Caldaia Ferroli Econcept - Manutenzione Caldaie Roma

Caldaia Ferroli Econcept - Manutenzione Caldaie Roma

MANUALE USO E MANUTENZIONE CALDAIA FERROLI ECONCEPT

Vi forniamo le indicazioni precise per comprendere la natura dei codici di errore indicati e risalire al problema di riferimento. Un'analisi mirata alle anomalie della caldaia Ferroli Econcept ad anticipazione del manuale di uso e manutenzione del modello Ferroli.

Codice Anomalia F1

Il bruciatore della caldaia non si accende e la caldaia non si avvia definitivamente. È possibile che manchi il gas o che la valvola del gas sia sporca o danneggiata, oppure che l'elettrodo di accensione non dia avvio alla fiamma. Occorre, quindi, un intervento mirato su tali componenti.

Codice Anomalia F2

L'anomalia richiede attenzione perchè il codice indica la presenza di fiamma nonostante il bruciatore sia spento. Il problema sorge o a causa di un'anomalia nella scheda, che va verificata, oppure per un'anomalia all'elettrodo di rilevazione di cui va verificato il collegamento.

Codice Anomalia F3

Questa anomalia subentra in caso di disattivazione del sensore di mandata oppure in caso di problemi di circolazione dell'acqua nei circuiti interni. Sostanzialmente entra in funzione il termostato di sicurezza, quindi diviene indispensabile verificare il funzionamento del sensore di mandata o del circolatore dell'acqua.

Codice Anomalia F5

Questa segnalazione indica in forma precisa un problema al ventilatore. Bisogna verificarne il collegamento o il funzionamento poiché potrebbe essere sorto un guasto.

Codice Anomalia F8

Il codice F8 sulla caldaia Ferroli Econcept indica un guasto a livello del circuito di rilevazione della fiamma. La segnalazione sorge da possibili anomalie alla scheda o a disturbi sulla rete elettrica che influiscono direttamente sulla caldaia.

Codice Anomalia F9

Il codice indica un problema di comunicazione tra la valvola gas della Econcept e la componente elettronica della caldaia. Bisogna quindi intervenire o analizzando lo stato della valvola che può essere danneggiata, oppure verificando lo stato del cablaggio della stessa rispetto alla componente elettrica.

Codice Anomalia F10 e Codice F22

Si sta verificando un problema al microprocessore. Bisogna scollegare la caldaia dall'alimentazione e riattivarla dopo alcuni secondi per verificare che subentri il ripristino. Nel caso in cui l'operazione non ottenga risultati positivi bisogna verificare la scheda madre, eventualmente sostituirla.

Codice Anomalia F23

Il codice indica un problema di pressione della rete idrica dell'impianto. In particolare, la pressione impostata “non è raggiunta entro 4 minuti con il riempimento automatico”. Le cause possono essere costituite da un guasto dell'elettrovalvola, dalla presenza di una perdita di acqua dalla caldaia, oppure da una pressione bassa sin dalla rete idrica domestica.

Codice Anomalia F24

Ancora un problema di natura idrica / pressione acqua: il codice indica con esattezza che sono stati superati i tentativi giornalieri di riempimento automatico consentiti. Evidentemente è presente una perdita che causa continuamente l'avvio del riempimento automatico, per cui è richiesto un controllo mirato sull'impianto.

Codice Anomalia F25

La problematica che sorge dietro segnalazione di questo codice interessa il software di gestione interno alla caldaia. L'utente può tentare il ripristino escludendo e poi ripristinando l'alimentazione elettrica, ma nel caso in cui il problema persista l'assistenza deve verificare ed eventualmente sostituire la scheda elettrica.

Codice Anomalia F26

Se la caldaia Ferroli Econcept mostra questo codice, significa che la fiamma pilota “è assente” dopo la prima fase di accensione. Sostanzialmente la fiamma tende a spegnersi e la caldaia non funziona.

La causa risiede nella gestione elettrica da parte della scheda che deve essere verificata.

Codice Anomalia F30

Il problema risiede a livello di sensore di mandata della Ferroli Econcept. Il codice F30 fa riferimento ad un probabile corto circuito che va verificato ed eliminato. In alternativa bisogna cambiare il sensore di mandata.

Codice Anomalia F31

Il problema risiede a livello di sensore di mandata che ha subito un'interruzione del cablaggio

(collegamento). Bisogna verificare il cablaggio oppure, se danneggiato, sostituire il sensore di mandata.

Codice Anomalia F32

Il codice segnala con precisione un problema al sensore sanitario della Ferroli Econcept. La natura del problema può essere un danneggiamento del sensore stesso, oppure un corto che può aver causato l'isolamento del sensore. Un tecnico deve eseguire verifiche mirate.

Codice Anomalia F33

Ancora un problema specifico al sensore sanitario: ad essere problematico ora è il cablaggio dello stesso che può essere saltato e che, quindi, va verificato.

Codice Anomalia F34

Questo codice identifica un problema elettrico specifico: la tensione elettrica in entrata alla caldaia è inferiore a 190V, oppure superiore a 250V. Bisogna far eseguire controlli sulla rete elettrica domestica la cui tensione risulta anomala.

Codice Anomalia F35

Il codice indica con precisione la rilevazione di una frequenza elettrica, di rete, anomala. Anche in questo caso la verifica da compiere è sulla tensione della rete elettrica domestica.

Codice Anomalia F36

Viene riscontrato un problema alla scheda elettronica della caldaia: bisogna far verificare lo stato della scheda che va eventualmente sostituita.

Codice Anomalia F37

Il problema è con precisione costituito dalla pressione della caldaia che è “non corretta”. Lo stato di anomalia può essere dovuto o alla pressione interna troppo bassa, oppure al danneggiamento del sensore che mantiene sotto controllo la pressione stessa.

Codice Anomalia F39

Il codice identifica con precisione un problema alla sonda esterna. C'è un'anomalia costituita o dal danneggiamento della sonda, o dal verificarsi di un corto circuito che ha isolato il sensore. Bisogna quindi verificare il collegamento e il funzionamento del sensore.

Codice anomalia F40

In questo caso, la caldaia Ferroli Econcept ha una pressione interna troppo alta che deve, quindi, essere ripristinata. Le verifiche devono essere eseguite a livello di valvola di sicurezza, di vaso di espansione.

Codice anomalia F41

In questo caso c'è un problema sul sensore di pressione della caldaia. Il sensore può essere danneggiato oppure a mancare è il collegamento che ne assicura alimentazione elettrica e lo scambio di informazioni con la scheda madre.

Codice anomalia F43 e Codice F44

Entrambi i codici segnalano con precisione un problema a livello del sensore di ritorno. Nel primo caso è segnalato un possibile corto che ha isolato il collegamento del sensore, nel secondo caso è segnalata una probabile interruzione del collegamento. Il sensore deve quindi essere controllato.

Codice anomalia F45 e F46

La caldaia Ferroli Econcept ha un problema specifico al sensore fumi (gas di scarico). Nel primo caso si tratta di un corto circuito a livello del collegamento del sensore, nel secondo caso si tratta di un'interruzione del cablaggio. Il sensore va verificato nei collegamenti, ma anche a livello di un suo

eventuale danneggiamento.

ECONCEPT 35 A

C

ALDAIA MURALE A

G

AS

,

C

AMERA

S

TAGNA

,

PER

R

ISCALDAMENTO

ISTRUZIONI PER L’USO

L'INSTALLAZIONE

E LA MANUTENZIONE

2

ECONCEPT 35 A

• Leggere attentamente le avvertenze contenute in questo libretto di istruzioni in quanto forniscono importanti indicazioni riguardanti la sicurezza di installazione, l’uso e la manutenzione.

• Il libretto di istruzioni costituisce parte integrante ed essenziale del prodotto e deve essere conservato dall’utilizzatore con cura per ogni ulteriore consultazione.

• Se l’apparecchio dovesse essere venduto o trasferito ad un altro proprietario o se si dovesse traslocare, assicurarsi sempre che il libretto accompagni la caldaia in modo che possa essere consultato dal nuovo proprietario e/o dall’installatore.

• L’installazione e la manutenzione devono essere effettuate in ottemperanza alle norme vigenti, secondo le istruzioni del costruttore e devono essere eseguite da personale professionalmente qualificato.

• Un’errata installazione o una cattiva manutenzione possono causare danni a persone, animali o cose.

È esclusa qualsiasi responsabilità del costruttore per i danni causati da errori nell’installazione e nell’uso e comunque per inosservanza delle istruzioni date dal costruttore stesso

• Prima di effettuare qualsiasi operazioni di pulizia o di manutenzione, disinserire l’apparecchio dalla rete di alimentazione agendo sull’interruttore dell’impianto e/o attraverso gli appositi organi di intercettazione.

• In caso di guasto e/o cattivo funzionamento dell’apparecchio, disattivarlo, astenendosi da qualsiasi tentativo di riparazione o di intervento diretto. Rivolgersi esclusivamente a personale professionalmente qualificato.

• L’eventuale riparazione-sostituzione dei prodotti dovrà essere effettuata solamente da personale professionalmente qualificato utilizzando esclusivamente ricambi originali. Il mancato rispetto di quanto sopra può compromettere la sicurezza dell’apparecchio.

• Per garantire il buon funzionamento dell’apparecchio

è indispensabile fare effettuare da personale qualificato la manutenzione annuale.

• Questo apparecchio dovrà essere destinato solo all’uso per il quale è stato espressamente previsto.

Ogni altro uso è da considerarsi improprio e quindi pericoloso.

• Dopo aver rimosso l’imballaggio assicurarsi dell’integrità del contenuto.

• Gli elementi dell’imballaggio non devono essere lasciati alla portata di bambini in quanto potenziali fonti di pericolo.

• In caso di dubbio non utilizzare l’apparecchio e rivolgersi al fornitore.

Questo simbolo indica “Attenzione” ed è posto in corrispondenza di tutte le avvertenze relative alla sicurezza. Attenersi scrupolosamente a tali prescrizioni per evitare pericolo e danni a persone, animali e cose.

Questo simbolo richiama l’attenzione su una nota o un’avvertenza importante

Dichiarazione di conformità

Il costruttore: FERROLI S.p.A.

Indirizzo: Via Ritonda 78/a 37047 San Bonifacio VR dichiara che questo apparecchio è conforme alle seguenti direttive CEE:

• Direttiva Apparecchi a Gas 90/396

• Direttiva Rendimenti 92/42

• Direttiva Bassa Tensione 73/23 (modificata dalla 93/68)

• Direttiva Compatibilità Elettromagnetica 89/336 (modificata dalla 93/68)

ECONCEPT 35 A

1. Istruzioni d’uso .......................................................................................4

1.1 Presentazione..........................................................................................................4

1.2 Pannello comandi....................................................................................................5

1.3 Accensione e spegnimento.....................................................................................8

1.4 Regolazioni..............................................................................................................8

1.5 Manutenzione .......................................................................................................10

1.6 Anomalie ...............................................................................................................10

2. Installazione..........................................................................................11

2.1 Disposizioni Generali ............................................................................................11

2.2 Luogo di installazione ...........................................................................................11

2.3 Collegamenti idraulici ...........................................................................................13

2.4 Collegamento gas.................................................................................................15

2.5 Collegamenti elettrici ...........................................................................................15

2.6 Condotti fumi........................................................................................................18

2.7 Collegamento scarico condensa...........................................................................23

3. Servizio e manutenzione.......................................................................24

3.1 Regolazioni............................................................................................................24

3.2 Messa in servizio ...................................................................................................25

3.3 Manutenzione .......................................................................................................26

3.4 Risoluzione dei problemi.......................................................................................28

4 Caratteristiche e dati tecnici..................................................................30

4.1 Dimensioni e attacchi............................................................................................30

4.2 Vista generale e componenti principali ................................................................31

4.3 Schema idraulico ...................................................................................................32

4.4 Tabella dati tecnici ................................................................................................33

4.5 Diagramma............................................................................................................34

4.6 Schema elettrico ...................................................................................................35

3

4

ECONCEPT 35 A

1. ISTRUZIONI D’USO

1.1 Presentazione

Gentile Cliente,

La ringraziamo di aver scelto ECONCEPT 35 A, una caldaia murale FERROLI di concezione avanzata, tecnologia d’avanguardia, elevata affi dabilità e qualità costruttiva. La preghiamo di leggere attentamente il presente manuale e di conservarlo con cura per ogni riferimento futuro.

ECONCEPT 35 A è un generatore termico per riscaldamento e produzione di acqua calda sanitaria

(con bollitore esterno opzionale) premiscelato a condensazione ad altissimo rendimento e bassissime emissioni, funzionante a gas naturale o GPL.

Il corpo caldaia è composto da uno scambiatore lamellare in alluminio che consente una effi cace condensazione del vapore acqueo contenuto nei fumi, permettendo rendimenti elevatissimi. Lo scambiatore è progettato per il mantenimento nel tempo delle sue caratteristiche di elevato scambio termico.

Al di sopra dello scambiatore, nel corpo caldaia, è inserito il bruciatore premiscelato, ad ampia superfi cie ceramica, dotato di accensione elettronica con controllo di fi amma a ionizzazione, che permette il raggiungimento di valori di emissione estremamente contenuti, garantendo nel contempo un elevata affi dabilità e costanza di funzionamento nel tempo.

La caldaia è dotata inoltre di ventilatore a velocità modulante, con valvola gas modulante ed è completamente stagna rispetto l’ambiente di installazione: l’aria necessaria alla combustione è aspirata dall’esterno e l’espulsione fumi è effettuata tramite ventilatore. La dotazione di caldaia comprende inoltre un circolatore a velocità modulante, vaso di espansione, valvola di sicurezza, rubinetto di carico, sensore di pressione, sensori di temperatura e termostato di sicurezza.

Grazie al sistema di controllo e regolazione a microprocessore con autodiagnosi avanzata il funzionamento dell’apparecchio è in massima parte automatico. La potenza per il riscaldamento viene regolata automaticamente dal sistema di controllo in base alle caratteristiche dell’ambiente interno ed esterno (con sonda esterna opzionale installata), alle caratteristiche dell’edifi cio e della sua ubicazione.

La potenza in sanitario è regolata automaticamente ed in modo continuo per assicurare rapidità di erogazione e comfort in tutte le condizioni di prelievo.

All’utente è suffi ciente impostare la temperatura desiderata all’interno dell’abitazione (tramite il termostato ambiente o il comando remoto, opzionali, ma di cui si raccomanda l’installazione) o regolare la temperatura impianto. Nel caso in cui venga collegato un bollitore per l’accumulo di acqua calda sanitaria, l’utente ha la possibilità di selezionare la modalità ECO/CONFORT. Il sistema di regolazione e controllo provvederà ad un funzionamento ottimale per tutto il periodo dell’anno.

Il display fornisce in continuo indicazioni sullo stato di funzionamento dell’apparecchio ed è possibile ottenere facilmente informazioni aggiuntive sulle temperature dei sensori, l’impostazione dei set-point, ecc. o operare una confi gurazione degli stessi. Eventuali anomalie di funzionamento legate alla caldaia o all’impianto vengono immediatamente segnalate dal display e, se possibile, corrette automaticamente.

ECONCEPT 35 A

1.2 Pannello comandi

1

18 20 17 15 13 16 19 12 11

10

3

4

24

23

21

22

26

27

38

28

9

8

7

30

34 33 35 36 37

5

ON

6

OFF

fi g. 1

1 - Tasto selezione Estate/Inverno

In modalità Inverno è attivo sia il riscaldamento sia il sanitario (con bollitore esterno opzionale), in modalità Estate solo il sanitario.

3 - Tasto selezione Eco/Comfort

In modalità comfort la caldaia eroga acqua calda alla temperatura impostata con la manopola 7.

In modalità ECO il bollitore viene escluso e la caldaia funzionarà solo in riscaldamento.

Per inserire o disinserire la funzione comfort é suffi ciente premere il pulsante (

Quando la funzione Comfort è attiva, la scritta ECO scompare dal display.

- 3 fi g. 1).

4 - Manopola regolazione temperatura impianto

Per aumentare la temperatura impianto, ruotare la manopola in senso orario oppure in senso antiorario per diminuirla.

Il campo di regolazione va da 20 a 90°C.

5 - Tasto RESET

Il tasto Reset serve a ripristinare il funzionamento della caldaia quando la stessa va in blocco.

Per il ripristinarla bisogna premere il tasto Reset (5 - fi g. 1).

La condizione di blocco viene indicata dal lampeggio dell’anomalia e dalla comparsa della scritta RESET.

5

6

ECONCEPT 35 A

6 - Tasto ON-OFF

Accensione e spegnimento della caldaia (stato acceso - spia verde accesa).

7 - Manopola regolazione temperatura sanitaria (con bollitore esterno opzionale)

Serve per l’impostazione della temperatura del bollitore, ruotando la manopola in senso orario la temperatura aumenta in senso antiorario diminuisce. Il campo di regolazione va da 10 a 65°C.

8 - Tasto M

Tasto per accedere al menù regolazione “temperatura scorrevole”

Gli altri parametri per la regolazione della caldaia sono ad uso esclusivo del Servizio Tecnico

Assistenza Clienti.

9 - Tasto -

Attraverso questo tasto si modifi cano i parametri selezionati.

10 - Tasto +

Attraverso questo tasto si modifi cano i parametri selezionati.

11 - Visualizzazione temperatura bollitore

Durante il funzionamento, il display visualizza la temperatura dell’accumulo di acqua calda sanitaria.

Quando si agisce sulla manopola “7” il display visualizza brevemente la temperatura di regolazione che si sta impostando.

18 - Visualizzazione temperatura riscaldamento

Durante il funzionamento, il display visualizza la temperatura acqua calda riscaldamento in uscita dalla caldaia. Quando si agisce sulla manopola “4” il display visualizza brevemente la temperatura di regolazione che si sta impostando.

13 - Simbolo del ventilatore

Compare quando vi è richiesta di acqua sanitaria (con bollitore esterno opzionale) o riscaldamento.

15 - Simbolo accensione

Compare la scintilla nella fase di accensione del bruciatore.

16 - Simbolo della fi amma

Indica che il bruciatore è acceso.

21 - Simbolo circolatore riscaldamento

Compare quando è in funzione il circolatore riscaldamento.

ECONCEPT 35 A

22 - Simbolo antigelo

Compare quando la caldaia si accende automaticamente in funzionamento antigelo, ovvero quando la temperatura scende al di sotto di 5°C.

L’apparecchio si ferma quando raggiunge la temperatura di 15°C.

23 - Simbolo richiesta per funzionamento in riscaldamento

Appare quando l’apparecchio è in modalità funzionamento inverno.

24 - Simbolo tempo attesa

Appare quando l’apparecchio è in attesa dopo il funzionametno riscaldamento.

26 - Simbolo tempo attesa

Appare quando l’apparecchio è in attesa dopo il funzionamento sanitario (con bollitore esterno opzionale).

27 - Simbolo funzionamento sanitario (con bollitore esterno opzionale)

Appare quando l’apparecchio è in modalità di funzionamento sanitario (preparazione del bollitore).

30 - Visualizzazione pressione impianto

Visualizza la pressione dell’impianto di riscaldamento.

34 - Simbolo TEST

Caldaia funzionante in modalità TEST (massima potenza). Per attivare la modalità TEST tenere premuto i tasti “+” e “-” per 5 secondi. Per uscire premere i tasti “+” e “-” per altri 5 secondi. Il funzionamento

TEST si disattiva automaticamente dopo 15 minuti.

35 - Visualizzazione anomalie e parametri

Viene visualizzato il codice dell’anomalia oppure, quando si entra nel menù parametri, il valore del parametro selezionato.

36 - Simbolo sonda esterna collegata

Viene visualizzato quando alla caldaia è collegata una sonda esterna

37 - Visualizzazione temperatura

Indica il valore della temperatura esterna rilevato dalla sonda esterna (se collegata).

38 - Simbolo circolatore sanitario

Compare quando è in funzione il circolatore sanitario (con bollitore esterno opzionale).

7

ECONCEPT 35 A

1.3 Accensione e spegnimento

Accensione

• Aprire il rubinetto del gas a monte della caldaia.

• Sfi atare l’aria presente nel tubo a monte della valvola gas.

• Chiudere l'eventuale interruttore a monte della caldaia o inserire la spina.

• Premere il tasto ON/OFF (vedi fi g.1)

• A questo punto la caldaia è pronta per funzionare automaticamente ogni qualvolta vi è una richiesta al termostato ambiente o per il riscaldamento del bollitore esterno (opzionale).

Spegnimento

Premere il tasto ON/OFF (vedi fi g. 1).

Quando la caldaia viene spenta attraverso questo tasto la scheda elettronica non è più alimentata elettricamente ed il sistema antigelo è escluso.

Chiudere il rubinetto del gas a monte della caldaia e togliere alimentazione elettrica all’apparecchio.

Per lunghe soste durante il periodo invernale, al fi ne di evitare danni dovuti al gelo, è consigliabile scaricare tutta l’acqua della caldaia, quella sanitaria e quella dell’impianto.

8

1.4 Regolazioni

Regolazione della temperatura ambiente (con termostato ambiente inserito)

Impostare tramite il termostato ambiente o comando remoto la temperatura desiderata all’interno dei locali. Su comando del termostato ambiente la caldaia si accende e porta l’acqua impianto alla temperatura di setpoint mandata impianto impostata. Al raggiungimento della temperatura desiderata all’interno dei locali il generatore si spegne.

Nel caso non sia presente il termostato ambiente o il comando remoto la caldaia provvede a mantenere l’impianto alla temperatura di setpoint mandata impianto impostata.

Regolazione temperatura impianto

Per impostare la temperatura di mandata impianto, agire sulla manopola per la regolazione della temperatura di riscaldamento. Ruotando in senso orario la temperatura aumenta, ruotando in senso antiorario diminuisce.

Regolazione temperatura sanitario (con bollitore esterno opzionale)

Per impostare la temperatura sanitario, agire sulla manopola per la regolazione della temperatura dell’acqua sanitaria. Ruotando in senso orario la temperatura aumenta, ruotando in senso antiorario diminuisce.

Selezione Estate/Inverno

Per selezionare una delle due modalità è suffi cente premere il tasto (1 - fi g. 1).

Selezionando la modalità Estate, viene visualizzato nel display il simbolo .

Selezionando la modalità estate, rimane attivo il sistema antigelo. Il simbolo è visibile sul display quando il sistema antigelo entra in funzione.

ECONCEPT 35 A

Temperatura Scorrevole

Quando viene installata la sonda esterna (opzionale) il sistema di regolazione caldaia lavora con

“Temperatura Scorrevole”. In questa modalità, la temperatura dell’impianto di riscaldamento viene regolata a seconda delle condizioni climatiche esterne, in modo da garantire un elevato comfort e risparmio energetico durante tutto il periodo dell’anno. In particolare, all’aumentare della temperatura esterna viene diminuita la temperatura di mandata impianto, a seconda di una determinata “curva di compensazione”.

Con regolazione a Temperatura Scorrevole, la temperatura impostata dalla manopola regolazione riscaldamento diviene la massima temperatura di mandata impianto. Si consiglia di impostare al valore massimo per permettere al sistema di regolare in tutto il campo utile di funzionamento.

La caldaia deve essere regolata in fase di installazione dal personale qualifi cato. Eventuali adattamenti possono essere comunque apportati dall’utente per il miglioramento del comfort.

Curva di compensazione e spostamento delle curve

Premendo una volta il tasto “M” viene visualizzata la curva di compensazione (da 1 a 10) ed è possibile modifi carla con i tasti “+” e “-”. Premendo un’altra volta il tasto “M” si accede allo spostamento parallelo delle curve, modifi cabile con i tasti “+” e “-”.

Premendo nuovamente il tasto “M” si esce dalla modalità regolazione curve parallele.

Se la temperatura ambiente risulta inferiore al valore desiderato si consiglia di impostare una curva di ordine superiore e viceversa. Procedere con incrementi o diminuzioni di una unità e verifi care il risultato in ambiente.

30

20

50

40

70

60

90

85

80

50

40

70

60

30

20

90

85

80

Curve di compensazione

10 9 8 7

6

5

4

3

2

1

20

20

Visualizzazione sul display

Temperatura esterna

10 0

Temperatura esterna

-10 -20

1 = Parametro

Numero curva

10

Esempio di spostamento paralello delle curve

9 8

10 0

Temperatura esterna

-10

7 6

5

4

3

2

1

-20

40

30

60

50

20

90

85

80

70

20

10 9 8 7 6 5

4

3

2

1

10 0

Temperatura esterna

-10 -20 fi g. 2

Se alla caldaia è collegato il comando remoto (opzionale), le regolazioni sopra descritte

(temperatura impianto, temperatura sanitario, curva di compensazione) possono essere effettuate solo dal comando remoto stesso. Il menù utente sul pannello caldaia è disabilitato e ha solo funzione di visualizzazione.

9

ECONCEPT 35 A

Regolazione pressione idraulica impianto

La caldaia è dotata di un rubinetto per il caricamento manuale dell’impianto di riscaldamento. La pressione di caricamento ad impianto freddo, letta sull’idrometro caldaia, deve essere di circa 1,0 bar. Qualora durante il funzionamento la pressione dell’impianto scendesse (a causa dell’evaporazione dei gas disciolti nell’acqua) a valori inferiori al minimo sopra descritto, I’Utente dovrà, agendo sul rubinetto di caricamento, riportarla al valore iniziale. A fi ne operazione richiudere sempre il rubinetto di riempimento.

Rubinetto di carico impianto fi g. 3

10

1.5 Manutenzione

Secondo quanto richiesto dal D.P.R. 412 del 1993 è obbligatorio per l’utente fare eseguire almeno una manutenzione annuale dell’impianto termico da personale qualifi cato ed almeno una verifi ca biennale della combustione. Consultare il cap. 3.3 nel presente manuale per maggiori informazioni.

La pulizia del mantello, del cruscotto e delle parti estetiche della caldaia può essere eseguita con un panno morbido e umido eventualmente imbevuto con acqua saponata. Tutti i detersivi abrasivi e i solventi sono da evitare.

1.6 Anomalie

In caso di anomalie o problemi di funzionamento, il display lampeggia ed appare il codice identifi cativo dell’anomalia.

Le anomalie (contraddistinte con la lettera “F”) causano blocchi temporanei che vengono ripristinati automaticamente non appena il valore rientra nel campo di funzionamento normale della caldaia.

Se insieme all’anomalia appare anche la scritta RESET, l’utente dovrà ripristinare il funzionamento della caldaia premendo il tasto (5 - fi g. 1). Verrà ripetuto così il ciclo di accensione.

Se dopo due tentativi di ripristino il problema persiste rivolgersi al più vicino Centro Assistenza.

Pe altre anomalie consultare il capitolo 3.4 “Risoluzione dei problemi”.

Prima di chiamare il servizio assistenza verifi care che il problema non sia imputabile a mancaza di gas o a mancanza di alimentazione elettrica.

ECONCEPT 35 A

2. INSTALLAZIONE

2.1 Disposizioni Generali

Questo apparecchio deve essere destinato solo all’uso per il quale è stato espressamente previsto. Questo apparecchio serve a riscaldare acqua ad una temperatura inferiore a quella di ebollizione a pressione atmosferica e deve essere allacciato ad un impianto di riscaldamento e/o ad un impianto di distribuzione acqua calda per uso sanitario, compatibilmente alle sue caratteristiche e prestazioni ed alla sua potenzialità termica. Ogni altro uso deve considerarsi improprio.

L'INSTALLAZIONE DELLA CALDAIA DEVE ESSERE EFFETTUATA SOLTANTO DA PERSONALE

SPECIALIZZATO E DI SICURA QUALIFICAZIONE, OTTEMPERANDO A TUTTE LE ISTRUZIONI

RIPORTATE NEL PRESENTE MANUALE TECNICO, ALLE DISPOSIZIONI DI LEGGE VIGENTI, ALLE

PRESCRIZIONI DELLE NORME UNI E CEI E DI EVENTUALI NORMATIVE LOCALI E SECONDO LE

REGOLE DELLA BUONA TECNICA.

Un’errata installazione può causare danni a persone, animali e cose, nei confronti dei quali il costruttore non può essere ritenuto responsabile.

2.2 Luogo di installazione

Il circuito di combustione dell’apparecchio è stagno rispetto l’ambiente di installazione e quindi l’apparecchio può essere installato in qualunque locale. L’ambiente di installazione tuttavia deve essere suffi cientemente ventilato per evitare che si creino condizioni di pericolo in caso di, seppur piccole, perdite di gas.

Questa norma di sicurezza è imposta dalla

Direttiva CEE n° 90/396 per tutti gli apparecchi utilizzatori di gas, anche per quelli cosiddetti a camera stagna.

Il luogo di installazione deve comunque essere privo di polveri, oggetti o materiali infi ammabili o gas corrosivi. L’ambiente deve essere asciutto e non soggetto al gelo.

La caldaia è predisposta per l’installazione pensile a muro. Sul telaio posteriore dell’apparecchio sono presenti delle asole per il fi ssaggio al muro, tramite viti a tassello metallico. Il fi ssaggio alla parete deve garantire un sostegno stabile ed effi cace del generatore.

Se l’apparecchio viene racchiuso entro mobili o montato affi ancato lateralmente, deve essere previsto lo spazio per le normali attività di manutenzione. In fi g. 4 e tab. 1 sono riportati gli spazi minimi e consigliati da lasciare attorno all’apparecchio.

A

Tabella 1

Minimo

A

B

C

3 cm

5 cm

40 cm

D

1,5 cm

(da eventuale pannello apribile) fi g. 4

A

Consigliato

15 cm

30 cm

65 cm

> 50 cm

11

12

ECONCEPT 35 A

Aggancio a muro

2

4

3

1 fi g. 5a

La caldaia è fornita di serie con:

- una staffa aggancio (part. 1 fi g. 5a)

- una dima smontabile (part. 2 e 3 fi g. 5a)

- un kit nippli e rubinetti.

Dopo aver assembalto la dima con la staffa di aggancio si possono tracciare i punti di fi ssaggio e allacciamento della caldaia.

Per fare ciò, si deve posizionare la dima appena assemblata sulla parete e con l’aiuto di una livella a bolla d’aria fi g. 5b,

é necessario controllare che la staffa inferiore (part. C fi g. 6) sia perfettamente orizzontale. Fissare provvisoriamente la dima alla parete con delle viti o dei chiodi nei fori “4” fi g.

5b. Tracciare i punti di fi ssaggio “A”, dove poi, tramite viti a tassello verrà fi ssata la staffa di aggancio “1”.

Le forature presenti sulla staffa “C” determinano i punti di allacciamento acqua e gas della caldaia. Una volta terminati gli allacciamenti e fi ssata a muro la staffa di aggancio “1”, appendere la caldaia utilizzando i ganci “B”.

A

4 fi g. 5b

B

C fi g. 5c fi g. 6

ECONCEPT 35 A

2.3 Collegamenti idraulici

La potenzialità termica dell’apparecchio va stabilita preliminarmente con un calcolo del fabbisogno di calore dell’edifi cio secondo le norme vigenti. Per il buon funzionamento e per la durata della caldaia, l’impianto idraulico deve essere ben proporzionato e sempre completo di tutti quegli accessori che garantiscono un funzionamento ed una conduzione regolare.

Nel caso in cui le tubazioni di mandata e ritorno impianto seguano un percorso tale per cui, in alcuni punti si possono formare delle sacche d’aria, è opportuno installare, su questi punti, una valvola di sfi ato. Installare inoltre un organo di scarico nel punto più basso dell’impianto per permetterne il completo svuotamento.

Se la caldaia è installata ad un livello inferiore a quello dell’impianto, è opportuno prevedere una valvola fl ow-stop per impedire la circolazione naturale dell’acqua nell’impianto.

E’ consigliabile che il salto termico tra il collettore di mandata e quello di ritorno in caldaia, non superi i 20 °C.

Non utilizzare i tubi degli impianti idraulici come messa a terra di apparecchi elettrici.

Prima dell’installazione effettuare un lavaggio accurato di tutte le tubazioni dell’impianto per rimuovere residui o impurità che potrebbero compromettere il buon funzionamento dell’apparecchio.

Effettuare gli allacciamenti ai corrispettivi attacchi, come indicato in fi g. 7.

1

2 3 4 5

6

7

Legenda

1 Mandata impianto

2 Mandata bollitore (opzionale)

3 Entrata gas

4 Ritorno bollitore (opzionale)

5 Ritorno impianto

6 Rubinetto di riempimento impianto

7 Attacco di caricamento

43

1

100

2

97

3

97

4

83

5

60 fi g. 7

Si consiglia d’interporre, fra caldaia ed impianto di riscaldamento, delle valvole d’intercettazione che permettano, se necessario, d’isolare la caldaia dall’impianto.

Lo scarico della valvola di sicurezza deve essere collegato ad un imbuto o tubo di raccolta, per evitare lo sgorgo di acqua a terra in caso di sovrapressione nel circuito di riscaldamento. In caso contrario, se la valvola di scarico dovesse intervenire allagando il locale, il costruttore della caldaia non potrà essere ritenuto responsabile.

Effettuare il collegamento della caldaia in modo che i suoi tubi interni siano liberi da tensioni.

13

14

ECONCEPT 35 A

Di serire sono forniti i kit di collegamento mostrati in fi g. 8a e 8b.

Collegamento con nippli

In caldaia

Dall'impianto

Dall'impianto

A B C D E F

In caldaia

C D E F

A Manicotto femmina

B Nipplo in OT 58

C Guarnizione OR

D Anello d’arresto in OT 58

E Rosetta in rame

F Raccordo in OT 58 fi g. 8a

Collegamento con rubinetti

Dall'impianto

In caldaia

Dall'impianto

A

G

In caldaia

A Manicotto femmina

C Guarnizione OR

D Anello d’arresto in OT 58

E Rosetta in rame

F Raccordo in OT 58

G Rubinetto a sfera fi g. 8b

Caratteristiche dell’acqua impianto

In presenza di acqua con durezza superiore ai 25° Fr, si prescrive l’uso di acqua opportunamente trattata, al fi ne di evitare possibili incrostazioni in caldaia, causate da acque dure, o corrosioni, prodotte da acque aggressive. E’ opportuno ricordare che anche piccole incrostazioni di qualche millimetro di spessore provocano, a causa della loro bassa conduttività termica, un notevole surriscaldamento delle pareti della caldaia, con conseguenti gravi inconvenienti.

È indispensabile il trattamento dell’acqua utilizzata nel caso di impianti molto estesi (con grossi contenuti d’acqua) o di frequenti immissioni di acqua di reintegro nell’impianto. Se in questi casi si rendesse successivamente necessario lo svuotamento parziale o totale dell’impianto, si prescrive di effettuare nuovamente il riempimento con acqua trattata.

ECONCEPT 35 A

Riempimento caldaia e impianto

La caldaia è dotata di un rubinetto a sfera per il caricamento manuale dell’impianto di riscaldamento.

La pressione di caricamento ad impianto freddo, deve essere di circa 1 bar. Qualora durante il funzionamento la pressione dell’impianto scendesse (a causa dell’evaporazione dei gas disciolti nell’acqua) a valori inferiori al minimo sopra descritto, L’Utente dovrà, agendo sul rubinetto di caricamento, riportarla al valore iniziale. Per un corretto funzionamento della caldaia, la pressione in essa, a caldo, deve essere di circa 1,5÷2 bar. A fi ne operazione richiudere sempre il rubinetto di riempimento.

Liquidi antigelo,additivi e inibitori.

Qualora si renda necessario, è consentito l’uso di liquidi antigelo, additivi e inibitori, solo ed esclusivamente se il produttore di suddetti liquidi o additivi fornisce una garanzia che assicuri che i suoi prodotti sono idonei all’uso e non arrecano danni allo scambiatore di caldaia o ad altri componenti e/o materiali di caldaia ed impianto. E’ proibito l’uso di liquidi antingelo, additivi e inibitori generici, non espressamente adatti all’uso in impianti termici e compatibili con i materiali di caldaia ed impianto.

2.4 Collegamento gas

Prima di effettuare l’allacciamento, verificare che l’apparecchio sia predisposto per il funzionamento con il tipo di combustibile disponibile ed effettuare una accurata pulizia di tutte le tubature gas dell’impianto, per rimuovere eventuali residui che potrebbero compromettere il buon funzionamento della caldaia.

L’allacciamento gas deve essere effettuato all’attacco relativo (vedi fi g. 7) in conformità alla normativa in vigore, con tubo metallico rigido oppure con tubo flessibile a parete continua in acciaio inox, interponendo un rubinetto gas tra impianto e caldaia. Verifi care che tutte le connessioni gas siano a tenuta.

La portata del contatore gas deve essere suffi ciente per l’uso simultaneo di tutti gli apparecchi ad esso collegati. Il diametro del tubo gas, che esce dalla caldaia, non è determinante per la scelta del diametro del tubo tra l’apparecchio ed il contatore; esso deve essere scelto in funzione della sua lunghezza e delle perdite di carico, in conformità alla normativa in vigore.

Non utilizzare i tubi del gas come messa a terra di apparecchi elettrici.

2.5 Collegamenti elettrici

L’installazione dell’apparecchio deve essere eseguita in conformità alle vigenti norme nazionali e locali.

Collegamento alla rete elettrica

La caldaia va collegata ad una linea elettrica monofase, 230 Volt-50 Hz .

La sicurezza elettrica dell’apparecchio è raggiunta soltanto quando lo stesso è correttamente collegato ad un effi cace impianto di messa a terra eseguito come previsto dalle vigenti norme di sicurezza. Far verifi care da personale professionalmente qualifi cato l’effi cienza e l’adeguatezza dell’impianto di terra, il costruttore non è responsabile per eventuali danni causati dalla mancanza di messa a terra dell’impianto. Far verifi care inoltre che l’impianto elettrico sia adeguato alla potenza massima assorbita dall’apparecchio, indicata in targhetta dati caldaia, accertando in particolare che la sezione dei cavi dell’impianto sia idonea alla potenza assorbita dall’apparecchio.

15

ECONCEPT 35 A

La caldaia è precablata e dotata di cavo di allacciamento alla linea elettrica. I collegamenti alla rete devono essere eseguiti con allacciamento fi sso e dotati di un interruttore bipolare i cui contatti abbiano una apertura di almeno 3 mm, interponendo fusibili da 3A max tra caldaia e linea. E’ importante rispettare le polarità (LINEA: cavo marrone / NEUTRO: cavo blu / TERRA : cavo giallo-verde) negli allacciamenti alla linea elettrica.

II cavo di alimentazione dell’apparecchio non deve essere sostituito dall’utente. In caso di danneggiamento del cavo, spegnere l’apparecchio e, per la sua sostituzione, rivolgersi esclusivamente a personale professionalmente qualifi cato. In caso di sostituzione del cavo elettrico di alimentazione, utilizzare esclusivamente cavo “HAR H05 VV-F” 3x0,75 mm 2 con diametro esterno massimo di 8 mm.

Accesso alla morsettiera elettrica

Seguire le indicazioni riportate in fi g. 9 per accedere alla morsettiera collegamenti elettrici. La disposizione dei morsetti per i diversi allacciamenti è riportata anche nello schema elettrico al capitolo Dati Tecnici.

Schema morsettiera

16 fi g. 9

Termostato ambiente

ATTENZIONE: IL TERMOSTATO AMBIENTE DEVE ESSERE A CONTATTI PULITI. COLLEGANDO

230 V. AI MORSETTI DEL TERMOSTATO AMBIENTE SI DANNEGGIA IRRIMEDIABILMENTE

LA SCHEDA ELETTRONICA.

Nel collegare un eventuale termostato ambiente con programma giornaliero o settimanale, o un interruttore orario (timer), evitare di prendere l'alimentazione di questi dispositivi dai loro contatti di interruzione. La loro alimentazione deve essere effettuata tramite collegamento diretto dalla rete o tramite pile, a seconda del tipo di dispositivo.

ECONCEPT 35 A

Sonda esterna (optional)

Collegare la sonda ai rispettivi morsetti. La massima lunghezza consentita del cavo elettrico di collegamento caldaia – sonda esterna è di 50 m. Può essere usato un comune cavo a 2 conduttori.

La sonda esterna va installata preferibilmente sulla parete Nord, Nord-Ovest o su quella su cui si affaccia la maggioranza del locale principale di soggiorno. La sonda non deve mai essere esposta al sole di primo mattino, ed in genere, per quanto possibile, non deve ricevere irraggiamento solare diretto; se necessario, va protetta.

La sonda non deve in ogni caso essere montata vicino a fi nestre, porte, aperture di ventilazione, camini, o fonti di calore che potrebbero alterarne la lettura.

Fig. 10b

N

N W

Fig. 10a

17

18

ECONCEPT 35 A

2.6 Condotti fumi

L’apparecchio è di “tipo C” a camera stagna e tiraggio forzato, l’ingresso aria e l’uscita fumi devono essere collegati ad uno dei sistemi di evacuazione/aspirazione indicati di seguito. Con l’ausilio delle tabelle e dei metodi di calcolo riportati deve essere verifi cato preliminarmente, prima di procedere all’installazione, che i condotti fumi non superino le massime lunghezze consentite. Devono essere rispettate le normative vigenti ed i regolamenti locali.

Questo apparecchio di tipo C deve essere installato utilizzando i condotti di aspirazione e scarico fumi forniti dalla FERROLI S.p.A. secondo UNI-CIG 7129/92. Il mancato utilizzo degli stessi fa decadere automaticamente ogni garanzia e responsabilità della FERROLI S.p.A.

ECONCEPT 35 A

Collegamento con tubi coassiali

L’apparecchio può essere collegato ad un condotto coassiale aria/fumi con uscita a parete o a tetto come evidenziato nei disegni successivi. Numerosi accessori sono disponibili a richiesta per soddisfare le diverse esigenze di installazione. Consultare il catalogo accessori fumi o il listino.

Uscita Posteriore

Vista laterale

* = tra 10 e 60 mm

P

S 50* 125 115

Curva coassiale

60/100 cod. 1KWMA68W

95

30

95

30

Uscita Laterale

Vista frontale

L

50*

* = tra 10 e 60 mm

80

240 240

D S

Vista dall’alto

180

Forare il muro 10÷20 mm più del diametro del tubo

95

30

115

P

S 50*

P = S + 165 mm fi g. 11a

Vista dall’alto

Forare il muro 10÷20 mm più del diametro del tubo

240

30

95

240 D

L

S 50*

L = S + D + 225 mm fi g. 11b

19

20

ECONCEPT 35 A

La lunghezza totale in metri lineari del condotto coassiale non deve superare le lunghezze massime indicate nella tabella sottostante, considerando che ogni curva dà luogo alla riduzione indicata. Ad esempio, un condotto

D= 60/100 composto da 1 curva 90° +1 metro orizzontale + 2 curve 45° + 1 metro orizzontale ha una lunghezza totale equivalente di 4 metri.

Terminale tetto

1KWMA83U

Tabella 2a

Ø mm

60/100

Ø mm

80/125

Tegola inclinata

1KWMA82U

Lunghezza condotti massima permessa

(Orizzontale)

Lunghezza condotti massima permessa

(Verticale)

5 m

6 m

12 m

12 m

Tabella 2b

Fattori di riduzione per curve

Curva coassiale a 90° - Ø 60/100 mm

Curva coassiale a 45° - Ø 60/100 mm

Curva coassiale a 90° - Ø 80/125 mm

Curva coassiale a 45° - Ø 80/125 mm

1 m

0,5 m

0,5 m

0,25 m

Per l’installazione:

1. Defi nire la posizione di installazione dell’apparecchio

2. Forare la parete per l’uscita del tubo aria/fumi secondo i riferimenti indicati nelle fi gure.

3. Effettuare un foro di diametro 10 - 20 mm superiore al diametro nominale del tubo coassiale utilizzato per facilitare l’inserimento.

4. Se necessario, tagliare la tubazione terminale a misura, considerando che la tubazione esterna dovrà sporgere dal muro per un tratto compreso tra 10 e 60 mm (fi g. 11a e

11b). Eliminare le sbavature da taglio.

5. Collegare i condotti alla caldaia, posizionando correttamente le guarnizioni e sigillare con gli appositi manicotti di tenuta i punti di raccordo al muro.

1KWMA56U

240

Uscita Verticale

240

1KWMA71W fi g. 11c

ECONCEPT 35 A

Collegamento con tubi separati

L’apparecchio può essere collegato ad un sistema di condotti separati aria/fumi per uscita a parete o a tetto come evidenziato nelle fi g. 12-13 a lato. Numerosi accessori sono disponibili a richiesta per soddisfare le diverse esigenze di installazione. I componenti di più frequente utilizzo sono riportate nelle tabelle

4 - 5. Consultare il catalogo accessori fumi o il listino per ulteriori componenti.

Per verifi care di non eccedere la massima lunghezza di condotti consentita occorre effettuare prima dell’installazione un semplice calcolo:

1. Per ogni componente viene fornita nelle tabelle 4 - 5 una perdita di carico “equivalente in metri-aria”, dipendente dalla posizione di installazione del componente stesso

(in aspirazione aria o evacuazione fumi, verticale o orizzontale).

La perdita viene detta “equivalente in metriaria ” poiché è rapportata alla perdita di un metro di condotto posto in aspirazione aria (defi nita uguale ad 1). Ad esempio, una curva a 90° di Ø80 posta in evacuazione fumi ha una perdita equivalente di 2,5 metri-aria, ovvero ha una perdita pari a quella di 2,5 metri lineari di condotto posto in aspirazione aria.

2. Una volta defi nito completamente lo schema del sistema di camini sdoppiati sommare le perdite in metri-equivalenti, a seconda della posizione di installazione, di tutti i componenti ed accessori nel sistema.

3. Verifi care che la perdita totale calcolata sia inferiore o uguale a 55 metri equivalenti, cioè il massimo permesso per questo modello di caldaia.

Nel caso il sistema di camini prescelto ecceda il limite massimo consentito, si consiglia di adottare per alcuni tratti dei condotti di diametro superiore.

Tabella 3

Rif.

N° Pezzi Descrizione

3

4

1

2

16

16

1

2

Tubo verticale fumi Ø80

Tubo verticale aria Ø80

Terminale verticale

Kit (1KWMR54A)

Totale

Perdita equivalente

25,6 m

16,0 m

12,0 m

0,6 m

54,2 m kit cod. 1KWMR54A

1

Ø80

FUMI

Ø80

ARIA

Rimuovere il tappo di chiusura

2

120 120 120 120

3

80 84 80

1

4

1KWMA84U fi g. 12

2

1KWMA70W fi g. 13

21

22

ECONCEPT 35 A

Tabelle perdite tubazioni ed accessori

Tabella 4

Accessori Ø 80

Perdite equivalenti in metri (aria)

Aspirazione Scarico

Tabella 5

Accessori Ø 80

Descrizione

Tubo Ø 80 maschio-femmina

KWMA83W • 1,00 m 1 1 1.6

2

Descrizione

Terminale antivento prodotti della combustione Ø 80 mm

KWMA86A

Terminale aria di protezione aspirazione

Ø 80 mm

KWMA85A

Curva 45° Ø 80 mm

maschio-femmina

KWMA65W 1.2

1.8

Camino scarico fumi aspirazione aria per attacco sdoppiato

Ø 80 mm.

Curva 90° Ø 80 mm maschio-femmina

KWMA84U

Tronchetto maschio femmina

Ø 80 mm con presa di analisi

KWMA01W 1.5

2.0

KWMA70W

I valori di perdita riportati si riferiscono a condotti ed accessori originali Ferroli.

Perdite equivalenti in metri (aria)

Aspirazione Scarico

2

12

0,3

5

ECONCEPT 35 A

Collegamento a canne fumarie collettive o camini singoli a tiraggio naturale

La norma UNI 10641 prescrive i criteri di progettazione e verifi ca delle dimensioni interne delle canne fumarie collettive e dei camini singoli a tiraggio naturale per apparecchi a camera stagna dotati di ventilatore nel circuito di combustione.

Se quindi si intende collegare la caldaia ECONCEPT 35 A ad una canna fumaria collettiva o ad un camino singolo a tiraggio naturale, canna fumaria o camino devono essere espressamente progettati da personale tecnico professionalmente qualifi cato in conformità alla norma UNI 10641.

In particolare, è previsto che camini e canne fumarie debbano avere le seguenti caratteristiche:

• Essere dimensionati/e secondo il metodo di calcolo riportato nella norma stessa

• Essere a tenuta dei prodotti della combustione, resistenti ai fumi ed al calore ed impermeabili alle condense

• Avere sezione circolare o quadrangolare (ammesse alcune sezioni idraulicamente equivalenti), con andamento verticale ed essere prive di strozzature

• Avere i condotti che convogliano i fumi caldi adeguatamente distanziati o isolati da materiali combustibili

• Essere allacciati ad un solo apparecchio per piano, per un massimo di 6 apparecchi totali (8 se presente apertura o condotto di compensazione)

• Essere privi di mezzi meccanici di aspirazione nei condotti principali

• Essere in depressione, per tutto lo sviluppo, in condizioni di funzionamento stazionario

• Avere alla base una camera di raccolta di materiali solidi o eventuali condense di almeno 0,5 m, munita di sportello metallico di chiusura a tenuta d’aria.

2.7 Collegamento scarico condensa

0,5 lt.

B

A fi g. 14

La caldaia è dotata di sifone interno per lo scarico condensa. Montare il raccordo d’ispezione A ed il tubo fl essibile B, innestandolo a pressione per circa 3 cm e fi ssandolo con una fascetta.

Riempire il sifone con circa 0,5 lt. di acqua e collegare il tubo fl essibile all’impianto di smaltimento.

23

ECONCEPT 35 A

3. SERVIZIO E MANUTENZIONE

3.1 Regolazioni

Tutte le operazioni di regolazione e trasformazione devono essere effettuate da Personale Qualifi cato e di sicura qualifi cazione come il personale del Servizio Tecnico Assistenza Clienti di Zona.

Starclima declina ogni responsabilità per danni a cose e/o persone derivanti dalla manomissione dell’apparecchio da parte di persone non qualifi cate e non autorizzate.

Trasformazione gas di alimentazione

L’apparecchio può funzionare con alimentazione a gas Metano o G.P.L. e viene predisposto in fabbrica per l’uso di uno dei due gas, come chiaramente riportato sull’imballo e sulla targhetta dati tecnici dell’apparecchio stesso. Qualora si renda necessario utilizzare l’apparecchio con gas diverso da quello preimpostato, è necessario dotarsi dell’apposito kit di trasformazione e operare come indicato di seguito:

1 Rimuovere il mantello.

2 Aprire la camera stagna.

3 Svitare il raccordo gas A posto sul miscelatore aria/gas.

4 Sostituire l’ugello inserito nel miscelatore con quello contenuto nel kit di trasformazione.

5 Riassemblare il raccordo A e verifi care la tenuta della connessione.

6 Applicare la targhetta contenuta nel kit di trasformazione vicino alla targhetta dati tecnici.

7 Rimontare camera stagna e mantello.

8 Controllare il livello di CO

2

(vedi par. “Analisi della combustione” pag. 27).

Metano

Ugello Ø

5,9 mm

Vedi tabella dati tecnici

GPL

4,4 mm

24 fi g. 15

ECONCEPT 35 A

3.2 Messa in servizio

La messa in servizio deve essere effettuata da Personale Qualifi cato e di sicura qualifi cazione come il personale della nostra Organizzazione di vendita ed il Servizio Tecnico Assistenza

Clienti di zona.

La prima accensione è gratuita e deve essere richiesta secondo le modalità indicate dall’adesivo posto in evidenza sulla caldaia.

Verifi che da eseguire alla prima accensione, e dopo tutte le operazioni di manutenzione che abbiano comportato la disconnessione dagli impianti o un intervento su organi di sicurezza o parti della caldaia:

Prima di accendere la caldaia:

• Aprire le eventuali valvole di intercettazione tra caldaia ed impianti.

• Verifi care la tenuta dell’impianto gas, procedendo con cautela ed usando una soluzione di acqua saponata per la ricerca di eventuali perdite dai collegamenti.

• Riempire l’impianto idraulico ed assicurare un completo sfi ato dell’aria contenuta nella caldaia e nell’impianto, aprendo la valvola di sfi ato aria posta caldaia e le eventuali valvole di sfi ato sull’impianto.

• Verificare che non vi siano perdite di acqua nell’impianto, nei circuiti acqua sanitaria, nei collegamenti o in caldaia.

• Verifi care l’esatto collegamento dell’impianto elettrico.

• Verifi care che l’apparecchio sia collegato ad un buon impianto di terra.

• Verifi care che il valore di pressione e portata gas per il riscaldamento sia quello richiesto.

• Verifi care che non vi siano liquidi o materiali infi ammabili nelle immediate vicinanze della caldaia

Accensione

• Aprire il rubinetto del gas a monte della caldaia.

• Sfi atare l’aria presente nel tubo a monte della valvola gas.

• Chiudere l'eventuale interruttore o inserire la spina a monte della caldaia.

• Premere il tasto ON/OFF (vedi fi g.1)

• A questo punto la caldaia è pronta per funzionare automaticamente ogni qualvolta vi è una richiesta al termostato ambiente o per il riscaldamento del bollitore esterno (opzionale).

In caso venisse a mancare l’alimentazione elettrica alla caldaia, mentre quest’ultima è in funzione, il bruciatore si spegne. Al ripristino della tensione di rete, la caldaia esegue nuovamente il ciclo di autotest ed al termine il bruciatore viene riacceso automaticamente (se vi è ancora richiesta di calore).

Verifi che durante il funzionamento

• Assicurarsi della tenuta del circuito del combustibile e degli impianti acqua.

• Controllare l’effi cienza del camino e condotti aria-fumi durante il funzionamento della caldaia.

• Controllare che la circolazione dell’acqua, tra caldaia ed impianti, avvenga correttamente.

• Assicurarsi che la valvola gas moduli correttamente sia nella fase di riscaldamento che in quella di produzione d’acqua sanitaria.

• Verifi care la buona accensione della caldaia, effettuando diverse prove di accensione e spegnimento, per mezzo del termostato ambiente o del comando remoto.

• Assicurarsi che il consumo del combustibile indicato al contatore, corrisponda a quello indicato nella tabella dati tecnici al cap. 4.

• Verifi care la corretta programmazione dei parametri ed eseguire le eventuali personalizzazioni richieste (curva di compensazione, potenza, temperature, ecc.)

25

26

ECONCEPT 35 A

Spegnimento

Premere il tasto ON/OFF (vedi fi g. 1).

Quando la caldaia viene spenta attraverso questo tasto la scheda elettronica non è più alimentata elettricamente ed il sistema antigelo è escluso.

Chiudere il rubinetto del gas a monte della caldaia e togliere alimentazione elettrica all’apparecchio.

Per lunghe soste durante il periodo invernale, al fi ne di evitare danni dovuti al gelo, è consigliabile scaricare tutta l’acqua della caldaia, quella sanitaria e quella dell’impianto; oppure scaricare solo l’acqua sanitaria e introdurre l’apposito antigelo nell’impianto di riscaldamento.

3.3 Manutenzione

Le seguenti operazioni sono strettamente riservate a Personale Qualificato e di sicura qualifi cazione, come il personale della nostra Organizzazione di vendita e del Servizio Tecnico

Assistenza Clienti di zona. controllo stagionale della caldaia e del camino

Si consiglia di far effettuare sull’apparecchio almeno una volta all’anno i seguenti controlli:

• I dispositivi di comando e di sicurezza (valvola gas, flussometro, termostati, ecc.) devono funzionare correttamente.

• I condotti ed il terminale aria-fumi devono essere liberi da ostacoli e non presentare perdite.

• Gli impianti gas e acqua devono essere a tenuta.

• Il bruciatore e lo scambiatore devono essere puliti. Seguire le istruzioni al paragrafo successivo.

• Gli elettrodi devono essere liberi da incrostazioni e correttamente posizionati.

• La pressione dell’acqua dell’impianto a freddo deve essere di circa 1 bar; in caso contrario riportarla a questo valore.

• Il vaso d’espansione deve essere carico.

• La portata gas e la pressione devono corrispondere a quanto indicato nelle rispettive tabelle.

• Le pompe di circolazione non devono essere bloccate.

ECONCEPT 35 A

Apertura del mantello

Per aprire il mantello della caldaia bisogna seguire la sequenza sottoriportata e le indicazione in fi g. 16.

1 Con l’ausilio di un cacciavite, svitare completamente le 2 viti “A”

2 Aprire ruotaldolo il pannello “B”

3 Sollevare e togliere il pannello “B”

B fi g. 16

A

A

Analisi della combustione

É possibile effettuare l’analisi della combustione attraverso i punti di prelievo aria e fumi raffi gurati in fi g. 17.

Per effettuare la misurazione occorre:

1) Aprire i punti di prelievo aria e fumi

2) Introdurre le sonde;

3) Premere i tasti “+” e “-” per 5 secondi in modo da attivare la modalità TEST;

4) Attendere 10 minuti per far giungere la caldaia in stabilità

5) Effettuare la misura.

Aria

Fumi

Per il metano la lettura del CO

2 compresa tra 8,7 ed il 9 %.

deve essere

Per il GPL la lettura del CO

2 compresa tra 9,5 ed il 10 %.

deve essere

Aria Fumi

Analisi effettuate con caldaia non stabilizzata possono causare errori di misura.

fi g. 17

27

28

ECONCEPT 35 A

3.4 Risoluzione dei problemi

Diagnostica

In caso di anomalie o problemi di funzionamento, il display lampeggia ed appare il codice identifi cativo dell’anomalia.

Le anomalie (contraddistinte con la lettera “F”) causano blocchi temporanei che vengono ripristinati automaticamente non appena il valore rientra nel campo di funzionamento normale della caldaia.

Se insieme all’anomalia appare anche la scritta RESET, l’utente dovrà ripristinare il funzionamento della caldaia premendo il tasto (5 - fi g. 1). Verrà ripetuto così il ciclo di accensione.

Tabella 6

F1

F2

Anomalia

Mancata accensione bruciatore

Fiamma presente con bruciatore spento

Possibile causa

• Mancanza di gas

• Anomalia elettrodo di rivelazione o di accensione

• Valvola gas difettosa

• Anomalia all'elettrodo di

rilevazione

• Anomalia alla scheda

Soluzione

• Controllare che l’afflusso di gas alla caldaia sia regolare e che sia stata eliminata l’aria dalle tubazioni

• Controllare il cablaggio degli elettrodi e che gli stessi siano posizionati correttamente e privi di incrostazioni

• Verificare e sostituire la valvola a gas

• Verificare il cablaggio dell'elettrodo

di ionizzazione

• Verificare la scheda

F3

F5

Intervento termostato di sicurezza

Anomalia ventilatore

• Sensore di mandata non attivo

• Mancanza di circolazione impianto

• Segnale tachimetrico interrotto

• Ventilatore danneggiato

• Controllare il corretto posizionamento e funzionamento del sensore di mandata

• Verificare il circolatore

• Verificare il cablaggio

• Verificare il ventilatore

F8

F9

F10

÷

F22

F23

Anomalia circuito rilevazione fiamma

• Anomalia alla scheda

• Disturbi di rete

Mancanza di comunicazione tra apparecchiatura elettronica e valvola a gas

• Cablaggio errato

• Valvola danneggiata

Anomalia al microprocessore

Pressione acqua impianto nominale impostata non raggiunta entro 4 minuti con riempimento automatico.

• Verificare ed eventualmente sostituire la scheda

• Verificare la massa a terra

• Verificare il cablaggio

• Sostituire valvola

• Anomalia nel funzionamento al microprocessore

• Togliere e ripristinare l’alimentazione elettrica. Se il problema persiste verificare e/o sostituire la scheda principale

• Guasto all’elettrovalvola

• Perdita d’acqua dall’impianto

• Pressione di rete troppo bassa

• Verificare cablaggio elettrovalvola

• Verificare l’impianto

• Verificare la pressione di rete

ECONCEPT 35 A

F24

F25

Anomalia Possibile causa

Superamento del numero di riempimenti automatici giornalieri consentiti

• Perdita d’acqua dall’impianto idraulico

Anomalia software • Anomalia nel funzionamento software

Soluzione

• Controllare l’impianto

• Verificare la pressione di rete

• Togliere e ripristinare l’alimentazione elettrica. Se il problema persiste verificare e/o sostituire la scheda principale

F26

Mancanza fiamma dopo fase di accensione (5 volte in 4 min.)

• Anomalia alla scheda

F30 Anomalia sensore mandata

• Disturbi di rete

• Sensore dannegiato o in corto circuito

• Verificare ed eventualmente sostituire la scheda

• Verificare la massa a terra

• Verificare cablaggio o sostituire il sensore

F31

F32

F33

Anomalia sensore mandata

Anomalia sensore sanitario

Anomalia sensore sanitario

F34

F35

Tensione di alimentazione inferiore a 190V. o superiore a 250V.

Frequenza di rete anomala

F36

F37

Anomalia alla scheda elettronica

Pressione acqua impianto non corretta

• Sensore dannegiato o cablaggio interrotto

• Sensore danneggiato o cablaggio in corto circuito

• Sensore danneggiato o cablaggio interrotto

• Problemi alla rete elettrica

• Problemi alla rete elettrica

• Pressione troppo bassa

• Sensore danneggiato

• Verificare cablaggio o sostituire il sensore

• Verificare cablaggio o sostituire il sensore

• Verificare cablaggio o sostituire il sensore

• Verificare l’impianto elettrico

• Verificare l’impianto elettrico

• Sostituire la scheda elettronica

• Caricare impianto

• Verificare il sensore

F39

F40

F41

Anomalia sonda esterna

Pressione acqua impianto non corretta

Anomalia sensore pressione

F43

Anomalia sensore ritorno

F44

Anomalia sensore ritorno

F45

F46

Anomalia sensore fumi

Anomalia sensore fumi

• Sensore danneggiato o in corto circuito

• Pressione troppo alta

• Sensore danneggiato o cablaggio interrotto

• Sensore danneggiato o cablaggio in corto circuito

• Sensore danneggiato o cablaggio interrotto

• Sensore danneggiato o cablaggio in corto circuito

• Sensore danneggiato o cablaggio interrotto

• Verificare il cablaggio o sostituire il sensore

• Verificare l’impianto

• Verificare la valvola di sicurezza

• Verificare il vaso di espansione

• Verificare cablaggio o sostituire il sensore

• Verificare cablaggio o sostituire il sensore

• Verificare cablaggio o sostituire il sensore

• Verificare cablaggio o sostituire il sensore

• Verificare cablaggio o sostituire il sensore

29

ECONCEPT 35 A

4 CARATTERISTICHE E DATI TECNICI

4.1 Dimensioni e attacchi

120

Vista Superiore

120

480

120 120

367

57 35

480

296 35 57

30

Legenda

1 Mandata impianto

2 Mandata bollitore (opzionale)

3 Entrata gas

4 Ritorno bollitore (opzionale)

5 Ritorno impianto

6 Rubinetto di carico

7 Attacco caricamento

6

7 fi g. 18

1

43 100

2

97

3

97

4 5

83 60

Vista Inferiore

130

179

74

161

196

246

145

34

49

22

ECONCEPT 35 A

4.2 Vista generale e componenti principali

36

35

16

186

44

83

179

32

29

191

21

201

5

56

82

188

19

Legenda

5 Camera stagna

7 Entrata gas

8 Mandata bollitore (opzionale)

9 Ritorno bollitore (opzionale)

10 Mandata impianto

11 Ritorno impianto

14 Valvola di sicurezza riscaldamento

16 Ventilatore

19 Camera di combustione

21 Ugello principale

22 Bruciatore principale

29 Collare uscita fumi

32 Circolatore riscaldamento modulante

34 Sensore temperatura riscaldamento

35 Separatore d’aria

36 Sfi ato aria automatico

44 Valvola gas

49 Termostato di sicurezza

56 Vaso espansione

74 Rubinetto di carico

82 Elettrodo di rilevazione

83 Centralina elettronica dl comando

130 Circolatore bollitore

145 Manometro (idrometro)

154 Tubo scarico condensa

161 Scambiatore di calore a condensa

179 Valvola di non ritorno

186 Sensore di ritorno

188 Elettrodo d’accensione

191 Sensore temperatura fumi

196 Bacinella condensa

201 Camera miscelazione

231 Attacco caricamento

246 Trasduttore di pressione

14

10 8 231 7 154 9 11 fi g. 19

31

145

246

130

179

74

4.3 Schema idraulico

16

36

35

34

49

32

231 10 8

Legenda

7 Entrata gas

8 Mandata bollitore (opzionale)

9 Ritorno bollitore (opzionale)

10 Mandata impianto

11 Ritorno impianto

14 Valvola di sicurezza riscaldamento

16 Ventilatore

32 Circolatore riscaldamento modulante

34 Sensore temperatura riscaldamento

35 Separatore d’aria

36 Sfi ato aria automatico

44 Valvola gas

154 fi g. 20

7 9 11

49 Termostato di sicurezza

74 Rubinetto di carico

56 Vaso espansione

130 Circolatore bollitore

145 Manometro (idrometro)

154 Tubo scarico condensa

161 Scambiatore di calore a condensa

179 Valvola di non ritorno

186 Sensore di ritorno

201 Camera miscelazione

231 Attacco caricamento

246 Trasduttore di pressione

ECONCEPT 35 A

201

161

56

186

179

44

32

14

ECONCEPT 35 A

4.4 Tabella dati tecnici

Tabella 7

Potenze

Portata termica Hi

Potenza termica Utile 80°C - 60°C

Potenza termica Utile 50°C - 30°C

Portata Gas Metano (G20)

Pressione alimentazione Gas Metano (G20)

Portata Gas GPL (G31)

Pressione alimentazione Gas GPL (G31)

Combustione

CO2 (G20 - Gas Naturale)

CO2 (G31 - Propano)

CO2 (G30 - Butano)

Temperatura fumi 80°C-60°C

Temperatura fumi 50°C-30°C

Portata fumi

Quantità di condensa

Valore pH acqua di condensa

Marcatura energetica (direttiva 92/42EEC)

Classe emissione NOx

Riscaldamento

Range di regolazione temperature riscaldamento

Pressione massima di esercizio riscaldamento

Pressione minima di esercizio riscaldamento

Capacità vaso di espansione

Pressione di precarica vaso di espansione

Contenuto d’acqua totale caldaia

Dimensioni, pesi attacchi

Altezza

Larghezza

Profondità

Peso a vuoto

Attacco impianto gas

Attacchi impianto riscaldamento

Attacchi collegamento bollitore

Massima lunghezza camini separati D=80*

(*Valore espresso in metri aria equivalenti - cfr.sistema di calcolo FERROLI)

Alimentazione elettrica

Max Potenza Elettrica Assorbita

Potenze elettriche assorbite dal circolatore (Velocità I-II-III)

Tensione di alimentazione/frequenza mm mm mm kg poll.

poll.

poll.

m eq

°C kg/h kg/h pH

%

%

%

°C kW kW kW nm

3

/h mbar kg/h mbar

Pmax

34,8

34,6

36,4

3,68

20

2,72

37

Pmax Pmin

8,7-9,0

9,5-10

10,9

70

45

57

3,96

4,1

8,5-9,0

9,2-10

10,3

60

30

17,5

1,90

Pmin

10,4

10,2

11,1

1,10

20

0,81

37

5

°C bar bar litri bar litri

20 - 90

3

0,8

10

1

2

780

480

367

57

1/2”

3/4”

1/2”

55

W

W

V/Hz

150

45-70-95

230/50

33

ECONCEPT 35 A

4.5 Diagrammi

Perdita di carico/Prevalenza circolatori

H [m H

2

O]

7

6

5

3

4

3

2

1

1

0

0 500

1 = Velocità minima circolatore

3 = Velocità massima circolatore

A = Perdita di carico caldaia

1.000

fi g. 21

1.500

A

2.000

Q [l/h]

34

32

130

34

186

49

T

191

82

81

X1

L

N

5 10

4 9

3 8

2 7

1 6

X12

8 16

7 15

6 14

5 13

4 12

3

2

11

10

1 9

X11

3

2

1

6

5

4

V1

44

V2

Legenda

16 Ventilatore

32 Circolatore riscaldamento modulant

34 Sensore temperatura riscaldamento

44 Valvola gas

49 Termostato di sicurezza

72 Termostato ambiente

81 Elettrodo d’accensione

82 Elettrodo dl rilevazione

98 Interruttore

130 Circolatore bollitore

137 Sonda di pressione

138 Sonda esterna

139 Unità ambiente

155 Sonda bollitore

186 Sensore di ritorno

191 Sensore temperatura fumi

202 Trasformatore

155

Eco/Comfort

138

139

72

137

N

230 V

L

F2A 98

230 V.

202

24 V.

2

1

4

X1

3

2

1

4

X6

3

X3

1 2 3

X5

4 5 6

X7

1 2 3 4

5 6 7 8

DISPLAY

24 V DC

24 V DC-

16

X2

6 1

7 2

8 3

9 4

10 5

Certificato di garanzia

Oggetto della Garanzia e Durata

L'azienda produttrice garantisce da tutti i difetti di fabbricazione e di funzionamento gli apparecchi venduti per 2 anni dalla data di consegna, documentata attraverso regolare documento di acquisto.

Ad esclusione dei prodotti a basamento in ghisa non equipaggiati di bruciatore dalla fabbrica, individuati sui listini ufficiali dell’azienda produttrice, il Cliente può richiedere ad un centro di assistenza autorizzato la prima accensione gratuita, entro 30 giorni dalla messa in servizio del prodotto, effettuata a cura della società installatrice, e la prima accensione potrà avvenire entro 30 gg. dalla richiesta. In questo caso la garanzia decorre dalla data della prima accensione e si intende estesa – sulle sole caldaie murali - per un anno supplementare (quindi per tre anni) sullo scambiatore principale del prodotto.

Modalità per far valere la presente Garanzia

In caso di guasto, il cliente può contattare la rete dei Centri Assistenza, richiedendone l’intervento.

La rete dei Centri Assistenza è reperibile

• attraverso la consultazione del volume Pagine Gialle, alla voce “Caldaie a gas”.

• attraverso il servizio “Pronto Pagine Gialle”, componendo il numero 89.24.24

• attraverso il servizio “Pagine Gialle on line”, consultando il sito internet http://www.paginegialle.it/gruppoferroli

• attraverso il sito internet dell’azienda costruttrice

• attraverso il numero verde 800-59-60-40

I costi di intervento sono a carico dell’azienda produttrice, fatte salve le esclusioni previste e riportate nella presente Dichiarazione.

Gli interventi in garanzia non modificano la data di decorrenza o la durata della stessa.

Estensione territoriale

• La garanzia è valida per tutti gli apparecchi destinati alla commercializzazione, venduti ed installati sul territorio italiano.

Esclusioni

Sono escluse dalla presente garanzia i guasti e gli eventuali danni causati da:

• trasporto non effettuato a cura dell’azienda;

• inosservanza delle istruzioni e delle avvertenze previste dall’azienda produttrice e riportate sui manuali di utilizzo a corredo del prodotto;

• errata installazione o inosservanza delle prescrizioni di installazione, previste dall’azienda produttrice e riportate sui manuali di installazione a corredo del prodotto;

• inosservanza di norme e/o disposizioni previste da leggi e/o regolamenti vigenti, in particolare per assenza o difetto di manutenzione periodica;

• anormalità o anomalie di qualsiasi genere nell’alimentazione degli impianti idraulici, elettrici, di erogazione del combustibile, di camini e/o scarichi;

• inadeguati trattamenti dell'acqua di alimentazione, trattamenti disincrostanti erroneamente condotti;

• corrosioni causate da condensa o aggressività d'acqua;

• gelo, correnti vaganti e/o effetti dannosi di scariche atmosferiche;

• mancanza di dispositivi di protezione contro le scariche atmosferiche;

• trascuratezza, incapacità d'uso, manomissioni effettuate da personale non autorizzato o interventi tecnici errati effettuati sul prodotto da qualsiasi terzo;

• parti soggette a normale usura di impiego (anodi, guarnizioni, manopole, lampade spia, ecc.)

• cause di forza maggiore indipendenti dalla volontà e dal controllo dell’azienda produttrice

Responsabilità

Il personale autorizzato dalla società produttrice interviene a titolo di assistenza tecnica nei confronti del Cliente; l’installatore resta comunque l’unico responsabile dell’installazione che deve rispettare le prescrizioni di legge e le prescrizioni tecniche riportate sui manuali di installazione a corredo del prodotto.

Nessun terzo è autorizzato a modificare i termini della presente garanzia né a rilasciarne altri verbali o scritti.

Diritti di legge

La presente garanzia si aggiunge e non pregiudica i diritti dell’acquirente previsti dalla direttiva 99/44/CEE e relativo decreto nazionale di attuazione.

Istruzioni per la compilazione della garanzia

• Compilare i campi sottostanti relativi la sezione “A” con i propri dati anagrafici.

• Al momento della prima accensione far compilare dal Centro Assistenza la sezione “B” facendo applicare l’adesivo con i codici a barre contenuto all’interno dell’apparecchio.

PARTE DA COMPILARE A CURA DEL CLIENTE

DATI DEL CLIENTE

Cognome

PARTE DA COMPILARE A CURA DEL CENTRO ASSISTENZA CLIENTI

DATA DI CONSEGNA

/ /

DATA DI PRIMA ACCENSIONE

/ /

Nome

Via

CAP

Provincia

Città

Timbro e firma del Centro Assistenza Tecnica

FERROLI S.p.A.

Via Ritonda 78/a

37047 San Bonifacio

Verona

ITALY

Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project