Istruzioni d`installazione Logatherm WPLS6...13.2 a parete

Istruzioni d`installazione Logatherm WPLS6...13.2 a parete
Pompa di calore aria/acqua
6 720 809 064-00.2I
6 720 816 407 (2015/06)
Istruzioni per l'installazione
Logatherm WPLS6...13.2 RE/RB
Unità interna IDUS6-13.2 E/B
400V 3N~ / 230V 1N~
Leggere attentamente prima del montaggio e della manutenzione.
Indice
Indice
1
Significato dei simboli e avvertenze di sicurezza . . . . . . . . . . . 3
1.1
Spiegazione dei simboli presenti nel libretto . . . . . . . . . . 3
1.2
Avvertenze di sicurezza generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
2
Fornitura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
3
Note generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
3.1
Informazioni sull'unità interna . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
3.2
Uso conforme alle indicazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
3.3
Volume minimo dell'impianto e versione dell'impianto di
riscaldamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
3.4
Targhetta identificativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
3.5
Trasporto e stoccaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
3.6
Posa in opera dell'unità interna . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
3.7
Da verificare prima dell'installazione . . . . . . . . . . . . . . . . 5
3.8
Principio di funzionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
4
Indicazioni tecniche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
4.1
Dati tecnici – unità interna con valvola miscelatrice per
riscaldatore esterno supplementare . . . . . . . . . . . . . . . . 6
4.2
Dati tecnici – unità interna con resistenza elettrica
integrata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
4.3
Soluzioni dell'impianto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
5
Leggi e normative . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
6
Dimensioni, distanze minime e tubi di collegamento . . . . . 13
6.1
Distanze in fase di installazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
6.2
Dimensioni dei tubi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
7
Istruzioni generali per l'installazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
7.1
Predisposizione ai collegamenti delle tubazioni . . . . . 13
7.2
Posa in opera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
7.3
Qualità dell’acqua . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
7.4
Pulitura dell’impianto di riscaldamento . . . . . . . . . . . . 14
7.5
Lista di controllo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
7.6
Isolamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
7.7
Funzionamento senza unità esterna (funzionamento
singolo) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
7.8
Installazione con funzionamento in raffreddamento . . 15
7.9
Circolatore ad alta efficienza per liquido termovettore
(PC0) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
7.10 Circolatore per impianto di riscaldamento (PC1) . . . . 16
7.11 Collegamento dell'accumulatore/bollitore d'acqua calda
sanitaria (accessorio) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
7.12 Installazione con piscina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
7.13 Montare le sonde di temperatura . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
7.14 Più circuiti di riscaldamento (accessorio modulo di
miscelazione, vedere istruzioni a parte) . . . . . . . . . . . . 18
8
Collegamento elettrico – Indicazioni generali . . . . . . . . . . .
8.1
EMS BUS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
8.2
CAN BUS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
8.3
Utilizzo di schede elettroniche . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
8.4
Collegamenti esterni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
8.5
Accessori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
8.6
EVU . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
8.7
Smart Grid . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
8.8
Collegare l'unità interna . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
8.9
Alternativa di collegamento EMS BUS . . . . . . . . . . . . .
19
19
19
20
20
20
20
20
21
22
9
Installazione dell'unità interna con valvola miscelatrice per
riscaldatore esterno (caldaia a gas a condensazione) (IDUS B)
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
9.1
Unità interna con valvola miscelatrice per riscaldatore
esterno – panoramica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
9.2
Collegamento dell'unità interna con valvola miscelatrice
per riscaldatore esterno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
9.3
Riempire l’impianto di riscaldamento . . . . . . . . . . . . . 24
9.4
Collegamento elettrico del riscaldatore esterno . . . . . 25
9.5
Schema elettrico per unità interna con valvola miscelatrice
per riscaldatore esterno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
10 Installazione dell'unità interna con resistenza elettrica
integrata (IDUS E) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
10.1 Unità interna con resistenza elettrica integrata –
panoramica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
10.2 Collegamento dell'unità interna con resistenza elettrica
integrata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38
10.3 Riempire l’impianto di riscaldamento . . . . . . . . . . . . . 38
10.4 Schema elettrico per unità interna con resistenza elettrica
integrata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40
10.5 EVU/SG Schema elettrico per unità interna con resistenza
elettrica integrata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46
10.6 Smart Grid . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 53
10.7 Impianto fotovoltaico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54
11 Sfiatare la pompa di calore e l'unità interna . . . . . . . . . . . . . 54
12 Verifica funzionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
12.1 Impostare la pressione di esercizio dell'impianto di
riscaldamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56
12.2 Pressostato e protezione contro il surriscaldamento . 56
12.3 Temperature d'esercizio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56
13 Protezione ambientale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56
14 Ispezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57
14.1 Filtro impurità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57
15 Idoneità di collegamento per modulo IP (web KM200) . . . . 58
16 Protocollo di messa in funzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59
2
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
Significato dei simboli e avvertenze di sicurezza
1
Significato dei simboli e avvertenze di sicurezza
1.1
Spiegazione dei simboli presenti nel libretto
Avvertenze
Nel testo, le avvertenze di sicurezza vengono contrassegnate con un triangolo di avvertimento.
Inoltre le parole di segnalazione indicano il tipo e la gravità delle conseguenze che possono derivare dalla non
osservanza delle misure di sicurezza.
Sono definite le seguenti parole di segnalazione e possono essere utilizzate nel presente documento:
• AVVISO significa che possono verificarsi danni alle cose.
• ATTENZIONE significa che possono verificarsi danni alle persone,
leggeri o di media entità.
• AVVERTENZA significa che possono verificarsi danni gravi alle persone o danni che potrebbero mettere in pericolo la vita delle persone.
• PERICOLO significa che si verificano danni gravi alle persone o danni
che metterebbero in pericolo la vita delle persone.
Informazioni importanti
Informazioni importanti che non comportano pericoli
per persone o cose vengono contrassegnate dal simbolo
posto a lato.
Altri simboli
Simbolo
▶

•
–
Significato
Fase operativa
Riferimento incrociato ad un'altra posizione nel documento
Enumerazione/inserimento lista
Enumerazione/inserimento lista (secondo livello)
Tab. 1
1.2
1
Avvertenze di sicurezza generali
Le presenti istruzioni di installazione sono rivolte a tecnici specializzati
per le installazioni idrauliche, della tecnica di riscaldamento ed elettrica.
▶ Leggere le istruzioni per l'installazione (pompa di calore, termoregolazione, ecc.) prima dell'installazione.
▶ Rispettare le avvertenze e gli avvisi di sicurezza.
▶ Attenersi alle disposizioni nazionali e locali, ai regolamenti tecnici e
alle direttive in vigore.
▶ Documentare i lavori eseguiti.
Utilizzo conforme alle indicazioni
La pompa di calore può essere utilizzata esclusivamente in sistemi di
tipo chiuso per la realizzazione di impianti di riscaldamento e per la produzione di acqua calda sanitaria ad uso privato.
L'apparecchio non è progettato per altri usi. Gli eventuali danni che ne
derivassero sono esclusi dalla garanzia.
Installazione, messa in funzione e manutenzione
L'installazione, la messa in funzione e la manutenzione possono essere
eseguite solo da una ditta specializzata.
▶ Installare solo pezzi di ricambio originali.
Lavori elettrici
I lavori elettrici possono essere eseguiti solo da tecnici specializzati nel
settore delle installazioni elettriche.
▶ Prima dei lavori elettrici:
– staccare la tensione di rete (su tutte le polarità) e mettere in atto
misure contro la riaccensione accidentale.
– Accertarsi che non vi sia tensione.
▶ Osservare anche gli schemi di collegamento di altre parti
dell'impianto.
Consegna al gestore
Alla consegna istruire il gestore per ciò che riguarda l'uso e il funzionamento dell'impianto di riscaldamento.
▶ Spiegare il funzionamento – prestare particolare attenzione su tutte
le azioni rilevanti per la sicurezza.
▶ Avvertire che la conversione o le riparazioni possono essere eseguite
solamente da una ditta specializzata ed autorizzata.
▶ Informare sulla necessità dell'ispezione e della manutenzione per un
funzionamento sicuro e eco-compatibile.
▶ Consegnare all'utente le istruzioni di installazione e d'uso, da conservare.
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
3
2
2
Fornitura
Fornitura
2
3
4
5
8
6
9
7
T0
TW1
T1
6 720 809 064-01.2I
Fig. 1
Volume di fornitura, unità interna a parete
[1]
[2]
Unità interna (esempio)
Istruzioni per l'installazione, istruzioni per l'uso e indicazioni di
montaggio
[3] Dima cartacea per la foratura
[4] Passacavi
[5] Rubinetto a sfera con filtro
[6] Scatola con connettore per modulo di installazione
[7] Sacchetto con viti e connettore per montaggio a parete
[8] Ponticelli per installazione monofase (con unità interna monoenergetica)
[9] Staffa di supporto a parete
[TW1]Sonda della temperatura dell'acqua calda sanitaria
[T0 ] Sonda temperatura di mandata
[T1] Sonda della temperatura esterna
3
Informazioni generali
Le presenti istruzioni sono state redatte in svedese, le istruzioni in tutte
le altre lingue sono traduzioni delle istruzioni originali.
L'installazione può essere eseguita solo da operatori
specializzati. L'installatore deve rispettare le regole e direttive locali e le indicazioni delle istruzioni per l'installazione e per l'uso.
3.1
Tab. 2
Combinazioni possibili:
Unità esterne (ODU)
21)
4
6
8
11 s/t
13 s/t
15 s/t1)
Tabella di selezione per unità interne di pompe di calore a
parete IDUS E/B e unità esterna aria/acqua ODU
1) Non disponibile in IT
IDUS6.2/13.2 E dispone di una resistenza elettrica supplementare integrata (indicata nel prosieguo del presente manuale anche come: riscaldatore elettrico supplementare integrato).
IDUS6.2/13.2 B è ideato per un generatore di calore supplementare
esterno (di seguito denominato anche: riscaldatore esterno) (con valvola miscelatrice) sotto forma di riscaldamento elettrico, a gasolio o a
gas.
La potenza termica massima consigliata per il riscaldatore esterno con unità interna B IDUS corrisponde alla doppia potenza termica della pompa di calore che è pari a
10–28 kW.
Informazioni sull'unità interna
L'unità interna IDUS6.2/13.2 E / IDUS6.2/13.2 B è ideata per l'installazione in casa e il collegamento all'unità esterna.
4
Unità interne (IDU)
6
6
6
13
13
13
13
3.2
Uso conforme alle indicazioni
L'unità interna a parete deve essere installata esclusivamente in impianti
di riscaldamento conformi a UNI EN 12828.
Altri tipi di utilizzo non sono conformi. Gli eventuali danni che ne derivassero sono esclusi dalla garanzia.
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
Informazioni generali
3.3
Volume minimo dell'impianto e versione
dell'impianto di riscaldamento
Per evitare troppi cicli avvio/arresto, uno sbrinamento
incompleto e segnalazioni di disfunzioni non necessari,
nell'impianto deve essere accumulata una quantità sufficiente di energia. L'energia viene immagazzinata da un
lato nella quantità d'acqua dell'impianto di riscaldamento, dall'altro lato nei componenti dell'impianto (radiatori) e nel pavimento in calcestruzzo (impianto di
riscaldamento a pannelli radianti).
di riscaldamento miscelato non necessita di una superficie minima, perché con i 4 radiatori aerati costantemente viene assicurato il funzionamento della pompa di calore. Il termoregolatore ambiente viene
consigliato nell'ambito dei radiatori aperti, in modo che l'unità esterna
adatti automaticamente la temperatura di mandata.
Soltanto circuiti di riscaldamento con miscelatore (vale anche per
circuito di riscaldamento con ventilconvettori)
Per assicurare che sia disponibile energia sufficiente per lo sbrinamento, è necessario un accumulatore inerziale da almeno 50 litri. Ciò
presuppone quindi la presenza di una pompa aggiuntiva del circuito di
riscaldamento.
Poiché i requisiti per diverse installazioni di pompe di calore e impianti
di riscaldamento variano fortemente, in generale non viene indicato
alcun volume minimo dell'impianto. Invece, per tutte le dimensioni di
pompe di calore, valgono i seguenti presupposti:
3.4
Solo circuito del riscaldamento a pavimento senza accumulatore
inerziale, senza valvola miscelatrice
Per assicurare il funzionamento dell'unità esterna e dello sbrinamento
devono essere disponibili almeno 22 m² di superficie del pavimento
riscaldabile. Inoltre nel locale più grande (locale di riferimento) deve
essere installato un termoregolatore ambiente. La temperatura aria
ambiente misurata dal termoregolatore ambiente viene tenuta in considerazione per calcolare la temperatura di mandata (principio: regolazione in funzione della temperatura esterna con compensazione della
temperatura ambiente). Tutte le valvole di zona del locale di riferimento
devono essere completamente aperte. In certe condizioni si può avere
un'attivazione del riscaldatore elettrico per garantire il funzionamento
completo dello sbrinamento. Ciò dipende dalla superficie del pavimento
disponibile.
3.5
Solo circuito dei radiatori senza accumulatore inerziale, senza valvola miscelatrice
Per assicurare il funzionamento dell'unità esterna e dello sbrinamento
devono essere presenti almeno 4 radiatori con una potenza di almeno
500 W ciascuno. Fare attenzione che le valvole termostatiche di questi
radiatori siano completamente aperte. Se si può soddisfare questa condizione all'interno di un'abitazione, si consiglia un termoregolatore
ambiente per questo locale di riferimento affinché si possa tenere conto
della temperatura ambiente misurata per il calcolo della temperatura di
mandata. In certe condizioni si può avere un'attivazione del riscaldatore
elettrico per garantire il funzionamento completo dello sbrinamento. Ciò
dipende dalla superficie del radiatore disponibile.
3.7
Impianto di riscaldamento con 1 circuito di riscaldamento diretto e
1 circuito di riscaldamento miscelato senza accumulatore inerziale
Per assicurare il funzionamento dell'unità esterna e dello sbrinamento, il
circuito di riscaldamento senza miscelatore deve contenere almeno 4
radiatori con una potenza di almeno 500 W ciascuno. Fare attenzione
che le valvole termostatiche di questi radiatori siano completamente
aperte. In certe condizioni si può avere un'attivazione del riscaldatore
elettrico per garantire il funzionamento completo dello sbrinamento. Ciò
dipende dalla superficie del radiatore disponibile.
3.8
Particolarità
Se i due circuiti di riscaldamento hanno tempi di esercizio diversi, ogni
circuito di riscaldamento deve poter assicurare il funzionamento della
pompa di calore da solo. Fare quindi attenzione che almeno 4 valvole per
radiatore del circuito di riscaldamento diretto siano completamente
aperte e che per il circuito di riscaldamento miscelato (pavimento) sia
disponibile una superficie del pavimento di almeno 22 m². In questo
caso nei locali di riferimento di entrambi i circuiti di riscaldamento si consigliano i termoregolatori ambiente, affinché si possa tenere conto della
temperatura ambiente misurata per il calcolo della temperatura di mandata. In certe condizioni si può avere un'attivazione del riscaldatore elettrico per garantire il funzionamento completo dello sbrinamento. Se i
due circuiti di riscaldamento hanno tempi di esercizio identici, il circuito
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
3
Targhetta identificativa
La targhetta identificativa dell'unità interna si trova sul pannello di
comando del modulo dietro alla copertura frontale.
Trasporto e stoccaggio
L'unità interna deve sempre essere trasportata ed immagazzinata in
posizione verticale. Tuttavia può essere inclinata temporaneamente in
caso di bisogno.
Non stoccare o trasportare l'unità interna a temperature inferiori a –
10 °C.
3.6
Posa in opera dell'unità interna
• Montare l'unità interna in casa a una parete adatta. L'andamento del
tubo tra unità esterna e unità interna deve essere il più corto possibile. Utilizzare tubi isolati.
• Far confluire l'acqua che esce dalla valvola di sicurezza in modo visibile lontano dall'unità interna verso uno scarico protetto dal gelo.
• Il locale di posa dell'unità interna deve essere dotato di uno scolo.
Da verificare prima dell'installazione
▶ Controllare che tutti i collegamenti delle tubazioni siano intatti e che
non si siano allentati durante il trasporto.
▶ Prima della messa in servizio dell'unità interna riempire e sfiatare
l’impianto di riscaldamento ed eventuali accumulatori-bollitori
d'acqua calda sanitaria.
▶ Il cablaggio elettrico deve essere il più corto possibile, per proteggere l'impianto da interferenze e/o danni, ad esempio in caso di temporali.
▶ I cavi di bassa tensione devono essere posati a una distanza minima
di 100 mm dai cavi sotto tensione a 230/400 V.
Principio di funzionamento
Il funzionamento si basa su una regolazione su richiesta della potenza del
compressore con l'accensione del riscaldatore integrato/esterno
mediante l'unità interna. L'unità di servizio controlla l'unità esterna
secondo la curva termocaratteristica impostata.
Se l'unità esterna non riesce a coprire da sola il fabbisogno termico della
casa, l'unità interna avvia automaticamente il riscaldatore, che, insieme
con l'unità esterna, produce la temperatura desiderata in casa.
La produzione d'acqua calda sanitaria ha la precedenza e viene controllata mediante la sonda temperatura TW1 nell'accumulatore-bollitore
d'acqua calda sanitaria. Durante la fase di riscaldamento dell'accumulatore-bollitore d'acqua calda sanitaria viene disattivato temporaneamente l'esercizio di riscaldamento dell'impianto di riscaldamento
mediante una valvola deviatrice a 3 vie (accessorio). Dopo il riscaldamento dell'accumulatore-bollitore d'acqua calda sanitaria, il funzionamento in riscaldamento prosegue mediante l'unità esterna.
Funzionamento in riscaldamento e di produzione d'acqua calda con
l'unità esterna disattivata
A temperature esterne inferiori a –20 °C (regolabile), l'unità esterna
viene disattivata automaticamente e non può produrre calore. In tal caso
il riscaldatore dell'unità interna o il riscaldatore esterno svolge il funzionamento in riscaldamento e di produzione d'acqua calda sanitaria.
5
4
Indicazioni tecniche
4
Indicazioni tecniche
4.1
Dati tecnici – unità interna con valvola miscelatrice per riscaldatore esterno supplementare
Unità interna bivalente IDUS B
Specifiche elettriche
Tensione di alimentazione elettrica
Dimensione del fusibile consigliata2)
Potenza di collegamento
Sistema di riscaldamento
Tipo di collegamento (mandata riscaldamento e mandata/ritorno del riscaldatore)
Tipo di collegamento (ritorno riscaldamento)
Tipo di collegamento mandata pompa di calore (gas)
Tipo di collegamento ritorno pompa di calore (liquido)
Pressione massima di esercizio
Vaso d'espansione
Pressione esterna disponibile
Portata nominale4)
Modelli dei circolatori integrati modulanti
Indicazioni generali
Grado di protezione
Dimensioni (L x P x H)
Peso
Tab. 3
Unità di
misura
IDUS6.2 B
IDUS13.2 B
V
A
kW
2301)
10
0,5
2301)
10
0,5
Filettatura esterna 1"
Filettatura esterna 1"
Filettatura interna 1"
5/8"
3/8"
300/3,0
Non integrato
Filettatura interna 1"
5/8"
3/8"
300/3,0
Non integrato
3)
3)
5)
5)
Grundfos UPM2K 25-75
PWM
Grundfos UPM GEO 25-85 PWM
kPa/bar
mm
kg
IP X1
485x398x700
32
37
Unità interna con miscelatore per riscaldatore esterno
1) 1N Corrente alternata, 50 Hz,
2) Caratteristica del fusibile gL/C
3) Vedere tabella 4
4) Le impostazioni del circolatore modulante integrato, della pompa di calore e la configurazione del sistema devono essere eseguite in modo che sia garantita la portata
nominale; al tempo stesso si deve assicurare che la portata sia sufficiente in fase di riscaldamento, raffreddamento, produzione d'acqua calda sanitaria e sbrinamento.
5) Vedere tabella 4
Unità interna
IDUS6.2 B
IDUS6.2 B
IDUS6.2 B
IDUS13.2 B
IDUS13.2 B
IDUS13.2 B
IDUS13.2 B
Tab. 4
Potenza dell'unità esterna
(A2/W35) (kW)
21)
4
6
8
11
13
151)
Differenza di temperatura mediante condensatore (K)
4,2
7
7
7
7
7
7
Portata nominale
(m3/h)
0,6
0,6
0,86
1,12
1,48
1,73
1,84
Pressione statica esterna
(kPa/bar)
45/0,45
45/0,45
45/0,45
67/0,67
55/0,55
47/0,47
44/0,44
Portata e pressione esterna, circuito di riscaldamento semplice con installazione WW
1) Non disponibile in IT
6
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
Indicazioni tecniche
4.2
Dati tecnici – unità interna con resistenza elettrica integrata
Unità interna IDUS E
Specifiche elettriche
Tensione di alimentazione elettrica
Dimensione del fusibile consigliata3)
Riscaldatore elettrico
Sistema di riscaldamento
Tipo di collegamento (mandata riscaldamento)
Tipo di collegamento (ritorno riscaldamento)
Tipo di collegamento mandata pompa di calore (gas)
Tipo di collegamento ritorno pompa di calore (liquido)
Pressione massima di esercizio
Pressione d'esercizio minima
Vaso d'espansione
Pressione esterna disponibile
Portata minima (con sbrinamento)6)
Modelli di circolatori modulanti integrati
Indicazioni generali
Grado di protezione
Dimensioni (L x P x H)
Peso
Tab. 5
4
Unità di
misura
IDUS6.2 E
IDUS13.2 E
V
A
kW
4002)/2301)
3 x 162)/501)
2/4/6/9
4002)
3 x 162)
2/4/6/9
kPa/bar
kPa/bar
l
Filettatura esterna 1"
Filettatura interna 1"
5/8"
3/8"
300/3,0
50/0,54)
10
Filettatura esterna 1"
Filettatura interna 1"
5/8"
3/8"
300/3,0
50/0,54)
10
5)
5)
7)
7)
Grundfos UPM2K 25-75 PWM
Grundfos UPM GEO 25-85 PWM
IP X1
485x398x700
mm
kg
41
44
Unità interna con riscaldatore elettrico
1) 1N AC 50 Hz
2) 3N AC 50 Hz, versione standard per la Germania
3) Caratteristica del fusibile gL/C
4) Pressione dipendente dalla pressione nel vaso di espansione
5) Vedere tabella 6
6) Le impostazioni del circolatore modulante integrato, della pompa di calore e la configurazione del sistema devono essere eseguite in modo che sia garantita la portata
nominale; al tempo stesso si deve assicurare che la portata sia sufficiente in fase di riscaldamento, raffreddamento, produzione d'acqua calda sanitaria e sbrinamento.
7) Vedere tabella 6
Unità interna
IDUS6.2 E
IDUS6.2 E
IDUS6.2 E
IDUS13.2 E
IDUS13.2 E
IDUS13.2 E
IDUS13.2 E
Tab. 6
Potenza dell'unità esterna
(A2/W35) (kW)
21)
4
6
8
11
13
151)
Differenza di temperatura mediante condensatore (K)
5
5
5
5
5
5
5
Portata nominale
(m3/h)
0,5
0,86
1,22
1,55
2,01
2,4
2,59
Pressione statica esterna
(kPa/bar)
43/0,43
43/0,43
43/0,43
53/0,53
38/0,38
27/0,27
20/0,20
Portata e pressione esterna, circuito di riscaldamento semplice con installazione WW
1) Non disponibile in IT
4.3
Soluzioni dell'impianto
L'unità esterna e interna possono essere installate soltanto secondo le soluzioni ufficiali dell'impianto del produttore.
Soluzioni dell'impianto diverse non sono ammesse. Danni e problemi risultanti da un'installazione non ammessa
sono esclusi dalla garanzia.
Alcune configurazioni dell'impianto richiedono accessori (accumulatore
inerziale, valvola deviatrice a 3 vie, valvola miscelatrice, pompa di ricircolo sanitario). Se è installato un circolatore del circuito di riscaldamento (PC1), esso viene comandato dal termoregolatore nell'unità
interna.
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
In caso di fonte di calore supplementare esterna senza
circolatore integrato, è necessario montare un circolatore esternamente.
Con questa configurazione si deve installare una resistenza elettrica
sulla flangia nell'accumulatore/bollitore d'acqua calda sanitaria:
▶ il riscaldatore esterno (caldaia a gas a condensazione) deve riscaldare un grande volume d'acqua calda sanitaria.
▶ Disinfezione termica necessaria
In questo modo si risparmiano costi e si evita che il grande volume del
circuito sanitario installato sia portato a temperatura dal generatore supplementare solo per la disinfezione termica.
7
4
Indicazioni tecniche
Se si installa una stazione centralizzata per produzione istantanea di
acqua calda sanitaria, questa deve disporre di una propria termoregolazione.
4.3.1
Legenda delle soluzioni dell'impianto
HC100
HMC300
RC100H
EM1 CU
EM1
T1
MK2
CW1
VW1
TW1
PW2
SC1
Tab. 7
Indicazioni generali
Z1
PC1
T0
Tab. 8
8
Indicazioni generali
Modulo di installazione integrato nell'unità interna
Unità di servizio
Telecomando ambiente con sensore di umidità
dell'aria (accessorio)
Unità di servizio per riscaldatore supplementare
esterno
Generatore di calore supplementare
Sonda di temperatura esterna
Sensore di umidità (accessorio)
Accumulatore/bollitore d'acqua calda sanitaria (accessorio)
Valvola deviatrice a 3 vie (accessorio)
Sonda di temperatura dell’accumulatore/bollitore
ACS (accessorio, in dotazione IDUS E/B)
Pompa di ricircolo dell'acqua calda sanitaria (accessorio)
Filtro impurità
Circuito di riscaldamento senza valvola miscelatrice
Circolatore modulante circuito di riscaldamento
Sonda temperatura di mandata
Z1
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
Indicazioni tecniche
4.3.2
4
Configurazione dell'impianto con pompa di calore e unità interna con valvola miscelatrice per riscaldatore esterno supplementare
BC25
1
RC100 H
R
5
HC100
1
HMC300
1
T0
T1
230 V AC
400 /230 V AC
MK2
Logamax plus GB172
WPLS...2 RB
6 720 814 090-01.2T
Fig. 2
[1]
[2]
[3]
[4]
[5]
Configurazione dell'impianto con pompa di calore e unità interna con valvola miscelatrice per riscaldatore supplementare esterno
sul generatore di calore/dispositivo di raffreddamento
sul generatore di calore/dispositivo di raffreddamento o a parete
nella stazione
nella stazione o a parete
a parete
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
9
4
4.3.3
Indicazioni tecniche
Configurazione dell'impianto con pompa di calore e unità interna con resistenza elettrica integrata
RC100 H
5
HC100 HMC300
1
1
PW2
T0
B
T1
400 V AC
M
TW1
A
AB VW1
Logalux SH... RW
Fig. 3
[1]
[2]
[3]
[4]
[5]
10
400 /230 V AC
MK2
WPLS...2 RE
6 720 814 475-01.2I
Configurazione dell'impianto con pompa di calore e unità interna (IDU) con resistenza elettrica integrata
sul generatore di calore/dispositivo di raffreddamento
sul generatore di calore/dispositivo di raffreddamento o a parete
nella stazione
nella stazione o a parete
alla parete
Per altri impianti idraulici consultare la documentazione
tecnica di progetto.
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
Indicazioni tecniche
4.3.4
4
Significati generali dei simboli
Simbolo
Descrizione
Tubazioni/cavi elettrici
Mandata – riscaldamento/circuito
solare
Ritorno – riscaldamento/circuito
solare
Simbolo
Descrizione
Simbolo
Descrizione
Acqua calda sanitaria
Cavo elettrico
Acqua potabile
Interruzione del cavo elettrico
Circolazione dell'acqua calda
Attuatori/valvole/sonda temperatura/circolatori modulanti/pompe di carico ACS/pompe di ricircolo sanitario
Valvola
Regolatore di pressione differenPompa di ricircolo sanitario
ziale
Bypass di revisione
Valvola di sicurezza
Valvola antiriflusso
Valvola di regolazione
Gruppo di sicurezza
Sonda temperatura/termostato di
sicurezza
M
Valvola miscelatrice a 3 vie
(miscelazione/distribuzione)
Protezione da surriscaldamento
(temperatura)
T
Miscelatore per acqua calda, termostatico
Sonda della temperatura esterna
M
Valvola deviatrice a 3 vie
(commutazione)
Sonda della temperatura esterna
senza fili
Valvola deviatrice a 3 vie (valvola
pilota, in posizione normale chiusa
su II)
...radio (senza fili)...
Valvola di non ritorno
Valvola filtro (filtro)
Valvola di intercettazione con protezione dalla chiusura accidentale
M
Valvola motorizzata
I
M
T
Valvola, termostatica
II
III
AB
A
M
B
Valvola di arresto, magnetica
M
Valvola deviatrice a 3 vie (valvola
pilota, in posizione normale chiusa
su A)
Valvola miscelatrice a 4 vie
Altro
T
Tab. 9
Termometro
Imbuto con sifone
Manometro
Modulo protezione riflusso conforme a EN1717
Valvola di riempimento/svuotamento
Vaso d'espansione con valvola di
intercettazione con blocco
Filtro acqua
Collettore
Separatore dell'aria
Circuito di riscaldamento
Disaeratore automatico
Circuito di riscaldamento pavimento
Evaporatore (riduzione dell'oscillazione)
Accumulatore inerziale / compensatore idraulico
Accumulatore inerziale / compensatore idraulico con sonda della temperatura di mandata
Scambiatore di calore
Misuratore di portata
000
∏J
Calorimetro
Uscita acqua calda sanitaria
R
Relè esterno
Resistenza elettrica
Significati dei simboli
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
11
5
5
Leggi e normative
Leggi e normative
Rispettare le seguenti direttive e disposizioni:
• Disposizioni locali e norme della società di approvvigionamento elettrico competente (EVU) con relative disposizioni particolari
• BImSchG, 2° paragrafo: impianto non soggetto ad autorizzazione
• TA Lärm Disposizioni tecniche per la protezione da inquinamento
acustico (Regolamento amministrativo generale per la legge federale
tedesca di tutela contro le emissioni)
• Regolamentazione edilizia nazionale
• EnEG (Normativa sul risparmio energetico)
• EnEV (Ordinanza sul risparmio energetico e sulla tecnologia impiantistica a risparmio energetico negli edifici)
• Leggi sul calore da fonti rinnovabili
• EN 60335 (Sicurezza degli apparecchi elettrici per l'uso domestico e
scopi analoghi)
parte 1 (requisiti generali)
parte 2–40 (Norme particolari per le pompe di calore elettriche, per
i condizionatori d’aria e per i deumidificatori)
• UNI EN 12828 ((Sistemi di riscaldamento in edifici - Progettazione di
impianti di riscaldamento ad acqua calda))
• DVGW, Wirtschafts- und Verlagsgesellschaft, Gas- und Wasser
GmbH - Josef-Wirmer-Str. 1–3 – 53123 Bonn
– Direttive nazionali di tutela dell'acqua potabile. Parte I: zone di
tutela dell'acqua freatica
• Norme DIN, Beuth-Verlag GmbH - Burggrafenstraße 6 - 10787 Berlino
– DIN 1988, TRWI (Regole tecniche per gli impianti dell'acqua
potabile)
– DIN 4108 (Isolamento termico e risparmio energetico negli edifici)
– DIN 4109 (Isolamento acustico nell’edilizia)
– DIN 4708 (Impianti centralizzati per la produzione di acqua calda
sanitaria)
– DIN 4807 o EN 13831 (Vasi di espansione)
– DIN 8960 (Refrigerante - Requisiti e sigle)
– DIN 8975-1 (Impianti frigoriferi – principi fondamentali di sicurezza per la strutturazione, l'equipaggiamento, la costruzione –
esposizione)
– DIN VDE 0100, (Montaggio di impianti ad alta tensione con tensioni nominali fino a 1000 V)
– DIN VDE 0105 (Esercizio di impianti elettrici)
– DIN VDE 0730 (Apparecchi con motore elettrico per uso domestico e scopi simili)
– CE-I 68 e s.m.i.
• Direttive VDI, Verein Deutscher Ingenieure e.V. – Postfach 10 11
39 – 40002 Düsseldorf
– VDI 2035 Foglio 1: evitare danni in impianti di riscaldamento e di
produzione d'acqua calda – formazione di calcare in impianti di
riscaldamento, di produzione e di riscaldamento dell'acqua sanitaria e potabile
– VDI 2081 Produzione e riduzione del rumore in impianti di ventilazione e condizionamento
– VDI 2715 Riduzione dei rumori di impianti di riscaldamento ad
acqua calda e surriscaldata
• Austria:
– Disposizioni locali e norme edili regionali
– Prescrizioni del gestore della rete elettrica (VNB)
– Prescrizioni del gestore delle rete di alimentazione idrica
– Diritto delle acque dal 1959 nelle versioni valide
– ÖNORM H 5195-1 prevenzione dei danni da corrosione e da formazione di depositi calcarei negli impianti di riscaldamento
dell’acqua calda chiusi fino a 100 °C
12
– ÖNORM H 5195-2 prevenzione di danni dovuti al gelo in impianti
di riscaldamento chiusi
• Svizzera: disposizioni cantonali e locali
In conformità con le direttive UE in vigore (in conformità con l'ordinanza
sui gas F, regolamento EU n. 517/2014, abrogato dal Reg. UE n° 517 in
vigore dal 1 gennaio 2015), gli operatori di apparecchiature che contengono gas serra fluorurati in quantità di 5 tonnellate di CO2 equivalente o
superiori e non contenute in schiume devono accertarsi che tali apparecchiature non subiscano perdite.
In via eccezionale i dispositivi che contengono meno di 3 kg di gas serra
fluorurati non sono sottoposti a controlli di tenuta fino al 31 dicembre
2016.
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
Dimensioni, distanze minime e tubi di collegamento
6
Dimensioni, distanze minime e tubi di collegamento
6.2
Dimensioni dei tubi
Per ulteriori informazioni sulle tubazioni per il liquido termovettore tra unità esterna e unità interna vedere la tabella 4 o la tabella 6.
Montare l'unità interna in base alle indicazioni per l'installazione alla parete.
6.1
Dimensioni dei tubi (mm)
Mandata dell'impianto di riscaldamento
Ritorno riscaldamento
IDUS B
Filettatura esterna 1"
Filettatura interna
1"
Mandata/ritorno del riscaldato- Filettatura esterre supplementare esterno
na 1"
Tubo del refrigerante alla/
5/8" e 3/8"
dall'unità esterna
Scolo/scarico
Ø 32
Distanze in fase di installazione
6
IDUS E
Filettatura esterna 1"
Filettatura interna
1"
5/8" e 3/8"
Ø 32
Tab. 10 Dimensioni dei tubi
50
50
7
Istruzioni generali per l'installazione
Istruzioni generali per l'installazione per tutte le unità interne a parete.
550
AVVISO: pericolo di anomalie di funzionamento dovute
a impurità nelle tubazioni!
Materiali solidi, trucioli di metallo/plastica, residui di nastro di canapa e di nastro di tenuta dei filetti e materiali
simili possono depositarsi nelle pompe, nelle valvole e
negli scambiatori di calore.
▶ Evitare la penetrazione di corpi estranei nel sistema
di tubi.
▶ Non depositare direttamente sul pavimento i componenti e collegamenti dei tubi.
▶ Nelle sbavature fare attenzione che non rimangano
trucioli nel tubo.
800
AVVISO: quando si sostituisce la sonda, fare attenzione
a utilizzare la sonda corretta con le caratteristiche adeguate ( pag. 57). L'utilizzo di sonde con altre caratteristiche causa problemi, perché viene comandata la
temperatura sbagliata. Si possono avere lesioni a persone, come ad es. ustioni, così come danni materiali dovuti
a una temperatura troppo alta o bassa. Un'altra conseguenza dell'utilizzo di sonde sbagliate può essere un
comfort ridotto.
7.1
Predisposizione ai collegamenti delle tubazioni
6 720 810 154-10.2I
Fig. 4
Distanze minime in mm
Portare sufficientemente in alto l'unità interna in modo
che sia possibile utilizzare l'unità di servizio comodamente. Inoltre tenere conto dei percorsi di tubo e dei collegamenti sotto all'unità interna.
Il rubinetto a sfera con filtro viene montato in posizione
orizzontale nel ritorno dell'impianto di riscaldamento.
Verificare la direzione del flusso del filtro.
Il tubo di scarico della valvola di sicurezza nell'unità interna deve essere montato protetto dal gelo, il tubo di scarico deve terminare visibilmente in uno scolo.
▶ Posare i tubi di raccordo per l'impianto di riscaldamento e l'acqua
fredda/calda nell'edificio fino al luogo di installazione dell'unità
interna.
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
13
7
7.2
Istruzioni generali per l'installazione
Posa in opera
Utilizzare esclusivamente prodotti addittivanti per aumentare il
valore di pH e mantenere l'acqua pulita.
Parametro
Nickel
Nitrato
Nitrito
Pesticidi
Pesticidi – totale
Idrocarburi aromatici policiclici
Selenio
Tetracloroetilene e tricloroetilene
Trialometano – totale
Cloruro di vinile
Il valore del pH consigliato è di 7,5 – 9.
Tab. 12
▶ Rimuovere e smaltire l'imballaggio in conformità alle disposizioni su
di esso riportate.
▶ Estrarre l'accessorio fornito.
7.3
Qualità dell’acqua
Le pompe di calore lavorano a temperature più basse degli altri impianti
di riscaldamento, quindi la degassificazione termica è meno efficace e il
tenore di ossigeno rimanente è sempre più alto che nei riscaldamenti
elettrici/a gasolio/a gas. Quindi l'impianto di riscaldamento è maggiormente soggetto a corrosione in presenza di acqua aggressiva.
Qualità dell’acqua
Durezza dell'acqua
Tenore di ossigeno O2
Biossido di carbonio, CO2
Ioni di cloruro, Cl–
Solfato, So42–
Conduttività
Valore
20 μg/l
50 mg/l
0,50 mg/l
0,10 μg/l
0,50 μg/l
0,10 μg/l
10 μg/l
10 μg/l
100 μg/l
0,50 μg/l
Deve assolutamente essere installato un collettore di defangazione nel circuito di riscaldamento per evitare perdite di potenza.
< 3°dH
< 1 mg/l
< 1 mg/I
< 200 mg/I1)
< 100 mg/I
< 350 μS/cm
L'installatore deve effettuare un trattamento chimico per
la prevenzione della corrosione.
Tab. 11 Qualità dell’acqua
1) Vedere le indicazioni sull'anodo di protezione nella documentazione
dell'accumulatore/bollitore d'acqua calda sanitaria (se presente). Se è presente un anodo di protezione, esso deve essere verificato adeguatamente
durante la messa in funzione.
La qualità dell'acqua deve soddisfare i requisiti della direttiva CE EN 98/83. La tabella seguente mostra le quantità necessarie di sostanze chimiche disciolte ( tabella).
Per indicazioni dettagliate sulla qualità dell'acqua consultare la direttiva CE .
Parametro
Acrilammide
Antimonio
Arsenico
Benzolo
Benzo-a-pirene
Boro
Bromato
Cadmio
Cromo
Rame
Cianuro
1,2-dicloroetano
Epicloridrina
Fluoruro
Piombo
Mercurio
Tab. 12
14
Valore
0,10 μg/l
5,0 μg/l
10 μg/l
1,0 μg/l
0,010 μg/l
1,0 mg/l
10 μg/l
5,0 μg/l
50 μg/l
2,0 mg/l
50 μg/l
3,0 μg/l
0,10 μg/l
1,5 mg/l
10 μg/l
1,0 μg/l
7.4
Pulitura dell’impianto di riscaldamento
AVVISO: danni all'impianto dovuti a residui nelle tubazioni!
Residui e particelle nell'impianto di riscaldamento compromettono la portata e comportano anomalie di funzionamento.
▶ Prima di collegare l'unità interna lavare il sistema di
tubazioni per rimuovere corpi estranei.
L'unità interna è un componente di un impianto di riscaldamento. Eventuali disfunzioni dell'unità interna possono essere dovute a una scarsa
qualità dell'acqua nei radiatori o nei tubi flessibili dell'impianto di riscaldamento a pannelli radianti o a un tenore elevato di ossigeno per un
tempo prolungato.
Tramite l'ossigeno si creano prodotti corrosivi sotto forma di magnetite
e depositi.
La magnetite ha un effetto abrasivo efficace specialmente nei circolatori
e pompe, valvole e componenti con flusso turbolente, ad es. nel condensatore.
Negli impianti di riscaldamento che devono essere rabboccati regolarmente o i cui campioni di acqua di riscaldamento non sono puliti, è
necessario effettuare determinati interventi prima dell'installazione
dell'unità esterna, ad es. sostituzione di filtri magnetici e sfiato.
▶ Controllare che le superfici interne dei tubi siano pulite e prive di
depositi di sporco dannosi, come composti di zolfo, materiali ossidanti, corpi estranei o polvere.
– Durante l'installazione non conservare mai all'aperto i tubi da utilizzare per refrigerante.
– Rimuovere il piombino di sicurezza delle estremità del tubo solo
immediatamente prima della loro saldatura forte.
– Nella posa dei tubi del refrigerante è necessaria la massima attenzione.
Polvere, corpi estranei e umidità nei tubi del refrigerante possono
compromettere la qualità dell'olio o causare un guasto al compressore.
▶ Le lunghezze residue riutilizzabili dei tubi del refrigerante devono
essere immediatamente collegate dopo il taglio.
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
Istruzioni generali per l'installazione
7.5
Lista di controllo
Ogni installazione è diversa dalle altre. La seguente
check-list contiene una descrizione generale delle fasi di
installazione consigliate.
Durante la messa in funzione in funzionamento:
▶ nel menu di servizio «Pompa di calore» selezionare l'opzione «Funzionamento singolo» ( istruzioni dell'unità di servizio).
7.8
7.6
Isolamento
Tutte le tubazioni conducenti calore devono essere dotate di un isolamento termico adatto secondo le norme vigenti.
AVVISO: danni materiali dovuti al gelo!
In caso di interruzione di corrente l'acqua contenuta nelle tubazioni può gelare.
▶ Tutte le tubazioni conducenti calore devono essere
dotate di un isolamento termico adatto secondo le
norme vigenti.
Se si prevede un funzionamento anche in raffreddamento, tutti i collegamenti e le tubazioni devo essere isolate con materiali resistenti alla condensa dell'umidità secondo le norme vigenti.
7.7
Funzionamento senza unità esterna (funzionamento
singolo)
L'unità interna può essere messa in funzione senza l'unità esterna collegata, ad es. se l'unità esterna viene montata successivamente. Questo
viene chiamato funzionamento singolo o funzionamento standalone.
Nel funzionamento singolo l'unità interna utilizza soltanto la resistenza
elettrica integrata o il generatore supplementare esterno per riscaldare
e per la produzione d'acqua calda sanitaria.
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
Installazione con funzionamento in raffreddamento
AVVISO: danni materiali dovuti all'umidità!
Solo le unità interne con resistenze elettriche integrate
sono isolate a sufficienza dalla condensa per il funzionamento in raffreddamento sotto al punto di rugiada.
Si consiglia di eseguire il collegamento della linea del refrigerante prima dei collegamenti idraulici.
1. Montare i tubi in entrata e in uscita dell'unità interna.
2. Montare la linea dell'acqua di fuga della valvola di sicurezza dell'unità
interna.
3. Creare il collegamento tra l'unità esterna e l'unità interna (istruzioni dell'unità esterna).
4. Collegare l'unità interna all'impianto di riscaldamento
(capitolo 9.2.2 o capitolo 10.2).
5. Montare la sonda della temperatura esterna (capitolo 7.13.3) ed
eventualmente il telecomando ambiente.
6. Collegare le linee CAN-BUS tra l'unità esterna e l'unità interna
(capitolo 8.2).
7. Montare eventuali accessori (modulo di miscelazione, modulo solare
ecc.).
8. Se necessario collegare la linea BUS EMS agli accessori
(capitolo 8.1).
9. Riempire e sfiatare l'accumulatore/bollitore d'acqua calda sanitaria.
10. Prima dell'avvio del sistema riempire e sfiatare l'impianto di riscaldamento (capitolo 9.3.1 o capitolo 10.3.1).
11.Collegare l’impianto di riscaldamento alla rete di alimentazione elettrica (capitolo 8).
12. Mettere in funzione l'impianto di riscaldamento. A tal scopo eseguire
le impostazioni necessarie mediante l'unità di servizio (istruzioni
dell'unità di servizio).
13.Disaerare l'impianto di riscaldamento (capitolo 11).
14.Controllare se tutte le sonde indicano valori adeguati
(capitolo 14).
15.Controllare e pulire il filtro (capitolo 14).
16. Controllare il funzionamento dell'impianto di riscaldamento dopo
l'avvio del sistema (capitolo 12).
7
▶ Le unità esterne con valvola miscelatrice per un riscaldatore supplementare esterno (impianti bivalenti) non possono essere utilizzate per il
funzionamento in raffreddamento sotto al punto di
rugiada.
Un presupposto per il funzionamento in raffreddamento
è l'installazione di telecomandi ambiente (accessorio).
L'installazione di telecomandi ambiente con sonda di
umidità integrata (accessorio) aumenta la sicurezza del
funzionamento in raffreddamento, perché la temperatura di mandata in questo caso viene regolata automaticamente in base al rispettivo punto di rugiada mediante
l'unità di servizio.
▶ Isolare tutti i tubi e i collegamenti per la protezione dalla condensa.
▶ Installare il telecomando ambiente con sonda di umidità integrata
( istruzioni per il telecomando ambiente).
▶ Montare le sonde del punto di rugiada ( capitolo 7.8.1).
▶ Selezionare il funzionamento automatico riscaldamento/raffreddamento ( istruzioni dell'unità di servizio).
▶ Eseguire le installazioni necessarie per il funzionamento in raffreddamento: temperatura di accensione, ritardo di inserimento, differenza
tra temperatura aria ambiente e punto di rugiada (offset) e portata
minima ( istruzioni dell'unità di servizio).
▶ Impostare la differenza di temperatura (delta) mediante l'unità
esterna ( istruzioni dell'unità di servizio).
▶ Spegnere i circuiti di riscaldamento a pavimento nelle stanze umide
(ad es. bagno e cucina) e controllare eventualmente le sonde del
punto di rugiada nell'uscita del relè PK2(capitolo 8.4).
L'uscita del relè PK2 è attiva nel funzionamento in raffreddamento e può
essere utilizzata per controllare il funzionamento in raffreddamento/
riscaldamento di un ventilconvettore o di un circolatore per controllare i
circuiti del riscaldamento a pavimento in ambienti umidi.
7.8.1
Montare le sonde del punto di rugiada (accessorio per funzionamento in raffreddamento)
AVVISO: danni materiali dovuti all'umidità!
Un funzionamento in raffreddamento sotto al punto di
rugiada comporta la caduta di umidità sui materiali adiacenti (pavimento).
▶ Non utilizzare gli impianti di riscaldamento a pannelli
radianti per il funzionamento in raffreddamento al di
sotto del punto di rugiada.
▶ Impostare correttamente la temperatura di mandata
secondo le istruzioni dell'unità di servizio.
Il monitoraggio con sonde del punto di rugiada arresta il funzionamento
in raffreddamento se nei tubi dell'impianto di riscaldamento si forma
condensa. La condensa si forma durante il funzionamento in raffredda-
15
7
Istruzioni generali per l'installazione
mento se la temperatura dell'impianto di riscaldamento si trova al di
sotto della temperatura del punto di rugiada.
PC1 deve essere sempre collegato al modulo di installazione dell'unità interna secondo lo schema elettrico.
Il punto di rugiada varia a seconda della temperatura e dell'umidità
dell'aria. Più alta è l'umidità dell'aria, tanto più alta deve essere la temperatura di mandata per superare il punto di rugiada e perché non entri
condensa.
Carico massimo dell'uscita relè del circolatore PC1: 2 A,
cos> 0,4. Montaggio di un relè intermedio in caso di
carico più elevato.
Le sonde del punto di rugiada inviano un segnale all'unità di comando
non appena riconoscono la formazione di condensa. In questo modo
viene arrestato il funzionamento in raffreddamento.
Le istruzioni per l'installazione e l'impiego sono fornite con le sonde del
punto di rugiada.
7.8.2
7.10.1 Bypass per l'impianto di riscaldamento
T
Indicatore del punto di rugiada con solo ventilconvettori
PC1
T
AVVISO: danni materiali dovuti all'umidità!
Se l'isolamento della condensa non è completo, l'umidità può intaccare i materiali adiacenti.
1
▶ Per il funzionamento in raffreddamento dotare tutti i
tubi e i collegamenti di isolamento dalla condensa
fino al ventilconvettore.
▶ Per l'isolamento utilizzare un materiale per sistemi di
raffreddamento resistente alla formazione della condensa (Armaflex).
▶ Collegare lo scarico allo scolo.
▶ Con funzionamento in raffreddamento al di sotto del
punto di rugiada non utilizzare sonde del punto di rugiada.
2
3
PC0
SC1
6 720 814 476-12.1I
In caso di funzionamento in raffreddamento con unità interna IDUS B con
valvola miscelatrice per un riscaldatore supplementare esterno, si possono utilizzare i ventilconvettori soltanto se sono adatti al funzionamento sopra al punto di rugiada e in tal caso solo in combinazione con il
telecomando ambiente RC100H e con i sensori del punto di rugiada.
Fig. 5
[1]
[2]
[3]
Unità interna con circuito di riscaldamento e bypass
Bypass ( fig. 7) ( [1] tab. 13)
Diametro tubo mandata ( [2] tab. 13)
Diametro tubo ritorno ( [3] tab. 13)
Se vengono utilizzati esclusivamente ventilconvettori con scarico e tubi
isolati, la temperatura di mandata può essere impostata fino a 7 °C. Per
un funzionamento in raffreddamento più stabile si consiglia una temperatura di almeno 10 °C, perché a 5 °C viene attivato l'antigelo.
7.9
T
PC1
T
Circolatore ad alta efficienza per liquido termovettore (PC0)
1
Il circolatore del liquido termovettore PC0 (integrato in IDUS E/B)
dispone di un'unità di comando PWM (controllo del numero di giri). Le
impostazioni del circolatore modulante vengono effettuate nell'unità di
servizio dell'unità interna secondo il relativo impianto di riscaldamento
( istruzioni dell'unità di servizio).
2
3
PC0
L'impostazione della velocità del circolatore modulante avviene automaticamente in modo da raggiungere un funzionamento ottimale.
7.10
M
Circolatore per impianto di riscaldamento (PC1)
Il sistema standard per un circuito di riscaldamento direttamente a valle della pompa di calore è concepito in
modo da funzionare senza PC1 e senza bypass. Tuttavia
se sono installati un circolatore esterno del circuito di riscaldamento (PC1) e un bypass, è necessario seguire le
istruzioni.
SC1
6 720 814 476-13.1I
Fig. 6
[1]
[2]
[3]
Unità interna con circuito di riscaldamento e produzione
d'acqua calda sanitaria
Bypass ( fig. 7) ( [1] tab. 13)
Diametro tubo mandata ( [2] tab. 13)
Diametro tubo ritorno ( [3] tab. 13)
A seconda della configurazione dell'impianto di riscaldamento è necessario un circolatore per il riscaldamento
selezionato in base ai requisiti di portata e prevalenza residua.
16
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
Istruzioni generali per l'installazione
7.11
7
Collegamento dell'accumulatore/bollitore d'acqua
calda sanitaria (accessorio)
D
1
L
6 720 810 933-12.1I
Fig. 7
[L]
[D]
Bypass vista nel dettaglio ( [1] [IDUS E/B] fig. 5 e 6)
TW1
Lunghezza bypass minima
Diametro tubo
Il bypass esternamente deve avere un diametro del tubo
di 22 mm (Cu) ed essere installato tra mandata e ritorno.
Il bypass deve essere installato in prossimità dell'unità
interna (IDUS E/B), non più lontano di 1,5 m.
CW1
Fig. 9
([2] e [3] 
fig. 5 [IDUS
E/B] e 6)
Unità
Diametro del
esterna
tubo mandata/ritorno
esterno
mm
2–8
22
11-15 28
([1]  fig. 5
e 6) Diametro del tubo
bypass esterno ([D] 
fig. 7)
Versione bypass
Lunghezza
Lunghezza
bypass mini- bypass minima ([L] 
ma ([L] 
fig. 7)
fig. 7)
mm
22
22
mm
200
200
mm
100
100
[1]
6 720 809 064-35.2I
Accumulatore/bollitore d'acqua calda sanitaria
Valvola di ritegno
Per le istruzioni per il collegamento fare riferimento alla
documentazione dell'accumulatore/bollitore ACS.
Se si utilizza un accumulatore/bollitore ACS nell'impianto di riscaldamento, è necessario montare un disareatore automatico sull'accumulatore/bollitore ACS. Vale
anche per gli accumulatori/bollitori ACS a doppia parete.
Tab. 13 Diametro del tubo e lunghezze del bypass
A
B
Se si utilizza un accumulatore/bollitore ACS di un sistema combinato accumulatore-scambiatore di calore
nell'impianto di riscaldamento, è necessario montare un
disaeratore automatico con separatore di microbolle
all'ingresso dell'accumulatore/bollitore ACS.
Gli accumulatori/bollitori d'acqua calda sanitaria sono disponibili come
accessori in diverse dimensioni.
6 720 810 933-16.1I
Fig. 8
[A]
[B]
Bypass
Versione bypass diritta
Versione bypass forma a U
7.11.1 Sonda di temperatura dell'acqua calda sanitaria TW1
Se sono collegati all'impianto un accumulatore/bollitore d'acqua calda
sanitaria e la sonda di temperatura dell'acqua calda sanitaria TW1 (in
dotazione IDUS E/B), questo viene confermato automaticamente
all'avvio.
▶ Collegare la sonda di temperatura dell'acqua calda sanitaria TW1 nel
modulo di installazione nel pannello di comando al morsetto di collegamento TW1.
7.11.2 Valvola deviatrice a 3 vie (accessorio)
Per soluzioni dell'impianto con accumulatore/bollitore d'acqua calda
sanitaria è necessaria una valvola deviatrice a 3 vie (VW1). Il collegamento della valvola deviatrice a 3 vie è descritto in istruzioni separate.
7.11.3 Accumulatore/bollitore d'acqua calda sanitaria bivalente
per l'utilizzo del calore solare.
È disponibile come accessorio un accumulatore/bollitore bivalente
d'acqua calda sanitaria che è in grado di sfruttare anche il calore solare.
Le istruzioni per l'installazione e l'impiego sono fornite con il relativo
accumulatore/bollitore d'acqua calda sanitaria.
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
17
Istruzioni generali per l'installazione
7.11.4 Pompa di ricircolo sanitario PW2 (accessorio)
Le impostazioni della pompa di ricircolo sanitario vengono effettuate
nell'unità di servizio dell'unità interna ( istruzioni dell'unità di servizio).
7.12
▶ Collegare la sonda della temperatura di mandata nel modulo di installazione nel pannello di comando dell'unità interna al morsetto di collegamento T0.
7.13.3 Sonda di temperatura esterna T1
Installazione con piscina
Se la lunghezza del cavo della sonda di temperatura
esterna è superiore ai 15 m, utilizzare un cavo schermato. Il cavo schermato deve essere collegato a massa
nell'unità interna. La lunghezza massima del cavo schermato è di 50 metri.
L'installazione con piscina non è disponibile.
7.13
Montare le sonde di temperatura
Nell'impostazione di fabbrica l'unità di servizio regola la temperatura di
mandata automaticamente in base alla temperatura esterna. Per un
comfort ancora maggiore si può installare un telecomando ambiente. Se
si prevede di utilizzare il funzionamento in raffreddamento è obbligatorio un telecomando ambiente.
7.13.1 Telecomando ambiente (accessorio, vedere istruzioni a
parte)
Se il telecomando ambiente viene installato dopo la messa in servizio dell'impianto, deve essere impostato nel
menu messa in funzione come unità di servizio per il relativo circuito di riscaldamento ( istruzioni dell'unità di
servizio).
Il cavo della sonda di temperatura all'aperto deve soddisfare almeno i
seguenti requisiti:
diametro del cavo: 0,5 mm2
resistenza: max. 50 Ohm/km
numero di conduttori: 2
▶ Montare la sonda di temperatura esterna sul lato più freddo della
casa (di solito sul lato nord). Proteggere la sonda dall'irraggiamento
solare diretto, dalle correnti d'aria ecc. Non montare la sonda subito
sotto il tetto.
N
▶ Montare il telecomando ambiente ( istruzioni del telecomando
ambiente).
▶ Collegare il telecomando ambiente nel modulo di installazione nel
pannello di comando dell'unità interna al morsetto di collegamento
EMS.
▶ Impostare la temperatura aria ambiente secondo le istruzioni
dell'unità di servizio.
NE
NW
E
W
SE
SW
H
S
Se è già collegato un componente al morsetto di collegamento EMS, eseguire il collegamento secondo la fig. 10 parallelamente allo stesso morsetto di collegamento. Se nell'impianto sono installati più moduli ,
collegarli secondo la fig. , capitolo .
1/2 H (min 2m)
7
6 720 809 156-23.1I
Fig. 11 Montaggio di sonde di temperatura esterna
EMS NSC/IP
7.14
Più circuiti di riscaldamento (accessorio modulo di
miscelazione, vedere istruzioni a parte)
7.13.2 Sonda della temperatura di mandata T0
La sonda di temperatura è in dotazione con l'unità interna.
Con l'unità di servizio si può regolare un circuito di riscaldamento senza
valvola miscelatrice (circuito diretto a temperatura costante) nell'impostazione di fabbrica. Se devono essere installati altri circuiti, è necessario un modulo di miscelazione per ciascun circuito. Si possono installare
al massimo 4 moduli di miscelazione per ogni impianto.
▶ Montare la sonda di temperatura 1–2 metri dietro alla valvola deviatrice a 3 vie oppure nell'accumulatore inerziale, se presente.
▶ Installare modulo di miscelazione, valvola miscelatrice, circolatore e
altri componenti secondo la soluzione dell'impianto scelta.
6 720 809 156-42.2I
Fig. 10 Collegamento EMS nel modulo di installazione
18
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
Collegamento elettrico – Indicazioni generali
▶ Collegare il modulo di miscelazione nel modulo di installazione nel
pannello di comando dell'unità interna al morsetto di collegamento
EMS.
▶ Eseguire le impostazioni per più circuiti di riscaldamento secondo le
istruzioni dell'unità di servizio.
Se è già collegato un componente al morsetto di collegamento EMS, eseguire il collegamento secondo la fig. 10 parallelamente allo stesso morsetto di collegamento. Se nell'impianto sono installati più moduli EMS,
collegarli secondo la fig. 16, capitolo 8.9.
Per gli accessori che vengono collegati al BUS EMS vale quanto segue
(vedere anche istruzioni di installazione sul relativo accessorio):
▶ se sono installate più unità BUS, esse devono avere una distanza
minima di 100 mm tra loro.
▶ Se sono installate più unità BUS, collegarle parallelamente o a stella.
▶ Utilizzare cavi con una sezione minima di 0,75 mm2.
▶ Con influssi esterni induttivi (ad es. da impianti PV) impiegare cavi
schermati. Mettere a terra lo schermo solo su un lato e contro l'involucro.
8.2
8
Collegamento elettrico – Indicazioni generali
PERICOLO: pericolo di folgorazione!
I componenti della pompa di calore sono sotto tensione.
CAN BUS
AVVISO: funzionamento errato a causa di disfunzioni!
Cavi ad alta tensione (230/400 V) vicini a un cavo di comunicazione possono comportare malfunzionamenti.
▶ Prima di eseguire lavori sulla dotazione elettrica staccare i componenti dalla rete elettrica.
▶ Posare il cavo CAN-BUS schermato separato dai cavi
di rete. Distanza minima: 100 mm. È consentita la
posa comune con i cavi della sonda.
AVVISO: danni all'impianto se si accende l'impianto senza acqua.
Se si accende l'impianto prima di averlo riempito con
l'acqua, i componenti dell'impianto di riscaldamento
possono surriscaldarsi.
AVVISO: scambiare i collegamenti 12 Volt e CAN-BUS
causa danni al sistema!
I circuiti elettrici di trasmissione non sono adatti a una
tensione costante di 12 V.
▶ Riempire e sfiatare l'accumulatore/bollitore d'acqua
calda sanitaria e l'impianto di riscaldamento prima di
accendere l'impianto di riscaldamento e creare la
pressione dell'impianto corretta.
Il collegamento elettrico dell'unità interna deve potere
essere interrotto in modo sicuro.
▶ Installare un interruttore di sicurezza separato che toglie l'unità interna completamente dalla corrente. Se
la tensione di alimentazione elettrica è staccata è necessario un interruttore di sicurezza separato per
ogni cavo di alimentazione.
▶ Selezionare le sezioni dei cavi e i tipi di cavi a seconda della rispettiva
sicurezza e del tipo di posa.
▶ Collegare la pompa di calore in base allo schema elettrico. Non
devono essere collegate altre utenze.
▶ Nel sostituire la scheda elettronica fare attenzione alla relativa codifica a colori.
8.1
8
EMS BUS
AVVISO: funzionamento errato a causa di disfunzioni!
Cavi ad alta tensione (230/400 V) vicini a un cavo di comunicazione possono comportare malfunzionamenti
dell'unità interna.
▶ Assicurarsi che i due cavi siano collegati ai relativi
collegamenti contrassegnati sulla scheda elettronica.
CAN-BUS: non collegare "Out 12 V DC" alla scheda di installazione.
Max. Lunghezza del cavo: 30 m
Area minima: Ø =0,75 mm2
L'unità esterna e l'unità interna vengono collegati tra loro mediante un
cavo di comunicazione, il CAN-BUS.
Come cavo di collegamento fuori dall'unità è adatto un cavo LIYCY
(TP) 2 x 2 x 0,75 (o equivalenti). In alternativa si possono utilizzare cavi
Twisted-Pair ammessi per l'uso all'aperto con una sezione minima di
0,75 mm2. Lo schermo deve essere messo a terra a entrambe le estremità:
▶ nell'involucro dell'unità interna.
▶ Nel morsetto per messa a terra dell'unità esterna.
La lunghezza massima del cavo è di 30 m.
Il collegamento tra le schede elettroniche avviene mediante due linee,
poiché la tensione da 12 V non può essere collegata dal modulo di installazione.
▶ Posare il cavo BUS EMS separato dai cavi di rete. Distanza minima: 100 mm. È consentita la posa comune con i cavi della sonda.
BUS EMS e CAN-BUS non sono compatibili.
▶ Non collegare insieme unità BUS EMS e unità CANBUS.
L'unità di servizio viene collegata al modulo di installazione nell'unità
interna mediante il BUS EMS.
La tensione di alimentazione elettrica dell'unità di servizio avviene
mediante il cavo BUS. La polarità dei due cavi BUS è irrilevante.
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
19
8
Collegamento elettrico – Indicazioni generali
distanza di sicurezza di almeno un metro da gommapiuma, pellicole di
protezione e altro materiale di imballaggio, indumenti di fibra sintetica
(ad es. pullover di pile) e simili.
3
Una buona protezione ESD per il lavoro con l'elettronica è offerta da un
bracciale antistatico di dispersione a massa. Questo bracciale deve
essere indossato prima che venga aperta/o la busta metallica/imballaggio schermata/o, o prima di procedere alla rimozione di una scheda elettronica installata in precedenza. Il bracciale deve essere indossato
finché la scheda elettronica non sia al riparo nel suo imballaggio schermato o non venga installata in un quadro di comando chiuso. Anche i circuiti stampati sostituiti, che devono essere riconsegnati, devono essere
manipolati in questo modo.
8.4
Collegamenti esterni
Per evitare disturbi elettromagnetici, posare tutte le linee a bassa tensione (corrente di misurazione) a una distanza minima di 100 mm dai
cavi sotto tensione da 230 V e 400 V.
1
Per prolungare le schede delle sonde di temperatura utilizzare i seguenti
diametri delle schede:
• fino a 20 m di lunghezza cavo: da 0,75 fino a 1,50 mm2
• fino a 30 m di lunghezza cavo: da 1,0 fino a 1,50 mm2
8.4.1
AVVISO: danni materiali a causa del collegamento scorretto!
Il collegamento alla tensione o amperaggio sbagliati può
causare danni ai componenti elettrici.
2
6 720 814 464-08.1I
▶ Ai collegamenti esterni dell'unità interna è consentito
collegare soltanto componenti adatti all'esercizio
con 5 V e 1 mA.
▶ Se sono necessari relè di commutazione, utilizzare
esclusivamente relè con contatti dorati.
Fig. 12 Collegamento CAN-BUS
[1]
[2]
[3]
Collegamenti esterni
Unità interna
Unità esterna
Denominazione terminale
L'interruttore Term segna l'inizio e la fine del collegamento CAN-BUS.
Prestare attenzione che le schede giuste siano terminate e che tutte le
altre non lo siano: la prima e l'ultima scheda della linea devono obbligatoriamente essere "terminate", tutte le altre devono obbligatoriamente
essere "non terminate".
Gli ingressi esterni I1 e I4 possono essere utilizzati per il controllo
remoto di singole funzioni dell'unità di servizio.
8.3
L'ingresso esterno viene collegato a un interruttore manuale o a un pannello di comando con uscita relè 5 V.
Utilizzo di schede elettroniche
I circuiti stampati con l'elettronica di comando sono molto sensibili alle
scariche elettrostatiche (ESD – ElectroStatic Discharge). Per evitare
danni ai componenti, è necessaria particolare attenzione.
ATTENZIONE: danni dovuti a carica elettrostatica!
▶ Per manipolare schede elettroniche non incapsulate
utilizzare un braccialetto antistatico di dispersione a
massa.
Le funzioni attivate dagli ingressi esterni sono descritte nelle istruzioni
dell'unità di servizio.
8.5
CAN-BUS: per gli accessori è necessario utilizzare tutti i
4 collegamenti; "Out 12 V DC" deve quindi essere collegato alla scheda di installazione.
Max. Lunghezza del cavo: 30 mArea minima:
=0,75 mm2
8.6
6 720 614 366-24.1I
Fig. 13 Bracciale antistatico
I danni sono per lo più latenti. Alla messa in funzione, una scheda elettronica può funzionare senza problemi e i problemi presentarsi, spesso,
solo in seguito. Gli oggetti carichi rappresentano un problema solo nelle
vicinanze dell'elettronica. Prima di iniziare il lavoro, mantenere una
20
Accessori
L'accessorio da collegare al CAN-BUS, ad es. dispositivo di controllo
potenza, viene collegato alla scheda modulo di installazione nell'unità
interna parallelamente al collegamento CAN-BUS per l'unità esterna.
EVU
Il relè EVU con 3 contatti principali e 1 contatto ausiliario deve avere
dimensioni confacenti alla potenza del riscaldatore elettrico. Il relè deve
essere fornito dall'elettroinstallatore o dall'azienda di fornitura dell'energia elettrica. L'unità di servizio necessita di un segnale di apertura/chiusura a potenziale zero secondo le impostazioni dell'unità di servizio. Con
EVU attivo, sul display dell'unità di servizio compare un simbolo corrispondente.
8.7
Smart Grid
La pompa di calore è Smart Grid Ready. Lo spegnimento di EVU è una
parte di questa funzionalità.
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
Collegamento elettrico – Indicazioni generali
La disattivazione EVU consente al fornitore di energia elettrica di disattivare la pompa di calore. La funzione Smart Grid amplia le possibilità di
intervento del fornitore di energia elettrica in quanto egli può dare un
segnale di avvio alla pompa di calore in determinati momenti, ad es.
quando la corrente è disponibile a prezzi più vantaggiosi.
8
▶ Collegare il cavo in base allo schema elettrico.
▶ Rimontare la chiusura del pannello di comando e il rivestimento anteriore dell'unità interna.
1
Inoltre per il collegamento per la disattivazione EVU è necessario un
secondo collegamento della morsettiera alla pompa di calore per sfruttare la funzionalità Smart Grid.
Nota: contattare il proprio fornitore di energia elettrica in merito ai vantaggi di utilizzo della funzione Smart Grid.
La funzionalità Smart Grid si attiva automaticamente se l'ingresso
esterno 1 è configurato per la disattivazione EVU.
2
Il sistema di riscaldamento deve contenere un accumulatore inerziale e
soltanto circuiti di riscaldamento miscelati affinché il segnale di avvio
possa risultare efficace.
L'unità esterna lavora in base ai segnali trasmessi dal fornitore di energia
elettrica mediante due cavi di collegamento Smart Grid.
• Viene disattivata secondo la configurazione disattivazione EVU 1/2/
3.
• Lavora normalmente secondo le richieste di calore dal sistema di
riscaldamento.
• Oppure riceve un segnale di avvio per caricare l'accumulatore inerziale. Tuttavia il caricamento può verificarsi solo se la temperatura
nell'accumulatore inerziale è inferiore alla temperatura massima che
può essere raggiunta dalla pompa di calore. Altrimenti l'unità esterna
rimane spenta.
8.8
6 720 809 064-17.1I
Fig. 15 Passacavi (vista dal basso)
[1]
[2]
Passacavo per sonda, CAN-BUS e EMS BUS
Passacavo per ingresso corrente
Collegare l'unità interna
4
3
3
1
1
2
6 720 814 475-13.2I
Fig. 14 Rimozione del rivestimento anteriore
▶ Rimuovere il rivestimento anteriore.
▶ Rimuovere la chiusura del quadro comandi.
▶ Inserire il cavo di collegamento nei pannelli di comando attraverso i
passacavi.
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
21
8
8.9
Collegamento elettrico – Indicazioni generali
Alternativa di collegamento EMS BUS
A
B
C
1
1
1
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
6 720 809 156-43.1I
Fig. 16 Alternativa di collegamento EMS BUS
[A]
[B]
[C]
[1]
[2]
22
Collegamento a stella e collegamento in serie con presa di collegamento esterna
Collegamento a stella
Collegamento in serie
Modulo di installazione
Moduli accessori (ad es. telecomando ambiente, modulo di
miscelazione, modulo solare)
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
Installazione dell'unità interna con valvola miscelatrice per riscaldatore esterno (caldaia a gas a condensazione) (IDUS B)
9
Installazione dell'unità interna con valvola
miscelatrice per riscaldatore esterno (caldaia a
gas a condensazione) (IDUS B)
Solo una ditta specializzata autorizzata può eseguire l'installazione. L'installatore deve rispettare leggi, direttive,
regolamenti e norme vigenti nel paese d'installazione e
seguire le indicazioni del presente manuale di istruzioni.
9.1
Unità interna con valvola miscelatrice per riscaldatore esterno – panoramica
9
10
9
1
8
2
7
4
6
1
5
4
3
6 720 809 064-16.1I
Fig. 19 Tubi di collegamento per unità interna con valvola miscelatrice
per riscaldatore esterno (vista dal basso)
[1]
[2]
[3]
[4]
[5]
[6]
[7]
[8]
[9]
[10]
3
Passacavo per sonda, CAN-BUS e EMS BUS
Passacavo per tensione di alimentazione elettrica
Uscita primaria lato liquido 3/8" (al modulo esterno ODU)
Ingresso primario lato gas 5/8" (dal modulo esterno ODU)
Ritorno al riscaldatore
Scarico sovrapressione della valvola di sicurezza
Mandata verso l'impianto di riscaldamento
Mandata dal riscaldatore
Manometro
Ritorno dall'impianto di riscaldamento
2
6 720 809 064-14.1I
Fig. 17 Unità interna con valvola miscelatrice per riscaldatore esterno
Modulo di installazione
Circolatore di riscaldamento (PC0)
Valvola miscelatrice (VM0)
Disaeratore automatico (VL1)
218
172
126
195
70
204
97
53
119
267
132
[1]
[2]
[3]
[4]
6 720 814 464-15.1I
Fig. 18 Unità interna con valvola miscelatrice per riscaldatore esterno,
dimensioni in mm (vista dal basso)
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
23
9
Installazione dell'unità interna con valvola miscelatrice per riscaldatore esterno (caldaia a gas a condensazione) (IDUS B)
9.2
Collegamento dell'unità interna con valvola miscelatrice per riscaldatore esterno
9.2.1
Collegamento alla pompa di calore
Le istruzioni per il collegamento sono nel manuale di installazione della pompa di calore.
9.2.2 Collegamento al riscaldatore esterno e all'impianto di riscaldamento
▶ Collegare la mandata dal riscaldatore esterno a [5], fig. 20.
Effettuare i seguenti collegamenti nell'unità interna:
▶ Collegare la mandata all'impianto di riscaldamento a [3], fig. 20.
▶ montare lo scarico della valvola di sicurezza da [4], fig. 20, verso il
basso in uno scarico protetto dal gelo.
▶ Collegare il ritorno dall'impianto di riscaldamento a [6], fig. 20.
▶ Collegare il ritorno al riscaldatore esterno a [1], fig. 20.
6
5
4
3
T
T
1
2
7
6 720 814 475-12.1I
Fig. 20 Collegamento dell'unità interna con valvola miscelatrice per riscaldatore esterno all'impianto di riscaldamento e al riscaldatore
[1]
[2]
[3]
[4]
[5]
[6]
[7]
Ritorno al riscaldatore
Filtro impurità
Mandata verso l'impianto di riscaldamento
Scarico della valvola di sicurezza
Mandata dal riscaldatore
Ritorno dall'impianto di riscaldamento
Compensatore idraulico
9.2.3 Circolatore per riscaldatore supplementare esterno
In caso di riscaldatore supplementare esterno senza circolatore integrato, è necessario montare un circolatore esternamente.
Per informazioni sul controllo di tale circolatore rivolgersi al produttore
del riscaldatore supplementare esterno.
9.3
9.3.1
Riempire l'unità esterna e l'unità interna
Dopo il riempimento disaerare accuratamente l'impianto
e pulire il filtro impurità.
▶ Riempire l'impianto conformemente alle presenti
istruzioni.
▶ Realizzare i collegamenti elettrici dell'impianto in
base al capitolo 9.4.
▶ Mettere in funzione l'impianto secondo le istruzioni
dell'unità di servizio.
▶ Sfiatare l'impianto secondo il capitolo 11.
▶ Pulire il filtro impurità secondo il capitolo 14.1.
Riempire l’impianto di riscaldamento
Iniziare lavando l'impianto di riscaldamento. Riempire di acqua prima
l'accumulatore/bollitore di acqua calda sanitaria, se è presente.
Riempire quindi l'impianto di riscaldamento.
24
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
Installazione dell'unità interna con valvola miscelatrice per riscaldatore esterno (caldaia a gas a condensazione) (IDUS B)
9
VC2
Z1
VL1
VC3
PC0
GC1
M
SC1
2
1
VW2
6 720 814 464-10.2I
Fig. 21 Unità interna con riscaldatore esterno e sistema di riscaldamento
[Z1] Sistema di riscaldamento (senza valvola miscelatrice)
[1] Riscaldatore esterno
[2] Pompa di calore, unità esterna
[PC0] Circolatore modulante di riscaldamento
[VC2] Valvola di scarico
[VC3] Valvole per impianto di riscaldamento
[VL1] Disaeratore automatico
[GC1]Manometro
[SC1] Filtro impurità
[VW2]Valvola di riempimento circuito di riscaldamento
9.4
Vedere fig. 21:
1. Staccare la tensione di alimentazione elettrica per la pompa di calore
e l'unità interna.
2. Attivare la disaerazione automatica di VL1 allentando la vite di un
paio di giri senza rimuoverla completamente.
3. Collegare il tubo alla valvola di svuotamento VC2 del sistema di riscaldamento.
4. Aprire la valvola VC3, la valvola di svuotamento VC2 e la valvola di
riempimento VW2 per riempire il sistema di riscaldamento.
5. Continuare a riempire con acqua fino a quando esce acqua dal tubo
dello scarico.
6. Chiudere la valvola di svuotamento VC2.
7. Continuare a riempire fino a quando il manometro GC1 indica 2 bar.
8. Sfiatare il riscaldatore esterno secondo le istruzioni.
9. Chiudere la valvola di riempimento VW2.
10.Togliere il tubo flessibile da VC2.
11.capitolo 11.
Se sul riscaldatore con valvola miscelatrice non è presente alcuna uscita
di disfunzione 230 V, collegare FM0 secondo l'alternativa [1b] (schema
elettrico  fig. 29).
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
Collegamento elettrico del riscaldatore esterno
Se si utilizza un riscaldatore esterno con valvola miscelatrice (caldaia a
gas a condensazione) sono necessari alcuni collegamenti e impostazioni
aggiuntivi.
9.4.1 Segnale di disfunzione per riscaldatore esterno
In presenza di riscaldatore esterno con valvola miscelatrice collegare il
segnale di disfunzione (se presente) sul modulo di installazione
dell'unità interna al morsetto di collegamento FM0 (schema elettrico 
fig. 29).
9.4.2 Segnale di avvio per riscaldatore esterno
Per l'uscita EM0 (schema elettrico  fig. 28) vale quanto segue:
▶ carico massimo sull'uscita del segnale da 230 V: 2 A, cos> 0,4.
▶ In caso di carico superiore si deve installare un relè ad accoppiamento (non in dotazione).
▶ Se per il riscaldatore esterno è necessario un contatto a potenziale
zero, si deve installare un relè ad accoppiamento (non in dotazione).
La valvola miscelatrice non si apre subito dopo l'attivazione del riscaldatore esterno. Il ritardo può essere impostato sull'unità di servizio
(istruzioni dell'unità di servizio).
È possibile che il riscaldatore supplementare esterno si avvii e si fermi
più volte. Questo è normale. Se si dovessero presentare problemi per
tempi di funzionamento troppo brevi, è possibile prolungare il periodo di
funzionamento del riscaldatore supplementare esterno con un accumulatore inerziale sulla mandata/sul ritorno.
25
9
Installazione dell'unità interna con valvola miscelatrice per riscaldatore esterno (caldaia a gas a condensazione) (IDUS B)
9.4.3 Controllo da 0 a 10 V per riscaldatori esterni
Con alcuni riscaldatori esterni (riscaldatori elettrici e caldaie a gas modulanti) è possibile controllare la potenza mediante un segnale da 0 a 10 V.
In tal caso viene collegato all'uscita da 10 V (vedere fig.).
6 720 809 064-37.2I
Fig. 22 Controllo da 0 a 10 V per riscaldatori esterni
9.4.4 Valvola miscelatrice (VM0) aperta/chiusa
La valvola miscelatrice VM0 viene aperta mediante segnali dal collegamento 63 e chiusa da segnali al collegamento 62 sul morsetto di collegamento VM0 (fig. 27).
26
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
Installazione dell'unità interna con valvola miscelatrice per riscaldatore esterno (caldaia a gas a condensazione) (IDUS B)
9.5
Schema elettrico per unità interna con valvola miscelatrice per riscaldatore esterno
9.5.1
Panoramica collegamenti elettrici
9
6 720 813 157-30.2I
Fig. 23 Panoramica collegamenti elettrici nell'unità interna con valvola miscelatrice
[1]
[2]
Scheda elettronica di installazione
Morsetti di collegamento
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
27
9
9.5.2
Installazione dell'unità interna con valvola miscelatrice per riscaldatore esterno (caldaia a gas a condensazione) (IDUS B)
Collegamento CAN-BUS e EMS
A
2
1
4
3
5
6
7
B
8
9
10
6 720 813 157-31.2I
Fig. 24 Panoramica dell'unità interna con riscaldatore esterno
Linea a tratto pieno = collegamento effettuato in fabbrica
Linea tratteggiata = collegamento da fare in sede di installazione:
[A] Unità interna
[B] Unità esterna
[1] Unità di servizio
[2] Impostazione interruttore di codifica IDUS6.2 B
[3] Impostazione interruttore di codifica IDUS13.2 B
[4] Modulo di installazione HC100
[5] Telecomando ambiente (accessorio)
[6] Modulo EMS (accessorio)
[7] Modulo IP (accessorio)
[8] Unità esterna
28
[9] Scheda interfacce CAN
[10] Morsetti di collegamento
Avviso per CAN-BUS:
non collegare "Out 12 V DC".
Max. Lunghezza del cavo CAN-BUS: 30 m.
Sezione min. Ø = 0,75 mm2 e schermatura
Avviso su [2], [3] e [9]:gli interruttori di codifica A e P
non possono essere spostati! Altrimenti si verificano errori di funzionamento e anomalie! Importante: controllare la codifica in caso di pezzi di ricambio!
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
Installazione dell'unità interna con valvola miscelatrice per riscaldatore esterno (caldaia a gas a condensazione) (IDUS B)
9.5.3
9
Unità interna con 230 V~ 1N unità esterna (IDUS B con ODU split 2/4/6)
2
CAN-BUS
1
6
7
3
4
5
8
6 720 813 157-32.6I
Fig. 25 Unità interna con 230 V~ 1N unità esterna
Linea a tratto pieno = collegamento effettuato in fabbrica
Linea tratteggiata = collegamento da fare in sede di installazione:
[1] Modulo EMS (accessorio)
[2] Modulo di installazione HC100
[3] Morsetti di collegamento dell'unità interna
[4] 230 V~ 1N, tensione di alimentazione elettrica cavo del riscaldamento
[5] 230 V~1N, tensione di alimentazione elettrica unità interna
[6] Morsetti di collegamento dell'unità esterna
[7] Unità esterna
[8] 230 V~1N, tensione di alimentazione elettrica unità esterna
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
29
9
9.5.4
Installazione dell'unità interna con valvola miscelatrice per riscaldatore esterno (caldaia a gas a condensazione) (IDUS B)
Unità interna con 400 V~ 3N unità esterna (IDUS13.2 B con ODU split 8/11/13/15)
2
CAN-BUS
1
6
3
7
4
5
8
6 720 813 157-33.5I
Fig. 26 Unità interna con 400 V~ 3N unità esterna
Linea a tratto pieno = collegamento effettuato in fabbrica
Linea tratteggiata = collegamento da fare in sede di installazione:
[1] Modulo EMS (accessorio)
[2] Modulo di installazione HC100
[3] Morsetti di collegamento dell'unità interna
[4] 230 V~ 1N, tensione di alimentazione elettrica cavo del riscaldamento
[5] 230 V~ 1N, tensione di alimentazione elettrica unità interna
[6] Morsetti di collegamento dell'unità esterna
[7] Unità esterna
[8] 400 V~ 3N, tensione di alimentazione elettrica unità esterna
30
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
Installazione dell'unità interna con valvola miscelatrice per riscaldatore esterno (caldaia a gas a condensazione) (IDUS B)
9.5.5
9
Schema elettrico del modulo di installazione per unità interna con valvola miscelatrice per riscaldatore esterno
1
4
5
6
2
3
E3
6 720 813 157-34.3I
Fig. 27 Schema elettrico del modulo di installazione per unità interna con valvola miscelatrice
Linea a tratto pieno = collegamento effettuato in fabbrica
Linea tratteggiata = collegamento da fare in sede di installazione:
[1] CAN-BUS alla pompa di calore
[2] Contatto per disfunzione [FM0] riscaldatori aggiuntivi (ingresso
~230 V)
[3] Tensione di alimentazione elettrica 230 V ~1N
[4] Apertura
[5] Chiusura
[6] Interruttore di codifica e comunicazione BUS LED
[T0] Sonda temperatura di mandata
[T1] Sonda temperatura esterna
[TW1]Sonda temperatura acqua calda sanitaria
[TC0] Liquido termovettore ingresso
[TC1] Liquido termovettore uscita
[TC3] Temperatura del condensatore
[I1] Ingresso esterno
[I2] TR7 Sonda temperatura gas caldo
[I3] TR3 Sonda di temperatura del liquido
[MK2]Sonde del punto di rugiada
[Buzzer]Segnalatore (accessorio)
[EMO]Richiesta riscaldatore esterno (regolazione 0-10 V)
[PCO]Circolatore modulante segnale PWM
[I4] Ingresso esterno
[VMO]Chiusura MXV (valvola miscelatrice)
Apertura MXV (valvola miscelatrice)
[EW1]Richiesta riscaldatore elettrico (accessorio) nell'accumulatore/
bollitore d'acqua calda sanitaria (uscita ~230 V)
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
[EMO]Richiesta riscaldatore esterno (On/Off)
[PW2]Pompa di ricircolo sanitario acqua calda sanitaria
[E3] Cavo del riscaldamento [HC], ~230 V (accessorio)
[PK2] Raffreddamento circolatori accumulatore inerziale/ventilconvettori
[VW1]Valvola deviatrice a 3 vie per acqua calda sanitaria (accessorio)
[PC1] Circolatore (sistema di riscaldamento)
[PC0] Circolatore (circolatore circuito primario)
Carico massimo per uscite relè: 2 A, cos>0,4.
Carico massimo per scheda di installazione: 6,3 A
Nota sull'ingresso I1 (collegamento 13, 14) e I4 (collegamento 49, 50).
Il contatto sul componente o relè collegato a questo ingresso deve essere adatto a 5 V e 1 mA.
Avviso su [6]:gli interruttori di codifica A e P non possono essere spostati! Altrimenti si verificano errori di funzionamento e anomalie! Importante: controllare la
codifica in caso di pezzi di ricambio!
31
9
9.5.6
Installazione dell'unità interna con valvola miscelatrice per riscaldatore esterno (caldaia a gas a condensazione) (IDUS B)
Schema elettrico del modulo di installazione, accensione/spegnimento del riscaldatore esterno
1
2
3
4
5
6
7
8
6 720 813 157-35.2I
Fig. 28 Accensione/spegnimento schema elettrico del modulo di installazione
[1]
[2]
[3]
[4]
[5]
[6]
[7]
[8]
32
Interruttore di codifica e comunicazione BUS LED
Uscita ~230 V
Accensione/spegnimento del riscaldatore esterno EM0
Carico massimo per uscite relè: 2 A, cos>0,4. In caso di carichi
maggiori o se il riscaldatore est. è richiesto a potenziale zero,
deve essere installato un relè intermedio, fig. b).
Riscaldatore esterno supplementare
Riscaladatroe esterno supplementare a gas
Riscaldatore esterno supplementare a gasolio
Riscaldatore esterno supplementare elettrico
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
Installazione dell'unità interna con valvola miscelatrice per riscaldatore esterno (caldaia a gas a condensazione) (IDUS B)
9.5.7
9
Schema elettrico del modulo di installazione, segnale di disfunzione per riscaldatore esterno
1
2
3
4
5
6
6 720 813 157-36.1I
Fig. 29 Schema elettrico del modulo di installazione, segnale di disfunzione per riscaldatore esterno
[1]
[2]
[3]
[4]
[5]
[6]
Interruttore di codifica e comunicazione bus LED
Segnale di disfunzione dei riscaldatori esterni (~230 V AC tensione d'ingresso)
Riscaldatore esterno supplementare
Riscaldatore esterno supplementare a gas
Riscaldatore esterno supplementare a gasolio
Riscaldatore esterno supplementare elettrico
Se è presente un segnale di disfunzione con una tensione
di alimentazione elettrica < 230V (AC) dalla fonte di calore esterna:
▶ collegare il segnale dalla fonte di calore esterna secondo [1b].
Se è presente un segnale di disfunzione 230V (AC) dalla
fonte di calore esterna:
▶ rimuovere il cavo tra il morsetto di collegamento 61 e
64.
Non rimuovere il ponticello se non è possibile avere un
messaggio di disfunzione dalla fonte di calore esterna.
▶ collegare il segnale di disfunzione 230 V (AC) dalla
fonte di calore esterna secondo [1a] al morsetto di collegamento 64.
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
33
9
9.5.8
Installazione dell'unità interna con valvola miscelatrice per riscaldatore esterno (caldaia a gas a condensazione) (IDUS B)
Schema elettrico EVU/SG ingresso
1
6 720 813 343-20.1I
Fig. 30 Ingresso esterno EVU/SG
[I1]
[I4]
[1]
Ingresso esterno 1 (EVU)
Ingresso esterno 4 (Smart Grid)
Unità interna
Il contatto di commutazione del relè che viene collegato
ai collegamenti 13, 14 e 49, 50 del modulo di installazione deve essere adatto a 5 V e 1 mA.
Collegamento effettuato in fabbrica
Collegamento da fare in sede di installazione
34
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
Installazione dell'unità interna con valvola miscelatrice per riscaldatore esterno (caldaia a gas a condensazione) (IDUS B)
9.5.9
9
Schema elettrico di collegamento per EVU/SG
2
3
1
2
3
2
3
1
A
B
4
2
4
3
1
1
C
D
4
4
6 720 810 940-05.2I
Fig. 31 Schema elettrico di collegamento per EVU/SG
[1]
[2]
[3]
[4]
[A]
[B]
[C]
[D]
Controllo tariffe
EVU
SG (Smart Grid)
Unità di servizio nell'unità interna
Stato di funzionamento 1, stand-by
funzione EVU = 1
funzione SG = 0
Stato di funzionamento 2, esercizio normale
funzione EVU = 0
funzione SG = 0
Stato di funzionamento 3, aumento temperatura circuito di riscaldamento
funzione EVU = 0
funzione SG = 1
Stato di funzionamento 4, funzionamento necessario
funzione EVU = 1
funzione SG = 1
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
35
9
Installazione dell'unità interna con valvola miscelatrice per riscaldatore esterno (caldaia a gas a condensazione) (IDUS B)
9.5.10 EVU 2, solo spegnimento del compressore
1
2
3
7
4
5
6
8
6 720 812 913-04.2I
Fig. 32 EVU 2, solo spegnimento del compressore
[1]
[2]
[3]
[4]
[5]
[6]
[7]
[8]
Tensione di alimentazione elettrica
Contatore elettrico unità esterna, tariffa bassa
Controllo tariffe
EVU
SG (Smart Grid)
Contatore elettrico edificio, 1 fase tariffa alta
Unità esterna (compressore)
Unità di servizio nell'unità interna
* Il relè deve essere adatto alla potenza dell'unità esterna. Il relè deve
essere fornito dall'installatore o dal fornitore di energia elettrica. Gli
ingressi esterni sul modulo di installazione (morsetti di collegamento
13/14 e 49/50) necessitano di un segnale a potenziale zero. Lo stato
per l'attivazione di EVU o funzione SmartGrid (chiuso o aperto) può
essere impostato nella regolazione. Durante il tempo di blocco sul
display viene visualizzato il simbolo del tempo di blocco.
** Il contatto di commutazione del relè che viene collegato ai collegamenti 13, 14 e 49, 50 del modulo di installazione deve essere adatto a
5 V e 1 mA.
36
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
Installazione dell'unità interna con resistenza elettrica integrata (IDUS E)
10
10
Installazione dell'unità interna con resistenza
elettrica integrata (IDUS E)
Solo una ditta specializzata autorizzata può eseguire l'installazione. L'installatore deve rispettare leggi, direttive,
regolamenti e norme vigenti nel paese d'installazione e
seguire le indicazioni del presente manuale di istruzioni.
Unità interna con resistenza elettrica integrata –
panoramica
204
1
5
267
159
59
195
70
220
132
10.1
6 720 814 464-12.1I
2
4
Fig. 34 Unità interna con resistenza elettrica integrata, dimensioni in
mm (vista dal basso)
1
8
2
3
7
6
3
6 720 809 064-10.1I
Fig. 33 Unità interna con resistenza elettrica integrata
[1]
[2]
[3]
[4]
[5]
Modulo di installazione HC100
Reset della protezione contro il surriscaldamento
Circolatore di riscaldamento (circuito primario)
Resistenza elettrica integrata
Disaeratore automatico (VL1)
5
4
6 720 813 157-13.1I
Fig. 35 Tubi di collegamento per unità interna con resistenza elettrica
integrata (vista dal basso)
[1]
[2]
[3]
[4]
[5]
[6]
[7]
[8]
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
Ritorno dall'impianto di riscaldamento
Passacavo per sonda, CAN-BUS e EMS BUS
Passacavo per tensione di alimentazione elettrica
Uscita primaria lato liquido 3/8" (al modulo esterno ODU)
Ingresso primario lato gas 5/8" (dal modulo esterno ODU)
Mandata verso l'impianto di riscaldamento
Manometro
Scarico della valvola di sicurezza
37
10
10.2
Installazione dell'unità interna con resistenza elettrica integrata (IDUS E)
Collegamento dell'unità interna con resistenza elettrica integrata
Installare i seguenti collegamenti sull'unità interna:
▶ condurre lo scarico da [6] fig. 36 a uno scarico protetto dal gelo.
▶ Collegare i tubi del liquido termovettore dalla pompa di calore a [1]
fig. 36.
6
▶ Collegare i tubi del liquido termovettore alla pompa di calore a [2]
fig. 36.
▶ Collegare il ritorno dal sistema di riscaldamento a [7] fig. 36.
▶ Collegare la mandata al sistema di riscaldamento a [6] fig. 36.
7
5
T
T
1
2
8
HP
6 720 813 157-08.2I
Fig. 36 Collegamento di un'unità interna con resistenza elettrica integrata a una pompa di calore e a un sistema di riscaldamento
[1]
[2]
[5]
[6]
[7]
[8]
10.3
Uscita primaria lato liquido 3/8" (al modulo esterno ODU)
Ingresso primario lato gas 5/8" (dal modulo esterno ODU)
Mandata al sistema di riscaldamento
Scarico acqua di scarico, scarico della valvola di sicurezza
Ritorno dal sistema di riscaldamento
Filtro impurità
Riempire l’impianto di riscaldamento
Iniziare lavando l'impianto di riscaldamento. Riempire di acqua prima
l'accumulatore/bollitore di acqua calda sanitaria, se è presente.
Riempire quindi l'impianto di riscaldamento.
10.3.1 Riempire la pompa di calore e l'unità interna
Dopo il riempimento disaerare accuratamente l'impianto
e pulire il filtro impurità.
▶ Riempire l'impianto conformemente alle presenti
istruzioni.
▶ Realizzare i collegamenti elettrici dell'impianto in
base al capitolo 9.4.
▶ Mettere in funzione l'impianto secondo le istruzioni
dell'unità di servizio.
▶ Sfiatare l'impianto secondo il capitolo 11.
▶ Pulire il filtro secondo il capitolo 14.1.
38
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
Installazione dell'unità interna con resistenza elettrica integrata (IDUS E)
VC2
10
Z1
2
VL1
VC3
GC1
PC0
M
SC1
1
VW2
6 720 814 464-11.2I
Fig. 37 Unità interna con resistenza elettrica integrata e sistema di riscaldamento
[Z1] Sistema di riscaldamento (senza valvola miscelatrice)
[1] Pompa di calore, unità esterna
[2] Valvola di sfiato manuale
[PC0] Circolatore di riscaldamento
[VC2] Valvola di scarico
[VC3] Valvole per impianto di riscaldamento
[VL1] Disaeratore automatico
[GC1]Manometro
[SC1] Filtro impurità
[VW2]Valvola di riempimento circuito di riscaldamento
8. Continuare a riempire fino a quando il manometro GC1 indica 2 bar.
9. Chiudere la valvola di riempimento VW2.
10.Togliere il tubo flessibile da VC2.
11.capitolo 11.
Vedere fig. 37:
1. assicurare che la tensione di alimentazione elettrica della pompa di
calore e dell'unità interna non sia collegata prima che il sistema sia
completamente riempito e disaerato.
2. Attivare la disaerazione automatica di VL1 allentando la vite di un
paio di giri senza rimuoverla completamente.
3. Collegare il tubo alla valvola di svuotamento VC2 del sistema di riscaldamento.
4. Aprire la valvola VC3, la valvola di svuotamento VC2 e la valvola di
riempimento VW2 per riempire il sistema di riscaldamento.
5. Aprire la valvola di sfiato manuale in alto sulla resistenza elettrica finché l'acqua scorre senz'aria. Infine chiudere la valvola.
6. Continuare a riempire con acqua fino a quando esce acqua dal tubo
dello scarico e il sistema di riscaldamento non produce più bolle. Se
necessario effettuare altri interventi per disaerare il sistema di riscaldamento.
7. Chiudere la valvola di svuotamento VC2.
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
39
10
10.4
Installazione dell'unità interna con resistenza elettrica integrata (IDUS E)
Schema elettrico per unità interna con resistenza elettrica integrata
10.4.1 Panoramica collegamenti elettrici
1
2
3
4
5
6
6 720 813 157-20.1I
Fig. 38
Linea a tratto pieno = collegamento effettuato in fabbrica
Linea tratteggiata = collegamento da fare in sede di installazione:
[1] Scheda elettronica di installazione HC100
[2] Protezione da surriscaldamento (UHS)
[3] Relè 1 per resistenza elettrica integrata (2kW)
[4] Relè 2 per resistenza elettrica integrata (4kW)
[5] Relè 3 per resistenza elettrica integrata (3kW)
[6] Morsetti di collegamento
40
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
Installazione dell'unità interna con resistenza elettrica integrata (IDUS E)
10
10.4.2 CAN & EMS BUS
A
2
1
4
3
5
6
7
B
8
9
10
6 720 813 157-21.2I
Fig. 39 CAN e collegamenti EMS
Linea a tratto pieno = collegamento effettuato in fabbrica
Linea tratteggiata = collegamento da fare in sede di installazione:
[A] Unità interna
[B] Unità esterna
[1] Unità di servizio
[2] Impostazione selettore di codifica IDUS6.2 E
[3] Impostazione selettore di codifica IDUS13.2 E
[4] Modulo di installazione HC100
[5] Telecomando ambiente (accessorio)
[6] Modulo EMS (accessorio)
[7] Modulo IP (accessorio)
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
[8] Unità esterna
[9] Scheda elettronica interfaccia CAN
[10] Morsetti di collegamento dell'unità esterna
41
10
Installazione dell'unità interna con resistenza elettrica integrata (IDUS E)
10.4.3 Collegamenti morsetti 230 V/400 V
A
1
2
B
3
4
5
C
3
4
1
2
3
4
6 720 813 157-22.1I
Fig. 40 Morsetti di collegamento
[A]
[B]
[C]
[1]
[2]
[4]
[3]
[5]
Condizione di consegna.
Se è necessario un collegamento a 1 fase, mettere un connettore
di diramazione/jumper tra (L1, L2 e L3).
Se il connettore di diramazione/jumper tra (N e 1N) al collegamento 400 V 3 N~ viene rimosso. Potenza della resistenza elettrica integrata, trifase:
K1 = 1500 W
K2 = 3000 W
K1 + K2 = 4500 W
K1 + K2 + K3 = 9000 W
400 V ~3 N tensione di alimentazione elettrica
230 V ~1 N tensione di alimentazione elettrica per pompa di
calore monofase (compressore)
230 V ~1 N tensione di alimentazione elettrica moduli EMS
(accessorio)
230 V ~1 N tensione di alimentazione elettrica cavo del riscaldamento (accessorio)
230 V ~1 N tensione di alimentazione elettrica
Resistenza elettrica integrata, 4 fasi con 230 V 1 N~ e
400 V 3 N~
K1 = 2000 W
K2 = 4000 W
K1+ K2 = 6000 W
K1+ K2 + K3 = 9000 W
Se il compressore è in funzione, sono a disposizione solo
i livelli 2000 W, 4000 W o 6000 W. Solo con compressore spento è possibile accendere la resistenza elettrica
integrata con una potenza di 9000 W.
42
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
Installazione dell'unità interna con resistenza elettrica integrata (IDUS E)
10
10.4.4 Unità interna 400 V~ 3N con unità esterna 230 V~ 1N
A
B
6 720 813 157-24.3I
Fig. 41 Unità interna 400 V~ 3N con unità esterna 230 V~ 1N
Linea a tratto pieno = collegamento effettuato in fabbrica
Linea tratteggiata = collegamento da fare in sede di installazione:
[A] Unità interna
[B] Unità esterna
[1] Modulo di installazione HC100
[2] Pressostato
[3] Resistenza elettrica integrata 9 kW
[4] 3x1 kW (3x53)
[5] 3x2 kW (3x27)
[6] Relè 1 (K1)
[7] Relè 2(K2)
[8] Relè 3(K3)
[9] Protezione da surriscaldamento
[10] Morsetti di collegamento dell'unità interna
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
[11] 400 V ~3 N tensione di alimentazione elettrica unità interna
[12] 230 V ~1 N tensione di alimentazione elettrica unità esterna
[13] 230 V ~1 N tensione di alimentazione elettrica cavo del riscaldamento
[14] 230 V ~1 N tensione di alimentazione elettrica EMS (accessorio)
[15] Morsetti di collegamento dell'unità esterna
[16] Unità esterna
[18] Linea CAN-BUS schermata 2 x 0,75mm2
[19] Modulo EMS (accessorio)
43
10
Installazione dell'unità interna con resistenza elettrica integrata (IDUS E)
10.4.5 Unità interna 400 V~ 3N con unità esterna 400 V~ 3N
A
B
6 720 813 157-23.3I
Fig. 42 Unità interna 400 V~ 3N con unità esterna 400 V~ 3N
Linea a tratto pieno = collegamento effettuato in fabbrica
Linea tratteggiata = collegamento da fare in sede di installazione:
[A] Unità interna
[B] Unità esterna
[1] Modulo di installazione HC100
[2] Pressostato
[3] Resistenza elettrica integrata 9 kW
[4] 3x1 kW (3x53)
[5] 3x2 kW (3x27)
[6] Relè 1 (K1)
[7] Relè 2(K2)
[8] Relè 3(K3)
[9] Protezione da surriscaldamento
[10] Morsetti di collegamento dell'unità interna
44
[11] 400 V ~3 N tensione di alimentazione elettrica unità interna
[13] 230 V ~1 N tensione di alimentazione elettrica cavo del riscaldamento
[14] 230 V ~1 N tensione di alimentazione elettrica EMS (accessorio)
[15] Morsetti di collegamento dell'unità esterna
[16] Unità esterna
[17] 400 V~3 N tensione di alimentazione elettrica per unità esterna
[18] Linea CAN-BUS schermata 2 x 0,75mm2
[19] Modulo EMS (accessorio)
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
Installazione dell'unità interna con resistenza elettrica integrata (IDUS E)
10
10.4.6 Modulo di installazione HC100 unità interna con resistenza elettrica integrata (IDUS E)
1
4
2
3
E3
6 720 813 157-25.3I
Fig. 43 Modulo di installazione HC100 unità interna con resistenza elettrica integrata (IDUS E)
Linea a tratto pieno = collegamento effettuato in fabbrica
Linea tratteggiata = collegamento da fare in sede di installazione:
[1] CAN-BUS all'unità esterna
[2] Allarme resistenza elettrica integrata/pressostato (~230 V tensione di ingresso)
[3] Tensione di alimentazione elettrica 230 V ~1N
[4] Interruttore di codifica e comunicazione bus LED
[T0] Sonda temperatura di mandata
[T1] Sonda temperatura esterna
[TW1]Sonda temperatura acqua calda sanitaria
[TC0] Liquido termovettore ingresso
[TC1] Liquido termovettore uscita
[TC3] Temperatura del condensatore
[I1] Ingresso esterno
[I2] TR7 Sonda di temperatura del gas caldo
[I3] TR3 Sonda di temperatura del liquido
[MK2]Sonde del punto di rugiada
[Buzzer]Segnalatore (accessorio)
[EMO]Riscaldatore supplementare esterno (regolazione 0-10 V)
[PCO]Circuito primario circolatore segnale PWM
[I4] Ingresso esterno
[EE2] Resistenza elettrica integrata livello 2
[EE1] Resistenza elettrica integrata livello 1
[EW1]Accumulatore/bollitore d'acqua calda sanitaria (potenza ~230 V)
[EE3] Resistenza elettrica integrata livello 3
[PW2]Pompa di ricircolo sanitario acqua calda sanitaria
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
[E3] Cavo del riscaldamento (HK), accessorio (~230 V)
[PK2] Raffreddamento circolatori accumulatore inerziale/ventilconvettori
[VW1]Valvola deviatrice a 3 vie per acqua calda sanitaria (accessorio)
[PC1] Circolatore (sistema di riscaldamento)
[PC0] Circolatore esterno (circolatore di supporto)
Carico massimo per uscite relè: 2 A, cos>0,4.
Carico massimo per inst. CUHP: 6,3 A
Nota sull'ingresso I1 (collegamento 13, 14) e I4 (collegamento 49, 50).
Il contatto sul componente o relè collegato a questo ingresso deve essere adatto a 5 V e 1 mA.
Avviso su [4]:gli interruttori di codifica A e P non possono essere spostati! Altrimenti si verificano errori di malfunzionamenti e disfunzioni! Importante: controllare la
codifica in caso di pezzi di ricambio!
45
10
10.5
Installazione dell'unità interna con resistenza elettrica integrata (IDUS E)
EVU/SG Schema elettrico per unità interna con resistenza elettrica integrata
10.5.1 Collegamento elettrico alternativo per resistenza elettrica
integrata, trifase, EVU
Il relè EVU con 3 contatti principali e 1 contatto ausiliario deve avere
dimensioni confacenti alla potenza della resistenza elettrica integrata. Il
relè deve essere fornito dall'elettroinstallatore o dall'azienda di fornitura
dell'energia elettrica e deve essere adatto all'utilizzo in ambienti a bassa
tensione. L'unità di servizio necessita di un segnale di apertura/chiusura
a potenziale zero secondo le impostazioni dell'unità di servizio. Con EVU
attivo, sul display dell'unità di servizio compare un simbolo corrispondente.
6 720 815 239-07.1I
Fig. 44 Collegamento elettrico alternativo per resistenza elettrica integrata, ~3N
[1]
[2]
400 V ~3 N tensione di alimentazione elettrica per unità interna
230 V ~1 N tensione di alimentazione elettrica per modulo di
installazione
[3] 230 V ~1 N tensione di alimentazione elettrica per cavo del riscaldamento
[4] 230 V ~1N tensione di alimentazione elettrica per accessori
[15] Ponticello a innesto
Esercizio EVU: rimuovere il ponticello tra L3-2L3 (vedere fig. 44). Il modulo di installazione viene sempre alimentato con 230 V. L'alimentazione elettrica da 400 V
dell'unità interna con resistenza elettrica integrata viene
controllata da EVU.
46
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
Installazione dell'unità interna con resistenza elettrica integrata (IDUS E)
10
10.5.2 EVU, Unità interna 400 V~ 3N con resistenza elettrica integrata e unità esterna 230 V~ 1N
A
B
6 720 815 239-09.2I
Fig. 45 EVU, Unità interna 400 V~ 3N con resistenza elettrica integrata
e unità esterna 230 V~ 1N
[A]
[B]
[1]
[2]
[3]
[4]
[5]
[6]
[7]
[8]
[9]
[10]
[11]
[12]
Unità interna
Unità esterna
Modulo di installazione HC100 nell'unità interna
Pressostato
Resistenza elettrica integrata 9 kW
Elemento riscaldante 3x1 kW (3x53)
Elemento riscaldante 3x2 kW (3x27)
Relè 1 (K1)
Relè 2 (K2)
Relè 3 (K3)
Protezione da surriscaldamento
Morsetti di collegamento unità interna
400 V~ 3N tensione di alimentazione elettrica
230 V ~ 1N tensione di alimentazione elettrica per modulo di
installazione
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
[13] 230 V ~ 1N tensione di alimentazione elettrica per cavo del riscaldamento
[14] 230 V~ 1N tensione di alimentazione elettrica per accessori
[15] Ponticello
Con collegamento EVU rimuovere il ponticello tra L3 e 2L3. I morsetti di collegamento 2L3/ vengono poi utilizzati per la tensione di
alimentazione elettrica 230 VAC del modulo di installazione
[16] Morsetti di collegamento unità esterna
[17] Unità esterna
[18] 230 V~ 1N tensione di alimentazione elettrica unità esterna
[19] Linea CAN-BUS schermata 2 x 0,75mm2
[20] EMS Accessori
Collegamento effettuato in fabbrica
Collegamento da fare in sede di installazione
47
10
Installazione dell'unità interna con resistenza elettrica integrata (IDUS E)
10.5.3 EVU, Unità interna 400 V~ 3N con resistenza elettrica integrata e unità esterna 400 V~ 3N
A
B
6 720 815 239-10.2I
Fig. 46 EVU, Unità interna 400 V~ 3N con resistenza elettrica integrata
e unità esterna 400 V~ 3N
[A]
[B]
[1]
[2]
[3]
[4]
[5]
[6]
[7]
[8]
[9]
[10]
[11]
[12]
48
Unità interna
Unità esterna
Modulo di installazione HC100 nell'unità interna
Pressostato
Resistenza elettrica integrata 9 kW
Elemento riscaldante 3x1 kW (3x53)
Elemento riscaldante 3x2 kW (3x27)
Relè 1 (K1)
Relè 2 (K2)
Relè 3 (K3)
Protezione da surriscaldamento
Morsetti di collegamento unità interna
400 V~ 3N tensione di alimentazione elettrica
230 V~ 1N tensione di alimentazione elettrica per modulo di
installazione
[13] 230 V~ 1N tensione di alimentazione elettrica per cavo del riscaldamento
[14] 230 V~ 1N tensione di alimentazione elettrica per accessori
[15] Ponticello
Morsetti di collegamento unità esterna – con collegamento EVU
rimuovere il ponticello tra L3 e 2L3. I morsetti di collegamento
2L3/ vengono poi utilizzati per la tensione di alimentazione elettrica 230 VAC del modulo di installazione
[16] Unità esterna
[17] 400 V~ 3N tensione di alimentazione elettrica unità esterna
[19] Linea CAN-BUS schermata 2 x 0,75mm2
[20] EMS Accessori
Collegamento effettuato in fabbrica
Collegamento da fare in sede di installazione
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
Installazione dell'unità interna con resistenza elettrica integrata (IDUS E)
10
10.5.4 Schema elettrico di collegamento ingressi per EVU/SG
1
6 720 813 343-20.1I
Fig. 47 Schema elettrico di collegamento ingressi per EVU/SG
[I1]
[I4]
[1]
Ingresso esterno 1 (EVU)
Ingresso esterno 4 (Smart Grid)
Unità interna
Il contatto di commutazione del relè che viene collegato
ai collegamenti 13, 14 e 49, 50 del modulo di installazione deve essere adatto a 5 V e 1 mA.
Collegamento effettuato in fabbrica
Collegamento da fare in sede di installazione
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
49
10
Installazione dell'unità interna con resistenza elettrica integrata (IDUS E)
10.5.5 Schema elettrico di collegamento per EVU/SG
2
3
1
2
3
2
3
1
A
B
4
2
4
3
1
1
C
D
4
4
6 720 810 940-05.2I
Fig. 48 Schema elettrico di collegamento per EVU/SG
[1]
[2]
[3]
[4]
[A]
[B]
[C]
[D]
50
Controllo tariffe
EVU
SG (Smart Grid)
Unità di servizio nell'unità interna
Stato di funzionamento 1, stand-by
funzione EVU = 1
funzione SG = 0
Stato di funzionamento 2, funzionamento normale
funzione EVU = 0
funzione SG = 0
Stato di funzionamento 3, aumento temperatura circuito di riscaldamento
funzione EVU = 0
funzione SG = 1
Stato di funzionamento 4, funzionamento necessario
funzione EVU = 1
funzione SG = 1
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
Installazione dell'unità interna con resistenza elettrica integrata (IDUS E)
10
10.5.6 EVU 1, spegnimento del compressore e della resistenza elettrica integrata
1
2
3
8
9
4
5
6
7
10
6 720 812 913-03.2I
Fig. 49 EVU tipo 1
[1]
[2]
[3]
[4]
[5]
[6]
[7]
[8]
[9]
[10]
Tensione di alimentazione elettrica
Contatore elettrico unità esterna, tariffa bassa
Contatore elettrico unità interna, tariffa bassa
Controllo tariffe
EVU
SG (Smart Grid)
Contatore elettrico edificio, 1 fase tariffa alta
Unità esterna (compressore)
Resistenza elettrica integrata nell'unità interna
Unità di servizio nell'unità interna
* Il relè deve essere adatto alla potenza dell'unità esterna e della resistenza elettrica integrata. Il relè deve essere fornito dall'installatore o dal
fornitore di energia elettrica. Gli ingressi esterni sul modulo di installazione (morsetti di collegamento 13/14 e 49/50) necessitano di un
segnale a potenziale zero. Lo stato per l'attivazione di EVU o funzione
SmartGrid (chiuso o aperto) può essere impostato nella regolazione.
Durante il tempo di blocco sul display viene visualizzato il simbolo del
tempo di blocco.
** Il contatto di commutazione del relè che viene collegato ai collegamenti 13, 14 e 49, 50 del modulo di installazione deve essere adatto a
5 V e 1 mA.
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
51
10
Installazione dell'unità interna con resistenza elettrica integrata (IDUS E)
10.5.7 EVU 2, solo spegnimento del compressore
1
2
3
8
9
4
5
6
7
10
6 720 812 913-02.2I
Fig. 50 EVU tipo 2
[1]
[2]
[3]
[4]
[5]
[6]
[7]
[8]
[9]
[10]
Tensione di alimentazione elettrica
Contatore elettrico unità esterna, tariffa bassa
Contatore elettrico unità interna, tariffa alta
Controllo tariffe
EVU
SG (Smart Grid)
Contatore elettrico edificio, 1 fase tariffa alta
Unità esterna (compressore)
Resistenza elettrica integrata nell'unità interna
Unità di servizio nell'unità interna
* Il relè deve essere adatto alla potenza dell'unità esterna. Il relè deve
essere fornito dall'installatore o dal fornitore di energia elettrica. Gli
ingressi esterni sul modulo di installazione (morsetti di collegamento
13/14 e 49/50) necessitano di un segnale a potenziale zero. Lo stato
per l'attivazione di EVU o funzione SmartGrid (chiuso o aperto) può
essere impostato nella regolazione. Durante il tempo di blocco sul
display viene visualizzato il simbolo del tempo di blocco.
** Il contatto di commutazione del relè che viene collegato ai collegamenti 13, 14 e 49, 50 del modulo di installazione deve essere adatto a
5 V e 1 mA.
52
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
Installazione dell'unità interna con resistenza elettrica integrata (IDUS E)
10
10.5.8 EVU 3, solo spegnimento della resistenza elettrica integrata
1
2
3
8
9
4
5
6
7
10
6 720 812 913-01.2I
Fig. 51 EVU tipo 3
[1]
[2]
[3]
[4]
[5]
[6]
[7]
[8]
[9]
[10]
Tensione di alimentazione elettrica
Contatore elettrico unità esterna, tariffa alta
Contatore elettrico unità interna, tariffa bassa
Controllo tariffe
EVU
SG (Smart Grid)
Contatore elettrico edificio, 1 fase tariffa alta
Unità esterna (compressore)
Resistenza elettrica integrata nell'unità interna
Unità di servizio nell'unità interna
* Il relè deve essere adatto alla potenza della resistenza elettrica integrata. Il relè deve essere fornito dall'installatore o dal fornitore di energia
elettrica. Gli ingressi esterni sul modulo di installazione (morsetti di collegamento 13/14 e 49/50) necessitano di un segnale a potenziale zero.
Lo stato per l'attivazione di EVU o funzione SmartGrid (chiuso o aperto)
può essere impostato nella regolazione. Durante il tempo di blocco sul
display viene visualizzato il simbolo del tempo di blocco.
** Il contatto di commutazione del relè che viene collegato ai collegamenti 13, 14 e 49, 50 del modulo di installazione deve essere adatto a
5 V e 1 mA.
10.6
Inoltre per il collegamento per la disattivazione EVU è necessario un
secondo collegamento della morsettiera all'unità esterna ODU per sfruttare la funzionalità Smart Grid.
Nota: contattare il proprio fornitore di energia elettrica in merito ai vantaggi di utilizzo della funzione Smart Grid.
La funzionalità Smart Grid si attiva automaticamente se l'ingresso
esterno 1 è configurato per la disattivazione EVU.
L'impianto di riscaldamento deve contenere un accumulatore inerziale e
soltanto circuiti di riscaldamento miscelati affinché il comando di avvio
possa risultare efficace.
L'unità esterna ODU lavora in base ai segnali trasmessi dal fornitore di
energia elettrica mediante due cavi di collegamento Smart Grid.
• La sua disattivazione avviene secondo la configurazione disattivazione EVU 1/2/3.
• Lavora normalmente secondo le richieste di calore dal sistema di
riscaldamento.
• Oppure riceve un segnale di avvio per caricare l'accumulatore inerziale. Tuttavia il caricamento può verificarsi solo se la temperatura
nell'accumulatore inerziale è inferiore alla temperatura massima.
Altrimenti l'unità esterna ODU rimane spenta.
Smart Grid
L'unità esterna ODU è Smart Grid Ready. La disattivazione EVU è una
parte di questa funzionalità.
La disattivazione EVU consente al fornitore di energia elettrica di disattivare l'unità esterna ODU. La funzione Smart Grid amplia le possibilità di
intervento del fornitore di energia elettrica in quanto egli può dare un
comando di avvio all'unità esterna ODU in determinati momenti, ad es.
quando la corrente è disponibile a prezzi più vantaggiosi.
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
53
11
10.7
Sfiatare la pompa di calore e l'unità interna
Impianto fotovoltaico
mediante un cavo di comando sotto forma di segnale di avvio. Il cavo di
comando deve essere collegato a uno dei collegamenti esterni disponibili. Il collegamento esterno scelto deve essere configurato nell'unità di
servizio per la funzione PV.
Poiché ci sono soltanto due ingressi esterni per EVU e
PV, non è possibile utilizzarli contemporaneamente.
Collegamento PV nell'ingresso esterno 1 o 4.
La pompa di calore è in grado di elaborare un segnale di comando di un
impianto PV.
Se l'impianto PV fornisce corrente a sufficienza per il funzionamento
della pompa di calore, esso può trasmetterla alla pompa di calore
11
Il sistema di riscaldamento deve contenere un accumulatore inerziale e
soltanto circuiti di riscaldamento miscelati affinché il comando di avvio
possa risultare efficace. Un segnale di avvio provoca il caricamento
dell'accumulatore inerziale fino alla temperatura massima che possa
essere raggiunta dalla pompa di calore. Tuttavia il caricamento può verificarsi solo se la temperatura nell'accumulatore inerziale è inferiore alla
temperatura massima. Altrimenti la pompa di calore rimane spenta.
Sfiatare la pompa di calore e l'unità interna
VC2
Z1
VL1
VC3
PC0
GC1
M
SC1
2
1
VW2
6 720 814 464-10.2I
Fig. 52 Unità interna con riscaldatore supplementare esterno e sistema di riscaldamento
[Z1] Sistema di riscaldamento (senza valvola miscelatrice)
[1] Riscaldatore supplementare esterno
[2] Pompa di calore, unità esterna
[PC0] Circolatore di riscaldamento
[VC2] Valvola di scarico
[VC3] Valvole per impianto di riscaldamento
[VL1] Disaeratore automatico
[GC1]Manometro
[SC1] Filtro impurità
[VW2]Valvola di riempimento circuito di riscaldamento
Vedere fig. 52:
1. Collegare la tensione di alimentazione elettrica per la pompa di calore
e l'unità interna.
2. Assicurarsi che il circolatore PC1 funzioni.
3. Rimuovere il connettore PWM PC0 dal circolatore PC0 affinché esso
possa lavorare al massimo numero di giri.
54
4. Collegare il connettore PMW PC0 alla pompa di ricircolo sanitario se
la pressione non è scesa entro 10 minuti.
5. Sfiatare il riscaldatore supplementare esterno secondo le istruzioni.
6. Pulire il filtro SC1.
7. Controllare la pressione sul manometro GC1 e, se necessario,
aggiungerne con la valvola di riempimento VW2. La pressione
dovrebbe essere 0,3–0,7 bar superiore alla pressione fissata nel
vaso di espansione.
8. Controllare se la pompa di calore funziona e non vengono rilasciati
segnali di disfunzioni.
9. Controllare la pressione dopo un po' e aggiungerne con la valvola di
riempimento VW2 se la pressione è inferiore a quella necessaria.
10.Sfiatare anche mediante le altre valvole di ventilazione del sistema di
riscaldamento (ad es. radiatore).
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
Verifica funzionale
12
Z1
VC2
2
VL1
VC3
GC1
PC0
M
SC1
1
VW2
6 720 814 464-11.2I
Fig. 53 Unità interna con resistenza elettrica integrata e sistema di riscaldamento
[Z1] Sistema di riscaldamento (senza valvola miscelatrice)
[1] Pompa di calore, unità esterna
[2] Valvola di sfiato manuale
[PC0] Circolatore di riscaldamento
[VC2] Valvola di scarico
[VC3] Valvole per impianto di riscaldamento
[VL1] Disaeratore automatico
[GC1]Manometro
[SC1] Filtro impurità
[VW2]Valvola di riempimento circuito di riscaldamento
Vedere fig. 53:
1. collegare tensione di alimentazione elettrica per la pompa di calore e
l'unità interna.
2. Attivare "Solo riscaldatore" e assicurarsi che il circolatore PC1 funzioni.
3. Rimuovere il connettore PWM PC0 del circolatore PC0 affinché esso
possa lavorare al massimo numero di giri.
4. Disattivare la funzione "Solo riscaldatore" se non arriva più aria da
VL1 o dalla valvola automatica di sfiato in alto sulla resistenza elettrica. Chiudere la valvola di sfiato manuale.
5. Collegare il connettore PWM PC0 al circolatore modulante.
6. Pulire il filtro SC1.
7. Controllare la pressione sul manometro GC1 e, se necessario,
aggiungerne con la valvola di riempimento VW2. La pressione
dovrebbe essere 0,3–0,7 bar superiore alla pressione fissata nel
vaso di espansione.
8. Controllare se la pompa di calore funziona e non vengono rilasciati
allarmi.
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
9. Sfiatare anche mediante le altre valvole di ventilazione del sistema di
riscaldamento (ad es. radiatore).
12
Verifica funzionale
▶ Mettere in funzione l'impianto secondo le istruzioni dell'unità di servizio.
▶ Sfiatare l'impianto secondo il capitolo 11.
▶ Testare i componenti attivi dell'impianto secondo le istruzioni
dell'unità di servizio.
▶ Controllare se la condizione di avvio per l'unità esterna è soddisfatta.
▶ Controllare se è presente una richiesta di calore o d’acqua calda.
-oppure▶ Rimuovere l'acqua calda sanitaria o aumentare la curva termocaratteristica per creare una richiesta (eventualmente modificare l'impostazione per Funzionamento di riscaldamento da con una
temperatura esterna superiore).
▶ Controllare se l'unità esterna si avvia.
▶ Assicurarsi che non siano presenti segnali di disfunzioni attuali (istruzioni dell'unità di servizio).
-oppure▶ Risolvere le disfunzioni secondo le istruzioni dell'unità di servizio.
▶ Controllare le temperature di esercizio secondo le istruzioni
dell'unità di servizio.
55
13
12.1
Protezione ambientale
Impostare la pressione di esercizio dell'impianto di
riscaldamento
AVVISO: danni all'apparecchio dovuti all'acqua fredda!
Durante il riempimento dell'acqua di riscaldamento è
possibile che si presentino incrinature sullo scambiatore
primario rovente.
▶ Riempire, tramite l'apposito rubinetto, solo ad apparecchio freddo.
Protezione da surriscaldamento
La protezione surriscaldamento entra in funzione se la temperatura della
resistenza elettrica integrata supera i 95 °C.
▶ Controllare la pressione dell’impianto.
▶ Controllare le impostazioni del riscaldamento e dell'acqua calda sanitaria.
▶ Ripristinare la protezione surriscaldamento. Per farlo premere il
tasto sul lato inferiore della morsettiera ( [2], fig. 33).
12.3
Visualizzazione sul manometro
1 bar
Pressione di riempimento minima
(ad impianto freddo la pressione dell'impianto deve
essere mantenuta circa 0,2–0,5 bar al di sopra della
pressione di precarica del cuscinetto di azoto nel
vaso di espansione. Di norma la pressione di precarica si trova a 0,7–1,0 bar).
2,5 bar
Massima pressione di riempimento con temperatura
massima dell'acqua di riscaldamento: non può essere superata (viene aperta la valvola di sicurezza).
Tab. 14 Pressione d'esercizio
▶ Se non indicato diversamente, riempire a 1,5–2 bar.
▶ Se la pressione non rimane costante, controllare se l'impianto di
riscaldamento è a tenuta e se la capacità del vaso di espansione è sufficiente per l'impianto di riscaldamento.
12.2
Pressostato e protezione contro il surriscaldamento
Il pressostato e la protezione contro il surriscaldamento
sono presenti solo nelle unità interne con resistenza elettrica integrata.
Il pressostato e la protezione contro il surriscaldamento sono collegati in
serie. Il segnale di disfunzione che è eventualmente intervenuto e che è
segnalato sull'unità di servizio e le relative sue informazioni, si riferiscono o ad una pressione dell'impianto insufficiente o ad un'eccessiva
temperatura della resistenza elettrica integrata.
AVVISO: danni materiali dovuti a funzionamento a secco!
Se il circolatore di riscaldamento PC0 funziona a lungo
con una pressione d'esercizio troppo bassa può danneggiarsi.
▶ Risolvere eventuali perdite nell'impianto all'attivazione del pressostato.
Eseguire i controlli delle temperature di esercizio nel funzionamento in riscaldamento (non in funzionamento per
l'acqua calda sanitaria o di raffreddamento).
Per un funzionamento ottimale dell'impianto è necessario controllare la
portata mediante l'unità esterna e l'impianto di riscaldamento. Il controllo dovrebbe essere effettuato dopo che la pompa di calore ha funzionato per 10 minuti con una potenza elevata del compressore.
Impostare la differenza di temperatura per i diversi impianti di riscaldamento mediante l'unità esterna ( istruzioni dell'unità di servizio):
▶ con impianto di riscaldamento a pannelli radianti impostare 5 K come
diff. di temp. riscaldamento.
▶ Con radiatori impostare 8 K come diff. di temp. riscaldamento.
Queste impostazioni sono ideali per l'unità esterna.
Controllare la differenza di temperatura con potenza elevata del compressore:
▶ aprire il menu diagnosi.
▶ Selezionare i valori monitor.
▶ Selezionare l'unità esterna.
▶ Selezionare le temperature.
▶ Leggere la temperatura di mandata primaria (uscita liquido termovettore, sonda TC3) e la temperatura di ritorno (ingresso liquido termovettore, sonda TC0) nel funzionamento in riscaldamento. La
temperatura di mandata deve essere superiore alla temperatura di
ritorno.
▶ Calcolare la differenza TC3 – TC0.
▶ Controllare se la differenza corrisponde al valore delta impostato per
il funzionamento in riscaldamento.
Se la differenza di temperatura è troppo alta:
▶ disaerare l’impianto di riscaldamento.
▶ Pulire i filtri.
▶ Controllare le dimensioni dei tubi.
13
L'attivazione del pressostato blocca soltanto la resistenza elettrica integrata. Il circolatore modulante PC0 e
l'unità esterna possono continuare a funzionare in caso
di pericolo di gelo.
Pressostato
L'unità interna dispone di un pressostato che viene attivato non appena
la pressione nell'impianto di riscaldamento scende sotto a 0,5 bar.
Appena la pressione supera i 0,5 bar il pressostato viene ripristinato
automaticamente.
▶ Accertare che il vaso di espansione e la valvola di sicurezza siano
adatti alla pressione d'esercizio indicata e controllare se
nell'impianto è necessario un altro vaso di espansione.
▶ Controllare eventuali perdite dell'impianto se è necessario un vaso di
espansione più grande.
▶ Aumentare lentamente la pressione nell'impianto di riscaldamento
rabboccando con acqua attraverso la valvola di riempimento.
56
Temperature d'esercizio
Protezione ambientale
La protezione dell’ambiente è un principio aziendale del gruppo Bosch.
La qualità dei prodotti, la redditività e la protezione dell’ambiente sono
per noi obiettivi di pari importanza. Ci atteniamo scrupolosamente alle
leggi e alle norme per la protezione dell'ambiente.
Per proteggere l'ambiente impieghiamo la tecnologia e i materiali
migliori tenendo conto degli aspetti economici.
Imballo
Per quanto riguarda l'imballo ci atteniamo ai sistemi di riciclaggio specifici dei rispettivi paesi, che garantiscono un ottimale riutilizzo.
Tutti i materiali utilizzati per gli imballi rispettano l'ambiente e sonno riutilizzabili.
Apparecchi dismessi elettrici ed elettronici
Gli apparecchi elettrici ed elettronici non più utilizzabili devono essere
raccolti separatamente e riciclati in modo compatibile con l'ambiente
(direttiva europea relativa agli apparecchi dismessi elettrici ed elettro-
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
Ispezione
nici). Per lo smaltimento degli apparecchi dismessi elettrici ed elettronici utilizzare i sistemi di restituzione e di raccolta del rispettivo paese.
14
Ispezione
PERICOLO: pericolo di folgorazione!
▶ Prima dei lavori su componenti elettrici staccare
sempre la corrente.
AVVISO: deformazioni dovute al calore!
A temperature troppo elevate il materiale isolante (EPP)
nell'unità interna si deforma.
▶ Durante i lavori di brasatura nell'unità interna proteggere il materiale isolante con materiali resistenti alle
fiamme o con panni umidi.
Consigliamo verifiche funzionali regolari da parte di un installatore qualificato.
▶ Utilizzare solo parti di ricambio originali!
▶ Richiedere i pezzi di ricambio in base alla relativa lista.
▶ Tutte le guarnizioni o O-Ring che vengono rimosse vanno sostituite
con delle nuove.
Durante un'ispezione devono essere eseguiti i compiti descritti di
seguito.
Visualizzare disfunzioni attivate
▶ Controllare il protocollo delle disfunzioni.
Verifica funzionale
▶ Eseguire una verifica funzionale ( pag. 55).
Posare il cavo elettrico
▶ Controllare che il cavo elettrico non presenti danni meccanici. Sostituzione dei cavi danneggiati.
14
Valori di misura delle sonde di temperatura
Unità interna
Per le sonde di temperatura che vengono collegate o sono collegate
all'unità interna (T0, T1, TW1, TC0, TC1) valgono i valori di misura della
tab. 15, 16 e 17 .

12488
10001
8060
6536
°C
20
25
30
35
°C
40
45
50
55

5331
4372
3605
2989
°C
60
65
70
75

2490
2084
1753
1480
°C
80
85
90
–

1256
1070
915
–
°C
80
85
90
–

1704
1464
1262
–
Tab. 15 Sonda temperatura di mandata T0, TC0, TC1

14772
11981
9786
8047
°C
20
25
30
35
°C
40
45
50
55

6653
5523
4608
3856
°C
60
65
70
75

3243
2744
2332
1990
Tab. 16 Sonda di temperatura dell'acqua calda sanitaria TW1
°C
–40
–35
–30
–25
–20
–15
–10
–5
0
 T...
154300
111700
81700
60400
45100
33950
25800
19770
15280
°C
5
10
15
20
25
30
35
40
45
 T...
11900
9330
7370
5870
4700
3790
3070
2510
2055
°C
50
55
60
65
70
75
80
85
90
 T...
1696
1405
1170
980
824
696
590
503
430
Tab. 17 Sonda di temperatura esterna T1
14.1
Filtro impurità
Il filtro impedisce alle particelle e impurità di raggiungere il condensatore/lo scambiatore di calore. Con il passare del tempo il filtro si può
intasare e deve quindi essere pulito.
Pulizia della maglia del filtro
▶
▶
▶
▶
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
Chiudere la valvola (1).
Svitare il tappo (manualmente) (2).
Togliere il filtro e pulirlo sotto l'acqua corrente o con aria compressa.
Rimontare il filtro. Per un corretto montaggio fare attenzione che le
sporgenze di guida si adattino alle scanalature sulla valvola (3).
57
15
Idoneità di collegamento per modulo IP (web KM200)
Messa in funzione
1
2
Durante la messa in funzione rispettare la documentazione del router.
1.
Il router deve essere impostato nel modo seguente:
• DHCP attivo
• Le porte 5222 e 5223 non devono essere bloccate per la comunicazione in uscita.
• Indirizzo IP presente libero
• Filtro indirizzi (filtro MAC) adattato al modulo.
2.
3
4
2.
1.
6 720 805 915-01.1I
Fig. 54 Variante del filtro senza anello di sicurezza
▶ Avvitare nuovamente il tappo (manualmente).
▶ Aprire la valvola (4).
15
Idoneità di collegamento per modulo IP
(web KM200)
L'unità interna può essere collegata a internet (impostare segnale di
linea libera) mediante il modulo IP (accessorio) e comandata tramite
smartphone o tablet. Il modulo serve come interfaccia tra l'impianto di
riscaldamento e una rete (LAN) e permette così la funzione SmartGrid.
Per l'utilizzo di tutte le funzioni sono necessari un accesso ad internet e un router con un'uscita RJ45 libera. Per
questo possono presentarsi ulteriori costi. Per il controllo dell'impianto mediante cellulare è necessaria l'applicazione Buderus EasyControl.
Per la messa in esercizio del modulo IP esistono le seguenti possibilità:
• Internet
Il modulo IP acquisisce automaticamente un indirizzo IP dal router.
Nelle impostazioni di base del modulo sono registrati il nome e l'indirizzo del server di destinazione. Non appena viene creata una connessione internet, il modulo si registra automaticamente sul server
Buderus.
• Rete locale
il modulo non necessita assolutamente di un accesso ad internet. Può
essere utilizzato anche in una rete locale. In tal caso non è possibile
tuttavia accedere all'impianto di riscaldamento tramite internet e il
software del modulo IP non viene aggiornato automaticamente.
• Applicazione Buderus EasyControl
Al primo avvio dell'applicazione viene richiesta l'immissione di nome
utente e password preimpostati di fabbrica per il login. I dati per il
login sono stampati sulla targhetta identificativa del modulo IP.
AVVISO: con una sostituzione del modulo IP si perdono
i dati per il login!
Per ogni modulo IP hanno valore i propri dati di login.
▶ Dopo la messa in funzione inserire i dati di login nel
relativo campo delle istruzioni utente.
▶ Dopo una sostituzione sostituire con i dati del nuovo
modulo IP.
▶ Informare l'utente.
1
2
6 720 809 156-41.1I
Fig. 55 Modulo IP
[1]
[2]
58
Collegamento RJ45
Targhetta identificativa per modulo IP
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
Protocollo di messa in funzione
16
16
Protocollo di messa in funzione
Data della messa in funzione:
Indirizzo del cliente:
Cognome, nome:
Recapito postale:
Località:
Telefono:
Azienda installatrice:
Cognome, nome:
Via:
Località:
Telefono:
Dati sul prodotto:
Tipo di prodotto:
TTNR:
Numero di serie:
N. FD:
Componenti dell'impianto:
Conferma/valore
Telecomando ambiente senza sensore di umidità
 Sì |  No
Telecomando ambiente con sensore di umidità
 Sì  No
Sensore di umidità montato in posizione corretta. Numero________________ore
 Sì  No
Fonte di calore supplementare esterna: elettrica/gasolio/gas
 Sì  No
Tipo:________________________Potenza(kW):_____________________________Numero di serie:
Collegamento impianto solare effettuato conformemente allo schema idraulico  Sì  No
ed elettrico?
Accumulatore inerziale collegato secondo soluzione impianto?
 Sì  No
Tipo______________________Volume (l):_____________________Numero di serie:
Accumulatore/bollitore d'acqua calda sanitaria collegato secondo lo schema
 Sì  No
idraulico?
Tipo______________________Volume (l):_____________________Superficie di riscaldamento (m2)____________________Numero di serie:
Altri componenti (moduli accessori, ad esempio MM100, SM 100, MP 100)
 Sì  No
Quale/numero?
Distanza minima unità esterna:
L'unità esterna poggia su una superficie solida e piana?
 Sì  No
L'unità esterna è fissata in modo sicuro?
 Sì  No
Vengono rispettate le distanze minime indicate?
 Sì  No
Distanza minima dalla parete? …… mm
Distanze minime laterali? …… mm
Distanza minima dal soffitto? …… mm
Distanza minima dall'unità esterna? …… mm
L'unità esterna è posizionata in modo che la neve e la pioggia non possano scivo-  Sì  No
lare/gocciolare dal tetto?
L'unità esterna è installata in modo che la direzione in cui soffia il ventilatore sia  Sì  No
opposta all'edificio?
Tubo flessibile di scarico della condensa unità esterna
Il tubo flessibile di scarico della condensa è montato in modo che la condensa
 Sì  No
possa essere scaricata anche in inverno senza ghiacciare?
Il tubo flessibile di scarico della condensa è dotato di un cavo di riscaldamento?  Sì  No
Collegamenti all'unità esterna
I collegamenti sono stati eseguiti a regola d'arte?
 Sì  No
Sussiste la possibilità di effettuare una disaerazione sufficiente dei collegamenti?  Sì  No
I collegamenti sono stati isolati correttamente?
 Sì  No
Distanza minima unità interna:
Vengono rispettate le distanze minime indicate?
 Sì  No
Distanza minima dalla parete? …… mm
Distanza minima dall'unità interna? …… mm
Impianto di riscaldamento:
Tab. 18 Protocollo di messa in funzione
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
59
16
Protocollo di messa in funzione
Pressione rilevata nel vaso di espansione? …….. bar
L'impianto di riscaldamento è stato lavato prima dell'installazione?
L'impianto di riscaldamento è stato riempito nel vaso di espansione a ...... bar
secondo la pressione di precarico rilevata?
Il filtro è stato pulito?
L'impianto di riscaldamento è dotato di un impianto di riscaldamento a pannelli
radianti?
L'impianto di riscaldamento è dotato di radiatori?
L'impianto di riscaldamento è dotato di radiatori e di un impianto di riscaldamento a pannelli radianti?
Altro (ventilconvettore ecc.)?
L'impianto di riscaldamento è stato eseguito secondo un progetto asseverato?
È stato eseguito un trattamento delle acque di riempimento?
Descrivere il tipo di trattamento delle acque di riempimento.
 Sì  No
 Sì  No
 Sì  No
 Sì  No
 Sì  No
 Sì  No
 Sì  No
 Sì  No
Le valvole di sicurezza vengono scaricate in uno scarico?
 Sì  No
Le impostazioni per la velocità di rotazione del motore della valvola miscelatrice  Sì  No
sono state effettuate correttamente nei circuiti di riscaldamento?
È stata attivata l'asciugatura del massetto?
 Sì  No
Annotare le impostazioni dei circuiti di riscaldamento (temperatura massima, curva termocaratteristica, limiti ecc.):
Circuito di riscaldamento 1:
Circuito di riscaldamento 2:
Circuito di riscaldamento 3:
Circuito di riscaldamento 4:
Sistema per acqua calda sanitaria:
È stata attivata la precedenza acqua calda sanitaria?
 Sì  No
Ora impostata per disinfezione termica:
Temperatura dell’acqua calda impostata:_________________________________ °C
Collegamento elettrico:
I cavi di bassa tensione sono stati posati a una distanza minima di 100 mm dai
 Sì  No
cavi a 230/400 V?
I collegamenti CAN-BUS sono stati eseguiti a regola d'arte?
 Sì  No
È stato collegato un dispositivo di controllo potenza?
 Sì  No
Gli interruttori di terminazione sono stati impostati correttamente?
 Sì  No
La sonda di temperatura esterna T1 si trova sul lato più freddo della casa?
 Sì  No
Le sonde della temperatura (T0, TC1) sono state posizionate correttamente
 Sì  No
secondo la soluzione dell'impianto?
Collegamento elettrico:
La sequenza di fasi L1, L2, L3, N e PE nell'unità esterna ed interna è corretta?
 Sì  No
Il collegamento elettrico è stato eseguito secondo le istruzioni per l'installazione?  Sì  No
Fusibile automatico per unità esterna e resistenza elettrica integrata, (Ampere) caratteristica (B o C)?
Funzionamento manuale:
È stato eseguito un test di funzionamento dei singoli gruppi di componenti (circo-  Sì  No
latore modulante, valvola miscelatrice, valvola deviatrice a 3 vie ecc.)?
Note:
I valori di temperatura sono stati controllati e documentati nel menu?
 Sì  No
________ °C
T0
________ °C
T1
________ °C
TW1
________ °C
TC0
________ °C
TC1
Impostazioni della pompa di calore:
Temperatura dell’acqua calda sanitaria impostata:_________________________________ °C
Differenza di temperatura per il circolatore modulante PC0 impostata su_________________________ °C
Impostazioni per riscaldatore supplementare esterno elettrico:
Ritardo di avvio (min.):
Tab. 18 Protocollo di messa in funzione
60
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
Protocollo di messa in funzione
16
Programmi orari attivati/EVU per riscaldatore supplementare esterno elettrico  Sì  No
Bloccare il riscaldatore supplementare esterno
 Sì  No
Riscaldatore supplementare esterno elettrico, impostazioni per potenza di collegamento in funzionamento parallelo con il compressore (kW):
Riscaldatore supplementare esterno, temperatura massima
________ °C
Potenza elettrica (visualizzazione del valore attuale)
Funzioni di sicurezza:
In caso di temperature esterne basse bloccare l'unità esterna. Impostazione a … °C
L'installazione preesistente corrisponde a una soluzione dell'impianto raffigurata  Sì  No
nelle istruzioni per l'installazione o nella documentazione tecnica per il progetto?
La messa in funzione è stata eseguita correttamente?
 Sì  No
Sono necessari altri interventi dell'installatore?
 Sì  No
Note:
Firma dell'installatore:
Firma del cliente:
Tab. 18 Protocollo di messa in funzione
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
61
16
Note
62
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
16
Note
IDUS 6-13.2 E/B – 6 720 816 407 (2015/06)
63
Italia
Robert Bosch S.p.A.
Settore Termotecnica
20149 Milano
Via M. A. Colonna, 35
Tel.: 02/4886111
Fax: 02/48861100
www.buderus.it
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement