Slide corso antincendio.extraslim - Corpo Nazionale dei Vigili del

Slide corso antincendio.extraslim - Corpo Nazionale dei Vigili del
 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze L’INCENDIO E LA PREVENZIONE INCENDI L’INCENDIO Rapida ossidazione di materiali con sviluppo di calore, fiamme, fumo e gas caldi. 

Effetti dell'incendio: Emanazione di energia (calore) Trasformazione dei combustibili (pro‐
dotti di combustione) Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 1 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze LA COMBUSTIONE E IL TRIANGOLO DEL FUOCO La combustione (reazione chimica di un combu‐
stibile con un comburente) può essere rappre‐
sentata da un triangolo con lati costituiti da: 


Combustibile Comburente Sorgente di calore Solo la contempora‐
nea presenza di que‐
sti 3 elementi da luogo all’incendio. Se manca uno di essi l’incendio si spegne. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 2 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze Sistemi per lo spegnimento dell’incendio: Esaurimento del combustibile: Allontanamento o separazione della sostanza combustibile dal focolaio d’incendio; Soffocamento: Separazione del comburente dal combustibile o riduzione della concentrazione di comburente; Raffreddamento: Sottrazione di calore fino ad ottenere una tempe‐
ratura inferiore a quella necessaria al manteni‐
mento della combustione. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 3 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze GLI ELEMENTI CHE CARATTERIZZANO LA COMBUSTIONE Un incendio si caratterizza per  tipo di combustibile  tipo di sorgente d’innesco. (Il Comburente è fisso: Ossigeno dell'aria) Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 4 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze LA CLASSIFICAZIONE DEI FUOCHI Gli incendi sono distinti in 5 classi. Classe A Fuochi da solidi Classe B Fuochi da liquidi Classe C Fuochi da gas Classe D Fuochi da metalli Classe F Fuochi da mezzi di cottura (oli e grassi vegetali o animali). Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 5 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze Fuochi da materiali solidi
Classe
legname carboni, carta, tessuti, trucioli, pelli, gomma e deriA
vati la cui combustione genera braci
Può presentarsi in 2 forme: 

combustione viva con fiamme combustione lenta senza fiamme, con formazione di brace incandescente. Acqua, schiuma e polvere sono gli estin‐
guenti più utilizzati. L'agente estinguente migliore è l'acqua, che agisce per raffreddamento. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 6 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze Classe Fuochi da liquidi
idrocarburi, benzine, alcoli, solventi, oli minerali, grassi, eteri
B
Schiuma, polvere e CO2 sono gli estinguenti più utilizzati. L'agente estinguente migliore è la schiuma che agisce per soffocamento. È controindicato l'uso di acqua a getto pieno (può essere utilizzata acqua con getto frazio‐
nato o nebulizzato). Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 7 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze Classe Fuochi da gas:
C
metano, G.P.L., idrogeno, acetilene, butano, propano
L'intervento migliore è bloccare il flusso di gas chiudendo la valvola di intercettazione o otturando la falla. Esiste il rischio di esplosione se si estingue prima di intercettare il gas. L'acqua è consigliata solo a getto frazionato o nebulizzato per raffreddare tubi o bombole. Sono utilizzabili le polveri polivalenti. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 8 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze Classe Fuochi da metalli
D
alluminio, magnesio, sodio, potassio
Nessuno degli estinguenti normalmente utilizzati per gli incendi di classe A e B è idoneo per incendi di metalli. Utilizzare polveri speciali con personale particolarmente addestrato. Sono difficili da estinguere per l’altissima temperatura. Evitare altri estinguenti (compresa l'acqua) in quanto possono causare esplosioni. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 9 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze Classe Fuochi che interessano mezzi di cottura
F
Olio da cucina e grassi vegetali o animali
Fuochi di oli combustibili di natura vegetale e/o animale (es. usati in cucine, apparecchi cottura). La formula chimica degli oli minerali (idrocar‐
buri, fuochi di classe B) è diversa dagli oli vegetali e/o animali. Gli estinguenti spengono per azione chimica, ef‐
fettuando una catalisi negativa. L'utilizzo di estintori a polvere e a CO2 è considerato pericoloso. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 10 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze LE SORGENTI D’INNESCO ACCENSIONE DIRETTA: Una fiamma, una scintilla o altro materiale incandescente entra in contatto con un materiale combustibile in presenza di ossigeno. ACCENSIONE INDIRETTA: Il calore d’innesco avviene nelle forme della convezione, conduzione e irraggiamento ter‐
mico. ATTRITO: Il calore è prodotto dallo sfregamento di due ma‐
teriali. AUTOCOMBUSTIONE O RISCALDAMENTO SPONTANEO: Il calore è prodotto dallo stesso combustibile (es. lenti pro‐
cessi di ossidazione, reazione chimiche, decomposizioni esotermi‐
che in assenza d’aria, azione biologica).
Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 11 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze I PRODOTTI DELLA COMBUSTIONE Sono suddivisi in 4 categorie:  Gas di combustione 
Fiamme 
Fumo 
Calore Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 12 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze GAS DI COMBUSTIONE Nella maggioranza dei casi, la mortalità per incendio è causata dall’inalazione dei gas che producono danni biologici per anossia o tossicità. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 13 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze FIAMME Costituite dall’emissione di luce dovuta alla combu‐
stione di gas. Nell’incendio gas si può valutare approssimativa‐
mente il valore raggiunto dalla temperatura di com‐
bustione dal colore della fiamma: Colore della fiamma
Temp. (°C)
Rosso nascente
525
Rosso scuro
700
Rosso ciliegia
900
Giallo scuro
1100
Giallo chiaro
1200
Bianco
1300
Bianco abbagliante
1500
Scala cromatica delle temperature nella combustione dei gas Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 14 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze FUMI L'elemento più caratteristico dell'incendio. Sono formati da piccolis‐
sime particelle solide (aerosol), liquide (nebbie o vapori condensati). Le particelle solide (sostanze incombuste e ceneri) rendono il fumo di colore scuro. Le particelle liquide (nebbie o vapori con‐
densati) costituite da vapor d’acqua che sotto i 100 °C con‐
densa, rendono il fumo di color bianco.
Particelle solide (colore scuro)
Particelle liquide (colore chiaro) Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 15 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze CALORE È la causa principale della propagazione degli incendi. Il calore è dannoso per l'uomo potendo causare:  disidratazione dei tessuti,  difficoltà o blocco della respirazione,  scottature. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 16 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze I PARAMETRI FISICI DELLA COMBUSTIONE La combustione è caratterizzata da nume‐
rosi parametri fisici e chimici, i principali dei quali sono i seguenti: 
Temperatura di accensione 
Temperatura teorica di combustione 
Aria teorica di combustione 
Potere calorifico 
Temperatura di infiammabilità 
Limiti d’infiammabilità e di esplodibilità Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 17 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze LIMITI DI INFIAMMABILITÀ (e di ESPLODIBILITÀ) (% in volume) Individuano il campo di infiammabilità all’interno del quale si ha, in caso d’innesco, l’accensione. Campo di infiamma‐
Limite inferiore di infiammabilità: bilità (% in volume) SOSTANZE limite in‐ limite su‐
la più bassa concentrazione in volume di feriore periore vapore al di sotto della quale non si ha ac‐ acetone 2,5 13 censione in presenza di innesco; ammoniaca 15 18 Limite superiore di infiammabilità: la più alta concentrazione in volume di va‐
pore al di sopra della quale non si ha ac‐
censione in presenza di innesco. benzina gasolio idrogeno metano G.P.L. 1 0,6 4 5 2 6,5 6,5 75,6 15 9 I Limiti di esplodibilità sono all’interno del campo di infiammabilità.
Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 18 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze COMBUSTIONE DELLE SOSTANZE SOLIDE, LIQUIDE E GASSOSE LA COMBUSTIONE DELLE SOSTANZE SOLIDE Parametri che caratterizzano la combustione delle sostanze solide: Pezzatura e forma (pezzature di piccola taglia e forme irregolari favoriscono la combustione); Porosità (la maggiore porosità favorisce la combustione); Elementi che compongono la sostanza (la presenza di elementi combu‐
stibili favorisce la combustione); Umidità (la maggiore umidità non favorisce la combustione); Ventilazione (la maggiore ventilazione favorisce la combustione). Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 19 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze LA COMBUSTIONE DEI LIQUIDI INFIAMMABILI I liquidi sono in equilibrio con i vapori che si sviluppano sulla superficie di separazione tra pelo libero del li‐
quido e l'aria. La combustione avviene quando, in corrispondenza della superficie, i va‐
pori, miscelandosi con l’ossigeno dell’aria in concentrazioni entro il campo di infiammabilità, sono inne‐
scati.
Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 20 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze LA COMBUSTIONE DEI GAS INFIAMMABILI In genere i gas sono contenuti in reci‐
pienti (serbatoi, bombole, ecc.). I gas possono essere classificati in fun‐
zione delle loro:  Caratteristiche fisiche (densità)  Modalità di conservazione. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 21 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze Classificazione in base alle caratteristiche fisiche (densità) GAS LEGGERO Gas con densità rispetto all’aria inferiore a 0,8 (metano, idrogeno, ecc.) Un gas leggero tende a diffondersi verso l’alto. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 22 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze GAS PESANTE Gas con densità rispetto all’aria superiore a 0,8 (G.P.L., acetilene, ecc.) Un gas pesante tende a permanere in basso e a penetrare in cunicoli o aperture. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 23 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze Classificazione in base alle modalità di conservazione GAS COMPRESSO Sono conservati allo stato gassoso ad una pressione superiore a quella atmosferica in appositi recipienti (bombole). GAS Pressione di stoccaggio (bar) valori indicativi
Serbatoi di metano compresso
Metano
Idrogeno
Gas nobili
Ossigeno
Aria
CO2 (gas)
Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 300
250
250
250
250
20
24 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze GAS LIQUEFATTO Per le caratteristiche chimico‐fisiche può essere li‐
quefatto a temperatura ambiente mediante com‐
pressione (GPL, butano, propano, ammoniaca, cloro). Il vantaggio è nel detenere grossi quantitativi in spazi contenuti. Un litro di gas liquefatto può sviluppare fino a 800 litri di gas. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 25 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze LE SOSTANZE ESTINGUENTI L’estinzione dell’incendio si ottiene per raf‐
freddamento, sottrazione del combusti‐
bile, soffocamento e azione chimica. Possono essere ottenute singolarmente o contemporaneamente. È fondamentale conoscere proprietà e mo‐
dalità d’uso delle principali sostanze estin‐
guenti: Acqua, Schiuma, Polveri, Gas inerti, Agenti alternativi all’Halon
Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 26 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze La sostanza estinguente principale per la facilità con cui può essere reperita. Azione estinguente: 



Raffreddamento; Soffocamento per sostituzione dell’ossigeno con vapore acqueo; Diluizione di sostanze; Imbevimento dei combustibili solidi. Idonea per incendi di combusti‐
bili solidi (classe A). Non utilizzabile su apparecchiature elettriche.
Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 27 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze Costituite da soluzione in acqua di li‐
quido schiumogeno (mescolandosi con l’aria forma la schiuma). L’azione estinguente è per Soffoca‐
mento e per raffreddamento in mi‐
nima parte. Idonee per incendi di liquidi infiammabili (classe B). Non è utilizzabile su apparecchiature elettriche e sui fuochi di classe D. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 28 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze Costituite da particelle solide finissime a base di bicarbo‐
nato di sodio, potassio, fo‐
sfati e sali organici. L'azione estinguente è di tipo chimico, di raffreddamento e di soffocamento. Possono essere utilizzate su appa‐
recchiature elettriche in tensione. Possono danneggiare appa‐
recchiature e macchinari. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 29 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze È utilizzata principalmente l'Anidride carbonica (CO2). La presenza nell’aria riduce la concentrazione del combu‐
rente fino ad impedire la combustione. 




L’anidride carbonica: non è tossica; è più pesante dell’aria; è dielettrica (non conduce elettricità); è normalmente conservata come gas liquefatto; Ha anche un’azione estinguente per raffreddamento. Può essere utilizzata su apparec‐
chiature elettriche in tensione. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 30 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze L'INCENDIO REALE Fasi evidenziate nel curva Temperatura ‐ tempo. Nell’evoluzione dell’incendio si possono individuare 4 fasi: TEMPERATURA
1. Ignizione 2. Propagazione (flash-over)
3. Incendio generaliz‐
zato (flash‐over) 4. Estinzione e raffred‐
damento TEMPO
ignizione
propagazione
incendio
generalizzato
Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze estinzione
31 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze PRINCIPALI EFFETTI DELL’INCENDIO SULL’UOMO 
Anossia (per la riduzione del tasso di ossigeno nell’aria) 
Azione tossica dei fumi 
Riduzione della visibilità 
Azione termica Causati dai prodotti della combustione: 
Gas 
Fiamma 
Calore 
Fumo
Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 32 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze ESPLOSIONE Rapida espansione di gas, dovuta ad una reazione chi‐
mica di combustione, avente come effetto la produzione di calore, onda d'urto e picco di pressione. Definizioni secondo la velocità di propagazione della reazione:  Deflagrazione: propagazione con velocità minore del suono;  Detonazione: propagazione con ve‐
locità maggiore del suono. Gli effetti distruttivi delle detonazioni sono maggiori delle deflagrazioni. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 33 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze Esplosioni di polveri Un’esplosione può aver luogo quando gas, vapori o polveri infiammabili (es. segatura, farina, ecc.), entro il campo di esplosività, sono innescati da una fonte di sufficiente energia. Prevenire le esplosioni Il modo migliore di proteggersi è nel preve‐
nire la formazione di miscele infiammabili, in quanto è molto difficoltoso disporre di mi‐
sure che proteggano dalle esplosioni a diffe‐
renza degli incendi. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 34 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze PREVENZIONE INCENDI È orientata alla salvaguar‐
dia dell’incolumità delle persone ed alla tutela dei beni e dell’ambiente. Le azioni Preventive e Pro‐
tettive non devono essere considerate alternative ma complementari tra loro. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 35 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze IL RISCHIO Il Rischio (R) di un evento incidentale è il prodotto di 2 fattori: 
Frequenza (F), probabilità che l'e‐
vento si verifichi in un dato tempo. 
Magnitudo (M), l'entità dei danni conseguenti. R = F x M Dalla formula si vede che se si riduce fre‐
quenza, magnitudo o entrambe, si riduce il rischio. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 36 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze LE SPECIFICHE MISURE DI PREVENZIONE Principali misure di prevenzione: (tese alla riduzione della probabilità di accadimento) 







Realizzazione di impianti elettrici a regola d'arte. (Norme CEI) Collegamento elettrico a terra. Installazione di impianti parafulmine. Dispositivi di sicurezza degli impianti di distribuzione e di utilizza‐
zione delle sostanze infiammabili. Ventilazione dei locali. Utilizzazione di materiali incombustibili. Adozione di pavimenti ed attrezzi antiscintilla. Segnaletica di sicurezza. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 37 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze MISURE PRECAUZIONALI DI ESERCIZIO DEPOSITO E UTILIZZO DI MATERIALI INFIAMMABILI E COMBUSTIBILI I materiali infiammabili o facilmente combu‐
stibili devono essere limitati a quanto stret‐
tamente necessario e tenuti lontano dalle vie di esodo. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 38 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze UTILIZZO DI FONTI DI CALORE Impiego di bombole di gas (anche vuote) negli apparecchi di riscaldamento; Deposito di materiali com‐
bustibili in vicinanza di ap‐
parecchi di riscaldamento; Utilizzo di apparecchi in ambienti non idonei (pre‐
senza di infiammabili, alto carico di incendio ecc.); Utilizzo di apparecchi in mancanza di adeguata ventilazione degli ambienti. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 39 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze IMPIANTI ED ATTREZZATURE ELETTRICHE Il personale deve essere istruito sul corretto uso delle at‐
trezzature elettriche in modo da riconoscere difetti. Le prese multiple non devono essere so‐
vraccaricate per evitare surriscaldamenti. In caso di alimentazione provvisoria, il cavo elettrico deve avere la lunghezza stretta‐
mente necessaria. Le riparazioni devono essere effettuate da personale qualificato. IL FUMO E L'UTILIZZO DI PORTACENERE Identificare le aree dove il fumo delle sigarette può costi‐
tuire pericolo di incendio e disporne il divieto. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 40 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze RIFIUTI E SCARTI DI LAVORAZIONE COMBUSTIBILI I rifiuti non devono essere depositati lungo le vie di esodo (corridoi, scale, disimpegni). AREE NON FREQUENTATE Le aree normalmente non frequentate (scantinati, depositi), devono essere tenute libere da materiali combustibili.
MISURE CONTRO GLI INCENDI DOLOSI Scarse misure di sicurezza e mancanza di controlli possono consentire accessi non autorizzati con rischio di incendi dolosi.
Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 41 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze INFORMAZIONE E FORMAZIONE ANTINCENDI È obbligo del datore di lavoro fornire ai lavoratori un’adeguata infor‐
mazione e formazione (Art. 36 e 37 del D.lgs n. 81/08) su: a) Rischi legati all'attività e alle specifiche mansioni svolte; b) Misure di prevenzione e di protezione incendi adottate; c) Procedure da adottare in caso di incendio. d) I nominativi dei lavoratori incaricati di applicare le misure di pre‐
venzione incendi, lotta antincendi e gestione delle emergenze e pronto soccorso; e) Il nominativo del responsabile e degli addetti del servizio di pre‐
venzione e protezione. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 42 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze LA PROTEZIONE ANTINCENDIO Misure finalizzate alla riduzione dei danni. Suddivise in protezione attiva e passiva in base alla necessità o meno d’intervento di un operatore o dell’azionamento di un im‐
pianto. Protezione PASSIVA (NON c'è il bisogno di un INTERVENTO) Protezione ATTIVA (c'è il bisogno di un INTERVENTO) La protezione attiva presuppone l'inter‐
vento che può avvenire con o senza l'azione umana. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 43 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze LA PROTEZIONE PASSIVA Non richiedono l’azione di un uomo o l’azionamento di un impianto. Obiettivo: limitare gli effetti dell’incendio 
Isolamento 
Distanze di sicurezza 
Resistenza al fuoco 
Reazione al fuoco 
Ventilazione 
Vie d’uscita Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 44 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze LA PROTEZIONE ATTIVA Richiedono l’azione di un uomo o l’aziona‐
mento di un impianto, finalizzate alla pre‐
coce rilevazione dell’incendio, alla segna‐
lazione e all’azione di spegnimento. 





Estintori Rete idrica antincendio Impianti di rivelazione automatica d’in‐
cendio Impianti di spegnimento automatici Dispositivi di segnalazione e d’allarme Evacuatori di fumo e calore
Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 45 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze MISURE DI PROTEZIONE PASSIVA
ISOLAMENTO DELL'EDIFICIO: DISTANZE DI SICUREZZA Interposizione di spazi scoperti per impedire la propagazione dell’incendio.  Distanze di sicurezza interne proteggono elementi appartenenti ad uno stesso complesso.  Distanze di sicurezza esterne proteggono elementi esterni al complesso.  Distanza di protezione distanza tra ciascun elemento pericoloso di un’attività e la recin‐
zione (ove prescritta) o il confine dell’area. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 46 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze RESISTENZA AL FUOCO Comportamento al fuoco degli elementi portanti o separanti. Gli elementi costruttivi sono classificati da un numero che esprime i minuti per i quali conservano le caratteristiche di resi‐
stenza meccanica (R), tenuta ai prodotti della combustione (E), e di isolamento ter‐
mico (I). Es. REI 90 Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 47 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze La resistenza al fuoco è l’attitudine di un prodotto o di un elemento costruttivo a: Stabilità Tenuta Isolamento termico R Conservare la resistenza meccanica. E Non fare passare fiamme, vapori o gas caldi sul lato non espo‐
sto al fuoco. I Ridurre la trasmissione del calore. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 48 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze COMPARTIMENTAZIONE Parte di edificio delimitata da elementi costruttivi (muri, so‐
lai, porte, ecc.) di resistenza al fuoco predeterminata. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 49 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze REAZIONE AL FUOCO DEI MATERIALI Comportamento del materiale che par‐
tecipa all’incendio. Riguarda i materiali di rivestimento e arredo, arredamento, tendaggi e tes‐
suti in genere. I materiali sono assegnati alle classi: 0 ‐ 1 ‐ 2 ‐ 3 ‐ 4 ‐ 5 con l’aumentare della partecipazione alla combustione, a partire da quelli di classe 0 che risultano non combustibili. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 50 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze VIE DI ESODO Percorso senza ostacoli che consente di raggiungere un luogo sicuro. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 51 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze MISURE DI PROTEZIONE ATTIVA
Attrezzature ed impianti di estinzione degli incendi ESTINTORI Mezzi di primo intervento più impiegati per i principi di incendio. Non sono efficaci se l'incendio è in una fase più avanzata. Sono suddivisi, in relazione al peso, in: Estintori portatili Estintori carrellati massa inferiore o uguale a 20 kg massa superiore a 20 kg fino a 150 kg
Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 52 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze Estintori portatili Sono classificati in base alla capacità estinguente. Classe A fuochi di solidi con formazione di brace Classe B fuochi di liquidi Classe C fuochi di gas Classe D fuochi di metalli Classe F fuochi che interessano mezzi di cottura Sull'estintore è riportata un’etichetta suddivisa in 5 parti, con istruzioni e condizioni di utilizzo. Sono indicate le classi dei fuochi ed i focolai che è in grado di estinguere (esempio: 34A 233BC). Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 53 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze Estintori carrellati Stesse caratteristiche degli estintori portatili con maggiore capacità estinguente ma, per le maggiori dimensioni e peso, una minore ma‐
negevolezza. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 54 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze Tipologie di estintori in relazione alla sostanza estinguente 
Acqua, ormai in disuso 
Schiuma, adatto per liquidi infiammabili 
Polvere, adatto per liquidi infiammabili ed apparecchi elettrici 
Anidride carbonica (CO2), idoneo per ap‐
parecchi elettrici 
Idrocarburi alogenati (halon e sostanze alternative), adatto per motori di macchinari 
Agente pulito (clean agent) Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 55 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze ESTINTORI A POLVERE La polvere antincendio è composta da sostanze chimi‐
che miscelate tra loro con aggiunta di additivi per mi‐
gliorarne le qualità. L'azione estinguente è di tipo chimico di soffocamento e di raffreddamento. Essendo costituita da particelle solide finissime, può danneggiare le apparecchiature e macchinari. Gli estintori a polvere sono adatti all'uso su apparec‐
chiature elettriche. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 56 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze ESTINTORE A CO2 (Anidride Carbonica) L'estintore contiene CO2 compresso e liquefatto. È costituito da un unico pezzo di spessore adeguato alla pressione. È senza manometro. La colorazione dell'ogiva è in genere grigio chiaro e il dif‐
fusore di forma tronco‐conica. Il dispositivo di scarica è composto da un tubo collegato ad un cono diffusore in PVC con impugnatura per evitare ustioni da freddo. Spegne per soffocamento e raffreddamento. Il serbatoio è sottoposto a collaudo ogni 5 anni. È adatto all'uso su apparecchiature elettriche. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 57 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze ESTINTORE A SCHIUMA La carica è composta da liquido schiumogeno diluito in acqua. L’estinzione avviene per Soffocamento e per raffred‐
damento in minima parte. Sono impiegate per incendi di liquidi infiammabili (classe B) Non utilizzabile sulle apparecchiature elettriche e sui fuochi di classe D. È obbligatorio riportare “AVVERTENZA non utilizzare su ap‐
parecchiature elettriche sotto tensione”.
Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 58 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze Posizionamento degli estintori Devono essere indicati con l’apposita segnaletica di sicurezza. Devono essere posizionati alle pareti, mediante idonei attacchi con facile sgancia‐
mento o poggiati a terra con idonei dispositivi (piantane porta estintore con asta e car‐
tello). Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 59 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze RETE IDRICA ANTINCENDIO È necessaria la riserva idrica se l’acquedotto non garantisce conti‐
nuità di erogazione e sufficiente pressione. Le caratteristiche idrauliche ri‐
chieste agli erogatori (idranti UNI 45 oppure UNI 70) sono as‐
sicurate in termini di portata e pressione dalla capacità della ri‐
serva idrica e dal gruppo di pompaggio. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 60 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze Idranti a muro 




Componenti: cassetta; supporto della tubazione; valvola manuale di in‐
tercettazione; tubazione flessibile completa di raccordi; lancia erogatrice. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 61 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze Naspi Costituiti da una bobina mobile su cui è av‐
volta una tubazione semirigida collegata con una lancia erogatrice. Per l'impiego anche da parte di personale non addestrato. Hanno prestazioni inferiori rispetto agli idranti e in certi casi possono essere collegati direttamente alla rete idrica sanitaria. Dispongono di tubazioni in gomma avvolte su tamburi girevoli, prov‐
visti di lance da 25 mm con getto regolabile (pieno o frazionato).
Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 62 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze IMPIANTI DI SPEGNIMENTO AUTOMATICI
Classificati in base all'estinguente utilizzato:  Impianti ad acqua Sprinkler (ad umido, a secco, alternativi, a preallarme, a diluvio etc.);  Impianti a schiuma;  Impianti ad anidride carbonica;  Impianti ad halon;  Impianti a polvere. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 63 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze SISTEMI DI RIVELAZIONE, SEGNALAZIONE E ALLARME INCENDIO
La funzione è di rivelare un incendio nel minor tempo possibile e for‐
nire segnalazioni ottiche e/o acustiche agli occupanti. L'incendio può essere "scoperto" da un rivelatore (automaticamente) o dall'uomo (manualmente): Sistemi fissi automatici di rivelazione d’incendio, per rive‐
lare e segnalare un incendio nel minore tempo possibile. Sistemi fissi di segnalazione manuale, nel caso l’incendio sia rilevato dall’uomo.
Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 64 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze SEGNALETICA DI SICUREZZA
D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 TITOLO V – SEGNALETICA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Definizioni (Art. 162) Segnaletica di sicurezza e di salute sul luogo di lavoro: fornisce un’indi‐
cazione o una prescrizione concernente la sicurezza o la salute sul luogo di lavoro, o che utilizza, a seconda dei casi, un cartello, un colore, un segnale luminoso o acu‐
stico, una comunicazione verbale o un segnale gestuale; Segnale di divieto: vieta un comportamento che potrebbe far correre o causare un pericolo; Segnale di avvertimento: avverte di un rischio o pericolo; Segnale di prescrizione: prescrive un determinato comportamento; Segnale di salvataggio o di soccorso: fornisce indicazioni relative alle uscite di sicurezza o ai mezzi di soccorso o di salvataggio; Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 65 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze CARTELLI DI DIVIETO ‐ Forma rotonda ‐ Pittogramma nero su fondo bianco; bordo e banda (verso il basso da sinistra a destra lungo il simbolo, con un’inclinazione di 45°) rossi (il rosso deve coprire almeno il 35% della superficie del cartello). Vieta un comportamento Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 66 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze CARTELLI DI AVVERTIMENTO ‐ Forma triangolare ‐ Pittogramma nero su fondo giallo, bordo nero (il giallo deve coprire almeno il 50% della superficie del car‐
tello). Avverte di un pericolo Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 67 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze CARTELLI DI PRESCRIZIONE ‐ Forma rotonda ‐ Pittogramma bianco su fondo azzurro (l’azzurro deve coprire almeno il 50% della superficie del cartello). Prescrive un comporta‐
mento Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 68 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze CARTELLI DI SALVATAGGIO ‐ Forma quadrata o rettan‐
golare ‐ Pittogramma bianco su fondo verde (il verde deve co‐
prire almeno il 50% della superfi‐
cie del cartello). Fornisce indicazioni (es. sulle uscite di sicurezza)
Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 69 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze CARTELLI PER LE ATTREZZATURE ANTINCENDIO ‐ Forma quadrata o rettangolare ‐ Pittogramma bianco su fondo rosso (il rosso deve coprire almeno il 50% della superficie del cartello). Fornisce indicazioni (su attrezzature antincendio) Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 70 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze ILLUMINAZIONE DI SICUREZZA Devono essere illuminate le uscite di sicu‐
rezza e le vie di esodo. L’Impianto deve essere alimen‐
tato da un’adeguata fonte di energia quali batterie tampone o batterie di accumulatori con dispositivo per la ricarica automatica oppure da gruppo elettrogeno. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 71 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze EVACUATORI DI FUMO E DI CALORE Utilizzati di norma in combinazione con im‐
pianti di rivelazione e sono basati sul movi‐
mento verso l’alto dei gas caldi generati dall’incendio che, a mezzo di aperture, ven‐
gono evacuate all’esterno. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 72 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze PROCEDURE DA ADOTTARE IN CASO DI INCENDIO IL PIANO DI EMERGENZA
Contiene le informazioni‐chiave da met‐
tere in atto nei primi momenti. Obiettivo primario: salvaguardia ed eva‐
cuazione delle persone. In emergenza è fondamentale affrontare i primi momenti, in attesa dei VVF. Un buon P.E. è caratterizzato da poche e semplici azioni comportamentali. Scopo: consentire la migliore gestione de‐
gli incidenti individuati preventivamente attraverso l'analisi dei rischi.
Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 73 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze Le Procedure Operative Standard stabili‐
scono le azioni da intraprendere in emer‐
genza. In mancanza di appropriate procedure un incidente diventa caotico, causando confusione ed incomprensione. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 74 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze Per le varie persone o gruppi sono de‐
scritte le azioni da fare e quelle da non fare. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 75 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze Nel P.E. è individuata la figura (Datore di lavoro o delegato) che detiene poteri decisionali con la possibilità di pren‐
dere decisioni anche arbitrarie. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 76 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze Le azioni devono essere correlate alla capacità delle persone di svolgere de‐
terminate operazioni. (In condizioni di stress e panico le persone tendono a perdere la lucidità). Poche, semplici, efficaci azioni sono meglio che una serie di incarichi com‐
plicati. In emergenza riescono meglio le azioni più “automatiche”.
Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 77 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze PROCEDURE DA ADOTTARE IN CASO DI INCENDIO







Dare l'allarme secondo le procedure; Valutare la possibilità di estinguere l’incendio con i mezzi a disposizione; Iniziare l’opera di estinzione con la ga‐
ranzia di una via di fuga; Intercettare le alimentazioni di gas, energia elettrica, ecc.; Chiudere le porte per limitare la pro‐
pagazione; Accertarsi che l’edificio venga evacuato; Se non si riesce a controllare l’incendio, portarsi all’esterno. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 78 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze PROCEDURE DA ADOTTARE IN CASO DI ALLARME

Mantenere la calma (conoscenza delle proce‐
dure, esercitazioni e addestramento periodico aiutano ad acquisire confidenza); 
Prestare assistenza a chi è in difficoltà; 
Attenersi al piano di emergenza; 
Allontanarsi secondo le procedure; 
Non rientrare nell’edificio fino al ripristino delle condizioni di sicurezza. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 79 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze MODALITÀ DI EVACUAZIONE L’obiettivo principale del piano di emer‐
genza è la salvaguardia delle persone e l’evacuazione. Il piano di evacuazione prevede di far uscire dal fabbricato tutti gli occupanti utilizzando le normali vie di esodo. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 80 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze LE PROCEDURE DI CHIAMATA DEI SERVIZI DI SOCCORSO
È importante la corretta attivazione delle squadre di soccorso. Individuare la persona (e un sostituto) incaricata di dare l’allarme. Schema di richiesta di soccorso: 






Indirizzo e numero di telefono; Tipo di emergenza; Persone coinvolte/feriti; Reparto coinvolto; Stadio dell’evento (in fase di sviluppo, stabilizzato, ecc.); Indicazioni sul percorso;
Altre indicazioni (materiali coinvolti, necessità di fermarsi a distanza, ecc.). Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 81 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze Collaborazione con i Vigili del Fuoco Dopo aver gestito i primi momenti dell’emergenza secondo le poche basi‐
lari operazioni previste dal P.E., al mo‐
mento dell’arrivo dei Vigili del Fuoco la gestione dell'emergenza passa a loro. Il modo migliore per collaborare è quello di mettere a disposizione la co‐
noscenza dei luoghi. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 82 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze ESERCITAZIONI PRATICHE Principali attrezzature ed impianti di spegnimento Estintori portatili d’incendio Una delle attrezzature più utilizzate per inter‐
venire sui principi di incendio. Sono importanti per la prontezza di impiego. Per incendi più gravi l’utilizzo degli estintori può rallentare la propagazione, in attesa dell’utilizzo di mezzi antincendio più potenti che hanno tempi di ap‐
prontamento più lunghi. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 83 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze Regole generali per l'utilizzo degli estintori Attenersi alle istruzioni d’uso, veri‐
ficando che l’estinguente sia adatto al tipo di fuoco. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 84 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze Togliere la spina di sicurezza Premere a fondo la leva impu‐
gnando la maniglia di sostegno Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 85 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze Azionare l’estintore alla giusta distanza dalla fiamma per col‐
pire il focolare con la massima efficacia, te‐
nendo conto del calore. La distanza può va‐
riare, secondo la lun‐
ghezza del getto, tra 3 e 10 metri. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 86 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze Dirigere il getto alla base delle fiamme. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 87 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze Non attraversare con il getto le fiamme, ma agire in progressione, cercando di spegnere le fiamme più vicine per aprirsi la strada. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 88 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze Durante l’erogazione muovere leggermente a ventaglio l’estintore. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 89 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze Non sprecare estin‐
guente, soprattutto con piccoli estintori. Adottare un’erogazione intermittente. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 90 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze In incendi di liquidi, operare in modo che il getto non causi proiezione del liquido al di fuori del recipiente, per evitare la propagazione dell’incendio. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 91 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze In incendi all’aperto operare sopra vento rispetto al fuoco, in modo che il getto di estin‐
guente venga spinto verso la fiamma anziché essere de‐
viato o disperso. Sopra vento = in direzione del vento Sottovento = in direzione contraria del vento Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 92 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze Intervento contemporaneo con 2 o più estintori Con l’azione coordinata di 2 operatori si può avanzare in un’unica di‐
rezione mantenendo gli estintori affiancati a debita distanza. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 93 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze Si può anche agire entro un an‐
golo di 90°, in modo da non di‐
rigere fiamme o frammenti del materiale che brucia contro gli altri operatori. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 94 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze Assumere una posizione il più bassa possibile per sfuggire all’azione no‐
civa dei fumi. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 95 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze Con fiamme di gas è necessario erogare il getto in modo che l’estinguente segua la stessa dire‐
zione della fiamma. Non tagliare trasversalmente e non colpire di fronte la fiamma. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 96 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze TUBAZIONI ED ACCESSORI DEGLI IMPIANTI IDRICI ANTINCENDIO Tubi di mandata  45 e 70 mm Avvolti in doppio Avvolti in semplice La distesa (stendimento) della manichetta deve avvenire con tuba‐
zione avvolta in doppio, per non creare spirali che strozzano il tubo. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 97 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze Nella distesa delle tubazioni, il raccordo maschio deve essere diretto verso l'incendio. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 98 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze ATTREZZATURE DI PROTEZIONE INDIVIDUALE MASCHERE ANTIGAS Utilizzati per la protezione degli organi della re‐
spirazione. Provvedono, a mezzo di filtri adatti al tossico o gruppo di tossici, a depurare l'aria inspirata trattenendo gli agenti nocivi o trasformandoli in sostanze non dannose. 

È costituita di 2 parti: Maschera, che copre tutto il viso; Filtro, contenente sostanze per la depura‐
zione. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 99 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze AUTORESPIRATORI Apparecchi costituiti da un’unità auto‐
noma indossata dall'operatore. È un mezzo protettivo più sicuro: isola completamente dall'esterno. 



Necessità di impiego: Ambiente povero o privo di ossigeno; Tasso d'inquinamento elevato; Natura inquinante non conosciuta; Nei casi in cui è dubbia l'efficacia dei filtri. Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 100 di 100 Ing. Mauro Malizia – Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze Cenni di prevenzione incendi e gestione delle emergenze 101 di 100 
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement