520-UM001D-IT-E, Convertitore di frequenza PowerFlex 520

520-UM001D-IT-E, Convertitore di frequenza PowerFlex 520
Manuale dell’utente
Convertitore di frequenza PowerFlex 520
PowerFlex 523, numero di catalogo 25A
PowerFlex 525, numero di catalogo 25B
Traduzione delle istruzioni originali
Informazioni importanti per l’utente
Le apparecchiature a stato solido hanno caratteristiche di funzionamento diverse da quelle delle apparecchiature
elettromeccaniche. Il documento Safety Guidelines for the Application, Installation and Maintenance of Solid State
Controls (pubblicazione SGI-1.1 disponibile presso l’Ufficio Commerciale Rockwell Automation® di zona oppure online
all’indirizzo http://www.rockwellautomation.com/literature/) descrive alcune importanti differenze tra le apparecchiature
a stato solido ed i dispositivi elettromeccanici cablati. A causa di questa differenza e della grande varietà di utilizzo delle
apparecchiature a stato solido, tutte le persone responsabili dell’applicazione di questa apparecchiatura devono assicurarsi
che ogni applicazione di questa apparecchiatura sia accettabile.
In nessun caso Rockwell Automation, Inc. sarà responsabile o perseguibile per danni indiretti o consequenziali risultanti
dall’utilizzo o dall’applicazione di questo dispositivo.
Gli esempi e gli schemi in questo manuale sono inclusi esclusivamente a scopo illustrativo. A causa delle molteplici variabili
ed esigenze associate ad ogni specifica installazione, Rockwell Automation, Inc. non si assume la responsabilità e non è
perseguibile per l’utilizzo effettivo basato sugli esempi e schemi.
Rockwell Automation, Inc. non si assume alcuna responsabilità riguardo ai brevetti per quanto concerne l’uso di
informazioni, circuiti, dispositivi o del software descritti in questo manuale.
La riproduzione totale o parziale del contenuto del presente manuale è vietata senza il consenso scritto di
Rockwell Automation, Inc.
In questo manuale sono presenti note che avvisano l’utente sulle misure di sicurezza da rispettare.
AVVERTENZA: Identifica le informazioni sulle procedure o sulle circostanze che possono causare esplosioni in aree pericolose,
che potrebbero causare lesioni personali o morte, danni alla proprietà o perdite economiche.
ATTENZIONE: Identifica le informazioni sulle prassi o sulle circostanze che possono essere causa di lesioni personali o morte,
danni alla proprietà o perdite economiche. Gli avvisi di Attenzione aiutano ad identificare ed evitare un pericolo ed a
riconoscere le conseguenze.
PERICOLO DI FOLGORAZIONE: Potranno essere collocate delle etichette sull’apparecchiatura o al suo interno, per esempio su
convertitore di frequenza o motore, per attirare l’attenzione dell’utente sulla tensione potenzialmente pericolosa presente.
PERICOLO DI USTIONE: Potranno essere collocate delle etichette sull’apparecchiatura o al suo interno, per esempio su
convertitore di frequenza o motore, per attirare l’attenzione dell’utente sulle superfici che potrebbero raggiungere
temperature potenzialmente pericolose.
PERICOLO DI ARCO ELETTRICO: All’esterno o all’interno dell’apparecchiatura, ad esempio un motor control center, possono
essere apposte delle etichette per avvisare del rischio potenziale di arco elettrico. L’arco elettrico può provocare lesioni gravi o
letali. Indossare gli adeguati dispositivi di protezione personale (PPE). Attenersi a TUTTI i requisiti normativi relativi alle
pratiche di lavoro sicure ed ai dispositivi di protezione personale (PPE).
IMPORTANTE
Identifica le informazioni critiche per un buon funzionamento dell’applicazione e la comprensione del prodotto.
Allen-Bradley, Rockwell Automation, Rockwell Software, PowerFlex, Connected Components Workbench, Studio 5000, DriveTools SP, AppView, CustomView, MainsFree Programming e PointStop sono marchi commerciali
di Rockwell Automation, Inc.
I marchi commerciali che non appartengono a Rockwell Automation sono di proprietà delle rispettive società.
Sommario delle modifiche
Questo manuale contiene informazioni nuove ed aggiornate.
Informazioni nuove ed
aggiornate
Questa tabella contiene le modifiche apportate a questa versione.
Argomento
Pagina
Aggiunta delle informazioni su PowerFlex 523
in tutto il manuale
Aggiornamento del numero di versione di Connected Components Workbench
in tutto il manuale
Aggiornamento delle tabelle di spiegazione del numero di catalogo
12
Aggiornamento delle informazioni su fusibili ed interruttori automatici
20
Aggiunta delle tabelle su fusibili ed interruttori automatici per PowerFlex 523
21…23
Aggiornamento delle tabelle su fusibili ed interruttori automatici per PowerFlex 525
24…27
Aggiunta dello schema della morsettiera I/O di controllo PowerFlex 523 e della tabella delle
denominazioni
38…39
Aggiornamento dello schema della morsettiera I/O di controllo PowerFlex 525 e della
tabella delle denominazioni
40…41
Aggiornamento degli esempi di cablaggio I/O
43
Aggiornamento dell’argomento e della tabella “Requisiti di installazione aggiuntivi”
54
Aggiornamento dell’argomento “Preparazione per l’avviamento iniziale del convertitore di
frequenza”
57
Aggiornamento dello schema e della tabella “Display e tasti di comando”
60
Aggiornamento della tabella “Avviamento intelligente con i parametri del gruppo
Programma base”
63
Aggiornamento dell’argomento “Utilizzo della porta USB”
66
Aggiornamento dei gruppi di parametri e dei parametri attraverso tabelle di riferimento
incrociato
in tutto il Capitolo 3
Aggiornamento dei parametri
Aggiornamento della tabella “Tipi di guasto, descrizioni ed azioni”
149
Aggiornamento della tabella “Certificazioni” con le informazioni riguardanti PowerFlex 523
in tutta l’Appendice A
Aggiornamento delle specifiche ambientali con le informazioni riguardanti PowerFlex 523
Aggiornamento delle specifiche tecniche con le informazioni riguardanti PowerFlex 523
Aggiornamento della tabella “Perdita di potenza”
161
Aggiunta della tabella “Taglie dei convertitori di frequenza PowerFlex 523”
163
Aggiornamento della tabella “Taglie dei convertitori di frequenza PowerFlex 525”
164
Aggiornamento delle tabelle “Resistori di frenatura dinamica” e “Filtri di linea EMC”
166, 167
Aggiornamento delle tabelle relative ai ricambi del modulo di controllo e del modulo di
potenza di PowerFlex 520
169, 170
Aggiornamento della tabella “Reattanze di linea Serie 1321-3R”
171
Aggiunta degli schemi e della tabelle relative al kit ventola modulo di controllo
175
Aggiornamento dello schema di installazione di una scheda di comunicazione
186
Aggiornamento dell’esempio di schema di cablaggio della rete
189
Aggiornamento dell’argomento “Scrittura (06) – Dati di comando logico”
191
Aggiornamento dell’argomento “Lettura (03) – Dati stato logico”
193
Aggiornamento dell’argomento “Utilizzo dell’encoder e del treno di impulsi”
203
Aggiornamento degli schemi di esempio di connessione della funzione Safe-Torque-Off
230…233
Aggiornamento dell’argomento “EtherNet/IP”
in tutta l’Appendice H
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
3
Sommario delle modifiche
Note:
4
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Indice
Prefazione
Panoramica
Destinatari del manuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
Documentazione consigliata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
Convenzioni usate nel manuale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
Taglie dei convertitori di frequenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
Precauzioni generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
Spiegazione dei numeri di catalogo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
Capitolo 1
Installazione/cablaggio
Considerazioni per il montaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Considerazioni sulla sorgente di alimentazione CA. . . . . . . . . . . . . . . . . .
Requisiti generali di messa a terra . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Fusibili ed interruttori automatici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Modulo di potenza e di controllo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Copertura del modulo di controllo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Coprimorsetti del modulo di potenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Cablaggio di alimentazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Morsettiera di alimentazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Note su sbarra comune/precarica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Cablaggio I/O . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Morsettiera I/O di controllo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Controllo avviamento e riferimento di velocità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Conformità CE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
13
17
18
20
28
31
31
32
35
36
36
37
48
50
Capitolo 2
Avviamento
Preparazione per l’avviamento iniziale del convertitore di frequenza . .
Display e tasti di comando . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Visualizzazione e modifica dei parametri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Strumenti di programmazione del convertitore di frequenza . . . . . . . . .
Supporto lingua . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Avviamento intelligente con i parametri del gruppo
“Programma base” . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Descrizione LCD e scorrimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Utilizzo della porta USB . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
57
60
61
62
63
63
65
66
Capitolo 3
Programmazione e parametri
Informazioni sui parametri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 70
Gruppi di parametri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 70
Gruppo “Display di base” . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 75
Gruppo “Programma base” . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80
Gruppo “Terminali”. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 85
Gruppo “Comunicazioni”. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 97
Gruppo “Logica” . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 103
Gruppo “Display avanzato” . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 106
Gruppo “Programma avan.” . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 110
Gruppo “Opzioni rete” . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 132
Gruppo “Param Modificati”. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 132
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
5
Indice
Gruppo “Diagn. Errore” . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Gruppi di parametri AppView. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Gruppo di parametri CustomView. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Parametri ordinati per nome . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
133
140
141
142
Capitolo 4
Ricerca guasti
Stato del convertitore di frequenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Guasti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Descrizione dei guasti. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Sintomi comuni ed azioni correttive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
147
147
149
153
Appendice A
Informazioni supplementari sul
convertitore
Certificazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 157
Specifiche ambientali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 158
Specifiche tecniche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 159
Appendice B
Accessori e dimensioni
Selezione dei prodotti. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 163
Dimensioni del prodotto. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 172
Accessori e kit opzionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 186
Appendice C
Protocollo RS485 (DSI)
Cablaggio della rete. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Configurazione dei parametri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Codici funzione Modbus supportati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Scrittura (06) – Dati di comando logico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Scrittura (06) – Comando frequenza di comunicazione. . . . . . . . . . . . .
Lettura (03) – Dati stato logico. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Lettura (03) – Codici di guasto del convertitore di frequenza . . . . . . .
Lettura (03) – Valori di funzionamento del convertitore
di frequenza. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Lettura (03) e scrittura (06) – Parametri del convertitore
di frequenza. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Informazioni aggiuntive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
189
190
191
191
193
193
195
196
196
196
Appendice D
Funzioni StepLogic di controllo della Funzione StepLogic di controllo della velocità con fasi
temporizzate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 198
velocità, Logica di base e
Controllo della velocità StepLogic con le funzioni logiche di base. . . . 198
Temporizzatore/Contatore
Funzione Temporizzatore. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 199
Funzione Contatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 200
Parametri di Controllo della velocità StepLogic . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 201
6
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Indice
Appendice E
Utilizzo di encoder/treno di impulsi
ed applicazione StepLogic di
controllo della posizione
Utilizzo dell’encoder e del treno di impulsi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Note di cablaggio. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Descrizione del posizionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Regole generali comuni per tutte le applicazioni. . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Funzionamento del posizionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Routine di ricerca della posizione home . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Feedback encoder e di posizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Utilizzo del sistema di comunicazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Note di configurazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
203
204
205
205
207
211
212
213
214
Appendice F
Configurazione del PID
Anello PID . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 215
Riferimento e feedback PID . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 217
Segnali di riferimento PID analogici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 218
Appendice G
Funzione STO (Safe torque off)
Presentazione di PowerFlex 525 con STO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Certificazione di esame di tipo CE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Istruzioni EMC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Utilizzo di PowerFlex 525 STO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Concetto di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Abilitazione di PowerFlex 525 STO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Cablaggio. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Funzionamento di PowerFlex 525 STO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Verifica del funzionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Esempi di connessione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Certificazione di PowerFlex 525 per la funzione STO . . . . . . . . . . . . . .
223
224
224
225
225
227
227
228
228
230
234
Appendice H
EtherNet/IP
Stabilire una connessione con EtherNet/IP . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 235
Indice analitico
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
7
Indice
Note:
8
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Prefazione
Panoramica
Lo scopo del presente manuale è quello di fornire le informazioni di base
necessarie per l’installazione, l’avviamento e la ricerca guasti dei convertitori di
frequenza PowerFlex® 520.
Per informazioni su…
Destinatari del manuale
Documentazione consigliata
Convenzioni usate nel manuale
Taglie dei convertitori di frequenza
Precauzioni generali
Spiegazione dei numeri di catalogo
Vedere pagina…
9
9
10
10
11
12
Destinatari del manuale
Questo manuale è concepito per personale qualificato, che dovrebbe essere in
grado di programmare ed azionare i convertitori di frequenza ed avere una buona
comprensione delle impostazioni e delle funzioni dei parametri.
Documentazione consigliata
Tutti i documenti consigliati, elencati in questa sezione sono disponibili on-line
all’indirizzo www.rockwellautomation.com/literature.
Le seguenti pubblicazioni forniscono informazioni generali sui convertitori di
frequenza.
Titolo
Regole generali di cablaggio e messa a terra dei convertitori di frequenza a modulazione di
ampiezza degli impulsi (PWM)
Preventive Maintenance of Industrial Control and Drive System Equipment
Safety Guidelines for the Application, Installation and Maintenance of Solid State Control
A Global Reference Guide for Reading Schematic Diagrams
Guarding Against Electrostatic Damage
Pubblicazione
DRIVES-IN001
DRIVES-TD001
SGI-1.1
100-2.10
8000-4.5.2
Le seguenti pubblicazioni forniscono specifiche informazioni su installazione,
funzioni, specifiche e manutenzione dei convertitori di frequenza PowerFlex 520:
Titolo
PowerFlex 520 AC Drive Specifications
PowerFlex Dynamic Braking Resistor Calculator
PowerFlex AC Drives in Common Bus Configurations
Pubblicazione
520-TD001
PFLEX-AT001
DRIVES-AT002
Le seguenti pubblicazioni forniscono specifiche informazioni sulle
comunicazioni di rete:
Titolo
PowerFlex 525 Embedded EtherNet/IP Adapter
PowerFlex 25-COMM-D DeviceNet Adapter
PowerFlex 25-COMM-E2P Dual-Port EtherNet/IP Adapter
PowerFlex 25-COMM-P Profibus Adapter
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Pubblicazione
520COM-UM001
520COM-UM002
520COM-UM003
520COM-UM004
9
Prefazione
Panoramica
Convenzioni usate nel
manuale
• In questo manuale ci si riferisce al convertitore di frequenza PowerFlex 520
indicandolo come: convertitore di frequenza, PowerFlex 520, convertitore
di frequenza PowerFlex 520.
• Specifici convertitori di frequenza della gamma PowerFlex 520 possono
essere indicati con:
– PowerFlex 523, convertitori PowerFlex 523 o convertitori di frequenza
PowerFlex 523.
– PowerFlex 525, convertitori di frequenza PowerFlex 525.
• Numeri e nomi dei parametri sono illustrati nel seguente formato:
P 031 [Tens Targa mot.]
Nome
Numero
Gruppo
b = Display di base
P = Programma base
t = Terminali
C = Comunicazioni
L = Logica
d = Display avanzato
A = Programma avan.
N = Opzioni Rete
M = Param Modificati
f = Diagn. Errore
G = AppView e CustomView
• I seguenti termini vengono usati in tutto il manuale per descrivere
un’azione:
Parole
Può
Non può
Potrebbe
Obbligatorio
Deve
Dovrebbe
Non dovrebbe
Significato
Possibile, in grado di fare qualcosa
Non possibile, non in grado di fare qualcosa
Permesso, consentito
Inevitabile, da eseguire
Richiesto e necessario
Consigliato
Non consigliato
• Studio 5000™ combina elementi di progettazione sviluppo in un unico
ambiente. Il primo elemento dell’ambiente Studio 5000 è l’applicazione
Logix Designer. L’applicazione Logix Designer è il rebranding del software
RSLogix 5000 e continuerà ad essere il prodotto utilizzato per la
programmazione dei controllori Logix 5000 per le soluzioni discrete, di
processo, batch, motion, di sicurezza e basate su convertitori di frequenza.
L’ambiente Studio 5000 è la base dei futuri strumenti di progettazione e
sviluppo di Rockwell Automation. È l’ambiente unico per sviluppare tutti
gli elementi del sistema di controllo.
Taglie dei convertitori di
frequenza
10
I convertitori PowerFlex 520 di dimensioni simili sono raggruppati in taglie di
telaio per semplificare l’ordinazione dei ricambi, il dimensionamento ecc. Una
tabella di riferimenti incrociati tra i numeri di catalogo dei convertitori di
frequenza e le taglie di telaio corrispondenti è riportata nell’Appendice B.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Panoramica
Precauzioni generali
Prefazione
ATTENZIONE: Il convertitore di frequenza contiene condensatori ad alta
tensione che non si scaricano immediatamente dopo l’interruzione
dell’alimentazione di rete. Prima di lavorare sul convertitore di frequenza,
verificare l’isolamento dell’alimentazione di rete dagli ingressi di linea [R, S, T
(L1, L2, L3)]. Attendere tre minuti per consentire la scarica dei condensatori a
livelli di tensione sicuri. Il mancato rispetto di queste istruzioni può comportare
lesioni personali, anche letali.
Lo spegnimento dei LED del display non è un’indicazione dell’avvenuta scarica
dei condensatori a livelli di tensione sicuri.
ATTENZIONE: Le procedure di installazione, avviamento o manutenzione del
sistema vanno espletate esclusivamente da personale qualificato con
un’adeguata conoscenza dei convertitori di frequenza e dei macchinari ad essi
associati. La mancata osservanza di questa precauzione può causare lesioni a
persone e/o danni alle apparecchiature.
ATTENZIONE: Questo convertitore di frequenza contiene parti ed assiemi
sensibili alle scariche elettrostatiche (ESD, Electrostatic Discharge). Durante le
operazioni di installazione, verifica, manutenzione o riparazione è necessario
osservare le misure di protezione ESD. La mancata osservanza di queste misure
di protezione ESD può causare danni ai componenti. Se non si ha familiarità con
le procedure di protezione ESD, fare riferimento alla pubblicazione A-B 80004.5.2 “Protezione contro i danni da scariche elettrostatiche” o a qualsiasi altro
manuale pertinente sulla protezione da ESD.
ATTENZIONE: Eventuali convertitori di frequenza applicati o installati non
correttamente possono provocare danni ai componenti o una riduzione della
durata del prodotto. Errori di cablaggio o di applicazione, quali
sottodimensionamento del motore, alimentazione in CA errata o inadeguata o
eccessive temperature ambiente possono causare guasti al sistema.
ATTENZIONE: La funzione del regolatore della sbarra è estremamente utile per
prevenire guasti per sovratensione indesiderati derivanti da decelerazioni
aggressive, carichi rigenerativi e carichi eccentrici. Tuttavia, può causare anche
una delle seguenti due condizioni.
1. Rapide variazioni positive nella tensione d’ingresso o tensioni d’ingresso
squilibrate possono provocare cambi di velocità positivi non comandati;
2. Gli effettivi tempi di decelerazione possono essere superiori ai tempi di
decelerazione comandati
Tuttavia viene generato in guasto di stallo se il convertitore di frequenza rimane
in questo stato per 1 minuto. Se questa condizione è inaccettabile, il regolatore
bus deve essere disabilitato (v. il parametro A550 [Regol BUS]). Inoltre,
l’installazione di una resistenza di frenatura dinamica correttamente
dimensionata fornisce, nella maggior parte dei casi, prestazioni uguali o
superiori.
ATTENZIONE: Rischio di infortuni o danni alle apparecchiature. Il convertitore
di frequenza non contiene componenti riparabili dall’utente. Non smontare lo
chassis del convertitore di frequenza.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
11
Prefazione
Panoramica
Spiegazione dei numeri di
catalogo
1-3
4
5
6-8
9
10
11
12
13
14
25B
–
B
2P3
N
1
1
4
–
–
Convertitore
di frequenza
Trattino
Tensione nominale
Valore nominale
Custodia
Riservato
Classe emissioni
Riservato
Trattino
Trattino
Codice Tipo
25A
PowerFlex 523
25B
PowerFlex 525
Codice Filtro EMC
0
Senza filtro
1
Filtro
Codice
V
A
B
D
E
Tensione
120 V CA
240 V CA
240 V CA
480 V CA
600 V CA
Fase
1
1
3
3
3
Codice Modulo interfaccia
1
Standard
Codice Custodia
N
IP 20 NEMA/Open
Corrente di uscita – Ingresso 100…120 V monofase
Codice Amp
Frame Carico normale Carico gravoso
Hp
kW
Hp
kW
1P6(1) 1,6
A
0,25
0,2
0,25
0,2
2P5
2,5
A
0,5
0,4
0,5
0,4
4P8
4,8
B
1,0
0,75
1,0
0,75
6P0
6,0
B
1,5
1,1
1,5
1,1
Corrente di uscita – Ingresso 200…240 V monofase
Codice Amp
Frame Carico normale Carico gravoso
Hp
kW
Hp
kW
1P6(1) 1,6
A
0,25
0,2
0,25
0,2
2P5
2,5
A
0,5
0,4
0,5
0,4
4P8
4,8
A
1,0
0,75
1,0
0,75
8P0
8,0
B
2,0
1,5
2,0
1,5
011
11,0
B
3,0
2,2
3,0
2,2
Corrente di uscita – Ingresso 200…240 V trifase
Codice Amp
Frame Carico normale Carico gravoso
Hp
kW
Hp
kW
A
0,25
0,2
0,25
0,2
1P6(1) 1,6
2P5
2,5
A
0,5
0,4
0,5
0,4
5P0
5,0
A
1,0
0,75
1,0
0,75
8P0
8,0
A
2,0
1,5
2,0
1,5
011
11,0
A
3,0
2,2
3,0
2,2
017
17,5
B
5,0
4,0
5,0
4,0
024
24,0
C
7,5
5,5
7,5
5,5
032
32,2
D
10,0
7,5
10,0
7,5
E
15,0
11,0
15,0
11,0
048(2) 48,3
062(2)(3) 62,1
E
20,0
15,0
15,0
11,0
Corrente di uscita – Ingresso 380…480 V trifase
Codice Amp
Frame Carico normale Carico gravoso
Hp
kW
Hp
kW
1P4
1,4
A
0,5
0,4
0,5
0,4
2P3
2,3
A
1,0
0,75
1,0
0,75
4P0
4,0
A
2,0
1,5
2,0
1,5
6P0
6,0
A
3,0
2,2
3,0
2,2
010
10,5
B
5,0
4,0
5,0
4,0
013
13,0
C
7,5
5,5
7,5
5,5
017
17,0
C
10,0
7,5
10,0
7,5
024
24,0
D
15,0
11,0
15,0
11,0
030(2)(3) 30,0
D
20,0
15,0
15,0
11,0
037(2)(3) 37,0
E
25,0
18,5
20,0
15,0
(2)(3)
043
43,0
E
30,0
22,0
25,0
18,5
Corrente di uscita – Ingresso 525…600 V trifase
Codice Amp
Frame Carico normale Carico gravoso
Hp
kW
Hp
kW
0P9
0,9
A
0,5
0,4
0,5
0,4
1P7
1,7
A
1,0
0,75
1,0
0,75
3P0
3,0
A
2,0
1,5
2,0
1,5
4P2
4,2
A
3,0
2,2
3,0
2,2
6P6
6,6
B
5,0
4,0
5,0
4,0
9P9
9,9
C
7,5
5,5
7,5
5,5
012
12,0
C
10,0
7,5
10,0
7,5
019
19,0
D
15,0
11,0
15,0
11,0
022(2)(3) 22,0
D
20,0
15,0
15,0
11,0
027(2)(3) 27,0
E
25,0
18,5
20,0
15,0
(2)(3)
032
32,0
E
30,0
22,0
25,0
18,5
(1) Questo valore è disponibile solo per i convertitori PowerFlex 523.
(2) Questo valore è disponibile solo per i convertitori PowerFlex 525.
(3) Valori per carico normale e gravoso disponibili per i convertitori di frequenza di taglia superiore a 15 Hp/11 kW.
12
Codice Frenatura
4
Standard
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Capitolo
1
Installazione/cablaggio
Questo capitolo fornisce informazioni sulle operazioni di montaggio e cablaggio
dei convertitori di frequenza PowerFlex 520.
Per informazioni su…
Considerazioni per il montaggio
Considerazioni sulla sorgente di alimentazione CA
Requisiti generali di messa a terra
Fusibili ed interruttori automatici
Modulo di potenza e di controllo
Copertura del modulo di controllo
Coprimorsetti del modulo di potenza
Cablaggio di alimentazione
Morsettiera di alimentazione
Note su sbarra comune/precarica
Cablaggio I/O
Morsettiera I/O di controllo
Controllo avviamento e riferimento di velocità
Conformità CE
Vedere pagina…
13
17
18
20
28
31
31
32
35
36
36
37
48
50
La maggior parte delle difficoltà di avviamento sono dovute ad un cablaggio
errato. Occorre adottare ogni precauzione per garantire che il cablaggio venga
eseguito in conformità alle istruzioni. Leggere e comprendere tutte le istruzioni
prima di procedere all’effettiva installazione.
ATTENZIONE: Le seguenti informazioni rappresentano semplicemente una
guida per la corretta installazione. Rockwell Automation, Inc. non si assume
alcuna responsabilità per la conformità o non conformità a norme, nazionali o
locali o disposizioni di tipo diverso per la corretta installazione di questo
convertitore di frequenza o delle apparecchiature collegate. L’eventuale
inosservanza di tali norme durante l’installazione può essere causa di lesioni
personali e/o danni alle apparecchiature.
Considerazioni per il
montaggio
• Montare il convertitore di frequenza dritto su una superficie piana,
verticale e livellata.
Frame
A
B
C
D
E
Misura viti
M5 (10…24)
M5 (10…24)
M5 (10…24)
M5 (10…24)
M8
Coppia viti
1,56…1,96 Nm
1,56…1,96 Nm
1,56…1,96 Nm
2,45…2,94 Nm
6,0…7,4 Nm
• Proteggere la ventola di raffreddamento evitando particelle di polvere o
metallo.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
13
Capitolo 1
Installazione/cablaggio
• Non esporre ad atmosfera corrosiva.
• Proteggere dall’umidità e dalla luce solare diretta.
Distanze minime di montaggio
Vedere l’Appendice B per le dimensioni di montaggio.
Verticale
Verticale, Zero Stacking
Senza spazio tra i convertitori.
50 mm
(2,0 poll.)
Esc
Sel
50 mm
(2,0 poll.)
25 mm
(1,0 poll.)
Esc
Verticale con kit ventola modulo di
controllo
Esc
Sel
50 mm
(2,0 poll.)
50 mm
(2,0 poll.) (1)
Esc
Sel
Esc
Sel
Esc
Esc
25 mm
(1,0 poll.)
50 mm
(2,0 poll.) (1)
Sel
(2)
Esc
Sel
Esc
Sel
25 mm
(1,0 poll.)
50 mm
(2,0 poll.)
Orizzontale con kit ventola modulo di
controllo
50 mm
(2,0 poll.)
Orizzontale, Zero Stacking con
kit ventola modulo di controllo
Senza spazio tra i convertitori di frequenza.
(1) Solo per i Frame E con kit ventola modulo di controllo, è necessaria una distanza di 95 mm.
(2) Solo per i Frame E con kit ventola modulo di controllo, è necessaria una distanza di 12 mm.
14
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Sel
50 mm
(2,0 poll.)
Esc
Sel
50 mm
(2,0 poll.)
50 mm
(2,0 poll.) (1)
Sel
50 mm
(2,0 poll.)
50 mm
(2,0 poll.)(1)
Esc
50 mm
(2,0 poll.)
Sel
50 mm
(2,0 poll.)
50 mm
(2,0 poll.)
50 mm
(2,0 poll.)
Verticale, Zero Stacking con
kit ventola modulo di controllo
Senza spazio tra i convertitori di frequenza.
Esc
Sel
(2)
Installazione/cablaggio
Capitolo 1
Temperature ambiente di funzionamento
Vedere l’Appendice B per i kit opzionali.
Montaggio
Verticale
Verticale, Zero Stacking
Orizzontale con
kit ventola modulo di controllo(4)(5)
Orizzontale, Zero Stacking,
con kit ventola modulo di
controllo(4)(5)
Grado di protezione
custodia(1)
Temperatura ambiente
Minima
Massima (senza
declassamento)
IP 20/Tipo aperto
IP 30/NEMA 1/UL Type 1
IP 20/Tipo aperto
IP 30/NEMA 1/UL Type 1
IP 20/Tipo aperto
IP 20/Tipo aperto
–20 C
(–4 F)
Massima (con
declassamento)(2)
50 C (122 F)
45 C (113 F)
45 C (113 F)
40 C (104 F)
50 C (122 F)
60 C (140 F)
55 C (131 F)
55 C (131 F)
50 C (122 F)
–
45 C (113 F)
–
Massima con
kit ventola modulo di controllo
(con declassamento)(3)(5)
70 C (158 F)
–
65 C (149 F)
–
70 C (158 F)
65 C (149 F)
(1) La classificazione IP 30/NEMA 1/UL Type 1 richiede l’installazione del kit opzionale PowerFlex serie 520 IP 30/NEMA 1/UL Type 1, numero di catalogo 25-JBAx.
(2) Per i numeri di catalogo 25x-D1P4N104 e 25x-E0P9N104, la temperatura riportata nella colonna “Massima (con declassamento)” è ridotta di 5 °C per tutti i metodi di montaggio.
(3) Per i numeri di catalogo 25x-D1P4N104 e 25x-E0P9N104, la temperatura riportata nella colonna “Massima con kit ventola modulo di controllo (con declassamento)” è ridotta di 10 °C solo per i metodi di
montaggio verticale e verticale zero stacking.
(4) I numeri di catalogo 25x-D1P4N104 e 25x-E0P9N104 non consentono il montaggio di entrambi i metodi di montaggio orizzontale.
(5) Richiede l’installazione del kit ventola modulo di controllo PowerFlex serie 520, numero di catalogo 25-FANx-70C.
Curve di declassamento della corrente
Montaggio verticale
120
Con kit ventola
IP 30/NEMA 1
modulo di
110
controllo
100
90
IP 20/Tipo aperto
80
70
60
50
40
30 35 40 45 50 55 60 65 70 75 80
Zero Stacking
Percentuale della corrente nominale (%)
Percentuale della corrente nominale (%)
Convertitore singolo
120
Con kit ventola
IP 30/NEMA 1
modulo di
110
controllo
100
90
IP 20/Tipo aperto
80
70
60
50
40
30 35 40 45 50 55 60 65 70 75 80
Temperatura ambiente (°C)
Temperatura ambiente (°C)
Orizzontale/montaggio a pavimento
120
Con kit ventola
modulo di
110
controllo
100
90
IP 20/Tipo aperto
80
70
60
50
40
30 35 40 45 50 55 60 65 70 75 80
Zero Stacking
Percentuale della corrente nominale (%)
Percentuale della corrente nominale (%)
Convertitore singolo
Temperatura ambiente (°C)
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
120
Con kit ventola
modulo di
110
controllo
100
90
IP 20/Tipo aperto
80
70
60
50
40
30 35 40 45 50 55 60 65 70 75 80
Temperatura ambiente (°C)
15
Capitolo 1
Installazione/cablaggio
Regole generali di declassamento per altitudini elevate
Il convertitore di frequenza può essere utilizzato senza declassamento ad
un’altitudine massima di 1000 m. Se il convertitore di frequenza viene utilizzato
oltre i 1000 m:
• Declassare la massima temperatura ambiente di 5 C per ogni 1000 m
aggiuntivi, nel rispetto dei limiti riportati nella tabella Limite di altitudine
(in base alla tensione) che segue.
Oppure
• Declassare la corrente di uscita del 10% per ogni 1000 m aggiuntivi, fino a
3000 m, nel rispetto dei limiti riportati nella tabella Limite di altitudine
(in base alla tensione) che segue.
Limite di altitudine (in base alla tensione)
Taglia convertitore
Centro stella a terra (stella con
neutro)
6000 m
2000 m
6000 m
4000 m
2000 m
100…120 V monofase
200…240 V monofase
200…240 V trifase
380…480 V trifase
525…600 V trifase
Una fase a terra, impedenza a
terra o senza messa a terra
6000 m
2000 m
2000 m
2000 m
2000 m
120
110
100
90
80
70
60
50
40
60
Temperatura ambiente (°C)
Percentuale della corrente nominale (%)
Altitudine elevata
0
1000
2000
3000
4000
Altitudine (m)
50
40
30
20
0
1000
2000
3000
4000
Altitudine (m)
Protezione dai frammenti
Durante l’installazione, adottare le misure necessarie a prevenire la caduta di
frammenti nelle aperture di ventilazione del corpo del convertitore.
Stoccaggio
• Campo della temperatura ambiente di immagazzinaggio –40…85 C(1).
• Immagazzinare entro un campo di umidità relativa di 0…95%, senza
condensa.
• Non esporre ad atmosfera corrosiva.
(1) La temperatura ambiente massima di immagazzinaggio di un convertitore di frequenza Frame E è 70 C.
16
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Installazione/cablaggio
Capitolo 1
Considerazioni sulla sorgente Sistemi di distribuzione senza messa a terra
di alimentazione CA
ATTENZIONE: I convertitori di frequenza PowerFlex 520 contengono MOV di
protezione riferiti a terra. Questi dispositivi devono essere scollegati se il
convertitore di frequenza è installato in un sistema di distribuzione senza messa
a terra o con messa a terra resistiva.
ATTENZIONE: La rimozione dei MOV nei convertitori di frequenza con filtro
integrato scollega da terra anche il condensatore del filtro.
Scollegamento dei MOV
Per prevenire danni al convertitore, i MOV collegati a terra devono essere
scollegati se il convertitore di frequenza è installato in un sistema di distribuzione
senza messa a terra (rete IT) in cui le tensioni fase-terra su una qualunque fase
potrebbero superare il 125% della tensione nominale fase-fase. Per scollegare
questi dispositivi, rimuovere il ponticello illustrato negli schemi che seguono.
1. Girare la vite in senso antiorario per allentare.
2. Estrarre completamente il ponticello dallo chassis del convertitore.
3. Serrare la vite per mantenerla in posizione.
Posizione del ponticello (tipica)
Modulo di potenza
IMPORTANTE
Serrare la vite dopo la rimozione del ponticello.
Rimozione dei MOV fase-terra
R/L1
Ingresso CA
trifase S/L2
T/L3
Ponticello
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
1
2
3
4
17
Capitolo 1
Installazione/cablaggio
Condizionamento dell’alimentazione d’ingresso
Il convertitore di frequenza è adatto per la connessione diretta all’alimentazione
d’ingresso entro i valori di tensione nominale del convertitore di frequenza
(vedere l’pagina 159). Elencate nella tabella Condizioni dell’alimentazione
d’ingresso che segue, sono riportate alcune condizioni dell’alimentazione
d’ingresso che possono provocare danni ai componenti o ridurre la vita di servizio
del prodotto. In presenza di una qualunque di queste condizioni, installare uno
dei dispositivi elencati sotto l’intestazione “Azione correttiva” sul lato linea del
convertitore.
IMPORTANTE
È necessario un solo dispositivo per linea. Dovrebbe essere montato il più vicino
possibile alla linea e dimensionato per gestire la corrente totale della linea.
Condizioni dell’alimentazione d’ingresso
Condizione dell’alimentazione di ingresso
Bassa impedenza di linea (inferiore all’1% della reattanza di linea)
Trasformatore di alimentazione superiore a 120 kVA
La linea ha condensatori di rifasamento
La linea ha frequenti interruzioni di alimentazione
La linea presenta picchi di disturbo intermittenti superiori a 6000 V (scarica
atmosferica)
La tensione fase-terra supera il 125% della normale tensione fase-fase
Sistema di distribuzione senza messa a terra
Configurazione a triangolo aperto da 240 V (stinger leg)(1)
Azione correttiva
• Installare la reattanza di linea(2)
• o il trasformatore d’isolamento
• Installare la reattanza di linea(2)
• o il trasformatore d’isolamento
• Rimuovere il ponticello MOV a terra.
• oppure installare il trasformatore
d’isolamento con secondario messo a
terra, se necessario.
• Installare la reattanza di linea(2)
(1) Per i convertitori di frequenza utilizzati in una configurazione a triangolo aperto in un sistema con neutro a terra, la fase opposta a
quella derivata al centro al neutro o alla terra è chiamata “stinger leg”, “high leg”, “red leg” ecc. Questa fase dovrebbe essere
identificata in tutto il sistema, con nastro rosso o arancione sul filo, ad ogni punto di connessione. La stinger leg dovrebbe essere
collegata alla fase B centrale sulla reattanza. Vedere Reattanze di linea Serie 1321-3R a pagina 171 per i codici specifici della
reattanza di linea.
(2) Vedere l’Appendice B per informazioni sull’ordinazione degli accessori.
Requisiti generali di messa a
terra
La terra di sicurezza del convertitore di frequenza –
(PE) deve essere collegata
alla terra del sistema. L’impedenza di terra deve essere conforme ai requisiti dei
regolamenti nazionali e locali sulla sicurezza e/o ai codici elettrici vigenti.
Controllare periodicamente l’integrità di tutti i collegamenti a terra.
Messa a terra tipica
Esc
Sel
R/L1
S/L2
T/L3
U/T1
V/T2
W/T3
SHLD
18
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Installazione/cablaggio
Capitolo 1
Monitoraggio dei guasti di terra
Se si deve utilizzare un interruttore differenziale (RCD), utilizzare solo
dispositivi di tipo B (regolabili) per evitare interruzioni indesiderate.
Terra di sicurezza –
(PE)
Questa è la terra di sicurezza per il convertitore di frequenza richiesta dalla
normativa. Uno di questi punti deve essere collegato ad una parte in acciaio
adiacente dell’edificio (travi, travetti), ad un picchetto di terra a pavimento o ad
una sbarra di distribuzione. I punti di messa a terra devono conformarsi ai
regolamenti di sicurezza industriale nazionali e locali e/o ai codici elettrici.
Terra del motore
La terra del motore deve essere collegata ad uno dei morsetti di terra del
convertitore.
Terminazione della schermatura – SHLD
Ognuno dei morsetti di terra di sicurezza situati sulla morsettiera di
alimentazione fornisce un punto di messa a terra per la schermatura del cavo del
motore. La schermatura del cavo del motore collegata ad uno di questi morsetti
(lato convertitore) dovrebbe essere collegata anche alla carcassa del motore (lato
motore). Per il collegamento della schermatura a questo morsetto, usare una
terminazione schermata o EMI. La piastra di messa a terra o la scatola passacavi
opzionale possono essere usate con un serracavo come punto di messa a terra della
schermatura del cavo.
Quando si utilizza cavo schermato per il cablaggio di controllo e di segnale, la
schermatura dovrebbe essere messa a terra solo lato sorgente, non lato
convertitore.
Messa a terra del filtro RFI
L’utilizzo di un convertitore di frequenza con filtro può portare a correnti di
dispersione verso terra relativamente alte. Pertanto, il filtro deve essere utilizzato
solo in installazioni con sistemi di distribuzione in CA con messa a terra,
installato in modo permanente e collegato direttamente alla terra del sistema
di distribuzione dell’edificio. Accertarsi che il conduttore neutro
dell’alimentazione in ingresso sia collegato direttamente alla stessa terra del
sistema di distribuzione dell’edificio. La messa a terra non deve essere effettuata
con cavi flessibili e non deve comprendere alcun tipo di connettore o zoccolo che
potrebbe causare uno scollegamento involontario. Alcuni codici locali
potrebbero richiedere collegamenti a terra ridondanti. Controllare
periodicamente l’integrità di tutti i collegamenti.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
19
Capitolo 1
Installazione/cablaggio
Fusibili ed interruttori
automatici
Il convertitore di frequenza PowerFlex 520 non fornisce protezione dai
cortocircuiti di linea. Questo prodotto dovrebbe essere installato con fusibili
d’ingresso o un interruttore automatico d’ingresso. I regolamenti nazionali e
locali sulla sicurezza industriale e/o i codici elettrici vigenti potrebbero prevedere
ulteriori requisiti per queste installazioni.
Le tabelle riportate alle pagine 21…27 forniscono le informazioni sui fusibili e gli
interruttori automatici consigliati per l’alimentazione di ingresso CA. Vedere i
punti che seguono – “Fusibili” e “Interruttori automatici” – per i requisiti UL ed
IEC. Le taglie riportate sono quelle raccomandate in base ad una temperatura di
40 °C ed alle norme NEC USA. Altri codici nazionali o locali possono richiedere
valori differenti.
Fusibili
I tipi di fusibile raccomandati sono elencati nelle tabelle alle pagine 21…27. Se i
valori di corrente nominale disponibili non corrispondono a quelli elencati nelle
tabelle fornite, scegliere la taglia del fusibile immediatamente più alta.
• IEC – Utilizzare BS88 (standard britannico) parti 1 e 2(1), EN 60269-1,
parti 1 e 2, tipo GG o equivalente.
• UL – utilizzare UL Classe CC, T, RK1 o J.
Interruttori automatici
Gli elenchi “senza fusibile” nelle tabelle alle pagine 21…27 includono interruttori
automatici a tempo inverso, interruttori automatici a sgancio istantaneo
(interruttori automatici di protezione motore) e avviatori combinati 140M. Se
uno di questi viene scelto come metodo di protezione desiderato, si applicano i
seguenti requisiti:
• IEC – Per le installazioni IEC, sono accettabili sia gli interruttori
automatici sia gli avviatori combinati 140M.
• UL – Per le installazioni UL, sono accettabili solo gli interruttori
automatici a tempo inverso e gli avviatori combinati 140M specificati.
Interruttori Serie 140M (Self-Protected Combination Controller)/UL489
Quando si utilizzano gli interruttori automatici Serie 140M o classificati UL489,
è necessario rispettare le regole generali elencate di seguito per soddisfare i
requisiti NEC per la protezione della linea.
• La Serie 140M può essere utilizzata in applicazioni con motore singolo.
• La Serie 140M può essere utilizzata a monte del convertitore di frequenza
senza bisogno di fusibili.
(1) Le denominazioni tipiche includono, a titolo esemplificativo, quanto segue;
Parti 1 e 2: AC, AD, BC, BD, CD, DD, ED, EFS, EF, FF, FG, GF, GG, GH.
20
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
kVA
1,4
1,4
1,7
1,7
2,8
2,8
4,8
4,8
6,0
6,0
Taglia
telaio
A
A
B
B
Num. di Cat.
contattore
100-C09
100-C12
100-C23
100-C23
Fusibili
Taglia min.
10
15
25
30
Taglia max.
15
20
40
50
IEC (applicazioni non UL)
Interruttori automatici
140U
140M
140U-D6D2-B80 140M-C2E-B63
140U-D6D2-C12 140M-C2E-C10
140U-D6D2-C25 140M-D8E-C20
140U-D6D2-C30 140M-F8E-C25
Corrente
max(1)
5,3
5,3
6,5
6,5
10,7
10,7
18,0
18,0
22,9
22,9
Taglia
telaio
A
A
A
A
A
A
B
B
B
B
Num. di Cat.
contattore
100-C07
100-C07
100-C09
100-C09
100-C12
100-C12
100-C23
100-C23
100-C37
100-C37
Fusibili (Taglia max.)
Classe/Num. di Cat.
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-15
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-15
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-15
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-15
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-25
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-25
CLASSE CC, J o T/40
CLASSE CC, J o T/40
CLASSE CC, J o T/50
CLASSE CC, J o T/50
Interruttori automatici
140U
140M
140U-D6D2-B50 140M-C2E-B63
140U-D6D2-B50 140M-C2E-B63
140U-D6D2-C10 140M-C2E-C10
140U-D6D2-C10 140M-C2E-C10
140U-D6D2-C15 140M-C2E-C16
140U-D6D2-C15 140M-C2E-C16
140U-D6D2-C25 140M-F8E-C25
140U-D6D2-C25 140M-F8E-C25
140U-H6C2-C35 140M-F8E-C25
140U-H6C2-C35 140M-F8E-C25
Fusibili
Taglia min.
6
6
10
10
15
15
25
25
30
30
Taglia max.
10
10
15
15
25
25
40
40
50
50
Applicazioni UL
Fusibili (Taglia max.)
Classe/Num. di Cat.
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-15
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-20
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-40
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-50
Applicazioni UL
IEC (applicazioni non UL)
Dispositivi di protezione d’ingresso 200…240 V monofase – Frame A…B
Corrente
max(1)
6,4
9,6
19,2
24,0
Valori nominali
d’ingresso
kVA
0,8
1,3
2,5
3,2
Valori
nominali
d’ingresso
Interruttori automatici
140U
140M(2)(3)(4)
140U-D6D2-B50 140M-C2E-B63
140U-D6D2-B50 140M-C2E-B63
140U-D6D2-C10 140M-C2E-C10
140U-D6D2-C10 140M-C2E-C10
140U-D6D2-C15 140M-C2E-C16
140U-D6D2-C15 140M-C2E-C16
140U-D6D2-C25 140M-F8E-C25
140U-D6D2-C25 140M-F8E-C25
140U-H6C2-C35 140M-F8E-C25
140U-H6C2-C35 140M-F8E-C25
Interruttori automatici
140U
140M(2)(3)(4)
140U-D6D2-B80 140M-C2E-B63
140U-D6C2-C12 140M-C2E-C10
140U-D6D2-C25 140M-D8E-C20
140U-D6D2-C30 140M-F8E-C25
Quando il convertitore di frequenza controlla motori con correnti nominali inferiori, consultare la targhetta dati del convertitore per la corrente nominale di ingresso.
I valori nominali AIC degli interruttori automatici di protezione motore serie 140M possono variare. Vedere il documento Bulletin 140M Motor Protection Circuit Breakers Application Ratings.
La Serie 140M con campo di corrente regolabile dovrebbe avere lo sgancio di corrente impostato sul campo minimo che non faccia scattare il dispositivo.
Avviatori combinati manuali (tipo E), certificazione UL per ingresso CA 480Y/277 e 600Y/347. Senza certificazione UL per l’impiego in sistemi da 480 V o 600 V triangolo/triangolo, con una fase a terra o a terra mediante alta resistenza.
Num. di Cat.
25A-A1P6N104
25A-A1P6N114
25A-A2P5N104
25A-A2P5N114
25A-A4P8N104
25A-A4P8N114
25A-A8P0N104
25A-A8P0N114
25A-A011N104
25A-A011N114
(1)
(2)
(3)
(4)
Valori nominali di
uscita
Carico gravoso
Hp
kW
Amp
0,25 0,2
1,6
0,25 0,2
1,6
0,5
0,4
2,5
0,5
0,4
2,5
1,0
0,75 4,8
1,0
0,75 4,8
2,0
1,5
8,0
2,0
1,5
8,0
3,0
2,2
11,0
3,0
2,2
11,0
Amp
1,6
2,5
4,8
6,0
Carico gravoso
Hp
kW
0,25 0,2
0,5
0,4
1,0
0,75
1,5
1,1
Num. di Cat.
25A-V1P6N104
25A-V2P5N104
25A-V4P8N104
25A-V6P0N104
Valori nominali di
uscita
Dispositivi di protezione di ingresso 100…120 V monofase – Frame A…B
Fusibili ed interruttori automatici per PowerFlex 523
Installazione/cablaggio
Capitolo 1
21
22
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Num. di Cat.
25A-D1P4N104
25A-D1P4N114
25A-D2P3N104
25A-D2P3N114
25A-D4P0N104
25A-D4P0N114
25A-D6P0N104
25A-D6P0N114
25A-D010N104
25A-D010N114
25A-D013N104
25A-D013N114
25A-D017N104
25A-D017N114
25A-D024N104
25A-D024N114
kVA
1,7
1,7
2,9
2,9
5,2
5,2
6,9
6,9
12,6
12,6
14,1
14,1
16,8
16,8
24,1
24,1
Taglia
telaio
A
A
A
A
A
B
C
D
Num. di Cat.
contattore
100-C07
100-C07
100-C09
100-C12
100-C23
100-C23
100-C37
100-C43
Fusibili (Taglia max.)
Classe/Num. di Cat.
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-15
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-6
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-15
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-20
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-30
CLASSE CC, J o T/45
CLASSE CC, J o T/60
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-70
Interruttori automatici
140U
140M
140U-D6D3-B30 140M-C2E-B25
140U-D6D3-B40 140M-C2E-B40
140U-D6D3-B80 140M-C2E-B63
140U-D6D3-C10 140M-C2E-C10
140U-D6D3-C15 140M-C2E-C16
140U-D6D3-C25 140M-F8E-C25
140U-H6C3-C35 140M-F8E-C32
140U-H6C3-C60 140M-F8E-C45
Fusibili
Taglia min.
3
6
10
15
20
30
35
45
Taglia max.
6
6
15
20
30
45
60
70
Applicazioni UL
IEC (applicazioni non UL)
Corrente
max(1)
1,9
1,9
3,2
3,2
5,7
5,7
7,5
7,5
13,8
13,8
15,4
15,4
18,4
18,4
26,4
26,4
Taglia
telaio
A
A
A
A
A
A
A
A
B
B
C
C
C
C
D
D
Num. di Cat.
contattore
100-C07
100-C07
100-C07
100-C07
100-C09
100-C09
100-C09
100-C09
100-C23
100-C23
100-C23
100-C23
100-C23
100-C23
100-C37
100-C37
Fusibili (Taglia max.)
Classe/Num. di Cat.
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-6
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-6
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-10
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-10
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-15
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-15
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-15
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-15
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-30
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-30
CLASSE CC, J o T/35
CLASSE CC, J o T/35
CLASSE CC, J o T/40
CLASSE CC, J o T/40
CLASSE CC, J o T/60
CLASSE CC, J o T/60
Interruttori automatici
140U
140M
140U-D6D3-B30 140M-C2E-B25
140U-D6D3-B30 140M-C2E-B25
140U-D6D3-B60 140M-C2E-B40
140U-D6D3-B60 140M-C2E-B40
140U-D6D3-B60 140M-C2E-B63
140U-D6D3-B60 140M-C2E-B63
140U-D6D3-C10 140M-C2E-C10
140U-D6D3-C10 140M-C2E-C10
140U-D6D3-C15 140M-C2E-C16
140U-D6D3-C15 140M-C2E-C16
140U-D6D3-C25 140M-D8E-C20
140U-D6D3-C25 140M-D8E-C20
140U-D6D3-C25 140M-D8E-C20
140U-D6D3-C25 140M-D8E-C20
140U-H6C3-C40 140M-F8E-C32
140U-H6C3-C40 140M-F8E-C32
Fusibili
Taglia min.
3
3
6
6
10
10
10
10
20
20
20
20
25
25
35
35
Taglia max.
6
6
10
10
15
15
15
15
30
30
35
35
40
40
60
60
Applicazioni UL
IEC (applicazioni non UL)
Dispositivi di protezione d’ingresso 380…480 V trifase – Frame A…D
Corrente
max(1)
1,9
2,7
5,8
9,5
13,8
21,1
26,6
34,8
Valori nominali
d’ingresso
kVA
0,9
1,2
2,7
4,3
6,3
9,6
12,2
15,9
Valori nominali
d’ingresso
Interruttori automatici
140U
140M(2)(3)(4)
–
140M-C2E-B25
–
140M-C2E-B25
–
140M-C2E-B40
–
140M-C2E-B40
–
140M-C2E-B63
–
140M-C2E-B63
–
140M-C2E-C10
–
140M-C2E-C10
–
140M-C2E-C16
–
140M-C2E-C16
–
140M-D8E-C20
–
140M-D8E-C20
–
140M-D8E-C20
–
140M-D8E-C20
–
–
–
–
Interruttori automatici
140U
140M(2)(3)(4)
140U-D6D3-B30 140M-C2E-B25
140U-D6D3-B40 140M-C2E-B40
140U-D6D3-B80 140M-C2E-B63
140U-D6D3-C10 140M-C2E-C10
140U-D6D3-C15 140M-C2E-C16
140U-D6D3-C25 140M-F8E-C25
140U-H6C3-C35 140M-F8E-C32
–
140M-F8E-C45
Quando il convertitore di frequenza controlla motori con correnti nominali inferiori, consultare la targhetta dati del convertitore per la corrente nominale di ingresso.
I valori nominali AIC degli interruttori automatici di protezione motore serie 140M possono variare. Vedere il documento Bulletin 140M Motor Protection Circuit Breakers Application Ratings.
La Serie 140M con campo di corrente regolabile dovrebbe avere lo sgancio di corrente impostato sul campo minimo che non faccia scattare il dispositivo.
Avviatori combinati manuali (tipo E), certificazione UL per ingresso CA 480Y/277 e 600Y/347. Senza certificazione UL per l’impiego in sistemi da 480 V o 600 V triangolo/triangolo, con una fase a terra o a terra mediante alta resistenza.
Valori nominali di
uscita
Carico gravoso
Amp
Hp
kW
0,5
0,4
1,4
0,5
0,4
1,4
1,0
0,75 2,3
1,0
0,75 2,3
2,0
1,5
4,0
2,0
1,5
4,0
3,0
2,2
6,0
3,0
2,2
6,0
5,0
4,0
10,5
5,0
4,0
10,5
7,5
5,5
13,0
7,5
5,5
13,0
10,0 7,5
17,0
10,0 7,5
17,0
15,0 11,0 24,0
15,0 11,0 24,0
Num. di Cat.
25A-B1P6N104
25A-B2P5N104
25A-B5P0N104
25A-B8P0N104
25A-B011N104
25A-B017N104
25A-B024N104
25A-B032N104
(1)
(2)
(3)
(4)
Valori nominali di
uscita
Carico gravoso
Amp
Hp
kW
0,25 0,2
1,6
0,5
0,4
2,5
1,0
0,75 5,0
2,0
1,5
8,0
3,0
2,2
11,0
5,0
4,0
17,5
7,5
5,5
24,0
10,0 7,5
32,2
Dispositivi di protezione d’ingresso 200…240 V trifase – Frame A…D
Fusibili ed interruttori automatici per PowerFlex 523 (continua)
Capitolo 1
Installazione/cablaggio
(1)
(2)
(3)
(4)
(5)
kVA
1,4
2,6
4,3
6,1
9,1
12,8
15,4
27,4
Corrente
max(1)
1,2
2,3
3,8
5,3
8,0
11,2
13,5
24,0
Valori nominali
d’ingresso
Taglia
telaio
A
A
A
A
B
C
C
D
Num. di Cat.
contattore
100-C09
100-C09
100-C09
100-C09
100-C09
100-C16
100-C23
100-C30
Fusibili (Taglia max.)
Classe/Num. di Cat.
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-6
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-6
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-10
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-15
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-20
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-25
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-30
CLASSE CC, J o T/50
Interruttori automatici
140U
140M
140U-D6D3-B20 140M-C2E-B25
140U-D6D3-B30 140M-C2E-B25
140U-D6D3-B50 140M-C2E-B40
140U-D6D3-B80 140M-C2E-B63
140U-D6D3-C10 140M-C2E-C10
140U-D6D3-C15 140M-C2E-C16
140U-D6D3-C20 140M-C2E-C16
140U-H6C3-C30 140M-F8E-C25
Fusibili
Taglia min.
3
3
6
10
10
15
20
30
Taglia max.
6
6
10
15
20
25
30
50
Applicazioni UL
IEC (applicazioni non UL)
Interruttori automatici
140U
140M(2)(3)(4)
–
140M-C2E-B25
–
140M-C2E-B25
–
140M-C2E-B40
–
140M-D8E-B63
–
140M-D8E-C10
–
140M-D8E-C16(5)
–
140M-D8E-C16
–
–
Quando il convertitore di frequenza controlla motori con correnti nominali inferiori, consultare la targhetta dati del convertitore per la corrente nominale di ingresso.
I valori nominali AIC degli interruttori automatici di protezione motore serie 140M possono variare. Vedere il documento Bulletin 140M Motor Protection Circuit Breakers Application Ratings.
La Serie 140M con campo di corrente regolabile dovrebbe avere lo sgancio di corrente impostato sul campo minimo che non faccia scattare il dispositivo.
Avviatori combinati manuali (tipo E), certificazione UL per ingresso CA 480Y/277 e 600Y/347. Senza certificazione UL per l’impiego in sistemi da 480 V o 600 V triangolo/triangolo, con una fase a terra o a terra mediante alta resistenza.
Quando utilizzato con l’interruttore automatico 140M, il dispositivo 25B-E9P9104 deve essere installato in una custodia ventilata o non ventilata di dimensioni minime di 457,2 x 457,2 x 269,8 mm.
Num. di Cat.
25A-E0P9N104
25A-E1P7N104
25A-E3P0N104
25A-E4P2N104
25A-E6P6N104
25A-E9P9N104
25A-E012N104
25A-E019N104
Valori nominali di
uscita
Carico gravoso
Amp
Hp
kW
0,5
0,4
0,9
1,0
0,75 1,7
2,0
1,5
3,0
3,0
2,2
4,2
5,0
4,0
6,6
7,5
5,5
9,9
10,0 7,5
12,0
15,0 11,0 19,0
Dispositivi di protezione d’ingresso 525…600 V trifase – Frame A…D
Fusibili ed interruttori automatici per PowerFlex 523 (continua)
Installazione/cablaggio
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Capitolo 1
23
24
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
(1)
(2)
(3)
(4)
Carico
normale
Hp kW
0,5 0,4
0,5 0,4
1,0 0,75
1,0 0,75
2,0 1,5
2,0 1,5
3,0 2,2
3,0 2,2
Carico
gravoso
Hp kW
0,5 0,4
0,5 0,4
1,0 0,75
1,0 0,75
2,0 1,5
2,0 1,5
3,0 2,2
3,0 2,2
Num. di
Cat.
contattore
100-C12
100-C23
100-C23
Taglia min.
15
25
30
Fusibili
Taglia max.
20
40
50
IEC (applicazioni non UL)
140U
140U-D6D2-C12
140U-D6D2-C25
140U-D6D2-C30
140M
140M-C2E-C10
140M-D8E-C20
140M-F8E-C25
Interruttori automatici
Valori nominali
d’ingresso
Taglia min.
10
10
15
15
25
25
30
30
Fusibili
Taglia max.
15
15
25
25
40
40
50
50
IEC (applicazioni non UL)
140U
140U-D6D2-C10
140U-D6D2-C10
140U-D6D2-C15
140U-D6D2-C15
140U-D6D2-C25
140U-D6D2-C25
140U-H6C2-C35
140U-H6C2-C35
140M
140M-C2E-C10
140M-C2E-C10
140M-C2E-C16
140M-C2E-C16
140M-F8E-C25
140M-F8E-C25
140M-F8E-C25
140M-F8E-C25
Interruttori automatici
Dispositivi di protezione d’ingresso 200…240 V monofase – Frame A…B
Taglia
telaio
A
B
B
Num. di
Corrente Taglia Cat.
Amp kVA max(1) telaio contattore
2,5
1,7 6,5
A
100-C09
2,5
1,7 6,5
A
100-C09
4,8
2,8 10,7
A
100-C12
4,8
2,8 10,7
A
100-C12
8,0
4,8 18,0
B
100-C23
8,0
4,8 18,0
B
100-C23
11,0 6,0 22,9
B
100-C37
11,0 6,0 22,9
B
100-C37
Amp
2,5
4,8
6,0
Corrente
kVA max(1)
1,3 9,6
2,5 19,2
3,2 24,0
Valori nominali
d’ingresso
Classe/Num. di Cat.
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-15
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-15
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-25
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-25
CLASSE CC, J o T/40
CLASSE CC, J o T/40
CLASSE CC, J o T/50
CLASSE CC, J o T/50
Fusibili (Taglia max.)
Applicazioni UL
Classe/Num. di Cat.
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-20
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-40
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-50
Fusibili (Taglia max.)
Applicazioni UL
140M(2)(3)(4)
140M-C2E-C10
140M-D8E-C20
140M-F8E-C25
140U
140U-D6D2-C10
140U-D6D2-C10
140U-D6D2-C15
140U-D6D2-C15
140U-D6D2-C25
140U-D6D2-C25
140U-H6C2-C35
140U-H6C2-C35
140M(2)(3)(4)
140M-C2E-C10
140M-C2E-C10
140M-C2E-C16
140M-C2E-C16
140M-F8E-C25
140M-F8E-C25
140M-F8E-C25
140M-F8E-C25
Interruttori automatici
140U
140U-D6C2-C12
140U-D6D2-C25
140U-D6D2-C30
Interruttori automatici
Quando il convertitore di frequenza controlla motori con correnti nominali inferiori, consultare la targhetta dati del convertitore per la corrente nominale di ingresso.
I valori nominali AIC degli interruttori automatici di protezione motore serie 140M possono variare. Vedere il documento Bulletin 140M Motor Protection Circuit Breakers Application Ratings.
La Serie 140M con campo di corrente regolabile dovrebbe avere lo sgancio di corrente impostato sul campo minimo che non faccia scattare il dispositivo.
Avviatori combinati manuali (tipo E), certificazione UL per ingresso CA 480Y/277 e 600Y/347. Senza certificazione UL per l’impiego in sistemi da 480 V o 600 V triangolo/triangolo, con una fase a terra o a terra mediante alta resistenza.
Num. di Cat.
25B-A2P5N104
25B-A2P5N114
25B-A4P8N104
25B-A4P8N114
25B-A8P0N104
25B-A8P0N114
25B-A011N104
25B-A011N114
Carico
gravoso
Hp kW
0,5 0,4
1,0 0,75
1,5 1,1
Valori nominali di uscita
Carico
normale
Num. di Cat. Hp kW
25B-V2P5N104 0,5 0,4
25B-V4P8N104 1,0 0,75
25B-V6P0N104 1,5 1,1
Valori nominali di uscita
Dispositivi di protezione d’ingresso 100…120 V monofase – Frame A…B
Fusibili ed interruttori automatici per PowerFlex 525
Capitolo 1
Installazione/cablaggio
(1)
(2)
(3)
(4)
(5)
Carico
normale
Hp kW
0,5 0,4
1,0 0,75
2,0 1,5
3,0 2,2
5,0 4,0
7,5 5,5
10,0 7,5
15,0 11,0
20,0 15,0
Carico
gravoso
Hp kW
0,5 0,4
1,0 0,75
2,0 1,5
3,0 2,2
5,0 4,0
7,5 5,5
10,0 7,5
15,0 11,0
15,0 11,0
Amp
2,5
5,0
8,0
11,0
17,5
24,0
32,2
48,3
62,1
kVA
1,2
2,7
4,3
6,3
9,6
12,2
15,9
20,1
25,6
Corrente
max(2)
2,7
5,8
9,5
13,8
21,1
26,6
34,8
44,0
56,0
Valori nominali
d’ingresso
Taglia
telaio
A
A
A
A
B
C
D
E
E
Num. di
Cat.
contattore
100-C07
100-C09
100-C12
100-C23
100-C23
100-C37
100-C43
100-C60
100-C72
Taglia min.
6
10
15
20
30
35
45
60
70
Taglia max.
6
15
20
30
45
60
70
90
125
140U
140U-D6D3-B40
140U-D6D3-B80
140U-D6D3-C10
140U-D6D3-C15
140U-D6D3-C25
140U-H6C3-C35
140U-H6C3-C60
140U-H6C3-C70
140U-H6C3-C90
140M
140M-C2E-B40
140M-C2E-B63
140M-C2E-C10
140M-C2E-C16
140M-F8E-C25
140M-F8E-C32
140M-F8E-C45
140M-F8E-C45
140M-H8P-C70
Classe/Num. di Cat.
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-6
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-15
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-20
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-30
CLASSE CC, J o T/45
CLASSE CC, J o T/60
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-70
CLASSE CC, J o T/90
CLASSE CC, J o T/125
Fusibili (Taglia max.)
Fusibili
Interruttori automatici
Applicazioni UL
IEC (applicazioni non UL)
140U
140U-D6D3-B40
140U-D6D3-B80
140U-D6D3-C10
140U-D6D3-C15
140U-D6D3-C25
140U-H6C3-C35
–
–
–
140M(3)(4)(5)
140M-C2E-B40
140M-C2E-B63
140M-C2E-C10
140M-C2E-C16
140M-F8E-C25
140M-F8E-C32
140M-F8E-C45
–
–
Interruttori automatici
Valori per carico normale e gravoso disponibili per i convertitori di frequenza di taglia superiore a 15 Hp/11 kW.
Quando il convertitore di frequenza controlla motori con correnti nominali inferiori, consultare la targhetta dati del convertitore per la corrente nominale di ingresso.
I valori nominali AIC degli interruttori automatici di protezione motore serie 140M possono variare. Vedere il documento Bulletin 140M Motor Protection Circuit Breakers Application Ratings.
La Serie 140M con campo di corrente regolabile dovrebbe avere lo sgancio di corrente impostato sul campo minimo che non faccia scattare il dispositivo.
Avviatori combinati manuali (tipo E), certificazione UL per ingresso CA 480Y/277 e 600Y/347. Senza certificazione UL per l’impiego in sistemi da 480 V o 600 V triangolo/triangolo, con una fase a terra o a terra mediante alta resistenza.
Num. di
Cat.(1)
25B-B2P5N104
25B-B5P0N104
25B-B8P0N104
25B-B011N104
25B-B017N104
25B-B024N104
25B-B032N104
25B-B048N104
25B-B062N104
Valori nominali di uscita
Dispositivi di protezione d’ingresso 200…240 V trifase – Frame A…E
Fusibili ed interruttori automatici per PowerFlex 525 (continua)
Installazione/cablaggio
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Capitolo 1
25
26
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
(1)
(2)
(3)
(4)
(5)
Carico
normale
Hp kW
0,5 0,4
0,5 0,4
1,0 0,75
1,0 0,75
2,0 1,5
2,0 1,5
3,0 2,2
3,0 2,2
5,0 4,0
5,0 4,0
7,5 5,5
7,5 5,5
10,0 7,5
10,0 7,5
15,0 11,0
15,0 11,0
20,0 15,0
20,0 15,0
25,0 18,5
30,0 22,0
Carico
gravoso
Hp kW
0,5 0,4
0,5 0,4
1,0 0,75
1,0 0,75
2,0 1,5
2,0 1,5
3,0 2,2
3,0 2,2
5,0 4,0
5,0 4,0
7,5 5,5
7,5 5,5
10,0 7,5
10,0 7,5
15,0 11,0
15,0 11,0
15,0 11,0
15,0 11,0
20,0 15,0
25,0 18,5
Amp
1,4
1,4
2,3
2,3
4,0
4,0
6,0
6,0
10,5
10,5
13,0
13,0
17,0
17,0
24,0
24,0
30,0
30,0
37,0
43,0
kVA
1,7
1,7
2,9
2,9
5,2
5,2
6,9
6,9
12,6
12,6
14,1
14,1
16,8
16,8
24,1
24,1
30,2
30,2
30,8
35,6
Corrente
max(2)
1,9
1,9
3,2
3,2
5,7
5,7
7,5
7,5
13,8
13,8
15,4
15,4
18,4
18,4
26,4
26,4
33,0
33,0
33,7
38,9
Valori nominali
d’ingresso
Taglia
telaio
A
A
A
A
A
A
A
A
B
B
C
C
C
C
D
D
D
D
E
E
Num. di
Cat.
contattore
100-C07
100-C07
100-C07
100-C07
100-C09
100-C09
100-C09
100-C09
100-C23
100-C23
100-C23
100-C23
100-C23
100-C23
100-C37
100-C37
100-C43
100-C43
100-C43
100-C60
Taglia min.
3
3
6
6
10
10
10
10
20
20
20
20
25
25
35
35
45
45
45
50
Taglia max.
6
6
10
10
15
15
15
15
30
30
35
35
40
40
60
60
70
70
70
80
140U
140U-D6D3-B30
140U-D6D3-B30
140U-D6D3-B60
140U-D6D3-B60
140U-D6D3-B60
140U-D6D3-B60
140U-D6D3-C10
140U-D6D3-C10
140U-D6D3-C15
140U-D6D3-C15
140U-D6D3-C25
140U-D6D3-C25
140U-D6D3-C25
140U-D6D3-C25
140U-H6C3-C40
140U-H6C3-C40
140U-H6C3-C50
140U-H6C3-C50
140U-H6C3-C50
140U-H6C3-C60
140M
140M-C2E-B25
140M-C2E-B25
140M-C2E-B40
140M-C2E-B40
140M-C2E-B63
140M-C2E-B63
140M-C2E-C10
140M-C2E-C10
140M-C2E-C16
140M-C2E-C16
140M-D8E-C20
140M-D8E-C20
140M-D8E-C20
140M-D8E-C20
140M-F8E-C32
140M-F8E-C32
140M-F8E-C45
140M-F8E-C45
140M-F8E-C45
140M-F8E-C45
Classe/Num. di Cat.
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-6
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-6
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-10
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-10
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-15
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-15
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-15
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-15
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-30
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-30
CLASSE CC, J o T/35
CLASSE CC, J o T/35
CLASSE CC, J o T/40
CLASSE CC, J o T/40
CLASSE CC, J o T/60
CLASSE CC, J o T/60
CLASSE CC, J o T/70
CLASSE CC, J o T/70
CLASSE CC, J o T/70
CLASSE CC, J o T/80
Fusibili (Taglia max.)
Fusibili
Interruttori automatici
Applicazioni UL
IEC (applicazioni non UL)
140U
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
140M(3)(4)(5)
140M-C2E-B25
140M-C2E-B25
140M-C2E-B40
140M-C2E-B40
140M-C2E-B63
140M-C2E-B63
140M-C2E-C10
140M-C2E-C10
140M-C2E-C16
140M-C2E-C16
140M-D8E-C20
140M-D8E-C20
140M-D8E-C20
140M-D8E-C20
–
–
–
–
140M-F8E-C45
140M-F8E-C45
Interruttori automatici
Valori per carico normale e gravoso disponibili per i convertitori di frequenza di taglia superiore a 15 Hp/11 kW.
Quando il convertitore di frequenza controlla motori con correnti nominali inferiori, consultare la targhetta dati del convertitore per la corrente nominale di ingresso.
I valori nominali AIC degli interruttori automatici di protezione motore serie 140M possono variare. Vedere il documento Bulletin 140M Motor Protection Circuit Breakers Application Ratings.
La Serie 140M con campo di corrente regolabile dovrebbe avere lo sgancio di corrente impostato sul campo minimo che non faccia scattare il dispositivo.
Avviatori combinati manuali (tipo E), certificazione UL per ingresso CA 480Y/277 e 600Y/347. Senza certificazione UL per l’impiego in sistemi da 480 V o 600 V triangolo/triangolo, con una fase a terra o a terra mediante alta resistenza.
Num. di
Cat.(1)
25B-D1P4N104
25B-D1P4N114
25B-D2P3N104
25B-D2P3N114
25B-D4P0N104
25B-D4P0N114
25B-D6P0N104
25B-D6P0N114
25B-D010N104
25B-D010N114
25B-D013N104
25B-D013N114
25B-D017N104
25B-D017N114
25B-D024N104
25B-D024N114
25B-D030N104
25B-D030N114
25B-D037N114
25B-D043N114
Valori nominali di uscita
Dispositivi di protezione d’ingresso 380…480 V trifase – Frame A…E
Fusibili ed interruttori automatici per PowerFlex 525 (continua)
Capitolo 1
Installazione/cablaggio
(1)
(2)
(3)
(4)
(5)
(6)
Carico
normale
Hp kW
0,5 0,4
1,0 0,75
2,0 1,5
3,0 2,2
5,0 4,0
7,5 5,5
10,0 7,5
15,0 11,0
20,0 15,0
25,0 18,5
30,0 22,0
Carico
gravoso
Hp kW
0,5 0,4
1,0 0,75
2,0 1,5
3,0 2,2
5,0 4,0
7,5 5,5
10,0 7,5
15,0 11,0
15,0 11,0
20,0 15,0
25,0 18,5
Amp kVA
0,9
1,4
1,7
2,6
3,0
4,3
4,2
6,1
6,6
9,1
9,9
12,8
12,0 15,4
19,0 27,4
22,0 31,2
27,0 28,2
32,0 33,4
Corrente
max(2)
1,2
2,3
3,8
5,3
8,0
11,2
13,5
24,0
27,3
24,7
29,2
Valori nominali
d’ingresso
Taglia
telaio
A
A
A
A
B
C
C
D
D
E
E
Num. di
Cat.
contattore
100-C09
100-C09
100-C09
100-C09
100-C09
100-C16
100-C23
100-C30
100-C30
100-C30
100-C37
Taglia min.
3
3
6
10
10
15
20
30
35
35
40
Taglia max.
6
6
10
15
20
25
30
50
60
50
60
140U
140U-D6D3-B20
140U-D6D3-B30
140U-D6D3-B50
140U-D6D3-B80
140U-D6D3-C10
140U-D6D3-C15
140U-D6D3-C20
140U-H6C3-C30
140U-H6C3-C35
140U-H6C3-C35
140U-H6C3-C50
140M
140M-C2E-B25
140M-C2E-B25
140M-C2E-B40
140M-C2E-B63
140M-C2E-C10
140M-C2E-C16
140M-C2E-C16
140M-F8E-C25
140M-F8E-C32
140M-F8E-C32
140M-F8E-C32
Classe/Num. di Cat.
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-6
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-6
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-10
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-15
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-20
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-25
CLASSE RK5, CC, J o T/DLS-R-30
CLASSE CC, J o T/50
CLASSE CC, J o T/60
CLASSE CC, J o T/50
CLASSE CC, J o T/60
Fusibili (Taglia max.)
Fusibili
Interruttori automatici
Applicazioni UL
IEC (applicazioni non UL)
140U
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
140M(3)(4)(5)
140M-C2E-B25
140M-C2E-B25
140M-C2E-B40
140M-D8E-B63
140M-D8E-C10
140M-D8E-C16(6)
140M-D8E-C16
–
–
–
–
Interruttori automatici
Valori per carico normale e gravoso disponibili per i convertitori di frequenza di taglia superiore a 15 Hp/11 kW.
Quando il convertitore di frequenza controlla motori con correnti nominali inferiori, consultare la targhetta dati del convertitore per la corrente nominale di ingresso.
I valori nominali AIC degli interruttori automatici di protezione motore serie 140M possono variare. Vedere il documento Bulletin 140M Motor Protection Circuit Breakers Application Ratings.
La Serie 140M con campo di corrente regolabile dovrebbe avere lo sgancio di corrente impostato sul campo minimo che non faccia scattare il dispositivo.
Avviatori combinati manuali (tipo E), certificazione UL per ingresso CA 480Y/277 e 600Y/347. Senza certificazione UL per l’impiego in sistemi da 480 V o 600 V triangolo/triangolo, con una fase a terra o a terra mediante alta resistenza.
Quando utilizzato con l’interruttore automatico 140M, il dispositivo 25B-E9P9104 deve essere installato in una custodia ventilata o non ventilata di dimensioni minime di 457,2 x 457,2 x 269,8 mm.
Num. di
Cat.(1)
25B-E0P9N104
25B-E1P7N104
25B-E3P0N104
25B-E4P2N104
25B-E6P6N104
25B-E9P9N104
25B-E012N104
25B-E019N104
25B-E022N104
25B-E027N104
25B-E032N104
Valori nominali di uscita
Dispositivi di protezione d’ingresso 525…600 V trifase – Frame A…E
Fusibili ed interruttori automatici per PowerFlex 525 (continua)
Installazione/cablaggio
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Capitolo 1
27
Capitolo 1
Installazione/cablaggio
Modulo di potenza e di
controllo
I convertitori di frequenza PowerFlex 520 sono costituiti da un modulo di
potenza e da un modulo di controllo.
Separazione di modulo di potenza e di controllo
1. Premere e tenere premuto il fermo su entrambi i lati della copertura del
telaio, quindi tirare e ruotare verso l’alto per rimuovere (solo Frame B…E).
2. Premere e far scorrere la copertura superiore del modulo di controllo per
sbloccarlo dal modulo di potenza.
1
2
28
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Installazione/cablaggio
Capitolo 1
3. Tenendo saldamente i lati e la parte superiore del modulo di controllo,
estrarlo per separarlo dal modulo di potenza.
Collegamento di modulo di potenza e di controllo
1. Allineare i connettori su modulo di potenza e modulo di controllo, quindi
spingere con decisione il modulo di controllo sul modulo di potenza.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
29
Capitolo 1
Installazione/cablaggio
2. Spingere la copertura superiore del modulo di controllo verso il modulo di
potenza fino a bloccarla.
3. Inserire il fermo sulla parte superiore della copertura nel modulo di
potenza e ruotare la copertura per agganciare i fermi laterali sul modulo di
potenza (solo Frame B…E).
30
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Installazione/cablaggio
Capitolo 1
Per accedere ai morsetti di controllo, alla porta DSI ed alla porta Ethernet, è
necessario rimuovere il pannello frontale. Per la rimozione:
Copertura del modulo di
controllo
1. Premere e tenere premuti i punti indicati dalle frecce sulla parte frontale
del pannello.
2. Far scorrere verso il basso il pannello frontale per rimuoverlo dal modulo di
controllo.
1
2
Al termine delle operazioni di cablaggio, riposizionare il pannello frontale.
Coprimorsetti del modulo di
potenza
Per accedere ai morsetti di potenza, è necessario rimuovere il coprimorsetti. Per la
rimozione:
1. Premere e tenere premuto il fermo su entrambi i lati della copertura del
telaio, quindi tirare e ruotare verso l’alto per rimuovere (solo Frame B…E).
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
31
Capitolo 1
Installazione/cablaggio
2. Premere e tenere premuta la linguetta di bloccaggio sul coprimorsetti.
3. Far scorrere verso il basso il coprimorsetti per rimuoverlo dal modulo di
potenza.
Al termine delle operazioni di cablaggio, riposizionare il coprimorsetti.
Per accedere ai morsetti di potenza del Frame A, è necessario separare i moduli di
potenza e di controllo. Vedere Separazione di modulo di potenza e di controllo a
pagina 28 per le istruzioni.
Cablaggio di alimentazione
ATTENZIONE: Le normative e gli standard nazionali (NEC, VDE, BSI, ecc.) e le
normative locali forniscono disposizioni per l’installazione sicura degli
apparecchi elettrici. L’installazione deve essere conforme alle specifiche in
termini di tipo di fili, dimensioni dei conduttori, protezione della linea e
dispositivi di sezionamento. La mancata osservanza di tali specifiche può
causare lesioni a persone e/o danni alle apparecchiature.
ATTENZIONE: Per evitare il rischio di folgorazione a seguito di tensioni indotte,
i fili non utilizzati nel tubo conduit vanno messi a terra su entrambi i lati. Per lo
stesso motivo, prima di intervenire o di installare un convertitore di frequenza
che condivide un tubo conduit, occorre disattivare tutti i convertitori di
frequenza che utilizzano lo stesso condotto. Così facendo si riduce al minimo il
rischio di folgorazione derivante da accoppiamento incrociato dei conduttori di
alimentazione.
Tipi di cavo motore accettabili per installazioni da 100…600 V
Per l’installazione dei convertitori di frequenza sono disponibili svariati tipi di
cavo. Per molte applicazioni si consiglia un cavo non schermato, ammesso che
possa essere separato dai circuiti sensibili. In linea di massima, lasciare uno spazio
di 0,3 metri ogni 10 metri di lunghezza. In tutti i casi, evitare configurazioni
parallele lunghe. Non utilizzare cavi con spessore dell’isolamento inferiore a
0,4 mm. Non posare più di tre set di conduttori motore in un singolo tubo
conduit per minimizzare la “diafonia”. Se sono necessarie più di tre connessioni
32
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Installazione/cablaggio
Capitolo 1
convertitore/motore per tubo conduit, è necessario utilizzare cavi schermati.
Le installazioni UL oltre 50 C di temperatura ambiente devono usare fili da
600 V, 90 C.
Le installazioni UL a 50 C di temperatura ambiente devono usare fili da 600 V,
75 C o 90 C.
Le installazioni UL a 40 C di temperatura ambiente dovrebbero usare fili da
600 V, 75 C o 90 C.
Utilizzare solo fili in rame. I requisiti per la sezione dei fili ed i valori consigliati si
basano su 75 C. Non ridurre la sezione se si fa uso di fili a temperature superiori.
Non schermato
Cavi THHN, THWN o simili sono consentiti per installazioni del convertitore
di frequenza in ambienti in assenza di umidità ammesso che vi sia spazio
sufficiente e/o che vengano indicati limiti di riempimento per i condotti. Tutti i
fili selezionati devono avere uno spessore di isolamento minimo di 0,4 mm e la
concentricità dell’isolamento non deve presentare grandi variazioni.
ATTENZIONE: Non utilizzare fili THHN o simili in ambienti umidi.
Cavo schermato/armato
Il cavo schermato offre tutti i vantaggi di un cavo a più conduttori, con l’ulteriore
vantaggio di una schermatura a treccia in rame che contiene molti dei disturbi
generati da un tipico convertitore di frequenza. Si consiglia di utilizzare il cavo
schermato in installazioni con apparecchiature sensibili, quali bilance,
interruttori di prossimità capacitivi ed altri dispositivi, le cui prestazioni
potrebbero risultare compromesse a causa di disturbi elettrici in un sistema di
distribuzione. Si consiglia l’utilizzo di un cavo schermato anche nel caso di
applicazioni che prevedono un gran numero di convertitori di frequenza in
luoghi simili, la conformità alle direttive EMC oppure un alto livello di
comunicazioni o traffico in rete.
Il cavo schermato potrebbe inoltre favorire la riduzione della tensione d’albero e le
correnti indotte nei cuscinetti per alcune applicazioni. In aggiunta, l’aumento di
impedenza del cavo schermato consente di aumentare la distanza di
posizionamento del motore dal convertitore di frequenza senza dover aggiungere
dispositivi di protezione motore, quali reti di terminazione. Consultare il
capitolo “Onda riflessa” in “Regole generali di cablaggio e messa a terra dei
convertitori di frequenza a modulazione di ampiezza degli impulsi (PWM)”
pubblicazione DRIVES-IN001.
Considerare tutte le specifiche generali dettate dall’ambiente di installazione, tra
cui temperatura, flessibilità, caratteristiche di umidità e resistenza chimica.
Includere inoltre una schermatura a treccia, specificata dal fabbricante del cavo
stesso come avente una copertura di almeno il 75%. Un ulteriore schermatura a
foglio migliora notevolmente il contenimento dei disturbi.
Un buon esempio di cavo consigliato è Belden® 295xx (xx determina la sezione).
Questo cavo dispone di quattro (4) conduttori XLPE isolati con una schermatura
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
33
Capitolo 1
Installazione/cablaggio
a foglio con una copertura del 100% e una schermatura intrecciata in rame con
una copertura dell’85% (con filo di terra) avvolto da una guaina in PVC.
Sono disponibili altri tipi di cavo schermato ma la selezione di questi tipi
potrebbe limitare la lunghezza disponibile per il cavo. In particolar modo, in
alcuni dei modelli di cavo più recenti sono presenti 4 conduttori intrecciati di filo
THHN avvolti stretti da una schermatura a foglio. Questa struttura può
aumentare notevolmente la corrente di carica del cavo richiesta e ridurre le
prestazioni generali del convertitore. Tranne se diversamente specificato nelle
singole tabelle delle distanze testate con il convertitore, l’uso di questi cavi
non è consigliato e le prestazioni rispetto ai limiti forniti di lunghezza del
conduttore non sono note.
Filo schermato raccomandato
Posizione
Valore nominale/tipo
Standard (opzione 1) 600 V, 90 C
XHHW2/RHW-2
Anixter B209500-B209507, Belden
29501-29507, o equivalente
Standard (opzione 2) Autoestinguente 600 V, 90 C
RHH/RHW-2 Anixter OLF-7xxxxx o
equivalente
Classe I e II;
Divisione I e II
Autoestinguente 600 V, 90 C
RHH/RHW-2 Anixter 7V-7xxxx-3G o
equivalente
Descrizione
• Quattro conduttori in rame stagnato con isolamento
XLPE.
• Schermatura combinata in treccia di rame/foglio di
alluminio e filo di terra in rame stagnato.
• Guaina in PVC.
• Tre conduttori in rame stagnato con isolamento XLPE.
• Nastro in rame avvolto ad elica da 0,127 mm (25% di
sovrapposizione min.) con tre fili di terra in rame nudo
a contatto con la schermatura.
• Guaina in PVC.
• Tre conduttori in rame nudo con isolamento XLPE e
armatura in alluminio con saldatura continua,
ondulata ed impermeabile.
• Guaina in PVC nera resistente alla luce solare.
• Tre fili di terra in rame fino a 10 AWG.
Protezione dalle onde riflesse
Il convertitore di frequenza dovrebbe essere installato il più vicino possibile al
motore. Le installazioni con lunghi cavi motore possono richiedere l’aggiunta di
dispositivi esterni per limitare le riflessioni di tensione sul motore (fenomeni di
onda riflessa). Consultare il capitolo “Onda riflessa” in “Regole generali di
cablaggio e messa a terra dei convertitori di frequenza a modulazione di ampiezza
degli impulsi (PWM)” pubblicazione DRIVES-IN001.
I dati sulle onde riflesse si applicano a tutte le frequenze portanti tra 2…16 kHz.
Per valori nominali di 240 V ed inferiori, non è necessario considerare gli effetti
delle onde riflesse.
Sezionatore di uscita
Il convertitore di frequenza è concepito per essere comandato da segnali
d’ingresso di controllo che avviano ed arrestano il motore. È consigliabile non
utilizzare un dispositivo che regolarmente scollega e riapplica l’alimentazione di
uscita al motore per l’avviamento e l’arresto del motore. Se è necessario scollegare
l’alimentazione al motore con il convertitore di frequenza in funzione, è
opportuno utilizzare un contatto ausiliario per disabilitare simultaneamente il
convertitore di frequenza (guasto ausiliario o arresto per inerzia).
34
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Installazione/cablaggio
Morsettiera di alimentazione
Capitolo 1
Morsettiera di alimentazione
Frame A, B, C e D
Frame E
R/L1
S/L2
T/L3
U/T1
V/T2
W/T3
R/L1 S/L2 T/L3 U/T1 V/T2 W/T3
DC-
DC- DC+ BRBR+
Morsetto
R/L1, S/L2
R/L1, S/L2, T/L3
U/T1, V/T2, W/T3
Descrizione
Connessione tensione di linea in ingresso monofase
Connessione tensione di linea in ingresso trifase
Connessione fasi motore =
DC+, DCBR+, BR-
Connessione sbarra CC
Collegamento del resistore di frenatura dinamica
Terra di sicurezza – PE
IMPORTANTE
DC+
BR+
BR-
Scambiare due conduttori qualsiasi del
motore per cambiare la direzione di
marcia avanti.
Durante la spedizione, le viti dei morsetti possono allentarsi. Prima di applicare
l’alimentazione al convertitore, verificare che tutte le viti dei morsetti siano
serrate alla coppia raccomandata.
Specifiche dei fili della morsettiera di alimentazione
Frame
A
B
C
D
E
Sezione fili max.(1)
5,3 mm2 (10 AWG)
8,4 mm2 (8 AWG)
8,4 mm2 (8 AWG)
13,3 mm2 (6 AWG)
26,7 mm2 (3 AWG)
Sezione fili min.(1)
0,8 mm2 (18 AWG)
2,1 mm2 (14 AWG)
2,1 mm2 (14 AWG)
5,3 mm2 (10 AWG)
8,4 mm2 (8 AWG)
Coppia
1,76…2,16 Nm
1,76…2,16 Nm
1,76…2,16 Nm
1,76…2,16 Nm
3,09…3,77 Nm
(1) Sezioni massime/minime dei cavi ammesse per la morsettiera – obbligatorie.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
35
Capitolo 1
Installazione/cablaggio
Note su sbarra comune/
precarica
Se i convertitori di frequenza vengono utilizzati con un sezionatore sulla sbarra
CC comune, un contatto ausiliario sul sezionatore deve essere collegato ad un
ingresso digitale del convertitore. L’ingresso corrispondente (parametro t062,
t063, t065…t068 [DigIn TermBlk xx]) deve essere impostato su 30, “Precarica
En”. Ciò fornisce il corretto interblocco della precarica, proteggendo il
convertitore di frequenza dai possibili danni quando è collegato ad una sbarra CC
comune.
Cablaggio I/O
Precauzioni di avviamento/arresto motore
ATTENZIONE: Un contattore o un altro dispositivo che ripetutamente attacca e
stacca la linea CA al convertitore di frequenza per avviare ed arrestare il motore
può causare danni all’hardware del convertitore. Il convertitore di frequenza è
concepito per utilizzare i segnali di ingresso di controllo che avviano ed
arrestano il motore. Se utilizzato, il dispositivo di ingresso non deve superare un
ciclo al minuto per evitare di danneggiare il convertitore.
ATTENZIONE: Il circuito di controllo di avviamento/arresto convertitore di
frequenza include componenti allo stato solido. Qualora esistano pericoli dovuti
a contatto fortuito con macchine in movimento o infiltrazione imprevista di
liquidi, gas o solidi, potrebbe essere necessario un altro circuito di arresto
cablato per togliere la tensione CA al convertitore. Quando la linea CA viene
rimossa, si perderà qualunque eventuale effetto della frenatura rigenerativa
intrinseca – il motore si arresta per inerzia. Potrebbe quindi essere necessario
un metodo di frenatura ausiliario. In alternativa, usare la funzione d’ingresso di
sicurezza del convertitore.
Punti importanti da ricordare sul cablaggio I/O:
• Utilizzare sempre filo di rame.
• Si consiglia l’utilizzo di cavi con un valore nominale di isolamento di 600 V
o superiore.
• I cavi di controllo e di segnale dovrebbero essere separati dai cavi di
potenza di almeno 0,3 m.
IMPORTANTE
I morsetti di I/O etichettati con “Comune” non sono riferiti alla terra di sicurezza
(PE) e sono progettati per ridurre sostanzialmente i disturbi di modo comune.
ATTENZIONE: Pilotare l’ingresso analogico 4 – 20 mA da una sorgente di
tensione potrebbe danneggiare i componenti. Prima di applicare i segnali di
ingresso accertarsi che la configurazione sia adeguata.
36
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Installazione/cablaggio
Capitolo 1
Tipi di cavi di segnale e di controllo
Le raccomandazioni sono valide per 50 C di temperatura ambiente.
Utilizzare il cavo da 75 C per 60 C di temperatura ambiente.
Utilizzare il cavo da 90 C per 70 C di temperatura ambiente.
Cavo di segnale raccomandato
Tipo di segnale/ Cavo Belden(1)
dove utilizzato (o equivalente)
I/O analogici e PTC 8760/9460
Potenziometro
remoto
I/O encoder/
impulsi
8770
9728/9730
Descrizione
0,750 mm2 (18 AWG), doppino intrecciato,
schermato al 100% con filo di terra(2)
0,750 mm2 (18 AWG), 3 conduttori, schermati
Isolamento
nominale min.
300 V,
60 C (140 F)
0,196 mm2 (24 AWG), doppini schermati
individualmente
(1) Filo intrecciato o filo unico.
(2) Se i cavi sono corti e contenuti in un armadio senza circuiti sensibili, l’uso di cavi schermati può non essere necessario ma è sempre
raccomandato.
Cavo di controllo raccomandato per I/O digitali
Tipo
Tipi di cavo
Descrizione
Non schermato
Secondo US NEC o codice
nazionale o locale
applicabile
Cavo schermato
multiconduttore come
Belden 8770 (o
equivalente)
–
Schermato
Isolamento
nominale min.
300 V,
60 C (140 F)
0,750 mm2 (18 AWG), 3 conduttori, schermato.
Raccomandazioni sulla lunghezza massima dei fili di controllo
Non superare la lunghezza di 30 m per il cablaggio di controllo. La lunghezza dei
cavi di segnale di controllo dipende soprattutto dall’ambiente elettrico e dalle
pratiche d’installazione. Per migliorare l’immunità al rumore, il comune della
morsettiera I/O può essere collegato al morsetto di terra/terra di protezione. Se si
utilizza la porta RS485 (DSI), il morsetto I/O C1 dovrebbe essere collegato
anche al morsetto di terra/terra di protezione. L’immunità ai disturbi di
comunicazione, inoltre, può essere migliorata anche collegando il morsetto I/O
C2 al morsetto di terra/terra di protezione.
Morsettiera I/O di controllo
Specifiche dei fili della morsettiera I/O di controllo
Frame
A…E
Sezione fili max.(1)
1,3 mm2 (16 AWG)
Sezione fili min.(1)
0,13 mm2 (26 AWG)
Coppia
0,71…0,86 Nm
(1) Sezioni massime/minime dei cavi ammesse per la morsettiera – obbligatorie.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
37
Capitolo 1
Installazione/cablaggio
Morsettiera I/O di controllo PowerFlex 523
Schema a blocchi del cablaggio I/O di controllo PowerFlex 523
01
02
03
SNK
SRC
04
05
06
+24 V
Relè N.A.
Comune relè
Relè N.C.
11
R1
+10 V
R2
12
13
R3
14
15
C1
J8
SNK
Sel DigIn TermBlk 05
Ingr. digitale
C2
SRC
R2
R1
R3
01
11
02
12
J7
Ing impulso
Comune digitale
DigIn TermBlk 05/impulso
DigIn TermBlk 06
+24 V CC
+10 V CC
Ingresso 0 – 10 V
Comune analogico
Ingresso 4 – 20 mA
Scherm. RJ45
Il potenziometro
deve essere
1…10 k ohm
2 W min.
Comune Comm
RS485
(DSI)
81
Ingresso
digitale
03
13
Tipico
Tipico
(1)
cablaggio SRC cablaggio SNK
Stop
DigIn TermBlk 02/ (2)
Avvio/Marcia avanti
DigIn TermBlk 03/
Direzione/Marcia indietro
04
14
05
15
06
C1
C2
Note sullo schema a blocchi di cablaggio degli I/O di controllo
(1) Vedere Selezione dell’ingresso digitale per la sorgente di avviamento a pagina 49 per ulteriori informazioni sulla configurazione
degli ingressi digitali.
IMPORTANTE
Il morsetto I/O 01 è sempre un ingresso di arresto. La modalità di arresto è
determinata dall’impostazione del convertitore. Per ulteriori informazioni,
vedere le tabelle che seguono.
P046, P048, P050 [Fonte avvio x]
1 “Tastierino”
2 “DigIn TrmBlk”
3 “Serie/DSI”
4 “Opz Rete”
38
Arresto
normale
Per P045
[Modo Arresto]
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Morsetto I/O 01 – Arresto
Arresto per inerzia
Vedere t062, t063 [DigIn TermBlk xx] sotto
Arresto per inerzia
Per P045 [Modo Arresto]
Installazione/cablaggio
t062, t063 [DigIn TermBlk xx]
48 “2-fili AVNT”
49 ”3-fili Avvio”
50 “2-fili REV”
51 “3-fili Dir”
t064 [Modo 2 fili]
Arresto
normale
Per P045
[Modo Arresto]
0 “Att bordo”
1 “Liv rilevaz”
2 “BordoAltaVel”
3 “Instabile”
IMPORTANTE
Arresto
normale
Per P045
[Modo Arresto]
Capitolo 1
Morsetto I/O 01 – Arresto
Vedere t064 [Modo 2 fili] sotto
Per P045 [Modo Arresto]
Vedere t064 [Modo 2 fili] sotto
Per P045 [Modo Arresto]
Morsetto I/O 01 – Arresto
Arresto per inerzia
Arresto per inerzia
Arresto per inerzia
Per P045 [Modo Arresto]
Il convertitore di frequenza viene fornito con un ponticello installato tra i
morsetti I/O 01 e 11. Rimuovere questo ponticello quando si utilizza il morsetto
I/O 01 come ingresso di arresto o abilitazione.
(2) In figura, controllo a due fili. Per il controllo a tre fili, usare un ingresso instabile
sul morsetto I/O 02 per comandare un
avviamento. Usare un ingresso stabile
per il morsetto I/O 03 per cambiare direzione.
Designazione dei morsetti I/O di controllo
N.
R1
R2
R3
Segnale
Relè N.A.
Comune relè
Relè N.C.
Predefinito
Guasto
Guasto
Motore in
marcia
01 Arresto
Arresto per
inerzia
02 DigIn TermBlk 02/ Marcia avanti
Avviamento/
Marcia avanti
Descrizione
Contatto normalmente aperto per relè di uscita.
Comune per relè di uscita.
Contatto normalmente chiuso per relè di uscita.
Arresto a tre fili. Tuttavia, funziona come un arresto in tutte le
modalità d’ingresso e non può essere disabilitato.
Usato per iniziare il movimento, può essere utilizzato anche
come ingresso digitale programmabile. Può essere
programmato con t062 [DigIn TermBlk 02] come controllo a tre
fili (avviamento/direzione con arresto) o due fili (marcia avanti/
marcia indietro). Il consumo di corrente è di 6 mA.
03 DigIn TermBlk 03/ Marcia indietro Usato per iniziare il movimento, può essere utilizzato anche
Direzione/Marcia
come ingresso digitale programmabile. Può essere
indietro
programmato con t063 [DigIn TermBlk 03] come controllo a tre
fili (avviamento/direzione con arresto) o due fili (marcia avanti/
marcia indietro). Il consumo di corrente è di 6 mA.
04 Comune digitale –
Ritorno per I/O digitali. Elettricamente isolato (insieme agli I/O
digitali) dal resto del convertitore.
05 DigIn TermBlk 05/ Freq. predef. Programmare con t065 [DigIn TermBlk 05]. Funziona anche
Ingresso a impulsi
come un ingresso a treno di impulsi di riferimento o per il
feedback di velocità. La frequenza massima è 100 kHz. Il
consumo di corrente è di 6 mA.
06 DigIn TermBlk 06 Freq. predef. Programmare con t066 [DigIn TermBlk 06].
Il consumo di corrente è di 6 mA.
11 +24 V CC
–
Riferito al comune digitale.
Alimentazione fornita dal convertitore di frequenza per gli
ingressi digitali.
La massima corrente di uscita è 100 mA.
12 +10 V CC
–
Riferito al comune analogico.
Alimentazione fornita dal convertitore di frequenza per il
potenziometro esterno 0…10 V.
La massima corrente di uscita è 15 mA.
13 0 – 10 V In(1)
Non attivo
Per alimentazione di ingresso esterna da 0 – 10 V (unipolare) o
cursore del potenziometro.
Impedenza di ingresso:
Sorgente di tensione = 100 k
Campo ammissibile resistenza potenziometro = 1…10 k
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Parametro
t076
t081
P045(2)
P045, P046,
P048, P050,
A544, t062
t063
–
t065
t066
–
P047, P049
P047, P049,
t062, t063,
t065, t066,
t093, A459,
A471
39
Capitolo 1
Installazione/cablaggio
Designazione dei morsetti I/O di controllo
N. Segnale
14 Comune
analogico
15 4 – 20 mA In(1)
Predefinito
–
C1 C1
–
C2 C2
–
Non attivo
Descrizione
Ritorno per I/O analogici. Elettricamente isolato (insieme agli
I/O analogici) dal resto del convertitore.
Per alimentazione d’ingresso esterna 4 – 20 mA.
Impedenza d’ingresso = 250 
Parametro
–
P047, P049,
t062, t063,
t065, t066,
A459, A471
Questo morsetto è collegato alla schermatura della porta RJ-45. –
Collegare questo morsetto a un terra “pulita” (senza disturbi)
per migliorare l’immunità ai disturbi quando si utilizzano
periferiche di comunicazione esterne.
Questo è il comune del segnale per i segnali di comunicazione. –
(1) È possibile collegare una sola sorgente di frequenza analogica alla volta. Se viene collegato più di un riferimento
contemporaneamente, il riferimento di frequenza risulterà indeterminato.
(2) Vedere la nota a piè di pagina (1) a pagina 38.
Morsettiera I/O di controllo PowerFlex 525
Schema a blocchi del cablaggio I/O di controllo PowerFlex 525
Safety 1
Safety 2
Safety +24 V
01
S1
Safe Torque-Off
02
S2
03
S+
SNK
SRC
04
05
06
07
08
+24 V
Relè 1 N.A.
Comune relè 1
Comune relè 2
Relè 2 N.C.
11
R1
+10 V
12
R2
13
R5
14
R6
15
0 – 10 V
0/4 – 20 mA 16
17
18
30 V CC
50 mA
non induttivo
19
Tipico
Tipico
(1)
cablaggio SRC cablaggio SNK
Stop
DigIn TermBlk 02/ (2)
Avvio/Marcia avanti
DigIn TermBlk 03/
Direzione/Marcia indietro
Comune digitale
DigIn TermBlk 05
DigIn TermBlk 06
DigIn TermBlk 07/impulso
DigIn TermBlk 08
+24 V CC
+10 V CC
Ingresso 0 – 10 V (o ±10 V)
Comune analogico
Ingresso 4 – 20 mA
Uscita analogica
Uscita optoisolata 1
Uscita optoisolata 2
Comune optoaccoppiatore
C1
R2
S1
40
R5
S2
J9
J5
Ing impulso SNK
Ingresso
digitale
R6
S+
Ingr. digitale
Uscita analogica
R1
0 – 10 V
Sel DigIn TermBlk 07
C2
J10
0/4 – 20 mA
01
11
12
SRC
02
13
03
14
04
15
05
16
06
17
07
18
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
08
19
Il potenziometro
deve essere
1…10 k ohm
2 W min.
C1
C2
Scherm. RJ45
Comune Comm
24 V
(3)
Comune
Installazione/cablaggio
Capitolo 1
Note sullo schema a blocchi di cablaggio degli I/O di controllo
(1) Vedere Selezione dell’ingresso digitale per la sorgente di avviamento a pagina 49 per ulteriori informazioni sulla configurazione
degli ingressi digitali.
IMPORTANTE
Il morsetto I/O 01 è sempre un ingresso di arresto. La modalità di arresto è
determinata dall’impostazione del convertitore di frequenza. Per ulteriori
informazioni, vedere le tabelle che seguono.
P046, P048, P050 [Fonte avvio x]
1 “Tastierino”
2 “DigIn TrmBlk”
3 “Serie/DSI”
4 “Opz Rete”
5 “EtherNet/IP”
t062, t063 [DigIn TermBlk xx]
48 “2-fili AVNT”
49 ”3-fili Avvio”
50 “2-fili REV”
51 “3-fili Dir”
t064 [Modo 2 fili]
Arresto
normale
Per P045
[Modo Arresto]
Arresto
normale
Per P045
[Modo Arresto]
0 “Att bordo”
1 “Liv rilevaz”
2 “BordoAltaVel”
3 “Instabile”
IMPORTANTE
Arresto
normale
Per P045
[Modo Arresto]
Morsetto I/O 01 – Arresto
Arresto per inerzia
Vedere t062, t063 [DigIn TermBlk xx] sotto
Arresto per inerzia
Per P045 [Modo Arresto]
Per P045 [Modo Arresto]
Morsetto I/O 01 – Arresto
Vedere t064 [Modo 2 fili] sotto
Per P045 [Modo Arresto]
Vedere t064 [Modo 2 fili] sotto
Per P045 [Modo Arresto]
Morsetto I/O 01 – Arresto
Arresto per inerzia
Arresto per inerzia
Arresto per inerzia
Per P045 [Modo Arresto]
Il convertitore di frequenza viene fornito con un ponticello installato tra i
morsetti I/O 01 e 11. Rimuovere questo ponticello quando si utilizza il morsetto
I/O 01 come ingresso di arresto o abilitazione.
(2) In figura, controllo a due fili. Per il controllo a tre fili, usare un ingresso instabile
sul morsetto I/O 02 per comandare un
avviamento. Usare un ingresso stabile
per il morsetto I/O 03 per cambiare direzione.
(3) Quando si utilizza un’uscita optoisolata con un carico induttivo come un relè, installare un diodo di recupero in parallelo al relè
(come illustrato) per prevenire danni all’uscita.
Designazione dei morsetti I/O di controllo
N.
R1
R2
R5
Segnale
Relè 1 N.A.
Comune relè 1
Comune relè 2
Predefinito
Guasto
Guasto
Motore in
marcia
R6 Relè 2 N.C.
Motore in
marcia
01 Arresto
Arresto per
inerzia
02 DigIn TermBlk 02/ Marcia avanti
Avviamento/
Marcia avanti
Descrizione
Contatto normalmente aperto per relè di uscita.
Comune per relè di uscita.
Comune per relè di uscita.
Contatto normalmente chiuso per relè di uscita.
Arresto a tre fili. Tuttavia, funziona come un arresto in tutte le
modalità d’ingresso e non può essere disabilitato.
Usato per iniziare il movimento, può essere utilizzato anche
come ingresso digitale programmabile. Può essere
programmato con t062 [DigIn TermBlk 02] come controllo a tre
fili (avviamento/direzione con arresto) o due fili (marcia avanti/
marcia indietro). Il consumo di corrente è di 6 mA.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Parametro
t076
t081
P045(1)
P045, P046,
P048, P050,
A544, t062
41
Capitolo 1
Installazione/cablaggio
Designazione dei morsetti I/O di controllo
N. Segnale
Predefinito
03 DigIn TermBlk 03/ Marcia indietro
Direzione/Marcia
indietro
Parametro
t063
04 Comune digitale
–
05 DigIn TermBlk 05
06 DigIn TermBlk 06
07 DigIn TermBlk 07/
Ingresso a impulsi
08 DigIn TermBlk 08
C1 C1
C2
S1
S2
S+
C2
Safety 1
Safety 2
Safety +24 V
11 +24 V CC
12 +10 V CC
13 ±10 V In
14 Comune
analogico
15 4 – 20 mA In
Descrizione
Usato per iniziare il movimento, può essere utilizzato anche
come ingresso digitale programmabile. Può essere
programmato con t063 [DigIn TermBlk 03] come controllo a tre
fili (avviamento/direzione con arresto) o due fili (marcia avanti/
marcia indietro). Il consumo di corrente è di 6 mA.
–
Ritorno per I/O digitali. Elettricamente isolato (insieme agli I/O
digitali) dal resto del convertitore.
Freq. predef. Programmare con t065 [DigIn TermBlk 05].
Il consumo di corrente è di 6 mA.
Freq. predef. Programmare con t066 [DigIn TermBlk 06].
Il consumo di corrente è di 6 mA.
Fonte avvio 2 Programmare con t067 [DigIn TermBlk 07]. Funziona anche
+ Rif velocità 2 come un ingresso a treno di impulsi di riferimento o per il
feedback di velocità. La frequenza massima è 100 kHz. Il
consumo di corrente è di 6 mA.
Marcia avanti Programmare con t068 [DigIn TermBlk 08].
jog
Il consumo di corrente è di 6 mA.
–
Questo morsetto è collegato alla schermatura della porta RJ-45.
Collegare questo morsetto a un terra “pulita” per migliorare
l’immunità ai disturbi quando si utilizzano periferiche di
comunicazione esterne.
–
Questo è il comune del segnale per i segnali di comunicazione.
–
Ingresso di sicurezza 1. Il consumo di corrente è di 6 mA.
–
Ingresso di sicurezza 2. Il consumo di corrente è di 6 mA.
–
Alimentazione +24 V per il circuito di sicurezza. Internamente
collegato alla sorgente +24 V CC (pin 11).
–
Riferito al comune digitale.
Alimentazione fornita dal convertitore di frequenza per gli
ingressi digitali.
La massima corrente di uscita è 100 mA.
–
Riferito al comune analogico.
Alimentazione fornita dal convertitore di frequenza per il
potenziometro esterno 0…10 V.
La massima corrente di uscita è 15 mA.
Non attivo
Per alimentazione d’ingresso esterna 0 – 10 V (unipolare) o
±10 V (bipolare) o cursore del potenziometro.
Impedenza di ingresso:
Sorgente di tensione = 100 k
Campo ammissibile resistenza potenziometro = 1…10 k
–
Ritorno per I/O analogici. Elettricamente isolato (insieme agli I/
O analogici) dal resto del convertitore.
Non attivo
Per alimentazione d’ingresso esterna 4 – 20 mA.
Impedenza d’ingresso = 250 
16 Uscita analogica
OutFreq 0 – 10 L’uscita analogica di default è 0 – 10 V. Per convertire un
valore di corrente, impostare il ponticello dell’uscita analogica
su 0 – 20 mA. Programmare con t088 [Sel. uscita anlg]. Il
massimo valore analogico può essere convertito in scala con
t089 [Uscita anlg alta].
Carico massimo: 4 – 20 mA = 525  (10,5 V)
0 – 10 V = 1 k (10 mA)
17 Uscita
Motore in
Programmare con t069 [Sel usc ottica 1].
optoisolata 1
marcia
Il valore nominale di ogni uscita optoisolata è 30 V CC, 50 mA
(non induttiva).
18 Uscita
A Frequenza Programmare con t072 [Sel usc ottica 1].
optoisolata 2
Il valore nominale di ogni uscita optoisolata è 30 V CC, 50 mA
(non induttiva).
19 Comune
–
I trasmettitori delle uscite optoaccoppiatore (1 e 2) sono
optoaccoppiatore
collegati insieme al comune optoaccoppiatore. Elettricamente
isolato dal resto del convertitore.
(1) Vedere la nota a piè di pagina (1) a pagina 38.
42
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
t065
t066
t067
t068
–
–
–
–
–
–
P047, P049
P047, P049,
t062, t063,
t065, t066,
t093, A459,
A471
–
P047, P049,
t062, t063,
t065, t066,
A459, A471
t088, t089
t069, t070,
t075
t072, t073,
t075
–
Installazione/cablaggio
Capitolo 1
Esempi di cablaggio I/O
I/O
Esempio di collegamento
Potenziometro
P047 [Rif velocità 1] = 5 “Ing 0-10V”
Potenziometro 1…10 k 
raccomandato
12
(2 W min.)
13
14
Ingresso analogico
0 – 10 V, 100 k di
impedenza
4 – 20 mA, 250  di
impedenza
Bipolare
P047 [Rif velocità 1]
= 5 “Ing 0-10V” e t093
[Abil. bipol 10 V]
= 1 “Ingr Bipol”
±10 V
Comune
13
14
Unipolare (tensione)
P047 [Rif velocità 1]
= 5 “Ing 0-10V”
Unipolare (corrente)
P047 [Rif velocità 1]
= 6 “Ing. 4-20 mA”
13
14
+
Comune
14
15
Comune
+
Ingresso analogico, PTC Cablare la PTC ed il resistore esterno (generalmente corrispondente alla resistenza a caldo
Per guasto convertitore della PTC) ai morsetti I/O 12, 13, 14.
Cablare l’uscita relè R2/R3 (SRC) ai morsetti I/O 5 e 11.
t065 [DigIn TermBlk 05] = 12 “Err Aus”
t081 [Sel uscita relè2] = 10 “SovraTensAn”
t082 [Liv uscita relè2] = sgancio % tensione
R5
R6
Re
RPTC
11
12
13
14
%VTrip =
RPTC (caldo)
X 100
RPTC (caldo) + Re
05
Comune
Ing impulso
04
05
PowerFlex 525
Ing impulso
Comune
Ingresso
digitale
04
Ing impulso
07
Sel DigIn TermBlk 07
PowerFlex 523
Sel DigIn TermBlk 05
Ingresso treno di
impulsi
PowerFlex 523
t065 [DigIn TermBlk 05]
= 52
PowerFlex 525
t067 [DigIn TermBlk 07]
= 52
Ing impulso
Ingresso
digitale
Usare P047, P049 e P051
[Rif velocità x] per
selezionare l’ingresso ad
impulsi.
Il ponticello per DigIn
TermBlk 05 o 07 Sel deve
essere spostato
sull’ingresso ad impulsi.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
43
Capitolo 1
Installazione/cablaggio
I/O
Esempio di collegamento
Controllo SRC a 2 fili – Alimentazione interna (SRC)
senza inversione
11
P046 [Fonte avvio 1] = 2 e
t062 [DigIn TermBlk 02] =
01
48
Arresto-Marcia
02
Per la marcia del
convertitore, l’ingresso
deve essere attivo. Quando
l’ingresso è aperto, il
convertitore di frequenza si
arresta come specificato in
P045 [Modo Arresto].
Se lo si desidera, è
possibile utilizzare una
sorgente di alimentazione
24 V CC fornita dall’utente.
Vedere l’esempio
“Alimentazione esterna
(SRC)”.
Controllo SNK a 2 fili – Alimentazione interna (SNK)
senza inversione
Arresto-Marcia
Arresto-Marcia
indietro
44
01
02
Arresto-Marcia
04
+24 V Comune
Ogni ingresso digitale assorbe 6 mA.
01
02
03
04
Controllo SRC a 2 fili – Alimentazione interna (SRC)
marcia avanti/marcia
11
indietro
P046 [Fonte avvio 1] = 2,
01
02
t062 [DigIn TermBlk 02]
03
= 48 e t063 [DigIn
Arresto-Marcia
TermBlk 03] = 50
avanti
Per la marcia del
convertitore, l’ingresso
Arresto-Marcia
indietro
deve essere attivo. Quando
l’ingresso è aperto, il
convertitore di frequenza si
arresta come specificato in
P045 [Modo Arresto].
Se gli ingressi di marcia
avanti e marcia indietro
sono
contemporaneamente
chiusi, potrebbe verificarsi
uno stato indeterminato.
Controllo SNK a 2 fili – Alimentazione interna (SNK)
marcia avanti/marcia
indietro
Arresto-Marcia
avanti
Alimentazione esterna (SRC)
01
02
03
04
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Alimentazione esterna (SRC)
Arresto-Marcia
avanti
01
02
03
04
Arresto-Marcia
indietro
+24 V
Comune
Ogni ingresso digitale assorbe 6 mA.
Installazione/cablaggio
I/O
Esempio di collegamento
Controllo SRC a 3 fili – Alimentazione interna (SRC)
senza inversione
P046 [Fonte avvio 1] = 2 e
Arresto 11
t062 [DigIn TermBlk 02] =
49
01
Avviamento
02
Il convertitore di frequenza
viene avviato da un
ingresso instabile. Il
convertitore di frequenza
viene arrestato da un
ingresso di arresto al
morsetto I/O 01, come
specificato in P045 [Modo
Arresto].
Controllo SNK a 3 fili – Alimentazione interna (SNK)
senza inversione
Arresto
Avviamento
Avviamento
Alimentazione esterna (SRC)
Arresto
Avviamento
+24 V
01
02
04
Comune
Ogni ingresso digitale assorbe 6 mA.
01
02
04
Controllo SRC a 3 fili – Alimentazione interna (SRC)
con inversione
11
P046 [Fonte avvio 1] = 2,
t062 [DigIn TermBlk 02]
Arresto
01
= 49 e t063 [DigIn
02
TermBlk 03] = 51
03
Avviamento
Il convertitore di frequenza
viene avviato da un
Direzione
ingresso instabile. Il
convertitore di frequenza
viene arrestato da un
ingresso di arresto al
morsetto I/O 01, come
specificato in P045 [Modo
Arresto]. Il morsetto I/O 03
determina la direzione.
Controllo SNK a 3 fili – Alimentazione interna (SNK)
con inversione
Arresto
Capitolo 1
Alimentazione esterna (SRC)
Arresto
Avviamento
01
02
03
04
Direzione
+24 V
Comune
Ogni ingresso digitale assorbe 6 mA.
01
02
03
04
Direzione
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
45
Capitolo 1
Installazione/cablaggio
I/O
Esempio di collegamento
Uscita optoisolata 1
Uscita optoisolata
(1 e 2)(1)
t069 [Sel usc ottica 1]
determina il
funzionamento dell’uscita
optoisolata 1 (morsetto
I/O 17).
17
t072 [Sel usc ottica 2]
determina il
CR
19
funzionamento dell’uscita
optoisolata 2 (morsetto +24 V
Comune
I/O 18).
Il valore nominale di ogni uscita optoisolata è 30 V CC, 50 mA (non induttiva).
Quando si utilizza un’uscita
optoisolata con un carico
induttivo come un relè,
installare un diodo di
recupero in parallelo al relè
(come illustrato) per
prevenire danni all’uscita.
Uscita analogica(1)
t088 [Sel. uscita anlg] = da 0 a 23
t088 [Sel. uscita anlg]
Il ponticello di selezione dell’uscita analogica deve essere impostato in modo da
determina il tipo di uscita corrispondere alla modalità del segnale di uscita analogica impostata in t088 [Sel. uscita
analogica e le condizioni anlg].
del convertitore.
0 – 10 V,
1 k  minimo
14
0 – 20 mA/4 – 20 mA,
Comune
525  massimo
+
16
(1) Funzione specifica dei convertitori di frequenza PowerFlex 525.
46
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Installazione/cablaggio
Capitolo 1
Esempi di connessioni tipiche per sistemi multi-convertitore
Ingresso/uscita
Esempio di collegamento
Connessione di diversi
02
04
ingressi digitali
Gli ingressi del cliente
possono essere cablati
come descritto per
l’alimentazione esterna
(SRC).
Ingressi cliente
02
04
02
04
Connessione di terra opzionale
Quando si collega un singolo ingresso come Marcia, Arresto, Marcia indietro o Velocità
preregolate a diversi convertitori, è importante collegare insieme il comune del morsetto I/O
04 per tutti i convertitori. Se devono essere collegati ad un altro comune (messa a terra o
terra di un dispositivo a parte), dovrebbe essere collegato un solo punto del collegamento a
margherita del morsetto I/O 04.
ATTENZIONE: I morsetti del comune I/O non
dovrebbero essere collegati insieme quando si utilizza
la modalità SNK (alimentazione interna). In modalità
SNK, se l’alimentazione viene scollegata da un
convertitore, sussiste il rischio di funzionamento
imprevisto degli altri convertitori di frequenza che
condividono la connessione allo stesso comune I/O.
Connessioni
analogiche multiple
12 13 14
Potenziometro remoto
13 14
13 14
Connessione di terra opzionale
Quando si collega un singolo potenziometro a diversi convertitori, è importante collegare
insieme il comune del morsetto I/O 14 per tutti i convertitori. Il comune del morsetto I/O 14
ed il morsetto I/O 13 (cursore del potenziometro) dovrebbero essere collegati a margherita
ad ogni convertitore di frequenza. Tutti i convertitori di frequenza devono essere accesi
perché il segnale analogico venga letto correttamente.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
47
Capitolo 1
Installazione/cablaggio
Controllo avviamento e
riferimento di velocità
Selezione della sorgente di avviamento e del riferimento di velocità
Il comando di avviamento e velocità del convertitore di frequenza può provenire
da diverse sorgenti. Per default, la sorgente di avviamento è determinata da P046
[Fonte avvio 1] e la sorgente di velocità del convertitore di frequenza è
determinata da P047 [Rif velocità1]. Tuttavia, una serie di ingressi possono
ignorare questa selezione. Vedere di seguito le priorità di override.
Ingresso
Purge abilitato
E attivo
Il convertitore si
avvia e marcia a
velocità Purge.
Sì
La direzione è sempre
AVANTI.
No
Il convertitore si avvia e
marcia a velocità Jog.
Ingresso
Jog abilitato
E attivo
Sì
Convertitore
arrestato
(NON in
marcia)
No
No
Ingressi
preimpostati
attivi
Sì
Sì
Direzione determinata
dal morsetto
IND della morsettiera (03),
Comms,
OPPURE
AVANTI/INDIETRO determinato
dal comando Jog av./Jog ind.
Marcia come
specificato in
[Freq. predef. x].
Comandi di avvio
e direzione da
[Fonte avvio x].
No
Marcia come
specificato in
[Rif velocità3].
Sì
[Rif velocità3]
selez.(1)
No
Marcia come
specificato in
[Rif velocità 2].
Sì
[Rif velocità 2]
selez.(1)
No
Marcia come
specificato in
[Rif velocità 1].
[Fonte avvio 3]
selez.(1)
Sì
Comando di avvio
e direzione da
[Fonte avvio 3].(2)
No
[Fonte avvio 2]
selez.(1)
Sì
Comando di avvio
e direzione da
[Fonte avvio 2].(2)
No
Comando di avvio
e direzione da
[Fonte avvio 1].
(1) [Fonte avvio 2/3] e [Rif velocità 2/3] possono essere selezionati mediante la morsettiera di controllo o i comandi di comunicazione.
(2) Vedere Selezione dell’ingresso digitale per la sorgente di avviamento a pagina 49 per informazioni sulla selezione del corretto
ingresso digitale.
48
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Installazione/cablaggio
Capitolo 1
Selezione dell’ingresso digitale per la sorgente di avviamento
Se P046, P048 o P050 [Fonte avvio x] è stato impostato su 2, “DigIn TermBlk”,
t062 e t063 [DigIn TermBlk xx] devono essere impostati per il controllo a 2 fili o
3 fili, perché il convertitore di frequenza possa funzionare correttamente.
[Fonte avvio x]
[Fonte avvio x]
= 2 (DigIn TrmBlk)
No
Comando di avvio
e direzione da
[Fonte avvio x].
Sì
[DigIn TermBlk
02/03] = 48/49/50/51
(2 fili o
3 fili)
Sì
Comando di avvio e
direzione dalla
morsettiera.
No
Il convertitore
non si avvierà.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
49
Capitolo 1
Installazione/cablaggio
Selezione di accelerazione/decelerazione
La velocità di accelerazione/decelerazione può essere ottenuta in diversi modi. La
velocità di default è determinata da P041 [Tempo accel. 1] e da P042 [Tempo
decel. 1]. Velocità alternative di accelerazione/decelerazione possono
essere impostate attraverso gli ingressi digitali, il sistema di comunicazione e/o i
parametri. Vedere di seguito le priorità di override.
Ingresso Purge abilitato
E attivo
Sì
Accel/Decel sempre
Accel/Decel 1.
No
Ingresso
jog morsettiera
abilitato E
attivo
Sì
Convertitore arrestato
(NON in marcia)
Sì
Accel/Decel da
[Accel/decel/ jog].
No
No
Ingresso/i
programmato/i come
Acc/Dec (2/3/4)
Sì
Accel/Decel 2 è attivo
quando l’ingresso è
selezionato mediante
l’ingresso di accelerazione
e decelerazione.
No
Velocità controllata
da [Freq. predef. x]?
Sì
Accel/Decel 1/2/3/4 è
selezionato
dall’impostazione
di default [Freq. predef. x].
No
[Rif velocitàx]
attivo
= Comm
Sì
Accel/Decel 1 o 2 è
selezionato secondo
Comms.
No
[Rif velocitàx]
attivo
= 13 (Fase logica)(1)
Sì
Accel/Decel 1/2/3/4 è
selezionato secondo
Fase logica
No
Il convertitore usa
Accel 1 e Decel 1.
(1) Impostazione specifica dei convertitori di frequenza PowerFlex 525.
Conformità CE
La conformità alla Direttiva sulla bassa tensione ed alla Direttiva sulla
compatibilità elettromagnetica è stata dimostrata mediante gli standard
armonizzati delle Normative Europee (EN) pubblicati nella Gazzetta ufficiale
delle Comunità europee. I convertitori di frequenza PowerFlex 520 sono
conformi alle norme EN elencate di seguito quando installati nel rispetto delle
istruzioni d’installazione riportate in questo manuale.
Le dichiarazioni CE sulla conformità sono disponibili in linea all’indirizzo:
http://www.rockwellautomation.com/products/certification/.
50
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Installazione/cablaggio
Capitolo 1
Direttiva sulla bassa tensione (2006/95/CE)
• EN 61800-5-1 Azionamenti elettrici a velocità variabile – Parte 5-1:
Prescrizioni di sicurezza – Sicurezza elettrica, termica ed energetica.
Classificazione dei gradi di inquinamento a norma EN 61800-5-1
Grado di
Descrizione
inquinamento
1
Nessun inquinamento o solo inquinamento secco e non conduttivo. L’inquinamento non ha
influenza.
2
Di norma, si verifica solo inquinamento non conduttivo. Occasionalmente, tuttavia, si può
avere una conduttività temporanea causata da condensa, quando il convertitore di
frequenza non è in funzione.
Direttiva EMC (2004/108/CE)
• EN 61800-3:2004 – Azionamenti elettrici a velocità variabile – Parte 3:
Requisiti EMC e specifici metodi di prova
Direttiva macchine (2006/42/EC)
• EN ISO 13849-1:2008 Sicurezza del macchinario – Parti dei sistemi di
comando legate alla sicurezza – Parte 1: Principi generali per la
progettazione.
• EN 62061:2005 Sicurezza del macchinario – Sicurezza funzionale dei
sistemi di comando e controllo elettrici, elettronici ed elettronici
programmabili correlati alla sicurezza.
• EN 60204-1:2006 – Sicurezza del macchinario – Equipaggiamento
elettrico delle macchine – Parte 1: Regole generali
• EN 61800-5-2:2007 – Azionamenti elettrici a velocità variabile –
Parte 5-2: Prescrizioni di sicurezza – Sicurezza Funzionale
Consultare Appendice G per considerazioni sull’installazione relative alla
Direttiva macchine.
Considerazioni generali
• Per la conformità alle norme CE, i convertitori di frequenza devono
soddisfare i requisiti di installazione relativi ad entrambe le norme
EN 61800-5-1 ed EN 61800-3, riportati in questo documento.
• I convertitori di frequenza PowerFlex 520 devono essere installati in
ambienti con grado di inquinamento 1 o 2 per garantire la conformità alla
Direttiva CE sulla bassa tensione. Vedere Classificazione dei gradi di
inquinamento a norma EN 61800-5-1 a pagina 51 per la descrizione delle
classificazioni dei gradi di inquinamento.
• I convertitori di frequenza PowerFlex 520 sono conformi ai requisiti EMC
della norma EN 61800-3 quando installati in conformità alle buone
pratiche EMC ed alle istruzioni fornite in questo documento. Esistono
tuttavia diversi fattori che possono influenzare la conformità EMC di
un’intera macchina o installazione e la conformità del convertitore di
frequenza in sé non garantisce la conformità di tutte le applicazioni.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
51
Capitolo 1
Installazione/cablaggio
• I convertitori di frequenza PowerFlex 520 non sono destinati all’uso con
reti pubbliche a bassa tensione per uso domestico. Su tali reti, se non si
utilizzano dispositivi di attenuazione aggiuntivi, si verificheranno
interferenze in radiofrequenza. L’installatore è tenuto, oltre che a rispettare
i requisiti d’installazione di questo documento, ad adottare misure quali un
filtro di linea ed una custodia supplementari (vedere Connessioni e messa a
terra a pagina 54) per evitare eventuali interferenze.
ATTENZIONE: I convertitori di frequenza NEMA/UL Tipo aperto devono
essere installati in una custodia aggiuntiva o dotati di un kit NEMA
Type 1 per garantire la conformità CE rispetto alla protezione da scosse
elettriche.
• I convertitori di frequenza PowerFlex 520 generano emissioni di
armoniche sul sistema di alimentazione CA. Quando utilizzati su una rete
pubblica a bassa tensione, è responsabilità dell’installatore o dell’utente
assicurare che vengano rispettati i requisiti applicabili dell’operatore di rete.
Può essere necessario consultare l’operatore di rete e Rockwell Automation.
• Se il kit NEMA 1 opzionale non è installato, il convertitore di frequenza
deve essere installato in una custodia con aperture laterali inferiori a
12,5 mm ed aperture superiori inferiori a 1,0 mm in modo da mantenere la
conformità alla Direttiva Bassa Tensione.
• Il cavo del motore dovrebbe essere mantenuto il più corto possibile per
evitare emissioni elettromagnetiche e correnti capacitive.
• Non si consiglia l’uso di filtri di linea in sistemi senza messa a terra.
• Nelle installazioni CE per la conformità EMC, l’alimentazione d’ingresso
deve essere configurata a stella bilanciata con centro stella a terra.
Requisiti di installazione relativi alla norma EN 61800-5-1 ed alla Direttiva Bassa Tensione
• I convertitori di frequenza PowerFlex 520 da 600 V possono essere
utilizzati solo su un sistema di alimentazione con “centro stella a terra” per
altitudini fino a 2000 m.
• Quando utilizzati ad altitudini superiori ai 2000 m, fino ad un massimo di
4800 m, i convertitori di frequenza PowerFlex 520 con classe di tensione
fino a 480 V non possono essere alimentati da un sistema di alimentazione
trifase con una fase a terra (corner earthed), per poter mantenere la
conformità alla Direttiva CE sulla bassa tensione. Vedere Regole generali
di declassamento per altitudini elevate a pagina 16.
52
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Installazione/cablaggio
Capitolo 1
• I convertitori di frequenza PowerFlex 520 generano, nel conduttore di
terra di protezione, una corrente di dispersione che supera 3,5 mA CA e/o
10 mA CC. Le dimensioni minime del conduttore di terra di protezione
utilizzato nell’applicazione devono essere conformi alla norme di sicurezza
locali relative alle apparecchiature con conduttore di terra ad alta
protezione.
ATTENZIONE: I convertitori di frequenza PowerFlex 520 generano
corrente CC nel conduttore di terra di protezione, il che può ridurre la
capacità degli RCD di protezione (interruttori differenziali) o degli RCM
di monitoraggio di tipo A o AC di fornire protezione per le altre macchine
nell’installazione. Quando viene utilizzato un RCD o RCM per la
protezione in caso di contatto diretto o indiretto, sul lato alimentazione
di questo prodotto è ammesso solo un RCD o RCM tipo B.
Requisiti di installazione relativi alla norma EN 61800-3 ed alla Direttiva EMC
• Il convertitore di frequenza deve essere messo a terra come descritto in
Connessioni e messa a terra a pagina 54. Vedere Requisiti generali di messa
a terra a pagina 18 per ulteriori raccomandazioni di messa a terra.
• Il cablaggio di alimentazione in uscita verso il motore deve utilizzare cavi
con schermatura intrecciata che fornisca una copertura almeno del 75%,
oppure i cavi devono essere protetti da un condotto di metallo o da una
schermatura equivalente. La schermatura deve essere continua, dalla
custodia del convertitore di frequenza fino alla carcassa del motore.
Entrambe le estremità della schermatura del cavo motore o del condotto
devono terminare con un collegamento a terra a bassa impedenza.
Convertitore di frequenza Frame A…E: Sul lato azionamento del motore
a. La schermatura del cavo deve essere fissata ad una “piastra EMC”
per il convertitore di frequenza correttamente installata. Kit numero
25-EMC1-Fx.
o
b. La schermatura del cavo o del condotto deve terminare in un
connettore schermato installato su piastra EMC, scatola passacavi o
elemento simile.
• All’estremità del motore, la schermatura o il condotto del cavo motore deve
terminare con un connettore schermato, che deve essere correttamente
installato in una scatola di cablaggio motore con messa a terra, fissata al
motore. Il coperchio della scatola di cablaggio motore deve essere installato
e messo a terra.
• Tutto il cablaggio di controllo (I/O) e dei segnali verso il convertitore di
frequenza deve utilizzare cavi con schermatura intrecciata che fornisca una
copertura almeno del 75%, oppure i cavi devono essere protetti da un
condotto di metallo o da una schermatura equivalente. Quando si utilizza
cavo schermato, la schermatura del cavo dovrebbe essere terminata con una
connessione a terra a bassa impedenza soltanto ad un’estremità del cavo,
preferibilmente l’estremità in cui è situato il ricevitore. Quando la
schermatura del cavo è terminata lato convertitore, può essere terminata
con un connettore schermato insieme ad una piastra o ad una scatola
passacavi, oppure la schermatura può essere fissata ad una “piastra EMC”.
• I cavi del motore devono essere separati dal cablaggio di controllo e dei
segnali, ove possibile.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
53
Capitolo 1
Installazione/cablaggio
• La lunghezza massima del cavo motore non deve superare la lunghezza
massima indicata nella PowerFlex serie 520 – Conformità emissioni RF e
requisiti di installazione a pagina 54 per conformità con i limiti di
emissione in radiofrequenza per lo standard e l’ambiente di installazione
specifici.
Connessioni e messa a terra
Custodia schermata(1)
Esc
Kit opzionale o kit EMC
IP 30/NEMA 1/UL Type 1
Sel
Connettori EMI e tubo in metallo
Filtro EMI
L1
L1'
L2
L2'
L3
L3'
R/L1
S/L2
T/L3
Connessione di terra custodia
U/T1
V/T2
W/T3
Cavo motore schermato
Acciaio struttura edificio
(1) Alcune installazioni richiedono una custodia schermata. Ridurre al minimo la lunghezza dei fili tra il punto di entrata della custodia
ed il filtro EMI.
PowerFlex serie 520 – Conformità emissioni RF e requisiti di installazione
Tipo di filtro
Interna
Esterno(1)
Standard/Limiti
EN 61800-3 Categoria C1
EN 61000-6-3
CISPR11 Gruppo 1 Classe B
–
30 m
EN 61800-3 Categoria C2
EN 61000-6-4
CISPR11 Gruppo 1 Classe A
(alimentazione d’ingresso
≤ 20 kVA)
10 m
100 m
EN 61800-3 Categoria C3
(I ≤ 100 A)
CISPR11 Gruppo 1 Classe A
(alimentazione d’ingresso
> 20 kVA)
20 m
100 m
(1) Vedere l’Appendice B per ulteriori informazioni sui filtri esterni opzionali.
Requisiti di installazione aggiuntivi
Questa sezione fornisce informazioni sui requisiti aggiuntivi per l’installazione di
Classe C1 e C2, quali custodie e nuclei EMC.
IMPORTANTE
I nuclei EMC sono inclusi con:
• i convertitori di frequenza che hanno un filtro EMC interno (25x-xxxxN114)
• il kit accessorio filtro EMC esterno (25-RFxxx)
Requisiti di installazione aggiuntivi
Taglia telaio
Classe C1
Classe C2
Custodia e conduit
Nuclei EMC necessari
Custodia
(ingresso e uscita)
(inclusi con il prodotto)
200…240 V CA (–15%, +10%) – ingresso monofase con filtro EMC esterno, uscita trifase 0…230 V
A
Schermato
Nessuno
Nessuna
B
54
Schermato
USCITA (NUCLEO-RF-B-2)
Nessuna
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Nuclei EMC necessari
(inclusi con il prodotto)
INGRESSO (NUCLEO-RF-A-1) USCITA
(NUCLEO-RF-A-2)
INGRESSO (NUCLEO-RF-B-1) USCITA
(NUCLEO-RF-B-2)
Installazione/cablaggio
Capitolo 1
Requisiti di installazione aggiuntivi
Taglia telaio
Classe C1
Classe C2
Custodia e conduit
Nuclei EMC necessari
Custodia
(ingresso e uscita)
(inclusi con il prodotto)
200…240 V CA (–15%, +10%) – ingresso monofase con filtro EMC interno, uscita trifase 0…230 V
A
–
–
Schermato
B
–
–
Schermato
200…240 V CA (–15%, +10%) – ingresso trifase con filtro EMC esterno, uscita trifase 0…230 V
A
Schermato
USCITA (NUCLEO-RF-A-2)
Nessuna
B
Schermato
USCITA (NUCLEO-RF-B-2)
Nessuna
C
Schermato
USCITA (NUCLEO-RF-C-2)
Nessuna
D
Schermato
Nessuno
Nessuna
E
Schermato
USCITA (NUCLEO-RF-E-1)
Nessuna
380…480 V CA (–15%, +10%) – ingresso trifase con filtro EMC esterno, uscita trifase 0…460 V
A
Schermato
Nessuno
Nessuna
B
Schermato
Nessuno
Nessuna
C
Schermato
Nessuno
Nessuna
D
Schermato
USCITA (NUCLEO-RF-D-2)
Nessuna
E
Schermato
Nessuno
Schermato
380…480 V CA (–15%, +10%) – ingresso trifase con filtro EMC interno, uscita trifase 0…460 V
A
–
–
Nessuna
B
–
–
Nessuna
C
–
–
Nessuna
D
–
–
Nessuna
E
–
–
Nessuna
525…600 V CA (–15%, +10%) – ingresso trifase con filtro EMC esterno, uscita trifase 0…575 V
A
Custodia di metallo
Nessuno
Nessuna
B
Custodia di metallo
Nessuno
Nessuna
C
Custodia di metallo
Nessuno
Nessuna
D
Custodia di metallo
Nessuno
Nessuna
E
Custodia di metallo
Nessuno
Custodia di metallo
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Nuclei EMC necessari
(inclusi con il prodotto)
Nessuno
Nessuno
INGRESSO (NUCLEO-RF-A-1) USCITA (NUCLEO-RF-A-2)
INGRESSO (NUCLEO-RF-B-1) USCITA (NUCLEO-RF-B-2)
INGRESSO (NUCLEO-RF-C-1) USCITA (NUCLEO-RF-C-2)
INGRESSO (NUCLEO-RF-D-1)
INGRESSO (NUCLEO-RF-E-1)
INGRESSO (NUCLEO-RF-A-1) USCITA (NUCLEO-RF-A-2)
INGRESSO (NUCLEO-RF-B-1) USCITA (NUCLEO-RF-B-2)
INGRESSO (NUCLEO-RF-C-1)
INGRESSO (NUCLEO-RF-D-1) USCITA (NUCLEO-RF-D-2)
INGRESSO -1 (NUCLEO-E-1) e INGRESSO-2 (NUCLEO-E2)/USCITA-1 (NUCLEO-E-3) e USCITA-2 (NUCLEO-E-4)
INGRESSO (NUCLEO-A-1) USCITA (NUCLEO-A-2)
INGRESSO (NUCLEO-B-1) USCITA (NUCLEO-B-2)
INGRESSO (NUCLEO-C-1) USCITA (NUCLEO-C-2)
INGRESSO (CORE-D-1) USCITA (NUCLEO-D-2)
INGRESSO -1 (NUCLEO-E-1) e INGRESSO-2 (NUCLEO-E2)/USCITA-1 (NUCLEO-E-3) e USCITA-2 (NUCLEO-E-4)
INGRESSO (NUCLEO-RF-B-1) USCITA (NUCLEO-RF-B-2)
INGRESSO (NUCLEO-RF-B-1) USCITA (NUCLEO-RF-B-2)
INGRESSO (NUCLEO-RF-C-1) USCITA (NUCLEO-RF-C-2)
INGRESSO (NUCLEO-RF-D-1) USCITA (NUCLEO-RF-D-2)
Nessuno
55
Capitolo 1
56
Installazione/cablaggio
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Capitolo
2
Avviamento
Questo capitolo spiega come avviare il convertitore di frequenza PowerFlex 520.
Per semplificare la configurazione del convertitore di frequenza, i parametri più
comunemente programmati sono organizzati in un singolo gruppo di programmi
di base.
Per informazioni su…
Preparazione per l’avviamento iniziale del convertitore di frequenza
Display e tasti di comando
Visualizzazione e modifica dei parametri
Strumenti di programmazione del convertitore di frequenza
Avviamento intelligente con i parametri del gruppo “Programma base”
Descrizione LCD e scorrimento
Utilizzo della porta USB
IMPORTANTE
Vedere pagina…
57
60
61
62
63
65
66
Prima di procedere, leggere la sezione Precauzioni generali.
ATTENZIONE: Per l’esecuzione delle routine di avviamento riportata di seguito,
il convertitore di frequenza deve essere alimentato. Alcune delle tensioni
presenti sono al potenziale della linea d’ingresso. Per evitare il pericolo di
folgorazioni o danni alle apparecchiature, è necessario che la procedura
riportata di seguito sia effettuata solo da personale qualificato. Prima di
cominciare, leggere e comprendere bene le istruzioni. Se non tutto procede
regolarmente mentre si esegue questa procedura, non continuare.
Rimuovere completamente l’alimentazione, incluse le tensioni di
controllo fornite dall’utente. Le tensioni fornite dall’utente possono essere
presenti anche quando l’alimentazione CA principale non è applicata al
convertitore di frequenza. Prima di proseguire, correggere il malfunzionamento.
Preparazione per
l’avviamento iniziale del
convertitore di frequenza
Procedura di avviamento del convertitore
1. Scollegare e bloccare l’alimentazione della macchina.
2. Verificare che l’alimentazione di linea CA del dispositivo di sezionamento
rientri nei valori nominali del convertitore di frequenza.
3. Se si sostituisce un convertitore di frequenza, verificare il numero di
catalogo del convertitore attuale. Verificare tutte le opzioni installate sul
convertitore di frequenza.
4. Verificare che l’alimentazione di controllo digitale sia 24 V.
5. Ispezionare messa a terra, cablaggio, connessioni e compatibilità
ambientale.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
57
Capitolo 2
Avviamento
6. Verificare che il ponticello Sink (SNK)/Source (SRC) sia impostato in
modo da corrispondere allo schema del cablaggio di controllo. Vedere
Schema a blocchi del cablaggio I/O di controllo PowerFlex 523 a
pagina 38 e Schema a blocchi del cablaggio I/O di controllo
PowerFlex 525 a pagina 40 per la posizione.
IMPORTANTE
Lo schema di controllo di default è Source (SRC). Il morsetto di arresto è
ponticellato per permettere l’avviamento tramite tastierino o sistema di
comunicazione. Se lo schema di controllo viene cambiato su Sink (SNK), il
ponticello deve essere rimosso dai morsetti I/O 01 e 11 ed installato tra i
morsetti I/O 01 e 04.
7. Cablare gli I/O come richiesto dall’applicazione.
8. Cablare i morsetti di ingresso e di uscita dell’alimentazione.
9. Confermare che tutti gli ingressi sono collegati ai morsetti appropriati e
sono fissati.
10. Raccogliere e registrare le informazioni sulla targhetta dati del motore e
l’encoder o il dispositivo di feedback. Verificare le connessioni del motore.
• Il motore è disaccoppiato?
• In quale direzione dovrà ruotare il motore per l’applicazione?
11. Verificare la tensione di ingresso al convertitore di frequenza. Verificare se
il convertitore di frequenza è in un sistema con messa a terra. Verificare che
i ponticelli MOV siano nella posizione corretta. Fare riferimento a
Considerazioni sulla sorgente di alimentazione CA a pagina 17 per
ulteriori informazioni.
12. Applicare l’alimentazione e resettare il convertitore di frequenza e le schede
di comunicazione alle impostazioni predefinite in fabbrica. Per resettare il
convertitore, vedere il parametri P053 [Reset a default]. Per ulteriori
informazioni su come resettare le schede di comunicazione, vedere il
manuale per l’utente della scheda.
13. Configurare i parametri del programma di base relativi al motore. Vedere
Avviamento intelligente con i parametri del gruppo “Programma base” a
pagina 63.
14. Completare la procedura di messa a punto automatica del convertitore. Per
ulteriori informazioni, vedere il parametro P040 [Autotune].
15. Se si sostituisce un convertitore di frequenza ed esiste una copia di backup
delle impostazioni dei parametri, ottenuta con l’applicazione USB,
utilizzare l’applicazione USB per trasferire il backup al nuovo convertitore.
Fare riferimento a Utilizzo della porta USB a pagina 66 per ulteriori
informazioni.
In caso contrario, impostare i parametri necessari all’applicazione
utilizzando l’interfaccia del tastierino LCD, Connected Components
Workbench, RSLogix o Logix Designer se si utilizza un Add-on Profile
attraverso EtherNet/IP.
• Configurare i parametri di comunicazione necessari all’applicazione
(numero di nodi, indirizzo IP, ingressi ed uscite datalink, velocità di
comunicazione, riferimento di velocità, sorgente di avviamento e così
via). Registrare queste informazioni per futuro riferimento.
58
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Avviamento
Capitolo 2
• Configurare gli altri parametri del convertitore di frequenza necessari al
corretto funzionamento degli I/O digitali ed analogici del convertitore.
Verificare il funzionamento. Registrare queste impostazioni per futuro
riferimento.
16. Verificare che convertitore di frequenza e motore funzionino come
specificato.
• Verificare che l’ingresso di arresto sia presente, altrimenti il convertitore
di frequenza non si avvierà.
IMPORTANTE
Se il morsetto I/O 01 viene utilizzato come ingresso di arresto, il
ponticello tra i morsetti I/O 01 e 11 deve essere rimosso.
• Verificare che il convertitore di frequenza riceva il riferimento di
velocità dalla posizione corretta e che il riferimento sia scalato
correttamente.
• Verificare che il convertitore di frequenza riceva correttamente i
comandi di avviamento e di arresto.
• Verificare che le correnti di ingresso siano bilanciate.
• Verificare che le correnti del motore siano bilanciate.
17. Salvare un backup delle impostazioni del convertitore di frequenza usando
l’applicazione USB. Fare riferimento a Utilizzo della porta USB a
pagina 66 per ulteriori informazioni.
Avviamento, arresto, direzione e controllo della velocità
I valori dei parametri predefiniti in fabbrica permettono di controllare il
convertitore di frequenza mediante il tastierino. Non è necessaria alcuna
programmazione per avviare, arrestare, cambiare la direzione e controllare la
velocità direttamente dal tastierino.
IMPORTANTE
Per disabilitare l’inversione, vedere A544 [Disab inversione].
Se si verifica un guasto all’accensione, vedere Descrizione dei guasti a pagina 149
per una spiegazione del codice di guasto.
Applicazioni per carichi a coppia variabile (ventole/pompe)
Per migliori prestazioni di messa a punto del motore quando si utilizza un motore
ad alta efficienza in modalità SVC per carichi a coppia variabile, impostare A530
[Selezione boost] su 2 “35.0, VT”.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
59
Capitolo 2
Avviamento
Display e tasti di comando
PowerFlex 523
Menu
AVANTI
Esc
Sel
PowerFlex 525
AVANTI
LINK ENET
EtherNet/IP
Esc
Sel
Gruppo di parametri e descrizione
Display di base
Condizioni di funzionamento del convertitore di
frequenza comunemente visualizzate.
Programma base
Funzioni programmabili comunemente usate.
Terminali
Funzioni dei morsetti programmabili.
Comunicazioni
Funzioni di comunicazione programmabili.
Logic (solo PowerFlex 525)
Funzioni logiche programmabili.
Display avanzato
Condizioni avanzate di funzionamento del convertitore
di frequenza.
Programma avan.
Rimanenti funzioni programmabili.
Opzioni Rete
Funzioni di rete mostrate solo quando è utilizzata una
scheda di comunicazione.
Param Modificati
Funzioni provenienti da altri gruppi con valori
modificati rispetto a quelli di default.
Diagn. Errore
Elenco di codici per specifiche condizioni di guasto.
AppView e CustomView
Funzioni provenienti da altri gruppi organizzate per
specifiche applicazioni.
Tasti di comando e navigazione
Display
ENET (solo PowerFlex 525)
LINK (solo PowerFlex 525)
Stato display Descrizione
Off
La scheda non è collegata alla rete.
Fisso
La scheda è collegata alla rete e il convertitore di frequenza è
controllato mediante Ethernet.
Lampeggiante La scheda è collegata alla rete, ma il convertitore di frequenza
non è controllato mediante Ethernet.
Off
La scheda non è collegata alla rete.
Fisso
La scheda è collegata alla rete ma non trasmette i dati.
Lampeggiante La scheda è collegata alla rete e trasmette i dati.
LED
ERRORE
Stato LED
Rosso
lampeggiante
Descrizione
Indica che l’azionamento è in guasto.
Tasto
Nome
Freccia Su
Descrizione
Scorrere i gruppi o i parametri del display selezionabili
dall’utente.
Incrementare i valori.
Tornare indietro di un passo nel menu di programmazione.
Annullare la modifica di un parametro ed uscire dalla modalità di
programmazione.
Freccia Giù
Esci
Esc
Seleziona
Avanzare di un passo nel menu di programmazione.
Selezionare una cifra quando si visualizza il valore del parametro.
Invio
Avanzare di un passo nel menu di programmazione.
Salvare una modifica al valore di un parametro.
Sel
60
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Avviamento
Tasto
Visualizzazione e modifica
dei parametri
Capitolo 2
Nome
Inverti
Descrizione
Invertire la direzione del convertitore di frequenza. Attivo di
default.
Controllato dai parametri P046, P048 e P050 [Fonte avvio x] e
A544 [Disab inversione].
Avviamento
Consente di avviare il convertitore di frequenza. Attivo di default.
Controllato dai parametri P046, P048 e P050 [Fonte avvio x].
Arresto
Consente di arrestare il convertitore di frequenza o di cancellare
un errore.
Questo tasto è sempre attivo.
Controllato dal parametro P045 [Modo Arresto].
Potenziometro Per controllare la velocità del convertitore di frequenza. Attivo di
default.
Controllato dai parametri P047, P049 e P051 [Rif velocità x].
Quello che segue è un esempio delle funzioni di base del display e del tastierino
integrati. Questo esempio fornisce istruzioni per la navigazione di base e spiega
come programmare un parametro.
Passo
Tasti
1. Quando l’alimentazione è applicata, l’ultimo
numero di parametro del gruppo “Display di
base” selezionato dall’utente viene visualizzato
per qualche istante con caratteri lampeggianti.
Il display passa quindi di default al valore
attuale di quel parametro (l’esempio mostra il
valore di b001 [Freq uscita] con il convertitore di
frequenza in arresto).
2. Premere Esc per visualizzare il numero di
parametro del gruppo “Display di base”
visualizzato all’accensione. Il numero di
Esc
parametro lampeggia.
3. Premere Esc per accedere all’elenco del gruppo
di parametri. La lettera del gruppo di parametri
lampeggia.
Display di esempio
AVANTI
HERTZ
AVANTI
AVANTI
Esc
4. Premere il tasto freccia Su o Giù per scorrere
l’elenco del gruppo (b, P, t, C, L, d, A, f e Gx).
5. Premere Invio o Sel per accedere ad un gruppo.
La cifra di destra dell’ultimo parametro
visualizzato in quel gruppo lampeggia.
o
o
6. Premere il tasto freccia Su o Giù per scorrere
l’elenco di parametri.
AVANTI
Sel
o
7. Premere Invio per visualizzare il valore del
parametro.
Oppure
Premere Esc per tornare all’elenco di parametri.
8. Premere Invio o Sel per accedere alla modalità
di programmazione e modificare il valore.
La cifra di destra lampeggia e, sul display LCD,
viene visualizzata la parola “Program”.
AVANTI
AVANTI
VOLT
AVANTI
VOLT
o
9. Premere il tasto freccia Su o Giù per cambiare il
valore del parametro.
AVANTI
Sel
o
PROGRAMMA
VOLT
AVANTI
PROGRAMMA
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
61
Capitolo 2
Avviamento
Passo
Tasti
10. Se lo si desidera, premere Sel per passare da
una cifra all’altra o da un bit all’altro. La cifra o il Sel
bit che si può modificare lampeggia.
11. Premere Esc per annullare una modifica ed
uscire dalla modalità di programmazione.
Oppure
Premere invio per salvare una modifica ed
uscire dalla modalità di programmazione.
La cifra smette di lampeggiare e la parola
“Program” sul display LCD si spegne.
12. Premere Esc per tornare all’elenco di parametri.
Continuare a premere Esc per uscire dal menu di
programmazione.
Quando il display non cambia più, significa che
il valore visualizzato è b001 [Freq uscita].
Premere Invio o Sel per accedere nuovamente
all’elenco dei gruppi.
Strumenti di
programmazione del
convertitore di frequenza
Display di esempio
VOLT
AVANTI
PROGRAMMA
VOLT
AVANTI
Esc
o
o
VOLT
AVANTI
AVANTI
Esc
Alcune funzioni nel convertitore di frequenza PowerFlex 520 non sono
supportate dagli strumenti software di configurazione più vecchi. I clienti che
utilizzano tali strumenti sono vivamente invitati a migrare a RSLogix 5000
(versione 17.0 o successiva) o Logix Designer (versione 21.0 o successiva) con
Add-On-Profile (AOP), o Connected Components Workbench (versione 5.0 o
successiva) per una configurazione più immediata ed efficace che permetta di
utilizzare tutte le funzionalità a disposizione.
Descrizione
Connected Components Workbench(1)
Logix Designer
RSLogix 5000
Strumento software USB integrato
Modulo convertitore seriale(2)
Modulo convertitore USB(2)
Display LCD remoto da montare a pannello(2)
Display LCD remoto portatile(2)
Numero di catalogo/Versione
Versione 5.0 o superiore
Versione 21.0 o superiore
Versione 17.0 o superiore
–
22-SCM-232
1203-USB
22-HIM-C2S
22-HIM-A3
(1) Disponibile come download gratuito all’indirizzo http://ab.rockwellautomation.com/programmable-controllers/connectedcomponents-workbench-software.
(2) Non supporta i nuovi gruppi di parametri dinamici (AppView, CustomView), e la funzionalità CopyCat è limitata all’elenco lineare dei
parametri.
62
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Avviamento
Supporto lingua
Lingua
Tastierino/display LCD
Inglese
Francese
Spagnolo
Italiano
Tedesco
Giapponese
Portoghese
Cinese semplificato
Coreano
Polacco(1)
Turco(1)
Ceco(1)
S
S
S
S
S
–
S
–
–
S
S
S
RSLogix 5000/
Logix Designer
S
S
S
S
S
S
S
S
S
–
–
–
Capitolo 2
Connected Components
Workbench
S
S
S
S
S
–
–
S
–
–
–
–
(1) A causa della limitazione del display LCD, alcuni dei caratteri per Polacco, Turco e Ceco verranno modificati.
Avviamento intelligente con
i parametri del gruppo
“Programma base”
Il convertitore di frequenza PowerFlex 520 è concepito in modo che l’avviamento
risulti semplice ed efficiente. Il gruppo “Programma base” contiene i parametri
più frequentemente utilizzati. Vedere Programmazione e parametri a pagina 69
per le descrizioni dettagliate dei parametri qui elencati e per l’elenco completo dei
parametri disponibili.
= Arrestare il convertitore di frequenza prima di modificare questo parametro.
= Parametro specifico dei convertitori PowerFlex 525.
N.
Parametro
Min/Max
Display/Opzioni
P030 [Lingua]
1/15
1 = Inglese
2 = Francese
Seleziona la lingua visualizzata.
3 = Spagnolo
Importante: L’impostazione ha effetto solo dopo 4 = Italiano
aver spento e riacceso il convertitore di frequenza. 5 = Tedesco
6 = Giapponese
7 = Portoghese
8 = Cinese
9 = Riservato
10 = Riservato
11 = Coreano
12 = Polacco
13 = Riservato
14 = Turco
15 = Ceco
P031 [Tens Targa mot.]
10 V (per convertitori di
1V
frequenza 200 V), 20 V (per
convertitori di frequenza
400 V), 25 V (per convertitori
di frequenza 600 V)/Tensione
nominale convertitore di
frequenza
Imposta la tensione nominale del motore.
P032 [Freq. nom. mot.]
15/500 Hz
1 Hz
Imposta la frequenza nominale di targa del motore.
PF 525
P033
P034
P035
[Corr sovracc mot]
0,0/(corrente nom.
0,1 A
convertitore di frequenza x 2)
Imposta la corrente in sovraccarico di targa del
motore.
[FLA nom. mot.]
0,0/(corrente nom.
0,1 A
convertitore di frequenza x 2)
Imposta la FLA nominale del motore.
[Potenza nom mot] 2/40
1
Imposta il numero di poli del motore.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Predefinito
1
A seconda della taglia del
convertitore di frequenza
60 Hz
A seconda della taglia del
convertitore di frequenza
Corrente nominale del
convertitore di frequenza
4
63
Capitolo 2
Avviamento
= Arrestare il convertitore di frequenza prima di modificare questo parametro.
= Parametro specifico dei convertitori PowerFlex 525.
N.
Parametro
Min/Max
Display/Opzioni
P036 [RPM motore]
0/24.000 giri/min
1 giro/min
Imposta il regime nominale del motore.
PF 525
P037
PF 525
P038
P039
[Potenza motore]
0,00/Potenza nominale
convertitore di frequenza
Imposta la potenza di targa del motore. Utilizzato
nel regolatore PM.
[Categ tensione]
2/3
Imposta la classe di tensione dei convertitori di
frequenza da 600 V. Applicabile solo ai convertitori
di frequenza da 600 V.
[Mod prest coppia] 0/3
Seleziona la modalità di controllo del motore.
Predefinito
1750 giri/min
0,01 kW
Potenza nominale
convertitore di frequenza
2 = “480V”
3 = “600V”
3
0 = “V/Hz”
1 = “SVC”
2 = “Economizz”
(1) Impostazione specifica dei convertitori di frequenza 3 = “Vettore”(1)
1
PowerFlex 525.
P040
P041
P042
P043
P044
P045
[Autotune]
0/2
Abilita una messa a punto statica (non in rotazione)
o dinamica (motore in rotazione).
[Tempo accel. 1]
0,00/600,00 s
Imposta il tempo necessario al convertitore di
frequenza per accelerare da 0 Hz a [Frequenza max].
[Tempo decel. 1]
0,00/600,00 s
Imposta il tempo necessario al convertitore di
frequenza per decelerare da [Frequenza max] a 0 Hz.
[Freq minima]
0,00/500,00 Hz
Imposta la frequenza minima erogata dal
convertitore di frequenza.
[Frequenza max]
0,00/500,00 Hz
Imposta la frequenza massima erogata dal
convertitore di frequenza.
[Modo Arresto]
0/11
Comando di stop per un arresto normale.
Importante: Il morsetto I/O 01 è sempre un
ingresso di arresto. La modalità di arresto è
determinata dall’impostazione del convertitore di
frequenza.
Importante: Il convertitore di frequenza viene
fornito con un ponticello installato tra i morsetti I/O
01 e 11. Rimuovere questo ponticello quando si
utilizza il morsetto I/O 01 come ingresso di arresto o
abilitazione.
0 = “Pronto/Rip.”
1 = “Reg statica”
2 = “Reg a rotaz”
0
0,01 s
10,00 s
0,01 s
10,00 s
0,01 Hz
0,00 Hz
0,01 Hz
60,00 Hz
0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
= “Pistone, CF”(1)
= “Costa, CF”(1)
= “Freno CC, CF”(1)
= “FrAuto CC,CF”(1)
= “Pistone”
= “Costa”
= “Freno CC”
= “FrenoAuto CC”
= “Pist+EM B,CF”(1)
= “Pist+Fr EM”
= “PointStp,CF”(1)
= “PointStop”
0
(1) L’ingresso di arresto cancella anche il guasto attivo.
P046, [Fonte avvio 1]
1/5
P048, Imposta lo schema di controllo di default utilizzato
P050 per avviare il convertitore di frequenza se non
modificato da P048 [Fonte avvio 2] o P050 [Fonte
avvio 3].
1 = “Tastierino”(1)
2 = “DigIn TrmBlk”(2)
3 = “Serie/DSI”
4 = “Opz Rete”
5 = “Ethernet/IP”(3)
(1) Quando attivo, è attivo anche il tasto di inversione se
non disabilitato da A544 [Disab inversione].
(2) Se è selezionato “DigIn TrmBlk”, verificare che gli
ingressi digitali siano correttamente configurati.
(3) Impostazione specifica dei convertitori di frequenza
PowerFlex 525.
64
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
P046 = 1
P048 = 2
P050 = 3 (PowerFlex 523)
5 (PowerFlex 525)
Avviamento
PF 525
N.
P047,
P049,
P051
P052
P053
Descrizione LCD e
scorrimento
= Arrestare il convertitore di frequenza prima di modificare questo parametro.
= Parametro specifico dei convertitori PowerFlex 525.
Parametro
Min/Max
Display/Opzioni
[Rif velocità 1]
1/16
1 = “Potenz Drive”
2 = “Freq tast”
Imposta il comando di velocità di default del
convertitore di frequenza se non modificato da P049 3 = “Serie/DSI”
4 = “Opz Rete”
[Rif velocità 2] o P051 [Rif velocità 3].
5 = “Ing 0-10V”
(1) Impostazione specifica dei convertitori di frequenza 6 = “Ing 4-20 mA”
7 = “Prereg Freq”
PowerFlex 525.
8 = “AnalIn Mult”(1)
9 = “MOP”
10 = “Ing impulso”
11 = “Uscita PID 1”
12 = “Uscita PID 2”(1)
13 = “Fase logica”(1)
14 = “Encoder”(1)
15 = “Ethernet/IP”(1)
16 = “Posizionam.”(1)
[Cons med kWh]
0,00/655,35
0,01
Imposta il costo medio kWh.
[Reset a default]
0/3
0 = “Pronto/Rip.”
Resetta i parametri ai valori predefiniti in fabbrica. 1 = “Reimp. param”
2 = “Impost fabb.”
Dopo un comando di reset, il valore di questo
3 = “Reimp. alim”
parametro torna a zero.
Capitolo 2
Predefinito
P047 = 1
P049 = 5
P051 = 3 (PowerFlex 523)
15 (PowerFlex 525)
0,00
0
Utilizzare il parametro A556 [Scorri Testo] per impostare la velocità di
scorrimento del testo sul display. Selezionare 0 “Off ” per disattivare lo
scorrimento del testo. Vedere Supporto lingua a pagina 63 per le lingue
supportate dal convertitore di frequenza PowerFlex 520.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
65
Capitolo 2
Avviamento
Utilizzo della porta USB
Il convertitore di frequenza PowerFlex 520 ha una porta USB che può essere
collegata ad un PC per l’aggiornamento del firmware del convertitore di
frequenza o per le operazioni di upload/download delle configurazioni di
parametri.
Non è necessario accendere il modulo di controllo. Per avvalersi dei vantaggi della
programmazione MainsFree™, è sufficiente collegare il convertitore di frequenza
PowerFlex 520 al PC con un cavo USB di tipo B.
IMPORTANTE
Per usare la funzione USB del convertitore di frequenza PowerFlex 520, è
necessario utilizzare Microsoft .Net Framework 2.0 e Windows XP o successiva.
Collegamento di PowerFlex 520 ad un PC
Modulo di controllo
Porta USB
Cavo USB Tipo B
Collegare al PC
Collegare al modulo di controllo
Quando collegato, il convertitore di frequenza viene visualizzato sul PC e
contiene due file:
• GUIDE.PDF
Questo file contiene i collegamenti alla documentazione del prodotto
corrispondente e ai download software.
•
PF52XUSB.EXE
Questo file è un’applicazione per l’aggiornamento flash del firmware o per
le operazioni di upload/download delle configurazioni di parametri.
Non è possibile cancellare questi file o aggiungerne altri al convertitore di
frequenza.
66
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Avviamento
Capitolo 2
Fare doppio clic sul file PF52XUSB.EXE per lanciare l’applicazione utility USB.
Viene visualizzato il menu principale. Seguire le istruzioni del programma per
aggiornare il firmware o caricare/scaricare i dati di configurazione.
IMPORTANTE
Prima di procedere, verificare che il PC sia alimentato da una presa elettrica CA
o abbia una batteria completamente carica. Ciò per prevenire l’interruzione del
processo a causa di un’insufficiente alimentazione.
Condizioni per scaricare i file di configurazione .pf5 con
l’applicazione USB
Prima di scaricare un file di configurazione.pf5 con l’applicazione USB, il
parametro C169 [Sel Multidrive] nel convertitore di frequenza di destinazione
deve corrispondere al file di configurazione di origine. In caso contrario,
impostare manualmente il parametro affinché corrisponda e quindi spegnere e
riaccendere il convertitore di frequenza.
Ciò significa che è impossibile applicare una configurazione multi-drive (più
convertitori di frequenza) con l’applicazione USB a un convertitore di frequenza
in modalità singola (parametro C169 [Sel Multidrive] impostato su 0
“Disabilitato”), o applicare una configurazione in modalità singola a un
convertitore di frequenza nella modalità multi-drive.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
67
Capitolo 2
68
Avviamento
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Capitolo
3
Programmazione e parametri
Questo capitolo contiene un elenco completo dei parametri e la relativa
descrizione per il convertitore di frequenza PowerFlex 520. I parametri vengono
programmati (visualizzati/modificati) mediante il tastierino integrato del
convertitore di frequenza, RSLogix 5000 versione 17.0 o superiore, Logix
Designer versione 21.0 o superiore o Connected Components Workbench
versione 5.0 o superiore. Il software Connected Components Workbench può
essere utilizzato offline (via USB) per caricare le configurazioni dei parametri nel
convertitore di frequenza oppure online (attraverso la connessione Ethernet).
Quando si utilizza il software Connected Components Workbench online
(attraverso il modulo convertitore seriale e DSI), una precedente interfaccia
operatore esterna o un precedente software online (DriveTools SP™), è disponibile
anche una funzionalità limitata. Quando si utilizzano questi metodi, l’elenco dei
parametri può essere visualizzato solo in modo lineare e non è possibile accedere
alla programmazione della scheda di comunicazione.
Per informazioni su…
Informazioni sui parametri
Gruppi di parametri
Gruppo “Display di base”
Gruppo “Programma base”
Gruppo “Terminali”
Gruppo “Comunicazioni”
Gruppo “Logica”
Gruppo “Display avanzato”
Gruppo “Programma avan.”
Gruppo “Opzioni rete”
Gruppo “Param Modificati”
Gruppo “Diagn. Errore”
Gruppi di parametri AppView
Gruppo di parametri CustomView
Parametri ordinati per nome
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Vedere pagina…
70
70
75
80
85
97
103
106
110
132
132
133
140
141
142
69
Capitolo 3
Programmazione e parametri
Per configurare un convertitore di frequenza in modo che funzioni in uno
specifico modo, può essere necessario impostare i parametri del convertitore.
Esistono tre tipi di parametri:
• ENUM
I parametri ENUM consentono una selezione da 2 o più opzioni. Ogni
opzione è rappresentata da un numero.
• Parametri numerici
Questo parametri hanno un singolo valore numerico (0,1 V).
• Parametri di bit
Questi parametri hanno cinque cifre singole associate a funzioni o
condizioni. Se la cifra è 0, la funzione è disabilitata o la condizione è falsa.
Se la cifra è 1, la funzione è abilitata o la condizione è vera.
Informazioni sui parametri
Alcuni parametri sono contrassegnati come segue.
= Arrestare il convertitore di frequenza prima di modificare questo parametro.
= Parametro di 32 bit. I parametri contrassegnati 32 bit avranno due numeri di parametro ([Unità fase x] e [Unità
fase F x]) quando si utilizzano il sistema di comunicazione RS485 ed il software di programmazione. Il secondo
numero di parametro è mostrato, solo a titolo di riferimento, nelle tabelle “Gruppi di parametri” e “Parametri
ordinati per nome”.
PF 525 = Parametro specifico dei convertitori PowerFlex 525.
32
Per un elenco alfabetico dei parametri, vedere Parametri ordinati per nome a
pagina 142.
Gruppi di parametri
Display di base
Freq uscita
Freq comandata
Corr. in uscita
Programma base
b001
b002
b003
Lingua
Tens Targa mot.
Terminali
P030
P031
DigIn TermBlk 02
DigIn TermBlk 03
Modo 2 fili
DigIn TermBlk 05
DigIn TermBlk 06
Comunicazioni
t062
t063
t064
t065
t066
Mod scritt com
Sel coman//stato(1)
Freq dati RS485
Ind nodo RS485
AzioneGuastiCom
Tempo perd com.
Formato RS485
C121
C122
C123
C124
C125
C126
C127
Tens. in uscita
Tens. bus CC
Stato unità
Codice guasto 1
Codice guasto 2
Codice guasto 3
Display di proc.
Freq. nom. mot.
Corr sovracc mot
FLA nom. mot.
Potenza nom mot
RPM motore
Potenza motore
DigIn TermBlk 07(1)
DigIn TermBlk 08(1)
Sel usc ottica 1(1)
Liv usc ottica 1(1)
Sel usc ottica 2(1)
Liv usc ottica 2(1)
Log usc ottica(1)
Sel uscita relè1
Liv uscita relè1
Selez Indir EN(1)
EN Ind IP Conf 1(1)
EN Ind IP Conf 2(1)
EN Ind IP Conf 3(1)
EN Ind IP Conf 4(1)
EN Subnet Conf 1(1)
EN Subnet Conf 2(1)
EN Subnet Conf 3(1)
EN Subnet Conf 4(1)
EN Gateway Conf1(1)
EN Gateway Conf2(1)
b004
b005
b006
b007
b008
b009
b010
P032
P033
P034
P035
P036
P037
t067
t068
t069
t070
t072
t073
t075
t076
t077
C128
C129
C130
C131
C132
C133
C134
C135
C136
C137
C138
Fonte controllo
Stato ingr contr
Stato ingr dig
Giri/m uscita
Velocità uscita
Potenza Uscita
Risp. energia
Categ tensione
Mod prest coppia
Autotune
Tempo accel. 1
Tempo decel. 1
Freq minima
Relè 1 in tempo
Relè1 fuoriTempo
Sel uscita relè2(1)
Liv uscita relè2(1)
Liv usc relè 2(1)
Liv usc relF 2(1)
RitFrMeccDisatt
RitFrenoMeccAtt
Sel. uscita anlg(1)
EN Gateway Conf3(1)
EN Gateway Conf4(1)
EN Freq Config(1)
EN Errore comun.(1)
EN Scanner Idle(1)
EN Err ConfLog(1)
EN Err ConfRif(1)
DL conf err EN 1(1)
DL conf err EN 2(1)
DL conf err EN 3(1)
DL conf err EN 4(1)
b012
b013
b014
b015
b016
b017
b018
P038
P039
P040
P041
P042
P043
t079
t080
t081
t082
t084
t085
t086
t087
t088
C139
C140
C141
C143
C144
C145
C146
C147
C148
C149
C150
Tempo avvio scad
Potenza media
kWh usat
MWh consumati
Risp. energia
kWh risp accum
Costo accum risp
Frequenza max
Modo Arresto
Fonte avvio 1
Rif velocità 1
Fonte avvio 2
Rif velocità 2
Uscita anlg alta(1)
Prest usc anal(1)
Ing an 0-10 V ba
Ing an 0-10 V al
Abil. bipol 10 V(1)
Risp a perdita V
Ing an 4-20 mA b
Ing an 4-20 mA a
Ris.Perd.Ing.An
Ingr dati EN 1(1)
Ingr dati EN 2(1)
Ingr dati EN 3(1)
Ingr dati EN 4(1)
Usc dati EN 1(1)
Usc dati EN 2(1)
Usc dati EN 3(1)
Usc dati EN 4(1)
Ingr dati opz 1
Ingr dati opz 2
Ingr dati opz 3
(1) Parametro specifico dei convertitori PowerFlex 525.
70
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
b019
b020
b021
b022
b023
b024
b025
P044
P045
P046
P047
P048
P049
t089
t090
t091
t092
t093
t094
t095
t096
t097
C153
C154
C155
C156
C157
C158
C159
C160
C161
C162
C163
CO2 accum risp
Temp convertitore
Temp controllo
Vers softw contr
b026
b027
b028
b029
Fonte avvio 3
Rif velocità 3
Cons med kWh
Reset a default
P050
P051
P052
P053
RitPerd IngrAnal
Filtro ingr anlg
Sel disatt/attiv
Liv disatt
Tempo disatt
Livello attiv
Tempo attiv
Sicur disab(1)
t098
t099
t100
t101
t102
t103
t104
t105
Ingr dati opz 4
Usc dati opz 1
Usc dati opz 2
Usc dati opz 3
Usc dati opz 4
Sel Multidrive
Indir Drive 1
Indir Drive 2
Indir Drive 3
Indir Drive 4
Config DSI I/O
C164
C165
C166
C167
C168
C169
C171
C172
C173
C174
C175
Programmazione e parametri
Logica(1)
Logica prestab 0
Logica prestab 1
Display avanzato
L180
L181
Ingr anlg 0-10 V
Ingr an 4-20 mA
Programma avan.
d360
d361
Freq. predef. 0
Freq. predef. 1
Freq. predef. 2
Freq. predef. 3
Freq. predef. 4
Freq. predef. 5
Freq. predef. 6
Freq. predef. 7
Freq. predef. 8(1)
Freq. predef. 9(1)
Freq. predef. 10(1)
Freq. predef. 11(1)
Freq. predef. 12(1)
Freq. predef. 13(1)
Freq. predef. 14(1)
Freq. predef. 15(1)
Freq tastiera
Freq MOP
Sel reset MOP
Precarico MOP
Tempo MOP
Frequenza jog
Accel/decel/jog
Frequenza elim
Tempo freno CC
Liv freno CC
Opzioni Rete
A410
A411
A412
A413
A414
A415
A416
A417
A418
A419
A420
A421
A422
A423
A424
A425
A426
A427
A428
A429
A430
A431
A432
A433
A434
A435
Logica prestab 2
Logica prestab 3
Logica prestab 4
Logica prestab 5
Logica prestab 6
Logica prestab 7
Tempo scad-Ore
Tempo scad-Min
Stato conteggio
Stato timer
Tipo convertitore
Dati testpoint
Freno CC a avvio
Sel res freno d.
Lim freno dinam
% Curva S
Frequenza PWM
Riduz Freq(1)
Tempo accel. 2
Tempo decel. 2
Tempo accel. 3
Tempo decel. 3
Tempo accel. 4
Tempo decel. 4
Freq. salto 1
BandaFreq salto1
Freq. salto 2
BandaFreq salto2
Freq. salto 3(1)
BandaFreq salto3(1)
Freq. salto 4(1)
BandaFreq salto4(1)
Trim PID alto 1
Trim PID basso 1
Selez Trim PID 1
Sel rif. PID 1
Sel fback PID 1
Guad prop PID 1
Tempo IntegPID 1
Tasso diff PID 1
PID prestab. 1
PID BandaMorta 1
L182
L183
L184
L185
L186
L187
d362
d363
d364
d365
d367
d368
A436
A437
A438
A439
A440
A441
A442
A443
A444
A445
A446
A447
A448
A449
A450
A451
A452
A453
A454
A455
A456
A457
A458
A459
A460
A461
A462
A463
A464
A465
Tempo log prest0
Tempo log prest1
Tempo log prest2
Tempo log prest3
Tempo log prest4
Tempo log prest5
Liv overload mot
Mis. Hz scorr.
Feedback veloc.
Veloc. encoder(1)
CC ondul BUS
Fatt pot uscita
PID precarico 1
Err Inver PID 1
Trim PID alto 2(1)
Trim PID basso 2(1)
Selez Trim PID 2(1)
Sel rif. PID 2(1)
Sel back PID 2(1)
Guad prop PID 2(1)
Tempo IntegPID 2(1)
Tasso diff PID 2(1)
PID prestab. 2(1)
PID BandaMorta 2(1)
PID precarico 2(1)
Err Inver PID 2(1)
Mostra ProcBasso
Mostra ProcAlto
Sel. testpoint
Limite corr. 1
Limite corr. 2(1)
Liv spin sicu 1
Tmpo spin sicu 1
Liv spin sicu 2(1)
Tmpo spin sicu 2(1)
Liv perd carico(1)
Tempo perd car.(1)
Tempo mot stallo
Sel. sovr. mot.
Tratt sovrac mot
Mod sovr invert
Cad tensione IR
L190
L191
L192
L193
L194
L195
d369
d375
d376
d378
d380
d381
A466
A467
A468
A469
A470
A471
A472
A473
A474
A475
A476
A477
A478
A479
A481
A482
A483
A484
A485
A486
A487
A488
A489
A490
A491
A492
A493
A494
A495
A496
Tempo log prest6
Tempo log prest7
Unità fase 0
Unità fase 1
Unità fase 2
Unità fase 3
Corr. di coppia
PID1 Feedback
Vis setpointPID1
PID2 Feedback
Vis setpointPID2
Stato posizione
Rif corr. fluss
Resist Rot Mot(1)
Induttanza Mot(1)
Perd Indutt Mot(1)
Sel IntervVel
Freq 1
Freq 1 Banda
Freq 2
Freq 2 Banda
Freq 3
Freq 3 Banda
Kp Freq 1
Ki Freq 1
Kp Freq 2
Ki Freq 2
Kp Freq 3
Ki Freq 3
Selezione boost
Boost in Avvio
Tensione interr.
Freq. interr.
Tensione massima
TipoFeedbackMot(1)
Encoder PPR(1)
Scala ing. imp.
Loop vel. Ki(1)
Loop vel. Kp(1)
Disab PWM variab
Tent riavvio aut
Rit riavvio aut
L196
L197
L200
L202
L204
L206
d382
d383
d384
d385
d386
d387
A497
A498
A499
A500
A509
A510
A511
A512
A513
A514
A515
A521
A522
A523
A524
A525
A526
A530
A531
A532
A533
A534
A535
A536
A537
A538
A539
A540
A541
A542
Capitolo 3
Unità fase 4
Unità fase 5
Unità fase 6
Unità fase 7
L208
L210
L212
L214
Unità percorse H(1)
Unità percorse L(1)
Stato fibra
Stato logica STP(1)
d388
d389
d390
d391
Avvio all’acc.
Disab inversione
StartVolo abil.
FlyStrt LimCorr
Compensazione
Modo perd. alim.
Abil. metà bus
Regol BUS
Azzera guasti
Blocco programma
Modo BloccoProgr
Sel Amb.Drive
Reset misure
Scorri Testo
Mancanza fase En
Modo posizion.(1)
Conteggi Unità(1)
Parola contr av.(1)
Salva posiz corr(1)
Trova freq Home(1)
Trova dir Home(1)
Toll Pos Encoder(1)
Filtro Regol Pos(1)
Guad. regol pos.(1)
Traverso Max
Increm. trav
Decr. traverso
Salto P
Tempo Sincr.
Rapp velocità
A543
A544
A545
A546
A547
A548
A549
A550
A551
A552
A553
A554
A555
A556
A557
A558
A559
A560
A561
A562
A563
A564
A565
A566
A567
A568
A569
A570
A571
A572
Questo gruppo contiene parametri per la scheda dell’opzione di rete installata.
Vedere il manuale dell’utente della scheda di rete per ulteriori informazioni sui parametri disponibili.
Param Modificati
Questo gruppo contiene i parametri i cui valori sono stati modificati rispetto a quelli predefiniti in fabbrica.
Quando il valore di default di un parametro viene modificato, il parametro viene automaticamente aggiunto a questo gruppo. Quando viene
ripristinato al suo valore di fabbrica, il parametro viene automaticamente rimosso da questo gruppo.
(1) Parametro specifico dei convertitori PowerFlex 525.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
71
Capitolo 3
Programmazione e parametri
Diagn. Errore
Codice guasto 4
Codice guasto 5
Codice guasto 6
Codice guasto 7
Codice guasto 8
Codice guasto 9
Codice guasto 10
Guasto 1-Ore
Guasto 2-Ore
Guasto 3-Ore
Guasto 4-Ore
Guasto 5-Ore
Guasto 6-Ore(1)
Guasto 7-Ore(1)
Guasto 8-Ore(1)
Guasto 9-Ore(1)
Guasto 10-Ore(1)
Guasto 1 – Min
Guasto 2 – Min
Guasto 3 – Min
Guasto 4 – Min
F604
F605
F606
F607
F608
F609
F610
F611
F612
F613
F614
F615
F616
F617
F618
F619
F620
F621
F622
F623
F624
Guasto 5 – Min
Guasto 6 – Min(1)
Guasto 7 – Min(1)
Guasto 8 – Min(1)
Guasto 9 – Min(1)
Guasto 10 – Min(1)
G. di Freq. 1
G. di Freq. 2
G. di Freq. 3
G. di Freq. 4
G. di Freq. 5
G. di Freq. 6(1)
G. di Freq. 7(1)
G. di Freq. 8(1)
G. di Freq. 9(1)
G. di Freq. 10(1)
ErroreCorrente 1
ErroreCorrente 2
ErroreCorrente 3
ErroreCorrente 4
ErroreCorrente 5
ErroreCorrente 6(1)
ErroreCorrente 7(1)
ErroreCorrente 8(1)
ErroreCorrente 9(1)
F625
F626
F627
F628
F629
F630
F631
F632
F633
F634
F635
F636
F637
F638
F639
F640
F641
F642
F643
F644
F645
F646
F647
F648
F649
ErroreCorrente 10(1)
VoltBus Guasto1
VoltBus Guasto2
VoltBus Guasto3
VoltBus Guasto4
VoltBus Guasto5
VoltBus Guasto6(1)
VoltBus Guasto7(1)
VoltBus Guasto8(1)
VoltBus Guasto9(1)
VoltBus Guasto10(1)
[email protected] 1
[email protected] 2
[email protected] 3
[email protected] 4
[email protected] 5
[email protected] 6(1)
[email protected] 7(1)
[email protected] 8(1)
[email protected] 9(1)
[email protected] 10(1)
Comm Sts – DSI
Comm Sts – Opt
Comm Sts Enet(1)
Sorg ind EN(1)
F650
F651
F652
F653
F654
F655
F656
F657
F658
F659
F660
F661
F662
F663
F664
F665
F666
F667
F668
F669
F670
F681
F682
F683
F684
EN Freq Azione(1)
Azione DSI I/O
Indir HW 1(1)
Indir HW 2(1)
Indir HW 3(1)
Indir HW 4(1)
Indir HW 5(1)
Indir HW 6(1)
Ind IP eff 1(1)
Ind IP eff 2(1)
Ind IP eff 3(1)
Ind IP eff 4(1)
Sottorete eff 1(1)
Sottorete eff 2(1)
Sottorete eff 3(1)
Sottorete eff 4(1)
Az gateway 1(1)
Az gateway 2(1)
Az gateway 3(1)
Az gateway 4(1)
Com log drive 0
Riferim drive 0
Stat log drive 0
Feedback drive 0
Com log drive 1
F685
F686
F687
F688
F689
F690
F691
F692
F693
F694
F695
F696
F697
F698
F699
F700
F701
F702
F703
F704
F705
F706
F707
F708
F709
Riferim drive 1
Stat log drive 1
Feedback drive 1
Com log drive 2
Riferim drive 2
Stat log drive 2
Feedback drive 2
Com log drive 3
Riferim drive 3
Stat log drive 3
Feedback drive 3
Com log drive 4
Riferim drive 4
Stat log drive 4
Feedback drive 4
Overrun rx EN(1)
Pacch rx EN(1)
Errori Rx EN(1)
Pacch tx EN(1)
Err Tx EN(1)
Pacch IO manc EN(1)
Errori DSI
F710
F711
F712
F713
F714
F715
F716
F717
F718
F719
F720
F721
F722
F723
F724
F725
F726
F727
F728
F729
F730
F731
(1) Parametro specifico dei convertitori PowerFlex 525.
Gruppi di parametri AppView
I convertitori di frequenza PowerFlex 520 includono vari gruppi di parametri
AppView™ per consentire un accesso facile e rapido in base ai differenti tipi di
applicazione. Fare riferimento a Gruppi di parametri AppView a pagina 140 per
ulteriori informazioni.
Convogliatore
Lingua
Freq uscita
Freq comandata
Mixer
P030
b001
b002
Lingua
Freq uscita
Compressore
P030
b001
Lingua
Freq uscita
Freq comandata
Tens Targa mot.
P030
b001
b002
P031
72
Tens Targa mot.
Freq. nom. mot.
Corr sovracc mot
FLA nom. mot.
Potenza nom mot
Autotune
Tempo accel. 1
Freq comandata
Corr. in uscita
Tens Targa mot.
Freq. nom. mot.
Corr sovracc mot
FLA nom. mot.
Freq. nom. mot.
Corr sovracc mot
FLA nom. mot.
Potenza nom mot
Autotune
Tempo accel. 1
Tempo decel. 1
Freq minima
P031
P032
P033
P034
P035
P040
P041
b002
b003
P031
P032
P033
P034
P032
P033
P034
P035
P040
P041
P042
P043
Tempo decel. 1
Freq minima
Frequenza max
Modo Arresto
Fonte avvio 1
Rif velocità 1
DigIn TermBlk 02
Potenza nom mot
Autotune
Tempo accel. 1
Tempo decel. 1
Freq minima
Frequenza max
Frequenza max
Modo Arresto
Fonte avvio 1
Rif velocità 1
Sel uscita relè1
Sel. uscita anlg
Uscita anlg alta
Prest usc anal
P042
P043
P044
P045
P046
P047
t062
P035
P040
P041
P042
P043
P044
P044
P045
P046
P047
t076
t088
t089
t090
DigIn TermBlk 03
Sel usc ottica 1
Sel uscita relè1
Ing an 0-10 V ba
Ing an 0-10 V al
Ing an 4-20 mA b
Ing an 4-20 mA a
Modo Arresto
Fonte avvio 1
Rif velocità 1
Sel uscita relè1
Ing an 0-10 V ba
Ing an 0-10 V al
Ing an 0-10 V ba
Ing an 0-10 V al
Ing an 4-20 mA b
Ing an 4-20 mA a
Ris.Perd.Ing.An
Freq. predef. 0
Tent riavvio aut
Rit riavvio aut
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
t063
t069
t076
t091
t092
t095
t096
P045
P046
P047
t076
t091
t092
t091
t092
t095
t096
t097
A410
A541
A542
Ris.Perd.Ing.An
Mis. Hz scorr.
Freq. predef. 0
Frequenza jog
Accel/decel/jog
% Curva S
Disab inversione
Ing an 4-20 mA b
Ing an 4-20 mA a
Ris.Perd.Ing.An
Freq. predef. 0
Tempo mot stallo
t097
d375
A410
A431
A432
A439
A544
t095
t096
t097
A410
A492
Avvio all’acc.
Disab inversione
Modo perd. alim.
Abil. metà bus
A543
A544
A548
A549
Programmazione e parametri
Pompa centrifuga
Lingua
Freq uscita
Freq comandata
Tens Targa mot.
Freq. nom. mot.
Soff./Ventola
P030
b001
b002
P031
P032
Lingua
Freq uscita
Freq comandata
Tens Targa mot.
Freq. nom. mot.
Estrusore
P030
b001
b002
P031
P032
Lingua
Freq uscita
Freq comandata
Corr. in uscita
Tens Targa mot.
Posizionamento(1)
P030
b001
b002
b003
P031
Lingua
Freq uscita
Freq comandata
Tens Targa mot.
Freq. nom. mot.
Corr sovracc mot
FLA nom. mot.
Potenza nom mot
Autotune
Tempo accel. 1
Tempo decel. 1
Freq minima
Frequenza max
Tessile/Fibra
P030
b001
b002
P031
P032
P033
P034
P035
P040
P041
P042
P043
P044
Lingua
Freq uscita
Freq comandata
Tens Targa mot.
Freq. nom. mot.
Corr sovracc mot
P030
b001
b002
P031
P032
P033
Corr sovracc mot
FLA nom. mot.
Potenza nom mot
Autotune
Tempo accel. 1
Tempo decel. 1
Freq minima
Frequenza max
Modo Arresto
Corr sovracc mot
FLA nom. mot.
Potenza nom mot
Autotune
Tempo accel. 1
Tempo decel. 1
Freq minima
Frequenza max
Modo Arresto
Freq. nom. mot.
Corr sovracc mot
FLA nom. mot.
Potenza nom mot
Autotune
Tempo accel. 1
Tempo decel. 1
Freq minima
Frequenza max
Modo Arresto
Fonte avvio 1
Rif velocità 1
DigIn TermBlk 02
DigIn TermBlk 03
DigIn TermBlk 05
DigIn TermBlk 06
Sel usc ottica 1
Sel usc ottica 2
Sel uscita relè1
RitFrMeccDisatt
RitFrenoMeccAtt
Logica prestab 0
Logica prestab 1
Logica prestab 2
Logica prestab 3
Logica prestab 4
FLA nom. mot.
Potenza nom mot
Autotune
Tempo accel. 1
Tempo decel. 1
Freq minima
Frequenza max
Modo Arresto
Fonte avvio 1
Rif velocità 1
P033
P034
P035
P040
P041
P042
P043
P044
P045
P033
P034
P035
P040
P041
P042
P043
P044
P045
P032
P033
P034
P035
P040
P041
P042
P043
P044
P045
P046
P047
t062
t063
t065
t066
t069
t072
t076
t086
t087
L180
L181
L182
L183
L184
P034
P035
P040
P041
P042
P043
P044
P045
P046
P047
Fonte avvio 1
Rif velocità 1
Sel uscita relè1
Sel. uscita anlg
Uscita anlg alta
Prest usc anal
Ing an 0-10 V ba
Ing an 0-10 V al
Ing an 4-20 mA b
Fonte avvio 1
Rif velocità 1
Sel uscita relè1
Sel. uscita anlg
Uscita anlg alta
Prest usc anal
Ing an 0-10 V ba
Ing an 0-10 V al
Ing an 4-20 mA b
Modo Arresto
Fonte avvio 1
Rif velocità 1
Sel uscita relè1
Sel. uscita anlg
Uscita anlg alta
Prest usc anal
Ing an 0-10 V ba
Ing an 0-10 V al
Logica prestab 5
Logica prestab 6
Logica prestab 7
Tempo log prest0
Tempo log prest1
Tempo log prest2
Tempo log prest3
Tempo log prest4
Tempo log prest5
Tempo log prest6
Tempo log prest7
Unità fase 0
Unità fase 1
Unità fase 2
Unità fase 3
Unità fase 4
Unità fase 5
DigIn TermBlk 02
DigIn TermBlk 03
Sel usc ottica 1
Sel usc ottica 2
Sel uscita relè1
Ing an 0-10 V ba
Ing an 0-10 V al
Ing an 4-20 mA b
Ing an 4-20 mA a
Ris.Perd.Ing.An
P046
P047
t076
t088
t089
t090
t091
t092
t095
P046
P047
t076
t088
t089
t090
t091
t092
t095
P045
P046
P047
t076
t088
t089
t090
t091
t092
L185
L186
L187
L190
L191
L192
L193
L194
L195
L196
L197
L200
L202
L204
L206
L208
L210
t062
t063
t069
t072
t076
t091
t092
t095
t096
t097
Ing an 4-20 mA a
Ris.Perd.Ing.An
Freq. predef. 0
Trim PID alto 1
Trim PID basso 1
Sel rif. PID 1
Sel fback PID 1
Guad prop PID 1
Tempo IntegPID 1
Ing an 4-20 mA a
Ris.Perd.Ing.An
Freq. predef. 0
Trim PID alto 1
Trim PID basso 1
Sel rif. PID 1
Sel fback PID 1
Guad prop PID 1
Tempo IntegPID 1
Ing an 4-20 mA b
Ing an 4-20 mA a
Ris.Perd.Ing.An
Mis. Hz scorr.
Feedback veloc.
Veloc. encoder
Freq. predef. 0
Tempo mot stallo
TipoFeedbackMot
Unità fase 6
Unità fase 7
Mis. Hz scorr.
Feedback veloc.
Veloc. encoder
Unità percorse H
Unità percorse L
Freq. predef. 0
Freq. predef. 1
Freq. predef. 2
Freq. predef. 3
Freq. predef. 4
Freq. predef. 5
Freq. predef. 6
Freq. predef. 7
Freq. predef. 8
Frequenza jog
Mis. Hz scorr.
Stato fibra
Freq. predef. 0
Frequenza jog
Accel/decel/jog
% Curva S
Disab inversione
Modo perd. alim.
Abil. metà bus
Regol BUS
t096
t097
A410
A456
A457
A459
A460
A461
A462
t096
t097
A410
A456
A457
A459
A460
A461
A462
t095
t096
t097
d375
d376
d378
A410
A492
A535
L212
L214
d375
d376
d378
d388
d389
A410
A411
A412
A413
A414
A415
A416
A417
A418
A431
d375
d390
A410
A431
A432
A439
A544
A548
A549
A550
Capitolo 3
Tasso diff PID 1
PID prestab. 1
PID BandaMorta 1
PID precarico 1
Tent riavvio aut
Rit riavvio aut
Avvio all’acc.
Disab inversione
A463
A464
A465
A466
A541
A542
A543
A544
Tasso diff PID 1
PID prestab. 1
PID BandaMorta 1
PID precarico 1
Tent riavvio aut
Rit riavvio aut
Avvio all’acc.
Disab inversione
StartVolo abil.
Encoder PPR
Scala ing. imp.
Loop vel. Ki
Loop vel. Kp
Modo perd. alim.
Abil. metà bus
A463
A464
A465
A466
A541
A542
A543
A544
A545
A536
A537
A538
A539
A548
A549
Accel/decel/jog
Lim freno dinam
% Curva S
TipoFeedbackMot
Encoder PPR
Scala ing. imp.
Loop vel. Ki
Loop vel. Kp
Regol BUS
Modo posizion.
Conteggi Unità
Parola contr av.
Trova freq Home
Trova dir Home
Toll Pos Encoder
Filtro Regol Pos
Guad. regol pos.
Traverso Max
Increm. trav
Decr. traverso
Salto P
Tempo Sincr.
Rapp velocità
A432
A438
A439
A535
A536
A537
A538
A539
A550
A558
A559
A560
A562
A563
A564
A565
A566
A567
A568
A569
A570
A571
A572
(1) Questo gruppo di parametri AppView è specifico dei convertitori PowerFlex 525.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
73
Capitolo 3
Programmazione e parametri
Gruppo di parametri CustomView
I convertitori di frequenza PowerFlex 520 includono un gruppo di parametri
CustomView™ per memorizzare i parametri usati frequentemente
nell’applicazione. Fare riferimento a Gruppo di parametri CustomView a
pagina 141 per ulteriori informazioni.
Gruppo Personaliz
Questo gruppo può memorizzare fino a 100 parametri.
74
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Programmazione e parametri
Capitolo 3
Gruppo “Display di base”
b001 [Freq uscita]
Parametri correlati: b002, b010, P043, P044, P048, P050, P052
Frequenza di uscita presente a T1, T2 e T3 (U, V e W). Non include la frequenza di scorrimento.
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0,00/[Frequenza max]
Display:
0,01 Hz
b002 [Freq comandata]
Parametri correlati: b001, b013, P043, P044, P048, P050, P052
Valore del comando di frequenza attivo anche se il convertitore di frequenza non è in marcia.
IMPORTANTE
Valori
Il comando di frequenza può provenire da una serie di sorgenti. Fare riferimento a Controllo avviamento e riferimento di velocità a pagina 48 per ulteriori
informazioni.
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0,00/[Frequenza max]
Display:
0,01 Hz
b003 [Corr. in uscita]
Corrente in uscita presente a T1, T2 e T3 (U, V e W).
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0,00/(corrente nom. convertitore di frequenza x 2)
Display:
0,01 A
b004 [Tens. in uscita]
Parametri correlati: P031, A530, A534
Tensione in uscita presente a T1, T2 e T3 (U, V e W).
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0,0/Tensione nominale convertitore
Display:
0,1 V
b005 [Tens. bus CC]
Livello di tensione sbarra CC filtrata del convertitore.
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0/1200 V CC
Display:
1 V CC
b006 [Stato unità]
Parametri correlati: A544
Condizione di funzionamento attuale del convertitore.
In marcia
Avanti
In accel.
In deceleraz
Sicur attiva(1)
(1)
1 = Vera/Attiva, 0 = Falsa/Inattiva
Cifra 1
Cifra 2
Cifra 3
Cifra 4
Cifra 5
Impostazione specifica dei convertitori di frequenza PowerFlex 525.
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
00000/11111
Display:
00000
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
75
Capitolo 3
Programmazione e parametri
Gruppo “Display di base” (continua)
b007 [Codice guasto 1]
b008 [Codice guasto 2]
b009 [Codice guasto 3]
Parametri correlati: F604-F610
Codice che rappresenta un guasto del convertitore. I codici appaiono in questi parametri nell’ordine in cui si verificano (b007 [Codice guasto 1] = il guasto più recente). I guasti ripetitivi
vengono registrati una sola volta.
Fare riferimento a Gruppo “Diagn. Errore” per ulteriori informazioni.
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
F0/F127
Display:
F0
b010 [Display di proc.]
32
Parametri correlati: b001, A481, A482
Parametro di 32 bit.
Frequenza di uscita convertita in scala per [Mostra ProcAlto] e [Mostra ProcBasso].
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0/9999
Display:
1
b012 [Fonte controllo]
Parametri correlati: P046, P047, P048, P049, P050, P051,
t062, t063, t065-t068, L180-L187, A410-A425
Sorgente attiva del comando di avviamento e del comando di frequenza. Normalmente definita dalle impostazioni di P046, P048, P050 [Fonte avvio x] e P047, P049, P051 [Rif velocità
x].
Fare riferimento a Controllo avviamento e riferimento di velocità a pagina 48 per ulteriori informazioni.
Avvio Cmd Source
Cifra 1
1 = Tastierino
2 = DigIn TrmBlk (parametri t062,t063,t065-t068)
3 = Serie/DSI
4 = Opz Rete (1)
5 = EtherNet/IP
Sorgente comando di frequenza
Cifra 2 e 3
00 = Altro
01 = Potenz Drive
02 = Tastierino
03 = Serie/DSI
04 = Opz Rete
05 = Ing. 0-10V
06 = Ing. 4-20 mA
07 = Prereg Freq (1)
(parametri A410-A425)
08 = AnalIn Mult
09 = MOP
10 = Ing impulso
11 = Uscita PID 1(1)
12 = Uscita PID 2
13 = Fase logica
(parametri L180-L187)(1)
14 = Encoder(1) (1)
15 = EtherNet/IP (1)
16 = Posizionam.
Freq Cmd Source
Cifra 4
0 = Altro (Utilizzate le cifre 2 e 3. Cifra 4 non mostrata.)
1 = Marcia
2 = Purge
Non utilizzato
(1)
113
155
052
011
Descrizione
La sorgente di avviamento proviene dall’opzione di rete e la sorgente di frequenza
è “Purge”.
La sorgente di avviamento proviene dal convertitore seriale/DSI e la sorgente di
frequenza proviene dall’uscita PID1.
La sorgente di avviamento e la sorgente di frequenza provengono da EtherNet/IP.
La sorgente di avviamento proviene dalla morsettiera degli ingressi digitali e la
sorgente di frequenza proviene dall’ingresso 0 – 10 V.
La sorgente di avviamento proviene dal tastierino e la sorgente di frequenza
proviene dal potenziometro del convertitore.
Impostazione specifica dei convertitori di frequenza PowerFlex 525.
Valori
76
Esempio
Il display
visualizza…
2004
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0000/2165
Display:
0000
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Programmazione e parametri
Capitolo 3
Gruppo “Display di base” (continua)
b013 [Stato ingr contr]
Parametri correlati: b002, P044, P045
Stato delle morsettiere digitali 1…3 e del transistor DB.
IMPORTANTE
I comandi di controllo effettivi provengono da una sorgente diversa dalla morsettiera di controllo.
DigIn TBlk 1
DigIn TBlk 2
DigIn TBlk 3
Trasm DB ON(1)
Non utilizzato
(1)
1 = Stato chiuso, 0 = Stato aperto
Cifra 1
Cifra 2
Cifra 3
Cifra 4
L’indicazione “On” del transistor DB deve avere un’isteresi di 0,5 s. Si attiva e rimane in
stato di attivazione per almeno 0,5 s ogni volta che il transistor DB viene attivato.
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0000/1111
Display:
0000
b014 [Stato ingr dig]
Parametri correlati: t065-t068
Stato degli ingressi digitali programmabili.
DigIn TBlk 5
DigIn TBlk 6
DigIn TBlk 7(1)
DigIn TBlk 8(1)
Non utilizzato
(1)
1 = Stato chiuso, 0 = Stato aperto
Cifra 1
Cifra 2
Cifra 3
Cifra 4
Impostazione specifica dei convertitori di frequenza PowerFlex 525.
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0000/1111
Display:
0000
b015 [Giri/m uscita]
Parametri correlati: P035
Frequenza di uscita attuale in giri/min. La scala è basata su P035 [Potenza nom mot].
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0/24.000 giri/min
Display:
1 giro/min
b016 [Velocità uscita]
Parametri correlati: P044
Frequenza di uscita attuale in %. La scala è da 0% a 0,00 Hz al 100% a P044 [Frequenza max].
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0,0/100,0%
Display:
0,1%
b017 [Potenza Uscita]
Parametri correlati: b018
Potenza di uscita presente a T1, T2 e T3 (U, V e W).
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0,00/(potenza nom. convertitore di frequenza x 2)
Display:
0,01 kW
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
77
Capitolo 3
Programmazione e parametri
Gruppo “Display di base” (continua)
b018 [Risp. energia]
Parametri correlati: b017
Risparmi di energia istantanei con questo convertitore di frequenza rispetto ad un avviatore a piena tensione.
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0,00/655,35 kW
Display:
0,01 kW
b019 [Tempo avvio scad]
Parametri correlati: A555
Tempo complessivo per il quale il convertitore di frequenza eroga potenza. Il tempo è visualizzato in incrementi di 10 ore.
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0/65535 x 10 ore
Display:
1 = 10 ore
b020 [Potenza media]
Parametri correlati: A555
Potenza media utilizzata dal motore dall’ultimo azzeramento dei contatori.
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0,00/(potenza nom. convertitore di frequenza x 2)
Display:
0,01 kW
b021 [kWh usat]
Parametri correlati: b022
Energia accumulata in uscita dal convertitore. Al raggiungimento del valore massimo, questo parametro si azzera e b022 [MWh consumati] viene incrementato.
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0,0/100,0 kWh
Display:
0,1 kWh
b022 [MWh consumati]
Parametri correlati: b021
Energia accumulata in uscita dal convertitore.
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0,0/6553,5 MWh
Display:
0,1 MWh
b023 [Risp. energia]
Parametri correlati: A555
Risparmi energetici totali con questo convertitore di frequenza rispetto ad un avviatore a piena tensione dall’ultimo azzeramento dei contatori.
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0,0/6553,5 kWh
Display:
0,1 kWh
b024 [kWh risp accum]
Parametri correlati: b025
Risparmi energetici totali, cumulativi ed approssimativi del convertitore di frequenza rispetto ad un avviatore a piena tensione.
Valori
78
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0,0/6553,5 kWh
Display:
0,1 = 10 kWh
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Programmazione e parametri
Capitolo 3
Gruppo “Display di base” (continua)
b025 [Costo accum risp]
Parametri correlati: b024, P052, A555
Risparmi di costo totali, cumulativi ed approssimativi del convertitore di frequenza rispetto ad un avviatore a piena tensione.
[Costo accum risp] = [Costo medio kWh] x [kWh risp accum]
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0,0/6553,5
Display:
0,1
b026 [CO2 accum risp]
Parametri correlati: A555
Risparmi di CO2 totali, cumulativi ed approssimativi del convertitore di frequenza rispetto ad un avviatore a tensione di rete.
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0,0/6553,5 kg
Display:
0,1 kg
b027 [Temp inverter]
Attuale temperatura di funzionamento del dissipatore del convertitore di frequenza (all’interno del modulo).
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0/120 C
Display:
1 C
b028 [Temp controllo]
Attuale temperatura di funzionamento del controllo convertitore.
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0/120 C
Display:
1 C
b029 [Vers softw contr]
Attuale versione firmware dell’inverter.
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0,000/65,535
Display:
0,001
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
79
Capitolo 3
Programmazione e parametri
Gruppo “Programma base”
P030 [Lingua]
Supporto lingua
Seleziona la lingua visualizzata. Dopo la selezione, è necessario resettare o eseguire un ciclo di accensione/
spegnimento.
Tastierino/
display LCD
RSLogix 5000/
Logix Designer
Connected
Components
Workbench
Opzioni
1 Inglese (default)
S
S
S
2 Francese
S
S
S
3 Spagnolo
S
S
S
4 Italiano
S
S
S
5 Tedesco
S
S
S
6 Giapponese
–
S
–
7 Portoghese
S
S
–
–
S
S
–
S
–
S
–
–
14 Turco(1)
S
–
–
15 Ceco(1)
S
–
–
8 Cinese
Cinese semplificato
9 Riservato
10 Riservato
11 Coreano
12
Polacco(1)
13 Riservato
(1) A causa della limitazione del display LCD, alcuni dei caratteri per Polacco, Turco e Ceco verranno modificati.
P031 [Tens Targa mot.]
Parametri correlati: b004, A530, A531, A532, A533
Arrestare il convertitore di frequenza prima di modificare questo parametro.
Imposta la tensione nominale del motore.
Valori
Valore predefinito:
Tensione nominale convertitore di frequenza
Min/Max:
10 V (per convertitori di frequenza 230 V), 20 V (per convertitori di frequenza 460 V), 25 V (per convertitori di frequenza 600 V)/
Tensione nominale convertitore di frequenza
Display:
1V
P032 [Freq. nom. mot.]
Parametri correlati: A493, A530, A531, A532, A533
Arrestare il convertitore di frequenza prima di modificare questo parametro.
Imposta la frequenza nominale di targa del motore.
Valori
Valore predefinito:
60 Hz
Min/Max:
15/500 Hz
Display:
1 Hz
P033 [Corr sovracc mot]
Parametri correlati: t069, t072, t076, t081, A484, A485, A493
Imposta la corrente in sovraccarico di targa del motore. Utilizzato per determinare le condizioni di sovraccarico del motore, può essere impostato da 0,1 A al 200% della corrente
nominale del convertitore.
IMPORTANTE
Valori
80
Il convertitore di frequenza va in guasto per F007 “Sovracc motore” se il valore di questo parametro viene superato del 150% per 60 s.
Valore predefinito:
Corrente nominale del convertitore di frequenza
Min/Max:
0,0/(corrente nom. convertitore di frequenza x 2)
Display:
0,1 A
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Programmazione e parametri
Capitolo 3
Gruppo “Programma base” (continua)
P034 [FLA nom. mot.]
Parametri correlati: P040
Imposta la FLA nominale del motore. Utilizzato per facilitare la routine di Autotune ed il controllo del motore.
Valori
Valore predefinito:
A seconda della taglia del convertitore di frequenza
Min/Max:
0,1/(corrente nom. convertitore di frequenza x 2)
Display:
0,1 A
P035 [Potenza nom mot]
Parametri correlati: b015
Imposta il numero di poli del motore.
Valori
Valore predefinito:
4
Min/Max:
2/40
Display:
1
P036 [RPM motore]
Arrestare il convertitore di frequenza prima di modificare questo parametro.
Imposta il regime nominale del motore. Utilizzato per calcolare lo scorrimento nominale del motore. Per ridurre la frequenza di scorrimento, impostare questo parametro il più vicino
possibile alla velocità sincrona del motore.
Valori
Valore predefinito:
1750 giri/min
Min/Max:
0/24.000 giri/min
Display:
1 giro/min
P037 [Potenza motore]
Solo PowerFlex 525.
PF 525
Imposta la potenza di targa del motore. Utilizzato nel regolatore PM.
Valori
Valore predefinito:
Potenza nominale convertitore di frequenza
Min/Max:
0,00/Potenza nominale convertitore di frequenza
Display:
0,01 kW
P038 [Categ tensione]
Arrestare il convertitore di frequenza prima di modificare questo parametro.
Imposta la classe di tensione dei convertitori di frequenza da 600 V. Applicabile solo ai convertitori di frequenza da 600 V.
Opzioni
2 “480V”
3 “600V” (Default)
P039 [Mod prest coppia]
Parametri correlati: P040, A530, A531, A532, A533
Arrestare il convertitore di frequenza prima di modificare questo parametro.
Seleziona la modalità di controllo del motore.
Opzioni
0 “V/HZ”
1 “SVC” (Default)
2 “Economizz”
3 “FOC”(1)
(1) Impostazione specifica dei convertitori di frequenza PowerFlex 525.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
81
Capitolo 3
Programmazione e parametri
Gruppo “Programma base” (continua)
P040 [Autotune]
Parametri correlati: P034, P039, A496, A497
Arrestare il convertitore di frequenza prima di modificare questo parametro.
Abilita una messa a punto statica (non in rotazione) o dinamica (motore in rotazione) per impostare automaticamente i parametri del motore. Per iniziare la routine, occorre premere il
pulsante di avviamento. Al completamento della routine, il parametro si azzera. Un’anomalia (ad es. mancato collegamento di un motore) genera un errore di messa a punto
Prima di eseguire la routine, tutti i parametri del motore nel gruppo “Programma base” devono essere impostati. Se non viene dato un comando di avviamento
(o viene dato un comando di stop) entro 30 s, il parametro si azzera automaticamente e si verifica un guasto di “Err di auto-tune”.
IMPORTANTE
ATTENZIONE: Il motore può ruotare in una direzione indesiderata durante questa procedura. Prima di continuare si consiglia di scollegare il motore dal carico
per la protezione da possibili lesioni e/o danneggiamenti alle apparecchiature.
Opzioni
0 “Pronto/Rip.” (default)
1 “Reg statica”
La messa a punto automatica statica viene eseguita al successivo comando di avviamento.
2 “Reg a rotaz”
La messa a punto automatica statica + dinamica viene eseguita al successivo comando di avviamento. Utilizzare Reg a rotaz per
ottimizzare le prestazioni.
P041 [Tempo accel. 1]
Parametri correlati: P044, A439
Imposta il tempo necessario al convertitore di frequenza per accelerare da 0 Hz a P044 [Frequenza max].
Velocità di accelerazione = [Frequenza max]/[Tempo accel. x]
[Frequenza max]
e
Acc
ion
ele
raz
raz
ele
ion
e
Dec
Velocità
0
0
Valori
[Tempo accel. x]
Tempo
[Tempo decel. x]
Valore predefinito:
10,00 s
Min/Max:
0,00/600,00 s
Display:
0,01 s
P042 [Tempo decel. 1]
Parametri correlati: P044, A439
Imposta il tempo necessario al convertitore di frequenza per decelerare da P044 [Frequenza max] a 0 Hz.
Velocità di decelerazione = [Frequenza max]/[Tempo decel. x]
[Frequenza max]
e
ion
raz
Acc
ele
raz
ele
ion
e
Dec
Velocità
0
0
Valori
[Tempo accel. x]
Tempo
[Tempo decel. x]
Valore predefinito:
10,00 s
Min/Max:
0,00/600,00 s
Display:
0,01 s
P043 [Freq minima]
Parametri correlati: b001, b002, b013, P044, A530, A531
Arrestare il convertitore di frequenza prima di modificare questo parametro.
Imposta la frequenza minima erogata dal convertitore di frequenza.
Valori
82
Valore predefinito:
0,00 Hz
Min/Max:
0,00/500,00 Hz
Display:
0,01 Hz
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Programmazione e parametri
Capitolo 3
Gruppo “Programma base” (continua)
P044 [Frequenza max]
Parametri correlati: b001, b002, b013, b016, P043, A530, A531
Arrestare il convertitore di frequenza prima di modificare questo parametro.
Imposta la frequenza massima erogata dal convertitore di frequenza.
IMPORTANTE
Valori
Questo valore deve essere superiore al valore impostato in P043 [Freq minima].
Valore predefinito:
60,00 Hz
Min/Max:
0,00/500,00 Hz
Display:
0,01 Hz
P045 [Modo Arresto]
Parametri correlati: t086, t087, A434, A435
Determina la modalità di arresto utilizzata dal convertitore di frequenza all’emissione di un comando di stop.
Opzioni
0 “Pistone, CF” (default)
Arresto su rampa. Il comando di stop cancella il guasto attivo.
1 “Costa, CF”
Arresto per inerzia. Il comando di stop cancella il guasto attivo.
2 “Freno CC, CF”
Arresto con frenatura per iniezione CC. Il comando di stop cancella il guasto attivo.
3 “FrAuto CC,CF”
Arresto con frenatura per iniezione CC con spegnimento automatico.
• Frenatura standard per iniezione CC per il valore impostato in A434 [Tempo freno CC].
Oppure
• Il convertitore di frequenza si spegne se rileva che il motore è in arresto.
Il comando di stop cancella il guasto attivo.
4 “Pistone”
Arresto su rampa.
5 “Costa”
Arresto per inerzia.
6 “Freno CC”
Arresto con frenatura per iniezione CC.
7 “FrenoAuto CC”
Arresto con frenatura per iniezione CC con spegnimento automatico.
• Frenatura standard per iniezione CC per il valore impostato in A434 [Tempo freno CC].
Oppure
• Il convertitore di frequenza si spegne se rileva che il motore è in arresto.
8 “Pist+EM B,CF”
Arresto su rampa con controllo freno EM. Il comando di stop cancella il guasto attivo.
9 “Pist+Fr EM”
Arresto su rampa con controllo freno EM.
10 “PointStp,CF”
PointStop. Il comando di stop cancella Metodo per arrestare ad una distanza costante anziché ad una velocità fissa.
il guasto attivo.
Arresto
11 “PointStop”
PointStop.
[Frequenza max]
Velocità
Tempo di arresto calcolato
[Tempo decel. x]
P046 [Fonte avvio 1]
P048 [Fonte avvio 2]
P050 [Fonte avvio 3]
Tempo
Parametri correlati: b012, C125
Arrestare il convertitore di frequenza prima di modificare questo parametro.
Configura la sorgente di avviamento del convertitore. Le modifiche a questi ingressi diventano operative non appena eseguite. P046 [Fonte avvio 1] è la sorgente di avviamento
predefinita in fabbrica, se non modificata.
Fare riferimento a Controllo avviamento e riferimento di velocità a pagina 48 per ulteriori informazioni.
Opzioni
1 “Tastierino”
[Fonte avvio 1] default
2 “DigIn TrmBlk”
[Fonte avvio 2] default
3 “Serie/DSI”
[Fonte avvio 3] default per PowerFlex 523
4 “Opz Rete”
5 “EtherNet/IP”(1)
[Fonte avvio 3] default per PowerFlex 525
(1) Impostazione specifica dei convertitori di frequenza PowerFlex 525.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
83
Capitolo 3
Programmazione e parametri
Gruppo “Programma base” (continua)
P047 [Rif velocità 1]
P049 [Rif velocità 2]
P051 [Rif velocità 3]
Parametri correlati: C125
Seleziona la sorgente del comando di velocità del convertitore. Le modifiche a questi ingressi diventano operative non appena eseguite. P047 [Rif velocità 1] è il riferimento di velocità
predefinito in fabbrica, se non modificato.
Fare riferimento a Controllo avviamento e riferimento di velocità a pagina 48 per ulteriori informazioni.
Opzioni
1 “PotenzDrive”
[Rif velocità 1] default
2 “Freq tast”
3 “Serie/DSI”
[Rif velocità3] default per PowerFlex 523
4 “Opz Rete”
5 “Ing 0-10 V”
[Rif velocità 2] default
6 “Ing 4-20 mA”
7 “Prereg Freq”
8 “AnalIn Mult”(1)
9 “MOP”
10 “Ing impulso”
11 “Uscita PID 1”
12 “Uscita PID 2”(1)
13 “Fase logica”(1)
14 “Encoder”(1)
15 “EtherNet/IP”(1)
[Rif velocità3] default per PowerFlex 525
16 “Posizionam.”(1)
Riferimento da A558 [Mod Posizion.]
(1) Impostazione specifica dei convertitori di frequenza PowerFlex 525.
P052 [Cons med kWh]
Parametri correlati: b025
Imposta il costo medio kWh.
Valori
Valore predefinito:
0,00
Min/Max:
0,00/655,35
Display:
0,01
P053 [Reset a default]
Arrestare il convertitore di frequenza prima di modificare questo parametro.
Resetta tutti i parametri ai valori predefiniti in fabbrica. Dopo un comando di reset, il valore di questo parametro torna a zero.
Opzioni
0 “Pronto/Rip.” (default)
1 “Reimp. param”
84
Non resetta il gruppo personalizzato o il parametro P030 [Lingua].
2 “Impost fabb.”
Ripristina il convertitore di frequenza alla condizione di fabbrica.
3 “Reimp. alim”
Resetta solo i parametri di alimentazione. Utilizzabile quando si sostituiscono i moduli di potenza.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Programmazione e parametri
Capitolo 3
Gruppo “Terminali”
t062 [DigIn TermBlk 02] t063 [DigIn TermBlk 03]
t065 [DigIn TermBlk 05] t066 [DigIn TermBlk 06]
Parametri correlati b012, b013, b014, P045, P046, P048, P049, P050, P051, t064,
t086, A410-A425, A427, A431, A432, A433, A434, A435,
A442, A443, A488, A535, A560, A562, A563, A567, A571
t067 [DigIn TermBlk 07] t068 [DigIn TermBlk 08]
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Arrestare il convertitore di frequenza prima di modificare questo parametro.
Ingresso digitale programmabile. Le modifiche a questi ingressi diventano operative non appena eseguite. Se un ingresso digitale viene impostato per una selezione utilizzabile solo su
un ingresso, nessun altro ingresso può essere impostato per la stessa selezione.
Opzioni
0 “Non utiliz.”
Il morsetto non ha funzioni ma può essere letto sulla rete tramite b013 [Stato ingr contr] e b014 [Stato ingr dig].
1 “Rif Veloc 2”
Seleziona P049 [Rif velocità 2] come comando di velocità del convertitore.
2 “Rif Veloc 3”
Seleziona P051 [Rif velocità 3] come comando di velocità del convertitore.
3 “Start Src 2”
Seleziona P048 [Fonte avvio 2] come sorgente di controllo per avviare il convertitore.
4 “Start Src 3”
Seleziona P050 [Fonte avvio 3] come sorgente di controllo per avviare il convertitore.
5 “Vel+Start 2”
[DigIn TermBlk 07] default.
Seleziona la combinazione di P049 [Rif velocità 2] e P048 [Fonte avvio 2] come comando di velocità con sorgente di controllo per
avviare il convertitore.
6 “Vel+Start 3”
Seleziona la combinazione di P051 [Rif velocità 3] e P050 [Fonte avvio 3] come comando di velocità con sorgente di controllo per
avviare il convertitore.
7 “Prereg Freq”
[DigIn TermBlk 05] e [DigIn TermBlk 06] default.
• Seleziona una frequenza preregolata in modalità Velocità (P047, P049, P051 [Rif velocità x] = 1…15). Vedere A410…A425 [Freq.
predef. x].
• Seleziona una frequenza preregolata e la posizione in modalità Posizione (P047, P049, P051 [Rif velocità x] = 16). Vedere
L200…L214 [Unità fase x] (solo per i convertitori PowerFlex 525).
(PF523: solo per DigIn
TermBlk 03, 05 e 06)
(PF525: solo per DigIn
TermBlk 05…08)
IMPORTANTE
Gli ingressi digitali hanno la priorità per il controllo della frequenza quando programmati come velocità
preregolata ed attivi. Fare riferimento a Selezione della sorgente di avviamento e del riferimento di
velocità a pagina 48 per ulteriori informazioni.
8 “Marcia”
• Quando l’ingresso è presente, il convertitore di frequenza accelera in base al valore impostato in A432 [Accel/decel/jog] ed arriva
gradualmente a rampa al valore impostato in A431 [Frequenza jog].
• Quando l’ingresso viene rimosso, il convertitore di frequenza arriva gradualmente a rampa all’arresto in base al valore impostato in
A432 [Accel/decel/jog].
• Un comando di avviamento valido avrà la priorità su questo ingresso.
9 “Marcia Av”
[DigIn TermBlk 08] default.
Il convertitore di frequenza accelera a A431 [Frequenza jog] in base a A432 [Accel/decel/jog] ed arriva gradualmente a rampa all’arresto
quando l’ingresso diventa inattivo. Un comando di avviamento valido avrà la priorità su questo ingresso.
10 “Marcia Ind”
Il convertitore di frequenza accelera a A431 [Frequenza jog] in base a A432 [Accel/decel/jog] ed arriva gradualmente a rampa all’arresto
quando l’ingresso diventa inattivo. Un comando di avviamento valido avrà la priorità su questo ingresso.
11 “Acc/Dec Sel2”(1)
Se attivo, determina quale tempo di accelerazione/decelerazione verrà utilizzato per tutte le velocità di rampa tranne che per la marcia
jog. Può essere utilizzato con l’opzione 29 “Acc/Dec Sel3” per altri tempi di accelerazione/decelerazione. Vedere A442 [Tempo accel. 2]
per ulteriori informazioni.
12 “Err Aus”
Quando abilitato, se l’ingresso viene rimosso si verifica un guasto F002 “Ingresso ausil”.
13 “Err Azzeram”
Quando attivo, cancella un guasto attivo.
14 “FermoPist,CF”
Provoca l’immediato arresto su rampa del convertitore, a prescindere dall’impostazione di P045 [Modo Arresto].
15 “FermoCos, CF”
Provoca l’immediato arresto per inerzia del convertitore, a prescindere dall’impostazione di P045 [Modo Arresto].
16 “FermoInCC,CF”
Provoca l’immediato arresto per iniezione CC del convertitore, a prescindere dall’impostazione di P045 [Modo Arresto].
17 “MOP Su”
Aumenta il valore di A427 [Freq MOP] alla velocità impostata in A430 [Tempo MOP].
18 “MOP Giù”
Riduce il valore di A427 [Freq MOP] alla velocità impostata in A430 [Tempo MOP].
19 “Avvio timer”(1)
Azzera ed avvia la funzione temporizzatore. Utilizzabile per controllare le uscite relè o quelle optoisolate.
20 “Contatore In”(1)
Avvia la funzione contatore. Utilizzabile per controllare le uscite relè o quelle optoisolate.
21 “Reimp timer”
Azzera il temporizzatore attivo.
22 “Reimp Contat”
Azzera il contatore attivo.
23 “Rst Tim&Cont”
Azzera il temporizzatore ed il contatore attivi.
24 “Logic In 1”(1)(2)
Ingresso funzione logica numero 1. Utilizzabile per controllare le uscite relè o quelle optoisolate (t076, t081 [Sel uscita relèx] e t069,
t072 [Sel usc ottica x], opzioni 11…14). Utilizzabile in combinazione con i parametri StepLogic L180…L187 [Logica prestab x].
25 “Logic In 2”(1)(2)
Ingresso funzione logica numero 2. Utilizzabile per controllare le uscite relè o quelle optoisolate (t076, t081 [Sel uscita relèx] e t069,
t072 [Sel usc ottica x], opzioni 11…14). Utilizzabile in combinazione con i parametri StepLogic L180…L187 [Logica prestab x].
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
85
Capitolo 3
Opzioni
Programmazione e parametri
26 “Lim2 Corr”(2)
Quando attivo, A485 [Limite corr. 2] determina il livello limite di corrente del convertitore.
27 “Inv Analog”
Inverte la conversione in scala dei livelli degli ingressi analogici impostati in
t091 [Ing an 0-10 V ba] e t092 [Ing an 0-10 V al] o
t095 [Ing an 4-20 mA b] e t096 [Ing an 4-20 mA a].
28 “EM Ril Freno”
Se è abilitata la funzione freno EM, questo ingresso rilascia il freno. Vedere t086 [RitFrMeccDisatt] per ulteriori informazioni.
ATTENZIONE: Qualora esistesse pericolo di incidenti a causa del movimento di apparecchiature o
materiale, utilizzare un dispositivo meccanico di frenatura ausiliario.
29 “Acc/Dec Sel3”(1)
Se attivo, determina quale tempo di accelerazione/decelerazione verrà utilizzato per tutte le velocità di
rampa tranne che per la marcia jog.
Utilizzato con l’opzione 11 “Acc/Dec Sel2” per i tempi di accelerazione/decelerazione elencati in questa
tabella.
Opzione
29 11
0 0
0 1
1 0
1 1
Descrizione
Acc/Dec 1
Acc/Dec 2
Acc/Dec 3
Acc/Dec 4
30 “Precarica En”
Forza il convertitore di frequenza in stato di precarica. Generalmente controllato dal contatto ausiliario sul sezionatore all’ingresso CC
del convertitore. Se assegnato, questo ingresso deve essere eccitato perché il relè di precarica si chiuda e il convertitore di frequenza
inizi la marcia. Se diseccitato, il relè di precarica si apre e il convertitore di frequenza si arresta per inerzia.
31 “InerziaDecel”
Forza il convertitore di frequenza in stato di ride-through (autonomia) di inerzia. Il convertitore di frequenza tenta di regolare la sbarra
CC al livello di corrente.
32 “Sincr Attivo”
Da utilizzare per mantenere la frequenza esistente quando “Tempo Sincr.” è impostato per abilitare la sincronizzazione della velocità.
Quando questo ingresso è sbloccato, il convertitore di frequenza accelera alla frequenza comandata in A571 [Tempo Sincr.].
33 “Trav Disabil”
Quando un ingresso è programmato, la funzione Traverse è disabilitata mentre quell’ingresso è attivo. Vedere A567 [Traverso Max].
34 “Limite home”(2)
In modalità di posizionamento, indica che il convertitore di frequenza è in posizione di home. Vedere l’Appendice E per ulteriori
informazioni sul posizionamento.
35 “Trova home”(2)
In modalità di posizionamento, provoca il ritorno del convertitore di frequenza in posizione di home quando viene emesso un comando
di avviamento.
Utilizza A562 [Trova freq Home] e A563 [Trova dir Home] fino all’attivazione dell’ingresso “Limite home”. Se supera questo punto,
marcia in senso inverso ad 1/10 della frequenza di [Trova freq Home] fino alla riattivazione di “Limite home”. Fino a quando questo
ingresso è attivo, ogni comando di avviamento provoca la ricerca della posizione di home da parte del convertitore di frequenza.
Funziona solo in modalità di posizionamento. Una volta terminata la routine di “Trova home”, il convertitore di frequenza si arresta.
Vedere l’Appendice E per ulteriori informazioni sul posizionamento.
36 “Fase manten”(2)
In modalità di posizionamento, ha la priorità sugli altri ingressi e fa sì che il convertitore di frequenza rimanga alla sua fase attuale (in
marcia a velocità nulla quando raggiunge la sua posizione) fino allo sblocco.
In condizione di “Hold”, il convertitore di frequenza ignora qualunque comando in ingresso che, normalmente, comporterebbe il
passaggio ad una nuova fase. I temporizzatori continuano a funzionare. Quindi, quando la condizione di mantenimento viene rimossa,
il convertitore di frequenza deve rilevare tutte le transizioni richieste degli ingressi digitali (anche se già avvenute durante il
mantenimento) ma non azzera alcun temporizzatore. Vedere l’Appendice E per ulteriori informazioni sul posizionamento.
37 “Ridef Posiz”(2)
In modalità di posizionamento, resetta la posizione di home alla posizione attuale della macchina. Vedere l’Appendice E per ulteriori
informazioni sul posizionamento.
38 “Forza CC”
Se il convertitore di frequenza non è in marcia, provoca l’applicazione di corrente di tenuta CC (A435 [Liv freno CC], ignorando A434
[Tempo freno CC]) mentre l’ingresso è applicato.
39 “Ing Damp”
Quando attivo, il convertitore di frequenza è autorizzato a funzionare normalmente.
Quando inattivo, il convertitore di frequenza è forzato in modalità di riposo e non può accelerare alla velocità di comando.
40 “Purge”(1)
Avvia il convertitore di frequenza a A433 [Frequenza elim] a prescindere dalla sorgente di controllo selezionata. Sostituisce la funzione
di controllo del tastierino e qualunque altro comando di controllo per prendere il controllo del convertitore. “Purge” può verificarsi, ed è
operativo, in qualunque momento mentre il convertitore di frequenza è in marcia o in arresto, a prescindere dalla sorgente logica
selezionata. In presenza di un arresto valido (diverso da “Comms” o “SW Abilitato”), il convertitore di frequenza non si avvia alla
transizione dell’ingresso “Purge”.
ATTENZIONE: Qualora esistesse pericolo di incidenti a causa del movimento di apparecchiature o
materiale, utilizzare un dispositivo meccanico di frenatura ausiliario.
41 “Freeze-Fire”
Quando è inattivo, genera un guasto immediato F094 “Perdita Funzione”. Utilizzare per il bypass in sicurezza del convertitore di
frequenza con un dispositivo di comando esterno.
42 “SW Abilitato”
Funziona come un interblocco che deve essere attivo per consentire la marcia del convertitore.
43 “SherPin1 Dis”
Disabilita la spina di sicurezza (per limite di corrente) 1, ma lascia attiva la spina di sicurezza 2. Se A488 [Liv spin sicu 2] è superiore a
0,0 A, la spina di sicurezza 2 è abilitata.
44 Riservato
45 Riservato
46 Riservato
47 Riservato
86
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Programmazione e parametri
Opzioni
Capitolo 3
48 “2-fili AVNT”
(solo per DigIn TermBlk 02)
[DigIn TermBlk 02] default. Seleziona la marcia avanti a 2 fili per questo ingresso.
Selezionare questa opzione ed impostare P046, P048 o P050 [Fonte avvio x] su 2 “DigIn TrmBlk” per configurare [Fonte avvio x] in
modalità di marcia avanti a 2 fili. Vedere anche t064 [Modo 2 fili] per le impostazioni di attivazione livello.
49 “3-fili Avvio”
(solo per DigIn TermBlk 02)
Seleziona l’avviamento a 3 fili per questo ingresso.
Selezionare questa opzione ed impostare P046, P048 o P050 [Fonte avvio x] su 2 “DigIn TrmBlk” per configurare [Fonte avvio x] in
modalità di avviamento a 3 fili.
50 “2-fili REV”
(solo per DigIn TermBlk 03)
[DigIn TermBlk 03] default. Seleziona la marcia indietro a 2 fili per questo ingresso.
Selezionare questa opzione ed impostare P046, P048 o P050 [Fonte avvio x] su 2 “DigIn TrmBlk” per configurare [Fonte avvio x] in
modalità di marcia indietro a 2 fili. Vedere anche t064 [Modo 2 fili] per le impostazioni di attivazione livello.
Per i convertitori di frequenza PowerFlex 523, questa impostazione sarà disabilitata se [DigIn TermBlk 03] è impostato su 7 “Prereg
Freq”.
51 “3-fili Dir”
(solo per DigIn TermBlk 03)
Seleziona la direzione a 3 fili per questo ingresso.
Selezionare questa opzione ed impostare P046, P048 o P050 [Fonte avvio x] su 2 “DigIn TrmBlk” per cambiare la direzione di [Fonte
avvio x].
Per i convertitori di frequenza PowerFlex 523, questa impostazione sarà disabilitata se [DigIn TermBlk 03] è impostato su 7 “Prereg
Freq”.
52 “TrenoImpulsi”
Selezionare il treno di impulsi per questo ingresso.
Usare P047, P049 e P051 [Rif velocità x] per selezionare l’ingresso ad impulsi.
Il ponticello per DigIn TermBlk 05 o 07 Sel deve essere spostato sull’ingresso ad impulsi.
(PF523: solo per DigIn
TermBlk 05)
(PF525: solo per DigIn
TermBlk 07)
(1) Questa funzione può essere collegata ad un solo ingresso.
(2) Impostazione specifica dei convertitori di frequenza PowerFlex 525.
t064 [Modo 2 fili]
Parametri correlati: P045, P046, P048, P050, t062, t063
Arrestare il convertitore di frequenza prima di modificare questo parametro.
Programma la modalità di attivazione solo per t062 [DigIn TermBlk 02] e t063 [DigIn TermBlk 03] quando l’opzione a 2 fili viene selezionata come P046, P048 o P050 [Fonte avvio
x].
Opzioni
0 “Att bordo” (default)
Funzionamento standard a 2 fili.
1 “Liv rilevaz”
• Morsetto I/O 01 “Arresto” = Arresto per inerzia. Il riavvio del convertitore di frequenza dopo un comando di stop avverrà
quando:
– L’arresto viene rimosso
e
– L’avviamento viene mantenuto attivo
• Morsetto I/O 03 “Run REV”
ATTENZIONE: Sussiste il rischio di infortuni legati al funzionamento involontario. Quando impostati
sull’opzione 3, con l’ingresso di marcia stabile, gli ingressi di marcia non hanno bisogno di essere
commutati dopo un ingresso di arresto perché il convertitore di frequenza riprenda la marcia. Una funzione
di arresto è fornita solo quando l’ingresso di arresto è attivo (aperto).
2 “BordoAltaVel”
IMPORTANTE
Quando si utilizza questa opzione, la tensione potenziale sui morsetti di uscita è superiore.
• Le uscite vengono mantenute in stato di “pronto alla marcia”. Il convertitore di frequenza risponderà ad un comando di
avviamento entro 10 ms.
• Morsetto I/O 01 “Arresto” = Arresto per inerzia.
• Morsetto I/O 03 “Run REV”
3 “Instabile”
• Il convertitore di frequenza si avvierà dopo un ingresso instabile dall’ingresso di marcia avanti (morsetto I/O 02) o dall’ingresso
di marcia indietro (morsetto I/O 03).
• Morsetto I/O 01 “Arresto” = Arresto in base al valore impostato in P045 [Modo Arresto].
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
87
Capitolo 3
Programmazione e parametri
Gruppo “Terminali” (continua)
t069 [Sel usc ottica 1]
t072 [Sel usc ottica 2]
PF 525
Parametri correlati: P046, P048, P050, t070, t073, t077, t082,
t086, t087, t093, t094, t097, A541, A564
Solo PowerFlex 525.
Determina il funzionamento delle uscite digitali programmabili.
Opzioni
0 “Pronto/Err”
1
2
3
4
5
“A Frequenza”
“Mot Avviato”
“Retromarcia”
“Sovracc Mot”
“Regol Pist”
6 “Oltre Freq”
7 “SovraCorr”
L’uscita cambia stato quando…
Le uscite optoisolate sono attive quando viene applicata l’alimentazione. Indica che il convertitore di frequenza è
pronto al funzionamento. Le uscite optoisolate sono inattive quando viene interrotta l’alimentazione o si verifica
un guasto.
Il convertitore di frequenza raggiunge la frequenza comandata.
Il motore viene alimentato dal convertitore.
Il convertitore di frequenza riceve il comando di marcia indietro.
Esiste una condizione di sovraccarico del motore.
Il regolatore di rampa modifica i tempi programmati di accelerazione/decelerazione per evitare un guasto di
sovracorrente o sottotensione.
Il convertitore di frequenza supera il valore di frequenza (Hz) impostato in t070 o t073 [Liv usc ottica x].
Il convertitore di frequenza supera il valore di corrente (% Amp) impostato in t070 o t073 [Liv usc ottica x].
IMPORTANTE
8 “SovraTensCC”
9 “Riprova Exst”
10 “SovraTensAn”
13 “ParamCont”
14 “Err NonRic”
15 “ContrFrenoEM”
16 “OverloadTerm”
17 “TempAmbAalta”
18 “Locale att”
19
20
21
22
23
24
“Perdita Com”
“Logic In 1”
“Logic In 2”
“Logic 1 & 2”
“Logic 1 o 2”
“StpLog Pausa”
25 “Pausa timer”
26 “Pausa cont”
27 “In posizione”
28 “Posiz Home”
29 “Safe-Off”
Valori
88
0,5 Hz sopra; 1,0 Hz sotto
Nessuna
Nessuna
100 ms di ritardo On o Off
100 ms di ritardo On o Off
100 ms di ritardo On o Off
100 ms di ritardo On o Off
Il valore di t070 o t073 [Liv usc ottica x] deve essere immesso in percentuale della corrente
di uscita nominale del convertitore.
Il convertitore di frequenza supera il valore di tensione della sbarra CC impostato in t070 o t073 [Liv usc ottica x]. 100 ms di ritardo On o Off
Il valore impostato in A541 [Tent riavvio aut] viene superato.
Nessuna
La tensione dell’ingresso analogico (ingresso 0 – 10 V) supera il valore impostato in t070 o t073 [Liv usc ottica x]. 100 ms di ritardo On o Off
IMPORTANTE
11 “Oltre PF Ang”
12 “PerdAnalogIn”
Isteresi
Nessuna
Da non utilizzare se t093 [Abil. bipol 10 V] è impostato su 1 “Ingr Bipol”.
L’angolo del fattore di potenza supera il valore impostato in t070 o t073 [Liv usc ottica x].
Si verifica la perdita dell’ingresso analogico. Programmare t094 [Risp a perdita V] o t097 [Ris.Perd.Ing.An] per
l’azione desiderata quando si verifica la perdita dell’ingresso.
L’uscita è direttamente controllata dallo stato di t070 o t073 [Liv usc ottica x]. Un valore di 0 provoca la
disattivazione dell’uscita. Un valore di 1 o superiore, in questo parametro, provoca l’attivazione dell’uscita.
• Il valore impostato in A541 [Tent riavvio aut] viene superato o
• A541 [Tent riavvio aut] non è abilitato o
• Si è verificato un errore non ripristinabile.
Il freno EM è eccitato. Programmare t087 [RitFrenoMeccAtt] e t086 [RitFrMeccDisatt] per l’azione desiderata.
Il relè si eccita quando il contatore di sovraccarico termico del motore supera il valore impostato in t077 o t082 [Liv
uscita relèx]. Si eccita anche se il convertitore di frequenza è a meno di 5 C dal punto di sgancio per
surriscaldamento.
Il relè si eccita in caso di sovratemperatura del modulo di controllo.
Attivo quando P046, P048 o P050 [Fonte avvio x] del convertitore di frequenza è in modalità di controllo mediante
il tastierino locale.
Attivo alla perdita di comunicazione di una qualunque sorgente di comunicazione con riferimento o controllo.
Un ingresso è programmato come “Logic Input 1” ed è attivo.
Un ingresso è programmato come “Logic Input 2” ed è attivo.
Entrambi gli ingressi logici sono programmati ed attivi.
Uno o entrambi gli ingressi logici sono programmati ed uno o entrambi sono attivi.
Il convertitore di frequenza entra nella fase StepLogic con la parola di comando impostata per abilitare l’uscita
logica.
Il temporizzatore ha raggiunto il valore impostato in t070 o t073 [Liv usc ottica x] o non sta funzionando.
Il contatore ha raggiunto il valore impostato in t070 o t073 [Liv usc ottica x] o non sta contando.
Il convertitore di frequenza è in modalità di posizionamento ed ha raggiunto la posizione comandata. La tolleranza
è regolata da A564 [Toll Pos Encoder].
Il convertitore di frequenza è in modalità di posizionamento ed ha raggiunto la posizione di home. La tolleranza è
regolata da A564 [Toll Pos Encoder].
Entrambi gli ingressi di Safe-off sono attivi.
Valore predefinito:
Sel usc ottica 1:
Sel usc ottica 2:
2
1
Min/Max:
0/29
Display:
1
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
100 ms di ritardo On o Off
On, 2 mA/±1 V
Off, 3 mA/±1,5 V
Nessuna
Nessuna
Nessuna
Nessuna
Nessuna
Nessuna
Nessuna
Nessuna
Nessuna
Nessuna
Nessuna
Nessuna
Nessuna
Nessuna
–
–
–
Programmazione e parametri
Capitolo 3
Gruppo “Terminali” (continua)
t070 [Liv usc ottica 1]
t073 [Liv usc ottica 2]
32
Parametro di 32 bit.
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Parametri correlati: t069, t072
Determina il punto on/off per le uscite digitali quando t069 o t072 [Sel usc ottica x] è impostato sui valori riportati di seguito.
Campo di valori min/max in base all’impostazione di [Sel usc ottica x]
6: 0…500 Hz
10: 0…100%
16: 0,1…9999 s
20: 0/1
7: 0…180%
11: 0/1
17: 1…9999 impulsi 26: 0…150%
8: 0…815 V
13: 0…800
18: 0…180
–
Valori
Valore predefinito:
0
Min/Max:
0/9999
Display:
1
t075 [Log usc ottica]
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Determina la logica (normalmente aperto/NA o normalmente chiuso/NC) delle sole uscite digitali.
Impostazione
0
1
2
3
Valori
Logica uscita dig. 1 Logica uscita dig. 2
NA
NC
NA
NC
NA
NA
NC
NC
Valore predefinito:
0
Min/Max:
0/3
Display:
1
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
89
Capitolo 3
Programmazione e parametri
Gruppo “Terminali” (continua)
t076 [Sel uscita relè1]
Parametri correlati: P046, P048, P050, t070, t073, t077, t082, t086, t087, t093, t094, t097, A541, A564
t081 [Sel uscita relè2]
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Determina il funzionamento dei relè di uscita programmabili.
Opzioni
0 “Pronto/Err”
1
2
3
4
5
“A Frequenza”
“Mot Avviato”
“Retromarcia”
“Sovracc Mot”
“Regol Pist”
6 “Oltre Freq”
7 “SovraCorr”
Il relè di uscita cambia stato quando…
Il relè cambia stato all’applicazione dell’alimentazione. Indica che il convertitore di frequenza è pronto al
funzionamento. Il relè riporta il convertitore di frequenza allo stato originale quando l’alimentazione viene
interrotta o si verifica un guasto.
Il convertitore di frequenza raggiunge la frequenza comandata.
Il motore viene alimentato dal convertitore.
Il convertitore di frequenza riceve il comando di marcia indietro.
Esiste una condizione di sovraccarico del motore.
Il regolatore di rampa modifica i tempi programmati di accelerazione/decelerazione per evitare un guasto di
sovracorrente o sottotensione.
Il convertitore di frequenza supera il valore di frequenza (Hz) impostato in t077 o t082 [Liv uscita relèx].
Il convertitore di frequenza supera il valore di corrente (% Amp) impostato in t077 o t082 [Liv uscita relèx].
IMPORTANTE
8 “SovraTensCC”
9 “Riprova Exst”
10 “SovraTensAn”
11 “Oltre PF Ang”
12 “PerdAnalogIn”
13 “ParamCont”
14 “Err NonRic”
15 “ContrFrenoEM”
16 “OverloadTerm”
17 “TempAmbAalta”
18 “Locale att”
19
20
21
22
23
24
“Perdita Com”
“Logic In 1”(1)
“Logic In 2”(1)
“Logic 1 & 2”(1)
“Logic 1 o 2”(1)
“StpLog Pausa”(1)
25 “Pausa timer”
26 “Pausa cont”
27 “In posizione”(1)
28 “Posiz Home”(1)
29 “Safe-Off”(1)
Valori
0
2
Min/Max:
0/29
Display:
1
(1) Impostazione specifica dei convertitori di frequenza PowerFlex 525.
90
100 ms di ritardo On o Off
100 ms di ritardo On o Off
100 ms di ritardo On o Off
Nessuna
100 ms di ritardo On o Off
Da non utilizzare se t093 [Abil. bipol 10 V] è impostato su 1 “Ingr Bipol”.
L’angolo del fattore di potenza supera il valore impostato in t077 o t082 [Liv uscita relèx].
Si verifica la perdita dell’ingresso analogico. Programmare t094 [Risp a perdita V] o t097 [Ris.Perd.Ing.An] per
l’azione desiderata quando si verifica la perdita dell’ingresso.
L’uscita è direttamente controllata dallo stato di t077 o t082 [Liv uscita relèx]. Un valore di 0 provoca la
disattivazione dell’uscita. Un valore di 1 o superiore, in questo parametro, provoca l’attivazione dell’uscita.
• Il valore impostato in A541 [Tent riavvio aut] viene superato o
• A541 [Tent riavvio aut] non è abilitato o
• Si è verificato un errore non ripristinabile.
Il freno EM è eccitato. Programmare t087 [RitFrenoMeccAtt] e t086 [RitFrMeccDisatt] per l’azione desiderata.
Il relè si eccita quando il contatore di sovraccarico termico del motore supera il valore impostato in t077 o t082 [Liv
uscita relèx]. Si eccita anche se il convertitore di frequenza è a meno di 5 C dal punto di sgancio per
surriscaldamento.
Il relè si eccita in caso di sovratemperatura del modulo di controllo.
Attivo quando P046, P048 o P050 [Fonte avvio x] del convertitore di frequenza è in modalità di controllo mediante
il tastierino locale.
Attivo alla perdita di comunicazione di una qualunque sorgente di comunicazione con riferimento o controllo.
Un ingresso è programmato come “Logic Input 1” ed è attivo.
Un ingresso è programmato come “Logic Input 2” ed è attivo.
Entrambi gli ingressi logici sono programmati ed attivi.
Uno o entrambi gli ingressi logici sono programmati ed uno o entrambi sono attivi.
Il convertitore di frequenza entra nella fase StepLogic con la parola di comando impostata per abilitare l’uscita
logica.
Il temporizzatore ha raggiunto il valore impostato in t077 o t082 [Liv uscita relèx] o non sta funzionando.
Il contatore ha raggiunto il valore impostato in t077 o t082 [Liv uscita relèx] o non sta contando.
Il convertitore di frequenza è in modalità di posizionamento ed ha raggiunto la posizione comandata. La tolleranza
è regolata da A564 [Toll Pos Encoder].
Il convertitore di frequenza è in modalità di posizionamento ed ha raggiunto la posizione di home. La tolleranza è
regolata da A564 [Toll Pos Encoder].
Entrambi gli ingressi di Safe-off sono attivi.
Valore predefinito:
Sel uscita relè1:
Sel uscita relè2:
0,5 Hz sopra; 1,0 Hz sotto
Nessuna
Nessuna
100 ms di ritardo On o Off
100 ms di ritardo On o Off
Il valore di t077 o t082 [Liv uscita relèx] deve essere immesso in percentuale della corrente
di uscita nominale del convertitore.
Il convertitore di frequenza supera il valore di tensione della sbarra CC impostato in t077 o t082 [Liv uscita relèx].
Il valore impostato in A541 [Tent riavvio aut] viene superato.
La tensione dell’ingresso analogico (ingresso 0 – 10 V) supera il valore impostato in t077 o t082 [Liv usc relèx].
IMPORTANTE
Isteresi
Nessuna
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
100 ms di ritardo On o Off
On, 2 mA/±1 V
Off, 3 mA/±1,5 V
Nessuna
Nessuna
Nessuna
Nessuna
Nessuna
Nessuna
Nessuna
Nessuna
Nessuna
Nessuna
Nessuna
Nessuna
Nessuna
Nessuna
–
–
–
Programmazione e parametri
Capitolo 3
Gruppo “Terminali” (continua)
t077 [Liv uscita relè1]
Parametri correlati: t076, t081
t082 [Liv uscita relè2]
Solo PowerFlex 525.
PF 525
32
Parametro di 32 bit.
Determina il punto on/off per il relè di uscita quando t076 o t081 [Sel uscita relèx] è impostato sui valori riportati di seguito.
Campo di valori min/max in base all’impostazione di [Sel uscita relèx]
6: 0…500 Hz
10: 0…100%
16: 0,1…9999 s
20: 0/1
7: 0…180%
11: 0/1
17: 1…9999 impulsi 26: 0…150%
8: 0…815 V
13: 0…800
18: 0…180
–
Valori
Valore predefinito:
0
Min/Max:
0/9999
Display:
1
t079 [Relè 1 in tempo]
t084 [Relè 2 in tempo]
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Imposta il tempo di ritardo prima dell’eccitazione del relè al raggiungimento della condizione richiesta.
Valori
Valore predefinito:
0,0 s
Min/Max:
0,0/600,0 s
Display:
0,1 s
t080 [Relè1 fuoriTempo]
t085 [Liv usc relF 2]
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Imposta il tempo di ritardo prima della diseccitazione del relè alla cessazione della condizione richiesta.
Valori
Valore predefinito:
0,0 s
Min/Max:
0,0/600,0 s
Display:
0,1 s
t086 [RitFrMeccDisatt]
Parametri correlati: P045
Imposta il tempo per cui il convertitore di frequenza rimane alla frequenza minima prima di salire gradualmente a rampa alla frequenza comandata (ed inserire il relè della bobina del
freno) se è abilitata la modalità di controllo del freno elettromeccanico (EM) in P045 [Modo Arresto].
Frequenza
mp
a
De
cel
u ra
[RitFrMeccDisatt]
su
[RitFrenoMeccAtt]
ram
Acc
el s
pa
[Freq minima]
Avviamento
comandato
Valori
Freno EM
eccitato (Off)
Tempo
Arresto
comandato
Valore predefinito:
2,00 s
Min/Max:
0,00/10,00 s
Display:
0,01 s
Freno EM
diseccitato (On)
Il convertitore
si arresta
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
91
Capitolo 3
Programmazione e parametri
Gruppo “Terminali” (continua)
t087 [RitFrenoMeccAtt]
Parametri correlati: P045
Imposta il tempo per cui il convertitore di frequenza rimane alla frequenza minima (dopo il rilascio del relè della bobina del freno) prima dell’arresto, se è abilitata la modalità di
controllo del freno EM in P045 [Modo Arresto].
Frequenza
a
De
mp
cel
Acc
el s
u ra
[RitFrMeccDisatt]
su
[RitFrenoMeccAtt]
ram
pa
[Freq minima]
Avviamento
comandato
Valori
Freno EM
eccitato (Off)
Tempo
Arresto
comandato
Valore predefinito:
2,00 s
Min/Max:
0,00/10,00 s
Display:
0,01 s
Freno EM
diseccitato (On)
Il convertitore
si arresta
t088 [Sel. uscita anlg]
PF 525
Parametri correlati: t090
Solo PowerFlex 525.
L’uscita analogica 0 – 10 V, 0 – 20 mA o 4 – 20 mA può essere utilizzata per fornire un segnale proporzionale a diverse condizioni del convertitore di frequenza. Questo parametro
seleziona anche quali parametri analogici di calibrazione utilizzare.
Opzioni
Campo uscita
Valore uscita min.
0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
0 – 10 V
0 – 10 V
0 – 10 V
0 – 10 V
0 – 10 V
0 – 10 V
0 – 10 V
0 – 10 V
0 – 20 mA
0 – 20 mA
0 – 20 mA
0 – 20 mA
0 – 20 mA
0 – 20 mA
0 – 20 mA
0 – 20 mA
4 – 20 mA
4 – 20 mA
4 – 20 mA
4 – 20 mA
4 – 20 mA
4 – 20 mA
4 – 20 mA
4 – 20 mA
0 V = 0 Hz
0V=0A
0V=0V
0 V = 0 kW
0V=0A
0 V = 0000
0 V = 0%
0V=0V
0 mA = 0 Hz
0 mA = 0 A
0 mA = 0 V
0 mA = 0 kW
0 mA = 0 A
0 mA = 0000
0 mA = 0%
0 mA = 0 V
4 mA = 0 Hz
4 mA = 0 A
4 mA = 0 V
4 mA = 0 kW
4 mA = 0 A
4 mA = 0000
4 mA = 0%
4 mA = 0 V
“OutFreq 0-10”
“OutCorr 0-10”
“OutVolt 0-10”
“OutAlim 0-10”
“OutCop 0-10”
“TestData0-10”
“Setpoint0-10”
“CCVolt 0-10”
“OutFreq 0-20”
“OutCorr 0-20”
“OutVolt 0-20”
“OutAlim 0-20”
“OutCop 0-20”
“TestDat 0-20”
“Setpoint0-20”
“CCVolt 0-20”
“OutFreq 4-20”
“OutCorr 4-20”
“CCVolt 4-20”
“OutAlim 4-20”
“OutCop 4-20”
“TestData4-20”
“Setpoint4-20”
“CCVolt 4-20”
Valore uscita max. =
t089 [Uscita anlg alta]
[Frequenza max]
200% FLA nominale convertitore
120% tensione di uscita nominale convertitore
200% potenza nominale convertitore
200% FLA nominale convertitore
65535 (FFFF esadecimali)
100,0% impostazione setpoint
100,0% del valore di sgancio
[Frequenza max]
200% FLA nominale convertitore
120% tensione di uscita nominale convertitore
200% potenza nominale convertitore
200% FLA nominale convertitore
65535 (FFFF esadecimali)
100,0% impostazione setpoint
100,0% del valore di sgancio
[Frequenza max]
200% FLA nominale convertitore
120% tensione di uscita nominale convertitore
200% potenza nominale convertitore
200% FLA nominale convertitore
65535 (FFFF esadecimali)
100,0% impostazione setpoint
100,0% del valore di sgancio
Filtro(1)
Nessuno
Filtro A
Nessuno
Filtro A
Filtro A
Nessuno
Nessuno
Nessuno
Nessuno
Filtro A
Nessuno
Filtro A
Filtro A
Nessuno
Nessuno
Nessuno
Nessuno
Filtro A
Nessuno
Filtro A
Filtro A
Nessuno
Nessuno
Nessuno
Parametro
correlato
b001
b003
b004
b017
d382
–
t090
b005
b001
b003
b004
b017
d382
–
t090
b005
b001
b003
b004
b017
d382
–
t090
b005
(1) Il filtro A è un filtro digitale unipolare con una costante di tempo di 162 ms. Dato un ingresso di fase 0…100% da uno stato stazionario, l’uscita del filtro A impiega 500 ms per arrivare al 95% del valore
massimo, 810 ms per arrivare al 99% e 910 ms per arrivare al 100%.
Valori
92
Valore predefinito:
0
Min/Max:
0/23
Display:
1
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Programmazione e parametri
Capitolo 3
Gruppo “Terminali” (continua)
t089 [Uscita anlg alta]
Solo PowerFlex 525.
PF 525
Converte in scala il massimo valore di uscita (V o mA) quando l’impostazione della sorgente è al massimo.
Valori
Valore predefinito:
100%
Min/Max:
0/800%
Display:
1%
t090 [Prest usc anal]
Parametri correlati: t088
Solo PowerFlex 525.
PF 525
Imposta la percentuale di uscita desiderata quando t088 [Sel. uscita anlg] è impostato su 6, 14 o 22.
Valori
Valore predefinito:
0,0%
Min/Max:
0,0/100,0%
Display:
0,1%
t091 [Ing an 0-10 V ba]
Parametri correlati: P043, t092, t093
Arrestare il convertitore di frequenza prima di modificare questo parametro.
Imposta la percentuale (basata su 10 V) della tensione d’ingresso applicata all’ingresso analogico 0 – 10 V utilizzato per rappresentare P043 [Freq minima].
L’inversione analogica può essere effettuata impostando questo valore in modo che sia superiore a t092 [Ing an 0-10 V al].
Se t093 [Abil. bipol 10 V] è impostato su 1 “Ingr Bipol”, questo parametro è ignorato.
Valori
Valore predefinito:
0,0%
Min/Max:
0,0/200,0%
Display:
0,1%
t092 [Ing an 0-10 V al]
Parametri correlati: P044, t091, t093
Arrestare il convertitore di frequenza prima di modificare questo parametro.
Imposta la percentuale (basata su 10 V) della tensione d’ingresso applicata all’ingresso analogico 0 – 10 V utilizzato per rappresentare P044 [Frequenza max].
L’inversione analogica può essere effettuata impostando questo valore in modo che sia inferiore a t091 [Ing an 0-10 V ba].
Se t093 [Abil. bipol 10 V] è impostato su 1 “Ingr Bipol”, lo stesso valore si applica alla tensione positiva e negativa.
Valori
Valore predefinito:
100,0%
Min/Max:
0,0/200,0%
Display:
0,1%
t093 [Abil. bipol 10 V]
PF 525
Parametri correlati: t091, t092
Solo PowerFlex 525.
Abilita/disabilita il controllo bipolare. In modalità bipolare, la direzione è comandata dalla polarità della tensione.
Se è abilitato il controllo bipolare, P043 [Freq minima] e t091 [Ing an 0-10 V ba] vengono ignorati.
Opzioni
0 “Ingr Unipol” (default)
Solo 0 – 10 V
1 “Ingr Bipol”
±10 V
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
93
Capitolo 3
Programmazione e parametri
Gruppo “Terminali” (continua)
t094 [Risp a perdita V]
Parametri correlati: P043, P044, A426, A427
Imposta la risposta ad un perdita dell’ingresso. Quando l’ingresso 0…10 V (o –10…+10 V) viene utilizzato per qualunque riferimento, qualunque ingresso inferiore a 1 V viene
segnalato come una perdita di segnale. L’ingresso deve superare 1,5 V perché termini la condizione di perdita di segnale.
Se abilitata, questa funzione interessa qualunque ingresso utilizzato come riferimento velocità, riferimento PID o setpoint PID nel convertitore.
Opzioni
0 “Disab” (default)
1 “Err (F29)”
2 “Stop”
3 “Rif Zero”
4 “Rif Freq min”
5 “Rif Freq max”
6 “RifFreqTasto”
7 “Rif Freq MOP”
8 “Durata cont”
t095 [Ing an 4-20 mA b]
Parametri correlati: P043, t096
Arrestare il convertitore di frequenza prima di modificare questo parametro.
Imposta la percentuale (basata su 4 – 20 mA) della corrente d’ingresso applicata all’ingresso analogico 4 – 20 mA utilizzato per rappresentare P043 [Freq minima].
L’inversione analogica può essere effettuata impostando questo valore in modo che sia superiore a t096 [Ing an 4-20 mA a].
Valori
Valore predefinito:
0,0%
Min/Max:
0,0/100,0%
Display:
0,1%
t096 [Ing an 4-20 mA a]
Parametri correlati: P044, t095
Arrestare il convertitore di frequenza prima di modificare questo parametro.
Imposta la percentuale (basata su 4 – 20 mA) della corrente d’ingresso applicata all’ingresso analogico 4 – 20 mA utilizzato per rappresentare P044 [Frequenza max].
L’inversione analogica può essere effettuata impostando questo valore in modo che sia inferiore a t095 [Ing an 4-20 mA b].
Valori
Valore predefinito:
100,0%
Min/Max:
0,0/200,0%
Display:
0,1%
t097 [Ris.Perd.Ing.An]
Parametri correlati: P043, P044, A426, A427
Imposta la risposta ad un perdita dell’ingresso. Quando l’ingresso 4 – 20 mA viene utilizzato per un qualunque riferimento, qualunque ingresso inferiore a 2 mA viene segnalato come
una perdita di segnale. L’ingresso deve superare 3 mA perché termini la condizione di perdita di segnale.
Se abilitata, questa funzione interessa qualunque ingresso utilizzato come riferimento velocità, riferimento PID o setpoint PID nel convertitore.
Opzioni
0 “Disab” (default)
1 “Err (F29)”
2 “Stop”
3 “Rif Zero”
4 “Rif Freq min”
5 “Rif Freq max”
6 “RifFreqTasto”
7 “Rif Freq MOP”
8 “Durata cont”
94
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Programmazione e parametri
Capitolo 3
Gruppo “Terminali” (continua)
t098 [RitPerd IngrAnal]
Parametri correlati: t094, t097
Imposta il periodo di tempo, dopo l’accensione, durante il quale il convertitore di frequenza non rileva la perdita del segnale analogico.
La risposta ad una perdita del segnale analogico è impostata in t094 o t097 [Analog In x Loss].
Valori
Valore predefinito:
0,0 s
Min/Max:
0,0/20,0 s
Display:
0,1 s
t099 [Filtro ingr anlg]
Imposta il livello di filtraggio aggiuntivo dei segnali d’ingresso analogici. Un numero più alto aumenta il filtraggio e riduce la larghezza di banda. Ogni impostazione raddoppia il
filtraggio applicato (1 = 2x filtro, 2 = 4x filtro e così via).
Valori
Valore predefinito:
0
Min/Max:
0/14
Display:
1
t100 [Sel disatt/attiv]
Parametri correlati: t101, t102, t103
Il convertitore di frequenza “rimane inattivo” se l’ingresso analogico corrispondente scende sotto l’impostazione di t101 [Liv disatt] per il tempo impostato in t102 [Tempo disatt] e il
convertitore di frequenza è in marcia. Quando entra in modalità “riposo”, il convertitore di frequenza scende gradualmente a rampa a zero e l’indicatore di marcia sul display del
tastierino lampeggia per indicare che il convertitore di frequenza è in modalità “riposo”.
Quando il corrispondente ingresso analogico risale oltre l’impostazione di [Liv disatt], il convertitore di frequenza esce dalla modalità “riposo” e risale gradualmente a rampa alla
frequenza comandata.
L’inversione può essere effettuata impostando [Liv disatt] ad un valore più alto di t103 [Livello attiv].
ATTENZIONE: L’abilitazione della funzione di riposo/attivazione può provocare l’imprevisto azionamento della macchina in modalità di attivazione. L’impiego
di questo parametro in un’applicazione non idonea può essere causa di danni all’apparecchiatura e/o lesioni personali. Tenere inoltre in considerazione la
normativa, gli standard e le leggi locali, nazionali ed internazionali o le norme del settore.
Opzioni
0 “Disab” (default)
1 “Ing 0-10V”
Modalità “riposo” abilitata dall’ingresso analogico 1, 0 – 10 V
2 “Ing 4-20 mA”
Modalità “riposo” abilitata dall’ingresso analogico 2, 4 – 20 mA
3 “Freq Comando”
Modalità “riposo” abilitata in base alla frequenza comandata del convertitore
t101 [Liv disatt]
Imposta il livello dell’ingresso analogico che il convertitore di frequenza deve raggiungere per entrare in modalità di riposo.
Valori
Valore predefinito:
10,0%
Min/Max:
0,0/100,0%
Display:
0,1%
t102 [Tempo disatt]
Imposta il tempo dell’ingresso analogico sotto il quale deve rimanere il convertitore di frequenza per entrare in modalità di riposo.
Valori
Valore predefinito:
0,0 s
Min/Max:
0,0/600,0 s
Display:
0,1 s
t103 [Livello attiv]
Imposta il livello dell’ingresso analogico che il convertitore di frequenza deve raggiungere per uscire dalla modalità di riposo.
Valori
Valore predefinito:
15,0%
Min/Max:
0,0/100,0%
Display:
0,1%
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
95
Capitolo 3
Programmazione e parametri
Gruppo “Terminali” (continua)
t104 [Tempo attiv]
Imposta il tempo dell’ingresso analogico sopra il quale il convertitore di frequenza deve essere per uscire dalla modalità di riposo.
Valori
Valore predefinito:
0,0 s
Min/Max:
0,0/600,0 s
Display:
0,1 s
t105 [Sicur disab]
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Imposta l’azione quando entrambi gli ingressi di sicurezza (Safety 1 e Safety 2) sono disabilitati (diseccitati – non in tensione).
Opzioni
0 “ErrAbilitato” (default)
1 “ErrDisab”
96
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Programmazione e parametri
Capitolo 3
Gruppo “Comunicazioni”
C121 [Mod scritt com]
Salva i valori dei parametri nella memoria attiva (RAM) o nella memoria non volatile (EEPROM) del convertitore.
ATTENZIONE: Se si utilizza la configurazione automatica del convertitore di frequenza (ADC), questo parametro deve rimanere al suo valore predefinito di 0
“Salva”.
IMPORTANTE
Opzioni
I valori dei parametri impostati prima di impostare 1 “Solo RAM” vengono salvati nella RAM.
0 “Salva” (default)
1 “Solo RAM”
C122 [Sel coman//stato]
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Seleziona le definizioni dei bit delle parole di comando e di stato specifiche per velocità o posizione/fibre da utilizzare su una rete di comunicazione. Fare riferimento a Scrittura (06) –
Dati di comando logico a pagina 191 per ulteriori informazioni. Questo parametro non può essere cambiato quando è presente una connessione I/O attraverso la scheda di
comunicazione della porta EtherNet/IP integrata del convertitore di frequenza.
Opzioni
0 “Velocità” (default)
1 “Posizione”
C123 [Freq dati RS485]
Imposta la velocità di comunicazione (bit/secondo) per la porta RS485. Dopo la selezione, è necessario resettare o eseguire un ciclo di accensione/spegnimento.
Opzioni
0 “1200”
1 “2400”
2 “4800”
3 “9600” (default)
4 “19.200”
5 “38.400”
C124 [Ind nodo RS485]
Imposta il numero di nodo Modbus del convertitore di frequenza (indirizzo) per la porta RS485 se si utilizza una connessione di rete. Dopo la selezione, è necessario resettare o eseguire
un ciclo di accensione/spegnimento.
Valori
Valore predefinito:
100
Min/Max:
1/247
Display:
1
C125 [AzioneGuastiCom]
Parametri correlati: P045
Imposta la risposta del convertitore di frequenza ad una perdita di connessione o ad eccessivi errori di comunicazione sulla porta RS485.
Opzioni
0 “Errore” (default)
1 “FermoCosta”
Arresta il convertitore di frequenza tramite “Arresto per inerzia”.
2 “Stop”
Arresta Il convertitore di frequenza tramite l’impostazione di P045 [Modo Arresto].
3 “Durata cont”
Il convertitore di frequenza continua a funzionare alla velocità di comunicazione comandata salvata nella RAM.
C126 [Tempo perd com.]
Parametri correlati: C125
Imposta il tempo in cui il convertitore di frequenza rimane in stato di perdita di comunicazione con la porta RS485 prima di adottare l’azione specificata in C125 [AzioneGuastiCom]. Fare
riferimento a Appendice C per ulteriori informazioni.
IMPORTANTE
Valori
Questa impostazione è effettiva soltanto se gli ingressi/le uscite che controllano il convertitore di frequenza vengono trasmessi/e attraverso la porta RS485.
Valore predefinito:
5,0 s
Min/Max:
0,1/60,0 s
Display:
0,1 s
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
97
Capitolo 3
Programmazione e parametri
Gruppo “Comunicazioni” (continua)
C127 [Formato RS485]
Determina i dettagli relativi allo specifico protocollo Modbus utilizzato dal convertitore. Dopo la selezione, è necessario resettare o eseguire un ciclo di accensione/spegnimento.
Opzioni
0 “RTU 8-N-1” (default)
1 “RTU 8-E-1”
2 “RTU 8-O-1”
3 “RTU 8-N-2”
4 “RTU 8-E-2”
5 “RTU 8-O-2”
C128 [Selez Indir EN]
PF 525
Parametri correlati: C129-C132, C133-C136, C137-C140
Solo PowerFlex 525.
Abilita l’impostazione dell’indirizzo IP, della maschera di sottorete e dell’indirizzo gateway con un server BOOTP. Identifica le connessioni che verrebbero tentate in caso di reset o di un
ciclo di spegnimento/accensione. Dopo la selezione, è necessario resettare o eseguire un ciclo di accensione/spegnimento.
Opzioni
1 “Parametri”
2 “BOOTP” (Default)
C129
C130
C131
C132
PF 525
[EN Ind IP Conf 1]
[EN Ind IP Conf 2]
[EN Ind IP Conf 3]
[EN Ind IP Conf 4]
Parametri correlati: C128
Solo PowerFlex 525.
Imposta i byte nell’indirizzo IP. Dopo la selezione, è necessario resettare o eseguire un ciclo di accensione/spegnimento.
192.168.1.62
[EN Ind IP Conf 1]
[EN Ind IP Conf 2]
[EN Ind IP Conf 3]
[EN Ind IP Conf 4]
IMPORTANTE
Valori
98
C128 [Selez Indir EN] deve essere impostato su 1 “Parametri”.
Valore predefinito:
0
Min/Max:
0/255
Display:
1
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Programmazione e parametri
Capitolo 3
Gruppo “Comunicazioni” (continua)
C133
C134
C135
C136
PF 525
[EN Subnet Conf 1]
[EN Subnet Conf 2]
[EN Subnet Conf 3]
[EN Subnet Conf 4]
Parametri correlati: C128
Solo PowerFlex 525.
Imposta i byte della maschera di sottorete. Dopo la selezione, è necessario resettare o eseguire un ciclo di accensione/spegnimento.
255.255.255.0
[EN Subnet Conf 1]
[EN Subnet Conf 2]
[EN Subnet Conf 3]
[EN Subnet Conf 4]
IMPORTANTE
Valori
C137
C138
C139
C140
PF 525
C128 [Selez Indir EN] deve essere impostato su 1 “Parametri”.
Valore predefinito:
0
Min/Max:
0/255
Display:
1
[EN Gateway Conf1]
[EN Gateway Conf2]
[EN Gateway Conf3]
[EN Gateway Conf4]
Parametri correlati: C128
Solo PowerFlex 525.
Imposta i byte dell’indirizzo gateway. Dopo la selezione, è necessario resettare o eseguire un ciclo di accensione/spegnimento.
192.168.1.1
[EN Gateway Conf1]
[EN Gateway Conf2]
[EN Gateway Conf3]
[EN Gateway Conf4]
IMPORTANTE
Valori
C128 [Selez Indir EN] deve essere impostato su 1 “Parametri”.
Valore predefinito:
0
Min/Max:
0/255
Display:
1
C141 [EN Freq Config]
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Imposta la velocità di trasmissione dei dati in rete da parte di EtherNet/IP. Dopo la selezione, è necessario resettare o eseguire un ciclo di accensione/spegnimento.
Opzioni
0 “Autorilevam” (default)
1 “10Mbps Pieno”
2 “10Mbps Metà”
3 “100MbpsPieno”
4 “100Mbps Metà”
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
99
Capitolo 3
Programmazione e parametri
Gruppo “Comunicazioni” (continua)
C143 [EN Errore comun.]
PF 525
Parametri correlati: P045, C145, C146, C147-C150
Solo PowerFlex 525.
Imposta l’azione adottata dall’interfaccia EtherNet/IP e dal convertitore di frequenza se l’interfaccia EtherNet/IP rileva l’interruzione delle comunicazioni Ethernet.
Questa impostazione è effettiva soltanto se gli ingressi/le uscite che controllano il convertitore di frequenza vengono trasmessi/e attraverso l’interfaccia
EtherNet/IP.
IMPORTANTE
ATTENZIONE: Rischio di infortuni o danni alle apparecchiature. Il parametro C143 [EN Errore comun.] consente di determinare l’azione dell’interfaccia
EtherNet/IP e del convertitore di frequenza collegato in caso di interruzione delle comunicazioni. Per impostazione predefinita questo parametro imposta lo
stato di guasto del convertitore di frequenza. È possibile impostare questo parametro in modo tale che il convertitore di frequenza continui a funzionare.
Occorre adottare opportune misure per garantire che l’impostazione di questo parametro non generi un rischio di lesioni personali o di danni alla macchina. Alla
messa in servizio del convertitore, verificare che il sistema risponda correttamente alle diverse situazioni (ad esempio, in caso di convertitore di frequenza
scollegato).
Opzioni
0 “Errore” (default)
1 “Stop”
Arresta il convertitore di frequenza tramite l’impostazione di P045 [Modo Arresto].
2 “Zero Dati”
Nota: I valori Riferimento e Datalink trasmessi al convertitore di frequenza saranno azzerati.
3 “Tieni ultimo”
Nota: i valori di Comando logico, Riferimento e Datalink trasmessi al convertitore di frequenza saranno mantenuti all’ultimo valore.
4 “InviaErrConf”
Nota: i valori di Comando logico, Riferimento e Datalink saranno trasmessi al convertitore di frequenza come configurato in C145,
C146, e C147…C150.
C144 [EN Scanner Idle]
PF 525
Parametri correlati: P045, C145, C146, C147-C150
Solo PowerFlex 525.
Imposta l’azione adottata dall’interfaccia EtherNet/IP e dal convertitore di frequenza se l’interfaccia EtherNet/IP rileva che lo scanner è inattivo perché il controllore è passato in
modalità di programmazione.
ATTENZIONE: Rischio di infortuni o danni alle apparecchiature. Il parametro C144 [EN ErrIdle Azione] consente di determinare l’azione dell’interfaccia
EtherNet/IP e del convertitore di frequenza collegato se lo scanner è inattivo. Per default questo parametro imposta il convertitore di frequenza in stato di
guasto, ma è possibile impostarlo in modo tale che il convertitore di frequenza continui a funzionare. Occorre adottare opportune misure per garantire che
l’impostazione di questo parametro non generi un rischio di lesioni personali o di danni alla macchina. Alla messa in servizio del convertitore, verificare che il
sistema risponda correttamente alle diverse situazioni (ad esempio, in caso di convertitore di frequenza scollegato).
Opzioni
0 “Errore” (default)
1 “Stop”
Arresta il convertitore di frequenza tramite l’impostazione di P045 [Modo Arresto].
2 “Zero Dati”
Nota: I valori Riferimento e Datalink trasmessi al convertitore di frequenza saranno azzerati.
3 “Tieni ultimo”
Nota: i valori di Comando logico, Riferimento e Datalink trasmessi al convertitore di frequenza saranno mantenuti all’ultimo valore.
4 “InviaErrConf”
Nota: i valori di Comando logico, Riferimento e Datalink saranno trasmessi al convertitore di frequenza come configurato in C145,
C146, e C147…C150.
C145 [EN Err ConfLog]
32
Parametro di 32 bit.
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Parametri correlati: C143, C144
Imposta i dati del comando logico che vengono inviati al convertitore di frequenza in presenza di una delle seguenti condizioni:
– C143 [EN Errore comun.] è impostato su 4 “InviaErrConf” e le comunicazioni sono interrotte.
– C144 [EN Scanner Idle] è impostato su 4 “InviaErrConf” e lo scanner è in modalità di programmazione o di prova.
Fare riferimento a Scrittura (06) – Dati di comando logico a pagina 191 per ulteriori informazioni.
Valori
100
Valore predefinito:
0000
Min/Max:
0000/FFFF
Display:
0000
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Programmazione e parametri
Capitolo 3
Gruppo “Comunicazioni” (continua)
C146 [EN Err ConfRif]
32
Parametro di 32 bit.
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Parametri correlati: C143, C144
Imposta i dati di riferimento che vengono inviati al convertitore di frequenza in presenza di una delle seguenti condizioni:
– C143 [EN Errore comun.] è impostato su 4 “InviaErrConf” e le comunicazioni sono interrotte.
– C144 [EN Scanner Idle] è impostato su 4 “InviaErrConf” e lo scanner è in modalità di programmazione o di prova.
Valori
C147
C148
C149
C150
PF 525
Valore predefinito:
0
Min/Max:
0/50000
Display:
1
[DL conf err EN 1]
[DL conf err EN 2]
[DL conf err EN 3]
[DL conf err EN 4]
Solo PowerFlex 525.
Imposta i dati di ingresso Datalink Ethernet che vengono inviati al convertitore di frequenza in presenza di una delle seguenti condizioni:
– C143 [EN Errore comun.] è impostato su 4 “InviaErrConf” e le comunicazioni sono interrotte.
– C144 [EN Scanner Idle] è impostato su 4 “InviaErrConf” e lo scanner è in modalità di programmazione o di prova.
Valori
Valore predefinito:
0
Min/Max:
0/65535
Display:
1
C153
C154
C155
C156
[Ingr dati EN 1]
[Ingr dati EN 2]
[Ingr dati EN 3]
[Ingr dati EN 4]
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Il numero del parametro datalink il cui valore è scritto dalla tabella dati EtherNet/IP integrata. Questo parametro non può essere cambiato quando è presente una connessione I/O
attraverso la porta EtherNet/IP integrata del convertitore di frequenza.
Valori
C157
C158
C159
C160
PF 525
Valore predefinito:
0
Min/Max:
0/800
Display:
1
[Usc dati EN 1]
[Usc dati EN 2]
[Usc dati EN 3]
[Usc dati EN 4]
Solo PowerFlex 525.
Il numero del parametro datalink il cui valore è letto dalla tabella dati EtherNet/IP integrata. Questo parametro non può essere cambiato quando è presente una connessione I/O
attraverso la porta EtherNet/IP integrata del convertitore di frequenza.
Valori
Valore predefinito:
0
Min/Max:
0/800
Display:
1
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
101
Capitolo 3
Programmazione e parametri
Gruppo “Comunicazioni” (continua)
C161
C162
C163
C164
[Ingr dati opz 1]
[Ingr dati opz 2]
[Ingr dati opz 3]
[Ingr dati opz 4]
Il numero del parametro datalink il cui valore è scritto dalla tabella dati HSDSI (High Speed Drive Serial Interface). Questo parametro non può essere modificato quando è presente una
connessione I/O attraverso la scheda di comunicazione.
Valori
C165
C166
C167
C168
Valore predefinito:
0
Min/Max:
0/800
Display:
1
[Usc dati opz 1]
[Usc dati opz 2]
[Usc dati opz 3]
[Usc dati opz 4]
Il numero del parametro datalink il cui valore è letto dalla tabella dati HSDSI. Questo parametro non può essere modificato quando è presente una connessione I/O attraverso la scheda
di comunicazione.
Valori
Valore predefinito:
0
Min/Max:
0/800
Display:
1
C169 [Sel Multidrive]
Imposta la configurazione del convertitore di frequenza che è in modalità multi-convertitore. Dopo la selezione, è necessario resettare o eseguire un ciclo di accensione/spegnimento.
Opzioni
0 “Disab” (default)
Nessun master multi-convertitore di frequenza dal modulo di rete interno o dalla porta Ethernet integrata. Il convertitore di
frequenza può ancora funzionare come slave multi-drive o come convertitore di frequenza singolo (configurazione multi-drive non
utilizzata).
1 “Opz Rete”
La modalità multi-convertitore di frequenza è abilitata con l’opzione di rete interna come master multi-convertitore. Il convertitore
di frequenza host è “Convertitore 0” e, dalla sua porta RS485, è possibile collegare a margherita fino a quattro convertitori di
frequenza slave.
2 “EtherNet/IP”(1)
La modalità multi-convertitori di frequenza è abilitata con la porta Ethernet integrata come master multi-convertitore. Il
convertitore di frequenza host è “Convertitore 0” e, dalla sua porta RS485, è possibile collegare a margherita fino a quattro
convertitori di frequenza slave.
(1) Impostazione specifica dei convertitori di frequenza PowerFlex 525.
C171
C172
C173
C174
[Indir Drive 1]
[Indir Drive 2]
[Indir Drive 3]
[Indir Drive 4]
Parametri correlati: C169
Imposta gli indirizzi di nodo corrispondenti dei convertitori di frequenza collegati in serie quando C169 [Sel Multidrive] è impostato su 1 “EtherNet/IP”’ o 2 “Opz Rete”. Dopo la selezione,
è necessario resettare o eseguire un ciclo di accensione/spegnimento.
Valori
Valore predefinito:
Indir Drive 1:
Indir Drive 2:
Indir Drive 3:
Indir Drive 4:
2
3
4
5
Min/Max:
1/247
Display:
1
C175 [Config DSI I/O]
Imposta la configurazione dei convertitori di frequenza attivi in modalità multi-convertitore. Identifica le connessioni che verrebbero tentate in caso di reset o di un ciclo di
spegnimento/accensione. Dopo la selezione, è necessario resettare o eseguire un ciclo di accensione/spegnimento.
Opzioni
0 “Drive 0” (default)
1 “Drive 0-1”
2 “Drive 0-2”
3 “Drive 0-3”
4 “Drive 0-4”
102
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Programmazione e parametri
Capitolo 3
Gruppo “Logica”
L180
L182
L184
L186
[Logica prestab 0]
[Logica prestab 2]
[Logica prestab 4]
[Logica prestab 6]
L181
L183
L185
L187
[Logica prestab 1]
[Logica prestab 3]
[Logica prestab 5]
[Logica prestab 7]
Parametri correlati:
Arrestare il convertitore di frequenza prima di modificare questo parametro.
PF 525
Valori
Solo PowerFlex 525.
Valore predefinito:
00F1
Min/Max:
0000/FAFF
Display
0001
Vedere l’Appendice D e l’Appendice E per ulteriori informazioni sull’applicazione StepLogic e sul controllo di posizione StepLogic.
I parametri L180…L187 sono attivi solo se P047, P049 o P051 [Rif velocità x] è impostato su 13 “Fase logica” o 16 “Posizionam.”. Questi parametri possono essere utilizzati per creare un
profilo personalizzato dei comandi di frequenza. Ogni “fase” può essere basata sul tempo, sullo stato di un ingresso logico o sulla combinazione di tempo e stato di un ingresso logico.
Le cifre 1…4 per ogni parametro [Logica prestab x] devono essere programmate in base al profilo desiderato. Un ingresso logico viene stabilito impostando un ingresso digitale,
parametri t062, t063, t065…t068 [DigIn TermBlk xx] su 24 “Logic In 1” e/o 25 “Logic In 2” oppure utilizzando i bit 6 e 7 di A560 [Parola contr av.].
Un intervallo di tempo tra fasi può essere programmato mediante i parametri L190…L197 [Tempo log prestx]. Per i parametri correlati, vedere la tabella che segue.
La velocità di qualunque fase viene programmata mediante i parametri A410…A417 [Freq. predef. x].
Passo Parametro StepLogic Parametro correlato di frequenza preregolata
Parametro correlato di tempo StepLogic
(attivabile indipendentemente dai parametri StepLogic) (attivo quando L180…L187 Cifra 1 o 2 sono impostati su 1,
b, C, d o E)
0
L180 [Logica prestab 0] A410 [Freq. predef. 0]
L190 [Tempo log prest0]
1
L181 [Logica prestab 1] A411 [Freq. predef. 1]
L191 [Tempo log prest1]
2
L182 [Logica prestab 2] A412 [Freq. predef. 2]
L192 [Tempo log prest2]
3
L183 [Logica prestab 3] A413 [Freq. predef. 3]
L193 [Tempo log prest3]
4
L184 [Logica prestab 4] A414 [Freq. predef. 4]
L194 [Tempo log prest4]
5
L185 [Logica prestab 5] A415 [Freq. predef. 5]
L195 [Tempo log prest5]
6
L186 [Logica prestab 6] A416 [Freq. predef. 6]
L196 [Tempo log prest6]
7
L187 [Logica prestab 7] A417 [Freq. predef. 7]
L197 [Tempo log prest7]
La posizione di qualunque fase viene programmata mediante i parametri L200…L214 [Unità fase x].
Passo
0
1
2
3
4
5
6
7
Parametro di posizione StepLogic
L200 [Unità fase 0] e L201 [Unità fase F 0]
L202 [Unità fase 1] e L203 [Unità fase F 1]
L204 [Unità fase 2] e L205 [Unità fase F 2]
L206 [Unità fase 3] e L207 [Unità fase F 3]
L208 [Unità fase 4] e L209 [Unità fase F 4]
L210 [Unità fase 5] e L211 [Unità fase F 5]
L212 [Unità fase 6] e L213 [Unità fase F 6]
L214 [Unità fase 7] e L215 [Unità fase F 7]
Come funziona StepLogic
La sequenza StepLogic inizia con un comando di avviamento valido. Una sequenza normale inizia sempre con L180 [Logica prestab 0].
Cifra 1: Logica per la fase successiva
Questa cifra definisce la logica per la fase successiva. Quando la condizione viene soddisfatta, il programma avanza alla fase successiva. Lo Fase 0 segue la Fase 7. Esempio: la Cifra 1 è
impostata su 3. Quando “Logic In 2” diventa attivo, il programma avanza alla fase successiva.
Cifra 2: Logica per saltare ad una fase differente
Per tutte le impostazioni diverse da F, quando la condizione viene soddisfatta, il programma ignora la Cifra 0 e salta alla fase definita dalla Cifra 3.
Cifra 3: Differente fase a cui saltare
Quando viene soddisfatta la condizione per la Cifra 2, l’impostazione di questa cifra determina la fase successiva o la chiusura del programma.
Cifra 4: Impostazione fasi
Questa cifra definisce le caratteristiche aggiuntive di ogni fase.
Tutti i parametri StepLogic possono essere programmati per controllare un’uscita relè o optoisolata ma non è possibile controllare diverse uscite in base alla condizione di differenti
comandi StepLogic.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
103
Capitolo 3
Programmazione e parametri
Impostazioni StepLogic
La logica di ogni funzione è determinata da quattro cifre per ogni parametro StepLogic. Quello che segue è un elenco delle impostazioni disponibili per ogni cifra. Fare riferimento a
Appendice D per ulteriori informazioni.
Logica per la fase successiva
Logica per saltare ad una fase differente
Fase differente a cui saltare
Impostazione fasi
Non utilizzato
Cifra 1
Cifra 2
Cifra 3
Cifra 4
Impostazioni per il controllo di velocità (Cifra 4)
Impostazione
richiesta
0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
A
b
Param.
Accel/Decel
usato
Accel/Decel 1
Accel/Decel 1
Accel/Decel 1
Accel/Decel 1
Accel/Decel 1
Accel/Decel 1
Accel/Decel 2
Accel/Decel 2
Accel/Decel 2
Accel/Decel 2
Accel/Decel 2
Accel/Decel 2
Impostazioni (Cifra 3)
Stato uscita
StepLogic
Direzione
comandata
Off
Off
Off
On
On
On
Off
Off
Off
On
On
On
Marcia avanti
Marcia indietro
Nessuna uscita
Marcia avanti
Marcia indietro
Nessuna uscita
Marcia avanti
Marcia indietro
Nessuna uscita
Marcia avanti
Marcia indietro
Nessuna uscita
Impostazioni di posizionamento (Cifra 4)
Impostazione
richiesta
0
1
2
Param.
Accel/Decel
usato
Accel/Decel 1
Accel/Decel 1
Accel/Decel 1
Stato uscita
StepLogic
Direzione
da home
Tipo di
comando
Off
Off
Off
Assoluto
Incrementale
Assoluto
3
Accel/Decel 1
Off
4
5
6
Accel/Decel 1
Accel/Decel 1
Accel/Decel 1
On
On
On
7
Accel/Decel 1
On
8
9
A
Accel/Decel 2
Accel/Decel 2
Accel/Decel 2
Off
Off
Off
b
Accel/Decel 2
Off
C
d
E
Accel/Decel 2
Accel/Decel 2
Accel/Decel 2
On
On
On
F
Accel/Decel 2
On
Marcia avanti
Marcia avanti
Marcia
indietro
Marcia
indietro
Marcia avanti
Marcia avanti
Marcia
indietro
Marcia
indietro
Marcia avanti
Marcia avanti
Marcia
indietro
Marcia
indietro
Marcia avanti
Marcia avanti
Marcia
indietro
Marcia
indietro
104
Incrementale
Assoluto
Incrementale
Assoluto
Incrementale
Assoluto
Incrementale
Assoluto
Impostazione
0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
A
Descrizione
Salta a fase 0
Salta a fase 1
Salta a fase 2
Salta a fase 3
Salta a fase 4
Salta a fase 5
Salta a fase 6
Salta a fase 7
Fine programma (arresto normale)
Fine programma (arresto per inerzia)
Fine programma e guasto (F2)
Impostazioni (Cifra 2 e 1)
Impostazione
0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
A
b
C
d
E
F
Descrizione
Salta fase (salta immediatamente)
Fase basata su [Tempo log prestx]
Procedi se “Logic In 1” è attivo
Procedi se “Logic In 2” è attivo
Procedi se “Logic In 1” non è attivo
Procedi se “Logic In 2” non è attivo
Procedi se “Logic In 1” o “Logic In 2” è attivo
Procedi se sia “Logic In 1” sia “Logic In 2” sono attivi
Procedi se né “Logic In 1” né “Logic In 2” sono attivi
Procedi se “Logic In 1” è attivo e “Logic In 2” non è attivo
Procedi se “Logic In 2” è attivo e “Logic In 1” non è attivo
Procedi dopo [Tempo log prestx] e se “Logic In 1” è attivo
Procedi dopo [Tempo log prestx] e se “Logic In 2” è attivo
Procedi dopo [Tempo log prestx] e se “Logic In 1” non è attivo
Procedi dopo [Tempo log prestx] e se “Logic In 2” non è attivo
Non procedere/ignorare le impostazioni della Cifra 2
Incrementale
Assoluto
Incrementale
Assoluto
Incrementale
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Programmazione e parametri
Capitolo 3
Gruppo “Logica” (continua)
L190
L192
L194
L196
[Tempo log prest0]
[Tempo log prest2]
[Tempo log prest4]
[Tempo log prest6]
L191
L193
L195
L197
[Tempo log prest1]
[Tempo log prest3]
[Tempo log prest5]
[Tempo log prest7]
Solo PowerFlex 525.
PF 525
Imposta il tempo di permanenza in ogni fase se la corrispondente parola di comando è impostata su “Fase basata sul tempo”.
Valori
Valore predefinito:
30,0 s
Min/Max:
0,0/999,9 s
Display:
0,1 s
L200
L204
L208
L212
[Unità fase 0]
[Unità fase 2]
[Unità fase 4]
[Unità fase 6]
32
Parametro di 32 bit.
PF 525
L202
L206
L210
L214
[Unità fase 1]
[Unità fase 3]
[Unità fase 5]
[Unità fase 7]
Solo PowerFlex 525.
Imposta la posizione, in unità definite dall’utente, che il convertitore di frequenza deve raggiungere ad ogni fase.
Valori
Valore predefinito:
0
Min/Max:
0/6400
Display:
1
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
105
Capitolo 3
Programmazione e parametri
Gruppo “Display avanzato”
d360 [Ingr anlg 0-10 V]
Parametri correlati: t091, t092
Visualizza l’ingresso analogico 0 – 10 V in percentuale della scala intera.
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0,0/100,0%
Display:
0,1%
d361 [Ingr an 4-20 mA]
Parametri correlati: t095, t096
Visualizza l’ingresso analogico 4 – 20 mA in percentuale della scala intera.
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0,0/100,0%
Display:
0,1%
d362 [Tempo scad-Ore]
Parametri correlati: A555
Visualizza il tempo totale trascorso di accensione (in ore) dall’azzeramento del temporizzatore. Il temporizzatore si arresta al raggiungimento del valore massimo.
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0/32767 ore
Display:
1 ora
d363 [Tempo scad-Min]
Parametri correlati: d362, A555
Visualizza il tempo totale trascorso di accensione (in minuti) dall’azzeramento del temporizzatore. L’azzeramento avviene al raggiungimento del valore massimo e d362 [Tempo scadOre] viene incrementato di uno.
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0,0/60,0 min
Display:
0,1 min
d364 [Stato conteggio]
Visualizza il valore attuale del contatore, se abilitato.
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0/65535
Display:
1
d365 [Stato timer]
32
Parametro di 32 bit.
Visualizza il valore attuale del temporizzatore, se abilitato.
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0/9999 s
Display:
1s
d367 [Tipo inverter]
Utilizzato dal personale di assistenza di Rockwell Automation.
Valori
106
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0/65535
Display:
1
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Programmazione e parametri
Capitolo 3
Gruppo “Display avanzato” (continua)
d368 [Dati testpoint]
Parametri correlati: A483
Visualizza il valore attuale della funzione selezionata in A483 [Sel. testpoint].
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0/FFFF
Display:
1
d369 [Liv overload mot]
Visualizza il contatore di sovraccarico del motore.
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0,0/150,0%
Display:
0,1%
d375 [Mis. Hz scorr.]
Parametri correlati: P032
Visualizza la quantità di corrente di scorrimento o droop (valore assoluto) applicata alla frequenza del motore. Il convertitore di frequenza applica lo scorrimento in base
all’impostazione di P032 [Freq. nom. mot.].
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0,0/25,0 Hz
Display:
0,1 Hz
d376 [Feedback veloc.]
32
Parametro di 32 bit.
Visualizza il valore della velocità effettiva del motore misurata dal feedback encoder/treno di impulsi o stimata.
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0/64.000 giri/min
Display:
1 giro/min
d378 [Veloc. encoder]
32
Parametro di 32 bit.
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Fornisce un punto di monitoraggio che riflette la velocità misurata dal dispositivo di feedback. Questo visualizza la velocità dell’encoder o del treno di impulsi anche se non utilizzato
direttamente per controllare la velocità del motore.
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0/64.000 giri/min
Display:
1 giro/min
d380 [CC ondul BUS]
Visualizza il valore in tempo reale della tensione di ondulazione della sbarra CC.
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0/410 V CC per convertitori di frequenza 230 V CA; 820 V CC per convertitori di frequenza 460 V CA; 1025 V CC per convertitori di
frequenza 600 VCA
Display:
1 V CC
d381 [Fatt pot uscita]
Visualizza l’angolo in gradi elettrici tra tensione del motore e corrente del motore.
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0,0/180,0 gradi
Display:
0,1 gradi
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
107
Capitolo 3
Programmazione e parametri
Gruppo “Display avanzato” (continua)
d382 [Corr. di coppia]
Visualizza il valore della corrente di coppia del motore misurata dal convertitore.
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0,00/(corrente nom. convertitore di frequenza x 2)
Display:
0,01 A
d383 [PID1 Feedback]
d385 [PID2 Feedback]
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Visualizza il valore attivo del feedback PID.
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0,0/100,0%
Display:
0,1%
d384 [Vis setpointPID1]
d386 [Vis setpointPID2]
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Visualizza il valore attivo del setpoint PID.
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0,0/100,0%
Display:
0,1%
d387 [Stato posizione]
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Visualizza la condizione di funzionamento attuale del convertitore. Quando in modalità di posizionamento, il Bit 1 indica la posizione positiva o negativa in relazione a Home.
Direz Posit
In posizione
Posiz Home
DrvPosizIniz
Non utilizzato
Valori
Valore predefinito:
1 = Condizione vera, 0 = Condizione falsa
Cifra 1
Cifra 2
Cifra 3
Cifra 4
Sola lettura
Min/Max:
0000/1111
Display:
0000
d388 [Unità percorse H]
Parametri correlati: d387
Arrestare il convertitore di frequenza prima di modificare questo parametro.
32
Parametro di 32 bit.
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Visualizza il numero di unità definito dall’utente percorse dalla posizione di home. Vedere d387 [Stato posizione] per la direzione di movimento.
Valori
108
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0/64.000
Display:
1
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Programmazione e parametri
Capitolo 3
Gruppo “Display avanzato” (continua)
d389 [Unità percorse L]
Parametri correlati: d387
Arrestare il convertitore di frequenza prima di modificare questo parametro.
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Visualizza il numero di unità definito dall’utente percorse dalla posizione di home. Vedere d387 [Stato posizione] per la direzione di movimento.
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0,00/0,99
Display:
0,01
d390 [Stato fibra]
Stato attuale delle funzioni “Fibra”.
Tieni Sincro
Sinc Pistone
Trav Attivo
Trav Decel
Non utilizzato
Valori
Valore predefinito:
1 = Condizione vera, 0 = Condizione falsa
Cifra 1
Cifra 2
Cifra 3
Cifra 4
Sola lettura
Min/Max:
0000/1111
Display:
0000
d391 [Stato logica STP]
32
Parametro di 32 bit.
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Parametri correlati: P047, L180-L187
Visualizza la fase attuale del profilo StepLogic come definito nei parametri L180…L187 [Logica prestab x] quando P047 [Rif velocità 1] è impostato su 13 “Fase logica” o 16
“Posizionam.”.
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0/8
Display:
1
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
109
Capitolo 3
Programmazione e parametri
Gruppo “Programma avan.”
A410
A412
A414
A416
[Freq. predef. 0]
[Freq. predef. 2]
[Freq. predef. 4]
[Freq. predef. 6]
A411
A413
A415
A417
[Freq. predef. 1]
[Freq. predef. 3]
[Freq. predef. 5]
[Freq. predef. 7]
A418
A420
A422
A424
[Freq. predef. 8]
[Freq. predef. 10]
[Freq. predef. 12]
[Freq. predef. 14]
A419
A421
A423
A425
[Freq. predef. 9]
[Freq. predef. 11]
[Freq. predef. 13]
[Freq. predef. 15]
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Imposta la frequenza delle uscite del convertitore di frequenza al valore programmato, quando selezionato.
Per PowerFlex 525
Accel/Decel di default utilizzate
Impostazione preregolata 0(1)
Impostazione preregolata 1
Impostazione preregolata 2
Impostazione preregolata 3
Impostazione preregolata 4
Impostazione preregolata 5
Impostazione preregolata 6
Impostazione preregolata 7
Impostazione preregolata 8
Impostazione preregolata 9
Impostazione preregolata 10
Impostazione preregolata 11
Impostazione preregolata 12
Impostazione preregolata 13
Impostazione preregolata 14
Impostazione preregolata 15
1
1
2
2
1
1
2
2
1
1
2
2
1
1
2
2
Ingresso preregolato 1
(DigIn TermBlk 05)
0
1
0
1
0
1
0
1
0
1
0
1
0
1
0
1
Ingresso preregolato 2
(DigIn TermBlk 06)
0
0
1
1
0
0
1
1
0
0
1
1
0
0
1
1
Ingresso preregolato 3
(DigIn TermBlk 07)
0
0
0
0
1
1
1
1
0
0
0
0
1
1
1
1
Ingresso preregolato 4
(DigIn TermBlk 08)
0
0
0
0
0
0
0
0
1
1
1
1
1
1
1
1
Ingresso preregolato 1
(DigIn TermBlk 05)
0
1
0
1
0
1
0
1
Ingresso preregolato 2
(DigIn TermBlk 06)
0
0
1
1
0
0
1
1
Ingresso preregolato 3
(DigIn TermBlk 03)
0
0
0
0
1
1
1
1
–
Per PowerFlex 523
Accel/Decel di default utilizzate
Impostazione preregolata 0(1)
Impostazione preregolata 1
Impostazione preregolata 2
Impostazione preregolata 3
Impostazione preregolata 4
Impostazione preregolata 5
Impostazione preregolata 6
Impostazione preregolata 7
1
1
2
2
1
1
2
2
(1) L’impostazione preregolata 0 è disponibile solo se P047, P049 o P051 [Rif velocità x] è impostato su 7 “Prereg Freq”.
Valori
110
Default:
Freq. predef. 0:
Freq. predef. 1:
Freq. predef. 2:
Freq. predef. 3:
Freq. predef. 4:
Freq. predef. 5:
Freq. predef. 6:
Freq. predef. 7…15:
0,00 Hz
5,00 Hz
10,00 Hz
20,00 Hz
30,00 Hz
40,00 Hz
50,00 Hz
60,00 Hz
Min/Max:
0,00/500,00 Hz
Display:
0,01 Hz
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
–
Programmazione e parametri
Capitolo 3
Gruppo “Programma avan.” (continua)
A426 [Freq tastiera]
Parametri correlati: P047, P049, P051
Fornisce il comando di frequenza del convertitore di frequenza mediante navigazione con il tastierino integrato. Quando P047, P049 o P051 [Rif velocità x] selezione 2 “Freq tast”, il
valore impostato in questo parametro controlla la frequenza del convertitore di frequenza. Il valore di questo parametro, inoltre, può essere modificato con il tastierino premendo i tasti
freccia Su o Giù.
Valori
Valore predefinito:
60,00 Hz
Min/Max:
0,00/500,00 Hz
Display:
0,01 Hz
A427 [Freq MOP]
Fornisce il comando di frequenza del convertitore di frequenza mediante il potenziometro motorizzato integrato.
IMPORTANTE
Valori
La frequenza non viene scritta sulla memoria non volatile fino a che il convertitore di frequenza è spento. Se vengono applicati contemporaneamente MOP Su
e MOP Giù, gli ingressi vengono ignorati e la frequenza rimane invariata.
Valore predefinito:
60,00 Hz
Min/Max:
0,00/500,00 Hz
Display:
0,01 Hz
A428 [Sel Reset MOP]
Determina se l’attuale comando di riferimento MOP deve essere salvato allo spegnimento.
Opzioni
0 “Rif MOP Zero”
Azzera la frequenza MOP allo spegnimento ed all’arresto.
1 “SalvaRifMOP” (default)
A429 [Precarico MOP]
Determina il funzionamento della funzione MOP.
Opzioni
0 “No precarico” (default)
1 “Precarico”
Trasferimento bumpless: quando è selezionata la modalità MOP, viene caricato l’attuale valore di uscita della velocità.
A430 [Tempo MOP]
Imposta il tasso di variazione del riferimento MOP.
Valori
Valore predefinito:
10,0 s
Min/Max:
0,1/600,0 s
Display:
0,1 s
A431 [Frequenza jog]
Parametri correlati: P044
Imposta la frequenza di uscita quando viene emesso un comando di jog.
Valori
Valore predefinito:
10,00 Hz
Min/Max:
0,00/[Frequenza max]
Display:
0,01 Hz
A432 [Accel/decel/jog]
Imposta il tempo di accelerazione e decelerazione utilizzato in modalità jog.
Valori
Valore predefinito:
10,00 s
Min/Max:
0,01/600,00 s
Display:
0,01 s
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
111
Capitolo 3
Programmazione e parametri
Gruppo “Programma avan.” (continua)
A433 [Frequenza elim]
Parametri correlati: t062, t063, t065-t068
Fornisce un valore fisso per il comando di frequenza quando t062, t063, t065-t068 [DigIn TermBlk xx] è impostato su 40 “Purge”.
Valori
Valore predefinito:
5,00 Hz
Min/Max:
0,00/500,00 Hz
Display:
0,01 Hz
A434 [Tempo freno CC]
Parametri correlati: P045, A435
Imposta il tempo di “iniezione” della corrente di frenatura CC nel motore.
Valori
Valore predefinito:
0,0 s
Min/Max:
0,0/99,9 s
Display:
0,1 s
A435 [Liv freno CC]
Parametri correlati: P045
Definisce la massima corrente di frenatura CC, in Ampere, applicata al motore quando P045 [Modo Arresto] è impostato su 4 “Pistone” o 6 “Freno CC”.
Modalità arresto su rampa
Modalità di arresto con frenatura CC
[Tempo freno CC]
Ten
sio
Velo
cità
Comando di stop
ne [Tempo freno CC]
L’ampiezza
dipende da
[Liv freno CC]
Tempo
Volt/Velocità
Volt/Velocità
Tensione
Velocità
Comando di stop
Tempo
L’ampiezza
dipende da
[Liv freno CC]
ATTENZIONE: Qualora esistesse pericolo di incidenti a causa del movimento di apparecchiature o materiale, utilizzare un dispositivo meccanico di frenatura
ausiliario. Questa funzione non dovrebbe essere utilizzata con i motori sincroni. I motori potrebbero smagnetizzarsi durante la frenatura.
Valori
Valore predefinito:
Corrente nominale convertitore di frequenza x 0,5
Min/Max:
0,0/(corrente nom. convertitore di frequenza x 1,8)
Display:
0,1 A
A436 [Freno CC a avvio]
Parametri correlati: P045, A435
Volt/Velocità
Imposta il tempo di “iniezione” della corrente di frenatura CC nel motore dopo il ricevimento di un comando di avviamento valido.
ne
sio
Ten
[Freno CC a avvio]
ità
Veloc
[Liv freno CC]
Comando di avviamento
Valori
112
Tempo
Valore predefinito:
0,0 s
Min/Max:
0,0/99,9 s
Display:
0,1 s
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Programmazione e parametri
Capitolo 3
Gruppo “Programma avan.” (continua)
A437 [Sel res freno d.]
Arrestare il convertitore di frequenza prima di modificare questo parametro.
Abilita/disabilita la frenatura dinamica esterna e seleziona il livello di protezione del resistore.
Opzioni
0
“Disab” (default)
1
“Ris RA Norm”
5%
2
“NoProtezione”
100%
3…99 “3…99%CicloCar”
A438 [Lim freno dinam]
Parametri correlati: A437
Imposta la soglia di tensione della sbarra CC per il funzionamento della frenatura dinamica. Se la tensione della sbarra CC sale oltre questo livello, la frenatura dinamica si attiva. Valori
più bassi rendono più reattiva la funzione di frenatura dinamica, ma possono provocarne l’attivazione indesiderata.
ATTENZIONE: Se questo parametro è impostato ad un valore che provoca l’eccessiva dissipazione di potenza da parte del resistore di frenatura dinamica, le
apparecchiature possono subire danni. Impostazioni del parametro inferiori al 100% dovrebbero essere accuratamente valutate per verificare che non vengano
superati i watt nominali del resistore di frenatura dinamica. In generale, valori inferiori al 90% non sono necessari. L’impostazione di questo parametro è
particolarmente importante se il parametro A437 [Sel res freno d.] è impostato su 2 “NoProtezione”.
Valori
Valore predefinito:
100,0%
Min/Max:
10,0/110,0%
Display:
0,1%
A439 [% Curva S]
Abilita una curva a S fissa da applicare alle rampe di accelerazione e decelerazione (inclusa marcia jog).
Tempo curva a S = (Tempo Accel o Decel) x (Impostazione curva a S in percentuale)
100% curva ad S
50% curva ad S
Vel.
target
Vel.
target
Esempio:
Tempo accelerazione = 10 s
Impostazione curva a S = 30%
Tempo curva a S = 10 x 0,3 = 3 s
Vel.
target/2
Tempo curva ad S = Tempo accel.
Tempo curva a S
Tempo totale di accelerazione = Tempo accel. + Tempo curva a S
Valori
Valore predefinito:
Tempo totale di accelerazione = Tempo accel. + Tempo curva a S
0%
Min/Max:
0/100%
Display:
1%
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
113
Capitolo 3
Programmazione e parametri
Gruppo “Programma avan.” (continua)
A440 [Frequenza PWM]
Parametri correlati: A540
% corrente di uscita (A)
Imposta la frequenza portante per la forma d’onda di uscita PWM. Lo schema che segue fornisce le regole generali di declassamento in base all’impostazione della frequenza PWM.
100
96
92
88
84
80
76
72
68
64
60
56
50
1
2
3
4
5
6
7
8
9 10 11 12 13 14 15 16
Frequenza portante (kHz)
Ignorare le regole generali di declassamento può provocare la riduzione delle prestazioni del convertitore di frequenza. Il convertitore di frequenza può ridurre
automaticamente la frequenza portante PWM a basse velocità di uscita, se non impedito da A540 [Disab PWM variab].
IMPORTANTE
Valori
Valore predefinito:
4,0 kHz
Min/Max:
2,0/16,0 kHz
Display:
0,1 kHz
A441 [Riduz Freq]
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Riduce la frequenza in base alla corrente. Questa frequenza viene sottratta dalla frequenza di uscita comandata. Generalmente, scorrimento e droop non sono utilizzati insieme ma, se
sono abilitati entrambi, si sottraggono. Generalmente utilizzato nei sistemi di condivisione del carico.
Valori
Valore predefinito:
0,0 Hz
Min/Max:
0,0/10,0 Hz
Display:
0,1 Hz
A442 [Tempo accel. 2]
Parametri correlati: P044
Tempo per la rampa di accelerazione del convertitore di frequenza da 0,0 Hz a P044 [Frequenza max] se è selezionato “Tempo accel. 2”.
Velocità di accelerazione = [Frequenza max]/[Tempo accel.]
[Frequenza max]
e
ion
Acc
e
raz
lera
ele
zion
e
Dec
Velocità
0
0
Valori
[Tempo accel. x]
Tempo
[Tempo decel. x]
Valore predefinito:
10,00 s
Min/Max:
0,00/600,00 s
Display:
0,01 s
A443 [Tempo decel. 2]
Parametri correlati: P044
Tempo per la rampa di decelerazione del convertitore di frequenza P044 da [Frequenza max] a 0,0 Hz se è selezionato “Tempo decel. 2”.
Velocità di decelerazione = [Frequenza max]/[Tempo decel]
Valori
114
Valore predefinito:
10,00 s
Min/Max:
0,00/600,00 s
Display:
0,01 s
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Programmazione e parametri
Capitolo 3
Gruppo “Programma avan.” (continua)
A444 [Tempo accel. 3]
A446 [Tempo accel. 4]
Imposta la velocità di accelerazione per tutti gli aumenti di velocità quando selezionati dagli ingressi digitali.
Valori
Valore predefinito:
10,00 s
Min/Max:
0,00/600,00 s
Display:
0,01 s
A445 [Tempo decel. 3]
A447 [Tempo decel. 4]
Imposta la velocità di decelerazione per tutte le riduzioni di velocità quando selezionate dagli ingressi digitali.
Valori
Valore predefinito:
10,00 s
Min/Max:
0,00/600,00 s
Display:
0,01 s
A448 [Freq. salto 1]
A450 [Freq. salto 2]
Parametri correlati: A449, A451, A453, A455
A452 [Freq. salto 3]
A454 [Freq. salto 4]
Solo PowerFlex 525.
PF 525
Lavora in combinazione con A449, A451, A453 e A455 [BandaFreq saltox] creando un campo di frequenze a cui il convertitore di frequenza non funziona continuativamente.
Valori
Valore predefinito:
0,0 Hz (disabilitato)
Min/Max:
0,0/500,0 Hz
Display:
0,1 Hz
A449 [BandaFreq salto1]
A451 [BandaFreq salto2]
Parametri correlati: A448, A450, A452, A454
A453 [BandaFreq salto3]
A455 [BandaFreq salto4]
Solo PowerFlex 525.
PF 525
Determina la banda attorno a A448, A450, A452 e A454 [Freq. salto x].
Frequenza
Frequenza
comando
Frequenza uscita
convertitore
2x Banda
frequenza salto
Frequenza salto
Tempo
Valori
Valore predefinito:
0,0 Hz
Min/Max:
0,0/30,0 Hz
Display:
0,1 Hz
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
115
Capitolo 3
Programmazione e parametri
Gruppo “Programma avan.” (continua)
A456 [Trim PID alto 1]
A468 [Trim PID alto 2]
Solo PowerFlex 525.
PF 525
Quando la compensazione è attiva, converte in scala il valore superiore della frequenza di compensazione.
Valori
Valore predefinito:
60,0 Hz
Min/Max:
0,0/500,0 Hz
Display:
0,1 Hz
A457 [Trim PID basso 1]
A469 [Trim PID basso 2]
Solo PowerFlex 525.
PF 525
Quando la compensazione è attiva, converte in scala il valore inferiore della frequenza di compensazione.
Valori
Valore predefinito:
0,0 Hz
Min/Max:
0,0/500,0 Hz
Display:
0,1 Hz
A458 [Selez Trim PID 1]
A470 [Selez Trim PID 2]
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Arrestare il convertitore di frequenza prima di modificare questo parametro.
Imposta l’uscita PID come compensazione al riferimento sorgente.
Opzioni
0 “Disab” (default)
Compensazione PID disabilitata.
1 “PotTrimOn”
2 “Tast TrimOn”
3 “DSI TrimOn”
4 “OpReteTrimOn”
5 “TrimOn 0-10V”
6 “TrimOn 4-20”
7 “PreselTrimOn”
8 “AnlMultTrOn”(1)
9 “MOP TrimOn”
10 “PulsTrimOn”
11 “Slog TrimOn”(1)
12 “EncodTrimOn”(1)
13 “Enet TrimOn”(1)
(1) Impostazione specifica dei convertitori di frequenza PowerFlex 525.
116
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Programmazione e parametri
Capitolo 3
Gruppo “Programma avan.” (continua)
A459 [Sel rif. PID 1]
A471 [Sel rif. PID 2]
Solo PowerFlex 525.
PF 525
Arrestare il convertitore di frequenza prima di modificare questo parametro.
Seleziona la sorgente del riferimento PID.
Opzioni
0 “Setpoint PID” (default)
1 “PotenzDrive”
2 “Freq tast”
3 “Serie/DSI”
4 “Opz Rete”
5 “Ing 0-10V”
6 “Ing 4-20 mA”
7 “Prereg Freq”
8 “AnInMult”(1)
9 “Freq MOP”
10 “Ing impulso”
11 “Fase logica”(1)
12 “Encoder”(1)
13 “Ethernet/IP”(1)
(1) Impostazione specifica dei convertitori di frequenza PowerFlex 525.
A460 [Sel fback PID 1]
A472 [Sel back PID 2]
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Seleziona la sorgente del feedback PID.
Opzioni
0 “Ing 0-10V” (default)
Nota: il PID non funziona con ingresso bipolare. Le tensioni negative vengono ignorate e trattate come zero.
1 “Ing. 4-20 mA”
2 “Serie/DSI”
3 “Opz Rete”
4 “Ing impulso”
5 “Encoder”(1)
6 “Ethernet/IP”(1)
(1) Impostazione specifica dei convertitori di frequenza PowerFlex 525.
A461 [Guad prop PID 1]
Parametri correlati: A459, A471
A473 [Guad prop PID 2]
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Imposta il valore per la componente proporzionale PID quando è abilitata la modalità PID.
Valori
Valore predefinito:
0,01
Min/Max:
0,00/99,99
Display:
0,01
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
117
Capitolo 3
Programmazione e parametri
Gruppo “Programma avan.” (continua)
A462 [Tempo IntegPID 1]
Parametri correlati: A459, A471
A474 [Tempo IntegPID 2]
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Imposta il valore per la componente integrale PID quando è abilitata la modalità PID.
Valori
Valore predefinito:
2,0 s
Min/Max:
0,0/999,9 s
Display:
0,1 s
A463 [Tasso diff PID 1]
Parametri correlati: A459, A471
A475 [Tasso diff PID 2]
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Imposta il valore (in 1/secondo) per la componente derivativa PID quando è abilitata la modalità PID.
Valori
Valore predefinito:
0,00
Min/Max:
0,00/99,99
Display:
0,01
A464 [PID prestab. 1]
Parametri correlati: A459, A471
A476 [PID prestab. 2]
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Fornisce un valore fisso interno per il setpoint di processo quando è abilitata la modalità PID.
Valori
Valore predefinito:
0,0%
Min/Max:
0,0/100,0%
Display:
0,1%
A465 [PID BandaMorta 1]
A477 [PID BandaMorta 2]
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Imposta il limite inferiore dell’uscita PID.
Valori
Valore predefinito:
0,0%
Min/Max:
0,0/10,0%
Display:
0,1%
A466 [PID precarico 1]
A478 [PID precarico 2]
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Imposta il valore utilizzato per precaricare la componente integrale all’avviamento o all’abilitazione.
Valori
Valore predefinito:
0,0 Hz
Min/Max:
0,0/500,0 Hz
Display:
0,1 Hz
A467 [Err Inver PID 1]
A479 [Err Inver PID 2]
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Cambia il segno dell’errore PID.
Opzioni
0 “Normale” (default)
1 “Invertito”
118
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Programmazione e parametri
Capitolo 3
Gruppo “Programma avan.” (continua)
A481 [Mostra ProcBasso]
Parametri correlati: b010, P043
Imposta il valore visualizzato in b010 [Display di proc.] quando il convertitore di frequenza è in marcia alla P043 [Freq minima].
Valori
Valore predefinito:
0,00
Min/Max:
0,00/99,99
Display:
0,01
A482 [Mostra ProcAlto]
Parametri correlati: b010, P044
Imposta il valore visualizzato in b010 [Display di proc.] quando il convertitore di frequenza è in marcia alla P044 [Frequenza max].
Valori
Valore predefinito:
0,00
Min/Max:
0,00/99,99
Display:
0,01
A483 [Sel. testpoint]
Utilizzato dal personale di assistenza di Rockwell Automation.
Valori
Valore predefinito:
400
Min/Max:
0/FFFF
Display:
1
A484 [Limite corr. 1]
Parametri correlati: P033
Massima corrente di uscita ammessa prima della limitazione di corrente.
Valori
Valore predefinito:
Amp nominali del convertitore di frequenza x 1,1 (carico normale); Amp nominali del convertitore di frequenza x 1,5 (per uso
gravoso)
Min/Max:
0,0/Amp nominali del convertitore di frequenza x 1,5 (carico normale); Amp nominali del convertitore di frequenza x 1,8 (per uso
gravoso)
Display:
0,1 A
A485 [Limite corr. 2]
PF 525
Parametri correlati: P033
Solo PowerFlex 525.
Massima corrente di uscita ammessa prima della limitazione di corrente.
Valori
Valore predefinito:
Corrente nominale convertitore di frequenza x 1,1
Min/Max:
0,0/Amp nominali del convertitore di frequenza x 1,5 (carico normale); Amp nominali del convertitore di frequenza x 1,8 (per uso
gravoso)
Display:
0,1 A
A486 [Liv spin sicu 1]
Parametri correlati: A487, A489
A488 [Liv spin sicu 2]
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Imposta il valore di corrente a cui si verifica il guasto “spina di sicurezza“ (per limite di corrente) dopo il tempo impostato in A487, A489 [Tmpo spin sicu x]. Impostando il valore a 0,0 A,
si disabilita la funzione.
Valori
Valore predefinito:
0,0 A (disabilitato)
Min/Max:
0,0/(corrente nom. convertitore di frequenza x 2)
Display:
0,1 A
A487 [Tmpo spin sicu 1]
Parametri correlati: A486, A488
A489 [Tmpo spin sicu 2]
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Imposta il tempo continuativo per cui il convertitore di frequenza deve essere al valore impostato in A486, A488 [Liv spin sicu x] (o sopra tale valore) prima che si verifichi un guasto
“spina di sicurezza” (per limite di corrente).
Valori
Valore predefinito:
0,00 s
Min/Max:
0,00/30,00 s
Display:
0,01 s
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
119
Capitolo 3
Programmazione e parametri
Gruppo “Programma avan.” (continua)
A490 [Liv perd carico]
Parametri correlati: A491
Solo PowerFlex 525.
PF 525
Fornisce uno sgancio software (errore Load Loss) quando la corrente scende sotto questo livello per il tempo specificato in A491 [Tempo perd car.].
Valori
Valore predefinito:
0,0 A
Min/Max:
0,0/Corrente nominale convertitore di frequenza
Display:
0,1 A
A491 [Tempo perd car.]
Parametri correlati: A490
Solo PowerFlex 525.
PF 525
Imposta il tempo necessario di permanenza della corrente sotto A490 [Liv perd carico] prima che si verifichi un guasto di perdita di carico.
Valori
Valore predefinito:
0s
Min/Max:
0/9999 s
Display:
1s
A492 [Tempo mot stallo]
Imposta il tempo per cui il convertitore di frequenza rimane in modalità di stallo prima che venga generato un guasto.
Opzioni
0 “60 Secondi” (default)
1 “120 Secondi”
2 “240 Secondi”
3 “360 Secondi”
4 “480 Secondi”
5 “Err Disab”
A493 [Sel. sovr. mot.]
Parametri correlati: P032, P033
Il convertitore di frequenza fornisce protezione da sovraccarico di Classe 10. Le impostazioni 0…2 selezionano il fattore di declassamento per la funzione di sovraccarico I2t.
Min Declass
80
60
40
20
0
Opzioni
0
25 50 75 100 125 150 175 200
% di [Freq. nom. mot.]
Max Declass
% di [Corr sovracc mot]
100
% di [Corr sovracc mot]
% di [Corr sovracc mot]
No declass
100
80
60
40
20
0
0
25 50 75 100 125 150 175 200
% di [Freq. nom. mot.]
100
80
60
40
20
0
0
0 “No declass” (default)
1 “Min Declass”
2 “Max Declass”
A494 [Tratt sovrac mot]
Seleziona se il contatore di sovraccarico motore deve essere salvato allo spegnimento o resettato all’accensione.
Opzioni
0 “Reset” (default)
1 “Salva”
120
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
25 50 75 100 125 150 175 200
% di [Freq. nom. mot.]
Programmazione e parametri
Capitolo 3
Gruppo “Programma avan.” (continua)
A495 [Mod sovr invert]
Determina le modalità di gestione da parte del convertitore di frequenza delle condizioni di sovraccarico che altrimenti provocherebbero un guasto del convertitore di frequenza.
Opzioni
0 “Disab”
1 “Rid CLim”
2 “Rid Aliment”
3 “Both-PWM 1st” (default)
A496 [Cad tensione IR]
Parametri correlati: P040
Valore della caduta di tensione attraverso la resistenza dello statore del motore (messa a punto automatica) per i motori ad induzione.
Valori
Valore predefinito:
A seconda della taglia del convertitore di frequenza
Min/Max:
0,0/600,0 V CA
Display:
0,1 V CA
A497 [Rif corr. fluss]
Parametri correlati: P040
Si tratta della corrente necessaria per il pieno flusso del motore. Il valore dovrebbe essere impostato alla corrente a vuoto a piena velocità del motore.
Valori
Valore predefinito:
A seconda della taglia del convertitore di frequenza
Min/Max:
0,00/(corrente nom. convertitore di frequenza x 1,4)
Display:
0,01 A
A498 [Resist Rot Mot]
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Resistenza del rotore del motore ad induzione.
Valori
Valore predefinito:
A seconda della taglia del convertitore di frequenza
Min/Max:
0,00/655,35 Ohm
Display:
0,01 Ohm
A499 [Induttanza Mot]
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Induzione mutua del motore ad induzione.
Valori
Valore predefinito:
A seconda della taglia del convertitore di frequenza
Min/Max:
0,0/6553,5 mH
Display:
0,1 mH
A500 [Perd Indutt Mot]
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Induttanza di dispersione del motore ad induzione.
Valori
Valore predefinito:
A seconda della taglia del convertitore di frequenza
Min/Max:
0,0/6553,5 mH
Display:
0,1 mH
A509 [Sel IntervVel]
PF 525
Parametri correlati: A521, A522, A523, A524, A525, A526
Solo PowerFlex 525.
Determina se il guadagno PI del regolatore di velocità nella modalità di controllo “Vettore” è impostato automaticamente o manualmente. I parametri A521…A526 vengono impostati
automaticamente da questo parametro.
Opzioni
0 “Automatica” (default)
1 “Manuale”
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
121
Capitolo 3
Programmazione e parametri
Gruppo “Programma avan.” (continua)
A510 [Freq 1]
A512 [Freq 2]
A514 [Freq 3]
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Imposta la frequenza della modalità di controllo “Vettore”.
Valori
Valore predefinito:
Freq 1:
Freq 2:
Freq 3:
8,33%
15,00%
20,00%
Min/Max:
0,00/200,00%
Display:
0,01%
A511 [Freq 1 Banda]
A513 [Freq 2 Banda]
A515 [Freq 3 Banda]
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Larghezza di banda dell’anello di controllo della velocità per la modalità di controllo “Vettore”.
Valori
Valore predefinito:
10 Hz
Min/Max:
0/40 Hz
Display:
1 Hz
A521 [Kp Freq 1]
A523 [Kp Freq 2]
A525 [Kp Freq 3]
PF 525
Parametri correlati A509, A510
Solo PowerFlex 525.
Imposta il guadagno P della modalità di controllo “Vettore” nel campo di frequenze 1, 2 o 3 per una più rapida risposta di velocità durante lo stato dinamico, quando il motore sta ancora
accelerando. Se A509 [Sel IntervVel] è impostato su 1 “Manuale”, questi parametri possono essere modificati.
Valori
Valore predefinito:
100,0%
Min/Max:
0,0/500,0%
Display:
0,1%
A522 [Ki Freq 1]
A524 [Ki Freq 2]
A526 [Ki Freq 3]
PF 525
Parametri correlati: A509, A510
Solo PowerFlex 525.
Imposta il guadagno I della modalità di controllo “Vettore” nel campo di frequenze 1, 2 o 3 per una più rapida risposta di velocità durante lo stato stazionario, quando il motore è alla
sua velocità nominale. Se A509 [Sel IntervVel] è impostato su 1 “Manuale”, questi parametri possono essere modificati.
Valori
122
Valore predefinito:
0,100 s
Min/Max:
0,000/10,000 s
Display:
0,001 s
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Programmazione e parametri
Capitolo 3
Gruppo “Programma avan.” (continua)
A530 [Selezione boost]
Parametri correlati: b004, P031, P032, P039
Imposta la tensione di boost (% di P031 [Tens Targa mot.]) e ridefinisce la curva V/Hz. Utilizzato solo per le modalità di controllo V/Hz e SVC.
La [Tensione massima] può essere impostata ovunque.
Se > [Tens Targa mot.] definisce un punto sulla curva V/f 100
1/2 [Tens Targa mot.]
50
1/2
[Freq. nom. mot.]
% [Tens Targa mot.]
La [Tensione massima] può essere impostata ovunque.
Se < [Tens Targa mot.] funziona solo come limite
(non cambia la curva V/f)
Impostazioni
5…14
0
4
3
2
1
50
La [Frequenza max] può essere impostata ovunque.
Se < [Freq. nom. mot.] funziona solo come limite
(non cambia la curva V/f)
Opzioni
100
% [Freq. nom. mot.]
La [Frequenza max] può essere impostata ovunque.
Se > [Freq. nom. mot.] definisce un
punto sulla curva V/f
0 “V/Hz Person”
1 “30,0, VT”
2 “35,0, VT”
3 “40,0, VT”
Curve ventola/pompa (coppia variabile)
4 “45,0, VT”
5 “0,0, no IR”
6 “0,0”
(valore predefinito per i
convertitori di frequenza 400 V e
600 V, da 5 Hp e oltre)
7 “2,5, CT”
(valore predefinito per
convertitori di frequenza 200 V,
5 Hp e oltre)
8 “5,0, CT”
(valore predefinito per i
convertitori di frequenza al di
sotto di 5 Hp)
Tensione di boost (% di base) (coppia costante)
9 “7,5, CT”
10 “10,0, CT”
11 “12,5, CT”
12 “15,0, CT”
13 “17,5, CT”
14 “20,0, CT”
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
123
Capitolo 3
Programmazione e parametri
Gruppo “Programma avan.” (continua)
A531 [Boost in Avvio]
Parametri correlati: P031, P032, P039, A530
Imposta la tensione di boost (% di P031 [Tens Targa mot.]) e ridefinisce la curva V/Hz quando A530 [Selezione boost] = 0 “V/Hz Person” e P039 [Mod prest coppia] = 0 “V/Hz”.
[Tensione massima]
[Tensione interr.]
[Boost in Avvio]
Tensione
[Tens Targa mot.]
[Freq. interr.]
[Freq minima]
Valori
Frequenza
[Freq. nom. mot.]
[Frequenza max]
Valore predefinito:
2,5%
Min/Max:
0,0/25,0%
Display:
0,1%
A532 [Tensione interr.]
Parametri correlati: P031, P032, P039, A530, A533
Imposta la tensione (in percentuale di [Frequenza base]) su A533 [Freq. interr.] se A530 0 [Selezione boost] è impostato su “V/Hz Person”.
Valori
Valore predefinito:
25,0%
Min/Max:
0,0/100,0%
Display:
0,1%
A533 [Freq. interr.]
Parametri correlati: P031, P032, P039, A530, A532
Imposta la frequenza a cui A532 [Tensione interr.] viene applicata se A530 0 [Selezione boost] è impostato su “V/Hz Person”.
Valori
Valore predefinito:
15,0 Hz
Min/Max:
0,0/500,0 Hz
Display:
0,1 Hz
A534 [Tensione massima]
Parametri correlati: b004
Imposta la tensione più alta delle uscite convertitore di frequenza.
Valori
124
Valore predefinito:
Tensione nominale convertitore di frequenza
Min:
10 V CA (per convertitori di frequenza 230 V CA); 20 V CA (per convertitori di frequenza 460 V CA); 25 V CA (per convertitori di
frequenza 600 V CA)
Max:
255 V CA (per convertitori di frequenza 230 V CA); 510 V CA (per convertitori di frequenza 460 V CA); 637,5 V CA (per convertitori di
frequenza 600 V CA)
Display:
1 V CA
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Programmazione e parametri
Capitolo 3
Gruppo “Programma avan.” (continua)
A535 [TipoFeedbackMot]
Parametri correlati: A537
Arrestare il convertitore di frequenza prima di modificare questo parametro.
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Seleziona il tipo di encoder.
ATTENZIONE: La perdita dell’ingresso analogico, dell’encoder o di altro dispositivo di feedback può provocare velocità o movimenti non previsti. Adottare le
opportune misure per proteggersi da velocità o movimenti non previsti.
Opzioni
Modalità di controllo ammesse
Ingressi hardware
0 “Nessuna” (default)
Per tutti i tipi di motore
–
1 “TrenoImpulsi”
Tutte ad eccezione di Vettore
2 “Can Singolo”
Tutte ad eccezione di Vettore
3 “ContrSingolo”
Tutte ad eccezione di Vettore
4 “Quadratura”
Per tutti i tipi di motore
5 “ContrQuadrat”
Per tutti i tipi di motore
Scheda encoder incrementale opzionale
(numero di catalogo 25-ENC-1)
A536 [Encoder PPR]
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Quando si utilizza un encoder, specifica gli impulsi per giro (PPR) dell’encoder.
Valori
Valore predefinito:
1024 PPR
Min/Max:
0/20000 PPR
Display:
1 PPR
A537 [Scala ing. imp.]
Parametri correlati: t065, t067, A535
Imposta il fattore di scala/guadagno per l’ingresso ad impulsi quando t065 o t067 [DigIn TermBlk xx] è impostato su 52 “TrenoImpulsi” o A535 [TipoFeedbackMot] è impostato su 1
“TrenoImpulsi”.
Frequenza di ingresso (Hz)/Scala ingresso impulsi = Frequenza di uscita (Hz)
Valori
Valore predefinito:
64
Min/Max:
0/20000
Display:
1
A538 [Loop vel. Ki]
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Imposta il guadagno I utilizzato nel calcolo PI dell’anello di velocità quando si utilizza il feedback.
Valori
Valore predefinito:
2,0
Min/Max:
0,0/400,0
Display:
0,1
A539 [Loop vel. Kp]
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Imposta il guadagno P utilizzato nel calcolo PI dell’anello di velocità quando si utilizza il feedback.
Valori
Valore predefinito:
5,0
Min/Max:
0,0/200,0
Display:
0,1
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
125
Capitolo 3
Programmazione e parametri
Gruppo “Programma avan.” (continua)
A540 [Disab PWM variab]
Parametri correlati: A440
Arrestare il convertitore di frequenza prima di modificare questo parametro.
Abilita/disabilita una funzione che varia la frequenza portante della forma d’onda dell’uscita PWM definita da A440 [Frequenza PWM].
Opzioni
0 “Abilitato” (default)
1 “Disabilitato”
A541 [Tent riavvio aut]
Parametri correlati: A542
Imposta il numero massimo di volte per le quali il convertitore di frequenza tenta di azzerare un guasto e riavviarsi. Vedere il Capitolo 4 per ulteriori informazioni sui guasti e sui codici
di guasto.
Cancellare un guasto di Tipo 1 e riavviare il convertitore.
1. Impostare A541 [Tent riavvio aut] su un valore diverso da “0”.
2. Impostare A542 [Rit riavvio aut] su un valore diverso da “0”.
Cancellare un guasto di sovratensione, sottotensione o sovratemperatura del dissipatore senza riavviare il convertitore.
1. Impostare A541 [Tent riavvio aut] su un valore diverso da “0”.
2. Impostare A542 [Rit riavvio aut] su “0”.
ATTENZIONE: L’impiego di questo parametro in un’applicazione non idonea può essere causa di danni all’apparecchiatura e/o lesioni personali. Non utilizzare
questa funzione senza considerare la normativa, gli standard e le leggi locali, nazionali ed internazionali o le norme del settore.
Valori
Valore predefinito:
0
Min/Max:
0/9
Display:
1
A542 [Rit riavvio aut]
Parametri correlati: A541
Imposta il tempo tra i tentativi di riavviamento se A541 [Tent riavvio aut] non è zero.
Valori
Valore predefinito:
1,0 s
Min/Max:
0,0/120,0 s
Display:
0,1 s
A543 [Avvio all’acc.]
Arrestare il convertitore di frequenza prima di modificare questo parametro.
Abilita/disabilita l’avviamento del convertitore di frequenza all’accensione senza l’intervento di un comando di avviamento. Richiede un ingresso digitale configurato per Marcia o
Avviamento ed un valido contatto di avviamento.
ATTENZIONE: L’impiego di questo parametro in un’applicazione non idonea può essere causa di danni all’apparecchiatura e/o lesioni personali. Non utilizzare
questa funzione senza considerare la normativa, gli standard e le leggi locali, nazionali ed internazionali o le norme del settore.
Opzioni
0 “Disab” (default)
1 “Abilitato”
A544 [Disab inversione]
Parametri correlati: b006
Arrestare il convertitore di frequenza prima di modificare questo parametro.
Abilita/disabilita la funzione che consente di cambiare il senso di rotazione del motore.
Opzioni
0 “Inv. Abilit.” (default)
1 “Inv. Disab.”
A545 [StartVolo abil.]
Imposta la condizione che consente al convertitore di frequenza di ricollegarsi ad un motore in rotazione ai giri/min. effettivi.
Opzioni
0 “Disab” (default)
1 “Abilitato”
126
Si aggancia e aumenta a rampa alla velocità comandata ad ogni avviamento del convertitore di frequenza.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Programmazione e parametri
Capitolo 3
Gruppo “Programma avan.” (continua)
A546 [FlyStrt LimCorr]
Utilizzato per determinare quando il convertitore di frequenza ha raggiunto la frequenza del motore se è abilitato l’avviamento al volo.
Valori
Valore predefinito:
150%
Min/Max:
30/200%
Display:
1%
A547 [Compensazione]
Abilita/disabilita le opzioni di correzione che possono mitigare i problemi di instabilità del motore.
Opzioni
0 “Disab”
Senza compensazione.
1 “Elettrica” (default)
Alcune combinazioni convertitore/motore hanno instabilità intrinseche che si manifestano con correnti motore non sinusoidali.
Questa impostazione tenta di correggere questa condizione
2 “Meccanica”
Alcune combinazioni motore/carico hanno risonanze meccaniche che possono essere eccitate dal regolatore di corrente del
convertitore.
Questa impostazione rallenta la risposta del regolatore di corrente e tenta di correggere questa condizione.
3 “Entrambe”
A548 [Modo perd. alim.]
Imposta la reazione ad un perdita dell’alimentazione d’ingresso.
Opzioni
0 “Costa” (default)
Il convertitore di frequenza va in stato di guasto e il motore si arresta per inerzia.
1 “Deceleraz”
Il convertitore di frequenza decelera e tenta di mantenere la tensione della sbarra CC sopra il livello di sottotensione.
A549 [Abil. metà bus]
Abilita/disabilita la funzione di ride-through (autonomia) dell’alimentazione che consente al convertitore di frequenza di mantenere l’alimentazione al motore al 50% della tensione
d’ingresso del convertitore di frequenza durante le microinterruzioni di alimentazione.
ATTENZIONE: Per proteggere il convertitore di frequenza dai danni, è necessario prevedere una minima impedenza di linea per limitare la corrente di spunto al
ripristino della linea di alimentazione. L’impedenza d’ingresso dovrebbe essere uguale o superiore all’equivalente di un trasformatore al 5% con VA nominali
pari a 6 volte i VA nominali d’ingresso del convertitore di frequenza se è abilitato “metà bus”.
Opzioni
0 “Disab” (default)
1 “Abilitato”
A550 [Regol BUS]
Abilita/disabilita il regolatore della sbarra.
Opzioni
0 “Disab”
1 “Abilitata” (default)
A551 [Azzera guasti]
Arrestare il convertitore di frequenza prima di modificare questo parametro.
Azzera un guasto e cancella la coda di guasti.
Opzioni
0 “Pronto/Rip.” (default)
1 “Reset Errore”
Resetta il guasto attivo ma non cancella alcun buffer di guasti.
2 “Azz Buffer”
Resetta il guasto attivo ed azzera tutti i buffer di guasti.
A552 [Blocco programma]
Parametri correlati: A553
Protegge i parametri dalle modifiche di personale non autorizzato con una password di 4 cifre.
Valori
Valore predefinito:
0000
Min/Max:
0000/9999
Display:
1111
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
127
Capitolo 3
Programmazione e parametri
Gruppo “Programma avan.” (continua)
A553 [Modo BloccoProgr]
Parametri correlati: A552
Determina la modalità di blocco utilizzata nel parametro A552 [Blocco programma]. Quando impostato su 2 o 3, A552 [Blocco programma] viene aggiunto al gruppo personalizzato per
consentire lo sblocco dei parametri.
Opzioni
0 “BloccoTot” (default)
Tutti i parametri sono bloccati eccetto [Blocco programma].
1 “BloccoTast”
Tutti i parametri sono bloccati, eccetto [Blocco programma], dall’accesso mediante il tastierino ma è possibile accedervi tramite il
sistema di comunicazione.
2 “Personal”
Tutti i parametri sono bloccati e nascosti eccetto il gruppo personalizzato e [Blocco programma].
3 “PersonTast”
Tutti i parametri sono bloccati e nascosti, eccetto il gruppo personalizzato e [Blocco programma], dall’accesso mediante il tastierino
ma è possibile accedervi tramite il sistema di comunicazione.
A554 [Sel Amb.Drive]
Imposta la massima temperatura prevista del convertitore di frequenza quando utilizzato a più di 50 C di temperatura ambiente. Quando la temperatura ambiente è superiore a 50 C,
il convertitore di frequenza procederà al necessario declassamento.
Opzioni
0 “Normale” (default)
1 “55C”
2 “60C”
3 “65C+Kit vent”
Kit ventola necessario.
4 “70C+Kit vent”
A555 [Reset misure]
Parametri correlati: b019, b021, b022, b023, b024,
b025, b026, d362, d363
Azzera i valori memorizzati nei parametri che tracciano i tempi di guasto ed il consumo di energia.
Opzioni
0 “Pronto/Rip.” (default)
1 “Reset cont”
Azzera i valori dei parametri kWh, MWh, Accum kWh, Cost e CO2 Sav.
2 “Reset tempo”
Azzera Min, hr e x10 hr.
A556 [Scorri Testo]
Imposta la velocità di scorrimento del testo sul display LCD.
Opzioni
0 “Off”
Nessuno scorrimento.
1 “BassaVel”
2 “MediaVel” (default)
3 “AltaVel”
A557 [Mancanza fase En]
Abilita/disabilita il rilevamento della mancanza di fase in uscita.
ATTENZIONE: L’impiego di questo parametro in un’applicazione non idonea può essere causa di danni all’apparecchiatura e/o lesioni personali. Non utilizzare
questa funzione senza considerare la normativa, gli standard e le leggi locali, nazionali ed internazionali o le norme del settore.
Opzioni
0 “Disab” (default)
1 “Abilitata”
A558 [Modo posizion.]
Arrestare il convertitore di frequenza prima di modificare questo parametro.
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Definisce la modalità di transizione utilizzata per le fasi di posizione.
Opzioni
128
0 “Tempo passi” (default)
Fasi basate sul tempo.
1 “Ingr Prereg”
Gli ingressi preimpostati comandano direttamente una determinata fase.
2 “Fase logica”
Utilizzare i comandi Step Logic. Iniziare sempre dalla Fase 0.
3 “Preset StpL”
Utilizzare gli ingressi preimpostati per determinare la fase iniziale e poi i comandi Step Logic.
4 “StpLogLista”
Usare i comandi Step Logic dall’ultima fase Step Logic all’ultimo arresto del convertitore.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Programmazione e parametri
Capitolo 3
Gruppo “Programma avan.” (continua)
A559 [Conteggi Unità]
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Imposta il numero di impulsi encoder equivalente ad una unità definita dall’utente.
Valori
Valore predefinito:
4096
Min/Max:
1/32000
Display:
1
A560 [Parola contr av.]
PF 525
Parametri correlati: t062, t063, t065 – t068, A571
Solo PowerFlex 525.
Consente il controllo del posizionamento ed altre funzioni attraverso il controllo dei parametri sul sistema di comunicazione. Le funzioni replicano le opzioni degli ingressi digitali e
funzionano nello stesso modo.
1 = Ingresso presente, 0 = Ingresso non presente
Limite home
Cifra 1
Trova home
Cifra 2
Fase manten
Cifra 3
Ridef Posiz
Cifra 4
Sinc Attivo
Cifra 5
Trav Disabil
Cifra 6
Logic In 1
Cifra 7
Logic In 2
Cifra 8
Non utilizzato
Valori
Cifre
Valore predefinito:
0000 0000
Min/Max:
0000 0000/1111 1111
Display:
0000 0000
0 “Limite home”
In modalità di posizionamento, indica che il convertitore di frequenza è in posizione di home
1 “Trova home”
Quando impostato, il successivo comando di avviamento provoca la ricerca della posizione di home da parte del convertitore. Al
termine della routine di ricerca della posizione home, impostare questo bit su 0.
2 “Fase manten”
In modalità di posizionamento, questo ingresso ignora gli altri ingressi e blocca il convertitore di frequenza nella sua fase attuale
(in marcia a velocità nulla dopo aver raggiunto la sua posizione) fino allo sblocco.
3 “Ridef Posiz”
In modalità di posizionamento, questo ingresso resetta la posizione di home alla posizione attuale della macchina. Al termine della
routine di ricerca della posizione home, impostare questo bit su 0.
4 “Sinc Attivo”
Da utilizzare per mantenere la frequenza esistente quando “Tempo Sincr.” è impostato per abilitare la sincronizzazione della
velocità. Quando questo bit viene azzerato, il convertitore di frequenza accelera alla nuova frequenza comandata in base
all’impostazione di A571 [Tempo Sincr.].
5 “Trav Disabil”
Quando impostato, la funzione Traverse è disabilitata.
6 “Logic In 1”
La funzione è identica a quella dell’opzione dell’ingresso digitale “Logic In1”. Questo bit è logicamente in OR con un ingresso
digitale t062, t063, t065 – t068 [DigIn TermBlk xx] impostato su 24 “Logic In1”. Può essere utilizzato per gestire le funzioni Step
Logic (velocità o posizione) attraverso il sistema di comunicazione senza richiedere effettive transizioni degli ingressi digitali.
7 “Logic In 2”
La funzione è identica a quella dell’opzione dell’ingresso digitale “Logic In2”. Questo bit è logicamente in OR con un ingresso
digitale t062, t063, t065 – t068 [DigIn TermBlk xx] impostato su 25 “Logic In2”. Può essere utilizzato per gestire le funzioni Step
Logic (velocità o posizione) attraverso il sistema di comunicazione senza richiedere effettive transizioni degli ingressi digitali.
A561 [Salva posiz corr]
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Determina se, allo spegnimento, la posizione attuale deve essere salvata.
Opzioni
0 “Reimp Home” (default)
Posizione azzerata all’accensione.
1 “Home Salvata”
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
129
Capitolo 3
Programmazione e parametri
Gruppo “Programma avan.” (continua)
A562 [Trova freq Home]
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Imposta la frequenza massima utilizzata dal convertitore di frequenza quando viene emesso il comando di “Trova home”.
Valori
Valore predefinito:
10,0 Hz
Min/Max:
0,1/500,0 Hz
Display:
0,1 Hz
A563 [Trova dir Home]
Arrestare il convertitore di frequenza prima di modificare questo parametro.
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Imposta la direzione comandata dal convertitore di frequenza quando viene emesso il comando di “Trova home”.
Opzioni
0 “Avanti” (default)
1 “Retromarcia”
A564 [Toll Pos Encoder]
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Imposta la tolleranza per “In posizione” e “Posiz Home” intorno al conteggio dell’encoder. Il valore viene aggiunto e sottratto dal valore dell’encoder target per creare un campo di
tolleranza.
Valori
Valore predefinito:
100
Min/Max:
1/50000
Display:
1
A565 [Filtro Regol Pos]
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Imposta il filtro del segnale di errore nel regolatore di posizione.
Valori
Valore predefinito:
8
Min/Max:
0/15
Display:
1
A566 [Guad. regol pos.]
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Imposta la regolazione del guadagno per il regolatore di posizione.
Valori
130
Valore predefinito:
3,0
Min/Max:
0,0/200,0
Display:
0,1
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Programmazione e parametri
Capitolo 3
Gruppo “Programma avan.” (continua)
A567 [Traverso Max]
Imposta l’ampiezza della modulazione a onda triangolare della velocità.
[Salto P]
[Traverso Max]
Hertz
[Freq uscita]
Bit funzione traverse
[Stato fibra]
Bit abilitazione funzione traverse
Secondi
Valori
Valore predefinito:
0,00 Hz
Min/Max:
0,00/300,00 Hz
Display:
0,01 Hz
A568 [Increm. trav]
Parametri correlati: A567
Imposta il tempo necessario alla funzione Traverse per accelerare dalla minima alla massima frequenza Traverse. Vedere lo schema in A567 [Traverso Max].
Valori
Valore predefinito:
0,00 s
Min/Max:
0,00/300,00 s
Display:
0,01 s
A569 [Decr. traverso]
Parametri correlati: A567
Imposta il tempo necessario alla funzione Traverse per decelerare dalla massima alla minima frequenza Traverse. Vedere lo schema in A567 [Traverso Max].
Valori
Valore predefinito:
0,00 s
Min/Max:
0,00/300,00 s
Display:
0,01 s
A570 [Salto P]
Parametri correlati: A567
Imposta l’ampiezza della frequenza aggiunta o sottratta dalla frequenza comandata. Vedere lo schema in A567 [Traverso Max].
Valori
Valore predefinito:
0,00 Hz
Min/Max:
0,00/300,00 Hz
Display:
0,01 Hz
A571 [Tempo Sincr.]
Parametri correlati: t062, t063, t065 – t068, A560
Abilita la funzione che mantiene il convertitore di frequenza alla frequenza attuale anche se la frequenza comandata cambia. Utilizzato con t062, t063, t065 – t068 [DigIn TermBlk xx]
32 “Sync Enable”.
Hertz
[Tempo Sincr.]
Nuovo riferimento convertitore 2
Nuovo riferimento convertitore 1
Bit sincr. velocità
Cambiare riferimenti
[Stato fibra]
Ingresso abilitazione sincr. convertitore 1 e 2
Tempo
Valori
Valore predefinito:
0,0 s
Min/Max:
0,0/3200,0 s
Display:
0,1 s
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
131
Capitolo 3
Programmazione e parametri
Gruppo “Programma avan.” (continua)
A572 [Rapp velocità]
Arrestare il convertitore di frequenza prima di modificare questo parametro.
Converte in scala il comando di velocità del convertitore.
Valori
Valore predefinito:
1,00
Min/Max:
0,01/99,99
Display:
0,01
Gruppo “Opzioni rete”
Questo gruppo contiene parametri per la scheda dell’opzione di rete installata.
Vedere il manuale dell’utente della scheda di rete per ulteriori informazioni sui
parametri disponibili.
Gruppo “Param Modificati”
Questo gruppo contiene i parametri i cui valori sono stati modificati rispetto a
quelli predefiniti in fabbrica.
Quando il valore di default di un parametro viene modificato, il parametro viene
automaticamente aggiunto a questo gruppo. Quando viene ripristinato al suo
valore di fabbrica, il parametro viene automaticamente rimosso da questo gruppo.
132
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Programmazione e parametri
Capitolo 3
Gruppo “Diagn. Errore”
F604
F605
F606
F607
F608
F609
F610
[Codice guasto 4]
[Codice guasto 5]
[Codice guasto 6]
[Codice guasto 7]
[Codice guasto 8]
[Codice guasto 9]
[Codice guasto 10]
Parametri correlati: b007-b009
Codice che rappresenta un guasto del convertitore. I codici appaiono in questi parametri nell’ordine in cui si verificano (b007 [Codice guasto 1] = il guasto più recente). I guasti ripetitivi
vengono registrati una sola volta.
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
F0/F127
Display:
F0
F611 [Guasto 1-Ore]
F613 [Guasto 3-Ore]
F615 [Guasto 5-Ore]
F612 [Guasto 2-Ore]
F614 [Guasto 4-Ore]
F616 [Guasto 6-Ore]
F618 [Guasto 8-Ore]
F620 [Guasto 10-Ore]
F617 [Guasto 7-Ore]
F619 [Guasto 9-Ore]
PF 525
Parametri correlati: d362
Solo PowerFlex 525.
Visualizza il valore di d362 [Tempo scad-Ore] quando si verifica il guasto.
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0/32767 ore
Display:
1 ora
F621 [Guasto 1 – Min]
F623 [Guasto 3 – Min]
F625 [Guasto 5 – Min]
F622 [Guasto 2 – Min]
F624 [Guasto 4 – Min]
F626 [Guasto 6 – Min]
F628 [Guasto 8 – Min]
F630 [Guasto 10 – Min]
F627 [Guasto 7 – Min]
F629 [Guasto 9 – Min]
PF 525
Parametri correlati:d363
Solo PowerFlex 525.
Visualizza il valore di d363 [Tempo scad-Min] quando si verifica il guasto.
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0,0/320,0 min
Display:
0,1 min
F631 [G. di Freq. 1]
F633 [G. di Freq. 3]
F635 [G. di Freq. 5]
F632 [G. di Freq. 2]
F634 [G. di Freq. 4]
F636 [G. di Freq. 6]
F638 [G. di Freq. 8]
F640 [G. di Freq. 10]
F637 [G. di Freq. 7]
F639 [G. di Freq. 9]
PF 525
Parametri correlati: b001
Solo PowerFlex 525.
Visualizza e memorizza il valore di b001 [Freq uscita] con gli ultimi 10 guasti.
[G. di Freq. 1] memorizza il guasto più recente, [G. di Freq. 2] il secondo guasto più recente e [G. di Freq. 3] il terzo guasto più recente.
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0,00/500,00 Hz
Display:
0,01 Hz
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
133
Capitolo 3
Programmazione e parametri
Gruppo “Diagn. Errore” (continua)
F641 [ErroreCorrente 1]
F643 [ErroreCorrente 3]
F645 [ErroreCorrente 5]
F642 [ErroreCorrente 2]
F644 [ErroreCorrente 4]
F646 [ErroreCorrente 6]
F648 [ErroreCorrente 8]
F650 [ErroreCorrente10]
F647 [ErroreCorrente 7]
F649 [ErroreCorrente 9]
PF 525
Parametri correlati: b003
Solo PowerFlex 525.
Visualizza e memorizza il valore di b003 [Corr. in uscita] con gli ultimi 10 guasti.
[ErroreCorrente 1] memorizza il guasto più recente, [ErroreCorrente 2] il secondo guasto più recente e [ErroreCorrente 3] il terzo guasto più recente.
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0,00/(corrente nom. convertitore di frequenza x 2)
Display:
0,01 A
F651 [VoltBus Guasto1]
F653 [VoltBus Guasto3]
F655 [VoltBus Guasto5]
F652 [VoltBus Guasto2]
F654 [VoltBus Guasto4]
Parametri correlati: b005
F656 [VoltBus Guasto6] F657 [VoltBus Guasto7]
F658 [VoltBus Guasto8] F659 [VoltBus Guasto9]
F660 [VoltBus Guasto10]
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Visualizza e memorizza il valore di b005 [Tens. bus CC] con gli ultimi 10 guasti.
[VoltBus Guasto1] memorizza il guasto più recente, [VoltBus Guasto2] il secondo guasto più recente e [VoltBus Guasto3] il terzo guasto più recente.
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0/1200 V CC
Display:
1 V CC
F661 [[email protected] 1]
F663 [[email protected] 3]
F665 [[email protected] 5]
F662 [[email protected] 2]
F664 [[email protected] 4]
F666 [[email protected] 6]
F668 [[email protected] 8]
F670 [[email protected] 10]
F667 [[email protected] 7]
F669 [[email protected] 9]
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Visualizza il valore di b006 [Stato unità] con gli ultimi 10 guasti.
[[email protected] 1] memorizza il guasto più recente, [[email protected] 2] il secondo guasto più recente e [[email protected] 3] il terzo guasto più recente.
In marcia
Avanti
In accel.
In deceleraz
Sicur attiva(1)
(1)
Impostazione specifica dei convertitori di frequenza PowerFlex 525.
Valori
134
1 = Condizione vera, 0 = Condizione falsa
Cifra 1
Cifra 2
Cifra 3
Cifra 4
Cifra 5
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0/0x1F
Display:
1
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Parametri correlati: b006
Programmazione e parametri
Capitolo 3
Gruppo “Diagn. Errore” (continua)
F681 [Comm Sts – DSI]
Visualizza lo stato della porta seriale RS485 (DSI) sul convertitore.
Rx
Tx
Stato
Errore
Non utilizzato
1 = Condizione vera, 0 = Condizione falsa
Cifra 1
Cifra 2
Cifra 3
Cifra 4
Cifra 3 (stato di connessione)
0
“Non attivo”
1
“Rete slave Modbus (master Modbus esterno)”
2
“Multi-convertitore di frequenza Modbus con master opzione di comunicazione interno”
3
“Multi-convertitore di frequenza Modbus con master di comunicazione integrato”(1)
4
“Periferica DSI collegata”
5…8 “Riservato”
9
“Rete RS-485 in guasto”
(1)
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0000/1911
Display:
0000
Impostazione specifica dei convertitori di frequenza PowerFlex 525.
F682 [Comm Sts – Opt]
Visualizza lo stato del sistema di comunicazione interno al convertitore.
Rx
Tx
Stato
Errore
Non utilizzato
Valori
1 = Condizione vera, 0 = Condizione falsa
Cifra 1
Cifra 2
Cifra 3
Cifra 4
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0000/1911
Display:
0000
Cifra 3 = “Opzione di comunicazione interna”
0
“Non attiva (nessuna connessione)”
1
“Opzione interna collegata/attiva”
2 – 8 “Riservato”
9
“Opzione di comunicazione interna in guasto”
F683 [Comm Sts Enet]
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Visualizza lo stato dell’interfaccia EtherNet/IP integrata nel convertitore.
Rx
Tx
Stato
Errore
Non utilizzato
Valori
Valore predefinito:
1 = Condizione vera, 0 = Condizione falsa
Cifra 1
Cifra 2
Cifra 3
Cifra 4
Cifra 3 = “EtherNet/IP integrata”
0
“Non attiva (nessuna connessione)”
1
“EtherNet/IP integrata attiva”
2 – 8 “Riservato”
9
“EtherNet/IP integrata in guasto”
Sola lettura
Min/Max:
0000/1911
Display:
0000
F684 [Sorg ind EN]
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Visualizza la sorgente effettiva della configurazione Ethernet (indirizzo IP, maschera di sottorete, e indirizzo gateway).
Opzioni
1 “Parametri”
Sola lettura
2 “BOOTP”
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
135
Capitolo 3
Programmazione e parametri
Gruppo “Diagn. Errore” (continua)
F685 [EN Freq Azione]
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Visualizza la velocità dei dati di rete attualmente utilizzata dall’interfaccia EtherNet/IP integrata.
Opzioni
0 “No Collegam”
Sola lettura
1 “10Mbps Pieno”
2 “10Mbps Metà”
3 “100MbpsPieno”
4 “100Mbps Metà”
5 “Ind IP dup”
6 “Disabilitato”
F686 [Azione DSI I/O]
Visualizza i convertitori di frequenzaattivi in modalità multi-convertitore.
1 = Convertitore inattivo, 0 = Convertitore attivo
Drive 0 Att
Cifra 1
Drive 1 Att
Cifra 2
Drive 2 Att
Cifra 3
Drive 3 Att
Cifra 4
Drive 4 Att
Cifra 5
Valore
F687
F688
F689
F690
F691
F692
PF 525
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
00000/11111
Display:
00000
[Indir HW 1]
[Indir HW 2]
[Indir HW 3]
[Indir HW 4]
[Indir HW 5]
[Indir HW 6]
Solo PowerFlex 525.
Visualizza l’indirizzo MAC dell’interfaccia EtherNet/IP integrata.
Valori
136
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0/255
Display:
1
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Programmazione e parametri
Capitolo 3
Gruppo “Diagn. Errore” (continua)
F693
F694
F695
F696
[Ind IP eff 1]
[Ind IP eff 2]
[Ind IP eff 3]
[Ind IP eff 4]
Solo PowerFlex 525.
PF 525
Visualizza l’effettivo indirizzo IP attualmente utilizzato dall’interfaccia EtherNet/IP integrata. Se non è impostato alcun indirizzo, indica 0.
255.255.255.255
[Ind IP eff 1]
[Ind IP eff 2]
[Ind IP eff 3]
[Ind IP eff 4]
Valori
F697
F698
F699
F700
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0/255
Display:
1
[Sottorete eff 1]
[Sottorete eff 2]
[Sottorete eff 3]
[Sottorete eff 4]
Solo PowerFlex 525.
PF 525
Visualizza l’effettiva maschera di sottorete attualmente utilizzata dall’interfaccia EtherNet/IP integrata. Se non è impostato alcun indirizzo, indica 0.
255.255.255.255
[Sottorete eff 1]
[Sottorete eff 2]
[Sottorete eff 3]
[Sottorete eff 4]
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0/255
Display:
1
F701
F702
F703
F704
[Az gateway 1]
[Az gateway 2]
[Az gateway 3]
[Az gateway 4]
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Visualizza l’effettivo indirizzo gateway attualmente utilizzato dall’interfaccia EtherNet/IP integrata. Se non è impostato alcun indirizzo, indica 0.
255.255.255.255
[Az gateway 1]
[Az gateway 2]
[Az gateway 3]
[Az gateway 4]
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0/255
Display:
1
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
137
Capitolo 3
Programmazione e parametri
Gruppo “Diagn. Errore” (continua)
F705
F709
F713
F717
F721
[Com log drive 0]
[Com log drive 1]
[Com log drive 2]
[Com log drive 3]
[Com log drive 4]
In modalità multi-drive, questo è il comando logico che viene trasmesso al convertitore di frequenza 0/1/2/3/4/.
In modalità singolo convertitore, questo è il comando logico che viene attualmente usato dal convertitore di frequenza (HS-DSI, EtherNet/IP o DSI). Se, per il controllo, NON si utilizza il
sistema di comunicazione e il convertitore di frequenza è in modalità singolo convertitore, questo parametro visualizza 0.
Valori
F706
F710
F714
F718
F722
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0/FFFF
Display:
1
[Riferim drive 0]
[Riferim drive 1]
[Riferim drive 2]
[Riferim drive 3]
[Riferim drive 4]
In modalità multi-convertitore, questo è il riferimento che viene trasmesso al convertitore di frequenza 0/1/2/3/4.
In modalità singolo convertitore, questo è il riferimento che viene attualmente usato dal convertitore di frequenza (HS-DSI, EtherNet/IP o DSI). Se, per il controllo, NON si utilizza il
sistema di comunicazione e il convertitore di frequenza è in modalità singolo convertitore, questo parametro visualizza 0.
Valori
F707
F711
F715
F719
F723
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0,00/500,00 Hz
Display:
0,01 Hz
[Stat log drive 0]
[Stat log drive 1]
[Stat log drive 2]
[Stat log drive 3]
[Stat log drive 4]
In modalità multi-convertitore, questo è lo stato logico che viene ricevuto dal convertitore di frequenza 0/1/2/3/4.
In modalità singolo convertitore, questo è lo stato logico attuale del convertitore.
Valori
F708
F712
F716
F720
F724
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0/FFFF
Display:
1
[Feedback drive 0]
[Feedback drive 1]
[Feedback drive 2]
[Feedback drive 3]
[Feedback drive 4]
In modalità multi-drive, questo è il feedback che viene ricevuto dal convertitore di frequenza 0/1/2/3/4.
In modalità singolo convertitore di frequenza, questo è il feedback attuale del convertitore di frequenza.
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0,00/500,00 Hz
Display:
0,01 Hz
F725 [Overrun rx EN]
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Un conteggio del numero di errori overrun ricevuti registrato dall’interfaccia EtherNet/IP integrata.
Valori
138
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0/65535
Display:
1
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Programmazione e parametri
Capitolo 3
Gruppo “Diagn. Errore” (continua)
F726 [Pacch rx EN]
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Un conteggio del numero di pacchetti ricevuti registrato dall’interfaccia EtherNet/IP integrata.
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0/65535
Display:
1
F727 [Errori Rx EN]
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Un conteggio del numero di errori ricevuti registrato dall’interfaccia EtherNet/IP integrata.
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0/65535
Display:
1
F728 [Pacch tx EN]
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Un conteggio del numero di pacchetti trasmessi registrato dall’interfaccia EtherNet/IP integrata.
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0/65535
Display:
1
F729 [Err Tx EN]
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Un conteggio del numero di errori trasmessi registrato dall’interfaccia EtherNet/IP integrata.
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0/65535
Display:
1
F730 [Pacch IO manc EN]
PF 525
Solo PowerFlex 525.
Il numero di pacchetti I/O mancati.
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0/65535
Display:
1
F731 [Errori DSI]
Il numero degli errori DSI totali.
Valori
Valore predefinito:
Sola lettura
Min/Max:
0/65535
Display:
1
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
139
Capitolo 3
Programmazione e parametri
Gruppi di parametri AppView
I convertitori di frequenza PowerFlex 520 includono vari gruppi di parametri
AppView per consentire un accesso facile e rapido in base ai differenti tipi di
applicazione. Queste applicazioni includono:
• Convogliatore
• Mixer
• Compressore
• Pompa centrifuga
• Soff./Ventola
• Estrusore
• Posizionamento (solo PowerFlex 525)
• Tessile/Fibra
Non è possibile aggiungere o rimuovere parametri nei gruppi AppView. Se si
desidera accedere rapidamente ad ulteriori parametri non compresi nei gruppi
AppView, utilizzare il gruppo di parametri CustomView.
I parametri nei gruppi AppView possono essere rapidamente aggiunti al gruppo
di parametri CustomView procedendo come segue:
Passo
1. Premere il tasto freccia Su o Giù per scorrere i
gruppi AppView (G1…G8).
2. Premere Invio o Sel per accedere ad un gruppo.
La cifra più a destra dell’ultimo parametro
visualizzato in quel gruppo lampeggia.
Tasti
Display di esempio
o
AVANTI
o
3. Premere il tasto freccia Su o Giù per selezionare
il comando G1->GC.
4. Premere Invio o Sel per aggiungere tutti i
parametri del gruppo AppView nel gruppo
CustomView. Il display LCD conferma l’avvenuto
passaggio.
140
AVANTI
Sel
o
AVANTI
AVANTI
o
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Sel
Programmazione e parametri
Gruppo di parametri
CustomView
Capitolo 3
Utilizzare il gruppo di parametri CustomView per:
• memorizzare i parametri utilizzati più spesso dall’applicazione in modo che
siano rapidamente accessibili.
• selezionare solo i parametri necessari all’applicazione e, se necessario,
nascondere gli altri con A552 [Blocco programma].
Nel gruppo di parametri CustomView, è possibile memorizzare fino a 100
parametri. Come illustrato sopra, nel gruppo CustomView è possibile copiare un
intero gruppo di parametri AppView o aggiungere singoli parametri, come
illustrato di seguito.
Passo
Tasti
1. Premere il tasto freccia Su o Giù per selezionare
il gruppo CustomView (GC).
Display di esempio
o
AVANTI
2. Premere Invio per visualizzare i parametri che
possono essere aggiunti al gruppo CustomView.
AVANTI
3. Premere il tasto freccia Su o Giù per scorrere
l’elenco di parametri.
o
AVANTI
PROGRAMMA
4. Premere Invio per aggiungere il parametro al
gruppo CustomView. Il display LCD conferma
l’avvenuto passaggio.
AVANTI
Per cancellare i parametri dal gruppo CustomView:
Passo
Tasti
1. Premere il tasto freccia Su o Giù per selezionare
il gruppo CustomView (GC).
Display di esempio
o
AVANTI
2. Premere Invio per visualizzare i parametri
presenti nel gruppo CustomView.
AVANTI
3. Premere il tasto freccia Su o Giù per selezionare
il comando GC---.
o
AVANTI
PROGRAMMA
4. Premere Invio o Sel per visualizzare i parametri
memorizzati nel gruppo CustomView.
AVANTI
o
5. Premere il tasto freccia Su o Giù per scorrere
l’elenco di parametri.
Sel
o
AVANTI
PROGRAMMA
6. Premere Invio per cancellare il parametro dal
gruppo CustomView. Il display LCD conferma
l’avvenuto passaggio.
SUGGERIMENTO
AVANTI
Questo processo può essere velocizzato utilizzando la funzione drag-and-drop
del software Connected Components Workbench.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
141
Capitolo 3
Programmazione e parametri
Parametri ordinati per nome
Nome parametro
% Curva S
Abil. bipol 10 V(1)
Abil. metà bus
Accel/decel/jog
Autotune
Avvio all’acc.
Az gateway 1(1)
Az gateway 2(1)
Az gateway 3(1)
Az gateway 4(1)
Azione DSI I/O
AzioneGuastiCom
Azzera guasti
BandaFreq salto1
BandaFreq salto2
BandaFreq salto3(1)
BandaFreq salto4(1)
Blocco programma
Boost in Avvio
Cad tensione IR
Categ tensione
CC ondul BUS
CO2 accum risp
Codice guasto 1
Codice guasto 10(1)
Codice guasto 2
Codice guasto 3
Codice guasto 4
Codice guasto 5
Codice guasto 6(1)
Codice guasto 7(1)
Codice guasto 8(1)
Codice guasto 9(1)
Com log drive 0
Com log drive 1
Com log drive 2
Com log drive 3
Com log drive 4
Comm Sts – DSI
Comm Sts – Opt
Comm Sts Enet(1)
Compensazione
Config DSI I/O
Cons med kWh
Conteggi Unità(1)
Corr in uscita
Corr sovracc mot
N.
439
093
549
432
040
543
701
702
703
704
686
125
551
449
451
453
455
552
531
496
038
380
026
007
610
008
009
604
605
606
607
608
609
705
709
713
717
721
681
682
683
547
175
052
559
003
033
Nome parametro
Corr. di coppia
Costo accum risp
Dati testpoint
Decr. traverso
DigIn TermBlk 02
DigIn TermBlk 03
DigIn TermBlk 05
DigIn TermBlk 06
DigIn TermBlk 07(1)
DigIn TermBlk 08(1)
Disab inversione
Disab PWM variab
Display di proc.
DL conf err EN 1(1)
DL conf err EN 2(1)
DL conf err EN 3(1)
DL conf err EN 4(1)
EN Err ConfLog(1)
EN Err ConfRif(1)
EN Errore comun.(1)
EN Freq Azione
EN Freq Config(1)
EN Gateway Conf1(1)
EN Gateway Conf2(1)
EN Gateway Conf3(1)
EN Gateway Conf4(1)
EN Ind IP Conf 1(1)
EN Ind IP Conf 2(1)
EN Ind IP Conf 3(1)
EN Ind IP Conf 4(1)
EN Scanner Idle(1)
EN Subnet Conf 1(1)
EN Subnet Conf 2(1)
EN Subnet Conf 3(1)
EN Subnet Conf 4(1)
Encoder PPR(1)
Err Inver PID 1
Err Inver PID 2(1)
Err Tx EN(1)
ErroreCorrente 1
ErroreCorrente 2
ErroreCorrente 3
ErroreCorrente 4
ErroreCorrente 5
ErroreCorrente 6(1)
ErroreCorrente 7(1)
ErroreCorrente 8(1)
N.
382
025
368
569
062
063
065
066
067
068
544
540
010
147
148
149
150
145
146
143
685
141
137
138
139
140
129
130
131
132
144
133
134
135
136
536
467
479
729
641
642
643
644
645
646
647
648
Nome parametro
ErroreCorrente 9(1)
ErroreCorrente10(1)
Errori DSI
Errori Rx EN(1)
Fatt pot uscita
Feedback drive 0
Feedback drive 1
Feedback drive 2
Feedback drive 3
Feedback drive 4
Feedback veloc.
Filtro ingr anlg
Filtro Regol Pos(1)
FLA nom. mot.
FlyStrt LimCorr
Fonte avvio 1
Fonte avvio 2
Fonte avvio 3
Fonte controllo
Formato RS485
Freno CC a avvio
Freq 1 Banda(1)
Freq 1(1)
Freq 2 Banda(1)
Freq 2(1)
Freq 3 Banda(1)
Freq 3(1)
Freq comandata
Freq dati RS485
Freq minima
Freq MOP
Freq tastiera
Freq uscita
Freq. interr.
Freq. nom. mot.
Freq. predef. 0
Freq. predef. 1
Freq. predef. 10(1)
Freq. predef. 11(1)
Freq. predef. 12(1)
Freq. predef. 13(1)
Freq. predef. 14(1)
Freq. predef. 15(1)
Freq. predef. 2
Freq. predef. 3
Freq. predef. 4
Freq. predef. 5
(1) Parametro specifico dei convertitori PowerFlex 525.
142
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
N.
649
650
731
727
381
708
712
716
720
724
376
099
565
034
546
046
048
050
012
127
436
511
510
513
512
515
514
002
123
043
427
426
001
533
032
410
411
420
421
422
423
424
425
412
413
414
415
Programmazione e parametri
Nome parametro
Freq. predef. 6
Freq. predef. 7
Freq. predef. 8(1)
Freq. predef. 9(1)
Freq. salto 1
Freq. salto 2
Freq. salto 3(1)
Freq. salto 4(1)
Frequenza elim
Frequenza jog
Frequenza max
Frequenza PWM
G. di Freq. 1
G. di Freq. 10(1)
G. di Freq. 2
G. di Freq. 3
G. di Freq. 4
G. di Freq. 5
G. di Freq. 6(1)
G. di Freq. 7(1)
G. di Freq. 8(1)
G. di Freq. 9(1)
Giri/m uscita
Guad prop PID 1
Guad prop PID 2(1)
Guad. regol pos.(1)
Guasto 1 – Min
Guasto 10 – Min(1)
Guasto 10-Ore(1)
Guasto 1-Ore
Guasto 2 – Min
Guasto 2-Ore
Guasto 3 – Min
Guasto 3-Ore
Guasto 4 – Min
Guasto 4-Ore
Guasto 5 – Min
Guasto 5-Ore
Guasto 6 – Min(1)
Guasto 6-Ore(1)
Guasto 7 – Min(1)
Guasto 7-Ore(1)
Guasto 8 – Min(1)
Guasto 8-Ore(1)
Guasto 9 – Min(1)
Guasto 9-Ore(1)
Increm. trav
Ind IP eff 1(1)
N.
416
417
418
419
448
450
452
454
433
431
044
440
631
640
632
633
634
635
636
637
638
639
015
461
473
566
621
630
620
611
622
612
623
613
624
614
625
615
626
616
627
617
628
618
629
619
568
693
Nome parametro
Ind IP eff 2(1)
Ind IP eff 3(1)
Ind IP eff 4(1)
Ind nodo RS485
Indir Drive 1
Indir Drive 2
Indir Drive 3
Indir Drive 4
Indir HW 1(1)
Indir HW 2(1)
Indir HW 3
Indir HW 4(1)
Indir HW 5(1)
Indir HW 6(1)
Induttanza Mot(1)
Ing an 0-10 V al
Ing an 0-10 V ba
Ing an 4-20 mA a
Ing an 4-20 mA b
Ingr an 4-20 mA
Ingr anlg 0-10 V
Ingr dati EN 1(1)
Ingr dati EN 2(1)
Ingr dati EN 3(1)
Ingr dati EN 4(1)
Ingr dati opz 1
Ingr dati opz 2
Ingr dati opz 3
Ingr dati opz 4
Ki Freq 1(1)
Ki Freq 2(1)
Ki Freq 3(1)
Kp Freq 1(1)
Kp Freq 2(1)
Kp Freq 3(1)
kWh risp accum
kWh usat
Lim freno dinam
Limite corr. 1
Limite corr. 2(1)
Lingua
Liv disatt
Liv frn CC
Liv overload mot
Liv perd carico(1)
Liv spin sicu 1
Liv spin sicu 2(1)
Liv usc ottica 1(1)
N.
694
695
696
124
171
172
173
174
687
688
689
690
691
692
499
092
091
096
095
361
360
153
154
155
156
161
162
163
164
522
524
526
521
523
525
024
021
438
484
485
30
101
435
369
490
486
488
070
Nome parametro
Liv usc ottica 2(1)
Liv usc relè 2(1)
Liv usc relF 2(1)
Liv uscita relè1
Liv uscita relè2(1)
Livello attiv
Log usc ottica
Logica prestab 0
Logica prestab 1(1)
Logica prestab 2(1)
Logica prestab 3(1)
Logica prestab 4(1)
Logica prestab 5(1)
Logica prestab 6
Logica prestab 7(1)
Loop vel. Ki(1)
Loop vel. Kp(1)
Mancanza fase En
Mis. Hz scorr.
Mod prest coppia
Mod scritt com
Mod sovr invert
Modo 2 fili
Modo Arresto
Modo BloccoProgr
Modo perd. alim.
Modo posizion.(1)
Mostra ProcAlto
Mostra ProcBasso
MWh consumati
Overrun rx EN(1)
Pacch IO manc EN(1)
Pacch rx EN(1)
Pacch tx EN(1)
Parola contr av.(1)
Perd Indutt Mot(1)
PID BandaMorta 1
PID BandaMorta 2(1)
PID precarico 1
PID precarico 2(1)
PID prestab. 1
PID prestab. 2(1)
PID1 Feedback
PID2 Feedback(1)
Potenza in uscita
Potenza media
Potenza motore(1)
Potenza nom mot
Capitolo 3
N.
073
084
085
077
082
103
075
180
181
182
183
184
185
186
187
538
539
557
375
039
121
495
064
045
553
548
558
482
481
022
725
730
726
728
560
500
465
477
466
478
464
476
383
385
017
020
037
035
(1) Parametro specifico dei convertitori PowerFlex 525.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
143
Capitolo 3
Programmazione e parametri
Nome parametro
Precarico MOP
Prest usc anal(1)
Rapp velocità
Regol BUS
Relè 1 in tempo
Relè1 fuoriTempo
Reset a default
Reset misure
Resist Rot Mot(1)
Riduz Freq(1)
Rif corr. fluss
Rif velocità 1
Rif velocità 2
Rif velocità 3
Riferim drive 0
Riferim drive 1
Riferim drive 2
Riferim drive 3
Riferim drive 4
Ris.Perd.Ing.An
Risp a perdita V
Risp. energia
Risp. energia
Rit riavvio auto
RitFrenoMeccAtt
RitFrMeccDisatt
RitPerd IngrAnal
RPM motore
Salto P
Salva posiz corr(1)
Scala ing. imp.
Scorri Testo
Sel Amb.Drive
Sel back PID 2(1)
Sel coman//stato(1)
Sel disatt/attiv
Sel fback PID 1
Sel IntervVel(1)
Sel Multidrive
Sel res freno d.
Sel Reset MOP
Sel rif. PID 1
Sel rif. PID 2(1)
Sel usc ottica 1(1)
Sel usc ottica 2(1)
Sel uscita Out1
Sel uscita relè2(1)
Sel. sovr. mot.
N.
429
090
572
550
079
080
053
555
498
441
497
047
049
051
706
710
714
718
722
097
094
023
018
542
087
086
098
036
570
561
537
556
554
472
122
100
460
509
169
437
428
459
471
069
072
076
081
493
Nome parametro
Sel. testpoint
Sel. uscita anlg(1)
Selez Indir EN(1)
Selez Trim PID 1
Selez Trim PID 2(1)
Selezione boost
Sicur disab(1)
Sorg ind EN(1)
Sottorete eff 1(1)
Sottorete eff 2(1)
Sottorete eff 3(1)
Sottorete eff 4(1)
StartVolo abil.
Stat log drive 0
Stat log drive 1
Stat log drive 2
Stat log drive 3
Stat log drive 4
Stato conteggio
Stato fibra
Stato ingr contr
Stato ingr dig
Stato logica STP(1)
Stato posizione(1)
Stato timer
Stato unità
[email protected] 1
[email protected] 10(1)
[email protected] 2
[email protected] 3
[email protected] 4
[email protected] 5
[email protected] 6(1)
[email protected] 7(1)
[email protected] 8(1)
[email protected] 9(1)
Tasso diff PID 1
Tasso diff PID 2(1)
Temp controllo
Temp inverter
Tempo acc 1
Tempo acc 2
Tempo acc 3
Tempo acc 4
Tempo attiv
Tempo dec 3
Tempo dec 4
Tempo decel. 1
N.
483
088
128
458
470
530
105
684
697
698
699
700
545
707
711
715
719
723
364
390
013
014
391
387
365
006
661
670
662
663
664
665
666
667
668
669
463
475
028
027
041
442
444
446
104
445
447
042
Nome parametro
Tempo decel. 2
Tempo di funzionamento complessivo
Tempo disatt
Tempo freno CC
Tempo IntegPID 1
Tempo IntegPID 2(1)
Tempo log prest0(1)
Tempo log prest1(1)
Tempo log prest2(1)
Tempo log prest3(1)
Tempo log prest4(1)
Tempo log prest5(1)
Tempo log prest6(1)
Tempo log prest7(1)
Tempo MOP
Tempo mot stallo
Tempo perd car.(1)
Tempo perd com.
Tempo scad-Min
Tempo scad-Ore
Tempo Sincr.
Tens in uscita
Tens Targa mot.
Tens. bus CC
Tensione interr.
Tensione massima
Tent riavvio aut
Tipo inverter
TipoFeedbackMot(1)
Tmpo spin sicu 1
Tmpo spin sicu 2(1)
Toll Pos Encoder(1)
Tratt sovrac mot
Traverso Max
Trim PID alto 1
Trim PID alto 2(1)
Trim PID basso 1
Trim PID basso 2(1)
Trova dir Home(1)
Trova freq Home(1)
Unità fase 0(1)
Unità fase 1(1)
Unità fase 2(1)
Unità fase 3(1)
Unità fase 4(1)
Unità fase 5(1)
Unità fase 6(1)
Unità fase 7(1)
(1) Parametro specifico dei convertitori PowerFlex 525.
144
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
N.
443
019
102
434
462
474
190
191
192
193
194
195
196
197
430
492
491
126
363
362
571
004
031
005
532
534
541
367
535
487
489
564
494
567
456
468
457
469
563
562
200
202
204
206
208
210
212
214
Programmazione e parametri
Nome parametro
Unità percorse H(1)
Unità percorse L(1)
Usc dati EN 1(1)
Usc dati EN 2(1)
Usc dati EN 3(1)
Usc dati EN 4(1)
Usc dati opz 1
Usc dati opz 2
Usc dati opz 3
N.
388
389
157
158
159
160
165
166
167
Nome parametro
Usc dati opz 4
Uscita anlg alta(1)
Veloc. encoder(1)
Velocità uscita
Vers softw contr
Vis setpointPID1
Vis setpointPID2(1)
VoltBus Guasto1
VoltBus Guasto10(1)
N.
168
089
378
016
029
384
386
651
660
Nome parametro
VoltBus Guasto2
VoltBus Guasto3
VoltBus Guasto4
VoltBus Guasto5
VoltBus Guasto6(1)
VoltBus Guasto7(1)
VoltBus Guasto8(1)
VoltBus Guasto9(1)
Capitolo 3
N.
652
653
654
655
656
657
658
659
(1) Parametro specifico dei convertitori PowerFlex 525.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
145
Capitolo 3
Programmazione e parametri
Note:
146
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Capitolo
4
Ricerca guasti
In questo capitolo, sono riportate informazioni utili ad agevolare la ricerca guasti
sui convertitori di frequenza PowerFlex 520. Dove applicabile, è incluso anche un
elenco dei guasti con le relative descrizioni e le possibili soluzioni.
Per informazioni su…
Stato del convertitore di frequenza
Guasti
Descrizione dei guasti
Sintomi comuni ed azioni correttive
Vedere pagina…
147
147
149
153
ATTENZIONE: Rischio di infortuni o danni alle apparecchiature. Il convertitore
di frequenza non contiene componenti riparabili dall’utente. Non smontare lo
chassis del convertitore di frequenza.
Stato del convertitore di
frequenza
La condizione (stato) del convertitore di frequenza viene costantemente
monitorata. Eventuali variazioni vengono segnalate attraverso il display LCD
integrato.
Vedere Display e tasti di comando a pagina 60 per informazioni sugli indicatori di
stato e sui comandi del convertitore di frequenza.
Guasti
Un guasto è una condizione che arresta il convertitore di frequenza. I guasti
possono essere di due tipi.
Tipi di guasto
Tipo
1
2
Descrizione del
guasto
Reset automatico/
marcia
Non ripristinabile
Quando si verifica questo tipo di guasto e A541 [Tent riavvio aut] è impostato su un valore
superiore a “0,” parte un temporizzatore configurabile dall’utente, A542 [Rit riavvio aut].
Se il timer raggiunge lo zero, il convertitore di frequenza tenta di ripristinare
automaticamente il guasto. Se la condizione che ha causato il guasto non esiste più, il
guasto viene ripristinato e il convertitore di frequenza viene riavviato.
Questo tipo di guasto può richiedere la riparazione di convertitore di frequenza o motore
oppure è dovuto ad errori di cablaggio o programmazione. Prima di poter cancellare il
guasto, la causa va eliminata.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
147
Capitolo 4
Ricerca guasti
Segnalazione dei guasti
Condizione
Il convertitore di frequenza segnala un guasto.
Il display LCD integrato segnala le condizioni di guasto visualizzando quanto segue.
• Numero del guasto (lampeggiante)
• Indicatore di guasto (LED) (lampeggiante)
Premere il tasto Esc per riprendere il controllo del display.
Display
AVANTI
ERRORE
Esc
Sel
Cancellazione manuale dei guasti
Passo
Tasti
1. Premere Esc per tacitare il guasto. L’informazione sul guasto viene rimossa e viene
così reso possibile l’uso del tastierino integrato.
Accedere a b007 [Codice guasto 1] per visualizzare le informazioni di guasto più
Esc
recenti.
2. Individuare la condizione che ha provocato il guasto.
Per poter cancellare il guasto, è necessario eliminarne la causa. Vedere Tipi di guasto,
descrizioni ed azioni a pagina 149.
3. Dopo aver eseguito l’azione correttiva, cancellare il guasto in uno dei seguenti modi.
• Premere Stop se P045 [Modo Arresto] è impostato su un valore compreso tra “0” e
“3”.
• Spegnere e riaccendere il convertitore di frequenza.
• Impostare A551 [Azzera guasti] su 1 “Reset Errore” o 2 “Azz Buffer”.
• Disattivare e riattivare l’ingresso digitale se t062, t063, t065…t068 [DigIn
TermBlk xx] è impostato su 13 “Err Azzeram”.
Cancellazione automatica dei guasti
Opzione/procedura
Cancellare un guasto di Tipo 1 e riavviare il convertitore di frequenza.
1. Impostare A541 [Tent riavvio aut] su un valore diverso da “0”.
2. Impostare A542 [Rit riavvio aut] su un valore diverso da “0”.
Cancellare un guasto di sovratensione, sottotensione o sovratemperatura del
dissipatore senza riavviare il convertitore di frequenza.
1. Impostare A541 [Tent riavvio aut] su un valore diverso da “0”.
2. Impostare A542 [Rit riavvio aut] su “0”.
ATTENZIONE: L’impiego di questi parametri in un’applicazione non idonea può
essere causa di danni all’apparecchiatura e/o lesioni personali. Non utilizzare
questa funzione senza considerare la normativa, gli standard e le leggi locali,
nazionali ed internazionali o le norme del settore.
148
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Ricerca guasti
Capitolo 4
Riavviamento automatico (reset/marcia)
La funzione di riavviamento automatico consente al convertitore di frequenza di
eseguire automaticamente il reset dei guasti e di tentare il riavviamento senza
intervento dell’utente o dell’applicazione. Ciò consente il funzionamento remoto
o “non assistito”. Solo alcuni guasti sono ripristinabili. Altri guasti (Tipo 2), legati
al possibile malfunzionamento dei componenti del convertitore di frequenza,
non sono ripristinabili. I tipi di guasto sono elencati nella tabella
Tipi di guasto a pagina 147. Fare riferimento a Descrizione dei guasti a
pagina 149 per ulteriori informazioni.
Prestare particolare attenzione all’abilitazione di questa funzione, dato che il
convertitore di frequenza tenterà di emettere un proprio comando di avviamento
in base alla programmazione selezionata dall’utente.
Descrizione dei guasti
Tipi di guasto, descrizioni ed azioni
N.
F000
F002
Guasto
Nessun errore
Ingresso ausil
F003
Perdita alim
F004
Sottotensione
F005
Sovratensione
F006
Motore in stallo
F007
Sovracc motore
Tipo(2) Descrizione
Azione
–
Nessun guasto presente.
–
1
Ingresso (ausiliario) di sgancio esterno. • Controllare il cablaggio remoto.
• Verificare la programmazione del
sistema di comunicazione per i
guasti intenzionali.
2
Funzionamento monofase con carico • Monitorare la linea CA in ingresso
eccessivo.
per verificare che non ci siano
problemi di bassa tensione o
interruzione dell’alimentazione di
linea.
• Controllare i fusibili d’ingresso.
• Ridurre il carico.
1
Tensione della sbarra CC scesa sotto il Monitorare la linea CA in ingresso per
valore minimo.
verificare che non ci siano problemi di
bassa tensione o interruzione
dell’alimentazione di linea.
1
Tensione della sbarra CC oltre il valore Monitorare la linea CA per verificare che
massimo.
non ci siano problemi di alta tensione di
linea o transitori elettrici. La
sovratensione della sbarra può essere
causata anche dalla rigenerazione del
motore. Estendere il tempo di
decelerazione o installare la frenatura
dinamica opzionale.
1
Il convertitore di frequenza non è in
• Aumentare P041, A442, A444, A446
[Tempo accel. x] o ridurre il carico in
grado di accelerare o decelerare il
modo che la corrente di uscita del
motore.
convertitore di frequenza non
superi, troppo a lungo, la corrente
impostata nel parametro A484,
A485 [Limite corr. x].
• Controllare il carico rigenerativo.
1
Sgancio per sovraccarico elettronico
• Eccessivo carico del motore. Ridurre
interno.
il carico in modo che la corrente di
uscita del convertitore di frequenza
non superi la corrente impostata nel
parametro P033 [Corr sovracc mot].
• Verificare l’impostazione di A530
[Selezione boost].
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
149
Capitolo 4
Ricerca guasti
Tipi di guasto, descrizioni ed azioni
Guasto
Tipo(2) Descrizione
Azione
Dissip Sovratemp 1
Temperatura del dissipatore/modulo di • Controllare che le alette del
potenza superiore al valore predefinito.
dissipatore non sia ostruite o
sporche. Verificare che la
temperatura ambiente non abbia
superato la temperatura ambiente
nominale.
• Controllare la ventola.
F009 CC Sovratemp
1
Temperatura del modulo di controllo
• Controllare la temperatura ambiente
superiore al valore predefinito.
del prodotto.
• Controllare che il flusso d’aria non sia
ostacolato.
• Controllare la presenza di sporcizia o
frammenti.
• Controllare la ventola.
F012 HW Sovracorr
2
La corrente in uscita del convertitore di Controllare la programmazione.
frequenza ha superato il limite di
Controllare che il carico non sia
corrente hardware.
eccessivo, che l’impostazione di A530
[Selezione boost] sia corretta, che la
tensione impostata del freno CC non sia
troppo alta o altre cause di eccessiva
corrente.
F013 GuastoTerra
2
Rilevamento di un percorso di corrente a Controllare il motore ed il cablaggio
terra in corrispondenza di uno o più
esterno in corrispondenza dei morsetti
morsetti di uscita del convertitore.
di uscita del convertitore di frequenza
per verificare che non esista un
problema di messa a terra.
(1) Perdita carico
2
La corrente di coppia in uscita è inferiore • Verificare le connessioni tra motore e
F015
al valore programmato in A490 [Liv
carico.
perd carico] per un periodo di tempo
• Verificare i requisiti di livello e tempo
superiore al tempo programmato in
A491 [Tempo perd car.].
• Verificare il cablaggio del motore.
F021 Perdita fase Usc 1
Perdita fase in uscita (se abilitata).
Configurare con A557 [Mancanza fase • Verificare il motore.
En].
F029 PerdIng Analog
1
Un ingresso analogico è configurato per • Controllare l’assenza di connessioni
interrotte/allentate in
generare un guasto alla perdita del
corrispondenza degli ingressi.
segnale. Si è verificata una perdita di
• Controllare i parametri.
segnale.
Configurare con t094 [Risp a perdita V]
o t097 [Ris.Perd.Ing.An].
F033 Tentat Autoavvio 2
Il convertitore di frequenza ha tentato Correggere la causa del guasto e
senza successo di ripristinare un guasto cancellare manualmente.
e riprendere la marcia per il numero
programmato di tentativi impostato in
A541 [Tent riavvio aut].
F038 Fase U a terra
2
Rilevamento di un guasto fase-terra tra • Controllare il cablaggio tra
il
convertitore di frequenza ed il motore
convertitore di frequenza e motore.
F039 Fase V a terra
in questa fase.
• Controllare il motore per rilevare una
F040 Fase W a terra
fase a terra.
• Sostituire il convertitore di
frequenza se il guasto non può
essere cancellato.
F041 Fase UV in corto 2
Rilevamento di un eccessivo valore di • Controllare il cablaggio dei morsetti
corrente tra questi due morsetti di
di uscita di motore e convertitore di
F042 Fase UW in corto
uscita.
frequenza per verificare che non
F043 Fase VW in corto
esista una condizione di
cortocircuito.
• Sostituire il convertitore di
frequenza se il guasto non può
essere cancellato.
F048 Param di default 1
Al convertitore di frequenza è stato
• Cancellare il guasto o spegnere e
comandato di scrivere i valori di default
riaccendere il convertitore.
sulla EEPROM.
• Programmare i parametri del
convertitore di frequenza come
necessario.
N.
F008
150
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Ricerca guasti
Capitolo 4
Tipi di guasto, descrizioni ed azioni
N.
Guasto
F059(1) Sicur disab
Tipo(2) Descrizione
1
Entrambi gli ingressi di sicurezza
(Safety 1, Safety 2) non sono abilitati.
Configurare con t105 [Sicur disab].
F063
SW Sovracorr
1
F064
Sovracc Drive
2
F070
Unità alimentaz
2
F071
Perdita Rete
2
F072
Perdita rete opz
2
F073(1) Perdita rete EN
2
F080
Err di auto-tune
2
F081
Perdita Comunic
2
F082
Perdita com opz
2
Azione
• Controllare i segnali degli ingressi di
sicurezza. Se non si utilizza la
sicurezza, verificare e serrare il
ponticello per i morsetti I/O S1, S2 e
S+.
Il valore programmato in A486, A488 • Verificare le connessioni tra motore e
[Liv spin sicu x] è stato superato per un
carico.
periodo di tempo superiore al tempo • Verificare i requisiti di livello e
programmato in A487, A489 [Tmpo spin
tempo.
sicu x].
Superamento del valore nominale di
Ridurre il carico o estendere “Tempo
sovraccarico del convertitore.
accel.”.
Rilevamento di un’anomalia nella
• Controllare che non sia stata
sezione di potenza del convertitore.
superata la massima temperatura
ambiente.
• Spegnere e riaccendere.
• Sostituire il convertitore di
frequenza se il guasto non può
essere cancellato.
Il controllo sul collegamento di
• Spegnere e riaccendere.
comunicazione Modbus o DSI è stato
• Controllare il cablaggio di
interrotto.
comunicazione.
• Controllare l’impostazione Modbus o
DSI.
• Controllare lo stato Modbus o DSI.
Il controllo sulla rete remota della
• Spegnere e riaccendere.
scheda opzionale di rete è stato
• Controllare il cablaggio di
interrotto.
comunicazione.
• Controllare l’impostazione della
scheda di rete.
• Controllare lo stato della rete
esterna.
Il controllo attraverso la scheda
• Spegnere e riaccendere.
EtherNet/IP integrata è stato interrotto. • Controllare il cablaggio di
comunicazione.
• Controllare l’impostazione EtherNet/
IP.
• Controllare lo stato della rete
esterna.
Funzione di messa a punto automatica Riavviare la procedura.
annullata dall’utente o non riuscita.
La comunicazione tra il convertitore di • Spegnere e riaccendere.
frequenza e il dispositivo master
• Controllare il cablaggio di
Modbus o DSI è stata interrotta.
comunicazione.
• Controllare l’impostazione Modbus o
DSI.
• Controllare lo stato Modbus o DSI.
• Modificare mediante C125
[AzioneGuastiCom].
• La connessione a terra dei morsetti
I/O C1 e C2 può migliorare
l’immunità ai disturbi.
• Sostituire il cablaggio, dispositivo
master Modbus, o modulo di
controllo.
Le comunicazioni tra il convertitore di • Spegnere e riaccendere.
frequenza e la scheda opzionale di rete • Riposizionare la scheda opzionale
sono state interrotte.
nel convertitore di frequenza.
• Modificare mediante C125
[AzioneGuastiCom].
• Sostituire il cablaggio, il
moltiplicatore di porta, la scheda
opzionale, o il modulo di controllo.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
151
Capitolo 4
Ricerca guasti
Tipi di guasto, descrizioni ed azioni
152
N.
Guasto
F083(1) Perdita com EN
Tipo(2) Descrizione
2
Le comunicazioni interne tra il
convertitore di frequenza e la scheda
EtherNet/IP integrata sono state
interrotte.
F091(1) Perdita encoder
2
F094
Perdita funzione
2
F100
Contr Param
2
F101
Memoria esterna
2
F105
Err Conness C
2
F106
C-P Incompatib
2
F107
C-P Sostituito
2
F109
C-P NonCorrisp
2
F110
Membrana tastier 2
F111(1) HardwareSicur
2
F114
Errore uC
2
F122
Err Scheda I/O
2
Azione
• Spegnere e riaccendere.
• Controllare l’impostazione EtherNet/
IP.
• Controllare le impostazioni Ethernet
del convertitore di frequenza e i
parametri di diagnosi.
• Modificare mediante C125
[AzioneGuastiCom].
• Sostituire il cablaggio, lo switch
Ethernet, o il modulo di controllo.
Richiede un encoder differenziale.
• Controllare il cablaggio.
Mancanza di uno dei 2 segnali di canale • Se P047, P049, P051 [Rif velocità x]
= 16 “Posizionam.” e A535
dell’encoder.
[TipoFeedbackMot] = 5
“ContrQuadrat”, invertire gli ingressi
di canale dell’encoder o due
qualsiasi conduttori del motore.
• Sostituire l’encoder.
L’ingresso “Freeze-Fire” (perdita di
Chiudere l’ingresso e spegnere e
funzione) non è attivo, l’ingresso al
riaccendere.
morsetto programmato è aperto.
L’archiviazione non volatile dei
Impostare P053 [Reset a default] su 2
parametri del convertitore di frequenza “Impost fabb.”.
è alterata.
L’archiviazione sulla memoria non
Impostare P053 [Reset a default] su 2
“Impost fabb.”.
volatile esterna non è riuscita.
Modulo di controllo scollegato mentre il Cancellare il guasto e verificare tutte le
convertitore di frequenza è alimentato. impostazioni dei parametri. Non
rimuovere o installare il modulo di
controllo con l’alimentazione applicata.
Modulo di controllo che non riconosce il • Spegnere e riaccendere.
modulo di potenza.
• Aggiornare la memoria flash con la
versione firmware più recente.
• Sostituire il convertitore di
frequenza se il guasto non può
essere cancellato.
Modulo di controllo installato su un
Impostare P053 [Reset a default] su una
modulo di potenza di diversa potenza qualunque delle opzioni di reset.
nominale.
Il modulo di controllo è stato montato Impostare P053 [Reset a default] su una
su un modulo di potenza per un tipo di qualunque delle opzioni di reset.
convertitore di frequenza diverso.
Membrana del tastierino difettosa/
• Spegnere e riaccendere.
scollegata.
• Sostituire il modulo di controllo se il
guasto non può essere cancellato.
Malfunzionamento hardware
• Controllare i segnali degli ingressi di
dell’abilitazione degli ingressi di
sicurezza. Se non si utilizza la
sicurezza. Uno degli ingressi di sicurezza
sicurezza, verificare e serrare il
non è abilitato.
ponticello per i morsetti I/O S1, S2 e
S+.
• Sostituire il modulo di controllo se il
guasto non può essere cancellato.
Microprocessore difettoso.
• Spegnere e riaccendere.
• Sostituire il modulo di controllo se il
guasto non può essere cancellato.
Rilevamento di un’anomalia nella
• Spegnere e riaccendere.
sezione I/O e di controllo del
• Sostituire il convertitore di
convertitore.
frequenza o il modulo di controllo se
il guasto non può essere cancellato.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Ricerca guasti
Capitolo 4
Tipi di guasto, descrizioni ed azioni
Tipo(2) Descrizione
2
Il firmware nel convertitore di frequenza
è corrotto, non corrisponde o è
incompatibile con l’hardware.
2
È stato rilevato un errore firmware o
hardware non reversibile. il convertitore
di frequenza è stato arrestato e
ripristinato automaticamente.
N.
F125
Guasto
Rich agg flash
F126
Errore irreversr
F127
RichAggFlash DSI 2
Azione
Eseguire l’aggiornamento del firmware
per cercare di caricare una versione
valida del firmware.
• Cancellare il guasto o spegnere e
riaccendere il convertitore di
frequenza.
• Sostituire il convertitore di
frequenza o il modulo di controllo se
il guasto non può essere cancellato.
È stato rilevato un problema critico con Eseguire l’aggiornamento del firmware
il firmware e il convertitore di frequenza utilizzando la comunicazione DSI per
funziona utilizzando il firmware di
cercare di caricare una versione valida
backup che supporta solo le
del firmware.
comunicazioni DSI.
(1) Questo errore non è applicabile ai convertitori PowerFlex 523.
(2) Fare riferimento a Tipi di guasto per ulteriori informazioni.
Sintomi comuni ed azioni
correttive
Alla consegna, il convertitore di frequenza è predisposto per l’avviamento tramite
il tastierino. Per un test di base del funzionamento del convertitore:
1. Rimuovere tutti i fili I/O dell’utente.
2. Verificare che il ponticello dei morsetti di sicurezza (S1, S2 e S+) sia in
posizione e serrato.
3. Verificare che il ponticello sia in posizione tra i morsetti I/O 01 e 11.
4. Verificare che i tre ponticelli siano nelle corrette posizioni di default sulla
scheda di controllo. Fare riferimento a Schema a blocchi del cablaggio I/O
di controllo PowerFlex 525 a pagina 40 per ulteriori informazioni.
5. Resettare i valori dei parametri di default impostando P053 [Reset a
default] su 2 “Impost fabb.”.
6. Se non pone problemi di sicurezza per l’applicazione, premere Start sul
tastierino del convertitore. Il convertitore di frequenza marcerà facendo
riferimento al potenziometro di velocità.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
153
Capitolo 4
Ricerca guasti
Il motore non si avvia.
Causa
Nessuna tensione di uscita al motore.
Indicazione
Nessuna
Errata impostazione del boost all’avviamento iniziale.
Convertitore in guasto
Nessuna
Spia di stato rossa
lampeggiante
Programmazione errata.
• P046, P048, P050 [Fonte avvio x] è impostato in modo
errato.
Cablaggio d’ingresso errato.
Vedere pagina 43 per gli esempi di cablaggio.
• Il controllo a 2 fili richiede gli ingressi di Marcia avanti,
Marcia indietro o Marcia jog.
• Il controllo a 3 fili richiede gli ingressi di Avviamento ed
Arresto.
• L’ingresso di arresto è sempre necessario.
Errata impostazione del ponticello sink/source.
Nessuna
Azione correttiva
Controllare il circuito di alimentazione.
• Controllare la tensione di alimentazione.
• Controllare tutti i fusibili ed i sezionatori.
Controllare il motore.
• Verificare che il motore sia correttamente collegato.
Controllare i segnali d’ingresso di controllo.
• Verificare che sia presente un segnale di avviamento. Se si utilizza il controllo a 2 fili,
verificare che il segnale di marcia avanti o quello di marcia indietro sia attivo, ma non
entrambi.
• Verificare che il morsetto I/O 01 sia attivo.
• Verificare che P046, P048, P050 [Fonte avvio x] corrisponda alla configurazione.
• Verificare che A544 [Disab inversione] non stia impedendo il movimento.
• Verificare che gli ingressi di sicurezza (Safety 1 e Safety 2) siano attivi.
Impostare A530 [Selezione boost] su 2 “35,0, VT”.
Cancellare il guasto.
• Premere Stop se P045 [Modo Arresto] è impostato su un valore compreso tra “0” e “3”.
• Spegnere e riaccendere il convertitore di frequenza.
• Impostare A551 [Azzera guasti] su 1 “Reset Errore” o 2 “Azz Buffer”.
• Disattivare e riattivare l’ingresso digitale se t062, t063, t065…t068 [DigIn TermBlk
xx] è impostato su 13 “Err Azzeram”.
Controllare l’impostazione di b012 [Fonte controllo].
Nessuna
• Cablare gli ingressi correttamente e/o installare il ponticello.
• Se si utilizza la funzione Safe torque off di PowerFlex 525, verificare che gli ingressi
siano attivi.
• Se si utilizza la modalità di controllo a 2 fili o 3 fili, verificare che t062 [DigIn
TermBlk 02] e t063 [DigIn TermBlk 03] siano correttamente impostati.
Nessuna
Impostare lo switch in modo che corrisponda allo schema di cablaggio.
Il convertitore di frequenza non si avvia tramite gli ingressi di Avvio o
Marcia cablati alla morsettiera.
Causa
Convertitore in guasto
Indicazione
Spia di stato rossa
lampeggiante
Programmazione errata.
• P046, P048, P050 [Fonte avvio x] è impostato in modo
errato.
• t062, t063 [DigIn TermBlk 02/03] è impostato in modo
errato.
Cablaggio d’ingresso errato.
Vedere pagina 43 per gli esempi di cablaggio.
• Il controllo a 2 fili richiede gli ingressi di Marcia avanti,
Marcia indietro o Marcia jog.
• Il controllo a 3 fili richiede gli ingressi di Avviamento ed
Arresto.
• L’ingresso di arresto è sempre necessario.
Errata impostazione del ponticello sink/source.
Nessuna
154
Azione correttiva
Cancellare il guasto.
• Premere Stop se P045 [Modo Arresto] è impostato su un valore compreso tra “0” e “3”.
• Spegnere e riaccendere il convertitore di frequenza.
• Impostare A551 [Azzera guasti] su 1 “Reset Errore” o 2 “Azz Buffer”.
• Disattivare e riattivare l’ingresso digitale se t062, t063, t065…t068 [DigIn TermBlk
xx] è impostato su 13 “Err Azzeram”.
Controllare le impostazioni dei parametri.
Nessuna
• Cablare gli ingressi correttamente e/o installare il ponticello.
• Se si utilizza la funzione Safe torque off di PowerFlex 525, verificare che gli ingressi
siano attivi.
Nessuna
Impostare lo switch in modo che corrisponda allo schema di cablaggio.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Ricerca guasti
Capitolo 4
Il convertitore di frequenza non risponde alle variazioni nel comando
di velocità.
Causa
Nessun valore dalla sorgente del comando.
Indicazione
Azione correttiva
L’indicatore di “Marcia” del • Controllare b012 [Fonte controllo] per verificare che la sorgente sia corretta.
convertitore di frequenza è • Se la sorgente è un ingresso analogico, controllare il cablaggio ed utilizzare un
multimetro per controllare la presenza del segnale.
acceso e l’uscita è 0 Hz.
• Controllare b002 [Freq comandata] per verificare che il comando sia quello corretto.
Nessuna
• Controllare b012 [Fonte controllo] per verificare che la sorgente sia corretta.
• Controllare b014 [Stato ingr dig] per vedere se gli ingressi stanno selezionando una
sorgente alternativa. Verificare le impostazioni di t062, t063, t065 – t068 [DigIn
TermBlk xx].
• Controllare P047, P049, P051 [Rif velocità x] per la sorgente del riferimento di
velocità. Riprogrammare come necessario.
• Fare riferimento alla tabella “Controllo avviamento e riferimento di velocità” a
pagina 48.
• Verificare il sistema di comunicazione, se utilizzato.
Selezione di una errata sorgente di riferimento tramite il
dispositivo remoto o gli ingressi digitali.
Il motore e/o il convertitore di frequenza non accelerano alla velocità
comandata.
Causa
Tempo di accelerazione eccessivo.
Carico eccessivo o tempi di accelerazione brevi forzano il
convertitore di frequenza in limitazione di corrente,
rallentandone o arrestandone l’accelerazione.
Indicazione
Nessuna
Nessuna
La sorgente o il valore del comando di velocità non
corrispondono a quanto previsto.
La programmazione impedisce che l’uscita del convertitore di
frequenza superi i valori limite.
Nessuna
Nessuna
Le prestazioni di coppia non corrispondono alle caratteristiche
del motore.
Nessuna
Azione correttiva
Riprogrammare P041, A442, A444, A446 [Tempo accel. x].
• Confrontare b003 [Corr. in uscita] con A484, A485 [Limite corr. x].
• Rimuovere il carico in eccesso o riprogrammare P041, A442, A444, A446 [Tempo accel.
x].
• Controllare che A530 [Selezione boost] non sia impostato in modo errato.
• Verificare b002 [Freq comandata].
• Controllare b012 [Fonte controllo] per verificare il corretto comando di velocità.
• Controllare P044 [Frequenza max] per verificare che la velocità non sia limitata dalla
programmazione.
• Verificare la programmazione di A572 [Rapp velocità].
• Impostare la corrente nominale a pieno carico del motore nel parametro P034 [FLA
nom. mot.].
• Eseguire la procedura P040 [Autotune] – “Reg statica” o “Reg a rotaz”.
• Impostare P039 [Mod prest coppia] su 0 “V/Hz”.
Il funzionamento del motore non è stabile.
Causa
Dati del motore immessi in modo errato.
Indicazione
Nessuna
Azione correttiva
1. Immettere correttamente i dati nominali del motore in P031, P032 e P033.
2. Abilitare A547 [Compensazione].
3. Utilizzare A530 [Selezione boost] per ridurre il livello di boost.
Il convertitore di frequenza non cambia il senso di rotazione del
motore.
Causa
Inversione disabilitata.
L’ingresso digitale non è selezionato per il controllo
dell’inversione.
L’ingresso digitale non è cablato correttamente.
Il cablaggio del motore non è fasato correttamente per
l’inversione.
Indicazione
Nessuna
Nessuna
Nessuna
Nessuna
Azione correttiva
Controllare A544 [Disab inversione].
Controllare [DigIn TermBlk xx] (vedere pagina 85). Scegliere l’ingresso corretto e
programmare la modalità d’inversione.
Controllare il cablaggio degli ingressi (vedere pagina 43).
Scambiare due cavi del motore.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
155
Capitolo 4
Ricerca guasti
Il convertitore di frequenza non si accende.
Causa
Mancanza di alimentazione d’ingresso al convertitore.
Indicazione
Nessuna
Modulo di controllo non correttamente collegato al modulo di
potenza.
Nessuna
Azione correttiva
• Controllare il circuito di alimentazione.
• Controllare la tensione di alimentazione.
• Controllare tutti i fusibili ed i sezionatori.
1. Scollegare l’alimentazione.
2. Verificare che il modulo di controllo sia correttamente e perfettamente installato sul
modulo di potenza.
3. Riapplicare l’alimentazione.
Il motore ruota a 0 Hz o la frequenza di scorrimento non è corretta.
Causa
Calcolo errato della velocità.
156
Indicazione
Velocità errata.
Azione correttiva
• Verificare P032 [Freq. nom. mot.].
• Ridurre il boost con A530 [Selezione boost].
• Impostare P036 [RPM motore] su velocità sincrona motore.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Appendice
A
Informazioni supplementari sul convertitore
Per informazioni su…
Certificazioni
Specifiche ambientali
Specifiche tecniche
Certificazioni
Vedere pagina…
157
158
159
Certificazioni
c-UL-us
PowerFlex 523
PowerFlex 525
Certificazione UL 508C e CAN/CSA-C22.2 N. 14-05.
C-Tick
Australian Communications and Media Authority
Conforme ai seguenti documenti:
Radiocommunications Act: 1992
Radiocommunications Standard: 2008
Radiocommunications Labelling Notice: 2008
Norme applicate:
EN 61800-3:2004
Conforme alle seguenti direttive europee:
Direttiva EMC (2004/108/CE)
Direttiva bassa Tensione (2006/95/CE)
Norme applicate:
EN 61800-3:2004
EN 61800-5-1:2007
Non applicabile
TÜV Rheinland
Norme applicate:
EN ISO 13849-1:2008
EN 61800-5-2:2007
EN 61508 PARTI 1-7:2010
EN 62061:2005
EN 60204-1:2009
Certificato conformemente ad ISO 13849-1
SIL2/PLd con funzione Safe torque off integrata
Soddisfa i requisiti di sicurezza funzionale (FS)
quando utilizzato con la funzione Safe torque
off integrata
Non applicabile
Certificato conformemente alla direttiva
ATEX 94/9/CE
Applicazioni di Gruppo II, Categoria (2) GD con
motori approvati ATEX
Registrazione coreana delle apparecchiature di trasmissione e comunicazione
In conformità alle seguenti norme:
Articolo 58-2 del Radio Waves Act, articolo 3
Certificato russo GOST-R N.
POCC US.ME92.H00040
Testato da Trentec per la conformità ai criteri di accettazione per la prova di qualificazione sismica
dei componenti non strutturali AC156 ed all’International Building Code 2003 per il più alto
livello sismico per gli USA, esclusi i siti di classe F
Electric Power Research Institute
Certificato in conformità alle seguenti norme:
SEMI F47
IEC 61000-4-34
N223
CE
TUV
Bauart geprüft
Sicurezza
..
TUV
Rheinland
funzionale
Approvazione di tipo
ATEX
II (2) G D
KCC
GOST-R
AC 156
EPRI
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
157
Appendice A
Informazioni supplementari sul convertitore
Certificazioni
Lloyds Register
PowerFlex 525
Certificazione di tipo Lloyd’s Register
12/10068(E1)
RoHS
Conforme alla direttiva europea RoHS (Restrizione dell’uso di sostanze pericolose)
Il convertitore di frequenza è progettato in modo da soddisfare anche i requisiti delle corrispondenti parti delle seguenti
specifiche:
NFPA 70 – Codice elettrico nazionale statunitense
NEMA ICS 7.1 – Standard di sicurezza per la costruzione e guida alla selezione, all’installazione ed al funzionamento
dei convertitori di frequenza.
Specifiche ambientali
PowerFlex 523
Non applicabile
Specifiche
Altitudine:
Senza declassamento:
Con declassamento:
Temperatura ambiente max
Senza declassamento:
Con declassamento:
Temperatura di stoccaggio:
Frame A…D:
Frame E:
Atmosfera:
IMPORTANTE
Umidità relativa:
Urti:
Vibrazioni:
Taglia
telaio
A
B
C
D
E
PowerFlex 523
PowerFlex 525
Vedere Curve di declassamento della corrente a pagina 15 per le regole di
declassamento.
1000 m max.
Fino a 4000 m max., ad eccezione dei convertitori di frequenza da 600 V a 2000 m
max.
Vedere Curve di declassamento della corrente a pagina 15 per le regole di
declassamento.
–20…50 C
–20…60 C o –20…70 C con kit ventola modulo di controllo opzionale.
–40…85 C
–40…70 C – Non applicabile ai convertitori di frequenza PowerFlex 523
Il convertitore di frequenza non deve essere installato in un’area dove l’atmosfera ambientale
contiene gas, vapori o polveri volatili o corrosivi. Se non viene installato immediatamente, il
convertitore di frequenza deve essere riposto in un’area non esposta ad atmosfera corrosiva.
0…95% senza condensa
Conforme ad IEC 60068-2-27
Conforme ad IEC 60068-2-6:1995
In funzione e non in funzione
Forza
(urti/vibrazioni)
Tipo di montaggio
15 g/2 g
Guida DIN o vite
15 g/2 g
Guida DIN o vite
15 g/2 g
Guida DIN o vite
15 g/2 g
Solo vite
15 g/1,5 g
Solo vite
Rivestimento protettivo:
Non in funzione (trasporto)
Forza
(urti/vibrazioni)
Tipo di montaggio
30 g/2,5 g
Solo vite
30 g/2,5 g
Solo vite
30 g/2,5 g
Solo vite
30 g/2,5 g
Solo vite
30 g/2,5 g
Solo vite
Conforme a:
IEC 60721-3-3 Classe 3C2 (solo prodotti chimici e gas)
Grado d’inquinamento
Per le descrizioni, vedere Classificazione dei gradi di inquinamento a norma EN 618005-1 a pagina 51.
dell’ambiente circostante
Grado di inquinamento 1 e 2: Accettabili tutte le custodie.
Livello di pressione sonora
Misure acquisite ad 1 m dal convertitore.
(ponderato A)
Frame A e B:
53 dBA max
Frame C:
57 dBA max
Frame D:
64 dBA max
Frame E:
68 dBA max – Non applicabile ai convertitori di frequenza PowerFlex 523
158
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Informazioni supplementari sul convertitore
Specifiche tecniche
Appendice A
Protezione
Specifiche
Intervento per sovratensione
sbarre
Ingresso da 100…120 V CA:
Ingresso da 200…240 V CA:
Ingresso da 380…480 V CA:
Ingresso da 525…600 V CA:
Intervento per sottotensione
sbarre
Ingresso da 100…120 V CA:
Ingresso da 200…240 V CA:
Ingresso da 380…480 V CA:
Ingresso da 525…600 V CA
P038 = 3 “600 V”:
P038 = 2 “480 V”:
Autonomia in caso di perdita di
alimentazione:
Autonomia in caso di perdita
della logica di controllo:
Protezione elettronica da
sovraccarico motore:
PowerFlex 523
PowerFlex 525
Sbarra da 405 V CC (equivalente alla linea in entrata da 150 V CA)
Sbarra da 405 V CC (equivalente alla linea in entrata da 290 V CA)
Sbarra da 810 V CC (equivalente alla linea in entrata da 575 V CA)
Sbarra da 1005 V CC (equivalente alla linea in entrata da 711 V CA)
Sbarra da 190 V CC (equivalente alla linea in entrata da 75 V CA)
Sbarra da 190 V CC (equivalente alla linea in entrata da 150 V CA)
Sbarra da 390 V CC (equivalente alla linea in entrata da 275 V CA)
Sbarra da 487 V CC (equivalente alla linea in entrata da 344 V CA)
Sbarra da 390 V CC (equivalente alla linea in entrata da 275 V CA)
100 ms
0,5 s minima, 2 s tipica
Protezione da sovraccarico motore di classe 10 secondo NEC articolo 430 e protezione
da surriscaldamento motore secondo NEC articolo 430.126 (A) (2).
UL 508C, File 29572.
Sovracorrente:
200% del limite hardware, 300% del guasto istantaneo
Protezione da guasto verso terra: Fase-terra sull’uscita convertitore
Protezione da cortocircuito:
Fase-fase sull’uscita convertitore
Componenti elettrici
Specifiche
Tolleranza in tensione:
Tolleranza in frequenza:
Fasi d’ingresso:
Fattore di potenza:
Massima corrente di
cortocircuito:
Corrente di cortocircuito
effettiva:
Tipo di transistor:
Induttanza sbarra CC interna
Ingresso da 200…240 V CA:
Ingresso da 380…480 V CA:
Ingresso da 525…600 V CA:
PowerFlex 523
PowerFlex 525
–15%/+10%
47…63 Hz
L’ingresso trifase fornisce il 100% della corrente nominale. L’ingresso monofase
fornisce il 35% della corrente sui convertitori di frequenza trifase.
0,98 su tutta la gamma di velocità
100.000 A simmetrici
Determinata dal potere di interruzione (AIC) dei fusibili/interruttori automatici
installati
IGBT (Isolated Gate Bipolar Transistor)
Solo per frame E
11 kW (15 Hp)
15…18,5 kW (20…25 Hp)
15…18,5 kW (20…25 Hp)
Controllo
Specifiche
Metodo
Frequenza portante
Precisione frequenza
Ingresso digitale:
Ingresso analogico:
Uscita analogica:
PowerFlex 523
PowerFlex 525
PWM sinusoidale, V/f, controllo vettoriale sensorless, controllo motore SVC con
Economizer e controllo vettoriale della velocità ad anello chiuso (il controllo vettoriale
della velocità ad anello chiuso non è applicabile ai convertitori di frequenza
PowerFlex 523)
2…16 kHz, taglia del convertitore di frequenza basata su 4 kHz
Entro ±0,05% della frequenza di uscita impostata
Entro 0,5% della frequenza di uscita massima, risoluzione a 10 bit
–
±2% della scala intera, risoluzione a
10 bit
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
159
Appendice A
Informazioni supplementari sul convertitore
Specifiche
Prestazioni
V/f (Volt per Hertz):
SVC (vettoriale sensorless):
SVC Economizer:
VVC (controllo vettoriale
velocità):
Prestazioni con encoder
SVC (vettoriale sensorless):
SVC Economizer:
VVC (controllo vettoriale
velocità):
Gamma tensione di uscita:
Gamma frequenza di uscita:
Rendimento:
Modalità di arresto:
Accel/Decel:
Sovraccarico intermittente
Carico normale:
Per uso gravoso:
PowerFlex 523
PowerFlex 525
±1% di velocità base su una gamma velocità di 60:1
±0,5% di velocità base su una gamma velocità di 100:1
±0,5% di velocità base su una gamma velocità di 100:1
±0,5% di velocità base su una gamma velocità di 60:1 – Non applicabile ai
convertitori di frequenza
PowerFlex 523
–
±0,1% di velocità base su una gamma
velocità di 100:1
±0,1% di velocità base su una gamma
velocità di 100:1
±0,1% di velocità base su una gamma
velocità di 1000:1
Da 0 V a tensione nominale motore
0…500 Hz (programmabile)
97,5% (tipico)
Numerose modalità di arresto programmabili tra cui rampa, inerzia, frenatura CC ed
arresto su rampa
Quattro tempi di accelerazione e decelerazione programmabili indipendentemente.
Ogni volta possono essere programmati da 0…600 s per incrementi di 0,01 s.
–
110% di capacità di sovraccarico fino a
60 s, 150% fino a 3 s
Applicabile solo alle taglie superiori a
15 kW (20 Hp). Basato sulla taglia da
480 V.
150% di capacità di sovraccarico fino a 60 s, 180% fino a 3 s (200% programmabile)
Ingressi di controllo
Specifiche
Digitali
Larghezza di banda:
Quantità:
Corrente:
Tipo
Modalità Source
(SRC):
Modalità Sink (SNK):
Analogici: Quantità:
Specifica
Risoluzione:
0 – 10 V CC analogici:
4 – 20 mA analogici:
Potenziometro
esterno:
PowerFlex 523
10 Rad/s per anello aperto e chiuso
(1) Dedicato all’arresto
(4) Programmabile
6 mA
PowerFlex 525
(1) Dedicato all’arresto
(6) Programmabile
18…24 V = ON, 0…6 V = OFF
0…6 V = ON, 18…24 V = OFF
(2) Isolati, –10 – 10 V e 4 – 20 mA
10 bit
100 kOhm di impedenza d’ingresso
250 Ohm di impedenza d’ingresso
1…10 kOhm, 2 W min.
Uscite di controllo
Specifiche
Relè:
Quantità:
Specifica
Valore nominale
resistivo:
Valore nominale
induttivo:
160
PowerFlex 523
(1) NA/NC programmabile
PowerFlex 525
(2) 1 NA programmabile e
1 NC programmabile
3,0 A a 30 V CC, 3,0 A a 125 V, 3,0 A a 240 V CA
0,5 A a 30 V CC, 0,5 A a 125 V, 0,5 A a 240 V CA
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Informazioni supplementari sul convertitore
Specifiche
PowerFlex 523
Optoisolate: Quantità:
–
Specifica:
Analogiche Quantità:
–
Specifica
Risoluzione:
0 – 10 V CC analogici:
4 – 20 mA analogici:
Appendice A
PowerFlex 525
(2) Programmabili
30 V CC, 50 mA non induttive
(1) 0 – 10 V o 4 – 20 mA non isolata
10 bit
1 k Ohm minimo
525 Ohm massimo
Encoder
Specifiche
Tipo:
Alimentazione:
Quadratura:
Ciclo di carico:
Requisiti:
PowerFlex 523
–
PowerFlex 525
Incrementale, doppio canale
12 V, 250 mA
90, ±27 a 25 C
50%, +10%
Gli encoder devono essere del tipo line driver, in quadratura (doppio
canale) o ad impulsi (singolo canale), uscita a 3,5…26 V CC, singleended o differenziali ed in grado di fornire almeno 10 mA per canale.
L’ingresso ammissibile è CC fino ad una frequenza massima di 250 kHz.
Gli I/O dell’encoder vengono automaticamente convertiti in scala per
consentire tensioni nominali di 5 V, 12 V e 24 V CC.
Perdita di potenza
Perdita di potenza stimata di PowerFlex 520 (carico nominale, velocità e PWM)
Tensione
Corrente di uscita (A)
100…120 V,
50/60 Hz, monofase
1,6
2,5
4,8
6,0
1,6
2,5
4,8
8,0
11,0
1,6
2,5
4,8
8,0
11,0
1,6
2,5
5,0
8,0
11,0
17,5
24,0
32,2
48,3
62,1
200…240 V,
50/60 Hz, monofase
200…240 V,
50/60 Hz, monofase
con filtro EMC
200…240 V,
50/60 Hz, trifase
Perdita di potenza
totale
20,0
27,0
53,0
67,0
20,0
29,0
50,0
81,0
111,0
20,0
29,0
53,0
84,0
116,0
20,0
29,0
50,0
79,0
107,0
148,0
259,0
323,0
584,0
708,0
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
161
Appendice A
Informazioni supplementari sul convertitore
Perdita di potenza stimata di PowerFlex 520 (carico nominale, velocità e PWM)
Tensione
Corrente di uscita (A)
380…480 V,
50/60 Hz, trifase
1,4
2,3
4,0
6,0
10,5
13,0
17,0
24,0
30,0
1,4
2,3
4,0
6,0
10,5
13,0
17,0
24,0
30,0
37,0
43,0
0,9
1,7
3,0
4,2
6,6
9,9
12,0
19,0
22,0
27,0
32,0
380…480 V,
50/60 Hz, trifase
con filtro EMC
525…600 V,
50/60 Hz, trifase
162
Perdita di potenza
totale
27,0
37,0
62,0
86,0
129,0
170,0
221,0
303,0
387,0
27,0
37,0
63,0
88,0
133,0
175,0
230,0
313,0
402,0
602,0
697,0
22,0
32,0
50,0
65,0
95,0
138,0
164,0
290,0
336,0
466,0
562,0
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Appendice
B
Accessori e dimensioni
Selezione dei prodotti
Descrizione del numero di catalogo
25B
Convertitore di
frequenza
-
V
2P5
N
1
Tensione nominale
Valore nominale
Custodia
HIM
0
4
Classe emissioni Versione
Taglie dei convertitori di frequenza PowerFlex 523
Valori nominali di uscita
Carico gravoso Corrente
Gamma tensione
Taglia
Num. di Cat.
Hp
kW
di uscita (A)
d’ingresso
telaio
100…120 V CA (–15%, +10%) – ingresso monofase, uscita trifase 0…230 V
25A-V1P6N104
0,25
0,2
1,6
85…132
A
25A-V2P5N104
0,5
0,4
2,5
85…132
A
25A-V4P8N104
1,0
0,75
4,8
85…132
B
25A-V6P0N104
1,5
1,1
6,0
85…132
B
200…240 V CA (–15%, +10%) – ingresso monofase, uscita trifase 0…230 V
25A-A1P6N104
0,25
0,2
1,6
170…264
A
25A-A2P5N104
0,5
0,4
2,5
170…264
A
25A-A4P8N104
1,0
0,75
4,8
170…264
A
25A-A8P0N104
2,0
1,5
8,0
170…264
B
25A-A011N104
3,0
2,2
11,0
170…264
B
200…240 V CA (–15%, +10%) – ingresso monofase con filtro EMC, uscita trifase 0…230 V
25A-A1P6N114
0,25
0,2
1,6
170…264
A
25A-A2P5N114
0,5
0,4
2,5
170…264
A
25A-A4P8N114
1,0
0,75
4,8
170…264
A
25A-A8P0N114
2,0
1,5
8,0
170…264
B
25A-A011N114
3,0
2,2
11,0
170…264
B
200…240 V CA (–15%, +10%) – ingresso trifase, uscita trifase 0…230 V
25A-B1P6N104
0,25
0,2
1,6
170…264
A
25A-B2P5N104
0,5
0,4
2,5
170…264
A
25A-B5P0N104
1,0
0,75
5,0
170…264
A
25A-B8P0N104
2,0
1,5
8,0
170…264
A
25A-B011N104
3,0
2,2
11,0
170…264
A
25A-B017N104
5,0
4,0
17,5
170…264
B
25A-B024N104
7,5
5,5
24,0
170…264
C
25A-B032N104
10,0
7,5
32,2
170…264
D
380…480 V CA (–15%, +10%) – ingresso trifase, uscita trifase 0…460 V
25A-D1P4N104
0,5
0,4
1,4
323…528
A
25A-D2P3N104
1,0
0,75
2,3
323…528
A
25A-D4P0N104
2,0
1,5
4,0
323…528
A
25A-D6P0N104
3,0
2,2
6,0
323…528
A
25A-D010N104
5,0
4,0
10,5
323…528
B
25A-D013N104
7,5
5,5
13,0
323…528
C
25A-D017N104
10,0
7,5
17,0
323…528
C
25A-D024N104
15,0
11,0
24,0
323…528
D
380…480 V CA (–15%, +10%) – ingresso trifase con filtro EMC, uscita trifase 0…460 V
25A-D1P4N114
0,5
0,4
1,4
323…528
A
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
163
Appendice B
Accessori e dimensioni
Taglie dei convertitori di frequenza PowerFlex 523
Valori nominali di uscita
Carico gravoso Corrente
Gamma tensione
Num. di Cat.
Hp
kW
di uscita (A)
d’ingresso
25A-D2P3N114
1,0
0,75
2,3
323…528
25A-D4P0N114
2,0
1,5
4,0
323…528
25A-D6P0N114
3,0
2,2
6,0
323…528
25A-D010N114
5,0
4,0
10,5
323…528
25A-D013N114
7,5
5,5
13,0
323…528
25A-D017N114
10,0
7,5
17,0
323…528
25A-D024N114
15,0
11,0
24,0
323…528
525…600 V CA (–15%, +10%) – ingresso trifase, uscita trifase 0…575 V
25A-E0P9N104
0,5
0,4
0,9
446…660
25A-E1P7N104
1,0
0,75
1,7
446…660
25A-E3P0N104
2,0
1,5
3,0
446…660
25A-E4P2N104
3,0
2,2
4,2
446…660
25A-E6P6N104
5,0
4,0
6,6
446…660
25A-E9P9N104
7,5
5,5
9,9
446…660
25A-E012N104
10,0
7,5
12,0
446…660
25A-E019N104
15,0
11,0
19,0
446…660
Taglia
telaio
A
A
A
B
C
C
D
A
A
A
A
B
C
C
D
Taglie dei convertitori di frequenza PowerFlex 525
Valori nominali di uscita
Carico normale
Carico gravoso Corrente
Gamma tensione
Num. di Cat.
Hp
kW
Hp
kW
di uscita (A)
d’ingresso
100…120 V CA (–15%, +10%) – ingresso monofase, uscita trifase 0…230 V
25B-V2P5N104
0,5
0,4
0,5
0,4
2,5
85…132
25B-V4P8N104
1,0
0,75
1,0
0,75
4,8
85…132
25B-V6P0N104
1,5
1,1
1,5
1,1
6,0
85…132
200…240 V CA (–15%, +10%) – ingresso monofase, uscita trifase 0…230 V
25B-A2P5N104
0,5
0,4
0,5
0,4
2,5
170…264
25B-A4P8N104
1,0
0,75
1,0
0,75
4,8
170…264
25B-A8P0N104
2,0
1,5
2,0
1,5
8,0
170…264
25B-A011N104
3,0
2,2
3,0
2,2
11,0
170…264
200…240 V CA (–15%, +10%) – ingresso monofase con filtro EMC, uscita trifase 0…230 V
25B-A2P5N114
0,5
0,4
0,5
0,4
2,5
170…264
25B-A4P8N114
1,0
0,75
1,0
0,75
4,8
170…264
25B-A8P0N114
2,0
1,5
2,0
1,5
8,0
170…264
25B-A011N114
3,0
2,2
3,0
2,2
11,0
170…264
200…240 V CA (–15%, +10%) – ingresso trifase, uscita trifase 0…230 V
25B-B2P5N104
0,5
0,4
0,5
0,4
2,5
170…264
25B-B5P0N104
1,0
0,75
1,0
0,75
5,0
170…264
25B-B8P0N104
2,0
1,5
2,0
1,5
8,0
170…264
25B-B011N104
3,0
2,2
3,0
2,2
11,0
170…264
25B-B017N104
5,0
4,0
5,0
4,0
17,5
170…264
25B-B024N104
7,5
5,5
7,5
5,5
24,0
170…264
25B-B032N104
10,0
7,5
10,0
7,5
32,2
170…264
25B-B048N104
15,0
11,0
15,0
11,0
48,3
170…264
25B-B062N104
20,0
15,0
15,0
11,0
62,1
170…264
(1)
380…480 V CA (–15%, +10%) – ingresso trifase, uscita trifase 0…460 V
25B-D1P4N104
0,5
0,4
0,5
0,4
1,4
323…528
25B-D2P3N104
1,0
0,75
1,0
0,75
2,3
323…528
25B-D4P0N104
2,0
1,5
2,0
1,5
4,0
323…528
164
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Taglia
telaio
A
B
B
A
A
B
B
A
A
B
B
A
A
A
A
B
C
D
E
E
A
A
A
Accessori e dimensioni
Appendice B
Taglie dei convertitori di frequenza PowerFlex 525
Valori nominali di uscita
Carico normale
Carico gravoso Corrente
Gamma tensione
Num. di Cat.
Hp
kW
Hp
kW
di uscita (A)
d’ingresso
25B-D6P0N104
3,0
2,2
3,0
2,2
6,0
323…528
25B-D010N104
5,0
4,0
5,0
4,0
10,5
323…528
25B-D013N104
7,5
5,5
7,5
5,5
13,0
323…528
25B-D017N104
10,0
7,5
10,0
7,5
17,0
323…528
25B-D024N104
15,0
11,0
15,0
11,0
24,0
323…528
25B-D030N104
20,0
15,0
15,0
11,0
30,0
323…528
380…480 V CA (–15%, +10%) – ingresso trifase con filtro EMC, uscita trifase 0…460 V
25B-D1P4N114
0,5
0,4
0,5
0,4
1,4
323…528
25B-D2P3N114
1,0
0,75
1,0
0,75
2,3
323…528
25B-D4P0N114
2,0
1,5
2,0
1,5
4,0
323…528
25B-D6P0N114
3,0
2,2
3,0
2,2
6,0
323…528
25B-D010N114
5,0
4,0
5,0
4,0
10,5
323…528
25B-D013N114
7,5
5,5
7,5
5,5
13,0
323…528
25B-D017N114
10,0
7,5
10,0
7,5
17,0
323…528
25B-D024N114
15,0
11,0
15,0
11,0
24,0
323…528
25B-D030N114
20,0
15,0
15,0
11,0
30,0
323…528
25B-D037N114
25,0
18,5
20,0
15,0
37,0
323…528
25B-D043N114
30,0
22,0
25,0
18,5
43,0
323…528
525…600 V CA (–15%, +10%) – ingresso trifase, uscita trifase 0…575 V
25B-E0P9N104
0,5
0,4
0,5
0,4
0,9
446…660
25B-E1P7N104
1,0
0,75
1,0
0,75
1,7
446…660
25B-E3P0N104
2,0
1,5
2,0
1,5
3,0
446…660
25B-E4P2N104
3,0
2,2
3,0
2,2
4,2
446…660
25B-E6P6N104
5,0
4,0
5,0
4,0
6,6
446…660
25B-E9P9N104
7,5
5,5
7,5
5,5
9,9
446…660
25B-E012N104
10,0
7,5
10,0
7,5
12,0
446…660
25B-E019N104
15,0
11,0
15,0
11,0
19,0
446…660
25B-E022N104
20,0
15,0
15,0
11,0
22,0
446…660
25B-E027N104
25,0
18,5
20,0
15,0
27,0
446…660
25B-E032N104
30,0
22,0
25,0
18,5
32,0
446…660
Taglia
telaio
A
B
C
C
D
D
A
A
A
A
B
C
C
D
D
E
E
A
A
A
A
B
C
C
D
D
E
E
(1) Per la versione 380…480 V CA, 25 Hp (18,5 kW) e 30 Hp (22,0 kW), non è disponibile un convertitore di frequenza senza filtro. I
convertitori di frequenza con filtro sono disponibili ma è comunque necessario verificare che l’applicazione supporti un convertitore
di frequenza con filtro.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
165
Appendice B
Accessori e dimensioni
Resistori di frenatura dinamica
Taglia convertitore di frequenza
Tensione d’ingresso
100…120 V
50/60 Hz
monofase
200…240 V
50/60 Hz
monofase
200…240 V
50/60 Hz
trifase
380…480 V
50/60 Hz
trifase
525…600 V
50/60 Hz
trifase
Hp
kW
0,25
0,5
1,0
1,5
0,25
0,5
1,0
2,0
3,0
0,25
0,5
1,0
2,0
3,0
5,0
7,5
10,0
15,0
20,0
0,5
1,0
2,0
3,0
5,0
7,5
10,0
15,0
20,0
25,0
30,0
0,5
1,0
2,0
3,0
5,0
7,5
10,0
15,0
20,0
25,0
30,0
0,2
0,4
0,75
1,1
0,2
0,4
0,75
1,5
2,2
0,2
0,4
0,75
1,5
2,2
4,0
5,5
7,5
11,0
15,0
0,4
0,75
1,5
2,2
4,0
5,5
7,5
11,0
15,0
18,5
22,0
0,4
0,75
1,5
2,2
4,0
5,5
7,5
11,0
15,0
18,5
22,0
Resistenza
minima
 ±10%
56
56
56
41
56
56
56
41
32
56
56
56
41
32
18
16
14
14
10
89
89
89
89
47
47
47
43
43
27
27
112
112
112
112
86
59
59
59
59
53
34
Resistenza
 ±5%
91
91
91
91
91
91
91
91
47
91
91
91
91
47
47
30
30
15
15
360
360
360
120
120
120
120
60
60
40
40
360
360
360
120
120
120
120
60
60
60
40
Num. di Cat.(1)(2)
AK-R2-091P500
AK-R2-091P500
AK-R2-091P500
AK-R2-091P500
AK-R2-091P500
AK-R2-091P500
AK-R2-091P500
AK-R2-091P500
AK-R2-047P500
AK-R2-091P500
AK-R2-091P500
AK-R2-091P500
AK-R2-091P500
AK-R2-047P500
AK-R2-047P500
AK-R2-030P1K2
AK-R2-030P1K2
AK-R2-030P1K2(3)
AK-R2-030P1K2(3)
AK-R2-360P500
AK-R2-360P500
AK-R2-360P500
AK-R2-120P1K2
AK-R2-120P1K2
AK-R2-120P1K2
AK-R2-120P1K2
AK-R2-120P1K2(3)
AK-R2-120P1K2(3)
AK-R2-120P1K2(4)
AK-R2-120P1K2(4)
AK-R2-360P500
AK-R2-360P500
AK-R2-360P500
AK-R2-120P1K2
AK-R2-120P1K2
AK-R2-120P1K2
AK-R2-120P1K2
AK-R2-120P1K2(3)
AK-R2-120P1K2(3)
AK-R2-120P1K2(3)
AK-R2-120P1K2(4)
(1) I resistori elencati in questa tabella sono classificati per un ciclo di carico del 5%.
(2) Si raccomanda di utilizzare sempre resistori Rockwell Automation. I resistori elencati sono stati accuratamente selezionati per
ottimizzare le prestazioni di tutta una serie di applicazioni. È possibile utilizzare altri resistori, ma occorre prestare attenzione
durante la selezione. Consultare PowerFlex Dynamic Braking Resistor Calculator, pubblicazione PFLEX-AT001.
(3) Richiede due resistenze collegate in parallelo.
(4) Richiede tre resistenze collegate in parallelo.
166
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Accessori e dimensioni
Appendice B
Filtri di linea EMC
Taglia convertitore di frequenza
Tensione d’ingresso
100…120 V
50/60 Hz
monofase
200…240 V
50/60 Hz
monofase
200…240 V
50/60 Hz
trifase
380…480 V
50/60 Hz
trifase
525…600 V
50/60 Hz
trifase
Hp
0,25
0,5
1,0
1,5
0,25
0,5
1,0
2,0
3,0
0,25
0,5
1,0
2,0
3,0
5,0
7,5
10,0
15,0
20,0
0,5
1,0
2,0
3,0
5,0
7,5
10,0
15,0
20,0
25,0
30,0
0,5
1,0
2,0
3,0
5,0
7,5
10,0
15,0
20,0
25,0
30,0
kW
0,2
0,4
0,75
1,1
0,2
0,4
0,75
1,5
2,2
0,2
0,4
0,75
1,5
2,2
4,0
5,5
7,5
11,0
15,0
0,4
0,75
1,5
2,2
4,0
5,5
7,5
11,0
15,0
18,5
22,0
0,4
0,75
1,5
2,2
4,0
5,5
7,5
11,0
15,0
18,5
22,0
Corrente (A)
1,6
2,5
4,8
6,0
1,6
2,5
4,8
8,0
11,0
1,6
2,5
5,0
8,0
11,0
17,5
24,0
32,2
48,3
62,1
1,4
2,3
4,0
6,0
10,5
13,0
17,0
24,0
30,0
37,0
43,0
0,9
1,7
3,0
4,2
6,6
9,9
12,0
19,0
22,0
27,0
32,0
Taglia telaio
A
A
B
B
A
A
A
B
B
A
A
A
A
A
B
C
D
E
E
A
A
A
A
B
C
C
D
D
E
E
A
A
A
A
B
C
C
D
D
E
E
Num. di Cat.
25-RF011-AL
25-RF011-AL
25-RF023-BL
25-RF023-BL
25-RF011-AL
25-RF011-AL
25-RF011-AL
25-RF023-BL
25-RF023-BL
25-RF014-AL
25-RF014-AL
25-RF014-AL
25-RF014-AL
25-RF014-AL
25-RF021-BL
25-RF027-CL
25-RF035-DL
25-RF056-EL
25-RF056-EL
25-RF7P5-AL
25-RF7P5-AL
25-RF7P5-AL
25-RF7P5-AL
25-RF014-BL
25-RF018-CL
25-RF018-CL
25-RF033-DL
25-RF033-DL
25-RF039-EL
25-RF039-EL(1)
25-RF8P0-BL(2)
25-RF8P0-BL(2)
25-RF8P0-BL(2)
25-RF8P0-BL(2)
25-RF8P0-BL
25-RF014-CL
25-RF014-CL
25-RF027-DL
25-RF027-DL
25-RF029-EL
25-RF029-EL(1)
(1) La taglia del filtro di linea EMC dipende dalla corrente di ingresso del convertitore di frequenza. Vedere le tabelle a pagina 26 e
pagina 27 per altre informazioni.
(2) Questa taglia da 600 V deve essere associata ad un filtro di linea EMC frame B.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
167
Appendice B
Accessori e dimensioni
Piastre EMC
Elemento
Piastra EMC
Descrizione
Piastra di messa a terra opzionale per cavi schermati.
Taglia
telaio
A
B
C
D
E
Num. di Cat.
25-EMC1-FA
25-EMC1-FB
25-EMC1-FC
25-EMC1-FD
25-EMC1-FE
Kit opzionali modulo interfaccia operatore (HIM) e accessori
Elemento
Display LCD remoto da
montare a pannello
Display LCD remoto
portatile
Kit cornice
Cavo DSI HIM
(cavo DSI HIM a RJ45)
Descrizione
Controllo della velocità digitale
CopyCat
IP 66 (NEMA Type 4X/12) solo uso interno
Include il cavo da 2,9 metri
Controllo della velocità digitale
Tastierino numerico
CopyCat
IP 30 (NEMA Type 1)
Include il cavo da 1,0 metri
Montaggio a pannello con kit cornice opzionale
Display LCD per montaggio a pannello, remoto, portatile, IP 30 (NEMA
Type 1)
Include il cavo DSI da 2,0 m
1,0 m
2,9 m
Num. di Cat.
22-HIM-C2S
22-HIM-A3
22-HIM-B1
22-HIM-H10
22-HIM-H30
Kit IP 30/NEMA 1/UL Type 1
Elemento
Descrizione
Kit IP 30/NEMA 1/UL Type 1 Kit installato sul posto. Per la conversione della custodia del
convertitore di frequenza in IP 30/NEMA 1/UL Type 1. Include
scatola passacavi con viti di montaggio e pannello superiore in
plastica.
Taglia
telaio
A
B
C
D
E
Num. di Cat.
25-JBAA
25-JBAB
25-JBAC
25-JBAD
25-JBAE
Taglia
telaio
A…D
E
Num. di Cat.
25-FAN1-70C
25-FAN2-70C
Kit ventola modulo di controllo
Elemento
Kit ventola modulo di
controllo
Descrizione
Da utilizzare con il convertitore di frequenza in ambienti con
temperature fino a 70 C o per montaggio orizzontale.
Ingresso encoder incrementale opzionale
Elemento
Encoder incrementale
Descrizione
Scheda ingresso encoder incrementale opzionale.
Num. di Cat.
25-ENC-1
Piastra di montaggio di adattamento Serie 160/PowerFlex 520
Elemento
Piastra di montaggio
168
Descrizione
Da utilizzare con il convertitore di frequenza quando si
sostituiscono i convertitori di frequenza Serie 160 nelle
installazioni esistenti con un PowerFlex 520. Selezionare il
numero di catalogo in base alla taglia del convertitore di
frequenza Serie 160.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Taglia
telaio
B160
A
B
Num. di Cat.
25-MAP-FA
25-MAP-FB
Accessori e dimensioni
Appendice B
Parti di ricambio
Modulo di potenza PowerFlex 520
Elemento
Modulo di potenza
PowerFlex 520
Descrizione
Modulo di potenza di ricambio da utilizzare con i convertitori di frequenza PowerFlex 520.
Include:
• Modulo di potenza
• Pannello frontale modulo di potenza
• Coprimorsetti di alimentazione
• Ventola dissipatore
Valori nominali di uscita
Gamma
Carico normale
Carico gravoso
Corrente
tensione
Taglia
Hp
kW
Hp
kW
di uscita (A) d’ingresso
telaio
100…120 V CA (–15%, +10%) – ingresso monofase, uscita trifase 0…230 V
0,25
0,2
0,25
0,2
1,6
85…132
A
0,5
0,4
0,5
0,4
2,5
85…132
A
1,0
0,75
1,0
0,75
4,8
85…132
B
1,5
1,1
1,5
1,1
6,0
85…132
B
200…240 V CA (–15%, +10%) – ingresso monofase, uscita trifase 0…230 V
0,25
0,2
0,25
0,2
1,6
170…264
A
0,5
0,4
0,5
0,4
2,5
170…264
A
1,0
0,75
1,0
0,75
4,8
170…264
A
2,0
1,5
2,0
1,5
8,0
170…264
B
3,0
2,2
3,0
2,2
11,0
170…264
B
200…240 V CA (–15%, +10%) – ingresso monofase con filtro EMC, uscita trifase 0…230 V
0,25
0,2
0,25
0,2
1,6
170…264
A
0,5
0,4
0,5
0,4
2,5
170…264
A
1,0
0,75
1,0
0,75
4,8
170…264
A
2,0
1,5
2,0
1,5
8,0
170…264
B
3,0
2,2
3,0
2,2
11,0
170…264
B
200…240 V CA (–15%, +10%) – ingresso trifase, uscita trifase 0…230 V
0,25
0,2
0,25
0,2
1,6
170…264
A
0,5
0,4
0,5
0,4
2,5
170…264
A
1,0
0,75
1,0
0,75
5,0
170…264
A
2,0
1,5
2,0
1,5
8,0
170…264
A
3,0
2,2
3,0
2,2
11,0
170…264
A
5,0
4,0
5,0
4,0
17,5
170…264
B
7,5
5,5
7,5
5,5
24,0
170…264
C
10,0
7,5
10,0
7,5
32,2
170…264
D
15,0
11,0
15,0
11,0
48,3
170…264
E
20,0
15,0
15,0
11,0
62,1
170…264
E
380…480 V CA (–15%, +10%) – ingresso trifase, uscita trifase 0…460 V
0,5
0,4
0,5
0,4
1,4
323…528
A
1,0
0,75
1,0
0,75
2,3
323…528
A
2,0
1,5
2,0
1,5
4,0
323…528
A
3,0
2,2
3,0
2,2
6,0
323…528
A
5,0
4,0
5,0
4,0
10,5
323…528
B
7,5
5,5
7,5
5,5
13,0
323…528
C
10,0
7,5
10,0
7,5
17,0
323…528
C
15,0
11,0
15,0
11,0
24,0
323…528
D
20,0
15,0
15,0
11,0
30,0
323…528
D
380…480 V CA (–15%, +10%) – ingresso trifase con filtro EMC, uscita trifase 0…460 V
0,5
0,4
0,5
0,4
1,4
323…528
A
1,0
0,75
1,0
0,75
2,3
323…528
A
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Num. di Cat.
25-PM1-V1P6
25-PM1-V2P5
25-PM1-V4P8
25-PM1-V6P0
25-PM1-A1P6
25-PM1-A2P5
25-PM1-A4P8
25-PM1-A8P0
25-PM1-A011
25-PM2-A1P6
25-PM2-A2P5
25-PM2-A4P8
25-PM2-A8P0
25-PM2-A011
25-PM1-B1P6
25-PM1-B2P5
25-PM1-B5P0
25-PM1-B8P0
25-PM1-B011
25-PM1-B017
25-PM1-B024
25-PM1-B032
25-PM1-B048
25-PM1-B062
25-PM1-D1P4
25-PM1-D2P3
25-PM1-D4P0
25-PM1-D6P0
25-PM1-D010
25-PM1-D013
25-PM1-D017
25-PM1-D024
25-PM1-D030
25-PM2-D1P4
25-PM2-D2P3
169
Appendice B
Accessori e dimensioni
Valori nominali di uscita
Gamma
Carico normale
Carico gravoso
Corrente
tensione
Hp
kW
Hp
kW
di uscita (A) d’ingresso
2,0
1,5
2,0
1,5
4,0
323…528
3,0
2,2
3,0
2,2
6,0
323…528
5,0
4,0
5,0
4,0
10,5
323…528
7,5
5,5
7,5
5,5
13,0
323…528
10,0
7,5
10,0
7,5
17,0
323…528
15,0
11,0
15,0
11,0
24,0
323…528
20,0
15,0
15,0
11,0
30,0
323…528
25,0
18,5
20,0
15,0
37,0
323…528
30,0
22,0
25,0
18,5
43,0
323…528
525…600 V CA (–15%, +10%) – ingresso trifase, uscita trifase 0…575 V
0,5
0,4
0,5
0,4
0,9
446…660
1,0
0,75
1,0
0,75
1,7
446…660
2,0
1,5
2,0
1,5
3,0
446…660
3,0
2,2
3,0
2,2
4,2
446…660
5,0
4,0
5,0
4,0
6,6
446…660
7,5
5,5
7,5
5,5
9,9
446…660
10,0
7,5
10,0
7,5
12,0
446…660
15,0
11,0
15,0
11,0
19,0
446…660
20,0
15,0
15,0
11,0
22,0
446…660
25,0
18,5
20,0
15,0
27,0
446…660
30,0
22,0
25,0
18,5
32,0
446…660
Taglia
telaio
A
A
B
C
C
D
D
E
E
Num. di Cat.
25-PM2-D4P0
25-PM2-D6P0
25-PM2-D010
25-PM2-D013
25-PM2-D017
25-PM2-D024
25-PM2-D030
25-PM2-D037
25-PM2-D043
A
A
A
A
B
C
C
D
D
E
E
25-PM1-E0P9
25-PM1-E1P7
25-PM1-E3P0
25-PM1-E4P2
25-PM1-E6P6
25-PM1-E9P9
25-PM1-E012
25-PM1-E019
25-PM1-E022
25-PM1-E027
25-PM1-E032
Modulo di controllo PowerFlex 520
Elemento
Modulo di controllo
PowerFlex 523
Modulo di controllo
PowerFlex 525
Taglia
Descrizione
telaio
Modulo di controllo sostitutivo da utilizzare con
A…E
i convertitori di frequenza della serie PowerFlex 520. Include:
• Modulo di controllo
• Pannello frontale modulo di controllo
Num. di Cat.
25A-CTM1
25B-CTM1
Altre parti
Elemento
Pannello frontale modulo
di controllo PowerFlex 523
Pannello frontale modulo
di controllo PowerFlex 525
Pannello frontale modulo
di potenza PowerFlex 520
Coprimorsetti di
alimentazione
PowerFlex 520
Kit ventola dissipatore
PowerFlex 520
170
Taglia
Descrizione
telaio
Copertura di ricambio per morsetti I/O del modulo di controllo, A…E
porte EtherNet/IP e DSI.
Num. di Cat.
25A-CTMFC1
25B-CTMFC1
Copertura di ricambio per il modulo di potenza PowerFlex 520. B
C
D
E
Protezione di ricambio per morsetti di alimentazione.
A
B
C
D
E
Ventola di ricambio per modulo di potenza convertitore di
A
frequenza.
B
C
D
E
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
25-PMFC-FB
25-PMFC-FC
25-PMFC-FD
25-PMFC-FE
25-PTG1-FA
25-PTG1-FB
25-PTG1-FC
25-PTG1-FD
25-PTG1-FE
25-FAN1-FA
25-FAN1-FB
25-FAN1-FC
25-FAN1-FD
25-FAN1-FE
Accessori e dimensioni
Appendice B
Kit opzioni di comunicazione ed accessori
Elemento
Schede di comunicazione
Descrizione
Opzioni di comunicazione integrate da utilizzare con i
convertitori di frequenza PowerFlex 520:
• DeviceNet™
• EtherNet/IP™ a doppia porta
• PROFIBUS™ DP-V1
Num. di Cat.
25-COMM-D
25-COMM-E2P
25-COMM-P
Modulo Compact I/O
Tre canali
1769-SM2
Modulo convertitore
Consente la comunicazione seriale attraverso il protocollo DF1 1203-USB
Universal Serial Bus™ (USB) per l’uso con il software Connected Components Workbench.
Include:
• Cavo USB da 2 m (1)
• Cavo 20-HIM-H10 (1)
• Cavo 22-HIM-H10 (1)
Modulo convertitore seriale Consente la comunicazione seriale attraverso il protocollo DF1 22-SCM-232
(da RS485 a RS232)
per l’uso con il software Connected Components Workbench.
Include:
• Convertitore seriale da DSI a RS232 (1)
• Cavo seriale 1203-SFC (1)
• Cavo 22-RJ45CBL-C20 (1)
Cavo DSI
Cavo da 2,0 metri da RJ45 a RJ45, connettori maschio22-RJ45CBL-C20
maschio.
Cavo seriale
Cavo seriale da 2,0 metri con un connettore di bloccaggio a 1203-SFC
basso profilo da collegare al convertitore e un connettore
femmina D-sub a 9 pin da collegare ad un computer.
Cavo splitter
Cavo splitter RJ45 da una a due porte (solo Modbus)
AK-U0-RJ45-SC1
Resistori di terminazione Resistori RJ45 120 Ohm (2 pezzi)
AK-U0-RJ45-TR1
Morsettiera
Morsettiera RJ45 a due posizioni (5 pezzi)
AK-U0-RJ45-TB2P
Software Connected
Pacchetti software basati su Windows per la programmazione http://
Components Workbench e la configurazione dei convertitori di frequenza Allen-Bradley ab.rockwellautomation.co
m/programmable(download o DVD-ROM)
e di altri prodotti Rockwell Automation.
controllers/connectedCompatibilità:
components-workbenchWindows XP, Windows Vista e Windows 7
software
Reattanze di linea Serie 1321-3R
Valori nominali di uscita(1)
Carico
Carico gravoso
normale(2)
Hp
kW
Hp
kW
200…240 V 50/60 Hz trifase
0,25 0,2
0,25 0,2
0,5
0,4
0,5
0,4
1,0
0,75 1,0
0,75
2,0
1,5
2,0
1,5
3,0
2,2
3,0
2,2
5,0
4,0
5,0
4,0
7,5
5,5
7,5
5,5
10,0 7,5
10,0 7,5
15,0 11,0 15,0 11,0
20,0 15,0 15,0 11,0
380…480 V 50/60 Hz trifase
0,5
0,4
0,5
0,4
1,0
0,75 1,0
0,75
2,0
1,5
2,0
1,5
3,0
2,2
3,0
2,2
5,0
4,0
5,0
4,0
7,5
5,5
7,5
5,5
Reattanza di linea d’ingresso(3)(4)
IP 00
IP 11
(Open Style)
(NEMA/UL Type 1)
Num. di Cat.
Num. di Cat.
Reattanza di linea di uscita(3)(4)
IP 00
IP 11
(Open Style)
(NEMA/UL Type 1)
Num. di Cat.
Num. di Cat.
1321-3R2-A
1321-3R2-D
1321-3R4-A
1321-3R8-A
1321-3R12-A
1321-3R18-A
1321-3R25-A
1321-3R35-A
1321-3R45-A
1321-3R55-A (ND)
1321-3R45-A (HD)
1321-3R2-A
1321-3RA2-D
1321-3RA4-A
1321-3RA8-A
1321-3RA12-A
1321-3RA18-A
1321-3RA25-A
1321-3RA35-A
1321-3RA45-A
1321-3RA55-A (ND)
1321-3RA45-A (HD)
1321-3R2-A
1321-3R2-D
1321-3R4-A
1321-3R8-A
1321-3R12-A
1321-3R18-A
1321-3R25-A
1321-3R35-A
1321-3R45-A
1321-3R55-A
1321-3R2-A
1321-3RA2-D
1321-3RA4-A
1321-3RA8-A
1321-3RA12-A
1321-3RA18-A
1321-3RA25-A
1321-3RA35-A
1321-3RA45-A
1321-3RA55-A
1321-3R1-C
1321-3R2-A
1321-3R4-B
1321-3R8-C
1321-3R8-B
1321-3R12-B
1321-3RA1-C
1321-3RA2-A
1321-3RA4-B
1321-3RA8-C
1321-3RA8-B
1321-3RA12-B
1321-3R2-B
1321-3R2-A
1321-3R4-B
1321-3R8-C
1321-3R8-B
1321-3R12-B
1321-3RA2-B
1321-3RA2-A
1321-3RA4-B
1321-3RA8-C
1321-3RA8-B
1321-3RA12-B
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
171
Appendice B
Accessori e dimensioni
Reattanze di linea Serie 1321-3R
Valori nominali di uscita(1)
Carico
Carico gravoso
normale(2)
Hp
kW
Hp
kW
10,0 7,5
10,0 7,5
15,0 11,0 15,0 11,0
20,0 15,0 15,0 11,0
25,0
30,0
18,5
22,0
20,0
25,0
15,0
18,5
525…600 V 50/60 Hz trifase
0,5
0,4
0,5
0,4
1,0
0,75 1,0
0,75
2,0
1,5
2,0
1,5
3,0
2,2
3,0
2,2
5,0
4,0
5,0
4,0
7,5
5,5
7,5
5,5
10,0 7,5
10,0 7,5
15,0 11,0 15,0 11,0
20,0 15,0 15,0 11,0
25,0
18,5
20,0
15,0
30,0
22,0
25,0
18,5
Reattanza di linea d’ingresso(3)(4)
IP 00
IP 11
(Open Style)
(NEMA/UL Type 1)
Num. di Cat.
Num. di Cat.
1321-3R18-B
1321-3RA18-B
1321-3R25-B
1321-3RA25-B
1321-3R35-B (ND) 1321-3RA35-B (ND)
1321-3R25-B (HD) 1321-3RA25-B (HD)
1321-3R35-B
1321-3RA35-B
1321-3R45-B (ND) 1321-3RA45-B (ND)
1321-3R35-B (HD) 1321-3RA35-B (HD)
Reattanza di linea di uscita(3)(4)
IP 00
IP 11
(Open Style)
(NEMA/UL Type 1)
Num. di Cat.
Num. di Cat.
1321-3R18-B
1321-3RA18-B
1321-3R25-B
1321-3RA25-B
1321-3R25-B
1321-3RA25-B
1321-3R35-B
1321-3R45-B
1321-3RA35-B
1321-3RA45-B
1321-3R2-B
1321-3R2-B
1321-3R4-D
1321-3R4-C
1321-3R8-C
1321-3R12-C
1321-3R12-B
1321-3R18-B
1321-3R25-B (ND)
1321-3R18-B (HD)
1321-3R35-C (ND)
1321-3R25-B (HD)
1321-3R35-B (ND)
1321-3R35-C (HD)
1321-3R2-B
1321-3R2-B
1321-3R4-D
1321-3R4-C
1321-3R8-C
1321-3R12-C
1321-3R12-B
1321-3R18-B
1321-3R25-B
1321-3RA2-B
1321-3RA2-B
1321-3RA4-D
1321-3RA4-C
1321-3RA8-C
1321-3RA12-C
1321-3RA12-B
1321-3RA18-B
1321-3RA25-B
1321-3R35-C
1321-3RA35-C
1321-3R35-B
1321-3RA35-B
1321-3RA2-B
1321-3RA2-B
1321-3RA4-D
1321-3RA4-C
1321-3RA8-C
1321-3RA12-C
1321-3RA12-B
1321-3RA18-B
1321-3RA25-B (ND)
1321-3RA18-B (HD)
1321-3RA35-C (ND)
1321-3RA25-B (HD)
1321-3RA35-B (ND)
1321-3RA35-C (HD)
(1) I valori nominali di carico normale e carico gravoso per 15 Hp/11 kW ed inferiori sono identici
(2) I valori per carico normale sono disponibili solo per i convertitori di frequenza PowerFlex 525.
(3) I numeri di catalogo elencati sono per un’impedenza del 3%. Sono disponibili anche reattanze per un’impedenza del 5%. Consultare
la pubblicazione 1321-TD001.
(4) Le reattanze di linea in ingresso sono state dimensionate in base alla corrente del motore fondamentale NEC. Le reattanze di linea in
uscita sono state dimensionate in base alle correnti di uscita nominali VFD.
Dimensioni del prodotto
Il convertitore di frequenza PowerFlex 520 è disponibile in cinque taglie telaio.
Per informazioni sulle taglie, vedere Taglie dei convertitori di frequenza
PowerFlex 523 a pagina 163 e Taglie dei convertitori di frequenza
PowerFlex 525 a pagina 164.
Peso convertitore di frequenza PowerFlex 520
Taglia telaio
A
B
C
D
E
172
Peso (kg)
1,1/2,4
1,6/3,5
2,3/5,0
3,9/8,6
12,9/28,4
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Accessori e dimensioni
Appendice B
IP 20/Open Type – Frame A
Dimensioni espresse in millimetri
72,0 (2,83)
57,5 (2,26)
152,0 (5,98)
Sel
92,7 (3,65)
140,0 (5,51)
Esc
172,0 (6,77)
6,0 (0,24)
IP 20/Open Type – Frame B
Dimensioni espresse in millimetri
87,0 (3,43)
72,5 (2,85)
180,0 (7,09)
Sel
92,7 (3,65)
168,0 (6,61)
Esc
172,0 (6,77)
6,0 (0,24)
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
173
Appendice B
Accessori e dimensioni
IP 20/Open Type – Frame C
Dimensioni espresse in millimetri
184,0 (7,24)
Sel
92,7 (3,65)
207,0 (8,15)
Esc
220,0 (8,66)
109,0 (4,29)
90,5 (3,56)
6,0 (0,24)
IP 20/Open Type – Frame D
Dimensioni espresse in millimetri
212,0 (8,35)
130,0 (5,12)
Sel
247,0 (9,72)
Esc
260,0 (10,24)
116,0 (4,57)
6,0 (0,24)
174
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Accessori e dimensioni
Appendice B
IP 20/Open Type – Frame E
Dimensioni espresse in millimetri
185,0 (7,28)
160,0 (6,30)
300,0 (11,81)
Sel
280,0 (11,02)
Esc
279,0 (10,98)
7,6 (0,30)
Kit ventola modulo di controllo
25-FAN1-70C
Specifiche
Tensione nominale
Tensione di funzionamento
Corrente di ingresso
Velocità (riferimento)
Flusso d’aria max (a pressione statica nulla)
Pressione dell’aria max (a flusso d’aria nullo)
Rumore acustico
Tipo di isolamento
Taglia telaio
Sezione fili
Coppia
25-FAN2-70C
25-FAN1-70C
24 V CC
14…27,6 V CC
0,1 A
7000 giro/min
0,575 m3/min
7,70 mmH2O
40,5 dB-A
UL Classe A
Frame A…D
0,32 mm2 (22 AWG)
0,29…0,39 Nm
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
25-FAN2-70C
0,15 A
4500 ± 10% giri/min
1,574 m3/min
9,598 mmH2O
46,0 dB-A
Frame E
175
Appendice B
Accessori e dimensioni
IP 20/Open Type con kit ventola modulo di controllo – Frame A…C
Dimensioni espresse in millimetri
IMPORTANTE
176
Quando si usa il kit ventola modulo di controllo con i
convertitori frame A, B e C, è necessaria un’alimentazione
esterna da 24 V CC.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Esc
32,0 (1,26)
220,0 (8,66)
Sel
109,0 (4,29)
90,5 (3,56)
Sel
207,0 (8,15)
Esc
180,0 (7,09)
87,0 (3,43)
72,5 (2,85)
168,0 (6,61)
Sel
140,0 (5,51)
Esc
152,0 (5,98)
72,0 (2,83)
57,5 (2,26)
Frame C
32,0 (1,26)
Frame B
32,0 (1,26)
Frame A
Accessori e dimensioni
Appendice B
IP 20/Open Type con kit ventola modulo di controllo – Frame D…E
Dimensioni espresse in millimetri
Frame E
130,0 (5,12)
Sel
IMPORTANTE
300,0 (11,81)
Esc
280,0 (11,02)
Sel
247,0 (9,72)
Esc
260,0 (10,24)
52,0 (2,05)
116,0 (4,57)
196,0 (7,72)
185,0 (7,28)
160,0 (6,30)
32,0 (1,26)
Frame D
Rimuovere l’etichetta per accedere all’alimentatore integrato da 24 V sui convertitori frame D
ed E da utilizzare con il kit ventola modulo di controllo.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
177
Appendice B
Accessori e dimensioni
IP 30/NEMA 1/UL Type 1 – Frame A
15,0 (0,59)
Dimensioni espresse in millimetri
72,0 (2,83)
Sel
92,7 (3,65)
Esc
172,0 (6,77)
140,0 (5,51)
152,0 (5,98)
219,0 (8,62)
57,5 (2,26)
Pannello superiore IP 30/NEMA 1/UL Type 1
6,0 (0,24)
51,1 (2,01)
Scatola passacavi IP 30/NEMA 1/UL Type 1
21,0 (0,82)
64,7 (2,55)
88,2 (3,47)
111,9 (4,41)
135,4 (5,33)
ø21,5 (ø0,85)
178
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Accessori e dimensioni
Appendice B
IP 30/NEMA 1/UL Type 1 – Frame B
15,0 (0,59)
Dimensioni espresse in millimetri
87,0 (3,43)
Sel
92,7 (3,65)
168,0 (6,61)
180,0 (7,09)
Esc
172,0 (6,77)
218,0 (8,58)
72,5 (2,85)
Pannello superiore IP 30/NEMA 1/UL Type 1
6,1 (0,24)
66,1 (2,60)
63,1 (2,48)
Scatola passacavi IP 30/NEMA 1/UL Type 1
33,5 (1,32)
23,9 (0,94)
ø21,5 (ø0,85)
67,3 (2,65)
88,3 (3,48)
108,5 (4,27)
128,5 (5,06)
ø27,5 (ø1,08)
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
179
Appendice B
Accessori e dimensioni
IP 30/NEMA 1/UL Type 1 – Frame C
15,0 (0,59)
Dimensioni espresse in millimetri
184,0 (7,24)
Sel
92,7 (3,65)
207,0 (8,15)
222,0 (8,66)
Esc
Pannello superiore IP 30/NEMA 1/UL Type 1
255,0 (10,04)
109,0 (4,29)
90,5 (3,56)
6,0 (0,24)
80,5 (3,17)
66,5 (2,62)
Scatola passacavi IP 30/NEMA 1/UL Type 1
34,5 (1,36)
26,5 (1,04)
ø21,5 (ø0,85)
82,2 (3,24)
123,3 (4,85)
ø27,5 (ø1,08)
180
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Accessori e dimensioni
Appendice B
IP 30/NEMA 1/UL Type 1 – Frame D
15,0 (0,59)
Dimensioni espresse in millimetri
Esc
Sel
Pannello superiore IP 30/NEMA 1/UL Type 1
212,0 (8,35)
247,0 (9,72)
260,0 (10,24)
295,0 (11,61)
130,0 (5,12)
116,0 (4,57)
6,0 (0,24)
96,0 (3,78)
70,0 (2,76)
Scatola passacavi IP 30/NEMA 1/UL Type 1
44,0 (1,73)
30,0 (1,18)
ø21,5 (ø0,85)
109,8 (4,32)
153,3 (6,04)
ø33,5 (ø1,32)
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
181
Appendice B
Accessori e dimensioni
IP 30/NEMA 1/UL Type 1 – Frame E
15,0 (0,59)
Dimensioni espresse in millimetri
Esc
Pannello superiore IP 30/NEMA 1/UL Type 1
279,0 (10,98)
280,0 (11,02)
300,0 (11,81)
350,0 (13,78)
185,0 (7,28)
160,0 (6,30)
Sel
7,6 (0,30)
127,5 (5,02)
82,5 (3,25)
Scatola passacavi IP 30/NEMA 1/UL Type 1
62,5 (2,46)
42,5 (1,67)
ø21,5 (ø0,85)
164,0 (6,46)
181,0 (7,13)
212,0 (8,35)
ø43,7 (ø1,72)
182
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Accessori e dimensioni
Appendice B
Filtro di linea EMC – Frame A
Dimensioni espresse in millimetri
Il filtro può essere montato sul retro del convertitore di frequenza.
55,0 (2,17)
72,0 (2,83)
30,0 (1,18)
54,0 (2,13)
223,0
(8,78)
20,0 (0,79)
ø5,5 (ø0,22)
234,0
(9,21) 223,0
(8,78)
23,0 (0,91)
5,5 (0,22)
54,0 (2,13)
Filtro di linea EMC – Frame B
Dimensioni espresse in millimetri
Il filtro può essere montato sul retro del convertitore di frequenza.
70,0 (2,76)
87,0 (3,43)
35,0 (1,38)
58,0 (2,28)
258,0
(10,16)
25,0 (0,98)
ø5,5 (ø0,22)
270,0
(10,63)
258,0
(10,16)
5,5 (0,22)
24,0 (0,94)
58,0 (2,28)
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
183
Appendice B
Accessori e dimensioni
Filtro di linea EMC – Frame C
Dimensioni espresse in millimetri
Il filtro può essere montato sul retro del convertitore di frequenza.
70,0 (2,76)
37,0 (1,46)
109,0 (4,29)
76,0 (2,99)
275,0
(10,83)
263,0
(10,35)
263,0
(10,35)
25,0 (0,98)
ø5,5 (ø0,22)
28,0 (1,10)
76,0 (2,99)
5,5 (0,22)
Filtro di linea EMC – Frame D
Dimensioni espresse in millimetri
80,0 (3,15)
33,0 (1,30)
184
130,0 (5,12)
90,0 (3,54)
28,0 (1,10)
298,0
(11,73)
33,0 (1,30)
Il filtro può essere montato sul retro del convertitore di frequenza.
310,0
(12,20)
ø5,5 (ø0,22)
298,0
(11,73)
28,0 (1,10)
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
90,0 (3,54)
5,5 (0,22)
Accessori e dimensioni
Appendice B
Filtro di linea EMC – Frame E
Dimensioni espresse in millimetri
33,0 (1,30)
80,0 (3,15)
375,0
(14,76)
33,0 (1,30)
155,0 (6,10)
110,0 (4,33)
28,0 (1,10)
ø5,5 (ø0,22)
390,0
(15,35)
375,0
(14,76)
28,0 (1,10)
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
110,0 (4,33)
5,5 (0,22)
185
Appendice B
Accessori e dimensioni
Accessori e kit opzionali
Installazione di una scheda di comunicazione
1. Inserire il connettore d’interfaccia della scheda di comunicazione nel
modulo di controllo. Verificare che la linea di riferimento sul connettore
sia allineata con la superficie del modulo di controllo.
Per PowerFlex 523
Connettore di
interfaccia della
scheda di
comunicazione
Per PowerFlex 525
Connettore di
interfaccia della
scheda di
comunicazione
2. Allineare i connettori sulla scheda di comunicazione al connettore
d’interfaccia della scheda di comunicazione, quindi premere verso il basso
il pannellino di copertura posteriore.
186
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Accessori e dimensioni
Appendice B
3. Premere lungo i bordi del pannellino di copertura posteriore fino a farlo
scattare saldamente in posizione.
Connettore di
interfaccia della
scheda di
comunicazione
Rimozione di una scheda di comunicazione
1. Inserire un dito nello slot sulla parte superiore del piccolo pannello di
copertura posteriore. Sollevare il pannello di copertura posteriore per
separarlo dal modulo di controllo.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
187
Appendice B
Accessori e dimensioni
Note:
188
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Appendice
C
Protocollo RS485 (DSI)
I convertitori di frequenza PowerFlex 520 supportano il protocollo RS485 (DSI)
per consentire un funzionamento efficiente con le periferiche Rockwell
Automation. Sono supportate anche alcune funzioni Modbus, per un semplice
collegamento in rete. I convertitori di frequenza PowerFlex 520 possono essere
collegati in multidrop su una rete RS485 utilizzando il protocollo Modbus in
modalità RTU.
Rete di convertitori di frequenza PowerFlex 520
Esc
Esc
Sel
Esc
Sel
Esc
Sel
Sel
Controllore
Per informazioni riguardanti EtherNet/IP o altri protocolli di comunicazione,
consultare il corrispondente manuale dell’utente.
Cablaggio della rete
Il cablaggio della rete è costituito da un cavo schermato a 2 conduttori collegato a
margherita da nodo a nodo.
ATTENZIONE: Non tentare mai di collegare un cavo POE (Power over Ethernet)
alla porta RS485. In caso contrario, la circuiteria può subire danni.
Esempio di schema di cablaggio della rete
PowerFlex 525
Nodo 1
Master
TxRxD+
TxRxD+
4
5
Resistore 120 Ohm
TxRxDScherm.
Scherm.
4
5
TxRxDScherm.
X
C1 C2
AK-U0-RJ45-TB2P
TxRxD+
TxRxD-
IMPORTANTE
PowerFlex 525
Nodo “n”
TxRxD+
4
5
TxRxD-
X
RS485
(DSI)
PowerFlex 523
Nodo 2
Resistore 120 Ohm
PIN 1
X
RS485
(DSI)
ANT.
PIN 8
C1 C2
TxRxD+
TxRxD-
R/L1 S/L2 T/L3 U/T1 V/T2 W/T3
R/L1 S/L2 T/L3 U/T1 V/T2 W/T3
DC- DC+ BRBR+
DC- DC+ BRBR+
La schermatura è collegata SOLO AD UNA estremità di ogni segmento di cavo.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
189
Appendice C
Protocollo RS485 (DSI)
Dovrebbero essere cablati solo i pin 4 e 5 sulla spina RJ45. Gli altri pin sulla presa
RJ45 del convertitore di frequenza PowerFlex 520 non devono essere collegati
perché servono all’alimentazione di altre periferiche Rockwell Automation.
Le terminazioni di cablaggio sul controllore master variano in base al tipo di
controllore master utilizzato e “TxRxD+” e “TxRxD-” sono illustrati solo a fini
esemplificativi. Per le terminazioni di rete, consultare il manuale dell’utente del
controllore master. Tenere in considerazione che non esiste uno standard per i fili
“+” e “-” e che quindi i costruttori di dispositivi Modbus li interpretano
diversamente. In caso di problemi a stabilire la comunicazione iniziale, provare a
scambiare i due fili di rete in corrispondenza del controllore master.
Valgono le pratiche di cablaggio RS485 standard.
• Ad ogni estremità del cavo di rete, devono essere installati resistori di
terminazione.
• I ripetitori RS485 possono essere necessari per lunghi tratti di cavi o
quando, sulla rete, sono necessari più di 32 nodi.
• Il cablaggio di rete dovrebbe essere posizionato ad una distanza minima di
0,3 metri dai fili di alimentazione.
• Il cablaggio di rete dovrebbe incrociare i fili di alimentazione solo ad
angolo retto.
Il morsetto I/O C1 (schermatura RJ45) sul convertitore di frequenza
PowerFlex 520 deve essere collegato anche alla terra di protezione (ci sono due
morsetti PE sul convertitore di frequenza). Per ulteriori informazioni, vedere le
denominazioni dei morsetti di controllo I/O a pagina 39 ed a pagina 41.
Il morsetto I/O C2 (comune COMM) è internamente collegato al comune di
rete e NON alla schermatura RJ45. In alcune applicazioni, collegare il morsetto
I/O C2 alla terra di protezione può migliorare l’immunità ai disturbi.
Configurazione dei
parametri
Per configurare il convertitore di frequenza in modo che funzioni su una rete
DSI, si utilizzano i seguenti parametri PowerFlex 520.
Configurazione dei parametri per la rete DSI
Parametro
Dettagli
P046 [Fonte avvio 1]
P047 [Rif velocità 1]
Impostare a 3 “Seriale/DSI” se l’avviamento è controllato dalla rete.
Impostare a 3 “Seriale/DSI” se il riferimento di velocità è controllato dalla
rete.
Impostare la frequenza dei dati per la porta RS485 (DSI). Tutti i nodi sulla rete
devono essere impostati alla stessa frequenza dati.
Imposta l’indirizzo di nodo del convertitore di frequenza sulla rete. Ogni
dispositivo sulla rete richiede un indirizzo di nodo esclusivo.
Seleziona la risposta del convertitore di frequenza ai problemi di
comunicazione.
Imposta il tempo per cui il convertitore di frequenza rimane in stato di
perdita di comunicazione prima che implementi C125 [AzioneGuastiCom].
Imposta modalità di trasmissione, bit di dati, parità e bit di stop per la porta
RS485 (DSI). Tutti i nodi sulla rete devono essere impostati allo stesso modo.
Impostare su 0 “Salva” quando si programma il convertitore di frequenza.
Impostare a 1 “Solo RAM” per scrivere solo sulla memoria volatile.
C123 [Freq dati RS485]
C124 [Ind nodo RS485]
C125 [AzioneGuastiCom]
C126 [Tempo perd com.]
C127 [Formato RS485]
C121 [Mod scritt com]
190
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Riferimento
pagina 83
pagina 84
pagina 97
pagina 97
pagina 97
pagina 97
pagina 98
pagina 97
Protocollo RS485 (DSI)
Codici funzione Modbus
supportati
L’interfaccia periferica (DSI) utilizzata sui convertitori di frequenza
PowerFlex 520 supporta alcuni dei codici funzione Modbus.
Codici funzione Modbus supportati
Codice funzione Modbus (decimale)
03
06
16 (10 esadecimale)
IMPORTANTE
Scrittura (06) – Dati di
comando logico
Appendice C
Comando
Leggi registri mantenimento
Preimposta (scrivi) singolo registro
Preimposta (scrivi) più registri
I dispositivi Modbus possono essere a base 0 (registri numerati a partire da 0) o
a base 1 (registri numerati a partire da 1). A seconda del master Modbus
utilizzato, gli indirizzi di registro elencati nelle pagine che seguono possono
dover essere sfalsati di +1. Il comando logico, ad esempio, può corrispondere
all’indirizzo di registro 8192 per alcuni dispositivi master (ad es. scanner
Modbus ProSoft 3150-MCM SLC) e all’indirizzo 8193 per altri (ad es.
PanelView).
Il convertitore di frequenza PowerFlex 520 può essere controllato attraverso la
rete inviando funzioni di scrittura con codice 06 all’indirizzo di registro 2000H
(comando logico). Per accettare i comandi, P046 [Fonte avvio 1] deve essere
impostato su 3 “Seriale/DSI”. I convertitori di frequenza PowerFlex 523
supportano solo definizioni dei bit di velocità. I convertitori di frequenza
PowerFlex 525 possono usare il parametro C122 [Sel coman//stato] per
selezionare le definizioni dei bit di velocità o posizione.
SUGGERIMENTO
Dopo la selezione di un’opzione per C122 [Sel coman//stato], accendere/
resettare il convertitore di frequenza per rendere effettiva la modifica.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
191
Appendice C
Protocollo RS485 (DSI)
Definizioni dei bit di velocità
Comando logico di comunicazione – C122 = 0 “Velocità”
Indirizzo (decimale)
Bit
Descrizione
2000H (8192)
0
1 = Arresto, 0 = Nessun arresto
1
1 = Avviamento, 0 = Nessun avviamento
2
1 = Marcia jog, 0 = Nessuna marcia jog
3
1 = Cancellazione guasti, 0 = Nessuna cancellazione guasti
5, 4
00 = Nessun comando
01 = Comando di marcia avanti
10 = Comando di marcia indietro
11 = Nessun comando
6
1 = Forzare controllo tastierino, 0 = Non forzare controllo
tastierino
7
1 = Incremento MOP, 0 = Nessun incremento
9, 8
00 = Nessun comando
01 = Abilitazione velocità di accelerazione 1
10 = Abilitazione velocità di accelerazione 2
11 = Mantenimento velocità di accelerazione selezionata
11, 10
00 = Nessun comando
01 = Abilitazione velocità di decelerazione 1
10 = Abilitazione velocità di decelerazione 2
11 = Mantenimento velocità di decelerazione selezionata
14, 13, 12
000 = Nessun comando
001 = Sorgente frequenza = P047 [Rif velocità 1]
010 = Sorgente frequenza = P049 [Rif velocità 2]
011 = Sorgente frequenza = P051 [Rif velocità 3]
100 = A410 [Freq. predef. 0]
101 = A411 [Freq. predef. 1]
110 = A412 [Freq. predef. 2]
111 = A413 [Freq. predef. 3]
15
1 = Decremento MOP, 0 = nessun decremento
192
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Protocollo RS485 (DSI)
Appendice C
Definizioni dei bit di posizione
Comando logico di comunicazione – C122 = 1 “Posizione”
Indirizzo (decimale)
Bit
Descrizione
2000H (8192)
0
1 = Arresto, 0 = Nessun arresto
1
1 = Avviamento, 0 = Nessun avviamento
2
1 = Marcia jog, 0 = Nessuna marcia jog
3
1 = Cancellazione guasti, 0 = Nessuna cancellazione guasti
5, 4
00 = Nessun comando
01 = Comando di marcia avanti
10 = Comando di marcia indietro
11 = Nessun comando
6
1 = Logic In 1
7
1 = Logic In 2
10, 9, 8
000 = Frequenza e posizione fase 0
001 = Frequenza e posizione fase 1
010 = Frequenza e posizione fase 2
011 = Frequenza e posizione fase 3
100 = Frequenza e posizione fase 4
101 = Frequenza e posizione fase 5
110 = Frequenza e posizione fase 6
111 = Frequenza e posizione fase 7
11
1 = Trova home
12
1 = Fase manten
13
1 = Ridef Posiz
14
1 = Sinc Attivo
15
1 = Trav Disabil
Scrittura (06) – Comando
frequenza di comunicazione
Il comando della frequenza di comunicazione del convertitore di frequenza
PowerFlex 520 può essere controllato tramite la rete inviando funzioni di
scrittura codice 06 all’indirizzo di registro 2001H (comando frequenza
comunicazioni).
Comando frequenza di comunicazione
Riferimento
Indirizzo (decimale)
2001H (8193)
Lettura (03) – Dati stato
logico
Descrizione
Utilizzato dai moduli di comunicazione interni per controllare il riferimento del
convertitore di frequenza. In unità di 0,01 Hz.
I dati dello stato logico del convertitore di frequenza PowerFlex 520 possono
essere letti tramite la rete inviando funzioni di lettura codice 03 all’indirizzo di
registro 2100H (stato logico). I convertitori di frequenza PowerFlex 523
supportano solo definizioni dei bit di velocità. I convertitori di frequenza
PowerFlex 525 possono usare il parametro C122 [Sel coman//stato] per
selezionare le definizioni dei bit di velocità o posizione.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
193
Appendice C
Protocollo RS485 (DSI)
Definizioni dei bit di velocità
Stato logico di comunicazione – C122 = 0 “Velocità”
Indirizzo (decimale)
Bit
Descrizione
2100H (8448)
0
1 = Pronto, 0 = Non pronto
1
1 = Attivo (in marcia), 0 = non attivo
2
1 = Comando marcia avanti, 0 = Comando marcia indietro
3
1 = Rotazione avanti, 0 = Rotazione indietro
4
1 = Accelerazione, 0 = Nessuna accelerazione
5
1 = Decelerazione, 0 = Nessuna decelerazione
6
Non utilizzato
7
1 = In guasto, 0 = Non in guasto
8
1 = A riferimento, 0 = Non a riferimento
9
1 = Frequenza principale controllata da comunicazione attiva
10
1 = Comando funzionamento controllato da comunicazione attiva
11
1 = Parametri bloccati
12
Stato ingresso digitale 1
13
Stato ingresso digitale 2
14
Stato ingresso digitale 3
15
Stato ingresso digitale 4
Definizioni dei bit di posizione
Stato logico di comunicazione – C122 = 1 “Posizione”
Indirizzo (decimale)
Bit
Descrizione
2100H (8448)
0
1 = Pronto, 0 = Non pronto
1
1 = Attivo (in marcia), 0 = non attivo
2
1 = Comando marcia avanti, 0 = Comando marcia indietro
3
1 = Rotazione avanti, 0 = Rotazione indietro
4
1 = Accelerazione, 0 = Nessuna accelerazione
5
1 = Decelerazione, 0 = Nessuna decelerazione
6
1 = Posizione corsa avanti, 0 = Posizione corsa indietro
7
1 = In guasto, 0 = Non in guasto
8
1 = A riferimento, 0 = Non a riferimento
9
1 = In posizione, 0 = Non in posizione
10
1 = Posizione home, 0 = No posizione home
11
1 = Convertitore di frequenza in pos. iniziale, 0 = Convertitore di
frequenza non in pos. iniziale
12
1 = Tieni Sincro, 0 = No Tieni Sincro
13
1 = Sinc Pistone, 0 = No Sinc Pistone
14
1 = Traverse attivo, 0 = Traverse non attivo
15
1 = Decelerazione Traverse, 0 = No decelerazione Traverse
194
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Protocollo RS485 (DSI)
Lettura (03) – Codici di
guasto del convertitore di
frequenza
Appendice C
I dati dei codici di errore del convertitore di frequenza PowerFlex 520 possono
essere letti tramite la rete inviando funzioni di lettura codice 03 all’indirizzo di
registro 2101H (codici errore convertitore di frequenza).
Codici di guasto convertitore di frequenza
Stato logico
Indirizzo
(decimale)
2101H (8449)
Valore
(decimale)
0
2
3
4
5
6
7
8
9
12
13
15
21
29
33
38
39
40
41
42
43
48
59
63
64
70
71
72
73
80
81
82
83
91
94
100
101
105
106
107
109
110
111
114
122
Descrizione
Nessun errore
Ingresso ausiliario
Perdita di alimentazione
Sottotensione
Sovratensione
Motore in stallo
Sovraccarico motore
Sovratemperatura dissipatore
Sovratemperatura modulo di controllo
Sovracorrente HW (300%)
Guasto di terra
Perdita di carico
Perdita fase di uscita
Perdita ingresso analogico
Tentativi di autoriavviamento
Fase U in corto a terra
Fase V in corto a terra
Fase W in corto a terra
Fase UV in corto
Fase UW in corto
Fase VW in corto
Parametri di default
Sicurezza disabilitata
Sovracorrente SW
Sovraccarico convertitore di frequenza
Guasto unità alimentazione
Perdita rete DSI
Perdita rete scheda opzionale
Perdita rete scheda EtherNet/IP integrata
Errore di autotune
Perdita comunicazione DSI
Perdita comunicazione scheda opzionale
Perdita comunicazione scheda EtherNet/IP integrata
Perdita encoder
Perdita funzione
Errore di checksum parametri
Memoria esterna
Errore di connessione modulo di controllo
Moduli di controllo-potenza incompatibili
Moduli di controllo-potenza non riconosciuti
Moduli di controllo-potenza non corrispondenti
Membrana tastierino
Hardware sicurezza
Microprocessore difettoso
Scheda I/O guasta
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
195
Appendice C
Protocollo RS485 (DSI)
Codici di guasto convertitore di frequenza
Stato logico
Indirizzo
(decimale)
2101H (8449)
Valore
(decimale)
125
126
127
Descrizione
Aggionamento Flash necessario
Errore irreversibile
Aggionamento Flash DSI necessario
I valori di funzionamento del convertitore di frequenza PowerFlex 520 possono
essere letti in rete inviando funzioni di lettura codice 03 agli indirizzi di
registro 2102H…210AH.
Lettura (03) – Valori di
funzionamento del
convertitore di frequenza
Valori di funzionamento convertitore di frequenza
Riferimento
Indirizzo
(decimale)
2102H (8450)
2103H (8451)
2104H (8452)
2105H (8453)
2106H (8454)
Descrizione
Comando frequenza (xxx.xx Hz)
Frequenza di uscita (xxx.xx Hz)
Corrente di uscita (xxx.xx A)
Tensione sbarra CC (xxxV)
Tensione di uscita (xxx.xV)
Lettura (03) e scrittura (06) –
Parametri del convertitore di
frequenza
Per accedere ai parametri del convertitore di frequenza, l’indirizzo di registro
Modbus equivale al numero di parametro. Ad esempio, un “1” decimale è
utilizzato per indirizzare il Parametro b001 [Freq uscita] ed un “41” decimale è
utilizzato per indirizzare il Parametro P041 [Tempo accel. 1].
Informazioni aggiuntive
Per ulteriori informazioni, accedere alla pagina http://www.ab.com/drives/.
196
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Appendice
D
Funzioni StepLogic di controllo della velocità,
Logica di base e Temporizzatore/Contatore
Quattro funzioni logiche di PowerFlex 520 forniscono la capacità di
programmare semplici funzioni logiche senza un controllore separato.
• Funzione StepLogic™ di controllo della velocità (solo per i convertitori di
frequenza PowerFlex 525)
Esegue fino ad otto velocità preregolate in base alla logica programmata. La
logica programmata può includere condizioni che devono essere
soddisfatte dagli ingressi digitali programmati come “Logic In 1” e “Logic
In 2” prima di passare da una velocità preregolata a quella successiva. Per
ognuna delle otto fasi, è disponibile un temporizzatore utilizzato per
programmare il tempo di ritardo prima di passare da una velocità
preregolata a quella successiva. Anche lo stato di un’uscita digitale può
essere controllato in base alla fase in esecuzione.
• Funzione logica di base (solo per i convertitori di frequenza
PowerFlex 525)
Fino a due ingressi digitali possono essere programmati Come “Logic In 1”
e/o “Logic In 2”. Un’uscita digitale può essere programmata per cambiare
stato in base alla condizione di uno o entrambi gli ingressi, mediante
funzioni logiche di base come AND, OR, NOR. Le funzioni logiche di
base possono essere usate con o senza StepLogic.
• Funzione Temporizzatore
Un ingresso digitale può essere programmato per “Avvio timer”. Un’uscita
digitale può essere programmata come “Pausa timer” con un livello di
uscita programmato al tempo desiderato. Quanto il temporizzatore
raggiunge il tempo programmato nel livello di uscita, l’uscita cambia stato.
Il temporizzatore può essere azzerato attraverso un ingresso digitale
programmato come “Reimp timer”.
• Funzione Contatore
Un ingresso digitale può essere programmato per “Contatore In”. Un’uscita
digitale può essere programmata come “Pausa cont” con un livello di uscita
programmato al numero di conteggi desiderato. Quanto il contatore
raggiunge il conteggio programmato nel livello di uscita, l’uscita cambia
stato. Il contatore può essere azzerato attraverso un ingresso digitale
programmato come “Reimp Contat”.
SUGGERIMENTO
Per semplificare la configurazione, utilizzare la procedura guidata in Connected
Components Workbench anziché configurare manualmente i parametri.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
197
Appendice D
Funzioni StepLogic di controllo della velocità, Logica di base e Temporizzatore/Contatore
Funzione StepLogic di
controllo della velocità con
fasi temporizzate
IMPORTANTE
Questa funzione è specifica dei convertitori di frequenza PowerFlex 525.
Per attivare questa funzione, impostare una delle tre sorgenti di riferimento
velocità, parametro P047, P049 o P051 [Rif velocità x] su 13 “Fase logica” ed
attivare quella sorgente. Tre parametri sono utilizzati per configurare la logica, il
riferimento di velocità ed il tempo di ogni fase.
• La logica viene definita utilizzando i parametri L180…L187 [Logica
prestab x].
• Le velocità preregolate vengono impostate con i parametri A410…A417
[Freq. predef. 0…7].
• Il tempo di funzionamento di ogni fase è impostato con i parametri
L190…L197 [Tempo log prest x].
Il senso di rotazione del motore può essere avanti o indietro.
Utilizzo delle fasi temporizzate
Fase 0
Fase 1
Fase 2
Fase 3 Fase 4 Fase 5 Fase 6
Fase 7
Avanti
0
Indietro
Tempo
Sequenza di controllo della velocità StepLogic
• La sequenza inizia con un comando di avviamento valido.
• Una normale sequenza inizia con la Fase 0 e prosegue con la transizione
alla fase successiva alla scadenza del corrispondente tempo StepLogic.
• La Fase 7 è seguita dalla Fase 0
• La sequenza si ripete fino a quando viene comandato un arresto o si verifica
una condizione di guasto.
Controllo della velocità
StepLogic con le funzioni
logiche di base
IMPORTANTE
Questa funzione è specifica dei convertitori di frequenza PowerFlex 525.
I parametri degli ingressi e delle uscite digitali possono essere configurati in modo
che utilizzino la logica per passare alla fase successiva. Logic In 1 e Logic In 2
vengono definiti mediante la programmazione dei parametri t062…t063,
t065…t068 [DigIn TermBlk xx] su 24 “Logic In 1” o 25 “Logic In 2”.
Esempio
• Marcia alla Fase 0.
• Transizione alla Fase 1 quando Logic In 1 è vero.
La logica rileva il fronte di Logic In 1 quando passa da Off a On. Non è
necessario che Logic In 1 rimanga “On”.
198
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Funzioni StepLogic di controllo della velocità, Logica di base e Temporizzatore/Contatore
Appendice D
• Transizione alla Fase 2 quando sia Logic In 1 sia Logic In 2 sono veri.
Il convertitore di frequenza rileva il livello sia di Logic In 1 sia di Logic In 2
e passa alla Fase 2 quando entrambi sono On.
• Transizione alla Fase 3 quando Logic In 2 ritorna in stato falso o Off.
Non è necessario che gli ingressi rimangano in condizione “On” se non alle
condizioni logiche utilizzate per la transizione dalla Fase 2 alla Fase 3.
Avviamento
Fase 0
Fase 1
Fase 2
Fase 3
Frequenza
Logic In 1
Logic In 2
Tempo
Il valore del tempo di fase e la logica di base possono essere utilizzati insieme per
soddisfare le condizioni della macchina. La fase, ad esempio, può prevedere un
periodo minimo e quindi usare la logica di base per attivare una transizione alla
fase successiva.
Avviamento
Fase 0
Fase 1
Frequenza
Logic In 1
Logic In 2
Tempo
Funzione Temporizzatore
Gli ingressi e le uscite digitali controllano la funzione temporizzatore e sono
configurati con i parametri t062…t063, t065…t068 [DigIn TermBlk xx]
impostati su 19 “Avvio timer” e 21 “Reimp timer”.
Le uscite digitali (relè ed optoisolate) definiscono un livello preimpostato e ne
segnalano il raggiungimento. I parametri di livello t077 [Liv uscita relè1], t082
[Liv uscita relè2], t070 [Liv usc ottica 1] e t073 [Liv usc ottica 2] vengono
utilizzati per impostare il tempo desiderato in secondi.
I parametri t076 [Sel uscita relè1], t081 [Sel uscita relè2], t069 [Sel usc ottica 1] e
t072 [Sel usc ottica 2] sono impostati su 25 “Pausa timer” e provocano il cambio
di stato dell’uscita al raggiungimento del livello preimpostato.
Esempio
• Il convertitore di frequenza si avvia ed accelera a 30 Hz.
• Dopo aver mantenuto 30 Hz per 20 secondi, un ingresso analogico
4 – 20 mA diventa il segnale di riferimento per il controllo della velocità.
• La funzione temporizzatore è utilizzata per selezionare una velocità
preregolata con un tempo di marcia di 20 secondi che ignora il riferimento
di velocità mentre l’ingresso digitale è attivo.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
199
Appendice D
Funzioni StepLogic di controllo della velocità, Logica di base e Temporizzatore/Contatore
• I parametri sono impostati sulle seguenti opzioni:
– P047 [Rif velocità 1] = 6 “Ing. 4-20 mA”
– P049 [Rif velocità 2] = 7 “Prereg Freq”
– t062 [DigIn TermBlk 02] = 1 “Rif Veloc 2”
– t063 [DigIn TermBlk 03] = 19 “Avvio timer”
– t076 [Sel uscita relè1] = 25 “Pausa timer”
– t077 [Liv uscita relè1] = 20,0 sec
– A411 [Freq. predef. 1] = 30,0 Hz
• La morsettiera di controllo è cablata in modo tale che un comando di
avviamento attiva anche l’avvio del temporizzatore.
• L’uscita relè è cablata al morsetto I/O 02 (DigIn TermBlk 02) in modo da
forzare l’attivazione dell’ingresso quando il temporizzatore si avvia.
• Alla scadenza del temporizzatore, l’uscita viene disattivata sbloccando il
comando della velocità preimpostata. Il convertitore di frequenza segue di
default il riferimento dell’ingresso analogico, come programmato.
Per questo esempio, non è necessario un ingresso “Reimp timer” dato che
l’ingresso “Avvio timer” provvede sia ad azzerare sia ad avviare il temporizzatore.
Funzione Contatore
Gli ingressi e le uscite digitali controllano la funzione contatore e sono
configurati con i parametri t062…t063, t065…t068 [DigIn TermBlk xx]
impostati su 20 “Contatore In” e 22 “Reimp Contat”.
Le uscite digitali (relè ed optoisolate) definiscono un livello preimpostato e ne
segnalano il raggiungimento. I parametri di livello t077 [Liv uscita relè1], t082
[Liv uscita relè2], t070 [Liv usc ottica 1] e t073 [Liv usc ottica 2] vengono
utilizzati per impostare il valore di conteggio desiderato.
I parametri t076 [Sel uscita relè1], t081 [Sel uscita relè2], t069 [Sel usc ottica 1] e
t072 [Sel usc ottica 2] sono impostati su 26 “Pausa cont” e provocano il cambio di
stato dell’uscita al raggiungimento del livello.
Esempio
• Per contare i pacchetti su un trasportatore, viene utilizzata una fotocellula.
• Un accumulatore trattiene i pacchetti fino a raccoglierne 5.
• Un braccio deviatore reindirizza il gruppo di 5 pacchetti verso una zona di
affastellamento.
• Il braccio deviatore torna alla sua posizione originale ed attiva un
interruttore di finecorsa che azzera il contatore.
• I parametri sono impostati sulle seguenti opzioni:
– t065 [DigIn TermBlk 05] = 20 “Contatore In”
– t066 [DigIn TermBlk 06] = 22 “Reimp Contat”
– t076 [Sel uscita relè1] = 26 “Pausa cont”
– t077 [Liv uscita relè1] = 5,0 conteggi
200
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Funzioni StepLogic di controllo della velocità, Logica di base e Temporizzatore/Contatore
Appendice D
Frequenza
di uscita
Avviamento
Uscita relè
Fotocellula
DigIn TermBlk 05
Contatore In
DigIn TermBlk 06
Reimp Contat
Interruttore di finecorsa
Parametri di Controllo della
velocità StepLogic
Descrizione dei codici per i parametri L180…L187
Cifra 4
0
Cifra 3
0
Cifra 2
F
Cifra 1
1
Cifra 4 – Definisce l’azione durante la fase in esecuzione
Impostazione
0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
A
b
Parametro Accel/Decel
utilizzato
1
1
1
1
1
1
2
2
2
2
2
2
Stato uscita StepLogic
Direzione comandata
Off
Off
Off
On
On
On
Off
Off
Off
On
On
On
Marcia avanti
Marcia indietro
Nessuna uscita
Marcia avanti
Marcia indietro
Nessuna uscita
Marcia avanti
Marcia indietro
Nessuna uscita
Marcia avanti
Marcia indietro
Nessuna uscita
Cifra 3 – Definisce a quale fase saltare o come terminare il programma quando sono soddisfate le
condizioni logiche specificate nella Cifra 2.
Impostazione
0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
A
Logica
Salta a fase 0
Salta a fase 1
Salta a fase 2
Salta a fase 3
Salta a fase 4
Salta a fase 5
Salta a fase 6
Salta a fase 7
Fine programma (arresto normale)
Fine programma (arresto per inerzia)
Fine programma e guasto (F002)
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
201
Appendice D
Funzioni StepLogic di controllo della velocità, Logica di base e Temporizzatore/Contatore
Cifra 2 – Definisce quale logica deve essere soddisfatta per saltare ad una fase diversa da quella
immediatamente successiva.
Impostazione
0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
A
b
C
d
E
F
Descrizione
Logica
Salta fase (salta immediatamente)
Procedi in base al tempo programmato nel rispettivo parametro [Tempo log prestx].
Procedi se “Logic In 1” è attivo (logicamente vero)
Procedi se “Logic In 2” è attivo (logicamente vero)
Procedi se “Logic In 1” non è attivo (logicamente falso)
Procedi se “Logic In 2” non è attivo (logicamente falso)
Procedi se “Logic In 1” o “Logic In 2” è attivo (logicamente vero)
Procedi se sia “Logic In 1” sia “Logic In 2” sono attivi (logicamente veri)
Procedi se “Logic In 1” e “Logic In 2” non sono attivi (logicamente vero)
Procedi se “Logic In 1” è attivo (logicamente vero) e “Logic In 2” non è attivo (logicamente
falso)
Procedi se “Logic In 2” è attivo (logicamente vero) e “Logic In 1” non è attivo (logicamente
falso)
Procedi dopo [Tempo log prestx] e se “Logic In 1” è attivo (logicamente vero)
Procedi dopo [Tempo log prestx] e se “Logic In 2” è attivo (logicamente vero)
Procedi dopo [Tempo log prestx] e se “Logic In 1” non è attivo (logicamente falso)
Procedi dopo [Tempo log prestx] e se “Logic In 2” non è attivo (logicamente falso)
Non procedere OPPURE non “saltare a”, quindi usare la logica della Cifra 0
SKIP
TIMED
TRUE
TRUE
FALSE
FALSE
Oppure
AND
NOR
XOR
XOR
TIMED AND
TIMED AND
TIMED OR
TIMED OR
IGNORE
Cifra 1 – Definisce quale logica deve essere soddisfatta per saltare alla fase immediatamente
successiva.
Impostazione
0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
A
b
C
d
E
F
202
Descrizione
Logica
Salta fase (salta immediatamente)
Procedi in base al tempo programmato nel rispettivo parametro [Tempo log prestx].
Procedi se “Logic In 1” è attivo (logicamente vero)
Procedi se “Logic In 2” è attivo (logicamente vero)
Procedi se “Logic In 1” non è attivo (logicamente falso)
Procedi se “Logic In 2” non è attivo (logicamente falso)
Procedi se “Logic In 1” o “Logic In 2” è attivo (logicamente vero)
Procedi se sia “Logic In 1” sia “Logic In 2” sono attivi (logicamente veri)
Procedi se “Logic In 1” e “Logic In 2” non sono attivi (logicamente vero)
Procedi se “Logic In 1” è attivo (logicamente vero) e “Logic In 2” non è attivo (logicamente
falso)
Procedi se “Logic In 2” è attivo (logicamente vero) e “Logic In 1” non è attivo (logicamente
falso)
Procedi dopo [Tempo log prestx] e se “Logic In 1” è attivo (logicamente vero)
Procedi dopo [Tempo log prestx] e se “Logic In 2” è attivo (logicamente vero)
Procedi dopo [Tempo log prestx] e se “Logic In 1” non è attivo (logicamente falso)
Procedi dopo [Tempo log prestx] e se “Logic In 2” non è attivo (logicamente falso)
Usare la logica programmata in Cifra 1
SKIP
TIMED
TRUE
TRUE
FALSE
FALSE
Oppure
AND
NOR
XOR
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
XOR
TIMED AND
TIMED AND
TIMED OR
TIMED OR
IGNORE
Appendice
E
Utilizzo di encoder/treno di impulsi ed
applicazione StepLogic di controllo della
posizione
Utilizzo dell’encoder e del
treno di impulsi
I convertitori di frequenza PowerFlex 520 includono un ingresso a treno di
impulsi integrato nella morsettiera. I convertitori PowerFlex 525 supportano
anche una scheda encoder opzionale. Il treno di impulsi e l’encoder possono essere
utilizzati praticamente per le stesse funzioni ma il treno di impulsi supporta fino a
100 kHz a 24 V ed utilizza la morsettiera integrata nel convertitore di frequenza.
L’encoder, invece, supporta fino a 250 kHz doppio canale a 5, 12 o 24 V e
richiede che sia installata la scheda encoder opzionale. Quando A535
[TipoFeedbackMot] è impostato su un valore diverso da zero, il convertitore di
frequenza è configurato per l’utilizzo di un encoder o di un treno di impulsi. Il
convertitore di frequenza userà l’encoder o il treno di impulsi in diversi modi, a
seconda delle impostazioni degli altri parametri. Di seguito, sono riportate le
modalità di utilizzo dell’encoder o del treno di impulsi da parte del convertitore
di frequenza (in ordine di priorità):
1. Se abilitato da P047, P049 o P051 [Rif velocitàx], l’encoder o il treno di
impulsi sarà utilizzato direttamente come una velocità comandata
(normalmente usata con un treno di impulsi) o come un riferimento di
posizione (normalmente usato con un encoder in quadratura).
2. Se non abilitato dai parametri “Rif velocità”, l’encoder o il treno di impulsi
può essere usato con la funzione PID, se abilitata da A459 o A471 [Sel rif.
PID x] oppure da A460 o A472 [Sel back PID x].
3. Se non abilitato dai parametri “Rif velocità” o “Funzione PID”, l’encoder o
il treno di impulsi può essere utilizzato con A535 [TipoFeedbackMot] per
il feedback diretto e la compensazione del comando di velocità. In questo
caso, la normale compensazione di scorrimento non viene utilizzata. Il
convertitore di frequenza, invece, userà l’encoder o il treno di impulsi per
determinare l’effettiva frequenza di uscita e regolerà la frequenza di uscita
in modo che corrisponda al comando. In questo anello di controllo, sono
utilizzati i parametri A538 [Loop vel. Ki] e A539 [Loop vel. Kp]. Il
principale vantaggio di questa modalità è la maggiore precisione in velocità
rispetto alla compensazione di scorrimento dell’anello aperto. Non
migliora la larghezza di banda in velocità.
IMPORTANTE
L’utilizzo dell’encoder e l’applicazione StepLogic di controllo della posizione
trattati in questo capitolo riguardano esclusivamente i convertitori
PowerFlex 525.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
203
Appendice E
Utilizzo di encoder/treno di impulsi ed applicazione StepLogic di controllo della posizione
Interfaccia encoder
La scheda encoder incrementale opzionale può fornire 5 o 12 V di alimentazione
e accettare ingressi single-ended o differenziali da 5, 12 o 24 V. Vedere
Appendice B per informazioni sull’ordine.
N.
A
A–
B
B–
Cm
+V
Cm
B–
B
A–
A
12 V
+V
5 V

Segnale
Encoder A
Encoder A (NOT)
Encoder B
Encoder B (NOT)
Ritorno
alimentazione
Alimentazione
5…12 V(1)(2)
Descrizione
Uscita
Il microinterruttore seleziona l’alimentazione a 12 o 5 V fornita ai morsetti
“+V” e “Cm” per l’encoder.
Ingresso A a singolo canale, treno di impulsi o in quadratura.
Ingresso B in quadratura.
Sorgente di alimentazione interna da 250 mA (isolata).
(1) Quando si utilizza l’alimentazione encoder a 12 V, alimentazione I/O a 24 V, la massima corrente di uscita al
morsetto I/O 11 è di 50 mA.
(2) Se l’encoder richiede alimentazione a 24 V, deve essere fornita da una sorgente di alimentazione esterna.
Un encoder in quadratura fornisce direzione e velocità del rotore. L’encoder,
quindi, deve essere cablato in modo tale che la direzione di marcia avanti
corrisponda alla direzione di marcia avanti del motore. Se il convertitore di
frequenza legge la velocità dell’encoder ma il regolatore di posizione o altra
funzione dell’encoder non funziona correttamente, scollegare l’alimentazione
del convertitore di frequenza e scambiare i canali encoder A e A (NOT) o due
conduttori del motore. Quando un encoder è scorrettamente cablato e A535
[TipoFeedbackMot] è impostato su 5 “ContrQuadrat”, il convertitore di
frequenza va in guasto.
IMPORTANTE
Esempi di cablaggio dell’encoder
Interna
(convertitore di
frequenza)
12 V CC, 250 mA
Segnale
encoder –
Single-ended,
doppio canale
a comune
alimentazione
+V
Cm
B–
B
A–
A
B NOT
B
A NOT
A
+
I/O
Esempio di collegamento
Alimentazione
encoder –
Sorgente di
a
alimentazione
SHLD
Alimentatore
esterna
esterno
Segnale
encoder –
Differenziale,
doppio canale
+V
Cm
B–
B
A–
A
Comune
I/O
Esempio di collegamento
Alimentazione
+12 V CC
(250 mA)
+V
encoder –
Alimentazione Cm
Comune
B–
interna
B
a SHLD
convertitore di A–
A
frequenza
a SHLD
B NOT
B
A NOT
A
a SHLD
Note di cablaggio
204
La scheda encoder opzionale può fornire alimentazione a 5 V o 12 V (250 mA
max.) per un encoder. Verificare che il microinterruttore sia correttamente
impostato in base all’encoder. In generale, l’alimentazione a 12 V garantisce una
maggiore immunità ai disturbi.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Utilizzo di encoder/treno di impulsi ed applicazione StepLogic di controllo della posizione
Appendice E
L’encoder può gestire ingressi da 5 V, 12 V o 24 V mentre il treno di impulsi può
gestire solo ingressi da 24 V. Gli ingressi si adattano automaticamente alla
tensione applicata e non è necessaria alcuna ulteriore regolazione del convertitore
di frequenza. Se si utilizza un ingresso a singolo canale, questo deve essere cablato
tra i canali A (segnale) e A- (comune segnale).
IMPORTANTE
Un encoder in quadratura fornisce direzione e velocità del rotore. L’encoder,
quindi, deve essere cablato in modo tale che la direzione di marcia avanti
corrisponda alla direzione di marcia avanti del motore. Se il convertitore di
frequenza legge la velocità dell’encoder ma il regolatore di posizione o altra
funzione dell’encoder non funziona correttamente, scollegare l’alimentazione
del convertitore di frequenza e scambiare i canali encoder A e A (NOT) o due
conduttori del motore. Quando un encoder è scorrettamente cablato e A535
[TipoFeedbackMot] è impostato su 5 “ContrQuadrat”, i convertitori di frequenza
vanno in guasto.
Il convertitore di frequenza PowerFlex 525 include un semplice regolatore di
posizione che può essere utilizzato in tutta una serie di applicazioni di
posizionamento senza bisogno di interruttori di finecorsa o fotocellule. Questo
regolatore può essere utilizzato come un controllore stand-alone per applicazioni
semplici (fino a 8 posizioni) o in combinazione con un controllore per una
maggiore flessibilità.
Descrizione del
posizionamento
Va sottolineato che non è in grado di sostituire i servocontrollori di fascia alta o le
applicazioni che hanno bisogno di ampia larghezza di banda o di coppia molto
elevata a basse velocità.
Regole generali comuni per
tutte le applicazioni
Il regolatore di posizione può essere configurato per diverse applicazioni. Alcuni
parametri dovranno comunque essere regolati.
P047 [Rif velocità 1] deve essere impostato su 16 “Posizionamento”.
A535 [TipoFeedbackMot] deve essere impostato in modo da corrispondere al
dispositivo di feedback. La modalità di posizionamento deve usare A535
[TipoFeedbackMot] opzione 4.
A535 Opzioni di [TipoFeedbackMot]
0 “Nessuna” indica che non è utilizzato alcun encoder. Questa opzione
non può essere usata per il posizionamento.
1 “TrenoImpulsi” è un ingresso a singolo canale, senza direzione, solo
feedback di velocità. Questa opzione non dovrebbe essere usata per il
posizionamento. L’opzione “Can Singolo” è simile a “TrenoImpulsi” ma
utilizza i parametri di conversione in scala dell’encoder standard.
2 “Can Singolo” è un ingresso a singolo canale, senza direzione, solo
feedback di velocità. Questa opzione non dovrebbe essere usata per il
posizionamento. Il canale singolo usa i parametri di conversione in scala
dell’encoder standard.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
205
Appendice E
Utilizzo di encoder/treno di impulsi ed applicazione StepLogic di controllo della posizione
3 “ContrSingolo” è un ingresso a singolo canale con rilevamento della
perdita del segnale dell’encoder. Il convertitore di frequenza va in guasto se
rileva che gli impulsi dell’ingresso non corrispondono alla velocità prevista
del motore. Questa opzione non dovrebbe essere usata per il
posizionamento.
4 “Quadratura” è un ingresso encoder a doppio canale con direzione e
velocità dall’encoder. Questa opzione può essere usata per il controllo del
posizionamento.
5 “ContrQuadrat” è un encoder a doppio canale con rilevamento della
perdita del segnale dell’encoder. Il convertitore di frequenza va in guasto se
rileva che la velocità dell’encoder non corrisponde alla velocità prevista del
motore.
A544 [Disab inversione] dovrebbe essere impostato su 0 “Inv. Abilit.” per
consentire il movimento bidirezionale necessario al controllo di posizione.
P039 L’impostazione di default di [Mod prest coppia] è 1 “SVC”. Tuttavia, è
possibile usare qualunque modalità per migliorare la coppia bassa velocità per le
applicazioni di posizionamento. Per ottenere i migliori risultati, mettere prima a
punto l’applicazione. Per migliorare ulteriormente le prestazioni convertitore di
frequenza -motore, è possibile eseguire la routine di messa a punto automatica.
A550 L’impostazione di default [Regol BUS] è 1 “Abilitata”. Se il tempo di
decelerazione è troppo breve, il convertitore di frequenza può sovraelongare la
posizione desiderata. Per ottenere i migliori risultati, può essere necessario un
tempo di decelerazione più lungo. A550 [Regol BUS] può essere disabilitato per
fornire precisi movimenti di arresto, ma il tempo di decelerazione dovrà essere
regolato manualmente, in modo che sia abbastanza lungo per evitare i guasti da
sovratensione F005.
A437 L’impostazione di default di [Sel res freno d.] è 0 “Disabilitato”. Se sono
necessarie migliori prestazioni di decelerazione, può essere utilizzato un resistore
di frenatura dinamica. In tal caso, questo parametro dovrebbe essere impostato in
base al resistore selezionato.
P035 [Potenza nom mot] deve essere impostato in modo da corrispondere al
numero di poli del motore azionato dal convertitore di frequenza PowerFlex 520.
A536 [Encoder PPR] deve essere impostato in modo da corrispondere al numero
di impulsi per giro dell’encoder utilizzato (ovvero 1024 PPR).
A559 [Conteggi Unità] imposta il numero di impulsi encoder da utilizzare per
definire un’unità di posizione. Ciò consente di definire le posizioni dell’encoder
in termini di unità importanti per l’applicazione. Ad esempio, se 1 cm su un
nastro trasportatore richiede 0,75 giri del motore, l’encoder motore è 1024 PPR
ed il tipo di feedback motore è impostato su “Quadratura”, questo parametro
dovrebbe essere impostato su (4 x 1024 x 0,75) = 3072 impulsi per un cm di
corsa. Tutte le altre posizioni, quindi, potrebbero essere configurate in unità di
“cm”.
A564 [Toll Pos Encoder] indica la tolleranza di posizione desiderata per il
sistema. Questo determinerà quanto vicino il convertitore di frequenza deve
206
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Utilizzo di encoder/treno di impulsi ed applicazione StepLogic di controllo della posizione
Appendice E
essere alla posizione comandata prima di indicare “Posiz Home” o “In posizione”
in unità di impulsi grezzi encoder. Ciò non incide sul controllo della posizione
effettiva del motore.
Funzionamento del
posizionamento
Il parametro A558 [Modo posizion.] deve essere impostato in modo da
corrispondere correttamente al funzionamento desiderato della funzione di
posizionamento.
A558 [Modo posizion.] – Opzioni
0 “Tempo passi” usa i tempi di Step Logic. Questa modalità ignora le
impostazioni di Step Logic e passa da una fase all’altra (da Fase 0 a Fase 7 e
di nuovo a Fase 0) in base ai tempi programmati in L190…L197 [Tempo
log prestx]. Questa opzione può essere usata quando la posizione
desiderata è basata solo sul tempo. Questa modalità, inoltre, accetta solo
posizioni assolute in direzione positiva da “home”. Questa opzione offre un
facile modo di implementare un semplice programma di posizionamento o
di testare la configurazione di posizionamento di base. Per una maggiore
flessibilità, è opportuno utilizzare una delle altre impostazioni.
1 “Ingr Prereg” comanda direttamente il passaggio a qualunque fase in
base allo stato degli ingressi digitali programmati per “Freq. predef.”.
Questa impostazione ignora le impostazioni dei comandi Step Logic e il
convertitore di frequenza si muoverà direttamente alla fase attualmente
comandata da A410…A425 [Freq. predef. x] e L200…L214 [Unità fase x].
Si tratta di un’opzione utile quando un’applicazione ha bisogno di accedere
direttamente ad una fase di posizione in base ad ingressi discreti. Questa
modalità consente il movimento in direzione avanti da Home come
spostamento assoluto.
IMPORTANTE
Le opzioni avanzate di Step Logic, quali lo spostamento incrementale,
non sono disponibili in questa modalità.
2 “Fase logica” fornisce una modalità di funzionamento altamente
flessibile. Questa opzione può essere utilizzata per passare da una fase
all’altra (da Fase 0 a Fase 7 e di nuovo a Fase 0) o per saltare ad una fase
differente in qualunque momento, in base al tempo o allo stato degli
ingressi digitali o dei comandi di comunicazione. In questa modalità, il
convertitore di frequenza parte sempre alla Fase 0 del profilo Step Logic.
3 “Preregl StpL” è identica all’opzione 2 “Fase logica” tranne per il fatto
che il convertitore di frequenza utilizza lo stato attuale degli ingressi
preimpostati per determinare da quale fase di Step Logic iniziare. Questo
interessa solo la fase iniziale. Dopo l’avviamento, il convertitore di
frequenza passa da una fase all’altra nello stesso modo previsto
dall’opzione 2.
4 “StpLogLista” è identica all’opzione 2 “Fase logica” tranne per il fatto
che il convertitore di frequenza utilizza la fase precedente all’ultimo
comando di stop per determinare da quale fase di Step Logic iniziare.
Questo interessa solo la fase iniziale. Dopo l’avviamento, il convertitore di
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
207
Appendice E
Utilizzo di encoder/treno di impulsi ed applicazione StepLogic di controllo della posizione
frequenza passa da una fase all’altra nello stesso modo previsto
dall’opzione 2. Ciò consente di arrestare il processo per poi riavviarlo dalla
posizione in cui si è fermato.
In tutte le modalità di posizione, le caratteristiche ad ogni fase sono controllate
dai seguenti parametri:
L200, L202, L204, L206, L208, L210, L212 e L214 [Unità fase x] sono il valore
numerico a sinistra del separatore decimale (numero intero) delle 8 posizioni
desiderate per un’applicazione, iniziando dalla Fase 0 (L200) e continuando fino
alla Fase 7 (L214). Ad esempio, immettere 2 in questo parametro se si desidera
una posizione comandata di 2,77.
L201, L203, L205, L207, L209, L211, L213 ed L215 [Unità fase F x] sono il
valore numerico a destra del separatore decimale (la parte inferiore a 1) delle
8 posizioni desiderate per un’applicazione, iniziando dalla Fase 0 (L201) e
continuando sequenzialmente fino alla Fase 7 (L215). Ad esempio, immettere
0,77 in questo parametro se si desidera una posizione comandata di 2,77.
208
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Utilizzo di encoder/treno di impulsi ed applicazione StepLogic di controllo della posizione
Appendice E
A410…A417 [Freq. predef. x] sono i parametri che definiscono la frequenza
massima di marcia del convertitore di frequenza durante la fase corrispondente.
Ad esempio, se [Freq. predef. 2] è impostato su 40 Hz, il convertitore di
frequenza accelera al massimo a 40 Hz quando si muove alla Posizione 2.
Sorgente frequenza
A410 [Freq. predef. 0]
A411 [Freq. predef. 1]
A412 [Freq. predef. 2]
A413 [Freq. predef. 3]
A414 [Freq. predef. 4]
A415 [Freq. predef. 5]
A416 [Freq. predef. 6]
A417 [Freq. predef. 7]
IMPORTANTE
Sorgente fase
L180 [Logica prestab 0]
L181 [Logica prestab 1]
L182 [Logica prestab 2]
L183 [Logica prestab 3]
L184 [Logica prestab 4]
L185 [Logica prestab 5]
L186 [Logica prestab 6]
L187 [Logica prestab 7]
Sorgente posizione
L200 [Unità fase 0]
L202 [Unità fase 1]
L204 [Unità fase 2]
L206 [Unità fase 3]
L208 [Unità fase 4]
L210 [Unità fase 5]
L212 [Unità fase 6]
L214 [Unità fase 7]
Il valore di default per A410 [Freq. predef. 0] è 0,00 Hz. Questo valore deve
essere modificato, altrimenti il convertitore di frequenza non sarà in grado di
muoversi durante la Fase 0.
L190…L197 [Tempo log prestx] sono i parametri che definiscono il tempo di
permanenza del convertitore di frequenza in ogni fase corrispondente, se tale fase
è basata sul tempo. Ad esempio, se L192 [Tempo log prest2] è impostato su
5,0 secondi e quella fase è basata sul tempo, il convertitore di frequenza rimarrà
nella Fase 2 per 5,0 secondi. Va sottolineato che questo è il tempo totale in quella
determinata fase, non il tempo in quella posizione. Quindi, includerà il tempo
necessario all’accelerazione, alla marcia ed alla decelerazione in quella posizione.
L180…L187 [Logica prestab x] sono i parametri che permettono una maggiore
flessibilità e controllano vari aspetti di ogni fase quando è selezionata una
modalità di posizionamento che utilizza le funzioni Step Logic. In modalità di
posizionamento, questi parametri hanno una funzione diversa rispetto a quando
utilizzati per il normale controllo della velocità Step Logic. Ognuna delle 4 cifre
controlla un aspetto di ogni fase di posizione. Quello che segue è un elenco delle
impostazioni disponibili per ogni cifra:
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
209
Appendice E
Utilizzo di encoder/treno di impulsi ed applicazione StepLogic di controllo della posizione
Logica per la fase successiva
Logica per saltare ad una fase differente
Fase differente a cui saltare
Impostazione fasi
Non utilizzato
Cifra 1
Cifra 2
Cifra 3
Cifra 4
Impostazioni per il controllo di velocità (Cifra 4)
Impostazione
richiesta
0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
A
b
Param.
Accel/Decel
usato
Accel/Decel 1
Accel/Decel 1
Accel/Decel 1
Accel/Decel 1
Accel/Decel 1
Accel/Decel 1
Accel/Decel 2
Accel/Decel 2
Accel/Decel 2
Accel/Decel 2
Accel/Decel 2
Accel/Decel 2
Impostazioni (Cifra 3)
Stato uscita
StepLogic
Direzione
comandata
Off
Off
Off
On
On
On
Off
Off
Off
On
On
On
Marcia avanti
Marcia indietro
Nessuna uscita
Marcia avanti
Marcia indietro
Nessuna uscita
Marcia avanti
Marcia indietro
Nessuna uscita
Marcia avanti
Marcia indietro
Nessuna uscita
Impostazioni di posizionamento (Cifra 4)
Impostazione
richiesta
0
1
2
Param.
Accel/Decel
usato
Accel/Decel 1
Accel/Decel 1
Accel/Decel 1
Stato uscita
StepLogic
Direzione
da home
Tipo di
comando
Off
Off
Off
Assoluto
Incrementale
Assoluto
3
Accel/Decel 1
Off
4
5
6
Accel/Decel 1
Accel/Decel 1
Accel/Decel 1
On
On
On
7
Accel/Decel 1
On
8
9
A
Accel/Decel 2
Accel/Decel 2
Accel/Decel 2
Off
Off
Off
b
Accel/Decel 2
Off
C
d
E
Accel/Decel 2
Accel/Decel 2
Accel/Decel 2
On
On
On
F
Accel/Decel 2
On
Marcia avanti
Marcia avanti
Marcia
indietro
Marcia
indietro
Marcia avanti
Marcia avanti
Marcia
indietro
Marcia
indietro
Marcia avanti
Marcia avanti
Marcia
indietro
Marcia
indietro
Marcia avanti
Marcia avanti
Marcia
indietro
Marcia
indietro
SUGGERIMENTO
Incrementale
Assoluto
Incrementale
Assoluto
Incrementale
Assoluto
Incrementale
Assoluto
Impostazione
0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
A
Descrizione
Salta a fase 0
Salta a fase 1
Salta a fase 2
Salta a fase 3
Salta a fase 4
Salta a fase 5
Salta a fase 6
Salta a fase 7
Fine programma (arresto normale)
Fine programma (arresto per inerzia)
Fine programma e guasto (F2)
Impostazioni (Cifra 2 e 1)
Impostazione
0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
A
b
C
d
E
F
Descrizione
Salta fase (salta immediatamente)
Fase basata su [Tempo log prestx]
Procedi se “Logic In 1” è attivo
Procedi se “Logic In 2” è attivo
Procedi se “Logic In 1” non è attivo
Procedi se “Logic In 2” non è attivo
Procedi se “Logic In 1” o “Logic In 2” è attivo
Procedi se sia “Logic In 1” sia “Logic In 2” sono attivi
Procedi se né “Logic In 1” né “Logic In 2” sono attivi
Procedi se “Logic In 1” è attivo e “Logic In 2” non è attivo
Procedi se “Logic In 2” è attivo e “Logic In 1” non è attivo
Procedi dopo [Tempo log prestx] e se “Logic In 1” è attivo
Procedi dopo [Tempo log prestx] e se “Logic In 2” è attivo
Procedi dopo [Tempo log prestx] e se “Logic In 1” non è
attivo
Procedi dopo [Tempo log prestx] e se “Logic In 2” non è
attivo
Non procedere/ignorare le impostazioni della Cifra 2
Incrementale
Assoluto
Incrementale
Assoluto
Incrementale
Per semplificare la configurazione, utilizzare la procedura guidata in Connected
Components Workbench anziché configurare manualmente i parametri.
Nota: i comandi di spostamento incrementale provocano il movimento del
convertitore di frequenza nell’ordine della quantità specificata in base alla
posizione attuale. I comandi assoluti fanno sempre riferimento a “Home”.
A565 [Filtro Regol Pos] fornisce un filtro passa basso all’ingresso del regolatore di
posizione.
210
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Utilizzo di encoder/treno di impulsi ed applicazione StepLogic di controllo della posizione
Appendice E
A566 [Guad. regol pos.] è una singola regolazione che aumenta o riduce la
reattività del regolatore di posizione. Per una risposta più rapida, il filtro dovrebbe
essere ridotto e/o il guadagno aumentato. Per una risposta più dolce, con meno
sovraelongazione, il filtro dovrebbe essere aumentato e/o il guadagno ridotto. In
generale, sulla maggior parte dei sistemi, il guadagno avrà un effetto maggiore
rispetto al filtro.
Routine di ricerca della
posizione home
Questo convertitore di frequenza supporta solo encoder incrementali. Quindi,
quando si accende, il convertitore di frequenza azzera la posizione attuale. Se ciò è
corretto, la routine di posizionamento può essere avviata senza ulteriore
regolazione. Tuttavia, nella maggior parte delle applicazioni, il convertitore di
frequenza avrà bisogno di essere “riportato in posizione home” dopo ogni
accensione e prima di avviare la routine di posizionamento.
Ciò può avvenire in uno dei seguenti due modi:
1. Ricerca manuale della posizione home–Programmare i seguenti parametri
del convertitore di frequenza:
t062, t063, t065…t068 [DigIn TermBlk xx] = 37 “Ridef Posiz”
Programmare uno degli ingressi digitali su 37 “Ridef Posiz”.
Successivamente, portare il sistema in posizione di home con un comando
di marcia, un comando di marcia jog o manualmente. Quindi, commutare
l’ingresso “Ridef Posiz”. Questo imposterà il convertitore di frequenza su
“Home” nella sua attuale posizione mentre d388 [Unità percorse H] e
d389 [Unità percorse L] sono impostati a zero. In alternativa, può essere
commutato il bit “Ridef Posiz” in A560 [Parola contr av.] anziché
utilizzare un ingresso digitale.
IMPORTANTE L’ingresso o il bit “Ridef Posiz” devono essere riportati in stato inattivo
prima di avviare la routine di posizionamento. In caso contrario, il
convertitore di frequenza continuerà a leggere la posizione di “0”
(home) e la routine di posizionamento non funzionerà correttamente.
2. Ricerca automatica della posizione home con interruttore di finecorsa–
Programmare i seguenti parametri del convertitore di frequenza:
t062, t063, t065…t068 [DigIn TermBlk xx] = 35 “Trova home”
Programmare uno degli ingressi digitali su 35 “Trova home”.
t062, t063, t065…t068 [DigIn TermBlk xx] = 34 “Limite home”
Programmare uno degli ingressi digitali su 34 “Limite home”.
Normalmente, l’ingresso “Limite home” è cablato ad un interruttore di
prossimità o ad una fotocellula ed indica che il sistema è in posizione di
home.
A562 [Trova freq Home] imposta la frequenza utilizzata dal convertitore
di frequenza mentre si muove alla posizione di home durante la routine di
ricerca automatica della posizione home.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
211
Appendice E
Utilizzo di encoder/treno di impulsi ed applicazione StepLogic di controllo della posizione
A563 [Trova dir Home] imposta la direzione utilizzata dal convertitore di
frequenza mentre si muove alla posizione di home durante la routine di
ricerca automatica della posizione home.
Per iniziare la routine di ricerca automatica della posizione home, attivare
l’ingresso “Trova home” ed emettere un comando di avviamento valido. Il
convertitore di frequenza accelera in rampa alla velocità impostata in A562
[Trova freq Home] e nella direzione impostata in A563 [Trova dir Home] fino a
quando l’ingresso digitale definito come “Limite home” è attivato. Se il
convertitore di frequenza supera questo punto troppo rapidamente, inverte la
direzione a 1/10 di A562 [Trova freq Home] nel punto in cui l’interruttore di
finecorsa home si riattiva. Dopo circa un secondo da quando la routine trova la
posizione home, il convertitore di frequenza si arresta. In alternativa, possono
essere attivati i bit “Trova freq Home” e/o “Limite home” in A560 [Parola contr
av.] anziché utilizzare un ingresso digitale. Al termine della routine, gli ingressi o i
bit dovrebbero essere riportati in stato inattivo.
IMPORTANTE
Feedback encoder e di
posizione
Dopo il raggiungimento della posizione, il convertitore di frequenza si arresta.
Se il “Trova home” viene rimosso prima del completamento della ricerca della
posizione home, il convertitore di frequenza inizia la routine di posizionamento
senza la corretta posizione di home. In tal caso, la posizione di home non viene
azzerata e la posizione sarà legata alla posizione di accensione.
d376 [Feedback veloc.] indica il feedback della velocità misurata o il feedback
della velocità calcolata quando non è selezionato alcun dispositivo di feedback. Il
parametro d376 [Feedback veloc.] è il valore numerico a sinistra del separatore
decimale (numero intero) e d377 [Feedback vel. F] è il valore a destra del
separatore decimale (la parte inferiore a 1).
d378 [Veloc. encoder] indica la velocità misurata del dispositivo di feedback.
Questa è utile se, per il controllo della velocità del motore, non viene utilizzato
l’encoder. In alcuni casi, tuttavia, è necessario utilizzare l’encoder per fare in modo
che d378 [Veloc. encoder] indichi un valore. Il parametro d378 [Veloc. encoder]
è il valore numerico a sinistra del separatore decimale (numero intero) e d379
[Veloc encoder F] è il numero a destra del separatore decimale (la parte inferiore
a 1).
d388, d389 [Unità percorse x] indicano la posizione attuale del sistema in termini
di unità di distanza da home. Il parametro d388 [Unità percorse H] è il valore
numerico a sinistra del separatore decimale (numero intero) e d389 [Unità
percorse L] è il numero a destra del separatore decimale (la parte inferiore a 1).
d387 [Stato posizione] indica lo stato delle funzioni di posizionamento. I bit di
indicazione sono:
Il Bit 0 “Direz Posit” indica l’attuale direzione di movimento del
convertitore di frequenza rispetto a home.
Il Bit 1 “In posizione” indica se il convertitore di frequenza è nella sua
posizione comandata. Se il convertitore di frequenza rientra in A564 [Toll
Pos Encoder] della posizione comandata, questo bit sarà attivo.
212
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Utilizzo di encoder/treno di impulsi ed applicazione StepLogic di controllo della posizione
Appendice E
Il Bit 2 “Posiz Home” indica se il convertitore di frequenza è in posizione
di home. Se il convertitore di frequenza rientra in A564 [Toll Pos Encoder]
di “Home”, questo bit sarà attivo.
Bit 3 “DrvPosizIniz” indica se il convertitore di frequenza, dopo
l’accensione, è stato portato in posizione di home. Se il convertitore di
frequenza è stato portato manualmente o automaticamente in posizione di
home, questo bit sarà attivo e rimarrà attivo fino allo spegnimento
successivo.
Utilizzo del sistema di
comunicazione
Se 8 fasi non sono adeguate all’applicazione o sono necessarie modifiche
dinamiche del programma, molte delle funzioni di posizionamento possono
essere controllate attraverso una rete di comunicazione attiva. I parametri per
questo tipo di controllo sono i seguenti.
C121 [Mod scritt com]
La scrittura ripetuta dei parametri su una rete di comunicazione può danneggiare
la EEPROM delo convertitore di frequenza. Questo parametro consente al
convertitore di frequenza di accettare le modifiche dei parametri senza scrittura
sulla EEPROM.
IMPORTANTE
I valori dei parametri impostati prima di impostare 1 “Solo RAM” vengono
salvati nella RAM.
C122 [Sel coman//stato]
Seleziona le definizioni dei bit delle parole di comando e di stato per velocità o
posizione/fibre da utilizzare su una rete di comunicazione.
A560 [Parola contr av.]
Questo parametro consente di eseguire diverse funzioni di posizionamento
attraverso il controllo dei parametri con un messaggio esplicito. Ciò consente di
utilizzare il sistema di comunicazione anziché gli ingressi fisici. I bit hanno le
stesse funzioni delle opzioni degli ingressi digitali con lo stesso nome. Le opzioni
relative al posizionamento sono:
Bit 0 “Limite home” indica che il convertitore di frequenza è in posizione
di home.
Bit 1 “Trova home” provoca il ritorno del convertitore di frequenza in
posizione di home al successivo comando di avviamento. Dopo aver
completato la routine di ricerca della posizione home, disattivare questo
bit.
Bit 2 “Fase manten” ignora gli altri ingressi e blocca il convertitore di
frequenza nella sua fase attuale (in marcia a velocità nulla dopo aver
raggiunto la sua posizione) fino allo sblocco.
Bit 3 “Ridef Posiz” resetta la posizione di home all’attuale posizione della
macchina. Dopo aver completato la routine di ricerca della posizione
home, disattivare questo bit.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
213
Appendice E
Utilizzo di encoder/treno di impulsi ed applicazione StepLogic di controllo della posizione
Bit 4 “Sinc Attivo” mantiene la frequenza esistente quando A571 [Tempo
Sincr.] è impostato per abilitare la sincronizzazione della velocità. Quando
questo bit è disattivato, il convertitore di frequenza accelera alla nuova
frequenza comandata in base a A571 [Tempo Sincr.].
Bit 5 “Trav Disabil” disabilita la funzione traverso quando è attivo.
Bit 6 “Logic In 1” fornisce una funzione identica ed è logicamente
relazionato in OR con l’impostazione 24 “Logic In 1” per t062, t063,
t065…t068 [DigIn TermBlk xx]. Può essere utilizzato per gestire le
funzioni Step Logic (velocità o posizione) attraverso il sistema di
comunicazione senza richiedere effettive transizioni degli ingressi digitali.
Bit 7 “Logic In 2” fornisce una funzione identica ed è logicamente
relazionato in OR con l’impostazione 25 “Logic In 2” per t062, t063,
t065…t068 [DigIn TermBlk xx]. Può essere utilizzato per gestire le
funzioni Step Logic (velocità o posizione) attraverso il sistema di
comunicazione senza richiedere effettive transizioni degli ingressi digitali.
L200…L214 [Unità fase x]
Tutte le fasi di posizione possono essere scritte mentre il convertitore di frequenza
è in marcia. Le modifiche diventeranno effettive al movimento successivo. Ad
esempio, se la fase 0 viene sovrascritta mentre il convertitore di frequenza sta
passando alla fase 0, il convertitore di frequenza passerà alla posizione di
comando precedente alla fase 0. La volta successiva in cui viene richiesto al
convertitore di frequenza di tonare alla fase 0 procederà alla nuova posizione.
Questa capacità può risultare utile, ad esempio, quando un’applicazione richiede
il pieno controllo del movimento da parte di un controllore esterno al
convertitore di frequenza. Il programma Step Logic potrebbe prevedere il salto
dalla Fase 0 indietro alla Fase 0, quando l’ingresso 1 è attivo. Il controllore
potrebbe scrivere qualunque posizione desiderata della Fase 0 e poi commutare il
bit dell’ingresso 1 di A560 [Parola contr av.] per provocare il movimento del
convertitore di frequenza nella nuova posizione. Ciò consente una flessibilità
quasi illimitata ed è utilizzabile con movimenti assoluti o incrementali.
Note di configurazione
214
Lo strumento software RA (Connected Components Workbench) semplifica la
configurazione delle funzioni di posizionamento. Fare riferimento alle ultime
versioni per ulteriori strumenti o procedure guidate di supporto alla
configurazione.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Appendice
F
Configurazione del PID
Anello PID
Il convertitore di frequenza PowerFlex 520 è dotato di anelli di controllo PID
(proporzionale, integrale, derivativo) integrati. L’anello PID serve a mantenere
un feedback di processo (ad es. pressione, portata o tensione) al setpoint
desiderato. L’anello PID funziona sottraendo il feedback PID da un riferimento e
generando un valore di errore. L’anello PID risponde all’errore in base ai guadagni
PID, e genera una frequenza per cercare di azzerare il valore dell’errore.
Per abilitare l’anello PID, P047, P049 o P051 [Rif velocitàx] devono essere
impostati su 11 “Uscita PID 1” o 12 “Uscita PID 2” e deve essere attivato il
riferimento di velocità corrispondente.
PowerFlex 523 ha un solo anello di controllo PID.
PowerFlex 525 ha due anelli di controllo PID utilizzabili solo uno per volta.
IMPORTANTE
Controllo esclusivo e controllo di compensazione sono due configurazioni di
base in cui può essere utilizzato l’anello PID.
Controllo esclusivo
In modalità di controllo esclusivo, il riferimento di velocità diventa 0 e l’uscita
PID diventa l’intero comando di frequenza. Il controllo esclusivo è utilizzato
quando A458 o A470 [Selez Trim PID x] è impostato sull’opzione 0. Questa
configurazione non richiede un riferimento master, solo un setpoint desiderato,
come una portata per una pompa.
Anello PID
Rif PID
+ Errore
Fdbk PID
–
Guad prop PID
Uscita
PID
+
PID
Tempo IntegPID
+
Rampa
Accel/Decel
Freq
Comando
+
Tasso diff PID
PID selezionato
Esempio
• In un’applicazione di pompaggio, il riferimento PID equivale al setpoint
della pressione desiderata del sistema.
• Il segnale del trasduttore di pressione fornisce il feedback PID al
convertitore di frequenza. Le fluttuazioni nella pressione effettiva del
sistema, dovute alle variazioni di portata, generano un valore di errore PID.
• La frequenza di uscita del convertitore di frequenza aumenta o diminuisce
per variare la velocità dell’albero del motore e correggere il valore di errore
PID.
• Il setpoint della pressione desiderata del sistema viene mantenuto, anche se
le valvole del sistema si aprono e si chiudono provocando variazioni di
portata.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
215
Appendice F
Configurazione del PID
• Quando l’anello di controllo PID è disabilitato, la velocità comandata è il
riferimento di velocità di rampa.
Esc
Sel
Feedback PID =
segnale trasduttore pressione
Pompa
Riferimento PID =
pressione desiderata sistema
Controllo di compensazione
In modalità di controllo di compensazione, l’uscita PID viene aggiunta al
riferimento di velocità. In questa modalità, l’uscita dell’anello PID bypassa la
rampa di accelerazione/decelerazione come illustrato. Il controllo di
compensazione è utilizzato quando A458 o A470 [Selez Trim PID x] è impostato
su una qualunque opzione diversa da 0.
[Rif velocità x]
Anello PID
Rif PID
+
Fdbk PID
–
Rampa
Accel/Decel
Guad prop PID
Errore
PID
+
Tempo IntegPID
+
Uscita
PID
+
+
Freq
uscita
+
Tasso diff PID
PID selezionato
Esempio
• In un sistema avvolgitore/svolgitore, il riferimento PID equivale al
setpoint di equilibrio.
• Il segnale del potenziometro del ballerino fornisce il feedback PID al
convertitore di frequenza. Le fluttuazioni di tensione generano un valore
di errore PID.
• Il riferimento di velocità master imposta la velocità di avvolgimento/
svolgimento.
• Quando la tensione aumenta o diminuisce durante l’avvolgimento, il
riferimento di velocità viene regolato in modo da compensare. La tensione
viene mantenuta vicino al setpoint di equilibrio.
0 V
Riferimento PID =
Setpoint di equilibrio
Feedback PID =
Segnale potenziometro
ballerino
Esc
10 V
[Rif velocità x]
216
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Sel
Configurazione del PID
Riferimento e feedback PID
Appendice F
La modalità PID si abilita impostando P047, P049 o P051 [Rif velocità x] su
11 “Uscita PID 1” o 12 “Uscita PID 2” ed attivando il corrispondente riferimento
di velocità.
IMPORTANTE
PowerFlex 523 ha un solo anello di controllo PID.
PowerFlex 525 ha due anelli di controllo PID utilizzabili solo uno per volta.
Se A459 o A471 [Sel rif. PID x] non è impostato su 0 “Setpoint PID”, il PID può
comunque essere disabilitato selezionando le opzioni programmabili degli
ingressi digitali (parametri t062, t063, t065…t068 [DigIn TermBlk xx]) quale
“Purge”.
Opzioni A459, A471 [Sel rif. PID x]
Opzioni
0 “Setpoint PID“
1 “PotenzDrive”
Descrizione
Per impostare il valore del riferimento PID, sarà utilizzato A464 o A476 [PID prestab. x].
Per impostare il valore del riferimento PID, sarà utilizzato il potenziometro del convertitore di
frequenza.
2 “Freq tast”
Per impostare il valore del riferimento PID, sarà utilizzato il tastierino del convertitore di frequenza.
2 ”Seriale/DSI”
La parola di riferimento dalla rete di comunicazione seriale/DPI diventa il riferimento PID.
4 “Opz Rete”
La parola di riferimento da un’opzione della rete di comunicazione diventa il riferimento PID.
5 “Ing 0-10V”
Seleziona l’ingresso 0 – 10 V. Tener presente che il PID non funziona con un ingresso analogico
bipolare. Ignorerà qualunque tensione negativa e la tratterà come uno zero.
6 “Ing 4-20 mA” Seleziona l’ingresso 4 – 20 mA.
7 “Prereg Freq”
Come ingresso per il riferimento PID, sarà utilizzato A410…A425 [Freq. predef. x].
8 “AnInMult”(1) Come ingresso per il riferimento PID, sarà utilizzato il prodotto degli ingressi 0 – 10 V e 4 – 20 mA.
9 “Freq MOP”
Come ingresso per il riferimento PID, sarà utilizzato A427 [Freq MOP].
10 ”Ing impulso” Come ingresso per il riferimento PID, sarà utilizzato il treno di impulsi.
11 “Fase logica”(1) Come ingresso per il riferimento PID, sarà utilizzato Step Logic.
12 “Encoder”(1)
Come ingresso per il riferimento PID, sarà utilizzato l’encoder.
13 “Ethernet/IP”(1) La parola di riferimento dalla rete di comunicazione Ethernet/IP diventa il riferimento PID.
(1) Impostazione specifica dei convertitori di frequenza PowerFlex 525.
A460 e A472 [Sel back PID x] sono utilizzati per selezionare la sorgente del
feedback PID.
Opzioni A460, A472 [Sel back PID x]
Opzioni
0 “Ing 0-10V”
1
2
3
4
5
6
Descrizione
Seleziona l’ingresso 0 – 10 V (impostazione di default). Tener presente che il PID non funziona con
un ingresso analogico bipolare. Ignorerà qualunque tensione negativa e la tratterà come uno zero.
“Ing 4-20 mA“ Seleziona l’ingresso 4 – 20 mA.
“Serie/DSI”
Come ingresso per il feedback PID, sarà utilizzata la porta seriale/DSI.
“Opz Rete”
La parola di riferimento da un’opzione della rete di comunicazione diventa il riferimento PID.
“Ing impulso” Come ingresso per il feedback PID, sarà utilizzato il treno di impulsi.
Come ingresso per il feedback PID, sarà utilizzato l’encoder.
“Encoder”(1)
“Ethernet/IP”(1) Come ingresso per il feedback PID, sarà utilizzata Ethernet/IP.
(1) Impostazione specifica dei convertitori di frequenza PowerFlex 525.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
217
Appendice F
Configurazione del PID
Segnali di riferimento PID
analogici
I parametri t091 [Ing an 0-10 V ba] e t092 [Ing an 0-10 V al] servono a convertire
in scala o invertire un riferimento PID o un feedback PID analogico.
Funzione di conversione in scala
Per un segnale 0…5 V, si utilizzano le seguenti impostazioni dei parametri in
modo che il segnale 0 V = 0% del riferimento PID ed il segnale 5 V = 100% del
riferimento PID.
• t091 [Ing an 0-10 V ba] = 0,0%
• t092 [Ing an 0-10 V al] = 50,0%
• A459 [Sel rif. PID 1] = 5 “Ing 0-10V”
Tensione di ingresso
12
10
8
6
4
2
0 10 20 30 40 50 60 70 80 90 100
Riferimento PID (%)
Funzione di inversione
Per un segnale 4 – 20 mA, si utilizzano le seguenti impostazioni dei parametri in
modo che il segnale 20 mA = 0% del riferimento PID ed il segnale 4 mA = 100%
del riferimento PID.
• t092 [Ing an 4-20 mA b] = 100,0%
• t096 [Ing an 4-20 mA a] = 0,0%
• A459 [Sel rif. PID 1] = 6 “Ing. 4-20 mA”
Ingresso 4 – 20 mA
24
20
16
12
8
4
0 10 20 30 40 50 60 70 80 90 100
Riferimento PID (%)
Banda morta PID
I parametri A465 e A477 [PID BandaMorta x] sono utilizzati per impostare un
campo del riferimento PID, in percentuale, che il convertitore di frequenza
ignorerà.
Esempio
• A465 [PID BandaMorta 1] = 5,0%
• Il riferimento PID è 25,0%
• Il regolatore PID non agirà su un errore PID compreso tra 20,0 e 30,0%
218
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Configurazione del PID
Appendice F
Precarico PID
Il valore impostato in A466 o A478 [PID precarico x], in Hz, verrà precaricato
nella componente integrale del PID all’avviamento o all’abilitazione. Questo farà
sì che il comando di frequenza del convertitore di frequenza salti inizialmente a
quella frequenza di precarico e che l’anello PID inizi a regolare da quel punto.
PID abilitato
Uscita PID
Valore precarico PID
Freq Cmd
Valore precarico PID > 0
Limiti PID
A456 e A468 [Trim PID alto x] e A457 e A469 [Trim PID basso x] servono a
limitare l’uscita PID e sono utilizzati solo in modalità di compensazione. [Trim
PID alto x] imposta la frequenza massima per l’uscita PID in modalità di
compensazione. [Trim PID basso x] imposta il limite di frequenza d’inversione
per l’uscita PID in modalità di compensazione. Va sottolineato che quando il PID
raggiunge il limite alto o basso, il regolatore PID arresta l’integrazione in modo
che non si raggiunga la saturazione.
Guadagni PID
I guadagni proporzionali, integrali e derivativi rappresentano il regolatore PID.
• A461 e A473 [Guad prop PID x]
Il guadagno proporzionale (senza unità) influisce su come il regolatore
reagisce alla grandezza dell’errore. La componente proporzionale del
regolatore PID genera un comando di velocità proporzionale all’errore
PID. Ad esempio, un guadagno proporzionale di 1 genererebbe il 100%
della frequenza max quando l’errore PID è il 100% del campo dell’ingresso
analogico. Un valore più grande per [Guad prop PID x] rende la
componente proporzionale più reattiva mentre un valore più piccolo la
rende meno reattiva. L’impostazione di [Guad prop PID x] a 0,00
disabilita la componente proporzionale dell’anello PID.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
219
Appendice F
Configurazione del PID
• A462 e A474 [Tempo IntegPID x]
Il guadagno integrale (unità di secondi) influisce su come il regolatore
reagisce all’errore nel tempo ed è utilizzato per eliminare l’errore a regime.
Ad esempio, con un guadagno integrale di 2 secondi, l’uscita della
componente di guadagno integrale integrerebbe fino al 100% della
frequenza max. quando l’errore PID è il 100% per 2 secondi. Un valore più
grande per [Tempo IntegPID x] rende la componente integrale meno
reattiva mentre un valore più piccolo la rende più reattiva. Impostando
[Tempo IntegPID x] a 0,0, si disabilita la componente integrale dell’anello
PID.
• A463 e A475 [Tasso diff PID x]
Il guadagno derivativo (unità di 1/secondi) influisce sul tasso di variazione
dell’uscita PID. Il guadagno derivativo viene moltiplicato per la differenza
tra l’errore precedente e quello attuale. Quindi, con un errore grande, il
guadagno D ha un grande effetto mentre, con un piccolo errore, ha un
effetto minore. Questo parametro viene convertito in scala in modo che,
quando è impostato su 1,00, la risposta del processo è lo 0,1% di P044
[Frequenza max] quando l’errore di processo cambia all’1%/secondo. Un
valore più grande di [Tasso diff PID x] fa sì che il termine derivativo abbia
più effetto mentre un valore piccolo fa sì che abbia meno effetto. In diverse
applicazioni, il guadagno D non è necessario. L’impostazione di [Tasso diff
PID x] su 0,00 (valore predefinito in fabbrica) disabilita la componente
derivativo dell’anello PID.
Regole generali per la regolazione dei guadagni PID
1. Regolare il guadagno proporzionale. Durante questa fase, può essere
desiderabile disabilitare il guadagno integrale ed il guadagno derivativa
impostandoli a 0. Dopo un gradino nel feedback PID:
– se la risposta è troppo lenta, aumentare A461 o A473 [Guad prop PID
x]
– se la risposta è troppo rapida e/o instabile (vedere Risposta instabile a
pagina 221), ridurre A461 o A473 [Guad prop PID x].
– Generalmente, A461 o A473 [Guad prop PID x] è impostato ad un
valore inferiore al punto in cui il PID inizia ad essere instabile.
2. Regolare il guadagno integrale (lasciare il guadagno proporzionale
impostato come nella Fase 1). Dopo un gradino nel feedback del PID:
– se la risposta è troppo lenta (vedere Risposta lenta – Sistema
sovrasmorzato a pagina 221) o il feedback PID non raggiunge il
riferimento PID, diminuire A462 o A474 [Tempo IntegPID x].
– Se c’è molta oscillazione nel feedback PID prima della stabilizzazione
(vedere Oscillazione – Sistema sottosmorzato a pagina 221), aumentare
A462 o A474 [Tempo IntegPID x].
3. A questo punto, il guadagno derivativo può non essere necessario. Tuttavia,
se dopo aver determinato i valori di A461 o A473 [Guad prop PID x] e
A462 o A474 [Tempo IntegPID x]:
– La risposta al gradino è ancora lenta, aumentare A463 o A475 [Tasso
diff PID x].
220
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Configurazione del PID
Appendice F
– La risposta è ancora instabile, diminuire A463 o A475 [Tasso diff PID
x].
Le figure che seguono mostrano alcune tipiche risposte dell’anello PID in
differenti punti durante la regolazione dei guadagni PID.
Risposta instabile
Riferimento PID
Feedback PID
Tempo
Risposta lenta – Sistema sovrasmorzato
Riferimento PID
Feedback PID
Tempo
Oscillazione – Sistema sottosmorzato
Riferimento PID
Feedback PID
Tempo
Buona risposta – Sistema criticamente smorzato
Riferimento PID
Feedback PID
Tempo
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
221
Appendice F
Configurazione del PID
Note:
222
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Appendice
G
Funzione STO (Safe torque off)
La funzione STO del convertitore di frequenza PowerFlex 525, quando utilizzata
con altri componenti di sicurezza, contribuisce a fornire protezione Safe-off e dal
riavviamento, conformemente a EN ISO 13849 ed EN62061. La funzione STO
del convertitore di frequenza PowerFlex 525 è solo un componente all’interno di
un sistema di controllo di sicurezza. Per ottenere il livello desiderato di protezione
dell’operatore, i componenti del sistema vanno selezionati ed utilizzati
correttamente.
Per informazioni su…
Presentazione di PowerFlex 525 con STO
Certificazione di esame di tipo CE
Istruzioni EMC
Utilizzo di PowerFlex 525 STO
Abilitazione di PowerFlex 525 STO
Cablaggio
Verifica del funzionamento
Funzionamento di PowerFlex 525 STO
Esempi di connessione
Certificazione di PowerFlex 525 per la funzione STO
IMPORTANTE
Presentazione di
PowerFlex 525 con STO
Vedere pagina…
223
224
224
225
227
227
228
228
230
234
La funzione Safe-Torque-Off trattata in questo capitolo è specifica dei
convertitori PowerFlex 525.
La funzione STO di PowerFlex 525:
• Fornisce la funzione Safe-Torque-Off (STO) definita in
EN IEC 61800-5-2.
• Impedisce ai segnali di attivazione gate di raggiungere i dispositivi di uscita
IGBT (Insulated Gate Bipolar Transistor) del convertitore di frequenza.
Ciò impedisce agli IGBT di attivare la sequenza necessaria per generare
coppia nel motore.
• Può essere utilizzata in combinazione con altri dispositivi di sicurezza per
soddisfare i requisiti di una funzione “Safe torque off ” di sistema che
soddisfi la Categoria 3/PL (d) conformemente a EN ISO 13849-1 e
SIL CL2 conformemente a EN/IEC 62061, IEC 61508 ed EN/
IEC 61800-5-2.
IMPORTANTE
La funzione è adatta per eseguire interventi meccanici sul sistema di
azionamento o nell’area interessata da una macchina. Non fornisce sicurezza
elettrica.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
223
Appendice G
Funzione STO (Safe torque off)
ATTENZIONE: Pericolo di folgorazione. Verificare che tutte le sorgenti di
alimentazione CA e CC siano diseccitate e bloccate o segnalate (lock-out/tagout) conformemente ai requisiti di ANSI/NFPA 70E, Parte II.
Per evitare il pericolo di folgorazione, controllare che la tensione sui condensatori
della sbarra sia stata completamente scaricata, prima di realizzare qualunque
intervento sul convertitore di frequenza. Misurare la tensione della sbarra CC ai
morsetti +DC e -DC o ai punti di prova (per le posizioni, consultare il manuale
dell’utente del convertitore di frequenza). La tensione deve essere nulla.
In modalità Safe-off, sul motore possono ancora essere presenti tensioni
pericolose. Per evitare il rischio di folgorazione, scollegare l’alimentazione al
motore e verificare che la tensione sia nulla prima di eseguire qualunque
intervento sul motore.
Certificazione di esame di
tipo CE
TÜV Rheinland ha certificato che la funzione STO di PowerFlex 525 è conforme
ai requisiti per le macchine definiti nell’Allegato I della Direttiva CE 2006/42/
CE, e risponde ai requisiti delle corrispondenti norme elencate di seguito:
• EN ISO 13849-1:2008 Sicurezza delle macchine – Componenti legati alla
sicurezza dei sistemi di controllo – Parte 1: Principi generali per la
progettazione.
(PowerFlex 525 STO è conforme alla Categoria 3/PL(d))
• EN 61800-5-2:2007 Azionamenti elettrici a velocità variabile – Parte 5-2
Requisiti di sicurezza funzionale.
(PowerFlex 525 STO è conforme a SIL CL 2)
• EN 62061:2005 Sicurezza delle macchine – Sicurezza funzionale dei
sistemi di controllo elettrici, elettronici ed elettronici programmabili
correlati alla sicurezza.
• IEC 61508 Parte 1-7:2010 Sicurezza funzionale dei sistemi di sicurezza
elettrici, elettronici ed elettronici programmabili – Parti 1-7.
TUV certifica inoltre che PowerFlex 525 STO può essere usato in applicazioni
fino alla Categoria 3/PL(d) secondo EN ISO 13849-1 e SIL 2 secondo
EN 62061/EN 61800-5-2/IEC 61508.
Il certificato TUV Rheinland è disponibile all’indirizzo:
www.rockwellautomation.com/products/certification/.
Istruzioni EMC
224
PowerFlex 525 con funzione STO richiede la Conformità CE come descritto a
pagina 50.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Funzione STO (Safe torque off)
Utilizzo di PowerFlex 525 STO
Appendice G
PowerFlex 525 con funzione STO è concepito per essere integrato nel sistema di
controllo legato alla sicurezza di una macchina. Prima dell’uso, è consigliabile fare
una valutazione dei rischi che confronti le specifiche della funzione Safe-TorqueOff PowerFlex 525 e tutte le prevedibili caratteristiche operative ed ambientali
della macchina a cui deve essere collegato.
Un’analisi della sicurezza della sezione di macchina controllata dal convertitore di
frequenza è necessaria per determinare quanto spesso dovrebbe essere verificato il
corretto funzionamento della funzione di sicurezza durante la vita di servizio
della macchina.
ATTENZIONE: Le seguenti informazioni rappresentano semplicemente una
guida per la corretta installazione. Rockwell Automation, Inc. non si assume
alcuna responsabilità per la conformità o non conformità a norme, nazionali o
locali o disposizioni di tipo diverso per la corretta installazione di questa
apparecchiatura. L’eventuale inosservanza di tali norme durante l’installazione
può essere causa di lesioni personali e/o danni alle apparecchiature.
ATTENZIONE: In modalità Safe-off, sul motore possono ancora essere presenti
tensioni pericolose. Per evitare il rischio di folgorazione, scollegare
l’alimentazione al motore e verificare che la tensione sia nulla prima di eseguire
qualunque intervento sul motore.
ATTENZIONE: In caso di guasto dei due IGBT di uscita nel convertitore di
frequenza, quando PowerFlex 525 STO ha controllato lo stato di disattivazione
delle uscite del convertitore di frequenza, il convertitore di frequenza può
comunque fornire energia fino a 180 di rotazione, in un motore a 2 poli, prima
che la coppia non venga più generata.
Concetto di sicurezza
PowerFlex 525 STO è adatto all’uso in applicazioni di sicurezza fino alla
Categoria 3/PL(d) conformemente a EN ISO 13849-1 e SIL 2 conformemente a
EN 62061/EN 61800-5-2/IEC 61508.
PowerFlex 525 STO, inoltre, può essere utilizzato insieme ad altri componenti di
un’applicazione di sicurezza per ottenere una Categoria 3/PL(e) globale secondo
EN ISO 13849-1 e SIL 3 secondo EN 62061 ed IEC 61508. Questo è illustrato
nell’esempio 3 di questa Appendice.
I requisiti di sicurezza sono basati sulle norme vigenti al momento della
certificazione.
PowerFlex 525 STO è destinato all’uso in applicazioni legate alla sicurezza in cui
lo stato sicuro è lo stato di diseccitazione. Tutti gli esempi inclusi nel presente
manuale si basano sul raggiungimento dello stato di diseccitazione come stato di
sicurezza per i tipici sistemi di sicurezza macchine e spegnimento di emergenza
(ESD).
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
225
Appendice G
Funzione STO (Safe torque off)
Importanti considerazioni sulla sicurezza
L’utente del sistema è responsabile di quanto segue:
• configurazione, classificazione di sicurezza e validazione di ogni sensore o
attuatore collegato al sistema.
• realizzazione di una valutazione dei rischi a livello di sistema e
rivalutazione del sistema ogni volta che viene fatta una modifica.
• certificazione del sistema al livello prestazionale di sicurezza desiderato.
• gestione del progetto e test diagnostici.
• programmazione del software dell’applicazione e configurazione
dell’opzione di sicurezza nel rispetto delle istruzioni riportate in questo
manuale.
• controllo degli accessi al sistema, inclusa la gestione delle password.
• analisi di tutte le impostazioni di configurazione e scelta della corretta
impostazione per ottenere il livello di sicurezza richiesto.
IMPORTANTE
Durante l’implementazione della sicurezza funzionale, limitare l’accesso a
personale qualificato ed autorizzato, adeguatamente istruito ed esperto.
ATTENZIONE: Quando si progetta il sistema, considerare le modalità di uscita
del personale dall’area della macchina se le porte si bloccano mentre gli
operatori sono all’interno. A seconda della specifica applicazione, possono
essere necessari ulteriori dispositivi di protezione.
Test diagnostico funzionale
I valori PFD e PFH forniti nella tabella che segue sono subordinati al PTI (Proof
Test Interval, intervallo del test diagnostico). Prima della fine del PTI specificato
nella tabella che segue, è necessario eseguire un test diagnostico della funzione di
sicurezza STO perché i valori specificati di PFD e PFH rimangano validi.
Dati PFD e PFH
I calcoli PFD e PFH sono basati sulle equazioni della Parte 6 di EN 61508.
Questa tabella fornisce i dati per un intervallo di test diagnostico di 20 anni e
mostra l’effetto peggiore di una serie di modifiche di configurazione sui dati.
PFD e PFH per intervallo di test diagnostico di 20 anni
Attributo
PFD
PFHD
SFF
DC
CAT
226
Valore
6,62E-05 (MTTF = 3593 anni)
8,13E-10
83%
62,5%
3
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Funzione STO (Safe torque off)
Attributo
HFT
PTI
Tipo di
hardware
Appendice G
Valore
1 (1oo2)
20 ANNI
Tipo A
Tempo di reazione di sicurezza
Il tempo di reazione di sicurezza è la quantità di tempo che intercorre tra
l’ingresso di un evento legato alla sicurezza ed il momento in cui il sistema è in
stato di sicurezza.
Il tempo di reazione di sicurezza, tra una condizione del segnale d’ingresso che fa
scattare un arresto sicuro e l’avvio del tipo di arresto configurato, è 100 ms
(massimo).
Abilitazione di
PowerFlex 525 STO
1. Interrompere completamente l’alimentazione al convertitore di frequenza.
ATTENZIONE: Per evitare il pericolo di folgorazione, controllare che la
tensione sui condensatori della sbarra sia stata completamente
scaricata, prima di realizzare qualunque intervento sul convertitore di
frequenza. Misurare la tensione della sbarra CC ai morsetti +DC e -DC o
ai punti di prova (per la posizione dei morsetti, consultare il manuale
dell’utente del convertitore di frequenza). La tensione deve essere
nulla.
2. Allentare la vite dei morsetti Safety 1, Safety 2 e Safety +24 V
(S1, S2, S+) sulla morsettiera I/O di controllo.
3. Rimuovere il ponticello di protezione.
R1
R2
S1
R5
S2
R6
S+ 11
01
12
02
13
03
14
04
15
05
16
06
17
07
18
08
19
4. A questo punto, la funzione STO è abilitata ed i morsetti sono pronti a
funzionare come ingressi di sicurezza.
Cablaggio
Punti importanti da ricordare sul cablaggio:
• Utilizzare sempre filo di rame.
• Si consiglia l’utilizzo di cavi con un valore nominale di isolamento di 600 V
o superiore.
• I fili di controllo dovrebbero essere separati dai fili di potenza di almeno
0,3 m.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
227
Appendice G
Funzione STO (Safe torque off)
Filo raccomandato
Tipo
Schermato
Tipo di filo(1)
Descrizione
Isolamento
nominale min.
Cavo schermato multiconduttore come Belden 8770 (o equiv.) 0,750 mm2 (18 AWG), 300 V, 60 C
3 conduttori,
(140 F)
schermato.
(1) Le raccomandazioni sono valide per 50 C di temperatura ambiente.
Utilizzare il cavo da 75 C per 60 C di temperatura ambiente.
Utilizzare il cavo da 90 C per 70 C di temperatura ambiente.
Vedere Cablaggio I/O a pagina 36 per le raccomandazioni di cablaggio e
Designazione dei morsetti I/O di controllo a pagina 39 per la descrizione dei
morsetti.
Se gli ingressi di sicurezza S1 e S2 sono alimentati da una sorgente +24 V esterna,
applicarla solo in un sistema SELV, PELV o in un circuito a bassa tensione di
Classe 2.
Funzionamento di
PowerFlex 525 STO
PowerFlex 525 STO disabilita gli IGBT di uscita il convertitore di frequenza
interrompendo il collegamento con il microcontrollore del convertitore. Quando
utilizzato in combinazione con un dispositivo d’ingresso di sicurezza, il sistema
soddisfa i requisiti di EN ISO 13849 e EN62061 per Safe Torque Off e
contribuisce a proteggere dal riavviamento.
Durante il normale funzionamento del convertitore, entrambi gli ingressi di
sicurezza (Safety 1 e Safety 2) sono eccitati e il convertitore di frequenza è in
grado di funzionare. Se uno degli ingressi è diseccitato, il circuito di controllo del
gate viene disabilitato. Per soddisfare i requisiti di funzionamento EN
ISO 13849, entrambi i canali di sicurezza devono essere diseccitati. Per ulteriori
informazioni, fare riferimento agli esempi che seguono.
IMPORTANTE
Verifica del funzionamento
Da sola, la funzione STO avvia un’azione di arresto per inerzia. Quando
l’applicazione richiede una modifica dell’azione di arresto, sarà necessario
applicare ulteriori misure di protezione.
Verificare il corretto funzionamento della funzione di sicurezza dopo la
configurazione iniziale della funzione STO di PowerFlex 525. Verificare
nuovamente la funzione di sicurezza agli intervalli stabiliti dall’analisi di sicurezza
descritta a pagina 225.
Verificare che entrambi i canali di sicurezza funzionino come riportato nella
tabella che segue.
228
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Funzione STO (Safe torque off)
Appendice G
Funzionamento e verifica dei canali
Stato funzione
di sicurezza
Stato del
convertitore di
frequenza
Ingresso di
sicurezza S1
Ingresso di
sicurezza S2
IMPORTANTE
Convertitore di
frequenza in
stato sicuro
Configurato da t105
[Sicur disab]
Convertitore di
frequenza in
stato sicuro
Guasto F111
(HardwareSicur)
Convertitore di
frequenza in
stato sicuro
Guasto F111
(HardwareSicur)
Funzionamento canale di sicurezza
Alimentazione non
Alimentazione
Alimentazione non
applicata
applicata
applicata
Alimentazione non
Alimentazione non
Alimentazione
applicata
applicata
applicata
Convertitore pronto
alla marcia
Pronto/Marcia
Alimentazione
applicata
Alimentazione
applicata
Se per un certo periodo di tempo è presente un guasto esterno sul cablaggio o
sulla circuiteria che controlla gli ingressi Safety 1 o Safety 2, la funzione STO
può non rilevare questa condizione. Quando la condizione di guasto esterno
viene rimossa, la funzione STO autorizza la condizione di abilitazione. Un
guasto nel cablaggio esterno deve essere rilevato dalla logica esterna o escluso
(il cablaggio deve essere protetto da un condotto o un’armatura),
conformemente a EN ISO 13849-2.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
229
Appendice G
Funzione STO (Safe torque off)
Esempi di connessione
Esempio 1 – Connessione di STO con azione di arresto per inerzia,
SIL 2/PL d
Arresto di Categoria 0 – Inerzia
Alim. di ingresso
linea CA
PF 525
+24 V CC
+24 V CC
GuardMaster
Trojan
Gate
Arresto
Arresto
Avviamento
Avviamento
A1 S21 S11 S52 41 13 23 33
Alimentazione
controllo gate
MSR
Pulsante
a ritenuta
arresto di
emergenza
A2 S22 S14 S34 42 14 24 34
24 V CC
comune
Circuito di
controllo gate
S1
S2
(1)
M
Alim. di ingresso
linea CA
PF 525
+24 V CC
GuardMaster
Trojan
Gate
Arresto
Arresto
Avviamento
Pulsante
a ritenuta
arresto di
emergenza
Avviamento
Alimentazione
controllo gate
Circuito di
controllo gate
S1
S2
(2)
M
(1) Custodia raccomandata. Nota: le modalità di guasto del cablaggio esterno devono essere considerate come spiegato in EN
ISO 13849-2. Per escludere queste modalità di guasto, è consigliabile usare una custodia o adottare qualche altra misura.
(2) In alcune situazioni, il relè di sicurezza non è necessario se l’interruttore e il convertitore di frequenza PowerFlex 525 sono installati
nello stesso quadro.
230
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Funzione STO (Safe torque off)
Appendice G
Categoria di arresto 0 – Arresto per inerzia con due convertitori di frequenza PowerFlex 525
Alim. 24 V CC
(1)
Alim. di ingresso
linea CA
Reset
PF 525
Pulsante di
emergenza
Alim. di ingresso
linea CA
+24 V CC
A1
S11
L12
SI
S21
Avviamento
PF 525
Avviamento
+24 V CC
Com. dig.
Y32
S12
S22
L11
Arresto
Arresto
Reset 0
Arresto
Arresto
Alimentazione
controllo gate
S34
Avviamento
Avviamento
Com. dig.
AM
MM
13
14
23
Alimentazione
controllo gate
Circuito di
controllo gate
(2)
S1
Circuito di
controllo gate
S2
(2)
24
A2
S1
S2
M
M
24 V CC COM
(1) Custodia raccomandata. Nota: le modalità di guasto del cablaggio esterno devono essere considerate come spiegato in EN
ISO 13849-2. Per escludere queste modalità di guasto, è consigliabile usare una custodia o adottare qualche altra misura.
(2) Ogni ingresso di sicurezza assorbe 6 mA dall’alimentatore.
Stato del circuito
Circuito illustrato con porta di protezione chiusa e sistema pronto per il normale
funzionamento del convertitore.
Principio di funzionamento
Questo è un sistema a doppio canale con monitoraggio del circuito STO e del
convertitore. L’apertura della porta di protezione provoca la commutazione dei
circuiti d’ingresso (S13-S14 e S21-S22) sul relè di sicurezza di monitoraggio
Minotaur. I circuiti di uscita (13-14 e 23-24) provocano lo sgancio del circuito di
abilitazione STO ed il motore procede all’arresto per inerzia. Per riavviare il
convertitore, è necessario prima resettare il relè di sicurezza Minotaur e quindi
emettere un comando di avviamento valido al convertitore.
Rilevamento dei guasti
Un singolo guasto rilevato sui circuiti d’ingresso di sicurezza Minotaur
comporterà il blocco del sistema al successivo azionamento, senza provocare la
perdita della funzione di sicurezza.
Un singolo guasto rilevato sugli ingressi ridondanti di abilitazione della sicurezza
il convertitore di frequenza PowerFlex 525 comporterà il blocco il convertitore di
frequenza senza provocare la perdita della funzione di sicurezza.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
231
Appendice G
Funzione STO (Safe torque off)
Esempio 2 – Connessione di STO con azione di arresto controllato,
SIL 2/PL d
Arresto di Categoria 1 – Controllato
(1)
Alim. di ingresso
linea CA
PF 525
GuardMaster
Trojan
+24 V CC
Gate
Arresto
+24 V CC
A1
Avviamento
S21 S11 S52 S12 S22
37 47 57
13 23
Avviamento
S33 S34
Alimentazione
controllo gate
Minotaur
MSR138DP
A2 X1 X2 X3 X4 Y39 Y40 38 48 58
Arresto
14 24
Y2 Y1
24 V CC
comune
Circuito di
controllo gate
S1
S2
M
(1) Custodia raccomandata. le modalità di guasto del cablaggio esterno devono essere considerate come spiegato in EN ISO 13849-2.
Per escludere queste modalità di guasto, è consigliabile usare una custodia o adottare qualche altra misura.
Stato del circuito
Circuito illustrato con porta di protezione chiusa e sistema pronto per il normale
funzionamento del convertitore.
Principio di funzionamento
Questo è un sistema a doppio canale con monitoraggio del circuito STO e del
convertitore. L’apertura della porta di protezione provoca la commutazione dei
circuiti d’ingresso (S11-S12 e S21-S22) sul relè di sicurezza di monitoraggio
Minotaur. I circuiti di uscita (13-14) inviano un comando di stop al convertitore
di frequenza e provocano una decelerazione controllata. Dopo il ritardo
programmato, i circuiti di uscita temporizzati (47-48 e 57-58) provocano lo
sgancio del circuito di abilitazione STO. Se il motore ruota quando si verifica lo
sgancio, l’arresto avverrà per inerzia. Per riavviare il convertitore, è necessario
prima resettare il relè di sicurezza Minotaur e quindi emettere un comando di
avviamento valido al convertitore.
Rilevamento dei guasti
Un singolo guasto rilevato sui circuiti d’ingresso di sicurezza Minotaur
comporterà il blocco del sistema al successivo azionamento, senza provocare la
perdita della funzione di sicurezza.
Un singolo guasto rilevato sugli ingressi ridondanti di abilitazione della sicurezza
il convertitore di frequenza PowerFlex 525 comporterà il blocco il convertitore di
frequenza senza provocare la perdita della funzione di sicurezza.
232
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Funzione STO (Safe torque off)
Appendice G
Esempio 3 – Connessione di STO con azione di arresto per inerzia con
alimentazione esterna +24 V, SIL 3/PL e
Arresto di Categoria 0 – Inerzia
(1)
Alim. di ingresso
linea CA
PF 525
+24 V CC esterna
+24 V CC
Arresto
Reset
Aperto
A1 S11 S52 S12 13 23 33 41
Avviamento
COM
Alimentazione
controllo gate
MSR127TP
S21 S22 S34 A2 14 24 34 42
Chiuso
Circuito di
controllo gate
S1
S2
X1 AUX
X2
A1 bobina
A2
24 V CC COM
13 23 33
14 24 34
Contattore 100-C
esterno 100S-C
M
(1) Custodia raccomandata. le modalità di guasto del cablaggio esterno devono essere considerate come spiegato in EN ISO 13849-2.
Per escludere queste modalità di guasto, è consigliabile usare una custodia o adottare qualche altra misura.
Stato del circuito
Circuito illustrato con porta di protezione chiusa e sistema pronto per il normale
funzionamento del convertitore.
Principio di funzionamento
Questo è un sistema a doppio canale con monitoraggio del circuito STO e del
convertitore. L’apertura della porta di protezione provoca la commutazione dei
circuiti d’ingresso (S11-S12 e S21-S22) sul relè di sicurezza di monitoraggio
Minotaur. I circuiti di uscita (13-14 e 23-24 e 33-34) provocano lo sgancio del
contatto di uscita e del circuito di abilitazione STO ed il motore procede
all’arresto per inerzia. Per riavviare il convertitore, è necessario prima resettare il
relè di sicurezza Minotaur e quindi emettere un comando di avviamento valido al
convertitore.
Rilevamento dei guasti
Un singolo guasto rilevato sui circuiti d’ingresso di sicurezza Minotaur
comporterà il blocco del sistema al successivo azionamento, senza provocare la
perdita della funzione di sicurezza.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
233
Appendice G
Funzione STO (Safe torque off)
Certificazione di
PowerFlex 525 per la
funzione STO
234
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Appendice
H
EtherNet/IP
Questa sezione contiene solo informazioni di base per la configurazione di una
connessione EtherNet/IP con il convertitore di frequenza PowerFlex 520. Per
informazioni complete su
EtherNet/IP (porta doppia o singola) e su come utilizzarlo, consultare le seguenti
pubblicazioni:
• Manuale per l’utente “PowerFlex 525 Embedded EtherNet/IP Adapter”,
pubblicazione 520COM-UM001.
• Manuale per l’utente “PowerFlex 25-COMM-E2P Dual-Port EtherNet/IP
IP Adapter”, pubblicazione 520COM-UM003.
ATTENZIONE: I convertitori di frequenza PowerFlex 523 supportano solo la
scheda EtherNet/IP a doppia porta 25-COMM-E2P. I convertitori di frequenza
PowerFlex 525 supportano sia la scheda EtherNet/IP integrata che la scheda
EtherNet/IP a doppia porta 25-COMM-E2P.
Stabilire una connessione
con EtherNet/IP
Ci sono tre metodi per configurare l’indirizzo IP Ethernet:
• Server BootP – Se si preferisce controllare gli indirizzi IP dei dispositivi
mediante un server, utilizzare BootP. L’indirizzo IP, la maschera di
sottorete e gli indirizzi gateway verranno quindi forniti dal server BOOTP.
• Parametri scheda – Utilizzare i parametri della scheda se si desidera una
maggiore flessibilità nell’impostazione dell’indirizzo IP o se occorre
comunicare esternamente alla rete di controllo utilizzando un gateway.
L’indirizzo IP, la maschera di sottorete e gli indirizzi gateway saranno
quindi il risultato dei parametri che sono stati impostati per la scheda.
• DHCP (Dynamic Host Configuration Protocol) (solo con la scheda
PowerFlex 25-COMM-E2P) – Utilizzare il protocollo DHCP quando si
desidera ulteriore flessibilità e facilità d’uso rispetto a BOOTP nel
configurare l’indirizzo IP, la maschera di sottorete e l’indirizzo del gateway
della scheda usando un server DHCP.
IMPORTANTE
Se si impostano gli indirizzi di rete manualmente usando i parametri, è
necessario impostare il valore del parametro del convertitore o della scheda
25-COMM-E2P corrispondente su 1 “Parametri”. Per ulteriori informazioni,
consultare il manuale per l’utente della scheda EtherNet/IP corrispondente.
IMPORTANTE
Indipendentemente dal metodo usato per l’impostazione dell’indirizzo IP della
scheda, ciascun nodo sulla rete EtherNet/IP deve avere un indirizzo IP esclusivo.
Per modificare un indirizzo IP, occorre impostare il nuovo valore e quindi
disinserire e reinserire (o resettare) l’alimentazione alla scheda.
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
235
Appendice H
EtherNet/IP
Note:
236
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Indice analitico
Numerics
2 fili
ingressi, 49
3 fili
ingressi, 49
A
accelerazione
priorità di override, 50
selezione, 50
accesso
morsetti di controllo, 31
morsetti di potenza, 31
alimentazione
ingressi, 18
ambiente
stoccaggio, 16
applicazioni
sicurezza, 225
arresto
motore, 34
avviamento
motore, 34
C
cablaggio
encoder, 204
immunità ai disturbi, 37, 190
non schermato, 33
raccomandati, 36, 37, 227
riflessioni di tensione, 34
RS485 (DSI), 189
schermato, 33
sicurezza, 227
temperatura, 33
configurazione
RS485(DSI), 190
contatore
programmazione, 197, 200
contatto ausiliario
convertitore di frequenza, 34, 36
convertitore
programmazione, 59
convertitore di frequenza
contatto ausiliario, 34, 36
funzionamento di base, 58, 63, 153
montaggio, 13
programmazione, 62
sbarra comune, 36
sicurezza, 228
D
danni al convertitore di frequenza
prevenzione, 17
sistemi di distribuzione senza messa a terra, 17
decelerazione
priorità di override, 50
selezione, 50
declassamento
Fattore, 120
temperatura, 15
dimensioni
montaggio, 14, 172
E
encoder
cablaggio, 204
programmazione, 203
EtherNet
programmazione, 235
F
filtro RFI
terra, 19
funzionamento di base, 63
convertitore di frequenza, 58, 63, 153
programmazione, 63
sicurezza, 228
fusibili
valore nominale, 20
I
immunità ai disturbi
cablaggio, 37, 190
ingressi
2 fili, 49
3 fili, 49
alimentazione, 18
interruttori automatici, 20
ingressi digitali
selezione, 49
sorgente di avviamento, 49
interruttori automatici
ingressi, 20
valori nominali, 20
L
lettura
Modbus, 193, 195, 196
logica
base, 197, 198
fasi temporizzate, 197, 198
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
237
Indice analitico
M
Modbus
lettura, 193, 195, 196
scrittura, 191, 193, 196
modulo di potenza e di controllo
separazione, 28
monitoraggio guasti
terra, 19
montaggio
convertitore di frequenza, 13
dimensioni, 14, 172
morsetti di controllo
accesso, 31
morsetti di potenza
accesso, 31
motore
arresto, 34
avviamento, 34
terra, 19
N
protezione dalle onde
riflesse, 34
prova
sicurezza, 226
R
raccomandati
cablaggio, 36, 37, 227
ricerca della posizione home
automatica, 211
manuale, 211
programmazione, 211
riferimento di velocità
priorità di override, 48
selezione, 48
riflesse
protezione dalle onde, 34
riflessioni di tensione
cablaggio, 34
RS485(DSI)
configurazione, 190
non schermato
cablaggio, 33
P
parametri
AppView, 72, 140
CustomView, 141
programmazione, 61, 66
PID
programmazione, 217
posizionamento
programmazione, 205, 207
sistema di comunicazione, 213
prevenzione
danni al convertitore di frequenza, 17
priorità di override
accelerazione, 50
decelerazione, 50
riferimento di velocità, 48
sorgente di avviamento, 48
programmazione, 63
contatore, 197, 200
convertitore, 59
convertitore di frequenza, 62
encoder, 203
EtherNet, 235
fasi temporizzate, 197, 198
logica base, 197, 198
parametri, 61, 66
PID, 217
posizionamento, 205, 207
ricerca della posizione home, 211
strumenti, 62
temporizzatore, 197, 199
treno di impulsi, 203
238
S
sbarra comune
convertitore di frequenza, 36
schermato
cablaggio, 33
schermatura
terra, 19
scrittura
Modbus, 191, 193, 196
selezione
accelerazione, 50
decelerazione, 50
ingressi digitali, 49
riferimento di velocità, 48
sorgente di avviamento, 48
separazione
modulo di potenza e di controllo, 28
sezionatore
uscita, 34
sicurezza
applicazioni, 225
cablaggio, 227
convertitore di frequenza, 228
funzionamento di base, 228
prova, 226
terra, 19
sistema di comunicazione
posizionamento, 213
sorgente di avviamento
ingressi digitali, 49
priorità di override, 48
selezione, 48
stoccaggio
ambiente, 16
strumenti
programmazione, 62
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Indice analitico
T
temperatura
cablaggio, 33
declassamento, 15
temporizzatore
programmazione, 197, 199
terra
filtro RFI, 19
monitoraggio guasti, 19
motore, 19
schermatura, 19
sicurezza, 19
treno di impulsi
programmazione, 203
U
uscita
sezionatore, 34
V
valore nominale
fusibili, 20
valori nominali
interruttori automatici, 20
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
239
Indice analitico
Note:
240
Pubblicazione Rockwell Automation 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
Assistenza Rockwell Automation
Rockwell Automation fornisce informazioni tecniche sul Web per assistere i clienti nell’utilizzo dei suoi prodotti.
Collegandosi al sito http://www.rockwellautomation.com/support/, è possibile consultare manuali tecnici, una
knowledgebase di FAQ, note tecniche ed applicative, codice di esempio e collegamenti ai service pack dei software e la
funzione MySupport personalizzabile per sfruttare nel migliore dei modi questi strumenti.
Per ottenere ulteriore assistenza telefonica per l’installazione, la configurazione e la ricerca guasti, sono disponibili i
programmi di assistenza TechConnect. Per maggiori informazioni, rivolgersi al proprio distributore o rappresentante
Rockwell Automation di zona, oppure visitare il sito http://www.rockwellautomation.com/support/.
Assistenza per l’installazione
Se si riscontra un problema entro le prime 24 ore dall’installazione, si prega di consultare le informazioni contenute in
questo manuale. Per ottenere assistenza per la configurazione e la messa in servizio del prodotto è possibile contattare
l’Assistenza Clienti.
Stati Uniti o Canada
1.440.646.3434
Fuori dagli Stati Uniti o dal Canada Utilizzare il Worldwide Locator presente all’indirizzo http://www.rockwellautomation.com/support/americas/phone_en.html
o contattare il rappresentante Rockwell Automation di zona.
Restituzione di prodotti nuovi non funzionanti
Tutti i prodotti Rockwell Automation sono sottoposti a rigidi collaudi per verificarne la piena funzionalità prima della
spedizione. Tuttavia, nel caso in cui il prodotto non funzioni ed occorra restituirlo, attenersi alle procedure seguenti.
Stati Uniti
Rivolgersi al proprio distributore. Per completare la procedura di restituzione è necessario fornire il numero di pratica all’assistenza clienti
(per ottenerne uno chiamare i recapiti telefonici citati sopra).
Altri Paesi
Si prega di contattare il proprio rappresentante Rockwell Automation di zona per la procedura di restituzione.
Feedback sulla documentazione
I vostri commenti ci aiuteranno a soddisfare al meglio le vostre esigenze relative alla documentazione.
Nel caso il cliente abbia suggerimenti per il miglioramento del documento, si prega di compilare il presente modulo,
pubblicazione RA-DU002, disponibile su http://www.rockwellautomation.com/literature/.
www.rockwel lautomation.com
Power, Control and Information Solutions Headquarters
Americhe: Rockwell Automation, 1201 South Second Street, Milwaukee, WI 53204-2496, USA, Tel: +1 414 382 2000, Fax: +1 414 382 4444
Europa/Medio Oriente/Africa: Rockwell Automation NV, Pegasus Park, De Kleetlaan 12a, 1831 Diegem, Belgio, Tel: +32 2 663 0600, Fax: +32 2 663 0640
Asia: Rockwell Automation, Level 14, Core F, Cyberport 3, 100 Cyberport Road, Hong Kong, Tel: +852 2887 4788, Fax: +852 2508 1846
Italia: Rockwell Automation S.r.l., Via Gallarate 215, 20151 Milano, Tel: +39 02 334471, Fax: +39 02 33447701, www.rockwellautomation.it
Svizzera: Rockwell Automation AG, Via Cantonale 27, 6928 Manno, Tel: 091 604 62 62, Fax: 091 604 62 64, Customer Service: Tel: 0848 000 279
Pubblicazione 520-UM001D-IT-E – Settembre 2013
PN-215503
Copyright © 2013 Rockwell Automation, Inc. Tutti i diritti riservati.
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement