inCoris CC

inCoris CC
=kìçîç=~=é~êíáêÉ=Ç~W
MVKOMNP
áå`çêáë=``
_äçÅÅÜÉííá=áå=ãÉí~ääç=ëáåíÉêáòò~íç=éÉê=áåi~Ä
fëíêìòáçåá=Çá=ä~îçê~òáçåÉW=êÉ~äáòò~òáçåÉ=Çá=êÉëí~ìêá=éÉê=ÅçêçåÉ=É=éçåíá
fí~äá~åç
Blocchetti in metallo sinterizzato per inLab\rIstruzioni di lavorazione: realizzazione di restauri per corone e ponti
=
Sirona Dental Systems GmbH
Blocchetti in metallo sinterizzato per inLab
Indice per argomenti
1
Informazioni generali ................................................................................................
4
2
Materiale...................................................................................................................
5
3
Destinazione d'uso ...................................................................................................
6
4
Composizione chimica .............................................................................................
8
5
Dati tecnici................................................................................................................
9
6
Indicazione e avvertenze per la preparazione..........................................................
10
6.1
Indicazione ....................................................................................................
10
6.2
Controindicazione .........................................................................................
10
6.3
Avvertenze generali sulla preparazione ........................................................
10
6.4
Preparazione di corone di denti frontali e laterali ..........................................
10
Realizzazione del restauro .......................................................................................
13
7.1
Scansione, costruzione e molaggio ..............................................................
13
7.2
Sostituzione dell'acqua con inLab MC XL .....................................................
13
7.3
Post-elaborazione del restauro molato .........................................................
13
7.4
Sinterizzazione ..............................................................................................
14
7.5
Lavorazione successiva della struttura sinterizzata ......................................
15
7.6
Rivestimento .................................................................................................
15
8
Brasatura/lavorazione al laser..................................................................................
16
9
Ricerca errori............................................................................................................
17
10
Strumenti e materiali consigliati................................................................................
19
11
Avvertenze per il fissaggio .......................................................................................
20
12
Rimozione di restauri inseriti e trapanazione ...........................................................
21
13
Suggerimenti per il riciclaggio dei residui di molaggio di inCoris CC .......................
22
7
2
64 50 329 D3487
D3487.201.08.02.11 09.2013
Sirona Dental Systems GmbH
Blocchetti in metallo sinterizzato per inLab
14
Bibliografia...............................................................................................................
26
14.1
Scienza dei materiali ....................................................................................
26
14.2
CEREC/ inLab ..............................................................................................
27
64 50 329 D3487
D3487.201.08.02.11
09.2013
3
1 Informazioni generali
Sirona Dental Systems GmbH
Blocchetti in metallo sinterizzato per inLab
1
Informazioni generali
Il prodotto inCoris CC reca il marchio CE in conformità con le disposizioni
della direttiva 93/42/CEE del 14 giugno 1993 sui prodotti medicali.
Informazioni generali
I blocchetti inCoris CC sono destinati alla creazione di restauri dentali
personalizzati, che potranno essere lucidati o rivestiti dopo il molaggio o
la sinterizzazione.
inCoris CC
0123
Rx only
4
ATTENZIONE: In base alla legge federale degli USA, questo prodotto
deve essere venduto solo a medici, dentisti o esperti autorizzati o su loro
incarico.
64 50 329 D3487
D3487.201.08.02.11 09.2013
Sirona Dental Systems GmbH
2 Materiale
Blocchetti in metallo sinterizzato per inLab
2
Materiale
Con inCoris CC si intendono blocchetti in una lega cobalto-cromo.
Frammento CC
Materiale
I blocchetti vengono prodotti parzialmente sinterizzati, quindi ingranditi
con il sistema CAD/CAM inLab, lavorati per preparazioni singole e poi
densamente sinterizzati.
Le singole preparazioni densamente sinterizzate, dopo una fase di postelaborazione vengono rivestite e/o lucidate come di consueto.
Frammento inCoris CC
I vantaggi di inCoris CC sono:
● la rapidità del processo,
inCoris CC
● l'elevata qualità dei lavori,
● la sicurezza del processo attraverso la lavorazione in umido,
● il flusso di lavoro pulito, puramente digitale
64 50 329 D3487
D3487.201.08.02.11
09.2013
5
3 Destinazione d'uso
Sirona Dental Systems GmbH
Blocchetti in metallo sinterizzato per inLab
3
Destinazione d'uso
I blocchetti inCoris CC sono destinati alla creazione di restauri
personalizzati, che potranno essere lucidati o rivestiti dopo il molaggio o
la sinterizzazione.
Destinazione d'uso
● Cappette per corona nell'area dei denti frontali e laterali
● Strutture a ponte fino a 4 elementi nell'area dei denti frontali e laterali
con max. 2 elementi intermedi
● Corone coniche e telescopiche
Controindicazioni
Non utilizzare in caso di ipersensibilità dimostrata verso uno o più metalli
presenti nella lega.
Avvertenza
inCoris CC contiene cobalto e cromo. Per determinati legami tra questi
materiali esistono concentrazioni massime consentite per il luogo di
lavoro (valori MAK). La lavorazione con strumenti a rotazione deve
essere effettuata con una procedura di molaggio in umido utilizzando il
box di rifinitura raccomandato. In alternativa è possibile lavorare a secco
in un box di rifinitura idoneo, se è presente un'aspirazione efficace per
mezzo di aspirapolvere di classe H. Particolare cautela va prestata
durante la loro pulizia (indossare i dispositivi di protezione individuale).
Inoltre si raccomanda di indossare dei dispositivi di protezione per la
bocca e il viso (camice, maschera antipolvere con filtro per particelle P3,
guanti, occhiali protettivi).
In caso di nota sensibilizzazione verso uno dei materiali, la lega non
dovrebbe essere inserita e/o lavorata.
● Osservare la scheda tecnica di sicurezza!
● Evitare attività che provochino la formazione di polvere.
● In caso di polvere, indossare i dispositivi di protezione individuale
(camice, maschera antipolvere con filtro per particelle P3, guanti,
occhiali protettivi).
● Pulire la camera di molaggio prima del cambio di materiale (ved.
Sostituzione dell'acqua inLab MC XL).
● Sciacquare tutti i restauri (anche diversi da inCoris CC) sotto
abbondante acqua corrente per evitare contaminazioni.
● Non smaltire né nelle acque di scarico né con i rifiuti domestici:
rispettare i Suggerimenti per il riciclaggio dei residui di molaggio di
inCoris CC [ → 22].
Solo per uso dentistico.
Conservare sotto chiave e fuori dalla portata dei bambini.
6
64 50 329 D3487
D3487.201.08.02.11 09.2013
Sirona Dental Systems GmbH
3 Destinazione d'uso
Blocchetti in metallo sinterizzato per inLab
Misure precauzionali
Durante il molaggio di inCoris CC utilizzare un serbatoio dell'acqua
separato. In questo modo si evitano contaminazioni incrociate e si rende
possibile il riciclaggio separato dei residui di inCoris CC.
Pulire la camera di molaggio MC XL prima del cambio del materiale.
Osservare al riguardo le istruzioni d'uso dell'apparecchio. Sciacquare tutti
i restauri (anche diversi da inCoris CC) sotto abbondante acqua corrente
per evitare contaminazioni.
Suddividere il processo di molaggio dei blocchetti Maxi L in almeno due
fasi di lavori di grandezza quanto più uguale possibile, per evitare il
rischio di una rottura.
Effetti collaterali
Sono possibili allergie verso i metalli contenuti nella lega, nonché
sensibilizzazioni per cause elettrochimiche. In rari casi sono stati
segnalati effetti collaterali a livello sistemico dei metalli contenuti nella
lega.
Interazioni farmacologiche
Evitare il contatto occlusale e approssimale di diversi tipi di leghe.
Durante la lavorazione delle leghe dentali evitare di inalare polveri e
vapori. Per la protezione contro le polveri ed i vapori utilizzare impianti di
aspirazione idonei come pure una protezione per il viso o le vie
respiratorie.
64 50 329 D3487
D3487.201.08.02.11
09.2013
7
4 Composizione chimica
Sirona Dental Systems GmbH
Blocchetti in metallo sinterizzato per inLab
4
8
Composizione chimica
Componenti
Dati in % in peso:
Co
63,3
Cr
28,5
Composizione chimica
Mo
6,0
Mn
<0,8
Si
<0,8
Fe
<0,3
N
<0,3
64 50 329 D3487
D3487.201.08.02.11 09.2013
Sirona Dental Systems GmbH
5 Dati tecnici
Blocchetti in metallo sinterizzato per inLab
5
Dati tecnici
Le seguenti indicazioni sono valide per il materiale densamente
sinterizzato in un forno per la sinterizzazione inFire HTC speed con
funzione per metalli.
Dati tecnici
Tipo
Lega di cottura NEM
(NEM=metallo non
nobile)
Durezza secondo Vickers:
235 HV
0,2% limite elastico
g) 495 MPa
b) 480 MPa
Resistenza alla trazione:
g) 850 MPa
b) 820 MPa
Modulo di elasticità:
b) 165 GPa
Allungamento dopo rottura
g) 22 %
b) 19 %
Densità
7,9 g/cm3
Punto stato solido
1360 °C
Punto stato liquido
1400 °C
Coefficiente di dilatazione termica, valore
WAK:
(25-500 °C)
(25-600°C)
14,7 μm/m·K
15,0 μm/m·K
g: sinterizzato
b: caratteristiche ottenibili dopo il rivestimento ceramico
Misurazioni sui campioni conformemente a DIN EN ISO 22674
64 50 329 D3487
D3487.201.08.02.11
09.2013
9
6 Indicazione e avvertenze per la preparazione
Sirona Dental Systems GmbH
6.1 Indicazione
Blocchetti in metallo sinterizzato per inLab
6
Indicazione e avvertenze per la
preparazione
Indicazione e avvertenze per la preparazione
6.1 Indicazione
● Corone e ponti completamente anatomici, ridotti e parzialmente
ridotti, nell'area dei denti frontali e laterali.
Indicazione
● Ponti con max. 4 unità e max. 2 elementi intermedi.
6.2 Controindicazione
● In caso di igiene orale insufficiente
Controindicazione
● In caso di risultati della preparazione insufficienti
● In caso di insufficiente presenza di smalto
● In caso di spazio disponibile insufficiente
6.3 Avvertenze generali sulla preparazione
● La preparazione deve essere effettuata con una scanalatura oppure
con un gradino con spigolo arrotondato.
Avvertenze generali sulla preparazione
● L'angolo di preparazione verticale dovrebbe essere pari almeno a 3°.
Tutti i collegamenti dalle superfici assiali a quelle occlusali o incisali
vanno arrotondati. Usare preferibilmente piani e/o superfici lisce.
● Lo spessore di parete minimo del restauro varia a seconda dell'area
di indicazione.
inCoris CC
6.4 Preparazione di corone di denti frontali e laterali
Preparazione di denti frontali
Per la preparazione di restauri di denti frontali, oltre ad una profondità
minima di taglio circolare di 1,0 mm, deve essere garantito un angolo
conico delle superfici assiali della preparazione di 6°-8°. I collegamenti tra
le superfici assiali, palatinali ed incisali devono essere arrotondate. Per
punti di vista estetici la rimozione incisale dovrebbe essere pari a 2,0 mm.
La larghezza minima del bordo incisale in direzione vestibolo-orale nei
restauri realizzati con CAD/CAM dovrebbe essere pari ad almeno 0,8-0,9
mm, per garantire una riproduzione esatta delle superfici interne del
restauro tramite l'unità di fresatura o di molaggio.
2.0mm
Frammento Dimensioni della struttura
1.0mm
10
1.0mm
64 50 329 D3487
D3487.201.08.02.11 09.2013
Sirona Dental Systems GmbH
6 Indicazione e avvertenze per la preparazione
Blocchetti in metallo sinterizzato per inLab
Dimensioni della struttura
Spessore parete cappette singole
0,4 mm
Spessore margine cappette
singole
0,2 mm
Spessore parete ponti
0,5 mm
Spessore margine ponti
0,2 mm
Preparazione di denti laterali (premolari e molari)
Frammento inCoris CC dente laterale
120°-140°
≤ 2.0mm
≥ 0.4mm
Lo spessore del materiale nel punto più profondo della fessura principale
dovrebbe essere pari ad almeno 0,4 mm nei restauri di denti singoli e ad
almeno 0,5 mm nei ponti. Lo spessore del margine su tutto il perimetro
deve essere pari a 0,2 mm sia nei ponti sia nelle corone singole.
Durante la creazione della cuspide nel rivestimento prestare attenzione
affinché lo spessore del materiale sia di almeno 2 mm.
Il margine di corona che fuoriesce dovrebbe avere uno spessore di 0,2
mm. Per i restauri rivestiti nell'area dei denti laterali deve essere garantito
occlusalmente uno spessore dello strato minimo della ceramica di
rivestimento pari a 1,0 mm. A causa degli spessori della struttura minimi
richiesti, nell'area delle superfici occlusali andrebbe ottenuta una
rimozione di sostanza di almeno 1,5 mm.
Dimensioni della struttura
Frammento Dimensioni della struttura
Spessore parete cappette singole
0,4 mm
Spessore margine cappette
singole
0,2 mm
Spessore parete ponti
0,5 mm
Spessore margine ponti
0,2 mm
La conicità delle superfici di preparazione dovrebbe essere pari a 6°- 8°.
I collegamenti tra le pareti assiali e le superfici occlusali devono essere
generalmente arrotondati, in modo che il rilievo occlusale rappresenti una
forma semplificata della superficie di masticazione.
Un angolo di apertura delle superfici occlusali di 120° - 140° garantisce
una riproduzione esatta delle superfici interne dei restauri durante la
procedura di molaggio e di conseguenza un buon adattamento interno.
Frammento inCoris CC ponti
64 50 329 D3487
D3487.201.08.02.11
09.2013
11
6 Indicazione e avvertenze per la preparazione
Sirona Dental Systems GmbH
6.4 Preparazione di corone di denti frontali e laterali
Blocchetti in metallo sinterizzato per inLab
Preparazione di ponti
Per la preparazione di ponti, relativamente alle profondità di taglio e alle
caratteristiche di design valgono in linea di principio le stesse
raccomandazioni indicate per le corone singole.
L’angolo conico della preparazione è di significato centrale soprattutto
per i ponti perché garantisce che tutte le geometrie dei monconi di tutti i
pilastri di un restauro a ponte presentino una buona riproducibilità.
Le superfici di preparazione parallele o molto inclinate possono causare
imprecisioni di adattamento durante la riproduzione delle superfici interne
del restauro.
L’angolo conico ottimale delle superfici dei monconi corrispondenti di tutti
i pilastri dei ponti dovrebbe essere pari ad almeno 6°.
Per ponti nell'area dei denti laterali vale quanto segue:
● Numero di elementi intermedi: 2
● Sezione trasversale dei connettori: 9 mm2
● Attacco su posizione del dente (massimo 1 attacco fino alla
dimensione del premolare) fino al dente 5 incluso
● Sezione trasversale del connettore per questo attacco: 12 mm2
Per ponti nell'area dei denti frontali vale quanto segue:
● Numero di elementi intermedi: 2
● Sezione trasversale dei connettori: 6mm2
12
64 50 329 D3487
D3487.201.08.02.11 09.2013
Sirona Dental Systems GmbH
7 Realizzazione del restauro
Blocchetti in metallo sinterizzato per inLab
7
Realizzazione del restauro
Realizzazione del restauro
7.1 Scansione, costruzione e molaggio
La lavorazione di inCoris CC è possibile solo con la versione software 4.2
o superiore.
Frammento inCoris CC
Scansione, costruzione e molaggio
Se si utilizza il software 4.2, selezionare nella finestra di dialogo del
materiale Sirona / inCoris CC.
Indicazioni più precise vengono fornite nel "Manuale inLab SW per
l'operatore".
7.2 Sostituzione dell'acqua con inLab MC XL
Osservare le avvertenze e le istruzioni per la sostituzione dell'acqua nelle
istruzioni d'uso inLab MC XL, capitolo "Sostituzione dell'acqua".
Sostituzione dell'acqua con inLab MC XL
I residui di molaggio devono essere raccolti in un contenitore e riciclati
(vedere anche Suggerimenti per il riciclaggio dei residui di molaggio di
inCoris CC [ → 22]).
7.3 Post-elaborazione del restauro molato
Post-elaborazione del restauro molato
ATTENZIONE
Pericolo di lesioni
Indossare i dispositivi di protezione individuale per lavorare con gli
strumenti a mole diamantate.
Al termine del processo di molaggio e prima della sinterizzazione i
restauri devono essere separati con l'ausilio di una turbina con
raffreddamento ad acqua con uno strumento a mole diamantate in un box
di rifinitura. Successivamente vengono rettificati i punti di applicazione dei
connettori sempre utilizzando il raffreddamento ad acqua. Un sufficiente
raffreddamento ad acqua è indispensabile per evitare la formazione di
polvere. Questo processo avviene sopra una base aspirante. La base
sporca deve essere successivamente smaltita separatamente.
Non è raccomandabile un'ulteriore rifinitura a causa dell'estrema
morbidezza del materiale prima della sinterizzazione. Per lavorare su
inCoris CC utilizzare strumenti a mole diamantate separate.
Il restauro separato viene pulito, dopo la pulitura dei punti di applicazione
dei connettori, sotto acqua corrente, e quindi asciugato con l'ausilio di aria
compressa. Durante questa operazione è necessario controllare che sul
lato interno delle corone singole o dei pilastri dei ponti non siano presenti
residui di molaggio.
Eventuali residui di molaggio potrebbero incrostarsi durante il processo di
sinterizzazione e compromettere così l'adattamento del restauro.
64 50 329 D3487
D3487.201.08.02.11
09.2013
13
7 Realizzazione del restauro
Sirona Dental Systems GmbH
7.4 Sinterizzazione
Blocchetti in metallo sinterizzato per inLab
7.4 Sinterizzazione
I restauri in inCoris CC devono essere sinterizzati da asciutti in atmosfera
ridotta (Argon).
Sinterizzazione
Il processo di sinterizzazione dovrebbe avvenire esclusivamente nel
forno Sirona inFire HTC speed con funzione per metalli con il programma
inCoris CC preimpostato.
● Per la sinterizzazione di strutture inCoris CC, utilizzare
esclusivamente i contenitori per sinterizzazione e le perle per
sinterizzazione previsti per i forni ad alta temperatura in uso.
● Accertarsi che le strutture siano completamente immerse nel letto di
sfere (fino al margine della corona).
● All’interno delle corone non devono essere presenti perle di
sinterizzazione che potrebbero altrimenti ostacolare la contrazione di
sinterizzazione.
● Rimuovere le sfere in posizione interdentale con l'ausilio di una
sonda, in modo da rendere possibile una contrazione libera.
● Nel caso in cui vengano sinterizzati più restauri, non devono
assolutamente toccarsi fra loro.
● I restauri devono essere posizionati in modo da non ostacolare la
contrazione di sinterizzazione.
● I restauri devono essere posizionati in modo da non toccare la ciotola
per sinterizzazione perché questo può danneggiare i restauri e la
ciotola per sinterizzazione stessa.
● Durante la sinterizzazione con Argon le perle di sinterizzazione si
colorano di grigio. Si tratta di un effetto voluto.
● In caso di perle di sinterizzazione nuove, eseguire un primo ciclo di
sinterizzazione con Argon senza restauri.
14
64 50 329 D3487
D3487.201.08.02.11 09.2013
Sirona Dental Systems GmbH
7 Realizzazione del restauro
Blocchetti in metallo sinterizzato per inLab
7.5 Lavorazione successiva della struttura
sinterizzata
La lavorazione di strutture inCoris CC dovrebbe avvenire esclusivamente
con frese in metallo duro con denti alternati o a spirale adatte per la
lavorazione di CoCr. Lavorare sempre con una pressione di contatto
ridotta e in una sola direzione.
Lavorazione successiva della struttura sinterizzata
Sabbiare la struttura con ossido di alluminio (250 μm, 3-4 bar)
dall’esterno e pulirla successivamente con un getto di vapore.
AVVISO
Una misura che ha una forte influenza sulla qualità è la sabbiatura delle
strutture inCoris CC.
➢ Utilizzare solamente abrasivi puri.
➢ Sabbiare con abrasivi dalla granulometria consigliata (250 μm).
➢ Osservare la pressione di sabbiatura consigliata (3-4 bar).
➢ Osservare l’angolo di sabbiatura consigliato (45°).
➢ Controllare di quando in quando l’ugello del getto della sabbiatrice.
L’ingrandimento dell’ugello (dovuto al flusso di abrasivo) determina
una riduzione della velocità e della pressione di sabbiatura.
7.6 Rivestimento
Durante il successivo rivestimento ceramico della struttura attenersi
scrupolosamente alle istruzioni d'uso della ceramica di rivestimento
specifica per il materiale utilizzato!
Rivestimento
Per questo scopo possono essere utilizzate tutte le ceramiche per il
rivestimento di restauri NEM con il corrispondente coefficiente di
dilatazione termica (ved. capitolo "Dati tecnici [ → 9]").
IMPORTANTE
Per le strutture inCoris CC non è necessaria una cottura di ossidazione.
In caso di rivestimento delle strutture inCoris CC, ad es. con Duceram
Plus e Duceram Kiss di DeguDent o VITA VM13 e VITA VMK, applicare
il bonder per metalli non nobili in uno strato sottile ma coprente ed
eseguire una cottura a 980 °C. Consultare le seguenti brochure:
Istruzioni di lavorazione delle rispettive ceramiche.
Si consiglia di pulire a vapore, sciacquare e/o eventualmente sabbiare
la struttura dopo ogni cottura. Non utilizzare acido fluoridrico, non
surriscaldare durante la lucidatura!
64 50 329 D3487
D3487.201.08.02.11
09.2013
15
8 Brasatura/lavorazione al laser
Sirona Dental Systems GmbH
Blocchetti in metallo sinterizzato per inLab
8
Brasatura/lavorazione al laser
Brasatura
Brasatura/lavorazione al laser
Prima della cottura: ad es. con Degudent-Lot U1W (1120°C).
Fondente: Oxynon
Lavorazione al laser
ad es. con filo di saldatura laser Biosil o filo di saldatura laser Crypton,
ditta Densply.
16
64 50 329 D3487
D3487.201.08.02.11 09.2013
Sirona Dental Systems GmbH
9 Ricerca errori
Blocchetti in metallo sinterizzato per inLab
9
Ricerca errori
Colori dell'ossido
Ricerca errori
La comparsa di una colorazione dell'ossido da grigio a marrone è
normale durante la sinterizzazione delle strutture inCoris CC. Le strutture
possono essere sabbiate con abrasivi della granulometria consigliata di
250 μm e con una pressione di sabbiatura di 3-4 bar e ulteriormente
lavorate.
Ciclo di sinterizzazione senza argon
● Durante i cicli di sinterizzazione con argon le perle di sinterizzazione
inCoris CC si colorano di grigio. Si tratta di un effetto voluto.
● Durante un ciclo di sinterizzazione senza lavaggio con argon le perle
di sinterizzazione già grigie ridiventano bianche. La struttura si ossida
completamente e mostra evidenti formazioni di incrostazioni. Si
forma un ossido da verde a blu. L'adattamento della struttura viene a
mancare e la struttura deve essere realizzata nuovamente. Non è
possibile ripetere la sinterizzazione.
● Controllare preventivamente: se la bombola di argon è
sufficientemente piena, se le linee non presentano perdite e se parti
della campana di sinterizzazione sono danneggiate o sporche.
● Dopo un ciclo di sinterizzazione senza argon è necessario effettuare
almeno un ciclo a vuoto con argon. Dopodiché le perle di
sinterizzazione dovrebbero assumere nuovamente una colorazione
grigia.
● Se le sfere rimangono bianche, verificare il livello della bombola di
argon oppure se le perle di sinterizzazione sono state scambiate
(perle di sinterizzazione in AL2O3 invece di ZrO2).
● Se il problema persiste, contattare il servizio di assistenza.
64 50 329 D3487
D3487.201.08.02.11
09.2013
17
9 Ricerca errori
Sirona Dental Systems GmbH
Blocchetti in metallo sinterizzato per inLab
Ulteriori punti
● Un ciclo di sinterizzazione annullato o interrotto (ad es. caduta di
corrente) non può essere riavviato. L'adattamento della struttura
viene a mancare e la struttura deve essere realizzata nuovamente.
● Se dopo il ciclo di sinterizzazione la campana di sinterizzazione
risulta incollata, significa che sono state utilizzate perle di
sinterizzazione in AL2O3 invece che perle di sinterizzazione in ZrO2.
● In alcune circostanze le perle di sinterizzazione lasciano macchie
sull’oggetto da sinterizzare o vi si appiccicano. Se questo effetto
appare accentuato, è necessario far controllare la temperatura di
sinterizzazione del forno dal servizio di assistenza dell'apparecchio.
Potrebbe essere necessario ricalibrare il forno.
● Se durante il ciclo di sinterizzazione l'oggetto è entrato in contatto con
parti della campana di sinterizzazione, la struttura fonde nei punti di
contatto e lascia dei resti sulle parti della campana con cui è entrata
in contatto. Questi resti della struttura devono essere rimossi
completamente dalle parti della campana mediante sabbiatura. Se
ciò non è possibile, le parti della campana devono essere sostituite.
18
64 50 329 D3487
D3487.201.08.02.11 09.2013
Sirona Dental Systems GmbH
10 Strumenti e materiali consigliati
Blocchetti in metallo sinterizzato per inLab
10
Strumenti e materiali consigliati
Frammento tutti
Strumenti consigliati 1
Strumenti e materiali consigliati
● Cera modellante
–
Cera per scansione (ditta Sirona) (indicata per scansioni con
scanner inLab, ma non per riprese con inEos)
● Turbine per rettifica a umido:
–
KaVo K-AIR plus (ditta KaVo);
–
IMAGO (ditta Steco-System-Technik GmbH & Co.KG);
–
NSK Presto Aqua (ditta Girrbach);
–
Turbo-Jet (ditta Acurata)
● Strumenti di molaggio per la post-elaborazione con turbina per
rettifica a umido/manipolo
Frammento CC
● Fresa in metallo duro con denti alternati o a spirale
● Kit di preparazione:
Strumenti consigliati 2
64 50 329 D3487
D3487.201.08.02.11
09.2013
–
Kit di preparazione Küpper (ditta Hager & Meisinger, N. art.
2560);
–
Kit di preparazione Baltzer e Kaufmann (ditta Hager & Meisinger,
N. art. 2531)
19
11 Avvertenze per il fissaggio
Sirona Dental Systems GmbH
Blocchetti in metallo sinterizzato per inLab
11
Avvertenze per il fissaggio
I restauri in inCoris CC possono essere fissati sia in modo non adesivo
con cementi a base di vetroionomero o fosfato di zinco, sia in modo
adesivo con il composto auto-indurente PANAVIA 21 TC e/o il composto
a doppio grado di durezza PANAVIA F (ditta Kuraray). Entrambi i prodotti
contengono lo speciale monomero MDP, che crea con la superficie
irradiata dei restauri un legame chimico duraturo, senza che la relativa
superficie debba essere silicizzata o silanizzata.
inCoris TZI
Avvertenze per il fissaggio
Si sconsiglia di utilizzare cementi a base di vetroionomero rinforzati
artificialmente e/o modificati, poiché al riguardo non si dispone ancora di
dati clinici sufficienti.
Trattamento preliminare dei restauri prima del fissaggio adesivo:
● Irradiare le superfici interne del restauro, procedendo in un'unica
direzione, con max. 50 µm di corindone (Al2O3). Pressione < 2,5 bar.
● Se possibile, non toccare più la superficie irradiata.
AVVISO
Prestare attenzione alle informazioni per l'uso
Il trattamento con acido liquido determina la mancata conservazione
della magnetizzazione della superficie. Non è necessaria alcuna
silanizzazione.
Si prega di osservare le informazioni per l'uso dei materiali di fissaggio
del relativo produttore.
20
64 50 329 D3487
D3487.201.08.02.11 09.2013
Sirona Dental Systems GmbH
12 Rimozione di restauri inseriti e trapanazione
Blocchetti in metallo sinterizzato per inLab
12
Rimozione di restauri inseriti e
trapanazione
Rimozione di restauri inseriti
Rimozione di restauri inseriti e trapanazione
Per la rimozione di un restauro in CoCr inserito si consiglia di rimuovere
dapprima la ceramica di rivestimento con una mola diamantata con
massimo raffreddamento ad acqua.
Frammento inCoris CC
Trapanazione
È possibile trapanare il restauro con diamanti sferici a grana grossa, con
raffreddamento ad acqua massimo.
inCoris CC
A tale scopo, durante la trapanazione della struttura si consiglia di
impiegare lo strumento muovendolo in modo circolare e con
un'angolazione di 45°.
64 50 329 D3487
D3487.201.08.02.11
09.2013
21
13 Suggerimenti per il riciclaggio dei residui di molaggio di inCoris CC
Sirona Dental Systems GmbH
Blocchetti in metallo sinterizzato per inLab
13
Suggerimenti per il riciclaggio dei residui di
molaggio di inCoris CC
Suggerimenti per il riciclaggio dei residui di molaggio di inCoris CC
ATTENZIONE
Prestare attenzione alle disposizioni relative alla tutela del lavoro
Si consiglia l'utilizzo di guanti protettivi impermeabili (categoria 3
secondo DIN EN 374), nonché di una maschera protettiva per il viso o
di occhiali protettivi.
AVVISO
Se l'unità di molaggio viene impiegata nella modalità mista con inCoris
CC e altri materiali, è necessario prevedere un serbatoio separato
esclusivamente per inCoris CC, al fine di garantire uno smaltimento
differenziato.
Diversamente da quanto avviene per i residui di ceramica o plastica, il
contenuto del serbatoio dell'acqua dell'unità di molaggio deve essere
svuotato in uno speciale sacchetto di pellicola, inserito in un apposito
secchio (ad es. decantatore per gesso dell'azienda BDT). L'impiego della
pellicola consente di svuotare e pulire con facilità il contenitore. Saranno
necessari anche un apposito tubo dell'acqua, nonché pastiglie (Dentab)
per migliorare la precipitazione delle sostanze in sospensione e ridurre i
cattivi odori. Il sacchetto di pellicola viene chiuso con una fascetta
fermacavo. È possibile raccogliere il fango prodotto dal molaggio di più
sostituzioni dell'acqua e smaltirlo in un unico sacchetto di pellicola.
I materiali descritti (decantatore per gesso, inserto in pellicola e Dentab)
sono reperibili presso il proprio deposito dentale. Guanti e filtri usati
dell'unità di molaggio possono essere smaltiti in base al seguente codice
rifiuti: 150202 "Materiali assorbenti, materiali filtranti (inclusi filtri dell'olio
non altrimenti specificati.), stracci e indumenti protettivi, contaminati da
sostanze pericolose".
Preparazione del contenitore
1. Inserire nel secchio l'inserto di pellicola e
2. aggiungervi una pastiglia Dentab.
22
64 50 329 D3487
D3487.201.08.02.11 09.2013
Sirona Dental Systems GmbH
13 Suggerimenti per il riciclaggio dei residui di molaggio di inCoris CC
Blocchetti in metallo sinterizzato per inLab
Svuotamento del serbatoio dell'acqua
Serbatoio dell'acqua inLab
B
A
C
A
D
Serbatoio dell'acqua
A
Inserti filtro
C
Serbatoio
B
Coperchio del serbatoio
D
Scarico del serbatoio
✔ L'apparecchio è acceso.
✔ Non è in corso alcun processo di molaggio.
1. Estrarre il serbatoio dell'acqua sul lato frontale dell'apparecchio.
2. Ruotare il serbatoio 5x con forza con movimenti circolari.
3. Aprire l'apertura di scarico (D). Nel fare ciò inclinare il serbatoio in
modo che il liquido non fuoriesca dall'apertura di scarico.
4. Svuotare il serbatoio di ca. la metà del contenuto del contenitore di
raccolta predisposto. Un azionamento aggiuntivo dell'apertura di
ingresso caricata a molla del coperchio del serbatoio (B) facilita lo
svuotamento.
5. Chiudere l'apertura di scarico posteriore (D) con il tappo a vite e
ruotare nuovamente il serbatoio 5x con forza con movimenti circolari.
6. Svuotare la quantità residua nel contenitore di raccolta predisposto.
7. Chiudere l'apertura di scarico posteriore (D) con il tappo a vite.
64 50 329 D3487
D3487.201.08.02.11
09.2013
23
13 Suggerimenti per il riciclaggio dei residui di molaggio di inCoris CC
Sirona Dental Systems GmbH
Blocchetti in metallo sinterizzato per inLab
Risciacquo del serbatoio dell'acqua
1. Ruotare il coperchio del serbatoio superiore (con l'ausilio
dell'apposito dispositivo di apertura) e rimuoverlo.
2. Riempire il serbatoio per ca. 1/3 con acqua.
3. Chiudere il coperchio del serbatoio superiore.
4. Ruotare nuovamente il serbatoio 5x con forza con movimenti
circolari.
5. Svuotare la quantità residua nel contenitore di raccolta predisposto,
come descritto prima.
6. Chiudere l'apertura di scarico posteriore con il tappo a vite.
Riempimento di DENTATEC
1. Ruotare il coperchio del serbatoio superiore e rimuoverlo.
2. Versare ca. 75 ml di DENTATEC nel serbatoio.
3. Riempire il serbatoio con acqua fino a ricoprire completamente gli
inserti del filtro (fino al bordo inferiore del filetto del coperchio, ca. 3
litri).
4. Attendere brevemente finché gli inserti del filtro non abbiano
completamente assorbito e aggiungere l'adeguata quantità d'acqua
(vale in particolare dopo una sostituzione del filtro).
5. Chiudere il serbatoio dell'acqua ruotando manualmente il coperchio
del serbatoio superiore. A tale scopo non utilizzare l'apposito
dispositivo di apertura, per non danneggiare la guarnizione.
6. Spingere nuovamente il serbatoio dell'acqua nell'alloggiamento.
Dopo la sostituzione dell'acqua
Dopo la sostituzione dell'acqua nel contenitore di raccolta è presente una
miscela di deposito inCoris CC e acqua. Grazie all'uso di Dentab le
particelle inCoris CC distribuite nell'acqua precipitano rapidamente sul
fondo del contenitore di raccolta, con una netta separazione tra acqua e
particelle solide depositate.
1. Quando il secchio è completamente pieno, l'acqua limpida viene
drenata dal contenitore di raccolta attraverso il tubo. Attenzione a
evitare la fuoriuscita del deposito inCoris CC durante questa
procedura.
2. Utilizzare una nuova pastiglia Dentab a ogni drenaggio dell'acqua, in
modo da poter eseguire ulteriori sostituzioni dell'acqua. Il peso del
fango prodotto dal molaggio (solidi) nell'inserto di pellicola non deve
superare il valore consentito di 14 kg.
3. Una volta raggiunto il peso consentito per l'inserto di pellicola,
drenare l'acqua limpida in eccesso. Il livello dell'acqua residua deve
trovarsi almeno 2-3 cm al di sopra del deposito di inCoris CC, per
evitare l'essiccazione del materiale.
4. Sigillare e predisporre per la spedizione l'inserto di pellicola secondo
le indicazioni dell'azienda di riciclaggio.
24
64 50 329 D3487
D3487.201.08.02.11 09.2013
Sirona Dental Systems GmbH
13 Suggerimenti per il riciclaggio dei residui di molaggio di inCoris CC
Blocchetti in metallo sinterizzato per inLab
Smaltimento in Germania
In Germania lo smaltimento dell'inserto di pellicola con il deposito inCoris
può essere effettuato dall'azienda di smaltimento regionale o dalla
seguente azienda di riciclaggio:
MSP Metall Service Pedack GmbH
Rheinhafenstr. 12
76189 Karlsruhe
Tel.: +49(0)721-16131-0
L'azienda MSP fornisce anche gli appositi contenitori di spedizione.
Smaltimento nel resto del mondo (al di fuori della Germania)
Negli altri Paesi lo smaltimento del deposito inCoris CC è regolato dalle
norme sullo smaltimento dei singoli Paesi e delle aziende di smaltimento
locali.
64 50 329 D3487
D3487.201.08.02.11
09.2013
25
14 Bibliografia
Sirona Dental Systems GmbH
14.1 Scienza dei materiali
Blocchetti in metallo sinterizzato per inLab
14
Bibliografia
Bibliografia
14.1 Scienza dei materiali
Kern, M.: Frakturquote unter der „Scheidungsrate“ ZWL 04, 2004,
Luthard, R.; Herold, V et al.: Kronen aus Hochleistungskeramik. Dtsch
Zahnärztl Z 53, 4 280-285 (1998)
Scienza dei materiali CC
Scienza dei materiali
Luthard et al.: Vergleich unterschiedlicher Verfahren zur Herstellung von
Kronengerüsten aus Hochleistungskeramiken. State of the Art der CAD/
CAM-gestützten Fertigung vollkeramischer Kronen aus Oxidkeramiken.
Swiss Dent, 19, 6 5 -12 (1998)
Scienza dei materiali 3
Marx, R. et al.: Rissparameter und Weibullmodule: unterkritisches
Risswachstum und Langzeitfestigkeit vollkeramischer Materialien.
Dtsch Zahnärtzl Z 56, 2 90 - 98 (2001)
Stellungnahme DGZMK/DGZPW: Sind vollkeramische Kronen und
Brücken wissenschaftlich anerkannt? Dtsch Zahnärtzl Z 56 10 575 - 576
(2001)
Schweiger, M.: Zirkoniumoxid. Hochfeste und bruchzähe
Strukturkeramik. Ästh. Zahnmedizin 5, 2004, 248-257
Scienza dei materiali 4 ZI
Tinschert, J; Natt, G.; Spiekermann, H.: Aktuelle Standortbestimmung
von Dentalkeramiken.
Dental-Praxis XVIII, 9/10 293 - 309 (2001)
Scienza dei materiali 5
Vollmann, M.: Das innovative DeguDent-Vollkeramiksystem als
Benchmark für die Bearbeitung von Zirkonoxid. IJCD 2004, 7, 279-291
Scienza dei materiali 6 ZI
Knollmann I.: Verarbeitungsanleitung Crypton (R) for Brain MCXL.
DeguDent Hanau (2013)
26
64 50 329 D3487
D3487.201.08.02.11 09.2013
Sirona Dental Systems GmbH
14 Bibliografia
Blocchetti in metallo sinterizzato per inLab
14.2 CEREC/ inLab
CEREC®/ inLab®
Baltzer, A.; Kaufmann-Jinoian, V.: CAD/CAM in der Zahntechnik
CEREC inLab. Dental-Labor, XLIX, Heft 5 (2001)
David, A.: CEREC inLab - The CAD/CAM System with a Difference.
CJDT Spectrum, September/October, 24 - 28 (2002)
Kurbad, A.; Reichel, K.: CEREC inLab - State of the Art.
Quintessenz Zahntech 27, 9, 1056 -1074 (2001)
Kurbad, A.: Die Herstellung von In-Ceram Brückengerüsten mit neuer
CEREC Technologie.
Quintessenz Zahntech 27, 5, 504 - 514 (2001)
Tsotsos, St.; Giordano, R.: CEREC inLab: Clinical Aspects, Machine and
Materials. CJDT Spectrum January/February, 64 - 68 (2003)
Präparationsgrafiken auf S. 5 nach Dr. Andres Baltzer, CH-Rheinfelden
Kern, M.: Computergestütze Kronen- und Brückentechnik mit neuen
Perspektiven. Quint. Zahnt. 30, 9, 966-973 (2004)
Bibliografia su CEREC/inLab 2 ZI
Rudolph, H., Quaas, S., Luthard, R.G.: CAD/CAM – Neue Technologien
und Entwicklungen in Zahnmedizin und Zahntechnik. DZZ 58 (2003)10
64 50 329 D3487
D3487.201.08.02.11
09.2013
27
oáëÉêî~íç=áä=Çáêáííç=Çá=ãçÇáÑáÅÜÉ=ÇçîìíÉ=~ä=éêçÖêÉëëç=íÉÅåáÅçK
«=páêçå~=aÉåí~ä=póëíÉãë=dãÄe=OMNP
aPQUTKOMNKMUKMOKNN MVKOMNP
péê~ÅÜÉW áí~äáÉåáëÅÜ
ûKJkêKW= NNU=MVU
mêáåíÉÇ=áå=dÉêã~åó
pí~ãé~íç=áå=dÉêã~åá~
páêçå~=aÉåí~ä=póëíÉãë=dãÄe
c~Äêáâëíê~≈É=PN
aJSQSOR=_ÉåëÜÉáã
dÉêã~åó
ïïïKëáêçå~KÅçã
kêK=ÇÛçêÇáåÉ
SQ=RM=POV=aPQUT
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement