Istruzioni per l`uso Serie Exacta

Istruzioni per l`uso Serie Exacta
cod. 97050458
Istruzioni per l’uso
Serie Exacta
REVISIONI
Nella tabella seguente vengono elencate le successive edizioni/revisioni del manuale.
Il campo “Descrizione” riporta brevemente l’argomento che è stato oggetto dell’ultima revisione.
Codice
Rev.
Data
Descrizione
D#0BXAB0000X
0
08-03-2010
Prima emissione – LINGUA ORIGINALE
D#0BXAB0000X
1
23-03-2010
Applicazione della Direttiva 93/42/CEE e successive modifiche intervenute
D#0BXAB0000X
2
07-04-2010
Dichiarazione di conformità
D#0BXAB0000X
3
25-02-2011
Adeguamento testi e immagini per versione 2011
97050458
4
02-05-2011
Adeguamenti indirizzi e codifica su manuali d'uso e manutenzione Mocom
97050458
5
22-09-2011
Adeguamento testi e dichiarazione di conformità
97050458
6
16-12-2011
Aggiunto riferimento alla marcatura CE e numero di codice dell’organismo designato
97050458
7
17-01-2012
Adeguamento testi e immagini
97050458
8
05-04-2012
Adeguamento testi e immagini
97050458
9
30-09-2012
Adeguamento testi e immagini
INDICE
INTRODUZIONE.....................................................................................................................................1
DIRETTIVE EUROPEE APPLICABILI.........................................................................................................................................1
DESTINAZIONE D’USO..............................................................................................................................................................1
SCOPO DEL MANUALE.............................................................................................................................................................2
AVVERTENZE GENERALI..........................................................................................................................................................2
CONTENUTO DELL’IMBALLO..............................................................................................................3
DIMENSIONI E PESO.................................................................................................................................................................3
DESCRIZIONE DEL CONTENUTO............................................................................................................................................3
MOVIMENTAZIONE DEL PRODOTTO.......................................................................................................................................4
RIMOZIONE TAPPO DAL FORO DI SFIATO DEL SERBATOIO................................................................................................ 4
PRESENTAZIONE DEL PRODOTTO.....................................................................................................5
INTRODUZIONE.........................................................................................................................................................................5
CARATTERISTICHE GENERALI................................................................................................................................................5
PARTE ANTERIORE...................................................................................................................................................................6
PARTE POSTERIORE................................................................................................................................................................7
PANNELLO COMANDI................................................................................................................................................................8
DISPLAY LCD.............................................................................................................................................................................8
ESEMPIO DI UN CICLO DI FUNZIONAMENTO........................................................................................................................9
INSTALLAZIONE..................................................................................................................................10
INTRODUZIONE.......................................................................................................................................................................10
DIMENSIONI DEL VANO PER L’INCASSO..............................................................................................................................10
PRECAUZIONI GENERALI PER L’INSTALLAZIONE............................................................................................................... 11
COLLEGAMENTI ELETTRICI................................................................................................................................................... 11
COLLEGAMENTO AL DISPOSITIVO DI REGISTRAZIONE DATI DATAFLASH...................................................................... 11
COLLEGAMENTO DIRETTO ALLO SCARICO CENTRALIZZATO.......................................................................................... 12
I
PRIMO AVVIAMENTO..........................................................................................................................13
ACCENSIONE...........................................................................................................................................................................13
TEST AUTOMATICO INIZIALE................................................................................................................................................13
ACQUISIZIONE ED AGGIORNAMENTO AUTOMATICO DEL VALORE DI PRESSIONE AMBIENTE................................... 13
POSIZIONE DI STAND-BY.......................................................................................................................................................14
CARICO DI ACQUA DISTILLATA..............................................................................................................................................15
CARICO MANUALE...................................................................................................................................15
LIVELLO MAX DI ACQUA USATA.............................................................................................................................................16
CONFIGURAZIONE..............................................................................................................................17
INTRODUZIONE.......................................................................................................................................................................17
ATTIVAZIONE ED ENTRATA NEL MODO CONFIGURAZIONE............................................................................................... 17
SIGNIFICATO DEI TASTI IN MODO CONFIGURAZIONE........................................................................................................17
DESCRIZIONE DELLE VOCI DEI MENU.................................................................................................................................19
IMPOSTAZIONI DI DEFAULT....................................................................................................................................................21
IMPOSTAZIONE DELLE OPZIONI DI CONFIGURAZIONE.....................................................................................................21
IMPOSTAZIONE DELLA LINGUA..............................................................................................................21
IMPOSTAZIONE DELLA DATA..................................................................................................................21
IMPOSTAZIONE DELL’ORA......................................................................................................................22
IMPOSTAZIONE DELLA PASSWORD......................................................................................................22
IMPOSTAZIONE DEI PROGRAMMI DI STERILIZZAZIONE..................................................................... 23
IMPOSTAZIONE DELLE MODALITÀ DI STAND-BY................................................................................. 25
IMPOSTAZIONE DELLE MODALITÀ DI STAMPA..................................................................................... 26
ACQUISIZIONE DEL VALORE DI PRESSIONE AMBIENTE..................................................................... 29
REGOLAZIONE DEL CONTRASTO DELLO SCHERMO A CRISTALLI LIQUIDI...................................... 30
USCITA DAL MODO CONFIGURAZIONE................................................................................................................................30
PREPARAZIONE DEL MATERIALE....................................................................................................31
INTRODUZIONE.......................................................................................................................................................................31
TRATTAMENTO DEL MATERIALE PRIMA DELLA STERILIZZAZIONE.................................................................................. 31
DISPOSIZIONE DEL CARICO..................................................................................................................................................32
SELEZIONE DEL PROGRAMMA.........................................................................................................33
INTRODUZIONE.......................................................................................................................................................................33
PROCEDURA............................................................................................................................................................................33
ESECUZIONE DEL CICLO...................................................................................................................35
INTRODUZIONE.......................................................................................................................................................................35
AVVIO DEL CICLO....................................................................................................................................................................35
SVOLGIMENTO DEL CICLO....................................................................................................................................................36
ESITO DEL CICLO....................................................................................................................................................................39
VERIFICA DEL RAPPORTO DEI DATI DEL CICLO.................................................................................................................40
INTERRUZIONE MANUALE DEL CICLO.................................................................................................................................40
CONSERVAZIONE DEL MATERIALE STERILIZZATO.......................................................................42
INTRODUZIONE.......................................................................................................................................................................42
MOVIMENTAZIONE..................................................................................................................................................................42
CONSERVAZIONE....................................................................................................................................................................42
PROGRAMMI DI TEST.........................................................................................................................43
INTRODUZIONE.......................................................................................................................................................................43
CICLO VUOTO TEST................................................................................................................................................................43
II
II
APPENDICE A – CARATTERISTICHE TECNICHE.............................................................................45
TABELLA RIASSUNTIVA...........................................................................................................................................................45
DISPOSITIVI DI SICUREZZA....................................................................................................................................................46
CARATTERISTICHE DELL’ACQUA DI ALIMENTAZIONE........................................................................................................47
APPENDICE B – PROGRAMMI...........................................................................................................48
INTRODUZIONE.......................................................................................................................................................................48
TABELLA RIASSUNTIVA DEI CICLI – EXACTA S....................................................................................................................49
TABELLA RIASSUNTIVA DEI CICLI – EXACTA S2...................................................................................................................49
SCHEMA DEI PROGRAMMI DI STERILIZZAZIONE................................................................................................................50
SCHEMA DEI PROGRAMMI DI TEST......................................................................................................................................53
ESEMPI DI STAMPA DEL RAPPORTO....................................................................................................................................54
APPENDICE C - MANUTENZIONE......................................................................................................55
INTRODUZIONE.......................................................................................................................................................................55
PROGRAMMA DI MANUTENZIONE ORDINARIA....................................................................................................................55
MESSAGGI DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA................................................................................. 55
DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI DI MANUTENZIONE.....................................................................................................57
PULIZIA DELLA GUARNIZIONE E DELL’OBLÒ PER ELIMINARE LE EVENTUALI TRACCE DI CALCARE... 57
PULIZIA DELLE SUPERFICI ESTERNE................................................................................................... 57
PULIZIA DELLA CAMERA DI STERILIZZAZIONE E ACCESSORI........................................................... 57
DISINFEZIONE DELLE SUPERFICI ESTERNE........................................................................................ 57
PULIZIA DEL SERBATOIO INTERNO DI CARICO.................................................................................... 58
MANUTENZIONE DELLA VALVOLA DI SICUREZZA................................................................................ 58
PULIZIA/SOSTITUZIONE DEL FILTRO DI SCARICO............................................................................... 58
SOSTITUZIONE DEL FILTRO BATTERIOLOGICO................................................................................... 59
SOSTITUZIONE DELLA CARTA NELLA STAMPANTE............................................................................. 59
CONVALIDA PERIODICA DELLA STERILIZZATRICE.............................................................................................................60
SMALTIMENTO A FINE VITA....................................................................................................................................................60
APPENDICE D - PROBLEMI GENERALI............................................................................................61
INTRODUZIONE.......................................................................................................................................................................61
ANALISI E RISOLUZIONE DEI PROBLEMI.............................................................................................................................61
APPENDICE E – INDICAZIONI DI ALLARME.....................................................................................64
INTRODUZIONE.......................................................................................................................................................................64
INTERVENTO DELL’ALLARME................................................................................................................................................64
ALLARME DURANTE IL CICLO................................................................................................................64
ALLARME FUORI DAL CICLO..................................................................................................................65
RESET DEL SISTEMA..............................................................................................................................................................66
CODICI DI ALLARME................................................................................................................................................................67
ANALISI E RISOLUZIONE DEI PROBLEMI.............................................................................................................................69
APPENDICE G- DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ.........................................................................73
APPENDICE H – NOTE PER L’OPERATORE.....................................................................................74
APPENDICE Z – ASSISTENZA TECNICA...........................................................................................76
III
III
INTRODUZIONE
Gentile Cliente
nel ringraziarLa per la preferenza accordata, ci auguriamo che le prestazioni di questo prodotto
possano risultare di Sua completa soddisfazione. Troverà descritte nel presente manuale tutte le
procedure per un corretto utilizzo e le indicazioni per il completo sfruttamento delle caratteristiche
dell’apparato. Rimaniamo in ogni caso a completa disposizione per qualsiasi chiarimento, nonché
per ogni suggerimento rivolto al miglioramento del prodotto o del servizio.
Simboli utilizzati
Prestare
dito.
NOTA
particolare attenzione ai paragrafi contrassegnati dal simbolo con il
ATTENZIONE
POTENZIALE PERICOLO PER LE COSE. AGIRE SECONDO LE PROCEDURE INDICATE NEL MANUALE AL FINE DI PREVENIRE POSSIBILI DANNI A MATERIALI, APPARECCHIATURE E/O PROPRIETÀ.
PERICOLO
POTENZIALE PERICOLO PER LE PERSONE.
OPERARE SECONDO LE PROCEDURE INDICATE NEL MANUALE AL FINE DI PREVENIRE POSSIBILI DANNI ALL’UTENTE E/O A TERZI.
PERICOLO
POTENZIALE PERICOLO PER PRESENZA DI ELEVATA TEMPERATURA.
I MATERIALI COMPONENTI LA STERILIZZATRICE DEVONO ESSERE SMALTITI IN
CONFORMITÀ CON LA DIRETTIVA 2002/96/CEE.
Simboli presenti
sull’apparecchiatura
Potenziale pericolo per la presenza di elevata temperatura.
Apparecchiatura conforme alle direttive applicabili.
Simbolo per lo smaltimento ai sensi delle Direttive 2002/95 EC, 2002/96/ EC, e
2003/108/ EC.
Consultare il manuale d’uso.
DIRETTIVE
EUROPEE
APPLICABILI
Il prodotto oggetto di questo manuale è costruito secondo i più elevati standard di sicurezza e
non presenta alcun pericolo per l’operatore se utilizzato secondo le istruzioni di seguito riportate.
Il prodotto è conforme alle seguenti Direttive europee applicabili:
2006/95/CE, per il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati Membri relative agli appa­recchi
a bassa tensione.
2004/108/CE, per il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati Membri relative alla compatibilità elettromagnetica.
93/42CEE DESTINAZIONE
D’USO
e successive modifiche intervenute, concernente i dispositivi medici.
Il prodotto oggetto di questo manuale è destinato esclusivamente alla sterilizzazione di strumenti
chirurgici solidi e cavi riutilizzabili e di materiali porosi.
ATTENZIONE
L’UTILIZZO DELL’APPARATO È STRETTAMENTE RISERVATO A PERSONALE QUALIFICATO. PER NESSUN MOTIVO DEVE ESSERE UTILIZZATO
O MANEGGIATO DA PERSONE INESPERTE E/O NON AUTORIZZATE.
IL DISPOSITIVO NON DEVE ESSERE UTILIZZATO PER LA STERILIZZAZIONE DI FLUIDI, LIQUIDI O PRODOTTI FARMACEUTICI.
1
Note Importanti
NOTA
Le
informazioni contenute nel presente manuale sono soggette a modifiche senza
preavviso.
Il fabbricante non sarà responsabile per danni diretti, indiretti, accidentali, consequenti o relativi alla fornitura od all’uso di tali informazioni.
è vietato riprodurre, adattare o tradurre il presente documento, o parti di esso,
senza previa autorizzazione scritta del fabbricante.
è un marchio registrato.
SCOPO DEL
MANUALE
––
––
––
––
––
––
––
––
––
––
––
AVVERTENZE
GENERALI
Il prodotto deve essere sempre utilizzato in ottemperanza alle procedure contenute nel presente
manuale e mai per scopi diversi da quelli previ­sti.
Il presente manuale ha lo scopo di fornire istruzioni per:
La conoscenza generale del prodotto;
La corretta installazione e configurazione;
Il sicuro ed efficiente utilizzo;
Il trattamento del materiale prima e dopo la sterilizzazione.
Esso fornisce inoltre, nelle appendici:
Le caratteristiche tecniche generali del prodotto;
Le specifiche dei programmi di sterilizzazione;
Le operazioni di manutenzione;
L’analisi dei problemi e la loro soluzione;
Altra documentazione varia.
ATTENZIONE
L’UTENTE È RESPONSABILE DEGLI ADEMPIMENTI LEGALI CORRELATI
ALL’INSTALLAZIONE ED ALL’USO DEL PRODOTTO. QUALORA IL PRODOTTO NON VENGA INSTALLATO OD UTILIZZATO IN MODO CORRETTO,
OPPURE NON VENGA OPERATA UNA ADEGUATA MANUTENZIONE, IL
COSTRUTTORE NON POTRÀ ESSERE CONSIDERATO RESPONSABILE DI
EVEN­TUALI ROTTURE, MALFUNZIONAMENTI, DANNI, LESIONI A COSE
E/O PERSONE
Al fine di evitare situazioni di pericolo, con possibili relativi danni o lesioni a cose e/o persone, si
prega di osservare le seguenti precauzioni:
–– Usare SOLAMENTE acqua distillata di alta qualità.
ATTENZIONE
L’UTILIZZO DI ACQUA DI QUALITÀ INADEGUATA PUÒ DANNEGGIARE,
ANCHE GRAVEMENTE, L’APPARATO.
SI VEDA AL RIGUARDO L’APPENDICE A, CARATTERISTICHE TECNICHE.
––
––
––
––
Non versare sull’apparato acqua od altri liquidi;
Non versare sull’apparato sostanze infiammabili;
Non utilizzare l’apparato in presenza di gas o vapori esplosivi od infiammabili;
Prima di qualsiasi intervento di manutenzione o pulizia TOGLIERE SEMPRE l’alimentazione
elettrica.
PERICOLO
QUALORA NON FOSSE POSSIBILE DISINSERIRE L’ALIMENTAZIONE ELETTRICA DELL’APPARATO E SE L’INTERRUTTORE ESTERNO DI RETE FOSSE
LONTANO O COMUNQUE NON VISIBILE DA CHI ESEGUE LA MANUTENZIONE, APPORRE IL CARTELLO LAVORI IN CORSO SULL’INTERRUTTORE
ESTERNO DI RETE DOPO AVERLO POSIZIONATO IN OFF.
–– Assicurarsi che l’impianto elettrico sia provvisto di messa a terra conforme alle leggi e/o norme in vigore;
–– Non rimuovere alcuna etichetta o targhetta dall’apparato; in caso di necessità richiederne di
nuove.
–– Utilizzare esclusivamente ricambi originali.
ATTENZIONE
LA NON OSSERVANZA DI QUANTO SOPRA DESCRITTO FA DECADERE
OGNI RESPONSABILITÀ DEL PRODUTTORE
2
CONTENUTO
DELL’IMBALLO
DIMENSIONI
E PESO
Al
NOTA
ricevimento del prodotto verificare
che l’imballo sia integro in ogni parte
.
Una volta aperto l’imballo controllare che:
–– la fornitura corrisponda alle specifiche dell’ordine (vedi
documento di accompagnamento);
–– non vi siano danni evidenti al prodotto;
Dimensioni e peso
S
S2
A. Altezza
600 mm
600 mm
B. Larghezza
580 mm
580 mm
C. Profondità
700 mm
800 mm
Peso totale
62 kg
68 kg
In
A
C
B
NOTA
caso di errata fornitura, parti mancanti o danneggiamenti di qualunque tipo, in-
formare immediatamente ed in modo dettagliato il
Rivenditore
ed il trasportatore
che ha effettuato la consegna
DESCRIZIONE DEL
CONTENUTO
6
1
5
7
11
8
4
10
2
3
9
12
13
14
Oltre alla sterilizzatrice l’imballo contiene:
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.
9.
10.
11.
12.
13.
14.
n° 3 vassoi porta strumenti in filo di acciaio inossidabile;
Supporto porta vassoi in filo di acciaio inossidabile;
Documentazione operatore (con CD-ROM);
Filtro di scarico;
Estrattore per vassoi;
Imbuto per carico acqua;
Filtro batteriologico aggiuntivo;
Tubo in gomma con attacco rapido per scarico acqua manuale;
N°4 tappi in gomma;
Raccordo ad angolo girevole da 1/8";
Rotolo di carta di scorta per stampante (opzionale);
Chiave 12mm;
Chiave a brugola (3mm per rimozione tappo posteriore);
Tubo in plastica per scarico diretto acqua, con morsetto di fissaggio.
3
MOVIMENTAZIONE
DEL PRODOTTO
Il prodotto imballato deve essere movimentato utilizzando, ove possibile, opportuni mezzi meccanici (carrello elevatore, transpallet, ecc.) e seguendo le indicazioni riportate sull’imballo.
La sterilizzatrice, una volta estratta dalla scatola, deve essere sollevata da due persone e trasportata mediante un carrello o mezzo analogo.
ATTENZIONE
SI RACCOMANDA DI TRASPORTARE E CONSERVARE L’APPARATO AD
UNA TEMPERATURA NON INFERIORE A 5°C. L’ESPOSIZIONE PROLUNGATA A BASSA TEMPERATURA PUÒ CAUSARE DANNI AL PRODOTTO.
NOTA
Conservare l’imballo originale ed utilizzarlo per ogni trasporto dell’apparato.
L’utilizzo di un imballo diverso potrebbe causare danneggiamenti al prodotto durante la spedizione.
PERICOLO
PRIMA DEL TRASPORTO È NECESSARIO SVUOTARE I SERBATOI DI CARICO DELL’ACQUA DISTILLATA E DI SCARICO DELL’ACQUA ESAUSTA,
DOPO AVER LASCIATO L’APPARATO SPENTO PER CIRCA 30 MINUTI
DOPO L’ULTIMO PROGRAMMA EFFETTUATO, IN MODO DA CONSENTIRE
IL RAFFREDDAMENTO DI TUTTI GLI ELEMENTI INTERNI CALDI.
RIMOZIONE
TAPPO DAL FORO
DI SFIATO DEL
SERBATOIO
Prima di mettere in servizio la sterilizzatrice
provvedere TASSATIVAMENTE alla rimozione del tappo di protezione dal foro di sfiato
del serbatoio dell'acqua distillata.
Utilizzare la chiave a brugola fornita insieme
all'apparecchio ed agire come indicato in figura.
ATTENZIONE
LA MANCATA RIMOZIONE DEL TAPPO CAUSA IL MALFUNZIONAMENTO
DELL'APPARECCHIO CON POSSIBILE DANNEGGIAMENTO DEI COMPONENTI INTERNI.
ACCERTARSI DI AVERE ESEGUITO L'OPERAZIONE SOPRA INDICATA
PRIMA DI INSTALLARE L'APPARECCHIO.
4
PRESENTAZIONE
DEL PRODOTTO
INTRODUZIONE
La serie Exacta è la rivoluzionaria proposta MOCOM nel campo delle piccole sterilizzatrici a
vapore d’acqua di tipo B (EN 13060) nonché il nuovo punto di riferimento in fatto di sicurezza,
prestazioni, flessibilità e facilità d’uso.
E’ un apparecchio sofisticato ma allo stesso tempo di immediato utilizzo che, grazie alle ampie
possibilità di configurazione ed ai dispositivi di funzionamento brevettati, soddisfa ogni esigenza
di sterilizzazione di dispositivi medici, garantendo in ogni condizione le massime prestazioni.
Consente inoltre un migliore approccio da parte dell’utente, che, anziché doversi adattare alla
macchina ed alle sue caratteristiche, è invece in grado di “dialogare” con essa, e di configurarla
in base alle varie esigenze di lavoro.
Grazie anche alla notevole facilità di utilizzo, alle dimensioni contenute ed all’aspetto gradevole
rappresenta così il partner ideale per tutti i professionisti che richiedono la massima sicurezza di
sterilizzazione.
CARATTERISTICHE
GENERALI
Exacta è una sterilizzatrice a vapore d’acqua a controllo elettronico completamente gestita da
microprocessore, con un’ampia camera di sterilizzazione in acciaio inox stampato.
E’ caratterizzata da un avanzatissimo sistema di vuoto frazionato per la completa rimozione
dell’aria anche dai materiali imbustati e da una efficace fase di asciugatura finale sottovuoto in
grado di eliminare ogni traccia di umidità da qualunque carico.
L’esclusivo sistema di generazione del vapore, l’efficace circuito idraulico e la gestione elettronica (integrata da sensori di alta precisione) garantiscono poi una elevata velocità di esecuzione
del processo ed un’eccellente stabilità dei parametri termodinamici.
Inoltre il sistema di autovalutazione del processo (Process Evaluation System) sorveglia costantemente ed in tempo reale tutti i parametri “vitali” della macchina, a garanzia di una sicurezza
assoluta e di un risultato perfetto.
Offre all’utente 6 programmi di sterilizzazione, tutti dotati di asciugatura personalizzabile ed otti­
miz­zati per una efficace e rapi­da sterilizzazione dei diversi tipi di carico (strumenti e materiali)
utilizzati in ambiente medico.
Quattro di questi sono selezionabili direttamente tramite il pannello comandi, caratterizzato da un
layout semplificato di nuovo design.
E’ poi interessante la possibilità di configurazione delle modalità di preriscaldamento (in base alla
frequenza di utilizzo della sterilizzatrice).
Per maggiori dettagli fare riferimento ai Capitoli “Installazione” e “Configurazione”.
La serie Exacta dispone infine dei più completi, sofisticati ed avanzati sistemi di sicurezza oggi
disponibili per garantire l’utente contro ogni eventuale anomalia di funzionamento, elettrica, meccanica, termica o biologica.
NOTA
Per la descrizione dei dispositivi di sicurezza fare riferimento all’Appendice A (Caratteristiche tecniche).
5
PARTE
ANTERIORE
Pannello comandi e
display LCD
Portello
Interruttore di accensione
Pannello di accesso
vano servizio
Fessura uscita carta
stampante
Camera di sterilizzazione
Microinterruttore porta
Sistema di chiusura
motorizzato
Filtro batteriologico
Interfaccia DataFlash
Stampante incassata
(opzionale)
Sportello vano servizi
aperto
Innesto rapido di scarico acqua usata
Innesto rapido di scarico serbatoio acqua distillata (solo SERVICE)
Filtro di scarico
Portello
6
PARTE
POSTERIORE
Foro di sfiato del serbatoio di acqua distillata
Valvola di sicurezza
Scambiatore di calore
Collegamento per lo scarico
diretto del serbatoio di scarico
Termostato di sicurezza a riarmo manuale per resistenza a
fascia (solo per Exacta S2)
Termostato di sicurezza a riarmo manuale
per generatore di vapore
Cavo di alimentazione
Fusibili di rete
7
PANNELLO COMANDI
Schermo a cristalli liquidi (LCD)
Tasti di comando
I tasti del pannello hanno funzione differente in base al modo operativo dell’apparato.
Tasto
Modo NORMALE
Modo CONFIGURAZIONE
Comando START/STOP
del ciclo selezionato
Invio, conferma del valore/opzione selezionati
Selezione del ciclo di sterilizzazione
Incremento valore/scorrimento cursore in
su tra le opzioni di menu
Selezione del ciclo di test
Decremento valore/scorrimento cursore in
giù tra le opzioni di menu
Entrata nel modo Configurazione
ESC, uscita dal menu corrente
4 righe di 20 caratteri
DISPLAY LCD
Icone illuminate
Allarme
Stato Setup
Stato Processo
Stato porta
Livello acqua
8
ESEMPIO DI UN CICLO
DI FUNZIONAMENTO
Il programma di sterilizzazione della serie Exacta può essere efficacemente descritto come una
successione di fasi, ognuna con uno scopo ben preciso.
Ad esempio, il programma standard (per materiali confezionati, 134°C - 4’), dopo il caricamento
del materiale in camera, la chiusura dello sportello, la selezione del programma e l’avvio del ciclo
(con conseguente bloccaggio del meccanismo di apertura della porta), proporrà la seguente sequenza (vedi grafico sotto):
1. preriscaldamento del generatore e della camera di sterilizzazione;
2. rimozione dell’aria mediante l’esecuzione di una fase di vuoto (estrazione del fluido dalla
camera di sterilizzazione);
3. salita in pressione, con conseguente aumento della temperatura del vapore, sino alle condizioni previste per la sterilizzazione (nell’esempio, 134°C);
4. stabilizzazione dei valori di pressione e temperatura;
5. esecuzione del processo di sterilizzazione per il tempo previsto (nell’esempio, 4 minuti);
6. depressurizzazione della camera di sterilizzazione;
7. fase di asciugatura sotto vuoto;
8. fase di ventilazione del carico con aria sterile;
9. livellamento della pressione in camera di sterilizzazione al valore atmosferico.
Raggiunta quest’ultima fase, la porta viene automaticamente sbloccata ed è quindi possibile
rimuovere il carico dalla camera di sterilizzazione.
Va sottolineato come le fasi 1, 2, 3, 4, 6 e 9 siano identiche in tutti i cicli, con modeste variazioni
di durata dipendenti solamente dalla quantità e consistenza del carico e dalle condizioni di riscaldamento della sterilizzatrice, le fasi 5, 7 ed 8 variano invece nettamente la loro configurazione e/o
durata in base al ciclo scelto (e di conseguenza alla tipologia del carico) ed alle predisposizioni
fatte dall’utente.
Pressione (bar)
PROCESSO
2.10
2.00
1.00
Tempo (min)
0.00
-0.75
VUOTO SINGOLO
ASCIUGATURA SOTTO VUOTO
NOTA
Per i dettagli dei vari programmi disponibili fare riferimento all’Appendice B (Programmi).
9
INSTALLAZIONE
INTRODUZIONE
Per un buon funzionamento della sterilizzatrice, la sua conservazione nel tempo e l’utilizzo completo delle sue prestazioni, primo e fondamentale passo è una corretta ed attenta messa in servizio. Tale precauzione evita inoltre possibili malfunzionamenti o danni all’apparato, oppure ancora
di porre in una situazione di eventuale pericolo cose e persone.
Si prega quindi di seguire scrupolosamente le avvertenze riportate nel prosieguo di questo
capitolo.
NOTA
L’Assistenza Clienti (vedi appendice Z) è a disposizione per qualsiasi dubbio od ulteriore informazione.
La sterilizzatrice viene immessa sul mercato solo dopo aver superato tutti i controlli previsti. Non è necessario eseguire alcuna ulteriore tara­tura per la sua
messa in servizio.
Dimensioni e peso
S
S2
A. Altezza
420 mm
420 mm
B. Larghezza (totale)
480 mm
480 mm
C. Profondità (esclusi raccordi
posteriori)
560 mm
660 mm
Peso totale
53 kg
58 kg
B
A
C
Alimentazione elettrica
L’impianto elettrico a cui viene collegata la sterilizzatrice deve essere opportunamente dimensionato in base alle caratteristiche elettriche dell’apparato. I dati di targa sono riportati sul retro
della macchina.
DIMENSIONI DEL
VANO PER
L’INCASSO
Per incassare la sterilizzatrice all’interno di un mobile è
necessario prevedere un adeguato spazio tutto attorno
all’apparato al fine di assicurare una efficace ventilazione, nonché un’ampia apertura nella parte posteriore
che, oltre a consentire il passaggio del cavo di alimentazione, garantisca un’adeguata portata del flusso
d’aria ed un conseguente ottimale raffreddamento
dello scambiatore di calore.
C
B
A
E’ indispensabile che il vano per l’incasso abbia quindi
le seguenti dimensioni minime riportate:
Dimensioni e peso
S
S2
A. Altezza
500 mm
500 mm
B. Larghezza
600 mm
600 mm
C. Profondità
600 mm
700 mm
ATTENZIONE
DIMENSIONI DEL VANO INFERIORI A QUELLE INDICATE POSSONO COMPROMETTERE LA CORRETTA CIRCOLAZIONE DELL’ARIA ATTORNO
ALL’APPARATO E NON GARANTIRE UN ADEGUATO RAFFREDDAMENTO,
CON CONSEGUENTE DECADIMENTO DELLE PRESTAZIONI E/O POSSIBILI DANNEGGIAMENTI
NOTA
Se con l’incasso l’interruttore generale risulta inaccessibile, utilizzare una presa
di corrente che incorpori un interruttore di rete.
Non rimuovere la copertura superiore né altri elementi esterni. Incassare nel vano
l’apparato completo in ogni sua parte.
Per i dati tecnici completi fare riferimento all’Appendice A (Caratteristiche tecniche)
10
PRECAUZIONI
GENERALI PER
L’INSTALLAZIONE
Per assicurare un corretto funzionamento dell’apparato e/o evitare situazioni di rischio, osservare
le seguenti avvertenze:
–– Installare la sterilizzatrice su una superficie piana; agire eventualmente sui piedini posteriori
regolabili per compensare eventuali irregolarità.
–– Accertarsi che il piano di appoggio sia sufficientemente robusto per sostenere il peso dell’apparato (ca. 60 kg);
–– Lasciare un adeguato spazio per la ventilazione (almeno 10 cm per lato) tutto attorno alla sterilizzatrice, in particolare modo nella parte posteriore.
–– Nel caso l’apparato venga incassato entro un mobile accertarsi di aver rispettato le avvertenze
riportate nel precedente paragrafo, evitando ogni possibile ostruzione delle prese d’aria;
–– Non installare la sterilizzatrice troppo a ridosso di vasche, lavelli o luoghi analoghi, evitando
così il contatto con acqua o liquidi. Ciò potrebbe provocare corto circuiti e/o situazioni di potenziale DANGER per l’operatore;
–– Non installare la sterilizzatrice in ambienti caratterizzati da presenza di eccessiva umi­dità oppure scarsamente arieggiati;
–– Non installare la macchina in ambienti con presenza di gas o vapori infiammabili e/o esplosivi;
–– Installare l’apparato in maniera che il cavo di alimentazione non risulti piegato o schiacciato.
Esso deve poter scorrere liberamente fino alla presa elettrica.
–– Installare l’apparato in maniera che le eventuali tubazioni di carico/scarico esterne non risultino
piegate o schiacciate. Esse devono poter scorrere liberamente fino alla tanica di scarico.
COLLEGAMENTI
ELETTRICI
La sterilizzatrice deve essere collegata, in accordo con le leggi e/o norme vigenti, ad una presa
dell’impianto elettrico di portata adeguata all’assorbimento dell’apparato e dotata di messa a
terra.
La presa deve essere opportunamente protetta tramite interruttori magneto-termico e differenziale aventi le seguenti caratteristiche:
–– Corrente nominale In
16 A
–– Corrente differenziale IDn
0,03 A
ATTENZIONE
IL COSTRUTTORE NON RISPONDE DEI DANNI CAUSATI DALL’INSTALLAZIONE DELLA STERILIZZATRICE CON IMPIANTI ELETTRICI NON ADEGUATI E/O NON DOTATI DI MESSA A TERRA.
Nel caso ci si trovi nella necessità di sostituire la spina del cavo di alimentazione, utilizzarne una
di pari caratteristiche o comunque adeguata alle caratteristiche elettriche dell’apparato. La scelta
e la sostituzione della spina è sotto la completa responsabilità dell’utente.
NOTE
Collegare sempre il cavo di alimentazione direttamente alla presa di corrente.
Non utilizzare prolunghe, adattatori od altri accessori.
COLLEGAMENTO
AL DISPOSITIVO DI
REGISTRAZIONE
DATI DATAFLASH
La sterilizzatrice può essere collegata al dispositivo esterno DATAFLASH, che offre la possibilità
di registrare i dati del ciclo e poterli gestire su PC.
Si utilizzano i connettori presenti nel vano servizio.
Per ulteriori informazioni riferirsi al manuale d’uso del software DataFlash fornito a corredo del
dispositivo di registrazione.
11
COLLEGAMENTO
DIRETTO ALLO
SCARICO
CENTRALIZZATO
Per evitare di svuotare periodicamente il serbatoio interno dell’acqua usata è possibile collegarlo
direttamente ad un punto di scarico centralizzato.
–– Inserire sul raccordo A il tubo, completo di morsetto per il fissaggio al sifone di scarico (fornito
in dotazione); collegare il tubo sul raccordo bloccandolo con l'apposita ghiera.
–– Tagliare a misura il tubo, calzare l’estremità libera al raccordo dello scarico centralizzato bloccandolo con l'apposita ghiera.
Verificare
NOTA
che il percorso del tubo sia senza piegature, schiacciamenti od ostru-
zioni di sorta.
I componenti vanno indicativamente disposti secondo lo schema seguente:
Raccordo A
Tubo
Al punto di scarico
centralizzato
Piano di
appoggio
Morsetto
Sifone di scarico
Questo punto deve essere ad un’altezza inferiore
rispetto al piano d’appoggio
NOTA
Il raccordo del punto di scarico centralizzato deve essere ad un livello inferiore
del piano di appoggio della sterilizzatrice. In caso contrario potrebbe essere compromesso il corretto svuotamento del serbatoio.
12
PRIMO
AVVIAMENTO
Una volta che la sterilizzatrice è stata correttamente installata procedere alle operazioni di inizializzazione.
ACCENSIONE
Accendere la sterilizzatrice agendo sull’interruttore generale (luminoso) posto sul lato destro della
macchina.
NOTA
Effettuare tale operazione con la porta della sterilizzatrice aperta.
TEST
AUTOMATICO
INIZIALE
All’accensione si illumina completamente il display del pannello di comando accompagnato da un
segnale acustico, onde consentire una verifica visiva del suo corretto funzionamento. Successivamente sul display apparirà il messaggio:
N° di serie apparecchiatura
Versione Firmware
E X A C T A
S
E x x x x / B X y y y y y
1 0 B X 0 0 0 1
V E R I F I C A D I S P O S I T I V O
R .
NOTA
Qualora la porta fosse chiusa, il test viene interrotto. Sul display appare il seguente messaggio, accompagnato da un segnale acustico.
A P R I R E L A P O R T A
P E R C O N T I N U A R E
Aprire la porta per consentire la prosecuzione del test. Al termine del test appare la scritta:
E X A C T A
S
E x x x x / B X y y y y y
1 0 B X 0 0 0 1
V E R I F I C A C O M P L E T A T A
R .
ACQUISIZIONE ED
AGGIORNAMENTO
AUTOMATICO DEL
VALORE DI
PRESSIONE
AMBIENTE
Per il funzionamento corretto di alcuni dispositivi ausiliari, la sterilizzatrice rileva il valore della
pressione ambiente. Qualora la differenza tra il valore letto e quello memorizzato in precedenza
(vedi Capitolo “Configurazione”, paragrafo “Acquisizione del valore di pressione ambiente”)
risulti superiore ad un valore predefinito, il sistema, dopo un breve tempo di attesa, aggiorna
automaticamente il valore memorizzato. In caso contrario il dato rimane inalterato senza alcun aggiornamento. Dopo l’aggiornamento, l’apparato esegue il test automatico iniziale (vedi
paragrafo precedente). Al termine appare sul display il seguente avviso (accompagnato da un
segnale acustico):
V A L O R E P R E S S I O N E
A M B I E N T E A G G I O R N A T O
- 0 . 0 1 b a r
↵
p e r
c o n t i n u a r e
Premendo il tasto ↵ si passa alla posizione di STAND-BY (vedi paragrafo seguente).
13
POSIZIONE DI
STAND-BY
Una volta completato il test iniziale, la sterilizzatrice si mette in stato STAND-BY ed il display
propone la seguente schermata:
C / c i c l
S t a
2 3 . 6
- 0 . 0 1
i x x x x x / y y y y y
n d - b y A L T O
° c
0 1 / 0 2 / 1 0
b a r 1 8 : 1 3 : 0 5
Nella riga superiore appare il valore del contatore dei cicli di sterilizzazione eseguiti, con a sinistra il numero di cicli correttamente completati ed a destra il numero totale di quelli lanciati, e nella
riga sotto lo stato Stand-by e la modalità del preriscaldamento (Alto-Basso-Spento). Nelle due
righe inferiori troviamo rispettivamente, a sinistra i valori di temperatura e pressione nella camera
di sterilizzazione con a destra la data e l’ora correnti.
NOTA
Il ciclo viene considerato iniziato con l’avvio del ciclo di sterilizzazione (prima fase
di vuoto), escludendo la fase di preriscaldamento. Il ciclo viene considerato completato al raggiungimento dell’ultima fase del programma (vedi Capitolo “Esecuzione del programma”).
Per l’impostazione di data/ora, nonché per la scelta delle modalità di preriscaldamento, stampa dei dati e riempimento del serbatoio, fare riferimento al Capitolo
“Configurazione”.
Ad intervalli regolari, le prime due righe del display si alternano con le indicazioni delle modalità
impostate di stampa (Attiva-Non attiva) e di rabbocco (Manuale-Automatico):
S t a m
R a b b o
2 3 . 6
- 0 . 0 1
p a A T T I V A T A
c c o M A N U A L E
° C
0 1 / 0 2 / 1 0
b a r 1 8 : 1 3 : 0 5
Le icone presenti nella parte inferiore dello schermo a cristalli liquidi restano tutte spente, ad
eccezione degli indicatori dello stato della porta e/o di livello acqua, che si illuminano se la porta
è chiusa e/o il livello del serbatoio di carico è ai valori MIN o MAX (oppure il livello è MAX nel
serbatoio di scarico).
Alla prima messa in servizio, l’icona di livello MIN del serbatoio di carico risulterà normalmente
accesa.
L’apparato rimane così in attesa della selezione del programma di sterilizzazione desiderato (vedi
Capitolo “Selezione del programma”).
PERICOLO
IN CONDIZIONE DI STAND-BY E CON PORTA APERTA, UN AVVISO ACUSTICO SEGNALA CHE LE SUPERFICI INTERNE DELL’APPARATO SI
TROVANO AD ELEVATA TEMPERATURA.
PER EVITARE USTIONI, PRESTARE ATTENZIONE A NON TOCCARE
CON MANI NUDE LA CAMERA DI STERILIZZAZIONE, LA DOTAZIONE
NELLA CAMERA O L’INTERNO DELLA PORTA.
14
CARICO DI ACQUA
DISTILLATA
Carico manuale
Al primo utilizzo della sterilizzatrice, e successivamente quando l’icona di livello MIN dell’acqua
si accende, è necessario provvedere al riempimento o rabbocco del serbatoio di acqua distillata.
Agire nel modo seguente (a macchina accesa), con riferimento alla figura:
1. Rimuovere il tappo in gomma;
2. Inserire nella bocca di carico l'imbuto di riempimento
fornito in dotazione;
3. Versare lentamente l'acqua distillata nell'imbuto sino a
che l'icona MIN si spegne
;
4. Continuare nell'operazione di riempimento fino al raggiungimento del livello massimo dell'acqua nel serbatoio di carico, indicato dall'accensione dell'icona MAX
accompagnata da una segnalazione acustica.
Interrompere
immediatamente
il
riempimento; in nessun caso superare la scritta MAX posta alla base della bocca di carico.
Fate attenzione a non rovesciare acqua sulla macchina; nel caso, asciugare prontamente.
5. Rimuovere l'imbuto dalla bocca di carico;
6. Rimettere nella sede il tappo in gomma.
NOTA
Per avviare il programma di sterilizzazione non è necessario che sia accesa l’icona
di livello MAX. E’ sufficiente che sia spenta l’icona di livello MIN.
15
LIVELLO MAX DI
ACQUA USATA
Quando il livello dell’acqua nel serbatoio interno o nella tanica esterna di acqua usata raggiunge
il livello MAX, sul display a cristalli liquidi si illumina l’icona di livello dell’acqua alternando i simboli
di MAX e MIN.
NOTA
In questa condizione, se si tenta di lanciare un ciclo di sterilizzazione, l’apparato
genera una segnalazione di allarme (vedi Appendice E - Allarmi).
Provvedere allo svuotamento del serbatoio interno o della tanica esterna di acqua usata.
Scarico del serbatoio
interno di acqua usata
Rimozione del tubo
Aprire la porta e procedere nel modo seguente:
1. Predisporre una bacinella di capacità almeno 4
litri in prossimità della sterilizzatrice; mettere nella bacinella l’estremità libera del tubo di scarico
in dotazione;
2. Inserire l’altra estremità del tubo nel raccordo
femmina sotto l’imbocco della camera (connettore di destra marcato con il simbolo
) spingendo in fondo fino a sentire un click;
3. Lasciare svuotare completamente il serbatoio,
quindi premere sulla levetta metallica del raccordo e staccare l’attacco rapido del tubo.
H2O
H2O
SERVICE
OUT
16
CONFIGURAZIONE
INTRODUZIONE
La serie Exacta offre una possibilità di personalizzazione mai offerta prima da alcuna sterilizzatrice a vapore. L’utente può così dettagliatamente configurare l’apparato in base alle proprie
esigenze, adattandone quindi le prestazioni in base, ad esempio, al tipo di attività svolta, al tipo
di materiale da sterilizzare ed alla frequenza di utilizzo.
Mediante il programma di Configurazione l’utente può impostare una serie di opzioni disponibili
all’interno di menù di facile consultazione ed intuitivo utilizzo.
NOTA
Utilizzate il programma di Configurazione ogni volta che lo ritenete necessario.
Una corretta personalizzazione dell’apparato permette di ottenere prestazioni migliori e massima soddisfazione nell’utilizzo.
L’Assistenza Clienti (vedi Appendice Z)
è a disposizione degli utenti per fornire
suggerimenti o consigli sul migliore utilizzo delle opzioni disponibili nel programma
di
ATTIVAZIONE ED
ENTRATA NEL MODO
CONFIGURAZIONE
Configurazione.
Per attivare il programma di CONFIGURAZIONE tenere premuto per qualche secondo il tasto ⇑
sul pannello comandi, fino a quando il display visualizza:
E X A C T A S
C O N F I G U R A Z I O N E
↵
⇑
p e r
p e r
e n t r a r e
u s c i r e
NOTA
L’icona SETUP sul display si illumina e resta attiva per tutta la durata della fase
di configurazione.
Premere il tasto ↵ per entrare nel modo CONFIGURAZIONE. Il display visualizza il menu principale di primo livello (vedi paragrafo Schema dei menu di CONFIGURAZIONE).
Premere il tasto ⇑ per uscire dal programma CONFIGURAZIONE e tornare al funzionamento
normale (macchina in modo STAND-BY).
NOTA
Il modo CONFIGURAZIONE è attivabile solamente con macchina in modo STANDBY. Non è possibile attivarlo mentre la macchina esegue i cicli di sterilizzazione o
di test.
SIGNIFICATO DEI TASTI
In modo CONFIGURAZIONE i tasti del pannello comandi hanno funzione diversa rispetto a quelIN MODO
la con macchina in funzionamento normale.
CONFIGURAZIONE
Tasto
Modo CONFIGURAZIONE
ENTER, conferma dell’opzione selezionata
Incremento valore/scorrimento verso l'alto delle voci di
menu
Decremento valore/scorrimento verso il basso delle voci
di menu
ESC, uscita dall’opzione di menu selezionata
17
MILLENNIUM S
SETUP
↵ to continue
⇑ to exit
1st MENU
LEVEL
2nd MENU
LEVEL
3rd MENU
LEVEL
4th MENU
LEVEL
5th MENU
LEVEL
MILLENNIUM
EXACTA S
Schema dei menu di configurazione
NOTE
LANGUAGE
ITALIANO
DATE SETTING
ENGLISH
INSERT PASSWORD
***************
CONFIRM PASSWORD
***************
↵ to enter
⇑ to exit
↵ to enter
⇑ to exit
TIME SETTING
FRANCAIS
PASSWORD
DEUTSCH
134c SOLID
STANDARD DRYING
EXIT
ESPANOL
121c SOLID
FAST DRYING
134c EMERGENCY
EXIT
EXIT
BASIC
dd/mm/yyyy
+/- to set
↵ to enter
⇑ to exit
STANDARD DRYING
134c WRAPPED
INTELL. DRYING
121c WRAPPED
hh:mm:ss
EXTRA DRYING
+/- to set
↵ to enter
⇑ to exit
EXIT
134c PRION
TIME: XX min
+/- to set
↵ to enter
⇑ to exit
DISABLED
ANY POWER ON
ANY CYCLE START
Con la selezione dell’ultima OPZIONE disponibile del menu
(o confermando con la voce registrazione) si ritorna
al livello di menu precedente.
EXTRA: XX min
+/- to set
↵ to enter
⇑ to exit
starting
from 01’
starting
from 18’
EXIT
EXIT
ADVANCED
PROGRAMS
1st PRESET
STANDBY OPTIONS
2nd PRESET
OFF
PRINT OPTIONS
3rd PRESET
LOW
FILLING OPTIONS
4th PRESET
HIGH
DRAIN OPTIONS
EXIT
EXIT
EXIT
TYPE 1
ST-BY MODE
EXIT
PRINTER
OFF
CR+LF TYPE
REPORT
INTERNAL
CR TYPE (+FF)
EXIT
EXTERNAL
CR+LF TYPE (+FF)
EXIT
EXIT
ST-BY TIMEOUT
(OPTION)
TYPE 2
TIMEOUT: XXX min
+/- to set
↵ to enter
⇑ to exit
AUTOMATIC
MANUAL
EXIT
EXIT
CR TYPE
PRINTOUT MODE
AT CYCLE END
NR. COPIES
STEP BY STEP
PRINT LAST
EXIT
EXIT
COPIES: XX
+/- to set
↵ to enter
⇑ to exit
REPORT
PRINT
NOW PRINTING
THE REPORT
NORMAL PRINT
EXTENDED PRINT
PLEASE WAIT...
EXIT
SPECIAL
AMBIENT PRESSURE
ACQUISITION OF THE
AMBIENT PRESSURE
↵ to enter
⇑ to exit
LCD CONTRAST
EXIT
SERVICE
ONLY AVAILABLE FOR
MOCOM SERVICE
REVIEW
Firmware release
Exxxx / BHyyyyyy
+/to scroll
1st PRESET
ENGLISH
Date
2nd PRESET
121c WRAPPED
STANDARD DRYING
Time
hh:mm:ss
MILLENNIUM S
EXIT SETUP?
↵ to confirm
⇑ to resume
NO
PRESSURE VALUE
SET INTO MEMORY
confirm
EXIT SETUP AND
GO TO STAND-BY MODE
resume
BACK TO
1st MENU LEVEL
time
limited
(+ beep)
WARNING!
ADJUSTMENT OF THE
LCD CONTRAST
dd/mm/yyyy
EXIT SETUP
YES
OPEN THE DOOR
TO CONTINUE
+/- to set
⇑ to exit
134c WRAPPED
STANDARD DRYING
Language
Is the door
open?
+/to scroll
3rd PRESET
134c SOLID
STANDARD DRYING
+/to scroll
Stand by option
HIGH
120 min
4th PRESET
Print option
134c EMERGENCY
FAST DRYING
OFF
1 copy
18
+/to scroll
Filling option
MANUAL
Drain option
INTERNAL
EXIT
REVIEW
to confirm
DESCRIZIONE DELLE VOCI DEI MENU
Descriviamo ora il significato delle varie voci contenute nel menù principale e nei menù di secondo livello.
Menù PRINCIPALE
Il menù Principale presenta 6 voci che aprono ulteriori menù (secondo livello):
BASE
(opzioni base)
AVANZATO
(opzioni avanzate)
SPECIALE
(opzioni speciali)
ASSISTENZA(menù non accessibile all’utente)
REVISIONE DATI
(riepilogo delle opzioni selezionate)
USCITA
(uscita dal modo Configurazione e ritorno al funzionamento normale.
Vedi paragrafo Uscita dal modo CONFIGURAZIONE)
Le
NOTA
modalità operative per l’impostazione delle varie voci di menu sono contenute
nel paragrafo
“Impostazione delle opzioni di Configurazione”.
Menù BASE
Il menù Base (opzioni di base) è composto dalle voci:
LINGUA
IMPOSTAZ. DATA
IMPOSTAZ.ORA
PASSWORD
USCITA
(impostazione della lingua)
(impostazione della data corrente);
(impostazione dell’ora corrente)
(impostazione password)
(uscita dal menù BASE e ritorno al menù principale)
Menù AVANZATO
Il menù Avanzato (opzioni avanzate) è composto dalle voci:
PROGRAMMI
OPZIONI ST-BY
OPZIONI STAMPA
OPZIONI RABBOCCO
OPZIONI SCARICO
USCITA
(impostazione dei programmi di sterilizzazione predefiniti e indicati
su display LCD)
(impostazione della modalità di stand-by)
(impostazione della stampante e delle opzioni di stampa)
(impostazione delle modalità di rabbocco del serbatoio dell’acqua
distillata)
(impostazione delle modalità di svuotamento del serbatoio dell’acqua usata)
(uscita dal menù AVANZATO e ritorno al menù principale)
Menù SPECIALE
Il menù Speciale (opzioni speciali) è composto dalle seguenti voci:
PRESS. AMBIENTE
CONTRASTO LCD
USCITA
(acquisizione del valore di pressione ambiente)
(regolazione del contrasto dello schermo a cristalli liquidi)
(uscita dal menù SPECIALE e ritorno al menù principale)
Menù ASSISTENZA
Il menù Assistenza è accessibile ESCLUSIVAMENTE dal Servizio Assistenza Tecnica.
Menù REVISIONE DATI
Il menù Revisione Dati visualizza il riepilogo delle impostazioni correnti dell’apparato, permettendo così all’utente di verificarne l’esattezza.
Si hanno le seguenti schermate (riportate a titolo di esempio):
19
E X A C T A S
R . E x x x x / B X y y y y y y
L I N G U A
I T A L I A N O
Usare i tasti +
1 °
/ - per scorrere il menu
P R O G R A M M A
2 °
1 3 4 ° C I M B U S T A T I
A S C I U G A T U RA
NORMALE
Usare i tasti +
3 °
A S
RA
1 2 1 ° C I M B U S T A T I
A S C I U G AT U R A N O R M A LE
4 °
1 3 4 ° C S O L I D I
C I U G A T U NORMALE
O p z i o n e
P R O G R A M M A
/ - per scorrere il menu
P R O G R A M M A
Usare i tasti +
D A T A
g g / m m / a a a a
O R A
h h : m m : s s
P R O G R A M M A
1 3 4 ° C E M E R G E N Z A
A S C I U G AT U R A R A P I D A
/ - per scorrere il menu
s t a n d - b y
A LTO
1 2 0 m i n
O p z i o n e
1
Usare i tasti +
s t a m p a
INTERNA
c o p i a ( e )
/ - per scorrere il menu
O p z i o n e r a b b o c c o
A U T O M A T I C O
Opzione carico
I N T E R N O
Usare i tasti +
/ - per scorrere il menu
U S C I T A
R E V I S I O N E D A T I
↵
p e r
c o n f e r m a r e
Premere ↵ per confermare
NOTA
Per il significato dei termini indicati si veda il paragrafo “Impostazione delle opzioni
di Configurazione”.
20
IMPOSTAZIONI DI
DEFAULT
La sterilizzatrice esce dalla fabbrica con le seguenti impostazioni:
data corrente
ora corrente
DATA:
ORA:
PROGRAMMI:
1° programma:
2° programma: 3° programma:
4° programma:
134°C IMBUSTATI (asciugatura NORMALE)
121°C IMBUSTATI (asciugatura NORMALE)
134°C PRIONE (asciugatura NORMALE)
134°C EMERGENZA
NOTA
I programmi indicati devono essere considerati come impostazioni preferenziali.
Sono comunque possibili altre combinazioni in base ai mercati di destinazione.
OPZIONI ST-BY:
ALTA (preriscaldamento)
OPZIONI STAMPA:
OFF (INTERNA 1 copia, con stampante opzionale)
OPZIONI RABBOCCO:
MANUALE
OPZIONI SCARICO:
INTERNO
IMPOSTAZIONE
DELLE OPZIONI DI
CONFIGURAZIONE
Analizziamo ora nel dettaglio come impostare le varie opzioni disponibili, procedendo nell’ordine
esposto nel paragrafo precedente.
Impostazione della lingua
(voce LINGUA del menù
BASE)
Selezionando con il tasto ↵ la voce LINGUA, si avrà il seguente menu:
→
E
F
D
E
I T A L I A N O
N G L I S H
­
R A N Ç A I S
E U T S C H
S P A Ñ O L
+
↑
↓
-
Scegliere la lingua desiderata.
Muoversi per mezzo dei tasti + o – e confermare con il tasto
volta data la conferma si torna al menù di secondo livello.
↵ per memorizzare la scelta. Una
NOTA
Non appena confermata la scelta, il menù sarà presentato nella lingua impostata.
Impostazione della data
(voce IMPOSTAZ. DATA del
menù BASE)
Selezionando con il tasto ↵ la voce IMPOSTAZ. DATA, si ottiene la seguente schermata:
+ / -
↵
⇑
g g / m m / a a a a
p e r r e g o l a r e
p e r
r e g i s t r a r e
p e r
u s c i r e
Effettuare le seguenti operazioni:
–– Il giorno lampeggia: regolare sulla data corrente con i tasti + e -. Confermare con ↵.
–– Il mese lampeggia: regolare sul mese corrente con i tasti + e -. Confermare con ↵.
–– L’anno lampeggia: regolare sull’anno corrente con i tasti + e -. Confermare con ↵.
La data viene memorizzata.
Una volta data l’ultima conferma si torna al menù di secondo livello.
21
Impostazione dell’ora
(voce IMPOSTAZ. ORA del
menù BASE)
Selezionando con il tasto ↵ la voce IMPOSTAZ. ORA, si ottiene la seguente schermata:
+ / -
↵
⇑
p e r
h h : m m : s s
r e g o l a r e
p e r
r e g i s t r a r e
p e r
u s c i r e
Effettuare le seguenti operazioni:
–– Le ore lampeggiano: regolare sull’ora corrente con i tasti + e -. Confermare con ↵.
–– I minuti lampeggiano: regolare sul valore corrente con i tasti + e -. Confermare con ↵.
L’ora viene memorizzata. Una volta data l’ultima conferma si torna al menù di secondo livello.
Impostazione della password
(voce PASSWORD del menù
BASE)
Selezionando con il tasto ↵ la voce PASSWORD, appare un ulteriore menù:
→
D I S A B I L I T A T A
O G N I
+
A C C E N S I O N E
O G N I A V V I O
U S C I T A
C I C L O
-
­↑
↓
Scegliere DISABILITATA per utilizzare l’apparato liberamente, senza alcuna limitazione di accesso per l’operatore.
Scegliere OGNI ACCENSIONE per proteggere la macchina con una password da inserire all’atto
della sua accensione tramite l’interruttore generale.
Questo fa sì che la macchina possa essere avviata solo da personale autorizzato, ma in seguito
utilizzata senza limitazioni anche da altre persone.
Scegliere OGNI AVVIO CICLO per proteggere la sterilizzatrice con una password da inserire sia
all’accensione che all’avvio di ogni programma di sterilizzazione.
Solo il personale autorizzato sarà così in grado di utilizzare l’apparato.
NOTA
L’inserimento di una password garantisce un utilizzo più controllato dell’apparato, ma nel contempo lo rende inevitabilmente più macchinoso. Per non complicare
inutilmente l’utilizzo, si consiglia perciò di attivare questa opzione solo in caso di
reale bisogno.
Scegliendo le opzioni OGNI ACCENSIONE oppure OGNI AVVIO CICLO verrà proposta la seguente schermata:
I N S E R I R E
↵
p e r
⇑
P A S S W O R D
r e g i s t r a r e
p e r
u s c i r e
Inserire la password utilizzando i tasti + e – (lunghezza fissa, 8 caratteri).
Confermare con il tasto ↵. Successivamente comparirà il messaggio:
C O N F E R M A R E
S W O R D
↵
p e r
⇑
P A S -
r e g i s t r a r e
p e r
u s c i r e
Immettere nuovamente la password utilizzando i tasti + e –. Confermare con il tasto ↵.
22
Impostazione dei programmi
di sterilizzazione
(voce PROGRAMMI del menù
AVANZATO)
Per
NOTA
modificare la password, selezionare prima l’opzione
DISABILITATA per canOGNI ACCENSIONE oppure OGNI AVVIO CICLO e inserire la nuova password secondo le indicazioni sopra descritte.
cellare la parola chiave precedente, quindi selezionare le opzioni
L’impostazione dei programmi da parte dell’utente e la loro associazione a quattro posizioni predefinite selezionabili a display, avviene in più fasi e attraverso differenti menù.
Ogni posizione può essere associata ad uno dei cicli standard disponibili o al ciclo personalizzato (UTENTE).
Vediamo separatamente i due casi.
Per associare un ciclo standard e definire alcuni suoi parametri, operare come segue:
1. Selezionando con il tasto ↵ la voce PROGRAMMI, si accede al seguente menù:
→
1 ° P R O G R A M M A
° P R O G R A M M A
° P R O G R A M M A
° P R O G R A M M A
S C I T A
2
3
4
U
↑­
↓
-
+
­
Selezionare con i tasti + e - la posizione (1, 2, 3 o 4) alla quale associare il ciclo di sterilizzazione.
Confermare con il tasto ↵.
2. Appare l’elenco dei cicli disponibili:
→
1
1 2
1 3
1 3
3
1
4
4
4 ° C S O L I D I
+
­
° C S O L I D I
↑­
° C E M E R G E N Z A
° C I M B U S TAT I
-
1 2 1 ° C
1 3 4 ° C
↓
I M B U S T A T I
P R I O N E
U S C I T A
Tramite i tasti + e - scorrere la lista sino ad individuare il ciclo di sterilizzazione desiderato.
3. Confermare la scelta con il tasto ↵.
Selezionando il ciclo PRIONE, viene proposta la schermata per la scelta del tempo di sterilizzazione.
+ / -
↵
⇑
T E M P O : X X m i n
p e r r e g o l a r e
p e r
r e g i s t r a r e
p e r
u s c i r e
E’ possibile impostare un valore da 18 a 30 minuti.
23
In funzione delle scelte effettuate si accede a due menù alternativi che permettono di selezionare
il tipo di asciugatura da associare al programma scelto.
a) Cicli con asciugatura corta (CAVI, SOLIDI, EMERGENZA):
→
A S C I U G . N O R M A L E
A S C I U G . R A P I D A
↑­
U S C I T A
↓
-
+
­
E’ possibile scegliere le modalità NORMALE (impostazione di default) oppure RAPIDA (asciugatura ridotta, consigliata in caso di carico ridotto). Muoversi per mezzo dei tasti + e - e confermare
con il tasto ↵.
NOTA
Il ciclo EMERGENZA prevede la sola asciugatura RAPIDA.
b) Cicli con asciugatura lunga (IMBUSTATI, PRIONE):
→
A S C
A S C I
A S C I
U S C I
I U G . N O R M A L E
U G . I N T E L L .
↑­
U G . E X T R A
↓
T A
-
+
­
E’ possibile scegliere le modalità NORMALE (impostazione di default), INTELLIGENTE (asciugatura automatica che adegua la propria durata, inferiore o superiore rispetto all’asciugatura standard, in base al volume e/o quantità e tipologia del carico) oppure
EXTRA (asciugatura estesa, prolungata di un valore selezionabile, consigliata per carichi critici).
Muoversi per mezzo dei tasti + e - e confermare con il tasto ↵.
Con
NOTA
carichi consistenti o materiali particolari l’opzione
rantire un risultato perfetto.
modalità
EXTRA.
Prolungare
NORMALE
può talvolta non ga-
in tal caso la fase di asciugatura utilizzando la
Attivando l’opzione EXTRA, viene proposta la seguente schermata:
+ / -
↵
⇑
E X T R A : X X m i n
p e r r e g o l a r e
p e r
r e g i s t r a r e
p e r
u s c i r e
che permette di impostare la durata dell’asciugatura extra tra 1 e 15 minuti (tempo sommato al
tempo di asciugatura NORMALE). Regolare e poi confermare con il tasto ↵.
NOTA
La selezione effettuata è modificabile in qualunque momento eseguendo nuovamente
la procedura sopra descritta.
Qualora lo stesso ciclo di sterilizzazione sia già presente in un’altra posizione di
programma, la scelta non sarà accettata. Sul display apparirà il seguente avviso,
accompagnato da segnalazione acustica:
Q U E S T O P R O G R A M M A
E ' G I A ' P R E S E N T E
NOTA
La lingua dei cicli disponibili, i loro diagrammi e le caratteristiche dei materiali
sterilizzabili (in relazione ai cicli) sono contenuti nell' Appendice B (programmi).
24
Per definire il ciclo UTENTE da associare ad una delle posizioni di programma (1, 2, 3 o 4) procedere come segue:
1. Selezionare la voce PROGRAMMI , selezionare il numero di programma a cui si desidera
associare il ciclo (vedi quanto descritto in precedenza) e quindi selezionare la voce UTENTEnella schermata successiva; si accede al seguente menù:
→
P R O C E S S O A 1 3 4 ° C +
­
P R O C E S S O A 1 2 1 ° C ↑­
U S C I T A
↓
-
Scegliere 121°C per effettuare un ciclo UTENTE con processo di sterilizzazione a 121°C oppure
134°C con processo a 134°C. Muoversi con i tasti + e -, confermare con il tasto ↵.
2. Appare quindi la schermata:
+ / -
↵
⇑
T E M P O : X X m i n
p e r r e g o l a r e
p e r
r e g i s t r a r e
p e r
u s c i r e
Agire sui tasti + e - per regolare durata del processo di sterilizzazione e confermare con il tasto ↵.
NOTA
La durata del processo di sterilizzazione è variabile tra 4 e 30 minuti per il ciclo a
134°C, e tra 20 e 30 minuti per il ciclo a 121°C.
3. Appare il successivo menù per la scelta del tipo di vuoto iniziale:
→
V U O T O F R A Z I O N A T O
V U O T O S I N G O L O
↑­
U S C I T A
↓
-
­+
Scegliere FRAZIONATO per eseguire un vuoto frazionato (indispensabile per la sterilizzazione di
corpi cavi e materiali porosi), oppure SINGOLO per avere una singola fase di vuoto preliminare
(strumenti solidi). Muoversi con i tasti + e - , confermare con il tasto ↵.
4. Appare un ulteriore menù per le modalità di asciugatura:
→
A S C I U G . C O R T A
A S C I U G . L U N G A
U S C I T A
↓
-
↑­
+
­
Scegliere LUNGA per un’asciugatura adatta per carichi porosi e/o imbustati, oppure
CORTA per la sterilizzazione di materiali solidi sciolti (anche cavi purché non imbustati). Muoversi
con i tasti + e - , confermare con il tasto ↵.
25
5. A seconda della scelta fatta (CORTA oppure LUNGA) si aprono due menù differenti identici a
quelli già descritti per i cicli standard, e cioè:
–– Nella modalità CORTA viene proposto:
→
A S C I U G . N O R M A L E
A S C I U G . R A P I D A
↑­
U S C I T A
↓
-
+
­
–– Nella modalità LUNGA viene proposto:
→
A S C
A S C I
A S C I
U S C I
I U G . N O R M A L E
U G . I N T E L L .
↑­
U G . E X T R A
↓
T A
-
+
­
–– Per i criteri di selezione, valgono quelli riportati a pagina 26.
Se
il ciclo
UTENTE
NOTA
è già presente in un’altra posizione, la scelta non viene ac-
cettata e sul display apparirà il seguente avviso, accompagnato da segnalazione
acustica:
Q U E S T O P R O G R A M M A
E ' G I A ' P R E S E N T E
NOTA
La selezione effettuata è modificabile in qualunque momento eseguendo nuovamente
la procedura sopra descritta.
L’elenco dei cicli disponibili, i loro diagrammi e le caratteristiche dei materiali sterilizzabili (in relazione ai cicli) sono contenuti nell’Appendice B (Programmi).
L’accesso
al ciclo
UTENTE
non richiede alcuna password di accesso.
Nessuna
delle combinazioni possibili configurate comporta rischi o pericoli a danno dell’operatore o dell’apparato.
26
In base alla frequenza di utilizzo della macchina o di altre considerazioni è possibile selezionare
Impostazione delle modalità
il livello di riscaldamento (preriscaldamento) ed il time-out della fase di STAND-BY.
di STAND-BY
(voce OPZIONI ST-BY del menù Selezionando con il tasto ↵ la voce OPZIONI ST-BY, si accede al seguente menù:
AVANZATO)
→
M O D A L I T A ' S T - B Y
+
­
T I M E - O U T S T - B Y
↑­
U S C I T A
↓
-
Con la scelta dell’opzione MODALITÀ ST-BY si accede ad un ulteriore menù, dove è possibile
impostare il livello di riscaldamento:
→
S P E N T O
B A S S O
A L T O
U S C I T A
↑­
+
­
↓
-
Scegliere ALTO (livello alto di preriscaldamento) per un utilizzo intenso o comunque per ridurre
al minimo il tempo di attesa tra un ciclo e l’altro.
Scegliere BASSO (livello basso di preriscaldamento) per un utilizzo normale, avendo in ogni caso
una attesa relativamente ridotta.
Selezionare SPENTO (disattivazione del preriscaldamento) per un utilizzo saltuario. In questo
caso il tempo di attesa si assesta su valori più elevati (fino a ca. 10-12 minuti per un avvio “a
freddo “).
Muoversi per mezzo dei tasti + e - ; confermare con il tasto ↵.
Con la scelta invece dell’opzione TIME-OUT ST-BY è possibile temporizzare la disattivazione
dello STAND-BY, cioè dopo quanti minuti dall’ultimo ciclo eseguito vengono escluse le resistenze
di riscaldamento. Appare la seguente schermata:
T I M E - O U T: X X m i n
+ / - p e r r e g o l a r e
↵
⇑
p e r
r e g i s t r a r e
p e r
u s c i r e
E’ possibile impostare un valore compreso tra 0 e 300 minuti (a passi di 30 minuti), trascorsi i quali
le resistenze di riscaldamento vengono escluse (condizione analoga al modo Stand-by SPENTO), evitando di consumare inutilmente energia elettrica.
Regolare con i tasti + e - ; confermare con il tasto ↵.
NOTA
Premendo un qualunque tasto di selezione cicli (sterilizzazione oppure test), oppure ancora spegnendo e riaccendendo la macchina tramite l’interruttore generale,
verrà immediatamente riattivata la modalità STAND-BY originaria (ALTA oppure
BASSA).
NOTA
Questa opzione è attiva anche nel modo stand-by SPENTO.
Ovviamente in questa condizione il valore della temporizzazione è del
fluente, poiché le resistenze restano in tal caso comunque disattivate.
tutto inin-
Concluse positivamente queste verifiche, si attiva il meccanismo di blocco porta.
L’icona
resta steady on (porta bloccata).
Alla pressione del tasto START, e per tutto il CYCLE di sterilizzazione, le righe inferiori del display
25
Impostazione delle modalità
di stampa
(voce OPZIONI STAMPA del
menù AVANZATO)
La stampante in dotazione produce un report dei dati del ciclo di sterilizzazione; occorre impostare i parametri necessari per gestirne il corretto funzionamento.
1. Selezionando con il tasto ↵ la voce OPZIONI STAMPA, si accede al seguente menù:
→
S T A M P A N T E
R A P P O R T O
U S C I T A
-
↑­
↓
+
­
Scegliere la voce STAMPANTE per selezionare la stampante utilizzata, o la voce
RAPPORTO per definire il numero di copie stampate e la ristampa dei dati relativi all’ultimo programma eseguito.
Stampante 1
a) Voce STAMPANTE
Appare il seguente menu:
→
A S S E N T E
I N T E R N A
E S T E R N A
U S C I T A
-
↑­
↓
+
­
Scegliere ASSENTE per disattivare la stampa dei dati del ciclo di sterilizzazione (o di test).
Scegliere INTERNA per abilitare la stampante termica integrata nell’apparato. Appare un ulteriore menù per definire il tipo di stampante installata:
→
T I P O 1
T I P O 2
U S C I T A
-
+
­
↑­
↓
La voce TIPO 1 corrisponde alla stampante 1 (vedi figura).
La voce TIPO 2 corrisponde alla stampante 2 (attualmente non disponibile).
Verificare il tipo di stampante installata e di conseguenza selezionare la voce con il tasto ↵.
Selezionando invece l’opzione ESTERNA viene abilitata la stampa su una periferica esterna
connessa alla porta parallela della sterilizzatrice (ove disponibile). Appare quindi un successivo
menù:
→
T I P O C R
+
­
T I P O C R + L F
↑­
T I P O C R ( + F F )
↓
T I P O C R + L F ( + F F ) U S C I T A
Selezionare la voce CR se si utilizza una stampante che esegue l’avanzamento carta mediante il
solo comando CR (Carriage Return = Ritorno Carrello), oppure la voce CR+LF se necessita del
comando CR+LF (Carriage Return + Line Feed = Ritorno Carrello + Avanzamento Linea), oppure
le opzioni con +FF (Form-Feed) se la stampante richiede anche questo tipo di comando.
NOTA
Consultare il manuale della stampante per conoscere il tipo di comando utilizzato.
Qualora tale dato non fosse disponibile, fare una prova di stampa con le diverse
opzioni per individuare la corretta impostazione.
26
b)Voce RAPPORTO
Appare il seguente menu:
→
M O D A L I T A ' S T A M P A
N U M . C O P I E
↑­
S T A M P A U L T I M O
↓
U S C I T A
-
+
­
Selezionando la voce MODALITA’ STAMPA, si può impostare nel successivo menu il modo in
cui i dati vengono stampati:
→
A F I N E C I C L O
P R O G R E S S I V A
U S C I T A
-
↓
+
­
↑­
Selezionare A FINE CICLO per avere la stampa al termine del ciclo.
Selezionare PROGRESSIVA per avere la stampa durante il ciclo in corrispondenza di ogni singolo step principale del ciclo, come appare nella stampa normale. (vedi “Esempi di stampa dei
rapporti” nell’Appendice B).
NOTA
In modalità PROGRESSIVA non è possibile ottenere la stampa di più copie.
La stampa dei cicli Vacuum Test e Helix Test viene eseguita solo nella modalità A
FINE CICLO.
Selezionare la voce NUM. COPIE per impostare il numero di copie del rapporto da stampare a fine ciclo. Appare la seguente schermata:
+ / -
↵
⇑
C O P I E : X X
p e r r e g o l a r e
p e r
r e g i s t r a r e
p e r
u s c i r e
Impostare il numero di copie desiderato (fino ad un massimo di 5). Confermare con il tasto ↵.
La voce STAMPA ULTIMO avvia la ristampa immediata del rapporto relativo all’ultimo ciclo eseguito (terminato correttamente o interrotto a causa di un eventuale allarme). Appare il seguente
menu per la scelta del tipo di stampa:
→
S T A M P A N O R M A L E
S T A M P A E S T E S A
U S C I T A
↓
-
↑­
+
­
La voce STAMPA NORMALE genera la stampa normale (dati principali del ciclo, tipica per un ciclo correttamente eseguito), mentre la voce STAMPA ESTESA genera la stampa completa (tutti
i dati del ciclo, tipica per un ciclo interrotto dall’intervento di un allarme).
27
NOTA
Se il ciclo è terminato correttamente (oppure interrotto da un comando di INTERRUZIONE MANUALE) sarà possibile effettuare la ristampa sia in modalità
NORMALE che ESTESA.
Se il ciclo è stato interrotto dall’intervento di un allarme (escluso lo INTERRUZIONE MANUALE) sarà disponibile la sola modalità ESTESA.
Confermando con il tasto ↵ l’opzione di stampa desiderata, si avrà immediatamente la stampa
del rapporto mentre sul display appare il messaggio:
R A P P O R T O I N F A S E
D I R E G I S T R A Z I O N E
A T T E N D E R E
che rimarrà fino al termine della stampa.
28
P R E G O
Acquisizione del valore di
pressione ambiente
(voce PRESS. AMBIENTE del
menù SPECIALE)
Alla messa in servizio della sterilizzatrice e dopo ogni eventuale re-installazione, occorre effettuare la procedura di acquisizione del valore della pressione ambiente. Tale procedura è necessaria
per un corretto funzionamento di alcuni sistemi ausiliari dell’apparato.
Selezionando la voce PRESS. AMBIENTE appare la seguente schermata:
A C Q U I S I Z I O N E D E L L A
P R E S S I O N E A M B I E N T E
↵
Verificare
p e r
⇑
r e g i s t r a r e
p e r
u s c i r e
NOTA
che la porta della sterilizzatrice sia completamente
contrario appare il seguente messaggio:
APERTA;
in caso
A P R I R E L A P O R T A
P E R C O N T I N U A R E
Confermare con il tasto ↵ l'acquisizione del dato. Compare il messaggio:
V A L O R E D I P R E S S I O N E
M E M O R I Z Z A T O
accompagnato da un segnale acustico. Il valore della pressione ambiente viene memorizzato.
Premere invece il tasto ⇑ per abbandonare la procedura.
29
Regolazione del
contrasto dello schermo a
cristalli liquidi
(voce CONTRASTO LCD del
menù SPECIALE)
La regolazione del contrasto del display LCD permette di ottenere la lettura ottimale delle indicazioni compensando differenze di posizionamento della sterilizzatrice o di luminosità ambiente.
Selezionando la voce CONTRASTO LCD appare la schermata:
R E G O L A Z I O N E D E L
C O N T R A S T O L C D
+ / - p e r r e g o l a r e
⇑
p e r
u s c i r e
Con il tasto + si aumenta il contrasto, con il tasto – lo si diminuisce.
Mettersi di fronte all’apparato nella posizione di lavoro abituale, e regolare fino a trovare la migliore nitidezza e leggibilità dei caratteri.
USCITA DAL
MODO
CONFIGURAZIONE
Una volta completata la configurazione della sterilizzatrice, con l’impostazione di tutte le opzioni
desiderate, operare come segue per tornare al funzionamento normale:
– Posizionarsi sul menù principale di primo livello
(vedi Schema dei menu di Configurazione).
NOTA
Per tornare al menu principale, partendo da qualsiasi livello di menu, è sufficiente
selezionare la voce USCITA dei menu di livello inferiore e confermare con il tasto
↵.
In alternativa premere più volte il tasto ⇑ (ESC) fino ad arrivare al menu principale.
– Selezionare la voce USCITA e confermare con il tasto ↵.
Sul display appare il messaggio:
F I N E
↵
⇑
E X A C T A S
C O N F I G U R A Z I O N E
p e r
p e r
c o n f e r m a r e
r i e n t r a r e
Premere il tasto ⇑ per tornare al menu principale o confermare l’uscita con il tasto ↵.
Dopo qualche secondo l’apparato ritorna in funzionamento normale, nella modalità STAND-BY.
30
PREPARAZIONE DEL
MATERIALE
INTRODUZIONE
Il processo di sterilizzazione può ritenersi efficace, affidabile e ripetibile a patto che il materiale
venga prima opportunamente trattato ed in seguito ordinatamente e correttamente disposto all’interno della camera di sterilizzazione.
Va infatti sottolineato che residui organici o depositi di sostanze utilizzate nella pratica medica
sono inevitabilmente ricettacoli di microrganismi e possono ostacolare il contatto del vapore con
le pareti dello strumento, inattivando, almeno localmente, il processo letale che la sterilizzazione
normalmente garantisce.
Una scorretta disposizione del carico può invece condurre ad una difficoltosa, talvolta impossibile, circolazione e/o penetrazione del vapore nel materiale, con immaginabili conseguenze. Anche
il processo di asciugatura può essere fortemente influenzato da questo fattore.
Diamo perciò di seguito alcune indicazioni di base riguardanti tali aspetti, lasciando poi all’utente
l’eventuale compito di approfondire il discorso nella maniera più opportuna.
TRATTAMENTO
DEL MATERIALE
PRIMA DELLA
STERILIZZAZIONE
Prima di tutto va ricordato che, nel maneggiare e movimentare materiale contaminato, è buona
norma prendere le seguenti precauzioni:
– Indossare guanti di gomma di adeguato spessore;
– Pulirsi le mani, già coperte dai guanti, con un detergente germicida;
– Utilizzare sempre un vassoio per il trasporto degli strumenti.
– Non trasportarli mai prendendoli direttamente in mano;
– Proteggere le mani dal contatto con eventuali parti acuminate o taglienti; in questo modo si
evita il rischio di contrarre pericolose infezioni;
– Separare immediatamente ogni articolo che non deve essere sottoposto a sterilizzazione o
che non è in grado di sopportarne il processo;
– Lavarsi accuratamente le mani, ancora inguantate, quando il maneggiamento del materiale
non sterile è terminato.
Tutti i materiali e/o strumenti da sottoporre a sterilizzazione devono poi essere perfettamente puliti e privi di residui di ogni genere (depositi di materie organiche/inorganiche, frammenti di carta,
tamponi di cotone/garza, calcare, ecc.).
NOTA
La mancata pulizia e rimozione dei residui, oltre a causare problemi durante il processo di sterilizzazione, può provocare danni agli strumenti e/o alla sterilizzatrice
stessa.
Per una efficace pulizia, procedere come descritto:
1. Sciacquare gli strumenti sotto un getto di acqua corrente, immediatamente dopo l’uso;
2. Dividere la strumentazione metallica in base al tipo di materiale (acciaio al carbonio, acciaio
inossidabile, ottone, alluminio, cromo, ecc.), per evitare fenomeni di ossidoriduzione elettrolitica;
3. Eseguire un lavaggio utilizzando un apparecchio ad ultrasuoni contenente una miscela di
acqua e soluzione germicida, seguendo attentamente le raccomandazioni del costruttore.
4. Per i migliori risultati utilizzare un detergente specificatamente studiato per il lavaggio ad
ultrasuoni, con un pH neutro.
NOTA
Soluzioni contenenti fenoli o composti a base di ammonio quaternario possono causare fenomeni di corrosione sugli strumenti e sulle parti metalliche dell’apparato
ad ultrasuoni.
5. Dopo il lavaggio, risciacquare accuratamente gli strumenti e verificare la completa eliminazione dei residui; se necessario ripetere il ciclo di lavaggio o provvedere alla pulizia manuale.
Per
NOTA
impedire la formazione di macchie di calcare, utilizzare se possibile acqua de-
ionizzata o distillata per il risciacquo.
Se si utilizza acqua di rubinetto con durezza
elevata, asciugare sempre gli strumenti.
31
DISPOSIZIONE
DEL CARICO
Per ottenere la migliore efficacia del processo di sterilizzazione e preservare il materiale nel tempo, aumentandone la vita utile, seguire le indicazioni sotto riportate.
Note generali per il posizionamento sui vassoi.
– Disporre gli strumenti di metallo differente (acciaio inossidabile, acciaio temperato, alluminio,
ecc.) su vassoi diversi o comunque ben separati tra di loro.
– Nel caso di strumenti non costruiti con acciaio inossidabile, in­terporre un tovagliolo di carta
per sterilizzazione od un panno di mussola tra il vassoio e lo strumento, evitando contatti
diretti tra i due diversi materiali;
– Disporre comunque gli oggetti sufficientemente distanziati tra loro, in modo che rimangano tali
per tutto il ciclo di sterilizzazione;
OK
– Assicurarsi che tutti gli strumenti vengano sterilizzati in posizione aperta;
OK
OK
OK
– Posizionare gli strumenti da taglio, (forbici, bisturi, ecc.) in modo che non possano venire a
contatto tra loro durante il processo di sterilizzazione; se necessario usare un panno di cotone
o garza per isolarli e proteggerli;
– Disporre i recipienti (bicchieri, tazze, provette, ecc.) appoggiati sul fianco od in posizione rovesciata, evitando possibili ristagni di acqua;
– Non sovraccaricare i vassoi oltre il limite indicato (vedi Appendice A).
– Poiché tale valore, inteso come limite massimo ammesso, può in molte situazioni dimostrarsi
eccessivo, utilizzare sempre un pizzico di buon senso.
– Non impilare i vassoi uno sopra l’altro né metterli a diretto contatto con le pareti della camera
di sterilizzazione.
– Utilizzare sempre il supporto per i vassoi fornito in dotazione.
– Per introdurre ed estrarre i vassoi dalla camera di sterilizzazione, usare sempre l’apposito
estrattore fornito in dotazione.
Porre
NOTA
un indicatore chimico di steri­lizzazione per ogni vassoio per rivelare l’av-
venuto processo: ciò evita di riprocessare inutilmente lo stesso carico o, peggio,
di utilizzare materiale non sterilizzato.
Se
si processa materiale imbustato, porre
l’indicatore all’interno di uno degli involucri.
Note per il materiale imbustato
OK
– Imbustare gli strumenti singolarmente oppure, qualora si pongano più strumenti nello stesso
involucro, accertarsi che siano costituiti dello stesso metallo;
– Sigillare l’involucro con nastro adesivo per autoclave o termosigillatrice;
– Non utilizzare punti metallici, spilli od altro, poiché ciò compromette il mantenimento della
sterilità;
– Disporre le buste in modo da evitare la formazione di sacche d’aria potenzialmente in grado
di impedire la corretta penetrazione e rimozione del vapore;
– Orientare le buste in modo da lasciare il lato di plastica verso l’alto e il lato di carta verso il
basso (lato vassoio);
– Verificare in ogni caso la bontà di tale posizione preferita, invertendola se necessario;
– Se possibile, con un adatto supporto, porre le buste di taglio rispetto al vassoio;
– Non so­vrapporre mai le buste tra loro.
ATTENZIONE
IMBUSTARE SEMPRE GLI STRUMENTI QUALORA SI PREVEDA UNA CONSERVAZIONE PROLUNGATA.
SI VEDA ANCHE QUANTO INDICATO AL CAPITOLO “CONSERVAZIONE
DEL MATERIALE STERILIZZATO”.
32
SELEZIONE DEL
PROGRAMMA
La selezione del programma è un’operazione fondamentale per la corretta riuscita del processo
di sterilizzazione.
INTRODUZIONE
Poiché ogni strumento, o materiale in genere, presenta conformazione, consistenza e proprietà
diverse, è importante individuare il programma ad esso più adatto, sia per preservarne le
caratteristiche fisiche (evitandone o comunque limitandone le alterazioni) che per garantire la
migliore efficacia del processo di sterilizzazione.
Una guida alla scelta del programma adatto in relazione al carico è riportata nell’Appendice B
(Programmi).
PROCEDURA
Accendere l’apparato.
Se
NOTA
la password è abilitata (vedi capitolo
Configurazione, Impostazione
sword), verrà richiesto l’inserimento del codice di accesso.
I N S E R I R E
↵
p e r
⇑
della pas-
P A S S W O R D
c o n f e r m a r e
p e r
u s c i r e
Immettere la password utilizzando i tasti + e –. Confermare con il tasto ↵.
Il display non propone alcuna preselezione attiva. L’apparato attende la selezione del programma
da parte dell’utente.
Agire sul tasto SELEZIONE PROGRAMMI, premendolo una o più volte fino ad ottenere il programma desiderato (1, 2, 3 o 4, riportato anche a sinistra sul prima riga del display).
NOTA
Alla pressione del tasto di selezione, il primo programma di sterilizzazione proposto è quello dell’ultimo ciclo eseguito.
Il display indica nelle due righe superiori la descrizione del programma scelto e il tipo di asciugatura impostato, in quelle inferiori i valori di set-point della temperatura (°C), pressione (bar) e
tempo (mm:ss) del ciclo selezionato.
A titolo di esempio, sul display appare:
1 3 4 ° C I M B U S T A T I
A S C I U G A T U R A N O R M A L E
1 3 4 . 0 ° C
( S )
2 . 1 0 b a r
0 4 : 0 0
Dopo un breve intervallo, il display cambia e indica i valori di temperatura e pressione della camera, con data e ora corrente.
1 3 4 ° C I M B U S T A T I
A S C I U G A T U R A N O R M A L E
1 0 1 . 0 ° C 0 1 / 0 2 / 1 0
0 . 0 1 b a r 1 8 : 1 3 : 0 5
Per cancellare la selezione premere il tasto ESC ⇑ sul pannello comandi.
33
NOTA
Premendo il tasto START senza aver prima selezionato un programma, sul display
si avrà il seguente messaggio associato a segnalazione acustica:
SELEZIONARE UN
PROGRAMMA PREGO ...
ATTENZIONE
L’UTILIZZO DI UN PROGRAMMA INADATTO AL TIPO DI MATERIALE CARICATO (VEDI APPENDICE B) NON GARANTISCE L’EFFICACIA DEL PROCESSO DI STERILIZZAZIONE.
34
ESECUZIONE DEL
CICLO
Il ciclo di sterilizzazione si articola nella successione di fasi predefinite.
Il numero e la durata delle fasi possono essere differenti tra cicli diversi, in base alla tipologia di
estrazione dell’aria, al processo di sterilizzazione ed alle modalità di asciugatura.
INTRODUZIONE
Il sistema elettronico di controllo sorveglia lo svolgersi delle varie fasi, verificando nel contempo
che i vari parametri siano correttamente rispettati; qualora durante il ciclo venga riscontrata una
anomalia, qualunque tipo essa sia, il ciclo verrà immediatamente interrotto, generando un allarme
identificato da un codice ed un messaggio relativo alla natura del problema.
Questo tipo di controllo e la scelta del programma di sterilizzazione adeguato, garantisce una
efficace sterilizzazione in ogni condizione.
AVVIO DEL CICLO
Dopo aver inserito il carico nella camera di sterilizzazione (con le precauzioni esposte nel capitolo
“Preparazione del materiale da sterilizzare”) e selezionato il programma adeguato, chiudere
la porta fino a sentire lo scatto.
L’icona
lampeggia (porta chiusa). Premere il pulsante START.
NOTA
Se la password è abilitata con l’opzione OGNI AVVIO CICLO (vedi capitolo Configurazione, Impostazione della password), verrà richiesto l’inserimento del codice
di accesso.
I N S E R I R E
↵
p e r
⇑
P A S S W O R D
c o n f e r m a r e
p e r
u s c i r e
Verifica della Password
Immettere la password precedentemente registrata utilizzando i tasti + e –. Confermare con il
Verifica della presenza di carta nella stampante
L’apparato verifica la presenza della carta nella stampante integrata; se mancante o esaurita
appare il seguente messaggio:
tasto ↵.
A T T E N Z I O N E
C A R T A E S A U R I T A
↵
p e r
⇑
p r o s e g u i r e
p e r
u s c i r e
Premere il tasto ↵ per proseguire comunque (provvedendo alla sostituzione della carta durante
il ciclo di sterilizzazione od alla sua conclusione).
Premere il tasto ⇑ per tornare alla modalità Stand-by.
Se è collegato il dispositivo
DATAFLASH
Se la memoria è piena oppure con capacità insufficiente per memorizzare i dati di un nuovo ciclo,
apparirà il seguente messaggio:
A T T E N Z I O N E
M E M O R I A P I E N A
↵
p e r
⇑
p r o s e g u i r e
p e r
u s c i r e
Premere il tasto ↵ per continuare ma perdendo la registrazione dei dati sul DataFlash.
Premere invece il tasto ⇑ per interrompere il comando di avvio; effettuare quindi lo scarico dei file
su PC e la cancellazione del contenuto della memoria (operazione eseguibile anche da DataFlash).
Reinserire il DataFlash nel suo alloggiamento.
Al termine dell’operazione ripetere il comando di Start.
35
La porta viene bloccata
Concluse positivamente queste verifiche, si attiva il meccanismo di blocco porta.
L’icona
resta accesa fissa (porta bloccata).
Alla pressione del tasto START, e per tutto il ciclo di sterilizzazione, le righe inferiori del display
visualizzano i seguenti parametri:
Pressione della camera di sterilizzazione (bar)
Temperatura della camera di sterilizzazione (°C)
Tempo progressivo del ciclo di sterilizzazione (mm:ss)
1 3
P R E
1 0 1 .
0 .
4 ° C I M B U S T A T I
R I S C A L D A M E N T O
9 ° C
0 1 b a r
0 0 : 0 0
Il conteggio del tempo di ciclo parte solo con la prima fase di vuoto (la fase di preriscaldamento
non è conteggiata).
SVOLGIMENTO
DEL CICLO
Analizziamo ora come si svolge un ciclo di sterilizzazione, fase per fase. Prendiamo come esempio il ciclo più completo e significativo, ossia quello relativo al programma 134°C IMBUSTATI,
caratterizzato da pre-vuoto frazionato.
Preriscaldamento
Alla pressione del pulsante START la prima fase è quella di PRERISCALDAMENTO, utile per
portare la temperatura della camera al valore previsto per l’avvio del ciclo. Il display riporta la
seguente indicazione:
1 3 4 ° C I M B U S T A T I
P R E R I S C A L D A M E N T O
2 3 . 9 ° C
0 . 0 1 b a r
0 0 : 0 0
L’icona
di stato del processo di sterilizzazione è spenta.
36
Fase di vuoto
Raggiunte le condizioni di riscaldamento ottimali, parte la prima fase di vuoto (PULSAZ. VUOTO)
che porta la depressione in camera sino al valore stabilito. Sul display appare:
1 1 3 4 ° C I M B U S T A T I
P U L S A Z I O N E V U O T O
8 4 . 1 ° C
- 0 . 6 9 b a r
0 1 : 2 5
Salita in pressione
Raggiunto il valore di vuoto prefissato, viene immesso vapore ed inizia la risalita della pressione
fino a raggiungere il valore stabilito.
1 1 3 4 ° C
P U L S A Z .
1 2 8 . 6 ° C
1 . 7 0 b a r
Equilibrio
termodinamico
I M B U S T A T I
P R E S S I O N E
1 2 : 3 3
Raggiunti i valori di pressione e temperatura specifici del ciclo, la sterilizzatrice attende qualche
istante per consentire la stabilizzazione dei parametri nella camera e nel carico. Il display indica:
1
1 3 4 ° C I M B U S T A T I
S T A B I L I Z Z A Z I O N E
1 3 5 . 4 ° C
2 . 1 5 b a r
1 3 : 4 0
Sterilizzazione
Parte la fase di sterilizzazione vera e propria del materiale con il conteggio a ritroso del tempo
(TEMPO MANTENIMENTO). La pressione e la temperatura, grazie ad un continua verifica dei
parametri termodinamici ed a una sofisticata gestione del circuito idraulico, vengono mantenute
costanti entro limiti predefiniti. Viene data la seguente indicazione:
1 1 3 4
T E M P O
1 3 5 . 6
2 . 1 6 b
L’icona
° C I M B U S T A T I
M A N T E N I M E N T O
° C
0 4 : 0 0
a r
1 3 : 5 5
Conteggio a ritroso
lampeggia, ad indicare che il trattamento del carico è in corso di esecuzione.
Al termine della fase di sterilizzazione l’icona
sterilizzazione del materiale.
rimane accesa fissa, ad indicare la completa
ATTENZIONE
SE, PER UN QUALUNQUE MOTIVO, LA FASE DI STERILIZZAZIONE VIENE
INTERROTTA PRIMA DEL COMPLETAMENTO, L’ICONA RIMANE LAMPEGGIANTE.
IN QUESTO CASO IL MATERIALE NON SI PUÒ CONSIDERARE STERILE E
NON DEVE ASSOLUTAMENTE ESSERE UTILIZZATO.
37
Scarico del vapore
Al termine della fase di sterilizzazione, dalla camera di sterilizzazione viene scaricato il vapore
(SCARICO VAPORE). Il display indica:
1
1 3 4 ° C I M B U S T A T I
S C A R I C O V A P O R E
1 2 3 . 9 ° C
1 . 2 4 b a r
1 8 : 2 0
L’icona
Asciugatura
rimane accesa fissa.
Completato lo scarico del vapore in pressione, parte la fase di rimozione forzata del vapore residuo (ASCIUGATURA): la pompa di vuoto crea una depressione nella camera di sterilizzazione
che facilita l’evaporazione del vapore e la sua completa eliminazione. In funzione del tipo di
asciugatura impostato, sul display appare una delle seguenti schermate:
1 1 3 4
A S C I U
1 0 1 . 1
0 . 0 0 b
° C I M B U S T A T I
G A T U R A ( N O R )
° C
a r
1 8 : 5 1
1 1 3 4 ° C I M B U S T A T I
A S C I U G A T U R A ( I N T )
1 0 1 . 1 ° C
0 . 0 0 b a r
1 8 : 5 1
1 1 3 4 ° C I M B U S T A T I
A S C I U G A T U R A ( + X X )
1 0 1 . 1 ° C
0 . 0 0 b a r
1 8 : 5 1
Ventilazione
Asciugatura normale
Asciugatura intelligente
Asciugatura extra
(+XX) è il tempo
impostato
Segue la fase di VENTILAZIONE nella quale, pur rimanendo il vuoto nella camera, viene immessa aria fresca sterile per eliminare la condensa e raffreddare il carico.
1
1 3 4 ° C I M B U S T A T I
V E N T I L A Z I O N E
8 4 . 4 ° C
- 0 . 7 7 b a r
2 6 : 5 1
Livellamento alla
pressione atmosferica
Terminata la fase di ventilazione, la camera viene portata alla pressione atmosferica (LIVELLAMENTO) immettendo aria sterile dall’esterno per consentire l’apertura della porta ed il recupero
del carico.
1
1 3
L I
8 6 . 9
- 0 . 4 3
38
4 ° C I M B U S T A T I
V E L L A M E N T O
° C
b a r
2 9 : 2 1
Completamento
del ciclo
Quando la pressione nella camera di sterilizzazione ritorna entro limiti di sicurezza prestabiliti, il
sistema di blocco porta viene disattivato, l’icona
lampeggia e contemporaneamente viene
generata una segnalazione acustica.
1 1 3 4 ° C I M B U S T A T I
C I C L O C O M P L E T A T O
8 6 . 2 ° C
- 0 . 0 2 b a r
2 9 : 4 0
L’icona
resta accesa fissa.
NOTA
Al termine del ciclo e sino all’apertura della porta le resistenze di riscaldamento
vengono escluse; l’apparato si raffredda lentamente.
NOTA
Se al termine del ciclo la porta non viene subito aperta, la pompa di vuoto si attiva
periodicamente per rimuovere eventuali tracce di condensa dalla camera di sterilizzazione. Sul display appare:
.
V E N T I L A Z I O N E
F O R Z A T A
⇑ per interrompere
3 5 . 2 ° C
- 0 . 0 2 b a r
2 9 : 4 0
Premere ⇑ per interrompere la ventilazione e aprire la porta
Aprire la porta e recuperare il materiale sterilizzato, utilizzando l’apposito estrattore fornito in
dotazione.
Apertura della porta
L’icona
si spegne.
Con l’apertura della porta l’apparato ritorna nel modo STAND-BY precedentemente impostato.
Stampa del rapporto
All’apertura della porta avviene la stampa automatica del rapporto del ciclo di sterilizzazione eseguito. Verificare il documento, siglarlo nell’apposito spazio ed archiviarlo.
Fare riferimento agli esempi di rapporto di stampa riportati in Appendice B - Programmi.
Se
NOTA
è stata impostata l’opzione di stampa
verrà prodotto nel corso del ciclo.
Apparato pronto per un
nuovo ciclo
ESITO DEL CICLO
PROGRESSIVA,
il rapporto di stampa
Ora l’apparato è pronto per eseguire un nuovo ciclo. Ripetere la procedura partendo dalla “Selezione del programma”.
Al termine del ciclo è importante verificare il risultato del processo di sterilizzazione.
Se sul display appare il messaggio CICLO COMPLETATO e l’icona
è accesa fissa, significa
che il ciclo è terminato correttamente senza interruzioni per allarmi di alcun genere, e che è garantita la completa asepsi del materiale.
Un ulteriore strumento di verifica è dato dal rapporto di stampa del ciclo (e/o dal controllo dei
parametri memorizzati su chiavetta USB).
39
VERIFICA DEL
RAPPORTO DEI
DATI DEL CICLO
E’ buona regola verificare che i dati contenuti nel rapporto di stampa forniscano anch’essi un
riscontro positivo del processo avvenuto.
Il rapporto di stampa contiene (in funzione delle opzioni di stampa configurate) tutti o i soli dati
salienti dei parametri termodinamici (temperatura, pressione e tempo) del ciclo di sterilizzazione,
in particolare nella fase di sterilizzazione vera e propria.
Controllare perciò i valori riportati e le eventuali indicazioni aggiuntive per avere ulteriore conferma della bontà del processo di sterilizzazione avvenuto.
Apporre la firma nello spazio previsto ed archiviare il documento per eventuali futuri controlli.
Copie del documento possono essere eventualmente associate al carico (o parti di esso) con
data/ora di sterilizzazione e tipo di ciclo eseguito.
NOTA
Per la selezione del numero di copie di stampa fare riferimento al capitolo “Configurazione - Impostazione delle modalità di stampa”.
NOTA
Tenendo premuto il tasto ⇑ (ESC) del pannello comandi mentre apre la porta,
l’operatore può ottenere la stampa estesa dei dati di processo, inclusa la lettura
dei valori dei sensori interni,.
Esempi di rapporti di stampa sono riportati in Appendice B - Programmi.
INTERRUZIONE
MANUALE DEL
CICLO
Il ciclo può es­sere interrotto manualmente dall’operatore in qualsiasi momento, tenendo premuto
per circa tre secondi il tasto START/STOP.
Il comando genera l’errore E999 in quanto il ciclo non ha potuto terminare correttamente; inoltre
sul display appare, fino al raggiungimento delle condizioni di sicurezza per l’apertura della porta,
il seguente messaggio associato ad una segnalazione acustica,:
I N T E R R U Z I O N E M A N U A L E
I N L I V E L L A M E N T O
1 0 1 . 2 ° C
E 9 9 9
- 0 . 0 2 b a r
2 6 : 0 1
>3s
Successivamente l’apparato attiva una speciale procedura, con una prima richiesta di sbloccare
manualmente la porta:
P R E M E R E ⇑ P E R
S B L O C C A R E L A P O R T A
8 6 . 2 ° C
E 9 9 9
- 0 . 0 2 b a r
2 6 : 0 1
Premere il tasto ⇑ per sbloccare il meccanismo della porta.
Viene quindi proposto il seguente messaggio:
I N T E R R U Z I O N E M A N U A L E
A P R I R E L A P O R T A
8 5 . 8 ° C
E 9 9 9
- 0 . 0 1 b a r
2 6 : 0 1
40
Codice di errore
Aperta la porta, viene infine chiesto di effettuare il Reset del sistema:
>3s
I N T E R R U Z I O N E M A N U A L E
R I P R I S T I N A R E S I S T E M A
8 5 . 5 ° C
E 9 9 9
- 0 . 0 1 b a r
2 6 : 0 1
Resettare il sistema tenendo premuto per almeno tre secondi il tasto SELEZIONE PROGRAMMI fino al segnale acustico di conferma.
All’apertura della porta viene prodotto il rapporto del ciclo di sterilizzazione eseguito con inclusa
la segnalazione di errore (E999).
Verificare il documento, siglarlo nell’apposito spazio ed archiviarlo.
Vedi esempi di rapporto di stampa riportati in Appendice B, Programmi.
Dopo il RESET, l’apparato si porta in modo STAND-BY ed è pronto per un nuovo ciclo.
NOTA
Se l’interruzione avviene in certe fasi del ciclo, parte una procedura automatica di
pulizia del circuito idraulico interno.
Per la descrizione completa degli allarmi fare riferimento all’Appendice E “Indicazioni di allarme”.
ATTENZIONE
DOPO UN INTERRUZIONE MANUALE DEL PROGRAMMA, VERIFICARE
SEMPRE LO STATO DELL’ICONA
PRIMA DI UTILIZZARE IL MATERIALE PRELEVATO DALLA CAMERA DI STERILIZZAZIONE.
SE L’ICONA È ACCESA FISSA, IL MATERIALE PUÒ ESSERE CONSIDERATO STERILE. SE NE CONSIGLIA COMUNQUE L’UTILIZZO IMMEDIATO.
SE L’ICONA È SPENTA, IL MATERIALE NON PUÒ ESSERE CONSIDERATO
STERILE E NON DEVE ASSOLUTAMENTE ESSERE UTILIZZATO.
41
CONSERVAZIONE
DEL MATERIALE
STERILIZZATO
INTRODUZIONE
Il materiale sterilizzato deve essere adeguatamente trattato e conservato per mantenere la propria sterilità nel tempo, fino al suo utilizzo.
Una conservazione inadeguata può provocare una rapida ricontaminazione.
Questo provoca una situazione comunque dannosa, poiché l’alternativa è utilizzare il materiale
ricontaminato (il più delle volte inconsciamente), sottoponendo ad una situazione di rischio utilizzatore e paziente, oppure dover provvedere ad un nuovo ciclo di sterilizzazione, con inevitabile
dispendio di tempo e risorse.
Riteniamo perciò utile dare alcuni suggerimenti basilari, lasciando poi all’operatore il compito di
eventuali approfondimenti su testi specifici.
MOVIMENTAZIONE
Supponendo che la sterilizzatrice sia posizionata in un luogo pulito, privo di polvere e non troppo
umido, si devono prendere le seguenti precauzioni per la manipolazione e/o movimentazione
del materiale sterile:
1. Rimuovere il carico dalla camera di sterilizzazione indossando guanti e camice puliti, o meglio, sterilizzati. Per maggiore precauzione utilizzare una mascherina protettiva sul viso;
2. Appoggiare i vassoi su un piano asciutto, opportunamente pulito e disinfettato. Fare attenzione a distanziare o comunque separare il materiale sterile dalla zona ove alloggia il materiale
contaminato, ancora da sottoporre a sterilizzazione;
3. Toccare il materiale e/o gli strumenti il meno possibile, prestando estrema attenzione a non
lacerare o danneggiare gli involucri;
Lasciare raffreddare gli strumenti prima dell’eventuale trasporto (e successivo stoccaggio). Se
necessario per il trasporto, trasferire il materiale utilizzando contenitori asciutti, puliti e disinfettati.
I contenitori devono essere chiusi o, se di tipo aperto, coperti con teli puliti.
CONSERVAZIONE
Il materiale sterile, in attesa dell’uso, deve essere conservato prendendo opportuni accorgimenti.
Grazie ad essi è possibile rallentare in maniera sensibile il processo di ricontaminazione:
1. Conservare il materiale e/o gli strumenti entro i loro involucri protettivi, utilizzati durante la
sterilizzazione. Non imbustare gli strumenti dopo la sterilizzazione, poiché tale prassi, oltre ad
essere inutile e del tutto priva di senso, è pure potenzialmente dannosa;
2. Conservare il materiale in un luogo asciutto, opportunamente pulito e disinfettato, lontano da
zone dove transita il materiale infetto. Avendone la possibilità, privilegiare vani chiusi e dotati
di illuminazione a luce ultravioletta;
3. Identificare il materiale sterile apponendovi la data di sterilizzazione (allegando copia del rapporto di stampa oppure apponendovi un etichetta adesiva);
4. Utilizzare per primo il materiale conservato da maggior tempo (criterio FIFO, “first in first out”).
Ciò permette di avere materiale omogeneamente conservato, evitando periodi di immagazzinamento troppo lunghi, con i rischi del caso.
5. Non conservare mai il materiale troppo a lungo. Non va infatti trascurato che, anche seguendo
le indicazioni sopra descritte, il materiale tende comunque a degradarsi, ricontaminandosi in
un tempo finito.
NOTA
Consultare
le specifiche fornite dal produttore del materiale di imballo relative
al massimo periodo di conservazione ammesso.
42
PROGRAMMI DI TEST
INTRODUZIONE
CICLO
VUOTO TEST
La serie Exacta offre la possibilità di eseguire in maniera semplice ed automatica il ciclo:
• Vuoto Test
Il ciclo Vuoto Test consente di verificare la perfetta tenuta dell’impianto idraulico della sterilizzatrice.
Misurando la variazione del grado di vuoto in un arco di tempo definito e confrontandola con valori
limite prestabiliti, è possibile determinare la qualità della tenuta della camera di sterilizzazione,
delle tubazioni e dei vari organi di intercettazione.
Per selezionare il ciclo VUOTO TEST premere il tasto Selezione Test una o più volte fino a che
il display visualizza:
V U O T O
- 0 . 8 0
T E S T
b a r
Il ciclo va eseguito a camera di sterilizzazione vuota, con inseriti solo il supporto porta vassoi
e i vassoi.
NOTA
Si consiglia di eseguire questo Test all’inizio di ogni giornata di lavoro con camera
a temperatura ambiente.
Una elevata temperatura della camera influisce sulla variazione del valore di vuoto misurato durante il Test; il sistema è perciò programmato per impedire l’esecuzione del test quando il sensore
di temperatura della camera indica un valore superiore a 50° C.
Se si tenta di avviare comunque il ciclo, il display visualizzerà il messaggio:
A T T E N Z I O N E !
T E M P. P T E C C E S S I V A
- 0 . 8 0
b a r
e in breve tempo l’apparato ritornerà automaticamente in modo STAND-BY.
NOTA
Per far scendere più rapidamente la temperatura della camera e poter eseguire il
Test, lasciare aperta la porta fino al raggiungimento di un valore di temperatura
adeguato.
Chiudere la porta ed avviare il programma tramite il tasto START.
NOTA
Se la password è abilitata con l’opzione OGNI AVVIO CICLO (vedi capitolo Configurazione - Impostazione della password), verrà richiesto l’inserimento del codice
di accesso.
Analogamente, l’apparato verifica la presenza di carta nella stampante e, se è
collegato il dispositivo DATAFLASH, e la sua capacità di memoria.
Gli eventuali messaggi di avvertenza, e le azioni conseguenti da eseguire, sono
identici a quelli descritti per un ciclo normale di sterilizzazione.
La fase di vuoto inizia immediatamente e il display indica il valore della pressione (bar), ed il
conteggio del tempo dall’avvio del ciclo di test:
V U O T O T E S T
P U L S A Z I O N E V U O T O
- 0 . 6 9
43
b a r
0 1 : 0 2
Raggiunto il valore di pressione (- 0.75 bar o - 0.80 bar per Exacta S2) prefissato, la pompa di
vuoto viene arrestata e parte la fase di stabilizzazione della pressione (FASE DI ATTESA) per 5
minuti (indicato sul display come valore a scalare):
V U O T O T E S T
F A S E D I A T T E S A
0 5 : 0 0
- 0 . 7 5 b a r
0 1 : 4 8
Durante questa fase è ammessa una variazione non superiore al 10% della massima depressione, senza che questo porti al fallimento del test.
Terminata la fase di attesa, parte la fase di verifica vera e propria della variazione di pressione
(FASE DI VERIFICA) per 16 minuti (indicato sul display come valore a scalare):
V U O T O T E S T
F A S E D I V E R I F I C A
1 6 : 0 0
- 0 . 7 4 b a r
0 6 : 4 8
In questa fase è ammessa una variazione fino a ±0.02 bar rispetto al valore iniziale.
Variazioni superiori portano al fallimento del test.
Completata anche questa fase, la pressione nella camera viene riportata al valore ambiente.
V U O T O T E S T
L I V E L L A M E N T O
- 0 . 2 9
b a r
1 7 : 1 9
Al termine del ciclo, sul display appare la seguente schermata, accompagnata da segnalazione
acustica:
V U O T O T E S T
T E S T S U P E R A T O
- 0 . 0 1
b a r
1 7 : 4 4
NOTA
Se la variazione della pressione eccede il limite definito, il programma viene interrotto e generato un messaggio di allarme.
Per la descrizione completa degli allarmi fare riferimento all’Appendice E.
All’apertura della porta verrà stampato il rapporto con i dati salienti del ciclo di test eseguito.
NOTA
Nel caso sia inserita una chiavetta USB è sempre possibile effettuare un archiviazione informatica dei rapporti di stampa
Per i dettagli relativi alla stampa dei rapporti, fare riferimento agli esempi di rapporto di stampa
riportati in Appendice B, Programmi.
44
APPENDICE A – CARATTERISTICHE TECNICHE
TABELLA RIASSUNTIVA
Dispositivo
Sterilizzatrice a vapore d’acqua
Classe (secondo la Direttiva 93/42/CEE - e
successive modifiche intervenute)
IIb
Modello
Mocom s.r.l.
Via Saliceto, 22
Costruttore
40013 Castel Maggiore (BO) - ITALIA
220 V - 240 V~
Tensione di alimentazione
Frequenza di rete
Fusibili di rete
(6,3 x 32 mm)
Fusibili scheda elettronica
(5 x 20 mm)
Dimensioni esterne(AxLxP)
(escluse connessioni posteriori)
Potenza nominale
Classe di isolamento
Categoria di installazione
Ambiente di impiego
Livello di potenza sonora (ponderato A)
Condizioni operative ambientali
50 Hz
F 16A 250V
F1: T 6,3A 250V
F2: T 3.15A 250V
F1 PTR: T 3,15A 250V
420 x 480x 560 mm
(secondario trasformatore)
(primario trasformatore)
(protezione stampante – opzione)
420 x 480x 660 mm
1600 W (7A)
2300 W (10°)
Classe I
Cat. II
Uso interno
< 65 db(A)
Temperatura:
+15°C ÷ +40°C
Umidità relativa: max 80%, non condensante
Altitudine:max 3000 m (s.l.m.)
Peso netto:
a vuoto
a vuoto, con supporto vassoi e vassoi
a vuoto, con supporto vassoi, vassoi e acqua al livello MAX
Dimensioni camera sterilizzazione
(D x P)
ca. 52 kg
ca. 53 kg
ca. 57 kg
ca. 56 kg
ca. 58 kg
ca. 62 kg
250 x 350 mm
250 x 450 mm
Volume totale camera di sterilizzazione
ca. 17 l
(0.017 m3)
ca. 22 l
(0.022 m3)
Volume utile camera di sterilizzazione
(con supporto vassoi inserito)
ca. 10 l
(0.010 m3)
ca. 13 l
(0.013 m3)
Capacità serbatoio acqua distillata
(alimentazione)
ca. 4,6 l
ca. 0,8 l
Programmi di sterilizzazione
Disponibili:
Preselezionati:
(acqua al livello MAX)
(acqua al livello MIN)
Programmi di test
Tempo di preriscaldamento
(da freddo)
Filtro batteriologico
(elemento filtrante in PTFE)
6 (vedi Appendice B)
4 (selezione diretta da utente)
Vuoto Test
ca. 10 min
Porosità:
Collegamento:
45
0,2 mm
connettore maschio 1/8” NPT
DISPOSITIVI DI SICUREZZA
La sterilizzatrice è dotata dei seguenti dispositivi di sicurezza, dei quali alleghiamo una breve descrizione relativamente
alla loro funzione:
– Fusibili di rete (vedi dati nella tabella riassuntiva)
Protezione dell’intero apparecchio contro eventuali guasti relativi alle resistenze di riscaldamento.
Azione: interruzione dell’alimentazione elettrica.
– Fusibili di protezione dei circuiti elettronici (vedi dati nella tabella riassuntiva)
Protezione contro eventuali guasti del circuito primario del trasformatore e degli utilizzatori a bassa tensione.
Azione: interruzione di uno o più dei circuiti elettrici di bassa tensione.
– Disgiuntori termici sugli avvolgimenti a tensione di rete
Protezione contro l’eventuale surriscaldamento del motore della pompa per vuoto e dell’avvolgimento primario del
trasformatore.
Azione: interruzione temporanea (fino al raffreddamento) dell’avvolgimento.
– Valvola di sicurezza
Protezione contro l’eventuale sovrappressione in camera di sterilizzazione.
Azione: rilascio del vapore e ripristino della pressione di sicurezza.
– Termostato di sicurezza a riarmo manuale generatore di vapore
Protezione per l’eventuale surriscaldamento del generatore di vapore.
Azione: interruzione dell’alimentazione elettrica del generatore di vapore.
– Termostato di sicurezza a riarmo manuale resistenza di riscaldamento camera
Protezione per l’eventuale surriscaldamento della resistenza di riscaldamento del recipiente in pressione.
Azione: interruzione dell’alimentazione elettrica della resistenza camera.
– Microinterruttore di sicurezza posizione porta
Riscontro per la corretta posizione di chiusura della porta del recipiente in pressione.
Azione: segnalazione dell’errata posizione della porta.
– Meccanismo bloccoporta motorizzato con protezione elettromeccanica (pressostatica)
Protezione contro l’eventuale apertura accidentale della porta (anche in caso di black-out).
Azione: impedimento dell’apertura accidentale della porta durante il programma.
– Microinterruttori di sicurezza meccanismo bloccoporta
Riscontro per la corretta posizione di chiusura del sistema bloccoporta.
Azione: segnalazione del mancato o scorretto funzionamento del meccanismo bloccoporta.
– Sistema idraulico autolivellante
Struttura di impianto idraulico per il livellamento spontaneo della pressione in caso di interruzione manuale del ciclo,
allarme o black-out.
Azione: ripristino automatico della pressione atmosferica entro la camera di sterilizzazione.
– Sistema integrato di valutazione del processo di sterilizzazione
Verifica continua dei parametri del processo di sterilizzazione, gestita integralmente da microprocessore.
Azione: interruzione immediata del programma (in caso di anomalia) e generazione di allarmi.
– Monitoraggio del funzionamento della sterilizzatrice
Sorveglianza in tempo reale, a macchina alimentata, di tutti i parametri significativi.
Azione: generazione di messaggi di allarme (in caso di anomalia) con eventuale interruzione del ciclo.
46
CARATTERISTICHE DELL’ACQUA DI ALIMENTAZIONE
VALORI NELL’ACQUA DI
ALIMENTAZIONE
VALORI NEL
CONDENSATO
RESIDUO SECCO
< 10 mg/l
< 1 mg/l
OSSIDO DI SILICIO SiO2
< 1 mg/l
< 0,1 mg/l
FERRO
< 0,2 mg/l
< 0,1 mg/l
CADMIO
< 0,005 mg/l
< 0,005 mg/l
PIOMBO
< 0,05 mg/l
< 0,05 mg/l
RESIDUI DI METALLI PESANTI
(eccetto ferro, cadmio e piombo)
< 0,1 mg/l
< 0,1 mg/l
CLORURI
< 2 mg/l
< 0,1 mg/l
FOSFATI
< 0,5 mg/l
< 0,1 mg/l
CONDUCIBILITÁ A 20°C
< 15 ms/cm
< 3 ms/cm
5-7
5-7
ASPETTO
incolore, trasparente,
senza sedimenti
incolore, trasparente,
senza sedimenti
DUREZZA
< 0,02 mmol/l
< 0,02 mmol/l
DESCRIZIONE
VALORE pH
All’atto
NOTA
dell’acquisto dell’acqua distillata, verificare sempre che la qualità e le caratteristiche
dichiarate dal produttore siano compatibili con quelle riportate in tabella.
ATTENZIONE
L’UTILIZZO DI ACQUA PER LA GENERAZIONE DI VAPORE CON PRESENZA DI CONTAMINANTI A LIVELLI ECCEDENTI QUELLI INDICATI NELLA TABELLA SOPRA RIPORTATA PUÒ
ACCORCIARE NOTEVOLMENTE LA VITA DELLA STERILIZZATRICE.
QUESTO PUÒ PRODURRE INOLTRE UN INCREMENTO DELL’OSSIDAZIONE SUI MATERIALI PIÙ SENSIBILI ED UN AUMENTO DEI RESIDUI CALCAREI SU GENERATORE, CALDAIA,
SUPPORTI INTERNI, VASSOI E STRUMENTI.
47
47
APPENDICE B – PROGRAMMI
INTRODUZIONE
La sterilizzazione a vapore d’acqua è indicata per la quasi totalità dei materiali e degli strumenti, a patto però che questi siano in
grado di sopportare senza danni una temperatura minima di 121°C (in caso contrario è necessario ricorrere ad altri sistemi di
sterilizzazione a bassa temperatura).
Il materiale normalmente sterilizzabile con il vapore d’acqua è il seguente:
– Strumenti chirurgici/generici in acciaio inossidabile;
– Strumenti chirurgici/generici in acciaio al carbonio;
– Strumenti rotanti e/o vibranti, mossi da aria compressa (turbine) o da trasmissione meccanica (contrangoli, ablatori);
– Articoli in vetro:
– Articoli a base minerale;
– Articoli in plastica resistente al calore;
– Articoli in gomma resistente al calore;
– Materiale tessile resistente al calore;
– Materiale per medicazione (garze, tamponi, ecc.);
– Altro materiale generico adatto al trattamento in autoclave.
A
seconda della conformazione del
namento
(busta
NOTA
materiale (solido,
cavo o poroso), del suo eventuale confezio-
in carta/plastica, carta per sterilizzazione, container, tovaglioli di mussola, ecc.)
e della sua resistenza al calore, è indispensabile scegliere il programma di sterilizzazione adatto,
facendo riferimento alla tabella riportata nella pagina seguente.
ATTENZIONE
IL DISPOSITIVO NON DEVE ESSERE UTILIZZATO PER LA STERILIZZAZIONE DI FLUIDI,
LIQUIDI O PRODOTTI FARMACEUTICI.
48
TABELLA RIASSUNTIVA DEI CICLI – EXACTA S
59÷62
350
134°C IMBUSTATI
134
2,10
4
S
S
L
45÷48
300
121°C IMBUSTATI
121
1,10
20
S
S
L
59÷62
325
134°C SOLIDI
134
2,10
4
N
S
C
34÷37
300
121°C SOLIDI
121
1,10
20
N
S
C
48÷51
325
134°C EMERGENZA
134
2,10
3
N
S
Rapida
26÷28
300
-
-0,75
-
-
-
-
29
-
VUOTO TEST
Strumenti solidi e carichi cavi B* con imballo
singolo
Strumenti solidi e cari0,6 chi cavi B* con imballo
singolo
Strumenti solidi e cari0,6 chi cavi B* con imballo
singolo
Strumenti solidi e cari0,5 chi cavi B* non confezionati
Strumenti solidi e cari0,5 chi cavi B* non confezionati
Strumenti solidi non
0,45
confezionati
- Camera vuota
0,7
MAX MASSA
PER ARTICOLO (kg)
L
MAX MASSA
PER VASSOIO (kg)
S
TIPOLOGIA
MAX MASSA TOTALE
(kg)
S
MATERIALE STERILIZZABILE
Consumo energetico medio
(kWh / ciclo)
>18
Consumo medio H2O
(millilitri / ciclo)
Pre-vuoto
(F=frazionato; S=singolo)
2,10
Asciugatura standard
(L=lunga; C=corta)
Tipo ciclo
(EN 13060:2009)
134
Pressione
(bar)
134°C PRIONE
DESCRIZIONE
CICLO
Temperatura
(°C)
Tempo mantenimento
(min)
Tempo totale del ciclo
(carico medio ÷ carico max)
PARAMETRI BASE
DEL CICLO
VALORI NOMINALI
3,00
1,00
0,25
3,00
1,00
0,25
3,00
1,00
0,25
6,00
1,20
0,50
6,00
1,20
0,50
0,50
0,50
0,50
-
-
-
NOTE
Si consiglia di
utilizzare la configurazione a 3
vassoi
TABELLA RIASSUNTIVA DEI CICLI – EXACTA S2
L
52÷55
400
134°C IMBUSTATI
134
2,10
4
S
S
L
38÷41
350
121°C IMBUSTATI
121
1,10
20
S
S
L
50÷54
375
134°C SOLIDI
134
2,10
4
N
S
C
26÷29
350
121°C SOLIDI
121
1,10
20
N
S
C
40÷43
375
134°C EMERGENZA
134
2,10
3
N
S
Rapida
18÷20
350
-
-0,80
-
-
-
-
29
-
VUOTO TEST
* Carichi cavi B come specificato nella definizione 3.20 della norma EN 13060:2009
Strumenti solidi e carichi cavi B* con imballo
singolo
Strumenti solidi e cari0,6 chi cavi B* con imballo
singolo
Strumenti solidi e cari0,6 chi cavi B* con imballo
singolo
Strumenti solidi e cari0,5 chi cavi B* non confezionati
Strumenti solidi e cari0,5 chi cavi B* non confezionati
Strumenti solidi non
0,45
confezionati
- Camera vuota
0,7
MAX MASSA
PER ARTICOLO (kg)
S
MAX MASSA
PER VASSOIO (kg)
S
TIPOLOGIA
MAX MASSA TOTALE
(kg)
>18
MATERIALE STERILIZZABILE
Consumo energetico medio
(kWh / ciclo)
Pre-vuoto
(F=frazionato; S=singolo)
2,10
Consumo medio H2O
(millilitri / ciclo)
Tipo ciclo
(EN 13060:2009)
134
Asciugatura standard
(L=lunga; C=corta)
Tempo mantenimento
(min)
134°C PRIONE
DESCRIZIONE
CICLO
Temperatura
(°C)
Pressione
(bar)
Tempo totale del ciclo
(carico medio ÷ carico max)
PARAMETRI BASE
DEL CICLO
VALORI NOMINALI
3,00
1,00
0,25
3,00
1,00
0,25
3,00
1,00
0,25
6,00
1,20
0,50
6,00
1,20
0,50
0,50
0,50
0,50
-
-
-
NOTE
1) Vuoto Singolo = pre-vuoto con singola pulsazione di vuoto (vedi figure nelle pagine seguenti)
2) Asciugatura Lunga = tipica nei cicli IMBUSTATI
Asciugatura Corta = tipica nei cicli SOLIDI
49
NOTE
Si consiglia di
utilizzare la configurazione a 3
vassoi
SCHEMA DEI PROGRAMMI DI STERILIZZAZIONE
PROGRAMMA
PROGRAMMA
Pressione (bar)
134ºC IMBUSTATI
134ºC134ºC
– 4’00’’
IMBUSTATI
2.10
2.00
134ºC – 4’00’’
1.00
Tempo (min)
0.00
-0.75
PRE-VUOTO SINGOLO
PROCESSO
ASCIUGATURA LUNGA
PROGRAMMA
PROGRAMMA
Pressione (bar)
121ºC IMBUSTATI
121ºC
– 20’00’’
121ºC
IMBUSTATI
121ºC – 20’00’’
1.10
1.00
Tempo (min)
0.00
-0.75
PRE-VUOTO SINGOLO
PROCESSO
50
ASCIUGATURA LUNGA
PROGRAMMA
PROGRAMMA
134ºC SOLIDI
134ºC
4’00’’
134ºC–SOLIDI
Pressione (bar)
2.10
2.00
134ºC – 4’00’’
1.00
Tempo (min)
0.00
-0.75
PRE-VUOTO SINGOLO
PROCESSO
ASCIUGATURA CORTA
PROGRAMMA
PROGRAMMA
121ºC SOLIDI
121ºC
– 20’00’’
121ºC
SOLIDI
Pressione (bar)
121ºC – 20’00’’
1.10
1.00
Tempo (min)
0.00
-0.75
PRE-VUOTO SINGOLO
PROCESSO
51
ASCIUGATURA CORTA
PROGRAMMA
PROGRAMMA
134ºC EMERGENZA
134ºC
– 3’00’’
134ºC EMERGENZA
Pressione (bar)
2.10
2.00
134ºC – 3’00’’
1.00
Tempo (min)
0.00
-0.75
PRE-VUOTO SINGOLO
PROCESSO
ASCIUGATURA RAPIDA
PROGRAMMA
PROGRAMMA
PRIONE
134ºC –PRIONE
da 18’00’’ a 30’00’’
Pressione (bar)
2.10
2.00
134ºC – da 18’00’’ a 30’00’’
SELEZIONE
1.00
Temperatura 134ºC
Tempo: da 18’ a 30’
Tempo (min)
0.00
SELEZIONE
Asciugatura lunga
Asciugatura corta
-0.75
PRE-VUOTO SINGOLO
PROCESSO
52
ASCIUGATURA LUNGA
SCHEMA DEI PROGRAMMI DI TEST
Pressione (bar)
PROGRAMMA
PROGRAMMA
VUOTO TEST
-0.80VUOTO
bar TEST
1.00
0.00
-0.75 bar
Condizione intermedia per la
prosecuzione del test
(P2-P1)≤(P0-P1)/10
Condizione finale per il
superamento del test
(P3-P2)≤0.02 bar
(P2-P1)≤(P0-P1)/10
(P3-P2)≤0.02 bar
t1
P0
T2 = t1+300 s
t3 = t2+960 s
16 minuti
16 minuti
5 minuti
FASE DI VUOTO
MISURA DELLA PERDITA
ATTESA
-0.75
P1
P3
P2
MISURA DELLA PERDITA
53
Tempo (min)
ESEMPI DI STAMPA DEL RAPPORTO
Stampa programma (normale)
Model
S/N
Ver. SW
Counter
Selection
Temperature
Pressure
Process time
Stand‑by
Pre-vacuum
Drying
EXACTA S
10 BX 0001
E1002/BX000012
00099/00101
134°C WRAPPED
134°C
2.10 bar
4 min
HIGH
SINGLE
STANDARD
19:33 140
19:49 140
19:59 140
073.3 -0.67 157.0 167.2 089.8
071.3 -0.60 156.4 166.4 089.0
070.3-0.62 156.0 165.9 088.6
20:09
20:19
20:32
20:42
20:52
069.5-0.65
068.2-0.68
067.9-0.60
066.6-0.63
065.8 -0.66
140
140
140
140
140
26:57 140
Time
°C bar
---------------------------------------------------------00:00CSV 073.1-0.02
05:381PV 076.0-0.77
10:19ET 135.5+2.14
10:34SS 135.8+2.13
11:34
135.8+2.13
12:34
135.8+2.14
13:34
135.7+2.14
14:34SE 135.7+2.13
15:33DS 105.3+0.00
17:33SPD 085.9-0.07
30:33EPD 088.1-0.62
31:33DE 093.6-0.07
31:48CE 093.2-0.03
MAX
MIN
077.3 -0.60
157.9 168.1
155.6
155.2
154.7
154.3
153.9 165.3
164.7
163.8
163.3
162.7
085.9-0.65 141.5 163.2 075.6
29:36 140
29:46 140
087.6-0.62 136.7 162.9 073.0
087.3 -0.64 136.4 163.1 072.9
10:34 MAX 11:42 MIN 135.8
135.6
135.8
135.6
STERILIZATION:POSITIVE
OPERATOR
..................................
EXTENDED REPORT
REQUESTED BY THE OPERATOR
OPERATOR
Stampa a seguito di
Manual Stop
..................................
----------------------------------------------------------
Stampa programma (estesa)
a richiesta dell’operatore
EXACTA S
10 BX 0001
E1002/BH000012
00099/00101
134°C WRAPPED
134°C
2.10 Bar
4 min
HIGH
SINGLE
STANDARD
02:02 040
074.6 -0.36
02:12 040 074.9-0.41
02:22 040
075.0 -0.44
……………
……………
08:16 110 121.0+1.01
08:26 110 122.5+1.11
08:36 110 123.9+1.21
08:46 110
125.3 +1.31
……………
……………
15:04 130
121.7 +0.75 15:24 130
15:33 DS
PT4
044.8
045.1
045.4
045.7
046.0
046.3
046.6
047.1
048.1
172.5 159.0 048.6
175.1 159.3 049.0
179.2 159.5 049.4
144.6
144.8
145.0
145.4 Model
S/N
Ver. SW
Counter
Selection
Temperature
Pressure
Process time
Stand‑by
Pre-vacuum
Drying
EXACTA S
10 BX 0001
E1002/BH000012
00105/00111
134°C WRAPPED
134°C
2.10 bar
4 min
HIGH
SINGLE
STANDARD
CYCLE START
11/05/2011
09:07
CYCLE START
09/05/2011
16:48
Time
PT1
P
PT2
PT3
------------------------------------------------------------------00:00 CSV 073.1 -0.02 161.0 166.2
00:10 030
073.2 -0.09 163.2 165.4
00:20 030
073.1 -0.15 166.2 164.6
00:30 030 073.1-0.20 169.8 163.7
00:40 030 073.0-0.25 173.3 162.8
00:50 030 073.0-0.29 175.7 162.0
01:00 030 072.9-0.33 177.1 161.1
01:20 030
072.8 -0.41 177.9 159.8
01:52 040
074.5 -0.30 172.1 158.9
Model
S/N
Ver. SW
Counter
Selection
Temperature
Pressure
Process time
Stand‑by
Pre-vacuum
Drying
146.3
144.6
142.9
141.3
095.3
097.1
098.7
100.3
167.2 132.8 118.5
Time
°C bar
---------------------------------------------------------00:00CSV 079.5-0.02
05:101PV 085.3-0.77
08:31ET 135.5+2.14
08:46SS 135.7+2.14
09:46
135.7+2.13
10:46
135.8+2.14
11:46
135.8+2.14
STERILIZATION:NEGATIVE
ALARM CODE: DESCRIPTION
E999
MANUAL STOP
DATE
TIME
11/05/2011
09:19
CAUTION
Please refer to the user manual
OPERATOR
----------------------------------------------------------
109.2 +0.18 167.3 132.3 111.8
105.3+0.00 167.0 132.4 109.6
54
EXACTA S
10 BX 0001
Exxxx/Bxyyyyyy
0006/0012
134°C PRIONE
134 °C
2.10 bar
18 min
HIGH
SINGLE
FAST
CYCLE START
19/05/11
15:31
BLACK OUT
19/05/11
15:45
STERILIZATIONNEGATIVE
OPERATOR
..................................
ALARM CODE: E000
DESCRIPTIONBLACK-OUT
Stampa programma
VACUUM TEST
Drying pulses
14
CYCLE END 09/05/2011
17:20
STERILIZATION:POSITIVE
Model
S/N
Ver. SW
Counter
Selection
Temperature
Pressure
Process t ime
Stand‑by
Pre-vacuum
Drying
088.1
087.7
087.1
086.7
086.2
27:17 140 085.5-0.69 140.8 162.9 075.2
27:32 140 086.9-0.60 140.3 162.9 074.9
……………
……………
29:16 140 086.2-0.70 137.3 163.0 073.3
Drying PuIses
14
CYCLE END
09/05/2011
17:20
Stampa a seguito di
Black-out
090.9
21:02 140
065.0 -0.68 153.5 162.3 085.9
23:29 140 080.8-0.67 148.2 162.8 080.6
……………
……………
CYCLE START
09/05/2011
16:48
10:34
11:42
19:13 140
Model
EXACTA S
S/N
10 BX 0001
Ver. SW
Exxxx/BHyyyyyy
Counter
0011/0019
Selection
VACUUM
TEST CYCLE START
19/05/11
11:37
Time
C bar
---------------------------------------------------------00:00CS 035.0+0.00
01:39
E1F
037.4‑0.75
6:39
E2F
038.4‑0.74
22:39
E3F
042.0‑0.74
23:54CE
045.5‑0.01
CYCLE END
19/05/11
12:01
VACUUM TEST:
OPERATOR
POSITIVE
APPENDICE C - MANUTENZIONE
Per garantire un funzionamento sicuro ed efficiente lungo tutta la vita dell’apparato, è necessaria, oltre al corretto im­piego, una
regolare manutenzione da parte dell’utente.
INTRODUZIONE
Per una migliore qualità della manutenzione, integrare i controlli ordinari con check-up periodici
eseguibili dal Servizio Assistenza Tecnica (si veda il riferimento nell’Appendice Z).
E’ fondamentale poi provvedere ad una periodica convalida della sterilizzatrice, ossia una
verifica dei parametri termodinamici di processo ed un loro confronto con valori di riferimento forniti da strumenti opportunamente tarati. Fare riferimento al paragrafo “Convalida periodica della
sterilizzatrice”, nel prosieguo della presente Appendice.
La manutenzione ordinaria, descritta nel seguito, consiste in facili operazioni manuali ed interventi preventivi con l’utilizzo di semplici strumenti.
ATTENZIONE
IN CASO DI SOSTITUZIONE DI COMPONENTI O DI PARTI DELL’APPARATO
RICHIEDERE E/O UTILIZZARE SOLAMENTE RICAMBI ORIGINALI.
PROGRAMMA DI
MANUTENZIONE ORDINARIA
La tabella riassume gli interventi da eseguire sulla sterilizzatrice per mantenerla sempre in buona
efficienza.
In caso di uso molto intenso si consiglia di abbreviare gli intervalli di manutenzione:
GIORNALIERA
Pulizia della guarnizione e della parte interna della porta
Pulizia delle superfici esterne
SETTIMANALE
Pulizia della camera di sterilizzazione e relativi accessori
Disinfezione delle superfici esterne
MENSILE
Pulizia del serbatoio interno di carico (e della tanica esterna
opzionale, se presente)
Manutenzione della valvola di sicurezza
Pulizia (o sostituzione) del filtro di scarico (meglio settimanalmente)
ANNUALE
Convalida della sterilizzatrice (vedi paragrafo dedicato)
La sterilizzatrice propone periodicamente all’operatore messaggi di avviso relativi ad operazione
di manutenzione di “routine”, la cui esecuzione è necessaria per garantire il buon funzionamento
del dispositivo.
Messaggi di manutenzione
programmata
Gli avvisi sono proposti sullo schermo, all’avvio del ciclo di sterilizzazione prescelto, con la seguente modalità:
M E S S A G G I O
↵
⇑
p e r
p e r
D I
A V V I S O
c o n f e r m a r e
r i m a n d a r e
Premere il tasto ↵ per confermare l’avvenuta effettuazione dell’operazione di manutenzione prevista.
Premere invece il tasto ⇑ per rimandare l’operazione.
In questo caso il messaggio di avviso verrà riproposto al successivo utilizzo della sterilizzatrice.
55
NOTA
Gli avvisi sono proposti all’utente con la seguente cadenza:
MESSAGGIO DI AVVISO
FREQUENZA
PULIZIA FILTRO CALDAIA
Ogni 200 cicli
SOSTITUZIONE FILTRO BATTERIOLOGICO
Ogni 400 cicli
SOSTITUZIONE GUARNIZIONE CALDAIA
Ogni 1.000 cicli
REVISIONE GENERALE
Ogni 3.000 cicli
Le frequenze indicate sono calcolate su un “uso standard” dell’apparecchiatura,
utilizzata correttamente e posizionata in ambiente adeguato.
Qualora si notino significative perdite di prestazione, ripetuta comparsa di allarmi
o visibile degrado delle parti soggette ad usura si consiglia di provvedere alle manutenzioni previste in anticipo rispetto alle scadenze programmate nel sistema.
Tenere sempre presenti le seguenti avvertenze generali:
– Non sottoporre la sterilizzatrice a lavaggio con getti d’acqua diretti, sia in pressione che
a pioggia. Infiltrazioni su componenti elettrici ed elettronici potrebbero pregiudicare, anche
irrimediabilmente, il funziona­mento dell’apparato o di parti interne;
– Non utilizzare panni abrasivi, spazzole metalliche (o altri materiali aggressivi) o prodotti per
la pulizia dei metalli, sia solidi che liquidi, per la pulitura dell’apparato o della camera di sterilizzazione;
– Non utilizzare prodotti chimici né sostanze disinfettanti per la pulizia della camera di sterilizzazione. Questi prodotti possono infatti provocare eventuali danni, talora irrimediabili, alla
camera di sterilizzazione;
– Non lasciare accumulare residui di calcare o altre sostanze nella camera di sterilizzazione,
sulla porta e sulla guarnizione, ma bensì provvedere ad una loro periodica rimozione. Nel
tempo questi possono infatti causare danni a tali parti, oltre a compromettere il funzionamento dei componenti installati lungo il circuito idraulico.
NOTA
La formazione di macchie bianche alla base della parete interna della camera significa che si sta utilizzando acqua demineralizz
­ ata di scadente qualità.
56
PERICOLO
PRIMA DI EFFETTUARE LE OPERAZIONI DI MANUTENZIONE ORDINARIA,
TOGLIERE SEMPRE LA SPINA DEL CAVO DI ALIMENTAZIONE DALLA PRESA DI RETE.
QUALORA QUESTO NON FOSSE POSSIBILE, METTERE IN OFF L’INTERRUTTORE ESTERNO SULLA LINEA DI ALIMENTAZIONE DELL’APPARATO.
SE L’INTERRUTTORE ESTERNO FOSSE LONTANO O COMUNQUE NON
VISIBILE DA CHI ESEGUE LA MANUTENZIONE, APPORRE SU DI ESSO IL
CARTELLO “LAVORI IN CORSO” DOPO AVER POSIZIONATO L’INTERRUTTORE IN OFF.
DESCRIZIONE
DEGLI INTERVENTI
DI MANUTENZIONE
Con riferimento alla tabella precedente, vediamo sinteticamente le operazioni da compiere relativamente ai vari interventi.
Pulizia della guarnizione e
dell’oblò per eliminare le
eventuali tracce di calcare
Per eliminare eventuali tracce di calcare, pulire la guarnizione della camera e l’oblò della porta
con un panno pulito di cotone imbevuto con debole soluzione di acqua e aceto (o prodotto analogo, verificandone preventivamente il contenuto sull’etichetta).
Asciugare le superfici e rimuovere ogni eventuale residuo primo di utilizzare l’apparato.
Pulizia delle superfici
esterne
Pulizia della camera di
sterilizzazione e accessori
Pulire tutte le parti esterne utilizzando un panno pulito di cotone inumidito con acqua, eventualmente addizionata con poco detergente neutro.
Asciugare le superfici e rimuovere ogni eventuale residuo primo di utilizzare l’apparato.
Pulire la camera di sterilizzazione, il supporto ed i vas­soi (e le superfici interne in genere) con
un panno pulito di cotone imbevuto con acqua, eventualmente addizionata con poco detergente
neutro.
Risciac­quare accuratamente con acqua distillata, facendo attenzione a non lasciare residui di
alcun genere nella camera o sugli accessori.
Non
NOTA
utilizzare strumenti appuntiti o taglienti per rimuovere le eventuali incro-
stazioni di calcare dalla camera di sterilizzazione.
Qualora
vi fossero depositi
evidenti, verificare immediatamente la qualità dell’acqua distillata utilizzata (vedi
Appendice A, Caratteristiche tecniche).
Disinfezione delle
superfici esterne
Per la disinfezione saltuaria delle superfici esterne utilizzare alcool denaturato o detergenti composti da una minima percentuale di sodio ipoclorito (od equivalenti).
57
Pulizia del serbatoio
interno di carico
1.
Posizionare in prossimità della sterilizzatrice una bacinella vuota dove inserire l’estremità
libera del tubetto fornito in dotazione.
2.
Inserire il tubetto nell’attacco rapido identificato come “Service” posto nella parte frontale
come indicato nella figura sotto.
3.
Lasciare svuotare completamente il serbatoio, quindi scollegare il tubetto.
4.
Preparare 4 litri di acqua distillata con aggiunto il 10% di alcool denaturato e versarla nel
serbatoio dell’acqua distillata seguendo la procedura indicata nel capitolo “Carico acqua
distillata” fino al raggiungimento del livello massimo.
5.
Lasciare agire la soluzione per 30 minuti.
ATTENZIONE
NON ESEGUIRE NEL FRATTEMPO NESSUN CICLO DI STERILIZZAZIONE.
6.
Scaricare di nuovo completamente il serbatoio interno (come punto 2).
H2O
H2O
SERVICE
OUT
Manutenzione della valvola di
sicurezza
1.
Accedere alla valvola di sicurezza mon­tata sulla parte posteriore della macchina.
2.
Allentare la ghiera zigrinata con le dita (o con un adatto attrezzo inserito nei due fori della
ghiera stessa), ruotando in senso antiorario sino a fine corsa e continuare facendola girare
a vuoto.
3.
Tirare la ghiera verso l’esterno un paio di volte.
4.
Riavvitare la ghiera.
5.
Serrare definitivamente la ghiera fino in fondo.
ATTENZIONE
QUESTA OPERAZIONE È NECESSARIA PER GARANTIRE IL CORRETTO
FUNZIONAMENTO DELLA VALVOLA NEL TEMPO.
AL TERMINE DELLA MANUTENZIONE VERIFICARE CHE LA GHIERA SIA
COMPLETAMENTE RIAVVITATA E SERRATA.
Pulizia/sostituzione del filtro
di scarico
1
Con l’uso è probabile che residui vari tendano ad accumularsi entro il filtro, ostruendo nel tempo
il condotto di scarico inferiore.
Per pulire (o sostituire) il filtro, aprire la porta della sterilizzatrice e rimuovere il tappo (1) con una
chiave esagonale 12mm (fornita in dotazione).
Svitare quindi il raccordo (2) contenente il fil­tro (3).
Rimuovere il filtro dal supporto e pulirlo accuratamente sotto un getto d’acqua corrente, aiutandosi se necessario con uno strumento appuntito per togliere eventuali corpi estranei di maggiori
dimensioni (se possibile aiutarsi con un getto di aria compressa).
Se risultasse impossibile recuperare il filtro provvedere alla sua sostituzione con uno
nuovo.
2
3
4
NOTA
Con l’apparato viene fornito un filtro DI SCARICO di ricambio. Per richiederne altri
fare riferimento all’Appendice Z, Assistenza tecnica.
Rimontare il tutto seguendo la procedura in senso contrario, e facendo attenzione ad avvitare il
raccordo (2) in modo da lasciare i fori di scarico (4) a livello della parete della caldaia.
NOTA
inserire correttamente il filtro nel suo alloggiamento. un inserimento parziale
puo’ portare al danneggiamento del componente
58
Sostituzione del filtro
batteriologico
Alla scadenza prevista oppure ogni qual volta si nota un visibile intasamento del filtro (segnalato
da un colore marcatamente tendente al grigio), svitare il filtro batteriologico dal suo supporto e
sostituirlo con uno nuovo avvitandolo fino in fondo sul suo raccordo.
Con l’apparato
NOTA
viene fornito un filtro batteriologico di ricambio.
altri fare riferimento all’Appendice
Sostituzione della carta nella
stampante
Tipo 1
2
Z, Assistenza tecnica.
Per
richiederne
1.
Aprire lo sportello del vano di servizio per accedere alla stampante,
2.
Premere sulle linguette per aprire lo sportellino ed accedere al vano carta,
3.
Estrarre il rotolo esaurito e posizionare il nuovo rotolo di carta termica orientato in modo
che la carta si svolga dall’alto
utilizzare rotoli di dimensioni:
- larghezza
57 mm
- diametro max 50 mm,
1
4.
Svolgere circa 15 cm di carta e richiudere lo sportellino del vano carta,
5.
Infilare la carta nella fessura dello sportello del vano di servizio e richiudere.
59
CONVALIDA
PERIODICA DELLA
STERILIZZATRICE
Come accade per ogni apparecchiatura, è possibile, ed in talune applicazioni inevitabile, avere
un decadimento delle prestazioni e dei componenti nel corso della sua vita in funzione del tipo e
della frequenza di utilizzo.
Per garantire una sicurezza del processo costante nel tempo, è necessario verificare, a scadenza periodica (possibilmente annuale), i parametri termodinamici di processo (pressione e
temperatura), verificando che questi si mantengano entro i limiti minimi ammessi.
La riqualificazione delle prestazioni della sterilizzatrice ricade nell’ambito della responsabilità
dell’utilizzatore del prodotto.
Le normative europee di riferimento EN 17665 (Sterilizzazione dei prodotti sanitari – Calore umido) e EN 556 (Sterilizzazione dei dispositivi medici - Requisiti per i dispositivi medici che recano
l’indicazione “STERILE”) forniscono un efficace strumento guida per l’esecuzione di queste verifiche sugli sterilizzatori a vapore d’acqua.
Poiché questi controlli richiedono, oltre ad una specifica esperienza e preparazione, l’utilizzo di
particolari attrezzature (sensori e sonde di alta precisione, acquisitori di dati, software dedicati,
ecc.) opportunamente verificate e tarate, è necessario rivolgersi a società specializzate in questa attività.
L’Assistenza Clienti (vedi Appendice Z) è a disposizione per fornire agli utenti ogni eventuale
informazione relativa alla convalida periodica dei propri sterilizzatori a vapore d’acqua.
SMALTIMENTO
A FINE VITA
Ai sensi delle Direttive 2002/95/ EC, 2002/96/ EC e 2003/108/ EC, relative alla riduzione dell’uso
di sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche, nonché allo smaltimento
dei rifiuti è fatto obbligo di non smaltire questi ultimi come rifiuti urbani, effettuandone la raccolta
separata. Al momento dell’acquisto di una nuova apparecchiatura di tipo equivalente, in ragione
di uno a uno, l’apparecchiatura giunta a fine vita dovrà essere riconsegnata al rivenditore per lo
smaltimento. Con riguardo al reimpiego, riciclaggio e alle altre forme di recupero dei rifiuti di cui
sopra, il produttore svolge le funzioni definite dalle singole Legislazioni Nazionali.
L’adeguata raccolta differenziata per l’avvio successivo dell’apparecchiatura dismessa al riciclaggio, al trattamento e allo smaltimento ambientalmente compatibile contribuisce ad evitare
possibili effetti negativi sull’ambiente e sulla salute e favorisce il riciclo dei materiali di cui è composta l’apparecchiatura. Il simbolo del cassonetto barrato riportato sull’apparecchiatura indica
che il prodotto alla fine della propria vita utile deve essere raccolto separatamente dagli altri rifiuti.
ATTENZIONE!
Lo smaltimento abusivo del prodotto comporta l’applicazione delle sanzioni definite dalle
singole Legislazioni Nazionali.
60
APPENDICE D - PROBLEMI GENERALI
INTRODUZIONE
Se durante l’utilizzo dell’apparato capita di imbattersi in un problema od in una segnalazione di allarme, non è il caso di preoccuparsi immediatamente.
Questo potrebbe difatti non essere legato ad un guasto, ma più probabilmente ad una situazione anomala, spesso solamente
transitoria (ad esempio un black-out), oppure ad un non corretto utilizzo.
In ogni caso, è importante come prima cosa individuare la causa dell’anomalia e mettere in atto le opportune azioni correttive,
autonomamente oppure con l’intervento del Servizio Assistenza Tecnica (vedi Appendice Z).
A tale scopo forniamo di seguito indicazioni per la diagnosi e la risoluzione dei problemi generali, oltre ad una accurata descrizione dei codici di allarme, del loro significato e delle conseguenti azioni per la loro soluzione.
ANALISI E RISOLUZIONE DEI PROBLEMI
Se la Vostra sterilizzatrice non funziona correttamente, effettuare le seguenti verifiche prima di contattare il Servizio Assi­stenza
Tecnica:
PROBLEMA
La sterilizzatrice non si accende.
POSSIBILE CAUSA
La spina del cavo di alimentazione non
è inserita nella presa di corrente.
Inserire correttamente la spina.
Manca tensione alla presa di corrente.
Verificare la causa della mancanza di
tensione alla presa e porvi rimedio.
L’interruttore generale e/o l’interruttore
differenziale sono in posizione OFF.
Posizionare l’interruttore in posizione
ON.
I fusibili di rete sono interrotti.
Dopo aver premuto il tasto START, il
ciclo di sterilizzazione non parte.
SOLUZIONE PROPOSTA
Sostituire con fusibili integri e di pari valore nominale.
(Vedi Tabella riassuntiva nell’Appendice A, Caratteristiche tecniche).
Attendere che la sterilizzatrice raggiunga le condizioni corrette per l’avvio del
L’apparato sta eseguendo il preriscalda- programma.
mento .
NOTA: In condizioni normali, il tempo
medio di preriscaldamento è
di ca. 10-15 minuti.
L’icona di livello MIN dell’acqua si accende.
Il livello dell’acqua distillata all’interno
del serbatoio è al di sotto del livello
minimo.
L’icona di allarme si accende.
E’ stata rivelata una condizione di allarme e generato il relativo codice e messaggio (vedi LCD).
Rabboccare il serbatoio con acqua distillata fino all’accensione dell’icona di
livello MAX (comunque fino allo spegnimento dell’icona di livello MIN).
Verificare il codice di allarme ed intervenire di conseguenza.
(Vedi Indicazioni di allarme, Codici di
allarme e Ricerca Guasti).
Verificare il corretto serraggio della
ghiera zigrinata della valvola di sicurezza.
DANGER
Ghiera di serraggio allentata.
Interviene la valvola di sicurezza.
LASCIARE RAFFREDDARE L’APPARATO
OPPURE UTILIZZARE
DEI GUANTI PER EVITARE SCOTTATURE
NEL TOCCARE LA
VALVOLA.
Presenza di sovrappressione anomala
nella camera.
.
61
PROBLEMA
POSSIBILE CAUSA
SOLUZIONE PROPOSTA
Attendere qualche istante, fino a che la pressione non ritorna prossima a 0.00 bar, e riprovare ad aprire la porta.
Al messaggio CICLO
COMPLETATO non si
riesce ad aprire la porta.
E’ rimasta della pressione residua all’interno della camera.
Verificare che il filtro batteriologico non sia intasato e, se
necessario, sostituirlo con uno nuovo.
NOTA: sul display appare:
La procedura di acquisizione del valore di pressione ambiente non è stata eseguita correttamente. Ripetere la
procedura.
IN LIVELLAMENTO
ATTENDERE PREGO…
Contattare il Servizio di Assistenza Tecnica (vedi Appendice Z)
Alla fine del ciclo è rimasto inserito il sistema di sicurezza blocco porta.
Presenza di acqua sul
piano di appoggio della
sterilizzatrice.
Raccordi o tubazioni di scarico (tanica
esterna opzionale) non correttamente
collegate.
Contattare il Servizio di Assistenza Tecnica (vedi appendice Z).
Verificare la tenuta dei raccordi; se necessario rieseguire il
montaggio ponendo una maggiore attenzione (vedi Capitolo “Installazione”).
Controllare che i tubi siano completamente calzati sui raccordi; verificare la presenza di fascette stringitubo.
Perdita di vapore dalla guarnizione della
porta.
Al termine del ciclo pulire con un panno inumidito la guarnizione e l’oblò di chiusura. Verificare la presenza di eventuali danni alla guarnizione.
Eseguire un nuovo ciclo di verifica.
Filtro di scarico della camera ostruito.
Pulire o sostituire il filtro di scarico
(Vedi Appendice C “ Manutenzione”).
Difficoltà a creare il vuoto Circuito di scarico ostruito o tubi di scarico strozzati (tanica di scarico - opzionanella camera (problemi
di asciugatura, presenza le).
di acqua nella camera al
termine del ciclo, ecc.).
Griglie di ventilazione ostruite oppure
scambiatore di calore insufficientemente
ventilato.
Carico eccessivo nella camera di sterilizzazione.
Carico posizionato in maniera non corEccessiva presenza di
retta.
umidità sul materiale e/o
sugli strumenti al termine
del ciclo.
Errata selezione del programma di sterilizzazione
Filtro di scarico della camera ostruito.
62
Verificare che i tubi di scarico e i raccordi siano privi di
ostruzioni e scorrano liberamente dall’apparato alla tanica.
Rimuovere ogni possibile ostruzione dal lato delle griglie e
dello scambiatore di calore.
Verificare che l’apparato non sia a diretto contatto con la
parete (vedi Capitolo “Installazione”).
Verificare che il carico non superi i valori massimi ammessi (Vedi Tabella riassuntiva nell’Appendice A, “Caratteristiche tecniche”).
Posizionare il carico, specialmente quello imbustato, secondo le indicazioni.
(Vedi Capitolo “Preparazione del materiale”).
Scegliere il programma di sterilizzazione adeguato al tipo
di materiale da trattare.
(Vedi Tabella riassuntiva nell’Appendice B, “Programmi”).
Pulire o sostituire il filtro di scarico
(Vedi Appendice C “ Manutenzione”).
PROBLEMA
Tracce di ossidazione o macchie sugli
strumenti
POSSIBILE CAUSA
SOLUZIONE PROPOSTA
Qualità degli strumenti non adeguata.
Verificare la qualità degli strumenti, accertandosi che il materiale di cui sono
costituiti è adatto a sopportare la sterilizzazione a vapore.
Acqua distillata di qualità non adeguata.
Svuotare il serbatoio e riempirlo con acqua distillata di alta qualità.
(Vedi le Caratteristiche dell’acqua di
alimentazione nell’Appendice A, “Caratteristiche tecniche”).
Residui organici o inorganici sugli strumenti
Pulire accuratamente il materiale prima
di sottoporlo al ciclo di sterilizzazione.
(Vedi Capitolo “Preparazione del materiale”).
Contatto tra strumenti di diverso metallo.
Separare gli strumenti di differente metallo.
(Vedi Capitolo “Preparazione del materiale”).
Pulire la camera e gli accessori come
Presenza di residui calcarei sulla parete
prescritto.
della camera e/o accessori.
(Vedi Appendice C, “Manutenzione”).
Annerimento degli strumenti o danni al
materiale.
La stampante non stampa il rapporto
riepilogativo
Errata selezione del programma di sterilizzazione.
Scegliere il programma di sterilizzazione adeguato al tipo di materiale da
trattare.
(Vedi Tabella riassuntiva nell’Appendice B, “Programmi”).
Errata configurazione della stampante.
Configurare la sterilizzatrice in relazione
al tipo di stampante utilizzato.
(vedi Capitolo “Configurazione”).
Inserire un rotolo di carta nuovo.
(Vedi Appendice C, “Sostituzione della carta”).
Rimuovere l’inceppamento.
Carta esaurita.
Verificare la dimensione del rotolo di
carta.
(Vedi Appendice C, “Sostituzione della carta”).
Carta inceppata.
NOTA
Servizio Assistenza Tecnica (vedi Appendice Z) comunicando
della sterilizzatrice ed il numero di serie.
Questi dati sono riportati sulla targhetta di immatricolazione sulla parte posteriore dell’apparato
chiarazione di conformità.
Se
il problema persiste, rivolgersi al
63
63
il modello
e sulla di-
INTRODUZIONE
APPENDICE E - INDICAZIONI DI ALLARME
Ogni volta che durante il funzionamento della sterilizzatrice si verifica una condizione anomala,
viene generato un allarme con un codice specifico (lettera seguita da numero a tre cifre).
I codici di allarme sono divisi in tre categorie:
• E=ERRORE
Errata manovra e/o utilizzo, oppure causa esterna all’apparato.
Problema generalmente ripristinabile dall’utente.
Formato codice: Exxx(xxx = numero identificativo 000 ÷ 999)
• A= ALLARME
Guasto di primo livello, non influente la sicurezza.
Problema normalmente ripristinabile da un tecnico specializzato in loco.
Formato codice: Axxx(xxx = numero identificativo 000 ÷ 999)
• H= PERICOLO (Hazard)
Guasto di secondo livello, influente la sicurezza.
Problema generalmente ripristinabile dal Centro Assistenza Tecnica.
Formato codice: Hxxx(xxx = numero identificativo 000 ÷ 999)
In
INTERVENTO
DELL’ALLARME
NOTA
caso di allarme, spegnere l’apparato solo dopo aver osservato le indicazioni a
display ed eseguito il reset (vedi paragrafo
“reset del sistema”).
L’intervento dell’allarme provoca l’interruzione del ciclo (o del normale funzionamento), la visualizzazione sul display del relativo codice di allarme e messaggio, una segnalazione acustica e l’accensione intermittente dell’icona di allarme.
Anche
NOTA
in condizione di allarme, il display continua a visualizzare i valori correnti
di temperatura e pressione nella camera di sterilizzazione.
La procedura allarmi è progettata in modo da non dare all’utente alcuna possibilità di confondere un ciclo anomalo con uno correttamente portato a termine, e di conseguenza utilizzare
involontariamente materiale non sterile. Lo svolgimento della procedura allarmi è differente a
seconda che l’allarme avvenga durante oppure al di fuori dell’esecuzione del ciclo, ed è strutturato per guidare l’utente fino al RESET della sterilizzatrice.
Allarme durante il ciclo
Se l’allarme interviene durante il ciclo, sul display si avrà il messaggio:
( M e s s a g g i o A l l a r m e )
I N L I V E L L A M E N T O
1 1 4 . 6 ° C
X X X X
0 . 7 0 b a r
1 1 : 3 0
Se l’allarme interviene in determinate fasi del ciclo, viene attivata una procedura automatica di
pulizia del circuito idraulico. Sul display comparirà il seguente avviso:
( M e s s a g g i o A l l a r m e )
P U L I Z I A C I R C U I T O
1 0 0 . 6 ° C
X X X X
0 . 7 0 b a r
1 1 : 4 0
64
Al termine, e raggiunte le condizioni di sicurezza, l’apparato attiva una sequenza speciale con
una prima richiesta di sbloccare manualmente la porta:
P R E M E R E ⇑ P E R
S B L O C C A R E L A P O R T A
1 0 1 . O ° C
X X X X
0 . 0 1 b a r
1 1 : 4 0
Premere il tasto ⇑; appare il seguente messaggio:
( M e s s a g g i o A l l a r m e )
A P R I R E L A P O R T A 1 0 0 . 8
° C
X X X X
0 . 0 1 b a r
1 1 : 4 2
Una volta aperta la porta, viene infine chiesto di ripristinare il sistema:
( M e s s a g g i o A
R I P R I S T I N A R E
9 5 . 5 ° C
0 . 0 0 b a r
1 1
l l a r m e )
S I S T E M A
X X X X
: 4 3
Eseguire il RESET (descritto nel seguito) quindi spegnere l’apparato, verificare la natura dell’errore e procedere alla riparazione.
All’apertura
NOTA
della porta avverrà la stampa del rapporto
(normale
od esteso a
seconda del tipo di allarme intervenuto) con inclusi i dati relativi all’errore intervenuto.
Verificare il documento, siglarlo nell’apposito spazio ed archiviarlo.
Fare riferimento agli esempi di rapporto di stampa riportati in Appendice B, “Programmi”
Allarme fuori dal ciclo
Se l’allarme interviene al di fuori del ciclo di sterilizzazione o di test il display visualizzerà:
( M e s s a g g i o A l l a r m e )
A L L A R M E !
8 0 . 5 ° C
X X X X
0 . 0 0 b a r
Spegnere l’apparato e verificare la natura dell’allarme.
Oppure, in funzione del tipo di allarme, il display passa a visualizzare:
( M e s s a g g i o A l l a r m e )
R I P R I S T I N A R E S I S T E M A
8 0 . 5 ° C
X X X X
0 . 0 0 b a r
Eseguire il RESET (descritto nel seguito) quindi spegnere l’apparato, verificare la natura dell’errore e procedere alla riparazione.
Gli
NOTA
allarmi intervenuti al di fuori del programma non producono un rapporto di
stampa.
65
RESET DEL
SISTEMA
Il reset del sistema può essere effettuato in due modi alternativi, a seconda del tipo di allarme
verificatosi (vedi Elenco dei codici di allarme nel seguito della presente appendice):
1. Premendo per circa 3 secondi il tasto SELEZIONE PROGRAMMI.
A reset avvenuto si udirà un segnale acustico di conferma;
ATTENZIONE
> 3s
NON SPEGNERE MAI L’APPARATO PRIMA DI AVER ESEGUITO IL RESET.
2. Spegnendo l’apparato e quindi riaccendendolo sempre con l’interruttore generale.
Alla riaccensione la sterilizzatrice eseguirà il normale test iniziale.
Dopo il RESET, e l’eventuale intervento tecnico necessario per l’eliminazione del guasto, l’apparato si porterà in modo STAND-BY, pronto ad eseguire un nuovo programma.
66
CODICI DI ALLARME
L’elenco dei codici di allarme, i relativi messaggi sul display e le modalità di RESET, sono riportati nella seguente tabella:
CODICE
DESCRIZIONE ALLARME
MESSAGGIO A DISPLAY
MODO DI RESET
ERRORI (categoria E)
E 000
Black-out
E 010
Sportello aperto
PORTA APERTA
Superamento time-out azionamento sistema
TIME-OUT BLOCCOPORTA
bloccoporta (chiusura)
Superamento time-out azionamento sistema
TIME-OUT BLOCCOPORTA
bloccoporta (apertura)
Acqua nel serbatoio di carico al livello minimo
LIVELLO ACQUA MIN
(MIN)
Acqua nel serbatoio di scarico al livello massimo
LIVELLO SCARICO MAX
(MAX)
Riempimento troppo frequente del serbatoio
PROBLEMA RABBOCCO
(carico automatico)
Vacuum Test fallito
TEST FALLITO
(durante la FASE DI VERIFICA)
Vacuum Test fallito
TEST FALLITO
(durante la FASE DI ATTESA)
Vacuum Test fallito
TEST FALLITO
(superamento time-out pulsazione in vuoto)
Interruzione manuale del ciclo
INTERRUZIONE MANUALE
ALLARMI (categoria A)
Microinterruttori sistema bloccoporta in avaria
PROBLEMA BLOCCOPORTA
(OFF-OFF)
Microinterruttori sistema bloccoporta in avaria
PROBLEMA BLOCCOPORTA
(ON-ON)
Microinterruttori sistema bloccoporta in avaria
PROBLEMA BLOCCOPORTA
(ON-OFF)
Problema al sensore dei livelli
PROBLEMA LIVELLI H2O
Mancato riempimento del serbatoio
PROBLEMA RABBOCCO
(carico automatico)
Termoresistenza PT1rotta
PT1 INTERROTTA
(camera di sterilizzazione)
Termoresistenza PT2 rotta
PT2 INTERROTTA
(generatore di vapore)
Termoresistenza PT3 rotta
PTx INTERROTTA
(resistenza di riscaldamento)
Termoresistenza PT4 rotta
PTx INTERROTTA
(parete camera di sterilizzazione)
Termoresistenza PT1 in cortocircuito
PT1 IN CORTOCIRCUITO
(camera di sterilizzazione)
Termoresistenza PT2 in cortocircuito
PT2 IN CORTOCIRCUITO
(generatore di vapore)
Termoresistenza PT3 in cortocircuito
PTx IN CORTOCIRCUITO
(resistenza di riscaldamento)
Termoresistenza PT4 in cortocircuito
PTx IN CORTOCIRCUITO
(parete camera di sterilizzazione)
Preriscaldamento non eseguito entro il time-out
PROBL. RISCALDAMENTO
(problema alle resistenze).
1° pulsazione in vuoto non raggiunta entro il
TIME-OUT PV1
time-out
1° risalita alla pressione atmosferica non ragTIME-OUT ATM1
giunta entro il time-out
Pulsazione in pressione non raggiunta entro il
TIME-OUT PPP
time-out
E 020
E 021
E 030
E 031
E 041
(opzione)
E 900
E 901
E 902
E 999
A 022
A 023
A 024
A 032
A 040
A 101
A 102
A 103
A 104
A 111
A 112
A 113
A 114
A 200
A 250
A 251
A 258
BLACK-OUT
A 259
Fase di PROCESS non iniziata entro il time-out
TIME-OUT COMPLESSIVO
A 260
Depressurizzazione camera non completata entro il time-out
TIME-OUT PPD
67
Premere il tasto
(> 3 secondi)
Spegnere
l’apparato
Premere il tasto
(> 3 secondi)
CODICE
DESCRIZIONE ALLARME
MESSAGGIO A DISPLAY
MODO DI RESET
PERICOLI (categoria H)
H 150
H 160
H 400
H 401
H 402
H 403
H 404
H 405
H 406
H 410
H 990
H 991
H 992
Sensore di pressione MPX rotto
MPX INTERROTTO
Sensore di pressione MPX in cortocircuito/non
collegato
Rapporto Pconv/T not bilanciato (Pconv>T)
(fase PROCESS)
Rapporto T/Pconv non bilanciato (T>Pconv)
(fase PROCESS)
Temperatura sopra il limite MAX
(fase PROCESS)
Temperatura sotto il limite MIN
(fase PROCESS)
Temperatura fluttuante oltre il limite
(fase PROCESS)
Pressione sopra il limite MAX
(fase PROCESS)
Pressione sotto il limite MIN
(fase PROCESS)
Errato tempo di mantenimento
(fase PROCESS)
Pressione eccessiva
MPX IN CORTOCIRCUITO
Spegnere
l’apparato
RAPPORTO P/T ERRATO
RAPPORTO T/P ERRATO
T OLTRE LIMITE MAX
T SOTTO LIMITE MIN
T TROPPO VARIABILE
Premere il tasto
P OLTRE LIMITE MAX
P SOTTO LIMITE MIN
PROBLEMA TIMER
PRESSIONE ECCESSIVA
(camera di sterilizzazione, MPX)
Surriscaldamento
(camera di sterilizzazione, PT1)
Surriscaldamento
(generatore di vapore, PT2)
SURRISCALDAMENTO PT1
SURRISCALDAMENTO PT2
68
(> 3 secondi)
ANALISI E RISOLUZIONE DEI PROBLEMI
In base al tipo di allarme verificatosi diamo nel seguito le indicazioni per l’individuazione delle possibili cause ed il ripristino del
corretto funzionamento:
CODICE
POSSIBILE CAUSA
SOLUZIONE PROPOSTA
ERRORI (categoria E)
E 000
Improvvisa interruzione dell’alimentazione elettrica (black-out).
Accidentale spegnimento dell’interruttore
generale e/o distacco della spina di alimentazione dalla presa di corrente.
Fusibili di rete interrotti.
Attendere il ritorno della rete ed eseguire il RESET secondo le
istruzioni.
Ricollegare la spina e/o riaccendere l’apparato ed eseguire il RESET secondo le istruzioni.
Sostituire con fusibili integri e di pari valore nominale. (Vedi tabella
riassuntiva nell’Appendice A, “Caratteristiche tecniche”).
Riaccendere l’apparato ed seguire il RESET secondo le istruzioni.
E 010
E 020
E 021
E 030
E 031
Porta aperta (o non correttamente chiusa) all’avvio del programma (START).
Rottura del microinterruttore posizione
porta.
Microinterruttore di fine corsa (posizione
CHIUSO) del meccanismo bloccoporta in
avaria.
Motoriduttore del sistema bloccoporta in
avaria.
Microinterruttore di fine corsa (posizione
APERTO) del meccanismo bloccoporta
in avaria.
Motoriduttore del sistema bloccoporta in
avaria.
Livello dell’acqua nel serbatoio di carico
sotto il minimo.
Eseguire il RESET secondo le istruzioni.
Chiudere correttamente la porta e riavviare il programma.
Contattare il Servizio Assistenza Tecnica
(vedi Appendice Z).
Eseguire il RESET secondo le istruzioni.
Provare a riavviare il programma una seconda volta.
Se il problema persiste, contattare il Servizio Assistenza Tecnica
(vedi Appendice Z).
Eseguire il RESET secondo le istruzioni.
Contattare il Servizio Assistenza Tecnica
(vedi Appendice Z).
Eseguire il RESET secondo le istruzioni.
Provvedere al rabbocco dell’acqua fino all’accensione dell’icona
MAX (o almeno fino allo spegnimento dell’icona MIN).
Sensore di livello MIN acqua in avaria.
Contattare il Servizio Assistenza Tecnica
(vedi Appendice Z).
Livello dell’acqua nel serbatoio acqua
usata oltre il massimo.
Eseguire il RESET secondo le istruzioni e svuotare il serbatoio.
Eseguire il RESET secondo le istruzioni.
E 041
(opzione)
Tubo per carico automatico non correttamente installato.
Verificare il corretto collegamento del tubo di carico (vedi capitolo
Installazione).
Eliminare ogni possibile ostruzione lungo il percorso del tubo.
Pompa di carico automatico in avaria.
Problema nel circuito idraulico.
Contattare il Servizio Assistenza Tecnica
(vedi Appendice Z).
Eseguire il RESET secondo le istruzioni.
E 900
Trafilamento di aria attraverso la guarnizione
Pulire accuratamente la guarnizione con un panno pulito di cotone
inumidito con acqua.
Avviare nuovamente il programma.
Problema nel circuito idraulico.
Contattare il Servizio Assistenza Tecnica
(vedi Appendice Z).
69
CODICE
POSSIBILE CAUSA
SOLUZIONE PROPOSTA
Presenza di eccessiva umidità nella camera di sterilizzazione.
Eseguire il RESET secondo le istruzioni.
Asciugare accuratamente l’interno della camera e riavviare il programma.
Eseguire il RESET secondo le istruzioni.
E 901
Trafilamento di aria attraverso la guarnizione
Pulire accuratamente la guarnizione con un panno pulito di cotone
inumidito con acqua.
Avviare nuovamente il programma.
Contattare il Servizio Assistenza Tecnica
(vedi Appendice Z).
Problema nel circuito idraulico.
Presenza di eccessiva umidità nella camera di sterilizzazione.
Eseguire il RESET secondo le istruzioni.
Asciugare accuratamente l’interno della camera e riavviare il programma.
Eseguire il RESET secondo le istruzioni.
E 902
Trafilamento di aria attraverso la guarnizione
Pulire accuratamente la guarnizione con un panno pulito di cotone
inumidito con acqua.
Avviare nuovamente il programma.
Contattare il Servizio Assistenza Tecnica
(vedi Appendice Z).
Pompa da vuoto in avaria.
Problema nel circuito idraulico.
E 999
Interruzione manuale del ciclo di sterilizEseguire il RESET secondo le istruzioni.
zazione o di test.
Prima di utilizzare il materiale, verificare che le segnalazioni indichino
(vedi anche Capitolo “Esecuzione del
la corretta sterilizzazione del carico.
ciclo”)
ALLARMI (categoria A)
A 022
A 023
A 024
A 032
Microinterruttore/i di fine corsa del meccanismo bloccoporta in avaria.
Microinterruttore/i di fine corsa del meccanismo bloccoporta in avaria.
Microinterruttore/i di fine corsa del meccanismo bloccoporta in avaria.
Connettore dei sensori di livello acqua
non collegato.
Sensore/i livello acqua in avaria.
A 101
A 102
A 103
A 104
A 111
A 112
A 113
A 114
Rottura del sensore di temperatura della
camera (PT1).
Rottura del sensore di temperatura del
generatore di vapore (PT2).
Rottura del sensore di temperatura della
resistenza di riscaldamento (PT3).
Rottura del sensore di temperatura della
parete camera (PT4).
Contattare il Servizio Assistenza Tecnica
(vedi Appendice Z).
Collegamento errato del sensore di temperatura (camera di sterilizzazione).
Cortocircuito del sensore di temperatura
(camera di sterilizzazione).
Collegamento errato del sensore di temperatura (generatore di vapore).
Cortocircuito del sensore di temperatura
(generatore di vapore).
Collegamento errato del sensore di temperatura (resistenza di riscaldamento).
Cortocircuito del sensore di temperatura
(resistenza).
Collegamento errato del sensore di temperatura (parete della camera).
Cortocircuito del sensore di temperatura
(parete camera).
70
CODICE
POSSIBILE CAUSA
SOLUZIONE PROPOSTA
Intervento del termostato di sicurez- Riarmare manualmente il termostato posteriore (vedi Capitolo, “Presentazione del prodotto
za del generatore di vapore.
A 200
Svitare il tappo nero di plastica, premere il pulsante per sentire un piccoMalfunzionamento del generatore di lo scatto e rimettere il tappo.
vapore o della resistenza di riscalSpegnere (RESET) e riaccendere la macchina.
damento.
Se il problema si ripresenta, contattare il Servizio Assistenza Tecnica
(vedi Appendice Z).
Eseguire il RESET secondo le istruzioni.
Presenza di acqua o condensa nella camera di sterilizzazione.
A 250
Filtro di scarico ostruito.
Asciugare accuratamente l’interno della camera di sterilizzazione e riavviare il ciclo.
Non introdurre nella camera materiale impregnato di acqua o liquidi in
genere.
Pulire o sostituire il filtro di scarico.
(Vedi Appendice C, “Manutenzione”).
Eseguire il RESET secondo le istruzioni.
Trafilamento di aria attraverso la
guarnizione.
Pulire accuratamente la guarnizione con un panno pulito di cotone inumidito con acqua.
Avviare nuovamente il ciclo.
Pompa da vuoto in avaria.
Problema nel circuito idraulico.
Malfunzionamento della pompa di
iniezione acqua.
Contattare il Servizio Assistenza Tecnica
(vedi Appendice Z).
Problema nel circuito idraulico.
A 251
Intervento del termostato di sicurezVedi A200
za del generatore di vapore.
Se il problema si ripresenta, contattare il Servizio Assistenza Tecnica
Malfunzionamento del generatore
(vedi Appendice Z).
di vapore
Trafilamento di vapore attraverso la
guarnizione.
A 258
Eseguire il RESET secondo le istruzioni.
Pulire accuratamente la guarnizione con un panno pulito di cotone inumidito con acqua ed avviare nuovamente il programma.
Eseguire il RESET secondo le istruzioni.
Carico eccessivo.
Verificare che il carico non superi i valori massimi ammessi.
(Vedi Tabella riassuntiva nell’Appendice A, Caratteristiche tecniche).
Problema nel circuito idraulico.
Contattare il Servizio Assistenza Tecnica
(vedi Appendice Z).
Eseguire il RESET secondo le istruzioni.
Carico eccessivo.
Verificare che il carico non superi i valori massimi ammessi.
(Vedi Tabella riassuntiva nell’Appendice A, Caratteristiche tecniche).
A 259
Trafilamento di vapore attraverso la
guarnizione.
Problema nel circuito idraulico.
Filtro di scarico ostruito
A 260
Problema nel circuito idraulico.
Eseguire il RESET secondo le istruzioni.
Pulire accuratamente la guarnizione con un panno pulito di cotone inumidito con acqua ed avviare nuovamente il programma.
Contattare il Servizio Assistenza Tecnica
(vedi Appendice Z).
Pulire o sostituire il filtro di scarico.
(Vedi Appendice C, “Manutenzione”).
Contattare il Servizio Assistenza Tecnica
(vedi Appendice Z).
71
CODICE
POSSIBILE CAUSA
SOLUZIONE PROPOSTA
PERICOLI (categoria H)
H 150
H 160
H 400
H 401
H 402
H 403
H 404
H 405
Rottura del sensore di pressione
(MPX).
Non corretto collegamento del sensore
di pressione (MPX) al connettore.
Cortocircuito del sensore di pressione
(MPX).
Problema nel circuito idraulico.
Problema nel circuito idraulico.
Malfunzionamento del generatore di
vapore.
Problema nel circuito idraulico.
Malfunzionamento del generatore di
vapore.
Problema nel circuito idraulico.
Problema nel circuito idraulico.
Malfunzionamento del generatore di
vapore.
Problema nel circuito idraulico.
Malfunzionamento del generatore di
vapore.
Problema nel circuito idraulico.
H 406
Malfunzionamento del generatore di
vapore.
H 410
Problema al timer
H 990
Problema generale di funzionamento.
H 991
Problema generale di funzionamento.
H 992
Problema generale di funzionamento.
Contattare il Servizio Assistenza Tecnica
(vedi Appendice Z).
72
APPENDICE G –DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ
97010025 rev.2 Ottobre 2012
DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ
DECLARATION OF CONFORMITY
DECLARATION DE CONFORMITE
KONFORMITÄTSBESCHEINIGUNG
DECLARACION DE CONFORMIDAD
Applicazione della Direttiva 93/42/CEE e successive modifiche ed integrazioni
Application of the EEC Directive 93/42 and subsequent changes.
Application de la Directive CEE 93/42 et modifications ultérieures.
Anwendung der EWG Vorschriften 93/42 und nachfolgende Änderungen.
Aplicación de la Directiva CEE 93/42 y los subsiguientes cambios.
Descrizione del materiale:
Description of goods:
Description des marchandises:
Warenbezeichnung:
Descripción del material:
Sterilizzatrice a vapore d’acqua
Modello:
(Steam sterilizer)
Classe dispositivo (93/42 e successive modifiche ed integrazioni):
Device class (93/42 and subsequent changes):
Classe du dispositif (93/42 et modifications ultérieures):
Dispositifklasse (93/42 und nachfolgende Änderungen):
Clase del dispositivo (93/42 y los subsiguientes cambios):
Model:
Modèle:
Modell:
Modelo:
II b
Numero di serie:
Serial number:
Numéro de série:
Seriennumer:
Número de serie:
Nome del Fabbricante:
MOCOM S.r.l.
Indirizzo del Fabbricante:
Via Saliceto, 22 – Castel Maggiore (BO) – Italy
Name of Manufacturer:
Nom du Fabricant:
Name des Herstellers:
Nombre del Fabricante:
Address of Manufacturer:
Adresse du Fabricant:
Adresse des Herstellers:
Dirección del Fabricante:
«Campo5»
«Campo18»
«Campo1»«Campo1»
Dichiariamo sotto la nostra esclusiva responsabilità che i prodotti ai quali questa dichiarazione si riferisce sono conformi ai requisiti essenziali
(Allegato I) presenti nella seguente direttiva: 93/42/CEE Dispositivi Medici (D.Lgs.46/97) e successive modifiche ed integrazioni.
We declare on our own responsibility that the products which this declaration refers to are in accordance with the essential requirements
(Annex I) to the following directive: 93/42/EEC Medical Devices and subsequent changes.
Nous déclarons sous notre exclusive responsabilité que le produit auquel cette déclaration se refère est conforme aux exigences essentielles
(Annexe I) de la directive suivante: 93/42/CEE Equipements Médicaux et modifications ultérieures.
Auf unsere Alleinverantwortung erklären wir, dass das Produkt, worauf sich diese Zustimmung bezieht, grundlegenden Anforderungen
(Anhang I) der folgenden Richtlinie gemäss ist: 93/42/EWG Medizinprodukte und nachfolgende Änderungen.
Declaramos bajo nuestra exclusiva responsabilidad que el producto al que esta declaraciòn se refiere, està conforme a los requisitos esenciales
(Anexo I) de la siguiente directiva: 93/42/CEE Equipos Médicos y los subsiguientes cambios.
Il prodotto sopra indicato è interamente conforme alla norma EN 13060: 2009.
The above mentioned product entirely conforms to the EN 13060: 2009 standard
Le produit cité plus haut est èntierement conforme à la norme EN 13060: 2009
Der obengenannte Produkt entspriecht vollständig der Norm EN 13060: 2009
El producto sobreindicado es enteramente conforme a la norma EN 13060: 2009
Altre norme di riferimento:
Other reference standards:
Autre normes de référence:
Weitere Angewendete Normen:
Otras normas de referencia:
EN 61010-1:2001
EN 61010-2-040:2005
xx/xx/xxxx
____________________________
EN 61326-1:2006
___________________________________
Castel Maggiore, Data - Date - Le - Datum - Fecha
Firma - Signature - Signature - Unterschrift - Firma
Annita Piermarini
Nome e Cognome - Name and Surname
Nom et Prenom - Nach und Vorname - Nombre y Apellido
Il Legale Rappresentante
(MOCOM S.r.l.)
(Funzione - Position - Fonction - Stellung - Función)
73
APPENDICE H – NOTE PER L'OPERATORE
74
75
APPENDICE Z – ASSISTENZA TECNICA
PER QUALSIASI RICHIESTA DI
INTERVENTO TECNICO SUL PRODOTTO,
SIA IN GARANZIA CHE FUORI GARANZIA,
RIVOLGERSI DIRETTAMENTE
AL SERVIZIO ASSISTENZA TECNICA
DEL CONCESSIONARIO O RIVENDITORE
CHE HA FORNITO IL PRODOTTO.
Siamo a completa disposizione dei Clienti per soddisfare qualsiasi richiesta di informazione inerente il prodotto, nonché per
offrire suggerimenti e consigli sulle procedure di sterilizzazione a vapore d’acqua.
76
0051
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement