3 in 1 - Innova

something new in the air

Manuale d’installazione

3 in 1

7-9-12-15

IT

Desideriamo innanzitutto ringraziarVi di avere deciso di accordare la vostra preferenza ad un apparecchio di nostra produzione.

Come potrete renderVi conto avete effettuato una scelta vincente in quanto avete acquistato un prodotto che rappresenta lo stato dell’Arte nella tecnologia della climatizzazione domestica.

Mettendo in atto i suggerimenti che sono contenuti in questo manuale, grazie al prodotto che avete acquistato, potrete fruire senza problemi di condizioni ambientali ottimali con il minor investimento in termini energetici.

Innova S.r.l.

2

 Conformità

Questa unità è conforme alle direttive Europee:

Bassa tensione 2006/95/CE;

Compatibilità elettromagnetica 2004/108/CE;

Restrizione dell’uso di sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche 2011/65/ CE RoHS2;

Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche

2002/96/CE (RAEE). E successive modificazioni.

 Simbologia

I pittogrammi riportati nel seguente capitolo consentono di fornire rapidamente ed in modo univoco informazioni neces-

 Pittogrammi redazionali

Utente

– Contrassegna le pagine nelle quali sono contenute istruzioni o informazioni destinate all’utente.

Installatore

– Contrassegna le pagine nelle quali sono contenute istruzioni o informazioni destinate all’installatore.

 Pittogrammi relativi alla sicurezza

Avvertenza

– Che l’operazione descritta presenta, se non effettuata nel rispetto delle normative di sicurezza, il rischio di subire danni fisici.

Tensione elettrica pericolosa

– Segnala al personale interessato che l’operazione descritta presenta, se non effettuata nel rispetto delle normative di sicurezza, il rischio di subire uno shock elettrico.

sarie alla corretta utilizzazione della macchina in condizioni di sicurezza.

Service

– Contrassegna le pagine nelle quali sono contenute istruzioni o informazioni destinate all’installatore SERVIZIO AS-

SISTENZA TECNICA CLIENTI.

Pericolo di forte calore

– Delle normative di sicurezza, il rischio di subire bruciature per contatto con componenti con elevata temperatura.

Divieto

– Contrassegna azioni che non si devono assolutamente fare.

1 Generalità  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4

1.1 Informazioni generali  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4

1.2 Regole fondamentali di sicurezza  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5

2.5.1 Avvertenze  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14

1.4 Identificazione  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6

1.5 Descrizione dell'apparecchio  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7

2 Installazione  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10

2.1 Immagazzinamento  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10

2.2 Ricevimento e disimballo  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10

2.3 Modalità d'installazione  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11

2.4 Installazione dell'unità interna  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12

2.5 Installazione dell'unità esterna  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14

2.6 Collegamenti frigoriferi  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15

2.7 Collegamenti idraulici  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19

2.8 Riempimento impianto  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21

2.9 Funzionamento pompa primario P1  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22

2.10 Funzionamento pompa di circolazione secondario P2  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23

2.11 Collegamenti elettrici  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25

2.12 Schemi elettrici  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29

2.13 Gestione riscaldatore ausiliario (resistenza o caldaia di supporto)  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33

2.14 Regolazione climatica  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34

2.15 Consegna dell'impianto  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34

3 Uso e manutenzione  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35

3.1 Componenti del sistema e descrizione delle parti  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35

3.2 Utilizzo interfaccia comandi d'emergenza  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36

3.3 Impostazioni ed accensione generale  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38

3.4 Spegnimento per lunghi periodi  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42

3.5 Svuotamento dell'apparecchio  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42

3.6 Pulizia  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42

3.7 Manutenzione  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43

3.8 Aspetti funzionali da non interpretare come inconvenienti  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43

3.9 Anomalie e rimedi  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43

3.10 Allarmi visualizzati sul pannello di comando dell'unità esterna  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46

4 Informazioni tecniche  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48

4.1 Dati tecnici  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48

4.2 Limiti di funzionamento  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49

4.3 Prestazioni in raffreddamento  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50

4.4 Prestazioni in riscaldamento e sanitario  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51

4.5 Dimensioni unità interna  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52

4.6 Dimensioni unità esterna  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52

4

IT

1 GeneralITà

1 .1 Informazioni generali

Questo manuale è stato concepito con l’obbiettivo di fornirVi tutte le spiegazioni per essere in grado di gestire al meglio il

Vostro sistema di climatizzazione.

Vi invitiamo quindi a leggerlo attentamente prima di mettere in funzione l’apparecchio e conservarlo per consultazioni future.

Il manuale è suddiviso in 4 sezioni:

Generalità

Si rivolge all’installatore specializzato e all’utente finale.

Contiene informazioni, dati tecnici e avvertenze importanti che devono essere conosciute prima di installare e utilizzare la pompa di calore aria-acqua.

Installazione

Si rivolge solo ed esclusivamente ad un’installatore specializzato.

Contiene tutte le informazioni necessarie al posizionamento e montaggio della pompa di calore aria-acqua nel luogo in cui va installato.

L’installazione della pompa di calore aria-acqua da parte di personale non specializzato fa decadere le condizioni di garanzia.

Uso e manutenzione

Contiene le informazioni utili per comprendere l’uso e la programmazione della pompa di calore aria-acqua e gli interventi di manutenzione più comuni.

Informazioni tecniche

Contiene le informazioni tecniche di dettaglio dell’apparecchio.

Documento riservato ai termini di legge con divieto di riproduzione o di trasmissione a terzi senza esplicita autorizzazione della ditta INNOVA. Le macchine possono subire aggiornamenti e quindi presentare particolari diversi da quelli raffigurati, senza per questo costituire pregiudizio per i testi contenuti in questo manuale.

Leggere attentamente il presente manuale prima di procedere con qualsiasi operazione (installazione, manutenzione, uso) ed attenersi scrupolosamente a quanto descritto nei singoli capitoli.

La ditta costruttrice non si assume responsabilità per danni a persone o cose derivanti dalla mancata osservanza delle norme contenute nel presente libretto.

La ditta costruttrice si riserva il diritto di apportare modifiche in qualsiasi momento ai propri modelli, fermo restando le caratteristiche essenziali descritte nel presente manuale.

L’installazione e la manutenzione di apparecchiature per la climatizzazione come la presente potrebbero risultare pericolose in quanto all’interno di questi apparecchi è presente un gas refrigerante sotto pressione e componenti elettrici sotto tensione.

Pertanto l’installazione, il primo avviamento e le successive fasi di manutenzione devono essere eseguite esclusivamente da personale autorizzato e qualificato (vedi modulo richiesta 1° avviamento allegato all’apparecchio).

Installazioni eseguite al di fuori delle avvertenze fornite dal presente manuale e l’utilizzo al di fuori dei limiti di temperatura prescritti fanno decadere la garanzia.

L’ordinaria manutenzione e la pulizia generale esterna possono essere eseguite anche dall’utente, in quanto non comportano operazioni difficoltose o pericolose.

Durante il montaggio, e ad ogni operazione di manutenzione, è necessario osservare le precauzioni citate nel presente manuale, e sulle etichette apposte all’interno degli apparecchi, nonché adottare ogni precauzione suggerita dal comune buonsenso e dalle Normative di Sicurezza vigenti nel luogo d’installazione.

È necessario indossare sempre guanti ed occhiali protettivi per eseguire interventi sul lato refrigerante degli apparecchi.

Le pompe di calore aria-acqua NON DEVONO essere installati in ambienti con presenza di gas infiammabili, gas esplosivi, in ambienti molto umidi (lavanderie, serre, ecc.), o in locali dove sono presenti altri macchinari che generano una forte fonte di calore.

In caso di sostituzione di componenti utilizzare esclusivamente ricambi originali INNOVA.

IMPORTANTE!

Per prevenire ogni rischio di folgorazione è indispensabile staccare l’interruttore generale prima di effettuare collegamenti elettrici ed ogni operazione di manutenzione sugli apparecchi.

Rendere note a tutto il personale interessato al trasporto ed all’installazione della macchina le presenti istruzioni.

Smaltimento

Il simbolo sul prodotto o sulla confezione indica che il prodotto non deve essere considerato come un normale rifiuto domestico, ma deve essere portato nel punto di raccolta appropriato per il riciclaggio di apparecchiature elettriche ed elettroniche.

Provvedendo a smaltire questo prodotto in modo appropriato, si contribuisce a evitare potenziali conseguenze negative per l’ambiente e per la salute, che potrebbero derivare da uno smaltimento inadeguato del prodotto.

Per informazioni più dettagliate sul riciclaggio di questo prodotto, contattare l’ufficio comunale, il servizio locale di smaltimento rifiuti o il negozio in cui è stato acquistato il prodotto.

Questa disposizione è valida solamente negli Stati membri dell’UE.

1 .2 regole fondamentali di sicurezza

Ricordiamo che l’utilizzo di prodotti che impiegano energia elettrica ed acqua, comporta l’osservanza di alcune regole fondamentali di sicurezza quali:

È vietato l’uso dell’apparecchio ai bambini e alle persone inabili non assistite.

È vietato toccare l’apparecchio se si è a piedi nudi e con parti del corpo bagnate o umide.

È vietata qualsiasi operazione di pulizia, prima di aver scollegato l’apparecchio dalla rete di alimentazione elettrica posizionando l’interruttore generale dell’impianto su

“spento”.

È vietato modificare i dispositivi di sicurezza o di regolazione senza l’autorizzazione e le indicazioni del costruttore dell’apparecchio.

1 .3 avvertenze

L’installazione degli apparecchi INNOVA deve essere effettuata da impresa abilitata che a fine lavoro rilasci al responsabile dell’impianto una dichiarazione di conformità in ottemperanza alle Norme vigenti ed alle indicazioni fornite dalla INNOVA nel presente libretto.

Installare la pompa di calore aria-acqua attenendosi alle istruzioni contenute nel presente manuale; se l’installazione non è eseguita correttamente può esserci il rischio di perdita di acqua, scossa elettrica o incendio.

Si raccomanda di utilizzare esclusivamente i componenti specificatamente destinati all’installazione in dotazione; l’utilizzo di componenti da questi diversi potrebbe essere causa di perdita di acqua, scosse elettriche o incendio.

Installare l’unità esterna su una base solida in grado di sopportarne il peso; l’unità esterna, se installata in modo incompleto o su una base non adeguata, potrebbe provocare, qualora dovesse distaccarsi dalla sua base, danni alle persone o alle cose.

I collegamenti elettrici debbono essere eseguiti nel rispetto delle istruzioni contenute nel manuale di installazione e delle norme o pratiche che regolano gli allacciamenti di apparecchi elettrici a livello nazionale; insufficiente capacità o collegamenti elettrici incompleti potrebbero essere causa di scosse elettriche o incendio.

Per il collegamento elettrico, utilizzare un cavo di lunghezza sufficiente a coprire l’intera distanza, senza alcuna connessione; non utilizzare prolunghe; non applicare altri carichi sull’alimentazione ma utilizzare un circuito di alimentazione dedicato (in caso contrario, potrebbe esserci rischio di surriscaldamento, scossa elettrica o incendio).

Per i collegamenti elettrici fra unità interna ed esterna utilizzare i tipi di cavi specificati; fissare saldamente i cavi di interconnessione in modo che i rispettivi morsetti non siano sottoposti a sollecitazioni esterne; collegamenti o fissaggi incompleti possono essere causa di surriscaldamento o incendio.

Dopo aver collegato i cavi di interconnessione e di alimentazione, accertarsi che i cavi siano sistemati in modo da non esercitare forze eccessive sulle coperture o sui pannelli elettrici; montare le coperture sui cavi; l’eventuale collegamento incompleto delle coperture può essere

IT

È vietato tirare, staccare, torcere i cavi elettrici fuoriuscenti dall’apparecchio, anche se questo è scollegato dalla rete di alimentazione elettrica.

È vietato introdurre oggetti e sostanze attraverso le griglie di aspirazione e mandata d’aria.

È vietato aprire gli sportelli di accesso alle parti interne dell’apparecchio, senza aver prima posizionato l’interruttore generale dell’impianto su “spento”.

È vietato disperdere e lasciare alla portata di bambini il materiale dell’imballo in quanto può essere potenziale fonte di pericolo.

Non immettere R-410A nell’atmosfera: l’R-410A è un gas serra fluorurato, richiamato nel Protocollo di Kyoto, con un

Potenziale di Riscaldamento Globale (GWP)= 1975.

causa di surriscaldamento dei morsetti, scossa elettrica o incendio.

Nel caso in cui, durante l’operazione di installazione, vi sia stata fuoriuscita di liquido refrigerante, aerare l’ambiente

(il liquido refrigerante, se esposto alla fiamma, produce gas tossico).

Una volta ultimata l’installazione, controllare che non vi sia perdita di liquido refrigerante (il liquido refrigerante, se esposto alla fiamma, produce gas tossico).

All’atto dell’installazione o della ricollocazione dell’impianto, assicurarsi che nel circuito del refrigerante non penetri alcuna sostanza, come ad esempio aria, diversa dal liquido refrigerante specificato (R410A) (la presenza di aria o di altre sostanze estranee nel circuito del liquido refrigerante potrebbe provocare un aumento abnorme della pressione o la rottura dell’impianto, con conseguenti danni alle persone).

In caso di fuoriuscite di acqua, posizionare l’interruttore generale dell’impianto su “spento” e chiudere i rubinetti dell’acqua. Chiamare, con sollecitudine, il Servizio Tecnico di Assistenza INNOVA, oppure personale professionalmente qualificato e non intervenire personalmente sull’apparecchio.

In caso nell’impianto sia presente una caldaia, verificare, durante il funzionamento della stessa, che la temperatura dell’acqua circolante all’interno della pompa di calore aria-acqua non superi i 65°C.

Questo libretto d’istruzione è parte integrante dell’apparecchio e di conseguenza deve essere conservato con cura e dovrà SEMPRE accompagnare l’apparecchio anche in caso di sua cessione ad altro proprietario o utente oppure di un trasferimento su un altro impianto. In caso di suo danneggiamento o smarrimento richiederne un altro esemplare al Servizio Tecnico di Assistenza INNOVA di zona.

Assicurarsi che venga realizzato il collegamento di terra; non mettere a massa l’apparecchio su tubazioni di distribuzione, scaricatori per sovratensioni o sulla terra dell’impianto telefonico; se non eseguito correttamente, il collegamento di terra può essere causa di scossa elettrica; sovracorrenti momentanee di alta intensità provocate da

5

6

fulmini o da altre cause potrebbero danneggiare la pompa di calore aria-acqua.

IT

Si raccomanda di installare un interruttore di dispersione a massa; la mancata installazione di questo dispositivo potrebbe essere causa di scossa elettrica.

1 .4 Identificazione

L’apparecchiatura è identificabile attraverso:

– Targa imballo.

Riporta i dati identificativi dell’apparecchiatura.

– Targa caratteristica.

Applicata sulla macchina riporta i dati tecnici e prestazionali dell’apparecchiatura. In caso di smarrimento o dete-

1 .

Targa imballo

2 .

Targa tecnica rioramento, richiederne un duplicato al Servizio Assistenza

Tecnica.

La manomissione, l’asportazione, il deterioramento delle targhette di identificazione, rende difficoltosa qualsiasi operazione di installazione, manutenzione e di richiesta di parti di ricambio.

1

2

1 .5 Descrizione dell’apparecchio

1 .5 .1 Unità interna

3 in 1 riunisce al suo interno il riscaldamento invernale, il raffreddamento estivo e la produzione di acqua calda sanitaria. Su richiesta, la macchina può essere fornita anche con resistenze ausiliarie da 6 kW e con i componenti del circuito solare a bordo ( assemblabili anche in una fase successiva all’installazione).

Nel modulo interno sono integrati: scambiatore di calore a piastre saldobrasate pompa di circolazione primario P1 in corrente continua

(classe A) serbatoio inerziale da 200 litri con scambiatore istantaneo a serpentina (4 m2) in acciaio inox AISI 316L per riscaldamento acqua calda sanitaria separatore idraulico d’impianto vaso d’espansione impianto da 24 litri (48 per i modelli predisposti per energia solare) valvole di sicurezza valvola deviatrice per ACS rubinetti di intercettazione filtro a setaccio per l’acqua di impianto sfiati automatici per una perfetta evacuazione delle bolle d’aria.

3in1 integra di serie, al suo interno, anche la pompa di circolazione secondario P2, elettronica (classe A) a valle del separatore idraulico. Questa configurazione garantisce la completa separazione tra circuito primario e secondario con la conseguente sicurezza e stabilità funzionale della termopompa

IT

non più soggetta a variazioni di portata dovute alla circolazione dal lato impianto.

I collegamenti idraulici e frigoriferi (per l’allacciamento dell’unità esterna) sono disposti nella parte superiore del modulo in modo da evitare qualsiasi ingombro laterale.

L’accessibilità è interamente frontale riducendo così alla sola zona anteriore gli spazi di pertinenza.

Il quadro elettrico è corredato da sezionatore generale ed è racchiuso in un involucro stagno IP44. Il controllo elettronico

è collegabile (installando uno switch) mediante WEB SERVER ad ogni PC o smartphone connesso in Internet e dispone di una interfaccia utente con un ampio schermo touch screen che può essere remotato anche a distanza. Sul quadro elettrico è anche disponibile l’interfaccia utente montata di serie sulle ehpoca, per eventuali interventi di emergenza.

La versione di 3in1 con predisposizione per collegamento a pannelli solari prevede inoltre già integrati: pompa di circolazione per il fluido dei pannelli solari PSO, centralina elettronica, valvole di sicurezza, gruppo manometro fluido solare, vaso di espansione da 24 litri sul circuito solare, valvola miscelatrice termostatica per evitare alte temperature di mandata acqua calda sanitaria.

Il sistema dispone anche di attacchi per eventuale caldaia ausiliaria in modo da configurare una soluzione di tipo “ibrido” e per radiatori a medio alta temperatura come per esempio i termobagno. Tale soluzione permette di mantenere temperature di mandata molto basse per l’impianto primario e comunque alimentare alcuni radiatori a temperatura più elevata senza inficiare l’efficienza energetica complessiva (SCOP) della termopompa.

E’ disponibile come accessorio (montato nell’apparecchio) la pompa di circolazione alta temperatura P3 che può essere comandata da un termostato esterno.

7

8

1 .5 .2 Componenti unità interna

1 .

Pompa di circolazione impianto P2

2 .

Pompa di circolazione pompa di calore P1

3 .

Manometro

4 .

Valvola di sicurezza solare 4 bar

5 .

Manometro solare *

6 .

Pompa circuito solare PSO *

7 .

Rubinetto di scarico

8 .

Serbatoio acqua calda sanitaria

9 .

Vasi di espansione 2 x 24 l (uno opzionale)

10 . Rubinetto di carico

9

11

10

9

IT

1

19

2

3

18

17

11 . Valvola di sicurezza 6 bar

12 . Valvola di sfiato automatica

13 . Separatore idraulico

14 . Collettore

15 . Scambiatore a piastre

16 . Valvola a tre vie sanitario

17 . Centralina solare *

18 . Display touch LCD

19 . Resistenza 6 kW *

* Opzionale

12

13

14

15

16

4

5

6

8

7

1 .5 .3 Unità esterna

Le unità esterne collegabili sono le stesse della gamma eHPoca (sino al modello 15 KW) con garanzia di funzionamento da

-20 °C a + 45 °C partendo da temperature dell’acqua di 5 °C senza bisogno di resistenze elettriche aggiuntive, controllo full inverter modulante, perfetti sbrinamenti in ogni situazione climatica e grande silenziosità di funzionamento, lunghezza delle linee sino a 50 metri.

1 .5 .4 Componenti unità esterna

1 .

Pannello d’accesso

2 .

Attacchi frigoriferi

3 .

Ingresso connessioni

4 .

Elettroventilatori

5 .

Mobile di copertura

IT

Nell’unità sono presenti:

Compressore DC Inverter Twin rotary con separatore d’olio.

Ventilatori DC modulanti.

Valvola di laminazione elettronica

Connessione seriale P-Link a due fili non polarizzati.

5

1

4

2

3

7-9 12-15

9

10

IT

2 InSTallazIOne

2 .1 Immagazzinamento

Posizionare l’apparecchio solo in posizione verticale immagazzinare le confezioni in ambiente chiuso e protette dagli agenti atmosferici.

2 .2 ricevimento e disimballo

Gli apparecchi vengono spediti con imballo costituito da un involucro in cartone per l’unità esterna e una serie di protezioni in polistirolo espanso per l’unità interna.

Al di sotto dell’unità interna è presente un piccolo bancale che facilita le operazioni di trasporto e spostamento.

L’imballo è costituito da materiali adatti a proteggere la macchina dalle sollecitazioni di trasporto e movimentazione. Le unità vengono consegnate complete ed in perfette condizioni, tuttavia per il controllo della qualità dei servizi di trasporto attenersi alle seguenti avvertenze:

– al ricevimento degli imballi verificare se la confezione risulta danneggiata, in caso positivo ritirare la merce con riserva, producendo prove fotografiche degli eventuali danni apparenti.

– disimballare verificando la presenza dei singoli componenti con gli elenchi d’imballo.

– controllare che tutti i componenti non abbiano subito danni durante il trasporto; nel caso notificare entro 3 giorni dal ricevimento gli eventuali danni allo spedizioniere a mezzo raccomandata r.r. presentando documentazione fotografica.

Analoga informazione inviarla tramite fax anche al costruttore. Nessuna informazione concernente danni subiti potrà essere presa in esame dopo 3 giorni dalla consegna.

Per qualunque controversia sarà competente il foro di

TRENTO.

Non sovrapporre gli apparecchi.

Non capovolgere l’imballo.

Movimentare le unità in posizione verticale.

L’unità deve essere movimentata solo da personale qualificato, adeguatamente equipaggiato e con attrezzature idonee al peso ed alle dimensioni dell’apparecchio riportati in calce. Se viene utilizzato un carrello elevatore, inforcare il basamento nelle apposite aperture. Evitare situazioni pericolose nel caso si utilizzi un montacarichi per sollevare l’apparecchio. Nel caso si usino funi o catene, controllare che le stesse siano in buone condizioni, di capacità adeguata e approvate in accordo ai regolamenti sulla sicurezza vigenti nel luogo di installazione.

Quando il carico è sollevato da terra restare lontani dall’area sottostante e circostante. Durante le operazioni di trasporto evitare di coricare o posizionare il prodotto in orizzontale. Infatti il compressore frigorifero è montato su antivibranti, e si potrebbe verificare uno spostamento del compressore stesso o delle tubazioni di collegamento fuori dalle proprie sedi.

Conservare l’imballo almeno per tutta la durata del periodo di garanzia, per eventuali spedizioni al centro di assistenza in caso di riparazione.

È vietato disperdere, abbandonare o lasciare alla portata di bambini il materiale dell’imballo (cartone, graffe, sacchetti di plastica, ecc.) in quanto può essere potenziale fonte di pericolo.

2 .2 .1 Dimensioni in trasporto

IT

Unità interna

Altezza

Larghezza

Profondità

Peso lordo

Unità esterna

Altezza

Larghezza

Profondità

Peso lordo mm mm mm kg mm mm mm kg

7M

1136

1055

485

76

7M

2120

720

720

179

9M

1136

1055

485

76

9M

2120

720

720

179

12M

2120

720

720

179

12M

1556

1055

485

108

12T

1556

1055

485

108

12T

2120

720

720

179

15M

2120

720

720

179

15M

1556

1055

485

108

15T

1556

1055

485

108

15T

2120

720

720

179

2 .3 Modalità d’installazione

Per ottenere una buona riuscita dell’installazione e prestazioni di funzionamento ottimali, seguire attentamente quanto indicato nel presente manuale.

La mancata applicazione delle norme indicate, che può causare mal funzionamento delle apparecchiature, sollevano la ditta da ogni forma di garanzia e da eventuali danni causati a persone, animali o cose.

È importante che l’impianto elettrico sia eseguito secondo le norme vigenti, rispetti i dati riportati nel capitolo Informazioni tecniche e sia costituito da una corretta messa a terra.

L’apparecchio deve essere installato in posizione tale da consentire facilmente la manutenzione.

11

12

2 .4 Installazione dell’unità interna

L’ubicazione degli apparecchi, deve essere stabilita dal progettista dell’impianto o da persona competente in materia e deve tenere conto sia delle esigenze prettamente tecniche, sia di eventuali legislazioni locali vigenti.

L’unità è predisposta con quattro ruote a sfera per facilitare la movimentazione.

Posizionata l’unità:

Regolare i due piedini per l’ancoraggio a terra livellandolo.

IT

La movimentazione va fatta esclusivamente con l’apparecchio in verticale.

Posizionare l’unità su un piano di appoggio perfettamente livellato.

Verificare che il piano di appoggio supporti il peso dell’apparecchio.

a

Lato anteriore

B

Lato posteriore

1 .

Piedini di ancoraggio a terra

2 .

Ruote a sfera per la movimentazione

1

2

B

A

IT

2 .4 .1 Distanze minime e accesso alle parti interne

Per accedere al quadro elettrico ed alla pompa primario:

Aprire lo sportello centrale ruotandolo verso il basso.

Per accedere al serbatoio acqua sanitaria, al kit solare ed al rubinetto di scarico:

Svitare le viti di fissaggio.

Sollevare leggermente e rimuovere il pannello inferiore.

Per accedere al rubinetto di carico impianto ed alla pompa di circolazione secondario:

Svitare le viti di fissaggio.

Rimuovere il pannello superiore tirandolo verso di sè.

Per accedere alla valvola di sfiato manuale:

Svitare le viti di fissaggio.

Ruotare il quadro elettrico.

I pannelli laterali si possono rimuovere svitando le 4 viti frontali ed alzando il pannello fino a liberarlo dagli agganci a slitta posteriori.

1 .

Pannello inferiore

2 .

Sportello centrale

3 .

Pannello superiore

4 .

Quadro elettrico

500 mm

3

4

2

250 mm

250 mm

1

500 mm

13

14

2 .5 Installazione dell’unità esterna

La lunghezza massima delle linee di collegamento all’unità interna deve essere di 50 m in ciascun senso (per lunghezze superiori ai 30 m occorre comunque rabboccare la carica di

R410A con 40 g per ogni metro). Inoltre il massimo dislivello tra l’unità interna e quella esterna non deve superare le quote riportate nella tabella “Collegamenti”.

2 .5 .1 avvertenze

Montare l’unità esterna in una posizione in grado di sopportarne il peso.

Scegliere un luogo adeguatamente ventilato, in cui durante la stagione estiva la temperatura esterna non superi i

40°C.

Lasciare, attorno all’apparecchio, uno spazio libero sufficiente, tale da evitare il ricircolo e da facilitare le operazioni di manutenzione.

Prevedere, sotto all’apparecchio, uno strato di ghiaia per il drenaggio dell’acqua di sbrinamento.

In caso di installazione in località a forte innevamento, montare il supporto dell’apparecchio ad un’altezza superiore al livello massimo della neve.

IT

È molto importante che il luogo in cui eseguire l’installazione venga scelto con la massima cura al fine di garantire adeguata protezione dell’apparecchio da eventuali urti e possibili conseguenti danni.

Usare cemento o materiale simile per costruire la base ed assicurare un buon drenaggio. In questo caso prevedere dei blocchetti antivibratori atti ad evitare la trasmissione delle vibrazioni.

In situazioni normali, assicurare un’altezza della base di almeno 5 cm.

Consigliamo di usare sempre una vaschetta di raccolta ed un tubo di scarico della condensa, o per l’uso in regioni con inverni freddi, assicurare un’altezza di almeno 15 cm dai piedi in entrambi i lati dell’unità.

(In questo caso, lasciare spazio al di sotto dell’unità per il tubo di scarico e per impedire il congelamento dell’acqua di scarico nelle regioni con inverni freddi).

Distanza cm

A

≥ 15

B

≥ 25

C

≥ 20

D

≥ 50

1 .

Supporti antivibranti disponibili come accessori (kit

GR0672)

A

B

C

D

D

C

1

D

Min. 15cm

2 .6 Collegamenti frigoriferi

L’installatore deve essere in regola con quanto stabilito dal regolamento 303/2008/CE che definisce, in conformità alla direttiva 842/2006/CE, i requisiti delle imprese e del personale per quanto concerne le apparecchiature fisse di refrigerazione, condizionamento d’aria e pompe di calore contenenti taluni gas fluorurati ad effetto serra.

IMPORTANTE:

Non eseguire i collegamenti utilizzando normali tubazioni idrauliche che al loro interno potrebbero contenere residui di trucioli, sporcizia o acqua, e che possono danneggiare i componenti delle unità e pregiudicare il corretto funzionamento delle apparecchiature.

Usare esclusivamente tubazioni in rame specifici per refrigerazione che vengono forniti puliti e sigillati alle estremità.

Dopo aver eseguito i tagli sigillare immediatamente le estremità del rotolo e dello spezzone tagliato.

È possibile utilizzare tubi in rame per refrigerazione già preisolati.

Utilizzare esclusivamente tubi con diametri che rispecchiano le dimensioni descritte nella tabella dei dati tecnici.

IT

Aprire il pannello d’ispezione dell’unità esterna per accedere agli attacchi frigoriferi.

Individuare il percorso delle tubazioni in modo da ridurre il più possibile la lunghezza e le curve dei tubi per ottenere il massimo rendimento dell’impianto.

La lunghezza massima delle linee di collegamento all’unità interna deve essere compresa tra 2 e 50 m in ciascun senso (per lunghezze superiori ai 30 m occorre comunque rabboccare la carica R410A con 40 g per ogni metro). Inoltre il massimo dislivello tra l’unità interna e quella esterna non deve superare le quote riportate nella tabella “Collegamenti”.

Fissare al muro una canalina passacavi (possibilmente con separatore interno) di opportune dimensioni in cui far passare successivamente le tubazioni e i cavi elettrici.

Tagliare i tratti di tubazione abbondando di circa 3-4 cm sulla lunghezza.

IMPORTANTE: effettuare il taglio esclusivamente con un tagliatubi a rotella stringendo a piccoli intervalli per non schiacciare il tubo.

NON UTILIZZARE MAI UN NORMALE SEGHETTO, i trucioli potrebbero entrare nel tubo e successivamente in circolo nell’impianto danneggiando seriamente i componenti.

Rimuovere eventuali bave con l’apposito utensile.

IMPORTANTE: appena effettuato taglio e sbavatura sigillare le estremità del tubo con nastro isolante.

a

Uscita dei fili di controllo

B

Pannello d’ispezione

C

Copertura A

D

Uscita dei fili di alimentazione

e

F

Uscita delle tubazioni

Linea del liquido 3/8”

G

Linea del gas 5/8”

A

B

C

D

E

F G

Nel caso non si utilizzino tubazioni preisolate, inserire i tubi nell’isolante che deve avere le seguenti caratteristiche:

– materiale: poliuretano espanso a celle chiuse

– coefficiente di trasmissione max: 0,45 W/ (Kxm2) ovvero

0.39 kcal/(hxCxm2)

– spessore minimo: 6mm (per le linee de liquido)

– spessore minimo: 9 mm (per le linee del gas).

Non inserire entrambe le tubazioni nella medesima guaina, si compromette il perfetto funzionamento dell’impianto.

15

Unire accuratamente con nastro adesivo e eventuali giunzioni della guaina.

Infilare nel tubo, prima di eseguire la cartellatura, il dado di fissaggio.

Eseguire la cartellatura sulle estremità dei tubi, utilizzando l’apposito utensile, in modo impeccabile, senza rotture, incrinature o sfaldature.

Lubrificare il filetto dell’attacco con olio per refrigerante

(NON UTILIZZARE NESSUN ALTRO TIPO DI LUBRIFICANTE).

2 .6 .1 Tabella collegamenti

Non è necessario realizzare sifoni sulle linee frigorifere in quanto i compressori delle unità esterne sono dotati di separatori dell’olio.

IT

Avvitare manualmente il dado del tubo sulla filettatura dell’attacco.

Avvitare definitivamente utilizzando una chiave fissa per tenere ferma la parte filettata dell’attacco, per evitarne deformazioni, e una chiave dinanometrica, sul dado tarata con i seguenti valori in base alle dimensioni dei tubi:

Diametro 3/8’’ 34 N.m < coppia di serraggio < 42 N.m

Diametro 5/8’’ 68 N.m < coppia di serraggio < 82 N.m

L

H1

H2

L

Massimo sviluppo in lunghezza consentito

Limite di differenza di elevazione tra le 2 unità se l’unità esterna è posizionata più in alto

Limite di differenza di elevazione tra le 2 unità se l’unità esterna è posizionata più in basso

Lunghezza dei tubi di collegamento 3/8’’ e 5/8’’ senza carica complementare di gas

Carica complementare di R410A per metro di tubo fra 30 e 50 m

L

H1

H2 m m m m g/m

50

30

15

2 ÷ 30

40

16

2 .6 .2 Prove e verifiche

Ultimati i collegamenti dei tubi occorre eseguire una verifica sulla perfetta tenuta dell’impianto frigorifero.

Per eseguire le operazioni di seguito descritte è necessario utilizzare un gruppo manometrico specifico per R410A ed una pompa del vuoto con portata minima di 40 l/min:

Svitare il tappo di chiusura del raccordo di servizio della linea del gas.

Collegare la pompa del vuoto ed il gruppo manometrico, mediante dei tubi flessibili con attacco da 5/16” al raccordo di servizio della linea del gas.

Accendere la pompa ed aprire i rubinetti del gruppo manometrico.

Abbassare la pressione fino a -101kPa (-755mmHg, -1bar).

Continuare a mantenere la depressione per almeno 1 ora.

Chiudere i rubinetti del gruppo manometrico e spegnere la pompa.

Dopo 5 minuti solo se la pressione è rimasta a -101kPa

(-755mmHg, -1bar) passare all’operazione di cui al punto

8. Se la pressione all’interno del circuito è risalita ad un valore superiore a -101kPa (-755mmHg, -1bar) è necessario procedere alla ricerca della perdita (mediante soluzione

a

Gruppo manometrico

B

Eventuale vacuometro

C

Pompa del vuoto

D

Rubinetto del tubo flessibile (aperto)

e

F

Raccordo di servizio (chiuso)

Tubo del gas

A

B

Lo Hi

IT

saponata con circuito frigorifero in pressione di azoto ~ 30 bar), individuata e riparata la quale è necessario poi ripartire dal punto 3.

Con una chiave esagonale da 4mm aprire lo stelo della valvola del liquido fino ad aprirla completamente.

Aprire completamente, servendosi di una chiave esagonale da5 mm, lo stelo della valvola del gas.

Togliere il tubo flessibile di carica collegato al raccordo di servizio del tubo del gas.

Rimettere al suo posto il tappo del raccordo di servizio del tubo del gas e fissarlo con una chiave inglese o fissa.

Rimettere i tappi degli steli delle valvole di servizio sia del gas che del liquido e fissarli.

Se la lunghezza delle tubazioni è superiore ai 30m occorre rabboccare la carica di gas R410A con 40g per ogni metro.

Non aprire i rubinetti se non si è sicuri della tenuta.

G

Tubo del liquido

H

Unità esterna

I

l

Stelo valvola

Coperchio stelo valvola

M

Foro di carico

n

Valvola principale

C

F

D

E

G

E

H

Gruppo manometrico

I

Pompa a vuoto

M

N

L

2 .6 .3 Caricamento del refrigerante addizionale

Se la lunghezza delle tubazioni è superiore ai 30m occorre rabboccare la carica di gas R410A aggiungendo 40 g per ogni metro.

– Aprire il rubinetto del liquido della bombola.

– Caricare la quantità necessaria di refrigerante.

– Collegare una bombola di gas refrigerante R410A al gruppo manometrico avendo cura di porla su una bilancia di precisione.

– Aprire i rubinetti del gruppo manometrico.

– Richiudere i rubinetti della bombola e del gruppo manometrico e scollegare la bombola.

– Riportare sull’etichetta del prodotto (all’interno dei pannello) la lunghezza delle tubazioni e la quantità di refrigerante addizionata.

17

18

a

Gruppo manometrico

B

Eventuale vacuometro

C

Rubinetto del liquido della bombola

D

Bombola di gas R410A

B

F

G

A

Lo Hi

IT

e

F

Raccordo di servizio (chiuso)

Tubo del gas

G

Tubo del liquido

H

Unità esterna

C

D

R410A

E

E

H

2 .7 Collegamenti idraulici

La scelta e l’installazione dei componenti è demandata, per competenza, all’installatore che dovrà operare secondo le regole della buona tecnica e della Legislazione vigente. Prima di collegare le tubazioni assicurarsi che queste non contengano sassi, sabbia, ruggine, scorie o comunque corpi estranei che potrebbero danneggiare l’impianto.

Le tubazioni di collegamento devono essere sostenute in modo da non gravare, con il loro peso, sull’apparecchio.

I collegamenti idraulici vanno completati installando:

– valvole di sfiato aria nei punti più alti delle tubazioni;

1 .

Mandata caldaia (1”)

2 .

Ritorno caldaia (1”)

3 .

Acqua calda sanitaria (3/4”)

4 .

Alimentazione acqua sanitaria (3/4”)

5 .

Mandata radiatori (3/4”)

6 .

Ritorno radiatori (3/4”)

7 .

Mandata solare (12 mm)

IT

– giunti elastici flessibili;

– valvole di intercettazione.

Gli attacchi idraulici sono posizionati nella parte superiore dell’unità.

Gli allacciamenti idraulici possono essere fatti sia verso la parete (nascondendoli così alla vista) che verso l’alto. Collegare una tubazione di scarico alla valvola di sicurezza in modo da evitare che eventuali fuoriuscite d’acqua vadano a contatto con le parti elettriche dell’apparecchio.

Porre attenzione a non invertire mandate con ritorni.

8 .

Ritorno solare (12 mm)

9 .

Linea del liquido (3/8)

10 . Linea del gas (5/8)

11 . Ritorno impianto (1”)

12 . Mandata impianto (1”)

13 . Collegamenti alternativi mandata/ritorno caldaia

3 4 56 7 8

2

1

9

10

13

12 11

Il diametro nominale minimo delle tubazioni di collegamento deve essere di 1”.

Per consentire le operazioni di manutenzione o riparazione

è indispensabile che ogni allacciamento idraulico sia dotato delle relative valvole di chiusura manuali.

Le perdite di carico massime ammesse sull’impianto vanno comparate con i dati riportati nel vedi capitolo 2.17 Grafico portata / prevalenza pompa secondario P2 p.  24

Se dovessero essere necessarie prevalenze superiori a causa di perdite di carico dell’impianto elevate si dovrà aggiungere una pompa esterna.

Le tubazioni di distribuzione dell’acqua refrigerata dovranno essere adeguatamente isolate con polietilene espanso o materiali similari di spessore di almeno 13 mm. Anche le valvole di intercettazione, le curve ed i raccordi vari dovranno essere adeguatamente isolati.

Per evitare sacche di aria all’interno del circuito è necessario prevedere dispositivi di sfiato automatici o manuali in tutti i punti (tubazioni più alte, sifoni ecc) dove l’aria si può accumulare.

Se la pressione di rete è superiore ai 3 bar installare un riduttore di pressione sul carico.

19

20

1 .

Pompa di circolazione pompa di calore P1

2 .

Vaso d’espansione 24 litri

3 .

Valvola miscelatrice termostatica *

4 .

Pompa di circolazione alta temperatura * P3

5 .

Pompa di circolazione impianto P2

6 .

Separatore idraulico

7 .

Filtro a Y

8 .

Valvola a 3 vie

9 .

Valvola di sfiato bollitore

10 . Rubinetto di carico solare *

11 . Manometro *

12 . Pompa circuito solare PSO *

13 . Serpentino inox ACS

14 . Serpentino solare

IT

15 . Unità esterna

16 . Pannello solare

17 . Valvola di sicurezza 3 bar

18 . Valvola di sicurezza solare 4 bar *

19 . Valvola di sicurezza 7 bar

20 . Caldaia

21 . ACS

22 . Radiatori

23 . Impianto

24 . Scambiatore a piastre

25 . Valvola di sfiato automatico

26 . Collettore con resistenza *

* Opzionale

2

20 21 22 23

19

13

3

4

5

6

24

25

17

26

1

7

9

10

18

8

11

2

12

14

15

16

IT

In fase di primo avviamento, il tecnico specializzato dovrà rilevare i valori di riferimento dell’acqua dell’impianto con degli appositi test kit.

Valori di riferimento acqua impianto

pH

Conducibilità elettrica

Durezza totale

Ferro totale

Manganese

Cloruri

Ioni zolfo

Ioni ammoniaca

Se la durezza totale è superiore ai 20°F o alcuni valori di riferimento dell’acqua di reintegro non rientrano nei limiti indicati contattare il nostro servizio prevendita per determinare i trattamenti da implementare.

Acque di pozzo o falda non provenienti da acquedotto vanno sempre analizzate attentamente e in caso condizionate con opportuni sistemi di trattamento. In caso di installazione di un addolcitore oltre a seguire le prescrizioni del costruttore, regolare la durezza dell’acqua d’uscita non al di sotto dei

5 °F (effettuando altresì i test di pH e di salinità) e verificare la concentrazione di cloruri in uscita dopo la rigenerazione delle resine.

2 .8 riempimento impianto

Una volta terminati i collegamenti idraulici occorre procedere al riempimento dell’impianto.

Agire sul rubinetto di riempimento.

Contemporaneamente è necessario sfiatare l’aria all’interno delle tubazioni e dell’apparecchio.

Agire sulla valvola di sfiato aria manuale.

Durante tutte queste operazioni la macchina deve essere scollegata dalla rete di alimentazione elettrica.

La pressione di esercizio dell’impianto non deve superare gli

1,5 BAR a pompa spenta. In ogni caso per verificare eventuali perdite dell’impianto all’atto del collaudo si consiglia di alzare la pressione di test per poi scaricarlo successivamente per raggiungere la pressione di esercizio.

µS/cm

°F ppm ppm ppm

6,5 ÷ 7,8

250 ÷ 800

5 ÷ 20

0,2

< 0,05

< 250 assenti assenti

Attenzione non introdurre acidi all’interno del circuito di lavaggio.

Se l’unità interna è installata all’esterno o in un locale dove la temperatura può scendere sotto 0°C svuotare l’impianto o introdurvi del liquido antigelo in una percentuale congrua alle temperature minime raggiungibili.

Soluzioni di acqua e glicole etilenico usate come fluido termovettore in luogo di acqua, provocano una diminuzione delle prestazioni delle unità. Addizionare l’acqua con una percentuale massima del 35% di glicole etilenico (pari ad una protezione fino a -20 °C).

Se viene superata la pressione di 3 bar la valvola di sicurezza si apre e scarica all’esterno l’acqua in esubero. Collegare una tubazione di scarico alla valvola di sicurezza in modo da evitare che eventuali fuoriuscite d’acqua vadano a contatto con le parti elettriche dell’apparecchio.

Una volta terminati gli allacciamenti elettrici ed attivata la pompa di circolazione verificare che non siano ancora presenti residui d’aria. Se questo dovesse accadere bisogna fermare a più riprese la pompa e sfiatare nuovamente. Per evitare pericolose cavitazione che potrebbero danneggiare la pompa e rendere meno efficiente l’intero apparecchio, la pressione di aspirazione, con pompa accesa, misurabile mediante il manometro presente sull’apparecchio, non deve essere inferiore a 0,6 BAR.

21

22

1 .

Rubinetto di riempimento

2 .

Valvola di sfiato aria manuale

1

IT

2

2 .9 Funzionamento pompa primario P1

La pompa di circolazione primario P1 (inverter in classe A), viene innescata con richiesta sanitario (legata alla lettura di

T3 posizionata nel serbatoio ACS) o impianto (legata alla lettura di T1 posizionata nel separatore). Può essere gestita con

3 diversi algoritmi impostabili tramite lo specifico parametro

PMS del controllore: la regolazione di fabbrica prevede che in estate o inverno la pompa ha un funzionamento nor “su richiesta” in cui la pompa è attiva solo su richiesta del regolatore di temperatura (il circolatore si avvia 20 secondi prima delle altre uscite e si spegne 2 minuti in ritardo rispetto ad esse) e se l’ingresso per la selezione TA, “solo sanitario”, è aperto la pompa esegue i cicli su sola richiesta del regolatore in base alla lettura della sonda

T3 sanitario.

Sono possibili anche il funzionamento con “continuo” (in cui la pompa funzionerà ininterrottamente per tutto il tempo in cui lo strumento risulterà attivato) o tim “energy saving” (in cui oltre che alla normale richiesta del regolatore essa si avvia a tempi ciclici di 2 minuti di ON e di 15 di OFF nei casi in cui il regolatore di temperatura è soddisfatto) attivabili attraverso lo specifico parametro a cura del Servizio tecnico d’assistenza.

Se la funzione caldaia, CAL è abilitata e il RISCALDATORE AU-

SILIARIO viene commutato alla pompa di calore l’apparecchio viene posto in stand-by. A display compare il prompt

“CAL” ed è attiva unicamente l’uscita SAN sempre regolata dalla sonda T3.

In caso di allarme antigelo rilevato dalle sonde T2 o T3 viene sempre attivata l’uscita pompa.

Il regolatore della pompa deve essere impostato su I per il modello 7, II per il modello 9 e III per i modelli 12 e 15.

Min.

I

II

III

IT

2 .10 Funzionamento pompa di circolazione secondario P2

La pompa P2 viene pilotata esclusivamente dall’ingresso per la selezione TA, “solo sanitario” (anche quindi con regolatore in stand-by).

2 .15 Prevalenza costante

L’apparecchio utilizza una pompa di circolazione ad alta efficienza a rotore bagnato adatta per tutti gli impianti di riscaldamento e condizionamento con campo di temperatura da

-10 °C a +110 °C che grazie all’impiego di specifici motori sincroni - con rotori a magnete permanente regolati da inverter in classe A - garantiscono fino all’80% di risparmio d’energia in rapporto alle pompe standard.

Inoltre l’elettronica di regolazione garantisce l’adattamento automatico delle prestazioni alle mutevoli condizioni di esercizio dell’impianto idraulico.

Sulla parte frontale del corpo pompa è presente un regolatore che permette di selezionare la prevalenza massima in base all’effettivo fabbisogno dell’impianto e di selezionare:

III

II

I

H

Min.

I

II

Q

– la modalità di funzionamento a prevalenza variabile Δp-v in cui il sistema elettronico varia la prevalenza sviluppata dalla pompa fra il valore impostato e la metà dello stesso al variare della portata d’acqua. Tale modalità è particolarmente indicata per impianti a perdite di carico variabili con valvole a 2 vie.

2 .16 Prevalenza variabile

III

– la modalità a prevalenza (numero di giri) costante (impostata di fabbrica) in cui la pressione generata dalla pompa è mantenuta costante al valore Impostato in tutto il campo di portata consentito (tale modalità è indicata per impianti con perdite di carico costanti o valvole a 3 vie di bypass).

H

H max

Hs

1

/

2

Hs

H min

Q

L’impostazione del valore di prevalenza massima della pompa impianto riscaldamento/raffreddamento P2 va eseguito, con potenzialità del compressore al 100%, tutte le valvole di distribuzione aperte e le utenze accese verificando il salto termico tra mandata e ritorno impianto che deve essere compreso tra 4 ÷ 7 °C.

23

24

IT

Se il salto termico dovesse essere inferiore ai 4 °C impostare una velocità del circolatore più bassa. Se al contrario il salto risulta più alto di 7 °C verificare l’apertura di tutte le valvole presenti sull’impianto ed eventualmente aggiungere una pompa esterna per aumentare la portata d’acqua.

2 .17 Grafico portata / prevalenza pompa secondario P2

Hst (kPa)

80

70

60

50

40

30

20

10

0

0,6 0,8 1 1,2 1,4 1,6 1,8 2 2,2 2,4 2,6 2,8 3

Q (m3/h)

Le perdite di carico massime ammesse dell’impianto devono essere compatibili con le prevalenze utili residue della pompa presente sull’apparecchio.

IT

2 .11 Collegamenti elettrici

Prima di effettuare qualsiasi intervento assicurarsi che l’alimentazione elettrica sia disinserita.

Per i collegamenti elettrici fare riferimento agli schemi elettrici del paragrafo vedi capitolo 2.12 Schemi elettrici p.  2 9 soprattutto per quanto concerne la morsettiera di alimentazione.

La tensione di alimentazione deve essere quella riportata nella Targhetta tecnica a bordo macchina.

I terminali dei cavi devono essere provvisti di terminali a puntale di sezione proporzionata ai cavi di collegamento prima del loro inserimento all’interno della morsettiera.

La linea di alimentazione deve essere adeguatamente dimensionata per evitare cadute di tensione o il surriscaldamento di cavi o altri dispositivi posti sulla linea stessa. Per i dati di dimensionamento riferirsi alla tabella qua sotto riportata.

La linea di alimentazione deve essere sezionabile dal resto della rete elettrica dell’edificio mediante un interruttore magnetotermico onnipolare conforme alle norme EN 60335 parte 1 (apertura dei contatti almeno 3 mm), adeguato all’assorbimento dell’apparecchio, con relè differenziale con taratura massima pari a quanto prescritto dalle singole normative elettriche.

Verificare che durante il funzionamento del compressore la tensione di alimentazione elettrica non scenda al di sotto del valore nominale -10% e in caso di alimentazione trifase si abbia uno sbilanciamento massimo tra le fasi del

3%.

Il costruttore non è responsabile di eventuali danni causati dalla mancanza di messa a terra o dall’inosservanza di quanto riportato negli schemi elettrici.

È vietato l’uso dei tubi del Gas e dell’acqua per la messa a terra dell’apparecchio.

2 .11 .1 Tabella per il dimensionamento della linea di alimentazione

1.

2.

Modelli

Tensione

Potenza massima assorbita (1)

Corrente massima assorbita (1)

Potenza massima assorbita (2)

Corrente massima assorbita (2)

Versione senza resistenza

Versione con resistenza da 6kW

V/50Hz kW

A kW

A

7M

230

3,93

18,00

9,93

44,00

9M

230

3,93

18,00

9,93

44,00

12M

230

5,55

25,00

11,55

51,00

12T

400-3N

5,85

9,00

11,85

17,70

15M

230

6,20

28,00

12,20

54,00

15T

400-3N

6,50

10,00

12,50

18,70

2 .11 .2 Collegamento linea di alimentazione elettrica

Il quadro elettrico è situato nella parte frontale della macchina.

Per accedere al quadro elettrico:

Rimuovere il pannello centrale come riportato al capitolo vedi capitolo 2.4.1 Distanze minime e accesso alle parti interne p.  13

Inserire il cavo nella guaina 1 in modo da farlo fuoriuscire direttamente nel quadro 2.

Il cavo di collegamento deve essere dimensionato secondo quanto riportato nella tabella vedi capitolo 2.6  p.  25

Si consiglia comunque di non scendere al di sotto dei 4 mm².

Il cavo deve essere di tipo multipolare a doppio isolamento mod. H05VVF per applicazioni all’interno degli ambienti e mod. H07RNF per applicazioni all’esterno in cavidotto.

25

1 .

Ingresso collegamenti elettrici

2 .

Ingresso collegamenti al quadro elettrico

Q1 Sezionatore generale

K1 Relè consenso riscaldatore ausiliario

K2 Relè consenso unità esterna

K3 Relè contatti termostato ambiente

IT

Tr Trasformatore 230/24/13V per scheda unità esterna

Inn-PDC-02

Cr-UXrP71B

a Morsettiera

Controllore con interfaccia utente

SW Scheda web server con rabbit

Scheda comando unità esterna

TR

CR-UXRP71B

K1

A

K2 K3

SW

Q1

2

1

26

2 .11 .3 Collegamento elettrico unità motocondensante esterna

L’alimentazione elettrica dell’unità esterna (monofase o trifase) va collegata agli appositi morsetti, sottoposti all’azione del sezionatore Q1, predisposti a sinistra della linea di alimentazione dell’unità interna utilizzando dei cavi dimensionati adeguatamente per evitare cadute di tensione o surriscaldamenti.

2 .11 .4 Connessioni alla morsettiera

Prima di eseguire la connessione ai morsetti leggere attentamente quanto riportato nel presente paragrafo! La connessione dei contatti di comando ai morsetti 5-6 e

7-8 prevede di togliere i ponti elettrici presenti di fabbrica. Per posizionare la sonda esterna T4, essa deve essere scollegata dai morsetti 13-14, eventualmente allungata, e ricollegata.

Morsetti 1-2: collegamento seriale morsetti U1 e U2 dell’unità esterna (a cura dell’installatore). Il collegamento non è polarizzato. Per la connessione utilizzare un cavo bipolare schermato con sezione minima di 0,35 mm².

Se viene applicata accidentalmente una tensione di 230V il fusibile dell’unità esterna da 0,5A salta per proteggere la scheda elettronica. In questo caso è possibile tentare di ripristinare la comunicazione spostando il connettore BLU da OC a EMG sulla scheda elettronica dell’unità esterna.

Morsetti 3-4: ingresso configurabile per l’attivazione della funzione Antilegionella (acquistare e collegare un programmatore orario a cura dell’installatore) o in alternativa per la selezione estate/ inverno (impostando a SEA il parametro di2). In questo caso l’azione delle relative tile è inibita.

Lasciando il contatto aperto si forza l’apparecchio in inverno, chiudendolo in estate.

Tramite l’attivazione della funzione Antilegionella il regolatore è in grado di svolgere autonomamente le procedure di disinfezione termica su impianti di acqua calda sanitaria dotati di ricircolo, diminuendo sensibilmente il rischio di presenza e proliferazione dei batteri responsabili della legionella.

Le molteplici variabili connesse alla realizzazione degli impianti su cui la ns. apparecchiatura può essere installata non consentono la totale esclusione del rischio.

L’attivazione della funzione di disinfezione può essere effettuata collegando all’ingresso un programmatore orario con valore di default nella notte fra domenica e lunedì alle ore

2.00; in quanto statisticamente è l’orario più improbabile in cui possa esservi prelevamento dalle utenze.

La durata dell’azione è dettata dalle caratteristiche dell’impianto. Il batterio della Legionella reagisce in maniera diversa in funzione della temperatura massima raggiunta nell’anello e all’aumentare della temperatura diminuisce il tempo di durata.

I parametri di default impostati nel dispositivo sono:

temperatura impostata > 60°C per una durata di 2 ore ma sono altresì possibili altre impostazioni tenendo conto delle seguenti regole:

– oltre 70°C la disinfezione dura 30 minuti.

– tra i 65° e 70°C la disinfezione dura 60 minuti,

– tra i 60° e 65°C la disinfezione dura 120 minuti,

– tra i 57,5° e 60°C la disinfezione dura 180 minuti,

– tra i 55°C e 57,5°C la disinfezione dura 240 minuti.

Il regolatore segnala l’esecuzione della funzione Antilegionella attraverso il lampeggio del LED , esegue una verifica dell’effettiva esecuzione dell’azione in base ai parametri preimpostati ed eventualmente dopo esce dalla funzione dopo un timeout di 5 ore.

Durante l’esecuzione della funzione Antilegionella le esigenze di raffrescamento o riscaldamento dell’impianto non sono soddisfatte.

Al fine di evitare ustioni qualora si prelevi acqua calda durante la fase di disinfezione termica è consigliato l’inserimento di dispositivi di sicurezza antiscottatura su ogni utenza.

Morsetti 5-6: collegamento per la selezione TA, “solo sanitario”, da contatto pulito remoto. Inibisce il funzionamento delle regolazioni estate ed inverno lasciando attiva la sola produzione di acqua sanitaria.

Uscita in tensione a 230 V.

La pompa di circolazione secondario P2 è connessa direttamente a tale ingresso e funziona anche con regolatore in stand by.

2 .19 Morsettiera di collegamento

IT

Morsetti 7-8: contatto per la selezione ON/OFF da contatto pulito remoto. Pone in stand-by l’apparecchio disattivando tutte le regolazioni ed è indicato a display da oFF. In stand-by lo strumento esegue una funzione antigelo, in base alla soglia

ALo ed alla lettura delle sonde T2 e T3, il cui intervento è segnalato a display alternativamente da oFF e ALo. Può essere impostato tramite parametro dI4 come abilitazione/disabilitazione funzione sanitario (in questo caso lo standby indicato a display si verifica solo se contemporaneamente anche l’ingresso TA è aperto).

Morsetti 9-10: contatto pulito (chiuso in sanitario) per consenso sanitario

(max 2A).

Morsetti 13-14: Ingresso sonda di rilevazione della temperatura dell’aria esterna da posizionare in modo che rilevi la temperatura dell’aria esterna e non venga influenzata da fattori che ne possano falsare la lettura (ad esempio irraggiamento solare diretto, altre fonti di calore, accumuli di neve/ghiaccio) . Da collegare elettricamente a cura dell’installatore (distanza max di 50 m).

Morsetti 15-16: contatto pulito normalmente aperto per caldaia di supporto (max 2 A).

Morsetti 17-18: alimentazione 230 V (max 1 A) per collegamento termostato e resistenza in dotazione al

KIT BACINELLA RACCOLTA CONDENSA RISCAL-

DATA LB0656.

Morsetti 19-20: Ingresso a 230 V per pompa di circolazione alta temperatura P3 montata opzionalmente nell’apparecchio.

230 V

27

28

2 .20 Sonda aria esterna

a sottotetto

B sotto una terrazza

C se libero a muro provvedere una piccola tettoia

IT

D sonda aria esterna

e

F scatola di protezione morsettiera di collegamento

D

NORD

A

B

C

E

10

F

2 .11 .5 Collegamento ethernet tramite switch

L’interfaccia touch screen è collegata al controllore INN-

PDC-02 tramite una scheda webserver ethernet che può quindi essere connessa ad uno switch e ad un modem in modo da eseguire il controllo e la supervisione dell’apparecchio da qualsiasi connessione internet.

In aggiunta, la scheda webserver è in grado di inviare un e-mail a 3 diversi destinatari in caso di comparsa di un qualsiasi allarme di funzionamento. Grazie a questo messaggio è possibile avvisare il centro di assistenza che ha anche la possibilità, su vostra autorizzazione, di collegarsi all’apparecchio per capire la ragione dell’eventuale malfunzionamento ed in molti casi, risolvere il problema senza intervenire in loco.

Per attivare la funzione è necessario contattare il Servizio Tecnico di Assistenza.

2 .11 .6 Collegamento centralina solare

L’apparecchio in versione con integrazione solare viene fornito completo di centralina elettronica per la gestione precablata in fabbrica.

S1 Sonda pannelli solari

S2 Sonda serbatoio acqua calda sanitaria

OUT1 Uscita per pompa solare PSO

La sonda S1 deve essere posizionata sul collettore solare.

2 .12 Schemi elettrici

2 .12 .1 Schema elettrico monofase

Q1 Sezionatore generale

Mr Morsetti connessione versione con resistenza

P1 Pompa di circolazione primario

P2 Pompa di circolazione secondario

K1 Relè consenso riscaldatore ausiliario

K2 Relè consenso unità esterna

K3 Relè contatti termostato ambiente

al Contatto orologio antilegionella (o EST / INV, aperto inverno) *

Ta Termostato ambiente chiamata Riscaldamento

Raffreddamento *

On Contatto ON/OFF (o SAN ON/OFF ) remoto *

eV Elettrovalvola sanitario/impianto *

Ca Consenso riscaldatore ausiliario (max 2 A) *

SC Consenso sanitario

Tr Trasformatore 230/24/13V per scheda unità esterna

IT

aT Alimentatore 5 V per interfaccia tablet

SW Scheda web server con rabbit

PC Pach cord collegamento interfaccia tablet

Fl Flussostato

Dr Connessione per kit bacinella riscaldata DR0656 (max 1

A) *

T1 Sonda temperatura acqua impianto (regolazione)

T2 Sonda uscita acqua scambiatore (antigelo)

T3 Sonda temperatura acqua serbatoio sanitario

T .eXT Sonda temperatura aria esterna (max.50m) *

TaB Tablet interfaccia utente

Cz-rTC2 Pannello di comando unità esterna

Cr-UXrP71B

Inn-PDC-02

eXT .UnIT

*

Scheda comando unità esterna

Controllore con interfaccia utente

Morsettiera unità esterna *

Collegamento a cura installatore

29

30

2 .12 .2 Schema elettrico trifase

Q1 Sezionatore generale

Mr Morsetti connessione versione con resistenza

P1 Pompa di circolazione primario

P2 Pompa di circolazione secondario

K1 Relè consenso riscaldatore ausiliario

K2 Relè consenso unità esterna

K3 Relè contatti termostato ambiente

al Contatto orologio antilegionella (o EST / INV, aperto inverno) *

Ta Termostato ambiente chiamata Riscaldamento

Raffreddamento *

On Contatto ON/OFF (o SAN ON/OFF ) remoto *

eV Elettrovalvola sanitario/impianto *

Ca Consenso riscaldatore ausiliario (max 2 A)*

SC Consenso sanitario

Tr Trasformatore 230/24/13V per scheda unità esterna

IT

aT Alimentatore 5 V per interfaccia tablet

SW Scheda web server con rabbit

PC Pach cord collegamento interfaccia tablet

Fl Flussostato

Dr Connessione per kit bacinella riscaldata DR0656 (max 1

A) *

T1 Sonda temperatura acqua impianto (regolazione)

T2 Sonda uscita acqua scambiatore (antigelo)

T3 Sonda temperatura acqua serbatoio sanitario

T .eXT Sonda temperatura aria esterna (max.50m) *

TaB Tablet interfaccia utente

Cz-rTC2 Pannello di comando unità esterna

Cr-UXrP71B

Inn-PDC-02

eXT .UnIT

*

Scheda comando unità esterna

Controllore con interfaccia utente

Morsettiera unità esterna *

Collegamento a cura installatore

IT

2 .12 .3 Schema elettrico monofase con resistenza

Q1 Sezionatore generale

Q1 Interruttore magnetotermico resistenze

P1 Pompa di circolazione primario

P2 Pompa di circolazione secondario

K1 Teleruttore resistenze / caldaia

K2 Relè consenso unità esterna

K3 Relè contatti termostato ambiente

al Contatto orologio antilegionella (o EST / INV, aperto inverno) *

Ta Termostato ambiente chiamata Riscaldamento

Raffreddamento *

On Contatto ON/OFF (o SAN ON/OFF ) remoto *

eV Elettrovalvola sanitario/impianto *

Ca Consenso riscaldatore ausiliario (max 2 A)

SC Consenso sanitario

Tr Trasformatore 230/24/13V per scheda unità esterna

aT Alimentatore 5 V per interfaccia tablet

SW Scheda web server con rabbit

PC Pach cord collegamento interfaccia tablet

Fl Flussostato

Dr Connessione per kit bacinella riscaldata DR0656 (max 1

A) *

T1 Sonda temperatura acqua impianto (regolazione)

T2 Sonda uscita acqua scambiatore (antigelo)

T3 Sonda temperatura acqua serbatoio sanitario

T .eXT Sonda temperatura aria esterna (max.50m) *

TaB Tablet interfaccia utente

Cz-rTC2 Pannello di comando unità esterna

Cr-UXrP71B

Scheda comando unità esterna

Inn-PDC-02

re 2/4/6/ kW

eXT .UnIT

*

Controllore con interfaccia utente

Resistenze d’appoggio **

Morsettiera unità esterna *

Collegamento a cura installatore

**

Ponticellare secondo la potenza desiderata

31

32

IT

2 .12 .4 Schema elettrico trifase con resistenza

Q1 Sezionatore generale

Q1 Interruttore magnetotermico resistenze

P1 Pompa di circolazione primario

P2 Pompa di circolazione secondario

K1 Teleruttore resistenze / caldaia

K2 Relè consenso unità esterna

K3 Relè contatti termostato ambiente

al Contatto orologio antilegionella (o EST / INV, aperto inverno) *

Ta Termostato ambiente chiamata Riscaldamento

Raffreddamento *

On Contatto ON/OFF (o SAN ON/OFF ) remoto *

eV Elettrovalvola sanitario/impianto *

Ca Consenso riscaldatore ausiliario (max 2 A)

SC Consenso sanitario

Tr Trasformatore 230/24/13V per scheda unità esterna

aT Alimentatore 5 V per interfaccia tablet

SW Scheda web server con rabbit

PC Pach cord collegamento interfaccia tablet

Fl Flussostato

Dr Connessione per kit bacinella riscaldata DR0656 (max 1

A) *

T1 Sonda temperatura acqua impianto (regolazione)

T2 Sonda uscita acqua scambiatore (antigelo)

T3 Sonda temperatura acqua serbatoio sanitario

T .eXT Sonda temperatura aria esterna (max.50m) *

TaB Tablet interfaccia utente

Cz-rTC2 Pannello di comando unità esterna

Cr-UXrP71B

Scheda comando unità esterna

Inn-PDC-02

re 2/4/6/ kW

eXT .UnIT

*

Controllore con interfaccia utente

Resistenze d’appoggio **

Morsettiera unità esterna *

Collegamento a cura installatore

**

Ponticellare secondo la potenza desiderata

IT

2 .13 Gestione riscaldatore ausiliario (resistenza o caldaia di supporto)

La funzione, segnalata dall’accensione della tile terfaccia touch e dal lampeggio del LED

sull’in-

sull’interfaccia d’emergenza, prevede, oltre all’intervento automatico in caso di malfunzionamento dell’unità motocondensante esterna in inverno e sanitario, 3 diversi algoritmi di attivazione del teleruttore K1, che pilota il riscaldatore ausiliario (nelle sole unità dotate di resistenza di supporto) e il contatto caldaia di supporto (morsetti 15-16), identici sia in sanitario che riscaldamento, che agiscono indipendentemente uno dall’altro:

– se la temperatura esterna rilevata dalla sonda t4 scende sotto i -15 °C* il controllore attiva il teleruttore K1 in commutazione alla pompa di calore.

* Tale regolazione è modificabile a cura del Servizio di assistenza tecnico.

a hoS per sanitario / hor per riscaldamento

T.aria est.

– se l’acqua rilevata dalla sonda d’ingresso di regolazione (t1 in riscaldamento o t3 in sanitario) scende, e rimane per un tempo superiore a 20 minuti*, al di sotto di un valore pari al doppio dell’isteresi impostata il controllore attiva il teleruttore K1 in integrazione, commutazione* o escludendo del tutto* (con la funzione CAL) la pompa di calore.

A + ihY

A

Risc. ausiliario

Tempo

PDC

T.acqua

Set -2·_hY

T>hto

PDC

T<hto T>hto

Tempo

PDC

– se viene impostato un setpoint al di sopra dei 55 °C* il controllore spegne la pompa di calore ed attiva il teleruttore

K1. Quando questa funzione è attiva non si avrà mai il contemporaneo funzionamento della pompa di calore e del riscaldatore ausiliario.

Risc. ausiliario

Nelle unità dotate di resistenza di supporto è presente il sezionatore Q2 che consente di disabilitarle e proteggerle elettricamente. L’installatore può collegare i tre stadi (2, 4 o 6kW) a seconda delle necessità e della potenza elettrica a disposizione dell’utenza.

Consultare le tabelle delle potenze assorbite alle varie condizioni e sommare la potenza delle resistenze collegate per dimensionare l’utenza e l’impianto elettrico.

Nelle unità monofase l’assorbimento elettrico aumenta di 9A ogni stadio collegato.

Nelle unità trifase l’assorbimento elettrico aumenta di 9A su ogni fase collegata alla resistenza; in caso di collegamento di solo uno o due stadi si avrà un assorbimento di 9A anche sul neutro.

Dimensionare il connettore elettrico del neutro in maniera adeguata.

Nelle unità con resistenza all’interno del collettore è presente un sensore del termostato a riarmo manuale TS tarato a 80°C che provvede a togliere l’alimentazione al teleruttore K1 in caso di superamento della soglia.

PDC hiS-_hY hiS Set-_hY

Setpoint

T.acqua

2 .13 .1 Disabilitazione funzioni sanitario, raffrescamento o riscaldamento

L’apparecchio è predisposto per eseguire le funzioni sanitario (prioritaria), raffrescamento o riscaldamento ma il Servizio

Tecnico di Assistenza intervenendo rispettivamente sui parametri di configurazione del controllore ScE, EcE ed icE può facilmente disattivarle.

In questo caso la relativa tile sull’interfaccia touch screen scompare..

Se viene disabilitata la funzione sanitario sull’interfaccia d’emergenza verrà visualizzata la temperatura dell’acqua dell’impianto posta nel separatore idraulico (T1).

33

34

2 .14 regolazione climatica

La regolazione climatica all’aumentare della temperatura esterna rilevata dalla sonda di temperatura esterna T4 decrementa il valore del setpoint invernale a partire dai -5 °C, fino ad un delta massimo di 10 °C raggiunto in corrispondenza della temperatura esterna di 15 °C. La regolazione consente, in base a dei parametri impostabili a cura del Servizio tecnico d’assistenza, di creare degli algoritmi di compensazione

IT

adatti a tutte le installazioni agendo sui valori di temperatura esterna massima oth (al di sopra della quale non vi è più diminuzione del setpoint) e minima otL (al di sotto della quale il setpoint viene mantenuto) e sul valore del delta di scostamento del setpoint otS.

In inverno il Setpoint visualizzato nella tile F è sottoposto all’azione della regolazione climatica.

a

Temperatura acqua (°C)

B

Temperatura aria esterna (°C)

T.acqua

ISP

ISP -otS

T.esterna

oth otL

2 .15 Consegna dell’impianto

Ultimate tutte le verifiche ed i controlli sul corretto funzionamento dell’impianto, l’installatore è tenuto ad illustrare all’acquirente le caratteristiche funzionali di base, le istruzioni per l’utilizzo e la manutenzione ordinaria.

IT

3 USO e ManUTenzIOne

3 .1 Componenti del sistema e descrizione delle parti

Il sistema è composto da una struttura metallica, che racchiude all’interno tutti gli organi di funzionamento. Dall’esterno è accessibile la sola Interfaccia comandi touch screen.

Sul pannello del quadro elettrico sono presenti i seguenti dispositivi:

1 .

Interfaccia comandi touch screen

2 .

Interfaccia comandi d’emengenza

3 .

Pannello comandi unità esterna

3

1

1

2

Interfaccia comandi touch screen

L’interfaccia comandi touch screen permette di regolare e coordinare tutte le principali funzioni dell’apparecchio.

Questo dispositivo consente la selezione estate/inverno, la termoregolazione, il controllo di tutte le funzioni principali

a Standby

B

Modalità inverno

C

Modalità estate

D

Data e ora

e Impostazioni

F

Temperature climatizzazione inverno/estate. Accesso alla pagina di programmazione.

G

Temperature sanitario e antilegionella. Accesso alla pagina di programmazione.

dell’apparecchio, la visualizzazione e lo sblocco di eventuali allarmi.

Per le modalità di utilizzo dell’interfaccia fare riferimento al

Manuale utente.

l

Segnalazione allarme attiva e riarmo

H

Funzionamento pompa di circolazione P1

I

Funzionamento riscaldamento ausiliario

K

Ore di funzionamento riscaldamento ausiliario

M

Ore di funzionamento pompa di calore

T1 Sonda temperatura acqua impianto

T2 Sonda uscita acqua scambiatore

T3 Temperatura acqua sanitaria

T4 Temperatura aria esterna

A

E

L

B

Setpoint

...... °C

F

C

T1: .... °C

T2: .... °C

H I

D

Setpoint

...... °C

T4

K

M

G

T3: .... °C

°C

....

....

35

Interfaccia comandi d’emergenza

L’interfaccia comandi d’emergenza permette di eseguire tutte le operazioni sulla pompa di calore quando l’interfaccia touch screen non è disponibile.

IT

Tasto Info / Setpoint / Blocca tastiera

Tasto decrementa valore / Resetta allarme ALr (5 secondi)

Tasto incrementa valore / Selezione riscaldamento o raffrescamento (2 secondi)

Pannello di comando unità esterna

Il pannello di comando unità esterna non è un telecomando: esso viene utilizzato unicamente durante la prima

1 .

Tasto accensione

2 .

Tasto selezione modalità di funzionamento

Tasto uscita menù

La pressione di qualsiasi tasto tacita il buzzer in caso d’allarme.

messa in servizio per effettuare l’impostazione automatica dell’indirizzo e l’accensione iniziale. Dopodiché non premere nessun tasto, non spegnerlo o tentare di programmarlo!

1

2

36

3 .2 Utilizzo interfaccia comandi d’emergenza

Utilizzare l’interfaccia comandi d’emergenza solo in caso di indisponibilità o malfunzionamento dell’interfaccia comandi touch screen!

IT

3 .2 .1 Interfaccia utente

L’interfaccia visualizza normalmente la temperatura dell’acqua nel bollitore sanitario e permette di svolgere tutte le operazioni legate all’uso dello strumento ed in particolare di:

Impostare il modo di funzionamento estate / inverno;

Visualizzare e riarmare le situazioni di allarme;

Verificare le stato delle risorse (setpoint, temperature, ore funzionamento unità esterna e riscaldatore ausiliario).

Oltre a quanto descritto nel presente capitolo sono possibili molte altre impostazioni che implicano una approfondita conoscenza dell’apparecchio e dell’impianto al quale esso è collegato per evitare gravi danneggiamenti dell’apparecchio.

È dotato di display a 3 cifre per la visualizzazione delle temperature o dei parametri e degli eventuali allarmi, 6 LED per l’indicazione della virgola (tra il secondo e terzo digit, indicata solo nelle misure al di sotto dei 20°C), stato estate/inverno, chiamata sanitario, consenso unità esterna e segnalazione allarme.

Led regolazione invernale attiva

Led regolazione estiva attiva

Led produzione di acqua sanitaria attiva (lampeggiante con Antilegionella attiva)

Led uscita ON/OFF attiva (lampeggiante con resistenza di supporto attiva)

In base alle letture delle sonde di temperatura impianto (t1) e dell’acqua sanitaria (t3 visualizzata di default a display), ai setpoint, alla temperatura esterna rilevata attraverso la sonda t4 ed allo stato degli ingressi la scheda elettronica esegue tutte le regolazioni termostatiche necessarie a soddisfare le richieste di riscaldamento, raffrescamento o produzione di acqua sanitaria agendo sui relè a sua disposizione e, attraverso una logica PLL, sul segnale di regolazione della motocondensante esterna.

La produzione di acqua sanitaria, prioritaria sulle altre regolazioni, impone il funzionamento in pompa di calore dell’unità esterna sino al setpoint desiderato (impostato di fabbrica a

45 °C e regolabile tra i 30 e i 55 °C) e contemporaneamente aziona la valvola 3 vie in modo da deviare idraulicamente l’acqua calda prodotta nel bollitore per acqua sanitaria.

Tale regolazione viene segnalata dall’accensione dell’apposito LED .

La funzione può essere disattivata a cura del Servizio tecnico d’assistenza ed in questo caso a display verrà automaticamente visualizzata la sonda impianto (t1) e la sonda dell’acqua sanitaria (t3) viene ignorata.

La funzione raffrescamento, abilitata dalla chiusura dell’ingresso ON/OFF e del contatto di termostatazione TA e selezionata tramite la pressione del tasto , impone, tramite una logica PLL che agisce in base alla differenza effettiva tra la temperatura rilevata dalla sonda sul ritorno dell’acqua dall’impianto ed il setpoint SEt impostato a 12 °C (regolabile tra i 10 e i 20 °C), la produzione di acqua fredda in modo da sfruttare al massimo la modulazione della regolazione Inverter.

Tale regolazione viene segnalata dall’accensione dell’apposito LED .

La funzione riscaldamento, abilitata attraverso lo specifico commutatore presente sul pannello comandi, dalla chiusura dell’ingresso ON/OFF e del contatto di termostatazione

TA e selezionata tramite la pressione del tasto , agisce, tramite una doppia logica PLL che tiene conto sia della differenza effettiva tra la temperatura rilevata dalla sonda sul ritorno dell’acqua dall’impianto ed il setpoint SEt impostato a 40

°C (regolabile tra i 20 e i 55 °C) sia della temperatura dell’aria esterna (regolazione climatica), in modo da far lavorare l’unità esterna in pompa di calore sfruttandone al massimo l’algoritmo di modulazione ed eventualmente attivare il riscaldatore ausiliario in base alle regolazioni previste nel paragrafo vedi capitolo 2.13 Gestione riscaldatore ausiliario (resistenza o caldaia di supporto) p.  33

Tale regolazione viene segnalata dall’accensione dell’apposito LED .

La motocondensante esterna viene abilitata ogniqualvolta vi sia una richiesta termostatica in conformità con le regolazioni di integrazione o commutazione descritte nel paragrafo vedi capitolo 2.13 Gestione riscaldatore ausiliario (resistenza d’allarme ed è segnalata dall’accensione del LED .

Le regolazioni sono mutuamente escludenti e l’impostazione rimane memorizzata anche in caso di interruzione della tensione d’alimentazione.

3 .2 .2 accesso al menù utente, visualizzazione e modifica delle informazioni

Premere e subito rilasciare il tasto ;

Con i tasti o selezionare il dato da visualizzare tra quelli riportati nella tabella INFO MENU;

Tenere premuto il tasto per visualizzare il valore;

Per modificare il setpoint della funzione attiva SEt o della funzione sanitaria SAn mantenere premuto ed agi-

3 .2 .3 Menù utente

Le informazioni disponibili nel menù, accessibili tramite la pressione sequenziale del tasto t1

SEt

, sono:

Temperatura sonda impianto.

Setpoint funzione attiva (estate o inverno) **.

t2

SAn t3 t4

Temperatura sonda uscita scambiatore.

Setpoint funzione sanitario.

Temperatura sonda sanitario (visualizzione di default).

Temperatura sonda aria esterna.

re coi tasti o per impostare il valore desiderato

(entro il limite minimo SL e massimo SH);

Al rilascio del tasto il nuovo valore viene memorizzato e viene visualizzato il parametro successivo.

Per uscire dal menù, premere il tasto sec.

o attendere 10

Mhr

Phr

MhC

Migliaia di ore funzionamento resistenza.

Ore funzionamento resistenza.

Migliaia di ore funzionamento pompa di calore.

PhC

Loc

Ore funzionamento pompa di calore.

* Stato della tastiera (blocco).

* Tastiera bloccata con selezione YES, sbloccata con selezione no.

** Sottoposto all’azione della regolazione climatica.

37

38

IT

3 .2 .4 Stand-by

Lo stato stand-by può essere impostato tramite l’interfaccia touch screen o aprendo il contatto per la selezione ON/OFF collegato ai morsetti 7 – 8. Disattiva tutte le regolazioni e viene segnalato dalla visualizzazione oFF sul display.

3 .2 .5 Blocco della tastiera

Il blocco dei tasti impedisce operazioni indesiderate, potenzialmente dannose, che possono avvenire qualora il regolatore operi in ambiente pubblico.

Per attivare la funzione impostare Loc=YES nel menù INFO; per ripristinare la normale funzionalità riprogrammare

Loc=no.

3 .2 .6 Visualizzazioni

In funzionamento normale sul display viene visualizzata la temperatura dell’acqua rilevata dalla sonda T3 posizionata nel serbatoio dell’acqua sanitaria oppure le seguenti indicazioni:

FL

Lo

ALo

Intervento del flussostato collegato a DI1

Allarme di bassa temperatura (5°C) rilevato dalla sonda T2 con controllore acceso

Allarme di bassa temperatura (5°C) rilevato dalle sonde T2 o T3 con controllore in stand-by

PdC

E1

E2

Allarme unità motocondensante esterna

Guasto della sonda T1

Guasto della sonda T2

3 .2 .7 allarmi

Qualsiasi segnalazione d’allarme è accompagnata dal blocco delle uscite, dall’accensione del LED e del buzzer (per tacitare il quale è sufficiente premere qualsiasi tasto del controllore) e sottoposta al controllo di frequenza massima oraria (3 allarmi in un ora).

Al di sotto di tale valore il riarmo dell’allarme sarà automatico mentre superato il valore impostato il riarmo diverrà manuale (in questo caso la segnalazione dell’allarme verrà alternata alla segnalazione ALr che starà ad indicare il blocco definitivo dell’apparecchio).

Il LED si spegne quando cessa la causa d’allarme e solo allora è possibile riarmare l’allarme premendo il tasto per

5 secondi.

L’apertura dell’ingresso DI1, a cui è collegato il pressostato differenziale che esegue la funzione di flussostato, dà luogo allo spegnimento immediato delle uscite e trascorso 1 minuto nel quale la pompa viene mantenuta accesa per verificare ulteriormente la chiusura del flussostato, alla segnalazione

E3

E4

ALr

LEG oFF hi

CAL

*

In stand-by lo strumento esegue una funzione antigelo che attiva la pompa di circolazione, in base alla soglia ALo ed alla lettura delle sonde T2 e T3, il cui intervento è segnalato a display alternativamente da oFF e ALo.

Con blocco tastiera attivo (Loc in menu INFO su Yes) è possibile variare i setpoint (entro il limite minimo e massimo consentito) ma non è possibile porre in stand-by l’apparecchio, resettare gli allarmi a riarmo manuale, eseguire la selezione estate/inverno o entrare nel menù di configurazione.

Guasto della sonda T3

Guasto della sonda T4

Intervento in un’ora di uno degli allarmi per nr.>ASM

Ciclo antilegionella terminato in maniera anomala (solo segnalazione)

Regolatore in stand-by

Allarme di alta temperatura (80°C) rilevato dalle sonde T2 o T3 *

Funzionamento esclusivo del riscaldatore ausiliario con pompa di circolazione spenta.

Sola segnalazione d’allarme a riarmo manuale ALr alternata ad FL ed allo spegnimento definitivo della pompa.

Attraverso la sonde di temperatura uscita scambiatore T2, posizionata all’uscita dello scambiatore a piastre, e serbatoio acqua sanitaria T3 vengono gestiti gli allarmi di bassa temperatura (antigelo 5°C, segnalato attraverso il prompt Lo a display) ed alta temperatura (80°C hi a display). L’allarme di bassa temperatura viene monitorato anche con controllore in stand-by, dà luogo alla segnalazione alternativa di oFF e

ALo ed all’accensione della pompa di circolazione. L’allarme si riarma quando la temperatura dell’acqua risale sopra la soglia di 5°C + l’isteresi di 3°C.

In caso di malfunzionamento dell’unità motocondensante esterna viene segnalato a display l’allarme PdC.

Se il ciclo antilegionella termina per superamento del timeout a display compare la sola segnalazione LEG.

Sono inoltre possibili le segnalazioni E1, E2, E3 ed E4 in caso di rottura o scorretta rilevazione delle tre sonde di temperatura.

Per le cause ed i rimedi degli allarmi vedere il paragrafo 3.9.

3 .3 Impostazioni ed accensione generale

3 .3 .1 Preparazione alla prima messa in servizio

La prima messa in servizio della pompa di calore aria-acqua deve essere effettuata dal Servizio Tecnico di Assistenza.

Prima di mettere in servizio le pompe di calore aria-acqua accertarsi che:

– I collegamenti idraulici siano stati eseguiti secondo il presente manuale d’installazione.

– L’impianto idraulico sia stato caricato e sfiatato.

– Tutte le condizioni di sicurezza siano state rispettate.

– Le valvole di intercettazione del circuito idraulico siano aperte.

– La pompa di calore aria-acqua sia stata opportunamente fissata al piano di appoggio.

– Verificare che la pressione dell’idrometro sia tra 1 e 2 bar.

– Sia stata osservata l’area di rispetto.

– I collegamenti elettrici siano stati eseguiti correttamente.

– La tensione sia entro una tolleranza del 10% di quella nominale dell’unità.

– L’alimentazione trifase dei modelli 12T e 15T abbia uno sbilanciamento massimo tra le fasi del 3%.

– La messa a terra sia eseguita correttamente.

– Il serraggio di tutte le connessioni elettriche sia stato ben eseguito.

– La sezione dei cavi di alimentazione sia adeguata all’assorbimento dell’apparecchio ed alla lunghezza del collegamento eseguito.

– Rimuovere ogni oggetto e tutto lo sporco dai cabinet, in particolare trucioli, spezzoni di filo e viterie.

– Sia la valvola di servizio del tubo del gas che quella del tubo del liquido devono essere aperte. In caso contrario, aprirle ora.

A

B

Tubo del liquido

Tubo del gas

IT

– Chiedere al cliente di essere presente alla prova del funzionamento.

– Illustrare i contenuti del manuale utente e fare poi utilizzare il sistema al cliente.

– Non mancare di dare al cliente i manuali e il certificato di garanzia.

A 3/8"

A 5/8"

3 .3 .2 Prima messa in servizio

Posizionare l’interruttore generale dell’impianto su “acceso”.

Ruotare il sezionatore Q1 dell’apparecchio posto nel quadro elettrico portandolo nella posizione I-ON.

Verificare che l’interfaccia comandi touch screen sia spenta e sul display dell’interfaccia d’emergenza sia visualizzato oFF, altrimenti premere la tile Standby.

Entro un paio di minuti sul pannello di comando dell’unità esterna compare il prompt SETTING lampeggiante. Questa indicazione scompare entro un tempo massimo di 4-5 minuti quando il pannello ha effettuato correttamente la comunicazione con l’unità esterna.

Nelle versioni 12 e 15 trifase se sul pannello di comando dell’unità esterna compare l’allarme P05 due fasi dell’alimentazione elettrica vanno invertite.

3 .3 .3 Impostazione automatica dell’indirizzo

Se durante la procedura di SETTING viene visualizzato il simbolo accompagnato dal prompt R.C.1. togliere tensione all’apparecchio, verificare che i collegamenti dell’alimentazione elettrica all’unità esterna e della linea seriale ai morsetti 1 e 2 siano correttamente eseguiti. Dopodiché ridare tensione all’apparecchio e verificare che la procedura di SETTING si riavvii e vada a buon fine entro alcuni minuti.

Se la procedura di SETTING non si riavvia automaticamente o permane a display il simbolo accompagnato dal prompt

R.C.1. contattare il Service Innova.

Significato delle spie luminose sulla scheda elettronica dell’unità esterna

Significato LED 1

All’atto della messa in tensione:

LED 2

1. assenza di comunicazione con l’unità interna

2. comunicazione stabilita con l’unità interna

3. comunicazione normale OK (potenza e quantità validate)

4. impostazione automatica dell’indirizzo in corso

accesa

spenta lampeggio alternato

3 .3 .4 accensione iniziale pannello di comando unità esterna

A questo punto sul display viene visualizzata la schermata di stand-by , attendere un minuto e premere il tasto di accensione del pannello di comando.

Premere una sola volta il tasto di selezione della funzione

per passare da ad .

Dopo alcuni istanti sul display compare il simbolo di avvio compressore .

Verificare che il display visualizzi la schermata normale e chiudere lo sportellino del pannello di comando.

Ruotare il sezionatore generale dell’apparecchio portandolo nella posizione 0-.OFF. Attendere qualche secondo e ridare tensione all’apparecchio verificando che la visualizzazione del display non cambi.

39

40

1 .

Tasto accensione

2 .

Tasto selezione modalità di funzionamento

IT

1

2

1 .

Schermata di Standby

2 .

Schermata normale

1 2

3 .3 .5 attivazione e disattivazione

Per effettuare le operazioni di ATTIVAZIONE e DISATTIVAZIO-

NE agire sull’Interfaccia touch screen seguendo quanto riportato sul Manuale utente.

Se in questa prima fase dovesse apparire sul display l’indicazione “FL” seguire le istruzioni (vedi tabella anomalie vedi capitolo 3.2  p.  43):

Verificare la portata dell’acqua e aumentare la prevalenza del circolatore P1 agendo sul regolatore.

a Standby

B

Modalità inverno

C

Modalità estate

D

Data e ora

e Impostazioni

F

Temperature climatizzazione inverno/estate. Accesso alla pagina di programmazione.

G

Temperature sanitario e antilegionella. Accesso alla pagina di programmazione.

IT

l

Segnalazione allarme attiva e riarmo

H

Funzionamento pompa di circolazione P1

I

Funzionamento riscaldamento ausiliario

K

Ore di funzionamento riscaldamento ausiliario

M

Ore di funzionamento pompa di calore

T1 Sonda temperatura acqua impianto

T2 Sonda uscita acqua scambiatore

T3 Temperatura acqua sanitaria

T4 Temperatura aria esterna

A

E

B

Setpoint

...... °C

F

C

T1: .... °C

T2: .... °C

D

Setpoint

...... °C

T4

K

M

G

T3: .... °C

°C

....

....

L H I

3 .3 .6 attivazione

In conformità a quanto previsto dalla direttiva 842/2006/CE gli impianti contenenti una quantità maggiore di 3 kg di gas fluorurati (F-gas) devono essere controllati con frequenza annuale per l’individuazione delle perdite, sia con metodi diretti che indiretti, da personale certificato secondo il Regolamento CE 303/2008. La ditta responsabile della manutenzione deve altresì tenere un registro in cui sia identificato il tecnico che ha eseguito la manutenzione o la riparazione, nonché le date e i risultati dei controlli effettuati, sia riportata la quantità e il tipo di gas fluorurato utilizzato, le quantità eventualmente aggiunte e quelle recuperate durante le operazioni di manutenzione, di riparazione e di smaltimento definitivo.

Accendere l’apparecchio agendo sulla tile Standby A.

Selezionare la funzione estate o inverno attraverso le tile B e C.

Verificare che nelle tile F e G siano indicate le temperature dell’acqua nel bollitore sanitario e nell’impianto.

A questo punto se la temperatura del bollitore sanitario

è inferiore al setpoint impostato (45°C di fabbrica) la tile G sull’interfaccia touch e i LED e sull’interfaccia comandi d’emergenza si accendono e l’unità esterna allo scadere di un tempo variabile da 2 a 5 minuti (necessario all’apparecchio per eseguire controlli interni) si avvia in pompa di calore.

Se al contrario il setpoint del bollitore sanitario è soddisfatto, il contatto TA è chiuso e la temperatura rilevata dalla sonda

T1 è superiore in raffrescamento o inferiore in riscaldamento al set impostato l’unità esterna si accende per soddisfare la richiesta.

I programmi sono reciprocamente escludenti e l’impostazione rimane memorizzata anche in caso d’interruzione dell’alimentazione elettrica.

3 .3 .7 Disattivazione

Premere la tile Standby A sull’interfaccia touch.

3 .3 .8 Controlli durante e dopo la prima messa in servizio

Ad avviamento effettuato bisogna verificare che: – La pressione dell’idrometro sia tra 1 e 2 bar.

– La corrente assorbita dall’apparecchio sia inferiore a quella massima indicata nella tabella “Dimensionamento della linea di alimentazione”.

Durante il funzionamento del compressore la tensione di alimentazione elettrica non scenda al di sotto del valore nominale -10%.

– L’alimentazione trifase abbia uno sbilanciamento massimo tra le fasi del 3%.

– L’apparecchio operi all’interno delle condizioni di funzionamento consigliate (vedi cap. “caratteristiche tecniche”).

– Il circuito idraulico sia completamente disaerato.

– La pompa di calore aria-acqua esegua un arresto e la successiva riaccensione.

– Il salto termico tra mandata e ritorno impianto sia compreso tra 4÷7 °C. Se il salto termico dovesse essere inferiore ai

4 °C impostare una velocità del circolatore più bassa. Se al contrario il salto risulta più alto di 7 °C verificare l’apertura di tutte le valvole presenti sull’impianto ed eventualmente aggiungere una pompa esterna per aumentare la portata d’acqua.

Togliere e ridare tensione all’apparecchio e verificare il corretto riavviamento.

41

3 .4 Spegnimento per lunghi periodi

Il non utilizzo della pompa di calore aria-acqua per un lungo periodo comporta l’effettuazione delle seguenti operazioni:

Premere la tile Standby A sull’interfaccia touch.

Ruotare il sezionatore generale dell’apparecchio portandolo nella posizione 0-OFF.

Dopo aver disattivato l’apparecchio:

Disattivare le unità terminali interne posizionando l’interruttore di ciascun apparecchio su “spento”.

Posizionare l’interruttore generale dell’impianto su “spento”.

3 .5 Svuotamento dell’apparecchio

Posizionare l’interruttore generale dell’impianto su “spento”.

Verificare che il rubinetto di carico impianto sia chiuso.

Aprire il rubinetto di scarico acqua posto in basso a sinistra del serbatoio acqua calda sanitaria.

1 .

Rubinetto di scarico

2 .

Valvola di sfiato aria manuale

IT

Chiudere i rubinetti dell’acqua.

Se la temperatura del locale dove è installato l’apparecchio può scendere sotto lo zero e c’è pericolo di gelo, l’impianto idraulico DEVE ESSERE VUOTATO, oppure deve essere addizionato di liquido antigelo (ad esempio glicole etilenico) nelle dosi consigliate dal produttore del liquido.

Per rimettere in funzione la pompa di calore aria-acqua, dopo un arresto per un lungo periodo, fare intervenire il Servizio

Tecnico di Assistenza.

In caso nell’impianto sia presente una caldaia, verificare, durante il funzionamento della stessa, che la temperatura dell’acqua circolante all’interno della pompa di calore aria-acqua non superi i 65 °C.

Aprire lo sfiato manuale posto sulla sommità del serbatoio acqua calda sanitaria per facilitare l’operazione.

Se l’impianto è addizionato con liquido antigelo, quest’ultimo non va scaricato liberamente perché inquinante.

2

1

42

3 .6 Pulizia

L’unica operazione di pulizia necessaria, da parte del responsabile dell’impianto, è quella della pennellatura esterna della pompa di calore aria-acqua, da effettuarsi solo con panni inumiditi con acqua e sapone.

Nel caso di macchie tenaci inumidire il panno con una miscela al 50% di acqua ed alcool denaturato o con prodotti specifici.

Terminata la pulizia asciugare con cura le superfici.

Non usare spugne intrise di prodotti abrasivi o detersivi in polvere.

È vietata qualsiasi operazione di pulizia prima di aver scollegato l’apparecchio dall’alimentazione elettrica, posizionando l’interruttore generale dell’impianto su “spento”.

IT

3 .7 Manutenzione

In conformità a quanto previsto dalla direttiva 842/2006/CE gli impianti contenenti una quantità maggiore di 3 kg di gas fluorurati (F-gas) devono essere controllati con frequenza annuale per l’individuazione delle perdite, sia con metodi diretti che indiretti, da personale certificato secondo il Regolamento CE 303/2008. La ditta responsabile della manutenzione deve altresì tenere un registro in cui sia identificato il tecnico che ha eseguito la manutenzione o la riparazione, nonché le date e i risultati dei controlli effettuati, sia riportata la quantità e il tipo di gas fluorurato utilizzato, le quantità eventualmente aggiunte e quelle recuperate durante le operazioni di manutenzione, di riparazione e di smaltimento definitivo.

La manutenzione periodica è indispensabile per mantenere la pompa di calore aria-acqua sempre efficiente, sicuro ed affidabile nel tempo. Essa può essere effettuata con periodicità semestrale, per alcuni interventi e annuale per altri, dal

Servizio Tecnico di Assistenza, che è tecnicamente abilitato e preparato e può inoltre disporre, se necessario, di ricambi originali.

Il piano di manutenzione che il Servizio Tecnico di Assistenza o il Frigorista deve osservare, con periodicità annuale, prevede le seguenti operazioni e controlli:

– Verifica pressione del vaso di espansione.

– Verificare che la pressione dell’idrometro sia tra 1 e 2 bar.

– Riempimento circuito acqua.

– Presenza aria nel circuito acqua.

– Efficienza sicurezze.

– Tensione elettrica di alimentazione.

– Assorbimento elettrico.

– Serraggio connessioni elettriche.

– Pulizia griglie ventilatori ed alette batteria unità esterna.

– Verifica sporcamento filtro a rete metallica.

3 .8 aspetti funzionali da non interpretare come inconvenienti

Durante il funzionamento dell’apparecchio potrebbero manifestarsi i seguenti aspetti funzionali, tali comportamenti dell’unità sono da considerarsi regolari e non vanno interpretati come anomalie.

– Il compressore non si riavvia prima che siano trascorsi 3 minuti dal suo spegnimento.

tenuta spenta per un minuto onde evitare rimescolamenti tra acqua calda e fredda.

– La produzione di acqua sanitaria è prioritaria sulle altre regolazioni ed impone il funzionamento in pompa di calore dell’unità esterna sino al setpoint desiderato (impostato di fabbrica a 45 °C e regolabile tra i 30 e i 55 °C).

– Periodici cicli di sbrinamento avvengono durante il funzionamento in riscaldamento.

– Nel passaggio da produzione di acqua sanitaria a raffrescamento e viceversa la pompa di circolazione P1 viene

– In inverno il Setpoint visualizzato nella tile F è sottoposto all’azione della regolazione climatica calcolato in base alla temperatura esterna e può accadere quindi che l’apparecchio produca acqua a temperatura ridotta.

3 .9 anomalie e rimedi

TABELLA DELLE ANOMALIE E DEI RIMEDI

Effetto Causa Rimedio

Dopo l’accensione generale sul display del controllore compare l’allarme FL

Si avvertono rumori e turbolenze provenienti dal circuito idraulico

Vi è presenza di aria all’interno del circuito.

Sfiatare l’aria sia tramite i dispositivi esterni che lo sfiato presente sul serbatoio inerziale della macchina e portare il circuito alla corretta pressione di carico.

Verificare che la pressione di aspirazione (ritorno del circuito idraulico) a pompa accesa sia superiore ai 0,6 BAR.

Compare l’allarme Lo (il primo intervento a riarmo automatico dopodiché manuale)

Non vi è una buona circolazione dell’acqua nell’impianto.

Controllare che: la valvola a tre vie per la deviazione caldo-freddo sia nella posizione corretta, che non vi siano bolle d’aria all’interno del circuito, che non vi sia il filtro a setaccio ostruito, che la pressione idrica impianto sia corretta, che la pompa di circolazione P1 funzioni regolarmente (eventualmente aumentarne la prevalenza agendo sul regolatore).

Compare l’allarme E1 (a riarmo automatico)

Compare l’allarme E2 (a riarmo automatico)

È intervenuto l’allarme di temperatura minima antigelo. La temperatura dell’acqua in uscita dallo scambiatore

T2è scesa sotto i 5 °C.

Controllare che non vi sia nulla che impedisca la buona circolazione dell’acqua nell’impianto (aria, filtro a setaccio ostruito ecc.).

Aumentarne la prevalenza della pompa P1 agendo sul regolatore.

Controllare il collegamento ed eventualmente sostituire la sonda.

La sonda di misura della temperatura dell’acqua del separatore è guasta o non è correttamente collegata.

La sonda di misura della temperatura dell’acqua d’uscita/antigelo è guasta o non è correttamente collegata.

Controllare il collegamento ed eventualmente sostituire la sonda.

43

44

IT

Compare l’allarme E3 (a riarmo automatico)

Compare l’allarme E4 (a riarmo automatico)

Compare l’allarme hi (a riarmo automatico)

La pompa di calore non funziona

La sonda di misura della temperatura posizionata nel bollitore sanitario è guasta o non è correttamente collegata.

Controllare il collegamento ed eventualmente sostituire la sonda.

Controllare il collegamento ed eventualmente sostituire la sonda.

La sonda di misura della temperatura esterna (da collegare ai morsetti 13-

14) è guasta o non è correttamente collegata.

La temperatura dell’acqua in ingresso, rilevata da t2, o del serbatoio sanitario, rilevata da t3, ha superato gli

80°C.

La comunicazione con l’unità esterna non avviene, sul display del pannello di comando dell’unità esterna viene visualizzato il simbolo accompagnato dal prompt R.C.1 lampeggianti.

Se nell’impianto è installata una caldaia controllare le valvole deviatrici dell’impianto.

Se nell’impianto è presente un collettore solare è possibile che la temperatura rilevata dalla t3 nel serbatoio sanitario rilevi un temperatura elevata ma ciò non preclude la produzione di acqua calda o fredda per l’impianto.

Ripetere la procedura di Impostazione automatica dell’indirizzo descritta nell’apposito paragrafo.

Le tile B,C,F e G dell’interfaccia touch sono disattivate.

L’interfaccia touch è spenta.

Accendere l’apparecchio attraverso la tile Standby A.

Verificare che il sezionatore Q1 posto sul pannello comandi sia in posizione I-ON.

Verificare che l’alimentazione elettrica sia presente ed in caso contrario ripristinarla.

Invertire due delle fasi di alimentazione trifase.

Sul display del controllore compare l’allarme Pdc (a riarmo automatico)

Sulla versione 12 o 15 trifase compare l’allarme P05 sul pannello di comando dell’unità esterna.

L’unità esterna non funziona correttamente (sul display a cristalli liquidi del comando unità esterna è visualizzato il simbolo oltre alle lettere E, F, H, L,

P e a dei numeri).

Verificare sul PANNELLO DI COMANDO DELL’UNITA’ ESTERNA il significato dell’allarme (vedi capitolo 3.10) e contattare il

Service Innova.

La pompa di calore non funziona in riscaldamento o sanitario

Raffrescamento o riscaldamento insoddisfacente

La tile riscaldamento ausiliario I è attiva.

Nella tile L dell’interfaccia touch è visualizzato Cal.

È stata attivata l’uscita riscaldatore ausiliario ma la resistenza o la caldaia non sono attive. Verificare che l’interruttore Q2 sia armato e che la caldaia sia alimentata.

È stata attivata la specifica funzione Cal che prevede il funzionamento esclusivo di una caldaia con lo spegnimento della pompa di calore. Verificare con l’installatore che la caldaia venga attivata correttamente.

Lo sbrinamento dell’unità esterna non funziona e sulla batteria si è formato del ghiaccio.

Verificare le distanze minime d’installazione e rimuovere eventuali ostacoli.

Il setpoint impostato sul controllore è troppo basso (modalità riscaldamento) o troppo alto (modalità raffreddamento).

Reimpostare il set secondo le proprie esigenze.

Compare l’allarme LEG (solo visualizzazione)

Il termostato ambiente collegato ai morsetti 5 e 6 è regolato su una temperatura troppo elevata per il raffreddamento (o troppo bassa per il riscaldamento).

Regolare la temperatura su un valore adeguato.

Tile B e C entrambe disattivate.

Il ciclo antilegionella è terminato irregolarmente dopo 5 ore anziché per il mantenimento di 60°C per 2 ore.

Attivarne una delle 2.

Il riscaldatore ausiliario (RESISTENZA O CALDAIA DI SUPPOR-

TO) non è disponibile o non ha la potenza sufficiente per eseguire correttamente la funzione.

Contattare l’installatore.

Qualsiasi segnalazione d’allarme è accompagnata dal blocco delle uscite, dall’accensione del buzzer (per tacitare il quale è sufficiente premere la tile L), dalla visualizzazione della stringa nella tile L e sottoposta al controllo di frequenza massima oraria (3 allarmi in un ora).

Al di sotto di tale valore il riarmo dell’allarme sarà automatico mentre superato il valore impostato il riarmo diverrà manuale (in questo caso, solo sull’interfaccia utente d’emergenza, la segnalazione dell’allarme verrà alternata alla segnalazione

ALr che starà ad indicare il blocco definitivo dell’apparecchio).

Il LED si spegne quando cessa la causa d’allarme e solo allora è possibile riarmare l’allarme premendo il tasto per

5 secondi.

L’apertura dell’ingresso DI1, a cui è collegato il pressostato differenziale che esegue la funzione di flussostato, dà luogo allo spegnimento immediato delle uscite e trascorso 1 minuto nel quale la pompa viene mantenuta accesa per verificare ulteriormente la chiusura del flussostato, alla segnalazione d’allarme a riarmo manuale ALr alternata ad FL ed allo spegnimento definitivo della pompa.

Attraverso la sonda di temperatura T2, posizionata all’uscita dello scambiatore a piastre, e serbatoio acqua sanitaria T3 vengono gestiti gli allarmi di bassa temperatura (antigelo 5

°C, segnalato attraverso il prompt Lo a display) ed alta temperatura (80 °C hi a display). L’allarme di bassa temperatura viene monitorato anche con controllore in stand-by, dà luogo alla segnalazione alternativa di oFF e ALo ed all’accensione della pompa di circolazione P1.

L’allarme si riarma quando la temperatura dell’acqua risale sopra la soglia di 5°C + l’isteresi.

IT

In caso di malfunzionamento dell’unità motocondensante esterna viene segnalato a display l’allarme PdC (vedi paragrafo 3.10).

Se il ciclo antilegionella termina per superamento del timeout a display compare la sola segnalazione LEG.

Se è attiva la funzione CAL, specificatamente pensata per il collegamento di una caldaia come riscaldamento ausiliario, l’apparecchio viene posto in stand-by (a display compare il prompt “CAL”) ed è attiva unicamente l’uscita valvola 3 vie sanitario gestita in base alla lettura della sonda T3, allo stato dell’ingresso DI3 TA ed alla lettura di T1.

Sono inoltre possibili le segnalazioni E1, E2, E3 ed E4 in caso di rottura o scorretta rilevazione delle tre sonde di temperatura.

Se durante il funzionamento dell’unità si verifica un’interruzione di corrente, al ripristino dell’alimentazione l’unità si rimette in moto, entro alcuni minuti, mantenendo le stesse regolazioni su cui era impostata prima dell’interruzione di corrente.

45

46

IT

3 .10 allarmi visualizzati sul pannello di comando dell’unità esterna

l pannello di comando dell’unità esterna consente di visualizzare gli allarmi che dovessero presentarsi durante il funzionamento della pompa di calore. Se sull’Interfaccia utente com-

Sintomi e punti di ispezione

A l l a r m i visualizzati

Causa

pare l’allarme PdC: fare sempre intervenire il Servizio Tecnico di Assistenza.

Rimedio

P01 Ponte elettrico su connettore CN076 della scheda CR-UXR-

P71B mancante o scollegato.

Controllare il collegamento.

P03

P04

P05

P09

P10

P15

P16

P19

P20

P22

P26

P29

H01

H05

H31

F01

F02

F04

F06

F07

Temperatura di scarico compressore anomala > o = a 111°C.

Controllare il ciclo frigorifero (eventuale carica di refrigerante eccessiva).

Verificare apertura rubinetti frigoriferi.

Controllare la sonda di mandata del compressore TD ed eventualmente sostituire.

Intervento pressostato di alta pressione dell’unità esterna.

Nel ciclo estivo verificare la libera circolazione dell’aria sull’unità esterna. Verificare la carica di refrigerante.

Nel ciclo invernale verificare l’apertura dei rubinetti del refrigerante.

Rilevazione di assenza di una delle fasi o di errato collegamento delle fasi di alimentazione nella versione trifase.

Mancanza del Neutro nelle versioni monofase.

Ponte elettrico su connettore CN080 della scheda CR-UXR-

P71B mancante o scollegato.

Ponte elettrico su connettore CN030 della scheda CR-UXR-

P71B mancante o scollegato.

Controllare la presenza e la sequenza delle fasi di alimentazione R, S e T e nelle monofasi che l’apparecchio non sia alimentato con 2 fasi.

Controllare il collegamento.

Controllare il collegamento.

Rilevazione di una carica frigorigena insufficiente.

Eccessivo assorbimento compressore.

Valvola a 4 vie inceppata.

Protezione alta pressione refrigerante attivata per eccesso della temperatura sul condensatore esterno.

Controllare il circuito frigorifero per rilevare l’eventuale perdita.

Verificare valori resistenze.

Controllare l’alimentazione elettrica ed il funzionamento della valvola a 4 vie.

Verificare pulizia scambiatore esterno e rispetto distanze minime.

Verifica funzionamento ventola e corretto smaltimento aria dal condensatore.

Verificare libero movimento ventola.

Sostituire scheda inverter motore ventilatore.

Motore ventilatore esterno mal funzionante.

Protezione del circuito Inverter del ventilatore esterno attivata.

Intervento di protezione del circuito Inverter compressore.

Il compressore non funziona correttamente.

Sovracorrente rilevata dalla scheda Inverter del compressore.

Software della scheda di controllo dell’unità esterna da aggiornare.

Problemi nella comunicazione tra le unità esterna ed interna.

Sonda del liquido E1 su unità interna scollegata, interrotta o in cortocircuito.

Sonda di condensazione E2 su unità interna scollegata, interrotta o in cortocircuito.

Sonda di mandata compressore TD scollegata, interrotta o in cortocircuito.

Sonda del liquido C1 su batteria unità esterna scollegata, interrotta o in cortocircuito.

Sonda di condensazione C2 su batteria unità esterna scollegata, interrotta o in cortocircuito

Verificare apertura rubinetti frigoriferi.

Togliere e ridare tensione all’apparecchio e verificare corretto riavviamento del compressore.

Controllare cablaggio scheda Inverter ed eventualmente sostituirla.

Problema di raffreddamento della piastra radiante della scheda inverter. Verificare la pulizia del dissipatore.

Verificare i collegamenti elettrici del compressore.

Rivolgersi al Servizio tecnico di Assistenza per far effettuare l’aggiornamento.

Rivolgersi al Servizio tecnico di Assistenza per far effettuare la sostituzione.

Controllare la sonda di ed eventualmente sostituirla.

Controllare la sonda di ed eventualmente sostituirla.

Controllare la sonda di ed eventualmente sostituirla.

Controllare la sonda di ed eventualmente sostituirla.

Controllare la sonda di ed eventualmente sostituirla.

F31

L02

L08

L09

L10

L13

E01

F08

F10

F12

F29

E16

E20

E31

E03

E04

E06

E07

E15

IT

Sonda di temperatura esterna TO scollegata, interrotta o in cortocircuito.

Collegamento del segnale di regolazione dal controllore scollegato, interrotto o in cortocircuito.

Sonda di aspirazione compressore TS scollegata, interrotta o in cortocircuito.

Problema di EEprom nell’unità interna.

Controllare la sonda di ed eventualmente sostituirla.

Controllare il collegamento dai morsetti 1 e 2 del controllore

INN-PDC-02 al connettore CN104 della scheda CR-UXRP71B.

Controllare la sonda di ed eventualmente sostituirla.

Problema di EEprom nell’unità esterna.

Togliere e ridare tensione all’apparecchio e verificare corretto funzionamento.

Sostituire e riprogrammare scheda CR-UXRP71B.

Togliere e ridare tensione all’apparecchio e verificare corretto funzionamento.

Sostituire e riprogrammare scheda elettronica unità esterna.

Eseguire di nuovo l’impostazione automatica dell’indirizzo (paragrafo vedi capitolo 3.3.3 Impostazione automatica dell’indirizzo p.  39).

Contattare il Service Innova per rieseguire la programmazione.

Incompatibilità di parametri tra unità interna ed esterna.

Mancanza di settaggio nell’unità interna.

Mancanza di settaggio nell’unità interna.

Mancanza di settaggio nell’unità esterna.

Impostazione errata di parametri nell’unità interna.

L’impostazione automatica dell’indirizzo non è stata completata.

I cablaggi fra le unità interna ed esterna sono tagliati o non collegati correttamente.

Errore nella ricezione dei segnali da parte dell’unità interna.

Controllare il collegamento dei morsetti 1 e 2 dall’unità interna a quella esterna (è stato utilizzato un cavo bipolare schermato con sezione minima di 0,35 mm² tenuto separato dai cavi d’alimentazione elettrica).

Controllare la connessione del Pannello di comando unità esterna.

Eseguire di nuovo l’impostazione automatica dell’indirizzo (paragrafo vedi capitolo 3.3.3 Impostazione automatica dell’indirizzo p.  39).

Problemi nella comunicazione tra le unità esterna ed interna.

Potenza unità interna inferiore a quella esterna.

Potenza unità esterna inferiore a quella interna.

Procedura di indirizzamento automatico interrotta.

Problemi nella comunicazione tra le unità esterna ed interna.

Verificare le taglie dell’apparecchio e far riconfigurare l’unità interna.

Verificare le taglie dell’apparecchio e far riconfigurare l’unità interna.

Controllare il collegamento dei morsetti 1 e 2 dall’unità interna a quella esterna (è stato utilizzato un cavo bipolare schermato con sezione minima di 0,35 mm² tenuto separato dai cavi d’alimentazione elettrica).

Controllare la connessione del Pannello di comando unità esterna.

Eseguire di nuovo l’impostazione automatica dell’indirizzo (paragrafo vedi capitolo 3.3.3 Impostazione automatica dell’indirizzo p.  39).

47

48

IT

4 InFOrMazIOnI TeCnICHe

4 .1 Dati tecnici

Prestazioni

Riscaldamento (1)

Capacità termica

Potenza totale assorbita*

COP

Riscaldamento (2)

Capacità termica

Potenza totale assorbita*

COP

Raffredamento (3)

Capacità frigorifera

Potenza totale assorbita*

EER

Raffreddamento (4)

Capacità frigorifera

Potenza totale assorbita*

EER

Rumorosità unità interna

Pressione sonora ad 1 metro di distanza

Rumorosità unità esterna

Pressione sonora ad 1 metro di distanza

(Raffreddamento/Riscaldamento)

Dati idraulici

Portata acqua nominale con dati in riscaldamento (30/35°C)

Prevalenza utile residua

Diametro attacchi idraulici

Capacità vaso di espansione

Contenuto d’acqua minimo impianto

Capacità serbatoio sanitario

Attacchi frigoriferi

Diametro attacco ingresso refrigerante

Diametro attacco uscita refrigerante

Carica refrigerante R410a

Alimentazione elettrica

Tensione

Grado di protezione unità interna

Grado di protezione unità esterna kW kW kW kW kW kW kW kW dB(A) dB(A) l/min kPa

“ Gas l l l

“ Sae

“ Sae kg

V/50Hz

7M

7,18

1,55

4,64

4,80

1,52

3,17

5,30

1,72

3,09

7,37

1,80

4,09

30

48/50

20,6

64

1

24+(24)

30

200

3/8

5/8

2

230

IPX2

IPX4

1.

2.

Temperatura acqua out 35 °C/Temperatura aria esterna 7 °C/ umidità relativa 85%

Temperatura acqua out 35 °C/Temperatura aria esterna -7 °C/ umidità relativa 85%

3.

4.

Temperatura acqua out 7 °C/Temperatura aria esterna 35 °C

Temperatura acqua out 18 °C/Temperatura aria esterna 35 °C

* Compresa pompa di circolazione

Riferimenti prestazioni norma UNI EN 14511

12T

11,20

2,52

4,45

7,50

2,48

3,02

8,84

2,86

3,09

12,29

3,01

4,08

31

52/52

12M

11,20

2,52

4,45

7,50

2,48

3,02

8,84

2,86

3,09

12,29

3,01

4,08

31

52/52

9M

8,20

1,73

4,74

5,49

1,70

3,23

6,27

1,97

3,19

8,72

2,07

4,21

30

48/50

23,5

58

1

24+(24)

40

200

3/8

5/8

2,35

230

IPX2

IPX4

32,1

31

1

24+(24)

50

200

3/8

5/8

3,40

230

IPX2

IPX4

32,1

31

1

24+(24)

50

200

3/8

5/8

3,40

400-3N

IPX2

IPX4

41,9

31

1

24+(24)

65

200

3/8

5/8

3,40

230

IPX2

IPX4

41,9

31

1

24+(24)

65

200

3/8

5/8

3,40

400-3N

IPX2

IPX4

15M

14,60

3,28

4,45

9,78

3,23

3,03

11,2

3,71

3,02

15,57

3,90

3,99

31

53/53

15T

14,60

3,27

4,46

9,78

3,22

3,03

11,2

3,70

3,03

15,57

3,90

4,00

31

53/53

4 .2 limiti di funzionamento

a

Temperatura esterna (°C)

B

Modalità riscaldamento e sanitario

C

Modalità raffreddamento

D

Temperatura acqua uscente (°C)

A

40

5

IT

e

PDC spenta. Riscaldamento tramite resistenza, caldaia o integrazione solare

G

Temperatura serbatoio acqua sanitaria (°C)

F

Integrazione da parte della resistenza o caldaia

E

F

55 70

G

40

A

-15

5 20

D

49

50

IT

4 .3 Prestazioni in raffreddamento

T. ae 20 25

Modello

T. a PF PA EER PF PA

10,16

11,29

10,34

11,40

12,46

13,17

14,32

15,91

7,34

8,09

8,84

9,34

6,20

6,84

7,48

7,90

8,59

9,55

13,10

14,45

15,79

16,69

18,14

20,16

7

9

12

15

22

7

10

13

10

13

15

18

15

18

22

7

7

10

13

10

13

15

18

22

15

18

22

7

T. ae: Temperatura ambiente esterno (U.R. 85%)

T. a: Temperatura acqua uscita

PH: Potenza frigorifera

PA: Potenza assorbita (inclusa pompa di circolazione)

Dati nominali

2,06

2,06

2,07

2,08

1,42

1,43

2,03

2,05

1,40

1,41

1,41

1,42

1,22

1,23

1,23

1,24

1,24

1,25

2,64

2,66

2,67

2,68

2,69

2,70

5,25

5,74

6,25

6,58

5,09

5,57

6,06

6,38

6,91

7,65

7,02

7,71

8,40

8,90

5,94

6,52

7,11

7,53

8,22

9,12

7,13 9,72 1,62

7,89 10,78 1,63

5,09 9,90 2,27

5,57 10,87 2,29

6,06 11,85 2,32

6,38 12,55 2,33

6,91 13,70 2,35

7,65 15,20 2,37

1,56

1,58

1,59

1,60

1,36

1,38

1,39

1,40

1,41

1,42

4,97 12,54 2,94

5,44 13,78 2,98

5,92 15,01 3,01

6,23 15,90 3,02

6,75 17,36 3,05

7,47 19,26 3,08

EER PF

4,50

4,89

5,27

5,57

4,36

4,74

5,11

5,39

5,83

6,40

6,01 9,22

6,61 10,28

4,36 9,37

4,74 10,25

5,11 11,32

5,40 11,93

5,83 12,99

6,40 14,50

6,65

7,27

8,03

8,46

5,62

6,15

6,79

7,16

7,80

8,70

4,26 11,87

4,63 12,99

4,99 14,34

5,27 15,12

5,70 16,46

6,26 18,37

30

PA

2,61

2,63

2,66

2,70

1,83

1,86

2,55

2,58

1,75

1,77

1,80

1,81

1,53

1,55

1,57

1,58

1,60

1,62

3,31

3,35

3,39

3,41

3,45

3,50

EER PF

35

PA

3,79

4,10

4,47

4,68

3,68

3,97

4,33

4,54

4,88

5,37

6,27

6,90

7,59

8,03

5,30

5,83

6,42

6,79

7,37

8,22

5,04

5,54

3,68

3,97

8,72

9,72

8,84

9,72

4,33 10,70 2,94

4,54 11,32 2,96

4,89 12,29 3,01

5,37 13,70 3,07

2,07

2,11

2,86

2,90

1,97

1,99

2,02

2,04

1,72

1,74

1,76

1,78

1,81

1,84

3,59 11,20 3,71

3,88 12,32 3,76

4,23 13,55 3,81

4,44 14,34 3,84

4,77 15,57 3,90

5,25 17,36 3,97

EER PF

3,19

3,46

3,76

3,94

3,09

3,35

3,64

3,82

4,08

4,47

4,21

4,61

3,09

3,36

3,64 9,99

3,82 10,61

4,08 11,58

4,47 12,99

8,21

9,22

8,30

9,11

5,89

6,46

7,09

7,52

4,98

5,46

5,99

6,36

6,95

7,80

3,02 10,52

3,28 11,54

3,56 12,66

3,73 13,44

3,99 14,67

4,37 16,46

40

PA

3,30

3,34

3,38

3,45

2,33

2,37

3,20

3,25

2,20

2,23

2,27

2,29

1,92

1,95

1,98

2

2,03

2,07

4,15

4,21

4,27

4,32

4,39

4,48

EER

3,03

3,18

3,42

3,76

3,53

3,88

2,59

2,80

2,68

2,89

3,13

3,28

2,59

2,80

3,03

3,18

3,42

3,76

2,53

2,74

2,96

3,11

3,35

3,68

IT

4 .4 Prestazioni in riscaldamento e sanitario

T. a 30 35 40 45 50 55

Mod. T. ae PH PA COP PH PA COP PH PA COP PH PA COP PH PA COP PH PA COP

-20

3,62 1,34 2,71 3,52 1,47 2,40 3,39 1,61 2,10 3,29 1,80 1,83 3,16 1,99 1,59 3,09 2,22 1,40

-15

3,92 1,36 2,89 3,81 1,49 2,56 3,67 1,64 2,23 3,55 1,82 1,95 3,42 2,02 1,69 3,35 2,25 1,49

-7

-2

4,95 1,39 3,57 4,80 1,52 3,16 4,64 1,68 2,77 4,50 1,87 2,41 4,32 2,06 2,10 4,23 2,30 1,84

5,77 1,39 4,15 5,60 1,53 3,66 5,40 1,68 3,20 5,23 1,87 2,79 5,04 2,07 2,43 4,93 2,31 2,14

7 2

7

6,43 1,39 4,63 6,24 1,53 4,08 6,02 1,68 3,57 5,84 1,87 3,12 5,62 2,07 2,71 5,49 2,31 2,38

7,39 1,41 5,26 7,18 1,55 4,64 6,92 1,70 4,07 6,71 1,89 3,55 6,46 2,10 3,08 6,31 2,33 2,71

12

8,35 1,40 5,98 8,11 1,53 5,31 7,82 1,68 4,64 7,58 1,87 4,04 7,30 2,08 3,51 7,14 2,31 3,09

15

9,01 1,39 6,49 8,75 1,53 5,73 8,44 1,68 5,01 8,18 1,87 4,37 7,88 2,07 3,80 7,70 2,31 3,34

20

10,20 1,37 7,43 9,91 1,50 6,59 9,56 1,66 5,76 9,26 1,84 5,03 8,91 2,05 4,35 8,72 2,27 3,84

-20

4,14 1,50 2,77 4,02 1,64 2,44 3,88 1,81 2,14 3,76 2,01 1,87 3,62 2,23 1,62 3,54 2,48 1,42

-15

4,48 1,52 2,95 4,35 1,67 2,61 4,19 1,84 2,28 4,06 2,04 1,99 3,91 2,26 1,73 3,83 2,52 1,52

-7

5,66 1,56 3,64 5,49 1,70 3,22 5,30 1,88 2,82 5,14 2,09 2,46 4,94 2,31 2,14 4,83 2,57 1,88

9

12

15

-2

2

6,59 1,56 4,24 6,40 1,71 3,74 6,17 1,89 3,27 5,98 2,10 2,85 5,76 2,32 2,48 5,63 2,59 2,18

7,35 1,56 4,72 7,13 1,71 4,16 6,88 1,89 3,65 6,67 2,10 3,18 6,42 2,32 2,77 6,27 2,59 2,43

7

8,45 1,57 5,37 8,20 1,73 4,74 7,91 1,91 4,15 7,67 2,12 3,62 7,38 2,35 3,14 7,22 2,61 2,76

12

9,54 1,56 6,10 9,27 1,71 5,41 8,94 1,89 4,74 8,66 2,10 4,13 8,34 2,33 3,58 8,16 2,59 3,16

15

10,30 1,56 6,62 10 1,71 5,84 9,65 1,89 5,11 9,35 2,10 4,46 9 2,32 3,88 8,80 2,59 3,40

20

11,66 1,54 7,59 11,32 1,68 6,72 10,92 1,86 5,87 10,58 2,06 5,13 10,18 2,29 4,44 9,96 2,54 3,92

-20

5,65 2,18 2,60 5,49 2,39 2,29 5,30 2,63 2,01 5,13 2,93 1,75 4,94 3,24 1,52 4,83 3,61 1,34

-15

6,11 2,21 2,76 5,94 2,43 2,44 5,73 2,67 2,14 5,55 2,97 1,87 5,34 3,30 1,62 5,23 3,67 1,42

-7

-2

7,73 2,26 3,42 7,50 2,48 3,02 7,24 2,73 2,65 7,02 3,04 2,31 6,75 3,36 2,01 6,60 3,74 1,76

9 2,27 3,97 8,74 2,49 3,51 8,43 2,74 3,08 8,17 3,05 2,68 7,86 3,38 2,32 7,69 3,76 2,05

2

10,04 2,27 4,43 9,74 2,49 3,91 9,40 2,74 3,43 9,11 3,05 2,99 8,77 3,38 2,59 8,57 3,76 2,28

7

11,54 2,29 5,04 11,20 2,52 4,45 10,81 2,77 3,90 10,47 3,09 3,39 10,08 3,41 2,95 9,86 3,80 2,59

12

13,04 2,28 5,72 12,66 2,50 5,07 12,21 2,75 4,44 11,83 3,06 3,87 11,39 3,38 3,37 11,14 3,77 2,95

15

14,07 2,27 6,20 13,66 2,49 5,49 13,19 2,74 4,81 12,78 3,05 4,19 12,30 3,38 3,64 12,02 3,76 3,20

20

15,92 2,23 7,14 15,46 2,45 6,31 14,92 2,70 5,52 14,45 3,01 4,80 13,91 3,33 4,18 13,60 3,70 3,68

-20

7,37 2,84 2,60 7,15 3,12 2,29 6,90 3,43 2,01 6,69 3,82 1,75 6,44 4,23 1,52 6,30 4,71 1,34

-15

7,97 2,88 2,77 7,74 3,16 2,45 7,47 3,49 2,14 7,24 3,88 1,87 6,96 4,29 1,62 6,81 4,78 1,43

-7

10,08 2,95 3,42 9,78 3,23 3,03 9,44 3,56 2,65 9,15 3,96 2,31 8,80 4,39 2,01 8,61 4,88 1,76

-2

11,73 2,96 3,96 11,39 3,25 3,50 10,99 3,58 3,07 10,65 3,98 2,68 10,25 4,41 2,33 10,02 4,91 2,04

2

13,08 2,96 4,42 12,70 3,25 3,90 12,26 3,58 3,43 11,88 3,98 2,99 11,43 4,41 2,59 11,18 4,91 2,28

7

15,04 2,99 5,03 14,60 3,28 4,45 14,09 3,61 3,90 13,65 4,02 3,40 13,14 4,45 2,95 12,85 4,96 2,59

12

16,99 2,96 5,74 16,50 3,25 5,07 15,92 3,59 4,44 15,43 3,99 3,87 14,85 4,42 3,36 14,52 4,91 2,96

15

18,35 2,96 6,20 17,81 3,25 5,48 17,19 3,58 4,81 16,65 3,98 4,19 16,03 4,41 3,64 15,67 4,91 3,19

20

20,75 2,91 7,13 20,15 3,20 6,29 19,44 3,52 5,53 18,84 3,92 4,81 18,13 4,34 4,18 17,73 4,84 3,67

T. ae: Temperatura ambiente esterno (U.R. 85%)

T. a: Temperatura acqua uscita

PH: Potenza termica

PA: Potenza assorbita (inclusa pompa di circolazione)

Dati nominali

51

4 .5 Dimensioni unità interna

IT

A

52

Modelli

Larghezza (B)

Altezza (A)

Profondità (C)

Peso netto mm mm mm kg

7M

600

2000

600

172

B

9M

600

2000

600

172

12M

600

2000

600

172

C

12T

600

2000

600

172

15M

600

2000

600

172

15T

600

2000

600

172

4 .6 Dimensioni unità esterna

C

C

A

A

Modelli

Larghezza (B)

Altezza (A)

Profondità (C)

Peso netto

B mm mm mm kg

7M

940

996

340

68

B

9M

940

996

340

69

12M

940

1416

340

98

12T

940

1416

340

98

15M

940

1416

340

98

15T

940

1416

340

98

INNOVA s.r.l.

Fraz. Strada, 16 - 38085 PIEVE DI BONO (TN) - ITALY tel. +39.0465.670104 fax +39.0465.674965

[email protected]

N275585A-Rev. 0

Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement