Istruzioni per l`uso Mandrino ad altra frequenza/RM-A 4040 DC-SZ

Istruzioni per l`uso Mandrino ad altra frequenza/RM-A 4040 DC-SZ
Istruzioni per l'uso
Mandrino ad altra frequenza/RM-A 4040 DC-SZ
Versione
005
Menu
1.43
9
RM-A
Serie G3
Indice
1
1.1
1.2
1.3
1.4
1.5
1.6
Descrizione del prodotto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .4
Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
Modulo fresa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
Mandrino ad alta frequenza 4040 DC-SZ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
Braccio, convertitore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
Elementi di comando sul quadro di servizio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
Dati tecnici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
2
2.1
2.2
2.3
2.4
2.5
Norme di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .9
Utilizzo conforme . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
Esempi di utilizzo non conforme . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
Pericoli causati da un utilizzo non conforme . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
Abbigliamento protettivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
Pericoli derivanti da emissioni di polveri tossiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
3
3.1
3.2
3.2.1
3.2.2
3.2.3
3.2.4
3.2.5
3.3
3.3.1
3.3.2
3.3.3
3.3.4
3.4
3.4.1
3.4.2
3.5
3.6
3.7
3.8
3.9
3.9.1
3.9.2
3.9.3
3.9.4
3.9.5
3.9.6
3.9.7
Utilizzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .13
Descrizione del menu . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
Convertitore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
Attivazione/disattivazione del convertitore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
Attivazione della modalità stand-by del convertitore . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
Assegnazione del convertitore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
Indicatore di stato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
Impostazione del numero di giri del mandrino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
Modulo fresa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
Staffa di supporto del modulo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
Installazione del modulo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
Rimozione del modulo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
Immagazzinaggio del modulo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
Mandrino ad alta frequenza 4040 DC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
Sostituzione della pinza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
Sostituzione della fresa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
Sostituzione del mandrino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
Alimentazione del mandrino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
Regolazione dell'intensità dell'aspirazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
Impostazione del mandrino come utensile per il modulo . . . . . . . . . . . . . 27
Inizializzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
Impostazione del punto zero . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
Impostazione della posizione alta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28
Impostazione della posizione bassa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
Impostazione Z-Offset . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
Controllo delle posizioni della fresa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
Inizializzazione dell'aspirazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
3.9.7.1 Impostazione della posizione di aspirazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
3.9.7.2 Impostazione della posizione di aspirazione alta (Offset) . . . . . . . . . . . . . 33
3.10
3.11
Configurazione delle impostazioni per materiali specifici . . . . . . . . . . . . . 34
Esecuzione del taglio di prova . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34
2
6531011,005,11-2009, pvc
9
Serie G3
RM-A
4
4.1
4.2
4.3
4.4
Manutenzione, pulizia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .35
Check list di manutenzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
Pulizia del mandrino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
Ingrassaggio dei punti di lubrificazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
Istruzioni per il collaudo/riavviamento del mandrino ad alta frequenza
4040 DC-SZ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
5
5.1
5.2
5.3
5.4
Compensazione della superficie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .38
Principio di funzionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38
Menu . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
Esecuzione della misurazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
Attivazione/disattivazione della compensazione della superficie . . . . . . . 39
6
6.1
6.1.1
6.1.2
6.1.3
6.2
6.3
6.3.1
6.3.2
Informazioni di base . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .40
Descrizione della fresa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40
Fresatura a elica destra . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
Fresatura a elica sinistra . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
Scelta della fresa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
Fresatura di scanalature . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42
Direzione di fresatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
Fresatura discorde . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
Fresatura concorde . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
6.3.2.1 Direzione di fresatura concorde . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44
6.4
6.5
6.6
6.7
6.8
6.8.1
6.8.2
6.8.3
6.9
Multipass/Lappatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
Modalità di fresatura del cutter . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46
Formule . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47
Analisi delle forze . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48
Consigli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
Aspetti generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
Alluminio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
Lavorazione di lastre stampate e laminate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
Risoluzione dei problemi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
3
6531011,005,11-2009, pvc
9
RM-A
Serie G3
Introduzione
1
1.1
Descrizione del prodotto
Introduzione
Il modulo fresa (RM-A) è progettato per l'impiego di mandrini 1000 W Zünd per
lavorazioni con asportazione di trucioli (ad esempio perforazioni e fresature).
L'opzione fresa include oltre al modulo fresa anche il braccio con convertitore e un
aspiratore (opzionale).
Importante!
•
Per ulteriori informazioni sul mandrino consultare la documentazione del produttore.
Certificazione CSA
Il mandrino, l'alimentazione elettrica e il regolatore di azionamento sono stati
sottoposti a test e hanno ottenuto la certificazione CSA.
1.2
Modulo fresa
Fig. 1 Modulo fresa
4
6531011,005,11-2009, pvc
9
Serie G3
RM-A
Mandrino ad alta frequenza 4040 DC-SZ
1.3
1 Aspirazione
3 Cursore intensità aspirazione
2 Mandrino
4 Alloggiamento mandrino
Mandrino ad alta frequenza 4040 DC-SZ
Fig. 2 Mandrino ad alta frequenza 4040 DC-SZ
1 Pinza di serraggio
3 Collegamento aria di tenuta
2 Alloggiamento pinza di serraggio
4 Collegamento convertitore
5
6531011,005,11-2009, pvc
9
RM-A
Serie G3
Braccio, convertitore
1.4
Braccio, convertitore
Fig. 3 Braccio con convertitore
1 Convertitore
4 LED
2 Interruttore ON/OFF
5 Staffa di supporto del modulo
3 Tubazione di collegamento aspiratore
6
6531011,005,11-2009, pvc
9
Serie G3
RM-A
Elementi di comando sul quadro di servizio
1.5
Elementi di comando sul quadro di servizio
Fig. 4 Elementi di comando sul quadro di servizio
1 Manopola per l'impostazione del numero di giri del mandrino
2 Tasto stand-by del convertitore
7
6531011,005,11-2009, pvc
9
RM-A
Serie G3
Dati tecnici
1.6
Dati tecnici
Modulo
Dato
Peso
Valore Unità di
misura
3.9 kg
Mandrino ad alta frequenza 4040 DC-SZ
Dato
Valore Unità di
misura
Tipo di motore
BLDC
Tensione di esercizio
45 Volt
Coppia
17 Ncm
Potenza di picco
Numero massimo di giri
1000 Watt
50000 min-1
Corrente massima
16 A
Peso
2.9 kg
Senso di rotazione
Classe / Tipo di protezione
III / IP 54
Pinze di serraggio
1.5 - 6.35 mm
Aria compressa
Dato
Pressione aria
Volume aria
Valore Unità di
misura
0.6 - 0.8 MPa
40 l/min
Requisiti tecnici dell'aspiratore
Dato
flusso volumetrico min.
Valore Unità di
misura
3800 l/min
8
6531011,005,11-2009, pvc
9
Serie G3
RM-A
Utilizzo conforme
2
Norme di sicurezza
Importante!
Le seguenti indicazioni e avvertenze di sicurezza costituiscono esclusivamente
un'integrazione delle avvertenze indicate nel capitolo Sicurezza delle istruzioni per
l'uso
Il presente capitolo
–
definisce le norme di utilizzo del modulo
–
contiene indicazioni e norme di sicurezza specifiche per l'utensile
–
fornisce informazioni sull'abbigliamento protettivo necessario durante il funzionamento e la manutenzione
Nelle sezioni seguenti della presente guida vengono illustrate le indicazioni di
sicurezza relative a operazioni e situazioni particolari nelle diverse fasi di lavoro.
2.1
Utilizzo conforme
L'utilizzo conforme del modulo è fondamentale per un funzionamento sicuro dello
stesso.
L'attrezzatura fornita in dotazione determina le possibilità di impiego del modulo.
In linea di massima, il modulo fresa è progettato per l'utilizzo di mandrini Zünd 1000
W. L'utilizzo conforme è pertanto limitato all'impiego in lavorazioni con asportazione
di trucioli (ad esempio perforazioni e fresature) di materiali solidi con le frese idonee.
Qualsiasi uso diverso o ulteriore è pertanto da considerarsi come utilizzo non
conforme. L'utente è da intendersi come il solo responsabile per eventuali danni
derivanti da un utilizzo non conforme.
L'utilizzo del modulo è inoltre considerato conforme se:
–
vengono rispettate le norme di sicurezza nazionali
–
vengono rispettate le norme di sicurezza descritte in questa guida
–
vengono rispettate le norme relative all'utilizzo e vengono utilizzati i materiali prescritti.
9
6531011,005,11-2009, pvc
9
RM-A
Serie G3
Esempi di utilizzo non conforme
2.2
2.3
Esempi di utilizzo non conforme
–
azionamento del mandrino al di fuori del modulo
–
utilizzo di frese inappropriate
–
utilizzo di alberi di fresa non conformi alla norma DIN
–
numero di giri non omologato per il mandrino impiegato
–
utilizzo non corretto o non conforme
–
impiego improprio del mandrino
–
montaggio errato delle frese
–
dimensioni dell'albero della fresa non compatibili con la pinza di serraggio
–
pulizia non regolare del mandrino
–
forza di ritenzione della pinza di serraggio non più sufficiente a causa di usura o
impurità
–
mancato utilizzo dell'aspirazione
–
mancato utilizzo dell'abbigliamento protettivo personale
–
mancata osservanza delle norme relative alla manutenzione
–
mancata osservanza delle norme di sicurezza
–
mancato intervento in presenza di tracce di usura e danni
Pericoli causati da un utilizzo non conforme
–
piegatura degli alberi delle frese
–
fuoriuscita involontaria dell'utensile dalla pinza di serraggio
–
rottura/scheggiatura della fresa
–
danneggiamento delle piastre del vuoto causato da un'errata impostazione (frese troppo profonde)
–
danneggiamento del mandrino durante l'uso o l'aspirazione
–
lesioni personali causate dall'inalazione di polveri tossiche durante la fresatura
senza aspirazione
–
lesioni personali originatesi durante la fresatura senza indossare l'abbigliamento
protettivo personale
10
6531011,005,11-2009, pvc
9
Serie G3
RM-A
Abbigliamento protettivo
2.4
Abbigliamento protettivo
Durante la messa in funzione, la pulizia e la manutenzione dell'apparecchiatura,
indossare indumenti aderenti e l'abbigliamento di protezione personale.
L'abbigliamento protettivo personale comprende:
•
Indumenti da lavoro
•
Occhiali protettivi
•
Guanti protettivi in caso di rischio di lesioni provocate da:
– ustioni
– oggetti spigolosi o appuntiti
•
Protezioni per l'udito, in caso di superamento del livello di pressione acustica di
85 db(A)
Importante!
L'utente è personalmente responsabile per
•
l'utilizzo dell'abbigliamento protettivo necessario
•
la cura e la pulizia regolare dell'abbigliamento protettivo
•
la tempestiva sostituzione di elementi danneggiati o inutilizzabili dell'abbigliamento protettivo.
11
6531011,005,11-2009, pvc
9
RM-A
Pericoli derivanti da emissioni di polveri tossiche
2.5
Serie G3
Pericoli derivanti da emissioni di polveri tossiche
Attenzione !
Pericolo di intossicazione derivante dall'emissione di polvere tossica
Con la lavorazione dei diversi materiali viene prodotta polvere tossica dannosa per
la salute.
•
Consultare il produttore del materiale di lavorazione per informazioni in merito
alla sua tossicità
•
Ove necessario, installare quindi un apposito impianto di aspirazione o adottare
altre misure idonee
Il datore di lavoro è responsabile del rispetto delle norme locali relative alla
concentrazione massima di polveri consentita sul luogo di lavoro. In caso di
formazione di polveri dannose per la salute, osservare le norme locali vigenti e
seguire le indicazioni del produttore del materiale in uso. In caso di lavorazione di
materiali che rilasciano polveri nocive per la salute, utilizzare aspiratori dotati di
appositi filtri. Zünd fornisce, come accessori opzionali, sistemi di aspirazione che
soddisfano i seguenti requisiti:
–
aspirazione di polveri nocive con valore MAK fino a 0,1 mg/m3 e di polveri di legno di classe M
–
aspirazione di polveri di classe H.
12
6531011,005,11-2009, pvc
9
Serie G3
RM-A
Descrizione del menu
3
3.1
Utilizzo
Descrizione del menu
Nelle seguenti istruzioni viene illustrato un esempio di utilizzo del modulo nello slot 1.
Dato
Menu
Impostazione / Funzione
Sostituzione del
modulo
1-5-1
Sostituzione del modulo
Tipo utensile
1-1-1-1
Assegnazione dell'utensile al modulo 1
Convertitore
1-1-1-3-1-1
Assegnazione del convertitore
Inizializzazione
manuale
1-1-1-2-1
Impostazione del punto zero
Pos. alta
1-1-1-2-3
Impostazione della posizione alta
(all'esterno del materiale)
Posizione bassa
1-1-1-3-4-5
Impostazione della profondità di lavorazione
Z-Offset
1-1-1-2-5
Valore di correzione della posizione bassa
Taglio di prova
1-1-1-2-4
Esecuzione del taglio di prova
Inizializzazione
Definire altezza asp. 1-1-1-2-6
Impostazione della posizione di aspirazione
Offset
Impostazione della posizione di aspirazione
(alta)
1-1-1-3-5-3
Velocità e accelerazione
XY-Utensile sollevato
1-1-1-3-2-1
Velocità in posizione alta
XY-Utensile abbassato
1-1-1-3-2-2
Velocità in posizione bassa
Sollevamento Z
1-1-1-3-2-3
Velocità di sollevamento
Abbassamento Z
1-1-1-3-2-4
Velocità di abbassamento
XY - Utensile sollevato
1-1-1-3-3-1
Accelerazione in posizione alta
XY - Utensile abbas- 1-1-1-3-3-2
sato
Accelerazione in posizione bassa
Azionamento fresa 1
Aumento del numero 3-2-1-2
di giri
Aumento del numero di giri
Diminuzione del
numero di giri
3-2-1-3
Diminuzione del numero di giri
Attivazione della
fresa
3-2-1-4
Attivazione della fresa
EasyDrive ON/OFF
3-2-1-6
Attivazione/disattivazione convertitore
Aspirazione
Attivazione/disattiva- 3-2-3-1
zione dell'aspirazione
Attivazione/disattivazione dell'aspirazione
13
6531011,005,11-2009, pvc
9
RM-A
Serie G3
Convertitore
3.2
Convertitore
3.2.1
Attivazione/disattivazione del convertitore
Fig. 5 Interruttore ON/OFF del convertitore
1 Interruttore principale
⇨ attivare/disattivare il convertitore della fresa con l'interruttore principale.
3.2.2
Attivazione della modalità stand-by del convertitore
Attenzione !
Pericolo di lesioni.
Prima di iniziare a lavorare sul mandrino, attivare la modalità stand-by del
convertitore
La modalità stand-by viene attivata con il tasto corrispondente sul quadro di servizio
oppure mediante il menu del cutter. Nella modalità stand-by, il convertitore della
fresa non è alimentato. Attivare la modalità stand-by prima di eseguire qualsiasi
operazione sulla fresa.
Tasto stand-by Menu
Azione
Attivazione EasyDrive 32-1-6
Disattivazione EasyDrive 3-2-1-6
Indicatore di
stato
Attivazione convertitore/modalità
stand-by
Stato
Convertitore attivato
14
6531011,005,11-2009, pvc
9
Serie G3
RM-A
Convertitore
Indicatore di
stato
Stato
Convertitore in modalità stand-by
3.2.3
Assegnazione del convertitore
I cutter G3 sono progettati per l'utilizzo con due convertitori. Se vengono collegati
due convertitori al cutter, il mandrino portafresa attivo deve essere assegnato a uno
di questi.
Assicurarsi che i seguenti requisiti siano soddisfatti
❏ l'interruttore del convertitore sia acceso
❏ il mandrino portafresa sia inserito nel modulo
❏ il mandrino portafresa sia inserito e selezionato come utensile nel menu
Procedura
⇨ Selezionare Convertitore1-1-1-3-1-1
⇨ con i tasti di spostamento
selezionare il convertitore:
Selezione
Funzione
Convertitore
1
Il convertitore 1 viene assegnato all'utensile attuale
Convertitore
2
Il convertitore 2 viene assegnato all'utensile attuale
⇨ confermare con OK
15
6531011,005,11-2009, pvc
9
RM-A
Serie G3
Convertitore
3.2.4
Indicatore di stato
Fig. 6 Indicatore di stato
1 LED di funzionamento
2 LED di avviso/guasto
Colori di segnalazione dei LED
Significato
verde
Funzionamento
giallo
Avviso/guasto
Contattare il partner di assistenza.
3.2.5
Impostazione del numero di giri del mandrino
Il numero di giri del mandrino viene impostato nel menu. Durante la fresatura, il
numero di giri può essere modificato mediante il menu oppure con la relativa
manopola sul quadro di servizio.
Manopola
Menu
Azione
Aumento del numero di giri 3- Aumento del numero
2-1-2
di giri
Diminuzione del numero di
giri 3-2-1-3
Riduzione del numero
di giri
16
6531011,005,11-2009, pvc
9
Serie G3
RM-A
Modulo fresa
3.3
Modulo fresa
3.3.1
Staffa di supporto del modulo
Fig. 7 Staffa di supporto del modulo
1 Bloccaggio
3 Collegamento elettrico
2 Barra di appoggio
17
6531011,005,11-2009, pvc
9
RM-A
Serie G3
Modulo fresa
3.3.2
Installazione del modulo
Fig. 8 Installazione del modulo
⇨ selezionare Sostituire modulo1-5-1. Il supporto del modulo si sposta nel quadro
di servizio.
⇨ abbassare il modulo sulla barra di appoggio
⇨ inclinare il modulo all'indietro sul relativo supporto.
⇨ Abbassare il modulo fino all'arresto
⇨ bloccare il modulo con la chiave a brugola
✓ il modulo è installato sul relativo supporto e viene localizzato dal software.
Risoluzione dei problemi
Non si riesce ad abbassare il modulo?
⇨ allentare il bloccaggio del modulo prima del montaggio.
18
6531011,005,11-2009, pvc
9
Serie G3
RM-A
Modulo fresa
3.3.3
Rimozione del modulo
Fig. 9 Rimozione del modulo
⇨ selezionare Sostituire modulo1-5-1. Il supporto del modulo si sposta nel quadro
di servizio.
⇨ sbloccare il modulo con la chiave a brugola
⇨ sollevare il modulo
⇨ rimuovere il modulo
19
6531011,005,11-2009, pvc
9
RM-A
Serie G3
Modulo fresa
3.3.4
Immagazzinaggio del modulo
Se il modulo non viene utilizzato, conservarlo in magazzino nell'apposita staffa di
supporto. Assicurare il flessibile di aspirazione alla staffa.
Fig. 10 Immagazzinaggio del modulo
1 Staffa di supporto del modulo
2 Staffa di supporto per flessibile di
aspirazione
20
6531011,005,11-2009, pvc
9
Serie G3
RM-A
Mandrino ad alta frequenza 4040 DC
3.4
Mandrino ad alta frequenza 4040 DC
Attenzione !
Pericolo di lesioni provocate dal mandrino.
Disattivare il convertitore prima di eseguire qualsiasi operazione sul mandrino.
Attenzione !
Pericolo di danneggiamento del mandrino
3.4.1
•
Durante il posizionamento del mandrino, fare attenzione a non schiacciare cablaggi o tubature.
•
Se il dado di serraggio non è ben stretto, la fresa può allentarsi.
•
Se il dado di serraggio è serrato eccessivamente, possono verificarsi danni al
dado stesso o all'albero della fresa.
•
Non azionare il mandrino senza aver inserito la pinza o la fresa.
Sostituzione della pinza
Fig. 11 Sostituzione della pinza
1 Alloggiamento della pinza
3 Chiave ad anello
2 Pinza
4 Chiave a bocca
Estrazione della pinza
⇨ Tenere fermo l'alloggiamento della pinza con la chiave a bocca
⇨ Allentare la pinza con la chiave ad anello
⇨ Svitare la pinza dall'alloggiamento
Inserimento della pinza
⇨ Avvitare la pinza nell'alloggiamento
⇨ Tenere fermo l'alloggiamento della pinza con la chiave a bocca
⇨ Serrare la pinza con la chiave ad anello
21
6531011,005,11-2009, pvc
9
RM-A
Serie G3
Mandrino ad alta frequenza 4040 DC
3.4.2
Sostituzione della fresa
Fig. 12 Sostituzione della fresa
a Profondità di fresatura secondo le indi- 1 Alloggiamento della pinza
cazioni del produttore
2 Pinza
b 7 mm
3 Chiave ad anello
c Albero della fresa
s Uscita del canale
4 Chiave a bocca
Estrazione della fresa
⇨ Tenere fermo l'alloggiamento della pinza di serraggio con la chiave a bocca e
allentare la pinza con la chiave ad anello
⇨ Estrarre la fresa dalla pinza.
Inserimento della fresa
Importante!
•
Utilizzare solo frese bilanciate.
•
Assicurarsi che l'albero della fresa corrisponda al diametro della pinza.
⇨ Pulire l'alloggiamento della pinza, la pinza e l'albero della fresa (vedere il capitolo
"4.2, Pulizia del mandrino")
⇨ Inserire l'albero della fresa nella pinza. Si ricorda che la profondità di serraggio
necessaria può variare a seconda della fresa e dello spessore del materiale. In
linea di principio, inserire la fresa nella pinza fino all'uscita del canale (s).
⇨ Tenere fermo l'alloggiamento della pinza con la chiave a bocca e serrare la pinza
con la chiave ad anello
22
6531011,005,11-2009, pvc
9
Serie G3
RM-A
Sostituzione del mandrino
3.5
Sostituzione del mandrino
Attenzione !
Pericolo di lesioni provocate dal mandrino.
Prima di iniziare a lavorare sul mandrino, spegnere l'interruttore ON/OFF sul
convertitore.
Attenzione !
Pericolo di danneggiamento del mandrino ad alta frequenza.
•
Durante il montaggio/rimozione del mandrino, evitare che la fresa venga a contatto con l'alloggiamento del mandrino.
•
Durante il montaggio del mandrino assicurarsi che le punte delle frecce coincidano ("Fig. 13, Montaggio del mandrino", voce B).
•
Durante il posizionamento del mandrino, fare attenzione a non schiacciare cablaggi o tubature.
Montaggio del mandrino
Fig. 13 Montaggio del mandrino
⇨ inserire il mandrino
⇨ ruotare il mandrino finché le punte delle frecce non coincidono
⇨ serrare la vite di fissaggio ruotandola in senso orario
✓ il mandrino è ora inserito e fissato.
23
6531011,005,11-2009, pvc
9
RM-A
Serie G3
Sostituzione del mandrino
Rimozione del mandrino
Fig. 14 Rimozione del mandrino
⇨ allentare la vite di fissaggio ruotando in senso antiorario
⇨ rimuovere il mandrino
24
6531011,005,11-2009, pvc
9
Serie G3
RM-A
Alimentazione del mandrino
3.6
Alimentazione del mandrino
Fig. 15 Alimentazione del mandrino
1 Flessibile di aspirazione
3 Vite di fissaggio
2 Cavo di collegamento
4 Flessibile dell'aria di tenuta
Collegamento del mandrino
⇨ inserire il flessibile di aspirazione
⇨ inserire il cavo di collegamento serrare la vite di fissaggio ruotandola in senso
orario.
⇨ inserire il flessibile dell'aria di tenuta
Separazione del mandrino dal cavo di alimentazione
⇨ staccare il flessibile dell'aria di tenuta
⇨ allentare la vite di fissaggio ruotando in senso antiorario. staccare il cavo di
collegamento.
⇨ staccare il flessibile di aspirazione
25
6531011,005,11-2009, pvc
9
RM-A
Regolazione dell'intensità dell'aspirazione
3.7
Serie G3
Regolazione dell'intensità dell'aspirazione
L'intensità dell'aspirazione può essere regolata mediante il cursore. L'intensità
dell'aspirazione è regolata correttamente quando vengono aspirati i residui, ma non
il materiale ritagliato.
Fig. 16 Regolazione dell'intensità dell'aspirazione
1 Cursore
A Intensità di aspirazione forte
B Intensità di aspirazione debole
26
6531011,005,11-2009, pvc
9
Serie G3
RM-A
Impostazione del mandrino come utensile per il modulo
3.8
Impostazione del mandrino come utensile per il modulo
Per le istruzioni per l'uso consultare il capitolo "Gestione utensili".
3.9
Inizializzazione
Attenzione !
L'inizializzazione dell'utensile può provocare lesioni.
Le fotocellule non si attivano in caso di inizializzazione manuale.
3.9.1
•
Non sostare nella zona di azione dell'utensile durante l'inizializzazione.
•
Definire il punto zero mediante l'inizializzazione automatica.
Introduzione
–
Per eseguire correttamente l'inizializzazione, sono necessarie le seguenti operazioni:
–
Impostazione del punto zero (modalità manuale/automatica*)
–
Impostazione della posizione alta
–
Impostazione della posizione di aspirazione
–
Esecuzione del taglio di prova
–
Eventuale correzione della profondità di lavorazione mediante la funzione Z-Offset
Assicurarsi che i seguenti requisiti siano soddisfatti
❏ l'apparecchio si trova in modalità operativa STOP.
❏ il mandrino è installato e assegnato al modulo.
3.9.2
Impostazione del punto zero
Fig. 17 Impostazione del punto zero
⇨ Selezionare la funzioneInizializzazione manuale1-1-1-2-1
⇨ mediante i tasti di spostamento, svasare la fresa finché non viene a trovarsi sulla
base di supporto
⇨ Premere OK per confermare
27
6531011,005,11-2009, pvc
9
RM-A
Serie G3
Inizializzazione
3.9.3
Impostazione della posizione alta
Importante!
•
Quando la base di supporto per il taglio viene definita come punto zero, è necessario che il valore dell'impostazione Pos. alta sia superiore allo spessore del materiale.
L'impostazione Pos. alta definisce la posizione dell'utensile sollevato.
Pos. alta = Punto zero + Pos. alta
Per aumentare l'efficienza del cutter, non eccedere nell'impostazione dell'altezza di
tale posizione.
Fig. 18 Impostazione della posizione alta
1 Punto zero
4 Pos. alta
a Materiale
⇨ Selezionare la funzionePos. alta1-1-1-2-3
⇨ Immettere il valore
⇨ Premere OK per confermare
28
6531011,005,11-2009, pvc
9
Serie G3
RM-A
Inizializzazione
3.9.4
Impostazione della posizione bassa
Importante!
Quando la base di supporto per il taglio viene definita come punto zero, il valoreper
l'impostazione Pos. bassa viene azzerato. L'immissione di un valore superiore può
danneggiare la base di supporto per il taglio.
L'impostazione Pos. bassa definisce la posizione dell'utensile in posizione
abbassata. Quando si imposta il punto zero, il valore della Posizione bassa viene
automaticamente azzerato.
Per incrementare la qualità, la fresatura viene eseguita in più fasi (Multipass).
Fig. 19 Impostazione della posizione bassa
1 Punto zero
2 Posizione bassa
a Materiale
29
6531011,005,11-2009, pvc
9
RM-A
Serie G3
Inizializzazione
Impostazione della posizione bassa
⇨ Selezionare la funzionePos. bassa
⇨ Immettere un valore:
- se si perfora il materiale ("Fig. 19, Impostazione della posizione bassa", voce
A), il valore è automaticamente 0.
- se si erode solo il materiale ("Fig. 19, Impostazione della posizione bassa",
voce B), il valore è ad esempio -5 mm
(spessore del materiale 10 mm - 5 mm di profondità di lavorazione)
⇨ premere OK per confermare
3.9.5
Impostazione Z-Offset
Valore per correggere la profondità di lavorazione (Pos. bassa) di ±1,5 mm. Quando
si imposta il punto zero, il valore di Z-Offset viene automaticamente azzerato.
⇨ selezionare Z-Offset1-1-1-2-5
⇨ immettere il valore
⇨ premere OK per confermare
30
6531011,005,11-2009, pvc
9
Serie G3
RM-A
Inizializzazione
3.9.6
Controllo delle posizioni della fresa
Dopo l'inizializzazione sono possibili 3 posizioni della fresa.
Fig. 20 Posizioni della fresa
Pos. Posizione
Descrizione
A
Posizione di parcheg- viene raggiunta la posizione più alta dell'asse
gio
Z
B
Pos. alta
Punto zero + Pos. alta
C
Posizione bassa
Punto zero + Pos. bassa + Z-Offset
Tasto
Segnale
31
6531011,005,11-2009, pvc
9
RM-A
Serie G3
Inizializzazione
3.9.7
Inizializzazione dell'aspirazione
3.9.7.1 Impostazione della posizione di aspirazione
Posizione di aspirazione durante la fresatura.
Fig. 21 Impostazione della posizione di aspirazione
⇨ mediante i tasti SHIFT+,
sollevare la fresa in posizione di parcheggio
⇨ selezionare Definire altezza asp.1-1-1-2-6
⇨ con i tasti di spostamento abbassare l'aspirazione finché la spazzola viene a
trovarsi sopra il materiale
⇨ premere OK per confermare
32
6531011,005,11-2009, pvc
9
Serie G3
RM-A
Inizializzazione
3.9.7.2 Impostazione della posizione di aspirazione alta (Offset)
Fig. 22 posizione di aspirazione alta
1 Posizione di aspirazione alta (Offset)
3 Piccoli pezzi di materiale
2 Posizione fresa alta
Questa impostazione definisce la posizione di aspirazione durante le pause tra la
fine di un processo di fresatura (A) e l'inizio del processo di fresatura successivo (D).
La fresa rimane nel materiale, mentre l'aspirazione si solleva (B). Successivamente,
la fresa si solleva (C). In tal modo, i pezzi più piccoli di materiale non vengono
catturati dall'aspirazione.
Impostazione della posizione di aspirazione alta (Offset)
⇨ selezionare Offset1-1-1-3-5-3
⇨ immettere il valore
⇨ premere OK per confermare
33
6531011,005,11-2009, pvc
9
RM-A
Configurazione delle impostazioni per materiali specifici
3.10
Serie G3
Configurazione delle impostazioni per materiali specifici
L'impostazione della velocità di spostamento e dell'accelerazione variano in funzione
sul materiale.
Per suggerimenti sulle impostazioni, consultare l'homepage di Zünd o contattare il
partner Zünd di riferimento.
3.11
Esecuzione del taglio di prova
Assicurarsi che i seguenti requisiti siano soddisfatti
❏ L'apparecchiatura si trova in modalità operativa OFFLINE.
❏ La fresa è inizializzata
❏ L'aspirazione è inizializzata
❏ Le impostazioni sono state configurate per il materiale specifico
❏ Il modulo RM-A è attivo
❏ L'interruttore ON/OFF dell'aspiratore è attivato
❏ L'aspiratore è attivato tramite il menu
❏ L'interruttore ON/OFF del convertitore è attivato
❏ Il convertitore è attivato (menu/tasto stand-by)
❏ Base di supporto e materiale sono sovrapposti
❏ Il vuoto (fissaggio) è attivato
Esecuzione del taglio di prova
Attenzione !
I trucioli possono provocare lesioni.
Durante la fresatura, indossare l'abbigliamento protettivo personale.
⇨ selezionare la funzioneTaglio di prova
⇨ selezionare Test fresa dall'elenco
⇨ premere OK per confermare
Esecuzione del controllo
⇨ controllare i risultati del taglio e, se necessario, correggere le impostazioni
⇨ controllare l'aspirazione e, se necessario, correggere le impostazioni
✓ Se la profondità di fresatura è impostata correttamente, la fresa lascerà una
leggera traccia nella base di supporto.
34
6531011,005,11-2009, pvc
9
Serie G3
RM-A
Check list di manutenzione
4
Manutenzione, pulizia
Attenzione !
Pericolo di lesioni provocate dal mandrino.
Spegnere l'interruttore ON/OFF sul convertitore prima di eseguire qualsiasi
operazione sul mandrino.
Attenzione !
Pericolo di danneggiamento del modulo
Non pulire mai il modulo con ultrasuoni, getti di vapore, aria compressa e simili.
Non utilizzare mai detergenti (spray, solventi e simili)
4.1
Check list di manutenzione
Intervallo
Operazione
quotidiana
Pulizia del mandrino
quotidiana
Rimozione dei residui di materiale dal
modulo
ogni settimana
Pulizia del carter con un detergente per
plastica
ogni mese
Lubrificazione
35
6531011,005,11-2009, pvc
9
RM-A
Serie G3
Pulizia del mandrino
4.2
Pulizia del mandrino
Fig. 23 Pulizia del mandrino
1 Spazzola
3 Pinza di serraggio
2 Alloggiamento pinza di serraggio
⇨ Pulire l'alloggiamento della pinza di serraggio con un pennello o una spazzola
⇨ Pulire la pinza di serraggio con un pennello o una spazzola
⇨ Lubrificare leggermente la filettatura della pinza di serraggio
36
6531011,005,11-2009, pvc
9
Serie G3
RM-A
Ingrassaggio dei punti di lubrificazione
4.3
Ingrassaggio dei punti di lubrificazione
Lubrificante
Dato
Specifica
Klüberoil®
4UH1
Ingrassaggio dei punti di lubrificazione
Fig. 24 Ingrassaggio dei punti di lubrificazione
⇨ ingrassare i punti di lubrificazione con una goccia d'olio
4.4
Istruzioni per il collaudo/riavviamento del mandrino ad alta frequenza
4040 DC-SZ
Dopo prolungati periodi di immagazzinamento o di inattività, eseguire la procedura
di collaudo/riavviamento indicata dal produttore. Per ulteriori informazioni consultare
le istruzioni per l'uso originali del produttore.
37
6531011,005,11-2009, pvc
9
RM-A
Serie G3
Principio di funzionamento
5
Compensazione della superficie
Importante!
5.1
•
La scansione della superficie avviene in modo meccanico. Non utilizzare la compensazione della superficie con materiali sensibili alla pressione.
•
La differenza di altezza massima rilevabile all'interno dell'area è pari a ±4 mm.
•
La differenza di altezza massima rilevabile tra due punti di scansione è pari a ±1
mm.
•
Accertarsi che la parte inferiore dell'aspirazione sia priva di residui di lavorazione
per evitare il danneggiamento del materiale di lavorazione.
Principio di funzionamento
Fig. 25 Principio di funzionamento della compensazione della superficie
1 Materiale di lavorazione
r
Asse X/Y raster (30 mm - 1200 mm)
2 Punto d'angolo
a area definita - 12 mm
3 Punto di scansione
La compensazione della superficie consente profondità di fresatura precise. Le
irregolarità (provocate dal materiale di lavorazione, dalla base di supporto della
38
6531011,005,11-2009, pvc
9
Serie G3
RM-A
Menu
fresa, dal nastro trasportatore o dal piano di lavoro) vengono rilevate facendo
passare l'aspirazione sulla superficie del materiale di lavorazione.
La compensazione delle irregolarità durante la lavorazione viene eseguita in
relazione al punto zero Z (inizializzazione). I risultati ottimali si ottengono quando
l'inizializzazione viene eseguita all'interno dell'area definita.
5.2
Menu
Denominazione
5.3
Menu
Impostazione / Funzione
Avviare la misurazione
2-6-1
Avvio della procedura di misurazione
Compens. superficie
2-6-2
Attivazione/disattivazione della compensazione della superficie
Visualizzare campo
2-6-3
Il supporto del modulo percorre l'area definita
Misurare nuovamente il
campo
2-6-4
Nuova misurazione di un'area già definita
con lo stesso raster
Campo
2-6-5
definito/non definito
Raster
2-6-6
Visualizzazione della distanza del raster
Esecuzione della misurazione
La misurazione si svolge in 3 fasi:
1
Definizione dell'area da misurare
2
Definizione del raster
3
Misurazione dell'area
Misurazione
⇨ Attivare il modulo (Shift + 1/2/3).
⇨ Selezionare Avviare misurazione2-6-1.
⇨ L'area viene definita mediante un rettangolo. Raggiungere i due punti d'angolo
del rettangolo posti in diagonale.
⇨ Specificare la distanza dei punti di scansione (raster).
⇨ Avviare la misurazione.
✓ Verrà eseguita la scansione della superficie.
5.4
Attivazione/disattivazione della compensazione della superficie
La compensazione della superficie viene attivata automaticamente una volta
eseguita la misurazione.
Se la compensazione della superficie non deve essere più attiva, disattivarla nel
menu Compens. superficie2-6-2.
39
6531011,005,11-2009, pvc
9
RM-A
Serie G3
Descrizione della fresa
6
6.1
Informazioni di base
Descrizione della fresa
D
Diametro dell'albero. Questa dimensione corrisponde a quella della pinza.
L
Lunghezza totale della fresa
d
Diametro nominale del tagliente
T
Lunghezza di taglio. Si tratta della profondità di fresatura massima possibile.
Maggiore è la lunghezza di taglio, maggiore sarà il rischio di vibrazioni indesiderate.
z
Numero di taglienti. Maggiore è il numero di taglienti, maggiori saranno la
durata della fresa e le velocità di avanzamento utilizzabili. Le frese per legno,
plastica e MDF presentano un solo tagliente e un ampio vano truciolo.
A...Fresa a elica destra
B...Fresa a elica sinistra
40
6531011,005,11-2009, pvc
9
Serie G3
RM-A
Descrizione della fresa
6.1.1
Fresatura a elica destra
Di norma vengono impiegate queste frese.
Vantaggi delle frese a elica destra:
6.1.2
•
I trucioli vengono trasportati verso l'alto e lasciano spazio ai trucioli successivi.
•
Impedisce la formazione di un tagliente di riporto e lo sviluppo di calore.
Fresatura a elica sinistra
Nella lavorazione delle lastre laminate è indispensabile non danneggiare la
superficie. Fresa a elica sinistra
Svantaggi delle frese a elica sinistra:
6.1.3
•
È possibile fresare solo lastre sottili.
Motivo: i trucioli vengono spinti verso il basso e intasano il canale di uscita. In
caso di volume elevato di materiale asportato può accadere che i trucioli penetrino addirittura tra lastra e base di supporto della fresa.
•
Poiché l'angolo di spoglia inferiore è negativo, il taglio non può essere effettuato
oppure può essere effettuato solo molto male, nel migliore dei casi dall'esterno
verso la lastra.
Scelta della fresa
Importante!
Per la scelta delle frese corrette, attenersi a quanto consigliato nel catalogo
accessori Zünd.
Utilizzare una fresa con il diametro massimo possibile. Più una fresa è sottile e lunga,
maggiori saranno le probabilità che si pieghi. Questo fenomeno non è visibile a
occhio nudo, ma la precisione dimensionale ne risente e la fresa vibra. Nel peggiore
dei casi, con un numero di giri e valori di avanzamento errati può addirittura
verificarsi la rottura della fresa. Il punto più debole di una fresa è la parte del tagliente.
A causa dell'abrasione della gola, è in questo punto che la fresa si piega più
frequentemente.
Lunghezza di taglio
(profondità di fresatura max)
T
Per evitare le vibrazioni e poter impostare un numero
di giri il più possibile elevato, la profondità di fresatura
T dovrà essere la minima possibile.
Diametro della fresa
d
Scegliere una fresa con il diametro massimo possibile.
Numero di taglienti
z
z=1: Materiali morbidi quali legno, MDF, plastica
z>1: Materiali rigidi quali alluminio, ottone...
41
6531011,005,11-2009, pvc
9
RM-A
Serie G3
Fresatura di scanalature
6.2
Fresatura di scanalature
1 Avanzamento
2 Senso di rotazione della fresa
3 Lato discorde
4 Lato concorde
Il tagliente della fresa tocca il materiale. Il tagliente della fresa scorre in direzione opposta al materiale.
Nella fase iniziale, il tagliente sfrega il materiale. La fresa esegue il taglio solo
una volta ottenuto un determinato spessore del truciolo.
•
Lo sfregamento della fase iniziale genera calore e consuma la fresa.
•
Minore è l'avanzamento selezionato, maggiore sarà il tempo richiesto per lo
sfregamento.
•
Lo sfregamento viene eseguito solo sul lato discorde.
Una volta che il tagliente sarà penetrato in sufficiente profondità nel materiale,
viene eseguito un taglio con l'asportazione del truciolo.
Lo spessore massimo del truciolo si ha quando il tagliente raggiunge il centro.
Il tagliente scorre nell'area concorde. Lo spessore del truciolo diminuisce gradualmente.
Il truciolo diminuisce.
Il truciolo viene asportato.
42
6531011,005,11-2009, pvc
9
Serie G3
RM-A
Direzione di fresatura
6.3
Direzione di fresatura
6.3.1
Fresatura discorde
Fig. 26 Fresatura discorde
Nella fresatura discorde, il movimento del tagliente è relativamente opposto al pezzo.
Con la penetrazione del tagliente nel materiale, lo spessore del truciolo è nullo e
aumenta gradualmente. Nella fase iniziale, il tagliente sfrega il pezzo. Si forma calore
provocato dall'attrito e, con poche eccezioni, si ottiene una superficie di scarsa
qualità.
6.3.2
Fresatura concorde
Fig. 27 Fresatura concorde
Nella fresatura concorde, lo spessore del truciolo è massimo al primo contatto del
tagliente con il materiale. Lo spessore del truciolo diminuisce gradualmente fino al
termine del taglio. Con poche eccezioni, si ottiene una superficie qualitativamente
migliore.
43
6531011,005,11-2009, pvc
9
RM-A
Serie G3
Direzione di fresatura
6.3.2.1 Direzione di fresatura concorde
Fig. 28 Direzione di fresatura
1 Direzione di fresatura
5 Finitura
2 Pezzo
6 Lato discorde
3 Raggio vettore
7 Lato concorde
4 Forza di taglio
Selezionare la direzione di fresatura in modo che il pezzo pronto si trovi sul lato
destro della direzione di corsa. Il lato destro della scanalatura fresata presenta
sempre la superficie migliore dal punto di vista qualitativo.
Con i primi passaggi della fresa, di norma la superficie di scorrimento viene corretta
almeno dell'8% del diametro della fresa a sinistra dal raggio vettore, in modo da poter
ottenere un contorno più preciso durante la finitura.
44
6531011,005,11-2009, pvc
9
Serie G3
RM-A
Multipass/Lappatura
6.4
Multipass/Lappatura
Dalla velocità di avanzamento e dal numero di giri della fresa è possibile calcolare lo
spessore del truciolo (b). Raddoppiando la velocità di avanzamento viene
raddoppiato lo spessore del truciolo. Raddoppiando lo spessore del truciolo, la forza
di taglio non viene tuttavia raddoppiata.
Se viene selezionata una velocità di avanzamento troppo bassa, non si otterrà un
taglio vero e proprio, ma solo un'azione di sfregamento del tagliente nella
scanalatura. Il calore generato dall'attrito riscalda la fresa e il materiale al punto tale
che le materie plastiche iniziano a fondersi durante la fresatura.
Per poter fresare lastre spesse è necessario effettuare più passaggi con la fresa.
Passaggio 1
Passaggio 2
Passaggio 3
Passaggio 4
Sgrossatura
Sgrossatura
Sgrossatura
Finitura
Passaggio 1, 2
La profondità (t) per ogni passaggio dipende dal diametro della fresa e dal materiale.
Passaggio 3
Con il penultimo passaggio, la fresatura non è completa. Viene lasciata una sottile nervatura (s = 0,2 0,6 mm) per ottenere il massimo effetto del vuoto.
Passaggio 4
La nervatura viene tagliata e, a destra della fresa, l'ultimo truciolo di finitura f = 8 - 15% del diametro
della fresa viene asportato con la fresatura concorde. Per liberare il pezzo, viene effettuato un taglio
nella base (u). La dimensione u è basata sulla planarità del piano di lavoro. (u = 0,3 mm - 0,8 mm).
45
6531011,005,11-2009, pvc
9
RM-A
Serie G3
Modalità di fresatura del cutter
6.5
Modalità di fresatura del cutter
Gli assi X/Y di un cutter non sono fissi, ma reagiscono dinamicamente alle variazioni
di forza. Le variazioni di forza generano differenze di regolazione che vengono
corrette dopo un determinato periodo di tempo. Le differenze di regolazione
provocano errori di geometria sul contorno fresato.
Durante la fresatura, la forza di reazione (F) è sempre verticale rispetto alla
superficie di scorrimento. All'avvio di un passaggio della fresa (vettore), la fresa
viene dapprima disposta ad angolo retto rispetto alla superficie di scorrimento finché
il regolatore non azzera l'errore. Frenando, questa forza si riduce e l'errore della
superficie di scorrimento passa all'altra direzione.
Maggiore è l'accelerazione selezionata e maggiori sono le forze di taglio, maggiore
sarà questo errore sulla superficie di scorrimento. Se è necessaria un'elevata
precisione di misura, tale errore dovrà essere eliminato con una finitura eseguita a
bassa accelerazione.
46
6531011,005,11-2009, pvc
9
Serie G3
RM-A
Formule
6.6
Formule
Parametro
Unità di
misura
Nota
vc
Velocità di taglio
m/min
La velocità di taglio dipende dalla fresa e dal materiale.
n
N. giri
giri/min
Con il taglio ad alta velocità (High Speed Cutting) il numero di
giri è molto elevato. Nella maggior parte dei casi, la corsa non
può avvenire con il numero di giri calcolato, dato che le frese
non sono bilanciate e iniziano a oscillare.
d
Diametro della fresa
mm
v
Velocità di avanzamento
mm/s
b
Larghezza del truciolo
mm
z
Numero di taglienti
N. giri
Velocità di taglio
Larghezza del truciolo Velocità di avanzamento
47
6531011,005,11-2009, pvc
9
RM-A
Serie G3
Analisi delle forze
6.7
Analisi delle forze
Importante!
Attenersi ai seguenti principi!
•
Maggiore è l'affilatezza della fresa, minori saranno le forze di taglio.
•
Maggiore è la durezza del materiale, maggiori saranno le forze di taglio.
•
Maggiore è la profondità con la quale la fresa penetra nel materiale, maggiori saranno le forze di taglio. Questa relazione di dipendenza è lineare. In altre parole:
raddoppiando la profondità di taglio, anche le forze di taglio raddoppiano.
Il seguente esempio dimostra come sia più conveniente ridurre la profondità di taglio
(t) e aumentare la velocità di avanzamento e/o la larghezza del truciolo (b).
Fig. 29 Diagramma delle forze
Il diagramma Fig. 29 mostra due curve di forza:
Profondità di
taglio (t)
Unità di misura
6 mm
3 mm
48
6531011,005,11-2009, pvc
9
Serie G3
RM-A
Consigli
6.8
Consigli
6.8.1
Aspetti generali
6.8.2
•
Rispetto a un nuovo utensile, una fresa usata può incrementare la potenza necessaria del mandrino del 30% circa.
•
La base di supporto migliore per la fresa è la "Base di supporto Sealgrip" di Zünd.
Con questa base di supporto si ottiene la massima tenuta.
•
I costi energetici possono essere ridotti sensibilmente coprendo la superficie
aperta e attivando solo le zone di aspirazione necessarie.
Alluminio
Alcuni tipi di alluminio rendono molto difficoltosa l'asportazione dei trucioli. Accertarsi
di utilizzare solo alluminio che possa essere tornito e perforato.
L'alluminio presenta una superficie molto dura, quasi quanto quella del diamante.
Pertanto, durante il primo passaggio eseguire una fresatura di soli 0,1 mm - 0,2 mm
circa. A seconda del tipo di alluminio, utilizzare successivamente una profondità di
0,25 mm - 1,0 mm per passaggio.
6.8.3
Lavorazione di lastre stampate e laminate
Le lastre laminate e/o stampate non devono essere danneggiate durante la
lavorazione.
Perforare i segni di registrazione utilizzati per le lastre. Utilizzare il file di lavorazione
in modo speculare.
Numero di taglienti
Profondità di taglio
Avanzamento
Accelerazione
Risoluzione dei problemi
N. giri
6.9
Formazione di taglienti di
riporto
+
+
-
Cattiva rimozione dei trucioli
+
-
-
-
+/-
-
-
+
+
-
Problema
Vibrazioni, scatti
Scarsa qualità della superficie
-
-
+ ... aumentare
- ... ridurre
49
6531011,005,11-2009, pvc
9
RM-A
Risoluzione dei problemi
Serie G3
50
6531011,005,11-2009, pvc
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement