere riparate dall’utilizzatore stesso (vedere paragrafo B-2.3).

A seconda dell’uso (una volta alla settimana o una volta al mese), gli ingranaggi del meccanismo di innalzamento vanno lubrifi cati regolarmente con olio fl uido (lo stesso tipo usato per le macchine da cucire) o con l’olio spray 3 in 1 utilizzato per gli ingranaggi di precisione (vedere paragrafo B 2.2.2.).

3.2. Controllo dello stato generale

Qualsiasi intervento di manutenzione va delegato al vostro Distributore, che dispone delle necessarie competenze tecniche.

Si raccomanda di far revisionare integralmente la carrozzina al proprio Distributore almeno una volta all’anno. Un programma di manutenzione regolare e periodica permette di identifi care e sostituire i componenti difettosi e usurati, contribuendo quindi a garantire un miglior funzionamento giornaliero dell’ausilio.

I regolari controlli che vanno eseguiti periodicamente da voi o dai vostri assistenti sono i seguenti : a. Stato generale

Accertarsi che la carrozzina si ripieghi e si riapra facilmente.

11

12

(senza resistenze o deviazioni).

b. Freni manuali

Assicurarsi che i freni manuali non tocchino le ruote in fase di spostamento.

Assicurarsi che i freni manuali funzionino / si azionino agevolmente.

Accertarsi che gli snodi non siano usurati e non presentino gioco eccessivo.

c. Sistema di verticalizzazione

Controllare il meccanismo di elevamento / abbassamento per accertarsi che non ci sia gioco o inceppamento negli snodi

(lubrifi care se necessario, vedere paragrafo B-2.2.2).

d. Spondine proteggi-abiti / braccioli

Accertarsi che tutti gli attacchi siano posizionati correttamente e saldamente fi ssati.

e. Tubolari poggiabraccia

Controllare che i tubolari poggiabraccia siano fi ssati saldamente e che non vi sia gioco o incastro negli snodi (lubrifi care se necessario, vedere paragrafo B-2.2.2) f. Imbottitura dei braccioli

.

Verifi care che l’imbottitura dei braccioli sia in buono stato.

g. Rivestimento della seduta e dello schienale

Accertarsi che il rivestimento sia in buono stato.

h. Ruote posteriori

Accertarsi che i dadi delle ruote e i cuscinetti di precisione siano saldamente bloccati.

Controllare che le ruote siano parallele rispetto al telaio.

i. Anelli corrimano

Verifi care che non siano presenti zone ruvide e che la superfi cie non sia rovinata. j. Impugnature

Accertarsi che le impugnature non siano storte, allentate o rotte.

k. Ruote piroettanti

Accertarsi che l’asse sia ben agganciato; al termine del movimento di rotazione la ruota deve arrivare a fermarsi in modo graduale.

l. Forcelle/sterzo

Accertarsi che tutti gli ingranaggi siano fi ssati saldamente.

m. Pneumatici e ruote

Controllare la pressione dei pneumatici (il valore corretto

è riportato sul lato); controllare il grado di usura del rivestimento delle ruote.

n. Batterie

Le batterie che non necessitano di manutenzione sono protette da una custodia che porta un indicatore luminoso

(verde = batteria completamente carica; giallo = basso livello di carica, uso ancora possibile; rosso = batteria scarica, va ricaricata al più presto possibile , vedere il capitolo 4 alla voce

Ricarica delle batterie.

Verifi care che l’imbottitura dei braccioli sia in buono stato.

g. Rivestimento della seduta e dello schienale

Accertarsi che il rivestimento sia in buono stato.

h. Ruote posteriori

Accertarsi che i dadi delle ruote e i cuscinetti di precisione siano saldamente bloccati.

Controllare che le ruote siano parallele rispetto al telaio.

i. Anelli corrimano

Verifi care che non siano presenti zone ruvide e che la superfi cie non sia rovinata.

j. Impugnature

Accertarsi che le impugnature non siano storte, allentate o rotte.

k. Ruote piroettanti

Accertarsi che l’asse sia ben agganciato; al termine del movimento di rotazione la ruota deve arrivare a fermarsi in modo graduale.

l. Forcelle/sterzo

Accertarsi che tutti gli ingranaggi siano fi ssati saldamente.

m. Pneumatici e ruote

Controllare la pressione dei pneumatici (il valore corretto è riportato sul lato); controllare il grado di usura del rivestimento delle ruote.

n. Batterie

Le batterie che non necessitano di manutenzione sono protette da una

custodia che porta un indicatore luminoso (verde = batteria completamente carica; giallo = basso livello di carica, uso ancora possibile; rosso = batteria scarica, va ricaricata al più presto possibile , vedere il capitolo 4 alla voce Ricarica delle batterie.

o. Manutenzione

Accertarsi che tutti i connettori elettrici siano al loro posto, che i cavi non siano tagliati o schiacciati.

!

Avvertenza

Non utilizzare alcun prodotto per la pulizia dei componenti, fatta eccezione per le fodere di rivestimento, che possono essere lavate con acqua e sapone.

Asciugate sempre scrupolosamente la carrozzina, nel caso venisse lavata o bagnata dalla pioggia.

Evitare l’uso della carrozzina su pavimentazioni umide, ciottoli, erba, ecc (attenzione: la sabbia e l’acqua del mare danneggiano signifi cativamente i cuscinetti a sfera); per l’uso in ambienti chiusi si raccomanda di applicare delle ruote piroettanti piene; nello specifi co questo accorgimento è consigliato se la carrozzina viene fatta scorrere sulla moquette.

Evitare di esporre la carrozzina ad una temperatura superiore a 40° (per esempio in un veicolo).

4. 1. Istruzioni a. E’ possibile effettuare la ricarica delle batterie durante la notte, poiché il caricabatterie é dotato di un sistema di spegnimento automatico ed è quindi in grado di prevenire la ricarica eccessiva delle batterie.

b. Prima di venir utilizzate per la prima volta, le batterie devono essere sottoposte a ricarica per 8 ore.

c. Quando le batterie sono completamente scariche (spia luminosa rossa sulla custodia delle batterie) queste vanno ricaricate per almeno 8 ore.

d. La temperatura ambientale mentre avviene la ricarica dovrebbe essere compresa tra i 10°C e i 30°C.

25

A

26

B

13

14

e. Il tempo di ricarica aumenta se la temperatura ambientale è inferiore ai 10°C.

4.2. Ricarica delle batterie

!

Avvertenza

- Utilizzare sempre il caricabatterie (HP 1202N2) fornito con la carrozzina, poiché c’é il rischio di esplosione o danneggiamento delle batterie se vengono utilizzati caricabatterie di bassa qualità o incompatibili.

- Proteggere sempre il caricabatterie dall’umidità, se viene bagnato c’è il rischio di elettrocuzione e distruzione del caricabatterie stesso.

- Non utilizzare il caricabatterie nel caso questo fosse caduto o danneggiato, per evitare ogni rischio di corto-circuiti e di elettrocuzione.

- Utilizzare il cavo di prolunga solo se proprio necessario, poiché c’é il rischio di incendio o di lesioni nel caso ne venisse utilizzato uno danneggiato. Se non ci fosse altra scelta, accertarsi che il cavo di prolunga sia in buone condizioni e compatibile con il caricabatterie

• Collegare il caricabatterie (A) alla batteria (foto 25): l’ingresso per la ricarica si trova sulla parete superiore della batteria, sotto la custodia di protezione della presa stessa (B)

(foto 26).

• Collegare il caricabatterie alla rete elettrica, si attiverà immediatamente e la spia luminosa del caricabatterie da rossa diventerà arancione.

• Una volta completata la ricarica (la spia luminosa sopra il caricabatterie sarà diventata verde) scollegare innanzitutto il caricabatterie dalla rete elettrica e poi staccare la presa del cavo alimentazione dalla batteria.

Rosso lampeggiante = bassa carica;

Arancio lampeggiante = batterie scariche o surriscaldate.

Non utilizzare il meccanismo di verticalizzazione / abbassamento quando il caricabatterie è collegato, a meno che la carica delle batterie non sia troppo bassa per poter completare l’azione di abbassamento.

4.3. Istruzioni per la manutenzione delle batterie

Le batterie vanno immagazzinate ben cariche, e conservate ad una temperatura ambiente che va dai -40°C ai +65°C.

Se le batterie vengono immagazzinate per più di 4 settimane, devono essere ricaricate una volta al mese, per mantenere la carica al massimo e prevenire ogni possibile deterioramento dovuto allo spontaneo scaricamento.

!

Avvertenza

Questa carrozzina non è stata progettata né testata per utilizzo come sedile in veicoli; all’interno di questi è perciò necessario spostare l’utilizzatore in un sedile predisposto per il trasporto di passeggeri.

Action® Vertic è equipaggiata con batterie che non sono ritenute «equipaggiamento pericoloso».

Questa classifi cazione è conforme alle seguenti normative:

- Normativa sul trasporto stradale di beni pericolosi (GGVS)

- Normativa sul trasporto ferroviario di beni pericolosi

- Normativa sul trasporto aereo di beni pericolosi (IATA/

DGR)

Sono necessarie due persone per sollevare la carrozzina, per riporla ad esempio in un autoveicolo, poiché la sua parte più pesante ha un peso di circa 27 kg (vedere paragrafo § 2.1.

Ripiegare / Aprire la carrozzina)

Accertatevi sempre di essere ben posizionati in modo da non sforzare la vostra schiena.

6. 1. Termini e condizioni standard di garanzia Invacare®

Si certifi ca che la vostra carrozzina manuale è garantita da Invacare® per 2 (due) anni a partire dalla data di fatturazione/ acquisto anni per quanto concerne il telaio; tutte le altre componenti sono garantite sempre per 2 (due) anni ma nel rispetto delle seguenti condizioni:

- Eventuali difettosità che venissero riscontrate vanno immediatamente notifi cate al fornitore / rivenditore presso il quale

è stato effettuato l’acquisto dell’ausilio.

- Il produttore non accetterà responsabilità per danni causati da uso scorretto o da non rispetto delle istruzioni riportate nel manuale utente.

- Durante il periodo di garanzia le parti che presentassero malfunzionamenti a causa di difetti di costruzione o per materiali difettosi verranno sostituite o riparate dal rivenditore

/ fornitore.

- Qualsiasi modifi ca apportata all’ausilio senza autorizzazione farà decadere la garanzia.

La Garanzia non copre la sostituzione dei componenti soggetti a normale usura (Copertoni, parti imbottite in generale, tele schienale e sedile, cinturini….), la manutenzione ordinaria, le regolazioni e le verifi che periodiche.

6.2. Limiti di responsabilità

La presente garanzia non copre i costi conseguenti a errato sdoganamento, e in particolare costi di trasporto e spedizione, mancati guadagni, spese, ecc.

Invacare® non potrà essere ritenuta responsabile per :

- Normale usura e rotture.

- Utilizzo inappropriato o scorretto.

- Assemblaggio o settaggio difettoso eseguito dall’acquirente o da terze parti.

- Utilizzo difettoso o negligente di parti di ricambio inadatte.

7. Istruzioni d’uso per operare con la massima sicurezza

- Peso massimo raccomandato dell’utilizzatore : 115 kg.

- Non cercate di raggiungere oggetti se questo implica che vi sporgiate in avanti sul sedile.

- Non cercate di raccogliere oggetti dal pavimento piegandovi in avanti tra le ginocchia.

- Non sporgetevi sopra il bordo dello schienale all’indietro, per raggiungere oggetti che si trovano dietro di voi: c’è il rischio di ribaltamento all’indietro.

- Tirate sempre entrambe i freni manuali simultaneamente.

- I freni manuali sono freni di stazionamento: non devono essere usati per rallentare la carrozzina o come appoggio durante i trasferimenti.

- Non fate basculare la carrozzina (marciapiedi, scalini) senza l’aiuto di un assistente.

- Non conducete la carrozzina su scalinate o su scale mobile con l’utilizzatore seduto nella carrozzina e con l’aiuto di un solo assistente, questo può portare a serie lesioni.

- Non utilizzate la carrozzina se la pressione dei pneumatici non corrisponde a quella indicata sul lato degli stessi.

- Non gonfi ate eccessivamente i pneumatici, per non rischiare di farli scoppiare e causare lesioni personali.

- Non esporre la carrozzina a temperature più alte di

40°C.

- Per evitare ogni possibile lesione, tenete sempre le dita lontane

15

16

1.

Presentazione

1.1. Introduzione

La carrozzina è stata sottoposta a numerose pre-regolazioni standard a cura del costruttore, ma successivamente all’acquisto essa deve essere specifi catamente adattata alle esigenze dell’utilizzatore.

I paragrafi che seguono illustrano le diverse funzioni e regolazioni possibili, nonché le varie opzioni disponibili.

Alcune registrazioni potranno essere eseguite direttamente dall’utilizzatore, mentre per altre sarà necessario richiedere l’intervento del Distributore.

Importante: in base al modello o alle opzioni scelte la vostra nuova carrozzina Action® Vertic potrà prevedere o meno alcune delle componenti o opzioni descritte nelle pagine seguenti.

!

Questo è un simbolo di avvertimento;

Rispettate scrupolosamente le indicazioni contenute nei paragrafi caratterizzati da questo segnale, per evitare lesioni personali a voi stessi e a coloro che vi stanno attorno

!

1.2. Descrizione generale (vedi foto)

La carrozzina si compone di numerosi elementi; nel presente manuale viene fornita una descrizione dei principali componenti dell’ausilio. Si raccomanda di acquisire buona familiarità con i termini di seguito riportati in modo da poter comprendere al meglio il funzionamento del prodotto acquistato.

La seduta consiste nel sedile, nei suoi rivestimenti, nello schienale e nei braccioli. Questo assieme è stato concepito in modo da garantire all’utilizzatore un comfort ottimale.

Il supporto girevole portapedana o poggiagambe : si tratta del componente di raccordo tra il telaio e il poggiapiedi, è orientabile per facilitare i trasferimenti e smontabile durante il trasporto.

Il poggiapiedi comprende il tubolare regolabile e la pedana che sostiene il piede.

Il telaio pieghevole comprende le fi ancate laterali e il sistema di ripiegamento che include i tubolari reggi seduta. Questi elementi costituiscono il telaio, ossia la struttura portante della carrozzina, e la cui robustezza è stata ben testata (fi no a 115 kg).

Il supporto forcella è l’elemento di raccordo tra il telaio e le ruote piroettanti; permette di regolare l’angolo di inclinazione della seduta.

Le ruote posteriori consistono di ruota, asse e anello corrimano. Garantiscono stabilità alla parte posteriore e permettono la spinta della carrozzina tramite gli anelli corrimano.

Questi ultimi sono fi ssati sui supporti multi-regolabili delle ruote.

forcella. Assicurano il contatto anteriore con il suolo e determinano la direzione dello spostamento tramite l’orientamento delle forcelle.

I freni manuali sono freni di stazionamento. I due freni manuali servono per bloccare la carrozzina durante le soste prolungate.

Rivestimento schienale

Fascia di sostegno del torace

Schienale

Ruota posteriore

Supporto ruota

Asse ruota posteriore

Cintura di posizionamento

Cinghia di sostegno delle ginocchia

Portapedane regolabile

2. 1. Componenti della seduta

!

Eseguire le regolazioni necessarie sempre prima che l’utilizzatore si sieda sulla carrozzina, in modo da prevenire ogni possibile lesione.

2.1.1.Sedile regolabile in profondità (foto)

Iniziare allentando le 4 viti (A) (chiave esagonale da 6 mm) che si trovano sui supporti di regolazione dello schienale in modo da facilitare lo slittamento dei supporti dello schienale.

Allentare le due viti esterne (B) e interne (C) lateralmente

(chiave esagonale da 4 mm), quindi simultaneamente far slittare i due tubi di supporto in avanti o indietro (in accordo con la morfologia dell’utilizzatore) fi no ai fori più idonei. Fissare di nuovo le 4 viti (B e C) lateralmente.

Anello corrimano

Freno manuale

Telaio

Supporto forcella

Striscia poggiapolpaccio

Poggiapiedi con pedana unica

Ruota anteriore

(piroettante)

A

C

1

B

2

17

18

!

Accertarsi che le 4 viti sui supporti di regolazione laterali

(A) siano ben fi ssate, per evitare ogni possibile rischio di malfunzionamento del sistema di gestione del posizionamento in verticale, qualora toccasse i tubi del telaio.

2.1.2. Regolazione della fodera del sedile (foto 3)

E’ possibile regolare la profondità e la curvatura del sedile, per un migliore adattamento alla personale morfologia dell’utilizzatore. Sganciare dapprima uno dei braccioli allentando le

2 viti e il supporto di sostegno (chiavi esagonali da 4 mm e da 10 mm), posizionare il rivestimento come si desidera, se necessario, a seconda di come è stata regolata la profondità

(vedere paragrafo precedente) e quindi sistemare le chiusure di Velcro (B) in modo da tirarle bene o allentarle in larghezza.

Posizionare nuovamente i pannelli dei braccioli (A) e fi ssarli saldamente con le viti.

!

Controllare la qualità e la corretta posizione delle fascette in Velcro.

2.1.3. Regolazione dell’altezza dello schienale (foto 4 e 5)

Per la regolazione dell’altezza, iniziare togliendo il rivestimento dello schienale, allentare un po’ la vite (A) con una chiave esagonale da 3 mm, regolare secondo l’altezza desiderata ed i fori predisposti, fi ssare nuovamente senza forzare. Rimettere a posto il rivestimento dello schienale secondo la nuova altezza impostata.

2.1.4. Regolazione della fodera dello schienale (foto 5)

E’ possibile regolare la curvature dello schienale secondo la morfologia dell’utilizzatore e la personale postura corporea.

Sollevare il bordo e regolare le chiusure in Velcro in modo da tenderle o allentarle. Rimettere in posizione il bordo.

2.1.4.Regolazione della fodera dello schienale (foto 5)

E’ possibile regolare la curvature dello schienale secondo la morfologia dell’utilizzatore e la personale postura corporea.

Sollevare il bordo e regolare le chiusure in Velcro in modo da tenderle o allentarle. Rimettere in posizione il bordo.

A

B

C

A

B

3

4

5

!

Controllare la qualità e la corretta posizione delle fascette in Velcro.

2. 1.5. Poggiapiedi (regolazione dell’altezza, dell’inclinazione e della profondità del poggiapiedi a pedana unica - foto 6)

- Togliere le due viti (A e B) poste lateralmente (chiave esagonale da 4 mm), individuare l’altezza desiderata e riposizionare le viti nei fori predisposti, fi ssandole saldamente.

- Per regolare l’inclinazione, allentare le viti (A e B), regolare l’inclinazione desiderata fi ssando la vite di posizionamento (B) secondo una delle 3 inclinazioni e fi ssare saldamente le viti (A e B) di lato.

- Togliere le due viti (A e B) poste di lato e modifi care la posizione della pedana portandola più in avanti o più indietro, fi ssare quindi saldamente le viti nei fori predisposti.

2.1.6. Braccioli (regolazione dell’altezza e sistemazione dell’imbottitura (foto 7)

- Allentare le due viti (A) (chiave esagonale da 5 mm) dei tubi di supporto di ciascun bracciolo in modo da agevolarne il movimento, farli quindi slittare in su o in giù, a seconda della morfologia dell’utilizzatore.

Fissare nuovamente le due viti (A) poste sui lati, ben saldamente.

- La fodera imbottita dei braccioli è soggetta ad usura. Per sostituirla, toglierla, pulire bene il tubo di supporto, coprire il tubo e l’interno della nuova fodera imbottita con acqua ben insaponata, quindi far slittare l’imbottitura in avanti sul tubo fi no all’estremità opposta.

!

Aspettare almeno 24 ore, fi nché l’acqua insaponata non sia completamente evaporata, prima di utilizzare nuovamente la carrozzina.

19

A

6

B

A

7

20

2. 1.7. Fasce in velcro e cinture di posizionamento

2. 1.7. 1. Fascia di sostegno del torace (foto 8 e 9)

La posizione perfetta per questa fascia è alla base dei pettorali, con la parte imbottita (A) ben centrata.

Per regolare l’altezza, regolare la posizione delle fascette in

Velcro sulla parte posteriore del sedile (sotto il bordo); per regolare la tensione, fare attenzione affi nché la cassa toracica non venga compressa, nel massimo rispetto della morfologia dell’utilizzatore;

!

Accertarsi che le fascette di velcro siano ben posizionate e le parti di aggancio ben sovrapposte.

2. 1.7.2. Fascia di sostegno delle ginocchia (foto 9)

La posizione ideale di questa fascia è alla base delle ginocchia, con l’imbottitura (B) ben centrata rispetto alle gambe; la regolazione della corretta tensione serve per tenere ben posizionate le gambe mentre l’utilizzatore si porta in posizione eretta; qualora si avvertisse movimento delle ginocchia mentre

A

A

B

C

B

C si raggiunge la posizione verticale, portarsi nuovamente in posizione seduta e fi ssare ancora la fascia (C), in modo progressivo.

!

Accertarsi che le due fi bbie siano fi ssate bene ai loro sostegni; Accertarsi che le fascette in Velcro siano in posizione corretta e ben agganciate.

2.1.7.3. Cintura di posizionamento addominale

Cintura con fi bbie di aggancio (foto 10): per agganciare le fi bbie, inserire la parte (A) nella parte (B), per aprire le fi bbie premere la parte (C). A seconda della costituzione dell’utilizzatore, tirare una o l’altra parte delle estremità della cintura, passando attraverso alla parte (B) e regolare quindi la parte

(D) in accordo con la lunghezza desiderata.

!

Assicurarsi che la cintura non resti impigliata nei raggi delle ruote posteriori. Quando ci si trova all’interno di autoveicoli, la cintura di posizionamento addominale non va utilizzata come cintura di sicurezza.

C

B

D

A

8

9 10

2.1.7.4. Striscia poggipolpaccio (foto 11)

A seconda della posizione individuata per il poggiapiedi (in avanti o indietro), regolare la tensione in modo da mantenere i piedi ben centrati: regolare la fascetta con i fermi in Velcro

(E) in modo da tirarla o allentarla.

!

Accertarsi che le fascette in Velcro siano ben posizionate e ben agganciate.

2.2. Telaio

2.2.1. Fiancate

Le fi ancate sono sostanzialmente progettate per alloggiare il tubo sterzante per le ruote anteriori ed i supporti delle ruote multiregolabili per le ruote posteriori.

Questi supporti prevedono 2 posizioni di regolazione in altezza e 5 in profondità:

Attivo = avanzata, per guida più facile

Standard = di serie, ben stabile fi no a inclinazione di 10°

Amputato = arretrata, per maggiore stabilità

Nota:tutte le regolazioni e cambi di posizione devono essere

E eseguiti da personale tecnico qualifi cato, nel rispetto delle prescrizioni mediche. Vi invitiamo a contattare il vostro Distributore per i consigli del caso.

!

In posizione « Attivo » é necessario utilizzare le ruotine anti-ribaltamento, per evitare ogni possibile rischio di ribaltamento all’indietro quando si guida in salita.

2.2.2. Meccanismo di verticalizzazione

Il meccanismo di innalzamento / abbassamento non richiede particolari regolazioni o manutenzione, accertatevi solo con regolarità che:

- I cavi elettrici siano al loro posto e non rischino di venir tagliati o schiacciati nel corso delle operazioni di innalzamento o abbassamento.

- a seconda dell’uso (da una volta alla settimana a una volta al mese), lubrifi care regolarmente le varie articolazioni del meccanismo di innalzamento con olio fl uido (lo stesso tipo utilizzato per le macchine da cucire) o con olio spray 3 in 1, come quello fornito con gli strumenti di precisione.

A

A

21

11

12

22

!

Non toccare gli azionatori laterali a gas, per evitare ogni possibile rischio di serie lesioni; in caso notaste delle perdite di olio consultate subito il vostro Rivenditore.

2.3. Ruote posteriori

2.3. 1. Ruote

Le ruote posteriori da 24" (610 mm) sono raggiate e dotate di copertoni pneumatici.

Rimuovere sempre i pneumatici sgonfi (foto 13) e ripararli prontamente.

Smontare l’assieme (camera d’aria e pneumatico) dal cerchione, riparare o sostituire la camera d’aria, inserirla nuovamente nel pneumatico e rimontare il tutto sul cerchione.

Si raccomanda di rispettare le indicazioni circa la pressione di gonfi aggio riportata sul lato del pneumatico.

2.3.2 Anelli corrimano

La loro funzione è quella di consentire la propulsione e sono realizzati in alluminio anodizzato.

Gli anelli corrimano sono costantemente a contatto con le vostre mani, per questo è importante verifi care regolarmente che non siano danneggiati!

2.3.3. Assi ad estrazione rapida

Premere il bottone (A) e inserire l’asse nel mozzo della ruota.

Posizionare l’assieme nel cuscinetto (B) del supporto della ruota multiregolabile fi no al bloccaggio in posizione.

Le sfere di blocco (C) devono fuoriuscire dal cuscinetto e non deve presentarsi un gioco laterale eccessivo.

Per ridurre il gioco al minimo (foto 15), occorre togliere l’asse e regolare il dado tramite una chiave da 24 mm; ribloccare quindi l’asse con una chiave fi ssa da 11 mm.

B

A

D

C

13

A

14 15

!

Controllare periodicamente che l’asse e le sfere di blocco siano pulite.

Per evitare possibili rischi di caduta è assolutamente necessario che il bottone (A) e le sfere di bloccaggio (C) siano liberi, garantendo così il perfetto aggancio delle ruote posteriori.

L’asse a smontaggio rapido è un componente di precisione, fare attenzione affi nché non subisca urti e pulirlo regolarmente per assicurare il buon funzionamento del meccanismo.

2.4. Ruote anteriori

2.4. 1.Ruote

Le ruote anteriori da 6" sono dotate di pneumatici solidi antiforo.

2.5. Freni

2.5.1 Freni manuali

I freni manuali (foto 16) servono a bloccare la carrozzina durante le soste prolungate e non vanno utilizzati per rallentare la velocità o fungere da appoggio in fase di trasferimento.

Devono essere azionati contemporaneamente. Per frenare, spingere la manopola (A) in avanti. La manopola si piega all’indietro per facilitare i trasferimenti. Come verifi ca preliminare, tirate la manopola verso l’alto! Una volta azionati i freni, la carrozzella non deve assolutamente muoversi.

Nota: le regolazioni dei freni dipendono dal diametro e dal tipo di ruote utilizzate.

Una volta riparato un pneumatico sgonfi o o successivamente all’usura del pneumatico o della ruota piena può rendersi necessario regolare i freni.

A tale scopo allentare le due viti (B) e fare scorrere il gruppo freno per ottenere il seguente valore tra la ruota e il pattino di frenatura in posizione sbloccata :

Ruota piena X = 5 mm, Pneumatico X = 3 mm

!

Fissare saldamente le viti (B) dopo le regolazioni. Tenere sempre le dita lontano dalle parti mobili in modo da prevenire ogni possibile lesione !

23

B

A

16A

X

16B

24

2.6. Opzioni e accessori

2.6. 1. Impugnature per la spinta (foto 17)Togliere il tappo di chiusura dei tubolari dello schienale e inserire le impugnature.

Posizionare le viti nei fori predisposti (A), avvitare saldamente sia le viti che i dadi posti lateralmente (chiave esagonale da 4 mm e chiave fi ssa da 10 mm).

2.6.2. Ruotine anti-ribaltamento (foto 18)

La loro funzione è quella di prevenire eventuali ribaltamenti all’indietro, assicurando quindi maggiore sicurezza quando si affronta una rampa o si superano ostacoli. Inserire le routine anti-ribaltamento nel tubo verticale del telaio, inserendo la vite nel foro predisposto (A) e fi ssando quindi saldamente la vite e il dado posti lateralmente (chiave esagonale da 4 mm e chiave fi ssa da 10 mm).

!

Le routine anti-ribaltamento non devono essere utilizzate senza le ruote posteriori da 24" e nemmeno come ruote di trasporto mentre l’utilizzatore si trova seduto sulla carroz-

A zina. Queste precauzioni sono raccomandate per evitare ogni possibile caduta con conseguenti possibili lesioni personali

2.6.3.Vassoio

Si appoggia sull’imbottitura dei braccioli; va fi ssato ai tubolari di aggancio dei braccioli stessi (sulla parte verniciata dei tubi che si trova vicino alla parte posteriore dei braccioli) utilizzando fascette con Velcro.

Allentare i supporti di aggancio veloce (A), far scorrere il vassoio in avanti o indietro nella scanalatura di alluminio a seconda della costituzione dell’utilizzatore, quindi fi ssare nuovamente i supporti di aggancio veloce (A).

Il vassoio riduce l’accessibilità verso la manopola di innalzamento -abbassamento.

!

Non appoggiare al vassoio oggetti pesanti (> 5 kg) o instabili, o contenitori con sostanze molto calde o liquidi corrosivi: potrebbero derivarne serie lesioni personali qualora dovessero cadere.

A

E

C

17

B

18 19

2.7.Tabella esplicativa dei segnali sonori

Barra luminosa sul coperchio batteria

Livello di carica della batteria

Manopola di innalzamento

/ abbassamento

Tipo di segnale sonoro

Verde

Verde

Giallo

Massimo livello di carica

Massimo livello di carica

Basso livello di carica

Manopola in posizione di

Manopola in posizione di inattività (non utilizzata per

30

Manopola in posizione di

Breve suono (5 volte)

Suono prolungato

(una volta) e due suoni brevi

Breve suono

(due volte)

Giallo

Rosso

Basso livello di carica

Manopola in posizione di azionamento

Breve suono (5 volte) e 2 suoni brevi continui

(due volte)

Carica esaurita

Manopola da posizionare su abbassamento,

Batteria da ricaricare al più

Suono prolungato

(una volta) e due suoni brevi continui (3)

2.8. Caratteristiche tecniche e attrezzature

2.8.1. Caratteristiche standard della carrozzina

Peso massimo dell’utilizzatore :

Larghezza seduta:

Profondità seduta:

Altezza suolo/seduta:

Ruote posteriori:

Ruote anteriori:

Freni di stazionamento:

Schienale:

Braccioli:

Rivestimento seduta:

Telaio:

Peso medio carrozzina:

Accessori elettrici:

Batterie:

Caricabatterie:

Azionatore elettrico:

Temperatura di immagazzinaggio autorizzata:

115 kg

38/43/48 cm

41-46 cm / 46-51 cm

50 cm

24” (610 mm) con pneumatici

6” (150 mm) piene

Freni manuali con pattini dentellati

Fisso e ripiegabile

Tubolari ed estraibili

Nylon nero

Alluminio, verniciatura epossidica

30 kg

Fusibili 24 V T2A/250V

NI-MH 24 V 3.8 Ah

100-240 V AC 50/560 Hz 1.0 A

Linak 3000 N Protezione IP 65

-40°C fi no a +65°C

Temperatura ambientale autorizzata: -20°C fi no a +40°C

25

26

2.8.2. Attrezzatura necessaria per le regolazioni e per la manutenzione ordinaria (non forniti)

Funzione Utensile

Seduta (profondità) : chiave esagonale (a brugola) da 4 mm

Schienale (altezza):

Freni: chiave esagonale (a brugola) da 3 mm chiave esagonale (a brugola) da 5 mm

Portapedane:

Pedana poggiapiedi:

Braccioli (altezza):

Proteggi abiti:

Ruote anteriori:

Assi a sganciamento rapido: chiave esagonale (a brugola) da 4 mm chiave esagonale (a brugola) da 4 mm chiave esagonale (a brugola) da 6 mm chiave esagonale (a brugola) da 4 mm e chiave piana da 10 mm

Chiave aperta da 13 mm

Chiave aperta da 19 mm e da 11 mm

2.8.3. Servizio post vendita e smaltimento

• Devono essere utilizzati ricambi originali Invacare® disponibili presso tutti i Distributori autorizzati Invacare®.

• Per eventuali riparazioni si invita a contattare il proprio

Distributore che provvederà a trasferire la vostra carrozzina al servizio post-vendita Invacare®.

• Smaltimento/Riciclaggio: le componenti elettriche devono essere smaltite in modo da permetterne il riciclaggio.

Le batterie devono essere smaltite in luoghi autorizzati. I particolari metallici e quelli in plastica sono riciclabili (riutilizzo del metallo e delle materie plastiche).

Lo smaltimento deve essere eseguito conformemente alle prescrizioni vigenti a livello locale e nazionale. Per qualsiasi informazione al riguardo si invita a contattare il proprio Comune che potrà fornire i dettagli necessari circa le ditte locali che si occupano dello smaltimento dei rifi uti

435

625

N/A

790/960

460

500

350/500

630

N/A

915/1040

N/A

410/475

0

75

390/470

370

600

530

4/75

500

810

N/A

N/A

150/230

N/A

30,5

115

27,2

Nylon:M4

35

23

9,5

16

Ruote

27

28

29

Yes, you can.

IT

V1

1510207-IT

10/2007

Invacare

®

France Operations SAS

Route de Saint Roch

37230 FONDETTES

Invacare

®

n.v.

Autobaan 22 8210 Loppem (Brugge)

Belgium & Luxemburg ( +32 (50) 831010 Fax +32 (50) 831011

Invacare

®

A/S

Sdr. Ringvej 39 2605 Brøndby Danmark ((kundeservice) +45 - (0) 3690 0000 Fax (kundeservice) +45 - (0) 3690 0001

I S O 9 0 0 1

Invacare

®

Aquatec

Alemannenstra

ß

e 10, D-88316 Isny Deutschland

( +49 (0) 75 62 7 00 0 Fax +49 (0) 75 62 7 00 66

Invacare

®

SA

c/Areny s/n Poligon Industrial de Celrà 17460 Celrà (Girona) España ( +34 - (0) 972 - 49 32 00 Fax +34 - (0) 972 - 49 32 20

Invacare

®

Poirier SAS

Route de St Roch F-37230 Fondettes France ( +33 - (0) 2 47 62 64 66 Fax +33 - (0) 2 47 42 12 24

Invacare

®

Mecc San s.r.l.

Via dei Pini, 62 I-36016 Thiene (VI)

Italia ( +39 - (0) 445-380059 Fax +39 - (0) 445-380034

Invacare

®

Ireland Ltd

Unit 5 Seatown Business Campus, Seatown Rd, Swords, County Dublin Ireland ( (353) 1 8107084 Fax (353) 1 8107085

Invacare

®

AS

Grensesvingen 9 0603 Oslo

Norge ((kundeservice) +47 - 22 57 95 10 Fax (kundeservice) +47 - 22 57 95 01

Invacare

®

PORTUGAL Lda

Rua Senhora de Campanhã 105 4369-001 Porto Portugal ( +351-225105946 Fax +351-225105739

Invacare

®

AB

Fagerstagatan 9 163 91 Spånga Sverige ((kundtjänst) +46 - (0) 8 761 70 90 Fax (kundtjänst) +46 - (0) 8 761 81 08

Invacare

®

B.V.

Celsiusstraat 46 NL-6716 BZ Ede

The Nederland ( +31 - (0) 318 - 69 57 57 Fax +31 - (0) 318 - 69 57 58

Invacare

®

Ltd

South Road Bridgend Mid Glamorgan CF31 3PY United Kingdom

( (Customer Service) +44 - (0) 1656 - 647 327 Fax (Customer Service) +44 - (0) 1656 - 649 016

Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement