italiano - schede
Manuale
istruzioni per l'uso.
TBG 45 ME
TBG 60 ME
- BRUCIATORI DI GAS A DUE STADI PROGRESSIVI / MODULANTI CON CAMMA
ELETTRONICA BT 3..
ISTRUZIONI ORIGINALI (IT)
0006081532_201204
Prima di iniziare a usare il bruciatore leggere attentamente quanto esposto nell’opuscolo “AVVERTENZE PER L’UTENTE, PER L’USO IN
SICUREZZA DEL BRUCIATORE” presente a corredo del manuale istruzioni, che costituisce parte integrante ed essenziale del prodotto.
BALTUR S.p.A.
- Leggere attentamente le istruzioni prima di mettere
funzione
o di(Ferrara)
eseguire
la manutenzione.
Via in
Ferrarese
10 il- bruciatore
44042 CENTO
ITALIA
Tel.
051.684.37.11
Fax
051.685.75.27/28
- I lavori sul bruciatore e sull’impianto devono essere eseguiti solo da personale qualificato.
(International Tel. ++39.051.684.37.11 - Fax ++39.051.683.06.86)
- L’alimentazione elettrica dell’impianto deve essere
disinserita
prima di iniziare -i E-MAIL
[email protected]
http://www.baltur.it
- http://www.baltur.com
- Se i lavori non sono eseguiti correttamente si rischiano incidenti pericolosi.
Dichiarazione di Conformità
Dichiariamo che i nostri prodotti
BPM...; BGN…; BT…; BTG…; BTL…; TBML...; Comist…; GI…;
GI…Mist; Minicomist…; PYR…; RiNOx…; Spark...; Sparkgas...;
TBG...;TBL...; TBML ...; TS…; IBR...; IB...
(Variante: … LX, per basse emissioni NOx)
Descrizione:
bruciatori ad aria soffiata di combustibili liquidi, gassosi e misti, domestici e industriali
rispettano i requisiti minimi imposti dalle Direttive Europee:
2009/142/CE ..............................................(D.A.G.)
2004/108/CE...............................................(C.E.M.)
2006/95/CE.................................................(D.B.T.)
2006/42/CE ................................................(D.M.)
e sono conformi alle Norme Europee:
UNI EN 676:2008 (gas e misti, lato gas)
UNI EN 267:2002 (gasolio e misti, lato gasolio)
Tali prodotti sono pertanto marcati:
Dr. Riccardo Fava
Amministratore Delegato / CEO
Baltur S.p.A.
0085
18/11/2010
!
AVVERTENZE / NOTE
i
INFORMAZIONI
I
PERICOLO / ATTENZIONE
CARATTERISTICHE TECNICHE...................................................................................................................................................................................... 4
APPLICAZIONE DEL BRUCIATORE ALLA CALDAIA....................................................................................................................................................... 7
MONTAGGIO RAMPA GAS.............................................................................................................................................................................................. 7
LINEA DI ALIMENTAZIONE.............................................................................................................................................................................................. 8
COLLEGAMENTI ELETTRICI........................................................................................................................................................................................... 9
DESCRIZIONE DEL FUNZIONAMENTO A DUE STADI PROGRESSIVI......................................................................................................................... 10
ACCENSIONE E REGOLAZIONE A METANO................................................................................................................................................................. 11
MISURAZIONE DELLA CORRENTE DI IONIZZAZIONE................................................................................................................................................. 12
REGOLAZIONE DELL’ ARIA SULLA TESTA DI COMBUSTIONE.................................................................................................................................... 13
MANUTENZIONE.............................................................................................................................................................................................................. 14
PREDISPOSIZIONE PER ATTACCO RAMPA VERSO L'ALTO........................................................................................................................................ 15
ISTRUZIONI MONTAGGIO RIDUZIONI PER GPL........................................................................................................................................................... 16
ISTRUZIONI PER L’ACCERTAMENTO DELLE CAUSE DI IRREGOLARITÁ NEL FUNZIONAMENTO E LORO ELIMINAZIONE................................. 17
SCHEMA ELETTRICO...................................................................................................................................................................................................... 18
1 / 22
0006081532_201204
ITALIANO
-
ITALIANO
I
AVVERTENZE PER L’UTENTE PER L’USO IN SICUREZZA DEL BRUCIATORE
PREMESSA
BRUCIATORI
Queste avvertenze si propongono di contribuire alla sicurezza nella
utilizzazione dei componenti per impianti di riscaldamento ad uso civile e
produzione di acqua calda per uso sanitario, mediante l’indicazione di quei
comportamenti che é necessario od opportuno adottare al fine di evitare
che le loro originarie caratteristiche di sicurezza risultino compromesse
da eventuali installazioni non corrette, usi erronei, impropri o irragionevoli.
La diffusione delle avvertenze fornite da questa guida mira anche alla
sensibilizzazione del pubblico dei “consumatori” ai problemi della sicurezza
mediante un linguaggio necessariamente tecnico ma facilmente accessibile.
E’ esclusa qualsiasi responsabilità contrattuale ed extracontrattuale del
costruttore per i danni causati da errori nell’installazione e nell’uso, e
comunque da inosservanza delle istruzioni date dal costruttore stesso.
• Questo apparecchio dovrà essere destinato solo all’uso per il quale é stato
espressamente previsto: applicato a caldaie, generatori di aria calda,
forni o altri focolari simili, situati in luogo riparato dagli agenti atmosferici.
Ogni altro uso é da considerarsi improprio e quindi pericoloso.
AVVERTENZE GENERALI
• ll libretto di istruzioni costituisce parte integrante ed essenziale del
prodotto e dovrà essere consegnato all’utente. Leggere attentamente
le avvertenze contenute nel libretto in quanto forniscono importanti indicazioni riguardanti la sicurezza di installazione, d’uso e manutenzione.
Conservare con cura il libretto per ogni ulteriore consultazione.
• L’installazione dell’apparecchio deve essere effettuata in ottemperanza
alle norme vigenti, secondo le istruzioni del costruttore a da personale professionalmente qualificato. Per personale professionalmente qualificato si
intende quello avente competenza tecnica nel settore dei componenti di
impianti di riscaldamento ad uso civile e produzione di acqua calda ad uso
sanitario e, in particolare, i centri assistenza autorizzati dal costruttore.
Un’errata installazione può causare danni a persone, animali o cose, per
i quali il costruttore non é responsabile.
• Dopo aver tolto ogni imballaggio assicurarsi dell’integrità del contenuto.
In caso di dubbio non utilizzare l’apparecchio e rivolgersi al fornitore.
Gli elementi dell’imballaggio (gabbia di legno, chiodi, graffe, sacchetti
di plastica, polistirolo espanso, ecc.) non devono essere lasciati alla
portata dei bambini in quanto potenziali fonti di pericolo. Inoltre, onde
evitare inquinamento, vanno raccolti e depositati in luoghi predisposti
allo scopo.
• Prima di effettuare qualsiasi operazione di pulizia o di manutenzione,
disinserire l’apparecchio dalla rete di alimentazione agendo sull’interruttore
dell’impianto e/o attraverso gli appositi organi di intercettazione.
• In caso di guasto e/o di cattivo funzionamento dell’apparecchio, disattivarlo,
astenendosi da qualsiasi tentativo di riparazione o di intervento diretto.
Rivolgersi esclusivamente a personale professionalmente qualificato.
L’eventuale riparazione dei prodotti dovrà essere effettuata solamente
da un centro di assistenza autorizzato dalla BALTUR utilizzando
esclusivamente ricambi originali. Il mancato rispetto di quanto sopra, può
compromettere la sicurezza dell’apparecchio. Per garantire l’efficienza
dell’ apparecchio e per il suo corretto funzionamento é indispensabile fare
effettuare da personale professionalmente qualificato la manutenzione
periodica attenendosi alle indicazioni fornite dal costruttore.
• Se l’apparecchio dovesse essere venduto o trasferito ad un altro
proprietario o se si dovesse traslocare e lasciare l’apparecchio,
assicurarsi sempre che il libretto accompagni l’apparecchio in modo che
possa essere consultato dal nuovo proprietario e/o dall’installatore.
• Per tutti gli apparecchi con optionals o kit (compresi quelli elettrici) si
dovranno utilizzare solo accessori originali.
• ll bruciatore deve essere installato in un locale adatto con aperture
minime di ventilazione secondo quanto prescritto dalle norme vigenti e
comunque sufficienti per ottenere una perfetta combustione
• Non ostruire né ridurre la sezione delle griglie di aspirazione dell’aria
del bruciatore, e le aperture di aerazione del locale dove é installato un
bruciatore o una caldaia, per evitare che si creino situazioni pericolose
come la formazione di miscele tossiche ed esplosive.
• Prima di collegare il bruciatore accertarsi che i dati di targa siano
corrispondenti a quelli della rete di alimentazione (elettrica, gas, gasolio
o altro combustibile).
• Non toccare parti calde del bruciatore. Queste, normalmente situate in
vicinanza della fiamma e dell’eventuale sistema di preriscaldamento del
combustibile, diventano calde durante il funzionamento e permangono
tali anche dopo un arresto non prolungato del bruciatore.
• Allorché si decide di non utilizzare, in via definitiva il bruciatore, si
dovranno far effettuare da personale professionalmente qualificato le
seguenti operazioni:
a) Disinserire l’alimentazione elettrica staccando il cavo di alimentazione
dell’interruttore generale.
b) Chiudere l’alimentazione del combustibile attraverso la valvola manuale
di intercettazione e asportare i volantini di comando dalla loro sede.
c) Rendere innocue quelle parti che potrebbero essere potenziali fonti
di pericolo.
Avvertenze particolari
• Accertarsi che, chi ha eseguito l’installazione del bruciatore, lo abbia
fissato saldamente al generatore di calore in modo che la fiamma si
generi all’interno della camera di combustione del generatore stesso.
• Prima di avviare il bruciatore e almeno una volta all’anno, far effettuare
da personale professionalmente qualificato le seguenti operazioni:
a) Tarare la portata di combustibile del bruciatore secondo la potenza
richiesta dal generatore di calore.
b) Regolare la portata d’aria comburente per ottenere un valore di
rendimento combustione almeno pari al minimo imposto dalle norme
vigenti.
c) Eseguire il controllo della combustione onde evitare la formazione
di incombusti nocivi o inquinanti oltre i limiti consentiti dalle norme
vigenti.
d) Verificare la funzionalità dei dispositivi di regolazione e di sicurezza.
e) Verificare la corretta funzionalità del condotto di evacuazione dei
prodotti della combustione.
f) Controllare al termine delle regolazioni che tutti i sistemi di bloccaggio
meccanico dei dispositivi di regolazione siano ben serrati.
g) Accertarsi che nel locale caldaia siano presenti le istruzioni relative
all’uso e manutenzione del bruciatore.
• In caso di ripetuti arresti in blocco del bruciatore non insistere con le
procedure di riarmo manuale, ma rivolgersi a personale professionalmente
qualificato per ovviare a tale situazione anomala.
• La conduzione e la manutenzione devono essere effettuate esclusivamente
da personale professionalmente qualificato, in ottemperanza alle
disposizioni vigenti.
2 / 22
0006081532_201204
AVVERTENZE PER L’UTENTE PER L’USO IN SICUREZZA DEL BRUCIATORE
ALIMENTAZIONE ELETTRICA
• La sicurezza elettrica dell’apparecchio è raggiunta soltanto quando lo
stesso è corretamente collegato a un’efficace impianto di messa a terra,
eseguito come previsto dalle vigenti norme di sicurezza. E’ necessario
verificare questo fondamentale requisito di sicurezza. In caso di
dubbio, richiedere un controllo accurato dell’impianto elettrico da parte
di personale professionalmente qualificato, poiché il costruttore non é
responsabile per eventuali danni causati dalla mancanza di messa a
terra dell’impianto.
• Far verificare da personale professionalmente qualificato che l’impianto
elettrico sia adeguato alla potenza massima assorbita dall’apparecchio,
indicata in targa, accertando in particolare che la sezione dei cavi
dell’impianto sia idonea alla potenza assorbita dall’apparecchio.
• Per l’alimentazione generale dell’apparecchio della rete elettrica, non é
consentito l’uso di adattatori, prese multiple e/o prolunghe.
• Per l’allacciamento alla rete occorre prevedere un interruttore onnipolare
come previsto dalle normative di sicurezza vigenti.
• L’alimentazione elettrica del bruciatore deve prevedere il neutro a terra.
In caso di controllo della corrente di ionizzazione con neutro non a terra
è indispensabile collegare tra il morsetto 2 (neutro) e la terra il circuito
RC.
• L’uso di un qualsiasi componente che utilizza energia elettrica comporta
l’osservanza di alcune regole fondamentali quali:
- non toccare l’apparecchio con parti del corpo bagnate o umide e/o a
piedi umidi
- non tirare i cavi elettrici
- non lasciare esposto l’apparecchio ad agenti atmosferici (pioggia, sole,
ecc.) a meno che non sia espressamente previsto.
- non permettere che l’apparecchio sia usato da bambini o da persone
inesperte.
• ll cavo di alimentazione dell’apparecchio non deve essere sostituito
dall’utente. In caso di danneggiamento del cavo, spegnere l’apparecchio,
e, per la sua sostituzione,rivolgersi esclusivamente a personale
professionalmente qualificato.
• Allorché si decida di non utilizzare l’apparecchio per un certo periodo
é opportuno spegnere l’interruttore elettrico di alimentazione a tutti
i componenti dell’impianto che utilizzano energia elettrica (pompe,
bruciatore, ecc.).
ALIMENTAZIONE CON GAS, GASOLIO, O ALTRI COMBUSTIBILI
Avvertenze generali
• L’installazione del bruciatore deve essere eseguita da personale
professionalmente qualificato e in conformità alle norme e disposizioni
vigenti, poiché un’errata installazione può causare danni a persone,
animali o cose, nei confronti dei quali il costruttore non può essere
considerato responsabile.
• Prima dell’installazione si consiglia di effettuare una accurata pulizia
interna di tutte le tubazioni dell’impianto di adduzione del combustibile
onde rimuovere eventuali residui che potrebbero compromettere il buon
funzionamento del bruciatore.
• Per la prima messa in funzione dell’apparecchio far effettuare
da personale professionalmente qualificato le seguenti verifiche:
a) il controllo della tenuta nel tratto interno ed esterno dei tubi di adduzione
del combustibile;
b) la regolazione della portata del combustibile secondo la potenza
richiesta al bruciatore;
c) che il bruciatore sia alimentato dal tipo di combustibile per il quale é
predisposto;
d) che la pressione di alimentazione del combustibile sia
compresa nei valori riportati in targhetta del bruciatore;
e) che l’impianto di alimentazione del combustibile sia dimensionato
per la portata necessaria al bruciatore e che sia dotato di tutti i
dispositivi di sicurezza e controllo prescritti dalle norme vigenti.
• Allorché si decida di non utilizzare il bruciatore per un certo periodo,
chiudere il rubinetto o i rubinetti di alimentazione del combustibile.
Avvertenze particolari per l’uso del gas
• Far verificare da personale professionalmente qualificato:
a) che la linea di adduzione e la rampa siano conformi alle norme e
prescrizioni vigenti.
b) che tutte le connessioni gas siano a tenuta.
• Non utilizzare i tubi del gas come messa a terra di apparecchi elettrici.
• Non lasciare l’apparecchio inutilmente inserito quando, lo stesso non è
utilizzato e chiudere sempre il rubinetto del gas.
• In caso di assenza prolungata dell’utente dell’apparecchio chiudere il
rubinetto principale di adduzione del gas al bruciatore.
• Avvertendo odore di gas:
a) non azionare interruttori elettrici, il telefono e qualsiasi altro oggetto
che possa provocare scintille;
b) aprire immediatamente porte e finestre per creare una corrente d’aria
che purifichi il locale;
c) chiudere i rubinetti del gas;
d) chiedere l’intervento di personale professionalmente qualificato.
• Non ostruire le aperture di aerazione del locale dove é installato un
apparecchio a gas, per evitare situazioni pericolose quali la formazione
di miscele tossiche ed esplosive.
CAMINI PER CALDAIE AD ALTO RENDIMENTO E SIMILI
E’opportuno precisare che le caldaie ad alto rendimento e simili scaricano
nel camino i prodotti della combustione (fumi) a temperatura relativamente
bassa. Nella condizione sopra esposta i tradizionali camini, comunemente
dimensionati (sezione ed isolamento termico) possono non essere adatti per
funzionare correttamente perché il sensibile raffreddamento che i prodotti
della combustione subiscono nel percorrere gli stessi consente, molto
probabilmente, un abbassamento della temperatura anche al di sotto del
punto di condensazione. In un camino che lavori in regime di condensazione
si ha presenza di fuliggine allo sbocco in atmosfera quando si brucia gasolio
od olio combustibile oppure presenza di acqua di condensa lungo il camino
stesso, quando si brucia gas (metano, GPL, ecc.). Da quanto sopra esposto
si deve dedurre che i camini collegati a caldaie ad alto rendimento e simili
devono essere dimensionati (sezione ed isolamento termico) per l’uso
specifico per evitare l’inconveniente sopra descritto.
3 / 22
0006081532_201204
ITALIANO
I
ITALIANO
CARATTERISTICHE TECNICHE
MAX kW
POTENZA TERMICA
MIN kW
TBG 45ME
TBG 60ME
450
100
600
120
Bistadio progressivo / modulante
FUNZIONAMENTO
EMISSIONI NOx
mg/kWh
kW
MOTORE
r.p.m.
POTENZA ELETTRICA ASSORBITA*
kW
FUSIBILE di linea
A / 400 V
< 80 (Classe III secondo EN 676)
0,50
0,75
2730
2800
0,70
0,97
--
4
26 kV - 40 mA - 230/240 V - 50/60 Hz
TRASFORMATORE D’ACCENSIONE
1N ~ 230 V ± 10% - 50 Hz 3N ~ 400 V ±10% - 50 Hz
TENSIONE
IP 40
GRADO DI PROTEZIONE
RILEVAZIONE FIAMMA
RUMOROSITA’ **
dBA
PESO
kg
SONDA DI IONIZZAZIONE
73
75
40
42
45,3
10,1
60,3
12,1
Gas Metano (G 20)
PORTATA / FLOW RATE
PRESSIONE
MAX
m³n/h
MIN
m³n/h
MAX
mbar
500
*) Assorbimento totale, in fase di partenza, con trasformatore d’accensione inserito.
**) Pressione sonora misurata nel laboratorio del costruttore, con bruciatore funzionante su caldaia di prova, alla portata termica nominale massima.
MATERIALE A CORREDO
GUARNIZIONE ISOLANTE
TBG 45ME
2
1
TBG 60ME
2
1
PRIGIONIERI
N° 4 M 12
N° 4 M 12
DADI ESAGONALI
N° 4 M 12
N° 4 M 12
RONDELLE PIANE
N° 4 Ø 12
N° 4 Ø 12
FLANGIA ATTACCO BRUCIATORE
CARATTERISTICHE TECNICO FUNZIONALI
• Bruciatore di gas a basse emissioni di NOx e CO secondo
“Classe III” della normativa europea EN676.
• Manutenzione facilitata dalla possibilità di sfilare il gruppo di
miscelazione senza smontare il bruciatore dalla caldaia.
• Funzionamento a due stadi progressivi di potenza.
• Regolazione della portata dell’aria comburente con chiusura
della serranda in sosta per evitare dispersioni di calore al
camino.
• Possibilità di funzionamento a modulazione di potenza tramite
montaggio del regolatore automatico di modulazione (da
ordinare a parte assieme al kit sonda specifico).
• Rapporto di modulazione di 1:4.
• Elevato rendimento di ventilazione, bassi assorbimenti elettrici,
bassa rumorosità.
• Testa di combustione a ricircolo dei gas combusti che consente
il raggiungimento di bassissime emissioni inquinanti con
particolare riguardo agli ossidi di azoto (NOx).
• Regolazione gas mediante valvola a farfalla, comandata da
servomotore passo passo, controllato elettronicamente.
• Controllo tenuta valvole secondo normativa europea EN676.
• Corredato di connettori a 4 e a 7 poli, 1 flangia e 1 guarnizione
isolante per il fissaggio alla caldaia.
• Possibilità di uscita rampa gas dall’alto o dal basso.
4 / 22
0006081532_201204
• Presa a 7 poli per l’alimentazione elettrica e per il collegamento
termostatico del bruciatore; presa a 4 poli per il comando del
secondo stadio di funzionamento o del regolatore elettronico
di potenza.
Il bruciatore risulta composto da:
• Presa d’aria comburente con serranda a farfalla per la
regolazione della portata d’aria, dotata di inserto in materiale
fonoassorbente disegnato per ottenere un’ottimale linearità
dell’apertura della serranda aria.
• Predisposizione al collegamento micro amperometro sul cavo
ionizzazione.
• Flangia d’attacco al generatore scorrevole per adattare la
sporgenza della testa ai vari tipi di generatori di calore.
• Impianto elettrico con grado di protezione IP44.
• Pressostato aria che assicura la presenza dell’aria comburente.
• Regolazione della portata minima e massima dell’aria tramite
servomotore elettrico passopasso comandato elettronicamente.
• Rampa gas completa di valvola di sicurezza e di funzionamento
ad azionamento elettromagnetico, pressostato di minima,
regolatore di pressione e filtro gas.
• Controllo della presenza di fiamma tramite elettrodo ionizzatore.
• Apparecchiatura automatica di comando e controllo del
bruciatore con microprocessore (camma elettronica) secondo
normativa europea EN298 integrata con controllo tenuta
valvole, dotata di collegamento eBus. Display visualizzatore
della sequenza di funzionamento e del codice errore in caso
di blocco.
CAMPO DI LAVORO
TBG 60P
TBG 60PN
TBG 60P-V
TBG 60ME
TBG 45P
TBG 45PN
TBG 45P-V
TBG 45ME
mbar
0002922650
10
8
6
4
2
0
100
200
10
2
4
300
20
6
8
400
30
10
12
500
40
14
600
50
16
18
700
60
20
22
70
24
26
28
kW
mn3/h(Metano)
mn3/h(G.P.L.)
I campi di lavoro sono ottenuti su caldaie di prova rispondenti alla norma EN676 e sono orientativi per gli accoppiamenti bruciatorecaldaia. Per il corretto funzionamento del bruciatore le dimensioni della camera di combustione devono essere rispondenti alla normativa
vigente; in caso contrario vanno consultati i costruttori.
5 / 22
0006081532_201204
ITALIANO
• Connessione alla rampa gas con connettori a prova d’errore.
CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE
ITALIANO
MOD.
TBG 45ME
TBG 60ME
A
A1
A2
B
B1
B6
C
550
550
270
270
280
280
435
455
325
325
160
160
920
920
1)
2)
3)
4)
5)
6)
7)
8)
9)
9a)
10)
Testa di combustione
Guarnizione
Flangia attacco bruciatore
Dispositivo regolazione testata
Coperchio chiocciola
Flangia attacco rampa gas
Quadro elettrico
Motore
Servomotore regolazione aria
Servomotore regolazione gas
Pressostato aria
D
min
140
140
D
max
300
300
COMPONENTI QUADRO ELETTRICO
13)
Apparecchiatura
14)
Trasformatore d’accensione
15)
Contattore motore
16)
Relè termico (Solo con alimentazione trifase)
22)
Interruttore MARCIA/ARRESTO
23
Display
25)
Fusibile
6 / 22
0006081532_201204
E
Ø
137
156
F
Ø
133
152
I
215
260
L
min
200
225
L
max
245
300
M
N
M12
M12
145
160
MONTAGGIO GRUPPO TESTATA
- Posizionare sul cannotto la guarnizione isolante 3 interponendo
la corda 2 tra flangia e guarnizione.
-
allentare le viti “6”, adeguare la posizione della flangia di attacco
“5” in modo che la testata di combustione penetri nel focolare
della lunghezza consigliata dal costruttore del generatore.
-
Fissare il bruciatore 4 alla caldaia 1 tramite i prigionieri, le rondelle e i relativi dadi in dotazione 7.
!
Sigillare completamente con materiale idoneo lo spazio
tra il cannotto del bruciatore e il foro sul refrattario
all’interno del portellone caldaia.
MONTAGGIO RAMPA GAS
Sono possibili diverse soluzioni di montaggio 8, 8a, 9 della rampa
valvole come evidenziato nel disegno a fianco. Il bruciatore
viene fornito con attacco per rampa gas rivolto verso il basso.
Se si desidera invertire il lato di ingresso rampa per consentire il
montaggio del gruppo valvole secondo la configurazione 9, seguire
la procedura descritta al paragrafo: “Predisposizione per attacco
rampa verso l’alto”. Scegliere la posizione più razionale in base
alla conformazione del locale caldaia e alla posizione di arrivo della
tubazione del gas.
7 / 22
0006081532_201204
ITALIANO
APPLICAZIONE DEL BRUCIATORE ALLA
CALDAIA
Lo schema di principio della linea di alimentazione gas è
riportato nella figura sotto. La rampa gas è omologata secondo
normativa EN 676 e viene fornita separatamente dal bruciatore.
Occorre installare, a monte della valvola gas, una valvola di
intercettazione manuale e un giunto antivibrante, disposti
secondo quanto indicato nello schema.
SCHEMA DI PRINCIPIO BRUCIATORE GAS
N° 0002910950n2
ITALIANO
LINEA DI ALIMENTAZIONE
Rampa gas fornita dal costruttore
1)
2)
3)
4)
5)
6)
7)
8)
Valvola di intercettazione manuale
Giunto antivibrante
Filtro gas
Pressostato di minima pressione gas
Valvola di sicurezza
Regolatore di pressione
Dispositivo di controllo te nuta valvole
Valvola di lavoro
9)
10)
11)
12)
13)
14
A cura dell’installatore
Servomotore regolazione aria
Serranda regolazione aria
Pressostato aria
Testa di combustione
Valvola a farfalla regolazione gas
Servomotore regolazione gas
8 / 22
0006081532_201204
COLLEGAMENTI ELETTRICI
-
Allentare le viti (2) per sbloccare la piastrina stringicavi (3),
far passare attraverso i relativi fori il cavo alimentazione
apparecchiatura e il cavo comando modulazione. Collegare i cavi
di alimentazione motore (4) al teleruttore, fissare il cavo di terra (5)
e serrare il relativo pressacavo. Nel caso di bruciatore monofase
vanno collegati al teleruttore solo i cavi L (fase) ed N (neutro)
corrispondenti alle posizioni L1 e L3.
-
ITALIANO
La linea di alimentazione trifase deve essere provvista di interruttore
con fusibili. E’ inoltre richiesto dalle Normative vigenti un interruttore
sulla linea di alimentazione del bruciatore, posto all’esterno del
locale caldaia in posizione facilmente raggiungibile. Per i collegamenti elettrici (linea e termostati) attenersi allo schema
elettrico allegato. Per eseguire il collegamento del bruciatore alla
linea di alimentazione procedere come segue:
- Svitare le 4 viti (1). Rimuovere il coperchio per accedere al quadro
elettrico del bruciatore.
Fig. 2
Riposizionare la piastrina stringicavi. Ruotare l’eccentrico (6) in modo che la piastrina eserciti una
adeguata pressione sui due cavi, quindi stringere le viti che
fissano la piastrina. Collegare infine il cavo alimentazione
apparecchiatura e il cavo comando modulazione.
!
gli alloggiamenti dei cavi sono previsti rispettivamente
per cavo Ø 9,5-10 mm e Ø 8,5-9 mm, questo per
assicurare il grado di protezione IP 44 (Norma CEI EN
60529) relativamente al quadro elettrico.
Avvitare le 4 viti (1) esercitando una coppia di serraggio
adeguata ad assicurare la corretta tenuta, per richiudere il
coperchio del quadro elettrico.
!
l’apertura del quadro elettrico del bruciatore è consentita
esclusivamente a personale professionalmente
qualificato.
-
Fig. 3
Fig. 4
Fig. 1
9 / 22
0006081532_201204
ITALIANO
DESCRIZIONE DEL FUNZIONAMENTO A
DUE STADI PROGRESSIVI
I bruciatori ad aria soffiata con modulazione elettronica sono adatti
per funzionare su focolari in forte pressione o in depressione
secondo le relative curve di lavoro. Uniscono alla grande stabilità
di fiamma una sicurezza totale ed un alto rendimento.
Il bruciatore è dotato di camma elettronica LAMTEC modello “BT
3xx” comandata da microprocessore con esercizio a intermittenza,
per il comando e la sorveglianza di bruciatori a soffiante per gas
con modulazione elettronica tramite due motorini di regolazione
(aria/gas). Nell’esercizio come bruciatore automatico e’ integrato
il controllo di tenuta delle valvole; per meglio comprendere
il funzionamento della camma elettronica “BT 3xx”, leggere
attentamente le istruzioni riportate nel manuale a corredo.
Si dice funzionamento a due stadi progressivi, in quanto il
passaggio dalla prima alla seconda fiamma (dal regime minimo a
quello massimo prefissato) avviene in modo progressivo sia come
apporto di aria comburente sia come erogazione di combustibile
con notevole vantaggio per la stabilità della pressione nella rete di
alimentazione del gas. Il campo di variazione di portata realizzabile
è, indicativamente, da 1 a 1/3. L’accensione è preceduta, come
disposto dalle Norme, dalla preventilazione della camera di
combustione, con aria aperta, la durata della stessa è di circa 30
secondi. Se il pressostato aria ha rilevato la pressione sufficiente,
si inserisce alla fine della fase di ventilazione il trasformatore di
accensione e dopo tre secondi si aprono in sequenza le valvole di
sicurezza e principale. Il gas raggiunge la testa di combustione, si
miscela con l’aria fornita dalla ventola e si incendia. L’erogazione è
regolata dalla valvola gas a farfalla. Tre secondi dopo l’inserzione
delle valvole (principale e sicurezza) si disinserisce il trasformatore
d’accensione. Il bruciatore è così acceso al punto di accensione
2 ). La presenza della fiamma viene rilevata dal relativo
(
dispositivo di controllo (sonda di ionizzazione immersa nella fiamma).
Il relè programmatore supera la posizione di blocco e dà tensione ai
servomotori di regolazione dell’erogazione (aria/gas), che si portano
al punto minimo (200). Se il termostato di caldaia (o pressostato)
di 2° stadio lo consente (regolato ad un valore di temperatura o
pressione superiore a quella esistente in caldaia) i servomotori di
regolazione dell’erogazione (aria/gas) iniziano a girare determinando
un aumento graduale dell’erogazione di gas e della relativa aria
di combustione fino a raggiungere l’erogazione massima a cui il
bruciatore è stato regolato (999).
La camma elettronica “BT 3xx” comanda il bruciatore,
azionando il servomotore dell’aria comburente e del
gas, secondo una curva di lavoro già impostata.
Il bruciatore resta nella posizione di massima erogazione fino a
quando la temperatura o pressione raggiunge un valore sufficiente
a determinare l’intervento del termostato di caldaia (o pressostato) di
2° stadio che fa ruotare i servomotori di regolazione dell’erogazione
(aria/gas) in senso inverso a quello precedente riducendo
gradualmente l’erogazione del gas e della relativa aria comburente
fino al valore minimo.
Se anche con erogazione al minimo si raggiunge il valore limite
(temperatura o pressione) a cui è regolato il dispositivo di arresto
completo (termostato o pressostato) il bruciatore viene arrestato
dall’intervento dello stesso. Riabbassandosi, la temperatura o
pressione al di sotto del valore di intervento del dispositivo di arresto
il bruciatore viene nuovamente inserito secondo il programma
precedentemente descritto.
Nel normale funzionamento il termostato di caldaia (o pressostato)
di 2° stadio applicato alla caldaia rileva le variazioni di richiesta
ed automaticamente provvede ad adeguare l’erogazione di
combustibile e di aria comburente inserendo i servomotori di
regolazione dell’erogazione (aria/gas) con rotazione in aumento
oppure in diminuzione. Con questa manovra il sistema di regolazione
dell’erogazione (aria/gas) cerca di equilibrare la quantità di calore
fornito alla caldaia con quello che la stessa cede all’utilizzo.
Nel caso in cui la fiamma non compare entro tre secondi dall’apertura
delle valvole del gas l’apparecchiatura di controllo si mette in “blocco”
(arresto completo del bruciatore e comparsa sul display (3) del
relativo messaggio di errore). Per “sbloccare” l’apparecchiatura
occorre premere per circa mezzo secondo il tasto RESET (4).
!
10 / 22
0006081532_201204
ridotta, nel caso opposto, in cui si ha una erogazione di
combustibile piuttosto elevata, il passaggio dell’aria tra il disco
e la testa deve essere aperto. Vedere capitolo “Regolazione
dell’aria sulla testa di combustione”.
6) Applicare un manometro con scala adeguata (se l’entità della
pressione prevista lo consente è preferibile utilizzare uno
strumento a colonna d’acqua, non utilizzare per pressioni
modeste strumenti a lancetta) alla presa di pressione prevista
sul pressostato gas.
7) Con interruttore (1) del quadro sinotico in posizione “O” ed
interruttore generale inserito verificare, chiudendo manualmente
il teleruttore, che il motore giri nel senso corretto, se necessario,
scambiare di posto ai due cavi della linea che alimenta il motore
per invertire il senso di rotazione.
8) Inserire ora, l’interruttore generale. L’apparecchiatura di
comando riceve così tensione ed il programmatore determina
l’inserzione del bruciatore come descritto nel capitolo
“Descrizione del funzionamento”. Per la regolazione del
bruciatore vedere l’istruzione della camma elettronica “BT 3xx”
fornite a corredo.
A
B
9) Dopo aver regolato il “minimo”, (200) portare il bruciatore verso
il massimo, operando sui comandi della tastiera della “BT 3xx”.
A Indice di riferimento posizione valvola gas a farfalla.
B Servomotore modulazione gas.
ACCENSIONE E REGOLAZIONE A METANO
1) E’ indispensabile effettuare lo spurgo dell’aria contenuta
nella tubazione, con le cautele del caso e con porte e finestre
aperte. Aprire il raccordo sulla tubazione in prossimità del
bruciatore e, successivamente, aprire un po il/i rubinetti di
intercettazione del gas. Attendere fino a quando si avverte
l’odore caratteristico del gas e quindi chiudere il rubinetto.
Attendere il tempo sufficiente, affinché il gas presente nel locale
si sia disperso all’esterno e, quindi, ripristinare il collegamento
del bruciatore alla tubazione del gas e riaprire il rubinetto.
2) Verificare che ci sia acqua in caldaia e che le saracinesche
dell’impianto siano aperte.
3) Verificare con assoluta certezza, che lo scarico dei prodotti della
combustione possa avvenire liberamente (serranda caldaia e
camino aperte).
4) Verificare che la tensione della linea elettrica a cui ci si deve
collegare, corrisponda a quella richiesta dal bruciatore e
che i collegamenti elettrici (motore o linea principale) siano
predisposti per il valore di tensione disponibile. Verificare
inoltre che tutti i collegamenti elettrici, realizzati sul posto, siano
correttamente eseguiti come da nostro schema elettrico.
5) Accertarsi che la testa di combustione abbia lunghezza
sufficiente per penetrare nel focolare nella quantità richiesta
dal costruttore della caldaia. Verificare che il dispositivo di
regolazione dell’aria sulla testa di combustione sia nella
posizione adatta per l’erogazione di combustibile richiesto,
il passaggio dell’aria tra il disco e la testa deve essere
sensibilmente ridotto nel caso di erogazione di combustibile
10) Raccomandiamo di effettuare il controllo della combustione
con l’apposito strumento in tutti i punti intermedi della
corsa di modulazione, (da 200 a 999) verificare anche
la portata di gas erogata con la lettura del contatore.
E’ indispensabile verificare con l’apposito strumento che
la percentuale di ossido di carbonio (CO) presente nei
fumi non superi il valore imposto dalle normative vigenti al
momentodell’installazione.
11) Verificare ora il corretto funzionamento automatico della
modulazione. In questo modo l’apparecchiatura riceve
il segnale dal regolatore elettronico di modulazione se il
bruciatore è in versione modulante, oppure dal termostato o
pressostato del secondo stadio se il bruciatore è in versione
due stadi progressivi.
12) Il pressostato aria ha lo scopo di mettere in sicurezza (blocco)
l’apparecchiatura se la pressione dell’aria non è quella prevista.
Il pressostato deve quindi essere regolato per intervenire chiudendo il contatto (previsto per essere chiuso in lavoro) quando la
pressione dell’aria nel bruciatore raggiunge il valore sufficiente.
Il circuito di collegamento del pressostato prevede l’autocontrollo, quindi, è necessario che il contatto previsto per essere chiuso
a riposo (ventola ferma e di conseguenza assenza di pressione
aria nel bruciatore), realizzi effettivamente questa condizione, in
caso contrario l’apparecchiatura di comando e di controllo non
viene inserita (il bruciatore resta fermo). Precisiamo che se non
si chiude il contatto previsto per essere chiuso in lavoro (pressione aria insufficiente) l’apparecchiatura esegue il suo ciclo ma
non si inserisce il trasformatore d’accensione e non si aprono
le valvole del gas e di conseguenza il bruciatore si arresta. Per
accertare il corretto funzionamento del pressostato aria occorre,
con bruciatore al minimo dell’erogazione, aumentare il valore di
regolazione fino a verificare l’intervento a cui deve conseguire
l’immediato arresto in “blocco” del bruciatore. Sbloccare il bru-
11 / 22
0006081532_201204
ITALIANO
farfallaTBG ME
PARTICOLARE VALVOLA A FARFALLA DI REGOLAZIONE
EROGAZIONE GAS TRAMITE SERVOMOTORE
14) Verificare il funzionamento del rilevatore di fiamma come segue:
- staccare il cavo proveniente dall’elettrodo di ionizzazione,
- Avviare il bruciatore;
- l’apparecchiatura completerà il ciclo di controllo e dopo
due secondi manderà in blocco il bruciatore per mancata
fiamma di accensione;
- spegnere il bruciatore;
- Ricollegare il cavo all’elettrodo di ionizzazione.
Occorre effettuare questa verifica anche con bruciatore
già acceso; staccando il filo, che proviene dall’elettrodo di
ionizzazione, l’apparecchiatura si deve portare immediatamente
in “blocco”.
15) Verificare l’efficienza dei termostati o pressostati di caldaia
(l’intervento deve arrestare il bruciatore).
!
Controllare che l’accensione avvenga regolarmente
perché, nel caso in cui il miscelatore non é nella
posizione corretta, può succedere che la velocità
dell’aria in uscita sia talmente elevata da rendere
difficoltosa l’accensione. Se si verifica questo caso,
occorre spostare, per gradi, il miscelatore fino a
raggiungere una posizione in cui l’accensione avviene
regolarmente ed accettare questa posizione come
definitiva.
Ricordiamo ancora che è preferibile, per la fiamma di
accensione, limitare la quanità di aria allo stretto indispensabile
per avere un’accensione sicura anche nei casi più impegnativi.
MISURAZIONE DELLA CORRENTE DI
IONIZZAZIONE
La corrente minima per far funzionare l’apparecchiatura é 1,4 µA.
Il bruciatore dà una corrente nettamente superiore, tale da non
richiedere normalmente alcun controllo. Qualora, comunque, si
voglia misurare la corrente di ionizzazione bisogna collegare un
microamperometro in serie al cavetto dell’elettrodo di ionizzazione
come rappresentato in figura
12 / 22
0006081532_201204
ioniz_BT3xx
ITALIANO
ciatore, premendo l’apposito pulsante e riportare la regolazione
del pressostato ad un valore sufficiente per rilevare la pressione
di aria esistente durante la fase di preventilazione.
13) I pressostati di controllo della pressione del gas (minima e
massima) hanno lo scopo di impedire il funzionamento del
bruciatore quando la pressione del gas risulta compresa
nei valori previsti. Dalla funzione specifica dei pressostati
risulta evidente che il pressostato di controllo della pressione
minima deve utilizzare il contatto che si trova chiuso quando,
il pressostato, rileva una pressione superiore a quella a cui è
regolato, il pressostato di massima deve utilizzare il contatto
che si trova chiuso quando, il pressostato rileva una pressione
inferiore a quella a cui è regolato. La regolazione dei pressostati
di minima e di massima pressione gas deve quindi avvenire
all’atto del collaudo del bruciatore in funzione della pressione
che si riscontra di volta in volta. Quindi l’intervento (inteso
come apertura di circuito) di uno qualsiasi dei pressotati
gas, non consente l’inserzione dell’apparecchiatura e quindi
del bruciatore. Quando il bruciatore è in funzione (fiamma
accesa) l’intervento dei pressostati gas (apertura di circuito)
determina immediatamente l’arresto del bruciatore. Al
collaudo del bruciatore è indispensabile verificare il corretto
funzionamento dei pressostati. Agendo opportunamente sui
rispettivi organi di regolazione ci si accerta dell’intervento del
pressostato (apertura di circuito) che deve determinare l’arresto
del bruciatore.
TBG 45 ME
TBG 60 ME
Mod.
A
B
C
TBG 45ME
TBG 60ME
4
5
4
4
10
-
Legenda:
1- Elettrodo ionizzazione
2- Elettrodo accensione
3- Disco fiamma
4- Miscelatore
5- Tubo mandata gas
REGOLAZIONE DELL’ ARIA SULLA TESTA
DI COMBUSTIONE
La testa di combustione è dotata di un dispositivo di regolazione
che permette di aprire o chiudere il passaggio dell’aria tra il disco
e la testa. Chiudendo il passaggio si riesce così ad ottenere,
un’elevata pressione a monte del disco anche con le basse portate.
L’elevata velocità e turbolenza dell’aria consente una migliore
penetrazione della stessa nel combustibile e quindi, un’ottima
miscela e stabilità di fiamma. Può essere indispensabile avere
un’elevata pressione d’aria a monte del disco, per evitare pulsazioni
di fiamma, questa condizione è praticamente indispensabile quando
il bruciatore lavora su focolare pressurizzato e/o ad alto carico
termico.
Da quanto sopra esposto risulta evidente che il dispositivo che
chiude l’aria sulla testa di combustione deve essere portato in
una posizione tale da ottenere sempre dietro al disco un valore
decisamente elevato della pressione dell’aria. Si consiglia di regolare
in modo da realizzare una chiusura dell’aria sulla testa, tale da
richiedere una sensibile apertura della serranda aria che regola il
flusso all’aspirazione del ventilatore bruciatore, ovviamente questa
condizione si deve verificare quando il bruciatore lavora alla massima
erogazione desiderata.
In pratica si deve iniziare la regolazione con il dispositivo che
chiude l’aria sulla testa di combustione in una posizione intermedia,
accendendo il bruciatore per una regolazione orientativa come
esposto precedentemente.
Quando si è raggiunta l’erogazione massima desiderata si
provvede a correggere la posizione del dispositivo che chiude l’aria
sulla testa di combustione, spostandolo in avanti o indietro, in modo
da avere un flusso d’aria adeguato all’erogazione, con serranda
dell’aria in aspirazione sensibilmente aperta.
13 / 22
0006081532_201204
ITALIANO
0002935682
SCHEMA REGOLAZIONE ELETTRODI / SONDA IONIZZAZIONE
ITALIANO
BRUCIATORE
X
TBG 45ME
3 ÷31
Valore indicato
dall’indice 4
0 ÷ 3,2
TBG 60ME
6÷ 34
0 ÷ 3,2
X= Distanza testa-disco; regolare la distanza X seguendo le
indicazioni sottostanti:
a) allentare la vite 1
b) agire sulla vite 2 per posizionare la testa di combustione 3
riferendosi all’indice 4.
3) Dopo aver allentato il dado (6) rimuovere la vite di bloccaggio
(7) del gruppo miscelatore (figura 3).
4) Estrarre completamente il gruppo miscelazione (8) nella
direzione indicata dalla freccia 9, dopo aver sfilato i cavi di
accensione e ionizzazione 10 dai rispettivi elettrodi (figura 4).
Completate le operazioni di manutenzione, procedere con il rimontaggio della testa di combustione, seguendo a ritroso il percorso sopra descritto, dopo aver verificato la corretta posizione
degli elettrodi di accensione e di ionizzazione (vedi 0002935682).
c) regolare la distanza X tra il valore minimo e massimo secondo
quanto indicato in tabella.
!
Le regolazioni sopra esposte sono indicative;
posizionare la testa di combustione in funzione delle
caratteristiche del focolare
SCHEMA REGOLAZIONE TESTA
fig. 1
MANUTENZIONE
Effettuare periodicamente l’analisi dei gas di scarico della combustione verificando la correttezza dei valori di emissioni.
Sostituire periodicamente il filtro del gas quando è sporco.
Verificare che tutti i componenti della testa di combustione siano
in buono stato, non deformati dalla temperatura e privi di impurità
o depositi derivanti dall’ambiente di installazione o da una cattiva
combustione, controllare l’efficienza degli elettrodi.
Nel caso si renda necessaria la pulizia della testa di combustione,
estrarne i componenti seguendo la procedura sotto indicata:
1) Svitare le viti 1 e rimuovere il coperchio 2 (figura 1).
2) Assicurarsi che la piastrina mobile 3 sia tenuta bloccata dalla
vite 4. Questo consentirà, una volta terminate le operazioni
di manutenzione, di risistemare il gruppo miscelazione nella
stessa posizione a cui era stato precedentemente regolato.
Svitare la vite 5 che fissa l’asta di avanzamento del gruppo
alla piastrina mobile (figura 2).
fig-2
14 / 22
0006081532_201204
PREDISPOSIZIONE PER ATTACCO RAMPA
VERSO L'ALTO
Se si desidera portare il lato di ingresso rampa verso l’alto, prima di
applicare il bruciatore alla caldaia, seguire la procedura seguente.
1) Seguendo le istruzioni riportate al paragrafo “Manutenzione”,
estrarre il gruppo miscelazione e togliere la vite (1) che collega
l’asta di avanzamento (2) del gruppo con il tubo mandata gas
(3).
(3) Togliere la vite (5) che collega il miscelatore gas (6) al tubo
(figura 1).
2) Ruotare di 180° il raccordo a gomito (4) e il miscelatore (6),
in modo che l'ingresso del gas sia rivolto verso l'alto (figura
1). Fissare nuovamente al tubo mandata gas il miscelatore e
l'asta di avanzamento del gruppo.
3) Togliere ora i 4 dadi (7) di figura 2, sfilare il tubo fiamma (8) dai
relativi prigionieri, riposizionare lo stesso con l’attacco filettato
per il fissaggio della rampa gas rivolto verso l’alto.
4)Per completare l’operazione fissare di nuovo
il tubo fiamma alla chiocciola del bruciatore
e riposizionare infine il gruppo miscelazione
nella relativa sede.
A questo punto è possibile installare il bruciatore
sulla caldaia con rampa valvole disposta secondo
la configurazione 9 illustrata al paragrafo
“Montaggio rampa gas”.
fig-2
fig-3
15 / 22
0006081532_201204
fig-4
ITALIANO
fig. 1
ITALIANO
ISTRUZIONI MONTAGGIO RIDUZIONI PER
GPL
Nel caso di funzionamento con combustibile GPL inserire le apposite
riduzioni fornite a corredo del bruciatore. Per il montaggio delle
riduzioni seguire le istruzioni sotto riportate.
TBG 45 ME
!
In alcune particolari applicazioni, nel caso si verificassero
pulsazioni di fiamma durante il funzionamento del
bruciatore con gas naturale, si consiglia di utilizzare le
riduzioni previste per il combustibile GPL.
TBG 60 ME
1) Dopo aver allentato le viti di fissaggio 1 rimuovere le
riduzioni A (N. 2) dalle rispettive sedi.
1) Dopo aver allentato le viti di fissaggio 1 inserire le riduzioni A
(N. 2) nelle rispettive sedi.
2) Inserire le due riduzioni B con le feritoie rivolte verso
l'esterno del miscelatore.
3) Posizionare le feritoie (C) a filo del disco fiamma (D) come
rappresentato in figura; bloccare in modo adeguato le nuove riduzioni agendo sulle rispettive viti.
2) Assicurarsi che il foro di uscita delle riduzioni si trovi a filo
del disco fiamma B come rappresentato in figura; bloccare
in modo adeguato le nuove riduzioni agendo sulle rispettive viti.
16 / 22
0006081532_201204
IRREGOLARITÁ
CAUSA POSSIBILE
L’apparecchio va in “blocco” con 1) Disturbo della corrente di Ionizzazione da
fiamma (lampada rossa accesa).
parte del trasformatore di accensione.
Guasto circoscritto al dispositivo di
controllo fiamma.
2) Sensore di fiamma (sonda ionizzazione)
inefficiente
RIMEDIO
1) Invertire l’alimentazione (lato 230V) del
trasformatore di accensione e verificare con
micro-amperometro analogico
2) Sostituire il sensore di fiamma
3) Sensore di fiamma (sonda ionizzazione) in 3) Correggere la posizione del sensore di fiamma
posizione non corretta
e, successivamente, verificarne l’efficienza
inserendo il micro-amperometro analogico.
4) Sonda ionizzazione o relativo cavo a massa 4) Verificare visivamente e con strumento.
5) Collegamento elettrico interrotto del sensore 5) Ripristinare il collegamento.
di fiamma
6) Tiraggio inefficiente o percorso fumi 6) Controllare che i passaggi fumo caldaia/
ostruito.
raccordo camino siano liberi.
7) Disco fiamma o testa di combustione sporchi 7) Verificare visivamente ed eventualmente
o logori.
sostituire.
8) Apparecchiatura guasta.
8) Sostituirla.
9) Manca ionizzazione.
9) Se la “massa” dell’apparecchiatura non è
efficiente non si verifica la corrente di ionizzazione.
Verificare l’efficienza della “massa” all’apposito
morsetto della apparecchiatura e al collegamento
a “terra” dell’impianto elettrico.
L’apparecchio va in “blocco”, il 1) Guasto nel circuito di accensione
gas esce, ma la fiamma non è
presente (lampada rossa accesa).
Guasto circoscritto al circuito di
accensione.
2) Cavetto trasformatore d’accensione scarica
a massa.
1) Verificare l’alimentazione del trasformatore
d’accensione (lato 230V) e circuito alta tensione
(elettrodo a massa o isolatore rotto sotto il
morsetto di bloccaggio).
2) Sostituirlo.
3) Cavetto trasformatore di accensione 3) Collegarlo.
scollegato.
4) Trasformatore d’accensione guasto
4) Sostituirlo.
5) La distanza tra elettrodo e massa non è 5) Metterlo alla corretta distanza.
corretta.
6) Isolatore sporco e quindi l’elettrodo 6) Pulire o sostituire l’isolatore e l’elettrodo.
scarica a massa.
L’apparecchio va in “blocco”, il gas 1) Rapporto aria/gas non corretto.
esce, ma la fiamma non è presente
(lampada rossa accesa)
2) La tubazione del gas non è stata
adeguatamente sfogata dall’aria
(caso di prima accensione).
1) Correggere il rapporto aria/gas
(probabilmente c’è troppa aria o poco gas)
2) Sfogare ulteriormente, con le dovute cautele,
la tubazione del gas.
3) La pressione del gas è insufficiente o 3) Verificare il valore della pressione gas al
eccessiva.
momento dell’accensione (usare manometro
ad acqua, se possibile).
4) Passaggio aria tra disco e testa 4) Adeguare l’apertura disco/testa.
troppo chiuso.
17 / 22
0006081532_201204
ITALIANO
ISTRUZIONI PER L’ACCERTAMENTO DELLE CAUSE DI IRREGOLARITÁ NEL
FUNZIONAMENTO DEI BRUCIATORI DI GAS A DUE STADI E LORO ELIMINAZIONE
ITALIANO
SCHEMA ELETTRICO TBG 45 ME / 60 ME
18 / 22
0006081532_201204
19 / 22
0006081532_201204
CORRENTE MINIMA DI IONIZZAZIONE 1,4 µA
ITALIANO
ITALIANO
SONDA
TEMPERATURA
ESTERNA
20 / 22
0006081532_201204
INGRESSO COMANDO 0/4 - 20mA
INGRESSO COMANDO A RELE’
SONDA DI PRESSIONE
TEMPERATURA ACQUA
SONDA
TEMPERATURA
GAS
IT
A1
APPARECCHIATURA
B1
ELETTRODO DI IONIZZAZIONE
BP
SONDA DI PRESSIONE
BT
SONDA DI TEMPERATURA
F1
RELE’ TERMICO
FU1
FUSIBILI
H0
SPIA BLOCCO ESTERNA
K1
RELE’ MOTORE
KE
CONTATTORE ESTERNO
MV
MOTORE VENTOLA
N1
REGOLATORE ELETTRONICO
PM
PRESSOSTATO DI MASSIMA
PA
PRESSOSTATO ARIA
Pm
PRESSOSTATO DI MINIMA
S1
INTERRUTTORE MARCIA ARRESTO
S2
PULSANTE SBLOCCO
SG
INTERRUTTORE GENERALE
TA
TRASFORMATORE D'ACCENSIONE
TC
TERMOSTATO CALDAIA
TS
TERMOSTATO DI SICUREZZA
X1
MORSETTIERA BRUCIATORE
Y8
SERVOMOTORE GAS
Y10
SERVOMOTORE ARIA
YP
ELETTROVALVOLA PRINCIPALE
YS
ELETTROVALVOLA DI SICUREZZA
DIN / IEC IT
GNYE
VERDE / GIALLO
BU
BLU
BN
BRUNO
BK
NERO
BK*
CONNETTORE NERO CON SOVRASTAMPA
21 / 22
0006081532_201204
ITALIANO
SIGLA
Baltur S.p.A.
Via Ferrarese, 10
44042 Cento (Fe) - Italy
Tel. +39 051-6843711
Fax: +39 051-6857527/28
www.baltur.it
[email protected]
- Il presente catalogo riveste carattere puramente indicativo. La casa, pertanto, si riserva ogni possibilità di modifica dei dati tecnici e quant’altro in esso riportato.
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement