Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU

Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Prefazione
SIMATIC
Periferia decentrata ET 200S
Modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU
Descrizione
1
Elementi di comando e
visualizzazione
2
Comunicazione
3
PROFINET
4
Sistema di memoria
5
Montaggio e collegamento
6
Indirizzamento
7
Messa in servizio
8
Manutenzione ordinaria e
straordinaria
9
Istruzioni operative
06/2010
A5E34445962-02
Funzioni
10
Test, diagnostica ed
eliminazione dei guasti
11
Dati tecnici
12
Appendice
A
Avvertenze di legge
Concetto di segnaletica di avvertimento
Questo manuale contiene delle norme di sicurezza che devono essere rispettate per salvaguardare l'incolumità
personale e per evitare danni materiali. Le indicazioni da rispettare per garantire la sicurezza personale sono
evidenziate da un simbolo a forma di triangolo mentre quelle per evitare danni materiali non sono precedute dal
triangolo. Gli avvisi di pericolo sono rappresentati come segue e segnalano in ordine descrescente i diversi livelli
di rischio.
PERICOLO
questo simbolo indica che la mancata osservanza delle opportune misure di sicurezza provoca la morte o gravi
lesioni fisiche.
AVVERTENZA
il simbolo indica che la mancata osservanza delle relative misure di sicurezza può causare la morte o gravi
lesioni fisiche.
CAUTELA
indica che la mancata osservanza delle relative misure di sicurezza può causare lesioni fisiche non gravi.
ATTENZIONE
indica che la mancata osservanza delle relative misure di sicurezza può causare danni materiali.
Nel caso in cui ci siano più livelli di rischio l'avviso di pericolo segnala sempre quello più elevato. Se in un avviso
di pericolo si richiama l'attenzione con il triangolo sul rischio di lesioni alle persone, può anche essere
contemporaneamente segnalato il rischio di possibili danni materiali.
Personale qualificato
Il prodotto/sistema oggetto di questa documentazione può essere adoperato solo da personale qualificato per il
rispettivo compito assegnato nel rispetto della documentazione relativa al compito, specialmente delle avvertenze
di sicurezza e delle precauzioni in essa contenute. Il personale qualificato, in virtù della sua formazione ed
esperienza, è in grado di riconoscere i rischi legati all'impiego di questi prodotti/sistemi e di evitare possibili
pericoli.
Uso conforme alle prescrizioni di prodotti Siemens
Si prega di tener presente quanto segue:
AVVERTENZA
I prodotti Siemens devono essere utilizzati solo per i casi d’impiego previsti nel catalogo e nella rispettiva
documentazione tecnica. Qualora vengano impiegati prodotti o componenti di terzi, questi devono essere
consigliati oppure approvati da Siemens. Il funzionamento corretto e sicuro dei prodotti presuppone un trasporto,
un magazzinaggio, un’installazione, un montaggio, una messa in servizio, un utilizzo e una manutenzione
appropriati e a regola d’arte. Devono essere rispettate le condizioni ambientali consentite. Devono essere
osservate le avvertenze contenute nella rispettiva documentazione.
Marchio di prodotto
Tutti i nomi di prodotto contrassegnati con ® sono marchi registrati della Siemens AG. Gli altri nomi di prodotto
citati in questo manuale possono essere dei marchi il cui utilizzo da parte di terzi per i propri scopi può violare i
diritti dei proprietari.
Esclusione di responsabilità
Abbiamo controllato che il contenuto di questa documentazione corrisponda all'hardware e al software descritti.
Non potendo comunque escludere eventuali differenze, non possiamo garantire una concordanza perfetta. Il
contenuto di questa documentazione viene tuttavia verificato periodicamente e le eventuali correzioni o modifiche
vengono inserite nelle successive edizioni.
Siemens AG
Industry Sector
Postfach 48 48
90026 NÜRNBERG
GERMANIA
A5E34445962-02
Ⓟ 06/2014 Con riserva di modifiche
Copyright © Siemens AG 2010.
Tutti i diritti riservati
Prefazione
Scopo delle istruzioni operative
Le presenti istruzioni operative sono un'integrazione delle istruzioni operative Sistema di
periferia decentrata ET 200S. Contengono la descrizione di tutte le funzioni del modulo di
interfaccia IM151-8 PN/DP CPU. Le istruzioni operative non comprendono le funzioni che
riguardano l'ET 200S in generale. Queste informazioni sono contenute nelle istruzioni
operative Sistema di periferia decentrata ET 200S.
Le informazioni contenute nelle presenti istruzioni operative e nelle istruzioni operative
Sistema di periferia decentrata ET 200S consentono la messa in servizio dell'ET 200S con il
modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU e il suo utilizzo come IO Controller in PROFINET.
Inoltre sono disponibili informazioni su come utilizzare il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU in combinazione con il modulo master DP come master DP in
PROFIBUS DP.
Nozioni di base necessarie
Per la comprensione delle istruzioni operative sono necessarie nozioni generali nel campo
dell'automazione.
Campo di validità delle istruzioni operative
Le presenti istruzioni operative sono valide per
● il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU (numero di ordinazione 6ES7151-8AB01-0AB0)
● il modulo master DP (numero di ordinazione 6ES7138-4HA00-0AB0)
● i componenti del sistema di periferia decentrata ET 200S descritti nelle istruzioni
operative Sistema di periferia decentrata ET 200S
Nota
Le particolarità del modulo di interfaccia IM151-8F PN/DP CPU sono descritte nelle relative
informazioni sul prodotto disponibili in Internet
(http://support.automation.siemens.com/WW/view/it/29713139).
Le presenti istruzioni operative forniscono una descrizione dei componenti validi al momento
della pubblicazione. Ci riserviamo la facoltà di allegare Informazioni sul prodotto aggiornate
agli eventuali componenti nuovi o con una versione più recente.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
3
Prefazione
Modifiche rispetto alla versione precedente
Rispetto alla versione precedente delle istruzioni operative Periferia decentrata ET 200S,
modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU, edizione 06/2008, A5E02049033-01 sono state
apportate le seguenti modifiche:
● PROFINET
– Supporto della comunicazione realtime isocrona con "elevata performance"
– Supporto del sincronismo di clock in PROFINET
– Ridondanza del supporto
– Possibilità di progettazione come I Device
– Shared Device
– Possibilità di configurazione dei parametri IP tramite DCP (Discovery and
Configuration Protocol) o SFB 104 "IP_CONF"
– Progettazione e funzionamento di aree di trasferimento della periferia durante il
funzionamento come I Device (accesso diretto dall'IO Controller di livello superiore
alla periferia locale dell'IM151-8 CPU come I Device)
– Predisposizione per PROFIenergy (SFB 73 / SFB 74)
– Supporto della funzione Keep Alive
● Comunicazione aperta tramite Industrial Ethernet
– Aumento delle lunghezze dei dati nella comunicazione aperta
– Possibilità di realizzare diversi collegamenti per porta
– Con TCP/IP: possibilità di realizzare diversi collegamenti passivi per porta (multiporta)
– Diagnostica di sistema ampliata per l'interfaccia PROFINET:
Diagnostica generale e dettagliata dei collegamenti della "comunicazione aperta
tramite Industrial Ethernet"
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
4
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Prefazione
● Altre funzionalità del Web server
– Possibilità di progettare gli utenti per il login
– Collegamenti tramite http(s)
– Stato dell'unità
– Visualizzazione dei collegamenti con comunicazione aperta tramite
Industrial Ethernet (OUC)
– Diagnostica dei collegamenti ampliata con comunicazione aperta
– Visualizzazione delle risorse di comunicazione
– Visualizzazione della statistica delle porte degli IO Device
– Topologia
– Pagine utente (richiesta la nuova SFC 99)
– Collegamento ipertestuale ai Web server di altri dispositivi progettati
– Panoramica degli stati di tutti i dispositivi progettati del sistema PROFINET IO
– Aggiornamento automatico di tutte le pagine dinamiche nel Web server
– Possibilità di scaricare le registrazioni del buffer di diagnostica e le segnalazioni
come file csv
● Ulteriori funzionalità
– Aumento della memoria di lavoro
– Incremento delle prestazioni grazie a tempi di elaborazione dei comandi più rapidi
– Lettura dei dati del service
– Aumento da 1 a 2 del numero dei blocchi controllabili con il blocco di stato
– Aumento delle informazioni di stato controllabili nel blocco di stato, a partire da
STEP 7 V5.5
– Aumento del numero dei punti di arresto da 2 a 4
– Supporto del byte di stato per i moduli power
– Codifica dei blocchi con S7-Block Privacy
– Aumento dello stack dei dati locali (32 kbyte per livello di esecuzione/2 kbyte per
blocco)
– Ampliamento dei campi dei numeri di blocco
– Allarmi di ritardo: sempre OB 21 / OB 22
– Allarmi di schedulazione orologio: sempre OB 32 - OB 35
– Possibilità di progettare il numero delle voci visualizzate del buffer di diagnostica con
la CPU in RUN
– Ampliamento delle voci del buffer di diagnostica in caso di problemi nel bus di periferia
locale dell'IM151-8 PN/DP CPU
– Ampliamento dell'SFC 12 con due nuove modalità per l'attivazione dell'OB 86
all'attivazione/disattivazione degli slave PROFIBUS o dei PROFINET IO Device
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
5
Prefazione
Guida alla consultazione della documentazione
Al fine di rendere più rapido l'accesso a informazioni specifiche le istruzioni operative sono
così suddivise:
● All'inizio delle istruzioni operative è riportato l'indice generale.
● Il Glossario contiene i termini più importanti.
● L'indice analitico consente di ritrovare le parti più importanti contenute nei documenti.
Riciclaggio e smaltimento
Grazie alla fabbricazione con materiali a basso impatto ambientale, il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU è riciclabile. Per il riciclaggio ecocompatibile e lo smaltimento delle
apparecchiature usate, rivolgersi a un'azienda certificata nello smaltimento di materiali
elettronici.
Ulteriore supporto
In caso di domande sull'utilizzo dei prodotti descritti nelle presenti istruzioni operative che
non fossero trattate esplicitamente in questa sede si prega di rivolgersi al proprio partner di
riferimento Siemens presso le filiali e le rappresentanze competenti.
I partner di riferimento si trovano in Internet (http://www.siemens.com/automation/partner).
La Guida alla consultazione della documentazione tecnica per i singoli prodotti e sistemi
SIMATIC si trova in Internet (http://www.siemens.com/automation/simatic).
Il catalogo e il sistema per le ordinazioni online sono disponibili in Internet
(https://mall.industry.siemens.com/).
Training center
Per agevolare l'approccio all'apparecchiatura ET 200S e al sistema di automazione
SIMATIC S7, Siemens organizza corsi specifici. Rivolgersi al centro di addestramento locale
più vicino o alla sede centrale di Norimberga, D-90327.
Ulteriori informazioni sono disponibili in Internet (http://www.siemens.com/sitrain).
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
6
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Prefazione
Service & Support in Internet
Oltre alla documentazione, Siemens mette a disposizione della clientela diversi servizi online
in Internet (http://www.siemens.com/automation/service&support).
Nel sito indicato si possono consultare le seguenti informazioni:
● La Newsletter, costantemente aggiornata con tutte le informazioni sui prodotti.
● I documenti appropriati, reperibili attraverso la funzione di ricerca in Service & Support
● Un Forum, luogo di scambio di informazioni tra utenti e personale specializzato di tutto il
mondo
● La banca dati dei partner di riferimento locali del settore Automation & Drives.
● Informazioni su assistenza tecnica sul posto, riparazioni, ricambi e molto altro sono
disponibili alla voce "Riparazioni, pezzi di ricambio e consulenza".
Vedere anche
Supporto (http://support.automation.siemens.com/WW/view/en/11669702/133300)
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
7
Prefazione
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
8
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Indice del contenuto
Prefazione .............................................................................................................................................. 3
1
2
3
Descrizione ........................................................................................................................................... 15
1.1
Funzione del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU ...........................................................15
1.2
Caratteristiche del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU ...................................................16
1.3
Caratteristiche del modulo master DP .........................................................................................19
1.4
Configurazioni di esempio ............................................................................................................20
Elementi di comando e visualizzazione ................................................................................................. 23
2.1
Elementi di comando e visualizzazione del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU ............23
2.2
Segnalazioni di stato e di errore del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU .......................25
2.3
Elementi di visualizzazione del modulo master DP .....................................................................26
Comunicazione ..................................................................................................................................... 27
3.1
3.1.1
3.1.2
Interfacce .....................................................................................................................................27
PROFINET (PN)...........................................................................................................................27
PROFIBUS DP .............................................................................................................................32
3.2
3.2.1
3.2.2
3.2.3
3.2.4
3.2.5
3.2.6
3.2.7
Servizi di comunicazione .............................................................................................................33
Panoramica dei servizi di comunicazione ....................................................................................33
Comunicazione PG ......................................................................................................................35
Comunicazione OP ......................................................................................................................36
Comunicazione S7 .......................................................................................................................36
Routing .........................................................................................................................................37
Routing per set di dati ..................................................................................................................38
Coerenza dei dati .........................................................................................................................40
3.3
Servizio di comunicazione SNMP ................................................................................................40
3.4
Comunicazione aperta tramite Industrial Ethernet.......................................................................41
3.5
3.5.1
3.5.2
3.5.3
3.5.4
Collegamenti S7 ...........................................................................................................................45
Collegamento S7 come canale di comunicazione .......................................................................45
Assegnazione dei collegamenti S7 ..............................................................................................46
Distribuzione e disponibilità delle risorse di collegamento S7 .....................................................48
Risorse di collegamento nel routing .............................................................................................49
3.6
DPV1 ............................................................................................................................................50
3.7
3.7.1
3.7.2
3.7.3
3.7.4
3.7.4.1
3.7.4.2
3.7.4.3
Web server ...................................................................................................................................52
Impostazione della lingua ............................................................................................................55
Impostazioni in Configurazione HW, scheda "Web" ....................................................................57
Aggiornamento e salvataggio delle informazioni .........................................................................60
Pagine Web..................................................................................................................................61
Pagina iniziale con informazioni generali sulla CPU....................................................................61
Identificazione ..............................................................................................................................64
Buffer di diagnostica ....................................................................................................................65
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
9
Indice del contenuto
3.7.4.4
3.7.4.5
3.7.4.6
3.7.4.7
3.7.4.8
3.7.4.9
3.7.4.10
4
5
Stato dell'unità ............................................................................................................................. 67
Messaggi ..................................................................................................................................... 74
Comunicazione ........................................................................................................................... 76
Topologia..................................................................................................................................... 82
Stato delle variabili ...................................................................................................................... 89
Tabelle delle variabili ................................................................................................................... 90
Pagine utente .............................................................................................................................. 93
PROFINET ........................................................................................................................................... 97
4.1
4.1.1
4.1.2
4.1.3
4.1.4
Comunicazione tramite PROFINET ............................................................................................ 97
Introduzione ................................................................................................................................ 97
PROFINET IO e PROFINET CBA .............................................................................................. 98
Sistema PROFINET IO ............................................................................................................. 100
Blocchi di PROFINET IO ........................................................................................................... 102
4.2
Comunicazione realtime isocrona ............................................................................................. 106
4.3
Avvio prioritario ......................................................................................................................... 107
4.4
Sostituzione dispositivi senza supporto di memoria estraibile/PG............................................ 108
4.5
Sostituzione di IO Device durante il funzionamento ................................................................. 109
4.6
Sincronismo di clock ................................................................................................................. 109
4.7
I Device ..................................................................................................................................... 110
4.8
Shared Device ........................................................................................................................... 111
4.9
Ridondanza del supporto .......................................................................................................... 112
Sistema di memoria .............................................................................................................................113
5.1
5.1.1
5.1.2
5.1.3
5.1.4
5.1.5
Aree di memoria e ritenzione .................................................................................................... 113
Aree di memoria del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU ............................................. 113
Ritenzione della memoria di caricamento, di sistema e di lavoro ............................................. 114
Ritenzione degli oggetti nella memoria ..................................................................................... 115
Aree operandi della memoria di sistema ................................................................................... 117
Proprietà della SIMATIC Micro Memory Card........................................................................... 121
5.2
5.2.1
5.2.2
Funzioni di memoria .................................................................................................................. 122
In generale: funzioni di memoria ............................................................................................... 122
Caricamento del programma utente nel modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU tramite SIMATIC Micro Memory Card .................................................... 123
Gestione di blocchi .................................................................................................................... 124
Codifica di blocchi ..................................................................................................................... 124
Ricaricamento e sovrascrittura dei blocchi ............................................................................... 125
Caricamento di blocchi nel PG .................................................................................................. 126
Cancellazione di blocchi............................................................................................................ 126
Compressione di blocchi ........................................................................................................... 126
Promming (RAM in ROM) ......................................................................................................... 126
Cancellazione totale e riavviamento ......................................................................................... 127
Ricette ....................................................................................................................................... 128
Archivi dei valori di misura ........................................................................................................ 130
Salvataggio di dati del progetto su SIMATIC Micro Memory Card ........................................... 132
5.2.3
5.2.3.1
5.2.3.2
5.2.3.3
5.2.3.4
5.2.3.5
5.2.3.6
5.2.4
5.2.5
5.2.6
5.2.7
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
10
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Indice del contenuto
6
7
8
Montaggio e collegamento .................................................................................................................. 133
6.1
Contenuto...................................................................................................................................133
6.2
Montaggio del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU .......................................................133
6.3
Collegamento del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU ..................................................134
6.4
Montaggio e collegamento del modulo master DP ....................................................................137
Indirizzamento .................................................................................................................................... 139
7.1
7.1.1
7.1.2
Indirizzamento dei moduli di periferia ........................................................................................139
Indirizzamento dei moduli della periferia centrale tramite posto connettore..............................139
Indirizzamento libero dei moduli di periferia ..............................................................................142
7.2
Indirizzamento in PROFIBUS DP ..............................................................................................143
7.3
7.3.1
7.3.2
Indirizzamento in PROFINET IO ................................................................................................144
Indirizzamento in PROFINET IO ................................................................................................144
Assegnazione dei parametri dell'indirizzo IP e del nome del dispositivo ...................................145
Messa in servizio ................................................................................................................................ 149
8.1
Panoramica ................................................................................................................................149
8.2
8.2.1
8.2.2
Procedimento di messa in servizio ............................................................................................149
Procedimento: messa in servizio dell'hardware .........................................................................149
Procedimento: messa in servizio del software ...........................................................................151
8.3
Lista di controllo per la messa in servizio ..................................................................................153
8.4
8.4.1
8.4.2
8.4.3
8.4.7
8.4.8
Messa in servizio dei moduli ......................................................................................................155
Inserimento/sostituzione di una SIMATIC Micro Memory Card .................................................155
Prima accensione.......................................................................................................................157
Cancellazione totale del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
con il selettore dei modi operativi...............................................................................................158
Formattazione della SIMATIC Micro Memory Card ...................................................................162
Ripristino dello stato di fornitura.................................................................................................163
Collegamento del PG/PC all'interfaccia PROFINET integrata del modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU .................................................................................................................165
Avvio di SIMATIC Manager ........................................................................................................167
Controllo e comando di ingressi e uscite ...................................................................................168
8.5
8.5.1
8.5.2
8.5.3
Messa in servizio di PROFIBUS DP ..........................................................................................173
Messa in servizio della rete PROFIBUS ....................................................................................173
Messa in servizio dell'IM151-8 PN/DP CPU con modulo master DP come master DP ............174
Comunicazione diretta ...............................................................................................................178
8.6
8.6.1
8.6.2
Messa in servizio del PROFINET IO..........................................................................................180
Presupposti per la messa in servizio di PROFINET ..................................................................180
Progettazione e messa in servizio del sistema PROFINET IO ..................................................181
8.4.4
8.4.5
8.4.6
9
Manutenzione ordinaria e straordinaria................................................................................................ 189
9.1
Panoramica ................................................................................................................................189
9.2
Backup del firmware su SIMATIC Micro Memory Card .............................................................189
9.3
9.3.1
9.3.2
Aggiornamento del firmware ......................................................................................................191
Quando deve essere aggiornato il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU? ......................191
Aggiornamento del firmware tramite SIMATIC Micro Memory Card .........................................192
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
11
Indice del contenuto
10
11
12
9.3.3
Aggiornamento del firmware online (tramite rete) ..................................................................... 193
9.4
Backup dei dati del progetto su SIMATIC Micro Memory Card ................................................ 194
9.5
Sostituzione di un modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU................................................. 196
9.6
Sostituzione di un modulo master DP ....................................................................................... 198
Funzioni ...............................................................................................................................................201
10.1
Parametrizzazione del giunto freddo con collegamento di termocoppie .................................. 201
10.2
10.2.1
10.2.2
10.2.3
Estrazione e inserimento di moduli durante il funzionamento .................................................. 203
Panoramica ............................................................................................................................... 203
Procedimento di estrazione e inserimento di moduli durante il funzionamento........................ 204
Inserimento di moduli durante il funzionamento ....................................................................... 204
10.3
Disattivazione e attivazione dei moduli power durante il funzionamento ................................. 206
10.4
Modulo power con byte di stato ................................................................................................ 207
Test, diagnostica ed eliminazione dei guasti .........................................................................................209
11.1
Panoramica ............................................................................................................................... 209
11.2
Lettura/memorizzazione dei dati del Service ............................................................................ 209
11.3
Dati di identificazione e manutenzione del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU .......... 210
11.4
11.4.1
11.4.2
11.4.3
11.4.4
Funzioni di test .......................................................................................................................... 212
Panoramica: funzioni di test ...................................................................................................... 212
Panoramica: Diagnostica .......................................................................................................... 215
Possibilità di diagnostica con STEP 7 ....................................................................................... 218
Diagnostica dell'infrastruttura di rete (SNMP) ........................................................................... 219
11.5
11.5.1
11.5.2
11.5.3
11.5.4
11.5.5
11.5.6
11.5.7
Diagnostica mediante LED di stato e di errore ......................................................................... 221
Introduzione .............................................................................................................................. 221
Segnalazioni di stato e di errore del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU .................... 221
Analisi del LED SF (errore software) ........................................................................................ 223
Analisi del LED SF in caso di errore hardware ......................................................................... 225
LED di stato e di errore per l'interfaccia PN .............................................................................. 227
LED di stato e di errore: PROFINET IO Device ........................................................................ 230
LED di stato e di errore del modulo master DP ........................................................................ 231
11.6
11.6.1
Diagnostica in PROFIBUS DP .................................................................................................. 232
Diagnostica del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU come master DP ........................ 232
11.7
Stati di configurazione errati dell'ET 200S ................................................................................ 235
11.8
Guasto della tensione di carico del modulo power ................................................................... 235
11.9
Diagnostica di base in PROFINET IO ....................................................................................... 236
Dati tecnici ...........................................................................................................................................237
12.1
Dati tecnici generali ................................................................................................................... 237
12.2
12.2.1
12.2.2
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU .............................................................................. 237
Schema di principio dell'IM151-8 PN/DP CPU con modulo master DP.................................... 237
Dati tecnici dell'IM151-8 PN/DP CPU ....................................................................................... 238
12.3
12.3.1
Modulo master DP .................................................................................................................... 252
Dati tecnici del modulo master DP ............................................................................................ 252
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
12
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Indice del contenuto
A
Appendice........................................................................................................................................... 253
A.1
A.1.1
A.1.2
Numeri di ordinazione ................................................................................................................253
Numeri di ordinazione dei moduli...............................................................................................253
Numeri di ordinazione degli accessori .......................................................................................254
A.2
A.2.1
A.2.2
Disegni quotati ...........................................................................................................................256
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU ...............................................................................256
Modulo master DP .....................................................................................................................257
A.3
A.3.1
A.3.2
A.3.2.1
A.3.2.2
A.3.2.3
A.3.2.4
A.3.3
A.3.3.1
A.3.3.2
A.3.3.3
A.3.4
A.3.4.1
A.3.4.2
Tempi di ciclo e di reazione .......................................................................................................257
Panoramica ................................................................................................................................257
Tempo di ciclo ............................................................................................................................258
Panoramica del tempo di ciclo ...................................................................................................258
Calcolo del tempo ciclo ..............................................................................................................261
Carico di comunicazione ............................................................................................................263
Prolungamento del ciclo dovuto a funzioni di test e messa in servizio ......................................265
Tempo di reazione .....................................................................................................................266
Panoramica del tempo di reazione ............................................................................................266
Tempo di reazione più breve .....................................................................................................268
Tempo di reazione più lungo......................................................................................................269
Tempo di reazione all'allarme ....................................................................................................270
Panoramica del tempo di reazione a un allarme .......................................................................270
Riproducibilità degli allarmi di ritardo e della schedulazione orologio .......................................271
A.4
Documentazione aggiuntiva.......................................................................................................272
Glossario ............................................................................................................................................ 275
Indice analitico .................................................................................................................................... 309
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
13
Indice del contenuto
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
14
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
1
Descrizione
1.1
Funzione del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU è un componente del sistema di periferia
decentrata ET 200S con grado di protezione IP 20. Il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP
CPU è un'"unità di preelaborazione intelligente". In questo modo è possibile decentralizzare
i compiti di automazione.
Un ET 200S con IM151-8 PN/DP CPU pertanto può anche comandare completamente e se
necessario indipendentemente un'unità funzionale tecnologica.
● Funzioni dell'IM151-8 PN/DP CPU in PROFINET:
– IO Controller
– I Device
– I Device e IO Controller
– Dispositivo PROFINET CBA, con o senza funzionalità proxy per PROFIBUS DP
(per la funzionalità proxy per PROFIBUS DP occorre inserire il modulo master DP
opzionale)
● Funzioni dell'IM151-8 PN/DP CPU in PROFIBUS DP:
– master DP, in combinazione con il modulo master DP opzionale
L'impiego del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU consente l'ulteriore
modularizzazione e normalizzazione di unità funzionali tecnologiche e la realizzazione di
concetti di macchina semplici e chiari.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
15
Descrizione
1.2 Caratteristiche del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
1.2
Caratteristiche del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Caratteristiche del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU si distingue per le seguenti caratteristiche:
● Il modulo di interfaccia è dotato di funzionalità PLC (parte CPU integrata con 192 kbyte di
memoria di lavoro).
● Il modulo di interfaccia si può utilizzare solo con memoria di caricamento inserita
(SIMATIC Micro Memory Card).
● Il modulo di interfaccia può essere ampliato con un max. di 63 moduli di periferia della
gamma ET 200S.
● La lunghezza massima del bus è di 2 m.
● Il collegamento a PROFINET avviene tramite un'interfaccia PROFINET con switch
integrato e 3 porte RJ45.
– L'indirizzo IP per PROFINET ad es. viene salvato sulla SIMATIC Micro Memory Card
con la progettazione di Configurazione HW ma può anche essere assegnato dal
programma utente (SFB 104) o esternamente tramite DCP (ad es. Setup Tool o anche
da un IO Controller superiore).
– Le porte 1 e 2 possono anche essere utilizzate in Ethernet come porte ad anello per la
realizzazione di strutture ad anello ridondanti (ridondanza del supporto).
– La comunicazione ha luogo attraverso PROFINET, con PROFINET IO supportato
come IO Controller (con max. 128 IO Device collegabili) e/o I Device nonché
PROFINET CBA .
– L'interfaccia PROFINET consente di realizzare anche la comunicazione PG/OP e altri
tipi di comunicazione, ad es. la comunicazione aperta e la comunicazione S7.
● In qualità di PROFINET IO Controller il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
supporta anche
– la comunicazione in tempo reale RT e IRT
– l'avvio prioritario dei PROFINET IO Device
– la sostituzione dispositivi senza supporto di memoria estraibile/PG
– la sostituzione di IO Device durante il funzionamento (porte partner alterne)
– la sincronizzazione di clock in PROFINET
– gli Shared Device.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
16
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Descrizione
1.2 Caratteristiche del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
● In PROFINET IO il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU può essere utilizzato
anche come I Device. Qui può scambiare dati con un controllore sovraordinato e quindi
essere utilizzato ad es. come unità di preelaborazione intelligente per processi parziali.
– Un modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP utilizzato come I Device può fungere
contemporaneamente da IO Controller e quindi ad es. aprire una propria sottorete
PROFINET IO di livello inferiore.
– Un modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP utilizzato come I Device può essere utilizzato
anche come Shared I Device.
– In caso di impiego come I Device è possibile progettare aree di trasferimento della
periferia che consentono a un IO Controller di livello superiore di accedere
direttamente alla periferia locale di un modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP.
● Grazie alla diagnostica integrata si riducono al minimo i tempi di arresto.
● Attraverso la SIMATIC Micro Memory Card o dalla rete online è possibile aggiornare il
firmware.
● Un Web server integrato per pagine Web definite dall'utente, informazioni, stato e
diagnostica fornisce i dati desiderati in qualsiasi luogo.
● Il modulo di interfaccia è provvisto di un selettore dei modi operativi con le posizioni RUN,
STOP e MRES.
● Sulla parte frontale del modulo di interfaccia sono disposti 10 LED per la segnalazione di:
– Errori dell'ET 200S (SF)
– Errori di bus in PROFINET (BF-PN)
– Informazioni di manutenzione esistenti (MT)
– Tensione di alimentazione per elettronica (ON)
– Job di forzamento (FRCE)
– Modo di funzionamento del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU (RUN e STOP)
– Stato del collegamento nelle porte da 1 a 3 dell'interfaccia PROFINET (P1 - LINK,
P2 - LINK, P3 - LINK)
● Il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU può essere ampliato con un modulo
master DP. In questo modo acquisisce anche la funzionalità di un master DP.
Integrazione del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU nell'ET 200S
Il modulo di interfaccia IM151-8PN/DP CPU viene integrato nell'ET 200S come qualsiasi
altro modulo; in altri termini il concetto di configurazione, il montaggio e le possibilità di
ampliamento sono gli stessi.
Per maggiori informazioni consultare le istruzioni operative Sistema di periferia decentrata
ET 200S.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
17
Descrizione
1.2 Caratteristiche del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Come si progetta e si programma l'ET 200S con il modulo IM151-8 PN/DP CPU?
Per la progettazione dell'ET 200S con l'IM151-8 PN/DP CPU (configurazione e
parametrizzazione) e la programmazione del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU è
necessario il software di progettazione STEP 7 a partire da V5.5.
Il procedimento di progettazione dell'ET 200S con l'IM151-8 PN/DP CPU è descritto nel
capitolo Messa in servizio (http://support.automation.siemens.com/WW/view/it/31977679)
delle presenti istruzioni operative. Nella Lista operazioni delle CPU S7-300 sono riportate le
operazioni di STEP 7 necessarie per la programmazione del modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU. La lista operazioni si può scaricare da Internet
(http://support.automation.siemens.com/WW/view/it/31977679).
Limitazioni per l'utilizzo di avviatori motore e moduli ET 200S
In caso di impiego a livello centrale in un ET 200S con IM151-8 PN/DP CPU i seguenti
avviatori motore e moduli ET 200S possono causare reazioni di disturbo. Questi avviatori
motore e i moduli ET 200S non possono essere utilizzati in un ET 200S con
IM151-8 PN/DP CPU fino alla versione di prodotto indicata compresa.
Tabella 1- 1
Limitazioni per l'utilizzo di avviatori motore e moduli ET 200S
Avviatore motore / Modulo
Numero di ordinazione
Fino alla versione
(compresa)
Avviatore diretto DS1e-x; HF
3RK1301-0❑B10-❑AA2
E06
3RK1301-0❑B13-❑AA2
E06
3RK1301-0❑B❑0-❑AA3
E03
3RK1301-0❑B❑❑-❑AA4
E02
Modulo elettronico analogico 2AI I 2WIRE HS
6ES7134-4GB52-0AB0
E03
Modulo elettronico analogico 2AI I 4WIRE HS
6ES7134-4GB62-0AB0
E01
Modulo elettronico analogico 2AI U HS
6ES7134-4FB52-0AB0
E01
Modulo elettronico analogico 2AO I HS
6ES7135-4GB52-0AB0
E01
Modulo elettronico analogico 2AO U HS
6ES7135-4FB52-0AB0
E03
Avviatore reversibile RS1e-x; HF
Avviatore diretto fail-safe F-DS1e-x; HF
Avviatore reversibile fail-safe F-RS1e-x; HF
Avviatore diretto DS1e-x; HF
Avviatore reversibile RS1e-x; HF
Avviatore graduale diretto DSS1e-x; HF
Avviatore diretto DS1e-x; HF
Avviatore reversibile RS1e-x; HF
Avviatore graduale diretto DSS1e-x; HF
Avviatore diretto fail-safe F-DS1e-x; HF
Avviatore reversibile fail-safe F-RS1e-x; HF
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
18
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Descrizione
1.3 Caratteristiche del modulo master DP
1.3
Caratteristiche del modulo master DP
In combinazione con il modulo master DP è possibile utilizzare il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU come master DP.
Nota
Nel modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU non può essere inserito più di un modulo
master DP.
Caratteristiche del modulo master DP
Il modulo master DP presenta le seguenti caratteristiche speciali:
● L'indirizzo PROFIBUS DP viene salvato sulla SIMATIC Micro Memory Card con la
progettazione di Configurazione HW nel modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU.
● Sul lato frontale del modulo master DP è presente 1 LED per la segnalazione degli errori
di bus in PROFIBUS DP (BF).
● Connessione a PROFIBUS DP tramite l'interfaccia DP (RS 485) sul modulo master DP
Integrazione del modulo master DP nell'ET 200S
Il modulo master DP viene inserito da destra sul modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
e viene così integrato nell'ET 200S.
Come si progetta e si programma l'ET 200S con il modulo IM151-8 PN/DP CPU e il modulo master DP?
Per la progettazione dell'ET 200S con l'IM151-8 PN/DP CPU e il modulo master DP
(configurazione e parametrizzazione) e la programmazione del modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU è necessario il software di progettazione STEP 7 a partire da V5.5.
Il procedimento di progettazione dell'ET 200S con l'IM151-8 PN/DP CPU è descritto nel
capitolo Messa in servizio (Pagina 180) delle presenti istruzioni operative.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
19
Descrizione
1.4 Configurazioni di esempio
1.4
Configurazioni di esempio
Esempio di configurazione di un ET 200S con il modulo IM151-8 PN/DP CPU
La figura seguente mostra un esempio di configurazione di un sistema ET 200S con il
modulo IM151-8 PN/DP CPU.
Figura 1-1
Rappresentazione del sistema di periferia decentrata ET 200S con il modulo
IM151-8 PN/DP CPU
① Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU ④ Modulo di chiusura
② Modulo power PM-E per moduli
⑤ Moduli terminali TM-E per moduli
elettronici
③
Moduli elettronici
elettronici
⑥ Modulo terminale TM-P per moduli
power PM-E
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
20
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Descrizione
1.4 Configurazioni di esempio
Esempio di configurazione di un ET 200S con il modulo IM151-8 PN/DP CPU e il modulo master DP
La figura seguente mostra un esempio di configurazione di un ET 200S con
IM151-8 PN/DP CPU e modulo master DP.
Figura 1-2
Rappresentazione del sistema di periferia decentrata ET 200S con il modulo IM151-8 PN/DP CPU e il
modulo master DP
① Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP
⑦ Avviatore reversibile
② Modulo master DP
③ Modulo power PM-E per moduli
⑧ Modulo di chiusura
⑨ Bus di energia
④ Moduli elettronici
⑩ Modulo terminale TM-P per moduli
⑤
⑪ Moduli terminali TM-E per moduli
CPU
elettronici
Modulo power per avviatore
motore PM-D
⑥ Avviatore diretto
power PM-D
elettronici
⑫ Modulo terminale TM-P per moduli
power PM-E
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
21
Descrizione
1.4 Configurazioni di esempio
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
22
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Elementi di comando e visualizzazione
2.1
2
Elementi di comando e visualizzazione del modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU
Numero
Descrizione
①
Presa RJ45 (porta 1 dell'interfaccia PROFINET)
R: porta per la configurazione di una topologia ad anello con ridondanza del supporto
②
Presa RJ45 (porta 2 dell'interfaccia PROFINET)
R: porta per la configurazione di una topologia ad anello con ridondanza del supporto
③
Presa RJ45 (porta 3 dell'interfaccia PROFINET)
④
Selettore dei modi operativi
⑤
Segnalazioni di stato e di errore del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
⑥
LED di stato dell'interfaccia PROFINET
⑦
Vano per la SIMATIC Micro Memory Card
⑧
Collegamento per la tensione di alimentazione
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
23
Elementi di comando e visualizzazione
2.1 Elementi di comando e visualizzazione del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Vano per la SIMATIC Micro Memory Card
Come modulo di memoria viene utilizzata una SIMATIC Micro Memory Card. La scheda si
può utilizzare sia come memoria di caricamento che come supporto dati mobile. Il vano per
la SIMATIC Micro Memory Card è accessibile sulla parte frontale del modulo di interfaccia.
Per maggiori informazioni sull'inserimento della SIMATIC Micro Memory Card consultare il
capitolo Inserimento/sostituzione di una SIMATIC Micro Memory Card.
Nota
Poiché il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU non è dotato di memoria di caricamento
integrata, per il funzionamento è necessario inserire una SIMATIC Micro Memory Card.
Selettore dei modi operativi
Con il selettore dei modi operativi è possibile impostare il modo di funzionamento attuale del
modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU.
Tabella 2- 1
Posizioni del selettore dei modi operativi
Posizione
Significato
Spiegazioni
RUN
Modo operativo
RUN
Il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU elabora il programma
utente.
STOP
Modo operativo
STOP
Il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU non elabora il
programma utente.
MRES
Cancellazione
totale
Posizione del selettore dei modi operativi per
•
Cancellazione totale del modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU
•
Backup del firmware su SIMATIC Micro Memory Card
• Reset allo stato di fornitura
Per effettuare queste azioni con il selettore dei modi operativi è
necessario eseguire i comandi in una particolare sequenza.
Riferimenti
● Modi di funzionamento del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU: Guida in linea a
STEP 7
● Informazioni sulla cancellazione totale del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU:
capitolo Cancellazione totale del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU con il
selettore dei modi operativi
● Analisi dei LED in caso di errori e di diagnostica: capitolo Diagnostica mediante LED di
stato e di errore
Vedere anche
Inserimento/sostituzione di una SIMATIC Micro Memory Card (Pagina 155)
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
24
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Elementi di comando e visualizzazione
2.2 Segnalazioni di stato e di errore del modulo di interfaccia M151-8 PN/DP CPU
2.2
Segnalazioni di stato e di errore del modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU
Segnalazioni di stato e di errore generali
Tabella 2- 2
Segnalazioni generali di stato e di errore del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Nome del LED
Colore
Significato
SF
rosso
Errore cumulativo hardware o software
MT
giallo
Informazioni di manutenzione
ON
verde
Alimentazione di tensione per IM151-8 PN/DP CPU
FRCE
giallo
Il LED è acceso: ordine di forzamento attivo
RUN
verde
IM151-8 PN/DP CPU in RUN
STOP
giallo
IM151-8 PN/DP CPU in STOP o ALT oppure avviamento
Il LED lampeggia a 2 Hz: funzione Test di lampeggio del nodo
Il LED lampeggia all'avviamento a 2 Hz, in stato di arresto a 0,5 Hz.
Il LED lampeggia a 0,5 Hz alla richiesta di cancellazione totale e
durante la cancellazione totale a 2 Hz.
Segnalazioni di stato e di errore per le interfacce di bus
Tabella 2- 3
Segnalazioni di stato e di errore per le interfacce di bus del modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU
Nome del LED
Colore
Significato
BF-PN
rosso
Errore di bus in PROFINET
P1 - LINK
verde
Il collegamento alla porta 1 è attivo
P2 - LINK
verde
Il collegamento alla porta 2 è attivo
P3 - LINK
verde
Il collegamento alla porta 3 è attivo
Riferimenti
● Modi di funzionamento del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU:
Guida in linea a STEP 7
● Informazioni sulla cancellazione totale del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU:
capitolo Cancellazione totale del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU con il
selettore dei modi operativi
● Analisi dei LED in caso di errori e di diagnostica: capitolo Diagnostica mediante LED di
stato e di errore
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
25
Elementi di comando e visualizzazione
2.3 Elementi di visualizzazione del modulo master DP
2.3
Elementi di visualizzazione del modulo master DP
Elementi di visualizzazione
Figura 2-1
Elementi di visualizzazione del modulo master DP
La figura mostra...
i seguenti elementi del modulo master DP
①
LED di stato e di errore
②
Presa Sub-D a 9 poli per PROFIBUS DP
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
26
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Comunicazione
3.1
Interfacce
3.1.1
PROFINET (PN)
3
Disponibilità
Il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU è dotato di un'interfaccia PROFINET con
switch integrato e 3 porte (prese RJ45).
● Nelle porte è possibile configurare una rete con topologia lineare senza uno switch
esterno supplementare.
● Attraverso le porte 1 e 2 definite come porte ad anello (P1 R, P2 R) è possibile realizzare
una topologia ad anello ridondante.
● Inoltre è possibile collegare un ulteriore dispositivo PROFINET, ad es. un PG per la
messa in servizio o un'OP per il servizio e la supervisione.
Creazione del collegamento con Industrial Ethernet
Per creare un collegamento con Industrial Ethernet è possibile utilizzare l'interfaccia
PROFINET integrata del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU.
L'interfaccia PROFINET integrata del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU si progetta
attraverso l'interfaccia PROFINET.
Sincronizzazione dell'ora tramite PROFINET
Il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU si può utilizzare sull'interfaccia PROFINET
come orologio client secondo la procedura NTP. È necessaria la progettazione in
Configurazione HW. Per default la sincronizzazione dell'ora non è impostata.
Come orologio client il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU riceve telegrammi di
sincronizzazione da un orologio server NTP (ad es. SICLOCK TS) e ne acquisisce l'ora
come propria ora interna.
Oltre alla sincronizzazione dell'ora dell'interfaccia PROFINET esiste anche la configurazione
dell'ora dell'interfaccia DP del modulo master DP. Il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU può essere l'orologio slave di una sola di queste interfacce.
L'interfaccia PN supporta soltanto la funzionalità di orologio client (che corrisponde alla
funzionalità di orologio slave nell'interfaccia DP).
Esempio: il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU viene sincronizzato da un orologio
server tramite sincronizzazione dell'ora attraverso l'interfaccia PN con la procedura NTP
(che corrisponde alla funzionalità di orologio slave). Può quindi essere utilizzato solo come
orologio master nell'interfaccia DP.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
27
Comunicazione
3.1 Interfacce
Apparecchiature collegabili mediante PROFINET (PN)
● PROFINET IO Controller
● PROFINET IO Device (ad es. modulo di interfaccia IM151-3 PN in un ET 200S)
● Componenti PROFINET CBA
● S7-300/S7-400 con interfaccia PROFINET (ad es. CPU 317-2 PN/DP o CP 343-1)
● Componenti di rete attivi (ad es. uno switch)
● IE/PB Link
● PG/PC con scheda di rete
Proprietà dell'interfaccia PROFINET
Proprietà
IEEE Standard
802.3
Realizzazione dei connettori
•
Porta 1 ... 3
RJ45
Velocità di trasmissione
max. 100 Mbit/s
Media
Twisted Pair Cat5 (100BASE-TX)
Ridondanza del supporto
secondo IEC 61158
Nota
Collegamento di componenti PROFINET
L'utilizzo degli switch al posto degli hub per il collegamento in rete dei componenti
PROFINET consente un disaccoppiamento nettamente migliore del traffico nel bus e quindi
un miglior comportamento durante il runtime, soprattutto in caso di carico elevato sul bus.
Per mantenere invariate le prestazioni in caso di impiego di PROFINET CBA con
collegamenti PROFINET ciclici è necessario utilizzare degli switch. Per i collegamenti
PROFINET ciclici è obbligatorio l'utilizzo del sistema full duplex da 100 Mbit.
Anche con PROFINET IO è indispensabile l'impiego di switch e full duplex da 100 Mbit.
Per PROFINET IO nel funzionamento IRT (Isochronous Real Time) tutti i dispositivi
PROFINET nel dominio Sync, quindi anche gli switch, devono supportare la comunicazione
IRT.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
28
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Comunicazione
3.1 Interfacce
Progettazione delle proprietà delle porte dell'interfaccia PROFINET in STEP 7
Le interfacce PROFINET dei nostri dispositivi sono impostate per default su "Impostazione
automatica" (Autonegotiation). Accertarsi che tutti i dispositivi collegati all'interfaccia
PROFINET del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU siano impostati sul modo di
funzionamento "Autonegotiation". Questa è l'impostazione di default dei componenti
PROFINET/Ethernet standard.
Se si collega all'interfaccia PROFINET del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
un dispositivo che non supporta il modo di funzionamento "Impostazione automatica"
(Autonegotiation) o se si seleziona un'altra impostazione oltre a quella automatica
(Autonegotiation), osservare le seguenti avvertenze:
● PROFINET IO e PROFINET CBA richiedono il funzionamento full duplex a 100 Mbit/s.
In altri termini, con l'impiego simultaneo dell'interfaccia PROFINET del modulo di
interfaccia IM151-8 PN/DP CPU per la comunicazione PROFINET IO/CBA e Ethernet,
oltre all'impostazione automatica ("Autonegotiation") è ammessa solo l'impostazione
dell'interfaccia a 100 Mbit/s full duplex.
● Se l'interfaccia PROFINET del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU viene utilizzata
solo per la comunicazione Ethernet, oltre all'impostazione automatica ("Autonegotiation")
è possibile anche il funzionamento full duplex a 100 Mbit/s o full duplex a 10 Mbit/s.
L'impostazione del funzionamento semiduplex non è consentita in nessun caso.
Spiegazione: ad es. se l'interfaccia PROFINET del modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU è collegata con uno switch impostato in modo permanente a
"10 Mbit/s semiduplex", con l'impostazione "Autonegotiation" il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU si adegua all'impostazione del partner e la comunicazione si svolge di
fatto con "10 Mbit/s semiduplex". Tuttavia poiché PROFINET IO e PROFINET CBA
richiedono il funzionamento a 100 Mbit/s full duplex questo modo di funzionamento non
sarebbe ammesso.
Nota
Per la progettazione delle porte degli IO Device che devono eseguire un avvio prioritario
sono previste avvertenze specifiche nella Descrizione del sistema PROFINET.
Disattivazione di una porta dell'interfaccia PROFINET del modulo IM151-8 PN/DP CPU
In Configurazione HW di STEP 7 è possibile disattivare una porta dell'interfaccia PROFINET
di un modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU. Per default questa porta è attivata.
Attraverso una porta disattivata dell'interfaccia PROFINET non è possibile accedere al
modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU.
Osservare che da una porta disattivata non è possibile eseguire funzioni di comunicazione
come ad es. le funzioni PG/OP, la comunicazione IE aperta o la comunicazione S7.
Nota
In un modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU deve sempre restare attiva una porta per
garantire l'accesso all'unità.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
29
Comunicazione
3.1 Interfacce
Indirizzamento delle porte
Per la diagnostica delle singole porte di un'interfaccia PROFINET è necessario assegnare a queste
porte un proprio indirizzo di diagnostica. L'indirizzamento si effettua in Configurazione HW.
Informazioni sull'argomento sono disponibili nella Descrizione del sistema PROFINET.
Per diagnosticare eventuali problemi rilevati nel programma utente è possibile abilitare il
messaggio di diagnostica (errori ed informazioni di manutenzione) tramite l'OB 82
(abilitazione in Configurazione HW) e in seguito analizzarlo ad es. con l'SFB 54. Inoltre
vengono forniti diversi set di dati (emissione tramite SFB 52) ed elenchi di stato del sistema
(emissione tramite SFC 51) che consentono una diagnostica approfondita.
È possibile eseguire la diagnostica anche in STEP 7 (ad es. diagnostica di comunicazione,
connessione di rete, statistica Ethernet, parametri IP).
Intervallo di trasmissione e tempo di aggiornamento
In una sottorete PROFINET IO, Controller e Device possono funzionare con un intervallo di
trasmissione unico. Se alcuni Device non supportano l'intervallo di trasmissione di un
Controller perché è più veloce, l'intervallo viene adeguato a quello supportato dal Device. È
quindi possibile che ad es. nel modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU (IO Controller) con
un intervallo di trasmissione di 250 µs funzionino sia Device con 250 µs che con 1 ms.
Il tempo di aggiornamento dei Device può essere parametrizzato in un campo abbastanza
ampio. Questo a sua volta varia in funzione dell'intervallo di trasmissione. Con il modulo di
interfaccia IM151-8 PN/DP CPU si possono parametrizzare i seguenti tempi di
aggiornamento:
Comunicazione in
tempo reale
Intervallo di
trasmissione
Tempo di aggiornamento
Nella comunicazione RT:
250 μs
⇒
250 µs ... 128 ms
500 μs
⇒
500 µs ... 256 ms
1 ms
⇒
1 ms ... 512 ms
2 ms
⇒
2 ms ... 512 ms
4 ms
⇒
4 ms ... 512 ms
Nella comunicazione IRT
con l'opzione "Elevata
flessibilità":
250 µs
⇒
250 µs ... 128 ms
500 µs
⇒
500 µs ... 256 ms
1 ms
⇒
1 ms ... 512 ms
Nella comunicazione IRT
con l'opzione "Elevata
performance":
250 µs
⇒
250 µs ... 4 ms
500 µs
⇒
500 µs ... 8 ms
1 ms
⇒
1 ms ... 16 ms
2 ms
⇒
2 ms ... 32 ms
4 ms
⇒
4 ms ... 64 ms
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
30
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Comunicazione
3.1 Interfacce
Il tempo di aggiornamento minimo varia in funzione del numero dei Device impiegati, del
numero dei dati utili progettati e della percentuale di comunicazione per PROFINET IO.
Queste dipendenze vengono tenute in considerazione automaticamente da STEP 7 per la
progettazione.
Intervalli di trasmissione dispari per IRT con l'opzione "Elevata performance"
Oltre agli intervalli di trasmissione "pari" (250 μs, 500 μs, 1 ms, 2 ms, 4 ms) nel campo da
250 μs a 4 ms, per l'IRT con l'opzione "Elevata performance" si possono impostare multipli di
125 μs come intervalli di trasmissione "dispari": 375 µs, 625 µs … 3,875 ms.
Nel caso degli intervalli di trasmissione "dispari" per tutti i PROFINET IO Device vale quanto
segue:
● Tempo di aggiornamento = intervallo di trasmissione
● L'integrazione dell'IRT con l'opzione "Elevata performance" non è possibile con i Device RT
Nota
Interruzione della comunicazione nelle CPU con switch integrato in caso di cancellazione
totale/aggiornamento del firmware/RETE OFF
Tenere presente che con la cancellazione totale, l'aggiornamento del firmware e RETE OFF
l'interfaccia PROFINET si arresta, incluso lo switch integrato.
Se la CPU è stata progettata in una struttura lineare, la comunicazione con i dispositivi
successivi viene interrotta.
Riferimenti
● La progettazione dell'interfaccia PROFINET integrata del modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU è spiegata nei capitoli Collegamento del PG/PC all'interfaccia
PROFINET integrata del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU e Messa in servizio
di PROFINET IO.
● Maggiori dettagli relativi a PROFINET sono contenuti nella Descrizione del sistema
PROFINET (http://support.automation.siemens.com/WW/view/it/19292127).
● Per informazioni dettagliate sulle reti Ethernet, la progettazione di reti e i componenti di
rete, consultare il manuale SIMATIC NET, Reti Twisted Pair e Fiber Optic
(http://support.automation.siemens.com/WW/view/it/8763736).
● Component based Automation, Messa in servizio di sistemi
(http://support.automation.siemens.com/WW/view/it/18403908)
● Ulteriori informazioni su PROFINET sono disponibili in Internet (http://www.profinet.com).
Vedere anche
Collegamento del PG/PC all'interfaccia PROFINET integrata del modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU (Pagina 165)
Progettazione e messa in servizio del sistema PROFINET IO (Pagina 181)
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
31
Comunicazione
3.1 Interfacce
3.1.2
PROFIBUS DP
Disponibilità
In combinazione con il modulo master DP opzionale il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP
CPU è dotato di un'interfaccia RS 485 con funzionalità master DP.
Proprietà
L'interfaccia PROFIBUS DP sul modulo master DP viene utilizzata in particolare per il
collegamento della periferia decentrata. L'interfaccia PROFIBUS DP consente ad es. di
configurare sottoreti molto estese.
È possibile configurare l'interfaccia PROFIBUS DP come master o inattiva. L'interfaccia
consente un trasferimento di max. 12 MBaud.
In funzionamento master, il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU invia all'interfaccia
PROFIBUS DP i propri parametri di bus impostati (ad es. la velocità di trasmissione). Questo
consente ad es. di assegnare a un dispositivo di programmazione i parametri corretti,
collegandolo automaticamente a una sottorete PROFIBUS. L'invio dei parametri del bus può
essere disattivato nella progettazione.
Sincronizzazione dell'ora tramite PROFIBUS
Tramite l'interfaccia DP sul modulo master DP del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
è possibile eseguire la sincronizzazione dell'ora. Il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU può essere orologio master (con intervallo di sincronizzazione
rispettivamente parametrizzabile) o orologio slave. È necessaria la progettazione in
Configurazione HW. Per default la sincronizzazione dell'ora non è impostata.
Il modulo di interfaccia IM151-8 CPU PN/D con funzione di orologio master invia telegrammi
all'interfaccia DP (con un intervallo parametrizzato) per la sincronizzazione di ulteriori
stazioni nella sottorete PROFIBUS DP collegata.
Se il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU è parametrizzato come orologio master
nell'interfaccia DP, l'ora degli orologi slave collegati non viene sincronizzata finché l'orologio
del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU si trova ancora nello stato di default.
Tenere presente che, allo stato di fornitura, dopo il ripristino dello stato di fornitura per
mezzo del selettore dei modi operativi o in seguito all'aggiornamento del firmware, l'ora del
modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU non è ancora impostata.
La sincronizzazione dell'ora come orologio master si avvia non appena si imposta per la
prima volta l'ora, tramite:
● una funzione PG,
● il richiamo di un'SFC oppure
● un altro orologio master (se il modulo di interfaccia IM151-8PN/DP CPU è stato
parametrizzato anche come orologio client tramite l'interfaccia PROFINET).
Il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU con funzione di orologio slave riceve
telegrammi di sincronizzazione da un altro orologio master e ne acquisisce l'ora come ora
interna propria.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
32
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Comunicazione
3.2 Servizi di comunicazione
Oltre alla sincronizzazione dell'ora nell'interfaccia DP del modulo master DP esiste anche la
sincronizzazione dell'ora nell'interfaccia PROFINET. Il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU può essere l'orologio slave di una sola di queste interfacce.
L'interfaccia PN supporta soltanto la funzionalità di orologio client (che corrisponde alla
funzionalità di orologio slave nell'interfaccia DP).
Esempio: il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU viene sincronizzato da un orologio
server con la procedura NTP attraverso l'interfaccia PROFINET. Può quindi essere utilizzato
solo come orologio master nell'interfaccia DP.
Apparecchiature collegabili mediante PROFIBUS DP
● PG / PC
● OP / TP
● Slave DP
● Attuatori / sensori
● S7-300 / S7-400 con interfaccia PROFIBUS DP
Riferimenti
Per ulteriori informazioni sul PROFIBUS consultare: " PROFIBUS (http://www.profibus.com)"
3.2
Servizi di comunicazione
3.2.1
Panoramica dei servizi di comunicazione
Scelta del servizio di comunicazione
A seconda della funzionalità desiderata, occorre scegliere un servizio di comunicazione.
Dal servizio scelto dipende:
● la funzionalità disponibile
● la necessità o meno di un collegamento S7
● il momento in cui viene stabilito il collegamento.
L'interfaccia utente può essere molto diversa (SFC, SFB...) e dipende inoltre dal tipo di
hardware utilizzato (IM151-8 PN/DP CPU, PC...).
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
33
Comunicazione
3.2 Servizi di comunicazione
Panoramica dei servizi di comunicazione
La tabella seguente mostra una panoramica dei servizi di comunicazione disponibili del
modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU.
Tabella 3- 1
Servizi di comunicazione del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Servizio di comunicazione
Funzionalità
Creazione del collegamento S7...
Tramite Tramite DP
PN
(opzionale)
Comunicazione PG
Messa in servizio, test,
diagnostica
Da parte del PG nel momento in cui il
servizio viene utilizzato
X
X
Comunicazione OP
Servizio e supervisione
Da parte dell'OP all'accensione
X
X
Comunicazione S7
Scambio di dati come Server
e Client: è necessario
progettare un collegamento
Da parte del partner attivo
all'accensione
X
Solo come
server
Comunicazione di dati
globali
Scambio ciclico di dati
(ad es. merker)
Non è necessario un collegamento S7
–
–
Routing di funzioni PG
Ad es. test, diagnostica
estesa a più reti
Da parte del PG nel momento in cui il
servizio viene utilizzato
X
X
Routing per set di dati
Ad es. parametrizzazione e
diagnostica di apparecchiature
da campo sul PROFIBUS DP,
se il PG non è collegato alla
stessa sottorete PROFIBUS DP
dell'apparecchiatura da campo
con il rispettivo tool di
parametrizzazione (ad es.
PDM), bensì ad es. alla
sottorete PROFINET alla quale
è collegata anche l'interfaccia
PN del modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU.
Da parte del PG nel momento in cui il
servizio viene utilizzato
X
X
PROFIBUS DP
Scambio dei dati tra master e Non è necessario un collegamento S7
slave
–
X
Solo come
master DP
PROFINET CBA
Scambio dei dati tramite
comunicazione component
based
Non è necessario un collegamento S7
X
–
PROFINET IO
Scambio dei dati tra IO
Controller e IO Device
Non è necessario un collegamento S7
X
–
Web server
Diagnostica
Non è necessario un collegamento S7
X
–
SNMP
Protocollo standard per la
diagnostica e la
parametrizzazione di rete
Non è necessario un collegamento S7
X
–
Comunicazione aperta
tramite TCP/IP
Scambio di dati tramite
Industrial Ethernet con
protocollo TCP/IP
(tramite FB caricabili)
Non è necessario un collegamento S7,
è programmato con FB caricabili
X
–
Comunicazione aperta
tramite ISO on TCP
Scambio di dati tramite
Industrial Ethernet con
protocollo ISO TCP/IP
(tramite FB caricabili)
Non è necessario un collegamento S7,
è programmato con FB caricabili
X
–
(Simple Network
Management Protokoll)
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
34
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Comunicazione
3.2 Servizi di comunicazione
Servizio di comunicazione
Funzionalità
Creazione del collegamento S7...
Tramite Tramite DP
PN
(opzionale)
Comunicazione aperta
tramite UDP
Scambio di dati tramite
Industrial Ethernet con
protocollo UDP
(tramite FB caricabili)
Non è necessario un collegamento S7,
è programmato con FB caricabili
X
–
Sincronizzazione dell'ora
Telegrammi broadcast
Non è necessario un collegamento S7
–
X
Sincronizzazione dell'ora
Protocollo NTP
Non è necessario un collegamento S7
X
–
Vedere anche
Distribuzione e disponibilità delle risorse di collegamento S7 (Pagina 48)
Risorse di collegamento nel routing (Pagina 49)
3.2.2
Comunicazione PG
Proprietà
La comunicazione tramite PG consente lo scambio di dati tra stazione di engineering (ad es.
PG, PC) e unità SIMATIC che supportano funzioni di comunicazione. Questo servizio è
possibile attraverso le sottoreti PROFIBUS e Industrial Ethernet. Viene supportato anche il
routing tra sottoreti.
La comunicazione tramite PG mette a disposizione funzioni necessarie per caricare
programmi e dati di configurazione, per eseguire test e valutare le informazioni di
diagnostica. Queste funzioni sono integrate nel sistema operativo del modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU.
Un modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU è in grado di mantenere
contemporaneamente più collegamenti online con uno o più PG.
IM151-8 PN/DP CPU senza interfaccia PROFINET parametrizzata
Se il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU non ha ancora un'interfaccia PROFINET
parametrizzata (indirizzo IP) è comunque possibile comunicare con esso dal PG.
● Il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU si connette con il suo indirizzo MAC in
SIMATIC Manager attraverso "Nodi accessibili".
Se l'interfaccia Ethernet del PG è impostata su "TCP/IP (Auto)", durante la prima
creazione di un collegamento di comunicazione (ad es. richiamo dello stato dell'unità o
della directory online della CPU) il PG assegna automaticamente un indirizzo IP
temporaneo all'interfaccia PN del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU. Questo
indirizzo viene mantenuto fino al successivo RETE OFF, alla successiva cancellazione
totale o finché non viene caricata una configurazione HW con un altro indirizzo IP (a
ritenzione).
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
35
Comunicazione
3.2 Servizi di comunicazione
● Durante il caricamento dei parametri da Configurazione HW è possibile assegnare
direttamente l'indirizzo IP corretto al modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU. Il
procedimento è descritto nel capitolo Collegamento del PG/PC all'interfaccia PROFINET
integrata del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU.
● In SIMATIC Manager è possibile assegnare un indirizzo IP a un'interfaccia PN
selezionando "Sistema di destinazione > Modifica nodo Ethernet". L'indirizzo viene
salvato con ritenzione a partire dalla V3.2.
3.2.3
Comunicazione OP
Proprietà
La comunicazione tramite OP consente lo scambio di dati tra stazioni operatore (ad es. OP,
TP, WinCC) e unità SIMATIC che supportano funzioni di comunicazione. Questo servizio è
possibile attraverso le sottoreti PROFIBUS e Industrial Ethernet.
La comunicazione tramite OP mette a disposizione funzioni necessarie per il servizio e la
supervisione. Queste funzioni sono integrate nel sistema operativo del modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU.
Un modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU è in grado di mantenere
contemporaneamente più collegamenti con uno o più OP.
È possibile utilizzare un OP nell'interfaccia solo dopo aver messo in servizio l'interfaccia PN
del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU con un indirizzo IP progettato.
3.2.4
Comunicazione S7
Proprietà
Nella comunicazione S7 il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU può essere
fondamentalmente server o client. I collegamenti si suddividono in:
● collegamenti progettati unilateralmente (solo per PUT/GET)
● collegamenti progettati bilateralmente (per USEND, URCV, BSEND, BRCV, PUT, GET)
La funzionalità disponibile è riportata nella tabella sottostante.
Tabella 3- 2
Client e server nella comunicazione S7 con collegamenti progettati unilaterali/bilaterali
Modulo di interfaccia
Utilizzo come server in
collegamenti progettati
unilateralmente
Utilizzo come server in
collegamenti progettati
bilateralmente
Utilizzo come client
IM151-8 PN/DP CPU
Generalmente possibile
nell'interfaccia DP/PN
senza programmazione
dell'interfaccia utente
Possibile
nell'interfaccia PN
con FB caricabili
Possibile
nell'interfaccia PN
con FB caricabili
L'interfaccia utente può essere realizzata con i blocchi funzionali standard (FB) contenuti in
"communication blocks" della biblioteca standard di STEP 7.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
36
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Comunicazione
3.2 Servizi di comunicazione
Riferimenti
Per informazioni sulla comunicazione consultare il manuale Comunicazione con SIMATIC.
3.2.5
Routing
Proprietà
Con STEP 7 è possibile accedere con il PG/PC tramite il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU (con il modulo master DP) ad una CPU in un'altra sottorete, ad es.
● Per caricare programmi utente
● Per caricare una configurazione hardware oppure
● Per eseguire funzioni di test e diagnostica.
Routing - accoppiamento ad altra rete: PROFINET - PROFIBUS
L'accoppiamento di una sottorete a una o più sottoreti diverse si trova nella stazione
SIMATIC che ha le interfacce con le sottoreti in questione. Nella figura seguente viene
illustrato l'accesso da PROFINET a PROFIBUS. La CPU 1 (IM151-8 PN/DP CPU con
modulo master DP) è il router tra la sottorete 1 la sottorete 2.
Numero di collegamenti per il routing
Per la funzione di routing sono disponibili fino a 4 collegamenti nell'interfaccia PROFINET
del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
37
Comunicazione
3.2 Servizi di comunicazione
Presupposti
● Le unità/i moduli della stazione supportano "funzioni di routing" (CPU o CP).
● La configurazione di rete non esce dai limiti del progetto.
● Le unità/i moduli hanno caricato le informazioni di progettazione attuali sull'intera
configurazione di rete del progetto.
Motivo: tutte le unità/tutti i moduli interessate/i dall'accoppiamento ad altra rete devono
contenere le informazioni relative alle sottoreti accessibili e ai relativi canali
(= informazione di routing).
● Nella progettazione della rete, il PG/PC con il quale si vuole creare il collegamento
attraverso un router deve essere assegnato alla stessa rete alla quale è anche
effettivamente collegato fisicamente.
Riferimenti
Ulteriori informazioni
● Per la configurazione con STEP 7 consultare il manuale Configurazione hardware e
progettazione di collegamenti STEP 7.
● Per la comunicazione consultare il manuale Comunicazione con SIMATIC.
● Per informazioni sulle SFC consultare la Lista operazioni S7-300.
La descrizione dettagliata è disponibile nella Guida in linea a STEP 7 o nel
manuale di riferimento Funzioni standard e di sistema per S7-300/400.
3.2.6
Routing per set di dati
Disponibilità
Il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU supporta il routing per set di dati se è inserito
un modulo master DP.
Routing e routing per set di dati
Il routing consiste nel trasferimento di dati oltre i limiti di una rete. Questa tecnica consente
l'invio di informazioni da un mittente a un ricevente attraverso reti diverse.
Il routing per set di dati costituisce un ampliamento del comune routing e viene impiegato ad
es. in SIMATIC PDM. I dati inviati tramite il routing per set di dati contengono, oltre alla
parametrizzazione delle apparecchiature da campo interessate (slave), anche informazioni
specifiche sui dispositivi (ad es. setpoint, valori limite e simili). Nel routing per set di dati la
struttura dell'indirizzo di destinazione dipende dal contenuto dei dati, in altri termini, dallo
slave al quale i dati sono destinati.
Se non è collegato alla stessa sottorete PROFIBUS DP dell'apparecchiatura da campo, il PG
è in grado ad es. di effettuare la lettura e l'editazione di un set di parametri già esistente
nell'apparecchiatura da campo e di rinviare poi i dati alla stessa.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
38
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Comunicazione
3.2 Servizi di comunicazione
Le apparecchiature da campo non devono necessariamente supportare il routing per set di
dati, in quanto non inoltrano le informazioni ricevute.
Routing per set di dati
La figura sottostante illustra l'accesso del PG a diverse apparecchiature da campo. Il PG è
collegato al modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU tramite PROFINET. Il modulo di
interfaccia IM151-8 PN/DP CPU comunica con le apparecchiature da campo tramite
PROFIBUS.
Figura 3-1
Routing per set di dati con IM151-8 PN/DP CPU
Vedere anche
Per ulteriori informazioni su SIMATIC PDM consultare il manuale The Process Device
Manager.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
39
Comunicazione
3.3 Servizio di comunicazione SNMP
3.2.7
Coerenza dei dati
Proprietà
Un'area di dati è coerente se può essere letta/scritta da un sistema operativo come blocco
unico. I dati che vengono trasferiti insieme tra le apparecchiature dovrebbero derivare da un
ciclo di eleborazione ed essere quindi interdipendenti, cioè coerenti. Se nel programma
utente è stata programmata un funzione di comunicazione che accede a dati comuni - come
ad es. l'FB 12 "BSEND" / FB 13 "BRCV" - l'accesso a tale area si può coordinare
individualmente con il parametro "BUSY".
Funzioni PUT/GET
Con le funzioni di comunicazione S7, ad es. PUT/GET o lettura/scrittura tramite
comunicazione OP, che non richiedono un blocco nel programma utente del modulo di
interfaccia IM151-8 PN/DP CPU (come server), si deve tenere conto delle dimensioni della
coerenza dei dati fin dalla programmazione. Le funzioni PUT/GET della comunicazione S7 e
la lettura/scrittura delle variabili tramite comunicazione OP vengono elaborate nel punto di
controllo del ciclo del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU. Per garantire un tempo di
reazione definito agli interrupt di processo, le variabili della comunicazione vengono copiate
nella/dalla memoria utente mantenendo la coerenza in blocchi di max. 240 byte nel punto di
controllo del ciclo del sistema operativo. Per tutte le aree dei dati con dimensioni maggiori,
la coerenza dei dati non è garantita.
Nota
Se è necessaria una determinata coerenza dei dati, le variabili di comunicazione nel
programma utente del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU non devono superare i
240 byte.
3.3
Servizio di comunicazione SNMP
Disponibilità
Il servizio di comunicazione SNMP è disponibile per il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU con interfaccia PROFINET integrata.
Proprietà
SNMP (Simple Network Management Protocol) è un protocollo standard per reti TCP/IP.
Riferimenti
Per maggiori informazioni sul servizio di comunicazione SNMP e sulla diagnostica con
SNMP consultare la Descrizione del sistema PROFINET.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
40
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Comunicazione
3.4 Comunicazione aperta tramite Industrial Ethernet
3.4
Comunicazione aperta tramite Industrial Ethernet
Presupposti
● STEP 7 dalla versione V5.4 + Servicepack 4
Funzionalità
Il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU con interfaccia PROFINET integrata
supporta la funzionalità di comunicazione aperta su Industrial Ethernet (in breve:
comunicazione aperta IE).
Per la comunicazione aperta IE sono disponibili i seguenti servizi:
● protocolli orientati alla connessione
– TCP secondo RFC 793, tipo di collegamento B#16#01
– TCP secondo RFC 793, tipo di collegamento B#16#11
– ISO on TCP secondo RFC 1006
● protocolli non orientati alla connessione
– UDP secondo RFC 768
Caratteristiche dei protocolli di comunicazione
Nell'ambito della comunicazione dei dati si distinguono i tipi di protocollo descritti di seguito.
● Protocolli orientati alla connessione
Questi protocolli stabiliscono un collegamento (logico) con il partner della comunicazione
prima di trasferire i dati e lo interrompono al termine del trasferimento. Vengono impiegati
quando la sicurezza dei dati è particolarmente importante. In un conduttore fisico è
generalmente possibile stabilire più collegamenti logici.
Gli FB per la comunicazione aperta tramite Industrial Ethernet supportano i seguenti
protocolli orientati alla connessione:
– TCP secondo RFC 793 (tipi di collegamento B#16#01 e B#16#11)
– ISO on TCP secondo RFC 1006 (tipo di collegamento B#16#12)
● Protocolli non orientati alla connessione
Questo tipo di protocolli funziona senza collegamento, per cui non viene stabilito né
interrotto alcun collegamento con il partner remoto. I protocolli non orientati alla
connessione trasmettono i dati al partner remoto senza conferma e quindi senza
protezione.
Nel caso degli FB per la comunicazione aperta tramite Industrial Ethernet viene utilizzato
il seguente protocollo non orientato alla connessione:
– UDP secondo RFC 768 (tipo di collegamento B#16#13)
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
41
Comunicazione
3.4 Comunicazione aperta tramite Industrial Ethernet
In che modo è possibile utilizzare la comunicazione aperta IE?
Per consentire lo scambio dei dati con gli altri partner della comunicazione tramite il
programma utente, STEP 7 mette a disposizione i seguenti FB e UDT nella biblioteca
"Standard Library", nella cartella "Communication Blocks":
● Protocolli orientati alla connessione TCP, ISO-on-TCP
– FB 63 "TSEND" per la trasmissione dei dati
– FB 64 "TRCV" per la ricezione dei dati
– FB 65 "TCON" per la creazione del collegamento
– FB 66 "TDISCON" per la disconnessione del collegamento
– UDT 65 "TCON_PAR" con la struttura di dati per la parametrizzazione del
collegamento
● protocollo non orientato alla connessione: UDP
– FB 67 "TUSEND" per la trasmissione dei dati
– FB 68 "TURCV" per la ricezione dei dati
– FB 65 "TCON" per la configurazione del punto di accesso locale per la comunicazione
– FB 66 "TDISCON" per lo scollegamento del punto di accesso locale per la
comunicazione
– UDT 65 "TCON_PAR" con la struttura di dati per la parametrizzazione del punto di
accesso locale per la comunicazione
– UDT 66 "TCON_PAR" con la struttura di dati dei parametri per l'indirizzamento del
partner remoto
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
42
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Comunicazione
3.4 Comunicazione aperta tramite Industrial Ethernet
Blocchi dati per la parametrizzazione
● Blocchi dati per la parametrizzazione dei collegamenti di comunicazione tramite TCP e
ISO-on-TCP
Per parametrizzare i collegamenti di comunicazione con TCP e ISO-on-TCP occorre
creare un DB che contenga la struttura dei dati dell'UDT 65 "TCON_PAR". La struttura
dei dati contiene i parametri necessari per la creazione del collegamento. Ogni
collegamento richiede una struttura di dati che può essere collocata anche in un'area di
dati globale.
Il parametro di collegamento CONNECT dell'FB 65 "TCON" contiene un riferimento
all'indirizzo della corrispondente descrizione del collegamento (ad es.
P#DB100.DBX0.0 byte 64).
● Blocchi dati per la prametrizzazione del punto di accesso locale per la comunicazione
tramite UDP
Per poter parametrizzare il punto di accesso locale per la comunicazione si deve creare
un DB che contenga la struttura dei dati dell'UDT 65 "TCON_PAR". La struttura dei dati
contiene i parametri necessari per impostare il collegamento tra il programma utente e il
livello di comunicazione del sistema operativo.
Il parametro CONNECT dell'FB 65 "TCON" contiene un riferimento all'indirizzo della
corrispondente descrizione del collegamento (ad es. P#DB100.DBX0.0 byte 64).
Nota
Configurazione della descrizione del collegamento (UDT 65)
Nell'UDT 65 "TCON_PAR" occorre specificare nel parametro "local_device_id"
l'interfaccia da utilizzare per la comunicazione (ad es. B#16#01: comunicazione tramite
l'interfaccia PN integrata del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU).
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
43
Comunicazione
3.4 Comunicazione aperta tramite Industrial Ethernet
Creazione di un collegamento di comunicazione
● Utilizzo con TCP e ISO-on-TCP
Entrambi i partner richiamano l'FB 65 "TCON" per stabilire il collegamento di
comunicazione. Nella parametrizzazione l'utente definisce quale dei due partner è attivo
e quale è passivo. Il numero di collegamenti consentiti è riportato nei dati tecnici del
modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU.
Una volta creato, il collegamento viene automaticamente controllato e mantenuto dal
modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU.
Se la comunicazione viene interrotta, ad es. a causa di un'interruzione della linea o da
parte del partner remoto, il partner attivo cerca di ristabilire il collegamento. Non è
necessario richiamare nuovamente l'FB 65 "TCON".
Con il richiamo dell'FB 66 "TDISCON" o quando il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU è in STOP il collegamento si interrompe. Per ristabilirlo si deve
richiamare di nuovo l'FB 65 "TCON".
● Utilizzo con il protocollo UDP
Entrambi i partner della comunicazione richiamano l'FB 65 "TCON" per configurare il loro
punto di accesso locale. Viene quindi impostato un collegamento tra il programma utente
e il livello di comunicazione del sistema operativo. Non viene stabilita la comunicazione
con il partner remoto.
Il punto di accesso locale viene utilizzato per la trasmissione e la ricezione dei
telegrammi UDP.
Disconnessione del collegamento di comunicazione
● Utilizzo con TCP e ISO-on-TCP
L'FB 66 "TDISCON" interrompe il collegamento di comunicazione tra il modulo di
interfaccia IM151-8 PN/DP CPU e il partner della comunicazione.
● Utilizzo con il protocollo UDP
L'FB 66 "TDISCON" scollega il punto di accesso locale, ovvero interrompe il
collegamento tra il programma utente e il livello di comunicazione del sistema operativo.
Modalità di interruzione del collegamento di comunicazione
I collegamenti di comunicazione possono essere interrotti dagli eventi descritti di seguito.
● L'utente ha programmato l'interruzione del collegamento di comunicazione con
l'FB 66 "TDISCON".
● Il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU passa da RUN a STOP.
● In caso di RETE OFF/RETE ON
Riferimenti
Per maggiori informazioni sui blocchi descritti consultare la Guida in linea a STEP 7.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
44
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Comunicazione
3.5 Collegamenti S7
3.5
Collegamenti S7
3.5.1
Collegamento S7 come canale di comunicazione
Quando diverse unità/moduli S7 comunicano fra loro si parla di "collegamento S7".
Il collegamento S7 costituisce il canale di comunicazione.
Nota
Per la comunicazione tramite PROFIBUS DP, PROFINET CBA, PROFINET IO, Web server,
TCP/IP, ISO on TCP, UDP e SNMP non è necessario un collegamento S7.
Ogni collegamento di comunicazione richiede risorse di collegamento S7 nel modulo di
interfaccia IM151-8 PN/DP CPU per la durata esatta del collegamento.
Per questo motivo in ogni modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU viene messo a
disposizione un determinato numero di risorse di collegamento S7 che vengono occupate da
diversi servizi di comunicazione (comunicazione PG/OP o comunicazione S7).
Punti di collegamento
Il collegamento S7 di unità/moduli che supportano funzioni di comunicazione si crea tra punti
di collegamento. Il collegamento S7 è sempre dotato di due punti di collegamento: il punto di
collegamento attivo e quello passivo.
● Il punto di collegamento attivo è assegnato all'unità che crea il collegamento S7.
● Il punto di collegamento passivo è assegnato all'unità di destinazione del collegamento S7.
Ogni unità che supporta funzioni di comunicazione può costituire un punto di collegamento S7.
In corrispondenza di questo punto il collegamento di comunicazione creato occupa sempre un
collegamento S7 dell'unità interessata.
Punto di passaggio
Utilizzando la funzione di routing, il collegamento S7 tra due unità che supportano funzioni di
comunicazione viene creato attraverso diverse sottoreti. Queste sottoreti sono collegate tra
loro da un accoppiamento ad altra rete. L'unità che realizza questo accoppiamento all'altra
rete viene definita router. Il router è quindi il punto di passaggio di un collegamento S7.
Ogni modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU (con modulo master DP) può essere il
router di un collegamento S7. È possibile creare un determinato numero massimo di
collegamenti di routing senza che le risorse dei collegamenti S7 vengano limitate.
Vedere anche
Risorse di collegamento nel routing (Pagina 49)
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
45
Comunicazione
3.5 Collegamenti S7
3.5.2
Assegnazione dei collegamenti S7
I collegamenti S7 in un'unità con funzioni di comunicazione possono essere occupati in modi
diversi:
● Riserva nel corso della progettazione
● Occupazione di collegamenti tramite programmazione
● Occupazione dei collegamenti con messa in servizio, test e diagnostica
● Occupazione di collegamenti per servizi SeS
Riserva nel corso della progettazione
Sul modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU viene automaticamente riservata una risorsa
di collegamento ciascuna per la comunicazione PG e OP. Se sono necessarie più risorse di
collegamento (ad es. per il collegamento di diversi OP), si consiglia di aumentarne il numero
nella finestra delle proprietà del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU in STEP 7.
Anche per l'utilizzo della comunicazione S7 è necessario progettare dei collegamenti (con
NetPro). A tal fine devono essere disponibili dei collegamenti liberi, che non siano occupati
da collegamenti PG/OP ecc. I collegamenti S7 necessari vengono poi occupati in modo fisso
per la comunicazione S7 al caricamento della configurazione sul modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU.
Occupazione di collegamenti tramite programmazione
Per quanto riguarda la comunicazione aperta con Industrial Ethernet tramite TCP/IP,
il collegamento viene creato dal programma utente. La creazione del collegamento viene
avviata dal sistema operativo del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU.
La comunicazione aperta IE non occupa collegamenti S7. Anche per questo tipo di
comunicazione, tuttavia, è fissato un numero max. di 8 collegamenti.
Occupazione dei collegamenti con messa in servizio, test e diagnostica
Una funzione online della stazione di engineering (PG/PC con STEP 7) consente
l'assegnazione di collegamenti S7 per la comunicazione tramite PG:
● Se durante la configurazione hardware nel modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU è
stato riservato un collegamento S7 per la comunicazione PG, questo viene assegnato
alla stazione di engineering, quindi soltanto occupato.
● Se tutti i collegamenti S7 riservati alla comunicazione PG sono già occupati e sono liberi
collegamenti S7 non riservati, il sistema operativo assegna automaticamente un
collegamento ancora libero. Esauriti tutti i collegamenti liberi, la stazione di engineering
non può comunicare online con il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
46
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Comunicazione
3.5 Collegamenti S7
Occupazione di collegamenti per servizi SeS
Una funzione online nella stazione SeS (OP/TP/... con WinCC) permette di occupare i
collegamenti S7 per la comunicazione OP:
● Se durante la configurazione hardware nel modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU è
stato riservato un collegamento S7 per la comunicazione OP, questo viene assegnato
alla stazione SeS, quindi soltanto occupato.
● Se tutti i collegamenti S7 riservati alla comunicazione OP sono già occupati e sono liberi
collegamenti S7 non riservati, il sistema operativo assegna automaticamente un
collegamento ancora libero. Esauriti tutti i collegamenti liberi, la stazione SeS non può
comunicare online con il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU.
Ordine cronologico dell'occupazione dei collegamenti S7
Con la progettazione in STEP 7 si generano blocchi di parametri che vengono letti
all'avviamento dell'unità. In questo modo il sistema operativo dell'unità riserva oppure
occupa i rispettivi collegamenti S7. Ciò significa ad es. che una stazione operatore non può
accedere a un collegamento S7 riservato alla comunicazione PG. Se il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU possiede collegamenti S7 non ancora riservati, questi possono essere
utilizzati liberamente. Questi collegamenti S7 verranno occupati nello stesso ordine delle
richieste.
Esempio
Se nel modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU è libero soltanto un collegamento S7,
è possibile collegare un PG al bus. Il PG potrà così comunicare con il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU. Il collegamento S7 tuttavia viene occupato solo quando il PG
comunica con il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU. Perciò se si collega un OP al
bus proprio nel momento in cui il PG non sta comunicando, l'OP crea un collegamento con il
modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU. Tuttavia, poiché l'OP a differenza del PG
mantiene costantemente il collegamento di comunicazione, non sarà più possibile creare un
collegamento attraverso il PG.
Vedere anche
Comunicazione aperta tramite Industrial Ethernet (Pagina 41)
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
47
Comunicazione
3.5 Collegamenti S7
3.5.3
Distribuzione e disponibilità delle risorse di collegamento S7
Distribuzione dei collegamenti
Tabella 3- 3
Distribuzione dei collegamenti
Servizio di comunicazione
Distribuzione
Comunicazione PG
Per fare in modo che l'occupazione dei collegamenti non dipenda unicamente
dall'ordine di registrazione di diversi servizi di comunicazione, è possibile
riservare a questi ultimi delle risorse.
Comunicazione OP
Comunicazione di base S7
Per la comunicazione PG e OP viene riservata rispettivamente almeno una
risorsa di collegamento come preimpostazione.
Nella tabella seguente e nei dati tecnici del modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU sono specificati i collegamenti S7 impostabili e la
preimpostazione. La "ridistribuzione“ delle risorse di collegamento
si imposta in STEP 7 con la parametrizzazione del modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU.
Comunicazione S7
In questo caso vengono occupate le risorse di collegamento ancora
disponibili, non ancora riservate a un servizio particolare (comunicazione
PG/OP, comunicazione di base S7).
Routing di funzioni PG
In combinazione con il modulo master DP il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU mette a disposizione un determinato numero di risorse
di collegamento per il routing.
Questi collegamenti sono disponibili oltre alle risorse di collegamento.
Il numero di risorse di collegamento è indicato nel paragrafo seguente.
PROFIBUS DP
Questo servizio di comunicazione non occupa risorse di collegamento S7.
PROFINET CBA
Questo servizio di comunicazione non occupa risorse di collegamento S7.
PROFINET IO
Questo servizio di comunicazione non occupa risorse di collegamento S7.
Web server
Questo servizio di comunicazione non occupa risorse di collegamento S7.
Comunicazione aperta tramite TCP/IP
Questo servizio di comunicazione non occupa risorse di collegamento S7.
Comunicazione aperta tramite ISO on TCP
Comunicazione aperta tramite UDP
Indipendentemente dai collegamenti S7, per TCP/IP, ISO on TCP e UDP sono
disponibili complessivamente 8 risorse specifiche per collegamenti o punti di
accesso locali (UDP).
SNMP
Questo servizio di comunicazione non occupa risorse di collegamento S7.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
48
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Comunicazione
3.5 Collegamenti S7
Disponibilità delle risorse di collegamento
Tabella 3- 4
Disponibilità delle risorse di collegamento
Modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU
Numero totale
risorse di
Comunicazione
collegamento
PG
12
1 ... 11,
default 1
Riservate a
Comunicazione
OP
Comunicazione
di base S7
1 ... 11,
default 1
0 ... 10,
default 0
Collegamenti S7
liberi
Tutti i collegamenti S7
non riservati vengono
visualizzati come
collegamenti liberi.
Nota
Se si utilizza il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU si possono progettare max.
10 risorse di collegamento per la comunicazione S7 in NetPro, le quali non saranno più
disponibili come collegamenti liberi.
3.5.4
Risorse di collegamento nel routing
Numero di risorse di collegamento per il routing
Per la funzione di routing, nell'interfaccia PROFINET del modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU sono disponibili, oltre alle risorse di collegamento S7, fino a 4 risorse di
collegamento. Il routing è possibile solo se il modulo master DP è inserito e progettato.
Esempio per l'IM151-8 PN/DP CPU
Il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU mette a disposizione 12 risorse di
collegamento:
● Per la comunicazione PG si riservano 2 collegamenti.
● Per la comunicazione OP si riservano 2 collegamenti.
● In NetPro occorre progettare 3 collegamenti S7 per la comunicazione S7 attraverso
l'interfaccia integrata PROFINET.
A questo punto sono ancora liberi 5 collegamenti S7 per altri servizi di comunicazione,
quali ad es. la comunicazione S7, la comunicazione OP ecc.
In NetPro si possono comunque progettare al massimo 10 risorse di collegamento per la
comunicazione S7 nell'interfaccia PN integrata.
Inoltre per il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU con modulo master DP sono
disponibili altri 4 collegamenti di routing che non incidono sulle risorse di collegamento S7.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
49
Comunicazione
3.6 DPV1
3.6
DPV1
Nuovi compiti nell'ambito dell'automazione e della tecnica di processo hanno reso
necessario l'ampliamento funzionale del protocollo DP esistente. Oltre alle funzioni cicliche
di comunicazione, una delle esigenze dei nostri clienti è l'accesso aciclico ad
apparecchiature da campo non S7, sancito dalla norma EN 50170. Finora era possibile
soltanto l'accesso aciclico agli slave S7. La norma relativa alla periferia decentrata EN 50170
è stata aggiornata. Tutte le modifiche che riguardano le nuove funzionalità DPV1 sono
integrate nella norma IEC 61158/ EN 50170, Volume 2, PROFIBUS.
Definizione di DPV1
Il termine DPV1 indica un ampliamento funzionale dei servizi aciclici (ad es. con l'aggiunta di
nuovi allarmi) del protocollo DP.
Disponibilità
In combinazione con il modulo master DP il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU con
funzione di master DP è dotato della funzionalità DPV1 ampliata.
Presupposti per l'impiego della funzionalità DPV1 con gli slave DP
Per gli slave DPV1 di terzi è necessario un file GSD conforme alla norma EN 50170
uguale/superiore alla revisione 3.
Funzioni ampliate di DPV1
● Utilizzo di qualunque slave DPV1 di terzi (naturalmente oltre ai normali slave DPV0 e
S7 utilizzati finora).
● Trattamento selettivo di eventi di allarme specifici DPV1 attraverso nuovi blocchi di
allarme.
● Nuovi SFB conformi alla norma per la lettura/scrittura di set di dati (utilizzabili anche per
moduli di periferia impiegati a livello centrale).
● SFB migliorato per la lettura della diagnostica.
Blocchi di allarme con funzionalità DPV1
Tabella 3- 5
Blocchi di allarme con funzionalità DPV1
OB
Funzionalità
OB 40
Interrupt di processo
OB 55
Allarme di stato
OB 56
Allarme di aggiornamento
OB 57
Allarme produttore
OB 82
Allarme di diagnostica
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
50
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Comunicazione
3.6 DPV1
Nota
I blocchi organizzativi OB 40 e OB 82 ora possono essere utilizzati anche per gli allarmi
DPV1.
Blocchi di sistema con funzionalità DPV1
Tabella 3- 6
Blocchi funzionali di sistema con funzionalità DPV1
SFB
Funzionalità
SFB 52
Lettura del set di dati dallo slave DP/IO Device o dal modulo di periferia impiegato
a livello centrale
SFB 53
Scrittura del set di dati nello slave DP/IO Device o nel modulo di periferia impiegato
a livello centrale
SFB 54
Lettura delle informazioni supplementari sull'allarme di uno slave DP/IO Device o di
un modulo di periferia impiegato a livello centrale nel rispettivo OB
SFB 75
Impostazione di allarmi qualunque dello slave DP intelligente
Nota
Gli SFB da 52 a 54 si possono utilizzare in linea di massima anche per moduli di periferia
impiegati a livello centrale. Gli SFB 52 ... 54 possono essere utilizzati anche per
PROFINET IO.
Riferimenti
Per maggiori informazioni sui blocchi sopra indicati consultare il manuale di riferimento
Funzioni standard e di sistema per S7-300/400 o richiamare direttamente la Guida in linea a
STEP 7.
Vedere anche
PROFIBUS DP (Pagina 32)
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
51
Comunicazione
3.7 Web server
3.7
Web server
Introduzione
Il Web server consente di controllare il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU da
Internet o dalla rete Intranet aziendale. L'analisi e la diagnostica sono pertanto possibili a
grandi distanze.
I messaggi e le informazioni di stato vengono visualizzati su pagine HTML.
Browser di rete
Per accedere alle pagine HTML del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU è necessario
disporre di un browser di rete.
I seguenti browser di rete sono adatti per la comunicazione con il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU:
● Internet Explorer (dalla versione 6.0)
● Mozilla Firefox (dalla versione 1.5)
● Opera (dalla versione 9.0)
● Netscape Navigator (dalla versione 8.1)
Lettura delle informazioni sul Web server
Il Web server consente di leggere le seguenti informazioni dal modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU:
● Dal firmware V2.7
– Pagina di avvio con informazioni generali
– Informazioni identificative
– Contenuto del buffer di diagnostica
– Messaggi (senza possibilità di conferma)
– PROFINET (comunicazione)
– Stato delle variabili
– Tabelle delle variabili
● Dal firmware V3.2 e progettazione con STEP 7 V5.5
– Stato dell'unità
– Comunicazione: visualizzazione dei collegamenti OUC e delle risorse
– Topologia: visualizzazione della topologia nominale e reale della progettazione
– Pagine utente (è necessario WEB2PLC)
Una descrizione dettagliata delle pagine HTML corredata delle relative spiegazioni è
disponibile nelle pagine seguenti.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
52
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Comunicazione
3.7 Web server
Accesso Web al modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU da PG/PC
Per accedere al Web server procedere come indicato nel seguito:
1. Collegare il client (PG, PC) al modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU attraverso
l'interfaccia PROFINET.
2. Aprire il browser di rete (ad es. Internet Explorer).
Nel campo "Indirizzo" del browser di rete inserire l'indirizzo IP del modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU in formato http://a.b.c.d oppure https://a.b.c.d (esempio:
http://192.168.3.141).
Si aprirà la pagina iniziale del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU, dalla quale è
possibile accedere ad ulteriori informazioni.
Nota
Sono consentiti max. 5 collegamenti http/https.
Accesso Web al modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU da dispositivi HMI e PDA
Il Web server supporta anche il Terminal Service di Windows, consentendo così, oltre
all'impiego di PG e PC, anche la realizzazione di soluzioni Thin Client con dispositivi mobili
(ad es. PDA, MOBIC T8) e stazioni locali stabili (ad es. SIMATIC MP370 con opzione
ThinClient/MP) in ambiente Windows CE.
Per accedere al Web server procedere come indicato nel seguito:
1. Collegare il client (dispositivo HMI, PDA) al modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
tramite l'interfaccia PROFINET.
2. Aprire il browser di rete (ad es. Internet Explorer).
Nel campo "Indirizzo" del browser di rete inserire l'indirizzo IP del modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU in formato http://a.b.c.d/basic oppure https://a.b.c.d/basic (esempio:
http://192.168.3.141/basic).
Si aprirà la pagina iniziale del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU, dalla quale è
possibile accedere ad ulteriori informazioni.
Per i dispositivi HMI con sistema operativo Windows CE inferiore alla versione V 5.x, le
informazioni del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU vengono elaborate in un browser
appositamente ideato per Windows CE. In questo browser la rappresentazione delle
informazione avviene in forma semplificata. Le seguenti figure mostrano la forma completa.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
53
Comunicazione
3.7 Web server
Web server senza SIMATIC Micro Memory Card
Nota
SIMATIC Micro Memory Card con l'impiego del Web server
I dati di progettazione per il Web server vengono salvati sulla SIMATIC Micro Memory Card.
Si raccomanda pertanto l'impiego di una SIMATIC Micro Memory Card di almeno 512 KB.
L'impiego del Web server è possibile anche senza SIMATIC Micro Memory Card. Per
consentire il funzionamento è necessario avere assegnato un indirizzo IP al modulo di
interfaccia IM151-8 PN/DP CPU.
• Il contenuto del buffer di diagnostica viene visualizzato in codice esadecimale.
• La pagina iniziale, le informazioni di identificazione e comunicazione e lo stato della
variabile vengono visualizzati con testo in chiaro.
• Le seguenti visualizzazioni rimangono vuote:
– Stato dell'unità
– Messaggi
– Topologia
– Tabelle delle variabili
– Pagine utente
• Senza progettazione è attivo per default l'aggiornamento delle pagine automatico.
Protezione
Il Web server offre le seguenti funzioni automatiche:
● Accesso tramite il protocollo sicuro https
● Autorizzazione utente progettabile tramite elenco utenti
Proteggere ulteriormente il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU con funzioni Web
dall'accesso non autorizzato utilizzando un firewall.
Vedere anche
Impostazione della lingua (Pagina 55)
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
54
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Comunicazione
3.7 Web server
3.7.1
Impostazione della lingua
Lingue di visualizzazione
Il Web server fornisce messaggi ed informazioni di diagnostica nelle seguenti lingue:
● Tedesco (Germania)
● Inglese (USA)
● Francese (Francia)
● Italiano (Italia)
● Spagnolo (disposizione tradizionale)
● Cinese (semplificato)
● Giapponese
Queste due lingue asiatiche possono essere combinate nel modo seguente:
● Cinese e inglese
● Giapponese e inglese
Presupposti per la disponibilità delle lingue asiatiche.
Le lingue asiatiche Cinese e Giapponese sono disponibili alle condizioni seguenti:
● Sul dispositivo di visualizzazione (ad es. PC) è installato il pacchetto con le lingue
necessarie.
● Sul PG per la progettazione del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU è installato
STEP 7 per le lingue asiatiche (V5.5).
Nota
I sistemi SIMATIC HMI con sistema operativo Windows CE non supportano le lingue
asiatiche.
Presupposti per la visualizzazione di testi in più lingue
Perché il Web server possa visualizzare correttamente le diverse lingue è necessario
impostare in STEP 7 due opzioni per la lingua:
● Impostazione della lingua per display in SIMATIC Manager
● Impostazione della lingua per il Web nella finestra delle proprietà del modulo di
interfaccia IM151-8 PN/DP CPU. Ulteriori informazioni sono contenute nel capitolo
Impostazioni in Configurazione HW, scheda "Web".
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
55
Comunicazione
3.7 Web server
Impostazione della lingua per display in SIMATIC Manager
Selezionare le lingue per i display in SIMATIC Manager con i comandi:
Strumenti > Lingua per display
Figura 3-2
Esempio di selezione della lingua per display
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
56
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Comunicazione
3.7 Web server
3.7.2
Impostazioni in Configurazione HW, scheda "Web"
Presupposti
In Configurazione HW è aperta la finestra delle proprietà del modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU.
Per usufruire delle funzionalità complete del Web server, eseguire le seguenti impostazioni
nella scheda "Web":
● Attivazione del Web server
● Impostazione della lingua per il Web
● Completamento dell'elenco utenti
● Attivazione dell'accesso per HTTPS
● Attivazione dell'aggiornamento automatico
● Classi di segnalazione dei messaggi
① Attivazione del Web server
Nelle impostazioni di base in Configurazione HW il Web server è disattivato. Il Web server si
attiva in Configurazione HW.
Nella finestra delle proprietà della CPU:
● Attivare la casella di scelta "Attiva il Web server su quest'unità".
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
57
Comunicazione
3.7 Web server
② Impostazione della lingua per il Web
Selezionare max. due lingue per il Web tra quelle installate per i display.
Nella finestra delle proprietà della CPU:
● Attivare la casella di scelta "Attiva il Web server su quest'unità"
● Selezionare max due lingue per il Web.
Nota
Attivando il Web server senza selezione della lingua, i messaggi e le informazioni di
diagnostica vengono visualizzati in codice esadecimale.
③ Elenco utenti
L'elenco utenti consente di:
● Creare utenti
● Definire diritti di esecuzione
● Assegnare password.
In questo modo gli utenti avranno a disposizione esclusivamente le opzioni corrispondenti ai
diritti di esecuzione.
● Se in Configurazione HW non sono stati progettati utenti è garantito un accesso in lettura
a tutte le pagine Web.
● Se sono stati progettati degli utenti, un utente che non abbia effettuato il login può
accedere solo all'introduzione e alla pagina iniziale.
● Se un utente è progettato e ha effettuato il login può accedere alle pagine Web in base ai
propri diritti di accesso.
● Se è stato progettato un utente speciale con il login "everybody", un utente che non abbia
effettuato il login può accedere senza aver prima indicato la password alle pagine
abilitate per "everybody".
Se "everybody" ad es. ha il diritto di accesso a "Leggi variabili", nella barra del menu
principale viene visualizzata per default la pagina web "Tabella delle variabili" senza
dover prima inserire una password.
È possibile creare max. 20 utenti e utenti "everybody".
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
58
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Comunicazione
3.7 Web server
④ Accesso solo tramite HTTPS
Il protocollo https consente di crittografare la comunicazione tra browser e Web server.
Per un accesso corretto all'IM tramite https è necessario quanto segue:
● Nell'IM deve essere impostato l'orario attuale.
● Indirizzo IP dell'IM (esempio: https://192.168.3.141)
● Deve essere già installato un certificato valido
Se non è stato installato il certificato necessario viene emesso un avviso che consiglia di non
utilizzare la pagina. Per poter visualizzare la pagina l'utente deve inserire esplicitamente
un'eccezione.
Il certificato valido (Certification Authority) si può scaricare dalla pagina Web "Intro", alla
voce "Download certificate". Per installare il certificato consultare la Guida del browser di
rete utilizzato.
Se il collegamento è criptato si riconosce dall'icona con il lucchetto nella barra di stato della
pagina web.
⑤ Attivazione dell'aggiornamento automatico
Le seguenti pagine Web possono essere aggiornate automaticamente:
● Pagina iniziale
● Buffer di diagnostica
● Stato dell'unità
● Messaggi
● Informazioni sulla comunicazione
● Topologia
● Stato delle variabili
● Tabella delle variabili
Per attivare l'aggiornamento automatico, procedere come indicato di seguito:
● Nella finestra delle proprietà dell'IM (scheda "Web") selezionare l'opzione "Attiva" alla
voce "Aggiornamento automatico".
● Indicare l'intervallo di aggiornamento.
Nota
Tempo di aggiornamento
L'intervallo di attivazione impostato in Configurazione HW è il tempo di aggiornamento
più breve. Il tempo di aggiornamento si prolunga in presenza di quantità di dati
consistenti o di diversi collegamenti http/https.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
59
Comunicazione
3.7 Web server
⑥ Classi di visualizzazione dei messaggi
Nell'impostazione di base in Configurazione HW sono attivate tutte le classi di segnalazione
dei messaggi. I messaggi relativi alle classi di segnalazione selezionate vengono
successivamente visualizzati sulla pagina Web "Messaggi". I messaggi relativi alle classi di
segnalazione non selezionate non vengono visualizzati per esteso bensì come codice
esadecimale.
Modalità di progettazione delle classi di segnalazione:
● Per la funzione "Segnalazione errori di sistema" la progettazione avviene in
Configurazione HW alla voce Strumenti > Segnalazione errori di sistema
● per i messaggi relativi ai blocchi, invece, in STEP 7
Informazioni sulla progettazione di classi e testi dei messaggi sono riportate in STEP 7.
Nota
Riduzione della memoria necessaria per gli SDB del web
Per ridurre la memoria necessaria per gli SDB del web selezionare esclusivamente le classi
di visualizzazione dei messaggi da completare nell'SDB del web.
3.7.3
Aggiornamento e salvataggio delle informazioni
Aggiornamento e stampa della schermata
Schermata
Nell'impostazione di base in Configurazione HW l'aggiornamento automatico è disattivato.
I dati visualizzati sul display del Web server forniscono quindi informazioni statiche.
Per aggiornare manualmente le pagine Web premere il tasto <F5> o selezionare la seguente
icona:
Aggiornamento della stampa
Le pagine stampate contengono sempre le informazioni aggiornate del modulo di interfaccia.
È quindi possibile che le informazioni sulla stampata siano più aggiornate rispetto a quelle
visualizzate sullo schermo.
Per visualizzare l'anteprima di stampa della pagina web selezionare l'icona:
L'impostazione di filtri non incide sulla stampa. Le pagine Web "Messaggi" e "Stato
dell'unità" vengono sempre stampate con il contenuto integrale.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
60
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Comunicazione
3.7 Web server
Disattivazione dell'aggiornamento automatico per singole pagine Web
Per disattivare provvisoriamente l'aggiornamento automatico di una pagina web selezionare
la seguente icona:
Per riattivare l'aggiornamento automatico premere il tasto <F5> o selezionare la seguente
icona:
Salvataggio dei messaggi e delle registrazioni nel buffer di diagnostica
I messaggi e le registrazioni nel buffer di diagnostica possono essere salvati in un file csv.
Per salvare i dati fare clic sulla seguente icona:
Si apre una finestra nella quale è possibile indicare il nome del file e la directory di
destinazione.
Per visualizzare correttamente i dati in Excel evitare di aprire il file csv con un doppio clic,
ma importare il file in Excel selezionando dal menu "Dati" la voce "Importa dati esterni".
3.7.4
Pagine Web
3.7.4.1
Pagina iniziale con informazioni generali sulla CPU
Creazione del collegamento con il Web server
Per creare un collegamento con il Web server occorre inserire nella barra degli indirizzi del
browser di rete l'indirizzo IP del modulo di interfaccia progettato IM151-8 PN/DP CPU (ad es.
http: //192.168.1.158 o https: //192.168.1.158). Verrà creato il collegamento e aperta la
pagina di introduzione.
Nota
Qui di seguito riportiamo alcuni esempi di layout di diverse pagine web.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
61
Comunicazione
3.7 Web server
Introduzione
Al primo avvio il Web server richiama la pagina seguente:
Figura 3-3
Introduzione
Per accedere ad una pagina del Web server, fare clic su INVIO.
Nota
Come ignorare la pagina Web "Intro"
Attivare l'opzione "Skip Intro" per ignorare la pagina di introduzione. Prossimamente si
accederà direttamente alla pagina iniziale del Web server. L'impostazione "Skip Intro" può
essere annullata facendo clic sul link "Introduzione" sulla pagina iniziale.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
62
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Comunicazione
3.7 Web server
Pagina iniziale
La figura seguente indica la struttura delle informazioni fornite nella pagina iniziale.
L'immagine del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU con i LED rappresenta lo stato
attuale al momento dell'interrogazione dei dati.
Figura 3-4
Pagina iniziale prima del login
Connessione
Per poter usufruire della funzionalità completa delle pagine Web occorre effettuare il login.
Per effettuare il login utilizzare un nome utente e una password definiti nella progettazione
WEB in Configurazione HW. Successivamente sarà possibile accedere alla pagine Web
abilitate per questo utente con i rispettivi diritti di accesso. Ulteriori informazioni sono
contenute nel capitolo Impostazioni in Configurazione HW, scheda "Web" (Pagina 57)
① "Generale"
In questo gruppo sono riunite le informazioni relative al modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU al cui Web server si è attualmente collegati.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
63
Comunicazione
3.7 Web server
② "Stato"
Nel campo informativo "Stato" sono raggruppate le informazioni sullo stato del modulo di
interfaccia IM151-8 PN/DP CPU al momento dell'interrogazione.
Riferimenti
Ulteriori informazioni sui collegamenti http/https sono contenute nel capitolo Impostazioni in
Configurazione HW, scheda "Web" (Pagina 57).
3.7.4.2
Identificazione
Dati di riconoscimento
I dati di riconoscimento del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU sono riportati nella
pagina Web "Identificazione".
Figura 3-5
Identificazione
① "Identificazione"
La sigla impianto, la sigla topologica e il numero di serie sono disponibili nel campo
informativo "Identificazione"
Sigla impianto e sigla topologica si possono progettare nella finestra delle proprietà dell'IM
in Configurazione HW, nella scheda "Generale".
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
64
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Comunicazione
3.7 Web server
② "Numero di ordinazione"
Il campo informativo "Numero di ordinazione" riporta i rispettivi numeri di ordinazione per
hardware e software.
③ "Versione"
Il campo informativo "Versione" fornisce invece le versioni hardware, firmware e boot loader.
3.7.4.3
Buffer di diagnostica
Buffer di diagnostica
Il suo contenuto viene visualizzato dal browser sulla pagina Web "Buffer di diagnostica".
Figura 3-6
Buffer di diagnostica
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
65
Comunicazione
3.7 Web server
Presupposti
Il Web server è stato attivato, la lingua impostata e il progetto compilato e caricato con
STEP 7.
① "Buffer di diagnostica registrazioni 1-100"
Il buffer di diagnostica può contenere fino a 500 messaggi. Nella casella di riepilogo
selezionare un intervallo per le registrazioni nel buffer di diagnostica. Un intervallo
comprende rispettivamente 100 registrazioni.
Nei moduli di interfaccia ≥ V3.2 il numero delle registrazioni del buffer di diagnostica da
visualizzare in RUN si può impostare tra 10 e 499 nella finestra delle proprietà della CPU
(scheda "Diagnostica / Orologio"). Per default sono impostate 10 registrazioni in RUN.
② "Eventi"
Il campo informativo "Eventi" contiene eventi di diagnostica corredati di data e ora.
③ "Dettagli"
In questo campo vengono elencate informazioni di diagnostica dettagliate sull'evento
selezionato.
Nel campo informativo ② "Eventi" selezionare l'evento corrispondente.
Progettazione
La progettazione richiede le seguenti operazioni:
1. Nel menu di scelta rapida del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU richiamare la
finestra di dialogo "Proprietà dell'oggetto".
2. Selezionare la scheda "Web" e attivare la casella di scelta "Attiva il Web server su
quest'unità".
3. Selezionare al massimo due lingue nelle quali visualizzare i messaggi per esteso.
4. Compilare e salvare il progetto e caricare la progettazione nel modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU.
Particolarità della commutazione da una lingua all'altra
Nella casella in alto a destra è possibile commutare la lingua, ad es. dal tedesco all'inglese.
Se viene selezionata una lingua non progettata, le informazioni non vengono visualizzate per
esteso bensì in codice esadecimale.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
66
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Comunicazione
3.7 Web server
3.7.4.4
Stato dell'unità
Presupposti
● In Configurazione HW devono essere state eseguite le seguenti impostazioni:
– Attivazione del Web server
– Impostazioni della lingua
– Generazione e attivazione della funzione "Segnalazione errori sistema".
● Il progetto deve essere stato compilato nella Configurazione HW di STEP 7, la cartella
SDB ed il programma utente devono essere stati caricati (in particolare i blocchi del
programma utente generati tramite la funzione "Segnalazione errori sistema").
● L'IM deve trovarsi in RUN.
Nota
"Segnalazione errori sistema"
• Durata della segnalazione: a seconda della struttura dell'impianto, la "Segnalazione
errori sistema" impiega qualche tempo per l'analisi dell'avvio dello stato di tutti i
sistemi e di tutte le unità di periferia progettati. In questo lasso di tempo, sulla pagina
"Stato dell'unità" non avviene alcuna segnalazione concreta dello stato. Nella colonna
"Stato" viene visualizzato un "?".
• Comportamento temporale: la "Segnalazione errori sistema" deve essere richiamata
almeno ogni 100 ms.
Il richiamo può avvenire nell'OB 1, oppure, se il tempo di ciclo supera i 100 ms,
nell'OB 3x di schedulazione orologio(≤ 100 ms) e nell'OB 100 di avvio.
• Supporto di diagnostica: nella finestra di dialogo "Segnalazione errori di sistema",
scheda "Supporto di diagnostica", deve essere spuntata la casella di controllo "DB
dello stato di diagnostica" e deve essere indicato un numero di DB. Se è stato
progettato il Web server, il segno di spunta è normalmente presente per default. Nella
migrazione di progetti meno recenti è tuttavia possibile che esso debba essere
apposto a posteriori.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
67
Comunicazione
3.7 Web server
Stato dell'unità
La visualizzazione dello stato di una stazione avviene, tramite icone e commenti, nella
pagina Web "Stato dell'unità".
Figura 3-7
Stato dell'unità - Stazione
Significato delle icone nella colonna "Stato"
Simbolo
Colore
Significato
verde
Componente OK
grigio
Slave PROFIBUS o PROFINET Device disattivati
Presupposti per il supporto:
nero
•
IM151-8 PN/DP CPU ≥ V3.2 e STEP 7 V5.5
•
Attivazione/disattivazione di slave PROFIBUS e PROFINET IO Device con
l'SFC12 Modo 3/4
•
Nella finestra di dialogo "Segnalazione errori di sistema", scheda "Supporto
di diagnostica", campo "Stato "attivato/disattivato"", deve essere spuntata la
casella di controllo "Consulta stato del dispositivo "attivato/disattivato" dopo
l'avvio della CPU" e, in via opzionale, anche la casella "Emetti messaggio
alla commutazione dello stato".
Componente non accessibile / Stato non rilevabile
•
Lo "Stato non rilevabile" viene sempre visualizzato ad es. quando la CPU è
in STOP o durante l'analisi dell'avvio della funzione "Segnala errori di
sistema" per tutti i sistemi e le unità di periferia progettati dopo il nuovo
avvio della CPU.
•
Tuttavia questo stato può essere visualizzato anche temporaneamente
durante il funzionamento in presenza di un flusso elevato di allarmi di
diagnostica in tutte le unità.
•
Per le unità di un sottosistema collegato a un CP non è possibile rilevare lo
stato.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
68
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Comunicazione
3.7 Web server
Simbolo
Colore
Significato
verde
Manutenzione necessaria (Maintenance Required)
giallo
Richiesta di manutenzione (Maintenance Demanded)
rosso
Errore - componente guasto o difettoso
-
Errore su un livello inferiore dell'unità
Navigazione su altri livelli dell'unità
Lo stato di singole unità / moduli / sottomoduli viene visualizzato navigando su altri livelli
delle unità:
● I link nella visualizzazione dei livelli
② consentono la navigazione su livelli superiori
● La colonna "Nome" sui livelli inferiori
Figura 3-8
Stato dell'unità - Unità
① "Stato dell'unità"
A seconda dei livelli selezionati la tabella contiene informazioni sui telai di montaggio delle
unità (rack), sul sistema master DP, sul sistema master PNIO, sui nodi, sulle singole unità
oppure sui moduli e i sottomoduli della stazione.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
69
Comunicazione
3.7 Web server
② "Visualizzazione dei livelli delle unità"
I link consentono l'accesso allo "Stato dell'unità" dei livelli più elevati.
③ "Dettagli"
Dal link "Dettagli" è possibile accedere a maggiori informazioni sulle unità selezionate nelle
schede "Stato" e "Identificazione".
④ "Indirizzo IP"
Se qui è disponibile un link è possibile accedere al Web server del device progettato e
selezionato.
⑤ "Topologia"
Le pagine Web "Stato dell'unità" e "Topologia" sono collegate ipertestualmente. Facendo clic
sulla voce "Topologia" dell'unità selezionata si accede automaticamente a questa unità nella
vista grafica della topologia nominale nella pagina web "Topologia". L'unità viene
visualizzata nell'area visibile della pagina Web "Topologia" e l'instestazione del dispositivo
dell'unità selezionata lampeggia per alcuni secondi.
⑥ "Filtro"
In questa tabella è possibile eseguire un ordinamento secondo determinati criteri:
1. Selezionare un parametro della casella di riepilogo.
2. Eventualmente inserire il valore del parametro selezionato.
3. Fare clic su "Filtro".
Le impostazioni del filtro vengono mantenute anche dopo l'aggiornamento della pagina.
Fare nuovamente clic su "Filtro" per disattivare le impostazioni.
⑦ Scheda "Stato"
Contiene informazioni sullo stato dell'unità selezionata in presenza di un guasto o di un
messaggio.
⑧ Scheda "Identificazione"
Contiene dati relativi all'identificazione dell'unità selezionata.
Nota
Questa scheda mostra soltanto i dati progettati offline e non i dati online delle unità.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
70
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Comunicazione
3.7 Web server
⑨ Scheda "Statistica"
La scheda viene visualizzata solo nei PROFINET IO Device. Contiene le informazioni
seguenti sulle statistiche della comunicazione dell'IO Device selezionato:
● Statistica completa - Pacchetti dati inviati"
Gli indicatori contenuti in questo campo informativo consentono di valutare la qualità della
trasmissione dati sulla linea di trasmissione.
● Statistica completa - Pacchetti dati ricevuti"
Gli indicatori contenuti in questo campo informativo consentono di valutare la qualità della
trasmissione dati sulla linea di ricezione.
● "Statistica Porta x - Pacchetti dati inviati"
Gli indicatori contenuti in questo campo informativo consentono di valutare la qualità della
trasmissione dati sulla linea di trasmissione.
● "Statistica Porta x - Pacchetti dati ricevuti"
Gli indicatori contenuti in questo campo informativo consentono di valutare la qualità della
trasmissione dati sulla linea di ricezione.
Vedere anche la scheda "Statistiche" al capitolo "Comunicazione (Pagina 76)".
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
71
Comunicazione
3.7 Web server
Esempio: Stato dell'unità - Modulo
Figura 3-9
Stato dell'unità - Modulo
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
72
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Comunicazione
3.7 Web server
Esempio: Stato dell'unità - Sottomodulo
Figura 3-10
Stato dell'unità - Sottomodulo
Riferimenti
Informazioni più dettagliate sullo "Stato dell'unità" e sulla progettazione della
funzione"'Segnalazione errori di sistema" sono disponibili nella Guida in linea a STEP 7.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
73
Comunicazione
3.7 Web server
3.7.4.5
Messaggi
Presupposti
I testi dei messaggi devono essere stati progettati nella lingua desiderata. Le informazioni
sulla progettazione dei testi dei messaggi sono riportate in STEP 7 e nelle pagine del
Service&Support (http://support.automation.siemens.com/WW/view/it/23872245).
Messaggi
Il contenuto del buffer delle segnalazioni viene visualizzato dal browser sulla pagina Web
"Messaggi".
La conferma di questi messaggi tramite Web server non è possibile.
Figura 3-11
Messaggi
① "Filtro"
È possibile filtrare i dati in base a determinati criteri.
1. Selezionare un parametro della casella di riepilogo.
2. Eventualmente inserire il valore del parametro selezionato.
3. Fare clic su "Filtro".
Le impostazioni del filtro vengono mantenute anche dopo l'aggiornamento automatico della
pagina.
Fare nuovamente clic su "Filtro" per disattivare le impostazioni.
Effetti
● Le impostazioni del filtro vengono mantenute anche dopo l'aggiornamento della pagina.
● Le impostazioni del filtro non influiscono sulla stampa. La stampa mostra sempre il
contenuto completo del buffer delle segnalazioni.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
74
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Comunicazione
3.7 Web server
② "Messaggi"
I messaggi del modulo di interfaccia vengono visualizzati in ordine cronologico con data e
ora nel campo informativo ②.
Il parametro Testo del messaggio è una registrazione dei testi dei messaggi progettati per le
rispettive definizioni di errore.
Ordinamento
È inoltre possibile visualizzare i parametri in ordine crescente e decrescente. Selezionare il
parametro in oggetto nell'intestazione della colonna:
● Numero messaggio
● Data
● Ora
● Testo del messaggio
● Stato
● Conferma
Selezionando la voce "Data", vengono visualizzati messaggi in ordine cronologico.
Gli eventi entranti e uscenti vengono visualizzati nel parametro Stato .
③ "Dettagli sui numeri dei messaggi"
In questo campo informativo è possibile visualizzare informazioni dettagliate su un
determinato messaggio. Nel campo informativo ② selezionare il messaggio di cui si intende
visionare i dettagli.
Particolarità della commutazione da una lingua all'altra
Nella casella in alto a destra è possibile commutare la lingua, ad es. dal tedesco all'inglese.
Se viene selezionata una lingua non progettata o nella quale non sono stati progettati i testi
dei messaggi, le informazioni non vengono visualizzate per esteso bensì in codice
esadecimale.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
75
Comunicazione
3.7 Web server
3.7.4.6
Comunicazione
Panoramica
La pagina Web "Comunicazione" contiene informazioni dettagliate sulle schede seguenti:
● Parametri
● Statistiche
● Risorse
● Comunicazione aperta
Scheda "Parametri"
La scheda ① "Parametri" di questa pagina Web fornisce un riepilogo delle informazioni
sull'interfaccia PROFINET integrata del modulo di interfaccia.
Le definizioni dei moduli sono solo esempi.
Figura 3-12
Parametri dell'interfaccia PROFINET integrata
② "Collegamento di rete"
Fornisce informazioni sull'identificazione dell'interfaccia PROFINET integrata del modulo di
interfaccia IM151-8 PN/DP CPU.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
76
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Comunicazione
3.7 Web server
③ "Parametri IP"
Fornisce informazioni sull'indirizzo IP progettato e sul numero della sottorete in cui si trova
il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU.
④ "Proprietà fisiche"
Il campo "Proprietà fisiche" fornisce le seguenti informazioni:
● Numero della porta
● Stato del link
● Impostazioni
● Modo
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
77
Comunicazione
3.7 Web server
Scheda "Statistiche"
La scheda ① "Statistiche" fornisce informazioni sulla qualità della trasmissione dati.
Figura 3-13
Identificatori per la trasmissione dati
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
78
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Comunicazione
3.7 Web server
② "Pacchetti dati a partire da"
Indica il momento della ricezione o dell'invio del primo pacchetto dati dall'ultimo Rete On /
dall'ultima Cancellazione totale.
③ "Statistica completa - Pacchetti dati inviati"
Gli indicatori contenuti in questo campo informativo consentono di valutare la qualità della
trasmissione dati sulla linea di trasmissione.
④ "Statistica completa - Pacchetti dati ricevuti"
Gli indicatori contenuti in questo campo informativo consentono di valutare la qualità della
trasmissione dati sulla linea di ricezione.
⑤ "Statistica Porta 1/Porta 2/Porta 3 - Pacchetti dati inviati"
Gli indicatori contenuti in questo campo informativo consentono di valutare la qualità della
trasmissione dati sulla linea di trasmissione.
⑤ "Statistica Porta 1/Porta 2/Porta 3 - Pacchetti dati ricevuti"
Gli indicatori contenuti in questo campo informativo consentono di valutare la qualità della
trasmissione dati sulla linea di ricezione.
Scheda "Risorse"
La scheda ① "Risorse" fornisce informazioni sulle risorse utilizzate dai collegamenti.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
79
Comunicazione
3.7 Web server
② Numero di collegamenti
Fornisce informazioni sul numero di collegamenti massimo e di collegamenti non occupati.
③ Collegamenti
Fornisce informazioni sul numero di collegamenti riservati o occupati per la comunicazione
PG, OP, S7, di base S7 e l'ulteriore comunicazione.
Scheda "Comunicazione aperta"
La scheda ① "Comunicazione aperta" fornisce informazioni sullo stato dei collegamenti di
comunicazione.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
80
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Comunicazione
3.7 Web server
② Informazioni sullo stato
Panoramica dei collegamenti della comunicazione aperta tramite Industrial Ethernet presenti
nella configurazione e già creati o configurati.
Per ciascuno di questi collegamenti la tabella contiene le seguenti informazioni:
● Colonna "Stato": stato del collegamento con simbolo
● Colonna "ID": ID collegamento
● Colonna "IP remoto": indirizzo IP remoto
● Colonna "Tipo": Tipo di collegamento
I possibili stati di collegamento dipendono dal tipo di collegamento. Questo rapporto di
dipendenza è illustrato nella tabella seguente:
Tipo di collegamento Possibili stati del collegamento
Significato
TCP,
Il collegamento viene creato come
collegamento attivo/passivo
L'utente ha avviato il collegamento
attivo/passivo desiderato con il blocco
TCON.
Il collegamento è stato creato come
collegamento attivo/passivo
Il collegamento avviato con il blocco
TCON è stato creato.
Il collegamento è configurato
-
ISO on TCP
UDP
Per indicare lo stato del collegamento vengono utilizzati i simboli seguenti:
Simbolo
Colore
Significato
verde
•
Il collegamento è impostato (UDP)
•
Il collegamento è stato creato come collegamento attivo/passivo
(TCP e ISO on TCP)
•
Il collegamento viene creato come collegamento attivo/passivo
(TCP e ISO on TCP)
rosso
③ Dettagli
Informazioni dettagliate sul collegamento selezionato.
Riferimenti
I messaggi di errore che possono essere visualizzati in caso di interruzione del collegamento
o di un tentativo fallito di creare il collegamento sono descritti nella Guida in linea a STEP 7.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
81
Comunicazione
3.7 Web server
3.7.4.7
Topologia
Topologia dei nodi PROFINET
La pagina web "Topologia" contiene informazioni sulla configurazione topologica e lo stato
dei dispositivi PROFINET del sistema PROFINET IO.
Sono disponibili tre schede per le viste seguenti:
● Vista grafica (topologia nominale e reale)
● Vista tabellare (solo topologia reale)
● Panoramiche degli stati (senza rappresentazione delle relazioni di topologia)
La vista tabellare e le panoramiche degli stati si possono stampare. Prima di procedere alla
stampa, eseguire un'anteprima del browser e, se necessario, adeguare il formato.
Topologia nominale
Vista della configurazione della topologia progettata nell'editor di topologia di STEP 7 per
i dispositivi PROFINET progettati in un sistema PROFINET IO con relativa visualizzazione
dello stato. Vengono visualizzati anche i dispositivi PROFINET adiacenti purché anche la
loro configurazione topologica sia stata progettata. Qui tuttavia manca la visualizzazione di
stato.
In questa vista è possibile riconoscere l'assegnazione topologica dei dispositivi PROFINET
guasti, le differenze tra topologia nominale e reale così come la rappresentazione delle porte
scambiate.
Nota
Nei seguenti scenari viene sempre visualizzata la topologia nominale progettata:
• In caso di richiamo della pagina Web "Topologia" tramite la barra di navigazione
• In caso di passaggio dalla pagina web "Stato dell'unità" della panoramica dei dispositivi
PROFINET IO alla pagina web "Topologia" tramite il link "Topologia"
Se non è stata progettata una topologia nominale viene visualizzata per default quella reale.
Topologia reale
Vista della configurazione topologica attuale dei dispositivi PROFINET "progettati" di un
sistema PROFINET IO e di quelli rilevabili, immediatamente adiacenti, non progettati
(visualizzazione delle correlazioni con i nodi vicini, purché rilevabili; per questi dispositivi
PROFINET adiacenti, tuttavia, non viene visualizzato lo stato).
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
82
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Comunicazione
3.7 Web server
Topologia - Vista grafica
Presupposti
Per un corretto utilizzo della topologia devono essere soddisfatti i seguenti presupposti:
● Le impostazioni della lingua sono già state definite.
● Il collegamento topologico delle porte è stato progettato nell'editor di topologia di STEP 7.
(Presupposto per la visualizzazione della topologia nominale e dei corrispondenti
collegamenti topologici nominali).
● Il progetto è stato compilato in Configurazione HW.
● La "Segnalazione errori di sistema" è stata generata.
● Il progetto è stato caricato completamente (progettazione e programma).
Vista grafica topologia nominale e reale
Figura 3-14
Vista grafica topologia nominale e reale
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
83
Comunicazione
3.7 Web server
Significato dei colori dei collegamenti nella topologia nominale/reale:
Collegamento
Significato
Topologia nominale
Topologia reale
verde
Il collegamento reale attuale corrisponde a quello
nominale progettato.
Collegamenti
riconosciuti
rosso
Il collegamento reale attuale non corrisponde a quello
progettato (ad es. la porta è scambiata).
-
giallo
Non è possibile diagnosticare il collegamento. Cause:
-
•
La comunicazione con un Device è disturbata
(ad es. cavo sfilato)
•
Si tratta di un collegamento a un componente passivo
•
Si tratta di un collegamento a Device/dispositivi
PROFINET di un altro IO Controller o sottosistema IO.
① Nodi PROFINET progettati e accessibili
I nodi PROFINET progettati e accessibili vengono visualizzati in grigio scuro. I collegamenti
indicano attraverso quali porte sono collegati i nodi PROFINET di una stazione.
② Nodi PROFINET progettati ma non accessibili
I nodi PROFINET progettati ma non accessibili (ad es. guasto al dispositivo, cavo sfilato)
vengono visualizzati in rosa con un contorno rosso
③ Nodi disattivati
Tutti i nodi PROFINET progettati e disattivati vengono visualizzati in grigio chiaro.
④ Porte scambiate
Nella vista della topologia nominale le porte scambiate vengono evidenziate in rosso. Nella
topologia reale vengono visualizzate le porte effettivamente collegate e nella topologia
nominale il collegamento progettato.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
84
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Comunicazione
3.7 Web server
⑤ Dispositivi PROFINET di un altro sottosistema PROFINET IO
● Topologia nominale:
Un dispositivo PROFINET appartenente a un altro sottosistema PROFINET IO viene
rappresentato con un collegamento verde (o rosso se le porte sono state scambiate) se è
accessibile e direttamente adiacente a un dispositivo PROFINET ① progettato
accessibile.
Se il dispositivo PROFINET di un altro sottosistema PROFINET IO non è accessibile,
viene rappresentata una linea di collegamento gialla.
Il collegamento tra due dispositivi PROFINET appartenenti entrambi a un altro
sottosistema PROFINET IO non è rilevabile e viene sempre rappresentato in giallo.
● Topologia reale:
Un dispositivo PROFINET appartenente a un altro sottosistema PROFINET IO viene
visualizzato solo se è direttamente adiacente a un dispositivo PROFINET progettato.
Viene rappresentato in grigio chiaro e con una linea tratteggiata.
Per i dispositivi PROFINET appartenenti a un altro sottosistema PROFINET IO non viene
visualizzato lo stato nell'intestazione.
⑥ Rappresentazione di nodi con correlazioni errate ai nodi vicini
I nodi le cui correlazioni ai nodi vicini sono risultate incomplete o errate sono rappresentati in
grigio chiaro e con un contorno rosso.
Nota
Rappresentazione di nodi con correlazioni errate ai nodi vicini
È necessario eseguire l'aggiornamento del firmware dei componenti interessati.
Viste in caso di modifiche della configurazione
● Nella vista "Topologia nominale" un dispositivo, in caso di guasto, resta nella stessa
posizione ma con l'intestazione evidenziata da un riquadro rosso e una chiave per dadi
rossa
.
● Nella vista "Topologia reale" un dispositivo, in caso di guasto, viene rappresentato a parte
nell'area inferiore, con l'intestazione evidenziata da un contorno rosso e una chiave per
dadi rossa.
Collegamento ipertestuale tra le pagine Web "Topologia" e "Stato dell'unità"
Le pagine Web "Topologia" e "Stato dell'unità" sono collegate tramite un ipertesto. Facendo
clic sull'intestazione di un'unità progettata nella vista topologica si accede automaticamente
alla stessa unità nella pagina Web "Stato dell'unità".
Vedere anche il capitolo "Stato dell'unità (Pagina 67)".
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
85
Comunicazione
3.7 Web server
Topologia - Vista tabellare
La "Vista tabellare" visualizza sempre la "Topologia reale"
Figura 3-15
Topologia - Vista tabellare
① Significato dei simboli relativi allo stato dei nodi PROFINET
Simbolo
Significato
Nodi PROFINET progettati e accessibili
Nodi PROFINET non progettati e accessibili
Nodi PROFINET progettati ma non accessibili
Nodo per il quale non è possibile rilevare o leggere completamente/correttamente la
correlazione ai nodi vicini
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
86
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Comunicazione
3.7 Web server
② Significato dei simboli relativi allo stato dell'unità dei nodi PROFINET
Simbolo
Colore
Significato
verde
Componente OK
grigio
Slave PROFIBUS o PROFINET Device disattivati
Presupposti per il supporto:
nero
•
IM151-8 PN/DP CPU ≥ V3.2 e STEP 7 V5.5
•
Attivazione/disattivazione di slave PROFIBUS e PROFINET IO Device
con l'SFC12 Modo 3/4
•
Nella finestra di dialogo "Segnalazione errori di sistema", scheda
"Supporto di diagnostica", campo "Stato "attivato/disattivato"", deve
essere spuntata la casella di controllo "Consulta stato del dispositivo
"attivato/disattivato" dopo l'avvio della CPU" e, in via opzionale, anche
la casella "Emetti messaggio alla commutazione dello stato".
Componente non accessibile / Stato non rilevabile
•
Lo "Stato non rilevabile" viene sempre visualizzato ad es. quando l'IM
è in STOP o durante l'analisi dell'avvio della funzione "Segnala errori
di sistema" per tutti i sistemi e le unità di periferia progettati dopo il
nuovo avvio dell'IM.
•
Tuttavia questo stato può essere visualizzato anche
temporaneamente durante il funzionamento in presenza di un flusso
elevato di allarmi di diagnostica in tutte le unità.
•
Per le unità di un sottosistema collegato a un CP non è possibile
rilevare lo stato.
verde
Manutenzione necessaria (Maintenance Required)
giallo
Richiesta di manutenzione (Maintenance Demanded)
rosso
Errore - componente guasto o difettoso
-
Errore su un livello inferiore dell'unità
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
87
Comunicazione
3.7 Web server
Topologia - Panoramica degli stati
Le "Panoramiche degli stati" mostrano in una sola pagina la rappresentazione generale
di tutti i PROFINET IO Device/dispositivi PROFINET (senza relazioni di collegamento).
Sulla base dei simboli che visualizzano gli stati delle unità è possibile diagnosticare
velocemente eventuali errori.
Anche qui è disponibile un collegamento ipertestuale delle unità alla pagina web
"Stato dell'unità (Pagina 67)".
Figura 3-16
Topologia - Panoramica degli stati
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
88
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Comunicazione
3.7 Web server
3.7.4.8
Stato delle variabili
Stato delle variabili
Lo stato delle variabili viene visualizzato dal browser nell'omonima pagina Web.
È possibile controllare lo stato di max. 50 variabili.
Figura 3-17
Stato delle variabili
① "Indirizzo"
Inserire in questa casella l'indirizzo dell'operando di cui controllare il comportamento.
Se l'indirizzo immesso non è valido viene visualizzato in rosso.
② "Formato di visualizzazione"
Selezionare nella casella di riepilogo il formato di visualizzazione desiderato per le rispettive
variabili. Qualora fosse impossibile rappresentare la variabile nel formato desiderato, la
relativa visualizzazione avviene in codice esadecimale.
③ "Valore"
Visualizza il valore del rispettivo operando nel formato selezionato.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
89
Comunicazione
3.7 Web server
Particolarità della commutazione da una lingua all'altra
Nella casella in alto a destra è possibile commutare la lingua, ad es. dal tedesco all'inglese.
Tenere presente che il set mnemonico per la lingua tedesca è diverso da quello delle altre
lingue. In seguito alla commutazione della lingua, pertanto, la sintassi degli operandi inseriti
potrebbe essere errata. Ad esempio: ABxy anziché QBxy. Nel browser la sintassi errata
viene segnalata con il colore del carattere rosso.
3.7.4.9
Tabelle delle variabili
Tabelle delle variabili
Il contenuto delle tabelle delle variabili progettate con funzioni web viene visualizzato dal
browser nell'omonima pagina web.
In ogni tabella è possibile controllare fino a 200 variabili.
Figura 3-18
Tabelle delle variabili
① Selezione
Nella casella di riepilogo selezionare una tabella delle variabili tra quelle progettate.
② "Nome" e "Indirizzo"
La rappresentazione del nome di un operando con il relativo indirizzo avviene all'interno di
questo campo informativo.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
90
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Comunicazione
3.7 Web server
③ "Formato"
Nelle caselle di riepilogo selezionare il formato di visualizzazione del rispettivo operando.
Nella casella di riepilogo vengono proposte le varie possibilità di selezione di tutti i formati di
visualizzazione consentiti.
④ "Valore"
Questa colonna indica i valori nel rispettivo formato di visualizzazione.
⑤ "Commento"
Per facilitare il riconoscimento del significato di un determinato operando, viene visualizzato
il commento redatto dall'operatore.
Progettazione di tabelle delle variabili per il Web server
Il Web server consente di controllare fino a 50 tabelle contenenti max. 200 variabili. Poiché
lo spazio di memoria disponibile del modulo di interfaccia viene condiviso da messaggi e
variabili, è possibile che il numero di tabelle delle variabili effettivamente utilizzabile sia
inferiore.
Esempio: lo spazio di memoria è sufficiente per 400 messaggi e 50 tabelle delle variabili con
100 variabili (con nome dei simboli ma senza commento).
Se lo spazio di memoria consentito viene superato dai messaggi e dalle variabili progettate,
le tabelle delle variabili nel browser di rete vengono visualizzate solo parzialmente. In questo
caso è necessario ridurre lo spazio di memoria dei messaggi e dei commenti dei simboli.
Se possibile, utilizzare soltanto una lingua di visualizzazione.
Si consiglia inoltre di progettare tabelle delle variabili con un numero possibilmente ridotto di
variabili, con nomi e commenti brevi, per garantire che il Web server le visualizzi
completamente e le aggiorni più rapidamente delle tabelle con un numero elevato di variabili
(spazio di memoria limitato).
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
91
Comunicazione
3.7 Web server
Creazione di una tabella delle variabili per il Web server
1. Creare una tabella delle variabili con STEP 7.
2. Aprire la finestra delle proprietà della tabella delle variabili e selezionare la scheda
"Generale - Parte 2".
3. Attivare la casella di scelta "Web server".
4. Salvare e compilare il progetto e trasferire la progettazione nel modulo di interfaccia.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
92
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Comunicazione
3.7 Web server
3.7.4.10
Pagine utente
Pagine utente
In questa pagina web si trova il link alla propria pagina utente programmata liberamente.
Figura 3-19
Pagine utente
Con il Web server è possibile creare pagine HTML personalizzate che contengono i dati
della CPU. La pagina personalizzata si crea in un qualsiasi editor Web utilizzando i simboli
del programma utente STEP 7. Il programma Web2PLC in dotazione con STEP 7 convertirà
poi la pagina utente in DB. I DB così generati vengono caricati nella CPU. La funzione di
sistema SFC 99 "WWW" accoppia il programma utente al Web server interno sulla CPU e
con il primo richiamo dell'SFC 99 "WWW" viene visualizzato il link alla pagina personalizzata
nella pagina Web della CPU. Facendo clic sul link si apre la pagina utente in una nuova
finestra.
È possibile attivare contemporaneamente max. due pagine utente progettate.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
93
Comunicazione
3.7 Web server
Presupposti
● Nel progetto STEP 7 sono stati creati i simboli per le variabili di ingresso/uscita da
utilizzare nella pagina utente.
● Nella finestra delle proprietà dell'IM151-8 PN/DP CPU, scheda "Web", deve essere
almeno
– attivato il Web server
– registrato un utente nell'elenco utenti
– assegnato a questo e ad altri utenti il diritto di lettura o di lettura e scrittura
(vedere il capitolo "Impostazioni in Configurazione HW, scheda "Web" (Pagina 57)")
● Le impostazioni necessarie per la comunicazione sono state definite
(parametri degli indirizzi IP, maschera di sottorete...).
● La configurazione hardware è stata salvata e caricata.
● La pagina utente è stata creata in un qualsiasi editor HTML:
– Pagine HTML automatiche se non si desidera il comando della configurazione delle
pagine da parte del programma utente (è necessario un unico richiamo dell'SFC 99)
– Pagine HTML manuali se si desidera un comando della configurazione delle pagine
da parte del programma utente (è necessario un richiamo ciclico dell'SFC 99)
● Il programma Web2PLC contenuto sul CD in dotazione con STEP 7 è stato installato
(percorso di installazione: CD2: \Optional Components\S7 Web2PLC\)
Creazione di una pagina utente dinamizzata
Per rendere dinamica la propria pagina utente HTML è necessario utilizzare comandi AWP
(Advanced Web Programming). I comandi AWP sono un set di comandi Siemens con i quali
è possibile accedere alle informazioni della CPU. I comandi AWP sono descritti nella Guida
in linea a Web2PLC.
Procedimento
1. Selezionare in SIMATIC Manager, nel programma S7 dell'IM151-8 PN/DP CPU, la
cartella "Blocchi" e selezionare "S7-Web2PLC" dal menu di scelta rapida.
Il programma S7-Web2PLC si avvia.
2. Selezionare il comando di menu File > Nuovo progetto... e immettere il nome desiderato.
3. Selezionare il comando di menu File > Modifica impostazioni di progetto....
Si apre la finestra di dialogo per le impostazioni del progetto.
4. Nella scheda "Generale" indicare il percorso della cartella HTML.
5. Indicare il nome del file HTML da avviare come pagina utente e il nome desiderato
dell'applicazione.
Confermare con OK. Si apre la finestra di dialogo per il progetto STEP 7/Web.
6. Nella scheda "STEP 7" immettere i numeri di DB desiderati (impostazione di default 333
e 334)
Confermare con OK. Si apre la finestra di dialogo per il progetto STEP 7/Web.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
94
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Comunicazione
3.7 Web server
7. Aprire la propria pagina utente con l'editor HTML e indirizzare le variabili da utilizzare in
questa pagina con i comandi AWP e con i nomi simbolici di STEP 7. Allo scopo utilizzare
la Guida in linea a Web2PLC.
8. Una volta modificata e salvata la pagina HTML tornare al progetto S7-Web2PLC. Fare
clic consecutivamente sui seguenti pulsanti:
– "Esporta simboli"
– "Genera sorgente DB"
– "Compila sorgente DB"
Le azioni corrispondenti vengono eseguite e vengono creati un Control DB ("Web DB") e
almeno un DB del frammento nel programma S7 dell'IM151-8 PN/DP CPU, cartella
"Blocchi".
9. Fare clic sul pulsante "Carica nella CPU" per caricare i DB nella CPU.
Nota
Per eseguire questa operazione l'IM deve essere in STOP. Se si carica un numero
eccessivo di WEB DB in RUN è possibile che nel corso del caricamento si verifichino
errori di sincronismo all'accesso al Control DB dal programma utente.
Riferimenti
Maggiori informazioni sull'argomento e la descrizione delle aree modificabili sono contenute
nella Guida in linea a Web2PLC.
Per maggiori informazioni sul blocco SFC 99 consultare la Guida in linea a STEP 7.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
95
Comunicazione
3.7 Web server
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
96
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
PROFINET
4.1
Comunicazione tramite PROFINET
4.1.1
Introduzione
4
Che cos'è PROFINET?
Nell'ambito della Totally Integrated Automation (TIA), PROFINET rappresenta la
continuazione sistematica di:
● PROFIBUS DP, il bus di campo ormai consolidato, e
● Industrial Ethernet, il bus di comunicazione per il livello di cella.
Le esperienze maturate in entrambi i sistemi sono state e vengono tuttora integrate in
PROFINET.
PROFINET, in quanto standard di automazione basato su ethernet dell'organizzazione
PROFIBUS International (ex PROFIBUS Nutzerorganisation e.V., organizzazione degli utenti
PROFIBUS), definisce così un modello di comunicazione, automazione ed engineering
esteso a tutti i produttori. PROFINET rientra nella norma IEC 61158 dal 2003.
Obiettivi di PROFINET
Gli obiettivi che si pone PROFINET sono i seguenti:
● Standard Ethernet aperto per l'automazione basato su Industrial Ethernet
I componenti Industrial Ethernet e Ethernet standard possono essere utilizzati tra loro,
tuttavia le apparecchiature Industrial Ethernet sono più robuste e quindi più adeguate agli
ambienti industriali (temperatura, immunità EMC ecc.).
● Utilizzo di standard TCP/IP e IT
● Automazione con Ethernet in tempo reale
● Integrazione continua di sistemi di bus di campo
Realizzazione di PROFINET in SIMATIC
Siemens applica PROFINET nel modo seguente:
● La comunicazione tra apparecchiature da campo in SIMATIC viene realizzata con
PROFINET IO
● La comunicazione tra controllori come componenti di sistemi distribuiti viene realizzata in
SIMATIC tramite PROFINET CBA (Component Based Automation)
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
97
PROFINET
4.1 Comunicazione tramite PROFINET
● Tecnica di installazione e componenti di rete sono disponibili con il marchio SIMATIC NET.
● Per la manutenzione remota e la diagnostica di rete vengono utilizzati gli standard IT
ormai collaudati dell'ambiente aziendale (ad es. SNMP = Simple Network Management
Protocol per la parametrizzazione e la diagnostica di reti).
Documentazione dell'organizzazione PROFIBUS International su Internet
Nel sito Internet dell'organizzazione PROFIBUS International (ex organizzazione degli utenti
PROFIBUS, PNO) è disponibile una ricca documentazione relativa a PROFINET.
"PROFINET (http://www.profinet.com)"
Per maggiori informazioni consultare: "Siemens PROFINET
(http://www.siemens.com/profinet)"
4.1.2
PROFINET IO e PROFINET CBA
Che cos'è PROFINET IO?
PROFINET IO è un concetto di comunicazione per la realizzazione di applicazioni modulari
decentrate nell'ambito di PROFINET.
PROFINET IO consente di creare soluzioni di automazione come quelle ormai note del
PROFIBUS.
In altri termini, in STEP 7 l'utente ha la stessa vista dell'applicazione a prescindere dal fatto
che stia progettando dispositivi PROFINET o apparecchiature PROFIBUS.
Che cos'è PROFINET CBA (Component Based Automation)?
PROFINET CBA è una soluzione di automazione nell'ambito di PROFINET per la
realizzazione di applicazioni con intelligenza decentrata.
PROFINET CBA consente di creare una soluzione di automazione distribuita sulla base
di componenti e soluzioni parziali pronti all'uso.
La Component Based Automation prevede l'impiego di componenti tecnologici completi
come componenti normalizzati in impianti di grandi dimensioni.
Anche la creazione dei componenti viene eseguita con un tool di engineering che può
variare da costruttore a costruttore. I componenti dei dispositivi SIMATIC si creano ad es.
con STEP 7.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
98
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
PROFINET
4.1 Comunicazione tramite PROFINET
Delimitazione tra PROFINET IO e PROFINET CBA
PROFINET IO e CBA rispecchiano due concetti diversi dei dispositivi di automazione
nell'Industrial Ethernet.
Figura 4-1
Delimitazione tra PROFINET IO e Component Based Automation
La Component Based Automation suddivide l'intero impianto in diverse funzioni. Queste
funzioni vengono progettate e programmate.
PROFINET IO fornisce un'immagine dell'impianto molto simile a quella di PROFIBUS.
L'utente continua a progettare e programmare i singoli dispositivi di automazione.
Riferimenti
Ulteriori informazioni
● Maggiori dettagli su PROFINET IO e PROFINET CBA sono contenuti nella Descrizione
del sistema PROFINET (http://support.automation.siemens.com/WW/view/it/19292127).
● Differenze e caratteristiche comuni tra PROFIBUS DP e PROFINET IO sono contenute
nel manuale di programmazione Migrazione da PROFIBUS DP a PROFINET IO
(http://support.automation.siemens.com/WW/view/it/19289930).
● Per maggiori informazioni su PROFINET CBA consultare la documentazione di SIMATIC
iMap e Component Based Automation.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
99
PROFINET
4.1 Comunicazione tramite PROFINET
4.1.3
Sistema PROFINET IO
Funzioni di PROFINET IO
La figura seguente mostra le funzioni di PROFINET IO.
Figura 4-2
PROFINET IO
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
100
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
PROFINET
4.1 Comunicazione tramite PROFINET
Il grafico rappresenta
Esempi di vie di comunicazione
Il collegamento di rete
aziendale e livello di campo
È possibile accedere a dispositivi a livello di campo da un PC della rete aziendale
Esempio:
•
Il collegamento tra sistema di
automazione e livello di campo
PC - switch 1 - router - switch 2 - CPU 319-3 PN/DP ①.
È possibile accedere anche da un PG sul livello di campo a un'altra area della rete
Industrial Ethernet.
Esempio:
•
L'IO Controller della
CPU IM 154-8 PN/DP CPU ②
apre il sistema PROFINET IO 1
e comanda direttamente
i dispositivi su Industrial
Ethernet e PROFIBUS
In questa posizione sono visibili le funzioni IO tra l'IO Controller, l'I Device e uno o più
IO Device nella rete Industrial Ethernet:
•
•
•
La CPU 319-3 PN/DP ①
apre il sistema PROFINET 2
come IO Controller ed è
contemporaneamente
master DP nel PROFIBUS.
Oltre ad altri IO Device,
in questo IO Controller
viene utilizzata come
I Device anche una
CPU 319-3 PN/DP ⑧
che apre a sua volta,
in qualità di IO Controller,
un sistema PROFINET di
livello inferiore.
PG - switch integrato IM 154-8 PN//DP CPU ② - switch 2 - switch integrato
CPU 319-3 PN/DP ① - switch integrato IO Device ET 200S ⑥ su IO Device ET 200S ⑦.
L'IM 154-8 PN/DP CPU ② è l'IO Controller per entrambi gli IO Device ET 200S ③
ed ET 200S ④, per lo switch 2 e anche per l'I Device CPU 317-2 PN/DP ⑤.
L'IO Device ET 200S ③ viene utilizzato come Shared Device in modo che
l'IM 154-8 CPU ② possa accedere come Controller solo a quei (sotto)moduli di
questo IO Device che gli sono assegnati in qualità di Controller.
L'IM 154-8 PN/DP CPU ② è anche, tramite l'IE/PB Link, l'IO Controller per
l'ET 200 (slave DP) ⑩.
È possibile constatare come una CPU possa essere sia l'IO Controller di un IO Device
che il master DP di uno slave DP:
•
•
•
•
La CPU 319-3 PN/DP ① è l'IO Controller per entrambi gli IO Device ET 200S ⑥
ed ET 200S ⑦ e anche per l'I Device CPU 319-3 PN/DP ⑧.
Inoltre la CPU 319-3 PN/DP ① condivide l'IO Device ET 200S ③
utilizzato come Shared Device con l'IO Controller IM 154-8 PN/DP CPU ②,
così che la CPU 319-3 PN/DP ① possa accedere come Controller solo a quei
(sotto)moduli di questo IO Device che gli sono assegnati in qualità di Controller.
La CPU 319-3 ⑧, che viene utilizzata come I Device nella CPU 319-3 PN/DP ①,
è contemporaneamente anche IO Controller e apre un proprio sistema PROFINET 3
in cui viene utilizzato l'IO Device ET 200S ⑨.
La CPU 319-3 PN/DP ① è il master DP per uno slave DP ⑪. Lo slave DP ⑪
è assegnato alla CPU 319-3 PN/DP ① a livello locale e non è visibile nella rete
Industrial Ethernet.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
101
PROFINET
4.1 Comunicazione tramite PROFINET
Riferimenti
Ulteriori informazioni relative a PROFINET sono riportate nella seguente documentazione:
● Nella descrizione del sistema PROFINET
(http://support.automation.siemens.com/WW/view/it/19292127).
● Nel manuale di programmazione Migrazione da PROFIBUS DP a PROFINET IO.
(http://support.automation.siemens.com/WW/view/it/19289930)
In questo manuale vengono inoltre riportati i nuovi blocchi PROFINET e le nuove liste di
stato di sistema.
Vedere anche
PROFINET (PN) (Pagina 27)
4.1.4
Blocchi di PROFINET IO
Argomenti trattati in questo capitolo
Questo capitolo tratta gli argomenti seguenti:
● i blocchi previsti per PROFINET
● i blocchi previsti per PROFIBUS DP e
● i blocchi previsti sia per PROFINET IO, sia per PROFIBUS DP.
Compatibilità dei nuovi blocchi
Per PROFINET IO è stato necessario reimplementare parte dei blocchi poiché questo
sistema consente fra l'altro maggiori quantità di dati. I nuovi blocchi possono essere utilizzati
anche per PROFIBUS.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
102
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
PROFINET
4.1 Comunicazione tramite PROFINET
Funzioni standard e di sistema di PROFINET IO e PROFIBUS DP a confronto
Per il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU con interfaccia PROFINET integrata,
la seguente tabella mostra una sintesi generale dei seguenti elementi:
● Funzioni standard e di sistema per SIMATIC che devono eventualmente essere sostituite
con nuove funzioni per la migrazione da PROFIBUS DP a PROFINET IO.
● Nuove funzioni standard e di sistema
Tabella 4- 1
Funzioni standard e di sistema nuove o da sostituire
Blocchi
PROFINET IO
PROFIBUS DP
SFC 5 (determinazione dell'indirizzo
logico di base di un'unità)
no (alternativa: SFC 70)
sì
SFC 12 (disattivazione e attivazione
di slave DP/IO Device)
sì
sì
SFC 13 (lettura dei dati di
diagnostica di uno slave DP)
no
sì
alternativa:
•
rif. a evento: SFB 54
•
rif. a stato: SFB 52
SFC 49 (determinazione del posto
connettore corrispondente a un
indirizzo logico)
no
sì
SFC 58/59 (scrittura/lettura di un set
di dati nella/dalla periferia)
no
sì
alternativa: SFB 53 / 52
Già in DPV1 sarebbe utile
utilizzare l'SFB 52/53.
alternativa: SFC 71
SFC 70 (determinazione dell'indirizzo sì
iniziale di un'unità)
sì
SFC 71 (determinazione del posto
connettore corrispondente a un
indirizzo logico)
sì
sì
SFC 102 (lettura di parametri
predefiniti)
no
sì
alternativa: SFB 81
SFB 52/53 (lettura/scrittura di un set
di dati)
sì
SFB 54 (analisi allarme)
sì
sì
sì
SFB 73 (ricezione di set di dati
sì
(PROFIenergy) nell'I Device da parte
del Controller di livello superiore)
no
SFB 74 (predisposizione di set di dati sì
(PROFIenergy) nell'I Device per il
Controller di livello superiore)
no
SFB 81 (lettura di parametri
predefiniti)
sì
sì
SFB 104 (assegnazione della suite
IP e/o del nome del dispositivo
ripresi dal programma utente)
sì
no
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
103
PROFINET
4.1 Comunicazione tramite PROFINET
La seguente tabella mostra una sintesi delle funzioni standard e di sistema per SIMATIC le
cui funzioni vanno rappresentate con altre funzioni in caso di migrazione da PROFIBUS DP
a PROFINET IO.
Tabella 4- 2
Funzioni standard e di sistema per PROFIBUS DP, rappresentabili in PROFINET IO
Blocchi
PROFINET IO
PROFIBUS DP
SFC 55 (scrittura di parametri
dinamici)
no
rappresentabile con SFB 53
sì
SFC 56 (scrittura di parametri
predefiniti)
no
sì
rappresentabile con SFB 81 e
SFB 53
SFC 57 (parametrizzazione di unità)
no
sì
rappresentabile con SFB 81 e
SFB 53
Le seguenti funzioni standard e di sistema per SIMATIC non possono essere utilizzate in
PROFINET IO:
● SFC 11 (sincronizzazione di gruppi di slave DP)
● SFC 72 (lettura di dati da un partner della comunicazione all'interno della propria
stazione S7)
● SFC 73 (scrittura di dati in un partner della comunicazione all'interno della propria
stazione S7)
● SFC 74 (interruzione di un collegamento attivo con un partner di comunicazione
all'interno della propria stazione S7)
● SFC 103 (determinazione della topologia di bus in un sistema master DP)
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
104
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
PROFINET
4.1 Comunicazione tramite PROFINET
Blocchi organizzativi di PROFINET IO e PROFIBUS DP a confronto
Negli OB 83 e 86 risultano delle modifiche, che sono riportate nella seguente tabella.
Tabella 4- 3
OB di PROFINET IO e PROFIBUS DP
Blocchi
PROFINET IO
PROFIBUS DP
OB 83
(estrazione e inserimento di
moduli durante il
funzionamento)
Nuove informazioni di errore
In caso di slave integrati tramite
file GSD, l'estrazione e
l'inserimento di moduli durante il
funzionamento vengono
segnalati da un allarme di
diagnostica e quindi dall'OB 82.
Se viene emesso un allarme di
estrazione/inserimento negli
slave S7, viene segnalato un
guasto della stazione e viene
richiamato l'OB 86.
OB 83
Rispettive informazioni sui
Allarme Return-of-Submodul per sottomoduli
sottomoduli delle aree di
trasferimento di un I Device
Irrilevante
OB 86
(guasto della stazione)
Nuove informazioni di errore
Invariato
OB 86
(guasto/ripristino parziale della
stazione)
Possibile nell'utilizzo come
Shared I Device
Irrilevante
Informazioni dettagliate
Per le descrizioni dettagliate dei singoli blocchi consultare il manuale di riferimento
Funzioni standard e di sistema per S7-300/400.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
105
PROFINET
4.2 Comunicazione realtime isocrona
4.2
Comunicazione realtime isocrona
Procedimento di trasmissione sincronizzato per lo scambio ciclico di dati IRT tra dispositivi
PROFINET. Per i dati IO IRT è disponibile una larghezza di banda riservata all'interno
dell'intervallo di trasmissione.
La larghezza di banda riservata garantisce un trasferimento dei dati IRT senza interferenze,
a intervalli temporali sincronizzati e riservati, anche in presenza di un altro elevato carico
della rete (ad es. la comunicazione TCP/IP o un'altra comunicazione realtime).
PROFINET con IRT è disponibile nelle due opzioni seguenti:
● Opzione IRT "Elevata flessibilità":
Maggiore flessibilità possibile durante la progettazione e l'ampliamento dell'impianto.
Non è necessaria alcuna progettazione della topologia.
● Opzione IRT "Elevata performance":
È necessaria la progettazione della topologia.
Nota
IO Controller come master Sync nella comunicazione IRT con l'opzione "Elevata
performance"
Durante la progettazione della comunicazione IRT con l'opzione "Elevata performance" si
consiglia di utilizzare l'IO Controller anche come master Sync. Altrimenti in caso di guasto
del master Sync si può verificare un guasto agli IO Device progettati con RT e IRT.
Ulteriori informazioni
Maggiori informazioni sulla progettazione di dispositivi PROFINET sono contenute nella
Guida in linea di STEP 7 e nella Descrizione del sistema PROFINET
(http://support.automation.siemens.com/WW/view/it/19292127).
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
106
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
PROFINET
4.3 Avvio prioritario
4.3
Avvio prioritario
L'avvio prioritario indica la funzionalità PROFINET per l'accelerazione dell'avvio degli
IO Device (periferia decentrata) in un sistema PROFINET IO con comunicazione RT e IRT.
Questa funzione riduce il tempo impiegato dagli IO Device, appositamente progettati, per
rientrare nuovamente nello scambio ciclico dei dati utili nei seguenti casi:
● Dopo il ripristino dell'alimentazione di tensione (non per le CPU utilizzate come I Device
con avvio prioritario)
● Dopo il ripristino della stazione
● Dopo l'attivazione di IO Device
Nota
Tempi di avvio
Il tempo di avvio dipende dal numero e dal tipo di moduli.
Nota
Avvio prioritario e ridondanza del supporto
Non è possibile acquisire in una topologia ad anello con ridondanza del supporto un
IO Device con avvio prioritario.
Ulteriori informazioni
Maggiori informazioni sono disponibili nella Guida in linea di STEP 7 e nella Descrizione
del sistema PROFINET (http://support.automation.siemens.com/WW/view/it/19292127).
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
107
PROFINET
4.4 Sostituzione dispositivi senza supporto di memoria estraibile/PG
4.4
Sostituzione dispositivi senza supporto di memoria estraibile/PG
Gli IO Device che supportano questa funzione sono facilmente sostituibili:
● Non è necessario un supporto di memoria estraibile (ad es. SIMATIC Micro Memory
Card) con il nome del dispositivo memorizzato.
● Il nome del dispositivo non deve essere assegnato con il PG.
L'IO Device sostituito riceve il nome di dispositivo dall'IO Controller e non più dal supporto di
memoria estraibile o dal PG. L'IO Controller utilizza la topologia progettata e le correlazioni
con i nodi vicini rilevate dagli IO Device. La topologia progettata deve coincidere con quella
reale.
Prima di riutilizzare gli IO Device che erano già in uso occorre resettarli alle impostazioni di
fabbrica.
Ulteriori informazioni
Maggiori informazioni sono disponibili nella Guida in linea di STEP 7 e nella Descrizione del
sistema PROFINET (http://support.automation.siemens.com/WW/view/it/19292127).
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
108
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
PROFINET
4.5 Sostituzione di IO Device durante il funzionamento
4.5
Sostituzione di IO Device durante il funzionamento
Funzionalità di un dispositivo PROFINET. Se l'IO Controller e gli IO Device supportano
questa funzionalità, è possibile assegnare alla porta di un IO Device, tramite progettazione,
"porte partner alterne" di altri dispositivi in modo che attraverso questa porta sia possibile
comunicare con uno di questi IO Device alterni in un determinato momento. Fisicamente
deve essere collegato solo il dispositivo alterno con la porta alterna con la quale avviene la
comunicazione.
Nota
È possibile assegnare delle "porte partner alterne" alle porte di una CPU solo se si utilizza la
CPU come I Device. In funzionamento come IO Controller non è possibile.
Ulteriori informazioni
Maggiori informazioni sono disponibili nella Guida in linea di STEP 7 e nella Descrizione del
sistema PROFINET (http://support.automation.siemens.com/WW/view/it/19292127).
4.6
Sincronismo di clock
Dati di processo, ciclo di trasmissione tramite PROFINET IO e programma utente sono
sincronizzati tra loro per ottenere il massimo funzionamento deterministico. I dati di ingresso
e di uscita della periferia distribuita nell'impianto vengono rilevati ed emessi
simultaneamente. Il ciclo di clock è determinato dal ciclo PROFINET IO equidistante.
Nota
I seguenti componenti non possono essere utilizzati in sincronismo di clock:
• uno Shared Device
• un I Device nell'IO Controller di livello superiore
Nota
Limitazioni degli intervalli di trasmissione delle applicazioni in sincronismo di clock
Il sincronismo di clock è possibile per l'IM 151-8 PN/DP CPU a partire da un intervallo di
trasmissione ≥ 1 ms. A seconda della dimensione dei dati utili e della topologia può essere
necessario aumentare il fattore del ciclo dell'applicazione o l'intervallo di trasmissione per
soddisfare i requisiti temporali.
Ulteriori informazioni
Maggiori informazioni sono disponibili nella Guida in linea di STEP 7 e nella Descrizione del
sistema PROFINET (http://support.automation.siemens.com/WW/view/it/19292127).
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
109
PROFINET
4.7 I Device
4.7
I Device
La funzionalità "I Device" (IO Device intelligente) di un IM151-8 PN/DP CPU consente di
scambiare dati con un IO Controller e di utilizzare così l'IM151-8 PN/DP CPU ad es. come
unità di preelaborazione intelligente di processi parziali. In questo caso l'I Device ha il ruolo
di un IO Device ed è quindi collegato a un IO Controller "di livello superiore".
La preelaborazione è assicurata dal programma utente nell'IM151-8 PN/DP CPU con la
funzionalità "I Device". I valori di processo acquisiti a livello centrale o decentrato
(PROFINET IO o PROFIBUS DP) vengono preelaborati dal programma utente e messi a
disposizione della CPU di una stazione di livello superiore attraverso un'interfaccia
PROFINET IO Device.
Nota
Sincronismo di clock
Un I Device nell'IO Controller di livello superiore non può essere utilizzato in sincronismo di clock.
Combinazione di funzionalità
Una CPU utilizzata come I Device in un IO Controller "superiore" può a sua volta fungere da
IO Controller e quindi impiegare gli IO Device in una sottorete di livello inferiore.
Un I Device si può utilizzare anche come Shared Device.
Aree di trasferimento
IO Controller e I Device comunicano attraverso i sottomoduli progettati di un'area di
trasferimento. La trasmissione dei dati utili è coerente per quel che riguarda i sottomoduli.
Le aree di trasferimento si suddividono in due tipi:
● Le aree di trasferimento dell'applicazione costituiscono l'interfaccia per il trasferimento dei
dati utili tra l'IO Controller di livello superiore e il programma utente della CPU I Device.
Gli ingressi vengono elaborati nel programma utente e le uscite sono il risultato di
un'elaborazione nel programma utente.
● Le aree di trasferimento della periferia trasferiscono i dati dall'IO Controller di livello
superiore alla periferia o viceversa. I valori non vengono elaborati nell'I Device.
Particolarità dell'uso di aree di trasferimento della periferia
Per informazioni sul comportamento nell'IO Controller e nell'I Device in caso di interrupt di
processo, di allarmi di diagnostica e di estrazione/inserimento e in caso di diagnostica della
tensione di carico delle unità progettate nell'area di trasferimento della periferia di un
I Device consultare la Descrizione del sistema PROFINET, capitoli "Diagnostica e reazione
agli allarmi" e "Condizioni generali per l'utilizzo degli I Device".
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
110
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
PROFINET
4.8 Shared Device
Ulteriori informazioni
Maggiori informazioni sugli I Device e la loro progettazione sono contenute nella Guida in
linea di STEP 7 e nella Descrizione del sistema PROFINET
(http://support.automation.siemens.com/WW/view/it/19292127).
4.8
Shared Device
La funzionalità "Shared Device" consente di suddividere i sottomoduli di un IO Device tra
diversi IO Controller. Anche un I Device si può utilizzare come Shared Device.
Per poter utilizzare la funzione "Shared Device" gli IO Controller e lo Shared Device devono
trovarsi nella stessa sottorete Ethernet.
Gli IO Controller possono trovarsi in uno stesso progetto o in diversi progetti STEP 7.
Se si trovano nello stesso progetto STEP 7 la verifica della coerenza viene eseguita
automaticamente.
Nota
Gli Shared Device non possono essere utilizzati in sincronismo di clok.
Nota
Osservare che i moduli power e i moduli elettronici di un gruppo di potenziale di uno
Shared IO Device (ad es. ET 200S) devono essere assegnati allo stesso IO Controller per
poter diagnosticare un caduta della tensione di carico.
Ulteriori informazioni
Maggiori informazioni sugli Shared Device e la loro progettazione sono contenute nella
Guida in linea di STEP 7 e nella Descrizione del sistema PROFINET
(http://support.automation.siemens.com/WW/view/it/19292127).
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
111
PROFINET
4.9 Ridondanza del supporto
4.9
Ridondanza del supporto
Funzione per garantire la disponibilità della rete e degli impianti. I percorsi di trasmissione
ridondanti (topologia ad anello) garantiscono una via di comunicazione alternativa in caso di
guasto di un percorso di trasmissione.
Per gli IO Device, gli switch e le CPU da V3.2 è attivabile il protocollo per la ridondanza del
supporto (MRP) che rientra nella normalizzazione di PROFINET secondo la IEC 61158.
Configurazione di una topologia ad anello
Per realizzare una topologia ad anello con ridondanza del supporto è necessario unire
entrambe le estremità libere di una topologia di rete lineare di un apparecchio. Il
congiungimento della topologia lineare in un anello si esegue tramite due porte di un
dispositivo nell'anello (porte ad anello). Nell'IM 151-8 PN/DP CPU è possibile selezionare e
progettare due porte ad anello (porta 1 e porta 2).
Sull'unità le porte ad anello sono identificabili da una "R" dopo il numero di porta.
Nota
Comunicazione IRT/Avvio prioritario
La ridondanza del supporto non è supportata se si utilizza la comunicazione IRT o l'avvio
prioritario.
Ulteriori informazioni
Maggiori informazioni sono disponibili nella Guida in linea di STEP 7 e nella Descrizione del
sistema PROFINET (http://support.automation.siemens.com/WW/view/it/19292127).
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
112
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Sistema di memoria
5.1
Aree di memoria e ritenzione
5.1.1
Aree di memoria del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
5
Le tre aree di memoria del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Memoria di caricamento
La memoria di caricamento si trova nella SIMATIC Micro Memory Card e ha esattamente
le stesse dimensioni della SIMATIC Micro Memory Card. Permette di registrare blocchi di
codice e di dati così come i dati di sistema (configurazione, collegamenti, parametri dei
moduli ecc.). I blocchi non rilevanti per l'esecuzione vengono registrati solamente nella
memoria di caricamento. Inoltre è possibile memorizzare tutti i dati di progettazione di un
progetto sulla SIMATIC Micro Memory Card.
Nota
Il caricamento di programmi utente e quindi il funzionamento del modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU sono possibili solo se la SIMATIC Micro Memory Card è inserita nel
modulo.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
113
Sistema di memoria
5.1 Aree di memoria e ritenzione
Memoria di sistema
La memoria di sistema è integrata nel modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU e non è
espandibile.
Essa contiene quanto segue:
● Le aree degli operandi merker, temporizzatori e contatori
● Le immagini di processo degli ingressi e delle uscite
● I dati locali
Memoria di lavoro
La memoria di lavoro è integrata nel modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU e non è
espandibile. Permette di elaborare il codice e i dati del programma utente. Il programma
viene elaborato esclusivamente nell'area della memoria di lavoro e di sistema.
5.1.2
Ritenzione della memoria di caricamento, di sistema e di lavoro
Il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU è dotato di una memoria a ritenzione esente da
manutenzione, non è pertanto necessaria alcuna batteria tampone per il funzionamento. Il
contenuto di una memoria a ritenzione viene mantenuto anche in caso di alimentazione OFF
o di nuovo avviamento (avviamento a caldo).
Dati a ritenzione nella memoria di caricamento
Il programma nella memoria di caricamento è sempre a ritenzione. Il programma viene
memorizzato sulla SIMATIC Micro Memory Card già durante il caricamento in modo protetto
contro le interruzioni di rete non trasferibile.
Anche i dati di progettazione per le interfacce del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
vengono salvati in un SDB a ritenzione nella memoria di caricamento.
Dati a ritenzione nella memoria di sistema
Per i merker, i temporizzatori e i contatori si stabilisce con la progettazione (proprietà
dell'IM151-8 PN/DP CPU, scheda Ritenzione) quali parti debbano essere a ritenzione e
quali debbano essere inizializzate con "0" in caso di nuovo avviamento (a caldo).
Il contatore delle ore di esercizio si trova generalmente nell'area di memoria a ritenzione
del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU.
Nel buffer di diagnostica sono a ritenzione solo le ultime 100 registrazioni in caso di
RETE OFF/RETE ON.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
114
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Sistema di memoria
5.1 Aree di memoria e ritenzione
Dati a ritenzione nella memoria RAM
Il contenuto dei DB a ritenzione è generalmente a ritenzione in seguito al nuovo avviamento
e a RETE ON/RETE OFF. I blocchi dati a ritenzione possono essere caricati nella memoria
di lavoro fino al raggiungimento del limite max. di ritenzione di quest'ultima.
Il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU supporta anche DB che non sono a ritenzione.
Con il nuovo avviamento e con RETE OFF/RETE ON, i DB non a ritenzione vengono
inizializzati con i rispettivi valori iniziali ripresi dalla memoria di caricamento. I blocchi dati e i
blocchi di codice non a ritenzione possono essere caricati fino al raggiungimento del limite
max. della memoria di lavoro.
64 kbyte di memoria di lavoro del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU sono utilizzabili
per i blocchi dati a ritenzione.
Vedere anche
Proprietà della SIMATIC Micro Memory Card (Pagina 121)
5.1.3
Ritenzione degli oggetti nella memoria
Comportamento di ritenzione degli oggetti nella memoria
La tabella seguente mostra il comportamento di ritenzione degli oggetti nella memoria a ogni
singolo passaggio dello stato di funzionamento.
Tabella 5- 1
Comportamento di ritenzione degli oggetti nella memoria
Oggetto nella memoria
Programma/dati utente
(memoria di caricamento)
Passaggio dello stato di funzionamento
Alimentazione OFF/ON
STOP →
RUN
Cancellazione totale
X
X
X
Impostabile nelle proprietà dei DB in
–
Merker, temporizzatori e contatori
progettati a ritenzione
X
X
–
Buffer di diagnostica, contatore delle
ore di esercizio
X1
X
X
IP-Suite/Nome del dispositivo
dell'interfaccia PN
In funzione del tipo di
assegnazione dei
parametri dell'indirizzo
IP e del nome del
dispositivo.
X
In funzione del tipo di
assegnazione dei
parametri dell'indirizzo
IP e del nome del
dispositivo.
•
Comportamento di ritenzione dei
DB per il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU
STEP 7.
X = a ritenzione; – = non a ritenzione
1 In
caso di alimentazione OFF/ON, nel buffer di diagnostica sono a ritenzione solo le ultime 100
registrazioni.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
115
Sistema di memoria
5.1 Aree di memoria e ritenzione
Riferimenti
Per maggiori informazioni sull'assegnazione dei parametri dell'indirizzo IP e del nome del
dispositivo vedere il capitolo "Assegnazione dei parametri dell'indirizzo IP e del nome del
dispositivo (Pagina 145)".
Comportamento di ritenzione di un DB con il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Nel modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU è possibile impostare in STEP 7 o con
l'SFC 82 "CREA_DBL" (parametro ATTRIB -> bit NON_RETAIN) se in caso di
RETE OFF/RETE ON o RUN-STOP un DB deve
● mantenere i valori attuali (DB a ritenzione) oppure
● acquisire i valori iniziali dalla memoria di caricamento (DB non a ritenzione)
Tabella 5- 2
Comportamento di ritenzione dei DB con il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
In caso di RETE OFF/RETE ON o di nuovo avviamento del modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU il DB deve...
acquisire i valori iniziali
(DB non a ritenzione)
mantenere gli ultimi valori attuali
(DB a ritenzione)
Spiegazione:
Spiegazione:
In caso di RETE OFF/RETE ON e nuovo
avviamento (STOP-RUN) del modulo di
interfaccia IM151-8 PN/DP CPU i valori attuali
del DB non sono a ritenzione. Il DB acquisisce i
valori iniziali dalla memoria di caricamento.
In caso di RETE OFF/RETE ON e nuovo
avviamento (STOP-RUN) del modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU i valori attuali del DB
vengono mantenuti.
Presupposti in STEP 7:
Presupposti in STEP 7:
•
Nelle proprietà del blocco del DB è stata
attivata la casella di scelta "Non-Retain"
oppure
•
Nelle proprietà del blocco del DB è stata
disattivata la casella di scelta "Non-retain"
oppure
•
è stato creato un DB non a ritenzione con
l'SFC 82 "CREA_DBL" e il rispettivo attributo
di blocco (ATTRIB → bit NON_RETAIN).
•
è stato creato un DB a ritenzione con la SFC
82.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
116
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Sistema di memoria
5.1 Aree di memoria e ritenzione
5.1.4
Aree operandi della memoria di sistema
La memoria di sistema del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU è suddivisa in aree
operandi (vedere la tabella qui di seguito). Utilizzando le operazioni corrispondenti, si
indirizzano direttamente i dati nel proprio programma, nelle rispettive aree operandi.
Aree operandi della memoria di sistema
Tabella 5- 3
Aree operandi della memoria di sistema
Aree operandi
Descrizione
Immagine di processo degli
ingressi
All'inizio di ogni ciclo dell'OB 1 il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU legge gli ingressi dalle unità di ingresso e
memorizza i valori nell'immagine di processo degli ingressi.
Immagine di processo delle
uscite
Nel corso del ciclo, il programma calcola i valori delle uscite e li
memorizza nell'immagine di processo delle uscite. Alla fine del
ciclo dell'OB 1, il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
scrive i valori di uscita calcolati nelle unità di uscita.
Merker
Questa area mette a disposizione spazio di memoria per i risultati
intermedi calcolati nel programma.
Temporizzatori
In questa area sono disponibili i temporizzatori.
Contatori
In questa area sono disponibili i contatori.
Dati locali
Questa area di memoria registra i dati temporanei di un blocco di
codice (OB, FB, FC) per tutta la durata della sua elaborazione.
Blocchi dati
Vedere Ricette e archivi dei valori di misura
Riferimenti
Le aree di indirizzi ammesse dal modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU utilizzato sono
indicate nella Lista operazioni S7-300.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
117
Sistema di memoria
5.1 Aree di memoria e ritenzione
Immagine di processo degli ingressi e delle uscite
Se nel programma utente vengono indirizzate le aree operandi degli ingressi (E) e delle
uscite (A), non vengono interrogati gli stati di segnale sui moduli elettronici digitali ma si
accede a un'area della memoria di sistema del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU.
Questa area di memoria viene definita immagine di processo.
L'immagine di processo è divisa in due parti: l'immagine di processo degli ingressi e
l'immagine di processo delle uscite.
Vantaggi dell'immagine di processo
Rispetto all'accesso diretto alle unità di ingresso e uscita, l'accesso all'immagine di processo
ha il vantaggio di mettere a disposizione del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
un'immagine coerente dei segnali del processo per tutta la durata dell'elaborazione ciclica
del programma. Se lo stato di segnale di un'unità di ingresso varia durante l'elaborazione del
programma, lo stato del segnale viene mantenuto nell'immagine di processo fino
all'aggiornamento dell'immagine di processo nel ciclo successivo. L'accesso all'immagine di
processo, inoltre, richiede molto meno tempo dell'accesso diretto ai moduli elettronici perché
l'immagine di processo si trova nella memoria di sistema del modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU.
Aggiornamento dell'immagine di processo
L'immagine di processo viene aggiornata ciclicamente dal sistema operativo. La figura
seguente mostra i passi operativi all'interno di un ciclo.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
118
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Sistema di memoria
5.1 Aree di memoria e ritenzione
Immagine di processo impostabile
Per l'IM151-8 PN/DP CPU è possibile impostare liberamente in STEP 7 le dimensioni
dell'immagine di processo degli ingressi e delle uscite da 0 a 2048 byte.
In questo contesto osservare le seguenti avvertenze:
Nota
Al momento l'impostazione variabile dell'immagine di processo incide solo
sull'aggiornamento dell'immagine di processo nel punto di controllo del ciclo (vale a dire che
l'immagine di processo degli ingressi viene aggiornata fino alle dimensioni impostate della
IPI con i valori corrispondenti delle unità di ingresso di periferia presenti in questa area di
indirizzi ovvero che i valori dell'immagine di processo delle uscite vengono scritti fino al limite
impostato della IPU nelle unità di uscita di periferia presenti in questa area di indirizzi).
Per quanto riguarda i comandi di STEP 7 utilizzati che accedono all'immagine di processo
(ad es. U E100.0, L EW200, = A20.0, T AD150 o anche comandi corrispondenti di
indirizzamento indiretto) le dimensioni impostate per l'immagine di processo non vengono
considerate. Fino alla dimensione max. dell'immagine di processo (vale a dire il byte
E/A 2047), questi comandi non forniscono però nessun errore di accesso sincrono, ma
accedono soltanto all'area di memoria interna dell'immagine di processo sempre disponibile.
Lo stesso vale per l'utilizzo di parametri attuali di richiami di blocco dall'area E/A (area
dell'immagine di processo).
Osservare pertanto, soprattutto in caso di modifiche di questi limiti dell'immagine di
processo, quanti accessi nel programma utente hanno ancora luogo all'immagine di
processo tra dimensioni impostate e dimensione massima dell'immagine di processo. Se
hanno ancora luogo accessi di questo tipo significa ad es. che nel programma utente non
vengono più riconosciute le variazioni degli ingressi nel modulo di periferia o che le uscite
non vengono veramente scritte nell'unità di uscita senza che venga generato un messaggio
di errore.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
119
Sistema di memoria
5.1 Aree di memoria e ritenzione
Dati locali
I dati locali memorizzano quanto segue:
● Le variabili temporanee dei blocchi di codice
● L'informazione di start dei blocchi organizzativi
● Parametri di trasferimento
● Risultati intermedi
Variabili temporanee
Al momento della creazione di blocchi, è possibile dichiarare variabili temporanee (TEMP)
che siano disponibili solo durante l'elaborazione del blocco e che quindi vengano
sovrascritte. Questi dati locali hanno una lunghezza fissa per ciascun OB. Prima del primo
accesso in lettura, i dati locali devono essere inizializzati. Ogni blocco organizzativo, inoltre,
ha bisogno di 20 byte di dati locali per la sua informazione di start.
Il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU è dotato di memoria per le variabili temporali
(dati locali) dei blocchi appena elaborati. Le dimensioni di questa area di memoria sono
suddivise in parti uguali tra le classi di priorità. Ogni classe di priorità ha una propria area dei
dati locali.
CAUTELA
Tutte le variabili temporanee (TEMP) di un OB e i blocchi subordinati vengono memorizzati
nei dati locali. L'impiego di molti livelli di annidamento nell'elaborazione del blocco può
causare un overflow dell'area dei dati locali.
Se si superano le dimensioni consentite per i dati locali di una classe di priorità, il modulo di
interfaccia IM151-8 PN/DP CPU entra in stato di funzionamento STOP.
In questo caso, tenere in considerazione i dati locali necessari per gli OB di errore sincrono,
che vengono sempre assegnati alla rispettiva classe di priorità che ha causato l'errore.
Vedere anche
Ritenzione della memoria di caricamento, di sistema e di lavoro (Pagina 114)
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
120
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Sistema di memoria
5.1 Aree di memoria e ritenzione
5.1.5
Proprietà della SIMATIC Micro Memory Card
SIMATIC Micro Memory Card come modulo di memoria del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU utilizza come modulo di memoria una SIMATIC
Micro Memory Card. La MMC può essere utilizzata sia come memoria di caricamento che
come supporto dati mobile.
Nota
Per il funzionamento è necessario inserire la SIMATIC Micro Memory Card nel modulo di
interfaccia IM151-8 PN/DP CPU.
Nella SIMATIC Micro Memory Card vengono salvati i dati seguenti:
● Programma utente (tutti i blocchi)
● Archivi e ricette
● Dati di progettazione (progetti STEP 7)
● Dati per l'update del sistema operativo, backup del sistema operativo
Nota
In una SIMATIC Micro Memory Card si possono memorizzare o i dati utente e di
progettazione o il sistema operativo.
Proprietà della SIMATIC Micro Memory Card
La SIMATIC Micro Memory Card assicura l'assenza di manutenzione e la ritenzione per il
modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU.
Protezione da copia della SIMATIC Micro Memory Card
La SIMATIC Micro Memory Card possiede un numero di serie interno che la protegge dalla
copia a livello di utente. Questo numero di serie può essere letto nell'elenco parziale SZL
011CH, indice 8, con la SFC 51 "RDSYSST". Programmare ad es. un comando di STOP in
un blocco con protezione del know how nel caso in cui il numero di serie di riferimento della
SIMATIC Micro Memory Card non dovesse corrispondere a quello attuale.
Riferimenti
Ulteriori informazioni
● Per l'elenco parziale SZL consultare la Lista operazioni S7-300 o il manuale di riferimento
Funzioni standard e di sistema per S7-300/400
● Per la cancellazione totale del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU vedere il
capitolo Cancellazione totale del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU con il
selettore dei modi operativi.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
121
Sistema di memoria
5.2 Funzioni di memoria
Durata della SIMATIC Micro Memory Card
La durata di una SIMATIC Micro Memory Card dipende principalmente dai seguenti fattori:
1. Numero delle operazioni di cancellazione o programmazione
2. Influssi esterni come ad es. la temperatura ambiente.
Con una temperatura ambiente fino a 60 °C la SIMATIC Micro Memory Card consente max.
100.000 operazioni di cancellazione/scrittura.
CAUTELA
Per evitare la perdita di dati, assicurarsi sempre che il numero massimo di operazioni di
cancellazione e scrittura non venga superato.
Vedere anche
Ritenzione della memoria di caricamento, di sistema e di lavoro (Pagina 114)
Elementi di comando e visualizzazione del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
(Pagina 23)
5.2
Funzioni di memoria
5.2.1
In generale: funzioni di memoria
Funzioni di memoria
Le funzioni di memoria consentono di creare, modificare o cancellare interi programmi utente
o soltanto singoli blocchi. Inoltre è possibile garantire la ritenzione dei dati archiviando i
propri dati di progetto. Se si crea un nuovo programma utente, caricarlo completamente sulla
SIMATIC Micro Memory Card dal PG/PC.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
122
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Sistema di memoria
5.2 Funzioni di memoria
5.2.2
Caricamento del programma utente nel modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU tramite SIMATIC Micro Memory Card
Caricamento di un programma utente
Il programma utente può essere caricato completamente dal PG/PC nel modulo di
interfaccia IM151-8 PN/DP CPU utilizzando la SIMATIC Micro Memory Card. Il contenuto
precedente della SIMATIC Micro Memory Card viene cancellato. I blocchi all'interno della
memoria di caricamento occupano lo spazio specificato alla voce "Memoria di caricamento
necessaria" nelle "Proprietà generali dei blocchi".
Il grafico mostra la memoria di caricamento e di lavoro del modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU.
1:
se la memoria di lavoro non è del tutto a ritenzione, la parte non a ritenzione viene
visualizzata nello stato dell'unità di STEP 7 come memoria a ritenzione. Il programma si può
avviare soltanto dopo che tutti i blocchi sono stati caricati.
Nota
Questa funzione è consentita soltanto se il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU è in
STOP. Se il caricamento non si è concluso a causa di un guasto alla rete o di blocchi non
ammessi, la memoria di caricamento sarà vuota.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
123
Sistema di memoria
5.2 Funzioni di memoria
5.2.3
Gestione di blocchi
5.2.3.1
Codifica di blocchi
Avvertenze importanti
Nota
Blocchi di codice supportati
Con S7-Block Privacy è possibile criptare solo i blocchi funzionali (FB) e le funzioni (FC).
Una volta criptati, i blocchi non possono più essere rielaborati o controllati in STEP 7. Non
sono più possibili nemmeno funzioni di test e messa in servizio come ad es. il controllo del
blocco o i punti di arresto.
Presupposti
Il pacchetto di ampliamento "S7-Block Privacy" in dotazione con STEP 7 deve essere già
installato. Solo in questo modo è possibile criptare correttamente i blocchi.
Procedura generale
Per criptare i blocchi procedere come segue:
1. Selezionare il blocco desiderato (è possibile selezionarne più di uno) in Configurazione HW.
2. Fare clic con il tasto destro del mouse sul blocco da criptare e selezionare il comando
"S7-Block Privacy". Si apre la finestra di dialogo "Encode Block".
3. Specificare se debbano essere criptate anche le informazioni di ricompilazione.
Nota
Se si disattiva questa casella di controllo il blocco non potrà più essere ricompilato in
alcun caso!
4. Immettere un codice di almeno 12 caratteri in entrambi i campi. Accertarsi che il codice
venga conservato in un luogo sicuro. Avviare la codifica con il pulsante "OK".
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
124
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Sistema di memoria
5.2 Funzioni di memoria
Risultato: il blocco è stato criptato, come si vede dai simboli seguenti:
Blocco criptato ricompilabile
Blocco criptato non ricompilabile
Nota
Tempo di esecuzione dei comandi
Normalmente il tempo di esecuzione dei comandi si prolunga perché non è possibile
elaborare i blocchi criptati in modo ottimale. Il tempo di ciclo definitivo può essere
determinato solo con i blocchi criptati.
Nota
Tempi di esecuzione prolungati con RETE ON/cancellazione totale/download
Il tempo di avvio della CPU, il tempo necessario per la cancellazione totale e il tempo di
caricamento dei blocchi si possono prolungare in modo significativo.
Ulteriori informazioni
Maggiori informazioni sono contenute nella Guida in linea di STEP 7 nella sezione
"S7-Block Privacy".
5.2.3.2
Ricaricamento e sovrascrittura dei blocchi
Esistono due modi per ricaricare o sovrascrivere i blocchi utente:
● Ricaricamento di blocchi: è già stato creato un programma utente ed è stato caricato
sulla SIMATIC Micro Memory Card nel modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU.
Al programma utente vanno poi aggiunti nuovi blocchi. Non è necessario ricaricare
completamente il programma utente sulla SIMATIC Micro Memory Card ma è sufficiente
caricare a posteriori solo i nuovi blocchi (ciò consente di ridurre i tempi di caricamento
in caso di programmi particolarmente complessi).
● Sovrascrittura: in questo caso si modificano i blocchi del programma utente. Con il passo
successivo si sovrascrive il programma utente o si caricano solo i blocchi modificati dal
PG/PC nella SIMATIC Micro Memory Card.
AVVERTENZA
Nel caso della sovrascrittura dei blocchi/di un programma utente tutti i dati salvati nella
SIMATIC Micro Memory Card con lo stesso nome vanno persi.
Una volta caricato un blocco, il contenuto dei blocchi rilevanti per l'esecuzione viene
trasferito nella memoria di lavoro e quindi attivato.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
125
Sistema di memoria
5.2 Funzioni di memoria
5.2.3.3
Caricamento di blocchi nel PG
Al contrario della normale operazione di caricamento, in questo caso si caricano singoli
blocchi o un programma utente completo dal modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU nel
PG/PC. I blocchi hanno lo stesso contenuto dell'ultimo caricamento nel modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU. Fanno eccezione i blocchi dati rilevanti per l'esecuzione, per i quali
vengono trasferiti i valori attuali. Il trasferimento di blocchi o di un programma utente dal
modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU al PG con STEP 7 non influisce sull'occupazione
della memoria del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU.
5.2.3.4
Cancellazione di blocchi
In caso di cancellazione, il blocco viene cancellato dalla memoria di caricamento. La
cancellazione può essere eseguita in STEP 7 (i DB possono essere cancellati anche con
l'SFC 23 "DEL_DB") dal programma utente. Se questo blocco occupava spazio nella
memoria di lavoro, quest'ultimo viene abilitato.
5.2.3.5
Compressione di blocchi
La compressione consente di eliminare tutti gli spazi vuoti che si creano tra gli oggetti nella
memoria di caricamento e di lavoro in seguito a operazioni di caricamento e cancellazione.
In questo modo si rende disponibile spazio di memoria contiguo. La compressione è
possibile sia con il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU in STOP che in RUN.
5.2.3.6
Promming (RAM in ROM)
Con l'operazione Masterizza EPROM, i valori attuali dei blocchi dati vengono prelevati dalla
memoria di lavoro e trasferiti nella memoria di caricamento come nuovi valori iniziali dei DB.
Nota
Questa funzione è consentita soltanto se il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU è in
STOP. Se la funzione non ha potuto concludersi a causa del guasto della rete, la memoria di
caricamento sarà vuota.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
126
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Sistema di memoria
5.2 Funzioni di memoria
5.2.4
Cancellazione totale e riavviamento
Cancellazione totale
Dopo l'estrazione/inserimento della SIMATIC Micro Memory Card la cancellazione totale
ristabilisce le condizioni adeguate per eseguire un nuovo avviamento (a caldo) del modulo di
interfaccia IM151-8 PN/DP CPU. Con la cancellazione totale viene riconfigurata la gestione
della memoria del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU. Tutti i blocchi della memoria di
caricamento vengono mantenuti. Tutti i blocchi rilevanti per l'esecuzione vengono ripresi
nuovamente dalla memoria di caricamento nella memoria di lavoro, e soprattutto i blocchi
dati nella memoria di lavoro vengono inizializzati (riacquistano cioè il valore iniziale).
Nuovo avviamento (a caldo)
● Tutti i DB a ritenzione mantengono il valore attuale. I DB non a ritenzione riacquisiscono
i loro valori iniziali.
● Ogni M, Z, T a ritenzione mantiene il proprio valore.
● Tutti i dati utente non a ritenzione vengono inizializzati:
– M, Z, T, E, A con "0"
● Tutti i livelli di esecuzione ricominciano da capo.
● Le immagini di processo vengono cancellate.
Riferimenti
Vedere anche il capitolo Cancellazione totale del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
con il selettore dei modi operativi.
Vedere anche
Cancellazione totale del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU con il selettore dei modi
operativi (Pagina 158)
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
127
Sistema di memoria
5.2 Funzioni di memoria
5.2.5
Ricette
Introduzione
Per ricetta si intende una raccolta di dati utente. Un concetto semplice di ricetta si può
realizzare attraverso blocchi dati non rilevanti per l'esecuzione. Le ricette devono avere la
stessa struttura (lunghezza). Per ogni ricetta deve esserci un DB.
Fasi dell'elaborazione
La ricetta va memorizzata nella memoria di caricamento:
● I singoli set di dati delle ricette vengono creati con STEP 7 come DB non rilevanti per
l'esecuzione e caricati nel modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU. Le ricette
occupano quindi spazio solo nella memoria di caricamento e non in quella di lavoro.
Utilizzo dei dati delle ricette:
● La SFC 83 "READ_DBL" consente di leggere dal programma utente il set di dati della
ricetta attuale dal DB nella memoria di caricamento in un DB rilevante per l'esecuzione
nella memoria di caricamento. In questo modo la memoria di lavoro deve registrare
soltanto la quantità di dati di un set. Ora il programma utente può accedere ai dati della
ricetta attuale. Il grafico seguente mostra il trattamento dei dati delle ricette:
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
128
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Sistema di memoria
5.2 Funzioni di memoria
Memorizzazione di una ricetta modificata:
● Con la SFC 84 "WRIT_DBL" si possono riscrivere nella memoria di caricamento,
partendo dal programma utente, i set di dati nuovi o modificati di una ricetta generata nel
corso del programma. I dati così scritti nella memoria di caricamento non sono soggetti a
cancellazione totale e sono trasferibili. Per salvare i set di dati modificati (ricette) nel
PG/PC, è possibile caricarli e memorizzarli nel PG/PC come blocco unico.
Nota
Le funzioni di sistema attive dalla SFC 82 alla 84 (accessi in corso alla SIMATIC Micro
Memory Card) incidono fortemente sulle funzioni del PG (ad es. controllo blocco, controllo
variabile, caricamento del blocco, caricamento nel PG, apertura).
La performance tipica in questo caso (rispetto alle funzioni di sistema non attive) è ridotta
del fattore 10.
Nota
Per evitare la perdita di dati, assicurarsi sempre che il numero massimo di operazioni di
cancellazione e scrittura non venga superato.
CAUTELA
Il contenuto del modulo di una SIMATIC Micro Memory Card può perdere validità se si
estrae la scheda nel corso di un'operazione di scrittura. In questo caso sarà
eventualmente necessario cancellare la SIMATIC Micro Memory Card nel PG o
formattarla nel modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU.
Non estrarre mai la SIMATIC Micro Memory Card nello stato di funzionamento RUN ma
solo con RETE OFF o STOP del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU quando non
sono in corso accessi in scrittura al PG. Se in STOP non si è in grado di stabilire se
sono in corso accessi in scrittura al PG (ad es. caricamento o cancellazione di un
blocco), interrompere prima i collegamenti di comunicazione.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
129
Sistema di memoria
5.2 Funzioni di memoria
5.2.6
Archivi dei valori di misura
Introduzione
Durante l'elaborazione del programma utente da parte del modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU vengono generati valori di misura. Questi valori di misura devono
essere archiviati e valutati.
Fasi dell'elaborazione
Raccolta dei valori di misura:
● In un DB (per modo buffer alternato in diversi DB), il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU raccoglie i valori di misura nella memoria di lavoro.
Archiviazione dei valori di misura:
● Con la SFC 84 "WRIT_DBL" è possibile trasferire i valori di misura dal programma utente
nei DB nella memoria di caricamento prima che il volume dei dati superi la capacità della
memoria di lavoro. Il grafico seguente mostra il trattamento degli archivi dei valori di
misura:
● La SFC 82 "CREA_DBL" consente di creare dal programma utente nuovi (ulteriori) DB
nella memoria di caricamento, realizzandoli come DB non rilevanti per l'esecuzione e che
non occupano spazio nella memoria di lavoro.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
130
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Sistema di memoria
5.2 Funzioni di memoria
Riferimenti
Per maggiori informazioni sul blocco SFC 82 consultare il manuale di riferimento Funzioni
standard e di sistema per S7-300/400 o richiamare direttamente la Guida in linea a STEP 7.
Nota
Se nella memoria di caricamento e/o di lavoro esiste già un DB con lo stesso numero,
la SFC 82 si conclude e viene generato un messaggio di errore.
I dati così scritti nella memoria di caricamento non sono soggetti a cancellazione totale e
sono trasferibili.
Valutazione dei valori di misura:
● I blocchi dati dei valori di misura salvati nella memoria di caricamento possono essere
caricati e analizzati da altri partner della comunicazione (ad es. PG, PC...).
Nota
Le funzioni di sistema attive dalla SFC 82 alla 84 (accessi in corso alla SIMATIC Micro
Memory Card) incidono fortemente sulle funzioni del PG (ad es. controllo blocco,
controllo variabile, caricamento del blocco, caricamento nel PG, apertura).
La performance tipica in questo caso (rispetto alle funzioni di sistema non attive) è ridotta
del fattore 10.
Nota
Con il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU è possibile creare anche DB non a
ritenzione (parametro ATTRIB → bit NON_RETAIN) utilizzando l'SFC 82.
Nota
Per evitare la perdita di dati, assicurarsi sempre che il numero massimo di operazioni di
cancellazione e scrittura non venga superato.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
131
Sistema di memoria
5.2 Funzioni di memoria
5.2.7
Salvataggio di dati del progetto su SIMATIC Micro Memory Card
Funzioni
Con le funzioni Salva progetto sulla memory card e Carica progetto dalla memory card è
possibile salvare i dati completi di un progetto su una SIMATIC Micro Memory Card e
prelevarli da questa per un utilizzo successivo. La SIMATIC Micro Memory Card può trovarsi
nel modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU o nella scheda di programmazione di un
PG/PC.
I dati del progetto vengono compressi prima di essere salvati nella SIMATIC Micro Memory
Card e decompressi nel momento in cui vengono prelevati.
Nota
Nella Micro Memory Card vanno eventualmente memorizzati, oltre ai dati del progetto,
anche i dati utente. Scegliere quindi fin da subito una SIMATIC Micro Memory Card con uno
spazio di memoria sufficiente.
Se la capacità di memoria della SIMATIC Micro Memory Card non dovesse essere
sufficiente, viene visualizzato un opportuno messaggio.
Le dimensioni dei dati del progetto da memorizzare corrispondono alle dimensioni del file di
archivio del progetto.
Nota
Per motivi tecnici, il comando Salva progetto nella memory card consente di trasferire
soltanto l'intero contenuto (programma utente e dati del progetto).
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
132
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Montaggio e collegamento
6.1
6
Contenuto
Dove si trovano quali informazioni?
Informazioni complete sul montaggio e il collegamento di un ET 200S si trovano nei capitoli
corrispondenti nelle istruzioni operative Sistema di periferia decentrata ET 200S.
Nei capitoli seguenti sono descritte le differenze e le particolarità per la configurazione di un
ET 200S con il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU.
6.2
Montaggio del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Introduzione
Il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU collega l'ET 200S a PROFINET.
Presupposti
La guida profilata deve essere già montata.
Procedimento
1. Montare il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU.
2. Montare i moduli terminali necessari.
Nota
Rispettare la sequenza di montaggio
Se si intende ampliare il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU con un modulo
master DP opzionale, occorre innanzitutto montare il modulo master DP e in seguito i
moduli terminali necessari.
3. Montare il modulo di chiusura.
Ulteriori informazioni
La descrizione del montaggio è contenuta nelle istruzioni operative Sistema di periferia
decentrata ET 200S (http://support.automation.siemens.com/WW/view/it/1144348).
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
133
Montaggio e collegamento
6.3 Collegamento del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
6.3
Collegamento del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Introduzione
Al modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU si collegano la tensione di alimentazione e
PROFINET IO. L'IM151-8 PN/DP CPU è dotato di uno switch PROFINET interno. Questo
consente di collegare direttamente PROFINET in cascata o di collegare direttamente un
ulteriore IO Device (ad es. ET 200S con IM151-3 PN).
Per configurare una topologia ad anello con ridondanza del supporto si utilizzano le porte ad
anello P1 R e P2 R. Alla porta P3 si possono collegare ulteriori IO Device che tuttavia non
sono compresi nel dominio della ridondanza.
①
②
③
Connessione per PROFINET IO (prese RJ45, 3 porte)
P1 R, P2 R: porta per la configurazione di una topologia ad anello con ridondanza
del supporto
Supporto cavi
Collegamento per la tensione di alimentazione
CAUTELA
PROFINET
Le unità con interfacce PROFINET possono essere collegate solo alle reti LAN (Local Area
Network) nelle quali tutti i nodi connessi dispongono di alimentatori SELV/PELV (o sono
protetti in modo equivalente).
Per il collegamento alla WAN (Wide Area Network) è prescritto un punto di trasmissione
dati (ad es. un modem) che garantisca la stessa sicurezza.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
134
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Montaggio e collegamento
6.3 Collegamento del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Presupposti
● Il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU è montato sulla guida profilata.
● Procedere al cablaggio del modulo di interfaccia dopo aver disinserito la tensione di
alimentazione.
Strumenti necessari
Industrial Ethernet Fast Connect Stripping Tool (6GK1901-1GA00)
(strumento per la spelatura dei cavi di installazione Industrial Ethernet Fast Connect)
Alimentatore
Per l'alimentazione di tensione sono consentiti solo alimentatori di rete di tipo SELV/PELV
con bassa tensione funzionale a separazione elettrica sicura (≤ DC 60 V).
Accessori necessari
● Conduttore con 2,5 mm2 sezione del conduttore per la tensione di alimentazione
● Connettore PROFINET secondo le definizioni nella Installation Guide PROFINET
Sono adatti:
Connettore PROFINET RJ45
con tecnica di collegamento
Fast Connect, uscita cavo 90°
6GK1901-1BB20-2AA0
● Cavi di installazione Industrial Ethernet Fast Connect
Sono adatti:
Fast Connect Standard Cable
6XV1840-2AH10
Fast Connect Trailing Cable
6XV1840-3AH10
Fast Connect Marine Cable
6XV1840-4AH10
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
135
Montaggio e collegamento
6.3 Collegamento del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Montaggio del connettore PROFINET
Montare il connettore PROFINET seguendo le istruzioni della Installation Guide PROFINET.
La Direttiva PROFINET Cabling and Interconnection Technology, Version 1.99 può essere
consultata nel sito PROFINET (http://www.profinet.com) nell'area Download.
Assegnazione dei pin del connettore RJ45
Vista della presa RJ45
Morsetto
Assegnazione
1
RD (Receive Data +)
2
RD_N (Receive Data –)
3
TD (Transmit Data +)
4
Ground
5
Ground
6
TD_N (Transmit Data –)
7
Ground
8
Ground
Collegamento di PROFINET IO
PROFINET IO si collega nel modo seguente:
1. Inserire il connettore PROFINET nell'interfaccia X1 P1 PROFINET.
2. Fissare saldamente il cavo PROFINET al relativo supporto.
Lo switch integrato consente il collegamento in cascata di PROFINET IO.
Se necessario, è possibile collegare le connessioni PROFINET X1 P2 e X1 P3 con ulteriori
IO Device.
Collegamento della tensione di alimentazione
La tensione viene alimentata attraverso un connettore. Al momento della fornitura questo
connettore è inserito sulla connessione per l'alimentazione di tensione sul modulo di
interfaccia IM151-8 PN/DP CPU.
Il connettore consente di collegare la tensione di alimentazione in continuità.
L'assegnazione del connettore è la seguente:
①
②
③
④
DC 24 V (rosso)
Massa (blu)
Massa (blu)
DC 24 V (rosso)
La tensione di alimentazione si collega nel modo seguente:
1. Spelare i conduttori per la tensione di alimentazione per 10 mm.
2. Inserire i singoli conduttori nel morsetto a molla (aperture circolari) del connettore.
3. Inserire il connettore cablato nella connessione DC 24 V sul modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU.
4. Predisporre uno scarico del tiro sufficiente.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
136
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Montaggio e collegamento
6.4 Montaggio e collegamento del modulo master DP
6.4
Montaggio e collegamento del modulo master DP
Se si vuole ampliare il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU con un modulo
master DP opzionale è possibile utilizzare il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
come master DP. Al modulo master DP si collega PROFIBUS DP.
Presupposti
● La guida profilata è montata (vedere in merito le istruzioni operative Sistema di periferia
decentrata ET 200S (http://support.automation.siemens.com/WW/view/it/1144348)).
● Il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU è montato sulla guida profilata (vedere il
capitolo Montaggio del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU (Pagina 133)).
Nota
I moduli terminali necessari possono essere montati solo dopo aver montato il modulo
master DP.
Montaggio del modulo master DP
1. Posizionare il modulo master DP nella guida profilata alla destra del modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU.
2. Far ruotare all'indietro il modulo master DP fino a farlo scattare in posizione.
3. Spostare il modulo master DP verso sinistra fino a quando si avverte che scatta in
posizione nel modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU.
Figura 6-1
Montaggio del modulo master DP
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
137
Montaggio e collegamento
6.4 Montaggio e collegamento del modulo master DP
Collegamento di PROFIBUS DP
PROFIBUS DP si collega nel modo seguente:
● Utilizzare un cavo PROFIBUS preconfezionato.
● Inserire il connettore di bus nella presa X1 sul modulo master DP.
● Avvitare il connettore di bus alla presa.
Assegnazione dei pin del connettore di bus:
Rappresentazione della presa
Interfaccia RS 485
Morsetto
Segnale
Descrizione
1
–
–
2
–
–
3
RxD/TxD-P
Linea dati B
4
RTS
Request To Send
5
M5V2
Potenziale di riferimento dei dati
(della stazione)
6
P5V2
Positivo dell'alimentazione
(della stazione)
7
–
–
8
RxD/TxD-N
Linea dati A
9
–
–
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
138
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
7
Indirizzamento
7.1
Indirizzamento dei moduli di periferia
7.1.1
Indirizzamento dei moduli della periferia centrale tramite posto connettore
Indirizzamento tramite posto connettore
L'indirizzamento tramite posto connettore è possibile soltanto per la periferia centrale del
modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU. Se il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
viene avviato senza che sia caricata una progettazione, per default i moduli di periferia
vengono indirizzati tramite posto connettore.
In funzione del tipo di modulo di periferia si tratta di un indirizzo analogico o digitale
impostato per default (vedere la tabella sottostante).
Figura 7-1
Configurazione dell'area di indirizzi impostata per default
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
139
Indirizzamento
7.1 Indirizzamento dei moduli di periferia
Assegnazione dei posti connettore
La figura seguente mostra la configurazione di un ET 200S con moduli elettronici digitali e
analogici, moduli tecnologici e relativa assegnazione dei posti connettore.
Figura 7-2
Posti connettore nell'ET 200S
Assegnazione di indirizzi
Nelle aree di indirizzi del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU, per ciascuno dei max.
63 moduli di periferia sono riservati, a seconda del posto connettore, 1 byte per la periferia
digitale e 16 byte per la periferia analogica, i moduli tecnologici, 4 IQ-SENSE e gli avviatori
motore High Feature.
Per quanto concerne l'indirizzamento tramite posto connettore, la tabella seguente mostra
l'assegnazione di default degli indirizzi ai moduli analogici e digitali per ciascun posto
connettore.
Tabella 7- 1
Assegnazione di default degli indirizzi ai moduli della periferia centrale in un ET 200S
con IM151-8 PN/DP CPU
Area di indirizzi riservata
Numero posto connettore
1
4
5
6
7
8
…
66
-
1
2
3
4
…
62
Moduli analogici,
moduli tecnologici,
4 IQ-SENSE,
moduli 8DI e 8DO,
avviatori motore High
Feature
-
272
...
287
288
...
303
304
...
319
320
...
335
…
1248
...
1263
Moduli power 2
256
272
288
304
320
…
1248
Moduli digitali
(eccetto i moduli 8DI,
8DO),
avviatori motore
2
3
IM151-8
PN/DP CPU 1
1
Con X1 P1 / P2 / P3 come interfaccia PROFINET e X1 come interfaccia DP
2
Indirizzi di diagnostica (nessun dato utile)
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
140
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Indirizzamento
7.1 Indirizzamento dei moduli di periferia
Nota
Nell'assegnazione di default degli indirizzi i seguenti moduli digitali vengono trattati come
moduli analogici o moduli TF:
• 6ES7131-4BF00-0AA0
• 6ES7131-4BF50-0AA0
• 6ES7132-4BF00-0AA0
• 6ES7132-4BF00-0AB0
• 6ES7132-4BF50-0AA0
• 6ES7131-4RD00-0AB0
• 6ES7131-4RD02-0AB0
Esempio di assegnazione di indirizzi tramite posto connettore ai moduli di periferia
La figura seguente mostra un esempio di configurazione di un ET 200S e di assegnazione
degli indirizzi ai moduli di periferia. Gli indirizzi dei moduli di periferia sono predefiniti
nell'indirizzamento di default.
Figura 7-3
Esempio di assegnazione di indirizzi ai moduli di periferia
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
141
Indirizzamento
7.1 Indirizzamento dei moduli di periferia
7.1.2
Indirizzamento libero dei moduli di periferia
Indirizzamento libero
L'indirizzamento libero dei moduli è possibile sia nella periferia centrale che decentrata.
Indirizzamento libero significa la scelta libera di
● indirizzi di ingresso dei moduli e
● indirizzi di uscita dei moduli
nell'area da 0 a 2047 byte per byte e indipendentemente gli uni dagli altri. L'assegnazione
degli indirizzi viene eseguita in STEP 7, definendo l'indirizzo iniziale del modulo sul quale si
basano successivamente tutti gli altri indirizzi dello stesso.
Figura 7-4
Configurazione dell'area di indirizzi in caso di indirizzamento libero
Nota
Per utilizzare apparecchiature da campo PROFIBUS DP o PROFINET IO, è necessario
eseguire sempre la progettazione hardware in Configurazione HW di STEP 7. Viene così
adottato automaticamente l'indirizzamento libero di moduli e unità e non esiste un
indirizzamento fisso dei posti connettore.
Vantaggio
Vantaggi dell'indirizzamento libero
● Le aree di indirizzi disponibili possono essere utilizzate in modo ottimale in quando non
rimangono "spazi vuoti di indirizzi" tra i moduli.
● Quando si crea un software standard è possibile indicare indirizzi che non dipendono
dalla configurazione della rispettiva stazione ET 200S.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
142
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Indirizzamento
7.2 Indirizzamento in PROFIBUS DP
7.2
Indirizzamento in PROFIBUS DP
Panoramica
Prima di poter indirizzare la periferia decentrata dal programma utente occorre procedere
alla messa in servizio dei rispettivi slave DP in PROFIBUS DP.
La messa in servizio comprende, tra l'altro,
● l'assegnazione di indirizzi PROFIBUS agli slave DP
● l'assegnazione delle aree di indirizzi alle unità di ingresso/uscita e agli slot di livello
inferiore per consentirne l'indirizzamento dal programma utente. Agli slot senza dati utili
viene assegnato un indirizzo di diagnostica.
Per maggiori informazioni sulla messa in servizio del modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU con il modulo master DP come master DP consultare il capitolo Messa
in servizio di PROFIBUS DP.
Indirizzamento libero della periferia decentrata PROFIBUS
Per la periferia decentrata PROFIBUS DP occorre utilizzare l'indirizzamento libero.
Per informazioni in merito consultare il capitolo Indirizzamento libero dei moduli di periferia.
Indirizzamento di aree di dati utili coerenti
La tabella seguente mostra gli aspetti da tenere in considerazione per la comunicazione in
un sistema master PROFIBUS DP per trasferire le aree E/A con la coerenza "Lunghezza
complessiva".
Per una coerenza dei dati da 1 a 32 byte in PROFIBUS DP vale quanto segue:
Se l'area di indirizzi dei dati coerenti si trova nell'immagine di processo, viene aggiornata
automaticamente.
Per la lettura e la scrittura di dati coerenti è possibile anche utilizzare l'SFC 14 "DPRD_DAT" e
l'SFC 15 "DPWR_DAT". Se l'area di indirizzi dei dati coerenti si trova fuori dell'immagine di processo,
per la lettura e la scrittura di dati coerenti è necessario utilizzare le SFC 14 e 15.
Per l'accesso alle aree con coerenza "Lunghezza complessiva", la lunghezza dell'SFC deve
corrispondere a quella dell'area parametrizzata.
Inoltre è possibile accedere direttamente alle aree dei dati coerenti (ad es. L PEW o T PAW).
Nel sistema PROFIBUS DP è possibile trasferire al massimo 32 byte di dati coerenti.
Vedere anche
Messa in servizio dell'IM151-8 PN/DP CPU con modulo master DP come master DP
(Pagina 174)
Indirizzamento libero dei moduli di periferia (Pagina 142)
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
143
Indirizzamento
7.3 Indirizzamento in PROFINET IO
7.3
Indirizzamento in PROFINET IO
7.3.1
Indirizzamento in PROFINET IO
Panoramica
Prima di poter indirizzare la periferia decentrata dal programma utente in PROFINET IO
occorre procedere alla messa in servizio dei rispettivi IO Device in PROFINET.
La messa in servizio comprende, tra l'altro,
● l'assegnazione delle aree di indirizzi alle unità di ingresso/uscita e agli slot/slot di livello
inferiore per consentirne l'indirizzamento dal programma utente Agli slot senza dati utili
viene assegnato un indirizzo di diagnostica.
● la definizione del numero e del nome di dispositivo per gli IO Device
● l'assegnazione dei nomi di dispositivo agli IO Device in modo che il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU, in funzione di IO Controller, possa assegnare agli IO Device un
indirizzo IP per consentire la comunicazione con gli stessi.
Nota
Assegnazione del nome agli IO Device per la "Sostituzione dispositivi senza supporto di
memoria estraibile"
Se in Configurazione HW è stata parametrizzata la funzione "Sostituzione dispositivi
senza supporto di memoria estraibile" la sostituzione di IO Device in caso di guasto può
essere effettuata anche senza che l'utente effettui l'assegnazione del nome. In questo
caso è necessario resettare l'IO Device allo stato di fornitura.
Nota
Parametri dell'indirizzo IP/nome del dispositivo acquisiti in altro modo (CPU PN)
• Parametri dell'indirizzo IP / nome del dispositivo tramite DCP:
i parametri dell'indirizzo IP / il nome del dispositivo vengono assegnati tramite DCP
(Discovery and Configuration Protocol). L'assegnazione può avvenire in due modi:
- attraverso un tool di setup come PST o STEP 7 ad es. tramite "Modifica nodo
Ethernet"
- attraverso un Controller di livello superiore, se la CPU viene utilizzata come I Device.
• Parametri dell'indirizzo IP / nome del dispositivo attraverso il programma utente:
l'assegnazione dei parametri dell'indirizzo IP e/o del nome del dispositivo avviene nel
programma utente della CPU (tramite l'SFB 104).
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
144
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Indirizzamento
7.3 Indirizzamento in PROFINET IO
Riferimenti
● Altre opzioni per l'assegnazione dell'indirizzo IP sono disponibili nel capitolo
Assegnazione dei parametri dell'indirizzo IP e del nome del dispositivo (Pagina 145)
● Per maggiori informazioni sulla messa in servizio del modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU come IO Controller consultare il capitolo Messa in servizio di
PROFINET IO (Pagina 181).
Indirizzamento libero della periferia PROFINET decentrata
Per la periferia decentrata PROFINET IO occorre utilizzare l'indirizzamento libero.
Per informazioni in merito consultare il capitolo Indirizzamento libero dei moduli di periferia
(Pagina 142).
Indirizzamento di aree di dati utili coerenti
La tabella seguente mostra gli aspetti da tenere in considerazione per la comunicazione in
un sistema PROFINET IO per trasferire le aree E/A con la coerenza "Lunghezza
complessiva".
Per una coerenza dei dati da 1 a 1024 byte in PROFINET IO vale quanto segue:
Se l'area di indirizzi dei dati coerenti si trova nell'immagine di processo, viene aggiornata
automaticamente.
Per la lettura e la scrittura di dati coerenti è possibile anche utilizzare l'SFC 14 "DPRD_DAT" e
l'SFC 15 "DPWR_DAT". Se l'area di indirizzi dei dati coerenti si trova fuori dell'immagine di processo,
per la lettura e la scrittura di dati coerenti è necessario utilizzare le SFC 14 e 15.
Per l'accesso alle aree con coerenza "Lunghezza complessiva", la lunghezza dell'SFC deve
corrispondere a quella dell'area parametrizzata.
Inoltre è possibile accedere direttamente alle aree dei dati coerenti (ad es. L PEW o T PAW).
Nel sistema PROFINET IO è possibile trasferire al massimo 1024 byte di dati coerenti.
7.3.2
Assegnazione dei parametri dell'indirizzo IP e del nome del dispositivo
Parametri dell'indirizzo IP / nome del dispositivo
Come ogni altro dispositivo PROFINET, per comunicare tramite PROFINET anche la CPU
(o la relativa interfaccia PN) richiede i parametri dell'indirizzo IP e un nome di dispositivo.
I parametri dell'indirizzo IP sono costituiti da tre elementi:
● Indirizzo IP
● Maschera di sottorete
● Indirizzo del router
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
145
Indirizzamento
7.3 Indirizzamento in PROFINET IO
Ritenzione dei parametri dell'indirizzo IP e del nome del dispositivo
La ritenzione dei parametri dell'indirizzo IP e del nome del dispositivo dipende da come ha
luogo l'assegnazione. Assegnazione temporanea non a ritenzione significa:
● I parametri dell'indirizzo IP e il nome del dispositivo sono validi solo fino al successivo
RETE OFF o alla cancellazione totale della CPU. Dopo il RETE OFF/RETE ON o la
cancellazione totale, la CPU è ancora accessibile soltanto tramite l'indirizzo MAC.
● Il caricamento di un indirizzo IP temporaneo cancella anche i parametri dell'indirizzo IP
salvati a ritenzione.
Assegnazione dei parametri dell'indirizzo IP e del nome di dispositivo
L'assegnazione dei parametri dell'indirizzo IP e del nome del dispositivo può avvenire nei
seguenti modi:
Assegnazione dei parametri dell'indirizzo IP e del nome di dispositivo
Ritenzione
Metodo standard:
I dati sono a
ritenzione:
Assegnazione fissa in
STEP 7
Assegnazione fissa con
l'impostazione "Acquisisci
indirizzo IP in altro modo /
Acquisisci nome dispositivo
in altro modo"
Assegnazione temporanea
in STEP 7
I parametri dell'indirizzo IP / il nome del dispositivo vengono
assegnati in modo fisso durante la progettazione in STEP 7. Con il
caricamento della progettazione nella CPU i parametri dell'indirizzo
IP / il nome del dispositivo vengono memorizzati anche a ritenzione
nella CPU.
I parametri dell'indirizzo IP/ il nome del dispositivo vengono
assegnati tramite DCP (Discovery and Configuration Protocol):
•
attraverso un tool di setup come PST o in STEP 7
ad es. tramite "Modifica nodo Ethernet".
•
Tramite un IO Controller di livello superiore se
l'IM 151-8 PN/DP CPU opera come I Device con avvio
prioritario.
I parametri dell'indirizzo IP/ il nome del dispositivo vengono
assegnati tramite DCP (Discovery and Configuration Protocol):
•
in caso di RETE
OFF /RETE ON
•
dopo la
cancellazione
totale
•
dopo la
cancellazione della
progettazione
(SDB)
•
dopo la rimozione
della MMC
I dati non sono a
ritenzione.
Con assegnazione automatica dell'indirizzo IP tramite "Nodi
accessibili" in STEP 7, se la CPU non ha ancora un indirizzo IP.
Assegnazione temporanea
con l'impostazione
"Acquisisci indirizzo IP in
altro modo / Acquisisci
nome dispositivo in altro
modo"
I parametri dell'indirizzo IP/ il nome del dispositivo vengono
assegnati tramite DCP (Discovery and Configuration Protocol):
Assegnazione nel
programma utente
I parametri dell'indirizzo IP/ il nome del dispositivo vengono
assegnati nel programma utente tramite l'SFB 104. La ritenzione
dei parametri dell'indirizzo IP/ del nome del dispositivo può essere
definita nel relativo set di dati dei parametri.
•
•
In caso di assegnazione del parametro dell'indirizzo IP / del
nome del dispositivo mediante un Controller di livello superiore,
se l'I Device non viene utilizzato con avvio prioritario.
Ritenzione secondo le
definizioni nel set di
dati dei parametri
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
146
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Indirizzamento
7.3 Indirizzamento in PROFINET IO
Reset dei parametri dell'indirizzo IP e del nome del dispositivo a ritenzione
È possibile resettare i parametri dell'indirizzo IP e il nome del dispositivo a ritenzione nel
seguente modo:
● Attraverso "Resetta alle impostazioni di fabbrica" (reset allo stato di fornitura)
● Attraverso l'aggiornamento del firmware
Nota
• L'assegnazione temporanea dei parametri dell'indirizzo IP / del nome del dispositivo
causa il reset dei parametri dell'indirizzo IP / del nome del dispositivo salvati
eventualmente a ritenzione.
• In caso di assegnazione fissa dei parametri dell'indirizzo IP / del nome del dispositivo,
i parametri precedentemente salvati a ritenzione vengono sostituiti dai nuovi parametri
assegnati.
Nota
Riutilizzo dei dispositivi
Eseguire "Resetta alle impostazioni di fabbrica" (reset allo stato di fornitura) prima di
montare un dispositivo con parametri dell'indirizzo IP / nome del dispositivo a ritenzione
in altre sottoreti / impianti o di depositarlo in magazzino.
Riferimenti
Per maggiori informazioni sull'assegnazione dell'indirizzo IP nell'I Device consultare la
Guida in linea a STEP 7.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
147
Indirizzamento
7.3 Indirizzamento in PROFINET IO
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
148
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Messa in servizio
8.1
8
Panoramica
Questo capitolo indica quali precauzioni adottare durante la messa in servizio per tutelare
l'incolumità del personale ed evitare danni alle apparecchiature.
Nota
Poiché la fase di messa in servizio dipende in larga misura dall'applicazione specifica, in
questo contesto possiamo fornire soltanto avvertenze generali. Non si garantisce quindi che
la rappresentazione sia completa.
Riferimenti
Attenersi alle istruzioni per la messa in servizio indicate nelle descrizioni delle parti
dell'impianto e delle apparecchiature impiegate.
8.2
Procedimento di messa in servizio
8.2.1
Procedimento: messa in servizio dell'hardware
Requisiti hardware
● L'ET 200S è montato
● L'ET 200S è cablato
Con l'ET 200S collegato in rete, nelle interfacce
● PROFINET
– l'interfaccia PROFINET integrata del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU è
stata progettata con STEP 7 (l'indirizzo IP e il nome del dispositivo sono impostati ad
es. con Configurazione HW)
– il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU è stato collegato alla sottorete.
● PROFIBUS (sul modulo master DP opzionale)
– è stato impostato l'indirizzo PROFIBUS
– sono state attivate le resistenze terminali nei limiti dei segmenti
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
149
Messa in servizio
8.2 Procedimento di messa in servizio
Procedimento consigliato: hardware
Considerata la struttura modulare e le numerose possibilità di ampliamento, la
configurazione di un ET 200S può risultare molto complessa. Per questo motivo si sconsiglia
il primo avviamento con tutti i moduli inseriti. Si consiglia invece una messa in servizio
graduale.
Per la prima messa in servizio di un ET 200S si consiglia il procedimento seguente:
Tabella 8- 1
Procedimento consigliato per la messa in servizio: hardware
Attività
Osservazioni
Per informazioni in merito
consultare il capitolo:
Controllare il montaggio e il
cablaggio secondo la lista di
controllo
-
Lista di controllo per la messa
in servizio
Interrompere il collegamento con In questo modo si evita che gli errori di programma si
azionamenti e organi attuatori
ripercuotano sull'impianto.
-
Suggerimento: facendo passare l'emissione delle
uscite per un blocco dati, è possibile controllare in
ogni momento lo stato delle uscite.
Preparare l'IM151-8 PN/DP CPU Collegare il PG
Collegamento del dispositivo
di programmazione (PG)
Procedere alla messa in servizio
dell'alimentatore e dell'ET 200S
con l'IM151-8 PN/DP CPU e
controllare i LED
Mettere in servizio l'alimentatore e l'ET 200S con il
modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU inserito.
Prima accensione
Controllare i LED del modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU.
Test, diagnostica ed
eliminazione dei guasti
Eseguire la cancellazione totale
dell'IM151-8 PN/DP CPU e
controllare i LED
-
Cancellazione totale del
modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU con il
selettore dei modi operativi
Mettere in servizio i restanti
moduli
Inserire i moduli secondo la progettazione e
procedere alla messa in servizio.
Istruzioni operative ET 200S
PERICOLO
Procedere per gradi. Eseguire un'operazione solo dopo aver concluso l'operazione
precedente senza errori/messaggi di errore.
Riferimenti
Informazioni importanti sono riportate anche nel capitolo Test, diagnostica ed eliminazione
dei guasti.
Vedere anche
Procedimento: messa in servizio del software (Pagina 151)
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
150
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Messa in servizio
8.2 Procedimento di messa in servizio
8.2.2
Procedimento: messa in servizio del software
Presupposti
● L'ET 200S con l'IM151-8 PN/DP CPU è stata montata e cablata.
● Per sfruttare tutte le funzioni del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU è necessario
STEP 7 V5.5.
● Per il collegamento in rete dell'ET 200S con PROFINET
– l'interfaccia PROFINET integrata del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU è
stata progettata con STEP 7 (l'indirizzo IP e il nome del dispositivo sono impostati con
Configurazione HW)
– il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU è stato collegato alla sottorete.
● Per il collegamento in rete dell'ET 200S con PROFIBUS (sul modulo master DP
opzionale):
– è stato impostato l'indirizzo PROFIBUS
– sono state attivate le resistenze terminali nei limiti dei segmenti.
Nota
Seguire la procedura per la messa in servizio dell'hardware.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
151
Messa in servizio
8.2 Procedimento di messa in servizio
Procedimento consigliato: software
Tabella 8- 2
Procedimento consigliato per la messa in servizio: software
Attività
Osservazioni
•
Accendere il PG e avviare SIMATIC Manager -
•
Trasferire la configurazione e il programma al
modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU:
Le relative informazioni si
trovano...
nel manuale Programmazione
con STEP 7
il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
si connette con l'indirizzo MAC in SIMATIC
Manager attraverso "Nodi accessibili". Se
l'interfaccia Ethernet del PG è impostata su
TCP/IP (auto), alla creazione del primo
collegamento di comunicazione (ad es.
doppio clic sul nodo di rete che visualizza
soltanto l'indirizzo MAC per aprire la cartella
dei blocchi online), il PG assegna
automaticamente un indirizzo IP provvisorio
all'interfaccia PN del modulo
IM151-8 PN/DP CPU. È possibile ora
trascinare i blocchi, in particolare anche la
cartella SDB con la progettazione HW, dalla
cartella dei blocchi offline a quella dei blocchi
online. Con il caricamento della cartella SDB,
anche l'indirizzo IP assegnato da STEP 7 in
Configurazione HW viene acquisito dal
modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU.
Test degli ingressi e delle uscite
A questo proposito sono molto utili le
funzioni seguenti:
•
Controlla e comanda variabili
•
Test con lo stato del programma
•
Forzamento
•
nel manuale
•
nel capitolo Messaggi di
•
nel capitolo Messa in
•
nella Descrizione del
sistema PROFINET
Comando delle uscite in Stop
(Abilita uscite di periferia)
Suggerimento: testare i segnali degli
ingressi e delle uscite
•
Messa in servizio di PROFINET IO
Programmazione con
STEP 7
allarme, di errore e
segnalazioni di sistema
servizio di PROFINET IO
Messa in servizio di PROFIBUS DP
-
al capitolo Messa in servizio di
PROFIBUS DP
Collegare le uscite
Mettere progressivamente in servizio
le uscite.
-
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
152
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Messa in servizio
8.3 Lista di controllo per la messa in servizio
PERICOLO
Procedere per gradi. Eseguire un'operazione solo dopo aver concluso l'operazione
precedente senza errori/messaggi di errore.
Comportamento in caso di errori
In caso di errori è possibile procedere nella maniera seguente:
● Controllare l'impianto con l'aiuto della lista di controllo contenuta nel prossimo capitolo.
● Controllare i LED dei moduli. Informazioni sul relativo significato sono contenute nelle
istruzioni operative Sistema di periferia decentrata ET 200S.
● Se necessario, rimuovere singoli moduli per delimitare in questo modo eventuali errori.
Riferimenti
Informazioni importanti sono riportate anche nel capitolo Test, diagnostica ed eliminazione
dei guasti.
Vedere anche
Procedimento: messa in servizio dell'hardware (Pagina 149)
8.3
Lista di controllo per la messa in servizio
Introduzione
Al termine del montaggio e del cablaggio dell'ET 200S si consiglia di ricontrollare tutti i passi
eseguiti finora.
Le tabelle seguenti contengono le istruzioni per il controllo dell'ET 200S in forma di lista di
controllo e i riferimenti ai capitoli che riportano ulteriori informazioni sui rispettivi argomenti.
Guida profilata
I punti da controllare sono indicati nelle istruzioni operative dell'ET 200S
Istruzioni operative
ET 200S, capitolo
La guida profilata è stata montata correttamente e fissata alla parete,
all'incastellatura o all'armadio?
Montaggio
Sono stati rispettati gli spazi necessari per il montaggio?
Montaggio
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
153
Messa in servizio
8.3 Lista di controllo per la messa in servizio
Collegamento a terra e a massa
I punti da controllare sono indicati nelle istruzioni operative dell'ET 200S
Istruzioni operative
ET 200S, capitolo
È stato realizzato un collegamento a bassa impedenza (ampia superficie,
contatto su ampia superficie) con il potenziale di terra?
Cablaggio ed
equipaggiamento
È stato realizzato un collegamento corretto per la guida profilata tra massa Cablaggio ed
di riferimento e potenziale di terra (collegamento galvanico o
equipaggiamento
funzionamento senza messa a terra)?
Le masse dei trasduttori di misura senza separazione di potenziale e le
masse dei moduli power sono state collegate con i punti di riferimento?
Appendice
Montaggio e cablaggio dei moduli
I punti da controllare sono indicati nelle istruzioni operative dell'ET 200S
Istruzioni operative
ET 200S, capitolo
Tutti moudli terminali, compreso il modulo di chiusura, sono montati
correttamente?
Montaggio
Tutti i moduli terminali sono cablati correttamente?
Cablaggio ed
equipaggiamento
Tutte i moduli power, i moduli elettronici... sono inseriti correttamente?
Cablaggio ed
equipaggiamento
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
154
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Messa in servizio
8.4 Messa in servizio dei moduli
8.4
Messa in servizio dei moduli
8.4.1
Inserimento/sostituzione di una SIMATIC Micro Memory Card
Micro Memory Card SIMATIC come modulo di memoria
Il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU utilizza come modulo di memoria una
SIMATIC Micro Memory Card. La SIMATIC Micro Memory Card può essere utilizzata sia
come memoria di caricamento che come supporto dati mobile.
Nota
Per il funzionamento del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU è indispensabile che sia
inserita una SIMATIC Micro Memory Card.
La SIMATIC Micro Memory Card non è in dotazione con la fornitura del modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU.
Nota
Se si estrae la SIMATIC Micro Memory Card mentre il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU è in stato di funzionamento RUN, il modulo entra in STOP e richiede
la cancellazione totale.
CAUTELA
Il contenuto del modulo di una SIMATIC Micro Memory Card può perdere validità se si
estrae la scheda nel corso di una operazione di scrittura. La SIMATIC Micro Memory Card
deve essere eventualmente cancellata sul PG e formattata nel modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU.
Non estrarre mai la SIMATIC Micro Memory Card nello stato di funzionamento RUN ma
solo con rete OFF o STOP del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU quando non
sono in corso accessi in scrittura del PG. Se non si è in grado di garantire che in stato di
STOP non vi siano funzioni di scrittura del PG attive (ad es. caricamento o cancellazione di
un blocco), interrompere prima i collegamenti di comunicazione.
AVVERTENZA
Assicurarsi che la SIMATIC Micro Memory Card da inserire sia provvista del programma
utente compatibile con il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU (appendice). Il
programma utente sbagliato può avere gravi conseguenze sul processo.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
155
Messa in servizio
8.4 Messa in servizio dei moduli
Inserimento/sostituzione della SIMATIC Micro Memory Card
1. Innanzitutto portare il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU in stato di STOP.
2. È già inserita una SIMATIC Micro Memory Card?
In caso affermativo, assicurarsi innanzitutto che non siano attive funzioni di scrittura del PG
(come ad es. il caricamento di un blocco). Se non è possibile verificarlo, interrompere i
collegamenti di comunicazione del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU.
Premere quindi il tasto di espulsione ed estrarre la SIMATIC Micro Memory Card.
Per agevolare l'estrazione della SIMATIC Micro Memory Card, il telaio del vano del
modulo è provvisto di un tasto di espulsione ①.
Per azionare l'espulsione utilizzare un piccolo cacciavite o una penna a sfera.
3. Inserire la ("nuova") SIMATIC Micro Memory Card nell'apposito vano con l'angolo
smussato rivolto verso il tasto di espulsione.
4. Inserire la SIMATIC Micro Memory Card nel modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
esercitando una leggera pressione fino allo scatto.
5. Eseguire la cancellazione totale (vedere il capitolo Cancellazione totale del modulo di
interfaccia IM151-8 PN/DP CPU con il selettore dei modi operativi) (Pagina 158).
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
156
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Messa in servizio
8.4 Messa in servizio dei moduli
Estrazione e inserimento di una SIMATIC Micro Memory Card
Quando si sostituisce la SIMATIC Micro Memory Card in stato RETE OFF, il modulo di
interfaccia IM151-8 PN/DP CPU è in grado di riconoscere
● una SIMATIC Micro Memory Card fisicamente identica ma con un contenuto diverso
● una nuova SIMATIC Micro Memory Card con lo stesso contenuto di quella precedente
Dopo RETE ON il modulo esegue automaticamente la cancellazione totale.
Riferimenti
Per ulteriori informazioni sull'inserimento della SIMATIC Micro Memory Card consultare il
manuale del prodotto S7-300, CPU 31xC e CPU 31x
(http://support.automation.siemens.com/WW/view/it/12996906) al capitolo Dati tecnici.
8.4.2
Prima accensione
Presupposti
● L'ET 200S è già stato montato e cablato.
● La SIMATIC Micro Memory Card è inserita nel modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU.
● Il selettore dei modi operativi del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
deve essere in posizione STOP.
Prima accensione di un ET 200S con il modulo IM151-8 PN/DP CPU
Inserire la tensione di alimentazione dell'ET 200S.
Risultato:
Sul modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
● è acceso il LED ON
● il LED STOP lampeggia a 2 Hz, mentre il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
esegue una cancellazione totale automatica
● dopo la cancellazione totale si accende il LED STOP
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
157
Messa in servizio
8.4 Messa in servizio dei moduli
8.4.3
Cancellazione totale del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
con il selettore dei modi operativi
Quando è necessaria la cancellazione totale del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU?
La cancellazione totale del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU è necessaria:
● se devono essere cancellati tutti i merker, i temporizzatori o i contatori a ritenzione e se i
valori iniziali dei blocchi dati a ritenzione della memoria di caricamento devono essere
nuovamente applicati come valori attuali nella memoria di lavoro
● se i merker, i temporizzatori e i contatori a ritenzione possono causare reazioni
indesiderate a causa di un nuovo programma utente caricato nel modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU dopo aver eseguito la funzione "Carica programma utente nella
memory card".
Motivo: l'operazione "Carica programma utente nella memory card" non cancella le aree
a ritenzione.
● se il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU richiede la cancellazione totale attraverso
il LED STOP che lampeggia a 0,5 Hz. Le possibili cause della cancellazione totale si
trovano nella tabella seguente:
Tabella 8- 3
Possibili cause per la richiesta di cancellazione totale da parte del modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU
Cause per la richiesta di cancellazione Particolarità
totale da parte del modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU
La SIMATIC Micro Memory Card è
stata sostituita.
–
Errore RAM nel modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU
–
La memoria di lavoro non è sufficiente,
vale a dire che non è possibile caricare
tutti i blocchi del programma utente che
si trovano nella SIMATIC Micro
Memory Card.
IM151-8 PN/DP CPU con SIMATIC Micro Memory Card
inserita: la cancellazione totale viene richiesta in
continuazione.
Formattando la SIMATIC Micro Memory Card è possibile
uscire da questa stazione (vedere il capitolo Formattazione
della SIMATIC Micro Memory Card (Pagina 162)).
I blocchi con errori dovrebbero essere
caricati, ad es. se è stato programmato
un comando errato.
Ulteriori informazioni sul comportamento della SIMATIC
Micro Memory Card nella cancellazione totale si trovano al
capitolo Cancellazione totale e nuovo avviamento
(Pagina 127).
Come si esegue la cancellazione totale?
Esistono due modi per effettuare la cancellazione totale del modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU:
Cancellazione totale con selettore dei
modi operativi
Cancellazione totale con PG
… viene descritta in questo capitolo.
… è possibile soltanto nello stato di STOP del modulo
di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
(vedere la Guida in linea a STEP 7).
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
158
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Messa in servizio
8.4 Messa in servizio dei moduli
Cancellazione totale dell'IM151-8 PN/DP CPU con il selettore dei modi operativi
La tabella seguente indica i passi da seguire per la cancellazione totale del modulo di
interfaccia IM151-8 PN/DP CPU.
Tabella 8- 4
Passi per la cancellazione totale del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Passo
Cancellazione totale dell'IM151-8 PN/DP CPU
1.
Ruotare l'interruttore nella posizione STOP. ①
2.
Portare l'interruttore nella posizione MRES. Mantenere l'interruttore in questa posizione
finché il LED STOP si accende per la seconda volta e rimane acceso (succede dopo 3
secondi). ②
Rilasciare la chiave.
3.
Entro 3 secondi è necessario riposizionare l'interruttore su MRES e tenerlo in questa
posizione finché il LED STOP lampeggia (con 2 Hz). ③
A questo punto è possibile rilasciare l'interruttore. Quando il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU ha terminato la cancellazione totale, il LED STOP cessa di
lampeggiare e si accende.
Il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU ha effettuato la cancellazione totale.
I passi descritti nella tabella sono necessari soltanto se si intende eseguire la cancellazione
totale senza che sia il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU a richiederla (attraverso il
LED STOP che lampeggia lentamente). Se la cancellazione totale viene richiesta dal modulo
di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU è sufficiente premere brevemente il selettore dei modi
operativi su MRES per avviare l'operazione.
Il grafico seguente mostra come procedere alla cancellazione totale del modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU utilizzando il selettore dei modi operativi:
Se al termine di una cancellazione totale eseguita senza errori il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU richiede una nuova cancellazione totale, in alcuni casi potrebbe essere
necessario formattare la SIMATIC Micro Memory Card (vedere il capitolo Formattazione
della SIMATIC Micro Memory Card (Pagina 162)).
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
159
Messa in servizio
8.4 Messa in servizio dei moduli
Il LED STOP non lampeggia durante la cancellazione totale
Come reagire se il LED STOP non lampeggia durante la cancellazione totale
o se lampeggiano altri LED?
1. Occorre ripetere i passi 2 e 3.
2. Se il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU non esegue nuovamente la
cancellazione totale, analizzarne il buffer di diagnostica.
Cosa succede nel modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU con la cancellazione totale?
Tabella 8- 5
Processi interni al modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU con la cancellazione totale
Processo
Azione nel modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Processo nel
modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU
1.
Il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU cancella l'intero programma utente nella
memoria di lavoro.
2.
Il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU cancella i dati utente a ritenzione (merker,
contatori, temporizzatori e contenuti del DB)
3.
Il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU esegue il test del proprio hardware.
4.
Il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU copia il contenuto rilevante per l'esecuzione
dalla SIMATIC Micro Memory Card (memoria di caricamento) nella memoria di lavoro.
Suggerimento: se il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU non può copiare il contenuto
della SIMATIC Micro Memory Card e richiede la cancellazione totale:
•
Estrarre la SIMATIC Micro Memory Card
•
Eseguire la cancellazione totale dell'IM151-8 PN/DP CPU
•
Leggere il buffer di diagnostica
Se l'indirizzo IP e il nome del dispositivo non erano a ritenzione (a seconda del tipo di
assegnazione): assegnare un indirizzo IP temporaneo al modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU, quindi leggere il buffer di diagnostica
oppure
rilevare l'indirizzo MAC del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU in SIMATIC
Manager attraverso "Nodi accessibili". Se l'interfaccia Ethernet del PG è impostata su
"TCP/IP (Auto)", è anche possibile leggere il buffer di diagnostica mediante questo
indirizzo MAC accessibile perché in questo caso STEP 7 assegna un indirizzo IP
temporaneo.
Contenuto della
memoria dopo la
cancellazione totale
Il programma utente viene nuovamente trasferito dalla SIMATIC Micro Memory Card nella
memoria di lavoro e viene visualizzato il grado di occupazione della memoria.
Cosa rimane
invariato?
•
Parametri dell'interfaccia PN:
Parametri dell'indirizzo IP / nome del dispositivo (a seconda del tipo di assegnazione, vedere il
capitolo Assegnazione dei parametri dell'indirizzo IP e del nome del dispositivo (Pagina 145)).
•
Il contenuto del buffer di diagnostica. (Dopo RETE OFF/ON, nel buffer di diagnostica sono a
ritenzione solo le ultime 100 registrazioni).
Il buffer di diagnostica si può leggere con il PG (vedere Guida online a STEP 7).
•
Il contenuto del contatore delle ore di esercizio e l'ora.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
160
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Messa in servizio
8.4 Messa in servizio dei moduli
Nota
Interruzione della comunicazione durante la cancellazione totale delle CPU PROFINET
con switch integrato
Tenere presente che con la cancellazione totale di queste CPU l'interfaccia PROFINET
si arresta incl. lo switch integrato.
Se la CPU viene progettata in una struttura lineare, durante la cancellazione totale si
interrompe la comunicazione tramite lo switch integrato della CPU con i dispositivi
successivi.
Dopo la cancellazione totale ha luogo un nuovo avviamento dell'interfaccia PROFINET
solo se i parametri dell'interfaccia sono stati memorizzati a ritenzione.
Lo switch integrato viene riavviato in ogni caso ed è riabilitato alla comunicazione dopo
la cancellazione totale.
Particolarità: Parametri dell'interfaccia
I parametri dell'interfaccia validi dopo la cancellazione totale sono riportati nella tabella
seguente:
Cancellazione totale...
con SIMATIC
Micro Memory Card inserita
Parametri dell'interfaccia PROFINET ...
Parametri DP con modulo master DP
inserito
... i parametri contenuti nella SIMATIC Micro Memory Card o nella memoria di
caricamento ROM integrata sono validi.
Se non è stato memorizzato alcun parametro Se qui non sono memorizzati altri
(SDB), restano validi i parametri finora
parametri (SDB), non sono presenti
impostati a condizione che siano stati
nemmeno parametri dell'interfaccia DP.
memorizzati a ritenzione (a seconda del tipo di
assegnazione, vedere il capitolo:
Assegnazione dei parametri dell'indirizzo IP e
del nome del dispositivo (Pagina 145))
senza SIMATIC
Micro Memory Card inserita
... restano validi i parametri finora impostati a
condizione che siano stati memorizzati a
ritenzione (a seconda del tipo di
assegnazione, vedere il capitolo:
Assegnazione dei parametri dell'indirizzo IP e
del nome del dispositivo (Pagina 145))
... non sono presenti nemmeno parametri
dell'interfaccia DP.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
161
Messa in servizio
8.4 Messa in servizio dei moduli
8.4.4
Formattazione della SIMATIC Micro Memory Card
Nei seguenti casi la SIMATIC Micro Memory Card deve essere formattata
● Il tipo di modulo della SIMATIC Micro Memory Card non è un modulo utente
● La SIMATIC Micro Memory Card non è ancora stata formattata.
● La SIMATIC Micro Memory Card è difettosa.
● Il contenuto della SIMATIC Micro Memory Card non è valido.
Il contenuto della SIMATIC Micro Memory Card è stato definito non valido.
● L'operazione "Carica programma utente" è stata interrotta da RETE OFF.
● L'operazione "Masterizza EPROM" è stata interrotta da RETE OFF.
● Errore di valutazione del contenuto del modulo con la cancellazione totale
● La formattazione è errata oppure non ha potuto essere eseguita.
Se si verifica uno di questi errori, il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU richiede
nuovamente la cancellazione totale anche se questa è già stata eseguita. Fatta eccezione
per l'interruzione delle operazioni "Carica programma utente" e "Masterizza EPROM" dovuta
a RETE OFF, il contenuto della scheda viene mantenuto fino alla formattazione della
SIMATIC Micro Memory Card.
La SIMATIC Micro Memory Card va formattata soltanto se sussiste un motivo (vedere sopra)
e non, ad es., in caso di richieste di cancellazione totale dopo la sostituzione del modulo. In
questo caso il posizionamento su MRES comporta una normale cancellazione totale che non
compromette la validità del contenuto del modulo.
Formattare la SIMATIC Micro Memory Card come indicato nel seguito
Se il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU è in fase di richiesta di cancellazione totale
(il LED STOP lampeggia lentamente), procedere alla formattazione della SIMATIC Micro
Memory Card con i seguenti comandi del selettore:
1. Portare il selettore in posizione MRES e mantenerlo in questa posizione finché il
LED STOP resta acceso (ca. 9 secondi).
2. Rilasciare il selettore entro i 3 secondi successivi e riportarlo in posizione MRES. Ora il
LED STOP lampeggia nel corso della formattazione.
Nota
Eseguire i passi descritti entro i tempi indicati, altrimenti la SIMATIC Micro Memory Card non
viene formattata ma ritorna allo stato di cancellazione totale.
Vedere anche
Cancellazione totale del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU con il selettore dei modi
operativi (Pagina 158)
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
162
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Messa in servizio
8.4 Messa in servizio dei moduli
8.4.5
Ripristino dello stato di fornitura
Stato di fornitura del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
All'atto della fornitura le proprietà del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU sono
impostate sui valori seguenti:
Tabella 8- 6
Proprietà del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU allo stato di fornitura
Proprietà
Valore
Merker, temporizzatori e contatori a ritenzione
Tutti i merker, temporizzatori e contatori a ritenzione
sono stati cancellati.
Area a ritenzione impostata per merker,
temporizzatori e contatori
Impostazione di default
(16 byte di merker, nessun temporizzatore e 8
contatori)
Contenuto del buffer di diagnostica
cancellato
Contatore ore d'esercizio
0
Ora
1.1.1994 00:00:00
Indirizzo IP e nome del dispositivo
non disponibile
Procedimento
Per ripristinare lo stato di fornitura del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU tramite
selettore procedere nel modo seguente:
1. Disinserire le tensioni di alimentazione.
2. Estrarre la SIMATIC Micro Memory Card dal vano del modulo (vedere il capitolo
Inserimento/Sostituzione di una SIMATIC Micro Memory Card (Pagina 155).
3. Tenere il selettore dei modi operativi in posizione MRES e reinserire la tensione di
alimentazione.
4. Attendere finché non compare la prima configurazione dei LED indicata nella tabella
seguente.
5. Rilasciare il selettore dei modi operativi, riportarlo in posizione MRES entro 3 secondi
e mantenerlo in questa posizione.
6. Compare la seconda configurazione dei LED indicata nella tabella seguente.
Questa configurazione resta accesa finché è in corso l'operazione di reset (per circa
5 secondi). In questo intervallo di tempo è possibile interrompere il reset rilasciando il
selettore di modi operativi.
7. Attendere finché non compare la terza configurazione dei LED indicata nella tabella
seguente e rilasciare nuovamente il selettore dei modi operativi.
Il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU è stato resettato allo stato di fornitura, si avvia
senza bufferizzazione (tutti i LED sono accesi tranne P1 - LINK, P2 - LINK e P3 - LINK) ed
entra in stato di funzionamento STOP.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
163
Messa in servizio
8.4 Messa in servizio dei moduli
Configurazione dei LED durante il reset del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Durante il ripristino dello stato di fornitura del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
i LED si accendono nell'ordine seguente:
Tabella 8- 7
Configurazione dei LED
LED
Colore
Configurazione 1
Configurazione 2
Configurazione 3
SF
Rosso
⃞
⃝
∆
BF-PN
Rosso
⃞
⃞
⃞
MT
Giallo
⃞
⃞
⃞
ON
Verde
∆
∆
∆
FRCE
Giallo
⃝
⃞
⃞
RUN
Verde
⃝
⃞
⃞
STOP
Giallo
⃝
⃞
⃞
P1 - LINK
Verde
⃞
⃞
⃞
P2 - LINK
Verde
⃞
⃞
⃞
P3 - LINK
Verde
⃞
⃞
⃞
Legenda:
∆ = LED acceso
⃞ = LED spento
⃝ = LED lampeggia, a 0,5 Hz
Nota
Per poter utilizzare in un altro punto un dispositivo (funzionante) configurato o depositarlo
in magazzino, occorre ripristinarne lo stato di fornitura perché l'indirizzo IP e il nome del
dispositivo sono generalmente a ritenzione.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
164
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Messa in servizio
8.4 Messa in servizio dei moduli
8.4.6
Collegamento del PG/PC all'interfaccia PROFINET integrata del modulo di
interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Presupposti
● IM151-8 PN/DP CPU con interfaccia PROFINET parametrizzata
● PG/PC con scheda di rete
Collegamento del PG/PC all'interfaccia PROFINET integrata del modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU
1. Utilizzando un cavo Twisted Pair preconfezionato non intrecciato ① collegare il
PG/PC all'interfaccia X1 P1 del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU.
Un PG può essere collegato e azionato anche sulle altre due porte
dell'interfaccia PROFINET.
Risultato
Il PG/PC è stato collegato all'interfaccia PROFINET integrata del modulo
di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
165
Messa in servizio
8.4 Messa in servizio dei moduli
Parametrizzazione dell'interfaccia PROFINET del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Se si vuole collegare al modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU solo un PG e nessun
IO Device, è necessario parametrizzare appositamente l'interfaccia PROFINET.
Procedere nel modo seguente:
Passo
Attività
Progettazione dell'hardware in SIMATIC Manager di STEP 7
1
Selezionare il comando di menu File > Nuovo...
Specificare il nome del progetto e confermare con "OK".
2
Inserire una stazione S7-300 selezionando Inserisci > Stazione > Stazione SIMATIC 300.
3
Fare doppio clic su "Hardware".
Risultato: si apre Configurazione HW.
4
Inserire il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU trascinandolo con il mouse.
Risultato: si apre la finestra "Proprietà – Interfaccia Ethernet PN-IO". Le proprietà
dell'interfaccia PROFINET X1 vengono visualizzate nella scheda "Parametri".
Assegnazione dell'indirizzo IP
5
Nella finestra indicare l'indirizzo IP.
6
Chiudere la finestra delle proprietà facendo clic su "OK".
Backup della progettazione
7
Salvare la progettazione con il comando di menu Stazione > Salva e compila.
Caricamento della configurazione
8
Caricare la configurazione nel modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU. Esistono due
possibilità:
•
online tramite l'interfaccia PN
Per il download della configurazione, selezionare l'indirizzo MAC del modulo di
interfaccia di destinazione IM151-8 PN/DP CPU. L'elenco dei nodi accessibili può
essere visualizzato durante il download della configurazione HW nella finestra di dialogo
"Seleziona indirizzo nodo". In questo elenco è possibile selezionare il dispositivo di
destinazione mediante il rispettivo indirizzo IP o MAC. Ad un dispositivo provvisto finora
soltanto di un indirizzo MAC può essere assegnato soltanto l'indirizzo IP progettato.
Per quest'operazione il PG deve essere collegato al modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU. L'interfaccia PG deve essere impostata su TCP/IP (Auto). Nelle
proprietà dell'interfaccia devono essere eseguite le seguenti impostazioni nella scheda
Accesso IE-PG: Assegna indirizzo IP per progetto.
•
offline tramite memorizzazione su SIMATIC Micro Memory Card in SIMATIC Manager
del PG e successivo inserimento della SIMATIC Micro Memory Card nel modulo di
interfaccia IM151-8 PN/DP CPU.
Risultato
All'interfaccia PROFINET del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU è stato assegnato
un indirizzo IP a ritenzione.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
166
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Messa in servizio
8.4 Messa in servizio dei moduli
Riferimenti
● Ulteriori opzioni per l'assegnazione dell'indirizzo IP sono riportate al capitolo
Assegnazione dei parametri dell'indirizzo IP e del nome del dispositivo (Pagina 145).
● Informazioni relative a PROFINET si trovano nella descrizione del sistema PROFINET
(http://support.automation.siemens.com/WW/view/it/19292127).
● Ulteriori informazioni sui componenti di rete passivi, come ad es. gli switch, si trovano nel
manuale SIMATIC NET: Twisted Pair and Fiber Optic Networks
(http://support.automation.siemens.com/WW/view/it/8763736).
Vedere anche
Progettazione e messa in servizio del sistema PROFINET IO (Pagina 181)
8.4.7
Avvio di SIMATIC Manager
Introduzione
SIMATIC Manager è un'interfaccia utente grafica che consente di elaborare online/offline
gli oggetti S7 (progetti, programmi utente, blocchi, stazioni HW e strumenti).
SIMATIC Manager permette di eseguire le operazioni seguenti:
● Gestione di progetti e biblioteche
● Richiamo di tool STEP 7
● Accesso online al sistema di auotmazione (PLC)
● Elaborazione di SIMATIC Micro Memory Card
Avvio di SIMATIC Manager
Una volta conclusa l'installazione, sul desktop di Windows compare l'icona SIMATIC
Manager e nel menu di avvio, alla voce SIMATIC, compare il programma SIMATIC Manager.
1. Avviare SIMATIC Manager facendo doppio clic sull'icona oppure con il menu di avvio
(come per tutte le altre applicazioni di Windows).
Interfaccia utente
Quando si apre un oggetto, si avvia lo strumento di elaborazione corrispondente. Facendo
doppio clic su un blocco di programma si avvia l'editor del programma ed è possibile
elaborare il blocco (avvio orientato all'oggetto).
Guida in linea
La Guida in linea alla finestra attualmente attiva si richiama con il tasto funzione F1.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
167
Messa in servizio
8.4 Messa in servizio dei moduli
8.4.8
Controllo e comando di ingressi e uscite
Applicazione "Controllo e comando di variabili"
L'applicazione di STEP 7 "Controllo e comando di variabili" consente di eseguire
le seguenti operazioni:
● Controllo delle variabili di un programma in formato a scelta
● Modifica (comando) di stati o contenuti di variabili nel modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU.
Creazione della tabella delle variabili
La tabella delle variabili (VAT) può essere creata in due modi:
● Nell'editor KOP/FUP/AWL, selezionando i comandi di menu
Sistema di destinazione > Controlla e comanda variabili
Con questa tabella è possibile operare direttamente online.
● In SIMATIC Manager, aprendo la cartella Blocchi e selezionando i comandi di menu
Inserisci nuovo oggetto > Tabella delle variabili
Questa tabella, creata offline, può essere memorizzata e richiamata in un momento
successivo. Passando al modo online è inoltre possibile testarla.
Struttura della tabella delle variabili:
Nella tabella delle variabili ogni operando da controllare o comandare (ad es. ingressi,
uscite) occupa una riga.
Le colonne della tabella delle variabili hanno il seguente significato:
Testo della colonna
In questo campo...
Operando
... si trova l'indirizzo assoluto della variabile
Simbolo
... si trova il nome simbolico delle variabili
Questo è identico all'indicazione nella tabella dei simboli.
Commento al simbolo
... viene visualizzato il commento al simbolo contenuto nella tabella
Formato di stato
... si trova un'impostazione standard per il formato, ad es. HEX
La modifica del formato può essere eseguita come segue:
•
Fare clic con il tasto destro del mouse sul campo del formato.
Verrà visualizzato l'elenco dei formati
o
•
Fare clic sul campo del formato con il tasto sinistro del mouse finché
compare il formato richiesto.
Valore di stato
... viene visualizzato il contenuto della variabile al momento
dell'aggiornamento.
Valore di comando
... viene immesso il nuovo valore della variabile (valore di comando)
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
168
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Messa in servizio
8.4 Messa in servizio dei moduli
Controllo di variabili
Per il controllo delle variabili esistono due possibilità:
● Aggiornamento unico dei valori di stato tramite il comando di menu
Variabile > Aggiorna valori di stato
o
● Aggiornamento permanente dei valori di stato tramite il comando di menu
Variabile > Controlla
Comando di variabili
Per il comando delle variabili, procedere nel modo seguente:
1. Fare clic con il tasto sinistro del mouse sul campo Valore di comando della variabile.
2. Introdurre il valore di comando secondo il tipo di dati.
3. Per attivare i valori di comando una volta sola, selezionare il comando di menu
Variabile > Attiva valori di comando.
oppure
Per attivare i valori di comando in modo permanente, selezionare il comando di menu
Variabile > Comanda.
4. Verificare con la funzione di test Controlla che il valore di comando sia stato registrato
nella variabile.
Il valore di comando è valido?
Il valore di comando immesso nella tabella può essere invalidato. Un valore non valido viene
visualizzato come un commento. Un valore di comando non valido può essere reso
nuovamente valido.
È possibile attivare soltanto valori di comando validi.
Impostazione di punti di trigger
Punti di trigger:
● Il "punto di trigger per il controllo" definisce il momento in cui devono essere aggiornati
i valori della variabile da controllare.
● Il "punto di trigger per il comando" definisce il momento in cui assegnare i valori di
comando alle variabili da comandare.
Condizione di trigger:
● La "condizione di trigger per il controllo" stabilisce se i valori debbano essere aggiornati
una volta sola, al raggiungimento del punto di trigger, oppure in modo permanente (ogni
volta che il punto di trigger viene raggiunto).
● La "condizione di trigger per il comando" stabilisce se i valori di comando debbano essere
assegnati alle variabili da comandare solo una volta o in modo permanente.
L'impostazione dei punti di trigger può essere avviata nell'applicazione "Controllo e comando
di variabili" selezionando il comando di menu Variabile > Imposta trigger....
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
169
Messa in servizio
8.4 Messa in servizio dei moduli
Particolarità:
● Se la "condizione di trigger per il controllo" è stata impostata sull'aggiornamento unico,
i comandi di menu Variabile > Aggiorna valori di stato o Variabile > Controlla hanno lo
stesso effetto, ovvero determinano un unico aggiornamento.
● Se la "condizione di trigger per il comando" è stata impostata sull'assegnazione unica,
i comandi di menu Variabile > Attiva valori di comando o Variabile > Comanda hanno lo
stesso effetto, ovvero determinano un'unica assegnazione.
● Se le condizioni di trigger sono state impostate sull'opzione permanente, i comandi di
menu sopraindicati hanno i diversi risultati già descritti precedentemente.
● Se viene impostato lo stesso punto di trigger sia per il controllo che per il comando, viene
eseguito prima il controllo.
● Se con Test > Funzionamento... è stato attivato il comando Processo, con l'impostazione
della funzione Forza l'assegnazione dei valori non viene eseguita in ogni ciclo.
Rimedio: utilizzre la funzione di test Forzamento.
Memorizzazione/apertura della tabella delle variabili
Memorizzazione della tabella delle variabili
1. In caso di interruzione o al termine di una fase di test è possibile salvare la tabella delle
variabili. Il nome di una tabella delle variabili inizia con la sigla VAT, seguita da un
numero da 0 a 65535; ad es. VAT5.
Apertura della tabella delle variabili
1. Selezionare i comandi di menu Tabella > Apri.
2. Selezionare nella finestra di dialogo Apri il nome del progetto.
3. Selezionare il programma nella finestra del progetto ed evidenziare la cartella Blocchi.
4. Selezionare la tabella desiderata nella finestra del blocco.
5. Confermare con OK.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
170
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Messa in servizio
8.4 Messa in servizio dei moduli
Creazione di un collegamento con il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Le variabili di una tabella VAT sono grandezze variabili di un programma utente. Per
controllare o comandare le variabili, è necessario creare un collegamento con il modulo di
interfaccia IM151-8 PN/DP CPU corrispondente. Ogni tabella delle variabili può essere
collegata con un modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU diverso.
Con il comando di menu Sistema di destinazione > Crea collegamento con... creare il
collegamento con uno dei seguenti moduli di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU:
● modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU progettato
● modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU collegato direttamente
● modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU accessibile
Qui di seguito le variabili sono indicate in una tabella.
Moduli di interfaccia
Vengono visualizzate le variabili del modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU …
modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU
progettato
nel cui programma S7 (stazione HW) è memorizzata
la tabella delle variabili.
modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU
collegato direttamente
che è collegato direttamente con il PG.
modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU
accessibile
che viene selezionato nella finestra di dialogo.
Con i comandi di menu Sistema di destinazione >
Crea collegamento con ... > CPU accessibile ... viene creato il
collegamento con un modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
accessibile. In questo modo è possibile creare un collegamento con
ogni singolo modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU della rete.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
171
Messa in servizio
8.4 Messa in servizio dei moduli
Comando delle uscite nello stato STOP del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
La funzione Abilita uscite neutralizza il blocco delle uscite di periferia (PA).
Ciò consente il comando delle uscite di periferia nello stato STOP del modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU.
Per abilitare le uscite di periferia, procedere nel modo seguente:
1. Con il comando di menu Tabella > Apri tabella delle variabili (VAT), aprire la tabella che
contiene le uscite di periferia da comandare oppure attivare la finestra della tabella delle
variabili del caso.
2. Con il comando di menu Sistema di destinazione > Crea collegamento con... creare il
collegamento con il modulo di interfacciaIM151-8 PN/DP CPU desiderato in modo da
comandare le uscite di periferia della tabella delle variabili attiva.
3. Aprire con il comando di menu Sistema di destinazione > Stato di funzionamento la
finestra di dialogo Stato di funzionamento e portare il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU nello stato STOP.
4. Introdurre nella colonna "Valore di comando" i valori opportuni per le uscite di periferia
da comandare.
Esempi:
Uscita di periferia: PAB 7 Valore di comando: 2#0100 0011
PAW 2 W#16#0027
PAD 4 DW#16#0001
5. Attivare il modo "Abilita uscite di periferia" selezionando il comando di menu
Variabile > Abilita uscite di periferia.
6. Comandare le uscite di periferia con il comando di menu Variabile > Attiva valori di
comando. Il modo "Abilita uscite di periferia" resta attivo finché non si seleziona
nuovamente il comando di menu Variabile > Abilita uscite di periferia che lo disattiva.
Il modo "Abilita uscite di periferia" termina anche con l'interruzione del collegamento
con il PG.
7. Per la predefinizione di nuovi valori, ricominciare dal punto 4.
Nota
Se lo stato di funzionamento del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU cambia
passando ad es. da STOP a RUN o AVVIAMENTO, viene visualizzato un messaggio.
Se il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU si trova nello stato di funzionamento
RUN e si seleziona la funzione "Abilita uscite di periferia" viene visualizzato un
messaggio.
Nota
Le unità di uscita della periferia che con l'impiego dell'IM sono state progettate come I
Device nell'area di trasferimento della periferia non possono essere comandate dopo
l'abilitazione delle uscite di periferia.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
172
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Messa in servizio
8.5 Messa in servizio di PROFIBUS DP
8.5
Messa in servizio di PROFIBUS DP
8.5.1
Messa in servizio della rete PROFIBUS
Presupposti
Per la messa in servizio della rete PROFIBUS DP sono richiesti i seguenti presupposti:
● Il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU è stato ampliato con un modulo master DP.
● La rete PROFIBUS DP è stata configurata.
● La rete PROFIBUS DP è stata configurata con STEP 7 e a tutti i nodi sono stati assegnati
un indirizzo PROFIBUS DP e l'area di indirizzi.
● Osservare che per alcuni slave DP, inoltre, è necessario impostare gli indirizzamenti
(vedere la descrizione dei singoli slave DP).
● Per il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU è necessario che il software soddisfi i
requisiti indicati nella tabella seguente:
Tabella 8- 8
Requisiti software per il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Modulo di interfaccia
Numero di ordinazione
Prodotti software necessari
IM151-8 PN/DP CPU
6ES7151-8AB01-0AB0
STEP 7 V5.5 o superiore
Aree di indirizzi DP del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Tabella 8- 9
Aree di indirizzi DP del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Area di indirizzi
IM151-8 PN/DP CPU
Area di indirizzi complessiva,
rispettivamente per gli ingressi e le uscite
2048 byte
di cui nell'immagine di processo,
rispettivamente per gli ingressi e per le uscite
Byte da 0 a 2047 (impostabili)
Byte da 0 a 127 (preimpostati)
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
173
Messa in servizio
8.5 Messa in servizio di PROFIBUS DP
Indirizzi di diagnostica DP
Gli indirizzi di diagnostica DP occupano per gli ingressi 1 byte ciascuno per il master DP
e per ogni slave DP nell'area di indirizzi. Con questi indirizzi si può richiamare ad es. la
diagnostica standard DP dei rispettivi nodi (parametro LADDR dell'SFC 13). Gli indirizzi
di diagnostica DP si definiscono in fase di progettazione. Se non si definiscono gli indirizzi
di diagnostica DP, STEP 7 assegna gli indirizzi come indirizzi di diagnostica DP in ordine
decrescente, a partire dall'indirizzo del byte più alto.
Con un modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU con modulo master DP come master
assegnare agli slave S7 due diversi indirizzi di diagnostica:
● Indirizzo di diagnostica degli slave (indirizzo per posto connettore 0)
Con questo indirizzo vengono segnalati nel master DP tutti gli eventi che riguardano
l'intero slave (unità di sostituzione), ad es. un guasto della stazione.
● Indirizzo di diagnostica dell'unità (indirizzo per posto connettore 2)
Con questo indirizzo vengono segnalati nel master gli eventi (OB 82) che riguardano
l'unità (ad es. passaggio STOP/RUN di un IM151-7 CPU come slave DP intelligente).
8.5.2
Messa in servizio dell'IM151-8 PN/DP CPU con modulo master DP come
master DP
Presupposti per la messa in servizio
● Sul modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU è stato inserito un modulo master DP.
● La sottorete PROFIBUS è configurata.
● Gli slave DP sono pronti al funzionamento (vedere i singoli manuali degli slave DP).
● Prima della messa in servizio è necessario configurare il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU come master DP. Questo significa che in STEP 7 occorre:
– progettare il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU come master DP
Nota
In Configurazione HW il modulo master DP deve essere posizionato come
sottomodulo separato (X2) nella finestra della stazione.
– assegnare un indirizzo PROFIBUS all'interfaccia DP sul modulo master DP
– assegnare un indirizzo di diagnostica master all'interfaccia DP sul modulo master DP
– collegare gli slave DP al sistema master DP.
Una CPU DP è uno slave DP?
Questo slave DP si trova nel catalogo PROFIBUS DP come stazione già progettata.
A questa CPU slave DP si assegna nel master DP un indirizzo di diagnostica slave.
Il master DP deve essere accoppiato con la CPU slave DP e devono essere definite
le aree di indirizzi per lo comunicazione con la CPU slave DP.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
174
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Messa in servizio
8.5 Messa in servizio di PROFIBUS DP
Messa in servizio
Procedere alla messa in servizio del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU con modulo
master DP come master DP nella sottorete PROFIBUS come indicato nel seguito:
1. Caricare la configurazione della sottorete PROFIBUS (configurazione prefissata) creata
con STEP 7 nel modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU con l'aiuto del PG.
2. Attivare tutti gli slave DP.
3. Portare il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU da STOP a RUN.
Comportamento del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU durante la messa in servizio
● Il modulo master DP è stato montato e l'IM151-8 PN/DP CPU è stato progettato come
master DP
⇒ L'IM151-8 PN/DP CPU con funzione di master entra in RUN
● Il modulo master DP è stato montato e l'IM151-8 PN/DP CPU non è stato progettato
come master DP
⇒ L'IM151-8 PN/DP CPU senza funzione di master entra in RUN
Avviamento del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU come master DP
Durante l'avviamento, il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU confronta la
configurazione prefissata del sistema master DP con la configurazione attuale.
Se la configurazione prefissata è uguale a quella attuale, il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU entra in RUN.
Se la configurazione prefissata è diversa da quella attuale, il comportamento del modulo di
interfaccia IM151-8 PN/DP CPU dipende dall'impostazione del parametro Avviamento con
configurazione prefissata diversa da quella attuale.
Avviamento se configurazione prefissata ≠
attuale = sì (impostazione di default)
Avviamento se configurazione prefissata ≠
attuale = no
L'IM151-8 PN/DP CPU entra in RUN.
L'IM151-8 PN/DP CPU resta in STOP e, al
termine del tempo di controllo impostato per il
trasferimento dei parametri alle unità, il LED BF
lampeggia.
(Il LED BF sul modulo master DP lampeggia se
non si può accedere a tutti gli slave DP.)
Il fatto che il LED BF lampeggi indica che almeno
uno degli slave DP non è indirizzabile. Verificare
in questo caso che tutti gli slave DP siano stati
attivati e che corrispondano alla configurazione
prefissata oppure leggere il buffer di diagnostica
con STEP 7.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
175
Messa in servizio
8.5 Messa in servizio di PROFIBUS DP
Riconoscimento degli stati di funzionamento dello slave DP (riconoscimento di eventi)
La tabella seguente mostra in che modo il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU come
master DP riconosce le variazioni dello stato di funzionamento di una CPU come slave DP o
le interruzioni del trasferimento di dati.
Tabella 8- 10 Riconoscimento degli eventi del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU come master DP
Evento
Cosa succede nel master DP?
Interruzione del bus
(cortocircuito, spina
estratta)
•
Richiamo dell'OB 86 con il messaggio Stazione guasta
(evento in entrata; indirizzo di diagnostica dello slave DP assegnato al
master DP)
•
In caso di accesso alla periferia: richiamo dell'OB 122
(errore di accesso alla periferia)
Slave DP:
•
RUN → STOP
Slave DP:
STOP → RUN
Richiamo dell'OB 82 con il messaggio Unità difettosa
(evento in entrata; indirizzo di diagnostica dello slave DP assegnato al
master DP; variabile OB82_MDL_STOP=1)
•
Richiamo dell'OB 82 con il messaggio Unità ok
(evento in uscita; indirizzo di diagnostica dello slave DP assegnato al
master DP; variabile OB82_MDL_STOP=0)
Suggerimento:
Per la messa in servizio del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU come master DP
programmare sempre gli OB 82 e 86. In questo modo è possibile riconoscere e analizzare
i guasti o le interruzioni del trasferimento di dati.
Equidistanza
L'equidistanza è la proprietà di PROFIBUS DP che assicura cicli di bus di uguale lunghezza.
"Cicli di bus di uguale lunghezza" significa che il master DP ricomincia sempre il ciclo di bus
DP dopo lo stesso intervallo di tempo. Per gli slave collegati questo significa che anch'essi
ricevono i dati dal master a intervalli di tempo di uguale lunghezza.
In Configurazione HW di Step 7 si possono parametrizzare per le sottoreti PROFIBUS cicli di
bus di uguale lunghezza (equidistanti).
La descrizione dettagliata dell'equidistanza è contenuta nella Guida in linea a STEP 7.
Sincronizzazione dell'ora
Ulteriori informazioni sulla sincronizzazione dell'ora tramite PROFIBUS DP sono disponibili
al capitolo Interfacce > PROFIBUS DP.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
176
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Messa in servizio
8.5 Messa in servizio di PROFIBUS DP
SYNC/FREEZE
Con il comando di controllo SYNC gli slave DP di un gruppo vengono commutati nel modo
Sync; ciò significa che il master DP trasferisce i dati di uscita attuali e induce gli slave DP
interessati a congelare le uscite. Nei telegrammi di uscita successivi gli slave DP salvano i
dati di uscita in un buffer interno; lo stato delle uscite rimane invariato.
Dopo ogni comando di controllo SYNC gli slave DP dei gruppi selezionati inviano i dati di
uscita del loro buffer interno alle uscite del processo.
Le uscite vengono di nuovo aggiornate ciclicamente solo quando con l'SFC 11 "DPSYC_FR"
viene inviato il comando di controllo UNSYNC.
Con il comando di controllo FREEZE gli slave DP interessati vengono commutati nel modo
Freeze; ciò significa che il master DP induce gli slave DP interessati a congelare lo stato
attuale degli ingressi. In seguito esso trasferisce i dati congelati nell'area di ingresso del
modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU.
Dopo ogni comando di controllo FREEZE gli slave DP congelano nuovamente lo stato degli
ingressi.
Il master DP ricomincia a ricevere ciclicamente lo stato attuale degli ingressi solo quando
con l'SFC 11 "DPSYC_FR" viene inviato il comando di controllo UNFREEZE.
L'SFC 11 è descritta nella Guida in linea a STEP 7 o nel manuale di riferimento Funzioni
standard e di sistema per S7-300/400.
Avviamento del sistema master DP
IM151-8 PN/DP CPU come master DP
Con il parametro Tempo di controllo per trasferimento dei parametri alle unità si imposta anche il
controllo del tempo di avviamento dello slave DP.
Ciò significa che entro il tempo impostato gli slave DP devono avviarsi e devono essere
parametrizzati dal modulo master IM151-8 PN/DP CPU (come master DP).
Indirizzo PROFIBUS del master DP
Per il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU (CPU DP) non è consentito impostare "126"
come indirizzo PROFIBUS.
Vedere anche
PROFIBUS DP (Pagina 32)
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
177
Messa in servizio
8.5 Messa in servizio di PROFIBUS DP
8.5.3
Comunicazione diretta
Presupposti
In Configurazione HW di Step 7 è possibile progettare la "Comunicazione diretta" per i nodi
PROFIBUS. I moduli di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU con modulo master DP possono
prendere parte alla comunicazione diretta come riceventi.
Definizione
La "comunicazione diretta" è una speciale relazione di comunicazione tra nodi PROFIBUS DP.
La comunicazione diretta è caratterizzata dal fatto che i nodi PROFIBUS DP "partecipano
alla comunicazione" e sanno quali dati uno slave DP rimanda al proprio master DP. Grazie a
questo meccanismo, il nodo che "partecipa" (ricevente) può accedere direttamente alle
modifiche dei dati di ingresso di slave DP remoti.
Aree di indirizzo
Durante la progettazione con STEP 7 si definisce, attraverso i rispettivi indirizzi di ingresso
della periferia, l'area di indirizzi del ricevente nella quale devono essere letti i dati desiderati
del mittente.
Un modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU con modulo master DP può essere ricevente:
● come master DP
● come CPU non integrata in un sistema master
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
178
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Messa in servizio
8.5 Messa in servizio di PROFIBUS DP
Esempio: comunicazione diretta tramite CPU DP
La figura seguente mostra un esempio dei rapporti di comunicazione diretta che si possono
progettare. Nella figura ogni master DP e ogni slave DP (tranne gli slave 3 e 5) è una
CPU DP mentre il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU può essere solo master DP.
Osservare che altri slave DP (ET 200M, ET 200S, ET 200pro) possono essere soltanto
mittenti.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
179
Messa in servizio
8.6 Messa in servizio del PROFINET IO
8.6
Messa in servizio del PROFINET IO
8.6.1
Presupposti per la messa in servizio di PROFINET
Presupposti
Prima di poter procedere alla messa in servizio del sistema PROFINET IO, devono essere
soddisfatte le condizioni seguenti:
ET 200S con ...
Prodotti software necessari
Configurazione di un sistema
PROFINET IO presente
IM151-8 PN/DP CPU
STEP 7 da V5.5
X
Aree di indirizzi PROFINET IO del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Tabella 8- 11 Aree di indirizzi PROFINET IO del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Area di indirizzi
IM151-8 PN/DP CPU
Area di indirizzi complessiva,
rispettivamente per gli ingressi e le uscite
2048 byte
di cui nell'immagine di processo,
rispettivamente per gli ingressi e per le uscite
Byte da 0 a 2047 (impostabili)
Byte da 0 a 127 (preimpostati)
nell'area degli indirizzi per gli ingressi gli indirizzi di diagnostica occupano rispettivamente
1 byte per
● l'IO Controller,
● l'interfaccia PROFINET e le relative porte nonché l'IO Device
(unità di intestazione sul posto connettore 0),
● tutti i moduli / sottomoduli sprovvisti di dati utili all'interno del Device
(ad es. modulo power dell'ET 200S o porte dell'interfaccia PROFINET).
Da questi indirizzi è possibile ad es. leggere set di dati di diagnostica specifici dell'unità
con l'SFB 52. Gli indirizzi di diagnostica si definiscono in fase di progettazione. Se non si
definiscono gli indirizzi di diagnostica, STEP 7 assegna gli indirizzi in ordine decrescente,
a partire dall'indirizzo del byte più alto, come indirizzi di diagnostica.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
180
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Messa in servizio
8.6 Messa in servizio del PROFINET IO
8.6.2
Progettazione e messa in servizio del sistema PROFINET IO
Panoramica
Esistono diverse possibilità di messa in servizio dell'interfaccia PROFINET IO del modulo
di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU e pertanto del sistema PROFINET IO:
● online tramite l'interfaccia PN
● offline tramite memorizzazione su SIMATIC Micro Memory Card in
SIMATIC Manager del PG e successivo inserimento della SIMATIC Micro Memory Card
nel modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU.
Messa in servizio diretta del sistema PROFINET IO tramite interfaccia PN
Numero Significato
①
②
Utilizzando un cavo Twisted Pair preconfezionato non intrecciato collegare il PG/PC
all'interfaccia PROFINET X1 P1 del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU.
Utilizzando un cavo Twisted Pair preconfezionato non intrecciato, collegare l'IO Device
(ad es. ET 200S) all'interfaccia PROFINET X1 P2 del modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU.
L'IO Device può essere collegato anche a X1 P3. È possibile inoltre l'utilizzo di uno switch.
Per la messa in servizio sono necessari i seguenti requisiti:
● Il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU si trova in STOP.
● Gli IO Device sono stati attivati.
● La sottorete PROFINET deve essere configurata e i nodi di comunicazione (ad es. PG,
IO Controller, IO Device) devono essere collegati alla sottorete PROFINET.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
181
Messa in servizio
8.6 Messa in servizio del PROFINET IO
Progettazione del sistema PROFINET IO
Passo
Attività
Progettazione dell'hardware in SIMATIC Manager di STEP 7
1
Selezionare il comando di menu File > Nuovo...
Specificare il nome del progetto e confermare con "OK".
2
Inserire una stazione S7-300 selezionando Inserisci > Stazione > Stazione SIMATIC 300.
3
Fare doppio clic su "Hardware".
4
Inserire il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU trascinandolo con il mouse.
Risultato: si apre Configurazione HW.
Risultato: si apre la finestra "Proprietà – Interfaccia Ethernet PN-IO".
Le proprietà dell'interfaccia PROFINET X1 vengono visualizzate nella scheda "Parametri".
Assegnazione dell'indirizzo IP (esempio: indicazione di un indirizzo IP a ritenzione)
5
Nella finestra "Proprietà – Interfaccia Ethernet PN-IO" fare clic su "Nuova" per creare una nuova sottorete.
Risultato: si apre la finestra "Proprietà – Nuova sottorete Industrial Ethernet".
6
Assegnare un nome e confermare con "OK".
Risultato: viene visualizzata nuovamente la finestra "Proprietà – Interfaccia Ethernet PN-IO".
7
Nella finestra, indicare l'indirizzo IP e la maschera di sottorete. Entrambe le informazioni possono essere
richieste all'amministratore di rete.
8
Se si stabilisce un collegamento tramite un router se ne deve specificare l'indirizzo.
Anche questa informazione può essere richiesta all'amministratore di rete.
9
Chiudere la finestra delle proprietà facendo clic su "OK".
Progettazione del sistema PROFINET IO
10
Inserire gli IO Device nel sistema PROFINET IO, ad es. un modulo IM151-3 PN
(ET 200S sotto PROFINET IO), quindi progettare e parametrizzare i posti connettore con drag&drop
seguendo l'ordine della configurazione reale.
11
Assegnare nomi e numeri di dispositivo agli IO Device selezionando Modifica > Proprietà dell'oggetto.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
182
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Messa in servizio
8.6 Messa in servizio del PROFINET IO
Passo
Attività
12
Se si utilizzano parallelamente PROFINET IO e PROFINET CBA, nelle proprietà del sistema
PROFINET IO occorre
13
•
attivare la casella di scelta "Impiega quest'unità nella comunicazione PROFINET CBA" e
•
adeguare il parametro "Percentuale di comunicazione (PROFINET IO)"
(ad es. impostando la percentuale di comunicazione di PROFINET IO a 87,5 %).
Per avviare il richiamo di un OB di allarme di diagnostica (OB 82) mediante gli eventi di diagnostica per
l'interfaccia PN, attivare la casella di scelta "OB 82 / PeripheralFaultTask - Richiamo dell'allarme di
comunicazione" nelle proprietà del sistema PROFINET IO.
Suggerimento: le informazioni relative agli eventi si trovano anche nel buffer di diagnostica
dell'IM 151-8 PN/DP CPU.
14
Salvare la progettazione con il comando di menu Stazione > Salva e compila.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
183
Messa in servizio
8.6 Messa in servizio del PROFINET IO
Passo
Attività
Caricamento della configurazione
15
Caricare la configurazione nel modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU. Esistono due possibilità:
•
online tramite l'interfaccia PN. Nello scaricare la configurazione, in presenza di diversi nodi scegliere
l'indirizzo IP corretto per il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU. Se il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU non è ancora provvisto di indirizzo IP, selezionare l'indirizzo MAC del modulo di
interfaccia di destinazione. L'elenco dei nodi accessibili può essere visualizzato durante il download della
configurazione HW nella finestra di dialogo "Seleziona indirizzo nodo". In questo elenco è possibile
selezionare il dispositivo di destinazione mediante il rispettivo indirizzo IP o MAC. Ad un dispositivo
provvisto finora soltanto di un indirizzo MAC può essere assegnato soltanto l'indirizzo IP progettato.
In questo caso il PG deve essere collegato alla sottorete. L'interfaccia PG deve essere impostata su
TCP/IP (Auto). Nelle proprietà dell'interfaccia devono essere eseguite le seguenti impostazioni nella
scheda Accesso IE-PG: Assegna indirizzo IP per progetto.
•
offline tramite memorizzazione su SIMATIC Micro Memory Card in SIMATIC Manager del PG e
successivo inserimento della SIMATIC Micro Memory Card nel modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU.
Assegnazione di nomi agli IO Device
16
Presupposti: il PG deve essere collegato alla sottorete. L'interfaccia PG deve essere impostata su TCP/IP
(Auto). Nelle proprietà dell'interfaccia devono essere eseguite le seguenti impostazioni nella scheda
Accesso IE-PG: Assegna indirizzo IP per progetto.
Procedimento: Selezionare in Configurazione HW i singoli IO Device online e assegnare a ciascuno di loro
un nome di dispositivo con il comando di menu Sistema di destinazione > Ethernet > Assegna nome al
dispositivo.
Avvertenza: se è stata parametrizzata la funzione "Supporta Sostituzione dispositivi senza supporto di
memoria estraibile" e la topologia nominale del sistema PROFINET IO è stata predefinita con l'editor della
topologia, è possibile eventualmente omettere l'assegnazione del nome del dispositivo. In questo caso però
la topologia richiesta deve coincidere con quella reale e i dispositivi devono essere resettati allo stato di
fornitura.
Avvertenza: solo dopo aver assegnato un nome di dispositivo all'IO Device il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU può assegnare automaticamente l'indirizzo IP rendendo possibile una comunicazione
corretta tra l'IM151-8 PN/DP CPU stesso e l'IO Device.
Se la configurazione degli IO Device caricata nel modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU corrisponde a
quella reale della sottorete, gli IO Device vengono indirizzati dall'IM151-8 PN/DP CPU e il LED BF cessa di
lampeggiare sia nell'IM151-8 PN/DP CPU che nell'IO Device.
Il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU può quindi essere portato in RUN (a condizione che non vi
siano altri impedimenti per l'avviamento) e può iniziare la comunicazione tra l'IM151-8 PN/DP CPU stesso e
l'IO Device (ad es. lettura di ingressi, scrittura di uscite).
Risultato
L'interfaccia PROFINET del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU e il sistema
PROFINET IO sono stati progettati con STEP 7. Ora il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU è accessibile agli altri nodi della sottorete Industrial Ethernet.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
184
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Messa in servizio
8.6 Messa in servizio del PROFINET IO
Riferimenti
● Altre opzioni per l'assegnazione dell'indirizzo IP sono disponibili nel capitolo
Assegnazione dei parametri dell'indirizzo IP e del nome del dispositivo (Pagina 145)
● Per maggiori informazioni sull'assegnazione degli indirizzi dell'interfaccia PROFINET IO
e sull'impostazione delle proprietà dell'interfaccia PROFINET IO e delle singole porte
consultare la Guida in linea a STEP 7 e la Descrizione del sistema PROFINET
(http://support.automation.siemens.com/WW/view/it/19292127).
Avviamento del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU come IO Controller
Durante l'avviamento l'IM151-8 PN/DP CPU confronta la configurazione attuale con
quella prefissata
● della periferia centrale
● del sistema PROFINET IO
● (della periferia decentrata nel sistema PROFIBUS DP).
L'avviamento dell'IM151-8 PN/DP CPU dipende dalla configurazione nella scheda
"Avviamento":
Tabella 8- 12 Avviamento del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU come IO Controller
Configurazione prefissata
= attuale
L'IM151-8 PN/DP CPU
entra in RUN.
Configurazione prefissata ≠ attuale
Avviamento consentito se configurazione prefissata ≠ da attuale
Avviamento non consentito
se configurazione
prefissata ≠ da attuale
L'IM151-8 PN/DP CPU entra in RUN.
Dopo "RETE ON" il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
entra in RUN dopo che è trascorso il tempo di controllo
parametrizzato.
L'IM151-8 PN/DP CPU non
si avvia.
Se il LED BF-PN lampeggia, significa che almeno un IO Device
non è indirizzabile. In questo caso controllare che tutti gli IO
Device siano stati attivati e che rispettino la configurazione
definita. Per ulteriori informazioni leggere il buffer di diagnostica
con STEP 7.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
185
Messa in servizio
8.6 Messa in servizio del PROFINET IO
Avviamento del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU come I Device
Durante l'avviamento l'IM151-8 PN/DP CPU confronta la configurazione attuale con
quella prefissata
● della periferia centrale
● della periferia decentrata nel sistema PROFIBUS DP
● del sistema PROFINET IO.
L'avviamento dell'IM151-8 PN/DP CPU dipende dalla configurazione nella scheda
"Avviamento":
Tabella 8- 13 Avviamento dell'IM151-8 PN/DP CPU come I Device
Configurazione prefissata
= attuale
L'IM151-8 PN/DP CPU
entra in RUN.
Configurazione prefissata ≠ attuale
Avviamento consentito se configurazione prefissata ≠ da attuale
Avviamento non consentito
se configurazione
prefissata ≠ da attuale
L'IM151-8 PN/DP CPU entra in RUN.
In seguito a RETE ON l'IM151-8 PN/DP CPU entra in RUN dopo
che è trascorso il tempo di controllo parametrizzato.
L'IM151-8 PN/DP CPU non
si avvia.
Il LED BF-PN lampeggiante segnala:
•
Con la progettazione come I Device senza sistema IO di
livello inferiore: nessuno dei Controller di livello superiore può
acquisire l'I Device (ad es. interruzione del collegamento o
aree di trasferimento tra IO Controller e I Device non
corrispondenti). In questo caso verificare la progettare e il
cablaggio del sistema PROFINET IO.
Con la progettazione come I Device con sistema IO di livello
inferiore: il Controller di livello superiore non può acquisire l'I
Device (ad es. interruzione del collegamento o aree di
trasferimento tra IO Controller e I Device non corrispondenti).
Oppure:
Almeno un IO Device non è accessibile. In questo caso
controllare che tutti gli IO Device siano stati attivati e che
rispettino la configurazione definita.
Per ulteriori informazioni leggere il buffer di diagnostica con
STEP 7.
•
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
186
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Messa in servizio
8.6 Messa in servizio del PROFINET IO
Rilevamento di interruzioni del trasferimento di dati all'IO Device
La tabella seguente mostra in che modo il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
rileva le interruzioni del trasferimento di dati:
Tabella 8- 14 Riconoscimento degli eventi del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU come IO Controller
Evento
Cosa succede nell'IO Controller?
IM151-8 PN/DP CPU in RUN
Interruzione del bus
(cortocircuito, spina
estratta)
•
Richiamo dell'OB 86 con il messaggio Stazione guasta
(evento in entrata; indirizzo di diagnostica dell'IO Device)
•
In caso di accesso alla periferia: richiamo dell'OB 122
(errore di accesso alla periferia)
IM151-8 PN/DP CPU in
STOP
L'evento viene registrato
nel buffer di diagnostica
Per maggiori informazioni in merito e sul comportamento in caso di cambio dello stato di
funzionamento nell'IO Controller o nell'I Device consultare il capitolo "I Device" della
Descrizione del sistema PROFINET
(http://support.automation.siemens.com/WW/view/it/19292127).
Nota
Durante la messa in servizio dell'IM151-8 PN/DP CPU per il funzionamento degli I Device
programmare sempre sia nell'IO Controller che nell'I Device l'OB 83 (a causa degli allarmi
Return-of-Submodul che vengono generati durante il passaggio del rispettivo partner di
comunicazione allo stato di funzionamento RUN).
Durante la messa in servizio della CPU programmare sempre l'OB 86, che consente di
rilevare e analizzare le interruzioni del trasferimento di dati.
Se in Configurazione HW è stata progettata anche la funzione "Richiamo di OB85 in caso di
errore di accesso alla periferia", per riconoscere errori di accesso durante il trasferimento
dell'immagine di processo è necessario programmare anche l'OB 85.
Riferimenti
Una descrizione dettagliata del trasferimento dei dati utili è contenuta nella Descrizione del
sistema PROFINET (http://support.automation.siemens.com/WW/view/it/19292127).
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
187
Messa in servizio
8.6 Messa in servizio del PROFINET IO
Controllo/comando, programmazione tramite PROFINET
Dall'interfaccia PROFINET è possibile avviare la programmazione del modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU o l'esecuzione delle funzioni PG Controllo/comando.
Se l'interfaccia PROFINET del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU non è ancora stata
messa in servizio, è possibile selezionare l'IM151-8 PN/DP CPU tramite l'indirizzo MAC
(vedere anche Progettazione del sistema PROFINET IO nella tabella precedente).
Per farlo caricare la progettazione nel modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU con
Configurazione HW. Selezionare il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU tramite
l'indirizzo MAC. Una volta scaricata la progettazione, al modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU viene assegnato anche l'indirizzo IP progettato. In questo modo è
possibile eseguire tutte le funzioni PG dell'interfaccia, ad es. il caricamento del programma,
il controllo/comando ecc.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
188
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
9
Manutenzione ordinaria e straordinaria
9.1
Panoramica
Nell'ET 200S con IM151-8 PN/DP CPU si definisce manutenzione ordinaria e straordinaria:
● Backup del firmware su SIMATIC Micro Memory Card
● Aggiornamento del firmware tramite SIMATIC Micro Memory Card
● Aggiornamento online del firmware
● Backup di dati del progetto su SIMATIC Micro Memory Card
● Sostituzione del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
● Sostituzione di un modulo master DP
9.2
Backup del firmware su SIMATIC Micro Memory Card
Quando è necessario eseguire un backup del firmware?
In alcuni casi è consigliabile eseguire un backup del firmware del modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU.
Mettiamo ad esempio che si voglia sostituire il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU del
proprio impianto con un modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU del magazzino. In questo
caso assicurarsi che il firmware del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU del
magazzino sia lo stesso di quello dell'impianto.
Inoltre si consiglia di eseguire un backup del firmware per i casi di emergenza.
Per quali IM151-8 PN/DP CPU si può fare il backup del firmware?
È possibile eseguire il backup del firmware a partire dalle seguenti versioni del modulo di
interfaccia IM151-8 PN/DP CPU:
Modulo di interfaccia
Numero di ordinazione
SIMATIC Micro Memory Card necessaria
≥ in MByte
IM151-8 PN/DP CPU
6ES7151-8AB00-0AB0
4
IM151-8 PN/DP CPU
6ES7151-8AB01-0AB0
8
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
189
Manutenzione ordinaria e straordinaria
9.2 Backup del firmware su SIMATIC Micro Memory Card
Come eseguire il backup del firmware del modulo di interfaccia IM151-8 CPU PN/DP sulla SIMATIC
Micro Memory Card
Tabella 9- 1
Backup del firmware su SIMATIC Micro Memory Card
Passo
Cosa fare:
Cosa succede nel modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU:
1.
Inserire la nuova SIMATIC Micro Memory
Card nel modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU.
L'IM151-8 PN/DP CPU richiede la
cancellazione totale.
2.
Tenere il selettore dei modi operativi in
posizione MRES.
-
3.
Disattivare e attivare nuovamente la
tensione di alimentazione e tenere il
selettore dei modi operativi in posizione
MRES finché...
... i LED STOP, RUN e FRCE iniziano a
lampeggiare.
4.
Selettore dei modi operativi su STOP.
-
5.
Spostare brevemente il selettore dei modi
operativi su MRES, quindi farlo scattare
nuovamente su STOP.
•
Il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU inizia il backup del
firmware sulla SIMATIC Micro Memory
Card.
•
Nel corso del backup tutti i LED sono
accesi.
•
Al termine del backup il LED STOP
lampeggia. Il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU richiede in questo
modo la cancellazione totale.
6.
Estrarre la SIMATIC Micro Memory Card
con il backup del firmware.
-
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
190
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Manutenzione ordinaria e straordinaria
9.3 Aggiornamento del firmware
9.3
Aggiornamento del firmware
9.3.1
Quando deve essere aggiornato il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU?
In seguito ad ampliamenti (compatibili) di funzioni o dopo il miglioramento delle prestazioni
del sistema operativo è opportuno eseguire un upgrade (aggiornamento) del firmware del
modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU alla versione più recente.
Aggiornamento di un IM 151-8 PN/DP CPU
Per l'IM151-8 PN/DP CPU con il numero di ordinazione 6ES7151-8AB00-0AB0 non è
possibile eseguire l'aggiornamento alla versione aggiornata del firmware >= V3.2.
Un IM151-8 PN/DP CPU con il numero di ordinazione 6ES7151-8AB01-0AB0 può essere
progettato con STEP 7 V5.4 come IM151-6ES7151-8AB00-0AB0. Tuttavia le nuove
funzionalità dell'IM151-8 PN/DP CPU V3.2 non sono disponibili.
Dove si trova la versione più recente del firmware?
Per l'ultima versione del firmware (disponibile come file *.UPD) rivolgersi al proprio partner
di riferimento Siemens o visitare il sito Internet
(http://www.siemens.com/automation/service&support).
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
191
Manutenzione ordinaria e straordinaria
9.3 Aggiornamento del firmware
9.3.2
Aggiornamento del firmware tramite SIMATIC Micro Memory Card
Tabella 9- 2
Aggiornamento del firmware tramite SIMATIC Micro Memory Card
Passo
Cosa fare:
1
Raccomandazioni
Cosa succede nel modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU:
Prima di aggiornare il firmware del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU è
consigliabile effettuare un backup del firmware precedente su una SIMATIC Micro Memory
Card vuota. Ciò consente, in caso di problemi durante l'aggiornamento, di ripristinare il
firmware originale dalla SIMATIC Micro Memory Card.
2
Trasferire i file di aggiornamento con
STEP 7 e il dispositivo di
-
programmazione su una SIMATIC
Micro Memory Card vuota.
In SIMATIC Manager fare clic su
"Aggiorna sistema di
destinazione/sistema operativo".
Avvertenza: è necessaria una SIMATIC
Micro Memory Card con capacità di
memoria ≥ 8 MByte.
3
Disinserire la tensione dal modulo di
interfaccia IM151-8 PN/DP CPU e inserire
la SIMATIC Micro Memory Card con
l'aggiornamento del firmware.
4
Inserire la tensione.
5
Disinserire la tensione dal modulo di
interfaccia IM151-8 PN/DP CPU ed
estrarre la SIMATIC Micro Memory Card
con l'aggiornamento del firmware.
•
Il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
rileva automaticamente la SIMATIC
Micro Memory Card con l'aggiornamento
del firmware e lo avvia.
•
Durante la procedura di aggiornamento si
accendono tutti i LED.
•
Al termine dell'aggiornamento del firmware
il LED STOP lampeggia. Il modulo di
interfaccia IM151-8 PN/DP CPU richiede in
questo modo la cancellazione totale.
-
Risultato
● Il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU è stato aggiornato con una nuova versione
del firmware.
● Tutti i parametri interni all'unità sono stati resettati tramite l'aggiornamento del firmware.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
192
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Manutenzione ordinaria e straordinaria
9.3 Aggiornamento del firmware
Nota
Un'interruzione dell'aggiornamento del firmware a causa di RETE OFF/ON o della
rimozione della Micro Memory Card può causare la perdita del firmware nella CPU. In
questo stato lampeggia soltanto il LED SF a 2 Hz (tutti gli altri LED sono spenti). Poiché
tuttavia il boot block viene mantenuto è possibile ripristinare il firmware valido ripetendone
l'aggiornamento come descritto precedentemente.
9.3.3
Aggiornamento del firmware online (tramite rete)
Per effettuare l'aggiornamento del firmware del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
sono richiesti i file (*.UPD) con la versione aggiornata del firmware.
Presupposti
● L'aggiornamento online del firmware è possibile solo a partire dalla versione V5.4 + SP 4
di STEP 7.
● Il modulo di interfaccia della stazione di cui si vuole aggiornare il firmware deve essere
accessibile online.
● I file con le versioni aggiornate del firmware devono essere presenti nel sistema di file del
PG o del PC. I file di una versione di firmware devono esere raggruppati nella stessa
cartella.
Esecuzione dell'aggiornamento del firmware
1. Avviare STEP 7 e aprire Configurazione HW.
2. Aprire la stazione in cui si trova il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU da
aggiornare.
3. Selezionare il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU.
4. Selezionare il comando di menu Sistema di destinazione > Aggiorna firmware.
5. Nella finestra di dialogo Aggiornamento del firmware selezionare il percorso dei file di
aggiornamento (*.UDP) con il pulsante Sfoglia.
6. Quando si seleziona un file, nei campi della sezione inferiore della finestra di dialogo
Aggiornamento del firmware compare un'informazione che indica per quale unità e a
partire da quale versione firmware è idoneo il file in oggetto.
7. Fare clic sul pulsante Esegui. STEP 7 verifica se il file selezionato è leggibile dal modulo
di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU e, in caso di affermativo, lo carica nel modulo di
interfaccia. Se, per poter procedere, fosse necessario modificare lo stato di
funzionamento del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU compaiono delle finestre di
dialogo con un apposito messaggio. A questo punto il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU esegue automaticamente l'aggiornamento del firmware.
8. Verificare con STEP 7 (lettura del buffer di diagnostica della CPU), se il modulo di
interfaccia IM151-8 PN/DP CPU si avvia correttamente con il nuovo firmware.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
193
Manutenzione ordinaria e straordinaria
9.4 Backup dei dati del progetto su SIMATIC Micro Memory Card
In via alternativa, l'aggiornamento del firmware può essere avviato anche in SIMATIC
Manager:
● Come CPU di destinazione selezionare il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
corrispondente, quindi la funzione "Aggiorna sistema di destinazione/firmware".
● Tramite la funzione "Nodi accessibili" selezionare la CPU di destinazione, quindi la
funzione "Aggiorna sistema di destinazione/firmware".
Entrambe le modalità conducono alla sequenza operativa 5 sopra descritta. Proseguire poi
con le sequenze successive.
Risultato
● Il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU è stato aggiornato online con una nuova
versione del firmware.
9.4
Backup dei dati del progetto su SIMATIC Micro Memory Card
Funzioni
Con le funzioni Salva progetto sulla memory card e Carica progetto dalla memory card è
possibile salvare i dati completi di un progetto su una SIMATIC Micro Memory Card e
prelevarli da questa per un utilizzo successivo. La SIMATIC Micro Memory Card in questo
caso può trovarsi in un modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU o nell'apposito supporto
di programmazione di un PG/PC.
I dati del progetto vengono compressi prima di essere salvati nella SIMATIC Micro Memory
Card e decompressi nel momento in cui vengono prelevati.
Nota
Nella SIMATIC Micro Memory Card vanno eventualmente memorizzati, oltre ai dati del
progetto, anche i dati utente. Scegliere quindi per tempo una SIMATIC Micro Memory Card
che abbia uno spazio di memoria sufficiente.
Se la capacità di memoria della SIMATIC Micro Memory Card non dovesse essere
sufficiente, viene visualizzato un opportuno messaggio.
Le dimensioni dei dati del progetto da memorizzare corrispondono alle dimensioni del file di
archivio del progetto.
Nota
Per motivi tecnici, il comando Salva progetto nella memory card consente di trasferire
soltanto l'intero contenuto (programma utente e dati del progetto).
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
194
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Manutenzione ordinaria e straordinaria
9.4 Backup dei dati del progetto su SIMATIC Micro Memory Card
Utilizzo delle funzioni
L'utilizzo delle funzioni Salva progetto sulla memory card / Carica progetto dalla memory
card dipende dalla posizione della SIMATIC Micro Memory Card:
● Se la SIMATIC Micro Memory Card è inserita nel vano, selezionare nella finestra del
progetto di SIMATIC Manager un livello di progetto assegnato in modo univoco al modulo
di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU (ad es. CPU, programma, sorgenti o blocchi).
Selezionare il comando di menu Sistema di destinazione > Salva progetto sulla memory
card o Sistema di destinazione > Carica progetto dalla memory card. Ora i dati completi
del progetto vengono scritti nella SIMATIC Micro Memory Card o prelevati da essa.
● Se i dati del progetto non sono disponibili nel dispositivo di programmazione (PG/PC)
utilizzato al momento, è possibile selezionare la CPU sorgente nella finestra "Nodi
accessibili". Aprire la finestra "Nodi accessibili" con il comando di menu Sistema di
destinazione > Visualizza nodi accessibili e selezionare il collegamento o
l'IM151-8 PN/DP CPU desiderati con i dati del progetto sulla SIMATIC Micro Memory
Card. Selezionare ora il comando di menu Carica progetto dalla memory card.
● Se la SIMATIC Micro Memory Card si trova nell'apposito supporto di programmazione
di un PG/PC, aprire la finestra di dialogo "Memory card S7" con il comando di menu
File > Memory card S7 > Apri. Selezionare il comando di menu Sistema di destinazione >
Salva progetto sulla memory card o Sistema di destinazione > Carica progetto dalla
memory card. Si aprirà una finestra di dialogo nella quale selezionare il progetto sorgente
o di destinazione.
Nota
I dati del progetto possono generare un notevole volume di dati che può
comportare tempi di attesa di diversi minuti, soprattutto con il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU nello stato RUN con la lettura e la scrittura in corso.
Esempio di applicazione
Se, nell'ambito del Service o della manutenzione, più operatori sono impegnati nella
manutenzione del sistema di automazione SIMATIC, è difficile mettere rapidamente a
disposizione di ogni operatore i dati attuali del progetto da impiegare nel Service.
Se tuttavia i dati di progetto di un modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU sono
memorizzati a livello locale in uno dei moduli di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU oggetto
della manutenzione, ogni operatore può accedere ai dati attuali del progetto ed
eventualmente apportare modifiche che a loro volta saranno a disposizione degli altri
operatori in forma aggiornata.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
195
Manutenzione ordinaria e straordinaria
9.5 Sostituzione di un modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
9.5
Sostituzione di un modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Introduzione
Nota
Per poter utilizzare in un altro punto un dispositivo (funzionante) configurato o depositarlo in
magazzino, occorre ripristinarne lo stato di fornitura perché l'indirizzo IP del dispositivo è
generalmente a ritenzione.
Un modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU difettoso può essere sostituito.
Presupposti
Per la sostituzione del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU occorre disinserire la
tensione di alimentazione dall'IM151-8 CPU difettoso.
Conseguenza: guasto alla stazione ET 200S e di tutti i componenti collegati (IO Device,
slave DP).
ATTENZIONE
PROFINET IO
Disinserendo la tensione di alimentazione su un ET 200S si disattiva anche lo switch
integrato e pertanto si interrompe la comunicazione di tutti i partner collegati (ad es. IO
Device o altri dispositivi PROFINET) che comunicano attraverso questo switch.
Nota
PROFIBUS DP
Se si disattiva la tensione di alimentazione del primo o dell'ultimo nodo di un segmento di
bus, non è più garantito il funzionamento della terminazione del bus.
Strumenti necessari
Cacciavite da ∅ 3 mm
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
196
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Manutenzione ordinaria e straordinaria
9.5 Sostituzione di un modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Sostituzione di un modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU è stato cablato e alla sua destra si trovano
i moduli terminali:
1. Disinserire la tensione di alimentazione dal modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
difettoso.
2. Estrarre la SIMATIC Micro Memory Card dal vano del modulo (vedere il capitolo
Inserimento/Sostituzione di una SIMATIC Micro Memory Card (Pagina 155).
3. Estrarre il connettore di alimentazione ed il connettore RJ45 sul modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU.
4. Con un cacciavite premere verso il basso il fermo a molla sul modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU fino all'arresto. Spostare il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU verso sinistra.
Avvertenza: il fermo a molla si trova in posizione centrale sotto il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU.
5. Estrarre il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU dalla guida profilata tendendo
premuto il fermo a molla.
6. Posizionare il nuovo modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU nella guida profilata.
7. Far ruotare all'indietro il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU fino ad avvertire che
il fermo a molla scatta in posizione.
8. Spostare verso destra il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU fino al primo modulo
terminale.
Se è inserito un modulo master DP:
Spostare verso destra il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU fino ad avvertire che
scatta in posizione nel modulo master DP.
9. Inserire nel vano il nuovo modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU la SIMATIC Micro
Memory Card estratta dal modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU difettoso.
10. Reinserire la tensione di alimentazione.
Comportamento del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU dopo la sostituzione
Dopo la sostituzione della SIMATIC Micro Memory Card, il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU esegue sempre una cancellazione totale automatica e rimane in STOP
indipendentemente dalla posizione del selettore dei modi operativi. Tramite il selettore dei
modi operativi è possibile riportare l'IM151-8 PN/DP CPU in RUN.
Se il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU rimane in STOP è possibile visualizzare la
causa dell'errore con STEP 7 (vedere il manuale utente STEP 7 ).
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
197
Manutenzione ordinaria e straordinaria
9.6 Sostituzione di un modulo master DP
9.6
Sostituzione di un modulo master DP
Introduzione
Un modulo master DP difettoso può essere sostituito.
Presupposti
Per la sostituzione del modulo master DP disinserire la tensione di alimentazione dal
corrispondente modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU.
Conseguenza: guasto alla stazione ET 200S e di tutti i componenti collegati (IO Device,
slave DP).
ATTENZIONE
PROFINET IO
Disinserendo la tensione di alimentazione su un ET 200S si disattiva anche lo switch
integrato e pertanto si interrompe la comunicazione di tutti i partner collegati (ad es.
IO Device o altri dispositivi PROFINET) che comunicano attraverso questo switch.
Nota
PROFIBUS DP
Se si disattiva la tensione di alimentazione del primo o dell'ultimo nodo di un segmento di
bus, non è più garantito il funzionamento della terminazione del bus.
Strumenti necessari
Cacciavite da ∅ 3 mm
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
198
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Manutenzione ordinaria e straordinaria
9.6 Sostituzione di un modulo master DP
Sostituzione di un modulo master DP
Il modulo master DP e il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU sono stati cablati e alla
loro destra si trovano i moduli terminali:
1. Disinserire la tensione di alimentazione dalla stazione ET 200S (IM151-8 PN/DP CPU)
interessata.
2. Estrarre il connettore di alimentazione ed il connettore RJ45 sul modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU.
3. Con un cacciavite premere verso il basso il fermo a molla sul modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU fino all'arresto. Spostare il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU di ca. 40 mm verso sinistra.
Avvertenza: Il fermo a molla si trova in posizione centrale sotto il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU.
4. Con un cacciavite premere verso il basso il fermo a molla sul modulo master DP fino
all'arresto. Spostare il modulo master DP difettoso verso sinistra finché il connettore per
il bus backplane risulta libero.
Avvertenza: il fermo a molla si trova sotto il modulo master DP.
5. Estrarre il modulo master DP dalla guida profilata tenendo premuto il fermo a molla.
6. Posizionare il nuovo modulo master DP nella guida profilata e farlo ruotare all'indietro.
7. Spostare verso destra il modulo master DP fino al primo modulo terminale.
8. Spostare verso destra il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU fino ad avvertire che
scatta in posizione nel modulo master DP.
9. Reinserire il connettore di alimentazione ed il connettore RJ45 sul modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU.
10. Reinserire la tensione di alimentazione.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
199
Manutenzione ordinaria e straordinaria
9.6 Sostituzione di un modulo master DP
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
200
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
10
Funzioni
10.1
Parametrizzazione del giunto freddo con collegamento di
termocoppie
Introduzione
Se si desidera utilizzare il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU in un sistema
ET 200S con termocoppie e un giunto freddo, impostare i parametri nelle "Proprietà" della
configurazione hardware.
Parametrizzazione del giunto freddo
Tabella 10- 1 Parametrizzazione del giunto freddo
Parametri
Campo di valori
Chiarimento
Attivazione del giunto
freddo
attivato /
non attivato
Con questo parametro è possibile abilitare il
giunto freddo. Solo in seguito sarà possibile
continuare la parametrizzazione del giunto
freddo.
(per un esempio vedere
la figura in basso)
Posto connettore
nessuno/da 5 a 66
(per un esempio vedere
la figura in basso)
Numero di canale
RTD nel canale 0
RTD nel canale 1
(per un esempio vedere
la figura in basso)
Questo parametro consente di assegnare il
posto connettore del modulo RTD al
rispettivo giunto freddo.
Questo parametro consente di definire il
canale (0/1) per la misura della temperatura
del giunto freddo (determinazione del valore
di compensazione) per il posto connettore
assegnato del modulo RTD.
Parametro del modulo RTD Campo di valori
Chiarimento
Tipo/campo di misura
Se si utilizza un canale del modulo RTD
per parametrizzare un giunto freddo, è
necessario parametrizzare il tipo e il campo
di misura di questo canale come
RTD-4L Pt100 Campo climatizzazione.
Misura della
resistenza/temperatura,
ad es.:
•
RTD-4L Pt100
Campo standard
Parametro del modulo TC
Campo di valori
Chiarimento
Numero giunto freddo
1
Questo parametro consente di assegnare il
giunto freddo (1) che contiene la temperatura
di riferimento (valore di compensazione).
Giunto freddo canale 0
Giunto freddo canale 1
Nessuno, RTD
Questo parametro consente di abilitare
l’utilizzo del giunto freddo.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
201
Funzioni
10.1 Parametrizzazione del giunto freddo con collegamento di termocoppie
Esempio di finestra di parametrizzazione
Figura 10-1
Esempio di finestra di parametrizzazione dei dati dell'unità IM151-8 PN/DP CPU in
STEP 7
Riferimenti
Maggiori informazioni sul procedimento, sulla tecnica di collegamento e un esempio di
parametrizzazione sono riportati nel manuale del prodotto Sistema di periferia decentrata
ET 200S al capitolo Moduli elettronici analogici.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
202
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Funzioni
10.2 Estrazione e inserimento di moduli durante il funzionamento
10.2
Estrazione e inserimento di moduli durante il funzionamento
10.2.1
Panoramica
L'ET 200S con IM151-8 PN/DP CPU consente di estrarre e inserire un modulo per volta
della periferia decentrata ET 200S durante il funzionamento e a tensione inserita.
Eccezione
Il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU non deve essere estratto durante il
funzionamento e a tensione inserita.
Estrazione e inserimento di moduli a tensione inserita e durante il funzionamento
Nell'estrarre o inserire un modulo a tensione inserita o durante il funzionamento osservare,
oltre alle indicazioni contenute nel presente manuale, anche le limitazioni indicate nelle
istruzioni operative Sistema di periferia decentrata ET 200S
(http://support.automation.siemens.com/WW/view/it/1144348), capitolo Cablaggio ed
equipaggiamento.
AVVERTENZA
Quando si inserisce un modulo di uscita, le uscite impostate dal programma utente
diventano immediatamente attive. Si consiglia pertanto di impostare le uscite su "0" nel
programma utente prima ancora di estrarre il modulo.
Se i moduli non vengono estratti o inseriti in modo corretto (vedere le istruzioni operative
Sistema di periferia decentrata ET 200S
(http://support.automation.siemens.com/WW/view/it/1144348), capitolo Cablaggio ed
equipaggiamento), si possono verificare stati incontrollati dell'impianto, compromettendo
inoltre i moduli adiacenti.
Particolarità dell'uso di aree di trasferimento della periferia
Per informazioni sul comportamento dell'IO Controller e dell'I Device in presenza di allarmi di
estrazione/inserimento, allarmi di diagnostica e interrupt di processo nonché sulla
diagnostica della tensione di carico delle unità progettate nell'area di trasferimento della
periferia di un I Device consultare la Descrizione del sistema PROFINET
(http://support.automation.siemens.com/WW/view/it/19292127) ai capitoli Diagnostica e
reazione agli allarmi e Condizioni generali per l'utilizzo degli I Device.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
203
Funzioni
10.2 Estrazione e inserimento di moduli durante il funzionamento
10.2.2
Procedimento di estrazione e inserimento di moduli durante il funzionamento
● Quando si estrae un modulo dalla periferia decentrata ET 200S durante il funzionamento,
viene richiamato l'OB 83 e nel buffer di diagnostica viene generata la registrazione
corrispondente (ID dell'evento 3961H). Ciò si verifica a prescindere dal fatto che il
rispettivo modulo power sia attivo o meno.
Se l'OB 83 è disponibile nel modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU, quest'ultimo
rimane in RUN.
L'assenza del modulo viene registrata nella lista di stato del sistema.
● Se si accede al modulo estratto dal programma utente, si verifica un errore di accesso
alla periferia con relativa registrazione nel buffer di diagnostica e viene richiamato
l'OB 122.
Se l'OB 122 è disponibile nel modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU, quest'ultimo
rimane in RUN.
10.2.3
Inserimento di moduli durante il funzionamento
Panoramica
Se si reinserisce un modulo estratto nella periferia centrale ET 200S durante il
funzionamento, il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU esegue il confronto tra
progettazione prefissata e attuale del modulo inserito. In questa sede viene confrontato il
modulo progettato con quello effettivamente inserito. A seconda del risultato del confronto
tra progettazione prefissata e attuale, hanno luogo le seguenti operazioni.
Moduli non parametrizzabili
Le seguenti azioni si svolgono a prescindere dal fatto che il modulo power del modulo
inserito sia attivo o meno.
Tabella 10- 2 Risultato del confronto tra configurazione prefissata e attuale per moduli parametrizzabili
Modulo inserito = modulo progettato
Modulo inserito ≠ modulo progettato
Richiamo dell'OB 83 con relativa registrazione nel Richiamo dell'OB 83 con relativa registrazione nel
buffer di diagnostica (ID di evento 3861H).
buffer di diagnostica (ID di evento 3863H).
Il modulo viene registrato nella lista di stato del
sistema come disponibile.
Il modulo rimane registrato nella lista di stato del
sistema come non disponibile.
Gli accessi diretti sono quindi nuovamente
possibili.
Gli accessi diretti non sono possibili.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
204
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Funzioni
10.2 Estrazione e inserimento di moduli durante il funzionamento
Moduli parametrizzabili
Le seguenti azioni si svolgono solamente se il modulo power del modulo inserito è attivo.
Tabella 10- 3 Risultato del confronto tra configurazione prefissata e attuale per moduli
parametrizzabili, con modulo power inserito
Modulo inserito = modulo progettato
Modulo inserito ≠ modulo progettato
Richiamo dell'OB 83 con relativa registrazione nel Richiamo dell'OB 83 con relativa
buffer di diagnostica (ID di evento 3861H).
registrazione nel buffer di diagnostica
(ID di evento 3863H).
Il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
provvede alla nuova parametrizzazione del
modulo.
Il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU non
provvede alla parametrizzazione del modulo.
Se la parametrizzazione è esente da errori, il
modulo viene registrato nella lista di stato del
sistema come disponibile.
Il modulo rimane registrato nella lista di stato del
sistema come non disponibile.
Gli accessi diretti sono quindi nuovamente
possibili.
Gli accessi diretti non sono possibili.
Il LED SF del modulo resta acceso.
Le seguenti azioni si svolgono solamente se il modulo power del modulo inserito è
disattivato.
Tabella 10- 4 Risultato del confronto tra configurazione prefissata e attuale per moduli
parametrizzabili, con modulo power disinserito
Modulo inserito = modulo progettato
Modulo inserito ≠ modulo progettato
Richiamo dell'OB 83 con relativa registrazione nel buffer di diagnostica (ID di evento 3861H).
Se il modulo power viene attivato, il modulo di
interfaccia IM151-8 PN/DP CPU parametrizza
nuovamente il modulo.
Se il modulo power viene attivato, il modulo di
interfaccia IM151-8 PN/DP CPU non
parametrizza il modulo.
Se la parametrizzazione è esente da errori, il
modulo viene registrato nella lista di stato del
sistema come disponibile.
Il modulo rimane registrato nella lista di stato del
sistema come non disponibile.
Gli accessi diretti sono quindi nuovamente
possibili.
Gli accessi diretti non sono possibili.
Il LED SF del modulo resta acceso.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
205
Funzioni
10.3 Disattivazione e attivazione dei moduli power durante il funzionamento
10.3
Disattivazione e attivazione dei moduli power durante il
funzionamento
Procedimento in caso di disattivazione di moduli power durante il funzionamento
Se durante il funzionamento si disinserisce l'alimentazione della tensione di carico di un
modulo power, hanno luogo le seguenti attività:
● Se nella parametrizzazione del modulo power è stata abilitata la diagnostica, viene
richiamato l'OB 82 di allarme di diagnostica (indirizzo di diagnostica del modulo power)
con relativa registrazione nel buffer di diagnostica (ID di evento 3942H).
● Nella lista di stato del sistema, il modulo power viene registrato come disponibile ma
guasto.
La disinserzione dell'alimentazione della tensione di carico incide nel modo seguente sui
moduli alimentati dal modulo power:
● Il LED SF dei moduli è acceso.
● È comunque possibile accedere ai moduli senza che si verifichi un errore di accesso alla
periferia.
● Le uscite dei moduli sono senza tensione e inattive per il processo.
● Gli ingressi dei moduli digitali e FM forniscono il valore 0, gli ingressi dei moduli analogici
forniscono 7FFFH.
Procedimento in caso di attivazione di moduli power durante il funzionamento
Se durante il funzionamento si inserisce l'alimentazione della tensione di carico di un modulo
power, hanno luogo le seguenti attività:
● Se nella parametrizzazione del modulo power è stata abilitata la diagnostica, viene
richiamato l'OB 82 di allarme di diagnostica (indirizzo di diagnostica del modulo power)
con relativa registrazione nel buffer di diagnostica (ID di evento 3842H).
● Nella lista di stato del sistema, il modulo power viene registrato come disponibile e in
ordine.
L'inserzione dell'alimentazione della tensione di carico incide nel modo seguente sui moduli
alimentati dal modulo power:
● Il LED SF dei moduli si spegne.
● I moduli riacquisiscono la loro completa funzionalità.
Estrazione e inserimento di moduli power durante il funzionamento
Se il modulo power viene estratto o inserito durante il funzionamento, valgono le azioni
riportate nel capitolo Estrazione e inserimento di moduli durante il funzionamento.
L'estrazione e l'inserimento hanno, sui moduli alimentati dal modulo power, gli stessi effetti
dell'inserzione e della disinserzione dell'alimentazione di tensione di carico.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
206
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Funzioni
10.4 Modulo power con byte di stato
Particolarità dell'uso di aree di trasferimento della periferia
Per informazioni sul comportamento dell'IO Controller e dell'I Device in presenza di allarmi di
estrazione/inserimento, allarmi di diagnostica e interrupt di processo nonché sulla
diagnostica della tensione di carico delle unità progettate nell'area di trasferimento della
periferia di un I Device consultare la Descrizione del sistema PROFINET
(http://support.automation.siemens.com/WW/view/it/19292127) ai capitoli Diagnostica e
reazione agli allarmi e Condizioni generali per l'utilizzo degli I Device.
10.4
Modulo power con byte di stato
Stato della diagnostica del modulo power
Nel byte di stato lo stato della diagnostica del modulo power può essere analizzato come
byte di ingresso.
Per farlo, selezionare la casella di controllo "Byte di stato" della scheda "Indirizzi" nelle
finestra delle proprietà del modulo power.
Tramite il byte di stato, lo stato attuale del modulo power viene salvato in un byte di ingresso
a scelta. L'aggiornamento non è vincolato all'abilitazione della diagnostica "Tensione di
carico mancante".
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
207
Funzioni
10.4 Modulo power con byte di stato
Esempio: riconoscimento di un cortocircuito trasversale
Un'alimentazione esterna può causare un cortocircuito trasversale nel modulo power anche
se questo è disattivato. Il byte di stato consente di riconoscere un eventuale cortocircuito
trasversale.
Ulteriori informazioni
Per informazioni sul significato dei bit nel byte di stato consultare la documentazione sul
rispettivo modulo power.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
208
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Test, diagnostica ed eliminazione dei guasti
11.1
11
Panoramica
In questo capitolo vengono mostrati gli strumenti con i quali eseguire le seguenti attività:
● Diagnostica degli errori hardware e software
● Eliminazione degli errori hardware e software
● Test hardware e software – ad es. durante la messa in servizio.
Nota
All'interno delle presenti istruzioni operative non è possibile illustrare dettagliatamente
tutti gli strumenti di diagnostica ed eliminazione dei guasti e tutte le funzioni di test.
Ulteriori indicazioni sono contenute nei rispettivi manuali dei componenti hardware e
software.
11.2
Lettura/memorizzazione dei dati del Service
Esempio pratico
In caso di interventi di service, ad es. quando l'IM151-8 PN/DP CPU segnala lo stato
"DIFETTOSO" (tutti i LED lampeggiano), è possibile salvare informazioni specifiche relative
all'analisi dello stato della CPU.
Queste informazioni sono contenute nel buffer di diagnostica e nei dati del Service.
I dati possono essere letti e salvati con il comando di menu "Sistema di destinazione >
Salva dati del service" e in seguito inviati al Customer Support.
Procedimento
1. Se l'IM151-8 PN/DP CPU si trova nello stato "DIFETTOSO" (tutti i LED lampeggiano),
disattivare e attivare nuovamente l'alimentazione (commutazione RETE OFF/ON).
Risultato: l'IM151-8 PN/DP CPU si trova nello stato di funzionamento "STOP".
2. In SIMATIC Manager selezionare, possibilmente subito dopo la commutazione in
"STOP" dell'IM151-8 PN/DP CPU, l'IM151-8 PN/DP CPU corrispondente con il comando
di menu "Sistema di destinazione > Nodi accessibili".
3. Salvare i dati del service in SIMATIC Manager mediante il comando di menu
"Sistema di destinazione > Salva dati del service".
Risultato: si apre una finestra di dialogo nella quale definire il percorso di salvataggio
e i nomi dei due file.
4. Salvare i file.
5. Inviare i file al Customer Support qualora li richiedesse.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
209
Test, diagnostica ed eliminazione dei guasti
11.3 Dati di identificazione e manutenzione del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
11.3
Dati di identificazione e manutenzione del modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU
Definizione e proprietà
I dati di identificazione e manutenzione (I&M) sono informazioni salvate in un'unità che
supportano le operazioni di
● Controllo della configurazione di un impianto
● Rilevamento di modifiche hardware in un impianto
● Eliminazione di errori in un impianto
I dati di identificazione (dati I) sono informazioni sull'unità - ad es. il numero di ordinazione
e il numero di serie - che in parte sono riportati anche sul contenitore dell'unità. I dati I sono
informazioni sull'unità predefinite dal produttore che possono soltanto essere lette.
I dati di manutenzione (dati M) sono informazioni che dipendono dall'impianto come ad es.
il luogo di installazione. I dati M vengono creati durante la progettazione e scritti sull'unità.
Grazie ai dati I&M è possibile identificare le unità online in modo univoco.
Lettura e scrittura dei dati I&M del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU con STEP 7
Lettura:
● In STEP 7 i dati I&M vengono visualizzati nello "Stato dell'unità – IM151-8 PN/DP CPU"
(schede "Generale" e "Identificazione") e attraverso i "Nodi accessibili" (vista dettagli)
(vedere la Guida in linea a STEP 7).
● Nel programma utente i dati I&M si possono leggere con l'SFC 51. Nei parametri di
ingresso dell'SFC 51 devono essere indicati il numero della lista parziale SZL e l'indice
(vedere la tabella seguente).
● Il server web consente la lettura dei dati I&M nelle pagine "Pagina iniziale" e
"Identificazione".
Scrittura:
Per la scrittura dei dati M delle unità è sempre necessario utilizzare Configurazione HW in
STEP 7.
È possibile immettere i dati seguenti, ad es. durante la progettazione:
● Nome del sistema di automazione (nome della stazione)
Il nome della stazione viene assegnato automaticamente quando si crea la stazione in
SIMATIC Manager. Qui ad es. viene creata per default una stazione "SIMATIC 300(1)".
Questo nome può essere modificato in qualunque momento.
● In Configurazione HW di STEP 7, nella scheda "Generale" delle proprietà del modulo di
interfaccia IM151-8 PN/DP CPU è possibile immettere i dati seguenti:
– Nome dell'unità
Configurazione HW assegna qui un nome di default ad es. IM151-8 PN/DP CPU
(modificabile).
– Sigla impianto dell'unità
nessuna impostazione di default
– Sigla topologica di un'unità
nessuna impostazione di default
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
210
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Test, diagnostica ed eliminazione dei guasti
11.3 Dati di identificazione e manutenzione del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Lettura dei dati I&M del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU tramite programma utente
Per la lettura dei dati I&M del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU nel programma
utente, visionare la lista di stato di sistema corrispondente con l'SFC 51, indicandone
l'ID SZL e l'indice. Gli ID SZL e i rispettivi indici sono riportati nella tabella seguente.
Liste parziali SZL con dati I&M
I dati I&M si trovano nelle seguenti liste parziali SZL sotto gli indici corrispondenti.
Tabella 11- 1 Liste parziali SZL con dati I&M
ID SZL
W#16#…
Indice
W#16#…
Significato
Identificazione dell'unità
0111
Set di dati di identificazione
0001
Identificazione dell'unità
Qui sono memorizzati il numero di ordinazione e la versione del modulo.
0006
Identificazione del software di base
Fornisce informazioni sulla versione software del modulo.
(Poiché per il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU non esiste un software
di base, qui i dati di identificazione sono identici all'indice 0001.)
0007
Identificazione del firmware di base
Fornisce informazioni sulla versione firmware del modulo.
Identificazione di un componente
011C
Identificazione di un componente
0001
Nome del sistema di automazione
Qui è memorizzato il nome del sistema di automazione (nome della stazione).
0002
Nome dell'unità
Qui è memorizzato il nome del modulo.
0003
Sigla impianto dell'unità
Qui è memorizzato un identificativo del modulo univoco in tutto l'impianto.
000B
Sigla topologica di un'unità
Qui è memorizzato il luogo di installazione del modulo.
Per informazioni dettagliate sulla configurazione ed il contenuto delle liste dello stato di
sistema consultare il manuale di riferimento Funzioni standard e di sistema per S7-300/400.
Per informazioni sulla lettura delle liste dello stato di sistema con l'SFC 51 consultare il
manuale di riferimento Funzioni standard e di sistema per S7-300/400; Funzioni standard e
di sistema nella Guida in linea a STEP 7.
Dati I&M della periferia collegata
Per informazioni sui dati I&M della periferia collegata al modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU consultare i manuali delle rispettive unità di periferia.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
211
Test, diagnostica ed eliminazione dei guasti
11.4 Funzioni di test
11.4
Funzioni di test
11.4.1
Panoramica: funzioni di test
Rilevamento dei nodi indirizzati con "Test di lampeggio del nodo"
Per poter identificare il nodo indirizzato utilizzare il comando di menu di STEP 7
Sistema di destinazione > Diagnostica/Impostazioni > Test di lampeggio nodo.
La finestra di dialogo visualizzata consente di impostare e avviare il test. Il nodo collegato
direttamente si rende riconoscibile facendo lampeggiare il LED FRCE. Il test di forzamento
nodo non è eseguibile quando è attiva la funzione FORZAMENTO.
Funzioni di test del software: Controlla e comanda variabili, passo singolo
STEP 7 mette a disposizione le seguenti funzioni di test, che si possono utilizzare anche per
la diagnostica:
● Controlla e comanda variabili
Questa funzione consente di controllare i valori attuali di singole variabili di un
programma utente o di un modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU nel PG/PC.
Inoltre è possibile assegnare valori fissi alle variabili.
● Test con lo stato del programma
È possibile testare il programma visualizzando lo stato del programma per ciascuna
funzione (risultato logico combinatorio, bit di stato) oppure il contenuto del rispettivo
registro in tempo reale.
In questo modo è possibile ad es., selezionando in STEP 7 la rappresentazione con il
linguaggio di programmazione KOP, riconoscere dal colore se un contatto è chiuso o se
è collegato un montante.
● Passo singolo
Il test a passo singolo consente di elaborare i programmi istruzione per istruzione
(= passo singolo), definendo punti di arresto. Questa funzione è possibile soltanto in
modalità di test e non di processo.
Nota
Numero dei blocchi e dei punti di arresto con supervisione del blocco di stato
L'IM151-8 PN/DP CPU ≥ V3.2 consente la supervisione simultanea di due blocchi e,
nella modalità a passo singolo, la definizione di un massimo di quattro punti di arresto.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
212
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Test, diagnostica ed eliminazione dei guasti
11.4 Funzioni di test
Funzioni di test del software: forzamento di variabili
Con la funzione di forzamento è possibile assegnare valori fissi a singole variabili di un
programma utente o di un modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU (vedere anche:
ingressi e uscite) che non vengono più sovrascritti dal programma utente.
In questo modo è possibile ad es. collegare a ponte i sensori o collegare in modo
permanente le uscite indipendentemente dal programma utente.
PERICOLO
Pericolo di morte, rischio di gravi lesioni personali o ingenti danni materiali.
Un'esecuzione scorretta della funzione di forzamento può mettere seriamente in pericolo la
vita o la salute delle persone e causare ingenti danni materiali alle macchine e all'impianto.
Osservare pertanto le avvertenze sulla sicurezza contenute nei manuali di STEP 7.
PERICOLO
Forzamento nel modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
I valori di forzamento nell'immagine di processo degli ingressi possono essere sovrascritti
da comandi di scrittura (ad es. T EB x, = E x.y, copia con SFC ecc.) e da comandi di lettura
della periferia (ad es. L PEW x) nel programma utente o anche da funzioni di scrittura del
PG/OP. Le uscite preimpostate con valori di forzamento forniscono il valore di forzamento
solo se nel programma utente non si scrive nelle uscite con comandi di periferia in scrittura
(ad es. T PAB x) e se non vi sono funzioni PG/OP che scrivono in queste uscite.
Accertarsi in ogni caso che i valori di forzamento nell'immagine di processo degli
ingressi/uscite non possano essere sovrascritti dal programma utente o dalle funzioni
PG/OP.
Figura 11-1
Principio di forzamento nel modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
213
Test, diagnostica ed eliminazione dei guasti
11.4 Funzioni di test
Nota
Forzamento di immagini di processo parziali
Il forzamento di ingressi e uscite che si trovano nella pagina di processo parziale non è
possibile.
Differenze tra il forzamento e il comando di variabili
Tabella 11- 2 Differenze tra il forzamento e il comando di variabili
Caratteristica/funzione
Forzamento
Comando di variabili
Merker (M)
-
Sì
Temporizzatori e contatori (T, Z)
-
Sì
Blocchi dati (DB)
-
Sì
Ingressi e uscite (E, A)
Sì
Sì
Ingressi di periferia (PE)
-
-
Uscite di periferia (PA)
-
Sì
Il programma utente può sovrascrivere i valori di
comando/forzamento
Sì
Sì
Numero massimo di valori di forzamento
10
-
Rete OFF a ritenzione
Sì
No
Riferimenti
Una descrizione dettagliata delle funzioni di test del software è contenuta nella
Guida in linea a STEP 7 e nel manuale Programmazione con STEP 7
(http://support.automation.siemens.com/WW/view/it/18652056).
Per ulteriori informazioni sui tempi di ciclo consultare il capitolo Tempo di ciclo (Pagina 258).
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
214
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Test, diagnostica ed eliminazione dei guasti
11.4 Funzioni di test
11.4.2
Panoramica: Diagnostica
Introduzione
Soprattutto nella fase di messa in servizio di un sistema è possibile che si verifichino errori
che possono essere difficili da localizzare in quanto gli errori di hardware e software hanno
le stesse probabilità di verificarsi. In questo caso, le numerose funzioni di test garantiscono
una perfetta messa in servizio.
Nota
I disturbi che si verificano durante il funzionamento dipendono quasi esclusivamente da
errori o guasti dei componenti hardware.
Tipi di errori
Gli errori rilevati dal modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU ai quali si può reagire con
l'aiuto dei blocchi organizzativi (OB) si possono suddividere nelle seguenti categorie:
● Errori di sincronizzazione: errori che possono essere assegnati a un determinato punto
del programma (ad es. errori di accesso a un modulo di periferia).
● Errori di asincronismo: errori che non possono essere assegnati a un determinato punto
del programma utente (ad es. superamento del ciclo, guasti delle unità).
Trattamento degli errori
In caso di errori, una programmazione "preventiva" ma soprattutto la conoscenza e l'uso
corretto degli strumenti di diagnostica presentano i seguenti vantaggi:
● Riduzione delle conseguenze degli errori
● Maggiore facilità di localizzazione degli errori
(ad es. con la programmazione degli OB di errore)
● Contenimento dei tempi di arresto.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
215
Test, diagnostica ed eliminazione dei guasti
11.4 Funzioni di test
Diagnostica tramite LED
L'hardware SIMATIC della periferia decentrata offre la possibilità di eseguire una diagnostica
tramite i LED.
I LED sono realizzati con i tre colori seguenti:
Colore dei LED
Stato del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Verde
Funzionamento corretto e regolare.
Esempio: tensione di alimentazione presente.
Giallo
Stato di funzionamento non regolare.
Esempio: comando di forzamento attivo.
Rosso
Guasto.
Esempio: errore di bus
LED lampeggiante
Evento particolare
Esempio: cancellazione totale
Le luci dei LED delle porte dell'interfaccia PROFINET hanno i seguenti colori:
Colore dei LED
Stato
Significato
Verde
Off
Non ci sono altri dispositivi collegati alla porta corrispondente
dell'interfaccia PROFINET integrata del modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU.
On
Un altro dispositivo PROFINET (ad es. anche uno switch) è collegato alla
porta corrispondente dell'interfaccia PROFINET integrata del modulo di
interfaccia IM151-8 PN/DP CPU ed è stato realizzato un collegamento
fisico.
Ulteriori informazioni
Informazioni sulla diagnostica dei moduli di periferia con funzioni di diagnostica sono
contenute nelle istruzioni operative del sistema ET 200S.
Buffer di diagnostica
Se si verifica un errore il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU ne riporta la causa
nel buffer di diagnostica. Il buffer di diagnostica può essere letto in STEP 7 con il PG.
Le informazioni contenute nel buffer di diagnostica sono in testo in chiaro.
I moduli con funzioni di diagnostica che non hanno un proprio buffer di diagnostica
registrano le informazioni di errore nel buffer di diagnostica del modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU.
In caso di errore o di evento di allarme (ad es. allarme di diagnostica di un modulo della
periferia), il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU entra in STOP oppure l'utente può
reagire nel programma utente tramite OB di errore o di allarme. Nell'esempio sopracitato
sarebbe l'OB 82.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
216
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Test, diagnostica ed eliminazione dei guasti
11.4 Funzioni di test
Diagnostica di apparecchiature da campo in PROFINET
Maggiori informazioni su questo argomento sono riportate nella descrizione del sistema
PROFINET (http://support.automation.siemens.com/WW/view/it/19292127) e nel manuale
di programmazione Migrazione da PROFIBUS DP a PROFINET IO
(http://support.automation.siemens.com/WW/view/it/19289930).
Diagnostica con le funzioni di sistema
Con il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU si consiglia, per l'analisi della diagnostica
di moduli di periferia/slave DP nel modulo master DP, l'impiego dell'SFB 54 "RALRM"
(richiamo nell'OB 82 di diagnostica).
Ulteriori possibilità di diagnostica con le funzioni di sistema sono elencate qui di seguito:
● Lettura di una lista parziale SZL o di un suo estratto con l'SFC 51 "RDSYSST"
● Lettura dei dati di diagnostica (diagnostica slave) di uno slave DP con l'SFC 13
"DPNRM_DG"
Ogni slave DP possiede dati di diagnostica configurati secondo la norma EN 50170
Volume 2, PROFIBUS. Questi dati di diagnostica si possono leggere con l'SFC 13
"DPNRM_DG". Le informazioni di errore vengono memorizzate in formato esadecimale.
Nel manuale dell'unità impiegata è indicato il significato dei codici esadecimali letti.
Se ad es. nel caso di un'unità di periferia decentrata ET 200B nel byte 7 della diagnostica
slave è registrato il valore esadecimale 50 (= dual 0101 0000), significa che un fusibile è
guasto oppure che manca la tensione di carico nei gruppi di canali 2 e 3.
● Lettura di un set di dati con l'SFB 52 "RDREC"
Con l'SFB 52 "RDREC" (read record) è possibile leggere un preciso set di dati dall'unità
indirizzata. In particolare con i set di dati 0 e 1 è possibile leggere le informazioni di
diagnostica da un'unità con funzioni di diagnostica.
Il set di dati 0 contiene 4 byte di dati di diagnostica che descrivono lo stato attuale di
un'unità. Il set di dati 1 contiene gli stessi 4 byte di dati di diagnostica del set di dati 0
e i dati di diagnostica specifici dell'unità.
● Lettura dell'informazione di start dell'OB attuale con l'SFC 6 "RD_SINFO"
Le informazioni sugli errori sono indicate anche nell'informazione di start dei singoli
OB di errore.
Con l'SFC 6 "RD_SINFO" (read start information) si legge sia l'informazione di start
dell'OB richiamato per ultimo e non ancora elaborato completamente che quella dell'OB
di avviamento avviato per ultimo.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
217
Test, diagnostica ed eliminazione dei guasti
11.4 Funzioni di test
● Avvio del rilevamento della topologia di bus in un sistema master DP con l'SFC 103
"DP_TOPOL"
Il repeater di diagnostica migliora le possibilità di determinare, in caso di guasti durante
il funzionamento, quale unità è guasta o dove è localizzata l'interruzione sul cavo DP.
Il repeater funge da slave ed è in grado rilevare la topologia di un ramo DP e quindi gli
eventuali guasti.
L'SFC 103 "DP_TOPOL" consente di avviare il rilevamento della topologia di bus in un
sistema master DP mediante il repeater di diagnostica. L'SFC 103 è descritta nella
Guida in linea a STEP 7 o nel manuale di riferimento Funzioni standard e di sistema
per S7-300/400 (http://support.automation.siemens.com/WW/view/it/1214574). La
descrizione del repeater di diagnostica è contenuta nel manuale Repeater di diagnostica
per PROFIBUS DP (http://support.automation.siemens.com/WW/view/fr/7915183).
11.4.3
Possibilità di diagnostica con STEP 7
Diagnostica con la funzione "Diagnostica hardware"
La causa di un guasto dell'unità si determina visualizzando le informazioni online dell'unità
stessa. La causa di un guasto durante l'esecuzione di un programma utente si determina
con l'aiuto del buffer di diagnostica e del contenuto dello stack. Inoltre è possibile verificare
se un programma utente è eseguibile sul modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU.
La diagnostica hardware offre una visione di insieme dello stato del sistema di automazione.
In una rappresentazione generale è possibile visualizzare con un simbolo se le singole unità
sono guaste o meno. Facendo doppio clic sull'unità con il guasto vengono visualizzate
informazioni dettagliate sul guasto. La quantità di informazioni dipende dalla singola unità.
È possibile visualizzare le seguenti informazioni:
● Visualizzazione di informazioni generali sull'unità (ad es. numero di ordinazione,
versione, identificativo) e stato dell'unità (ad es. guasto).
● Visualizzazione degli errori dell'unità (ad es. errori di canale) dei moduli della periferia
centrale degli slave PROFIBUS DP o dei PROFINET IO Device.
● Informazioni di manutenzione: manutenzione necessaria e richiesta di manutenzione
● Visualizzazione dei messaggi del buffer di diagnostica.
● Vengono inoltre visualizzati i dati di diagnostica relativi all'interfaccia PROFINET e alle
sue porte (ad es. richiesta di manutenzione, connessione di rete, diagnostica di
comunicazione, statistica).
Per il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU si possono inoltre visualizzare le
informazioni seguenti sugli stati delle unità:
● Cause del guasto in fase di esecuzione del programma utente.
● Visualizzazione della durata del ciclo (ciclo più lungo, più breve e ultimo ciclo).
● Visualizzazione dei dati di potenza (numero di possibili ingressi/uscite, merker, contatori,
temporizzatori e blocchi).
Le possibilità offerte da STEP 7 per la diagnostica e il procedimento concreto sono descritti
in modo completo e aggiornato nel manuale Programmazione con STEP 7 e nella Guida in
linea a STEP 7.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
218
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Test, diagnostica ed eliminazione dei guasti
11.4 Funzioni di test
11.4.4
Diagnostica dell'infrastruttura di rete (SNMP)
Disponibilità
In quanto standard aperto, PROFINET consente di utilizzare qualunque sistema o soluzione
applicativa per la diagnostica basata su SNMP.
Diagnostica di rete
Il protocollo di gestione di rete SNMP (Simple Network Management Protocol) si avvale del
protocollo di trasmissione senza connessione UDP. Esso è costituito da due componenti di
rete analogamente al modello Client/Server. L'SNMP Manager controlla i nodi della rete e gli
agenti SNMP raccolgono nei singoli nodi le diverse informazioni specifiche della rete
salvandole in forma strutturata nel MIB (Management Information Base). Grazie a queste
informazioni un sistema di gestione della rete può eseguire una diagnostica di rete completa.
MIB
Il MIB (Management Information Base) è un database di un dispositivo. I Client SNMP
accedono a questo database nel dispositivo. La gamma S7 supporta ad es. i seguenti MIB
standard:
● MIB II, a norma RFC 1213
● LLDP-MIB, conforme alla norma internazionale IEE 802.1AB
● LLDP-PNIO-MIB, conforme alla norma internazionale IEC 61158-6-10
Riconoscimento della topologia di rete
LLDP (Link Layer Discovery Protocol) consiste in un protocollo che consente di individuare
il dispositivo vicino. Mette un determinato dispositivo in condizione di inviare informazioni su
se stesso e di memorizzare nel MIB LLDP le informazioni ricevute dai dispositivi vicini.
Queste informazioni possono essere richieste tramite SNMP. Grazie a queste informazioni
un sistema di gestione della rete può determinare la topologia della rete.
Integrazione di sistemi HMI tramite server OPC SNMP
La progettazione del server OPC è integrata in Configurazione HW di STEP 7.
La comunicazione con il server OPC avviene senza collegamento S7. Quindi non è
necessario progettare collegamenti S7.
Le stazioni già progettate in STEP 7 possono essere acquisite direttamente dal progetto.
Alternativamente a STEP 7 la configurazione può essere eseguita anche con NCM PC
(componente di SIMATIC NET CD) oppure essere rilevata automaticamente e acquisita
nella progettazione.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
219
Test, diagnostica ed eliminazione dei guasti
11.4 Funzioni di test
Utilizzo di SNMP nell'ambiente SIMATIC NET
I dispositivi della gamma SIMATIC NET che supportano il protocollo SNMP possono essere
controllati e comandati con un comune browser Internet standard. Il sistema di gestione
cosiddetto "Web Based Management" offre numerose informazioni specifiche dei dispositivi
(ad es. statistiche di rete, stato dell'alimentazione ridondante).
Diagnostica con il server SNMP OPC di SIMATIC NET
Il software del server SNMP OPC consente la diagnostica e la parametrizzazione di
qualsiasi dispositivo SNMP, persino mediante sistemi HMI, ad es., che non leggono variabili
SNMP di altri apparecchi.
Lo scambio dei dati con questi dispositivi viene gestito dal server OPC tramite il protocollo
SNMP.
Tutte le informazioni possono essere integrate in sistemi OPC compatibili come ad es. il
sistema HMI di WinCC. Ciò consente una diagnostica combinata di processo e rete nel
sistema HMI.
Vantaggi di SNMP
SNMP può essere utilizzato:
● Dagli utenti per integrare la diagnostica di rete in un sistema HMI / SCADA centrale
tramite server SNMP OPC
● Dall'amministrazione IT di gestori di macchine e impianti per controllare la propria rete
Industrial Ethernet per mezzo di sistemi standard per la gestione di reti.
● Dall'amministrazione IT in primo luogo per controllare la rete di gestione aziendale, ma in
molti casi anche per la rete di automazione, per mezzo di sistemi per la gestione di reti
standard (ad es. HP Openview).
Ulteriori informazioni
● È possibile trovare ulteriori informazioni su SNMP nella gestione della rete in Internet
(http://www.profibus.com).
● Ulteriori dettagli su SNMP sono disponibili in Internet (http://www.snmp.org).
● Ulteriori informazioni sul server SNMP OPC sono disponibili in Internet
(http://www.siemens.com/snmp-opc-server).
● Per ulteriori informazioni sul servizio di comunicazione SNMP e sulla diagnostica con
SNMP consultare la Descrizione del sistema PROFINET
(http://support.automation.siemens.com/WW/view/it/19292127).
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
220
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Test, diagnostica ed eliminazione dei guasti
11.5 Diagnostica mediante LED di stato e di errore
11.5
Diagnostica mediante LED di stato e di errore
11.5.1
Introduzione
La diagnostica tramite LED costituisce un primo strumento per la delimitazione degli errori.
Per circoscrivere ulteriormente l'errore, normalmente si analizza il buffer di diagnostica.
Esso contiene le informazioni in testo in chiaro sull'errore che si è verificato, Nel buffer di
diagnostica si trova ad es. il numero dell'OB in cui si è verificato l'errore. La creazione del
buffer di diagnostica permette di evitare che il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
entri in STOP.
11.5.2
Segnalazioni di stato e di errore del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Tabella 11- 3 Segnalazioni di stato e di errore del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
LED
Significato
SF
MT
ON
FRCE
RUN
STOP
Off
Off
Off
Off
Off
Off
Non è presente tensione di alimentazione
nell'IM151-8 PN/DP CPU.
Rimedio:
assicurarsi che la tensione di alimentazione sia collegata
alla rete e che sia inserita.
Off
X
On
X
Off
On
L'IM151-8 PN/DP CPU si trova in STOP.
Rimedio: avviare il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU.
On
X
On
X
Off
On
L'IM151-8 PN/DP CPU si trova in STOP; lo stato STOP è stato
causato da un errore.
Rimedio: vedere le tabelle seguenti, analisi del LED SF
X
X
On
X
Off
Lampeggia
(0,5 Hz)
L'IM151-8 PN/DP CPU richiede la cancellazione totale.
X
X
On
X
Off
Lampeggia
(2 Hz)
L'IM151-8 PN/DP CPU esegue la cancellazione totale.
X
X
On
X
Lampeggia
(2 Hz)
On
L'IM151-8 PN/DP CPU è in fase di avviamento.
X
X
On
X
Lampeggia
(0,5 Hz)
On
L'IM151-8 PN/DP CPU è stato arrestato da un punto di arresto
programmato.
X
X
On
X
On
X
Ulteriori informazioni sull'argomento si trovano nel manuale
Programmazione con STEP 7
(http://support.automation.siemens.com/WW/view/it/18652056).
Errore hardware o software
Rimedio: vedere le tabelle seguenti, analisi del LED SF
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
221
Test, diagnostica ed eliminazione dei guasti
11.5 Diagnostica mediante LED di stato e di errore
LED
Significato
SF
MT
ON
FRCE
RUN
STOP
X
On
X
X
X
X
X
X
X
On
X
X
•
Nel funzionamento IRT di un sistema PROFINET IO:
–
Guasto del master Sync in un dominio Sync
–
Perdita di sincronizzazione della propria stazione
(ad es. in seguito a un guasto del master Sync)
–
Perdita di sincronizzazione di un
PROFINET IO Device collegato
•
Altre richieste di manutenzione PROFINET IO
(ad es. eccessivo smorzamento dei cavi in fibra ottica)
•
In caso di ridondanza del supporto (MRP):
–
Il collegamento tra le porte per la struttura ad anello
manca o è interrotto
–
Un client MRP nell'anello si è guastato
–
In presenza di più manager di ridondanza
L'utente ha attivato la funzione di forzamento.
Ulteriori informazioni sull'argomento si trovano nel manuale
Programmazione con STEP 7
(http://support.automation.siemens.com/WW/view/it/18652056).
X
X
X
Lampeggia
(2 Hz)
X
X
È stato attivato il test di lampeggio del nodo.
Lampeggia
X
Lampeggia
Lampeggia
Lampeggia
Lampeggia
Si è verificato un errore di sistema interno
nell'IM151-8 PN/DP CPU. Procedere nella maniera seguente.
1. Ruotare l'interruttore nella posizione STOP.
2. Spegnere e riaccendere la tensione di alimentazione 1L+.
3. Leggere il buffer di diagnostica con STEP 7.
4. Leggere i dati del Service (vedere capitolo
"Lettura/salvataggio dei dati del Service (Pagina 209)").
5. Rivolgersi al rappresentante SIEMENS.
Lampeggia
(2 Hz)
Off
Off
Off
Off
Off
L'IM151-8 PN/DP CPU non possiede un firmware valido.
Rimedio: eseguire l'aggiornamento del firmware tramite Micro
Memory Card, (vedere il capitolo Aggiornamento del firmware
tramite SIMATIC Micro Memory Card (Pagina 192)).
X = questo stato non è rilevante per la funzione attuale dell'IM151-8 PN/DP CPU.
Informazioni di manutenzione MT
Il LED MT giallo lampeggia non appena PROFINET IO segnala una
Richiesta di manutenzione.
Se questi allarmi sono stati abilitati durante la progettazione dell'interfaccia PN,
oltre alla segnalazione tramite LED viene generato un messaggio di allarme.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
222
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Test, diagnostica ed eliminazione dei guasti
11.5 Diagnostica mediante LED di stato e di errore
Riferimenti
● Gli OB e le SFC necessarie per la loro valutazione sono descritti dettagliatamente nella
Guida in linea a STEP 7 e nel manuale di riferimento Funzioni standard e di sistema per
S7-300/400 (http://support.automation.siemens.com/WW/view/it/1214574).
● Informazioni dettagliate sulla manutenzione si trovano nella Descrizione del sistema
PROFINET (http://support.automation.siemens.com/WW/view/it/19292127)
11.5.3
Analisi del LED SF (errore software)
Tabella 11- 4 Analisi del LED SF (errore software)
Errori possibili
Reazione del
modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU
Rimedi possibili
Allarme dall'orologio attivo e
avviato. Tuttavia non è stato
caricato l'OB adeguato. (Errore
di software/parametrizzazione)
Richiamo dell'OB 85.
Il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU entra
in STOP se l'OB 85 non è
stato caricato.
Caricare l'OB 10
(il numero di OB si può vedere nel
buffer di diagnostica).
Il momento di avvio di un
allarme dall'orologio attivato è
stato ignorato, ad es. perché
l'orologio interno è stato messo
avanti.
Richiamo dell'OB 80.
Il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU entra
in STOP se l'OB 80 non è
stato caricato.
Disattivare l'allarme dall'orologio con
la SFC 29.
Allarme di ritardo avviato dalla
SFC 32. Tuttavia non è stato
caricato l'OB adeguato. (Errore
di software/parametrizzazione)
Richiamo dell'OB 85.
Il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU entra
in STOP se l'OB 85 non è
stato caricato.
Caricare l'OB 20
(il numero di OB si può vedere nel
buffer di diagnostica).
Interrupt di processo attivo e
avviato. Tuttavia non è stato
caricato l'OB adeguato. (Errore
di software/parametrizzazione)
Richiamo dell'OB 85.
Il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU entra
in STOP se l'OB 85 non è
stato caricato.
Caricare l'OB 40
(il numero di OB si può vedere nel
buffer di diagnostica).
L'allarme di stato viene generato Richiamo dell'OB 85.
ma non è stato caricato l'OB 55 Il modulo di interfaccia
adeguato.
IM151-8 PN/DP CPU entra
in STOP se l'OB 85 non è
stato caricato.
Caricare l'OB 55
L'allarme di aggiornamento
viene generato ma non è stato
caricato l'OB 56 adeguato.
Richiamo dell'OB 85.
Il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU entra
in STOP se l'OB 85 non è
stato caricato.
Caricare l'OB 56
L'allarme produttore viene
generato ma non è stato
caricato l'OB 57 adeguato.
Richiamo dell'OB 85.
Il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU entra
in STOP se l'OB 85 non è
stato caricato.
Caricare l'OB 57
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
223
Test, diagnostica ed eliminazione dei guasti
11.5 Diagnostica mediante LED di stato e di errore
Errori possibili
Reazione del
modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU
Rimedi possibili
Accesso ad un modulo di
periferia non presente o guasto
durante l'aggiornamento
dell'immagine di processo
(errore software o hardware)
Richiamo dell'OB 85 (in
base alla parametrizzazione
in Configurazione HW).
Il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU entra
in STOP se l'OB 85 non è
caricato.
Caricare l'OB 85; l'informazione di
avvio dell'OB contiene l'indirizzo del
modulo di periferia interessato.
Sostituire il modulo interessato o
eliminare l'errore di programma.
Il tempo di ciclo è stato
superato. Probabilmente sono
stati richiamati troppi OB di
allarme contemporaneamente.
Richiamo dell'OB 80.
Il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU entra
in STOP se l'OB 80 non è
stato caricato.
Se il tempo di ciclo viene
superato per due volte
senza essere riattivato,
il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU entra
in STOP benché l'OB 80 sia
stato caricato.
Prolungare il tempo di ciclo
(STEP 7 – Configurazione HW),
modificare la struttura del
programma.
Richiamo dell'OB 121.
Il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU entra
in STOP se l'OB 121 non è
stato caricato.
Eliminare l'errore di programmazione.
Le funzioni di test STEP 7 assistono
l'utente nella ricerca degli errori.
Richiamo dell'OB 122.
Il modulo di interfaccia
Durante l'accesso ai dati di un
modulo di periferia si è verificato IM151-8 PN/DP CPU entra
in STOP se l'OB 122 non è
un errore.
stato caricato.
Controllare l'indirizzamento dei
moduli di periferia in Configurazione
HW oppure l'eventuale guasto di un
modulo di periferia/uno slave DP/
un PROFINET IO Device.
Errore di programmazione
•
Blocco non caricato
•
Numero di blocco sbagliato
•
Numero di temporizzatore o
contatore non esatto
•
Lettura o scrittura in un'area
sbagliata
•
ecc.
Errore di accesso alla periferia
Rimedio:
eventualmente retrigger del
controllo del tempo di ciclo con
l'SFC 43
Suggerimento:
● Tutti gli allarmi e gli eventi di errore di asincronismo si possono inibire con l'SFC 39.
Nota
Osservare che più piccolo è il periodo di schedulazione orologio, maggiore è la
probabilità che si verifichino errori di allarme di schedulazione.
Tenere conto assolutamente dei tempi del sistema operativo del modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU, del tempo di esecuzione del programma utente e del
prolungamento del tempo di ciclo dovuto ad es. a funzioni PG attive.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
224
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Test, diagnostica ed eliminazione dei guasti
11.5 Diagnostica mediante LED di stato e di errore
Riferimenti
Gli OB e le SFC necessarie per la loro valutazione sono descritti dettagliatamente nella
Guida in linea a STEP 7 e nel manuale di riferimento Funzioni standard e di sistema per
S7-300/400.
11.5.4
Analisi del LED SF in caso di errore hardware
Tabella 11- 5 Analisi del LED SF (errore hardware)
Errori possibili
Reazione del modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU
Rimedi possibili
Un modulo di periferia centrale è
stato estratto o inserito durante il
funzionamento.
Richiamo dell'OB 83. Il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU entra in STOP se l'OB 83
non è stato caricato.
Caricare l'OB 83.
Se viene estratta più di un'unità il modulo di
interfaccia IM151-8 PN/DP CPU entra sempre
in STOP.
Un'unità decentrata di
PROFINET IO è stata estratta o
inserita durante il funzionamento.
Richiamo dell'OB 83. Il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU entra in STOP se l'OB 83
non è stato caricato.
Caricare l'OB 83 e l'OB 86.
Se in un sistema ET 200S (IO Device) vengono
estratte o inserite durante il funzionamento
diverse unità, viene richiamato anche l'OB 86.
Il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
entra in STOP se l'OB 86 non è caricato.
Un'unità decentrata del
PROFIBUS DP è stata estratta o
inserita durante il funzionamento.
Richiamo dell'OB 86. Il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU entra in STOP se l'OB 86
non è stato caricato.
Caricare l'OB 86 o l'OB 82.
Se l'unità è stata integrata con il file GSD:
richiamo dell'OB 82. Il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU entra in STOP se l'OB 82
non è caricato.
Un modulo di periferia con funzioni
di diagnostica segnala un allarme di
diagnostica.
Richiamo dell'OB 82. Il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU entra in STOP se l'OB 82
non è stato caricato.
Reazione all'evento di diagnostica
a seconda della
parametrizzazione del modulo di
periferia.
Accesso a un modulo di periferia
inesistente o difettoso. Connettore
allentato (errore software o
hardware).
Richiamo dell'OB 85 se l'accesso è stato
tentato nel corso dell'aggiornamento
dell'immagine di processo (il richiamo dell'OB
85 deve essere abilitato con la
parametrizzazione opportuna). Richiamo
dell'OB 122 durante accessi diretti alla periferia.
Il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
entra in STOP se l'OB non è caricato.
Caricare l'OB 85 o OB 122;
l'informazione di avvio dell'OB
contiene l'indirizzo del modulo di
periferia interessato. Sostituire il
modulo di periferia interessato,
fissare il connettore oppure
eliminare l'errore di programma.
SIMATIC Micro Memory Card
difettosa.
Il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
entra in STOP e richiede la cancellazione
totale.
Sostituire la SIMATIC Micro
Memory Card, eseguire la
cancellazione totale del modulo di
interfaccia IM151-8 PN/DP CPU,
ritrasferire il programma e portare
l'IM151-8 PN/DP CPU in RUN.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
225
Test, diagnostica ed eliminazione dei guasti
11.5 Diagnostica mediante LED di stato e di errore
Errori possibili
Reazione del modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU
Rimedi possibili
È stata progettato un collegamento
ad una porta; sulla porta tuttavia non
è stato rilevato alcun partner o il
partner rilevato è errato.
Se non è presente alcun dispositivo partner
Creare un collegamento con il
o se il dispositivo partner collegato è errato,
partner corretto.
verrà emessa la relativa registrazione nel buffer
di diagnostica insieme ad un messaggio nella
diagnostica di comunicazione della porta
dell'interfaccia PN.
Se in Configurazione HW è stato abilitato il
richiamo di un OB 82 per gli allarmi di
comunicazione dell'interfaccia PN, al verificarsi
del rispettivo evento, nello stato di
funzionamento RUN dell'IM verrà richiamato
anche l'OB 82.
L'IM151-8 PN/DP CPU viene
utilizzato come I Device su un
IO Controller (o una CPU) in una
sottorete PN IO.
Caricare l'OB 85 o l'OB 122
IO Controller in RUN e I Device in STOP:
•
Uno dei due partner di
comunicazione passa allo stato
STOP (o si trova in STOP).
Gli accessi diretti della periferia agli
ingressi/alle uscite delle aree di
trasferimento dell'applicazione/della
periferia agli I Device causano errori di
accesso nell'IO Controller (richiamo
OB 122).
Se le aree di trasferimento dell'applicazione /
alle aree di trasferimento della periferia,
si trovano nell'immagine di processo e il
richiamo dell'OB 85 è parametrizzato in
presenza di errori di trasferimento
dell'immagine di processo, viene richiamato
l'OB 85.
IO Controller in STOP e I Device in RUN:
•
•
Gli accessi diretti della periferia agli ingressi
delle aree di trasferimento utente al
Controller causano errori di accesso nell'I
Device (richiamo OB 122).
•
Se le aree di trasferimento dell'applicazione
si trovano nell'immagine di processo e il
richiamo dell'OB 85 è parametrizzato in
presenza di errori di trasferimento
dell'immagine di processo, viene richiamato
l'OB 85.
Riferimenti
Gli OB e le SFC necessarie per la loro valutazione sono descritti dettagliatamente nella
Guida in linea a STEP 7 e nel manuale di riferimento Funzioni standard e di sistema per
S7-300/400.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
226
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Test, diagnostica ed eliminazione dei guasti
11.5 Diagnostica mediante LED di stato e di errore
11.5.5
LED di stato e di errore per l'interfaccia PN
LED di stato e di errore: dispositivi PROFINET
Tabella 11- 6 LED per PROFINET
LED
Stato del LED
Descrizione dello stato
P1 - LINK,
P2 - LINK,
P3 - LINK
Acceso
È attivo un collegamento Ethernet tra la porta dell'interfaccia PROFINET del dispositivo
PROFINET e un partner della comunicazione in Ethernet (ad es. uno switch).
Lampeggia
Solo negli IO Device il "Test di lampeggio del nodo" dal SIMATIC Manager provoca il
lampeggio del LED LINK.
Anche nelle CPU può essere attivato il lampeggio del LED LINK,
ad es. richiamando la funzione "Cerca nella rete" dalla Configurazione HW
(Sistema di destinazione > Ethernet > Modifica nodo Ethernet > Sfoglia).
Osservazione: nelle CPU il comune "Test di lampeggio del nodo" causa il lampeggio
del LED FORCE.
BF-PN
Non si accende
Non vi sono collegamenti Ethernet attivi tra l'interfaccia PROFINET del dispositivo
PROFINET e il partner della comunicazione in Ethernet.
Acceso 1
Errore nell'interfaccia PROFINET, la comunicazione non è più possibile (ad es. nel caso
di una CPU come IO Controller quando il collegamento con lo switch è interrotto)
Lampeggia
Il LED BF lampeggia sempre se il PROFINET IO Controller non può stabilire
correttamente la comunicazione con tutti i dispositivi (ad es. guasto della stazione di uno
o più IO Device).
Rimedio: vedere la tabella seguente
La comunicazione attraverso una porta dell'interfaccia PROFINET è generalmente
possibile.
Con una CPU utilizzata come I Device il LED BF lampeggia finché almeno un Controller
ha stabilito correttamente la comunicazione a questo I Device.
Rimedio: vedere la tabella seguente
Non si accende
Non vi sono errori nell'interfaccia PROFINET
1 Il LED BF-PN lampeggia soltanto se è stato progettato un sistema PROFINET IO.
Se il LED BF-PN deve rimanere spento, ad es. perché il sistema PROFINET IO non
è operativo, quest'ultimo dev'essere separato o rimosso dalla progettazione in
Configurazione HW.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
227
Test, diagnostica ed eliminazione dei guasti
11.5 Diagnostica mediante LED di stato e di errore
Rimedio a errori verificatisi nell'interfaccia PROFINET - Il LED BF-PN è acceso
Tabella 11- 7 Il LED BF-PN è acceso
Errori possibili
•
Errore di bus (nessun collegamento
fisico ad una sottorete/switch)
•
Velocità di trasmissione inadeguata
•
La trasmissione full duplex non è
attiva
Esempio di reazione di un
modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU
Rimedi possibili
Richiamo dell'OB 86
(se il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU si
trova in RUN e se prima
dell'errore operava con
IO Device ora guasti).
•
Verificare che non vi siano un cortocircuito
o un'interruzione nel cavo di bus.
•
Verificare che il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU sia collegato a uno
switch e non a un hub.
Il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU entra
in STOP se l'OB 86 non è
caricato.
•
Verificare che la velocità di trasmissione dei
dati sia di 100 Mbit/s duplex.
•
Analizzare la diagnostica. Effettuare
nuovamente la progettazione oppure
correggerla.
•
Se al modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU è collegato un modulo
master DP è possibile leggere la diagnostica
attraverso l'interfaccia master DP. Effettuare
nuovamente la progettazione oppure
correggerla.
Rimedio a errori verificatisi nell'interfaccia PROFINET di un IO Controller - Il LED BF-PN lampeggia
Tabella 11- 8 Il LED BF-PN lampeggia in un PROFINET IO Controller
Errori possibili
•
Guasto di un IO Device collegato
•
Almeno uno degli IO Device
assegnati non è indirizzabile.
•
Progettazione errata
Esempio di reazione di un
modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU
Rimedi possibili
Richiamo dell'OB 86 se il
modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU si
trova in RUN e se prima
dell'errore operava con
PROFINET IO Device ora
guasti.
•
Controllare che il cavo Ethernet sia collegato
al modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
e che non vi siano interruzioni nel bus.
•
Attendere finché il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU ha terminato
l'avviamento. Se il LED continua a
lampeggiare, controllare gli IO Device o
analizzarne la diagnostica.
•
Verificare che il nome del dispositivo
progettato coincida con quello realmente
assegnato all'IO Device.
•
Verificare se gli IO Device collegati hanno
nomi di dispositivo e indirizzi IP diversi.
Il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU entra
in STOP se l'OB 86 non è
caricato.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
228
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Test, diagnostica ed eliminazione dei guasti
11.5 Diagnostica mediante LED di stato e di errore
Rimedio a errori verificatisi nell'interfaccia PROFINET di un IO Device - Il LED BF2/BF3 lampeggia
Tabella 11- 9 Il LED BF2/BF3 lampeggia in un I Device
Errori possibili
Esempio di reazione da
parte di una CPU
Rimedi possibili
Nella progettazione come I Device senza sistema IO di livello inferiore:
•
L'indirizzo IP non è corretto.
•
Progettazione errata
•
Parametrizzazione errata
•
L'IO Controller non è presente/
è spento, ma il collegamento
Ethernet è disponibile.
•
Nel funzionamento Shared I Device:
non sono presenti/sono spenti tutti
gli IO Controller progettati, ma il
collegamento Ethernet è disponibile
(collegamento a un dispositivo
vicino stabilito).
•
Nome del dispositivo errato o
mancante
•
Il tempo di controllo risposta è
scaduto.
Richiamo dell'OB 86 se il
modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU è
in RUN e manca la
comunicazione dei
dati utili all'IO Controller/
agli IO Controller di livello
superiore.
Il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU entra
in STOP se l'OB 86 non è
caricato.
•
Verificare che il cavo Ethernet sia collegato
correttamente.
•
Verificare che non vi siano interruzioni tra il
cavo Ethernet e il Controller.
•
Verificare la configurazione e la
parametrizzazione, in particolare indirizzo IP
e nome del dispositivo.
•
Attivare l'IO Controller.
•
Verificare che la configurazione prefissata
coincida con quella attuale.
•
Se si utilizza
l'IM151-8 PN/DP CPU come
Shared I Device, il LED BF
•
lampeggia solo quando la
comunicazione è interrotta
con entrambi i Controller di
livello superiore.
Controllare che il collegamento fisico di
comunicazione non sia interrotto.
Attendere finché l'IM151-8 PN/DP CPU ha
terminato l'avviamento. Se il LED continua a
lampeggiare, controllare l'IO Controller o gli
IO Controller e analizzare il buffer di
diagnostica degli IO Controller e dell'I Device.
Inoltre nella progettazione come I Device con sistema IO di livello inferiore:
•
Guasto di un IO Device collegato
•
Almeno uno degli IO Device
assegnati non è indirizzabile
•
Progettazione errata
Richiamo dell'OB 86 se il
modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU si
trova in RUN e se prima
dell'errore operava con
PNIO Device ora guasti.
Il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU entra
in STOP se l'OB 86 non è
caricato.
•
Verificare che il cavo Ethernet sia collegato
all'unità e che non vi siano interruzioni nel bus.
•
Attendere finché la CPU ha terminato
l'avviamento. Se il LED continua a
lampeggiare, controllare gli IO Device o
analizzarne la diagnostica.
•
Verificare che il nome del dispositivo
progettato coincida con quello realmente
assegnato all'IO Device.
•
Verificare se gli IO Device collegati hanno
nomi di dispositivo e indirizzi IP diversi.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
229
Test, diagnostica ed eliminazione dei guasti
11.5 Diagnostica mediante LED di stato e di errore
11.5.6
LED di stato e di errore: PROFINET IO Device
Rimedio a errori verificatisi nell'interfaccia PROFINET di un IO Device e in caso di funzionamento
misto IO Controller / I Device - Il LED BF lampeggia
Tabella 11- 10
Il LED BF lampeggia in un PROFINET IO Device
Errori possibili
Rimedi possibili
•
L'indirizzo IP non è corretto
•
Progettazione errata
•
•
Verificare che il cavo Ethernet sia collegato
correttamente.
Parametrizzazione errata
•
•
L'IO Controller non è presente / è spento, ma il
collegamento Ethernet è disponibile.
Verificare che non vi siano interruzioni tra il cavo
Ethernet e il Controller.
•
Controllare la configurazione e la parametrizzazione.
•
Nel funzionamento Shared Device: non sono presenti /
sono spenti tutti gli IO Controller progettati,
ma il collegamento Ethernet è disponibile
(collegamento a un dispositivo vicino stabilito)
•
Per l'IO Device: Attivare l'IO Controller.
•
Verificare che la configurazione prefissata coincida
con quella attuale.
•
Controllare che il collegamento fisico di comunicazione
non sia interrotto.
•
Nome del dispositivo errato o mancante
•
Il tempo di controllo risposta è scaduto.
•
Nel funzionamento IRT con "Elevata performance": il
collegamento al master Sync è interrotto
Suggerimento: identificazione del dispositivo PROFINET nell'armadio elettrico
Al momento della prima messa in servizio, i PROFINET IO Device devono essere
provvisti di un nome del dispositivo. In STEP 7 / Configurazione HW è possibile far
lampeggiare il LED LINK di un PROFINET IO Device al quale assegnare un nome
selezionando Sistema di destinazione > Ethernet > Assegna nome al dispositivo.
In questo modo è possibile ad es. identificare in modo univoco all'interno di un armadio
elettrico un PROFINET IO Device da indirizzare tra numerosi altri.
LED di manutenzione
Questo LED indica la presenza di una richiesta di manutenzione, ad es. la perdita
di sincronizzazione della propria stazione.
Maggiori informazioni sono disponibili nella Guida in linea a STEP 7.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
230
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Test, diagnostica ed eliminazione dei guasti
11.5 Diagnostica mediante LED di stato e di errore
11.5.7
LED di stato e di errore del modulo master DP
Spiegazione del LED BF
Tabella 11- 11
LED BF
Significato
IM151-8 PN/DP CPU
Modulo master DP
SF
ON
BF
On
On
acceso/lampeggia Errore nell'interfaccia PROFIBUS DP.
Rimedio: vedere le tabelle seguenti
Tabella 11- 12
Il LED BF sul modulo master DP è acceso
Errori possibili
•
•
•
Errore di bus (guasto fisico)
Slave non disponibile o disattivato
Si è verificato un cortocircuito nel bus
Reazione del modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU
Rimedi possibili
Richiamo dell'OB 86
(se il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU si trova in RUN
e se prima dell'errore operava con
slave DP ora guasti).
•
Il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU entra in STOP
se l'OB 86 non è caricato.
Tabella 11- 13
•
•
Il LED BF sul modulo master DP lampeggia
Errori possibili
Reazione del modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU
Il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU è master DP:
Richiamo dell'OB 86
•
(se il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU si trova in RUN
e si verifica un guasto in slave DP
collegati).
•
•
•
Controllare che il connettore per
PROFIBUS DP sia inserito
correttamente.
Verificare che non vi siano un
cortocircuito o un'interruzione nel
cavo di bus.
Analizzare la diagnostica.
Effettuare nuovamente la
progettazione oppure correggerla.
Guasto di una stazione collegata
Almeno uno degli slave assegnati non
è indirizzabile
Progettazione errata
(le aree di indirizzi progettate nella
configurazione attuale non
corrispondo alla configurazione
prefissata.)
Il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU entra in STOP
se l'OB 86 non è caricato.
Rimedi possibili
•
•
Verificare che il cavo di bus sia
collegato al modulo master DP del
modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU e che non vi
siano interruzioni nel bus.
Attendere finché il modulo di
interfaccia IM151-8 PN/DP CPU ha
terminato l'avviamento. Se il LED
non smette di lampeggiare,
controllare gli slave DP o
analizzarne la diagnostica.
Controllare l'impostazione delle
aree di indirizzi progettate per il
master DP.
Riferimenti
Gli OB e le SFC necessarie per la loro valutazione sono descritti
dettagliatamente nella Guida in linea a STEP 7 e nel manuale di riferimento
Funzioni standard e di sistema per S7-300/400.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
231
Test, diagnostica ed eliminazione dei guasti
11.6 Diagnostica in PROFIBUS DP
11.6
Diagnostica in PROFIBUS DP
11.6.1
Diagnostica del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU come master DP
Analisi della diagnostica nel programma utente
La figura seguente mostra il procedimento da seguire per analizzare la diagnostica
nel programma utente.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
232
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Test, diagnostica ed eliminazione dei guasti
11.6 Diagnostica in PROFIBUS DP
Indirizzi di diagnostica per master DP e slave DP
Nel modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU si assegnano indirizzi di diagnostica per il
PROFIBUS DP. Durante la progettazione tenere presente che gli indirizzi di diagnostica DP
vanno assegnati una volta al master DP e una volta allo slave DP.
Chiarimenti per la progettazione del master DP
Chiarimenti per la progettazione dello slave DP
Durante la progettazione del master DP,
si assegnano a uno slave DP intelligente due
diversi indirizzi di diagnostica: uno per lo slot 0 e
uno per lo slot 2. Entrambi gli indirizzi hanno le
funzioni seguenti:
Durante la progettazione dello slave DP si
definisce (nel progetto corrispondente allo slave
DP) anche un indirizzo di diagnostica che viene
assegnato allo slave DP.
•
L'indirizzo di diagnostica per lo slot 0 segnala
nel master tutti gli eventi che riguardano
l'intero slave (unità di sostituzione), ad es. il
guasto della stazione.
In seguito questo indirizzo di diagnostica viene
definito come assegnato allo slave DP.
Tramite quest'indirizzo di diagnostica, lo slave DP
riceve informazioni sullo stato del master DP o su
un'interruzione del bus.
L'indirizzo di diagnostica per lo slot 2 segnala
gli eventi che riguardano questo posto
connettore; ad es. con l'IM151-7 CPU come
slave DP intelligente qui vengono segnalati gli
allarmi di diagnostica per il cambiamento dello
stato di funzionamento.
In seguito questi indirizzi di diagnostica vengono
definiti come assegnati al master DP.
•
Tramite questi indirizzi di diagnostica, il master
DP riceve informazioni sullo stato dello slave DP
o su un'interruzione del bus.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
233
Test, diagnostica ed eliminazione dei guasti
11.6 Diagnostica in PROFIBUS DP
Riconoscimento di eventi
La tabella seguente mostra in che modo il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
come master DP riconosce le variazioni dello stato di funzionamento di una CPU come
slave DP o le interruzioni del trasferimento di dati.
Tabella 11- 14 Riconoscimento degli eventi del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU come master DP
Evento
Cosa succede nel master DP
Interruzione del bus
(cortocircuito, spina
estratta)
•
Richiamo dell'OB 86 con il messaggio Stazione guasta (evento in
entrata; indirizzo dello slot 0 dello slave DP assegnato al master DP)
•
In caso di accesso alla periferia: richiamo dell'OB 122
(errore di accesso alla periferia)
•
Richiamo dell'OB 82 con il messaggio Unità difettosa
Slave DP: RUN → STOP
(evento in entrata; indirizzo di diagnostica dello slot 2 dello slave DP
assegnato al master DP; variabile OB82_MDL_STOP=1)
Slave DP: STOP → RUN
•
Richiamo dell'OB 82 con il messaggio Unità ok.
(evento in uscita; indirizzo di diagnostica dello slot 2 dello slave DP
assegnato al master DP; variabile OB82_MDL_STOP=0)
Valutazione nel programma utente
La tabella seguente mostra come analizzare ad es. il passaggio RUN-STOP dello slave DP
nel master DP.
Tabella 11- 15
Analisi dei passaggi RUN-STOP dello slave DP nel master DP
Nel master DP
Nello slave DP (ad es. CPU 31x-2 DP)
Indirizzi di diagnostica: (esempio)
Indirizzi di diagnostica: (esempio)
Indirizzo di diagnostica master=1023
Indirizzo di diagnostica slave=422
Indirizzo di diagnostica slave=1022
Indirizzo di diagnostica master=non rilevante
(Slot 0 dello slave)
Indirizzo (di diagnostica) per
"posto connettore 2"=1021
(Slot 2 dello slave)
Il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
richiama l'OB 82 anche con le seguenti
informazioni:
•
OB82_MDL_ADDR:=1021
•
OB82_EV_CLASS:=B#16#39 (evento in arrivo)
CPU: RUN -> STOP
La CPU genera un telegramma
di diagnostica slave DP
• OB82_MDL_DEFECT:=guasto unità
Suggerimento: queste informazioni si trovano
anche nel buffer di diagnostica del modulo di
interfaccia IM151-8 PN/DP CPU.
Nel programma utente occorre programmare anche
l'SFC 13 "DPNRM_DG" per la lettura dei dati di
diagnostica dello slave DP.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
234
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Test, diagnostica ed eliminazione dei guasti
11.7 Stati di configurazione errati dell'ET 200S
11.7
Stati di configurazione errati dell'ET 200S
Segnalazione di errore nel buffer di diagnostica
Gli stati di configurazione errati del sistema di periferia decentrata ET 200S vengono
registrati nel buffer di diagnostica.
Tipo di
errore
Localizzazione
dell'errore
Causa dell'errore
Provvedimento
1
Da 04 a 66
(posto
connettore)
Interruzione della comunicazione
Controllare la
configurazione
dell'ET 200S.
Event. 67
(modulo di
chiusura del
bus)
Viene visualizzato il primo posto
connettore a partire dal quale non viene
più riconosciuto alcun modulo di periferia.
•
Modulo di periferia mancante con
RETE ON oppure più moduli di
periferia mancanti durante il
funzionamento
•
Interruzioni nel bus backplane
•
Cortocircuito nel bus backplane (come
posto connettore viene emesso "04").
•
Modulo di chiusura mancante.
Se il modulo di chiusura manca,
viene emesso il numero dei moduli di
periferia inseriti + 1.
11.8
Guasto della tensione di carico del modulo power
Guasto della tensione di carico
In caso di guasto della tensione di carico del modulo power i moduli elettronici si comportano
nel modo seguente:
● Nelle unità di uscita non ha luogo nessuna emisisone.
● Nelle unità di ingresso vengono generati valori sostitutivi.
Nota
I moduli elettronici riparametrizzati durante il funzionamento devono essere nuovamente
parametrizzati dopo il ripristino della tensione di carico nel modulo power.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
235
Test, diagnostica ed eliminazione dei guasti
11.9 Diagnostica di base in PROFINET IO
11.9
Diagnostica di base in PROFINET IO
Concetto di diagnostica compatibile
PROFINET IO supporta l'utente grazie alla compatibilità del suo concetto di diagnostica.
Il concetto di diagnostica di PROFINET IO è analogo a quello di PROFIBUS DP.
Qui di seguito vengono illustrate le basi di questo concetto.
Concetto fondamentale
Ogni singolo errore o diversi errori che si presentino contemporaneamente vengono trasferiti
dall'IO Device all'IO Controller.
Per conoscere lo stato generale di un IO Device, compresi gli errori ancora in attesa,
è possibile anche leggerlo direttamente dall'IO Device.
Concetto di manutenzione avanzato
I dispositivi PROFINET supportano il concetto di diagnostica e di manutenzione avanzato
conforme alla norma IEC 61158-6-10.
Il concetto di manutenzione prevede l'individuazione e l'eliminazione preventiva di potenziali
guasti prima che si verifichi un fermo della produzione.
Per questo scopo, i dispositivi PROFINET / i moduli / e i sottomoduli possono visualizzare,
accanto all'informazione di stato "ok" e "guasto" anche informazioni di manutenzione
preventiva.
Informazioni di manutenzione
Le informazioni di manutenzione indicano il grado di urgenza di una manutenzione.
In questo concetto le informazioni di manutenzione si suddividono in due livelli:
Informazioni di
manutenzione
Icone in STEP 7
Stato del
LED MT
Esempio
Manutenzione necessaria
(maintenance required):
Chiave per dadi verde
Off
Lo smorzamento su un cavo in fibra ottica è troppo
elevato. Il funzionamento non viene ostacolato,
tuttavia entro breve può verificarsi un guasto su
tutta la linea di trasferimento dati.
Chiave per dadi gialla
Giallo
Guasto del master Sync in un dominio Sync per il
funzionamento IRT di un sistema PNIO
manutenzione raccomandata
Richiesta di manutenzione
(maintenance demanded):
manutenzione necessaria
Gli intervalli in cui generare informazioni di manutenzione vengono stabiliti singolarmente per
ciascun parametro indicatore di usura (ad es. smorzamento di un cavo in fibra ottica).
Informazioni sulla diagnostica in PROFINET IO
Per ulteriori informazioni consultare la Guida in linea a STEP 7,
il manuale di programmazione Migrazione da PROFIBUS DP a PROFINET IO
e la Descrizione del sistema PROFINET.
Il manuale di programmazione descrive dettagliatamente le liste di stato di sistema ed
i set di dati per la diagnostica PROFINET.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
236
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
12
Dati tecnici
12.1
Dati tecnici generali
Riferimenti
Anche il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU e il modulo master DP si conformano
alle norme e ai valori di controllo validi per il sistema di periferia decentrata ET 200S.
Informazioni dettagliate sui dati tecnici generali sono riportate nelle istruzioni operative
Sistema di periferia decentrata ET 200S.
12.2
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
12.2.1
Schema di principio dell'IM151-8 PN/DP CPU con modulo master DP
La figura seguente mostra lo schema di principio del modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU con modulo master DP opzionale.
Figura 12-1
Schema di principio del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU con modulo master DP
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
237
Dati tecnici
12.2 Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
12.2.2
Dati tecnici dell'IM151-8 PN/DP CPU
Tabella 12- 1 Dati tecnici del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Dati tecnici
IM151-8 PN/DP CPU e versione di prodotto
Numero di ordinazione
6ES7151-8AB01-0AB0
•
Versione hardware
01
•
Versione firmware
V 3.2.0
•
Pacchetto di programmazione corrispondente
STEP 7 da V5.5
Memoria
Memoria di lavoro
•
Memoria di lavoro
192 kbyte
•
Ampliabile
No
•
Dimensione normale della memoria a
ritenzione per i blocchi dati a ritenzione
64 kbyte
Memoria di caricamento
•
inseribile (MMC)
Sì
•
inseribile (MMC), max.
8 MByte
Bufferizzazione
Garantita dalla SIMATIC Micro Memory Card
(esente da manutenzione)
Mantenimento dei dati nella SIMATIC
Micro Memory Card (dall'ultima programmazione)
Almeno 10 anni
Tempi di elaborazione
Tempi di elaborazione per
•
Operazione a bit
0,06 μs
•
Operazione a parola
0,12 μs
•
Operazioni matematiche con numeri interi
0,16 μs
•
Operazioni matematiche con numeri in virgola
mobile
0,59 μs
Temporizzatori/contatori e relativa ritenzione
Contatori S7
256
•
Ritenzione
Impostabile
•
Preimpostata
Da Z 0 a Z 7
•
Campo di conteggio
Da 0 a 999
Contatori IEC
Sì
•
Tipo
SFB
•
Numero
Illimitato
(limitazione dovuta solo alla memoria di lavoro)
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
238
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Dati tecnici
12.2 Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Dati tecnici
Temporizzatori S7
256
•
Ritenzione
Impostabile
•
Preimpostata
Nessuna ritenzione
•
Intervallo temporale
10 ms ... 9990 s
Temporizzatori IEC
Sì
•
Tipo
SFB
•
Numero
Illimitato
(limitazione dovuta solo alla memoria di lavoro)
Aree dati e relativa ritenzione
Merker
•
Numero, max.
256 byte
•
A ritenzione, impostabili
Sì; da MB0 a MB255
•
A ritenzione, preimpostati
da MB0 a MB15
Numero di merker di clock
8 (1 byte di merker)
Dati locali per classe di priorità, max.
32 kByte per livello di esecuzione,
2 kByte per blocco
Blocchi
Numero complessivo di blocchi
1024 (DB, FC, FB)
Il numero massimo di blocchi caricabili può
essere ridotto in funzione della SIMATIC Micro
Memory Card utilizzata.
OB
Vedere Lista operazioni
•
Dimensioni, max.
64 kbyte
•
Numero di OB a ciclo libero
1 (OB 1)
•
Numero di OB di allarme dall'orologio
1 (OB 10)
•
Numero di OB di allarme di ritardo
2 (OB 20, OB 21)
•
Numero di OB di schedulazione orologio
4 (OB 32, OB 33, OB 34, OB 35)
•
Numero di OB di interrupt di processo
1 (OB 40)
•
Numero di OB di allarme DPV1
3 (OB 55, 56, 57)
•
Numero di OB di allarme in sincronismo di clock
1 (OB 61); solo per PROFINET IO
•
Numero di OB di errore asincroni
6 (OB 80, 82, 83, 85, 86, 87)
(OB 83 solo per la periferia centrale e PN IO)
•
Numero di OB di avvio
1 (OB 100)
•
Numero di OB di allarme errore sincrono
2 (OB 121, 122)
Profondità di annidamento
•
Per classe di priorità
16
•
Aggiuntivi all'interno di un OB di errore
4
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
239
Dati tecnici
12.2 Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Dati tecnici
FB
Vedere Lista operazioni
•
Numero, max.
1024
(entro il campo numerico da 0 a 7999)
•
Dimensione
64 kbyte
FC
Vedere Lista operazioni
•
Numero, max.
1024
(entro il campo numerico da 0 a 7999)
•
Dimensione
64 kbyte
Blocchi dati
•
Numero, max.
1024 (entro il campo numerico da 1 a 16000)
•
Dimensioni, max.
64 kbyte
•
Supporto Non-Retain (ritenzione impostabile)
Sì
Aree di indirizzo (ingressi/uscite)
Area di indirizzo periferia complessiva
•
Ingressi, liberamente indirizzabili
2048 byte
•
Uscite, liberamente indirizzabili
2048 byte
•
di cui decentrata
–
Ingressi, liberamente indirizzabili
–
Uscite, liberamente indirizzabili
2048 byte
2048 byte
Immagine di processo E/A
•
Ingressi, impostabili
2048
•
Uscite, impostabili
2048
•
Ingressi, preimpostati
128
•
Uscite, preimpostate
128
Immagini di processo parziali
•
Numero di immagini di processo parziali
1
•
Numero di dati utili nell'immagine di processo
parziale con PROFINET IO in sincronismo di
clock, max.
1600 byte
Canali digitali
•
Ingressi
16336
•
Uscite
16336
•
Ingressi, di cui centrali
496
•
Uscite, di cui centrali
496
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
240
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Dati tecnici
12.2 Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Dati tecnici
Canali analogici
•
Ingressi
1021
•
Uscite
1021
•
Ingressi, di cui centrali
124
•
Uscite, di cui centrali
124
Configurazione
Guida profilata
1
Moduli di periferia per ogni ET 200S
Max. 63
Ampiezza della stazione
≤1mo<2m
Capacità di trasporto corrente per ciascun
gruppo di carico (modulo power)
Max. 10 A
Ora
Orologio
•
Orologio (orologio hardware)
Sì
•
Preimpostazione di fabbrica
DT#1994-01-01-00:00:00
•
Bufferizzato e sincronizzabile
Sì
•
Durata della bufferizzazione
Tip. 6 settimane
(con temperatura ambiente di 40 °C)
•
Comportamento dell'orologio allo scadere
del tempo di bufferizzazione
L'orologio continua a funzionare con l'ora in cui
è stata disinserita l'alimentazione.
•
Comportamento dell'orologio dopo
alimentazione ON
L'orologio continua a funzionare dopo
alimentazione OFF.
•
Scostamento giornaliero
tip. 2 s, max. 10 s
Contatore ore d'esercizio
•
Numero
1
•
Numero
0
•
Campo di valori
Da 0 a 231 ore
(con impiego dell'SFC 101)
•
Granularità
1 ora
•
A ritenzione
Sì; deve essere riavviato a ogni nuovo
avviamento
Sincronizzazione dell'ora
•
Supportata
Sì
•
in PROFINET
Tramite NTP (solo come orologio client)
•
in PROFIBUS DP
Orologio master/orologio slave
(con modulo master DP)
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
241
Dati tecnici
12.2 Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Dati tecnici
Funzioni di segnalazione S7
Numero di stazioni registrabili per funzioni di
segnalazione
12 (a seconda dei collegamenti progettati per
comunicazione PG/OP)
Messaggi di diagnostica di processo
•
Supportata
Sì
•
Blocchi Alarm-S attivi contemporaneamente,
max.
300
Funzioni di test e messa in servizio
Stato/comando
•
Stato/comando variabile
Sì
•
Variabili
Ingressi, uscite, merker, DB, temporizzatori,
contatori
•
Numero massimo di variabili
30
•
Numero di variabili, di cui Controlla variabile,
max.
30
•
Numero di variabili, di cui Controlla variabile,
max.
14
Forzamento
•
Forzamento
Sì
•
Forzamento, variabili
Ingressi / uscite
•
Numero massimo di variabili
10
Controlla blocco
Sì (max. 2 blocchi contemporaneamente)
Passo singolo
Sì
Numero di punti di arresto
4
Buffer di diagnostica
•
Disponibile
Sì
•
Numero massimo di voci
500
•
Impostabile
No
•
Di cui a prova di caduta di rete
Solo le ultime 100 registrazioni sono a
ritenzione.
•
Numero di voci leggibili in RUN, max.
499
Sì (10 ... 499)
10
–
Impostabili
–
Preimpostate
Dati del service leggibili
Sì
Funzioni di controllo
LED di stato
Sì
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
242
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Dati tecnici
12.2 Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Dati tecnici
Funzioni di comunicazione
Comunicazione PG/OP
Sì
Comunicazione S+S priorizzata
•
Supportata
Routing
•
Collegamenti, max.
Routing per set di dati
No
Sì (con modulo master DP)
4
Sì (con modulo master DP)
Comunicazione di base S7
•
Supportata
Sì (solo blocchi I)
•
Dati utili per ciascun ordine, max.
76 byte
•
Dati utili per ciascun ordine, di cui coerenti,
max.
76 byte
Comunicazione S7
•
Come server
Sì
•
Come client
Sì (attraverso l'interfaccia integrata PN e gli FB
caricabili)
•
Dati utili per ciascun ordine, max.
Vedere Guida in linea a STEP 7, Parametri
•
Dati utili per ciascun ordine, di cui coerenti,
max.
•
Collegamenti progettabili, max.
10
•
Numero complessivo di istanze, max.
32
comuni agli SFB/FB e alle SFC/FC di
comunicazione S7)
Web server
•
Supportato
Sì
•
Pagine definite dall'utente
Sì
•
Numero di Web client
5
Comunicazione aperta IE
Comunicazione aperta IE, supportata
Sì
Numero delle porte locali impiegate dal sistema
0, 20, 21, 23, 25, 80, 102, 135, 161, 8080,
34962, 34963, 34964, 65532, 65533, 65534,
65535
Numero complessivo di collegamenti /
punti di accesso
8
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
243
Dati tecnici
12.2 Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Dati tecnici
TCP/IP
Sì (attraverso l'interfaccia integrata PROFINET
e gli FB caricabili)
•
Numero di collegamenti, max.
8
•
Lunghezza dei dati nel
tipo di collegamento 01H, max.
1460 byte
•
Lunghezza dei dati nel
tipo di collegamento 11H, max.
32768 byte
•
Sono supportati diversi collegamenti passivi
per porta (multiporta)
Sì
ISO on TCP (RFC1006)
Sì (attraverso l'interfaccia integrata PROFINET
e gli FB caricabili)
•
Numero di collegamenti, max.
8
•
Lunghezza dei dati, max.
32768 byte
UDP
Sì (attraverso l'interfaccia integrata PROFINET
e gli FB caricabili)
•
Numero di collegamenti, max.
8
•
Lunghezza dei dati, max.
1472 byte
Server iPAR
Server iPAR, supportato
Sì
Numero di collegamenti
•
Totali
Utilizzabili per la comunicazione con il PG
12
11
•
Comunicazione PG, riservati
1
•
Comunicazione PG, impostabili, min.
1
•
Comunicazione PG, impostabili, max.
11
Utilizzabili per la comunicazione OP
11
•
Comunicazione OP, riservati
1
•
Comunicazione PG, impostabili, min.
1
•
Comunicazione OP, impostabili, max.
11
Utilizzabili per comunicazione di base S7
10
•
Comunicazione di base S7, riservati (default)
0
•
Comunicazione di base S7, impostabili, min.
0
•
Comunicazione di base S7, impostabili, max.
10
PROFINET CBA
Trasmissione aciclica
Sì
Trasmissione ciclica
Sì
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
244
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Dati tecnici
12.2 Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Dati tecnici
PROFINET CBA (con il carico di comunicazione impostato)
Impostazione prefissata per la
comunicazione della CPU
50%
Numero di utenti remoti collegati
32
Numero di funzioni master/slave
30
Somma di tutti i collegamenti master/slave
1000
Lunghezza dei dati di tutti i collegamenti
master/slave in entrata, max.
4000 byte
Lunghezza dei dati di tutti i collegamenti
master/slave in uscita, max.
4000 byte
Numero di collegamenti all'interno di unità e di tipo
PROFIBUS
500
Lunghezza dei dati dei collegamenti all'interno di
unità e di tipo PROFIBUS, max.
4000 byte
Lunghezza dati per ciascuna connessione, max.
1400 byte
Collegamenti remoti con trasferimento aciclico
•
Frequenza di campionamento:
intervallo di campionamento min.
500 ms
•
Numero di collegamenti in entrata
100
•
Numero di collegamenti in uscita
100
•
Lunghezza dei dati di tutte le interconnessioni
in entrata, max.
2000 byte
•
Lunghezza dei dati di tutte le interconnessioni
in uscita, max.
2000 byte
•
Lunghezza dati per ciascuna connessione
(interconnessioni acicliche), max.
1400 byte
Collegamenti remoti con trasferimento ciclico
•
Frequenza di trasmissione:
intervallo di trasmissione minimo
1 ms
•
Numero di collegamenti in entrata
200
•
Numero di collegamenti in uscita
200
•
Lunghezza dei dati di tutte le interconnessioni
in entrata, max.
2000 byte
•
Lunghezza dei dati di tutte le interconnessioni
in uscita, max.
2000 byte
•
Lunghezza dati per ciascuna connessione
(interconnessioni cicliche), max.
450 byte
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
245
Dati tecnici
12.2 Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Dati tecnici
Variabili HMI tramite PROFINET (acicliche)
•
Aggiornamento variabili HMI
500 ms
•
Numero di stazioni registrabili per le variabili
HMI (PN OPC/iMAP)
2 x PN OPC / 1x iMAP
•
Numero di variabili HMI
200
•
Lunghezza dei dati di tutte le variabili HMI,
max.
2000 byte
Funzionalità Proxy PROFIBUS
•
Supportata
Sì
•
Numero di unità PROFIBUS accoppiate
16
•
Lunghezza dati per ciascuna connessione, max.
240 byte (in funzione degli slave)
Interfaccia 1
Denominazione dell'interfaccia
X1
Tipo di interfaccia
PROFINET
Fisica
Ethernet RJ45
Separazione di potenziale
Sì
Switch integrato
Sì
Numero delle porte
3
Calcolo automatico della velocità di trasmissione
Sì (10/100 Mbit/s)
Velocità di trasmissione, max.
100 Mbit/s full duplex
Autonegotiation
Sì
Autocrossing
Sì
Ridondanza del supporto
Sì
•
Tempo di commutazione con interruzione della
linea, tip.
200 ms (PROFINET MRP)
•
Numero di nodi nell'anello, max.
50
Modifica dell'indirizzo IP durante il funzionamento,
supportata
Sì
Funzione Keep alive, supportata
Sì
Funzionalità
MPI
No
Master PROFIBUS DP
No
Slave PROFIBUS DP
No
PROFINET IO Controller
Sì, anche contemporaneamente con
funzionalità di IO Device
PROFINET IO Device
Sì, anche contemporaneamente con
funzionalità di IO Controller
PROFINET CBA
Sì
Comunicazione aperta IE
Sì, tramite TCP/IP, ISO on TCP, UDP
Web server
Sì
Accoppiamento punto a punto
No
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
246
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Dati tecnici
12.2 Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Dati tecnici
PROFINET IO Controller
Servizi
Comunicazione PG/OP
Sì
Routing
Sì
•
Routing S7
Sì (con modulo master DP inserito)
•
Routing per set di dati
Sì (con modulo master DP inserito, per
apparecchiature da campo in PROFIBUS DP)
Comunicazione S7
Sì, con FB caricabili, n° max. di collegamenti
progettabili: 10, numero massimo di istanze: 32
Comunicazione aperta IE
Sì, tramite TCP/IP, ISO on TCP, UDP
Numero di PROFINET IO Controller integrati
1
RT, supportata
Sì
IRT, supportata
Sì
Numero di IO Device collegabili, max.
128
Numero di IO Device collegabili, per RT, max.
128
•
Di cui in linea, max.
Numero di IO Device con IRT e l'opzione
"Elevata flessibilità"
•
Di cui in linea, max.
Numero di IO Device con IRT e l'opzione
"Elevata performance", max.
128
128
61
64
Di cui in linea, max.
64
Shared Device, supportati
Sì
Sincronismo di clock
Sì (OB 61); solo per PROFINET IO
Avvio prioritario, supportato
Sì
•
•
Numero di IO Device, max.
Attivazione/disattivazione di PROFINET IO Device
•
Numero max. di IO Device attivabili/disattivabili
contemporaneamente
32
Sì
8
Sostituzione di IO Device durante il funzionamento
(porte partner), supportata
Sì
Numero di IO Device per applicazione, max.
8
Sostituzione dispositivi senza supporto di memoria
estraibile
Sì
•
Area di indirizzi
Ingressi, max.
2048 byte
Uscite, max.
2048 byte
Max. coerenza dei dati utili in PROFINET IO
1024 byte
Intervalli di trasmissione
250 μs, 500 μs,1 ms;
2 ms, 4 ms (non per IRT con l'opzione
"Elevata flessibilità")
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
247
Dati tecnici
12.2 Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Dati tecnici
Tempo di aggiornamento
Tempi di aggiornamento
Il valore minimo del tempo di aggiornamento
dipende anche dalla percentuale di
comunicazione impostata per PROFINET IO,
dal numero di IO Device e dal numero dei dati
utili progettati.
Nella comunicazione RT
•
Con intervallo di trasmissione di 250 μs
•
250 µs ... 128 ms
•
Con intervallo di trasmissione di 500 μs
•
500 µs ... 256 ms
•
Con intervallo di trasmissione di 1 ms
•
1 ms ... 512 ms
•
Con intervallo di trasmissione di 2 ms
•
2 ms ... 512 ms
•
Con intervallo di trasmissione di 4 ms
•
4 ms ... 512 ms
•
250 µs ... 128 ms
•
500 µs ... 256 ms
•
1 ms ... 512 ms
•
250 µs ... 4 ms
•
500 µs ... 8 ms
•
1 ms ... 16 ms
•
2 ms ... 32 ms
•
4 ms ... 64 ms
Nella comunicazione IRT con l'opzione
"Elevata flessibilità"
•
Con intervallo di trasmissione di 250 μs
•
Con intervallo di trasmissione di 500 μs
•
Con intervallo di trasmissione di 1 ms
Nella comunicazione IRT con l'opzione
"Elevata performance"
•
Con intervallo di trasmissione di 250 μs
•
Con intervallo di trasmissione di 500 μs
•
Con intervallo di trasmissione di 1 ms
•
Con intervallo di trasmissione di 2 ms
•
Con intervallo di trasmissione di 4 ms
Nella comunicazione IRT con l'opzione
"Elevata performance" e la parametrizzazione di
intervalli di trasmissione cosiddetti "dispari"
Tempo di aggiornamento = intervallo di
trasmissione impostato su valore dispari
(qualsiasi multiplo di 125 µs: 375 μs, 625 μs …
3,875 ms)
PROFINET I Device
Servizi
Comunicazione PG/OP
Sì
Routing S7
Sì
Comunicazione S7
Sì, con FB caricabili, n° max. di collegamenti
progettabili: 10, numero massimo di istanze: 32
Comunicazione aperta IE
Sì, tramite TCP/IP, ISO on TCP, UDP
RT, supportata
Sì
IRT, supportata
Sì
Shared Device
Sì
•
Numero di IO Controller con Shared Device, max.
2
Sincronismo di clock
No
PROFIenergy, supportato
Con SFB 73/74, predisposto per FB standard
caricabili PROFIenergy per I Device
Aree di trasferimento dell'applicazione
Sì
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
248
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Dati tecnici
12.2 Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Dati tecnici
Aree di trasferimento della periferia
Sì
Memoria di trasferimento
Ingressi, max.
1440 byte; per ogni Controller con
Shared Device
Uscite, max.
1440 byte; per ogni Controller con
Shared Device
Sottomoduli
•
Numero, max.
64
•
Dati utili per sottomodulo, max.
1024 byte
Interfaccia 2
Denominazione dell'interfaccia
X2; nel modulo master DP
Tipo di interfaccia
RS 485; interfaccia integrata sul modulo
master DP
Fisica
RS 485
Separazione di potenziale
Sì
Alimentazione dell'interfaccia
(DC 15 V ... DC 30 V), max.
No
Connessione
Presa Sub-D a 9 poli
Funzionalità
MPI
No
Master DP
Sì
Slave DP
No
PROFINET IO Controller
No
PROFINET IO Device
No
PROFINET CBA
No
Comunicazione aperta IE
No
Web server
No
Accoppiamento punto a punto
No
Master DP
Servizi
Comunicazione PG/OP
Sì
Routing
Sì
Routing per set di dati
Sì; (per apparecchiature da campo in
PROFIBUS DP)
Comunicazione di dati globali
•
Supportata
No
Comunicazione S7
Come server
Sì (solo collegamento progettato
unilateralmente)
Come client
No
Velocità di trasmissione, max.
Fino a 12 MBaud
Supporto di equidistanza
Sì
Sincronismo di clock
No
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
249
Dati tecnici
12.2 Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Dati tecnici
Attivazione/disattivazione di slave DP
•
Numero di slave DP attivabili/disattivabili
contemporaneamente, max.
Sì
8
SYNC/FREEZE
Sì
Comunicazione diretta
Sì
DPV1
Sì
Numero di slave DP, max.
32
Area di indirizzi
•
Ingressi, max.
2048 byte
•
Uscite, max.
2048 byte
Dati utili per slave DP
•
Ingressi, max.
244 byte
•
Uscite, max.
244 byte
Programmazione
Linguaggio di programmazione
STEP 7 da V5.5
•
KOP
Sì
•
FUP
Sì
•
AWL
Sì
•
SCL
Sì
•
CFC
Sì
•
GRAPH
Sì
•
HiGraph
Sì
Quantità di operazioni
Vedere Lista operazioni
Livelli di parentesi
8
Funzioni di sistema (SFC)
Vedere Lista operazioni
Blocchi funzionali di sistema (SFB)
Vedere Lista operazioni
Protezione programma utente/protezione con
password
Sì
Codifica di blocchi
Sì, con S7-Block Privacy
Dimensioni di ingombro L x A x P (mm)
120 x 119,5 x 75
Peso
ca. 320 g
Tensioni, correnti, potenziali
Tensione di alimentazione dell'elettronica 1L+
DC 24 V
•
Campo consentito
20,4 V ... 28,8 V
•
Protezione dall'inversione di polarità
Sì, contro la distruzione
•
Protezione da cortocircuito
Sì
•
Sopperimento alla caduta di tensione
5 ms
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
250
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Dati tecnici
12.2 Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Dati tecnici
Corrente assorbita dalla tensione nominale di
alimentazione 1L+
•
IM151-8 PN/DP CPU
Tip. 352 mA a 20 V; 294 mA a 24 V;
246 mA a 29 V
•
IM151-8 PN/DP CPU + modulo master DP
Tip. 426 mA a 20 V; 355 mA a 24 V;
296 mA a 29 V
•
Alimentazione per il bus backplane ET 200S
Max. 700 mA
Corrente d'inserzione
Tip. 1,8 A
I2 t
Tip. 0,13 A2s
Protezione esterna per i conduttori
d'alimentazione (consigliata)
•
Alimentazione dell'elettronica/dell'encoder 1L+
Interruttore magnetotermico DC 24 V / 16 A con
caratteristica di sgancio tipo B o C
Avvertenza:
un interruttore LS DC 24 V / 16 A con
caratteristica di attivazione tipo B si attiva prima
del fusibile di protezione dispositivo.
Un interruttore magnetotermico DC 24 V / 16 A
con caratteristica di sgancio di tipo C si attiva
dopo il fusibile di protezione dispositivo.
Potenza dissipata
Tip. 5,5 W
Isolamento, controllato con
DC 500 V
Separazione di potenziale
•
tra bus backplane e tensione di alimentazione 1L+ No
•
tra PROFINET/PROFIBUS e tensione di
alimentazione 1L+
Sì
•
tra elettronica e tensione di alimentazione 1L+
No
Differenza di potenziale consentita
DC 75 V, AC 60 V
Stato, allarmi, diagnostica
Allarmi
Sì
Funzioni di diagnostica
Sì
Errore cumulativo
LED "SF" rosso
Controllo del bus PROFINET
LED "BF-PN" rosso
Informazioni di manutenzione
LED "MT" giallo
Controllo tensione di alimentazione dell'elettronica 1L+ LED "ON" verde
Collegamento preesistente con PROFINET
LED "P1 - LINK", "P2 - LINK" e "P3 - LINK" verde
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
251
Dati tecnici
12.3 Modulo master DP
12.3
Modulo master DP
12.3.1
Dati tecnici del modulo master DP
Tabella 12- 2 Dati tecnici del modulo master DP
Dati tecnici
Configurazione
Modulo master DP
•
Posizione
A destra dell'IM151-8 PN/DP CPU
•
Numero per ogni IM151-8 PN/DP CPU
1
Dimensioni
Dimensioni di ingombro L x A x P (mm)
35 x 119,5 x 75
Peso
ca. 100 g
Stato, allarmi, diagnostica
Controllo del bus PROFIBUS DP
LED "BF" rosso
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
252
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
A
Appendice
A.1
Numeri di ordinazione
A.1.1
Numeri di ordinazione dei moduli
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Tabella A- 1 Numero di ordinazione dell'IM151-8 PN/DP CPU
Descrizione
Numero di ordinazione
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU con modulo di
chiusura, 1 pz *
6ES7151-8AB01-0AB0
* La SIMATIC Micro Memory Card non è in dotazione con la fornitura
Modulo master DP
Tabella A- 2 Numero di ordinazione del modulo master DP
Descrizione
Numero di ordinazione
Modulo master DP, 1 pz
6ES7138-4HA00-0AB0
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
253
Appendice
A.1 Numeri di ordinazione
A.1.2
Numeri di ordinazione degli accessori
Accessori del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Tabella A- 3 Numeri di ordinazione degli accessori dell'IM151-8 PN/DP CPU
Descrizione
Numero di ordinazione
SIMATIC Micro Memory Card da 64k
6ES7953-8LF30-0AA0
SIMATIC Micro Memory Card da 128k
6ES7953-8LG30-0AA0
SIMATIC Micro Memory Card da 512k
6ES7953-8LJ30-0AA0
SIMATIC Micro Memory Card da 2M
6ES7953-8LL30-0AA0
SIMATIC Micro Memory Card da 4M
6ES7953-8LM30-0AA0
SIMATIC Micro Memory Card 8M (adatta per l'aggiornamento FW)
6ES7953-8LP30-0AA0
Foglio di etichette DIN A4, 10 pz
•
beige
6ES7193-4BA00-0AA0
•
giallo
6ES7193-4BB00-0AA0
•
rosso
6ES7193-4BD00-0AA0
•
petrolio
6ES7193-4BH00-0AA0
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
254
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Appendice
A.1 Numeri di ordinazione
Connettori e cavi
Tabella A- 4 Numeri di ordinazione di connettori e cavi
Descrizione
Numero di ordinazione
PROFINET
Connettore PROFINET RJ45 con tecnica di collegamento
FastConnect, uscita cavo a 90°
•
1 pezzi per confezione, 1 confezione
6GK1901-1BB20-2AA0
•
10 pezzi per confezione, 1 confezione
6GK1901-1BB20-2AB0
Cavo per PROFINET FC
A metraggio, quantità minima di ordinazione: 20 m
Unità di fornitura max. 1000 m, 1 m
•
FC TP Standard Cable
6XV1840-2AH10
•
FC TP Trailing Cable (cavo da trascinamento)
6XV1840-3AH10
•
FC TP Marine Cable
6XV1840-4AH10
PROFINET FastConnect Stripping Tool
6GK1901-1GA00
PROFIBUS
Connettore di bus PROFIBUS (12 Mbit/s)
con tecnica di collegamento FastConnect, uscita cavo a 90°
•
senza presa per PG
6ES7972-0BA50-0XA0
•
con presa per PG
6ES7972-0BB50-0XA0
Cavo per PROFIBUS FC
A metraggio, quantità minima di ordinazione: 20 m
Unità di fornitura max. 1000 m, 1 m
•
FC Standard Cable
6XV1830-0EH10
•
FC Trailing Cable (cavo da trascinamento)
6XV1830-3EH10
•
FC Food Cable (guaina in PE)
6XV1830-0GH10
•
FC Robust Cable (guaina in PUR)
6XV1830-0JH10
PROFIBUS FastConnect Stripping Tool
6GK1905-6AA00
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
255
Appendice
A.2 Disegni quotati
A.2
Disegni quotati
A.2.1
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Figura A-1
Disegno quotato del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
256
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Appendice
A.3 Tempi di ciclo e di reazione
A.2.2
Modulo master DP
Modulo master DP
Figura A-2
Disegno quotato del modulo master DP
A.3
Tempi di ciclo e di reazione
A.3.1
Panoramica
Panoramica
Questo capitolo fornisce informazioni dettagliate sui seguenti argomenti:
● Tempo di ciclo
● Tempo di reazione
● Tempo di reazione all'allarme
Riferimenti: Tempo di ciclo
Il tempo di ciclo del programma utente si può leggere con il PG. Per maggiori
informazioni richiamare la Guida in linea a STEP 7 oppure consultare il manuale
Configurazione hardware e progettazione di collegamenti con STEP 7.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
257
Appendice
A.3 Tempi di ciclo e di reazione
Riferimenti: Tempo di elaborazione
I tempi di elaborazione sono indicati nella Lista operazioni S7-300. Questa lista riporta
in forma di tabella i tempi di esecuzione relativi a
● istruzioni STEP 7 elaborabili dal modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU,
● SFC e SFB integrati nel modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU,
● funzioni IEC richiamabili in STEP 7.
A.3.2
Tempo di ciclo
A.3.2.1
Panoramica del tempo di ciclo
Introduzione
Questa sezione spiega cosa significa tempo di ciclo, da cosa è costituito e in che modo lo si
può calcolare.
Cosa significa tempo di ciclo
Il tempo di ciclo è il tempo impiegato dal sistema operativo per elaborare un ciclo di
programma, cioè un'esecuzione dell'OB 1, nonché tutte le parti di programma e le attività di
sistema che interrompono questa esecuzione. Il tempo di ciclo viene tenuto sotto controllo.
Modello a fasi temporali
L'elaborazione ciclica del programma e quindi anche l'elaborazione del programma utente si
svolgono in quanti di tempo. Per maggiore chiarezza, qui di seguito si presuppone che ogni
quanto di tempo duri esattamente 1 ms.
Immagine di processo
Affinché il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU abbia a disposizione un'immagine coerente
dei segnali di processo per tutta la durata dell'elaborazione ciclica del programma, questi segnali
vengono letti o scritti prima dell'elaborazione del programma. Infine, con l'indirizzamento delle
aree operandi degli ingressi (E) e delle uscite (A) nel corso dell'elaborazione del programma,
il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU non accede direttamente ai moduli di periferia bensì
all'area di memoria di sistema dell'IM151-8 PN/DP CPU nella quale si trova l'immagine di
processo degli ingressi e delle uscite.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
258
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Appendice
A.3 Tempi di ciclo e di reazione
Fasi di elaborazione ciclica del programma
La tabella e la figura seguenti mostrano le fasi dell'elaborazione ciclica del programma.
Tabella A- 5 Elaborazione ciclica del programma
Passo
Esecuzione
1
Il sistema operativo avvia il controllo del tempo di ciclo.
2
Il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU scrive i valori dell'immagine di processo
delle uscite nelle unità di uscita.
3
Il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU legge lo stato degli ingressi nelle unità di
ingresso e aggiorna l'immagine di processo degli ingressi.
4
Il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU elabora il programma utente in quanti di
tempo ed esegue le operazioni indicate nel programma.
5
Al temine di un ciclo il sistema operativo esegue i compiti in attesa, come ad es. il
caricamento o la cancellazione di blocchi.
6
Infine il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU ritorna all'inizio del ciclo e riavvia il
controllo del tempo di ciclo.
A differenza delle CPU S7-400, l'accesso ai dati con un OP/TP (funzioni di servizio e
supervisione) nel modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU ha luogo esclusivamente nel
punto di controllo del ciclo (coerenza dei dati: vedere capitolo Dati tecnici). L'elaborazione
del programma utente non viene interrotta dalle funzioni di servizio e supervisione.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
259
Appendice
A.3 Tempi di ciclo e di reazione
Prolungamento del tempo di ciclo
In linea di massima occorre osservare che il tempo di ciclo di un programma utente
viene prolungato dai seguenti fattori:
● Elaborazione di allarmi a tempo
● Elaborazione dell'interrupt di processo
● Diagnostica ed elaborazione di errori
● Elaborazione di allarmi in sincronismo di clock
● Comunicazione con dispositivi di programmazione (PG), pannelli operatore (OP)
e attraverso CP collegati (ad es. Ethernet, PROFIBUS DP)
● Funzioni di test e messa in servizio come controlla/comanda variabili o il controllo di blocchi
● Trasferimento e cancellazione di blocchi, compressione della memoria del programma utente
● Scrittura, lettura della SIMATIC Micro Memory Card nel programma utente con le
SFC 82 - 84
● Comunicazione S7 attraverso l'interfaccia PROFINET
● Comunicazione PROFINET CBA attraverso l'interfaccia PROFINET (carico del sistema,
richiamo delle SFC, aggiornamento nel punto di controllo del ciclo).
● Comunicazione PROFINET IO tramite interfaccia PROFINET (carico del sistema)
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
260
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Appendice
A.3 Tempi di ciclo e di reazione
A.3.2.2
Calcolo del tempo ciclo
Introduzione
Il tempo di ciclo risulta dalla somma dei fattori descritti qui di seguito.
Aggiornamento dell'immagine di processo
La tabella seguente contiene i tempi del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
per l'aggiornamento dell'immagine di processo (tempo di trasferimento dell'immagine di
processo). I tempi indicati possono prolungarsi con il verificarsi di allarmi o per la
comunicazione del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU. Il tempo di trasferimento per
l'aggiornamento dell'immagine di processo si calcola nella maniera seguente:
Tabella A- 6 Formula di calcolo del tempo di trasferimento tipico dell'immagine di processo (IP)
Il tempo di trasferimento dell'immagine di processo si calcola nella maniera seguente:
Carico base K
+ numero di byte in IP per la periferia ET 200S (A)
+ numero di parole in IP tramite PROFINET (P)
+ numero di parole in IP tramite PROFIBUS DP (D)
= tempo di trasferimento dell'immagine di processo
Tabella A- 7 dati per il calcolo del tempo di trasferimento tipico dell'immagine di processo
Costante
Componenti
IM151-8 PN/DP CPU
K
Carico di base
140 μs
A
Per byte nell'IP per la periferia centrale
dell'ET 200S
60 μs
P
(solo PROFINET)
Per ciascuna parola nell'area PROFINET per
l'interfaccia integrata PROFINET
0,5 μs
D
(solo PROFIBUS DP)
Per parola nell'area DP per l'interfaccia DP
integrata nel modulo master DP
0,5 μs
Prolungamento del tempo di esecuzione del programma utente
Oltre all'elaborazione vera e propria del programma utente, il sistema operativo del modulo
di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU esegue altri processi simultanei (ad es. la gestione dei
temporizzatori del sistema operativo centrale). Questi processi prolungano fino al 10% il
tempo di elaborazione del programma utente.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
261
Appendice
A.3 Tempi di ciclo e di reazione
Tempo di elaborazione del sistema operativo nel punto di controllo del ciclo
La tabella seguente mostra il tempo di elaborazione del sistema operativo nel punto di
controllo del ciclo del modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU. I tempi valgono senza:
● Funzioni di test e messa in servizio come controlla/comanda variabili o il controllo di blocchi
● Trasferimento e cancellazione di blocchi, compressione della memoria del programma utente
● Comunicazione
● Scrittura, lettura della SIMATIC Micro Memory con le SFC 82 - 84
Tabella A- 8 Tempo di elaborazione tipico del sistema operativo nel punto di controllo del ciclo
Modulo di interfaccia
Comando del ciclo nel punto di controllo del ciclo
IM151-8 PN/DP CPU
150 μs
Prolungamento del tempo di ciclo dovuto all'annidamento di allarmi
Il tempo di ciclo viene ulteriormente prolungato dall'attivazione di allarmi. Maggiori dettagli
sono riportati nella tabella seguente.
Tabella A- 9 Prolungamento tipico del ciclo dovuto all'annidamento di allarmi
Tipo di allarme
Interrupt di
processo
Allarme di
diagnostica
Allarme
dall'orologio
Allarme di
ritardo
Schedulazion
e orologio
IM151-8 PN/DP CPU
200 μs
250 μs
300 μs
180 μs
160 μs
A questo prolungamento va aggiunto il tempo di esecuzione del programma sul livello
dell'allarme.
Prolungamento del tempo di ciclo in seguito a errori
Tabella A- 10 Prolungamento tipico del ciclo a causa di errori
Tipo di errore
Errore di programmazione
Errore di accesso alla periferia
IM151-8 PN/DP CPU
120 μs
130 μs
A questo prolungamento va aggiunto il tempo di esecuzione del programma dell'OB di errore.
A seconda dell'annidamento di più OB di errore/allarme, aggiungere i tempi corrispondenti.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
262
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Appendice
A.3 Tempi di ciclo e di reazione
A.3.2.3
Carico di comunicazione
Carico di comunicazione progettato per la comunicazione PG/OP, la comunicazione S7 e
PROFINET CBA
Il sistema operativo della CPU mette costantemente a disposizione, ai fini della
comunicazione, la percentuale progettata dall'utente sulla capacità di elaborazione
complessiva della CPU (slicing). Se questa capacità di elaborazione non viene utilizzata
per la comunicazione, resta disponibile per l'ulteriore elaborazione.
Nella configurazione hardware è possibile impostare il carico dovuto alla comunicazione
tra il 5% e il 50%. Per default è impostato il 20%.
Il prolungamento del tempo di ciclo dipende dal carico dovuto alla comunicazione e può
variare.
Per calcolare il fattore di prolungamento max. del tempo di ciclo è possibile ricorrere alla
formula seguente:
100 / (100 - carico di comunicazione progettato in %)
Esempio: carico di comunicazione 20 %
Nella configurazione hardware l'utente ha progettato un carico di comunicazione del 20 %.
Il tempo di ciclo calcolato è di 10 ms. Utilizzando la formula sopraindicata, il tempo di ciclo
viene prolungato del fattore 1,25.
Esempio: carico di comunicazione 50 %
Nella configurazione hardware l'utente ha progettato un carico di comunicazione del 50%.
Il tempo di ciclo calcolato è di 10 ms. Utilizzando la formula sopraindicata, il tempo di ciclo
viene prolungato del fattore 2.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
263
Appendice
A.3 Tempi di ciclo e di reazione
Rapporto di dipendenza del tempo di ciclo reale dal carico di comunicazione
La figura seguente mostra la dipendenza non lineare del tempo di ciclo reale dal carico della
comunicazione. Come esempio è stato scelto un tempo di ciclo di 10 ms.
Effetto sul tempo di ciclo reale
Statisticamente parlando, il prolungamento del tempo di ciclo a causa del carico di
comunicazione comporta anche il verificarsi di più eventi asincroni, come ad es. gli allarmi,
all'interno di un ciclo dell'OB 1. In questo modo il ciclo dell'OB 1 viene prolungato
ulteriormente. Questo prolungamento dipende da quanti eventi si verificano per ciascun ciclo
di OB 1 e dalla durata dell'elaborazione di questi eventi.
Nota
Controllare gli effetti di un cambiamento di valore del parametro "Carico del ciclo a causa
della comunicazione" nel funzionamento dell'impianto. Il carico della comunicazione deve
essere tenuto in considerazione quando si imposta il tempo di ciclo massimo poiché
altrimenti potrebbero verificarsi errori temporali.
Suggerimenti
● Applicare possibilmente il valore preimpostato.
● Aumentare il valore soltanto se la CPU viene impiegata principalmente per la
comunicazione e il programma utente non è critico dal punto di vista temporale.
● In tutti gli altri casi è preferibile soltanto diminuire il valore.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
264
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Appendice
A.3 Tempi di ciclo e di reazione
A.3.2.4
Prolungamento del ciclo dovuto a funzioni di test e messa in servizio
Tempi di esecuzione
I tempi di esecuzione delle funzioni di test e di messa in servizio sono tempi di esecuzione
del sistema operativo. Essi sono perciò gli stessi in ogni CPU. Il prolungamento del ciclo a
causa di funzioni attive di test e messa in servizio è indicato nella tabella seguente.
Tabella A- 11 Prolungamento del ciclo dovuto a funzioni di test e messa in servizio
Funzione
IM151-8 PN/DP CPU
Controlla variabile
Trascurabile
Comanda variabile
Trascurabile
Controlla blocco
Tip. 3 µs per ciascuna riga controllata
+ 3 x tempo di esecuzione del blocco controllato
* Il controllo di grandi blocchi o di loop del programma può causare un
sensibile incremento del tempo di ciclo.
Impostazione di processo e test nell'editor KOP/FUP/AWL
La commutazione tra modo di processo e di test avviene direttamente nell'editor
KOP/AWL/FUP nel menu "Test/Funzionamento".
Nel blocco di stato i loop di programma vengono trattati diversamente nel test e nel
processo.
● Processo: viene visualizzata la prima esecuzione del loop.
● Test: viene visualizzata l'ultima esecuzione del loop. L'esecuzione di molti loop comporta
un sensibile incremento del tempo di ciclo.
Dal punto di vista funzionale non esiste differenza tra processo e test.
Nota
Nel modo di test è possibile anche impostare dei punti di arresto.
Riferimenti
Per informazioni sul prolungamento del ciclo tramite la Component Based Automation (CBA)
consultare il rispettivo capitolo nel manuale del prodotto S7-300, CPU 31xC e CPU 31x:
Dati tecnici (http://support.automation.siemens.com/WW/view/it/12996906).
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
265
Appendice
A.3 Tempi di ciclo e di reazione
A.3.3
Tempo di reazione
A.3.3.1
Panoramica del tempo di reazione
Definizione del tempo di reazione
Il tempo di reazione è il tempo che trascorre dal riconoscimento di un segnale d'ingresso alla
variazione di un segnale d'uscita ad esso correlato.
Variabilità
Il tempo di reazione effettivo è compreso tra il tempo di reazione più breve e quello più
lungo. Nella progettazione di un impianto si deve sempre fare riferimento al tempo di
reazione più lungo.
Qui di seguito vengono trattati sia il tempo di reazione più breve che quello più lungo per
rendere un'idea della variabilità del tempo di reazione.
Fattori
Il tempo di reazione dipende dal tempo di ciclo e dai seguenti fattori:
● Ritardo degli ingressi e delle uscite dei moduli di periferia
● Ulteriori tempi di aggiornamento in PROFINET IO
● Ulteriori tempi di ciclo DP nel PROFIBUS DP
● Elaborazione nel programma utente
Riferimenti
I tempi di ritardo sono specificati nei dati tecnici dei moduli di periferia all'interno del manuale
del prodotto Sistema di periferia decentrata ET 200S
(http://support.automation.siemens.com/WW/view/it/10805258/133300).
Tempo di aggiornamento per PROFINET IO
Dopo aver configurato il sistema PROFINET IO con STEP 7, STEP 7 calcola il tempo di
aggiornamento per PROFINET IO. Il tempo di aggiornamento di PROFINET IO può essere
quindi visualizzato sul PG.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
266
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Appendice
A.3 Tempi di ciclo e di reazione
Tempi di ciclo DP nella rete PROFIBUS DP
Dopo aver configurato con STEP 7 il sistema master PROFIBUS DP, STEP 7 calcola il
tempo di ciclo DP tipico previsto. Il tempo di ciclo DP della configurazione può quindi essere
visualizzato sul PG.
La figura seguente mostra una visione generale del tempo di ciclo DP. In questo esempio si
suppone che ogni slave DP in media abbia 4 byte di dati.
Se si impiega una rete PROFIBUS DP con più master, occorre tenere in considerazione il
tempo di ciclo DP per ciascun master. Ciò significa creare e addizionare separatamente il
calcolo per ogni master.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
267
Appendice
A.3 Tempi di ciclo e di reazione
A.3.3.2
Tempo di reazione più breve
Condizioni per il tempo di reazione più breve
La figura seguente mostra le condizioni che permettono di ottenere il tempo di reazione
più breve.
Calcolo
Il tempo di reazione (più breve) è costituito da:
Tabella A- 12 Formula: tempo di reazione più breve
1 × tempo di trasferimento dell'immagine di processo degli ingressi
+
1 × tempo di trasferimento dell'immagine di processo delle uscite
+
1 × tempo di elaborazione del programma
+
1 × tempo di elaborazione del sistema operativo nel punto di controllo del ciclo
+
Ritardo degli ingressi e delle uscite
=
tempo di reazione più breve
Ciò corrisponde alla somma del tempo di ciclo e del ritardo degli ingressi e delle uscite.
Vedere anche
Panoramica del tempo di reazione (Pagina 266)
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
268
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Appendice
A.3 Tempi di ciclo e di reazione
A.3.3.3
Tempo di reazione più lungo
Condizioni per il tempo di reazione più lungo
La figura seguente mostra come si forma il tempo di reazione più lungo.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
269
Appendice
A.3 Tempi di ciclo e di reazione
Calcolo
Il tempo di reazione (più lungo) è costituito da:
Tabella A- 13 Formula: tempo di reazione più lungo
2 × tempo di trasferimento dell'immagine di processo degli ingressi
+
2 × tempo di trasferimento dell'immagine di processo delle uscite
+
2 × tempo di elaborazione del programma
+
2 × tempo di elaborazione del sistema operativo
+
2 × tempo di aggiornamento per PROFINET IO (solo se si utilizza PROFINET IO)
+
2 × tempo di ciclo DP nel PROFIBUS DP (solo se si utilizza PROFIBUS DP)
+
Ritardo degli ingressi e delle uscite
=
tempo di reazione più lungo
Corrisponde alla somma data dal doppio del tempo di ciclo e del ritardo degli ingressi e delle
uscite più il tempo di aggiornamento per PROFINET IO raddoppiato o il tempo di ciclo DP
raddoppiato in PROFIBUS DP.
Vedere anche
Panoramica del tempo di reazione (Pagina 266)
A.3.4
Tempo di reazione all'allarme
A.3.4.1
Panoramica del tempo di reazione a un allarme
Definizione del tempo di reazione a un allarme
Il tempo di reazione a un allarme è il tempo che trascorre dalla prima comparsa di un
segnale di allarme fino al richiamo della prima istruzione nell'OB di allarme. In linea generale
gli allarmi con priorità maggiore vengono elaborati per primi. Questo significa che il tempo di
reazione a un allarme aumenta del tempo di elaborazione del programma degli OB di
allarme con priorità superiore e degli OB di allarme di uguale priorità non ancora elaborati
comparsi precedentemente (coda di attesa).
Tempi di reazione agli interrupt di processo e agli allarmi di diagnostica del modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU
Tabella A- 14 Tempi di reazione agli interrupt di processo e agli allarmi di diagnostica del modulo di
interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Tempi di reazione agli allarmi (senza comunicazione) con …
Durata
interrupt di processo, allarme di diagnostica
meno di 10 ms
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
270
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Appendice
A.3 Tempi di ciclo e di reazione
Elaborazione dell'interrupt di processo
L'interrupt di processo viene elaborato con il richiamo dell'OB 40 (per interrupt di processo).
Gli allarmi con priorità alta interrompono l'elaborazione dell'interrupt di processo e gli accessi
diretti alla periferia hanno luogo al momento dell'esecuzione dell'istruzione. Al termine
dell'elaborazione dell'interrupt di processo si prosegue con l'elaborazione ciclica del
programma o con il richiamo e l'elaborazione di OB di allarme con priorità uguale o inferiore.
Vedere anche
Panoramica (Pagina 257)
A.3.4.2
Riproducibilità degli allarmi di ritardo e della schedulazione orologio
Definizione di "Riproducibilità"
Allarme di ritardo:
Scostamento temporale del richiamo della prima istruzione nell'OB di allarme rispetto
al momento dell'allarme programmato.
Schedulazione orologio:
Variabilità dello scostamento temporale tra due richiami direttamente successivi,
misurata tra le prime istruzioni del rispettivo OB di allarme.
Riproducibilità
Per l'IM151-8 PN/DP CPU valgono i seguenti tempi:
● Allarme di ritardo: +/- 100 μs
● Schedulazione orologio: +/- 100 μs
Questi tempi valgono solo se in questo momento l'allarme può anche essere eseguito e non
viene ritardato ad es. da allarmi con priorità maggiore o da allarmi con la stessa priorità non
ancora eseguiti.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
271
Appendice
A.4 Documentazione aggiuntiva
A.4
Documentazione aggiuntiva
La seguente documentazione fornisce informazioni complementari su determinate
tematiche. Nelle presenti istruzioni operative sono indicati i rimandi corrispondenti ai
documenti pertinenti.
I documenti con il relativo ID sono disponibili in Internet.
Titolo del manuale
Descrizione
Istruzioni operative
Pianificazione dell'impiego, montaggio,
cablaggio ed equipaggiamento, messa in servizio,
funzioni, segnalazioni di allarme, messaggi di errore
e segnalazioni di sistema, moduli di interfaccia,
moduli COMPACT
Sistema di periferia decentrata ET 200S
ID articolo: 1144348
(http://support.automation.siemens.com/WW/
view/it/1144348)
Manuali del prodotto
(http://support.automation.siemens.com/WW/
view/it/10805258/133300) sul
Descrizione delle funzioni e dati tecnici dei moduli
terminali, moduli power, moduli elettronici digitali e
analogici
Sistema di periferia decentrata ET 200S
Manuale di sistema
Nozioni di base su PROFINET:
Descrizione del sistema PROFINET
•
ID articolo: 19292127
(http://support.automation.siemens.com/WW/
view/it/19292127)
Componenti di rete
•
Scambio di dati e comunicazione
•
PROFINET IO
•
Component Based Automation
•
Esempio applicativo PROFINET IO e
Component Based Automation
Manuale di programmazione
Guida al passaggio da PROFIBUS DP a PROFINET IO.
Migrazione da PROFIBUS DP a PROFINET IO
ID articolo: 19289930
(http://support.automation.siemens.com/WW/
view/it/19289930)
Lista operazioni
•
CPU 312, CPU 314, CPU 315-2 DP,
CPU 315-2 PN/DP, CPU 317-2 PN/DP,
CPU 319-3 PN/DP, IM 151-8 PN/DP CPU,
IM 154-8 PN/DP CPU
Repertorio delle operazioni delle CPU e
relativi tempi di esecuzione.
•
Elenco dei blocchi eseguibili (OB / SFC / SFB) e
relativi tempi di esecuzione.
ID articolo: 31977679
(http://support.automation.siemens.com/WW/
view/it/31977679)
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
272
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Appendice
A.4 Documentazione aggiuntiva
Titolo del manuale
Descrizione
Manuale di riferimento
Riepilogo delle funzioni contenute nelle CPU di
S7-300 e S7-400 nei sistemi operativi:
Software di sistema per S7-300/400 Funzioni
standard e di sistema, volume1/2
ID articolo: 1214574
(http://support.automation.siemens.com/WW/
view/it/1214574)
OB
SFC
SFB
Funzioni IEC
Dati di diagnostica
Lista degli stati del sistema (SZL)
Eventi
Il manuale è parte integrante delle nozioni di
riferimento di STEP 7. La descrizione è contenuta
anche nella Guida in linea a STEP 7.
Manuale
Programmazione con STEP 7
Questo manuale fornisce una panoramica della
programmazione con STEP 7.
ID articolo: 18652056
(http://support.automation.siemens.com/WW/
view/it/18652056)
STEP 7. La descrizione è contenuta anche nella
Guida in linea a STEP 7.
Manuale
Configurazione hardware e progettazione di
collegamenti con STEP 7
Il manuale è parte integrante delle nozioni di base di
Nozioni di base, configurazione, salvataggio,
importazione, esportazione, collegamento in rete,
progettazione di collegamenti, caricamento
ID articolo: 18652631
(http://support.automation.siemens.com/WW/
view/it/18652631)
Manuale del prodotto
Descrizione di:
CPU 31xC e CPU 31x, dati tecnici
•
ID articolo: 12996906
(http://support.automation.siemens.com/WW/
view/it/12996906)
Elementi di comando e visualizzazione
•
Comunicazione
•
Sistema di memoria
•
Tempi di ciclo e di reazione
•
Dati tecnici
Manuale
Descrizione di:
SIMATIC NET:
Twisted Pair and Fiber Optic Networks
Reti Industrial Ethernet
Progettazione di reti
Componenti
ID articolo: 8763736
(http://support.automation.siemens.com/WW/
view/it/8763736)
Tutorial
Component based Automation,
Messa in servizio di sistemi
•
Linee di realizzazione degli impianti di
automatizzazione collegati in rete negli edifici ecc.
Creazione di componenti PROFINET,
messa in servizio del sistema
ID articolo: 18403908
(http://support.automation.siemens.com/WW/
view/it/18403908)
Manuale
Descrizione di:
Comunicazione con SIMATIC
Basi, servizi, reti,
funzioni di comunicazione,
collegamento di PG/OP,
progettazione e configurazione inSTEP 7
ID articolo: 1254686
(http://support.automation.siemens.com/WW/
view/it/1254686)
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
273
Appendice
A.4 Documentazione aggiuntiva
Titolo del manuale
Descrizione
Manuale
Avvio di SIMATIC PDM, progettazione di reti e
dispositivi, come lavorare con SIMATIC PDM,
comunicazione, diagnostica
The Process Device Manager
ID articolo: 21407212
(http://support.automation.siemens.com/WW/
view/it/21407212)
Manuale
Repeater di diagnostica per PROFIBUS DP
ID articolo: 7915183
(http://support.automation.siemens.com/WW/
view/fr/7915183)
Presentazione del prodotto, funzioni, possibilità di
configurazione, montaggio, cablaggio, messa in
servizio, diagnostica
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
274
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Glossario
Accumulatore
Gli accumulatori sono registri della CPU che hanno la funzione di buffer per operazioni di
caricamento, trasferimento, confronto, calcolo e conversione.
Vedere anche CPU
Alimentatore di potenza
Alimentatore per la predisposizione della tensione di carico per i moduli power
Allarme
Il sistema operativo di una CPU S7 distingue diverse classi di priorità che regolano
l'elaborazione del programma utente. A queste classi di priorità appartengono tra l'altro gli
allarmi, ad es. gli interrupt di processo. Quando viene attivato un allarme il sistema operativo
richiama automaticamente il blocco organizzativo corrispondente nel quale l'utente può
programmare la reazione desiderata (ad es. in un FB).
Vedere anche Sistema operativo
Allarme dall'orologio
→ Allarme, orologio
Allarme di aggiornamento
Un allarme di aggiornamento può essere generato da uno slave DPV1 o da un PNIO Device.
Nel master DPV1/PNIO Controller la ricezione dell'allarme determina il richiamo dell'OB 56.
Per informazioni dettagliate sull'OB 56 consultare il manuale di riferimento Funzioni standard
e di sistema per S7-300/400.
Allarme di diagnostica
Tramite gli allarmi di diagnostica, le unità con funzioni di diagnostica segnalano alla CPU gli
errori di sistema riconosciuti.
Vedere anche CPU
Allarme di ritardo
→ Allarme, ritardo
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
275
Glossario
Allarme specifico del produttore
Un allarme specifico del produttore può essere generato da uno slave DPV1 o da un PNIO
Device. Nel master DPV1/PNIO Controller la ricezione dell'allarme determina il richiamo
dell'OB 57.
Per informazioni dettagliate sull'OB 57 consultare il manuale di riferimento Funzioni standard
e di sistema per S7-300/400.
Allarme, diagnostica
→ Allarme di diagnostica
Allarme, orologio
L'allarme dall'orologio appartiene a una delle classi di priorità di elaborazione del programma
dei sistemi SIMATIC S7. Viene generato in funzione di una precisa data (o giornalmente) e
ora (ad es. alle 9:50 oppure ogni ora, ogni minuto). Di conseguenza viene elaborato un
corrispondente blocco organizzativo.
Allarme, ritardo
L'allarme di ritardo rientra in una delle classi di priorità di elaborazione del programma in
SIMATIC S7. Viene generato allo scadere di un determinato intervallo di tempo avviato nel
programma utente. Di conseguenza viene elaborato un corrispondente blocco organizzativo.
Allarme, schedulazione
La schedulazione orologio viene generata periodicamente in un intervallo di tempo
parametrizzabile dalla CPU. Di conseguenza viene elaborato un corrispondente blocco
organizzativo.
Vedere anche Blocco organizzativo
Allarme, stato
Un allarme di stato può essere generato da uno slave DPV1 o da un PNIO Device. Nel
master DPV1/PNIO Controller la ricezione dell'allarme determina il richiamo dell'OB 55.
Per informazioni dettagliate sull'OB 55 consultare il manuale di riferimento
Funzioni standard e di sistema per S7-300/400.
Apparecchiatura PROFIBUS
→ Dispositivo
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
276
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Glossario
Apparecchiatura PROFIBUS
Un'apparecchiatura PROFIBUS dispone almeno di una o più connessioni PROFIBUS.
Un'apparecchiatura PROFIBUS non può partecipare direttamente alla comunicazione
PROFINET ma deve essere integrata mediante un master PROFIBUS con connessione
PROFINET o un Industrial Ethernet/PROFIBUS Link (IE/PB-Link) con funzionalità proxy.
Applicazione
→ Programma utente
Applicazione
Programma che si basa direttamente sul sistema operativo MS-DOS/Windows.
Le applicazioni del PG sono ad es. il pacchetto di base STEP 7, S7-GRAPH e altri.
ASIC
ASIC è l'acronimo di Application Specific Integrated Circuits (circuiti integrati specifici delle
applicazioni).
I PROFINET ASIC sono componenti con un'ampia gamma di funzioni per lo sviluppo di
dispositivi individuali. Essi convertono le richieste dello standard PROFINET in un circuito
e consentono elevati gradi di compressione e di performance.
Poiché PROFINET è uno standard aperto, SIMATIC NET offre PROFINET ASIC per lo
sviluppo di dispositivi individuali con il marchio ERTEC.
Autonegotiation
Protocollo di configurazione di Fast Ethernet. Prima della trasmissione effettiva dei dati, i
dispositivi della rete stabiliscono una modalità di trasmissione che sia supportata da ogni
dispositivo (100 Mbit/s o 10 Mbit/s, full duplex o semiduplex).
AVVIAMENTO
Lo stato di funzionamento AVVIAMENTO si ha con il passaggio dallo stato di funzionamento
STOP a RUN. Può essere attivato dal selettore dei modi operativi, in seguito a RETE ON o
tramite comando del dispositivo di programmazione. Nel modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU viene eseguito un nuovo avviamento.
Vedere anche Selettore dei modi operativi
Vedere anche Nuovo avviamento
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
277
Glossario
Avvio prioritario
L'avvio prioritario indica la funzionalità PROFINET per l'accelerazione dell'avvio degli
IO Device in un sistema PROFINET IO con comunicazione RT e IRT.
Questa funzione riduce il tempo impiegato dagli IO Device - appositamente progettati - per
rientrare nuovamente nello scambio ciclico dei dati utili nei seguenti casi:
● dopo il ripristino della tensione di alimentazione
● dopo il ripristino della stazione
● dopo l'attivazione di IO Device
Blocco dati
I blocchi dati (DB) sono aree dati nel programma utente che contengono i dati utente.
Si suddividono in blocchi dati globali, ai quali si può accedere da tutti i blocchi di codice,
e in blocchi dati di istanza, che sono assegnati a un determinato richiamo di FB.
Blocco dati di istanza
A ogni richiamo di un blocco funzionale nel programma utente STEP 7 è assegnato un
blocco dati che viene generato automaticamente. Nel blocco dati di istanza sono
memorizzati i valori dei parametri di ingresso, di uscita e di transito e i dati dei blocchi locali.
Blocco di codice
Blocco di codice in SIMATIC S7 contenente una parte del programma utente STEP 7.
(A differenza di un blocco dati che invece contiene solo dati.)
Vedere anche Blocco dati
Blocco funzionale
Un blocco funzionale (FB) è un blocco di codice con dati statici secondo la norma
IEC 1131-3. Un FB offre la possibilità di trasferire parametri nel programma utente. Per
questo motivo i blocchi funzionali si prestano alla programmazione di funzioni complesse
che si ripresentano di frequente, come ad es. le regolazioni o la scelta del modo di
funzionamento.
Blocco funzionale di sistema
Un blocco funzionale di sistema (SFB) è un blocco funzionale integrato nel sistema operativo
della CPU che può essere richiamato dal programma utente STEP 7 secondo necessità.
Blocco organizzativo
I blocchi organizzativi (OB) costituiscono l'interfaccia tra il sistema operativo della CPU e il
programma utente. Nei blocchi organizzativi viene stabilito l'ordine di elaborazione del
programma utente.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
278
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Glossario
Buffer di diagnostica
Il buffer di diagnostica è un'area di memoria bufferizzata della CPU nella quale vengono
registrati gli eventi di diagnostica nello stesso ordine in cui essi si verificano.
Bus
Un bus è un supporto di trasmissione che collega più nodi tra loro. La trasmissione dati,
tramite cavi elettrici o fibra ottica, può essere seriale o parallela.
Bus backplane
Il bus backplane è un bus di dati seriale attraverso il quale il modulo di interfaccia comunica
con i moduli elettronici, alimentandoli con la tensione necessaria. Il collegamento tra i singoli
moduli viene stabilito dai moduli terminali.
Classe di priorità
Il sistema operativo di una CPU S7 offre al massimo 26 classi di priorità (o "livelli di
elaborazione del programma") ai quali sono assegnati diversi blocchi organizzativi. Le classi
di priorità determinano quali OB debbano interrompere altri OB. Se la classe di priorità
comprende più OB, questi non si interrompono a vicenda ma vengono elaborati in modo
sequenziale.
Compensazione di potenziale
Collegamento elettrico (cavo equipotenziale) che uniforma completamente o in parte il
potenziale dei dispositivi elettrici e dei conduttori esterni per evitare tensioni di disturbo o
pericolose tra essi.
Component Based Automation
→ PROFINET CBA
Componente PROFINET
Un componente PROFINET comprende tutti i dati della configurazione hardware, i parametri
delle unità e il relativo programma utente. Il componente PROFINET si compone di:
● Funzione tecnologica
La funzione (software) tecnologica (opzionale) comprende l'interfaccia verso altri
componenti PROFINET in forma di ingressi e uscite interconnettibili.
● Dispositivo
Il dispositivo è la rappresentazione del PLC fisico o dell'apparecchiatura da campo inclusi
periferia, sensori e attuatori, parte meccanica e firmware del dispositivo.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
279
Glossario
Comprimi
Con la funzione online del PG "Comprimi" tutti i blocchi validi nella RAM della CPU vengono
spostati all'inizio della memoria utente dove vengono affiancati senza soluzione di continuità.
In questo modo si eliminano tutti gli spazi vuoti causati dalla cancellazione o dalla correzione
di blocchi.
Comunicazione diretta
La comunicazione diretta è una speciale relazione di comunicazione tra nodi
PROFIBUS DP. La comunicazione diretta è caratterizzata dal fatto che i nodi PROFIBUS DP
"partecipano alla comunicazione" e sanno quali dati uno slave DP rimanda al proprio
master DP.
Comunicazione realtime isocrona
Procedimento di trasmissione sincronizzato per lo scambio ciclico di dati IO IRT tra
dispositivi PROFINET.
Per i dati IO IRT è disponibile una larghezza di banda riservata all'interno dell'intervallo di
trasmissione. La larghezza di banda riservata garantisce un trasferimento dei dati IO IRT
senza interferenze, a intervalli temporali sincronizzati e riservati, anche in presenza di un
altro elevato carico della rete (ad es. la comunicazione TCP/IP o un'altra comunicazione
realtime).
Configurazione
Assegnazione di unità ai posti connettore e agli indirizzi
(ad es. nel caso dei moduli elettronici).
Connettore di bus
Collegamento fisico tra i nodi e il cavo del bus.
Contatore
I contatori sono parte integrante della memoria di sistema della CPU.
Il contenuto delle "celle" del contatore può essere modificato tramite le istruzioni di STEP 7
(ad es. conteggio in avanti/all'indietro).
Vedere anche Memoria di sistema
Controllore programmabile
→ CPU
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
280
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Glossario
Controllore programmabile
I controllori a memoria programmabile (PLC) sono controllori elettronici la cui funzione è
memorizzata come programma nel dispositivo di controllo. La configurazione e il cablaggio
dell'apparecchiatura non dipendono quindi dalla funzione del controllore. Il controllore a
memoria programmabile ha la stessa struttura di un computer: è costituito da una CPU con
memoria, unità di ingressi e di uscite e sistema di bus interno. La periferia e il linguaggio di
programmazione sono adattati alle necessità della tecnica di controllo.
CPU
Central Processing Unit = unità centrale del sistema di automazione S7 con unità di
controllo, di calcolo, memoria, sistema operativo e interfaccia per il dispositivo di
programmazione.
Dati coerenti
I dati affini tra loro per contenuto, che non devono essere separati, vengono definiti coerenti.
I valori delle unità analogiche ad es. devono sempre essere trattati come un insieme: il
valore di un'unità analogica quindi non deve essere falsato dalla lettura in due momenti
diversi.
Dati locali
→ Dati temporanei
Dati statici
I dati statici sono quelli che vengono utilizzati solo all'interno di un blocco funzionale. Questi
dati vengono memorizzati in un blocco dati di istanza appartenente al blocco funzionale.
I dati memorizzati nel blocco dati di istanza vengono mantenuti fino al successivo richiamo
del blocco funzionale.
Dati temporanei
I dati temporanei sono dati locali di un blocco che vengono memorizzati nello stack L
durante l'elaborazione di un blocco e che, dopo l'elaborazione, non sono più disponibili.
DCP
DCP (Discovery and Basic Configuration Protocol). Consente di assegnare i parametri del
dispositivo (ad es. indirizzo IP) con tool di progettazione/programmazione specifici del
produttore.
Determinismo
→ Real time
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
281
Glossario
Diagnostica
→ Diagnostica di sistema
Diagnostica di sistema
La diagnostica di sistema consiste nel riconoscimento, l'analisi e la segnalazione degli errori
che si verificano all'interno del sistema di automazione, come ad es. errori di programma o
guasti delle unità. Gli errori di sistema possono essere segnalati dai LED o visualizzati in
STEP 7.
Dispositivo
In ambiente PROFINET, "dispositivo" è un termine generale che indica:
● Sistemi di automazione
● Apparecchiature da campo (ad es. PLC, PC)
● Componenti di rete attivi (ad es. periferia decentrata, gruppi di valvole, azionamenti)
● Apparecchiature idrauliche
● Apparecchiature pneumatiche.
Caratteristica principale di un dispositivo è l'integrazione nella comunicazione PROFINET
tramite Ethernet o PROFIBUS.
I dispositivi si distinguono nei tipi seguenti, a seconda delle loro connessioni di bus:
● Dispositivi PROFINET
● Dispositivi PROFIBUS
Dispositivo
→ Apparecchiatura PROFIBUS
Dispositivo
→ Dispositivo PROFINET
Dispositivo di programmazione
I dispositivi di programmazione sono fondamentalmente personal computer portatili,
compatti e adatti all'impiego industriale. Si distinguono per una speciale dotazione hardware
e software per PLC.
Dispositivo PROFINET
→ Dispositivo
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
282
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Glossario
Dispositivo PROFINET
Un dispositivo PROFINET ha sempre almeno una connessione Industrial Ethernet. Inoltre un
dispositivo PROFINET può avere anche una connessione PROFIBUS in qualità di master
con funzionalità proxy.
DPV1
Con la denominazione DPV1 si indica un ampliamento funzionale dei servizi aciclici
(ad es. con l'aggiunta di nuovi allarmi) del protocollo DP. La funzionalità DPV1 è integrata
nella norma IEC 61784-1:2002 Ed1 CP 3/1.
Errore di runtime
Errore che si verifica nel sistema di automazione (e non nel processo) durante l'elaborazione
del programma utente.
ERTEC
→ ASIC
ET 200
Con PROFIBUS DP o PROFINET IO il sistema di periferia decentrata ET 200 consente
di collegare la periferia decentrata a una CPU tramite un master DP o un IO Controller.
Il sistema ET 200 si distingue per i tempi di reazione molto brevi in quanto vengono
trasmessi pochi dati (byte).
Il sistema ET 200 si basa sulla norma IEC 61784-1:2002 Ed1 CP 3/1.d.
Il sistema ET 200 funziona in base al principio master-slave/Controller-Device.
I master DP possono essere ad es. l'interfaccia master IM 308-C o il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU con modulo master DP. L'IO Controller può essere ad es. il modulo di
interfaccia IM151-8 PN/DP CPU.
Gli slave DP/IO Device possono essere la periferia decentrata ET 200M, ET 200L, ET 200S,
ET 200pro oppure slave DP/IO Device Siemens o di altri produttori.
Fast Ethernet
Fast Ethernet costituisce lo standard per la trasmissione di dati fino a 100 Mbit/s. Fast
Ethernet si serve dello standard 100 Base-T.
FB
→ Blocco funzionale
FC
→ Funzione
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
283
Glossario
File GSD
Le proprietà di un dispositivo PROFINET sono descritte in un file GSD (General Station
Description) che contiene tutte le informazioni importanti per la progettazione.
Analogamente a PROFIBUS è possibile integrare un dispositivo PROFINET in STEP 7
attraverso un file GSD.
Per PROFINET IO il file GSD è in formato XML. La struttura del file GSD è conforme alla
norma ISO 15734, lo standard internazionale per la descrizione dei dispositivi.
Per PROFIBUS il file GSD è disponibile in formato ASCII (secondo la norma
IEC 61784-1:2002 Ed1 CP 3/1).
Flash EPROM
Con la loro caratteristica di mantenere i dati anche in caso di caduta della tensione,
le FEPROM corrispondono alle EEPROM cancellabili elettricamente ma possono essere
cancellate molto più rapidamente (FEPROM = Flash Erasable Programmable Read Only
Memory). Vengono impiegate nelle SIMATIC Micro Memory Card.
Forzamento
Con la funzione di forzamento è possibile assegnare valori fissi a singole variabili di un
programma utente o di una CPU (vedere anche: ingressi e uscite).
Al proposito tenere presente anche le limitazioni riportate nella sezione Panoramica:
funzioni di test nel capitolo Test, diagnostica ed eliminazione dei guasti.
FREEZE
È un comando di controllo impartito dal master DP a un gruppo di slave DP.
Una volta ricevuto il comando di controllo FREEZE, lo slave DP congela lo stato attuale degli
ingressi e li trasmette ciclicamente al master DP.
A ogni nuovo comando di controllo FREEZE, lo slave DP congela nuovamente lo stato degli
ingressi.
I dati degli ingressi vengono nuovamente trasmessi ciclicamente dallo slave DP al master
DP solo quando il master DP invia il comando di controllo UNFREEZE.
Funzione
Una funzione (FC) è un blocco di codice senza dati statici secondo la norma IEC 1131-3.
Una funzione offre la possibilità di trasferire parametri nel programma utente. Per questo
motivo le funzioni si prestano alla programmazione di operazioni complesse che si
ripresentano di frequente, come ad es. i calcoli.
Funzione di sistema
Una funzione di sistema (SFC) è una funzione integrata nel sistema operativo della CPU
che può essere richiamata dal programma utente STEP 7 secondo necessità.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
284
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Glossario
Funzione tecnologica
→ Componente PROFINET
Gruppo di potenziale
Gruppo di moduli elettronici alimentati da un modulo power.
Hot swapping
Estrazione e inserimento di moduli durante il funzionamento dell'ET 200S.
I Device
La funzionalità "I Device" (IO Device intelligente) di una CPU consente di scambiare dati con
un IO Controller e di utilizzare così la CPU ad es. come unità di preelaborazione intelligente
di processi parziali. In questo caso l'I Device ha il ruolo di un IO Device ed è quindi collegato
a un IO Controller "di livello superiore".
La preelaborazione è assicurata dal programma utente nella CPU con la funzionalità
"I Device". I valori di processo acquisiti a livello centrale o decentrato (PROFINET IO o
PROFIBUS DP) vengono preelaborati dal programma utente e messi a disposizione della
CPU di una stazione di livello superiore attraverso un'interfaccia PROFINET IO Device.
IM
Modulo di interfaccia: il modulo di interfaccia collega l'ET 200S con il master
DP/l'IO Controller e prepara i dati per i moduli elettronici.
In un ET 200S con IM151-8 PN/DP CPU, il modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
stesso è
● l'IO Controller/
● il master DP (in combinazione con il modulo master DP).
Immagine di processo
L'immagine di processo è parte integrante della memoria di sistema della CPU. All'inizio del
programma ciclico vengono trasferiti gli stati di segnale delle unità di ingresso all'immagine di
processo degli ingressi. Alla fine del programma ciclico l'immagine di processo delle uscite
viene trasferita come stato di segnale alle unità di uscita.
Vedere anche Memoria di sistema
Indirizzo
Un indirizzo è l'identificazione di un determinato operando o di una determinata area
operandi.
Esempi: ingresso E 12.1; parola di merker MW 25; blocco dati DB 3
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
285
Glossario
Indirizzo IP
Per poter essere indirizzato come nodo della rete Industrial Ethernet, un dispositivo
PROFINET deve avere un indirizzo IP univoco all'interno della rete. L'indirizzo IP è costituito
da 4 numeri decimali con un campo di valori da 0 a 255. I numeri decimali sono separati da
un punto.
L'indirizzo IP è formato da
● indirizzo della (sotto)rete e
● indirizzo del nodo (in generale definito anche host o nodo di rete).
Indirizzo MAC
A ogni dispositivo PROFINET viene assegnato in fabbrica un identificativo univoco
internazionale. Questo identificativo (di 6 byte di lunghezza) è l'indirizzo MAC.
L'indirizzo MAC è suddiviso in:
● 3 byte per l'identificativo del produttore e
● 3 byte per l'identificativo del dispositivo (numero progressivo).
L'indirizzo MAC è normalmente leggibile sulla parte anteriore del dispositivo.
Esempio: 08-00-06-6B-80-C0
Indirizzo PROFIBUS
Ogni nodo di bus deve avere un proprio indirizzo PROFIBUS per poter essere identificato
in modo univoco nel PROFIBUS.
I PC/PG hanno l'indirizzo PROFIBUS "0".
Per il sistema di periferia decentrata ET 200S sono ammessi gli indirizzi PROFIBUS da
1 a 125.
Industrial Ethernet
→ Fast Ethernet
Industrial Ethernet
Industrial Ethernet (prima SINEC H1) è una tecnica che consente di trasmettere dati in
ambiente industriale con immunità ai disturbi.
Poiché PROFINET è un sistema aperto, è possibile utilizzare componenti standard Ethernet.
Si consiglia tuttavia di configurare PROFINET come Industrial Ethernet.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
286
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Glossario
Industrial Wireless LAN
Industrial Wireless LAN di SIMATIC NET offre, oltre alla comunicazione di dati secondo lo
standard IEEE 802.11, numerosi ampliamenti ("I-Feature") particolarmente utili per i clienti
che operano in ambito industriale. Una rete IWLAN è particolarmente idonea per le
applicazioni industriali che richiedono una comunicazione mobile estremamente affidabile:
● Roaming automatico in caso di interruzione del collegamento con Industrial Ethernet
("Rapid Roaming")
● Contenimento dei costi grazie all'utilizzo di un'unica rete wireless per il funzionamento
sicuro di un processo sia per i dati critici (ad es. segnalazione di allarmi) che per la
comunicazione senza criticità (ad es. service e diagnostica)
● Collegamento a costi contenuti con dispositivi dislocati in ambienti isolati e difficilmente
raggiungibili
Interrupt di processo
Un interrupt di processo viene attivato da unità capaci di generare allarmi in seguito a un
determinato evento nel processo. L'interrupt di processo viene segnalato alla CPU. In base
alla priorità dell'interrupt viene quindi elaborato il blocco organizzativo corrispondente.
Vedere anche Blocco organizzativo
Interrupt, processo
→ Interrupt di processo
IO Controller
→ PROFINET IO Controller
IO Controller
→ PROFINET IO Device
IO Controller
→ PROFINET IO Supervisor
IO Controller
→ Sistema PROFINET IO
IO Device
→ PROFINET IO Controller
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
287
Glossario
IO Device
→ PROFINET IO Device
IO Device
→ PROFINET IO Supervisor
IO Device
→ Sistema PROFINET IO
IO Supervisor
→ PROFINET IO Controller
IO Supervisor
→ PROFINET IO Device
IO Supervisor
→ PROFINET IO Supervisor
IO Supervisor
→ Sistema PROFINET IO
IRT
→ Comunicazione realtime isocrona
LAN
Local Area Network, rete locale alla quale sono collegati diversi computer all'interno di
un'azienda. Una rete LAN ha quindi un'estensione piuttosto limitata ed è vincolata al potere
discrezionale dell'azienda o dell'Istituzione.
Lista degli stati del sistema
La lista degli stati del sistema contiene dati che descrivono lo stato attuale di un sistema
ET 200S con il modulo IM151-8 PN/DP CPU. La lista fornisce quindi una panoramica
sempre aggiornata dei seguenti elementi:
● Configurazione del sistema ET 200S
● Parametrizzazione attuale della CPU e dei moduli elettronici parametrizzabili
● Stati e processi attuali nella CPU e nei moduli elettronici parametrizzabili.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
288
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Glossario
LLDP
LLDP (Link Layer Discovery Protocol) consiste in un protocollo che consente di individuare
il dispositivo vicino. Mette un determinato dispositivo in condizione di inviare informazioni su
se stesso e di memorizzare nel MIB LLDP le informazioni ricevute dai dispositivi vicini.
Queste informazioni possono essere richieste tramite SNMP. Grazie a queste informazioni
un sistema di gestione della rete può determinare la topologia della rete.
Maschera di sottorete
I bit impostati della maschera di sottorete determinano la parte dell'indirizzo IP che contiene
l'indirizzo della (sotto)rete.
In generale la formula è la seguente:
● L'indirizzo di rete risulta dalla combinazione logica AND di indirizzo IP e maschera
di sottorete.
● L'indirizzo del nodo risulta dalla combinazione logica AND negato di indirizzo IP e
maschera di sottorete.
Massa
Per massa si intende il complesso delle parti inattive di un componente collegate tra loro
che, anche in caso di guasto, non possono assumere tensioni di contatto pericolose.
Master
I master in possesso del token possono inviare dati agli altri nodi e richiedere dati da questi
(= nodi attivi). I master DP sono ad es. la CPU 315-2 DP o il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU con modulo master DP.
Master
→ Slave
Master DP
→ Master
Master DP
Un master conforme alla norma IEC 61784-1:2002 Ed1 CP 3/1 viene definito master DP.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
289
Glossario
Memoria di backup
La memoria di backup assicura la bufferizzazione di aree di memoria della CPU senza
batteria tampone. Vengono bufferizzati un numero parametrizzabile di temporizzatori,
contatori, merker e byte di dati nonché i temporizzatori, i contatori, i merker e i byte di dati
a ritenzione.
Vedere anche CPU
Memoria di caricamento
La memoria di caricamento contiene gli oggetti creati dal dispositivo di programmazione.
Nel modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU è realizzata come SIMATIC Micro Memory
Card inseribile di diverse dimensioni. Per il funzionamento del modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU è indispensabile che sia inserita una SIMATIC Micro Memory Card.
Memoria di lavoro
La memoria di lavoro è integrata nella CPU e non può essere ampliata. Permette di
elaborare il codice e i dati del programma utente. Il programma viene elaborato
esclusivamente nell'area della memoria di lavoro e di sistema.
Vedere anche CPU
Memoria di sistema
La memoria di sistema è integrata nell'unità centrale ed è una memoria di tipo RAM. Nella
memoria di sistema sono memorizzate le aree operandi (ad es. temporizzatori, contatori,
merker) e le aree di dati necessarie internamente al sistema operativo (ad es. buffer per la
comunicazione).
Vedere anche Sistema operativo
Merker
I merker sono parte integrante della memoria di sistema della CPU per il salvataggio di
risultati intermedi. Sono accessibili a bit, byte, parola o doppia parola.
Vedere Memoria di sistema
Merker di clock
Merker che possono essere usati per generare un clock nel programma utente
(1 byte di merker).
Nota
Assicurarsi che il il byte del merker di clock nel programma utente non venga sovrascritto!
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
290
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Glossario
Messa a terra
Mettere a terra significa collegare una parte elettrica conduttrice con la terra tramite un
dispositivo di messa a terra (una o più parti conduttrici che hanno un ottimo contatto con la
terra).
Messa a terra funzionale
Messa a terra che ha il solo scopo di assicurare il corretto funzionamento dell'apparecchio
elettrico. Tramite la messa a terra funzionale vengono cortocircuitate tensioni di disturbo che
altrimenti potrebbero influire negativamente sull'apparecchiatura.
MIB
Il MIB (Management Information Base) è un database di un dispositivo. I Client SNMP
accedono a questo database nel dispositivo. La gamma S7 supporta ad es. i seguenti
MIB standard:
● MIB II, a norma RFC 1213
● LLDP-MIB, conforme alla norma internazionale IEE 802.1AB
● LLDP-PNIO-MIB, conforme alla norma internazionale IEC 61158-6-10
Micro Memory Card
→ SIMATIC Micro Memory Card
Moduli analogici
I moduli analogici convertono i valori di processo analogici (ad es. una temperatura)
in valori digitali che possono poi essere elaborati dal modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU o convertono i valori digitali in grandezze regolanti analogiche.
Moduli elettronici
I moduli elettronici costituiscono l'interfaccia tra il processo e il sistema di automazione.
Essi comprendono:
● Unità di ingressi e uscite digitali
● Unità di ingressi e uscite analogici
● Moduli tecnologici
Modulo di chiusura
Il sistema di periferia decentrata ET 200S termina con il modulo di chiusura. Se non si
inserisce un modulo di chiusura, la stazione ET 200S non è pronta per il funzionamento.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
291
Glossario
NCM PC
→ SIMATIC NCM PC
Nodo di bus
Apparecchiatura in grado di inviare, ricevere o amplificare dati tramite il bus come ad es.
master DP, slave DP, repeater RS 485, accopiatore a stella.
Nome dispositivo
Prima di poter essere indirizzato da un IO Controller, l'IO Device deve disporre di un nome
di dispositivo poiché l'indirizzo IP è assegnato al nome dispositivo ed è fisso. In PROFINET
è stata scelta questa prassi poiché i nomi sono più facili da gestire rispetto ai complessi
indirizzi IP.
L'assegnazione di un nome di dispositivo a un IO Device concreto può essere paragonata
all'impostazione dell'indirizzo PROFIBUS di uno slave DP.
All'atto della fornitura l'IO Device non è dotato di un nome. Un IO Device è indirizzabile
da parte di un IO Controller - ad es. per il trasferimento dei dati di progettazione (tra cui
l'indirizzo IP) all'avviamento o per lo scambio dei dati utili in funzionamento ciclico - solo
dopo che gli è stato assegnato un nome di dispositivo con l'IO Supervisor/PC.
Il nome del dispositivo può anche essere scritto nel PG direttamente sulla SIMATIC
Micro Memory Card (ad es. per l'IO Device ET 200S).
Norma DP
La norma DP è il protocollo di bus del sistema di periferia decentrata ET 200 conforme
alla norma IEC 61784-1:2002 Ed1 CP 3/1.
NTP
Il Network Time Protocol (NTP) è un protocollo standard per la sincronizzazione degli
orologi nei sistemi di automazione tramite Industrial Ethernet. NTP impiega il protocollo
di rete UDP non orientato alla connessione.
Nuovo avviamento
All'avviamento di un modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU (ad es. dopo l'azionamento
del selettore dei modi operativi da STOP a RUN o in caso di RETE ON) e prima
dell'elaborazione ciclica del programma (OB 1) viene elaborato il blocco organizzativo
OB 100 (nuovo avviamento). Nel caso del nuovo avviamento viene immessa l'immagine di
processo degli ingressi e il programma utente STEP 7 viene elaborato iniziando dal primo
comando nell'OB 1.
OB
→ Blocco organizzativo
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
292
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Glossario
Parametri
● Variabile di un blocco di codice STEP 7
● Variabile per l'impostazione del comportamento di un'unità (uno o più per ciascuna unità).
Allo stato di fornitura ogni unità ha un'impostazione di base opportuna che può essere
modificata con la configurazione in STEP 7.
I parametri si suddividono in statici e dinamici.
Vedere anche Parametri statici
Vedere anche Parametri dinamici
Parametri dell'unità
I parametri dell'unità sono valori con i quali si può impostare il comportamento dell'unità.
I parametri dell'unità si suddividono in parametri statici e dinamici.
Parametri dinamici
Al contrario dei parametri statici, i parametri dinamici di un'unità possono essere modificati
durante il funzionamento richiamando un'SFC nel programma utente (ad es. i valori limite di
un'unità di ingressi analogici).
Parametri statici
Al contrario dei parametri dinamici, i parametri statici di un'unità non possono essere
modificati dal programma utente bensì solo con la configurazione in STEP 7
(ad es. ritardo di ingresso di un'unità di ingressi digitali).
Parametrizzazione
Per parametrizzazione si intende l'assegnazione dei parametri dal master DP allo
slave DP oppure dall'IO Controller all'IO Device.
PELV
Protective Extra Low Voltage = bassa tensione funzionale con separazione sicura
PG
→ Dispositivo di programmazione
PLC
→ Controllore programmabile
PNO
→ PROFIBUS International
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
293
Glossario
Potenziale di riferimento
Potenziale in base al quale si controllano e/o misurano i valori della tensione dei
circuiti di corrente collegati.
Priorità OB
Il sistema operativo della CPU distingue tra diverse classi di priorità, come ad es.
elaborazione del programma ciclica o comandata da interrupt di processo. Ad ogni classe di
priorità sono assegnati dei blocchi organizzativi (OB) in cui l'utente di S7 può programmare
una reazione. Per default gli OB hanno priorità diverse nel cui ordine vengono elaborati e si
interrompono reciprocamente se si verificano contemporaneamente.
Vedere anche Sistema operativo
Vedere anche Blocchi organizzativi
PROFIBUS
→ PROFIBUS International
PROFIBUS
PROcess FIeld BUS, Norma di processo e per i bus di campo definita nella norma
IEC 61784-1:2002 Ed1 CP 3/1. Questa norma prescrive le caratteristiche funzionali,
elettriche e meccaniche di un sistema di bus di campo seriale a bit.
Dal punto di vista del programma utente la periferia decentrata viene indirizzata esattamente
come la periferia centrale.
Il PROFIBUS è disponibile con i protocolli DP (= periferia decentrata), FMS (= Fieldbus
Message Specification), PA (= automazione di processo) o TF (= funzioni tecnologiche).
PROFIBUS DP
→ PROFIBUS International
PROFIBUS DP
→ PROFIBUS
PROFIBUS International
Comitato tecnico incaricato della definizione e del continuo sviluppo degli standard
PROFIBUS e PROFINET.
È noto anche come PROFIBUS Nutzerorganisation e.V. (PNO, Organizzazione degli utenti
PROFIBUS).
Homepage: http://www.profibus.com
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
294
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Glossario
PROFINET
→ PROFIBUS International
PROFINET
Nell'ambito della Totally Integrated Automation (TIA), PROFINET rappresenta la
continuazione sistematica di:
● PROFIBUS DP, il bus di campo ormai consolidato, e
● Industrial Ethernet, il bus di comunicazione per il livello di cella.
Le esperienze maturate in entrambi i sistemi sono state e vengono tuttora integrate in
PROFINET.
PROFINET, in quanto standard di automazione basato su ethernet dell'organizzazione
PROFIBUS International (ex PROFIBUS Nutzerorganisation e.V., organizzazione degli utenti
PROFIBUS), definisce così un modello di comunicazione, automazione e engineering esteso
a tutti i produttori. PROFINET rientra nella norma IEC 61158 dal 2003.
PROFINET ASIC
→ ASIC
PROFINET CBA
Nell'ambito di PROFINET PROFINET CBA (Component Based Automation) è un concetto
di automazione
● per la realizzazione di applicazioni modulari con intelligenza decentrata e
● per la comunicazione macchina-macchina.
PROFINET CBA consente di creare una soluzione di automazione distribuita sulla base di
componenti e soluzioni parziali pronti all'uso. Grazie all'ampia decentralizzazione dei
processi di elaborazione intelligente è quindi in grado di soddisfare la richiesta di una
modularizzazione sempre maggiore nei settori della meccanica e nell'impiantistica.
La Component Based Automation prevede l'impiego di componenti tecnologici completi
come componenti normalizzati in impianti di grandi dimensioni.
La realizzazione di PROFINET CBA avviene tramite:
● lo standard PROFINET per i dispositivi di automazione e
● il tool di engineering SIMATIC iMap.
La creazione dei componenti viene eseguita con un tool di engineering che può variare da
costruttore a costruttore. I componenti dei dispositivi SIMATIC si creano ad es. con STEP 7.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
295
Glossario
PROFINET IO
PROFINET IO è un concetto di comunicazione per la realizzazione di applicazioni modulari
decentrate nell'ambito di PROFINET.
PROFINET IO consente di creare soluzioni di automazione come quelle ormai note del
PROFIBUS.
La realizzazione di PROFINET IO si basa da un lato sullo standard PROFINET per PLC e
dall'altro sul tool di engineering STEP 7. Ciò significa che in STEP 7 l'utente ha la stessa
vista dell'applicazione a prescindere dal fatto che stia progettando dispositivi PROFINET o
apparecchiature PROFIBUS. La creazione del programma utente, per PROFINET IO e
PROFIBUS DP, è analoga se si utilizzano gli stessi blocchi e le stesse liste di stato di
sistema ampliati per PROFINET IO.
PROFINET IO Controller
Dispositivo attraverso il quale vengono indirizzati gli IO Device collegati. In altri termini l'IO
Controller scambia segnali di ingresso e di uscita con apparecchiature da campo assegnate.
Spesso l'IO Controller costituisce il controllore nel quale viene eseguito il programma di
automazione.
PROFINET IO Controller
→ PROFINET IO Device
PROFINET IO Controller
→ PROFINET IO Supervisor
PROFINET IO Controller
→ Sistema PROFINET IO
PROFINET IO Device
→ PROFINET IO Controller
PROFINET IO Device
Apparecchiatura da campo decentrata e assegnata a uno degli IO Controller
(ad es. Remote IO, gruppi di valvole, convertitori di frequenza, switch).
PROFINET IO Device
→ PROFINET IO Supervisor
PROFINET IO Device
→ Sistema PROFINET IO
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
296
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Glossario
PROFINET IO Supervisor
→ PROFINET IO Controller
PROFINET IO Supervisor
→ PROFINET IO Device
PROFINET IO Supervisor
PG/PC o sistema HMI per la messa in servizio e la diagnostica
PROFINET IO Supervisor
→ Sistema PROFINET IO
Profondità di annidamento
Con i richiami di blocchi, un blocco può essere richiamato da un altro blocco.
Per profondità di annidamento si intende il numero dei blocchi di codice richiamati
contemporaneamente.
Vedere anche Blocchi di codice
Programma utente
In SIMATIC viene fatta una distinzione tra sistema operativo della CPU e programmi utente.
Il programma utente contiene tutte le istruzioni, le dichiarazioni e i dati necessari per
l'elaborazione dei segnali con cui si controllano un impianto o un processo. Il programma
utente è assegnato a un'unità programmabile (ad es. CPU) e può essere strutturato in unità
più piccole.
Programma utente
→ Sistema operativo
Programma utente
→ STEP 7
Protezione esterna contro i fulmini
Parti dell'impianto che si trovano all'esterno nelle quali non possono insorgere
impulsi di corrente galvanici generati dai fulmini. Corrisponde alle zone di protezione
antifulmine 0A e 0B.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
297
Glossario
Protezione interna contro i fulmini
Schermatura di edifici, locali o apparecchiature. Corrisponde alle zone di protezione
antifulmine 1, 2 o 3.
Proxy
→ Dispositivo PROFINET
Proxy
Il dispositivo PROFINET con funzionalità proxy è l'unità di sostituzione di un'apparecchiatura
PROFIBUS in Ethernet. La funzionalità proxy consente a un'apparecchiatura PROFIBUS di
comunicare non solo con il rispettivo master ma anche con tutti i nodi di PROFINET.
I sistemi PROFIBUS esistenti possono essere integrati senza difficoltà nella comunicazione
PROFINET ad es. tramite un IE/PB-Link o un modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU.
In tal caso la comunicazione tramite PROFINET avviene per mezzo di IE/PB-Link/
IM151-8 PN/DP CPU, in sostituzione dei componenti PROFIBUS.
Publisher
→ Comunicazione diretta
Publisher
Il Publisher è un mittente nella comunicazione diretta.
Punto di controllo del ciclo
Il punto di controllo del ciclo è la sezione dell'elaborazione del programma della CPU nella
quale ad es. viene aggiornata l'immagine di processo.
RAM
Una RAM (Random Access Memory) è una memoria a semiconduttore con accesso casuale
(memoria di scrittura/lettura).
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
298
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Glossario
Real time
Tempo reale significa che un sistema elabora eventi esterni in un arco di tempo definito.
Determinismo significa che un sistema reagisce entro un intervallo di tempo prevedibile
(deterministico).
Entrambi i requisiti sono importanti nelle reti industriali. PROFINET soddisfa questi requisiti.
PROFINET è quindi realizzato come rete in tempo reale deterministica nel modo seguente:
● Garantisce il trasferimento di dati con criticità temporale tra diverse stazioni tramite una
rete entro un intervallo di tempo definito.
PROFINET offre un canale di comunicazione ottimizzato per la comunicazione in tempo
reale : Real time (RT)
● Consente un'esatta determinazione (previsione) del momento di trasferimento dei dati.
● Questo sistema garantisce una comunicazione senza difficoltà attraverso altri protocolli
standard, ad es. la comunicazione industriale per PG/PC, all'interno della stessa rete.
Reazione all'errore
Reazione a un errore di runtime. Il sistema operativo può reagire nei modi seguenti:
portando il sistema di automazione in STOP, richiamando un blocco organizzativo nel
quale l'utente può programmare una reazione oppure visualizzando l'errore.
Vedere anche Errore di runtime
Resistenza terminale
La resistenza terminale è una resistenza di chiusura di un cavo per il trasferimento dati
che consente di evitare riflessioni.
Rete
Una rete è un ampio sistema di comunicazione che consente lo scambio di dati tra un
grande numero di nodi.
La rete è formata da tutte le sottoreti insieme.
Rete
Una rete è costituita da una o più sottoreti interconnesse con un numero qualunque di nodi.
Sono consentite diverse reti contemporaneamente.
Ridondanza del supporto
Funzione per garantire la disponibilità della rete e degli impianti. I percorsi di trasmissione
ridondanti (topologia ad anello) garantiscono una via di comunicazione alternativa in caso
di guasto di un percorso di trasmissione.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
299
Glossario
Ritenzione
Si definisce "a ritenzione" un'area di memoria il cui contenuto viene mantenuto anche dopo
un guasto di rete e il passaggio da STOP a RUN. Dopo un guasto alla rete o un passaggio
STOP-RUN, le aree non a ritenzione di merker, temporizzatori e contatori vengono resettate.
Possono essere a ritenzione:
● Merker
● Temporizzatori S7
● Contatori S7
● Aree dati
Router
→ Router di default
Router
→ Switch
Router
Un router collega due sottoreti l'una all'altra. Un router funziona in modo analogo a uno
switch. Inoltre, con un router è possibile stabilire quali nodi possano o meno comunicare
mediante il router. I nodi della comunicazione sui diversi lati di un router possono
comunicare tra loro solo se la comunicazione tra loro attraverso il router è stata abilitata
esplicitamente. I dati Real Time non possono essere scambiati oltre i limiti della sottorete.
Router di default
Il router di default è il router che viene utilizzato quando i dati devono essere inoltrati
mediante il protocollo TCP/IP a un partner della comunicazione che non si trova all'interno
della "propria" sottorete.
In STEP 7 il router di default viene definito router. Normalmente STEP 7 assegna al router
di default un proprio indirizzo IP.
Routing per set di dati
Funzionalità di un'unità con diverse connessioni di rete.
Le unità che supportano questa funzionalità sono in grado di trasferire i dati di un sistema
di engineering (ad es. i dati dei parametri creati da SIMATIC PDM) da una sottorete, come
ad es. Ethernet, ad un'apparecchiatura da campo nel PROFIBUS DP.
RT
→ Real time
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
300
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Glossario
Schedulazione orologio
→ Allarme, schedulazione
Segmento
→ Segmento di bus
Segmento di bus
Un segmento di bus è una parte chiusa di un sistema di bus seriale. I segmenti di bus sono
ad es. accoppiati tra di loro tramite repeater in PROFIBUS DP.
Segnalazione di errore
La segnalazione di errore è una delle possibili reazioni del sistema operativo a un errore
di runtime. Le altre possibili reazioni sono le seguenti: reazione all'errore nel programma
utente, STOP della CPU.
Vedere anche Errore di runtime
Vedere anche Reazione all'errore
SELV
Safety Extra Low Voltage = bassa tensione di sicurezza
Senza messa a terra
Senza collegamento galvanico con la terra
Senza separazione di potenziale
Nelle unità di ingresso e uscita senza separazione di potenziale, i potenziali di riferimento dei
circuiti di comando e di corrente di carico sono collegati elettricamente.
Separazione di potenziale
Nelle unità di ingresso e uscita con separazione di potenziale, i potenziali di riferimento dei
circuiti di comando e di corrente di carico sono separati galvanicamente, ad es. tramite
optoisolatori, contatti relè o trasformatori. I circuiti di corrente di ingresso e di uscita possono
essere collegati a un potenziale comune.
SFB
→ Blocco funzionale di sistema
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
301
Glossario
SFC
→ Funzione di sistema
Shared Device
La funzionalità "Shared Device" consente di distribuire i sottomoduli di un IO Device tra
diversi IO Controller.
SIMATIC
Termine utilizzato per prodotti e sistemi dell'automazione industriale Siemens AG.
SIMATIC Micro Memory Card
Le SIMATIC Micro Memory Card sono supporti di memoria per il modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU.
SIMATIC NCM PC
SIMATIC NCM PC è una versione di STEP 7 adattata in modo speifico alla progettazione
PC che offre tutte le funzioni di STEP 7 per le stazioni PC.
SIMATIC NCM PC è il tool centrale con il quale progettare i servizi di comunicazione per la
propria stazione PC. I dati di progettazione creati con questo tool devono essere caricati o
esportati nella stazione PC. In questo modo si rende pronta per la comunicazione la stazione
PC.
SIMATIC NET
Settore di comunicazione industriale Siemens per reti e componenti di rete.
Sincronismo di clock
Dati di processo, ciclo di trasmissione tramite PROFIBUS DP o PROFINET IO e programma
utente sono sincronizzati tra loro per ottenere il massimo funzionamento deterministico.
I dati di ingresso e di uscita della periferia distribuita nell'impianto vengono rilevati ed emessi
simultaneamente. Il ciclo di clock è determinato dal ciclo PROFIBUS DP/PROFINET IO
equidistante.
Sistema di automazione
Un sistema di automazione in SIMATIC S7 è un controllore a memoria programmabile.
Vedere anche Controllore programmabile
Sistema IO
→ Sistema PROFINET IO
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
302
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Glossario
Sistema operativo
Il sistema operativo della CPU organizza tutte le funzioni e i cicli della CPU non collegati
con un compito speciale di controllo.
Sistema operativo
→ CPU
Sistema PROFINET IO
→ PROFINET IO Controller
Sistema PROFINET IO
→ PROFINET IO Device
Sistema PROFINET IO
PROFINET IO Controller con relativi PROFINET IO Device.
Sistemi di periferia decentrati
Si tratta di unità ingresso/uscita che non vengono utilizzate nell'apparecchiatura centrale ma
vengono configurate a livello decentrato (a una certa distanza rispetto alla CPU); si tratta ad
es. di:
● ET 200M, ET 200L, ET 200S, ET 200pro
● DP/AS-I LINK
● S5-95U con interfaccia slave PROFIBUS DP
● Ulteriori slave DP Siemens o di altri costruttori
I sistemi di periferia decentrati sono collegati al master DP tramite PROFIBUS DP.
Slave
→ Master
Slave
Uno slave può scambiare dati con un master solo in seguito alla richiesta da parte di
quest’ultimo.
Slave DP
→ Slave
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
303
Glossario
Slave DP
Uno slave utilizzato nel PROFIBUS con il protocollo PROFIBUS DP e conforme alla norma
IEC 61784-1:2002 Ed1 CP 3/1 viene definito slave DP.
SNMP
Il protocollo di gestione di rete SNMP (Simple Network Management Protocol) si avvale del
protocollo di trasmissione senza connessione UDP. Esso è costituito da due componenti di
rete analogamente al modello Client/Server. L'SNMP Manager controlla i nodi della rete e gli
agenti SNMP raccolgono nei singoli nodi le diverse informazioni specifiche della rete
salvandole in forma strutturata nel MIB (Management Information Base). Grazie a queste
informazioni un sistema di gestione della rete può eseguire una diagnostica di rete completa.
Sostituzione di IO Device durante il funzionamento (porte partner alterne)
Funzionalità di un dispositivo PROFINET
Un dispositivo PROFINET che supporta questa funzione è in grado di comunicare con
partner di comunicazione alterni nella stessa porta durante il funzionamento.
Sostituzione dispositivi senza supporto di memoria estraibile/PG
Gli IO Device che supportano questa funzione sono facilmente sostituibili:
● Non è necessario un supporto di memoria estraibile
(ad es. SIMATIC Micro Memory Card) con il nome del dispositivo memorizzato.
● Il nome del dispositivo non deve essere assegnato con il PG.
● Se è necessaria una sostituzione, l'IO Device già in funzione deve essere riportato allo
stato di fornitura con la funzione "Resetta alle impostazioni di fabbrica".
L'IO Device sostituito riceve il nome di dispositivo dall'IO Controller e non più dal supporto di
memoria estraibile o dal PG. L'IO Controller utilizza la topologia progettata e le correlazioni
con i nodi vicini rilevate dagli IO Device. La topologia progettata deve coincidere con quella
reale.
Sottorete
Tutti i dispositivi collegati tramite switch si trovano in un'unica rete, ovvero in una sottorete.
Tutti i dispositivi di una stessa sottorete possono comunicare direttamente l'uno con l'altro.
La maschera di sottorete è identica per tutti i dispositivi della stessa sottorete.
Una sottorete è fisicamente delimitata da un router.
Stato di funzionamento
Nei sistemi di automazione SIMATIC S7 sono previsti i seguenti stati di funzionamento:
STOP, AVVIAMENTO, RUN.
Vedere anche AVVIAMENTO, RUN
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
304
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Glossario
Stazione PC
→ Stazione PC SIMATIC
Stazione PC SIMATIC
Una "Stazione PC" è un PC con unità di comunicazione e componenti software all'interno
di una soluzione di automazione SIMATIC.
STEP 7
Sistema di engineering. Comprende i linguaggi di programmazione per la creazione dei
programmi utente per i controllori SIMATIC S7.
Subscriber
→ Comunicazione diretta
Subscriber
Il Subscriber è un ricevente nella comunicazione diretta.
Switch
PROFIBUS è una rete a struttura lineare. I nodi della comunicazione sono collegati tramite
una linea passiva (il bus).
Al contrario, la rete Industrial Ethernet è costitutita da collegamenti punto a punto:
ogni nodo della comunicazione è collegato direttamente a un altro determinato partner della
comunicazione.
Per collegare un nodo della comunicazione a diversi nodi, occorre connettere questo nodo
alla porta di un componente attivo (lo switch). Alle restanti porte dello switch ora è possibile
collegare ulteriori nodi della comunicazione (anche switch). La connessione tra un nodo
della comunicazione e lo switch resta comunque un collegamento punto a punto.
Uno switch ha quindi il compito di rigenerare e inoltrare i segnali ricevuti. Lo switch
"apprende" l'indirizzo o gli indirizzi Ethernet di un dispositivo PROFINET collegato o di un
altro switch e inoltra soltanto i segnali destinati al dispositivo PROFINET o allo switch.
Uno switch è dotato di un determinato numero di connessioni (porte). A ogni porta va
collegato max. un dispositivo PROFINET o un ulteriore switch.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
305
Glossario
SYNC
È un comando di controllo impartito dal master DP a un gruppo di slave DP.
Tramite il comando di controllo SYNC il master DP induce lo slave DP a congelare gli stati
delle uscite al valore attuale. Nei telegrammi successivi lo slave DP memorizza i dati di
uscita ma gli stati delle uscite restano invariati.
Dopo ogni comando di controllo SYNC lo slave DP imposta le uscite che ha memorizzato
come dati di uscita. Le uscite vengono di nuovo aggiornate ciclicamente solo nel momento in
cui il master DP invia il comando di controllo UNSYNC.
Tempo di aggiornamento
In questo intervallo un IO Device/IO Controller nel sistema PROFINET IO riceve nuovi dati
dall'IO Controller/IO Device. Il tempo di aggiornamento può essere progettato
separatamente per ciascun IO Device e determina l'intervallo in cui i dati vengono inviati
dall'IO Controller all'IO Device (uscite) e dall'IO Device all'IO Controller (ingressi).
Tempo di ciclo
Il tempo di ciclo è il tempo che la CPU impiega per elaborare una volta il programma utente.
Vedere anche Programma utente
Vedere anche CPU
Tempo reale
→ Real time
Temporizzatori
I temporizzatori sono parte integrante della memoria di sistema della CPU. Il contenuto delle
"celle del temporizzatore" viene aggiornato automaticamente dal sistema operativo in modo
asincrono al programma utente. Con le istruzioni di STEP 7 si stabilisce l'esatta funzione
della cella del temporizzatore (ad es. ritardo all'inserzione) e si avvia l'elaborazione (ad es.
avvio).
Vedere anche Memoria di sistema
Terra
Campo di terra conduttore il cui potenziale elettrico in ogni punto può essere equiparato a
zero.
Nei campi di messa a terra, il campo di terra può avere un potenziale diverso da zero. In
questo caso si parla di "terra di riferimento".
Terra di riferimento
→ Terra
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
306
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Glossario
Timer
→ Temporizzatori
Token
Autorizzazione di accesso a PROFIBUS DP con limitazione temporale.
Topologia
Struttura di una rete. Le strutture più diffuse sono:
● Topologia lineare
● Topologia ad anello
● Topologia a stella
● Topologia ad albero
Traffico dati trasversale
→ Comunicazione diretta
Traffico trasversale
→ Comunicazione diretta
Trattamento degli errori tramite OB
Se il sistema operativo riconosce un determinato errore (ad es. un errore di accesso in
STEP 7) richiama il blocco organizzativo previsto per questo caso (OB di errore) nel quale
si può stabilire l'ulteriore comportamento della CPU.
Twisted Pair
Fast Ethernet con cavi Twisted Pair si basa sullo standard IEEE 802.3u (100 Base-TX).
Il supporto di trasmissione è un cavo a 2x2 conduttori schermato e intrecciato, con
un'impedenza caratteristica di 100 ohm (AWG 22). Le proprietà di trasmissione di questo
cavo devono essere conformi alla categoria 5.
La lunghezza max. del collegamento tra terminale e componente di rete non deve essere
superiore a 100 m. Le connessioni rispondono allo standard 100 Base-TX con il sistema di
connettori RJ45.
Unità di sostituzione
→ Proxy
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
307
Glossario
Valore sostitutivo
I valori sostitutivi sono valori parametrizzabili che le unità di uscita emettono nel processo
quando la CPU è in STOP.
In caso di errori di accesso alla periferia i valori sostitutivi possono essere scritti
nell'accumulatore nelle unità di ingresso al posto del valore di ingresso non leggibile
(SFC 44).
Velocità di trasmissione
Velocità di trasmissione dei dati (bit/s)
Versione di prodotto
La versione del prodotto consente di distinguere prodotti che hanno lo stesso numero di
ordinazione. Il numero della versione del prodotto viene incrementato nel caso di
ampliamenti funzionali compatibili con versioni successive, in seguito a modifiche dovute alla
produzione (impiego di nuove parti/componenti) e nel caso dell'eliminazione di errori.
WAN
Rete che si estende oltre i limiti di una rete locale e che consente ad es. la comunicazione di
rete intercontinentale. Il controllo giuridico non è di responsabilità dell'utente ma del provider
che gestisce le reti di trasmissione.
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
308
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Indice analitico
A
Accensione
Presupposti, 157
Prima, 157
Accesso Web all'IM151-8 PN/DP CPU
Dal PG/PC, 53
Tramite dispositivi HMI, 53
Tramite PDA, 53
Accessori
IM151-8 PN/DP CPU, 254
Accoppiamento ad altra rete, 37
Allarme di ritardo, 271
Area di indirizzi
dei moduli di periferia, 140
Aree di memoria
Memoria di caricamento, 113
Memoria di lavoro, 114
Memoria di sistema, 114
Aree di trasferimento della periferia, 110
Aree di trasferimento dell'applicazione, 110
Assegnazione dei pin
Connettore di bus, 138
Connettore per l'alimentazione di tensione, 136
Connettore RJ45, 136
Assegnazione dei posti connettore
ET 200S, 140
Assegnazione di indirizzi
per moduli analogici e digitali, 140
Avviamento
IM151-8 PN/DP CPU come I Device, 186
IM151-8 PN/DP CPU come IO Controller, 185
IM151-8 PN/DP CPU come master DP, 175
Avviamento a caldo, 127
B
Backup
del firmware, 189
Del sistema operativo, 189
Blocchi, 102
Carica nel PG, 126
Caricamento, 122
Compatibilità, 102
Criptaggio, 124
Elimina, 126
Ricaricamento, 125
Sovrascrittura, 125
Blocchi organizzativi, 105
Buffer di diagnostica, 216, 235
Byte di stato, 207
C
Campo di validità
Istruzioni operative, 3
Cancellazione totale, 127, 158
Con selettore dei modi operativi, 159
Carica nel PG, 126
Caricamento
Di blocchi, 122
Carico di comunicazione
Carico di comunicazione, 263
Effetto sul tempo di ciclo reale, 264
Rapporto di dipendenza del tempo di ciclo reale dal
carico di comunicazione, 264
Coerenza, 143, 145
Coerenza dei dati, 40, 143, 145
Collegamenti S7
Distribuzione, 48
IM151-8 PN/DP CPU, 49
Punto di passaggio, 45
Punto finale, 45
Sequenza temporale di occupazione, 47
Collegamento
IM151-8 PN/DP CPU, 134
Modulo master DP, 138
PG, 165
Collegamento del connettore PROFINET, 136
Collegamento del connettore RJ45, 136
Collegamento della tensione di alimentazione, 136
Comando
Di variabili, 212
Component based Automation, 97, 98
Comprimi, 126
Comunicazione
Coerenza dei dati, 40
Comunicazione aperta IE, 41
Comunicazione OP, 36
Comunicazione PG, 35
Comunicazione S7, 36
Protocolli di comunicazione, 41
Routing per set di dati, 38
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
309
Indice analitico
Servizi del modulo di interfaccia
IM151-8 PN/DP CPU, 33
Comunicazione aperta, 80
Comunicazione diretta, 178
Comunicazione OP, 36
Comunicazione PG, 35
Comunicazione S7, 36
Concetto di comunicazione, 98
Concetto di diagnostica, 236
Controllo
Di variabili, 212
Controllo e comando di variabili
Apertura della tabella delle variabili, 170
Comando delle uscite nello stato STOP del modulo
di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU, 172
Comando di variabili, 169
Controllo di variabili, 169
Creazione della tabella delle variabili, 168
Creazione di un collegamento con il modulo di
interfaccia IM151-8 PN/DP CPU, 171
Impostazione di punti di trigger, 169
Memorizzazione della tabella delle variabili, 170
D
Dati del service
Esempio pratico, 209
Procedimento, 209
Dati di identificazione, 210
Dati di identificazione e manutenzione, 210
Dati di manutenzione, 210
Dati I&M, 210
Dati locali, 120
Dati tecnici
IM151-8 PN/DP CPU, 238
Modulo master DP, 252
Diagnostica
Come master DP, 232
Con funzioni di sistema, 217
Diagnostica mediante hardware, 218
Tramite LED, 221
Diagnostica di rete, 219
Disegno quotato
IM151-8 PN/DP CPU, 256
Modulo master DP, 257
Documentazione
aggiuntiva, 272
Durata della SIMATIC Micro Memory Card, 122
E
Elaborazione dell'interrupt di processo, 271
Elementi di visualizzazione
Modulo master DP, 26
Elimina, 126
Equidistanza, 176
Errore
Di asincronismo, 215
Di sincronizzazione, 215
Errore di asincronismo, 215
Errore di sincronizzazione, 215
ET 200S con IM151-8 PN/DP CPU
Prima accensione, 157
F
Fase di messa in servizio, 236
Firewall, 54
Firmware
Backup, 189
Forzamento, 213
FREEZE, 177
Funzioni di memoria
Avviamento a caldo, 127
Cancellazione di blocchi, 126
Cancellazione totale, 127
Caricamento di blocchi, 122
Caricamento di blocchi nel PG, 126
Comprimi, 126
Masterizza EPROM, 126
Nuovo avviamento, 127
Ricaricamento di blocchi, 125
Salva RAM in ROM, 126
Sovrascrittura di blocchi, 125
Funzioni standard e di sistema, 103, 104
G
Giunto freddo
parametrizzazione, 201
Guasto
ET 200S (PROFINET IO), 196, 198
Guida alla consultazione della documentazione
Istruzioni operative, 6
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
310
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Indice analitico
I
I Device
Aree di trasferimento della periferia, 110
Aree di trasferimento dell'applicazione, 110
Assegnazione dell'indirizzo IP, 145
IM151-8 PN/DP CPU
Accessori, 254
Cancellazione totale, 158
Collegamento, 134
Comportamento dopo la sostituzione, 197
Dati tecnici, 238
Disegno quotato, 256
Messa in servizio come master DP, 175
Montaggio, 133
Proprietà, 16
Immagine di processo degli ingressi e delle uscite, 118
Indirizzamento
Assegnazione degli indirizzi, 142
Libero, 142
tramite posto connettore, 139
Indirizzamento dei moduli della periferia centrale
tramite posto connettore, 139
Indirizzamento di default, 139
Indirizzamento libero dei moduli di periferia, 142
Indirizzi
Indirizzo iniziale, 142
Indirizzo di diagnostica, 233
Industrial Ethernet, 97
Interfacce
Interfaccia PROFIBUS DP, 32
Interfaccia PROFIBUS DP:
apparecchiature collegabili, 33
Interfaccia PROFIBUS DP:
Sincronizzazione dell'ora, 32
Interfaccia PROFINET, 27
Interfaccia PROFINET:
Disattivazione di una porta, 29
Interfaccia PROFINET:Dispositivi collegabili, 28
Interfaccia PROFINET:
Indirizzamento delle porte, 30
Interfaccia PROFINET:Intervallo di trasmissione, 30
Interfaccia PROFINET:
Progettazione delle proprietà delle porte, 29
Interfaccia PROFINET:Proprietà, 28
Interfaccia PROFINET:Sincronizzazione dell'ora, 27
Interfaccia PROFINET:Tempo di aggiornamento, 30
Interfaccia PROFIBUS DP, 32
Interfaccia PROFINET, 27
IO Device, rimedio, 230
Internet
Service & Support, 7
Intervallo di trasmissione dispari, 31
Interventi di Service, 236
IRT, 106
Istruzioni operative
Modifiche rispetto alla versione precedente, 4
Obiettivi, 3
L
LAN, 134
LED
LED, 19
LED di stato e di errore
PROFINET IO Device, 230
LED SF
Valutazione, 223
Lingue di visualizzazione
Del Web server, 55
M
Memoria
Comprimi, 126
Memoria a ritenzione, 114
Comportamento di ritenzione degli oggetti nella
memoria, 115
Memoria di caricamento, 114
Memoria di sistema, 114
Memoria di caricamento, 113
Memoria di lavoro, 114
Memoria di sistema, 114, 117
Dati locali, 120
Immagine di processo degli ingressi e delle
uscite, 118
Memoria di trasferimento
Accesso dal programma utente, 143, 145
Messa in servizio
Comportamento in caso di errori, 153
IM151-8 PN/DP CPU come master DP, 174
Lista di controllo, 153
Procedimento per hardware, 150
Procedimento per il software, 152
PROFIBUS DP, 173
PROFINET IO, 180
Requisiti hardware, 149
Requisiti software, 151
Modulo master DP
Collegamento, 138
Dati tecnici, 252
Disegno quotato, 257
Elementi di visualizzazione, 26
Montaggio, 137
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
311
Indice analitico
Proprietà, 19
Modulo power
Byte di stato, 207
Montaggio
IM151-8 PN/DP CPU, 133
Modulo master DP, 137
MRP, 112
N
Nozioni di base necessarie, 3
Numeri di ordinazione
Accessori, 254
Cavi, 255
Connettore, 255
IM151-8 PN/DP CPU, 253
Modulo master DP, 253
Nuovo avviamento, 127
O
OB 83, 105
OB 86, 105
OUC, 80
P
Parametrizzazione
Giunto freddo, 201
Passo singolo, 212
PELV, 134
PG
Collegamento, 165
PROFIBUS, 97
PROFIBUS DP
Comunicazione diretta, 178
Messa in servizio, 173
PROFIBUS International, 98
PROFINET, 97
Avvio prioritario, 107
Comunicazione realtime isocrona, 106
I Device, 110
Obiettivi, 97
Realizzazione, 97
Ridondanza del supporto, 112
Shared Device, 111
Sincronismo di clock, 109
Sostituzione dispositivi senza supporto di memoria
estraibile, 108
Switch, 134
PROFINET CBA, 97, 98
PROFINET IO, 97
Messa in servizio, 180
Programma utente
Carica nel PG, 126
Elimina, 126
Ricaricamento, 125
Sovrascrittura, 125
Proprietà
IM151-8 PN/DP CPU, 16
Modulo master DP, 19
Protezione
Del Web server, 54
R
Ricaricamento, 125
Riciclaggio, 6
Riconoscimento di eventi, 234
Ricoscimento di un cortocircuito trasversale, 207
Ridondanza del supporto, 134
Routing
Accesso a una CPU in un'altra sottorete, 37
Accoppiamento ad altra rete, 37
Presupposti, 38
Routing per set di dati, 38
S
S7-Block Privacy, 124
Salva RAM in ROM, 126
Schedulazione orologio, 271
Segnalazioni di errore, 25
Segnalazioni di stato, 25
Selettore dei modi operativi, 24
Cancellazione totale, 159
SELV, 134
Service & Support, 7
SFB 52, 103
SFB 53, 103
SFB 54, 103
SFB 81, 103
SFC 102, 103
SFC 12, 103
SFC 13, 103
SFC 14, 143, 145
SFC 15, 143, 145
SFC 49, 103
SFC 5, 103
SFC 58, 103
SFC 59, 103
SFC 70, 103
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
312
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Indice analitico
SFC 71, 103
SIMATIC Manager, 167
Avvio, 167
SIMATIC Micro Memory Card
Durata, 122
Proprietà, 121
Vano, 24
Simple Network Management Protocol, 40
Sistema operativo
Backup, 189
Update, 191
Smaltimento, 6
SNMP, 40, 219
Soluzione di automazione, 98
Sostituzione
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU, 197
Modulo master DP, 199
Sovrascrittura, 125
Stato di fornitura dell'IM151-8 PN/DP CPU
Configurazione dei LED durante il resettaggio, 164
Proprietà allo stato di fornitura, 163
Ripristino dello stato di fornitura, 163
Switch, 134
SYNC, 177
T
Tempo di ciclo
Calcolo, 261
Definizione, 258
Fasi di elaborazione ciclica del programma, 259
Immagine di processo, 258
Modello a fasi temporali, 258
Prolungamento, 260
Tempo di reazione
Calcolo, 268
Calcolo del tempo di reazione più lungo, 270
Condizioni, 268
Condizioni per il tempo di reazione, 269
Definizione, 266
Fattori, 266
Tempi di ciclo DP, 266, 267
Variabilità, 266
Tempo di reazione all'allarme
Definizione, 270
Elaborazione dell'interrupt di processo, 271
IM151-8 PN/DP CPU, 270
Tempo di reazione più breve
Calcolo, 268
Condizioni, 268
Tempo di reazione più lungo
Calcolo, 270
Condizioni, 269
terminazione del bus, 196
Terminazione del bus, 198
Topologia ad anello, 27
Training center, 6
Trattamento degli errori, 215
U
Update
Sistema operativo, 191
V
Variabili
Comando, 212
Controllo, 212
Forzamento, 213
Vista dell'applicazione, 98
W
WAN, 134
Web server, 52
Accesso solo tramite HTTPS, 59
Aggiornamento automatico, 59
Aggiornamento e stampa, 60
Aggiornamento schermata, 60
Attivazione, 57
Classi di segnalazione dei messaggi, 60
Elenco utenti, 58
Impostazione della lingua, 58
Lingue di visualizzazione, 55
Pagine utente, 93
Protezione, 54
Senza SIMATIC Micro Memory Card, 54
Stato dell'unità, 68
Topologia, 82
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
313
Indice analitico
Modulo di interfaccia IM151-8 PN/DP CPU
314
Istruzioni operative, 06/2010, A5E34445962-02
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement