RXYQ-M Istruzione di progettazione, installazione e prova - H-Tec

RXYQ-M Istruzione di progettazione, installazione e prova - H-Tec
SiT39-303
Manuale di
servizio
Pompa di calore R410A 50Hz
Istruzioni di progettazione, installazione e prova
RXYQ5MY1B
RXYQ8MY1B
RXYQ10MY1B
RXYQ12MY1B
RXYQ14MY1B
RXYQ16MY1B
RXYQ18MY1B
RXYQ20MY1B
RXYQ22MY1B
RXYQ24MY1B
RXYQ26MY1B
RXYQ28MY1B
RXYQ30MY1B
RXYQ32MY1B
RXYQ34MY1B
RXYQ36MY1B
RXYQ38MY1B
RXYQ40MY1B
RXYQ42MY1B
RXYQ44MY1B
RXYQ46MY1B
RXYQ48MY1B
Prefazione
Il presente sistema è un impianto di condizionamento modulare controllabile a zone altamente sofisticato, che può essere
combinato in una grande varietà di differenti configurazioni. Va detto, tuttavia, che il sistema esprime il suo pieno potenziale
solamente integrando le capacità dei progettisti e degli installatori dell'impianto stesso.
Con l'aumento dell'interesse verso la gestione intelligente degli edifici, aumenta la richiesta di funzionalità controllabili in modo
indipendente.
In questo contesto, c'è stata naturalmente una richiesta di sviluppo di impianti di condizionamento più distribuiti, tenendo
comunque conto delle necessità di risparmio energetico, alla luce dell'incremento annuo del fabbisogno di energia rilevato
negli ultimi tempi.
Pertanto, il presente manuale di installazione è stato redatto per permettere di gestire l'installazione in modo sicuro, sulla
base della chiara comprensione delle particolari caratteristiche del sistema. Inoltre, è stata prestata particolare attenzione
alle differenze, in termini di procedura di installazione, tra il presente impianto e i più tradizionali sistemi di climatizzazione
d'ambiente e monoblocco.
Il manuale è stato pensato in modo specifico per venire incontro alle esigenze dei supervisori all'installazione e si concentra
sui prodotti attualmente in commercio. Sono anche stati inclusi gli elementi essenziali da tenere in considerazione nelle
progettazione della corretta configurazione dell'impianto e in ognuno dei diversi processi di installazione.
È stato aggiunto un capitolo sui problemi sorti in occasione delle installazioni eseguite fino a questo momento, per cercare
di evitare che tali problemi si verifichino nuovamente.
Si consiglia di leggere attentamente il presente manuale prima di iniziare l'installazione, allo scopo di eseguire il lavoro
con la massima efficacia e col massimo risultato.
La documentazione tecnica sotto indicata è disponibile anche presso Daikin. Si consiglia di utilizzare tali documenti,
oltre al presente manuale, per una manutenzione efficace.
Manuale di manutenzione Pompa di Calore Serie VRVII R410A 50 Hz SIT39-303 Aprile. 2003.
Luglio 2003
Reparto assistenza post-vendita
SiT39-303
Sistema VRV II
Serie PLUS R410A
Sezione 1 Informazioni generali..................................................... 1
1. Descrizione prodotto ...............................................................................2
1.1
1.2
1.3
1.4
Nomi dei modelli di Unità interna/Unità esterna .......................................2
Aspetto esterno ........................................................................................3
Combinazione di unità esterne.................................................................5
Selezione modello ....................................................................................6
2. Elementi da considerare durante la progettazione dell'impianto.............8
2.1 Elementi relativi alle prestazioni delle unità di condizionamento aria.......8
2.2 Importanza dell'installazione ....................................................................9
2.3 Panoramica dell'installazione impianto e delle opere generali di
costruzione (Diagramma complessivo) ..................................................10
2.4 Elementi da considerare nella preparazione dei disegni allegati
al contratto..............................................................................................11
3. Installazione ..........................................................................................14
3.1 Procedura di installazione guidata .........................................................14
3.2 Lavoro connesso alle singole operazioni ed elementi da ricordare........15
4. Prova di funzionamento ........................................................................62
4.1
4.2
4.3
4.4
Schema e procedura ..............................................................................62
Funzionamento con l'unità sotto tensione ..............................................65
Schema della scheda elettronica sull'unità esterna................................66
Impostazioni locali ..................................................................................67
5. Precauzioni per le perdite di refrigerante ............................................102
5.1 Precauzioni per le perdite di refrigerante .............................................102
6. Consegna al cliente.............................................................................105
6.1 Procedura.............................................................................................105
7. Appendice ...........................................................................................106
7.1
7.2
7.3
7.4
7.5
7.6
7.7
7.8
7.9
7.10
7.11
7.12
Indice
Rumore di funzionamento unità interne ...............................................106
Punto di installazione delle tubazioni ...................................................108
Lunghezza consentita delle tubazioni ..................................................110
Selezione del kit diramazione refrigerante ...........................................113
Selezione della dimensione dei tubi .....................................................115
Calcolo della quantità di refrigerante aggiuntivo da caricare
nel sistema ...........................................................................................117
Kit raccordi multipli per unità esterna ...................................................119
Tubi di raccordo REFNET per sistema VRV II R410A .........................126
Foglio di ispezione sistema VRV..........................................................129
Schemi delle tubazioni .........................................................................134
Schemi Elettrici.....................................................................................138
Esempi di installazione corretta e non corretta ....................................144
i
SiT39-303
Sezione 2 Manuale d'installazione............................................. 153
1. Introduzione ........................................................................................155
1.1
1.2
1.3
1.4
1.5
1.6
2.
3.
4.
5.
6.
Combinazione ......................................................................................155
Limiti di funzionamento standard..........................................................156
Accessori standard forniti .....................................................................156
Accessorio opzionale ...........................................................................157
Specifiche tecniche ..............................................................................158
Specifiche elettriche: ............................................................................160
Componenti principali..........................................................................161
Scelta della posizione .........................................................................162
Ispezione e movimentazione dell'unità................................................164
Rimozione dell'imballaggio e posizionamento dell'unità .....................165
Circuito frigorifero................................................................................167
6.1
6.2
6.3
6.4
6.5
6.6
Selezione del materiale delle tubazioni ................................................167
Collegamento del circuito frigorifero.....................................................168
Esempio di collegamento .....................................................................173
Prova di tenuta e asciugatura a vuoto..................................................175
Isolamento delle tubazioni....................................................................177
Carica supplementare di refrigerante ...................................................178
7. Collegamenti elettrici locali..................................................................180
7.1
7.2
7.3
7.4
Componenti opzionali: selettore raffreddamento/riscaldamento ..........180
Requisiti del circuito di alimentazione e del cavo di alimentazione ......181
Generale...............................................................................................182
Esempi .................................................................................................183
8. Prima dell'avvio ...................................................................................191
8.1 Controlli da effettuare prima del primo avvio........................................191
8.2 Prova di funzionamento........................................................................192
9. Precauzioni per le perdite di refrigerante ............................................194
9.1 Precauzioni per le perdite di refrigerante .............................................194
Sezione 3 Manuale d'istruzioni .................................................. 197
1. Precauzioni di sicurezza .....................................................................199
2. Cosa fare prima di avviare l'unità ........................................................202
3. Telecomando e selettore: Nome e funzione dei pulsanti e
simboli a display..................................................................................203
4. Avvertenza ..........................................................................................205
4.1 Operazioni vietate ................................................................................205
5. Campo di funzionamento ....................................................................206
6. Procedura di funzionamento ...............................................................207
6.1 Funzionamento in raffreddamento, riscaldamento e solo
ventilazione ..........................................................................................207
6.2 Programma deumidificazione...............................................................209
6.3 Regolazione della direzione del flusso d'aria (solo per unità a
due vie, a più vie, tipo corner, pensile a soffitto e a parete) .................210
6.4 Avvio e arresto programmazione del sistema tramite timer .................211
6.5 Impostazione del telecomando Master.................................................212
6.6 Precauzioni per sistema di controllo di gruppo o sistema di
controllo a due telecomandi .................................................................213
ii
Indice
SiT39-303
7. Funzionamento ottimale......................................................................214
8. Problemi che non indicano guasti del condizionatore d'aria ...............215
8.1
8.2
8.3
8.4
8.5
8.6
8.7
8.8
8.9
8.10
8.11
8.12
Il sistema non funziona.........................................................................215
Non è possibile commutare tra raffreddamento e riscaldamento.........215
La ventilazione funziona, il raffreddamento e il riscaldamento no........215
La potenza del ventilatore non corrisponde alle impostazioni..............215
La direzione del ventilatore non corrisponde alle impostazioni ............215
Dall'unità fuoriesce una nebbia biancastra...........................................216
Suoni emessi dai condizionatori d'aria .................................................216
Dall'unità esce polvere .........................................................................216
L'unità emette odori ..............................................................................216
Il ventilatore dell'unità esterna non gira ................................................216
Il display visualizza/88..........................................................................217
Il compressore dell'unità esterna non si arresta dopo un breve
periodo di riscaldamento ......................................................................217
8.13 L'interno di un'unità esterna è caldo anche se l'unità si è arrestata .....217
9. Localizzazione guasti ..........................................................................218
Sezione 4 Precauzioni per l'uso del nuovo
refrigerante (R410A) .................................................. 221
1. Precauzioni per l'uso del nuovo refrigerante (R410A).........................222
1.1 Descrizione...........................................................................................222
1.2 Bombole di refrigerante ........................................................................224
1.3 Attrezzatura utilizzata per la manutenzione .........................................225
Indice
iii
SiT39-303
iv
Indice
SiT39-303
Sezione 1
Informazioni generali
1. Descrizione prodotto ...............................................................................2
1.1
1.2
1.3
1.4
Nomi dei modelli di Unità interna/Unità esterna .......................................2
Aspetto esterno ........................................................................................3
Combinazione di unità esterne.................................................................5
Selezione Modelli .....................................................................................6
2. Elementi da considerare durante la progettazione dell'impianto.............8
2.1 Elementi relativi alle prestazioni delle unità di condizionamento aria.......8
2.2 Importanza dell'installazione ....................................................................9
2.3 Panoramica dell'installazione impianto e delle opere generali di
costruzione (Diagramma complessivo) ..................................................10
2.4 Elementi da considerare nella preparazione dei disegni allegati
al contratto..............................................................................................11
3. Installazione ..........................................................................................14
3.1 Procedura di installazione guidata .........................................................14
3.2 Lavoro connesso alle singole operazioni ed elementi da ricordare........15
4. Prova di funzionamento ........................................................................62
4.1
4.2
4.3
4.4
Schema e procedura ..............................................................................62
Funzionamento con l'unità sotto tensione ..............................................65
Schema della scheda elettronica sull'unità esterna................................66
Impostazioni locali ..................................................................................67
5. Precauzioni per le perdite di refrigerante ............................................102
5.1 Precauzioni per le perdite di refrigerante .............................................102
6. Consegna al cliente.............................................................................105
6.1 Procedure.............................................................................................105
7. Appendice ...........................................................................................106
7.1
7.2
7.3
7.4
7.5
7.6
7.7
7.8
7.9
7.10
7.11
7.12
Informazioni generali
Rumore di funzionamento unità interne ...............................................106
Punto di installazione delle tubazioni ...................................................108
Lunghezza consentita delle tubazioni ..................................................110
Selezione del kit diramazione refrigerante ...........................................113
Selezione della dimensione dei tubi .....................................................115
Calcolo della quantità di refrigerante aggiuntivo da caricare
nel sistema ...........................................................................................117
Kit raccordi multipli per unità esterna ...................................................119
Tubi di raccordo REFNET per sistema VRV II R410A .........................126
Foglio di ispezione VRV .......................................................................129
Schemi delle tubazioni .........................................................................134
Schemi elettrici .....................................................................................138
Esempi di installazione corretta e non corretta ....................................144
1
SiT39-303
Descrizione prodotto
1. Descrizione prodotto
1.1
Nomi dei modelli di Unità interna/Unità esterna
Unità interne
Tipo
Modello
Alimentazione
Cassette a soffitto
(a due vie)
FXCQ
20M
25M
32M
40M
50M
63M
80M
—
125M
—
—
Cassette a soffitto
(a più vie) 600×600
FXZQ
20M
25M
32M
40M
50M
—
—
—
—
—
—
Cassette a soffitto
(a più vie)
FXFQ
—
25M
32M
40M
50M
63M
—
—
Cassette a soffitto
tipo corner
Unità per montaggio
in controsoffitto
Modello a soffitto
canalizzabile
Tipo pensile a soffitto
FXKQ
—
25M
32M
40M
—
63M
—
—
FXSQ
20M
25M
32M
40M
50M
63M
80M 100M 125M
—
—
FXMQ
—
—
—
40M
50M
63M
80M 100M 125M 200M 250M
FXHQ
—
—
32M
—
—
63M
—
100M
—
—
—
Tipo a parete
FXAQ
20M
25M
32M
40M
50M
63M
—
—
—
—
—
Tipo a pavimento
FXLQ
20M
25M
32M
40M
50M
63M
—
—
—
—
—
Tipo a pavimento
ad incasso
FXNQ
20M
25M
32M
40M
50M
63M
—
—
—
—
—
80M 100M 125M
—
—
—
VE
Unità esterne (Serie Inverter)
Serie
Modello
Inverter Pompa di calore
RXYQ
5M
8M
10M
12M
Serie
2
16M
18M
20M
22M
24M
26M
Alimentazione
Modello
Inverter Pompa di calore
VE:
Y1B:
14M
RXYQ
28M
30M
32M
34M
36M
38M
Alimentazione
Y1B
40M
42M
44M
46M
48M
Y1B
1φ, 220~240 V, 50 Hz, 1φ, 220 V, 60 Hz
3φ, 380~415 V, 50 Hz
Informazioni generali
SiT39-303
1.2
Descrizione prodotto
Aspetto esterno
1.2.1 Unità interne
Cassette a soffitto (a due vie)
FXCQ20M
FXCQ25M
FXCQ32M
FXCQ40M
FXCQ50M
FXCQ63M
FXCQ80M
FXCQ125M
Modello canalizzabile
da controsoffitto
FXMQ40M
FXMQ50M
FXMQ63M
FXMQ80M
FXMQ100M
FXMQ125M
FXMQ200M
FXMQ250M
FXMQ40~125M
FXMQ200 · 250 M
Cassette a soffitto
(a più vie) 600×600
FXZQ20M
FXZQ25M
FXZQ32M
FXZQ40M
FXZQ50M
Cassette a soffitto (a più vie)
FXFQ25M
FXFQ32M
FXFQ40M
FXFQ50M
FXFQ63M
FXFQ80M
FXFQ100M
FXFQ125M
Cassette a soffitto tipo corner
FXKQ25M
FXKQ32M
FXKQ40M
FXKQ63M
Unità per montaggio in controsoffitto
FXSQ20M
FXSQ25M
FXSQ32M
FXSQ40M
FXSQ50M
FXSQ63M
FXSQ80M
FXSQ100M
FXSQ125M
Informazioni generali
Tipo pensile a soffitto
FXHQ32M
FXHQ63M
FXHQ100M
Tipo a parete
FXAQ20M
FXAQ25M
FXAQ32M
FXAQ40M
FXAQ50M
FXAQ63M
Tipo a pavimento
FXLQ20M
FXLQ25M
FXLQ32M
FXLQ40M
FXLQ50M
FXLQ63M
Tipo a pavimento ad incasso
FXNQ20M
FXNQ25M
FXNQ32M
FXNQ40M
FXNQ50M
FXNQ63M
3
SiT39-303
Descrizione prodotto
1.2.2 Unità esterne
RXYQ5M
RXYQ8M,10M
RXYQ12M,14M,16M
RXYQ18M, 20M
5HP
8,10HP
12,14,16HP
18, 20HP
RXYQ22M, 24M, 26M
RXYQ28M, 30M, 32M
22, 24, 26HP
28, 30, 32HP
RXYQ34M, 36M
RXYQ38M, 40M, 42M
34, 36HP
38, 40, 42HP
RXYQ44M, 46M, 48M
44, 46, 48HP
4
Informazioni generali
SiT39-303
1.3
Descrizione prodotto
Combinazione di unità esterne
Capacità del
sistema
Numero di unità
5HP
8HP
10HP
12HP
1
1
1
1
14HP
16HP
18HP
20HP
22HP
24HP
26HP
28HP
30HP
32HP
34HP
36HP
38HP
40HP
42HP
44HP
1
1
2
2
2
2
2
2
2
2
3
3
3
3
3
3
46HP
48HP
3
3
Modulo
5
l
8
10
12
14
16
l
l
l
l
l
l
l
ll
l
l
l
l
l
l
l
ll
ll
l
l
l
l
l
l
ll
l
l
l
l
l
l
l
l
ll
ll
ll
lll
HI modelli 18~48HP si ottengono combinando 8, 10, 12, 14 e 16HP.
Informazioni generali
5
SiT39-303
Descrizione prodotto
1.4
Selezione modello
Sistema VRV II a pompa di calore
Numero di unità interne collegabili e loro capacità
HP
5HP
8HP
10HP
12HP
14HP
16HP
Nome sistema
RXYQ5M
RXYQ8M
RXYQ10M
RXYQ12M
RXYQ14M
RXYQ16M
Unità esterna 1
RXYQ5M
RXYQ8M
RXYQ10M
RXYQ12M
RXYQ14M
RXYQ16M
Unità esterna 2
–
–
–
–
–
–
Unità esterna 3
–
–
–
–
–
–
Numero complessivo di unità interne
collegabili
8
13
16
19
20
20
7,0~18,2
11,2~29,1
14,0~36,4
16,8~43,6
20,0~52,0
22,5~58,5
Capacità totale delle unità interne
collegabili (kW)
HP
18HP
20HP
22HP
24HP
26HP
28HP
RXYQ18M
RXYQ20M
RXYQ22M
RXYQ24M
RXYQ26M
RXYQ28M
Unità esterna 1
RXYQ8M
RXYQ10M
RXYQ10M
RXYQ10M
RXYQ10M
RXYQ12M
Unità esterna 2
RXYQ10M
RXYQ10M
RXYQ12M
RXYQ14M
RXYQ16M
RXYQ16M
Unità esterna 3
–
–
–
–
–
–
Numero complessivo di unità interne
collegabili
20
20
22
32
32
32
25,2~65,5
28,0~72,8
30,8~80,0
34,0~88,4
36,5~94,9
39,3~102,1
30HP
32HP
34HP
36HP
38HP
40HP
Nome sistema
Capacità totale delle unità interne
collegabili (kW)
HP
Nome sistema
RXYQ30M
RXYQ32M
RXYQ34M
RXYQ36M
RXYQ38M
RXYQ40M
Unità esterna 1
RXYQ14M
RXYQ16M
RXYQ10M
RXYQ10M
RXYQ10M
RXYQ10M
Unità esterna 2
RXYQ16M
RXYQ16M
RXYQ10M
RXYQ10M
RXYQ12M
RXYQ14M
Unità esterna 3
–
–
RXYQ14M
RXYQ16M
RXYQ16M
RXYQ16M
Numero complessivo di unità interne
collegabili
32
32
34
36
38
40
42,5~110,5
45,0~117,0
48,0~124,8
50,5~131,3
53,3~138,5
56,5~146,9
Capacità totale delle unità interne
collegabili (kW)
42HP
44HP
46HP
48HP
Nome sistema
HP
RXYQ42M
RXYQ44M
RXYQ46M
RXYQ48M
Unità esterna 1
RXYQ10M
RXYQ12M
RXYQ14M
RXYQ16M
Unità esterna 2
RXYQ16M
RXYQ16M
RXYQ16M
RXYQ16M
Unità esterna 3
RXYQ16M
RXYQ16M
RXYQ16M
RXYQ16M
40
40
40
40
59,0~153,4
61,8~160,6
65,0~169,0
67,5~175,5
Numero complessivo di unità interne
collegabili
Capacità totale delle unità interne
collegabili (kW)
6
Informazioni generali
SiT39-303
Descrizione prodotto
Unità interna collegabile
Tipo
Modello
Alimentazione
Cassette a soffitto
(a due vie)
FXCQ
20M
25M
32M
40M
50M
63M
80M
—
125M
—
—
Cassette a soffitto
(a più vie) 600×600
FXZQ
20M
25M
32M
40M
50M
—
—
—
—
—
—
Cassette a soffitto
(a più vie)
FXFQ
—
25M
32M
40M
50M
63M
—
—
Cassette a soffitto
tipo corner
Modello a soffitto
modello per
Modello a soffitto
canalizzabile
Tipo pensile a
soffitto
Tipo a parete
FXKQ
—
25M
32M
40M
—
63M
—
—
FXSQ
20M
25M
32M
40M
50M
63M
80M 100M 125M
—
—
FXMQ
—
—
—
40M
50M
63M
80M 100M 125M 200M 250M
FXHQ
—
—
32M
—
—
63M
—
100M
—
—
—
FXAQ
20M
25M
32M
40M
50M
63M
—
—
—
—
—
Tipo a pavimento
FXLQ
20M
25M
32M
40M
50M
63M
—
—
—
—
—
Tipo a pavimento
ad incasso
FXNQ
20M
25M
32M
40M
50M
63M
—
—
—
—
—
Tipo
P50
5,6
kW
2,0HP
Tipo
P63
7,0
kW
2,5HP
80M 100M 125M
—
—
—
VE
Capacità unità interna
Codice nuovo modello
refrigerante
Selezione capacità
del modello
Potenza erogata
equivalente
Tipo
P20
2,2
kW
0,8HP
Tipo
P25
2,8
kW
1HP
Tipo
P32
3,5
kW
1,25HP
Tipo
P40
4,5
kW
1,6HP
Tipo
P63
9,0
kW
3,2HP
Tipo
P100
11,2
kW
4HP
Tipo
P125
14,0
kW
5HP
Tipo
P200
22,4
kW
8HP
Tipo
P250
28,0
kW
10HP
Utilizzare le tavole sopra riportate per determinare la capacità delle unità interne da collegare.
Assicurarsi che la capacità totale delle unità interne collegate a ciascuna unità esterna rientri
nei valori specificati (kW).
„ La capacità totale delle unità interne collegate deve essere compresa in un intervallo tra il
50 e il 130 % della capacità nominale dell'unità esterna.
„ Per alcuni modelli, non è possibile collegare il numero massimo di unità interne. Selezionare
i modelli in modo che la capacità delle unità interne collegate sia conforme alle specifiche.
Informazioni generali
7
SiT39-303
Elementi da considerare durante la progettazione dell'impianto
2. Elementi da considerare durante la progettazione
dell'impianto
2.1
Elementi relativi alle prestazioni delle unità di
condizionamento aria
Durante la progettazione dell'impianto è necessario tenere a mente alcuni elementi allo scopo di garantire
l'efficienza meccanica delle unità di condizionamento.
1. Percorso della linea frigorifera tra le unità esterne e interne, dislivello e lunghezza delle tubazioni.
„ Studiare il percorso della linea frigorifera in modo che sia il più corto possibile.
„ Mantenere la lunghezza e il dislivello delle tubazioni entro i limiti permessi.
2. Disposizione dell'unità esterna.
„ Disporre l'unità in modo da consentire il servizio di manutenzione e riparazione. (Tenere conto dello
spazio necessario a tale scopo).
„ Evitare la riduzione della portata d'aria e i cortocircuiti.
„ Evitare la riduzione della portata d'aria e i cortocircuiti.
Lato
frontale
Ingresso
3. Disposizione dell'unità interna.
„ Disporre l'unità in modo da consentire il servizio di manutenzione e riparazione. (Posizione portelli
d'ispezione e verifica dimensioni).
„ Evitare i cortocircuiti.
„ Garantire un gradiente sufficiente alle tubazioni di scarico, necessario per il kit sollevamento condensa, ecc.
„ In caso di dispositivo montato a soffitto, assicurarsi che l'altezza del soffitto sia sufficiente (necessaria
per il filtro ad alte prestazioni, ecc.).
8
Informazioni generali
SiT39-303
2.2
Elementi da considerare durante la progettazione dell'impianto
Importanza dell'installazione
In basso è riportata l'analisi dei principali problemi d'installazione riscontrati nell'anno 1988.
Collegamenti elettrici di interconnessione errati
37,5%
Impostazione interruttori errata
15,9%
Collegamenti elettrici di alimentazione errati
8,5%
Tubazioni locali non corrette
6,8%
Linea di scarico non adatta
6,1%
Perdita refrigerante dalla SVASATURA
4,6%
Selezione modello errata
1,4%
Perdita refrigerante dalla BRASATURA
1,1%
Luogo di installazione errato
0,9%
Tensione di alimentazione errata
0,3%
Installazione materiale isolante difettosa
0,2%
Informazioni tecniche errate
0,2%
16,7
37,5
4,6
6,1
6,8
8,5
15,9
16,7%
Varie
In basso è riportato come tali problemi di installazione hanno influito sulle unità:
Perdita refrigerante dalle tubazioni
Mancanza di refrigerante
Funzionamento in condizioni di surriscaldamento
Compressore difettoso
Tubazioni e cavi a rovescio
Presenza di elementi contaminanti
all’interno delle tubazioni
Presenza di umidità all’interno
delle tubazioni
Ritorno olio insufficiente
Luogo di installazione inadatto (ricircolo dell’aria)
Capacità ridotta
Linea di alimentazione collegata al circuito di controllo
Prova di isolamento dei circuiti diversi dal
circuito di alimentazione
Componente elettronico difettoso
Applicazione eccessiva di forza alla scheda elettronica
Informazioni generali
9
SiT39-303
Elementi da considerare durante la progettazione dell'impianto
2.3
Panoramica dell'installazione impianto e delle opere
generali di costruzione (Diagramma complessivo)
Installazione
condizionamento
Opere di
costruzione
Suddivisione del lavoro
Indicazioni operative installazione
Dettagli per l’installazione di condotti e altri accessori
Preparazione dei disegni allegati al contratto
Montaggio condotti in acciaio
Montaggio staffe e lavori di rinforzo
Installazione condotti e accessori
Installazione dell’unità interna, unità BS
Rimozione delle staffe
Installazione della Linea Frigorifera
Installazione della tubazione di scarico
Installazione canalizzazioni
Installazione materiale termoisolante
Collegamenti elettrici
Preparazione soffitto
Costruzione cappa di scarico sul tetto
Installazione basamento unità esterna
Installazione unità esterna
Prova tenuta aria
Asciugatura a vuoto
Carica supplementare di refrigerante
Installazione pannelli decorativi
Prova di funzionamento
Pulizia interna ed esterna
Consegna al cliente con spiegazioni
Messa sotto tensione
Note:
10
1. La suddivisione del lavoro deve risultare chiara (in particolare per quanto riguarda i lavori relativi
al collegamento del cablaggio di comando, al posizionamento dei telecomandi per unità singola
e centralizzato, al lavoro di giunzione delle tubazioni di scarico e del sistema di umidificazione,
oltre alle ispezioni e al basamento).
2. Controllare regolarmente le opere di costruzione per evitare deviazioni dal programma d'installazione
del sistema di condizionamento.
3. Installando i condotti e altri accessori è necessario verificare la posizione delle travi del soffitto
e decidere i requisiti, i diametri dei fori, la posizione e il numero di condotti. Ciò è particolarmente
importante per quanto riguarda i condotti della linea di scarico.
Informazioni generali
SiT39-303
2.4
Elementi da considerare durante la progettazione dell'impianto
Elementi da considerare nella preparazione dei disegni
allegati al contratto
Tenere a mente i seguenti elementi durante la preparazione dei disegni allegati al contratto partendo
dai disegni originali e dai progetti esecutivi.
I disegni allegati al contratto per l'impianto di condizionamento sono i progetti esecutivi delle opere
necessarie realizzate sulla base dei disegni originali in modo da ottenere un equilibrio funzionale tra
i requisiti specifici di ciascun aspetto dell'installazione.
Disegno allegato
al contratto
Gli obiettivi includono:
„ I disegni devono essere facilmente comprensibili dalle persone che eseguono il lavoro.
„ I contenuti del disegno non devono essere modificati in seguito.
Disegni allegati al
contratto
Di seguito si fornisce un elenco degli elementi principali da considerare durante la preparazione dei disegni
allegati al contratto per il Sistema
II da utilizzare come materiale di consultazione a questo punto
dell'installazione:
2.4.1 Nella fase di esecuzione dei disegni allegati al contratto i seguenti
elementi sono estremamente importanti
Elementi da controllare
Disposizione
delle unità
1.
2.
3.
4.
Circuito frigorifero
1. L'impianto idraulico è stato collegato in maniera corretta?
2. Le tubazioni ascendenti e discendenti sono collegate in
maniera corretta?
3. Le lunghezze e i dislivelli delle tubazioni rientrano nei
limiti consigliati?
Controllo del
funzionamento
Varie
I passaggi di accesso sono liberi e c'è spazio sufficiente per la manutenzione?
La possibilità di cortocircuiti è stata valutata attentamente? (Sia per le unità interne che esterne)
È possibile sostituire agevolmente i filtri dell'aria?
Sono state indicate la dimensione e la posizione delle aperture di ispezione a soffitto? (Assicurarsi che nulla sia
installato nello spazio soprastante)
5. È stata considerata la profondità della zona di installazione? (In caso di unità per montaggio in controsoffitto)
6. La posizione dell'unità è stata specificata chiaramente? (Le caratteristiche della ventilazione, umidità e luminosità
dell'ambiente sono state tenute in considerazione?
1. Le interconnessioni tra le tubazioni e i collegamenti elettrici
delle unità interne ed esterne sono indicate chiaramente?
2. I numeri dei selettori delle impostazioni locali sono mostrati
chiaramente? (N. Gruppo e N. Unità)
3. I collegamenti elettrici tra il telecomando e il telecomando
centralizzato/telecomandi sono illustrati chiaramente?
Consultare le note relative alla preparazione degli schemi
del cablaggio di comando (vedi pagina seguente)
4. I diversi tipi di cavi sono contrassegnati chiaramente?
5. Le modalità di separazione o di raggruppamento dei cavi di
alimentazione e il cablaggio di comando presentano problemi?
6. Il cablaggio di comando tra i diversi piani è corretto?
7. La posizione del telecomando è contrassegnata chiaramente?
1. Il gradiente della linea di scarico è stato controllato?
(Tale gradiente deve essere di almeno 1/100)
(Esempio di disegno allegato al contratto)
9400
3400
25
BMi-1
Selettore riscaldamento/
raffreddamento
Regolatore calore
19,1 9,5
(0,5° · 2)
ACE-2
Collegamento
alla tubazione
rifornimento acqua
umidificatore
15 A
Informazioni generali
11
SiT39-303
Elementi da considerare durante la progettazione dell'impianto
2.4.2 Considerazioni principali nella preparazione degli schemi dei circuiti
di controllo
Oltre al progetto della giusta configurazione dell'impianto è essenziale che il sistema di controllo sia eseguito in
maniera chiara. Qualora il sistema fosse progettato e installato senza un piano chiaro e completo è inevitabile
che possano insorgere problemi durante la prova di funzionamento.
Inoltre la manutenzione richiederà molto più tempo del necessario. Tuttavia, se gli schemi dei circuiti di
controllo sono preparati con i disegni allegati al contratto allo scopo di rendere tutto il sistema chiaramente
visibile allora gli elementi essenziali relativi ai collegamenti elettrici saranno facilmente comprensibili, la
prova di funzionamento sarà eseguita senza problemi e l'intero impianto sarà completamente funzionale.
Fase 1:
Preparazione
di una distinta
di sistema
Nota:
1. Contrassegnare ogni unità esterna con un codice.
2. Aggiungere le impostazioni locali e i dati per le unità esterne, e il numero di unità esterna in caso di
avvio sequenziale.
3. Aggiungere il numero di modello di ciascuna unità interna collegata con ciascun circuito frigorifero.
4. Assegnare un codice a ogni unità interna.
5. Riportare la posizione di ogni unità interna.
6. Raggruppare le unità interne controllate con uno o due telecomandi. (controllo di gruppo o individuale).
7. Assegnare i numeri gruppo centrale se si utilizza il controllo centralizzato.
8. Aggiungere le impostazioni locali e le apparecchiature opzionali delle unità interne.
9. Aggiungere il numero unità in caso di impostazioni locali diverse per ciascuna delle unità sotto controllo
di gruppo.
Il sistema VRV II a pompa di calore R410A, assegna automaticamente il numero dell'unità; pertanto è
necessario leggere il N. unità dopo aver acceso l'alimentazione.
Esempio: Distinta di sistema
Unità esterna
Modello
(codice)
RXYQ16M
(PAC1)
RXYQ18M
(PAC2)
Unità interna
Impostazioni locali
Selettore raffr/risc:
Unità interna
Funzionamento a
bassa rumorosità
(L.N.O.P.):
Avvio sequenziale
controllo individuale: Sbrinamento
ON: N. precedente
avvio sequenziale:
Selettore raffr/risc:
Unità interna
Funzionamento a
bassa rumorosità
(L.N.O.P.):
Avvio sequenziale
controllo individuale: Sbrinamento
ON: Precedente
Modello
Nome sistema
Posizione
Gruppo
telecomando
N. gruppo per
controllo
centralizzato
FXCQ32M
2F01
Ufficio 2°
piano
A
1–00
FXSQ63M
2F02
Ufficio 2°
piano
A
(1–00)
FXCQ40M
2F03
Ufficio 2°
piano
A
(1–00)
FXHQ63M
2F04
Ufficio 2°
piano
B
1–01
FXCQ50M
2F05
Ufficio 2°
piano
B
(1–01)
FXSQ32M
3F01
Ufficio 3°
piano
C
1–02
FXCQ40M
3F02
Ufficio 3°
piano
C
(1–02)
FXSQ40M
3F03
Ufficio 3°
piano
C
(1–02)
FXCQ50M
3F04
Ufficio 3°
piano
D
1–03
N. unità
Apparecchiature
opzionali,
impostazioni
locali, ecc.
Per dettagli sulle impostazioni locali e sul N. Gruppo per controllo centralizzato, consultare il manuale di
installazione e il materiale di consultazione relativo all'impianto.
12
Informazioni generali
SiT39-303
Fase 2:
Preparazione
dello schema
del circuito di
controllo
Elementi da considerare durante la progettazione dell'impianto
Applicare la seguente procedura per preparare gli schemi dei circuiti di controllo in conformità alla distinta
di sistema già redatta.
1 Gli schemi devono essere preparati per ogni unità esterna. Inserire nello schema il numero di modello
dell'unità esterna. (RXYQ16M)
2 Inserire la denominazione del circuito refrigerante. (PAC1, PAC2)
3 Inserire la denominazione dell'unità interna. (FXCQ32M→CQ32M)
4 Inserire il nome del sistema dell'unità interna.
5 Inserire la posizione di installazione. (Se la demarcazione è possibile)
6 Inserire il cablaggio di comando del telecomando. (Gruppo) Indicare con una linea continua. ……Linea
continua.
7 Inserire i collegamenti elettrici per controllo centralizzato. ……Linea punteggiata.
8 Inserire il numero di gruppo. (N. Gruppo per ciascuna unità interna con N. Unità 0)
Ora gli schemi dei circuiti elettrici di controllo sono completi.
Esempio: Schema circuito di controllo
Esempio : Schema circuito di controllo
PAC1
PAC2
PAC3
N.0
N.1
N.2
N. gruppo centralizzato
Nome sistema
Modello
Al quadro centrale di
controllo
Ufficio 2° piano
Informazioni generali
Area ricevimento
2° piano
Stanza
progettazione 3°
piano
Ufficio 4° piano
13
SiT39-303
Installazione
3. Installazione
3.1
Procedura di installazione guidata
<Funzionamento>
Lavoro
preparatorio
Lavoro
<Posizioni>
Suddivisione del lavoro
Indicare chiaramente il responsabile
dell’impostazione degli interruttori
Preparazione dei disegni allegati al contratto
Stabilire chiaramente le relazioni tra interno, esterno,
telecomando e collegamenti opzionali preparando un
diagramma di controllo dei circuiti
Installazione condotti e accessori
Considerare il gradiente della linea di scarico
Installazione dell’unità interna, unità BS
Controllare il modello per assicurarsi della corretta
esecuzione dell'installazione.
Installazione della Linea Frigorifera
Installazione della tubazione di scarico
Prestare particolare attenzione alla secchezza, alla
pulizia e al serraggio
Regolarsi sul gradiente di discesa
Installazione canalizzazioni
Assicurarsi un sufficiente flusso d’aria
Installazione materiale termoisolante
Non lasciare fessure nelle giunzioni di materiale
isolante
Installazione circuito elettrico (circuiti di
collegamento e circuiti di azionamento)
Non utilizzare cavi multipolari (Selezionare i cavi
adatti)
Impostazione interruttori unità
interna
Eseguire in perfetta conformità ai diagrammi di
controllo dei circuiti
Installazione basamento unità esterna
Il basamento deve essere orizzontale
Installazione unità esterna
Evitare cortocircuiti e assicurarsi di lasciare lo spazio
necessario alla manutenzione
Impostazione interruttori unità
esterna
Eseguire in perfetta conformità ai diagrammi di
controllo dei circuiti (Avvio in sequenza, ingresso a
bassa rumorosità, selezione caldo/freddo, lunghezza
circuito frigorifero ecc.)
Prova tenuta aria
Non devono avvenire cali di pressione durante il
controllo finale di 24 ore a 3,80 MPa
Asciugatura a vuoto
Utilizzare una pompa del vuoto di capacità di almeno
5 mmHg
Carica supplementare di refrigerante
Calcolare la quantità di refrigerante da aggiungere
all’unità e scriverla sulla targhetta “Aggiunta Refrigerante” da attaccare sul retro del coperchio frontale.
Installazione pannelli decorativi
Assicurarsi che non ci siano fessure tra i pannelli a
vista utilizzati sul soffitto
Regolazioni durante la prova di funzionamento
Avviare ciascuna unità interna a turno per assicurarsi
che la posa delle tubazioni sia avvenuta correttamente
Consegna al cliente con
spiegazioni
Spiegare l’utilizzo del sistema al cliente nella maniera
più chiara possibile e assicurarsi che tutta la
documentazione relativa sia in ordine.
La lista in alto indica il normale ordine di esecuzione delle singole operazioni di installazione; tuttavia tale
ordine potrebbe variare in caso le condizioni locali lo richiedano.
14
Informazioni generali
SiT39-303
3.2
Installazione
Lavoro connesso alle singole operazioni ed elementi
da ricordare
3.2.1 Installazione condotti e altri accessori
„ Procedura
Incontri
preliminari con
la società di
costruzione
Determinazione
della posizione,
dimensione e
numero delle unità
necessarie
Esecuzione lavoro
Controllo lavoro
(V0957)
Posizione dei fori
per le tubazioni
a) I fori passanti per la linea di scarico devono essere posizionati in modo da dare alle tubazioni un
gradiente discendente. (Il gradiente deve essere di almeno 1/100. Tenere in considerazione lo
spessore del materiale isolante.)
b) Il diametro dei fori passanti per il circuito frigorifero deve includere la tolleranza dovuta allo spessore
dei materiali termoisolanti. (Considerare la linea liquido e la linea gas accoppiate.)
c) Prestare attenzione alla costruzione delle travi poichè, in alcuni casi, non è possibile eseguire fori
passanti in alcune parti della trave stessa.
Trave D
Esempio: Fori passanti in una trave di cemento armato
D/4
almeno 150mm
Parte della trave
da non forare
Pilastro
Posizione del
tassello
a) Un tassello è un accessorio di metallo inserito nel pavimento o in una trave prima dell'indurimento del
cemento in modo che canalizzazioni, tubazioni e viti di sospensione per unità sospese possano essere
messe in posizione in un secondo tempo. La posizione dei tasselli deve essere decisa in anticipo.
Profondità di
incasso h
Esempio: Tassello di acciaio
Staffa
Polyblock
Staffa fissata
con chiodi
Vite di sospensione
Importante:
1. Tenere conto del peso del pezzo da sospendere nella scelta del tassello.
Informazioni generali
15
SiT39-303
Installazione
3.2.2 Installazione unità interna
„ Procedura
Determinare la
posizione di
installazione
Contrassegnare la
posizione
Inserire le viti di
sospensione
Mettere in posizione
l’unità interna
(V0960)
Posizionamento
I tre elementi importanti per l'installazione di un'unità interna
1. Altezza: Tenere in considerazione il livello della finitura superficiale a vista del soffitto
2. Piano orizzontale: È essenziale il livellamento orizzontale delle tubazioni. (max inclinazione ±1 grado)
3. Direzione: L'unità deve essere allineata ai raccordi visibili sul soffitto
Lasciare una
fessura di
almeno 3 cm
Lato rivolto alla superficie
del soffitto
Lato rivolto alla superficie
del soffitto
Unità interna
Importante:
1. Le viti di sospensione devono essere in grado di supportare il peso dell'unità interna.
2. Le caratteristiche opzionali devono essere aggiunte all'unità interna prima dell'installazione.
3. Controllare il modello prima dell'installazione.
4. Allineare correttamente l'unità principale. (Tenere in considerazione lo schema delle tubazioni e la
direzione del flusso aria in uscita.)
5. Lasciare lo spazio sufficiente ad eseguire manutenzione e riparazioni.
6. Eseguire i fori di ispezione sui modelli che lo richiedono.
7. L'unità deve scaricare correttamente.
400
1500
o superiore
16
o superiore
Esempio: Cassette a soffitto (FXCQ63M)
1500
o superiore
100
o superiore
100
o superiore
Informazioni generali
SiT39-303
Installazione
3.2.3 Installazione circuito frigorifero
„ Procedura
Montare le tubazioni in
Installare l’unità interna
Tagliare le tubazioni a
misura
Saldare
Sostituire azoto
modo provvisorio
Eseguire flussaggio con
gas
Eseguire prova tenuta
aria
Eseguire asciugatura a
vuoto
(V0963)
I tre principi dei
circuiti frigoriferi
Osservare strettamente i tre principi dei circuiti frigoriferi
Causa del problema
Procedura per la prevenzione del problema
Assenza di
umidità
L'acqua piovana, acqua industriale,
ecc. entrano nelle tubazioni
Coprire le tubazioni
Formazione umidità all'interno delle
Ossidazione dell'interno delle tubazioni
Pulizia
Eseguire
flussaggio
con gas
tubazioni a causa della condensazione
Eseguire
asciugatura a vuoto
Sostituire azoto
durante la saldatura
Eseguire flussaggio
con gas
Sporco, polvere o altri corpi estranei
Coprire le tubazioni
entrano dentro le tubazioni dall’esterno
Perdita nella parte saldata
Utilizzare i materiali adatti (tubazioni di
rame, lega per saldatura, ecc.)
Tenuta d’aria
Eseguire la saldatura a regola d’arte
Perdita nella parte svasata
Perdita nella flangia
Eseguire prova
tenuta aria
Eseguire la svasatura a regola d’arte
Eseguire l'attacco a flangia a regola d’arte
(V0964)
I tre principi dei circuiti frigoriferi:
Assenza di umidità
Informazioni generali
Pulizia
Tenuta d'aria
Assicurarsi della mancanza di
umidità all'interno delle tubazioni
Assicurarsi della mancanza di
sporco all'interno delle tubazioni
Umidità
Sporco
Assicurarsi della mancanza
di perdite di refrigerante
Perdita
17
SiT39-303
Installazione
Metodi di
sostituzione con
azoto (brasatura)
Se si esegue la brasatura senza immettere gas d'azoto nelle tubazioni sotto brasatura è probabile
la formazione di bolle di ossido sulla superficie interna delle stesse. Tali bolle di ossido si muovono
all'interno delle tubazioni e danneggiano vari elementi dell'impianto come ad esempio valvole o
compressori rendendo impossibile un regolare funzionamento dello stesso.
Per evitare il problema durante la brasatura viene immesso azoto nelle tubazioni. Tale operazione
viene detta "sostituzione con azoto". (L'aria è sostituita da azoto.)
La procedura di cui sopra è normalmente eseguita durante qualsiasi brasatura.
Regolatore di pressione
Sezione da brasare
Tubo di rame 1/4
Azoto
Valvola senza premistoppa
Tubo alta pressione
Nastro
Bombola di azoto
Valvola senza premistoppa
Unità esterna
Tubo
Tubo
flessibile
Regolatore
di pressione
Bombola di azoto
Importante:
1. Utilizzare azoto. Evitare l'uso di ossigeno, anidride carbonica oppure freon.
2. Utilizzare un regolatore di pressione.
18
Informazioni generali
SiT39-303
Copertura
del circuito
frigorifero
Installazione
La copertura è un'operazione di estrema importanza poiché evita l'entrata di acqua, polvere
o sporco all'interno delle tubazioni. In passato, l'umidità all'interno delle tubazioni era una costante
fonte di problemi. Per stroncare tale problema sul nascere è necessaria la massima attenzione.
L'estremità di ogni tubazione deve essere coperta. Il metodo più efficace è la strozzatura dell'estremità
del tubo, tuttavia l'utilizzo del nastro è un'alternativa semplice da utilizzare secondo le condizioni della zona
in cui si lavora e della durata del lavoro stesso.
Posizione
Durata del lavoro
Metodo di copertura
Esterno
Minimo 1 mese
Strozzatura
Meno di 1 mese
Strozzatura o avvolgimento con nastro
Irrilevante
Strozzatura o avvolgimento con nastro
Interno
1. Metodo di strozzatura
L'estremità del tubo di rame viene schiacciata e la fessura risultante brasata.
2. Avvolgimento con nastro
L'estremità del tubo di rame è avvolta con nastro vinilico (PVC).
Tubo di rame
Brasato
Parte da brasare
<Avvolgimento con nastro>
Estremità aperta
Nastro in PVC
Appiattire
Avvolgere il
nastro fino al
punto di origine
Avvolgere con
un altro giro di
nastro
Tubo di
rame
Prestare la dovuta attenzione nell'esecuzione delle seguenti operazioni:
„ Passaggio del tubo rame in un foro passante (lo sporco entra facilmente nel tubo).
„ Posizionamento del tubo di rame all'esterno (entrata di acqua piovana).
(Prestare particolare attenzione ai tubi che stazionano all'esterno in posizione verticale.)
Proteggere anche le
estremità delle tubazioni
in magazzino
Interno
Copertura delle
estremità delle
tubazioni
Informazioni generali
Foro
passante
Esterno
19
SiT39-303
Installazione
Flussaggio con
gas del circuito
frigorifero
Il flussaggio con gas è un metodo per la rimozione di corpi estranei dell'interno delle tubazioni
tramite l'utilizzo di gas in pressione.
[I 3 effetti principali]
1. Rimozione delle bolle di ossido formatesi all'interno dei tubi di rame a seguito di insufficiente
sostituzione con azoto durante la brasatura dolce.
2. Rimozione di corpi estranei e umidità dai tubi in caso di insufficiente copertura.
3. Agisce come controllo delle tubazioni che collegano le unità esterne con le unità interne (sia la linea
liquido che la linea gas).
[Esempio di procedura]
1. Inserire il regolatore di pressione sulla bombola di azoto.
∗Utilizzare solamente azoto.
(L'anidride carbonica e il freon potrebbero condensarsi e l'ossigeno causare esplosioni.)
Regolatore di pressione
Linea liquido
Linea gas
Unità esterna
Linea gas
Linea liquido
2. Collegare il tubo di carica del regolatore di pressione all'attacco di servizio della linea liquido
dell'unità esterna.
3. Inserire i tappi di chiusura in tutte le unità interne (B), ad eccezione dell'unità A.
Tappo di chiusura (in ottone)
Bocchettone svasato
Tubo di rame
4. Aprire la valvola principale della bombola di azoto e impostare il regolatore di pressione a 0,5Mpa.
Valvola
principale
Lato
Lato
principale secondario
Azoto
5.
6.
„
↓
„
0,5 MPa
Regolatore di
pressione
Controllare il flusso di azoto nella linea liquido dell'unità A.
Flussaggio con gas.
Bloccare l'estremità del tubo con l'isolante a portata di mano.
Quando la pressione è troppo elevata da contenere togliere rapidamente l'isolante. (Primo flussaggio
con gas)
↓
„ Bloccare nuovamente l'estremità del tubo con l'isolante.
↓
(Eseguire il secondo flussaggio con gas)
Pressione gas 0,5 MPa
Legno
20
Isolamento
Informazioni generali
SiT39-303
Installazione
(È possibile controllare la natura e la quantità di corpi estranei all'interno del tubo durante il flussaggio
con gas posizionando delicatamente un panno all'estremità dello stesso. Nell'improbabile caso che sia
scoperta una piccola quantità di umidità all'interno del tubo, asciugare completamente.)
Procedura:
1. Eseguire il flussaggio all'interno del tubo con gas azoto. (Fino a completa asciugatura di eventuale
umidità.)
2. Eseguire un'operazione di asciugatura a vuoto completa. (Vedi pagina 31.)
1 Chiudere la valvola principale della bombola di azoto.
2 Ripetere l'operazione descritta per l'unità B.
3 Dopo aver teminato l'operazione sulla linea liquido ripetere la stessa procedura sulla linea gas.
Scelta dei
materiali per
il circuito
frigorifero
a) Circuito frigorifero
„ Utilizzare tubazioni conformi alle norme JIS o equivalente. (Dimensione, materiale, spessore ecc.)
Dati tecnici Tubazioni di rame al fosforo ossidato senza saldatura.
„ Utilizzare tubazioni lunghe o a serpentina (tubi di rame con ricopertura termoisolante) per evitare
brasature frequenti.
(*Assicurarsi di selezionare spessore e materiale in conformità alla tabella seguente.)
„ Dimensioni del circuito frigorifero
Diametro esterno (mm)
Materiale
φ 6,4
0
φ 9,5
0
φ 12,7
0
φ 15,9
0
φ 19,1
1/2H
φ 22,2
1/2H
φ 25,4
1/2H
φ 28,6
1/2H
φ 31,8
1/2H
φ 34,9
1/2H
φ 38,1
1/2H
φ 41,3
1/2H
*Assicurarsi di selezionare spessore e materiale in conformità alle norme locali.
b)
1.
„
2.
„
Giunti brasati e diramazioni speciali
Utilizzo generale. (Giunto a L, giunto con attacco, giunto a T, ecc.)
Utilizzare giunti conformi alle norme JIS. (Dimensione, materiale, spessore ecc.)
Diramazioni speciali.
Utilizzare il kit Daikin ad attacco multiplo per unità esterne, il giunto REFNET, il collettore REFNET
o il manicotto di riduzione.
Esempio: Serie RXYQ-M R410A
Giunto REFNET
Collettore REFNET
8 diramazioni
Linea gas
(con rivestimento
termoisolante)
Linea liquido
(con rivestimento
termoisolante)
4 diramazioni
Per ulteriori informazioni sul giunto REFNET e il collettore REFNET di DAIKIN consultare pag. 126.
Informazioni generali
21
SiT39-303
Installazione
c) Brasatura
Il sistema Multi richiede solamente giunzioni di rame/rame; il metodo di raccordo è illustrato in basso.
„ È essenziale l'utilizzo di saldatura forte.
Saldatura forte
Tipo
Temperatura
Lega per
Redi saldatura sistenza
saldatura:
(°C)
contrassegno
alla rottura
JIS
(kg/mm²)
Metodo di
saldatura
Distanza
di
raccordo
in mm
Esempio di Flusso
riferimento (esempio di
(prodotto) riferimento)
BCup-2
(Lega
rame-fosforo)
735
/
840
Circa 25
0,05
/
0,2
Gas
NEiS
#2BD
BAg-2
(Lega
d’argento)
700
/
845
Circa 20
0,05
/
0,2
Gas
NEiS
#107
Commenti
Non
La lega Bcup reagisce facilmente con lo
necessaria zolfo per formare un composto fragile
solubile in acqua e non dovrebbe perciò
essere utilizzato in ambiente non
adatto.
NEiS
#103
Adatta ad ambienti ad alto tenore di
zolfo
Utilizzato in
condizioni normali
La serie RXYQ-M a pompa di calore R410A utilizza una vasta gamma di tubazioni di diverse dimensioni.
Pertanto selezionare la punta dell'ugello con estrema cura. Se si utilizza un ugello di piccole dimensioni
per brasare tubazioni di grosso diamentro come φ 38,1 e φ 44,5, il flusso di saldatura diventa scarso.
Tabella 1 Correlazione tra punta ugello e dimensioni delle tubazioni refrigeranti.
Punta ugello N.
# 200
# 225
# 250
# 315
Diametro metallo di apporto
brasatura
# 400
# 450
# 500
1,6
2,4
3,2
6,4
Dimensione tubazione
9,5
12,7
15,9
19,1
22,2
25,4
28,6
31,8
34,9
38,1
41,3
(V0977)
Nota:
22
I valori riportati nella tabella in alto sono per torcia Francese tipo B.
Informazioni generali
SiT39-303
Brasatura
Installazione
a) Il lavoro di brasatura deve essere effettuato tenendo la torcia di lato o verso il basso. Evitare se possibile
di tenere la torcia verso l'alto. (per prevenire eventuali perdite)
<Metodo consigliato>
Lega per saldatura
Torcia
Posizionamento laterale
Posizionamento verso il basso
Posizionamento verso l’alto
b) Le diramazioni delle linee gas o liquido devono essere trattate in maniera specifica prestando
attenzione alla direzione dei raccordi e rispettivi angoli. (per evitare riflussi d'olio o derive).
Per esempi consultare pag. 148.
c) Utilizzare il metodo di sostituzione con azoto durante la brasatura.
Importante:
1. Evitare assolutamente di produrre fiamme libere. (Pulire la zona da brasare e tenere a portata di mano
i dispositivi antincendio e acqua.)
2. Fare attenzione a non ustionarsi.
3. Assicurarsi che lo spazio tra tubazione e giunto sia corretto. (Per evitare perdite)
4. E' stato fornito un supporto adeguato alla tubazione?
„ Di seguito è riportato il normale spazio tra i supporti per le tubazioni orizzontali in rame:
Spazio tra i supporti dei tubi in rame
(Da HASS 107-1977)
Diametro nominale
Almeno 20
25~40
50
Distanza massima (m)
1,0
1,5
2,0
„ Non fissare il tubo di rame direttamente con staffe metalliche.
Informazioni generali
23
SiT39-303
Installazione
Attacco a cartella
(a) Le tubazioni irrigidite devono essere ricotte almeno una volta prima dell'installazione dell'attacco a cartella.
(b) Tagliare la tubazione utilizzando un tagliatubi. (Utilizzare un tagliatubi adatto alle dimensioni del tubo da
tagliare. Qualora la tubazione fosse di dimensioni tali da non consentire l'utilizzo del tagliatubi, utilizzare
una sega per metalli, facendo attenzione a non far cadere la segatura all'interno della tubazione stessa.)
(c) Impostare la cartellatrice in modo da tenere la dimensione della svasatura entro i limiti prescritti.
Diametro nominale
Diametro esterno tubatura d
Dimensioni A tubazione
allargata
1/4
6,35
9,1
3/8
9,52
13,2
1/2
12,7
16,6
5/8
15,88
19,7
3/4
19,05
24,0
Cartellatrice compatibile con le nuove misurazioni
In confronto ai refrigeranti precedenti, i componenti di un refrigerante HFC sono minuscoli. Inoltre il
refrigerante R410A opera ad una pressione maggiore rispetto agli altri refrigeranti. Pertanto, allo scopo
di rinforzare la sezione svasata utilizzata per i dispositivi R410A (classe 2), esso è stato, a differenza
delle caratteristiche dei comuni refrigeranti, impostato con caratteristiche diverse.
Eseguire la svasatura utilizzando una cartellatrice compatibile con le nuove misurazioni oppure una
cartellatrice convenzionale.
Misuratore cartella (adattatore corrispondente alle nuove misurazioni)
Se si utilizza quest'ultimo, utilizzare un misuratore cartella per estrarre la tubazione dalla barra di
misurazione, regolare, quindi eseguire la svasatura.
Dimensione 12mm×72mm
Spessore 1,0×0,5mm ciascuno
Misuratore
Dimensione dalla superficie del dado alla punta di rame in mm
Nome
Diametro
esterno
Spessore
parete
1/4
3/8
1/2
5/8
6,35
9,52
12,70
15,88
0,8
0,8
0,8
1,0
Refrigerante precedente (R22, R407C ecc.)
Cartellatrice convenzionale
Tipo a frizione
0~0,5
0~0,5
0~0,5
0~0,5
R410A
Cartellatrice convenzionale
Tipo a frizione
1,0~1,5
1,0~1,5
1,0~1,5
1,0~1,5
(d) Ricoprire la superficie interna ed esterna della svasatura con olio lubrificante a base di etere o a base di estere.
(Ciò garantisce l'agevole passaggio del bocchettone svasato ed evita la torsione della tubazione.)
(Non utilizzare olio SUNISO-4GS.)
Olio
Olio
Importante:
1. Rimuovere con cura eventuali bavature.
2. Afferrare i dadi svasati utilizzando due chiavi.
3. Inserire il bocchettone svasato prima di iniziare la svasatura.
4. Stringere il bocchettone svasato esercitando la coppia adatta.
Coppia standard per l'avvitamento del bocchettone svasato
Dimensione
1/4(6,4φ)
3/8(9,5φ)
1/2(12,7φ)
5/8(15,9φ)
3/4(19,1φ)
±10 %
Coppia
(kgf-cm)
144~176
333~407
504~616
630~770
990~1210
(N-cm)
1420~1720
3270~3990
4950~6030
6180~7540
9270~11860
5. Assicurarsi che la superficie della svasatura non sia danneggiata.
24
Informazioni generali
SiT39-303
Installazione
Svasatura: procedura
Tagliare la tubazione utilizzando un tagliatubi.
Pulire l’interno del tubo.
(Utilizzare un panno avvolto su un'asticella.)
L'estremità tagliata è sbavata.
(La quantità di bavature aumenta all’aumentare dello
spessore della parete del tubo.)
Prima di eseguire la svasatura, pulire la sezione a cono
della cartellatrice.
Sezione a cono
Utilizzare una lima per rimuovere le bavature.
(Non permettere a corpi estranei di penetrare
all'interno del tubo. Tenere l’estremità che si sta
limando verso il basso.)
Svasare il tubo.
Dopo aver udito un suono secco ruotare l’utensile per 3 o
4 giri. Ne risulterà una svasatura pulita.
Applicare l'olio refrigerante (a base di estere o etere)
Utilizzare un alesatore per rimuovere le bavature.
all’interno e all’esterno della sezione svasata. (Non
(Non permettere a corpi estranei di penetrare all'interno
utilizzare olio SUNISO.)
del tubo. Tenere l’estremità che si sta limando verso il
(Fare attenzione alla polvere.)
basso.)
Informazioni generali
25
SiT39-303
Installazione
Stringere il bocchettone svasato
(Utilizzare una chiave dinamometrica per
stringere in maniera corretta)
Controllare eventuali fughe di gas.
(Controllare la filettatura del bocchettone svasato
per eventuali fughe di gas)
Sono disponibili in commercio prodotti spray per il
rilevamento delle fughe di gas. È possibile utilizzare
acqua saponata per rilevare le fughe di gas; in tal
caso utilizzare solamente sapone neutro per evitare
la corrosione del bocchettone svasato.
Assicurarsi di pulire il dado dopo aver effettuato il
controllo.
Stringere il bocchettone svasato con la coppia adeguata.
Per stringere in maniera appropriata il bocchettone svasato senza utilizzare la
chiave dinamometrica è necessaria una grande esperienza.
Coppia di serraggio non
corretta
Serraggio eccessivo
Serraggio insufficiente
• Riduce lo spessore delle
pareti del bocchettone
svasato e perde
• Danneggia il bocchettone
svasato
Non consigliabile
se non in caso di
emergenza
• Causa fughe
di gas
Per eseguire l'installazione è necessario utilizzare una chiave dinamometrica. Tuttavia, in caso tale
attrezzo non fosse disponibile, è possibile utilizzare il metodo sotto descritto.
Dopo aver terminato l'operazione, verificare che non vi siano perdite di gas.
Continuando a serrare il bocchettone svasato con la chiave, ad un certo punto la coppia di serraggio
aumenta all'improvviso. A partire da tale posizione, continuare a serrare il bocchettone svasato facendo
riferimento all'angolo sotto indicato:
26
Dimensione tubi
Angolo di serraggio
supplementare
Lunghezza consigliata del braccio
dell'attrezzo
6,4 (1/4")
da 60 a 90 gradi
Circa 150 mm
9,5 (3/8")
da 60 a 90 gradi
Circa 200 mm
12,7 (1/2")
da 30 a 60 gradi
Circa 250 mm
15,9 (5/8")
da 30 a 60 gradi
Circa 300 mm
19,1 (3/4")
da 30 a 35 gradi
Circa 450 mm
Informazioni generali
SiT39-303
Attacco flangiato
Installazione
a) La superficie della flangia deve essere pulita e senza segni di danneggiamento. (In caso pulire con uno
straccio e controllare l'assenza di danni.)
b) Ricoprire la superficie della flangia con olio lubrificante (olio a base di etere o estere), quindi inserire la
guarnizione. (Non utilizzare olio SUNISO.)
Olio refrigerante a base di estere o a
base di etere
Valvola
d'intercettazione
Tacca della flangia
Guarnizione Protezione flangia
c) Serrare i bulloni agli angoli opposti per assicurarsi che il collegamento sia a posto.
[Esempio]
Ordine di serraggio:
A→C→B→D
Seguendo l'ordine illustrato serrare
i bulloni poco alla volta in modo da
applicare a tutti la stessa coppia.
Importante:
1. Utilizzare solo olio lubrificante pulito per ricoprire la flangia. (senza contaminazione d'acqua o sporco)
2. Serrare i bulloni della flangia applicando la coppia adeguata.
Coppie standard per il serraggio di viti e bulloni
Bullone esagonale ISO
Classe
Dimensione
Informazioni generali
5,8(5T)
10,9(10T)
kgf-cm ±15 %
N-m ±15 %
kgf-cm ±15 %
M8
125
1230
302
N-m ±15 %
2960
M10
257
2520
620
6080
M12
436
4280
1.050
10.300
M16
1.030
10.100
2.480
24.300
M20
2.050
20.100
4.950
48.500
27
SiT39-303
Installazione
3.2.4 Installazione dell'isolamento termico (Circuito frigorifero)
„ Procedura
Installazione
circuito frigorifero
Isolamento
(eccetto i punti di
giunzione)
Isolamento (punti
di giunzione)
Prova tenuta aria
(V0985)
Materiali
I materiali isolanti utilizzati devono essere in grado di supportare il calore prodotto dalle tubazioni.
Esempio:
Tipo a pompa di calore: Schiuma di polietilene refrattaria (resistente ad almeno 120 °C)
Solo raffreddamento: Schiuma di polietilene (resistente ad almeno 100 °C)
Elementi
essenziali relativi
all'isolamento
termico
Eseguire l'isolamento dei punti di giunzione come ad esempio le sezioni saldate, svasate o con flangia
solamente dopo aver verificato con successo la tenuta d'aria.
Considerare il modello dell'unità e le sue condizioni di funzionamento poichè in determinati casi la linea
liquido e la linea gas devono essere termoisolate.
Esempio di lavoro errato
• Le tubazioni gas e
liquido non
dovrebbero essere
isolate insieme
Linea liquido
Linea gas
Cavo di
controllo
Nastro di
finitura
Isolamento termico
Esempio di lavoro corretto
Isolamento della sola
tubazione gas
Isolamento delle
tubazioni gas e liquido
Isolamento delle staffe
di supporto
Linea gas
Linea
liquido
Cavo di
controllo
Nastro di
finitura
Isolamento
Isolamento
Linea
gas
Nastro di
finitura
Isolamento
Linea
liquido
Cavo di
controllo
• I punti di giunzione
devono essere
completamente
isolati.
Tubo di rame
Questa parte non
è stata isolata
Isolamento
Staffa
metallica
di
supporto
„ Importante:
1. Lo spessore del materiale termoisolante deve essere determinato secondo la dimensione dei tubi.
Dimensione tubi
Spessore del materiale isolante
6,4 mm~25,4 mm
10 mm o più
28,6 mm~38,1 mm
15 mm o più
2. Per installazioni ai piani alti oppure in ambienti caldi e umidi è necessario aumentare i valori della
tabella in alto.
3. Qualora un cliente fornisse le proprie specifiche sarà necessario agire in conformità alle stesse.
4. Qualora sia noto in anticipo che il condizionatore funzionerà con una temperatura massima dell'aria
esterna di 10 °C, sarà necessario provvedere all'isolamento termico anche per la linea liquido.
28
Informazioni generali
SiT39-303
Installazione
3.2.5 Prova tenuta aria
„ Procedura
Controllare eventuali cadute
di pressione
Pressurizzare
Terminare
l’installazione del
circuito frigorifero
Installazione completata
con successo
Localizzare e sigillare le perdite
(V0987)
Elementi
importanti
della prova
(Conservazione
della pressione
per un
determinato
periodo di
tempo)
Il successo della prova è determinato dalla stretta conformità alla seguente procedura:
a) Le linee liquido e gas di ciascun impianto refrigerante devono essere pressurizzate a turno come di seguito:
(Utilizzare gas di azoto.)
„ Fase 1: aumentare la pressione a 0,3Mpa
½
per almeno 3 minuti
„ Fase 2: aumentare la pressione a 1,5Mpa
per almeno 3 minuti
°
¾
°
¿
Indica la presenza di una grossa perdita
„ Fase 3: aumentare la pressione a 3,80Mpa
per circa 24 ore
½
°
¾
°
¿
Indica la presenza di una piccola perdita
∗L'aumento della pressione a 3,80Mpa non garantisce l'identificazione delle piccole perdite se la pressione
è mantenuta solamente per poco tempo. Pertanto è consigliabile mantenere l'impianto pressurizzato in
conformità alla fase 3 per almeno 24 ore.
Nota:
Non aumentare in nessun caso la pressione oltre i 3,80Mpa.
b) Controllare eventuali cadute di pressione
La prova è superata se non avvengono cadute di pressione.
In caso di caduta di pressione è necessario localizzare la perdita. Vedere pagina seguente.
Tuttavia, in caso di cambiamento della temperatura ambiente nel periodo trascorso tra la pressurizzazione
e il controllo di pressione, sarà necessario tenere in considerazione che un cambiamento di temperatura di
1 °C modifica la pressione di circa 0,01Mpa, e regolare i calcoli di conseguenza.
Valore di regolazione della compensazione:
(Temperatura al momento della pressurizzazione-temperatura al momento del controllo) x 0,01
Esempio:
Al momento della pressurizzazione: 3,80Mpa 25 °C
Dopo 24 ore: 3,75Mpa 20 °C
In questo caso la caduta di pressione è nulla (la prova è superata).
4,0
Fase 3
3,80 MPa x 24 ore
Fase 2
1,5 MPa x 5 min
3,5
MPa
3,0
2,5
2,0
1,5
1,0
0,5
Fase 1 0,3 MPa x 3 min
0
5 minuti
3 minuti
Informazioni generali
24 ore
29
SiT39-303
Installazione
Controllo perdite
[Controllo 1] (Se la pressione cade durante l'esecuzione delle fasi da 1 a 3 illustrate nelle pagine precedenti)
„ Controllo uditivo: Ascoltare attentamente per individuare il rumore di una grossa perdita.
„ Controllo manuale: Controllare al tocco i punti di giunzione.
„ Controllo con acqua saponata (∗Indagine): Le bolle riveleranno la presenza di una perdita.
[Controllo 2] (Per individuare una piccola perdita oppure se si è verificata una caduta di pressione con il
sistema in pressione ma non si riesce ad individuare la perdita.)
1. Rilasciare azoto fino a che la pressione non raggiunge i 0,3Mpa.
2. Aumentare la pressione fino a 1,5Mpa utilizzando gas freon (R410A). (L'azoto e il gas freon si mescolano.)
3. Cercare la fonte della perdita utilizzando un rivelatore di perdite.
4. In caso di insuccesso ripressurizzare con azoto fino a 3,80Mpa e ricontrollare. (La pressione non deve
superare i 3,80Mpa.)
Impostazione della prova di tenuta aria
L'impostazione dei dispositivi illustrati nelle figure seguenti e riguardanti la prova di tenuta aria
è consigliata tenendo conto dell' "asciugatura a vuoto e carica supplementare di refrigerante",
operazioni successive alla prova menzionata.
Per effettuare la prova tenuta aria, chiudere le valvole di intercettazione relative a 8.Lato gas,
10.Lato liquido, 15.Tubazioni equalizzazione olio e le valvole relative alla pompa refrigerante
e a vuoto. Quindi aprire la valvola di intercettazione del gas di azoto, 7.Valvola A e 16.Valvola B
e allo stesso tempo impostare la valvola di regolazione della pressione del gas di azoto,
aumentando quindi la pressione.
Un'unità esterna installata: Modello RXYQ5-16MY1B
9
17
1
10
8
4
11
7
3
2
12
5
6
13
Quando sono installate unità esterne multiple:
modello RXYQ18-48MY1B
9
17
1
4
8
10
13
15
7
3
2
16
5
14
12
9
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.
9.
10.
11.
12.
13.
14.
15.
16.
17.
Valvola di riduzione di pressione
Azoto
Bombola di refrigerante
Impianto sifone
Strumento di misurazione
Pompa a vuoto
Valvola A
Lato gas
Unità esterna
Lato liquido
Unità interna
Attacco di servizio valvola di
intercettazione
Tubo di carica
All'unità interna
Tubazione equalizzazione olio
Valvola B
Le linee punteggiate rappresentano
le tubazioni locali
6
„ Importante:
1. In caso di tubazioni particolarmente lunghe, eseguire la prova di tenuta aria a sezioni.
Esempio:
1. Linea interna
2. Linea interna più tubazioni verticali
3. Linea interna più tubazioni verticali più linea esterna
30
Informazioni generali
SiT39-303
Installazione
3.2.6 Asciugatura a vuoto
Cos'è
l'asciugatura
a vuoto?
L'asciugatura a vuoto consiste in:
"Utilizzo di una pompa a vuoto per vaporizzare (gassificare) l'umidità (liquido) all'interno dei tubi ed
espellerla lasciando l'interno dei tubi completamente asciutto".
Alla pressione di 1 atm (760 mmHg) il punto di ebollizione (temperatura di evaporazione) dell'acqua
è 100 °C; creando il vuoto all'interno dei tubi per mezzo di una apposita pompa il punto di ebollizione
diminuisce rapidamente al crescere del grado di vuoto. Se il punto di ebollizione è ridotto in modo da
essere inferiore alla temperatura ambiente l'umidità all'interno dei tubi evaporerà.
<Esempio>
Temperatura esterna 72 °C
Come illustrato nella tabella a destra, il grado
di vuoto deve essere inferiore a -75,2 mmHg.
Punto di
ebollizione
dell'acqua
( °C)
∗mmHg
Pa
Torr
40
–705
7333
55
30
–724
4800
36
26,7
–735
3333
25
24,4
–738
3066
22
22,2
–740
2666
20
20,6
–742
2400
18
17,8
–745
2000
15
15,0
–747
1733
13
11,7
–750
1333
10
7,2
–752
1066
8
0
–755
667
5
→
Pressione
Le cifre sopra riportate (mmHg) sono letture
di manometro
Pressione assoluta (mmHg)
Pressione manometrica (kg/cm²)
mmHg
Grado di vuoto
necessario
Temperatura di
funzionamento
esterna
Punto di
evaporazione
mmHg
mmHg
Temperatura
(°C)
Lo scarico delle tubazioni dell'aria condizionata dà luogo ai seguenti effetti:
1. Asciugatura a vuoto.
2. Rimozione aria e azoto (utilizzato per la prova di tenuta aria) dall'interno dei tubi.
Pertanto è necessario che entrambi gli obiettivi siano stati raggiunti durante l'asciugatura a vuoto.
Importante
Il grado di vuoto deve essere inferiore a -755mmHg
(V1216)
Informazioni generali
31
SiT39-303
Installazione
Scelta di una
pompa a vuoto
Generale
Il volume contenuto nel circuito frigorifero del sistema VRVII R410A è maggiore di quello del sistema VRVcon
Inverter e pertanto è necessario un tempo maggiore per l'asciugatura. Se si dispone del tempo necessario,
è possibile utilizzare la stessa pompa a vuoto, ma, in caso contrario, sarà necessario utilizzare una pompa
con una maggiore velocità di aspirazione (volume di aspirazione).
La necessità di evitare il flusso contrapposto
Dopo il processo di vuoto del ciclo refrigerante, all'interno del tubo sarà fatto il vuoto dopo aver arrestato la
pompa a vuoto, e l'olio della pompa a vuoto potrebbe rifluire. Inoltre, se la pompa a vuoto si arresta durante
il funzionamento per una qualsiasi ragione, potrebbe accadere la stessa cosa.
In tale caso, olii diversi si mescolano nel ciclo dell'impianto refrigerante HFC, ed il circuito frigorifero avrà dei
problemi. Quindi è necessario installare una valvola di ritegno per evitare il riflusso dalla pompa a vuoto.
Pompa a vuoto con valvola di ritegno o adattatore pompa a vuoto
Pompa del vuoto con
valvola di ritegno
Adattatore pompa del vuoto
Adattatore per la
prevenzione dell’inversione
flusso
1. Prestazioni della pompa a vuoto
I due fattori più importanti per determinare le prestazioni di una pompa a vuoto sono:
(1) Velocità di aspirazione
(2) Grado di vuoto
(1) Velocità di aspirazione
Il volume di aspirazione è generalmente espresso in l/min oppure m³/h. Maggiore la cifra, maggiore
la velocità di aspirazione.
Normalmente, più la velocità di aspirazione è elevata, più grande e pesante è la pompa a vuoto.
Le pompe a vuoto disponibili in commercio (velocità di aspirazione pari a 20-30 l/min) di solito ci
mettono molto tempo per raggiungere il vuoto. (Si consiglia l'utilizzo di una pompa a vuoto con
velocità di estrazione pari a 60 – 100 l/min.)
(2) Grado di vuoto
Il grado di vuoto definitivo ottenibile varia molto secondo l'utilizzo della pompa a vuoto. Le pompe a
vuoto utilizzate per la formazione del vuoto non possono essere utilizzate per l'asciugatura a vuoto.
(è necessario una pompa a vuoto che possa ottenere un maggior grado di vuoto.)
Selezionare una pompa che possa arrivare almeno ad un vuoto definitivo pari a 0,2 Torr.
Il grado di vuoto è espresso in Torr, micron, mmHg e Pascal (Pa). Tali unità di misura si correlano
come segue:
Unità
Pressione atmosferica standard
Vuoto spinto
kg/cm2
0
–1.033
kg/cm2 abs
1.033
0
Torr
760
0
Micron
Micron
760000
0
∗mmHg
mmHg
0
760
hPa
1013,33
0
Pressione manometrica
Pressione assoluta
Torr
Pa
Il grado di vuoto deve essere compreso fra i valori espressi da
0 Torr
5 Torr
760 Torr
0 Pa
667 Pa
1013,33 hPa
760 mmHg
755 mmHg
0 mmHg
Vuoto spinto
Valore di vuoto da
Pressione atmosferica standard
(V0992)
32
Informazioni generali
SiT39-303
Installazione
2. Manutenzione pompa a vuoto.
La maggior parte delle pompe contengono una grossa quantita di olio per lubrificare cuscinetti, ecc. e dispositivi
per aumentare la tenuta all'aria dei pistoni. Durante l'utilizzo della pompa a vuoto per lo scarico dell'aria dal
circuito frigorifero, l'umidità dell'aria tende a mischiarsi con l'olio. Pertanto è necessario sostituire periodicamente
l'olio e assicurarsi che il livello dello stesso sia sempre corretto. (Controllare periodicamente in conformità a
quanto riportato sul libretto di istruzioni.)
3. Misura del grado di vuoto
Per misurare il grado di vuoto è necessario un vacuometro estremamente preciso. Non è possibile misurare
accuratamente il grado di vuoto utilizzando il manovacuometro presente sul gruppo manometrico. È necessario
un vacuometro Pirani per misurare con esattezza il grado di vuoto. Il vacuometro Pirani è molto sensibile e
richiede di essere utilizzato con estrema cura; pertando non è adatto per l'utilizzo sul campo. Quindi il migliore
utilizzo del vacuometro Pirani avverrebbe nella calibrazione del vacuometro sul gruppo manometrico e nella
calibrazione del grado di vuoto della pompa a vuoto.
4. Metodo di calibrazione
1. Collegare un vacuometro Pirani ed il vacuometro sul gruppo manometrico (0-760 mmHg) alla pompa a
vuoto nello stesso tempo, e avviare la pompa per circa tre minuti.
2. La lettura del vacuometro Pirani deve riportare al massimo 5 Torr (667 Pa). La lettura della pompa a
vuoto convenzionale si abbassa a circa 0,2 Torr.
Qualora la lettura non fosse massimo 5 Torr, controllare l'olio della pompa a vuoto. (In molti casi il livello
dell'olio è basso.)
3. Controllare il manometro sul gruppo manometrico. Regolare il manometro se la lettura non è esatta.
4. Regolare la valvola del gruppo manometrico in modo che la lettura sul vacuometro Pirani sia 5 Torr.
5. Contrassegnare la posizione indicata del manometro del gruppo manometrico con una penna con
inchiostro a base oleosa.
6. Utilizzare il contrassegno sul gruppo manometrico come obiettivo quando si fa il vuoto sul campo.
Fig. 1
Gruppo manometrico
Vacuometro Pirani
Sezione rilevamento pressione
Indicatore
Pompa del vuoto
(Materiale di consultazione) Tipi di pompa a vuoto con massimo grado di vuoto raggiungibile
Massimo grado di vuoto
Tipo
Pompa rotativa
(Lubrif. a olio)
Capacità di estrazione
Estrazione aria
100 l/min
Adatta
Adatta
50 l/min
Non adatta
Adatta
Adatta
Adatta
0,02 mmHg
10 mmHg
Pompa rotativa
(Autolubrificante)
0,02 mmHg
40 l/min
Informazioni generali
Utilizzo
Asciugatura a
vuoto
←Molte pompe
portatili rientrano in
questa categoria
33
SiT39-303
Installazione
Procedura di
asciugatura
a vuoto
Esistono due metodi di asciugatura a vuoto. Selezionare il metodo adatto secondo le condizioni locali.
[Asciugatura a vuoto normale]…….Il metodo standard
[Procedura]
1. Asciugatura a vuoto (1° volta) Collegare un gruppo manometro all'attacco di servizio della linea gas
o liquido e avviare la pompa per almeno due ore.
(Il grado di vuoto prodotto dovrebbe superare i 5 mmHg)
Se dopo due ore il grado di vuoto non ha superato i 5 mmHg significa che c'è umidità nel tubo
oppure c'è una perdita. Continuare il funzionamento della pompa per un'altra ora.
Se dopo tre ore il vuoto non ha raggiunto i 5 mmHg cercare eventuali perdite nell'impianto.
2. Eseguire il collaudo sottovuoto mantenuto.
Produrre un vuoto maggiore di -755 mmHg e mantenerlo per almeno un'ora. Controllare sul vacuomentro
che il vuoto non sia aumentato. (Se il vacuometro segnala un'aumento del vuoto significa che è ancora
presente umidità nel tubo oppure un'eventuale perdita.)
3. Carica supplementare di refrigerante
Collegare il cilindro di carica all'attacco di servizio della linea liquido e caricare la quantità di refrigerante
necessaria.
4. Aprire completamente la valvola d'intercettazione.
Aprire completamente la valvola d'intercettazione della linea liquido e della linea gas.
Nota:
Produrre il vuoto sia nella linea liquido sia nella linea gas.
(Ciò è necessario perché molti dei componenti dell'unità interna interrompono il sistema di generazione di
vuoto a metà del processo.)
[Tabella tempi di asciugatura a vuoto standard]
+0,05 MPa
Pressione in aumento
(Pressione
atmosferica)
0 MPa
-200mmHg
Pressione in
diminuzione-400
(vuoto)
,,
-600
,,
-700
,,
-760
,,
-755mmHg
Asciugatura a
vuoto
Collaudo
sottovuoto
mantenuto
Carica supplementare
di refrigerante
(2 ore) (1 ora)
Tempo richiesto: circa 3 ore
34
Informazioni generali
SiT39-303
Installazione
Asciugatura speciale con vuoto
Questo metodo di asciugatura a vuoto si utilizza se si sospetta che ci sia umidità nei tubi.
Per esempio:
„ Se è stata scoperta umidità durante il flussaggio con gas del circuito frigorifero
„ Se sussiste il pericolo di formazione di condensa all'interno dei tubi durante nei periodi di pioggia abbondante
„ Se sussiste il pericolo di formazione di condensa all'interno dei tubi a seguito di lunghi periodi di lavoro
„ Se sussiste il rischio che l'acqua piovana sia entrata nei tubi durante l'installazione
Il metodo di asciugatura speciale con vuoto è uguale al metodo standard con la differenza che viene
introdotto azoto nei tubi per spezzare il vuoto una o più volte durante l'esecuzione dell'operazione.
[Procedura]
1. Asciugatura a vuoto (1° volta): 2 ore.
2. Rottura vuoto (1° volta): Utilizzare azoto per alzare la pressione a + 0,05Mpa.
(Il gas d'azoto utilizzato per rompere il vuoto è asciutto e pertanto questo processo serve solamente
per potenziare l'effetto di essiccazione complessivo dell'asciugatura a vuoto.
Tuttavia, poiché l'efficacia di tale procedura è grandemente compromessa da alti livelli di umidità
all'interno dei tubi, è necessario utilizzare la massima attenzione durante l'installazione per evitare
l'entrata o la formazione di acqua all'interno del circuito frigorifero.)
3. Asciugatura a vuoto (2° volta): Azionare la pompa a vuoto per almeno un'ora.
(Osservazioni: Il grado di vuoto ha raggiunto i 5 mmHg. Se il grado di vuoto non ha raggiunto i 5 mmHg
dopo due o più ore di funzionamento ripetere le operazioni ai punti 2 (rottura del vuoto) e 3 (asciugatura
a vuoto) sopra riportati.)
4. Eseguire il collaudo sottovuoto mantenuto: 1 ora.
5. Carica supplementare di refrigerante.
6. Aprire completamente la valvola d'intercettazione.
∗
Utilizzare gas d'azoto per la rottura del vuoto.
(L'utilizzo di ossigeno espone a seri rischi di esplosione.)
[Tabella tempi di asciugatura a vuoto speciale]
+0,05 MPa
Pressione in aumento
(Pressione
atmosferica)
0 MPa
-200mmHg
,,
-755
mmHg
Carica supplementare di
refrigerante
Collaudo sottovuoto
mantenuto (1 ora)
-755mmHg
Rottura vuoto
,,
,,
,,
Asciugatura a vuoto (2 ore)
-600
-700
-760
Asciugatura a vuoto (1 ora)
Pressione in
diminuzione
(vuoto)
-400
Tempo richiesto: circa 4 ore
Informazioni generali
35
SiT39-303
Installazione
3.2.7 Carica supplementare di refrigerante durante l'installazione
„ Procedura
Utilizzare la lunghezza della
tubazione per calcolare l’ammontare
di refrigerante necessario
Carica supplementare
di refrigerante
(V0995)
Importante:
1. Registrare i risultati di tutti i calcoli. (Sotto forma di elenco.)
2. Sarà necessario caricare una quantità supplementare di refrigerante se la distanza tra l'unità esterna
e la più lontana delle unità interne è maggiore di 10 m.
3. L'operazione di carica della quantità supplementare deve essere effettuata immettendo il liquido
dall'attacco di servizio della valvola di intercettazione liquido dopo il termine dell'asciugatura a vuoto.
4. Qualora la carica della quantità supplementare non potesse essere completata in maniera soddisfacente utilizzare il compressore per completare l'operazione di carica supplementare durante la prova
di funzionamento.
Istruzioni per
la carica del
refrigerante
Gli HFC401A sono refrigeranti quasi-azeotropici*. Pertanto, devono essere caricati allo stato liquido.
Caricare il refrigerante nell'unità tenendo la bombola del refrigerante rovesciata.
Importante: Assicurarsi che il refrigerante (liquido) sia estratto dalla parte inferiore della bombola.
Non estrarre il refrigerante (gassoso) dalla parte superiore della bombola.
Bombola di
refrigerante
Attenzione
Bombola di
refrigerante
Poichè le bombole per refrigerante alle volte differiscono nei meccanismi interni, è necessario esaminare la
bombola con attenzione. (Alcune bombole dispongono di un tubo sifone e non devono essere rovesciate.)
Tubo sifone
Tubo sifone
36
Informazioni generali
SiT39-303
Installazione
<*Refrigeranti non-azeotropici o refrigeranti quasi-azeotropici>
Se un refrigerante è una miscela di due o più tipi di refrigeranti con diverse temperature di evaporazione,
viene chiamato non-azeotropico. Se i componenti del refrigerante evaporano tutti alla stessa temperatura,
la miscela è chiamata azeotropica.
Se un refrigerante non-azeotropico viene caricato allo stato gassoso nell'unità, i componenti del
refrigerante che evaporano prima entreranno nell'unità mentre gli altri rimarranno nella bombola.
*Refrigerante di miscela quasi azeotropica: miscela composta da due o più refrigeranti con punti di
ebollizione simili.
Precauzioni
Non è possibile utilizzare i seguenti dispositivi progettati per R-22 per caricare i nuovi refrigeranti.
Assicurarsi di utilizzare i dispositivi progettati in modo specifico per i nuovi refrigeranti.
1. Cilindro di carica…(Le caratteristiche di resistenza alla pressione sono diverse.)
2. Gruppo manometrico (tubo flessibile incluso)…(come sopra)
Informazioni generali
37
SiT39-303
Installazione
3.2.8 Installazione linea di scarico interna
„ Procedura
Installare unità interna
Collegare linea di scarico
Controllare eventuali
Isolare linea di scarico
perdite d’acqua
(V0999)
Gradiente e
sostegno della
linea di scarico
a) La linea di scarico deve essere installata con un gradiente di almeno 1/100.
La linea di scarico deve essere più corta possibile e libera da bolle d'aria.
Gradiente di almeno
1/100 (1cm/1m)
b) Utilizzare le viti di sospensione per sostenere lunghe porzioni della linea di scarico e garantire il
mantenimento del gradiente di 1/100. (Non piegare i tubi in PVC)
Distanza dei supporti delle tubazioni orizzontali
Classe
Diametro nominale
Distanza
Tubo rigido in PVC
25~40 mm
1~1,5 m
c) La tubazione orizzontale deve essere il più corta possibile.
Sifone di scarico
Fornire di sifone di scarico tutte le unità interne la cui linea di scarico è soggetta a pressione negativa.
(solamente FXYMP40~125)
a) Fissare il sifone come indicato nell'illustrazione sottostante
Unità interna
A
A: 50 mm o più
A
b) Fornire un sifone per unità. Un unico scaricatore di condensa per tutte le unità sarebbe inefficace.
c) Fissare il sifone in modo da consentirne la successiva pulizia.
Tappo di chiusura
Unità interna
Unità interna
Tappo di chiusura
38
Informazioni generali
SiT39-303
Raggruppamento
linee di scarico
Installazione
1. È normale procedura lavorativa eseguire i collegamenti alla tubazione principale da sopra. La tubazione
a valle della combinazione dovrebbe avere la maggior dimensione possibile.
Tubi di scarico raggruppati di unità multiple
Almeno 30
Rivolgere le
tubazioni
verso il basso
Rivolgere la bocca del
tubo di ventilazione verso
il basso per evitare
l’ingresso di corpi
estranei nell’impianto
Tubo di ventilazione
2. La tubazione deve essere più corta possibile e il numero di unità interne per gruppo il minimo possibile.
Utilizzo di un
tubo (flessibile) di
scarico ausiliario
Qualora si utilizzasse una vaschetta di raccolta condensa di polistirene espanso sarà necessario utilizzare
anche un tubo di scarico (flessibile) ausiliario. Un tubo di scarico (flessibile) consente di collegare l'attacco e la
linea di scarico senza difficoltà ed evita di sottoporre la vaschetta di raccolta condensa a tensioni indesiderate.
Unità interna
Fascetta metallica
Tubo ausiliario di scarico
Materiale termoisolante (zona
tubazione scarico)
Vaschetta di raccolta condensa Materiale termoisolante (zona della fascetta)
Distanza tra le staffe
1~1,5m
Staffa
Unità interna
Unità interne
Utilizzare il diametro più ampio possibile
Gradiente di
almeno 1:100
Materiale isolante
Importante:
1. La linea di scarico deve essere almeno delle stesse dimensioni di quella dell'unità interna.
2. La linea di scarico è termoisolata per evitare la formazione di condensa all'interno delle tubazioni.
3. Il meccanismo di sollevamento della condensa deve essere installato prima dell'installazione dell'unità
interna; dopo aver collegato l'alimentazione aggiungere acqua nella vaschetta di raccolta condensa
per verificare il regolare funzionamento della pompa di sollevamento condensa.
4. Tutti i collegamenti devono essere ben serrati. (Prestare particolare cura alle tubazioni in PVC)
L'utilizzo di adesivo colorato con le tubazioni in PVC aiuterà a ricordarsi di effettuare il collegamento
delle stesse.)
Informazioni generali
39
SiT39-303
Installazione
Diametro delle
tubazioni per il
raggruppamento
delle linee di
scarico
„ Selezionare il diametro delle tubazioni dalla tabella in basso secondo la quantità di condensa da scaricare
da tutte le unità che utilizzano la linea di scarico comune.
„ Considerare 2 l/ora di liquido da drenare per unità da 1HP. Ad esempio, il drenaggio di 3 unità da 2 HP
e 2 unità da 3HP si calcola come segue.
2 (l/ora) × 2 (HP) × 3 (unità) + { 2 (l/ora) × 3 (HP) × 2 (unità) = 24 l/ora
1. Relazione tra diametro tubazioni orizzontali e drenaggio consentito (per impianto di ventilazione esteso)
Note:
JIS
nominale
Diametro tubazioni in
cloruro di vinile (mm)
VP20
VP25
Portata consentita (l/ora)
Gradiente
tubazioni 1:50
Gradiente
tubazioni 1:100
Commenti
20
39
27
25
70
50
(Valore di riferimento) Non
valido per raggruppamento
di tubazioni
VP30
31
125
88
VP40
40
247
175
VP50
51
473
334
Valido per raggruppamento
di tubazioni
„ I calcoli hanno considerato un'area liquida all'interno delle tubazioni del 10 %.
„ Le cifre relative alla portata inferiori al decimale non sono state considerate.
„ Utilizzare VP30 o tubazioni più grandi dopo il punto di convergenza.
2. Rapporto tra diametro tubazione montante e drenaggio consentito (per impianto di ventilazione esteso)
Note:
JIS
nominale
Diametro tubazioni in
cloruro di vinile (mm)
Portata consentita
(l/ora)
VP20
20
220
VP25
25
410
VP30
31
730
VP40
40
1440
VP50
51
2760
VP65
67
5710
VP75
77
8280
Commenti
(Valore di riferimento) Non
valido per raggruppamento
di tubazioni
Valido per raggruppamento
di tubazioni
„ Le cifre relative alla portata inferiori al decimale non sono state considerate.
„ Utilizzare VP30 o tubazioni di diametro maggiore per le colonne montanti.
„ Per l'umidificatore utilizzare la stessa linea di scarico dell'unità interna.
3.2.9 Linea di scarico per ciascun modello
Cassette a soffitto
(FXCQ-M a
due vie)
1. Fissaggio linea di scarico
„ Il diametro della tubazione di scarico deve essere pari o superiore al diametro del tubo di raccordo
(tubo in vinile; dimensioni tubo: 25 mm; dimensione esterna: 32 mm).
„ La tubazione di scarico dovrà essere corta e avere una pendenza verso il basso di almeno 1/100 per
evitare la formazione di bolle d'aria.
„ Se non è possibile inclinare a sufficienza il tubo flessibile di scarico, installare dei montanti per il
sollevamento della condensa.
„ Evitare l'avvallamento del tubo, disponendo i cavi di sostegno ad una distanza di 1 - 1,5 m.
1-1,5 m
(Corretto)
1-1,5 m
Staffa di sospensione
(Errato)
„ Utilizzare il tubo flessibile di scarico con la fascetta metallica in dotazione.
Inserire il flessibile di scarico nell'apposito attacco, fino al nastro bianco. Stringere la fascetta fino a che
la testa della vite non venga a trovarsi a meno di 4 mm dal tubo flessibile stesso.
„ Isolare la fascetta e il tubo flessibile di scarico avvolgendoli con l'apposito materiale isolante in dotazione.
40
Informazioni generali
SiT39-303
Installazione
„ Isolare il tubo flessibile di scarico dell'edificio.
Fascetta metallica
(fornita)
Fascetta metallica
Tubo flessibile
di scarico
Materiale di tenuta grande (fornito)
4 mm max
Nastro (bianco)
(PRECAUZIONI PER IL CIRCUITO DI SOLLEVAMENTO CONDENSA)
„ Installare le tubazioni di sollevamento condensa ad un'altezza minore di 310 mm.
„ Installare le tubazioni di sollevamento condensa ad angolo retto rispetto all'unità interna e ad una distanza
non superiore a 300 mm dall'unità.
Soletta del soffitto
1-1,5 mm
290
Staffa di sospensione
Regolabile (al
massimo 310)
Almeno 600
300 mm max
Tubo di sollevamento condensa
Fascetta metallica (fornita)
Tubo flessibile di scarico (fornito)
100 mm
o più
„ Se si fanno convergere più linee di scarico, installare le tubazioni secondo la procedura di seguito illustrata.
Tubi di scarico collegati con giunto a T
Assicurarsi che i tubi di scarico che desiderate far convergere in un'unica linea abbiano un diametro
adatto alla potenza operativa dell'unità.
2. Dopo aver terminato la posa delle tubazioni, assicurarsi che lo scarico avvenga correttamente.
„ Aprire il coperchio dell'ingresso acqua, aggiungere gradualmente circa 2500 cc di acqua e controllare
il flusso dello scarico.
Ingresso acqua
Pompa portatile
Coperchio ingresso
acqua
Chiuso
Tubazione del
refrigerante
Aperto
Secchio
AL TERMINE DEI LAVORI DI COLLEGAMENTO ELETTRICO
„ Controllare il flusso dello scarico durante il funzionamento in RAFFREDDAMENTO, per maggiori
informazioni consultare il paragrafo "PROVA DI FUNZIONAMENTO".
Informazioni generali
41
SiT39-303
Installazione
DURANTE I LAVORI DI COLLEGAMENTO ELETTRICO
„ Rimuovere il coperchio del quadro elettrico e collegare l'alimentazione ed il telecomando ai morsetti.
(Consultare Esecuzione dei COLLEGAMENTI ELETTRICI nel Manuale di Installazione)
Quindi, premere il pulsante test/ispezione funzionamento "
" sul telecomando. L'unità avvierà
la modalità di prova del funzionamento. Premere il selettore modalità di funzionamento "
" fino
a selezionare la MODALITÀ VENTILAZIONE
. Quindi, premere il pulsante di ON/OFF " ".
Si avviano il ventilatore e la pompa di sollevamento condensa dell'unità interna. Controllare che
l'acqua venga scaricata dall'unità. Premere "
" per tornare alla modalità iniziale.
Morsettiera
Alimentazione
monofase 220V -240V
Coperchio del
quadro elettrico
„ Controllare se lo scarico è soddisfacente rimuovendo il coperchio di accesso e controllando il livello
dell'acqua della vaschetta di raccolta condensa dall'apertura.
„ Operare con cautela; ventilatore in funzione.
Apertura di accesso
Coperchio apertura
di accesso
Aperto
Chiuso
42
Informazioni generali
SiT39-303
Installazione
Cassette a
soffitto (FXCQ-M
a più vie)
1. Fissaggio linea di scarico
Disporre le tubazioni in modo che lo scarico avvenga senza problemi.
Utilizzare una tubazione di diametro uguale o maggiore, esclusa la sezione ascendente, di quella utilizzata per il
collegamento (in PVC, diametro nominale 25 mm, diametro esterno 32 mm).
La tubazione di scarico dovrà essere corta e avere una pendenza verso il basso di almeno 1/100 per evitare la
formazione di bolle d'aria.
Se non è possibile inclinare a sufficienza il tubo flessibile di scarico, installare dei montanti per il sollevamento
della condensa.
Evitare l'avvallamento del tubo, disponendo i cavi di sostegno ad una distanza di 1 - 1,5 m.
Staffa di sospensione
1-1,5 m
Gradiente di almeno 1/100
ERRATO
CORRETTO
Fig. 19
Fig. 18
Utilizzare il tubo di scarico (1) e la fascetta in dotazione (2).
Inserire il tubo flessibile di scarico nell’attacco di scarico fino alla base e fissare la fascetta saldamente entro la
parte di nastro bianco dell'estremità inserita del tubo. Stringere la fascetta fino a che la testa della vite non
venga a trovarsi a meno di 4 mm dal tubo flessibile stesso.
Isolare la fascetta e il tubo flessibile di scarico avvolgendoli con l'apposito materiale isolante in dotazione (10).
Isolare termicamente i due punti successivi per evitare eventuali perdite d'acqua di condensa.
• Linea di scarico interna
• Attacco di scarico
Materiale di tenuta grande (10) (fornito)
Fascetta (2)
(fornita)
Fascetta (2)
Tubo flessibile di scarico (1)
Nastro (bianco)
Fig. 20
≤ 4 mm
Fig. 20
<PRECAUZIONI PER IL CIRCUITO DI SOLLEVAMENTO CONDENSA>
Installare le tubazioni di sollevamento condensa ad un'altezza minore di 550 mm.
Installare le tubazioni ad angolo retto rispetto all'unità interna e a una distanza non superiore a 300 mm.
Soletta del soffitto
Tubo di
sollevamento
condensa
Fascetta (2) (fornita)
Staffa di sospensione
≤ 750
1-1,5 m
200
300 mm
Regolabile
( ≤ 550)
Sezione ascendente
Tubo di scarico (fornito) (1)
Fig. 22
Durante l'installazione, per evitare l'applicazione di una pressione eccessiva, non piegare o torcere il tubo
di scarico in dotazione (1). Ciò potrebbe causare eventuali perdite.
Se si fanno convergere più linee di scarico, installare le tubazioni secondo la procedura di seguito
illustrata.
≥ 100 mm
Note:
Pendenza min. verso il basso di
1/100
Tubi di scarico collegati con giunto a T
Fig. 23
Assicurarsi che i tubi di scarico che desiderate far convergere in un'unica linea abbiano un diametro adatto
alla potenza operativa dell’unità.
Informazioni generali
43
SiT39-303
Installazione
2 Dopo aver terminato la sistemazione delle tubazioni, verificare che il sistema di drenaggio funzioni
correttamente.
Immettere lentamente circa 2000 cc d'acqua dall'uscita dell'aria e controllare il flusso di scarico.
AL TERMINE DEI LAVORI DI COLLEGAMENTO ELETTRICO
Controllare il flusso del drenaggio durante il funzionamento in RAFFREDDAMENTO, per maggiori
informazioni consultare il paragrafo "PROVA DI FUNZIONAMENTO".
DURANTE I LAVORI DI COLLEGAMENTO ELETTRICO
Rimuovere il coperchio della morsettiera e collegare l’alimentazione ed il comando remoto ai morsetti.
(Fare riferimento al manuale d'installazione)
Quindi, premere il pulsante test/ispezione funzionamento “
“sul telecomando. L’unità avvierà la
modalità di prova del funzionamento. Premere il selettore modalità di funzionamento“
” fino a
selezionare la modalità ventilazione “
”. Quindi, premere il pulsante di
ACCENSIONE/SPEGNIMENTO “
”. Si avviano il ventilatore e la pompa di sollevamento condensa
dell’unità interna. Controllare che l’acqua venga scaricata dall’unità. Premere “
” per tornare alla
modalità iniziale.
Anche il ventilatore si avvia.
Linea di scarico
Rimettere il coperchio della
morsettiera al suo posto.
TEST
Contenitore acqua in
plastica
≥100
TEST
(La lunghezza del tubo
deve essere di ca. 100 mm)
Foro di scarico per manutenzione (con tappo in gomma)
(Utilizzare per drenare l’acqua dalla vaschetta di
raccolta condensa)
<Aggiungere acqua utilizzando la bocchetta di mandata dell’aria>
[Metodo per aggiungere acqua]
Fig. 24
Cablaggio
telecomando
Collegamenti d'alimentazione
P1 P2 F1 F2 T1 T2
CAVI DI
TELECOMANDO TRASMISSIONE
Cablaggio
telecomando
SPEGNIMENTO
FORZATO
Morsettiera di
alimentazione
Morsettiera per
telecomando
R(L) S(N)
Collegamenti d'alimentazione
Attenzione
44
Coperchio morsettiera
Fig. 25
Collegamenti della linea di scarico
Non collegare il circuito di scarico direttamente alle fognature se queste ultime diffondono odori di
ammoniaca. L'ammoniaca proveniente dalle fognature potrebbe penetrare nell'unità interna attraverso il
tubo di scarico e corrodere lo scambiatore di calore.
Informazioni generali
SiT39-303
Installazione
Cassette a
soffitto tipo
corner (FXKQ-M)
Linea di scarico
((Fissare il tubo di scarico come mostrato nella figura sottostante e
prendere le opportune misure per eliminare la condensa. I tubi non
fissati correttamente possono provocare perdite e bagnare i mobili
e le altre proprietà personali.))
1 Installare i tubi di scarico.
Mantenere la lunghezza delle tubazioni al minimo, ed inclinarle verso il
basso per evitare che l'aria rimanga intrappolata all'interno del tubo.
Il diametro della tubazione di scarico deve essere pari o superiore al
diametro della tubazione di collegamento (tubo in vinile; dimensioni tubo:
25 mm; dimensione esterna: 32 mm).
Utilizzare il tubo flessibile di scarico e la fascetta metallica in dotazione.
Inserire il tubo flessibile di scarico nell'apposito attacco, fino al nastro
bianco. Stringere la fascetta fino a che la testa della vite non venga a
trovarsi a meno di 4 mm dal tubo flessibile stesso.
Fascetta metallica
Nastro (bianco)
Fascetta metallica
(in dotazione)
Tubo flessibile di
scarico
Pannello di materiale
isolante grande
(in dotazione)
4mm
Attenzione
Se durante l'installazione l'unità viene orientata con un'angolazione opposta a quella del tubo di
scarico si potranno verificare delle perdite.
Isolare la fascetta e il tubo flessibile di scarico avvolgendoli con l'apposito materiale isolante in dotazione.
Isolare il tubo flessibile di scarico dell'edificio.
Tenendo conto della destra, isolare sia la fascetta che il tubo di scarico con il materiale isolante grande in
dotazione. Se non è possibile inclinare a sufficienza il tubo flessibile di scarico, installare dei montanti per il
sollevamento della condensa.
Assicurarsi che il tubo di scarico sia installato con una pendenza verso il basso di 1/100 o maggiore. Per farlo,
montare le staffe di supporto ad un intervallo di 1-1,5 m.
(Misure da adottare per l'installazione delle tubazioni di sollevamento della condensa).
Assicurarsi che il tubo di sollevamento condensa abbia un'altezza massima di 330 mm.
Installare il tubo di sollevamento condensa orizzontalmente ed assicurarsi che non sporga per più di 300 mm dalla
base dell'attacco di scarico.
Soletta del
soffitto
300
1-1,5 m
Staffa di supporto
Regolabile (330)
Fascetta metallica (fornita)
170
Montante
500
Tubo di sollevamento
condensa
Tubo flessibile di scarico (fornito)
100mm
Utilizzare lo schema seguente per l'installazione di un tubo comune di scarico.
Se si fanno convergere più linee di scarico, installare le tubazioni secondo la procedura di seguito illustrata.
Tubi di scarico collegati con giunto a T
Assicurarsi che i tubi di scarico che desiderate far convergere in un'unica linea abbiano un diametro adatto alla
potenza operativa dell’unità.
2 Dopo aver terminato la sistemazione delle tubazioni, assicurarsi che il
drenaggio avvenga correttamente. Aprire il portello di ispezione,
aggiungere gradualmente circa 1.000 cc d’acqua nella vaschetta di
raccolta condensa e controllare che il drenaggio avvenga
correttamente.
Apertura di ispezione
Pompa portatile
Secchio
Nota:
Informazioni generali
Foro di scarico per
manutenzione (con tappo in
gomma)
Utilizzare il foro di scarico per drenare l'acqua dalla vaschetta di raccolta condensa.
45
SiT39-303
Installazione
AL TERMINE DEI LAVORI DI COLLEGAMENTO ELETTRICO
• Controllare il flusso di scarico durante il funzionamento in RAFFREDDAMENTO, per maggiori informazioni
consultare il paragrafo "PROVA DI FUNZIONAMENTO".
DURANTE I LAVORI DI COLLEGAMENTO ELETTRICO
Rimuovere il coperchio del quadro elettrico e collegare l’alimentazione ed il telecomando ai morsetti.
(Fare riferimento ai manuali d'installazione)
Quindi, premere il pulsante test/ispezione funzionamento “
“sul telecomando. L’unità avvierà la modalità di prova del
funzionamento.
Premere il selettore modalità di funzionamento “
” fino a selezionare la modalità ventilazione ” “.
Quindi, premere il pulsante di
ACCENSIONE/SPEGNIMENTO “
”. Si avviano il ventilatore e la pompa di drenaggio dell’unità interna. Controllare che l’acqua
venga scaricata dall’unità.
Premere “
” per tornare alla modalità iniziale.
Alimentatore
1-220-240V
Scheda elettronica
Morsetto
alimentazione
Cavo in rame
Coperchio del quadro elettrico
Attenzione
46
Collegamenti della linea di scarico
Non collegare il circuito di scarico direttamente alle fognature se queste ultime diffondono odori
di ammoniaca. L'ammoniaca proveniente dalle fognature potrebbe penetrare nell'unità interna
attraverso il tubo di scarico e corrodere lo scambiatore di calore.
Informazioni generali
SiT39-303
Unità per
montaggio in
controsoffitto
(FXSQ-M)
Installazione
Tubazione di scarico
Fissare il tubo di scarico come mostrato nella figura sottostante e prendere le opportune
misure per eliminare la condensa. I tubi non fissati correttamente possono provocare
perdite e bagnare i mobili e le altre proprietà personali.
(1) Fissaggio linea di scarico
• Il diametro della tubazione di scarico deve essere pari o superiore al diametro
della tubazione di collegamento (tubo in vinile; dimensioni tubo: 25 mm;
dimensione esterna: 32 mm).
• La tubazione di scarico dovrà essere corta e avere una pendenza verso il basso di
almeno 1/100 per evitare la formazione di bolle d'aria.
• Se non è possibile inclinare a sufficienza il tubo flessibile di scarico, installare
dei montanti per il sollevamento della condensa.
• Evitare l'avvallamento del tubo, disponendo i cavi di sostegno ad una distanza
di 1 - 1,5 m.
Errato
Attenzione
Corretto
Se durante l'installazione l'unità viene orientata con un'angolazione opposta a
quella del tubo di scarico si potranno verificare delle perdite.
• Utilizzare il tubo flessibile di scarico con la fascetta metallica in dotazione.
Stringere saldamente la fascetta. Inserire il flessibile di scarico nell'apposito
attacco, fino al nastro bianco. Stringere la fascetta fino a che la testa della
vite non venga a trovarsi a meno di 4 mm dal tubo flessibile stesso.
• Isolare la fascetta e il tubo flessibile di scarico avvolgendoli con l'apposito
materiale isolante in dotazione.
• Isolare il tubo flessibile di scarico dell'edificio.
Fascetta metallica Pannello di materiale
(in dotazione)
isolante grande
(in dotazione)
Fascetta metallica
Nastro (bianco)
Tubo flessibile
di scarico
≤ 4mm
¢PRECAUZIONI PER IL CIRCUITO DI SOLLEVAMENTO CONDENSA²
¢INSTALLAZIONE DELLE TUBAZIONI²
(1) Collegare il tubo flessibile di scarico alle tubazioni e isolare le stesse.
(2) Collegare il tubo flessibile di scarico all'uscita di scarico dell'unità interna
e serrare utilizzando la fascetta.
(3) Isolare sia la fascetta metallica sia il tubo flessibile di scarico con il pannello
grande di materiale isolante in dotazione.
Soletta del soffitto
1 – 1,5m
A
Regolabile da 0 a
250 mm
Fascetta (fornita con l’unità)
Tubo flessibile di scarico
(fornito con l’unità)
Informazioni generali
A
Barra di sospensione
Almeno
300
Tubo di sollevamento condensa
In caso di installazione
del canale in tela
350 – 530
In caso di installazione
diretta del pannello
presa d'aria
275
Non compreso nella
fornitura
47
SiT39-303
Installazione
≥ 100mm
• Se si fanno convergere più linee di scarico, installare le tubazioni secondo la
procedura di seguito illustrata.
Tubi di scarico collegati con giunto a T
3P086156-3A-9
Assicurarsi che i tubi di scarico che desiderate far convergere in un'unica linea
abbiano un diametro adatto alla potenza operativa dell'unità.
(2) Dopo aver terminato la posa delle tubazioni, assicurarsi che lo scarico
avvenga correttamente.
• Aprire il coperchio dell'ingresso acqua, aggiungere gradualmente circa
1000 cc d'acqua e controllare il flusso di scarico.
Ingresso acqua
Pompa portatile
Coperchio ingresso a
Tubazioni del
refrigerante
Uscita scarico per
manutenzione
(tappo in gomma fornito)
Chiuso
Aperto
Secchio
Aggiungere acqua dal foro di ispezione
Nota: Utilizzare per drenare l’acqua dalla vaschetta di raccolta c
[AL TERMINE DEI LAVORI DI COLLEGAMENTO ELETTRICO]
•
Controllare il flusso del drenaggio durante il funzionamento in RAFFREDDAMENTO, per maggiori informazioni
consultare il paragrafo "PROVA DI FUNZIONAMENTO".
Morsettiera
[DURANTE I LAVORI DI COLLEGAMENTO ELETTRICO]
Rimuovere il coperchio del quadro elettrico e collegare l’alimentazione ed il
telecomando ai morsetti.
(Fare riferimento al manuale d'installazione)
Quindi, premere il pulsante test/ispezione funzionamento “ TEST “
sul telecomando. L’unità avvierà la modalità di prova del funzionamento.
Scheda
elettronica
unità interna
L N
X Y
L N
Premere il selettore modalità di funzionamento “
” fino a selezionare la
modalità ventilazione.
Quadro elettrico
Quindi, premere il pulsante di ACCENSIONE/
Alimentazione
SPEGNIMENTO “ ”. Si avviano il ventilatore e la pompa di drenaggio
monofase 220V - 240V.
dell’unità interna. Controllare che l’acqua venga scaricata dall’unità.
Premere “ TEST ” per tornare alla modalità iniziale.
Controllare se lo scarico è soddisfacente rimuovendo il coperchio di accesso e controllando il livello dell’acqua della
vaschetta di raccolta condensa dall'apertura.
Operare con cautela; ventilatore in funzione.
3P086156-3A-10
48
Informazioni generali
SiT39-303
Installazione
<<Fissare il tubo di scarico come mostrato nella figura sottostante e prendere le
opportune misure per eliminare la condensa. I tubi non fissati correttamente possono
provocare perdite e bagnare i mobili e le altre proprietà personali. >>
<<Isolare il tubo flessibile di scarico nell'edificio>>
(1) Installare i tubi di scarico.
FXMQ40-125M
(In dotazione)
Tubo flessibile di scarico (fornito)
Parte inferiore dell'unità
5 cm o
più
• Mantenere la lunghezza delle tubazioni al minimo, ed
inclinarle verso il basso per evitare che l'aria rimanga
intrappolata all'interno del tubo.
• Le dimensioni delle tubazioni devono essere uguali o
maggiori di quelle dei tubi di connessione (tubo in vinile da
25 mm di diametro nominale e 32 mm di diametro esterno).
• Utilizzare il tubo flessibile di scarico e la fascetta in dotazione.
Stringere saldamente la fascetta.
• Isolare la fascetta metallica con il materiale di tenuta in
Fascetta metallica
dotazione.
Pannello di materiale
isolante grande
(In dotazione)
5 cm o
più
Unità per
montaggio
a soffitto
canalizzabile
(FXMQ-M)
Fascetta metallica
4mm max
Tubo flessibile di
scarico
Tubo flessibile di
scarico
100mm o
più
• Durante il funzionamento si forma all'interno dell'unità
una pressione negativa rispetto a quella atmosferica. È
pertanto opportuno installare un sifone sul foro di
scarico (vedere la figura).
• Per impedire l'accumulo di corpi estranei nelle tubazioni,
evitare per quanto possibile l'installazione di curve e
disporre le tubazioni in modo da poter pulire i sifoni.
Nota:
Per l'installazione di tubazioni di scarico centralizzate, fare riferimento alla figura a destra.
(Installare un sifone di scarico per ciascuna unità interna).
FXMQ200-250M
• Non è necessario installare un tubo di scarico.
• Il diametro delle tubazioni è lo stesso del raccordo (PS1B), e deve essere mantenuto uguale, o superiore.
(2) Una volta terminato l'impianto idraulico, assicurarsi che l'acqua venga scaricata correttamente.
3P080156-2-8
Informazioni generali
49
SiT39-303
Installazione
Tipo pensile a
soffitto (FXHQ-M)
Fissare il tubo di scarico come mostrato nella figura sottostante e prendere le opportune misure per eliminare la
condensa. I tubi non fissati correttamente possono provocare perdite e bagnare i mobili e le altre proprietà personali.
(1) Fissare la tubazione di scarico
Fissare le tubazioni di scarico in modo che svolgano il lavoro di scarico in maniera affidabile.
Scegliere la direzione della bocca di uscita del tubo di scarico tra posteriore destra, destra, posteriore sinistra e
sinistra. Consultare “Installazione della linea frigorifera" se si intende scegliere la direzione posteriore destra o
destra oppure la Fig.20 per le posizioni posteriore sinistra e sinistra.
Elemento estraibile
posteriore (piastra in
metallo)
Linea di scarico posteriore (orientamento verso
sinistra)
Elemento estraibile pannello
esterno sinistro
Linea di scarico sinistra
Fig. 20
Per utilizzare la bocca di uscita del tubo di scarico a sinistra, rimuovere il tappo di gomma e l’isolante sul tubo di
scarico; collegare l’apertura sul lato sinistro dell’unità e cambiare la posizione al lato destro.
3PN01417-5K-1C
Inserire il fermo di gomma a fondo per evitare perdite d'acqua.
Il diametro della tubazione di scarico deve essere pari o superiore al diametro della tubazione di collegamento. (Tubo di vinile;
dimensione tubo 20 mm, dimensione esterna 26 mm)
La tubazione di scarico dovrà essere corta e avere una pendenza verso il basso di almeno 1/100 per evitare la formazione di
bolle d'aria. (Vedere Fig. 21)
Utilizzare il tubo flessibile di scarico (1) e la fascetta in dotazione (2).
Inserire il tubo flessibile di scarico nell'apposito attacco, fino al nastro grigio, come da Fig.22.
Stringere la fascetta fino a che la testa della vite non venga a trovarsi a meno di 4 mm dal tubo flessibile stesso. (Vedere Fig. 23)
(Seguire attentamente le istruzioni di installazione. Fare in modo che la fascetta metallica non venga in contatto con la griglia di
aspirazione.)
Isolare la fascetta e il tubo flessibile di scarico avvolgendoli con l'apposito materiale isolante in dotazione (8). (Vedere Fig. 23)
Non piegare il tubo di scarico all'interno dell'unità interna. (Vedere Fig. 24)
(Un tubo allentato potrebbe danneggiare la griglia di aspirazione.)
(Se il tubo è collegato)
Corretto
Inclinare verso
il basso
Errato
Fascetta metallica (2) (fornita)
Non sollevare Assicurarsi che
non sia lasco
Zona su cui
Tubo flessibile
applicare il
di scarico (1)
Assicurarsi che non
(fornito)
sia immerso in acqua nastro isolante
Fig. 22
(in grigio)
Fig. 21
Fascetta metallica
(2) (fornita)
Materiale di tenuta (8)
(fornito)
≤4
Errato
Fascetta metallica
(2) (fornita)
≤4
Materiale
di tenuta
(8) (fornito)
(Lunghezza: mm)
Fig. 24
< In posizione posteriore destra o a destra > < In posizione posteriore sinistra o a sinistra >
Fig. 23
50
Informazioni generali
SiT39-303
Installazione
(2) Assicurarsi del buon funzionamento dello scarico dopo aver installato le tubazioni.
Versare 600 cc d'acqua nella vaschetta di raccolta condensa dall'uscita dell'aria per assicurarsi del
funzionamento dello scarico. (Vedere Fig. 25)
Uscita aria
Pompa utilizzata per stufe a
cherosene.
Secchio
3PN01417-5K-11
Fig. 25
Attenzione
Unità a parete
(FXAQ-M)
Collegamenti della linea di scarico
Non collegare il circuito di scarico direttamente alle fognature se queste ultime diffondono odori
di ammoniaca. L'ammoniaca proveniente dalle fognature potrebbe penetrare nell'unità interna
attraverso il tubo di scarico e corrodere lo scambiatore di calore.
(1) Installare le tubazioni di scarico. (Vedere Fig. 16)
La tubazione di scarico dovrà essere breve e con una pendenza verso il basso. Si dovrà inoltre impedire
la formazione di bolle d'aria.
Fare attenzione ai punti in figura 16 durante l’installazione delle tubazioni di scarico.
Tubo flessibile
di scarico
Assicurarsi che il tubo di
scarico abbia una
pendenza verso il basso.
Assicurarsi che la parte
terminale non venga a
trovarsi sott’acqua anche
quando viene aggiunta
acqua.
Tubo flessibile
di scarico
(Pendenza
verso il basso)
Fig. 16
Per aumentare la lunghezza della tubazione di scarico, utilizzare prolunghe flessibili di tipo commerciale e isolare la sezione della prolunga che viene a trovarsi all'interno del locale. (Vedere Fig. 17)
Prolunga del tubo di
scarico(non inclusa
nella fornitura)
Guaina isolante
(non inclusa nella
fornitura)
Tubo flessibile di scarico unità interna
Nastro isolante (accessorio) (4)
Fig. 17
Assicurarsi che il diametro della prolunga sia uguale o maggiore a quello della tubazione
(PVC rigido, diametro nominale 13mm).
Nel caso in cui il giunto del tubo in PVC (diametro nominale 13mm) sia collegato direttamente al tubo
di scarico della sezione interna, (es. per tubi incassati, ecc.) utilizzare un giunto in PVC di tipo
commerciale (diametro nominale 13 mm). (Vedere Fig. 18)
Tubo flessibile di
scarico collegato alla
sezione interna.
Giunti di tubo in PVC di tipo
commerciale (diametro
nominale 13mm)
Tubo in PVC di tipo
commerciale (diametro
nominale 13mm)
(2) Assicurarsi che lo scarico funzioni
Contenitore in
correttamente.
• Al termine dell'installazione delle tubazioni di plastica
scarico eseguire un controllo; aprire il pannello
frontale, rimuovere il filtro aria, versare una
piccola quantità d’acqua nella vaschetta di
raccolta condensa e assicurarsi che l’acqua
esca senza problemi dal tubo di scarico.
(Vedere Fig. 19)
Fig. 19
Informazioni generali
Fig. 18
Vaschetta di
raccolta condensa
Non spruzzare l’acqua
51
SiT39-303
Installazione
Unità a
pavimento/Unità
a pavimento a
incasso Tipo
(FXLQ-M,
FXNQ-M)
<<Fissare il tubo di scarico come mostrato nella figura sottostante
e prendere le opportune misure per eliminare la condensa. I tubi
non fissati correttamente possono provocare perdite e bagnare i
mobili e le altre proprietà personali. >>
Collegare il tubo di scarico a utilizzando il tubo flessibile e gli altri
componenti forniti, come indicato nel disegno a destra.
Dopo aver terminato la sistemazione delle tubazioni, assicurarsi che
il drenaggio avvenga correttamente.
Isolare tutti i tubi interni.
Vaschetta di raccolta condensa
Fascetta metallica (fornita con l'unità)
Tubo flessibile di scarico (fornito con l’unità)
Almeno 50
Tubo di scarico 3/4 B
Tagliare nella lunghezza necessaria
3.2.10 Collegamenti elettrici
Cablaggio di
comando
1. Tipi di cavo compatibile
Specifiche dei collegamenti elettrici
Nota:
Tipo di
collegamento
Cavo Schermato (2 conduttori)
(Vedi Nota 1, 2)
Dimensione
0,75~1,25 mm²
1. È possibile usare cavi schermati per le trasmissioni, tuttavia i cavi schermati non sono conformi alla
direttiva EN55014 (Interferenze elettromagnetiche). Se si utilizzano cavi schermati, le interferenze
elettromagnetiche devono essere conformi agli standard giapponesi previsti dalla normativa sulle
apparecchiature elettriche. (Se si utilizza un cavo schermato, non tenere conto della messa a terra
illustrata nella figura a sinistra.)
2. Utilizzare cavo schermato per le unità interne modello FXYAP.
2. Problemi derivanti dall'utilizzo di cavo non adatto.
a) In caso di utilizzo di cavo minore di 0,75 mm²
Se il cablaggio di comando è particolarmente lungo i segnali trasmessi potrebbero, ad esempio, diventare
instabili e i relé della morsettiera cessare il funzionamento. (Tensione ridotta) Il sistema di controllo
potrebbe diventare soggetto a interferenze.
b) In caso di utilizzo di cavo maggiore di 1,25 mm²
Collegando elettricamente le unità interne, la morsettiera non potrà accogliere due cavi allo stesso
tempo, se gli stessi hanno una dimensione maggiore di 1,25 mm2.
c) In caso di utilizzo di cavo multipolare
Maggiore il gioco tra i cavi, maggiormente l'onda trasmessa sarà distorta e la trasmissione instabile.
52
Informazioni generali
SiT39-303
Installazione
d) In caso di utilizzo di un telecomando con selettore a tre vie per raffreddamento, riscaldamento e ventilazione,
utilizzare un cavo bipolare se non è richiesta la modalità di ventilazione oppure un cavo tripolare se la
selezione a tre vie è necessaria.
e) Essendoci un grosso rischio di scambiare i fili di alta tensione (da 220 a 240 V) e i fili di bassa tensione
nel caso ad esempio di una scheda elettronica per il telecomando, non utilizzare cavi multipolari.
(Qui hanno importanza le norme per i collegamenti elettrici interni e la forza dielettrica dei cavi.)
[Esempio di metodo errato]
[Esempio di metodo corretto]
Scheda
elettronica per
telecomando
Scheda
elettronica per
telecomando
Avvio/arresto
Avvio/arresto
(cavo a 6 poli)
f) Altri elementi importanti
1. I cavi di collegamenti del circuito frigorifero e i cavi di collegamento interno/esterno devono
corrispondere esattamente.
2. In caso i cavi di controllo e i cavi di alimentazione fossero posati fianco a fianco, lasciare uno spazio
appropriato tra i due. (Vedere "Separazione dei cavi di controllo dai cavi di alimentazione" a pag. 54).
Alimentazione
(Cablaggio di
alimentazione)
1. Scelta dell'interruttore automatico
L'impianto di alimentazione deve essere conforme ai regolamenti locali. In Giappone tali regolamenti sono
rappresentati dall'ordinanza MITI che dermina gli standard tecnici per gli impianti elettrici e le Norme di
Cablatura Interna.
a) Interruttori automatici dell'unità interna
„ In conformità alle norme per i cablaggi interni (JEAC8001-1986), è possibile fornire l'alimentazione
tramite linee incrociate tra le unità interne con un circuito derivato da impianto singolo.
Circuito derivato (Norme circuiti interni 305-2)
I motori devono avere un circuito derivato dedicato
per ciascuna unità. Tuttavia, in una delle seguenti
situazioni, tale limitazione non sussiste.
1 Se utilizzato in un circuito derivato da 15A
oppure in un circuito derivato da 20A con
interruttore automatico.
Nota: La capacità nominale complessiva dei motori
di un circuito derivato da 15A o di un circuito
derivato da 20A con interruttore automatico non
deve superare i 2,2 kW.
Esempio di circuito di derivazione 15A o di circuito
di derivazione con interruttore automatico da 20A
S
Commutatore a due vie di derivazione
Interruttore automatico di sovracorrente di
derivazione (Corrente nominale: max. 15A. In
caso di interruttore automatico: 20A max)
S Interruttore
manuale
S Interruttore
manuale
M
M
Utilizzando unità interne ad alta prevalenza i motori dei ventilatori devono essere di grande capacità.
Pertanto è necessario un circuito derivato monofase 220~240V per ciascuna unità interna.
Esempio: Possono essere collegate insieme fino a 10 unità interne da 2,5 HP o 5 unità interne da 5 HP.
b) Interruttore automatico unità esterna
„ Fornire un interruttore automatico separato per ciascuna unità esterna.
„ I motori integrati nei compressori degli impianti di condizionamento sono considerati motori speciali nelle
norme relative al collegamento elettrico interno. I valori che si applicano ai motori standard sono perciò
delle variazioni di quelli applicati ai motori di tali compressori. Si consiglia di conformarsi strettamente alle
procedure illustrate nei materiali tecnici inclusi, ad esempio, nei manuali di progettazione dell'impianto.
Calcolo del carico (Consultare i regolamenti locali)
Ai fini del calcolo del carico sulla targhetta dei motori per applicazioni speciali come ad esempio ascensori,
condizionatori e refrigeratori, oltre alla corrente nominale, dovranno essere riportate tutte le caratteristiche
o applicazioni speciali.
Informazioni generali
53
SiT39-303
Installazione
Nota:
La corrente nominale per condizionatori monoblocco che utilizzano motori integrati speciali per compressori è
1,2 volte la corrente di funzionamento riportata sulla targhetta.
2. Dimensioni cavo
Lo spessore dei cavi dei circuiti (derivazioni) che forniscono alimentazione a ciascun dispositivo devono
soddisfare le seguenti condizioni:
1. Una tolleranza minima del 40 % della corrente nominale dell'interruttore automatico di sovracorrente
(interruttore automatico collegamenti elettrici ecc.)
2. Una tolleranza di almeno il 125 % della corrente nominale nel caso la corrente nominale del dispositivo
sia al massimo 50 A.
3. Una tolleranza di almeno il 110 % della corrente nominale nel caso la corrente nominale del dispositivo
sia più di 50 A.
4. Conformità alle norme sulle cadute di tensione.
3. Separazione dei cavi di controllo dai cavi di alimentazione
„ Se i cavi di controllo e i cavi di alimentazione corrono insieme è molto probabile l'insorgere di guasti
causati dall'interferenza dei segnali causati dall'accoppiamento elettrostatico ed elettromagnetico.
La tabella seguente indica la distanza consigliata da utilizzare per i cavi di controllo e di alimentazione nel
caso essi corressero insieme.
Portata del cavo di alimentazione
10A max
100V o più
Note:
Distanza (d)
300 mm
50A
500 mm
100A
1.000 mm
100A o più
1.500 mm
1. Le cifre si basano si una lunghezza stimata dei cavi paralleli fino a 100 m. Per distanze superiori ai 100 m le
cifre dovranno essere ricalcolate in maniera direttamente proporzionale alla lunghezza aggiuntiva del cavo.
2. Se la forma d'onda della tensione di alimentazione continua a mostrare distorsioni, aumentare la
distanza consigliata in tabella.
Se i cavi sono all'interno di canaline prendere in considerazione i seguenti elementi durante il raggruppamento
dei cavi da inserire nelle canaline stesse.
1. I cavi di alimentazione, inclusa l'alimentazione del condizionatore, e i cavi di controllo non devono essere
nella stessa canalina. (Predisporre una canalina per i cavi di controllo e una per i cavi di alimentazione.)
2. Non raggruppare i cavi di alimentazione insieme ai cavi di controllo.
„ Importante:
1. Messa a terra
[Unità interna]
Linea di terra
[Unità esterna]
Linea di terra
„ Le unità interne ed esterne sono state collegate alla terra?
∗ Se i dispositivi non sono stati adeguatamente messi a terra ci sarà sempre il rischio di scosse elettriche.
La messa a terra dei dispositivi deve essere eseguita da personale qualificato.
54
Informazioni generali
SiT39-303
Installazione
3.2.11 Installazione canalizzazioni (interno)
„ Procedura
Installare l’unità
interna
Prendere in
considerazione
rumorosità e
vibrazioni
Collegare le
canalizzazioni
Posizionare ingressi e
uscite
(V1040)
a) Utilizzare giunti in tela tra l'unità principale e le canalizzazioni di aspirazione e mandata aria. Tali raccordi
sono progettati per eliminare la rumorosità derivante dalla trasmissione delle vibrazioni e dal rumore di
funzionamento dall'unità principale alle canalizzazioni o al resto dell'edificio.
Viti di
sospensione
Canale in tela
Canale in tela
b) Tenere in considerazione la velocità del flusso d'aria nella scelta delle griglie di aspirazione e distribuzione
allo scopo di minimizzare la rumorosità dello stesso.
„
1.
2.
3.
4.
5.
Informazioni generali
Importante:
Isolare termicamente la canalizzazione di mandata dell'aria.
Fissare il canale in tela posto sul lato di ingresso su un telaio di metallo.
Posizionare le griglie di aspirazione e distribuzione tenendo in considerazione la possibilità di cortocircuito.
Controllare la pressione statica per assicurarsi che la portata d'aria rientri nei limiti stabiliti.
Il filtro aria deve essere staccabile agevolmente.
55
SiT39-303
Installazione
3.2.12 Scelta della posizione
La presente unità, sia interna sia esterna, è adatta per l'installazione in ambiente commerciale o nell'industria
leggera. L'installazione domestica causerebbe interferenze elettromagnetiche.
L'unità esterna VRV deve essere installata in una posizione con i seguenti requisiti:
1. Basamento abbastanza resistente da sopportare il peso dell'unità e pavimentazione piatta per evitare
vibrazioni e rumorosità.
2. Spazio sufficiente per la manutenzione e spazio minimo per l'ingresso e l'uscita dell'aria.
(consultare la figura seguente e scegliere una delle due possibilità)
< Se installato come unità singola >
≥10
1
≥10
(Configurazione 1)
≥500
≥10
≥300
≥20
1
≥10
≥20
1
≥50
≥50
≥500
≥500
1. Lato frontale
2. Nessun limite all’altezza delle pareti
3. Lato aspirazione
≥100
≥100 (Configurazione 2)
(Configurazione 2)
≥50
< Se installato in serie >
≥300
≥100
≥100
1
≥50
≥500
h2
(Configurazione 1)
≥10
2
(Configurazione 3)
≥300
≥400 1
≥200
1
h1
≥300
1
3
500
(Configurazione 3)
1500
2
≥400
3. Nessun rischio di incendio dovuto alla eventuale fuga di gas infiammabile.
4. Nessuna possibilità di danno all'ambiente dovuto all'eventuale uscita di acqua dall'unità, ad esempio
in caso di tubazione di scarico otturata.
5. La lunghezza delle tubazioni tra unità esterna e unità interna non deve superare la lunghezza consentita.
(Vedere "Esempio di collegamento")
6. Selezionare la posizione dell'unità in maniera tale che né l'aria scaricata né il rumore generato dall'unità
siano di disturbo ad alcuno.
7. Assicurarsi che l'ingresso e l'uscita dell'aria non siano posizionati verso la direzione principale del
vento. Il vento che soffia frontalmente disturba il funzionamento dell'unità. Se necessario utilizzare
uno schermo per bloccare il vento.
Attenzione
1. Un condizionatore d'aria con inverter potrebbe causare interferenze elettroniche dovute a radiodiffusione
in modulazione d'ampiezza. Scegliere la posizione di installazione del condizionatore principale e dei
collegamenti elettrici mantenendo la giusta distanza da impianti stereo, personal computer, ecc.
personal computer o
radio
telecomando
≥1000
≥1500
Interruttore di circuito,
interruttore automatico
di sovracorrente
≥1000
unità interna
00
0
≥1
selettore
raffr./risc.
Interruttore di circuito,
interruttore automatico
di sovracorrente
≥1500
≥1500
≥1500
(mm.)
Nel caso in cui l'onda elettrica della radiodiffusione in modulazione d'ampiezza fosse particolarmente debole,
tenere una distanza di almeno 3 metri e utilizzare canaline per le linee di trasmissione e alimentazione.
2. In zone soggette ad abbondanti nevicate, selezionare un sito di installazione nel quale la neve non
pregiudichi il funzionamento dell'unità.
3. Il refrigerante R410A non è tossico, non è infiammabile ed è sicuro. In caso di perdite, tuttavia, la
concentrazione dello stesso potrebbe superare il limite consentito dalle dimensioni dell'ambiente. In
questo caso sarà necessario provvedere a fermare la perdita. Consultare il capitolo "Precauzioni in
caso di perdite".
4. Non installare nei seguenti ambienti
•Ambienti come le cucine, la cui atmosfera contiene un'elevata quantità di olio minerale o vapore e nei
quali l'unità potrebbe essere raggiunta da schizzi d'olio.
Le parti in resina potrebbero degradarsi e causare perdite o la caduta dell'unità.
•Ambienti nella cui atmosfera siano presenti acidi solforosi o altri gas corrosivi.
I tubi di rame e i giunti brasati potrebbero corrodersi, causando perdite di refrigerante.
•Ambienti ove siano presenti apparecchiature che emettono onde elettromagnetiche.
Le onde elettromagnetiche potrebbero impedire il corretto funzionamento dell'impianto di controllo
e impedire il normale funzionamento.
•Ambienti dove potrebbero verificarsi fughe di gas infiammabili, ove si maneggiano diluenti, benzina
o altre sostanze volatili o la cui atmosfera contenga polveri di carbone e altre sostanze infiammabili.
La perdita di gas potrebbe accumularsi nei pressi dell'unità e causare un'esplosione.
56
Informazioni generali
SiT39-303
Spazio per
manutenzione
Installazione
È di estrema importanza lasciare uno spazio sufficiente alla manutenzione durante l'installazione per
consentire di effettuare la manutenzione ordinaria senza inconvenienti. É particolarmente importante
tenere in considerazione il lavoro da eseguire in caso di sostituzione del compressore. (La disposizione
delle tubazioni può alle volte causare grosse difficoltà in caso di sostituzione del compressore)
Ricordarsi di lasciare lo
spazio necessario alla
rimozione del compressore
Basamento
Informazioni generali
57
SiT39-303
Installazione
3.2.13 Ispezione e movimentazione dell'unità
Controllare l'imballo alla consegna e notificare immediatamente al vettore eventuali danni.
Durante la movimentazione dell'unità, tenere in considerazione che:
1.
La merce è fragile, quindi maneggiare con cura.
Tenere l'unità in posizione eretta per evitare danni al compressore.
2. Controllare preventivamente il percorso che l'unità dovrà seguire.
3. Qualora fosse utilizzato un elevatore a forca, inserire le forche dello stesso nelle grandi aperture
posizionate sul fondo dell'unità.
4. Sollevare l'unità utilizzando possibilmente una gru e 2 cinghie di almeno 8 metri.
5. Sollevando l'unità con una gru, utilizzare sempre elementi di protezione per evitare eventuali danni
provocati dalle cinghie e fare attenzione al baricentro dell'unità.
6. Dopo l'installazione, rimuovere le staffe di trasporto posizionati sulle grandi aperture.
7. Trasportare l'unità nel suo imballo originale il più vicino possibile alla posizione d'installazione finale per
evitare danni durante il trasporto.
Tipo RXYQ5.8.10
Tipo RXYQ5
1
Tipo RXYQ12.14.16
4
4
4
6
3
4
6
3
2
Tipo RXYQ12.14.16
<7>
Tipo RXYQ8.10
4
8
1
6
1
5
2
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.
58
3
Materiali di imballaggio
Elevatore a forca
Apertura (grande)
Imbragatura
Apertura (Piccola) (40×30)
Piastra protettiva
Rimozione delle staffe di trasporto
Staffa di trasporto (svitare le viti).
Informazioni generali
SiT39-303
Installazione
3.2.14 Installazione unità esterna
„ Procedura
Preparare il basamento
Installare l’unità esterna
(V1150)
Tipo di bullone di ancoraggio: JA
Dimensione M12
Sono necessari quattro bulloni
Dado
Rondella elastica
Telaio
80
00
1
80
X
100
X
75
80
729
929
60°
3 creste dei filetti
Canale di drenaggio
(leggera pendenza di circa 1/50)
Metodo di fissaggio dei bulloni di ancoraggio
A
Solco a Y
Escluso i modelli da
5HP
B
Y
scanalatura
Se il basamento viene
costruito su
pavimentazione in
100
cemento
50
50
50
Se il basamento viene
costruito sul terreno
Y
scanalatura
160
Pavimento
160
Modello
X X sezione trasversale
A
Installazione di unità multiple in collegamento
8 · 10HP
RXYQ8 · 10MY1B
REYQ8 · 10MY1B
12 · 14 · 16HP
RXYQ12 · 14 · 16MY1B
REYQ12 · 14 · 16MY1B
A
B
792
992
1102
1302
3D040102A
Note:
1. Le proporzioni di cemento, sabbia, ghiaia da utilizzare per i lavori di edilizia devono essere di 1:2:4.
È inoltre necessario prevedere la posa di 10 ferri d'armatura con un diametro di 10 mm ad intervalli
di circa 300 mm.
2. Occorre intonacare la superficie con malta e modellare gli spigoli.
3. Se il basamento è realizzato su di una pavimentazione in calcestruzzo, non è necessario
l'uso di breccia. Tuttavia, la superficie della zona sulla quale viene costruito il basamento,
dovrà avere una finitura grezza.
4. Attorno al basamento occorre realizzare una canalizzazione di scolo per drenare completamente
l'acqua dall'area dell'installazione.
5. Quando si installa l'unità su di un tetto, è necessario verificare la resistenza del pavimento e
l'impermeabilizzazione delle superfici.
6. Per i modelli 5HP non sono necessarie le scanalature a Y.
„ Bullone di ancoraggio
Informazioni generali
792
(Distanza tra i fori dei
bulloni di ancoraggio)
RXYQ12~16MY1B
4- ø fori ø15-mm
(foro del bullone di ancoraggio)
1102
(Distanza tra i fori dei bulloni di ancoraggio)
4- ø fori ø15-mm
(foro del bullone
di ancoraggio)
722~737
(Distanza tra i fori dei
bulloni di ancoraggio)
4- ø fori ø15-mm
(foro del bullone di ancoraggio)
722~737
(Distanza tra i fori dei bulloni di
ancoraggio)
497
(Distanza tra i fori dei
bulloni di ancoraggio)
RXYQ8, 10MY1B
722~737
(Distanza tra i fori dei bulloni di
ancoraggio)
RXYQ5MY1B
59
SiT39-303
Installazione
„ Precauzioni di installazione
1. Eseguire i lavori di installazione controllando la resistenza del basamento e il livellamento per evitare
vibrazioni e rumore.
Fissare saldamente l'unità con i bulloni di ancoraggio. (Preparare quattro gruppi di bulloni di ancoraggio
M12 con le apposite rondelle e dadi.)
La lunghezza adatta dei bulloni di ancoraggio dalla superficie del basamento è 20 mm.
Installare l'unità saldamente contro eventuali terremoti, tifoni, cicloni, uragani o venti forti. L'unità potrebbe
rovesciarsi o causare danni se predisposta in maniera non adeguata.
Rimozione
dell'imballaggio e
posizionamento
dell'unità
„ Assicurarsi che l'unità sia posizionata orizzontalmente su un basamento resistente a sufficienza per
evitare vibrazioni e rumorosità.
„ Fissare l'unità alla propria base utilizzando i bulloni di ancoraggio. (Utilizzare quattro bulloni disponibili
in commercio tipo M12 con dado e rondella.)
„ Inserire i bulloni di ancoraggio per una profondità di 20 mm.
„ Verificare che la base su cui poggia l'unità sporga per almeno 765 mm nella parte posteriore dell'unità.
„ L'altezza della base deve essere di almeno 150 mm dal pavimento.
„ L'unità deve essere installata su di un solido basamento longitudinale (intelaiatura in acciaio o
calcestruzzo) come illustrato nella figura sottostante.
20
Attenzione
A
B
765
722-737
80 80
1
2
3
1.
2.
3.
Punto bullone di ancoraggio (φ15 diam.: 4 posizioni)
Profondità
Forma della colonna di supporto dell'unità e posizioni dei bulloni di ancoraggio
Modello
Tipo Q5
A
B
635
497
Tipo Q8 · 10
930
792
Tipo Q12 · 14 · 16
1240
1102
Non utilizzare supporti negli angoli.
Non utilizzare
supporti
negli angoli.
Attenzione
1. Preparare un canale di drenaggio intorno al basamento per lo scarico dell'acqua intorno all'unità.
2. Qualora l'unità dovesse essere installata su un tetto, controllare la resistenza dello stesso e le
infrastrutture di scarico disponibili.
3. Qualora l'unità dovesse essere installata su telaio, installare il pannello impermeabile alla distanza massima
di 150 mm dalla parte inferiore dell'unità per prevenire infiltrazioni d'acqua proveniente dal basso.
[Precauzione]
„ Nel caso di installazione sul tetto, verificare la resistenza dello stesso e impermeabilizzare tutte le
parti installate.
„ Verificare che la zona attorno all'unità scarichi in maniera corretta predisponendo la canalizzazione
di scarico intorno al basamento.
(Dall'unità esterna, durante il funzionamento, potrebbe uscire acqua di scarico.)
„ Sigillare tutte le fessure in corrispondenza dei fori praticati per il passaggio delle tubazioni e dei cavi elettrici
utilizzando materiale sigillante (non fornito). (Animali di piccola taglia potrebbero entrare nell'unità.)
60
Informazioni generali
SiT39-303
Installazione
Es.: tubazioni passanti attraverso la parte frontale
1. Otturare le zone contrassegnate con
(Se i tubi sono instradati nel pannello frontale.)
2. Tubazione lato gas
3. Tubazione lato liquido
1
3
2
Attenzione
Etichetta di avvertimento
Per l’installatore
Fare scivolare il pannello frontale verso il basso
premendo con le mani.
(Il pannello si arresterà al fermo.)
Tirare la carrozzeria in avanti con le mani e fare
scivolare il pannello verso il basso.
Rimozione del pannello frontale
Rimuovere le viti.
Per tipo 8 e 10
Per tipo 5 e da 12 a 16
Assemblaggio del pannello frontale
Assemblare il pannello frontale lasciando un po' di gioco sulla parte superiore e
agganciare il pannello al fermo.
Stringere le viti.
Sollevare il pannello e determinare la posizione dei fori.
Per tipo 8 e 10
Per tipo 5 e da 12 a 16
Rimozione del fissaggio per trasporto
Dopo l’installazione dell’unità,
rimuovere il fissaggio per il
trasporto montato sull’apertura
grande.
Fissaggio per trasporto
Rimuovere le viti
3P115922A
Installare il coperchio del quadro elettrico con molta attenzione.
<Sezione trasversale del quadro elettrico, lato sinistro>
• Disporre il materiale sigillante
come indicato in figura
(Consultare la figura a destra)
• Con i tipo 8, 10,
morsettiera
alimentazione
COPERCHIO
QUADRO
ELETTRICO
installare un coperchio
Il materiale
sigillante potrebbe
avvicinarsi alla
morsettiera
dell’alimentazione.
prima dell’installazione di una
scheda (fondo).
(Il materiale sigillante potrebbe
alimentazione
Materiali
sigillanti
avvicinarsi)
4P115178A
Informazioni generali
61
SiT39-303
Prova di funzionamento
4. Prova di funzionamento
4.1
Schema e procedura
Per effettuare la prova iniziale dopo l'installazione, procedere come descritto di seguito.
4.1.1 Controllare il lavoro svolto prima di applicare tensione
Controllare le voci sottostanti.
2Collegamenti di alimentazione
2Cablaggio trasmissione di
controllo tra le unità
2Cavo di terra
Controllo circuito frigorifero
Controllo quantità di carica di
refrigerante
Il cablaggio è stato eseguito secondo le istruzioni fornite?
Sono stati utilizzati i cavi previsti?
L'impianto di terra è stato completato?
Utilizzare un tester 500V Megger per misurare l'isolamento.
2 Non usare un tester Megger per circuiti diversi da quelli a 200V
(oppure 240v).
Le viti di fermo dei cavi non sono allentate?
La dimensione dei tubi è corretta? (La pressione di progetto di questo
prodotto è pari a 3,8MPa.)
I materiali di isolamento dei tubi sono stati installati correttamente?
Le linee del liquido e del gas devono essere isolate. (In caso contrario
si avranno perdite di acqua).
Le rispettive valvole di intercettazione sulla linea del liquido, del gas ed
equalizzazione olio sono aperte in modo sicuro?
La quantità di refrigerante caricato è corretta?
Se la carica è insufficiente, rabboccare con refrigerante dall'attacco di
servizio della valvola di intercettazione sulla linea liquido mentre l'unità
esterna non è funzionante, dopo aver applicato tensione.
La quantità di carica è stata registrata sulla "Tabella di registrazione
della quantità di carica aggiuntiva”?
(V3055)
4.1.2 Applicare tensione
Applicare tensione all'unità esterna.
Assicurarsi di accendere l'unità 6 ore prima dell'avvio per
proteggere i compressori. (per alimentare il riscaldatore del carter)
Eseguire le impostazioni locali
sulla scheda dell'unità esterna
Consultare “Impostazioni locali” a pag. 95 e seguenti per
informazioni sulle impostazioni locali.
Dopo aver terminato le impostazioni locali, impostare su
“Modalità di impostazione 1”
Applicare tensione all'unità interna.
62
(V3056)
Informazioni generali
SiT39-303
Prova di funzionamento
4.1.3 Controllo del funzionamento
* Durante il controllo del funzionamento, installare il pannello frontale per valutare correttamente
l'installazione.
* Per poter utilizzare normalmente l'unità, è obbligatorio controllare il funzionamento.
(Se non viene eseguita alcuna verifica, verrà visualizzato il codice di allarme "U3").
Tenere premuto il pulsante
PROVA FUNZIONAMENTO
(BS4) sulla scheda dell'unità
esterna per 5 secondi.
⎧
⎪
⎪
⎪
⎪
⎪
⎪
⎪
⎩
Sarà automaticamente avviata la prova di funzionamento.
Entro 15 minuti saranno eseguiti le seguenti valutazioni.
2“Verifica correttezza dei collegamenti elettrici”
2“Controllo carica eccessiva di refrigerante”
2“Verifica valvola di intercettazione non aperta”
2“Valutazione automatica lunghezza tubazioni”
Le seguenti indicazioni vengono eseguite mentre è in corso la prova di funzionamento.
2Il LED sulla scheda elettronica dell'unità esterna
H2P lampeggia (prova di
funzionamento)
2Telecomando
Indicazione “Controllo centralizzato ON” in alto a destra.
Indicazione “Prova di funzionamento” in basso a sinistra
⎫
⎪
⎪
⎪
⎪
⎪
⎪
⎪
⎭
(V3057)
Controllo del funzionamento
Al termine della prova di funzionamento, i LED sulla scheda elettronica dell'unità esterna
visualizzeranno quanto segue:
H3P acceso: Funzionamento normale
H2P e H3P accesi: Prova terminata in modo anormale → Controllare il messaggio sul
telecomando dell'unità esterna
indicante l'anomalia ed eliminare
il problema.
In caso di impianto con unità esterna in configurazione multi, eseguire le impostazioni sulla
scheda elettronica dell'unità master. (L'impostazione tramite unità slave è disabilitata.)
[Display a LED in caso di impianto con unità esterna in configurazione multi] (Uguale a
quello del funzionamento di emergenza)
* Verificare lo stato di funzionamento delle unità master/slave tramite il seguente display a LED.
Display a LED (7:ON 7:OFF 9:lampeggiante)
H1P---H7P H8P
Master: 7777777 7
Slave 1: 7777777 9
Slave 2: 7777777 7
(Impostazione di fabbrica)
Codice di errore
Se il display del telecomando visualizza un codice di allarme:
Problema causato da
un'installazione non corretta
Chiusura valvola di intercettazione
unità esterna
Inversione di fase nel collegamento
alimentazione unità esterna
Mancanza di alimentazione all'unità
interna o esterna. (Inclusa fase aperta)
Collegamenti elettrici tra unità non
corretti
Quantità eccessiva di refrigerante
Quantità di refrigerante insufficiente
Informazioni generali
Codice
allarme
E3
E4
F3
UF
U1
U4
UF
E3
F6
UF
E4
F3
Contromisure
Modelli da RXYQ5 a 16M (Installazione esterna singola)
Valvola intercettaz. lato liquido:
Aperta
Valvola intercettaz. lato gas:
Aperta
Valvola intercettazione tubo equalizzazione olio: Chiusa
Modelli da RXYQ18 a 48M (Installazione esterna multi)
Valvola intercettaz. lato liquido:
Aperta
Valvola intercettaz. lato gas:
Aperta
Valvola intercettazione tubo equalizzazione olio: Aperta
Modificare il collegamento di due cavi su tre per ripristinare
la fase corretta.
Controllare il corretto collegamento del cavo alimentazione unità esterna.
Controllare che i collegamenti elettrici tra le unità corrispondano al circuito
frigorifero.
Calcolare di nuovo la quantità ottimale di refrigerante da aggiungere secondo
la lunghezza delle tubazioni, quindi rimuovere la quantità in eccesso
utilizzando il ricevitore in modo da avere in carico la giusta quantità.
- Verificare che sia stata caricata la quantità supplementare.
- Calcolare nuovamente la quantità di refrigerante da aggiungere secondo
la lunghezza dei tubi e caricare la quantità supplementare corretta.
63
SiT39-303
Prova di funzionamento
4.1.4 Verifica del normale funzionamento
•
•
•
•
64
Dopo aver completato la prova di funzionamento, è possibile utilizzare normalmente l'unità.
(Se la temperatura dell'aria esterna è 24 °C o superiore, l'unità non può essere utilizzata in
modalità riscaldamento. Vedere il manuale d'installazione allegato).
Verificare se le unità interne/esterne funzionano normalmente.
(In caso di rumore anormale causato dalla compressione del liquido nel compressore,
arrestare immediatamente l'unità e attivare il riscaldatore del carter per riscaldare il
liquido a sufficienza, quindi riavviare l'unità).
Avviare le unità interne una per volta, verificando che la corrispondente unità esterna funzioni.
Verificare che l'unità interna eroghi aria fredda (o calda).
Utilizzare i pulsanti che controllano la direzione e il flusso dell'aria per verificare il funzionamento
dei dispositivi.
Informazioni generali
SiT39-303
4.2
Prova di funzionamento
Funzionamento con l'unità sotto tensione
4.2.1 Quando si applica tensione per la prima volta
L'unità non può essere utilizzata per circa 12 minuti, per consentire l'impostazione automatica
dell'alimentazione principale e degli indirizzi (indirizzi unità interne, esterne, ecc.).
Stato
Unità esterna
Testare il funzionamento della spia H2P.... Lampeggiante.
Può essere impostato mentre l'unità è in funzione come descritto in
precedenza.
Unità interna
Se si preme il pulsante ON durante il funzionamento descritto in precedenza,
lampeggerà il codice di errore "UH".
(Ritorna in modalità normale una volta terminata l'impostazione automatica.)
4.2.2 Quando si applica tensione per la seconda volta e per tutte le
volte successive
Premere il pulsante RESET sulla scheda elettronica dell'unità esterna. È possibile far funzionare
l'unità per circa 2 minuti. Se non si preme il pulsante RESET, l'unità non può essere attivata per
circa 10 minuti per impostare automaticamente l'alimentazione principale.
Stato
Unità esterna
Testare il funzionamento della spia H2P.... Lampeggiante.
Può essere impostato mentre l'unità è in funzione come descritto in
precedenza.
Unità interna
Se si preme il pulsante ON durante il funzionamento descritto in precedenza,
si accenderà l'indicatore di funzionamento, ma il compressore non si attiverà.
(Ritorna in modalità normale una volta terminata l'impostazione automatica.)
4.2.3 Se si aggiunge un'unità interna e un'unità esterna, o se si sostituisce
la scheda elettronica interna o dell'unità esterna
Tenere premuto il pulsante RESET per 5 secondi. In caso contrario, l'unità aggiunta non verrà
riconosciuta dal sistema. In questo caso l'unità non potrà funzionare per circa 12 minuti per
consentire l'impostazione automatica degli indirizzi (indirizzi unità interna, esterna, ecc.).
Stato
Unità esterna
Testare il funzionamento della spia H2P .... ON.
Può essere impostato mentre l'unità è in funzione come descritto in precedenza.
Unità interna
Se si preme il pulsante ON durante il funzionamento descritto in precedenza,
lampeggerà il codice di errore "UH" o "U4". (Ritorna in modalità normale una
volta terminata l'impostazione automatica).
Attenzione Qualora, per errore, fosse applicata l’alimentazione a 400 volt alla fase “N”, sostituire
insieme la scheda elettronica dell'Inverter (A2P) e il trasformatore di controllo
(T1R, T2R) nel quadro comandi.
(V0847)
Informazioni generali
65
SiT39-303
Prova di funzionamento
4.3
Schema della scheda elettronica sull'unità esterna
Scheda elettronica dell'unità esterna
(2) Modalità visualizzazione LED impostata
(3) Selettore impostazione modalità
H1P H2P H3P H4P H5P H6P H7P
BS1
BS2
BS3
BS4
BS5
MODE
SET
RETURN
TEST
RESET
H8P
(1) Indicatore stato microcomputer
HAP
1
2
DS3
1 2 3 4 1 2 3 4
DS1
DS2
(4) Selettore impostazione locale
Terminale di connessione per trasmissione
A
B
C
Selettore raffr./risc.
F1 F2 F1 F2 Q1 Q2
Interno Esterno
Esterno Esterno
Multi esterno
(V3054)
(1) Indicatore di stato microcomputer
Questo indicatore lampeggia durante il funzionamento normale e si accende o spegne in
caso di malfunzionamento.
(2) Modalità visualizzazione LED impostata
Modalità visualizzazione LED in base alle impostazioni.
(3) Selettore impostazione modalità
Utilizzato per cambiare la modalità.
(4) Selettore impostazioni locali
Utilizzato per inserire le impostazioni locali.
66
Informazioni generali
SiT39-303
4.4
Prova di funzionamento
Impostazioni locali
4.4.1 Impostazioni locali da telecomando
Il telecomando consente di modificare il funzionamento delle singole unità interne. Al momento
dell'installazione o dopo un'ispezione o un intervento di riparazione, effettuare le configurazioni
locali attenendosi alle seguenti istruzioni.
Una configurazione errata può causare malfunzionamenti.
(Se si montano accessori opzionali sull'unità interna, potrebbe essere necessario modificarne
le impostazioni. Fare riferimento alle istruzioni fornite unitamente al componente opzionale).
4.4.1.1 Telecomando a filo <BRC1A61, 62>
N. unità
Secondo n. di codice
N. modalità
Modalità impostazione
locale
Primo n. di codice
1. In modalità normale, premere il pulsante
per almeno 4 secondi. L'unità entrerà in
modalità "impostazione locale".
2. Selezionare il "n. modalità" desiderato con il pulsante
.
3. Durante il controllo di gruppo, per impostare ogni unità interna (avendo selezionato la
modalità n. 20, 21, 22, 23, 25) premere il tasto
e selezionare il "n. di unità interna"
che si desidera impostare.
Nota: Tale operazione non è richiesta quando l'impostazione viene effettuata come gruppo.
4. Premere il pulsante
e selezionare il primo n. di codice.
5. Premere il pulsante
e selezionare il secondo n. di codice.
6. Premere il pulsante timer
una volta, quindi modificare i dati esistenti.
7. Premere il pulsante
per tornare alla modalità normale.
(Esempio)
Quando si imposta il tempo per la pulizia del filtro su "contaminazione filtro-alta" in tutti i gruppi di
unità, impostare il n. di modalità su "10", il n. di modalità di impostazione su "0" e il n. posizione
impostazione su "02".
Informazioni generali
67
SiT39-303
Prova di funzionamento
4.4.1.2 Telecomando ad infrarossi - Unità interna
Tipo BRC7C
N. MODALITÀ
MODALITÀ IMPOSTAZIONE
LOCALE
3
4
5
SECONDO N. DI
CODICE
PRIMO N. DI
CODICE.
2
1, 6
1. In modalità normale, premere il pulsante
per almeno 4 secondi. L'unità entrerà in
modalità "impostazione locale".
2. Selezionare il "n. modalità" desiderato con il pulsante
.
3. Premere il pulsante
e selezionare il primo n. di codice.
4. Premere il pulsante
e selezionare il secondo n. di codice.
5. Premere il pulsante timer
e verificare la configurazione.
6. Premere il pulsante
per tornare alla modalità normale.
(Esempio)
Quando si imposta il tempo per la pulizia del filtro su "contaminazione filtro-alta" in tutti i gruppi di
unità, impostare il n. di modalità su "10", il n. di modalità di impostazione su "0" e il n. posizione
impostazione su "02".
68
Informazioni generali
SiT39-303
Prova di funzionamento
4.4.1.3 Comando semplificato da parete
BRC2A51
N. MODALITÀ
PRIMO N. DI
CODICE.
N. UNITÀ
SECONDO N.
DI CODICE
„ Impostazioni n. gruppo tramite comando semplificato da parete.
1. Rimuovere il coperchio del comando.
2. Mentre il sistema si trova in modalità normale, premere il pulsante [BS6] (impostazione locale)
per entrare in MODALITÀ IMPOSTAZIONE LOCALE.
3. Selezionare il n. modalità [00] con il pulsante [BS2] (impostazione temperatura s) e il pulsante [BS3]
(impostazione temperatura t).
4. Selezionare il n. gruppo con il PULSANTE [BS9] (impostazione A) e il PULSANTE [BS10]
(impostazione B). (I N. dei gruppi aumentano nell'ordine aumenta 1-00, 1-01......1-15, 2-00,.....4-15.
Tuttavia, il dispositivo di comando ON/OFF unificato visualizza solo il n. del gruppo impostato
all'interno dell'intervallo di controllo).
5. Premere il PULSANTE [BS7] (sel/cancel) per impostare il n. di gruppo.
6. Premere il PULSANTE [BS6] (imp. locale) per tornare alla MODALITÀ NORMALE.
Informazioni generali
69
SiT39-303
Prova di funzionamento
Descrizione impostazioni e n. di codice – Unità VRV
SisteN.
Impos
Descrizione impostazione
ma
Moda- taziVRV
lità one
impo- Nota 2 Interstaziorutniunità
tore
interna
N.
10(20)
0
Contaminazione filtro
Filtro a
alta/bassa (impostazione
lunghisdell'intervallo di tempo
sima
prima di visualizzare
durata
il segnale pulizia filtro)
Filtro a
(Se la contaminazione
lunga
del filtro è elevata,
durata
ridurre questo intervallo
Standard
di tempo del 50 %).
filtro
1
Filtro di tipo a lunga durata
2
3
12(22)
0
1
2
3
4
5
13(23)
0
1
3
4
5
15(25)
1
2
3
5
6
70
Sensore termostato del dispositivo di
controllo remoto
Tempo impostato prima della
visualizzazione del segnale pulizia
filtro (indicare per quanto tempo il
segnale del filtro non deve essere
visualizzato)
Selezione uscita accessori opzionali
(selezione locale dell'uscita per
l'adattatore di cablaggio)
Ingresso ON/OFF dall'esterno
(impostato quando l'accensione/
spegnimento deve essere
controllata dall'esterno).
Cambio differenziale del termostato
(Impostare quando si usa il sensore
remoto).
Velocità ventilatore - OFF da termostato
Differenziale modalità automatica
(impostazione differenziale
temperatura autom. per raffr./risc.
nei sistemi VRV a recupero di calore)
Reset automatico in caso di
interruzione dell'alimentazione
Alta velocità di uscita dell'aria
(Impostare se l'unità è installata
in ambienti con soffitti ad altezza
superiore a 2,7 m.).
Selezione della direzione flusso
d'aria (Impostare se si utilizza
un kit di chiusura).
Regolazione della direzione del
flusso d'aria (impostare al momento
dell'installazione del pannello
decorativo).
Impostazione locale posizione
flusso d'aria
Selezione locale velocità ventilatore
preimpostata (controllo velocità
ventilatore tramite mandata aria
per controllo di fase).
Termostato OFF - eccesso di umidità
Collegamento canalizzazione
diretto (se l'unità interna e l'unità
di ventilazione recupero calore
sono collegate direttamente
tramite canalizzazione). ∗Nota 6
Selezione interbloccata umidificatore
della pompa di sollevamento condensa.
Selezione impostazione locale per la
configurazione dei singoli ventilatori
tramite telecomando.
Selezione impostazione locale per la
configurazione dei singoli ventilatori
tramite telecomando.
Secondo n. di codice (Nota 3)
02
03
01
Bassa
Circa
10.000
ore
Circa
2.500
ore
Circa
200 ore
Filtro a lunga
durata
Utilizzo
Display
Unità interna
attivata dal
termostato.
Spegnimento
forzato
Alta
Circa
5.000
ore
Circa
1.250
ore
Circa
100 ore
Filtro a
lunghissima
durata
Non utilizzare
04
—
—
—
—
—
Nessuna
visualizzazione
—
Uscita
funzionamento
Uscita anomalia
Controllo
ON/OFF
—
—
1 °C
0.5 °C
—
—
BB
Velocità
ventilatore
impostata
03:2
04:3
—
—
01:0
02:1
05:4
06:5
07:6
08:7
Non fornito
Fornito
—
—
N
H
S
—
F (4 direzioni)
T (3 direzioni)
W (2 direzioni)
—
Fornito
Non fornito
Prevenzione
correnti
Standard
Standard
—
—
Accessorio
opzionale 1
Prevenzione
della formazione
di macchie a
controsoffitto
Accessorio
opzionale 2
Non fornito
Non fornito
Fornito
Fornito
—
—
—
—
Non fornito
Fornito
—
—
Non fornito
Fornito
—
—
Non fornito
Fornito
—
—
—
Informazioni generali
SiT39-303
Prova di funzionamento
Note:
1. Le impostazioni sono effettuate simultaneamente per l'intero gruppo, tuttavia se si seleziona il
n. di modalità all'interno delle parentesi, è possibile impostare ciascuna unità singolarmente.
È possibile controllare i cambiamenti delle impostazioni unicamente in modalità individuale
per quelle unità tra parentesi.
2. I numeri della modalità tra parentesi non possono essere usati nei telecomandi a infrarossi,
pertanto non possono essere impostati singolarmente. Non è inoltre possibile controllare i
cambiamenti delle impostazioni.
3. I parametri indicati con
sono preimpostati dal costruttore.
4. Non effettuare impostazioni diverse da quelle descritte nella tabella precedente. Se l'unità
interna non dispone di una funzione, non verranno visualizzate le opzioni corrispondenti.
5. L'indicazione "88" segnala che il telecomando è stato resettato riportando il sistema in
modalità normale.
6. Se la modalità di impostazione è configurata su "Fornita", l'unità ventilante con recupero
di calore effettuerà la ventilazione residua collegandosi all'unità interna.
4.4.1.5 Impostazioni locali disponibili per ciascun modello
Cassette a soffitto
A più vie
A due vie Tipo
Corner
Unità per
Modello
Tipo pensile Tipo a
montaggio in canalizzabile
a soffitto
parete
controsoffitto da controsoffitto
Tipo a
pavimento
Tipo a
pavimento
ad incasso
FXFQ
FXCQ
FXKQ
FXSQ
FXMQ
FXHQ
FXAQ
FXLQ
FXNQ
Spia filtro sporco
{
{
{
{
{
{
{
{
{
Segnale filtro a
lunghissima durata
{
{
—
—
—
—
—
—
—
Sensore termostato
su telecomando
{
{
{
{
{
{
{
{
{
Velocità ventilatore
preimpostata con
{
{
{
{
{
{
{
{
{
Regolazione flusso aria
all'altezza del soffitto
{
—
—
—
—
{
—
—
—
Direzione flusso aria
{
—
—
—
—
—
—
—
—
—
—
{
—
—
—
—
—
—
{
{
{
—
—
—
—
—
—
{
—
—
—
—
{
—
—
—
Regolazione della
direzione del flusso
d'aria (Funzionamento
con flusso d'aria diretto
verso il basso)
Intervallo di
regolazione della
Selezione locale
velocità ventilatore
Informazioni generali
71
SiT39-303
Prova di funzionamento
4.4.1.6 Descrizione dettagliata delle modalità d'impostazione
Impostazione segnale filtro
Se si imposta il tempo per l'accensione del segnale filtro, seguire le istruzioni indicate nella
tabella sottostante.
Impostazione del tempo
Specifiche del filtro
Impostazione
Contaminazione bassa
Contaminazione alta
Impostazione
segnale filtro
a lunghissima
durata
Standard
Filtro a lunga durata
200 ore
100 ore
2.500 ore
1.250 ore
Se è installato un filtro a lunghissima durata, cambiare le impostazioni del segnale filtro di
conseguenza.
Tabella di riferimento per la configurazione
N. modalità
10 (20)
N. interruttore
impostazione
1
N. posizione
impostazione
01
02
03
Cambio velocità
ventilatore con
termostato OFF
Filtro a lunghissima
durata
10.000 ore
5.000 ore
Impostazione
Filtro a lunga durata
Filtro a lunghissima
durata (1)
—
Attivando l'opzione "velocità ventilatore preimpostata", il ventilatore funzionerà alla velocità
preimpostata quando il termostato riscaldamento è OFF.
∗ Siccome l'uso della "velocità ventilatore preimpostata con termostato OFF" pone dei problemi
di correnti d'aria, è opportuno prendere in considerazione la posizione di installazione.
Tabella di riferimento per la configurazione
N. modalità
12(22)
Riavvio
automatico dopo
un'interruzione
di corrente
Primo n. di codice
3
Secondo n. di codice
01
02
Impostazione
Velocità ventilatore BB
Velocità preimpostata
ventilatore
Per i condizionatori nei quali tale funzione non è impostata (impostazioni di fabbrica), l'unità non si
riavvierà quando si ripristina la corrente in seguito ad un'interruzione (accidentale o programmata)
dell'alimentazione. Se tale funzione è stata attivata, le unità potranno riavviarsi automaticamente
dopo un'interruzione di corrente oppure quando viene ripristinata l'alimentazione (ritornando alla
stessa modalità operativa precedente l'interruzione).
Per le ragioni illustrate in precedenza, se la funzione "Riavvio automatico dopo un'interruzione
di corrente" è abilitata, occorre fare molta attenzione alla seguente situazione.
Attenzione 1. Il condizionatore si avvia improvvisamente non appena viene ripristinata
l'alimentazione. Di conseguenza, l'utente può essere colto di sorpresa e
chiedersi come mai questo avviene.
2. Durante i lavori di manutenzione se, ad esempio, si scollega l'alimentazione
mentre il condizionatore è attivo, l'unità riprenderà immediatamente a
funzionare quando si ripristina la tensione una volta terminato il lavoro
(rotazione del ventilatore).
72
Informazioni generali
SiT39-303
Regolazione
flusso aria altezza del
soffitto
Prova di funzionamento
Eseguire le seguenti impostazioni in base all'altezza del soffitto. Il n. di posizione del parametro
è impostato su "01" dal costruttore.
„ Per i modelli FXAQ e FXHQ
N. modalità
13(23)
interruttore
posizione
Impostazione
impostazione N. impostazione N.
01
Unità a parete: Standard
0
02
Unità a parete: Leggero aumento
03
Unità a parete: Aumento normale
„ Per il modello FXFQ25~80
N.
Primo Secondo
Modalità n. di
n. di
Impostazione
codice codice
01
Standard (N)
02
Soffitto alto (H)
13 (23)
0
Soffitto più
03
alto (S)
Altezza soffitto
Mandata a 4 vie
Mandata a 3 vie
Mandata a 2 vie
Inferiore a 2,7 m Inferiore a 3,0 m Inferiore a 3,5 m
Inferiore a 3,0 m Inferiore a 3,3 m Inferiore a 3,8 m
Inferiore a 3,5 m Inferiore a 3,5 m
—
„ Per il modello FXFQ100~125
N.
Modalità
13 (23)
Impostazione
direzione
flusso d'aria
Primo Secondo
n. di
n. di
Impostazione
codice codice
01
Standard (N)
02
Soffitto alto (H)
0
Soffitto più
03
alto (S)
Altezza soffitto
Mandata a 4 vie
Mandata a 3 vie
Mandata a 2 vie
Inferiore a 3,2 m Inferiore a 3,6 m Inferiore a 4,2 m
Inferiore a 3,6 m Inferiore a 4,0 m Inferiore a 4,2 m
Inferiore a 4,2 m Inferiore a 4,2 m
—
Impostare la direzione del flusso d'aria delle unità interne come indicato nella tabella sottostante.
(Impostare se è stato installato un kit di chiusura opzionale). Il secondo n. di codice è preimpostato
su "01" dalla fabbrica.
Tabella di riferimento per la configurazione
N. modalità
13 (23)
Regolazione
della direzione
del flusso d'aria
Primo n. di
codice
1
Secondo n. di
codice
01
02
03
Impostazione
F: Flusso d'aria in 4 direzioni
T: Flusso d'aria in 3 direzioni
W: Flusso d'aria in 2 direzioni
Questa funzione è disponibile unicamente per il modello FXKQ.
Se si utilizza solo la mandata frontale, selezionare sì/no per l'orientamento del deflettore verso
il basso.
Tabella di riferimento per la configurazione
Impostazione
Funzionamento con
flusso d'aria diretto
verso il basso: Sì
Funzionamento con
flusso d'aria diretto
verso il basso: No
Informazioni generali
N. modalità
13 (23)
Primo n. di codice
3
Secondo n. di codice
01
02
73
SiT39-303
Prova di funzionamento
Impostazione
dell'intervallo di
regolazione della
direzione del
flusso d'aria
Impostare il flusso d'aria desiderato come descritto di seguito.
Tabella di riferimento per la configurazione
N. modalità
13 (23)
Primo n. di codice
4
Secondo n. di codice
01
02
03
Commutazione
velocità flusso
d'aria alla griglia
di mandata per
selezione locale
velocità flusso
d'aria
74
Impostazione
Verso l'alto (Prevenzione
della formazione di
correnti d'aria)
Standard
Verso il basso
(Prevenzione della
formazione di macchie
sul soffitto)
Se sono installati componenti opzionali (filtro ad alte prestazioni, ecc.), impostare su commutazione
velocità ventilatore per garantire un flusso d'aria ottimale.
Per il codice dell'impostazione, fare riferimento al manuale di istruzione dei componenti opzionali.
Informazioni generali
SiT39-303
Prova di funzionamento
4.4.1.7 Impostazione n. gruppo per controllo centralizzato
Tipo BRC1A
„ Se è attivo il controllo centralizzato tramite telecomandi centralizzati o dispositivi di comando
ON/OFF unificato, è necessario assegnare il n. di gruppo singolarmente per ciascun gruppo
utilizzando il telecomando.
„ Impostazione tramite telecomando del n. di gruppo per controllo centralizzato.
1. In modalità normale, premere il pulsante
per almeno 4 secondi. L'unità entrerà in
modalità "impostazione locale".
2. Selezionare il n. "00" con il pulsante
.∗
3. Premere il pulsante
per attivare la schermata N. gruppo.
4. Impostare il n. del gruppo per ciascun gruppo con il pulsante
(il n. del gruppo aumenta nel
modo 1-00, 1-01, ...,1-15, 2-00,...4-15. Tuttavia il dispositivo di comando ON/OFF unificato
visualizza solo il n. del gruppo compreso nell'intervallo selezionato col selettore degli indirizzi).
5. Premere il pulsante timer
per definire il n. del gruppo selezionato.
6. Premere il pulsante
per tornare alla modalità normale.
N. modalità
Modalità
impostazione locale
N. gruppo
„ Anche se il telecomando non viene normalmente utilizzato, è necessario collegarlo quando
si imposta il n. del gruppo. Una volta impostato il n. del gruppo per il controllo centralizzato
è possibile scollegarlo nuovamente.
„ Impostare il n. del gruppo dopo aver acceso il telecomando centralizzato o il dispositivo di
comando ON/OFF unificato e l'unità interna.
Tipo BRC7C
„ Impostazione tramite telecomando a infrarossi del n. di gruppo per controllo centralizzato
1. In modalità normale, premere il pulsante
per almeno 4 secondi. L'unità entra in
modalità "impostazione locale".
2. Selezionare il n. "00" con il pulsante
.
3. Impostare il n. del gruppo per ciascun gruppo utilizzando il pulsante
(avanti/indietro).
4. Inserire i numeri dei gruppi premendo il pulsante
.
5. Premere il pulsante
per tornare alla modalità normale.
Tipo BRC7C
N. MODALITÀ
MODALITÀ IMPOSTAZIONE
LOCALE
3
4
N. GRUPPO
2
1, 5
(V0916)
Informazioni generali
75
SiT39-303
Prova di funzionamento
Esempio di
impostazione del
n. del gruppo
Telecomando
centralizzato
Interno / Esterno Esterno / Esterno
Interno / Esterno Esterno / Esterno
F1 F2
F1 F2
F1 F2
F1 F2
F1 F2 P1-P2
RC
1-00
F1 F2 P1-P2
Principale RC
F1 F2 P1-P2
Nessun telecomando
1-03
Attenzione
76
RC Slave
1-01
F1 F2 P1-P2
RC
1-04
F1 F2
F1 F2 P1-P2
RC
1-02
F1 F2 P1-P2
F1 F2 P1-P2
Controllo di gruppo tramite telecomando
(indirizzo unità automatico)
F1 F2 P1-P2
(V0917)
Quando si applica tensione, l'unità potrebbe non accettare nessuna modalità di funzionamento
mentre è visualizzato il codice "88" dopo che tutte le indicazioni sono state visualizzate una
volta per circa 1 minuto sul display LCD. Non si tratta di un guasto operativo.
Informazioni generali
SiT39-303
Prova di funzionamento
4.4.1.8 Impostazione della modalità di controllo del funzionamento tramite telecomando
(Impostazione locale)
La modalità di controllo del funzionamento è compatibile con numerosi controlli e funzionamenti
limitando le funzioni del telecomando. Oltre a ciò, le funzioni come ad esempio l'accensione/
spegnimento tramite telecomando, possono essere limitate in base alla combinazione di
condizioni. (Fare riferimento alle informazioni fornite nella tabella sottostante).
Il sistema di comando centralizzato è normalmente disponibile per il funzionamento. (Ad eccezione
del caso in cui sia collegato un sistema di monitoraggio centralizzato)
4.4.1.9 Descrizione delle modalità di controllo
È possibile impostare e visualizzare fino a venti modalità (da 0 a 19) costituite da combinazioni
delle seguenti cinque modalità operative con temperature e impostazioni della modalità
operativa tramite telecomando.
‹ Il telecomando non consente l'accensione e lo spegnimento delle unità.
Utilizzato quando si desidera accendere e spegnere le unità solo tramite telecomando
centralizzato.
(Non è consentita l'accensione/spegnimento tramite telecomando).
‹ Tramite telecomando è possibile solo spegnere l'unità
Utilizzato quando si desidera accendere le unità unicamente da una postazione
centralizzata e spegnere le unità solo tramite telecomando.
‹ Centralizzato
Utilizzato quando si desidera accendere le unità unicamente da una postazione centralizzata e
spegnere o accendere liberamente le unità tramite telecomando entro un tempo preimpostato.
‹ Singolo
Utilizzato quando si desidera accendere e spegnere le unità sia da una postazione
centralizzata che da telecomando.
‹ Funzionamento temporizzato possibile tramite telecomando
Utilizzato quando si desidera accendere e spegnere le unità tramite telecomando durante un
tempo preimpostato e non si vuole avviare il funzionamento da una postazione centralizzata
se l'ora di avvio del sistema è di tipo programmato.
Informazioni generali
77
SiT39-303
Prova di funzionamento
Come selezionare
la modalità di
funzionamento
La modalità operativa indicata sulla colonna di destra della tabella sottostante determina
se è possibile tramite telecomando controllare o accendere/spegnere l'unità, impostare la
temperatura e la modalità di funzionamento.
Esempio
ON tramite telecomando
(ON unificato tramite
sistema di comando
remoto centralizzato)
↓
Rifiuto
Modalità di
controllo
Il telecomando
non consente
l'accensione e
lo spegnimento
delle unità.
OFF tramite
telecomando
(OFF unificato tramite
sistema di controllo
remoto centralizzato)
↓
Rifiuto
OFF tramite
telecomando
↓
Rifiuto
temperatura tramite
telecomando
↓
Accettazione
Impostazione della
modalità di
funzionamento
tramite telecomando
Accettazione
(Esempio)
Accettazione
Rifiuto
Accettazione
Accettazione
Rifiuto
Accettazione
Singolo
Accettazione
Rifiuto
Accettazione
Funzionamento
temporizzato
possibile tramite
telecomando
Accettazione
(Solo con timer ON)
Accettazione
(Solo con timer ON)
La modalità di
controllo è "1".
↓
Accettazione
Controllo tramite telecomando
Funzionamento
OFF
Controllo
della
Avvio unificato, avvio Arresto unificato,
temperatura
singolo tramite tele- arresto individuale
comando centraliztramite telecomando
zato oppure avvio
centralizzato oppure
controllato da timer
arresto controllato
da timer
Rifiuto (Esempio)
Rifiuto (Esempio)
Rifiuto
Rifiuto
(Esempio)
Tramite
telecomando è
possibile solo
spegnere l'unità
Centralizzato
Controllo della
Rifiuto
Accettazione
(VL069)
Impostazione della
modalità di
funzionamento
Accettazione
Rifiuto
Accettazione
(Esempio)
Rifiuto
Accettazione
Rifiuto
Accettazione
Rifiuto
Accettazione
Rifiuto
Accettazione
Rifiuto
Accettazione
Rifiuto
Accettazione
Rifiuto
Accettazione
Rifiuto
Accettazione
Rifiuto
Modalità di
controllo
0
10
1 (Esempio)
11
2
12
3
13
4
14
5
15
6
16
7 ∗1
17
8
18
9
19
Non selezionare l'opzione "funzionamento temporizzato possibile tramite telecomando" se non
si utilizza il telecomando. In questo caso non sarebbe possibile controllare l'unità tramite timer.
∗1. Impostazione di fabbrica
Se l'avvio, l'arresto,
l'impostazione della temperatura e l'impostazione della
modalità di funzionamento non
sono possibili utilizzando il
telecomando
"
" viene
visualizzato sul telecomando.
78
Informazioni generali
SiT39-303
Prova di funzionamento
4.4.2 Impostazioni locali dall'unità esterna
4.4.2.1 Impostazioni locali dall'unità esterna
„ Impostazione per DIP switch
Le seguenti impostazioni devono essere eseguite sui DIP switch della scheda elettronica.
N.
Dip switch
Impostazione
ON
Impostazione
Descrizione
Selezione
Utilizzato per la selezione raffreddamento/
Raffreddamento/ riscaldamento tramite il telecomando
OFF (impostazione di fabbrica) Riscaldamento fornito con l'unità esterna.
ON
DS1-2
Non modificare le impostazioni di
~DS1-4 OFF (impostazione di fabbrica) Non utilizzato fabbrica.
ON
DS2-1
modificare le impostazioni di
Non utilizzato Non
~4
fabbrica.
OFF (impostazione di fabbrica)
DS1-1
ON
DS3-1,
2
OFF (impostazione di fabbrica)
Non utilizzato
Non modificare le impostazioni di
fabbrica.
„ Impostazione tramite interruttori a pulsante
Le seguenti impostazioni devono essere eseguite utilizzando gli interruttori sulla scheda elettronica.
In caso di impianto con unità esterna in configurazione multi, è necessario eseguire diverse
impostazioni sull'unità master.
(L'impostazione tramite unità slave è disabilitata.)
È possibile distinguere l'unità master dall'unità slave utilizzando le indicazioni LED come illustrato
di seguito.
Unità Master
Unità Slave 1
Unità Slave 2
H1P
H2P
H3P
H4P
H5P
H6P
H7P
H8P
7
7
7
7
7
7
8
7
7
7
7
7
7
7
7
7
7
7
7
7
7
8
9
7
(Impostazione di fabbrica)
Informazioni generali
79
SiT39-303
Prova di funzionamento
BS1
BS2
BS3
BS4
BS5
MODE
SET
RETURN
TEST
RESET
(V2760)
Sono disponibili le tre seguenti modalità di impostazione.
c Modalità di impostazione 1 (H1P OFF)
Stato iniziale (se normale): Utilizzato per selezionare le impostazioni raffreddamento/riscaldamento.
Indica anche "anomalia", "Funzionamento a bassa rumorosità" e "Funzionamento con richiesta
preimpostata".
d Modalità di impostazione 2 (H1P ON)
Utilizzato per modificare lo stato operativo e impostare gli indirizzi di programmazione, ecc.
Solitamente utilizzato per la manutenzione del sistema.
e Modalità monitoraggio (H1P lampeggia)
Utilizzato per controllare la programmazione eseguita in modalità impostazione 2.
„ Procedura di cambio della modalità
Utilizzare il pulsante MODE per cambiare la modalità operativa come descritto di seguito.
Modalità di
impostazione 2
Tenere premuto BS1
(pulsante MODE) per 5 secondi.
(Normale)
Modalità di
impostazione 1
Premere una volta il pulsante BS1
(pulsante MODE).
MODE
Modalità
monitoraggio
MODE
MODE
Off
On
H1P
Premere una volta il pulsante
BS1 (pulsante MODE).
Lampeggiante
H1P
H1P
(V2761)
„ Procedura di cambio della modalità
(Set): Selezionare la modalità con BS2 (pulsante SET)
in ciascun passaggio della selezione.
Premere BS1 (pulsante MODE) per più di 5 sec.
Modalità di impostazione 2
Selezione voce da impostare
(Set)
Premere BS3
(pulsante RETURN).
Selezione condizione
da impostare (Set)
Premere BS3
(pulsante RETURN).
Modalità di
impostazione 1
(condizione iniziale)
Premere BS1 (pulsante MODE).
Modalità monitoraggio
Selezione voce (Set)
Premere BS3
(pulsante RETURN).
Visualizzazione
descrizione
Premere BS3
(pulsante RETURN).
Visualizzazione
impostazioni (Contenuti)
Premere BS3
(pulsante RETURN).
Premere BS1
(pulsante MODE).
Premere BS1
(pulsante MODE).
(V2762)
80
Informazioni generali
SiT39-303
Prova di funzionamento
a. "Modalità di impostazione 1"
La modalità normalmente selezionata è
"Modalità di impostazione 1". Nel caso
siano selezionate altre modalità, premere il
pulsante MODE (BS1) una volta e
impostare su “Modalità di impostazione 1”.
<Selezione voci da impostare>
Premere il pulsante SET (BS2) e
visualizzare sul display a LED la voce da
impostare.
Per le voci N. 1, 5, 6 viene visualizzato
solamente lo stato attuale. Consultare la
tabella in basso a destra per leggere le
rispettive descrizioni.
È possibile modificare l’impostazione di
selezione freddo/caldo sulle voci 2, 3, 4.
Dopo l’impostazione, premere il
pulsante RETURN (BS3) e
selezionare la voce desiderata.
Impostazione/
Visualizzazione
N.
H1P
1
Stato dei LED in caso
di malfunzionamento/
preparazione/prova
di funzionamento
2
Selettore Raffr/Risc (singolo)
3
Selettore Raffr/Risc (Master)
4
Esempio accensione LED
H2P H3P H4P H5P H6P
H7P
7
7
8
7
7
7
7
Selettore Raffr/Risc (Slave)
7
7
7
7
7
7
8
7
7
7
8
7
7
7
8
7
7
7
7
7
7
5
Funzionamento a bassa
rumorosità
∗
7
7
{
7
7
7
7
6
Funzionamento con
richiesta preimpostata
∗
7
7
{
7
7
7
7
∗
∗Le impostazioni n. 1, 5, 6 corrispondono solamente alla visualizzazione
di stato attuale.
Stato dei LED in caso di malfunzionamento/preparazione/
prova di funzionamento
Anomalia
7
7
7
8
8
8
7
7
7
7
7
7
7
7
Preparazione/Prova di
funzionamento
7
9
8
7
7
7
7
7
8
7
7
Normale
Se viene premuto il pulsante RETURN
(BS3), lo stato iniziale divente lo stato
iniziale della "Modalità di impostazione 1".
(V2763)
Visualizzazione durante il funzionamento a bassa rumorosità
Normale
Durante il funzionamento a bassa
rumorosità
7
7
7
7
8
8
7
7
7
7
I Led da H3P a H5P
visualizzano le
modifiche secondo
le impostazioni
n. 2, 3, 4.
Visualizzazione durante il funzionamento con richiesta preimpostata.
Normale
Durante il funzionamento con
richiesta preimpostata
7
7
7
7
8
8
7
7
7
7
7
7
7
8
I Led da H3P a
H5P visualizzano le
modifiche secondo
le impostazioni
n. 2, 3, 4.
8: ON
7: OFF
9: Lampeggiante
Informazioni generali
81
SiT39-303
Prova di funzionamento
b. "Modalità di impostazione 2"
Tenere premuto il pulsante MODE (BS1)
per 5 secondi, quindi selezionare
"Modalità di impostazione 2".
<Selezione voci da impostare>
Premere il pulsante SET (BS2) e
configurare il display a LED su uno dei
parametri mostrati nella tabella sulla
destra.
↓
Premere il pulsante RETURN (BS3) e
selezionare la voce desiderata. (La
condizione di impostazione corrente
lampeggia).
<Selezione condizioni da impostare>
Premere il pulsante SET (BS2) e
selezionare la condizione che si desidera
impostare.
↓
Premere il pulsante RETURN (BS3) e
impostare la condizione desiderata.
Premere il pulsante RETURN (BS3) e
impostare sullo stato iniziale della
"Modalità di impostazione 2".
* Se si è incerti sul procedimento da
seguire, premere il pulsante MODE (BS1)
e ritornare in modalità impostazione 1.
(V2764)
82
N.
Impostazione
Descrizione
0
EMERG
(Funzionamento
di emergenza 1)
Funziona con il compressore standard solamente se il compressore con inverter è guasto. L'unità funziona temporaneamente
fino alla sostituzione del compressore. Poichè in questo caso
il comfort scende a livelli minimi, sostituire immediatamente il
compressore. (Impostazioni non compatibili con RXYQ5M.)
1
Indirizzo unificato
raffreddamento/
riscaldamento
Imposta indirizzo per il funzionamento unificato raffreddamento/
riscaldamento.
2
Indirizzo Bassa
rumorosità/Richiesta
preimpostata
Indirizzo Funzionamento a bassa rumorosità e con Richiesta
preimpostata.
5
Velocità A (Alta)
Consente il funzionamento forzato del ventilatore dell'unità
del ventilatore unità
interna quando l'unità è ferma. (Velocità A)
interna (funz. forzato).
6
Funzionamento
forzato dell' unità
interna
Consente il funzionamento forzato dell'unità interna.
8
Impostazioni Te
Temperatura evaporazione target in modalità raffreddamento.
9
Impostazioni Tc
Temperatura condensazione target in modalità riscaldamento.
10
Impostazioni avvio
sbrinamento
Modifica le condizioni di temperatura per avviare lo sbrinamento
e imposta l'opzione sbrinamento veloce o sbrinamento lento.
11
Impostazione
funzionamento
sequenziale
Imposta il funzionamento sequenziale.
12
Impostazione basso
livello di rumorosità
esterno/Richiesta
preimpostata
Ricezione segnale basso livello di rumorosità esterno o richiesta
preimpostata.
13
Indirizzo AIRNET
Imposta indirizzo AIRNET.
18
Impostazione alta
pressione statica
Eseguire l'impostazione in caso di funzionamento in modalità
alta pressione statica con diffusore.
19
Funzionamento
di emergenza
(Funzionamento
con compressore
STD disabilitato)
Utilizzato per il funzionamento dell'impianto solamente con
compressore con inverter in caso di guasto del compressore
STD. Modalità di funzionamento temporanea che diminuisce
il comfort ambientale. Pertanto, sostituire immediatamente il
compressore.
(Non impostato per RXYQ5M.)
20
Impostazione
operazione di carica
supplementare di
refrigerante
Esegue la carica aggiuntiva di refrigerante.
21
Impostazione
modalità recupero
refrigerante
Imposta la modalità di recupero del refrigerante.
22
Impostazione
modalità notturna
a bassa rumorosità
Consente di impostare facilmente la modalità notturna a
bassa rumorosità.
Il tempo di funzionamento è stabilito in base ai parametri
"Avvio programmato" e "Arresto programmato".
25
Impostazione basso
livello di rumorosità
Imposta la modalità a bassa rumorosità qualora il segnale di
bassa rumorosità arrivi dall'esterno.
26
Impostazione avvio
modalità notturna a
bassa rumorosità
Imposta l'avvio programmato della modalità notturna a bassa
rumorosità. (È necessario impostare anche la modalità notturna
a bassa rumorosità).
27
Impostazione arresto
modalità notturna a
bassa rumorosità
Imposta l'arresto programmato della modalità notturna a bassa
rumorosità. (È necessario impostare anche la modalità notturna
a bassa rumorosità).
28
Modalità controllo
transistor di potenza
∗Controllare dopo
aver scollegato i cavi
del compressore.
Utilizzata per la diagnosi dei guasti del compressore CC.
Poiché la forma d'onda dell'inverter esce senza collegamenti
elettrici al compressore, è utile controllare se il guasto deriva
dal compressore o dalla scheda elettronica.
29
Impostazione priorità
capacità
Se, mentre l'unità si trova in modalità notturna, è necessario
il controllo della capacità, la funzione bassa rumorosità
verrà automaticamente inibita da questa impostazione.
30
Richiesta 1
Modifica il valore target della potenza assorbita quando si
seleziona Richiesta 1.
32
Abilita come predefinita la funzione Richiesta 1, anche senza
Impostazione richiesta input da parte dell'utente. (Elimina il problema dell'intervento
normale
di interruttori automatici con portata ridotta a causa di
carichi elevati).
Informazioni generali
SiT39-303
Prova di funzionamento
N.
Informazioni generali
Impostazione
38
Funzionamento
di emergenza
(Impostazione per
la disabilitazione
del funzionamento
dell'unità master
negli impianti con
unità esterna multi)
39
Funzionamento
di emergenza
(Impostazione per
la disabilitazione
del funzionamento
dell'unità slave 1
negli impianti con
unità esterna multi)
40
Funzionamento
di emergenza
(Impostazione per
la disabilitazione
del funzionamento
dell'unità slave 2
negli impianti con
unità esterna multi)
Descrizione
Utilizzata per disabilitare temporaneamente il funzionamento
dell'unità esterna in caso di eventuali guasti ai componenti
dell'impianto con unità esterna multi. Sostituire il immediatamente
il componente, poiché tale situazione diminuisce il comfort
ambientale.
83
SiT39-303
Prova di funzionamento
Impostazione a display
N.
0
1
Impostazione
EMG (Funzionamento
di emergenza)
Funzionamento
compressore con
inverter disabilitato
Raffreddamento/
Riscaldamento
Indirizzo unificato
MODE
H1P
8
8
TEST
H2P
7
7
Selezione Raffr./Risc.
INT
H3P
7
7
Master
H4P
7
7
Slave
H5P
7
7
Livello
sonoro
ridotto
H6P
7
7
Configurazione LED per la condizione impostata
Richiesta
H7P
7
8
∗ Impostazioni di fabbrica
Funzionamento normale
Funzionamento di emergenza
Indirizzo
0
Numero binario
1
~
(6 cifre)
31
2
Indirizzo Bassa
rumorosità/Richiesta
preimpostata
8
7
7
7
7
8
7
Indirizzo
0
Numero binario
1
31
5
8
7
7
7
8
7
8
Funzionamento normale
8
7
7
7
8
8
7
Funzionamento normale
6
Funzionamento
forzato dell' unità
interna
Ventil. unità interna forzato - Alta velocità.
Funzionamento forzato dell' unità interna
Elevata
8
Impostazioni Te
8
7
7
8
7
7
7
Normale (impostazione di fabbrica)
Bassa
Elevata
9
Impostazioni Tc
8
7
7
8
7
7
8
Normale (impostazione di fabbrica)
Bassa
Sbrinamento rapido
10
Impostazione
sbrinamento
8
7
7
8
7
8
7
Normale (impostazione di fabbrica)
Sbrinamento lento
11
12
13
Impostazione
funzionamento
sequenziale
8
7
7
8
7
8
8
Impostazione basso
livello di rumorosità
esterno/Richiesta
preimpostata
8
7
7
8
8
7
7
Indirizzo Airnet
8
7
7
8
8
7
8
OFF
ON
Basso livello di rumorosità e sterno/
Richiesta preimpostata NO
Basso livello di rumorosità esterno/
Richiesta preimpostata SÌ
Indirizzo
0
Numero binario
1
63
18
Impostazione alta
pressione statica
8
7
8
7
7
8
7
19
Funzionamento
di emergenza
(Disabilitazione
funzionamento
compressore STD)
8
7
8
7
7
8
8
8
7
8
7
8
7
7
Carica refrigerante OFF
20
Impostazione
operazione di carica
supplementare di
refrigerante
Impostazione
modalità recupero
refrigerante
8
7
8
7
8
7
8
Recupero del refrigerante: OFF
21
Impostazione alta pressione statica ON
OFF
Funzionamento STD 1, 2: disabilitato
Funzionamento STD 2: disabilitato
Carica refrigerante ON
Recupero del refrigerante: ON
OFF
22
Impostazione
modalità notturna a
bassa rumorosità
8
7
8
7
8
8
7
Livello 1 (ventilatore esterno a 8 gradini o meno)
Livello 2 (ventilatore esterno a 7 gradini o meno)
Livello 3 (ventilatore esterno a 6 gradini o meno)
Livello 1 (ventilatore esterno a 8 gradini o meno)
25
Impostazione basso
livello di rumorosità
8
7
8
8
7
7
8
Livello 2 (ventilatore esterno a 7 gradini o meno)
Livello 3 (ventilatore esterno a 6 gradini o meno) ∗
84
8788888
8777778 ∗
8777787
8777778 ∗
8777787
8777877
8777787 ∗
8777778
8777877
8777787 ∗
8777778
8777877
8777787 ∗
8777778
8777778
8777787 ∗
8777778 ∗
8777787
8777777 ∗
8777778
~
(6 cifre)
Impostazione alta pressione statica OFF
8788888
8777777 ∗
8777778
~
(6 cifre)
Ventil. unità
interna forzato Alta velocità.
8777778 ∗
8777787
8777777 ∗
8777778
8788888
8777778 ∗
8777787
8777777 ∗
8777778
8777787
8777778 ∗
8777787
8777778 ∗
8777787
8777777 ∗
8777778
8777787
8777788
8777778
8777787 ∗
8777877
Informazioni generali
SiT39-303
N.
Impostazione
Prova di funzionamento
MODE
H1P
Impostazione a display
Selezione Raffr./Risc.
TEST
INT
Master
Slave
H2P
H3P
H4P
H5P
Livello
sonoro
ridotto
H6P
Configurazione LED per la condizione impostata
Richiesta
H7P
∗ Impostazioni di fabbrica
Circa 20:00:00
26
Impostazione avvio
modalità notturna a
bassa rumorosità
8
7
8
8
7
8
7
Circa 22:00 (impostazioni
di fabbrica)
Circa 24:00
Circa 06:00:00
27
28
29
Impostazione arresto
modalità notturna a
bassa rumorosità
8
7
8
8
7
8
8
Modalità controllo
transistor di potenza
8
7
8
8
8
7
7
OFF
Impostazione priorità
capacità
8
7
8
8
8
7
8
OFF
Circa 07:00:00
Circa 08:00 (impostazioni
di fabbrica)
ON
ON
Richiesta 60 %
30
Richiesta 1
8
7
8
8
8
8
7
Richiesta 70 %
Richiesta 80 %
32
38
39
40
Impostazione richiesta
continua
Funzionamento
di emergenza
(Disabilitazione
funzionamento
unità master con
unità esterna multi.)
Funzionamento
di emergenza
(Disabilitazione
funzionamento
unità slave 1 con
unità esterna multi.)
Funzionamento
di emergenza
(Disabilitazione
funzionamento
unità slave 2 con
unità esterna multi.)
Informazioni generali
8
8
7
7
7
7
7
OFF
ON
OFF
8
8
7
7
8
8
7
Funzionamento unità master:
disabilitato
OFF
8
8
7
7
8
8
8
Funzionamento unità Slave 1:
disabilitato
OFF
8
8
7
8
7
7
7
Funzionamento unità Slave 2:
disabilitato
8777778
8777787 ∗
8777877
8777778
8777787
8777877 ∗
8777778 ∗
8777787
8777778 ∗
8777787
8777778
8777787 ∗
8777877
8777778 ∗
8777787
8777778 ∗
8777787
8777778 ∗
8777787
8777778 ∗
8777787
85
SiT39-303
Prova di funzionamento
c. Modalità monitoraggio
Per entrare in modalità monitoraggio,
premere il pulsante MODE (BS1) mentre
si è in "Modalità impostazione 1”.
<Selezione voce da impostare>
Premere il pulsante SET (BS2) e
visualizzare sul display a LED la voce da
impostare.
<Conferma per descrizione impostazione>
Premere il pulsante RETURN (BS3) per
visualizzare dati diversi di voci da
impostare.
N.
Impostazione
Visualizzazione LED
H1P
H2P
H3P
H4P
H5P
H6P
H7P
9 7 7 7 7 7 7
Dati visualizzati
Vedere i
paragrafi
seguenti.
0
Numero di unità per avvio
sequenziale e altro
1
Indirizzo unificato Raffr/Risc
2
Indirizzo Bassa rumorosità/
Richiesta preimpostata
3
Non utilizzato
4
Indirizzo Airnet
5
Numero di unità interne collegabili
6
Numero di unità BS collegabili
7
Numero di unità di zona collegate
(escluso unità esterne e BS)
8
Numero di unità esterne
9
Numero di unità BS collegabili
10
Numero di unità BS collegabili
9 7 7 8 7 8 7
4 cifre inferiori:
inferiore
11
Numero di unità di zona
(escluso unità esterne e BS)
9 7 7 8 7 8 8
6 cifre inferiori
12
Numero di morsettiere
9 7 7 8 8 7 7
4 cifre inferiori:
superiore
13
Numero di morsettiere
9 7 7 8 8 7 8
4 cifre inferiori:
inferiore
9
9
9
9
9
9
9
9
9
7
7
7
7
7
7
7
7
7
7
7
7
7
7
7
7
7
7
7
7
7
7
7
7
7
8
8
7
7
7
8
8
8
8
7
7
7
8
8
7
7
8
8
7
7
8
7
8
7
8
7
8
7
8
6 cifre inferiori
4 cifre inferiori:
superiore
Impostazione 0 Descrizione visualizzazione di "Numero di unità per avvio
sequenziale e altro"
Numero di unità per avvio
sequenziale
Premere il pulsante RETURN (BS3) e
passare allo stato iniziale della "Modalità
monitoraggio".
* Premere il pulsante MODE (BS1) per
ritornare in "Modalità di impostazione 1".
1 unità
2 unità
3 unità
Impostazione Funzionamento
di emergenza/funzionamento
di backup
ON
Impostazioni selezione
sbrinamento
Rapido
(V2765)
OFF
Medio
Lungo
Impostazioni Te
H
M
L
Impostazioni Tc
H
M
L
86
9
9
9
9
9
9
9
9
9
9
9
9
9
9
7
7
7
7
7
7
7
7
7
7
7
7
7
7
7
9
8
7
7
7
7
7
7
7
7
7
7
7
7
7
7
8
7
7
7
7
7
7
7
7
7
7
7
7
7
7
7
8
9
7
7
7
7
7
7
7
7
7
7
7
7
7
7
7
8
9
7
7
7
7
7
7
7
7
7
7
7
7
7
7
7
8
9
7
Informazioni generali
SiT39-303
Prova di funzionamento
Premere il pulsante SET e assegnare ai LED n. 1 - 15, premere il pulsante RETURN
e inserire i dati per ciascuna impostazione.
H I dati come gli indirizzi e il numero di unità sono espressi come numeri binari, i due modi
di esprimersi vengono rappresentati come segue:
9 797997
16
32
4
8
1
2
In c l'indirizzo è 010110 (numero binario), che viene convertito in
16 + 4 + 2 = 22 (numero in base 10). In altre parole, l'indirizzo è 22.
977 7979
N.12
64 16
128 32
977 7997
4
N.13
8
L'indirizzo unificato raffreddamento/riscaldamento n. 1 è espresso
come numero binario che consiste delle 6 cifre inferiori. (0 - 63)
1
2
Il numero delle morsettiere per il N.12 e 13 è espresso da un numero
binario di 8 cifre, ovvero una combinazione di quattro cifre superiori
e quattro cifre inferiori rispettivamente per il N.12 e 13. (0 - 128)
In d l'indirizzo per il N. 12 è 0101, l'indirizzo per il N. 13 è 0110,
la combinazione dei due numeri è 01010110 (numero binario),
che viene convertito in 64 + 16 + 4 + 2 = 86 (numero in base 10).
In altre parole, il numero della morsettiera è 86.
H Vedere l'elenco dati, ecc. dei N. da 0 a 22 nella pagina precedente.
Informazioni generali
87
SiT39-303
Prova di funzionamento
4.4.2.2 Selezione modalità raffreddamento/riscaldamento
Sono disponibili le 5 seguenti modalità di commutazione raffreddamento/riscaldamento.
c Impostazione di raffreddamento/riscaldamento separati per ciascun sistema unità esterne
tramite il telecomando dell'unità interna.
d Impostazione di raffreddamento/riscaldamento separati per ciascun sistema unità esterne
tramite il dispositivo remoto di commutazione raffreddamento/riscaldamento.
e Impostazione di raffreddamento/riscaldamento per diverse unità esterne allo stesso tempo
in conformità con l'unità esterna master unificata tramite il telecomando dell'unità interna.
f Impostazione di raffreddamento/riscaldamento per diverse unità esterne allo stesso tempo in
conformità con l'unità esterna master unificata tramite il dispositivo remoto di commutazione
raffreddamento/riscaldamento.
c Impostazione di raffreddamento/riscaldamento separati per il sistema di ciascuna
unità esterna tramite il telecomando dell'unità interna.
‹ Non richiede alcun cablaggio unità esterna-esterna.
‹ Impostare DS1-1 sulla scheda elettronica dell'unità esterna su "interno" (impostazioni di fabbrica).
‹ Impostare la selezione raffreddamento/riscaldamento su "singola" per la "modalità di
impostazione 1" (impostazioni di fabbrica).
C/H SELECT
TEST
MODE
INT
MALFNC.
H1P
H2P
L.N.O.P. DEMAND
MASTER SLAVE
H3P
H4P
H5P
H6P
H7P
C/H SELECT
O
DIP SW.
DS1-1
I
C/H SELECT R.C.
A
88
B
C
I-O
F1
O-O
F2
F1
F1 • F2
F1 • F2
Unità interna
Unità interna
F2
OUT-MULTI
Q1
Q2
Informazioni generali
SiT39-303
Prova di funzionamento
d Impostazione di raffreddamento/riscaldamento separati per ciascun sistema unità
esterne tramite il dispositivo remoto di commutazione raffreddamento/riscaldamento.
‹ Non richiede alcun cablaggio unità esterna-esterna.
‹ Impostare DS1-1 sulla scheda elettronica dell'unità esterna su "esterno" (impostazioni
di fabbrica).
‹ Impostare la selezione raffreddamento/riscaldamento su "singola" per la "modalità di
impostazione 1" (impostazioni di fabbrica).
C/H SELECT
TEST
MODE MALFNC.
H1P
INT
H2P
O
DIP SW.
DS1-1
H3P
B
H5P
H6P
H7P
I
C
Selez.
Raffr/risc Telecomando
Informazioni generali
H4P
L.N.O.P. DEMAND
C/H SELECT
C/H SELECT R.C.
A
MASTER SLAVE
I-O
F1
O-O
F2
F1
F2
OUT-MULTI
Q1
Q2
F1 • F2
F1 • F2
Unità interna
Unità interna
89
SiT39-303
Prova di funzionamento
N
SS2
DS2
IND
MASTER
SLAVE
H3P
H4P
H5P
C/H SELECT
O
CN24
DS1
I
O-O
F2
F1
Q1
H4P
H5P
C/H SELECT
B
C
I-O
F1
O-O
F2
F1
F2
OUT-MULTI
Q1
Q2
All’unità interna
C/H SELECT
MASTER
SLAVE
H3P
H4P
H5P
C/H SELECT
O
I
C/H SELECT R.C.
C
A
IND
I
B
C/H SELECT R.C.
Q2
L.N.O.P.
H3P
O
OUT-MULTI
F2
TEST
SLAVE
MODE
MASTER
Multi
IND
L.N.O.P.
C/H SELECT
TEST
I-O
F1
All’unità interna
<Unità Slave>
<Unità Master>
MODE
C
DEMAND
CENTRAL
NO.
B
Multi
A
TERMINAL
ADDRESS
DEMAND
C/H SELECT R.C.
A
C/H SELECT
DE
I
C/H
DEMAND
H5P
C/H SELECT
TEST
H4P
MODE
H3P
O
BOTH C/H
FUNCTION
P
SLAVE
ON
OFF
F1
F2
MASTER
DEMAND
C/H SELECT
IND
L.N.O.P.
CENTRAL
C/H
SELECTION
TEST
SS1
MODE
Adattatore per controllo esterno delle unità esterne
L.N.O.P.
e Impostazione di raffreddamento/riscaldamento per diverse unità esterne allo stesso
tempo in conformità con l'unità esterna master unificata tramite il telecomando
dell'unità interna.
‹ Installare l'adattatore di controllo per l'unità esterna sulla linea esterno-esterno o internoesterno o trasmissione.
‹ Impostare DS1-1 sulla scheda elettronica dell'unità esterna su "interno" (impostazioni
di fabbrica).
‹ In modalità di impostazione 1, impostare l'unità esterna che si vuole abilitare alla selezione
raffreddamento/riscaldamento come master del gruppo e le altre unità esterne come slave
del gruppo.
‹ Impostare l'adattatore di controllo SS1 per l'unità esterna su Unificato (impostazioni di
fabbrica) o Raffreddamento, e SS2 su No (impostazioni di fabbrica).
I-O
F1
O-O
F2
F1
F2
OUT-MULTI
Q1
Q2
C/H SELECT R.C.
A
B
C
I-O
F1
O-O
F2
F1
F2
OUT-MULTI
Q1
Q2
All’unità interna
Collegamento unità esterne multi
90
Informazioni generali
SiT39-303
Prova di funzionamento
f Impostazione di raffreddamento/riscaldamento per diverse unità esterne allo stesso
tempo in conformità con l'unità esterna master unificata tramite il dispositivo remoto
di commutazione raffreddamento/riscaldamento.
‹ Aggiungere e modificare i seguenti elementi a e.
H Installare il dispositivo remoto di commutazione raffreddamento/riscaldamento sull'unità
master del gruppo.
H Impostare SS1 sulla scheda elettronica dell'unità esterna master del gruppo.
Altre informazioni su e e f.
Commutando raffreddamento/riscaldamento in ciascuna scheda adattatore utilizzando più
di una scheda adattatore, impostare gli indirizzi di DS1 e DS2 della scheda in modo che
corrispondano all'indirizzo unificato di raffreddamento/riscaldamento della scheda elettronica
unità esterna.
DS2 DS1
Master
gruppo unità
esterna N. 0
Adattatore
scheda
elettronica N. 0
DS2 DS1
Adattatore
scheda
elettronica N. 2
DS2 DS1
Indirizzo gruppo Raffr/Risc
Slave gruppo
unità esterna
N. 0
Slave gruppo
unità esterna
N. 0
Master
gruppo unità
esterna N. 2
Informazioni generali
Slave gruppo
unità esterna
N. 2
Adattatore
scheda
elettronica N. 1
DS2 DS1
Indirizzo gruppo Raffr/Risc
Slave gruppo
unità esterna
N. 2
Indirizzo gruppo Raffr/Risc
Master
gruppo unità
esterna N. 1
Slave gruppo
unità esterna
N. 1
Indirizzo gruppo Raffr/Risc
Adattatore
scheda
elettronica N. 3
Master
gruppo unità
esterna N. 3
Slave gruppo
unità esterna
N. 3
91
SiT39-303
Prova di funzionamento
Impostazione indirizzo per e e f (Impostare le cinque cifre inferiori con un numero
binario.) Dal [N.0 al N.31]
Indirizzo
N.
Adattatore scheda elettronica
LED scheda elettronica unità esterna
Impostare utilizzando la modalità di impostazione 2
DS2
DS1
N. 0
87
77777
87
77778
87
77787
87
77788
87
77877
0
0
N. 1
1
1
N. 2
2
2
N. 3
3
3
N. 4
4
4
~
~
~
N. 30
87
88887
87
88888
8ON
7OFF
30
30
N. 31
31
31
Posizione in alto (ON)
Posizione in basso (OFF)
(L’interruttore è rappresentato dalla parte ombreggiata)
(V2724)
92
Informazioni generali
SiT39-303
Prova di funzionamento
4.4.2.3 Impostazione del Funzionamento a bassa rumorosità e Funzionamento con richiesta preimpostata
Impostazione del funzionamento a bassa rumorosità
Collegando l'ingresso del contatto esterno all'ingresso bassa rumorosità dell'adattatore
di controllo esterno dell'unità esterna (opzionale), è possibile ridurre il rumore durante
il funzionamento di 2-3 dB.
A. Se il funzionamento a bassa rumorosità è attivato tramite comando esterno
(con l'uso di un adattatore di controllo dell'unità esterna)
1. Selezionare "Sì" nel parametro "Sì/No Bassa rumorosità/Richiesta preimpostata" dell'unità
esterna. (Impostare utilizzando la modalità di impostazione 2.)
2. Configurare "Impostazione basso livello di rumorosità esterno" sulla scheda elettronica
dell'unità esterna secondo le proprie esigenze.
(Il rumore durante il funzionamento risulta inferiore in "modalità 2" rispetto alla "modalità 1"
e in "modalità 3" rispetto alla "modalità 2".)
3. Configurare l'"Impostazione priorità capacità" sulla scheda elettronica dell'unità esterna
secondo le proprie esigenze.
(Se si seleziona "ON", in caso di aumento del carico di condizionamento, la funzione bassa
rumorosità verrà inibita e l'unità passerà alla modalità normale). (Impostare utilizzando la
modalità di impostazione 2.)
B. Se il funzionamento a bassa rumorosità si attiva automaticamente durante la notte
(non richiede l'uso dell'adattatore di controllo dell'unità esterna)
1. Configurare la "modalità notturna a bassa rumorosità" sulla scheda elettronica dell'unità
esterna. (Impostare utilizzando la modalità di impostazione 2.)
(Il rumore durante il funzionamento risulta inferiore in "modalità 2" rispetto alla "modalità 1"
e in "modalità 3" rispetto alla "modalità 2".)
2. Configurare l'"avvio modalità notturna a bassa rumorosità" sulla scheda elettronica dell'unità
esterna secondo le proprie esigenze. (Impostare utilizzando la modalità di impostazione 2)
(Siccome si presume che il tempo sia in relazione alla temperatura esterna, il tempo di avvio
è solamente un valore target.)
3. Configurare "l'arresto modalità notturna a bassa rumorosità" sulla scheda elettronica
dell'unità esterna secondo le proprie esigenze.
(Impostare utilizzando la modalità di impostazione 2.)
(Siccome si presume che il tempo sia in relazione alla temperatura esterna, il tempo di
arresto è solamente un valore target).
4. Configurare l'"Impostazione priorità capacità" sulla scheda elettronica dell'unità esterna
secondo le proprie esigenze.
(Impostare utilizzando la modalità di impostazione 2.)
(Se si seleziona "ON", in caso di aumento del carico di condizionamento, anche durante
le ore notturne, l'unità verrà commutata in modalità normale.)
Informazioni generali
93
SiT39-303
Prova di funzionamento
Schema del funzionamento per la condizione A
Se viene impostata la priorità della
capacità in “Impostazione priorità
capacità”, la velocità del ventilatore
aumenterà in base al carico di
condizionamento se il carico è elevato.
Rumorosità durante il
funzionamento
Rumorosità standard
Rumorosità durante il
Livello sonoro di circa 2 - 3 dB (La
funz. in modalità 1
potenza assorbita può essere aumentata
di
Rumorosità durante il circa il 10%)
Livello sonoro di circa 3 - 5 dB (La
funz. in modalità 2
potenza assorbita può essere
Rumorosità durante il aumentata di circa il 20%)
Livello sonoro di circa 5 - 8 dB (La
funz. in modalità 3
potenza assorbita può essere aumentata
di circa il 30%)
Il livello sonoro durante la
modalità a bassa rumorosità
può essere impostato con
"Impostazione basso livello
di rumorosità esterno”
(Impostazione di fabbrica:
Modalità 2)
Comando modalità a bassa
rumorosità
Impostazione livello sonoro con "Impostazione basso livello di rumorosità esterno”
Schema del funzionamento per la condizione B
Rumorosità
durante il
funzionamento
Se viene impostata la priorità della capacità
in “Impostazione priorità capacità”, la velocità
Ora impostata con "impostazione avvio modalità notturna del ventilatore aumenterà in base al carico di
Ora impostata con "impostazione arresto modalità
a bassa rumorosità"
condizionamento se il carico è elevato.
notturna a bassa rumorosità"
Rumorosità
standard
La rumorosità durante la
modalità notturna può
essere impostata con
"Impostazione modalità
notturna a bassa
rumorosità”
(Impostazione di fabbrica:
OFF)
Ore notturne.
Rumorosità
durante il funz. in
modalità 1
Rumorosità
durante il funz. in
modalità 2
Rumorosità
durante il funz. in
modalità 3
Livello di rumorosità durante il
funzionamento impostato con "Impostazione modalità notturna a bassa rumorosità"
PM 08:00
PM 10:00
PM 0:00
Impostato con "impostazione avvio modalità notturna a
bassa rumorosità". (Impostazione di fabbrica: PM 10:00)
AM 06:00
AM 7:00 AM 08:00
Impostato con "impostazione arresto modalità notturna a
bassa rumorosità". (Impostazione di fabbrica: AM 08:00)
Schema del funzionamento per le condizioni A e B
Se viene impostata la priorità della capacità
in “Impostazione priorità capacità”, la velocità Ora impostata con "impostazione arresto
del ventilatore aumenterà in base al carico di modalità notturna a bassa rumorosità"
condizionamento se il carico è elevato.
Il livello sonoro durante la modalità a
Rumorosità
bassa rumorosità può essere
standard
impostato con "Impostazione basso
* Ore notturne.
livello di rumorosità esterno”
Rumorosità
(Impostazione di fabbrica: Modalità 2)
durante il funz. in
La rumorosità durante la modalità
modalità 1
notturna può essere impostata con
* Comando modalità a
"Impostazione modalità notturna a
Rumorosità
bassa rumorosità
* Livello di rumorosità
bassa rumorosità”
durante il funz. in
durante il
(Impostazione di fabbrica: OFF)
modalità 2
funzionamento
Rumorosità
Istruzione modalità a bassa
impostato con
* Impostazione livello sonoro
Quando viene ricevuto il
durante il funz. in rumorosità - impostazione del
"Impostazione
con "Impostazione basso
comando bassa rumorosità
modalità 3
livello sonoro con
modalità notturna a livello di rumorosità esterno”
esterna
durante il
"Impostazione basso livello di
bassa rumorosità"
funzionamento in modalità
rumorosità esterno"
AM 06:00 AM 7:00 AM 08:00
PM 08:00 PM 10:00 PM 0:00
notturna a bassa rumorosità.
La Modalità 2 precede la
Modalità 1e la Modalità 3
Impostato con "impostazione avvio modalità notturna a bassa rumorosità". Impostato con "impostazione arresto modalità notturna a
precede la Modalità 2
bassa rumorosità". (Impostazione di fabbrica: AM 08:00)
(Impostazione di fabbrica: PM 10:00)
Rumorosità
durante il
funzionamento
94
Ora impostata con "impostazione avvio modalità
notturna a bassa rumorosità"
Informazioni generali
SiT39-303
Impostazione del
funzionamento
con richiesta
preimpostata
Prova di funzionamento
Collegando l'ingresso del contatto esterno all'ingresso Richiesta preimpostata dell'adattatore
di controllo dell'unità esterna (opzionale), è possibile ridurre il consumo energetico dell'unità
eliminando l'assorbimento del compressore.
A. Se il funzionamento con richiesta preimpostata è attivato tramite comando esterno
(con l'uso di un adattatore di controllo dell'unità esterna).
„ Selezionare "Sì" nel selettore "Sì/No Bassa rumorosità/Richiesta preimpostata" della scheda
elettronica dell'unità esterna.
(Impostare utilizzando la modalità di impostazione 2.)
„ Configurare il "l'impostazione Richiesta livello 1" sulla scheda elettronica dell'unità esterna
secondo le proprie esigenze.
(Durante il controllo Richiesta livello 1, è possibile ridurre fino all'80 %, 70 % o 60 % la
potenza assorbita rispetto al valore di targa.)
B. Se è attivato il funzionamento a richiesta continua. (Non richiede l'uso dell'adattatore
di controllo dell'unità esterna).
„ Configurare "l'impostazione richiesta continua" sulla scheda elettronica dell'unità esterna.
„ Se "l'impostazione richiesta continua" è configurata su "Richiesta continua livello 1", impostare
"Richiesta 1" sulla scheda elettronica dell'unità esterna secondo le proprie esigenze.
(Durante il funzionamento Richiesta continua livello 1, è possibile ridurre dell'80 %, 70 % o 60 %
la potenza assorbita rispetto al valore di targa.)
Informazioni generali
95
SiT39-303
Prova di funzionamento
Schema del funzionamento per la condizione A
Potenza assorbita
Potenza assorbita nominale
80% dell'assorbimento di potenza nominale
Comando Richiesta livello 1
Comando Richiesta livello 2
Comando Richiesta livello 3
70 % dell'assorbimento di potenza nominale
60 % dell'assorbimento di potenza nominale
40 % dell'assorbimento di potenza nominale
Potenza assorbita impostata da
"Impostazione richiesta livello 1".
Termostato forzato OFF
(modalità ventilazione)
La potenza assorbita
con il parametro
"Richiesta livello 1"
attivato può essere
impostata con
"Impostazione
Richiesta livello 1".
(Impostazioni di
fabbrica: "70 % della
potenza assorbita
nominale").
(V3081)
Schema del funzionamento per la condizione B
Potenza assorbita
Quando il parametro
"Funzionamento a
richiesta continua" è
impostato su ON
(impostazioni di
fabbrica: OFF). , la
potenza assorbita può
essere impostata con
"Impostazione richiesta
livello 1". (Impostazioni
di fabbrica: "70 % della
potenza assorbita
nominale").
Potenza assorbita nominale
80% dell'assorbimento di potenza nominale
70 % dell'assorbimento di potenza nominale
60 % dell'assorbimento di potenza nominale
40 % dell'assorbimento di potenza nominale
Potenza assorbita impostata con "Impostazione richiesta livello 1".
Termostato forzato OFF
(modalità ventilazione)
(V3082)
Schema del funzionamento per le condizioni A e B
La potenza assorbita
può essere impostata
con "Impostazione
richiesta livello 1".
(Impostazioni di
fabbrica: "70 % della
potenza assorbita
nominale").
Potenza assorbita
Potenza assorbita nominale
80% dell'assorbimento di potenza nominale
70 % dell'assorbimento di potenza nominale
60 % dell'assorbimento di potenza nominale
Potenza assorbita impostata con "Impostazione richiesta livello 1".
40 % dell'assorbimento di potenza nominale
Termostato forzato OFF
(modalità ventilazione)
HComando Richiesta livello 2
HComando Richiesta livello 3
HDurante il funzionamento a richiesta continua,
quando viene ricevuto ripetutamente il comando
richiesta esterna, avrà la precedenza il comando
con il livello di richiesta più elevato.
(V3083)
96
Informazioni generali
SiT39-303
Prova di funzionamento
Dettagli della
procedura di
impostazione del
Funzionamento a
bassa rumorosità
e con Richiesta
preimpostata
1. Modalità di impostazione 1 (H1P OFF)
c In modalità 2, premere una volta il pulsante BS1 (pulsante MODE). → Accesso alla modalità
impostazione 2 e accensione di H1P.
Mentre viene visualizzata la modalità di impostazione 1, sono visibili anche "Funzionamento
a bassa rumorosità" e "Controllo con richiesta preimpostata".
Informazioni generali
97
2. Modalità di impostazione 2 (H1P ON)
c In modalità impostazione 1, tenere premuto BS1 (pulsante MODE) per più di 5 secondi. →
Accesso alla modalità impostazione 2 e accensione di H1P.
d Premere BS2 (pulsante SET) diverse volte fino a quando i LED non visualizzano il n. di
impostazione desiderata.
e Premere BS3 (pulsante RETURN) una volta, verrà visualizzata la descrizione dell'impostazione
attuale.
→ Premere BS2 (pulsante SET) diverse volte, fino a quando i LED non visualizzano la descrizione
dell'impostazione desiderata (come mostrato di seguito).
f Premere BS3 (pulsante RETURN) due volte. → Ritorna su c.
g Premere BS1 (pulsante MODE) una volta. → Ritorna in modalità impostazione 1 e H1P si spegne.
SiT39-303
Prova di funzionamento
d
c
Impostazione N.
Descrizione
impostazione
Indicazione n. impostazione
e
Indicazione n. impostazione
Descrizione
impostazione
H1P H2P H3P H4P H5P H6P H7P H1P H2P H3P H4P H5P H6P H7P
22
Impostazione
modalità
notturna
a bassa
rumorosità
{
z
z
z
z
z
z
{
z
{
z
{
{
z
H1P
H2P
H3P
H4P
H5P
H6P
H7P
{
z
z
z
z
z
z
{
{
{
{
z
z
z
z
z
z
z
z
z
z
z
z
z
z
z
z
z


z




{
z
z
z
z

z
{
{
z
z
z
z
z
z
z
z
z


z
{
z
z
z

z
z
{
{
{
z
z
z
z
z
z
z
z
z
z
z

z

z

z
z
AM 8:00
(impostazioni
di fabbrica)
{
z
z
z
z
z

Precedenza
bassa
rumorosità
(impostazioni
di fabbrica)
{
z
z
z
z
z
z
Precedenza
capacità
{
z
z
z
z

z
60 % della
potenza
assorbita
nominale
{
z
z
z
z
z

70 % della
potenza
assorbita
nominale
(impostazioni
di fabbrica)
{
z
z
z
z

z
80 % della
potenza
assorbita
nominale
{
z
z
z

z
z
OFF
(Impostazione
di fabbrica)
{
z
z
z
z
z

Richiesta
continua 1 fissa
{
z
z
z
z

z
NO
(impostazione
di fabbrica)
{
z
z
z
z
z
{
{
z
z
z
z
{
z
OFF
(Impostazione
di fabbrica)
Modalità 1
Modalità 2
Modalità 3
25
{
Impostazione
bassa
rumorosità
esterna
z
{
{
z
z
{
Modalità 1
Modalità 2
(Impostazione
di fabbrica)
Modalità 3
26
{
Imp. avvio mod.
notturna a
bassa
rumorosità
z
{
{
z
{
z
PM 08:00:00
PM 10:00
(impostazioni
di fabbrica)
PM 0:00
27
29
30
{
Imp. arresto
mod. notturna
a bassa
rumorosità
12
Impostazione
priorità capacità
{
{
z
{
{
z
{
{
{
z
{
Richiesta 1
Impostazione
richiesta
continua
{
Impostazione
bassa
rumorosità
esterna/
Richiesta
preimpostata
{
AM 06:00:00
z
z
z
{
z
z
{
z
{
{
z
{
{
z
z
z
z
z
SÌ
Sezione indicazione mod.
impostazione
98
{
AM 7:00
{
32
z
Sezione indicazione n. impostazione
Indicazione descrizione impostazione
(condizione iniziale)
Sezione indicazione descr. imp.
Informazioni generali
SiT39-303
Prova di funzionamento
4.4.2.4 Impostazione dell'operazione di carica supplementare di refrigerante
Se la quantità supplementare di refrigerante non viene caricata completamente con l'unità
esterna in arresto, avviare l'unità esterna e caricare il liquido refrigerante dall'attacco di servizio
della valvola di intercettazione liquido. L'operazione di carica supplementare di refrigerante si
attiva premendo il pulsante sulla scheda elettronica dell'unità esterna.
[Portata totale carica supplementare di refrigerante]
FASE 1
Verificare che la valvola di
intercettazione SCARICO,
LIQUIDO, ASPIRAZIONE ed
equalizzazione olio sia chiusa.
Carica
supplementare
Togliere corrente.
con
compressore
non in funzione
Caricare utilizzando l’attacco di
servizio della valvola di
intercettazione LIQUIDO.
È stata
caricata la quantità completa
di refrigerante?
FASE 2
Carica
SÌ
Aprire la valvola di
intercettazione LIQUIDO &
ASPIRAZIONE.
Aprire la valvola di intercettazione
SCARICO & ASPIRAZIONE.
(Valvola di intercettazione lato
liquido: chiusa
Valvola equalizzazione olio: aperta
In caso di collegamento di impianto
esterno tipo multi.)
Scollegare il tubo di carico.
supplementare
con compressore
in funzione
Inizio modalità carica
supplementare refrigerante.
(Modalità di impostazione 2:
vedi i dettagli della procedura
alla pagina seguente.)
È stata
caricata la quantità completa
di refrigerante?
FINE delle operazioni di carica.
SÌ
Aprire la valvola
d'intercettazione LIQUIDO.
NO
ARRESTO modalità carica
refrigerante
(V2892)
Informazioni generali
99
Prova di funzionamento
SiT39-303
[Dettagli della procedura]
c Dopo aver staccato il rispettivo interruttore remoto di unità interne ed esterne e aver caricato
il refrigerante, dare corrente alle unità interne ed esterne.
Non dimenticare di staccare l'alimentazione e caricare il refrigerante con l'unità esterna in
modalità arresto prima di aggiungere il refrigerante seguendo la presente procedura per
evitare problemi.
d Aprire completamente la valvola di intercettazione sul lato gas e la valvola di equalizzazione
olio per i collegamenti esterni multi; non dimenticare di chiudere completamente la valvola
di intercettazione sul lato liquido. (Se la valvola di intercettazione sul lato liquido è aperta,
non è possibile caricare il refrigerante.)
e In Modalità impostazione 2 (H1P: ON) arrestare l'unità esterna e impostare l'interruttore A
"Carica supplementare di refrigerante" su ON per avviare l'operazione. (H2P visualizzerà
PROVA DI FUNZIONAMENTO lampeggiante, e sul telecomando sarà visualizzato "PROVA
DI FUNZIONAMENTO" e "CONTROLLO CENTRALIZZATO".)
f Dopo aver caricato la quantità stabilita di refrigerante premere il pulsante RETURN (BS3)
per arrestare l'operazione.
L'operazione di carica si arresta automaticamente dopo circa 30 minuti di funzionamento.
Se la carica non viene completata entro 30 minuti, impostare nuovamente l'interruttore A
"Carica Supplementare di Refrigerante" per avviare la carica. Se l'operazione di carica si
arresta immediatamente anche dopo il riavvio, è stata caricata una quantità eccessiva di
refrigerante. Non è più possibile caricare ulteriore refrigerante.
g Non dimenticarsi di aprire completamente la valvola di intercettazione lato liquido non
appena staccato il tubo di carica refrigerante.
(La tubazione potrebbe esplodere a causa della pressione del liquido).
[Stato operativo]
• Frequenza del compressore: 210Hz
• Elettrovalvole Y1S,Y2S,Y3S: Aperto
• Ventilatore unità esterna Controllo alta pressione
• Valvola di espansione unità interna (tutte le unità): 1024 impulsi
• Ventilatore unità interna: Velocità A
4.4.2.5 Impostazione della Modalità recupero refrigerante
Se si effettua il recupero del refrigerante sul posto, aprire completamente la rispettiva valvola
di espansione delle unità interna ed esterna.
[Procedura di funzionamento]
c In modalità impostazione 2 con le unità in modalità arresto, impostare "Modalità recupero
refrigerante/evacuazione B" su ON. La relativa valvola di espansione delle unità interne
ed esterne verrà aperta completamente. (H2P visualizza "PROVA DI FUNZIONAMENTO"
(lampeggiante), mentre sul telecomando viene visualizzato "PROVA DI FUNZIONAMENTO"
E "CONTROLLO CENTRALIZZATO"; il funzionamento delle unità è disabilitato.
d Recuperare il refrigerante utilizzando un apposito dispositivo di recupero. (Vedere le
istruzioni allegate al dispositivo di recupero del refrigerante per maggiori dettagli).
e Premere il pulsante "BS1" una volta e ripristinare la "Modalità di impostazione 2".
100
Informazioni generali
SiT39-303
Prova di funzionamento
4.4.2.6 Impostazione della Modalità evacuazione
Per l'esecuzione sul posto dell'operazione di evacuazione tramite creazione del vuoto,
aprire completamente le valvole di espansione delle unità interna ed esterna per attivare
alcune elettrovalvole.
[Procedura di funzionamento]
c In Modalità impostazione 2 mentre l'unità è arrestata, impostare Modalità recupero refrigerante/
evacuazione (B) su ON. Le valvole di espansione delle unità interna ed esterna si aprono
completamente e alcune elettrovalvole aprono.
(H2P lampeggia per indicare che la prova di funzionamento è in corso e il telecomando visualizza
"Prova di funzionamento" e "Controllo centralizzato"; il funzionamento delle unità è inibito).
Dopo l'impostazione, non uscire dalla "Modalità impostazione 2" fino al termine dell'operazione
di evacuazione.
d Utilizzare la pompa a vuoto per effettuare l'operazione di evacuazione.
e Premere il pulsante "BS1" una volta e ripristinare la "Modalità di impostazione 2".
4.4.2.7 Controllo del funzionamento
Per prevenire problemi durante l'installazione sul posto, il sistema è dotato della modalità
prova di funzionamento che consente il controllo del cablaggio non corretto, la chiusura della
valvola di intercettazione, lo scollegamento (o posizionamento errato del termistore della linea
di aspirazione) del termistore della linea di mandata, la verifica dellalunghezza delle tubazioni,
la carica eccessiva di refrigerante e l'impostazione del grado minimo di apertura della valvola
motorizzata.
FUNZIONE CONTROLLO FUNZIONAMENTO
Display a LED (H1P~H7P) (8:ON 9:LAMPEGGIANTE 3:OFF)
3383333
Arresto unità
Premere il pulsante TEST per 5 secondi.
Fase 1
Equalizzazione pressione
da 10 sec a 10 minuti
Fase 2
Controllo avviamento raffreddamento
3933338
3933383
da 20 sec a 2 minuti
Fase 3
Funzionamento attesa stabilità
3933388
10 minuti
Fasi 4~6
Funzioni di valutazione
• Controllo chiusura valvola d'intercettazione
• Controllo errori di cablaggio
• Controllo carica eccessiva di refrigerante
• Controllo lunghezza tubazioni
3933833
3933838
3933883
3 minuti
Fase 7 Funzione svuotamento refrigerante residuo
3933888
5 minuti
Fase 8
3938333
Standby per riavvio
5 minuti
Completamento
Informazioni generali
101
SiT39-303
Precauzioni per le perdite di refrigerante
5. Precauzioni per le perdite di refrigerante
5.1
Precauzioni per le perdite di refrigerante
5.1.1 Introduzione
Elementi da considerare relativi alle perdite di refrigerante.
L'installatore e lo specialista di impianti dovranno garantire la sicurezza contro le perdite
secondo i regolamenti o le norme locali. Si potranno applicare i seguenti standard in caso
non siano disponibili regolamenti locali.
5.1.2 Massimo livello di concentrazione
La quantità massima di refrigerante da caricare e il calcolo della massima concentrazione
di refrigerante è direttamente collegata allo spazio abitato nel quale potrebbe fuoriuscire.
L'unità di misura della concentrazione è il kg/m3 (il peso in kg del gas refrigerante presente
in un m3 di volume di spazio occupato) È necessario essere conformi ai regolamenti e alle
norme locali relative al massimo livello di concentrazione permesso. In Australia il massimo
livello di concentrazione di refrigerante consentito in uno spazio abitato è di 0,35 kg/m3 per
il R407C e 0,44 kg/m3 per il R410A.
Unità esterna
Direzione del flusso refrigerante
Ambiente ove
si è verificata
la perdita (Uscita
di tutto il refrigerante
del sistema)
Unità interna
Prestare particolare attenzione al luogo, ad esempio uno scantinato, ove si può trovare il
refrigerante poiché questo è più pesante dell'aria.
5.1.3 Procedura di verifica di concentrazione pericolosa
Verificare l'eventuale concentrazione pericolosa in conformità alle fasi (1)-(4) di seguito e
prendere i provvedimenti necessari.
Fase 1:
Calcolare la quantità (kg) di refrigerante caricato in ciascun impianto separatamente.
(Quantità di refrigerante
in un sistema con una
sola unità interna)
+
(Quantità supplementare
caricata)
=
Quantità totale di
refrigerante nel
sistema (kg)
Quantità di refrigerante caricato nel
sistema prima della consegna
Quantità di refrigerante aggiunto
localmente secondo la lunghezza
o il diametro delle tubazioni del
circuito refrigerante.
Nota:
102
Se un impianto di refrigerazione si divide in due impianti refrigeranti completamente
indipendenti utilizzare le quantità caricate separatamente in ciascun impianto.
Informazioni generali
SiT39-303
Fase 2:
Precauzioni per le perdite di refrigerante
Calcolare il volume dell'ambiente più piccolo (m3).
In un caso simile al seguente calcolare il volume di (a), (b) come ambiente singolo o come
ambiente più piccolo.
(a) Se gli ambienti non sono divisi in parti minori.
Unità esterna
Unità interna
(b) Se gli ambienti sono divisi ma c'è un'apertura tra loro sufficiente a permettere un flusso d'aria.
Unità esterna
Unità interna
Passaggio tra ambienti
Separazione
(Apertura senza porta o aperture sopra e sotto la porta, ognuna equivalente ad almeno lo 0,15 %
dell'area del pavimento.)
(c) Se è installato un cercafughe per gas collegato ad un ventilatore meccanico nell'ambiente
più piccolo, la seconda stanza più piccola sarà utilizzata per le misurazioni.
Unità esterna
Seconda stanza
Stanza di
di minori
minori
dimensioni dimensioni
Fase 3:
Unità interna
Calcolare la densità del refrigerante utilizzando i risultati dei calcoli delle fasi (1) e (2).
Volume totale del refrigerante nel
circuito frigorifero
<= Concentrazione pericolosa (kg/m3)
Dimensione in m3 della stanza di
minori dimensioni ove è installata
un’unità interna
per R407C = 0,35kg/m3, per R410A = 0,44kg/m3
Se i calcoli confermano un livello di concentrazione superiore alla soglia di pericolosità,
eseguire gli stessi calcoli per le altre stanze di dimensioni via via maggiori fino a che il
risultato sarà inferiore alla soglia di pericolosità.
Informazioni generali
103
SiT39-303
Precauzioni per le perdite di refrigerante
Fase 4:
Gestione delle situazioni di superamento della soglia di concentrazione pericolosa.
Se l'installazione dell'impianto ha come effetto un livello di concentrazione pericolosa, potrebbe
essere necessario rivedere il progetto dello stesso oppure agire secondo le seguenti procedure.
Procedura 1: Eseguire delle aperture che permettano un libero flusso d'aria nell'ambiente.
Eseguire aperture sopra e sotto la porta di dimensione equivalente ad almeno
lo 0,15 % dell'area del pavimento oppure eseguire un'apertura senza porte.
Procedura 2: Installare un ventilatore meccanico collegato ad un cercafughe per gas.
Procedura 2:
Allarme fughe di
gas e ventilatore
meccanico
Nota:
104
Unità interna
Procedura 1:
Eseguire aperture di
dimensioni
sufficienti ad
assicurare un libero
flusso d'aria.
Tale precauzione è conforme alle norme europee.
Conformarsi ai regolamenti locali.
Informazioni generali
SiT39-303
Consegna al cliente
6. Consegna al cliente
6.1
Procedura
Prova di
funzionamento
completa
Redazione rapporto
conclusivo (foglio
ispezione prova di
funzionamento)
Spiegazione del
funzionamento
dell'unità
Consegna del
materiale cartaceo
relativo all’unità
(V1050)
Importante:
a) Le misure rilevate durante la prova di funzionamento saranno registrate e conservate sul foglio relativo
alla prova di funzionamento.
b) Non dimenticarsi di registrare la lunghezza del circuito frigorifero e della quantità supplementare
di refrigerante caricata nella targhetta posta sul retro dell'unità esterna, poichè tali informazioni
saranno necessarie per la manutenzione del sistema.
c) Spiegare al cliente il funzionamento dell'impianto; quindi consentire al cliente di provare il
funzionamento.
d) Raggruppare tutti gli schemi e altro materiale cartaceo necessari al funzionamento dell'impianto e
consegnarlo al cliente, ricordandogli di conservare il tutto.
Elenco delle apparecchiature
consegnate
Disegni allegati al contratto
È importante preparare uno schema elettrico di
controllo che spieghi in maniera chiara l’impianto
frigorifero e il sistema di controllo.
1 copia dei manuali di funzionamento
Nominativi dei responsabili
dell'installazione (indirizzi di emergenza)
Certificati di garanzia delle unità.
e) Esporre chiaramente l'indirizzo dell'assistenza.
Materiali di progettazione impianto
Cliente
Informazioni generali
105
SiT39-303
Appendice
7. Appendice
7.1
Rumore di funzionamento unità interne
7.1.1 Differenze tra i valori di rumorosità riportati in catalogo e
rumorosità reale
Il rumore durante il funzionamento è diverso secondo il luogo di misurazione (ambiente) a causa dei diversi
livelli di riverbero della stanza. Per determinare la quantità di riverbero in condizioni uniformi, la misurazione
è stata effettuata in camera anecoica e i risultati riportati nella tabella sottostante. È possibile determinare la
rumorosità reale prodotta dal funzionamento dell'unità utilizzando la Tabella 1.
La pressione sonora aumenta a causa del riverbero della stanza ed è maggiore di quella riportata in catalogo.
12
10
dB(A)
8
6
A
B
C
4
2
0
30
50
100
200
300
500
1000
Area pavimento(m²)
Tabella 1
A
B
C
Pavimento
Malta
Linoleum
Tappeti
Pareti
Malta
Intonaco
Lana di vetro con
finitura Saroncross
Soffitto
Malta
Pannelli di lana
di roccia
Lana di vetro con
finitura Saroncross
Assorbimento medio suono
(Ambiente con area di circa 50 m²)
0,05
0,12
0,25
Rilevamento interno
ambiente
Valore stimato da aggiungere
al valore in catalogo
Ufficio standard
11~12
8~8,5
5~6
Classificazione ambienti interni (dati di riferimento)
Tabella 2
Classificazione
Ambiente
1
Ambienti tranquilli che richiedono
silenzio
2
Sale di accettazione, biblioteche, salotti,
ospedali (ambulatori) (NOTA 1)
Rumore
di fondo
(NOTA 2)
Rumore di
funzionamento
locale consigliato
~35
~40
Attività commerciali tranquille che non Uffici tranquilli, aule scolastiche, sale
disturbano gli altri nel tempo
conferenza di piccole dimensioni, ingressi
~40
~45
3
Ambienti tranquilli con conversazioni
a bassa voce e attività tipiche
Piccoli uffici, sale conferenze di grandi
dimensioni, negozi tranquilli, ristoranti
~45
~50
4
Ambienti abbastanza rumorosi che
permettono conversazioni a volume
normale di voce e attività vivaci
Grandi uffici, negozi e caffetterie
~50
~55
5
Ambienti con conversazioni ad alta
Grandi uffici, grandi caffetterie, negozi
voce e attività intense con la presenza rumorosi
di molte persone
~55
~60
6
Ambienti piuttosto rumorosi
~60
~65
Note:
106
Esempio
Fabbriche, palestre, ambienti di
ricreazione come le sale giochi
1. Ad esclusione delle camere da letto
2. Valori di riferimento del rumore di fondo nel luogo di utilizzo
Informazioni generali
SiT39-303
Appendice
7.1.2 Rumore di fondo e correzione del rumore di funzionamento rispetto
al rumore di fondo
È definito rumore di fondo l'insieme dei suoni periferici che si avverte nei periodi di arresto dell'unità e che viene
rilevato durante la misurazione del rumore di funzionamento. Se tale rumore di fondo supera di almeno 10 dB
il rumore prodotto dall'unità, è possibile considerare il valore di misurazione come rumore di funzionamento
dell'unità. Tuttavia è necessario correggere la differenza se inferiore a 10 dB, per l'effetto che tale rumore può
avere sulla misurazione della rumorosità effettiva. Inoltre, se il valore misurato dal fonometro rimane costante
anche dopo l'arresto dell'unità, è possibile determinare che il rumore di funzionamento sia di almeno 10 dB
inferiore al rumore di fondo, anche se non è possibile rilevarne l'esatto valore.
Ad esempio, se il rumore di fondo è circa 65 dB e la rumorosità dell'unità è 70 dB, la differenza indicata
è di 5 dB. Utilizzando la tabella 3, si consiglia di correggere il valore del rumore di funzionamento di circa
2 dB fino a 68 dB.
Tabella 3 Correzione degli effetti del rumore di fondo
Unità: dB
Differenza tra la presenza
e l'assenza di rumore
Valore di correzione
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
–6,9
–4,4
–3,0
–2,3
–1,7
–1,25
–0,95
–0,75
–0,60
–0,45
7.1.3 Calcolo della rumorosità di funzionamento
Se due o più unità sono in funzione allo stesso tempo, la quantità di rumore prodotto aumenta. È possibile
calcolare in anticipo la quantità di rumore prodotto utilizzando il Grafico 4.
Grafico 4
3,0
Somma L di L1 e L2 (L1 L2)
) Valore di correzione
2,5
L = L1 + valore di correzione
Il valore di correzione relativo a
(L1 - L2) è aggiunto a L1,
2,0
1,5
(
dB
1,0
0,5
0
0
5
10
15
Vedi il calcolo di esempio (L1-L2) (dB)
Esempio 1
L1 e L2 sono dati come suoni composti di 50 e 49 dB rispettivamente. Poichè L1 – L2 = 50 – 49 = 1, il valore
di correzione è 2,5 e perciò 50 + 2,5 = 52,5 dB.
Esempio 2
Se suoni del valore di 40 dB, 38 dB, 37 dB e 40 dB sono ordinati secondo la grandezza, otteniamo:
40 dB, 40 dB, 38 dB, 37 dB
Per prima cosa, la differenza tra 40 dB e 40 dB è 0, quindi si prende il valore correttivo di 3 dB ottenendo
40 + 3 = 43 dB. Il suono composto di 43 dB e 38 dB dà una differenza di 5,0 dB e pertanto un valore
correttivo di 1,2 dB. Ne consegue che 43 + 1,2 danno come risultato 44,2. Allo stesso modo, il valore
correttivo di 44,2 e 37 è circa 0,7 dB ovvero 44,2 + 0,7 = 44,9 dB.
Informazioni generali
107
SiT39-303
Appendice
7.2
Punto di installazione delle tubazioni
Max. 5m
Kit di
raccordo A
Lunghezza massima da un kit di
raccordo. Max. 10m dalla prima
diramazione. (Lunghezza
equivalente delle tubazioni 13m)
Kit di
raccordo B
Poichè esiste la possibilità che l’olio si raccolga nelle tubature di una macchina in arresto, installare le tubazioni
tra le unità esterne per arrivare a livello o fino all’altezza di una unità esterna e in pendenza.
(V3084)
La parte di tubazione supplementare tra i kit raccordi multipli
Se la lunghezza delle tubazioni tra i kit raccordi multipli o tra il kit raccordi multipli e l’unità esterna è di 2 metri o
più, preparare una parte di tubazione aggiuntiva in verticale (200 mm o più, come da illustrazione sottostante)
solamente sulla linea gas ad una distanza inferiore a 2 m dal kit raccordi multipli.
In caso di distanza inferiore o uguale a 2 m.
Inferiore a 2m
V3037
In caso di distanza inferiore o uguale a 2m
Allungamento
verticale
200~
300mm
Inferiore a 2m
2m o più
Allungamento
verticale
Allungamento
verticale
200~300mm
Inferiore a 2m
108
200~300mm
Inferiore a 2m
(V3085)
Informazioni generali
SiT39-303
Appendice
<Esempio di schema errato>
Errato
×
L’olio si raccoglie nell’unità
esterna al momento
dell’arresto, a causa della
mancanza di tubazioni sul
fondo.
V3039
Errato
×
L’olio si raccoglie nell'unità esterna più
in basso al momento dell’arresto, a
causa della pendenza verso il basso
delle tubazioni.
Esempio di installazione nella quale l’olio non si raccoglie.
Corretto
Corretto
Allungamento
verticale
E’ necessario un
allungamento
verticale se la
distanza è
uguale o
superiore a 2m.
200~
300mm
(V3086)
Kit raccordi multipli per unità esterna
Lunghezza
massima
consentita
Kit raccordi multipli per unità interna
delle tubazioni
Giunto REFNET – Unità interna
Unità esterna – unità esterna
Dislivello
consentito
Unità esterna – unità interna
Unità interna – Unità interna
Informazioni generali
Lunghezza effettiva tubazioni 10 m max, lunghezza
equivalente13 m max
Lunghezza effettiva tubazioni 150 m max, lunghezza equivalente
175 m max, estensione totale 300 m max
Lunghezza effettiva tubazioni 40 m max
5 m max
50 m max
(se l'unità esterna è ad un'altezza inferiore delle unità interne:
40 m max)
15 m max
109
SiT39-303
Appendice
7.3
Lunghezza consentita delle tubazioni
7.3.1 Diramazione con giunto Refnet
(Collegamento di 8 unità interne sistema pompa di calore)
Diramazione con giunto Refnet
Giunto REFNET (C )
Unità esterna
Una unità
esterna
installata
(RXYQ5~16)
a
b
c
A
B
h
i
1
d
C
J
2
e
D
k
3
g
f
E
l
4
H1
F
G
m
5
n
6
7 H2
8
Unità interne (1-8)
Unità esterna
Quando sono
installate unità
esterne multiple
(RXYQ18 ~)
Prima
diramazione
esterna
Giunto REFNET (A-G)
H3
a
b
A
c
B
h
i
1
d
C
J
2
e
k
3
g
f
E
D
F
l
4
m
5
H1
P
G
n
6
7 H2
8
Unità interne (1-8)
*Se la capacità di sistema è pari al modello RXYQ18 o superiore, rileggere il manuale fino
al capitolo che tratta la prima diramazione esterna, come già visto per l'unità interna.
Lunghezza
massima
consentita
Tra unità esterne
e unità interne
• Lunghezza effettiva tubazioni
Lunghezza delle tubazioni tra unità esterne ed interne ≤ 150 m
Esempio unità 8: a + b + c + d + e + f + g + p ≤ 150 m
• Lunghezza equivalente
Lunghezza equivalente delle tubazioni tra unità esterne ed interne ≤ 175 m
(considerare allo scopo del calcolo la lunghezza equivalente di un giunto refnet uguale a 0,5 m e
di un collettore refnet uguale a 1 m)
• Lunghezza totale dei collegamenti
Lunghezza totale delle tubazioni dall'unità esterna* a tutte le unità interne ≤ 300 m
Tra la diramazione esterna e l'unità esterna
(solo per RXYQ18 o maggiore)
Unità esterna
• Lunghezza effettiva tubazioni
r ≤ 10m
Lunghezza tubazioni dalla diramazione esterna all'unità
s ≤ 10m
t ≤ 10m
esterna ≤ 10 m (Lunghezza approssimativa: max 13 m)
r
s
t
Tra l'unità esterna e le unità interne
• Dislivello
Dislivello tra unità esterne e interne (H1) ≤ 50 m
(Massimo 40 m se l'unità esterna è ad un'altezza inferiore)
Tra le unità interne
• Dislivello
Dislivello tra unità interne adiacenti (H2) ≤ 15 m
Tra le unità esterne
• Dislivello
Dislivello tra unità esterna (master) e unità esterna (slave) (H3) ≤ 5 m
Lunghezza • Lunghezza effettiva tubazioni
Lunghezza delle tubazioni dal primo kit diramazione refrigerante (sia giunto refnet che collettore refnet)
ammissibile
all'unità interna ≤ 40 m
dopo la
Esempio unità 8: b + c + d + e + f + g + p ≤ 40 m
diramazione
Lunghezza
e altezza
consentite
110
Informazioni generali
SiT39-303
Appendice
7.3.2 Diramazione con giunto Refnet e collettore Refnet
(Collegamento di 8 unità interne sistema pompa di calore)
Diramazione con giunto Refnet e collettore Refnet
Unità esterna
Un'unità
esterna
installata
(RXYQ5~16)
giunto REFNET (B)
i
a
H1
Collettore Refnet
A
B
b
J
k
7
c
d
1
e
2
g
f
3
4
5
8
H2
h
6
Unità interne (1-8)
Unità esterna
Giunto REFNET (A • B)
H3
In caso di
installazione di
unità esterne
multiple
(RXYQ18 ~)
i
a
H1
Collettore Refnet
A
B
b
J
k
7
c
d
1
e
2
g
f
3
4
5
h
8
H2
6
Unità interne (1-8)
*Se la capacità di sistema è pari al modello RXYQ18 o superiore, rileggere il manuale fino
al capitolo che tratta la prima diramazione esterna, come già visto per l'unità interna.
Lunghezza
massima
consentita
Tra unità esterne
e unità interne
• Lunghezza effettiva tubazioni
Lunghezza delle tubazioni tra unità esterne ed interne ≤ 150 m
Esempio unità 6: a + b + h ≤ 150 m, unità 8: a + i + k ≤ 150 m
• Lunghezza equivalente
Lunghezza equivalente delle tubazioni tra unità esterne ed interne ≤ 175 m
(considerare allo scopo del calcolo la lunghezza equivalente di un giunto refnet uguale a 0,5 m e
di un collettore refnet uguale a 1 m)
• Lunghezza totale dei collegamenti
Lunghezza totale delle tubazioni dall'unità esterna* a tutte le unità interne ≤ 300 m
Tra la diramazione esterna e l'unità interna
(solo per RXYQ18 o maggiore)
• Lunghezza effettiva tubazioni
Unità esterna
r ≤ 10m
Lunghezza tubazioni dalla diramazione esterna all'unità
s ≤ 10m
esterna ≤ 10 m (Lunghezza approssimativa: max 13 m)
t ≤ 10m
r
s
t
Tra l'unità esterna e le unità interne
• Dislivello
Dislivello tra unità esterne e interne (H1) ≤ 50 m
(Massimo 40 m se l'unità esterna è ad un'altezza inferiore)
Tra le unità interne
• Dislivello
Dislivello tra unità interne adiacenti (H2) ≤ 15 m
Tra le unità esterne
• Dislivello
Dislivello tra unità esterna (master) e unità esterna (slave) (H3) ≤ 5 m
Lunghezza • Lunghezza effettiva tubazioni
Lunghezza delle tubazioni dal primo kit diramazione refrigerante (sia giunto refnet che collettore refnet)
ammissibile
all'unità interna ≤ 40 m
dopo la
Esempio unità 6: b + h ≤ 40 m, unità 8: i + k ≤ 40 m
diramazione
Lunghezza
e altezza
consentite
Informazioni generali
111
SiT39-303
Appendice
7.3.3 Diramazione con collettore Refnet
(Collegamento di 8 unità interne sistema pompa di calore)
Diramazione con collettore Refnet
Unità esterna
Un'unità
esterna
installata
(RXYQ5~16)
Collettore Refnet
a
H1
b
c
1
d
2
e
3
g
f
4
5
6
h
7 H2
8
Unità interne (1-8)
Unità esterna
Collettore Refnet
H3
In caso di
installazione di
unità esterne
multiple
(RXYQ18 ~)
a
H1
c
b
1
d
2
g
f
e
3
4
5
6
h
7
H2
8
Unità interne (1-8)
*Se la capacità di sistema è pari al modello RXYQ18 o superiore, rileggere il manuale fino
al capitolo che tratta la prima diramazione esterna, come già visto per l'unità interna.
Lunghezza
massima
consentita
Tra unità esterne
e unità interne
• Lunghezza effettiva tubazioni
Lunghezza delle tubazioni tra unità esterne ed interne ≤ 150 m
Esempio unità 6: a + i ≤ 150 m
• Lunghezza equivalente
Lunghezza equivalente delle tubazioni tra unità esterne ed interne ≤ 175 m
(considerare allo scopo del calcolo la lunghezza equivalente di un giunto refnet uguale a 0,5 m e
di un collettore refnet uguale a 1 m)
• Lunghezza totale dei collegamenti
Lunghezza totale delle tubazioni dall'unità esterna* a tutte le unità interne ≤ 300 m
Tra la diramazione esterna e l'unità interna
(solo per RXYQ18 o maggiore)
• Lunghezza effettiva tubazioni
Unità esterna
r ≤ 10m
Lunghezza tubazioni dalla diramazione esterna all'unità
s ≤ 10m
esterna ≤ 10 m (Lunghezza approssimativa: max 13 m)
t ≤ 10m
r
s
t
Tra l'unità esterna e le unità interne
• Dislivello
Dislivello tra unità esterne e interne (H1) ≤ 50 m
(Massimo 40 m se l'unità esterna è ad un'altezza inferiore)
Tra le unità interne
• Dislivello
Dislivello tra unità interne adiacenti (H2) ≤ 15 m
Tra le unità esterne
• Dislivello
Dislivello tra unità esterna (master) e unità esterna (slave) (H3) ≤ 5 m
Lunghezza • Lunghezza effettiva tubazioni
Lunghezza delle tubazioni dal primo kit diramazione refrigerante (sia giunto refnet che collettore
ammissibile
refnet) all'unità interna ≤ 40 m
dopo la
Esempio unità 8: i ≤ 40 m
diramazione
Lunghezza
e altezza
consentite
112
Informazioni generali
SiT39-303
7.4
Appendice
Selezione del kit diramazione refrigerante
I kit diramazione refrigerante possono
essere unicamente utilizzati con R410A.
7.4.1 Come selezionare il giunto refnet
„ Quando si utilizzano giunti refnet alla prima diramazione calcolata dal lato unità esterna.
Per la selezione utilizzare la seguente tabella, in base alla capacità dell'unità esterna.
Tipo capacità unità
esterna
Tipo RXYQ5
Tipo RXYQ8, 10
Tipo RXYQ12 ~ 22
Tipo RXYQ24 ~
Nome kit diramazione refrigerante
KHRP26M22T
KHRP26M33T
KHRP26M72T
KHRP26M73T + KHRP73TP
„ Per i giunti refnet che non appartengono alla prima diramazione, selezionare il kit adeguato
in base all'indice di capacità totale delle unità interne a valle.
Indice di capacità unità
interna
< 200
200 ≤ X < 290
290 ≤ X < 640
Nome kit diramazione refrigerante
KHRP26M22T
KHRP26M33T
KHRP26M72T
KHRP26M73T + KHRP73TP
640 <
*Esempio di unità interne a valle
1. esempio con giunto refnet C; unità interne 3 + 4 + 5 + 6 + 7 + 8
Giunto REFNET (C )
Unità esterna
a
b
A
c
d
B
h
C
i
1
e
J
E
k
2
F
l
3
g
f
D
H1
G
m
4
5
n
6
7 H2
8
Unità interne (1-8)
2. esempio con giunto refnet B; unità interne 7 + 8
esempio con collettore refnet; unità interne 1 + 2 + 3 + 4 + 5 + 6
Unità esterna
giunto REFNET (B)
i
a
H1
Collettore Refnet
A
B
b
J
k
7
c
d
1
e
2
g
f
3
4
5
h
8
H2
6
Unità interne (1-8)
3. esempio con collettore refnet; unità interne 1 + 2 + 3 + 4 + 5 + 6 + 7 + 8
Unità esterna
Collettore Refnet
a
H1
b
c
1
d
2
e
3
g
f
4
5
6
Unità interne (1-8)
Informazioni generali
h
7 H2
8
113
SiT39-303
Appendice
7.4.2 Come selezionare il collettore refnet
„ Per la selezione utilizzare la seguente tabella, in base alla capacità totale di tutte le unità
interne collegate sotto il collettore REFNET.
„ Nota: Il tipo 250 non può essere collegato sotto il collettore REFNET.
Indice di capacità unità interna
< 200
< 290
290 ≤ X < 640
640 <
Nome kit diramazione refrigerante
KHRP26M22H (Max.4 kit)
KHRP26M33H (Max.8 kit)
KHRP26M72H (Max.8 kit)
KHRP26M73H (Max.8 kit) + KHRP26M73HP
*Esempio di unità interne a valle
1. esempio con giungo refnet C; unità interne 3 + 4 + 5 + 6 + 7 + 8
Giunto REFNET (C )
Unità esterna
a
b
c
A
d
B
h
i
1
e
C
J
2
E
k
3
g
f
D
F
l
G
m
4
5
n
6
7 H2
8
Unità interne (1-8)
2. esempio con giunto refnet B; unità interne 7 + 8
esempio con collettore refnet; unità interne 1 + 2 + 3 + 4 + 5 + 6
Unità esterna
giunto REFNET (B)
i
a
H1
Collettore Refnet
A
B
b
J
k
7
c
d
1
e
2
g
f
3
4
5
8
h
H2
6
Unità interne (1-8)
3. esempio con collettore refnet; unità interne 1 + 2 + 3 + 4 + 5 + 6 + 7 + 8
Unità esterna
Collettore Refnet
a
H1
b
c
1
d
2
e
3
g
f
4
5
6
Unità interne (1-8)
h
7 H2
8
7.4.3 Come scegliere il kit diramazioni esterne (necessario se la capacità
dell'unità esterna è pari a RXYQ18 o maggiore)
„ Per la selezione utilizzare la seguente tabella, in base al numero di unità esterne.
Numero di unità esterne
2 unità
3 unità
114
Nome kit diramazione
BHFP22M90 + BHFP22M90P
BHFP22M135 + BHFP22M135P
Informazioni generali
SiT39-303
7.5
Appendice
Selezione della dimensione dei tubi
In caso di installazione di unità esterne multi (RXYQ18~ 48MY1B), configurare secondo la
seguente illustrazione.
Linea di equalizzazione dell'olio
(parte D)
Tubazioni tra la diramazione esterna e
l'unità interna (parte C)
Tubazioni tra le diramazioni dell'unità esterna (parte B)
Tubazioni tra unità esterna e kit diramazione refrigerante
(parte A)
Tubazioni tra unità esterna e kit diramazione refrigerante (parte A)
„ Abbinare alla dimensione del tubo di raccordo sull'unità esterna.
Dimensione tubo di raccordo unità esterna
(Unità:mm)
Tipo capacità unità esterna
Tipo RXYQ5
Tipo RXYQ8
Tipo RXYQ10
Tipo RXYQ12,14,16
Tipo RXYQ18 ~ 22
Tipo RXYQ24
Tipo RXYQ26 ~ 34
Tipo RXYQ36 ~ 48
Dimensioni tubi (diametro esterno)
Linea gas
Linea liquido
ø15,9
ø18,0
ø9,5
ø22,2
ø12,7
ø28,6
ø15,9
ø34,9
ø18,0
ø41,3
Tubazioni tra kit diramazione refrigerante
„ Per la selezione utilizzare la seguente tabella, in base alla capacità totale di tutte le unità
interne collegate al di sotto di questo punto.
„ La dimensione del tubo di raccordo non deve essere superiore a quella del circuito frigorifero
scelta in base al modello generico del sistema.
(Unità:mm)
Indice di capacità unità interna
< 200
200 ≤ x ≤ 290
290 ≤ x ≤ 420
420 ≤ x < 640
640 ≤ x < 920
920 <
Dimensioni tubi (diametro esterno)
Linea gas
Linea liquido
ø15,9
ø9,5
ø22,2
ø12,7
ø28,6
ø15,9
ø34,9
ø18,0
ø41,3
Tubazioni tra le diramazioni dell'unità esterna (parte B)
„ Per la selezione utilizzare la seguente tabella, in base alla capacità totale di tutte le unità
esterne collegate al di sotto di questo punto.
(Unità:mm)
Indice di capacità unità esterna
< 22HP
24HP
26HP <
Informazioni generali
Dimensioni tubi (diametro esterno)
Linea gas
Linea liquido
ø28,6
ø15,9
ø34,9
ø18,0
115
SiT39-303
Appendice
Tra kit diramazione refrigerante e unità interna
„ Le dimensioni dei tubi per il collegamento diretto all'unità interna devono essere identiche
alle dimensioni del raccordo dell'unità interna.
(Unità:mm)
Tipo capacità unità interna
Tipo 20, 25, 32, 40, 50
Tipo 63, 80, 100, 125
Tipo 200
Tipo 250
Dimensioni tubi (diametro esterno)
Linea gas
Linea liquido
ø12,7
ø6,4
ø15,9
ø18,0
ø9,5
ø22,2
Tubazioni tra diramazione esterna e unità esterna (parte C)
(Unità:mm)
Tipo capacità unità esterna
Tipo RXYQ8
Tipo RXYQ10
Tipo RXYQ12, 14, 16
Dimensioni tubi (diametro esterno)
Linea gas
Linea liquido
ø18,0
ø9,5
ø22,2
ø28,6
ø12,7
Linea di equalizzazione dell'olio (solo per RXYQ18 o maggiore) (parte D)
Dimensioni tubi (diametro esterno)
ø6,4
(Unità:mm)
116
Informazioni generali
SiT39-303
7.6
Appendice
Calcolo della quantità di refrigerante aggiuntivo da
caricare nel sistema
Quantità di refrigerante da aggiungere R (Kg)
R dovrà essere arrotondato in unità di 0,1Kg.
Nota:
R=
Se si ottiene un risultato negativo per R utilizzando la formula riportata sulla destra,
non è necessario aggiungere refrigerante.
Lunghezza totale
(m) della tubazione ×0,35
del liquido ø22,2
{
+
Lunghezza totale
(m) della tubazione ×0,25
del liquido ø19,1
+
Lunghezza totale
(m) della tubazione ×0,054 +
del liquido ø9,5
Lunghezza totale
(m) della tubazione ×0,17
del liquido ø15,9
+
Lunghezza totale
(m) della tubazione ×0,022 ×1,15 }
del liquido ø6,4
+
Denominazione modello
REYQ5 ~ 16MY1B
REYQ18 ~ 32MY1B
REYQ34 ~ 48MY1B
Lunghezza totale
(m) della tubazione ×0,11
del liquido ø12,7
Quantità di refrigerante
0 kg
3 kg
6 kg
*Esempio per la diramazione del refrigerante, con giunto refnet e un collettore refnet per RXYQ34MY1B
Unità esterna
Giunto REFNET (A • B)
H3
i
a
H1
Collettore Refnet
A
B
b
J
k
7
c
d
1
e
2
g
f
3
4
5
h
8
H2
6
Unità interne (1-8)
Se l'unità esterna è
RXYQ34MY1B e la
lunghezza delle tubazioni
è come riportato a destra
a: ø19,1 × 30m
b: ø15,9 × 10m
c: ø 9,5 × 10m
d: ø 9,5 × 10m
e: ø 9,5 × 10m
f:ø 9,5 × 10m
g: ø 6,4 × 10m
h: ø 6,4 × 20m
i:ø12,7 × 10m
j : ø6 , 4 × 1 0 m
k: ø6,4 × 9m
R= 30×0,25 + 10×0,17 + 10×0,11 + 40×0,054 + 40×0,022 - 6 = 7,358
a
b
J
c+d+e+f g+h+j+k
7,5
Nota:
Riportare la quantità di refrigerante da aggiungere all'unità sulla targhetta "Aggiunta Refrigerante"
da attaccare sul retro del coperchio frontale. Vedere pagina successiva.
Informazioni generali
117
SiT39-303
Appendice
Richiesta per l’indicazione di quantità supplementare di refrigerante caricata e data di installazione
Assicurarsi di riempire tutti i campi necessari per l'assistenza post-vendita.
1. Calcolo della quantità supplementare di • Calcolare la quantità di refrigerante supplementare da caricare basandosi sulle
formule in basso prima di eseguire il rifornimento o il carico.
refrigerante da caricare
• Qualora si ricaricasse la quantità totale di refrigerante, utilizzare la quantità caricata
all’atto
della spedizione (indicata sulla targhetta della macchina) più la quantità
Unità esterna
supplementare come segue:
Quantità supplementare
caricata
Lunghezza totale della tubazione
del liquido 22,2 x 0,35
kg
(M)
Lunghezza totale della tubazione
del liquido 19,1 x 0,25
x 0,35
Lunghezza totale della tubazione
del liquido 12,7 x 0,11
Lunghezza totale della tubazione
del liquido 15,9 x 0,17
x 0,25
(M)
Lunghezza totale della tubazione
del liquido 9,5 x 0,054
(M)
Lunghezza totale della tubazione
del liquido 6,4 x 0,022
(M) x 0,054
(M) x 0,11
x 0,17
Unità esterna
(M) x 0,022
2. Registrazione del modello e del luogo di installazione dell’unità interna
N.
Modello
Quantità
refrigeranti
RXYQ5~16
0 kg
RXYQ18~32
3 kg
RXYQ34~48
6 kg
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
33
34
35
36
37
38
39
40
Modello
Luogo d'installazione
N.
Modello
Luogo d'installazione
N.
Modello
Luogo d'installazione
N.
Modello
Luogo d'installazione
GG
MM
AA
3. Registrazione della data di installazione
4. Dopo aver eseguito le operazioni, posizionare sul retro di una scheda.
3P114237A
118
Informazioni generali
SiT39-303
7.7
Appendice
Kit raccordi multipli per unità esterna
„ Il kit contiene i seguenti componenti.
z BHFP22M90
z Lato gas (1 pz.)
z Lato liquido (1 pz.)
D.I. 9,5
D.I. 25,4
D.I. 28,6
D.I. 25,4
D.I. 28,6
D.I. 22,2
D.I. 19,1
D.I. 31,8
D.I. 12,7
D.I. 15,9
D.I. 19,1
D.I. 12,7
D.I. 22,2
D.I. 9,5
z Manicotto di riduzione (1 pz.)
z Manicotto (1 pz.)
D.I. 19,1
D.I. 22,2
D.I. 38,1
D.I. 25,4
D.I. 28,6
D.E. 31,8
D.E. 25,4
z BHFP22M135
z Lato gas (1 pz.)
z Lato liquido (1 pz.)
D.I. 9,5
D.I. 25,4
D.I. 12,7
D.I. 31,8
D.I. 31,8
D.I. 31,8
D.I. 28,6
D.I. 19,1
z Lato gas (1 pz.)
D.I. 19,1
z Lato liquido (1 pz.)
D.I. 9,5
D.I. 28,6
D.I. 25,4
D.I. 15,9
D.I. 22,2
D.I. 25,4
D.I. 28,6
D.I. 22,2
D.I. 19,1
D.I. 31,8
z Manicotto di riduzione (1 pz.)
D.I. 12,7
D.I. 15,9
D.I. 19,1
D.I. 12,7
D.I. 9,5
z Giunto a T per tubazione di equalizzazione
pressione olio (1 pz.)
D.I. 19,1
D.I. 22,2
D.I. 25,4
D.I. 28,6
D.E. 25,4
Nota:
Informazioni generali
Per l'installazione delle unità esterne consultare il MANUALE DI INSTALLAZIONE unità esterne.
Per installare le tubazioni frigorifere tra unità interne ed esterne studiare la disposizione dei
GIUNTI REFNET e dei COLLETTORI REFNET.
Combinare le unità esterne in conformità alle specifiche tecniche.
119
SiT39-303
Appendice
„ Componenti non compresi nella fornitura
Tabella 2
Componenti
Quantità
Isolamento
tubazione
1 serie
Procedura di selezione
Per BHFP22M90
: Vedere Tabella 4, 5
Tubazioni del
refrigerante
Per BHFP22M135
: Vedere Tabella 7, 8, 9
Giunto
La dimensione del giunto deve
essere uguale a quella della
tubazione lato gas della parte
superiore dell'unità esterna.
(Vedere Tabella 8)
(Per isolamento)
Per linea del gas
angolo di
90 gradi
1 pezzo
Nastro
1 serie
„ Procedura di selezione
Tabella 3
N. di unità
esterne
Indice di capacità totale
delle unità esterne
Nome kit
X 550
BHFP22M90
2 unità
BHFP22M90
BHFP22M90P
605 X 800
BHFP22M135
BHFP22M135P
3 unità
Attenzione
Le tubazioni di collegamento delle unità esterne multi si collegano secondo il MANUALE DI
INSTALLAZIONE delle unità esterne.
„ Selezione dimensioni tubazioni e punto di taglio del giunto.
Per utilizzare il giunto o la riduzione, tagliarli utilizzando un tagliatubi secondo la seguente tabella.
z BHFP22M90
Tra l’unità esterna e il kit diramazione refrigerante
Unità esterna A
• Selezionare la dimensione adatta secondo l’indice di
capacità totale delle unità esterne.
Tabella
Indice di capacità totale
delle unità esterne
204,12 kg X 550
605
605 X 800
Unità esterna B Tra l’unità esterna e il kit dei raccordi
Tabella 5
4
Indice di capacità Dimensione tubi (Unità: mm)
delle unità esterne
Gas
Liquido
19,1
200
9,5
22,2
250
300 • 350
28,6
12,7
• 400
Dimensione tubi (Unità: mm)
Gas
Liquido
28,6
15,9
34,9
19,1
Tubazione olio ( 6,4)
z BHFP22M135
Lato superiore
Tabella 9
Unità esterna A Unità esterna B Unità esterna C Tra l’unità esterna e il kit dei raccordi
Indice di capacità Dimensione tubi (Unità: mm)
delle unità esterne
Gas
Liquido
200
250
300 • 350
• 400
Tra l’unità esterna e il kit diramazione refrigerante
• Selezionare la dimensione adatta secondo l’indice di
capacità totale delle unità esterne.
Tabella 7
Dimensione tubi (Unità: mm)
Gas
Liquido
[ 34,9
[ 19,1
[ 41,3
Indice di capacità totale
delle unità esterne
855
900 # X
Tubazione olio ([ 6,4)
[ 19,1
[ 22,2
[ 9,5
[ 28,6
[ 12,7
Tra il kit di attacco tubazioni e il kit dei raccordi
• Selezionare la dimensione adatta secondo l’indice di
capacità totale del lato superiore delle unità esterne. Tabella
Indice di capacità totale
delle unità esterne
226,80 kg # 550
605
294,84 kg X # 800
8
Dimensione tubi (Unità: mm)
Gas
Liquido
[ 28,6
[ 15,9 x 1,0
[ 34,9
[ 19,1 x 1,0
„ Tagliare la tubazione utilizzando un tagliatubi.
Giunto
Tubazione
lato utenza
ni
u
io
nz
Gi
Fig. 8
Tagliare al centro delle giunzioni
120
Informazioni generali
SiT39-303
Appendice
7.7.1 Se si utilizzano tubazioni frontali
Illustrazione
„ Esterno
z BHFP22M90
Unità esterna A
Unità esterna B
Tubazione lato gas fornita (3)
(Collegamento unità esterna)
Riduzione (1)
Giunto lato liquido
All’unità interna
Giunto lato gas
Tubazione lato gas (non fornita)
Tubazione lato liquido (non fornita)
Tubazione olio (non fornita)
Giunto (non fornito)
Fig. 2
(Angolo di 90 gradi)
z BHFP22M135
Unità esterna A
Unità esterna B
Tubazione lato gas fornita (3)
(Collegamento unità esterna)
Riduzione (1)
Giunto lato liquido (1)
Unità esterna C
All’unità interna
Giunto lato gas (1)
Tubazione lato gas (non fornita)
Tubazione lato liquido (non fornita)
Giunto lato gas (2)
Giunto lato liquido (2)
Giunto tubazione olio
Tubazione lato gas (non fornita)
Giunto (non fornito)
Tubazione lato liquido (non fornita)
Tubazione olio (non fornita)
Fig. 9
z BHFP22M90
• In caso di utilizzo di una tubazione lato gas in dotazione (3) (collegamento unità esterna), la dimensione A deve essere 195~240mm
Tubazione lato liquido
<Vista dall’alto>
Tubazione lato gas
A
Tubazione lato gas fornita (3)
(Collegamento unità esterna)
A: 195 (Standard) ~ 240 mm
Attenzione
Assicurarsi che il collegamento tra la
tubazione lato liquido con l’unità esterna
sia inferiore ai 143 mm.
159
Fig. 3
Tubazione olio
<Vista frontale>
Base
Informazioni generali
121
SiT39-303
Appendice
z BHFP22M135
• In caso di utilizzo di una tubazione lato gas in dotazione (3) (collegamento unità esterna), la dimensione A deve essere 195~240mm
<Vista dall’alto>
Tubazione lato liquido
A
Tubazione lato gas fornita (3)
(Collegamento unità esterna)
Tubazione lato gas
Tubazione olio
A: 195 (Standard) ~ 240 mm
Attenzione
Fig. 10
169
Assicurarsi che il collegamento della tubazione lato
liquido con l’unità esterna sia inferiore ai 143 mm.
<Vista frontale>
Base
„ Taglio della riduzione (1) e della tubazione lato gas fornita (3)
• Tagliare la riduzione (1) e la tubazione del lato gas (3) in conformità alla seguente tabella
(
non utilizzata.)
Tabella 6
Riduzione (1)
250
65
250
Punto di taglio
sull’indice di
300 • 350 capacità unità
• 400
esterne
0
60
B
76
B (mm)
74
(Punto di taglio)
200
300 • 350
• 400
Tubazione lato gas fornita (3)
(Collegamento unità esterna)
Alla tubazione lato gas fornita (3)
A (mm)
(Punto di taglio)
Indice di
capacità
delle unità
esterne
A
Installazione
delle tubazioni
lato gas
Al giunto lato gas
„ Tubazioni di raccordo
z BHFP22M90
• Collegare la tubazione lato gas con il giunto lato gas (Come da fig.4)
• Brasare la linea frigorifera dell’unità esterna secondo le istruzioni del manuale di installazione.
Tubazione lato gas fornita (1)
(Collegamento unità esterna)
Unità esterna A
Tubazione lato gas fornita (3)
(Vedere Tabella 6 in alto)
Riduzione (1)
Unità esterna B
Tubazione lato gas fornita (1)
(Collegamento unità esterna)
(Vedere Tabella 6 in alto)
Tagliare il giunto con un tagliatubi
secondo le specifiche in Tabella 4.
Giunto lato gas
Tagliare il giunto con un tagliatubi
secondo le specifiche in Tabella 4.
Tubazione lato gas (non fornita)
Giunto (non fornito)
(Angolo di 90 gradi)
122
Fig. 4
Informazioni generali
SiT39-303
Appendice
z BHFP22M135
• Collegare la tubazione lato gas con il giunto lato gas (Come da fig.11)
• Brasare la linea frigorifera dell’unità esterna secondo le istruzioni del manuale di installazione.
Tubazione lato gas fornita (1)
(Collegamento unità esterna)
Come da tabella 6
tagliare il giunto e la
riduzione (1) utilizzando un
tagliatubi
Unità esterna A
Tubazione lato gas fornita (3)
(Collegamento unità esterna)
Unità esterna A
Riduzione (1)
Unità esterna A
Tagliare il giunto con un tagliatubi
secondo le specifiche in Tabella 7.
Giunto lato gas (1)
Tagliare il giunto con un tagliatubi
secondo le specifiche in Tabella 8.
Tubazione lato gas (non fornita)
Giunto lato gas (2)
Fig. 11
Tagliare il giunto con un tagliatubi
secondo le specifiche in Tabella 9.
Tubazione lato gas (non fornita)
Giunto (non fornito)
(Angolo di 90 gradi)
Consultare P. 122 per Tabella 6 e P. 120 per tabella 7, 8 e 9.
Installazione
tubazioni lato
liquido e
tubazioni olio
z BHFP22M90
• Collegare la tubazione lato liquido con il giunto lato liquido (Come da fig.5)
• Brasare la linea frigorifera dell’unità esterna secondo le istruzioni del manuale di installazione.
Unità esterna A
Tagliare il giunto con un tagliatubi secondo le
specifiche in Tabella 5.
Tagliare il giunto con un tagliatubi secondo
le specifiche in Tabella 4.
Tubazione lato liquido (non
fornita)
Unità esterna B
Giunto lato liquido
Tubazione olio (non fornita)
Fig. 5
Consultare P. 120 per tabella 4 e 5.
Informazioni generali
123
SiT39-303
Appendice
z BHFP22M135
• Collegare la tubazione lato liquido con il giunto lato liquido (Come da fig.12)
• Brasare la linea frigorifera dell’unità esterna secondo le istruzioni del manuale di installazione.
Unità esterna A
Tubazione lato liquido (non fornita)
Tubazione olio
(non fornita)
Tagliare il giunto con un tagliatubi
secondo le specifiche in Tabella 9.
Unità esterna B
Tagliare il giunto con un tagliatubi secondo
le specifiche in Tabella 7.
Unità esterna C
Giunto lato liquido (1)
Tagliare il giunto con un tagliatubi
secondo le specifiche in Tabella 8.
Giunto lato liquido (2)
Giunto tubazione olio
Fig. 12
Tagliare il giunto con un tagliatubi secondo le
specifiche in Tabella 9.
Consultare P. 120 per tabella 7, 8 e 9.
Dopo il tubo
di raccordo
Tubazioni di collegamento tra l’unità esterna e l’unità interna
• Secondo il Manuale di Installazione dell’unità esterna.
Isolamento del giunto
• Sigillare l’isolamento e l’isolamento delle tubazioni locali con il nastro
Isolamento
Giunto
Nastro (non fornito)
(
parte).
Nastro (non fornito)
Isolamento tubazione locale
Fig. 6
124
Informazioni generali
SiT39-303
Appendice
7.7.2 Se si utilizzano tubazioni passanti al di sotto dell'unità
Illustrazione
Attenzione
Garantire lo spazio necessario per la brasatura e la posa delle tubazioni sotto l'unità esterna.
z BHFP22M90
„ Taglio del giunto e della riduzione
Tagliare il giunto e la riduzione per l'uso secondo le tabelle 4 e 5
„ Tubazioni di raccordo
Raccordare le tubazioni utilizzando il giunto (Vedere fig.7)
Unità esterna A
Unità esterna B
Fig. 7
Tubazione lato gas fornita (1)
(Collegamento unità esterna)
Manicotto di riduzione (non fornito)
Riduzione (1)
All’unità interna
Giunto lato gas
Giunto lato liquido
Tubazione lato gas (non fornita)
Tubazione lato gas fornita (3)
(Collegamento unità esterna)
Tubazione olio (non fornita)
Tubazione lato liquido (non fornita)
Consultare P. 120 per tabella 4 e 5.
z BHFP22M135
• Garantire lo spazio necessario per la brasatura e la posa delle tubazioni sotto l'unità esterna.
Informazioni generali
125
SiT39-303
Appendice
7.8
Tubi di raccordo REFNET per sistema VRV II R410A
7.8.1 Giunto REFNET
KHRP26M22T
• Lato gas
• Lato liquido
D.I. 15,9
D.I. 12,7
Isolamento
D.I. 9,5
D.I. 15,9
D.I. 12,7
D.I. 9,5
D.I. 6,4
(40)
250
(42)
338
D.I. 9,5
D.I. 6,4
80
Isolamento
80
D.I. 12,7
D.I. 15,9
D.I. 19,1
290
380
D.I. 19,1 D. E. 15,9
80
V3041
KHRP26M33T
• Lato liquido
Isolamento
D.I. [ 15,9
Isolamento
D.I. 12,7
D.I. 9,5
D.I. [ 19,1
D.I. [ 15,9
D.I. 9,5
D.I. 6,4
80
D.I. [ 22,2
D.I. [ 19,1
D.I. 9,5
D.I. 6,4
D.I. [ 12,7
322
300
360
D, E, [ 22,2
D.I. [ 25,4
(40)
260
(38)
80
• Lato gas
D.I. [ 22,2
100
D, E, [ 19,1
100
V3042
KHRP26M72T
Isolamento
• Lato gas
D.I. 19,1
D.I. 15,9
• Lato liquido
332
(42)
290
Isolamento
80
D.I. 25,4
D.I. 15,9
D.I. 25,4
D.I. 28,6
D.I. 31,8
D.I. 12,7
(55)
D.I. 15,9
503
D.I. 28,6
D.I. 25,4
D.E. 25,4
D.I. 22,2
80
D.I. 12,7
D.I. 19,1
448
D.I. 9,6
D.I. 12,7
D.E. 19,1
D.I. 15,9
D.I. 6,4
D.I. 12,7 D.I. 9,6
D.E. 12,7
80
100
V3043
150
KHRP26M73T
D.I. 28,6
D.I. 25,4
• Lato liquido
D.I. 15,9
D.I. 19,1
D.I. 38,1
93
D.I. 31,8
D.I. 25,4
D.I. 19,1
D.I. 15,9
D.I. 31,8
D.I. 15,9
D.I. 12,7
D.I. 19,1
D.I. 15,9
D.I. 12,7
D.I. 9,5
90
• Lato gas
534
634
(38)
400
438
D.I. 28,6
D.E. 25,4
D.I. 38,1
D.E. 31,8
D.E. 15,9
D, E, 9,5
D.I. 6,4
50
80
120
100
D.I. 12,7
D.I. 22,2
D.E. 19,1
100
V3044
KHRP26M73TP
• Manicotto di riduzione
D.I. 34,9
D.I. 41,3
D.E. 31,8
D.E. 38,1
D.I. 41,3
D.E. 38,1
×2
120
126
120
120
V3045
Informazioni generali
SiT39-303
Appendice
7.8.2 Collettore REFNET
KHRP26M22H
• Lato gas
• Lato liquido
Isolamento
Isolamento
120
80
77
D.I. 19,1
D.I. 15,9
D.I. 15,9
130
3 - D.I. 12,7
2 x 60 = 120
60
410
150
2 x 60 = 120
D.I. 6,4
60
D.I. 12,7
380
3 - D.I. 6,4
60
93
D.I. 9,5
D.I. 9,5
V3046
KHRP26M33H
• Lato gas
D.I. 19,1
• Lato liquido Isolamento
Isolamento
171
121
77
81
D.I. 22,2
D.I. 15,9
D.I. 19,1
2 - D.I. 15,9
5 x 60 = 300
150
510
D.I. 15,9
60
670
5 - D.I. 12,7
2 - D.I. 6,4
6 - D.I. 6,4
145
120
120
6 - D.I. 9,5
2 x 60 = 120
D.I. 12,7
D.I. 9,5
615
2 - D.I. 12,7
D.I. 12,7
93
120
60
265
205
V3047
KHRP26M72H
D.I. 28,6
D.I. 25,4
• Lato liquido
Isolamento
77
Isolamento
83
• Lato gas
3 - D.I. 19,1
173
123
D.I. 31,8
3 - D.I. 15,9
140
5 x 60 = 300
3 - D.I. 15,9
360
60
660
6 - D.I. 6,4
2 x 160 = 320
60
60
6 - D.I. 9,5
755
D.I. 12,7
60
3 - D.I. 12,7
3 - D.I. 12,7
2 - D.I. 6,4
2 - D.I. 12,7
2 x 160 = 320
265
D.I. 15,9
93
185
V3048
KHRP26M73H
• Lato gas
Isolamento
• Lato liquido
Isolamento
93
76
D.I. 31,8
135
D.I. 38,1
180
7 x 60 = 420
5 x 80 = 400
80
80
775
D.I. 19,1
8 - D.I. 9,5
60
165
D.I. 15,9
710
D.I. 15,9
D.I. 15,9
D.I. 19,1
D.I. 22,2 D. E. 19,1
100
V3049
KHRP26M73HP
• Manicotto di riduzione
D.I. 34,9
120
D. E. 31,8
D.I. 41,3
D. E. 38,1
120
V3050
Informazioni generali
127
SiT39-303
Appendice
Installazione giunti
e collettori REFNET
1. Giunto REFNET
(Diramazione linea gas e linea liquido)
Alla diramazione o
all’unità interna.
USCITA (1)
Tubazioni
lato utenza
Tubazione lato utenza
INGRESSO
USCITA (2)
Diramazione linea gas e linea liquido
Accessori opzionali
All'unità esterna
„ Se la tubazione locale da utilizzare è di dimensioni differenti rispetto alla diramazione, tagliare il
raccordo utilizzando un tagliatubi come illustrato in basso.
„ Installare la diramazione verticalmente oppure orizzontalmente.
Linea orizzontale
Installare
verticalmente o
con un’
Vista dal punto A
angolazione
massima di
30 gradi
A
„ Isolare la diramazione come descritto nel manuale di installazione del kit.
2. Collettore REFNET
Diramazione linea liquido
Diramazione linea gas
Tubazione locale
Tubazione lato
utenza
Tubazione lato
utenza
Alle unità interne
Alle unità interne
All'unità esterna
Tubazione lato
utenza
Diramazione linea gas
(Accessorio opzionale)
All'unità esterna
Diramazione linea liquido
(Accessorio opzionale)
„ Se la tubazione locale da utilizzare è di dimensioni differenti rispetto alla diramazione, tagliare il
raccordo utilizzando un tagliatubi come illustrato in basso.
„ Inserire un tubo chiuso su tutti i raccordi aperti non utilizzati.
Tubo chiuso
(fornito con il kit)
Tubo chiuso
(fornito con il kit)
B
„ Installare la diramazione orizzontalmente.
Linea orizzontale
Vista dal punto B
„ Isolare la diramazione come descritto nel manuale di installazione del kit.
Nota:
128
„ Installare il giunto REFNET orizzontalmente o verticalmente; se installato orizzontalmente tenere un
angolo di 30 gradi.
„ Installare il giunto REFNET in modo che si dirami orizzontalmente.
„ Non utilizzare un giunto a T per la diramazione.
Informazioni generali
SiT39-303
7.9
Appendice
Foglio di ispezione sistema VRV
Data ispezione:
Data consegna:
Data trasferimento:
Proprietario
Nome sistema
Unità esterne
Posizione di installazione
Modello
Nr. unità
Nome sistema unità esterna
Unità esterna 1
Unità esterna 2
Unità esterna 3
Unità interne
N.
Installazione
Modello
N. unità
N. gruppo
N.
1
21
2
22
3
23
4
24
5
25
6
26
7
27
8
28
9
29
10
30
11
31
12
32
13
33
14
34
15
35
16
36
17
37
18
38
19
39
20
40
Installazione
Modello
N. unità
N. gruppo
Impostazioni locali
SELEZ. RAFFR/RISC (modalità
impostazione 1)
INT
MASTER
SELEZ. RAFFR/RISC (DS1 -1)
SLAVE
ON
Tc
A
M
OFF
Te
B
A
Funzionamento silenzioso
M
ON
OFF
IMPOSTAZIONE sbrinamento
B
Ragione sociale
A
M
B
Avvio sequenziale
ON
OFF
Aggiunta o rabbocco refrigerante
kg
Ispettore
(V1091)
Informazioni generali
129
SiT39-303
Appendice
Prima di applicare tensione.
Unità esterna 3
Unità esterna 2
Unità esterna 1
Elemento da
ispezionare
Capacità interruttore
automatico
Impianto circuito
frigorifero
Interno unità
Valore standard
Ispezione visiva
OK
NON OK
Rivelatore di gas
Nessuna perdita
OK
NON OK
Scambiatore di
calore
Ispezione visiva
Nessun
intasamento
OK
NON OK
Sezione collegamento
morsetti
Cacciaviti, ecc.
Nessun
allentamento
OK
NON OK
Isolamento elettrico
motore ventilatore
Megatester
550-V
1 MΩ o
superiore
Isolamento elettrico
compressore
Megatester
550-V
1 MΩ o
superiore
Installazione
Ispezione visiva
Cortocircuito,
ecc.
OK
NON OK
Impianto circuito
frigorifero
Rivelatore di gas
Nessuna perdita
OK
NON OK
OK
NON OK
OK
NON OK
Scambiatore di
calore
MΩ
INV
MΩ STD1
Ispezione visiva
Nessun intasamento
o danno
Sezione collegamento
morsetti
Cacciaviti, ecc.
Nessun
allentamento
Isolamento elettrico
motore ventilatore
Megatester
550-V
1 MΩ o
superiore
Isolamento elettrico
compressore
Megatester
550-V
1 MΩ o
superiore
Installazione
Ispezione visiva
Cortocircuito,
ecc.
OK
NON OK
Impianto circuito
frigorifero
Rivelatore di gas
Nessuna perdita
OK
NON OK
Scambiatore di
calore
Ispezione visiva
Nessun
intasamento
OK
NON OK
Sezione collegamento
morsetti
Cacciaviti, ecc.
Nessun
allentamento
OK
NON OK
Isolamento elettrico
motore ventilatore
Megatester
550-V
1 MΩ o
superiore
Isolamento elettrico
compressore
Megatester
550-V
1 MΩ o
superiore
Installazione
Ispezione visiva
Cortocircuito,
ecc.
Filtro aria
Scambiatore di
calore
Rivelatore di
gas
Ispezione
visiva
Ispezione
visiva
Nessuna
perdita
Nessun
intasamento
o danno
Nessun
intasamento
o danno
Decisione
Valori di misurazione
Capacità
specificata
Impianto
frigorifero
130
Metodo di
ispezione
Nome sistema
MΩ STD2
MΩ
MΩ
MΩ
OK
NON OK
Ambiente 1 OK NON OK
Ambiente 2 OK NON OK
Ambiente 3 OK NON OK
Ambiente 5 OK NON OK
Ambiente 6 OK NON OK
Ambiente 7 OK NON OK
Ambiente 4 OK NON OK
Ambiente 8 OK NON OK
Ambiente 9 OK NON OK
Ambiente 10 OK NON OK
Ambiente 11 OK NON OK
Ambiente 12 OK NON OK
Ambiente 13 OK NON OK
Ambiente 14 OK NON OK
Ambiente 15 OK NON OK
Ambiente 16 OK NON OK
Ambiente 17 OK NON OK
Ambiente 18 OK NON OK
Ambiente 19 OK NON OK
Ambiente 20 OK NON OK
Ambiente 21 OK NON OK
Ambiente 22 OK NON OK
Ambiente 23 OK NON OK
Ambiente 24 OK NON OK
Ambiente 25 OK NON OK
Ambiente 26 OK NON OK
Ambiente 27 OK NON OK
Ambiente 28 OK NON OK
Ambiente 29 OK NON OK
Ambiente 30 OK NON OK
Ambiente 31 OK NON OK
Ambiente 32 OK NON OK
Ambiente 33 OK NON OK
Ambiente 34 OK NON OK
Ambiente 35 OK NON OK
Ambiente 36 OK NON OK
Ambiente 37 OK NON OK
Ambiente 38 OK NON OK
Ambiente 39 OK NON OK
Ambiente 40 OK NON OK
Ambiente 1 OK NON OK
Ambiente 2 OK NON OK
Ambiente 3 OK NON OK
Ambiente 4 OK NON OK
Ambiente 5 OK NON OK
Ambiente 6 OK NON OK
Ambiente 7 OK NON OK
Ambiente 8 OK NON OK
Ambiente 9 OK NON OK
Ambiente 10 OK NON OK
Ambiente 11 OK NON OK
Ambiente 12 OK NON OK
Ambiente 13 OK NON OK
Ambiente 14 OK NON OK
Ambiente 15 OK NON OK
Ambiente 16 OK NON OK
Ambiente 17 OK NON OK
Ambiente 18 OK NON OK
Ambiente 19 OK NON OK
Ambiente 20 OK NON OK
Ambiente 21 OK NON OK
Ambiente 22 OK NON OK
Ambiente 23 OK NON OK
Ambiente 24 OK NON OK
Ambiente 25 OK NON OK
Ambiente 26 OK NON OK
Ambiente 27 OK NON OK
Ambiente 28 OK NON OK
Ambiente 29 OK NON OK
Ambiente 30 OK NON OK
Ambiente 31 OK NON OK
Ambiente 32 OK NON OK
Ambiente 33 OK NON OK
Ambiente 34 OK NON OK
Ambiente 35 OK NON OK
Ambiente 36 OK NON OK
Ambiente 37 OK NON OK
Ambiente 38 OK NON OK
Ambiente 39 OK NON OK
Ambiente 40 OK NON OK
Ambiente 1 OK NON OK
Ambiente 2 OK NON OK
Ambiente 3 OK NON OK
Ambiente 4 OK NON OK
Ambiente 5 OK NON OK
Ambiente 6 OK NON OK
Ambiente 7 OK NON OK
Ambiente 8 OK NON OK
Ambiente 9 OK NON OK
Ambiente 10 OK NON OK
Ambiente 11 OK NON OK
Ambiente 12 OK NON OK
Ambiente 13 OK NON OK
Ambiente 14 OK NON OK
Ambiente 15 OK NON OK
Ambiente 16 OK NON OK
Ambiente 17 OK NON OK
Ambiente 18 OK NON OK
Ambiente 19 OK NON OK
Ambiente 20 OK NON OK
Ambiente 21 OK NON OK
Ambiente 22 OK NON OK
Ambiente 23 OK NON OK
Ambiente 24 OK NON OK
Ambiente 25 OK NON OK
Ambiente 26 OK NON OK
Ambiente 27 OK NON OK
Ambiente 28 OK NON OK
Ambiente 29 OK NON OK
Ambiente 30 OK NON OK
Ambiente 31 OK NON OK
Ambiente 32 OK NON OK
Ambiente 33 OK NON OK
Ambiente 34 OK NON OK
Ambiente 35 OK NON OK
Ambiente 36 OK NON OK
Ambiente 37 OK NON OK
Ambiente 38 OK NON OK
Ambiente 39 OK NON OK
Ambiente 40 OK NON OK
Informazioni generali
SiT39-303
Elemento da
Appendice
Metodo di
Valore standard
Interno unità
Isolamento
elettrico motore
ventilatore
Isolamento
elettrico
riscaldatore
ausiliario
Installazione
Megatester
550-V
Megatester
550-V
Ispezione
visiva
1 MΩ o
superiore
1 MΩ o
superiore
Cortocircuito,
ecc.
Decisione
Valori di misurazione
Ambiente 1 OK NON OK
Ambiente 2 OK NON OK
Ambiente 3 OK NON OK
Ambiente 4 OK NON OK
Ambiente 5 OK NON OK
Ambiente 6 OK NON OK
Ambiente 7 OK NON OK
Ambiente 8 OK NON OK
Ambiente 9 OK NON OK
Ambiente 10 OK NON OK
Ambiente 11 OK NON OK
Ambiente 12 OK NON OK
Ambiente 13 OK NON OK
Ambiente 14 OK NON OK
Ambiente 15 OK NON OK
Ambiente 16 OK NON OK
Ambiente 17 OK NON OK
Ambiente 18 OK NON OK
Ambiente 19 OK NON OK
Ambiente 20 OK NON OK
Ambiente 21 OK NON OK
Ambiente 22 OK NON OK
Ambiente 23 OK NON OK
Ambiente 24 OK NON OK
Ambiente 25 OK NON OK
Ambiente 26 OK NON OK
Ambiente 27 OK NON OK
Ambiente 28 OK NON OK
Ambiente 29 OK NON OK
Ambiente 30 OK NON OK
Ambiente 31 OK NON OK
Ambiente 32 OK NON OK
Ambiente 33 OK NON OK
Ambiente 34 OK NON OK
Ambiente 35 OK NON OK
Ambiente 36 OK NON OK
Ambiente 37 OK NON OK
Ambiente 38 OK NON OK
Ambiente 39 OK NON OK
Ambiente 40 OK NON OK
Ambiente 1 OK NON OK
Ambiente 2 OK NON OK
Ambiente 3 OK NON OK
Ambiente 4 OK NON OK
Ambiente 5 OK NON OK
Ambiente 6 OK NON OK
Ambiente 7 OK NON OK
Ambiente 8 OK NON OK
Ambiente 9 OK NON OK
Ambiente 10 OK NON OK
Ambiente 11 OK NON OK
Ambiente 12 OK NON OK
Ambiente 13 OK NON OK
Ambiente 14 OK NON OK
Ambiente 15 OK NON OK
Ambiente 16 OK NON OK
Ambiente 17 OK NON OK
Ambiente 18 OK NON OK
Ambiente 19 OK NON OK
Ambiente 20 OK NON OK
Ambiente 21 OK NON OK
Ambiente 22 OK NON OK
Ambiente 23 OK NON OK
Ambiente 24 OK NON OK
Ambiente 25 OK NON OK
Ambiente 26 OK NON OK
Ambiente 27 OK NON OK
Ambiente 28 OK NON OK
Ambiente 29 OK NON OK
Ambiente 30 OK NON OK
Ambiente 31 OK NON OK
Ambiente 32 OK NON OK
Ambiente 33 OK NON OK
Ambiente 34 OK NON OK
Ambiente 35 OK NON OK
Ambiente 36 OK NON OK
Ambiente 37 OK NON OK
Ambiente 38 OK NON OK
Ambiente 39 OK NON OK
Ambiente 40 OK NON OK
Ambiente 1 OK NON OK
Ambiente 2 OK NON OK
Ambiente 3 OK NON OK
Ambiente 4 OK NON OK
Ambiente 5 OK NON OK
Ambiente 6 OK NON OK
Ambiente 7 OK NON OK
Ambiente 8 OK NON OK
Ambiente 9 OK NON OK
Ambiente 10 OK NON OK
Ambiente 11 OK NON OK
Ambiente 12 OK NON OK
Ambiente 13 OK NON OK
Ambiente 14 OK NON OK
Ambiente 15 OK NON OK
Ambiente 16 OK NON OK
Ambiente 17 OK NON OK
Ambiente 18 OK NON OK
Ambiente 19 OK NON OK
Ambiente 20 OK NON OK
Ambiente 21 OK NON OK
Ambiente 22 OK NON OK
Ambiente 23 OK NON OK
Ambiente 24 OK NON OK
Ambiente 25 OK NON OK
Ambiente 26 OK NON OK
Ambiente 27 OK NON OK
Ambiente 28 OK NON OK
Ambiente 29 OK NON OK
Ambiente 30 OK NON OK
Ambiente 31 OK NON OK
Ambiente 32 OK NON OK
Ambiente 33 OK NON OK
Ambiente 34 OK NON OK
Ambiente 35 OK NON OK
Ambiente 36 OK NON OK
Ambiente 37 OK NON OK
Ambiente 38 OK NON OK
Ambiente 39 OK NON OK
Ambiente 40 OK NON OK
(V1092)
Informazioni generali
131
SiT39-303
Appendice
Durante il funzionamento.
Nome sistema
Elemento da ispezionare
Metodo di ispezione
Valore standard
Tensione alimentazione principale Tester
Tensione nominale ±10 %
Tensione di esercizio del circuito Tester
Tensione nominale ±10 %
Direzione rotazione ventilatore Ispezione visiva
Rotazione in avanti
Rumori/vibrazioni ventilatore
Nessun rumore o vibrazione
Ascolto
V S-T
Unità esterna 1
Temperatura aria di mandata Termometro
OK
ROSSO
A
V
NON OK
BIANCO
A
NERO
A
°C
Differenziale di temperatura
9~11 gradi in raffreddamento,
2~3,5 gradi in riscaldamento
°C
MPa
Pressione di aspirazione compressione Manometro
MPa
Diffenziale di fase
entro 1 A
Frequenza di esercizio del compressore Pinza amperometrica
INV
U(
)A,
V(
)A,
W(
)A
STD1
R(
)A,
S(
)A,
T(
)A
STD2
R(
)A,
S(
)A,
T(
)A
INV
Hz
Temperatura linea aspirazione Termometro
3~15 °C
Temperatura linea di mandata Termometro
85~105 °C
INV
°C STD1
°C STD2
°C
Riscaldatore del carter
Caldo
INV
OK·NON OK STD1
OK·NON OK STD2
OK·NON OK
Al tocco
Tensione alimentazione principale Tester
Tensione nominale ±10 %
Tensione di esercizio del circuito Tester
Tensione nominale ±10 %
Direzione rotazione ventilatore Ispezione visiva
Rotazione in avanti
Rumori/vibrazioni ventilatore Ascolto
Nessun rumore o vibrazione
Corrente di esercizio
ventilatore
Unità esterna 2
R-T
Pressione di mandata compressore Manometro
Corrente di funzionamento
Pinza amperometrica
compressore
INV
°C STD1
R-S
V
Temperatura aria aspirazione Termometro
Temperatura aria di mandata Termometro
°C STD2
R-S
V
°C
R-S
V
V
OK
ROSSO
A
Pinza amperometrica
NON OK
BIANCO
A
NERO
A
°C
Differenziale di temperatura
9~11 gradi in raffreddamento,
2~3,5 gradi in riscaldamento
°C
MPa
Pressione di mandata compressore Manometro
Pressione di aspirazione compressione Manometro
Corrente di funzionamento
Pinza amperometrica
compressore
MPa
Diffenziale di fase
entro 1 A
Frequenza di esercizio del compressore Pinza amperometrica
INV
U(
)A,
V(
)A,
W(
STD1
R(
)A,
S(
)A,
T(
)A
STD2
R(
)A,
S(
)A,
T(
)A
INV
)A
Hz
Temperatura linea aspirazione Termometro
3~15 °C
Temperatura linea di mandata Termometro
85~105 °C
INV
°C STD1
°C STD2
°C
Riscaldatore del carter
Caldo
INV
OK·NON OK STD1
OK·NON OK STD2
OK·NON OK
V
V
Al tocco
Tensione alimentazione principale Tester
Tensione nominale ±10 %
Tensione di esercizio del circuito Tester
Tensione nominale ±10 %
Direzione rotazione ventilatore Ispezione visiva
Rotazione in avanti
Rumori/vibrazioni ventilatore Ascolto
Nessun rumore o vibrazione
Corrente di esercizio
ventilatore
Unità esterna 3
V
V
Corrente di funzionamento
Pinza amperometrica
ventilatore
Temperatura aria aspirazione Termometro
Decisione
Valori di misurazione
R-S
INV
°C STD1
R-S
Temperatura aria di mandata Termometro
R-S
°C
R-S
V
V
OK
ROSSO
A
Pinza amperometrica
Temperatura aria aspirazione Termometro
°C STD2
NON OK
BIANCO
A
NERO
A
°C
Differenziale di temperatura
9~11 gradi in raffreddamento,
2~3,5 gradi in riscaldamento
°C
MPa
Pressione di mandata compressore Manometro
Pressione di aspirazione compressione Manometro
Corrente di funzionamento
Pinza amperometrica
compressore
MPa
Diffenziale di fase
entro 1 A
Frequenza di esercizio del compressore Pinza amperometrica
INV
U(
)A,
V(
)A,
W(
)A
STD1
R(
)A,
S(
)A,
T(
)A
STD2
R(
)A,
S(
)A,
T(
)A
INV
Hz
Temperatura linea aspirazione Termometro
3~15 °C
INV
°C STD1
°C STD2
°C
Temperatura linea di mandata Termometro
85~105 °C
INV
°C STD1
°C STD2
°C
Riscaldatore del carter
Caldo
NV
OK·NON OK STD1
OK·NON OK STD2
OK·NON OK
Al tocco
(V1093)
132
Informazioni generali
SiT39-303
Appendice
Durante il funzionamento.
Nome sistema
Elemento da ispezionare
Tensione
d'alimentazione
Metodo di ispezione
Tester
Valore standard
Tensione
nominale ±10 %
Temperatura aria
aspirazione
Differenziale
termometro
Termometro
9~13 °C in
raffreddamento,
15~20 °C in
riscaldamento
Unità interna
Temperatura aria
di mandata
Direzione
rotazione
ventilatore
Rumori/vibrazioni
ventilatore
Corrente di
esercizio
ventilatore
Ispezione visiva
Ascolto
Pinza
amperometrica
Rotazione in
avanti
Nessun rumore o
vibrazione
Valori di misurazione
V
Ambiente 3
Decisione
Ambiente 1
V
Ambiente 2
V
Ambiente 4
V
Ambiente 5
V
Ambiente 6
V
Ambiente 7
V
Ambiente 8
V
Ambiente 9
V
Ambiente 10
V
Ambiente 11
V
Ambiente 12
V
Ambiente 13
V
Ambiente 14
V
Ambiente 15
V
Ambiente 16
V
Ambiente 17
V
Ambiente 18
V
Ambiente 19
V
Ambiente 20
V
Ambiente 21
V
Ambiente 22
V
Ambiente 23
V
Ambiente 24
V
Ambiente 25
V
Ambiente 26
V
Ambiente 27
V
Ambiente 28
V
Ambiente 29
V
Ambiente 30
V
Ambiente 31
V
Ambiente 32
V
Ambiente 33
V
Ambiente 34
V
Ambiente 35
V
Ambiente 36
V
Ambiente 37
V
Ambiente 38
V
Ambiente 39
V
Ambiente 40
V
Ambiente 1
°C
Ambiente 2
°C
Ambiente 3
°C
Ambiente 4
°C
Ambiente 5
°C
Ambiente 6
°C
Ambiente 7
°C
Ambiente 8
°C
Ambiente 9
°C
Ambiente 10
°C
Ambiente 11
°C
Ambiente 12
°C
Ambiente 13
°C
Ambiente 14
°C
Ambiente 15
°C
Ambiente 16
°C
Ambiente 17
°C
Ambiente 18
°C
Ambiente 19
°C
Ambiente 20
°C
Ambiente 21
°C
Ambiente 22
°C
Ambiente 23
°C
Ambiente 24
°C
Ambiente 25
°C
Ambiente 26
°C
Ambiente 27
°C
Ambiente 28
°C
Ambiente 29
°C
Ambiente 30
°C
Ambiente 31
°C
Ambiente 32
°C
Ambiente 33
°C
Ambiente 34
°C
Ambiente 35
°C
Ambiente 36
°C
Ambiente 37
°C
Ambiente 38
°C
Ambiente 39
°C
Ambiente 40
°C
Ambiente 1
°C
Ambiente 2
°C
Ambiente 3
°C
Ambiente 4
°C
Ambiente 5
°C
Ambiente 6
°C
Ambiente 7
°C
Ambiente 8
°C
Ambiente 9
°C
Ambiente 10
°C
Ambiente 11
°C
Ambiente 12
°C
Ambiente 13
°C
Ambiente 14
°C
Ambiente 15
°C
Ambiente 16
°C
Ambiente 17
°C
Ambiente 18
°C
Ambiente 19
°C
Ambiente 20
°C
Ambiente 21
°C
Ambiente 22
°C
Ambiente 23
°C
Ambiente 24
°C
Ambiente 25
°C
Ambiente 26
°C
Ambiente 27
°C
Ambiente 28
°C
Ambiente 29
°C
Ambiente 30
°C
Ambiente 31
°C
Ambiente 32
°C
Ambiente 33
°C
Ambiente 34
°C
Ambiente 35
°C
Ambiente 36
°C
Ambiente 37
°C
Ambiente 38
°C
Ambiente 39
°C
Ambiente 40
°C
Ambiente 1 OK NON OK
Ambiente 2 OK NON OK
Ambiente 3 OK NON OK
Ambiente 4 OK NON OK
Ambiente 5 OK NON OK
Ambiente 6 OK NON OK
Ambiente 7 OK NON OK
Ambiente 8 OK NON OK
Ambiente 9 OK NON OK
Ambiente 10 OK NON OK
Ambiente 11 OK NON OK
Ambiente 12 OK NON OK
Ambiente 13 OK NON OK
Ambiente 14 OK NON OK
Ambiente 15 OK NON OK
Ambiente 16 OK NON OK
Ambiente 17 OK NON OK
Ambiente 18 OK NON OK
Ambiente 19 OK NON OK
Ambiente 20 OK NON OK
Ambiente 21 OK NON OK
Ambiente 22 OK NON OK
Ambiente 23 OK NON OK
Ambiente 24 OK NON OK
Ambiente 25 OK NON OK
Ambiente 26 OK NON OK
Ambiente 27 OK NON OK
Ambiente 28 OK NON OK
Ambiente 29 OK NON OK
Ambiente 30 OK NON OK
Ambiente 31 OK NON OK
Ambiente 32 OK NON OK
Ambiente 33 OK NON OK
Ambiente 34 OK NON OK
Ambiente 35 OK NON OK
Ambiente 36 OK NON OK
Ambiente 37 OK NON OK
Ambiente 38 OK NON OK
Ambiente 39 OK NON OK
Ambiente 40 OK NON OK
Ambiente 1 OK NON OK
Ambiente 2 OK NON OK
Ambiente 3 OK NON OK
Ambiente 4 OK NON OK
Ambiente 5 OK NON OK
Ambiente 6 OK NON OK
Ambiente 7 OK NON OK
Ambiente 8 OK NON OK
Ambiente 9 OK NON OK
Ambiente 10 OK NON OK
Ambiente 11 OK NON OK
Ambiente 12 OK NON OK
Ambiente 13 OK NON OK
Ambiente 14 OK NON OK
Ambiente 15 OK NON OK
Ambiente 16 OK NON OK
Ambiente 17 OK NON OK
Ambiente 18 OK NON OK
Ambiente 19 OK NON OK
Ambiente 20 OK NON OK
Ambiente 21 OK NON OK
Ambiente 22 OK NON OK
Ambiente 23 OK NON OK
Ambiente 24 OK NON OK
Ambiente 25 OK NON OK
Ambiente 26 OK NON OK
Ambiente 27 OK NON OK
Ambiente 28 OK NON OK
Ambiente 29 OK NON OK
Ambiente 30 OK NON OK
Ambiente 31 OK NON OK
Ambiente 32 OK NON OK
Ambiente 33 OK NON OK
Ambiente 34 OK NON OK
Ambiente 35 OK NON OK
Ambiente 36 OK NON OK
Ambiente 37 OK NON OK
Ambiente 38 OK NON OK
Ambiente 39 OK NON OK
Ambiente 40 OK NON OK
Ambiente 1
A
Ambiente 2
A
Ambiente 3
A
Ambiente 4
Ambiente 5
A
Ambiente 6
A
Ambiente 7
A
Ambiente 8
A
Ambiente 9
A
Ambiente 10
A
Ambiente 11
A
Ambiente 12
A
Ambiente 13
A
Ambiente 14
A
Ambiente 15
A
Ambiente 16
A
Ambiente 17
A
Ambiente 18
A
Ambiente 19
A
Ambiente 20
A
Ambiente 21
A
Ambiente 22
A
Ambiente 23
A
Ambiente 25
A
Ambiente 25
A
Ambiente 26
A
Ambiente 27
A
Ambiente 28
A
Ambiente 29
A
Ambiente 30
A
Ambiente 31
A
Ambiente 32
A
Ambiente 33
A
Ambiente 34
A
Ambiente 35
A
Ambiente 36
A
Ambiente 37
A
Ambiente 38
A
Ambiente 39
A
Ambiente 40
A
A
(V1094)
Informazioni generali
133
SiT39-303
Appendice
7.10 Schemi delle tubazioni
7.10.1 Unità esterna
RXYQ5MY1B
Filtro
Ricevitore
SV
Elettrovalvola
Tubo scambiatore
di calore
Ventilatore
Filtro
Filtro
M
Valvola di
espansione
elettronica
Scambiatore di
calore
Valvola a
quattro vie
SP
Valvola regolatrice
della pressione
Sensore di
alta pressione
Separatore
dell'olio
Filtro
Filtro
Compressore
SV
Elettrovalvola
Pressostato di
alta
HPS
Tubo
capillare
INV
SP
Sensore di bassa
pressione
Filtro
Valvola d'intercettazione (con attacco di servizio a cartella ø7,9 mm, lato tubazioni fornite dall'utente)
134
Informazioni generali
SiT39-303
Appendice
RXYQ8MY1B
RXYQ10MY1B
RXYQ12MY1B
Elettrovalvola
SV
Ricevitore
Filtro
Valvola
regolatrice della
pressione
Filtro
Tubo
scambiatore di
calore
Tubo
capillare
Tubo Valvola di
capillare ritegno
Valvola
di ritegno
SV
Elettrovalvola
Valvola
di ritegno
Valvola di
ritegno
M
Valvola
di
ritegno
Tubo
capillare
Valvola di espansione
elettronica
Valvola di
espansione
elettronica
Valvola di
ritegno
Scambiatore di
calore
SV
Filtro
Ventilatore
Elettrovalvola
Valvola a
quattro vie
SV
Elettrovalvola
Valvola di
ritegno
Sensore di alta
pressione
SV
Elettrovalvola
SP
INV
Tubo
capillare
Filtro
Tubo
capillare
HPS
Tubo capillare
Compressore
Valvola
di
ritegno
Valvola
regolatrice
della
pressione
Filtro
Filtro
HPS
Valvola
Pressostato di alta
di
ritegno
Separatore
dell'olio
Separatore
dell'olio
Pressostato di
alta
Filtro
Valvola
di
ritegno
Filtro
Valvola
regolatrice
della
pressione
SP
Compressore
STD
Sensore di
bassa pressione
SV
Valvola di ritegno
Elettrovalvola
Filtro
Valvola d'intercettazione (con attacco di servizio a cartella ø7,9 mm, lato tubazioni fornite dall'utente)
4D040338A
Informazioni generali
135
SiT39-303
Appendice
RXYQ14MY1B
RXYQ16MY1B
Elettrovalvola
Ricevitore
Filtro
Valvola regolatrice
della pressione
SV
Filtro
Tubo
scambiatore di
calore
Tubo
capillare
Valvola
di ritegno
SV
Tubo
capillare
Valvola
di
ritegno
Elettrovalvola
Filtro
Valvola di
ritegno
Valvola di
ritegno
Valvola
di
ritegno
Ventilatore
M
Valvola di espansione
elettronica
Tubo
capillare
Valvola di
espansione
elettronica
Valvola di
ritegno
SV
Scambiatore di
calore
Elettrovalvola
Valvola a
quattro vie
SV
SV
Elettrovalvola Valvola
Elettrovalvola
INV
Valvola
di
ritegno
Filtro
Separatore
dell'olio
HPS
Tubo capillare
Compressore
Tubo capillare
Filtro
Filtro
HPS
Valvola
di
Valvola
ritegno regolatrice
Filtro
Separatore
dell'olio
Pressostato di
alta
Valvola
di
ritegno
Pressostato di
alta
Separatore
dell'olio
Valvola
di
ritegno
Filtro
Valvola
regolatrice
della
pressione Filtro
di
ritegno
Sensore di alta
pressione
SP
della
pressione
HPS
Pressostato di
alta
Compressore
Compressore
STD2
STD1
Tubo
capillare
Tubo
capillare
Filtro
SP
Sensore di
bassa pressione
Filtro
SV
Valvola di ritegno
Elettrovalvola
Valvola d'intercettazione (con attacco di servizio a cartella ø7,9 mm, lato tubazioni fornite dall'utente)
4D040339A
136
Informazioni generali
SiT39-303
Appendice
7.10.2 Unità interna
FXCQ, FXZQ, FXFQ, FXKQ, FXSQ, FXMQ, FXHQ, FXAQ, FXLQ, FXNQ
Attacco gas
Scambiatore di calore
Attacco a cartella: Al massimo 15,9
Tubazioni fornite: Superiore a 19,1
R3T
R1T
Ventilatore
R2T
Attacco liquido
(Attacco a cartella)
Filtro Valvola di espansione
elettronica
Filtro
DU220-602D
R1T: Termistore per temperatura aria aspirazione
R2T: Termistore per temperatura linea liquido
R3T: Termistore temperatura linea gas
Capacità
20/25/32/40/50M
63/80/100/125M
200M
250M
Informazioni generali
GAS
φ12,7
φ15,9
φ19,1
φ22,2
(mm.)
Liquido
φ6,4
φ9,5
φ9,5
φ9,5
137
138
Note:
1. Questo schema elettrico è valido unicamente per l'unità esterna.
2.
: Collegamenti elettrici locali
3.
: Morsettiera
: Connettore
: Morsetto
Messa a terra di protezione (vite)
4. Quando si usa l'adattatore opzionale, fare riferimento al manuale d'installazione.
5. Per il cablaggio della trasmissione interna-esterna F1 F2, ed esterna-esterna F1 F2, fare riferimento al manuale
d'installazione.
6. Per l'uso degli interruttori BS1-BS5 e DS1•2, fare riferimento all'etichetta di sicurezza (sullo sportello del quadro).
7. Durante il funzionamento, non cortocircuitare il dispositivo di protezione (S1PH).
8. Colori, BLK: nero, RED: rosso, BLU: blu, WHT: bianco, PNK: rosa, YLW: giallo, BRN: marrone, GRY: grigio, GRN:
verde, ORG: arancione.
Dettaglio di M1C
ALIMENTAZIONE
380-415V 3N~50Hz
HAP
K1M
K1R
K2R
K3R
K6R
C1 • 4
DS1, 2
E1HC
F1U
F1U • 2U
H1P~8P
L3-NERO
N-BLU
Rilevamento guasti--accensione
Preparazione, test--- lampeggiante
Relé magnetico (Y2S)
Relé magnetico (Y1S)
Relé magnetico (K1M)
Relé magnetico
Contattore magnetico (M1C)
Spia (manutenzione – verde)
[H2P]
Spia (manutenzione – arancione)
Fusibile (250V, 10A, B) (A1P)
Fusibile (250V, 5A, B) (A4P)
Riscaldatore del carter
DIP switch
Condensatore
(Mode, set, return, test, reset)
Interruttore a pulsante
Scheda elettronica (filtro antidisturbo)
Scheda elettronica (vent)
Scheda elettronica (Inv)
Scheda elettronica (princ.)
L1-ROSSO L2-BIANCO
A1P
A2P
A3P
A4P
BS1~5
Freddo
Risc.
K9R
K11R
K13R
L1R
M1C
M1F
PS
Q1RP
R1
R10
R133
R3, 4
R1T
R1T
R2T
R3T
R4T
R5T
S1NPH
S1NPL
Sensore di pressione (bassa)
Sensore di pressione (alta)
Termistore (scamb. calore, scarico)
Termistore (scamb. calore, disp. antighiaccio)
Termistore (mandata M1C)
Termistore (aspirazione)
Termistore (Alette) (A2P)
Termistore (aria) (A1P)
Resistore
Resistenza (sensore di corrente)
Resistenza (sensore di corrente)
Resistenza (limitatore di corrente)
Circuito di rilievo della sequenza di fase
Alimentazione switching
Motore (ventilatore)
Motore (compressore)
Reattore
Relè magnetico (E1HC)
Relè magnetico (Y3S)
Relè magnetico (Y4S)
Filtro antidisturbo (con varistore)
Filtro antidisturbo (nucleo di ferrite)
Elettrovalvola (iniezione)
Elettrovalvola (valvola a 4 vie)
Elettrovalvola (ricevitore scarico gas)
Elettrovalvola (gas caldo)
Valvola di espansione elettronica
Morsettiera (controllo) (A1P)
Morsettiera (alimentazione)
Modulo di alimentazione (A3P)
Modulo di alimentazione (A2P)
Ingresso per dispositivi di sicurezza
Trasformatore (220-240/20 V)
Pressostato (alta)
(Nero)
Quadro elettrico
(Lato anteriore)
Selettore di raffr./risc. (KRC 19-26A)
Selettore (Ventilatore/raffr.•risc.)
S1S
Selettore (raffr./risc.)
S2S
S1PH
T1R
V1CP
V1R
V1R
X1M
X1M
Y1E
Y1S
Y2S
Y3S
Y4S
Z1C~5C
Z1F
Esterno (F1) (F2)
Nota: 5
Est-Est
Interno (F1) (F2)
Int-Est
S1S
Ventilatore
Selettore raffr. /risc. (accessorio
opzionale)
Freddo Risc.
S2S
Selettore raffr./risc.
è il colore del cavo del componente.
è il colore del connettore per il componente.
è il colore del connettore per la scheda elettronica.
Appendice
SiT39-303
7.11 Schemi Elettrici
7.11.1 Unità esterna
RXYQ5MY1B
Informazioni generali
Informazioni generali
Dettaglio di M1C
Note:
1. Questo schema elettrico è valido unicamente per l'unità esterna.
2.
: Collegamenti elettrici locali
3.
: Morsettiera
: Connettore
: Morsetto
Messa a terra di protezione (vite)
4. Quando si usa l'adattatore opzionale, fare riferimento al manuale d'installazione.
5. Per il cablaggio della trasmissione interno-esterno F1•F2, esterno - esterno F1•F2 ed esterno-multi Q1•Q2, fare
riferimento al manuale d'installazione.
6. Per l'uso degli interruttori BS1-BS5 e DS1•2, fare riferimento all'etichetta di sicurezza (sullo sportello del quadro).
7. Durante il funzionamento, non cortocircuitare il dispositivo di protezione (S1PH, S2PH).
8. Colori, BLK: nero, RED: rosso, BLU: blu, WHT: bianco, PNK: rosa, YLW: giallo, BRN: marrone, GRY: grigio, GRN:
verde, ORG: arancione.
Dettaglio di M2C
ALIMENTAZIONE
MY1: 380-415V
3N~50Hz
MYL: 380V 3N~60Hz
HAP
K1M, 2M
K1R
K1R
K2R
K3R
K4R
K5R
K6R
C1, 4
DS1, 2
E1HC, 2HC
F1U
F1U, 2U
H1P~8P
N-BLU
Relè magnetico (Y4S) (A1P)
Relè magnetico (Y3S) (A1P)
Relè magnetico (Y2S) (A1P)
Relè magnetico (Y1S) (A1P)
Relè magnetico (K1M) (A2P)
Relè magnetico (K2M) (A1P)
Relè magnetico (A2P)
Contattore magnetico (M1C, 2C)
Spia (manutenzione – verde) (A1P~3P)
Rilevamento guasti--accensione
[H2P] Preparazione, test--- lampeggiante
Spia (manutenzione – arancione) (A1P)
Fusibile (250V, 10A, B) (A1P)
Fusibile (500V, 6A, T) (A4P)
Riscaldatore del carter
Dip switch (A1P)
Condensatore (A2P)
(Mode, set, return, test, reset)
Interruttore a pulsante (A1P)
Scheda elettronica (sensore corrente)
Scheda elettronica (filtro antidisturbo)
Scheda elettronica (vent)
S1S
Ventilatore
K7R
K8R
K11R
K13R
K14R
K16R
L1R
M1C, 2C
M1F
PS
Q1RP
R1
R10
R133
R3, 4
R1T
R1T
R2T
R31T, 32T
R4T
R5T
R6T
R7T
S1NPH
Sensore di pressione (alta)
Termistore (linea olio)
Termistore (ricevitore tubo liq.)
Termistore (scamb. calore, scarico)
Termistore (scamb. calore, disp. antighiaccio)
Relè magnetico (Y7S) (A1P)
Relè magnetico (Y6S) (A1P)
Filtro antidisturbo (con varistore)
Filtro antidisturbo (nucleo di ferrite)
Elettrovalvola (valvola a 4 vie)
Elettrovalvola (tubazione del liquido)
Elettrovalvola (scarico gas)
Elettrovalvola (ricevitore scarico gas)
Elettrovalvola (ricevitore aspir. gas)
Elettrovalvola (olio Multi est.)
Elettrovalvola (gas caldo)
Valvola di espansione elettronica
Morsettiera (controllo) (A1P)
Morsettiera (alimentazione)
3D038582
Modulo di alimentazione transistor IGBT (A2P, A3P)
Ponte di diodi (A2P)
Ingresso per dispositivi di sicurezza (A1P)
Trasformatore (220-240/20 V)
Sensore di corrente (A5P)
Pressostato (alta)
Sensore di pressione (bassa)
(Nero)
Quadro elettrico
(Lato anteriore)
Selettore di raffr./risc. (KRC 19-26A)
Selettore (Ventilatore/raffr.•risc.)
S1S
Selettore (raffr./risc.)
S2S
S1NPL
S1PH, 2PH
T1A
Relè magnetico (E1HC) (A1P)
T1R
Relè magnetico (E2HC) (A1P)
V1CP
Relé magnetico (Adattatore opzionale)
V1R
Reattore
V2R
Motore (compressore)
X1M
Motore (ventilatore)
X1M
Alimentazione switching (A2P)
Y1E, 2E
Circuito di rilevamento della sequenza di fase (A1P) Y1S
Resistenza (limitatore di corrente) (A2P)
Y2S
Resistenza (sensore di corrente) (A3P)
Y3S
Resistenza (sensore di corrente) (A2P)
Y4S
Resistore (A2P)
Y5S
Termistore (Alette) (A2P)
Y6S
Termistore (aria) (A1P)
Y7S
Termistore (aspirazione)
Z1C~4C
Termistore (mandata M1C, 2C)
Z1F
Esterno (F1) (F2)
Interno (F1) (F2)
Esterno (Q1) (Q2)
Nota: 5
Est-Est Est-Multi
Relè magnetico (Y5S) (A1P)
Selettore raffr. /risc. (accessorio
opzionale)
Freddo
Risc.
Int-Est
del componente o il connettore della scheda elettronica.
Selettore raffr./risc.
Freddo Risc.
S2S
L3-NERO
Scheda elettronica (Inv)
Scheda elettronica (princ.)
L1-ROSSO L2-BIANCO
A1P
A2P
A3P
A4P
A5P
BS1~5
è il colore del connettore per la scheda elettronica.
è il colore di discriminazione per il cavo di alimentazione
è il colore del connettore per il componente.
SiT39-303
Appendice
RXYQ8MY1B
RXYQ10MY1B
RXYQ12MY1B
139
140
Dettaglio di M1C
Note:
1. Questo schema elettrico è valido unicamente per l'unità esterna.
2.
: Collegamenti elettrici locali
3.
: Morsettiera
: Connettore
: Morsetto
Messa a terra di protezione (vite)
4. Quando si usa l'adattatore opzionale, fare riferimento al manuale d'installazione.
5. Per il cablaggio della trasmissione interno-esterno F1•F2, esterno - esterno F1•F2 ed esterno-multi Q1•Q2, fare
riferimento al manuale d'installazione.
6. Per l'uso degli interruttori BS1-BS5 e DS1•2, fare riferimento all'etichetta di sicurezza (sullo sportello del quadro).
7. Durante il funzionamento, non cortocircuitare il dispositivo di protezione. (S1PH, S2PH, S3PH)
8. Colori, BLK: nero, RED: rosso, BLU: blu, WHT: bianco, PNK: rosa, YLW: giallo, BRN: marrone, GRY: grigio, GRN:
verde, ORG: arancione.
Dettaglio di M2C
Dettaglio di M3C
ALIMENTAZIONE
MY1: 380-415V
3N~50Hz
MYL: 380V 3N~60Hz
HAP
K1M, 3M
K1R
K1R
K2R
K2R
K3R
K4R
K5R
K6R
C1, 4
DS1, 2
E1HC, 3HC
F1U
F1U, 2U
H1P~8P
L3-NERO
N-BLU
Relè magnetico (Y4S) (A1P)
Relè magnetico (Y3S) (A1P)
Relè magnetico (Y2S) (A1P)
Relè magnetico (Y1S) (A1P)
Relè magnetico (K3M) (A1P)
Relè magnetico (K1M) (A2P)
Relè magnetico (K2M) (A1P)
Relè magnetico (A2P)
Contattore magnetico (M1C, 3C)
Spia (manutenzione – verde) (A1P~3P)
Rilevamento guasti--accensione
[H2P] Preparazione, test--- lampeggiante
Spia (manutenzione – arancione) (A1P)
Fusibile (250V, 10A, B) (A1P)
Fusibile (500V, 6A, T) (A4P)
Riscaldatore del carter
Dip switch (A1P)
Condensatore (A2P)
(Mode, set, return, test, reset)
Interruttore a pulsante (A1P)
Scheda elettronica (sensore corrente)
Scheda elettronica (filtro antidisturbo)
Scheda elettronica (vent)
Scheda elettronica (Inv)
Scheda elettronica (princ.)
L1-ROSSO L2-BIANCO
A1P
A2P
A3P
A4P
A5P, 6P
BS1~5
Freddo
Risc.
K7R
K8R
K11R
K13R
K14R
K15R
K16R
L1R
M1C, 3C
M1F
PS
Q1RP
R1
R10
R133
R3, 4
R1T
R1T
R2T
R31T, 33T
R4T
R5T
R6T
R7T
S1NPH
Nota: 5
Est-Est Est-Multi
Sensore di pressione (alta)
Termistore (linea olio)
Termistore (ricevitore tubo liq.)
Termistore (scamb. calore, scarico)
Termistore (scamb. calore, disp. antighiaccio)
Termistore (mandata M1C, 3C)
Filtro antidisturbo (con varistore)
Filtro antidisturbo (nucleo di ferrite)
Elettrovalvola (valvola a 4 vie)
Elettrovalvola (tubazione del liquido)
Elettrovalvola (scarico gas)
Elettrovalvola (ricevitore scarico gas)
Elettrovalvola (ricevitore aspir. gas)
Elettrovalvola (olio Multi est.)
Elettrovalvola (gas caldo)
Valvola di espansione elettronica
Morsettiera (controllo) (A1P)
Morsettiera (alimentazione)
3D038058
Modulo di alimentazione transistor IGBT (A2P, A3P)
Ponte di diodi (A2P)
Ingresso per dispositivi di sicurezza (A1P)
Trasformatore (220-240/20 V)
Sensore di corrente (A5P, A6P)
Pressostato (alta)
Sensore di pressione (bassa)
(Nero)
Quadro elettrico
(Lato anteriore)
Selettore di raffr./risc. (KRC 19-26A)
Selettore (Ventilatore/raffr.•risc.)
S1S
Selettore (raffr./risc.)
S2S
S1NPL
S1PH, 3PH
T1A
Relè magnetico (E1HC) (A1P)
T1R
Relè magnetico (E2HC) (A1P)
V1CP
Relè magnetico (E3HC) (A1P)
V1R
Relé magnetico (Adattatore opzionale)
V2R
Reattore
X1M
Motore (compressore)
X1M
Motore (ventilatore)
Y1E, 2E
Alimentazione switching (A2P)
Y1S
Circuito di rilevamento della sequenza di fase (A1P) Y2S
Resistenza (limitatore di corrente) (A2P)
Y3S
Resistenza (sensore di corrente) (A3P)
Y4S
Resistenza (sensore di corrente) (A2P)
Y5S
Resistore (A2P)
Y6S
Termistore (Alette) (A2P)
Y7S
Termistore (aria) (A1P)
Z1C~5C
Termistore (aspirazione)
Z1F
Relè magnetico (Y7S) (A1P)
Relè magnetico (Y6S) (A1P)
Relè magnetico (Y5S) (A1P)
Esterno (Q1) (Q2)
Esterno (F1) (F2)
Interno (F1) (F2)
Int-Est
S1S
Ventilatore
Selettore raffr. /risc. (accessorio
opzionale)
Freddo Risc.
S2S
Selettore raffr./risc.
del componente o il connettore della scheda elettronica.
è il colore di discriminazione per il cavo di alimentazione
è il colore del connettore per il componente.
è il colore del connettore per la scheda elettronica.
Appendice
SiT39-303
RXYQ14MY1B
RXYQ16MY1B
Informazioni generali
Interruttore
generale
Informazioni generali
Fusibile
Interruttore
Cavo a 2 poli
(Linea di trasmissione)
Fusibile
Interruttore
Cavo a 2 poli
(Linea di alimentazione)
Alimentazione
Note:
Fusibile
Interruttore
Unità interne
Cavo a 2 poli
(Linea di
alimentazione)
Cavo a 2 poli
(Linea di trasmissione)
Unità esterne
Fusibile
Interruttore
Cavo a 2 poli
(Linea di trasmissione)
Cavo a 2 poli
(Linea di alimentazione)
Fusibile
Interruttore
Cavo a 2 poli
(Linea di trasmissione)
6) Collegare l'unità a terra secondo le norme ed i regolamenti locali e nazionali.
7) Lo schema elettrico è riportato esclusivamente a scopo indicativo e non deve essere inteso
come uno schema completo e dettagliato da utilizzare per una specifica installazione.
8) Installare l'interruttore e il fusibile sulla linea di alimentazione di ciascuna unità.
9) Installare un interruttore principale che possa interrompere tutte le sorgenti di alimentazione
allo stesso tempo; le apparecchiature che costituiscono il presente impianto utilizzano diverse
sorgenti di alimentazione.
Cavo a 2 poli
(Linea di alimentazione)
1) Per tutti i collegamenti da effettuare localmente, i
componenti, i materiali e il tipo di cablaggio devono
essere conformi alle normative locali e nazionali vigenti.
2) Utilizzare solo conduttori in rame.
3) Per i dettagli consultare lo schema elettrico.
4) Per sicurezza installare un interruttore automatico.
5) I cablaggi locali con la necessaria componentistica
devono essere eseguiti da un elettricista qualificato.
3D040746
SiT39-303
Appendice
7.11.2 Collegamenti elettrici locali
RXYQ5~16MY1B
141
142
Fusibile
Cavo a 2 poli
(Linea di
alimentazione)
Fusibile
Cavo a 2 poli
(Linea di
alimentazione)
Interruttore
Fusibile
[Unità 2]
Fusibile
Interruttore
Fusibile
Interruttore
Cavo a 2 poli
(Linea di trasmissione)
Cavo a 2 poli
(Linea di
alimentazione)
Fusibile
Cavo a 2 poli
(Linea di
alimentazione)
Cavo a 2 poli
(Linea di trasmissione)
Fusibile
Interruttore
Interruttore
Interruttore
generale
Alimentazione
Fusibile
Interruttore
[Unità 2]
Cavo a 2 poli
(Linea di
alimentazione)
Fusibile
Interruttore
Cavo a 2 poli
(Linea di trasmissione)
Unità interne
Cavo a 2 poli
(Linea di trasmissione)
[Unità 1]
Fusibile
Interruttore
3D040747
Cavo a 2 poli
(Linea di trasmissione)
Cavo a 2 poli
(Linea di
alimentazione)
Cavo a 2 poli
(Linea di trasmissione)
Unità esterne
Quando l'alimentazione è collegata in
serie tra le unità.
6) Collegare l'unità a terra secondo le norme ed i regolamenti locali e nazionali.
7) Lo schema elettrico è riportato esclusivamente a scopo indicativo e non deve essere inteso come
uno schema completo e dettagliato da utilizzare per una specifica installazione.
8) Installare l'interruttore e il fusibile sulla linea di alimentazione di ciascuna unità.
9) Installare un interruttore principale che possa interrompere tutte le sorgenti di alimentazione allo
stesso tempo; le apparecchiature che costituiscono il presente impianto utilizzano diverse
sorgenti di alimentazione.
10) Se il circuito di alimentazione è collegato in serie tra le unità, la capacità dell'UNITÀ 1 deve
essere superiore a quella dell'UNITÀ 2.
Cavo a 2 poli
(Linea di
alimentazione)
Cavo a 2 poli
(Linea di trasmissione)
Cavo a 2 poli
(Linea di
alimentazione)
Unità interne
Cavo a 2 poli
(Linea di trasmissione)
Interruttore
Cavo a 2 poli
(Linea di trasmissione)
Interruttore
Fusibile
[Unità 1]
Cavo a 2 poli
(Linea di trasmissione)
Unità esterne
Quando vi è un'alimentazione
separata per ciascuna unità esterna.
1) Per tutti i collegamenti da effettuare localmente, i componenti, i
materiali e il tipo di cablaggio devono essere conformi alle
normative locali e nazionali vigenti.
2) Utilizzare solo conduttori in rame.
3) Per i dettagli consultare lo schema elettrico.
4) Per sicurezza installare un interruttore automatico.
5) I cablaggi locali con la necessaria componentistica devono
essere eseguiti da un elettricista qualificato.
Interruttore
Alimentazione
Interruttore
generale
Note:
Appendice
SiT39-303
RXYQ18~32MY1B
Informazioni generali
Informazioni generali
Fusibile
Interruttore
Fusibile
Interruttore
Cavo a 2 poli
(Linea di
alimentazione)
Fusibile
Interruttore
Fusibile
Interruttore
Fusibile
tore
Interrut-
[Unità 2]
Fusibile
Interruttore
Fusibile
Cavo a 2 poli
(Linea di
alimentazione)
Interruttore
Fusibile
Cavo a 2 poli
(Linea di
alimentazione)
Cavo a 2 poli
(Linea di trasmissione)
Fusibile
Interruttore
Interruttore
Cavo a 2 poli
(Linea di trasmissione)
[Unità 3]
Cavo a 2 poli
(Linea di trasmissione)
Interruttore
generale
Alimentazione
[Unità 2]
Fusibile
Unità interne
Cavo a 2 poli
(Linea di
alimentazione)
Interruttore
Fusibile
Cavo a 2 poli
(Linea di trasmissione)
Interruttore
Cavo a 2 poli
(Linea di trasmissione)
[Unità 1]
Fusibile
Interruttore
3D040748
Cavo a 2 poli
(Linea di trasmissione)
[Unità 3]
Cavo a 2 poli
(Linea di trasmissione)
Cavo a 2 poli
(Linea di
alimentazione)
Cavo a 2 poli
(Linea di trasmissione)
Unità esterne
Quando l'alimentazione è collegata in
serie tra le unità.
6) Collegare l'unità a terra secondo le norme ed i regolamenti locali e nazionali.
7) Lo schema elettrico è riportato esclusivamente a scopo indicativo e non deve essere inteso come
uno schema completo e dettagliato da utilizzare per una specifica installazione.
8) Installare l'interruttore e il fusibile sulla linea di alimentazione di ciascuna unità.
9) Installare un interruttore principale che possa interrompere tutte le sorgenti di alimentazione allo
stesso tempo; le apparecchiature che costituiscono il presente impianto utilizzano diverse sorgenti
di alimentazione.
10) Utilizzare il modello RXYQ16MY1B come UNITÀ 1 quando l'alimentazione è collegata in serie tra
le unità. (In caso di RXYQ34MY1B e RXYQ14MY1B.)
Cavo a 2 poli
(Linea di
alimentazione)
Cavo a 2 poli
(Linea di trasmissione)
Cavo a 2 poli
(Linea di
alimentazione)
Unità interne
Cavo a 2 poli
(Linea di trasmissione)
[Unità 1]
Cavo a 2 poli
(Linea di trasmissione)
Unità esterne
Quando vi è un'alimentazione
separata per ciascuna unità esterna.
1) Per tutti i collegamenti da effettuare localmente, i componenti, i
materiali e il tipo di cablaggio devono essere conformi alle
normative locali e nazionali vigenti.
2) Utilizzare solo conduttori in rame.
3) Per i dettagli consultare lo schema elettrico.
4) Per sicurezza installare un interruttore automatico.
5) I cablaggi locali con la necessaria componentistica devono essere
eseguiti da un elettricista qualificato.
Cavo a 2 poli
(Linea di
alimentazione)
Cavo a 2 poli
(Linea di trasmissione)
Alimentazione
Interruttore
generale
Note:
SiT39-303
Appendice
RXYQ34~48MY1B
143
SiT39-303
Appendice
7.12 Esempi di installazione corretta e non corretta
7.12.1 Esempio 1: Interferenza di segnali causata dall'utilizzo
di cavi multipolari (tutti i modelli)
Problema
Anche se per il controllo di gruppo esistono solamente 2 unità per gruppo ci sono errori di trasmissione tra
le unità interne e il telecomando; l'indirizzo visualizzato sul telecomando è un indirizzo inesistente come ad
esempio 13 oppure 15.
Causa del
problema
ed azione
correttiva
È stato utilizzato un cavo multipolare almeno nella parte di cavo elettrico di interconnessione tra il
telecomando e l'unità interna.
Ciò ha causato interferenze tra i segnali e quindi trasmissioni disturbate.
All’esterno
Scatola relé
Unità interna
(0000)
Unità interna
(0000)
Unità interna
(0001)
All’esterno
Unità interna
(0001)
All’esterno
All’esterno
5F
Cavo
multipolare
1F
Telecomando
Telecomando
Scatola relé
Sostituendo il cavo multipolare con un cavo bipolare il disturbo scompare.
In evidenza
144
„ Anche se è stato attaccato un cavo bipolare a ciascuna unità, il resto del percorso del cavo è in cavo
multipolare.
„ Nelle scuole ecc. poichè i telecomandi sono spesso installati in una singola sala di controllo al primo
piano è più agevole utilizzare un cavo multipolare.
„ L'interferenza dei segnali può dare luogo alla visualizzazione di un indirizzo inesistente.
Informazioni generali
SiT39-303
Appendice
7.12.2 Esempio 2: Errore di corrispondenza dei cavi di collegamento tra
unità interne ed esterne e relative tubazioni. (tutti i modelli)
Problema
Il telecomando non mostra alcun guasto, l'impianto funziona, ma l'unità interna in modalità riscaldamento
non emette aria calda.
Causa del
problema
ed azione
correttiva
I cavi di collegamento e le relative tubazioni non corrispondono.
Eseguire nuovamente il cablaggio e il guasto scomparirà.
tubazioni
cavi
Unità esterna
Unità
interna
In evidenza
Informazioni generali
Unità
interna
Unità
interna
Unità
interna
„ Prestare particolare attenzione nel caso che la posa delle tubazioni ed il cablaggio siano eseguiti da
persone diverse.
„ Provare il funzionamento di ogni unità a turno per controllare la corretta corrispondenza di cavi e tubazioni.
145
SiT39-303
Appendice
7.12.3 Esempio 3: Difetto di forma del sifone della linea di scarico
Problema
È stata installato un sifone di scarico sull'unità interna, ma si è verificata una perdita durante il successivo
funzionamento.
Causa del
problema
ed azione
correttiva
La forma del sifone non è adatta e pertanto provoca un cattivo funzionamento dello stesso, causando una
perdita. Utilizzare un sifone della forma adeguata e il guasto scomparirà.
Pressione negativa
Pressione negativa
H1 = 0mm
H1 = almeno 50mm
H2 = 1/2 H1
Sifone inefficace
In evidenza
146
„ I modelli canalizzabili (40~125) hanno bisogno di un sifone di scarico.
Motivo: sul lato aspirazione c'è resistenza causata dallo scambiatore di calore e dal filtro dell'aria e ciò a sua
volta crea una pressione negativa rispetto alla pressione atmosferica sul lato di mandata. In mancanza del
sifone di scarico, l'aria sarà risucchiata dalla linea di scarico e l'acqua di scarico inizierà ad agitarsi con la
possibilità di fuoriuscire dalla vaschetta di raccolta. Per evitare il problema, è pertanto necessario progettare
un sifone che prenda in considerazione la depressione massima che è probabile trovare sul lato aspirazione.
Informazioni generali
SiT39-303
Appendice
7.12.4 Esempio 4: Caduta di pressione in assenza di perdite durante la
prova di tenuta aria (tutti i modelli)
Problema
Per effettuare le prove di tenuta aria locali sul circuito frigorifero, il sistema è stato pressurizzato tramite
l'attacco di servizio della linea liquido e nelle 24 ore successive si è verificata una caduta di pressione.
Di per sè il circuito frigorifero locale non ha cadute di pressione. La perdita di gas potrebbe essere
localizzata nell'unità interna stessa.
Causa del
problema
ed azione
correttiva
Il sistema è stato pressurizzato utilizzando le tubazioni della linea liquido; pertanto le tubazioni del gas non
sono state pressurizzate. Il sistema è stato lasciato in pressione per 24 ore, ma durante tale periodo il gas
è filtrato nelle tubazioni del gas a causa di perdite interne delle valvole elettroniche d'espansione causando
di conseguenza una caduta di pressione all'interno delle tubazioni liquido.
Unità interna
Scambiatore di calore
Ventilatore
Linea gas
Filtro
Linea liquido
Valvola di espansione
Filtro elettronica
Manometro
Unità esterna
Chiuso
Azoto gassoso
Chiuso
In evidenza
Informazioni generali
Eseguire la prova di tenuta aria sulle tubazioni locali pressurizzando sia la linea liquido che la linea gas.
147
SiT39-303
Appendice
7.12.5 Esempio 5: Rumorosità eccessiva causata da un'errata angolazione
dei giunti REFNET
Problema
Il flusso del refrigerante durante lo sbrinamento è eccessivamente rumoroso.
Causa del
problema
ed azione
correttiva
L'angolazione dei raccordi è errata. Modificare come da illustrazione seguente.
1. Giunti REFNET
Installare i giunti REFNET in modo tale da collegare le diramazioni con la tubazione principale
orizzontalmente o verticalmente ad un angolo di esattamente 90 gradi.
(Raccordo orizzontale)
(Linea orizzontale)
± 30 gradi o meno
(Sezione vista dal punto A)
(Raccordo verticale)
Verticale
2. Collettore REFNET
Il collettore REFNET è una tubazione a mandata laterale e deve essere installata in modo da consentire
il raccordo orizzontale delle diramazioni. (Non è consentito il raccordo verticale o in pendenza)
e
tal
n
zo
le
nta
Or
o
izz
Or
iz
Or
e
tal
e
ta l
n
zo
on
izz
iz
Or
B
(Linea
orizzontale)
(Sezione vista dal punto B)
In evidenza
148
„ Motivi per l'utilizzo del kit diramazione refrigerante
L'installazione di giunti o collettori REFNET non effettuate in stretta conformità con i principi qui riportati
potrebbe dare luogo a lamentele dovute, ad esempio, alle scarse prestazioni dell'impianto o alla
rumorosità del flusso di refrigerante. (Per evitare flusso sbilanciato o mancanza olio)
Informazioni generali
SiT39-303
Appendice
7.12.6 Esempio 6: L'espansione e la contrazione termica possono
provocare l'incrinatura delle tubazioni locali
Problema
Perdita di gas dovuta alle incrinature sviluppatesi nei punti saldati del circuito frigorifero.
Causa
Entrambe le estremità della tubazione sono state fissate saldamente in posizione.
↓
L'avvio e l'arresto del compressore hanno causato una variazione della temperatura; di conseguenza le
tubazioni si sono contratte ed espanse sollecitando le parti saldate.
↓
La ripetuta espansione e contrazione hanno determinato la formazione di incrinature.
Azione correttiva
Aggiustare la tubazione costruendo una curva di dilatazione.
Fissato
saldamente
320
Incrinature nelle parti
saldate
12m
220
Assorbire la
dilatazione con una
curva.
Fissato
saldamente
Prima dell’azione correttiva
Dopo l’azione correttiva
In evidenza
„ Prendere in considerazione l'espansione e la contrazione termica lungo la scanalatura durante
l'installazione dei supporti per tubo.
Approfondimento
Espansione (m) = Lunghezza complessiva × Coefficiente di espansione termica × Aumento di temperatura
Coefficiente di espansione termica del rame: 16,5 × 10-6.
Esempio In una tubazione lunga 10 m e con un aumento della temperatura di 50 °C, si verifica un'espansione
di 8,2 mm.
Informazioni generali
149
SiT39-303
Appendice
7.12.7 Esempio 7: I cavi di comunicazione tra il selettore raffr/risc e l'unità
esterna sono troppo vicini al cavo dell'alta tensione
Problema
Nonostante il selettore raffr/risc sia impostato su raffreddamento, viene indicato riscaldamento.
Causa ed azione
correttiva
I cavi di comunicazione tra il selettore raffr/risc e l'unità esterna sono troppo vicini al cavo dell'alta tensione.
Si forma una tensione indotta sul cavo di comunicazione che causa un malfunzionamento del riscaldamento/
raffreddamento nella scheda elettronica dell'unità esterna.
Unità esterna
A B C
Cavo alta tensione
Circuiti di trasmissione (cavo bassa tensione)
Selettore raffr./risc.
Eseguire un by-pass del cavo di comunicazione consentirà il regolare funzionamento dell'unità.
In evidenza
„ Tenere separati i cavi a bassa tensione da quelli ad alta tensione.
7.12.8 Esempio 8: Impossibile impostare il numero di gruppo per controllo
centralizzato (Inverter serie K)
Problema
Si è tentato di impostare il numero di gruppo per controllo centralizzato con il telecomando dell'unità
interna, tuttavia non è possibile selezionare "00" in modalità impostazione locale.
Causa
1. Il telecomando centralizzato oppure il dispositivo di comando ON/OFF unificato sono spenti.
2. Il telecomando centralizzato oppure il dispositivo di comando ON/OFF unificato oppure l'unità interna
non sono collegati alla linea di controllo centralizzato (F1 & F2).
N. modalità
N. gruppo
Modalità
impostazioni
locali
Azione correttiva
Alimentare sia il telecomando centralizzato sia il dispositivo di comando ON/OFF unificato.
Collegare il telecomando centralizzato oppure il dispositivo di comando ON/OFF unificato oppure l'unità
interna alla linea di controllo centralizzato.
In evidenza
„ Se le comunicazioni con il telecomando centralizzato sono interrotte, non è possibile selezionare "00"
nelle impostazioni locali
„ Alimentare il telecomando centralizzato oppure il dispositivo di comando ON/OFF unificato oppure
l'unità interna prima di impostare il numero di gruppo per controllo centralizzato.
150
Informazioni generali
SiT39-303
Appendice
7.12.9 Esempio 9: "88" Non è possibile cancellare il numero sopraindicato
(88) dal telecomando centralizzato
Problema
Il display del telecomando centralizzato non esce dallo stato iniziale dopo l'accensione.
Display iniziale del telecomando centralizzato
Causa
1. Non è stato assegnato un numero di gruppo ad alcuna delle unità interne collegate al telecomando
centralizzato.
2. Il connettore per l'impostazione del regolatore principale all'interno del telecomando centralizzato
è scollegato.
Azione correttiva
„ Impostare un numero di gruppo per controllo centralizzato per ciascuna unità interna tramite i rispettivi
telecomandi.
„ Collegare il connettore per l'impostazione del regolatore principale a uno dei telecomandi centralizzati.
In evidenza
„ Se è stata modificata l'impostazione del regolatore principale, accendere e spegnere l'unità con
l'interruttore ON/OFF oppure con l'interruttore di reset forzato del regolatore.
„ Alimentare il telecomando centralizzato, il dispositivo di comando ON/OFF unificato e l'unità interna
prima di impostare il numero di gruppo per controllo centralizzato.
„ La procedura di impostazione del numero di gruppo per controllo centralizzato viene descritta nel
manuale di installazione.
Informazioni generali
151
Appendice
152
SiT39-303
Informazioni generali
SiT39-303
Sezione 2
Manuale d'installazione
1. Introduzione ........................................................................................155
1.1
1.2
1.3
1.4
1.5
1.6
2.
3.
4.
5.
6.
Combinazioni........................................................................................155
Limiti di funzionamento standard..........................................................156
Accessori standard forniti .....................................................................156
Accessorio opzionale ...........................................................................157
Specifiche tecniche ..............................................................................158
Specifiche elettriche .............................................................................160
Componenti principali..........................................................................161
Scelta della posizione .........................................................................162
Ispezione e movimentazione dell'unità................................................164
Rimozione dell'imballaggio e posizionamento dell'unità .....................165
Circuito frigorifero ...............................................................................167
6.1
6.2
6.3
6.4
6.5
6.6
Selezione del materiale delle tubazioni ................................................167
Collegamento del circuito frigorifero.....................................................168
Esempio di collegamento .....................................................................173
Prova di tenuta e asciugatura a vuoto..................................................175
Isolamento delle tubazioni....................................................................177
Carica supplementare di refrigerante ...................................................178
7. Collegamenti elettrici locali..................................................................180
7.1
7.2
7.3
7.4
Componenti opzionali: selettore raffreddamento/riscaldamento ..........180
Requisiti del circuito di alimentazione e del cavo di alimentazione ......181
Generale ..............................................................................................182
Esempi .................................................................................................183
8. Prima dell'avvio ...................................................................................191
8.1 Controlli da effettuare prima del primo avvio........................................191
8.2 Prova di funzionamento........................................................................192
9. Precauzioni per le perdite di refrigerante ............................................194
9.1 Precauzioni per le perdite di refrigerante .............................................194
[Unità compatibili]
RXYQ5MY1B
RXYQ8MY1B
RXYQ10MY1B
RXYQ12MY1B
RXYQ14MY1B
RXYQ16MY1B
RXYQ18MY1B
RXYQ20MY1B
RXYQ22MY1B
RXYQ24MY1B
RXYQ26MY1B
Manuale d'installazione
RXYQ28MY1B
RXYQ30MY1B
RXYQ32MY1B
RXYQ34MY1B
RXYQ36MY1B
RXYQ38MY1B
RXYQ40MY1B
RXYQ42MY1B
RXYQ44MY1B
RXYQ46MY1B
RXYQ48MY1B
SiT39-303
154
Attenzione
„ Leggere questo manuale con attenzione prima di avviare l'unità. Non gettare il manuale ma
conservarlo per future consultazioni.
Attenzione
„ L'installazione o il collegamento non corretto di apparecchiature o accessori può causare
scariche elettriche, cortocircuiti, perdite, incendi o altri danni all'unità. Utilizzare solo accessori
originali Daikin specificamente progettati per essere utilizzati con l'unità e affidare l'installazione
ad un tecnico qualificato.
In caso di dubbi sulle procedure di installazione o sull'utilizzo, contattare sempre il distributore
Daikin per ottenere consigli e informazioni.
Attenzione
„ L'impiego del refrigerante R410A impone precisi requisiti per l'impianto, che deve essere
pulito, asciutto e a tenuta.
„ A. Pulizia e assenza di umidità
Impedire a materiali estranei (inclusi oli minerali come ad es. l'olio SUNISO oppure l'umidità)
di contaminare l'impianto.
„ B.Tenuta
Il refrigerante R410A non contiene cloro, non è dannoso per lo strato di ozono e non riduce
la protezione della superficie terrestre dai raggi ultravioletti nocivi.
Se rilasciato nell'atmosfera, R410A può contribuire in minima parte all'aumento dell'effetto
serra. Pertanto, è necessario verificare con particolare cura la tenuta dell'impianto.
„ Leggere a fondo il capitolo "Installazione del circuito frigorifero" e seguire attentamente
le procedure indicate.
Attenzione
„ Poiché la pressione di progetto è di 3,8 MPa o 38 bar (per le unità caricate con R407C:
3,3MPa o 33 bar), potrebbe essere necessario l'utilizzo di tubazioni di maggior spessore.
„ Il refrigerante R410A è costituito da una miscela di refrigeranti e pertanto l'eventuale quantità
supplementare di refrigerante deve essere aggiunta allo stato liquido. (Se il refrigerante è
caricato in stato gassoso, la sua composizione si modificherà e l'impianto non sarà in grado
di funzionare regolarmente.)
„ L'unità interna funziona con il refrigerante R410A. Consultare il catalogo per scoprire quali
sono i modelli di unità interna compatibili.
(Il regolare funzionamento non è possibile se si collegano unità non compatibili.)
Attenzione
„ Non consentire ai minori di salire sull'unità esterna e non utilizzare la stessa come mensola
di appoggio. Eventuali cadute possono provocare lesioni fisiche.
Manuale d'installazione
SiT39-303
Introduzione
1. Introduzione
Il presente manuale di installazione tratta degli inverter VRV della serie RXYQ-M Daikin.
Le unità sono progettate per l'installazione in esterni e l'utilizzo in applicazioni di raffreddamento
e a pompa di calore. Le unità sono disponibili in tre misure standard con capacità frigorifera
nominale variabile da 14,0 a 133,5 kW e capacità di riscaldamento nominale variabile da
16,0 a 150,0 kW.
Le unità RXYQ-M possono essere combinate con le unità interne della serie Daikin VRV
per il condizionamento dell'aria.
Il presente manuale di installazione illustra la procedura per rimuovere l'imballaggio, installare e
collegare le unità RXYQ-M. Il manuale non tratta l'installazione delle unità interne. Per l'installazione
di queste unità consultare il manuale fornito con le stesse.
1.1
Combinazione
È possibile installare le unità interne come indicato di seguito.
„ Utilizzare sempre unità interne appropriate e compatibili con il refrigerante R410A.
Consultare il catalogo prodotti per informazioni sui modelli di unità interne compatibili
con R410A.
„ Capacità totale/quantità di unità interne
¢Capacità totale unità interne²
¢Quantità totale unità interne²
¢Unità esterna²
RXYQ5MY1B.......................... 62,5 ~ 162,5
8 unità
RXYQ8MY1B............................ 100 ~ 260
13 unità
RXYQ10MY1B.......................... 125 ~ 325
16 unità
RXYQ12MY1B.......................... 150 ~ 390
19 unità
RXYQ14MY1B.......................... 175 ~ 455
20 unità
RXYQ16MY1B.......................... 200 ~ 520
20 unità
RXYQ18MY1B.......................... 225 ~ 585
20 unità
RXYQ20MY1B.......................... 250 ~ 650
20 unità
RXYQ22MY1B.......................... 275 ~ 715
22 unità
RXYQ24MY1B.......................... 300 ~ 780
32 unità
RXYQ26MY1B.......................... 325 ~ 845
32 unità
RXYQ28MY1B.......................... 350 ~ 910
32 unità
RXYQ30MY1B.......................... 375 ~ 975
32 unità
RXYQ32MY1B......................... 400 ~ 1040
32 unità
RXYQ34MY1B......................... 425 ~ 1105
34 unità
RXYQ36MY1B......................... 450 ~ 1170
36 unità
RXYQ38MY1B......................... 475 ~ 1235
38 unità
RXYQ40MY1B......................... 500 ~ 1300
40 unità
RXYQ42MY1B......................... 525 ~ 1365
40 unità
RXYQ44MY1B......................... 550 ~ 1430
40 unità
RXYQ46MY1B......................... 575 ~ 1495
40 unità
RXYQ48MY1B......................... 600 ~ 1560
40 unità
Manuale d'installazione
155
SiT39-303
Introduzione
1.2
Limiti di funzionamento standard
Le immagini sotto riportate illustrano le condizioni operative delle unità interne ed esterne:
Lunghezza equivalente delle tubazioni ........... 7,5 m
Dislivello .............................................................. 0 m
Raffreddamento
Riscaldamento
A
45
43
40
C
35
20
30
15.5
15
25
10
20
5
15
0
10
-10
0
-5
-10
A
B
C
D
1.3
10 14 15
20
25 27 30
B
-20
5
10
15
20
25 27 30
D
Temperatura esterna (°CBS)
Temperatura interna (°CBU)
Temperatura esterna (°CBU)
Temperatura interna (°CBS)
Campo di funzionamento continuo
Campo di funzionamento in fase di messa a regime
Campo di funzionamento in fase di preriscaldamento
Accessori standard forniti
Nome
Quantità
Tipo RXYQ5
Fascetta (1) Fascetta (2) Fascetta (3)
9 pezzi
2 pezzi
1 pezzo
Altro
„ Manuale d'uso
„ Manuale di installazione
„ Etichetta carica di
refrigerante supplementare
Forma
Piccola
Grande
Tipo RXYQ8 · 10 · 14 · 16
Nome
Quantità
Fascetta (1) Fascetta (2) Fascetta (3)
9 pezzi
2 pezzi
1 pezzo
Tubazioni linea gas
fornite con l'unità (1).
1 pezzo
Forma
Piccola
Nome
Quantità
Forma
156
Tubazioni
linea gas
fornite con
l'unità (2).
1 pezzo
Grande
Tubazioni
linea gas
fornite con
l'unità (3).
1 pezzo
Altro
„
„
„
„
Manuale d'uso
Manuale di installazione
Dichiarazione di conformità
Etichetta carica di refrigerante supplementare
Manuale d'installazione
SiT39-303
Introduzione
[Tipo RXYQ5 · 8 · 10 ]
[Tipo RXYQ12 · 14 · 16 ]
1
1
2
2
1. Manuale d'uso
Manuale di installazione
Fascetta
2. Tubazione fornita
1.4
Accessorio opzionale
Per eseguire l'installazione delle unità esterne sopra menzionate sono necessarie le seguenti
parti opzionali.
„ Kit diramazione refrigerante (Solo per R410A: utilizzare sempre un kit specifico per il
vostro impianto).
Collettore
REFNET
Giunto REFNET
KHRP26M22H
KHRP26M33H
KHRP26M72H
KHRP26M73H
KHRP26M22T
KHRP26M33T
KHRP26M72T
KHRP26M73T
„ Kit raccordi multipli per unità esterna (Solo per R410A: utilizzare sempre un kit
specifico per il vostro impianto).
Numero di unità esterne collegate
Nome kit
2 unità
BHFP22M90
3 unità
BHFP22M135
„ Riduzione tubazioni (Solo per R410A: utilizzare sempre un kit specifico per il vostro
impianto).
Nome kit
Tipo di unità esterna
utilizzata
KHRP26M73TP
KHRP26M73HP
RXYQ34~48MY1B
BHFP22M90P
BHFP22M135P
RXYQ24~32MY1B RXYQ34~48MY1B
∗ Per selezionare il kit diramazione refrigerante ottimale, consultare "6. Installazione del
circuito frigorifero".
Manuale d'installazione
157
SiT39-303
Introduzione
1.5
Specifiche tecniche
Generale
Capacità di raffreddamento
nominale
Capacità di riscaldamento nominale
Potenza nominale raffreddamento/
riscaldamento
Dimensioni
AxLxP
Peso
Giunzioni
Linea gas
refrigerante
Linea liquido
refrigerante
RXYQ5MY1B
RXYQ8MY1B
RXYQ10MY1B
RXYQ12MY1B
RXYQ14MY1B
RXYQ16MY1B
kW
14,0
22,4
28,0
33,5
40,0
44,5
kW
16,0
25,0
31,5
37,5
45,0
50,0
kW
3,79/4,34
6,97/6,89
9,00/9,31
10,6/10,8
14,3/12,9
15,6/14,0
mm
kg
pollice
mm
pollice
mm
1600×635×765
160
5/8
φ 15,9
3/8
φ 9,5
RXYQ5MY1B
Olio sintetico
(a base di etere)
1,2
33
R410A
5,6
75
350
1600×930×765
230
6/8
φ 19,1
3/8
φ 9,5
RXYQ8MY1B
Olio sintetico
(a base di etere)
1,9+1,6
33+33
R410A
8,6
175
750
1600×930×765
230
7/8
φ 22,2
3/8
φ 9,5
RXYQ10MY1B
Olio sintetico
(a base di etere)
1,9+1,6
33+33
R410A
9,6
180
750
1600×1240×765
281
1 1/8
φ 28,6
1/2
φ 12,7
RXYQ12MY1B
Olio sintetico
(a base di etere)
1,9+1,6
33+33
R410A
11,4
210
750
1600×1240×765
323
1 1/8
φ 28,6
1/2
φ 12,7
RXYQ14MY1B
Olio sintetico
(a base di etere)
1,9+1,6+1,6
33+33+33
R410A
12,9
210
750
1600×1240×765
325
1 1/8
φ 28,6
1/2
φ 12,7
RXYQ16MY1B
Olio sintetico
(a base di etere)
1,9+1,6+1,6
33+33+33
R410A
14,4
210
750
compressore
Tipo olio
Volume della carica di olio
Riscaldatore del carter
Tipo di refrigerante
Carica di refrigerante
Portata d'aria nominale
Potenza del motore del ventilatore
Generale
Capacità di raffreddamento
nominale
Capacità di riscaldamento nominale
Potenza nominale raffreddamento/
riscaldamento
Dimensioni
AxLxP
Peso
Circuito frigorifero
Giunzioni
Linea liquido
refrigerante
Tubazione
equalizzazione olio
I
W
kg
m3/min.
W
RXYQ18MY1B
RXYQ20MY1B
RXYQ22MY1B
RXYQ24MY1B
RXYQ26MY1B
RXYQ28MY1B
kW
50,4
56,0
61,5
68,0
72,5
78,0
kW
56,5
63,0
69,0
76,5
81,5
87,5
kW
16,0/16,2
18,0/18,6
19,6/20,1
23,3/22,2
24,6/23,3
26,2/24,8
(1600×930×765)+
(1600×930×765)
230+230
1 1/8
φ 28,6
5/8
φ 15,9
1/4
φ 6,4
RXYQ18MY1B
Olio sintetico
(a base di etere)
(1600×930×765)+
(1600×930×765)
230+230
1 1/8
φ 28,6
5/8
φ 15,9
1/4
φ 6,4
RXYQ20MY1B
Olio sintetico
(a base di etere)
(1600×930×765)+
(1600×1240×765)
230+281
1 1/8
φ 28,6
5/8
φ 15,9
1/4
φ 6,4
RXYQ22MY1B
Olio sintetico
(a base di etere)
(1600×930×765)+
(1600×1240×765)
230+325
1 3/8
φ 34,9
6/8
φ 19,1
1/4
φ 6,4
RXYQ26MY1B
Olio sintetico
(a base di etere)
(1,9+1,6)+
(1,9+1,6+1,6)
(33+33)+
(33+33+33)
R410A
9,6+14,4
180+210
750+750
(1600×1240×765)+
(1600×1240×765)
281+325
1 3/8
φ 34,9
6/8
φ 19,1
1/4
φ 6,4
RXYQ28MY1B
Olio sintetico
(a base di etere)
(1,9+1,6)+
(1,9+1,6+1,6)
(33+33)+
(33+33+33)
R410A
11,4+14,4
210+210
750+750
I
(1,9+1,6)+(1,9+1,6)
(1,9+1,6)+(1,9+1,6)
(1,9+1,6)+(1,9+1,6)
W
(33+33)+(33+33)
(33+33)+(33+33)
(33+33)+(33+33)
kg
m3/min
W
R410A
8,6+9,6
175+180
750+750
R410A
9,6+9,6
180+180
750+750
R410A
9,6+11,4
180+210
750+750
(1600×930×765)+
(1600×1240×765)
230+323
1 3/8
φ 34,9
5/8
φ 15,9
1/4
φ 6,4
RXYQ24MY1B
Olio sintetico
(a base di etere)
(1,9+1,6)+
(1,9+1,6+1,6)
(33+33)+
(33+33+33)
R410A
9,6+12,9
180+210
750+750
mm
kg
pollice
mm
pollice
mm
pollice
mm
compressore
Tipo olio
Volume della carica di olio
Riscaldatore del carter
Tipo di refrigerante
Carica di refrigerante
Portata d'aria nominale
Potenza del motore del ventilatore
Generale
Capacità di raffreddamento
nominale
Capacità di riscaldamento nominale
Potenza nominale raffreddamento/
riscaldamento
Dimensioni
AxLxP
Peso
Circuito frigorifero
Giunzioni
Linea liquido
refrigerante
Tubazione
equalizzazione olio
RXYQ30MY1B
RXYQ32MY1B
RXYQ34MY1B
RXYQ36MY1B
RXYQ38MY1B
RXYQ40MY1B
kW
84,5
89,0
96,0
101,0
106,0
113,0
kW
95,0
100,0
108,0
113,0
119,0
127,0
kW
29,9/26,9
31,2/28,1
32,3/31,5
33,6/32,6
35,2/34,1
38,9/36,2
323+325
1 3/8
φ 34,9
6/8
φ 19,1
1/4
φ 6,4
RXYQ30MY1B
Olio sintetico
(a base di etere)
325+325
1 3/8
φ 34,9
6/8
φ 19,1
1/4
φ 6,4
RXYQ32MY1B
Olio sintetico
(a base di etere)
(1600×930×765)+
(1600×930×765)+
(1600×1240×765)
230+230+323
1 3/8
φ 34,9
6/8
φ 19,1
1/4
φ 6,4
RXYQ34MY1B
Olio sintetico
(a base di etere)
I
(1,9+1,6+1,6)+
(1,9+1,6+1,6)
(1,9+1,6+1,6)+
(1,9+1,6+1,6)
(1,9+1,6)+(1,9+1,6)+
(1,9+1,6+1,6)
W
(33+33+33)+
(33+33+33)
(33+33+33)+
(33+33+33)
(33+33)+(33+33)+
(33+33+33)
R410A
12,9+14,4
210+210
750+750
R410A
14,4+14,4
210+210
750+750
R410A
9,6+9,6+12,9
180+180+210
750+750+750
mm
kg
pollice
mm
pollice
mm
pollice
mm
compressore
Tipo olio
Volume della carica di olio
Riscaldatore del carter
Tipo di refrigerante
Carica di refrigerante
Portata d'aria nominale
Potenza del motore del ventilatore
158
kg
m3/min
W
(1600×1240×765)+ (1600×1240×765)+
(1600×1240×765) (1600×1240×765)
(1600×930×765)+ (1600×930×765)+
(1600×1240×765)+ (1600×1240×765)+
(1600×1240×765) (1600×1240×765)
230+281+325
230+323+325
1 5/8
1 5/8
φ 41,3
φ 41,3
6/8
6/8
φ 19,1
φ 19,1
1/4
1/4
φ 6,4
φ 6,4
RXYQ38MY1B
RXYQ40MY1B
Olio sintetico
Olio sintetico
(a base di etere)
(a base di etere)
(1,9+1,6)+
(1,9+1,6)+(1,9+1,6)+ (1,9+1,6)+(1,9+1,6)+
(1,9+1,6+1,6)+
(1,9+1,6+1,6)
(1,9+1,6+1,6)
(1,9+1,6+1,6)
(33+33)+
(33+33)+(33+33)+ (33+33)+(33+33)+
(33+33+33)+
(33+33+33)
(33+33+33)
(33+33+33)
R410A
R410A
R410A
9,6+9,6+14,4
9,6+11,4+14,4
9,6+12,9+14,4
180+180+210
180+210+210
180+210+210
750+750+750
750+750+750
750+750+750
(1600×930×765)+
(1600×930×765)+
(1600×1240×765)
230+230+325
1 5/8
φ 41,3
6/8
φ 19,1
1/4
φ 6,4
RXYQ36MY1B
Olio sintetico
(a base di etere)
Manuale d'installazione
SiT39-303
Introduzione
Generale
Capacità di raffreddamento
nominale
Capacità di riscaldamento nominale
Potenza nominale raffreddamento/
riscaldamento
Dimensioni
AxLxP
Peso
linea gas
refrigerante
Giunzioni
linea liquido
refrigerante
Tubazione
equalizzazione olio
RXYQ42MY1B
RXYQ44MY1B
RXYQ46MY1B
RXYQ48/MY1B
kW
117,0
123,0
129,0
134,0
kW
132,0
138,0
145,0
150,0
kW
40,2/37,4
41,8/38,8
45,5/40,9
46,9/42,1
mm
kg
pollice
mm
pollice
mm
pollice
mm
compressore
Tipo olio
Volume della carica di olio
Riscaldatore del carter
Tipo di refrigerante
Carica di refrigerante
Portata d'aria nominale
Potenza del motore del ventilatore
Manuale d'installazione
I
W
kg
m3/min
W
(1600×930×765)+ (1600×1240×765)+ (1600×1240×765)+ (1600×1240×765)+
(1600×1240×765)+ (1600×1240×765)+ (1600×1240×765)+ (1600×1240×765)+
(1600×1240×765)
(1600×1240×765)
(1600×1240×765)
(1600×1240×765)
230+325+325
281+325+325
323+325+325
325+325+325
1 5/8
1 5/8
1 5/8
1 5/8
φ 41,3
φ 41,3
φ 41,3
φ 41,3
6/8
6/8
6/8
6/8
φ 19,1
φ 19,1
φ 19,1
φ 19,1
1/4
1/4
1/4
1/4
φ 6,4
φ 6,4
φ 6,4
φ 6,4
RXYQ42MY1B
RXYQ44MY1B
RXYQ46MY1B
RXYQ48/MY1B
Olio sintetico
Olio sintetico
Olio sintetico
Olio sintetico
(a base di etere)
(a base di etere)
(a base di etere)
(a base di etere)
(1,9+1,6)+
(1,9+1,6)+
(1,9+1,6+1,6)+
(1,9+1,6+1,6)+
(1,9+1,6+1,6)+
(1,9+1,6+1,6)+
(1,9+1,6+1,6)+
(1,9+1,6+1,6)+
(1,9+1,6+1,6)
(1,9+1,6+1,6)
(1,9+1,6+1,6)
(1,9+1,6+1,6)
(33+33)+
(33+33)+
(33+33+33)+
(33+33+33)+
(33+33+33)+
(33+33+33)+
(33+33+33)+
(33+33+33)+
(33+33+33)
(33+33+33)
(33+33+33)
(33+33+33)
R410A
R410A
R410A
R410A
9,6+14,4+14,4
11,4+14,4+14,4
12,9+14,4+14,4
14,4+14,4+14,4
180+210+210
210+210+210
210+210+210
210+210+210
750+750+750
750+750+750
750+750+750
750+750+750
159
SiT39-303
Introduzione
1.6
Specifiche elettriche:
Modello
Alimentazione
Compressore
Controllo e
motore
ventilatore
Fase
Frequenza
Tensione
Tolleranza sulla
tensione
Fusibili consigliati
Fase
Frequenza
Tensione
Corrente di
funzionamento
nominale
Tensione
Corrente di
Tipo
funzionamento
nominale
Hz
V
RXYQ5MY1B
3N~
50
380-415
RXYQ8MY1B
3N~
50
380-415
RXYQ10MY1B
3N~
50
380-415
RXYQ12MY1B
3N~
50
380-415
RXYQ14MY1B
3N~
50
380-415
RXYQ16MY1B
3N~
50
380-415
%
±10
±10
±10
±10
±10
±10
A
Hz
V
20
3~
50
380-415
30
3~
50
380-415
30
3~
50
380-415
30
3~
50
380-415
A
6,1-6,7
(2,8-3,1)+
(7,3-7,9)
(5,8-6,3)+
(7,7-8,4)
(7,7-8,4)+
(7,8-8,5)
V
220-240
220-240
220-240
220-240
40
3~
50
380-415
(4,4-4,8)+
(8,2-8,9)+
(8,2-8,9)
220-240
40
3~
50
380-415
(5,7-6,2)+
(8,4-9,2)+
(8,4-9,2)
220-240
A
0,3
0,7
0,7
1,1
1,1
1,1
Hz
V
RXYQ18MY1B
3N~
50
380-415
RXYQ20MY1B
3N~
50
380-415
RXYQ22MY1B
3N~
50
380-415
RXYQ24MY1B
3N~
50
380-415
RXYQ26MY1B
3N~
50
380-415
RXYQ28MY1B
3N~
50
380-415
%
±10
±10
±10
±10
±10
±10
A
50
3~
50
380-415
50
3~
50
380-415
50
3~
50
380-415
A
(2,8-3,1)+
(7,3-7,9)+
(5,8-6,3)+
(7,7-8,4)
(5,8-6,3)+
(7,7-8,4)+
(5,8-6,3)+
(7,7-8,4)
(5,8-6,3)+
(7,7-8,4)+
(7,7-8,4)+
(7,8-8,5)
V
220-240
220-240
220-240
60
3~
50
380-415
(5,8-6,3)+
(7,7-8,4)+
(4,4-4,8)+
(8,2-8,9)+
(8,2-8,9)
220-240
60
3~
50
380-415
(5,8-6,3)+
(7,7-8,4)+
(5,7-6,2)+
(8,4-9,2)+
(8,4-9,2)
220-240
70
3~
50
380-415
(7,7-8,4)+
(7,8-8,5)+
(5,7-6,2)+
(8,4-9,2)+
(8,4-9,2)
220-240
A
0,7×2
0,7×2
0,7+1,1
0,7+1,1
0,7+1,1
1,1×2
Hz
V
RXYQ30MY1B
3N~
50
380-415
RXYQ32MY1B
3N~
50
380-415
RXYQ34MY1B
3N~
50
380-415
RXYQ36MY1B
3N~
50
380-415
RXYQ38MY1B
3N~
50
380-415
RXYQ40MY1B
3N~
50
380-415
%
±10
±10
±10
±10
±10
±10
A
70
3~
50
380-415
70
3~
50
380-415
90
3~
50
380-415
90
3~
50
380-415
90
3~
50
380-415
A
(4,4-4,8)+
(8,2-8,9)+
(8,2-8,9)+
(5,7-6,2)+
(8,4-9,2)+
(8,4-9,2)
(5,7-6,2)+
(8,4-9,2)+
(8,4-9,2)+
(5,7-6,2)+
(8,4-9,2)+
(8,4-9,2)
(5,8-6,3)+
(7,7-8,4)+
(5,8-6,3)+
(7,7-8,4)+
(4,4-4,8)+
(8,2-8,9)+
(8,2-8,9)
(5,8-6,3)+
(7,7-8,4)+
(5,8-6,3)+
(7,7-8,4)+
(5,7-6,2)+
(8,4-9,2)+
(8,4-9,2)
(5,8-6,3)+
(7,7-8,4)+
(7,7-8,4)+
(7,8-8,5)+
(5,7-6,2)+
(8,4-9,2)+
(8,4-9,2)
V
220-240
220-240
220-240
220-240
220-240
100
3~
50
380-415
(5,8-6,3)+
(7,7-8,4)+
(4,4-4,8)+
(8,2-8,9)+
(8,2-8,9)+
(5,7-6,2)+
(8,4-9,2)+
(8,4-9,2)
220-240
A
1,1×2
1,1×2
1,1+0,7×2
1,1+0,7×2
0,7+1,1×2
0,7+1,1×2
RXYQ42MY1B
RXYQ44MY1B
RXYQ46MY1B
RXYQ48MY1B
3N~
3N~
50
380-415
3N~
50
380-415
Modello
Alimentazione
Fase
Frequenza
Tensione
Tolleranza sulla
tensione
Fusibili consigliati
Fase
Frequenza
Tensione
Hz
V
Compressore
Corrente di
funzionamento
nominale
Controllo e
motore
ventilatore
Tipo
Tensione
Corrente di
funzionamento
nominale
Modello
Alimentazione
Fase
Frequenza
Tensione
Tolleranza sulla
tensione
Fusibili consigliati
Fase
Frequenza
Tensione
Hz
V
Compressore
Corrente di
funzionamento
nominale
Controllo e
motore
ventilatore
Tipo
Tensione
Corrente di
funzionamento
nominale
Modello
Frequenza
Tensione
Tolleranza sulla
tensione
Fusibili consigliati
Fase
Hz
V
50
380-415
3N~
50
380-415
%
±10
±10
±10
±10
A
100
3~
100
3~
110
3~
110
3~
Frequenza
Tensione
Hz
V
50
380-415
50
380-415
A
(5,8-6,3)+
(7,7-8,4)+
(5,7-6,2)+
(8,4-9,2)+
(8,4-9,2)+
(5,7-6,2)+
(8,4-9,2)+
(8,4-9,2)
(7,7-8,4)+
(7,8-8,5)+
(5,7-6,2)+
(8,4-9,2)+
(8,4-9,2)+
(5,7-6,2)+
(8,4-9,2)+
(8,4-9,2)
V
220-240
220-240
50
380-415
(4,4-4,8)+
(8,2-8,9)+
(8,2-8,9)+
(5,7-6,2)+
(8,4-9,2)+
(8,4-9,2)+
(5,7-6,2)+
(8,4-9,2)+
(8,4-9,2)
220-240
50
380-415
(5,7-6,2)+
(8,4-9,2)+
(8,4-9,2)+
(5,7-6,2)+
(8,4-9,2)+
(8,4-9,2)+
(5,7-6,2)+
(8,4-9,2)+
(8,4-9,2)
220-240
A
0,7+1,1×2
1,1×3
1,1×3
1,1×3
Fase
Alimentazione
Compressore
Corrente di
funzionamento
nominale
Controllo e
motore
ventilatore
160
Tipo
Tensione
Corrente di
funzionamento
nominale
Manuale d'installazione
SiT39-303
Componenti principali
2. Componenti principali
Consultare le schede costruttive e il Manuale di Manutenzione Si39-302 per informazioni sui
componenti principali e relative funzioni.
Manuale d'installazione
161
SiT39-303
Scelta della posizione
3. Scelta della posizione
La presente unità, sia interna sia esterna, è adatta per l'installazione in ambienti commerciali
o nell'industria leggera. L'installazione per uso domestico potrebbe causare interferenze di tipo
elettromagnetico.
L'unità esterna VRV deve essere installata in una posizione che soddisfi i seguenti requisiti:
1. Basamento abbastanza resistente da sopportare il peso dell'unità e pavimentazione piana
per evitare vibrazioni e rumorosità.
2. Sufficiente spazio circostante l'unità per la manutenzione e spazio minimo per l'ingresso
e l'uscita dell'aria.
(consultare la figura seguente e scegliere una due possibilità)
< Se installato in serie >
≥10
≥300 (Configurazione 1)
1
≥10
≥500
≥20
≥10
1
≥10
≥20
≥50
1
≥50
≥500
1. Lato frontale
2. Nessun limite all’altezza delle pareti
3. Lato aspirazione
≥500
≥100
≥100 (Configurazione 2)
(Configurazione 2)
≥50
≥300
≥100
1
≥100
≥50
≥500
h2
< Se installato come unità singola >
(Configurazione 1)
≥10
2
(Configurazione 3)
≥300
≥200
1
≥400 1
h1
≥300
1
3
500
(Configurazione 3)
1500
2
≥400
3. Nessun rischio di incendio dovuto alla eventuale fuga di gas infiammabile.
4. Nessuna possibilità di danneggiare l'ambiente a causa dell'eventuale fuoriuscita di acqua
dall'unità (ad esempio in caso di tubazione di scarico otturata).
5. La lunghezza delle tubazioni tra unità esterna e unità interna non deve superare la lunghezza
consentita. (Vedere "Esempio di collegamento")
6. Selezionare la posizione in cui installare l'unità in modo tale che né l'aria scaricata né il
rumore generato siano di disturbo ad alcuno.
7. Assicurarsi che l'ingresso e l'uscita dell'unità non siano posizionati verso la direzione
principale del vento. Il vento frontale disturba il funzionamento dell'unità. Se necessario
utilizzare uno schermo protettivo per bloccarlo.
Attenzione
1. Un condizionatore con inverter potrebbe causare interferenze elettroniche dovute a
radiodiffusione in modulazione d'ampiezza. Scegliere la posizione di installazione del
condizionatore principale e dei collegamenti elettrici mantenendo la giusta distanza
da impianti stereo, personal computer, ecc.
personal computer o
radio
telecomando
≥1000
≥1500
Interruttore di circuito,
interruttore automatico
di sovracorrente
≥1000
unità interna
00
0
≥1
Interruttore di circuito,
interruttore automatico
di sovracorrente
selettore
raffr./risc.
≥1500
≥1500
≥1500
(mm.)
Nel caso in cui l'onda elettrica della radiodiffusione in modulazione d'ampiezza fosse
particolarmente debole, tenere una distanza di almeno 3 metri e utilizzare canaline per
le linee di trasmissione e alimentazione.
2. In zone soggette ad abbondanti nevicate, scegliere un sito di installazione nel quale la neve
non pregiudichi il funzionamento dell'unità.
3. Il refrigerante R410A non è tossico, non è infiammabile ed è sicuro. In caso di perdite,
tuttavia, la concentrazione dello stesso potrebbe superare il limite consentito dalle
dimensioni dell'ambiente. In questo caso, sarà necessario provvedere a fermare la perdita.
Consultare il capitolo "Precauzioni in caso di perdite".
162
Manuale d'installazione
SiT39-303
Scelta della posizione
4. Non installare nei seguenti locali.
• Ambienti come le cucine, la cui atmosfera contiene un'elevata quantità di olio minerale
o vapore e nei quali l'unità potrebbe essere raggiunta da schizzi d'olio.
Le parti in resina potrebbero degradarsi e causare perdite o la caduta dell'unità.
• Ambienti nella cui atmosfera siano presenti acidi solforosi o altri gas corrosivi.
I tubi di rame e i giunti brasati potrebbero corrodersi, causando perdite di refrigerante.
• Ambienti ove siano presenti apparecchiature che emettono onde elettromagnetiche.
Le onde elettromagnetiche potrebbero impedire il corretto funzionamento del sistema
di controllo e impedire il normale funzionamento.
• Ambienti dove potrebbero verificarsi fughe di gas infiammabili, ove si maneggiano diluenti,
benzina o altre sostanze volatili o la cui atmosfera contenga polveri di carbone e altre
sostanze infiammabili.
La perdita di gas potrebbe accumularsi nei pressi dell'unità e causare un'esplosione.
Manuale d'installazione
163
SiT39-303
Ispezione e movimentazione dell'unità
4. Ispezione e movimentazione dell'unità
Controllare il collo alla consegna e notificare immediatamente al vettore eventuali danni.
Durante la movimentazione dell'unità, tenere in considerazione che:
1.
La merce è fragile, maneggiare l'unità con cura.
Tenere l'unità in posizione verticale per evitare danni al compressore.
2. Controllare preventivamente il percorso che l'unità dovrà seguire.
3. Qualora fosse utilizzato un carrello elevatore, inserire le forche dello stesso nelle grandi
aperture posizionate sul fondo dell'unità.
4. Sollevare l'unità utilizzando possibilmente una gru e 2 cinghie di almeno 8 metri.
5. Sollevando l'unità con una gru, utilizzare sempre elementi di protezione per evitare eventuali
danni provocati dalle cinghie e fare attenzione al baricentro dell'unità.
6. Dopo l'installazione, rimuovere le staffe di trasporto posizionate sulle grandi aperture.
7. Trasportare l'unità nel suo imballo originale il più vicino possibile alla posizione d'installazione
finale per evitare danni durante il trasporto.
Tipo RXYQ5 · 8 · 10
tipo RXYQ5
1
Tipo RXYQ12 · 14 · 16
4
4
4
6
3
4
6
3
2
<7>
Tipo RXYQ12 · 14 · 16 Tipo RXYQ8 · 10
4
1
8
6
1
5
2
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.
164
3
Materiali di imballaggio
Elevatore a forca
Apertura (grande)
Imbragatura
Apertura (piccola) (40×30)
Piastra protettiva
Rimozione delle staffe di trasporto
Staffe di trasporto (rimuovere le viti)
Manuale d'installazione
SiT39-303
Rimozione dell'imballaggio e posizionamento dell'unità
5. Rimozione dell'imballaggio e posizionamento
dell'unità
20
„ Assicurarsi che l'unità sia posizionata su di una base piana e sufficientemente robusta per
evitare vibrazioni e rumorosità.
„ Fissare l'unità alla propria base utilizzando i bulloni di ancoraggio. (Utilizzare quattro bulloni
di ancoraggio disponibili in commercio tipo M12 con dado e rondella.)
„ Inserire i bulloni di ancoraggio per una profondità di 20 mm.
„ Verificare che la base su cui poggia l'unità sporga per almeno 765 mm sul retro
dell'unità.
„ La base deve trovarsi ad un'altezza di almeno 150 mm dal pavimento.
„ L'unità deve essere installata su di un solido basamento longitudinale (intelaiatura
in acciaio o calcestruzzo) come illustrato nella figura sottostante.
A
B
765
722-737
80 80
1
2
3
1. Punto bullone di ancoraggio (φ15 diam.: 4 posizioni)
2. Profondità
3. Forma della colonna di supporto dell'unità e posizioni dei bulloni di ancoraggio
Modello
Tipo Q5
Tipo Q8 · 10
Tipo Q12 · 14 · 16
A
635
930
1240
B
497
792
1102
Non utilizzare supporti negli angoli.
Non utilizzare
supporti negli angoli.
Attenzione
Manuale d'installazione
1. Predisporre un canale di drenaggio intorno al basamento per lo scarico dell'acqua intorno
all'unità.
2. Qualora l'unità dovesse essere installata su di un tetto, controllare la solidità dello stesso
e le infrastrutture di scarico disponibili.
3. Qualora l'unità dovesse essere installata su telaio, installare il pannello impermeabile ad
una distanza massima di 150 mm sotto l'unità per prevenire infiltrazioni d'acqua provenienti
dal basso.
165
SiT39-303
Rimozione dell'imballaggio e posizionamento dell'unità
[Precauzione]
„ Nel caso di installazione sul tetto, verificare la resistenza della superficie dello stesso
e impermeabilizzare tutte le parti installate.
„ Verificare che la zona attorno all'unità scarichi in maniera corretta predisponendo la
canalizzazione di scarico intorno al basamento.
(Dall'unità esterna, durante il funzionamento, potrebbe uscire acqua di scarico.)
„ Chiudere tutte le fessure in corrispondenza dei fori praticati per il passaggio delle tubazioni
e dei cavi, utilizzando materiale sigillante (non fornito). (Animali di piccola taglia potrebbero
entrare nell'unità.)
Es.: tubazioni passanti attraverso la parte frontale
1
2
166
3
1. Otturare le zone contrassegnate con
(Se i tubi sono instradati nel pannello frontale.)
2. Tubazione lato gas
3. Tubazione lato liquido
Manuale d'installazione
SiT39-303
Circuito frigorifero
6. Circuito frigorifero
Attenzione
Dopo aver terminato l'installazione, aprire la valvola.
(Per dettagli consultare 6-6 Carica supplementare di refrigerante)(La conduzione dell'unità con
la valvola chiusa causerà la rottura del compressore.)
Per aggiungere refrigerante utilizzare R410A. (Sulla circonferenza della bombola di refrigerante
R410A è stata dipinta una striscia di vernice rosa.)
Tutte le tubazioni locali devono essere installate da un tecnico certificato della refrigerazione ed
essere conformi alle normative locali e nazionali.
Precauzioni per la brasatura della linea frigorifera
Non utilizzare flusso disossidante per la brasatura della linea frigorifera rame-rame.
(In particolare per il circuito frigorifero HFC.) Pertanto, utilizzare un metallo di apporto
per la brasatura a base di rame-fosforo (BCuP) che non necessita di flusso disossidante.
Il flusso disossidante è estremamente dannoso per le linee frigorifere. Ad esempio l'utilizzo di un
flusso a base di cloro causerà la corrosione della tubazione oppure, l'utilizzo di un flusso a base
di fluoro, danneggerà l'olio lubrificante.
Nota:
6.1
„ Utilizzare solo R410A per ricaricare il refrigerante.
„ Attrezzi necessari per l'installazione:
Assicurarsi di utilizzare strumenti di installazione (tubo flessibile di carica del gruppo manometrico, ecc.) impiegati esclusivamente per impianti con R410A a prova di pressione e di
evitare la contaminazione dell'impianto con materiali estranei come ad esempio oli minerali
(olio SUNISO) o umidità.
(Le specifiche tecniche delle viti sono diverse per R410A e R407C.)
Pompa a vuoto (utilizzare una pompa del vuoto a 2 stadi con valvola di non ritorno):
1.Assicurarsi che l'olio della pompa non scorra in senso contrario verso l'impianto mentre la
pompa non è in funzione.
2.Utilizzare una pompa a vuoto in grado di creare un grado di depressione fino a -100,7 kPa
(5 Torr, -755 mmHg).
Selezione del materiale delle tubazioni
1. La quantità di materiali estranei all'interno delle tubazioni (incluso gli oli di fabbricazione)
non deve superare i 30 mg/10 m.
2. Il materiale per le tubazioni del circuito frigorifero deve essere conforme alle seguenti specifiche:
• Materiale di costruzione: rame disossidato all'acido fosforico senza saldatura per refrigeranti.
• Dimensione: Determinare la dimensione corretta consultando il capitolo "Esempio di
collegamento".
• Lo spessore delle tubazioni del refrigerante deve essere conforme alle normative locali
e nazionali in materia. La pressione di progetto per R410A è di 3,8Mpa.
3. Assicurarsi di utilizzare le particolari diramazioni selezionate consultando il capitolo
"Esempio di collegamento".
Manuale d'installazione
167
SiT39-303
Circuito frigorifero
6.2
Collegamento del circuito frigorifero
1. È possibile collegare la diramazione locale sia frontalmente che lateralmente (facendola
uscire dal fondo) come da illustrazione.
1.
2.
3.
1
2
Collegamento a sinistra
Collegamento frontale
Collegamento a destra
3
[Un'unità esterna installata: modello RXYQ5-16MY1B]
„ Collegamento frontale:
Per collegare, rimuovere il coperchio della valvola di intercettazione.
„ Collegamento laterale (fondo):
Aprire i fori pretagliati sul fondo e instradare i tubi sotto la base.
[Quando sono installate unità esterne multiple: modello RXYQ18-48MY1B]
Per collegare le tubazioni tra unità esterne è sempre richiesto l'utilizzo del kit raccordi unità multi
opzionale. Durante l'installazione delle tubazioni, seguire le istruzioni del manuale fornito con il kit.
„ Collegamento frontale:
Per collegare rimuovere il coperchio della valvola di intercettazione.
„ Collegamento laterale (fondo):
Aprire i fori pretagliati sul fondo e instradare i tubi sotto la base.
Tipo RXYQ5 · 16
(1) 2
7
8
3
4
( 12 ) 13
3
4
9
10
7
8
9
5 (1)(3)(2)
14
6
11
5 (1)(2)(3)
15
10
6
11
16
Tipo RXYQ18 · 48 ( 1 ) 2
3
5 (1)(2)(3)
9
( 12 ) 13
9
3
14
10
15
5 (1)(3)
17
17
11
10
11
1. Collegamento frontale:
2. Per collegare rimuovere il coperchio della valvola di intercettazione.
3. Flangia:
4. (Oppure, per i modelli tipo Q5, un bocchettone svasato.)
5. Tubazione lato gas accessoria (1) (2) (3)
6. (Non fornito per i modelli tipo Q5.)
7. Valvola di intercettazione tubazione equalizzazione olio (eccetto Q5).
8. Non è necessaria l'installazione di tubazioni.
9. Bocchettone svasato.
10. Saldobrasatura.
11. Tubazione lato liquido (non fornita).
12. Collegamento laterale (fondo).
13. Aprire i fori pretagliati sul fondo e instradare i tubi sotto la base.
14. Foro pretagliato.
15. Aprire i fori pretagliati.
16. Tubazione lato liquido (non fornita).
17. Tubazione equalizzazione olio (non fornita).
168
Manuale d'installazione
SiT39-303
Attenzione
Circuito frigorifero
Assicurarsi di utilizzare il tubo fornito durante l'installazione delle tubazioni locali.
Assicurarsi che le tubazioni locali non entrino in contatto con gli altri tubi, con il pannello inferiore
o con il pannello laterale. In particolare con i collegamenti inferiori e laterali, assicurarsi di proteggere le tubazioni locali con l'isolante fornito, per evitare che entrino in contatto con la carrozzeria.
Precauzioni per l'apertura dei fori pretagliati
„ Assicurarsi di non danneggiare la carrozzeria.
„ Dopo aver aperto i fori, si consiglia di verniciare i bordi e le zone vicino ai bordi utilizzando
vernice da ritocco, per evitare la formazione di ruggine.
„ Avvolgere i cavi con nastro protettivo, nel passaggio attraverso i fori pretagliati, per evitare
che si danneggino.
„ Aprire i fori pretagliati intorno ai 4 fori concavi nella base, utilizzando φun trapano con
punta da 6 mm.
Foro pretagliato Perforare
Sezione concava
2. Assicurarsi di rispettare la lunghezza massima consentita delle tubazioni, il dislivello
consentito e la lunghezza massima consentita delle diramazioni come indicato nel capitolo
"Esempio di collegamento".
3. Per l'installazione del kit di diramazione del refrigerante, consultare il manuale d'installazione
fornito con il kit.
Assemblare il giunto REFNET in modo da ottenere una derivazione orizzontale o verticale.
1. Cavi orizzontali
2. Fino a ±30× oppure verticalmente.
1
A
2
Diagramma freccia A
Installare il collettore REFNET in modo che si dirami orizzontalmente.
3. Cavi orizzontali
B
3
Diagramma freccia B
4. Attacco tubazioni
• Utilizzare unicamente il bocchettone svasato fornito con l'unità.
L'uso di bocchettoni svasati di tipo diverso può determinare perdite di refrigerante.
• Assicurarsi di eseguire una soffiatura con azoto, in occasione della brasatura.
(Se si esegue la brasatura delle tubazioni senza utilizzare una carica di azoto, si
formerà un ampio strato di ossidazione all'interno delle tubazioni stesse che inciderà
negativamente sul funzionamento di valvole e compressori dell'impianto frigorifero,
impedendo il regolare funzionamento dell'impianto.)
• Non utilizzare disossidante per la brasatura dei giunti del circuito frigorifero.
Utilizzare la brasatura a base di rame-fosforo (BCuP) che non necessita di flusso
disossidante.
(Utilizzare un disossidante a base di cloro potrebbe corrodere le tubazioni e nel caso
contenesse fluoro potrebbe causare il deterioramento del lubrificante del refrigerante,
incidendo negativamente sul circuito frigorifero.)
Manuale d'installazione
169
SiT39-303
Circuito frigorifero
Nota:
„ Il regolatore di pressione per l'azoto rilasciato durante la brasatura dovrebbe essere
impostato al massimo su 0,02Mpa (0,2 kg/cm2).
1
4
2
5
6
3
7
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
Circuito frigorifero
Punto da brasare
Azoto
Nastro
Valvola manuale
Regolatore
Azoto
5. Protezione dalla contaminazione durante l'installazione delle tubature
• Prendere le misure necessarie per evitare che materiali estranei come umidità
e contaminanti si introducano nell'impianto.
Luogo
Esterno
Interno
Periodo di installazione
Più di un mese
Meno di un mese
Periodo non specificato
Metodo di protezione
Strozzare il tubo
Strozzare il tubo o avvolgerlo
con nastro
• Infilare i tubi di rame nel muro con estrema attenzione.
Precauzioni per la selezione delle diramazioni.
„ Se la tubazione tra le unità esterne è lunga 90 m o più, assicurarsi di allargare la tubazione
principale per le diramazioni del lato liquido e lato gas. (Eccetto per il tipo Q5)
Secondo la lunghezza del circuito frigorifero, potrebbe verificarsi una caduta di potenza;
tuttavia anche in tali casi l'allargamento della tubazione principale è corretto.
4
1
2
3
5
1.
2.
3.
4.
5.
Unità esterna
Tubazione principale
Allargare
Prima diramazione del refrigerante.
Unità interna
[Lato gas]
Tipo RXYQ5MY1B: ........... φ15,9 → φ19,1 (Spessore minimo φ1,00 mm)
Tipo RXYQ8MY1B: ........... φ19,1 → φ22,2 (Spessore minimo φ1,00 mm)
Tipo RXYQ10MY1B: ......... φ22,2 → φ25,4 (Spessore minimo φ1,00 mm)
Tipo RXYQ12-14MY1B: ... φ28,6 → Non aumentato
Tipo RXYQ16-22MY1B: ... φ28,6 → φ31,8 (Spessore minimo φ1,10 mm)
Tipo RXYQ24MY1B: ......... φ34,9 → Non aumentato
Tipo RXYQ26-34MY1B: ... φ34,9 → φ38,1 (Spessore minimo φ1,10 mm)
Tipo RXYQ36-48MY1B: ... φ41,3 → Non aumentato
[Lato liquido]
Tipo RXYQ5MY1B: ........... φ9,5 → Non aumentato
Tipo RXYQ8-10MY1B: ..... φ9,5 → φ12,7 (Spessore minimo φ0,80 mm)
Tipo RXYQ12-16MY1B: ... φ12,7 → φ15,9 (Spessore minimo φ1,00 mm)
Tipo RXYQ18-24MY1B: ... φ15,9 → φ19,1 (Spessore minimo φ1,00 mm)
Tipo RXYQ26-48MY1B: ... φ19,1 → φ22,2 (Spessore minimo φ1,00 mm)
170
Manuale d'installazione
SiT39-303
Circuito frigorifero
<Precauzioni per l'installazione di unità esterne multiple>
1. La tubazione tra le unità esterne deve essere posata orizzontalmente o leggermente verso
l'alto per evitare il rischio di ristagno d'olio.
Configurazione 1
all’unità interna
Tubazione tra unità esterne
all’unità interna
Tubazione tra unità esterne
Configurazione 2
all’unità interna
all’unità interna
Modificare a configurazione 1 o configurazione 2
Configurazione non
consentita
Inclinazione verso il basso
all’unità interna
all’unità interna
Inclinazione verso il basso
L’olio rimane nelle tubazioni
Manuale d'installazione
171
SiT39-303
Circuito frigorifero
2. Per evitare il rischio di ristagni d'olio, collegare sempre la valvola di intercettazione e le
tubazioni tra le unità esterne come illustrato in figura A o figura B.
A
A
B
B
Configurazione
non consentita
all’unità interna
all’unità interna
L’olio si raccoglie nell’unità esterna in arresto.
Modificare a configurazione 1 o configurazione 2
Unità A Unità B
Unità A Unità B
Unità C
Unità C
all’unità interna
all’unità interna
L’olio si raccoglie nell’unità esterna C all’arresto del sistema.
Modificare come illustrato nella figura in basso.
Altezza in aumento:
200 mm o più
all’unità interna
all’unità interna
3. Se la lunghezza della tubazione tra i kit di raccordo unità esterne o tra le unità esterne
supera i 2 m, rialzare di almeno 200 mm la linea gas ad una distanza massima di 2 m dal kit.
Se uguale o inferiore a 2 m
Tubazione tra unità esterne
all’unità interna
Se 2 m o più
2m max
Altezza in aumento:
200 mm o più
Tubazione tra unità
esterne
2m max
Tubazione tra
unità esterne
all’unità
interna
172
Altezza in aumento:
200 mm o più
2m max
2m o più
Altezza in aumento:
200 mm o più
2m max
Manuale d'installazione
Manuale d'installazione
Lunghezza effettiva tubazioni
Lunghezza ammissibile dopo la diramazione
NOTA:
Se si ottiene un risultato negativo per R utilizzando la formula riportata
sulla destra, non è necessario aggiungere refrigerante.
Quantità R di refrigerante da aggiungere (Kg)
R dovrà essere arrotondato in unità di 0,1Kg.
Come calcolare il refrigerante aggiuntivo
da caricare nel sistema
(parte A)
Tubazioni tra unità esterna e kit diramazione refrigerante
Tubazioni tra le diramazioni dell'unità esterna (parte B)
interna (parte C)
Tubazioni tra la diramazione esterna e l'unità
Linea di equalizzazione dell'olio (parte D)
In caso di installazione multi di unità esterne (RXYQ18~48MY1B),
configurare secondo la seguente figura.
Selezione della dimensione dei tubi
Esempio di unità interne a valle
I kit diramazione refrigerante possono
essere unicamente utilizzati con R410A.
Selezione del kit diramazione refrigerante
Dislivello
Dislivello
Lunghezza effettiva tubazioni
Lunghezza totale dei collegamenti
Lunghezza equivalente
Dislivello
Tra la diramazione esterna e l'unità interna
(solo per RXYQ18 o maggiore)
Tra l'unità esterna e
le unità interne
Lunghezza Tra l'unità esterna e le unità interne
e altezza
Tra le unità interne
consentite Tra le unità esterne
Lunghezza
massima
consentita
Lunghezza effettiva tubazioni
(RXYQ18~)
esterne multiple
installate unità
Quando sono
Una unità esterna
installata
(RXYQ5~16)
i
2
c
a
h
A
1
b
i
B
2
c
J
C
J
C
k
D
4
e
l
E
5
f
m
F
6
g
3
d
k
D
4
e
H3
l
E
n
G
7 H2
8
H1
P
5
f
m
F
6
g
n
G
7 H2
8
H1
P
Giunto REFNET (A-G)
Unità interne (1-8)
3
d
Giunto REFNET (A-G)
H1
H1
1
d
2
c
1
d
2
Collettore Refnet
a
Unità esterna
c
Collettore Refnet
a
b
3
4
f
5
g
i
6
h
e
3
b
A
H3
4
f
7
8
k
H2
5
g
i
6
h
J
B
7
8
k
H2
Giunto REFNET ((A • B)
J
B
Giunto REFNET ((A • B)
Unità interne (1-8)
e
A
Unità esterna
Diramazione con giunto Refnet e collettore Refnet
1
c
2
b
1
a
c
2
3
e
4
5
f
6
g
d
3
e
4
H3
5
f
6
g
lunghezza approssimativa: max. 13m
Nome kit diramazione refrigerante
KHRP26M22T
KHRP26M33T
KHRP26M72T
KHRP26M73T + KHRP73TP
R=
⎛ Lunghezza totale (m)⎞
⎜ della tubazione del ⎟ ×0,35
⎝ liquido φ22,2
⎠
Tipo RXYQ5
Tipo RXYQ8
Tipo RXYQ10
Tipo RXYQ12, 14, 16
Tipo RXYQ18~22
Tipo RXYQ24
Tipo RXYQ26~34
Tipo RXYQ36~48
Tipo capacità unità esterna
+
+
(Unità:mm)
7
⎟
⎠
della tubazione del
liquido φ19,1
⎜
⎝
×0,25
+
Numero di unità esterne
2 unità
3 unità
φ34,9 × 1,21
φ41,3 × 1,43
φ28,6 × 0,99
Linea gas
φ15,9 × 0,99
φ22,2 × 0,80
φ19,1 × 0,80
φ12,7 × 0,80
φ15,9 × 0,99
φ9,5 × 0,80
Linea liquido
Dimensioni tubi (diametro esterno x per spessore minimo di parete)
< 22HP
24HP
26HP <
indice di capacità unità esterna
Modello
RXYQ5~16MY1B
RXYQ18~32MY1B
RXYQ34~48MY1B
Quantità di refrigerante
0 kg
3 kg
6 kg
Linea gas
φ28,6 × 0,99
φ34,9 × 1,21
t
H1
t ≤ 10m (lunghezza approssimativa: max 13m)
s ≤ 10m (lunghezza approssimativa: max 13m)
r ≤ 10m (lunghezza approssimativa: max 13m)
H2
8
i
Nome kit diramazione refrigerante
KHRP26M22H (Max. 4 kit)
KHRP26M33H (Max. 8 kit)
KHRP26M72H (Max. 8 kit)
KHRP26M73H (Max. 8 kit) + KHRP26M73HP
Linea gas
φ12,7 × 0,80
φ15,9 × 0,99
φ19,1 × 0,80
φ22,2 × 0,80
Linea gas
φ19,1 × 0,80
φ22,2 × 0,80
φ28,6 × 0,99
(Unità:mm)
φ12,7 × 0,80
φ9,5 × 0,80
Linea liquido
Dimensioni tubi (diametro esterno x per spessore minimo di parete)
(Unità:mm)
Linea di equalizzazione dell'olio (solo per RXYQ18 o maggiore) (parte D)
Dimensioni tubi (diametro esterno x per spessore minimo di parete)
φ6,4 × 0,80
Tipo RXYQ8
Tipo RXYQ10
Tipo RXYQ12, 14, 16
tipo capacità unità esterna
φ9,5 × 0,80
Linea liquido
φ6,4 × 0,80
Dimensioni tubi (diametro esterno x per spessore minimo di parete)
Tubazioni tra la diramazione esterna e l'unità interna (parte C)
Tipo 20, 25, 32, 40, 50
Tipo 63, 80, 100, 125
Tipo 200
Tipo 250
tipo capacità unità interna
Tra kit diramazione refrigerante e unità interna
• Le dimensioni dei tubi per il collegamento diretto all'unità interna devono
essere identiche alle dimensioni del raccordo dell'unità interna.
(Unità:mm)
esempio con collettore refnet; unità interne 1 + 2 + 3 + 4 + 5 + 6 + 7 + 8
Nome kit diramazione
BHFP22M90 + BHFP22M90P
BHFP22M135 + BHFP22M135P
a: φ19,1 × 30m
b: φ15,9 × 10m
c: φ09,5 × 10m
d: φ9,5 × 10m
e: φ9,5 × 10m
f : φ9,5 × 10m
a
b
i
c+d+e+f
g+h+j+k
7,5
R= 30 0,25 + 10 0,17 + 10 0,11 + 40 0,054 + 49 0,022 - 6 =7,538
Se l'unità esterna è
RXYQ34MY1B e la
lunghezza delle tubazioni
è come riportato a destra
g: φ16,4 × 10m
h: φ16,4 × 20m
i : φ12,7 × 10m
j : φ16,4 × 10m
k: φ16,4 × 19m
Esempio per la diramazione del refrigerante, con giunto refnet e un collettore refnet per RXYQ34MY1B
φ19,1 × 0,80
φ15,9 × 0,99
Linea liquido
Dimensioni tubi (diametro esterno x per spessore minimo di parete)
Tubazioni tra le diramazioni dell'unità esterna (parte B)
• Per la selezione utilizzare la seguente tabella, in base alla capacità totale di
(Unità:mm)
tutte le unità esterne collegate a monte di questo punto.
< 200
200 ≤ x< 290
290 ≤ x< 420
420 ≤ x< 640
640 ≤ x< 920
920 <
indice di capacità unità interna
⎛ Lunghezza totale (m)⎞
⎛ Lunghezza totale (m)⎞
⎜ della tubazione del ⎟ ×0,17 + ⎜ della tubazione del ⎟ ×0,11
⎝ liquido φ15,9
⎠
⎝ liquido φ12,7
⎠
φ19,1 × 0,80
φ15,9 × 0,99
φ12,7 × 0,80
φ9,5 × 0,80
Linea liquido
s
h
Come scegliere il kit diramazioni esterne (necessario se la capacità dell'unità esterna è pari a RXYQ18 o maggiore.)
• Per la selezione utilizzare la seguente tabella, in base al numero di unità esterne.
indice di capacità unità interna
< 200
< 290
290 ≤ x< 640
640 <
Tubazioni tra kit diramazione refrigerante
• Per la selezione utilizzare la seguente tabella, in base alla capacità totale di tutte le
unità interne collegate al di sotto di questo punto.
• La dimensione del tubo di raccordo non deve essere superiore a quella del refrigerante
scelta in base al nome del modello del sistema generale.
(Unità:mm)
⎛ Lunghezza totale (m)⎞
⎛ Lunghezza totale (m)⎞
⎜ della tubazione del ⎟ ×0,054 + ⎜ della tubazione del ⎟ ×0,022 _
⎝ liquido φ9,5
⎠
⎝ liquido φ6,4
⎠
Lunghezza totale (m)⎞
⎛
φ41,3 × 1,43
φ34,9 × 1,21
φ28,6 × 0,99
Linea gas
φ15,9 × 0,99
φ19,1 × 0,80
φ22,2 × 0,80
Dimensioni tubi (diametro esterno x per spessore minimo di parete)
Tubazioni tra unità esterna e kit diramazione refrigerante (parte A)
• Abbinare alla dimensione del tubo di raccordo sull'unità esterna.
Dimensione tubo di raccordo unità esterna
Esempio unità 8: i ≤ 40m
r
Unità esterna
H1
Come selezionare il collettore REFNET
• Per la selezione utilizzare la seguente tabella, in base alla capacità totale di tutte le unità interne collegate a valle del collettore REFNET.
• Nota: Il tipo 250 non può essere collegato al di sotto del collettore REFNET.
esempio con giunto refnet B; unità interne 7+8,
esempio con collettore refnet; unità interne 1 + 2 + 3 + 4 + 5 + 6
Nome kit diramazione refrigerante
KHRP26M22T
KHRP26M33T
KHRP26M72T
KHRP26M73T + KHRP73TP
esempio con giungo refnet C; unità interne 3 + 4 + 5 + 6 + 7 + 8
indice di capacità unità interna
< 200
200 ≤ x< 290
290 ≤ x< 640
640 <
• Per i giunti refnet che non appartengono alla prima diramazione, selezionare il kit adeguato in base all'indice di capacità totale.
Tipo capacità unità esterna
Tipo RXYQ5
Tipo RXYQ8, 10
Tipo RXYQ12~22
Tipo~ RXYQ24
Come selezionare il giunto refnet
• Quando si utilizzano giunti refnet alla prima diramazione calcolata dal lato unità esterna.
Per la selezione utilizzare la seguente tabella, in base alla capacità dell'unità esterna.
Dislivello tra unità esterna (principale) e unità esterna (secondaria) (H3) ≤ 5 m
Lunghezza delle tubazioni dal primo kit diramazione refrigerante (sia giunto refnet che collettore refnet) all'unità interna ≤ 40 m
Esempio unità 8: b + c + d + e + f + g + p ≤ 40m
Esempio unità 6: b + h ≤ 40m, unità 8:i + k ≤ 40m
(Max 40 m se l'unità esterna è nella posizione più bassa)
Lunghezza tubazioni dalla diramazione esterna all'unità esterna ≤ 10m
Dislivello tra unità esterne ed interne (H1) ≤ 50 m
Dislivello tra unità interne adiacenti (H2) ≤ 15 m
8
Collettore Refnet
h
7 H2
Collettore Refnet
Unità interne (1-8)
d
Unità esterna
Unità esterna
b
a
Diramazione con collettore Refnet
Unità interne (1-8)
Unità interne (1-8)
Unità interne (1-8)
Lunghezza delle tubazioni tra unità esterne ed interne ≤ 150m
Esempio unità 8: a + b + c + d + e + f + g + p ≤ 150m
Esempio unità 8: a + i ≤ 150m
Esempio unità 6: a + b + h ≤ 150m, unità 8: a + i + k ≤ 150m
Lunghezza equivalente delle tubazioni tra unità esterne ed interne ≤ 175m; si intende una lunghezza equivalente delle tubazioni pari a 0,5 m per il giunto refnet e pari a 1m per il collettore refnet.
Lunghezza totale delle tubazioni dall'unità esterna* a tutte le unità interne ≤ 300m
Prima
diramazione
esterna
B
h
1
A
b
Unità esterna
a
Unità esterna
Diramazione con giunto Refnet
6.3
∗ Se la capacità di sistema è pari a RXYQ18 o
maggiore, rileggere fino alla prima diramazione
esterna, come già visto per l'unità interna.
Esempio di collegamento
(Collegamento di 8 unità interne
sistema pompa di calore)
SiT39-303
Circuito frigorifero
Esempio di collegamento
173
Circuito frigorifero
174
SiT39-303
Manuale d'installazione
SiT39-303
6.4
Prova di tenuta e asciugatura a vuoto
Il fabbricante ha eseguito una prova di tenuta delle unità.
Assicurarsi che le valvole siano ben chiuse prima della prova di tenuta o dell'asciugatura a vuoto.
Per evitare l'ingresso di eventuali impurità e garantire una sufficiente resistenza alla pressione,
utilizzare sempre gli utensili speciali per R410A.
Prova di tenuta e asciugatura a vuoto
„ Prova tenuta aria: Utilizzare azoto.
(Per informazioni sulla posizione dell'attacco di servizio, consultare l'etichetta di sicurezza a
destra sul pannello frontale dell'unità esterna.)
1
2
1. Posizione etichetta
[Precauzioni di manutenzione]
2. Coperchio del quadro elettrico
3. Posizione etichetta
[Precauzioni]
3
Pressurizzare la linea liquido e la linea gas a 3,8Mpa (38 bar). Non superare i 3,8Mpa
(38 bar). Se non si verificano cadute di pressione entro 24 ore, la prova ha avuto successo.
Se si verifica una caduta di pressione, controllare il punto della perdita.
„ Asciugatura a vuoto: utilizzare una pompa a vuoto in grado di creare una depressione pari
a -100,7 kPa (5 Torr, -755 mmHg).
1. Svuotare la linea gas e la linea liquido utilizzando una pompa a vuoto per più di 2 ore e
portare l'impianto a –100,7 kPa. Dopo aver tenuto l'impianto in tale condizione per più di
un'ora, controllare se il vacuometro segna un aumento di pressione. In caso affermativo,
l'impianto potrebbe contenere umidità oppure avere perdite.
2. Nell'eventualità in cui sia rimasta dell'umidità nelle tubazioni (se l'installazione è avvenuta
durante la stagione umida oppure a causa dell'ingresso di pioggia dovuta ad un'installazione
protratta nel tempo), adottare la seguente procedura.
Dopo aver svuotato l'impianto per due ore, pressurizzare l'impianto a 0,05Mpa (punto
di rottura del vuoto) con gas azoto e svuotare l'impianto di nuovo utilizzando al pompa
a vuoto per 1 ora fino a –100,7 kPa (asciugatura a vuoto). Se non è possibile svuotare
l'impianto fino a -100,7 kPa in 2 ore, ripetere l'operazione di rottura del vuoto e di
asciugatura tramite vuoto.
Quindi, dopo aver lasciato l'impianto sotto vuoto per 1 ora, controllare che il vacuometro
non segnali un aumento di pressione.
Nota:
Assicurarsi di eseguire la prova di tenuta aria e l'asciugatura a vuoto utilizzando gli attacchi di
servizio della valvola di intercettazione illustrati sulla tabella sottostante.
Un'unità esterna installata:
Per RXYQ5-16MY1B
Valvola intercettazione linea liquido
Valvola intercettazione linea gas
In caso di installazione di unità esterne
multiple: modello RXYQ18-48MY1B
Valvola intercettazione linea liquido
Valvola intercettazione linea gas
Valvola intercettazione tubazione
equalizzazione olio
Procedura funzionamento valvola intercettazione
Introduzione
Controllare le dimensioni delle valvole di intercettazione collegate all'impianto facendo
riferimento alla seguente tabella.
Tipo Q5
Valvola
intercettazione
linea liquido
Valvola
intercettazione
linea gas
Manuale d’installazione
Tipo Q8
φ 9,5
φ 15,9
Tipo Q10
Tipo Q12
Tipo Q14
Tipo Q16
φ 12,7
φ 22,2
φ 25,4
(Il modello Q8
(I modelli Q12·14·16 supportano
supporta tubazioni
tubazioni locali di φ 28,6 per le
locali di φ19,1 per le tubazioni accessorie)
tubazioni accessorie)
175
SiT39-303
Apertura valvola di intercettazione
1. Rimuovere il tappo e ruotare la valvola in senso antiorario utilizzando una chiave esagonale
(JISB4648).
2. Ruotare fino all'arresto dell'albero.
Non applicare una forza eccessiva alla valvola di intercettazione. Si potrebbe rompere
il corpo valvola poiché la valvola non è di tipo "a tenuta posteriore". Utilizzare sempre
lo speciale utensile.
3. Assicurarsi di serrare saldamente il tappo.
Chiusura valvola di intercettazione
1. Rimuovere il tappo e ruotare la valvola in senso orario utilizzando una chiave esagonale
(JISB4648).
2. Stringere la valvola fino a che l'albero incontra la guarnizione del corpo principale.
3. Assicurarsi di serrare saldamente il tappo.
*Per informazioni sulla coppia di serraggio, consultare la seguente tabella.
Coppia di serraggio
Dimensione
valvola di
intercettazione
φ 6,4
φ 9,5
φ 12,7
φ 15,9
φ 22,2
φ 25,4
Coppia di serraggio N-m (Ruotare in senso orario per chiudere)
Tubature
Tappo
BocchetAttacco di
lato gas
Albero (corpo valvola)
(coperchio
tone
servizio
fornite con
valvola)
svasato
l'unità (1).
14-17
Chiave
5,4-6,6
13,5-16,5
33-39
esagonale
4 mm
8,1-9,9
18-22
50-60
_
Chiave
11,5-13,9
13,5-16,5
esagonale
23-27
62-75
6 mm
Chiave
27-33
esagonale
36-44
_
22-28
10 mm
1
2
1.
2.
3.
4.
5.
Attacco di servizio
Tappo
Foro esagonale
Albero
Guarnizione
3
5
4
Attenzione
„ Utilizzare sempre un tubo di carica per il collegamento all'attacco di servizio.
„ Dopo aver serrato il tappo, controllare che non si verifichino perdite di refrigerante.
„ Per allentare un bocchettone svasato, utilizzare sempre due chiavi insieme. Nel collegare
le tubazioni, utilizzare sempre una chiave e una chiave dinamometrica insieme per serrare
il bocchettone svasato.
„ Per collegare un bocchettone svasato, ricoprire la svasatura
Chiave dinamometrica
(all'interno e all'esterno) con olio a base di estere o olio a base di
etere e serrare il bocchettone manualmente per i 3 o 4 giri iniziali.
Chiave
Raccordo tubazioni
Forma della svasatura e coppia di serraggio del bocchettone svasato
Bocchettone svasato
<Precauzioni per il collegamento delle tubazioni>
„ Consultare la tabella seguente per le dimensioni di lavorazione a macchina della parte svasata.
„ φ 12,7 o superiore
Per allentare un bocchettone svasato, utilizzare sempre due chiavi insieme. Nel collegare
le tubazioni, utilizzare sempre una chiave e una chiave dinamometrica insieme per serrare
il bocchettone svasato.
„ φ 6,4 oppure φ 9,7
Serrare alla coppia impostata utilizzando una chiave dinamometrica.
(Non utilizzare due chiavi perchè potrebbero verificarsi perdite di refrigerante.)
„ (Utilizzare olio a base di estere o a base di etere.)
„ Consultare la tabella seguente per la coppia di serraggio.
(L'applicazione di una coppia eccessiva potrebbe incrinare le svasature.)
176
Manuale d'installazione
SiT39-303
„ Dopo aver collegato tutte le tubature, eseguire una prova di tenuta utilizzando azoto.
dimensioni
tubo
coppia
di serraggio (Ncm)
A (mm)
forma della
svasatura
φ 9,5
3270 - 3990
12,8 - 13,2
90 ±2
45
A
φ 12,7
4950 - 6030
16,2 - 16,6
φ 15,9
6180 - 7540
19,3 - 19,7
±2
R=0,4~0,8
Non consigliabile se non in caso di emergenza
Per eseguire l'installazione è necessario utilizzare una chiave dinamometrica. Tuttavia, in caso
tale attrezzo non fosse disponibile, è possibile utilizzare il metodo sotto descritto.
Dopo aver terminato l'operazione, verificare che non vi siano perdite di gas.
Continuando a serrare il bocchettone svasato con la chiave, ad un certo punto la coppia di serraggio aumenta all'improvviso. A partire da tale posizione, continuare a serrare il bocchettone svasato
facendo riferimento all'angolo sotto indicato:
Dimensione
tubi
9,5 (3/8")
12,7 (1/2")
19,1 (5/8")
Angolo di serraggio
supplementare
da 60 a 90 gradi
da 30 a 60 gradi
da 30 a 60 gradi
Lunghezza consigliata del braccio
dell'attrezzo
Circa 200 mm
Circa 250 mm
Circa 300 mm
Istruzioni per lo smaltimento
L'unità, l'olio, il refrigerante ed eventuali altri componenti devono essere smaltiti in conformità
alle normative locali e nazionali vigenti.
6.5
Isolamento delle tubazioni
Dopo aver terminato la prova di tenuta e l'asciugatura a vuoto, è necessario isolare le tubazioni.
Considerare i seguenti punti:
„ Assicurarsi di isolare completamente i raccordi e i kit di diramazione refrigerante.
„ Isolare le tubature lato liquido e lato gas di collegamento tra le unità e i kit di diramazione
refrigerante; utilizzare isolamento almeno di tipo Q-18 per l'equalizzatore pressione olio.
„ La mancanza di isolamento può causare perdite. (La tubatura del gas può raggiungere
temperature fino a 120 °C. Utilizzare un isolamento resistente a tali temperature.)
„ Se si ritiene che la temperatura e l'umidità nelle vicinanze delle tubazioni di raffreddamento
possano superare rispettivamente i 30 °C e l'80 % di umidità relativa, rinforzare l'isolamento
sulle tubazioni di raffreddamento (di spessore non inferiore a 20 mm). Sulla superficie
dell'isolante può formarsi condensa.
„ Qualora ci fosse la possibilità che la condensa sulla valvola di intercettazione possa sgocciolare
dentro l'unità interna attraverso fessure dell'isolamento e delle tubazioni, perché l'unità esterna
è posizionata ad un'altezza superiore rispetto all'unità interna, sigillare tali fessure usando
sughero, ecc.
Un'unità esterna installata
(1) RXYQ5-16MY1B
Quando sono installate unità esterne multiple
(8) RXYQ18-48MY1B
7
2
2
3
3
5
5
4
4
6
6
Attenzione
Manuale d’installazione
1. Un'unità esterna installata
2. Valvola intercettazione linea
liquido
3. Valvola intercettazione linea gas
4. Tubazioni di interconnessione tra
le unità esterna e interna
5. Calafatura, ecc.
6. Isolante termico
7. Valvola intercettazione tubazione
equalizzazione olio
8. In caso di installazione di unità
esterne multiple
Assicurarsi di isolare le tubazioni locali, per evitare ustioni.
177
SiT39-303
6.6
Carica supplementare di refrigerante
Attenzione
Non è possibile caricare il refrigerante fino al termine dell'esecuzione dei collegamenti elettrici locali.
Caricare il refrigerante solamente dopo aver eseguito la prova di tenuta e l'asciugatura a vuoto
(vedere sopra).
Durante la carica di un impianto, non eccedere la carica massima consentita, per evitare danni
causati da colpi d'ariete.
La carica di una sostanza non adatta potrebbe causare esplosioni e incidenti; accertarsi pertanto
di utilizzare sempre il refrigerante adatto (R410A).
Aprire i contenitori di refrigerante lentamente.
Durante la carica di refrigerante utilizzare sempre guanti protettivi e proteggere gli occhi.
Per evitare guasti gravi al compressore, non caricare una quantità di refrigerante maggiore
di quella specificata per aumentare la pressione di condensazione.
„ La carica di refrigerante dell'unità esterna viene eseguita nello stabilimento di produzione;
secondo la dimensione e la lunghezza delle tubazioni alcuni impianti richiedono una carica
supplementare di refrigerante.
„ Caricare il refrigerante in stato liquido nella linea liquido. Il refrigerante R410A è un refrigerante
composto e la sua composizione cambia se viene caricato in stato gassoso; in tal caso non
sarebbe possibile garantire il normale funzionamento dell'impianto.
„ Prima di eseguire la carica, verificare se il serbatoio è provvisto di sifone.
Metodo di riempimento di un serbatoio con sifone.
Riempire tenendo il serbatoio in posizione eretta.
Il serbatoio è provvisto di tubo sifone
all’interno; pertanto non è necessario
rovesciare il serbatoio stesso.
Altre modalità di riempimento del serbatoio
Riempire tenendo il serbatoio rovesciato.
„ Determinare la quantità di refrigerante da aggiungere consultando la tabella e riportarla sulla
targhetta "Aggiunta Refrigerante" da attaccare sul retro del coperchio frontale.
Nota: per la quantità da aggiungere consultare l'esempio di collegamento.
„ Dopo aver terminato l'asciugatura a vuoto, caricare la quantità supplementare di refrigerante
in stato liquido utilizzando l'attacco di servizio della valvola di intercettazione liquido. Seguire
le seguenti istruzioni:
1. Controllare la chiusura delle valvole di intercettazione liquido e gas.
2. Arrestare il compressore e caricare la quantità specificata di refrigerante.
„ Se l'unità esterna non è in funzionamento e non è possibile caricare la quantità totale,
seguire la procedura di carica della quantità supplementare di refrigerante seguente.
„ Assicurarsi di utilizzare gli attrezzi di installazione speciali per R410A che sopportino la
pressione e per evitare la contaminazione dell'impianto con materiali estranei.
Nota:
178
„ Procedura di carica della quantità supplementare di refrigerante
Manuale d'installazione
SiT39-303
Un'unità esterna installata: modello RXYQ5-16MY1B
9
17
1
10
8
4
11
7
3
2
12
5
6
13
Quando sono installate unità esterne multiple:
modello RXYQ18-48MY1B
9
17
1
4
8
10
13
15
9
7
3
2
16
5
14
12
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.
9.
10.
11.
12.
13.
14.
15.
16.
17.
Valvola riduttrice di pressione
Azoto
Serbatoio
Impianto sifone
Strumento di misurazione
Pompa a vuoto
Valvola A
Lato gas
Unità esterna
Lato liquido
Unità interna
Attacco di servizio valvola di
intercettazione
Tubo di carica
All'unità interna
Tubazione equalizzazione olio
Valvola B
Le linee punteggiate rappresentano
le tubazioni locali
6
[Procedura di carica supplementare di refrigerante]
Per ulteriori informazioni sulle impostazioni dell'impianto per la carica supplementare di refrigerante,
consultare l‘etichetta [Precauzioni di Manutenzione] sul retro del coperchio del quadro elettrico
nell'unità esterna.
1. Aprire completamente la valvola di intercettazione della linea gas (la valvola di intercettazione
della linea liquido e la valvola A devono essere completamente chiuse). A questo punto
avviare la carica della quantità supplementare di refrigerante.
2. Dopo aver caricato nell'impianto la quantità supplementare di refrigerante stabilita, premere
il pulsante di conferma BS3 sulla scheda elettronica (A1P) dell'unità esterna per arrestare
l'operazione di carica supplementare di refrigerante.
3. Riportare subito la valvola di intercettazione allo stato seguente. (In caso contrario, la
tubazione potrebbe esplodere a causa della pressione del liquido.)
Valvola intercettazione
linea liquido
Valvola intercettazione
linea gas
Aperto
Aperto
Valvola intercettazione tubazione
equalizzazione olio
Chiuso (Stato normale prima
della mandata)
[Procedura di carica quantità supplementare di refrigerante]
Per ulteriori informazioni sulle impostazioni dell'impianto per la carica supplementare di refrigerante,
consultare l‘etichetta [Precauzioni di Manutenzione] sul retro del coperchio del quadro elettrico
nell'unità esterna.
1. Aprire completamente la valvola di intercettazione della linea gas/linea di equalizzazione
olio (la valvola di intercettazione della linea liquido e le valvole A e B devono essere
completamente chiuse). A questo punto avviare la carica supplementare di refrigerante.
2. Dopo aver caricato nell'impianto la quantità supplementare di refrigerante stabilita, premere
il pulsante di conferma BS3 sulla scheda elettronica (A1P) dell'unità esterna per arrestare
l'operazione di carica supplementare di refrigerante.
3. Riportare subito la valvola di intercettazione allo stato seguente. (In caso contrario,
la tubazione potrebbe esplodere a causa della pressione del liquido.)
Valvola intercettazione
linea liquido
Aperto
Attenzione
Manuale d’installazione
Valvola intercettazione
linea gas
Aperto
Valvola intercettazione tubazione
equalizzazione olio
Aperto
Qualora la bombola di refrigerante fosse provvista di sifone, caricare il refrigerante tenendola in
posizione eretta.
179
SiT39-303
Collegamenti elettrici locali
7. Collegamenti elettrici locali
Attenzione
7.1
Tutte i componenti ed i collegamenti elettrici locali devono essere eseguiti ed installati da
un elettricista certificato e devono essere conformi alle normative locali e nazionali.
Eseguire i collegamenti elettrici in conformità agli schemi elettrici e alle istruzioni riportate
di seguito.
Assicurarsi di utilizzare un circuito di alimentazione dedicato. Non utilizzare mai un circuito
di alimentazione condiviso con altre apparecchiature.
Il rilevatore di protezione contro l'inversione di fase del prodotto funziona solamente dopo
l'accensione.
Il rilevatore di protezione contro l'inversione di fase è progettato per arrestare il sistema in
caso di anomalie conseguenti all'avvio.
Sostituire due delle tre fasi (L1, L2 e L3) durante il funzionamento del circuito di protezione
contro l'inversione di fase.
L'inversione di fase non viene rilevata durante il funzionamento.
Qualora ci fosse la possibilità di inversione di fase dopo una temporanea interruzione
dell'erogazione di energia elettrica e l'alimentazione fosse intermittente durante il
funzionamento, collegare un circuito di protezione dall'inversione di fase locale. Il
funzionamento in inversione di fase può danneggiare il compressore ed altri elementi.
Componenti opzionali: selettore raffreddamento/
riscaldamento
S1S................... Selettore (ventilatore, raffr/risc)
S2S................... Selettore (raffr/risc)
Note:
180
„ Utilizzare solo conduttori in rame.
„ Qualora si utilizzasse l'adattatore per avvio sequenziale, consultare il capitolo "Esempi".
„ Per il cablaggio di collegamento alla trasmissione esterno-esterno F1-F2, esterno-interno
F1-F2 ed esterno-multi Q1-Q2, fare riferimento al capitolo "Esempi".
„ Per i collegamenti elettrici al telecomando centralizzato, consultare il manuale di installazione
dello stesso.
„ Utilizzare un cavo di alimentazione isolato.
Manuale d'installazione
SiT39-303
7.2
Collegamenti elettrici locali
Requisiti del circuito di alimentazione e del cavo di
alimentazione
Per il collegamento all'unità predisporre un circuito di alimentazione (vedere tabella in basso).
Il circuito deve essere protetto con i necessari dispositivi di sicurezza, come ad esempio l'interruttore principale, un fusibile ad azione lenta su ogni fase e un rilevatore di dispersione a terra.
RXYQ5MY1B
RXYQ8MY1B
RXYQ10MY1B
RXYQ12MY1B
RXYQ14MY1B
RXYQ16MY1B
RXYQ18MY1B
RXYQ20MY1B
RXYQ22MY1B
RXYQ24MY1B
RXYQ26MY1B
RXYQ28MY1B
RXYQ30MY1B
RXYQ32MY1B
RXYQ34MY1B
RXYQ36MY1B
RXYQ38MY1B
RXYQ40MY1B
RXYQ42MY1B
RXYQ44MY1B
RXYQ46MY1B
RXYQ48MY1B
Fase e
frequenza
φ 3, 50Hz
φ 3, 50Hz
φ 3, 50Hz
φ 3, 50Hz
φ 3, 50Hz
φ 3, 50Hz
φ 3, 50Hz
φ 3, 50Hz
φ 3, 50Hz
φ 3, 50Hz
φ 3, 50Hz
φ 3, 50Hz
φ 3, 50Hz
φ 3, 50Hz
φ 3, 50Hz
φ 3, 50Hz
φ 3, 50Hz
φ 3, 50Hz
φ 3, 50Hz
φ 3, 50Hz
φ 3, 50Hz
φ 3, 50Hz
Tensione
380-415V
380-415V
380-415V
380-415V
380-415V
380-415V
380-415V
380-415V
380-415V
380-415V
380-415V
380-415V
380-415V
380-415V
380-415V
380-415V
380-415V
380-415V
380-415V
380-415V
380-415V
380-415V
fusibili
Consigliati
20A
30A
30A
30A
40A
40A
50A
50A
50A
60A
60A
70A
70A
70A
90A
90A
90A
100A
100A
100A
110A
110A
selezione linea
Trasmissione
0,75 -1,25 mm2
0,75 -1,25 mm2
0,75 -1,25 mm2
0,75 -1,25 mm2
0,75 -1,25 mm2
0,75 -1,25 mm2
0,75 -1,25 mm2
0,75 -1,25 mm2
0,75 -1,25 mm2
0,75 -1,25 mm2
0,75 -1,25 mm2
0,75 -1,25 mm2
0,75 -1,25 mm2
0,75 -1,25 mm2
0,75 -1,25 mm2
0,75 -1,25 mm2
0,75 -1,25 mm2
0,75 -1,25 mm2
0,75 -1,25 mm2
0,75 -1,25 mm2
0,75 -1,25 mm2
0,75 -1,25 mm2
Se si utilizzano interruttori automatici a corrente residua, assicurarsi che siano di tipo ad alta
velocità 200 mA nominali.
Note:
Manuale d’installazione
„ Selezionare il cavo di alimentazione in conformità alle normative locali e nazionali.
„ Utilizzare un cavo di dimensioni conformi alle normative locali e nazionali.
„ Le specifiche tecniche per il collegamento elettrico locale del cavo di alimentazione e del
collegamento elettrico delle diramazioni sono conformi con la direttiva IEC60245.
„ CAVO TIPO H05VV(*)
*Solamente in tubazioni protette. Utilizzare H07RN-F in caso di utilizzo di tubazioni non protette.
181
SiT39-303
Collegamenti elettrici locali
7.3
Generale
„ È possibile collegare fino a tre unità tramite alimentazione incrociata tra unità esterne.
Tuttavia, le unità di minore capacità devono essere collegate a valle. Per ulteriori informazioni,
consultare i dati di progetto e tecnici dei dispositivi.
„ Assicurarsi di collegare il cavo di alimentazione alla morsettiera di alimentazione e di stringerlo
come mostrato in fig. 14, capitolo "Attacco rete locale"
„ Poiché l'unità è provvista di inverter, l'installazione di un condensatore di rifasamento non
solo pregiudicherà l'effetto di rifasamento, ma potrebbe anche causare un danno per
riscaldamento anormale del condensatore dovuto alle onde ad alta frequenza. Pertanto,
non installare un condensatore di rifasamento.
„ Mantenere una tolleranza del 2 % sul valore dell'alimentazione rispetto al valore nominale.
1. Una tolleranza maggiore potrebbe accorciare la durata del condensatore di
stabilizzazione.
2. Come misura protettiva, il prodotto si arresterà e apparirà un'indicazione di errore,
se lo squilibrio dell'alimentazione è superiore al 4 % dell'alimentazione nominale.
„ Seguire gli schemi elettrici durante l'esecuzione dei collegamenti elettrici.
„ Eseguire i collegamenti elettrici solamente dopo aver staccato tutte le fonti di alimentazione.
„ Collegare sempre i cavi a terra. (Agire in conformità alle relative normative nazionali.)
„ Non collegare il cavo di terra alle tubazioni del gas o delle fognature, a parafulmini o a cavi
di terra della linea telefonica.
• Le tubazioni del gas potrebbero esplodere o incendiarsi in caso di fuga di gas.
• Le tubazioni delle fognature non hanno effetto di messa a terra se in plastica dura.
• La messa a terra tramite linea telefonica e parafulmini è pericolosa se questi vengono
colpiti da fulmine a causa dell'anormale aumento del potenziale elettrico a terra.
„ È necessario ridurre le interferenze prodotte dall'inverter dell'unità, che potrebbero disturbare
il funzionamento di altri dispositivi. La carrozzeria esterna potrebbe caricarsi elettricamente a
causa di una dispersione di corrente elettrica, da scaricare a terra.
„ Assicurarsi di installare un rilevatore di dispersione a terra che possa rilevare le armoniche alte.
(L'unità utilizza un inverter e pertanto è necessario un rilevatore di dispersione a terra che
possa rilevare le armoniche alte per evitare guasti del rilevatore stesso.)
„ I rilevatori di dispersione a terra hanno la funzione di proteggere dai guasti a terra e dovrebbero
essere utilizzati insieme all'interruttore principale o al fusibile da utilizzare con il cablaggio.
„ L'unità è provvista di circuito di protezione da fase negativa. (In caso di intervento, mettere in
funzione l'unità solo dopo aver corretto il cablaggio.)
182
Manuale d'installazione
SiT39-303
7.4
Collegamenti elettrici locali
Esempi
Esempio di sistema
1.
2.
3.
4.
5.
6.
1
2
3
4
5
Alimentazione locale
Interruttore generale
Rilevatore di dispersione a terra
Fusibile
Selettore raffr./risc.
Telecomando
cablaggio di alimentazione
(cavo con guaina)
cablaggio di trasmissione
(cavo con guaina)
3
4
6
Attacco rete locale
Le fasi L1, L2, L3, e il neutro del cavo di alimentazione devono essere fissati al fermo di sicurezza
utilizzando le fascette fornite di serie.
Utilizzare i cavi con guaina a strisce gialle e verdi per la messa a terra.
5
14
1
13
2
15
16
17
18
3
6
L1
L2
L3
N
7
4
8
9
10
11
12
1. Alimentazione (200 V, trifase).
2. Interruttore di circuito, interruttore automatico di sovracorrente.
3. Cavo di messa a terra.
4. Interruttore differenziale.
5. Sezione A.
6. Collegare i manicotti isolanti.
7. Morsettiera alimentazione.
8. Cavo di messa a terra.
9. Assicurare i cavi di terra insieme ai cavi di alimentazione utilizzando le fascette opzionali (1).
10. Assicurare singolarmente i rispettivi cavi di alimentazione – fasi L1, L2, L3 e neutro – alla staffa utilizzando
le fascette opzionali (1).
11. Cavo di messa a terra.
12. I cavi di messa a terra non devono entrare in contatto con i cavi di alimentazione del compressore.
Qualora i cavi entrassero in contatto, le altre unità potrebbero risentirne.
13. Se si collegano due cavi allo stesso morsetto, assicurarsi che i morsetti senza saldatura siano rivolti uno
verso l'altro dalla parte posteriore.
Inoltre, assicurarsi di posizionare in alto il cavo di dimensioni minori.
Assicurare anche i cavi di alimentazione alla staffa di plastica utilizzando le fascette opzionali (1).
14. Morsettiera.
15. Morsetto senza saldatura.
16. Dimensione cavo: piccola.
17. Dimensione cavo: grande.
18. Staffa di plastica.
Manuale d’installazione
183
SiT39-303
Collegamenti elettrici locali
1
Modello
tipo RXYQ5
4
4
1
3
Modello
tipo RXYQ8 . 10
3
7
2
2
5
11
11
6
5
10
7
7
10
12
8
8
8
9
13
8
[Tipo RXYQ5 . 8 . 10 ]
14
9
15
[Tipo RXYQ12 . 14 . 16 ]
16
17
18
19
20
21
22
1.
2.
3.
4.
5.
6.
Fermare con fascette opzionali (3).
Cablaggio elettrico.
Collegamenti elettrici tra unità.
Assicurare al quadro elettrico utilizzando le fascette opzionali (1).
Se si instradano i cavi di alimentazione/messa a terra dal lato destro.
Instradare il cavo di comando del telecomando e i cavi di collegamento tra le unità a una distanza di
almeno 50 mm dai cavi di alimentazione. Assicurarsi che i cavi di alimentazione non vengano a contatto
con le sezioni in temperatura (
).
7. Fissare al retro della colonna di supporto utilizzando le fascette opzionali (2).
8. Se si instradano i cavi di collegamento tra le unità dalle aperture per le tubazioni.
9. Se si instradano in cavi di alimentazione/messa a terra dal lato frontale.
10. Se si instradano in cavi di messa a terra dal lato sinistro.
11. Cavo di messa a terra.
12. Durante la posa dei collegamenti elettrici, fare attenzione a non staccare il rivestimento isolante acustico
dal compressore.
13. Fissare al retro della colonna di supporto utilizzando le fascette opzionali (2).
14. Sezione A.
15. Sezione B.
16. Alimentazione.
17. Interruttore di circuito derivato, interruttore automatico di sovracorrente.
18. Interruttore differenziale.
19. Cavo di messa a terra.
20. Unità A.
21. Unità B.
22. Unità C.
184
Manuale d'installazione
SiT39-303
Attenzione
Collegamenti elettrici locali
<Precauzioni durante la posa dei cavi di alimentazione>
Eseguire i collegamenti alla morsettiera di alimentazione utilizzando morsetti rotondi a pressione.
Se non sono disponibili, seguire le istruzioni sotto riportate.
„ Non collegare cavi di spessore diverso alla morsettiera di alimentazione. (Cavi di alimentazione
allentati potrebbero causare un riscaldamento eccessivo.)
„ Collegare i cavi di spessore uguale come illustrato nella figura in basso.
Cavo alimentazione
Morsetto rotondo a pressione
Collegare su
entrambi i lati cavi
di uguale
spessore.
Vietato collegare
due cavi sullo
stesso lato.
Vietato collegare
cavi di diverso
spessore.
„ Eseguire i collegamenti elettrici utilizzando il cavo idoneo; collegare saldamente, quindi
fissare per evitare che pressioni esterne sollecitino la morsettiera.
„ Utilizzare un cacciavite adeguato per serrare le viti dei morsetti. Un cacciavite di misura troppo
piccola potrebbe "spannare" la testa della vite e rendere impossibile un serraggio corretto.
„ Un serraggio eccessivo potrebbe danneggiare le viti dei morsetti.
„ Consultare la tabella sottostante per informazioni sulla coppia di serraggio delle viti dei morsetti.
Coppia di serraggio (N · m)
M8 (Morsettiera alimentazione)
M8 (Terra)
M3 (Morsettiera collegamenti elettrici tra unità)
5,5-7,3
0,8-0,97
<Misure da adottare per la messa a terra>
Quando si stende il cavo di terra, farlo passare attraverso l'apertura della rondella concava.
(Un errato collegamento a terra impedirà la corretta messa a terra dell'unità).
Rondella concava
Morsetto rotondo a pressione
Apertura
Manuale d’installazione
185
SiT39-303
Collegamenti elettrici locali
Attacco rete locale: collegamento di trasmissione e selezione raffreddamento/riscaldamento
[Modello RXYQ5-16MY1B]
A1P
A
A B C F1 F2 F1 F2 Q1 Q2
B
C
F1 F2 F1 F2 Q1 Q2
ABC
SELETTORE
RAFFR/RISC
1
ALL’UNITÀ
ESTERNA
ALL’UNITÀ
INTERNA
ALL’UNITÀ
MULTI
2
3
F1 F2
F1 F2
F1 F2
F1 F2
F1 F2
F1 F2
F1 F2
F1 F2
F1 F2
4
5
6
1. Selettore raffr./risc.
2. Scheda elettronica dell'unità
esterna (A1P)
3. Fare attenzione alla polarità
4. Utilizzare un conduttore del
cavo con guaina (2 conduttori)
(senza polarità)
5. Morsettiera (non fornito)
6. Unità interna
[Modello RXYQ18-48MY1B]
1
2
3
6
6
Q1 Q2
Q1 Q2
A1P
4
5
6
A B C F1 F2 F1 F2 Q1 Q2
9
7
1. Unità A (unità base)
2. Unità B
3. Unità C
4. ALL’UNITÀ INTERNA
5. ALL’UNITÀ ESTERNA
6. ALL’UNITÀ MULTI
7. Al selettore raffr./risc.
8. All’unità interna
9. Agli altri sistemi
8
Telecomando di commutazione
riscaldamento/raffreddamento
X1M
A
B
C
F1
F2
F1
F2
(Interno – Esterno) (Esterno – Esterno)
1
2
3
1. Cavo telecomando di commutazione
riscaldamento/raffreddamento (se tale
telecomando, acquistabile separatamente, è
collegato).
2. Fissare alla piastra di bloccaggio utilizzando il
materiale di fissaggio fornito.
3. Collegamento elettrico tra unità
(Esterno – esterno)
4. Collegamento elettrico tra unità
(Interno – esterno)
4
186
Manuale d'installazione
SiT39-303
Attenzione
Collegamenti elettrici locali
Attenersi ai limiti riportati di seguito. Se i cavi che collegano le unità eccedono tali limiti,
la trasmissione potrebbe risultare disturbata.
Lunghezza massima del cablaggio: 1.000 m
Lunghezza totale del cablaggio: 2.000 m
Numero massimo derivazioni: 16
Numero massimo di unità esterne collegabili: Almeno 10
Il cablaggio da unità a unità consente fino a 16 derivazioni. Dopo la derivazione non sono
consentite ulteriori derivazioni.
Numero massimo di unità esterne collegabili: 10 o meno
Non collegare mai l'alimentazione alla morsettiera dei collegamenti tra untà e unità. Potrebbe
danneggiarsi l'intero sistema.
2
1
1. Diramazione
2. Diramazione secondaria
Avvio sequenziale
Eseguire i collegamenti sull'unità esterna come illustrato sotto.
L'impostazione di fabbrica della scheda elettronica dell'unità esterna (A1P) consente l'avvio
sequenziale.
Impostazione del raffreddamento/riscaldamento (solo unità a pompa di calore)
1. Impostazione riscaldamento/raffreddamento utilizzando il telecomando collegato all'unità
interna.
Mantenere il selettore riscaldamento/raffreddamento (DS1) della scheda elettronica unità
interna (A1P) sull'impostazione di fabbrica "IN/D UNIT".
ALL’UNITÀ
INTERNA
F1 F2
O
U
T
ON
DS1
OFF
1 2
I
N
F1 F2 F1 F2
3
4
F1 F2
Telecomando
2. Impostazione raffreddamento/riscaldamento utilizzando il selettore raffreddamento/
riscaldamento.
Collegare il telecomando di selezione raffreddament/riscaldamento (opzionale) ai morsetti
A/B/C e impostare il selettore raffreddamento/riscaldamento (DS1) della scheda elettronica
unità esterna (A1P) su "OUT/D UNIT".
O
U
T
ON
ABC
ABC
Manuale d’installazione
DS1
OFF
1 2
I
N
3
4
Selettore raffr./risc.
187
SiT39-303
Collegamenti elettrici locali
Attenzione
Per il funzionamento silenzioso è necessario disporre dell'adattatore opzionale di controllo
per unità esterna.
Per maggiori informazioni, consultare il manuale d'installazione fornito con l'adattatore.
Selezione linea di alimentazione e linea di trasmissione
„ Fare passare la linea di alimentazione e la linea di trasmissione attraverso un apposito
foro per i cavi.
„ Prendere la linea di alimentazione dal foro superiore sulla piastra laterale sinistra, stando
di fronte all'unità principale (attraverso il foro del condotto della piastra di montaggio dei
cavi opzionale) o da un foro pretagliato da aprire sulla piastra di fondo dell'unità.
Diagramma collegamenti elettrici stampato sul retro del coperchio del quadro elettrico
2
[1]
3
10
9
4
6
7
8
188
6
5
1. Diagramma collegamenti elettrici stampato
sul retro del coperchio del quadro elettrico
2. Sezione A
3. Foro pretagliato
4. Cablatura di alimentazione tra unità esterne
(Se i cavi sono instradati all'esterno tramite il
pannello frontale.)
5. Cablatura di alimentazione tra unità esterne
6. Distanza tra i cavi
7. Cablatura di alimentazione tra unità esterne
(Se i cavi sono instradati all'esterno tramite il
pannello laterale.)
8. Cablaggio elettrico
9. Coperchio forato
10.Tagliare le aree ombreggiate prima
dell’utilizzo.
Manuale d'installazione
SiT39-303
Collegamenti elettrici locali
Precauzioni per l'apertura dei fori pretagliati
„ Aprire un foro pretagliato con un colpo di martello.
„ Dopo aver aperto i fori, è consigliabile dipingere i bordi e le zone vicino ai bordi con vernice
da ritocco per evitare la ruggine.
„ Avvolgere i cavi con nastro protettivo e rimuovere eventuali bavature, nel passaggio
attraverso i fori pretagliati, per evitare danni.
Foro pretagliato
Sbavature
Attenzione
Per evitare l'entrata di piccoli
animali nell'impianto attraverso i
fori pretagliati, chiudere gli stessi
utilizzando materiale da
imballaggi (non fornito).
„ Utilizzare una canalina per i cavi di alimentazione.
„ Assicurarsi che all'esterno dell'unità, i cavi elettrici bassa tensione (telecomando, tra unità, ecc.)
e i cavi elettrici alta tensione si trovino ad una distanza minima di 50 mm fra loro. La vicinanza
dei cavi potrebbe causare interferenze, guasti e rotture.
„ Collegare il cavo di alimentazione alla morsettiera di alimentazione e fissarlo come illustrato
nel capitolo 7-4 "Attacco rete locale".
„ Fissare i collegamenti elettrici tra unità come illustrato nel capitolo 7-4 "Attacco rete locale".
• Fissare il cablaggio con le fascette opzionali in modo che non venga a contatto con le
tubazioni.
• Assicurarsi che i collegamenti elettrici ed il coperchio del quadro elettrico non sporgano
fuori dalla struttura; chiudere bene il coperchio.
Non collegare la 200V alla morsettiera dei collegamenti elettrici di interconnessione tra le unità.
Ciò potrebbe danneggiare l'intero sistema.
„ I cavi provenienti dalle unità interne devono essere collegati ai morsetti F1/F2 (Interno-Esterno)
sulla scheda elettronica dell'unità esterna.
„ Dopo aver installato i cavi di interconnessione all'interno dell'unità, fissarli sul circuito
frigorifero locale utilizzando nastro di finitura, come mostrato di seguito.
2
3
1
5
1. Linea liquido
2. Linea gas
3. Collegamenti elettrici di
interconnessione
4. Isolamento
5. Nastro di finitura
4
Utilizzare cavi in vinile con guaina da 0,75 a 1,25 mm 2 o cavi a due conduttori. (I cavi a tre
conduttori sono adatti solamente al selettore raffreddamento/riscaldamento remoto).
Manuale d’installazione
189
SiT39-303
Collegamenti elettrici locali
[Modello RXYQ18-48MY1B]
„ Il collegamento elettrico di interconnessione tra unità esterne collegate alla stessa tubazione
deve essere connesso ai morsetti Q1/Q2 (Esterno-Multi). Collegare i cavi ai morsetti
(Esterno-Esterno) darà luogo a guasti nell'impianto.
„ Il collegamento elettrico per le altre linee deve essere connesso ai morsetti F1/F2 (Esterno-Esterno)
sulla scheda elettronica dell'unità esterna alla quale è collegato il collegamento elettrico di
interconnessione tra unità interne.
„ L'unità base è l'unità esterna alla quale sono collegati i collegamenti elettrici di interconnessione
dell'unità interna.
„ Il collegamento elettrico di interconnessione tra unità esterne deve avere una lunghezza
massima di 30 m.
Quadro elettrico
(A1P)
Utilizzare le fascette opzionali (1)
per fissarli al quadro elettrico.
Attenzione
190
Assicurarsi di tenere separate la linea di alimentazione dalla linea di trasmissione.
Fare attenzione alla polarità della linea di trasmissione.
Verificare che la linea di trasmissione sia fissata come illustrato nella figura presente nel
capitolo "Attacco rete locale".
Verificare che le linee elettriche non siano a contatto con il circuito frigorifero.
Chiudere bene il coperchio e disporre i cavi elettrici in modo da evitare l'apertura del coperchio
o l'allentamento di altre parti.
Qualora non si utilizzassero canaline, proteggere i cavi da eventuali tagli causati dai bordi dei
fori pretagliati utilizzando tubi di vinile, ecc.
Manuale d'installazione
SiT39-303
Prima dell'avvio
8. Prima dell'avvio
8.1
Controlli da effettuare prima del primo avvio
Attenzione
Assicurarsi che l'interruttore automatico sul quadro di alimentazione sia spento.
Collegare bene il cavo di alimentazione.
Alimentare le apparecchiature senza neutro o con neutro non corretto potrebbe causare gravi
danni alle apparecchiature.
Dopo l'installazione, controllare gli elementi seguenti prima di inserire l'interruttore automatico:
1. La posizione degli interruttori che necessitano un'impostazione iniziale
Assicurarsi che gli interruttori siano impostati secondo i requisiti richiesti prima di dare corrente.
2. Cablaggio di alimentazione e cablaggio di trasmissione
Utilizzare una sorgente di alimentazione e i cavi di aimentazione previsti; verificare che i
collegamenti siano eseguiti in conformità alle istruzioni del presente manuale, agli schemi
elettrici e alle normative locali e nazionali.
3. Dimensioni e isolamento tubazioni
Assicurarsi di avere installato tubazioni di dimensioni corrette e della corretta esecuzione del
lavoro di isolamento.
4. Carica supplementare di refrigerante
Riportare la quantità di refrigerante da aggiungere all'unità sulla targhetta "Aggiunta Refrigerante"
da attaccare sul retro del coperchio frontale.
5. Prova di isolamento del circuito d'alimentazione principale
Utilizzando un megatester da 500V, controllare che sia raggiunta una resistenza di isolamento
di 2MΩ o superiore applicando una tensione di 500 V CC tra i morsetti di alimentazione e la
terra. Non utilizzare il megatester per i cavi di trasmissione.
6. Data di installazione
Assicurarsi di annotare la data di installazione sull'adesivo che si trova sul coperchio
del quadro elettrico in conformità a EN60335-2-40.
Manuale d’installazione
191
SiT39-303
Prima dell'avvio
8.2
Prova di funzionamento
Attenzione
Dopo aver terminato l'installazione verificare l'apertura della valvola. (Mettere in funzionamento
l'unità con la valvola chiusa arrecherà un grave danno al compressore.)
Collegamento alimentazione
Al primo avvio dell'unità dopo l'installazione, eseguire una prova di funzionamento secondo
le seguenti istruzioni. (La mancata esecuzione della prova di funzionamento dopo la prima
installazione dell'unità potrebbe dare luogo a malfunzionamenti).
• Durante il funzionamento, monitorare lo stato di funzionamento dell'unità esterna e
verificare la presenza di eventuali errori di cablaggio.
Assicurarsi di dare corrente 6 ore prima di avviare
il funzionamento. Ciò allo scopo di riscaldare
preventivamente il carter con il riscaldatore
elettrico.
2. Controllare il LED sulla scheda P (A1P) nell’unità esterna per controllare il regolare
funzionamento della trasmissione dati.
1. Accendere le unità esterne e le
unità interne.
Display a LED
(Stato normale
prima della
mandata)
Indicatore
funzionamento
microcomputer
HAP
Pag.
Pronto/
Errore
H1P
H2P
Commutazione refrigeratore/riscaldatore Livello
sonoro Richiesta
Ingombro Ingombro
Singolo (principale) (dipendente) ridotto
H3P
H4P
H5P
H6P
H7P
Multi
H8P
Un'unità esterna installata
Quando sono
installate unità
esterne multiple (*)
Stazione principale
Sottostazione 1
Sottostazione 2
Lampeggiante
OFF
ON
Display a LED
(*) L’unità base (principale) è l’unità esterna alla quale sono collegati i collegamenti elettrici di
interconnessione dell’unità interna. Le altre unità esterne sono unità dipendenti.
3. • Al bisogno, configurare le
impostazioni dell’impianto
localmente utilizzando il dip switch
(DS 1) sulla scheda P (A1P)
dell’unità esterna e gli interruttori a
pulsante (da BS1 a 5)
• Se il sistema è configurato con unità
esterne multiple (Out Multi), eseguire
la configurazione sull’unità
principale. Le configurazioni
impostate sulle unità dipendenti
saranno ignorate.
4. Controllare che le valvole di
intercettazione siano nello stato corretto
e regolare eventuali errori di stato.
(Consultare la tabella in “6-6 Carica di
refrigerante supplementare”
Eseguire sempre la configurazione dopo aver dato
corrente. Per imparare il metodo di messa a punto,
consultare l’etichetta [Precauzioni di manutenzione]
nella posizione illustrata dalla figura a destra
(coperchio del quadro elettrico dell'unità esterna).
(Ricordarsi di registrare le impostazioni applicate
sull’etichetta [Precauzioni di manutenzione].
Attenzione
Non lasciare chiusa alcuna valvola di
intercettazione. In caso contrario il
compressore non funzionerà.
5. Eseguire il controllo secondo le istruzioni L'impianto funzionerà per circa 15 minuti (30 al
stampate sull’etichetta [Precauzioni di
massimo) quindi il funzionamento di prova si
manutenzione].
arresterà automaticamente. L’impianto potrà
avviare il funzionamento normale circa 15 minuti
dopo il funzionamento di prova, solamente se il
telecomando non visualizza alcun codice di errore.
1. Coperchio del quadro elettrico
2. Coperchio di manutenzione
3. Posizione etichetta [Precauzioni di manutenzione]
2
1
3
<Precauzioni nelle operazioni di controllo>
„ Se il sistema viene avviato entro 12 minuti circa dall'accensione delle unità esterne/interne,
il compressore non si avvierà e si illuminerà la spia H2P. Prima di avviare il funzionamento,
verificare sempre che il display a LED rispecchi la tabella "8-2 Prova di funzionamento 2".
„ L'avvio del compressore dopo un avvio del funzionamento potrebbe richiedere fino a 10 minuti.
Ciò è necessario per equalizzare la distribuzione del refrigerante.
„ L'operazione di controllo non permette di controllare le unità interne individualmente. A tale scopo,
avviare il normale funzionamento utilizzando il telecomando, dopo l'operazione di controllo.
192
Manuale d'installazione
SiT39-303
Prima dell'avvio
Il telecomando visualizza un errore:
Errore installazione
Codice di
errore
Azione correttiva
La valvola di intercettazione
di un'unità interna è rimasta
chiusa
Le fasi dell'alimentazione
dell'unità esterna sono
invertite
E3 E4
F3 UF
U1
Scambiare due delle tre fasi (L1, L2, L3) per ottenere un
collegamento di fase positiva.
Un'unità esterna o interna
non viene alimentata (incluso
interruzione di fase)
U1
U4
Verificare che i cavi di alimentazione dell'unità esterna
siano collegati correttamente.
(Se i cavi di alimentazione non sono collegati alla fase
L2, non sarà visualizzato alcun errore e il compressore
non si avvierà).
Collegamenti elettrici di
interconnessione tra unità
non corretti
UF
Controllare la corrispondenza del circuito refrigerante
e della cablatura dell'unità.
Quantità eccessiva di
refrigerante
E3
F6
UF
Quantità di refrigerante
insufficiente
E4
F3
Ricalcolare la quantità necessaria di refrigerante sulla
base della lunghezza delle tubazioni e correggere la
quantità caricata rimuovendo l'eccesso di refrigerante
con un dispositivo di recupero refrigerante.
Verificare se la carica della quantità di refrigerante
supplementare è stata terminata con successo.
Ricalcolare la quantità necessaria di refrigerante sulla
base della lunghezza delle tubazioni e aggiungere la
quantità richiesta.
Consultare la tabella in "6-6 Carica di refrigerante
supplementare".
Conferma regolazione temperatura
„ Dopo aver terminato la prova di funzionamento, avviare l'unità normalmente. (Il riscaldamento
sarà disponibile in caso di temperatura esterna superiore ai 24 °C).
• Verificare che le unità interne ed esterne funzionino regolarmente. (Qualora si avvertissero
dei colpi causati dalla compressione del liquido nel compressore, arrestare immediatamente
l'unità e attivare il riscaldatore per un periodo di tempo sufficiente prima di riavviare).
• Avviare le unità interne una alla volta e verificare che la corrispondente unità esterna sia
in funzionamento.
• Verificare l'uscita di aria fredda (o calda) dell'unità interna.
• Verificare il corretto funzionamento dei pulsanti di regolazione della direzione e potenza
del ventilatore sull'unità interna.
Attenzione
Manuale d’installazione
<Precauzioni nelle normali operazioni di controllo>
„ Una volta arrestato, il compressore non si riavvierà per circa 5 minuti anche se viene
premuto il pulsante Funz./Arresto di un'unità interna.
„ Se il funzionamento dell'impianto è arrestato dal telecomando, le unità esterne potrebbero
continuare il funzionamento per altri 5 minuti al massimo.
„ Se l'impianto non è mai stato verificato, premendo il pulsante prova di funzionamento dal
momento dell'installazione, sarà visualizzato il codice di errore "U3". In tal caso, eseguire
il controllo facendo riferimento a "8-2 Prova di funzionamento".
„ Dopo la prova di funzionamento, al momento della consegna dell'unità al cliente, verificare
che il coperchio del quadro elettrico, il coperchio di manutenzione e la carrozzeria dell'unità
siano in posizione.
193
SiT39-303
Precauzioni per le perdite di refrigerante
9. Precauzioni per le perdite di refrigerante
9.1
Precauzioni per le perdite di refrigerante
9.1.1 Introduzione
Elementi da notare relativi alle perdite di refrigerante.
L'installatore e lo specialista di impianti dovranno garantire la sicurezza contro le perdite
secondo i regolamenti o le norme locali. Si potranno applicare le seguenti norme in caso
non siano disponibili regolamenti locali.
9.1.2 Massimo livello di concentrazione
La quantità massima di refrigerante da caricare e il calcolo della massima concentrazione
di refrigerante dipendono direttamente dallo spazio abitato nel quale il refrigerante potrebbe
fuoriuscire. L'unità di misura della concentrazione è il kg/m3 (il peso in kg del gas refrigerante
presente in 1 m3 di volume di spazio occupato). È necessario essere conformi ai regolamenti
e alle norme locali relative al massimo livello di concentrazione permesso. In Australia il
massimo livello di concentrazione di refrigerante consentito in uno spazio abitato è di
0,35 kg/m3 per il R407C e 0,44 kg/m3 per il R410A.
Unità esterna
Direzione del flusso refrigerante
Ambiente nel quale
si è verificata la
perdita (fuoriuscita
di tutto il
refrigerante
dell'impianto).
Unità interna
Prestare particolare attenzione al luogo in cui potrebbe accumularsi il rifregerante, in quanto più
pesante dell'aria, ad esempio uno scantinato, ecc.
9.1.3 Procedura di verifica di concentrazione pericolosa
Verificare l'eventuale concentrazione pericolosa in conformità ai passi (1)-(4) seguenti e prendere
i provvedimenti necessari.
Fase 1:
Calcolare la quantità (kg) di refrigerante caricato in ciascun impianto separatamente.
(Quantità di refrigerante
in un sistema con una
sola unità interna)
+
(Quantità supplementare
caricata)
=
Quantità totale di
refrigerante nel
sistema (kg)
Quantità di refrigerante caricato nel
sistema prima della consegna
Quantità di refrigerante aggiunto
localmente secondo la lunghezza
o il diametro delle tubazioni del
circuito refrigerante.
Nota:
194
Se un impianto di refrigerazione si divide in due impianti refrigeranti completamente indipendenti,
utilizzare le quantità caricate separatamente in ciascun impianto.
Manuale d'installazione
SiT39-303
Fase 2:
Precauzioni per le perdite di refrigerante
Calcolare il volume dell'ambiente più piccolo (m3).
In un caso simile al seguente calcolare il volume di (a), (b) come ambiente singolo o come
ambiente più piccolo.
(a) Se gli ambienti non sono divisi in parti minori.
Unità esterna
Unità interna
(b) Se gli ambienti sono divisi ma c'è un'apertura tra loro sufficiente a permettere un flusso d'aria.
Unità esterna
Unità interna
Passaggio tra ambienti
Separazione
(Apertura senza porta o aperture sopra e sotto la porta ognuna equivalente ad almeno lo 0,15 %
dell'area del pavimento.)
(c) Se è installato un dispositivo di allarme per il rilevamento di fughe di gas collegato ad un
ventilatore meccanico nell'ambiente più piccolo, la seconda stanza più piccola sarà utilizzata
per le misurazioni.
Unità esterna
Seconda stanza
Stanza di
di minori
minori
dimensioni dimensioni
Fase 3:
Unità interna
Calcolare la densità del refrigerante utilizzando i risultati dei calcoli delle fasi (1) e (2).
Volume totale del refrigerante nel
circuito frigorifero
<= Concentrazione pericolosa (kg/m3)
Dimensione in m3 della stanza di
minori dimensioni ove è installata
un’unità interna
per R407C = 0,35kg/m3, per R410A = 0,44kg/m3
Se i calcoli confermano un livello di concentrazione superiore alla soglia di pericolosità, eseguire
gli stessi calcoli per le altre stanze di dimensioni via via maggiori fino a che il risultato sarà inferiore
alla soglia di pericolosità.
Manuale d’installazione
195
SiT39-303
Precauzioni per le perdite di refrigerante
Fase 4:
Gestione delle situazioni in cui si verifica il superamento della soglia di concentrazione
pericolosa.
Se l'installazione dell'impianto ha come effetto un superamento del livello di concentrazione
pericolosa, potrebbe essere necessario rivedere il progetto dello stesso oppure agire secondo
le seguenti procedure.
Procedura 1: Eseguire delle aperture che permettano un libero flusso d'aria nell'ambiente.
Eseguire aperture sopra e sotto la porta di dimensione equivalente ad almeno
lo 0,15 % dell'area del pavimento oppure eseguire un'apertura senza porte.
Procedura 2: Installare un ventilatore meccanico collegato ad un dispositivo di allarme per
il rilevamento di fughe di gas.
Procedura 2:
Allarme fughe di
gas e ventilatore
meccanico
Nota:
196
Unità interna
Procedura 1:
Eseguire aperture di
dimensioni
sufficienti ad
assicurare un libero
flusso d'aria.
Tale precauzione è conforme alle norme europee.
Conformarsi ai regolamenti locali.
Manuale d'installazione
SiT39-303
Sezione 3
Manuale d'istruzioni
1. Precauzioni di sicurezza ....................................................................199
2. Cosa fare prima di avviare l'unità .......................................................202
3. Telecomando e selettore:
Nome e funzione dei pulsanti e simboli a display ...............................203
4. Avvertenza ..........................................................................................205
4.1 Operazioni vietate ................................................................................205
5. Campo di funzionamento ....................................................................206
6. Procedura di funzionamento ..............................................................207
6.1 Funzionamento in raffreddamento, riscaldamento e
solo ventilazione...................................................................................207
6.2 Programma deumidificazione...............................................................209
6.3 Regolazione della direzione del flusso d'aria (solo per unità
a due vie, a più vie, tipo corner, pensile a soffitto e a parete) ..............210
6.4 Avvio e arresto programmazione del sistema tramite timer .................211
6.5 Impostazione del telecomando Master.................................................212
6.6 Precauzioni per sistema di controllo di gruppo o
sistema di controllo a due telecomandi ................................................213
7. Funzionamento ottimale......................................................................214
8. Problemi che non indicano guasti del condizionatore d'aria ...............215
8.1
8.2
8.3
8.4
8.5
8.6
8.7
8.8
8.9
8.10
8.11
8.12
Il sistema non funziona.........................................................................215
Impossibilità di commutazione tra raffreddamento e riscaldamento ....215
La ventilazione funziona, il raffreddamento e il riscaldamento no........215
La potenza del ventilatore non corrisponde alle impostazioni..............215
La direzione del ventilatore non corrisponde alle impostazioni ............215
Dall'unità fuoriesce una nebbia biancastra...........................................216
Suoni emessi dai condizionatori d'aria .................................................216
Dall'unità esce polvere .........................................................................216
L'unità emette odori ..............................................................................216
Il ventilatore dell'unità esterna non gira ................................................216
Il display visualizza "88" .......................................................................217
Il compressore dell'unità esterna non si arresta dopo un breve
periodo di riscaldamento ......................................................................217
8.13 L'interno di un'unità esterna è caldo anche se l'unità si è arrestata .....217
9. Localizzazione guasti ..........................................................................218
Manuale d'istruzioni
197
SiT39-303
Grazie per aver acquistato un condizionatore d'aria Daikin. Leggere attentamente
il presente manuale prima di usare il condizionatore. Il manuale fornirà informazion
su come usare correttamente l'unità e vi aiuterà a risolvere gli eventuali problemi.
Una volta letto il manuale, conservarlo per riferimento futuro.
[Unità compatibili]
RXYQ5MY1B
RXYQ8MY1B
RXYQ10MY1B
RXYQ12MY1B
RXYQ14MY1B
RXYQ16MY1B
RXYQ18MY1B
RXYQ20MY1B
RXYQ22MY1B
RXYQ24MY1B
RXYQ26MY1B
RXYQ28MY1B
RXYQ30MY1B
RXYQ32MY1B
RXYQ34MY1B
RXYQ36MY1B
RXYQ38MY1B
RXYQ40MY1B
RXYQ42MY1B
RXYQ44MY1B
RXYQ46MY1B
RXYQ48MY1B
198
REYQ8MY1B
REYQ10MY1B
REYQ12MY1B
REYQ14MY1B
REYQ16MY1B
REYQ18MY1B
REYQ20MY1B
REYQ22MY1B
REYQ24MY1B
REYQ26MY1B
REYQ28MY1B
REYQ30MY1B
REYQ32MY1B
REYQ34MY1B
REYQ36MY1B
REYQ38MY1B
REYQ40MY1B
REYQ42MY1B
REYQ44MY1B
REYQ46MY1B
REYQ48MY1B
Manuale d'istruzioni
SiT39-303
Precauzioni di sicurezza
1. Precauzioni di sicurezza
Leggere con attenzione le seguenti prescrizioni e usare correttamente l'unità.
Il manuale contiene tre tipi di precauzioni di sicurezza e raccomandazioni,
indicati come segue:
AVVERTENZA.... Un uso non corretto dell'unità può comportare gravi conseguenze
come morte o lesioni gravi.
ATTENZIONE ..... Un uso non corretto dell'unità può comportare lesioni o danni. In certe
condizioni, potrebbe inoltre comportare gravi conseguenze.
Nota:
Avvertenza
„ Le presenti istruzioni garantiscono il corretto utilizzo dell'apparecchiatura.
Attenersi a quanto indicato negli avvisi di sicurezza.
Tenere gli avvisi di sicurezza a portata di mano per avere un immediato riferimento
in caso di necessità.
Inoltre, se l'unità viene trasferita a un nuovo utente, assicurarsi di consegnare anche
il manuale utente.
„ Non è salutare restare esposti direttamente al flusso d'aria per lungo tempo.
„ Per evitare scariche elettriche, incendi o lesioni, oppure nel caso si rilevino
anomalie come ad esempio odore di bruciato, spegnere l'unità e contattare
il proprio rivenditore per istruzioni.
„ Contattare il proprio rivenditore di fiducia per l'installazione del condizionatore.
Nel caso in cui l'utente esegua personalmente un'installazione incompleta, potranno
verificarsi perdite, scariche elettriche o incendi.
„ Contattare il proprio rivenditore di fiducia per informazioni su miglioramenti,
riparazioni e manutenzione.
In caso di miglioramento, riparazione e manutenzione incomplete, potranno verificarsi
perdite di acqua, scariche elettriche o incendi.
„ Non inserire dita, aste o altri oggetti nei punti di aspirazione e di uscita dell'aria.
Il ventilatore interno gira ad alta velocità e può provocare lesioni.
„ Il refrigerante contenuto nel condizionatore è sicuro e normalmente non si verificano
perdite. Se si riscontrano perdite di refrigerante all'interno del locale, il contatto con
la fiamma di un bruciatore, un riscaldatore o un fornello può produrre gas nocivi.
Non usare l'unità fino a quando il personale di assistenza non conferma che le riparazioni
del tratto nel quale si sono verificate le perdite sono terminate.
„ In caso di perdite di refrigerante, consultare il proprio rivenditore di fiducia.
Se il condizionatore deve essere installato in un locale di piccole dimensioni, è necessario
prendere le misure necessarie affinché, in caso di perdite, la quantità di refrigerante fuoriuscito
non superi la concentrazione massima. Se si riscontrano perdite di refrigerante oltre i limiti
di concentrazione massimi, può verificarsi una mancanza di ossigeno.
„ L'installazione o il collegamento non corretto di apparecchiature o accessori può causare
scariche elettriche, cortocircuiti, perdite, incendi o altri danni all'apparecchiatura.
Utilizzare solo accessori originali Daikin specificamente progettati per essere utilizzati
con l'unità e affidare l'installazione a un tecnico qualificato.
„ Contattare il proprio rivenditore di fiducia in caso sia necessario spostare e reinstallare
il condizionatore.
In caso di installazione incompleta, potranno verificarsi perdite di acqua, scariche elettriche
o incendi.
Manuale d'istruzioni
199
SiT39-303
Precauzioni di sicurezza
Attenzione
„ Non usare il condizionatore per altri scopi.
Per evitare un degrado della qualità, non usare l'unità per raffreddare strumenti di precisione,
cibo, piante, animali od opere d'arte.
„ Per evitare lesioni, non rimuovere la protezione del ventilatore.
„ Per evitare carenze di ossigeno, ventilare l'ambiente a sufficienza se nello stesso
locale si trova anche un bruciatore oltre al condizionatore.
„ Dopo un lungo periodo di utilizzo, controllare il supporto dell'unità e i raccordi per
verificare l'eventuale presenza di danni.
Nel caso in cui eventuali danni non fossero eliminati, l'unità potrebbe cadere e provocare lesioni.
„ Non collocare una bomboletta spray con gas infiammabile nei pressi del
condizionatore e non spruzzare gas.
Ciò potrebbe provocare un incendio.
„ Prima di effettuare la pulizia, arrestare l'unità e portare l'interruttore automatico in
posizione OFF, oppure scollegare il cavo di alimentazione.
In caso contrario potrebbero verificarsi scosse elettriche e lesioni.
„ Non attivare l'unità con le mani bagnate.
Ciò potrebbe provocare scariche elettriche.
„ Per evitare scariche elettriche, incendi, lesioni o danni all'unità, non utilizzare fusibili
con amperaggio non corretto e non utilizzare fili di acciaio oppure fili di rame al posto
degli stessi.
„ Non collocare dispositivi che producono fiamme libere in punti esposti al flusso
d'aria dell'unità, oppure sotto l'unità interna. Ciò potrebbe provocare una
combustione incompleta o la deformazione dell'unità a causa del calore.
„ Non permettere ai bambini di salire sull'unità esterna e non posizionare alcun oggetto
sulla stessa.
Eventuali cadute possono provocare lesioni fisiche.
„ Non esporre bambini, piante o animali direttamente al flusso d'aria.
Ciò potrebbe avere effetti negativi sui bambini, sugli animali o sulle piante.
„ Non pulire il condizionatore utilizzando una quantità eccessiva di acqua.
Pericolo di scosse elettriche o incendio.
„ Non installare il condizionatore in punti nei quali si possono verificare perdite di
gas infiammabili.
Il ristagno di tali gas nei pressi del condizionatore può dare origine a principi d'incendio.
„ Al fine di evitare scariche elettriche o incendi, assicurarsi che sia stato installato
il differenziale.
„ Assicurarsi che l'unità sia collegata alla terra.
Per evitare scariche elettriche, assicurarsi che l'unità sia messa a terra e che il filo di terra
non sia collegato alle tubazioni del gas, dell'acqua, al cavo del parafulmine o alla messa
a terra del telefono.
„ Disporre il tubo di scarico in modo da assicurare uno scarico corretto. Se lo scarico
non avviene correttamente, potranno verificarsi fuoriuscite di acqua nell'edificio,
con conseguenti danni ai mobili, ecc.
„ Non lasciare che i bambini giochino nei pressi dell'unità esterna.
Nel caso in cui toccassero distrattamente l'unità potrebbero provocarsi lesioni.
„ Non posizionare sull'unità vasi di fiori o altri oggetti contenenti acqua.
L'acqua potrebbe penetrare all'interno dell'unità e provocare scariche elettriche o incendi.
200
Manuale d'istruzioni
SiT39-303
Precauzioni di sicurezza
„ Non esporre il regolatore alla luce diretta del sole.
Ciò può compromettere la riproduzione dei colori nel display LCD ed impedire la corretta
visualizzazione dei dati.
„ Non pulire il pannello operativo del regolatore con benzene, diluenti o panni
antipolvere trattati chimicamente, ecc.
Pericolo di decolorazione del pannello o di rimuovere il rivestimento. In caso di sporco
ostinato, impregnare un panno in una soluzione di detergente neutro e acqua, strizzare
bene e pulire il pannello. Quindi asciugare utilizzando un altro panno.
„ Non toccare le parti interne del regolatore.
Non rimuovere il pannello frontale. Alcune delle parti interne sono pericolose da toccare e si
potrebbero verificare malfunzionamenti dell'unità. Per controlli e regolazioni dei componenti
interni, contattare il proprio rivenditore di fiducia.
„ Non installare il regolatore in posizioni esposte all'acqua.
L'entrata di acqua all'interno nell'unità potrebbe provocare scariche elettriche o danni ai
componenti elettronici interni.
„ Non premere i pulsanti del telecomando con oggetti duri e appuntiti.
Ciò potrebbe danneggiare il telecomando.
„ Non tirare o torcere il cavo elettrico del telecomando.
In caso contrario, potrebbero verificarsi problemi di funzionamento dell'unità.
„ Non attivare il condizionatore durante l'utilizzo di insetticidi per fumigazione.
In caso contrario, potrebbe verificarsi un accumulo di sostanze chimiche all'interno dell'unità,
in grado di compromettere la salute di coloro che sono ipersensibili alle sostanze chimiche.
Manuale d'istruzioni
201
SiT39-303
Cosa fare prima di avviare l'unità
2. Cosa fare prima di avviare l'unità
Il presente manuale si riferisce ai seguenti sistemi dotati di telecomando standard. Prima di avviare
l'unità, contattare il proprio rivenditore Daikin per informazioni sulle funzioni applicabili al proprio
tipo e modello di sistema.
Se il proprio impianto dispone di un sistema di controllo personalizzato, informarsi presso
il proprio rivenditore Daikin di fiducia sul tipo di funzionamento utilizzato dal sistema.
Unità esterne
Selettore
raffreddamento/
riscaldamento
remoto
Serie con Inverter
serie RXYQ a pompa di calore
Serie a recupero di calore
serie REYQ a pompa di caore
Sì
No
Sì
No
Modalità di
funzionamento
„ Nome e funzione dei componenti
Serie RXYQ
Serie REYQ
1.
Unità esterna
2.
Unità interna
3.
Telecomando
4.
Aria in entrata
5.
Aria in uscita
6.
Unità BS (selezione diramazione)
7.
Selettore raffreddamento/riscaldamento remoto
(La figura a sinistra mostra i sistemi con commutatore
raffreddamento/riscaldamento remoto)
202
Manuale d'istruzioni
SiT39-303
Telecomando e selettore: Nome e funzione dei pulsanti e simboli a display
3. Telecomando e selettore: Nome e funzione dei
pulsanti e simboli a display
Serie RXYQ
Serie REYQ
1. Pulsante On/Off
Premendo il pulsante si accenderà l'unità. Per spegnere l'unità, premere nuovamente il pulsante.
2. Spia di funzionamento (rossa)
La spia si illumina durante il funzionamento.
3. Display "
" (cambio modalità disabilitato)
Quando è visualizzata questa icona, è impossibile passare dalla modalità riscaldamento
a quella raffreddamento.
4. Display " " (deflettore del flusso aria)
Consultare il capitolo "Procedura di funzionamento – Regolazione della direzione del
flusso d'aria".
Manuale d'istruzioni
203
Telecomando e selettore: Nome e funzione dei pulsanti e simboli a display
SiT39-303
5. Display "
" (ventilazione/depurazione aria)
Indica che lo scambiatore di calore totale e l'unità di depurazione dell'aria sono in funzione.
(Funzione opzionale).
6. Display "
" (temperatura impostata)
C
Indica la temperatura impostata.
7. Display " " " " "
" " " " " (modalità funzionamento)
Il display visualizza la modalità di funzionamento attuale.
8. Display " " (orario programmato)
Indica l'orario programmato di avvio o arresto del sistema.
9. Display "
TEST " (controllo/prova di funzionamento)
Premendo il pulsante controllo/prova di funzionamento, il display indicherà la modalità di
funzionamento attiva.
10. Display "
" (controllo centralizzato attivo)
Indica che l'unità è controllata da un telecomando centralizzato. (Questa non è una
caratteristica standard).
11. Display "
" (velocità ventilatore)
Indica la velocità del ventilatore selezionata.
12. Display "
" (pulizia periodica filtro aria)
(Consultare il manuale dell'unità interna).
13. Display "
" (Sbrinamento/Avviamento ad aria calda)
Consultare il capitolo "Procedura di funzionamento – Descrizione del riscaldamento".
14. Pulsante avvio/arresto modalità timer
Fare riferimento al capitolo "Procedura di funzionamento Avvio e arresto programmazione del sistema tramite timer".
15. Pulsante timer On/Off
Fare riferimento al capitolo "Procedura di funzionamento Avvio e arresto programmazione del sistema tramite timer".
16. Pulsante controllo/prova di funzionamento
Deve essere usato solo da personale tecnico qualificato a scopo di manutenzione.
17. Pulsante programmazione orario
Utilizzare questo pulsante per programmare l'orario di avvio e/o arresto.
18. Pulsante impostazione temperatura
Usare questo pulsante per impostare la temperatura desiderata.
19. Pulsante ripristino filtro
(Consultare il manuale dell'unità interna).
20. Pulsante controllo velocità ventilatore
Premere per selezionare la velocità del ventilatore desiderata.
21. Selettore modalità di funzionamento
Premere per selezionare la modalità di funzionamento desiderata.
22. Pulsante di regolazione della direzione del flusso di aria
Consultare il capitolo "Procedura di funzionamento – Regolazione della direzione del
flusso d'aria".
23. Selettore ventilazione/climatizzazione
Impostare il selettore su
"per il funzionamento in sola ventilazione o su "
" per
il funzionamento in riscaldamento o raffreddamento.
24. Selettore raffreddamento/riscaldamento
Impostare il selettore su "
" per il raffreddamento o su "
" per il riscaldamento.
Note:
204
„ Diversamente dalle situazioni operative reali, il display in Figura 1 mostra tutte le
indicazioni possibili.
„ Se l'indicatore pulizia filtro si accende, pulire il filtro dell'aria come illustrato nel manuale
dell'unità interna. Una volta pulito e reinstallato il filtro aria: premere il pulsante reset
segnale filtro sul telecomando. L'indicatore pulizia filtro si spegnerà.
„ Il telecomando BRC1A52
(per FXS, FXM, FXL, FXN) non visualizza il deflettore (4) e non dispone del pulsante
di regolazione direzione del flusso d'aria (22).
Manuale d'istruzioni
SiT39-303
Avvertenza
4. Avvertenza
4.1
Operazioni vietate
„ Non bagnare l'unità interna o il telecomando.
Non lavare l'unità esterna con acqua.
Tale eventualità potrebbe provocare scariche elettriche o incendi.
„ Non utilizzare spray infiammabili (lacche per capelli o vernici) nelle vicinanze
dell'unità.
Ciò potrebbe causare incendi.
„ Non toccare le uscite dell'aria o le alette orizzontali durante il funzionamento del
deflettore.
Le dita potrebbero restare incastrate oppure l'unità potrebbe subire danni.
„ Non sostituire un fusibile bruciato con uno di diverso amperaggio o con altri fili.
L'utilizzo di fili in rame o di altro tipo potrebbe causare gravi danni all'unità o incendi.
„ Non inserire oggetti nelle prese di aspirazione e uscita dell'aria.
Eventuali oggetti a contatto con il ventilatore durante il funzionamento ad alta velocità
potrebbero essere pericolosi.
„ Non rimuovere la protezione del ventilatore dell'unità esterna.
Un ventilatore che ruota ad alta velocità senza protezione è estremamente pericoloso.
„ Non premere i pulsanti del telecomando con oggetti duri e appuntiti.
Ciò potrebbe danneggiare il telecomando.
„ Non tirare o torcere il cavo elettrico del telecomando.
In caso contrario, potrebbero verificarsi problemi di funzionamento dell'unità.
„ Non tentare di controllare o riparare da soli l'unità.
Per eseguire tali operazioni, rivolgersi a personale tecnico qualificato.
„ Per evitare perdite di refrigerante, contattare il proprio rivenditore Daikin.
Qualora l'impianto fosse installato ed azionato in un ambiente piccolo, in caso di fuga di
refrigerante sarà necessario mantenere la concentrazione dello stesso sotto il limite stabilito.
In caso contrario, ciò inciderà sulla quantità d'ossigeno presente nella stanza provocando
gravi incidenti.
„ Prima di eseguire qualsiasi intervento di manutenzione, staccare tutte le sorgenti
di alimentazione.
Manuale d'istruzioni
205
SiT39-303
Campo di funzionamento
5. Campo di funzionamento
Per garantire un funzionamento sicuro ed efficace, utilizzare il sistema rispettando i limiti di
umidità e temperatura indicati di seguito.
RAFFREDDAMENTO
RISCALDAMENTO
Temperatura esterna
–5°~43 °CBS
–20°~21 °CBS
Temperatura interna
21°~32 °CBS
–20°~15,5 °CBU
15°~27 °CBS
14°~25 °CBS
Umidità interna
*
206
≤ 80 %*
Per evitare la formazione di condensa ed il gocciolamento della stessa dall'unità.
Se la temperatura o l'umidità non rientrano nei parametri previsti, interverranno i
dispositivi di sicurezza e il condizionatore verrà bloccato.
Manuale d'istruzioni
SiT39-303
Procedura di funzionamento
6. Procedura di funzionamento
„ La procedura di funzionamento varia secondo la combinazione di telecomando e unità
esterna. Vedere il capitolo "Cosa fare prima di avviare l'unità".
„ Al fine di proteggere l'unità, collegare l'interruttore principale di alimentazione 6 ore prima
della messa in funzione.
„ Se l'alimentazione principale viene interrotta mentre l'unità è in funzione, il funzionamento
riprenderà automaticamente quando verrà ricollegata l'alimentazione.
6.1
Funzionamento in raffreddamento, riscaldamento e
solo ventilazione
„ Non è possibile cambiare la modalità se il display del telecomando mostra "
"
(cambio modalità disabilitato).
„ Se il display "
" (cambio modalità disabilitato) lampeggia, consultare il capitolo
"Procedura di funzionamento – Impostazione del telecomando master".
„ È possibile selezionare il funzionamento automatico solamente sulla serie REYQ.
„ Dopo l'arresto del riscaldamento, il ventilatore potrebbe continuare a funzionare per circa
1 minuto.
„ La portata d'aria potrebbe auto-regolarsi secondo la temperatura dell'ambiente oppure il
ventilatore potrebbe arrestarsi immediatamente. Tale comportamento non indica un guasto.
Impianti senza selettore raffreddamento/riscaldamento remoto
Serie RXYQ
1
Nota:
Serie REYQ
Premere il selettore modalità di funzionamento più volte fino a selezionare la modalità
desiderata;
" " Modalità raffreddamento
" " Modalità riscaldamento
" " Funzionamento automatico
" " Funzionamento solo ventilazione
• Funzionamento automatico (solo REYQ)
In questa modalità di funzionamento, la commutazione/raffreddamento e riscaldamento viene
attivata automaticamente.
2
Premere l'interruttore On/Off.
La spia di funzionamento si illumina ed il sistema si avvia.
Impianti con selettore raffreddamento/riscaldamento remoto
1
Selezionare la modalità operativa utilizzando il selettore raffreddamento/riscaldamento
remoto come segue:
" " " " Modalità raffreddamento
Serie RXYQ
Manuale d'istruzioni
Serie REYQ
207
SiT39-303
Procedura di funzionamento
"
""
" Modalità riscaldamento
Serie RXYQ
"
" Funzionamento solo ventilazione
Serie RXYQ
2
Serie REYQ
Serie REYQ
Premere l'interruttore On/Off.
La spia di funzionamento si illumina ed il sistema si avvia.
Regolazione
Per programmare la temperatura, la velocità del ventilatore e la direzione del flusso d'aria
(solamente per il telecomando BRC1A51: FXC, FXF, FXH, FXK, FXA), seguire la procedura
illustrata in basso.
3
Nota:
Premere il pulsante di impostazione della temperatura e programmare la temperatura desiderata.
Ogni volta che si preme questo pulsante, la temperatura impostata aumenta o
diminuisce di 1 °C.
„ Impostare una temperatura compresa nell'intervallo di funzionamento.
„ Non è possibile eseguire l'impostazione della temperatura in caso di modalità di
funzionamento solo ventilazione.
4
Premere il pulsante di controllo della velocità del ventilatore e selezionare la velocità desiderata.
5
Premere il pulsante di regolazione della direzione del flusso d'aria.
Consultare il capitolo "Regolazione della direzione del flusso d'aria" per ulteriori informazioni.
Come arrestare il sistema
6
Premere ancora il pulsante On/Off.
La spia di funzionamento si spegne, e il sistema si arresta.
Nota:
„ Aspettare almeno 5 minuti dopo l'arresto dell'unità prima di togliere l'alimentazione.
Descrizione della modalità riscaldamento
Funzionamento in sbrinamento
„ In modalità riscaldamento, aumenta il grado di congelamento della batteria dell'unità esterna.
La capacità di riscaldamento diminuisce e il sistema entra in modalità sbrinamento.
„ Il ventilatore dell'unità interna si arresta e sul display del telecomando viene visualizzato
"
".
„ Dopo aver eseguito lo sbrinamento per un massimo di 10 minuti, l'impianto ritorna
in modalità riscaldamento.
Avviamento ad aria calda
„ Per evitare l'uscita di aria fredda dall'unità interna all'avvio del riscaldamento, il ventilatore
della stessa si arresta automaticamente. Sul display del telecomando viene visualizzato
"
".
208
Manuale d'istruzioni
SiT39-303
6.2
Procedura di funzionamento
Programma deumidificazione
„ La funzione di questo programma è di ridurre l'umidità nell'ambiente con un abbassamento
minimo della temperatura.
„ Un microcomputer rileva automaticamente la temperatura e la velocità del ventilatore.
„ Il sistema non entra in funzione se la temperatura dell'ambiente è bassa.
Impianti senza selettore raffreddamento/riscaldamento remoto
Serie RXYQ
Serie REYQ
1
2
Premere il selettore modalità di funzionamento più volte fino a selezionare
(programma deumidificazione).
.
Premere il pulsante On/Off
La spia di funzionamento si illumina ed il sistema si avvia.
Premere il pulsante per la regolazione del flusso d'aria (solo per FXC, FXF, FXH, FXK, FXA).
Consultare il capitolo "Regolazione della direzione del flusso d'aria" per ulteriori informazioni.
Come arrestare il sistema
Premere ancora il pulsante On/Off.
4
La spia funzionamento si spegne, e il sistema si arresta.
3
Nota:
„ Aspettare almeno 5 minuti dopo l'arresto dell'unità prima di togliere l'alimentazione.
Impianti con selettore raffreddamento/riscaldamento remoto
Serie RXYQ
Serie REYQ
1
2
3
Selezionare la modalità raffreddamento utilizzando il selettore raffreddamento/
riscaldamento remoto.
Premere il selettore modalità di funzionamento più volte fino a selezionare deumidificazione "
".
Premere il pulsante On/Off
La spia di funzionamento si illumina ed il sistema si avvia.
Premere il pulsante per la regolazione del flusso d'aria (solo per FXC, FXF, FXH, FXK, FXA).
Consultare il capitolo "Regolazione della direzione del flusso d'aria" per ulteriori informazioni.
Come arrestare il sistema
Premere ancora il pulsante On/Off.
5
La spia funzionamento si spegne, e il sistema si arresta.
4
Nota:
Manuale d'istruzioni
„ Aspettare almeno 5 minuti dopo l'arresto dell'unità prima di togliere l'alimentazione.
209
SiT39-303
Procedura di funzionamento
6.3
Regolazione della direzione del flusso d'aria (solo per
unità a due vie, a più vie, tipo corner, pensile a soffitto
e a parete)
Serie RXYQ
1
2
Serie REYQ
Premere il pulsante direzione flusso aria per selezionare la direzione dell'aria.
La visualizzazione a display del deflettore oscillerà come illustrato sotto e la direzione
dell'aria
varierà in continuazione. (Impostazione oscillazione automatica)
Premere il pulsante di regolazione direzione flusso aria per selezionare la direzione
dell'aria desiderata.
L'icona del deflettore arresterà l'oscillazione e la direzione dell'aria sarà fissa.
(Impostazione fissa della direzione del flusso d'aria)
Movimento del deflettore del flusso aria
A due vie e a più vie
Angolo
Tipo pensile a soffitto
Unità a parete
Nelle seguenti condizioni, il microcomputer controlla la direzione del flusso d'aria, quindi i dati
a display possono non rispecchiare il funzionamento effettivo dell'unità.
RAFFREDDAMENTO
RISCALDAMENTO
• All'avviamento.
• Temperatura ambiente più alta
della temperatura impostata.
• Funzione di sbrinamento attivata.
• Con funzionamento continuo e direzione orizzontale del flusso d'aria.
• Se una unità a soffitto o a parete è in funzionamento continuo con flusso
d'aria verso il basso in modalità raffreddamento, il microcomputer potrebbe
controllare la direzione del flusso; in tal caso l'indicazione sul telecomando
cambierà.
È possibile regolare la direzione del flusso d'aria in una delle maniere seguenti.
„ Il deflettore regola la propria posizione da sé.
„ La direzione del flusso d'aria può essere fissata dall'utente.
„ Posizione automatica "
" e posizione desiderata" ".
Note:
210
„ È possibile impostare i limiti di movimento del deflettore. Per maggiori dettagli consultare il
rivenditore Daikin di zona. (Solo per unità a due vie, a più vie, ad angolo, pensile a soffitto e
pensile a parete).
„ Evitare il funzionamento in direzione orizzontale "
" Potrebbe soffiare polvere o
condensa sul soffitto.
Manuale d'istruzioni
SiT39-303
6.4
Procedura di funzionamento
Avvio e arresto programmazione del sistema tramite timer
„ Le modalità di funzionamento del timer sono le seguenti:
Programmazione dell'ora di arresto "
". Il sistema arresta l'unità allo scadere del
periodo di tempo impostato.
Programmazione dell'ora di avvio "
". Il sistema avvia l'unità allo scadere del periodo
di tempo impostato.
„ Il timer può essere programmato fino ad un massimo di 72 ore.
„ È possibile programmare contemporaneamente l'ora di avvio e quella di arresto.
Serie RXYQ
1
Premere più volte il pulsante avvio/arresto e selezionare la modalità sul display.
Il display lampeggia.
• Per impostare l'arresto tramite timer "
"
• Per impostare l'avvio tramite timer "
"
2
Premere il pulsante programmazione timer e impostare l'orario di arresto o avvio del sistema.
Ad ogni pressione di questo pulsante, l'orario impostato aumenta o diminuisce di 1 ora.
3
Note:
Serie REYQ
Premere l'interruttore On/Off.
La procedura di impostazione timer è conclusa. La segnalazione "
a display passa da lampeggiante a fissa.
"o"
"
„ Per impostare il l'avvio e l'arresto tramite timer contemporaneamente, ripetere la procedura
descritta da " 1 " a " 3 ".
„ Dopo la programmazione del timer, il display indicherà il tempo residuo.
„ Premere di nuovo il pulsante timer on/off per annullare la programmazione. L'indicazione
a display scompare.
Per esempio:
Se il timer viene programmato per arrestare il sistema dopo 3 ore e riavviarlo dopo 4 ore, questo
si arresterà dopo 3 ore per poi riavviarsi 1 ora più tardi.
Serie RXYQ
Manuale d'istruzioni
Serie REYQ
211
SiT39-303
Procedura di funzionamento
6.5
Impostazione del telecomando Master
„ Dopo aver installato il sistema, è necessario impostare uno dei telecomandi come master.
Serie RXYQ
Se un'unità esterna è collegata a più unità interne.
Serie REYQ
„ Solo il telecomando master potrà selezionare la modalità riscaldamento, raffreddamento o
automatica (solo per serie REYQ).
„ I display dei telecomandi slave visualizzano "
" (cambio modalità disabilitato) e
seguono automaticamente la modalità di funzionamento impostata sul telecomando master.
È tuttavia possibile selezionare la modalità deumidificazione tramite i telecomandi slave, se il
telecomando master è impostato sulla modalità raffreddamento.
Come assegnare il telecomando master
Serie RXYQ
212
Serie REYQ
1
Premere il selettore modalità di funzionamento del telecomando master corrente per 4 secondi.
L'indicazione "
" (cambio modalità disabilitato) lampeggerà su tutti i
telecomandi slave collegati alla stessa unità esterna o unità BS.
2
Premere il selettore modalità di funzionamento nel telecomando che si desidera impostare
come master. L'impostazione è completata. Questo telecomando è impostato come master
e scomparirà l'indicazione "
" (cambio modalità disabilitato).
I display degli altri telecomandi visualizzeranno l'indicazione "
" (cambio
modalità disabilitato).
Manuale d'istruzioni
SiT39-303
6.6
Procedura di funzionamento
Precauzioni per sistema di controllo di gruppo o sistema
di controllo a due telecomandi
Il sistema dispone di due diversi metodi di controllo oltre a quello individuale (= ogni telecomando
controlla un'unità interna) Leggere le seguenti istruzioni se l'unità è configurata per i di sistemi di
controllo sottoindicati.
„ Sistema di controllo di gruppo
Un telecomando controlla fino a 16 unità interne. Tutte le unità interne sono impostate allo
stesso modo.
„ Sistema con due telecomandi
Due telecomandi controllano un'unità interna (in caso di sistema di controllo di gruppo,
un gruppo di unità interne). L'unità viene azionata singolarmente.
Nota:
Manuale d'istruzioni
„ Contattare il rivenditore Daikin in caso di cambiamento della combinazione di unità o
dell'impostazione di controllo di gruppo o con due telecomandi.
213
Funzionamento ottimale
SiT39-303
7. Funzionamento ottimale
Per assicurare il corretto funzionamento del sistema, attenersi alle indicazioni seguenti.
„ Regolare l'uscita dell'aria in maniera corretta ed evitare che il flusso d'aria investa direttamente
gli occupanti dell'ambiente.
„ Regolare la temperatura in maniera da ottenere un ambiente confortevole. Evitare un
raffreddamento o un riscaldamento eccessivi.
„ Evitare che la luce diretta del sole entri nell'ambiente durante il raffreddamento utilizzando
tende o persiane.
„ Ventilare spesso.
L'utilizzo prolungato richiede una particolare attenzione alla ventilazione.
„ Tenere chiuse porte e finestre. Qualora la porta o le finestre rimanessero aperte, l'aria uscirà
dall'ambiente diminuendo l'effetto del raffreddamento o del riscaldamento.
„ Non posizionare oggetti nelle vicinanze degli ingressi o delle uscite dell'aria dell'unità.
Gli effetti del condizionamento potrebbero diminuire o l'unità arrestarsi.
„ Scollegare l'unità dalla tensione di rete se non viene usata per periodi di tempo prolungati.
Un interruttore sotto tensione assorbe eletticità. Per assicurare il corretto funzionamento
dell'unità, portare l'interruttore principale su On 6 ore prima di rimetterla in funzione.
(Consultare il capitolo "Manutenzione" del manuale dell'unità interna.)
„ Quando il display visualizza "
" (pulizia periodica filtro), contattare un tecnico qualificato
per pulire i filtri. (Consultare il capitolo "Manutenzione" del manuale dell'unità interna.)
„ Tenere l'unità interna e il telecomando ad almeno 1 m di distanza da televisioni, radio,
stereo e altre attrezzature simili.
In caso contrario si potrebbe verificare un accumulo di elettricità statica o distorsione
delle immagini.
„ Non posizionare sotto l'unità interna oggetti che potrebbero danneggiarsi al contatto con l'acqua.
Se il grado di umidità fosse superiore all'80 % oppure in caso di blocco dell'uscita di scarico
si potrebbe formare condensa.
214
Manuale d'istruzioni
SiT39-303
Problemi che non indicano guasti del condizionatore d'aria
8. Problemi che non indicano guasti del
condizionatore d'aria
8.1
Il sistema non funziona
„ Il condizionatore d'aria non si avvia immediatamente dopo aver premuto il pulsante
ON/OFF sul telecomando.
Se la spia di funzionamento si accende, il sistema è in condizioni normali.
Per evitare un sovraccarico del motore del compressore, il condizionatore d'aria si avvia
5 minuti dopo l'attivazione nel caso fosse stato disattivato poco prima. Lo stesso ritardo
all'avvio si verifica dopo aver premuto il selettore modalità di funzionamento.
„ Se viene visualizzato "Controllo centralizzato" sul telecomando e premendo l'interruttore
di funzionamento il display lampeggia per alcuni secondi.
Ciò indica che un dispositivo centralizzato controlla l'unità.
La segnalazione lampeggiante indica che non è possibile usare il telecomando.
„ L'impianto non si avvia subito dopo aver acceso l'alimentazione.
Il microcomputer impiega un minuto ad essere pronto per il funzionamento.
8.2
Non è possibile commutare tra raffreddamento e
riscaldamento
„ Se "
" viene visualizzato sul display (cambio modalità disabilitato),
significa che il telecomando è un telecomando slave.
„ Se è installato il selettore raffreddamento/riscaldamento remoto e sul display
è visualizzato "
" (cambio modalità disabilitato).
La commutazione tra raffreddamento e riscaldamento è controllata dal selettore raffreddamento/
riscaldamento remoto. Chiedere al proprio rivenditore Daikin la posizione d'installazione del
selettore remoto.
8.3
La ventilazione funziona, il raffreddamento e il
riscaldamento no.
„ Subito dopo l'accensione.
Il microcomputer si sta preparando al funzionamento. Attendere 10 minuti.
8.4
La potenza del ventilatore non corrisponde alle
impostazioni
„ La potenza del ventilatore non cambia anche premendo il pulsante di regolazione
della potenza del ventilatore.
Durante il riscaldamento, quando l'ambiente raggiunge la temperatura impostata,
l'unità esterna si arresta e l'unità interna porta la potenza del ventilatore al minimo.
Ciò accade per evitare che l'aria fredda venga soffiata direttamente sugli occupanti
dell'ambiente.
La potenza del ventilatore non cambia anche se si preme il pulsante, se un'altra unità
interna sta riscaldando.
8.5
La direzione del ventilatore non corrisponde alle
impostazioni
„ La direzione del ventilatore non corrisponde a quella visualizzata sul telecomando.
La direzione del ventilatore non oscilla.
L'unità è controllata dal microcomputer.
Manuale d'istruzioni
215
Problemi che non indicano guasti del condizionatore d'aria
8.6
SiT39-303
Dall'unità fuoriesce una nebbia biancastra
Unità interna
„ In caso di alto tasso di umidità durante il raffreddamento.
Se l'interno di un'unità interna è estremamente contaminato, la distribuzione della temperatura
all'interno di un ambiente diventa non uniforme. È necessario pulire l'interno dell'unità interna.
Consultare il proprio rivenditore Daikin per ulteriori informazioni sulla pulizia interna dell'unità.
Tale operazione deve essere eseguita da personale tecnico qualificato.
„ Subito dopo l'arresto del raffreddamento e in caso di bassa umidità e temperatura
dell'ambiente.
Il gas refrigerante caldo ritorna nell'unità interna e genera vapore.
Unità interna, unità esterna
„ Quando l'impianto è commutato su riscaldamento dopo aver eseguito lo sbrinamento.
L'umidità generata dallo sbrinamento si trasforma in vapore e viene espulsa.
8.7
Suoni emessi dai condizionatori d'aria
Unità interna
„ Subito dopo l'accensione dell'alimentazione, si avverte un sibilo.
Tale suono si avverte quando si avvia la valvola elettronica di espansione all'interno
dell'unità interna. Dopo circa un minuto il volume di tale suono si ridurrà.
„ Quando è in raffreddamento o in arresto, il sistema emette un suono basso e continuo.
Tale suono è generato dalla pompa di sollevamento condensa (opzionale) quando è in funzione.
„ Quando si arresta al termine del riscaldamento, il sistema emette un cigolio.
Tale suono è generato dall'espansione e dalla contrazione delle parti in plastica causate dal
cambio della temperatura.
„ Quando l'unità interna si arresta, si avverte un suono basso e ripetitivo.
Tale suono si avverte quando l'altra unità interna è in funzione. Per evitare che l'olio e il
refrigerante rimangano nell'impianto, una piccola quantità di refrigerante continua a circolare.
Unità interna, unità esterna
„ Quando è in modalità raffreddamento o sbrinamento, il sistema emette un sibilo
basso e continuo.
È il suono emesso dal flusso di refrigerante nelle unità interne ed esterne.
„ All'avvio o subito dopo l'arresto del funzionamento o dello sbrinamento, si avverte
un sibilo.
Tale suono si avverte quando il flusso di refrigerante cambia o si arresta.
8.8
Dall'unità esce polvere
„ L'unità viene riutilizzata dopo un lungo periodo di fermo.
La polvere è penetrata nell'unità.
Unità esterna
„ Il tono del rumore di funzionamento cambia.
Il rumore è causato dal cambio di frequenza.
8.9
L'unità emette odori
„ L'unità potrebbe assorbire gli odori degli ambienti, dei mobili, delle sigarette, ecc. e
rilasciarli in seguito.
8.10 Il ventilatore dell'unità esterna non gira
„ Durante il funzionamento.
La velocità del ventilatore è controllata per ottimizzare il funzionamento.
216
Manuale d'istruzioni
SiT39-303
Problemi che non indicano guasti del condizionatore d'aria
8.11 Il display visualizza “88”
„ Ciò si verifica subito dopo l'accensione dell'alimentazione principale e significa che
il telecomando funziona regolarmente. Il numero viene visualizzato per un minuto.
8.12 Il compressore dell'unità esterna non si arresta dopo
un breve periodo di riscaldamento
„ Per evitare che olio e refrigerante rimangano nel compressore. L'unità si arresterà
dopo 5-10 minuti.
8.13 L'interno di un'unità esterna è caldo anche se l'unità
si è arrestata
„ Il riscaldatore del carter sta riscaldando il compressore, in modo che lo stesso si avvi
senza problemi.
Manuale d'istruzioni
217
SiT39-303
Localizzazione guasti
9. Localizzazione guasti
Se si verifica una delle seguenti anomalie di funzionamento, prendere le misure indicate
di seguito e contattare il proprio rivenditore Daikin.
Il sistema deve essere riparato da un tecnico qualificato.
„ Se un dispositivo come un fusibile, un interruttore automatico o un differenziale scattano
frequentemente, o se l'interruttore On/Off non funziona correttamente.
Misura: Portare l'interruttore principale in posizione Off.
„ Se l'unità perde acqua;
Misura: Arrestare il funzionamento.
„ Se il display visualizza "
TEST " Nr. unità. e se la spia di funzionamento lampeggia e
compare il codice di errore;
Serie RXYQ
1.
2.
3.
4.
Serie REYQ
Display di diagnostica
N. unità interna che presenta un guasto
Spia di funzionamento
Codice di errore
Misura: Avvisare il proprio rivenditore Daikin e comunicargli il codice di errore.
Se l'impianto non funziona regolarmente, eccetto i casi sopra menzionati e nessuno
dei guasti di cui sopra è evidente, ispezionare l'impianto in conformità alla seguente
procedura.
1. Se l'impianto non funziona;
„ Verificare che non manchi la corrente.
Attendere fino al ripristino dell'erogazione. Se l'interruzione si verifica durante il funzionamento,
l'impianto si riavvierà automaticamente non appena riprende l'erogazione.
„ Verificare che nessun fusibile sia bruciato o che l'interruttore automatico si sia attivato.
Cambiare il fusibile o riportare l'interruttore nella posizione precedente.
2. Se l'impianto funziona solamente in ventilazione ma si arresta non appena si avvia il
funzionamento in riscaldamento o raffreddamento;
„ Verificare che l'ingresso o l'uscita dell'aria dell'unità interna o esterna non siano bloccate
da ostacoli.
Rimuovere tali ostacoli per ripristinare la corretta ventilazione.
„ Verificare se il telecomando visualizza "
" (pulizia periodica filtro aria). (Consultare il
capitolo "Manutenzione" del manuale dell'unità interna.)
3. L'impianto funziona ma il raffreddamento o il riscaldamento sono insufficienti;
„ Verificare che l'ingresso o l'uscita dell'aria dell'unità interna o esterna non siano bloccate
da ostacoli.
Rimuovere tali ostacoli per ripristinare la corretta ventilazione.
„ Verificare l'eventuale intasamento del filtro aria. (Consultare il capitolo "Manutenzione" del
manuale dell'unità interna.)
„ Controllare le impostazioni della temperatura.
„ Verificare l'impostazione della velocità del ventilatore sul telecomando.
„ Verificare che non vi siano porte o finestre aperte. Chiuderle per evitare l'ingresso del vento.
„ Verificare che nell'ambiente non siano presenti troppe persone durante il raffreddamento.
218
Manuale d'istruzioni
SiT39-303
Localizzazione guasti
„ Verificare che l'eventuale fonte di calore dell'ambiente non sia eccessiva.
„ Verificare che l'ambiente non sia esposto direttamente alla luce del sole.
Utilizzare tende o persiane.
„ Verificare che l'angolazione del flusso d'aria sia corretta.
Manuale d'istruzioni
219
Localizzazione guasti
220
SiT39-303
Manuale d'istruzioni
SiT39-303
Sezione 4
Precauzioni per l'uso
del nuovo
refrigerante (R410A)
1. Precauzioni per l'uso del nuovo refrigerante (R410A).........................222
1.1 Descrizione...........................................................................................222
1.2 Bombole di refrigerante ........................................................................224
1.3 Attrezzatura utilizzata per la manutenzione .........................................225
Precauzioni per l'uso del nuovo refrigerante (R410A)
221
SiT39-303
Precauzioni per l'uso del nuovo refrigerante (R410A)
1. Precauzioni per l'uso del nuovo refrigerante (R410A)
1.1
Descrizione
1.1.1 Informazioni sul refrigerante R410A
„ Caratteristiche del nuovo refrigerante R410A
1. Prestazioni
Simili al refrigerante R22 e R407C
2. Pressione
La pressione di esercizio è di circa 1,4 volte superiore rispetto al refrigerante R22 e R407C.
3. Composizione del refrigerante
Pochi problemi nel controllo della composizione in quanto si tratta di una miscela di refrigeranti
quasi azeotropica.
Unità con HFC (unità che utilizzano
i nuovi refrigeranti)
Nome refrigerante
R407C
R410A
Miscela non azeotropica Miscela quasi
Composizione
di HFC32, HFC125
azeotropica di HFC32
e HFC134a (*1)
e JFC125 (*1)
3,2Mpa (pressione
3,80Mpa (pressione
Pressione di
manometrica) =
manometrica) =
progetto
32,6 kgf/cm2
38,7 kgf/cm2
Olio lubrificante
Olio sintetico (a base di etere)
Fattore distruzione
0
0
ozono (ODP)
Combustibilità
Nessuno
Nessuno
Tossicità
Nessuno
Nessuno
Unità con HCFC
R22
Refrigerante
monocomponente
2,75MPa (pressione
manometrica) =
28,0 kgf/cm2
Olio minerale (Suniso)
0,05
Nessuno
Nessuno
H1. Refrigerante di miscela non azeotropica: miscela composta da due o più refrigeranti con
punti di ebollizione diversi.
H2. Refrigerante di miscela quasi azeotropica: miscela composta da due o più refrigeranti con
punti di ebollizione simili.
H3. La pressione di progetto è diversa per ciascun prodotto. Fare riferimento al manuale di
installazione di ciascun prodotto.
(Riferimento) 1Mpa
1 0,19716 kgf/cm2
/kg
g
2
1
01
01
m3
3/k
0
0,
01
0
0,
3
01 014 015
0,0 0,0 0,0
2m
0,00
3/kg
0,0
0,0
0
09
5m
m3
m3
/kg
009
0,0
08 m
3/kg
0,00
075
0,00
0,0
008
5
m3/k
g
/kg
0,00
07 m
3
10,0
/kg
HFC -32/125 (50/50 peso %)
20,0
0,005
m3/kg
5,0
0,01 m
0,02 m3/
2,0
p / MPa
3/kg
1,0
kg
kg
0,05 m3/
0,5
0,1 m3/
0,2
0,2 m3/
kg
kg
0,1
0,5 m3/
kg
0,05
1 m3/kg
0,02
50
150
1,0
5 m3/kg
250
300
350
400
h/
450
500
550
9
2,
2,8
2,7
2,6
2,5
2,4
2,3
2,2
2,1
1,9
2,0
1,7
1,8
1,6
1,5
kJ/k
g·K)
0,9
0,8
0,7
0,6
0,5
200
1,4
1,3
1,2
1,1
0,9
1,0 kJ/kg
·K)
0,3
0,2
0,1
100
0,8
0,7
0,005
0,6
0,5 kJ/kg·K)
x=0
,0
0,01
0,4
2 m3/kg
10 m3/kg
600
650
kJ·kg-1
Curve pressione-entalpia di HFC-32/125 (50/50 peso %)
222
Precauzioni per l'uso del nuovo refrigerante (R410A)
SiT39-303
Precauzioni per l'uso del nuovo refrigerante (R410A)
„ Caratteristiche termodinamiche dell'R410A
DAIREP ver2.0
Temperatura
(°C)
Pressione di vapore
(kPa)
Liquido Vapore
Densità
(kg/m3)
Liquido Vapore
Calore specifico a
pressione
costante (kJ/kgK)
Liquido Vapore
Entalpia specifica
(kJ/kg)
Liquido Vapore
Entropia specifica
(kJ/kg)
Liquido Vapore
-70
-68
-66
-64
-62
-60
-58
-56
-54
-52
36,13
40,83
46,02
51,73
58,00
64,87
72,38
80,57
89,49
99,18
36,11
40,80
45,98
51,68
57,94
64,80
72,29
80,46
89,36
99,03
1410,7
1404,7
1398,6
1392,5
1386,4
1380,2
1374,0
1367,8
1361,6
1355,3
1,582
1,774
1,984
2,213
2,463
2,734
3,030
3,350
3,696
4,071
1,372
1,374
1,375
1,377
1,378
1,379
1,380
1,382
1,384
1,386
0,695
0,700
0,705
0,710
0,715
0,720
0,726
0,732
0,737
0,744
100,8
103,6
106,3
109,1
111,9
114,6
117,4
120,1
122,9
125,7
390,6
391,8
393,0
394,1
395,3
396,4
397,6
398,7
399,8
400,9
0,649
0,663
0,676
0,689
0,702
0,715
0,728
0,741
0,754
0,766
2,074
2,066
2,058
2,051
2,044
2,037
2,030
2,023
2,017
2,010
-51,58
101,32
101,17
1354,0
4,153
1,386
0,745
126,3
401,1
0,769
2,009
-50
-48
-46
-44
-42
-40
38
-36
-34
-32
109,69
121,07
133,36
146,61
160,89
176,24
192,71
210,37
229,26
249,46
109,51
120,85
133,11
146,32
160,55
175,85
192,27
209,86
228,69
248,81
1349,0
1342,7
1336,3
1330,0
1323,5
1317,0
1310,5
1304,0
1297,3
1290,6
4,474
4,909
5,377
5,880
6,419
6,996
7,614
8,275
8,980
9,732
1,388
1,391
1,394
1,397
1,401
1,405
1,409
1,414
1,419
1,424
0,750
0,756
0,763
0,770
0,777
0,785
0,792
0,800
0,809
0,817
128,5
131,2
134,0
136,8
139,6
142,4
145,3
148,1
150,9
153,8
402,0
403,1
404,1
405,2
406,2
407,3
408,3
409,3
410,2
411,2
0,779
0,791
0,803
0,816
0,828
0,840
0,852
0,864
0,875
0,887
2,004
1,998
1,992
1,987
1,981
1,976
1,970
1,965
1,960
1,955
-30
-28
-26
-24
-22
-20
-18
-16
-14
-12
271,01
293,99
318,44
344,44
372,05
401,34
432,36
465,20
499,91
536,58
270,28
293,16
317,52
343,41
370,90
400,06
430,95
463,64
498,20
534,69
1283,9
1277,1
1270,2
1263,3
1256,3
1249,2
1242,0
1234,8
1227,5
1220,0
10,53
11,39
12,29
13,26
14,28
15,37
16,52
17,74
19,04
20,41
1,430
1,436
1,442
1,448
1,455
1,461
1,468
1,476
1,483
1,491
0,826
0,835
0,844
0,854
0,864
0,875
0,886
0,897
0,909
0,921
156,6
159,5
162,4
165,3
168,2
171,1
174,1
177,0
180,0
182,9
412,1
413,1
414,0
414,9
145,7
416,6
417,4
418,2
419,0
419,8
0,899
0,911
0,922
0,934
0,945
0,957
0,968
0,980
0,991
1,003
1,950
1,946
1,941
1,936
1,932
1,927
1,923
1,919
1,914
1,910
-10
-8
-6
-4
-2
0
2
4
6
8
575,26
616,03
658,97
704,15
751,64
801,52
853,87
908,77
966,29
1026,5
573,20
613,78
656,52
701,49
748,76
798,41
850,52
905,16
962,42
1022,4
1212,5
1204,9
1197,2
1189,4
1181,4
1173,4
1165,3
1157,0
1148,6
1140,0
21,86
23,39
25,01
26,72
28,53
30,44
32,46
34,59
36,83
39,21
1,499
1,507
1,516
1,524
1,533
1,543
1,552
1,563
1,573
1,584
0,933
0,947
0,950
0,975
0,990
1,005
1,022
1,039
1,057
1,076
185,9
189,0
192,0
195,0
198,1
201,2
204,3
207,4
210,5
213,7
420,5
421,2
421,9
422,6
423,2
423,8
424,4
424,9
425,5
425,9
1,014
1,025
1,036
1,048
1,059
1,070
1,081
1,092
1,103
1,114
1,906
1,902
1,898
1,894
1,890
1,886
1,882
1,878
1,874
1,870
10
12
14
16
18
20
22
24
26
28
1089,5
1155,4
1224,3
1296,2
1371,2
1449,4
1530,9
1615,8
1704,2
1796,2
1085,1
1150,7
1219,2
1290,8
1365,5
1443,4
1524,6
1609,2
1697,2
1788,9
1131,3
1122,5
1113,5
1104,4
1095,1
1085,6
1075,9
1066,0
1055,9
1045,5
41,71
44,35
47,14
50,09
53,20
56,48
59,96
63,63
67,51
71,62
1,596
1,608
1,621
1,635
1,650
1,666
1,683
1,701
1,721
1,743
1,096
1,117
1,139
1,163
1,188
1,215
1,243
1,273
1,306
1,341
216,8
220,0
223,2
226,5
229,7
233,0
236,4
239,7
243,1
246,5
426,4
426,8
427,2
427,5
427,8
428,1
428,3
428,4
428,6
428,6
1,125
1,136
1,147
1,158
1,169
1,180
1,191
1,202
1,214
1,225
1,866
1,862
1,859
1,855
1,851
1,847
1,843
1,839
1,834
1,830
30
32
34
36
38
40
42
44
46
48
1891,9
1991,3
2094,5
2201,7
2313,0
2428,4
2548,1
2672,2
2800,7
2933,7
1884,2
1983,2
2086,2
2193,1
2304,0
2419,2
2538,6
2662,4
2790,7
2923,6
1034,9
1024,1
1012,9
1001,4
989,5
977,3
964,6
651,4
937,7
923,3
75,97
80,58
85,48
90,68
96,22
102,1
108,4
115,2
122,4
130,2
1,767
1,793
1,822
1,855
1,891
1,932
1,979
2,033
2,095
2,168
1,379
1,420
1,465
1,514
1,569
1,629
1,696
1,771
1,857
1,955
249,9
253,4
256,9
260,5
264,1
267,8
271,5
275,3
279,2
283,2
428,6
428,6
428,4
428,3
428,0
427,7
427,2
426,7
426,1
425,4
1,236
1,247
1,258
1,269
1,281
1,292
1,303
1,315
1,327
1,339
1,826
1,822
1,817
1,813
1,808
1,803
1,798
1,793
1,788
1,782
50
52
54
56
58
60
62
64
3071,5
3214,0
3361,4
3513,8
3671,3
3834,1
4002,1
4175,7
3061,2
3203,6
3351,0
3503,5
3661,2
3824,2
3992,7
4166,8
908,2
892,2
875,1
856,8
836,9
814,9
790,1
761,0
138,6
147,7
157,6
168,4
180,4
193,7
208,6
225,6
2,256
2,362
2,493
2,661
2,883
3,191
3,650
4,415
2,069
2,203
2,363
2,557
2,799
3,106
3,511
4,064
287,3
291,5
295,8
300,3
305,0
310,0
315,3
321,2
424,5
423,5
422,4
421,0
419,1
417,6
415,5
413
1,351
1,363
1,376
1,389
1,403
1,417
1,433
1,450
1,776
1,770
1,764
1,757
1,749
1,741
1,732
1,722
Precauzioni per l'uso del nuovo refrigerante (R410A)
223
SiT39-303
Precauzioni per l'uso del nuovo refrigerante (R410A)
1.2
Bombole di refrigerante
„ Specifiche delle bombole
2 La bombola è verniciata con colore indicativo del refrigerante contenuto (rosa).
2 La valvola della bombola è fornita di tubo sifone.
Tubo sifone
Cilindro
Quando il cilindro è in posizione eretta il refrigerante può
essere caricato allo stato liquido.
Attenzione: Non appoggiare il cilindro su un fianco durante la carica. Il
refrigerante allo stato gassoso entrerebbe nel sistema.
„ Movimentazione delle bombole
(1) Leggi e regolamenti
l'R410A è un gas liquefatto, pertanto la movimentazione delle bombole deve avvenire in
conformità alle leggi sulla sicurezza dei gas ad alta pressione. Prima dell'utilizzo, consultare
le disposizioni della legge sulla sicurezza dei gas ad alta pressione.
La legge stabilisce norme e regolamenti da rispettare per evitare incidenti durante l'utilizzo
di gas ad alta pressione. Rispettare i regolamenti.
(2) Movimentazione dei recipienti
Essendo un gas ad alta pressione, R410A è conservato in recipienti ad alta pressione.
I recipienti ad alta pressione sono robusti e durevoli; tuttavia un utilizzo negligente degli
stessi potrebbe danneggiarli e quindi provocare incidenti imprevisti. Non far cadere i
recipienti, colpirli o farli rotolare sul terreno.
(3) Conservazione
Il gas R410A non è infiammabile, tuttavia è bene conservare lo stesso in locali adeguatamente
ventilati, freschi ed al riparo dalla luce esattamente come qualsiasi altro gas ad alta pressione.
I recipienti ad alta pressione sono forniti di dispositivi di sicurezza che, al superamento di
una determinata temperatura ambiente (che determina la fusione del tappo fusibile) o di
una determinata pressione (entra in funzione la valvola di sicurezza a molla), rilasciano
gas nell'ambiente.
224
Precauzioni per l'uso del nuovo refrigerante (R410A)
SiT39-303
1.3
Precauzioni per l'uso del nuovo refrigerante (R410A)
Attrezzatura utilizzata per la manutenzione
L'R410A è utilizzato con pressioni di esercizio più elevate rispetto ai refrigeranti precedenti
(R22,R407C). Inoltre per l'olio lubrificante della macchina si è passati dal Suniso ad un olio
a base di etere: in caso di miscelazione dei due tipi di oli si avrà la formazione di fanghi nel
refrigerante che possono provocare vari problemi. Pertanto i gruppi manometrici e i tubi flessibili
di carica utilizzati per i refrigeranti precedenti (R22,R407C) non possono più essere utilizzati
con le unità che utilizzano i nuovi refrigeranti.
Usare unicamente l'attrezzatura e i dispositivi appositi.
„ Compatibilità dell'attrezzatura
Attrezzo
Compatibilità
HFC
HCFC
R410A
R407C
R22
Gruppo manometrico
Tubo di carica
5
Cilindro di carica
5
{
Rivelatore di gas
{
5
Pompa a vuoto
(pompa con funzione
di prevenzione
inversione flusso)
Strumento di pesatura
{
2Non utilizzare gli stessi attrezzi
utilizzati per i refrigeranti R22
e R410A.
2La filettatura è diversa per R410A
e R407C.
2Strumenti di pesatura utilizzati per
gli HFC.
2È possibile usare lo stesso attrezzo
per gli HFC.
2Per utilizzare con HFC una pompa
esistente, è necessario installare
un adattatore per pompa a vuoto.
{
Raccordo di carica
5
Cartellatrice
(tipo a frizione)
Chiave dinamometrica
Tagliatubi
Mandrinatubi
Piegatubi
{
Olio per assemblaggio
tubi
5
Dispositivo di recupero
del refrigerante
Verificare il dispositivo di
recupero del refrigerante.
Tubazione del
refrigerante
Ragioni della modifica
{
{
{
{
Vedere la tabella sottostante.
2Il materiale di tenuta usato per gli
HFC è diverso da quello dell'R22.
2La filettatura delle unità con R410A
è diversa dalle altre.
2Per l'R410A, è necessario un
misuratore cartella.
2Ruotare fino a 1/2 e 5/8.
2A causa del cambio del tipo di olio
lubrificante. (Non è possibile usare
l'olio Suniso).
2Solo φil materiale del tubo da 19,1
è stato cambiato in rame trafilato
("1/2H"), mentre il materiale precedentemente usato era "O" (ricottura
dolce).
Per quanto riguarda l'imboccatura di carica e la guarnizione, si richiede un 1/2UNF20 per
la dimensione dell'imboccatura del tubo di carica.
„ Materiale del tubo di rame
Diametro esterno (mm)
φ 6,4
φ 9,5
φ 12,7
φ 15,9
φ 19,1
φ 22,2
φ 25,4
φ 28,6
φ 31,8
φ 34,9
φ 38,1
φ 41,3
Materiale
{
{
{
{
1/2H
1/2H
1/2H
1/2H
1/2H
1/2H
1/2H
1/2H
* O: Dolce (ricotto)
H: Crudo (trafilato)
Precauzioni per l'uso del nuovo refrigerante (R410A)
225
SiT39-303
Precauzioni per l'uso del nuovo refrigerante (R410A)
1. Cartellatrice
Misuratore cartella
„ Specifiche
2 Dimensione A
Unità: mm
Dimensione nominale
A
D.E. tubi
Do
Classe 2 (R410A)
+0
-0,4
Classe 1 (Convenzionale)
1/4
6,35
9,1
9,0
3/8
9,52
13,2
13,0
1/2
12,70
16,6
16,2
5/8
15,88
19,7
19,4
3/4
19,05
24,0
23,3
„ Differenze
2 Modifica della dimensione A
Dimensione A
Per la classe 1: R407C
Per la classe 2: R410A
È possibile usare le cartellatrici convenzionali se si modifica il processo di lavorazione.
(modifica del processo di lavorazione)
In precedenza, per la cartellatura del tubo si calcolava un margine da 0 a 0,5 mm. Per i
condizionatori R410A, il margine da utilizzare per la svasatura del tubo è di 1,0 -1,5 mm.
(Solo per il tipo a frizione)
È possibile utilizzare un attrezzo convenzionale con regolazione del margine di lunghezza del tubo.
226
Precauzioni per l'uso del nuovo refrigerante (R410A)
SiT39-303
Precauzioni per l'uso del nuovo refrigerante (R410A)
2. Chiave dinamometrica
„ Specifiche
2 Dimensione B
Dimensione
nominale
1/2
5/8
Unità:mm
Classe 1
Classe 2
Precedente
24
27
26
29
24
27
Nessun cambiamento nella coppia di serraggio
Nessun cambiamento nelle tubazioni di altre dimensioni
„ Differenze
2 Cambio della dimensione B
Sono state aumentate solo le dimensioni delle tubazioni da 1/2" e 5/8"
Per la classe 1: R407C
Per la classe 2: R410A
Dimensione B
3. Pompa a vuoto con valvola di ritegno
Adattatore pompa del vuoto
Adattatore per la prevenzione
dell’inversione flusso
„ Specifiche
2 Velocità di mandata
z Massimo grado di depressione
50 l/min (50Hz)
–100,7 kpa (5 torr – 755 mmHg)
60 l/min (60Hz)
2 Bocchetta di aspirazione UNF7/16-20 (cartella 1/4)
UNF1/2-20 (cartella 5/16) con adattatore
„ Differenze
2 Dotato di sistema per evitare l'inversione del flusso dell'olio.
2 È possibile usare il modello precedente di pompa a vuoto installando un adattatore.
Precauzioni per l'uso del nuovo refrigerante (R410A)
227
SiT39-303
Precauzioni per l'uso del nuovo refrigerante (R410A)
4. Rilevatore perdite
„ Specifiche
2 Tipo a rilevazione di idrogeno, e così via.
2 Refrigeranti compatibili
R410A, R407C, R404A, R507A, R134a, ecc.
„ Differenze
2 I rilevatori precedenti misuravano il livello di cloro. Siccome gli HFC non contengono cloro,
i nuovi rilevatori individuano la presenza di idrogeno.
5. Olio lubrificante (Air compal)
„ Specifiche
2 Contiene olio sintetico, pertanto può essere utilizzato per le tubazioni di tutti i cicli frigoriferi.
2 Presenta un'elevata resistenza alla ruggine e stabilità nel lungo periodo.
„ Differenze
2 Può essere usato per R410A e R22.
6. Gruppo manometrico per R410A
228
Precauzioni per l'uso del nuovo refrigerante (R410A)
SiT39-303
Precauzioni per l'uso del nuovo refrigerante (R410A)
„ Specifiche
2 Manometro alta pressione
da - 0,1 a 5,3Mpa (da -76 cmHg a 53 kg/cm2)
2 Manometro bassa pressione
da - 0,1 a 3,8Mpa (da -76 cmHg a 38 kg/cm2)
2 1/4" → 5/16" (2 min → 2,5 min)
2 Per il test di pressione dei manometri non viene usato olio
→ Per prevenzione della contaminazione
2 La scala termometrica indica la relazione tra la pressione e la temperatura dei gas allo stato
di saturazione.
„ Differenze
2 Pressione diversa
2 Diametro dell'attacco di servizio diverso
7. Tubo di carica per R410A
(Tubo flessibile con valvola a sfera)
„
2
2
2
Specifiche
Pressione di esercizio 5,08Mpa (51,8 kg/cm2)
Pressione di rottura 25,4Mpa (259 kg/cm2)
Disponibile con/senza valvola ad azionamento manuale per prevenire la fuoriuscita di
refrigerante.
„
2
2
2
Differenze
Tubo resistente alla pressione
Diametro dell'attacco di servizio diverso
Utilizzo di materiale rivestito in nylon per la resistenza HFC
8. Cilindro di carica
Non utilizzare
„ Specifiche
2 Utilizzare una bilancia per la carica del refrigerante del tipo elencato di seguito, per la carica
diretta dalla bombola di refrigerante.
„ Differenze
2 La bombola non può essere usata per refrigeranti misti in quanto il rapporto di miscelazione
viene modificato durante la carica.
Quando si carica l'R410A allo stato liquido utilizzando il cilindro di carica, si verificano
fenomeni di schiumatura prodotti all'interno del cilindro stesso.
Precauzioni per l'uso del nuovo refrigerante (R410A)
229
SiT39-303
Precauzioni per l'uso del nuovo refrigerante (R410A)
9. Bilancia per carica refrigerante
„ Specifiche
2 Alta precisione
TA101A (per bombola da 10 kg) = ±2 g
TA101B (per bombola da 20 kg) = ±5 g
2 Dotato di indicatore visivo resistente alla pressione per verificare la carica di refrigerante liquido.
2 Un collettore con attacchi separati per gli HFC e per i precedenti refrigeranti è fornito come
accessorio standard.
„ Differenze
2 La misurazione si basa sul peso per prevenire modifiche del rapporto di miscelazione
durante la carica.
10. Raccordo di carica
„ Specifiche
2 Per R410A, 1/4"→ 5/16" (2 min → 2,5 min).
2 Il materiale è cambiato: dal CR al H-NBR.
„ Differenze
2 Modifica delle specifiche di filettatura sul lato connessione tubo flessibile (solo per R410A).
2 Cambio del materiale di tenuta per l'uso con HFC.
230
Precauzioni per l'uso del nuovo refrigerante (R410A)
SiT39-303
Indice
A
G
Accessori standard forniti......................................156
Accessorio opzionale ............................................157
Alimentazione..........................................................53
Asciugatura a vuoto ........................................31, 175
Aspetto esterno .........................................................3
Attacco a cartella.....................................................24
Attacco flangiato......................................................27
Attacco rete locale.................................................183
Attrezzatura utilizzata per la manutenzione ..........225
Avvio e arresto programmazione del sistema
tramite timer ...................................................211
Avvio sequenziale .................................................187
Giunti REFNET ............................................ 126, 148
Giunto REFNET ................................................... 128
Gradiente e sostegno della linea di scarico ........... 38
B
Bombole di refrigerante.........................................224
Brasatura.................................................................23
C
Cablaggio di comando ............................................52
Caduta di pressione in assenza di perdite
durante la prova di tenuta aria .......................147
Campo di funzionamento ......................................206
Carica supplementare di refrigerante..............36, 178
Collegamenti elettrici...............................................52
Collegamenti elettrici locali....................................180
Collegamento alimentazione.................................192
Collegamento del circuito frigorifero......................168
Collettore REFNET ...............................127, 128, 148
Comando semplificato da parete BRC2A51 ...........69
Combinazione .......................................................155
Componenti opzionali: selettore raffreddamento/
riscaldamento.................................................180
Componenti principali............................................161
Consegna al cliente...............................................105
Controlli da effettuare prima del primo avvio.........191
I
I cavi di comunicazione tra il selettore raffr/risc
e l'unità esterna sono troppo vicini al cavo
dell'alta tensione. .......................................... 150
Impossibile impostare il numero di gruppo per
controllo centralizzato. .................................. 150
Impostazione del Funzionamento a bassa rumorosità
e Funzionamento con richiesta preimpostata . 93
Impostazione del telecomando Master ................ 212
Impostazione dell'operazione di carica supplementare
di refrigerante .................................................. 99
Impostazione n. gruppo per controllo
centralizzato .................................................... 75
Impostazione per DIP switch.................................. 79
Impostazione segnale filtro .................................... 72
Impostazione tramite interruttori a pulsante ........... 79
Impostazioni locali .................................................. 67
Impostazioni locali dall'unità esterna...................... 79
Impostazioni locali disponibili per ciascun
modello............................................................ 71
Installazione ........................................................... 14
Installazione circuito frigorifero............................... 17
Installazione condotti e altri accessori.................... 15
Installazione isolamento termico ............................ 28
Installazione linea di scarico interna ...................... 38
Installazione unità esterna ..................................... 59
Installazione unità interna ...................................... 16
Interferenza di segnali causata dall'utilizzo
di cavi multipolari........................................... 144
Isolamento delle tubazioni.................................... 177
L
D
Descrizione delle modalità di controllo....................77
Descrizione dettagliata delle modalità
d'impostazione .................................................72
Descrizione impostazioni e n. di codice ..................70
Diametro delle tubazioni per il raggruppamento
delle linee di scarico.........................................40
Difetto di forma del sifone della linea di scarico ....146
E
Errore di corrispondenza dei cavi di collegamento tra
unità interne ed esterne e relative tubazioni. .145
F
Foglio di ispezione sistema VRV...........................129
Funzionamento con l'unità sotto tensione ...............65
Funzionamento in raffreddamento, riscaldamento
e solo ventilazione .........................................207
Indice
L'espansione e la contrazione termica possono
provocare l'incrinatura delle tubazioni locali.. 149
Limiti di funzionamento standard ......................... 156
Linea di scarico per ciascun modello
Cassette a soffitto (FXCQ-M a due vie)........... 40
Cassette a soffitto (FXCQ-M a più vie) ............ 43
Cassette a soffitto tipo corner (FXKQ-M)......... 45
Tipo pensile a soffitto (FXHQ-M) ..................... 50
Unità a parete (FXAQ-M)................................. 51
Unità a pavimento/Unità a pavimento a incasso
(FXLQ-M, FXNQ-M)............................ 52
Unità per montaggio a soffitto canalizzabile
(FXMQ-M) ........................................... 49
Unità per montaggio in controsoffitto
(FXSQ-M) ........................................... 47
Lunghezza consentita delle tubazioni .................. 110
i
SiT39-303
M
T
Modalità di funzionamento ......................................78
Modalità di impostazione 1:.....................................81
Modalità di impostazione 2:.....................................82
Modalità monitoraggio.............................................86
Movimentazione delle bombole.............................224
Telecomando a filo ................................................. 67
Telecomando ad infrarossi - Unità interna
tipo BRC7C ..................................................... 68
N
Non è possibile cancellare il numero "88" dal
telecomando centralizzato. ............................151
P
Perdite di refrigerante....................................102, 194
Precauzioni per l'uso del nuovo
refrigerante (R410).........................................222
Procedura di installazione guidata ..........................14
Programma deumidificazione................................209
Prova di funzionamento ..................................62, 192
Schema e procedura ........................................62
Prova di tenuta ......................................................175
Prova tenuta aria.....................................................29
Punto di installazione delle tubazioni ....................108
Esempio di schema errato ..............................109
R
raffreddamento/riscaldamento ..............................187
Raggruppamento linee di scarico............................39
Requisiti del circuito di alimentazione e del
cavo di alimentazione ....................................181
Riavvio automatico dopo reset causato da
un'interruzione dell'alimentazione ....................72
Rumore di funzionamento unità interne ................106
Rumorosità eccessiva causata da un'errata
angolazione dei giunti REFNET.....................148
S
Scelta della posizione .....................................56, 162
Schema della scheda elettronica
sull'unità esterna ..............................................66
Indicatore di stato microcomputer.....................66
Modalità visualizzazione LED impostata ..........66
Selettore impostazione locale...........................66
Selettore impostazione modalità ......................66
Schema elettrico ...................................................138
Schemi delle tubazioni
Unità interna ...................................................137
Schemi delle tubazioni: unità esterna ...................134
Selezione del materiale delle tubazioni.................167
Selezione della dimensione dei tubi......................115
Selezione linea di alimentazione e linea
di trasmissione ...............................................188
Sifone di scarico......................................................38
Spazio per manutenzione .......................................57
Specifiche delle bombole ......................................224
Specifiche elettriche: .............................................160
Specifiche tecniche ...............................................158
Svasatura: procedura..............................................25
ii
Indice
SiT39-303
Disegni e diagrammi di flusso
A
Accessori standard forniti......................................156
Altre informazioni su É e Ñ......................................91
Analisi dei principali problemi d'installazione
riscontrati nell'anno 1988. ..................................9
apertura fori pretagliati ..........................................189
Applicare tensione...................................................62
Asciugatura a vuoto ................................................31
Asciugatura speciale con vuoto ..............................35
Attacco rete locale.................................................183
........................................................................186
Avvio e arresto programmazione del sistema
tramite timer ...................................................211
Avvio sequenziale .................................................187
B
Bilancia per carica refrigerante .............................230
Bombole di refrigerante.........................................224
Brasatura.................................................................23
C
Caduta di pressione in assenza di perdite durante la
prova di tenuta aria ........................................147
Calcolo del rumore di funzionamento....................107
Calcolo della quantità di refrigerante aggiuntivo da
caricare nel sistema .......................................117
Carica supplementare di refrigerante....................178
istruzioni per la carica .......................................36
procedura .........................................................36
tubo sifone ........................................................36
Cartellatrice ...........................................................226
Cassette a soffitto (FXCQ-M a due vie)
CIRCUITO DI SOLLEVAMENTO
CONDENSA ........................................41
ESECUZIONE COLLEGAMENTI
ELETTRICI ..........................................42
fissaggio linea di scarico...................................40
flusso dello scarico ...........................................41
isolare il tubo flessibile di scarico
dell'edificio. ..........................................41
linea di scarico multipla ....................................41
livello acqua nella vaschetta di raccolta............42
Cassette a soffitto (FXCQ-M a più vie)
coperchio morsettiera .......................................44
fissaggio linea di scarico...................................43
installazione circuito di sollevamento
condensa .............................................43
linea di scarico interna ......................................43
linea di scarico multipla ....................................43
Cassette a soffitto (FXFQ-M a più vie)
esecuzione collegamenti elettrici ......................46
flusso di scarico ................................................45
Disegni e diagrammi di flusso
installazione circuito di sollevamento
condensa ............................................ 45
tubazione di scarico ......................................... 45
Cassette a soffitto tipo corner (FXKQ-M)
linea di scarico multipla.................................... 45
Chiave dinamometrica ......................................... 227
Cilindro di carica................................................... 229
Collegamenti elettrici
messa a terra................................................... 54
collegamenti elettrici di interconnessione............. 190
Collegamenti elettrici locali
RXYQ18~32MY1B......................................... 142
RXYQ34~48MY1B......................................... 143
RXYQ5~16MY1B........................................... 141
Collegamento del circuito frigorifero..................... 168
collegamento tra valvola di intercettazione e
le tubazioni .................................................... 172
Collettore REFNET ...................................... 127, 128
Comando semplificato da parete
BRC2A51......................................................... 69
Come selezionare il collettore REFNET............... 114
Come selezionare il giunto refnet......................... 113
Consegna al cliente
elementi importanti ........................................ 105
esporre chiaramente l'indirizzo
dell'assistenza................................... 105
procedura....................................................... 105
Controllare il lavoro svolto prima di applicare
tensione........................................................... 62
Copertura del circuito frigorifero
avvolgimento con nastro.................................. 19
procedure particolari ........................................ 19
strozzatura ....................................................... 19
Coppia di serraggio .............................................. 176
Correlazione tra punta ugello e dimensioni delle
tubazioni refrigeranti........................................ 22
D
Descrizione delle modalità di funzionamento
Come selezionare la modalità di
funzionamento .................................... 78
Difetto di forma del sifone della linea di scarico ... 146
Dimensione tubi ................................................... 115
Diramazione con collettore Refnet ....................... 112
Diramazione con giunto Refnet e collettore
Refnet............................................................ 111
Disegno allegato al contratto.................................. 11
Dispositivo remoto di commutazione raffreddamento/
riscaldamento.................................................. 89
Disposizione dell'unità esterna................................. 8
Disposizione dell'unità interna.................................. 8
Dopo il tubo di raccordo ....................................... 124
iii
SiT39-303
E
È essenziale l'utilizzo di saldatura forte ..................22
Elementi da controllare ...........................................11
Errore di corrispondenza dei cavi di collegamento
tra unità interne ed esterne e relative
tubazioni.........................................................145
Esempio di collegamento ......................................173
Esempio di schema errato
punto di installazione delle tubazioni ..............109
Esempio di sistema ...............................................183
F
Flussaggio con gas del circuito frigorifero
apertura della valvola principale della bombola
di azoto ed impostazione del regolatore
di pressione a 0.5Mpa. ........................20
flussaggio con gas ............................................20
inserimento del regolatore di pressione sulla
bombola di azoto. ................................20
inserimento tappi di chiusura ............................20
Foglio di ispezione sistema VRV...........................129
Funzionamento in raffreddamento, riscaldamento
e solo ventilazione .........................................207
FUNZIONE CONTROLLO FUNZIONAMENTO ....101
G
Gestione delle situazioni di superamento della
soglia di concentrazione pericolosa ...............104
Giunti REFNET .....................................................126
Giunto REFNET ....................................................128
Grado di vuoto.........................................................32
Gruppo manometrico per R410A ..........................228
I
I cavi di comunicazione tra il selettore raffr/risc
e l'unità esterna sono troppo vicini al cavo
dell'alta tensione. ...........................................150
Impianto elettrico
in caso di utilizzo di cavo maggiore
di 1.25 mm²..........................................52
scelta dell'interruttore automatico .....................53
scheda elettronica per telecomando, non
utilizzare un cavo multipolare ..............53
Impossibile impostare il numero di gruppo per
controllo centralizzato. ...................................150
Impostazione del telecomando Master .................212
Impostazione dell'intervallo di regolazione della
direzione del flusso d'aria.................................74
Impostazione della cartellatrice...............................24
Impostazione funzionamento a bassa rumorosità
Schema del funzionamento per la
condizione A ........................................94
Schema del funzionamento per la
condizione B ........................................94
Schema del funzionamento per le
condizioni A e B ...................................94
Impostazione funzionamento a richiesta preimpostata
Schema del funzionamento per la
condizione A ........................................96
iv
Schema del funzionamento per la
condizione B ....................................... 96
Schema del funzionamento per le condizioni A e
B ......................................................... 96
Impostazione indirizzo per É e Ñ ........................... 92
Impostazione n. gruppo per controllo centralizzato
Tipo BRC1A..................................................... 75
Tipo BRC7C..................................................... 75
Impostazione n. gruppo per controllo centralizzato Esempio di impostazione ................................ 76
Impostazioni locali dall'unità esterna
procedura di cambio della modalità ................. 80
Influenza dei problemi di installazione sulle unità .... 9
Installazione canalizzazioni (interno)
prendere in considerazione rumorosità e
vibrazioni............................................. 55
procedura......................................................... 55
Installazione circuito frigorifero
assenza di umidità ........................................... 17
i tre principi dei circuiti frigoriferi ...................... 17
procedura......................................................... 17
pulizia............................................................... 17
tenuta d'aria ..................................................... 17
Installazione condotti e altri accessori
fori passanti in una trave di cemento armato... 15
Installazione dell'isolamento termico (Circuito
frigorifero)
procedura......................................................... 28
Installazione dell'isolamento termico (circuito
frigorifero)
elementi essenziali relativi all'isolamento termico
28
Installazione delle tubazioni lato gas.................... 122
Installazione linea di scarico interna
gradiente e sostegno ....................................... 38
procedura......................................................... 38
raggruppamento linee di scarico...................... 39
sifone di scarico ............................................... 38
utilizzo di un tubo (flessibile) di scarico ausiliario
39
Installazione tubazioni lato liquido e tubazioni olio123
Installazione unità esterna
bullone di ancoraggio....................................... 59
procedura......................................................... 59
rimozione dell'imballaggio e posizionamento
dell'unità.............................................. 60
Installazione unità esterne multiple ...................... 171
Installazione unità interna
cassette a soffitto (FXCQ63M) ........................ 16
posizionamento................................................ 16
procedura......................................................... 16
Interferenza di segnali causata dall'utilizzo di cavi
multipolari...................................................... 144
Isolamento delle tubazioni.................................... 177
Ispezione e movimentazione dell'unità........... 58, 164
K
Kit raccordi multipli per unità esterna ................... 119
Disegni e diagrammi di flusso
SiT39-303
L
R
L'espansione e la contrazione termica possono
provocare l'incrinatura delle tubazioni
locali...............................................................149
La pressione sonora aumenta a causa del
riverbero della stanza.....................................106
La procedura di cui sopra è normalmente eseguita
durante qualsiasi brasatura..............................18
Limiti di funzionamento standard ..........................156
Localizzazione guasti ............................................218
Lunghezza consentita delle tubazioni ...................110
Raccordo di carica ............................................... 230
Refrigerante R410A ............................................. 222
Regolazione della direzione del flusso d'aria ....... 210
Ricoprire la superficie della flangia con olio
lubrificante....................................................... 27
Ricoprire la superficie interna ed esterna della
svasatura con olio lubrificante......................... 24
Rilevatore perdite ................................................. 228
Rimozione dell'imballaggio e posizionamento
dell'unità ........................................................ 165
Rumorosità eccessiva causata da un'errata
angolazione dei giunti REFNET .................... 148
M
Metodo di calibrazione ............................................33
Misuratore cartella...................................................24
Movimento del deflettore del flusso aria................210
N
Nome e funzione dei componenti..........................202
Non è possibile cancellare il numero "88" dal
telecomando centralizzato. ............................151
O
Olio lubrificante (Air compal) .................................228
Operazioni da eseguire per l'installazione condotti
e altri accessori ................................................15
Operazioni da eseguire per l'installazione di condotti
e altri accessori
tasselli di acciaio...............................................15
P
Panoramica dell'installazione impianto e delle opere
generali di costruzione .....................................10
Perdite di refrigerante............................................194
Pompa a vuoto con valvola di ritegno ...................227
Portata totale carica supplementare
di refrigerante...................................................99
posa cavi di alimentazione ....................................185
Precauzioni per le perdite di refrigerante ..............102
Procedura di asciugatura a vuoto ...........................34
Procedura di carica supplementare
di refrigerante.................................................179
Procedura di installazione guidata ..........................14
Procedura di verifica di concentrazione
pericolosa.......................................................102
Programma deumidificazione................................209
proper distances away from stereo equipment,
personal computers, etc.......................... 56, 162
Prova di funzionamento ........................................192
Prova di tenuta ......................................................175
Prova di tenuta aria
valore di regolazione della compensazione......29
Prova tenuta aria
controllo perdite ................................................30
procedura .........................................................29
Punto di installazione delle tubazioni ....................108
Disegni e diagrammi di flusso
S
Scelta dei materiali per il circuito frigorifero............ 21
Scelta della posizione .................................... 56, 162
Schema circuito di controllo ................................... 13
Schema della scheda elettronica sull'unità
esterna ............................................................ 66
Schemi delle tubazioni
RXYQ10MY1B............................................... 135
RXYQ12MY1B............................................... 135
RXYQ14MY1B............................................... 136
RXYQ16MY1B............................................... 136
RXYQ5MY1B................................................. 134
RXYQ8MY1B................................................. 135
unità interna ................................................... 137
Schemi elettrici
RXYQ10MY1B............................................... 139
RXYQ12MY1B............................................... 139
RXYQ14MY1B............................................... 140
RXYQ16MY1B............................................... 140
RXYQ5MY1B................................................. 138
RXYQ8MY1B................................................. 139
selezione diramazioni........................................... 170
Selezione linea di alimentazione e linea di
trasmissione .................................................. 188
Selezione modalità raffreddamento/
riscaldamento.................................................. 88
Serrare per primi i bulloni agli angoli opposti per
assicurarsi che il collegamento sia a posto..... 27
Spazio per manutenzione ...................................... 57
Svasatura
procedura......................................................... 25
T
Telecomando a filo ................................................. 67
Telecomando ad infrarossi - Unità interna
tipo BRC7C ..................................................... 68
Telecomando e selettore...................................... 203
Telecomando unità interna..................................... 90
Tipo pensile a soffitto (FXHQ-M)
fissaggio linea di scarico.................................. 50
scarico ............................................................. 51
tubo flessibile di scarico................................... 50
Tubazioni frontali
BHFP22M135 ................................................ 121
BHFP22M90 .................................................. 121
Tubazioni passanti al di sotto dell'unità................ 125
Tubo di carica per R410A .................................... 229
v
SiT39-303
U
Unità a parete (FXAQ-M)
collegare un giunto rigido di cloruro di vinile.....51
linea di scarico ..................................................51
Unità a pavimento/Unità a pavimento a incasso
(FXLQ-M, FXNQ-M).........................................52
Unità per montaggio a soffitto canalizzabile
(FXMQ-M) ........................................................49
Unità per montaggio in controsoffitto (FXSQ-M)
circuito di sollevamento condensa....................47
esecuzione collegamenti elettrici ......................48
flusso di scarico ................................................48
tubazione di scarico ..........................................47
tubazioni di scarico multiple..............................48
tubo flessibile di scarico....................................47
vi
Disegni e diagrammi di flusso
Daikin Europe N.V. ha l’approvazione LRQA per il propio
sistema di controllo della qualità, secondo lo standard
ISO9001. Lo standard ISO9001 certifica la qualità dei prodotti
Daikin in riferimento al loro design, allo sviluppo, ai criteri di
produzione, nonché ai servizi relativi a ciascun prodotto.
I prodotti Daikin sono conformi alle disposizioni in
materia di sicurezza vigenti a livello europeo.
ISO14001 assicura un efficace sistema di gestione
ambientale in grado di proteggere la salute delle
persone e dell’ambiente dall’impatto potenziale dovuto
alle nostre attività, prodotti e servizi, e per aiutare a
conservare e migliorare la qualità dell’ambiente.
I prodotti VRV non rientrano nel programma di
certificazione Eurovent.
Zandvoordestraat 300
B-8400 Ostenda - Belgio
www.daikineurope.com
SiT39-303 • 10/2005
Preparato in Belgio da Lannoo
Le specifiche sono soggette a modifiche senza preavviso
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement