Testo della pubblicazione

Testo della pubblicazione
L’ENTE BILATERALE NAZIONALE DEL TURISMO (EBNT), è un organismo
paritetico costituito nel 1991 dalle organizzazioni sindacali nazionali dei
datori di lavoro e dei lavoratori maggiormente rappresentative nel
settore Turismo: Federalberghi, Fipe, Fiavet, Faita, Federreti, Filcams CGIL, Fisascat - CISL, UILTucs - UIL.
EBNT, è un ente senza fini di lucro e costituisce uno strumento per lo
svolgimento delle attività individuate dalle parti stipulanti il CCNL
Turismo in materia di occupazione, mercato del lavoro, formazione e qualificazione professionali.
EBNT svolge e promuove attività di studio e ricerca, sperimentazione, documentazione, informazione e
valutazione. Fornisce un supporto tecnico- scientifico e alla rete degli Enti Bilaterali Territoriali sulle
politiche e sui sistemi della formazione e dell’apprendimento continuo, del mercato del lavoro e
dell’inclusione sociale, ne coordina il lavoro e ne definisce le linee operative di indirizzo. EBNT riveste un
ruolo determinante nella creazione e consolidamento dell’occupazione di settore e ne studia l’evoluzione,
anche in relazione al tema delle pari opportunità, promuovendo interventi mirati volti al superamento di
ogni forma di discriminazione nel luogo di lavoro. L’impegno di EBNT, inoltre, è quello di offrire risposte
alle situazioni di crisi congiunturali che si manifestano sul territorio nazionale, intervenendo con forme di
sostegno al reddito a favore dei lavoratori dipendenti, salvaguardando l’occupazione e la professionalità
degli addetti. EBNT ha investito sul valore della bilateralità, interpretando le relazioni tra l’impresa e il
sindacato come una risorsa.
L’Agenzia Generale Studi e Gestioni S.r.l. è una società
di assistenza e consulenza in materia di studi e ricerche
nel settore della distribuzione commerciale, del turismo e
dei servizi, attività editoriale, stampa periodica e non,
riviste, produzione di supporti informatici e televisivi,
Via Nizza, 128 – 00198 Roma
Tel. 06 84 24 22 47
Fax 06 85 35 47 79
[email protected] www.agsg.it
formazione professionale (dalla ideazione e progettazione
alla
gestione
operativa
di
progetti
pilota
finanziati
dall’UE, azioni di sistema FSE/Ministero del Lavoro,
programmi regionali di formazione e corsi tematici).
In particolare, per quanto attiene alle attività di formazione per gli adulti, svolge iniziative formative
per lavoratori dipendenti, quadri e lavoratori autonomi, e apprendistato per i settori turismo,
commercio, terziario, terziario avanzato e servizi, in materia di sicurezza e igiene nei luoghi di
lavoro per le figure indicate dal decreto legislativo 81 del 2008, antincendio e primo soccorso;
nell’area
comportamentale,
con
particolare
riguardo
a
comunicazione,
negoziazione
e
contrattazione; nelle materie di carattere tecnico-amministrativo, informatica e tecniche di gestione
contabile ed amministrazione del personale. Per queste attività si avvale della collaborazione sia in
fase di progettazione
che di realizzazione dei corsi, di professionisti con esperienza pluriennale,
quali medici di lavoro, ingegneri, architetti, docenti di diritto del lavoro, psicologi del lavoro,
sociologi, esperti in comunicazione, PNL, coaching, esperti di gestione finanziaria, tecnica bancaria,
previdenza e docenti madrelingua per i corsi di lingue straniere.
Proprietà riservata
La ricerca “la prevenzione incendi nelle strutture ricettive” ed i relativi diritti di utilizzazione
economica, sono di esclusiva proprietà dell’Ente Bilaterale Nazionale del settore Turismo che
ha acquisito il diritto di utilizzarli, cederne la proprietà o diffonderli in modo parziale o totale in
qualsiasi forma, direttamente o indirettamente.
L’opera è stata realizzata grazie al contributo che le imprese ed i lavoratori sono tenute a
versare agli Enti Bilaterali ai sensi del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per i dipendenti
da aziende del settore Turismo stipulato il 6 ottobre 1994 e successivi rinnovi.
L’elaborazione della ricerca è stato realizzata da A.G.S.G. s.r.l.
Autore della ricerca: Paola Ricciardi e Antonio Terracina
Coordinamento: Parmenio Stroppa
INDICE
Premessa ....................................................................................................... 1
Introduzione .................................................................................................. 3
1.
L’incendio ............................................................................................... 5
1.1 La combustione ........................................................................................ 6
1.2 Le sorgenti di innesco ................................................................................ 8
1.3 Le cause di propagazione dell’incendio ......................................................... 8
1.4 I prodotti della combustione ed i rischi per la salute umana ........................... 9
1.5 Le sostanze estinguenti ........................................................................... 10
2.
Le principali cause di incendio .............................................................. 15
2.1 Le cause di origine elettrica ...................................................................... 16
2.2 Le cause di origine termica dovute a macchine ed impianti........................... 16
2.3 Le cause derivate dalla negligenza dei lavoratori o degli utenti ..................... 17
2.4 Le azioni dolose ...................................................................................... 18
2.5 Le aree a maggior rischio incendio nelle strutture ricettive ........................... 18
3.
La protezione antincendio ..................................................................... 21
3.1 La protezione antincendio passiva ............................................................. 21
3.2 La protezione antincendio attiva ............................................................... 24
4.
I protagonisti della lotta antincendio ................................................... 31
4.1 Le responsabilità del gestore della struttura ............................................... 32
4.2 Il responsabile della sicurezza antincendio ................................................. 32
4.3 La squadra di emergenza, designazione, formazione e compiti ..................... 33
4.4 I lavoratori, l’informazione e la formazione................................................. 35
4.5 Le esercitazioni antincendio...................................................................... 36
5.
Le misure di prevenzione incendi nelle strutture ricettive ..................... 39
5.1 Le istruzioni di sicurezza .......................................................................... 40
5.2 Garantire la sicurezza degli ospiti .............................................................. 41
5.3 Il piano antincendio................................................................................. 42
5.4 Le corrette modalità di evacuazione .......................................................... 43
5.5 La collaborazione con i vigili del fuoco ....................................................... 44
6.
Le misure di prevenzione incendi nei rifugi alpini ................................. 45
7.
La normativa in vigore .......................................................................... 47
8.
Le tre categorie di rischio ed i relativi adempimenti.............................. 49
8.1 Strutture ricettive tra i 25 e i 50 posti letto: Categoria A – Rischio basso ....... 50
8.2 Strutture ricettive tra i 50 e i 100 posti letto e strutture turistico-ricettive
all’aria aperta: Categoria B – Rischio Medio ................................................ 51
8.3 Strutture ricettive con oltre 100 posti letto: Categoria C – Rischio Elevato ..... 52
9.
Gli accertamenti degli organi di vigilanza: la documentazione richiesta 53
10. Esempi di schede di istruzioni pratiche per l’emergenza incendio ........ 55
Allegato 1: Elenco della principale normativa antincendio ........................... 61
Premessa
Le norme in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, per la fattispecie di prevenzione
degli incendi, obbliga il datore di lavoro, in relazione alla specifica natura dell’attività di cui è
responsabile, ad assicurare una solida formazione ai lavoratori che per motivi inerenti al
servizio, possono essere la prima linea di intervento in caso di principio di incendio per la tutela
personale dei soggetti coinvolti ed a quella delle comunità che frequentano le aziende
alberghiere, complessi turistico-ricettivi all’aria aperta, rifugi alpini, alberghi diurni.
In particolare i lavoratori devono conoscere:
1. le attrezzature di lavoro;
2. le sostanze o i preparati chimici;
3. la sistemazione dei luoghi di lavoro;
4. le vie di fuga per garantire l’incolumità dei clienti;
5. allertare senza indugio, in caso di incendio, la direzione ed i responsabili;
6. utilizzare correttamente le attrezzature antincendio portatili (estintori);
7. leggere e conoscere i segnali di divieto e salvataggio previsti dalla norma.
Il datore di lavoro pertanto deve elaborare un “documento” contente:
•
la valutazione dei rischi per la sicurezza e la salute durante il lavoro;
•
l’individuazione delle misure di prevenzione e protezione da adottare;
•
il programma delle misure da adottare ritenute più opportune per garantire nel tempo il
miglioramento delle sicurezza,
La normativa vigente fornisce i criteri per la valutazione dei rischi d’incendio nei luoghi di
lavoro per indicare le misure di prevenzione da adottare al fine di evitare che possa innescarsi
un incendio e di portare in salvo le persone esposte, nel caso in cui l’incendio si fosse
comunque innescato.
Il presente documento offre lo spunto, al personale con competenze non specifiche, per
conoscere le modalità di intervento al fine di garantire l’incolumità di tutti i presenti negli
ambiti operativi del comparto.
Pag. 1
Introduzione
Lo scopo di questo opuscolo è quello di presentare una sintesi delle misure e delle azioni da
intraprendere per rendere una struttura turistico ricettiva il più sicura possibile di fronte ad
un’emergenza grave quale quella di un incendio.
La realtà di questi particolari strutture che sono al tempo stesso luoghi di lavoro e locali aperti
al pubblico
è infatti molto complessa perché estremamente eterogenea. Si va da strutture
situate in ambiti urbani, a residenze immerse nel verde fino ad arrivare ai campeggi e ai rifugi
alpini, tutti con capienza variabile.
Inoltre la presenza di utenti
ovviamente non addestrati ad affrontare queste situazioni e
quindi ignari del pericolo insito in alcuni comportamenti erronei, rende fondamentale la
conoscenza da parte dei lavoratori dei principali temi dell’antincendio.
L’opuscolo è quindi rivolto principalmente ai tutti i lavoratori del settore ed ai loro
rappresentanti, al fine di aumentare la consapevolezza sui rischi connessi al possibile verificarsi
di un incendio e di rendere meno pericolose le attività quotidiane,.
Si è quindi cercato di semplificare il più possibile i tecnicismi propri della materia trattando
comunque tutti gli argomenti ritenuti indispensabili ad affrontare un’emergenza incendio.
Inoltre nei capitoli 8, 9 e 10 vengono presentati argomenti utili per i datori di lavoro ovvero la
normativa in vigore e gli adempimenti richiesti ai fini della sicurezza antincendio delle strutture
ricettive.
La focalizzazione dei concetti principali presentati nei vari capitoli, è facilitata da schemi
introduttivi che avvicinano il lettore alle tematiche trattate e lo guidano alla ricerca degli
argomenti che desidera approfondire.
Pag. 3
1. L’incendio
L’incendio: come si origina…
Fiamme
Innesco
Fumo
Calore
Propagazione
Gas tossici
…come si estingue
L’incendio è fenomeno di combustione del quale non si ha il controllo. Durante un incendio vi è
un notevole sviluppo di calore, fiamme, fumi e gas caldi che possono provocare danni alle
persone e/o alle cose.
In una struttura ricettiva, luogo frequentato da persone diverse (lavoratori, ospiti, partecipanti
a congressi), spesso affollato sia di giorno che di notte, l’eventuale verificarsi di un incendio
può avere conseguenze drammatiche
se
non
si
è più
che preparati
ad
affrontare
tempestivamente l’emergenza.
Per prevenire e combattere gli incendi è necessario imparare a conoscere le cause e le
condizioni che possono favorire l’innesco di una combustione incontrollata, al fine di adottare
misure precauzionali in grado di:
•
evitare lo sviluppo dell’incendio,
•
limitare la sua propagazione,
•
domarlo il più rapidamente possibile tramite i dispositivi di lotta agli incendi, o con la
collaborazione dei VV.F,
Pag. 5
•
mettere rapidamente al sicuro le persone presenti sul luogo.
L’obiettivo fondamentale che si pone la prevenzione incendi è quello della salvaguardia delle
vite umane e, come conseguenza, quello della tutela dei beni e dell’ambiente.
1.1 La combustione
Per combustione s’intende una reazione chimica di ossidazione accompagnata da sviluppo di
luce e calore, con o senza fiamma.
Perché si verifichi una combustione è necessaria la contemporanea presenza di tre elementi
(figura 1): combustibile, comburente (normalmente ossigeno) e sorgente di innesco (che può
anche essere semplicemente il calore).
Figura 1: Triangolo del fuoco
Il triangolo del fuoco mostra come un incendio può essere innescato se risultano presenti tutti
e tre i lati che compongono il triangolo e se l’ossigeno (comburente) raggiunge un minimo di
concentrazione, generalmente non inferiore al 15%.
Al venir meno di uno dei tre elementi che compongono il triangolo del fuoco (combustibile,
comburente, calore), viene meno la possibilità dello svilupparsi di un incendio.
Il combustibile
Il combustibile è una sostanza capace di bruciare all’aria, sviluppando calore. Può essere
solido, liquido o gassoso, naturale o artificiale.
Ad esempio il legno è un
combustibile solido naturale,
mentre il carbone di legna è
un
combustibile
solido
artificiale.
Pag. 6
Il petrolio è invece un combustibile liquido naturale, mentre la benzina
è un combustibile
liquido artificiale. Il metano e l’idrogeno sono esempi di combustibili gassosi naturali e gas
quali l’acetilene o l’ossido di carbonio sono combustibili gassosi artificiali.
Il comburente
Il comburente è la sostanza che partecipa alla combustione come ossidante. Generalmente è
costituito dall’ossigeno presente nell’aria atmosferica.
Affinché la combustione possa verificarsi non è sufficiente la contemporanea presenza di
combustibile e comburente.
Il combustibile deve essere infatti riscaldato, almeno in parte, fino al raggiungimento della
propria temperatura di accensione.
L’innesco e la temperatura d’infiammabilità
La temperatura d’infiammabilità, o punto d’infiammabilità, è la temperatura minima alla quale
un combustibile (solido o liquido) emette vapori in quantità sufficiente a fornire con l’aria una
miscela infiammabile che possa dare inizio ad una combustione in presenze di un innesco (vedi
paragrafo 2.2).
Ciò che brucia effettivamente, infatti, sono i vapori del combustibile non lo stesso in fase solida
o liquida.
Ad esempio la benzina ha un punto d’infiammabilità pari a -42.8 °C.
Il valore della temperatura di infiammabilità è importante in quanto, i liquidi con un punto
d’infiammabilità più basso potranno infiammarsi anche a temperature ambientali, mentre quelli
con un punto d’infiammabilità più elevato, hanno bisogno di temperature più elevate per poter
emettere vapori in sufficiente quantità.
La benzina quindi potrà infiammarsi facilmente in ogni latitudine ed in ogni stagione dell’anno.
La reazione al fuoco dei combustibili
I materiali solidi, in base alle loro caratteristiche, possono incendiarsi più o meno facilmente e
successivamente partecipare o meno alla combustione.
In base a tali caratteristiche questi materiali vengono classificati come:
• non combustibili, che non possono bruciare (ad esempio il vetro);
• difficilmente combustibili, che possono bruciare se vengono a contatto con una sorgente di
accensione, ma una volta allontanati da tale fonte, smettono di bruciare (in quanto non sono in
grado di bruciare da soli);
• combustibili, che una volta innescati, bruciano da soli (ad esempio legno, plastica, carta).
Pag. 7
1.2 Le sorgenti di innesco
Le fonti d’innesco possono essere suddivise in quattro categorie:
•
accensione diretta: quando una fiamma, una scintilla o altro
materiale incandescente entra in contatto con un materiale combustibile
in presenza di ossigeno (taglio e saldatura di metalli, fiammiferi e
mozziconi di
sigaretta, lampade e resistenze elettriche, scariche
statiche, ecc ...);
•
accensione indiretta: quando il calore d’innesco viene raggiunto attraverso fenomeni
fisici di conduzione termica (correnti di aria calda generate da un incendio e diffuse
attraverso un vano scala o altri collegamenti verticali negli edifici; propagazione di
calore attraverso elementi metallici strutturali degli edifici);
•
attrito:
quando
il
calore
è
prodotto
dallo
sfregamento
di
due
materiali.
(malfunzionamento di parti meccaniche rotanti quali cuscinetti, motori; urti; rottura
violenta di materiali metallici);
•
autocombustione o riscaldamento spontaneo: quando il calore viene prodotto dallo
stesso combustibile attraverso reazioni chimiche o biochimiche spontanee (cumuli di
carbone, stracci o segatura imbevuti di olio di lino, polveri di ferro o nichel,
fermentazione di vegetali).
1.3 Le cause di propagazione dell’incendio
Uno degli scopi delle azioni di prevenzione e protezione incendi è quello di fare in modo che, se
malgrado tutte le precauzioni adottate, l’incendio si inneschi comunque, non possa facilmente
propagarsi nei locali vicini a quello in cui si è verificato.
Pertanto nei luoghi di lavoro sarà opportuno:
evitare l’accumulo di eccesso di materiali combustibili di scarto (carta, cartone, stracci,
arredi lignei ecc.);
assicurare la presenza dei necessari dispositivi di lotta agli incendi e la loro corretta
manutenzione
per
evitare
che,
all’occorrenza,
possano
presentare
anomalie
di
funzionamento;
vigilare affinché negli ambienti di lavoro non siano presenti sostanze infiammabili non
opportunamente custodite ed in quantità superiore allo stretto necessario;
vigilare che le porte resistenti al fuoco siano tenute chiuse (quando non previsto il
contrario);
assicurare la vigilanza anche nelle aree normalmente non frequentate, come scantinati,
magazzini, depositi ecc..
Pag. 8
1.4 I prodotti della combustione ed i rischi per la salute
umana
I prodotti della combustione si possono suddividere in quattro categorie:
fiamme: sono costituite dall’emissione di luce a seguito della combustione dei gas sviluppatisi
in un incendio. Dal colore delle fiamme è possibile valutare approssimativamente il valore
raggiunto dalla temperatura di combustione.
Colore della fiamma
Temperatura (°C)
Rosso nascente
525
Rosso scuro
700
Rosso ciliegia
900
Giallo scuro
1100
Giallo chiaro
1200
Bianco
1300
Bianco abbagliante
1500
calore: Il calore è la causa principale della propagazione degli incendi. Esso provoca
l’aumento della temperatura che può danneggiare i materiali e i corpi esposti, fino a
distruggerli.
I pericoli per l’uomo derivano pertanto sia dal contatto diretto di parti del corpo con fiamme e
materiali incandescenti, sia dall’esposizione al calore radiante dell’incendio, che possono
provocare ustioni di vario grado, aumento della temperatura corporea oltre i limiti fisiologici
(ipertermia), arresto della respirazione per collasso dei capillari sanguigni, dovuto all’aria molto
calda.
Inoltre l’alta temperatura proveniente dalle fiamme, può provocare crolli degli edifici a seguito
del collasso delle strutture o la rottura di tubazioni di gas, con conseguente pericolo di
esplosione.
Pag. 9
gas di combustione: sono i prodotti della combustione che rimangono allo stato gassoso
anche quando raggiungono, raffreddandosi, la temperatura ambiente. I principali gas di
combustione sono:
monossido di carbonio, aldeide acrilica, anidride carbonica, fosgene, idrogeno solforato,
ammoniaca, anidride solforosa, ossido e perossido di azoto, acido cianidrico, acido cloridrico.
In base al tipo di combustibile, alla percentuale di ossigeno presente e alla temperatura
raggiunta nell’incendio, la produzione dei gas varia ma, nella maggior parte dei casi, la loro
inalazione è comunque responsabile della mortalità per incendio dovuta a danni biologici per
mancanza di ossigeno o avvelenamento da gas tossici. Nello sviluppo di un incendio, infatti, i
pericoli per l’uomo sono in gran parte di origine respiratoria a causa della reazione di
combustione che consuma l’ossigeno presente nell’aria provocando sintomi che vanno
dall’affaticamento, allo stato confusionale, fino alla perdita di conoscenza.
fumo: I fumi sono formati da piccolissime particelle solide (aerosol) e liquide (nebbie o vapori
condensati).
Il pericolo dei fumi in un incendio deriva dalla riduzione della visibilità che può far perdere
l’orientamento alle persone presenti, anche in luoghi di lavoro a queste ben noti e che può far
imboccare percorsi che non conducono in luoghi sicuri o in aree a cielo aperto. Inoltre il fumo,
rende difficoltoso anche l’intervento dei soccorsi.
1.5
Le sostanze estinguenti
Le sostanze estinguenti sono prodotti naturali o artificiali, allo stato solido, liquido o gassoso, in
gradi di estinguere un incendio. Esse agiscono attraverso tre meccanismi: raffreddamento
(sottrazione di calore), sottrazione del combustibile e soffocamento (sottrazione del
comburente).
Gli estinguenti maggiormente utilizzati sono:
l’acqua;
la schiuma;
le polveri (chimiche e speciali);
gas inerti (principalmente anidride carbonica);
gli agenti estinguenti alternativi agli idrocarburi alogenati o halon (vietati perché
distruggono la fascia di ozono stratosferico).
La scelta dell’estinguente da utilizzare in un determinato luogo di lavoro dipende dal tipo di
attività; dall’organizzazione del lavoro; dalle sostanze utilizzate; dagli impianti, dalle macchine
e dalle apparecchiature installate ecc..
Pag. 10
Inoltre occorre considerare le sostanze combustibili da cui le fiamme hanno origine ossia la
“classe di fuoco” alla quale l’eventuale incendio potrebbe appartenere (tabella 2).
Le apparecchiature elettriche in tensione non appartengono a nessuna classe di fuoco ma
gli agenti estinguenti più adatti sono: anidride carbonica (CO2), polveri chimiche e sostituti
degli idrocarburi alogenati. Assolutamente vietata l’acqua.
Tabella 2: Classificazione dei fuochi (Norma UNI EN 2:20053)e sostanze estinguenti usate
Descrizione
Classe di
Estinguente
fuoco
Classe A
Fuochi
da
materiali
(legname,
carbone,
solidi
Acqua, schiuma, polveri chimiche
carta,
tessuti, gomma, ecc.)
Classe B
Fuochi da liquidi o da solidi
liquefatti (benzine, oli, vernici,
polveri chimiche
solventi ecc.)
Classe C
Fuochi
da
Schiuma, anidride carbonica (CO2) e
gas
(idrogeno,
metano, acetilene, GPL ecc.)
Anidride carbonica (CO2),
polveri chimiche,
sostituti degli idrocarburi alogenati
Classe D
Fuochi
da
metalli
(alluminio,
magnesio, sodio, potassio, litio
ecc.)
Classe F
Fuochi da materiali da cottura
in apparecchi da cottura
Anidride carbonica (CO2),
polveri chimiche
Schiuma
Le sostanze estinguenti possono essere utilizzate in due modi:
1) impiego localizzato, quando l’estinguente viene indirizzato direttamente sulle fiamme,
tramite idranti ed estintori portatili e carrellati;
2) saturazione totale del locale, realizzabile solo in ambienti chiusi, quando l’ambiente
interessato dall’incendio, viene saturato tramite appositi impianti di estinzione incendi.
L’acqua
L’acqua è il capostipite delle sostanze estinguenti: si può trovare
ovunque ed ha un costo basso, tuttavia non è sempre utilizzabile.
L’acqua viene erogata attraverso idranti, naspi, attacchi di mandata
per autopompa dei Vigili del Fuoco, impianti automatici e/o manuali
di estinzione incendi ed, in alcuni casi, anche negli estintori.
Pag. 11
L’acqua, è ideale per lo spegnimento di fuochi di classe “A” (fuochi da solidi) e con alcune
precauzioni, anche per fuochi di classe “B” (fuochi da liquidi), deve però essere evitata
fuochi di
in
classe “D” (metalli), perché potrebbe provocare reazioni esplosive, in presenza di
sostanze chimiche reattive all’acqua, come il sodio ecc., e in presenza di apparecchiature
elettriche in tensione, a causa del rischio di folgorazione per l’utilizzatore.
L’azione estinguente dell’acqua avviene tramite:
raffreddamento (sottrazione calore),
riduzione della concentrazione di ossigeno (comburente) grazie alla produzione di
vapore acqueo,
diluizione di sostanze infiammabili solubili in acqua fino a renderle non più tali;
La schiuma
La schiuma è un agente estinguente composto da una soluzione in acqua
di un liquido schiumogeno con l’aggiunta di sostanze che le impartiscono
resistenza meccanica e resistenza al fuoco.
Possono essere a bassa, media o alta espansione a seconda del volume di
schiuma che sono in grado di produrre.
Può essere utilizzata per applicazione diretta sul rogo, tramite estintori
portatili o carrellati o tramite impianti fissi di spegnimento automatico
d’incendio.
L’azione estinguente della schiuma avviene essenzialmente per soffocamento, in quanto si
frappone tra il combustibile e il comburente (l’ossigeno), separandoli. Inoltre l’evaporazione
dell’acqua presente nella schiuma provoca una modesta azione di raffreddamento.
Le schiume, sono ottimi estinguenti per i fuochi di classe “A” e “B” (fuochi da materiali solidi e
liquidi), sono assolutamente da evitare per i fuochi di classe “D” (fuochi da metalli) e in
presenza di apparecchiature elettriche in tensione per le stesse ragioni per cui occorre evitare
l’acqua.
Le polveri estinguenti
Le polveri estinguenti, sono costituite da miscele di sostanze chimiche sotto forma di particelle
solide finissime e vengono suddivise in polveri chimiche e polveri speciali.
Le polveri sono adatte per fuochi di classe A, B e C, mentre per incendi di classe D devono
essere utilizzate polveri speciali.
L’azione estinguente delle polveri è prodotta dalla decomposizione delle stesse per effetto delle
alte temperature raggiunte nell’incendio, che dà luogo ad effetti chimici sulla fiamma ed alla
produzione di anidride carbonica e vapore acqueo.
Pag. 12
I prodotti della decomposizione delle polveri pertanto separano il combustibile dal comburente,
raffreddano il combustibile incendiato e inibiscono il processo della combustione.
I gas inerti
I gas inerti utilizzati per la difesa dagli incendi di ambienti chiusi sono generalmente l’anidride
carbonica (CO2) e in minor misura l’azoto.
L’anidride carbonica è uno degli estinguenti più diffusi nei luoghi di lavoro in quanto è un gas
non tossico, non corrosivo e che non lascia residui.
La sua azione estinguente si sviluppa principalmente per soffocamento (in quanto è in grado di
sottrarre ossigeno alla combustione).
Essa risulta un ottimo estinguente per fuochi di classe “B” e “C” (fuochi da liquidi e gas) e per
fuochi da apparecchiature elettriche in tensione e può essere impiegata anche su fuochi di
classe “A” (fuochi da solidi).
Viene utilizzata sia tramite estintori portatili e carrellati sia tramite impianti fissi di
spegnimento automatico. Il suo utilizzo in questi ultimi è particolarmente vantaggioso in
quanto, pur possedendo un’ efficacia estinguente minore delle polveri o dell’acqua, la CO2 sotto
forma di gas riesce a raggiungere siti dove altri estinguenti non possono arrivare. Inoltre il suo
utilizzo non danneggia i materiali (come ad esempio quelli cartacei di un archivio) o le
apparecchiature (come ad esempio i server, i computer, le fotocopiatrici ecc.) presenti nei
locali, come invece avviene nel caso di un impianto ad acqua o a polveri.
Pur non essendo tossica però, la sua capacità di sottrarre ossigeno all’aria può provocare seri
problemi di respirazione alle persone eventualmente presenti sul luogo dell’incendio.
All’aumentare della sua concentrazione in aria si possono infatti manifestare:
4-5% disagi e malesseri generalizzati;
9% perdita di conoscenza;
15% morte per asfissia.
Quindi nei luoghi in cui vengono installati impianti antincendio a CO2, è necessario prevedere
opportuni sistemi di segnalazione acustici e/o ottici, che informino, con congruo anticipo, le
persone eventualmente presenti di abbandonare i locali prima dell’intervento della scarica
dell’estinguente.
Gli agenti estinguenti alternativi agli idrocarburi alogenati o halon
Gli idrocarburi alogenati o halon sono stati a lungo utilizzati negli impianti fissi di estinzione
incendi dove era necessaria la presenza di un estinguente gassoso.
I principali erano l’halon 1201 per gli estintori e l’halon 1301 per gli impianti fissi di estinzione
automatica.
Pag. 13
Tali sostanze sono però state ritirate dal mercato a causa della loro capacità di impoverire lo
strato di ozono stratosferico. Pertanto per poter utilizzare i numerosi impianti già installati sono
state sperimentate sostanze alternative con gli stessi pregi degli idrocarburi alogenati, ma non
pericolose per l’ozono.
Queste sostanze posseggono caratteristiche estinguenti simili a quelle dell’halon, e sono
impiegate principalmente negli impianti fissi di estinzione incendi, per lo spegnimento di fuochi
di classe “A”, “B” e ”C” (fuochi da solidi, liquidi e gas) e per i fuochi da apparecchiature
elettriche in tensione.
Analogamente per quelli a CO2 anche per gli impianti che utilizzano queste sostanze occorre
predisporre idonei dispositivi di allarme, che segnalino alle persone presenti, l’imminente
scarica dell’estinguente.
Pag. 14
2. Le principali cause di incendio
I fattori di innesco nelle strutture
ricettive
Ambienti più
rischiosi
Impianti
elettrici
Comportamenti
errati
Macchine ed
attrezzature
Azioni
intenzionali
Il loro controllo
Un incendio può essere determinato da un gran numero di fattori tanto che, spesso non si
riesce, a seguito di un incidente a risalire alla causa scatenante.
La loro conoscenza è però fondamentale ai fini della progettazione e messa in opera di idonee
misure di prevenzione e protezione.
Statisticamente le più frequenti sono:
• cause di origine elettrica;
• cause derivate da negligenze dei lavoratori o degli utenti;
• cause di origine termica dovute alla presenza di macchine ed impianti;
• azioni dolose;
• altre cause (non classificabili).
Pag. 15
2.1 Le cause di origine elettrica
Rappresentano più del 30% dei casi risultando pertanto le più frequenti, e
possono derivare principalmente da:
surriscaldamento dei cavi di alimentazione elettrica;
non corretto utilizzo di prese a spina;
corto circuiti;
scariche elettrostatiche;
carente stato di conservazione di cavi di alimentazione elettrica di apparecchi
utilizzatori;
apparecchiature (od impianti), tenute sotto tensione anche quando queste non sono in
condizioni di essere utilizzate;
utilizzo di prolunghe per l’alimentazione di apparecchi elettrici portatili non idonee o
in scadenti condizioni di conservazione;
interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria eseguiti in modo non competente.
Un’accurata
prevenzione
può
evitare
il
peggio
attraverso
la
verifica
del
corretto
dimensionamento dell’impianto elettrico e della sua esecuzione a regola d’arte, la opportuna
manutenzione programmata dei suoi componenti, la verifica periodica delle messe a terra, la
protezione degli edifici, se necessario, dalle scariche atmosferiche, la manutenzione di tutti i
componenti elettrici di macchine ed impianti che mantenga nel tempo il livello di sicurezza.
2.2 Le cause di origine termica dovute a macchine ed
impianti
Sono dovute essenzialmente a:
surriscaldamento non previsto di componenti e/o “parti” di macchine ed impianti;
anomalie dovute a carenze di manutenzione e/o lubrificazione;
mancato funzionamento di termostati e/o di dispositivi di sicurezza ed allarme;
ostruzione di aperture di ventilazione necessarie al raffreddamento di macchine ed
impianti;
perdite di gas, liquidi o vapori infiammabili, al seguito del cattivo funzionamento di
componenti delle apparecchiature;
inosservanza delle modalità d’utilizzo, riparazione e/o sostituzione di pezzi fornite dal
fabbricante;
all’abbandono, in prossimità di macchine e impianti, di materiali infiammabili o
facilmente combustibili.
Pag. 16
In
questo caso le azioni
di
prevenzione
consistono in
un’opportuna
manutenzione
programmata di tutti i componenti meccanici; nel costante controllo di tubazioni, raccordi,
valvole, rubinetti, dispositivi di raffreddamento, di sicurezza ecc., necessari per il normale
funzionamento della macchina; nell’osservanza delle modalità d’utilizzo fornite dal costruttore;
nell’accertamento che l’area circostante alla macchina sia mantenuta costantemente sgombra
da materiali pericolosi; nella costante verifica del perfetto funzionamento di tutti i dispositivi di
sicurezza e di allarme ecc..
2.3 Le cause derivate dalla negligenza dei lavoratori o
degli utenti
Sono dovute a comportamenti erronei per
mancata conoscenza delle procedure di lavoro
sicure e/o per distrazioni. Alcuni esempi sono:
deposito o manipolazione non corretta di sostanze
infiammabili o facilmente combustibili in luoghi e/o quantità
non consentite;
inosservanza delle regole di prevenzione incendi, come il
divieto di fumare, usare fiamme libere nelle aree in cui non è consentito;
mancato utilizzo dei posacenere (nelle aree ove è consentito il fumo);
utilizzo di apparecchi per il riscaldamento (stufette), in aree in cui non è consentito;
utilizzo di bollitori, scaldavivande, fornelli elettrici o a gas non autorizzati e/o in
condizioni di conservazione non ottimali;
uso di prolunghe per l’alimentazione di apparecchi elettrici, non idonee o in cattivo stato
di conservazione;
stoccaggio di prodotti infiammabili per la pulizia e l’igiene dei locali, non adeguatamente
custoditi;
mancata rimozione di materiali combustibili non più utilizzati abbandonati nei luoghi di
lavoro (carta, cartone, materiali plastici, stracci, arredi lignei ecc.).
Troppo spesso purtroppo, nelle strutture ricettive, il rischio del verificarsi di un incendio è
dovuto a comportamenti degli ospiti che, nella privacy delle camere, fumano non facendo
attenzione a dove abbandonano i mozziconi residui oppure utilizzano apparecchi elettrici non
consentiti lasciandoli accesi anche durante la notte.
La prevenzione in questo caso consiste soprattutto in una serie di azioni mirate ad evitare il
verificarsi di comportamenti erronei: l’apposizione di cartelli di “divieto di fumo” ed il controllo
del rispetto di questi; la sorveglianza sull’utilizzo di dispositivi per il riscaldamento localizzato e
Pag. 17
di apparecchi per il riscaldamento del cibo e vivande, la verifica periodica dei luoghi di lavoro
per evitare l’ingiustificato abbandono di materiali infiammabili o facilmente combustibili.
Unitamente a quanto sopra particolare importanza rivestono una idonea informazione e
formazione dei lavoratori circa il pericolo d’incendio, argomento trattato nel dettaglio nel
capitolo 5.
2.4 Le azioni dolose
Le azioni dolose ad opera di malintenzionati interessano più frequentemente le aree all’aperto
(campeggi e turismo all’aria aperta).
Le migliori azioni di prevenzione consistono, in questo caso, nella vigilanza delle aree con
limitazioni degli accessi ai non autorizzati con particolare attenzione ai luoghi di deposito di
materiali infiammabili o facilmente combustibili.
2.5 Le aree a maggior rischio incendio nelle strutture
ricettive
Statisticamente è stato osservato che i luoghi in cui più
frequentemente si sviluppano incendi negli alberghi sono le
camere e le cucine seguiti dalle sale ristorante e le aree non
frequentate dal pubblico, come i depositi, lavanderie e
stirerie. Nelle camere la causa principale è la scarsa
attenzione nello spegnere le sigarette, mentre il cattivo uso
delle attrezzature di lavoro è la causa maggiore di incendio
nelle cucine.
Il
personale addetto alle cucine deve pertanto essere
addestrato sull’utilizzo in sicurezza delle attrezzature da cucina e sulle modalità di estinzione di
un principio di incendio.
Nelle camere, se è previsto l’uso di bollitori elettrici o similari, vanno affisse chiare istruzioni di
uso in prossimità di essi, e il personale addetto al riordino deve assicurarsi che ci sia acqua a
sufficienza e che la presa elettrica sia staccata.
Nei locali lavanderia i ferri da stiro devono essere sempre appoggiati su piani incombustibili.
Tutti i dipendenti devono essere sensibilizzati sull’importanza di curare la pulizia e l'ordine
durante il lavoro.
Inoltre le aree ed i locali non accessibili al pubblico, come magazzini, depositi di biancheria,
scantinati, devono essere tenuti in ordine, sgomberati da qualsiasi materiale combustibile non
necessario ed ispezionati regolarmente impedendo l'accesso a tali aree da parte di personale
non autorizzato.
Pag. 18
Per ciò che riguarda il turismo all’aria aperta (villaggi, campeggi, parchi soste di caravan e
simili), deve essere predisposto e segnalato un apposito locale, ubicato in posizione protetta
dal possibile coinvolgimento di un incendio e in possesso dei
requisiti di protezione richiesti dalle specifiche disposizioni di
prevenzioni incendi, dove in caso di necessità, saranno consegnate
dagli ospiti le bombole di gas e le taniche di liquidi infiammabili.
Inoltre, nei periodi estivi, deve essere assicurata un’opportuna
manutenzione delle aree verdi sia lungo il perimetro dei complessi
che nelle aree interne, al fine di eliminare cespugli e sterpi
facilmente infiammabili. É consigliabile arare la fascia perimetrale all’inizio della stagione estiva
o mantenerla verde con adeguate innaffiature.
Pag. 19
3. La protezione antincendio
La Protezione antincendio consiste nell’insieme delle misure finalizzate alla riduzione dei danni
a persone o cose conseguenti al verificarsi di un incendio.
Le misure di protezione si suddividono in due categorie:
•
misure di protezione passiva,
•
misure di protezione attiva.
3.1 La protezione antincendio passiva
Proteggersi dall’incendio
Resistenza
al fuoco
Distanze di
sicurezza
Compartimentazione
degli ambienti
Vie di
esodo
Reazione al
fuoco
Le misure passive
Le misure di protezione passiva non richiedono l’azione di un uomo o l’azionamento di un
impianto e hanno come obiettivo la limitazione degli effetti dell’incendio nello spazio e nel
tempo. Riguardano essenzialmente:
•
la resistenza al fuoco delle strutture e dei materiali;
•
le compartimentazioni;
•
le distanze di sicurezza antincendio e le vie di fuga.
Pag. 21
Resistenza al fuoco e compartimentazione degli ambienti
Una strategia importante ai fini della limitazione della propagazione di un incendio è quella di
inserire elementi costruttivi in grado di agire da barriere di separazione, capaci di impedire la
propagazione dell’ incendio tra l’area soggetta e le aree circostanti.
Tali elementi sono capaci cioè di “compartimentare” l’area pericolosa, possedendo una
“resistenza
al fuoco” ben precisa. La
Resistenza al
Fuoco può infatti definirsi come
l’attitudine di un elemento da costruzione (componente o struttura) a conservare:
•
stabilità: attitudine di un elemento da costruzione a conservare la resistenza meccanica
sotto l’azione del fuoco, simbolo R;
•
tenuta: attitudine di un elemento da costruzione a non lasciar passare ne produrre, se
sottoposto all’azione del fuoco su un lato, fiamme, vapori o gas caldi sul lato non
esposto al fuoco; simbolo E;
•
isolamento termico: attitudine di un elemento da costruzione a ridurre, entro un dato
limite, la trasmissione del calore, simbolo I.
I materiali da costruzione, in
vengono
relazione alla tipologia costruttiva ed agli
spessori realizzati,
quindi sperimentalmente classificati dalle sigle R, RE oppure REI seguite da un
numero, che esprime il tempo, in minuti primi, per i quali essi conservano le caratteristiche di
sola stabilità (R45, R60, R120), di stabilità e
tenuta (RE 45, RE 60, RE 120), di stabilità,
tenuta ed isolamento termico (REI 45, REI 60, REI 120) , dal momento in cui sono sottoposti
all’azione del fuoco.
La compartimentazione degli ambienti così realizzata permette di ritardare la diffusione
dell’incendio fornendo alle persone presenti la possibilità di raggiungere i luoghi sicuri (ad
esempio aree a cielo aperto) proteggendo le vie di esodo.
La reazione al fuoco dei materiali
La
reazione
al fuoco di un materiale (da non confondere con la Resistenza al fuoco)
rappresenta un altro aspetto del comportamento al fuoco del materiale stesso che, per effetto
della sua decomposizione, può
alimentare un fuoco al quale è esposto, partecipando così
all’incendio.
Tale caratteristica assume perciò particolare rilevanza nelle costruzioni per i materiali di
rifinitura e rivestimento, le pannellature, i controsoffitti, le decorazioni e simili, e si estende
anche agli articoli di arredamento, ai tendaggi e ai tessuti in genere.
Distanze di sicurezza
Tra le misure di protezione passiva un elemento fondamentale è il corretto dimensionamento
delle distanze di sicurezza ossia la distanza orizzontale tra una zona con potenziale rischio
d’incendio ed un’altra zona.
Pag. 22
Le distanze di sicurezza si distinguono in distanze di sicurezza interne e distanze di sicurezza
esterne a seconda che siano finalizzate a proteggere elementi appartenenti ad uno stesso
complesso o esterni al complesso stesso.
Vi sono poi le distanze di protezione tra edifici appartenenti allo stesso complesso e il confine
perimetrale del complesso stesso.
Vie di esodo (sistemi di vie d’uscita)
Sebbene sia sempre auspicabile riuscire a contenere lo svilupparsi di un principio d’incendio
attraverso l’adozione dei più moderni mezzi di rivelazione, segnalazione e spegnimento può
accadere che esso si estenda con produzione di calore e fumi tale da mettere a repentaglio la
vita umana.
In tal caso la progettazione e l’adeguata segnalazione delle vie di esodo divengono
fondamentali specialmente in attività, quali le strutture ricettive di grandi dimensioni che
possono comportare presenza di un grande numero di persone (personale, ospiti tra cui
anziani, bambini, disabili, etc.).
Gli elementi fondamentali nella progettazione del sistema di vie d’uscita sono costituiti da:
•
dimensionamento e geometria delle vie di uscita in base al massimo affollamento
previsto,
•
sistemi di protezione attiva e passiva delle vie d’uscita,
•
sistemi di identificazione delle vie d’uscita (segnaletica, illuminazione).
Pag. 23
É responsabilità del gestore della struttura ricettiva assicurare un controllo costante delle vie
di esodo in modo che siano sempre sgombre da ostacoli in grado di intralciare l’eventuale fuga
delle persone.
3.2 La protezione antincendio attiva
Proteggersi dall’incendio
Usare gli
estintori
Installare impianti
di allarme
La rete di
idranti
L’illuminazione
di sicurezza
Installare
impianti di
rivelazione
Le misure attive:
L’intervento dell’uomo o di un impianto
Le misure di protezione attiva sono quelle che richiedono l’azione di un uomo o l’azionamento
di un impianto
e sono finalizzate alla precoce rilevazione dell’incendio, alla segnalazione e
all’azione di spegnimento dello stesso e sono costituite da:
•
estintori,
•
rete idrica antincendi,
•
impianti di spegnimento automatici,
•
impianti di rivelazione automatica d’incendio,
•
evacuatori di fumo e calore,
•
illuminazione di sicurezza.
Pag. 24
ATTREZZATURE ED IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI
Sono costituite essenzialmente da estintori, reti idriche antincendio ed impianti di spegnimento
automatici.
Estintori
Gli estintori rappresentano spesso l’attrezzatura di primo intervento nell’affrontare un principio
di incendio.
Utilizzano i diversi tipi di sostanze estinguenti descritte nel paragrafo 2.5 (schiuma, polvere,
anidride carbonica ed idrocarburi alogenati), mentre quelli ad acqua non vengono più utilizzati.
I più usati sono quelli contenenti polvere o anidride carbonica perché entrambi sono adatti per
gli apparecchi elettrici e, quelli a polvere anche per liquidi infiammabili. In figura si riporta uno
schema riassuntivo che indica l’estintore più idoneo da usare in base alla classe di incendio.
Installare impianti
di allarme
L’illuminazione
di sicurezza
Pag. 25
Esistono due tipi di estintori: portatili o carrellati.
Gli estintori portatili sono utilizzabili a mano e pertanto non
possono avere un peso superiore ai 20 KG. Devono essere
scelti in base al tipo di incendio che si può sviluppare
nell’ambiente
in
cui
vengono
istallati
verificando
sull’estintore stesso le classi dei fuochi ed i focolai
convenzionali che è in grado di estinguere.
Devono possedere un’etichetta sulla quale si possano
leggere in modo chiaro le istruzioni e le condizioni d’uso.
Debbono
essere
sempre
posizionati in modo da poter
essere
facilmente
visibili
anche, ove necessario, con
l’ausilio
di appositi cartelli
segnaletici
norme
conformi
sulla
alla
segnaletica
di
sicurezza sul lavoro e devono
essere facilmente accessibili
poggiati a terra o attaccati
alla parete con attacchi che
consentano uno sganciamento
agevole.
Nelle
vicinanze
soggette
a
di
rischio
zone
incendio
particolare (impianti elettrici,
termici,
locali
dovranno
cucine)
essere
posti
estintori adatti.
Gli
estintori
devono
essere
posizionati in modo da poter
essere
operatore
Esempio di etichetta di un estintore
raggiunti
con
un
da
un
percorso
non superiore ai 30 metri, in
numero quindi sufficiente a rispettare questo parametro e tale da poter essere fruiti molto
facilmente.
Il gestore della struttura ricettiva è responsabile della periodica effettuazione del
collaudo, controllo, revisione e sorveglianza degli estintori.
Pag. 26
Nelle strutture ricettive devono essere posizionati in prossimità di scale, zone di accesso e in
vicinanza di aree a maggior pericolo, e devono essere uno ogni 200 mq di pavimento con un
minimo di un estintore per piano.
Gli
estintori
carrellati
posseggono
le
stesse
caratteristiche funzionali dei portatili ma sono meno
maneggevoli per peso e dimensioni e possono
essere spostati tramite un carrello di supporto.
Vengono utilizzati nei casi in cui si ipotizza la
necessità di disporre di una maggiore capacità
estinguente
e
sono
comunque
da
considerarsi
integrativi di quelli portatili.
Gli estintori non possono essere utilizzati da tutti i lavoratori ma solamente da
operatori (generalmente gli addetti alle squadre di emergenza) preventivamente
addestrati all’uso durante corsi di formazione specifici che prevedano anche una parte di
dimostrazioni e prove pratiche.
Infatti l’utilizzo improprio di un estintore può comportare sia il suo scaricamento totale
rendendolo poi inutilizzabile dagli addetti all’emergenza, sia possibili infortuni per l’utilizzatore
non addestrato dovuti alle sostanze in esso contenute.
Rete idrica antincendio
Nelle
strutture
ricettive
deve
essere
installata
una
rete
idrica
antincendio
collegata
all’acquedotto cittadino o ad una riserva idrica dedicata.
Occorre assicurare, dal punto di vista progettuale che essa sia sempre funzionante, pertanto
deve essere indipendente da altre utenze, dotata di valvole di sezionamento, e protetta dal
gelo o da fenomeni corrosivi, inoltre occorre garantire i parametri di funzionamento nelle
condizioni più sfavorevoli: pressione, portata e tempo di erogazione.
La rete idrica antincendio può essere utilizzata attraverso idranti o naspi che possono essere
a muro, a colonna o a sottosuolo collegati con tubazioni flessibili a lance erogatrici devono
essere in numero adeguato e in posizione idonea a consentire interventi nell’intera struttura.
Nelle strutture ricettive con numero di posti letto compresi tra 25 e 100 è obbligatoria una
rete idrica antincendio dotata almeno di naspi, sopra i 100 posti letto è obbligatoria la
presenza di idranti ( DN 45) con tubazioni flessibili lunghe almeno 20 metri.
Inoltre nelle strutture ricettive con oltre 500 posti letto o in quelle ubicate in strutture con
altezze antincendio superiori ai 32 metri deve esistere all’esterno della struttura un idrante (DN
70) utilizzabile come rifornimento dai vigili del fuoco.
Pag. 27
Impianti di spegnimento automatici
Gli impianti di spegnimento automatico sono impianti antincendio che entrano in azione
automaticamente in caso di principio di incendio possono essere di varie tipologie a seconda
dell’agente estinguente usato:
•
Impianti ad acqua o sprinkler: sono i sistemi più conosciuti e diffusi per intervenire
su un incendio, agiscono spruzzando acqua da più erogatori a soffitto posti nei locali che
permettono di spengere le fiamme grazie alla enorme capacità di raffreddamento
dell’acqua. I vantaggi nell’uso di tali impianti sono costituiti dalla capacità di contenere
l’incendio, di salvaguardare la struttura e garantire un efficace raffreddamento
dell’ambiente in cui intervengono. Sono semplici e sicuri e si attivano in funzionamento
automatico.
•
Impianti a pioggia schiuma: utilizzano una miscela acqua schiuma di tipo e
proporzioni variabili a seconda del combustile presente frapponendosi tra il combustibile
stesso e il comburente (ossigeno) estinguendo così le fiamme per soffocamento.
Gli schiumogeni utilizzati cambiano a seconda del combustibile presente ed il tipo di
impianto schiuma prescelto.
•
Impianti a gas: Gli agenti estinguenti utilizzati negli impianti di spegnimento sono i
gas inerti (IG-01, IG-100, IG-55, IG-541), gli idrocarburi alogenati (HFC227ea,
HFC125, HFC23) e l'anidride carbonica (CO2). Sono impiegati quando non si può usare
l’acqua per spengere il fuoco. Ogni famiglia di gas agisce sul fuoco con differenti
meccanismi di estinzione (raffreddamento, soffocamento, azione chimica,..) ed ha uno
specifico campo di applicazione.
Gli agenti estinguenti sono gas "puliti", incolori ed inodori, che generalmente non
lasciano residui nell’ambiente dopo il loro utilizzo, non sono tossici per il personale
presente e non danneggiano le cose. Possono spegnere velocemente gli incendi con la
minima quantità di agente estinguente. Tuttavia non bisogna dimenticare che la loro
presenza diminuisce la percentuale di ossigeno e può provocare asfissia, pertanto il loro
utilizzo è associato ad allarmi che hanno lo scopo di allontanare le persone.
Nelle strutture ricettive con numero di posti letto superiore a 1000 è obbligatoria
l’istallazione di un impianto di spegnimento automatico a pioggia.
DISPOSITIVI E SISTEMI DI SEGNALAZIONE E DI ALLARME
Nelle strutture ricettive con più di 25 posti letto è obbligatoria la presenza di un sistema di
allarme acustico in grado di avvertire gli ospiti e il personale presente del pericolo.
Pag. 28
Il comando di azionamento del sistema deve essere accessibile solo dal personale preposto a
dare l’allarme in caso di emergenza.
Nelle strutture ricettive con numero di posti letto superiore a 100 e nei locali deposito
indipendentemente dal numero dei posti letto è invece obbligatoria l’istallazione di un
sistema di rivelazione automatica di incendio collegato con un sistema di allarme in grado
di scattare automaticamente.
Gli impianti di rivelazione automatica d’incendio hanno, infatti, lo scopo
di rivelare
tempestivamente lo sviluppo di un processo di combustione prima cioè che questo degeneri
nella fase di incendio vera e propria. Ciò consente di poter intervenire sulla situazione di
emergenza quando ancora l’incendio non si è esteso, lo spegnimento con mezzi automatici o
manuali può essere più facile, le temperature più sopportabili ed i danni alle persone e cose
ancora assenti o molto contenuti.
Il funzionamento dei rivelatori di incendio è basato sulla capacità di rilevare determinati
fenomeni chimico-fisici (calore, fumo, gas, fiamme) oppure il superamento di un valore di
soglia o ancora il semplice incremento di un determinato parametro. Sono generalmente
costituiti da rilevatori automatici d’incendio; centrali di controllo e segnalazione; dispositivi
d’allarme e comandi di attivazione.
CALORE
FUMO
GAS
FIAMME
Evacuatori di fumo e di calore
Gli evacuatori di fumo o calore vengono spesso utilizzati in combinazione con i sistemi di
rivelazione ed agiscono consentendo la fuoriuscita, attraverso aperture sulla copertura, delle
masse di gas caldi generati dall’incendio che tendono a salire verso l’alto.
Essi permettono di rendere più agevoli le operazioni di evacuazione delle persone presenti e
l’intervento dei soccorsi riducendo l’accumulo di fumi negli ambienti e il surriscaldamento dei
locali ritardando in tal modo anche l’eventuale collasso delle strutture portanti.
Pag. 29
Illuminazione di sicurezza
L’impianto di illuminazione di Sicurezza è necessario in caso, durante l’incendio venga a
mancare la fornitura principale di energia elettrica e quindi di luce artificiale. Esso serve a
permettere una illuminazione sufficiente per evacuare i locali in sicurezza.
Tale impianto necessita di una alimentazione adeguata in gradi di sopperire alla mancanza di
energia elettrica (ad esempio batterie tampone, batterie a ricarica automatica o gruppi
elettrogeno) con una autonomia variabile tra i 30 minuti e le tre ore circa in base alla
grandezza della struttura ricettiva e al numero di persone da evacuare.
L’illuminazione di sicurezza normalmente entra in funzione in un tempo tra i 5 e i 10 secondi e
deve illuminare le indicazioni delle porte e delle uscite di sicurezza, delle vie di esodo, i corridoi
e tutte quelle parti che è necessario percorrere per raggiungere un’uscita verso luogo sicuro,
assicurando un livello di illuminazione di almeno 5 lux ad un metro di altezza del piano di
calpestio. Occorre infatti tenere conto che, in caso di presenza di fumo, la visibilità è molto
ridotta, quindi le luci di sicurezza non devono essere posizionate troppo in alto per non venir
oscurate dal fumo stesso.
Pag. 30
4. I protagonisti della lotta
antincendio
Il modo in cui vengono affrontati i primi momenti, in attesa dell’arrivo delle squadre dei Vigili
del Fuoco, in caso di un principio di incendio, è determinante per la successiva evoluzione
dell’evento e può influenzare in modo importante le conseguenze dell’evento stesso in termini
di salvaguardia di vite umane e danni alla struttura.
Pertanto è assolutamente necessaria, nonché prevista dalla normativa, la presenza nella
struttura ricettiva di figure protagoniste della lotta antincendio con compiti e responsabilità ben
delineate, che assicurino il continuo controllo delle misure di protezione attiva e passiva
presenti nella struttura, vigilino nei luoghi di lavoro evidenziando eventuali situazioni o
comportamenti a rischio e sappiano cosa fare in caso di emergenza.
Pag. 31
4.1 Le responsabilità del gestore della struttura
Il gestore di una struttura ricettiva ha il compito di limitare la probabilità che si verifichi un
incendio e di proteggere la vita dei dipendenti e degli ospiti.
Tutto ciò deve essere fatto attuando adeguate misure per limitare i danni alle persone ed
all'attività in caso di incendio sulla base della vigente normativa (vedi capitolo 8).
Il gestore dovrà quindi assicurarsi che vengano effettuati:
•
controlli sulle misure di sicurezza installate nella struttura;
•
vigilanza
sull’efficienza
degli
impianti
elettrici,
gli
impianti
di
ventilazione,
condizionamento e riscaldamento;
•
addestramento del personale;
•
esercitazioni antincendio;
•
prove e manutenzioni degli impianti di allarme, di illuminazione di emergenza e degli
impianti ed attrezzature di spegnimento (almeno due volte all'anno secondo le
indicazioni riportate nelle normative tecniche e le indicazioni del costruttore o
dell'installatore).
Per gli adempimenti sopracitati deve essere istituito un registro in cui annotare la loro
periodicità e la loro effettuazione.
Inoltre il gestore è il responsabile della corretta attuazione delle misure di prevenzione incendi,
e dei controlli giornalieri nella struttura finalizzati ad accertare che le vie di esodo siano sempre
sgombre ed utilizzabili in tutta sicurezza, che
le porte tagliafuoco siano segnalate e
perfettamente funzionanti, che le uscite di sicurezza non siano chiuse a chiave e si possano
aprire facilmente, che gli arredi della struttura ricettiva siano mantenuti in buone condizioni.
Nelle strutture che dispongono di un’area adatta a riunioni, convegni, mostre etc., occorrerà
effettuare controlli aggiuntivi:
•
i materiali facilmente infiammabili non devono essere lasciati vicino a sorgenti di calore
e/o accumulati (rifiuti, materiale cartaceo, etc.);
•
le aree dove è consentito fumare devono essere dotate di portacenere;
E' inoltre importante, a fine giornata lavorativa, effettuare un controllo completo dei locali per
essere certi che le porte tagliafuoco siano chiuse correttamente, le apparecchiature elettriche
non in uso siano disattivate e mozziconi di sigarette ed eventuali fiamme libere siano spenti.
4.2 Il responsabile della sicurezza antincendio
La presenza sul luogo di lavoro di un responsabile della sicurezza antincendio è fondamentale
per progettare, mettere in opera e monitorare costantemente tutte le misure di prevenzione e
protezione incendi oggetto di questo opuscolo.
Per le attività di piccole dimensioni tale compito può essere svolto direttamente dal gestore
o dal proprietario.
Pag. 32
Il responsabile della sicurezza antincendio ha il compito di:
•
collaborare alla valutazione del rischio di incendio nell'attività;
•
stabilire procedure da seguire in caso di incendio;
•
assicurare che sia installata e mantenuta funzionante una adeguata attrezzatura di
protezione antincendio;
Egli dovrà quindi effettuare sopralluoghi nella struttura ricettiva per
identificare tutte le
possibili cause di incendio ponendo eventualmente rimedio ad eventuali insufficienze
riscontrate.
Dovrà verificare periodicamente le misure di protezione passiva ed attiva messe in opera
nell’ambiente di lavoro, organizzare e presiedere alle prove di evacuazione assicurandosi che
ciascuno conosca il proprio compito durante l’emergenza. (addetti alle squadre, addetti alla
tutela dei disabili, incaricati all’allertamento dei vigili del fuoco, lavoratori etc.).
Dovrà occuparsi di aggiornare e conservare il registro con le annotazioni sui controlli e gli
interventi di manutenzione effettuati sulle attrezzature antincendio, organizzare la formazione
dei lavoratori e le informazioni per gli ospiti.
4.3 La squadra di emergenza, designazione, formazione e
compiti
Abbiamo visto nel precedente paragrafo come una figura fondamentale
nella
gestione
dell’emergenza
dell’emergenza
stessa
che,
è
quella
nominato
dal
del
responsabile
datore
di
lavoro,
sovrintende e coordina tutte le azioni da intraprendere durante
un’emergenza ed al quale vengono delegati poteri decisionali al fine di
operare nel migliore dei modi e raggiungere gli obiettivi stabiliti.
Il datore di lavoro deve inoltre formare, con apposita nomina
individuale, delle squadre di lavoratori che, in caso di emergenza, abbiano dei compiti ben
precisi.
Il numero minimo di addetti antincendio da nominare non è indicato dalla normativa ed è
pertanto demandato al Datore di lavoro il quale può tenere conto del seguente criterio:
- strutture ricettive fino a 100 posti letto: almeno uno;
-strutture ricettive oltre 100 e fino a 300 posti letto: due addetti, con l'aggiunta di un
ulteriore addetto per ogni incremento della capacità ricettiva di 150 posti letto.
Tale indicazione fornita dalla normativa per una specifica casistica1 è meramente indicativa.
1
art 5 comma 5 del DM 16/3/2012
Pag. 33
Sebbene la normativa fornisca le indicazioni non vincolanti su riportate, il numero minimo di
addetti antincendio deve essere stabilito dal Datore di lavoro. É fortemente consigliabile,
compatibilmente con le risorse a disposizione, nominare e formare un numero maggiore di
addetti, sia ai fini di un’efficace sorveglianza delle strutture, sia ai fini di interventi più
tempestivi in caso di emergenza tenendo conto, in particolare, del numero di piani della
struttura e della sua dislocazione.
È fondamentale ed inderogabile però tenere conto che nelle strutture ricettive di capienza
superiore a 500 posti letto deve essere previsto un servizio di sicurezza opportunamente
organizzato, composto da un responsabile e da addetti addestrati per il pronto intervento e
dotati di idoneo equipaggiamento.
I lavoratori incaricati della gestione delle emergenze, dovranno frequentare appositi corsi di
formazione teorici e pratici (indicati nell’allegato IX al DM 10 marzo 1998), nei quali, i
lavoratori, saranno formati sul comportamento da adottare in caso d’incendio, e sull’uso dei
dispositivi di spegnimento ed in particolare siano in grado di:
•
accertare l’entità dell’incendio;
•
segnalare a tutto il personale del verificarsi di un incendio, mediante l’attivazione
manuale (pulsanti) di sistemi di allarme acustico e/o ottico installati nella struttura (per
strutture ricettive di piccole dimensioni è sufficiente anche l’avviso vocale);
•
effettuare un primo intervento sulle fiamme, mediante l’utilizzo dei dispositivi di lotta
agli incendi, se pensano di poterlo fare senza mettere a repentaglio la propria
incolumità;
•
richiedere un intervento degli Enti preposti alla gestione delle emergenze (Vigili del
Fuoco, Croce Rossa, Protezione Civile, Polizia ecc.);
•
escludere le alimentazioni delle utenze, come energia elettrica, gas ecc., e mettere in
sicurezza macchine ed impianti (quando possibile);
•
coordinare l’evacuazione del personale, degli ospiti e dei visitatori dalla struttura
ricettiva,
•
assicurare una assistenza adeguata durante l’evacuazione a lavoratori o ospiti disabili.
Pag. 34
4.4 I lavoratori, l’informazione e la formazione
Sapere cosa fare durante l’emergenza creata dall’insorgere di un
incendio è forse la cosa più importante per limitare al minimo i
danni
a
persone
e/o
cose
e,
a
volte,
per
intervenire
tempestivamente e stroncare sul nascere l’evento dannoso.
Il
personale
dipendente,
compreso
anche
quello
impiegato
saltuariamente, deve quindi essere informato, formato e, in alcuni
casi, addestrato periodicamente in materia.
É fondamentale che la formazione in aula sia accompagnata dalla consegna al lavoratore di
procedure scritte che indichino cosa fare passo per passo (vedere capitolo 11 ).
Inoltre occorrerà responsabilizzare il lavoratore spiegando in dettaglio i doveri e le
responsabilità che gli competono adottando mezzi e strumenti che agevolino la comprensione
dei concetti trasmessi.
Tutti all’interno della struttura ricettiva devono conoscere le vie di esodo, essere informati
sulle procedure per l'evacuazione e sulle proprie responsabilità in caso di incendio.
Molto importante è l’effettuazione di un addestramento periodico, almeno due volte l’anno e
ogni
qualvolta ci sia un ricambio di personale o delle modifiche all'interno dell'attività, che
permetta ai lavoratori di familiarizzare, attraverso esercitazioni pratiche, con le misure
antincendio esistenti ed i comportamenti corretti da tenere in caso di emergenza.
I lavoratori occasionali e gli addetti ai lavori dati in appalto (p.e. addetti alle pulizie,
manutentori) devono essere messi a conoscenza delle misure generali di sicurezza antincendio,
delle azioni da adottare in caso di incendio e delle procedure di evacuazione.
Durante la formazione e l’addestramento bisognerà assicurarsi che tutti, all’interno della
struttura ricettiva sappiano:
•
come mettere in funzione l'allarme, e l'ubicazione dei pulsanti di allarme manuale, se
esistenti;
•
cosa fare quando si sente l'allarme antincendio;
•
le modalità di chiamata dei vigili del fuoco;
•
le procedure per allertare gli ospiti e le altre persone presenti in albergo, e, se
necessario, il modo per indirizzarli verso le uscite;
•
l'ubicazione e l'uso delle attrezzature antincendio;
•
la necessità di richiudere le porte tagliafuoco alla proprie spalle durante l’esodo;
Pag. 35
•
la procedura di evacuazione dell'edificio fino al raggiungimento di un luogo sicuro,
evitando di usare gli ascensori.
L’esodo verso il luogo sicuro deve tener conto della eventuale presenza di persone disabili, che
devono essere adeguatamente assistite, inoltre al punto di raccolta deve essere effettuato un
censimento dei lavoratori e degli ospiti tramite un registro delle presenze.
Infine riguardo alla formazione del personale nelle strutture ricettive occorre focalizzare i
seguenti punti:
•
tutti devono essere messi in condizione di comprendere i contenuti della formazione e
dell’addestramento (ad esempio in caso impiego di personale con limitata conoscenza
della lingua italiana);
•
durante il turno di notte deve essere in servizio almeno un dipendente con specifico
addestramento sulle procedure antincendio;
•
nelle strutture ricettive di piccole dimensioni (bed and breakfast, rifugi alpini), la
formazione può consistere nell’illustrare ai dipendenti, il contenuto della segnaletica
antincendio (posizione estintore, via di fuga sicura, numeri utili, nominativo del
responsabile della sicurezza antincendio) e in poche semplici istruzioni scritte sul da
farsi in caso di emergenza;
•
formazione ed addestramento specifici andranno rivolti al personale con incarichi di
sorveglianza e di coordinamento in caso di incendio (responsabile delle emergenze,
addetti alla squadra antincendio e alla gestione delle emergenze) come è stato illustrato
nei paragrafi 5.2 e 5.3).
4.5 Le esercitazioni antincendio
L’informazione e la formazione dei lavoratori devono essere integrate,
almeno due volte l'anno, con una esercitazione antincendio per mettere in
pratica la procedura di evacuazione verificando che ciascuno sappia
effettivamente cosa fare nel minor tempo possibile.
Pur cercando di simulare una reale emergenza l'esercitazione non deve
creare situazioni pericolose per le persone che vi partecipano, e quindi
buona norma avvisare in anticipo i lavoratori specialmente nelle strutture più grandi.
Anche gli ospiti presenti in albergo devono partecipare all’esercitazione ad esclusione di
eventuali anziani, disabili, o persone in condizioni di salute non ottimali. É consigliabile in
questo caso effettuare la prova di evacuazione in periodi di non troppa affluenza di clienti nella
struttura ricettiva, avvisando sempre gli ospiti dello svolgimento della prova per evitare
eventuali situazioni di panico con danni a persone o cose.
Pag. 36
L'esercitazione inizia dal momento in cui viene fatto scattare l'allarme antincendio che, in
questo caso, non va segnalato ai vigili del fuoco, e si conclude una volta raggiunto il punto o i
punti di raccolta dove viene effettuato l'appello delle persone che hanno partecipato.
Nelle strutture di maggiori dimensioni alcuni dipendenti devono essere preventivamente
incaricati di osservare lo svolgimento della prova, segnalando a conclusione della stessa, al
gestore e/o al servizio di sicurezza, eventuali criticità e carenze riscontrate.
Nelle piccole strutture, invece il personale coinvolto nell’esercitazione antincendio deve:
•
saper identificare l'ubicazione dei dispositivi per dare l'allarme e delle attrezzature di
spegnimento;
•
percorrere correttamente e senza panico le vie di esodo;
•
identificare le porte tagliafuoco avendo cura di chiuderle alle proprie spalle durante
l’esodo.
Pag. 37
5. Le misure di prevenzione
incendi nelle strutture ricettive
Nel capitolo 3 abbiamo analizzato le principali cause in grado di scatenare
un incendio ed abbiamo anche visto come l’adozione di provvedimenti
mirati, unita ad una serie di accorgimenti e comportamenti idonei,
possono ridurre la probabilità di insorgenza di un incendio e comunque
limitarne le conseguenze per le persone e per l’ambiente.
Quanto sopra è il cuore della disciplina di Prevenzione Incendi
che consiste essenzialmente
nella promozione, studio e predisposizione di norme, misure, provvedimenti, accorgimenti e
modi di azione atti ad evitare l’insorgenza di un incendio e degli eventi ad esso connessi o a
limitarne le conseguenze.
Riassumendo schematicamente quanto scritto nel capitolo 3, tra le misure di prevenzione
incendi da adottare troviamo:
Pag. 39
•
corretta destinazione d’uso dei locali;
•
limitazione del carico d’incendio;
•
esecuzione di impianti tecnologici a regola d’arte;
•
manutenzione degli impianti tecnologici;
•
rispetto dei divieti e delle condizioni di esercizio;
•
impiego di materiali più difficilmente infiammabili;
•
adozione di dispositivi di sicurezza;
•
rispetto dell’ordine e della pulizia;
•
segnaletica di sicurezza.
A ciò si aggiunge il ruolo fondamentale delle figure descritte nel capitolo precedente (gestore
della struttura, responsabile della sicurezza antincendio, addetti alle emergenze e tutti i
lavoratori) che mette in evidenza come molto si possa fare per prevenire un incendio o per
affrontare un’emergenza incendio, grazie a comportamenti corretti e consapevoli.
Infine , in questo capitolo vengono descritte altre misure di prevenzione, obbligatorie per legge
che, in una struttura ricettiva ben gestita ed organizzata devono necessariamente essere
messe in opera. Andiamo ad analizzarle in dettaglio.
5.1 Le istruzioni di sicurezza
All'ingresso delle strutture ricettive devono essere esposte bene
in
vista
precise
istruzioni
relative
al
comportamento
del
personale e del pubblico in caso di emergenza ed in particolare
una planimetria dell'edificio per le squadre di soccorso con
l’indicazione:
- delle scale e delle vie di evacuazione;
- dei mezzi e degli impianti di estinzione disponibili;
- dei dispositivi di arresto degli impianti di distribuzione del gas e dell'elettricità;
- del dispositivo di arresto del sistema di ventilazione;
- del quadro generale del sistema di rivelazione e di allarme;
- degli impianti e locali che presentano un rischio speciale;
- degli spazi calmi (luoghi sicuri dove possano sostare persone disabili in attesa di soccorsi).
Istruzioni da esporre ai piani
A ciascun piano deve essere esposta una planimetria d'orientamento, in prossimità delle vie di
esodo. La posizione e la funzione degli spazi calmi deve essere adeguatamente segnalata.
Pag. 40
Istruzioni da esporre nelle camere
In ogni camera devono essere esposte bene in vista precise istruzioni sul comportamento da
tenere in caso di incendio (vedere capitolo 11). Oltre che in italiano, queste istruzioni devono
essere redatte in alcune lingue estere, tendo conto delle provenienza della clientela abituale
della struttura ricettiva. Le istruzioni devono essere accompagnate da una planimetria
semplificativa del piano, che indichi schematicamente la posizione della camera rispetto alle vie
di evacuazione, alle scale ed alle uscite. Le istruzioni debbono attirare l'attenzione sul divieto di
usare gli ascensori in caso di incendio.
5.2 Garantire la sicurezza degli ospiti
Per tutelare la sicurezza degli ospiti di una struttura ricettiva in caso
di incendio occorre considerare che essi possono essere persone
anziane, bambini o persone disabili che necessitano di assistenza;
La disabilità può essere evidente ad esempio nel caso
di persone che utilizzano la sedia a
rotelle o che si muovono con l'aiuto di stampelle o di un bastone, ma può anche riguardare, in
modo meno evidente, persone che hanno avuto attacchi cardiaci, persone con problemi di
artrite o di epilessia, persone che hanno problemi di vista o di udito o persone con ridotta
mobilità a causa di menomazioni fisiche minori, disabilità temporanee (ad esempio un arto
rotto) o, infine, donne in avanzato stato di gravidanza.
Pertanto, è importante, all’atto della registrazione cercare di identificare l’eventuale necessità
di assistenza dell’ospite in caso di emergenza riportandola, ove possibile, nel registro delle
presenze
e
segnalandola
al
personale
incaricato
dell’assistenza
ai
disabili
durante
l’evacuazione.
In ogni caso tutti gli ospiti presenti devono essere informati su cosa fare in caso di incendio
con istruzioni molto semplici e chiare che tengano conto che essi non conoscono i luoghi.
In ogni camera dovranno essere esposti avvisi contenenti le istruzioni su cosa fare in caso di
incendio e sulle procedure di evacuazione (paragrafo 6.1).
Le istruzioni devono riguardare sia il comportamento da adottare in caso di scoperta di un
principio di incendio da parte dell’ospite, sia cosa fare quando viene dato un allarme. Una
planimetria di facile lettura dovrà indicare i percorsi per raggiungere le uscite del piano e i
pulsanti di allarme, se previsti.
Le istruzioni devono essere
tradotte in più lingue, tenendo conto della possibile nazionalità
eterogenea degli ospiti.
Pag. 41
Esempi di istruzioni da esporre nelle camere e/o da consegnare agli ospiti sono riportate nel
capitolo 11).
5.3 Il piano antincendio
Il piano di emergenza incendio è uno strumento essenziale per la corretta gestione degli
incidenti, esso contiene informazioni chiave, scritte nel modo più semplice e chiaro possibile,
che servono per mettere in atto i primi comportamenti e le prime manovre necessarie ad
ottenere, nel più breve tempo possibile, i seguenti obiettivi principali:
•
salvaguardia ed evacuazione delle persone,
•
messa in sicurezza degli impianti,
•
compartimentazione e confinamento dell’incendio,
•
protezione dei beni e delle attrezzature,
•
estinzione completa dell’incendio.
Lo scopo del piano antincendio è, infatti, quello di permettere ai lavoratori di poter gestire nel
modo migliore possibile la situazione di emergenza fornendo loro istruzioni sulle azione da
intraprendere e sui comportamenti più adatti ad evacuare la struttura in condizioni di maggior
sicurezza possibile. Deve quindi fornire agli addetti alle squadre di emergenza delle
linee-
guida comportamentali e procedurali.
É pertanto un documento organizzativo ma anche pratico che deve essere costituito da due
parti fondamentali.
Nella prima parte del piano è necessario riportare la strategia organizzativa indicando:
• le caratteristiche dei luoghi di lavoro (numero dei piani, superfici di piano, tipo di
struttura e di copertura del fabbricato ecc.);
• il
numero
massimo
delle
persone
che
possono
essere
presenti
contemporaneamente sul luogo di lavoro (lavoratori, lavoratori occasionali, ospiti ecc.);
• le necessità di assistenza particolari per alcuni soggetti (disabili, anziani, bambini,
etc),
•
il numero di incaricati all'assistenza degli ospiti durante l’evacuazione;
•
la presenza nella struttura di lavoratori di ditte esterne (addetti alle pulizie,
manutentori, etc.).
• il
numero
ed
i
nominativi
degli
addetti
all’attuazione
ed
al
controllo
dell’emergenza, ed alla assistenza per l’esodo (addetti alla gestione dell’emergenza,
esodo, lotta antincendio e primo soccorso) e i loro compiti.
Nelle strutture ricettive di grandi dimensioni il piano di antincendio deve includere
una planimetria con l’indicazione delle vie di esodo, e del punto di raccolta in luogo
sicuro, dell’ubicazione dei mezzi di spegnimento, degli allarmi e della centralina
Pag. 42
antincendio e dell’ubicazione dell'interruttore generale dell'alimentazione elettrica,
delle valvole di intercettazione delle reti idriche e di gas e fluidi combustibili.
Nella seconda parte “operativa”del piano antincendio devono essere fornite istruzioni chiare su:
•
cosa deve fare il soggetto a cui vengono affidati particolari compiti o responsabilità
in caso di incendio (distacco alimentazioni ed utenze, uso di mezzi di estinzione se
possibile, messa in sicurezza di macchine ed impianti, etc.);
•
il modo più adeguato per informare tutti i presenti su cosa sta accadendo;
•
le misure da attuare nei confronti delle persone più a rischio (disabili, visitatori,
ospiti, appaltatori);
•
le specifiche misure per le aree a maggior rischio di incendio;
•
le procedure per chiamare i vigili del fuoco e per fornire la necessaria informazione
ed assistenza al loro arrivo;
•
le corrette modalità di evacuazione e raccolta in luogo sicuro.
Nelle piccole strutture il piano può essere limitato a delle schede con istruzioni
comportamentali (vedere capitolo 11).
5.4 Le corrette modalità di evacuazione
All’interno del piano di emergenza deve necessariamente essere redatto un piano di
evacuazione che indichi tutte le misure adottate (in fase preventiva e di progetto) e tutti i
comportamenti da attuare (in fase di emergenza) per garantire la completa evacuazione della
struttura da parte di tutti i presenti.
I lavoratori, visitatori ed ospiti dovranno abbandonare la loro postazione senza esitazione,
tralasciando il recupero di effetti personali e senza correre e/o urlare, seguendo le istruzioni
degli addetti all’emergenza, quando presenti, in ogni caso, senza utilizzare ascensori, fatta
salva l’evacuazione di persone disabili, lasciando aperta la porta dell’eventuale camera
abbandonata e seguendo le indicazioni delle uscite di emergenza fino al raggiungimento del
luogo sicuro dove avranno cura di segnalare, all’incaricato della verifica presenze, la propria
messa in salvo.
Gli addetti all’emergenza avranno il compito di guidare le persone presenti nella struttura verso
il luogo sicuro, di verificare, quando possibile, se qualcuno sia rimasto all’interno di qualche
locale della struttura ricettiva e di chiudere durante l’evacuazione le porte tagliafuoco nel
tentativo di isolare l’incendio.
Pag. 43
5.5 La collaborazione con i vigili del fuoco
Le squadre del
Corpo Nazionale dei
Vigili
del
Fuoco sono
addestrate ad operare in condizioni di emergenza proprio quando il
panico può prendere il sopravvento pregiudicando l’attuazione
corretta ed immediata delle azioni di salvataggio e contenimento.
Pertanto gli addetti alle squadre antincendio, dopo aver cercato di gestire al meglio i primi
momenti dell’emergenza, all’arrivo dei Vigili del Fuoco devono mettersi a disposizione di questi
ultimi in termini di: conoscenza dei luoghi dove intervenire, persone presenti, manifestazioni in
corso, macchinari particolari, luoghi a rischio molto elevato (ad esempio depositi di materiale
combustibile), etc. Tali informazioni, infatti, possono essere determinanti per l’esito delle
operazioni di salvataggio delle vite umane e del contenimento dell’incendio.
Pag. 44
6. Le misure di prevenzione
incendi nei rifugi alpini
I rifugi alpini meritano delle considerazioni separate dal resto delle tipologie di strutture
ricettive
in materia di prevenzione incendi. Infatti esistono tre tipologie di rifugi: quelli
di
categoria A, raggiungibili con strada rotabile; quelli di categoria B, raggiungibili con mezzo
meccanico di risalita in servizio pubblico (ad esclusione delle sciovie), ed infine quelli di
categorie C, D ed E, classificati in base alla difficoltà di accesso, alla quota e al sistema
utilizzato per i rifornimenti.
Anche nei rifugi alpini le misure di prevenzione e protezione incendi sono finalizzate a:
•
ridurre i rischi che possa divampare un incendio;
•
limitare la propagazione del fuoco e dei fumi;
•
consentire a tutti gli occupanti di uscire incolumi.
In particolare devono essere rispettare le seguenti disposizioni:
•
devono essere eliminate le sorgenti di innesco;
•
deve essere imposto il divieto di fumo o accensione fuochi, nei locali che non siano
appositamente predisposti;
•
gli apparecchi di cottura (fornelli e cucine) funzionanti a gas devono essere dotati di
rubinetti valvolati oltre ad una valvola generale di intercettazione segnalata, le
eventuali bombole di gas vanno poste all'esterno del rifugio tranne che per i rifugi con
capienza inferiore ai 25 posti letto;
•
i depositi di sostanze combustibili, prodotti infiammabili, rifiuti eccetera devono essere
posizionati all'esterno, oppure in locali separati;
•
le porte di esodo non devono essere chiuse a chiave dall'interno, l'eventuale chiusura
potrà avvenire solo dall'esterno nei periodi di inattività od in caso di cessazione della
stessa. Se il frequente verificarsi di precipitazioni nevose lo rende necessario, le porte
d'esodo comunicanti con l’esterno possono aprirsi verso l'interno;
•
le inferriate o qualsiasi altra protezione fissa delle finestre che non ne consenta l'uso
come via d'esodo di emergenza o l'accesso dei soccorsi, devono essere eliminate;
•
i locali adibiti a cottura cibi, anche da parte degli ospiti, devono essere realizzati con
materiali resistenti al fuoco, e le stufe devono essere protette con materiali
incombustibili;
•
in caso di assenza di un apparecchio telefonico, dovrà essere installato, in posizione
segnalata e protetta, un apparecchio radio di chiamata ad alimentazione autonoma, su
Pag. 45
banda fissa, in grado di inviare automaticamente segnalazioni di soccorso per un
periodo non inferiore a 4 ore;
•
i rifugi alpini situati a quote superiori ai 2000 metri sul livello del mare o, a quote
inferiori ma con condizioni meteorologiche assimilabili, devono essere dotati di sacchi
d'emergenza
in custodia sigillata contenenti un telo alluminato a forma di sacco, in
grado di poter contenere completamente una persona, in numero idoneo alla massima
capienza del rifugio. I sacchi devono essere conservati in luoghi chiaramente segnalati
con chiare istruzioni d’uso, distanti dal rifugio in modo da non essere coinvolti
dall'eventuale incendio.
Il
titolare del rifugio deve redigere delle schede tecniche indicanti le caratteristiche del
rifugio ai fini antincendio, con l’indicazione del nome e cognome del gestore e del responsabile
della sicurezza, nominato dal titolare. Il responsabile della sicurezza dovrà provvedere
almeno annualmente al controllo generale della situazione, delle dotazioni previste e
dell'efficienza degli impianti.
Pag. 46
7. La normativa in vigore
La normativa antincendio è costituita da una vastissima
produzione di norme e circolari, che si è sviluppata nel
tempo a partire dagli anni 50’. Una svolta nella legislazione
si è avuta con l’emanazione del DM 10 marzo 1998, nel
quale
venivano
finalmente
riprese
le
tematiche
tracciate dal DPR 547/55 e dal decreto legislativo 626/94 (oggi entrambi abrogati), concernenti
la prevenzione incendi nei luoghi di lavoro e le misure da porre in essere per prevenire
l’insorgenza di un incendio e la sua eventuale propagazione, provvedere a porre in salvo, nel
minor tempo possibile, le persone presenti sul luogo del sinistro, intervenire, quando possibile,
con l’utilizzo dei mezzi, delle attrezzature e dei dispositivi di lotta agli incendi, attuare tutte le
procedure del “piano di emergenza”, al fine di poter gestire nel migliore dei modi
un’emergenza incendio sul luogo di lavoro. Tale decreto ha mantenuto la sua validità anche a
seguito dell’emanazione del decreto legislativo 81/2008, il nuovo testo unico in materia di
salute e sicurezza sul lavoro.
Il riferimento principale per le strutture ricettive è il DM 9/4/1994 "Regola tecnica di
prevenzione incendi per la costruzione e l'esercizio delle attività ricettive turistico-alberghiere"
(e
DM 6/10/2003 per le attività ricettive esistenti). Con l’emanazione del recente D.M. 16
marzo 2012 tutte le strutture ricettive turistico-alberghiere con oltre venticinque posti letto,
esistenti alla data di entrata in vigore del decreto del Ministro dell'interno 9 aprile 1994, sono
tenute ad adeguarsi alle disposizioni di prevenzione incendi entro due anni dalla data di entrata
in vigore del sopracitato decreto (30 aprile 2012)
A causa della serietà della materia per le conseguenze che lo svilupparsi di un incendio può
avere sulla vita umana, la normativa risulta comunque estremamente complessa e di non facile
lettura circa gli adempimenti previsti a livello amministrativo oltre che pratico.
Una notevole semplificazione si è avuta con l’emanazione del DPR 1 agosto 2011 n. 151,
riguardante lo schema di regolamento per la disciplina dei procedimenti relativi alla
prevenzione incendi. Il nuovo regolamento
individua le attività soggette alla disciplina della
prevenzione incendi ed opera una sostanziale semplificazione degli adempimenti tecnici da
parte dei soggetti interessati in base al relativo rischio.
Il DPR 151 /2011 distingue pertanto le attività sottoposte ai controlli di prevenzione incendi in
tre categorie:
•
Categoria “A”, attività a basso rischio e standardizzate: Appartengono alla
Categoria A le attività che non sono suscettibili di provocare rischi significativi per
Pag. 47
l’incolumità pubblica e che sono contraddistinte da un limitato livello di complessità e da
norme tecniche di riferimento.
Appartengono a questa categoria le strutture ricettive tra i 25 e i 50 posti letto
•
Categoria “B”, attività a medio rischio: Rientrano nella Categoria B le attività
caratterizzate da una media complessità e da un medio rischio, nonché le attività che
non hanno normativa tecnica di riferimento e non sono da ritenersi ad alto rischio.
Appartengono a questa categoria le strutture ricettive tra i 50 e i 100 posti letto e le
strutture turistico-ricettive all’aria aperta (campeggi, villaggi-turistici, ecc.) con
capacità ricettiva superiore a 400 persone.
•
Categoria “C”, attività a elevato rischio: Nella Categoria C rientrano tutte le attività
ad alto rischio e ad alta complessità tecnico-gestionale.
Appartengono a questa categoria le strutture ricettive con più di 100 posti letto
In allegato 1 si riporta un elenco della principale normativa.
Pag. 48
8. Le tre categorie di rischio ed i
relativi adempimenti
Abbiamo visto nel capitolo precedente come l’emanazione del DPR 151 /2011 abbia rimodulato
gli adempimenti
amministrativi previsti sulla base della complessità del rischio e come le
diverse tipologie di strutture ricettive siano state ricomprese nelle tre categorie di rischio A, B e
C. Per ciascuna categoria
sono previsti
procedimenti differenziati, più semplici rispetto ai
precedenti per ciò che attiene la valutazione dei progetti, i controlli di prevenzione incendi, il
rinnovo periodico di conformità antincendio, la deroga, il nulla osta di fattibilità, le verifiche in
corso d'opera, la voltura, prevedendo sia il caso in cui l'attivazione avvenga attraverso lo
Sportello Unico per le attività Produttive sia l'eventualità che si proceda direttamente
attraverso il Comando Provinciale VV.F. competente per territorio.
Nel caso delle strutture ricettive, la normativa precedente (DM 16.2.1962, punto 84)
prevedeva la necessità del rilascio del CPI (certificato di Prevenzione Incendi) da parte dei vigili
del fuoco, per tutti gli alberghi con più di 25 posti letto. Il DPR 151/2011 al punto 66 ripartisce
invece le strutture ricettive nelle tre categorie di rischio A, B e C, prevedendo il rilascio del CPI
solo per gli alberghi con più di 100 posti letto (categoria C).
Nei successivi paragrafi si riportano tre schede di sintesi dell’iter procedurale previsto per le
categorie di rischio A, B e C.
Pag. 49
8.1 Strutture ricettive tra i 25 e i 50 posti letto: Categoria
A – Rischio basso
Il comando dei vigili del fuoco ha quindi facoltà di effettuare dei controlli a campione entro 60
giorni, rilasciando, su richiesta, un verbale di sopralluogo.
Pag. 50
8.2 Strutture ricettive tra i 50 e i 100 posti letto e
strutture turistico-ricettive all’aria aperta: Categoria B
– Rischio Medio
Il comando dei vigili del fuoco, anche in questo secondo caso, ha facoltà di effettuare dei
controlli a campione entro 60 giorni, rilasciando, su richiesta, un verbale di sopralluogo.
Pag. 51
8.3 Strutture ricettive con oltre 100 posti letto: Categoria
C – Rischio Elevato
Il comando dei vigili del fuoco effettua, in questo ultimo caso, un sopralluogo entro 60 giorni e
rilascia il Certificato di prevenzione incendi.
Pag. 52
9. Gli accertamenti degli organi di
vigilanza: la documentazione
richiesta
In caso di visita ispettiva da parte degli organi di vigilanza è vivamente consigliabile tenere in
ordine e sempre disponibile la seguente documentazione:
•
Copia della pratica di prevenzione incendi ai sensi del DPR 151/2011 completa di SCIA
(Segnalazione Certificata di Inizio Attività) antincendio,
•
copia del CPI (Certificato di Prevenzione Incendi) per le strutture ricettive di categoria C
in corso di validità,
•
copia di tutte le dichiarazioni di conformità rilasciate dalle ditte installatrici relative agli
impianti
elettrici,
termici,
distribuzione
gas,
canne
fumarie,
idrici
antincendio,
condizionamento, climatizzazione, complete degli allegati obbligatori (relazioni e visure
camerali),
•
copia dei progetti relativi agli impianti tecnologici a firma di tecnici abilitati DM 37/2008,
•
planimetrie indicanti le vie e percorsi di esodo (per aziende oltre 10 addetti ovvero ove
richiesto per regola tecnica),
•
copia delle omologazioni ministeriali ovvero dichiarazioni CE, comprese le prove
rilasciate dai laboratori autorizzati relativi a:
–
porte ed infissi resistenti al fuoco,
–
arredi ed allestimenti (moquettes, sedili imbottiti, materassi, tendaggi, ecc.) nei
casi prescritti,
–
strutture resistenti al fuoco.
• Registro controlli periodici con indicazione dei controlli periodici di legge (estintori,
idranti ed impianti spegnimento in genere, impianti rivelazione ed allarme incendio,
impianti di ventilazione ed evacuazione fumo e calore, illuminazione di emergenza, ecc.)
e verifiche della funzionalità ed efficienza delle misure passive (funzionalità chiusura
porte tagliafuoco, fruibilità percorsi di esodo, presenza presidi antincendio, ecc.).
Pag. 53
Inoltre ai fini degli adempimenti relativi alla tutela della salute e sicurezza dei lavoratori
durante lo svolgimento dell’attività lavorativa (d.lgs. 81/2008) occorre rendere disponibile:
•
Documento di valutazione dei rischi (ovvero autocertificazione qualora ammessa) con
particolare riferimento al rischio incendio,
•
nomina del R.S.P.P. – Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione,
•
visura camerale dalla quale emerga la figura del datore di lavoro,
•
nomina ed incarico per la squadra addetti antincendio,
•
nomina ed incarico per la squadra addetti al primo soccorso,
•
piano di emergenza e di evacuazione (per attività ricettive oltre 10 addetti),
•
documentazione attestante l’avvenuta formazione in materia antincendio, evacuazione
e primo soccorso,
•
copia omologazione impianto di messa a terra,
•
documentazione attestante la verifica per le protezioni contro le scariche atmosferiche,
•
copia denuncia INAIL impianti termici (potenzialità superiore a 35 kW).
Pag. 54
10. Esempi di schede di istruzioni
pratiche per l’emergenza
incendio
Si riportano degli esempi di schede di istruzione pratiche da mettere a disposizione dei
lavoratori e degli ospiti.
Pag. 55
PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI INCENDIO
CENTRALINISTA/ADDETTO ALLA RECEPTION
SE SENTI UN ALLARME O LO RICEVI DA UN OSPITE O DA UN COLLEGA
Avverti immediatamente il personale incaricato per accertare la situazione
nell’area da cui è pervenuta la segnalazione.
chiama i vigili del fuoco immediatamente in caso di incendio reale o
presunto componendo IL NUMERO TELEFONICO 115 e indica chiaramente:
• nome albergo
• indirizzo
• i tuoi dati identificativi
N.B.: non chiudere l’apparecchio telefonico fino a quando i vigili del fuoco non
hanno ripetuto l’indirizzo.
resta in attesa delle informazioni da parte del personale inviato sul posto.
se ricevi conferma dell’esistenza dell’incendio, dà l’allarme per
l’evacuazione azionando il pulsante dell’allarme generale, che deve restare
in posizione “acceso”.
abbandona l’immobile e raggiungi il punto di raccolta situato in ________
non correre o gridare e, se possibile, aiuta chi è in difficoltà
IMPORTANTE : NON UTILIZZARE GLI ASCENSORI E NON RIENTRARE NELL’EDIFICIO
IMPORTANTE : NON UTILIZZARE GLI ESTINTORI O ALTRI MEZZI DI ESTINZIONE SE
NON SEI STATO ADDESTRATO A FARLO
una volta fuori, riferisci al responsabile dell’albergo, o ai vigili del fuoco,
notizie su eventuali persone mancanti, o su altri aspetti importanti
riguardanti l ’emergenza in atto.
Pag. 56
PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI INCENDIO
TUTTI I LAVORATORI
SE SCOPRI UN INCENDIO
Dai immediatamente l’allarme utilizzando il più vicino punto di segnalazione
manuale o chiamando la reception al numero_________ comunicando:
• l’ubicazione dell’incendio (piano e stanza)
• la natura dell’incendio
• il tuo nominativo
abbandona l’immobile seguendo preferibilmente la via di esodo indicata
nella planimetria di piano e raggiungi il punto di raccolta situato
in _________
non correre o gridare e , se possibile, aiuta chi è in difficoltà
SE SENTI UN ALLARME
abbandona l’immobile seguendo preferibilmente la via di esodo indicata
nella planimetria di piano e raggiungi il punto di raccolta situato
in _________
non correre o gridare e , se possibile, aiuta chi è in difficoltà
IMPORTANTE : NON UTILIZZARE GLI ASCENSORI E NON RIENTRARE NELL’EDIFICIO
IMPORTANTE : NON UTILIZZARE GLI ESTINTORI O ALTRI MEZZI DI ESTINZIONE SE
NON SEI STATO ADDESTRATO A FARLO
una volta fuori, riferisci al responsabile dell’albergo, o ai vigili del fuoco,
notizie su eventuali persone mancanti, o su altri aspetti importanti
riguardanti l ’emergenza in atto.
SE C’É PRESENZA DI FUMO TALE DA RENDERE DIFFICILE LA RESPIRAZIONE
cammina basso, chinandoti e , se possibile, proteggendo naso e bocca con
un fazzoletto bagnato,
orientati seguendo le vie di fuga indicate dalla segnalazione di emergenza o,
in caso di scarsa visibilità, mantenendo un contatto con le pareti.
NEL CASO LE VIE DI FUGA SIANO IMPRATICABILI
raggiungi la stanza più vicina, chiudi la porta ed apri la finestra,
se possibile sigilla la porta con panni umidi che impediscono l’entrata del
fumo
se possibile chiama il numero_________ e segnala la tua presenza
comunicando il numero della stanza oppure cerca di far notare la tua
presenza dalla finestra aperta.
Pag. 57
PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI INCENDIO
OSPITI DELL’ALBERGO
SE SCOPRI UN INCENDIO
Dai
immediatamente
l’allarme
chiamando
numero__________ comunicando:
•
l’ubicazione dell’incendio (Piano e stanza)
•
la natura dell’incendio
•
il tuo nominativo
la
reception
al
abbandona l’immobile seguendo preferibilmente la via di esodo indicata
nella planimetria presente nella camera o sul piano e raggiungi il punto di
raccolta situato
in _________
Non correre o gridare, non portare con te oggetti ingombranti e non
rientrare in camera per prendere effetti personali, se possibile aiuta chi è
in difficoltà
SE SENTI UN ALLARME
abbandona l’immobile seguendo preferibilmente la via di esodo indicata
nella planimetria presente nella camera o sul piano e raggiungi il punto di
raccolta situato
in _________
Non correre o gridare, non portare con te oggetti ingombranti e non
rientrare in camera per prendere effetti personali, se possibile aiuta chi è
in difficoltà
IMPORTANTE
:
NON
UTILIZZARE
GLI
ASCENSORI
E
NON
RIENTRARE
NELL’EDIFICIO
IMPORTANTE : NON UTILIZZARE GLI ESTINTORI O ALTRI MEZZI DI ESTINZIONE
SE NON SEI STATO ADDESTRATO A FARLO
una volta fuori, riferisci al responsabile dell’albergo, o ai vigili del fuoco,
notizie su eventuali persone mancanti, o su altri aspetti importanti
riguardanti l ’emergenza in atto.
SE C’É PRESENZA DI FUMO TALE DA RENDERE DIFFICILE LA RESPIRAZIONE
cammina basso, chinandoti e , se possibile, proteggendo naso e bocca con
un fazzoletto bagnato,
orientati seguendo le vie di fuga indicate dalla segnalazione di emergenza
o, in caso di scarsa visibilità, mantenendo un contatto con le pareti.
NEL CASO LE VIE DI FUGA SIANO IMPRATICABILI
raggiungi la stanza più vicina, chiudi la porta ed apri la finestra,
se possibile sigilla la porta con panni umidi che impediscono l’entrata del
fumo.
Pag. 58
PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI INCENDIO
ADDETTI ALL’EMERGENZA
SE SCOPRI UN INCENDIO
immediatamente
l’allarme
chiamando
Dai
numero__________ comunicando:
•
l’ubicazione dell’incendio (Piano e stanza)
•
la natura dell’incendio
•
il tuo nominativo
Se presente, segui le indicazioni del responsabile dell’emergenza
Se possibile stacca le alimentazioni elettriche o di gas
se lo ritieni possibile cerca di affrontare l’incendio con i mezzi di estinzione
a disposizione
assisti le persone presenti durante l’esodo, favorendo l’uscita ordinata e
seguendo le procedure del piano di emergenza (isolamento comparti con
porte tagliafuoco, divieto utilizzo ascensori, eccetera)
cerca di accertare se qualcuno è ancora all’interno delle camere
una volta fuori, riferisci al responsabile dell’albergo, o ai vigili del fuoco,
notizie su eventuali persone mancanti, o su altri aspetti importanti
riguardanti l ’emergenza in atto.
la
reception
al
SE SENTI UN ALLARME O VIENI AVVERTITO DELL’EMERGENZA DALLA RECEPTION
Se presente, segui le indicazioni del responsabile dell’emergenza
Se possibile stacca le alimentazioni elettriche o di gas
se lo ritieni possibile cerca di affrontare l’incendio con i mezzi di estinzione
a disposizione
assisti le persone presenti durante l’esodo, favorendo l’uscita ordinata e
seguendo le procedure del piano di emergenza (isolamento comparti con
porte tagliafuoco, divieto utilizzo ascensori, eccetera)
cerca di accertare se qualcuno è ancora all’interno delle camere
una volta fuori, riferisci al responsabile dell’albergo, o ai vigili del fuoco,
notizie su eventuali persone mancanti, o su altri aspetti importanti
riguardanti l ’emergenza in atto.
Gli addetti all’emergenza, sono formati ed addestrati ad affrontare un principio di incendio e
conoscono bene i comportamenti da tenere e tutte le altre utili indicazioni presenti sul piano di
emergenza.
Si
riporta
comunque
un
esempio
Pag. 59
di
procedura
per
tali
lavoratori.
Allegato 1: Elenco della principale
normativa antincendio
•
D.M. 20 dicembre 2012 “Regola tecnica per la progettazione degli impianti
antincendio di protezione attiva nelle attività soggette”.
•
D.M. 7 agosto 2012 “Disposizioni relative alle modalità di presentazione delle istanze
concernenti i procedimenti di prevenzione incendi e alla documentazione da allegare, ai
sensi dell’articolo 2, comma 7 del decreto del Presidente della Repubblica 1 agosto
2011, n. 151”.
•
D.M. 16 marzo 2012 “Piano straordinario biennale adottato ai sensi dell'art. 15, co. 7
e 8, del dl 29.12.11, n. 216, convertito, con modificazioni, dalla l. 24.2.12, n. 14,
adeguamento alle disposizioni di prevenzione incendi delle strutture ricettive”.
•
DM 2 marzo 2012 "Aggiornamento delle tariffe dovute per i servizi a pagamento resi
dal Corpo nazionale dei vigili del fuoco".
•
D.M. 13 luglio 2011 "Regola tecnica di prevenzione incendi per la installazione di
motori a combustione interna accoppiati a macchina generatrice elettrica o ad
altra macchina operatrice e di unità di cogenerazione a servizio di attività civili,
industriali, agricole, artigianali, commerciali e di servizi".
•
DPR 151/2011 “Regolamento recante semplificazione della disciplina dei procedimenti
relativi alla prevenzione degli incendi, a norma dell'articolo 49, comma 4-quater, del
decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30
luglio 2010, n.122”.
•
D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 coord "Testo unico in materia di tutela della salute e della
sicurezza nei luoghi di lavoro", coordinato con le modifiche apportate dal D.lgs. 3
agosto 2009 n. 106.
•
DM 22 gennaio 2008 "Riordino delle disposizioni in materia di attività di installazione
degli impianti all'interno degli edifici".
•
DM 14 gennaio 2008 "Nuove norme tecniche per le costruzioni".
•
DM 9 maggio 2007 "Direttive per l'attuazione dell'approccio ingegneristico alla
sicurezza antincendio".
•
DM 9 marzo 2007 "Prestazioni di resistenza al fuoco delle costruzioni nelle attività
soggette al controllo del Corpo nazionale dei vigili del fuoco" e LC P414-4122 del 28-32008 di chiarimenti.
•
DM 16 febbraio 2007 "Classificazione di resistenza al fuoco di prodotti ed elementi
costruttivi di opere da costruzione".
Pag. 61
•
DM 15 settembre 2005 "Regola tecnica di prevenzione incendi per i vani degli
impianti di sollevamento ubicati nelle attività soggette ai controlli di prevenzione
incendi".
•
DM 28 aprile 2005 "Regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la
costruzione e l'esercizio degli impianti termici alimentati da combustibili liquidi".
•
DM 15 marzo 2005 "Requisiti di reazione al fuoco dei prodotti da costruzione installati
in attività disciplinate da specifiche disposizioni tecniche di prevenzione incendi in base
al sistema di classificazione europeo".
•
DM 10 marzo 2005 modificato dal DM 25/10/2007 "Classi di reazione al fuoco per i
prodotti da costruzione da impiegarsi nelle opere per le quali è prescritto il requisito
della sicurezza in caso d'incendio".
•
DM 3 novembre 2004 "Disposizioni relative all'installazione ed alla manutenzione dei
dispositivi per l'apertura delle porte installate lungo le vie d'esodo, relativamente alla
sicurezza in caso d'incendio".
•
DPR 6 giugno 2001, n.380, e succ. mod. ed integr. "Testo unico delle disposizioni
legislative e regolamentari in materia edilizia”.
•
DM 10 marzo 1998 "Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione
dell'emergenza nei luoghi di lavoro".
•
DM 12 aprile 1996 "Regola tecnica di prevenzione incendi per impianti termici
alimentati da combustibili gassosi".
•
DM 9 aprile 1994 "Regola tecnica di prevenzione incendi per la costruzione e
l'esercizio delle attività ricettive turistico-alberghiere" e DM 6/10/2003 (per le attività
ricettive esistenti).
•
DM 1 febbraio 1986 "Norme di sicurezza antincendi per la costruzione e l'esercizio di
autorimesse e simili".
•
DM 30 novembre 1983 "Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione
incendi".
Pag. 62
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement