Impianti pannelli radianti a pavimento, parete e soffitto

Impianti pannelli radianti a pavimento, parete e soffitto
Impianti con pannelli
radianti a pavimento,
parete e soffitto
Sistemi per riscaldamento,
raffrescamento e deumidificazione
Elenco prodotti
SUN ECO Pannello in polistirolo espanso (EPS) sinterizzato, a celle chiuse. Prodotto economico e
conveniente.
ISO-THERM Pannello in PSE (poliuretano espanso) classe 150/200 pre-sagomato arricchito con
particelle di grafite che è in grado di assorbire e riflettere gli infrarossi emessi dalle tubazioni in
modo da recuperare questa componente energetica ed immetterla nell’ambiente. Utile
specialmente per solai su terra, vespai, ambienti non riscaldati e luoghi aperti.
SUN TECH Pannello in PSE classe 150/200 presagomato dotato di battente su tutti e 4 i lati. Utile
su solai con numerosi ponti termici.
SUN ALU FLAT Pannello isolante in polistirene espanso a celle chiuse, tracciatura a croce con
passo di posa 100 mm. Per applicazioni industriali e commerciali.
SUN FLAT Pannello isolante in polistirene espanso a celle chiuse, con film in PS di color blu,
tracciatura a croce con passo di posa 100 mm. Per applicazioni industriali e commerciali.
SUN ULTRA Pannello in PSE ad alta densità con isolamento termico superiore, elevatissima
resistenza alla deformazione dal calpestio. Isolamento termico superiore del 20% rispetto allo
standard, utile in zone fredde.
PANNELLO A SOFFITTO E PARETE in cartongesso con tubo incorporato, non richiede
bilanciamento idraulico
 Raccordi ad innesto rapido
 Collettori
 Montaggio a soffitto
 Collegamento idraulico
 Esempio di installazione
GRUPPO DI MIISCELA riunisce in un unico dispositivo un insieme di componenti in grado
mantenere ad un valore impostato la temperatura in un circuito a pannelli radianti
 Funzionamento
 Installazione
 Regolazione
TERMOREGOLAZIONI ELETTRONICHE per il controllo e la programmazione dell'impianto
dell’impinato
DEUMIDIFICATORE ISOTERMICO DA INCASSO VERTICALE O PARTE
DEUMIDIFICATORE ISOTERMICO CANALIZZABILE DA CONTROSOFFITTO
REFRIGERATORI D’ACQUA CON MODULO IDRONICO INCORPORATO
ELENCO PRODOTTI
PANNELLO PER RISCALDAMENTO A PAVIMENTO
SUN ECO
GAMMA DI PRODUZIONE
Codice
Dimensioni
Pannello
[mm]
0640015
0640016
Classificazione secondo
89/106/CEE
Spessore
Isolante***
[mm]
Numero Pannelli
per confezione
Superficie utile coperta da
una confezione di pannelli
CS(10)200*, Euroclasse E**
10 + 3 + 20
22
21,12 m2
15 + 10 + 20
14
13,44 m2
30 + 10 + 20
10
9,60 m2
1223 x 823
CS(10)150*, Euroclasse E**
0640017
*** Spessore minimo isolante + spessore nervature + spessore bugne.
DESCRIZIONE
Pannello in polistirolo espanso (EPS) sinterizzato, a celle
chiuse e denominato SUNWOOD SUN ECO.
La lastra presenta:
• Sul piano superiore, un sottile rivestimento mediante un
film di PS di colore nero dello spessore di 150µm.
La superficie superiore è inoltre caratterizzata da un reticolo
di rilievi sagomati per il fissaggio del tubo con una
geometria a base cilindrica, dello spessore di 20mm. Tali
rilievi sono rinforzati da una nervatura che collega le bugne
tra di loro, formando una struttura anch’essa reticolata.
*
Si consiglia l’utilizzo del pannello assieme ai tubi in Pe-Xc
SUNWOOD di diametro 17 oppure 20 oppure assieme ai tubi
multistrato SUNWOOD di diametro 16.
L’IMPIEGO
Il pannello SUNWOOD SUN ECO, risponde alla necessità di
isolare termicamente l’impianto dal resto della struttura, al
fine di ridurre i tempi di regimazione ed in modo da
energizzare il solo massetto radiante e non la massa inerziale
dell’edificio.
• Sul piano inferiore, una superficie piana che consente un
appoggio costante al sottostante massetto.
Il pannello SUNWOOD SUN ECO trova impiego nei sistemi
di riscaldamento radiante a pavimento (con tubi a sviluppo
prevalentemente a spirale).
• Sul perimetro, uno specifico profilo che consente
l’accoppiamento ad incastro maschio-femmina con altri
pannelli dello stesso tipo al fine di eliminare l’insorgenza
di ponti termici e di permeabilità capillare con il
sottostante sottofondo.
Il pannello SUNWOOD SUN ECO è inoltre particolarmente
idoneo negli impianti civili, quando si desidera un sistema
semplice, di rapida messa in posa e quando l’esigenza
prioritaria è un ancoraggio del tubo particolarmente stabile.
Minima resistenza alla compressione al 10% di schiacciamento: σ10≥ 150 kPa (cioè bisogna fornire una pressione superiore o uguale a 150 KPa
affinché il pannello subisca uno schiacciamento del 10%).
** Quando le fiamme investono la superficie e (ove richiesto) la parte laterale con un tempo di esposizione di 15 secondi, l’ampiezza di propagazione della
fiamma non è maggiore di 150 mm verticalmente dal punto di applicazione della fiamma, nei 20 secondi che seguono il momento dell’applicazione. Inoltre,
per quanto concerne l’eventuale gocciolamento e/o distacco di parti, durante la prova in conformità con la norma UNI-EN 11925-2, non è avvenuta alcuna
combustione della carta/filtro. L’euroclasse E viene data per il solo polistirolo. Il sistema polistirolo espanso e film di PS, ha invece una reazione al fuoco di
Euroclasse F.
CARATTERISTICHE DIMENSIONALI
Passo nominale dei rilievi sagomati per il posizionamento dei tubi
Accoppiamento con altri pannelli dello stesso tipo
Superficie d’ingombro
Superficie utile
Superficie utile coperta con 10 pannelli SUN ECO
Superficie utile coperta con 14 pannelli SUN ECO
Superficie utile coperta con 22 pannelli SUN ECO
Spessore Film di Ps
Diametro tubazioni applicabili al pannello
50 mm e multipli.
Mediante incastri Maschio/Femmina
1223 x 823 mm
1200 x 800 mm
9,60
m2
13,44
m2
21,12
m2
150
µm
16 - 17 oppure 20 mm
VISTA A
C
A
VISTA B
SEZIONE C - C
Spessore isolante*
Spessore di
[mm]
ingombro H [mm]
0640015
S = 10 + 3
33
0640016
S = 15 + 10
45
0640017
S = 30 + 10
60
* Spessore minimo isolante + spessore nervature.
Codice
B
C
Figura 1 – Esempio sviluppo tubo e principali dimensioni*.
Figura 2 – Sezione e misure incastri per l’accoppiamento.
CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE
Tipologia pannello
Pellicola di copertura (integrata nel pannello)
Polistirolo espanso a celle chiuse e sinterizzato (EPS)
Film di PS dello spessore di 150µm;
CARATTERISTICHE TECNICHE
Codice
Massa volumica (densità)
0640015
3
[Kg / m ]
Resistenza termica dichiarata [m2 K / W]
δ=
RD=
Conduttività termica dichiarata
0640017
35
30
30
0,364
0,515
0,970
λD= 0,033
W/mK
σ10≥ 200 KPa
livello CS(10)200
Resistenza alla compressione al 10% di schiacciamento
0640016
σ10≥ 150 KPa
livello CS(10)150
Portata del pannello con adeguata armatura del massetto di
ripartizione (considerando un appoggio del pannello all’80%
ed una pressione sullo stesso, pari al 60% di σ10= 150 KPa)
≈ 72 KN/m2 (≈7200 Kgf/m2)
Reazione al fuoco
Euroclasse “E” (reazione del solo polistirolo) Euroclasse “F” (reazione
del polistirolo assieme al film di PS).
* L’immagine dell’accoppiamento fra pannello SUN ECO ed il tubo è a titolo solo ed esclusivamente rappresentativo e non è vincolante ai fini della posa del
tubo sul pannello SUN ECO.
Pagina 2 di 3
RIFERIMENTI NORMATIVI – DIRETTIVE CEE E NORME RISPETTATE
DIRETTIVA 89/106/CEE (CERTIFICATO CSI SpA; REGISTRAZIONE N.° CPD/0497/018/04)
La Direttiva 89/106/CEE, denominata anche CPD ossia Direttiva “Prodotti da Costruzione”, fissa i requisiti essenziali che i prodotti da costruzione devono
assicurare e ne regolamenta le modalità per la produzione, la marcatura e la loro commercializzazione. Tale direttiva è stata recepita a livello nazionale
mediante il DPR n.246 del 21.04.1993 e quindi con la circolare MAP del 5 Agosto 2004 (G.U. n.216 del 14.09.2004).
PRINCIPALI NORME ARMONIZZATE RICHIAMATE DALLA DIRETTIVA CPD E RIGUARDANTI IL PANNELLO SUN ECO
UNI-EN 13163:2009
Isolanti termici per edilizia - Prodotti di polistirene espanso ottenuti in fabbrica – Specificazione.
La norma appena citata, chiama in causa le seguenti norme:
UNI-EN 13172:2003
Isolanti termici per edilizia - Valutazione della conformità.
UNI-EN 826:1998
Isolanti termici per edilizia - Determinazione del comportamento a compressione.
Prestazione termica materiali e prodotti per edilizia - Determinazione resistenza termica col metodo della piastra calda
UNI-EN 12667:2002
con anello di guardia e col metodo del termoflussimetro - Prodotti con alta e media resistenza termica.
UNI-EN 11925-2:2005
Prove di reazione al fuoco per i prodotti da costruzione.
Classificazione al fuoco dei prodotti e degli elementi da costruzione - Classificazione in base ai risultati delle prove di
UNI-EN 13501:2005
reazione e di resistenza al fuoco, esclusi i sistemi di ventilazione.
UNI-CEI-EN-ISO 13943:2004
Sicurezza in caso di incendio – Vocabolario.
Prove di reazione al fuoco dei prodotti da costruzione - Procedimenti di condizionamento e regole generali per la
UNI-EN 13238:2002
scelta dei substrati.
ALTRE NORME O LEGGI
UNI 6350:1968
Materie plastiche cellulari rigide. Determinazione delle caratteristiche a compressione.
La ditta SUNWOOD si riserva il diritto di apportare miglioramenti e modifiche ai prodotti
descritti ed ai relativi dati tecnici in qualsiasi momento e senza preavviso: riferirsi sempre
alle istruzioni allegate ai componenti forniti, la presente scheda è un ausilio qualora esse
risultino troppo schematiche.
Per qualsiasi dubbio, problema o chiarimento, il nostro ufficio tecnico è sempre a
disposizione.
SUNWOOD S.R.L.
viale del Lavoro, 18
37069 Villafranca di Verona (VR)
tel. 045-7903582 - fax 045-7903655
www.sunwoodsrl.it
[email protected]l.it
Pagina 3 di 3
ELENCO PRODOTTI
PANNELLO PER RISCALDAMENTO A PAVIMENTO
ISO-THERM
GAMMA DI PRODUZIONE
Codice
Dimensioni
Pannello
[mm]
0640243
0640244
Classificazione secondo
89/106/CEE
Spessore
Isolante*
[mm]
Numero Pannelli
per confezione
Superficie utile coperta da
una confezione di pannelli
CS(10)200*, Euroclasse E
20 + 20
20
13,20 m2
30 + 20
15
9,90 m2
40 + 20
12
7,92 m2
1150 x 650
CS(10)150*, Euroclasse E
0640245
* Spessore minimo isolante + spessore bugne.
DESCRIZIONE
CARATTERISTICHE:
VOCE DI CAPITOLATO:
Pannello per sistemi di riscaldamento a pavimento
caratterizzato da poter posare il tubo nelle due direzioni e
anche in senso diagonale.
Pannello in PSE classe 150/200 pre-sagomato arricchito con
grafite per la realizzazione di sistema di riscaldamento a
pavimento accoppiato a pellicola pst termoformata sp. 1 mm,
avente sottosquadra per la posa di tubazione avente diametro
esterno 17 mm e dimensioni utili in pianta mm 1100 x 600
munito di incastri laterali per il corretto accoppiamento con i
pannelli contermini.
Passo minimo 50 mm.
I sottosquadra presenti nel pannello (moltiplicati rispetto ad
altri pannelli in commercio) consente un bloccaggio efficace
del tubo in tutte le direzioni anche in diagonale e con curve a
90°.
CARATTERISTICHE TECNICHE
Codice
0640243
Classe EPS
Massa volumica (densità)
δ
Kg/m
EPS 150
EPS 150
25
25
25
no
no
no
Unità di misura
CS(10)
BS
TR
DS(N)
WL(T)
MU
Mg/(Pa.h.m)
W/mK
mm
0640245
EPS 150
3
Battentatura
Prodotto riciclabile
non contiene CFC
Reazione al fuoco
Resistenza a compressione
Resistenza a flessione
Resistenza a trazione
Stabilità dimensionali
Ass. acqua per immersione
Resistenza diff. Vapore
Permeabilità vapore acquo
Conducibilità termica
Tolleranza alla Planarità
0640244
kPa
kPa
kPa
%
δ
λ
Pi
D
Classe EPS 150
λD 0,031 W(mK)
Euroclasse E
150
≥200
≥ 150
2=±0,2
2
30 - 70
0,010-0,024
0.031
P2≤15
norma
EN 11925-2(8)
EN 826
EN 12089
EN 1607
EN 1603
EN 12087
EN 12086
EN 12086
EN 12939
EN 825
Le indicazioni si basano su nozioni ed esperienze provenienti dalle applicazioni riscontrate in edilizia e non costituiscono garanzia di
ordine giuridico. Nell’impiego vanno sempre tenute presenti le particolari condizioni caso per caso, soprattutto sotto l’aspetto fisico,
tecnico e giuridico delle costruzioni.
La ditta SUNWOOD si riserva il diritto di apportare miglioramenti e modifiche ai prodotti
descritti ed ai relativi dati tecnici in qualsiasi momento e senza preavviso: riferirsi sempre
alle istruzioni allegate ai componenti forniti, la presente scheda è un ausilio qualora esse
risultino troppo schematiche.
Per qualsiasi dubbio, problema o chiarimento, il nostro ufficio tecnico è sempre a
disposizione.
SUNWOOD S.R.L.
viale del Lavoro, 18
37069 Villafranca di Verona (VR)
tel. 045-7903582 - fax 045-7903655
www.sunwoodsrl.it
[email protected]
Pagina 2 di 2
ELENCO PRODOTTI
PANNELLO PER RISCALDAMENTO A PAVIMENTO
SUN TECH
Sostituito da SUN ULTRA
GAMMA DI PRODUZIONE
Codice
Dimensioni
Pannello
[mm]
0640001
Classificazione secondo
89/106/CEE
Spessore
Isolante*
[mm]
Numero Pannelli
per confezione
Superficie utile coperta da
una confezione di pannelli
CS(10)200*, Euroclasse E
10 + 20
20
13,20 m2
20 + 20
15
9,90 m2
30 + 20
12
7,92 m2
40 + 20
10
6,60 m2
0640002
1150 x 650
0640003
CS(10)150*, Euroclasse E
0640004
* Spessore minimo isolante + spessore bugne.
DESCRIZIONE
CARATTERISTICHE:
VOCE DI CAPITOLATO:
Pannello per sistemi di riscaldamento a pavimento
caratterizzato da poter posare il tubo nelle due direzioni e
anche in senso diagonale.
Pannello in PSE classe 150/200 presagomato per la
realizzazione di sistema di riscaldamento a pavimento
accoppiato a pellicola pst termoformata sp. 0,8 mm, avente
sottosquadra per la posa di tubazione avente diametro esterno
17 mm e dimensioni utili in pianta mm 1100 x 600 munito di
incastri laterali per il corretto accoppiamento con i pannelli
contermini.
Passo minimo 50 mm.
I sottosquadra presenti nel pannello (moltiplicati rispetto ad
altri pannelli in commercio) consente un bloccaggio efficace
del tubo in tutte le direzioni anche in diagonale e con curve a
90°.
BATTENTATURA:
ad eccezione dello sp. 30 (10 + 20 di
bugna); tutti gli altri spessori sono
dotati di battente su tutti e 4 i lati. In
questo modo si annulla la possibilità
di “ponti termici” con la riduzione di
dispersioni di energia.
CARATTERISTICHE TECNICHE
Codice
Classe EPS
3
0640001
0640002
0640003
0640004
EPS 200
EPS 150
EPS 150
EPS 150
30
25
25
25
Massa volumica (densità)
δ
Kg/m
Resistenza termica pannello isolante
in polistirene espanso
Secondo EN 10211/1
Rd
m2 K / W
0,45
0,75
1,05
1,35
Resistenza termica film termoformato
nero
(film termoformato PST nero sp 0,8
mm – λ = 0,17)
Rd
m2 K / W
0,005
0,005
0,005
0,005
no
si
si
si
Battentatura
Prodotto riciclabile
non contiene CFC
Reazione al fuoco
Resistenza a compressione
Resistenza a compressione
Resistenza a flessione
Resistenza a trazione
Stabilità dimensionali
Ass. acqua per immersione
Ass. acqua per diffusione
Resistenza diff. Vapore
Unità di misura
CS(10)
BS
TR
DS(N)
WL(T)
WD(V)
MU
kPa
Kg/cm2
kPa
kPa
%
%
Classe EPS 150
λD 0,035 W(mK)
Euroclasse E
150
1,50
250
≥ 150
2
2
40 - 70
Classe EPS 200
λD 0,034 W(mK)
Euroclasse E
200
2,00
300
≥ 200
2
2
50 – 100
norma
EN 13501-1
EN 826
EN 826
EN 12089
EN 1607
EN 1603
EN 12087
EN 12088
EN 12086
Le indicazioni si basano su nozioni ed esperienze provenienti dalle applicazioni riscontrate in edilizia e non costituiscono garanzia di
ordine giuridico. Nell’impiego vanno sempre tenute presenti le particolari condizioni caso per caso, soprattutto sotto l’aspetto fisico,
tecnico e giuridico delle costruzioni.
La ditta SUNWOOD si riserva il diritto di apportare miglioramenti e modifiche ai prodotti
descritti ed ai relativi dati tecnici in qualsiasi momento e senza preavviso: riferirsi sempre
alle istruzioni allegate ai componenti forniti, la presente scheda è un ausilio qualora esse
risultino troppo schematiche.
Per qualsiasi dubbio, problema o chiarimento, il nostro ufficio tecnico è sempre a
disposizione.
SUNWOOD S.R.L.
viale del Lavoro, 18
37069 Villafranca di Verona (VR)
tel. 045-7903582 - fax 045-7903655
www.sunwoodsrl.it
[email protected]
Pagina 2 di 3
ELENCO PRODOTTI
PANNELLO PER RISCALDAMENTO A PAVIMENTO
SUN ALU FLAT
GAMMA DI PRODUZIONE
Codice
Dimensioni
Pannello
[mm]
Classificazione secondo
89/106/CEE
0641001
0641002
1200 x 700
CS(10)150*, Euroclasse E
0641003
Spessore
Isolante*
[mm]
Numero Pannelli
per confezione
Superficie utile coperta da
una confezione di pannelli
10
24
20,16 m2
20
16
13,44 m2
30
12
10,08 m2
* Spessore minimo isolante + spessore bugne.
DESCRIZIONE
CARATTERISTICHE:
Pannello per sistemi di riscaldamento a pavimento
caratterizzato da poter posare il tubo nelle due direzioni e
anche in senso diagonale con l’utilizzo obbligatorio delle
clips.
VOCE DI CAPITOLATO:
Pannello isolante in polistirene espanso a celle chiuse, rivestito
superiormente con film in PS di color blu provvisto di tracciatura
a croce con passo di posa 100 mm e scala nature ad incastro
maschio e femmina sul perimetro. Dimensioni utili 1100 x 600
CARATTERISTICHE PRINCIPALI
il bloccaggio dei tubi avviene con utilizzo di clips;
l’incastro
perfetto
tra
pannelli
è
garantito
dall’accavallamento della sagomatura che è
sporgente su due lati;
tubo utilizzabile Ø 16,17,20
CARATTERISTICHE TECNICHE
Codice
0641001
Classe EPS
Massa volumica (densità)
Kg/m
EPS 150
EPS 150
25
25
25
si
si
si
Unità di misura
CS(10)
BS
TR
DS(N)
WL(T)
MU
Mg/(Pa.h.m)
W/mK
mm
0641003
EPS 150
3
Battentatura
Prodotto riciclabile
non contiene CFC
Reazione al fuoco
Resistenza a compressione
Resistenza a flessione
Resistenza a trazione
Stabilità dimensionali
Ass. acqua per immersione
Resistenza diff. Vapore
Permeabilità vapore acquo
Conducibilità termica
Tolleranza alla Planarità
0641002
kPa
kPa
kPa
%
δ
λ
Pi
D
Classe EPS 150
λD 0,035 W(mK)
Euroclasse E
150
≥200
≥ 150
±0,2
<5
30 - 70
0,010-0,024
0,033
P2≤15
norma
EN 11925-2(8)
EN 826
EN 12089
EN 1607
EN 1603
EN 12087
EN 12086
EN 12086
EN 12939
EN 825
Le indicazioni si basano su nozioni ed esperienze provenienti dalle applicazioni riscontrate in edilizia e non costituiscono garanzia di
ordine giuridico. Nell’impiego vanno sempre tenute presenti le particolari condizioni caso per caso, soprattutto sotto l’aspetto fisico,
tecnico e giuridico delle costruzioni.
La ditta SUNWOOD si riserva il diritto di apportare miglioramenti e modifiche ai prodotti
descritti ed ai relativi dati tecnici in qualsiasi momento e senza preavviso: riferirsi sempre
alle istruzioni allegate ai componenti forniti, la presente scheda è un ausilio qualora esse
risultino troppo schematiche.
Per qualsiasi dubbio, problema o chiarimento, il nostro ufficio tecnico è sempre a
disposizione.
SUNWOOD S.R.L.
viale del Lavoro, 18
37069 Villafranca di Verona (VR)
tel. 045-7903582 - fax 045-7903655
www.sunwoodsrl.it
[email protected]
Pagina 2 di 2
ELENCO PRODOTTI
PANNELLO PER RISCALDAMENTO A PAVIMENTO
SUN FLAT
GAMMA DI PRODUZIONE
Codice
Dimensioni
Pannello
[mm]
Classificazione secondo
89/106/CEE
0641012
0641013
1120 x 620
CS(10)150*, Euroclasse E
0641014
Spessore
Isolante*
[mm]
Numero Pannelli
per confezione
Superficie utile coperta da
una confezione di pannelli
10
24
15,84 m2
20
16
10,56 m2
30
12
7,92 m2
* Spessore minimo isolante + spessore bugne.
DESCRIZIONE
CARATTERISTICHE:
Pannello per sistemi di riscaldamento a pavimento
caratterizzato da poter posare il tubo nelle due direzioni e
anche in senso diagonale con l’utilizzo obbligatorio delle
clips.
VOCE DI CAPITOLATO:
Pannello isolante in polistirene espanso a celle chiuse, rivestito
superiormente con film in PS di color blu provvisto di tracciatura
a croce con passo di posa 100 mm e scala nature ad incastro
maschio e femmina sul perimetro. Dimensioni utili 1100 x 600
CARATTERISTICHE PRINCIPALI
il bloccaggio dei tubi avviene con utilizzo di clips;
l’incastro
perfetto
tra
pannelli
è
garantito
dall’accavallamento della sagomatura che è
sporgente su due lati;
tubo utilizzabile Ø 16,17,20
CARATTERISTICHE TECNICHE
Codice
0641012
Classe EPS
Massa volumica (densità)
Kg/m
EPS 150
EPS 150
25
25
25
si
si
si
Unità di misura
CS(10)
BS
TR
DS(N)
WL(T)
MU
Mg/(Pa.h.m)
W/mK
mm
0641014
EPS 150
3
Battentatura
Prodotto riciclabile
non contiene CFC
Reazione al fuoco
Resistenza a compressione
Resistenza a flessione
Resistenza a trazione
Stabilità dimensionali
Ass. acqua per immersione
Resistenza diff. Vapore
Permeabilità vapore acquo
Conducibilità termica
Tolleranza alla Planarità
0641013
kPa
kPa
kPa
%
δ
λ
Pi
D
Classe EPS 150
λD 0,035 W(mK)
Euroclasse E
150
≥200
≥ 150
±0,2
<5
30 - 70
0,010-0,024
0,035
P2≤15
norma
EN 11925-2(8)
EN 826
EN 12089
EN 1607
EN 1603
EN 12087
EN 12086
EN 12086
EN 12939
EN 825
Le indicazioni si basano su nozioni ed esperienze provenienti dalle applicazioni riscontrate in edilizia e non costituiscono garanzia di
ordine giuridico. Nell’impiego vanno sempre tenute presenti le particolari condizioni caso per caso, soprattutto sotto l’aspetto fisico,
tecnico e giuridico delle costruzioni.
La ditta SUNWOOD si riserva il diritto di apportare miglioramenti e modifiche ai prodotti
descritti ed ai relativi dati tecnici in qualsiasi momento e senza preavviso: riferirsi sempre
alle istruzioni allegate ai componenti forniti, la presente scheda è un ausilio qualora esse
risultino troppo schematiche.
Per qualsiasi dubbio, problema o chiarimento, il nostro ufficio tecnico è sempre a
disposizione.
SUNWOOD S.R.L.
viale del Lavoro, 18
37069 Villafranca di Verona (VR)
tel. 045-7903582 - fax 045-7903655
www.sunwoodsrl.it
[email protected]
Pagina 2 di 2
ELENCO PRODOTTI
PANNELLO PER RISCALDAMENTO A PAVIMENTO
SUN ULTRA
GAMMA DI PRODUZIONE
Codice
Dimensioni
Pannello
[mm]
Classificazione secondo
89/106/CEE
0641023
0641024
1455 x 760
CS(10)150*, Euroclasse E
0641025
Spessore
Isolante*
[mm]
Numero Pannelli
per confezione
Superficie utile coperta da
una confezione di pannelli
10 + 20
36
34,20 m2
20 + 20
24
22,80 m2
30 + 20
18
17,10 m2
* Spessore minimo isolante + spessore bugne.
DESCRIZIONE
CARATTERISTICHE:
Pannello per sistemi di riscaldamento a pavimento
caratterizzato da poter posare il tubo nelle due direzioni e
anche in senso diagonale con l’utilizzo delle clips.
I sottosquadra presenti nel pannello (moltiplicati rispetto ad
altri pannelli in commercio) consente un bloccaggio efficace
del tubo
VOCE DI CAPITOLATO:
Costituito da lastra isolante bugnata in polistirene espanso ad
alta densità rivestito superiormente con termoformato da 0,6
mm, che ne conferisce elevatissima resistenza alla
deformazione dal calpestio, dimensioni utili 1380 x 690 passo
50 mm
CARATTERISTICHE PRINCIPALI
il bloccaggio dei tubi avviene senza utilizzo di clips;
l’incastro
perfetto
tra
pannelli
è
garantito
dall’accavallamento della sagoma blocca tubi che è
sporgente su due lati;
tubo utilizzabile Ø 16,17
CARATTERISTICHE TECNICHE
Codice
0641023
Classe EPS
Massa volumica (densità)
Kg/m
EPS 150
EPS 150
25
25
25
si
si
si
Unità di misura
CS(10)
BS
TR
DS(N)
WL(T)
MU
Mg/(Pa.h.m)
W/mK
mm
0641023
EPS 150
3
Battentatura
Prodotto riciclabile
non contiene CFC
Reazione al fuoco
Resistenza a compressione
Resistenza a flessione
Resistenza a trazione
Stabilità dimensionali
Ass. acqua per immersione
Resistenza diff. Vapore
Permeabilità vapore acquo
Conducibilità termica
Tolleranza alla Planarità
0641023
kPa
kPa
kPa
%
δ
λ
Pi
D
Classe EPS 150
λD 0,035 W(mK)
Euroclasse E
150
≥200
≥ 150
2=±0,2
2
30 - 70
0,010-0,024
0,035
P2≤15
norma
EN 11925-2(8)
EN 826
EN 12089
EN 1607
EN 1603
EN 12087
EN 12086
EN 12086
EN 12939
EN 825
Le indicazioni si basano su nozioni ed esperienze provenienti dalle applicazioni riscontrate in edilizia e non costituiscono garanzia di
ordine giuridico. Nell’impiego vanno sempre tenute presenti le particolari condizioni caso per caso, soprattutto sotto l’aspetto fisico,
tecnico e giuridico delle costruzioni.
La ditta SUNWOOD si riserva il diritto di apportare miglioramenti e modifiche ai prodotti
descritti ed ai relativi dati tecnici in qualsiasi momento e senza preavviso: riferirsi sempre
alle istruzioni allegate ai componenti forniti, la presente scheda è un ausilio qualora esse
risultino troppo schematiche.
Per qualsiasi dubbio, problema o chiarimento, il nostro ufficio tecnico è sempre a
disposizione.
SUNWOOD S.R.L.
viale del Lavoro, 18
37069 Villafranca di Verona (VR)
tel. 045-7903582 - fax 045-7903655
www.sunwoodsrl.it
[email protected]
Pagina 2 di 2
ELENCO PRODOTTI
PANNELLO RADIANTE A
SOFFITTO E A PARETE
RELEASE 052010
Prodotto certificato conforme DIN EN 12240 : 2004-04 – Registrazione n° 5R001/05
GAMMA DI PRODUZIONE
Codice
Dimensione pannello
radiante
(mm)
Spessore pannello
radiante
lastra / isolante / totale
(mm)
Peso pannello radiante
*
vuoto
(Kg)
Numero e lunghezza di circuiti
/ Contenuto totale d’acqua (l)
0640130
2.000 x 1.200
15 / 27 / 42
34,2
2 circuiti da 22 m / 1,2 litri
0640131
1.000 x 1.200
15 / 27 / 42
17,2
1 circuito da 22 m / 0,6 litri
0640132
500 x 1.200
15 / 27 / 42
8,6
1 circuito da 11 m / 0,3 litri
DESCRIZIONE
Pannello di cartongesso dello spessore di 15 mm di tipo ignifugo
ed un pannello di polistirene espanso ignifugo classe 1, densità
30 kg/m3, nel quale sono alloggiati 1 o 2 circuiti di tubo Ø 8x1,
con barriera ossigeno, a seconda del modello.
è disponibile in tre versioni:
- 0640130, con inseriti 2 circuiti radianti;
- 0640131 con un solo circuito radiante;
- 0640132, con un solo circuito radiante.
Le tre versioni sono totalmente integrabili senza limitazioni.
I circuiti hanno tutti la stessa lunghezza quindi hanno
caratteristiche idrauliche costanti e vengono collegati fra di loro
attraverso lo stesso tubo di cui sono formati che fuoriesce per
circa 40 cm.
svolge sia una funzione impiantistica che edilizia in quanto
integra l’isolamento termico e sostituisce l’intonaco; inoltre
consente di ricavare gli spazi necessari all’alloggiamento degli
impianti elettrici ed idraulici.
E’ facilmente applicabile nelle ristrutturazioni, in quanto richiede
l’intervento solo di gessisti o decoratori.
Inoltre riduce sensibilmente i tempi di realizzazione di cantiere,
evita le scanalature nelle murature, ed i successivi ripristini per
la posa degli impianti elettrici ed idraulici; annulla la presenza e
l’ingombro di apparecchi di climatizzazione tradizionale
(radiatori, ventilconvettori).
LO SCOPO
E’ una soluzione semplice, razionale, efficiente ed economica
per la climatizzazione a pannelli radianti a secco adatto sia per
le nuove strutture che per l e ristrutturazioni.
L’IMPIEGO
è applicabile a parete, ed a controsoffitto e non richiede
bilanciamento idraulico in quanto è autobilanciante (vedi capitolo
“collegamento idraulico”).
I pannelli vengono fissati alle strutture edilizie mediante
l’interposizione di un’orditura metallica da realizzare con profilati
metallici standard da controsoffittoo
Tutti i collegamenti idraulici tra i circuiti e collettori delle linee di
adduzione lineari sono realizzati con raccordi ad innesto rapido
e consentono una veloce realizzazione delle linee di
alimentazione. Grazie a “collettori lineari” da porre in adiacenza
ai pannelli viene garantito un collegamento idraulico in parallelo
in modo da mantenere costante la perdita di carico, anche al
variare dei moduli collegati. Risulta quindi vantaggioso per la
semplificazione dell’avviamento dell’impianto (vedi capitolo
“collegamento idraulico”).
Tutte le linee di distribuzione coibentate (preisolate) rimangono
comprese nello spessore dell’isolante del pannello + il profilo di
27 mm, richiedendo quindi uno spessore globale di 69 mm.
* Il peso del pannello vuoto è da considerarsi come del peso del pannello radiante senza acqua nei circuiti
CARATTERISTICHE DIMENSIONALI
0640130
0640132
34,4 Kg
17,2 Kg
8,6 Kg
14,33 Kg/m2
14,33 Kg/m2
14,33 Kg/m2
2.000 x 1.200 x 42
1.000 x 1.200 x 42
500 x 1.200 x 42
15 mm
15 mm
15 mm
27 mm
Ø 8 mm x 1 mm
27 mm
Ø 8 mm x 1 mm
27 mm
Ø 8 mm x 1 mm
1 circuito
Peso totale pannello a vuoto*:
Peso al Kg / m2:
Dimensioni L x l x H (mm):
0640131
Spessore lastra:
Spessore isolante:
Diametro tubo:
Numero di circuiti:
Lunghezza circuito:
Contenuto d’acqua:
2 circuiti
1 circuito
22 m x 2 circuiti
22 m
11 m
1,2 litri
0,6 litri
0,3 litri
nic 600
nic 300
0640130
0640131
nic 150
0640132
Pannello di tamponamento
Circuito (tubo polietilene Ø 8x1)
Pannello in cartongesso
Sezione del pannello
radiante
CARATTERISTICHE TECNICHE
0640130
0640131
0640132
Tipo tubo:
PE-Xc con barriera ad ossigeno
PE-Xc con barriera ad ossigeno
PE-Xc con barriera ad ossigeno
Tipo lastra:
Cartongesso
Cartongesso
Cartongesso
Polistirene Espanso Sinterizzato
Euroclasse E
Polistirene Espanso Sinterizzato
Euroclasse E
Polistirene Espanso Sinterizzato
Euroclasse E
30 Kg/m3
30 Kg/m3
30 Kg/m3
DIN EN 14240
DIN EN 14240
DIN EN 14240
80°C
0°C
80°C
0°C
80°C
0°C
10 chiocciole
(superficie max.12 m²)
10 chiocciole
(superficie max.12 m²)
10 chiocciole
(superficie max.12 m²)
Tipo isolante:
Euroclasse isolante:
Densità:
Certificazione resa termica:
Temperatura max. di esercizio:
Temperatura min. di esercizio:
Superficie massima pannelli
collegabili in serie (per ogni via
collettore), affinché si verifichi
condizione autobilanciamento:
* Il peso del pannello vuoto è da considerarsi come del peso del pannello radiante senza acqua nei circuiti.
Scheda Tecnica
SUNWOOD SRL
Pagina 2 di 14
CARATTERISTICHE FLUIDODINAMICHE
Perdita di carico Pannello 0640130-0640131
Caduta di pressione daPa
10.000
Kv = 0,146 m3/h
1 daPa=1,02 mmH20
1.000
100
10
10
20
30
40
50
60
70 80 90 100
200
Portata l/h
= Campo d’utilizzo
Prova relativa al pannello con abbinate bussole di rinforzo sulle tubazioni di entrata - uscita, foro Ø 4 mm.
Perdita di carico Pannello “0640132”
Kv = 0,092 m3/h
1.000
1 daPa=1,02 mmH20
Caduta di pressione daPa
10.000
100
10
10
20
30
40
50
60
70
80
90 100
Portata l/h
= Campo d’utilizzo
Prova relativa al pannello con abbinate bussole di rinforzo sulle tubazioni di entrata - uscita, foro Ø 2 mm.
Scheda Tecnica
SUNWOOD SRL
Pagina 3 di 14
RESE TERMICHE
PROVE SPERIMENTALI PER LA DETERMINAZIONE DELLA RESA TERMICA
DEI PANNELLI RADIANTI
Le prove sperimentali svolte presso i laboratori WSPLab per la determinazione della resa termica dei pannelli radianti hanno permesso
di valutare, sulla base delle metodologie sperimentali indicati dalle vigenti normative, la formulazione analitica che mette in relazione la
resa termica del pannello radiante (PAN [W/m2]) e la differenza tra la temperatura ambiente (intesa come temperatura operativa) e la
temperatura media dell’acqua che circola nelle serpentine all’interno del pannello radiante (∆Troom-water).
In particolare, l’espressione analitica è del tipo:
P [W/m2] = K * (∆Troom-water)n
(1)
dove i coefficienti K e n vengono determinata sulla base degli esiti delle prove sperimentali.
In aggiunta a questa espressione, risulta però utile esprimere la stessa resa P [W/m2] in funzione della differenza tra la temperatura
ambiente (intesa come temperatura operativa) e la temperatura media superficiale pannello radiante (∆Tpan-water). Ciò perché i limiti di
esercizio (limiti estivi legati alla possibile formazione di condensa superficiale, limiti invernali legati a problemi di comfort) del pannello
radiante sono legati alla temperatura superficiale del pannello piuttosto che non alla temperatura dell’acqua refrigerata o riscaldata che
scorre nel pannello. Inoltre, mentre nel caso i pannelli radianti in materiale metallico la temperatura superficiale del pannello è prossima
a quella dell’acqua, nel caso di pannelli radianti in cartongesso, la temperatura superficiale risulta essere apprezzabilmente diversa da
quella dell’acqua.
Tornando alle relazioni analitiche vale l’espressione
P [W/m2] = h * ∆Troom-pan
(2)
dove h è il coefficiente di scambio termico liminare.
Inoltre si può scrivere, con opportune approssimazioni,
P [W/m2] = Ceq * ∆Tpan-water
(3)
dove Ceq rappresenta la conduttanza termica equivalente (equivalente in quanto lo scambio termico nel pannello radiante non è di tipo
monodimensionale) che è stata valutata sperimentalmente da precedenti prove.
Noto Ceq, in corrispondenza dei dati sperimentali rispetto a cui si è valutato P dalla equazione (3) può essere valutata la temperatura
superficiale del pannello quando esso eroga quello specifico valore di resa termica.
La coerenza del valore di temperatura calcolato, viene quindi verificata esplicitando dalla (2) il valore di h che deve risultare essere
confrontabile con quelli desunti dalla letteratura scientifica.
In questo modo è possibile correlare la resa termica del pannello radiante alle condizioni limite di esercizio del pannello (legate alla
temperatura superficiale del pannello) e alle condizioni di esercizio dell’acqua circolante nelle serpentine che determinano quelle
temperature superficiali.
Rese termica estiva
Viene presentato qui di seguito un diagramma valutato sulla base della procedura sopra descritta (figura 1).
Il diagramma si riferisce alla condizione di raffrescamento esaminata sperimentalmente presso i laboratori WSPLab. Il valore della
conduttanza termica equivalente Ceq è stato invece desunto dalle risultanze di precedenti studi sperimentali, i quali meriterebbero
ulteriori approfondimenti. La coerenza dei risultati è stata verificata attraverso l’esame del valore del coefficiente di scambio termico
liminare h: nel caso in esame, esso varia tra circa 7 W/m2K e 10 W/m2K nell’intervallo delle differenze di temperature esaminate (si
veda la figura 1), valori in accodo con quelli presentati dalla letteratura tecnico-scientifica sull’argomento.
Rese termica invernale
Viene presentato qui di seguito un diagramma valutato sulla base della procedura sopra descritta (figura 2).
Il diagramma si riferisce alla condizione di riscaldamento esaminata sperimentalmente presso i laboratori WSPLab. Il valore della
conduttanza termica equivalente Ceq è stato invece desunto dalle risultanze di precedenti studi sperimentali, i quali meriterebbero
ulteriori approfondimenti. La coerenza dei risultati è stata verificata attraverso l’esame del valore del coefficiente di scambio termico
liminare h: nel caso in esame, esso varia tra circa 6 W/m2K e 7 W/m2K nell’intervallo delle differenze di temperature esaminate (si veda
la figura 2), valori in accodo con quelli presentati dalla letteratura tecnico-scientifica sull’argomento.
Scheda Tecnica
SUNWOOD SRL
Pagina 4 di 14
Differenza di temperatura [°C]
Figura 1 – Diagramma della resa termica estiva (funzionamento in raffrescamento)
Troom = 26°C
Ceq = 12 W/m2K
20
19
18
17
16
15
14
13
12
11
10
9
8
7
6
5
4
3
2
1
0
0
20
DT room-pan
40
DT room-water
60
80
100
120
Potenza termica rimossa dal pannello radiante [W/m2]
Differenza di temperatura [°C]
Figura 2 – Diagramma della resa termica invernale (funzionamento in riscaldamento)
Troom = 20°C
Ceq = 12 W/m2K
20
19
18
17
16
15
14
13
12
11
10
9
8
7
6
5
4
3
2
1
0
0
20
DT room-pan
40
DT room-water
60
80
100
120
Potenza termica emessa dal pannello radiante [W/m2]
Scheda Tecnica
SUNWOOD SRL
Pagina 5 di 14
ELENCO PRODOTTI
SISTEMA DI DISTRIBUZIONE
RACCORDI AD INNESTO RAPIDO
20x2
20x2
20x2
20x2
20x2
20x2
20x2
0640142
20x2
0640143
8x1
20x2
0640140
20x2
0640141
20x2
8x1
20x2
0640146
20x2
0640147
20x2
0640144
20x2
20x2
0640145
CARATTERISTICHE DIMENSIONALI
945.2x.00
945.2x.10
SEZIONE
946.2x.00
947.2x.00
CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE
1.
2.
3.
4.
5.
CARATTERISTICHE TECNICHE
Corpo in polistirene autoestinguente.
Tenute interne in elastomero etilene propilene (EPDM) con
perox.
Corpo in materiale plastico PA66 con aggiunta del 30% di
fibre di vetro.
Acciaio inossidabile AISI 430.
Corpo in materiale plastico PA66 con aggiunta del 30% di
Scheda Tecnica
•
•
Temperatura massima d’esercizio: 60°C
Pressione massima d’esercizio: 800 KPa
SUNWOOD SRL
Pagina 6 di 14
6.
fibre di vetro.
Corpo in polistirene autoestinguente.
Scheda Tecnica
SUNWOOD SRL
Pagina 7 di 14
ELENCO PRODOTTI
COLLETTORI
MONOLATERALI
BILATERALI
20x2
20x2
8x1
20x2
20x2
8x1
8x1
8x1
8x1
20x2
20x2
0640149
8x1
8x1
8x1
20x2
20x2
0640148
20x2
0640150
20x2
0640151
0640152
CARATTERISTICHE DIMENSIONALI
944.20.40
944.20.20
940.20.20
940.20.30
940.20.40
SEZIONE
CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
CARATTERISTICHE TECNICHE
Corpo in polistirene autoestinguente.
Tenute interne in elastomero etilene propilene (EPDM)
con perox.
Corpo in materiale plastico PA66 con aggiunta del 30% di
fibre di vetro.
Acciaio inossidabile AISI 430.
Corpo in materiale plastico PA66 con aggiunta del 30% di
fibre di vetro.
Corpo in polistirene autoestinguente.
Corpo in polistirene autoestinguente.
Scheda Tecnica
•
•
Temperatura massima d’esercizio: 60°C
Pressione massima d’esercizio: 800 KPa
SUNWOOD SRL
Pagina 8 di 14
BUSSOLE DI RINFORZO
PRODOTTO
CODICE
0640154
0640155
MISURA*
ø 20x2
ø 8x1
CARATTERISTICHE DIMENSIONALI
Struttura in polimero
0640154
*Diametro esterno x spessore tubo
0640155
0640156
TAPPO DI FINE LINEA
PRODOTTO
CARATTERISTICHE DIMENSIONALI
0640153
CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE
•
Corpo in polistirene autoestinguente
Scheda Tecnica
CARATTERISTICHE TECNICHE
•
•
Temperatura massima d’esercizio: 60°C
Pressione massima d’esercizio: 800 KPa
SUNWOOD SRL
Pagina 9 di 14
ELENCO PRODOTTI
MONTAGGIO A SOFFITTO
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
90 cm
Deve essere utilizzata una doppia struttura pedinata;
La struttura deve essere totalmente galleggiante;
Tra il soffitto e la lastra devono esserci minimo di 6,9 cm;
I ganci di pendinatura devono avere una distanza di 90 cm;
L’orditura primaria della struttura primaria deve avere un
interasse di 100 cm;
L’interasse di posa dei montanti su cui vanno fissate le lastre
deve essere di:
40 cm nel caso di posa trasversale dei pannelli;
50 cm nel caso di posa longitudinale dei pannelli;
Al fine di evitare crepe, è consigliabile tenere le lastre
distaccate di 3-5 mm dai muri perimetrali o usare normali
scuretti in commercio;
100 cm
40 o 50 cm
8.
9.
10.
11.
12.
2
Prevedere un giunto di dilatazione ogni 15 m normalmente reperibile in commercio;
Lasciare uno spazio tra 2 pannelli per i collegamenti idraulici (consigliati 25 < x < 50 cm);
I tubi da Ø 8 mm devono essere messi sopra i montanti per evitare che vengano schiacciati;
Utilizzare attrezzature apposite per il fissaggio;
Gli avvitatori utilizzati devono essere a bassa velocità e con frizione;
40 cm
50 cm
20<x<25 cm
20<x<25 cm
Posa
13.
14.
15.
16.
17.
18.
Posa
Le viti devono avere una lunghezza minima di 5,5 cm;
Le viti devono essere fissate esattamente al centro tra le linee serigrafate sul cartongesso;
Le viti non devono strappare il cartone superficiale della lastra;
Evitare di mettere le viti vicino all’angolo della lastra onde evitare la rottura della stessa;
Prima di chiudere il tamponamento eseguire prova di pressione (4/5 bar con acqua per almeno 2 giorni);
La stuccatura deve essere eseguita in condizioni igrotermiche stabili e con temperature non inferiori a +15°C;
Pannello
di tamponamento
in cartongesso
Collettori
di alimentazione
Viti di fissaggio
Pannello radiante
NIC
N.B.: Per quanto concerne il fissaggio “a parete”, viene realizzato tramite orditura metallica singola.
Le operazioni vanno eseguite esclusivamente da personale specializzato o dall’installatore, rispettando
scrupolosamente le norme di sicurezza e le disposizioni di legge vigenti.
Scheda Tecnica
SUNWOOD SRL
Pagina 10 di 14
ELENCO PRODOTTI
COLLEGAMENTO IDRAULICO
FASE 1
Tagliare il tubo in modo netto e perpendicolare al proprio asse, utilizzando gli utensili adatti.
Evitare che vadano impurità all’interno dei tubi.
Verificare che le tubazioni non presentino rigature o danni particolari all’esterno.
FASE 2
- Per tubi multistrato ø20x2
Sbavatura e calibratura del tubo tagliato impiegando gli appositi utensili. Portare l’utensile sbavatore fino al raggiungimento della zona
di sbavatura ed eseguire l’operazione. L’operazione può essere eseguita manualmente o con trapano avvitatore.
Assicurarsi che il tubo sia ben sbavato e calibrato. Evidenti imperfezioni del tubo potrebbero danneggiare l’O-ring, provocando una
perdita nel sistema.
Smusso interno
Accessori necessari:
Utensile calibratore/sbavatore per tubo Ø20x2: cod. 1164.20.00
Manopola per utensile calibratore sbavatore: cod. 1192.00.00
Trapano avvitatore senza fili portatile: cod. 1165.00.02
- Per tubi in polietilene ø8x1
Non è necessaria alcun tipo d’operazione dopo la fase di taglio con la cesoia.
FASE 3
- Per tubi multistrato ø20x2
Segnare con un pennarello una tacca alla distanza di 47 mm dalla
testa del tubo (fig. 1).
- Per tubi in polietilene ø8x1
Segnare con un pennarello una tacca alla distanza di 37 mm dalla
testa del tubo (fig. 1).
(fig. 1)
FASE 4
OPERAZIONE OBBLIGATORIA SU TUBO MULTISTRATO ø20x2 E TUBO IN POLIETILENE ø8x1
Usare solo bussole di rinforzo. Per il tubo multistrato ø20x2, usare bussole mentre per il tubo in polietilene ø8x1, bussole
Lubrificare esternamente la bussola di rinforzo con acqua o lubrificante a base di silicone.
Inserire la bussola di rinforzo nel tubo precedentemente preparato.
Mandare in battuta la bussola di rinforzo con il tubo in uso.
FASE 5
Lubrificare l’estremità della tubazione dalla parte dove è posizionata la bussola, applicando una pellicola sottile e continua di lubrificante
intorno all’intero diametro esterno della tubazione.
FASE 6
Spingere il raccordo (o collettore) sull’estremità della tubazione fino a che non si arresti.
Il contrassegno eseguito durante la FASE 3, deve corrispondere con il bordo della calotta sul raccordo (o collettore), dimostrando la
corretta profondità dell’installazione.
Scheda Tecnica
SUNWOOD SRL
Pagina 11 di 14
FASE 7
Tirare nel senso contrario il raccordo appena inserito;
L’applicazione di una leggera tensione può essere sufficiente ad indicare se il raccordo (o collettore) abbia afferrato correttamente o
meno il tubo.
FASE 8
Chiudere con gli appositi tappi di fine linea le vie
dei collettori che non sono state utilizzate.
FASE 9
Dopo avere installato tutti i raccordi e collettori, procedere a sfiatare tutti i circuiti 1 ad 1 spingendo dall’andata e spurgando dal ritorno
finché non si è sicuri che non ci sia più aria all’interno del circuito.
FASE 10
Procedere con la prova in pressione del sistema ed alla verifica d’eventuali perdite su tutte le connessioni.
KIT DI RIPARAZIONE
Materiale necessario per eseguire la riparazione di un eventuale
circuito del pannello inavvertitamente danneggiato.
0640133
Scheda Tecnica
Una confezione comprende:
- N°1 manicotto ad innesto rapido completo di anima di rinforzo
idonei per la congiunzione di due estremità di tubo sezione ø 8x1
SUNWOOD SRL
Pagina 12 di 14
ESEMPI DI COLLEGAMENTO DEI COLLETTORI COMPLANARI AI PANNELLI
Scheda Tecnica
SUNWOOD SRL
Pagina 13 di 14
ELENCO PRODOTTI
ESEMPIO DI INSTALLAZIONE / IMPIEGO ACCESSORI
Di seguito viene riportato un esempio di utilizzo del tubo multistrato e dei raccordi/collettori ad innesto rapido nell’alimentazione di
pannelli radianti prefabbricati a parete (Figura 1), ed a soffitto (Figura 2).
Collettore Monolaterale
Tappo fine linea
FIGURA 1:
Esempio di utilizzo del tubo
multistrato e dei raccordi / collettori
ad innesto rapido, nell’alimentazione
di pannelli radianti prefabbricati
a parete.
Collettore
Monolaterale
Collettore Bilaterale
Raccordo diritto
Raccordo ad angolo
FIGURA 2:
Schema di posa in opera
del Pannello radiante prefabbricato “a
soffitto.
Scheda Tecnica
SUNWOOD SRL
Pagina 14 di 14
ELENCO PRODOTTI
GRUPPO DI MISCELA
Impiego
Il “GRUPPO DI MISCELA” è un gruppo di regolazione che riunisce in un unico dispositivo un insieme di componenti
in grado mantenere ad un valore impostato la temperatura in un circuito a pannelli radianti di un impianto di
riscaldamento di tipo misto. La temperatura dell’acqua nei pannelli radianti viene mantenuta costante da una valvola
di regolazione, la quale, miscela l’acqua ad alta temperatura in arrivo dalla caldaia con quella a più bassa
temperatura in circolazione nei pannelli stessi.
Inoltre un impianto di riscaldamento di tipo misto che impiega il “GRUPPO DI MISCELA” diviene estremamente
flessibile perché ha la possibilità di adeguare il gruppo di regolazione a successive esigenze del circuito secondario.
Quindi si può espandere l’impianto a pannelli radianti aggiungendo delle uscite sui collettori del circuito secondario
senza problemi di temperatura o di pressione a valle del gruppo di regolazione.
Il “GRUPPO DI MISCELA” può essere tarato sia per aumentare la potenza di riscaldamento sia per compensare le
perdite di carico. In particolare si può sostituire la pompa di circolazione del gruppo di regolazione nel caso in cui le
modifiche al circuito secondario richiedano una potenza superiore a quella originaria.
Infine il “GRUPPO DI MISCELA”, in virtù della sua ampia capacità di regolazione, permette di rendere indipendente il
circuito secondario da quello primario nel caso in cui vengano sostituiti componenti importanti dell’impianto, come il
caso, per es., della sostituzione di una caldaia con un’altra di differente principio di funzionamento.
L’impiego di circuiti di BYPASS consente inoltre di escludere dal funzionamento dell’impianto complessivo quelle parti
sulle quali devono essere svolti degli interventi di manutenzione, in modo da facilitare i lavori e di conseguenza
ridurre i tempi d’intervento sui diversi settori dell’impianto, senza interrompere il funzionamento dell’impianto in
generale. Mediante l’impiego del circuito di bypass la pompa di circolazione può continuare a funzionare alle
condizioni impostate di progetto.
Sunwood S.r.l. viale del Lavoro, 18 - 37069 Villafranca di Verona (VR)
tel. 045-7903582 - fax 045-7903655
e-mail: [email protected] - sito: www.sunwoodsrl.it
1/5
GRUPPO DI MISCELA
Componenti
Arrivo acqua
CALDA
Ritorno acqua
FREDDA
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.
9.
10.
11.
12.
Valvola di regolazione comandata tramite una testa termostatica con sonda a distanza, oppure tramite
una testa elettrotermica 0-10V, oppure tramite un motore elettrico 3 punti oppure 0-10V;
Valvola a sfera per intercettazione della pompa;
Valvola a sfera per l’intercettazione della pompa e bilanciamento portata del secondario;
Pozzetto per alloggiamento della sonda;
Valvola di intercettazione del circuito a bassa temperatura e valvola di non ritorno;
Valvola di bypass;
Valvola automatica di sfogo aria;
Rubinetti carico e scarico impianto;
Raccordi di unione 3 pezzi a tenuta morbida CR 498 da G1”;
Raccordo da G1”1/2 per il collegamento alla pompa di circolazione, interassi da 130 mm o 180 mm;
Termometri per la rilevazione della temperature nei vari circuiti;
Raccordi di unione.
1) Valvola di regolazione.
La valvola di regolazione dispone di un vitone con funzionamento a pistone. Su questo vitone possono essere installati la
testa termostatica per i punti fissi oppure una testa elettrotermica 0-10 Volt.
Il gruppo dispone di diversi attacchi con i quali possono essere collegate le sonde di altri sensori.
In caso di manutenzione del circuito primario, la valvola di regolazione deve essere completamente chiusa assieme alla
valvola d’intercettazione 5). In questo modo il circuito secondario può continuare a funzionare senza scambio di acqua con
il circuito primario.
2) Valvola a sfera per intercettazione pompa.
Permettono l’intercettazione in caso di manutenzione e sostituzione della pompa di circolazione senza vuotare l’impianto.
3) Valvola a sfera per intercettazione pompa e bilanciamento del circuito secondario.
E’ la valvola che permette di intercettare la pompa e di bilanciare le perdite di carico nel circuito secondario a pannelli
radianti con le perdite di carico del circuito primario causate dalla valvola di regolazione.
Il Gruppo di Regolazione “GRUPPO DI MISCELA” viene fornito con la valvola di bilanciamento tarata sul valore di Kv= 7,
poiché questo è il valore in grado di soddisfare le applicazioni fino a 11 Kw/h, qualora fossero necessarie potenze
superiori, la valvola deve essere settata ad un Kv inferiore.
4) Pozzetto per alloggiamento della sonda.
Sunwood S.r.l. viale del Lavoro, 18 - 37069 Villafranca di Verona (VR)
tel. 045-7903582 - fax 045-7903655
e-mail: [email protected] - sito: www.sunwoodsrl.it
2/5
GRUPPO DI MISCELA
5) Valvola di intercettazione del circuito a bassa temperatura.
Questa valvola viene impostata solo all’inizio della messa in esercizio per regolare la perdita di carico dell’acqua in uscita
dal circuito secondario. Il detentore deve essere tutto chiuso nel caso in cui si voglia separare completamente il circuito
secondario da quello primario per fare della manutenzione sul primario. Inoltre all’interno della sede è installata una valvola
di non ritorno che impedisce all’acqua del primario di riscaldare il gruppo di miscela quando la pompa è spenta e la testa
termostatica è chiusa.
6) Valvola di bypass.
L’impiego della valvola di BYPASS è necessario in tutti gli impianti di riscaldamento ad acqua calda dove sono presenti
valvole di zona a 2 vie o corpi scaldanti muniti di valvole di regolazione che consentono in determinate condizioni, la
completa esclusione del circuito. La valvola garantisce un ricircolo tale da impedire che la pompa sia utilizzata in condizioni
lontane da quelle di progetto evitando sbilanciamenti dei circuiti funzionanti in parallelo e fastidiosi rumori dovuti
all’aumento della velocità del fluido nell’attraversamento degli organi di regolazione stessi.
7) Valvola automatica di sfogo aria (attacchi da 1/2”)
Intervengono durante la fase di caricamento dell’impianto.
8) Rubinetti di carico-scarico con attacco orientabile da 3/4” e tappo di sicurezza.
9) Raccordi di unione 3 pezzi a tenuta morbida CR 498 da G 1”.
10) Raccordo da G 1”1/2 per il collegamento alla pompa di circolazione.
11) Termometri di rilevazione della temperatura con scala da 0° a 80° C.
Permettono il controllo della temperatura dell’acqua sui collettori di mandata e ritorno dei pannelli radianti del circuito
secondario.
12) Raccordi di unione.
15) Pompa di circolazione
Il Gruppo di Regolazione “GRUPPO DI MISCELA” è stato progettato per funzionare nelle più svariate condizioni di
esercizio e per erogare differenti valori di potenza di riscaldamento. A seconda della potenza da sviluppare possono
essere utilizzati diversi tipi di circolatore.
Pompa di circolazione con motore sincrono a magnete permanente 25/55 classe energetica B
Sunwood S.r.l. viale del Lavoro, 18 - 37069 Villafranca di Verona (VR)
tel. 045-7903582 - fax 045-7903655
e-mail: [email protected] - sito: www.sunwoodsrl.it
3/5
GRUPPO DI MISCELA
ELENCO PRODOTTI
Funzionamento
La circolazione dell’acqua nei pannelli radianti del circuito secondario è attivata tramite la pompa inserita nel “GRUPPO DI
MISCELA”, mentre la valvola di regolazione mantiene costante la temperatura dell’acqua da inviare ai pannelli radianti
agendo sulla quantità d’acqua ad alta temperatura da integrare al circuito secondario. L’acqua di ritorno al circuito primario
attraversa la valvola di intercettazione e bilanciamento 5) sulla quale si deve intervenire per bilanciare le perdite di carico
nel circuito a pannelli radianti con quelle del circuito primario.
Si consiglia di montare sulla valvola in ingresso alla pompa un termostato di sicurezza al fine di evitare danni dovuti a un
fortuito innalzamento della temperatura. L’intervento del termostato di sicurezza deve bloccare il funzionamento della
pompa. La sonda a distanza sul collettore di mandata può essere ad immersione o a contatto.
Caratteristiche Tecniche
Temperatura massima sul circuito primario
Intervallo di temperatura sul secondario
Pressione massima statica
Intervallo di pressione sul bypass
Termometri con pozzetto
Attacchi al collettore secondario
Attacchi sul circuito primario (alla caldaia)
90° C;
20° - 60° C;
10 bar;
0.1 – 0.6 bar;
attacco 1/2” con cassa Ø 65 mm;
G1” Maschio con raccordo 3 pezzi a tenuta morbida;
G1” Femmina.
Materiali:
Ottone CW 617N UNI EN 12165-98
Rame ricotto
Guarnizioni O-rings EPDM perossidico
Elementi in acciaio inox AISI 316.
Installazione
Il sistema GRUPPO DI MISCELA è fornito con un cappuccio in plastica per la protezione dell’asta di comando della
valvola di regolazione. Togliere questo cappuccio per potere installare la testa termostatica o l’attuatore elettrico.
Per facilitare le operazioni di installazione della testa è opportuno posizionare la manopola alla massima temperatura.
Avvitare a mano la ghiera della testa termostatica e serrarla leggermente con una chiave. Conclusa l’operazione di
installazione la testa deve essere regolata sulla temperatura desiderata.
Allentare il raccordo di unione contrassegnato in figura con il numero “12” per facilitare le operazioni di installazione
della pompa di circolazione. Eseguita l’installazione della pompa, serrare di nuovo il raccordo. Durante
l’assemblaggio della pompa, il verso del flusso deve essere verso l’alto.
La regolazione della valvola a sfera di bilanciamento 3) si effettua allineando la tacca di riferimento sull’asta di
comando con la scala graduata per mezzo di una chiave esagonale da 4 mm.
Sunwood S.r.l. viale del Lavoro, 18 - 37069 Villafranca di Verona (VR)
tel. 045-7903582 - fax 045-7903655
e-mail: [email protected] - sito: www.sunwoodsrl.it
4/5
GRUPPO DI MISCELA
ELENCO PRODOTTI
La regolazione della valvola di bypass 6) avviene semplicemente ruotando la manopola in plastica fino a che
l’estremità della manopola stessa non coincide con il valore richiesto.
Prima di mettere in funzione il sistema è importante verificare:
1. Tutti i raccordi di unione contrassegnati con i numero “12” siano tutti perfettamente serrati.
2. La valvola di intercettazione indicata con il numero “5” sia completamente aperta. Per regolare la valvola svitare il
tappo in ottone e successivamente agire sull’otturatore tramite una chiave esagonale da 5 mm.
Il valore indicato sulla testa termostatica è indicativo, la temperatura dell’acqua entrante nel circuito a pannelli radianti
si legge sul termometro del gruppo superiore.
Per evitare eccessive rumorosità dell’impianto non utilizzare la valvola termostatica con valori di DP superiori a
0,5Bar.
Regolazione
Viene fornito un esempio di dimensionamento di impianto di tipo misto che utilizza il “GRUPPO DI MISCELA” con valvola
di regolazione comandata da testa termostatica.
Dati di Progetto:
Ep = energia da fornire all’impianto
Tip = temperatura dell’acqua in entrata al pannello
Tc = temperatura dell’acqua in arriva dalla caldaia
Tup = temperatura dell’acqua in uscita dal pannello
= 10.000 W/h
= 35° C
= 75° C
= 30° C
Per determinare le perdite di carico è necessario stabilire la quantità d’acqua ad alta temperatura in arrivo dal circuito
primario.
Qp = portata nel circuito a pannelli radianti = Ep/(Tip – Tup) x 0,86 = 10.000/(35 - 30) X 0,86 = 1.720 kg/h
Qc = portata nel circuito caldaia
= Ep/(Tc – Tup) x 0,86 = 10.000/(75 - 30) X 0,86 = 191 kg/h
Qb = portata attraverso la valvola di bilanciamento = Qp – Qc = 1.720 -191 = 1.529 kg/h.
Conosciuta la quantità di acqua ad alta temperatura che la valvola di regolazione deve immettere nel circuito secondario, si
può determinare la perdita di carico prodotta dalla valvola stessa mediante il diagramma Grafico A.
Il valore così ottenuto è uguale a quello che deve essere impostato sulla valvola di bilanciamento in arrivo dal secondario,
per bilanciare il circuito nel tratto precedente la pompa di circolazione. Dal grafico si deduce che una portata Qc = 191 kg/h
produce una perdita di carico DPm = 0,050 bar.
Ottenuto questo valore si deve calcolare a quale valore di Kv deve essere regolata la valvola di bilanciamento 3).
Utilizzando la formula:
Kv = Qb*0,001/DPm^0,5 = 1,529/0,05^0,5 = Kv 6.8
La valvola di bilanciamento 3) dovrà essere regolata per interpolazione al valore di Kv 6.8.
La prevalenza totale della pompa deve essere tale da vincere le resistenze della valvola
di regolazione sommata alla perdita di carico dovute alla resistenza che l’acqua incontra
nel pannello radiante più sfavorito.
H = DPm + DPp Dove:
DPm = perdita di carico nella valvola di regolazione
DPp = perdita di carico nel circuito a pannelli radianti
Se si considera DPp = 0,250 bar, si ricava che H = 0,250 + 0,050 = 0,30 bar.
Grafico A
Grafico B
Grafico C
Kv valvola di regolazione
Kv detentore
Diagramma pompa PC 790
Sunwood S.r.l. viale del Lavoro, 18 - 37069 Villafranca di Verona (VR)
tel. 045-7903582 - fax 045-7903655
e-mail: [email protected] - sito: www.sunwoodsrl.it
5/5
Sunwood s.r.l.
Viale del lavoro, 18
37069 Villafranca di Verona (VR)
Tel. +39 (045) 7903582
Fax. +39 (045) 7903655
www.sunwoodsrl.it
[email protected]
ELENCO PRODOTTI
CONDIZIONAMENTO RADIANTE
MANUALE UTENTE
TERMOREGOLAZIONI ELETTRONICHE
SERIE SW 01
Manuale
Utente
GAMMA DI PRODUZIONE
Codice
Modello
Dimensioni
LxHxP
[mm]
Consumo
[VA]
Alimentazione
(con trasformatore di
sicurezza classe 2)
Grado di
protezione
0640113
0640114
SW 01
SW 02
227,5 x 110 x 60 (13 moduli)
315,0 x 110 x 60 (18 moduli)
50
50
24 Vac
24 Vac
IP 20
(IP 40 frontale)
Valori limite ambiente
Batteria tampone
Display
Tastiera
Montaggio
Morsetterie connettori
Conforme alle prescrizioni della legge 10/91 e decreti successivi
0÷50°C
%rH < 90
Incorporata, al litio e sostituibile
LCD, alfanumerico a 4 righe, 20 caratteri e retroilluminato
A 6 tasti, con simbologia serigrafata e retroilluminata (per
segnalazione marcia e allarmi)
Barra DIN
Estraibili
CONTATTI DISPONIBILI
4 uscite analogiche 0÷10 Vdc
2 ingressi analogici passivi da NTC, PT1000
1 connessione per comando remoto
SW 01
SW 02
3 ingressi analogici universali (NTC, 0÷1 Vdc)
8 uscite digitali a relè (di cui una in scambio)
6 ingressi analogici universali (NTC, 0÷1 Vdc)
13 uscite digitali a relè (di cui tre in scambio)
12 ingressi digitali optoisolati a 24 Vac/dc
2 ingressi digitali optoisolati a 24 Vac/dc oppure a 230 Vac
8 ingressi digitali optoisolati a 24 Vac/dc
INDICE
1.
Presentazione del regolatore ........................................................................................................................................
3
1.1.
Principali caratteristiche e funzioni dei regolatori SUNWOOD .......................................................................................
3
1.2.
Tastiera e simboli utilizzati sulla tastiera........................................................................................................................
3
1.3.
Architettura del sistema SUNWOOD .............................................................................................................................
4
1.3.1.
Architettura SUNWOOD SW 01 ................................................................................................................................
4
1.3.2.
Architettura SUNWOOD SW 02 ................................................................................................................................
4
2.
Maschera di stand-by....................................................................................................................................................
5
3.
Menù Principale ............................................................................................................................................................
5
4.
Zone (Impostazione e visualizzazione parametri zone) ................................................................................................
5
4.1.
Assegnazione programmi orari alle zone.......................................................................................................................
6
5.
Impostazione umidità e modalità funzionamento deumidificatori ...................................................................................
6
6.
Programmi orari (impostazione delle fasce orarie per l’attivazione delle zone) ..............................................................
7
7.
Sinottici (visualizzazione stati macchina e parametri calcolati) ......................................................................................
7
8.
Impostazione stagione impianto....................................................................................................................................
9
9.
Impostazione data/ora regolatore..................................................................................................................................
9
10.
Impostazione temperatura di attenuazione....................................................................................................................
10
11.
Programma vacanze.....................................................................................................................................................
10
12.
N°serie..........................................................................................................................................................................
10
13.
Impostazione temperatura antigelo ...............................................................................................................................
11
14.
Impostazione timer........................................................................................................................................................
11
15.
Password utente ...........................................................................................................................................................
12
16.
Allarmi ..........................................................................................................................................................................
12
16.1.
Allarmi generati da apparecchiature esterne .................................................................................................................
12
16.1.1.
Allarme pressostato min/max ................................................................................................................................
12
16.1.2.
Allarme termostato sicurezza ................................................................................................................................
13
16.1.3.
Allarme flussostato/termico pompa alta temperatura................................................................................................
13
16.1.4.
Allarme flussostato/termico pompa bassa temperatura ................................................................................................
13
16.1.5.
Allarme blocco caldaia ................................................................................................................................ 13
16.1.6.
Sonda esterna guasta o sconnessa ..............................................................................................................................
13
16.1.7.
Sonda mandata guasta o sconnessa ............................................................................................................................
14
16.1.8.
Stanza X sonda temperatura guasta o sconnessa ................................................................................................
14
16.1.9.
Stanza X sonda umidità guasta o sconnessa ................................................................................................14
16.1.10.
Sistema antigelo attivato ................................................................................................................................14
16.1.11.
Allarme blocco deumidificatore ................................................................................................................................
14
16.1.12.
Allarme filtro aria deumidificatore ................................................................................................................................
14
16.1.13.
Allarme refrigeratore .....................................................................................................................................................
15
16.1.14.
Allarme temperatura mandata elevata ..........................................................................................................................
15
16.2.
Allarmi generati dalla centralina................................................................................................................................15
16.2.1.
Allarme ore funzionamento pompa alta temperatura ................................................................................................
15
16.2.2.
Allarme ore funzionamento pompa bassa temperatura ................................................................................................
15
16.2.3.
Allarme ore manutenzione caldaia ................................................................................................................................
15
16.2.4.
Allarme ore manutenzione deumidificatore....................................................................................................................
15
16.2.5.
Allarme ore manutenzione filtro deumidificatore................................................................................................
16
16.2.6.
Allarme ore manutenzione refrigeratore ........................................................................................................................
16
Pagina 2 di 16
1. Presentazione del regolatore
Le centraline della serie SUNWOOD SW, sono regolatori elettronici caratterizzati ed esclusivi per comandare gli impianti di
climatizzazione radiante nelle abitazioni o nei locali di piccola/media dimensione (per esempio uffici, locali commerciali, etc).
La termoregolazione estiva (condizionamento) avviene mediante controlli sul punto di rugiada dell’ambiente; la termoregolazione
invernale (riscaldamento) avviene con selezione della curva di compensazione climatica.
SW 01
SW 02
Regolatore elettronico preconfigurato monozona: controlla
direttamente la temperatura, l’umidità relativa e la temperatura
di rugiada di 1 ambiente rappresentativo mediante sonda
TH.
Il controllo della temperatura di rugiada dell’ambiente avviene
mediante correzione della temperatura di mandata in funzione
della resistenza termica dell’elemento radiante.
Regolatore elettronico preconfigurato multizona: controlla
direttamente la temperatura, l’umidità relativa e la temperatura
di rugiada di 2 ambienti rappresentativi mediante sonda TH.
E’ inoltre possibile il controllo diretto della temperatura in altri
3 ambienti con sonde di sola temperatura TA-E e/o TA-I.
Il controllo della temperatura di rugiada dell’ambiente avviene
mediante correzione della temperatura di mandata in funzione
della resistenza termica dell’elemento radiante.
E’ possibile il controllo indiretto di temperatura ed umidità
relativa in altri ambienti mediante crono-termostati “TS” e/o
crono-termoumidostati “TSH”.
E’ possibile il controllo indiretto di temperatura ed umidità
relativa in altri ambienti mediante crono-termostati “TS” e/o
crono-termoumidostati “TSH”.
1.1. Principali funzioni dei regolatori SUNWOOD SW
SW
02
SW
01
• (max 5)
• (max 1)
•
•
•
•
•
•
•
• (max 2)
• (max 2)
• (max 1)
• (max 1)
•
•
Funzione
Gestione n° zone (controllabili da sonde ambiente) *
Controllo sonda di temperatura ed umidità ambiente TH
Controllo sonda di temperatura ed umidità ambiente TH
oltre la prima
Controllo sonda di temperatura TA
Gestione crono-termostati TS e crono-termoumidostati
TSH zone bassa temperatura
Gestione crono-termostati TS e crono-termoumidostati
TSH zone alta temperatura
Deumidificatori controllati singolarmente dalla sonda TH
Comando
deumidificatori
anche
da
cronotermoumidostati TSH
Gestione
valvole
pre-post
raffreddamento
su
deumidificatori
•
•
Gestione valvola integrazione aria
•
•
•
•
•
•
Comando caldaia
•
•
•
•
•
•
•
(O)
*
**
***
****
Comando gruppo di refrigerazione o pompa di calore
Comando con spegnimento temporizzato pompa
circuito secondario bassa temperatura.
Comando con spegnimento temporizzato pompa
circuito secondario alta temperatura.
Controllo antigrippaggio pompe
Controllo antigelo sempre attivo
Comando valvola miscelatrice su circuito secondario
bassa temperatura
Funzione
SW
01
SW
02
Comando valvole di zona e comando valvola circuito
eventuale integrazione a bassa temperatura
Controllo sonda esterna TE per la compensazione
climatica invernale
•
•
• (O)
• (O)
•
•
•
•
•
•
•
• (O)
• (O)
•
• (O)
• (O)
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Controllo sonda di mandata TM
Correzione taratura e differenziali intervento sonde
Controllo diretto termostato di massima temperatura su
circuito secondario
Controllo diretto termostato di minima temperatura su
circuito secondario **
Controllo diretto flussostato su circuito primario ***
Controllo diretto pressostato di minima ****
Orario e datario
Programmazione giornaliera e settimanale su due livelli
di temperatura (5 programmi selezionabili e 2 cicli di
comfort giornalieri)
Programma
vacanze
con
gestione
date
spegnimento/accensione impianto
Commutazione estate-inverno
On-Off remoto
Possibilità di collegamento a terminale remoto
Acquisizione allarme cumulativo da refrigeratore acqua
Acquisizione allarme cumulativo da deumidificatore
Storico allarmi e diagnostica
Funzioni e controlli facoltativi.
L’assenza di questi dispositivi ed apparecchiature non pregiudica il corretto funzionamento in sicurezza dell’impianto di climatizzazione radiante
Per il regolatore SW 02, le cinque zone controllabili sono così composte:
- 1 zona controllata dalla sonda di temperatura e umidità TH e 4 zone controllabili da sonde di sola temperatura TA
- 2 zone controllate dalla sonda di temperatura e umidità TH e 3 zone controllabili da sonde di sola temperatura TA
Il termostato di minima temperatura, svolge un’azione di protezione nel caso in cui l’impianto di produzione calore sia particolarmente distante dalla stazione di
pompaggio e miscelazione del circuito a bassa temperatura e/o nel caso la caldaia sia destinata anche alla produzione di acqua calda sanitaria: l’intervento del
termostato determina la momentanea chiusura della via di prelievo alta temperatura della valvola miscelatrice.
Non prevedere il termostato nel caso di generatore di calore a bassa temperatura e nel caso di assenza di separatore idraulico fra circuito primario di centrale ed il
secondario miscelato.
Sola segnalazione di arresto della circolazione d’acqua. E’ una funzione che concorre esclusivamente alla rilevazione di uno stato di allarme.
Qualora il gruppo di refrigerazione richieda obbligatoriamente l’uso del flussostato, è necessario prevedere il suo cablaggio diretto con il quadro elettrico dello stesso
gruppo di refrigerazione.
Solo segnalazione abbassamento pressione di precarica del circuito idraulico. E’ una funzione che concorre esclusivamente alla rilevazione di uno stato di allarme.
1.2. Tastiera e simboli utilizzati sulla tastiera
RBM spa
15:30
04/12/2004
lunedì
Il tasto ALARM consente di visualizzare gli eventuali
allarmi segnalati dal sistema.
Il tasto PROGRAM consente
del menù principale oppure il
stand-by.
Il tasto ESCAPE consente
precedente.
Quando il sistema è acceso il
verde.
l’accesso alla maschera
ritorno alla maschera di
di ritornare al menù
tasto s'illumina di colore
Le funzioni del tasto GIU’ sono molteplici:
- permette di accedere alla maschera successiva;
- permette di decrementare i valori all’interno dei campi.
Le funzioni del tasto SU sono molteplici:
- permette di tornare alla maschera precedente;
- permette di incrementare i valori all’interno dei campi.
Il tasto ENTER consente:
- la conferma valori inseriti e passaggio al successivo
campo attivo;
- di entrare nel menù desiderato.
Pagina 3 di 16
1.3. Architettura del sistema SUNWOOD SW
1.3.1. Architettura SW 01
4
Regolatore monozona SW 01
Generatore di calore
Gruppo di refrigerazione SUNWOOD
CHG
Pompa circuito bassa temperatura
10
5
Valvola miscelatrice circuito bassa temp.
11
6
Sonda di mandata ad immersione TM
12
1
2
3
7
8
9
Sonda climatica esterna TE
Termostato di alta temp. (solo inverno)
13
14
Valvola on-off circuito radiante Zona 1
Sonda TH (temperatura/umidità) Zona 1
Termostato temp. minima (solo inverno)
15
Eventuale termostato TS (locali solo caldo)
Pressostato pressione impianto minima
Deumidificatore ambiente SUNWOOD
DEW
Valvola on-off circuito deumidificatore
16
Eventuale termoumidostato ambiente TSH
Sonda climatica esterna TE
Termostato di alta temp. (solo inverno)
14
15
Sonda TH (temp./umidità) Zone 1 e 2
Valvola on-off circuito radiante Zone 3…5
1.3.2. Architettura SW 02
4a
Regolatore multizona SW 02
Generatore di calore
Gruppo di refrigerazione SUNWOOD
CHG
Pompa circuito bassa temperatura
10
4b
Pompa circuito alta temperatura
11
Valvola miscelatrice circuito bassa temp.
Sonda di mandata ad immersione TM
12
13
1
2
3
5
6
7
8
9
Termostato temp. minima (solo inverno)
16
Sonda TA (solo temperatura Zone 3…5
Pressostato pressione impianto minima
Deumidificatore ambiente SUNWOOD
DEW 1 e 2
Valvola on-off circuito deumidificatore 1 e 2
Valvola on-off circuito radiante Zone 1 e 2
17
Eventuale termostato TS (solo caldo B.T.)
18
Eventuale termoumidostato ambiente TSH
19
Eventuale termostato TS (caldo/freddo
A.T.)
Pagina 4 di 16
ELENCO PRODOTTI
2. Maschera di stand-by.
Per poter accedere alle pagine successive
è necessario premere il tasto PRG
(Program).
E’ possibile tornare in questa maschera
ovunque l’utente sia posizionato premendo
il tasto PRG (Program).
SUNWOOD
15:30
04/12/2001
lunedì
3. Menù principale.
>ZONE
deumidificatori
fasce orarie
sinottici
cambio stagione
cambio data/ora
attenuazione
programma vacanze
n°serie
antigelo
assistenza
costruttore
abil. passw.utente
nuova passw.utente
timer
cicalino
Per l’utente è possibile, da una di queste
pagine, entrare in uno dei sottomenù per
poter visualizzare i vari dati e impostare i
valori desiderati premendo ENTER.
N.B.: L’utente
sottomenù:
- assistenza
- costruttore
non
può
accedere
ai
disab.hp
corr.comp.climatica
4. Zone (impostazione e visualizzazione parametri zone).
-------------
STANZA1
PROGRAM
TEMP.RILEVAT.
20.6°C
TEMP.IMPOSTA.
21.4°C
APERTA
ON
I
Questa maschera visualizza i
dati rilevati ed impostati relativi
alla zona indicata.
• STANZA 1 : indica la stanza a cui i dati fanno riferimento (il nome della zona è assegnato dall’assistente
addetto al collaudo iniziale);
• PROGRAM / MANUAL : indica se la zona è impostata con il metodo manuale o in base alle fasce orarie
di attivazione; se si imposta “Program” sarà possibile inserire le fasce orarie di attivazione;
• TEMP. RILEVAT. : indica la temperatura rilevata istantaneamente dalla sonda nella zona in questione;
• TEMP. IMPOSTA. : indica la temperatura impostata dall’utente per quella zona;
• APERTA / CHIUSA : indica se l’utente ha abilitato la zona al funzionamento oppure l’ha disabilitata;
• ON / OFF : nel caso di zona abilitata al funzionamento, indica lo stato della zona: “ON” se nella zona in
esame l’impianto sta funzionando per il mantenimento dei parametri impostati; “OFF” se la zona non
richiede l’intervento dell’impianto perché già soddisfatta.
• I / E : indica in quale stagione è impostato l’impianto (I = inverno, E = estate).
Pagina 5 di 16
Per impostare i dati relativi alla zona:
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
premere ENTER per passare al campo successivo;
premere SU o GIU’ per scegliere la modalità “PROGRAM” o “MANUAL”;
premere ENTER per confermare e passare al campo successivo;
premere SU o GIU’ per impostare la temperatura che si desidera avere nella zona;
premere ENTER per confermare e passare al campo successivo;
premere SU o GIU’ per abilitare o disabilitare la zona;
premere ENTER per confermare e passare al campo successivo.
Per passare alla maschera successiva premere GIU’ (il cursore lampeggiante deve essere posizionato
nell’angolo in alto a sinistra). Per ritornare alla maschera precedente premere SU (il cursore lampeggiante
deve essere posizionato nell’angolo in alto a sinistra).
Per tornare al menù principale premere ESC (Escape).
N.B.: Le stesse operazioni dovranno essere ripetute per impostare le altre zone.
4.1. Assegnazione programmi orari alle zone
-------------
PROGR.1 LUN-MAR
SELEZIONATO
DA: 00:00
A: 00:00
DA: 00:00
A: 00:00
Se una zona è impostata in
“PROGRAM” è necessario
assegnare
uno
o
più
programmi orari.
Per assegnare i programmi orari:
1. quando il cursore lampeggiante è in alto a sinistra premere SU o GIU’ per scorrere i programmi orari;
2. premere ENTER per spostare il cursore;
3. premere SU o GIU’ per contrassegnare il programma come nell’esempio, l’assegnazione del programma
avviene con la comparsa della scritta “SELEZIONATO”;
4. premere ENTER per confermare la selezione;
Per selezionare altri programmi orari ripetere le operazioni descritte nei punti 1, 2, 3, 4.
5. Impostazione umidità e modalità funzionamento deumidificatori.
-------------
UMIDITA’ RELATIVA
STANZA 1
RILEVATA
53,0%
IMPOSTATA
55,0%
In questa maschera è possibile
impostare l’umidità relativa
desiderata all’interno dei locali
che saranno controllati dal
deumidificatore 1.
In
questa
maschera
è
possibile:
• selezionare l’abilitazione o
la disabilitazione dei singoli
deumidificatori.
• impostare la modalità di
funzionamento
dei
deumidificatori.
- Se si imposta “MANUALE”, il deumidificatore entra in funzione appena l’umidità relativa rilevata nella zona
supera il valore impostato senza tenere conto delle fasce orarie impostate;
- Se si imposta “PROGRAMMI ORARI”, il deumidificatore entra in funzione quando l’umidità relativa rilevata
nella zona è maggiore a quella impostata e si è nelle fasce orarie impostate.
Per impostare lo stato e la modalità di funzionamento è necessario:
1. premere il tasto ENTER per passare al campo successivo;
2. premere i tasti SU o GIU’ per selezionare “ABILITATO” oppure “DISABILITATO”;
3. premere il tasto ENTER per confermare e passare al campo successivo;
4. premere i tasti SU o GIU’ per selezionare “MANUALE” oppure “PROGRAMMI ORARI”;
5. premere il tasto ENTER per confermare e passare al campo successivo.
Se installato, per impostare anche il secondo deumidificatore, ripetere le indicazioni riportate ai punti 2, 3, 4
-------------
DEUMIDIFICATORE 1
MODALITA’ FUNZION.
ABILITATO
PROGRAMMI ORARI
Pagina 6 di 16
6. Programmi orari. (impostazione delle fasce orarie per l’attivazione delle zone).
---------------
PROGRAMMA 1 LUN-MAR
DA: 00:00
DA: 00:00
A: 00:00
A: 00:00
Attraverso questa maschera è
possibile impostare le fasce
orarie
di
attivazione
del
programma 1.
Per impostare le fasce orarie è necessario:
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.
9.
10.
11.
12.
13.
premere ENTER per passare al 1° campo;
premere SU o GIU’ per impostare il giorno di inizio del programma;
premere ENTER per confermare il giorno e passare al campo successivo;
premere SU o GIU’ per impostare il giorno di fine del programma;
premere ENTER per confermare il giorno e passare al campo delle ore;
premere SU o GIU’ per impostare l’ora desiderata per l’accensione;
premere ENTER per confermare l’ora e passare al campo dei minuti;
premere SU o GIU’ per impostare i minuti desiderati per l’accensione;
premere ENTER per confermare i minuti e passare al campo successivo;
premere SU o GIU’ per impostare l’ora desiderata per lo spegnimento;
premere ENTER per confermare l’ora e passare al campo dei minuti;
premere SU o GIU’ per impostare i minuti desiderati per lo spegnimento;
premere ENTER per confermare i minuti e passare al campo successivo;
Per impostare la successiva fascia oraria è necessario ripetere le operazioni descritte nei punti 6, 7, 8, 9, 10,
11, 12, 13.
Per passare al programma successivo premere GIU’ (il cursore lampeggiante deve essere posizionato
nell’angolo in alto a sinistra). Per ritornare al programma precedente premere SU (il cursore lampeggiante
deve essere posizionato nell’angolo in alto a sinistra).
Per tornare al menù principale premere escape (ESC).
7. Sinottici (visualizzazione stati macchina e parametri calcolati).
Tali maschere sono di sola visualizzazione: l’utente non può modificarne i valori
--------------
U.R. MAX
55,0%
TEMPER.MAX
25,0°C
PUNTO DI RUGIADA 15,0°C
In questa maschera vengono
visualizzate:
• l’umidità relativa più alta fra quelle
rilevate dalla sonde T/H;
• la temperatura più alta fra quelle
rilevate nelle zone attive;
• la
temperatura
di
rugiada
elaborata dal regolatore.
Per passare alla maschera successiva premere GIU’; per ritornare alla maschera precedente premere SU;
per tornare al menù principale premere ESC (Escape).
--------------
TEMPERATURA MANDATA
RILEVATA
ELABORATA
35,0°C
35,1°C
In questa maschera vengono
visualizzate:
• la temperatura dell’acqua rilevata
dalla sonda di mandata;
• la temperatura di mandata
dell’impianto
elaborata
dal
regolatore.
Per passare alla maschera successiva premere GIU’; per ritornare alla maschera precedente premere SU;
per tornare al menù principale premere ESC (Escape).
Pagina 7 di 16
In questa maschera vengono
visualizzate:
• la temperatura rilevata dalla
sonda esterna (se presente);
• lo stato (acceso/spento) del
refrigeratore;
• la
richiesta
dei
termostati
ambiente al deumidificatore 1;
• la
richiesta
dei
termostati
ambiente al deumidificatore 2
(solo su SW 02 e solo se esso è configurato 2 T/H).
Per passare alla maschera successiva premere GIU’; per ritornare alla maschera precedente premere SU;
per tornare al menù principale premere ESC (Escape).
--------------
TEMPER.ESTER.
25,0°C
RAF
OFF
RICHIESTA DEUM.1
OFF
RICHIESTA DEUM.2
OFF
In questa maschera vengono
visualizzate:
• lo stato (acceso/spento) della
pompa alta temperatura (solo su
CALDAIA
ON
SW 02);
• lo stato (acceso/spento) della
pompa bassa temperatura;
• lo stato (acceso/spento) della
caldaia.
Per passare alla maschera successiva premere GIU’; per ritornare alla maschera precedente premere SU;
per tornare al menù principale premere ESC (Escape).
--------------
POMPA ALTA T.
POMPA BASSA T.
OFF
OFF
In questa maschera vengono
visualizzate:
• lo stato (attivo/disattivo) della
precedenza sanitario;
• lo stato (acceso/spento) del
deumidificatore 1;
• lo stato (acceso/spento) del
deumidificatore
2
(solo su SW 02 e solo se esso è configurato 2 T/H);
• la
richiesta
dei
termostati
ambiente bassa temperatura.
Per passare alla maschera successiva premere GIU’; per ritornare alla maschera precedente premere SU;
per tornare al menù principale premere ESC (Escape).
--------------
PREC.SANITARIO
DEW 1
DEW 2
TERMOSTATI B.T.
OFF
OFF
OFF
OFF
In questa maschera vengono
visualizzate:
TERMOSTATI A.T.
OFF
• la
richiesta
dei
termostati
TERM.BOLL.
OFF
ambiente
alta
temperatura
(solo
INTEGRAZIONE
OFF
su SW 02);
• la richiesta del termostato posto
sul bollitore per la precedenza
acqua calda sanitaria;
• lo stato (attivo/disattivo) della
funzione di integrazione termica.
Per passare alla maschera successiva premere GIU’; per ritornare alla maschera precedente premere SU;
per tornare al menù principale premere ESC (Escape).
--------------
--------------
MISCELATRICE
030%
0%
50%
100%
██████
Se la valvola miscelatrice è
installata, in questa maschera viene
visualizzata la percentuale di
apertura della valvola miscelatrice.
Per passare alla maschera successiva premere GIU’; per ritornare alla maschera precedente premere SU;
per tornare al menù principale premere ESC (Escape).
Pagina 8 di 16
--------------
MODULAZIONE CALDAIA
070%
0%
50%
100%
██████████████
Se la caldaia è gestita in
modulazione, in questa maschera
viene visualizzata la percentuale di
modulazione della caldaia.
Per passare alla maschera successiva premere GIU’; per ritornare alla maschera precedente premere SU;
per tornare al menù principale premere ESC (Escape).
8. Impostazione stagione impianto
STAGIONE IMPIANTO
---------------
INVERNO
SISTEMA ACCESO
Questa maschera consente il
passaggio dell’impianto dalla
impostazione estiva a quella
invernale e viceversa.
Ricordare che la conversione
può essere effettuata solo a
sistema spento.
Per effettuare la conversione, eseguire in sequenza le seguenti operazioni:
1. premere il tasto ESC per spegnere il sistema;
2. premere il tasto ENTER per entrare nel campo della stagione;
3. premere i tasti SU o GIU’ per selezionare la stagione desiderata;
4. premere il tasto ENTER per confermare;
5. premere il tasto ESC per riavviare il sistema.
N.B.: Se si cambia la stagione impostata nel sistema è necessario controllare i dati precedentemente
impostati.
Inoltre l’operazione di cambio stagione implica lo svuotamento o il caricamento del gruppo frigo.
Per passare alla maschera successiva premere SU (il cursore lampeggiante deve essere posizionato
nell’angolo in alto a sinistra). Per ritornare alla maschera precedente premere GIU’ (il cursore lampeggiante
deve essere posizionato nell’angolo in alto a sinistra).
Per tornare al menù principale premere il tasto PRG (Program).
9. Impostazione data/ora regolatore
---------------
ora
data
giorno
REGOLAZIONE
00:00
00:00:2000
lunedì
Questa maschera consente la
modifica della data e dell’ora del
regolatore.
Per modificare l’ora, la data ed il giorno è necessario:
1. premere ENTER per passare al primo campo;
2. premere SU o GIU’ per impostare l’ora;
3. premere ENTER per confermare l’ora e passare ai minuti;
4. premere SU o GIU’ per impostare i minuti;
5. premere ENTER per confermare i minuti e passare al giorno;
6. premere SU o GIU’ per impostare il giorno;
7. premere ENTER per confermare il giorno e passare al mese;
8. premere SU o GIU’ per impostare il mese;
9. premere ENTER per confermare il mese e passare all’anno;
10. premere SU o GIU’ per impostare l’anno;
11. premere ENTER per confermare l’anno e passare al giorno della settimana;
12. premere SU o GIU’ per impostare il giorno della settimana;
13. premere ENTER per confermare il giorno della settimana;
Per tornare al menù principale premere ESC (Escape).
Pagina 9 di 16
ELENCO PRODOTTI
10. Impostazione temperatura di attenuazione
---------------
In questa maschera viene
impostata la differenza di
temperatura che, nei periodi di
riduzione (periodi non compresi
nelle fasce orarie impostate),
sarà tolta o aggiunta alla
temperatura impostata nelle
diverse zone: se per esempio in
inverno
è
impostata
una
temperatura di 20°C ed il valore
di attenuazione è pari a 3°C, il
valore di riferimento della zona
nei periodi di riduzione sarà di
17°C, quindi il regolatore si
attiverà per mantenere i 17°C
nella stanza in questione.
ATTENUAZIONE DI
TEMPERATURA NEI
PERIODI DI RIDUZIONE
03,0°C
Per impostare questo valore:
1. premere ENTER per entrare nel campo;
2. premere SU o GIU’ per impostare la temperatura desiderata;
3. premere ENTER per confermare la temperatura e passare al campo successivo.
Per tornare al menù principale premere ESC (Escape).
11. Programma vacanze
---------------
Attraverso questa maschera è
possibile
visualizzare
ed
impostare i dati relativi al
periodo vacanze.
• DAL
GG:MM:AAAA
AL
GG:MM:AAAA:
indica
il
periodo di disattivazione delle
zone;
• Attivato / Disattivato: indica se
è attivato/disattivato il sistema
vacanze;
• ON / OFF: indica se l’impianto
è in funzione/spento.
PERIODO VACANZE
DAL
01:01:2001
AL
02:01:2001
Attivato
OFF
Per impostare il periodo vacanze è necessario:
1. premere ENTER per passare al campo successivo;
2. premere SU o GIU’ per impostare il giorno;
3. premere ENTER per confermare e passare al campo successivo;
4. premere SU o GIU’ per impostare il mese;
5. premere ENTER per confermare e passare al campo successivo;
6. premere SU o GIU’ per impostare l’anno;
7. premere ENTER per confermare e passare al campo successivo;
Per impostare il termine delle vacanze è necessario ripetere le operazioni descritte nei punti 2, 3, 4, 5, 6, 7;
8. Premere SU o GIU’ per attivare o disattivare il sistema vacanze;
9. premere ENTER per confermare e passare al campo successivo.
Per tornare al menù principale premere ESC (Escape).
12. N°serie
---------------
SUNWOOD
Modello
SW 02
N°serie
050001
Release
1.00
Questa maschera è di sola
visualizzazione. L’utente non
può modificare nulla.
Vengono indicati:
• il modello della regolazione
• il numero di serie
• la revisione del programma
interno.
Per tornare al menù principale premere ESC (Escape).
Pagina 10 di 16
13. Impostazione temperatura antigelo
TEMPERATURA ANTIGELO
05,5°C
---------------
La temperatura impostata in
questa maschera ha lo scopo di
preservare l’impianto ed evitare
il congelamento dei tubi;
Se la temperatura rilevata da
una zona disabilitata è inferiore
al valore impostato in questa
maschera, il sistema (per
evitare
il
congelamento
dell’impianto all’interno della
stessa), attiva la zona, la pompa
e la caldaia.
N.B.: D’inverno la funzione antigelo è sempre attiva anche quando è attivo il programma vacanze
oppure quando il sistema è spento (tasto ESC non illuminato ma regolatore SW alimentato).
Per impostare la temperatura:
1. premere ENTER per entrare nel campo;
2. premere SU o GIU’ per impostare la temperatura desiderata;
3. premere ENTER per confermare la temperatura e passare al campo successivo.
14. Impostazione timer
Timer
Manuale
Disabilitato
---------------
---------------
FASCE ATTIV. TIMER
DA: 00:00 A: 00:00
DA: 00:00 A: 00:00
DA: 00:00 A: 00:00
In questa maschera è possibile
gestire un timer:
• MANUALE/FUNZ.ORARI.
Indica
la
modalità
di
funzionamento
del
timer:
Manuale -> sempre acceso;
Funz.orari -> acceso con delle
fasce orarie.
• ABILITATO/DISABILITATO.
Indica l’abilitazione o la
disabilitazione del timer.
In questa maschera è possibile
inserire le fasce orarie di
attivazione del timer quand’esso
è impostato con “FUNZ.ORARI”.
Per impostare le fasce orarie è necessario:
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.
9.
premere ENTER per passare al campo successivo;
premere SU o GIU’ per impostare l’ora di accensione;
premere ENTER per confermare l’ora e passare al campo successivo;
premere SU o GIU’ per impostare i minuti desiderati per l’accensione;
premere ENTER per confermare i minuti e passare al campo delle ore;
premere SU o GIU’ per impostare l’ora desiderata per lo spegnimento;
premere ENTER per confermare l’ora e passare al campo dei minuti;
premere SU o GIU’ per impostare i minuti desiderati per lo spegnimento;
premere ENTER per confermare i minuti e passare al campo successivo;
Per impostare le successiva fasce orarie è necessario ripetere le operazioni già descritte ai punti 2, 3, 4, 5,
6, 7, 8, 9.
Pagina 11 di 16
15. Password utente
Con tale funzione è possibile bloccare l’accesso ai parametri ed alle maschere del ramo utente.
Quando si abilita la password, è possibile entrare liberamente solo nelle maschere dei sinottici dell’impianto:
se si tenta di entrare nelle altre voci del menù principale verrà richiesta la registrazione tramite l’inserimento
della password (vedere figura 2).
La registrazione rimarrà valida e quindi si avrà libero accesso a tutte le funzioni fino a quando non si ritorna
alla maschera di stand-by (pressione del tasto PRG).
ABILITA PASSWORD
UTENTE ?
SI
INSERIRE PASSWORD
UTENTE
00000
PASSWORD ERRATA
-------
-------
Figura 1
Figura 2
Per abilitare la password utente è necessario:
1. premere ENTER per spostarsi nel campo visualizzato in figura 1;
2. premere SU o GIU’ per abilitare la password (la password di default è 00001);
3. premere ENTER per confermare la scelta.
Per disabilitare la password è necessario:
1. premere ENTER per spostarsi nel campo visualizzato in figura 1;
2. premere SU o GIU’ per disabilitare la password;
3. verrà chiesto di inserire la password utente per registrarsi (vedere Figura 2);
4. premere SU o GIU’ per incrementare/decrementare il valore;
5. premere ENTER per confermare la password;
6. dal menù principale ritornare su “ABIL.PASSW.UTENTE”
7. premere ENTER per spostarsi nel campo;
8. premere SU o GIU’ per disabilitare la password;
9. premere ENTER per confermare la scelta.
Per modificare la password utente è necessario entrare nel menù e selezionare “NUOVA PASSW.UTENTE”.
16. Allarmi
Il regolatore gestisce due tipi diversi di allarmi:
- allarmi generati da apparecchiature esterne;
- allarmi generati dalla centralina.
Quando il sistema rileva un allarme, il pulsante degli allarmi si illumina di rosso.
Tale tasto rimarrà illuminato fino a quando non verrà premuto dall’utente: l’indicazione permane anche se
l’occorrenza dell’allarme è causata da un dispositivo a riarmo automatico.
Premendo il tasto ALARM e quindi i tasti GIU’ oppure SU, vengono visualizzati tutti gli allarmi rilevati dal
sistema e non ancora visionati dall’utente.
IMPORTANTE: si consiglia di chiamare in ogni caso il centro assistenza, che provvederà a fornire
informazioni sulla pericolosità dell’allarme.
16.1. Allarmi generati da apparecchiature esterne
16.1.1. Allarme pressostato min/max
ALLARME
PRESSOSTATO
MIN/MAX
Descrizione
Pressione nell’impianto troppo alta o troppo bassa
Questo allarme viene segnalato quando la pressione
dell’impianto di climatizzazione scende sotto il valore
minimo oppure supera il valore massimo impostato
nel pressostato
Possibile causa
- Taratura pressostato/i errata
- Pressione troppo elevata nell’impianto
- Impianto scarico
Pagina 12 di 16
ELENCO PRODOTTI
16.1.2. Allarme termostato di sicurezza
ALLARME
ALTA TEMPERATURA
(TERM.SICUREZZA)
Descrizione
Temperatura nell’impianto troppo alta.
Questo allarme viene segnalato quando la
temperatura dell’impianto di climatizzazione supera il
valore di taratura del termostato di sicurezza
dell’impianto
Possibile causa
- Taratura del termostato di sicurezza errata
- Miscelatrice bloccata
- Altre cause
16.1.3. Allarme flussostato/termico pompa alta temperatura
ALLARME
FLUSSOSTATOTERMICO POMPA
ALTA TEMPERATURA
Questo allarme viene segnalato quando il flusso
d’acqua dell’impianto di climatizzazione non è
sufficiente oppure è intervenuta la protezione termica
della pompa che serve la linea ad alta temperatura
Descrizione
Se collegato il flussostato
Se collegato il termico
Se collegato l’allarme della pompa
Possibile causa
- Acqua insufficiente nell’impianto
- Pompa alta temperatura bloccata
Pompa alta temperatura bloccata
Vedere il codice d’allarme della pompa
16.1.4. Allarme flussostato/termico pompa bassa temperatura
ALLARME
FLUSSOSTATOTERMICO POMPA
BASSA TEMPERATURA
Descrizione
Se collegato il flussostato
Se collegato il termico
Se collegato l’allarme della pompa
Questo allarme viene segnalato quando il flusso
d’acqua dell’impianto di climatizzazione non è
sufficiente oppure è intervenuta la protezione termica
della pompa dell’impianto
Possibile causa
- Acqua insufficiente nell’impianto
- Pompa bassa temperatura bloccata
Pompa bassa temperatura bloccata
Vedere il codice d’allarme della pompa
16.1.5. Allarme blocco caldaia
ALLARME
BLOCCO CALDAIA
Descrizione
Blocco caldaia
Questo allarme viene segnalato quando si verifica il
blocco della caldaia
Possibile causa
Le cause per cui si può verificare questo problema
sono molteplici e variabili a seconda del tipo di
caldaia installata (si consiglia di chiamare il centro
assistenza della caldaia installata)
16.1.6. Sonda esterna guasta o sconnessa
SONDA ESTERNA
GUASTA O SCONNESSA
Descrizione
La sonda esterna non legge oppure fornisce valori
errati
Questo allarme viene segnalato se la sonda esterna
si scollega o si rompe il sensore di temperatura
Possibile causa
- Cavo della sonda scollegato
- Sensore della sonda guasto
Pagina 13 di 16
16.1.7 Sonda mandata guasta o sconnessa
SONDA DI MANDATA
Questo allarme viene segnalato se la sonda di
mandata si scollega oppure se si guasta il sensore di
temperatura
GUASTA O SCONNESSA
Descrizione
Possibile causa
La sonda di mandata non legge oppure fornisce valori
errati
- Cavo della sonda scollegato
- Sensore della sonda guasto
16.1.8. Stanza X sonda temperatura guasta o sconnessa
STANZA 1
SONDA
TERMPERATURA
GUASTA O SCONNESSA
Questo allarme viene segnalato se la sonda della
stanza indicata si scollega oppure se si guasta il
sensore di temperatura
Descrizione
Possibile causa
La sonda di una stanza non legge oppure fornisce
valori errati
- Cavo della sonda scollegato
- Sensore della sonda guasto
16.1.9. Stanza X sonda umidità guasta o sconnessa
STANZA 1
SONDA UMIDITA’
GUASTA O SCONNESSA
Questo allarme viene segnalato se la sonda della
stanza indicata si scollega oppure se si guasta il
sensore di umidità
Descrizione
Possibile causa
La sonda di una stanza non legge oppure fornisce
valori errati
- Cavo della sonda scollegato
- Sensore della sonda guasto
16.1.10. Sistema antigelo attivato
Questo allarme viene segnalato quando
temperatura di una stanza scende sotto
temperatura di antigelo impostata nel sistema
SISTEMA ANTIGELO
ATTIVATO
la
la
16.1.11 Allarme blocco deumidificatore
Questo allarme viene segnalato quando interviene
un dispositivo di protezione interno al deumidificatore
ALLARME BLOCCO
DEUMIDIFICATORE 1
Descrizione
Possibile causa
Le cause per cui si può verificare questo problema
sono molteplici
Blocco deumidificatore
16.1.12 Allarme filtro aria deumidificatore
Questo allarme viene segnalato quando interviene il
pressostato differenziale installato sul filtro
ALLARME
FILTRO ARIA INTASATO
DEUMIDIFICATORE 1
Descrizione
Il pressostato differenziale
segnala l’intasamento
(installato
Possibile causa
sul
filtro)
- Errata taratura del pressostato differenziale
- Filtro intasato
Pagina 14 di 16
16.1.13 Allarme refrigeratore
Questo allarme viene segnalato quando interviene
un dispositivo di protezione interno al refrigeratore
ALLARME BLOCCO
REFRIGERATORE
Descrizione
Blocco refrigeratore
Possibile causa
Le cause per cui si può verificare questo problema
sono molteplici e variabili a seconda del tipo di
refrigeratore installato (si consiglia di chiamare il
centro assistenza del refrigeratore installato)
16.1.14 Allarme temperatura mandata elevata
ALLARME
TEMPERATURA
MANDATA ELEVATA
Questo allarme viene segnalato quando, in un
determinato arco di tempo, la sonda di mandata
rileva una temperatura troppo elevata
Descrizione
Allarme elevata temperatura rilevata dalla sonda di
mandata
Possibile causa
- La miscelatrice si è inceppata
- Non arriva il comando di chiusura alla valvola
miscelatrice
16.2. Allarmi generati dalla centralina
Questi allarmi sono generati automaticamente dal regolatore: le apparecchiature continuano a funzionare
ma il dispositivo avvisa che è stato raggiunto il numero di ore impostato dall’assistenza per la manutenzione.
Questi allarmi devono essere abilitati in fase di avviamento dell’impianto da parte del tecnico.
16.2.1. Allarme ore funzionamento pompa alta temperatura
L’allarme viene generato quando la pompa
raggiunge un determinato numero di ore.
ALLARME
La pompa continua a funzionare regolarmente ma la
MAX ORE FUNZIONAM.
centralina avvisa il raggiungimento del numero di ore
POMPA ALTA TEMP.
impostato dall’assistenza
16.2.2. Allarme ore funzionamento pompa bassa temperatura
L’allarme viene generato quando la pompa
raggiunge un determinato numero di ore.
ALLARME
La pompa continua a funzionare regolarmente ma la
MAX ORE FUNZIONAM.
POMPA BASSA TEMP.
centralina avvisa il raggiungimento del numero di ore
impostato dall’assistenza
16.2.3. Allarme ore manutenzione caldaia
ALLARME ORE
PER MANUTENZIONE
CALDAIA
L’allarme viene generato quando la caldaia
raggiunge un determinato numero di ore.
La caldaia continua a funzionare regolarmente ma la
centralina avvisa il raggiungimento del numero di ore
impostato dall’assistenza
16.2.4 Allarme ore manutenzione deumidificatore
ALLARME ORE
PER MANUTENZIONE
DEUMIDIFICATORE 1
L’ allarme viene generato quando il deumidificatore
raggiunge un determinato numero di ore di
funzionamento.
Il
deumidificatore
continua
a
funzionare
regolarmente
ma
la
centralina
avvisa
il
raggiungimento del numero di ore impostato
dall’assistenza
Pagina 15 di 16
16.2.5 Allarme ore manutenzione filtro deumidificatore
L’allarme viene generato quando il deumidificatore
ALLARME ORE
raggiunge un determinato numero di ore di
PER MANUTENZIONE
funzionamento.
FILTRO ARIA
Il
deumidificatore
continua
a
funzionare
DEUMIDIFICATORE 1
regolarmente
ma
la
centralina
avvisa
il
raggiungimento del numero di ore impostato
dall’assistenza per la pulizia programmata del filtro
16.2.6 Allarme ore manutenzione refrigeratore
ALLARME ORE
MANUTENZIONE
REFRIGERATORE
Questo allarme viene generato quando il
refrigeratore raggiunge un determinato numero di
ore di funzionamento.
Il refrigeratore continua a funzionare regolarmente
ma la centralina avvisa il raggiungimento del numero
di ore impostato dall’assistenza
ANNOTAZIONI
Pagina 16 di 16
ELENCO PRODOTTI
Deumidificatore isotermico
da incasso
SW AR 24 P
Settembre
2010
DEUMIDIFICATORE SW AR 24 P
MANUALE D’INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE
Fig. 1: Deumidificatore Isotermico da incasso, cod. 0640194
-
GENERALITA’
DEUMIDIFICATORE SW AR 24 P
INGOMBRI VERSIONE DA INCASSO
ASSEMBLAGGIO
INGOMBRI VERSIONE DA PARETE
COMPONENTI DELLA MACCHINA
CARATTERISTICHE TECNICHE
PERDITA DI CARICO DEL CIRCUITO IDRAULICO
CURVE CARATTERISTICHE DEL VENTILATORE
CARATTERISTICHE ACUSTICHE
SCHEMA ELETTRICO
INSTALLAZIONE
PRIMO AVVIAMENTO – COLLAUDO
USO E MANUTENZIONE
SUNWOOD SRL – MANUALE DI INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE
DESCRIZIONE DEL PRODOTTO
Il deumidificatore SW AR 24 P è una macchina progettata come componente di
impianto di raffrescamento radiante.
La macchina utilizza l’acqua refrigerata dell’impianto di raffrescamento radiante (1520°C) per deumidificare l’aria con maggiore efficienza, rispetto ad un deumidificatore
normale, e senza aumentarne la temperatura.
Collegamenti della macchina
1) scarico della condensa;
2) uscita acqua impianto;
3) ingresso acqua impianto;
4) accesso ai collegamenti elettrici;
5) pannello quadro elettrico;
6) uscita aria deumidificata
7) ingresso aria da trattare;
8) sfiato (dietro al filtro) del circuito idraulico;
Pagina 2 di 14
SUNWOOD SRL – MANUALE DI INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE
CONTENUTO DELLA CONFEZIONE
A seconda dei componenti acquistati si hanno le seguenti combinazioni:
Macchina SW AR 24 P: la scatola di cartone contiene:
− 1 macchina SW AR 24 P;
− 1 manuale di istruzioni.
Dimensioni dell'imballo: cm 23,5x77x59h
Peso: kg 35
Macchina con mobiletto: la scatola di cartone contiene:
− 1 macchina SW AR 24 P;
− 1 cornice del mobiletto con staffa fissata;
− 1 pannello frontale;
− 1 manuale istruzioni.
Dimensioni dell'imballo: cm 27x85x71h
Peso: kg 49
Mobiletto: la scatola di cartone contiene:
− 1 cornice del mobiletto con staffa fissata;
− 1 pannello frontale;
− 1 foglio di montaggio.
Dimensioni dell'imballo: cm 27x85x71h
Peso: kg 15
Pannello frontale:
− 1 pannello frontale;
− 1 foglio di montaggio.
Dimensioni dell'imballo:
Peso: kg 8,5
cm 66x81x6,5h
Controcassa:
− 7 componenti di lamiera per la controcassa;
− 1 sacchetto con n. 28 viti;
− 1 foglio di montaggio.
Dimensioni dell'imballo: cm 64x77x3h
Peso: kg 11
TRASPORTO E IMMAGAZZINAMENTO
Movimentare il collo con mezzi idonei al peso ed al volume della confezione,
evitando ammaccature e cadute: una caduta del collo da pochi centimetri di altezza
può danneggiare il contenuto.
Conservare i colli contenenti le macchine in posizione verticale e non rovesciata; è
possibile sovrapporre fino a 2 scatole.
Condizioni ambientali ammissibili: temperatura -10°C ÷ 50°C, umidità relativa
inferiore a 90%.
NOTE PER LA SICUREZZA
La macchina contiene gas frigorifero sotto pressione. In caso di fuga del gas da
una o più macchine aerare il locale.
In caso di incendio il gas contenuto nelle macchine può sviluppare componenti
tossici.
Pagina 3 di 14
SUNWOOD SRL – MANUALE DI INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE
REQUISITI PER L'INSTALLAZIONE:
Prima di installare la macchine è necessario predisporre:
- le tubazioni di mandata e di ritorno per l’acqua di raffreddamento con due
valvole di intercettazione per il sezionamento ed eventualmente la
regolazione della portata;
- portata e pressione dell'acqua di raffreddamento: vedere grafico a pag. 6
- lo scarico per l’acqua condensata;
- i cavi elettrici per l’alimentazione, il conduttore di protezione PE (conduttore di
terra) ed i segnali di consenso al funzionamento.
E' necessario lasciare uno spazio libero di almeno 200 cm dal fronte della
griglia, per la libera circolazione dell’aria deumidificata
Nota per lo scarico della condensa:
lo scarico della condensa deve avere una pendenza adeguata alle dimensioni
e alla lunghezza del tubo;
è necessario prevedere un sifone, di almeno 50mm, e solo uno, per evitare il
risucchio di aria dal tubo di scarico.
Pagina 4 di 14
SUNWOOD SRL – MANUALE DI INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE
INSTALLAZIONE DELLA MACCHINA
Il prodotto è disponibile nella versione da incasso nel muro oppure nella versione
con mobiletto (disponibile su richiesta), per il montaggio a parete; in entrambi i casi è
necessario effettuare la predisposizione dei collegamenti prima dell’installazione.
Predisposizione e ingombri per la macchina da incasso nel muro
La controcassa in acciaio (0640195), da incassare nella parete, riporta delle
aperture sia sullo schienale sia sul fianco per permettere il passaggio delle tubazioni
di collegamento:
1) ingresso acqua;
2) uscita acqua;
3) scarico condensa;
4) collegamenti elettrici.
619
1
2
1
3
2
4
3
4
760
209
Componenti della controcassa
1. pannello posteriore
2. pannello superiore
3. fianco destro
4. pannello inferiore
5. fianco sinistro
6. pannello anti-intonaco
7. angolare fissaggio
macchina
Predisposizione per il
pannello frontale
Il pannello frontale (art.
0640196) è realizzato in legno
Pagina 5 di 14
SUNWOOD SRL – MANUALE DI INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE
MDF laccato bianco.
Le dimensioni sono:
larghezza
790mm;
altezza
630mm;
spessore
18mm.
Componenti:
1. guida di fissaggio
2. Pannello frontale
3. Calamita
Il pannello frontale viene fornito con una guida(1) da fissare al pannello superiore
della controcassa con quattro viti autofilettanti(3,9x9,5mm). Le asole della guida
consentono di allineare perfettamente il retro del pannello con la superficie finita
della parete.
Sul fianco sinistro della controcassa c’è la possibilità di montare una calamita
(utilizzando 2 viti 2,8x12mm) che ferma il pannello. Questo può essere rimosso
sollevandolo dopo averlo distaccato dalla calamita.
Il pannello frontale non ha viti di ancoraggi e può essere tolto semplicemente
sollevandolo di un paio di centimetri.
Pagina 6 di 14
SUNWOOD SRL – MANUALE DI INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE
Predisposizione e ingombri per il montaggio esterno a parete *
Per il montaggio a parete senza incasso è disponibile un mobiletto per alloggiare la
macchina.
Il mobiletto è composto da:
1) pannello frontale in MDF laccato bianco, con griglia di aspirazione;
2) cornice in MDF laccato bianco.
Il mobiletto va fissato alla parete, ad una altezza consigliata di 15-20 cm dal
pavimento. Per il fissaggio vanno utilizzati i fori Ø=5mm presenti sulle quattro
squadrette metalliche all’interno della cornice.
Il pannello è bloccato sulla cornice da quattro calamite, per cui la rimozione può
essere fatta senza l’ausilio di attrezzi.
I collegamenti idraulici ed elettrici devono essere realizzati nella zona di parete,
interna alla cornice, vicina all’angolo in basso a sinistra.
* Versione disponibile solo su richiesta.
Pagina 7 di 14
SUNWOOD SRL – MANUALE DI INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE
CARATTERISTICHE TECNICHE
Umidità condensata (26°-65% Rh)
l/giorno
24,0
Alimentazione
V/ph/Hz
230/1/50
Potenza elettrica nominale
W
360
A
2
Corrente nominale
3
m /h
Portata aria nominale
Tipo ventilatore
200
centrifugo a 3 velocità
Refrigerante (R134a)
Compressore:
Portata nominale acqua di raffreddamento
gr
260
ermetico, monocilindrico
alternativo con motore asincrono
bipolare
l/min.
4
Attacchi idraulici
LIMITI DI FUNZIONAMENTO
Temperatura aria in aspirazione
2 x 3/8” GAS maschio
°C
15 ÷ 32
mm
mm
mm
kg
573
721,5
201,5
34
DIMENSIONI E PESI
Altezza
Larghezza
Profondità
Peso
PERDITA DI CARICO DEL CIRCUITO IDRAULICO
Perdite di carico DDP24
SW AR 24 P 24-P
1200
1000
H mm
800
600
400
200
0
0
1
2
3
4
5
6
7
Litri/min
Pagina 8 di 14
SUNWOOD SRL – MANUALE DI INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE
CARATTERISTICHE ACUSTICHE
Livello di potenza sonora [dB]
Frequenza di centro
banda [Hz]
100
Deumidificazione
50,9
125
125
160
41,4
53,5
46,4
47,7
200
315
40,2
53,8
44,8
39,4
400
630
32,0
39,5
35,6
32,9
800
1250
30,5
36,2
31,9
30,3
1600
2500
25,2
30,9
26,5
22,3
3150
5000
16,0
24,5
19,3
19,4
6300
10000
6,4
23,6
17,6
20,0
8,9
5,0
3,9
48,9
db(A)
17,7
11,0
8,1
18,5
8000
8000
28,9
25,2
20,5
20,3
4000
4000
35
31,1
28,7
27,8
2000
2000
37
33,7
30,3
31,8
1000
1000
42,7
37,8
33,2
35,2
500
500
44,5
39,6
37,3
53,0
250
250
Ventilazione
40
Nota: il livello di pressione sonora equivalente è in funzione del locale in cui viene installata la
macchina, della presenza o meno di canale e/o plenum. Generalmente il valore è 7-10db(A) inferiore
a quello della potenza sonora e con canale e/o plenum si riduce ulteriormente.
RESA IN FUNZIONE DELLA TEMPERATURA AMBIENTE, UMIDITA’ RELATIVA
E TEMPERATURA DELL’ACQUA REFRIGERATA
Litri/Giorno
Tacqua
21
18
15
Litri/Giorno
Tacqua
21
18
15
Temperatura ambiente : 26°C
Umidità relativa
55%
11,6
13,8
16,7
Temperatura ambiente : 24°C
Umidità relativa
55%
9,5
10,6
14,3
65%
12,6
17,9
24,0
65%
12,2
15,2
18,0
Pagina 9 di 14
SUNWOOD SRL – MANUALE DI INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE
COLLEGAMENTI ELETTRICI
I collegamenti elettrici devono comprendere anche il conduttore di protezione.
La macchina viene normalmente fornita con il collegamento del ventilatore sulla
velocità minima (filo rosso). A seconda del tipo di impianto e delle perdite di carico
delle tubazioni è possibile aumentare la velocità del ventilatore collegando, al posto
del filo rosso, il filo blu (velocità media) oppure il filo nero (velocità massima); il filo
bianco non va mai scollegato. Il condensatore(1,5 microF) si trova a fianco del
motore sul ventilatore.
Le sonde di temperatura sono del tipo NTC del tipo 10 kOhm a 25°C;
il fusibile della scheda elettronica è da 250V- 8A;
Schema elettrico
Legenda
All: contatti del relè di allarme, capacità 250VAC – 8A;
COM – C1: contatto pulito per il consenso ventilazione;
COM – C2: contatto pulito per il consenso deumidificazione.
CONSENSI AL FUNZIONAMENTO
Il funzionamento della macchina avviene tramite due ingressi digitali (contatto
pulito).
Consenso deumidificazione: contatto tra i morsetti COM-C1, normalmente
ponticellato in mancanza di un sistema di regolazione dell’umidità ambiente. La
macchina interrompe il suo funzionamento quando il contatto tra i due morsetti si
apre.
Consenso ventilazione: contatto tra i morsetti COM-C2, normalmente non
utilizzato ma chiudendo il contatto è possibile azionare solo il ventilatore per forzare
il movimento dell’aria.
Pagina 10 di 14
SUNWOOD SRL – MANUALE DI INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE
DESCRIZIONE DEL FUNZIONAMENTO
L’aria viene trattata attraverso una serie di scambiatori di calore alettati: il primo di
questi, utilizzando l’acqua refrigerata, effettua un pretrattamento abbassando la
temperatura dell’aria prima dell’ingresso nell’evaporatore del circuito frigorifero. Il
secondo, (evaporatore) effettua la deumidificazione vera e propria, Il terzo
scambiatore serve a riscaldare l’aria ed a smaltire l’energia del ciclo frigorifero, infine
il quarto (post-trattamento) riporta la temperatura dell’aria in uscita ad un valore
vicino a quello che aveva all’ingresso della macchina.
Il deumidificatore è progettato per funzionare ad una temperatura ambiente
compresa tra 15°C e 32°C. Se l’aria ambiente aspirata, o l’acqua del circuito di
raffrescamento hanno delle condizioni diverse da quelle previste può capitare che
l’evaporatore del circuito frigorifero si trovi al di fuori dai limiti consentiti di
temperatura; in questo caso il compressore si ferma e il display segnala
un’anomalia.
Il compressore frigorifero si accende dopo 2’ dal consenso alla deumidificazione.
In caso di formazione di brina sull’evaporatore compressore frigorifero effettua una
pausa consentire lo scioglimento della brina formatasi sull’evaporatore
(sbrinamento). In questo caso il led verde del compressore lampeggia finché non ci
sono le condizioni di temperatura corrette.
Diagnostica del display a led
Led 1 rosso: se è presente la tensione è acceso fisso;
Led 2 verde: indica il consenso alla deumidificazione, se è acceso fisso indica il
compressore in funzione, se è acceso lampeggiante indica che il compressore è
fermo per pausa, attesa dopo avviamento o anomalia;
Led 3 e 4 di allarme: vedi la seguente tabella.
led 3 giallo
led 4 rosso
diagnosi
Nessun allarme
Temperatura ambiente troppo
elevata o circuito scarico
Temperatura ambiente troppo
bassa
Blocco di massima pressione
refrigerante
Temperatura acqua di mandata
superiore a 30°C
= led spento;
= led acceso lampeggiante;
= led acceso fisso.
N.B. Nel caso in cui si manifestassero anomalie, il display si potrà resettare solo
togliendo tensione alla macchina.
Pagina 11 di 14
SUNWOOD SRL – MANUALE DI INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE
PRIMO AVVIAMENTO – COLLAUDO
Il collaudo del deumidificatore andrebbe effettuato contestualmente a quello
dell’impianto a pannelli in funzionamento estivo;
La macchina è in funzione quando viene data tensione all’alimentazione ed il
consenso è chiuso. Ad ogni avviamento viene fatto partire prima il ventilatore e solo
dopo 2 minuti il compressore.
ATTENZIONE: Non utilizzare il deumidificatore senza l’acqua refrigerata: la
macchina ha una resa minore e subisce una usura precoce.
La principale verifica da effettuare riguarda la portata dell’acqua di raffreddamento
che non dovrebbe essere inferiore a 2l/min.
Nel caso in cui non si possa misurare la portata dell’acqua è possibile effettuare una
taratura nel seguente modo:
aprire completamente la circolazione dell'acqua refrigerata;
avviare il deumidificatore e attendere 15 minuti;
se ci si trova entro i limiti di funzionamento l'aria uscirà raffreddata; sarà
possibile far risalire la temperatura dell’aria riducendo lentamente la portata
dell’acqua refrigerata, fino alle condizioni desiderate.
NOTA: dopo aver riempito d’acqua l’impianto si raccomanda di verificare
attentamente la tenuta non solo dei collegamenti ma anche del circuito idraulico
della macchina.
Pagina 12 di 14
SUNWOOD SRL – MANUALE DI INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE
MANUTENZIONE
L’unica operazione periodica da fare è la pulizia del filtro che andrà effettuata con
una frequenza variabile in funzione dell’ambiente in cui si trova ad operare la
macchina.
Per estrarre il filtro: togliere il pannello frontale, bloccato dalle calamite; allentare le
due viti con pomello(1), far scorrere la guida(2) verso destra, traslare il filtro(3) verso
destra in modo da liberare il fianco sinistro; togliere il filtro sollevandolo leggermente.
1
2
3
Pagina 13 di 14
SUNWOOD SRL – MANUALE DI INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE
COMPONENTI PRINCIPALI DELLA MACCHINA
1.
2.
3.
4.
5.
6.
Scambiatore
Compressore
Ventilatore
Scheda elettronica
Griglia ventilatore
Filtro
* Per codici d’ordine dei ricambi fare richiesta direttamente in SUNWOOD SRL
DEMOLIZIONE E SMALTIMENTO DEL PRODOTTO
Nel caso il deumidificatore fosse sottoposto a demolizione, tenere conto del
contenuto del circuito frigorifero, refrigerante R134a e olio poliestere; queste
sostanze non devono essere disperse nell'ambiente ma recuperate secondo la
normativa vigente.
La macchina contiene i seguenti materiali:
componenti in plastica;
componenti elettronici;
fili elettrici a semplice e doppio isolamento;
materiali polimerici espansi;
acciaio, rame e alluminio.
In caso di smaltimento seguire la normativa vigente.
La ditta SUNWOOD SRL si riserva il diritto di apportare miglioramenti e modifiche ai prodotti descritti ed
ai relativi dati tecnici in qualsiasi momento e senza preavviso: riferirsi sempre alle istruzioni allegate ai
componenti forniti, la presente scheda è un ausilio qualora esse risultino troppo schematiche.
Per qualsiasi dubbio, problema o chiarimento, il nostro ufficio tecnico è sempre a disposizione.
Pagina 14 di 14
ELENCO PRODOTTI
Deumidificatore isotermico canalizzabile
da controsoffitto
SW AR 24-S
ITA
Giugno 2010
DEUMIDIFICATORE SW AR 24-S
DA CONTROSOFFITTO
MANUALE D’INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE
Figura 1: Deumidificatore Isotermico canalizzabile da controsoffitto cod. 0640198
SW AR 24-S – MANUALE DI ISTRUZIONI
DESCRIZIONE DEL PRODOTTO
Il deumidificatore SW AR 24-S è una macchina progettata come componente di
impianto di raffrescamento radiante.
Il deumidificatore utilizza la disponibilità dell’acqua refrigerata dell’impianto (15-20°C)
per deumidificare l’aria con maggiore efficienza, rispetto ad un deumidificatore normale,
e senza aumentarne la temperatura.
CONTENUTO DELLA CONFEZIONE:
Il deumidificatore viene imballato in scatola di cartone contenente:
− 1 macchina SW AR 24-S;
− 1 busta contenente n. 3 staffe di supporto e n. 3 viti per il fissaggio delle staffe;
− 1 manuale di uso e manutenzione.
Dimensioni dell'imballo: cm 59x70x29h
Peso:
kg 35
TRASPORTO E IMMAGAZZINAMENTO
Movimentare il collo con mezzi idonei al peso ed al volume della confezione, evitando
ammaccature e cadute: una caduta del collo da pochi centimetri di altezza può
danneggiare il contenuto.
Conservare i colli in posizione orizzontale e non rovesciata; è possibile sovrapporre fino
a 5 scatole.
Condizioni ambientali ammissibili: temperatura -10°C ÷ 50°C, umidità relativa inferiore
a 90%.
NOTE PER LA SICUREZZA
La macchina contiene gas frigorifero sotto pressione. In caso di fuga del gas da una o
più macchine aerare il locale.
In caso di incendio il gas contenuto nelle macchine può sviluppare componenti tossici.
Scheda Tecnica
SUNWOOD SRL
Pagina 1 di 11
SW AR 24-S – MANUALE DI ISTRUZIONI
CARATTERISTICHE TECNICHE
Umidità condensata (26°-65% Rh)
l/giorno
26,6
Alimentazione
V/ph/Hz
230/1/50
Potenza elettrica nominale
W
360
A
2
Corrente nominale
3
Portata aria nominale
m /h
Tipo ventilatore
200
centrifugo a 3 velocità
Prevalenza alla velocità minima (1)
Pa
10
Prevalenza alla velocità media (2)
Pa
50
Prevalenza alla velocità massima (3)
Pa
80
Refrigerante (R134a)
Compressore:
Portata nominale acqua di raffreddamento
240
gr
ermetico, monocilindrico
alternativo con motore asincrono
bipolare
l/min.
4
Attacchi idraulici
2 x 3/8” GAS maschio
INGOMBRI
Altezza
Larghezza
Profondità
Peso
LIMITI DI FUNZIONAMENTO
Temperatura aria in aspirazione
mm
mm
mm
kg
247
668
550
34
°C
15 ÷ 32
RESA IN FUNZIONE DELLA TEMPERATURA AMBIENTE, UMIDITA’ RELATIVA E
TEMPERATURA DELL’ACQUA REFRIGERATA
Litri/Giorno
Tacqua
21
18
15
Litri/Giorno
21
Tacqua 18
15
Scheda Tecnica
Temperatura ambiente : 26°C
Umidità relativa
55%
14,3
17,8
21,0
Temperatura ambiente : 24°C
Umidità relativa
55%
10,4
13,4
16,9
SUNWOOD SRL
65%
17,6
21,7
26,6
65%
14,8
18,8
23,1
Pagina 2 di 11
SW AR 24-S – MANUALE DI ISTRUZIONI
PERDITA DI CARICO DEL CIRCUITO IDRAULICO
Perdite di carico DCS26
1400
1200
H mm
1000
800
600
400
200
0
0
1
2
3
4
5
6
7
8
Litri/min
CARATTERISTICHE ACUSTICHE
Livello di potenza sonora [dB]
Frequenza di
centro banda
[Hz]
Deumidificazione
Velocità 1
100
125
50,9
125
160
630
1250
27,8
2000
2500
17,6
30,9
27,3
18,9
18,5
8000
21,6
20,0
48,9
14,9
13,7
47,5
27,3
8,1
23,5
20
21,4
19,7
51,2
3,9
40
18,6
41,8
30,7
26,7
26,9
32,9
24,3
17,7
8,9
5,0
37,7
34,0
18,9
6,4
26,6
20,6
45,8
38,2
35,8
24,4
17,7
11,0
42,0
40,6
27,8
16,0
33,2
24,9
16,7
23,6
20,5
31,8
45,9
40,4
40,8
32,2
28,9
25,2
42,5
39,9
35,2
25,2
41,7
33,9
24,9
24,5
37,7
37,1
52,4
40,6
41,5
35,7
35
31,1
47,3
42,3
35,0
28,7
38,2
36,1
28,0
19,4
6300
db(A)
19,3
31,9
38,3
53,8
50,2
47,5
36,2
37
33,7
30,5
45,8
40,7
32,7
30,9
20,3
4000
5000
10000
26,5
22,3
3150
8000
35,6
41,9
42,4
50,3
48,8
37,6
30,3
40,3
41
37,1
48,8
45,2
42,7
37,8
32,0
46,2
40,0
35,9
36,2
30,3
1600
4000
31,9
42,7
44,8
Velocità 3
47,5
43,0
33,2
41,1
42,5
44,5
39,6
40,2
54
48,6
Velocità 2
44,0
37,3
43,2
35,7
31,8
1000
39,1
58,3
52,0
52,1
37,6
39,5
32,9
800
2000
35,6
45,3
53,5
Velocità 1
41,4
55,2
40,2
35,2
500
54,5
50,7
53,8
39,4
400
1000
44,8
50,1
Velocità 3
50,9
50,2
53,0
250
315
500
53,5
47,7
200
250
46,4
Velocità 2
48,7
Ventilazione
23,1
29,7
29,0
45,4
20,7
26
18,9
50,4
Nota: il livello di pressione sonora equivalente è in funzione del locale in cui viene installata la macchina,
della presenza o meno di canale e/o plenum. Generalmente il valore è 7-10db(A) inferiore a quello della
potenza sonora e con canale e/o plenum si riduce ulteriormente.
Scheda Tecnica
SUNWOOD SRL
Pagina 3 di 11
SW AR 24-S – MANUALE DI ISTRUZIONI
CURVE CARATTERISTICHE DI PORTATA/PREVALENZA ARIA
Il grafico seguente riporta la curva di portata/prevalenza per ciascuna velocità del ventilatore.
Curve caratteristiche DCS26
12
10
P [mm c.a.]
8
M1
M2
6
M3
4
2
0
5
42
0
40
5
37
0
35
5
32
0
30
5
27
0
25
5
22
0
20
5
17
0
15
5
12
0
10
75
50
25
0
Q [mc/h]
DIMENSIONI
Scheda Tecnica
SUNWOOD SRL
Pagina 4 di 11
SW AR 24-S – MANUALE DI ISTRUZIONI
COLLEGAMENTI
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.
Accesso collegamenti elettrici
Pannello quadro elettrico
Staffa di aggancio (foro D6mm)
Scarico condensa (D=14mm)
Ingresso acqua (3/8”M)
Uscita acqua (3/8”M)
Sfiato
Uscita aria deumidificata
Scheda Tecnica
SUNWOOD SRL
Pagina 5 di 11
SW AR 24-S – MANUALE DI ISTRUZIONI
REQUISITI PER L'INSTALLAZIONE:
Prima di installare la macchine è necessario predisporre:
- le tubazioni di mandata e di ritorno per l’acqua di raffreddamento con due valvole di
intercettazione per il sezionamento ed eventualmente la regolazione della portata;
- portata e pressione dell'acqua di raffreddamento: vedere grafico a pag. 6
- lo scarico per l’acqua condensata;
- i cavi elettrici per l’alimentazione, il conduttore di protezione PE (conduttore di terra)
ed i segnali di consenso al funzionamento.
La macchina deve essere installata in posizione orizzontale, appesa tramite le apposite
staffe oppure appoggiata sul cofano inferiore. L'installazione deve essere effettuata
all'interno degli edifici.
E' necessario lasciare uno spazio libero di almeno 60 cm sul lato dei
collegamenti idraulici ed elettrici e conservare l'accessibilità per le future
operazioni di manutenzione o riparazione.
Nota per lo scarico della condensa:
- lo scarico della condensa deve avere una pendenza adeguata alle dimensioni e alla
lunghezza del tubo;
- è necessario prevedere un sifone, e solo uno, per evitare il risucchio di aria dal tubo
di scarico.
Scheda Tecnica
SUNWOOD SRL
Pagina 6 di 11
SW AR 24-S – MANUALE DI ISTRUZIONI
COLLEGAMENTI ELETTRICI
I collegamenti elettrici devono comprendere anche il conduttore di protezione.
La macchina viene normalmente fornita con il collegamento del ventilatore sulla velocità
minima (filo rosso). A seconda del tipo di impianto e delle perdite di carico delle
tubazioni è possibile aumentare la velocità del ventilatore collegando, al posto del filo
rosso, il filo blu (velocità media) oppure il filo nero (velocità massima); il filo bianco non
va mai scollegato. Il condensatore(1,5 microF) si trova a fianco del motore sul
ventilatore.
Schema elettrico
Sonda di temperatura:
Fusibile scheda elettronica:
sensore NTC che rileva la temperatura dell’aria da
trattare.
250V- 8A
CONSENSI AL FUNZIONAMENTO
Il funzionamento della macchina avviene tramite due ingressi digitali (contatto pulito).
Consenso deumidificazione: contatto tra i morsetti COM-C1, normalmente
ponticellato in mancanza di un sistema di regolazione dell’umidità ambiente. La
macchina interrompe il suo funzionamento quando il contatto tra i due morsetti si apre.
Consenso ventilazione: contatto tra i morsetti COM-C2, normalmente non utilizzato
ma chiudendo il contatto è possibile azionare solo il ventilatore per forzare il movimento
dell’aria.
Scheda Tecnica
SUNWOOD SRL
Pagina 7 di 11
SW AR 24-S – MANUALE DI ISTRUZIONI
DESCRIZIONE DEL FUNZIONAMENTO
Il deumidificatore funziona solo se la temperatura ambiente è compresa tra 15°C e
32°C.
L’aria viene trattata attraverso una serie di scambiatori di calore alettati: il primo di
questi, utilizzando l’acqua refrigerata, effettua un pretrattamento abbassando la
temperatura dell’aria prima dell’ingresso nell’evaporatore del circuito frigorifero. Il
secondo, (evaporatore) effettua la deumidificazione vera e propria, Il terzo scambiatore
serve a riscaldare l’aria ed a smaltire l’energia del ciclo frigorifero, infine il quarto (posttrattamento) riporta la temperatura dell’aria in uscita ad un valore vicino a quello che
aveva all’ingresso della macchina.
Se la temperatura ambiente è compresa tra 15°C e 21 °C il compressore frigorifero
effettua una pausa ogni 60 minuti per consentire lo scioglimento della brina formatasi
sull’evaporatore (sbrinamento).
SEGNALAZIONI
Sulla scheda sono presenti due led luminosi, uno rosso e uno verde.
Led rosso: segnala la presenza di tensione alla scheda.
Led verde: se è acceso continuo, segnala il normale funzionamento;
se fa due lampeggi periodici segnala la fase di sbrinamento;
se lampeggia costantemente segnala una temperatura ambiente al di fuori
del campo ammissibile di funzionamento: funzionerà il ventilatore ma non
il compressore frigorifero.
PRIMO AVVIAMENTO – COLLAUDO
Il collaudo del deumidificatore andrebbe effettuato contestualmente a quello
dell’impianto a pannelli in funzionamento estivo;
La macchina è in funzione quando viene data tensione all’alimentazione ed il consenso
è chiuso. Ad ogni avviamento viene fatto partire prima il ventilatore e solo dopo 2 minuti
il compressore.
ATTENZIONE: Non utilizzare il deumidificatore senza l’acqua refrigerata: la macchina
ha una resa minore e subisce una usura precoce.
ATTENZIONE: Non far circolare acqua refrigerata a macchina ferma per lunghi periodi,
perché si potrebbe formare condensa sulla superficie esterna della macchina.
La principale verifica da effettuare riguarda la portata dell’acqua di raffreddamento che
non dovrebbe essere inferiore a 4l/min.
Nel caso in cui non si possa misurare la portata dell’acqua è possibile effettuare una
taratura nel seguente modo:
aprire completamente la circolazione dell'acqua refrigerata;
avviare il deumidificatore e attendere 15 minuti;
se ci si trova entro i limiti di funzionamento l'aria uscirà raffreddata; sarà possibile
far risalire la temperatura dell’aria riducendo lentamente la portata dell’acqua
refrigerata, fino alle condizioni desiderate.
In base alle canalizzazioni collegate selezionare la velocità del ventilatore più adatta per
la portata necessaria al corretto funzionamento della macchina (200m3/h).
NOTA: dopo aver riempito d’acqua l’impianto si raccomanda di verificare attentamente
la tenuta non solo dei collegamenti ma anche del circuito idraulico della macchina.
Scheda Tecnica
SUNWOOD SRL
Pagina 8 di 11
SW AR 24-S – MANUALE DI ISTRUZIONI
MANUTENZIONE
L’unica operazione periodica da fare è la pulizia del filtro che andrà effettuata con una
frequenza variabile in funzione dell’ambiente in cui si trova ad operare la macchina.
Il filtro è estraibile togliendo il lato della cornice, a sua volta fissata con appositi pomelli
svitabili a mano.
La struttura portafiltro permette di scegliere il lato di estrazione del filtro; se il lato di
estrazione già predisposto non soddisfa è sufficiente scambiare le viti di fissaggio del
lato desiderato con i pomelli.
Scheda Tecnica
SUNWOOD SRL
Pagina 9 di 11
SW AR 24-S – MANUALE DI ISTRUZIONI
RIMOZIONE DEL VENTILATORE
Rimuovere il pannello inferiore svitando le 6 viti che lo fissano; se la macchina è
appoggiata è possibile rimuovere allo stesso modo pannello superiore.
Per l’estrazione del ventilatore (1) è necessario prima rimuovere il cavo di
alimentazione.
Rimuovere in fine le due viti (2) che bloccano lateralmente la cassa del ventilatore,
sollevarlo leggermente e sfilarlo dall’apertura presente sul fianco della macchina
(estraendo il quadro elettrico l’operazione risulta più agevole).
Per l’eventuale sostituzione del condensatore elettrico del ventilatore (1,5microF),
questi si trova a fianco del motore. In tal caso non è necessario rimuovere l’intero
ventilatore.
Scheda Tecnica
SUNWOOD SRL
Pagina 10 di 11
SW AR 24-S – MANUALE DI ISTRUZIONI
RICAMBI PRINCIPALI DELLA MACCHINA*
1.
2.
3.
4.
5.
Scheda elettronica
Compressore
Filtro
Scambiatore
Ventilatore
* Per codici d’ordine dei ricambi fare richiesta direttamente in SUNWOOD SRL
DEMOLIZIONE E SMALTIMENTO DEL PRODOTTO
Nel caso il deumidificatore fosse sottoposto a demolizione, tenere conto del contenuto
del circuito frigorifero, refrigerante R134a e olio poliestere; queste sostanze non devono
essere disperse nell'ambiente ma recuperate secondo la normativa vigente.
La macchina contiene i seguenti materiali:
componenti in plastica;
componenti elettronici;
fili elettrici a semplice e doppio isolamento;
materiali polimerici espansi;
acciaio, rame e alluminio.
In caso di smaltimento seguire la normativa vigente.
La ditta SUNWOOD SRL si riserva il diritto di apportare miglioramenti e modifiche ai prodotti descritti
ed ai relativi dati tecnici in qualsiasi momento e senza preavviso: riferirsi sempre alle istruzioni allegate
ai componenti forniti, la presente scheda è un ausilio qualora esse risultino troppo schematiche.
Per qualsiasi dubbio, problema o chiarimento, il nostro ufficio tecnico è sempre a disposizione.
Scheda Tecnica
SUNWOOD SRL
Pagina 11 di 11
ELENCO PRODOTTI
REFRIGERATORI D’ACQUA CON
MODULO IDRONICO INCORPORATO
Maggio 2007
REFRIGERATORE D’ACQUA IN VERSIONE SOLO RAFFREDDAMENTO,
CONDENSATO AD ARIA, CON SEZIONE IDRONICA INCORPORATA da 8 a
17 kW
GAMMA DI PRODUZIONE
Dimensioni
Codice
Peso
Pfrigorifera*
Modello
[mm]
[Kg]
[KW]
EER**
Pelettrica assorbita
[KW]***
Alimentazione
0640221
CH 8
1190 x 735 x 340
87
8,10
2,23
3,63
230V/1/50Hz
0640222
0640223
0640224
0640225
CH 8
CH 11
CH 15
CH 17
1190 x 735 x 340
1190 x 1235 x 340
1190 x 1235 x 340
1190 x 1235 x 340
87
120
123
130
8,10
11,00
13,70
16,30
2,28
2,49
2,60
2,62
3,56
4,42
5,26
6,23
400V/3N/50Hz
Fluido frigorigeno
Taratura della valvola di sicurezza
Temperatura aria esterna b.s. minima÷massima***
Temperatura uscita acqua minima÷massima***
Indice di protezione dell’unità
R 410 A (lavora ad alta pressione: +50% risp. al R 22 ed al R 407 C)
300 KPa (3 bar)
-4° ÷ +43° C
Vedere diagrammi per maggiori chiarimenti
+5° ÷ +20°C
IP 24
ACCESSORI
*
**
Codice
Descrizione
0640226
0640227
0640228
0640229
Coppia di flessibili idraulici in Kit lunghezza 1m, diametro ¾”
Coppia di flessibili idraulici in Kit lunghezza 1m, diametro 1”
Comando a distanza
Kit avviamento monofase per riduzione corrente di avviamento
CH 8
230V
CH 8
400V
X
X
X
X
X
CH 11
400V
CH 15
400V
CH 17
400V
X
X
X
X
X
X
Prestazioni alle condizioni nominali di funzionamento: temperatura aria esterna, 35°C b.s. ; temperatura uscita/entrata acqua, +7/+12°C.
EER =
Pfrigorifera
Pno min ale
dove per Pnominale si intende la potenza elettrica assorbita dalla sola unità senza pompa di circolazione
*** Potenza elettrica della sola unità senza pompa di circolazione.
*** I limiti di funzionamento (con acqua pura) indicati, sono quelli della sola unità.
DESCRZIONE
Refrigeratore d’acqua serie CH in versione solo raffreddamento,
condensato ad aria, con sezione idronica incorporata da 8 a 17
kW. Idoneo per l’alimentazione idronica di impianti di
climatizzazione sia radiante sia tradizionale
Refrigeratore d’acqua in versione solo raffreddamento per il
condizionamento dell'aria in locali mediante unità terminali.
LO SCOPO
Ampia gamma di prodotto per uso residenziale.
Potenze frigorifere in grado di trattare ambienti residenziali fino a
300 m2 di superficie.
L’IMPIEGO
Idoneo per l’alimentazione idronica di impianti di climatizzazione
sia radiante che tradizionale:produzione di acqua fredda e
refrigerata con temperatura minima e massima selezionabile da
+5 a +20°C.
Valori nominali COP della gamma di prodotto compresi fra 2,23
e 2,62;
Protezione dello strato di ozono atmosferico grazie all’impiego
del refrigerante R-410A.
LA SCELTA
Principali funzioni e vantaggi:
• Eliminazione del serbatoio inerziale grazie alla nuova elettronica
di controllo;
• Regolazione della pressione di condensazione con variazione
della velocità di rotazione dei ventilatori;
• Controllo automatico della pompa di circolazione con
antigrippaggio;
• Gestione degli allarmi attraverso la registrazione degli eventi;
• Più agevole accesso ai componenti per manutenzione;
• Pannello di comando con display e tastiera posto su pannello
frontale;
• Vano tecnico compartimentato e silenziato;
• Modulo idronico incorporato per il collegamento diretto con il
circuito di distribuzione freddo;
RACCOMANDAZIONI
•
•
•
•
Prima di ogni intervento sull’apparecchio, installazione, messa in servizio, utilizzazione, manutenzione, il personale incaricato di
queste operazioni dovrà conoscere tutte le istruzioni e le raccomandazioni che figurano nelle istruzioni d’installazione
dell’apparecchio nonché gli elementi del dossier tecnico del progetto.
Il personale incaricato del ricevimento dell’apparecchio dovrà effettuare un controllo visivo per mettere in evidenza gli eventuali
danni subiti dall’apparecchio durante il trasporto: circuito frigorifero, armadio elettrico, telaio e carrozzeria.
L’installazione, la messa in servizio, la manutenzione e la riparazione dell’apparecchio devono essere effettuate da personale
qualificato in conformità alle esigenze delle direttive, delle leggi, dei regolamenti in vigore e secondo le regole d’arte della
professione.
Durante le fasi d’installazione, di riparazione, di manutenzione, è vietato utilizzare le tubazioni come scaletta: sotto il peso, le
tubazioni potrebbero rompersi e il fluido frigorifero potrebbe causare gravi ustioni.
CONDIZIONI D’UTILIZZO
Per quanto riguarda installazione, allacciamenti elettrici ed idraulici, messa in funzionamento, istruzioni di manutenzione e
riparazione, far riferimento alle istruzioni tecniche del costruttore presenti sul sito internet http://www.technibel.com/.
PROCEDURA
Collegatosi al sito internet del produttore Technibel, iscriversi in modo gratuito al sito: sarà spedita login e password via mail in modo
totalmente gratuito. Una volta logati, cliccare sulla voce “Donnees techniques et notices”. Nella nuova pagina che si aprirà, sul
riferimento “pompes a chaleur/groupes deau glacee” cliccare sulla voce “Air>Eau”. La pagina s’aggiornerà con l’elenco completo di tutti
i prodotti CHG, PHR e PHRT commercializzati da Technibel. Cliccare sul prodotto d’interesse e scaricare successivamente il manuale
tecnico e quello d’installazione nella lingua desiderata.
Scheda Tecnica
SUNWOOD SRL
Pagina 2 di 11
CARATTERISTICHE COSTRUTTTIVE
DESCRIZIONE
Refrigeratore aria-acqua in esecuzione monoblocco composto
da:
INVOLUCRO
Pannellatura perimetrale e basamento realizzati in lamiera
zincata pressopiegata verniciata con polveri epossidiche;
Pannelli facilmente asportabili per manutenzione;
Supporti antivibranti di serie.
COMPRESSORE
Ermetico tipo scroll specifico per refrigerante R-410A completo di
supporti antivibranti e protezione termica;
Vano tecnico insonorizzato con rivestimento fonoassorbente.
EVAPORATORE (acqua-refrigerante)
Scambiatore a piastre saldobrasate in acciaio inox;
Protezione lato acqua a mezzo pressostato differenziale;
Isolamento termico anticondensa.
CONDENSATORE (aria-refrigerante)
Scambiatore di calore con pacco alettato in alluminio e tubi in
rame
VENTILATORI ELICOIDALI
Ventilatori elicoidali direttamente accoppiati.
Velocità di rotazione variabile in presenza di carichi parziali e
basse temperature esterne
CIRCUITO FRIGORIFERO
Comprende principalmente: valvola termostatica, pressostati di
alta e bassa pressione a reset automatico che commuta in reset
manuale dopo il terzo intervento nell’ultima ora di funzionamento,
filtro deidratatore.
QUADRO ELETTRICO
Inserito nello specifico vano protetto dalle intemperie.
EQUIPAGGIAMENTO ELETTRICO
1 compressore di tipo “SCROLL” e suo contattore.
1 pompa di circolazione e il suo contattore.
1 (o 2) motoventilatore(i).
1 pressostato AP e 1 pressostato BP.Regolatore di
condensazione proporzionale.
Pressostato differenziale di controllo portata acqua.
Regolatore elettronico a microprocessore “ECH”.
Sonda di regolazione della temperatura posta sulla entrata acqua
(ritorno dall’impianto).
NOTA :
Equipaggiamento elettrico conforme a EN 60 335-2-40
(interruttore generale non fornito).
CONTROLLO, SICUREZZA E DIAGNOSTICA
Sistema di controllo a microprocessore con algoritmo
autoadattativo che permette di eliminare il serbatoio d’accumulo.
Sono previste le principali seguenti funzioni:
- regolazione della temperatura dell’acqua ( sonda sul ritorno
dell’acqua);
- controllo dei parametri di funzionamento;
- controllo della pompa di circolazione ( funzione antibloccaggio );
- gestione degli allarmi; possibilità di remotizzarne il cumulativo;
- visualizzatore digitale indicante: la temperatura dell’acqua, i
punti d’istruzione, il codice degli allarmi
- anti-ciclo corto compressore,
- contatore orario di funzionamento del compressore e della
pompa di circolazione,
- regolazione della pressione di condensazione integrata,
- comando a distanza con visualizzatore (accessorio).
MODULO IDRONICO
Comprende principalmente: pompa di circolazione, pressostato
differenziale, valvola di sicurezza, manometro, valvola di sfiato
aria, connessione di carico e scarico impianto, filtro su ritorno
acqua (fornito non montato).
CH 8
1 - Compressore ermetico insonorizzato.
2 - Scambiatore dell’acqua a piastre.
3 - Scambiatore dell’aria plate-fin.
4 - Motoventilatore.
5 - Griglia di protezione del ventilatore.
6 - Quadro elettrico.
7 - Visualizzatore della regolazione elettronica.
8 - Pompa di circolazione.
CH 11, CH 15, CH 17
9 - Vaso di espansione.
10 - Valvola di sicurezza.
11 - Manometro.
12 - Raccordo entrata acqua.
13 - Raccordo uscita acqua.
14 - Riempimento / scarico del circuito acqua.
15 - Valvola spurgo aria.
16 - Passaggio dei cavi di collegamento.
NOTA: Le unità sono consegnate con un filtro da montare sull’entrata dell’acqua al momento dell’installazione
Scheda Tecnica
SUNWOOD SRL
Pagina 3 di 11
CARATTERISTICHE TECNICHE
MODELLO
Prestazioni in FREDDO
Potenza frigorifera
[kW]
Potenza elettrica assorbita (1)[kW]
EER
Portata d’acqua all’evaporatore[m3/h]
Prevalenza utile pompa
[kPa]
CH 8
CH 8
CH 11
CH 15
CH 17
8,10
3,63
2,23
1,40
42
8,10
3,56
2,28
1,40
42
11,0
4,42
2,49
1,91
55
13,7
5,26
2,60
2,34
68
16,3
6,23
2,62
2,81
75
230V/1/50Hz
4,80
23
97
44
4,30
9
48
-
6,10
12
64
-
400V/3N/50Hz
7,10
14
74
-
8,70
17
101
-
65
37
65
37
67
39
67
39
67
39
1/1
1,8
1
3.000
2
30
300
87
1/1
1,8
1
3.000
2
30
300
87
1/1
3,6
2
6.000
2
40
300
120
1/1
3,3
2
6.000
2
50
300
123
1/1
2,8
2
6.000
2
60
300
130
DATI ELETTRICI
Alimentazione
Potenza elettrica assorbita max [kW]
Intensità assorbita max
[A]
Intensità di spunto
[A]
Intensità di spunto con kit avviamento [A]
LIVELLI DI RUMOROSITÀ’
Potenza sonora
Pressione sonora (2)
[dB(A)]
[dB(A)]
PRINCIPALI CARATTERISTICHE
N. compressori / N. circuiti
Carica totale refrigerante R410A [kg]
N. ventilatori elicoidali
Portata totale ventilatori [m3/h]
Capacità vaso di espansione [ l ]
Minimo volume acqua impianto (3) [ l ]
Taratura valvola di sicurezza [kPa]
Peso
[kg]
NOTE
1.
potenza elettrica della sola unità senza pompa di circolazione.
2.
livello di pressione sonora : apparecchio installato in campo libero, su piano riflettente, ad una distanza di 10 m.
3.
minimo volume acqua impianto: con volumi d’acqua inferiori al valore in tabella, è necessario installare un serbatoio di accumulo inerziale supplementare.
CARATTERISTICHE DIMENSIONALI
CHG
VISTA FRONTALE
VISTA POSTERIORE
1. Collegamento entrata acqua 3/4” maschio
2. Collegamento uscita acqua 3/4” maschio con valvola di
scarico aria
VISTA LATERALE
3.
4.
VISTA INFERIORE
Riempimento / scarico circuito acqua 1/2” maschio
Passaggio dei cavi elettrici
CH 11, CH 15, CH 17
VISTA FRONTALE
VISTA POSTERIORE
1. Collegamento entrata acqua 1” maschio
2. Collegamento uscita acqua 1” maschio con valvola di scarico
aria
Scheda Tecnica
VISTA LATERALE
3.
4.
VISTA INFERIORE
Riempimento / scarico circuito acqua 1/2” maschio
assaggio dei cavi elettrici
SUNWOOD SRL
Pagina 4 di 11
LIMITI DI FUNZIONAMENTO
CH 8
Temperatura aria esterna BS
43 °C
35 °C
25 °C
- 10 °C
5 °C
15 °C
18 °C
20 °C
Temperatura acqua fredda in mandata
Temperatura aria esterna BS
CH 11
43 °C
35 °C
25 °C
- 7 °C
5 °C
15 °C
18 °C
20 °C
Temperatura acqua fredda in mandata
CH 15
Scheda Tecnica
SUNWOOD SRL
Pagina 5 di 11
Temperatura aria esterna BS
43 °C
35 °C
25 °C
- 10 °C
5 °C
15 °C
18 °C
20 °C
Temperatura acqua fredda in mandata
CH 17
Temperatura aria esterna BS
43 °C
35 °C
25 °C
- 4 °C
5 °C
15 °C
18 °C
20 °C
Temperatura acqua fredda in mandata
PRESTAZIONI FRIGORIFERE CH8
Scheda Tecnica
SUNWOOD SRL
Pagina 6 di 11
POTENZA FRIGORIFERA
POTENZA ASSORBITA
PRESTAZIONI FRIGORIFERE CH11
POTENZA FRIGORIFERA
POTENZA ASSORBITA
PRESTAZIONI FRIGORIFERE CH15
Scheda Tecnica
SUNWOOD SRL
Pagina 7 di 11
POTENZA FRIGORIFERA
POTENZA ASSORBITA
PRESTAZIONI FRIGORIFERE CH17
POTENZAFRIGORIFERA
POTENZA ASSORBITA
Potenza frigorifera ed assorbimenti elettrici - CH 8 (Pf = Potenza frigorifera / Ae = Assorbimenti elettrici)
Scheda Tecnica
SUNWOOD SRL
Pagina 8 di 11
Temp. mandata
Temp. aria esterna 25 ° C
Temp. aria esterna 35 ° C
Temp. aria esterna 43 ° C
Acqua ° C [B .S .]
Pf [kW]
Ae [kW]
Pf [kW]
Pf [kW]
20
11,95
3,40
---------
---------
19
11,65
3,36
---------
---------
18
11,37
3,32
10,73
3,85
---------
17
11,20
3,30
10,45
3,82
---------
16
10,86
3,27
10,25
3,79
---------
15
10,65
3,24
10,00
3,75
8,75
4,55
14
10,36
3,20
9,75
3,73
8,55
4,52
13
10,12
3,17
9,50
3,71
8,32
4,50
12
9,85
3,15
9,25
3,67
8,12
4,47
11
9,60
3,12
9,00
3,65
7,87
4,45
10
9,37
3,09
8,77
3,62
7,70
4,41
9
9,15
3,06
8,55
3,60
7,50
4,39
8
8,95
3,04
8,30
3,57
7,30
4,36
7
8,73
3,01
8,12
3,55
7,10
4,33
6
8,50
2,99
7,85
3,54
6,85
4,31
5
8,25
2,96
7,62
3,50
6,70
4,29
Ae [kW]
Ae [kW]
Potenza frigorifera ed assorbimenti elettrici - CH 11 (Pf = Potenza frigorifera / Ae = Assorbimenti elettrici)
Temp. mandata
Temp. aria esterna 25 ° C
Temp. aria esterna 35 ° C
Temp. aria esterna 43 ° C
Acqua ° C [B .S .]
Pf [kW]
Ae [kW]
Pf [kW]
Ae [kW]
Pf [kW]
Ae [kW]
20
16,35
4,24
---------
---------
---------
---------
19
16,10
4,19
---------
---------
---------
---------
18
15,70
4,14
14,30
4,77
---------
---------
17
15,35
4,10
14,00
4,73
---------
---------
16
15,00
4,05
13,70
4,70
---------
---------
15
14,70
4,01
13,37
4,66
12,25
5,60
14
14,35
3,97
13,08
4,62
12,00
5,57
13
14,00
3,94
12,75
4,60
11,70
5,53
12
13,70
3,90
12,45
4,55
11,37
5,50
11
13,35
3,86
12,15
4,52
11,12
5,47
10
13,10
3,84
11,85
4,50
10,80
5,44
9
12,74
3,80
11,55
4,47
10,55
5,42
8
12,37
3,76
11,25
4,44
10,25
5,40
7
12,10
3,74
11,00
4,41
10,00
5,37
6
11,76
3,70
10,70
4,40
9,75
5,35
5
11,50
3,69
10,35
4,37
9,40
5,33
Potenza frigorifera ed assorbimenti elettrici - CH 15 (Pf = Potenza frigorifera / Ae = Assorbimenti elettrici)
Scheda Tecnica
SUNWOOD SRL
Pagina 9 di 11
Temp. mandata
Temp. aria esterna 25 ° C
Temp. aria esterna 35 ° C
Temp. aria esterna 43 ° C
Acqua ° C [B .S .]
Pf [kW]
Ae [kW]
Pf [kW]
Ae [kW]
Pf [kW]
Ae [kW]
20
19,06
5,01
---------
---------
---------
---------
19
18,70
4,95
---------
---------
---------
---------
18
18,35
4,89
17,87
5,77
---------
---------
17
17,95
4,83
17,50
5,71
---------
---------
16
17,60
4,77
17,06
5,66
---------
---------
15
17,23
4,70
16,70
5,62
14,90
6,63
14
16,82
4,65
16,30
5,57
14,60
6,57
13
16,50
4,60
15,94
5,52
14,25
6,53
12
16,12
4,54
15,55
5,47
13,87
6,48
11
15,75
4,49
15,20
5,42
13,55
6,43
10
15,35
4,44
14,80
5,39
13,20
6,38
9
15,00
4,37
14,45
5,34
12,85
6,32
8
14,62
4,33
14,05
5,30
12,55
6,29
7
14,28
4,28
13,68
5,25
12,20
6,25
6
13,90
4,23
13,30
5,21
11,83
6,20
5
13,60
4,18
12,90
5,15
11,50
6,15
Potenza frigorifera ed assorbimenti elettrici CH 17 (Pf = Potenza frigorifera / Ae = Assorbimenti elettrici)
Temp. mandata
Temp. aria esterna 25 ° C
Temp. aria esterna 35 ° C
Temp. aria esterna 43 ° C
Acqua ° C [B .S .]
Pf [kW]
Ae [kW]
Pf [kW]
Ae [kW]
Pf [kW]
Ae [kW]
20
23,70
6,04
---------
---------
---------
---------
19
23,20
5,97
---------
---------
---------
---------
18
22,70
5,90
21,45
7,03
---------
---------
17
22,20
5,83
20,95
6,95
---------
---------
16
21,70
5,75
20,45
6,86
---------
---------
15
21,20
5,70
19,95
6,80
17,80
7,80
14
20,70
5,63
19,50
6,73
17,35
7,73
13
20,20
5,56
19,00
6,65
16,94
7,65
12
19,75
5,50
18,50
6,59
16,50
7,59
11
19,25
5,45
18,05
6,52
16,05
7,51
10
18,75
5,39
17,62
6,45
15,62
7,45
9
18,30
5,33
17,15
6,39
15,25
7,38
8
17,85
5,27
16,75
6,32
14,80
7,32
7
17,40
5,22
16,28
6,26
14,40
7,25
6
17,00
5,16
15,85
6,21
14,00
7,19
5
16,50
5,10
15,35
6,15
13,62
7,14
ACCESSORI
Scheda Tecnica
SUNWOOD SRL
Pagina 10 di 11
0640227
Coppia di flessibili idraulici in KIT lunghezza 1 m Ø 1”
0640228
Comando a distanza
•
0640229
Kit avviamento monofase per la riduzione della corrente di
avviamento
•
CHG 17 (400V)
•
Coppia di flessibili idraulici in KIT lunghezza 1 m Ø 3/4”
CHG 15 (400V)
•
0640226
CHG 11 (400V)
CHG 08 (400V)
Descrizione accessorio
CHG 08 (230V)
Codice
•
•
•
•
•
•
•
SCELTA DEL GRUPPO DI REFRIGERAZIONE
Climatizzazione radiante
La climatizzazione radiante utilizza come fluido termico:
in inverno
in estate
: acqua calda a bassa temperatura (T<40°C) prodotta da un generatore tradizionale, da un gruppo di refrigerazione in pompa di calore o
prelevata da altra fonte alternativa;
: acqua fredda non refrigerata (T ≥12°C) prodotta da un gruppo di refrigerazione o prelevata da altra fonte alternativa;
la condensazione dell’umidità in eccesso ad opera di uno specifico deumidificatore evita quindi il ricorso ad acqua refrigerata standard
necessaria nell’impiantistica tradizionale.
Queste temperature di lavoro consentono il raggiungimento di rendimenti energetici superiori a quelli raggiungibili dai gruppi di refrigerazione alimentanti
impianti di climatizzazione tradizionali;
Scelta del gruppo di refrigerazione
(SOLO FREDDO)
Per fornire un primo valido aiuto alla scelta preliminare della taglia del gruppo di refrigerazione più idoneo alle proprie esigenze si riporta di seguito una tabella
con le incidenze volumiche estive ricorrenti per alcune tipologie edilizie.
Queste incidenze volumiche, frutto dell’analisi termica di casi reali, non considerano la neutralizzazione del calore latente ambiente in quanto totalmente a
carico del sistema di deumidificazione; rientra invece nelle incidenze elencate il carico termico necessario all’alimentazione della batteria di pre e post
raffreddamento dello stesso deumidificatore.
PER UNA RAPIDA SCELTA DEL GRUPPO DI REFRIGERAZIONE SOLO FREDDO
tipologia
Edificio storico
senza schermi
Incidenze volumiche estive
Edificio non
Edificio coibentato Legge10/91
coibentato
senza
schermi
con tende interne con tende esterne
senza schermi
Piano intermedio
17 W/m3
18 W/m3
17 W/m3
14 W/m3
11 W/m3
Piano ultimo o indipendente
23 W/m3
24 W/m3
23 W/m3
19 W/m3
12 W/m3
Uffici e studi professionali
Ambienti senza affluenza di pubblico
Incidenza volumiche x 1,6
Attività commerciale
Ambienti con modesta affluenza di pubblico (uffici aperti al pubblico, piccoli esercizi commerciali)
Incidenza volumiche x 2,5
AVVERTENZE:
La tabella relativa alle Incidenze volumiche ha il solo scopo di fornire, al tecnico, un rapido riferimento di massima per la determinazione della potenza frigorifera da associare
all’unità immobiliare. I valori riportati in tabella non sono vincolanti e non possono sostituirsi alla fase progettuale. Questi suggerimenti, in assenza di dati specifici, possono essere
utilizzati, ad esempio, per la scelta della taglia del gruppo di refrigerazione nella fase di stesura di computi metrici estimativi badgettari.
I valori si riferiscono a:
- condizioni interne: Estate 25°C 60% UR
- condizioni esterne: Estate 32°C 40% UR
- irraggiamento secondo valori tabellati per latitudine 45°N
- limiti geometrici ambiente : superficie in pianta max 100 m2, volumetria max 300 m3, rapporto superficie vetrata/superficie pareti perimetrali pari al 20%
- infiltrazioni di aria esterna calcolate in ragione di 0,25 vol/h
- i valori si riferiscono al carico concomitante sull’intera unità immobiliare.
Scheda Tecnica
SUNWOOD
SRL
ELENCO
PRODOTTI
Pagina 11 di 11
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement