a IM 151-7 CPU - Service, Support

a IM 151-7 CPU - Service, Support
Prefazione, Indice
Presentazione del prodotto
SIMATIC
Breve introduzione alla messa in
servizio (Getting Started)
ET 200S
Modulo di interfaccia
IM 151-7 CPU
Indirizzamento
ET 200S nella rete PROFIBUS
ET 200S nella rete MPI
Messa in servizio e diagnostica
Manuale
La presente documentazione è statacompletata come
indicato nel seguito:
Nr.
Denominazione
Numero disegno
Edizione
1
Informazione sul prodotto
A5E00385829-02
11/2005
2
Informazione sul prodotto
A5E00860832-01
07/2006
Funzioni del modulo
IM 151-7 CPU
Tempi di ciclo e di reazione
Dati tecnici
Passaggio da IM 151-7 CPU
(6ES7151-7Ax00-0AB0) a
IM 151-7 CPU
(6ES7151-7Ax10-0AB0)
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
Appendici
Lista operazioni
Tempi di esecuzione delle SFC
e degli SFB
Posizionamento del modulo
IM 151-7 CPU nel panorama
delle CPU
Glossario, Indice analitico
Edizione 11/2003
A5E00257825-04
A
B
C
Avvertenze tecniche di sicurezza
Il presente manuale contiene avvertenze tecniche relative alla sicurezza delle persone e alla prevenzione dei
danni materiali che vanno assolutamente osservate. Le avvertenze sono contrassegnate da un triangolo e, a
seconda del grado di pericolo, rappresentate nel modo seguente:
!
Pericolo di morte
significa che la non osservanza delle relative misure di sicurezza provoca la morte, gravi lesioni alle persone e
ingenti danni materiali.
!
Pericolo
!
Attenzione
significa che la non osservanza delle relative misure di sicurezza può causare la morte, gravi lesioni alle persone
e ingenti danni materiali.
significa che la non osservanza delle relative misure di sicurezza può causare leggere lesioni alle persone.
Attenzione
significa che la non osservanza delle relative misure di sicurezza può causare danni materiali.
Attenzione
è una infomazione importante sul prodotto, sull’uso dello stesso o su quelle parti della documentazione su cui si
deve prestare una particolare attenzione.
Personale qualificato
La messa in servizio ed il funzionamento del dispositivo devono essere effettuati solo da personale qualificato.
Personale qualificato ai sensi delle avvertenze di sicurezza contenute nella presente documentazione è quello che
dispone della qualifica a inserire, mettere a terra e contrassegnare, secondo gli standard della tecnica di sicurezza, apparecchi, sistemi e circuiti elettrici.
Uso conforme alle disposizioni
Osservare quanto segue:
!
Pericolo
Il dispositivo deve essere impiegato solo per l’uso previsto nel catalogo e nella descrizione tecnica e solo in connessione con apparecchiature e componenti esterni omologati dalla Siemens.
Per garantire un funzionamento ineccepibile e sicuro del prodotto è assolutamente necessario un trasporto, un
immagazzinamento, una installazione ed un montaggio conforme alle regole nonché un uso accurato ed una manutenzione appropriata.
Marchi di prodotto
SIMATIC, SIMATIC HMI e SIMATIC NET sono marchi di prodotto della SIEMENS AG.
Le altre sigle di questo manuale possono essere marchi, il cui utilizzo da parte di terzi per i loro scopi può violare i
diritti dei proprietari.
Copyright W Siemens AG 2003 All rights reserved
Esclusione della responsabilità
La duplicazione e la cessione della presente documentazione
sono vietate, come pure l’uso improprio del suo contenuto, se
non dietro autorizzazione scritta. Le trasgressioni sono
passibili di risarcimento danni. Tutti i diritti sono riservati, in
particolare quelli relativi ai brevetti e ai marchi registrati.
Siemens AG
Bereich Automation and Drives
Geschaeftsgebiet Industrial Automation Systems
Postfach 4848, D- 90327 Nuernberg
Abbiamo controllato che il contenuto della presente documentazione corrisponda all’hardware e al software descritti. Non potendo comunque escludere eventuali differenze, non garantiamo
una concordanza totale. Il contenuto della presente documentazione viene tuttavia verificato regolarmente, e le correzioni o modifiche eventualmente necessarie sono contenute nelle edizioni
successive. Saremo lieti di ricevere qualunque tipo di proposta di
miglioramento.
 Siemens AG 2003
Ci riserviamo eventuali modifiche tecniche.
Siemens Aktiengesellschaft
A5E00257825-04
Prefazione
Scopo del manuale
Il presente manuale costituisce un’integrazione al manuale Sistema di periferia decentrata
ET 200S. Esso contiene la descrizione di tutte le funzioni del modulo di interfaccia IM 151-7
CPU ma non contiene invece le funzioni che riguardano il sistema ET 200S in generale.
Queste funzioni sono descritte nel manuale Sistema di periferia decentrata ET 200S
(vedere anche il paragrafo del pacchetto di fornitura).
Le informazioni contenute nel presente manuale e nel manuale Sistema di periferia
decentrata ET 200S consentono all’utente di utilizzare l’ET 200S con il modulo di interfaccia
IM 151-7 CPU come slave DP nel PROFIBUS DP o in una rete MPI.
Nozioni di base
Per la comprensione del manuale sono necessarie nozioni di base nell’ambito della tecnica
di automazione.
È inoltre indispensabile avere dimestichezza nell’uso di computer o di apparecchiature
analoghe ai PC (p. es. dispositivi di programmazione) sui sistemi operativi
Windows 95/98/2000 o NT. È inoltre necessario conoscere il software di base STEP 7.
Queste conoscenze vengono fornite nel manuale “Programmazione con STEP 7 V5.1”.
Campo di validità del manuale
Il presente manuale è valido per i moduli di interfaccia IM 151-7 CPU con i numeri di
ordinazione 6ES7151-7AA10-0AB0 e 6ES7151-7AB10-0AB0 nonché per i componenti del
sistema ET 200S descritti nel manuale Sistema di periferia decentrata ET 200S.
Il manuale contiene una descrizione dei componenti validi al momento della pubblicazione.
Ci riserviamo il diritto di allegare eventuali nuovi componenti o componenti con versione più
recente in un’Informazione sul prodotto aggiornata.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
iii
Prefazione
Modifiche rispetto alla versione precedente
Rispetto alla versione precedente, il presente manuale contiene le seguenti
modifiche/integrazioni:
• Modifica della denominazione del modulo in IM 151-7 CPU
• Interfaccia coesistente MPI/DP
• Nuovo sistema di memorizzazione
• Ulteriori servizi di comunicazione
• Nuovi blocchi
• MMC fino a 8 MB
• Memorizzazione dei dati e del progetto su MMC
• Contatore delle ore di esercizio a 32 bit
Il numero attuale è: A5E00257825-04.
Norme e omologazioni
Il sistema di periferia decentrata ET 200S si basa sulla norma
IEC 61784-1:2002 Ed1 CP 3/1.
Il sistema di periferia decentrata ET 200S soddisfa i requisiti e i criteri della norma
IEC 61131, Parte 2 nonché del marchio CE. Il sistema ET 200S ha ottenuto le omologazioni
CSA, UL, FM e per bordo nave.
Maggiori informazioni sulle norme e le omologazioni sono contenute nel manuale
Sistema di periferia decentrata ET 200S.
iv
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Prefazione
Posizionamento nel panorama delle informazioni
Sistema di periferia
decentrata ET 200S
Modulo di interfaccia Avviatori motore ET 200S
IM 151-7 CPU
• Montaggio e cabalggio • Indirizzamento
di un’ET 200S
• Messa in servizio e
diagnostica di ET 200S
• Dati tecnici della
IM 151, moduli di
elettronica digitali e
analogici
• Numeri di ordinazione
dell’ET 200S
dell’IM 151-7 CPU
• ET 200S con
IM 151-7 CPU nella
rete PROFIBUS
• Montaggio e cablaggo
di avviatori motore
• Messa in servizio e
diagnostica degli
avviatori motore
• Messa in servizio e • Dati tecnici degli
diagnostica
dell’IM 151-7 CPU
avviatori motore
• Numeri di ordinazione
• Dati tecnici del modulo degli avviatori motore
IM 151-7 CPU
• Lista operazioni
STEP 7
Funzioni tecnologiche
ET 200S
•
•
•
•
1Count 24V/100kHz
1Count 5V/500kHz
1SSI
2PULSE
Posizionamento
con ET 200S
•
•
•
•
•
1STEP 5V/204kHz
1POS INC/DIGITAL
Unità di interfaccia seriale
ET 200S
• 1 SI 3964/ASCII
• 1 SI MODBUS/USS
1POS SSI/DIGITAL
1POS INC/ANALOG
1POS SSI/ANALOG
Avvertenza
Il manuale ET 200S Distributed I/O System Fail-Safe Modules è parte del pacchetto di
documentazione S7 – Sistemi F.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
v
Prefazione
Guida alla consultazione del manuale
Per facilitare all’utente la ricerca e la consultazione di informazioni particolari, il manuale
offre le seguenti possibilità:
• All’inizio del manuale si trova un indice generale completo di elenco di tutte le figure e le
tabelle contenute nel manuale.
• In ciascun capitolo, nella colonna a sinistra di ogni pagina, sono riportate informazioni
che riassumono brevemente il contenuto di ogni paragrafo.
• Alla fine delle appendici si trova un glossario in cui sono definiti i termini specialistici più
importanti utilizzati nel manuale.
• In fondo al manuale si trova un indice analitico dettagliato che consente un rapido
accesso all’informazione desiderata.
Avvertenze particolari
Oltre ai manuali relativi al sistema ET 200S è necessario disporre del manuale del master
DP e della documentazione relativa al software di progettazione e programmazione in uso
(installazione, vedere manuale Sistema di periferia decentrata ET 200S, appendice A).
Avvertenza
I contenuti dei manuali dell’ET 200S sono presentati in modo più dettagliato nel
paragrafo 1.2 di questo manuale.
Si consiglia pertanto di orientarsi in primo luogo in questo paragrafo per individuare i
contenuti rilevanti per la soluzione delle proprie applicazioni e il rispettivo manuale.
Riciclaggio e smaltimento
Grazie alla fabbricazione con materiali poco inquinanti, il modulo IM 151-7 CPU è riciclabile.
Per il riciclaggio e lo smaltimento ecocompatibili delle apparecchiature usate, rivolgersi a
un’azienda certificata nello smaltimento di materiale elettronico.
Ulteriore supporto
Per qualunque domanda sull’utilizzo dei prodotti descritti che non fosse trattata
esplicitamente nel manuale, rivolgersi alla filiale Siemens più vicina.
http://www.siemens.com/automation/partner
vi
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Prefazione
Training center
Per facilitare l’approccio al sistema di periferia decentrata ET 200S e al sistema di
automazione SIMATIC S7, Siemens organizza corsi specifici. Rivolgersi a questo proposito
al centro di addestramento locale più vicino o alla sede centrale di Norimberga, D-90327:
Telefono:
+49 (911) 895-3200
Internet:
http://www.sitrain.com
A&D Technical Support
Raggiungibili in tutto il mondo a qualsiasi ora:
Nuernberg
Johnson City
Beijing
Technical Support
Worldwide (Nuernberg)
Technical Support
Ora locale: 0:00 - 24:00 / 365 giorni
Telefono: +49 (180) 5050-222
Fax:
+49 (180) 5050-223
E-Mail:
[email protected]
siemens.com
GMT:
+1:00
Europe / Africa (Nuernberg)
United States (Johnson City)
Asia / Australia (Beijing)
Authorization
Technical Support and
Authorization
Technical Support and
Authorization
Ora locale: Lu.-Ve. 8:00 - 17:00
Ora locale: Lu.-Ve. 8:00 - 17:00
Ora locale: Lu.-Ve. 8:00 - 17:00
Telefono: +49 (180) 5050-222
Telefono: +1 (423) 262 2522
Telefono: +86 10 64 75 75 75
Fax:
Fax:
+1 (423) 262 2289
Fax:
+86 10 64 74 74 74
E-Mail:
[email protected]
sea.siemens.com
E-Mail:
[email protected]
siemens.com
GMT:
-5:00
GMT:
+8:00
E-Mail:
GMT:
+49 (180) 5050-223
[email protected]
siemens.com
+1:00
Il servizio di Technical Support e Authorization viene fornito generalmente in tedesco e in inglese.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
vii
Prefazione
Service & Support in Internet
Oltre alla documentazione abituale, Siemens mette a disposizione tutte le informazioni
online in Internet.
http://www.siemens.com/automation/service&support
All’indirizzo sopraindicato si possono consultare le seguenti informazioni:
• Una Newsletter costantemente aggiornata, che fornisce le informazioni più attuali sui
prodotti.
• I documenti rilevanti, disponibili mediante la nostra funzione di ricerca in Service &
Support.
• Un Forum nel quale esperti e utenti scambiano le loro esperienze a livello internazionale.
• Un apposito database che permette di cercare il partner di riferimento per il settore
Automation & Drives nella propria zona.
• Informazioni sui servizi di assistenza sul posto, riparazioni, ricambi. Molte altre
informazioni sono disponibili alla voce ”Servizi”.
viii
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Indice
1
2
3
4
5
Presentazione del prodotto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1-1
1.1
Cos’è il modulo di interfaccia IM 151-7 CPU? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1-2
1.2
Guida ai manuali per sistemi ET 200S . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1-5
Breve introduzione alla messa in servizio (Getting Started) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2-1
2.1
Fase 1: montaggio di IM 151-7 CPU (ET 200S) e S7-300 . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2-3
2.2
Fase 2: cablaggio di IM 151-7 CPU (ET 200S) e S7-300 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2-4
2.3
Fase 3: messa in servizio del modulo IM 151-7 CPU (ET 200S) . . . . . . . . . . . . .
2-6
2.4
Fase 4: configurazione del modulo IM 151-7 CPU
per il funzionamento stand alone(MPI) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2-7
2.5
Fase 5: programmazione del modulo IM 151-7 CPU . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2-9
2.6
Fase 6: Test . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2-10
2.7
Fase 7: upgrade di IM 151-7 CPU come slave DP
e messa in servizio di S7-300 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2-11
2.8
Fase 8: configurazione di IM 151-7 CPU come slave DP
e di S7-300 come master DP . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2-12
2.9
Fase 9: programmazione di IM 151-7 CPU e di CPU S7-300 . . . . . . . . . . . . . . . .
2-16
2.10
Fase 10: messa in servizio e test di IM 151-7 CPU e S7-300 . . . . . . . . . . . . . . . .
2-19
Indirizzamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3-1
3.1
Assegnazione di indirizzi ai moduli di periferia tramite slot . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3-2
3.2
Assegnazione libera di indirizzi ai moduli di periferia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3-4
3.3
Scambio di dati con il master DP . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3-5
3.4
Accesso alla memoria di trasferimento nel modulo IM 151-7 CPU . . . . . . . . . . . .
3-7
ET 200S nella rete PROFIBUS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4-1
4.1
ET 200S nella rete PROFIBUS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4-2
4.2
Componenti di rete . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4-6
4.3
Indirizzo PROFIBUS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4-8
4.4
Funzioni tramite PG/OP . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4-9
4.5
Comunicazione diretta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4-12
ET 200S nella rete MPI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5-1
5.1
ET 200S nella rete MPI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5-2
5.2
Indirizzo MPI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5-3
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
ix
Indice
6
7
8
x
Messa in servizio e diagnostica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6-1
6.1
Progettazione del modulo di interfaccia IM 151-7 CPU . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6-2
6.2
Cancellazione totale dell’IM 151-7 CPU . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6-4
6.3
Messa in servizio e avviamento di ET 200S . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6-7
6.4
Diagnostica tramite LED . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6-9
6.5
Diagnostica con STEP 7 tramite l’indirizzo di diagnostica . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6-11
6.6
6.6.1
6.6.2
6.6.3
6.6.4
6.6.5
6.6.6
Diagnostica slave con l’impiego dell’IM 151-7 CPU come slave intelligente . . . .
Stato della stazione da 1 a 3 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Indirizzo PROFIBUS del master . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Codice del costruttore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Diagnostica riferita all’identificazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Stato del modulo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Stato dell’allarme . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6-14
6-15
6-17
6-18
6-19
6-20
6-22
6.7
6.7.1
6.7.2
6.7.3
6.7.4
Dati di diagnostica dei moduli di elettronica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Analisi dei dati di diagnostica dei moduli di elettronica nel programma utente . .
Struttura e contenuto dei dati di diagnostica dei byte da 0 a 7 . . . . . . . . . . . . . . .
Dati specifici della diagnostica di canale dal byte 8 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Esempio: modulo ET 200S: 2 AI U (6ES7 134-4FB00-0AB0)
con una diagnostica ciascuno per i canali 0 e 1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6-25
6-25
6-27
6-29
Funzioni del modulo IM 151-7 CPU . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
7-1
7.1
Dati del PROFIBUS DP . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
7-2
7.2
Selettore dei modi operativi ed elementi di segnalazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
7-4
7.3
SIMATIC micro memory card . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
7-6
7.4
7.4.1
7.4.2
7.4.3
7.4.4
7.4.5
Sistema di memorizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Aree di memoria del modulo IM 151-7 CPU . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Funzioni di memorizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Aree operandi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Trattamento dei dati in DB . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Memorizzazione/prelievo di interi progetti sulla/dalla Micro Memory Card . . . . . .
7-12
7-12
7-15
7-20
7-23
7-27
7.5
Interfaccia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
7-29
7.6
Orologio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
7-31
7.7
Comunicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
7-32
7.8
Blocchi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
7-36
7.9
Parametri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
7-39
7.10
Parametrizzazione del giunto freddo in caso di collegamento di termocoppie . .
7-41
7.11
Estrazione e inserimento di moduli in fase di funzionamento . . . . . . . . . . . . . . . . .
7-43
7.12
Disattivazione e attivazione dei moduli power in fase di funzionamento . . . . . . .
7-46
Tempi di ciclo e di reazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
8-1
8.1
Tempo di ciclo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
8-2
8.2
Tempo di reazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
8-5
8.3
Tempo di reazione agli allarmi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
8-8
6-30
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Indice
9
10
A
Dati tecnici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
9-1
9.1
Dati tecnici dell’IM 151-7 CPU . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
9-2
Passaggio da IM 151-7 CPU (6ES7151-7Ax00-0AB0)
a IM 151-7 CPU (6ES7151-7Ax10-0AB0) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
10-1
Lista operazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
A-1
A.1
Operandi e campi di parametrizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
A-2
A.2
Abbreviazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
A-3
A.3
Registri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
A-3
A.4
Esempi di indirizzamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
A-5
A.5
A.5.1
A.5.2
A.5.3
A.5.4
Tempi di esecuzione dell’indirizzamento indiretto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Esempio di indirizzamento indiretto di memoria interno all’area . . . . . . . . . . . . . .
Esempio di indirizzamento indiretto di registro interno all’area . . . . . . . . . . . . . . .
Esempio di indirizzamento indiretto di registro multiarea . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Esempio di indirizzamento tramite parametri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
A-7
A-9
A-9
A-10
A-12
A.6
Operazioni logiche combinatorie con operandi a bit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
A-12
A.7
Operazioni logiche combinatorie di espressioni tra parentesi . . . . . . . . . . . . . . . .
A-15
A.8
Combinazione OR di funzioni AND . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
A-16
A.9
Operazioni logiche combinatorie con temporizzatori e contatori . . . . . . . . . . . . . .
A-17
A.10
Operazioni logiche combinatorie con il contenuto di ACCU1 . . . . . . . . . . . . . . . . .
A-18
A.11
Operazioni logiche combinatorie con bit di visualizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . .
A-19
A.12
Operazioni di fronte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
A-21
A.13
Impostazione/resettaggio di operandi a bit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
A-22
A.14
Operazioni che incidono direttamente sul RLC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
A-23
A.15
Operazioni di temporizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
A-24
A.16
Operazioni di conteggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
A-25
A.17
Operazioni di caricamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
A-26
A.18
Operazioni di caricamento per temporizzatori e contatori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
A-28
A.19
Operazioni di trasferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
A-29
A.20
Operazioni di caricamento e trasferimento per registri di indirizzi . . . . . . . . . . . . .
A-30
A.21
Operazioni di caricamento e trasferimento per la parola di stato . . . . . . . . . . . . .
A-32
A.22
Operazioni di caricamento per numero e lunghezza di DB . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
A-32
A.23
Aritmetica a virgola fissa (16 bit) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
A-33
A.24
Aritmetica a virgola fissa (32 bit) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
A-34
A.25
Aritmetica a virgola mobile (32 bit) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
A-35
A.26
Somma di costanti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
A-35
A.27
Addizione tramite registro di indirizzi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
A-36
A.28
Operazioni di confronto con numeri interi (16 bit) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
A-36
A.29
Operazioni di confronto con numeri interi (32 bit) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
A-37
A.30
Operazioni di confronto (numeri in virgola mobile a 32 bit) . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
A-38
A.31
Operazioni di spostamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
A-39
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
xi
Indice
B
C
xii
A.32
Operazioni di rotazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
A-40
A.33
Operazioni di trasferimento ACCU, incremento, decremento . . . . . . . . . . . . . . . .
A-41
A.34
Comando di visualizzazione del programma, comando di nessuna operazione .
A-41
A.35
Operazioni di conversione del tipo di dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
A-42
A.36
Complemento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
A-43
A.37
Operazioni di richiamo dei blocchi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
A-44
A.38
Operazioni di fine blocco . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
A-45
A.39
Sostituisci blocchi dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
A-45
A.40
Operazioni di salto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
A-46
A.41
Operazioni per il Relè Master Control (MCR) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
A-48
A.42
Lista di stato del sistema (SZL) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
A-49
Tempi di esecuzione delle SFC e degli SFB . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
B-1
B.1
Funzioni di sistema (SFC) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
B-1
B.2
Blocchi funzionali di sistema (SFB) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
B-4
Posizionamento del modulo IM 151-7 CPU nel panorama delle CPU . . . . . . . . . . . . . .
C-1
C.1
Differenze tra le CPU S7-300 scelte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
C-2
C.2
Trasferimento/Adattamento del programma utente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
C-3
Glossario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Glossario-1
Indice analitico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Indice analitico-1
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Indice
Figure
1-1
1-2
2-1
2-2
3-1
3-2
3-3
3-4
3-5
4-1
4-2
4-3
4-4
4-5
4-6
4-7
5-1
6-1
6-2
6-3
6-4
6-5
6-6
6-7
6-8
6-9
6-10
6-11
6-12
7-1
7-2
7-3
7-4
7-5
7-6
7-7
7-8
8-1
8-2
8-3
9-1
9-2
C-1
C-2
C-3
Rappresentazione del sistema di periferia decentrata ET 200S
con IM 151-7 CPU . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Componenti e rispettivi manuali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Montaggio del modulo IM 151-7 CPU (ET 200S) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Vista dell’S7-300 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Configurazione dell’area di indirizzi impostata per default . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Posti connettore nell’ET 200S . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Esempio di assegnazione di indirizzi ai moduli di periferia . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Configurazione dell’area di indirizzi in caso di indirizzamento libero . . . . . . . . . . .
Principio dello scambio di dati tra master DP ed ET 200S con IM 151-7 CPU . .
Esempio di rete PROFIBUS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Impostazione del tipo di funzionamento dell’interfaccia DP nell’IM 151-7 CPU .
Il PG/OP accede all’ET 200S tramite l’interfaccia DP nel master DP . . . . . . . . . .
Accesso diretto del PG all’ET 200S . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Collegamento della rete DP . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Principio di forzamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Comunicazione diretta con IM 151-7 CPU . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Esempio di rete MPI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Sequenza dei comandi del selettore dei modi operativi
per la cancellazione totale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Indirizzi di diagnostica per master DP ed ET 200S . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Struttura della diagnostica slave . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Struttura della diagnostica riferita all’identificazione dell’IM 151-7 CPU . . . . . . . .
Struttura dello stato del modulo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Struttura dello stato di allarme . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Byte da y+4 a y+7 per allarme di diagnostica
(cambio dello stato di funzionamento dello slave intelligente) . . . . . . . . . . . . . . . .
Byte da y+4 a y+7 per allarme di diagnostica (SFB 75) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Struttura dei dati di diagnostica: esempio di unità mista a 4 canali . . . . . . . . . . . .
Byte 0 e 1 dei dati di diagnostica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Byte 4 e 7 dei dati di diagnostica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Errori singoli di un canale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Selettore dei modi operativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Posizione dello scomparto per la scheda MMC nell’IM 151-7 CPU . . . . . . . . . . .
Aree di memoria del modulo IM 151-7 CPU . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Memoria di caricamento e di lavoro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Passi operativi all’interno di un ciclo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Trattamento di dati delle ricette . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Trattamento degli archivi di valori di misura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Esempio di finestra di parametrizzazione dei dati dell’unità della CPU in
STEP 7 V5.1 + SP4 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Parti del tempo di ciclo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Tempo di reazione più breve . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Tempo di reazione più lungo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Schema di principio dell’IM 151-7 CPU . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Schema di principio dell’IM 151-7 CPU FO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Esempio: FB con indirizzi non compressi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Esempio: FB con indirizzi compressi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Esempio: ricablaggio dei segnali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
1-3
1-5
2-3
2-5
3-2
3-2
3-3
3-4
3-5
4-2
4-3
4-5
4-5
4-7
4-10
4-12
5-2
6-5
6-11
6-14
6-19
6-21
6-22
6-23
6-24
6-26
6-27
6-28
6-29
7-4
7-9
7-12
7-15
7-21
7-23
7-25
7-42
8-2
8-6
8-7
9-4
9-4
C-3
C-4
C-5
xiii
Indice
Tabelle
1-1
3-1
3-2
3-3
4-1
4-2
6-1
6-2
6-3
6-4
6-5
6-6
6-7
6-8
6-9
6-10
6-11
6-12
7-1
7-2
7-3
7-4
7-5
7-6
7-7
7-8
7-9
7-10
7-11
7-12
7-13
7-14
7-15
7-16
7-17
7-18
7-19
7-20
7-21
8-1
8-2
8-3
8-4
8-5
9-1
A-1
C-1
C-2
xiv
Argomenti trattati nei manuali del pacchetto di documentazione ET 200S . . . . .
Indirizzi dei moduli di periferia dell’ET 200S . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Accessi alle aree di indirizzi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Superficie di indirizzamento in STEP 7 V5.1 (estratto) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Comportamento dell’IM 151-7 CPU a seconda dell’impostazione dell’interfaccia
Componenti di rete . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Possibilità di parametrizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Possibilità di cancellazione totale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Operazioni interne alla CPU al momento della cancellazione totale . . . . . . . . . .
LED per PROFIBUS DP . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Reazioni alla commutazione dello stato di funzionamento o all’interruzione
del trasferimento dei dati utili nel master DP e nell’ET 200S con IM 151-7 CPU
Valutazione dei passaggi di stato di funzionamento RUN-STOP
nel master DP/nell’ET 200S . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Struttura dello stato della stazione 1 (byte 0) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Struttura dello stato della stazione 2 (byte 1) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Struttura dello stato della stazione 3 (byte 2) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Struttura dell’indirizzo PROFIBUS del master (byte 3) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Struttura del codice del costruttore (byte 4, 5) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Identificazioni delle classi dei moduli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Caratteristiche del file GSD . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Posizioni del selettore dei modi operativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
LED per funzionalità della CPU . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
MMC disponibili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Update del firmware con la MMC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Backup del sistema operativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Comportamento di ritenzione degli oggetti della memoria . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Aree operandi della memoria di sistema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Apparecchiature collegabili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Caratteristiche dell’orologio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Servizi di comunicazione del modulo IM 151-7 CPU . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Risorse GD dell’IM 151-7 CPU . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Panoramica: blocchi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
OB di ciclo e avviamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
OB di allarme . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
OB di reazione agli errori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Blocchi di parametri, parametri impostabili e relativi campi di valori
per IM 151-7 CPU . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Parametrizzazione del giunto freddo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Risultato del confronto tra configurazione prefissata e attuale
per moduli non parametrizzabili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Risultato del confronto tra configurazione prefissata e attuale
per moduli parametrizzabili, con modulo power inserito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Risultato del confronto tra configurazione prefissata e attuale
per moduli parametrizzabili, con modulo power disinserito . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Tempo di elaborazione del sistema operativo nel punto di controllo del ciclo . . .
Aggiornamento dell’immagine di processo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Fattori di dipendenza del tempo di elaborazione del programma utente . . . . . . .
Prolungamento del ciclo a causa dell’annidamento di allarmi . . . . . . . . . . . . . . . .
Tempi di reazione agli allarmi del modulo IM 151-7 CPU
(senza comunicazione) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Assegnazione dei pin del modulo di interfaccia IM 151-7 CPU . . . . . . . . . . . . . . .
Liste di stato del sistema (SZL) dell’IM 151-7 CPU . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Differenze tra le CPU S7-300 scelte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Esempio: sostituzioni nel menu Strumenti ! Ricablaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1-6
3-3
3-7
3-8
4-4
4-6
6-2
6-4
6-5
6-10
6-12
6-13
6-15
6-16
6-16
6-17
6-18
6-27
7-2
7-4
7-5
7-7
7-10
7-11
7-14
7-20
7-29
7-31
7-32
7-35
7-36
7-37
7-37
7-38
7-39
7-41
7-44
7-44
7-45
8-3
8-3
8-4
8-4
8-8
9-3
A-49
C-2
C-4
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Presentazione del prodotto
1
Capitolo
La presentazione del prodotto fornisce informazioni su quanto segue:
• posizionamento del modulo di interfaccia IM 151-7 CPU nel sistema di periferia
decentrata ET 200S e
• informazioni disponibili sui sistemi ET 200S e relativo manuale del pacchetto di
documentazione.
Sommario del capitolo
Capitolo
Argomento
Pagina
1.1
Cos’è il modulo di interfaccia IM 151-7 CPU?
1-2
1.2
Guida ai manuali ET 200S
1-5
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
1-1
Presentazione del prodotto
1.1
Cos’è il modulo di interfaccia IM 151-7 CPU?
Cos’è il modulo di interfaccia IM 151-7 CPU?
Il modulo IM 151-7 CPU è un componente del sistema di periferia decentrata ET 200S con
tipo di protezione IP 20. Il modulo di interfaccia IM 151-7 CPU è “un’unità intelligente di
preelaborazione” (slave intelligente). In questo modo è possibile decentralizzare i compiti di
automazione.
Un sistema ET 200S con IM 151-7 CPU è perciò in grado di comandare in modo
completamente autonomo un’unità funzionale tecnologica secondo necessità ed essere
impiegato come CPU stand alone. L’impiego dell’IM 151-7 CPU consente l’ulteriore
modularizzazione e normalizzazione di unità funzionali tecnologiche e la realizzazione di
concetti di macchina semplici e chiari.
Integrazione del modulo IM 151-7 CPU nel sistema ET 200S
Il modulo di interfaccia IM 151-7 CPU si integra nel sistema ET 200S come ogni altro
modulo, quindi con lo stesso concetto di configurazione, lo stesso montaggio e le stesse
possibilità di ampliamento.
1-2
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Presentazione del prodotto
Rappresentazione
La figura seguente mostra un esempio di configurazione di un sistema ET 200S con
IM 151-7 CPU.
Modulo di interfaccia
IM 151-7 CPU
Moduli di elettronica
Modulo power per avModulo power
viatori motore PM-D
PM-E per moduli di
elettronica
Avviatore diretto
Moduli terminali
TM-P per moduli
power
Modulo di chiusura
Avviatore
reversibile
Moduli terminali
TM-E per moduli di
elettronica
Bus di energia
Figura 1-1
Rappresentazione del sistema di periferia decentrata ET 200S con IM 151-7 CPU
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
1-3
Presentazione del prodotto
Caratteristiche dell’IM 151-7 CPU rispetto ad altri moduli
Il modulo di interfaccia IM 151-7 CPU si distingue per le seguenti caratteristiche:
• Il modulo di interfaccia è dotato di funzionalità PLC (parte CPU integrata con 48 kB di
memoria di lavoro).
• Il modulo di interfaccia si può utilizzare soltanto con memoria di caricamento inserita
(MMC).
• Il modulo di interfaccia può essere ampliato con un max. di 63 moduli di periferia della
gamma ET 200S.
• Il modulo di interfaccia è provvisto di un selettore dei modi operativi con le posizioni RUN,
STOP e MRES.
• Sulla parte frontale del modulo di interfaccia sono disposti 6 LED per la segnalazione di:
– Errori di un ET 200S (SF),
– Errori di bus (BF),
– Tensione di alimentazione per elettronica (ON),
– Job di forzamento (FRCE),
– Modo di funzionamento del modulo IM 151-7 CPU (RUN e STOP).
• Varianti per il collegamento al PROFIBUS DP tramite RS 485 e cavo in fibra ottica LWL
(variante FO)
• La variante FO ha inoltre due LED per la segnalazione di disturbi di trasmissione tramite
LWL (FO1F, FO2F).
Progettazione del sistema ET 200S con IM 151-7 CPU
Per la progettazione di sistemi ET 200S con IM 151-7 CPU (configurazione e
parametrizzazione) è necessario utilizzare l’applicazione Configurazione HW del software di
progettazione STEP 7 a partire dalla versione V 5.1 + Service Pack 4 in poi. Il procedimento
di progettazione del sistema ET 200S con IM 151-7 CPU è descritto nel capitolo 6.1 del
presente manuale.
Programmazione del modulo IM 151-7 CPU
Per la programmazione del modulo IM 151-7 CPU è necessario utilizzare il software di
progettazione STEP 7 a partire dalla versione V 5.1 + Service Pack 4 in poi. Nell’appendice
A è descritta la lista operazioni di STEP 7 per la programmazione del modulo IM 151-7 CPU.
1-4
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Presentazione del prodotto
1.2
Guida ai manuali per sistemi ET 200S
Componenti utilizzati
I componenti dei sistemi ET 200S sono descritti in diversi manuali del pacchetto di
documentazione dei sistemi ET 200S. La figura seguente mostra le diverse varianti di
configurazione di un’ET 200S e i manuali che ne contengono la descrizione approfondita.
2AO
2AO
Le informazioni necessarie sono contenute
nei seguenti manuali:
Sistema di periferia
decentrata ET 200S
Sistema di periferia
decentrata ET 200S
+
Modulo di interfaccia
IM 151-7 CPU
PM
PM–D
2AO
2AI
2AI
2AI
2DO
2DO
2DO
IM
151-7
CPU
PM-E
IM
151-7
CPU
PM-E
IM 151
PM-E
L’ET 200S è costituito dai seguenti
componenti:
DS
DS
Sistema di periferia decentrata ET 200S
+
Avviatori motore ET 200S
Tecnica di sicurezza
ET 200S SIGUARD
+
Modulo di interfaccia
IM 151-7 CPU
Figura 1-2
Componenti e rispettivi manuali
Dove trovare le informazioni necessarie?
La tabella seguente costituisce un punto di orientamento per trovare più rapidamente le
informazioni necessarie. Essa indica quale manuale consultare e quale capitolo tratta
l’argomento cercato.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
1-5
Presentazione del prodotto
Tabella 1-1
Argomenti trattati nei manuali del pacchetto di documentazione ET 200S
Manuale
Argomento
Componenti dell’ET 200S
Sistema di
periferia
decentrata
ET 200S
Modulo di
interfaccia
IM 151-7 CPU
x
x
x
x
x
Configurazione elettrica e cablaggio di
ET 200S
x
x
Messa in servizio e diagnostica di ET 200S
2
3
x
ET 200S con IM 151-7 CPU nella rete
PROFIBUS
1
4
Montaggio degli avviatori motore ET 200S
Indirizzamento di IM 151-7 CPU
1
3
Possibilità di configurazione degli
avviatori motore ET 200S
Montaggio di ET 200S; impostazione
dell’indirizzo PROFIBUS;
Capitolo /
appendice
1.2
Componenti degli avviatori motore ET 200S
Possibilità di configurazione dell’ET 200S
Avviatore
motore
ET 200S
5
x
4
x
6
Messa in servizio e diagnostica di ET 200S con
avviatori motore
x
3
Messa in servizio e diagnostica di ET 200S con
IM 151-7 CPU
x
6
Funzioni del modulo IM 151-7 CPU
x
7
Dati tecnici generali dell’ET 200S (norme,
omologazioni, compatibilità elettromagnetica,
condizioni ambientali ecc.)
x
7
Dati tecnici di moduli di interfaccia, moduli
terminali, moduli power e di elettronica
x
8, 9, 10,
11, 12
Dati tecnici generali degli avviatori motori
ET 200S
x
Dati tecnici del modulo IM 151-7 CPU
x
Tecnica di sicurezza ET 200S SIGUARD
Numeri di ordinazione dell’ET 200S
4
9
x
x
9
A
Numeri di ordinazione dell’ET 200S avviatori
motore
x
A
Tempo di ciclo e di reazione del modulo
IM 151-7 CPU
x
8
Compatibilità
x
10
Lista operazioni STEP 7
x
A
Tempi di esecuzione delle SFC
x
B
Posizionamento del modulo IM 151-7 CPU nel
panorama delle CPU
Glossario
C
x
x
x
Glossario
Telegramma di configurazione e parametrizzazione per IM 151-7 CPU: vedere in Internet, nel sito
http://www.ad.siemens.de/simatic-cs
1-6
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Breve introduzione alla messa in servizio
(Getting Started)
2
Introduzione
Queste istruzioni illustrano, sulla base di un esempio concreto, le 10 fasi necessarie per la
messa in servizio di un IM 151-7 CPU al fine di realizzare un’applicazione funzionante.
L’utente apprenderà inoltre le funzioni di base del modulo IM 151-7 CPU per quanto riguarda
• componenti hardware e software
• funzionamento stand alone (MPI)
• impiego come slave DP intelligente (PROFIBUS DP).
Presupposti
Sono richieste conoscenze approfondite nell’ambito dell’elettronica/elettrotecnica e
dimestichezza nell’uso di computer e prodotti MicrosoftR Windowst 95/98/NT/2000.
!
Pericolo di morte
Il modulo IM 151-7 CPU, il sistema ET 200S e l’S7-300 sono parti di impianti o sistemi e
richiedono pertanto il rispetto di alcune regole e norme particolari a seconda del campo di
impiego.
Attenersi alle norme di sicurezza e antinfortunistiche in vigore, quali p. es. la IEC 204
(dispositivi di arresto di emergenza).
La mancata applicazione di queste norme può causare gravi lesioni personali o ingenti danni
materiali a macchinari e apparecchiature.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
2-1
Breve introduzione alla messa in servizio (Getting Started)
Sommario del capitolo
Capitolo
Argomento
Pagina
2.1
Fase 1: montaggio di IM 151-7 CPU (ET 200S) e S7-300
2-3
2.2
Fase 2: cablaggio di IM 151-7 CPU (ET 200S) e S7-300
2-4
2.3
Fase 3: messa in servizio del modulo IM 151-7 CPU (ET 200S)
2-6
2.4
Fase 4: configurazione del modulo IM 151-7 CPU
per il funzionamento stand alone(MPI)
2-7
2.5
Fase 5: programmazione del modulo IM 151-7 CPU
2-9
2.6
Fase 6: Test
2-10
2.7
Fase 7: upgrade di IM 151-7 CPU come slave DP e messa in servizio
di S7-300
2-11
2.8
Fase 8: configurazione di IM 151-7 CPU come slave DP
e di S7-300 come master DP
2-12
2.9
Fase 9: programmazione di IM 151-7 CPU e di CPU S7-300
2-16
2.10
Fase 10: messa in servizio e test di IM 151-7 CPU e S7-300
2-19
Materiale e attrezzature necessarie
Quantità
Articolo
Numero di ordinazione
(SIEMENS)
1
Sistema S7-300 costituito da un alimentatore (PS), una CPU
con interfaccia DP (qui: CPU 315 2-DP), un’unità di ingresso
digitale (DI) sul posto connettore 4 e un’unità di uscita digitale
(DO) sul posto connettore 5, incl. guida profilata, connettore di
bus e materiale di cablaggio.
Diversi
1
Alimentatore (PS) p. es.: PS 307 con cavo di rette (opzionale)
p. es.: 6ES7307-1EA00-0AA0
1
IM 151-7 CPU con modulo di chiusura
p. es.: 6ES7151-7AA10-0AB0
1
SIMATIC Micro Memory Card (MMC)
p. es.: 6ES7953-8LL00-0AA0
1
Modulo power (PM)
p. es.: 6ES7138-4CA00-0AA0
1
Modulo di ingresso digitale (DI)
p. es.: 6ES7131-4BD00-0AA0
1
Modulo di uscita digitale (DO)
p. es.: 6ES7132-4BD00-0AA0
1
Modulo terminale (TM) per PM
p. es.: 6ES7193-4CC30-0AA0
2
Moduli terminali per DI e DO
p. es.: 6ES7193-4CB30-0AA0
1
Guida profilata per ET 200S
Diversi
Dispositivo di programmazione (PG) con interfaccia
PROFIBUS DP, software STEP 7 installato, versione ≥ 5.1
e cavo per PG (fino a 1,5 MBit/s)
Diversi
1
Cavo PROFIBUS DP
Diversi
1
Cacciavite da 3 mm
In commercio
1
Cacciavite da 4,5 mm
In commercio
1
Taglierino e strumento per la spelatura dei cavi
In commercio
1
Strumento per il montaggio di capicorda
In commercio
1
mm2
ca. 2m
Trefolo con sezione di 1
con capicorda adeguati,
formato A, lunghezza 6 mm e 12 mm
In commercio
4
Tasti di accensione unipolari (24 V)
In commercio
2-2
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Breve introduzione alla messa in servizio (Getting Started)
2.1
Fase 1: montaggio di IM 151-7 CPU (ET 200S) e S7-300
Fase
Descrizione
1
Montare l’S7-300 seguendo la descrizione del manuale di installazione Sistemi di automazione
S7-300, Configurazione e dati.
2
Per utilizzare il modulo IM 151-7 CPU con un proprio alimentatore, posizionare il PS nella guida
profilata dell’S7-300 e inserirlo fino all’arresto.
3
Posizionare l’IM 151-7 CPU nella guida profilata e inserirlo fino all’arresto.
4
Posizionare il TM per il PM nella guida profilata, a destra del modulo IM 151-7 CPU, e inserirlo fino
all’arresto.
5
Spostare il TM verso sinistra finché si innesta in modo percettibile nel modulo IM 151-7 CPU.
6
Procedere secondo i punti 3 e 4 con due TM per moduli di elettronica e quindi con il modulo di
chiusura (non si innesta fino all’arresto nella guida profilata).
7
Spingere il PM nel corrispondente TM fino all’arresto.
8
Spingere il DI nel TM ancora libero a sinistra fino all’arresto.
9
Spingere il DO nell’ultimo TM ancora libero fino all’arresto.
10
Inserire nel modulo IM 151-7 CPU la Micro Memory Card, che è assolutamente indispensabile per il
funzionamento. Se è già innestata una Micro Memory Card di cui non si conosce il contenuto è
necessario cancellarla dal dispositivo di programmazione.
SF
BF
ON
FRCE
RUN
STOP
Figura 2-1
Montaggio del modulo IM 151-7 CPU (ET 200S)
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
2-3
Breve introduzione alla messa in servizio (Getting Started)
2.2
Fase 2: cablaggio di IM 151-7 CPU (ET 200S) e S7-300
Fase
Descrizione
1
Cablare l’S7-300 seguendo la descrizione del manuale di installazione Sistemi di automazione
S7-300, Configurazione e dati.
2
Prolungare i collegamenti dei 4 tasti con un cavo ciascuno. Spelare le estremità libere del cavo per
una lunghezza di 6 mm e serrarle con i capicorda.
3
Collegare al DI dell’S7-300 gli ingressi 1.1 (morsetto 13) e 1.2 (morsetto 14) con un tasto ciascuno a
L+ del PS dell’S7-300.
4
Collegare i due tasti unipolari restanti al DI dell’ET 200S nel modo seguente:
• un tasto ai morsetti 1 e 3
• l’altro tasto ai morsetti 5 e 7
Avvertenza sui morsetti a molla
Per allentare la molla di collegamento, inserire il cacciavite da 3 mm nel foro tondo superiore di un
morsetto fino all’arresto ed eventualmente tirare leggermente l’impugnatura del cacciavite verso l’alto.
A questo punto è possibile inserire un’estremità libera del cavo nel foro quadrato sottostante. Sfilare il
cacciavite e controllare che il cavo sia fisso in sede.
5
Collegare il morsetto 2 del TM del PM con L+ del PS e il morsetto 3 del TM del PM con M del PS. Le
estremità dei cavi da collegare vanno spelate per una lunghezza di 11 mm e serrate con capicorda.
6
Collegare il morsetto 1L+ dell’IM 151-7 CPU con L+ del PS e il morsetto 1M dell’IM 151-7 CPU con M
del PS.
Avvertenza
• Le estremità dei cavi da collegare vanno spelate per una lunghezza di 11 mm e serrate con
capicorda.
• Per l’alimentazione di corrente dell’IM 151-7 CPU e del PM è possibile utilizzare anche il PS
dell’S7-300.
7
Collegare il PG e l’IM 151-7 CPU con il cavo per PG e serrare a fondo tutti i connettori.
8
Collegare alla rete il PS dell’ET 200S, il PS dell’S7-300 e il PG.
2-4
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Breve introduzione alla messa in servizio (Getting Started)
Vista del sistema S7-300 (non è rappresentato il cablaggio dell’alimentazione di tensione di
DI e DO; il PG è collegato all’S7-300)
Powersupply
ON/OFF
Switch for setting system voltage
Clamp for
strain relief
Figura 2-2
Mode selector switch
Power connector
Switches
Profile rail
Programming device
with STEP 7 Software
Programming device cable
Vista dell’S7-300
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
2-5
Breve introduzione alla messa in servizio (Getting Started)
2.3
Fase 3: messa in servizio del modulo IM 151-7 CPU
(ET 200S)
Avvertenza
Al momento della prima messa in servizio (stato all’atto della fornitura) dell’ET 200S, la
CPU è accessibile tramite indirizzo MPI 2, HSA 31 e 187,5 kBaud.
Fase
Descrizione
1
Inserire il PS dell’IM 151-7 CPU.
Risultato:
• Nel PS si accende il LED DC24V.
• Nel PM si accendono i LED PWR e SF.
• Nell’IM 151-7 CPU si accendono tutti i LED, i LED SF, BF, FRCE e RUN si spengono nuovamente
e il LED STOP inizia a lampeggiare rapidamente. Il modulo IM 151-7 CPU sta eseguendo la
cancellazione totale.
2
Ora premere entrambi i tasti collegati al modulo DI. Premendo il tasto nei morsetti 1 e 3 si accende il
LED 1.
Premendo il tasto nei morsetti 5 e 7 si accende il LED 5.
3
Accendere il PG e avviare il SIMATIC Manager nel Desktop di Windows.
4A
Nel menu principale del SIMATIC Manager fare clic sul comando Strumenti e selezionare il comando
di menu Impostazione interfaccia PG/PC. Configurare l’interfaccia PG/PC nel modo seguente:
4b
Nota: il processore di comunicazione potrebbe essere denominato diversamente nel PG dell’utente.
L’importante è che sia stata installata la versione MPI.
5
2-6
Confermare le impostazioni con OK e chiudere il programma Impostazione interfaccia PG/PC.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Breve introduzione alla messa in servizio (Getting Started)
2.4
Fase 4: configurazione del modulo IM 151-7 CPU
per il funzionamento stand alone (MPI)
Fase
Operazione
Risultato
1
Nel SIMATIC Manager compare l’Assistente per un
nuovo progetto?
Se sì:chiudere l’Assistente perché in questo
caso il modulo IM 151-7 CPU non viene
supportato.
Se no: continuare con il punto 2
2
Navigare nel menu principale del SIMATIC Manager
alla voce File e scegliere il comando di menu Nuovo.
Viene creato e aperto un nuovo progetto.
Indicare come nome del progetto ”Getting Started” e
fare clic sul pulsante OK.
3
Navigare alla voce Inserisci e selezionare il comando
di menu Stazione.
Nell’elenco, fare clic su: Stazione SIMATIC 300.
4
Rinominare la stazione con ”ET 200S”.
5
Navigare nel SIMATIC Manager alla stazione
ET 200S.
La stazione ”SIMATIC 300(1)” viene
rinominata ”ET 200S”.
Fare doppio clic sull’icona Hardware nella parte destra
della finestra per aprire l’editor della Configurazione
HW.
6
Se nella parte destra della finestra non compare un
catalogo, attivarlo selezionando nel menu Visualizza il
comando Catalogo.
Navigare nel catalogo da PROFIBUS DP a ET 200S.
Inserire con drag&drop nella finestra in alto a sinistra
l’IM 151-7 CPU con il numero di ordinazione uguale a
quello del proprio modulo IM 151-7 CPU.La versione
standard prevede l’integrazione del modulo
IM 151-7 CPU com CPU stand alone (MPI/non in rete).
Avvertenza:
Il numero di ordinazione è visibile nel catalogo facendo
clic con il mouse su un modulo IM 151-7 CPU. Il
numero di ordinazione di questo modulo IM 151-7 CPU
compare nel campo in basso nel catalogo.
7
Navigare dal modulo IM 151-7 CPU adeguato al PM.
Inserire con drag&drop nel posto connettore 4 il PM
con il numero di ordinazione uguale a quello del
proprio PM.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
2-7
Breve introduzione alla messa in servizio (Getting Started)
Fase
Operazione
8
Procedere secondo il punto 8 con il DI (nel posto
connettore 5) e il DO (nel posto connettore 6)
9
Selezionare nel menu Stazione il comando Salva e
compila.
La configurazione hardware viene compilata
e memorizzata
10
Caricare la configurazione nel modulo IM 151-7 CPU
mediante la MPI e chiudere l’editor della
Configurazione hardware.
La configurazione è stata caricata e nel
SIMATIC Manager compare, sulla destra,
l’icona simbolo del modulo IM 151-7 CPU.
2-8
Risultato
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Breve introduzione alla messa in servizio (Getting Started)
2.5
Fase 5: programmazione del modulo IM 151-7 CPU
Fase
Operazione
1
Navigare nel SIMATIC Manager dal modulo
IM151-7 CPU e dal Programma S7 fino alla
cartella Blocchi.
2
Fare doppio clic sull’icona OB 1 nella parte
destra della finestra.
Si aprirà l’editor KOP/FUP/AWL per l’editazione del
blocco OB 1.
3
Selezionare nell’editor KOP/FUP/AWL, nel
menu Visualizza, il comando KOP per passare
al linguaggio di programmazione KOP.
Nel segmento 1 viene visualizzato un montante.
4
Fare clic esattamente sulla linea orizzontale del
montante.
La linea viene evidenziata.
5
Nella barra degli strumenti, fare clic due volte
sul simbolo –||– (contatto normalmente aperto)
e quindi una volta sul simbolo –( ) (bobina).
I simboli vengono inseriti nel montante.
6
Fare clic sul punto di domanda rosso del
contatto normalmente aperto sinistro del
montante.
Il contatto normalmente aperto viene evidenziato e
al posto del punto di domanda compare una
casella di testo con il cursore.
7
Immettere E1.0 e premere Invio.
Il contatto normalmente aperto sinistro viene
definito E1.0.
8
Immettere E1.1 e premere Invio.
Il contatto normalmente aperto destro viene definito
E1.1.
Immettere A2.0 e premere Invio.
9
Chiudere l’editor e confermare il salvataggio dei
dati con Sì.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Risultato
La bobina viene definita A2.0.
L’editor viene chiuso e l’OB 1 memorizzato.
2-9
Breve introduzione alla messa in servizio (Getting Started)
2.6
Fase 6: Test
Fase
Operazione
Risultato
1
Fare clic nel SIMATIC Manager su Blocchi nella parte
sinistra della finestra.
La cartella Blocchi viene evidenziata.
2
Fare clic con il tasto destro del mouse nella parte
destra della finestra e inserire un blocco organizzativo
vuoto con il nome OB 82 nella cartella dei blocchi.
Accanto al blocco OB 1 compaiono i blocchi
OB 82 e OB 86.
Questo blocco garantisce che la CPU S7-300 venga
avviata anche se l’IM 151-7 CPU segnala un errore di
diagnostica.
Allo stesso modo generare l’OB 86.
Avvertenza:
L’OB 86 è importante solo con il funzionamento come
slave DP.
3
Selezionare nuovamente la cartella dei blocchi nella
parte sinistra della finestra.
Il programma e la configurazione hardware
vengono caricati dal PG nell’IM 151-7 CPU.
Selezionare nel menu Sistema di destinazione il
comando Carica per trasferire nel modulo
IM 151-7 CPU il programma e la configurazione
hardware.
Confermare tutte le finestre visualizzate con Sì.
4
Posizionare il selettore dei modi operativi del modulo
IM 151-7 CPU su RUN.
Il LED STOP si spegne. Il LED RUN inizia a
lampeggiare finché resta acceso.
5
Premere i due tasti alternativamente.
I LED degli ingressi E1.0 ed E1.2 si
accendono alternativamente.
Il LED dell’uscita 2.0 non è accesso.
6
Premere i due tasti contemporaneamente.
I LED degli ingressi E1.0 ed E1.2
(LED 1 e 5 del DI) si accendono
contemporaneamente.
Poiché nel programma i due tasti sono stati
collegati con una funzione AND (= circuito
in serie) e assegnati all’uscita A2.0, il LED
dell’uscita 2.0 (LED 1 di DO) è acceso.
Un organo attuatore collegato o un display
sarebbero quindi accesi.
7
2-10
Posizionare il selettore dei modi operativi del modulo
IM 151-7 CPU su STOP e disinserire il PS del modulo
IM 151-7 CPU.
Tutti i LED si spengono.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Breve introduzione alla messa in servizio (Getting Started)
2.7
Fase 7: upgrade di IM 151-7 CPU come slave DP e messa in
servizio di S7-300
Fase
Descrizione
1
Sfilare il connettore del cavo per PG dall’IM 151-7 CPU.
2A
Avviare il programma Impostazione interfaccia PG/PC seguendo la descrizione del passo 3, punto 4.
Modificare la configurazione dell’interfaccia PG/PC nel modo seguente:
2b
3
Confermare le impostazioni con OK e chiudere il programma Impostazione interfaccia PG/PC.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
2-11
Breve introduzione alla messa in servizio (Getting Started)
2.8
Fase 8: configurazione di IM 151-7 CPU come slave DP e di
S7-300 come master DP
Modificare la configurazione dell’IM 151-7 CPU come segue:
Fase
Operazione
Risultato
1
Avviare il programma di configurazione
hardware dell’IM 151-7 CPU secondo la
descrizione del passo 4.
Si aprirà l’editor della Configurazione HW.
2
Selezionare nel menu Proprietà - MPI/DP
il tipo di interfaccia PROFIBUS.
3
Si aprirà la finestra Proprietà - Interfaccia
PROFIBUS MPI/DP.
• Impostare l’indirizzo slave 4.
• Dopo aver premuto il pulsante Nuovo
si apre la finestra Nuova sotto-rete
PROFIBUS.
4
Verificare le impostazioni della finestra
Proprietà - Nuova sotto-rete PROFIBUS e
confermare con OK.
5
Selezionare nel menu Stazione il comando
Salva e compila.
La configurazione hardware viene compilata e
memorizzata.
6
Caricare la configurazione nel modulo
IM 151-7 CPU mediante la MPI e chiudere
l’editor della Configurazione hardware.
L’ET 200S ha ora l’indirizzo DP 4; l’editor viene
chiuso.
2-12
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Breve introduzione alla messa in servizio (Getting Started)
Configurare la CPU S7-300 come segue:
Fase
Operazione
Risultato
1
Selezionare nel SIMATIC Manager nella parte sinistra
della finestra il progetto Getting Started.
2
Inserire una nuova stazione S7-300 nel progetto,
secondo la descrizione del passo 4, punto 3.
3
Fare clic nel SIMATIC Manager sulla Stazione S7-300(1) Nella parte destra della finestra compare
nella parte sinistra della finestra.
l’icona Hardware.
4
Fare doppio clic sull’icona Hardware nella parte destra
della finestra.
5
Se nella parte destra della finestra non compare un
catalogo, attivarlo selezionando nel menu Visualizza il
comando Catalogo.
Si aprirà l’editor della Configurazione HW.
Navigare nel catalogo da SIMATIC 300 a Rack 300.
Inserire tramite drag&drop una guida profilata nella
finestra in alto a sinistra.
6
Seguendo la descrizione del passo 4, inserire nel posto
g
connettore 1 il PS con il numero di ordinazione uguale
a
quello
ll del
d l proprio
i PS.
PS Procedere
P
d
nello
ll stesso
t
modo
d per
CPU S7-300 (posto connettore 2), S7-300 DI (posto
connettore 4) e S7-300 DO (posto connettore 5).
Esempio di configurazione (può essere
diversa da quella dell’utente):
Avvertenza:
• Quando si inserisce la CPU S7-300 compare una
finestra. In questa finestra selezionare ”Rete
PROFIBUS” e impostare l’indirizzo 2.
Confermare con OK.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
2-13
Breve introduzione alla messa in servizio (Getting Started)
Fase
Operazione
7
• Fare doppio clic nella parte inferiore sinistra della
Risultato
finestra del programma di configurazione hardware
su CPU 315-2 DP (riga 2).
• Nella finestra visualizzata, fare clic nella scheda
Generale sul pulsante Proprietà.
• Controllare nella finestra aperta ”Rete MPI” che sia
impostato l’indirizzo 2. In caso contrario, impostarlo.
Confermare con OK.
8
Navigare nel catalogo con PROFIBUS DP alle Stazioni già progettate.
Agganciare tramite drag&drop la stazione ET 200S/CPUal Sistema master PROFIBUS.
9
2-14
Nella finestra visualizzata fare clic sul pulsante Collega.Si apre la finestra Proprietà – MPI/DP.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Breve introduzione alla messa in servizio (Getting Started)
Fase
Operazione
10
Nella finestra indicata al punto 9 premere il pulsante
Modifica e, per la riga 1, completare la maschera
secondo quanto indicato nella figura. Confermare con
OK.
Risultato
Quindi nella finestra Proprietà - MPI/DP fare clic sulla
seconda riga e completare la maschera secondo quanto
indicato nella figura. Confermare con OK.
11
Selezionare nel menu Stazione il comando Salva e
compila.
La configurazione hardware viene
compilata e memorizzata.
12
Collegare il PG mediante un cavo per PG con
l’interfaccia MPI della CPU S7-300. Caricare la
configurazione nella CPU.
La configurazione hardware viene
caricata.
Chiudere l’editor della configurazione HW.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
L’editor si chiude.
2-15
Breve introduzione alla messa in servizio (Getting Started)
2.9
Fase 9: programmazione di IM 151-7 CPU e di CPU S7-300
Fase
Operazione
Risultato
1
Navigare nel SIMATIC Manager alla cartella dei
blocchi dell’ET 200S.
Si aprirà l’editor KOP/FUP/AWL per l’editazione
del blocco OB 1.
Fare doppio clic sull’icona OB1 nella parte destra
della finestra.
2
Completare l’OB 1 del modulo IM 151-7 CPU nel modo seguente:
1
The PQB12 of the S7-300-CPU is checked by means of MB12-PIB128
3
Navigare nel SIMATIC Manager alla cartella dei
blocchi dell’S7-300.
Si aprirà l’editor KOP/FUP/AWL per l’editazione
del blocco OB 1.
Fare doppio clic sull’icona OB1 nella parte destra
della finestra.
2-16
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Breve introduzione alla messa in servizio (Getting Started)
Fase
Operazione
Risultato
4
Completare l’OB 1 della CPU S7-300 nel modo seguente:
1
Funzionamento: lo stato del tasto collegato a E1.1 dell’S7-300 viene interrogato e
bufferizzato nel merker M13.0. L’intero byte di merker MB13 viene trasferito al byte di uscita
di periferia PAB12. Nella configurazione hardware (passo 8, configurazione dell’S7-300,
punto 10) è stato stabilito che l’area da PAW12 a PAW44 della CPU S7-300 è assegnata
all’area da PEW128 a PEW160 dell’IM 151-7 CPU.
Nel programma dell’IM, PEB128 viene trasferito nel byte di merker MB12. Il merker M12.0
comanda infine l’uscita A2.1.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
2-17
Breve introduzione alla messa in servizio (Getting Started)
Risultano perciò i seguenti canali di comunicazione:
S7-300
E1.1
A5.0
2-18
M13.0
MB13
MB12
M12.1
IM 151-7 CPU
PAB12
PAW12
PEW12
PEB12
PEW128
PEB128
PAB128
PAW128
MB12
M12.0
M13.1
MB13
A2.1
E1.0
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Breve introduzione alla messa in servizio (Getting Started)
2.10
Fase 10: messa in servizio e test di IM 151-7 CPU e S7-300
Fase
Operazione
1
Navigare nel SIMATIC Manager alla cartella dei blocchi
dell’S7-300 e inserire un blocco organizzativo vuoto con il
nome OB 86 nella cartella.
Risultato
Questo blocco impedisce che la CPU S7-300 entri in
stato di STOP in caso di guasto/ritorno dell’
IM 151-7 CPU.
Allo stesso modo generare l’OB 82.
2
Assicurarsi che i selettori dei modi operativi dell’S7 e
dell’IM siano in posizione STOP.
IM 151-7 CPU e S7-300-CPU richiedono
la cancellazione totale.
Attivare il PS dell’S7-300 e il
PS dell’ET 200S.
3
Procedere alla cancellazione totale dell’IM 151-7 CPU e
dell’S7-300-CPU nel modo seguente:
La cancellazione totale viene eseguita
per entrambe le CPU.
• Premere/ruotare il selettore dei modi operativi
posizionandolo su MRES. Mantenere il selettore dei
modi operativi in questa posizione finché il LED STOP
si accende per la seconda volta e resta acceso (vale
a dire 3 secondi). Rilasciare quindi il selettore dei modi
operativi.
• Entro 3 secondi il selettore dei modi operativi deve
essere premuto/ruotato nuovamente e riposizionato su
MRES. Il LED STOP inizia a lampeggiare rapidamente
e la CPU esegue la cancellazione totale. A questo
punto è possibile rilasciare il selettore dei modi
operativi. Quando il LED STOP resta nuovamente
acceso, la CPU ha concluso la cancellazione totale.
4
Selezionare nel SIMATIC Manager, menu Sistema di
destinazione, il comando Carica per trasferire nella CPU
S7-300 il programma e la configurazione hardware.
Confermare tutte le finestre visualizzate con Sì.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Il programma e la configurazione
hardware vengono caricati dal PG alla
CPU.
2-19
Breve introduzione alla messa in servizio (Getting Started)
Fase
Operazione
Risultato
5
Avviare il programma Impostazione interfaccia PG/PC seguendo la descrizione del passo 3,
punto 4. Modificare la configurazione dell’interfaccia PG/PC come indicato nel seguito:
6
Confermare le impostazioni con OK e chiudere il programma Impostazione interfaccia PG/PC.
7
Aprire il frontalino della CPU S7-300.
Collegare l’IM 151-7 CPU con l’interfaccia DP della CPU S7-300 con un cavo per PROFIBUS DP.
Assicurarsi che in entrambi i connettori sia attiva la resistenza di chiusura.
Sfilare il connettore del cavo per PG dall’interfaccia MPI della CPU S7-300 e inserirlo nel connettore
di bus del cavo per PROFIBUS DP della CPU S7-300. Avvitare a fondo il connettore.
Chiudere lo sportello frontale della CPU S7-300 per quanto possibile.
8
Navigare nel SIMATIC Manager alla cartella dei blocchi
dell’ET 200S.
Selezionare la cartella dei blocchi nella parte sinistra della
finestra.
Il programma e la configurazione
hardware vengono caricati dal PG
nell’IM 151-7 CPU.
Selezionare nel SIMATIC Manager, menu Sistema di
destinazione, il comando Carica per trasferire
nell’IM 151-7 CPU il programma e la configurazione
hardware.
Confermare tutte le finestre visualizzate con Sì.
9
2-20
Posizionare il selettore dei modi operativi del modulo
IM 151-7 CPU su RUN.
Il LED STOP dell’IM si spegne. Il LED
RUN inizia a lampeggiare finché resta
acceso. Il LED SF è acceso.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Breve introduzione alla messa in servizio (Getting Started)
Fase
Operazione
Risultato
10
Posizionare il selettore dei modi operativi della CPU
S7-300 su RUN.
Il LED STOP dell’S7 si spegne. Il LED
RUN inizia a lampeggiare finché resta
acceso.
Il LED SF dell’IM si spegne.
11
Premere entrambi i tasti dell’S7-300 alternativamente.
I LED degli ingressi E1.1 ed E1.2
dell’S7-300 si accendono
alternativamente.
Il LED dell’uscita 5.4 non è acceso.
12
Premere entrambi i tasti dell’S7-300
contemporaneamente.
I LED degli ingressi E1.1 ed E1.2 si
accendono contemporaneamente.
Poiché nel programma i due tasti sono
stati collegati con una funzione AND
(= circuito in serie) e assegnati all’uscita
A5.4, il LED dell’uscita 5.4 è acceso.
13
Premere l’interruttore collegato a E1.0 dell’ET 200S.
I LED dell’ingresso E1.0 dell’IM e
dell’uscita A5.0 dell’S7-300 sono accesi.
14
Premere l’interruttore collegato a E1.1 dell’S7-300.
I LED dell’ingresso E1.1 dell’S7-300 e
dell’uscita A2.1 dell’IM sono accesi.
Diagnostica ed eliminazione dei guasti
Comandi errati, un cablaggio scorretto o una configurazione hardware inadeguata possono
causare errori che la CPU visualizza, dopo la cancellazione totale, con il LED di errore
cumulativo SF.
Le modalità di diagnostica di questi errori e dei relativi messaggi sono descritte nei seguenti
manuali:
• Manuale di installazione S7-300; capitolo 10.4
• Programmazione con STEP 7 V5.1; capitolo 21
• Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU; capitolo 5
Ulteriori manuali
Come Getting Started integrativo consigliamo: Getting Started – Primi passi ed esercitazioni
con STEP 7 V5.1.
Tutti i manuali possono essere scaricati gratuitamente dal sito Internet della Ditta Siemens
(Customer Support Automatisierungstechnik).
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
2-21
Breve introduzione alla messa in servizio (Getting Started)
2-22
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
3
Indirizzamento
Principio dello scambio di dati tra master DP e IM 151-7 CPU
Questo capitolo contiene le informazioni relative all’indirizzamento dei moduli di periferia e lo
scambio di dati tra master DP e IM 151-7 CPU.
Per quanto riguarda l’indirizzamento dei moduli di periferia esistono le seguenti alternative:
• Assegnazione indirizzi tramite slot:
l’assegnazione indirizzi tramite slot costituisce l’indirizzamento di default, vale a dire che
STEP 7 assegna a ogni numero di posto connettore un indirizzo di base fisso dell’unità.
• Assegnazione libera di indirizzi:
a ogni unità può essere assegnato un qualunque indirizzo nell’ambito dell’area di indirizzi
consentita dell’IM 151-7 CPU.
Per l’indirizzamento dell’IM 151-7 CPU nel PROFIBUS DP vedere il capitolo 4.3.
Sommario del capitolo
Capitolo
Argomento
Pagina
3.1
Assegnazione di indirizzi ai moduli di periferia tramite slot
3-2
3.2
Assegnazione libera di indirizzi ai moduli di periferia
3-4
3.3
Scambio di dati con il master DP
3-5
3.4
Accesso alla memoria di trasferimento nel modulo IM 151-7 CPU
3-7
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
3-1
Indirizzamento
3.1
Assegnazione di indirizzi ai moduli di periferia tramite slot
Assegnazione indirizzi tramite slot
Nel caso dell’assegnazione indirizzi tramite slot (indirizzamento di default), a ogni numero di
posto connettore di un modulo è assegnata un’area di indirizzi nell’IM 151-7 CPU.
A seconda del tipo di modulo di periferia, gli indirizzi possono essere digitali e analogici
(vedere tabella 3-1). L’assegnazione degli indirizzi non è fissa e può essere modificata,
tuttavia esiste un’area di indirizzi impostata per default.
0
128
256
1280
Area DP
127
255
1279
2047
Comunicazione diretta
16 byte per modulo analogico
1
Figura 3-1
byte per modulo digitale
o avviatore motore
Configurazione dell’area di indirizzi impostata per default
Assegnazione slot
6
7
8
9
2DI DC24V
2DI DC24V
2AO U
2AI RTD
1Count 24V/100kHz
Posto connettore
10
Chiusura
5
1SSI
4
Modulo power PM-E
Modulo di interfaccia
La figura seguente mostra la configurazione di un’ET 200S con moduli di elettronica digitali e
analogici, moduli tecnologici e relativa assegnazione dei posti connettore.
SSI
Figura 3-2
3-2
Posti connettore nell’ET 200S
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Indirizzamento
Assegnazione di indirizzi
Nelle aree di indirizzi del modulo IM 151-7 CPU, per ciascuno dei max. 63 moduli di periferia
sono riservati, a seconda del posto connettore, 1 byte per la periferia digitale e 16 byte per
la periferia analogica.
La tabella seguente mostra l’assegnazione di default degli indirizzi per i moduli analogici e
digitali per ciascun posto connettore. Le aree di indirizzi dei moduli di periferia sono ”visibili”
soltanto per un IM 151-7 CPU all’interno di un ET 200S e non per il rispettivo master DP. Il
master DP non ha accesso diretto ai moduli di periferia.
Tabella 3-1
Indirizzi dei moduli di periferia dell’ET 200S
Area di
indirizzi
riservata
Numero di posto connettore
4
5
6
7
8
...
66
-
1
2
3
4
...
62
Moduli
analogici,
moduli
tecnologici
-
272 ...
287
288 ...
303
304 ...
319
320 ...
335
...
1248 ...
1263
Moduli power
256
272
288
304
320
Moduli digitali,
avviatori
motore
1
2
3
IM 151-7 CPU
1248
Gli indirizzi non occupati dell’area da 64 a 127 sono compresi nell’indirizzamento di default
nell’immagine di processo e possono essere utilizzati liberamente nel programma utente. Se
in un byte sono già occupati 2 bit da un’unità digitale, i restanti 6 bit non sono utilizzabili
liberamente (p. es. nella figura 3-3 i bit da 1.4 a 1.7).
I byte delle aree di indirizzi non occupati da moduli possono essere utilizzati liberamente nel
programma utente. Nella configurazione della figura 3-3 p. es. sono liberamente utilizzabili i
byte 2 e 3.
Esempio di assegnazione di indirizzi tramite slot ai moduli di periferia
La figura seguente mostra un esempio di configurazione di ET 200S e di assegnazione di
indirizzi ai moduli di periferia. Gli indirizzi dei moduli di periferia sono predefiniti
nell’indirizzamento di default.
Numeri di posto connettore 1 ... 3
ET 200S
Indirizzi occupati
Figura 3-3
IM
151-7
CPU
4
5
6
PM 4 DI 2AI
256
7
8
2AO 4 DO
1.0 288 304 4.0
...
...
...
...
1.3
307 4.3
291
Esempio di assegnazione di indirizzi ai moduli di periferia
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
3-3
Indirizzamento
3.2
Assegnazione libera di indirizzi ai moduli di periferia
Assegnazione libera di indirizzi
Assegnazione libera di indirizzi significa che l’utente può scegliere liberamente
• indirizzi di ingresso delle unità e
• indirizzi di uscita delle unità
nel campo da 0 a 2047 byte per byte e indipendentemente gli uni dagli altri. Gli indirizzi da 0
a 127 si trovano nell’immagine di processo. L’assegnazione degli indirizzi si esegue in
STEP 7, definendo l’indirizzo di base dell’unità sul quale si baseranno tutti gli altri indirizzi
dell’unità.
Assegnazione libera di indirizzi
0
127
2047
Immagine di processo
Figura 3-4
Configurazione dell’area di indirizzi in caso di indirizzamento libero
Avvertenza
L’assegnazione libera di indirizzi non consente l’indirizzamento bit per bit e quindi non viene
supportata la compressione di canali digitali. La “compressione” di indirizzi non è possibile.
Vantaggi
Vantaggi dell’assegnazione libera di indirizzi:
• Le aree di indirizzi disponibili si possono utilizzare in modo ottimale poiché non restano
“spazi vuoti” tra le unità.
• Durante la creazione di un software standard è possibile indicare indirizzi che non
dipendono dalla configurazione della rispettiva stazione ET 200S.
3-4
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Indirizzamento
3.3
Scambio di dati con il master DP
Trasferimento di dati utili tramite memoria di trasferimento
I dati utili sono contenuti in una memoria di trasferimento nel modulo IM 151-7 CPU. Il
trasferimento dei dati utili tra IM 151-7 CPU e master DP avviene sempre mediante questa
memoria di trasferimento. La memoria di trasferimento è costituita da un massimo di 32 aree
di indirizzi.
Master DP
ET 200S come slave DP
Moduli di periferia
IM 151-7 CPU
Memoria di
trasferimento
PROFIBUS DP
Scambio di dati tra master DP ed ET 200S tramite memoria di trasferimento nell’IM 151-7 CPU
Scambio di dati tra IM 151-7 CPU e moduli di periferia
Figura 3-5
Principio dello scambio di dati tra master DP ed ET 200S con IM 151-7 CPU
Aree di indirizzi per trasferimento di dati utili con master DP
L’ET 200S mette a disposizione del PROFIBUS DP un massimo di 244 byte di dati di
ingresso e 244 byte di dati di uscita. L’indirizzamento di questi dati nella memoria di
trasferimento dell’IM 151-7 CPU è possibile fino a 32 aree di indirizzi.
Un’area di indirizzi può contentere un massimo di 32 byte. Complessivamente sono
disponibili al massimo 244 byte rispettivamente per i dati di ingresso e per i dati di uscita.
Le aree di indirizzi iniziano per default dall’indirizzo 128, a partire dal quale i dati vengono
immessi senza lasciare spazi vuoti.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
3-5
Indirizzamento
Coerenza dei dati
La coerenza dei dati si definisce come coerenza per byte, parola o coerenza totale per
ciascuna area di indirizzi. La coerenza deve essere di max. 32 byte/16 parole per ciascuna
area di indirizzi.
Indirizzo di diagnostica DP in STEP 7
Durante la progettazione di una stazione ET 200S con STEP 7 si impostano due indirizzi di
diagnostica. Tramite questi indirizzi di diagnostica, l’ET 200S riceve informazioni sullo stato
del master DP o su un’eventuale interruzione del bus (vedere capitolo 6.5). In
funzionamento come slave DP gli indirizzi di diagnostica sono per default 2045 e 2046.
2045: indirizzo per posto connettore 2 (IM 151-7 CPU)
2046: indirizzo di diagnostica
Informazioni dettagliate sono contenute nella Guida online di STEP 7, al titolo Il sistema di
assegnazione dei posti connettore negli slave DPV1 e gli slave intelligenti.
Accesso ad aree libere nell’immagine di processo
Se si accede ad aree dell’immagine di processo esistenti ma non parametrizzate, non
vengono generati errori dell’immagine di processo. Ciò sta ad indicare che gli ingressi e le
uscite nell’immagine di processo ai quali non sono state assegnate unità di periferia possono
essere utilizzati come merker.
3-6
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Indirizzamento
3.4
Accesso alla memoria di trasferimento nel modulo
IM 151-7 CPU
Accesso nel programma utente
La tabella seguente l’accesso alla memoria di trasferimento nel modulo IM 151-7 CPU dal
programma utente.
Tabella 3-2
Accessi alle aree di indirizzi
Accesso in funzione della
coerenza dei dati
Vale quanto segue:
1, 2 o 4 byte di coerenza dei dati
con comandi di caricamento /
trasferimento
È possibile accedere a tutte le aree parametrizzate con la coerenza
“Formato”. È possibile indirizzare al massimo 64 byte di dati di ingresso con
operazioni di caricamento e al massimo 64 byte di dati di uscita con
operazioni di trasferimento (L PEB/PEW/PED; T PAB/PAW/PAD; vedere
anche appendice A).
In caso di accessi a parola risulta una coerenza dei dati di 2 byte e di 4 byte
in caso di accessi a doppia parola.
L’accesso è possibile anche tramite l’immagine di processo.
Da 1 a 32 byte di coerenza dei
dati nel PROFIBUS DP con SFC
14 e SFC 15
Se l’area di indirizzi dei dati coerenti si trova nell’immagine di processo,
questa area viene aggiornata automaticamente.
Per accedere ai dati nella memoria di trasferimento, occorre leggere i dati di
ingresso con la SFC 14 ”DPRD_DAT” e scrivere i dati di uscita con la
SFC 15 ”DPWR_DAT”. Queste SFC hanno una coerenza dei dati da
1 a 32 byte.
I dati di ingresso letti con la SFC 14 si possono copiare solamente come
blocco da 1 a 32 byte p. es. in un’area merker, nella quale saranno
indirizzabili con U M x.y. Allo stesso modo è possibile scrivere come dati di
uscita solo un blocco da 1 a 32 byte con la SFC 15 (vedere anche manuale
di riferimento Funzioni standard e di sistema ).
In caso di accesso alle aree con coerenza “Lunghezza complessiva”, la
lunghezza della SFC deve corrispondere a quella dell’area parametrizzata.
È inoltre possibile accedere direttamente alle aree coerenti (p. es. L PEW o
T PAW).
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
3-7
Indirizzamento
Regole di assegnazione degli indirizzi
Per l’assegnazione degli indirizzi nell’ET 200S con IM 151-7 CPU occorre osservare le
regole seguenti:
• Assegnazione delle aree di indirizzi:
– I dati di ingresso dell’ET 200S sono sempre dati di uscita del master DP
– I dati di uscita dell’ET 200S sono sempre dati di ingresso del master DP
• Nel programma utente si accede ai dati tramite operazioni di caricamento/trasferimento
oppure con le SFC 14 e 15.
• La lunghezza, il formato e la coerenza delle aree di indirizzi contigue devono essere
uguali per master DP e salve DP.
• Gli indirizzi per il master e lo slave possono essere diversi nella memoria di trasferimento
uguale per logica (aree di indirizzi di periferia logiche indipendenti le une dalle altre nella
CPU master e slave).
Durante la progettazione dell’IM 151-7 CPU con STEP 7 per il funzionamento in sistemi S5
o di terzi, vanno naturalmente assegnati soltanto gli indirizzi logici all’interno della CPU
slave; l’assegnazione nel sistema master viene eseguita con il tool di programmazione
specifico del sistema master.
Superficie di indirizzamento in STEP 7
La tabella seguente mostra il principio su cui si basa l’assegnazione di indirizzi. Essa
rispecchia la superficie operativa di STEP 7. In STEP 7 è necessario impostare il modo
“MS” per la configurazione master–slave oppure “DX” per la comunicazione diretta (vedere
capitolo 4.5).
Tabella 3-3
Superficie di indirizzamento in STEP 7 V5.1 (estratto)
Modo
Master
E/A
Partner PROFIBUS DP
Indirizzo E/A
Indirizzo
Parametri
Lunghez Formato
za
Coerenza
1 MS
A
200 E
128
4 Byte
Formato
2 MS
A
300 E
132
8 Byte
Lunghezza
complessiva
3 MS
E
700 A
128
4 Parola
Formato
4 MS
E
50 A
136
4 Byte
Formato
MS:
master–
slave
3-8
Aree di indirizzi nella
CPU master DP
Aree di indirizzi
nell’IM 151-7 CPU
Questi parametri delle aree di indirizzi
devono essere uguali sia per il master DP
che per l’IM 151-7 CPU
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Indirizzamento
Impostazione di default dell’area di indirizzi
Se durante la progettazione dell’ET 200S non si parametrizzano le aree di indirizzi per lo
scambio dei dati con il master DP, una volta messa in servizio l’ET 200S viene avviata nel
PROFIBUS DP con un’impostazione di default.
L’impostazione di default è la seguente:
• 16 parole di dati di ingresso; coerenza per unità (ovvero parola)
• 16 parole di dati di uscita; coerenza per unità (ovvero parola)
Se si progetta l’IM 151-7 CPU stand alone (MPI/non collegato/a in rete), le aree di indirizzi
non verranno impostate per default poiché in funzionamento stand alone non viene
progettata una memoria di trasferimento.
Programma di esempio
Qui di seguito viene presentato un esempio di programma con scambio di dati tra master DP
e slave DP.
Esso ripropone gli indirizzi della tabella 3-3.
Le SFC 14 e 15 vengono richiamate indicando l’indirizzo logico in formato esadecimale.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
3-9
Indirizzamento
Nell’IM 151-7 CPU
Preelaborazione dei dati nello slave DP:
L
T
L
T
2
MB
EB
MB
Caricamento valore istantaneo 2 e
trasferimento al byte di merker 6.
Caricamento byte di ingresso 0 e
trasferimento al byte di merker 7.
6
0
7
Trasferimento dei dati al master DP:
L
T
MW
PAW
6
136
Caricamento parola di merker 6 e
trasferimento alla parola di uscita di periferia
136.
Nella CPU master DP
Ulteriore elaborazione dei dati ricevuti nel master DP:
L
T
L
L
+
T
PEB
MB
PEB
B#16#3
I
MB
50
60
51
Caricamento byte di ingresso di periferia 50 e
trasferimento al byte di merker 60.
Caricamento byte di ingresso di periferia 51 e
caricamento byte 3;
addizione dei valori come tipo di dati Integer e
trasferimento del risultato al byte di merker
61.
61
Preelaborazione dei dati nel master DP:
L
+
T
10
3
MB
Caricamento valore istantaneo 10 e
addizione di 3,
trasferimento del risultato al byte di merker
67.
67
Invio dei dati (byte di merker da 60 a 67) allo slave DP:
CALL
SFC
15
LADDR:= W#16#12C
RECORD:= P#M60.0 Byte8
RET_VAL:= MW 22
Richiamo della funzione di sistema 15:
Scrittura dei dati in una lunghezza di 8 byte
dal byte di merker 60 nell’area di indirizzi
delle uscite dall’indirizzo 300 (12C hex).
Nell’IM 151-7 CPU
Ricezione dei dati dal master DP (memorizzati in MB da 30 a 37):
CALL
SFC
14
LADDR:=W#16#84
RET_VAL:=MW 20
RECORD:=P#M30.0 Byte8
Richiamo della funzione di sistema 14:
Scrittura dei dati dall’area di indirizzi degli
ingressi dall’indirizzo 132 (84 hex) in una
lunghezza di 8 byte dopo il byte di merker 30.
Ulteriore elaborazione dei dati ricevuti.
L
L
+
T
MB
MB
I
MW
30
37
100
Caricamento byte di merker 30 e
caricamento byte di merker 37;
addizione dei valori come tipo di dati Integer e
trasferimento del risultato al byte di merker
100.
Trasferimento dei dati utili con stato di funzionamento STOP
I dati utili della memoria di trasferimento vengono trattati in modo diverso a seconda che ad
entrare in STOP sia il master DP o lo slave DP (IM 151-7 CPU).
• STOP dell’IM 151-7 CPU: i dati della memoria di trasferimento (solo uscite dal punto di
vista dello slave) dell’IM 151-7 CPU vengono sovrascritti con “0”; ciò sta ad indicare che il
master DP o un ricevente della comunicazione diretta legge “0”.
• STOP del master DP: i dati attuali della memoria di trasferimento dell’IM 151-7 CPU
(ingressi nello slave, uscite nel master) vengono mantenuti e possono essere letti nel
programma utente dell’IM 151-7 CPU.
3-10
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
ET 200S nella rete PROFIBUS
4
Introduzione
L’ET 200S con IM 151-7 CPU può essere integrato come nodo in una rete PROFIBUS.
Questo capitolo mostra una tipica configurazione di rete con IM 151-7 CPU. Esso spiega
inoltre quali funzioni si possono eseguire nell’ET 200S da un PG o un OP e quali sono le
possibilità di comunicazione diretta. I servizi di comunicazione disponibili sono indicati nel
capitolo 7.7.
Sommario del capitolo
Capitolo
Argomento
Pagina
4.1
ET 200S nella rete PROFIBUS
4-2
4.2
Componenti di rete
4-6
4.3
Indirizzo PROFIBUS
4-8
4.4
Funzioni tramite PG/OP
4-9
4.5
Comunicazione diretta
4-12
Ulteriori informazioni
Ulteriori informazioni sulla configurazione di rete sono contenute nel manuale del master DP.
Collegamento dei cavi a fibra ottica (LWL) al modulo IM 151-7 CPU FO
Le informazioni relative al collegamento di cavi LWL all’IM 151-7 CPU FO sono contenute
nel manuale Sistema di periferia decentrata ET 200S, capitolo Cablaggio ed
equipaggiamento. Quanto descritto nel manuale per il modulo IM 151 FO vale anche per il
modulo IM 151-7 CPU FO.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
4-1
ET 200S nella rete PROFIBUS
4.1
ET 200S nella rete PROFIBUS
Configurazione di una rete PROFIBUS
La figura seguente mostra il principio di configurazione di una rete PROFIBUS con un
master DP e diversi slave DP.
S7-300
(master DP)
2
PG*
ET 200S
0
3
ET 200X
OP 25**
4
ET 200S
5
ET 200M
1
ET 200X
7
6
* L’ET 200S è progettabile e programmabile da questo PG
** Funzioni di Servizio e supervisione eseguibili nell’ET 200S
0 ... 7 Indirizzi PROFIBUS dei nodi
Figura 4-1
Esempio di rete PROFIBUS
Requisiti hardware nel PG/OP per l’accesso all’ET 200S
Per poter accedere a un IM 151-7 CPU da un PG o un OP, questi ultimi devono soddisfare i
requisiti seguenti:
• devono essere dotati di un’interfaccia PROFIBUS DP integrata o di una scheda DP
oppure
• devono essere dotati di un’interfaccia MPI integrata o di una scheda MPI.
4-2
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
ET 200S nella rete PROFIBUS
Accesso all’ET 200S
Il modulo IM 151-7 CPU è un nodo passivo/attivo di bus. I programmi e la progettazione
dell’IM 151-7 CPU si possono trasferire dal PG all’IM 151-7 CPU dal SIMATIC Manager, con
il comando “Carica nel sistema di destinazione”. Con il PG è inoltre possibile eseguire tutte
le altre funzioni di diagnostica e di test.
Se attualmente il PG è l’unico nodo attivo di bus, occorre procedere prima alla
corrispondente impostazione nel SIMATIC Manager con il comando di menu “Imposta
interfaccia PG/PC” (vedere capitolo 4.4).
Esiste inoltre la possibilità di installare in modo fisso OP/OS (Operator Panel/Operator
Station) per funzioni di Servizio e supervisione nella rete PROFIBUS.
In totale è possibile accedere a un sistema ET 200S da un massimo di 12 apparecchiature
parallelamente:
• 1 collegamento è riservato in modo fisso al PG.
• 1 collegamento è riservato in modo fisso a un OP o un’OS.
• 10 collegamenti sono liberi per PG, OP/OS, CPU
Si consiglia di assegnare l’indirizzo PROFIBUS al PG/OP come agli altri nodi
(vedere figura 4-1).
Interfaccia DP attiva/passiva del modulo IM 151-7 CPU
Il tipo di funzionamento dell’interfaccia DP nel modulo IM 151-7 CPU si imposta durante la
progettazione nella finestra Proprietà – MPI/DP:
passiva
Figura 4-2
attiva
Impostazione del tipo di funzionamento dell’interfaccia DP nell’IM 151-7 CPU
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
4-3
ET 200S nella rete PROFIBUS
A seconda dell’impostazione dell’interfaccia DP, l’IM 151-7 CPU si comporta nel modo
seguente:
Tabella 4-1
Comportamento dell’IM 151-7 CPU a seconda dell’impostazione dell’interfaccia
Interfaccia DP del modulo IM 151-7 CPU
Ricerca della velocità di
trasmissione
Funzioni di test e messa in
servizio
Tempo di ciclo del bus
Diagnostica tramite LED BF
passiva
attiva
sì
no
più lenta
più veloce
più veloce
più lenta
Vedere il capitolo 6.4.
Al termine della messa in servizio si consiglia di impostare l’interfaccia DP come interfaccia
passiva.
Velocità massima di trasmissione con un cavo con connettore per PG
Con il cavo con connettore per PG è possibile raggiungere una velocità massima di
trasmissione di 1,5 Mbaud.
Collegamento del PG con IM 151-7 CPU FO
Il collegamento del PG è disponibile soltanto per un nodo (PG oppure OP) e non deve
essere utilizzato per un collegamento in rete.
Le resistenze di chiusura del bus sono integrate in modo fisso nel collegamento per PG
dell’IM 151-7 CPU FO.
Per questo motivo, l’impiego di cavi con connettori di bus (necessari con velocità di
trasmissione > 1,5 MBaud) rende necessaria l’impostazione della resistenza di chiusura su
OFF nel connettore di bus sul lato CPU e su ON, come avviene normalmente, sul lato
PG/OP. In caso di impiego di un cavo con connettore per PG (ammesso solo fino a
1,5 MBaud) non vi sono accorgimenti particolari da osservare.
4-4
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
ET 200S nella rete PROFIBUS
Esempi di collegamento di PG/OP all’ET 200S
• Il PG/OP è inserito nell’interfaccia PROFIBUS DP del master DP ma può essere
collegato ugualmente a ogni altra stazione allacciata alla rete DP, e quindi all’ET 200S.
S7-300 (master DP)
ET 200S
PG
Figura 4-3
Il PG/OP accede all’ET 200S tramite l’interfaccia DP nel master DP
• Il PG è collegato direttamente con il sistema ET 200S (l’ET 200S si inserisce solo in un
secondo tempo nella rete PROFIBUS).
Osservare che: a seconda dell’interfaccia DP (attiva/passiva) è indispensabile una
determinata impostazione in STEP 7 (vedere capitolo 4.4).
ET 200S
PG
Figura 4-4
Accesso diretto del PG all’ET 200S
• Il PG può essere anche un nodo DP diretto, nel qual caso, tuttavia, con una velocità di
trasmissione di 12 Mbaud, non è consentito utilizzare un cavo di derivazione (p. es. cavo
con connettore per PG).
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
4-5
ET 200S nella rete PROFIBUS
4.2
Componenti di rete
Per collegare l’ET 200S alla rete PROFIBUS DP, sono necessari i seguenti componenti di
rete:
Tabella 4-2
Componenti di rete
Scopo
Per la configurazione della rete
Componenti di rete
Cavi, p. es. a 2 conduttori,
schermati o a 5 conduttori, non
preparati
N. di ordinazione
6XV1830-0AH10
(a 2 conduttori)
6XV1830-0BH10
(a 2 conduttori con
rivestimento in PE)
6XV1830-3CH10
(a 2 conduttori, per struttura
sospesa a festoni)
6XV1830-3BH10
(cavo da trascinamento)
6XV1830-3AH10
(cavo di posa sotterranea)
6ES7194-1LY00-0AA0-Z
(a 5 conduttori con
rivestimento in PVC)
6ES7194-1LY10-0AA0-Z
(a 5 conduttori; resistente
all’olio, adatto al
trascinamento, non
completamente resistente alla
saldatura; con rivestimento
PUR)
4-6
Per il collegamento di PG ed
ET 200S
alla rete PROFIBUS DP
Connettore di bus senza presa
per PG (fino a 12 MBaud)
6ES7972-0BA10-0XA0
(con uscita cavo verticale)
Per il doppio collegamento, p. es.
di PG e master DP alla rete
PROFIBUS DP tramite
un’interfaccia DP
(vedere figura 4-5)
Connettore di bus con presa per
PG (fino a 12 MBaud)
Per collegamento di PG al
connettore di bus con presa per
PG
Cavo con connettore per PG (fino 6ES7901-4BD00-0XA0
a 1,5 MBaud)
6ES7972-0BA40-0XA0
(con uscita cavo obliqua)
6ES7972-0BB10-0XA0
(con uscita cavo verticale)
6ES7972-0BB40-0XA0
(con uscita cavo obliqua)
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
ET 200S nella rete PROFIBUS
Esempio di utilizzo dei componenti di rete
La figura seguente mostra l’esempio della figura 4-3 per l’impiego dei componenti di rete. Il
collegamento del cavo di bus al connettore di bus è descritto nelle Informazioni sul prodotto
del rispettivo connettore di bus.
S7-300 (master DP)
Cavo con
connettore per PG
Conduttore di bus
con presa PG
PG
Cavo di bus
ET 200S
Connettore
Cavo di bus
Figura 4-5
Collegamento della rete DP
Collegamento del modulo IM 151-7 CPU FO
Le informazioni relative al collegamento e al cablaggio di cavi a fibra ottica sono contenute
nel manuale Sistema di periferia decentrata ET 200S, Cablaggio ed equipaggiamento.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
4-7
ET 200S nella rete PROFIBUS
4.3
Indirizzo PROFIBUS
Caratteristiche
Con l’indirizzo PROFIBUS si stabilisce l’indirizzo con il quale l’IM 151-7 CPU viene
indirizzato nel PROFIBUS DP.
Presupposti
• Sono ammessi gli indirizzi PROFIBUS DP da 1 a 125.
• Ogni indirizzo può essere assegnato una volta sola nel PROFIBUS DP.
Avviamento senza progettazione DP sulla MMC (primo avviamento)
In seguito a “alimentazione ON” l’interfaccia coesistente sull’IM 151-7 CPU si avvia come
interfaccia MPI con indirizzo 2, HSA 31 e 187,5 kBaud. La funzionalità slave DP del modulo
IM 151-7 CPU non è ancora a disposizione. Questa interfaccia consente di eseguire tutte le
funzioni del PG contenute nel capitolo 4.4.
Diverse ET 200S con modulo IM 151-7 CPU utilizzate come slave DP in una rete
PROFIBUS devono essere messe in servizio gradualmente. Dopo l’accensione di ogni
singolo IM 151-7 CPU, è necessario trasferire all’IM 151-7 CPU una progettazione con
indirizzo DP per mezzo di STEP 7.
Avvertenza
I parametri di bus sono a ritenzione. Ciò sta ad indicare che i parametri progettati
(p. es. indirizzo, velocità di trasmissione) vengono mantenuti
• anche in caso di “alimentazione OFF”
• anche se nell’ IM 151-7 CPU non è più presente la progettazione
(p. es. in seguito alla cancellazione di SDB, “alimentazione ON” senza MMC)
Avviamento con progettazione DP sulla MMC
Una volta caricata una progettazione DP nel modulo IM 151-7 CPU, al momento
dell’avviamento vengono utilizzati i dati memorizzati sulla MMC.
L’IM 151-7 CPU si avvia come slave DP dopo “alimentazione ON” con l’indirizzo progettato e
attende la parametrizzazione dal master DP.
Come nodo PROFIBUS attivo, l’IM 151-7 CPU assume la velocità di trasmissione
progettata.
Come nodo PROFIBUS passivo, l’IM 151-7 CPU cerca la velocità di trasmissione.
4-8
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
ET 200S nella rete PROFIBUS
4.4
Funzioni tramite PG/OP
Tramite il PG è possibile:
• Progettare IM 151-7 CPU con moduli ET 200S e metterli in servizio nel PROFIBUS DP
• Programmare l’IM 151-7 CPU
• Eseguire funzioni di test come il controllo e il comando di variabili o il controllo del
programma.
Eseguire funzioni di messa in servizio come “Avvia” e “Cancellazione totale”
• Visualizzare lo stato dell’unità, visualizzando per l’IM 151-7 CPU p. es. il carico della
memoria di caricamento e di lavoro, il contenuto degli stack e del buffer di diagnostica.
Tramite OP è possibile:
• Eseguire il servizio e la supervisione.
Una descrizione più approfondita delle funzioni è contenuta nella Guida online di STEP 7.
Gestione dell’IM 151-7 CPU come slave DP passivo nel PG – impostazioni da eseguire
in STEP 7
Se si collega un IM 151-7 CPU direttamente a un PG, per la comunicazione tra i due partner
occorre impostare l’interfaccia PG in STEP 7 nel modo opportuno. Procedere nel modo
seguente:
1. Richiamare in STEP 7 l’applicazione “Impostazione interfaccia PG/PC” (dalla barra delle
applicazioni di Windows, premendo Start > STEP 7 > Impostazione interfaccia
PG/PC).
2. Impostare l’interfaccia del PG su PROFIBUS.
3. Richiamare le proprietà della rete PROFIBUS.
4. Impostare le proprietà in modo che il PG/PC sia l’unico master attivo nel bus.
Se è stato progettato un master DP per la rete in un secondo tempo e si intende commutare
in modalità online, è necessario resettare nuovamente queste impostazioni al fine di attivare
ulteriori misure di sicurezza contro i disturbi del bus.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
4-9
ET 200S nella rete PROFIBUS
Funzione di test Forzamento
Con la funzione “Forzamento” è possibile predefinire valori fissi per gli ingressi e le uscite
nell’immagine di processo dell’IM 151-7 CPU.
Questi valori predefiniti dall’utente (valori di forzamento) possono essere ulteriormente
influenzati dal programma utente e da funzioni PG/OP nell’IM 151-7 CPU. Questo principio è
mostrato nella figura 4-6.
Nel caso dell’IM 151-7 CPU è possibile forzare fino a un massimo di 10 variabili.
!
Attenzione
I valori di forzamento nell’immagine di processo degli ingressi possono essere sovrascritti da
comandi di scrittura (p. es. T EB x, = E x.y, copia con SFC ecc.) o da comandi di lettura di
periferia (p. es. L PEW x) nel programma utente o da funzioni di scrittura del PG/OP!
Le uscite preimpostate con valori di forzamento forniscono il valore di forzamento soltanto
se nel programma utente non si scrivono le uscite con comandi di scrittura di periferia
(p. es. T PAB x) e se nessuna funzione PG/OP scrive queste uscite.
È assolutamente necessario assicurarsi che i valori di forzamento nell’immagine di processo
degli ingressi e delle uscite non possano essere sovrascritti dal programma utente o da
funzoni del PG/OP.
Principio di forzamento nell’IM 151-7 CPU
Esecuzione di un
job di forzamento
per gli ingressi
Esecuzione di un
job di forzamento
per gli ingressi
TrasferiTrasferimento IPU Sistema
mento IPI
operativo
Valore di forzamento
Esecuzione di un job di
forzamento per le uscite
Programma utente
Valore di forzamento
sovrascritto da T
PAW!
T PAW
Trasferi
Trasferimento IPU Sistema mento IPI
operativo
Valore di forzamento
Esecuzione di un job di
forzamento per le uscite
Sistema operativo.... elaborazione del sistema operativo
Figura 4-6
4-10
Principio di forzamento
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
ET 200S nella rete PROFIBUS
Esempio di applicazione
Presupposto: nel programma utente non vi sono accessi diretti alla periferia.
Se nell’impianto, p. es., un sensore di abilitazione f è difettoso e segnala continuamente al
programma utente uno 0 logico, p. es. tramite l’ingresso 1.2, è possibile eliminare l’errore
forzando su 1 il valore di ingresso per mantenere il funzionamento dell’impianto.
!
Pericolo
Poiché il sensore è fuori servizio, occorre controllare la funzionalità in un altro modo al fine
di evitare danni all’operatore o alla macchina.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
4-11
ET 200S nella rete PROFIBUS
4.5
Comunicazione diretta
Il modulo IM 151-7 CPU può essere progettato come slave intelligente con STEP 7 V5.1 per
la comunicazione diretta. La comunicazione diretta è uno speciale rapporto di
comunicazione tra i nodi PROFIBUS DP.
Principio
La comunicazione diretta è caratterizzata dal fatto che i nodi PROFIBUS DP partecipano
alla comunicazione e ”sanno” quali dati uno slave DP sta rimandano al suo master DP.
Questo meccanismo consente al nodo “in ascolto” (ricevente) di accedere direttamente alle
modifiche dei dati di ingresso di slave DP remoti.
Durante la progettazione in STEP 7 l’utente definisce, tramite i rispettivi indirizzi di ingresso
di periferia, in quale area di indirizzi del ricevente debbano essere letti i dati desiderati del
mittente.
Esempio:
La figura 4-7 mostra un esempio di relazioni progettabili in STEP 7 V5.1 per la
comunicazione diretta con un IM 151-7 CPU. Altri slave DP in questo caso possono essere
soltanto mittenti.
S7-300
(sistema master DP 1)
S7-300
(sistema master DP 2)
CPU
31x-2
PROFIBUS
Slave DP
3
ET 200S con
IM 151-7 CPU
(slave
intelligente 1)
Figura 4-7
4-12
ET 200S con
IM 151-7 CPU
(slave
intelligente 2)
CPU 31x-2
come slave
DP
4
Slave DP
5
Comunicazione diretta con IM 151-7 CPU
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
ET 200S nella rete PROFIBUS
Funzionalità della comunicazione diretta
L’IM 151-7 CPU offre le seguenti possibilità di comunicazione diretta:
• Mittente:
l’IM 151-7 CPU invia, come slave DP, le uscite di processo progettate per la
comunicazione diretta come telegramma broadcast a tutti i nodi del bus. Da questo
telegramma broadcast, altri riceventi filtrano i dati rilevanti.
• Ricevente:
dal telegramma broadcast vengono filtrati i dati di mittenti progettati come rilevanti per la
comunicazione diretta tramite STEP 7.
Diagnostica nella comunicazione diretta
Per la diagnostica degli slave DP progettati per la comunicazione diretta è possibile tenere in
considerazione soltanto i risultati della sorveglianza del collegamento poiché i messaggi di
diagnostica degli slave DP “ascoltati” vengono segnalati solamente al rispettivo master DP.
In caso di guasto e ripetizione della stazione, viene richiamato l’OB 86 asincrono. In caso di
accesso ai dati durante il guasto di una stazione mittente, viene rilevato un errore di accesso
alla periferia e richiamato l’OB 122. Per quanto riguarda i dati sullo stato dell’unità sono
rilevanti solamente le identificazioni “Unità presente” e “Unità disponibile”.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
4-13
ET 200S nella rete PROFIBUS
4-14
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
5
ET 200S nella rete MPI
Introduzione
L’ET 200S con IM 151-7 CPU può essere integrato come nodo in una rete MPI. Questo
capitolo mostra una tipica configurazione di rete con IM 151-7 CPU. Le funzioni eseguibili
con un PG o un OP con l’IM 151-7 CPU sono riportate nel capitolo 4.4. I servizi di
comunicazione disponibili sono indicati nel capitolo 7.7.
Sommario del capitolo
Capitolo
Argomento
Pagina
5.1
ET 200S nella rete MPI
5-2
5.2
Indirizzo MPI
5-3
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
5-1
ET 200S nella rete MPI
5.1
ET 200S nella rete MPI
Configurazione di una rete MPI
La figura seguente mostra un esempio di rete MPI.
ET 200S
PG*
3
ET 200S
OP 25**
4
10
11
* L’ET 200S è progettabile e programmabile da questo PG
** Funzioni di Servizio e supervisione eseguibili nell’ET 200S
3, 4, 10, 11 Indirizzi MPI dei nodi
Figura 5-1
Esempio di rete MPI
Requisiti hardware nel PG/OP per l’accesso all’ET 200S
Per poter accedere a un IM 151-7 CPU da un PG o un OP, questi ultimi devono soddisfare i
requisiti seguenti:
• devono essere dotati di un’interfaccia MPI integrata o di una scheda MPI oppure
• devono essere dotati di un’interfaccia PROFIBUS DP integrata o di una scheda DP.
Velocità di trasmissione
Nella rete MPI, con l’IM 151-7 CPU, è possibile utilizzare tutte le velocità di trasmissione
MPI.
Componenti di rete
Per la configurazione di una rete MPI si utilizzano gli stessi componenti della rete
PROFIBUS DP (vedere capitolo 4.2).
5-2
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
ET 200S nella rete MPI
5.2
Indirizzo MPI
Caratteristiche
Con la definizione dell’indirizzo MPI si stabilisce l’indirizzo con il quale conunicaqre con
l’IM 151-7 CPU nella rete MPI.
Presupposti
• Sono ammessi gli indirizzi MPI da 0 a 126.
• Ogni indirizzo può essere assegnato una volta sola all’interno della rete MPI.
Raccomandazioni per gli indirizzi MPI
• Assegnare indirizzi MPI maggiori di “2” ai componenti fissi della rete MPI.
• Riservare l’indirizzo MPI “0” a un PG di servizio oppure “1” a un OP di servizio che in un
secondo momento si possano collegare alla rete MPI in caso di necessità.
• Riservare l’indirizzo MPI “2” a una CPU. In questo modo è possibile evitare la presenza
di indirizzi MPI doppi in seguito al montaggio di una CPU con impostazione di default
nella rete MPI (p. es. in caso di sostituzione di una CPU).
Avviamento senza progettazione sulla MMC (primo avviamento)
In seguito a “alimentazione ON” l’interfaccia coesistente sull’IM 151-7 CPU si avvia come
interfaccia MPI con indirizzo 2, HSA 31 e 187,5 kBaud. Questa interfaccia consente di
eseguire tutte le funzioni del PG contenute nel capitolo 4.4.
Avvertenza
I parametri di bus sono a ritenzione. Ciò sta ad indicare che i parametri progettati
(p. es. indirizzo, velocità di trasmissione) vengono mantenuti
• anche in caso di “alimentazione OFF”
• anche se nell’ IM 151-7 CPU non è più presente la progettazione
(p. es. in seguito alla cancellazione di SDB, “alimentazione ON” senza MMC)
Avviamento con progettazione sulla MMC
Una volta caricata una progettazione nel modulo IM 151-7 CPU, al momento dell’avviamento
vengono utilizzati i dati memorizzati sulla MMC.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
5-3
ET 200S nella rete MPI
5-4
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Messa in servizio e diagnostica
6
Progettazione del modulo IM 151-7 CPU con STEP 7
Questo capitolo descrive brevemente la progettazione di un ET 200S per IM 151-7 CPU con
STEP 7.
Cancellazione totale dell’IM 151-7 CPU
A determinate condizioni può essere necessario eseguire la cancellazione totale
dell’IM 151-7 CPU. Questo capitolo descrive le condizioni e il procedimento di cancellazione
totale.
Possibilità di diagnostica
Il sistema di periferia decentrata ET 200S è di facile utilizzo e non presenta difficoltà di
messa in servizio. Se tuttavia si dovesse verificare un errore, è possibile analizzarlo con
l’aiuto delle segnalazioni dei LED, della diagnostica slave e delle possibilità di diagnostica di
STEP 7.
Valutazione degli allarmi
Per la valutazione degli allarmi tramite l’ET 200S verrà mostrata la differenza tra la
segnalazione d’allarme dei master DP S7/M7 e altri master DP.
Sommario del capitolo
Capitolo
Argomento
Pagina
6.1
Progettazione del modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
6-2
6.2
Cancellazione totale dell’IM 151-7 CPU
6-4
6.3
Messa in servizio e avviamento di ET 200S
6-7
6.4
Diagnostica tramite LED
6-9
6.5
Diagnostica con STEP 7 tramite l’indirizzo di diagnostica
6-11
6.6
Diagnostica slave con l’impiego di IM 151-7 CPU come slave intelligente
6-14
6.7
Dati di diagnostica dei moduli di elettronica
6-25
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
6-1
Messa in servizio e diagnostica
6.1
Progettazione del modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
Il modulo di interfaccia IM 151-7 CPU si progetta come uno slave DP o come unità stand
alone (MPI).
L’IM 151-7 CPU si presenta sempre all’utente in STEP 7 come unità S7-300 che viene
sempre creata in una stazione S7-300 insieme a un telaio di montaggio. Allo stesso modo,
l’unità può essere cancellata solamente insieme al telaio di montaggio!
In una stazione S7-300 che contiene un modulo IM 151-7 CPU non sono progettabili telai di
ampliamento. Il modulo IM 151-7 CPU viene creato nel posto connettore 2 e gli viene
assegnato un sottomodulo MPI/DP. Questa progettazione è valida sia per la variante con
RS 485 che con il collegamento LWL. I primi moduli inseribili sono progettabili dal posto
connettore 4 in poi.
Esistono le seguenti possibilità di parametrizzazione:
Tabella 6-1
Possibilità di parametrizzazione
Ambiente di
progettazione
Tool di
progettazione
Modo operativo progettabile
SIMATIC S7
STEP 7
• Stand alone (MPI)
(Configurazione HW) • IM 151-7 CPU come slave S7
dalla versione
V5.1 + Service Pack 4
SIMATIC S5
COM PROFIBUS
IM 151-7 CPU completamente progettato
e programmato, inserito in COM
PROFIBUScome slave intelligente
normalizzato
Sistemi di terzi
Tooldi terzi
IM 151-7 CPU completamente progettato
e programmato, inserito nel tool di terzi
come slave intelligente normalizzato
Presupposti
STEP 7 (dalla versione V5.1 + Service Pack 4 in poi) è aperto e l’utente si trova nel
SIMATIC Manager di STEP 7.
6-2
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Messa in servizio e diagnostica
Procedimento
Procedere nel modo seguente:
1. Progettare il modulo IM 151-7 CPU come una stazione S7-300.
– Creare una nuova stazione del tipo S7-300 (comando di menu Inserisci !
Stazione)).
– Accedere alla finestra di Configurazione HW per questa stazione.
– Nella finestra “Catalogo hardware” scegliere la directory PROFIBUS DP/ET
200S//IM 151-7 CPU.
– Trascinare l’oggetto “IM 151-7 CPU” tramite drag&drop nella finestra vuota della
stazione.
– Configurare l’ET 200S con i moduli di periferia desiderati.
– Salvare la stazione (ovvero l’ET 200S).
2. Progettare in un’altra stazione dello stesso progetto un master DP (p. es. una CPU con
interfaccia PROFIBUS DP integrata o un CP 342-5 con interfaccia PROFIBUS DP dal
numero 6GK7342-5DA01-0XE0, versione 2 in poi).
3. Trascinare l’ET 200S (con IM 151-7 CPU) dalla finestra “Catalogo hardware” (cartella
Stazioni già progettate)) tramite drag&drop sul simbolo del sistema master DP.
4. Fare doppio clic sul simbolo dello slave DP intelligente e selezionare la scheda
“Collegamento”. In questa scheda, assegnare la stazione allo slave DP intelligente che
essa dovrà rappresentare.
5. Evidenziare lo slave DP intelligente e fare clic sul pulsante “Collega”.
6. Selezionare la scheda di configurazione (slave) e assegnare i rispettivi indirizzi di master
e slave.
7. Confermare le impostazioni premendo “OK”.
8. Entrambe le stazioni vanno quindi ricaricate per poter mettere in servizio la
comunicazione master-slave.
Progettazione in un sistema di terzi
Con l’aiuto del file GSD è possibile integrare il modulo IM 151-7 CPU anche in sistemi di
terzi come slave DP normalizzato. In questo caso il telegramma di diagnostica si compone
nel modo seguente:
• Stato della stazione
• Indirizzo PROFIBUS del master
• Codice del costruttore
• Diagnostica riferita all’identificazione
• Stato del modulo.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
6-3
Messa in servizio e diagnostica
6.2
Cancellazione totale dell’IM 151-7 CPU
Quando è necessario eseguire una cancellazione totale dell’IM 151-7 CPU?
La cancellazione totale dell’IM 151-7 CPU va eseguita nei seguenti casi:
• Per cancellare aree a ritenzione (merker, temporizzatori, contatori).
• Quando viene richiesta dall’IM 151-7 CPU mediante il LED STOP che lampeggia a
0,5 Hz.
Possibili cause della cancellazione totale possono essere le seguenti:
• Primo avviamento dell’ET 200S
• Aree di memoria incoerenti
• Il modulo di memoria (MMC) è stato sostituito
Come procedere alla cancellazione totale?
Vi sono due possibilità per eseguire la cancellazione totale dell’IM 151-7 CPU:
Tabella 6-2
Possibilità di cancellazione totale
Cancellazione totale tramite PG
Cancellazione totale tramite selettore dei modi
operativi
... descritta in questo capitolo
... possibile solamente in stato di STOP della
CPU (vedere i manuali dei PG e la Guida online
di STEP 7)
Cancellazione totale dell’IM 151-7 CPU con selettore dei modi operativi
Per eseguire la cancellazione totale dell’IM 151-7 CPU con l’aiuto del selettore dei modi
operativi, procedere nel modo seguente (vedere anche figura 6-1):
1. Portare il selettore dei modi operativi in posizione STOP.
2. Premere il selettore dei modi operativi in posizione MRES. Mantenere il selettore in
questa posizione finché il LED di STOP si accende per la seconda volta (corrisponde a
3 secondi) e lasciarlo quindi scattare nuovamente in posizione STOP.
3. Entro 3 secondi è necessario premere nuovamente il selettore dei modi operativi nella
posizione MRES e mantenerlo in questa posizione finché il LED STOP lampeggia
rapidamente (a 2 Hz). Una volta che l’IM 151-7 CPU ha terminato la cancellazione totale,
il LED STOP smette di lampeggiare e resta acceso.
L’IM 151-7 CPU ha eseguito la cancellazione totale.
6-4
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Messa in servizio e diagnostica
LED di STOP
ON
OFF
T
3s
max. 3 s
min. 3 s
RUN
RUN
RUN
RUN
RUN
STOP
MRES
STOP
MRES
STOP
MRES
STOP
MRES
STOP
MRES
1.
2.
Figura 6-1
3.
Sequenza dei comandi del selettore dei modi operativi per la cancellazione totale
Il LED di STOP non lampeggia durante la cancellazione totale?
Il LED di STOP non lampeggia durante la cancellazione totale o sono accesi altri LED?
Ripetere le fasi 2 e 3. Se l’IM 151-7 CPU continua a non eseguire la cancellazione totale,
leggere il buffer di diagnostica della parte CPU con il PG (vedere Manuale utente di
STEP 7).
Cosa succede nella CPU dell’IM 151-7 CPU?
Tabella 6-3
Operazioni interne alla CPU al momento della cancellazione totale
Operazione
Esecuzione nella
CPU
dell’IM 151-7 CPU
Comportamento della CPU nell’IM 151-7 CPU
1. La CPU cancella l’intero programma utente nella memoria di lavoro e di
caricamento RAM.
2. La CPU cancella i dati a ritenzione.
3. La CPU testa il suo proprio hardware.
4. Se è inserito un modulo di memoria (Micro Memory Card = MMC), la CPU
ne copia il contenuto rilevante per l’esecuzione nella memoria di lavoro.
Contenuti della memoria dopo la cancellazione totale
La CPU ha il grado di occupazione “0”. Se è inserita una SIMATIC Micro
Memory Card, il programma utente viene ritrasferito nella memoria di lavoro.
Cosa viene mantenuto?
Il contenuto del buffer di diagnostica e del contatore delle ore di esercizio
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
6-5
Messa in servizio e diagnostica
Avvertenza
Se la CPU non è in grado di copiare il contenuto del modulo di memoria (MMC) e richiede la
cancellazioene totale:
• Estrarre la MMC
• Procedere alla cancellazione totale della CPU
• Leggere il buffer di diagnostica
Il buffer di diagnostica si può leggere con il PG (vedere la Guida online di STEP 7).
6-6
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Messa in servizio e diagnostica
6.3
Messa in servizio e avviamento di ET 200S
Messa in servizio dell’ET 200S
Per la messa in servizio del sistema di periferia decentrata ET 200S procedere nel modo
seguente:
1. Montare il sistema di periferia decentrata ET 200S
(vedere manuale Sistema di periferia decentrata ET 200S).
2. Cablare il sistema di periferia decentrata ET 200S
(vedere manuale Sistema di periferia decentrata ET 200S).
3. In caso di progettazione come slave DP, definire nel software di progettazione le aree di
indirizzi dell’IM 151-7 CPU mediante le quali avrà luogo lo scambio dei dati con il master
DP (oppure utilizzare l’impostazione di default per ET 200S; vedere capitolo 3.4).
4. Inserire la tensione di alimentazione dei sensori dell’ET 200S.
5. Se necessario inserire la tensione di carico e la tensione di alimentazione degli avviatori
motore.
6. Eventualmente portare la CPU dell’IM 151-7 CPU nello stato di funzionamento STOP.
7. Caricare la progettazione per l’IM 151-7 CPU nell’ET 200S.
8. Portare il modulo IM 151-7 CPU in stato di funzionamento RUN.
Comportamento all’avviamento del modulo IM 151-7 CPU
Al momento dell’avviamento del modulo IM 151-7 CPU, dopo “alimentazione ON”, osservare
quanto segue:
• Il modulo di chiusura deve essere inserito
• Tutti i moduli terminali collegati con l’IM 151-7 CPU devono essere configurati.
In caso contrario l’IM 151-7 CPU resta in stato di funzionamento AVVIAMENTO.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
6-7
Messa in servizio e diagnostica
Caricamento del programma utente
Per la messa in servizio di un sistema ET 200S vi sono le seguenti possibilità di caricare il
programma utente nel modulo IM 151-7 CPU:
• Il programma può essere caricato dal PG/PC con il comando “Carica programma utente”
nel modulo di memoria (MMC) inserito nell’IM 151-7 CPU.
Avvertenza
Con questa funzione non vengono cancellate le aree a ritenzione.
• Il programma può essere trasferito nel PG/PC nel modulo di memoria (MMC). In seguito
il modulo di memoria viene innestato nell’IM 151-7 CPU e la richiesta di cancellazione
totale confermata.
Vedere anche il capitolo 7.3.
Suggerimento: programmazione degli OB 82 e 86 durante la messa in servizio
Con la messa in servizio come slave DP con STEP 7 nel master DP e nello slave DP
programmare sempre gli OB 82 e 86. In questo modo è sempre possibile riconoscere e
analizzare i rispettivi stati di funzionamento o le interruzioni del tasferimento dei dati utili
(vedere tabelle 6-5 e 6-6).
Avvertenza
Senza progettazione è possibile eseguire un avviamento di default se i moduli power sono
attivi e tutti i moduli sono innestati.
6-8
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Messa in servizio e diagnostica
6.4
Diagnostica tramite LED
Indicatori LED
I LED RUN, STOP, ON, BF, SF e FRCE segnalano le informazioni sullo stato
dell’IM 151-7 CPU importanti per l’utente.
L’IM 151-7 CPU è dotato dei 6 LED seguenti:
• LED “SF” (System Fault) per la segnalazione di un errore nell’ET 200S
• LED “BF” (Bus Fault) per la segnalazione di errori nel PROFIBUS DP
• LED “ON”, acceso quando l’ET 200S è collegato alla tensione di alimentazione
• LED “FRCE”, acceso quando è attivo un ordine di forzamento
• LED “RUN”, acceso quando lo stato di funzionamento della parte CPU dell’IM 151-7 CPU
è RUN
• LED “STOP”, acceso quando lo stato di funzionamento della parte CPU
dell’IM 151-7 CPU è STOP
Il significato dei LED per le funzionalità della CPU è descritto dettagliatamente nel
capitolo 7.2 .
Il LED “ON” non si accende
Se il LED “ON” non si accende, significa che manca la tensione di alimentazione per
l’elettronica/i sensori dell’ET 200S oppure che è troppo bassa. Le cause possono essere un
fusibile difettoso, la mancanza di tensione di rete o la tensione di rete troppo bassa.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
6-9
Messa in servizio e diagnostica
Diagnostica delle funzionalità DP con l’aiuto dei LED “BF” e “SF”
Se i LED “BF” e “SF” sono accesi o lampeggiano, significa che la progettazione dell’ET 200S
non è corretta. Nella tabella seguente sono elencate le possibili segnalazioni di errore con
relativo significato e rimedio.
La tabella seguente mostra gli stati dei LED per il funzionamento slave DP. In funzionamento
stand alone (MPI) la funzionalità DP è irrilevante e non viene attivato il LED BF (non c’è un
LED per la ricerca della velocità di trasmissione).
Tabella 6-4
LED
“BF”
ON
LED per PROFIBUS DP
LED
“SF”
ON
Significato
Manca il
collegamento con il
master DP
Causa
Eliminazione dell’errore
• L’IM 151-7 CPU è un nodo
• Controllare che il connettore
• L’IM 151-7 CPU è un nodo
• Controllare che il cavo di bus
attivo del bus
⇒ cortocircuito del bus
del PROFIBUS DP sia inserito
correttamente
passivo del bus ⇒ ricerca
della velocità di trasmissione:
nessun nodo attivo nel bus, il
master DP manca o è
disinserito, oppure
collegamento di bus interrotto
collegato con il master DP non
sia difettoso
SF è acceso a causa di un
guasto della stazione
lampeggia
ON
Errore di
parametrizzazione:
non c’è scambio di
dati
• Slave non progettato o
• Controllare l’hardware
• L’indirizzo progettato per la
• Controllare la configurazione e
• Le aree di indirizzi progettate
• Controllare l’impostazione
progettato in modo errato
dell’ET 200S
stazione è scorretto ma
consentito
la parametrizzazione
dell’ET 200S
della configurazione attuale
sono diverse da quelle della
configurazione prefissata
delle aree di indirizzi
progettate per il master
• Guasto della stazione di un
mittente parametrizzato nella
comunicazione diretta
• Master DP non presente o
spento
OFF
ON
Errore nello slave:
allarme di
diagnostica
Master in stato STOP
OFF
OFF
Non c’è scambio di
dati
La configurazione prefissata
dell’ET 200S corrisponde a
quella attuale
6-10
Commutare il master DP sullo
stato di funzionamento RUN
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Messa in servizio e diagnostica
6.5
Diagnostica con STEP 7 tramite l’indirizzo di diagnostica
Gli errori che si verificano nell’ET 200S vengono segnalati con il LED “SF” e la loro causa
viene registrata nel buffer di diagnostica dell’IM 151-7 CPU. La parte CPU del modulo
IM 151-7 CPU entra in STOP oppure esiste la possibilità di reagire per mezzo degli OB di
errore o di allarme nel programma utente.
Per poter reagire a un errore, è necessario poterne identificare la causa tramite un indirizzo
di diagnostica.
Indirizzi di diagnostica
Se l’ET 200S viene gestita nel PROFIBUS DP con un master DP della gamma SIMATIC S7,
occorre assegnare gli indirizzi in STEP 7 nel modo seguente:
Durante la progettazione vanno definiti 2 indirizzi di diagnostica:
Master DP (SIMATIC S7)
ET 200S
PROFIBUS
Indirizzo di diagnostica
Indirizzo di diagnostica
Durante la progettazione del master DP va
definito (nel rispettivo progetto del master DP)
un indirizzo di diagnostica per l’ET 200S.
Durante la progettazione dell’ET 200S
viene definito per default da STEP 7 l’indirizzo
di diagnostica 2045 per il posto connettore 2
(nel rispettivo progetto dell’ET 200S).
Tramite questo indirizzo di diagnostica, il
master DP riceve informazioni sullo stato
dell’ET 200S o su un’eventuale interruzione
del bus.
Mediante l’indirizzo di diagnostica, l’ET 200S
riceve informazioni sullo stato del master DP.
Figura 6-2
Indirizzi di diagnostica per master DP ed ET 200S
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
6-11
Messa in servizio e diagnostica
Riconoscimento di eventi
La tabella seguente mostra in che modo il master DP o l’IM 151-7 CPU dell’ET 200S
riconoscono la commutazione dello stato di funzionamento o l’interruzione del trasferimento
dei dati utili.
Tabella 6-5
Reazioni alla commutazione dello stato di funzionamento o all’interruzione del trasferimento dei dati
utili nel master DP e nell’ET 200S con IM 151-7 CPU
Cosa succede...
Evento
Interruzione del
bus
(cortocircuito,
connettore sfilato)
nel master DP
• Richiamo dell’OB 86 con il messaggio
Stazione guasta
nell’IM 151-7 CPU
• Richiamo dell’OB 86 con il messaggio
Stazione guasta
(evento in arrivo; indirizzo di diagnostica
dell’IM 151-7 CPU)
(evento in arrivo; indirizzo di diagnostica
dell’IM 151-7 CPU)
• In caso di accesso di periferia all’area di
• In caso di accesso di periferia all’area di
ET 200S:
RUN → STOP
• Richiamo dell’OB 82 con il messaggio
–
ET 200S:
STOP → RUN
• Richiamo dell’OB 82 con il messaggio
–
Master DP:
RUN → STOP
–
• Richiamo dell’OB 82 con il messaggio
Master DP:
STOP → RUN
–
• Richiamo dell’OB 82 con il messaggio
trasferimento: richiamo dell’OB 122
(errore di accesso alla periferia)
6-12
Unità difettosa
(evento in arrivo;
indirizzo di diagnostica
dell’IM 151-7 CPU; variabile
OB82_MDL_STOP=1)
Unità ok
(evento in partenza;
indirizzo di diagnostica
dell’IM 151-7 CPU;
variabile OB82_MDL_STOP=0)
trasferimento: richiamo dell’OB 122
(errore di accesso alla periferia)
Unità difettosa
(evento in arrivo;
indirizzo di diagnostica
dell’IM 151-7 CPU; variabile
OB82_MDL_STOP=1)
Unità ok
(evento in partenza;
indirizzo di diagnostica
dell’IM 151-7 CPU; variabile
OB82_MDL_STOP=0)
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Messa in servizio e diagnostica
Valutazione nel programma utente
La tabella seguente illustra l’analisi p. es. dei passaggi da RUN a STOP nel master DP
(CPU 315-2 DP; 6ES7 315-2AF03-0AB0) o nell’ET 200S.
Tabella 6-6
Valutazione dei passaggi di stato di funzionamento RUN-STOP nel master DP/nell’ET 200S
nel master DP
nell’ET 200S (IM 151-7 CPU)
Indirizzi di diagnostica: (esempio)
Indirizzo di diagnostica master=1023
Indirizzo di diagnostica slave nel sistema
master=1022
Indirizzi di diagnostica: (esempio)
Indirizzo di diagnostica slave posto connettore
2=2045
Indirizzo di diagnostica master=non rilevante
La CPU richiama l’OB 82 anche con le seguenti
informazioni:
CPU in IM 151-7 CPU: RUN → STOP
• OB82_MDL_ADDR:=1022
• OB82_EV_CLASS:=B#16#39
La CPU crea un telegramma di diagnostica
(diagnostica slave, vedere manuale Sistema di
periferia decentrata ET 200S).
(evento in arrivo)
• OB82_MDL_DEFECT:=guasto dell’unità
Suggerimento: queste informazioni sono
contenute anche nel buffer di diagnostica della
CPU
Nel programma utente è opportuno programmare
anche l’SFC 13 “DPNRM_DG” per la lettura della
diagnostica slave.
CPU: RUN → STOP
La CPU nell’IM 151-7 CPU richiama l’OB 82
anche con le seguenti informazioni:
• OB82_MDL_ADDR:=2045
• OB82_EV_CLASS:=B#16#39
(evento in arrivo)
• OB82_MDL_DEFECT:=guasto dell’unità
Suggerimento: queste informazioni sono
contenute anche nel buffer di diagnostica della
CPU
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
6-13
Messa in servizio e diagnostica
6.6
Diagnostica slave con l’impiego dell’IM 151-7 CPU come
slave intelligente
Struttura del telegramma di diagnostica
Byte 0
Byte 1
Byte 2
Stato della stazione da 1 a 3
Byte 3
Indirizzo PROFIBUS del master
Byte 4
Byte 5
Byte inferiore
Byte 6
fino a
Byte x-1
Byte x
fino a
Byte y-1
Byte y
fino a
Byte z
1)
.
.
.
.
.
.
.
.
.
Codice del costruttore
Diagnostica riferita all’identificazione
((la lunghezza dipende dal
numero delle aree di indirizzi
progettate della memoria di
trasferimento 1)
Stato del modulo (diagnostica riferita all’apparecchiatura)
(la lunghezza dipende dal
numero delle aree di indirizzi
progettate)
Stato di allarme (diagnostica riferita all’apparecchiatura)
(la lunghezza dipende dal tipo di allarme)
Eccezione: in caso di errori nella configurazione del master DP, lo slave DP
interpreta
35 aree di indirizzi progettate (46H nel byte 6).
Figura 6-3
6-14
Byte superiore
Struttura della diagnostica slave
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Messa in servizio e diagnostica
6.6.1
Stato della stazione da 1 a 3
Definizione
Lo stato della stazione da 1 a 3 indica lo stato di uno slave DP nel suo complesso.
Stato della stazione 1
Tabella 6-7
Bit
0
Struttura dello stato della stazione 1 (byte 0)
Significato
1: lo slave DP non può essere
indirizzato dal master DP.
Rimedio
• L’indirizzo DP progettato per lo slave DP è quello
corretto?
• Il connettore di bus è collegato?
• Passa la tensione nello slave DP?
• Il repeater RS 485 è stato impostato
correttamente?
• Eseguire il resettaggio dello slave DP.
1
1: lo slave DP non è ancora pronto per • Attendere: lo slave DP è ancora in fase di
lo scambio di dati.
avviamento.
2
1: i dati di configurazione inviati dal
master DP allo slave DP non sono
compatibili con la configurazione
dello slave DP.
• Il tipo di stazione o la configurazione dello slave
3
1: allarme di diagnostica, generato da
passaggio RUN-STOP della CPU o
dall’SFB 75
• È possibile leggere la diagnostica.
DP immessi nel software sono corretti?
0: allarme di diagnostica, generato da
passaggio STOP-RUN della CPU o
dall’SFB 75
4
1: funzione non supportata (p. es.
modifica dell’indirizzo DP tramite
software)
• Controllare la progettazione.
5
0: il bit è sempre “0”.
–
6
1: il tipo di slave DP non coincide con
la progettazione del software.
• Il tipo di stazione indicato nel software è corretto?
7
1: lo slave DP è stato parametrizzato
da un master DP diverso da quello
che attualmente ha accesso allo
slave DP.
• Il bit è sempre 1 se p. es. si sta accedendo allo
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
(Errore di parametrizzazione)
slave DP con il PG o un altro master DP.
L’indirizzo DP del master di parametrizzazione si
trova nel byte di diagnostica “Indirizzo PROFIBUS
del master”.
6-15
Messa in servizio e diagnostica
Stato della stazione 2
Tabella 6-8
Struttura dello stato della stazione 2 (byte 1)
Bit
Significato
0
1: lo slave DP deve essere riparametrizzato e riconfigurato.
1
1: è presente un messaggio di diagnostica. Lo slave DP non può continuare a
funzionare finché l’errore non viene eliminato (messaggio di diagnostica statico).
2
1: il bit è sempre su “1” se esiste lo slave DP con questo indirizzo DP.
3
1: per questo slave DP è attivo il controllo di chiamata.
4
1: lo slave DP ha ricevuto il comando di controllo “FREEZE”.
5
1: lo slave DP ha ricevuto il comando di controllo “SYNC”.
6
0: il bit è sempre a “0”.
7
1: lo slave DP non è attivo, vale a dire che è uscito dall’elaborazione ciclica.
Stato della stazione 3
Tabella 6-9
Struttura dello stato della stazione 3 (byte 2)
Bit
Significato
0
fino 0:
a
i bit sono sempre su “0”
6
7
1:
• Sono presenti più messaggi di diagnostica di quanti ne possa memorizzare lo
slave DP.
• Il master DP non può registrare nel proprio buffer di diagnostica tutti i
messaggi di diagnostica inviati dallo slave DP.
6-16
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Messa in servizio e diagnostica
6.6.2
Indirizzo PROFIBUS del master
Definizione
Nel byte di diagnostica indirizzo PROFIBUS del master è memorizzato l’indirizzo DP del
master DP:
• che ha parametrizzato lo slave DP e
• che ha accesso in lettura e scrittura allo slave DP
Indirizzo PROFIBUS del master
Tabella 6-10 Struttura dell’indirizzo PROFIBUS del master (byte 3)
Bit
0 ... 7
Significato
Indirizzo DP del master DP che ha parametrizzato lo slave DP e che ha accesso
in lettura e scrittura allo slave DP.
FFH: lo slave DP non è stato parametrizzato da nessun master DP.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
6-17
Messa in servizio e diagnostica
6.6.3
Codice del costruttore
Definizione
Nel codice del costruttore è memorizzato il codice che descrive il tipo di slave DP.
Codice del costruttore
Tabella 6-11 Struttura del codice del costruttore (byte 4, 5)
6-18
Byte 4
Byte 5
Codice del costruttore per
80H
E2H
IM 151-7 CPU
80H
..H
IM 151-7 CPU FO
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Messa in servizio e diagnostica
6.6.4
Diagnostica riferita all’identificazione
Definizione
La diagnostica riferita all’identificazione indica per quali delle aree di indirizzi progettate della
memoria di trasferimento è stata eseguita una registrazione.
Struttura
La figura seguente mostra la struttura della diagnostica riferita all’identificazione per il
numero massimo di
aree di indirizzi progettate.
Byte 6
7 6 5 4 3 2 1
0 1
0
N. bit
Lunghezza della diagnostica riferita all’identificazione incluso il byte 6
(a seconda del numero delle aree di indirizzi progettate fino a 6 byte)
Codice per la diagnostica riferita all’identificazione
7 6 5 4 3 2 1 0
N. bit
Byte 7
Configurazione prefissata 0attuale
Configurazione prefissata 0attuale o CPU slave in STOP
Configurazione prefissata 0attuale
Registrazione per prima area di indirizzi progettata
Registrazione per seconda area di indirizzi progettata
Registrazione per terza area di indirizzi progettata
Registrazione per quarta area di indirizzi progettata
Registrazione per quinta area di indirizzi progettata
7 6 5 4 3
2 1 0
N. bit
Byte 8
Registrazione per area di indirizzi progettata da 6 a 13
7 6 5 4 3
2 1 0
N. bit
Byte 9
Registrazione per area di indirizzi progettata da 14 a 21
7 6 5 4 3
2 1 0
N. bit
Byte 10
Registrazione per area di indirizzi progettata da 22 a 29
N. bit
Byte 11
7 6 5 4 3 2 1 0
0 0 0 0 0
Registrazione per area di indirizzi progettata30
Registrazione per area di indirizzi progettata31
Registrazione per area di indirizzi progettata32
Figura 6-4
Struttura della diagnostica riferita all’identificazione dell’IM 151-7 CPU
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
6-19
Messa in servizio e diagnostica
6.6.5
Stato del modulo
Definizione
Lo stato del modulo indica lo stato delle aree di indirizzi progettate e rappresenta in modo
dettagliato la diagnostica riferita all’identificazione rispetto alla configurazione. Lo stato del
modulo inizia dopo la diagnostica riferita all’identificazione e comprende 13 byte al massimo.
6-20
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Messa in servizio e diagnostica
Struttura
Lo stato del modulo IM 151-7 CPU ha la struttura seguente:
7 6 5 4 3 2 1 0 N. bit
Byte x
0 0
Lunghezza dello stato del modulo incl. byte x (max. 13 byte)
Codice per la diagnostica riferita all’apparecchiatura
7 6 5 4 3 2 1
Byte x+1
0 N. bit
1 0 0 0 0 0 1 0
Tipo di stato: stato del modulo
2H = stato del modulo
Codice per segnalazione di stato
Byte x+2
Byte x+3
0H
0H
sempre “0”
sempre “0”
7 6
Byte x+4
N. bit
0 0
0 0
Posto connettore della CPU
Area di indirizzi progettata 1
7 6 5 4 3 2 1 0 N. bit
Byte x+5
Area di indirizzi progettata 2
Area di indirizzi progettata 3
Area di indirizzi progettata 4
Area di indirizzi progettata 5
7 6 5 4 3 2 1 0 N. bit
Byte x+6
Area di indirizzi progettata 6
Area di indirizzi progettata 7
Area di indirizzi progettata 8
Area di indirizzi progettata 9
00B: unità o.k.;
dati validi
01B: errore nell’unità;
dati non validi
(unità guasta)
10B: unità errata;
dati non validi
11B: manca l’unità;
dati non validi
.
.
.
7 6 5 4 3 2 1 0 N. bit
Byte y-1
0 0
Area di indirizzi progettata 30
Area di indirizzi progettata 31
Area di indirizzi progettata 32
Figura 6-5
Struttura dello stato del modulo
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
6-21
Messa in servizio e diagnostica
6.6.6
Stato dell’allarme
Definizione
Lo stato di allarme della diagnostica riferita all’apparecchiatura fornisce informazioni
dettagliate su uno slave DP. La diagnostica riferita all’apparecchiatura inizia dal byte y e può
comprendere al massimo 20 byte.
Struttura
La figura seguente mostra la struttura e il contenuto dei byte per un’area di indirizzi
progettata della memoria di trasferimento.
Byte y
7 6 5 4 3 2 1 0 N. bit
0 0
Lunghezza dello stato di allarme incl. il byte y
(max. 20 byte)
Codice per la diagnostica riferita all’apparecchiatura
01H: codice per allarme di diagnostica
02H: codice per interrupt di processo
Byte y+1
Byte y+2
Byte y+3
Byte y+4
7 6 5 4 3 2 1 0 N. bit
N. posto connettore:
2
= CPU
4 ... 35 = n. dell’area di indirizzi
progettata della memoria
di trasferimento
7 6 5 4 3 2 1 0 N. bit
00 = non vi sono ulteriori informazioni
0 0 0 0 0 0
sullo stato della diagnostica
01 = diagnostica in arrivo
(è presente almeno 1
solo per
errore)
allarme di
10 = diagnostica in partenza
diagnostica
11 = diagnostica in partenza ma è
presente un altro guasto
fino a
Byte y+7
Byte z
.
.
.
Dati di diagnostica o di allarme
Esempio per il byte y+2:
CPU
= 02H
area di indirizzi 1
= 04H
area di indirizzi 2
= 05H ecc.
Figura 6-6
6-22
Struttura dello stato di allarme
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Messa in servizio e diagnostica
Struttura dei dati dell’interrupt di processo (dal byte y+4)
Per quanto riguarda l’interrupt di processo (nel byte y+1 il codice 02H indica interrupt di
processo), a partire dal byte y+4 vengono trasmessi i 4 byte di informazione di allarme che
l’utente assegna per il master nello slave intelligente, con l’SFC 7 “DP_PRAL” e l’SFB 75
“SALRM”, al momento della generazione dell’interrupt di processo.
Struttura dei dati dell’allarme di diagnostica generato da un cambio dello stato di
funzionamento dello slave intelligente (dal byte y+4)
Il byte y+1 contiene il codice dell’allarme di diagnostica (01H). I dati di diagnostica
contengono i 16 byte di informazione di stato della CPU. La figura seguente mostra la
disposizione dei primi 4 byte dei dati di diagnostica. I 12 byte successivi sono sempre 0.
Il contenuto di questi byte corrisponde a quello del set di dati 0 della diagnostica in STEP 7
(in questo caso non tutti i bit sono occupati).
Byte y+4
7 6 5 4 3 2 1 0 N. bit
0 0 0 0 0 0 0
0: IM 151-7 CPU o.k.
1: IM 151-7 CPU guasto
7 6 5 4 3 2 1 0 N. bit
Byte y+5
0 0 0 0 1 0 1 1
Identificazione dell’area di indirizzi della
memoria di trasferimento (costante)
Byte y+6
7 6 5 4 3 2 1 0 N. bit
0 0 0 0 0
0 0
0: stato di funzionamento RUN
1: stato di funzionamento STOP
Byte y+7
Figura 6-7
7 6 5 4 3 2 1 0 N. bit
0 0 0 0 0 0 0 0
Byte da y+4 a y+7 per allarme di diagnostica (cambio dello stato di funzionamento dello
slave intelligente)
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
6-23
Messa in servizio e diagnostica
Struttura dei dati dell’allarme di diagnostica generato dall’SFB 75 nello slave
intelligente (dal byte y+4)
7 6 5 4 3 2 1 0 N. bit
Byte y+4
0
7 6 5 4 3 2 1 0 N. bit
Byte y+5
7 6 5 4 3 2 1 0 N. bit
Byte y+6
7 6 5 4 3 2 1 0 N. bit
Dati di diagnostica
stabiliti
per definizione
0: unità o.k.
1: unità guasta
Osservare la descrizione
dell’applicazione dell’SFB 75
Maggiori informazioni sono contenute
nella Guida online di STEP 7 oppure
nel Manuale di riferimento Software di
sistema per S7-300/400, Funzioni
standard e di sistema
Byte y+7
.
.
.
7 6 5 4 3 2 1 0 N. bit
Byte y+19
Figura 6-8
6-24
Byte da y+4 a y+7 per allarme di diagnostica (SFB 75)
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Messa in servizio e diagnostica
6.7
Dati di diagnostica dei moduli di elettronica
6.7.1
Analisi dei dati di diagnostica dei moduli di elettronica nel
programma utente
Contenuto del capitolo
In questo capitolo viene descritta la struttura dei dati di diagnostica nei dati di sistema. È
necessario che l’utente conosca questa struttura per poter analizzare nel programma utente
STEP 7 i dati di diagnostica dei moduli elettronici.
I dati di diagnostica sono contenuti in set di dati
I dati di diagnostica di un modulo possono essere lunghi fino a 44 byte e si trovano nei set di
dati 0 e 1:
• Il set di dati 0 contiene 4 byte di dati di diagnostica che descrivono lo stato attuale di un
sistema di automazione.
DS0 è parte dell’informazione di intestazione dell’OB 82 (byte dei dati locali da 8 a 11).
• Il set di dati 1 contiene i 4 byte di dati di diagnostica che si trovano anche nel set di dati 0
e fino a 40 byte di dati di diagnostica specifici dell’unità.
I set DS0 e DS1 si possono leggere con la SFC 59 “RD_REC” e l’SFB 52 “RDREC”.
Ulteriore letteratura
I manuali di STEP 7 forniscono una descrizione dettagliata del principio di analisi dei dati di
diagnostica dei moduli di elettronica nel programma utente nonché la descrizione delle SFC
utilizzabili.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
6-25
Messa in servizio e diagnostica
Struttura dei dati di diagnostica
Esempio: unità mista a 4 canali
Byte 0
Byte 1
Byte 2
Byte 3
Byte 4
Byte 5
Byte 6
Byte 7
Byte 8-11
Byte 12-15
Byte 16-19
Byte 20-23
Byte 24
Byte 25
Byte 26
Byte 27
Byte 28-31
Byte 32-35
Byte 36-39
Byte 40-43
1)
B#16#00
B#16#00
B#16#20
Guasto del modulo
Classe del modulo
Tipo di canale
Lunghezza dell’informazione di diagnostica
Numero di canali
Canali guasti
(vettore del canale)
Errore singolo canale 0
Errore singolo canale 1
Errore singolo canale 2
Errore singolo canale 3
Blocco di
informazione
Diagnostica
di canale
Tipo di canale
Lunghezza dell’informazione di diagnostica
Numero di canali
Canali guasti
(vettore del canale)
Errore singolo canale 0
Errore singolo canale 1
Errore singolo canale 2
Errore singolo canale 3
Blocco di
informazione 1)
Diagnostica di
canale 1)
Questi byte compaiono soltanto se l’unità oggetto della diagnostica
è mista; nel byte 4 sarà allora impostato il bit 7.
Figura 6-9
Struttura dei dati di diagnostica: esempio di unità mista a 4 canali
Il numero dei byte di diagnostica specifici dei canali dipende dal numero dei canali del
modulo. Almeno il canale 0 è comunque disponibile. Per questo motivo la lunghezza minima
del set DS1 è di 12 byte.
Se si ha p. es. un’unità mista con 1 canale di ingresso e 2 canali di uscita, il secondo blocco
di informazione inizia con il byte 12. La lunghezza complessiva dei dati di diagnostica di
questo esempio è di 24 byte.
6-26
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Messa in servizio e diagnostica
6.7.2
Struttura e contenuto dei dati di diagnostica dei byte da 0 a 7
Qui di seguito vengono descritti sia la struttura che il contenuto dei singoli byte dei dati di
diagnostica. In linea generale vale quanto segue: quando si verifica un errore, il bit
corrispondente viene impostato su “1”.
Byte 0 e 1
Byte 0
7 6 5 4 3 2 1 0
0
0 0 0 0
Guasto del modulo
Errore esterno
Errore di canale presente
Byte 1
7 6 5 4 3 2 1 0
0 0 0 1
Classe del modulo (vedere tabella 6-12)
Informazione sul canale disponibile
Figura 6-10
Byte 0 e 1 dei dati di diagnostica
Classi dei moduli
La tabella seguente contiene le identificazioni delle calssi dei moduli (bit da 0 a 3 nel byte 1).
Tabella 6-12 Identificazioni delle classi dei moduli
Identificazione
Classe del modulo
0101
Modulo analogico
0110
CPU
1000
Modulo funzionale
1001
Modulo digitale (periferia con area di indirizzi limitata)
1100
CP
1101
PS
Byte 2 e 3
Questi byte non vengono utilizzati.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
6-27
Messa in servizio e diagnostica
Byte 4 ... 7
7 6 5 4 3 2 1 0
Byte 4
Tipo di canale
Unità mista?
B#16#7B:
modulo di ingresso
B#16#7C: modulo di uscita
B#16#7D: PM, FM, VA (avviatori motori)
0: no
1: sì;seguono i dati di diagnostica degli ingressi;
i dati di diagnostica delle uscite iniziano dal
byte 12, 16, 20 o 24 (a seconda del numero di
canali degli ingressi)
7
0
Byte 5 0 1 0 0 0 0 0 0
7
0
Byte 6
Lunghezza dell’informazione di
diagnostica per ciascun canale in
bit (= sempre 32)
Numero dei canali dello stesso
tipo in un modulo
7 6 5 4 3 2 1 0
Byte 7
Vettore canale
...
...
Errore del canale 0
Errore del canale 1
...
...
Errore
... del canale 6
Errore del canale 7
Figura 6-11
6-28
Byte 4 e 7 dei dati di diagnostica
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Messa in servizio e diagnostica
6.7.3
Dati specifici della diagnostica di canale dal byte 8
Dal byte 8, il set di dati 1 contiene i dati specifici della diagnostica di canale. Le figure
seguenti mostrano l’occupazione del byte di diagnostica per un canale o un gruppo di canali
del modulo specifico. In linea generale vale quanto segue: quando si verifica un errore, il bit
corrispondente viene impostato su “1”.
Errori singoli di un canale
Il “byte y” è il primo di 4 byte della diagnostica specifica di un canale.
Byte y
7 6 5 4 3 2 1 0
R
R = bit riservato
Cortocircuito
Tensione di alimentazione troppo bassa (inferiore alla tolleranza)
Tensione di alimentazione troppo alta (superiore alla tolleranza)
Gradino d’uscita sovraccarico
Gradino d’uscita sovraccarico e surriscaldato
Conduttore di segnale interrotto o alimentazione di corrente del sensore guasta
Valore limite superiore superato
Byte y+1
7 6 5 4 3 2 1 0
R R R R R R
Valore limite inferiore non raggiunto
Errore; p.es.: errore hardware nel modulo, alimentazione di corrente dell’encoder
guasta, contattore bloccato, tensione di carico nell’uscita ecc.
7 6 5 4 3 2 1 0
Byte y+2
R
Errore di parametrizzazione
Manca tensione del trasduttore o di carico
Fusibile difettoso (sostituzione a cura dell’utente)
Errore di massa
Errore nel canale di riferimento
Interrupt di processo perso
Avviso attuatore; p. es.: numero di giri o corrente di carico superati
Byte y+3
7 6 5 4 3 2 1 0
R R R R
Disinserzione attuatore; p. es.: disinserzione di sicurezza,
cortocircuito verso terra, termistore attivato ecc.
È presente una causa di disinserzione di sicurezza
Errore esterno; p. es.: errore di sensore/attuatore ecc.
Errore non definibile: non è possibile specificare meglio l’errore
Figura 6-12
Errori singoli di un canale
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
6-29
Messa in servizio e diagnostica
6.7.4
Esempio: modulo ET 200S: 2 AI U (6ES7 134-4FB00-0AB0) con una
diagnostica ciascuno per i canali 0 e 1
La tabella seguente mostra un esempio di analisi di un messaggio di diagnostica del modulo
citato.
Numero di
byte
6-30
Valore
Significato
0
B#16#0D
Guasto del modulo, errore esterno, errore di canale
1
B#16#15
Esistono informazioni sul canale; classe = modulo analogico
2
B#16#00
non utilizzato
3
B#16#00
non utilizzato
4
B#16#7B
Modulo di ingresso, non unità mista
5
B#16#20
= informazione di diagnostica a 32 bit per canale (costante)
6
B#16#02
Il modulo ha 2 canali
7
B#16#03
Errore del canale 0 e del canale 1
8
B#16#80
Errore del canale 0: superamento valore limite superiore
9
B#16#00
Canale 0: non sono stati trovati ulteriori errori
10
B#16#00
Canale 0: non sono stati trovati ulteriori errori
11
B#16#00
Canale 0: non sono stati trovati ulteriori errori
12
B#16#00
Canale 1: non sono stati trovati errori
13
B#16#01
Errore del canale 1: superamento negativo valore limite inferiore
14
B#16#00
Canale 1: non sono stati trovati ulteriori errori
15
B#16#00
Canale 1: non sono stati trovati ulteriori errori
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Funzioni del modulo IM 151-7 CPU
7
Capitolo
Questo capitolo contiene:
• Importanti caratteristiche del modulo IM 151-7 CPU per PROFIBUS DP
• Una lista delle funzioni della CPU del modulo IM 151-7 CPU che si possono richiamare
con STEP 7 come p. es. orologio integrato, blocchi per il programma utente e parametri
impostabili.
Sommario del capitolo
Capitolo
Argomento
Pagina
7.1
Dati per il PROFIBUS DP
7-2
7.2
Selettore dei modi operativi ed elementi di segnalazione
7-4
7.3
SIMATIC micro memory card
7-6
7.4
Sistema di memorizzazione
7-12
7.5
Interfacce
7-29
7.6
Orologio
7-31
7.7
Comunicazione
7-32
7.8
Blocchi
7-36
7.9
Parametri
7-39
7.10
Parametrizzazione del giunto freddo in caso di collegamento di termocoppie
7-41
7.11
Estrazione e inserimento di moduli in fase di funzionamento
7-43
7.12
Disattivazione e attivazione dei moduli power in fase di funzionamento
7-46
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
7-1
Funzioni del modulo IM 151-7 CPU
7.1
Dati del PROFIBUS DP
File GSD
In un file GSD (file dei dati base dell’apparecchiatura) sono memorizzate tutte le proprietà
specifiche degli slave. La struttura del file GSD è definita nella norma
IEC 61784-1:2002 Ed1 CP 3/1.
Il file GSD è necessario solamente nei casi seguenti:
• Impiego di ET 200S con un master DP della gamma SIMATIC S5 (progettazione con
COM PROFIBUS)
• Impiego di ET 200S con un master DP non SIMATIC (progettazione con tool di terzi)
Se necessario, il file GSD può essere scaricato da Internet. Tutti i file GSD si trovano alla
voce “Download” del sito Internet del SIMATIC Customer Support:
• http://www.ad.siemens.de/csi/gsd
In alternativa è possibile richiedere i file GSD via modem al numero di telefono
+49 (0)911-737972 oppure sotto “CompuServe” in AUTFORUM (GO AUTFORUM).
Caratteristiche importanti
Se non si dispone del file GSD, segue una tabella con le caratteristiche più importanti del
modulo IM 151-7 CPU.
Tabella 7-1
Caratteristiche del file GSD
Caratteristica
Codice del costruttore
Parola chiave DP secondo
IEC 61784-1:2002 Ed1 CP 3/1
Ident_Number
IM 151-7 CPU
80E2H
80..H (FO)
FMSsupportate
FMS_supp
no
9,6 kBaud supportati
9.6_supp
sì
19,2 kBaud supportati
19.2_supp
sì
45,45 kBaud supportati
45.45_supp
sì
93,75 kBaud supportati
93.75_supp
sì
187,5 kBaud supportati
187.5_supp
sì
500 kBaud supportati
500_supp
sì
1,5 Mbaud supportati
1.5M_supp
sì
3 Mbaud supportati
3M_supp
sì
no (FO)
6 Mbaud supportati
6M_supp
sì
no (FO)
12 Mbaud supportati
12M_supp
sì
Comando di controllo FREEZEsupportato
Freeze_Mode_supp
sì
Comando di controllo SYNC supportato
Sync_Mode_supp
sì
7-2
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Funzioni del modulo IM 151-7 CPU
Tabella 7-1
Caratteristiche del file GSD, continuazione
Caratteristica
Parola chiave DP secondo
IEC 61784-1:2002 Ed1 CP 3/1
IM 151-7 CPU
Ricerca automatica della velocità di trasmissione
supportata
Auto_Baud_supp
sì
Indirizzo PROFIBUS modificabile tramite software
Set_Slave_Add_supp
no
Lunghezza dei dati di parametrizzazione specifici
dell’utente
User_Prm_Data_Len
3 byte
Dati di parametrizzazione specifici dell’utente
User_Prm_Data
sì
Distanza minima tra due intervalli degli slave
Min_Slave_Intervall
1(100ms)
Apparecchiatura modulare
Modular_Station
1
Numero max. di moduli
Max_Module
35
Numero max. degli ingressi in byte
Max_Input_Len
244
Numero max. delle uscite in byte
Max_Output_Len
244
Numero max. di ingressi e uscite in byte
Max_Data_Len
488
Visualizzazione centrale di segnalazioni di stato e
messaggi di errore specifici del costruttore
Unit_Diag_Bit
tramite LED
“ON”
Assegnazione di valori a testi nel campo di diagnostica
riferita all’apparecchiatura
Unit_Diag_Area
non utilizzato
Identificazione di tutte le aree di indirizzi per
PROFIBUS
Module, End_Module
sì
Assegnazione di tipi di errore specifici del costruttore ai Channel_Diag
testi nel campo di diagnostica di canale
no
Lunghezza max. dei dati di diagnostica
39 byte
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Max_Diag_Data_Len
7-3
Funzioni del modulo IM 151-7 CPU
7.2
Selettore dei modi operativi ed elementi di segnalazione
Selettore dei modi operativi
Il selettore dei modi operativi dell’IM 151-7 CPU è realizzato come interruttore a levetta a 3
livelli ed è costruito nel modo seguente:
RUN
STOP
MRES
Figura 7-1
Selettore dei modi operativi
Posizioni del selettore dei modi operativi
Le posizioni del selettore dei modi operativi sono spiegate nello stesso ordine in cui sono
disposte nel modulo IM 151-7 CPU.
Tabella 7-2
Posizione
Posizioni del selettore dei modi operativi
Significato
Spiegazione
RUN
Modo operativo
RUN
La CPU elabora il programma utente.
STOP
Modo operativo
STOP
La CPU non elabora il programma utente.
I programmi si possono
• leggere con il PG dalla CPU (CPU ³ PG)
• trasferire nella CPU (PG ³ CPU)
MRES
Cancellazione
totale
Posizione del tasto del selettore dei modi operativi per la cancellazione
totale della CPU.
La cancellazione totale tramite selettore dei modi operativi richiede una
speciale sequenza di comandi (vedere capitolo 6.2)
7-4
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Funzioni del modulo IM 151-7 CPU
Significato dei LED per le funzionalità della CPU
Per la parte CPU del modulo IM 151-7 CPU sono disponibili 2 LED speciali che ne mostrano
gli stati di funzionamento:
• RUN
• STOP
Altri 3 LED consentono di ottenere informazioni sull’alimentazione di tensione della CPU, sui
job di forzamento e sugli errori generali.
Tabella 7-3
LED per funzionalità della CPU
LED
Significato
Spiegazione
ON (verde)
Inserzione di rete
È acceso quando passa la tensione di alimentazione della CPU
RUN (verde)
Stato di
funzionamento
RUN
È acceso quando la CPU elabora il programma utente
Lampeggia a 2 Hz durante l’avviamento della parte CPU
• per almeno 3 s; l’avviamento della CPU può tuttavia essere più breve
• durante l’avviamento della CPU si accende inoltre il LED di STOP;
una volta che si spegne il LED di STOP, le uscite sono abilitate
Lampeggia a 0,5 Hz quando la CPU raggiunge uno dei punti di arresto
impostati dall’utente. Allo stesso tempo si accende il LED di STOP
STOP (giallo)
Stato di
funzionamento
STOP
È acceso se la CPU
• non elabora il programma utente
• ha raggiunto un punto di arresto impostato dall’utente. Allo stesso
tempo il LED RUN lampeggia a 0,5 Hz.
Lampeggia a 0,5Hz quando la CPU richiede la “Cancellazione totale”
(vedere capitolo 6.2)
FRCE (giallo)
Job di forzamento
attivo
È acceso quando è attivo un job di forzamento
SF (rosso)
Errore cumulativo
È acceso in caso di
•
•
•
•
•
•
•
errori di programmazione
errori di parametrizzazione
errori di calcolo
errori temporali
errori di periferia
errori di hardware
errori di firmware
Per poter determinare gli errori con esattezza occorre impiegare un PG e
leggere il buffer di diagnostica.
Significato di ulteriori LED
I LED “SF” (dalla vista PROFIBUS DP) e “BF” sono descritti nel capitolo 6.4.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
7-5
Funzioni del modulo IM 151-7 CPU
7.3
SIMATIC micro memory card
Micro memory card
Come modulo di memoria dell’IM 151-7 CPU viene impiegata una SIMATIC micro memory
card (MMC). La MMC può essere impiegata come memoria di caricamento e supporto dati
mobile. Per il funzionamento dell’IM 151-7 CPU, la MMC è fondamentale. Nella MMC
vengono memorizzati i seguenti dati:
• Programma utente (tutti i blocchi)
• Archivi e ricette
• Dati di progettazione (progetti STEP 7)
• Dati per l’update del sistema operativo, backup del sistema operativo
Avvertenza
In una MMC si possono memorizzare i dati utente o di progettazione oppure il sistema
operativo.
Caratteristiche
La SIMATIC micro memory card garantisce l’esenza da manutenzione e la ritenzione del
modulo IM 151-7 CPU. Maggiori informazioni su questo argomento sono contenute nel
capitolo 7.4.
!
Attenzione
Il contenuto di una SIMATIC micro memory card può essere annullato se si estrae la scheda
nel corso di un’operazione di scrittura. La MMC dovrà eventualmente essere cancellata nel
PG oppure formattata nell’IM 151-7 CPU.
Non estrarre mai la MMC in stato di funzionamento RUN ma solamente con “alimentazione
OFF” oppure con lo stato STOP del modulo IM 151-7 CPU, ovvero quando non sono in
corso accessi in scrittura del PG. Se non è possibile garantire la mancanza di funzioni di
scrittura attive del PG (p. es. Carica/cancella blocco) in stato di STOP, disinserire prima i
collegamenti di comunicazione.
Durata di una MMC
La durata di una MMC dipende sostanzialmente dai fattori seguenti:
1. Numero di operazioni di cancellazione e di programmazione
2. Influssi esterni, come p. es. la temperatura ambiente.
Con una temperatura ambiente fino a 60° C la durata di una MMC è di 10 anni con
max. 100.000 operazioni di cancellazione/scrittura.
7-6
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Funzioni del modulo IM 151-7 CPU
!
Attenzione
Per evitare la perdita di dati, assicurarsi sempre che il numero massimo di operazioni di
cancellazione/scrittura non venga mai superato.
SIMATIC micro memory card utilizzabili
Sono disponibili i seguenti moduli di memoria:
Tabella 7-4
MMC disponibili
N. di ordinazione
Tipo
MMC 64k
6ES7953-8LF00-0AA0
MMC 128k
6ES7953-8LG00-0AA0
MMC 512k
6ES7953-8LJ00-0AA0
MMC 2M
6ES7953-8LL00-0AA0
MMC 4M
6ES7953-8LM00-0AA0
MMC 8M
6ES7953-8LP10-0AA0
L’update del firmware richiede l’uso di MMC con 4 MB o 8 MB di memoria.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
7-7
Funzioni del modulo IM 151-7 CPU
Formattazione della MMC con la cancellazione totale
In alcuni casi eccezionali occorre formattare la MMC:
• Il tipo di modulo non è un modulo utente
• La MMC non è ancora stata formattata, è difettosa o i dati sono incoerenti
Il contenuto della MMC si è rivelato non valido.
• L’operazione Carica programma utente è stata interrotta da “alimentazione OFF”
(vedere trattamento speciale).
• L’operazione Masterizza EPROM è stata interrotta da “alimentazione OFF”
(vedere trattamento speciale).
• Errore di analisi del contenuto del modulo durante la cancellazione totale
• Errore di formattazione / non è stato possibile eseguire la formattazione.
Se si verifica uno di questi errori, la CPU richiede una nuuova cancellazione totale, anche se
è già stata eseguita. A eccezione dell’interruzione dovuta ad “alimentazione OFF” delle
operazioni Carica programma utente e Masterizza EPROM, il contenuto della scheda viene
mantenuto fino all’esecuzione del trattamento speciale.
Descrizione del trattamento speciale:
Se il modulo IM 151-7 CPU è in fase di richiesta della cancellazione totale (il LED STOP
lampeggia lentamente), procedere alla formattazione con i seguenti comandi del selettore:
1. Portare il selettore in posizione MRES e mantenerlo in questa posizione (ca. 9 secondi)
finché il LED STOP resta acceso.
2. Entro i 3 secondi successivi è necessario rilasciare il selettore e riportarlo nella posizione
MRES. Nel corso della formattazione il LED STOP lampeggia.
I passi descritti vanno assolutamente eseguiti nei tempi indicati, in caso contrario la
MMC non viene formattata e ritorna allo stato di cancellazione totale.
La MMC viene formattata soltanto in caso di necessità (vedere sopra) e non, p. es., in
seguito alla richiesta di cancellazione totale dopo la sostituzione di un modulo. In questo
caso il posizionamento su MRES comporta soltanto una normale cancellazione totale con la
quale il contenuto del modulo resta invariato.
7-8
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Funzioni del modulo IM 151-7 CPU
Inserimento/sostituzione della scheda
La MMC è realizzata per essere estratta o inserita anche sotto tensione. In questo caso il
modulo IM 151-7 CPU deve essere portato in stato di STOP (vedere avvertenze a
pagina 7-6). L’angolo smussato della MMC impedisce che la carta venga inserita dal lato
sbagliato (protezione dall’inversione di polarità).
Per consentire l’estrazione della scheda, il telaio dello scomparto è dotato di un estrattore.
Per l’estrazione della scheda premere con un piccolo cacciavite o una penna a sfera
sull’estrattore.
IM 151-7 CPU
MMC
SIEMENS
SIMATIC
Micro
memory
card
6ES7 953Ć8Lx00Ć0AA0
Scomparto del modulo
MEM
Figura 7-2
Estrattore
Posizione dello scomparto per la scheda MMC nell’IM 151-7 CPU
Se si inserisce nello scomparto una nuova scheda MMC, l’IM 151-7 CPU richiede la
cancellazione totale.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
7-9
Funzioni del modulo IM 151-7 CPU
Update del firmware con la MMC
L’update del firmware si esegue nel modo seguente:
Tabella 7-5
Fase
Update del firmware con la MMC
Cosa fare:
Cosa accade nell’IM 151-7 CPU:
1.
Trasferire i file di update con l’aiuto di
STEP 7 e il dispositivo di programmazione su una MMC vuota (w 4 MB).
-
2.
Disinserire la tensione
dell’IM 151-7 CPU e inserire la MMC
con l’update del FW.
-
3.
Inserire la tensione.
L’IM 151-7 CPU riconosce automaticamente la MMC con l’update del FW e
avvia l’aggiornamento.
Nel corso dell’update del FW tutti i LED
sono accesi.
Al termine dell’update del FW il LED
STOP lampeggia. In questo modo
l’IM 151-7 CPU richiede la
cancellazione totale.
7-10
4.
Disinserire la tensione
dell’IM 151-7 CPU ed estrarre la
scheda MMC con l’update FW.
-
5.
Reinserire l’alimentazione di tensione.
L’IM 151-7 CPU esegue una
cancellazione totale automatica in
seguito alla quale è pronto per il
funzionamento.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Funzioni del modulo IM 151-7 CPU
Backup del sistema operativo sulla MMC
Per salvare il sistema operativo procedere nel modo seguente:
Tabella 7-6
Backup del sistema operativo
Fase
Cosa fare:
1.
Inserire una nuova micro memory card
(w 4 MB) nella CPU.
La CPU richiede la cancellazione
totale.
2.
Mantenere il selettore dei modi
operativi in posizione MRES.
–
3.
Mantenere rete OFF/rete ON e
selettore dei modi operativi in posizione
MRES finché...
... i LED STOP, RUN e FRCE
cominciano a lampeggiare.
4.
Selettore dei modi operativi su STOP.
–
5.
Spostare brevemente il selettore dei
modi operativi verso MRES, quindi
farlo scattare nuovamente su STOP.
L’IM 151-7 CPU inizia a salvare il
sistema operativo sulla MMC.
Estrarre la micro memory card
–
6.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Cosa accade nell’IM 151-7 CPU:
Nel corso del backup tutti i LED sono
accesi.
Al termine del backup il LED STOP
lampeggia. In questo modo
l’IM 151-7 CPU richiede la
cancellazione totale.
7-11
Funzioni del modulo IM 151-7 CPU
7.4
Sistema di memorizzazione
7.4.1
Aree di memoria del modulo IM 151-7 CPU
Partizione
La memoria del modulo IM 151-7 CPU si suddivide in tre aree:
IM 151-7 CPU
Memoria di lavoro
MMC
Memoria di
caricamento
Figura 7-3
Memoria di
sistema
Aree di memoria del modulo IM 151-7 CPU
Memoria di caricamento
La memoria di caricamento è contenuta in una SIMATIC micro memory card (MMC). Essa
consente il salvataggio di blocchi di codice e blocchi dati nonché di dati di sistema
(configurazione, collegamenti, parametri delle unità ecc.).
I blocchi non rilevanti ai fini dell’esecuzione vengono salvati esclusivamente nella memoria di
caricamento.
Inoltre è possibile salvare nella MMC i dati di progettazione completi di un progetto.
Il programma dell’utente nella memoria di caricamento (MMC) è sempre a ritenzione. Esso
viene memorizzato nella MMC già al momento del caricamento per evitarne la perdita in
caso di mancanza di rete e di cancellazione totale.
Avvertenza
Il funzionamento dell’IM 151-7 CPU è garantito solo quando la MMC è inserita.
7-12
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Funzioni del modulo IM 151-7 CPU
Memoria di lavoro
La memoria di lavoro è integrata nella CPU e non può essere ampliata. Essa permette di
elaborare il codice e i dati del programma utente. L’elaborazione del programma si svolge
esclusivamente nell’area della memoria di lavoro e di sistema.
Quando è inserita la MMC, la memoria di lavoro della CPU è a ritenzione.
In caso di rete OFF, i dati nella memoria di lavoro vengono salvati nella MMC.
Memoria di sistema
La memoria di sistema è integrata nella CPU e non è ampliabile.
Essa contiene quanto segue:
• Le aree operandi merker, temporizzatori e contatori
• Le immagini di processo degli ingressi e delle uscite
• I dati locali
Per merker, temporizzatori e contatori, l’utente stabilisce in fase di progettazione (proprietà
della CPU, scheda ritenzione) quali parti debbano essere a ritenzione e quali debbano
essere inizializzate con “0” in caso di nuovo avviamento (avviamento a caldo).
Buffer di diagnostica, indirizzo MPI (e velocità di trasmissione) e contatore delle ore di
esercizio sono generalmente memorizzati nell’area di memoria a ritenzione della CPU. La
ritenzione dell’indirizzo MPI e della velocità di trasmissione garantisce che la CPU, in seguito
alla mancanza di corrente, alla cancellazione totale o alla perdita della parametrizzazione
della comunicazione (dovuta all’estrazione della MMC o alla cancellazione dei parametri di
comunicazione), sia ancora in grado di comunicare.
Ritenzione
L’IM 151-7 CPU è dotato di una memoria a ritenzione. La ritenzione è realizzata nella MMC
e nella CPU.
Il contenuto di una memoria a ritenzione viene mantenuto anche in caso di rete OFF o di
nuovo avviamento (avviamento a caldo).
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
7-13
Funzioni del modulo IM 151-7 CPU
Comportamento di ritenzione degli oggetti nella memoria
La tabella seguente mostra il comportamento di ritenzione degli oggetti nella memoria a ogni
singolo passaggio dello stato di funzionamento.
Tabella 7-7
Comportamento di ritenzione degli oggetti della memoria
Oggetto nella memoria
Passaggio dello stato di funzionamento
STOP →
RUN
Rete ON /
rete OFF
Cancellazio
ne totale
Programma/dati utente (memoria di caricamento)
x
x
x
Valori attuali dei DB
x
x
–
Merker, temporizzatori e contatori progettati a ritenzione
x
x
–
Buffer di diagnostica, contatore delle ore di esercizio
x
x
x
Indirizzo MPI, velocità di trasmissione
x
x
x
x = a ritenzione; – = non a ritenzione
7-14
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Funzioni del modulo IM 151-7 CPU
7.4.2
Funzioni di memorizzazione
Introduzione
Con l’aiuto delle funzioni di memorizzazione è possibile creare, modificare o cancellare
programmi utente o singoli blocchi. Esse consentono inoltre di archiviare i dati dei propri
progetti garantendo la ritenzione dei dati.
In generale: caricamento di un programma utente tramite PG/ PC
Il programma utente può essere caricato completamente dal PG/ PC nell’IM 151-7 CPU
mediante la MMC.In questo caso è possibile che vengano cancellati tutti i blocchi contenuti
nella memoria di caricamento.
Nella memoria di caricamento, i blocchi occupano lo spazio indicato alle voci “Memoria di
caricamento richiesta” nelle “Proprietà generali del blocco”.
Dispositivo di programmazione
MMC
SIEMENS
SIMATIC
Dati memorizzati
sul disco fisso
Micro
memory
card
6ES7 953Ć8Lx00Ć0AA0
Memoria di caricamento
Blocchi di codice
Blocchi di codice
Blocchi dati
Blocchi dati
Memoria di lavoro
Parti di blocchi di
codice e di blocchi dati
rilevanti per
l’esecuzione
Commenti
Simboli
Figura 7-4
Memoria di caricamento e di lavoro
Il programma si può avviare soltanto dopo che tutti i blocchi sono stati caricati.
Avvertenza
Questa funzione è consentita soltanto quando la CPU è in stato di STOP.
Se il caricamento non si è concluso a causa di un guasto alla rete o di blocchi non ammessi,
la memoria di caricamento sarà vuota.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
7-15
Funzioni del modulo IM 151-7 CPU
Caricamento del programma utente tramite PG/PC nella MMC
Caso A: caricamento di un nuovo programma utente
È stato creato un nuovo programma utente. Il programma va caricato completamente nella
MMC mediante il PG/ PC.
Caso B: caricamento di blocchi a posteriori
L’utente ha già creato un proprio programma, caricandolo inoltre nella MMC (caso A). Al
programma utente vanno poi aggiunti nuovi blocchi. Il programma utente non deve essere
completamente ricaricato sulla MMC, è sufficiente caricare a posteriori soltanto i nuovi
blocchi (ciò consente di ridurre i tempi di caricamento in caso di programmi particolarmente
complessi).
Caso C: caricamento di un programma/di blocchi su un programma/blocchi esistenti
In questo caso vengono modificati blocchi del programma utente. Successivamente, il
programma utente o soltanto i blocchi modificati vanno caricati nella MMC mediante il
PG/PC.
!
Pericolo
In questo ultimo caso, tutti i dati presenti nella MMC con lo stesso nome vanno persi.
Una volta caricato un blocco, il contenuto dei blocchi rilevanti per l’esecuzione viene
trasferito nella memoria di lavoro e quindi attivato.
Cancellazione di blocchi
In caso di cancellazione, il blocco viene cancellato dalla memoria di caricamento. È possibile
cancellare blocchi dati dal programma utente (SFC 23 “DEL_DB”).
Se questo blocco occupava spazio nella memoria di lavoro, quest’ultimo viene abilitato.
Caricamento nel PG
Al contrario della normale operazione di caricamento, in questo caso si caricano singoli
blocchi o un programma utente completo dalla CPU nel PG/PC. In questo caso i blocchi
hanno il contenuto dell’ultimo caricamento nella MMC. La sola eccezione è data dai blocchi
dati rilevanti per l’esecuzione, nei quali vengono trasferiti i valori attuali.
Il trasferimento di blocchi o di un programma utente dalla CPU al PG con STEP 7 non ha
effetto sull’occupazione della memoria della CPU.
Compressione
La compressione consente di eliminare tutti gli spazi vuoti che si creano tra gli oggetti nella
memoria di caricamento e di lavoro in seguito a operazioni di caricamento e cancellazione.
In questo modo si rende disponibile spazio di memoria contiguo.
La compressione è consentita sia con la CPU in stato STOP che in stato RUN.
7-16
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Funzioni del modulo IM 151-7 CPU
Masterizza EPROM (Salva RAM in ROM)
Con l’operazione Masterizza EPROM, i valori attuali dei blocchi dati vengono prelevati dalla
memoria di lavoro e trasferiti nella memoria di caricamento come nuovi valori iniziali dei DB.
Avvertenza
Questa funzione è consentita soltanto quando la CPU è in stato di STOP.
Se la funzione non ha potuto concludersi a causa del guasto della rete, la memoria di
caricamento sarà vuota.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
7-17
Funzioni del modulo IM 151-7 CPU
Estrazione/inserimento della MMC
Il modulo IM 151-7 CPU non è in grado di funzionare se non è inserita una MMC (manca la
memoria di caricamento). Il suo corretto funzionamento è possibile soltanto dopo aver
inserito una MMC e aver eseguito la cancellazione totale.
L’IM 151-7 CPU riconosce l’estrazione e l’inserimento della MMC in qualunque stato di
funzionamento.
Procedimento di estrazione:
1. Portare l’IM 151-7 CPU in STOP.
2. Assicurarsi che non vi siano funzioni di scrittura del PG attive (p. es. caricamento di
blocchi)
3. Una volta estratta la MMC, l’IM 151-7 CPU richiede la cancellazione totale.
!
Attenzione
Il contenuto di una SIMATIC micro memory card può essere annullato se si estrae la scheda
nel corso di un’operazione di scrittura. La MMC dovrà eventualmente essere cancellata nel
PG oppure formattata nell’IM 151-7 CPU.
Non estrarre mai la MMC in stato di funzionamento RUN ma solamente con “alimentazione
OFF” oppure con lo stato STOP del modulo IM 151-7 CPU, quando non sono in corso
accessi in scrittura del PG. Se non è possibile garantire la mancanza di funzioni di scrittura
attive del PG (p. es. Carica/cancella blocco) in stato di STOP, disinserire prima i
collegamenti di comunicazione.
Procedimento di inserimento:
Per inserire la MMC con il relativo programma utente procedere nel modo seguente:
1. Inserire la MMC
2. L’IM 151-7 CPU richiede la cancellazione totale
3. Confermare la cancellazione totale
Se l’IM 151-7 CPU richiede nuovamente la cancellazione totale a causa di una MMC non
valida o di una MMC con update del firmware, seguire il procedimento descritto nel
capitolo 7.3, Trattamento speciale.
4. Avviare l’IM 151-7 CPU
!
7-18
Pericolo
Assicurarsi che la MMC da inserire contenga il programma utente (da creare) compatibile
con l’IM 151-7 CPU. Un programma utente scorretto può avere gravi conseguenze sul
processo.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Funzioni del modulo IM 151-7 CPU
Cancellazione totale
Dopo l’estrazione/inserimento della micro memory card, la cancellazione totale ristabilisce le
condizioni adeguate per eseguire un nuovo avviamento (avviamento a caldo)
dell’IM 151-7 CPU.
Con la cancellazione totale viene ricreata la gestione della memoria dell’IM 151-7 CPU. Tutti
i blocchi della memoria di caricamento vengono mantenuti. Tutti i blocchi rilevanti per
l’esecuzione vengono ripresi nuovamente dalla memoria di caricamento nella memoria di
lavoro, e soprattutto i blocchi dati nella memoria di lavoro vengono inizializzati (riacquistano i
valori della memoria di caricamento).
La cancellazione totale e le sue particolarità sono descritte nel capitolo 6.2.
Nuovo avviamento (avviamento a caldo)
• Tutti i DB mantengono i loro valori attuali.
• Ogni M, Z, T a ritenzione mantiene il proprio valore.
• Tutti i dati utente non a ritenzione vengono inizializzati:
– M, Z, T, E, A con “0”
• Tutti i livelli di esecuzione ricominciano da capo.
• Le immagini di processo vengono cancellate.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
7-19
Funzioni del modulo IM 151-7 CPU
7.4.3
Aree operandi
Panoramica
La memoria di sistema del modulo IM 151-7 CPU è suddivisa in aree operandi (vedere la
tabella seguente). Utilizzando le operazioni corrispondenti, si indirizzano direttamente i dati
nel proprio programma, nelle rispettive aree operandi.
Tabella 7-8
Aree operandi della memoria di sistema
Descrizione
Aree operandi
Immagine di processo degli
ingressi
All’inizio di ogni ciclo dell’OB 1, l’IM 151-7 CPU legge gli ingressi
dalle unità di ingresso e memorizza i valori nell’immagine di processo
degli ingressi.
Immagine di processo delle
uscite
Nel corso del ciclo, il programma calcola i valori delle uscite e li
memorizza nell’immagine di processo delle uscite. Alla fine del ciclo
dell’OB 1, l’IM 151-7 CPU scrive i valori calcolati delle uscite nelle
unità di uscita.
Merker
Questa area mette a disposizione spazio di memoria per i risultati
intermedi calcolati nel programma.
Temporizzatori
In questa area sono disponibili i temporizzatori.
Contatori
In questa area sono disponibili i contatori.
Dati locali
Questa area di memoria registra i dati temporanei di un blocco di
codice (OB, FB, FC) per tutta la durata della sua elaborazione.
Blocchi dati
Vedere il capitolo 7.4.4.
Le aree di indirizzi che si possono utilizzare per ogni CPU sono indicate nella
Lista operazioni nell’appendice A.
7-20
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Funzioni del modulo IM 151-7 CPU
Immagine di processo degli ingressi e delle uscite
Se nel programma utente vengono indirizzate le aree operandi degli ingressi (E) e delle
uscite (A), non vengono interrogati gli stati di segnale nei moduli di elettronica digitali ma si
accede a un’area della memoria di sistema della CPU. Questa area di memoria viene
definita immagine di processo.
L’immagine di processo è suddivisa in due parti: l’immagine di processo degli ingressi e
quella delle uscite.
Vantaggi dell’immagine di processo
Rispetto all’accesso diretto ai moduli di elettronica, l’accesso all’immagine di processo ha il
vantaggio di mettere a disposizione della CPU un’immagine coerente dei segnali del
processo per tutta la durata dell’elaborazione ciclica del programma. Se lo stato di un
segnale di un modulo di elettronica varia durante l’elaborazione del programma, lo stato del
segnale viene mantenuto nell’immagine di processo fino all’aggiornamento dell’immagine di
processo nel ciclo successivo. L’accesso all’immagine di processo, inoltre, richiede molto
meno tempo dell’accesso diretto ai moduli di elettronica perché l’immagine di processo si
trova nella memoria di sistema della CPU.
Aggiornamento dell’immagine di processo
L’immagine di processo viene aggiornata ciclicamente dal sistema operativo. La figura
seguente mostra i passi operativi all’interno di un ciclo.
Programma di avviamento
Avviamento
IPI
Tempo di ciclo
IPU
Scrittura dell’immagine di processo delle uscite
nei moduli di elettronica
Lettura degli ingressi dai moduli di elettronica e
aggiornamento dei dati nell’iimagine di processo degli
ingressi
Elaborazione del programma utente (OB 1 e
tutti i blocchi in esso richiamati)
Programma utente
Punto di controllo del ciclo (sistema operativo)
Punto di controllo
del ciclo (sistema operativo)
Figura 7-5
Passi operativi all’interno di un ciclo
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
7-21
Funzioni del modulo IM 151-7 CPU
Dati locali
I dati locali memorizzano quanto segue:
• Le variabili temporanee dei blocchi di codice
• L’informazione di start dei blocchi organizzativi
• Parametri di trasferimento
• Risultati intermedi
Variabili temporanee
Al momento della creazione di blocchi, è possibile dichiarare variabili temporanee (TEMP)
che siano disponibili solo durante l’elaborazione del blocco e che quindi vengano
sovrascritte. Questi dati locali hanno una lunghezza fissa per ciascun OB. Prima del primo
accesso in lettura, i dati locali devono essere inizializzati. Ogni blocco organizzativo, inoltre,
ha bisogno di 20 byte di dati locali per la sua informazione di start. L’accesso ai dati locali è
più rapido di quello ai dati nei DB.
Il modulo IM 151-7 CPU è dotato di memoria per le variabili temporali (dati locali) dei blocchi
appena elaborati. Essa viene suddivisa in parti uguali tra le classi di priorità. Ogni classe di
priorità ha una propria area dei dati locali.
!
7-22
Attenzione
Tutte le variabili temporanee (TEMP) di un OB e i blocchi subordinati vengono memorizzati
nei dati locali. L’impiego di molti livelli di annidamento nell’elaborazione del blocco può
causare un overflow dell’area dei dati locali.
Se si superano le dimensioni consentite per i dati locali di una classe di priorità, il modulo
IM 151-7 CPU entra in stato di funzionamento STOP.
In questo caso, tenere in considerazione i dati locali richiesti dagli OB di errore sincrono, che
vengono sempre assegnati alla rispettiva classe di priorità che ha causato l’errore.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Funzioni del modulo IM 151-7 CPU
7.4.4
Trattamento dei dati in DB
Ricette
Per ricetta si intende una raccolta di dati utente.
Un concetto semplice di ricetta si può realizzare mediante blocchi dati non rilevanti per
l’esecuzione. Le ricette devono avere la stessa struttura (lunghezza). Per ogni ricetta deve
esserci un DB.
Fasi dell’elaborazione
La ricetta va memorizzata nella memoria di caricamento:
• I singoli set di dati delle ricette vengono creati con STEP 7 come DB non rilevanti per
l’esecuzione e caricati nell’IM 151-7 CPU. Le ricette occupano quindi spazio solo nella
memoria di caricamento e non in quella di lavoro.
Utilizzo dei dati delle ricette:
• La SFC 83 “READ_DBL” consente di leggere dal programma utente il set di dati della
ricetta attuale dal DB nella memoria di caricamento in un DB rilevante per l’esecuzione
nella memoria di lavoro. In questo modo la memoria di lavoro deve registrare soltanto la
quantità di dati di un set.
Ora il programma utente può accedere ai dati della ricetta attuale.
Memoria di caricamento
(MMC)
Memoria di lavoro
(IM 151-7 CPU)
Ricetta 1
Ricetta 2
SFC 83
READ_DBL
Ricetta
attuale
:
Ricetta n
Figura 7-6
SFC 84
WRIT_DBL
Trattamento di dati delle ricette
Memorizzazione di una ricetta modificata:
• Con la SFC 84 “WRIT_DBL” si possono riscrivere dal programma utente nella memoria
di caricamento i set di dati nuovi o modificati di una ricetta generati durante l’elaborazione
del programma.
I dati così scritti nella memoria di caricamento non sono soggetti a cancellazione totale e
sono trasferibili.
Per salvare i set di dati modificati (ricette) nel PG/PC, è possibile caricarli e memorizzarli
nel PG/PC come blocco unico.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
7-23
Funzioni del modulo IM 151-7 CPU
Avvertenza
Le funzioni di sistema attive dalla SFC 82 alla 84 (accessi in corso alla MMC) hanno una
forte influenza sulle funzioni del PG (p. es. controllo blocco, contollo variabile, caricamento,
caricamento nel PG, apertura del blocco). La prestazione tipica in questo caso (rispetto alle
funzioni di sistema non attive) è ridotta del fattore 10.
Per evitare la perdita di dati, assicurarsi sempre che il numero massimo di operazioni
di cancellazione/scrittura non venga mai superato. Su questo argomento, leggere
anche il capitolo 7.3.
!
Attenzione
Il contenuto di una SIMATIC micro memory card può essere annullato se si estrae la scheda
nel corso di un’operazione di scrittura. In questo caso potrebbe essere necessario
cancellare la MMC nel PG o formattarla nella CPU.
Non estrarre mai la MMC con lo stato di funzionamento RUN ma solo con rete OFF oppure
quando la CPU è in stato di STOP, quando non sono in corso accessi di scrittura del PG. Se
non è possibile garantire la mancanza di funzioni di scrittura attive del PG
(p. es. Carica/cancella blocco) in stato di STOP, disinserire prima i collegamenti di
comunicazione.
7-24
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Funzioni del modulo IM 151-7 CPU
Archiviazione di valori di misura
Durante l’elaborazione del programma utente da parte dell’IM 151-7 CPU si generano valori
di misura. Questi valori di misura devono essere archiviati e valutati.
Fasi dell’elaborazione
Raccolta dei valori di misura:
• In un DB (con modo buffer alternato in diversi DB) l’IM 151-7 CPU raccoglie i valori di
misura nella memoria di lavoro.
Archiviazione dei valori di misura:
• Con la SFC 84 ”WRIT_DBL” è possibile trasferire i valori di misura dal programma utente
nei DB nella memoria di caricamento prima che il volume dei dati superi la capacità della
memoria di lavoro.
Memoria di caricamento
(MMC)
Memoria di lavoro
(IM 151-7 CPU)
Valori di misura 1
Valori di misura 2
SFC 82
CREA_DBL
Valori di misura
attuali
:
Valori di misura n
Figura 7-7
SFC 84
WRIT_DBL
Trattamento degli archivi di valori di misura
• Con la SFC 82 ”CREA_DBL” è possibile creare nuovi (ulteriori) DB dal programma utente
nella memoria di caricamento come DB non rilevanti per l’esecuzione che non occupano
spazio nella memoria di lavoro.
Avvertenza
Se nella memoria di caricamento e/o di lavoro esiste già un DB con lo stesso numero, la
SFC 82 si conclude e viene generato un messaggio di errore.
I dati così scritti nella memoria di caricamento non sono soggetti a cancellazione totale e
sono trasferibili.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
7-25
Funzioni del modulo IM 151-7 CPU
Valutazione dei valori di misura:
• I blocchi dati dei valori di misura salvati nella memoria di caricamento possono essere
caricati nel PG e quindi analizzati da altri partner della comunicazione (p. es. PG, PC...).
Avvertenza
Le funzioni di sistema attive dalla SFC 82 alla 84 (accessi in corso alla MMC) hanno una
forte influenza sulle funzioni del PG (p. es. controllo blocco, contollo variabile, caricamento,
caricamento nel PG, apertura del blocco). La prestazione tipica in questo caso (rispetto alle
funzioni di sistema non attive) è ridotta del fattore 10.
Per evitare la perdita di dati, assicurarsi sempre che il numero massimo di operazioni
di cancellazione/scrittura non venga mai superato. Su questo argomento, leggere
anche il capitolo 7.3.
!
Attenzione
Il contenuto di una SIMATIC micro memory card può essere annullato se si estrae la scheda
nel corso di un’operazione di scrittura. In questo caso potrebbe essere necessario
cancellare la MMC nel PG o formattarla nella CPU.
Non estrarre mai la MMC con lo stato di funzionamento RUN ma solo con rete OFF oppure
quando la CPU è in stato di STOP, quando non sono in corso accessi di scrittura del PG. Se
non è possibile garantire la mancanza di funzioni di scrittura attive del PG
(p. es. Carica/cancella blocco) in stato di STOP, disinserire prima i collegamenti di
comunicazione.
7-26
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Funzioni del modulo IM 151-7 CPU
7.4.5
Memorizzazione/prelievo di interi progetti sulla/dalla Micro Memory
Card
Funzioni
Con le funzioni Salva progetto sulla memory card e Carica progetto dalla memory card
è possibile salvare i dati completi di un progetto su una SIMATIC micro memory card e
prelevarli da questa per un utilizzo successivo. La SIMATIC micro memory card in questo
caso può trovarsi in una CPU o nella scheda di progammazione MMC di un PG/PC.
Avvertenza
Nella Guida online di STEP 7 non sono ancora trattati i moduli IM 151-7 CPU. Nella Guida,
le funzioni Salva progetto sulla memory card e Carica progetto dalla memory card sono
pertanto rilevanti soltanto per le CPU 41x.
Con i moduli IM 151-7 CPU è possibile eseguire entrambe le funzioni nel modo descritto qui
di seguito.
I dati del progetto vengono compressi prima di essere salvati nella SIMATIC Micro Memory
Card e decompressi nel momento in cui vengono prelevati. Le dimensioni della micro
memory card devono essere tali per cui, oltre ai dati del progetto, deve essere possibile
memorizzare anche i dati utente. Le dimensioni dei dati del progetto da memorizzare
corrispondono alle dimensioni del file di archivio del progetto. Se la capacità di memoria
della micro memory card non è sufficiente, viene emesso un messaggio opportuno.
Se la destinazione della funzione Salva progetto sulla memory card è una SIMATIC micro
memory card in una CPU, per motivi tecnici è possibile trasferire solo l’intero contenuto di un
progetto STEP 7.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
7-27
Funzioni del modulo IM 151-7 CPU
Utilizzo delle funzioni
L’utilizzo delle funzioni Salva progetto sulla memory card / Carica progetto dalla
memory card dipende dalla posizione in cui si trova la SIMATIC micro memory card:
• Se la Micro Memory Card si trova nel vano MMC di un IM 151-7 CPU, selezionare nella
finestra del progetto del SIMATIC Manager un livello di progetto assegnato in modo
univoco all’IM 151-7 CPU (p. es. IM 151-7 CPU o programma o sorgenti o blocchi).
Selezionare il comando di menu Sistema di destinazione > Salva progetto sulla
memory card oppure Sistema di destinazione > Carica progetto dalla memory card.
Ora i dati del progetto vengono interamente scritti nella Micro Memory Card o prelevati
da essa.
• Se i dati del progetto non sono disponibili nel dispositivo di programmazione (PG/PC)
utilizzato al momento, è possibile selezionare la CPU sorgente nella finestra “Nodi
accessibili”. Aprire la finestra “Nodi accessibili” con il comando di menu Sistema di
destinazione > Nodi accessibili e selezionare il collegamento o la CPU desiderati con i
dati del progetto sulla micro memory card. Selezionare ora il comando di menu Carica
progetto dalla memory card.
• Se la micro memory card si trova nella scheda di programmazione MMC di un PG/PC,
aprire la finestra “Memory card S7” con il comando di menu File > Memory card S7 >
Apri. Selezionare il comando di menu Sistema di destinazione > Salva progetto sulla
memory card oppure Sistema di destinazione > Carica progetto dalla memory card.
Si aprirà una finestra di dialogo nella quale selezionare il progetto sorgente o di
destinazione.
I dati del progetto possono generare un notevole volume di dati, il che può
comportare tempi di attesa di diversi minuti, soprattutto quando lo stato dell’
IM 151-7 CPU è RUN per la lettura e la scrittura in corso.
Esempio di applicazione
Se, nell’ambito del Service o della manutenzione, più operatori sono impegnati nella
manutenzione del sistema di automazione SIMATIC, è difficile mettere rapidamente a
disposizione di ogni operatore i dati attuali del progetto da impiegare nel Service. Se tuttavia
i dati di progetto di una CPU sono memorizzati a livello locale in una delle CPU oggetto della
manutenzione, ogni operatore può accedere ai dati attuali del progetto ed eventualmente
apportare modifiche che a loro volta saranno a disposizione degli altri operatori in forma
aggiornata.
7-28
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Funzioni del modulo IM 151-7 CPU
7.5
Interfaccia
L’IM 151-7 CPU è dotato di un’interfaccia coesistente, che viene descritta qui di seguito.
Interfaccia MPI
L’interfaccia MPI (Multi Point Interface, interfaccia multipunto) è l’interfaccia
dell’IM 151-7 CPU con un PG/OP o per la comunicazione in una sottorete MPI.
L’IM 151-7 CPU è dotato do un’interfaccia MPI che funziona con RS 485.
La normale velocità di trasmissione (preimpostata) è di 187,5 kBaud. L’IM 151-7 CPU
supporta tutte le velocità di tramissione MPI.
L’IM 151-7 CPU invia automaticamente all’interfaccia MPI i suoi parametri di bus impostati
(p. es. la velocità di trasmissione). In questo modo è possibile, p. es., assegnare a un
dispositivo di programmazione i parametri corretti, collegandolo automaticamente a una
sottorete MPI.
Avvertenza
In fase di esercizio è consentito collegare soltanto PG alla sottorete MPI.
È preferibile non collegare alla sottorete MPI altri nodi (p. es. OP, TP...) in fase di esercizio
in quanto sussiste il rischio che i dati trasmessi vengano falsati da impulsi di disturbo o che i
pacchetti di dati globali vadano persi.
Interfaccia PROFIBUS DP
L’interfaccia PROFIBUS DP permette soprattutto di collegare la periferia decentrata.
L’interfaccia PROFIBUS DP consente di configurare sottoreti molto estese. Il PROFIBUS
consente velocità di trasmissione fino a 12 MBaud.
L’IM 151-7 CPU come stazione attiva invia all’interfaccia PROFIBUS DP i parametri di bus
impostati (p. es. la velocità di trasmissione). In questo modo è possibile, p. es., assegnare a
un dispositivo di programmazione i parametri corretti, collegandolo automaticamente a una
sottorete PROFIBUS. L’invio dei parametri del bus può essere disattivato nella
progettazione.
L’IM 151-7 CPU è dotato di un’interfaccia PROFIBUS DP. Questa può essere configurata
come attiva o passiva.
Quali apparecchiature si possono collegare a quali interfacce?
Tabella 7-9
Apparecchiature collegabili
MPI
•
•
•
•
PG/PC
OP/TP
S7-300/400 con interfaccia MPI
S7-200 (solo con 19,2 kBaud)
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
PROFIBUS DP
•
•
•
•
•
Master DP
Attuatori/sensori
S7-300/400 con interfaccia PROFIBUS DP
PG/PC
OP/TP
7-29
Funzioni del modulo IM 151-7 CPU
Ulteriori informazioni
Ulteriori informazioni sui singoli collegamenti sono contenute nel manuale Comunicazione
con SIMATIC.
7-30
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Funzioni del modulo IM 151-7 CPU
7.6
Orologio
L’IM 151-7 CPU è dotato di un orologio hardware integrato.
Impostazione, lettura e programmazione dell’orologio
L’orologio si imposta e si legge con il PG (vedere manuale utente STEP 7) o si programma
tramite SFC nel programma utente (vedere manuale di riferimento Funzioni standard e di
sistema e appendice B).
Caratteristiche
La tabella seguente contiene le caratteristiche e le funzioni dell’orologio.
Con la parametrizzazione della CPU in STEP 7 è possibile inoltre impostare funzioni come
la sincronizzazione e il fattore di correzione; a questo proposito consultare la Guida online di
STEP 7.
Tabella 7-10 Caratteristiche dell’orologio
Caratteristiche
IM 151-7 CPU
Tipo
Preimpostazione al momento della fornitura
Bufferizzazione
Durata della bufferizzazione
Orologio hardware
DT#1994-01-01-00:00:00
Tramite condensatore integrato
tip. 6 settimane
(con temperatura ambiente di 40 °C)
Contatore delle ore di esercizio
1
Comportamento dell’orologio in caso di disinserzione di rete
L’orologio della parte CPU funziona anche dopo “rete OFF”.
Al termine della durata della bufferizzazione l’orologio continua a funzione con l’ora in cui si è
verificato “rete OFF”.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
7-31
Funzioni del modulo IM 151-7 CPU
7.7
Comunicazione
Servizi di comunicazione dell’IM 151-7 CPU
La scelta di un servizio di comunicazione piuttosto che di un altro incide su diversi aspetti:
• Funzionalità messa a disposizione dell’utente
• La necessità o meno di un collegamento S7
• Il momento della creazione del collegamento.
L’interfaccia utente può essere molto diversa (SFC, SFB...) e dipende inoltre dal tipo di
hardware utilizzato (CPU SIMATIC, PC...).
L’IM 151-7 CPU mette e disposizione i seguenti servizi di comunicazione:
Tabella 7-11 Servizi di comunicazione del modulo IM 151-7 CPU
Servizio di
comunicazione
Funzionalità
Creazione del collegamento
S7...
Tramite
MPI
Tramite
DP
Comunicazione PG
Messa in servizio, test,
diagnostica
Da parte del PG nel momento in
cui il servizio viene utilizzato
x
x
Comunicazione OP
Servizio e supervisione
Da parte dell’OP all’avvio
x
x
Comunicazione di base
S7
Scambio di dati
Programmata tramite blocchi
(parametri dell’SFC)
x
–
Comunicazione S7
Scambio di dati
IM 151-7 CPU solo come server;
il collegamento viene creato dal
partner della comunicazione
x
x
Comunicazione dati
globale
Scambio ciclico di dati
(p. es. merker)
Non richiede collegamento S7
x
–
Nei capitoli 4 e 5 sono contenute le informazioni sulla configurazione della rete e
sull’indirizzamento.
Comunicazione tramite PG
Con la comunicazione tramite PG si realizza lo scambio di dati tra engineering station (p. es.
PG, PC) e unità SIMATIC che supportano funzioni di comunicazione. Questo servizio è
possibile mediante le sottoreti MPI e PROFIBUS. Viene supportato anche il routing tra
sottoreti.
La comunicazione tramite PG mette a disposizione funzioni necessarie per caricare
programmi e dati di configurazione, per eseguire test e valutare le informazioni di
diagnostica. Queste funzioni sono integrate nel sistema operativo delle unità S7 SIMATIC.
Una CPU è in grado di mantenere più collegamenti online con uno o più PG.
7-32
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Funzioni del modulo IM 151-7 CPU
Comunicazione tramite OP
Con la comunicazione tramite OP si realizza lo scambio di dati tra stazioni operatore (p. es.
OP, TP) e unità SIMATIC che supportano funzioni di comunicazione. Questo servizio è
possibile mediante le sottoreti MPI e PROFIBUS.
La comunicazione tramite OP mette a disposizione funzioni necessarie per il servizio e la
supervisione. Queste funzioni sono integrate nel sistema operativo delle unità S7 SIMATIC.
Una CPU è in grado di mantenere più collegamenti con uno o più OP.
Comunicazione di base S7
Con la comunicazione di base S7 si realizza lo scambio di dati tra CPU S7 e unità SIMATIC
che supportano funzioni di comunicazione all’interno di una stazione S7 (scambio di dati con
conferma). Lo scambio di dati avviene mediante collegamenti S7 non progettati. Questo
servizio è possibile mediante la sottorete MPI o nella stazione con unità FM.
La comunicazione di base S7 mette a disposizione funzioni necessarie per lo scambio dei
dati. Queste funzioni sono integrate nel sistema operativo dell’IM 151-7 CPU.
L’utente può utilizzare questo servizio mediante l’interfaccia utente “Funzione di sistema”
(SFC).
Comunicazione S7
Nella comunicazione S7, l’IM 151-7 CPU può essere soltanto server. In questo caso il
collegamento viene sempre creato dal partner della comunicazione. Questo servizio è
possibile mediante le sottoreti MPI e PROFIBUS.
Questi servizi vengono gestiti dal sistema operativo senza un’esplicita interfaccia utente.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
7-33
Funzioni del modulo IM 151-7 CPU
Comunicazione di dati globali
Con la comunicazione di dati globali si realizza lo scambio ciclico di dati globali (p. es. E, A,
M) tra CPU S7 SIMATIC (scambio di dati senza conferma). I dati vengono inviati
contemporaneamente da una CPU a tutte le CPU nella sottorete MPI. Questa funzione è
integrata nel sistema operativo dell’IM 151-7 CPU.
Condizioni di trasmissione e ricezione
Per la comunicazione tramite circuiti GD occorre attenersi alle seguenti condizioni:
• Per il mittente di un pacchetto GD vale quanto segue:
fattore di scansionemittente x tempo di ciclomittente w60 ms
• Per il ricevente di un pacchetto GD vale quanto segue:
fattore di scansione ricevente x tempo di ciclo ricevente
< fattore di scansionemittente x tempo di ciclomittente
Se non vengono osservate queste condizioni, è possibile che un pacchetto GD vada perso.
Le cause sono le seguenti:
• La potenza della CPU “più piccola” nel circuito GD
• L’invio e la ricezione di dati globali sono asincrone per il mittente e il ricevente
Se si imposta in STEP 7 la funzione “Invia dopo ogni ciclo della CPU” e la CPU ha un ciclo
breve (< 60 ms), può succedere che il sistema operativo sovrascriva un pacchetto GD della
CPU non ancora trasmesso. La perdita di dati globali viene visualizzata nel campo dello
stato di un circuito GD, se l’utente lo ha progettato con STEP 7.
Fattore di scansione
Il fattore di scansione indica per quanti cicli viene suddivisa la comunicazione GD. Il fattore
di scansione può essere impostato durante la progettazione della comunicazione di dati
globali in STEP 7. Scegliendo p. es. un fattore di scansione 7, la comunicazione di dati
globali avviene solo ogni 7 cicli. Ciò permette di alleggerire il carico della CPU.
7-34
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Funzioni del modulo IM 151-7 CPU
Risorse GD
La tabella seguente mostra di quali risorse GD dispone l’IM 151-7 CPU.
Tabella 7-12 Risorse GD dell’IM 151-7 CPU
Parametri
IM 151-7 CPU
Numero di circuiti GD per CPU
max. 4
Numero di pacchetti GD di trasmissione per circuito GD
max. 1
Numero di pacchetti GD di trasmissione per tutti i circuiti GD
max. 4
Numero di pacchetti GD di ricezione per circuito GD
max. 1
Numero di pacchetti GD di ricezione per tutti i circuiti GD
max. 4
Lunghezza dati per pacchetto GD
max. 22 byte
Coerenza
max. 22 byte
Fattore di scansione (default)
1 ... 255 (8)
Informazioni dettagliate...
• Sulle SFC, sono contenute nella Lista operazioni; la descrizione dettagliata nella
Guida online di STEP 7 o nel manuale di riferimento Funzioni standard e di sistema.
• Sulla comunicazione, sono contenute nel manuale Comunicazione con SIMATIC.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
7-35
Funzioni del modulo IM 151-7 CPU
7.8
Blocchi
Questo capitolo fornisce una visione di insieme dei blocchi eseguibili nell’IM 151-7 CPU.
Il sistema operativo è configurato per un’elaborazione del programma utente comandata da
evento. Le tabelle seguenti mostrano quali blocchi organizzativi (OB) vengono richiamati
automaticamente dal sistema operativo e i relativi eventi.
Ulteriori informazioni
La descrizione dettagliata dei blocchi e degli eventi di avvio degli OB elencati qui di seguito è
contenuta nel manuale di riferimento Funzioni standard e di sistema. Un elenco generale
della documentazione di STEP 7 è riportato nel manuale Sistema di periferia decentrata
ET 200S.
Panoramica di tutti i blocchi
Tabella 7-13 Panoramica: blocchi
Blocco
Numero
Campo
OB
14
–
FC
512
0-511
–
FB
512
0-511
–
DB
511
1-511
SFC
61
–
–
Un elenco di tutte le SFC della parte CPU si trova
nell’allegato B.1.
SFB
11
–
–
Un elenco di tutti gli SFB della parte CPU si trova
nell’allegato B.2.
Dimensioni
max.
16 kByte
Osservazione
Un elenco degli OB si trova alla fine di questa
tabella.
0 è riservato
In ogni modulo IM 151-7 CPU si possono caricare max. 1024 blocchi (numero di FB + FC +
DB).
SFC 55 “WR_PARM”, SFC 56 “WR_DPARM”, SFC 57 “PARM_MOD”,
SFC 58 “WR_REC”
Non è opportuno impiegare le SFC 55-58 in combinazione con l’IM 151-7 CPU a causa dei
parametri statici dell’unità.
L’impiego delle SFC 55-58 in combinazione con l’IM 151-7 CPU può quindi causare un
comportamento scorretto dell’IM 151-7 CPU.
7-36
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Funzioni del modulo IM 151-7 CPU
OB di ciclo e avviamento
Tabella 7-14 OB di ciclo e avviamento
Ciclo e avviamento
Ciclo
OBrichiamato
Possibili eventi di avvio
• Primo OB 1 dopo il nuovo avviamento (rete ON oppure
OB 1
passaggio STOP-RUN dell’IM 151-7 CPU)
• Conclusione del ciclo di programma precedente
Avviamento (passaggio
STOP-RUN)
OB 100
• Richiesta manuale di nuovo avviamento (STOP-RUN
tramite selettore di modi operativi o comando MPI)
• Richiesta automatica di nuovo avviamento (in seguito a
passaggio disinserzione/inserzione di rete)
OB di allarme
Tabella 7-15 OB di allarme
Allarmi
Allarme dall’orologio
OBrichiamato
OB 10
Possibili eventi di avvio
• Avviamento automatico dopo l’impostazione e l’attivazione
dell’allarme dall’orologio con STEP 7
• Attivazione tramite SFC 30 dopo l’impostazione con STEP 7 o
SFC 28
Allarme di ritardo
OB 20
Schedulazione
orologio (clock di
tempo di default:
100 ms)
OB 35
• Decorso del tempo indicato nella SFC 32
• A seconda del clock di tempo (parametrizzazione con STEP 7)
Interrupt di processo
OB 40
• Interrupt di processo attivato
Allarme di
diagnostica
OB 82
Allarme di
estrazione/
inserimento
OB 83
• Evento in partenza (la causa non è più presente)
• Evento in arrivo (la causa è ancora presente)
• Estrazione e inserimento di unità in stato di funzionamento RUN
In mancanza degli OB 10, 20, 35, 40, 82 oppure 83 e in presenza dell’evento di avvio
corrispondente, l’IM 151-7 CPU entra in stato di funzionamento STOP.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
7-37
Funzioni del modulo IM 151-7 CPU
OB di reazione agli errori
Tabella 7-16 OB di reazione agli errori
Errore
Errore temporale
OBrichiamato
OB 80
Possibili eventi di avvio
• Superamento del tempo di ciclo
• Errore con conferma durante l’elaborazione di un OB
• Spostamento dell’orologio in avanti (spostamento dell’ora) per
l’avvio di un OB
Errore di esecuzione
programma
OB 85
• Evento di avvio di un OBnon caricato
• Errore di accesso alla periferia durante l’aggiornamento
dell’immagine di processo dalla parte del sistema
Guasto/ritorno del
master DP o di un
nodo della
comunicazione
diretta
OB 86
• Evento in partenza (la causa non è più presente)
• Evento in arrivo (la causa è ancora presente)
Errore di
comunicazione
OB 87
• Identificazione del telegramma GDerrata
• Stato del pacchetto GD non registrabile nel DB
• Stato generale GD non registrabile nel DB
Errore di
programmazione
OB 121
• Evento causato da un errore di elaborazione del programma, p. es.
Errore di accesso
diretto alla periferia
OB 122
• Errore di accesso in lettura
• Errore di accesso in scrittura
dal richiamo di un blocco non caricato nella CPU.
In mancanza degli OB 80, 85, 86, 87, 121 oppure 122 e in presenza dell’evento di avvio
corrispondente, l’IM 151-7 CPU entra in stato di funzionamento STOP.
Particolarità dell’OB 122
Avvertenza
Per quanto riguarda l’OB 122, osservare la seguente particolarità:
La CPU registra nei dati locali dell’OB il valore “0” nelle seguenti variabili temporali della
tabella di dichiarazione delle variabili:
• Byte n. 3: OB122_BLK_TYPE
(tipo di blocco nel quale si è verificato l’errore)
• Byte n. 8 e 9: OB122_BLK_NUM
(numero del blocco nel quale si è verificato l’errore)
• Byte n. 10 e 11: OB122_PRG_ADDR
(indirizzo del blocco nel quale si è verificato l’errore)
7-38
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Funzioni del modulo IM 151-7 CPU
7.9
Parametri
Caratteristiche parametrizzabili della CPU
Le caratteristiche e il comportamento della CPU del modulo IM 151-7 CPU sono
parametrizzabili. La parametrizzazione va eseguita in STEP 7, nelle diverse schede.
Quali parametri si possono impostare per il modulo IM 151-7 CPU?
La tabella seguente contiene tutti i blocchi di parametri per l’IM 151-7 CPU. La spiegazione
dei parametri è contenuta nella Guida online di STEP 7.
Tabella 7-17 Blocchi di parametri, parametri impostabili e relativi campi di valori per IM 151-7 CPU
Blocchi di
parametri
Parametri impostabili
Campo di valori
Merker di clock
Merker di clock
Sì/no
Bytedi merker
Da 0 a 255
Avviamento automatico/manuale dopo “Inserzione di rete”
Nuovo avviamento
Comportamento
all’avviamento
Tempo di controllo per:
• Segnale di pronto dell’unità (100 ms)
• Trasferimento dei parametri alle unità (100 ms)
• Da 1 a 65000
• Da 1 a 65000
Avviamento con configurazione prefissata diversa da quella
attuale
Sì/no
Diagnostica di
sistema
Segnala causa di STOP
Sì/no
Ritenzione
Numero byte di merker da MB 0
0 ... 255
Numero temporizzatori S7 da T0
0 ... 255
Numero contatori S7 da Z0
0 ... 255
Orologio hardware
Fattore di correzione
Da –10000 a +10000
Allarmi dall’orologio
Attivazione OB 10
Sì/no
Esecuzione OB 10
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Schedulazioni
orologio
Nessuna
Una volta
Ogni minuto
Ogni ora
Ogni ora
Ogni settimana
Ogni mese
Ultimo del mese
Ogni anno
Data di avvio OB 10
Anno–mese–giorno
Ora di avvio OB 10
Ore: minuti
Periodicità dell’OB 35 (ms)
Da 1 a 60000
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
7-39
Funzioni del modulo IM 151-7 CPU
Tabella 7-17 Blocchi di parametri, parametri impostabili e relativi campi di valori per IM 151-7 CPU, continuazione
Blocchi di
parametri
Parametri impostabili
Campo di valori
Comportamento in
ciclo
i l
Carico del ciclo a causa della comunicazione (%)
Da 10 a 50
Tempo di controllo del ciclo (ms)
Da 1 a 6000
Richiamo di OB 85 in caso di errore di accesso alla periferia
• A ogni accesso
• In caso di errori in
arrivo e in partenza
• Nessun richiamo
Protezione
Livello di protezione
• 1: Posizione
interruttore a chiave
• 2: Protezione in
scrittura
• 3: Protezione in
scrittura/ lettura
Funzionamento
• Processo:
incrementi ammessi
del tempo di ciclo (ms)
da 3 a 65535
• Test
Parametri specifici
dell’unità
Indirizzo del nodo
DP
Numero di giunti freddi
1
• Attivati
• Numero di modulo
• Numero di canale
• Sì/no
• Da 5 a 66
• 0/1
Soppressione frequenza
50 Hz / 60 Hz
Indirizzo DP della CPU
Da 1 a 125
Quando la CPU “applica” i parametri?
La CPU applica i parametri impostati (dati di configurazione) nei seguenti casi:
• In seguito all’inserzione della rete o alla cancellazione totale del modulo di memoria
innestato.
• Dopo che i dati di configurazione sono stati trasferiti online alla CPU in stato di
funzionamento STOP senza errori.
7-40
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Funzioni del modulo IM 151-7 CPU
7.10
Parametrizzazione del giunto freddo in caso di collegamento di termocoppie
Se si desidera impiegare l’IM 151-7 CPU in un sistema ET 200S con termocoppie e giunti
freddi, impostare i seguenti parametri nella configurazione hardware:
Tabella 7-18 Parametrizzazione del giunto freddo
Parametri dell’unità della CPU
Attivazione del giunto freddo 1
Campo di valori
Attivato/non attivato
Vedere l’esempio nella
figura 7-8
Numero di modulo del giunto
freddo 1
Nessuno/da 5 a 66
Il numero di modulo corrisponde
al posto connettore.
Vedere l’esempio nella
figura 7-8
Numero di canale del giunto
freddo 1
RTD nel canale 0
RTD nel canale 1
Vedere l’esempio nella
figura 7-8
Parametri del modulo RTD
Tipo/campo di misura
Campo di valori
Misura della
resistenza/temperatura,
p. es.
• RTD-4L Pt 100
Campo standard
Parametri del modulo TC
Campo di valori
Spiegazione
Questo parametro consente di abilitare il giunto
freddo. Solo in seguito sarà possibile continuare la
parametrizzazione del giunto freddo.
Questo parametro consente di assegnare il posto
connettore del modulo RTD al rispettivo giunto
freddo.
Questo parametro consente di definire il canale
(0/1) per la misura della temperatura del giunto
freddo (determinazione del valore di
compensazione) per il posto connettore del
modulo RTD assegnato.
Spiegazione
Se si utilizza un canale del modulo RTD per
parametrizzare un giunto freddo, occorre
parametrizzare il tipo e il campo di misura di
questo canale come RTD-4L Pt 100 Campo
climatizzazione.
Spiegazione
Numero di giunto freddo
1
Questo parametro consente di assegnare il giunto
freddo (1) che contiene la temperatura del giunto
freddo (valore di compensazione).
Giunto freddo canale 0 e giunto
freddo canale 1
Nessuno, RTD
Questo parametro consente di abilitare l’utilizzo
del giunto freddo.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
7-41
Funzioni del modulo IM 151-7 CPU
Figura 7-8
Esempio di finestra di parametrizzazione dei dati dell’unità della CPU in
STEP 7 V5.1 + SP4
Riferimento
Maggiori informazioni sul procedimento, sulla tecnica di collegamento e un esempio di
parametrizzazione sono riportati nel manuale Sistema di periferia decentrata ET 200S,
capitolo Moduli di elettronica analogici.
7-42
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Funzioni del modulo IM 151-7 CPU
7.11
Estrazione e inserimento di moduli in fase di funzionamento
Il modulo IM 151-7 CPU con periferia ET 200S locale consente di estrarre o inserire un
modulo per volta in fase di funzionamento e a tensione inserita.
Eccezione
La CPU stessa non deve essere estratta in fase di funzionamento e sotto tensione.
Estrazione e inserimento di moduli a tensione inserita e in fase di funzionamento
Nell’estrarre o inserire un modulo sotto tensione o in fase di funzionamento osservare, oltre
alle indicazioni contenute nel presente manuale, anche le limitazioni indicate nel manuale
Apparecchiatura di periferia decentrata ET 200S, capitolo: “Cablaggio ed equipaggiamento”.
!
Pericolo
Quando si inserisce un modulo di uscita, le uscite impostate dal programma utente
diventano immediatamente attive. Si consiglia pertanto di impostare le uscite su “0” nel
programma utente prima ancora di estrarre il modulo.
L’estrazione o l’inserimento non corretti dei moduli (vedere manuale: Apparecchiatura di
periferia decentrata ET 200S, capitolo: “Cablaggio ed equipaggiamento”) possono causare
stati incontrollati dell’impianto, compromettendo inoltre i moduli adiacenti.
Procedimento di estrazione e inserimento di moduli in fase di funzionamento
Se si estrae un modulo dalla periferia ET 200S in fase di funzionamento, a prescindere dal
fatto che il modulo power sia attivo o meno, viene richiamato l’OB 83 e generata una
registrazione nel buffer di diagnostica (ID di evento 3861H).
Se l’OB 83 è presente nella memoria della CPU, l’IM 151-7 CPU resta in stato di
funzionamento RUN.
La mancanza del modulo viene registrata nella lista di stato del sistema.
Se si accede al modulo estratto dal programma utente, si verifica un errore di accesso alla
periferia con relativa registrazione nel buffer di diagnostica. Inoltre viene richiamato
l’OB 122.
Se l’OB 122 è presente nella memoria della CPU, l’IM 151-7 CPU resta in stato di
funzionamento RUN.
Procedimento di inserimento di moduli in fase di funzionamento
Se si reinserisce in fase di funzionamento un modulo estratto precedentemente nella
periferia ET 200S, la CPU esegue dapprima un confronto tra la configurazione prefissata e
quella attuale del modulo innestato. La CPU confronta insomma il modulo progettato con
quello effettivamente innestato. A seconda del risultato del confronto tra modulo prefissato e
attuale, hanno luogo le seguenti attività:
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
7-43
Funzioni del modulo IM 151-7 CPU
Moduli non parametrizzabili
Le seguenti attività si svolgono indipendentemente dal fatto che il modulo power del modulo
innestato sia acceso o spento.
Tabella 7-19 Risultato del confronto tra configurazione prefissata e attuale per moduli non
parametrizzabili
Modulo innestato = modulo progettato
Modulo innestato 0modulo progettato
Richiamo dell’OB 83 con relativa registrazione nel Richiamo dell’OB 83 con relativa registrazione nel
buffer di diagnostica (ID di evento 3861H).
buffer di diagnostica (ID di evento 3863H).
Il modulo viene registrato nella lista di stato del
sistema come disponibile.
Il modulo resta registrato nella lista di stato del
sistema come non disponibile.
Gli accessi diretti sono quindi nuovamente
possibili.
Gli accessi diretti non sono possibili.
Moduli parametrizzabili
Le seguenti attività si svolgono solamente se il modulo power del modulo innestato è attivo.
Tabella 7-20 Risultato del confronto tra configurazione prefissata e attuale per moduli parametrizzabili,
con modulo power inserito
Modulo innestato = modulo progettato
Modulo innestato 0 modulo progettato
Richiamo dell’OB 83 con relativa registrazione nel Richiamo dell’OB 83 con relativa registrazione nel
buffer di diagnostica (ID di evento 3861H).
buffer di diagnostica (ID di evento 3863H).
7-44
La CPU provvede alla nuova parametrizzazione
del modulo.
La CPU non provvede alla nuova
parametrizzazione del modulo.
Se la parametrizzazione riesce senza errori, il
modulo viene registrato nella lista di stato del
sistema come disponibile.
Il modulo resta registrato nella lista di stato del
sistema come non disponibile.
Gli accessi diretti sono quindi nuovamente
possibili.
Gli accessi diretti non sono possibili.
Il LED SF del modulo resta acceso.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Funzioni del modulo IM 151-7 CPU
Le seguenti attività si svolgono solamente se il modulo power del modulo innestato è
disattivato.
Tabella 7-21 Risultato del confronto tra configurazione prefissata e attuale per moduli parametrizzabili,
con modulo power disinserito
Modulo innestato = modulo progettato
Modulo innestato 0 modulo progettato
Richiamo dell’OB 83 con relativa registrazione nel buffer di diagnostica (ID di evento 3861H).
Se il modulo power viene attivato, la CPU
parametrizza nuovamente il modulo.
Se il modulo power viene attivato, la CPU non
parametrizza nuovamente il modulo.
Se la parametrizzazione riesce senza errori, il
modulo viene registrato nella lista di stato del
sistema come disponibile.
Il modulo resta registrato nella lista di stato del
sistema come non disponibile.
Gli accessi diretti sono quindi nuovamente
possibili.
Gli accessi diretti non sono possibili.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Il LED SF del modulo resta acceso.
7-45
Funzioni del modulo IM 151-7 CPU
7.12
Disattivazione e attivazione dei moduli power in fase di
funzionamento
Procedimento in caso di disattivazione di moduli power in fase di funzionamento
Se in fase di funzionamento si disinserisce l’alimentazione della tensione di carico di un
modulo power, hanno luogo le seguenti attività:
• Se nella parametrizzazione del modulo power è stata abilitata la diagnostica, viene
richiamato l’OB 82 di allarme di diagnostica (indirizzo di diagnostica del modulo power)
con relativa registrazione nel buffer di diagnostica (ID di evento 3942H).
• Nella lista di stato del sistema, il modulo power viene registrato come disponibile ma
guasto.
La disinserzione dell’alimentazione della tensione di carico incide nel modo seguente sui
moduli alimentati dal modulo power:
• Il LED SF dei moduli è acceso.
• È comunque possibile accedere ai moduli senza che si verifichi un errore di accesso alla
perfieria.
• Le uscite dei moduli sono senza tensione e inattive per il processo.
• Gli ingressi dei moduli digitali e FM forniscono il valore 0, gli ingressi dei moduli analogici
forniscono 7FFFH.
Procedimento in caso di attivazione di moduli power in fase di funzionamento
Se in fase di funzionamento si inserisce l’alimentazione della tensione di carico di un modulo
power, hanno luogo le seguenti attività:
• Se nella parametrizzazione del modulo power è stata abilitata la diagnostica, viene
richiamato l’OB 82 di allarme di diagnostica (indirizzo di diagnostica del modulo power)
con relativa registrazione nel buffer di diagnostica (ID di evento 3842H).
• Nella lista di stato del sistema, il modulo power viene registrato come disponibile e in
ordine.
L’inserzione dell’alimentazione della tensione di carico incide nel modo seguente sui moduli
alimentati dal modulo power:
• Il LED SF dei moduli si spegne.
• I moduli riacquisiscono la loro completa funzionalità.
Estrazione e inserimento di moduli power in fase di funzionamento
In caso di estrazione o inserimento di un modulo power in fase di funzionamento, vengono
eseguite le attività descritte nel capitolo 7.11.
L’estrazione e l’inserimento hanno, sui moduli alimentati dal modulo power, gli stessi effetti
dell’inserzione e della disinserzione dell’alimentazione di tensione di carico.
7-46
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Tempi di ciclo e di reazione
8
Introduzione
Questo capitolo spiega in che modo sono costituiti i tempi di ciclo e di reazione di un
ET 200S con IM 151-7 CPU.
Il tempo di ciclo del programma utente può essere letto con il PG
(vedere il manuale Programmazione con STEP 7).
Per il controllo del processo è invece più importante il tempo di reazione. Il calcolo del tempo
di reazione è illustrato dettagliatamente in questo capitolo.
Sommario del capitolo
Capitolo
Argomento
Pagina
8.1
Tempo di ciclo
8-2
8.2
Tempo di reazione
8-5
8.3
Tempo di reazione agli allarmi
8-8
Tempi di esecuzione
• I tempi di esecuzione per le istruzioni STEP 7 elaborate dalle CPU sono riportati
nell’appendice A.
• I tempi di esecuzione per le SFC e gli SFB integrati nelle CPU sono riportati
nell’appendice B.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
8-1
Tempi di ciclo e di reazione
8.1
Tempo di ciclo
Definizione del tempo di ciclo
Il tempo di ciclo è il tempo impiegato dal sistema operativo per elaborare sia un ciclo di
programma, vala a dire un ciclo di OB 1, che tutte le parti di programma e le attività di
sistema che interrompono questo ciclo.
Questo tempo viene controllato.
Parti del tempo di ciclo
Fattori
Osservazione
Tempo di elaborazione del sistema
operativo
vedere tabella 8-1
Tempo di trasferimento
dell’immagine di processo (IPI e IPU)
vedere tabella 8-2
Tempo di elaborazione del
programma utente
... si calcola dai tempi di elaborazione delle singole operazioni
e da un fattore specifico della CPU (vedere tabella 8-3).
Carico a causa di allarmi
vedere tabella 8-4
La figura seguente mostra le parti del tempo di ciclo.
Sistema
operativo
Programma
utente aciclico
(p. es. OB 40/82)
Interruzione
possibile a causa
di allarmi
IPI
Sistema
operativo
Programma utente
ciclico
(OB 1)
IPU
Figura 8-1
Parti del tempo di ciclo
Prolungamento del tempo di ciclo
In linea di massima occorre osservare che il tempo di ciclo di un programma utente viene
prolungato dai fattori seguenti:
• Elaborazione di allarmi comandati a tempo
• Elaborazione di interrupt di processo (vedere anche capitolo 8.3)
• Diagnostica ed elaborazione di errori (vedere anche capitolo 8.3).
8-2
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Tempi di ciclo e di reazione
Tempo di elaborazione del sistema operativo
Per quanto riguarda l’IM 151-7 CPU il tempo di elaborazione del sistema operativo è di
800 ms (vedere tabella 8-1).
Il tempo indicato vale senza tenere in considerazione l’esecuzione di:
• Funzioni di test, p. es. controllo/comando
• Funzioni di caricamento, cancellazione o compressione dei blocchi
• Comunicazione
• Scrittura, lettura della MMC con le SFC 82 ... 84
Tabella 8-1
Tempo di elaborazione del sistema operativo nel punto di controllo del ciclo
IM 151-7 CPU
Esecuzione
600 ms
Tempo di elaborazione del sistema operativo
Tempo di trasferimento dell’immagine di processo
La tabella seguente contiene i tempi impiegati dalla CPU per l’aggiornamento dell’immagine
di processo (tempo di trasferimento dell’immagine di processo). I tempi indicati possono
prolungarsi in seguito all’attivazione di allarmi o a causa della comunicazione della CPU
dell’IM 151-7 CPU.
(Immagine di processo = IP)
Il tempo impiegato dalla CPU per l’aggiornamento dell’immagine di processo si calcola in
questo modo:
K + A + D = tempo di trasferimento dell’immagine di processo in cui
Tabella 8-2
Aggiornamento dell’immagine di processo
Denominazione
Tempi nell’IM 151-7 CPU
K Carico di base
100 ms
A Byte nell’IP per la periferia ET 200S
60 ms per byte
D Per ciascuna parola nell’area DP
1 ms
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
8-3
Tempi di ciclo e di reazione
Tempo di elaborazione del programma utente
Il tempo di elaborazione del programma utente è dato dalla somma dei tempi di esecuzione
delle operazioni e delle SFC richiamate. Questi tempi di esecuzione sono indicati nella lista
operazioni. Il tempo di elaborazione del programma utente va inoltre moltiplicato per un
fattore specifico del modulo di base.
Nell’IM 151-7 CPU questo fattore dipende da:
Tabella 8-3
Fattori di dipendenza del tempo di elaborazione del programma utente
Campo di valori
Dipendenza
Numero dei moduliinnestati
0 ... 63
Il fattore per la propria applicazione può essere calcolato approssimativamente in base alla
seguente formula empirica per il modulo IM 151-7 CPU:
+
1,1
0,005 x numero di moduli
=
moltiplicatore per il programma utente
Ritardo sugli ingressi e sulle uscite
A seconda del modulo di ampliamento è necessario osservare i seguenti tempi di ritardo:
• Per gli ingressi digitali:
tempo di ritardo sull’ingresso
• Per le uscite digitali:
tempi di ritardo trascurabili
• Per gli ingressi analogici:
tempo di ciclo dell’unità ingressi analogici
• Per le uscite analogiche:
tempo di risposta dell’unità uscite analogiche
Prolungamento del ciclo a causa dell’annidamento di allarmi
La tabella 8-4 illustra il prolungamento del tempo di ciclo dovuto all’annidamento di un
allarme. A questo prolungamento si aggiunge il tempo di esecuzione del programma a livello
di allarme. Se si annidano diversi allarmi, addizionare i tempi corrispondenti.
Tabella 8-4
Prolungamento del ciclo a causa dell’annidamento di allarmi
IM 151-7 CPU
Allarmi
8-4
Interrupt di processo
500 ms
Allarme di diagnostica
600 ms
Allarme dall’orologio
400 ms
Allarme di ritardo
300 ms
Schedulazione orologio
150 ms
Errori di programmazione / accesso / esecuzione del
programma
400 ms
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Tempi di ciclo e di reazione
8.2
Tempo di reazione
Tempo di reazione per ET 200S con IM 151-7 CPU
Il tempo di reazione è il tempo che trascorre dal riconoscimento di un segnale di ingresso
nell’ET 200S con IM 151-7 CPU fino alla modifica di un segnale di uscita ad esso collegato
tramite gli ingressi e le uscite dei moduli di ampliamento.
Fattori
Il tempo di reazione dipende dal tempo di ciclo e dai seguenti fattori:
Fattori
Ritardo sugli ingressi e sulle uscite
Osservazione
I tempi di ritardo sono indicati nei dati tecnici dei moduli
di elettronica nel manuale Sistema di periferia
decentrata ET 200S.
Oscillazione del valore
Il tempo di reazione reale è compreso tra un tempo di reazione minimo e uno massimo. Per
la progettazione di un impianto è necessario tenere sempre in considerazione il tempo di
reazione più lungo.
Qui di seguito vengono descritti i tempi di reazione massimi e minimi per fornire all’utente un
criterio di valutazione delle possibili oscillazioni.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
8-5
Tempi di ciclo e di reazione
Tempo di reazione minimo
La figura seguente mostra a quali condizioni si ottiene il tempo di reazione più breve.
Ritardo sugli ingressi
Tempo di reazione
IPI
Sistema
operativo
Programma
utente
IPU
Direttamente prima della lettura dell’IPI, lo stato
dell’ingresso interessato cambia. La modifica del
segnale di ingresso viene quindi ancora tenuta in
considerazione nell’IPI.
Qui la modifica del segnale di ingresso viene
elaborata dal programma utente.
Qui viene emessa, nelle uscite, la reazione del
programma utente alla modifica del segnale di
ingresso.
Ritardo sulle uscite
Figura 8-2
Tempo di reazione più breve
Calcolo
Il tempo di reazione (minimo) è costituito dai seguenti fattori:
• 1
Tempo di trasferimento dell’immagine di processo degli ingressi +
• 1
Tempo di elaborazione del sistema operativo +
• 1
Tempo di elaborazione del programma +
• 1
Tempo di trasferimento dell’immagine di processo delle uscite +
• Ritardo sugli ingressi e sulle uscite
Ciò corrisponde alla somma del tempo di ciclo e del ritardo sugli ingressi e sulle uscite.
8-6
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Tempi di ciclo e di reazione
Tempo di reazione massimo
La figura seguente illustra la generazione del tempo di reazione più lungo.
2
Ritardo degli ingressi +
tempo di ciclo DP nel PROFIBUS DP
Durante la lettura dell’IPI, lo stato dell’ingresso
interessato cambia. La modifica del segnale di ingresso
non viene più tenuta in considerazione nell’IPI.
IPI
Sistema
operativo
Tempo di reazione
Programma
utente
IPU
Qui la modifica del segnale di ingresso viene
tenuta in considerazione nell’IPI.
IPI
Sistema
operativo
Programma
utente
Qui la modifica del segnale di ingresso viene
elaborata dal programma utente.
IPU
Qui viene emessa, nelle uscite, la reazione del
programma utente alla modifica del segnale di ingresso.
2
Figura 8-3
Ritardo delle uscite +
tempo di ciclo DP nel PROFIBUS DP
Tempo di reazione più lungo
Calcolo
Il tempo di reazione (massimo) è costituito dai seguenti fattori:
• 2
Tempo di trasferimento dell’immagine di processo degli ingressi +
• 2
Tempo di trasferimento dell’immagine di processo delle uscite +
• 2
Tempo di elaborazione del sistema operativo +
• 2
Tempo di elaborazione del programma +
• 4
Esecuzione del telegramma slave DP (inclusa l’elaborazione nel master DP) +
• Ritardo sugli ingressi e sulle uscite
Ciò corrisponde alla somma del doppio tempo di ciclo e del ritardo degli ingressi e delle
uscite più il tempo di ciclo DP quadruplicato.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
8-7
Tempi di ciclo e di reazione
8.3
Tempo di reazione agli allarmi
Definizione di tempo di reazione agli allarmi
Il tempo di reazione a un allarme è il tempo che trascorre dalla prima comparsa del segnale
di allarme fino al richiamo della prima istruzione nell’OB di allarme del modulo
IM 151-7 CPU.
In generale vale la regola per cui gli allarmi con priorità più elevata hanno la precedenza.
Questo significa che il tempo di reazione a un allarme aumenta del tempo di elaborazione
del programma dell’OB di allarme con priorità superiore e degli OB di allarme di uguale
priorità non ancora elaborati comparsi precedentemente (coda di attesa).
Tempi di reazione agli allarmi
Tabella 8-5
Tempi di reazione agli allarmi del modulo IM 151-7 CPU (senza
comunicazione)
Durata
Tempi di reazione agli allarmi (senza
comunicazione) per...
Interrupt di processo, allarme di diagnostica
meno di 20 ms
Elaborazione di interrupt di processo
Un interrupt di processo viene elaborato con il richiamo dell’OB 40 di interrupt di processo.
L’elaborazione dell’interrupt di processo viene interrotta dagli allarmi con priorità maggiore e
si hanno accessi diretti alla periferia al momento dell’elaborazione dell’istruzione. Al termine
dell’elaborazione dell’interrupt di processo, l’elaborazione ciclica del programma prosegue
oppure vengono richiamati ed elaborati altri OB di allarme con priorità uguale o minore.
8-8
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
9
Dati tecnici
Capitolo
Questo capitolo contiene:
• I dati tecnici del modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
Sommario del capitolo
Capitolo
9.1
Argomento
Dati tecnici del modulo IM 151-7 CPU
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Pagina
9-2
9-1
Dati tecnici
9.1
Dati tecnici dell’IM 151-7 CPU
Numeri di ordinazione
Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU:
6ES7151-7AA10-0AB0
Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU FO:
6ES7151-7AB10-0AB0
SIMATIC Micro Memory Card MMC:
(vedere capitolo 7.3)
6ES7953-8Lxx0-0AA0
Caratteristiche
Il modulo di interfaccia IM 151-7 CPU si distingue per le seguenti caratterisitiche:
• Slave intelligente con interfaccia RS485 o LWL con PROFIBUS DP
• Possibilità di funzionamento stand alone (MPI)
• 48 kB di memoria di lavoro, non ampliabile, a ritenzione con MMC inserita
• Memoria di caricamento inseribile sulla MMC, fino a 8 MB
• Memorizzazione del programma utente e della progettazione insensibile alla mancanza di
rete tramite MMC
• Programmabilità tramite STEP 7, dalla versione V5.1 + Service Pack 4
• Velocità: ca. 0,3 ms per 1000 istruzioni binarie
• Configurazione massima della periferia locale: 63 moduli ET 200S.
Dati tecnici generali
Il modulo IM 151-7 CPU risponde ai dati tecnici generali del sistema di periferia decentrata
ET 200S. Le norme e i valori di controllo sono contenuti nel capitolo “Dati tecnici generali”
del manuale Sistema di periferia decentrata ET 200S.
9-2
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Dati tecnici
Assegnazione dei pin del modulo IM 151-7 CPU
Tabella 9-1
Assegnazione dei pin del modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
Nome del
segnale
Rappresentazione
IM 151-7 CPU
6
7
8
9
1
2
3
4
5
I
n
nt
e
r-
Definizione
1 –
–
2 M24
Alimentazione esterna DC 24 V
3 RxD/TxD-P
Linea dati B
4 RTS
Request To Send
5 M5V2
Potenziale di riferimento dati (della
stazione)
6 P5V2
Linea positiva di alimentazione (dalla
stazione)
7 P24
Alimentazione esterna DC 24 V
8 RxD/TxD-N
Linea dati A
9 –
–
Ricevente
solo IM 151-7 CPU FO:
Interfaccia LWL
Mittente
1L+ 2L+ 1M 2M
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
1L+
DC 24 V
2L+
DC 24 V (per collegamento in
cascata)
1M
Massa
2M
Massa (per collegamento in cascata)
9-3
Dati tecnici
Schema di principio dell’IM 151-7 CPU
Collegamento PROFIBUS DP (RS485)
Bus backplane
Interfaccia
bus backplane
ET 200S
STOP
Elettronica
RUN
SF
BF
A
B
Separazione di potenziale
CPU
(mP, RAM)
RUN
STOP
MRES
Selettore dei
modi operativi
FRCE
ON
Figura 9-1
L+
Alimentazione di
tensione interna
MMC
M
Schema di principio dell’IM 151-7 CPU
Schema di principio dell’IM 151-7 CPU FO
Collegamento PG (RS 485 con resistenza
di chiusura fissa integrata)
Bus backplane
A
B
Elettronica
RUN
SF
BF
Collegamento PROFIBUS DP (LWL)
Interfaccia
bus backplane
ET 200S
STOP
CPU
(mP, RAM)
RUN
STOP
MRES
FRCE
ON
MMC
Figura 9-2
9-4
A
B
A
B
Interfaccia LWL
Alimentazione di
tensione interna
Selettore dei
modi operativi
L+
M
Schema di principio dell’IM 151-7 CPU FO
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Dati tecnici
Dati tecnici
CPU e versione
Codice MLFB
Aree dati e relativa ritenzione
6ES7151-7AA10-0AB0
Tutte
6ES7151-7AB10-0AB0
Area dati a ritenzione
complessiva (incl.
merker; temporizzatori;
contatori)
1
Merker
256 byte
V2.0.0
• Ritenzione
• Preimpostata
Impostabile
Merker di clock
8 (1 byte di merker)
Memoria
Blocchi dati
max. 511 (DB 0 riservato)
Memoria di lavoro:
• Dimensioni
max. 16 kByte
Dati locali per classe di
priorità
max. 510 byte
FO:
• Versione hardware
• Versione firmware
• Pacchetto di
programmazione
corrispondente
STEP 7 dalla versione
V5.1 + SP4
• integrata
• ampliabile
48 kByte
Memoria di
caricamento:
Inseribile
(MMC fino a 8 MB)
Bufferizzazione
Garantita da MMC (esente
da manuntenzione)
no
Tempi di elaborazione
da MB 0 a MB 15
Blocchi
OB
Vedere il capitolo 7.8.
• Dimensioni
max. 16 kByte
Profondità di
annidamento:
• Secondo la classe di 8
Tempi di elaborazione
per
priorità
• Supplementare,
4
FB
max. 512
• Dimensioni
max. 16kByte
FC
max. 512
Temporizzatori, contatori e relativa ritenzione
• Dimensioni
max. 16kByte
Contatori S7
Aree di indirizzi (ingressi/uscite)
• Operazioni a bit
• Operazioni a parole
• Aritmetica a virgola
min. 0,1 µs
• Aritmetica a virgola
min. 20 µs
fissa
mobile
all’interno di un OB
di errore
min. 1 µs
min. 2 µs
256
• Ritenzione
Impostabile
• Preimpostata
da Z 0 a Z 7
• Campo di conteggio 0 ... 999
Area di indirizzi di
periferia totale
max. 2048 byte/2048 byte
Immagine di processo
128 byte/128 byte (non
impostabili)
Contatore IEC
sì
Canali digitali
max. 248/248
• Tipo
SFB
Canali analogici
max. 124/124
Temporizzatori S7
256
• Ritenzione
• Preimpostata
Impostabile
• Intervallo di tempo
10 ms ... 9990 s
Temporizzatori IEC
sì
• Tipo
SFB
nessun temporizzatore a
ritenzione
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
9-5
Dati tecnici
Ora
Funzioni di comunicazione
Orologio
Orologio hardware
Comunicazione PG/OP
sì
• Bufferizzato
• Durata della
sì
Comunicazione dati
globale
sì
• Numero dei
max. 4
bufferizzazione
tip. 6 settimane (con
temperatura ambiente di
40 °C)
• Precisione
Scostamento giornaliero
t10 s
Contatore delle ore di
esercizio
1
•
•
•
•
Numero
0
Campo di valori
da 0 a 32767ore
Granularità
1 ora
A ritenzione
Sì; deve essere riavviato a
ogni nuovo avviamento
pacchetti GD
–
Mittente
max. 4
–
Ricevente
max. 4
• Dimensioni dei
pacchetti GD
–
di cui coerenti
Messaggi di diagnostica ALARM_S, ALARM_SC,
di processo
ALARM_SQ
Byte 22
Comunicazione di base
S7
sì
• Dati utili per job
max. 76 byte
–
di cui coerenti
Funzioni di segnalazione S7
Numero di stazioni
max. 11
registrabili per le
funzioni di segnalazione
(p. es. OS)
max. 22 byte
76 byte
(XSEND/XRECEIVE)
64 byte
(XPUT/XGET)
come server
Comunicazione S7
sì (server)
• Dati utili per job
max. 160 byte
–
di cui coerenti
64 byte
Comunicazione S5
compatibile
no
Comunicazione
standard
no
Funzioni di test e messa in servizio
Controllo/comando di
variabili
sì
Numero dei
collegamenti
max. 12
• Variabile
Ingressi, uscite, merker,
DB, temporizzatori,
contatori
utilizzabili per
• Numero di variabili
max. 30
• Blocchi Alarm_S
attivi con
temporaneamente
–
di cui controllo
–
di cui comando
max. 40
max. 30
max. 14
Forzamento
sì
• Variabile
• Numero
Ingressi, uscite
Controllo blocco
sì
Fase singola
sì
Punto di arresto
2
Buffer di diagnostica
sì
• Numero di
max. 100 (non impostabile)
registrazioni
9-6
max. 10
• Comunicazione PG
–
Riservata
(default)
• Comunicazione OP
–
Riservata
(default)
• Comunicazione di
base S7
–
Riservata
(default)
max. 11
1
max. 11
1
max. 8
0
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Dati tecnici
Interfaccia
Tipo di interfaccia
Interfaccia
RS 485
integrata
FO
• File GSD
Interfaccia
LWL
siem80E2.gsg
FO: siem80.. .gsg
• Velocità di
fino a 12 MBaud
• Memoria di
244 byte I/244 byte O
trasmissione
e
Interfaccia
PG
integrata
Fisica
RS 485
Con separazione di
potenziale
sì
Alimentazione di
corrente dell’interfaccia
(da 15 a 30 V DC)
max. 80 mA
trasferimento
–
LWL
punto a punto
Programmazione
RS 485
Linguaggio di
programmazione
STEP 7 (KOP, FUP, AWL)
Repertorio operazioni
vedere appendice A
Livelli di parentesi
8
Funzioni di sistema
(SFC)
vedere appendice B
Blocchi funzionali di
sistema (SFB)
vedere appendice B
Protezione del
programma utente
sì
no
sì
Slave DP (attivo/passivo)
no
Dimensioni e pesi
MPI
• Numero dei
collegamenti
12
• Servizi:
Comunicazione
PG/OP
sì
–
Routing
no
–
Comunicazione
di dati globali
sì
–
Comunicazione
di base S7
sì
–
Comunicazione
S7
trasmissione
collegamenti
60 x 119,5 x 75
Peso
ca. 200 g
Valore nominale
alimentazione di
tensione
DC 24V
• Campo ammesso
• Protezione
da 20,4 a 28,8 V
sì (solo server)
• Tamponamento per
5 ms
Max. 12 MBaud
Isolamento controllato
con
DC 500 V
dall’inversione di
polarità
caduta di tensione
12
• Servizi:
–
Comunicazione
PG/OP
sì
–
Routing
no
–
Comunicazione
diretta
sì
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
sì
Corrente assorbita dalla
ca. 250 mA
tensione di alimentazione
(1L+)
Slave DP
• Numero dei
Dimensioni di ingombro
L A P (mm)
Tensioni, correnti
–
• Velocità di
32 di max. 32 byte
ciascuna*
o
Funzionalità
• MPI
• PROFIBUS DP
• Accoppiamento
Aree di indirizzi
• Alimentazione di
max. 700 mA
Potenza dissipata
tip. 3,3 W
corrente per bus
backplane ET 200S
*
Fino alle dimensioni massime della memoria di
trasferimento
9-7
Dati tecnici
9-8
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Passaggio da IM 151-7 CPU
(6ES7151-7Ax00-0AB0) a IM 151-7 CPU
(6ES7151-7Ax10-0AB0)
10
Caricando il programma utente utilizzato per il modulo IM 151-7 CPU
(6ES7151-7Ax00-0AB0) in un modulo IM 151-7 CPU (6ES7151-7Ax10-0AB0) si possono
verificare i problemi seguenti.
SFC funzionanti in modo asincrono
Nel modulo IM 151-7 CPU (6ES7151-7Ax00-0AB0) alcune SFC che funzionano in modo
asincrono erano sempre, o per lo meno a determinate condizioni, già elaborate al momento
del primo richiamo ( SFC “quasi-sincrone”).
Nel modulo IM 151-7 CPU (6ES7151-7Ax10-0AB0) queste SFC sono veramente asincrone.
Poiché l’elaborazione asincrona può coprire più cicli dell’OB 1, un loop di attesa all’interno di
un OB può trasformarsi in un loop continuo.
Le SFC in oggetto sono:
• SFC 56 “WR_DPARM”; SFC 57 “PARM_MOD”
Su IM 151-7 CPU (6ES7151-7Ax00-0AB0) stand alone questa SFC è sempre “quasi
sincrona”.
Su IM 151-7 CPU (6ES7151-7Ax10-0AB0) stand alone e su IM 151-7 CPU decentrata
invece è sempre asincrona.
Avvertenza
In caso di impiego della SFC 56 “WR_DPARM” o della SFC 57 “PARM_MOD” è preferibile
analizzare sempre il bit BUSY delle SFC.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
10-1
Passaggio da IM 151-7 CPU (6ES7151-7Ax00-0AB0) a IM 151-7 CPU (6ES7151-7Ax10-0AB0)
Limitazioni di funzionamento delle SFC
SFC 20 “BLKMOV”
Questa SFC finora si poteva utilizzare anche per copiare dati da un DB che non fosse
rilevante per l’esecuzione.
La SFC 20 non ha più questa funzionalità. Ora occorre impiegare la SFC 83 “READ_DBL”.
SFC non più disponibili
SFC 54 “RD_DPARM”
Questa SFC non è più disponibile e al suo posto va ora utilizzata la SFC 102 “RD_DPARA”
con funzionamento asincrono.
SFC che potrebbero fornire risultati diversi
I punti seguenti non sono rilevanti se nel programma utente si utilizza esclusivamente
l’indirizzamento logico.
Se nel programma utente si utilizzano conversioni di indirizzi (SFC 5 “GADR_LGC”, SFC 49
“LGC_GADR”), è necessario controllare l’assegnazione di posto connettore e indirizzo logico
iniziale per gli slave DP.
• L’indirizzo di diagnostica dello slave DP ora è sempre assegnato al posto connettore 0.
• Slave DP integrato in STEP 7:
L’unità di interfaccia (posto connettore 2) ha eventualmente un proprio indirizzo
(p. es. IM 151-7 CPU come slave intelligente).
10-2
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Passaggio da IM 151-7 CPU (6ES7151-7Ax00-0AB0) a IM 151-7 CPU (6ES7151-7Ax10-0AB0)
Conversione di indirizzi di diagnostica di slave DP
Osservare che potrebbe essere necessario riassegnare gli indirizzi di diagnostica agli slave
in quanto, in alcuni casi, sono necessari due indirizzi di diagnostica per ciascuno slave.
• Il posto connettore virtuale 0 ha un proprio indirizzo.
I dati sullo stato dell’unità di questo posto connettore (lettura con SFC 51 “RDSYSST”)
contengono le identificazioni che riguardano l’intero slave/l’intera stazione, p. es.
l’identificazione di un guasto alla stazione.
• Inoltre, in caso di unità integrate in STEP 7 (p. es. IM 151-7 CPU come slave
intelligente), anche il posto connettore 2 ha un proprio indirizzo. Tramite questo indirizzo
viene segnalato, p. es., con IM 151-7 CPU come slave intelligente, il cambio dello stato di
funzionamento nell’allarme di diagnostica OB 82 del master.
In caso di impiego della SFC 51 “RDSYSST”, p. es. per leggere informazioni sullo stato
dell’unità, del telaio di montaggio o della stazione, è necessario tener conto del nuovo
significato dei posti connettore nonché del posto connettore 0 supplementare.
Utilizzo di aree dati coerenti nell’immagine di processo degli slave DP
Qui di seguito sono indicati gli aspetti da tenere in considerazione in un sistema master DP
per la comunicazione per poter trasmettere aree E/A con coerenza “Lungh. complessiva”.
• Se l’area di indirizzi dei dati coerenti si trova nell’immagine di processo, questa area
viene aggiornata automaticamente.
• Per la lettura e la scrittura di dati coerenti è possibile utilizzare anche le SFC 14 e 15.
• Se l’area di indirizzi dei dati coerenti si trova al di fuori dell’immagine di processo, per la
lettura e la scrittura di dati coerenti è necessario utilizzare le SFC 14 e 15.
• È inoltre possibile accedere direttamente alle aree coerenti (p. es. L PEW o T PAW).
È possibile trasferire al massimo 32 byte di dati coerenti.
Sostituzione di IM 151-7 CPU (6ES7 151-7Ax00-0AB0) tramite IM 151-7 CPU
(6ES7151-7Ax10-0AB0) nella progettazione
Se la progettazione viene lasciata invariata, sostituendo un modulo IM 151-7 CPU
(6ES7151-7Ax00-0AB0) con un modulo IM 151-7 CPU (6ES7151-7Ax10-0AB0) le
impostazioni funzionali definite nella progettazione vengono impostate su valori di default.
Nei singoli casi ciò significa quanto segue:
• Il modulo IM 151-7 CPU (6ES7151-7Ax00-0AB0) era impostato su “Senza DP”
(vale a dire standalone).
→ Il modulo IM 151-7 CPU (6ES7151-7Ax10-0AB0) viene impostato su “MPI”.
• Il modulo IM 151-7 CPU (6ES7151-7Ax00-0AB0) era impostato su “Slave DP”.
→ Anche il modulo IM 151-7 CPU (6ES7151-7Ax10-0AB0) viene impostato su
“Slave DP”
Avertenza per la sostituzione in Configurazione HW
• Non è possibile selezionare e sostituire il modulo IM 151-7 CPU.
• La sostituzione è possibile soltanto dopo aver selezionate il rack.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
10-3
Passaggio da IM 151-7 CPU (6ES7151-7Ax00-0AB0) a IM 151-7 CPU (6ES7151-7Ax10-0AB0)
Nuove funzionalità del modulo IM 151-7 CPU (6ES7151-7Ax10-0AB0)
• Coesistenza delle interfacce MPI/DP (attiva/passiva) (vedere capitolo 7.5)
• Nuovo sistema di memorizzazione (vedere capitolo 7.4)
• Comunicazione di dati globali (vedere capitolo 7.7)
Questo servizio consente di realizzare lo scambio ciclico di dati globali tra le
CPU SIMATIC S7 (quindi anche IM 151-7 CPU).
• Comunicazione di base S7 (vedere capitolo 7.7)
Questo servizio consente di realizzare lo scambio di dati tra IM 151-7 CPU e unità
SIMATIC che supportano funzioni di comunicazione all’interno di una stazione S7.
Questa funzione è supportata dalle SFC da 65 a 74.
• MMC fino a 8 MB (vedere capitolo 7.3)
• Memorizzazione dei dati (vedere capitolo 7.4.4)
I dati vengono memorizzati su una MMC e ricaricati nella CPU con l’aiuto delle SFC da
82 a 84.
• Memorizzazione di un progetto STEP 7 su MMC (vedere capitolo 7.4.5)
• Nuovi SFB
Vengono supportati gli SFB da 52 a 54 e l’SFB 75 secondo la norma IEC 61784-1.
• Contatore delle ore di esercizio a 32 bit
Il contatore viene comandato per mezzo della SFC 101.
10-4
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
A
Lista operazioni
Quest’appendice contiene tutte le operazioni disponibili per la programmazione della CPU
dell’IM 151-7 CPU con STEP 7. Per ogni operazione, inoltre, è indicato il tempo di
esecuzione tipico.
La descrizione dettagliata di tutte le operazioni, con relativi esempi, è contenuta nel manuale
Programmazione con STEP 7.
Avvertenza
In caso di indirizzamento indiretto (esempi, vedere capitolo A.4) occorre aggiungere ai
tempi di esecuzione anche il tempo necessario per il caricamento dell’indirizzo del rispettivo
operando (vedere capitolo A.5).
Sommario del capitolo
Appendice
Argomento
Pagina
A.1
Operandi e campi di parametrizzazione
A-2
A.2
Abbreviazioni
A-3
A.3
Registri
A-3
A.4
Esempi di indirizzamento
A-5
A.5
Tempi di esecuzione in caso di indirizzamento indiretto
A-7
Lista operazioni
A-12
Da A.6
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
A-1
Lista operazioni
A.1
Operando
Operandi e campi di parametrizzazione
Campo
di parametrizzazione
Descrizione
LB
0 ... 509
Byte di dati locali
LW
0 ... 508
Parola di dati locali
LD
0 ... 506
Doppia parola di dati locali
A
0.0 ...
127.7
Uscita (in IPU)
M
0.0 ...
255.7
Merker
AB
0 ... 127
Byte di uscita (in IPU)
MB
0 ... 255
Bytedi merker
AW
0 ... 126
Parola di uscita (in IPU)
MW
0 ... 254
Parola di merker
AD
0 ... 124
Doppia parola di uscita (in IPU)
MD
0 ... 252
Doppia parola di merker
B
–
Byte con indirizzamento indiretto di
registro multiarea
PAB
0 ...
2047
Byte di uscita periferia
W
–
Parola con indirizzamento indiretto
di registro multiarea
PAW
0 ...
2046
Parola di uscita periferia
D
–
Doppia parola con indirizzamento
indiretto di registro multiarea
PAD
0 ...
2044
Doppia parola di uscita periferia
DBX
0.0 ...
16383.7
Bit di dati nel blocco dati
PEB
0 ...
2047
Byte di ingresso periferia
DB
1 ... 511
Blocco dati
PEW
Parola di ingresso periferia
DBB
0 ...
16383
Byte di dati nel DB
0 ...
2046
PED
Doppia parola di ingresso periferia
DBW
0 ...
16382
Parola dati nel DB
0 ...
2044
T
0 ... 256
Timer (temporizzatori)
DBD
0 ...
16380
Doppia parola dati nel DB
Z
0 ... 256
Contatori
0.0 ...
16383.7
Bit di dati nel DBdi istanza
Parametro
–
DIX
Operando, indirizzato dal parametro
DI
1 ... 511
Blocco dati di istanza
B#
–
Costante, 2 o 4 byte
DIB
0 ...
16383
Byte di dati nel DBdi istanza
D#
–
Costante di data IEC
L#
–
Costante numero intero (32 bit)
DIW
0 ...
16382
Parola dati nel DBdi istanza
P#
–
Costante puntatore
S5T#
–
Costante di tempo S5 (16 bit)*
DID
0 ...
16380
Doppia parola dati nel DBdi
istanza
T#
**
Costante di tempo (16/32 bit)
TOD#
–
Costante di tempo IEC (32 bit)
E
0.0 ...
127.7
Ingresso (in IPI)
C#
–
Costante di conteggio (16/32 bit)
EB
0 ... 127
Byte di ingresso (in IPI)
2#
–
Costante binaria (16/32 bit)
EW
0 ... 126
Parola di ingresso (in IPI)
16#
–
Costante esadecimale (16/32 bit)
ED
0 ... 124
Doppia parola di ingresso (in IPI)
L
0.0 ...
509.7
Dati locali
A-2
* Consente il caricamento dei temporizzatori S5
** T # 1D_5M_3M_1S_2MS
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Lista operazioni
A.2
Abbreviazioni
Le abbreviazioni seguenti sono quelle utilizzate nella lista operazioni:
L’abbreviazione
A.3
... indica...
Esempio
k8
Costante (8 bit)
32
k16
Costante (16 bit)
62 531
k32
Costante (32 bit)
127 624
i8
Numero intero (8 bit)
–155
i16
Numero intero (16 bit)
+6523
i32
Numero intero (32 bit)
–2 222 222
M
P#x.y (puntatore)
P#240.3
n
Costante binaria
1001 1100
p
Costante esadecimale
EA12
Etichetta
Indirizzo simbolico del salto
(max. 4 lettere)
Destinazione
Registri
ACCU1 e ACCU2 (32 bit)
Gli accumulatori sono registri per l’elaborazione di byte, parole o doppie parole. Gli operandi
vengono quindi caricati negli accumulatori e qui collegati con operazioni logiche
combinatorie. Il risultato logico combinatorio è sempre contenuto in ACCU1.
La larghezza degli accumulatori è di 32 bit.
Definizioni:
ACCU
Bit
ACCU1
ACCU2
Bit 0 ... 31
ACCU1-L
ACCU2-L
Bit 0 ... 15
ACCU1-H
ACCU2-H
Bit 16 ... 31
ACCU1-LL
ACCU2-LL
Bit 0 ... 7
ACCU1-LH
ACCU2-LH
Bit 8 ... 15
ACCU1-HL
ACCU2-HL
Bit 16 ... 23
ACCU1-HH
ACCU2-HH
Bit 24 ... 31
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
A-3
Lista operazioni
Registri di indirizzi AR1 e AR2 (32 bit)
I registri di indirizzi contengono gli indirizzi interni all’area o multiarea per le operazioni di
indirizzamento indiretto di registro. La larghezza dei registri di indirizzi è di 32 bit.
Gli indirizzi interni all’area o multiarea hanno la struttura seguente:
• Indirizzo interno all’area:
00000000 00000bbb bbbbbbbb bbbbbxxx
• Indirizzo multiarea:
10000yyy 00000bbb bbbbbbbb bbbbbxxx
Legenda:
indirizzo byte
numero bit
identificatore d’area (vedere cap. A.4)
b
x
y
Parola di stato (16 bit)
Le segnalazioni vengono valutate o impostate dalle operazioni.
La larghezza della parola di stato è di 16 bit.
*
A-4
Bit
Occupazione
Significato
0
/ER
Prima richiesta*
1
RLC
Risultato logico combinatorio
2
STA
Stato *
3
OR
O*
4
OS
Overflow con memoria
5
OV
Overflow
6
A0
Visualizzazione del risultato
7
A1
Visualizzazione del risultato
8
BIE
Risultato binario
9 ...
15
non occupati
–
Il bit non può essere valutato nel programma utente con l’operazione L STW
poiché non viene aggiornato nel tempo di esecuzione del programma.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Lista operazioni
A.4
Esempi di indirizzamento
Esempi di indirizzamento
Descrizione
Indirizzamento immediato
L +27
Carica costante intera a 16 bit “27” in ACCU1
L L#–1
Carica costante intera a 32 bit “–1” in ACCU1
L 2#1010101010101010
Carica costante binaria in ACCU1
L DW#16#A0F0 BCFD
Carica costante esadecimale in ACCU1
L ’ENDE’
Carica carattere ASCII in ACCU1
L T#500 ms
Carica valore di tempo in ACCU1
L P#10.0
Carica puntatore interno all’area in ACCU1
L P#E20.6
Carica puntatore multiarea in ACCU1
L –2.5
Carica numero in virgola mobile in ACCU1
L D#1997–01–20
Carica data
L TOD#13:20:33.125
Carica ora
Indirizzamento diretto
U E 0.0
Combinazione AND del bit di ingresso 0.0
L EB 1
Carica byte di ingresso 1 in ACCU1
L EW 0
Carica parola di ingresso 0 in ACCU1
L ED 0
Carica doppia parola di ingresso 0 in ACCU1
Indirizzamento indiretto temporizzatore/contatore
SI T [LW 8]
Avvia temporizzatore; il numero di temporizzatore si trova nella parola
dati locali 8
ZV Z [LW 10]
Avvia contatore; il numero di contatore si trova nella parola dati locali
10
Indirizzamento indiretto di memoria interno all’area
U E [LD 12]
Esempio:
L P#22.2
T LD 12
U E [LD 12]
Operazione AND; l’indirizzo dell’ingresso si trova come puntatore nella
doppia parola dati locali 12
U E [DBD 1]
Operazione AND; l’indirizzo dell’ingresso si trova come puntatore nella
doppia parola dati 1del DB
U A [DID 12]
Operazione AND; l’indirizzo dell’uscita si trova come puntatore nella
doppia parola dati 12del DBdi istanza
U A [MD 12]
Operazione AND; l’indirizzo dell’uscita si trova come puntatore nella
doppia parola di merker 12
Indirizzamento indiretto di registro interno all’area
U E [AR1,P#12.2]
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Operazione AND; l’indirizzo dell’ingresso si calcola dal “valore puntatore nel registro di indirizzi 1 + puntatore P#12.2”
A-5
Lista operazioni
Esempi di indirizzamento
Descrizione
Indirizzamento indiretto di registro multiarea
Per l’indirizzamento indiretto di registro multiarea, l’indirizzo deve comprendere anche un’identificazione dell’area nei bit 24-26. L’indirizzo si trova nel registro indirizzi.
ID Codice
area
P
E
A
M
DB
DI
L
VL
binario
1000 0000
1000 0001
1000 0010
1000 0011
1000 0100
1000 0101
1000 0110
1000 0111
Area
hex
80
81
82
83
84
85
86
87
Area di periferia
Area di ingresso
Area di uscita
Area merker
Area dati
Area dati di istanza
Area dati locali
Area dati locali precedente (accesso a
dati locali del blocco richiamante,
vedere pagina A-5)
L B [AR1,P#8.0]
Carica byte in ACCU1; l’indirizzo si calcola dal “valore puntatore nel
registro di indirizzi 1)puntatore P#8.0”
U [AR1,P#32.3]
Operazione AND; l’indirizzo dell’operando si calcola dal “valore puntatore nel registro di indirizzi 1 )puntatore P#32.3”
Indirizzamento tramite parametri
Parametro U
L’operando viene indirizzato tramite il parametro
Calcolo del puntatore
Ecco due esempi di calcolo di puntatori:
Esempio in caso di somma degli indirizzi di bit x7:
LAR1 P#8.2
U E [AR1,P#10.2]
Risultato: viene indirizzato l’ingresso 18.4 (con la rispettiva addizione degli indirizzi di byte e
bit)
Esempio in caso di somma degli indirizzi di bit u7:
L MD 0
qualsiasi puntatore calcolato, p. es. P#10.5
LAR1
U E [AR1,P#10.7]
Risultato: viene indirizzato l’ingresso 21.4 (con l’addizione degli indirizzi di byte e bit con
riporto)
A-6
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Lista operazioni
A.5
Tempi di esecuzione dell’indirizzamento indiretto
I tempi di esecuzione in caso di indirizzamento indiretto devono essere calcolati dall’utente.
Il calcolo è spiegato nel presente capitolo.
Due parti di un’istruzione
Un’istruzione con operandi indirizzati indirettamente è costituita da due parti:
Parte 1: caricamento degli dell’indirizzo dell’operando
Parte 2: esecuzione dell’operazione
Ciò sta ad indicare che da queste due parti occorre calcolare anche il tempo di esecuzione
di un’istruzione con operando indirizzato indirettamente.
Calcolo del tempo di esecuzione
Per quanto riguarda il tempo di esecuzione complessivo vale quanto segue:
+
=
Tempo di esecuzione per caricamento
dell’indirizzo
tempo di esecuzione dell’operazione
tempo di esecuzione complessivo
dell’operazione
I tempi di esecuzione indicati nel capitolo A.6 e nei capitoli seguenti sono quelli relativi alla
seconda parte di un’istruzione, quindi all’esecuzione effettiva di un’operazione.
Al tempo così calcolato occorre aggiungere anche il tempo di esecuzione necessario per il
caricamento dell’indirizzo dell’operando.
Caricamento di un indirizzo
Il tempo di esecuzione necessario per il caricamento dell’indirizzo dell’operando dalle diverse
aree è indicato nella tabella seguente.
L’indirizzo si trova in...
Tempo di esecuzione in ms
Area merker M
Parola
Doppia parola
0,4
0,9
Blocco dati DB/DI
Parola
Doppia parola
0,8
2,0
Area dati locali L
Parola
Doppia parola
0,5
1,2
AR1/AR2 (interni all’area)
0,5
AR1/AR2 (multiarea)
1,6
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
A-7
Lista operazioni
A-8
L’indirizzo si trova in...
Tempo di esecuzione in ms
Parametri (parola)... per :
Temporizzatori
Contatori
Richiami di blocco
1,0
Parametri (doppia parola)...
per :
Bit, byte, parole
e doppie parole
2,0
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Lista operazioni
A.5.1
Esempio di indirizzamento indiretto di memoria interno all’area
Esempio
Esempio:
U E [DBD 12]
Fase 1
Caricamento del contenuto del DBD 12
Tempo di esecuzione in ms
L’indirizzo si trova in...
Area merker M
Parola
Doppia parola
0,4
0,9
Blocco dati DB/DI
Parola
Doppia parola
0,8
2,0
Fase 2
Combinazione AND dell’ingresso così indirizzato (il tempo di esecuzione è riportato nel
capitolo A.6 e nei capitoli seguenti).
Tempo di esecuzione tipico in ms
Indirizzamento diretto
Indirizzamento indiretto
0,1
:
1,6+
Tempo
per
UE
:
Tempo di esecuzione complessivo
Ne risulta il tempo di esecuzione complessivo:
+
=
A.5.2
2,0 ms
1,6 ms
3,6 ms
Esempio di indirizzamento indiretto di registro interno all’area
Esempio
U E [AR1, P#34.3]
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
A-9
Lista operazioni
Fase 1
Caricamento del contenuto di AR1 e aumento dell’offset 34.3.
L’indirizzo si trova in...
Tempo di esecuzione in ms
:
:
AR1/AR2 (interni all’area)
0,5
:
:
Fase 2
Combinazione AND dell’ingresso così indirizzato (il tempo di esecuzione è riportato nel
capitolo A.6 e nei capitoli seguenti).
Tempo di esecuzione tipico in ms
Indirizzamento diretto
0,1
:
Indirizzamento indiretto
1,6+
Tempo
per
UE
:
Tempo di esecuzione complessivo
Ne risulta il tempo di esecuzione complessivo:
Tempo di esecuzione complessivo:
0,5 ms
+
1,6 ms
=
2,1 ms
A.5.3
Esempio di indirizzamento indiretto di registro multiarea
Esempio
U [AR1, P#23.1] ... con P#E 1.0 im AR1
Fase 1
Caricamento del contenuto di AR1 e aumento dell’offset 23.1.
L’indirizzo si trova in...
Tempo di esecuzione in ms
:
:
AR1/AR2 (multiarea)
1,6
:
A-10
:
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Lista operazioni
Fase 2
Combinazione AND dell’ingresso così indirizzato (il tempo di esecuzione è riportato nel
capitolo A.6 e nei capitoli seguenti).
Tempo di esecuzione tipico in ms
Indirizzamento diretto
Indirizzamento indiretto
0,1
:
1,6+
Tempo
per
UE
:
Tempo di esecuzione complessivo
Ne risulta il tempo di esecuzione complessivo:
Tempo di esecuzione complessivo:
1,6 ms
+
1,6 ms
=
3,2 ms
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
A-11
Lista operazioni
A.5.4
Esempio di indirizzamento tramite parametri
Esempio
Parametro U... con E 0.5 nell’elenco dei parametri del blocco
Fase 1
Caricamento di E 0.5.indirizzato tramite parametro
L’indirizzo si trova in...
Tempo di esecuzione in ms
:
:
:
:
Parametro (doppia parola)
2,0
Fase 2
Combinazione AND dell’ingresso così indirizzato (il tempo di esecuzione è riportato nel
capitolo A.6 e nei capitoli seguenti).
Tempo di esecuzione tipico in ms
Indirizzamento diretto
0,1
:
Indirizzamento indiretto
Tempo per
UE
1,6+
:
Tempo di esecuzione complessivo
Ne risulta il tempo di esecuzione complessivo:
Tempo di esecuzione complessivo:
2,0 ms
+
1,6 ms
=
3,6 ms
A.6
Operazioni logiche combinatorie con operandi a bit
Interrogazione dell’operando indirizzato riguardo allo stato di segnale e alla combinazione
del risultato con RLC dopo la funzione corrispondente.
A-12
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Lista operazioni
Operazione
U
UN
Operando
Lun–
ghezza
in
parole
Significato
E/A
M
L
DBX/DIX
AND
Ingresso/uscita
Merker
Bit di dati locali
Bit di dati
[AR1,m]
[AR2,m]
Parametro
E/A/M/L/DBX/DIX (indirizzamento
multiarea tramite AR1, AR2 o tramite
parametro)
E/A
M
L
DBX/DIX
AND negato
Ingresso/uscita
Merker
Bit di dati locali
Bit di dati
[AR1,m]
[AR2,m]
Parametro
E/A/M/L/DBX/DIX (indirizzamento
multiarea tramite AR1, AR2 o tramite
parametro)
Parola di stato per:
U, UN
Tempo di esecuzione tipico in ms
Indirizzamento
diretto
Indirizzamento
indiretto*
1**/2
1**/2
2
2
0,1
0,2
0,4
1,6
1,6+
1,7+
2,0+
2,4+
2
–
–
–
+
+
+
2
0,2
0,3
0,4
1,6
1,7+
1,8+
2,1+
2,5+
2
–
–
–
+
+
+
BIE
A1
A0
OV
OS
OR
STA
RLC
/ER
L’operazione dipende da:
–
–
–
–
–
sì
–
sì
sì
L’operazione incide su:
–
–
–
–
–
sì
sì
sì
1
O
ON
E/A
M
L
DBX/DIX
OR
Ingresso/uscita
Merker
Bit di dati locali
Bit di dati
[AR1,m]
[AR2,m]
Parametro
E/A/M/L/DBX/DIX (indirizzamento
multiarea tramite AR1, AR2 o tramite
parametro)
E/A
M
L
DBX/DIX
OR negato
Ingresso/uscita
Merker
Bit di dati locali
Bit di dati
[AR1,m]
[AR2,m]
Parametro
E/A/M/L/DBX/DIX (indirizzamento
multiarea tramite AR1, AR2 o tramite
parametro)
Parola di stato per:
O, ON
1**/2
1**/2
2
2
0,1
0,2
0,4
1,6
1,6+
1,7+
2,0+
2,4+
2
–
–
–
+
+
+
1**/2
1**/2
2
2
0,2
0,3
0,4
1,7
1,7+
1,8+
2,1+
2,5+
2
–
–
–
+
+
+
BIE
A1
A0
OV
OS
OR
STA
RLC
/ER
L’operazione dipende da:
–
–
–
–
–
–
–
sì
sì
L’operazione incide su:
–
–
–
–
–
0
sì
sì
1
* + tempo di caricamento dell’indirizzo dell’operando
** con indirizzamento diretto
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
A-13
Lista operazioni
Operazione
X
XN
Operando
Significato
E/A
M
L
DBX/DIX
OR esclusivo
Ingresso/uscita
Merker
Bit di dati locali
Bit di dati
[AR1,m]
[AR2,m]
Parametro
E/A/M/L/DBX/DIX (indirizzamento
multiarea tramite AR1, AR2 o tramite
parametro)
E/A
M
L
DBX/DIX
OR esclusivo negato
Ingresso/uscita
Merker
Bit di dati locali
Bit di dati
[AR1,m]
[AR2,m]
Parametro
E/A/M/L/DBX/DIX (indirizzamento
multiarea tramite AR1, AR2 o tramite
parametro)
Parola di stato per:
X, XN
*
Lun–
ghezza
in
parole
Tempo di esecuzione tipico in ms
Indirizzamento
diretto
Indirizzamento
indiretto*
2
0,1
0,2
0,4
1,6
1,6+
1,7+
2,0+
2,4+
2
–
–
–
+
+
+
2
0,2
0,3
0,4
1,7
1,7+
1,8+
2,1+
2,5+
2
–
–
–
+
+
+
BIE
A1
A0
OV
OS
OR
STA
RLC
/ER
L’operazione dipende da:
–
–
–
–
–
–
–
sì
sì
L’operazione incide su:
–
–
–
–
–
0
sì
sì
1
+ tempo di caricamento dell’indirizzo dell’operando
A-14
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Lista operazioni
A.7
Operazioni logiche combinatorie di espressioni tra parentesi
Salvataggio dei bit BIE, RLC, OR e di un identificatore di funzione (U, UN, ...) nello stack di
annidamento. Sono possibili fino a 7 livelli di parentesi per blocco.
Operazione
Operando
Significato
Lunghezza
in
parole
Tempo di esecuzione tipico
in ms
U(
AND parentesi aperta
1
0,4
UN(
AND negato parentesi aperta
1
0,5
O(
OR parentesi aperta
1
0,3
ON(
OR negato parentesi aperta
1
0,4
X(
OR esclusivo parentesi aperta
1
0,4
XN(
OR esclusivo negato parentesi aperta
1
0,4
Parola di stato per:
ON(, X(,
XN(
BIE
A1
A0
OV
OS
OR
STA
RLC
/ER
L’operazione dipende da:
sì
–
–
–
–
sì
–
sì
sì
L’operazione incide su:
–
–
–
–
–
0
1
–
0
)
U(, UN(, O(,
Parentesi chiusa, cancellazione di una registrazione dallo stack di annidamento, combinazione
di RLC con RLC attuale nel processore
Parola di stato per:
1
1,0
BIE
A1
A0
OV
OS
OR
STA
RLC
/ER
L’operazione dipende da:
–
–
–
–
–
–
–
sì
–
L’operazione incide su:
sì
–
–
–
–
sì
1
sì
1
)
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
A-15
Lista operazioni
A.8
Combinazione OR di funzioni AND
La combinazione OR di funzioni AND segue la regola: AND prima di OR.
Opera
razione
Ope
Operando
O
Significato
La combinazione OR di funzioni AND segue la
regola: AND prima di OR.
Parola di stato per:
Lunghezza
in
parole
Tempo di esecuzione titi
pico in ms
1
0,1
BIE
A1
A0
OV
OS
OR
STA
RLC
/ER
L’operazione dipende da:
–
–
–
–
–
sì
–
sì
sì
L’operazione incide su:
–
–
–
–
–
sì
1
–
sì
A-16
O
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Lista operazioni
A.9
Operazioni logiche combinatorie con temporizzatori e
contatori
Interrogazione del temporizzatore/contatore indirizzato riguardo allo stato di segnale e alla
combinazione del risultato con RLC dopo la funzione corrispondente.
Operazione
U
UN
Operando
Lunghezza
in parole
Significato
T
Z
AND temporizzatore
AND contatore
Param.
temp.
Param. cont.
AND temporizzatore/contatore (indirizzati tramite parametri)
T
Z
AND negato temporizzatore
AND negato contatore
Param.
temp.
Param. cont.
AND negato temporizzatore/contatore (indirizzati tramite parametri)
Parola di stato per:
U, UN
Tempo di esecuzione tipico in ms
Indirizzamento
diretto
Indirizzamento
indiretto*
1**/2
0,3
0,2
1,1+
1,1+
2
–
–
+
+
1**/2
0,4
0,3
1,2+
1,2+
2
–
–
+
+
BIE
A1
A0
OV
OS
OR
STA
RLC
/ER
L’operazione dipende da:
–
–
–
–
–
sì
–
sì
sì
L’operazione incide su:
–
–
–
–
–
sì
sì
sì
1
O
T
Z
OR temporizzatore
OR contatore
1**/2
0,3
0,2
1,1+
1,0+
2
–
–
+
+
1**/2
0,4
0,3
1,2+
1,1+
Param. temp. OR negato temporizzatore/contatore
Param. cont. (indirizzati tramite parametri)
2
–
–
+
+
T
Z
2
0,3
0,2
1,1+
1,1+
Param. temp. OR esclusivo temporizzatore/contaParam. cont. tore (indirizzati tramite parametri)
2
–
–
+
+
T
Z
OR esclusivo negatotermporizzatore
OR esclusivo negatocontatore
2
0,4
0,3
1,2+
1,2+
Param. temp. OR esclusivo negato temporizzatore/
Param. cont. contatore (indirizzati tramite parametri)
2
–
–
+
+
Param. temp. OR temporizzatore/contatore (indirizParam. cont. zati tramite parametri)
ON
X
XN
T
Z
OR negato temporizzatore
OR negato contatore
OR esclusivo temporizzatore
OR esclusivo contatore
Parola di stato per:
O, ON, X, XN
BIE
A1
A0
OV
OS
OR
STA
RLC
/ER
L’operazione dipende da:
–
–
–
–
–
–
–
sì
sì
L’operazione incide su:
–
–
–
–
–
0
sì
sì
1
* + tempo di caricamento dell’indirizzo dell’operando
** con indirizzamento diretto
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
A-17
Lista operazioni
A.10
Operazioni logiche combinatorie con il contenuto di ACCU1
Combinazione del contenuto di ACCU1 o ACCU1-L con una parola o una doppia parola
dopo la funzione corrispondente. La parola o la doppia parola si trovano come costante
nell’operazione oppure in ACCU2. Il risultato è contenuto in ACCU1 o ACCU1-L.
Operazione
Lunghezza
in
parole
Tempo di esecuzione tipico in ms
AND ACCU2-L
1
0,3
AND costante a 16 bit
2
0,3
OR ACCU2-L
1
0,3
OR costante a 16 bit
2
0,3
OR esclusivo ACCU2-L
1
0,3
OR esclusivo costante a 16
bit
2
0,3
AND ACCU2
1
0,9
AND costante a 32 bit
3
1,0
OR ACCU2
1
0,9
OR costante a 32 bit
3
1,0
OR esclusivo ACCU2
1
0,9
OR esclusivo costante a 32
bit
3
1,0
Operando
UW
k16
OW
k16
XOW
k16
UD
k32
OD
k32
XOD
k32
Significato
Parola di stato per:
UW, OW, XOW, UD,
OD, XOD
BIE
A1
A0
OV
OS
OR
STA
RLC
/ER
L’operazione dipende da:
–
–
–
–
–
–
–
–
–
L’operazione incide su:
–
sì
0
0
–
–
–
–
–
A-18
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Lista operazioni
A.11
Operazioni logiche combinatorie con bit di visualizzazione
Interrogazione delle condizioni indicate riguardo allo stato di segnale e alla combinazione del
risultato con RLC dopo la funzione corrispondente.
Operazione
U,
O,
X
Operando
Significato
Lunghezza
in
parole
Tempo di esecuzione tipico in ms
==0
AND risultato=0
(A1=0) and (A0=0)
1
0,2
>0
AND risultato>0
(A1=1) and (A0=0)
1
0,3
<0
AND risultato<0
(A1=0) and (A0=1)
1
0,3
<>0
AND risultato00
((A1=0) and (A0=1) or (A1=1) and (A0=0))
1
0,2
<=0
AND risultato<=0
((A1=0) and (A0=1) or (A1=0) and (A0=0))
1
0,2
>=0
AND risultato>=0
((A1=1) and (A0=0) or (A1=0) and (A0=0))
1
0,2
UO
AND unordered/non consentito
(A1=1) and (A0=1)
1
0,2
OS
AND OS=1
1
0,1
BIE
AND BIE=1
1
0,1
OV
AND OV=1
Parola di stato per:
U , O, X
1
0,1
BIE
A1
A0
OV
OS
OR
STA
RLC
/ER
L’operazione dipende da:
sì
sì
sì
sì
sì
sì
–
sì
sì
L’operazione incide su:
–
–
–
–-
–
sì
sì
sì
1
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
A-19
Lista operazioni
Operazione
UN,
ON,
XN
Operando
Significato
Lunghezza
in
parole
Tempo di esecuzione tipico in ms
==0
AND negato risultato=0
(A1=0) and (A0=0)
1
0,2
>0
AND negato risultato>0
(A1=1) and (A0=0)
1
0,3
<0
AND negato risultato<0
(A1=0) and (A0=1)
1
0,3
<>0
AND negato risultato 00
((A1=0) and (A0=1) or (A1=1) and (A0=0))
1
0,3
<=0
AND negato risultato<=0
((A1=0) and (A0=1) or (A1=0) and (A0=0))
1
0,1
>=0
AND negato risultato>=0
((A1=1) and (A0=0) or (A1=0) and (A0=0))
1
0,1
UO
AND negato unordered/non consentito
(A1=1) and (A0=1)
1
0,3
OS
AND negato OS=1
1
0,2
OV
AND negato OV=1
1
0,2
BIE
AND negato BIE=1
1
0,2
Parola di stato per:
UN, ON, XN
BIE
A1
A0
OV
OS
OR
STA
RLC
/ER
L’operazione dipende da:
sì
sì
sì
sì
sì
sì
–
sì
sì
L’operazione incide su:
–
–
–
–
–
sì
sì
sì
1
A-20
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Lista operazioni
A.12
Operazioni di fronte
Riconoscimento di un cambio di fronte. L’attuale stato del segnale in RLC viene confrontato
con lo stato del segnale nell’operando, il “merker del fronte”.
FP riconosce un cambio di fronte da “0” a “1”.
FN riconosce un cambio di fronte da “1” a “0”.
Operazione
Ope
Operando
Significato
Tempo di esecuzione tipico
in ms
IndirizzaIndirizzamento dimento indiretto
retto*
FP
E/A
M
L
DBX/DIX
[AR1,m]
[AR2,m]
Parametro
Visualizzazione del fronte di salita in RLC. Il
merker ausiliare di fronte è il bit indirizzato
nell’operazione.
2
0,3
0,6
0,7
1,9
–
–
–
1,8+
1,9+
2,1+
2,7+
+
+
+
FN
E/A
M
L
DBX/DIX
[AR1,m]
[AR2,m]
Parametro
Visualizzazione del fronte di discesa in RLC. Il
merker ausiliare di fronte è il bit indirizzato
nell’operazione.
2
0,3
0,6
0,7
1,9
–
–
–
1,9+
2,0+
2,2+
2,8+
+
+
+
Parola di stato per:
FP, FN
*
Lun–
ghezza
g
in parole
BIE
A1
A0
OV
OS
OR
STA
RLC
/ER
L’operazione dipende da:
–
–
–
–
–
–
–
sì
–
L’operazione incide su:
–
–
–
–
–
0
sì
sì
1
+ tempo di caricamento dell’indirizzo dell’operando
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
A-21
Lista operazioni
A.13
Impostazione/resettaggio di operandi a bit
Assegnazione del valore “1” / “0” o del RLC all’operando indirizzato. Le operazioni possono
dipendere dal Relè Master Control.
Operazione
S
Ope
Operando
E/A
M
L
DBX/DIX
R
Significato
Imposta ingresso/uscita su “1”
(dipendenza MCR)
Imposta merker su “1”
(dipendenza MCR)
Imposta bit di dati locali su “1”
(dipendenza MCR)
Imposta bit di dati su “1”
(dipendenza MCR)
1**/2
0,1
0,2
0,3
1,0
0,5
1,1
1,8
1,8
1,7+
1,8+
1,8+
1,9+
2,1+
2,1+
2,6+
2,7+
2
–
–
–
+
+
+
1**/2
0,1
0,2
0,4
2,0
0,4
1,0
1,8
1,9
1,7+
1,8+
1,8+
2,0+
2,0+
2,2+
2,6+
2,7+
–
+
2
E/A
Assegna RLC a ingresso/uscita
(dipendenza MCR)
Assegna RLC a merker
(dipendenza MCR)
Assegna RLC a bit di dati locali
(dipendenza MCR)
Assegna RLC a bit di dati
(dipendenza MCR)
[AR1,m]
[AR2,m]
Parametro
+
+
+
2
Imposta E/A/M/L/DBX/DIX (dipendenza MCR)
a ”0”. (indirizzamento multiarea tramite AR1, AR2
o tramite parametro)
DBX/DIX
–
–
–
1**/2
[AR1,m]
[AR2,m]
Parametro
L
2
2
Resetta ingresso/uscita su “0”
(dipendenza MCR)
Resetta merker su “0”
(dipendenza MCR)
Resetta bit di dati locali su “0”
(dipendenza MCR)
Resetta bit di dati su “0”
(dipendenza MCR)
M
1,7+
1,8+
1,8+
2,0+
2,0+
2,1+
2,6+
2,7+
2
E/A
DBX/DIX
0,1
0,2
0,3
1,0
0,5
1,0
1,7
1,8
1**/2
Imposta E/A/M/L/DBX/DIX (dipendenza MCR)
a ”1”. (indirizzamento multiarea tramite AR1, AR2
o tramite parametro)
L
Tempo di esecuzione tipico in ms
IndirizzaIndirizzamento dimento indiretto
retto*
1**/2
[AR1,m]
[AR2,m]
Parametro
M
=
Lun–
g
ghezza
in
parole
1**/2
2
2
Assegna RLC a E/A/M/L/DBX/DIX (indirizzamento multiarea tramite AR1, AR2 o tramite parametro)
2
Parola di stato per:S, R, =
BIE
A1
A0
OV
OS
OR
STA
RLC
/ER
L’operazione dipende da:
–
–
–
–
–
–
–
sì
–
L’operazione incide su:
–
–
–
–
–
0
sì
–
0
* + tempo di caricamento dell’indirizzo dell’operando
** con indirizzamento diretto
A-22
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Lista operazioni
A.14
Operazioni che incidono direttamente sul RLC
Le operazioni seguenti elaborano direttamente il bit RLC.
Operazione
CLR
Operando
Significato
Imposta RLC su “0”
Lunghezza
in
parole
Tempo di esecuzione tipico in ms
2
0,1
Parola di stato per: CLR
BIE
A1
A0
OV
OS
OR
STA
RLC
/ER
L’operazione dipende da:
–
–
–
–
–
–
–
–
–
L’operazione incide su:
–
–
–
–
–
0
0
0
0
BIE
A1
A0
OV
OS
OR
STA
RLC
/ER
L’operazione dipende da:
–
–
–
–
–
–
–
–
–
L’operazione incide su:
–
–
–
–
–
0
1
1
0
SET
Imposta RLC su “1”
Parola di stato per: SET
NOT
2
Nega RLC
0,1
2
0,1
Parola di stato per: NOT
BIE
A1
A0
OV
OS
OR
STA
RLC
/ER
L’operazione dipende da:
–
–
–
–
–
sì
–
sì
–
L’operazione incide su:
–
–
–
–
–
–
1
sì
–
SAVE
Salva RLC nel bit BIE
1
0,1
Parola di stato per: SAVE
BIE
A1
A0
OV
OS
OR
STA
RLC
/ER
L’operazione dipende da:
–
–
–
–
–
–
–
sì
–
L’operazione incide su:
sì
–
–
–
–
–
–
–
–
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
A-23
Lista operazioni
A.15
Operazioni di temporizzazione
Avvio/resettaggio di un temporizzatore (indirizzato direttamente o tramite parametri). La
durata deve trovarsi in ACCU1-L.
Operazione
SI
Ope
Operando
T
Param.
temp.
SV
T
Param.
temp.
SE
T
Param.
temp.
SS
T
Param.
temp.
SA
T
Param.
temp.
FR
T
Param.
temp.
R
T
Lun–
g
ghezza
in parole
Significato
Tempo di esecuzione tipico
in ms
IndirizzaIndirizzamento dimento indiretto
retto*
Avvia temporizzatore come impulso con cambio
di fronte
f t da
d “0” a “1”
4**/6
2,3
2,9+
2
–
+
Avvia temporizzatore come impulso prolungato
con cambio
bi di fronte
f t d
da “0” a “1”
4**/6
1,1
1,2+
2
–
+
Avvia temporizzatore come ritardo all’inserzione
con cambio
bi di fronte
f t d
da “0” a “1”
4**/6
2,4
3,0+
2
–
+
Avvia temporizzatore come ritardo all’inserzione
con memoria
i all cambio
bi di fronte
f t d
da “0” a “1”
4**/6
2,4
3,0+
2
–
+
Avvia temporizzatore come ritardo alla disinserzione
i
con cambio
bi di fronte
f t da
d “1” a “0”
4**/6
2,6
3,2+
2
–
+
Abilita temporizzatore per il nuovo avvio al cambi di fronte
bio
f t da
d “0” a “1” (cancellazione
(
ll i
del
d l merker del fronte per l’avvio del temporizzatore)
4**/6
1,1
1,5+
2
–
+
Resetta temporizzatore
4**/6
1,1
1,5+
2
–
+
Param.
temp.
Parola di stato per:
SI, SV, SE, SS, SA, FR, R
BIE
A1
A0
OV
OS
OR
STA
RLC
/ER
L’operazione dipende da:
–
–
–
–
–
–
–
sì
–
L’operazione incide su:
–
–
–
–
–
0
–
–
0
* + tempo di caricamento dell’indirizzo dell’operando
** con indirizzamento diretto dell’operando
A-24
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Lista operazioni
A.16
Operazioni di conteggio
Il valore di conteggio si trova in ACCU1-L o nell’indirizzo assegnato come parametro.
Operazione
S
Z
Z
Param.
cont.
ZV
Z
Param.
cont.
ZR
Z
Param.
cont.
FR
Indirizzamento diretto
Indirizzamento
indiretto*
Preimposta contatore con cambio di
f t da
fronte
d “0” a “1”
4**/6
1,8
2,4+
2
–
+
Resetta contatore a “0” con cambio di
f t da
fronte
d “0” a “1”
4**/6
0,7
1,1+
2
–
+
Conta in avanti di 1 con cambio di fronte
d “0” a “1”
da
4**/6
1,1
1,6+
2
–
+
Conta all’indietro di 1 con cambio di
f t da
fronte
d “0” a “1”
4**/6
1,1
1,5+
2
–
+
2
0,9
1,4+
2
–
+
OpeOpe
rando
Param.
cont.
R
Lun–
ghezza
in
parole
Z
Param.
cont.
Significato
Abilita contatore al cambio di fronte da
“0” a “1” (cancellazione del merker del
fronte per il conteggio in avanti e all’indietro del contatore)
Parola di stato per:
S, R, ZV, ZR, FR
Tempo di esecuzione tipico in ms
BIE
A1
A0
OV
OS
OR
STA
RLC
/ER
L’operazione dipende da:
–
–
–
–
–
–
–
sì
–
L’operazione incide su:
–
–
–
–
–
0
–
–
0
* + tempo di caricamento dell’indirizzo dell’operando
** con indirizzamento diretto dell’operando
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
A-25
Lista operazioni
A.17
Operazioni di caricamento
Caricamento degli operandi in ACCU1. In primo luogo viene salvato il contenuto precedente
di ACCU1 in ACCU2.
Queste operazioni non incidono sulla parola di stato.
Operazione
OpeOpe
rando
L
EB
AB
PEB
Significato
Carica...
Bytedi ingresso
Bytedi uscita
Bytedi ingresso di periferia
MB
LB
DBB
DIB
Bytedi merker
Byte di dati locali
Bytedi dati
Bytedi dati di istanza
... in ACCU1
Parametro
Carica EB/AB/PEB/MB/LB/DBB/DIB in
ACCU1 (indirizzato tramite parametro)
EW
AW
PEW
Carica...
Parola di ingresso
Parola di uscita
Parola di ingresso di periferia
MW
LW
DBW
DIW
Parola di merker
Parola di dati locali
Parola dati
Parola dati di istanza
... in ACCU1-L
Parametro
Carica EW/AW/PEW/MW/LW/DBW/DIW in
ACCU1 (indirizzato tramite parametro)
ED
AD
PED
Carica...
Doppia parola di ingresso
Doppia parola di uscita
Doppia parola di ingresso di periferia
MD
LD
DBD
DID
Doppia parola di merker
Doppia parola di dati locali
Doppia parola di dati
Doppia parola di dati di istanza
... in ACCU1
Parametro
Carica ED/AD/PED/MD/LD/DBD/DID in
ACCU1 (indirizzato tramite parametro)
Lun–
ghezza
in papa
role
Tempo di esecuzione tipico
in ms
1**/2
1**/2
1**/2
0,2
0,2
< 125
1,4+
1,4+
< 127
1**/2
2
2
2
0,3
0,5
15
1,5
1,5
1,4+
1,7+
2 5+
2,5+
2,5+
2
–
+
1**/2
1**/2
1**/2
0,3
0,3
< 135
1,6+
1,6+
< 137
1**/2
2
1**/2
1**/2
0,6
0,6
19
1,9
1,9
1,7+
2,0+
3 0+
3,0+
3,0+
2
–
+
1**/2
1**/2
2
0,4
0,4
< 145
1,6+
1,6+
< 147
1**/2
2
2
2
0,8
0,9
25
2,5
2,5
2,0+
2,3+
3 7+
3,7+
3,7+
2
–
+
Indirizzamento diretto
Tempo di esecuzione tipico
in ms
Indirizzamento indiretto*
* + tempo di caricamento dell’indirizzo dell’operando
** con indirizzamento diretto dell’operando
A-26
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Lista operazioni
Operazione
L
Ope
Operando
Significato
Carica con indirizzamento multiarea...
B[AR1,m] Byte
B[AR2,m]
W[AR1,m] Parola
W[AR2,m]
D[AR1,m] Doppia parola
D[AR2,m]
... in ACCU1
Lun–
g
ghezza
in parole
Tempo di esecuzione tipico in
ms
IndirizzaIndirizzamento indimento diretto
retto*
2
–
2
–
2
–
40,1+
40,1+
45,6+
45,6+
57,4+
57,4+
1
2
3
0,2
0,2
0,3
–
–
–
k8
k16
L#k32
Carica...
Costante a 8 bit in ACCU1-LL
Costante a 16 bit in ACCU1-L
Costante a 32 bit in ACCU1
Parametro
Carica costante in ACCU1 (indirizzato tramite parametro)
2
–
+
2#n
Carica costante binaria a 16 bit in ACCU1-L
2
0,2
–
Carica costante binaria a 32 bit in ACCU1
3
0,3
–
Carica costante esadecimale a 16 bit in
ACCU1-L
2
0,2
–
Carica costante esadecimale a 32 bit in
ACCU1
3
0,3
–
16#p
Tempo di esecuzione tipico in
ms
*
’xx’
Carica due caratteri
2
0,2
’xxxx’
Carica quattro caratteri
3
0,3
D#Data
Carica data IEC (codice BCD)
3
0,3
S5T# Valore di
tempo
Carica costante di tempo S5 (16 bit)
2
0,3
TOD# Valore di
tempo
Carica costante di tempo a 32 bit (ora attuale IEC)
3
0,3
T#
Valore di
tempo
Carica costante di tempo a 16 bit
2
0,2
Carica costante di conteggio a 32 bit
3
0,3
C#
Valore di
conteggio
Carica costante di conteggio a 16 bit
2
0,2
Carica costante di conteggio a 32 bit
3
0,3
P# Puntatore a bit
Carica puntatore bit
3
0,3
L# Integer
Carica costante numero intero a 32 bit
3
0,3
q
Carica numero in virgola mobile
3
0,3
+ tempo di caricamento dell’indirizzo dell’operando
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
A-27
Lista operazioni
A.18
Operazioni di caricamento per temporizzatori e contatori
Caricamento di un valore di tempo o di conteggio in ACCU1. In primo luogo viene salvato il
contenuto di ACCU1 in ACCU2.
Queste operazioni non incidono sui bit della parola di stato.
Operazione
L
LC
Ope
Operando
Significato
T
Carica valore di tempo
Param.
temp.
Carica valore di tempo (indirizzato tramite parametro)
Z
Carica valore di conteggio
Param.
cont.
Carica valore di conteggio (indirizzato tramite
parametro)
T
Carica valore di tempo in codice BCD
Param.
temp.
Carica valore di tempo in codice BCD (indirizzato tramite parametro)
Z
Carica valore di conteggio in codice BCD
Param.
cont.
Carica valore di conteggio (indirizzato tramite
parametro)
Lun–
g
ghezza
in parole
Tempo di esecuzione tipico
in ms
IndirizzaIndirizzamento dimento indiretto
retto*
1**/2
0,8
1,1+
2
–
+
1**/2
0,8
1,2+
2
–
+
1**/2
2,2
2,5+
2
–
+
1**/2
2,3
2,9+
2
–
+
* + tempo di caricamento dell’indirizzo dell’operando
** con indirizzamento diretto dell’operando
A-28
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Lista operazioni
A.19
Operazioni di trasferimento
Trasferimento del contenuto di ACCU1 all’operando indirizzato. Queste operazioni non
incidono sulla parola di stato. Osservare che alcune operazioni di trasferimento dipendono
dal Relè Master Control.
Operazione
Operando
T
EB
AB
PAB
MB
LB
DBB
DIB
Significato
Trasferisci contenuto di ACCU1-LL a...
Bytedi ingresso
(dipendenza MCR)
Bytedi uscita
(dipendenza MCR)
Bytedi uscitadi periferia
(dipendenza MCR)
Bytedi merker
(dipendenza MCR)
Byte di dati locali
(dipendenza MCR)
Bytedi dati
(dipendenza MCR)
Bytedi dati di istanza
(dipendenza MCR)
B[AR1,m]
Trasferisci contenuto di ACCU1–LL a EB/AB/
B[AR2,m] PAB/MB/LB/DBB/DIB (indirizzamento multiarea
Parametro tramite AR1, AR2 o tramite parametro)
Lun–
g
ghezza
in parole
1**/2
1**/2
1***/2
1**/2
2
2
2
2
Tempo di esecuzione tipico
in ms
IndirizzaIndirizzamento dimento indiretto
retto*
0,1
1,2
0,1
1,2
< 125
<126
1,3+
1,5+
1,3+
1,5+
< 127
<128
0,1
0,6
0,2
0,6
1,3
1,4
1,3
1,4
1,3+
1,5+
1,7+
1,5+
2,2+
2,4+
2,2+
2,4+
–
+
* + tempo di caricamento dell’indirizzo dell’operando
** con indirizzamento diretto dell’operando
*** Indirizzamento diretto con PAB 0 ... 255
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
A-29
Lista operazioni
Operazione
T
Operando
EW
AW
PAW
MW
LW
DBW
DIW
Significato
Trasferisci contenuto di ACCU1-L a...
Parola di ingresso
(dipendenza MCR)
Parola di uscita
(dipendenza MCR)
Parola di uscitadi periferia
(dipendenza MCR)
Parola di merker
(dipendenza MCR)
Parola di dati locali
(dipendenza MCR)
Parola dati
(dipendenza MCR)
Parola dati di istanza
(dipendenza MCR)
W[AR1,m] Trasferisci contenuto di ACCU1-L a EW/AW/
W[AR2,m] PAW/MW/LW/DBW/DIW (indirizzamento multiaParametro rea tramite AR1, AR2 o tramite parametro)
ED
AD
PAD
MD
LD
DBD
DID
Trasferisci contenuto di ACCU1 a...
Doppia parola di ingresso
(dipendenza MCR)
Doppia parola di uscita
(dipendenza MCR)
Doppia parola di uscitadi periferia
(dipendenza MCR)
Doppia parola di merker
(dipendenza MCR)
Doppia parola di dati locali
(dipendenza MCR)
Doppia parola di dati
(dipendenza MCR)
Doppia parola di dati di istanza
(dipendenza MCR)
D[AR1,m] Trasferisci contenuto di ACCU1 a ED/AD/PAD/
D[AR2,m] MD/LD/DBD/DID (indirizzamento multiarea traParametro mite AR1, AR2 o tramite parametro)
Lun–
ghezza
in parole
Indirizzamento diretto
Indirizzamento indiretto*
0,2
0,6
0,2
0,6
< 135
< 136
1,4+
1,5+
1,4+
1,5+
< 137
< 138
0,3
0,7
0,3
0,8
1,5
1,6
1,5
1,6
1,7+
1,9+
2,0+
1,8+
2,6+
2,8+
2,6+
2,8+
2
–
+
1**/2
0,3
0,7
0,3
0,7
<150
<151
1,5+
1,7+
1,5+
1,7+
< 152
< 153
0,6
1,0
0,6
1,1
1,9
2,0
1,9
2,0
2,0+
2,3+
2,4+
2,1+
3,0+
3,3+
3,0+
3,3+
–
+
1**/2
1**/2
1***/2
1**/2
2
2
2
1**/2
1**/2
1**/2
2
2
2
2
* + tempo di caricamento dell’indirizzo dell’operando
** con indirizzamento diretto dell’operando
*** indirizzamento diretto con PAW 0 ... 254
A.20
Operazioni di caricamento e trasferimento per registri di
indirizzi
Caricamento di una doppia parola da una memoria o un registro in AR1 o AR2 /
trasferimento di una doppia parola da AR1 o AR2 in una memoria o un registro.
Queste operazioni non incidono sulla parola di stato.
A-30
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Lista operazioni
Operazione
LAR1
LAR2
TAR1
TAR2
TAR
Operando
Significato
Lunghezza
in
parole
Tempo di esecuzione tipico in ms
–
AR2
DBD
DID
M
LD
MD
Carica contenuto da...
ACCU1
Registro di indirizzi 2
Doppia parola di dati
Doppia parola di dati di istanza
Costante a 32 bit come puntatore
Doppia parola di dati locali
Doppia parola di merker
... in AR1
1
1
2
2
3
2
2
0,1
0,1
2,4
2,5
0,2
0,9
0,8
–
DBD
DID
M
LD
MD
Carica contenuto da...
ACCU1
Doppia parola di dati
Doppia parola di dati di istanza
Costante a 32 bit come puntatore
Doppia parola di dati locali
Doppia parola di merker
... in AR2
1
2
2
3
2
2
0,1
0,1
2,4
2,5
0,2
0,9
0,8
–
AR2
DBD
DID
LD
MD
Trasferisci contenuto da AR1 in...
ACCU1
Registro di indirizzi 2
Doppia parola di dati
Doppia parola di dati di istanza
Doppia parola di dati locali
Doppia parola di merker
1
1
2
2
2
2
0,2
0,1
1,9
1,9
0,6
0,6
–
DBD
DID
LD
MD
Trasferisci contenuto da AR2 in...
ACCU1
Doppia parola di dati
Doppia parola di dati di istanza
Doppia parola di dati locali
Doppia parola di merker
1
2
2
2
2
0,2
0,1
1,9
1,9
0,6
Sostituisci i contenuti di AR1 e AR2
1
0,3
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
A-31
Lista operazioni
A.21
Operazione
L
Operazioni di caricamento e trasferimento per la parola di
stato
Operando
STW
Lunghezza
in
parole
Significato
Tempo di esecuzione tipico in ms
Carica parola di stato* in ACCU1
0,6
Parola di stato per: L STW
BIE
A1
A0
OV
OS
OR
STA
RLC
/ER
L’operazione dipende da:
sì
sì
sì
sì
sì
0
0
sì
0
L’operazione incide su:
–
–
–
–
–
–
–
–
–
T
STW
Trasferisci ACCU1 (bit da 0 a 8) nella parola di
stato*
0,6
Parola di stato per: T STW
BIE
A1
A0
OV
OS
OR
STA
RLC
/ER
L’operazione dipende da:
–
–
–
–
–
–
–
–
–
L’operazione incide su:
sì
sì
sì
sì
sì
0
0
sì
0
*
Struttura della parola di stato
A.22
Operazioni di caricamento per numero e lunghezza di DB
Caricamento di numero/lunghezza di un blocco dati in ACCU1. Il contenuto precedente di
ACCU1 viene salvato in ACCU2.
Queste operazioni non incidono sui bit della parola di stato.
Operazione
Operando
Significato
Lunghezza
in
parole
Tempo di esecuzione tipico in ms
L
DBNO
Carica numero del blocco dati
1
1,3
L
DINO
Carica numero del blocco datidi istanza
1
1,3
L
DBLG
Carica lunghezza del blocco dati in byte
1
0,3
L
DILG
Carica lunghezza del blocco dati di istanza in byte
1
0,3
A-32
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Lista operazioni
A.23
Aritmetica a virgola fissa (16 bit)
Operazioni aritmetiche con due numeri a 16 bit. Il risultato si trova in ACCU1-L.
Operazione
Operando
Significato
Lunghezza
in
parole
Tempo di esecuzione tipico in ms
+I
–
Addiziona 2 numeri interi (16 bit)
(ACCU1-L)=(ACCU1-L)+
(ACCU2-L)
1
0,5
–I
–
Sottrai 2 numeri interi (16 bit)
(ACCU1-L)=(ACCU2-L)–
(ACCU1-L)
1
0,7
*I
–
Moltiplica 2 numeri interi (16 bit)
(ACCU1-L)=(ACCU2-L)*
(ACCU1-L)
1
1,0
/I
–
Dividi 2 numeri interi (16 bit)
(ACCU1-L)=(ACCU2-L):
(ACCU1-L)
In ACCU1-H si trova il resettaggio della divisione.
1
1,2
Parola di stato per:
+I, –I,*I, /I
BIE
A1
A0
OV
OS
OR
STA
RLC
/ER
L’operazione dipende da:
–
–
–
–
–
–
–
–
–
L’operazione incide su:
–
sì
sì
sì
sì
–
–
–
–
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
A-33
Lista operazioni
A.24
Aritmetica a virgola fissa (32 bit)
Operazioni aritmetiche con due numeri a 32 bit. Il risultato si trova in ACCU1.
Operazione
Operando
Significato
Lunghezza
in
parole
Tempo di esecuzione tipico in ms
+D
–
Addiziona 2 numeri interi (32 bit)
(ACCU1)=(ACCU2)+(ACCU1)
1
0,7
–D
–
Sottrai 2 numeri interi (32 bit)
(ACCU1)=(ACCU2)–(ACCU1)
1
1,0
*D
–
Moltiplica 2 numeri interi (32 bit)
(ACCU1)=(ACCU2)*(ACCU1)
1
3,5
/D
–
Dividi 2 numeri interi (32 bit)
(ACCU1)=(ACCU2):(ACCU1)
1
2,7
MOD
–
Dividi 2 numeri interi (32 bit) e carica resettaggio
della divisione in ACCU1:
(ACCU1)=reset di [(ACCU2):(ACCU1)]
1
1,9
Parola di stato per:
+D, –D,*D, /D, MOD
BIE
A1
A0
OV
OS
OR
STA
RLC
/ER
L’operazione dipende da:
–
–
–
–
–
–
–
–
–
L’operazione incide su:
–
sì
sì
sì
sì
–
–
–
–
A-34
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Lista operazioni
A.25
Aritmetica a virgola mobile (32 bit)
Il risultato delle operazioni aritmetiche è contenuto in ACCU1. Il tempo di esecuzione
dell’operazione dipende dal valore da calcolare.
Operazione
Operando
Significato
Lunghezza
in
parole
Tempo di esecuzione tipico in ms
+R
–
Somma 2 numeri in virgola mobile (32 bit)
(ACCU1)=(ACCU2)+(ACCU1)
1
< 15
–R
–
Sottrai 2 numeri in virgola mobile (32 bit)
(ACCU1)=(ACCU2)–(ACCU1)
1
< 15
*R
–
Moltiplica 2 numeri in virgola mobile (32 bit)
(ACCU1)=(ACCU2)*(ACCU1)
1
< 12
/R
–
Dividi 2 numeri in virgola mobile (32 bit)
(ACCU1)=(ACCU2):(ACCU1)
1
< 15
Parola di stato per:
+R, –R,*R, /R
BIE
A1
A0
OV
OS
OR
STA
RLC
/ER
L’operazione dipende da:
–
–
–
–
–
–
–
–
–
L’operazione incide su:
–
sì
sì
sì
sì
–
–
–
–
NEGR –
Nega numero in virgola mobile in ACCU1
1
0,3
ABS
Valore assoluto di un numero in virgola mobile in
ACCU1
1
0,3
–
Parola di stato per:
NEGR, ABS
BIE
A1
A0
OV
OS
OR
STA
RLC
/ER
L’operazione dipende da:
–
–
–
–
–
–
–
–
–
L’operazione incide su:
–
–
–
–
–
–
–
–
–
A.26
Somma di costanti
Addizione di costanti intere ad ACCU1. Queste operazioni non incidono sui bit della parola di
stato.
Operazione
Operando
Significato
Lunghezza
in
parole
Tempo di esecuzione tipico in ms
+
i8
Addiziona una costante di numero intero a 8 bit
1
0,1
+
i16
Addiziona una costante di numero intero a 16 bit
2
0,1
+
i32
Addiziona una costante di numero intero a 32 bit
3
0,2
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
A-35
Lista operazioni
A.27
Addizione tramite registro di indirizzi
Addizione di un numero intero (16 bit) al contenuto del registro di indirizzi. Il valore si trova
nell’operazione o in ACCU 1-L. Queste operazioni non incidono sui bit della parola di stato.
Opera
razione
+AR1
+AR1
M
+AR2
+AR2
A.28
Lunghezza
in
parole
Tempo di esecuzione titi
pico in ms
Addiziona contenuto di ACCU1-L ad AR1
1
0,1
Addiziona costante puntatore ad AR1
2
0,2
Addiziona contenuto di ACCU1-L ad AR2
1
0,1
Addiziona costante puntatore ad AR2
2
0,2
Ope
Operando
M
Significato
Operazioni di confronto con numeri interi (16 bit)
Confronto del numero intero (16 bit) in ACCU1-L e ACCU2-L. RLC=1 se la condizione viene
soddisfatta.
Operazione
Operando
Significato
Lunghezza
in
parole
Tempo di esecuzione tipico in ms
==I
ACCU2-L=ACCU1-L
1
0,6
<>I
ACCU2-L0ACCU1-L
1
0,7
<I
ACCU2-L<ACCU1-L
1
0,7
<=I
ACCU2-L<=ACCU1-L
1
0,6
>I
ACCU2-L>ACCU1-L
1
0,5
>=I
ACCU2-L>=ACCU1-L
1
0,6
Parola di stato per:
==I, <>I, <I, <=I, >I,
>=I
BIE
A1
A0
OV
OS
OR
STA
RLC
/ER
L’operazione dipende da:
–
–
–
–
–
–
–
–
–
L’operazione incide su:
–
sì
sì
0
–
0
sì
sì
1
A-36
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Lista operazioni
A.29
Operazioni di confronto con numeri interi (32 bit)
Confronto del numero intero (32 bit) in ACCU1 e ACCU2. RLC=1 se la condizione è
soddisfatta.
Operazione
Operando
Significato
Lunghezza
in
parole
Tempo di esecuzione tipico in ms
==D
ACCU2=ACCU1
1
0,6
<>D
ACCU20ACCU1
1
0,6
<D
ACCU2<ACCU1
1
0,6
<=D
ACCU2<=ACCU1
1
0,6
>D
ACCU2>ACCU1
1
0,6
>=D
ACCU2>=ACCU1
1
0,6
Parola di stato per:
==D,< >D, <D, <=D,
>D, >=D
BIE
A1
A0
OV
OS
OR
STA
RLC
/ER
L’operazione dipende da:
–
–
–
–
–
–
–
–
–
L’operazione incide su:
–
sì
sì
0
–
0
sì
sì
1
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
A-37
Lista operazioni
A.30
Operazioni di confronto (numeri in virgola mobile a 32 bit)
Confronto del numero in virgola mobile a 32 bit in ACCU1 e ACCU2. RLC=1 se la
condizione è soddisfatta. Il tempo di esecuzione dell’operazione dipende dal valore da
confrontare.
Operazione
Operando
Significato
Lunghezza
in
parole
Tempo di esecuzione tipico in ms
==R
ACCU2=ACCU1
1
8,4
<>R
ACCU20ACCU1
1
8,4
<R
ACCU2<ACCU1
1
8,5
<=R
ACCU2<=ACCU1
1
8,3
>R
ACCU2>ACCU1
1
8,4
>=R
ACCU2>=ACCU1
1
8,4
Parola di stato per:
==R,< >R, <R, <=R,
>R, >=R
BIE
A1
A0
OV
OS
OR
STA
RLC
/ER
L’operazione dipende da:
–
–
–
–
–
–
–
–
–
L’operazione incide su:
–
sì
sì
sì
sì
0
sì
sì
1
A-38
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Lista operazioni
A.31
Operazioni di spostamento
Sposta il contenuto di ACCU1 o ACCU1-L del numero di posizioni indicato verso
sinistra/destra. Se non è stato indicato un operando, sposta il contenuto in ACCU2-LL. Le
posizioni che restano vuote vengono riempite con zeri o con il segno. Il bit spostato per
ultimo si trova nel bit di visualizzazione A1.
Operazione
Operando
SLW
SLW
Sposta contenuto da ACCU1-L verso sinistra
1,1
1,2
1
0,9
0 ... 15
0,3
Sposta contenuto da ACCU1 verso destra
1
1,1
0 ... 32
0 ... 15
SSD
SSD
1
Sposta contenuto da ACCU1-L verso destra
SSI
SSI
0,9
0 ... 32
SRD
SRD
1
0,3
Sposta contenuto da ACCU1 verso sinistra
SRW
SRW
Tempo di esecuzione tipico in ms
0 ... 15
SLD
SLD
Significato
Lunghezza
in
parole
0 ... 32
1,2
Sposta contenuto da ACCU1-L con segno verso
d t
destra
1
Sposta contenuto da ACCU1 con segno verso
d t
destra
1
Parola di stato per:
SLW, SLD, SRW,
SRD, SSI, SSD
0,8
0,3
1,1
1,2
BIE
A1
A0
OV
OS
OR
STA
RLC
/ER
L’operazione dipende da:
–
–
–
–
–
–
–
–
–
L’operazione incide su:
–
sì
sì
sì
–
–
–
–
–
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
A-39
Lista operazioni
A.32
Operazioni di rotazione
Ruota il contenuto di ACCU1 del numero di posizioni indicato verso sinistra/destra. Se non è
stato indicato un operando, ruota il contenuto in ACCU2-LL.
Operazione
Operando
RLD
RLD
Fai ruotare contenuto di ACCU1 verso sinistra
Tempo di esecuzione tipico in ms
1
1,0
0 ... 32
RRD
RRD
Significato
Lunghezza
in
parole
1,5
Fai ruotare contenuto di ACCU1 verso destra
1
1,0
0 ... 32
1,1
Parola di stato per:
RLD, RRD
BIE
A1
A0
OV
OS
OR
STA
RLC
/ER
L’operazione dipende da:
–
–
–
–
–
–
–
–
–
L’operazione incide su:
–
sì
sì
sì
–
–
–
–
–
RLDA
Fai ruotare di una posizione di bit il contenuto da
ACCU1 verso sinistra tramite il bit di visualizzazione A1
0,7
RRDA
Fai ruotare di una posizione di bit il contenuto da
ACCU1 verso destra tramite il bit di visualizzazione A1
0,8
Parola di stato per:
RLDA, RRDA
BIE
A1
A0
OV
OS
OR
STA
RLC
/ER
L’operazione dipende da:
–
–
–
–
–
–
–
–
–
L’operazione incide su:
–
sì
0
0
–
–
–
–
–
A-40
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Lista operazioni
A.33
Operazioni di trasferimento ACCU, incremento, decremento
Parola di stato
Queste operazioni non incidono sulla parola di stato.
Operazione
Operando
Significato
Lunghezza
in
parole
Tempo di esecuzione tipico in ms
TAW
Inversione dell’ordine dei byte in ACCU1-L.
LL, LH diventa LH, LL.
1
0,1
TAD
Inversione dell’ordine dei byte in ACCU1.
LL, LH, HL, HH diventa HH, HL, LH, LL.
1
0,2
TAK
Sostituzione dei contenuti di ACCU1 e ACCU2
1
0,3
PUSH
Il contenuto di ACCU1 viene trasferito in ACCU2
1
0,1
POP
Il contenuto di ACCU2 viene trasferito in ACCU1
1
0,1
INC
0 ... 255
Incrementa ACCU1-LL
1
0,1
DEC
0 ... 255
Decrementa ACCU1-LL
1
0,1
A.34
Comando di visualizzazione del programma, comando di
nessuna operazione
Parola di stato
Queste operazioni non incidono sulla parola di stato.
Operazione
Operando
Significato
Lunghezza
in
parole
Tempo di esecuzione tipico in ms
BLD
0 ... 255
Comando di visualizzazione del programma;
viene trattato dalla CPU come un comando di nessuna operazione.
Queste operazioni non incidono sui bit della parola
di stato.
1
0,1
NOP
0
1
Operazione nulla;
queste operazioni non incidono sui bit della parola
di stato.
1
0,1
0,1
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
A-41
Lista operazioni
A.35
Operazioni di conversione del tipo di dati
Risultato
I risultati della conversione sono in ACCU1.
Per la conversione di numeri in virgola mobile, il tempo di esecuzione dipende dal valore.
Operazione
Operando
Significato
Lunghezza
in
parole
Tempo di esecuzione tipico in ms
BTI
–
Converti ACCU1 da BCD a numero intero (16 bit)
(BCD To Int)
1
1,9
BTD
–
Converti ACCU1 da BCD a numero intero (32 bit)
(BCD To Doubleint)
1
4,1
DTR
–
Converti ACCU1 da numero intero (32 bit) a Real
(32 bit) (Doubleint To Real)
1
3,1
ITD
–
Converti ACCU1 da numero intero (16 bit) a numero intero (32 bit) (Int To Doubleint)
1
0,1
Parola di stato per:
BTI, BTD, DTR, ITD
BIE
A1
A0
OV
OS
OR
STA
RLC
/ER
L’operazione dipende da:
–
–
–
–
–
–
–
–
–
L’operazione incide su:
–
–
–
–
–
–
–
–
–
ITB
–
Converti ACCU1 da numero intero (16 bit) a BCD
(Int To BCD)
1
2,1
DTB
–
Converti ACCU1 da numero intero (32 bit) a BCD
(Doubleint To BCD)
1
4,8
BIE
A1
A0
OV
OS
OR
STA
RLC
/ER
L’operazione dipende da:
–
–
–
–
–
–
–
–
–
L’operazione incide su:
–
–
–
sì
sì
–
–
–
–
Parola di stato per:
ITB, DTB
RND
–
Converti numero in virgola mobile in numero intero
a 32 bit.
1
3,4
RND–
–
Converti numero in virgola mobile in numero intero
a 32 bit. Il risultato viene arrotondato al numero
intero inferiore.
1
3,5
RND+
–
Converti numero in virgola mobile in numero intero
a 32 bit. Il risultato viene arrotondato al numero
intero inferiore.
1
3,5
TRUNC –
Converti numero in virgola mobile in numero intero
a 32 bit. Il risultato viene arrotondato senza decimali.
1
3,3
Parola di stato per:
RND, RND–, RND+,
TRUNC
BIE
A1
A0
OV
OS
OR
STA
RLC
/ER
L’operazione dipende da:
–
–
–
–
–
–
–
–
–
L’operazione incide su:
–
–
–
sì
sì
–
–
–
–
A-42
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Lista operazioni
A.36
Operazione
Complemento
Operando
Significato
Lunghezza
in
parole
Tempo di esecuzione tipico in ms
INVI
Complemento a uno di ACCU1-L
1
0,1
INVD
Complemento a uno di ACCU1
1
0,1
Parola di stato per:
INVI, INVD
BIE
A1
A0
OV
OS
OR
STA
RLC
/ER
L’operazione dipende da:
–
–
–
–
–
–
–
–
–
L’operazione incide su:
–
–
–
–
–
–
–
–
–
NEGI
Complemento a due di ACCU1-L (numero intero a
16 bit)
1
0,6
NEGD
Complemento a due di ACCU1
(numero intero a 32 bit)
1
1,7
Parola di stato per:
NEGI, NEGD
BIE
A1
A0
OV
OS
OR
STA
RLC
/ER
L’operazione dipende da:
–
–
–
–
–
–
–
–
–
L’operazione incide su:
–
sì
sì
sì
sì
–
–
–
–
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
A-43
Lista operazioni
A.37
Opera
zione
CALL
UC
Operazioni di richiamo dei blocchi
Operando
Lun
g
ghezza
in
parole
Significato
FC
Richiamo incondizionato di una funzione
1
SFC
Richiamo incondizionato di una funzione del sistema operativo
2
FC
Richiamo incondizionato di blocchi senza parametri
1**/2
Parola di stato per:
CALL, UC
Tempo di esecuzione tipico
in ms
IndirizzaIndirizzamento dimento indiretto
retto*
8,2
-
Tempi di esecuzione, vedere
appendice B
6,0
6,4+
BIE
A1
A0
OV
OS
OR
STA
RLC
/ER
L’operazione dipende da:
–
–
–
–
–
–
–
–
–
L’operazione incide su:
–
–
–
–
0
0
1
–
0
FC
Richiamo condizionato di blocchi senza parametri
1**/2
Parola di stato per:
CC
BIE
A1
A0
OV
OS
OR
STA
RLC
/ER
L’operazione dipende da:
–
–
–
–
–
–
–
sì
–
L’operazione incide su:
–
–
–
–
0
0
1
–
0
CC
AUF
DB
Apri blocco dati
Param.
DB
Apri blocco dati (indirizzato tramite parametri)
2
DI
Apri blocco datidi istanza
2
Parola di stato per:
AUF
6,2
6,6+
1**/2
0,7
1,2+
BIE
A1
A0
OV
OS
OR
STA
RLC
/ER
L’operazione dipende da:
–
–
–
–
–
–
–
–
–
L’operazione incide su:
–
–
–
–
–
–
–
–
–
* + tempo di caricamento dell’indirizzo dell’operando
** con indirizzamento diretto dell’operando
A-44
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Lista operazioni
A.38
Operazione
Operazioni di fine blocco
Operando
Lunghezza
in
parole
Significato
BE
Fine blocco
BEA
Fine blocco assoluto
Tempo di esecuzione tipico in ms
1
Parola di stato per:
BE, BEA
2,2
1
2,2
BIE
A1
A0
OV
OS
OR
STA
RLC
/ER
L’operazione dipende da:
–
–
–
–
–
–
–
–
–
L’operazione incide su:
–
–
–
–
0
0
1
–
0
BEB
Fine blocco condizionato se RLC=”1”
Parola di stato per:
BEB
2,3
BIE
A1
A0
OV
OS
OR
STA
RLC
/ER
L’operazione dipende da:
–
–
–
–
–
–
–
sì
–
L’operazione incide su:
–
–
–
–
sì
0
1
1
0
A.39
Sostituisci blocchi dati
Sostituzione dei due blocchi dati attuali. Il blocco dati attuale diventa blocco dati attuale di
istanza e viceversa. Queste operazioni non incidono sui bit della parola di stato.
Operazione
TDB
Operando
Significato
Sostituisci blocchi dati
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Lunghezza
in
parole
Tempo di esecuzione tipico in ms
1
0,1
A-45
Lista operazioni
A.40
Operazioni di salto
Salto, dipendente dalla condizione. Per gli operandi a 8 bit, l’ampiezza di salto è compresa
nell’intervallo (–128 ... +127). Per gli operandi a 16 bit, l’ampiezza di salto è compresa
nell’intervallo (–32768 ... –129) o (+128 ... +32767).
Avvertenza su SPB
Nei programmi per l’IM 151-7 CPU assicurarsi che la destinazione del salto sia sempre
all’inizio di una sequenza di operazioni logiche. La destinazione di salto non deve trovarsi
all’interno della sequenza di operazioni logiche.
Operazione
SPA
Operando
Etichetta
Significato
Salto incondizionato
Parola di stato per:
SPA
Lunghezza
in
parole
Tempo di esecuzione tipico
in ms
1*/2
2,0
BIE
A1
A0
OV
OS
OR
STA
RLC
/ER
L’operazione dipende da:
–
–
–
–
–
–
–
–
–
L’operazione incide su:
–
–
–
–
–
–
–
–
–
SPB
Etichetta
Salto condizionato se RLC=”1”
1*/2
2,0
SPBN
Etichetta
Salto condizionato se RLC=”0”
2
2,0
Parola di stato per:
SPB, SPBN
BIE
A1
A0
OV
OS
OR
STA
RLC
/ER
L’operazione dipende da:
–
–
–
–
–
–
–
sì
–
L’operazione incide su:
–
–
–
–
–
0
1
1
0
SPBB
Etichetta
Salto condizionato se RLC=”1”
Salva RLC nel bit BIE
2
2,0
SPBNB Etichetta
Salto condizionato se RLC=”0”
Salva RLC nel bit BIE
2
2,0
Parola di stato per:
SPBB, SPBNB
BIE
A1
A0
OV
OS
OR
STA
RLC
/ER
L’operazione dipende da:
–
–
–
–
–
–
–
sì
–
L’operazione incide su:
sì
–
–
–
–
0
1
1
0
SPBI
Etichetta
Salto condizionato se BIE=”1”
2
2,0
SPBIN
Etichetta
Salto condizionato se BIE=”0”
2
2,0
Parola di stato per:
SPBI, SPBIN
*
BIE
A1
A0
OV
OS
OR
STA
RLC
/ER
L’operazione dipende da:
sì
–
–
–
–
–
–
–
–
L’operazione incide su:
–
–
–
–
–
0
1
–
0
1 parola di lunghezza se l’ampiezza di salto è compresa tra –128 e +127
A-46
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Lista operazioni
Operazione
SPO
Operando
Etichetta
Significato
Tempo di esecuzione tipico in ms
1*/2
2,0
Salto condizionato se overflow con memoria
(OV=”1”)
Parola di stato per:
SPO
BIE
A1
A0
OV
OS
OR
STA
RLC
/ER
L’operazione dipende da:
–
–
–
sì
–
–
–
–
–
L’operazione incide su:
–
–
–
–
–
–
–
–
–
SPS
Etichetta
Salto condizionato se overflow con memoria
(OS=”1”)
Parola di stato per:
SPS
2
2,0
BIE
A1
A0
OV
OS
OR
STA
RLC
/ER
L’operazione dipende da:
–
–
–
–
sì
–
–
–
–
L’operazione incide su:
–
–
–
–
0
–
–
–
–
2
2,0
SPU
Etichetta
Salta se operazione non ammessa (A1=1 e A0=1)
SPZ
Etichetta
Salto condizionato se risultato=0 (A1=0 e A0=0)
1*/2
2,0
SPP
Etichetta
Salto condizionato se risultato>0 (A1=1 e A0=0)
1*/2
2,0
SPM
Etichetta
Salto condizionato se risultato<0 (A1=0 e A0=1)
1*/2
2,0
SPN
Etichetta
Salto condizionato se risultato00 (A1=1 e A0=0) o
(A1=0) e (A0=1)
1*/2
2,0
SPMZ
Etichetta
Salto condizionato se risultatov0 (A1=0 e A0=1) o
(A1=0 e A0=0)
2
2,0
SPPZ
Etichetta
Salto condizionato se risultatow0 (A1=1 e A0=0) o
(A1=0) e (A0=0)
2
2,0
Parola di stato per:
SPU, SPZ, SPP, SPM,
SPN, SPMZ, SPPZ
BIE
A1
A0
OV
OS
OR
STA
RLC
/ER
L’operazione dipende da:
–
sì
sì
–
–
–
–
–
–
L’operazione incide su:
–
–
–
–
–
–
–
–
–
SPL
Etichetta
Distributore di salto
L’operazione è seguita da una lista di operazioni di
salto.
L’operando è un’etichetta di salto all’operazione
che segue la lista.
ACCU1-L contiene il numero dell’operazione di
salto da eseguire
2
2,8
LOOP
Etichetta
Decrementa ACCU1-L e salta se ACCU1-L00
(programmazione di loop)
2
2,2
Parola di stato per:
SPL, LOOP
*
Lunghezza
in
parole
BIE
A1
A0
OV
OS
OR
STA
RLC
/ER
L’operazione dipende da:
–
–
–
–
–
–
–
–
–
L’operazione incide su:
–
–
–
–
–
–
–
–
–
1 parola di lunghezza se l’ampiezza di salto è compresa tra –128 e +127
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
A-47
Lista operazioni
A.41
Operazioni per il Relè Master Control (MCR)
Il Relè Master Control scrive il valore “0” o lascia invariato il contenuto della memoria.
MCR=0³MCR disattivato
MCR=1³MCR attivo; l’operazione “T” scrive uno zero negli operandi corrispondenti; le
operazioni “S”/“R” lasciano invariato il contenuto della memoria.
Operazione
Operando
MCR(
Significato
Apri zona MCR.
Salva RLC nello stack MCR.
Parola di stato per:
MCR(
Lunghezza
in
parole
Tempo di esecuzione tipico in ms
1
0,8
BIE
A1
A0
OV
OS
OR
STA
RLC
/ER
L’operazione dipende da:
–
–
–
–
–
–
–
sì
–
L’operazione incide su:
–
–
–
–
–
0
1
–
0
)MCR
Chiudi zona MCR.
Cancella una registrazione dallo stack MCR.
Parola di stato per:
)MCR
1
0,8
BIE
A1
A0
OV
OS
OR
STA
RLC
/ER
L’operazione dipende da:
–
–
–
–
–
–
–
–
–
L’operazione incide su:
–
–
–
–
–
0
1
–
0
MCRA
Attiva MCR
1
0,1
MCRD
Disattiva MCR
1
0,1
Parola di stato per:
MCRA, MCRD
BIE
A1
A0
OV
OS
OR
STA
RLC
/ER
L’operazione dipende da:
–
–
–
–
–
–
–
–
–
L’operazione incide su:
–
–
–
–
–
–
–
–
–
A-48
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Lista operazioni
A.42
Lista di stato del sistema (SZL)
Possibili liste di stato del sistema SZL
La tabella seguente contiene tutte le possibili liste di stato del sistema con i rispettivi estratti
e gli ID SZL.
I particolari relativi alla lettura della SZL p. es. con la SFC 51 e i dettagli sul suo contenuto
sono riportati nella seguente documentazione:
• manuale di riferimento Software di sistema per S7-300/400 capitolo Funzioni standard e
di sistema della lista di stato del sistema SZL oppure
• nella Guida online di STEP 7, Guida rapida agli SFB e alle SFC.
Tabella A-1
Liste di stato del sistema (SZL) dell’IM 151-7 CPU
ID SZL
Lista di stato
del sistema
Lista di stato del sistema
Estratto della lista di stato del
sistema
ID SZL
Estratto
Identificazione dell’unità
W#16#xy11
Identificazione della CPU
W#16#0111
Caratteristiche della CPU
W#16#xy12
Tutte le caratteristiche
W#16#0012
Caratteristiche di un gruppo
W#16#0112
Solo informazioni dell’intestazione
delle liste SZL
W#16#0F12
Aree di memoria utente
W#16#xy13
Set di dati di tutte le aree di
memoria utente
W#16#0013
Aree di sistema
W#16#xy14
Set di dati di tutte le aree di sistema
W#16#0014
Tipi di blocco
W#16#xy15
Set di dati di tutti i tipi di blocco
W#16#0015
Set di dati di tutti gli OB
W#16#0115
Stato di tutti i LED
W#16#0019
Solo informazioni dell’intestazione
delle liste SZL
W#16#0F19
Stato dei LED dell’unità
W#16#xy19
Stato dell’allarme
W#16#xy22
Set di dati dell’allarme indicato
W#16#0222
Comunicazione: dati di stato
W#16#xy32
Dati sullo stato di una parte di
comunicazione
W#16#0132
Dati sullo stato di una parte di
comunicazione
W#16#0232
Stato di tutti i LED
W#16#0074
Stato di un LED
W#16#0174
Solo informazioni dell’intestazione
delle liste SZL
W#16#0F74
Informazione sullo stato dell’unità di
tutti i moduli innestati
W#16#0A91
Informazione sullo stato di un’unità
nella configurazione centrale o in
un’interfaccia DP integrata
W#16#0C91
Stato dei LED dell’unità
Informazione sullo stato dell’unità
W#16#xy74
W#16#xy91
Informazione sullo stato di tutte le
unità nel telaio di montaggio/nella
stazione DP indicati
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
W#16#0D91
A-49
Lista operazioni
Tabella A-1
Liste di stato del sistema (SZL) dell’IM 151-7 CPU
Lista di stato del sistema
Informazione sullo stato del telaio di
montaggio/della stazione
ID SZL
Lista di stato
del sistema
W#16#xy92
Estratto della lista di stato del
sistema
Stato prefissato nella
configurazione centrale del sistema
master
Stato attuale nella configurazione
centrale del sistema master
Stato OK delle apparecchiature di
ampliamento del sistema master
Solo informazioni dell’intestazione
delle liste SZL
Buffer di diagnostica
W#16#xyA0
ID SZL
Estratto
W#16#0092
W#16#0292
W#16#0692
W#16#0F92
Tutte le registrazioni disponibili
nello stato di funzionamento
W#16#00A0
Le registrazioni più recenti
W#16#01A0
Informazione di diagnostica
dell’unità (DS 0)
W#16#00B1
–
–
Informazione di diagnostica
dell’unità (DS 1), indirizzo fisico
W#16#00B2
–
–
Informazione di diagnostica
dell’unità (DS 1), indirizzo logico
W#16#00B3
–
–
A-50
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Tempi di esecuzione delle SFC e degli SFB
B
Il modulo IM 151-7 CPU mette a disposizione diverse funzioni e blocchi funzionali di sistema
p. es. per l’elaborazione del programma e la diagnostica. Queste funzioni di sistema e i
blocchi funzionali di sistema si richiamano nel programma utente con i numeri delle SFC.
La descrizione dettagliata delle funzioni e dei blocchi funzionali di sistema è contenuta nel
manuale di riferimento STEP 7 – Funzioni standard e di sistema. Il manuale descrive il
richiamo delle funzioni di sistema e l’assegnazione dei parametri.
B.1
Funzioni di sistema (SFC)
N. di
SFC
Nome
Descrizione
Tempo di esecuzione in ms
0
SET_CLK
Impostazione dell’orologio
195
1
READ_CLK
Lettura dell’orologio
60
2
SET_RTM
Impostazione del contatore delle ore di esercizio
65
3
CTRL_RTM
Ávvio / arresto del contatore delle ore di esercizio
60
4
READ_RTM
Lettura del contatore delle ore di esercizio
90
5
GADR_LGC
Determinazione dell’indirizzo libero del canale x dell’unità degli ingressi e delle uscite nel posto connettore y.
135
6
RD_SINFO
Lettura dell’informazione di start dell’OB attuale.
110
7
DP_PRAL
Attivazione di un interrupt di processo dal programma utente della
CPU come slave DP verso il master DP.
90
12
D_ACT_DP
Disattivazione e attivazione di slave DP
410
14
DPRD_DAT
Lettura di dati utili coerenti
150
15
DPWR_DAT
Scrittura di dati utili coerenti
150
17
ALARM_SQ
Creazione di messaggi riferiti ai blocchi confermabili
250
18
ALARM_S
Creazione di messaggi riferiti ai blocchi non confermabili
250
19
ALARM_SC
Determinazione dello stato di conferma dell’ultimo messaggio
ALARM_SQ arrivato
110
20
BLKMOV
Copia di variabili di qualunque tipo
Avvertenza: la SFC 20 può essere utilizzata solamente nel caso di
DB rilevanti per l’esecuzione; ciò sta ad indicare che nelle proprietà
dell’oggetto non è selezionata l’opzione “Unlinked”. In caso contrario
viene inviato come RET_VAL il codice di errore W#16#8092
(=blocco non rilevante per l’esecuzione).
75
+1,6 per ciascun byte
21
FILL
Preassegnazione di un campo
75
+2,2 per ciascun byte
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
B-1
Tempi di esecuzione delle SFC e degli SFB
N. di
SFC
Nome
Descrizione
Tempo di esecuzione in ms
22
CREATE_DB
Creazione di un blocco dati
23
DEL_DB
Cancellazione di un blocco dati
402
24
TEST_DB
Test di un blocco dati
110
28
SET_TINT
Impostazione di un allarme dall’orologio
160
29
CAN_TINT
Annullamento di un allarme dall’orologio
70
30
ACT_TINT
Attivazione di un allarme dall’orologio
120
31
QRY_TINT
Interrogazione di un allarme dall’orologio
75
32
SRT_DINT
Avvio di un allarme di ritardo
75
33
CAN_DINT
Annullamento di un allarme di ritardo
50
34
QRY_DINT
Interrogazione di un allarme di ritardo
71
36
MSK_FLT
Mascheramento di eventi di errore sincrono
110
37
DMSK_FLT
Abilitazione di eventi di errore sincrono
120
38
READ_ERR
Interrogazione e cancellazione di eventi di errore di programmazione
e di accesso sopravvenuti e inibuiti inibiti
120
39
DIS_IRT
Inibizione dell’elaborazione di nuovi eventi di interrupt
155
40
EN_IRT
Abilitazione dell’elaborazione di nuovi eventi di interrupt
105
41
DIS_AIRT
Ritardo dell’elaborazione di eventi di interrupt
45
42
EN_AIRT
Abilitazione dell’elaborazione di eventi di interrupt
45
43
RE_TRIGR
Riattivazione del controllo del tempo di ciclo
40
44
REPL_VAL
Copia del valore sostitutivo in ACCU 1 sul livello causa dell’errore
50
46
STP
Passaggio della CPU allo stato STOP
47
WAIT
Realizzazione di tempi di attesa
250
49
LGC_GADR
Conversione di un indirizzo libero nel corrispondente posto connettore nonché nel telaio di montaggio di un’unità
210
50
RD_LGADR
Determinazione di tutti gli indirizzi liberi dichiarati di un’unità
420
51
RDSYSST
Lettura delle informazioni della lista di stato del sistema
L’SFC 51 non può essere interrotta da allarmi.
52
WR_USMSG
Registrazione nel buffer di diagnostica di informazioni di diagnostica
selezionabili
235
55
WR_PARM
Scrittura di parametri dinamici in un’unità
(attualmente senza applicazione poiché tutti i parametri delle unità
sono statici)
1700
56
WR_DPARM
Scrittura di parametri dinamici predefiniti in un’unità
(attualmente senza applicazione poiché tutti i parametri delle unità
sono statici)
1750
57
PARM_MOD
Parametrizzazione di un’unità
58
WR_REC
Scrittura di un set di dati specifico dell’unità
(attualmente senza applicazione poiché non esiste un modulo per il
quale poter scrivere set di dati utili)
59
RD_REC
Lettura di un set di dati specifico dell’unità
(attualmente soltanto lettura dei set di dati di diagnostica 0 e 1)
B-2
110
+3,5 per ciascun DB
Nessuna indicazione
224
+10 per ciascun byte
t 1400
1400
+32 per ciascun byte
500
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Tempi di esecuzione delle SFC e degli SFB
N. di
SFC
Nome
Descrizione
Tempo di esecuzione in ms
64
TIME_TCK
Lettura del tempo di sistema con una precisione di 10 ms
50
65
X_SEND
Invio sicuro di dati a nodi al di fuori della stazione S7
310
66
X_RCV
Ricezione sicura di dati da nodi al di fuori della stazione S7
120
67
X_GET
Lettura di dati da un nodo al di fuori della stazione S7
190
68
X_PUT
Scrittura di dati in un nodo al di fuori della stazione S7
190
69
X_ABORT
Annullamento di un collegamento esistente con un nodo al di fuori
della stazione S7
100
72
I_GET
Lettura di dati da un nodo all’interno della stazione S7
190
73
I_PUT
Scrittura di dati in un nodo all’interno della stazione S7
190
74
I_ABORT
Annullamento di un collegamento esistente con un nodo all’interno
della stazione S7
100
81
UBLKMOV
Copia di una variabile che non può essere interrotta
82
CREA_DBL
Creazione di un blocco dati nella memoria di caricamento
t 1050
83
READ_DBL
Lettura da un blocco dati nella memoria di caricamento
t 950
84
WRIT_DBL
Scrittura in un blocco dati nella memoria di caricamento
t 900
101
RTM
Impostazione/avvio/arresto/lettura del contatore delle ore di esercizio
102
RD_DPARA
Lettura dei parametri predefiniti
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
75
+2 per ciascun
byte
t 1500
B-3
Tempi di esecuzione delle SFC e degli SFB
B.2
Blocchi funzionali di sistema (SFB)
N. di
SFB
Nome
Descrizione
Tempo di esecuzione in ms
Contatore IEC
0
CTU
Conteggio in avanti. Il contatore subisce un incremento di 1 a ogni fronte
di salita.
90
1
CTD
Conteggio all’indietro. Il contatore subisce un decremento di 1 a ogni
fronte di salita.
90
2
CTUD
Conteggio in avanti e all’indietro.
100
Temporizzatori IEC
3
TP
Creazione di un impulso della durata PT.
115
4
TON
Ritardo di un fronte di salita della durata PT.
101
5
TOF
Ritardo di un fronte di discesa della durata PT.
100
Realizzazione di una catena sequenziale
32
DRUM
Realizzazione di una catena sequenziale con max. 16 fasi.
80
SFB secondo la norma IEC 61784-1:2002 Ed1 CP 3/1
52
RDREC
Lettura set di dati (decentrato/centrale)
53
WRREC
Scrittura set di dati (decentrato/centrale)
54
RALRM
Ricezione allarme (decentrato/centrale)
75
SALRM
Invio allarme al master
B-4
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Posizionamento del modulo IM 151-7 CPU nel
panorama delle CPU
C
Questo capitolo mostra le differenze principali tra due determinate CPU della famiglia
SIMATIC S7-300.
Esso mostra inoltre come modificare per l’IM 151-7 CPUi programmi scritti per le CPU
S7-300.
Sommario del capitolo
Capitolo
Argomento
Pagina
C.1
Differenze tra le CPU S7-300 scelte
C-2
C.2
Trasferimento/Adattamento del programma utente
C-3
Ulteriori informazioni
Ulteriori informazioni sul procedimento di creazione e configurazione dei programmi sono
contenute nei manuali e nella Guida online di STEP 7.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
C-1
Posizionamento del modulo IM 151-7 CPU nel panorama delle CPU
C.1
Differenze tra le CPU S7-300 scelte
La tabella seguente mostra le più importanti differenze di programmazione tra due CPU della
famiglia SIMATIC S7-300 e l’IM 151-7 CPU.
Tabella C-1 Differenze tra le CPU S7-300 scelte
Caratteristiche
CPU 315-2 DP CPU 315-2 DP
(
(modulare)
d l
)
IM 151-7 CPU
(6ES7 151-7Ax00- (6ES7 151-7Ax100AB0)
0AB0)
Orologio hardware
Hardware
Hardware
Software
Hardware
Bufferizzazione della memoria
sì, batteria
garantita da
MMC (esente da
manuntenzione)
impossibile
garantita da
MMC (esente
da
manuntenzione)
Scheda di memoria
Memory card
MMC
MMC
MMC
Numero di collegamenti con PG e
OP
4
(dal 10/99: 12)
16
5
max. 12
Impostazione dell’indirizzo
PROFIBUS
Configurazione
hardware
Configurazione
hardware
La
configurazione
hardwaredeve
coincidere con
l’impostazione
dell’indirizzo
Configurazione
hardware
Velocità di trasmissione a PG e OP
187,5 kBaud
(MPI)
187,5 kBaud
(MPI)
12 MBaud (DP)
12 MBaud
(MPI/DP)
12 MBaud (DP)
12 MBaud (DP)
Comunicazione.
PG/OP sì
sì
sì
sì
Comunicazione dati globali sì
sì
no
sì
Comunicazione di base S7 sì
sì
sì (server)
sì
sì
sì (server)
sì (server)
sì
sì
sì
come master DP come master DP
come slave DP
come slave DP
come slave DP
come slave DP
stand alone
stand alone
stand alone
stand alone
Indirizzamento
libero
libero
libero
libero
Tempo di reazione agli allarmi
0,4-1,3 ms
0,3-1,2 ms
inferiore a
20 ms
inferiore a
20 ms
Estrazione/inserimento di unità in
fase di funzionamento
no
no
sì
sì
Comunicazione S7 sì (server)
Comunicazione diretta sì
Campi di impiego con DP
C-2
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Posizionamento del modulo IM 151-7 CPU nel panorama delle CPU
C.2
Trasferimento/Adattamento del programma utente
Introduzione
L’adattamento del programma utente consiste nel rendere utilizzabile a livello decentrato un
programma precedentemente funzionante su un master dell’apparecchiatura centrale. Per
trasferire completamente o in parte un programma esistente dal master a uno slave
intelligente, è possibile che si debbano effettuare alcuni adattamenti. Le operazioni
necessarie per trasferire parti di un programma utente a uno slave intelligente dipendono dal
modo in cui è memorizzata l’assegnazione degli indirizzi degli ingressi e delle uscite negli FB
del programma sorgente.
Gli ingressi e le uscite possono essere utilizzati in modi diversi nelle FC del programma
sorgente. Nella stazione ET 200S attuale è possibile comprimere gli indirizzi, funzione che
tuttavia non è supportata nell’IM 151-7 CPU.
Vedere l’indirizzamento dell’IM 151-7 CPU nel capitolo 3.1.
Trasferimento/Adattamento del programma utentecon indirizzi non compressi
Se si utilizzano FB senza compressione degli indirizzi E/A, è possibile trasferire le parti del
programma necessarie direttamente nell’IM 151-7 CPU, senza alcun adattamento.
DI_1_Modul
DI_2_Modul
Figura C-1
E1.0
A1.0
E1.1
A1.1
E2.0
E2.1
Esempio: FB con indirizzi non compressi
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
C-3
Posizionamento del modulo IM 151-7 CPU nel panorama delle CPU
Trasferimento/Adattamento del programma utentecon indirizzi compressi
Se si copiano FB con indirizzi E/A compressi nell’IM 151-7 CPU, qui non sarà più possibile
assegnare localmente gli indirizzi compressi agli ingressi e alle uscite dei moduli di periferia
poiché la CPU dell’IM 151-7 CPU non è in grado di utilizzare indirizzi compressi. In questo
caso è necessario provvedere al ricablaggio dei rispettivi FB. Il ricablaggio equivale a una
“decompressione” degli indirizzi.
DI_1_Modul
DI_2_Modul
Figura C-2
E1.0
A1.0
E1.1
A1.1
E1.2
E13
Esempio: FB con indirizzi compressi
Ricablaggio
In linea di massima è possibile ricablare i seguenti blocchi e operandi:
• Ingressi, uscite
• Merker, temporizzatori, contatori
• Funzioni, blocchi funzionali
Per il ricablaggio dei segnali, procedere nel modo seguente:
1. Selezionare nel SIMATIC Manager la cartella “Blocchi” nella quale si trovano i blocchi con
gli indirizzi compressi da trasferire nell’IM 151-7 CPU.
2. Selezionare il comando di menu Strumenti ! Ricablaggio.
3. Introdurre nella finestra di dialogo visualizzata “Ricablaggio” le sostituzioni desiderate
(Vecchio operando/Nuovo operando) nella tabella.
Tabella C-2 Esempio: sostituzioni nel menu Strumenti ! Ricablaggio
Vecchio operando
C-4
Nuovo operando
1
E 1.2
E 2.0
2
E 1.3
E 2.1
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Posizionamento del modulo IM 151-7 CPU nel panorama delle CPU
4. Premere il pulsante OK.
Si avvierà il ricablaggio. Al termine del ricablaggio è possibile scegliere, in una finestra di
dialogo, se visualizzare il file contente le informazioni sull’operazione eseguita. Il file con le
informazioni contiene la lista degli operandi, il “Vecchio operando” e il “Nuovo operando”.
Esso mostra inoltre i singoli blocchi con il numero di cablaggi eseguiti per ciascuno di loro.
E1.0
A1.0
E1.0
A1.0
E1.1
A1.1
E1.1
A1.1
E1.2
E2.0
E1.3
E2.1
Figura C-3
Esempio: ricablaggio dei segnali
Se si assegnano simboli agli ingressi e alle uscite in STEP 7 tramite la tabella dei simboli, è
necessario modificare la tabella dei simboli per poter adattare il programma parziale, anche
in questo caso, all’impiego dell’IM 151-7 CPU.
Vedere anche la Guida online di STEP 7.
Trasferimento/adattamento di FB con E/A in una parola di periferia
Se si rappresentano gli indirizzi degli ingressi e delle uscite tramite una parola di periferia in
un blocco funzionale programmato dall’utente, il trasferimento/adattamento del programma
utente richiede un intervento molto maggiore.
Una possibilità consiste nella programmazione di un involucro per l’FB che esegue
l’adattamento consentendo di utilizzare l’FB con l’IM 151-7 CPU. L’altra possibilità consiste
nella riprogrammazione ex novo dell’FB. Si consiglia di ripetere la programmazione dell’FB,
in quanto si tratta di un metodo più facile da realizzare rispetto alla programmazione di un
involucro.
Vedere anche la Guida online di STEP 7.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
C-5
Posizionamento del modulo IM 151-7 CPU nel panorama delle CPU
C-6
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Glossario
ACCU
Gli accumulatori sono registri della → CPU che hanno la funzione di memoria intermedia
per operazioni di caricamento, trasferimento, confronto, calcolo e conversione.
Allarme di diagnostica
Tramite gli allarmi di diagnostica, le unità che supportano funzioni di diagnostica segnalano
alla CPU centrale gli errori di sistema che hanno rilevato.
In SIMATIC S7/M7: quando un errore (p. es. rottura conduttore) viene riconosciuto o
eliminato, l’ET 200S attiva un allarme di diagnostica abilitato precedentemente. La CPU
del master DP interrompe l’elaborazione del programma utente, o di allarmi di classi di
priorità inferiori, ed elabora il blocco di allarme di diagnostica (OB 82).
In SIMATIC S5: l’allarme di diagnostica viene riprodotto all’interno della diagnostica
dell’apparecchiatura. Dall’interrogazione ciclica dei bit nella diagnostica riferita
all’apparecchiatura è possibile riconoscere eventuali errori come p. es. la rottura
conduttore.
Allarme, di diagnostica " allarme di diagnostica
Allarmi
Il sistema operativo della CPU conosce 10 diverse classi di priorità che regolano
l’esecuzione del programma utente. In queste classi di priorità rientrano anche gli allarmi,
p. es. gli allarmi di diagnostica. In seguito all’attivazione di un allarme, il sistema operativo
richiama automaticamente un blocco organizzativo assegnato nel quale l’utene avrà
programmato la reazione desiderata (p. es. in un FB).
Avviamento
Lo stato di funzionamento “Avviamento” si ha nel passaggio dallo stato di funzionamento
STOP allo stato di funzionamento RUN.
Esso può essere attivato per mezzo del selettore dei modi operativi, dopo alimentazione
ON oppure tramite comando nel dispositivo di programmazione. Nell’ET 200S viene
eseguito un nuovo avviamento.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Glossario-1
Glossario
Blocco dati
I blocchi dati (DB) sono aree dati del programma utente che contengono dati dell’utente.
Esistono blocchi dati globali, ai quali si può accedere da tutti i blocchi di codice, e blocchi
dati di istanza, assegnati a un preciso richiamo di FB.
Blocco organizzativo
I blocchi organizzativi (OB) costituiscono l’interfaccia tra il sistema operativo della CPU e il
programma utente. Nei blocchi organizzativi è definita la sequenza di elaborazione del
programma utente.
Buffer di diagnostica
Il buffer di diagnostica è un’area di memoria bufferizzata della CPU nella quale vengono
salvati gli eventi di diagnostica nello stesso ordine in cui essi si sono verificati.
Bus
Via di trasmissione comune alla quale sono collegati tutti i nodi; il bus è provvisto di due
estremità definite.
Nelle stazioni ET 200S il bus è un cavo a due conduttori o a fibre ottiche.
Classe di priorità
Il sistema operativo di una CPU S7 offre al massimo 26 classi di priorità (o “livelli di
elaborazione del programma”) alle quali sono assegnati diversi blocchi organizzativi. Le
classi di priorità stabiliscono quali OB possano interrompere altri OB e quali Ob possono
essere interotti. Se una classe di priorità comprende più OB, essi non si interrompono a
vicenda ma vengono elaborati in sequenza.
Compressione
Con la funzione online “Comprimi” del PG, tutti i blocchi validi nella RAM della CPU
vengono spostati all’inizio della memoria utente, allineati a sinistra e senza lasciare spazi
vuoti. In questo modo si eliminano tutti gli eventuali spazi vuoti che si sono creati
cancellando o correggendo i blocchi.
Comunicazione diretta
La comunicazione diretta è uno speciale rapporto di comunicazione tra i nodi PROFIBUS
DP. La comunicazione diretta è caratterizzata dal fatto che i nodi PROFIBUS DP
partecipano alla comunicazione e “sanno” quali dati uno slave DP sta rimandano al suo
master DP.
Comunicazione diretta
vedere Comunicazione diretta
Glossario-2
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Glossario
Contatore
I contatori sono parte integrante della → memoria di sistema della CPU. Il contenuto delle
“cellule” del contatore può essere modificato con istruzioni di STEP 7 (p. es. conteggio in
avanti / all’indietro).
Controllore a memoria programmabile
I controllori programmabili (PLC) sono controllori elettronici la cui funzione è memorizzata
come programma nell’apparecchiatura di controllo. La configurazione e il cablaggio
dell’apparecchiatura non dipendono quindi dalla funzione del PLC. Il controllore
programmabile ha la stessa struttura di un computer, costituito da una → CPU (unità
centrale) con memoria, unità degli ingressi e delle uscite e un sistema di bus interno. La
periferia e il linguaggio di programmazione sono orientati alle esigenze della tecnica di
comando.
Corrente somma
Somma delle correnti di tutti i canali di uscita di un’unità di uscita digitale.
CPU
Central Processing Unit = unità centrale del sistema di automazione S7 dotata di unità di
controllo e di calcolo, memoria, sistema operativo e interfaccia per dispositivo di
programmazione.
Dati coerenti
I dati che hanno il contenuto in comune e che non possono essere separati vengono
definiti dati coerenti.
I dati delle unità analogiche, p. es., devono sempre essere trattati come dati coerenti, vale
a dire che il valore di un’unità analogica non deve mai essere falsato dalla lettura in due
momenti diversi.
Diagnostica
La diagnostica costituisce il riconoscimento, la localizzazione, la classificazione, la
visualizzazione e l’analisi di errori, guasti e messaggi.
La diagnostica offre funzioni di controllo che vengono eseguite automaticamente durante il
funzionamento dell’impianto. Essa consente perciò di aumentare la disponibilità degli
impianti, riducendo i tempi di messa in servizio e i tempi di arresto.
Diagnostica di sistema
La diagnostica di sistema è il riconoscimento, l’analisi e la segnalazione di errori che si
verificano nell’ambito del sistema di automazione. Questi errori possono essere p. es.
errori di programmazione o guasti delle unità. Gli errori di sistema possono essere
visualizzati tramite LED o in STEP 7.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Glossario-3
Glossario
Dispositivo di programmazione
I dispositivi di programmazione sono fondamentalmente personal computer adatti agli
ambienti industriali, compatti e mobili. Essi si distinguono per uno speciale
equipaggiamento hardware e software per controllori a memoria programmabile SIMATIC.
Errore di runtime
Errore che si verifica nel sistema di automazione (quindi non nel processo) nel corso
dell’elaborazione del programma utente.
ET 200
Il sistema di periferia decentrata ET 200 con il protocollo PROFIBUS DP è un bus che
consente di collegare la periferia decentrata a una CPU o a un master DP adeguato. Il
sistema ET 200 si distingue per i tempi di reazione molto brevi in quanto vengono
trasmessi pochi dati (byte).
L’ET 200 si basa sulla norma IEC 61784-1:2002 Ed1 CP 3/1.
Il sistema ET 200 funziona in base al principio master-slave. I master DP possono essere
p. es. l’interfaccia master IM 308-C o la CPU 315-2 DP.
Gli slave DP possono essere costituiti dalla periferia decentrata ET 200S, ET 200B,
ET 200C, ET 200M, ET 200X, ET 200U, ET 200L o da slave DP Siemens o di altri
costruttori.
Evento di avvio
Gli eventi di avvio sono eventi definiti come gli errori, i momenti temporali o gli allarmi. Essi
portano il sistema operativo ad avviare un corrispondente blocco organizzativo (se
programmato dall’utente). Gli eventi di avvio sono visualizzati nell’informazione
nell’intestazione del rispettivo OB. L’utente può reagire agli eventi di avvio nel programma
utente.
FC → funzione
File GSD
In un file GSD (file dei dati base dell’apparecchiatura) sono memorizzate tutte le proprietà
specifiche degli slave DP. Il formato del file GSD è definito nella norma IEC 61784-1:2002
Ed1 CP 3/1.
FORCEN
Con la funzione “Forzamento” è possibile impostare sullo stato “ON”, per un intervallo di
tempo qualsiasi, determinate uscite, p. es. durante la fase di messa in servizio, anche nel
caso in cui non vengano soddisfatte determinate operazioni logiche combinatorie del
programma utente (p. es. per la mancanza del cablaggio degli ingressi).
Glossario-4
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Glossario
FREEZE
È un comando di controllo del master DP in un gruppo di slave DP.
Una volta ricevuto il comando di controllo FREEZE, lo slave DP congela lo stato attuale
degli ingressi e li trasmette ciclicamente al master DP.
A ogni nuovo comando di controllo FREEZE, lo slave DP congela nuovamente lo stato
degli ingressi.
I dati degli ingressi vengono nuovamente trasmessi ciclicamente dallo slave DP al master
DP solo quando il master DP invia il comando di controllo UNFREEZE.
Funzionamento stand alone
L’apparecchiatura funziona in modo autonomo senza traffico di dati con un master
sovraordinato e senza comunicazione diretta con altri slave DP. Tutti i moduli si avviano
con parametri di default e con la configurazione massima (32 slot, 64 byte coerenza).
Funzione
Secondo la norma IEC 1131-3, una funzione (FC) è un blocco di codice senza dati statici.
Una funzione consente di assegnare parametri nel programma utente. Per questo motivo
le funzioni si prestano alla programmazione di funzioni complesse che si ripetono di
frequente, come p. es. i calcoli.
Funzione di sistema
Una funzione di sistema (SFC) è una funzione integrata nel sistema operativo della CPU
che può essere richiamata all’occorrenza dal programma utente STEP 7.
Immagine di processo
L’immagine di processo è parte integrante della → memoria di sistema della CPU. All’inizio
del programma ciclico, gli stati di segnale degli ingressi vengono trasferiti all’immagine di
processo degli ingressi. Alla fine del programma ciclico l’immagine di processo delle uscite
viene trasferita alle uscite come stato di segnale.
Indirizzo
L’indirizzo è l’identificazione di un determinato operando o di una determinata area
operandi; esempi: ingresso E 12.1; parola di merker MW 25; blocco dati DB 3.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Glossario-5
Glossario
Indirizzo PROFIBUS
Ogni nodo di bus deve avere un proprio indirizzo di PROFIBUS per poter essere
identificato in modo univoco nel PROFIBUS.
I PC/PG hanno l’indirizzo PROFIBUS “0”.
Per il sistema di periferia decentrata ET 200S sono ammessi gli indirizzi PROFIBUS da
1 a 125.
Interrupt di processo
Un interrupt di processo viene attivato in seguito a un determinato evento nel processo da
unità che hanno la funzione di attivazione di allarmi. L’interrupt di processo viene segnalato
alla CPU. A seconda della priorità dell’interrupt, viene elaborato il → blocco organizzativo
corrispondente.
Interrupt di processo → Interrupt di processo
Massa
Per massa si intende il complesso delle parti inattive di un componente collegate tra loro
che, anche in caso di guasto, non possono assumere tensioni di contatto pericolose.
Master
Se sono in possesso del token, i master possono inviare dati ad altri nodi o richiedere dati
da questi (= nodo attivo). Un master DP è p. es. la CPU 315-2 DP.
Master DP
Si definisce master DP un → master conforme alla norma IEC 61784-1:2002 Ed1 CP 3/1.
Memoria di backup
La memoria di backup garantisce la bufferizzazione di aree di memoria della → CPU
senza batteria tampone. Viene bufferizzato un numero parametrizzabile di temporizzatori,
contatori, merker e byte di dati nonché di temporizzatori, contatori, merker e byte di dati a
ritenzione.
Memoria di caricamento
La memoria di caricamento è parte integrante della CPU. Essa contiene oggetti creati dal
dispositivo di programmazione. Essa può essere realizzata sia come memory card/micro
memory card innestabile che come memoria fissa integrata.
Glossario-6
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Glossario
Memoria di lavoro
La memoria di lavoro è una memoria RAM della → CPU alla quale il processore accede
nel corso dell’elaborazione del programma utente.
Memoria di sistema
La memoria di sistema è integrata nell’unità centrale ed è realizzata come memoria RAM.
Nella memoria di sistema sono memorizzate le aree operandi (p. es. temporizzatori,
contatori, merker) nonché le aree dati richieste internamente dal sistema operativo (p. es.
buffer di comunicazione).
Memoria utente
La memoria utente contiene blocchi di codice e blocchi dati del programma utente. La
memoria utente può essere sia integrata nella CPU che su memory card (IM 151-7 CPU) o
moduli di memoria innestabili. Il programma utente, tuttavia, viene generalmente elaborato
dalla → memoria di lavoro della CPU.
Merker
I merker sono parte integrante della → memoria di sistema della CPU per il salvataggio di
risultati intermedi. Ai merker si può accedere tramite bit, byte, parola o doppia parola.
MMC
Micro memory card Modulo di memoria per sistemi SIMATIC. Questa scheda si può
utilizzare come supporto dati e memoria di caricamento mobile.
MPI
L’interfaccia multipoint (MPI) è l’interfaccia per il dispositivo di programmazione dei sistemi
SIMATIC S7.
Nodo
Apparecchiatura in grado di inviare, ricevere o amplificare dati tramite il bus come p. es.
master DP, slave DP, repeater RS 485, accoppiatore a stella attivo.
Norma DP
Per norma DP si intende il protocollo di bus del sistema di periferia decentrata ET 200
secondo la norma IEC 61784-1:2002 Ed1 CP 3/1.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Glossario-7
Glossario
Nuovo avviamento
Al momento dell’avviamento della CPU (p. es. dopo aver posizionato il selettore dei modi
operativi da STOP a RUN o dopo aver inserito la tensione di rete), prima dell’elaborazione
ciclica del programma (OB 1), viene elaborato il blocco organizzativo OB 100 (nuovo
avviamento). Con il nuovo avviamento viene letta l’immagine di processo degli ingressi ed
elaborato il programma utente STEP 7 iniziando dal primo comando nell’OB 1.
OB → blocco organizzativo
Parametri
1. Variabile di un blocco di codice STEP 7
2. Variabile per l’impostazione del comportamento di un’unità (una o più per unità). Al
momento della fornitura, ogni unità è dotata di un’impostazione di base logica che può
essere modificata in STEP 7 tramite configurazione.
PG → Dispositivo di programmazione
PLC→ Controllore a memoria programmabile
Priorità OB
Il sistema operativo della CPU distingue diverse classi di priorità, come p. es.
l’elaborazione del programma ciclica o comandata da interrupt di processo. A ogni classe
di priorità sono assegnati → blocchi organizzativi (OB) nei quali l’utente S7 può
programmare una reazione. Gli OB hanno diverse priorità standard in base all’ordine delle
quali si possono elaborare o interrompere a vicenda nel caso in cui venissero richiamati
contemporaneamente.
PROFIBUS
Process Field Bus, norma tedesca relativa ai processi e ai bus di campo definita nella
norma IEC 61784-1:2002 Ed1 CP 3/1. Questa norma prescrive le caratteristiche
funzionali, elettriche e meccaniche di un sistema di bus di campo seriale a bit.
Il PROFIBUS è disponibile con i protocolli DP (= periferia decentrata), FMS (= Fieldbus
Message Specification), PA (= automazione di processo) o TF (= funzioni tecnologiche).
Profondità di annidamento
Con il richiamo di blocchi è possibile richiamare un blocco da un altro blocco. Per
profondità di annidamento si intende il numero dei blocchi di codice richiamati
contemporaneamente.
Glossario-8
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Glossario
Programma utente
I sistemi SIMATIC comprendono il → sistema operativo della CPU e i programmi utente.
Questi ultimi vengono creati con il software di programmazione → STEP 7 nei diversi
linguaggi disponibili (schema a contatti e lista istruzioni) e sono memorizzati in blocchi di
codice. I dati sono memorizzati in blocchi dati.
Publisher
Un mittente della comunicazione diretta. Vedere Comunicazione diretta
Punto di controllo del ciclo
Parte dell’elaborazione del programma della CPU nella quale viene p. es. aggiornata
l’immagine di processo.
Reazione agli errori
Reazione a un → errore di runtime. Il sistema operativo può reagire nei modi seguenti:
portando il sistema di automazione allo stato STOP, richiamando un blocco organizzativo
nel quale l’utente ha la possibilità di programmare una reazione oppure visualizzando
l’errore.
Segnalazione di errore
La segnalazione di errore è una delle possibili reazioni del sistema operativo di fronte a un
errore di runtime. Le altre reazioni possibili sono: → reazione all’errore nel programma
utente, stato di STOP della CPU.
SFC → funzione di sistema
Sistema di automazione
Un sistema di automazione è un controllore a memoria programmabile costituito almeno
da una CPU, diverse unità di ingresso e di uscita nonché da apparecchiature di servizio e
supervisione.
Sistema master
Tutti gli slave DP assegnati a un master DP in lettura e scrittura costituiscono, insieme al
master DP, un sistema master.
Sistema operativo della CPU
Il sistema operativo della CPU organizza tutte le funzioni e i cicli della CPU che non sono
legati a un compito particolare di comando.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Glossario-9
Glossario
Sistemi di periferia decentrata
Unità degli ingressi e delle uscite che non vengono impiegate nell’apparecchiatura centrale
ma sono decentrate ovale a dire configurate a grande distanza rispetto alla CPU; si tratta
p. es. di:
• ET 200S, ET 200M, ET 200B, ET 200C, ET 200U, ET 200X, ET 200L
• DP/AS-I LINK
• S5-95U con interfaccia slave PROFIBUS DP
• Ulteriori slave DP Siemens o di altri costruttori
I sistemi di periferia decentrata sono collegati al master DP tramite il PROFIBUS DP.
Slave
Uno slave può scambiare dati con un → master solamente su richiesta di quest’ultimo. Per
slave si intendono p. es. tutti gli slave DP come l’ET 200S, ET 200B, ET 200X, ET 200M
ecc.
Slave DP
Si definisce slave DP uno → slave gestito nel PROFIBUS con il protocollo PROFIBUS DP
che si comporta secondo la norma IEC 61784-1:2002 Ed1 CP 3/1.
Slave DP intelligente
Lo slave DP intelligente è caratterizzato dal fatto che i dati degli ingressi e delle uscite non
vengono messi a disposizione del master DP direttamente da un ingresso o un’uscita reali
dello slave DP bensì da una CPU che li preelabora, in questo caso il modulo di interfaccia
IM 151-7 CPU.
Stato di funzionamento
I sistemi di automazione SIMATIC S7 hanno i seguenti stati di funzionamento: STOP, →
AVVIAMENTO, RUN.
STEP 7
Linguaggio di programmazione per la creazione di programmi utente per controllori
SIMATIC S7.
Subscriber
Un ricevente della comunicazione diretta. Vedere Comunicazione diretta
Glossario-10
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Glossario
SYNC
È un comando di controllo del master DP in un gruppo di slave DP.
Con il comando di controllo SYNC, il master DP fa sì che lo slave DP congeli gli stati delle
uscite al valore momentaneo. Nei telegrammi successivi lo slave DP memorizza i dati di
uscita ma gli stati delle uscite restano invariati.
Dopo ogni comando di controllo SYNC lo slave DP imposta le uscite che ha memorizzato
come dati di uscita. Le uscite vengono di nuovo aggiornate ciclicamente nel momento in
cui il master DP invia il comando di controllo UNSYNC.
Tempo di ciclo
Il tempo di ciclo è il tempo impiegato dalla → CPU per elaborare una volta il
→ programma utente.
Temporizzatore
I temporizzatori sono parte integrante della → memoria di sistema della CPU. Il contenuto
delle “cellule” del temporizzatore viene aggiornato automaticamente dal sistema operativo
in modo asincrono rispetto al programma utente. Con le istruzioni STEP 7 è possibile
definire l’esatta funzione della cellula del temporizzatore (p. es. ritardo all’inserzione) e
avviarne l’elaborazione (p. es. avvio).
Timer → Temporizzatore
Token
Diritto di accesso al bus
Traffico dati trasversale
vedere Comunicazione diretta
Trattamento di errori tramite OB
Se il sistema operativo riconosce un determinato errore (p. es. un errore di accesso in
STEP 7), richiama il blocco organizzativo specifico per questo caso (OB di errore) nel
quale si può definire l’ulteriore comportamento della CPU.
Velocità di trasmissione
Indica la velocità di trasmissione dei dati, vale a dire il numero di bit trasmessi al secondo
(baudrate = bitrate).
Una stazione ET 200S raggiunge velocità di trasmissione da 9,6 kBaud a 12 MBaud.
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Glossario-11
Glossario
Glossario-12
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Indice analitico
), A-15
)MCR , A-48
+ , A-35
+AR1 , A-36
+AR2 , A-36
+D , A-34
+I , A-33
+R , A-35
–D , A-34
–I , A-33
–R , A-35
*D , A-34
*I , A-33
*R , A-35
/D , A-34
/I , A-33
/R , A-35
= , A-22
==D , A-37
==I , A-36
==R , A-38
<<=D , A-37
<<=I , A-36
<<=R , A-38
<<<>> R , A-38
<<<>>D , A-37
<<<>>I, A-36
<<D , A-37
<<I , A-36
<<R , A-38
>=D , A-37
>=R , A-38
>>=I , A-36
>>D , A-37
>>I , A-36
>>R , A-38
A
Accesso, all’ET 200S da PG/PC, 4-3
Accesso diretto alla periferia, OB 122, 7-38
Accu, Glossario-1
Accumulatore, A-3
Aggiornamento dell’immagine di processo, tempo
di elaborazione, 8-3
Allarme di diagnostica, 6-23, Glossario-1
OB 82, 7-37
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Allarmi, Glossario-1
prolungamento del ciclo, 8-4
Allarmi dall’orologio, 7-39
Apparecchiatura di periferia decentrata,
Glossario-10
Area dati di sistema, dati di diagnostica, 6-25
Area di indirizzi
coerenza dei dati, 3-6
dei moduli di ampliamento, 3-3
impostazione di default, 3-9
per trasferimento di dati utili, 3-5
Aree di memoria
memoria di caricamento, 7-12
memoria di lavoro, 7-13
memoria di sistema, 7-13
Aree operandi, 7-20
Assegnazione di indirizzi, per moduli analogici e
digitali, 3-3
Assegnazione slot, ET 200S, 3-2
AUF , A-44
Avviamento, Glossario-1
OB 100, 7-37
Avviamento a caldo, 7-19
B
BE , A-45
BEA , A-45
BEB , A-45
BLD , A-41
Blocchi
cancella, 7-16
carica nel PG, 7-16
dell’IM 151-7 CPU, 7-36
Blocchi , caricamento, 7-16
Blocco dati, Glossario-2
Blocco organizzativo, Glossario-2
BTD , A-42
BTI , A-42
Buffer di diagnostica, Glossario-2
lettura, 6-5
registrazione, 6-11
Bus, Glossario-2
Indice analitico-1
Indice analitico
C
Cablaggio, 2-2, 2-4
CALL, A-44
Campi di parametrizzazione, operazioni STEP 7,
A-2
Campo di applicazione, 1-2
Cancellazione di blocchi, 7-16
Cancellazione totale, 7-19
con selettore dei modi operativi, 7-4
IM 151-7 CPU, 6-4
Operazioni interne alla CPU, 6-5
Caratteristiche, 9-2
del modulo IM 151-7 CPU, 1-4, 7-2
Caricamento, 3-7
di blocchi, 7-16
programma utente, 7-15
Caricamento nel PG, 7-16
Cavi, 4-6
Cavo con connettore PG, 4-6
CC , A-44
Ciclo, OB 1, 7-37
Classe di priorità, Glossario-2
Classi delle unità, identificazione, 6-27
CLR , A-23
Codice del costruttore, CPU 31x-2 come slave
DP, 6-18
Coerenza, 3-6, 3-7
Coerenza dei dati, 3-6, 3-7
Commutazione dello stato di funzionamento, 6-12
Componenti, ET 200S, 1-5
Componenti di rete, 4-6
Comportamento all’avviamento, 7-39
Comportamento in ciclo, 7-40
Compressione, 7-16, Glossario-2
Comunicazione
comunicazione di base S7, 7-33
comunicazione di dati globali, 7-34
comunicazione OP, 7-33
comunicazione PG, 7-32
comunicazione S7, 7-33
servizi delle CPU, 7-32
Comunicazione di base S7, 7-33
Comunicazione di dati globali, 7-34
Comunicazione diretta, 4-12, Glossario-2
Comunicazione OP, 7-33
Comunicazione PG, 7-32
Comunicazione S7, 7-33
Configurazione, 2-2, 2-7, 2-12
ET 200S stand-alone, 4-5
rete MPI, 5-2
rete PROFIBUS, 4-2
Connettore di bus, 4-6
Contatore, Glossario-3
Contenuti del manuale, breve panoramica, 1-5
Corrente somma, Glossario-3
Indice analitico-2
CPU, Glossario-3
sistema operativo, Glossario-9
D
Dati, coerenti, Glossario-3
Dati coerenti, Glossario-3
Dati di configurazione, applicazione, 7-40
Dati di diagnostica, 6-25
Dati locali, 7-22
Dati tecnici
dell’IM 151-7 CPU, 9-2
generali, 9-2
PROFIBUS DP, 7-2
Dati tecnici generali, 9-2
DB, 7-36
DEC , A-41
Diagnostica, 6-1, Glossario-3
di canale, 6-29
di sistema, Glossario-3
riferita all’apparecchiatura, 6-22
riferita all’identificazione, 6-19
tramite LED, 6-9
Diagnostica di sistema, 7-39, Glossario-3
Diagnostica riferita all’apparecchiatura, 6-22
Diagnostica riferita all’identificazione, 6-19
Diagnostica slave DP, struttura, 6-26
Diagnostica slave-con l’impiego dell’IM 151-7 CPU
come slave intelligente, 6-14
Diretta, comunicazione, Glossario-2
DTB , A-42
DTR, A-42
Durata della MMC, 7-6
Durata di una MMC, 7-6
E
Elaborazione di interrupt di processo, 8-8
Errore, accesso diretto alla periferia, OB 122, 7-38
Errore di runtime, Glossario-4
Errori specifici dei canali, 6-29
Esempi di indirizzamento, operazioni STEP 7, A-5
ET 200, Glossario-4
ET 200S
componenti, 1-5
manuali, 1-5
Eventi di avvio, per OB, 7-37
Evento di avvio, OB, Glossario-4
F
FB, 7-36
FC, 7-36
File GSD, 7-2, Glossario-4
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Indice analitico
FN, A-21
Formattazione della MMC, 7-8
Forzamento, 7-5, Glossario-4
FP, A-21
FR , A-24, A-25
FRCE, LED, 7-5
FREEZE, Glossario-5
Funzionamento stand alone, Glossario-5
dell’ET 200S, 4-9
Funzionamento-stand-alone, di ET 200S, 4-5
Funzione, FC, Glossario-5
Funzione di sistema, B-1
SFC, Glossario-5
Funzioni, tramite PG, 4-9
Funzioni di memorizzazione
avviamento a caldo, 7-19
cancellazione di blocchi, 7-16
cancellazione totale, 7-19
caricamento di blocchi, 7-16
caricamento di blocchi nel PG, 7-16
caricamento di un programma utente, 7-15
compressione, 7-16
Masterizza EPROM, 7-17
nuovo avviamento, 7-19
Salva RAM in ROM, 7-17
Funzioni di test, 4-9
Funzioni online, per ET 200S, 4-9
Funzioni PG, 4-9
Indirizzamento dei moduli di periferia tramite slot,
3-2
Indirizzamento libero dei moduli di periferia, 3-4
Indirizzi
di diagnostica, 3-6
indirizzo di base, 3-4
per trasferimento di dati utili, 3-5
Indirizzo, Glossario-5
Indirizzo del nodo MPI, 7-40
Indirizzo di diagnostica, 3-6, 6-11, 6-13
Indirizzo di diagnostica DP, 3-6
Indirizzo PROFIBUS, 4-3, Glossario-6
Indirizzo PROFIBUS del master, 6-17
Ingressi, tempo di ritardo, 8-4
Interfacce
collegamenti possibili tra apparecchiature e
interfacce, 7-29
interfaccia MPI, 7-29
interfaccia PROFIBUS DP, 7-29
Interfaccia MPI, 7-29
Interfaccia PROFIBUS DP, 7-29
Interrupt, di processo, Glossario-6
Interrupt di processo, 6-23, Glossario-6
OB 40, 7-37
INVD , A-43
INVI , A-43
ITB , A-42
ITD , A-42
I
L
IM 151-7 CPU
blocchi, 7-36
cancellazione totale, 6-4
caratteristiche, 1-4
caratteristiche importanti, 7-2
parametri, 7-39
progettazione, 6-2
selettore dei modi operativi, 7-4
Immagine di processo, Glossario-5
Immagine di processo degli ingressi e delle uscite,
7-21
Impostazione di default, 3-2
dell’area di indirizzi, 3-9
INC , A-41
Indicatori, LED, 6-9
Indirizzamento, 3-1
assegnazione di indirizzi, 3-4
indiretto, A-7
libero, 3-4
regole, 3-8
superficie di STEP 7, 3-8
tramite slot, 3-2
L , A-26, A-27, A-28, A-32
LAR1 , A-31
LAR2 , A-31
LC , A-28
LED, 6-5
FRCE, 7-5
indicatori, 6-9
ON, 7-5
RUN, 7-5
segnalazioni, 1-4
SF, 7-5
STOP, 7-5
LOOP , A-47
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
M
Manuali, guida, 1-5
Manuali ET 200S, guida, 1-5
Massa, Glossario-6
Master, Glossario-6
Master DP, Glossario-6
Indice analitico-3
Indice analitico
Masterizza EPROM, 7-17
MCR( , A-48
MCRA , A-48
MCRD , A-48
Memoria
compressione, 7-16
di backup, Glossario-6
di caricamento, Glossario-6
di lavoro, Glossario-7
di sistema, Glossario-7
utente, Glossario-7
Memoria a ritenzione, 7-13
Comportamento di ritenzione degli oggetti nella
memoria, 7-14
Memoria di backup, Glossario-6
Memoria di caricamento, 7-12, Glossario-6
Memoria di lavoro, 7-13, Glossario-7
Memoria di sistema, 7-13, 7-20, Glossario-7
aree operandi, 7-20
dati locali, 7-22
immagine di processo degli ingressi e delle
uscite, 7-21
Memoria di trasferimento
accesso nel programma utente, 3-7
nel modulo IM 151-7 CPU, 3-5
Memoria utente, Glossario-7
Merker, Glossario-7
Merker di clock, 7-39
Messa in servizio, 2-2, 2-6, 2-11, 2-19, 6-1, 6-7
Micro memory card, 7-6, Glossario-7
MMC, Glossario-7
MOD , A-34
Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU, 9-4
dati tecnici, 9-5
schema di principio, 9-4
Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU FO, 9-3, 9-4
assegnazione dei pin, 9-3
schema di principio, 9-4
Modulo-MMC, 7-6
Montaggio, 2-2, 2-3
MPI, 4-2, 5-2, Glossario-7
MRES, selettore dei modi operativi, 7-4
N
NEGD , A-43
NEGI , A-43
Nodo, Glossario-7
NOP , A-41
Norma DP, Glossario-7
NOT , A-23
Numero di ordinazione
componenti di rete, 4-6
IM 151-7 CPU, 9-2
Nuovo avviamento, 7-19, Glossario-8
Indice analitico-4
O
O, A-13, A-16, A-19
O(, A-15
OB, Glossario-2
della CPU, 7-36
eventi di avvio, 7-37
evento di avvio, Glossario-4
OB 1, 7-37
OB 122, 6-12, 7-38
OB 40, 7-37
OB 82, 6-8, 6-12, 7-37
OB 86, 6-8, 6-12, 7-38
OB 87, 7-38
OB10, 7-37
OB121, 7-38
OB20, 7-37
OB35, 7-37
OB80, 7-38
OB83, 7-37
OB85, 7-38
OD, A-18
ON, A-13, A-17, A-20
LED, 7-5
ON(, A-15
Operandi, A-2
Orologio, 7-31, 7-39
Orologio hardware, 7-39
Orologio integrato, 7-31
Orologio software, 7-31
OW, A-18
P
Parametri, Glossario-8
IM 151-7 CPU, 7-39
Parola di stato, A-4
PC
collegamento all’ET 200X, 4-5
requisiti, 4-2, 5-2
PG, Glossario-4
cavo con connettore, 4-4
collegamento all’ET 200X, 4-5
requisiti, 4-2, 5-2
PLC, Glossario-3
POP , A-41
Priorità, OB, Glossario-8
Priorità OB, Glossario-8
PROFIBUS, Glossario-8
PROFIBUS DP, dati, 7-2
Profondità di annidamento, Glossario-8
Progettazione, IM 151-7 CPU, 6-2
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Indice analitico
Programma utente, Glossario-9
carica nel PG, 7-16
caricamento, 7-15
tempo di elaborazione, 8-4
Programmazione, 2-2, 2-9, 2-16
Prolungamento del ciclo, a causa di allarmi , 8-4
Publisher, Glossario-9
Puntatore, calcolo, A-6
Punto di controllo del ciclo, Glossario-9
PUSH , A-41
R
R , A-22, A-24, A-25
Reazione agli errori, 7-38, Glossario-9
Registro di indirizzi, A-4
Regole, di indirizzamento, 3-8
Rete, configurazione, 4-1
Rete MPI, principio di configurazione, 5-2
Rete PROFIBUS
componenti di rete, 4-6
principio di configurazione, 4-2
Ricablaggio, C-4
Ricerca degli errori, 6-1
Riconoscimento di eventi, master DP/slave DP,
6-12
Ritardo, ingressi-/ uscite, 8-4
Ritenzione, 7-39
RLD , A-40
RLDA , A-40
RND, A-42
RND+, A-42
RND–, A-42
RRD , A-40
RRDA , A-40
RUN
LED, 7-5
selettore dei modi operativi, 7-4
stato di funzionamento, 7-5
S
S , A-22, A-25
SA , A-24
Salva RAM in ROM, 7-17
SAVE, A-23
Scambio di dati
comunicazione diretta, 4-12
con il master DP, 3-5
principio, 3-1
programma di esempio, 3-9
Schedulazioni orologio, 7-39
SE , A-24
Segnalazione di errore, Glossario-9
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Selettore dei modi operativi, 7-4
cancellazione totale, 6-4
MRES, 7-4
RUN, 7-4
STOP, 7-4
SET , A-23
SF, LED, 7-5
SFB, 7-36
SFC, 7-36, B-1
tempi di esecuzione, B-1
SFC DPRD_DAT, 3-7
SFC DPWR_DAT, 3-7
SI , A-24
SIMATIC micro memory card, 7-6
caratteristiche, 7-6
estrazione/inserimento, 7-18
MMC utilizzabili, 7-7
Sistema di automazione, Glossario-9
Sistema master, Glossario-9
Sistema operativo
della CPU, Glossario-9
tempo di elaborazione, 8-3
Slave, Glossario-10
Slave DP, Glossario-10
intelligente, Glossario-10
Slave DP intelligente, Glossario-10
Slave DP-intelligente, 6-2
Slave-DP, intelligente, 6-2
SLD , A-39
SLW , A-39
Software di progettazione, 1-4
Software di programmazione, 1-4
SPA , A-46
SPB , A-46
SPBB , A-46
SPBI , A-46
SPBIN , A-46
SPBN , A-46
SPBNB , A-46
SPL , A-47
SPM , A-47
SPMZ , A-47
SPN , A-47
SPO , A-47
SPP , A-47
SPPZ , A-47
SPS , A-47
SPU , A-47
SPZ , A-47
SRD , A-39
SRW , A-39
SS , A-24
SSD , A-39
SSI , A-39
Stato del modulo, 6-20
Indice analitico-5
Indice analitico
Stato della stazione da 1 a 3, 6-15
Stato di funzionamento, Glossario-10
RUN, 7-5
STOP, 7-5
Stazione guasta, OB 86, 7-38
STEP 7, Glossario-10
impostazioni, 4-9
progettazione di IM 151-7 CPU, 6-2
superficie di indirizzamento, 3-8
STOP
LED, 7-5
selettore dei modi operativi, 7-4
stato di funzionamento, 7-5
Struttura del telegramma di diagnostica, 6-14
Subscriber, Glossario-10
SV , A-24
SYNC, Glossario-11
T
T , A-29, A-30, A-32
TAD , A-41
TAK , A-41
TAR , A-31
TAR1 , A-31
TAR2 , A-31
TAW , A-41
TDB , A-45
Telegramma di parametrizzazione,
configurazione, 7-41
Tempo di ciclo, 8-2, Glossario-11
prolungamento, 8-2
struttura, 8-2
Tempo di elaborazione
aggiornamento dell’immagine di processo, 8-3
programma utente, 8-2, 8-4
sistema operativo, 8-3
Tempo di elaborazione del programma utente, 8-2
Tempo di reazione, 8-5
allarme di diagnostica, 8-8
interrupt di processo, 8-8
massimo, 8-7
minimo, 8-6
Tempo di reazione agli allarmi di diagnostica, 8-8
Indice analitico-6
Tempo di reazione agli interrupt di processo, 8-8
Temporizzatore, Glossario-11
Test, 2-2, 2-10
Test , 2-2, 2-19
Token, Glossario-11
Traffico dati trasversale, Glossario-11
Traffico dati trasversale, vedere Comunicazione
diretta, 4-12
Trasferimento, 3-7
Trasferimento dei dati utili, al master-DP, 3-5
Trattamento di errori tramite OB, Glossario-11
TRUNC, A-42
U
U, A-13, A-17, A-19
U(, A-15
UC , A-44
UD, A-18
UN, A-13, A-17, A-20
UN(, A-15
Upgrade , 2-2, 2-11
Uscite, tempo di ritardo, 8-4
UW, A-18
V
Velocità di trasmissione, Glossario-11
X
X, A-14, A-17, A-19
X(, A-15
XN, A-14, A-17, A-20
XN(, A-15
XOD, A-18
XOW, A-18
Z
ZR , A-25
ZV , A-25
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
A5E00257825-04
Información de producto sobre
11.2005
Manual del módulo básico BM 147 CPU, edición 05/2003
Manual del módulo interfase IM 151-7 CPU, edición 11/2003
Esta Información de producto contiene información importante referente a la documentación
anterior. Debe comprenderse como un componente separado de la misma y, en caso de duda,
la información que contiene prevalece sobre la indicada en otras ediciones de manuales y
catálogos.
Mayor memoria de trabajo y un rango numérico más amplio para los
bloques
La memoria de trabajo se ha ampliado para los módulos básicos BM 147 CPU y para
el módulo interfase IM 151-7 CPU. Ahora las CPU pueden procesar programas de
usuario de mayor tamaño.
Para FB y FC puede utilizar en el programa de usuario los números de bloque de
0 a 2047.
El número total de bloques (FB + FC + DB) no varía a partir de un máximo de 1024.
BM 147-1
BM 147-2
BM 147-2
IM 151-7
(6ES7 147Ć1AA11Ć0XB0)
(6ES7 147Ć2AA01Ć0XB0)
(6ES7 147Ć2AB01Ć0XB0)
(6ES7 151Ć7AA11Ć0AB0)
64 Kbytes
64 Kbytes
128 Kbytes
64 Kbytes
no
no
no
no
máx. 512
máx. 512
máx. 512
máx. 512
FB 0 ... FB 2047
FB 0 ... FB 2047
FB 0 ... FB 2047
FB 0 ... FB 2047
máx. 512
máx. 512
máx. 512
máx. 512
FC 0 ...FC 2047
FC 0 ...FC 2047
FC 0 ...FC 2047
FC 0 ...FC 2047
Memoria de trabajo
• Tamaño
• Ampliable
Bloques (FB, FC)
FB
• Número
• Rango
numérico
FC
• Número
• Rango
numérico
Copyright 2005 by Siemens AG
A5E00385828-02
2
Información de producto sobre
A5E00385828-02
Informazioni su prodotto Manuale
ET 200S Modulo di interfaccia IM 151-7 CPU
Edizione 11/2003
Le presenti informazioni sul prodotto contegono importanti informazioni sulla documentazione
sopra indicata. Esse costituiscono un documento a parte e hanno priorità su qualsiasi altra
affermazione riportata in altri manuali, liste operazioni e Getting Started.
Nuova IM 151-7 CPU con maggiore spazio di memoria di lavoro
La memoria di lavoro per il modulo di interfaccia IM 151-7 CPU è stata ampliata. La
IM 151-7 CPU è in grado di elaborare programmi utente di maggiori dimensioni.
Grazie a queste novità è stato modificato il numero di ordinazione della IM 151-7
CPU.
La nuova IM 151-7 CPU è:
S contenuta in STEP7 V5.4 Service Pack 1
S progettabile con versioni meno recenti di STEP7:
La IM 151-7 CPU con il nuovo numero di ordinazione può essere scaricata
online con STEP7 in forma di Hardware Support-Package (0107).
Presupposto è STEP7 V5.2, Service Pack1.
S progettabile e compatibile con il precedente modulo IM 151-7 CPU
Denominazione del
prodotto
*
Numero di
ordinazione
Versione
FW ≧
Spazio di
memoria
Memoria di
lavoro a
ritenzione*
Update
dell’
hardwa
re
finora
IM 151-7 CPU
6ES7151-7AA11-0AB0
V2.1.10
64 KB
64 KB
--
nuovo
IM 151-7 CPU
6ES7151-7AA13-0AB0
V2.1.10
96 KB
64 KB
0107
Dimesione massima della memoria di lavoro a ritenzione per blocchi dati a ritenzione
Copyright 2006 by Siemens AG
A5E00860832-01
2
Informazioni su prodotto Manuale Sistema di periferia decentrata ET 200iSP, Edizione 01/2005
A5E00860832-01
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement