1756-UM020I-IT-P, Controllori GuardLogix, Manuale dell`utente

1756-UM020I-IT-P, Controllori GuardLogix, Manuale dell`utente
Manuale dell’utente
Controllori GuardLogix
Numeri di catalogo1756-L61S, 1756-L62S, 1756-L63S, 1756-LSP, 1756-L71S, 1756-L72S, 1756-L73S, 1756-L7SP, 1756-L73SXT,
1756-L7SPXT
Informazioni importanti per l’utente
Le apparecchiature a semiconduttore hanno caratteristiche di funzionamento diverse da quelle delle apparecchiature
elettromeccaniche. Nella pubblicazione Safety Guidelines for the Application, Installation and Maintenance of Solid
State Controls SGI-1.1, disponibile presso l’ufficio vendite locale di Rockwell Automation oppure online all’indirizzo
http://www.rockwellautomation.com/literature/) sono descritte alcune differenze importanti tra le apparecchiature a
semiconduttore ed i dispositivi elettromeccanici cablati. A causa di questa differenza e della grande varietà di utilizzo delle
apparecchiature a semiconduttore, tutte le persone responsabili dell’applicazione di questa apparecchiatura devono
assicurarsi che ogni applicazione sia accettabile.
In nessun caso Rockwell Automation, Inc. sarà responsabile per danni indiretti derivanti dall’utilizzo o dall’applicazione di
questa apparecchiatura.
Gli esempi e gli schemi contenuti nel presente manuale sono inclusi solo a scopo illustrativo. Poiché le variabili ed i requisiti
associati alle installazioni specifiche sono innumerevoli, Rockwell Automation, Inc. non può essere ritenuta responsabile
per l’utilizzo effettivo basato sugli esempi e gli schemi qui riportati.
Rockwell Automation, Inc. declina qualsiasi responsabilità brevettuale in relazione all’utilizzo di informazioni, circuiti,
apparecchiatura o software descritti nel presente manuale.
La riproduzione totale o parziale del contenuto del presente manuale è vietata senza il consenso scritto di
Rockwell Automation, Inc.
Ove necessario, nel presente manuale sono utilizzate delle note per avvertire l’utente sulle considerazioni relative alla
sicurezza.
AVVISO: Identifica informazioni sulle pratiche o le circostanze che possono causare un’esplosione in un ambiente pericoloso,
generando infortuni al personale o decesso, danni alle proprietà o perdite economiche.
ATTENZIONE: Identifica informazioni sulle pratiche o le circostanze che possono causare lesioni al personale o decesso, danni
alle proprietà o perdite economiche. I simboli Attenzione consentono di identificare o evitare un pericolo e di riconoscerne le
conseguenze.
PERICOLO DI FOLGORAZIONE: È possibile che sopra o all’interno dell’apparecchiatura, ad esempio un azionamento o un
motore, siano presenti etichette che avvertono gli utenti della presenza di tensioni pericolose.
PERICOLO DI USTIONI: È possibile che sopra o all’interno dell’apparecchiatura, ad esempio un azionamento o un motore,
siano presenti etichette che avvertono gli utenti che le superfici potrebbero raggiungere temperature pericolose.
IMPORTANTE
Identifica informazioni importanti per la buona applicazione e comprensione del prodotto.
Rockwell Automation, Allen-Bradley, TechConnect, Architettura Integrata, ControlLogix, ControlLogix-XT, GuardLogix, Logix-XT, Guard I/O, CompactBlock Guard I/O, POINT Guard I/O, PowerFlex, PanelView,
PLC-5, DriveLogix, FlexLogix, PhaseManager, ControlFLASH, Logix5000, RSLogix 5000, FactoryTalk, RSNetWorx for EtherNet/IP, RSNetWorx for DeviceNet, RSNetWorx for ControlNet e RSLinx sono marchi
commerciali di Rockwell Automation, Inc.
I marchi commerciali che non appartengono a Rockwell Automation sono di proprietà delle rispettive società.
Sommario delle modifiche
Le informazioni riportate di seguito sono un riepilogo delle modifiche apportate
al manuale dall’ultima pubblicazione.
Argomento
Informazioni sui controllori 1756-L71S
Istruzioni per l’installazione del modulo ESM (Modulo di accumulo energia)
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Pagine
11, 18, 21, 27, 47
46
3
Sommario delle modifiche
Note:
4
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Sommario
Prefazione
Informazioni sui controllori GuardLogix 1756 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
Terminologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
Ulteriori riferimenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
Capitolo 1
Cenni generali sul sistema
Requisiti delle applicazioni di sicurezza. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Numero di rete di sicurezza. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Firma del task di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Distinzione tra componenti standard e di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . .
Dispositivi di interfaccia operatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Capacità del flusso di dati del controllore. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Scelta dell’hardware del sistema. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Controllore primario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Coprocessore di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Chassis . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Alimentatore. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Scelta dei moduli I/O di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Scelta delle reti di comunicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Requisiti di programmazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
15
15
16
16
16
17
18
18
19
19
19
20
20
21
Capitolo 2
Installazione del controllore
Precauzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Informazioni su ambiente e custodia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Sistemi elettronici programmabili (PES). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Rimozione ed inserimento sotto tensione (RIUP) . . . . . . . . . . . . . . .
Approvazione nordamericana per l’uso in aree pericolose . . . . . . . .
Approvazione europea per l’uso in aree pericolose . . . . . . . . . . . . . . .
Prevenzione delle scariche elettrostatiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Verificare di avere tutti i componenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Controllori 1756-L6xS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Controllori 1756-L7xS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Installazione di un alimentatore e di uno chassis . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Collegamento della batteria (solo controllori 1756-L6xS). . . . . . . . . . . .
Installazione del controllore nello chassis . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Inserimento o rimozione di una scheda di memoria . . . . . . . . . . . . . . . . .
Scheda Secure Digital (controllori 1756-L7xS). . . . . . . . . . . . . . . . . .
Scheda CompactFlash (controllori 1756-L6xS) . . . . . . . . . . . . . . . . .
Connessioni di comunicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Collegamento alla porta USB del controllore 1756-L7xS. . . . . . . . .
Collegamento alla porta seriale del controllore 1756-L6xS . . . . . . .
Aggiornamento del controllore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Utilizzo del software ControlFLASH per l’aggiornamento del
firmware. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Utilizzo di AutoFlash per l’aggiornamento del firmware . . . . . . . . .
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
23
23
24
24
25
26
26
27
27
27
28
28
29
30
31
33
35
35
37
40
40
41
5
Sommario
Scelta della modalità operativa del controllore. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Utilizzo del selettore a chiave per cambiare la modalità
operativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Utilizzo del software RSLogix 5000 per cambiare modalità
operativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Disinstallazione del modulo di alimentazione (ESM) . . . . . . . . . . . . . . . .
Installazione di un modulo di alimentazione (ESM) . . . . . . . . . . . . . . . . .
42
42
43
44
46
Capitolo 3
Configurazione del controllore
Creazione di un progetto del controllore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Impostazione delle password per il blocco/sblocco di sicurezza . . . . . . .
Protezione della firma del task di sicurezza in modalità Esecuzione. . . .
Gestione della sostituzione dei moduli I/O . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Abilitazione della sincronizzazione temporale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Configurazione di un controllore di sicurezza peer . . . . . . . . . . . . . . . . . .
47
49
50
51
51
52
Capitolo 4
Comunicazione sulle reti
Rete di sicurezza. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Gestione del numero di rete di sicurezza (SNN) . . . . . . . . . . . . . . . . .
Assegnazione del Numero di rete di sicurezza (SNN) . . . . . . . . . . . .
Modifica del numero di rete di sicurezza (SNN) . . . . . . . . . . . . . . . . .
Comunicazione EtherNet/IP. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Produzione e consumo dei dati attraverso una rete
EtherNet/IP . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Connessioni sulla rete EtherNet/IP . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Esempio di comunicazione EtherNet/IP. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Connessioni EtherNet/IP per moduli I/O CIP Safety . . . . . . . . . . .
Connessioni EtherNet/IP standard . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Comunicazione ControlNet . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Produzione e consumo dei dati attraverso una rete ControlNet . . .
Connessioni sulla rete ControlNet . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Esempio di comunicazione ControlNet . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Connessioni ControlNet per moduli I/O distribuiti . . . . . . . . . . . . .
Comunicazione DeviceNet. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Connessioni DeviceNet per moduli I/O CIP Safety . . . . . . . . . . . . .
Connessioni DeviceNet standard . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Comunicazione seriale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Ulteriori riferimenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
53
53
55
55
59
60
60
61
62
62
63
63
63
64
65
65
66
67
67
68
Capitolo 5
Aggiunta, configurazione,
monitoraggio e sostituzione di I/O
CIP Safety
6
Aggiunta di moduli I/O CIP Safety . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Configurazione di moduli I/O CIP Safety mediante il software
RSLogix 5000 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Impostazione del Numero di rete di sicurezza (SNN) . . . . . . . . . . . . . . . .
Utilizzo delle connessioni unicast su reti EtherNet/IP . . . . . . . . . . . . . . .
Impostazione del limite del tempo di risposta della connessione . . . . . .
Configurazione dell’intervallo di pacchetto richiesto (RPI) . . . . . . .
Visualizzazione del ritardo rete massimo osservato . . . . . . . . . . . . . . .
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
69
70
71
71
71
72
73
Sommario
Impostazione dei parametri avanzati relativi ai limiti del
tempo di risposta della connessione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Comprensione dell’autenticazione di configurazione . . . . . . . . . . . . . . . .
Configurazione tramite il software RSLogix 5000 . . . . . . . . . . . . . . .
Proprietario della configurazione diverso
(connessione di solo ascolto) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Ripristino della proprietà dei moduli I/O di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . .
Indirizzamento dei dati I/O di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Monitoraggio dello stato dei moduli I/O di sicurezza. . . . . . . . . . . . . . . .
Reset di un modulo alle condizioni predefinite in fabbrica . . . . . . . . . . .
Sostituzione di un modulo tramite il software RSLogix 5000. . . . . . . . .
Sostituzione con l’opzione “Configure Only When No Safety
Signature Exists” abilitata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Sostituzione con opzione “Configure Always” abilitata . . . . . . . . . .
Sostituzione di un modulo POINT Guard I/O mediante il software
RSNetWorx for DeviceNet . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
73
75
75
76
76
76
77
79
79
80
84
86
Capitolo 6
Sviluppo di applicazioni di sicurezza
Task di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 90
Definizione del periodo del task di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 90
Esecuzione del task di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 91
Programmi di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 92
Routine di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 92
Tag di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 92
Tag type . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93
Data Type . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 94
Scope. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 95
Class . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 96
Constant Value . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 96
External Access. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 96
Tag di sicurezza prodotti/consumati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 97
Configurazione dei numeri di rete di sicurezza dei controllori
di sicurezza peer . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 97
Produzione di un tag di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 99
Consumo di dati di tag di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 100
Mappatura dei tag di sicurezza. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 102
Restrizioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 103
Creazione di coppie di mappatura di tag . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 103
Controllo dello stato della mappatura dei tag . . . . . . . . . . . . . . . . . . 104
Protezione dell’applicazione di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 105
Blocco di sicurezza del controllore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 105
Generazione di una firma del task di sicurezza. . . . . . . . . . . . . . . . . . 106
Restrizioni software . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 108
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
7
Sommario
Capitolo 7
Collegamento online con il
controllore
Connessione del controllore alla rete . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Connessione del dispositivo EtherNet/IP e del computer . . . . . . .
Connessione del modulo di comunicazione ControlNet
o dello scanner DeviceNet e del computer. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Configurazione di un driver EtherNet/IP, ControlNet
o DeviceNet. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Analisi dei fattori che influiscono sul collegamento online. . . . . . . . . . .
Corrispondenza tra progetto e controllore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Corrispondenza della versione del firmware . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Stato di sicurezza/errori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Firma del task di sicurezza e stato di blocco/sblocco
di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Download . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Upload . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Collegamento online . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
109
110
110
110
111
111
111
111
112
113
115
116
Capitolo 8
Utilizzo delle schede di memoria per la memoria non volatile. . . . . . . . 119
Memorizzazione e caricamento di
progetti con la memoria non volatile Memorizzazione di un progetto di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 120
Caricamento di un progetto di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Utilizzo dei moduli ESM (solo controllori 1756-L7xS) . . . . . . . . . . . . .
Salvataggio del programma sulla memoria NVS integrata . . . . . . . .
Cancellazione del programma dalla memoria NVS integrata . . . . .
Valutazione del mantenimento dell’orologio interno
(WallClockTime) da parte del modulo ESM. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Gestione del firmware con Firmware Supervisor. . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
121
122
123
123
124
124
Capitolo 9
Monitoraggio dello stato e gestione
degli errori
8
Visualizzazione dello stato attraverso la barra di stato . . . . . . . . . . . . . . .
Monitoraggio delle connessioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Tutte le connessioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Connessioni di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Monitoraggio degli indicatori di stato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Monitoraggio dello stato di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Errori del controllore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Errori irreversibili del controllore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Errori di sicurezza irreversibili nell’applicazione di sicurezza . . . . .
Errori reversibili nell’applicazione di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Visualizzazione degli errori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Codici di errore. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Sviluppo di una routine di errore. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Routine di errore del programma. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Gestore degli errori del controllore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Utilizzo delle istruzioni GSV/SSV . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
125
126
126
127
127
128
128
129
129
129
130
130
131
131
131
132
Sommario
Appendice A
Indicatori di stato
Indicatori di stato del controllore 1756-L6xS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Indicatori di stato del controllore 1756-L7xS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Display di stato del controllore 1756-L7xS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Messaggi di stato di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Messaggi di stato generali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Messaggi di errore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Messaggi relativi agli errori gravi reversibili. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Codici di errore I/O . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
135
136
137
137
138
139
139
140
Appendice B
Manutenzione della batteria
Stima della durata della batteria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Prima che si accenda la spia BAT. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Dopo l’accensione della spia BAT . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Quando sostituire la batteria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Sostituire la batteria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Immagazzinaggio delle batterie di ricambio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Ulteriori riferimenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
143
143
144
145
145
147
147
Appendice C
Modifica del tipo di controllore nei
progetti RSLogix 5000
Cambio da controllore standard a controllore di sicurezza . . . . . . . . . .
Cambio da controllore di sicurezza a controllore standard . . . . . . . . . .
Passaggio da un controllore GuardLogix 1756 ad un controllore
Compact GuardLogix 1768 o viceversa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Passaggio da un controllore 1756-L7xS ad un controllore
1756-L6xS o 1768-L4xS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Ulteriori riferimenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
149
150
151
151
151
Appendice D
Storico delle modifiche
1756-UM020H-EN-P,
Aprile 2012. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1756-UM020G-EN-P,
Febbraio 2012 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1756-UM020F-EN-P, Agosto 2010 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1756-UM020E-EN-P, Gennaio 2010 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1756-UM020D-EN-P, Luglio 2008 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1756-UM020C-EN-P, Dicembre 2006 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1756-UM020B-EN-P,
Ottobre 2005 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1756-UM020A-EN-P,
Gennaio 2005 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
153
153
154
154
154
155
155
155
Indice analitico
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
9
Sommario
10
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Prefazione
Argomento
Pagina
Informazioni sui controllori GuardLogix 1756
11
Terminologia
12
Ulteriori riferimenti
13
Il presente manuale è una guida all’uso dei controllori GuardLogix™. Vi vengono
descritte le procedure specifiche per GuardLogix utilizzate per la configurazione,
l’uso e la ricerca guasti sul controllore.
Utilizzare questo manuale se si è responsabili della progettazione, l’installazione,
la programmazione o la ricerca dei guasti relativi ai sistemi di controllo che
impiegano i controllori GuardLogix.
È necessario avere una conoscenza di base dei circuiti elettrici ed esperienza con la
logica a relè. È inoltre necessario avere la formazione e l’esperienza necessarie per
la creazione, l’utilizzo e la manutenzione dei sistemi di sicurezza.
Per informazioni dettagliate su argomenti correlati, come la programmazione del
controllore GuardLogix ed i requisiti SIL 3/PLe, o informazioni sui componenti
Logix standard, consultare l’elenco Ulteriori riferimenti a pagina 13.
Informazioni sui controllori
GuardLogix 1756
Sono disponibili due linee di controllori GuardLogix™ 1756. Questi controllori
condividono molte funzioni ma hanno anche qualche differenza. La Tabella 1
spiega brevemente tali differenze.
Tabella 1 – Differenze tra i controllori 1756-L7xS e 1756-L6xS
Funzione
1756-L7xS
(1756-L71S, 1756-L72S, 1756-L73S,
1756-L7SP 1756-L73SXT, 1756-L7SPXT)
1756-L6xS
(1756-L61S, 1756-L62S,
1756-L63S, 1756-LSP)
Supporto dell’orologio e backup per il
mantenimento della memoria allo
spegnimento
Modulo di alimentazione (ESM)
Batteria
Porte di comunicazione (integrate)
USB
Seriale
Connessioni, controllore
500
250
Memoria, non volatile
Scheda Secure Digital (SD)
Scheda CompactFlash
indicatori di stato
Display a scorrimento ed indicatori di
stato a LED
Indicatori di stato a LED
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
11
Prefazione
I controllori GuardLogix per ambienti estremi, numeri di catalogo
1756-L73SXT e 1756-L7SPXT, presentano le stesse funzionalità del controllore
1756-L73S, ma sono progettati per resistere a temperature comprese tra -25 e
70 °C.
IMPORTANTE
I componenti del sistema Logix-XT sono classificati per condizioni ambientali
estreme solo se utilizzati correttamente con altri componenti del sistema
Logix-XT. L’utilizzo di componenti Logix-XT con componenti del sistema Logix
tradizionale annulla la classificazione per ambienti estremi.
Nella seguente tabella sono riportate le definizioni dei termini utilizzati nel
presente manuale.
Terminologia
Tabella 2 – Termini e definizioni
Abbreviazione
Termine completo
Definizione
1oo2
Uno di due
Si riferisce alla progettazione comportamentale di un sistema di sicurezza a più processori.
CIP
Common Industrial Protocol
Protocollo di comunicazione progettato per le applicazioni di automazione industriale.
CIP Safety
Common Industrial Protocol – Safety Certified
Versione in classe SIL 3/PLe del CIP.
DC
Copertura diagnostica
Il rapporto tra tasso di guasto rilevato e tasso di guasto totale.
EN
Norme europee.
Norme ufficiali europee.
ESM
Modulo di alimentazione
Utilizzato per supporto dell’orologio e backup per il mantenimento della memoria allo spegnimento dei
controllori 1756-L7xS e 1756-L73SXT.
GSV
Get System Value
Istruzione che recupera le informazioni specificate relative allo stato del controllore e le posiziona in un
tag di destinazione.
–
Multicast
Trasmissione delle informazioni da un trasmettitore a più ricevitori.
PFD
Probabilità di guasto su domanda
La probabilità media di un sistema di non adempiere alla sua funzione di progetto su domanda.
PFH
Probabilità di guasto all’ora
La probabilità per un sistema di subire un guasto pericoloso all’ora.
PL
Livelli prestazionali
Classe di sicurezza ISO 13849-1.
RPI
Intervallo di pacchetto richiesto
Durante la comunicazione su una rete, l’intervallo previsto di produzione dati.
SNN
Numero di rete di sicurezza
Un numero univoco che identifica una sezione della rete di sicurezza.
SSV
Set System Value
Istruzione che imposta i dati del sistema di controllo.
–
Standard
Un oggetto, task, tag, programma o componente del progetto non relativo alla sicurezza.
–
Unicast
Trasmissione delle informazioni da un trasmettitore ad un ricevitore.
12
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Prefazione
Questi documenti contengono informazioni aggiuntive sui prodotti Rockwell
Automation.
Ulteriori riferimenti
Tabella 3 – Pubblicazioni correlate ai sistemi ed ai controllori GuardLogix
Per ulteriori informazioni su
Consultare
Descrizione
Requisiti delle applicazioni (sicurezza)
Manuale di riferimento per la sicurezza Sistemi del controllore
GuardLogix, pubblicazione 1756-RM093F-IT-P
Contiene requisiti dettagliati per ottenere e mantenere il livello SIL 3/PLe
con il sistema del controllore GuardLogix.
Batterie
Direttive per il trattamento delle batterie al litio, pubblicazione
AG-5.4
Contiene informazioni sulla conservazione, il trattamento, il trasporto e
lo smaltimento delle batterie al litio.
Sito di riferimento sulle batterie dei controllori programmabili,
http://www.ab.com/programmablecontrol/batteries.html
Fornisce le schede di sicurezza (Material Safety Data Sheets – MSDS)
delle singole batterie di ricambio.
CIP Sync
(sincronizzazione temporale)
Integrated Architecture and CIP Sync Configuration Application
Technique, pubblicazione IA-AT003
Fornisce informazioni dettagliate e complete sulle modalità di
applicazione della tecnologia CIP Sync per sincronizzare gli orologi in un
sistema di controllo Logix.
Progettazione e selezione
Manuale di riferimento – Logix5000 Controllers Design
Considerations, pubblicazione 1756-RM094
Comprende linee guida per l’ottimizzazione dei sistemi ed informazioni
di sistema per le scelte relative alla progettazione dei sistemi, pensate
per utenti esperti.
Controllori ControlLogix Guida alla selezione, pubblicazione
1756-SG001K-IT-P
Comprende descrizioni di livello avanzato relative al processo di
selezione dei componenti del sistema ControlLogix®, informazioni sulle
specifiche principali necessarie per le decisioni iniziali e riferimenti a
informazioni specifiche complete.
Manuale dell’utente Guard I/O DeviceNet Safety Modules,
pubblicazione 1791DS-UM001
Fornisce informazioni sull’utilizzo dei moduli DeviceNet Safety Guard I/O.
Manuale dell’utente Moduli di sicurezza Guard I/O EtherNet/IP,
pubblicazione 1791ES-UM001C-IT-P
Fornisce informazioni sull’uso dei moduli Safety EtherNet/IP Guard I/O.
Manuale dell’utente Moduli di sicurezza POINT Guard I/O,
pubblicazione 1734-UM013B-IT-P
Fornisce informazioni sulle procedure di installazione, configurazione ed
uso dei moduli POINT Guard I/O™.
Istruzioni per l’installazione ControlLogix Chassis and Power
Supplies, pubblicazione 1756-IN005
Illustra le procedure di installazione e messa a terra degli alimentatori e
dello chassis ControlLogix.
Criteri per il cablaggio e la messa a terra in automazione
industriale, pubblicazione 1770-4.1
Fornisce informazioni dettagliate sulla messa a terra ed i collegamenti
dei controllori programmabili
Manuale di riferimento Set di istruzioni per l’applicazione di
sicurezza GuardLogix, pubblicazione 1756-RM095B-IT-P
Fornisce informazioni sul set di istruzioni dell’applicazione di sicurezza
GuardLogix.
Manuale di riferimento Istruzioni generali per controllori
Logix5000, pubblicazione 1756-RM097A-IT-P
Fornisce ai programmatori informazioni dettagliate su tutte le istruzioni
disponibili per un controllore Logix5000.
Manuale di riferimento Logix5000 Controllers Motion
Instructions, pubblicazione MOTION-RM002
Fornisce ai programmatori tutti i dettagli sulle istruzioni di controllo assi
disponibili per un controllore Logix5000.
Manuale dell’utente SERCOS Motion Configuration and
Startup, pubblicazione MOTION-UM001
Spiega come configurare un sistema applicativo di controllo assi SERCOS.
Manuale dell’utente Motion Coordinated Systems,
pubblicazione MOTION-UM002
Spiega come creare e configurare un sistema applicativo di controllo assi
coordinato.
Manuale dell’utente CIP Motion Configuration and Startup,
pubblicazione MOTION-UM003
Spiega come configurare un sistema applicativo Integrated Motion su
EtherNet/IP.
Manuale di riferimento CIP Motion, pubblicazione
MOTION-RM003
Informazioni dettagliate sulle modalità di controllo assi e sugli attributi
per Integrated Motion su EtherNet/IP.
Manuale dell’utente EtherNet/IP Modules in Logix5000 Control
Systems, pubblicazione ENET-UM001
Spiega come configurare ed utilizzare i moduli EtherNet/IP in un sistema
di controllo Logix5000™.
Manuale dell’utente ControlNet Modules in Logix5000 Control
Systems, pubblicazione CNET-UM001
Spiega come configurare ed utilizzare i moduli ControlNet in un sistema
di controllo Logix5000.
Manuale dell’utente DeviceNet Modules in Logix5000 Control
Systems, pubblicazione DNET-UM004
Spiega come configurare ed utilizzare i moduli DeviceNet in un sistema
di controllo Logix5000.
Manuale dell’utente PhaseManager, pubblicazione
LOGIX-UM001
Fornisce procedure, guida ed esempi per la configurazione e la
programmazione di un controllore Logix5000 per l’uso delle fasi di
apparecchiatura.
Guard I/O
Installazione hardware
Istruzioni (programmazione)
Controllo assi
Reti (ControlNet, DeviceNet
EtherNet/IP)
PhaseManager™
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
13
Prefazione
Tabella 3 – Pubblicazioni correlate ai sistemi ed ai controllori GuardLogix
Per ulteriori informazioni su
Consultare
Descrizione
Procedure e task di programmazione
Manuale di programmazione Logix5000 Controllers Common
Procedures, pubblicazione 1756-PM001
Consente di accedere ai contenuti dei manuali di programmazione della
serie di controllori Logix5000, contenenti informazioni sulla gestione dei
file di progetto, l’organizzazione dei tag, la programmazione in logica
ladder, l’esecuzione di test relativi alle routine, la creazione di istruzioni
add-on, i dati relativi allo stato del controllore, la gestione degli errori,
l’importazione e l’esportazione dei componenti dei progetti e molto altro
ancora.
Manuale di riferimento Logix5000 Controllers Execution Time
and Memory Use, pubblicazione 1756-RM087
Suggerisce come stimare l’uso della memoria ed il tempo d’esecuzione
della logica programmata e come scegliere tra le varie opzioni di
programmazione.
Manuale dell’utente ControlLogix Redundancy System,
pubblicazione 1756-UM523
Fornisce istruzioni per la progettazione, lo sviluppo e l’implementazione
di un sistema in ridondanza ControlLogix standard.
Manuale dell’utente ControlLogix Enhanced Redundancy
System, pubblicazione 1756-UM535
Fornisce istruzioni per la progettazione, lo sviluppo e l’implementazione
di un sistema in ridondanza ControlLogix di livello avanzato.
Ridondanza
Per consultare o scaricare le pubblicazioni, visitare il sito
http://www.rockwellautomation.com/literature. Per ordinare copie cartacee
della documentazione tecnica, rivolgersi al distributore Allen-Bradley® o
all’agente Rockwell Automation di zona.
14
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Capitolo
1
Cenni generali sul sistema
Argomento
Requisiti delle applicazioni
di sicurezza
Pagina
Requisiti delle applicazioni di sicurezza
15
Distinzione tra componenti standard e di sicurezza
16
Capacità del flusso di dati del controllore
17
Scelta dell’hardware del sistema
18
Scelta dei moduli I/O di sicurezza
20
Scelta delle reti di comunicazione
20
Requisiti di programmazione
21
Il sistema del controllore GuardLogix è certificato per l’uso in applicazioni di
sicurezza fino al livello di integrità di sicurezza (SIL) 3 e Livello prestazionale (e),
nei quali lo stato di diseccitazione rappresenta lo stato di sicurezza. I requisiti
delle applicazioni di sicurezza comprendono la valutazione delle probabilità di
guasto (PFD e PFH), le impostazioni del tempo di risposta del sistema ed i test di
verifica funzionale che soddisfano i criteri del livello SIL 3/PLe.
Per informazioni sui requisiti dei sistemi di sicurezza SIL 3 e PLe, comprese le
frequenze dei test di validazione funzionale, il tempo di risposta del sistema ed i
calcoli della probabilità di guasto PFD/PFH, consultare la pubblicazione
Manuale di riferimento per la sicurezza – Sistemi di controllori GuardLogix
1756-RM093. Prima di iniziare ad utilizzare un sistema di sicurezza SIL 3, PLe
GuardLogix è necessario leggere, comprendere ed osservare questi requisiti.
Le applicazioni di sicurezza SIL 3/PLe basate su GuardLogix richiedono l’uso di
almeno un Numero di Rete di Sicurezza (SNN, Safety Network Number) e di
una firma del task di sicurezza. Entrambi influiscono sulla configurazione di
controllore e I/O e sulla comunicazione di rete.
Per ulteriori informazioni, consultare la pubblicazione Manuale di riferimento
per la sicurezza – Sistemi di controllori GuardLogix, 1756-RM093.
Numero di rete di sicurezza
Il Numero di Rete di Sicurezza (SNN, Safety Network Number) deve essere un
numero univoco che identifica le sottoreti di sicurezza. Ogni sottorete di
sicurezza utilizzata dal controllore per le comunicazioni di sicurezza deve avere un
numero SNN univoco. Ogni dispositivo CIP Safety deve essere configurato
anche con il numero SNN della sottorete di sicurezza. Il valore SNN può essere
assegnato automaticamente o manualmente.
Per informazioni sull’assegnazione del numero SNN, vedere Gestione del numero
di rete di sicurezza (SNN) a pagina 53.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
15
Capitolo 1
Cenni generali sul sistema
Firma del task di sicurezza
La firma del task di sicurezza è costituita da un numero ID, dalla data e dall’ora,
che identificano in modo univoco la parte di sicurezza di un progetto, compresi
logica di sicurezza, dati e configurazione. Il sistema GuardLogix utilizza la firma
del task di sicurezza per determinare l’integrità del progetto e per consentire di
verificare che nel controllore di destinazione venga scaricato il progetto corretto.
La creazione, la registrazione e la verifica della firma del task di sicurezza sono
passaggi obbligati del processo di sviluppo dell’applicazione di sicurezza.
Per ulteriori informazioni, vedere Generazione di una firma del task di sicurezza a
pagina 106.
Distinzione tra componenti
standard e di sicurezza
Gli slot di uno chassis del sistema GuardLogix non utilizzati dalla funzione di
sicurezza possono essere riempiti con altri moduli ControlLogix certificati in base
alle Direttive per la Bassa Tensione ed EMC. Per informazioni sul certificato CE
per la famiglia di prodotti Controllori programmabili – ControlLogix, e per
determinare quali moduli siano certificati, consultare il sito Web
http://ab.com/certification/ce.
È necessario creare e documentare una distinzione chiara, logica e visibile tra i
componenti standard e quelli di sicurezza dell’applicazione. Per facilitare questa
distinzione, il software di programmazione RSLogix 5000 dispone di icone di
identificazione della sicurezza per identificare task di sicurezza, programmi di
sicurezza, routine di sicurezza e componenti di sicurezza. Inoltre, il software
RSLogix 5000 utilizza un attributo di classe di sicurezza visibile ogni volta che si
visualizzano task di sicurezza, programmi di sicurezza, routine di sicurezza, tag di
sicurezza o proprietà delle istruzioni add-on.
Il controllore non consente di scrivere nei dati dei tag di sicurezza da dispositivi di
interfaccia operatore esterni o tramite le istruzioni dei messaggi da controllori
peer. Il software RSLogix 5000 è in grado di scrivere i tag di sicurezza quando il
controllore GuardLogix è in sblocco di sicurezza, non dispone di una firma del
task di sicurezza ed è in funzione senza errori di sicurezza.
In Sistema ControlLogix – Manuale dell’utente, pubblicazione 1756-UM001,
sono disponibili ulteriori informazioni sull’utilizzo dei dispositivi ControlLogix
in applicazioni standard (non di sicurezza).
Dispositivi di interfaccia operatore
I dispositivi di interfaccia operatore possono essere utilizzati con i controllori
GuardLogix. I dispositivi di interfaccia operatore sono in grado di accedere ai tag
standard proprio come con qualsiasi altro controllore standard. Tuttavia, i
dispositivi di interfaccia operatore non sono in grado di scrivere nei tag di
sicurezza che, per tali dispositivi, sono di sola lettura.
16
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Cenni generali sul sistema
Capacità del flusso di dati del
controllore
Capitolo 1
La figura riportata di seguito illustra il flusso di dati standard e di sicurezza del
controllore GuardLogix.
Figura 1 – Capacità del flusso di dati
Controllore GuardLogix
Standard
Sicurezza
Task di sicurezza
Task standard
Programmi di sicurezza
Programmi standard
Routine di sicurezza
Routine standard
Dati di sicurezza di programma
Dati di programma
Tag standard del controllore
Tag di sicurezza del
controllore
N.
Descrizione
1
I tag e la logica standard si comportano in modo identico a quanto avviene nella piattaforma Logix standard.
2
I dati di tag standard, dell’ambito del programma o del controllore, possono essere scambiati con dispositivi di
interfaccia operatore, personal computer ed altri controllori esterni.
3
I controllori GuardLogix sono controllori integrati dotati della possibilità di spostare (mappare) dati da tag
standard in tag di sicurezza per utilizzarli all’interno del task di sicurezza.
ATTENZIONE: Tali dati non devono essere utilizzati per controllare
direttamente un’uscita SIL 3/PLe.
4
I tag di sicurezza dell’ambito del controllore possono essere letti direttamente dalla logica standard.
5
I tag di sicurezza possono essere letti o scritti dalla logica di sicurezza.
6
I tag di sicurezza possono essere scambiati dai controllori di sicurezza su reti Ethernet o ControlNet, ivi compresi
i controllori GuardLogix 1756 e 1768.
7
I dati di tag di sicurezza, dell’ambito del programma o del controllore, possono essere letti da dispositivi esterni,
quali dispositivi di interfaccia operatore, personal computer ed altri controllori standard.
IMPORTANTE
Dopo essere stati letti, tali dati sono considerati di tipo standard e non SIL 3/PLe.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
17
Capitolo 1
Cenni generali sul sistema
Scelta dell’hardware del
sistema
Il sistema GuardLogix supporta le applicazioni di sicurezza SIL 3 e PLe.
Il controllore GuardLogix è costituito da un controllore primario e da un
coprocessore di sicurezza che funzionano insieme in un’architettura 1oo2.
La Tabella 4 elenca i numeri di catalogo dei controllori primari e dei coprocessori
di sicurezza.
Il coprocessore di sicurezza deve essere installato nello slot immediatamente a
destra del controllore primario. Le versioni principale e secondaria del firmware
del controllore primario e del coprocessore di sicurezza devono corrispondere
esattamente affinché venga stabilita la partnership di controllo necessaria per le
applicazioni di sicurezza.
Tabella 4 – Numeri di catalogo dei controllori primari e dei corrispondenti coprocessori di
sicurezza
Controllore primario
Coprocessore di sicurezza
1756-L61S, 1756-L62S, 1756-L63S
1756-LSP
1756-L71S, 1756-L72S, 1756-L73S
1756-L7SP
1756-L73SXT
1756-L7SPXT
Controllore primario
Il controllore primario è il processore che esegue sia le funzioni standard sia quelle
di sicurezza e che comunica con il coprocessore di sicurezza per le funzioni di
sicurezza del sistema di controllo GuardLogix. Di seguito è riportato un elenco di
funzioni standard.
•
•
•
•
•
•
•
•
Controllo I/O
Logica
Temporizzazione
Conteggio
Generazione rapporti
Comunicazione
Calcoli aritmetici
Manipolazione file dati
Il controllore primario è costituito da un processore centrale, dall’interfaccia I/O
e dalla memoria.
Tabella 5 – Capacità memoria
Num. di Cat.
18
Memoria utente (capacità RAM)
Task e componenti standard
Task e componenti di sicurezza
1756-L61S
2 MB
1 MB
1756-L62S
4 MB
1 MB
1756-L63S
8 MB
3,75 MB
1756-L71S
2 MB
1 MB
1756-L72S
4 MB
2 MB
1756-L73S,1756-L73SXT
8 MB
4 MB
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Cenni generali sul sistema
Capitolo 1
Nel software RSLogix 5000 versione 18 o successive, il controllore GuardLogix
supporta gli aggiornamenti del sistema operativo e permette di archiviare e
recuperare i programmi utente tramite una scheda di memoria. Tuttavia, nella
versione 16 e 17 del software RSLogix 5000, l’utente poteva visualizzare il
contenuto di una scheda di memoria solo se era installata nel controllore
primario. Prima della versione 16, le schede di memoria non erano supportate.
Per ulteriori informazioni vedere Capitolo 8, Memorizzazione e caricamento di
progetti con la memoria non volatile.
Un selettore a chiave a tre posizioni sulla parte anteriore del controllore primario
controlla le modalità di funzionamento del controllore. Sono disponibili le
seguenti modalità:
• RUN (Esecuzione)
• PROG (Programmazione)
• REM (Remota): questa modalità abilitata dal software può essere
Programmazione, Esecuzione o Test
Figura 2 – Posizione del selettore a chiave
Logix557x
RUN FORCE SD
OK
REM PR
OG
RUN
1756-L6xS
1756-L7xS
Coprocessore di sicurezza
Il coprocessore di sicurezza è quello che fornisce un secondo canale isolato
(ridondanza) per le funzioni di sicurezza del sistema.
Il coprocessore di sicurezza non dispone di un selettore a chiave o di una porta di
comunicazione. La configurazione ed il funzionamento sono controllati dal
controllore primario.
Chassis
Lo chassis ControlLogix fornisce connessioni fisiche tra i moduli ed il controllore
GuardLogix.
Alimentatore
Gli alimentatori ControlLogix elencati a pagina 28 possono essere utilizzati in
applicazioni SIL 3. Per il funzionamento SIL 3 degli alimentatori non sono
necessarie configurazioni o collegamenti aggiuntivi.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
19
Capitolo 1
Cenni generali sul sistema
Scelta dei moduli I/O di
sicurezza
I dispositivi di ingresso ed uscita di sicurezza possono essere collegati all’I/O CIP
Safety su reti DeviceNet o EtherNet/IP, permettendo il controllo dei dispositivi
di uscita tramite il sistema del controllore GuardLogix attraverso comunicazioni
DeviceNet o EtherNet/IP.
Per informazioni aggiornate sui numeri di catalogo, le serie certificate e le versioni
firmware disponibili degli I/O CIP Safety, visitare il sito Web
http://www.ab.com/certification/safety.
Scelta delle reti di
comunicazione
Il controllore GuardLogix supporta funzioni di comunicazione che consentono
di:
• distribuire e controllare l’I/O di sicurezza su reti DeviceNet o EtherNet/IP
• distribuire e controllare l’I/O di sicurezza remoto su reti
DeviceNet,EtherNet/IP o ControlNet
• produrre e consumare i dati dei tag di sicurezza tra i controllori
GuardLogix 1756 e 1768 attraverso una rete Ethernet/IP o ControlNet,
oppure all’interno dello stesso chassis ControlLogix
• distribuire e controllare l’I/O standard su reti EtherNet, ControlNet o
DeviceNet.
Come interfaccia tra i controllori GuardLogix ed i dispositivi di rete si utilizzano
i seguenti moduli di comunicazione.
Tabella 6 – Moduli di comunicazione
Come interfaccia tra
Utilizzare il modulo
Fare riferimento alle
istruzioni per
l’installazione
Il controllore GuardLogix ed i dispositivi DeviceNet
1756-DNB
DNET-IN001
1756-ENBT
1756-EN2T
Il controllore GuardLogix ed i dispositivi EtherNet/IP 1756-EN2F
1756-EN2TR, 1756-EN3TR
1756-EN2TXT
Controllori sulla rete ControlNet
1756-CN2, 1756-CN2R
1756-CN2RXT
ENET-IN002
CNET-IN005
Il controllore GuardLogix può essere collegato al software di programmazione
RSLogix 5000 tramite una connessione seriale o USB, un modulo EtherNet,
oppure un modulo ControlNet.
I controllori 1756-L6xS sono dotati di una porta seriale. I controllori 1756-L7xS
sono dotati di una porta USB.
Per ulteriori informazioni sull’uso dei moduli di comunicazione di rete, vedere
Ulteriori riferimenti a pagina 13.
20
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Cenni generali sul sistema
Requisiti di programmazione
Capitolo 1
Il software RSLogix 5000 è lo strumento di programmazione per le applicazioni
dei controllori GuardLogix.
Fare riferimento alla Tabella 7 per individuare le versioni software minime da
utilizzare con i controllori GuardLogix in uso. Il software RSLogix 5000 versione
15 non supporta SIL (Safety Integrity Level) 3.
Tabella 7 – Versioni software
Num. di Cat.
Versione software
RSLogix 5000(1)
Versione software
RSLinx® Classic(1)
1756-L61S, 1756-L62S
14
Qualsiasi versione
1756-L63S
16
1756-L71S, 1756-L72S, 1756-L73S,
1756-L73SXT
20
2.59
(1) La presente o successiva.
Le routine di sicurezza includono le istruzioni di sicurezza, che sono un
sottoinsieme del set di istruzioni della logica ladder standard, e le istruzioni per le
applicazioni di sicurezza. I programmi schedulati nell’ambito del task di sicurezza
supportano solo la logica ladder.
Tabella 8 – Funzioni supportate nelle varie versioni del software RSLogix 5000
Istruzioni add-on
Allarmi ed eventi
Registro controllore
Controllo degli accessi ai dati
Routine fasi apparecchiatura
Task evento
Firmware Supervisor
Diagrammi a blocchi funzione (FBD)
Integrated Motion
Logica ladder
Cambio di lingua
Scheda di memoria
Importazione ed esportazione online
di componenti dei programmi
Routine in diagramma funzionale
sequenziale (SFC)
Testo strutturato
Connessioni unicast per tag di
sicurezza prodotti e consumati
Connessioni unicast per moduli I/O di
sicurezza su EtherNet/IP
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
Task standard
Task standard
X
Versione 20
Task di sicurezza
Versione 19
Task di sicurezza
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
Task standard
Task standard
Task standard
X
X
Versione 18
Task di sicurezza
Versione 17
Task di sicurezza
Versione 16
Task di sicurezza
Task standard
Funzione
Task di sicurezza
Versione 14
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
Per informazioni sull’utilizzo di queste funzioni, consultare la pubblicazione
Logix5000 Controllers Common Procedures Programming Manual,
1756-PM001, le pubblicazioni elencate in Ulteriori riferimenti a pagina 13 e la
guida in linea del software RSLogix 5000.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
21
Capitolo 1
Cenni generali sul sistema
Note:
22
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Capitolo
2
Installazione del controllore
Precauzioni
Argomento
Pagina
Precauzioni
23
Verificare di avere tutti i componenti
27
Installazione di un alimentatore e di uno chassis
28
Collegamento della batteria (solo controllori 1756-L6xS)
28
Installazione del controllore nello chassis
29
Inserimento o rimozione di una scheda di memoria
30
Connessioni di comunicazione
35
Aggiornamento del controllore
40
Scelta della modalità operativa del controllore
42
Disinstallazione del modulo di alimentazione (ESM)
44
Installazione di un modulo di alimentazione (ESM)
46
Leggere e rispettare le seguenti precauzioni d’uso.
Informazioni su ambiente e custodia
ATTENZIONE: Questa apparecchiatura è destinata all’uso in ambienti industriali con Grado di Inquinamento 2, in applicazioni
con sovratensione di categoria II, (come definito nello standard IEC 60664-1) ad altitudine fino a 2000 metri senza
declassamento.
Questa apparecchiatura è considerata un’apparecchiatura industriale di Gruppo 1, Classe A secondo la pubblicazione 11
dell’IEC/CISPR. Senza le dovute precauzioni, vi potrebbero essere difficoltà nell’assicurare la compatibilità elettromagnetica in
ambienti residenziali ed altri ambienti a causa dei disturbi condotti ed irradiati.
L’apparecchiatura viene fornita come apparecchiatura di tipo aperto. Essa deve essere montata all’interno di una custodia adatta
alle specifiche condizioni ambientali di utilizzo e progettata specificatamente per evitare lesioni al personale derivanti
dall’accesso a parti in tensione. La custodia deve avere opportune caratteristiche ignifughe, al fine di prevenire o di ridurre al
minimo la propagazione delle fiamme, deve essere conforme ad un grado di protezione 5 VA o essere approvata per
l’applicazione se non metallica. La parte interna della custodia deve essere accessibile solo utilizzando un attrezzo. Le successive
sezioni di questa pubblicazione possono contenere ulteriori informazioni circa specifici tipi di custodie richieste per la conformità
alle certificazioni di sicurezza di alcuni prodotti.
Oltre alla presente pubblicazione, consultare i seguenti documenti:
• Criteri per il cablaggio e la messa a terra in automazione industriale, pubblicazione 1770-4.1, per ulteriori requisiti di
installazione
• Per ulteriori informazioni sui gradi di protezione forniti dai diversi tipi di custodia, vedere gli standard NEMA 250 ed
IEC 60529
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
23
Capitolo 2
Installazione del controllore
Sistemi elettronici programmabili (PES)
ATTENZIONE: Il personale responsabile dell’applicazione dei sistemi
elettronici programmabili (PES) di sicurezza deve conoscere i requisiti di
sicurezza nell’applicazione del sistema e deve sapere come utilizzare il
sistema.
Rimozione ed inserimento sotto tensione (RIUP)
AVVISO: Quando si inserisce o si rimuove il modulo con il backplane in
tensione, può verificarsi un arco elettrico, che può causare esplosioni in
installazioni che si trovano in aree pericolose.
Prima di procedere, assicurarsi di aver tolto alimentazione o che l’area non sia
pericolosa. Il ripetuto verificarsi di archi elettrici provoca l’eccessiva usura dei
contatti, sia del modulo sia del connettore corrispondente. I contatti usurati
possono generare una resistenza elettrica che può incidere negativamente sul
funzionamento del modulo.
24
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Installazione del controllore
Capitolo 2
Approvazione nordamericana per l’uso in aree pericolose
The following information applies when operating this
equipment in hazardous locations:
Informations sur l’utilisation de cet équipement en
environnements dangereux:
Products marked “CL I, DIV 2, GP A, B, C, D“ are suitable for use in
Class I Division 2 Groups A, B, C, D, Hazardous Locations and
nonhazardous locations only. Each product is supplied with markings
on the rating nameplate indicating the hazardous location
temperature code. When combining products within a system, the
most adverse temperature code (lowest “T“ number) may be used to
help determine the overall temperature code of the system.
Combinations of equipment in your system are subject to
investigation by the local Authority Having Jurisdiction at the time of
installation.
Les produits marqués « CL I, DIV 2, GP A, B, C, D » ne conviennent qu’à
une utilisation en environnements de Classe I Division 2 Groupes A, B, C,
D dangereux et non dangereux. Chaque produit est livré avec des
marquages sur sa plaque d’identification qui indiquent le code de
température pour les environnements dangereux. Lorsque plusieurs
produits sont combinés dans un système, le code de température le
plus défavorable (code de température le plus faible) peut être utilisé
pour déterminer le code de température global du système. Les
combinaisons d’équipements dans le système sont sujettes à inspection
par les autorités locales qualifiées au moment de l’installation.
WARNING: EXPLOSION HAZARD
• Do not disconnect equipment unless power has
been removed or the area is known to be
nonhazardous.
• Do not disconnect connections to this equipment
unless power has been removed or the area is
known to be nonhazardous. Secure any external
connections that mate to this equipment by using
screws, sliding latches, threaded connectors, or
other means provided with this product.
• Substitution of components may impair suitability
for Class I, Division 2.
• If this product contains batteries, they must only
be changed in an area known to be nonhazardous.
AVERTISSEMENT: RISQUE D’EXPLOSION
• Couper le courant ou s’assurer que l’environnement
est classé non dangereux avant de débrancher
l’équipement.
• Couper le courant ou s’assurer que l’environnement
est classé non dangereux avant de débrancher les
connecteurs. Fixer tous les connecteurs externes
reliés à cet équipement à l’aide de vis, loquets
coulissants, connecteurs filetés ou autres moyens
fournis avec ce produit.
• La substitution de composants peut rendre cet
équipement inadapté à une utilisation en
environnement de Classe I, Division 2.
• S’assurer que l’environnement est classé non
dangereux avant de changer les piles.
Informazioni per l’impiego dell’apparecchiatura in aree pericolose:
I prodotti contrassegnati con “CL I, DIV 2, GP A, B, C, D” sono adatti all’utilizzo solo in aree pericolose di Classe I Divisione 2 Gruppi A, B, C, D, o in
aree non pericolose. Ogni prodotto è fornito di una targhetta dati indicante il codice temperatura dell’area pericolosa. Quando si utilizzano
prodotti diversi all’interno di un sistema, per determinare il codice temperatura generale del sistema, è necessario usare il codice temperatura più
conservativo (il numero T più basso). L’utilizzo di apparecchiature diverse all’interno del sistema è soggetto ad ispezione da parte delle autorità
locali competenti al momento dell’installazione.
AVVISO: RISCHIO DI ESPLOSIONE
• Non scollegare le apparecchiature senza aver prima interrotto l’alimentazione oppure senza essere certi di operare in un
ambiente non pericoloso.
• Non scollegare le connessioni di questa apparecchiatura senza aver prima interrotto l’alimentazione oppure senza prima
essere certi di operare in un ambiente non pericoloso. Fissare le connessioni esterne su questa apparecchiatura mediante viti,
fermi scorrevoli, connettori filettati o qualsiasi altro mezzo fornito con questo prodotto.
• La sostituzione dei componenti può compromettere l’idoneità per gli ambienti della classe I, Divisione 2.
• Se il prodotto contiene batterie, queste vanno sostituite esclusivamente in aree non pericolose.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
25
Capitolo 2
Installazione del controllore
Approvazione europea per l’uso in aree pericolose
L’apposizione della marcatura Ex sul prodotto certifica quanto segue.
Questa apparecchiatura è destinata all’uso in atmosfere potenzialmente esplosive, come
definite dalla Direttiva 94/9/CE dell’Unione Europea, ed è risultata conforme ai requisiti
essenziali di sicurezza e salute riguardanti la progettazione e la costruzione di apparecchiature
di Categoria 3 destinate all’uso in atmosfere potenzialmente esplosive di Zona 2, riportate
nell’Allegato II di questa direttiva.
La conformità ai requisiti essenziali di sicurezza e salute è assicurata dalla conformità alle
norme EN 60079-15 ed EN 60079-0.
ATTENZIONE: Questa apparecchiatura non è resistente alla luce del sole o ad
altre fonti di radiazione UV.
AVVISO:
• Questa apparecchiatura deve essere installata in una custodia che garantisca
una protezione di livello minimo IP54 quando utilizzata in ambienti di
Zona 2.
• Questa apparecchiatura deve essere utilizzata entro i valori nominali
specificati da Rockwell Automation.
• Questa apparecchiatura deve essere utilizzata solo con backplane certificati
ATEX di Rockwell Automation.
• Fissare le connessioni esterne su questa apparecchiatura mediante viti, fermi
scorrevoli, connettori filettati o qualsiasi altro mezzo fornito con questo
prodotto.
• Non scollegare le apparecchiature senza aver prima interrotto
l’alimentazione oppure senza essere certi di operare in un ambiente non
pericoloso.
Prevenzione delle scariche elettrostatiche
ATTENZIONE: Questa apparecchiatura è sensibile alle scariche
elettrostatiche che possono causare danni interni e pregiudicare il regolare
funzionamento. Quando si maneggia l’apparecchiatura, osservare le
seguenti regole generali:
• Toccare un oggetto collegato a terra per scaricare l’elettricità statica.
• Indossare un braccialetto di messa a terra omologato.
• Non toccare i connettori o i pin delle schede dei componenti.
• Non toccare i componenti dei circuiti all’interno dell’apparecchiatura.
• Usare una postazione di lavoro antistatica, se disponibile.
• Quando non viene utilizzata, conservare l’apparecchiatura in un
imballaggio antistatico.
26
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Installazione del controllore
Verificare di avere tutti i
componenti
Capitolo 2
Prima di iniziare, controllare di avere tutti i componenti necessari.
IMPORTANTE
Per ottenere il livello SIL 3/PLe, è necessario usare un controllore primario e
un coprocessore di sicurezza.
Controllori 1756-L6xS
Insieme al controllore 1756-L6xS vengono forniti una chiave 1747-KY e la
batteria 1756-BA2, mentre con il coprocessore di sicurezza 1756-LSP viene
fornita la batteria 1756-BA2.
Per collegare un dispositivo alla porta seriale del controllore (ad esempio per
collegare un computer al controllore), utilizzare un cavo seriale 1756-CP3.
Per la memoria non volatile è possibile utilizzare una scheda CompactFlash
1784-CF128 con i controllori GuardLogix 1756-L6xS, versione del firmware 18
e successive.
Controllori 1756-L7xS
Nel controllore primario e nel coprocessore di sicurezza, sono inclusi i seguenti
componenti.
Num. di Cat.
Descrizione
Fornito con
1756-L71S
1756-L72S
1756-L73S
Controllore primario
• 1756-ESMCAP – Modulo di alimentazione (ESM) con condensatore
• 1784-SD1 – Scheda di memoria Secure Digital (SD), 1 GB
• 1747-KY – Chiave
1756-L7SP
Coprocessore di sicurezza • 1756-SPESMNSE – Modulo di alimentazione (ESM)
1756-L73SXT
Controllore primario per
temperature estreme
1756-L7SPXT
Coprocessore di sicurezza • 1756-SPESMNSEXT – Modulo di alimentazione (ESM) con
per temperature estreme
condensatore
• 1756-ESMCAPXT – Modulo di alimentazione (ESM) con condensatore
• 1747-KY – Chiave
È possibile utilizzare le seguenti apparecchiature opzionali.
Se l’applicazione richiede
Usare quanto segue
Memoria non volatile
1784-SD1 (1 GB) o 1784-SD2 (2 GB)
Alcune applicazioni richiedono che il modulo ESM
installato scarichi l’energia residua a 200 μJ o
meno, prima di rimuoverlo o inserirlo
nell’applicazione.(1)
1756-ESMNSE per il controllore primario
1756-SPESMNSE per il coprocessore di sicurezza(2)
Questo modulo ESM non prevede l’alimentazione di backup
dell’orologio interno (WallClockTime). Questo modulo ESM,
inoltre, può essere utilizzato soltanto con un 1756-L73S (8 MB) o
con un controllore di memoria inferiore.
Modulo ESM che protegge il controllore
impedendo la connessione USB e l’uso della
scheda SD(1)
1756-ESMNRM per il controllore primario
1756-SPESMNRM per il coprocessore di sicurezza(3)
Questo modulo ESM garantisce all’applicazione un grado di
sicurezza superiore.
(1) Per informazioni sul tempo di autonomia dei moduli ESM, vedere la sezione Valutazione del mantenimento dell’orologio interno
(WallClockTime) da parte del modulo ESM a pagina 124.
(2) Con i controllori primari ed i coprocessori di sicurezza per temperature estreme, usare 1756-ESMNSEXT e 1756-SPESMNSEXT
rispettivamente.
(3) Con i controllori primari ed i coprocessori di sicurezza per temperature estreme, usare 1756-ESMNRMXT e 1756-SPESMNRMXT
rispettivamente
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
27
Capitolo 2
Installazione del controllore
Installazione di un
alimentatore e di uno chassis
Prima di installare un controllore, è necessario installare uno chassis ed un
alimentatore.
1. Installare uno chassis ControlLogix attenendosi alle corrispondenti
istruzioni per l’installazione.
Num. di Cat.
Slot disponibili
1756-A4
1756-A7
1756-A10
1756-A13
1756-A17
1756-A4LXT
1756-A5XT
1756-A7XT
1756-A7LXT
4
7
10
13
17
4
5
7
7
Serie
Fare riferimento alle istruzioni per
l’installazione
B
1756-IN005
B
B
B
B
I controllori per temperature estreme (XT) richiedono uno chassis XT.
2. Installare un alimentatore ControlLogix attenendosi alle corrispondenti
istruzioni per l’installazione.
Num. di Cat.
Descrizione
1756-PA72
1756-PB72
1756-PA75
1756-PB75
1756-PAXT
1756-PBXT
Alimentatore, CA
Alimentatore, CC
Alimentatore, CA
Alimentatore, CC
Alimentatore XT, CA
Alimentatore XT, CC
Serie
Fare riferimento alle istruzioni
per l’installazione
C
B
1756-IN005
B
I controllori per temperature estreme (XT) richiedono un alimentatore
XT.
Collegamento della batteria
(solo controllori 1756-L6xS)
I controllori 1756-L6xS ed il coprocessore di sicurezza 1756-LSP contengono
una batteria al litio, che dovrà essere sostituita durante la vita utile del prodotto.
AVVISO: Quando si connette o si disconnette la batteria, può verificarsi
un arco elettrico, che può causare esplosioni in installazioni che si trovano
in aree pericolose. Prima di procedere, assicurarsi di aver tolto
alimentazione o che l’area non sia pericolosa.
Per informazioni di sicurezza sul trattamento e lo smaltimento delle batterie
al litio anche con perdite, consultare Direttive per il trattamento delle
batterie al litio, pubblicazione AG-5.4.
Per far sì che i dati della memoria del controllore vengano mantenuti anche in
assenza di alimentazione, è necessario collegare una batteria. Attenersi alla
procedura sia per il controllore 1756-L6xS che per il coprocessore di sicurezza
1756-LSP.
IMPORTANTE
28
È possibile collegare solo una batteria 1756-BA2 al controllore. Collegando
una batteria di tipo diverso, si rischia di danneggiare il controllore.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Installazione del controllore
Capitolo 2
Per installare una nuova batteria 1756-BA2,
procedere come segue.
1. Inserire la batteria come mostrato nella
figura.
2. Collegare la batteria:
+ Rosso
– Nero
1
3. Annotare la data di installazione della
batteria sull’apposita etichetta e fissare
l’etichetta all’interno dello sportellino
del controllore.
2
DATE
Per ulteriori informazioni sulla
manutenzione della batteria, consultare l’Appendice B.
Installazione del controllore
nello chassis
3
I controllori possono essere installati o rimossi mentre lo chassis è in tensione ed il
sistema funzionante.
AVVISO: Se si inserisce o si rimuove il modulo con l’alimentazione
backplane inserita, potrebbe verificarsi un arco elettrico, che può causare
esplosioni in installazioni che si trovano in aree pericolose.
Prima di procedere, assicurarsi di aver tolto alimentazione o che l’area non sia
pericolosa. Il ripetuto verificarsi di archi elettrici provoca l’eccessiva usura dei
contatti, sia del modulo sia del connettore corrispondente. I contatti usurati
possono generare una resistenza elettrica che può incidere negativamente sul
funzionamento del modulo.
IMPORTANTE
Nel caso dei controllori 1756-L7xS e dei coprocessori di sicurezza 1756-L7SP,
l’ESM inizia a caricare quando viene eseguita una delle seguenti azioni:
• Installazione di controllore e modulo ESM in uno chassis in tensione.
• Messa in tensione di uno chassis in cui è installato un controllore con
modulo ESM.
• Installazione di un modulo ESM in un controllore in tensione.
Dopo la messa in tensione, il modulo ESM si carica per un periodo massimo di
due minuti, come indicato da CHRG o ESM Charging sul display di stato.
1. Inserire la chiave nel controllore primario.
2. Girare la chiave in posizione PROG.
1
2
Il coprocessore di sicurezza non è dotato di selettore a chiave.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
29
Capitolo 2
Installazione del controllore
3. Allineare le schede circuitali superiore ed inferiore con le guide nello
chassis.
4. Far scorrere il controllore nello chassis.
Il controllore è correttamente installato quando allineato con
l’alimentatore o gli altri moduli presenti e quando i fermi superiore ed
inferiore sono agganciati.
IMPORTANTE
Il coprocessore di sicurezza deve essere installato nello slot
immediatamente a destra del controllore primario. Per installare il
coprocessore di sicurezza, seguire le stesse procedure di cui ai punti
3 e 4 sopra.
Dopo aver inserito il controllore nello chassis, vedere Capitolo 9 per
informazioni sulla lettura degli indicatori di stato del controllore primario
e del coprocessore di sicurezza.
Inserimento o rimozione di
una scheda di memoria
AVVISO: Se si inserisce o si estrae la scheda di memoria con l’alimentazione
inserita, potrebbe verificarsi un arco elettrico, che può causare esplosioni in
installazioni che si trovano in aree pericolose. Prima di procedere, assicurarsi
di aver tolto alimentazione o che l’area non sia pericolosa.
ATTENZIONE: Se non si è sicuri del contenuto della scheda di memoria,
prima di installarla, portare il selettore a chiave del controllore in posizione
PROG. A seconda del contenuto della scheda, un ciclo di spegnimento/
riaccensione o un errore potrebbero causare il caricamento di un progetto o
di un sistema operativo differente nel controllore.
I controllori 1756-L7xS funzionano con schede Secure Digital (SD).
Vedere pagina 31.
Il controllore 1756-L6xS funziona con schede CompactFlash (CF).
Vedere pagina 33.
30
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Installazione del controllore
Capitolo 2
Scheda Secure Digital (controllori 1756-L7xS)
Il controllore 1756-L7xS viene fornito con una scheda SD installata, che è
consigliabile lasciare installata.
Rimozione della scheda SD
Se si desidera rimuovere la scheda SD dal controllore 1756-L7xS, procedere come
segue.
IMPORTANTE
Verificare che l’indicatore di stato della scheda SD sia spento e che la scheda
non sia in uso, prima di rimuoverla.
1. Portare il selettore a chiave in posizione PROG.
2. Aprire il portellino per accedere alla scheda SD.
Logix 55xx
RUN FORCESD
OK
32015-M
3. Premere e rilasciare la scheda SD per estrarla.
Logix 55xx
RUN FORCESD
OK
32004-M
4. Rimuovere la scheda SD e chiudere il portellino.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
31
Capitolo 2
Installazione del controllore
Installazione della scheda SD
Per installare la scheda SD sui controllori 1756-L7xS, procedere come segue.
1. Verificare che la scheda SD sia bloccata o sbloccata, a seconda delle
preferenze.
Sbloccata
Bloccata
32005-M
2. Aprire il portellino per la scheda SD.
Logix 55xx
RUN FORCESD
OK
3. Inserire la scheda SD nell’apposito slot.
4. Premere la scheda delicatamente fino a quando scatta in posizione.
Logix 55xx
RUN FORCESD
OK
32004-M
32
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Installazione del controllore
Capitolo 2
5. Chiudere il portellino della scheda SD.
Logix 55xx
RUN FORCESD
OK
32006-M
Scheda CompactFlash (controllori 1756-L6xS)
I controllori 1756-L6xS vengono forniti senza scheda CompactFlash
preinstallata.
Inserimento di una scheda CF
Per inserire la scheda di memoria, procedere come segue.
1. Portare il selettore a chiave in posizione PROG.
2. Aprire lo sportellino del controllore.
3. Spingere il dispositivo di chiusura verso sinistra.
4. Inserire la scheda di memoria con il logo A-B rivolto verso sinistra.
5. Sbloccare il dispositivo di chiusura ed assicurarsi che scorra sopra la scheda
di memoria.
COMPACT
FLASH
1-DCD
2-RXD
3-TXD
4-DTR
5-GND
DSR-6
RTS-7
CTS-8
N/C-9
RS232
1
To
Insert 1
2
To Eject
1+2
1
2
UP
BATTERY
DATE
1
2
BATTERY
PORT
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
33
Capitolo 2
Installazione del controllore
Rimozione di una scheda CF
Per rimuovere la scheda di memoria, procedere come segue.
1. Se l’indicatore di stato OK lampeggia in verde, attendere che la luce diventi
verde fissa.
COMPACT
FLASH
1-DCD
2-RXD
3-TXD
4-DTR
5-GND
DSR-6
RTS-7
CTS-8
N/C-9
RS232
1
To
Insert 1
2
To Eject
1+2
1
2
UP
BATTERY
DATE
1
2
BATTERY
PORT
2. Aprire lo sportellino del controllore.
3. Spingere e tenere premuto il dispositivo di chiusura verso sinistra.
4. Premere il pulsante di espulsione e rimuovere la scheda.
5. Sbloccare il dispositivo di chiusura.
34
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Installazione del controllore
Connessioni di
comunicazione
Capitolo 2
I controllori 1756-L7xS sono dotati di una porta USB. Vedere Collegamento alla
porta USB del controllore 1756-L7xS.
I controllori 1756-L6xS sono dotati di una porta seriale. Vedere Collegamento
alla porta seriale del controllore 1756-L6xS a pagina 37.
Collegamento alla porta USB del controllore 1756-L7xS
Il controllore ha una porta USB con una presa di Tipo B. La porta è compatibile
USB 2.0 e funziona a 12 Mbps.
Per usare la porta USB del controllore, è necessario avere installato sul computer
il software RSLinx, versione 2.59 o successiva. Per collegare il computer alla porta
USB, usare un cavo USB. Con questo collegamento, è possibile aggiornare il
firmware e scaricare i programmi nel controllore direttamente dal computer.
ATTENZIONE: La porta USB è adatta solo per la programmazione locale
temporanea e non è previsto che sia collegata in modo permanente.
Il cavo USB non deve superare i 3,0 m e non deve contenere hub.
AVVISO: Non utilizzare la porta USB in aree pericolose.
Figura 3 – Connessione USB
Logix 55xx
RUN FORCESD
OK
32007-M
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
35
Capitolo 2
Installazione del controllore
Per configurare il software RSLinx in modo da usare una porta USB, è necessario
configurare prima un driver USB. Per configurare un driver USB, procedere
come segue.
1. Collegare controllore e computer con un cavo USB.
2. Nella finestra di dialogo Found New Hardware Wizard, fare clic su una
delle opzioni di connessione a Windows Update e fare clic su Next.
SUGGERIMENTO
Se il software per il driver USB non si trova e l’installazione viene annullata,
verificare di aver installato il software RSLinx Classic, versione 2.59 o
successiva.
3. Fare clic su Install the software automatically (raccomandato) e fare clic su
Next.
Il software è installato.
4. Fare clic su Finish per configurare il driver USB.
36
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Installazione del controllore
Capitolo 2
5. Per selezionare il controllore nel software RSLinx, fare clic su RSWho
.
Nell’organizer di RSLinx Workstation, il controllore viene visualizzato sotto due
driver differenti, uno chassis virtuale e la porta USB. Per selezionare il controllore,
è possibile usarli entrambi.
Driver chassis virtuale
Driver porta USB
Collegamento alla porta seriale del controllore 1756-L6xS
AVVISO: Se si collega o scollega il cavo seriale con l’alimentazione del
presente modulo o del dispositivo seriale all’altra estremità del cavo
attiva, si può generare un arco elettrico, che può causare esplosioni in
installazioni che si trovano in aree pericolose.
Assicurarsi di togliere l’alimentazione o accertarsi che l’area sia non pericolosa
prima di procedere.
Per la comunicazione RS-232 utilizzare la porta seriale sul controllore
1756-L6xS.
Figura 4 – Porta seriale
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
37
Capitolo 2
Installazione del controllore
Per collegare una workstation alla porta seriale, utilizzare uno dei seguenti cavi:
• Cavo seriale 1756-CP3
• Cavo 1747-CP3 della famiglia di
prodotti SLC (se si usa questo cavo,
lo sportellino del controllore
potrebbe non chiudersi.)
Se ci si costruisce un cavo seriale,
adottare i seguenti criteri:
• Limitare la lunghezza
a 15,2 m.
• Collegare i connettori come
mostrato.
• Collegare lo schermo ad
entrambi i connettori.
Lato workstation
Lato controllore
Workstation
Controllore
1 CD
1 CD
2 RDX
2 RDX
3 TXD
3 TXD
4 DTR
4 DTR
COMMON
COMMON
6 DSR
6 DSR
7 RTS
7 RTS
8 CTS
8 CTS
9
9
Attenersi alla seguente procedura se per la configurazione del driver del
dispositivo RS-232 DF1 per la comunicazione seriale si utilizza il software
RSLinx.
1. Nel software RSLinx, dal menu Communications scegliere Configure
Drivers.
Viene visualizzata la finestra di dialogo Configure Drivers.
38
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Installazione del controllore
Capitolo 2
2. Dal menu a discesa Available Driver Types, scegliere il driver del
dispositivo RS-232 DF1.
3. Fare clic su Add New.
Viene visualizzata la finestra di dialogo Add New RSLinx Driver.
4. Digitare il nome del driver e fare clic su OK.
5. Specificare le impostazioni della porta seriale.
a. Dal menu a discesa Comm Port scegliere la porta seriale della
workstation alla quale è connesso il cavo.
b. Dal menu a discesa Device, scegliere Logix 5550/CompactLogix.
c. Fare clic su Auto-Configure.
6. Se la configurazione automatica viene eseguita correttamente, fare clic su
OK.
Se la configurazione automatica non viene eseguita correttamente,
verificare che sia stata selezionata la porta di comunicazione corretta.
7. Fare clic su Close.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
39
Capitolo 2
Installazione del controllore
Aggiornamento del
controllore
I controllori vengono forniti senza firmware. Il firmware del controllore viene
fornito insieme al software di programmazione RSLogix 5000. Inoltre, il
firmware del controllore può essere scaricato dal sito web dedicato all’assistenza
tecnica di Rockwell Automation, all’indirizzo:
http://www.rockwellautomation.com/support/.
Per l’aggiornamento del firmware è possibile utilizzare il software
ControlFLASH™, fornito insieme al software RSLogix 5000, oppure la
funzione AutoFlash del software RSLogix 5000.
Utilizzo del software ControlFLASH per l’aggiornamento del firmware
Con il software ControlFLASH, versione 8 o successive (software
RSLogix 5000, versione 18 o successive), il coprocessore di sicurezza viene
aggiornato automaticamente quando si aggiorna il controllore primario.
IMPORTANTE
Sui controllori 1756-L7xS, se la scheda SD è bloccata e l’opzione Load Image del
progetto memorizzato è impostata su On Power Up, il firmware del controllore
non viene aggiornato con questa procedura. Vengono invece caricati i progetti
ed il firmware memorizzati precedentemente.
1. Verificare che la connessione di rete sia effettiva e corretta e che, nel
software RSLinx, sia configurato il driver di rete.
2. Aprire il software ControlFLASH.
3. Selezionare Next.
4. Selezionare il numero di catalogo del controllore e fare clic su Next.
5. Espandere la rete fino a visualizzare il controllore.
6. Selezionare il controllore e fare clic su Next.
42900
7. Scegliere la versione a cui si vuole aggiornare il controllore e fare clic su
Next.
8. Per avviare l’aggiornamento del controllore, fare clic su Finish e poi su Yes.
Dopo l’aggiornamento del controllore, la finestra di dialogo di stato
visualizza il messaggio “Update complete”.
IMPORTANTE
SUGGERIMENTO
40
Lasciare terminare completamente l’aggiornamento del firmware
prima di spegnere e riaccendere o interrompere in altro modo
l’aggiornamento.
Se l’aggiornamento con ControlFLASH del controllore viene
interrotto, il controllore 1756-L7xS torna al firmware di avvio,
ovvero alla versione firmware 1.xxx.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Installazione del controllore
Capitolo 2
9. Fare clic su OK.
10. Chiudere il software ControlFLASH.
Utilizzo di AutoFlash per l’aggiornamento del firmware
Per aggiornare il firmware del controllore con la funzione AutoFlash del software
RSLogix 5000, procedere come segue.
1. Verificare che la connessione di rete sia effettiva e corretta e che, nel
software RSLinx, sia configurato il driver di rete.
2. Utilizzare il software di programmazione RSLogix 5000 per creare un
progetto del controllore nella versione richiesta.
3. Fare clic su RSWho per specificare il percorso del controllore.
4. Selezionare il controllore e fare clic su Update Firmware.
5. Selezionare la versione del firmware a cui aggiornare.
6. Fare clic su Update.
7. Fare clic su Yes.
Lasciar completare l’aggiornamento firmware senza interruzioni. Quando
l’aggiornamento del firmware è terminato, si apre la finestra di dialogo Who
Active. È possibile eseguire altre operazioni con il software RSLogix 5000.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
41
Capitolo 2
Installazione del controllore
Scelta della modalità
operativa del controllore
Fare riferimento a questa tabella per determinare la modalità operativa del
controllore.
Tabella 9 – Modalità operative del controllore
Selezionare una di queste modalità
Se si desidera
Commutare le uscite sullo stato comandato
dalla logica del progetto
Esecuzione
Mod. remota
X
X
Esecuzione
Commutare le uscite sullo stato configurato per
la modalità Programmazione
Eseguire (scandire) task
X
Programmazione
Test
Programmazione
X
X
X
X
X
Cambiare la modalità del controllore attraverso
il software
X
X
X
Scaricare un progetto
X
X
X
X
X
X
X
X
Schedulare una rete ControlNet
Modificare il progetto online
X
X
Inviare messaggi
X
X
X
Inviare e ricevere dati in risposta ad un
messaggio da un altro controllore
X
X
X
X
X
Produrre e consumare tag
X
X
X
X
X
Utilizzo del selettore a chiave per cambiare la modalità operativa
Il selettore a chiave sulla parte frontale del controllore può essere utilizzato per
portare il controllore in una delle seguenti modalità:
• Programmazione (PROG)
• Controllo remoto (REM)
• Esecuzione (RUN)
Figura 5 – Selettore a chiave del controllore
1756-L7xS
1756-L6xS
Logix556x
Logix557x
RUN FORCE SD
OK
REM PR
OG
RUN
42
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Installazione del controllore
Capitolo 2
Utilizzo del software RSLogix 5000 per cambiare modalità operativa
In base alla modalità specificata per il controllore con il selettore a chiave, è
possibile cambiare la modalità operativa del controllore utilizzando il software
RSLogix 5000.
Con il controllore online ed il selettore a chiave impostato su controllo remoto
(REM o posizione centrale), è possibile utilizzare il menu Controller Status
nell’angolo superiore sinistro della finestra del software RSLogix 5000 per
specificare le seguenti modalità operative:
• Programmazione remota
• Esecuzione remota
• Test remoto
Figura 6 – Modalità operativa tramite il software RSLogix 5000
SUGGERIMENTO
In questo esempio, il selettore a chiave del controllore è impostato su REM
(controllo remoto). Se il selettore a chiave del controllore fosse impostato su
RUN o PROG, le opzioni del menu sarebbero diverse.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
43
Capitolo 2
Installazione del controllore
Disinstallazione del modulo
di alimentazione (ESM)
I controllori 1756-L7xS vengono forniti con un modulo ESM preinstallato.
Controllore
Num. di Cat. ESM installato
1756-L7xS – controllore
1756-ESMCAP
1756-L7xSXT – controllore per temperature estreme
1756-ESMCAPXT
1756-L7SP – coprocessore di sicurezza
1756-SPESMNSE
1756-L7SPXT – coprocessore di sicurezza per temperature estreme
1756-SPESMNSEXT
Prima di rimuovere il modulo ESM, considerare quanto segue:
• Anche quando i controllori 1756-L7xS non sono più in tensione, per
interruzione dell’alimentazione allo chassis o perché rimossi da uno chassis
alimentato, non rimuovere immediatamente il modulo ESM.
Prima di rimuovere il modulo ESM, attendere che l’indicatore di stato OK
del controllore passi da verde a rosso fisso e poi si spenga.
• Usare il modulo 1756-ESMNSE se l’applicazione richiede che il modulo
ESM installato riduca l’energia residua a 40 μJoule o meno prima di
installarlo o rimuoverlo dall’applicazione.
• Una volta installato, il modulo 1756-ESMNRM non può essere rimosso
dal controllore 1756-L7xS.
IMPORTANTE
Prima di rimuovere un modulo ESM, apportare al programma le regolazioni
necessarie in considerazione delle potenziali modifiche all’attributo
WallClockTime.
Per rimuovere un modulo 1756-ESMCAP(XT), 1756-ESMNSE(XT) o
1756-SPESMNSE(XT), procedere come segue.
AVVISO: Se l’applicazione richiede che il modulo ESM riduca la sua energia
residua a 40 μJoule o meno prima di inserirlo o rimuoverlo dal sistema, usare
solo il modulo 1756-ESMNSE(XT) per il controllore primario ed il modulo
1756-SPESMNSE(XT) per il coprocessore di sicurezza. In tal caso, prima di
rimuovere il modulo ESM, procedere come segue.
a. Interrompere l’alimentazione dello chassis.
Dopo l’interruzione dell’alimentazione, l’indicatore di stato OK del controllore
passa da verde a rosso fisso e poi si spegne.
b. Attendere almeno 20 minuti perché l’energia residua scenda a 40 μJoule o
meno prima di rimuovere il modulo ESM.
Non è prevista una segnalazione visiva allo scadere dei 20 minuti. È necessario
tenerne conto personalmente.
AVVISO: Se si inserisce o si rimuove il modulo ESM con l’alimentazione
backplane inserita, potrebbe verificarsi un arco elettrico, che può causare
esplosioni in installazioni che si trovano in aree pericolose.
Prima di procedere, assicurarsi di aver tolto alimentazione o che l’area non sia
pericolosa. Il ripetuto verificarsi di archi elettrici provoca l’eccessiva usura dei
contatti, sia del modulo sia del connettore corrispondente.
44
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Installazione del controllore
Capitolo 2
1. Estrarre la chiave dal selettore a chiave.
Il passo successivo dipende da quale delle seguenti condizioni si
applica:
• Se il modulo ESM viene rimosso da un controllore 1756-L7xS(XT)
in tensione, andare al passo 2.
• Se il modulo ESM viene rimosso da un controllore 1756-L7xS(XT)
non in tensione, per interruzione dell’alimentazione dello chassis
o per rimozione del controllore da uno chassis alimentato, non
rimuovere immediatamente il modulo ESM.
Prima di rimuovere il modulo ESM, attendere che l’indicatore di
stato OK del controllore passi da verde a rosso fisso e poi si spenga.
Quando l’indicatore di stato OK si spegne, andare al passo 2.
IMPORTANTE
2. Premere il pulsante di sblocco con il pollice ed estrarre il modulo ESM dal
controllore.
Logix 55xx
RUN FORCESD
OK
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Logix 55xx
RUN FORCESD
OK
45
Capitolo 2
Installazione del controllore
Installazione di un modulo di
alimentazione (ESM)
Tabella 10 – Moduli di alimentazione compatibili
Num. di Cat.
ESM compatibili
1756-L7xS
1756-ESMCAP, 1756-ESMNSE, 1756-ESMNRM
1756-L7xSXT
1756-ESMCAPXT, 1756-ESMNSEXT, 1756-ESMNRMXT
1756-L7SP
1756-SPESMNSE, 1756-SPESMNRM
1756-L7SPXT
1756-SPESMNSEXT, 1756-SPESMNRMXT
Per installare un modulo ESM, procedere come segue. Attenersi alla stessa
procedura per il coprocessore di sicurezza.
1. Allineare gli slot ad incastro del modulo ESM e del controllore.
Logix 55xx
RUN FORCESD
OK
2. Far scorrere il modulo ESM nello chassis fino a quando scatta in posizione.
ATTENZIONE: Per evitare di danneggiare il prodotto quando si inserisce il
modulo ESM, allinearlo nella guida e spingerlo delicatamente fino a quando
scatta in posizione.
Dopo l’installazione, il modulo ESM inizia a caricarsi. Lo stato di carica è
indicato da uno dei seguenti messaggi di stato:
• ESM Charging
• CHRG
Dopo aver installato il modulo ESM, possono trascorrere fino a 15 secondi prima
di visualizzare i messaggi sullo stato di carica.
IMPORTANTE
SUGGERIMENTO
46
Prima di interrompere l’alimentazione del controllore, lasciar completare
l’operazione di carica del modulo ESM. Per verificare che il modulo ESM sia
completamente carico, controllare che sul display di stato non compaiano più i
messaggi CHRG o ESM Charging.
Dopo aver installato un modulo ESM, controllare gli attributi dell’oggetto
WallClockTime per verificare che l’ora del controllore sia corretta.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Capitolo
3
Configurazione del controllore
Argomento
Creazione di un progetto del
controllore
Pagina
Creazione di un progetto del controllore
47
Impostazione delle password per il blocco/sblocco di sicurezza
49
Gestione della sostituzione dei moduli I/O
51
Abilitazione della sincronizzazione temporale
51
Configurazione di un controllore di sicurezza peer
52
Per configurare e programmare un controllore si utilizza il software
RSLogix 5000 per creare e gestire un progetto per il controllore.
1. Creare un progetto nel software RSLogix 5000 facendo clic sul pulsante
New nella barra degli strumenti principale.
2. Dal menu a tendina Type, selezionare un controllore GuardLogix:
• 1756-L61S ControlLogix5561S Controller
• 1756-L62S ControlLogix5562S Controller
• 1756-L63S ControlLogix5563S Controller
• 1756-L71S ControlLogix5571S Controller
• 1756-L72S ControlLogix5572S Controller
• 1756-L73S ControlLogix5573S Controller
3. Specificare la versione principale del firmware per il controllore.
4. Digitare un nome per il controllore.
Quando si crea un progetto, il nome del progetto corrisponde al nome del
controllore. Tuttavia, è possibile rinominare il progetto o il controllore.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
47
Capitolo 3
Configurazione del controllore
5. Selezionare la dimensione dello chassis.
6. Immettere il numero di slot del controllore.
Nella finestra di dialogo New Controller viene visualizzata la posizione
dello slot del coprocessore di sicurezza in base al numero di slot immesso
per il controllore primario.
Se il numero di slot selezionato per il controllore primario non permette il
posizionamento del coprocessore di sicurezza immediatamente a destra del
controllore primario, verrà richiesto di immettere nuovamente un numero
di slot valido.
7. Specificare la cartella in cui memorizzare il progetto del controllore di
sicurezza.
8. Nel caso di RSLogix 5000, versione 20 o successive, scegliere un’opzione di
Security Authority.
Per informazioni dettagliate sulla sicurezza, consultare il manuale di
programmazione Protezione dei controllori Logix5000, pubblicazione
1756-PM016.
9. Fare clic su OK.
Il software RSLogix 5000 crea automaticamente un task ed un programma di
sicurezza.
All’interno del programma di sicurezza viene inoltre creata una routine di
sicurezza principale della logica ladder denominata MainRoutine.
Figura 7 – Task di sicurezza nell’organizer del controllore
Una barra rossa sotto l’icona consente di distinguere i programmi e le routine di
sicurezza dai componenti del progetto standard dell’organizer del controllore
RSLogix 5000.
Quando viene creato un nuovo progetto di sicurezza, il software RSLogix 5000
genera automaticamente anche un numero rete di sicurezza (SNN, Safety
Network Number) basato sul tempo.
Tale valore SNN definisce il backplane dello chassis locale come sottorete di
sicurezza. Esso può essere visualizzato e modificato mediante la scheda General
nella finestra di dialogo Controller Properties.
Per la maggior parte delle applicazioni, questo numero di rete di sicurezza (SNN)
automatico basato sul tempo è sufficiente. Tuttavia, in alcuni casi può risultare
utile l’inserimento di un SNN specifico.
48
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Configurazione del controllore
Capitolo 3
Figura 8 – Safety Network Number
SUGGERIMENTO
Per cambiare da controllore standard a controllore di sicurezza e viceversa, è
possibile utilizzare la finestra di dialogo Controller Properties facendo clic su
Change Controller. Questa azione ha implicazioni sia per i progetti standard
che per quelli di sicurezza.
Per ulteriori informazioni sulle conseguenze del cambiamento dei
controllori, vedere Appendice C, Modifica del tipo di controllore nei progetti
RSLogix 5000.
Tabella 11 – Ulteriori riferimenti
Impostazione delle password
per il blocco/sblocco di
sicurezza
Riferimento
Descrizione
Capitolo 6, Sviluppo di applicazioni di sicurezza.
Contiene ulteriori informazioni su task, programmi e
routine di sicurezza
Capitolo 4, Comunicazione sulle reti
Fornisce ulteriori informazioni sulla gestione del numero
SNN
Il blocco di sicurezza del controllore contribuisce a proteggere i componenti di
controllo di sicurezza dalle modifiche. La funzione di blocco può essere utilizzata
solo per i componenti di sicurezza, ad esempio, task, programmi, routine e tag,
ma non può essere utilizzata per i componenti standard. Il blocco di sicurezza per
il progetto del controllore può essere attivato o disattivato in linea o offline.
La funzione di blocco e sblocco di sicurezza utilizza due password separate.
Le password sono opzionali.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
49
Capitolo 3
Configurazione del controllore
Per impostare le password, procedere come indicato di seguito.
1. Scegliere Tools > Safety > Change Password.
2. Dal menu a tendina What Password, selezionare Safety Lock oppure
Safety Unlock.
3. Inserire la vecchia password, se esistente.
4. Inserire e confermare la nuova password.
5. Fare clic su OK.
Le password possono avere una lunghezza compresa tra 1 e 40 caratteri e
non vi è distinzione tra maiuscole e minuscole. È possibile utilizzare lettere,
valori numerici ed i seguenti simboli:
‘[email protected]#$%^&*()_+,–={}|[]\:;?/.
Protezione della firma del
task di sicurezza in modalità
Esecuzione
50
È possibile prevenire la creazione o la cancellazione della firma del task di
sicurezza mentre il controllore è in modalità Esecuzione o Esecuzione remota, a
prescindere dal fatto che l’applicazione di sicurezza sia bloccata o sbloccata,
selezionando Protect Signature in Run Mode sulla scheda Safety della finestra di
dialogo Controller Properties.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Configurazione del controllore
Gestione della sostituzione
dei moduli I/O
Capitolo 3
La scheda Safety della finestra di dialogo Controller Properties consente di
definire la modalità di gestione della sostituzione di un modulo I/O nel sistema
da parte del controllore. Questa opzione consente di determinare se il controllore
imposta il numero di rete di sicurezza (SNN, Safety Network Number) di un
modulo I/O con il quale ha una connessione e per il quale dispone di dati di
configurazione quando(1) è presente una firma del task di sicurezza.
Figura 9 – Opzioni per la sostituzione dei moduli I/O
ATTENZIONE: Abilitare l’opzione Configure Always solo se l’intero
sistema di controllo CIP Safety instradabile non è utilizzato per
mantenere il livello SIL 3 durante la sostituzione ed il collaudo
funzionale di un modulo.
Per ulteriori informazioni, vedere il Capitolo 5, Aggiunta, configurazione,
monitoraggio e sostituzione di I/O CIP Safety.
Abilitazione della
sincronizzazione temporale
In un sistema del controllore GuardLogix, occorre designare un dispositivo dello
chassis locale come master CST (tempo di sistema coordinato). Affinché il
controllore possa diventare il master CST, è necessario abilitare Time
Synchronization nella scheda Date/Time della finestra di dialogo Controller
Properties. La sincronizzazione temporale è un meccanismo standard per la
sincronizzazione degli orologi in una rete di dispositivi distribuiti.
(1) La firma del task di sicurezza è un numero utilizzato per identificare in modo univoco la logica, i dati e la configurazione di ciascun
progetto, proteggendo pertanto il livello di integrità di sicurezza del sistema (SIL). Per ulteriori informazioni vedere Firma del task di
sicurezza a pagina 16 e Generazione di una firma del task di sicurezza a pagina 106.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
51
Capitolo 3
Configurazione del controllore
Figura 10 – Scheda Date/Time
Per ulteriori informazioni sulla sincronizzazione temporale, consultare la
pubblicazione Integrated Architecture™ and CIP Sync Configuration
Application Solution IA-AT003.
Configurazione di un
controllore di sicurezza peer
Per consentire il consumo di tag standard o di sicurezza, è possibile aggiungere un
controllore di sicurezza peer alla cartella di configurazione I/O del progetto di
sicurezza. Per condividere i dati di sicurezza tra i controllori peer, è possibile
produrre e consumare tag di sicurezza dell’ambito del controllore.
Per i dettagli sulla configurazione dei controllori di sicurezza peer e su
produzione/consumo dei tag di sicurezza, vedere Tag di sicurezza prodotti/
consumati a pagina 97.
52
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Capitolo
4
Comunicazione sulle reti
Argomento
Rete di sicurezza
Pagina
Rete di sicurezza
53
Comunicazione EtherNet/IP
59
Comunicazione ControlNet
63
Comunicazione DeviceNet
65
Comunicazione seriale
67
Ulteriori riferimenti
68
Il protocollo CIP Safety è un protocollo di sicurezza da nodo finale a nodo finale
che consente l’instradamento di messaggi CIP Safety da e verso dispositivi CIP
Safety tramite ponte, switch e router.
Per mantenere un elevato livello di integrità quando si esegue l’instradamento
attraverso bridge, switch o router standard, ciascun nodo finale all’interno di un
sistema di controllo CIP Safety instradabile deve avere un riferimento univoco.
Tale riferimento univoco è una combinazione del numero di sicurezza della rete
(SNN) e dell’indirizzo di nodo del dispositivo di rete.
Gestione del numero di rete di sicurezza (SNN)
Il valore SNN assegnato ai dispositivi di sicurezza su un segmento di rete deve
essere univoco. Accertarsi che ai seguenti elementi sia assegnato un valore SNN
univoco:
• Ogni rete CIP Safety che contiene dispositivi di sicurezza
• Ogni chassis che contiene uno o più controllori GuardLogix
SUGGERIMENTO
Alle sottoreti CIP Safety o agli chassis ControlBus che contengono più di un
dispositivo di sicurezza è possibile assegnare più numeri rete di sicurezza.
Tuttavia, per semplicità, si consiglia di utilizzare un unico valore
SNN univoco per ciascuna sottorete CIP Safety.
Il valore SNN può essere assegnato dal software (basato sul tempo) oppure
dall’utente (manuale). I due formati del valore SNN sono descritti nelle seguenti
sezioni.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
53
Capitolo 4
Comunicazione sulle reti
Numero rete di sicurezza basato sul tempo
Se viene selezionato il formato basato sul tempo, il valore SNN generato
rappresenta la data e l’ora in cui il numero è stato generato, in base al personal
computer in cui è eseguito il software di configurazione.
Figura 11 – Formato basato sul tempo
Numero rete di sicurezza manuale
Se viene selezionato il formato manuale, il numero SNN rappresenta i valori
decimali immessi compresi tra 1 e 9999.
Figura 12 – Immissione manuale
54
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Comunicazione sulle reti
Capitolo 4
Assegnazione del Numero di rete di sicurezza (SNN)
È possibile consentire a RSLogix 5000 di assegnare automaticamente un valore
SNN, oppure assegnarlo manualmente.
Assegnazione automatica
Quando viene creato un controllore o un modulo nuovo, un valore SNN basato
sul tempo viene assegnato automaticamente tramite il software di configurazione.
Ai nuovi moduli di sicurezza aggiunti successivamente alla stessa rete CIP Safety
viene assegnato lo stesso valore SNN definito all’interno dell’indirizzo di livello
più basso sulla rete CIP Safety.
Assegnazione manuale
L’opzione manuale è destinata ai sistemi CIP Safety instradabili in cui il numero
di sottoreti della rete e di reti di interconnessione è minimo ed in cui gli utenti
desiderano gestire ed assegnare i valori SNN in modo logico in base
all’applicazione specifica.
Vedere Modifica del numero di rete di sicurezza (SNN) a pagina 55.
IMPORTANTE
Se si assegna un SNN manualmente, assicurarsi che l’ampliamento del
sistema non determini una duplicazione delle combinazioni SNN ed
indirizzo di nodo.
Automatico e manuale
Per gli utenti tipici, l’assegnazione automatica di un SNN è sufficiente. Tuttavia,
la modifica manuale del valore SNN è necessaria nei seguenti casi:
• Se si utilizzano tag consumati.
• Se il progetto consuma i dati di sicurezza in ingresso da un modulo la cui
configurazione appartiene ad un altro dispositivo.
• Se il progetto di sicurezza viene copiato in un’altra installazione hardware
all’interno dello stesso sistema CIP Safety instradabile.
Modifica del numero di rete di sicurezza (SNN)
Prima di modificare il valore SNN, è necessario eseguire le seguenti operazioni:
• Sbloccare il progetto, se è in blocco di sicurezza.
Vedere Blocco di sicurezza del controllore a pagina 105.
• Eliminare la firma del task di sicurezza, se è presente.
Vedere Eliminazione della firma del task di sicurezza a pagina 108.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
55
Capitolo 4
Comunicazione sulle reti
Modifica del numero di rete di sicurezza (SNN) del controllore
1. Nell’organizer del controllore, fare clic con il pulsante destro del mouse sul
controllore e selezionare Properties.
2. Nella scheda General della finestra di dialogo Controller Properties, fare
clic su
a destra del numero rete di sicurezza per aprire la finestra di
dialogo Safety Network Number.
3. Fare clic su Time-based, quindi su Generate.
4. Fare clic su OK.
Modifica del numero di rete di sicurezza (SNN) dei moduli I/O di sicurezza sulla rete CIP Safety
Questo esempio si riferisce ad una rete EtherNet/IP.
1. Ricercare il primo modulo di comunicazione EtherNet/IP nella struttura
di configurazione I/O.
2. Espandere i moduli I/O di sicurezza disponibili attraverso il modulo di
comunicazione EtherNet/IP.
56
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Comunicazione sulle reti
Capitolo 4
3. Per visualizzare la scheda General, fare doppio clic sul primo modulo I/O
di sicurezza.
4. Per aprire la finestra di dialogo Safety Network Number, fare clic su
destra del numero rete di sicurezza.
a
5. Per generare un nuovo valore SNN per la rete EtherNet/IP, selezionare
Time-based e fare clic su Generate.
6. Fare clic su OK.
7. Per copiare il nuovo valore SNN negli Appunti di Windows, fare clic su
Copy.
8. Aprire la scheda General della finestra di dialogo Module Properties del
modulo I/O di sicurezza successivo del modulo EtherNet/IP specifico.
9. Per aprire la finestra di dialogo Safety Network Number, fare clic su
destra del numero rete di sicurezza.
a
10. Per incollare il valore SNN della rete EtherNet/IP all’interno del
dispositivo, selezionare Time-based e fare clic su Paste.
11. Fare clic su OK.
12. Ripetere i passi 8…10 per i moduli I/O di sicurezza rimanenti nella
struttura di tale modulo di comunicazione EtherNet/IP.
13. Ripetere i passi 2…10 per i moduli di comunicazione di rete rimanenti
nella struttura di configurazione I/O.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
57
Capitolo 4
Comunicazione sulle reti
Operazione di copia ed incolla di un numero di rete di sicurezza (SNN)
Se la configurazione del modulo appartiene ad un altro controllore, può essere
necessario copiare ed incollare il valore SNN dal proprietario della
configurazione nel modulo della struttura di configurazione I/O.
1. Nello strumento di configurazione software del proprietario della
configurazione del modulo, aprire la finestra di dialogo Safety Network
Number relativa al modulo.
2. Fare clic su Copy.
3. Fare clic sulla scheda General nella finestra di dialogo Module Properties
del modulo I/O nella struttura di configurazione I/O del progetto del
controllore consumatore.
Il controllore consumatore non è il proprietario della configurazione.
4. Per aprire la finestra di dialogo Safety Network Number, fare clic su
destra del numero rete di sicurezza.
5. Fare clic su Paste.
6. Fare clic su OK.
58
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
a
Comunicazione sulle reti
Comunicazione EtherNet/IP
Capitolo 4
Per la comunicazione di rete EtherNet/IP in un sistema GuardLogix, è possibile
scegliere tra diversi moduli.Per la comunicazione CIP Safety, che comprende il
controllo dei moduli I/O di sicurezza, scegliere uno dei moduli elencati nella
Tabella 12, eccetto il modulo 1756-EWEB, che non supporta la comunicazione
CIP Safety.
La Tabella 12 elenca i moduli e le loro funzioni primarie.
Tabella 12 – Moduli di comunicazione EtherNet/IP e capacità
Modulo
Funzioni
1756-ENBT
•
•
•
•
1756-EN2T
• Stesse funzioni del modulo 1756-ENBT ma con capacità doppia per applicazioni più
esigenti.
• Connessione temporanea per la configurazione tramite porta USB.
• Configurazione rapida degli indirizzi IP tramite selettori rotativi.
1756-EN2F
• Stesse funzioni di un modulo 1756-EN2T.
• Collegamento dei cavi in fibra tramite un connettore LC.
1756-EN2TXT
• Stesse funzioni di un modulo 1756-EN2T.
• Funzionamento in ambienti estremi con temperature comprese nel campo -25…70 °C.
1756-EN2TR
• Stesse funzioni di un modulo 1756-EN2T.
• Supporto delle comunicazioni su topologia ad anello per una rete ad anello DLR (Device
Level Ring) a prova di singolo guasto.
1756-EN3TR
• Stesse funzioni di un modulo 1756-EN2TR.
• Tre porte per connessione DLR.
1756-EWEB
•
•
•
•
Collegamento dei controllori ai moduli I/O (necessità di una scheda per gli I/O distribuiti).
Comunicazione con altri dispositivi EtherNet/IP (messaggi).
Percorso per la condivisione dei dati tra controllori Logix5000 (produzione/consumo).
Collegamento in ponte dei nodi EtherNet/IP per instradare i messaggi ai dispositivi su
altre reti.
Pagine web personalizzabili per l’accesso esterno alle informazioni del controllore.
Accesso remoto, tramite browser Internet, ai tag di un controllore ControlLogix locale.
Comunicazione con altri dispositivi EtherNet/IP (messaggi).
Collegamento in ponte dei nodi EtherNet/IP per instradare i messaggi ai dispositivi su
altre reti.
• Supporto di dispositivi Ethernet non basati su EtherNet/IP con interfaccia socket.
Questo modulo non supporta tag I/O o tag prodotti/consumati né la comunicazione CIP
Safety.
I moduli di comunicazione EtherNet/IP dispongono delle seguenti funzioni:
• Supporto messaggistica, tag prodotti/consumati, interfaccia operatore e
I/O distribuiti
• Messaggi incapsulati all’interno del protocollo TCP/UDP/IP standard
• Un livello di applicazione comune con le reti ControlNet e DeviceNet
• Interfaccia mediante cavo a doppino intrecciato, non schermato, RJ45,
categoria 5
• Supporto del funzionamento half/full-duplex a 10 M o 100 M
• Funzionamento con switch standard
• Schedulazione di rete non richiesta
• Tabelle di instradamento non richieste
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
59
Capitolo 4
Comunicazione sulle reti
Questi prodotti software sono disponibili per le reti EtherNet/IP.
Tabella 13 – Software per moduli EtherNet/IP
Software
Scopo
Necessario
Software di programmazione
RSLogix 5000
Questo software è necessario per la configurazione del progetto del
controllore e la definizione della comunicazione EtherNet/IP.
Sì
Utilità BOOTP/DHCP
Questa utilità è fornita con il software RSLogix 5000. È possibile
utilizzarla per l’assegnazione di indirizzi IP ai dispositivi su una rete
EtherNet/IP.
No
Software RSNetWorx for
EtherNet/IP
Questo software può essere utilizzato per configurare dispositivi
EtherNet/IP mediante indirizzi IP e/o nomi host.
No
Software RSLinx
Questo software può essere utilizzato per configurare i dispositivi,
stabilire comunicazioni tra i dispositivi e svolgere attività di
diagnostica.
Sì
Produzione e consumo dei dati attraverso una rete EtherNet/IP
Il controllore supporta la produzione (invio) ed il consumo (ricezione) dei tag
su una rete Ethernet/IP. Tutti i tag prodotti e consumati richiedono
connessioni. Il numero totale di tag producibili e consumabili è limitato dal
numero di connessioni disponibili.
Connessioni sulla rete EtherNet/IP
Configurando il controllore di sicurezza per la comunicazione con altri
dispositivi nel sistema, si determina indirettamente il numero di connessioni
utilizzate dal controllore. Le connessioni sono allocazioni di risorse che
garantiscono una comunicazione tra i dispositivi più affidabile se paragonata ai
messaggi non connessi (istruzioni di messaggio).
Le connessioni EtherNet/IP non sono schedulate. Una connessione non
schedulata viene attivata dall’intervallo di pacchetto richiesto (RPI, Requested
Packet Interval) per il controllo I/O o dal programma (ad esempio un’istruzione
MSG). La messaggistica non schedulata consente di inviare e ricevere i dati
quando necessario.
I moduli di comunicazione EtherNet/IP supportano 128 connessioni CIP
(Common Industrial Protocol) su una rete EtherNet/IP.
60
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Comunicazione sulle reti
Capitolo 4
Esempio di comunicazione EtherNet/IP
Questo esempio illustra quanto segue:
• I controllori possono produrre e consumare tra loro tag standard o di
sicurezza.
• I controllori possono generare istruzioni MSG che inviano/ricevono dati
standard o configurano dispositivi.(1)
• Il modulo di comunicazione EtherNet/IP può essere utilizzato come
bridge, consentendo al controllore di sicurezza di produrre e consumare
dati standard e di sicurezza.
• II personal computer può eseguire upload/download di progetti sui
controllori.
• Il personal computer può configurare dispositivi sulla rete EtherNet/IP.
Figura 13 – Esempio di comunicazione EtherNet/IP
Controllore FlexLogix™ con modulo 1788-ENBT
I/O distribuito
Controllore Compact GuardLogix 1768 con
modulo 1768-ENBT
Modulo 1756-ENBT
(come scheda) con
moduli I/O 1756
Controllore GuardLogix con
modulo 1756-ENBT
Controllore CompactLogix™
con porta EtherNet/IP
integrata
Modulo 1756-DNB per
comunicazione DeviceNet remota
Modulo
1791ES-IB8XOBV4
a dispositivi standard o di
sicurezza su rete DeviceNet
Scheda 1794-AENT con
moduli I/O 1794
Switch
Scheda 1734-AENT con
moduli I/O 1734
Convertitore di frequenza
PowerFlex® 700S con
software DriveLogix™
Workstation
(1) I controllori GuardLogix non supportano le istruzioni MSG per i dati di sicurezza.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
61
Capitolo 4
Comunicazione sulle reti
Connessioni EtherNet/IP per moduli I/O CIP Safety
I moduli I/O CIP Safety su reti EtherNet/IP vengono aggiunti al progetto nel
modulo di comunicazione EtherNet/IP, come descritto al Capitolo 5, Aggiunta,
configurazione, monitoraggio e sostituzione di I/O CIP Safety. Quando si
aggiunge un modulo I/O CIP Safety, il software RSLogix 5000 crea
automaticamente per tale modulo tag di dati di sicurezza definiti nell’ambito
del controllore.
Figura 14 – Aggiunta di moduli EtherNet/IP al progetto
Connessioni EtherNet/IP standard
Per utilizzare un modulo EtherNet/IP standard con il controllore di sicurezza, è
necessario aggiungere il modulo al progetto del controllore di sicurezza e scaricare
il progetto sul controllore GuardLogix.
1. Per configurare il modulo, definire indirizzo IP, maschera di sottorete e
gateway.
Parametro
EtherNet/IP
IP address
Subnet Mask
Gateway
Descrizione
L’indirizzo IP identifica il modulo in modo univoco. L’indirizzo IP si presenta nella forma
xxx.xxx.xxx.xxx. dove ogni xxx corrisponde ad un numero compreso tra 0 e 255. Tuttavia, vi sono
alcuni valori che non possono essere utilizzati come primo ottetto dell’indirizzo:
• 000.xxx.xxx.xxx
• 127.xxx.xxx.xxx
• 223…255.xxx.xxx.xxx
L’indirizzamento della sottorete è un’estensione dello schema dell’indirizzo IP che consente ad un
sito di utilizzare un solo ID di rete per più reti fisiche. L’instradamento fuori dal sito continua
dividendo l’indirizzo IP in un ID di rete ed in un ID host tramite la classe. All’interno di un sito, la
maschera di sottorete è utilizzata per suddividere l’indirizzo IP in un ID di rete personalizzato ed
in un ID host. Per default, questo campo è impostato a 0.0.0.0.
Se si modifica la maschera di sottorete di un modulo già configurato, è necessario spegnere e
riaccendere perché la modifica diventi attiva.
Il gateway connette singole reti fisiche in un sistema di reti. Quando un nodo deve comunicare
con un nodo su un’altra rete, il gateway trasferisce i dati tra le due reti. Per default, questo campo
è impostato a 0.0.0.0.
2. Dopo avere installato fisicamente un modulo EtherNet/IP ed impostato
il relativo indirizzo IP, è necessario aggiungere il modulo all’organizer del
controllore nel progetto del controllore GuardLogix.
3. Per scaricare il progetto, utilizzare il software RSLogix 5000.
62
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Comunicazione sulle reti
Comunicazione ControlNet
Capitolo 4
Per le comunicazioni ControlNet, scegliere un modulo 1756-CNB o
1756-CNBR per comunicazioni standard, oppure un modulo 1756-CN2,
1756-CN2R o 1756-CN2RXT per comunicazioni di sicurezza.
Tabella 14 – Moduli ControlNet
Se l’applicazione
Selezionare
•
•
•
•
•
1756-CNB
Controlla i moduli I/O standard
Richiede una scheda per I/O distribuiti sui collegamenti ControlNet
Comunica con altri dispositivi ControlNet (messaggi)
Condivide dati standard con altri controllori Logix5000 (produzione/consumo)
Funge da bridge con i link ControlNet per instradare i messaggi a dispositivi su altre reti
• Svolge le stesse funzioni di un modulo 1756-CNB
• È compatibile anche con i supporti ControlNet ridondanti
1756-CNBR
• Svolge le stesse funzioni supportate dal modulo 1756-CNB con prestazioni superiori
• Supporta la comunicazione CIP Safety
1756-CN2
• Svolge le stesse funzioni di un modulo 1756-CN2
• È compatibile anche con i supporti ControlNet ridondanti
1756-CN2R
• Esegue le stesse funzioni di un modulo 1756-CN2R
• Funziona in ambienti estremi con temperature di -25…70 °C
1756-CN2RXT
Questi prodotti software sono disponibili per le reti ControlNet.
Tabella 15 – Software per moduli ControlNet
Software
Scopo
Necessario
Software di programmazione
RSLogix 5000
Questo software è necessario per la configurazione del progetto
GuardLogix e la definizione della comunicazione ControlNet.
Sì
Software RSNetWorx per
ControlNet
Questo software è necessario per configurare la rete ControlNet,
definire il tempo di aggiornamento della rete (NUT, Network Update
Time) e schedulare la rete ControlNet.
Sì
Software RSLinx
Questo software può essere utilizzato per configurare i dispositivi,
stabilire comunicazioni tra i dispositivi e svolgere attività di
diagnostica.
Sì
I moduli di comunicazione ControlNet forniscono quanto segue:
• Supportano messaggistica, tag standard e di sicurezza prodotti/consumati
ed I/O distribuiti
• Supportano l’utilizzo di ripetitori con cavi coassiali o fibre ottiche per
consentire l’isolamento e l’aumento della distanza.
Produzione e consumo dei dati attraverso una rete ControlNet
Il controllore GuardLogix supporta la produzione (invio) ed il consumo
(ricezione) dei tag su reti ControlNet. Il numero totale di tag producibili o
consumabili è limitato dal numero di connessioni disponibili nel controllore
GuardLogix.
Connessioni sulla rete ControlNet
Configurando il controllore per la comunicazione con altri dispositivi nel
sistema, si determina il numero di connessioni utilizzate dal controllore. Le
connessioni sono allocazioni di risorse che garantiscono una comunicazione tra
i dispositivi più affidabile se paragonata ai messaggi non connessi.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
63
Capitolo 4
Comunicazione sulle reti
Le connessioni ControlNet possono essere schedulate o non schedulate.
Tabella 16 – Connessioni ControlNet
Tipo di collegamento
Descrizione
Schedulata
(univoca per la rete ControlNet)
Una connessione schedulata è univoca per la comunicazione ControlNet. Una connessione schedulata consente di inviare e ricevere dati
ripetutamente in base ad un intervallo prestabilito, che è l’intervallo di pacchetto richiesto (RPI, Requested Packet Interval). Ad esempio, una
connessione ad un modulo I/O è una connessione schedulata, poiché vengono ricevuti ripetutamente dati dal modulo in un intervallo
specificato. Altri tipi di connessioni schedulate includono le connessioni a:
• Dispositivi di comunicazione
• Tag prodotti/consumati
Su una rete ControlNet, per abilitare le connessioni schedulate e stabilire un tempo di aggiornamento della rete (NUT, Network Update
Time), occorre utilizzare il software RSNetWorx per ControlNet. La schedulazione di una connessione riserva una larghezza di banda della
rete per la gestione specifica della connessione.
Non schedulata
Una connessione non schedulata è un trasferimento di messaggi tra controllori che viene attivato dall’intervallo di pacchetto richiesto (RPI,
Requested Packet Interval) o dal programma (ad esempio un’istruzione MSG). La messaggistica non schedulata consente di inviare e ricevere
i dati quando necessario.
Le connessioni non schedulate utilizzano la larghezza di banda della rete rimanente dopo l’allocazione delle connessioni schedulate.
Le connessioni di sicurezza prodotte/consumate non sono schedulate.
I moduli di comunicazione 1756-CNB e 1756-CNBR supportano 64
connessioni CIP su una rete ControlNet. Tuttavia, è consigliabile configurare
non più di 48 connessioni per mantenere le prestazioni ottimale.
Il modulo 1756-CN2 supporta 128 connessioni CIP sulla rete ControlNet.
Esempio di comunicazione ControlNet
Questo esempio illustra quanto segue:
• I controllori GuardLogix possono produrre e consumare tra loro tag
standard o di sicurezza.
• I controllori GuardLogix possono generare istruzioni MSG che
inviano/ricevono dati standard o configurano dispositivi.(1)
• Il modulo 1756 -CN2 può essere utilizzato come ponte, consentendo al
controllore GuardLogix di produrre e consumare dati standard e di
sicurezza da e verso dispositivi I/O
• II personal computer può eseguire upload/download di progetti sui
controllori.
• Il personal computer può configurare dispositivi sulla rete ControlNet,
nonché la rete stessa.
(1) I controllori GuardLogix non supportano le istruzioni MSG per i dati di sicurezza.
64
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Comunicazione sulle reti
Capitolo 4
Figura 15 – Esempio di comunicazione ControlNet
Convertitore di
frequenza
PowerFlex 700S con
software DriveLogix
Controllore GuardLogix con
modulo 1756-CN2
Controllore Compact GuardLogix con
modulo 1768-CNB
I/O distribuito
Personal
Computer/
Workstation
Modulo 1756-CN2
(come scheda) con
moduli I/O 1756
Modulo 1756-DNB
a rete DeviceNet
con I/O CIP Safety
ControlNet
Controllore
GuardLogix
con modulo
1756-DNB
Terminale PanelView™
a rete DeviceNet con I/O
CIP Safety
Controllore PLC-5®/40C
Scheda 1794-ACN15 con
moduli I/O 1794
Scheda 1734-ACNR con
moduli I/O 1734(1)
(1) La scheda 1734-ACN non supporta i moduli I/O di sicurezza POINT Guard.
Connessioni ControlNet per moduli I/O distribuiti
Per comunicare con i moduli I/O distribuiti in una rete ControlNet, è necessario
aggiungere un ponte ControlNet, una scheda ControlNet e moduli I/O nella
cartella di configurazione I/O del controllore.
Comunicazione DeviceNet
Per comunicare e scambiare dati con i moduli I/O CIP Safety su reti DeviceNet,
è necessario un modulo 1756-DNB nello chassis locale.
Per informazioni sulla modalità di installazione del modulo 1756-DNB, fare
riferimento alle istruzioni per l’installazione ControlLogix DeviceNet Scanner
Module, pubblicazione 1756-IN566.
Il modulo 1756-DNB supporta la comunicazione con i dispositivi DeviceNet
Safety e DeviceNet standard. Pertanto, è possibile utilizzare entrambe le
tipologie.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
65
Capitolo 4
Comunicazione sulle reti
Questi prodotti software vengono utilizzati con le reti DeviceNet ed il modulo
1756-DNB.
Tabella 17 – Software da utilizzare con le reti DeviceNet
Software
Utilizzato per
Necessario/opzionale
RSLogix 5000
• Configurare progetti ControlLogix.
• Definire la comunicazione DeviceNet.
Necessario
RSNetWorx™ for DeviceNet
• Configurare i dispositivi DeviceNet.
• Definire l’elenco di scansione per tali dispositivi.
RSLinx Classic o RSLinx
Enterprise
• Configurare i dispositivi di comunicazione.
• Eseguire attività di diagnostica.
• Attivare le comunicazioni tra i dispositivi.
Connessioni DeviceNet per moduli I/O CIP Safety
Per accedere ai dispositivi CIP Safety sulle reti DeviceNet, aggiungere un modulo
1756-DNB alla struttura di configurazione I/O del progetto del controllore
GuardLogix.
I moduli I/O CIP Safety sulle reti DeviceNet vengono aggiunti al progetto nel
modulo 1756-DNB, come descritto al Capitolo 5, Aggiunta, configurazione,
monitoraggio e sostituzione di I/O CIP Safety. Quando si aggiunge un modulo
I/O CIP Safety, il software RSLogix 5000 crea automaticamente per tale modulo
tag di dati di sicurezza definiti nell’ambito del controllore.
Figura 16 – Modulo DeviceNet nel controllore nella struttura di configurazione I/O
66
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Comunicazione sulle reti
Capitolo 4
Connessioni DeviceNet standard
Se si utilizzano I/O DeviceNet standard con il controllore GuardLogix, è
necessario allocare due connessioni per ciascun modulo 1756-DNB: una
connessione è per lo stato del modulo e la configurazione, mentre l’altra è una
connessione ottimizzata per rack per i dati I/O DeviceNet.
Per utilizzare il modulo 1756-DNB per l’accesso ai dati standard tramite la rete
DeviceNet, è necessario utilizzare il software RSNetWorx per DeviceNet per
eseguire le seguenti operazioni:
• Creare un file di configurazione per la rete.
• Configurare ciascun dispositivo standard sulla rete.
• Configurare il modulo 1756-DNB.
• Aggiungere dispositivi I/O standard all’elenco di scansione 1756-DNB.
Quando si aggiunge il modulo 1756-DNB alla configurazione I/O del
controllore, il software RSLogix 5000 crea automaticamente un gruppo di tag
standard per i dati di ingresso, uscita e di stato della rete.
Comunicazione seriale
Per utilizzare il controllore GuardLogix su una rete seriale, è necessario disporre
di:
• Una workstation con una porta seriale
• Il software RSLinx per configurare il driver di comunicazione seriale
• il software RSLogix 5000 per configurare la porta seriale del controllore
Perché il controllore comunichi con una workstation o un altro dispositivo sulla
rete seriale, è necessario:
1. Configurare il driver di comunicazione seriale per la workstation.
2. Configurare la porta seriale del controllore.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
67
Capitolo 4
Comunicazione sulle reti
Tabella 18 – Modalità di comunicazione seriale
Ulteriori riferimenti
68
Utilizzare la modalità
Per le seguenti informazioni
Punto-punto DF1
Comunicazione tra il controllore ed un altro dispositivo compatibile con il protocollo DF1.
Questa è la modalità di sistema predefinita. Questa modalità viene generalmente
utilizzata per programmare il controllore attraverso la relativa porta seriale.
Master DF1
Controllo dell’interrogazione e della trasmissione dei messaggi tra i nodi master e slave.
La rete master/slave comprende un controllore configurato come nodo master ed un
massimo di 254 nodi slave. I nodi slave devono essere collegati per mezzo di modem o line
driver.
Una rete master/slave può avere numeri di nodo compresi tra 0 e 254. Ciascun nodo deve
avere un indirizzo di nodo univoco. Inoltre, devono esistere almeno 2 nodi per definire il
collegamento come rete (1 stazione master e 1 stazione slave costituiscono due nodi).
Slave DF1
Controllore utilizzato come stazione slave in una rete di comunicazione seriale
master/slave.
Se coesistono più stazioni slave sulla rete, collegare le stazioni slave al master attraverso i
modem o i line driver. Quando sulla rete è presente un’unica stazione slave, non è
necessario un modem per connettere la stazione slave al master. È possibile configurare i
parametri di controllo per nessun handshaking. È possibile connettere da 2 a 255 nodi ad
un link. In modalità DF1 slave, un controllore utilizza il protocollo DF1 half-duplex.
Un nodo è assegnato come master e controlla gli accessi al link. Tutti gli altri nodi sono
stazioni slave e devono attendere l’autorizzazione dal master prima di eseguire la
trasmissione.
DH-485
Comunicazione con altri dispositivi DH-485 multi-master, rete a passaggio di token che
permette la programmazione e la messaggistica peer-to-peer.
Riferimento
Descrizione
Manuale dell’utente EtherNet/IP Modules in Logix5000
Control Systems, pubblicazione ENET-UM001
Contiene informazioni dettagliate sulla configurazione e
l’utilizzo dei moduli di comunicazione EtherNet/IP in un
sistema di controllo Logix5000
Manuale dell’utente ControlNet Modules in Logix5000
Control Systems, pubblicazione CNET-UM001
Contiene informazioni dettagliate sulla configurazione e
l’utilizzo dei moduli di comunicazione ControlNet in un
sistema di controllo Logix5000
Manuale dell’utente DeviceNet Modules in Logix5000
Control Systems, pubblicazione DNET-UM004
Contiene informazioni dettagliate sulla configurazione e
l’utilizzo del modulo 1756-DNB in un sistema di controllo
Logix5000
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Capitolo
5
Aggiunta, configurazione, monitoraggio e
sostituzione di I/O CIP Safety
Argomento
Pagina
Aggiunta di moduli I/O CIP Safety
69
Configurazione di moduli I/O CIP Safety mediante il software RSLogix 5000
70
Impostazione del Numero di rete di sicurezza (SNN)
71
Utilizzo delle connessioni unicast su reti EtherNet/IP
71
Impostazione del limite del tempo di risposta della connessione
71
Comprensione dell’autenticazione di configurazione
75
Ripristino della proprietà dei moduli I/O di sicurezza
76
Indirizzamento dei dati I/O di sicurezza
76
Monitoraggio dello stato dei moduli I/O di sicurezza
77
Reset di un modulo alle condizioni predefinite in fabbrica
79
Sostituzione di un modulo tramite il software RSLogix 5000
79
Sostituzione di un modulo POINT Guard I/O mediante il software RSNetWorx for DeviceNet
86
Per ulteriori informazioni sull’installazione, la configurazione e l’utilizzo di
moduli I/O CIP Safety, consultare le seguenti risorse:
• Manuale dell’utente Guard I/O DeviceNet Safety Modules,
pubblicazione1791DS-UM001
• Manuale dell’utente Moduli di sicurezza Guard I/O EtherNet/IP,
pubblicazione 1791ES-UM001
• Manuale di installazione ed uso Moduli di sicurezza POINT Guard I/O,
pubblicazione 1734-UM013
• Guida in linea del software RSLogix 5000
Aggiunta di moduli I/O CIP
Safety
Quando si aggiunge un modulo al sistema, è necessario definire una
configurazione per il modulo, comprendente i seguenti elementi:
• Indirizzo del nodo per reti DeviceNet
L’indirizzo di nodo di un modulo I/O CIP Safety sulle reti DeviceNet non
è configurabile mediante il software RSLogix 5000. Tali indirizzi, infatti,
vengono impostati mediante selettori rotativi sui moduli.
• Indirizzo IP per reti EtherNet/IP
Per impostare l’indirizzo IP, è possibile regolare i selettori rotativi sul
modulo, utilizzare il software DHCP fornito da Rockwell Automation
oppure recuperare l’indirizzo predefinito dalla memoria non volatile.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
69
Capitolo 5
Aggiunta, configurazione, monitoraggio e sostituzione di I/O CIP Safety
• Numero della rete di sicurezza (SNN)
Per informazioni sull’impostazione del valore SNN, vedere a pagina 71.
• Autenticazione di configurazione
Per informazioni su quando l’autenticazione di configurazione è impostata
automaticamente o è necessario impostarla manualmente, vedere a
pagina 75.
• Limite del tempo di risposta
Per informazioni sull’impostazione del limite del tempo di risposta, vedere
a pagina 71.
• Parametri di test, uscita ed ingresso di sicurezza
Per configurare i moduli I/O CIP Safety tramite il controllore GuardLogix è
possibile utilizzare il software RSLogix 5000.
SUGGERIMENTO
Configurazione di moduli I/O
CIP Safety mediante il
software RSLogix 5000
I moduli I/O di sicurezza supportano dati standard e di sicurezza.
La configurazione dei moduli determina i dati disponibili.
Il modulo I/O CIP Safety deve essere aggiunto al modulo di comunicazione nella
cartella di configurazione I/O del progetto RSLogix 5000.
SUGGERIMENTO Quando si è online, non è possibile aggiungere o eliminare un modulo I/O
CIP Safety.
1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla rete appropriata quindi
selezionare New Module.
2. Espandere la categoria Safety e selezionare un modulo I/O CIP Safety.
3. Specificare le proprietà del modulo.
a. Modificare le impostazioni nel campo Module Definition, se
necessario, facendo clic su Change.
b. Immettere un nome per il nuovo modulo.
c. Inserire l’indirizzo di nodo o indirizzo IP del modulo utilizzato nella
rete di collegamento.
Nel menu a discesa sono inclusi solo i numeri di nodo non utilizzati.
70
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Aggiunta, configurazione, monitoraggio e sostituzione di I/O CIP Safety
Capitolo 5
d. Modificare il numero rete di sicurezza (SNN, Safety Network
Number), se necessario, facendo clic sul pulsante
.
Per ulteriori informazioni, vedere a pagina 71.
e. Impostare i parametri di configurazione del modulo utilizzando le
schede Input Configuration, Test Output e Output Configuration.
Per ulteriori informazioni sulla configurazione del modulo I/O CIP
Safety, fare riferimento alla guida in linea di RSLogix 5000.
f. Impostare il limite del tempo di risposta della connessione utilizzando
la scheda Safety.
Per ulteriori informazioni, vedere a pagina 71.
Impostazione del Numero di
rete di sicurezza (SNN)
Quando si aggiungono nuovi moduli I/O di sicurezza, l’assegnazione di un valore
SNN basato sul tempo è automatica. Ai moduli di sicurezza aggiunti
successivamente alla stessa rete viene assegnato lo stesso valore SNN definito
all’interno dell’indirizzo di livello più basso sulla rete CIP Safety.
Per la maggior parte delle applicazioni, questo valore SNN basato sul tempo ed
automatico è sufficiente. Tuttavia, in alcuni casi è necessario modificare un valore
SNN.
Vedere Assegnazione del Numero di rete di sicurezza (SNN) a pagina 55.
Utilizzo delle connessioni
unicast su reti EtherNet/IP
Con il software RSLogix 5000 versione 20 o successive, è possibile configurare i
moduli I/O EtherNet/IP per l’utilizzo di connessioni unicast. Le connessioni
unicast sono connessioni punto a punto tra un nodo sorgente ed un nodo di
destinazione. Per questo tipo di connessione, non bisogna inserire un campo RPI
minimo o massimo o un valore predefinito.
Per configurare le connessioni unicast, accedere alla scheda Connection e
selezionare Use Unicast Connection over Ethernet/IP.
Impostazione del limite del
tempo di risposta della
connessione
Connection Reaction Time Limit (tempo limite di risposta della connessione) è
la durata massima dei pacchetti di sicurezza sulla connessione associata. Se la
durata dei dati utilizzati dal dispositivo consumatore è superiore al limite del
tempo di risposta della connessione, si verifica un errore di connessione. Il tempo
limite di risposta della connessione è determinato tramite le seguenti equazioni:
Tempo limite di risposta della connessione in ingresso =
RPI ingresso x [Moltiplicatore timeout + Moltiplicatore ritardo rete]
Limite del tempo di risposta della connessione in uscita =
Periodo del task di sicurezza x [Moltiplicatore timeout + Moltiplicatore ritardo rete – 1]
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
71
Capitolo 5
Aggiunta, configurazione, monitoraggio e sostituzione di I/O CIP Safety
Connection Reaction Time Limit è visualizzato nella scheda Safety della finestra
di dialogo Module Properties.
Figura 17 – Limite del tempo di risposta della connessione
Configurazione dell’intervallo di pacchetto richiesto (RPI)
L’RPI specifica l’intervallo di aggiornamento dei dati durante la connessione. Ad
esempio, un modulo di ingresso produce dati secondo l’intervallo RPI assegnato.
Per le connessioni di ingresso di sicurezza, è possibile impostare l’intervallo RPI
nella scheda Safety della finestra di dialogo Module Properties. L’intervallo RPI
viene inserito per incrementi di 1 ms, in un intervallo compreso tra 1 e 100 ms.
Il valore predefinito è 10 ms.
Quando l’intervallo RPI viene modificato tramite il software RSLogix 5000,
il parametro del limite del tempo di risposta della connessione viene
immediatamente regolato.
Figura 18 – Intervallo di pacchetto richiesto
Per le connessioni di uscita di sicurezza, l’intervallo RPI è fissato al periodo del
task di sicurezza. Se il limite di tempo di risposta della connessione
corrispondente non è soddisfacente, è possibile regolare il periodo del task di
sicurezza dalla finestra di dialogo Safety Task Properties.
Per ulteriori informazioni sul periodo del task di sicurezza, vedere Definizione del
periodo del task di sicurezza a pagina 90.
Per applicazioni standard, l’intervallo RPI è generalmente sufficiente. Per
requisiti più complessi, utilizzare il pulsante Advanced per modificare i parametri
di Connection Reaction Time Limit, come descritto a pagina 73.
72
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Aggiunta, configurazione, monitoraggio e sostituzione di I/O CIP Safety
Capitolo 5
Visualizzazione del ritardo rete massimo osservato
Quando il controllore GuardLogix riceve un pacchetto di sicurezza, il software
registra il ritardo di rete massimo osservato. Nel caso degli ingressi di sicurezza, in
corrispondenza di Maximum Observed Network Delay viene visualizzato il
ritardo del percorso dal modulo di ingresso al controllore e del ritorno della
conferma al modulo di ingresso. Nel caso delle uscite di sicurezza, viene
visualizzato il ritardo del percorso dal controllore al modulo di uscita e del ritorno
della conferma al controllore. Il parametro Maximum Observed Network Delay è
mostrato nella scheda Safety della finestra di dialogo Module Properties. Se si è
online, è possibile azzerare questo parametro facendo clic su Reset.
Figura 19 – Reset di Max Observed Network Delay
IMPORTANTE
Il ritardo di rete massimo effettivo dal produttore al consumatore è inferiore
al valore visualizzato nel campo Maximum Network Delay della scheda
Safety. In generale, il ritardo massimo effettivo dei messaggi è pari a circa la
metà del valore Maximum Network Delay visualizzato.
Impostazione dei parametri avanzati relativi ai limiti del tempo di
risposta della connessione
Figura 20 – Configurazione avanzata
Timeout Multiplier
Il parametro Timeout Multiplier determina il numero di RPI di attesa di un
pacchetto prima di dichiarare il timeout della connessione. Ciò si traduce nel
numero di messaggi che possono andare persi prima che venga dichiarato un
errore di connessione.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
73
Capitolo 5
Aggiunta, configurazione, monitoraggio e sostituzione di I/O CIP Safety
Ad esempio, un valore pari a 1 in questo parametro indica che i messaggi devono
essere ricevuti entro ciascun intervallo RPI. Un valore 2 indica che 1 messaggio
può andare perso se almeno 1 messaggio viene ricevuto in 2 volte l’RPI (2 x RPI).
Network Delay Multiplier
Il parametro Network Delay Multiplier definisce il tempo di trasferimento del
messaggio applicato dal protocollo CIP Safety. Il valore di Network Delay
Multiplier specifica il ritardo del percorso produttore-consumatore e del ritorno
della conferma al produttore. È possibile utilizzare questo parametro per ridurre o
aumentare il limite del tempo di risposta della connessione nei casi in cui il tempo
di trasferimento del messaggio applicato è notevolmente inferiore o superiore
all’intervallo RPI. Ad esempio, la regolazione di questo parametro può essere utile
quando l’RPI di una connessione di uscita corrisponde alla lunghezza del periodo
del task di sicurezza.
Nei casi in cui l’intervallo RPI degli ingressi o delle uscite è relativamente lento o
veloce rispetto al ritardo del messaggio applicato, il valore di Network Delay
Multiplier può essere approssimato utilizzando uno dei due metodi riportati di
seguito.
Metodo 1: utilizzare il rapporto tra l’intervallo RPI degli ingressi ed il periodo
del task di sicurezza. Utilizzare questo metodo solo a patto che si verifichino tutte
le seguenti condizioni:
• Il percorso o il ritardo è quasi uguale al percorso di uscita o al ritardo.
• L’intervallo RPI degli ingressi è stato configurato in modo che il tempo di
trasferimento effettivo del messaggio di ingresso sia inferiore a quello
dell’intervallo RPI degli ingressi.
• Il periodo del task di sicurezza è lento rispetto all’intervallo RPI degli
ingressi.
In queste condizioni, il valore di Output Network Delay Multiplier può
essere approssimato come segue:
Moltiplicatore ritardo rete in ingresso x [RPI degli ingressi  Periodo del
task di sicurezza]
ESEMPIO
74
Calcolo approssimativo del moltiplicatore ritardo rete in
uscita
Se:
RPI degli ingressi = 10 ms
Moltiplicatore ritardo rete in ingresso = 200%
Periodo del task di sicurezza = 20 ms
Pertanto, il moltiplicatore ritardo rete in uscita equivale a:
200% x [10  20] = 100%
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Aggiunta, configurazione, monitoraggio e sostituzione di I/O CIP Safety
Capitolo 5
Metodo 2: utilizzare il Ritardo di rete massimo osservato. Se il sistema funziona
per un periodo prolungato nelle peggiori condizioni di carico, il Moltiplicatore
ritardo rete può essere impostato da Maximum Observed Network Delay. Questo
metodo può essere utilizzato su una connessione di ingresso o uscita. Dopo che il
sistema ha funzionato per un periodo di tempo prolungato nelle condizioni di
carico peggiori, annotare il Ritardo rete massimo osservato.
Il Moltiplicatore ritardo rete può essere approssimato tramite la seguente
equazione:
[Ritardo rete massimo osservato + Fattore correttivo]  RPI
ESEMPIO
Calcolo del moltiplicatore ritardo rete da ritardo rete
massimo osservato
Se:
RPI = 50 ms
Ritardo rete massimo osservato = 20 ms
Fattore correttivo= 10
Pertanto, il Moltiplicatore ritardo rete equivale a:
[20 + 10]  50 = 60%
Tabella 19 – Ulteriori riferimenti
Riferimento
Descrizione
Manuale di riferimento per la sicurezza – Sistemi di controllori
GuardLogix, pubblicazione 1756-RM093
Manuale dell’utente Guard I/O DeviceNet Safety Modules,
pubblicazione 1791DS-UM001
Fornisce informazioni sul calcolo dei tempi di risposta.
Manuale dell’utente Moduli di sicurezza Guard I/O EtherNet/IP,
pubblicazione 1791ES-UM001
Comprensione
dell’autenticazione di
configurazione
Ogni dispositivo di sicurezza ha un’autenticazione di configurazione univoca, che
definisce la configurazione del modulo. L’autenticazione di configurazione è
composta da un numero ID, data ed ora ed è utilizzata per verificare la
configurazione di un modulo.
Configurazione tramite il software RSLogix 5000
Quando il modulo I/O viene configurato utilizzando il software RSLogix 5000,
l’autenticazione di configurazione viene generata automaticamente. È possibile
visualizzare e copiare l’autenticazione di configurazione tramite la scheda Safety
nella finestra di dialogo Module Properties.
Figura 21 – Visualizzazione e copia dell’autenticazione di configurazione
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
75
Capitolo 5
Aggiunta, configurazione, monitoraggio e sostituzione di I/O CIP Safety
Proprietario della configurazione diverso (connessione di solo
ascolto)
Se la configurazione del modulo I/O appartiene ad un altro controllore, occorre
copiare l’autenticazione di configurazione del modulo dal progetto del
proprietario ed incollarla nella scheda Safety della finestra di dialogo Module
Properties.
SUGGERIMENTO
Ripristino della proprietà dei
moduli I/O di sicurezza
Se il modulo è configurato solo per gli ingressi, è possibile copiare ed
incollare l’autenticazione di configurazione. Se il modulo è dotato di uscite
di sicurezza, queste appartengono al controllore proprietario della
configurazione, pertanto la casella di testo dell’autenticazione di
configurazione non è disponibile.
Quando il software RSLogix 5000 è online, nella scheda Safety della finestra di
dialogo Module Properties viene visualizzata la proprietà di configurazione
corrente. Quando la configurazione appartiene al progetto aperto, viene
visualizzato “Local”. Quando la configurazione appartiene ad un secondo
dispositivo, viene visualizzato Remote insieme al numero rete di sicurezza (SNN)
ed all’indirizzo di nodo o al numero di slot del proprietario della configurazione.
Se la lettura del modulo non riesce, viene visualizzato un errore di
comunicazione.
In modalità online, è possibile ripristinare la
configurazione predefinita del modulo facendo clic
su Reset Ownership.
SUGGERIMENTO
Indirizzamento dei dati I/O di
sicurezza
Qualora esistano modifiche in sospeso delle proprietà del modulo, una
firma del task di sicurezza oppure un blocco di sicurezza, non è possibile
ripristinare la proprietà.
Quando si aggiunge un modulo alla cartella di configurazione I/O, il software
RSLogix 5000 crea automaticamente per tale modulo dei tag definiti nell’ambito
del controllore.
Le informazioni I/O vengono presentate come set di tag. Ciascun tag utilizza una
struttura di dati, a seconda del tipo e delle funzioni del modulo I/O. Il nome di
un tag è basato sul nome del modulo utilizzato nel sistema.
76
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Aggiunta, configurazione, monitoraggio e sostituzione di I/O CIP Safety
Capitolo 5
L’indirizzo di un dispositivo I/O CIP Safety si basa sul seguente formato:
Modulename:Type.Member
Tabella 20 – Formato dell’indirizzo dei moduli I/O CIP Safety
Dove
È
Modulename
Il nome del modulo I/O CIP Safety
Type
Tipo di dati
Ingresso: I
Uscita: O
Member
Dati specifici dal modulo I/O
Modulo solo ingresso: Modulename:I.RunMode
Modulename:I.ConnectionFaulted
Modulename:I.Input Members
Modulo solo uscita:
Modulename:I.RunMode
Modulename:I.ConnectionFaulted
Modulename:O.Output Members
I/O misti:
Modulename:I.RunMode
Modulename:I.ConnectionFaulted
Modulename:I.Input Members
Modulename:O.Output Members
Tabella 21 – Ulteriori riferimenti
Riferimento
Descrizione
Capitolo 9, Monitoraggio dello stato e gestione degli errori Contiene informazioni sul monitoraggio dei dati dei tag di
sicurezza
Manuale di programmazione Dati I/O e tag dei controllori
Logix5000, pubblicazione 1756-PM004
Monitoraggio dello stato dei
moduli I/O di sicurezza
Fornisce informazioni sull’indirizzamento dei moduli I/O
standard
Lo stato dei moduli I/O di sicurezza può essere monitorato per mezzo di
messaggi espliciti o tramite gli indicatori di stato dei moduli I/O.
Le seguenti pubblicazioni forniscono informazioni relative alla ricerca guasti sui
moduli I/O:
• Manuale dell’utente Guard I/O DeviceNet Safety Modules,
pubblicazione 1791DS-UM001
• Manuale dell’utente Guard I/O EtherNet/IP Modules, pubblicazione
1791ES-UM001
• Manuale di installazione ed uso Moduli di sicurezza POINT Guard I/O,
pubblicazione 1734-UM013
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
77
Capitolo 5
Aggiunta, configurazione, monitoraggio e sostituzione di I/O CIP Safety
Tabella 22 – Funzionamento degli indicatori di stato
Indicatore
Stato
Descrizione
Moduli Guard I/O DeviceNet
Stato del
modulo (MS)
Stato della
rete (NS)
Punti di
ingresso
(INx)
Alimentazione assente.
Verde, acceso
Funzionamento normale.
Verde,
lampeggiante
Dispositivo in stato di riposo.
Rosso,
lampeggiante
Errore reversibile.
Rosso, acceso
Errore irreversibile.
Rosso/verde,
lampeggiante
Autodiagnosi in corso.
Spento
Dispositivo non in linea o non alimentato.
Verde, acceso
Dispositivo in linea, connessioni stabilite.
Verde,
lampeggiante
Dispositivo in linea, nessuna connessione stabilita.
Rosso,
lampeggiante
Timeout della comunicazione.
Rosso, acceso
Errore di comunicazione. Il dispositivo ha rilevato un errore che ha impedito la comunicazione di rete.
Rosso/verde,
lampeggiante
Dispositivo nello stato di errore di
comunicazione o impostazione del numero
rete di sicurezza (SNN) in corso.
Spento
Ingresso di sicurezza OFF.
Giallo, acceso
Ingresso di sicurezza ON.
Rosso, acceso
Errore nel circuito di ingresso.
Rosso,
lampeggiante
Se è stato selezionato il funzionamento a doppio canale, si è verificato un errore nel circuito di ingresso partner.
Spento
Uscita di sicurezza OFF.
Giallo, acceso
Uscita di sicurezza ON.
IN PWR (alimentazione
ingresso)
Si è verificato un timeout della comunicazione oppure è in corso un aggiornamento del
firmware.
Autodiagnosi in corso.
Non applicabile.
Uscita OFF.
Non applicabile.
Uscita ON.
Giallo, acceso
Configurazione del dispositivo bloccata.
Configurazione del dispositivo valida, ma il
dispositivo non è bloccato.
Giallo, spento
Dati di configurazione non validi o assenti,
oppure il dispositivo è già stato configurato
tramite il software RSLogix 5000.
Verde, spento
Alimentazione ingresso assente.
Verde, acceso
La tensione di alimentazione di ingresso è conforme alle specifiche.
Giallo, acceso
Il software RSLogix 5000 non supporta questa funzione.
La tensione di alimentazione di ingresso non è conforme alle specifiche.
Alimentazione di uscita assente.
Non applicabile.
La tensione di alimentazione di uscita è conforme alle specifiche.
La tensione di alimentazione di uscita non è conforme alle specifiche.
Verde, spento
Alimentazione assente.
Verde, acceso
Non applicabile.
Giallo, acceso
78
Non applicabile.
Errore nel circuito di uscita.
Giallo,
lampeggiante
OUT PWR (ali- Verde, spento
mentazione
Verde, acceso
uscita)
Giallo, acceso
PWR
È in corso la procedura di autodiagnosi oppure il modulo non è configurato correttamente.
Per ulteriori informazioni, fare riferimento all’indicatore di stato della rete.
Se è stato selezionato il funzionamento a doppio canale, si è verificato un errore nel circuito di uscita partner.
Spento
Giallo, acceso
Si è verificato un errore reversibile oppure è in corso un aggiornamento del firmware.
Errore nel circuito di uscita.
Rosso, acceso
LOCK (blocco)
Moduli POINT Guard I/O
Spento
Punti di uscita
Rosso, acceso
(Ox)
Rosso,
lampeggiante
Test punti di
uscita (Tx)
Moduli Guard I/O EtherNet/IP
La tensione di alimentazione è conforme alle
specifiche.
La tensione di alimentazione non è conforme
alle specifiche.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Aggiunta, configurazione, monitoraggio e sostituzione di I/O CIP Safety
Reset di un modulo alle
condizioni predefinite in
fabbrica
Capitolo 5
Se il modulo Guard I/O era già stato utilizzato in precedenza, cancellare la
configurazione preesistente prima di installarlo su una rete di sicurezza
resettandolo alle condizioni predefinite in fabbrica.
Quando il software RSLogix 5000 è online, nella scheda Safety della finestra di
dialogo Module Properties viene visualizzata la proprietà della configurazione
corrente. Quando la configurazione appartiene al progetto aperto, viene
visualizzato “Local”. Quando la configurazione appartiene ad un secondo
dispositivo, viene visualizzato Remote insieme al numero rete di sicurezza (SNN)
ed all’indirizzo di nodo o al numero di slot del proprietario della configurazione.
Se la lettura del modulo non riesce, viene visualizzato un errore di
comunicazione.
Se la connessione è Local, è necessario inibire la connessione del modulo prima di
resettare la proprietà. Per inibire il modulo, procedere come segue.
1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul modulo e selezionare
Properties.
2. Fare clic sulla scheda Connection.
3. Selezionare Inhibit Connection.
4. Fare clic su Apply e quindi su OK.
Per resettare il modulo alla configurazione predefinita in fabbrica in modalità
online, procedere come segue.
1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul modulo e selezionare
Properties.
2. Fare clic sulla scheda Safety.
3. Fare clic su Reset Ownership.
SUGGERIMENTO
Sostituzione di un modulo
tramite il software
RSLogix 5000
Qualora esistano modifiche in sospeso delle proprietà del modulo, una
firma del task di sicurezza oppure un blocco di sicurezza, non è possibile
ripristinare la proprietà.
Per sostituire un modulo Guard I/O su una rete Ethernet, è possibile utilizzare il
software RSLogix 5000. Per la sostituzione di un modulo Guard I/O su una rete
DeviceNet, la scelta del software dipende dal tipo di modulo.
Tabella 23 – Software
Se si utilizza
Usare
Vedere
Modulo Guard I/O 1791DS con scheda
1756-DNB
Software RSLogix 5000
sotto
Modulo POINT Guard I/O 1734 con scheda
1734-PDN
Software RSNetWorx for
DeviceNet
Sostituzione di un modulo POINT
Guard I/O mediante il software
RSNetWorx for DeviceNet a pagina 86
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
79
Capitolo 5
Aggiunta, configurazione, monitoraggio e sostituzione di I/O CIP Safety
Se si sta utilizzando una parte del sistema CIP Safety per garantire la conformità
al livello SIL 3 durante la sostituzione ed il collaudo funzionale del modulo, non è
possibile utilizzare la funzione Configure Always. Andare a Sostituzione con
l’opzione “Configure Only When No Safety Signature Exists” abilitata a
pagina 80.
Se l’intero sistema di controllo CIP Safety instradabile non viene utilizzato per
garantire la conformità con il livello SIL 3/PLe durante la sostituzione ed il test
funzionale di un modulo, è possibile utilizzare la funzione Configure Always.
Andare a Sostituzione con opzione “Configure Always” abilitata a pagina 84.
La sostituzione del modulo si configura sulla scheda Safety del controllore
GuardLogix.
Figura 22 – Sostituzione dei moduli I/O di sicurezza
Sostituzione con l’opzione “Configure Only When No Safety Signature
Exists” abilitata
Quando viene sostituito un modulo, la configurazione viene scaricata dal
controllore di sicurezza se il DeviceID del nuovo modulo corrisponde
all’originale. Il DeviceID è una combinazione dell’indirizzo di nodo/IP e del
numero di rete di sicurezza (SNN) e viene aggiornato ogni volta che viene
impostato il numero SNN.
Se il progetto è configurato come “Configure Only When No Safety Signature
Exists”, fare riferimento ai punti corrispondenti nella Tabella 24 per sostituire un
modulo POINT Guard I/O in base allo scenario effettivo. Una volta completata
correttamente la procedura, il DeviceID corrisponde all’originale e consente al
controllore di sicurezza di scaricare la corretta configurazione del modulo e di
ristabilire la connessione di sicurezza.
80
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Aggiunta, configurazione, monitoraggio e sostituzione di I/O CIP Safety
Capitolo 5
Tabella 24 – Sostituzione di un modulo
Con firma di
sicurezza
GuardLogix
Condizione modulo Intervento necessario
sostitutivo
No
Senza SNN
(originale)
Sì o No
Stesso SNN della
Nessuna. Il modulo è pronto all’uso.
configurazione task di
sicurezza originale
Sì
Senza SNN
(originale)
Sì
Vedere Scenario 2 – Numero SNN del modulo sostitutivo diverso
SNN differente dalla dall’originale e presenza della firma di sicurezza a pagina 82.
configurazione task di
Vedere Scenario 3 – Numero SNN del modulo sostitutivo diverso
sicurezza originale
dall’originale ed assenza della firma di sicurezza a pagina 84.
No
Nessuna. Il modulo è pronto all’uso.
Vedere Scenario 1 – Modulo sostitutivo nelle condizioni predefinite in
fabbrica e presenza della firma di sicurezza a pagina 81.
Scenario 1 – Modulo sostitutivo nelle condizioni predefinite in fabbrica e presenza della firma
di sicurezza
1. Rimuovere il modulo I/O in uso ed installare quello nuovo.
2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul modulo POINT Guard I/O
sostitutivo e selezionare Properties.
3. Per aprire la finestra di dialogo Safety Network Number, fare clic su
destra del numero rete di sicurezza.
a
4. Fare clic su Set.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
81
Capitolo 5
Aggiunta, configurazione, monitoraggio e sostituzione di I/O CIP Safety
5. Verificare che l’indicatore di stato della rete (NS) lampeggi con luce
alternata rossa/verde sul modulo corretto prima di fare clic su Yes nella
finestra di dialogo di conferma per impostare l’SNN ed accettare il modulo
sostitutivo.
6. Seguire le procedure aziendali per il test funzionale del modulo I/O
sostituito e del sistema nonché per autorizzare l’uso del sistema.
Scenario 2 – Numero SNN del modulo sostitutivo diverso dall’originale e presenza della firma
di sicurezza
1. Rimuovere il modulo I/O in uso ed installare quello nuovo.
2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul proprio modulo POINT
Guard I/O e selezionare Properties.
3. Fare clic sulla scheda Safety.
4. Fare clic su Reset Ownership.
5. Fare clic su OK.
6. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul controllore e selezionare
Properties.
82
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Aggiunta, configurazione, monitoraggio e sostituzione di I/O CIP Safety
Capitolo 5
7. Per aprire la finestra di dialogo Safety Network Number, fare clic su
destra del numero rete di sicurezza.
a
8. Fare clic su Set.
9. Verificare che l’indicatore di stato della rete (NS) lampeggi con luce
alternata rossa/verde sul modulo corretto prima di fare clic su Yes nella
finestra di dialogo di conferma per impostare l’SNN ed accettare il modulo
sostitutivo.
10. Seguire le procedure aziendali per il test funzionale del modulo I/O
sostituito e del sistema nonché per autorizzare l’uso del sistema.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
83
Capitolo 5
Aggiunta, configurazione, monitoraggio e sostituzione di I/O CIP Safety
Scenario 3 – Numero SNN del modulo sostitutivo diverso dall’originale ed assenza della firma
di sicurezza
1. Rimuovere il modulo I/O in uso ed installare quello nuovo.
2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul proprio modulo POINT
Guard I/O e selezionare Properties.
3. Fare clic sulla scheda Safety.
4. Fare clic su Reset Ownership.
5. Fare clic su OK.
6. Seguire le procedure aziendali per il test funzionale del modulo I/O
sostituito e del sistema nonché per autorizzare l’uso del sistema.
Sostituzione con opzione “Configure Always” abilitata
ATTENZIONE: Abilitare la funzione “Configure Always” solo se l’intero sistema
di controllo CIP Safety non è utilizzato per mantenere il livello SIL 3 durante la
sostituzione ed il test funzionale di un modulo.
Non posizionare i moduli impostati su valori predefiniti (out of the box) su una rete
CIP Safety con la funzione Configure Always abilitata, a meno che non si stia
seguendo la presente procedura di sostituzione.
Se nel software RSLogix 5000 la funzione “Configure Always” è abilitata, il
controllore verifica e si collega automaticamente a un modulo sostitutivo che
soddisfi tutti i seguenti requisiti:
• Il controllore dispone di dati di configurazione per un modulo compatibile
nell’indirizzo di rete specificato.
• Il modulo è nelle condizioni predefinite in fabbrica o ha un numero SNN
che corrisponde alla configurazione.
84
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Aggiunta, configurazione, monitoraggio e sostituzione di I/O CIP Safety
Capitolo 5
Se il progetto è configurato per “Configure Always”, seguire la procedura
adeguata per sostituire un modulo POINT Guard I/O.
1. Rimuovere il modulo I/O in uso ed installare quello nuovo.
a. Se il modulo è nelle condizioni predefinite in fabbrica, andare al
punto 6.
Non è necessaria alcuna azione da parte del controllore GuardLogix per
assumere la proprietà del modulo.
b. In caso di errore di mancata corrispondenza del numero SNN, andare al
punto successivo per resettare il modulo alle condizioni predefinite in
fabbrica.
2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul proprio modulo POINT
Guard I/O e selezionare Properties.
3. Fare clic sulla scheda Safety.
4. Fare clic su Reset Ownership.
5. Fare clic su OK.
6. Seguire le procedure aziendali per il test funzionale del modulo I/O
sostituito e del sistema nonché per autorizzare l’uso del sistema.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
85
Capitolo 5
Aggiunta, configurazione, monitoraggio e sostituzione di I/O CIP Safety
Sostituzione di un modulo
POINT Guard I/O mediante il
software RSNetWorx for
DeviceNet
Per sostituire un modulo POINT Guard I/O quando modulo e controllore si
trovano una rete DeviceNet, procedere come segue.
1. Sostituire il modulo e far corrispondere il numero di nodo del modulo
originale.
2. Nel software RSNetWorx for DeviceNet, aprire il progetto.
Se è nuovo o ha un numero SNN che non corrisponde a quello del modulo
originale, il modulo sostitutivo viene visualizzato con un punto
esclamativo.
3. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul modulo e selezionare
Download to Device.
4. Fare clic su Yes per confermare.
5. Fare clic su Download nella finestra di dialogo Safety Network Number
Mismatch per impostare il numero SNN sul modulo sostitutivo.
86
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Aggiunta, configurazione, monitoraggio e sostituzione di I/O CIP Safety
Capitolo 5
6. Verificare che l’indicatore dello stato della rete (NS) lampeggi sul modulo
corretto e fare clic su OK per impostare il numero SNN su quel
dispositivo.
Il software RSNetWorx for DeviceNet conferma che il numero SNN è
stato impostato.
Una volta completato e riuscito il download, la vista del progetto
principale visualizza questo messaggio: “The device at address xx has been
downloaded. Any device-specific messages related to the download
operation are displayed separately.”
Presumendo che questa sia la configurazione corretta acquisita dal file
DNT originale, il numero SNN e l’autenticazione di configurazione ora
corrispondono all’originale. Se il controllore è già collegato, viene stabilita
una connessione. Il controllore non ha bisogno di uscire dalla modalità
Esecuzione per il download nel modulo sostitutivo.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
87
Capitolo 5
Aggiunta, configurazione, monitoraggio e sostituzione di I/O CIP Safety
Se si scarica questa configurazione per uso temporaneo, inserire il modulo
nella rete ed esso si collega automaticamente al controllore.
Se la configurazione scaricata nel modulo non proviene dal file DNT
originale, l’autenticazione di configurazione non corrisponderà
all’originale. Anche se si ricreano gli stessi parametri in un nuovo file DNT,
le parti relative ad ora e data dell’autenticazione saranno diverse e la
connessione al controllore non avviene. In tal caso, fare clic sulla scheda
Safety Connection del controllore che ha segnalato la diversa
autenticazione di configurazione e che offre la possibilità di far
corrispondere la nuova autenticazione di configurazione. Tuttavia, sarebbe
prima necessario riconvalidare il sistema di sicurezza perché non sta usando
il file DNT originale.
7. Fare clic su Yes.
Questa azione interrompe la modalità Esecuzione del controllore ed invita
a scaricare le modifiche.
8. Fare clic su Yes per scaricare la nuova configurazione di connessione nel
controllore SmartGuard.
Al termine del download, riportare il controllore in modalità Esecuzione e
la connessione al modulo sostitutivo viene stabilita.
9. Seguire le procedure aziendali per il test funzionale del modulo I/O
sostituito e del sistema nonché per autorizzare l’uso del sistema.
88
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Capitolo
6
Sviluppo di applicazioni di sicurezza
Argomento
Pagina
Task di sicurezza
90
Programmi di sicurezza
92
Routine di sicurezza
92
Tag di sicurezza
92
Tag di sicurezza prodotti/consumati
97
Mappatura dei tag di sicurezza
102
Protezione dell’applicazione di sicurezza
105
Restrizioni software
108
In questo capitolo vengono descritti i componenti di un progetto di sicurezza e
vengono fornite informazioni relative all’utilizzo delle funzioni che
contribuiscono a proteggere l’integrità dell’applicazione di sicurezza, come la
firma del task di sicurezza ed il blocco di sicurezza.
Per le regole generali ed i requisiti relativi allo sviluppo ed alla messa in servizio di
applicazioni di sicurezza SIL 3 e PLe, consultare la pubblicazione Manuale di
riferimento per la sicurezza – Sistemi di controllori GuardLogix, 1756-RM093.
In questo manuale di riferimento per la sicurezza vengono trattati i seguenti
argomenti:
• Creazione di una specifica dettagliata del progetto
• Sviluppo, documentazione e collaudo dell’applicazione
• Generazione della firma del task di sicurezza per l’identificazione e la
protezione del progetto
• Conferma del progetto mediante la stampa o la visualizzazione del
progetto caricato e confronto manuale delle configurazioni, dei dati di
sicurezza e della logica del programma di sicurezza
• Verifica del progetto tramite test case, simulazioni, test di verifica
funzionale e, se richiesto, una verifica di sicurezza indipendente
• Blocco dell’applicazione di sicurezza
• Calcolo del tempo di risposta del sistema
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
89
Capitolo 6
Sviluppo di applicazioni di sicurezza
Task di sicurezza
Quando viene creato un progetto per il controllore di sicurezza, il software
RSLogix 5000 genera automaticamente un task di sicurezza con un programma
di sicurezza ed una routine (di sicurezza) principale.
Figura 23 – Task di sicurezza nell’organizer del controllore
All’interno del task di sicurezza, è possibile utilizzare diversi programmi di
sicurezza, costituiti da più routine di sicurezza. Il controllore GuardLogix
supporta un task di sicurezza. Il task di sicurezza non può essere eliminato.
Inoltre, non è possibile schedulare programmi standard o eseguire routine
standard all’interno del task di sicurezza.
Definizione del periodo del task di sicurezza
Il task di sicurezza è un task periodico. La priorità del task ed il tempo del
watchdog vengono specificati nella finestra di dialogo Task Properties – Safety
Task. Per accedere alla finestra di dialogo, fare clic con il pulsante destro del
mouse sul task di sicurezza e selezionare Properties.
Figura 24 – Configurazione del periodo del task di sicurezza
90
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Sviluppo di applicazioni di sicurezza
Capitolo 6
Il task di sicurezza deve avere una priorità alta. L’utente deve specificare il periodo
ed il watchdog del task di sicurezza (entrambi in ms). Il periodo del task di
sicurezza è il periodo in cui viene eseguito il task di sicurezza. Il watchdog del task
di sicurezza è il tempo massimo consentito per l’esecuzione del task, dall’avvio
fino al completamento.
Il periodo del task di sicurezza è limitato ad un massimo di 500 ms e non può
essere modificato in modalità online. Accertarsi che il task di sicurezza possa
completare l’esecuzione logica prima dell’attivazione successiva. Se si verifica un
timeout del watchdog del task di sicurezza, viene generato un errore di sicurezza
irreversibile nel controllore di sicurezza.
Il periodo del task di sicurezza influisce direttamente sul tempo di risposta del
sistema.
La pubblicazione Manuale di riferimento per la sicurezza – Sistemi di controllori
GuardLogix, 1756-RM093, contiene informazioni dettagliate sul calcolo del
tempo di risposta del sistema.
Esecuzione del task di sicurezza
Il task di sicurezza viene eseguito allo stesso modo di un task periodico standard,
con le seguenti eccezioni:
• L’esecuzione del task di sicurezza non inizia finché il controllore primario
ed il coprocessore di sicurezza non stabiliscono la relazione di controllo.
(I task standard, tuttavia, vengono eseguiti non appena il controllore passa
in modalità Esecuzione).
• Tutti i tag di ingresso di sicurezza (immessi, consumati e mappati) vengono
aggiornati e bloccati all’inizio dell’esecuzione del task di sicurezza.
Per informazioni sulla mappatura dei tag di sicurezza, vedere a pagina 102.
• I valori dei tag di uscita di sicurezza (emessi e prodotti) vengono aggiornati
alla conclusione dell’esecuzione del task di sicurezza.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
91
Capitolo 6
Sviluppo di applicazioni di sicurezza
Programmi di sicurezza
I programmi di sicurezza possiedono tutti gli attributi dei programmi standard,
con l’eccezione che è possibile schedularli solo nel task di sicurezza e possono
contenere solo componenti di sicurezza. I programmi di sicurezza possono
includere solo routine di sicurezza, una delle quali deve essere designata come
routine principale ed una come routine di errore.
I programmi di sicurezza non possono contenere routine o tag standard.
Routine di sicurezza
Le routine di sicurezza possiedono tutti gli attributi delle routine standard, ma
possono esistere esclusivamente all’interno di un programma di sicurezza.
Attualmente, per le routine di sicurezza è possibile utilizzare solo il linguaggio
ladder.
SUGGERIMENTO
Tag di sicurezza
Il software RSLogix 5000 utilizza una filigrana per distinguere visivamente
le routine di sicurezza da quelle standard.
Un tag è l’area della memoria di un controllore in cui vengono memorizzati i dati.
I tag rappresentano il meccanismo di base per l’allocazione della memoria, per la
creazione di riferimenti dei dati per la logica e per il monitoraggio dei dati. I tag di
sicurezza possiedono tutti gli attributi dei tag standard con l’aggiunta di
meccanismi certificati per garantire l’integrità dei dati SIL 3.
Al momento della creazione, al tag vengono assegnate le seguenti proprietà:
• Name
• Description (facoltativa)
• Tag type
• Data Type
• Scope
• Class
• Style
• External Access
È inoltre possibile specificare se il valore del tag deve essere una costante.
92
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Sviluppo di applicazioni di sicurezza
Capitolo 6
Per creare un tag di sicurezza, aprire la finestra di dialogo New Tag facendo clic
con il pulsante destro del mouse su Controller Tags o Program Tags e selezionare
New Tag.
Figura 25 – Creazione di un nuovo tag
Tag type
La Tabella 25 definisce i quattro possibili tipi di tag: base, alias, produced e
consumed.
Tabella 25 – Quattro tipi di tag
Tipo di tag
Descrizione
Base
I tag di base memorizzano i valori che la logica deve utilizzare all’interno del progetto.
Alias
Un tag che fa riferimento ad un altro tag. Un tag alias può fare riferimento ad un altro tag alias
o ad un tag base. Un tag alias può fare riferimento anche al componente di un altro tag,
tramite il riferimento al membro di una struttura, all’elemento di una matrice o ad un bit
incluso in un tag o in un membro.
IMPORTANTE: nelle applicazioni di sicurezza non è consentita la creazione di alias tra tag
standard e tag di sicurezza. Al contrario, i tag standard possono essere mappati ai tag di
sicurezza mediante la mappatura dei tag di sicurezza. Vedere Mappatura dei tag di sicurezza a
pagina 102.
Prodotto
Il tag prodotto è un tag del controllore che può essere utilizzato anche da altri controllori.
I dati possono essere consumati (ricevuti) contemporaneamente da un massimo di
15 controllori. Un tag prodotto invia i propri dati ad uno o più tag consumatori senza usare la
logica. I dati del tag prodotto vengono inviati in base all’intervallo RPI (Requested Packet
Interval, intervallo di pacchetti richiesto) del tag consumatore.
Consumato
Un tag consumato è un tag che riceve i dati da un tag prodotto. Il tipo di dati del tag
consumato deve corrispondere al tipo di dati del tag prodotto. L’intervallo di pacchetto
richiesto (RPI) del tag consumato determina il periodo di aggiornamento dei dati.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
93
Capitolo 6
Sviluppo di applicazioni di sicurezza
Data Type
Il tipo di dati permette di definire il tipo di dati memorizzati nel tag, ad esempio
bit o numeri interi.
I tipi di dati possono essere combinati per formare delle strutture. Una struttura è
caratterizzata da un tipo di dati univoco corrispondente ad un’esigenza specifica.
All’interno di una struttura, ciascun tipo di dati viene definito membro.
Analogamente ai tag, ai membri vengono associati un nome ed un tipo di dati.
È possibile creare strutture personalizzate come tipi di dati definiti dall’utente.
I controllori Logix contengono tipi di dati predefiniti da utilizzare con istruzioni
specifiche.
Per i tag di sicurezza sono ammessi solo i seguenti tipi di dati.
Tabella 26 – Tipi di dati validi per i tag di sicurezza
AUX_VALVE_CONTROL
DCI_STOP_TEST_MUTE
MANUAL_VALVE_CONTROL
BOOL
DINT
MUTING_FOUR_SENSOR_BIDIR
CAM_PROFILE
DIVERSE_INPUT
MUTING_TWO_SENSOR_ASYM
CAMSHAFT_MONITOR
EIGHT_POS_MODE_SELECTOR
MUTING_TWO_SENSOR_SYM
CB_CONTINUOUS_MODE
EMERGENCY_STOP
MOTION_INSTRUCTION
CB_CRANKSHAFT_POS_MONITOR
ENABLE_PENDANT
PHASE
CB_INCH_MODE
EXT_ROUTINE_CONTROL
PHASE_INSTRUCTION
CB_SINGLE_STROKE_MODE
EXT_ROUTINE_PARAMETERS
REDUNDANT_INPUT
CONFIGURABLE_ROUT
FBD_BIT_FIELD_DISTRIBUTE
REDUNDANT_OUTPUT
CONNECTION_STATUS
FBD_CONVERT
SAFETY_MAT
CONTROL
FBD_COUNTER
SERIAL_PORT_CONTROL
COUNTER
FBD_LOGICAL
SFC_ACTION
DCA_INPUT
FBD_MASK_EQUAL
SFC_STEP
DCAF_INPUT
FBD_MASKED_MOVE
SFC_STOP
DCI_MONITOR
FBD_TIMER
SINT
DCI_START
FIVE_POS_MODE_SELECTOR
STRING
DCI_STOP
INT
THRS_ENHANCED
DCI_STOP_TEST
LIGHT_CURTAIN
TIMER
DCI_STOP_TEST_LOCK
MAIN_VALVE_CONTROL
TWO_HAND_RUN_STATION
I tipi di dati REAL sono validi nei progetti dei controllori 1756-L7xS, ma non
sono validi nei progetti dei controllori 1756-L6xS o 1768-L4xS.
IMPORTANTE
94
La restrizione include i tipi di dati definiti dall’utente che contengono tipi di
dati predefiniti.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Sviluppo di applicazioni di sicurezza
Capitolo 6
Scope
L’ambito di un tag determina il punto in cui è possibile accedere ai dati del tag.
Al momento della creazione, un tag viene definito come tag del controllore
(dati globali) o tag del programma per un programma di sicurezza o standard
specifico (dati locali). I tag di sicurezza possono essere definiti nell’ambito del
controllore o del programma di sicurezza.
Tag del controllore
Se i tag di sicurezza vengono inclusi nell’ambito del controllore, tutti i programmi
possono accedere ai dati di sicurezza. I tag devono essere definiti nell’ambito del
controllore se utilizzati nei seguenti casi:
• Per più programmi del progetto
• Per produrre o consumare dati
• Per la comunicazione con l’interfaccia operatore di un terminale
PanelView
• Per la mappatura dei tag di sicurezza
Per ulteriori informazioni, vedere Mappatura dei tag di sicurezza a
pagina 102.
I tag di sicurezza dell’ambito del controllore possono essere letti dalle routine
standard, ma non consentono la scrittura.
IMPORTANTE
I tag di sicurezza dell’ambito del controllore possono essere letti da
qualsiasi routine standard. La frequenza di aggiornamento dei tag di
sicurezza si basa sul periodo del task di sicurezza.
I tag associati ai dati di sicurezza prodotti o consumati ed agli I/O di sicurezza
devono essere necessariamente tag di sicurezza dell’ambito del controllore. Per i
tag di sicurezza prodotti/consumati, è necessario creare un tipo di dati definito
dall’utente ed il primo membro della struttura di tag deve essere riservato allo
stato della connessione. Tale membro è un tipo di dato predefinito denominato
CONNECTION_STATUS.
Tabella 27 – Ulteriori riferimenti
Riferimento
Descrizione
Connessioni di sicurezza a pagina 127
Fornisce ulteriori informazioni sul membro
CONNECTION_STATUS
Manuale di programmazione Dati I/O e tag dei controllori
Logix5000, pubblicazione 1756-PM004
Fornisce istruzioni per la creazione di tipi di dati
definiti dall’utente
Tag definiti nell’ambito del programma
Se i tag vengono definiti nell’ambito del programma, i dati non sono accessibili da
altri programmi. Il riutilizzo di nomi di tag definiti nell’ambito di un programma
è consentito in programmi diversi.
I tag di sicurezza definiti nell’ambito di un programma di sicurezza possono essere
letti o scritti solo da una routine di sicurezza definita nell’ambito dello stesso
programma di sicurezza.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
95
Capitolo 6
Sviluppo di applicazioni di sicurezza
Class
I tag possono essere classificati come tag standard o di sicurezza. I tag classificati
come tag di sicurezza devono avere un tipo di dati valido per i tag di sicurezza.
Quando vengono creati tag definiti nell’ambito di un programma, la classe viene
specificata automaticamente a seconda che il tag sia stato creato in un programma
standard o di sicurezza.
La classe dei tag dell’ambito del controllore, invece, deve essere selezionata
manualmente.
Constant Value
Quando un tag viene designato come valore costante, non può essere modificato
dalla logica del controllore o da un’applicazione esterna come un pannello
operatore. I tag con valori costanti non possono essere forzati.
Il software RSLogix 5000 può modificare i tag standard e di sicurezza con valori
costanti, a patto che non sia presente una firma del task di sicurezza. I tag di
sicurezza non possono essere modificati se è presente una firma del task di
sicurezza.
External Access
La proprietà External Access definisce il livello di accesso consentito per i
dispositivi esterni, ad esempio un pannello operatore, per la visualizzazione o la
modifica dei valori dei tag. Questa impostazione non influisce sull’accesso tramite
il software RSLogix 5000. Il valore predefinito è lettura/scrittura.
Tabella 28 – Livelli di External Access
Impostazione di External Access
None
Read Only
Read/Write
Descrizione
I tag non sono accessibili dall’esterno del controllore.
È possibile selezionare o leggere i tag ma non scriverli dall’esterno del
controllore.
È possibile selezionare o leggere i tag standard e scriverli dall’esterno
del controllore.
Nel caso dei tag alias, il tipo di accesso esterno corrisponde al tipo configurato per
il tag di destinazione base.
96
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Sviluppo di applicazioni di sicurezza
Tag di sicurezza prodotti/
consumati
Capitolo 6
Per trasferire i dati di sicurezza tra controllori GuardLogix, si utilizzano tag di
sicurezza prodotti e consumati. I tag prodotti e consumati richiedono
connessioni. Il tipo di connessione di default per i tag prodotti e consumati è
unicast nel software RSLogix 5000 versione 19 e successive.
Tabella 29 – Connessioni prodotte e consumate
Tag
Descrizione della connessione
Prodotto
Un controllore GuardLogix può produrre (inviare) tag di sicurezza verso altri controllori
GuardLogix 1756 o 1768.
Il controllore produttore utilizza un’unica connessione per ciascun consumatore.
Consumato
I controllori GuardLogix possono consumare (ricevere) tag di sicurezza da altri controllori
GuardLogix 1756 o 1768.
Ciascun tag consumato consuma una connessione.
I tag di sicurezza prodotti e consumati sono soggetti alle seguenti restrizioni:
• Solo i tag di sicurezza definiti nell’ambito controllore possono essere
condivisi.
• La dimensione dei tag di sicurezza prodotti e consumati è limitata a
128 byte.
• Le coppie di tag prodotti/consumati devono essere dello stesso tipo di dati
definito dall’utente.
• Il primo membro del tipo di dati definito dall’utente deve essere il tipo di
dati predefinito CONNECTION_STATUS.
• L’intervallo di pacchetto richiesto (RPI, Requested Packet Interval) del tag
di sicurezza consumato deve corrispondere al periodo del task di sicurezza
del controllore GuardLogix produttore.
Per configurare correttamente i tag di sicurezza prodotti e consumati per la
condivisione dei dati tra controllori di sicurezza peer, è necessario configurare
correttamente i controllori di sicurezza peer, produrre un tag di sicurezza e
consumare un tag di sicurezza, come descritto di seguito.
Configurazione dei numeri di rete di sicurezza dei controllori di
sicurezza peer
Il controllore di sicurezza peer è soggetto agli stessi requisiti di configurazione del
controllore di sicurezza locale. Il controllore di sicurezza peer deve inoltre essere
dotato di un numero di rete di sicurezza (SNN). Il valore SNN del controllore di
sicurezza peer varia in base al relativo posizionamento nel sistema.
Tabella 30 – SNN e posizione del controllore
Posizione del controllore di sicurezza peer
SNN
Collocato nello chassis locale
I controllori GuardLogix collocati in uno chassis comune
devono avere lo stesso valore SNN.
Collocato in un altro chassis
Il controllore deve avere un valore SNN univoco.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
97
Capitolo 6
Sviluppo di applicazioni di sicurezza
Per copiare ed incollare il numero SNN, procedere come segue.
1. Aggiungere il controllore produttore all’albero I/O del controllore
consumatore.
Controllore consumatore
Controllore produttore
2. Nel progetto del controllore produttore, fare clic con il pulsante destro del
mouse sul controllore produttore e selezionare Controller Properties.
3. Copiare il numero SNN del controllore produttore.
SUGGERIMENTO
Un valore SNN può essere copiato ed incollato mediante i pulsanti
della finestra di dialogo Safety Network Number. Aprire le
rispettive finestre di dialogo Safety Network Number facendo clic
su
a destra dei campi SNN nelle finestre di dialogo delle
proprietà.
4. Nel progetto del controllore consumatore, fare clic con il pulsante destro
del mouse sul controllore produttore e selezionare Module Properties.
98
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Sviluppo di applicazioni di sicurezza
Capitolo 6
5. Incollare il numero SNN del controllore produttore nel campo SNN.
Finestra di dialogo Controller Properties del produttore nel progetto del
produttore
Finestra di dialogo Module Properties nel progetto del consumatore
Incollare il numero SNN
Copiare il numero SNN
Produzione di un tag di sicurezza
Per produrre un tag di sicurezza, attenersi alla seguente procedura.
1. Nel progetto del controllore produttore, creare un tipo di dati definito
dall’utente per definire la struttura dei dati da produrre.
Assicurarsi che il primo membro dei dati abbia
CONNECTION_STATUS come tipo di dati.
2. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Controller Tags e selezionare
New Tag.
3. Impostare il tipo su Produced, la classe su Safety ed il tipo di dati sul tipo
definito dall’utente e creato al passo 1.
4. Fare clic su Connection ed inserire il numero di consumatori.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
99
Capitolo 6
Sviluppo di applicazioni di sicurezza
5. Fare clic su Advanced se si desidera cambiare il tipo di connessione
deselezionando “Allow Unicast Consumer Connections”.
6. Fare clic su OK.
Consumo di dati di tag di sicurezza
Per consumare i dati prodotti da un altro controllore, attenersi ai seguenti punti.
1. Nel progetto del controllore consumatore, creare un tipo di dati definito
dall’utente identico a quello creato nel progetto del produttore.
SUGGERIMENTO
Il tipo di dati definito dall’utente può essere copiato dal progetto
del produttore ed incollato nel progetto del consumatore.
2. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Controller Tags e selezionare
New Tag.
3. Impostare il tipo su Consumed, la classe su Safety ed il tipo di dati sul tipo
definito dall’utente e creato al passo 1.
100
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Sviluppo di applicazioni di sicurezza
Capitolo 6
4. Fare clic su Connection per aprire la finestra di dialogo Consumed Tag
Connection.
5. Selezionare il controllore che produce i dati.
6. Immettere il nome del tag prodotto.
7. Fare clic sulla scheda Safety.
8. Inserire l’intervallo di pacchetto richiesto (RPI) per la connessione
mediante incrementi di 1 ms.
Il valore predefinito è 20 ms.
Progetto del consumatore
Progetto del produttore
L’RPI specifica l’intervallo di aggiornamento dei dati durante la
connessione. L’intervallo RPI del tag di sicurezza consumato deve essere
identico al periodo del task di sicurezza del progetto di sicurezza
produttore.
Il Connection Reaction Time Limit (tempo limite di risposta della
connessione) è la durata massima dei pacchetti di sicurezza sulla
connessione associata. Per semplici requisiti di temporizzazione, è possibile
regolare l’intervallo RPI per ottenere un tempo limite di risposta della
connessione accettabile.
Il parametro Max Network Delay corrisponde al massimo ritardo di
trasferimento osservato dal momento in cui i dati sono stati prodotti fino
al momento in cui sono stati ricevuti. Se si è online, è possibile azzerare il
parametro Max Network Delay facendo clic su Reset Max.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
101
Capitolo 6
Sviluppo di applicazioni di sicurezza
9. Se il tempo Connection Reaction Time Limit è accettabile, fare clic su
OK; per requisiti più complessi, fare clic su Advanced per impostare i
parametri di Advanced Connection Reaction Time Limit.
Il parametro Timeout Multiplier determina il numero di RPI di attesa di
un pacchetto prima di dichiarare il timeout della connessione.
Il parametro Network Delay Multiplier definisce il tempo di trasferimento
del messaggio applicato dal protocollo CIP Safety. Esso specifica il ritardo
del percorso produttore-consumatore-produttore. È possibile utilizzare
Network Delay Multiplier per aumentare o ridurre il Connection Reaction
Time Limit.
Tabella 31 – Ulteriori riferimenti
Mappatura dei tag di
sicurezza
102
Riferimento
Descrizione
Pagine 71…75
Fornisce ulteriori informazioni sull’impostazione dell’RPI e sulla
comprensione della modalità con cui i parametri Max. Network
Delay, Timeout Multiplier e Network Delay Multipliers influiscono
sul tempo di risposta della connessione
Capitolo 9
Contiene ulteriori informazioni sul tipo di dati predefinito
CONNECTION_STATUS
Manuale di programmazione Tag prodotti e
consumati dei controllori Logix5000,
pubblicazione 1756-PM011
Fornisce informazioni dettagliate sull’utilizzo di tag prodotti e
consumati
L’accesso ai tag standard dell’ambito del controllore non può essere effettuato
direttamente con una routine di sicurezza. Per poter utilizzare i dati di tag
standard all’interno di routine di task di sicurezza, i controllori GuardLogix
dispongono di una funzione di mappatura dei tag di sicurezza che consente di
copiare i valori dei tag standard nella memoria dei tag di sicurezza.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Sviluppo di applicazioni di sicurezza
Capitolo 6
Restrizioni
La mappatura dei tag di sicurezza è soggetta alle seguenti restrizioni:
• La coppia tag di sicurezza-tag standard deve essere definita nell’ambito del
controllore.
• I tipi di dati della coppia tag di sicurezza-tag standard devono
corrispondere.
• Non è consentito l’uso di tag alias.
• La mappatura deve essere definita per l’intero tag. Ad esempio, non è
consentito l’uso di myTimer.pre se myTimer è un tag TIMER.
• Una coppia di mappatura è costituita da un tag standard mappato ad un tag
di sicurezza.
• Non è possibile mappare un tag standard ad un tag di sicurezza definito
come costante.
• La mappatura di tag non può essere modificata in presenza delle seguenti
condizioni:
– se il progetto è in blocco di sicurezza
– se esiste una firma del task di sicurezza
– se il selettore a chiave è in posizione RUN
– se si è verificato un errore di sicurezza irreversibile
– se la relazione tra il controllore principale ed il coprocessore di sicurezza
non è valida.
ATTENZIONE: durante l’utilizzo di dati standard in una routine di sicurezza, l’utente deve
predisporre una soluzione affidabile per garantire che i dati siano utilizzati in modo adeguato.
L’utilizzo di dati standard in un tag di sicurezza non li rende dati di sicurezza. Non si può
controllare direttamente un’uscita di sicurezza SIL 3/PLe con i dati di tag standard.
Per ulteriori informazioni, consultare la pubblicazione Manuale di riferimento per la sicurezza –
Sistemi di controllori GuardLogix, 1756-RM093.
Creazione di coppie di mappatura di tag
1. Per accedere alla finestra di dialogo Safety Tag Mapping, selezionare Map
Safety Tags dal menu Logic.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
103
Capitolo 6
Sviluppo di applicazioni di sicurezza
2. Aggiungere un tag esistente nella colonna Standard Tag Name or Safety
Tag Name digitando il nome del tag nella cella o selezionando un tag dal
menu a tendina.
Fare clic sulla freccia per visualizzare una finestra di dialogo di esplorazione
dei tag filtrati. Nella colonna Standard Tag Name sono visualizzati solo tag
standard dell’ambito del controllore. Nella colonna Safety Tag Name sono
visualizzati solo tag di sicurezza dell’ambito del controllore.
3. Aggiungere un nuovo tag nella colonna Standard Tag Name o Safety Tag
Name facendo clic con il pulsante destro del mouse nella cella vuota,
selezionando New Tag e digitando il nome del tag nella cella.
4. Fare clic con il pulsante destro del mouse nella cella e selezionare New
tagname, dove tagname corrisponde al testo digitato nella cella.
Controllo dello stato della mappatura dei tag
Nell’ultima colonna a sinistra della finestra di dialogo Safety Tag Mapping è
indicato lo stato della coppia mappata.
Tabella 32 – Icone dello stato di mappatura dei tag
Contenuto della cella
Descrizione
Vuota
La mappatura dei tag è valida.
Durante il funzionamento offline, l’icona raffigurante una X indica che la mappatura dei
tag non è valida. È possibile spostarsi su una nuova riga o chiudere la finestra di dialogo
Safety Tag Mapping.(1)
Durante il funzionamento online, una mappa di tag non valida causa un messaggio
d’errore in cui viene indicato il motivo per il quale l’associazione non è valida. Non è
possibile spostarsi su un’altra riga o chiudere la finestra di dialogo Safety Tag Mapping nel
caso in cui sia presente un errore di mappatura dei tag.
Indica la riga attiva.
Indica la riga Create New Mapped Tag.
Indica una modifica in sospeso.
(1) La mappatura dei tag viene controllata anche durante la verifica del progetto. La presenza di una mappatura di tag non valida causa
un errore di verifica del progetto.
Per ulteriori informazioni, vedere le restrizioni relative alla mappatura dei tag a
pagina 103.
104
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Sviluppo di applicazioni di sicurezza
Protezione dell’applicazione
di sicurezza
Capitolo 6
Per proteggere il programma applicativo da modifiche non autorizzate è possibile
attivare il blocco di sicurezza del controllore e generare e registrare la firma del
task di sicurezza.
Blocco di sicurezza del controllore
Il controllore GuardLogix può essere impostato in blocco di sicurezza allo scopo
di impedire modifiche ai componenti di controllo correlati alla sicurezza. La
funzione di blocco di sicurezza può essere utilizzata solo con i componenti di
sicurezza, come il task di sicurezza, i programmi di sicurezza, le routine di
sicurezza, le istruzioni add-on di sicurezza, i tag di sicurezza, l’I/O di sicurezza e la
firma del task di sicurezza.
Quando il controllore è in blocco di sicurezza, non è possibile eseguire le
operazioni indicate di seguito nella sezione dell’applicazione riservata alla
sicurezza:
• Programmazione o modifica online/offline (incluse le istruzioni add-on di
sicurezza)
• Forzatura degli I/O di sicurezza
• Modifica dello stato di inibizione degli I/O di sicurezza o delle connessioni
prodotte
• Manipolazione dei dati di sicurezza (ad eccezione della logica delle routine
di sicurezza)
• Generazione o eliminazione della firma del task di sicurezza
SUGGERIMENTO
Il testo relativo al pulsante dello stato di sicurezza sulla barra di stato indica
lo stato del blocco di sicurezza.
Pulsante stato sicurezza
Nella barra delle applicazioni vengono inoltre visualizzate le icone riportate
di seguito ad indicare lo stato di blocco di sicurezza del controllore di
sicurezza.
•
= controllore in blocco di sicurezza
•
= controllore non in blocco di sicurezza
È possibile impostare il blocco di sicurezza del progetto del controllore
indipendentemente dalla modalità di funzionamento (online o offline) e a
prescindere dalla disponibilità del sorgente del programma, purché non siano
presenti forzature di sicurezza o modifiche di sicurezza online in sospeso.
Lo stato in blocco di sicurezza o sblocco di sicurezza non può essere modificato se
il selettore a chiave è in posizione RUN.
SUGGERIMENTO Le azioni di attivazione e disattivazione del blocco di sicurezza vengono
incluse nel registro del controllore.
Per ulteriori informazioni sulla consultazione del registro del controllore,
consultare il manuale di programmazione Controllori Logix5000 –
Informazioni e stato, pubblicazione 1756-PM015.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
105
Capitolo 6
Sviluppo di applicazioni di sicurezza
È possibile attivare e disattivare il blocco di sicurezza del controllore mediante la
scheda Safety della finestra di dialogo Controller Properties oppure selezionando
Tools>Safety>Safety Lock/Unlock.
Figura 26 – Blocco di sicurezza del controllore
Se la funzione di blocco di sicurezza viene utilizzata tramite l’inserimento di una
password, occorre inserirla nel campo Enter Password. In caso contrario, fare clic
su Lock.
Nella finestra di dialogo Safety Lock è inoltre possibile impostare o modificare la
password. Vedere a pagina 49.
La funzione di blocco di sicurezza descritta in questa sezione e le funzioni di
sicurezza standard di RSLogix possono essere utilizzate per applicazioni relative
al controllore GuardLogix.
Per informazioni sulle funzioni di sicurezza di RSLogix 5000, consultare la
pubblicazione Logix5000 Controllers Security Programming Manual,
1756-PM016.
Generazione di una firma del task di sicurezza
Prima di eseguire il test di verifica, è necessario generare la firma del task di
sicurezza. La firma del task di sicurezza può essere generata solo se si è online,
con il controllore GuardLogix non in blocco di sicurezza in modalità
Programmazione e se non sono presenti forzature di sicurezza, modifiche
online di sicurezza in sospeso o errori di sicurezza. Lo stato di sicurezza deve
essere Safety Task OK.
Inoltre, è impossibile generare una firma del task di sicurezza se il controllore è
in modalità Esecuzione con la protezione della modalità Esecuzione abilitata.
SUGGERIMENTO
106
Per visualizzare lo stato di sicurezza corrente, utilizzare il pulsante di stato
di sicurezza sulla barra online (vedere a pagina 126) oppure accedere alla
scheda Safety nella finestra di dialogo Controller Properties come mostrato
a pagina 107.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Sviluppo di applicazioni di sicurezza
Capitolo 6
La firma del task di sicurezza può essere generata mediante la scheda Safety della
finestra di dialogo Controller Properties facendo clic su Generate. È anche
possibile selezionare Tools>Safety>Generate Signature.
Figura 27 – Scheda Safety
Se esiste una firma precedente, viene richiesto di sovrascriverla.
SUGGERIMENTO
La creazione e l’eliminazione di una firma del task di sicurezza vengono
registrate nel registro del controllore.
Per ulteriori informazioni sulla consultazione del registro del controllore,
consultare il manuale di programmazione Controllori Logix5000 –
Informazioni e stato, pubblicazione 1756-PM015.
Se è presente una firma del task di sicurezza, non è possibile eseguire le seguenti
azioni nella sezione relativa alla sicurezza dell’applicazione:
• Programmazione o modifica online/offline (incluse istruzioni add-on di
sicurezza).
• Forzatura degli I/O di sicurezza
• Modifica dello stato di inibizione degli I/O di sicurezza o dei controllori
produttori
• Manipolazione dei dati di sicurezza (ad eccezione della logica delle routine
di sicurezza)
Copia della firma del task di sicurezza
È possibile utilizzare il pulsante Copy per creare un record della firma del task di
sicurezza da utilizzare per la documentazione, il confronto e la convalida di un
progetto di sicurezza. Fare clic su Copy per copiare i componenti ID, Date e
Time negli Appunti di Windows.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
107
Capitolo 6
Sviluppo di applicazioni di sicurezza
Eliminazione della firma del task di sicurezza
Fare clic su Delete per eliminare la firma del task di sicurezza. La firma del task di
sicurezza non può essere eliminata nei seguenti casi:
• Il controllore è in blocco di sicurezza.
• Il controllore è in modalità Esecuzione con il selettore a chiave su RUN.
• Il controllore è in modalità Esecuzione o Esecuzione remota con la
protezione della modalità di esecuzione abilitata.
ATTENZIONE: Se si elimina la firma del task di sicurezza, occorre testare e
convalidare nuovamente il sistema per verificarne la conformità a SIL 3/PLe.
Per ulteriori informazioni sui requisiti SIL 3/PLe, consultare la pubblicazione
Manuale di riferimento per la sicurezza – Sistemi di controllori GuardLogix,
1756-RM093.
Restrizioni software
Le restrizioni che limitano la disponibilità di alcune voci di menu e funzioni
(ossia le funzioni Taglia, Incolla, Elimina, Trova e sostituisci) sono imposte dal
software di programmazione allo scopo di proteggere da modifiche i componenti
preposti alla sicurezza nei seguenti casi:
•
•
•
•
Il controllore è in blocco di sicurezza.
Esiste una firma del task di sicurezza.
Sono presenti errori di sicurezza.
Lo stato di sicurezza è uno dei seguenti:
– Coprocessore mancante
– Coprocessore non disponibile
– Hardware incompatibile
– Firmware incompatibile
Se si verifica anche solo una di queste condizioni, non è possibile:
• Creare o modificare gli oggetti di sicurezza, ivi compresi programmi di
sicurezza, routine di sicurezza, tag di sicurezza, istruzioni Add-on di
sicurezza e moduli I/O di sicurezza.
IMPORTANTE
I tempi di scansione del task e dei programmi di sicurezza possono
essere reimpostati in modalità online.
Applicare forzature ai tag di sicurezza.
Creare nuove mappature dei tag di sicurezza.
Modificare o eliminare mappature di tag.
Modificare o eliminare tipi di dati definiti dall’utente utilizzati dai tag di
sicurezza.
• Modificare il nome, la descrizione, il tipo di chassis e lo slot del controllore
ed il Numero Rete di Sicurezza (SNN).
• Modificare o eliminare la firma del task di sicurezza mentre è attivo il
blocco di sicurezza.
•
•
•
•
108
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Capitolo
7
Collegamento online con il controllore
Argomento
Connessione del controllore
alla rete
Pagina
Connessione del controllore alla rete
109
Analisi dei fattori che influiscono sul collegamento online
111
Download
113
Upload
115
Collegamento online
116
Connettere il controllore alla rete, se non è stato fatto.
Tabella 33 – Connessioni di comunicazione
Per questo tipo di
connessione
Usare
Vedere
Seriale
Cavo 1756-CP3 o 1747-CP3
Collegamento alla porta seriale del
controllore 1756-L6xS a pagina 37
USB
Cavo USB 2.0
Collegamento alla porta USB del
controllore 1756-L7xS a pagina 35
EtherNet/IP
Modulo EtherNet/IP in uno slot libero nello stesso
chassis del controllore
Connessione del dispositivo EtherNet/IP e
del computer a pagina 110
DeviceNet
Modulo 1756-DNB in uno slot libero nello stesso
chassis del controllore
ControlNet
Modulo 1756-CN2 in uno slot libero nello stesso
chassis del controllore
Connessione del modulo di
comunicazione ControlNet o dello
scanner DeviceNet e del computer a
pagina 110
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
109
Capitolo 7
Collegamento online con il controllore
Connessione del dispositivo EtherNet/IP e del computer
AVVISO: Se si connette o disconnette il cavo di comunicazione con il
modulo o qualsiasi dispositivo sulla rete alimentato, può verificarsi un
arco elettrico, che può causare esplosioni in installazioni che si trovano in
aree pericolose.
Prima di procedere, assicurarsi di aver tolto alimentazione o che l’area non
sia pericolosa.
Connettere il dispositivo EtherNet/IP ed il computer utilizzando un cavo
Ethernet.
Figura 28 – Connessioni Ethernet
Modulo di
comunicazione
Ethernet
Switch Ethernet
Cavi Ethernet standard o incrociati con
connettore RJ45
Connessione del modulo di comunicazione ControlNet o dello scanner
DeviceNet e del computer
Per accedere alla rete ControlNet o DeviceNet, è possibile scegliere tra le due
opzioni seguenti:
• Eseguire la connessione direttamente alla rete.
• Eseguire la connessione ad una rete seriale o EtherNet/IP e passare (ponte)
alla rete richiesta. Per eseguire questa operazione, non è necessaria
programmazione aggiuntiva.
Configurazione di un driver EtherNet/IP, ControlNet o DeviceNet
Per informazioni sulla configurazione di un driver, consultare la pubblicazione
appropriata:
• EtherNet/IP Modules in Logix5000 Control Systems, pubblicazione
ENET-UM001
• Manuale dell’utente ControlNet Modules in Logix5000 Control Systems,
pubblicazione CNET-UM001
• DeviceNet Modules in Logix5000 Control Systems, pubblicazione
DNET-UM004
110
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Collegamento online con il controllore
Analisi dei fattori che
influiscono sul collegamento
online
Capitolo 7
Il software RSLogix 5000 determina se è possibile collegarsi online con un
controllore di destinazione a seconda che il progetto offline sia nuovo o siano
state apportate modifiche. Se il progetto è nuovo, è necessario prima scaricarlo nel
controllore. Se sono state apportate modifiche al progetto, verrà richiesto di
effettuare l’upload o il download. Se non sono state apportate modifiche, è
possibile collegarsi online per controllare l’esecuzione del progetto.
Diversi fattori influiscono su questi processi, compresa la funzione di
corrispondenza tra progetto e controllore, lo stato di sicurezza e gli errori,
l’esistenza di una firma del task di sicurezza e lo stato di blocco/sblocco di
sicurezza del progetto e del controllore.
Corrispondenza tra progetto e controllore
La funzione di corrispondenza tra progetto e controllore influisce sui processi di
download, upload e collegamento online di progetti standard e di sicurezza.
Se la funzione Project to Controller Match è abilitata nel progetto offline, il
software RSLogix 5000 confronta il numero seriale del controllore nel progetto
offline con quello del controllore connesso. Se non corrispondono, è necessario
annullare il download/l’upload, eseguire la connessione al controllore corretto,
oppure confermare di essere collegati al controllore corretto per aggiornare il
numero seriale nel progetto, in modo che corrisponda al controllore di
destinazione.
Corrispondenza della versione del firmware
La corrispondenza della versione del firmware influisce sul processo di download.
Se la versione del controllore non corrisponde a quella del progetto, verrà
richiesto di aggiornare il firmware del controllore. Il software RSLogix 5000
consente di aggiornare il firmware come parte della sequenza di download.
IMPORTANTE
SUGGERIMENTO
Per aggiornare il firmware del controllore, è necessario prima installare un
kit di aggiornamento del firmware. Un kit di aggiornamento viene spedito
in un CD supplementare insieme al software RSLogix 5000.
Per aggiornare il firmware è anche possibile selezionare ControlFLASH™
dal menu Tools del software RSLogix 5000.
Stato di sicurezza/errori
L’upload della logica di programma ed il collegamento online sono consentiti
indipendentemente dallo stato di sicurezza. Lo stato di sicurezza e gli errori
influiscono solo sul processo di download.
È possibile visualizzare lo stato di sicurezza dalla scheda Safety nella finestra di
dialogo Controller Properties.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
111
Capitolo 7
Collegamento online con il controllore
Firma del task di sicurezza e stato di blocco/sblocco di sicurezza
L’esistenza di una firma del task di sicurezza e lo stato di blocco/sblocco di
sicurezza del controllore influiscono sia sui processi di upload che di download.
Durante l’upload
Se il controllore ha una firma del task di sicurezza, quest’ultima e lo stato di
blocco del task di sicurezza vengono caricati con il progetto. Ad esempio, se il
progetto nel controllore non era in blocco di sicurezza, il progetto offline rimane
tale dopo l’upload, anche se era bloccato prima dell’upload.
In seguito ad un upload, la firma del task di sicurezza nel progetto offline
corrisponde alla firma del task di sicurezza nel controllore.
Durante il download
L’esistenza di una firma del task di sicurezza e lo stato di blocco di sicurezza del
controllore determinano la possibilità di eseguire o meno un download.
Tabella 34 – Effetto del blocco di sicurezza e della firma del task di sicurezza sull’operazione di download
Stato del blocco di sicurezza
Controllore non in blocco di
sicurezza
Controllore in blocco di sicurezza
Stato della firma del task di sicurezza
Funzionalità di download
La firma del task di sicurezza nel progetto
offline corrisponde alla firma del task di
sicurezza nel controllore.
Vengono scaricati tutti i componenti standard del progetto. I tag di sicurezza vengono
reinizializzati ai valori presenti al momento della creazione della firma del task di sicurezza. Il task
di sicurezza non viene scaricato. Lo stato del blocco di sicurezza corrisponde allo stato nel progetto
offline.
Le firme del task di sicurezza non
corrispondono.
Se il controllore aveva una firma del task di sicurezza, quest’ultima viene cancellata
automaticamente e viene scaricato l’intero progetto. Lo stato del blocco di sicurezza corrisponde
allo stato nel progetto offline.
Le firme del task di sicurezza corrispondono. Se il progetto offline ed il controllore sono in blocco di sicurezza, vengono scaricati tutti i
componenti standard del progetto ed il task di sicurezza viene reinizializzato con i valori presenti al
momento della creazione della firma del task di sicurezza.
Se il progetto offline non è in blocco di sicurezza ma il controllore sì, il download viene bloccato e
per proseguire con il download occorre prima sbloccare il controllore.
Le firme del task di sicurezza non
corrispondono.
IMPORTANTE
112
È necessario innanzitutto lo sblocco di sicurezza del controllore per consentire il download. Se il
controllore aveva una firma del task di sicurezza, quest’ultima viene cancellata automaticamente e
viene scaricato l’intero progetto. Lo stato del blocco di sicurezza corrisponde allo stato nel progetto
offline.
Durante il download su un controllore non in blocco di sicurezza, se il
firmware del controllore differisce da quello del progetto offline, adottare
una delle seguenti soluzioni:
• Aggiornare il controllore in modo che corrisponda al progetto offline.
Una volta completato l’aggiornamento, l’intero progetto viene
scaricato.
• Aggiornare il progetto alla versione del controllore.
Se si aggiorna il progetto, la firma del task di sicurezza viene cancellata ed è
necessario ripetere la convalida del sistema.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Collegamento online con il controllore
Download
Capitolo 7
Per trasferire il progetto dal computer al controllore, attenersi alla seguente
procedura.
RUN
I/O
FORCE
Progetto
SAFE
RUN
SAFETY
TASK
RS232
BAT
RUN
OK
REM
BAT
OK
PROG
Controllore
Download
1. Portare il selettore a chiave del controllore su REM.
2. Aprire il progetto RSLogix 5000 da scaricare.
3. Definire il percorso al controllore.
a. Fare clic su Who Active
.
b. Selezionare il controllore.
Per aprire un livello, fare clic sul segno +. Se è già stato selezionato un
controllore, assicurarsi che si tratti del controllore corretto.
4. Fare clic su Download.
Il software confronta le seguenti informazioni nel progetto offline e nel
controllore:
• numero seriale del controllore (se è selezionata la corrispondenza tra
progetto e controllore)
• versioni principale e secondaria del firmware
• stato di sicurezza
• firma del task di sicurezza (se presente)
• stato del blocco di sicurezza
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
113
Capitolo 7
Collegamento online con il controllore
5. Per completare il download in base alle risposte del software, attenersi alle
istruzioni riportate nella seguente tabella.
Se nel software è presente la seguente indicazione
Procedere come segue
Download nel controllore.
Scegliere Download. Il progetto viene scaricato nel controllore ed il software RSLogix 5000 viene
collegato in linea.
Impossibile eseguire il download nel controllore. Mancata corrispondenza tra il
numero seriale del progetto offline e quello del controllore. Il controllore
selezionato può non essere corretto.
Eseguire la connessione al controllore corretto oppure verificare che il controllore utilizzato sia quello
appropriato. Se si tratta del controllore corretto, selezionare la casella di controllo Update project
serial number per consentire l’esecuzione del download. Il numero seriale del progetto viene
modificato in modo da corrispondere al numero seriale del controllore.
Impossibile eseguire il download nel controllore. La versione principale del
progetto offline ed il firmware del controllore non sono compatibili.
Selezionare Update Firmware. Selezionare la versione richiesta e fare clic su Update. Confermare la
selezione facendo clic su Yes.
Impossibile eseguire il download nel controllore. Coprocessore di sicurezza
mancante o non disponibile.
Annullare il processo di download. Installare un coprocessore di sicurezza compatibile prima di
eseguire il download.
Impossibile eseguire il download nel controllore. La versione del firmware del
coprocessore di sicurezza non è compatibile con il controllore primario.
Aggiornare la versione del firmware del coprocessore di sicurezza. Selezionare Update Firmware.
Selezionare la versione richiesta e fare clic su Update. Confermare la selezione facendo clic su Yes.
Impossibile eseguire il download nel controllore. La partnership di sicurezza
non è stata stabilita.
Annullare il processo di download e provare ad eseguire un nuovo download.
Impossibile eseguire il download nel controllore. La firma del task di sicurezza
non compatibile non può essere eliminata quando il progetto è in blocco di
sicurezza.
Annullare il processo di download. Per eseguire il download del progetto, è necessario disattivare il
blocco di sicurezza del progetto offline, eliminare la firma del task di sicurezza e quindi scaricare il
progetto.
IMPORTANTE: il sistema di sicurezza richiede una nuova convalida.
Impossibile eseguire il download conservando la firma del task di sicurezza.
La revisione secondaria del firmware del controllore non è compatibile con la
firma del task di sicurezza del progetto offline.
• Se la versione secondaria del firmware non è compatibile, per conservare la firma del task di
sicurezza aggiornare la versione del firmware nel controllore in modo che corrisponda
esattamente al progetto offline. Scaricare quindi il progetto offline.
• Per procedere con il download indipendentemente dall’incompatibilità della firma del task di
sicurezza, fare clic su Download. La firma del task di sicurezza viene cancellata.
IMPORTANTE: il sistema di sicurezza richiede una nuova convalida.
Impossibile eseguire il download nel controllore. Il controllore è bloccato.
Le firme del task di sicurezza del controllore e del progetto offline non
corrispondono.
Selezionare Unlock. Viene visualizzata la finestra di dialogo Safety Unlock for Download. Se è
selezionata la casella di controllo Delete Signature e si sceglie Unlock, è necessario confermare
l’eliminazione selezionando Yes.
Si verificherà un errore di sicurezza irreversibile sul controllore di sicurezza.
Non è stato designato un master CST (tempo di sistema coordinato).
Selezionare Enable Time Synchronization e fare clic su Download per procedere.
Se il download viene eseguito correttamente, lo stato di blocco di sicurezza e la
firma del task di sicurezza del controllore corrispondono al progetto scaricato.
I dati di sicurezza vengono inizializzati ai valori esistenti al momento della
creazione della firma del task di sicurezza.
114
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Collegamento online con il controllore
Upload
Capitolo 7
Per trasferire un progetto dal controllore al computer, attenersi alla seguente
procedura.
RUN
I/O
FORCE
Progetto
SAFE
RUN
SAFETY
TASK
RS232
BAT
RUN
OK
REM
BAT
OK
PROG
Controllore
Upload
1. Definire il percorso al controllore.
a. Fare clic su Who Active
.
b. Selezionare il controllore.
Per espandere un livello, fare clic sul segno +. Se è già stato selezionato
un controllore, assicurarsi che si tratti del controllore corretto.
2. Fare clic su Upload.
3. Se il file di progetto non esiste, selezionare File>Select>Yes.
4. Se il file di progetto è già stato creato, selezionarlo.
Se è attivata la corrispondenza tra il progetto ed il controllore, il software
RSLogix 5000 controlla se il numero seriale del progetto aperto ed il
numero seriale del controllore corrispondono.
Se i numeri seriali del controllore non corrispondono, è possibile procedere
in uno dei seguenti modi:
• Annullare l’upload ed eseguire la connessione ad un controllore
corrispondente. Dopodiché, avviare nuovamente la procedura di
upload.
• Selezionare un nuovo progetto da caricare oppure selezionare un altro
progetto scegliendo Select File.
• Aggiornare il numero seriale del progetto in modo che corrisponda al
controllore selezionando la casella di controllo Update Project Serial
Number, quindi l’opzione Upload.
5. Il software controlla se il progetto aperto corrisponde al progetto del
controllore.
a. Se i progetti non corrispondono, è necessario selezionare un file
corrispondente oppure annullare il processo di upload.
b. Se i progetti corrispondono, il software controlla se sono state apportate
modifiche al progetto offline (aperto).
6. Il software verifica la presenza di modifiche nel progetto offline.
a. Se non sono state apportate modifiche al progetto offline, è possibile
collegarsi online senza eseguire l’upload. Fare clic su Go Online.
b. Se sono state apportate modifiche al progetto aperto non presenti nel
controllore, è possibile scegliere di caricare il progetto, annullare
l’upload oppure selezionare un altro file.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
115
Capitolo 7
Collegamento online con il controllore
Se si seleziona Upload, vengono caricate le applicazioni standard e di
sicurezza. Se è stata configurata una firma del task di sicurezza, anch’essa
viene caricata. Lo stato di blocco di sicurezza del progetto riflette lo stato
originale del progetto in linea (controllore).
SUGGERIMENTO
Collegamento online
Prima di eseguire l’upload, se è presente una firma del task di
sicurezza offline oppure il progetto offline è in blocco di sicurezza
ma il controllore non lo è o non dispone di una firma del task di
sicurezza, la firma del task di sicurezza offline e lo stato di blocco
di sicurezza saranno sostituiti dai valori in linea (sblocco di
sicurezza senza firma del task di sicurezza). Se non si desidera
apportare tali modifiche in modo permanente, non salvare il
progetto offline al termine dell’upload.
Per passare online e monitorare un progetto in esecuzione sul controllore,
attenersi alla seguente procedura.
Controllore
RUN
I/O
FORCE
Progetto
SAFE
RUN
SAFETY
TASK
RS232
BAT
RUN
OK
REM
BAT
OK
PROG
Progetto
Online
1. Definire il percorso al controllore.
a. Fare clic su Who Active
.
b. Selezionare il controllore.
Per espandere un livello, fare clic sul segno +. Se è già stato selezionato
un controllore, assicurarsi che si tratti del controllore corretto.
2. Fare clic su Go Online.
Il software esegue le seguenti verifiche:
• I numeri seriali del progetto offline e del controllore corrispondono
(se è selezionata la funzione di corrispondenza tra il progetto ed il
controllore)?
• Il progetto offline contiene modifiche non presenti nel progetto del
controllore?
• Le versioni del progetto offline e del firmware del controllore
corrispondono?
• Il progetto offline o il controllore sono in blocco di sicurezza?
• Il progetto offline ed il controllore hanno firme del task di sicurezza
compatibili?
116
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Collegamento online con il controllore
Capitolo 7
3. Per connettersi al controllore, seguire le indicazioni riportate nella tabella
che segue.
Tabella 35 – Connessione al controllore
Se nel software è presente la seguente indicazione
Procedere come segue
Impossibile eseguire la connessione al controllore. Mancata corrispondenza tra
il numero seriale del progetto offline e quello del controllore. Il controllore
selezionato può non essere corretto.
Eseguire la connessione al controllore corretto, selezionare un altro file di progetto oppure
selezionare la casella di controllo Update project serial number e scegliere Go Online… per eseguire
la connessione al controllore ed aggiornare il numero seriale del progetto offline in modo che
corrisponda al controllore.
Impossibile eseguire la connessione al controllore. La versione del progetto
offline ed il firmware del controllore non sono compatibili.
Scegliere una delle seguenti opzioni:
• Selezionare Update Firmware. Selezionare la versione richiesta e fare clic su Update. Confermare
la selezione facendo clic su Yes.
IMPORTANTE: il progetto online viene eliminato.
• Per mantenere il progetto in linea, annullare il processo in linea ed installare una versione del
software RSLogix 5000 compatibile con la versione del firmware del controllore.
È necessario eseguire l’upload o il download per collegarsi online utilizzando il
progetto aperto.
Scegliere una delle seguenti opzioni:
• Upload per aggiornare il progetto offline.
• Download per aggiornare il progetto del controllore.
• Selezionare File per selezionare un altro progetto offline.
Impossibile eseguire la connessione conservando la firma del task di sicurezza.
La revisione secondaria del firmware del controllore non è compatibile con la
firma del task di sicurezza del progetto offline.
• Per conservare la firma del task di sicurezza quando la versione secondaria del firmware non è
compatibile, aggiornare la versione del firmware nel controllore in modo che corrisponda
esattamente al progetto offline. Collegarsi quindi online al controllore.
• Per procedere con il download indipendentemente dall’incompatibilità della firma del task di
sicurezza, fare clic su Download. La firma del task di sicurezza viene cancellata.
IMPORTANTE: il sistema di sicurezza richiede una nuova convalida.
Impossibile eseguire la connessione al controllore. La firma del task di sicurezza
non compatibile non può essere eliminata mentre il progetto è in blocco di
sicurezza.
Annullare il processo online. È necessario disattivare il blocco di sicurezza del progetto offline prima
del collegamento online.
Quando il controllore ed il software RSLogix 5000 sono in linea, lo stato di
blocco di sicurezza e la firma del task di sicurezza del controllore corrispondono
al progetto del controllore. Lo stato di blocco di sicurezza e la firma del task di
sicurezza del progetto offline vengono sovrascritti dal controllore. Se non si
desidera apportare tali modifiche al progetto offline in modo permanente, non
salvare il file di progetto al termine del collegamento online.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
117
Capitolo 7
Collegamento online con il controllore
Note:
118
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Capitolo
8
Memorizzazione e caricamento di progetti con
la memoria non volatile
Argomento
Utilizzo delle schede di
memoria per la memoria
non volatile
Pagina
Utilizzo delle schede di memoria per la memoria non volatile
119
Memorizzazione di un progetto di sicurezza
120
Caricamento di un progetto di sicurezza
121
Utilizzo dei moduli ESM (solo controllori 1756-L7xS)
122
Valutazione del mantenimento dell’orologio interno (WallClockTime) da parte del
modulo ESM
124
Gestione del firmware con Firmware Supervisor
124
I controllori GuardLogix, versione 18 o successive, supportano una scheda di
memoria per la memoria non volatile. La memoria non volatile consente di
mantenere una copia del progetto sul controllore. Il controllore non richiede
alimentazione o una batteria per il mantenimento di questa copia.
Il progetto memorizzato può essere caricato dalla memoria non volatile alla
memoria utente del controllore:
• Ad ogni accensione
• Quando non è presente alcun progetto nel controllore e quest’ultimo viene
acceso
• In qualsiasi momento tramite il software RSLogix 5000
IMPORTANTE
Nella memoria non volatile vengono memorizzati i contenuti della memoria
utente quando si salva il progetto:
• Le modifiche apportate in seguito alla memorizzazione del progetto non
vengono salvate nella memoria non volatile.
• Se si apportano delle modifiche al progetto ma non vengono memorizzate,
queste ultime vengono sovrascritte quando si carica il progetto dalla
memoria non volatile. In tal caso, è necessario eseguire l’upload o il
download del progetto per collegarsi online.
• Per salvare modifiche quali modifiche online, valori dei tag, o una
schedulazione della rete ControlNet, è necessario memorizzare nuovamente
il progetto in seguito all’esecuzione delle modifiche.
Se è installata una scheda di memoria, è possibile visualizzarne i contenuti tramite
la scheda Nonvolatile Memory della finestra di dialogo Controller Properties.
Se sulla scheda è memorizzata un’applicazione di sicurezza, vengono visualizzati
lo stato del blocco di sicurezza e la firma del task di sicurezza.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
119
Capitolo 8
Memorizzazione e caricamento di progetti con la memoria non volatile
ATTENZIONE: Non rimuovere la scheda di memoria mentre il controllore sta
leggendo o scrivendo su di essa, processo indicato dall’indicatore di stato OK che
lampeggia in verde. Questa operazione potrebbe provocare il danneggiamento
dei dati presenti sulla scheda o nel controllore, o l’alterazione dell’ultimo
firmware caricato nel controllore. Lasciare la scheda nel controllore finché la
luce dell’indicatore di stato OK non diventa verde fissa.
Figura 29 – Scheda Nonvolatile Memory
Per informazioni dettagliate sull’utilizzo della memoria non volatile, consultare il
manuale di programmazione Logix5000 Controllers Nonvolatile Memory,
pubblicazione 1756-PM017.
Memorizzazione di un
progetto di sicurezza
Non è possibile memorizzare un progetto di sicurezza se lo stato del task di
sicurezza è Task di sicurezza non funzionante. Quando si memorizza un progetto
di sicurezza, i firmware del controllore primario e del coprocessore di sicurezza
vengono salvati sulla scheda di memoria.
Se non è presente alcuna applicazione nel controllore, è possibile salvare solo il
firmware del controllore di sicurezza se è stata stabilita una partnership valida.
Il caricamento del solo firmware non determina l’annullamento della condizione
Task di sicurezza non funzionante.
Se è presente una firma del task di sicurezza quando si memorizza un progetto,
avviene quanto segue:
• I tag di sicurezza vengono memorizzati insieme ai valori che assumevano al
momento della creazione della firma.
• I tag standard vengono aggiornati.
• La firma del task di sicurezza corrente viene salvata.
120
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Memorizzazione e caricamento di progetti con la memoria non volatile
Capitolo 8
Quando si memorizza un progetto applicativo di sicurezza su una scheda di
memoria, si consiglia di selezionare Program (Remote Only) come modalità di
caricamento, ossia la modalità a cui deve passare il controllore in seguito al
caricamento.
Il caricamento può essere avviato solo dalla memoria non volatile in presenza
delle seguenti condizioni:
• Il tipo di controllore specificato dal progetto memorizzato nella memoria
non volatile corrisponde al tipo di controllore.
• Le versioni principale e secondaria apportate al progetto nella memoria
non volatile corrispondono alle versioni principali e secondarie del
controllore.
• Il controllore non è in modalità Esecuzione.
Caricamento di un progetto
di sicurezza
Esistono varie opzioni relative alle condizioni in cui è possibile caricare il
progetto nella memoria utente del controllore.
Tabella 36 – Opzioni di caricamento di un progetto
Se si desidera caricare il progetto
Selezionare questa
opzione di Load Image
Note
Ad ogni accensione o in caso di
spegnimento e riaccensione
All’accensione
• Durante un ciclo di spegnimento e riaccensione si perdono le eventuali modifiche online, i valori dei tag e
la schedulazione della rete non memorizzati nella memoria non volatile.
• Il controllore carica il progetto memorizzato ed il firmware ad ogni accensione, indipendentemente dal
firmware o dall’applicazione presenti sul controllore. Il caricamento si verifica indipendentemente dal
fatto che il controllore sia in blocco di sicurezza o disponga di una firma del task di sicurezza.
• Per caricare il progetto è sempre possibile utilizzare il software RSLogix 5000.
Se non è presente alcun progetto nel
controllore e si esegue l’accensione o si
disattiva e riattiva l’alimentazione dello
chassis
Se la memoria è
danneggiata
• Ad esempio, se la batteria si scarica ed il controllore non viene alimentato, il progetto viene cancellato
dalla memoria. Quando viene ripristinata l’alimentazione, questa opzione di caricamento fa sì che il
progetto venga ricaricato nel controllore.
• Se è necessario, il controllore aggiorna il firmware sul controllore primario o il coprocessore di sicurezza.
Viene anche caricata l’applicazione memorizzata nella memoria non volatile, ed il controllore passa alla
modalità selezionata, Programmazione o Esecuzione.
• Per caricare il progetto è sempre possibile utilizzare il software RSLogix 5000.
Solo tramite il software RSLogix 5000
Avviato dall’utente
• Se il tipo di controllore e le versioni principali e secondarie del progetto nella memoria non volatile
corrispondono al tipo di controllore ed alle versioni principali e secondarie del controllore, è possibile
avviare un caricamento, indipendentemente dallo stato del task di sicurezza.
• Il caricamento di un progetto in un controllore in blocco di sicurezza può essere eseguito solo se la firma
del task di sicurezza del progetto memorizzato nella memoria non volatile corrisponde al progetto
presente nel controllore.
• Se le firme non corrispondono o se il controllore è in blocco di sicurezza senza una firma del task di
sicurezza, viene richiesto di sbloccare preventivamente il controllore.
IMPORTANTE: quando si sblocca il controllore e si avvia un caricamento dalla memoria non volatile, lo
stato del blocco di sicurezza, le password e la firma del task di sicurezza vengono impostati sui valori
contenuti nella memoria non volatile al termine del caricamento.
• Se il firmware presente sul controllore primario è nella stessa versione di quello presente nella memoria
non volatile, se necessario, il firmware del coprocessore di sicurezza viene aggiornato, l’applicazione
memorizzata nella memoria non volatile viene caricata, così il task di sicurezza assume lo stato Task di
sicurezza funzionante ed il controllore passa alla modalità selezionata, Programmazione o Esecuzione.
IMPORTANTE
Prima di usare il software ControlFLASH, verificare che la scheda SD sia
sbloccata, se è impostato il caricamento all’accensione. In caso contrario, i dati
aggiornati rischiano di essere sovrascritti dal firmware sulla scheda di
memoria.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
121
Capitolo 8
Memorizzazione e caricamento di progetti con la memoria non volatile
Utilizzo dei moduli ESM
(solo controllori 1756-L7xS)
I moduli ESM GuardLogix possono essere utilizzati per quanto segue:
• Alimentare i controllori 1756-L7xS per salvare il programma sulla
memoria non volatile (NVS) integrata nei controllori dopo l’interruzione
dell’alimentazione allo chassis o la rimozione del controllore da una chassis
alimentato.
IMPORTANTE
Quando si usa un modulo ESM per salvare il programma sulla memoria
NVS integrata, il programma non viene salvato sulla scheda SD
installata nel controllore.
• Cancellare il programma dalla memoria non volatile integrata del
controllore 1756-L7xS. Per ulteriori informazioni, consultare
Cancellazione del programma dalla memoria NVS integrata
La tabella che segue descrive i moduli ESM.
Tabella 37 – Moduli di alimentazione
Num. di Cat.
1756-ESMCAP(XT)
1756-ESMNSE(XT)
1756-ESMNRM(XT)
1756-SPESMNSE(XT)
1756-SPESMNRM(XT)
122
Descrizione
ESM con condensatore
I controllori 1756-L7xS vengono forniti con questo modulo ESM installato.
ESM con condensatore senza alimentazione di backup dell’orologio interno (WallClockTime)
Da utilizzare se l’applicazione richiede che il modulo ESM installato riduca l’energia residua a
200 J o meno prima di installarlo o rimuoverlo dall’applicazione. Questo modulo ESM,
inoltre, può essere utilizzato soltanto con un 1756-L73S (8 MB) o con un controllore di
memoria inferiore.
ESM con condensatore di sicurezza (non rimovibile)
Questo modulo aumenta il grado di sicurezza dell’applicazione prevenendo l’accesso fisico al
connettore USB ed alla scheda SD.
ESM con condensatore e senza alimentazione di backup WallClockTime per il coprocessore di
sicurezza
Da utilizzare se l’applicazione richiede che il modulo ESM installato riduca l’energia residua a
200 J o meno prima di installarlo o rimuoverlo dall’applicazione.
Il coprocessore di sicurezza 1756-L7SPXT per temperature estreme viene fornito con il modulo
1756-SPESMNSEXT installato.
ESM con condensatore di sicurezza (non rimovibile) per il coprocessore di sicurezza
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Memorizzazione e caricamento di progetti con la memoria non volatile
Capitolo 8
Salvataggio del programma sulla memoria NVS integrata
Per salvare il programma sulla memoria NVS quando si interrompe
l’alimentazione del controllore, procedere come segue.
1. Interrompere l’alimentazione del controllore.
L’alimentazione può essere interrotta in due modi:
• Interrompendo l’alimentazione allo chassis con il controllore installato.
• Rimuovendo il controllore dallo chassis alimentato.
Subito dopo l’interruzione dell’alimentazione del controllore, l’indicatore
di stato OK diventa rosso fisso e rimane così per tutto il tempo di
salvataggio del programma.
Figura 30 – Indicatore di stato OK.
Logix557x
RUN FORCE SD
OK
N REM PRO
RU
G
2. Non rimuovere il modulo ESM dal controllore fino allo spegnimento
dell’indicatore di stato OK.
3. Se necessario, rimuovere il modulo ESM dal controllore solo quando
l’indicatore di stato OK passa da rosso fisso a spento.
Cancellazione del programma dalla memoria NVS integrata
Se l’applicazione lo consente, procedere come segue per cancellare il programma
dalla memoria non volatile integrata nel controllore 1756-L7xS.
1. Rimuovere il modulo ESM dal controllore.
2. Interrompere l’alimentazione del controllore scollegando quella dello
chassis in cui il controllore è installato o rimuovendo il controllore da uno
chassis alimentato.
3. Reinstallare il modulo ESM nel controllore.
4. Ripristinare l’alimentazione del controllore.
a. Se il controllore è già installato nello chassis, rialimentare lo chassis.
b. Se il controllore non è installato nello chassis, reinstallare il controllore
nello chassis e rialimentare lo chassis.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
123
Capitolo 8
Memorizzazione e caricamento di progetti con la memoria non volatile
Valutazione del
mantenimento dell’orologio
interno (WallClockTime) da
parte del modulo ESM
Il modulo ESM permette il mantenimento dell’attributo WallClockTime del
controllore in mancanza di alimentazione. Fare riferimento alla tabella che segue
per stimare il tempo di mantenimento del modulo ESM in base alla temperatura
del controllore ed al modulo ESM installato.
Tabella 38 – Temperatura e tempo di mantenimento
Tempo di mantenimento (in giorni)
Gestione del firmware con
Firmware Supervisor
Temperatura
1756-ESMCAP(XT)
1756-ESMNRM(XT)
1756-SPESMNRM(XT)
1756-ESMNSE(XT)
1756-SPESMNSE(XT)
20 °C
12
12
0
40 °C
10
10
0
60 °C
7
7
0
A partire dal software RSLogix 5000, versione 18, è possibile utilizzare la
funzione Firmware Supervisor per gestire il firmware sui controllori. Firmware
Supervisor consente ai controllori di aggiornare automaticamente i dispositivi:
• I moduli locale e remoto possono essere aggiornati mentre si trovano in
modalità Programmazione o Esecuzione.
• La codifica elettronica deve essere configurata per la corrispondenza esatta.
• Il kit del firmware per il dispositivo di destinazione deve risiedere nella
scheda di memoria del controllore.
• Il dispositivo deve supportare l’aggiornamento del firmware tramite
ControlFLASH.
Firmware Supervisor supporta prodotti I/O distribuiti non modulari installati
direttamente sulla rete senza adattatori, ivi compresi i moduli I/O CIP Safety
installati su reti EtherNet/IP. I moduli I/O CIP Safety su reti DeviceNet ed i
moduli POINT Guard I/O non sono ancora supportati.
Per abilitare Firmware Supervisor, attenersi alla seguente procedura.
1. Dalla finestra di dialogo Controller Properties, fare clic sulla scheda
Nonvolatile Memory.
2. Fare clic su Load/Store.
3. Dal menu a discesa Automatic Firmware Updates, selezionare Enable e
Store Files to Image.
Il software RSLogix 5000 trasferisce i kit del firmware dal computer alla scheda di
memoria del controllore affinché possano essere utilizzati da Firmware
Supervisor.
SUGGERIMENTO
124
Disabilitando Firmware Supervisor, si disabilitano soltanto gli
aggiornamenti del firmware tramite Supervisor. Ciò non riguarda gli
aggiornamenti del firmware del controllore che vengono eseguiti quando
l’immagine del controllore viene ricaricata dalla scheda di memoria.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Capitolo
9
Monitoraggio dello stato e gestione degli errori
Argomento
Pagina
Visualizzazione dello stato attraverso la barra di stato
125
Monitoraggio delle connessioni
126
Monitoraggio dello stato di sicurezza
128
Errori del controllore
128
Sviluppo di una routine di errore
131
Per informazioni sull’interpretazione degli indicatori di stato e dei messaggi del
controllore, vedere l’Appendice A, Indicatori di stato.
Visualizzazione dello stato
attraverso la barra di stato
Nella barra di stato sono visualizzate le informazioni sul progetto e sul
controllore, compresi lo stato del controllore, lo stato delle forzature, lo stato di
modifica online e lo stato di sicurezza.
Figura 31 – Pulsanti di stato
Pulsante di stato controllore
Pulsante di stato forzature
Pulsante di modifica online
Pulsante di stato di sicurezza
Quando è selezionato il pulsante di stato del controllore come mostrato sopra,
nella barra di stato vengono visualizzati la modalità (RUN) e lo stato (OK) del
controllore. La spia BAT indica sia lo stato del controllore primario che del
coprocessore di sicurezza. Se entrambi o uno dei due dispositivi presentano un
errore della batteria, l’indicatore di stato si illumina.L’indicatore I/O mostra lo
stato sia dell’I/O standard che quello di sicurezza e funziona esattamente come
l’indicatore di stato sul controllore. L’I/O con lo stato d’errore più significativo
viene visualizzato accanto all’indicatore di stato.
Quando è selezionato il pulsante Stato di sicurezza come mostrato di seguito,
nella barra di stato viene visualizzata la firma del task di sicurezza.
Figura 32 – Visualizzazione online della firma di sicurezza
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
125
Capitolo 9
Monitoraggio dello stato e gestione degli errori
Il pulsante Stato di sicurezza indica se il controllore è in blocco o sblocco di
sicurezza oppure se presenta un errore. Viene inoltre visualizzata un’icona
indicante lo stato di sicurezza.
Tabella 39 – Icona dello stato di sicurezza
Se lo stato di sicurezza è
Viene visualizzata l’icona
Task di sicurezza OK
Task di sicurezza non funzionante
Partner mancante
Partner non disponibile
Hardware non compatibile
Firmware non compatibile
Offline
Le icone sono verdi quando il controllore è in blocco di sicurezza, gialle quando il
controllore non è in blocco di sicurezza e rosse quando il controllore presenta un
errore di sicurezza. Se è presente una firma del task di sicurezza, l’icona include un
piccolo segno di spunta.
Monitoraggio delle
connessioni
È possibile monitorare lo stato delle connessioni standard e di sicurezza.
Tutte le connessioni
Se la comunicazione con un dispositivo nella configurazione I/O del controllore
non avviene entro 100 ms, si verifica un timeout della comunicazione ed il
controllore genera i seguenti avvisi:
• L’indicatore I/O sulla parte anteriore del controllore lampeggia in verde.
• Viene mostrato un simbolo di avviso
sulla cartella di configurazione
I/O e sul dispositivo in cui si è verificato il timeout.
• Viene generato un errore del modulo a cui si può accedere attraverso la
scheda Connections della finestra di dialogo Module Properties del
modulo o attraverso l’istruzione GSV.
ATTENZIONE: Gli I/O di sicurezza e le connessioni prodotte e consumate
non possono essere configurate per generare automaticamente un
errore del controllore quando la connessione viene interrotta. Pertanto,
occorre monitorare gli errori di connessione per accertarsi che il sistema
di sicurezza mantenga l’integrità SIL 3/PLe.
Vedere Connessioni di sicurezza.
126
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Monitoraggio dello stato e gestione degli errori
Capitolo 9
Connessioni di sicurezza
Per i tag associati ai dati di sicurezza prodotti o consumati, è possibile monitorare
lo stato delle connessioni di sicurezza utilizzando il membro
CONNECTION_STATUS. Per monitorare le connessioni di ingresso ed uscita,
i tag I/O di sicurezza dispongono di un membro per lo stato di connessione
denominato SafetyStatus. Entrambi i tipi di dati contengono due bit: RunMode e
ConnectionFaulted.
Il valore RunMode indica se i dati consumati vengono aggiornati attivamente da
un dispositivo che si trova in modalità Run (1) o in stato Idle (0). Lo stato di
riposo è indicato se la connessione è chiusa, si è verificato un errore del task di
sicurezza o il controllore remoto oppure il dispositivo è in modalità
programmazione o test.
Il valore ConnectionFaulted indica se la connessione di sicurezza tra il produttore
di sicurezza ed il consumatore di sicurezza è Valid (0) o Faulted (1). Se
ConnectionFaulted viene impostato su Faulted (1) a seguito della perdita della
connessione fisica, i dati di sicurezza vengono azzerati.
Nella seguente tabella sono descritte le combinazioni degli stati RunMode e
ConnectionFaulted.
Tabella 40 – Stato delle connessioni di sicurezza
Stato
RunMode
1 = Esecuzione
Stato
ConnectionFaulted
0 = Valido
0 = Riposo
0 = Valido
0 = Riposo
1 = In errore
1 = Esecuzione
1 = In errore
Funzionamento della connessione di sicurezza
I dati vengono controllati attivamente dal dispositivo produttore, che si
trova in modalità Esecuzione.
La connessione è attiva ed il dispositivo produttore si trova nello stato
di riposo. I dati di sicurezza vengono azzerati.
La connessione di sicurezza è in errore. Lo stato del dispositivo
produttore è sconosciuto. I dati di sicurezza vengono azzerati.
Stato non valido.
Se il modulo è inibito, il bit ConnectionFaulted viene impostato su Faulted (1) ed
il bit RunMode viene impostato su Idle (0) per ciascuna connessione associata al
modulo. Di conseguenza, i dati di sicurezza consumati vengono azzerati.
Monitoraggio degli
indicatori di stato
Tutti i controllori Logix, inclusi i GuardLogix, supportano le keyword di stato
utilizzabili nella logica per monitorare determinati eventi specifici.
Per ulteriori informazioni sull’utilizzo delle keyword, consultare il manuale di
programmazione Controllori Logix5000 – Informazioni e stato, pubblicazione
1756-PM015.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
127
Capitolo 9
Monitoraggio dello stato e gestione degli errori
Monitoraggio dello stato di
sicurezza
Per visualizzare informazioni relative allo stato di sicurezza del controllore,
utilizzare il pulsante di stato di sicurezza sulla barra di stato e nella scheda Safety
nella finestra di dialogo Controller Properties.
Figura 33 – Stato del task di sicurezza
I valori possibili per lo stato di sicurezza sono:
• Coprocessore di sicurezza mancante o non disponibile.
• Hardware del coprocessore di sicurezza non compatibile con il controllore
primario.
• Firmware del coprocessore di sicurezza non compatibile con il controllore
primario.
• Task di sicurezza non funzionante.
• Task di sicurezza funzionante.
Ad eccezione dell’ultima, le descrizioni riportate sopra indicano che sono presenti
errori di sicurezza irreversibili.
Per informazioni sui codici di errore e le misure correttive, vedere Errori di
sicurezza gravi (Tipo 14) a pagina 130.
Lo stato del coprocessore di sicurezza può essere visualizzato nella scheda
Connections della finestra di dialogo Module Properties.
Figura 34 – Stato del coprocessore di sicurezza
Errori del controllore
128
Gli errori all’interno del sistema GuardLogix possono essere errori del controllore
irreversibili, errori di sicurezza irreversibili nell’applicazione di sicurezza oppure
errori di sicurezza reversibili nell’applicazione di sicurezza.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Monitoraggio dello stato e gestione degli errori
Capitolo 9
Errori irreversibili del controllore
Questi errori si verificano quando la diagnostica interna del controllore non
funziona. Se si verifica un errore irreversibile del controllore, l’esecuzione del task
di sicurezza si interrompe ed i moduli I/O CIP Safety passano allo stato di
sicurezza. Per il ripristino è necessario scaricare nuovamente il programma
applicativo.
Errori di sicurezza irreversibili nell’applicazione di sicurezza
Se si verifica un errore di sicurezza irreversibile in un’applicazione di sicurezza, la
logica di sicurezza ed il protocollo di sicurezza vengono interrotti. Gli errori del
watchdog del task di sicurezza e della partnership di controllo rientrano in questa
categoria.
Se si verifica un errore di sicurezza irreversibile del task di sicurezza che viene
azzerato nel gestore degli errori del controllore, l’esecuzione dell’applicazione
standard non viene interrotta.
ATTENZIONE: L’esclusione dell’errore di sicurezza non ne consente
l’azzeramento. Se si esclude l’errore di sicurezza, è responsabilità
dell’utente provare che tale operazione consente un funzionamento
sicuro.
È necessario fornire prova all’agenzia di certificazione che continuando a far
funzionare una parte del sistema, il funzionamento è sicuro.
Se è presente una firma del task di sicurezza, è sufficiente azzerare l’errore per
consentire l’esecuzione del task di sicurezza. Se la firma del task di sicurezza non è
stata configurata, il task di sicurezza non può continuare ad essere eseguito finché
non viene nuovamente scaricata l’intera applicazione.
Errori reversibili nell’applicazione di sicurezza
Se nell’applicazione di sicurezza si verificano errori reversibili, il sistema può
interrompere o meno l’esecuzione del task di sicurezza, a seconda che l’errore
venga gestito o meno dal gestore degli errori del programma nell’applicazione di
sicurezza.
Se un errore reversibile viene azzerato da programma, il task di sicurezza può
continuare senza interruzioni.
Se un errore reversibile nell’applicazione di sicurezza non viene azzerato da
programma, si verifica un errore di sicurezza reversibile di tipo 14, codice 2.
L’esecuzione del programma di sicurezza viene interrotta e le connessioni del
protocollo di sicurezza vengono chiuse e riaperte per la reinizializzazione. Le
uscite di sicurezza vengono impostate nello stato di sicurezza ed il produttore dei
tag di sicurezza consumati comanda ai consumatori di impostarle in uno stato di
sicurezza.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
129
Capitolo 9
Monitoraggio dello stato e gestione degli errori
Gli errori reversibili consentono di modificare l’applicazione standard e di
sicurezza nel modo necessario per correggere la causa dell’errore. Tuttavia, se è
stata configurata una firma del task di sicurezza o il controllore è in blocco di
sicurezza, è necessario sbloccarlo ed eliminare la firma del task di sicurezza prima
di poter modificare l’applicazione di sicurezza.
Visualizzazione degli errori
La finestra di dialogo Recent Faults sulla scheda Major Faults della finestra di
dialogo Controller Properties contiene altre due schede, una per gli errori
standard e l’altra per gli errori di sicurezza.
Anche il display di stato dei controllori 1756-L7xS visualizza i codici di errore
accompagnati da un breve messaggio di stato, come spiegato all’inizio di
pagina 137.
Codici di errore
La Tabella 41 mostra i codici di errore specifici dei controllori GuardLogix. Il
tipo ed il codice corrispondono al tipo ed al codice visualizzati nella scheda Major
Faults della finestra di dialogo ControllerProperties e nell’oggetto PROGRAM,
attributo MAJORFAULTRECORD (o MINORFAULTRECORD).
Tabella 41 – Errori di sicurezza gravi (Tipo 14)
Codice
01
02
03
04
05
06
Causa
Watchdog del task scaduto. Il task utente non è stato
completato in un periodo di tempo specificato. Un errore di
programma ha causato un loop infinito, il programma è
troppo complesso per essere eseguito alla velocità specificata,
un task con priorità più alta impedisce il completamento di
questo task, oppure il coprocessore di sicurezza è stato
rimosso.
È presente un errore in una routine del task di sicurezza.
Il coprocessore di sicurezza è mancante.
Il coprocessore di sicurezza non è disponibile.
L’hardware del coprocessore di sicurezza non è compatibile.
Il firmware del coprocessore di sicurezza non è compatibile.
Stato
Irreversibile
Azione correttiva
Rimuovere l’errore.
Se è presente una firma del task di sicurezza, la memoria di sicurezza viene
reinizializzata e viene avviata l’esecuzione del task di sicurezza.
Se non è presente una firma del task di sicurezza, è necessario scaricare
nuovamente il programma per consentire l’esecuzione del task di sicurezza.
Installare il coprocessore di sicurezza, se è stato rimosso.
Reversibile
Irreversibile
Irreversibile
Irreversibile
Irreversibile
Correggere l’errore nella logica del programma utente.
Installare un coprocessore di sicurezza compatibile.
Installare un coprocessore di sicurezza compatibile.
Installare un coprocessore di sicurezza compatibile.
Aggiornare il coprocessore di sicurezza, in modo che le versioni principale e
secondaria del firmware corrispondano con il controllore primario.
Rimuovere l’errore.
Se è presente una firma del task di sicurezza, la memoria di sicurezza viene
reinizializzata tramite la firma del task di sicurezza e viene avviata l’esecuzione del
task di sicurezza.
Se non è presente una firma del task di sicurezza, è necessario scaricare
nuovamente il programma per consentire l’esecuzione del task di sicurezza.
Rimuovere l’errore. Configurare un dispositivo come master CST.
Rimuovere l’errore e scaricare il programma. Se il problema persiste, sostituire il
coprocessore di sicurezza.
07
Task di sicurezza non funzionante.
Questo errore si verifica quando la logica di sicurezza non è
valida, ad esempio in caso di non corrispondenza nella logica
tra il controllore primario ed il coprocessore di sicurezza, se si
verifica un timeout del watchdog, oppure se la memoria è
danneggiata.
Irreversibile
08
09
Tempo di sistema coordinato (CST) non trovato.
Errore irreversibile del controllore del coprocessore di
sicurezza.
Irreversibile
Irreversibile
Se la batteria del coprocessore di sicurezza 1756-LSP risulta mancante o deve
essere sostituita, si verifica un errore minore di tipo reversibile (10), codice 11.
Per informazioni sulla sostituzione della batteria, vedere Appendice B.
Il manuale di programmazione Controllori Logix5000 – Errori gravi, minori e
I/O, pubblicazione 1756-PM014E-IT-P contiene informazioni dettagliate
relative ai codici di errore comuni ai controllori Logix.
130
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Monitoraggio dello stato e gestione degli errori
Sviluppo di una routine di
errore
Capitolo 9
Se si verifica una condizione d’errore sufficientemente grave da determinare lo
spegnimento del controllore, quest’ultimo genera un errore grave ed arresta
l’esecuzione della logica.
A seconda del tipo di applicazione, può non essere necessario che tutti gli errori di
sicurezza causino lo spegnimento dell’intero sistema. In queste situazioni, è
possibile utilizzare una routine di errore per rimuovere un errore specifico e far
continuare a funzionare la parte di controllo standard del sistema oppure
configurare alcune uscite perché rimangano attive.
ATTENZIONE: È necessario fornire prova all’agenzia di certificazione che
continuando a far funzionare una parte del sistema, il funzionamento è
sicuro.
Il controllore supporta due livelli per la gestione degli errori gravi:
• routine di errore del programma
• gestore degli errori del controllore
Entrambe le routine possono utilizzare le istruzioni GSV e SSV, come descritto a
pagina 132.
Routine di errore del programma
Ciascun programma può avere una propria routine di errore. Il controllore esegue
la routine di errore del programma quando si verifica un errore dell’istruzione. Se
la routine di errore del programma non consente di rimuovere l’errore oppure la
routine di errore del programma non esiste, il controllore procede all’esecuzione
del gestore degli errori del controllore, se presente.
Gestore degli errori del controllore
Il gestore degli errori del controllore è un componente opzionale che viene
eseguito quando la routine di errore del programma non è in grado di rimuovere
l’errore o non esiste.
È possibile creare solo un programma per il gestore degli errori del controllore.
Dopo avere creato il programma, è necessario configurare una routine come
routine principale.
Per informazioni dettagliate sulla creazione e i test relativi alle routine di errore,
consultare il manuale di programmazione Controllori Logix5000 – Errori gravi,
minori e I/O, pubblicazione 1756-PM014E-IT-P.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
131
Capitolo 9
Monitoraggio dello stato e gestione degli errori
Utilizzo delle istruzioni GSV/SSV
I controllori Logix memorizzano i dati di sistema in oggetti anziché in file di
stato. È possibile utilizzare le istruzioni Get System Value (GSV) e Set System
Value (SSV) per estrarre ed impostare i dati del controllore.
L’istruzione GSV recupera le informazioni specificate e le posiziona in una
destinazione specifica. L’istruzione SSV cambia l’attributo specifico con i dati
dall’origine dell’istruzione. Quando si immette un’istruzione GSV o SSV, nel
software di programmazione vengono visualizzate le classi degli oggetti, i nomi
degli oggetti ed i nomi degli attributi per ciascuna istruzione.
Per i task standard, è possibile utilizzare l’istruzione GSV per ottenere i valori
degli attributi disponibili. Quando si utilizza l’istruzione SSV, nel software
vengono visualizzati solo gli attributi impostabili dall’utente.
Per il task di sicurezza, le istruzioni GSV e SSV sono più limitate. Si noti che le
istruzioni SSV nei task di sicurezza ed in quelli standard non possono impostare il
bit 0 (errore grave in caso di errore) nell’attributo della modalità di un modulo
I/O di sicurezza.
Per gli oggetti di sicurezza, la Tabella 42 riporta gli attributi per i quali è possibile
ottenere valori utilizzando l’istruzione GSV e quelli di cui è consentita
l’impostazione utilizzando l’istruzione SSV, nei task sia standard che di sicurezza.
ATTENZIONE: Utilizzare le istruzioni GSV/SSV con molta attenzione. La
modifica degli oggetti può causare operazioni del controllore non previste o
infortuni al personale.
Tabella 42 – Accessibilità di GSV/SSV
Oggetto di
sicurezza
Task di
sicurezza
Programma
di sicurezza
Routine di
sicurezza
132
Nome attributo
Tipo di
dati
Descrizione attributo
Accessibile dal
task di
sicurezza
Accessibile dai
task standard
GSV
GSV(4)
SSV
✓
SSV
✓
Instance
DINT
Fornisce il numero di istanza di questo oggetto del task. I valori
validi sono compresi tra 0 e 31.
MaximumInterval
DINT[2]
L’intervallo di tempo massimo tra le esecuzioni successive del task.
✓
✓
MaximumScanTime
DINT
Il tempo di esecuzione massimo registrato (ms) per il task.
✓
✓
MinimumInterval
DINT[2]
L’intervallo di tempo minimo tra le esecuzioni successive del task.
✓
✓
Priority
INT
Priorità relativa di questo task rispetto ad altri task. I valori validi
sono compresi tra 0 e 15.
✓
✓
Rate
DINT
Periodo del task (in ms) o valore di timeout per il task (in ms).
✓
✓
Watchdog
DINT
Limite di tempo (in ms) per l’esecuzione di tutti i programmi
associati al task.
✓
✓
Instance
DINT
Fornisce il numero di istanza dell’oggetto del programma.
✓
✓
MajorFaultRecord(1)
DINT[11]
Registra gli errori gravi per il programma.
✓
MaximumScanTime
DINT
Il tempo di esecuzione massimo registrato (ms) per il programma.
Instance
DINT
Fornisce il numero di istanza di questo oggetto di routine. I valori
validi sono compresi tra 0 e 65.535.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
✓
✓
✓
✓
✓
Monitoraggio dello stato e gestione degli errori
Capitolo 9
Tabella 42 – Accessibilità di GSV/SSV
Oggetto di
sicurezza
Nome attributo
SafetyLocked
SafetyStatus
(2)
Tipo di
dati
SINT
Indica se il controllore è in blocco o sblocco di sicurezza.
INT
Specifica lo stato di sicurezza come:
•
•
•
•
•
•
Controllore
di sicurezza
AOI
(sicurezza)
(1)
(2)
(3)
(4)
Descrizione attributo
Accessibile dal
task di
sicurezza
Accessibile dai
task standard
GSV
GSV(4)
SSV
✓
SSV
✓
✓
Task di sicurezza funzionante. (1000000000000000)
Task di sicurezza non funzionante. (1000000000000001)
Coprocessore mancante. (00000000000000000)
Coprocessore non disponibile. (00000000000000001)
Hardware non compatibile. (00000000000000010)
Firmware non compatibile. (00000000000000011)
✓
✓
SafetySignatureExists
SINT
Indica se la firma del task di sicurezza è presente.
SafetySignatureID
DINT
Numero di identificazione a 32 bit.
✓
SafetySignature
Stringa(3)
Numero di identificazione a 32 bit.
✓
SafetyTaskFaultRecord(1)(2)
DINT[11]
Registra gli errori del task di sicurezza.
✓
LastEditDate
LINT
Marca temporale e di data dell’ultima modifica apportata alla
definizione di un’istruzione add-on.
✓
SignatureID
DINT
Numero ID.
✓
SafetySignatureID
DINT
Numero di identificazione a 32 bit.
✓
Per ulteriori informazioni su come accedere a questo attributo, vedere Accesso agli attributi FaultRecord a pagina 133.
Per ulteriori informazioni su come accedere a questo attributo, vedere Acquisizione di informazioni sugli errori a pagina 134.
Lunghezza = 37.
Dal task standard, l’accessibilità GSV degli attributi dell’oggetto di sicurezza è la stessa degli attributi dell’oggetto standard.
Accesso agli attributi FaultRecord
Per semplificare l’accesso agli attributi MajorFaultRecord e
SafetyTaskFaultRecord occorre creare una struttura definita dall’utente.
Tabella 43 – Parametri di accesso agli attributi FaultRecord
Nome
Tipo di dati
Stile
Descrizione
TimeLow
DINT
Decimale
32 bit inferiori del valore di registrazione ora e data dell’errore
TimeHigh
DINT
Decimale
32 bit superiori del valore di registrazione ora e data
dell’errore
Type
INT
Decimale
Tipo di errore (programma, I/O o altro)
Code
INT
Decimale
Codice univoco per questo errore (dipendente dal tipo di
errore)
Info
DINT[8]
Esadecimale
Informazioni specifiche sull’errore (dipendenti dal tipo di
errore e dal codice)
Per ulteriori informazioni sull’utilizzo delle istruzioni GSV e SSV, consultare
il capitolo dedicato alle istruzioni di ingresso/uscita del manuale di
riferimento Istruzioni generali per controllori Logix5000, pubblicazione
1756-RM003K-IT-P.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
133
Capitolo 9
Monitoraggio dello stato e gestione degli errori
Acquisizione di informazioni sugli errori
Gli attributi SafetyStatus e SafetyTaskFaultRecord consentono di acquisire
informazioni relative agli errori irreversibili. Per acquisire e memorizzare le
informative relative agli errori si utilizza un’istruzione GSV nel gestore degli
errori del controllore. L’istruzione GSV può essere utilizzata in un task standard
insieme ad una routine del gestore degli errori del controllore che azzera l’errore e
permette il proseguimento dell’esecuzione dei task standard.
134
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Appendice
A
Indicatori di stato
Argomento
Pagina
Indicatori di stato del controllore 1756-L6xS
135
Indicatori di stato del controllore 1756-L7xS
136
Display di stato del controllore 1756-L7xS
137
Lo stato del controllore primario e del coprocessore di sicurezza sono visualizzati
da indicatori di stato a LED.
Indicatori di stato del
controllore 1756-L6xS
Tabella 44 – Descrizione degli indicatori di stato del controllore 1756-L6xS
Indicatore
Stato
Descrizione del controllore primario
Descrizione del coprocessore di sicurezza
RUN
Spento
Non sono in esecuzione task dell’utente. Il controllore è in
modalità Programmazione (PROG).
N/D
Verde
Il controllore è in modalità Esecuzione (RUN).
N/D
Spento
N/D
Il task di sicurezza dell’utente o le uscite di sicurezza sono
disabilitati. Il controllore è in modalità Programmazione, in
modalità test oppure il task di sicurezza presenta un errore.
Verde
N/D
Il task di sicurezza dell’utente e le uscite di sicurezza sono
abilitati. L’applicazione di sicurezza è in esecuzione. La firma del
task di sicurezza è presente.
Verde, lampeggiante
N/D
Il task di sicurezza dell’utente e le uscite di sicurezza sono
abilitati. L’applicazione di sicurezza è in esecuzione. La firma del
task di sicurezza non è presente.
Spento
Nessuna forzatura, standard o di sicurezza, è abilitata sul
controllore.
N/D
Giallo
Le forzature standard e/o di sicurezza sono state abilitate.
N/D
Giallo, lampeggiante
Uno o più indirizzi I/O, standard e/o di sicurezza, sono stati forzati
sullo stato on o off, ma le forzature non sono abilitate.
N/D
Spento
La batteria è in grado di supportare la memoria.
La batteria è in grado di supportare la memoria.
Rosso
La batteria non è in grado di supportare la memoria.
La batteria non è in grado di supportare la memoria.
Spento
Nessuna alimentazione applicata.
Nessuna alimentazione applicata.
Verde
Il controllore funziona senza errori.
Il coprocessore di sicurezza funziona senza errori.
Rosso, lampeggiante
Errore irreversibile o reversibile non gestito nel gestore degli
errori. Tutti i task dell’utente, sia standard che di sicurezza,
vengono interrotti.
N/D
Rosso
Errore del controllore all’accensione o errore irreversibile.
Errore del controllore all’accensione o errore irreversibile.
Spento
Nessuna attività. Non è configurato alcun I/O.
N/D
Verde
Il controllore comunica con tutti i dispositivi I/O configurati, sia
standard, sia di sicurezza.
N/D
Verde, lampeggiante
Uno o più dispositivi I/O non rispondono.
N/D
Rosso, lampeggiante
Il controllore non comunica con l’I/O configurato.
N/D
SAFE RUN
FORCE
BAT
OK
I/O(1)
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
135
Appendice A
Indicatori di stato
Tabella 44 – Descrizione degli indicatori di stato del controllore 1756-L6xS
Indicatore
Stato
Descrizione del controllore primario
Descrizione del coprocessore di sicurezza
RS232
Spento
Non vi è alcuna attività.
N/D
Verde
I dati vengono ricevuti o trasmessi.
N/D
Spento
N/D
Nessuna partnership stabilita. Il controllore primario è
mancante, non funziona correttamente o la sua versione del
firmware non è compatibile con quella del coprocessore di
sicurezza.
Verde
N/D
Lo stato del controllore di sicurezza è OK. Il tempo di sistema
coordinato (CST) è sincronizzato e le connessioni I/O di sicurezza
sono state stabilite.
Verde, lampeggiante
N/D
Lo stato del controllore di sicurezza è OK. Il tempo di sistema
coordinato (CST) non è sincronizzato sul controllore primario o
sul coprocessore di sicurezza.
Rosso
N/D
La partnership è stata persa e non è stata stabilita una nuova
partnership. Il controllore primario è mancante, non funziona
correttamente o la sua versione del firmware non è compatibile
con quella del coprocessore di sicurezza.
Rosso, lampeggiante
N/D
Task di sicurezza non funzionante.
SAFETY TASK
(1) L’I/O include i tag prodotti/consumati da altri controllori.
Indicatori di stato del
controllore 1756-L7xS
Lo stato del controllore primario viene visualizzato attraverso quattro indicatori.
Tabella 45 – Descrizione degli indicatori di stato del controllore primario 1756-L7xS
Indicatore
Stato
Descrizione
RUN
Spento
Non sono in esecuzione task dell’utente. Il controllore è in modalità
Programmazione (PROG).
Verde
Il controllore è in modalità Esecuzione (RUN).
Spento
Nessuna forzatura, standard o di sicurezza, è abilitata sul controllore.
Giallo
Le forzature standard e/o di sicurezza sono state abilitate.
Se si installa (aggiunge) una forzatura, agire con cautela
perché diventa immediatamente attiva.
Giallo, lampeggiante
Uno o più indirizzi I/O, standard e/o di sicurezza, sono stati forzati sullo
stato on o off, ma le forzature non sono abilitate.
Se si abilitano forzature I/O, agire con cautela perché l’azione
coinvolge anche tutte le forzature I/O esistenti.
Spento
Nessuna attività in corso nella scheda di memoria.
Verde, lampeggiante
Verde
Il controllore sta leggendo o scrivendo sulla scheda di memoria. Non
rimuovere la scheda di memoria mentre il controllore è in fase di lettura
o scrittura.
Rosso, lampeggiante
La scheda di memoria non ha un file system valido.
Rosso
La scheda di memoria non è riconosciuta dal controllore.
FORCE
SD
136
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Indicatori di stato
Appendice A
Tabella 45 – Descrizione degli indicatori di stato del controllore primario 1756-L7xS
Indicatore
Stato
Descrizione
OK
Spento
Nessuna alimentazione applicata.
Verde
Il controllore funziona senza errori.
Rosso, lampeggiante
• Errore irreversibile o reversibile non gestito nel gestore degli errori.
Tutti i task dell’utente, sia standard che di sicurezza, vengono
interrotti.
• Se il controllore è nuovo, appena disimballato, è necessario un
aggiornamento firmware. Il display di stato indica Firmware
Installation Required.
Rosso
• Il controllore sta eseguendo la procedura di diagnostica prevista
all’accensione
• Si è verificato un errore grave irreversibile ed il programma è stato
cancellato dalla memoria.
• Allo spegnimento, la carica del condensatore nel modulo ESM
(Energy Storage Module) viene scaricata.
• Il controllore è alimentato ma non funzionante.
• Il controllore sta caricando un progetto nella memoria non volatile.
Il coprocessore di sicurezza 1756-L7SP ha un indicatore di stato OK.
Tabella 46 – Indicatore di stato 1756-L7SP
Display di stato del
controllore 1756-L7xS
Indicatore
Stato
Descrizione
OK
Spento
Nessuna alimentazione applicata.
Verde
Il coprocessore di sicurezza funziona senza errori.
Rosso
Errore del controllore all’accensione o errore irreversibile.
Nel display di stato del controllore 1756-L7xS vengono visualizzati a scorrimento
messaggi relativi alla versione del firmware del controllore, allo stato del modulo
ESM, allo stato del progetto e ad errori gravi.
Messaggi di stato di sicurezza
Il display del controllore primario può visualizzare i seguenti messaggi. Il
coprocessore di sicurezza visualizza “L7SP”.
Tabella 47 – Display di stato di sicurezza
Messaggio
Interpretazione
No Safety Signature
Il task di sicurezza è in modalità Esecuzione senza una firma del task di sicurezza.
Safety Partner Missing
Coprocessore di sicurezza mancante o non disponibile.
Hardware Incompatible
Hardware del coprocessore di sicurezza non compatibile con quello del controllore
primario.
Firmware Incompatible
Versione firmware del coprocessore di sicurezza non compatibile con quella del
controllore primario.
No CST Master
Impossibile trovare un master CST (tempo di sistema coordinato)
Safety Task Inoperable
Logica di sicurezza non valida. Ad esempio, mancata corrispondenza tra il
controllore primario ed il coprocessore di sicurezza, timeout del watchdog o
danneggiamento della memoria.
Safety Unlocked
Il controllore è in modalità Esecuzione con una firma di sicurezza ma non in blocco
di sicurezza.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
137
Appendice A
Indicatori di stato
Messaggi di stato generali
I messaggi descritti nella Tabella 48 vengono generalmente visualizzati
all’accensione, allo spegnimento e mentre il controllore è in funzione. Questi
messaggi indicano lo stato del controllore e del modulo ESM.
Tabella 48 – Display di stato generale
Messaggio
Interpretazione
Nessun messaggio
Il controllore è spento o si è verificato un errore grave irreversibile (MNRF).
Controllare l’indicatore di stato OK per stabilire se il controllore è abilitato e determinarne lo stato.
TEST
Il controllore sta eseguendo le prove previste all’accensione.
PASS
Le prove previste all’accensione hanno avuto risultato positivo.
SAVE
Allo spegnimento, un progetto viene salvato sulla scheda SD. Per ulteriori informazioni di stato, è possibile controllare anche l’indicatore SD
(vedere pagina 136).
Attendere il completamento dell’operazione di salvataggio prima di rimuovere la scheda SD o interrompere l’alimentazione.
LOAD
All’accensione del controllore, dalla scheda SD viene caricato un progetto. Per ulteriori informazioni di stato, è possibile controllare anche l’indicatore SD
(vedere pagina 136).
Attendere il completamento dell’operazione di caricamento prima di rimuovere il modulo ESM o interrompere l’alimentazione.
UPDT
All’accensione, viene eseguito un aggiornamento firmware dalla scheda SD. Per ulteriori informazioni di stato, è possibile controllare anche l’indicatore SD
(vedere pagina 136).
Se non si desidera l’aggiornamento del firmware all’accensione, modificare l’opzione Load Image del controllore.
CHRG
Il modulo ESM con condensatore è in fase di carica.
1756-L7x/X
Numero di catalogo e serie del controllore.
Rev XX.xxx
Versioni principale e secondaria del firmware per il controllore.
No Project
Sul controllore non è caricato alcun progetto.
Per caricare un progetto, utilizzare il software RSLogix 5000 per scaricare il progetto nel controllore oppure utilizzare una scheda SD per caricare il progetto
nel controllore.
Project Name
Nome del progetto attualmente caricato nel controllore. Il nome indicato è basato sul nome del progetto specificato nel software RSLogix 5000.
BUSY
I moduli I/O associati al controllore non sono ancora pienamente alimentati.
Attendere che i moduli I/O completino le fasi di accensione ed autodiagnostica.
Corrupt Certificate
Received
Il certificato di sicurezza associato al firmware è danneggiato.
Accedere all’indirizzo http://www.rockwellautomation.com/support/ e scaricare la versione firmware che si desidera installare. Sostituire la versione firmware
precedentemente installata con quella scaricata dal sito web di assistenza tecnica.
Corrupt Image Received
Il file del firmware è danneggiato.
Accedere all’indirizzo http://www.rockwellautomation.com/support/ e scaricare la versione firmware che si desidera installare. Sostituire la versione firmware
precedentemente installata con quella scaricata dal sito web di assistenza tecnica.
ESM Not Present
Manca un modulo ESM e, allo spegnimento, il controllore non può salvare l’applicazione.
Inserire un modulo ESM compatibile e, se si utilizza un modulo ESM con condensatore, non interrompere l’alimentazione fino al completo caricamento del
modulo.
ESM Incompatible
Il modulo ESM è incompatibile con le dimensioni della memoria del controllore.
Sostituire il modulo ESM incompatibile con uno compatibile.
ESM Hardware Failure
Il modulo ESM è in guasto e, in caso di spegnimento, il controllore non può salvare il programma.
Sostituire il modulo ESM prima di interrompere l’alimentazione del controllore, in modo da poter salvare il programma.
ESM Energy Low
Il modulo ESM con condensatore non ha energia sufficiente a permettere al controllore di salvare il programma in caso di spegnimento.
Sostituire il modulo ESM.
ESM Charging
Il modulo ESM con condensatore è in fase di carica.
Non interrompere l’alimentazione fino al completamento della carica.
Flash in Progress
È in corso un aggiornamento del firmware avviato mediante ControlFLASH o AutoFlash.
Lasciar completare l’aggiornamento firmware senza interruzioni.
Firmware Installation
Required
Il controllore sta usando il firmware di avvio (versione 1.xxx) e richiede un aggiornamento firmware.
Aggiornare il firmware del controllore.
SD Card Locked
La scheda SD installata è bloccata.
138
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Indicatori di stato
Appendice A
Messaggi di errore
Se il controllore è in stato di errore, sul display di stato viene visualizzato uno dei
seguenti messaggi.
Tabella 49 – Messaggi di errore(1)
Messaggio
Interpretazione
Major Fault TXX:CXX message
Rilevamento di un errore grave di Tipo XX e Codice XX.
Ad esempio, se il display di stato visualizza Major Fault T04:C42 Invalid JMP Target, significa che un’istruzione JMP è programmata per
passare ad un’istruzione LBL non valida.
I/O Fault Local:X #XXXX message
Si è verificato un errore I/O in un modulo dello chassis locale. Vengono indicati il numero di slot ed il codice di errore, accompagnati da una
breve descrizione.
Ad esempio, il messaggio I/O Fault Local:3 #0107 Connection Not Found indica che una connessione al modulo I/O locale nello slot tre non
è aperta.
Adottare la misura correttiva specifica per il tipo di errore indicato.
I/O Fault ModuleName #XXXX message
Si è verificato un errore I/O su un modulo nello chassis remoto. Il nome del modulo in errore, come configurato nell’albero di
configurazione I/O del software RSLogix 5000, è accompagnato dal codice di errore e da una breve descrizione.
Ad esempio, I/O Fault My_Module #0107 Connection Not Found indica che una connessione al modulo designato come “My_Module” non
è aperta.
Adottare la misura correttiva specifica per il tipo di errore indicato.
I/O Fault ModuleParent:X #XXXX message Si è verificato un errore I/O su un modulo nello chassis remoto. È indicato il nome “parent” del modulo perché, nell’albero di configurazione
I/O del software RSLogix 5000 non è configurato alcun nome. Inoltre, il codice di errore è accompagnato da una breve descrizione.
Ad esempio, I/O Fault My_CNet:3 #0107 Connection Not Found indica che una connessione ad un modulo nello slot 3 dello chassis con il
modulo di comunicazione denominato “My_CNet” non è aperta.
Adottare la misura correttiva specifica per il tipo di errore indicato.
X I/O Faults
Sono presenti errori I/O e X = il numero di errori I/O presenti.
In presenza di più errori I/O, il controllore segnala il primo errore registrato. Quando ogni errore I/O è stato risolto, il numero di errori
indicato diminuisce ed il messaggio di errore I/O indica l’errore successivo.
Adottare la misura correttiva specifica per il tipo di errore indicato.
(1) Per i dettagli sui codici di errore, consultare il manuale di programmazione Controllori Logix5000 – Errori gravi, minori e I/O, pubblicazione 1756-PM014.
Messaggi relativi agli errori gravi reversibili
Gli errori gravi reversibili vengono segnalati da Major Fault TXX:CXX message
sul display di stato del controllore. La Tabella 50 a pagina 140 elenca i tipi di
guasto, i codici ed i messaggi associati che vengono visualizzati sul display di stato.
Per descrizioni dettagliate e metodi di ripristino consigliati per gli errori gravi
reversibili, consultare il manuale di programmazione Controllori Logix5000 –
Errori gravi, minori e I/O, pubblicazione 1756-PM014.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
139
Appendice A
Indicatori di stato
Tabella 50 – Messaggi di stato degli errori gravi reversibili
Tipo
1
1
1
1
3
3
3
3
4
4
4
4
4
4
4
4
4
4
4
4
4
4
4
4
4
4
4
4
4
4
4
6
7
Codice
1
60
61
62
16
20
21
23
16
20
21
31
34
42
82
83
84
89
90
91
92
990
991
992
993
994
995
996
997
998
999
1
40
Messaggio
Run Mode Powerup
Non-recoverable
Non-recoverable – Diagnostics Saved
Non-recoverable – Program Saved
I/O Connection Failure
Chassis Failure
Connection Failure
Unknown Instruction
Invalid Array Subscript
Control Structure LEN or POS < 0
Invalid JSR Parameter
Timer Failure
Invalid JMP Target
SFC Jump Back Failure
Value Out of Range
Stack Overflow
Invalid Target Step
Invalid Instruction
Invalid Context
Invalid Action
Definiti dall’utente
Task Watchdog Expired
Save Failure
Tipo
7
7
7
8
11
11
11
11
11
11
11
11
11
11
11
11
11
11
11
11
11
11
18
18
18
18
18
18
18
18
18
18
18
Codice
41
42
43
1
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
32
33
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
128
Messaggio
Bad Restore Type
Bad Restore Revision
Bad Restore Checksum
Keyswitch Change Ignored
Positive Overtravel Limit Exceeded
Negative Overtravel Limit Exceeded
Position Error Tolerance Exceeded
Encoder Channel Connection Fault
Encoder Noise Event Detected
SERCOS Drive Fault
Synchronous Connection Fault
Servo Module Fault
Asynchronous Connection Fault
Motor Fault
Motor Thermal Fault
Drive Thermal Fault
SERCOS Communications Fault
Inactive Drive Enable Input Detected
Drive Phase Loss Detected
Drive Guard Fault
Motion Task Overlap Fault
CST Reference Loss Detected
CIP Motion Initialization Fault
CIP Motion Initialization Fault Mfg
CIP Motion Axis Fault
CIP Motion Axis Fault Mfg
CIP Motion Fault
CIP Module Fault
Motion Group Fault
CIP Motion Configuration Fault
CIP Motion APR Fault
CIP Motion APR Fault Mfg
CIP Motion Guard Fault
Codici di errore I/O
Gli errori I/O segnalati dal controllore vengono visualizzati sul display di stato in
uno dei seguenti formati:
• I/O Fault Local:X #XXXX message
• I/O Fault ModuleName #XXXX message
• I/O Fault ModuleParent:X #XXXX message
La prima parte del formato indica la posizione del modulo in errore. Il metodo di
indicazione della posizione dipende dalla configurazione I/O e dalle proprietà
dei moduli specificate nel software RSLogix 5000.
140
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Indicatori di stato
Appendice A
L’ultima parte del formato, #XXXX message, può essere utilizzata per
diagnosticare il tipo di errore I/O e le possibili misure correttive. Per i dettagli su
ogni codice di errore I/O, consultare il manuale di programmazione Controllori
Logix5000 – Errori gravi, minori e I/O, pubblicazione 1756-PM014.
Tabella 51 – Messaggi di errore I/O
Codice
Messaggio
Codice
Messaggio
#0001
Connection Failure
#0115
Wrong Device Type
#0002
Insufficient Resource
#0116
Wrong Revision
#0003
Invalid Value
#0117
Invalid Connection Point
#0004
IOI Syntax
#0118
Invalid Configuration Format
#0005
Destination Unknown
#0119
Module Not Owned
#0006
Partial Data Transferred
#011A
Out of Connection Resources
#0007
Connection Lost
#0203
Connection Timeout
#0008
Service Unsupported
#0204
Unconnected Message Timeout
#0009
Invalid Attribute Value
#0205
Invalid Parameter
#000A
Attribute List Error
#0206
Message Too Large
#000B
State Already Exists
#0301
No Buffer Memory
#000C
Object Mode Conflict
#0302
Bandwidth Not Available
#000D
Object Already Exists
#0303
No Bridge Available
#000E
Attribute Not Settable
#0304
ControlNet Schedule Error
#000F
Permission Denied
#0305
Signature Mismatch
#0010
Device State Conflict
#0306
CCM Not Available
#0011
Reply Too Large
#0311
Invalid Port
#0012
Fragment Primitive
#0312
Invalid Link Address
#0013
Insufficient Command Data
#0315
Invalid Segment Type
#0014
Attribute Not Supported
#0317
Connection Not Scheduled
#0015
Data Too Large
#0318
Invalid Link Address
#0100
Connection In Use
#0319
No Secondary Resources Available
#0103
Transport Not Supported
#031E
No Available Resources
#0106
Ownership Conflict
#031F
No Available Resources
#0107
Connection Not Found
#0800
Network Link Offline
#0108
Invalid Connection Type
#0801
Incompatible Multicast RPI
#0109
Invalid Connection Size
#0802
Invld Safety Conn Size
#0110
Module Not Configured
#0803
Invld Safety Conn Format
#0111
RPI Out of Range
#0804
Invld Time Correct Conn Format
#0113
Out of Connections
#0805
Invld Ping Intrvl EPI Multiplier
#0114
Wrong Module
#0806
Time Coord Msg Min Multiplier
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
141
Appendice A
Indicatori di stato
Messaggi di errore I/O (continua)
Codice
#0807
#0808
#0809
#080A
#080B
#080C
#080D
#080E
#080F
#0814
#FD01
#FD02
#FD03
#FD04
#FD05
#FD06
#FD07
#FD08
#FD09
#FD0A
#FD1F
#FD20
#FD21
#FE01
#FE02
#FE03
#FE04
#FE05
#FE06
#FE07
142
Messaggio
Time Expectation Multiplier
Timeout Multiplier
Invld Max Consumer Number
Invld CPCRC
Time Correction Conn ID Invld
Safety Cfg Signature Mismatch
Safety Netwk Num Not Set OutOfBx
Safety Netwk Number Mismatch
Cfg Operation Not Allowed
Data Type Mismatch
Bad Backplane EEPROM
No Error Code
Missing Required Connection
No CST Master
Axis or GRP Not Assigned
SERCOS Transition Fault
SERCOS Init Ring Fault
SERCOS Comm Fault
SERCOS Init Node Fault
Axis Attribute Reject
Safety Data Fault
No Safety Task Running
Invld Safety Conn Parameter
Invalid Connection Type
Invalid Update Rate
Invalid Input Connection
Invalid Input Data Pointer
Invalid Input Data Size
Invalid Input Force Pointer
Invalid Output Connection
Codice
#FE08
#FE09
#FE0A
#FE0B
#FE0C
#FE0D
#FE0E
#FE0F
#FE10
#FE11
#FE12
#FE13
#FE14
#FE22
#FE23
#FF00
#FF01
#FF04
#FF08
#FF0B
#FF0E
#FE22
#FE23
#FF00
#FF01
#FF04
#FF08
#FF0B
#FF0E
–
Messaggio
Invalid Output Data Pointer
Invalid Output Data Size
Invalid Output Force Pointer
Invalid Symbol String
Invalid Scheduled P/C Instance
Invalid Symbol Instance
Module Firmware Updating
Invalid Firmware File Revision
Firmware File Not Found
Firmware File Invalid
Automatic Firmware Update Failed
Update Failed – Active Connection
Searching Firmware File
Invalid Connection Type
Invalid Unicast Allowed
No Connection Instance
Path Too Long
Invalid State
Invalid Path
Invalid Config
No Connection Allowed
Invalid Connection Type
Invalid Unicast Allowed
No Connection Instance
Path Too Long
Invalid State
Invalid Path
Invalid Config
No Connection Allowed
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Appendice
B
Manutenzione della batteria
Argomento
Pagina
Stima della durata della batteria
143
Quando sostituire la batteria
145
Sostituire la batteria
145
Immagazzinaggio delle batterie di ricambio
147
I controllori primari GuardLogix 1756-L6xS ed i coprocessori di sicurezza
1756-LSP contengono una batteria al litio che può essere necessario sostituire.
I controllori GuardLogix 1756-L7xS ed i coprocessori di sicurezza 1756-L7SP
sono privi di batteria.
La durata della batteria varia in base alla temperatura dello chassis, alla
dimensione del progetto ed alla frequenza con cui il controllore viene acceso e
spento. La durata della batteria non dipende dal fatto che il controllore sia o
meno alimentato.
Stima della durata della
batteria
Prima che si accenda la spia BAT
Utilizzare la presente tabella per stimare la durata minima della batteria prima che
la spia BAT diventi rossa.
Tabella 52 – Stima spia batteria (durata minima)
Temperatura 2,54 cm
sotto lo chassis
Cicli di
spegnimento ed
accensione al
giorno
Dimensione del progetto
1 MB
2 MB
4 MB
8 MB
3
3 anni
3 anni
26 mesi
20 mesi
2 o meno
3 anni
3 anni
3 anni
31 mesi
3
2 anni
2 anni
2 anni
20 mesi
2 o meno
2 anni
2 anni
2 anni
2 anni
Da 46 a 50 °C
3 o meno
16 mesi
16 mesi
16 mesi
16 mesi
Da 51 a 55 °C
3 o meno
11 mesi
11 mesi
11 mesi
11 mesi
Da 56 a 60 °C
3 o meno
8 mesi
8 mesi
8 mesi
8 mesi
Da 0 a 40 °C
Da 41 a 45 °C
ESEMPIO
Nelle seguenti condizioni, la batteria durerà almeno 20 mesi prima che la
spia BAT diventi rossa.
• La temperatura max. 2,54 cm sotto lo chassis è pari a 45 °C.
• L’unità viene spenta e riaccesa tre volte al giorno.
• Il controllore contiene un progetto di 8 MB.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
143
Appendice B
Manutenzione della batteria
Dopo l’accensione della spia BAT
IMPORTANTE
Se la spia BAT si accende per la prima volta quando si attiva
l’alimentazione del controllore, significa che l’autonomia della batteria è
inferiore al tempo riportato in Tabella 53. L’autonomia della batteria si
riduce progressivamente, scaricandosi lentamente ma in modo costante.
La carica della batteria può essersi parzialmente consumata mentre il
controllore era spento e non era possibile che la spia BAT si accendesse.
Tabella 53 – Durata della batteria dopo l’accensione della spia BAT con luce rossa (durata minima)
Temperatura, Max.
25,4 mm sotto lo chassis
Cicli di
spegnimento e
riaccensione
Da 0 a 20 °C
Da 21 a 40 °C
Da 41 a 45 °C
Da 46 a 50 °C
Da 51 a 55 °C
Da 56 a 60 °C
144
Dimensione del progetto
1 MB
2 MB
4 MB
8 MB
3 al giorno
26 settimane
18 settimane
12 settimane
9 settimane
1 al giorno
26 settimane
26 settimane
26 settimane
22 settimane
1 al mese
26 settimane
26 settimane
26 settimane
26 settimane
3 al giorno
18 settimane
14 settimane
10 settimane
8 settimane
1 al giorno
24 settimane
21 settimane
18 settimane
16 settimane
1 al mese
26 settimane
26 settimane
26 settimane
26 settimane
3 al giorno
12 settimane
10 settimane
7 settimane
6 settimane
1 al giorno
15 settimane
14 settimane
12 settimane
11 settimane
1 al mese
17 settimane
17 settimane
17 settimane
17 settimane
3 al giorno
10 settimane
8 settimane
6 settimane
6 settimane
1 al giorno
12 settimane
11 settimane
10 settimane
9 settimane
1 al mese
12 settimane
12 settimane
12 settimane
12 settimane
3 al giorno
7 settimane
6 settimane
5 settimane
4 settimane
1 al giorno
8 settimane
8 settimane
7 settimane
7 settimane
1 al mese
8 settimane
8 settimane
8 settimane
8 settimane
3 al giorno
5 settimane
5 settimane
4 settimane
4 settimane
1 al giorno
6 settimane
6 settimane
5 settimane
5 settimane
1 al mese
6 settimane
6 settimane
6 settimane
6 settimane
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Manutenzione della batteria
Quando sostituire la batteria
Appendice B
Quando la batteria è scarica per circa il 95%, il controllore genera i seguenti avvisi:
• la spia BAT nella parte anteriore del controllore si accende (rosso fisso)
• si verifica un errore minore (tipo 10, codice 10 per il controllore).
ATTENZIONE: Per evitare perdite di sostanze chimiche potenzialmente
pericolose, sostituire la batteria in base al seguente programma, anche
se la spia BAT è spenta:
Tabella 54 – Programma di sostituzione della batteria
IMPORTANTE
Sostituire la batteria
Se la temperatura 2,54 cm
sotto lo chassis è
Sostituire la batteria ogni
Da -25 a 35 °C
Sostituzione non necessaria
Da 36 a 40 °C
3 anni
Da 41 a 45 °C
2 anni
Da 46 a 50 °C
16 mesi
Da 51 a 55 °C
11 mesi
Da 56 a 70 °C
8 mesi
Poiché il controllore GuardLogix è di tipo 1oo2 (a due processori), si
raccomanda di sostituire contemporaneamente entrambe le batterie del
controllore.
Questo controllore contiene una batteria al litio, che dovrà essere sostituita
durante la vita utile del prodotto. Per il trattamento e lo smaltimento delle
batterie occorre adottare precauzioni di sicurezza specifiche.
ATTENZIONE: Il controllore utilizza una batteria al litio che contiene
agenti chimici potenzialmente pericolosi.
Prima di trattare o smaltire una batteria, consultare la pubblicazione
Direttive per il trattamento delle batterie al litio, AG-5.4.
AVVISO: Quando si collega o scollega la batteria, può verificarsi un arco
elettrico, che può causare esplosioni in installazioni che si trovano in
aree pericolose. Prima di procedere, assicurarsi di aver tolto
alimentazione o che l’area non sia pericolosa.
IMPORTANTE
Se si rimuove la batteria ed in seguito si verifica un’interruzione
dell’alimentazione, il progetto nel controllore andrà perso.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
145
Appendice B
Manutenzione della batteria
Per sostituire la batteria, attenersi alla procedura riportata di seguito.
1. Alimentare lo chassis.
2. La batteria mostra segni di perdite o danni?
Se
Procedere come segue
Sì
Prima di trattare la batteria, consultare la pubblicazione Direttive per il
trattamento delle batterie al litio, pubblicazione AG-5.4
No
Andare al passo successivo.
3. Rimuovere la batteria usata.
4. Installare una batteria 1756-BA2 nuova.
a. Inserire la batteria come mostrato nella figura.
b. Collegare la batteria:
+ Rosso
– Nero
c. Annotare la data di installazione della batteria sull’apposita etichetta e
fissare l’etichetta all’interno dello sportellino del controllore.
a
b
DATE
c
ATTENZIONE: Installare solo una batteria 1756-BA2. Se si
installa una batteria diversa, il controllore può danneggiarsi.
5. Verificare se la spia BAT nella parte anteriore del controllore è spenta.
146
Se
Procedere come segue
Sì
Andare al passo successivo.
No
1. Controllare che la batteria sia connessa correttamente al controllore.
2. Se la spia BAT rimane accesa, installare un’altra batteria 1756-BA2.
3. Se la spia BAT rimane accesa dopo l’installazione della seconda batteria di cui al
punto 2, rivolgersi al rappresentante o al distributore Rockwell Automation di zona.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Manutenzione della batteria
Appendice B
6. Smaltire la batteria usata rispettando le normative locali.
AVVISO: Non bruciare né smaltire le batterie al litio con i rifiuti
generici. Possono esplodere o rompersi violentemente. Rispettare
tutte le normative locali che regolano lo smaltimento di questo
genere di materiali. L’utilizzatore è legalmente responsabile dei
pericoli creati durante lo smaltimento della batteria.
ATTENZIONE: Questo prodotto contiene una batteria al litio stagna di cui
potrebbe essere necessaria la sostituzione durante la vita utile del
prodotto.
Quando la batteria giunge al termine della sua vita utile, deve essere smaltita
separatamente dai rifiuti urbani indifferenziati.
La raccolta e il riciclaggio delle batterie contribuiscono alla salvaguardia
dell’ambiente ed alla conservazione delle risorse naturali, in quanto si
riutilizzano materiali preziosi.
Immagazzinaggio delle
batterie di ricambio
Ulteriori riferimenti
ATTENZIONE: Se immagazzinate in modo errato, le batterie possono
rilasciare sostanze chimiche potenzialmente pericolose. Conservare le
batterie in un ambiente fresco e asciutto. Si raccomandano 25 °C con
un’umidità relativa dal 40 al 60%. È possibile conservare le batterie fino a
30 giorni a temperature comprese tra -45 °C e 85 °C, ad esempio durante il
trasporto. Per evitare possibili perdite, non conservare le batterie a
temperature superiori a 60 °C per un periodo superiore a 30 giorni.
Per informazioni sul trattamento, la conservazione e lo smaltimento delle batterie
al litio, consultare la pubblicazione Direttive per il trattamento delle batterie al
litio, AG-5.4.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
147
Appendice B
Manutenzione della batteria
Note:
148
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Appendice
C
Modifica del tipo di controllore nei progetti
RSLogix 5000
Argomento
Pagina
Cambio da controllore standard a controllore di sicurezza
149
Cambio da controllore di sicurezza a controllore standard
150
Passaggio da un controllore GuardLogix 1756 ad un controllore Compact
GuardLogix 1768 o viceversa
151
Passaggio da un controllore 1756-L7xS ad un controllore 1756-L6xS o 1768-L4xS
151
Ulteriori riferimenti
151
Dal momento che per i controllori di sicurezza sono previsti requisiti speciali, e
che questo ultimi non supportano determinate funzioni standard, è necessario
apprendere la procedura di modifica del tipo di controllore (da controllore
standard a controllore di sicurezza o viceversa) nel progetto RSLogix 5000.
Il cambio del controllore influisce su quanto segue:
• Funzioni supportate
• Configurazione fisica del progetto, ossia coprocessore di sicurezza ed I/O
di sicurezza
• Proprietà del controllore
• Componenti del progetto, quali task, programmi, routine e tag
• Istruzioni Add-on di sicurezza.
Cambio da controllore
standard a controllore di
sicurezza
Per cambiare correttamente tipo di controllore, passando da un controllore
standard ad uno di sicurezza, lo slot dello chassis immediatamente a destra del
controllore primario di sicurezza deve essere disponibile per il coprocessore di
sicurezza.
Dopo la conferma del cambiamento del progetto da controllore standard a
controllore di sicurezza, vengono creati i componenti di sicurezza per soddisfare i
requisiti minimi del controllore di sicurezza:
• Il task di sicurezza viene creato solo se il numero massimo di task scaricabili
non è stato raggiunto. Il task di sicurezza viene inizializzato con i valori
predefiniti.
• Vengono creati i componenti di sicurezza (ossia task di sicurezza,
programma di sicurezza e così via).
• Viene generato un numero di rete di sicurezza (SNN), basato su data ed
ora, per lo chassis locale.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
149
Appendice C
Modifica del tipo di controllore nei progetti RSLogix 5000
• Le eventuali funzioni del controllore standard non supportate dal
controllore di sicurezza, ad esempio la ridondanza, vengono rimosse dalla
finestra di dialogo Controller Properties.
Cambio da controllore di
sicurezza a controllore
standard
Dopo la conferma del cambiamento del progetto da controllore di sicurezza a
controllore standard, alcuni componenti vengono modificati ed altri eliminati,
come descritto di seguito:
• Il coprocessore di sicurezza, 1756-LSP, viene eliminato dallo chassis I/O.
• I moduli I/O di sicurezza ed i relativi tag vengono eliminati.
• Task, programmi e routine di sicurezza vengono cambiati in task,
programmi e routine standard.
• Tutti i tag di sicurezza, ad eccezione dei tag consumati, vengono cambiati
in tag standard. I tag di sicurezza consumati vengono eliminati.
• Le mappature dei tag di sicurezza vengono eliminate.
• Il numero rete di sicurezza (SNN) viene eliminato.
• Le password di blocco e sblocco di sicurezza vengono eliminate.
• Se il controllore standard supporta funzioni che non erano disponibili con
il controllore di sicurezza, tali funzioni risulteranno visibili nella finestra di
dialogo Controller Properties.
SUGGERIMENTO
I controllori di sicurezza peer non vengono eliminati, anche se
non è rimasta alcuna connessione.
• Le istruzioni potrebbero ancora fare riferimento a moduli che sono stati
cancellati e pertanto determinare errori durante le verifiche.
• I tag consumati vengono cancellati quando si elimina il modulo che li ha
prodotti.
• A seguito dei cambiamenti nel sistema descritti sopra, le istruzioni di
sicurezza ed i tag I/O di sicurezza non vengono verificati.
Se il progetto del controllore di sicurezza contiene istruzioni add-on di sicurezza,
è necessario rimuoverle dal progetto o cambiarne la classe in standard prima di
cambiare tipo di controllore.
150
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Modifica del tipo di controllore nei progetti RSLogix 5000
Passaggio da un controllore
GuardLogix 1756 ad un
controllore Compact
GuardLogix 1768 o viceversa
Appendice C
Quando si cambia tipo di controllore di sicurezza, la classe dei tag, delle routine
e dei programmi non viene modificata. Gli eventuali moduli I/O non più
compatibili con il controllore di destinazione vengono eliminati.
La rappresentazione del coprocessore di sicurezza viene aggiornata affinché
quest’ultimo sia visualizzato correttamente sul controllore di destinazione:
• Quando si passa a un controllore GuardLogix 1756, il coprocessore di
sicurezza viene creato nello slot x (slot primario + 1).
• Quando si passa ad un controllore Compact GuardLogix 1768, il
coprocessore di sicurezza viene rimosso poiché è interno al controllore
Compact GuardLogix.
SUGGERIMENTO
Il controllore GuardLogix 1756 supporta 100 programmi di sicurezza nel
task di sicurezza, mentre il controllore Compact GuardLogix 1768 ne
supporta 32.
Passaggio da un controllore
1756-L7xS ad un controllore
1756-L6xS o 1768-L4xS
Le istruzioni a virgola mobile – come FAL, FLL, FSC, SIZE, CMP, SWPB e
CPT sono supportate dai controllori 1756-L7xS, ma non dai controllori
1756-L6xS e 1768-L4xS. Se il programma di sicurezza contiene queste istruzioni,
verranno generati errori di verifica al passaggio da un controllore 1756-L7xS ad
un controllore 1756-L6xS o 1768-L4xS.
Ulteriori riferimenti
Per ulteriori informazioni sulle istruzioni Add-on, consultare il manuale di
programmazione Istruzioni add-on per controllori Logix5000, pubblicazione
1756-PM010.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
151
Appendice C
Modifica del tipo di controllore nei progetti RSLogix 5000
Note:
152
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Appendice
D
Storico delle modifiche
Questo manuale è stato aggiornato con informazioni relative a nuovi controllori,
moduli, applicazioni e funzionalità del software RSLogix 5000. In questa
appendice sono riepilogate brevemente le modifiche apportate in ogni versione
precedente del manuale.
Per sapere quali modifiche sono state apportate alle versioni precedenti, fare
riferimento a questa Appendice. Ciò può risultare particolarmente utile se si
decide di aggiornare l’hardware o il software in base alle informazioni aggiunte
nelle precedenti versioni di questo manuale.
1756-UM020H-EN-P,
Aprile 2012
1756-UM020G-EN-P,
Febbraio 2012
Correzione dell’elenco di alimentatori supportati.
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Aggiunta di informazioni sui controllori 1756-L7xS e 1756-L73SXT
Aggiornamento dell’elenco di Ulteriori riferimenti
Aggiunta di un capitolo sull’installazione del controllore
Aggiunta di informazioni sull’uso di connessioni unicast per moduli I/O
su reti EtherNet/IP
Aggiunta di informazioni sull’installazione
Aggiunta di informazioni sulla protezione della modalità Esecuzione per la
firma del task di sicurezza
Aggiornamento delle procedure di sostituzione I/O con esame di vari casi
di sostituzione
Aggiornamento del valore massimo dell’intervallo di pacchetto richiesto
(RPI)
Aggiunta dei tipi di dati DCA_INPUT e DCAF_INPUT nell’elenco di
tipi validi per i tag di sicurezza
Riorganizzazione delle informazioni sui tag di sicurezza prodotti e
consumati e la configurazione di controllori di sicurezza peer in modo che
tutte le informazioni siano raggruppate nel Capitolo 6
Aggiunta di informazioni sulle conseguenze del blocco di una scheda SD
su un aggiornamento del firmware
Aggiunta di informazioni sull’uso del modulo ESM (Modulo di accumulo
energia) per memoria non volatile
Spostamento delle tabelle di descrizione degli indicatori di stato in
un’appendice ed aggiornamento delle informazioni per la ricerca guasti
Aggiornamento delle informazioni sulle tempistiche di sostituzione della
batteria sui controllori 1756-L6xS
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
153
Appendice D
Storico delle modifiche
• Aggiunta di informazioni sul passaggio ad un controllore 1756-L7xS
• Aggiunta dell’appendice Storico delle modifiche
1756-UM020F-EN-P,
Agosto 2010
• I controllori GuardLogix sono supportati da RSLogix 5000, versione 19
• Il tipo di connessione di default per i tag di sicurezza prodotti e consumati
è unicast
1756-UM020E-EN-P,
Gennaio 2010
• Aggiunta di istruzioni Add-On ad alta integrità e di sicurezza nell’elenco
delle funzioni di RSLogix 5000 supportate
• Abilitazione della sincronizzazione temporale
• Aggiornamento degli esempi di modifica del numero di rete di sicurezza
(SNN) dei moduli I/O di sicurezza sulla rete CIP Safety per la
visualizzazione dei moduli I/O di sicurezza EtherNet/IP
• Chiarimento delle informazioni relative all’indirizzamento Ethernet
• Connessioni ControlNet per moduli I/O distribuiti
• Definizione di un tag come costante
• Impostazione del livello di accesso esterno per i dati dei tag
• Aggiornamento delle procedure di produzione e consumo dei tag di
sicurezza
• Restrizione relativa alla mappatura dei tag con valori costanti
• Aggiornamento della tabella delle risposte del software durante il
download
• Accessibilità GSV/SSV dell’oggetto di sicurezza AOI
• Memorizzazione e caricamento di progetti con la memoria non volatile
• Aggiornamento delle informazioni relative allo smaltimento della batteria
• Passaggio da un controllore GuardLogix 1756 ad un controllore Compact
GuardLogix 1768 o viceversa
1756-UM020D-EN-P,
Luglio 2008
• Aggiornamento della tabella Ulteriori riferimenti con inserimento di nuovi
manuali
• Informazioni sul controllore 1756-L63S
• Informazioni generali sulla programmazione con il software
RSLogix 5000, versione 17, incluse versioni del software supportate e
migliorie
• utilizzo di un modulo 1756-EN2T in un sistema basato su GuardLogix
• Informazioni sui moduli di sicurezza Guard I/O EtherNet/IP
• Aggiornamento dell’elenco di tipi di dati validi per i tag di sicurezza
• Le azioni di blocco e sblocco di sicurezza vengono salvate nel registro
• La creazione e l’eliminazione di una firma di sicurezza vengono salvate nel
registro
• Il processo di download ora prevede il controllo del master CST (tempo di
sistema coordinato)
• Aggiornamento della descrizione del codice di errore relativo al mancato
funzionamento del task di sicurezza
154
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Storico delle modifiche
Appendice D
• Il valore della firma di sicurezza è accessibile tramite istruzione GSV
• Informazioni sui tipi di dati per attributi accessibili tramite istruzioni GSV
e SSV
• Consultazione delle informazioni sugli errori tramite istruzione GSV
• Aggiornamento delle informazioni sulla certificazione
• Aggiornamento delle informazioni sull’autonomia stimata della batteria
• Aggiornamento delle informazioni relative allo smaltimento corretto della
batteria
1756-UM020C-EN-P,
Dicembre 2006
• Informazioni sul flusso di dati del controllore GuardLogix
• Il controllore non supporta l’esecuzione di aggiornamenti del sistema
operativo tramite CompactFlash
• Il task di sicurezza non supporta le istruzioni Add-On o il software
FactoryTalk® Alarms and Events
• Il valore massimo di RPI per le connessioni di sicurezza è stato modificato
da 500 ms a 100 ms
• L’elenco di tipi di dati non validi per i programmi di sicurezza è stato
sostituito da un elenco di tipi di dati validi
• Revisione della descrizione delle connessioni di sicurezza prodotte e
consumate
• Revisione della descrizione dell’effetto della funzione di blocco di sicurezza
e della firma di sicurezza sul download
• Aggiunta certificazione UL NRGF
• Aggiunti valori PFD (probabilità di guasto su domanda) e PFH
(probabilità di guasto all’ora) nelle specifiche del controllore
1756-UM020B-EN-P,
Ottobre 2005
Il software di programmazione RSLogix 5000, versione 14.01 e successive, non
esegue più il confronto delle serie hardware tra coprocessore di sicurezza e
controllore primario o tra controllore e firma di sicurezza nel progetto.
1756-UM020A-EN-P,
Gennaio 2005
Versione iniziale.
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
155
Appendice D
156
Storico delle modifiche
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Indice analitico
Numerics
1747-CP3 38, 109
1747-KY 27
1756-Axx 28
1756-BA2 27, 28, 146
1756-CN2 63
1756-CN2R 63
1756-CN2RXT 63
1756-CNB 63
1756-CNBR 63
1756-CP3 27, 38, 109
1756-DNB 65, 67, 109
1756-EN2F 59
1756-EN2T 59
1756-EN2TR 59
1756-EN2TXT 59
1756-EN3TR 59
1756-ENBT 59
1756-ESMCAP 27, 44, 46, 122, 124
1756-ESMCAPXT 27, 44, 46, 122, 124
1756-ESMNRM 27, 44, 46, 122, 124
1756-ESMNRMXT 27, 46, 122, 124
1756-ESMNSE 27, 44, 46, 122, 124
1756-ESMNSEXT 27, 46, 122, 124
1756-EWEB 59
1756-PA72 28
1756-PA75 28
1756-PAXT 28
1756-PB72 28
1756-PB75 28
1756-PBXT 28
1756-SPESMCAP 27, 44
1756-SPESMNRM 27, 46, 122
1756-SPESMNRMXT 27, 46, 122
1756-SPESMNSE 27, 44, 46, 122
1756-SPESMNSEXT 27, 44, 46, 122
1784-CF128 27
1784-SD1 27
1784-SD2 27
A
aggiornamenti 19
aggiornamenti automatici del firmware 124
aggiornamento
firmware 40, 41
alimentatore
numeri di catalogo 19, 28
ambiente 23
ambiente estremo
alimentatore 28
chassis 28
componenti del sistema 12
controllore 12
approvazione per l’uso in aree pericolose
europa 26
Nord America 25
archiviazione dei programmi utente 19
attributi
oggetto di sicurezza 132
autenticazione di configurazione
componenti 75
copia 75
definizione 75
AutoFlash
aggiornamento firmware 41
B
barra di stato 125
batteria 27
collegare 145
connettere 28, 29, 146
durata 143, 144
errore 125, 130
immagazzinaggio 147
installazione 146
procedura di sostituzione 145
programma di sostituzione 145
scollegare 145, 146
smaltimento 147
batteria al litio 145, 147
bit ConnectionFaulted 127
bit RunMode 127
blocco di sicurezza 105
controllore 106
effetto sul download 112
effetto sull’upload 112
icona 105
password 106
C
cambio del controllore 149–150
cancellazione
errori 129
programma 123
capacità RAM 18
caricamento di un progetto 121
all’accensione 121
avviato dall’utente 121
se la memoria è danneggiata 121
chassis 19
numeri di catalogo 28
CIP Safety 12, 53, 85
classe 96
codici di errore
display di stato 130
errori di sicurezza gravi 130
messaggi I/O 140
codifica elettronica 124
collegamento online 116
fattori 111
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
157
Indice analitico
componenti del sistema Logix-XT
vedere ambiente estremo.
comunicazione 20
moduli 20
rete ControlNet 63
rete DeviceNet 65
rete EtherNet/IP 59
rete seriale 67
condizioni predefinite in fabbrica 81
reset modulo 79
configurazione avanzata del tempo di
risposta della connessione 73
configure always 84
casella di controllo 51
CONNECTION_STATUS 97, 127
connessione
monitoraggio 126
non schedulata 64
rete ControlNet 63
rete EtherNet/IP 60
schedulata 64
stato 127
USB 35
connessione di solo ascolto 76
connessioni non schedulate 64
connessioni schedulate 64
consumo dati tag 100
controllo remoto 42, 43
controllore
ambiente estremo 12
cambio del tipo 149–151
configurazione 47
corrispondenza 111
funzioni differenti 11
gestore degli errori 131
installazione 29
mancata corrispondenza numero seriale 114,
117
modalità 42
modalità operativa 42, 43
numero seriale 111
properties 48
registrazione
blocco/sblocco sicurezza 105
firma del task di sicurezza 107
controllore Compact GuardLogix 151
controllore Compact GuardLogix 1768 151
controllore di sicurezza peer
condivisione dati 97
configurazione 52
posizione 97
SNN 97, 98
controllore primario
descrizione 18
memoria utente 18
modalità 19
panoramica dell’hardware 18
controllori GuardLogix
differenze 11
158
ControlNet
configurazione del driver 110
connessioni 63, 110
esempio 64
moduli di comunicazione 20
modulo 63, 109
non schedulata 64
panoramica 63
schedulata 64
software 63
copertura diagnostica 12
copia
firma del task di sicurezza 107
numero di rete di sicurezza 58
coprocessore di sicurezza
configurazione 19
descrizione 19
indicatori di stato 135
stato 128
corrispondenza tra progetto e controllore 111
creazione di un progetto 47
custodia 23
D
dati standard in una routine di sicurezza 103
DeviceNet
comunicazione 65
configurazione del driver 110
connessioni 67, 110
modulo 109
software 66
DF1 68
DH-485 68
dispositivi di interfaccia operatore 16
download
effetto del blocco di sicurezza 112
effetto della corrispondenza
del controllore 111
effetto della corrispondenza della versione
del firmware 111
effetto della firma del task di sicurezza 112
effetto dello stato di sicurezza 111
processo 113–114
driver
ControlNet 110
DeviceNet 110
EtherNet/IP 110
USB 36
driver del dispositivo RS-232 DF1 38
E
eliminazione
firma del task di sicurezza 108
errore
cancellazione 129
irreversibile controllore 129
messaggi 139
reversibile 129, 139
routine 131–133
sicurezza irreversibile 128, 129
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Indice analitico
errore di sicurezza irreversibile 128, 129
riavvio del task di sicurezza 129
errore irreversibile controllore 129
errore reversibile 129, 139
cancellazione 129
errori di sicurezza gravi 130
errori di verifica
cambio del tipo di controllore 151
errori gravi reversibili 139
ESM
vedere modulo di alimentazione
EtherNet/IP
capacità modulo 59
configurazione del driver 110
configurazione esemplificativa 61
connessioni 60, 110
esempio 61
moduli 59
moduli di comunicazione 20
moduli I/O CIP Safety 62
moduli I/O standard 62
modulo 109
panoramica 59
parametri di rete 62
software 60
uso della connessione 60
external access 92, 96
F
file DNT 87, 88
finestra di dialogo New Controller 47
firma del task di sicurezza 96
copia 107
descrizione 16
effetto sul download 112
effetto sull’upload 112
eliminazione 108
generazione 106
memorizzazione di un progetto 120
operazioni non consentite 107
restrizioni 108
visualizzazione 125
Firmware Supervisor 124
forzatura 107
funzioni di sicurezza di RSLogix 106
G
gateway 62
get system value (GSV)
accessibilità 132
definizione 12
utilizzo 132
I
I/O
codici di errore 140
indicatore 126
sostituzione modulo 51
I/O CIP Safety
aggiunta 69
autenticazione di configurazione 75
dati di stato 77
indirizzo di nodo 69
monitoraggio dello stato 77
reset ownership 76
incolla
numero di rete di sicurezza 58
indicatore BAT 125
indicatori di stato 127
moduli I/O 78
indirizzo
modulo I/O CIP Safety 77
indirizzo di nodo 69
Indirizzo IP 69
intervallo di pacchetto richiesto 97
dati tag prodotto 93
definizione 12
I/O CIP Safety 72
tag consumati 93
tag consumato 101
IP address 62
Istruzioni add-on 21, 150
K
kit di aggiornamento firmware 111, 124
L
Livelli prestazionali 12
Livelli prestazionali (LP) 15
LOCK (blocco)
vedere blocco di sicurezza.
M
Major Recoverable Fault
messaggi 139
MajorFaultRecord 133
massimo ritardo di rete osservato 73
reset 101
memoria
capacità 18
scheda 19
memoria non volatile 119–124
scheda 119
memoria utente 18
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
159
Indice analitico
memorizzazione di un progetto 120
messaggi
errore 139
stato di sicurezza 137
stato generale 138
messaggi di stato generali 138
messaggio
display di stato 138
modalità
operativa 42
modalità Esecuzione 42
modalità operativa 42
modalità programmazione 42
modifica 107
modulo
ControlNet 20
DeviceNet 20
EtherNet/IP 20, 59
indicatore di stato 78
properties
scheda Connection 76
modulo di alimentazione 27
1756-ESMCAP 27
definizione 12
disinstallazione 44
in carica 29, 46
installazione 46
memoria non volatile 122
tempo di mantenimento 124
modulo Guard I/O
sostituzione 79–88
monitoraggio
connessioni 126
stato 77
multicast 12
N
network delay multiplier 74, 102
numero di rete di sicurezza 53
assegnazione 53
assegnazione automatica 55
assegnazione manuale 55
basato sul tempo 54
copia 58
copia ed incolla 58
definizione 12
descrizione 15
formati 53
gestione 53
impostazione 71
incolla 58
mancata corrispondenza 86
manuale 54
modifica 55
modifica del valore SNN del controllore 56
modifica del valore SNN dell’I/O 56
visualizzazione 48
numero di slot 48
numero seriale 111
160
O
oggetto di sicurezza
attributi 132
P
password
caratteri validi 50
impostazione 49
periodo task di sicurezza 72, 91, 97
PFD (probabilità di guasto su domanda)
definizione 12
PFH (probabilità di guasto all’ora)
definizione 12
produzione di un tag 99
produzione e consumo di tag 60, 63, 97
progetti di sicurezza
funzioni 21
programma di sostituzione
batteria 145
programmazione 107
programmi di sicurezza 92
proprietà
configurazione 76
ripristino 76
proprietario della configurazione 76
identificazione 76
ripristino 76, 79
protezione dell’applicazione
di sicurezza 105–108
blocco di sicurezza 105
firma del task di sicurezza 106
funzioni di sicurezza di RSLogix 106
protezione della firma in modalità esecuzione
50
protezione modalità esecuzione 106, 108
protocollo di controllo ed informazioni
definizione 12
pulsante Change Controller 49
R
radiazione UV 26
reset
modulo 79
proprietà 76, 79
restrizioni
mappatura dei tag di sicurezza 103
programmazione 108
se è stata configurata una firma
di sicurezza 107
se in blocco di sicurezza 105
software 108
rimozione ed inserimento sotto tensione
(RIUP) 24
RIUP
vedere rimozione ed inserimento sotto
tensione (RIUP)
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Indice analitico
routine di errore del programma 131
routine di sicurezza 92
utilizzo di dati standard 103
RPI
vedere intervallo di pacchetto richiesto
S
SafetyTaskFaultRecord 133
salvataggio del programma
memoria non volatile 123
sblocco controllore 106
sblocco di sicurezza
controllore 106
icona 105
scarica elettrostatica 26
scheda CF
Vedere scheda CompactFlash.
Scheda CompactFlash 27, 30
vedere anche scheda di memoria.
scheda CompactFlash
inserimento 33
rimozione 34
scheda di memoria 119, 120, 121, 124
installazione 30
rimozione 30
scheda Major Faults 130
scheda Minor Faults 130
scheda Safety 106, 107, 128
autenticazione di configurazione 75
blocco di sicurezza 106
blocco di sicurezza del controllore 106
dati connessione 72
generazione di una firma del task
di sicurezza 107
sblocco 106
sostituzione modulo 80
visualizzazione dello stato
di sicurezza 111, 128
scheda SD
vedere scheda secure digital.
scheda secure digital 27, 30
installazione 32
rimozione 31
vedere anche scheda di memoria.
selettore a chiave 19, 42
seriale
cavo 27
comunicazione 67
driver 38
porta 37
configurazione 67
connessione 37
rete 67
software 67
set system value (SSV)
accessibilità 132
utilizzo 132
simbolo di avviso 126
sincronizzazione temporale 51, 114
SNN
Vedere numero rete di sicurezza
software
restrizioni 108
rete ControlNet 63
rete EtherNet/IP 60
reti DeviceNet 66
USB 35
software ControlFLASH 40, 111, 121, 124
software RSLinx Classic
versione 21
software RSLogix 5000
reset modulo 79
restrizioni 108
versioni 21
software RSNetWorx for DeviceNet
sostituzione modulo 86
sostituzione
configure always abilitata 84
configure only… enabled 80
modulo Guard I/O 79–88
spia BAT 144, 146
stato
coprocessore di sicurezza 128
display 137–142
indicatori 135–137
messaggi 137
messaggi di errore 139
messaggi, display 138
stato della rete
indicatore 78, 82, 83, 87
stato di sicurezza 15
effetto sul download 111
firma del task di sicurezza 106
programmazione delle restrizioni 108
pulsante 106, 126
visualizzazione 111, 125, 128
subnet mask 62
T
tag
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
alias 93
ambito 95
base 93
classe 96
constant value 96
consumato 93, 97
dati di sicurezza prodotti/consumati 94, 95
dell’ambito del programma 95
denominazione 76
external access 92, 96
I/O di sicurezza 94, 95
panoramica 92
prodotto 93, 97
tag dell’ambito del controllore 95
tipo 93
tipo di dati 94
Vedere anche
tag di sicurezza.
161
Indice analitico
tag alias 93
tag base 93
tag constant value 96
tag consumato 93, 97
tag definiti nell’ambito del programma 95
tag dell’ambito del controllore 95
tag di sicurezza
creazione 93
dell’ambito del controllore 95
dell’ambito del programma di sicurezza 95
descrizione 92
mappatura 102–104
tipi di dati validi 94
tag prodotto 93, 97
task di sicurezza 90
esecuzione 91
priority 90
tempo di watchdog 90
tempi di scansione
reset 108
tempo di mantenimento
modulo di alimentazione 124
tempo di risposta 91
tempo di sistema coordinato 114, 137
tempo di watchdog 90
tempo limite di risposta
I/O CIP Safety 71
tempo limite di risposta della
connessione 71, 101
terminologia 12
timeout multiplier 73, 102
tipi di dati
CONNECTION_STATUS 97
tipi di dati REAL 94
trasformazione
Vedere cambio del controllore.
162
U
unicast 12
connessioni 71, 97, 100
upload
effetto del blocco di sicurezza 112
effetto della corrispondenza
del controllore 111
effetto della firma del task di sicurezza 112
processo 115
USB
cavo 35, 109
connessione 35
driver 36
porta 35
software richiesto 35
tipo 35
V
versione firmware
aggiornamento 40, 41
corrispondenza 111
gestione 124
mancata corrispondenza 112, 114, 117
visualizzazione
stato di sicurezza 111
W
WallClockTime 122, 124
modulo di alimentazione 124
oggetto 46
X
XT
Pubblicazione Rockwell Automation 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
vedere ambiente estremo.
Assistenza Rockwell Automation
Rockwell Automation fornisce informazioni tecniche sul Web per assistere i clienti nell’utilizzo dei prodotti.
All’indirizzo http://www.rockwellautomation.com/support/, è possibile consultare manuali tecnici, una knowledge base
di domande frequenti, note tecniche ed applicative, scaricare codici di esempio e service pack ed utilizzare la funzione
MySupport, personalizzabile per utilizzare al meglio tali strumenti.
Per ottenere ulteriore assistenza telefonica per l’installazione, la configurazione e la ricerca guasti, sono disponibili i
programmi di assistenza TechConnectSM. Per ulteriori informazioni, contattare il proprio distributore di zona o il
rappresentante Rockwell Automation, oppure visitare il sito http://www.rockwellautomation.com/support/.
Assistenza per l’installazione
Se si verifica un problema entro le prime 24 ore dall’installazione, si prega di consultare le informazioni contenute in
questo manuale. Per richiedere assistenza durante la messa in servizio iniziale del prodotto, rivolgersi all’Assistenza Clienti.
Stati Uniti o Canada
1.440.646.3434
Al di fuori degli Stati Uniti o del
Canada
Utilizzare il Worldwide Locator sul sito http://www.rockwellautomation.com/support/americas/phone_en.html, oppure contattare il
rappresentante Rockwell Automation di zona.
Restituzione di prodotti nuovi non funzionanti
Rockwell Automation testa tutti i prodotti per garantire che siano completamente funzionanti al momento della
spedizione dall’impianto di produzione. Tuttavia, se il prodotto non funziona e deve essere restituito, procedere come
segue:
Stati Uniti
Rivolgersi al proprio distributore. Per completare la procedura di restituzione è necessario fornire al distributore il numero di pratica
dell’Assistenza Clienti (per ottenerne uno chiamare il numero telefonico riportato sopra).
Fuori dagli Stati Uniti
Per la procedura di restituzione, si prega di contattare il rappresentante Rockwell Automation di zona.
Commenti relativi alla documentazione
I commenti degli utenti sono molto utili per capire le loro esigenze in merito alla documentazione. Per proporre dei
suggerimenti su eventuali migliorie da apportare al presente documento, compilare il modulo RA-DU002, disponibile sul
sito http://www.rockwellautomation.com/literature/.
www.rockwel lautomation.com
Power, Control and Information Solutions Headquarters
Americhe: Rockwell Automation, 1201 South Second Street, Milwaukee, WI 53204-2496, USA, Tel: +1 414 382 2000, Fax: +1 414 382 4444
Europa/Medio Oriente/Africa: Rockwell Automation NV, Pegasus Park, De Kleetlaan 12a, 1831 Diegem, Belgio, Tel: +32 2 663 0600, Fax: +32 2 663 0640
Asia: Rockwell Automation, Level 14, Core F, Cyberport 3, 100 Cyberport Road, Hong Kong, Tel: +852 2887 4788, Fax: +852 2508 1846
Italia: Rockwell Automation S.r.l., Via Gallarate 215, 20151 Milano, Tel: +39 02 334471, Fax: +39 02 33447701, www.rockwellautomation.it
Svizzera: Rockwell Automation AG, Via Cantonale 27, 6928 Manno, Tel: 091 604 62 62, Fax: 091 604 62 64, Customer Service: Tel: 0848 000 279
Pubblicazione 1756-UM020I-IT-P – Agosto 2012
Copyright © 2012 Rockwell Automation, Inc. Tutti i diritti riservati. Stampato negli U.S.A.
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement