sezione b - notizie tecniche per l`installatore

sezione b - notizie tecniche per l`installatore

Refrigeratori d’acqua e pompe di calore

RPE X - HPE X 55

÷

140

Refrigeratori d’acqua e pompe di calore aria-acqua

SERIE RPE - HPE

Modelli 90-115-140

Versioni Standard e Idro

Informazioni tecniche

Questo manuale è diviso in tre sezioni:

- SEZIONE A - INFORMAZIONI GENERALI

Contiene tutte le notizie relative alla descrizione dei refrigeratori d’acqua e pompe di calore ariaacqua e delle loro caratteristiche tecniche.

- SEZIONE B - NOTIZIE TECNICHE PER L’INSTALLATORE

Raccoglie tutte le indicazioni e le prescrizioni che il tecnico installatore deve osservare per la realizzazione ottimale dell’impianto.

- SEZIONE C - ISTRUZIONI D’USO E MANUTENZIONE PER L’UTENTE

E’ la sezione riservata all’utilizzatore e contiene tutte le informazioni necessarie per il corretto funzionamento e per le verifiche periodiche.

Note importanti per la consultazione:

1 - Ai fini di un utilizzo corretto e sicuro dell’apparecchio, l’installatore, l’utente ed il manutentore, per le rispettive competenze, sono tenuti ad osservare quanto indicato nel presente manuale.

2 - Alla dicitura ATTENZIONE! seguono informazioni che, per la loro importanza, devono essere scrupolosamente osservate ed il cui mancato rispetto può provocare danni all’apparecchio e/o pregiudicarne la sicurezza di utilizzo.

3 - I paragrafi evidenziati in neretto contengono informazioni, avvertenze o consigli importanti che si raccomanda di valutare attentamente.

4 - I dati tecnici, le caratteristiche estetiche, i componenti e gli accessori riportati nel presente manuale non sono impegnativi. La A2B S.r.l. si riserva la facoltà di apportare in qualsiasi momento tutte le modifiche ritenute necessarie per il miglioramento del proprio prodotto.

5 - I riferimenti a leggi, normative o regole tecniche citate nel presente manuale, sono da intendersi a puro titolo informativo e da ritenersi validi alla data di stampa dello stesso, riportata nell’ultima pagina. L’entrata in vigore di nuove disposizioni o di modifiche a quelle vigenti non costituirà motivo di obbligo alcuno della A2B S.r.l. nei confronti di terzi.

6 - La A2B S.r.l. è responsabile della conformità del proprio prodotto alle leggi, direttive e norme di costruzione vigenti al momento della commercializzazione. La conoscenza e l’osservanza delle disposizioni legislative e delle norme inerenti la progettazione degli impianti, l’installazione, l’esercizio e la manutenzione sono ad esclusivo carico, per le rispettive competenze, del progettista, dell’installatore e dell’utente.

INDICE

SEZIONE A - INFORMAZIONI GENERALI

pag.

1.

CARATTERISTICHE PRINCIPALI .......................................................................................... 4

1.1

Classificazione degli apparecchi .............................................................................................. 4

1.2

Certificazioni - Marcatura CE .................................................................................................... 4

1.3

Caratteristiche costruttive ......................................................................................................... 4

1.4

Contenuto dell’imballaggio ........................................................................................................ 5

1.5

Accessori forniti a richiesta ........................................................................................................ 5

1.6

Configurazioni disponibili solo a richiesta .................................................................................. 5

1.7

Campo d’impiego ....................................................................................................................... 5

1.8

Norme di sicurezza .................................................................................................................... 5

1.9

Tabelle dati tecnici ................................................................................................................... 12

1.10 Schemi elettrici ........................................................................................................................ 14

1.11 Dimensioni e ingombri ............................................................................................................. 16

1.12 Grafici e tabelle di prestazioni .................................................................................................. 20

2.

ORGANI DI CONTROLLO E SICUREZZA .............................................................................. 27

2.1

Microprocessore di controllo .................................................................................................... 27

2.2

Protezione del circuito frigorifero ............................................................................................ 29

2.3

Protezione del circuito idraulico .............................................................................................. 30

2.4

Controllo sbrinamento ............................................................................................................. 30

SEZIONE B - NOTIZIE TECNICHE PER L’INSTALLATORE

3.

AVVERTENZE ....................................................................................................................... 31

3.1

Qualificazione dell’installatore ................................................................................................. 31

3.2

Informazioni preliminari ........................................................................................................... 31

3.3

Trasporto e manipolazione ...................................................................................................... 31

3.4

Utilizzo delle istruzioni ............................................................................................................. 32

4.

INSTALLAZIONE .................................................................................................................... 32

4.1

Indicazioni generali .................................................................................................................. 32

4.2

Operazioni di installazione ...................................................................................................... 33

4.3

Alimentazione elettrica ............................................................................................................ 34

4.4

Pompa idraulica ...................................................................................................................... 35

4.5

Utilizzo con basse temperature dell’acqua ..................................................................................36

5.

AVVIAMENTO ........................................................................................................................ 36

5.1

Verifiche primo avviamento ..................................................................................................... 36

5.2

Messa in funzione ................................................................................................................... 37

6.

ALLARMI E DIAGNOSTICA .................................................................................................. 37

6.1

Visualizzazione degli allarmi e diagnostica ............................................................................. 37

7.

RIPARAZIONE-SOSTITUZIONE COMPONENTI ................................................................ 41

7.1

Circuito frigorifero .................................................................................................................... 41

8.

OPERAZIONI PERIODICHE DI MANUTENZIONE ............................................................. 42

8.1

Pulizia dello scambiatore ........................................................................................................ 42

8.2

Controllo annuale .................................................................................................................... 42

SEZIONE C - INFORMAZIONI PER L’UTENTE

9.

GENERALITA’ ........................................................................................................................ 43

9.1

Utilizzo delle istruzioni ............................................................................................................. 43

9.2

Usi impropri - Raccomandazioni ............................................................................................ 43

9.3

Prima messa in servizio ......................................................................................................... 44

9.4

Accensione - Spegnimento ..................................................................................................... 44

9.5

Manutenzione e controlli .......................................................................................................... 44

ALLEGATI

Dichiarazione di conformità ................................ modd. RPE 22 - 27 - 31 - 39 - 44 - 55 - 70 ... 45

Dichiarazione di conformità ................................ modd. HPE 22 - 27 - 31 - 39 - 44 - 55 - 70 ... 46

Pag. 2

INDICE DELLE ILLUSTRAZIONI

2

3

Fig. n°

1 pag.

Schemi funzionali RPE 90-115-140 Versione Standard e Standard con desurr. ...................... 7

4

Schemi funzionali HPE 90-115-140 Versione Standard e Standard con desurr. Raffred. ....... 8

Schemi funzionali HPE 90-115-140 Versione Standard e Standard con desurr. Riscald. ...... 9

Schemi RPE-HPE 90-115-140 Versione Standard e Idro ..................................................... 10

7

8

5

6

9

10

Schema di collegamento tipico (direttamente all’impianto) .................................................. 11

Schema elettrico RPE/HPE 90 Versione Standard .............................................................. 14

Schema elettrico RPE/HPE 90 Versione Idro ...................................................................... 15

Dimensioni e ingombri RPE 90 Standard ............................................................................. 16

Dimensioni e ingombri RPE 90 Idro ..................................................................................... 17

Dimensioni e ingombri RPE 115-140 Standard .................................................................... 18

11 Dimensioni e ingombri RPE 115-140 Idro ............................................................................ 19

12-21 Microprocessore di controllo ........................................................................................... 27-29

22

23

Struttura ad albero del menù ................................................................................................ 30

Sollevamento dell’apparecchio ............................................................................................. 31

24

25

Zone di rispetto ..................................................................................................................... 32

Distanze di rispetto .............................................................................................................. 32

26

27

28

29

30

Installazione filtro acqua a rete ............................................................................................. 33

Schema elettrico per heat/cool remoto ................................................................................ 34

Schema funzionale per resistenza antigelo ......................................................................... 35

Schema collegamento resistenza elettrica .......................................................................... 35

Schema collegamento resistenza elettrica compressore .................................................... 35

31

32

Schema funzionale pompa .................................................................................................. 36

Schemi funzionali avviamento-spegnimento compressore ................................................. 40

33-34 Usi impropri .......................................................................................................................... 43

35-36 Accensione .......................................................................................................................... 44

INDICE DELLE TABELLE

Tab. n° pag.

1 Tabella dati tecnici RPE 90-115-140 ....................................................................................... 12

2 Tabella dati tecnici RPE 90-115-140 ....................................................................................... 13

3 Indici di correzione potenza termica in modo raffreddamento ................................................ 20

4 Indici di correzione potenza termica in modo riscaldamento .................................................. 20

5 Impostazione set point allarme antigelo per impiego con basse temperature dell'acqua ....... 36

6 Impostazione set point resistenza antigelo per impiego con basse temperature ................... 37

7 Descrizione allarmi ................................................................................................................. 38

8 Surriscaldamento .................................................................................................................... 42

Pag. 3

SEZIONE A - INFORMAZIONI GENERALI

1. CARATTERISTICHE PRINCIPALI

1.1 CLASSIFICAZIONE DEGLI APPARECCHI

Gli apparecchi descritti in questo manuale sono definiti come: "Refrigeratori e pompe di calore monoblocco aria/acqua".

I refrigeratori d'acqua sono contrassegnati dalla sigla RPE, le pompe di calore dalla sigla HPE, con aggiunto un codice numerico rappresentativo della potenzialità erogata in kW dei modelli in pompa di calore.

1.2 CERTIFICAZIONI - MARCATURA CE

I prodotti RPE - HPE sono conformi alle direttive 97/23/CE e 98/37/CEE. Essi sono inoltre conformi alle disposizioni delle seguenti altre direttive: 73/23/CEE, 89/336/CEE, così come modificate dalla direttiva 93/68/CEE.

Gli apparecchi sono quindi sottoposti alla marcatura CE, sono stati testati secondo le norme armonizzate applicabili agli stessi e sono corredati di apposita dichiarazione in allegato.

1.3 CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE

Gli apparecchi della serie RPE/HPE sono stati progettati per l'installazione all'esterno con classe di protezione IP24.

Le caratteristiche dei prodotti vengono sfruttate al meglio, ottenendo elevati valori di efficienza energetica. In particolare il funzionamento delle pompe di calore risulta ottimizzato per la modalità riscaldamento.

Le prestazioni sono ottimizzate, anche grazie all'utilizzo di serie del controllo della velocità di rotazione dei ventilatori e della sequenza di fase dell'alimentazione elettrica.

Caratteristiche costruttive:

- il mobile di copertura è realizzato per tutti i modelli in lamiera zincata con trattamento di passivazione e verniciatura a polveri poliesteri specifiche per esterno;

- i compressori sono di tipo scroll ad elevata efficienza e silenziosità, funzionanti con refrigerante R 407C sia per i modelli solo freddo che per i modelli in pompa di calore, montati su supporti elastici antivibranti, azionati da motori elettrici trifase per tutti i modelli;

- i due scambiatori aria/gas refrigerante sono realizzati con tubi in rame ed alette in allumi-

Pag. 4 nio bloccate mediante espansione meccanica dei tubi;

- il gruppo ventilante è costituito da ventilatori elicoidali con protezione termica interna. I ventilatori sono provvisti di griglia di protezione antinfortunistica;

- lo scambiatore di calore acqua/gas refrigerante, del tipo a piastre in acciaio inox AISI 316 saldobrasato, è coibentato esternamente con materiale isolante a celle chiuse per ridurre le dispersioni termiche. Esso è caratterizzato da due circuiti indipendenti lato gas refrigerante e da un unico circuito lato acqua;

- per ogni circuito frigorifero i collegamenti tra i singoli componenti sono realizzati in tubo di rame specifico per refrigerazione. Fanno parte del circuito frigorifero la valvola termostatica di laminazione, la valvola di inversione ciclo

(modelli in pompa di calore), le valvole unidirezionali (modelli in pompa di calore), i pressostati a taratura fissa di bassa e alta pressione, il filtro disidratatore e la spia del liquido;

- il quadro elettrico di potenza è realizzato in un supporto inserito all'interno della macchina;

- il sistema di controllo a microprocessore con tastiera è accessibile direttamente dall'esterno, tramite uno sportellino di protezione in materiale plastico.

La VERSIONE IDRO comprende il circuito

idraulico, completo di:

- una pompa idraulica ad elevata prevalenza;

- il filtro acqua a rete e un nipplo M/M 1 ¼" di raccordo con l'aspirazione;

- il serbatoio di accumulo in acciaio zincato a caldo isolato termicamente con polietilene anticondensa da 20 mm + rivestimento esterno di protezione, di capacità pari a 300 litri per il modello 90, 500 litri per i modelli 115-140, completo del rubinetto di scarico acqua e della valvola di sicurezza con pressione di scarico pari a 6 bar;

- il vaso di espansione con capacità di 12 litri per il modello 90, 18 litri per i modelli 115-140;

- la valvola di sfiato aria automatica posizionata nel punto più alto del circuito interno macchina.

1.4 CONTENUTO DELL’IMBALLAGGIO

L'apparecchio viene spedito con protezioni in cartone e materiale plastico. Esso è provvisto di tre traverse in acciaio zincato al di sotto della base, predisposte per il sollevamento e la movimentazione, che potranno essere rimosse in fase di installazione.

I dati identificativi dell'apparecchio sono riportati sia nell'etichetta sull'imballo che nella targa dei dati tecnici applicata sulla pannellatura esterna.

Non asportare per nessun motivo la targa dei dati tecnici, poiché i riferimenti in essa contenuti sono necessari per gli eventuali interventi di manutenzione e riparazione.

All'interno dello sportello del vano compressore si trovano inoltre una busta contenente il pre-

sente manuale ed il certificato di garanzia, che devono essere consegnati al proprietario dell'apparecchio affinché li conservi accuratamente per qualsiasi utilizzo futuro o per consultazione.

Con la VERSIONE IDRO viene inoltre fornito il

filtro dell'acqua e il nipplo per il collegamento all'aspirazione della pompa.

1.5 ACCESSORI FORNITI A RICHIESTA

A richiesta possono essere forniti i seguenti accessori:

- resistenza elettrica del compressore (mod.

RPE), consigliata per utilizzo con temperature esterne inferiori a 20°C o quando si prevedono periodi di fermo molto lunghi;

- isolamento acustico supplementare per il compressore, che consente la riduzione della pressione sonora di circa 2 dB(A) nelle fasi di avviamento e messa a regime;

- supporti antivibranti per ridurre la trasmissione delle vibrazioni al suolo;

- comando remoto per permettere l'impostazione ed il controllo a distanza di tutti i parametri di funzionamento;

- griglie di protezione degli scambiatori.

1.6 CONFIGURAZIONI DISPONIBILI SOLO A

RICHIESTA

A richiesta possono essere fornite le seguenti versioni:

- Versione IDRO 2, comprendente il circuito idraulico con due pompe;

- Versione con DESURRISCALDATORE;

Pag. 5

- Versione con RECUPERATORE DI CALORE

TOTALE (solo per refrigeratori RPE).

1.7 CAMPO D'IMPIEGO

Gli apparecchi sono progettati e realizzati per il raffreddamento e/o il riscaldamento dell'acqua in impianti di climatizzazione e devono essere utilizzati unicamente a questo scopo, in rapporto alle loro specifiche tecniche e prestazioni.

La qualità e le dimensioni dei materiali impiegati sono stati scelti per garantire una durata di vita ragionevole e sono adatti al funzionamento degli apparecchi, sia nel loro insieme che nei loro componenti, a condizione che l'installazione sia realizzata a regola d'arte ed in condizioni di sollecitazioni meccaniche, chimiche e termiche corrispondenti ad un'utilizzazione normale.

ATTENZIONE! Tutti gli usi non espressamente indicati in questo manuale sono considerati impropri e non sono consentiti; in particolare non è prevista l'utilizzazione degli apparecchi in processi industriali e/o l'installazione in ambienti con atmosfera corrosiva o esplosiva. Si esclude qualsiasi responsabilità del produttore per danni a persone, animali o cose derivanti dall'inosservanza delle istruzioni del presente manuale, da modifiche o manomissioni del prodotto, da errori d'installazione, di regolazione, di manutenzione e da usi impropri.

Il mancato rispetto di quanto indicato nel presente manuale comporta inoltre la decadenza delle condizioni di garanzia.

1.8 NORME DI SICUREZZA

ATTENZIONE! L'installazione e la manutenzione devono essere effettuate esclusivamente da personale specializzato ed appositamente abilitato.

L'allaccio all'alimentazione elettrica deve essere eseguito secondo le vigenti norme di impiantistica nazionali.

Durante le operazioni di installazione e manutenzione, operare sempre nelle condizioni di massima sicurezza, attenersi alle istruzioni riportate in questo manuale ed alle eventuali etichette di avvertenze applicate sul prodotto.

Rispettare i limiti di installazione e funzionamento indicati in questo manuale, non modificare in nessun caso i cablaggi elettrici

interni e le tubazioni frigorifere, non modificare o disabilitare i dispositivi di sicurezza e di regolazione.

Prima di ogni operazione di controllo, manutenzione, o quant'altro comporti l'accesso alle parti interne dell'apparecchio, togliere l'alimentazione elettrica generale.

In caso di necessità di chiarimenti per l'installazione e/o la manutenzione rivolgersi direttamente al numero verde 800-017089 o ad un Centro Assistenza Tecnica autorizzato dalla A2B S.r.l..

Pag. 6

Schema RPE 90 - 115 - 140 Versione Standard

LEGENDA

CP = Compressore Scroll

CN = Condensatore

V = Ventilatore

IL = Indicatore di liquido

FD = Filtro deidratatore

VS = Valvola a solenoide

VT = Valvola termostatica

EV = Evaporatore a piastre

AP = Pressostato di alta

BP = Pressostato di bassa

Schema RPE 90 - 115 - 140 Versione Standard con desurriscaldatore

LEGENDA

CP = Compressore Scroll

CN = Condensatore

V = Ventilatore

IL = Indicatore di liquido

FD = Filtro deidratatore

Pag. 7

VS = Valvola a solenoide

VT = Valvola termostatica

EV = Evaporatore a piastre

AP = Pressostato di alta

BP = Pressostato di bassa

EVD = Desurriscaldatore

Fig. 1

Schema HPE 90 - 115 - 140 Versione Standard - RAFFREDDAMENTO

LEGENDA

CP = Compressore Scroll

CN = Condensatore

V = Ventilatore

IL = Indicatore di liquido

FD = Filtro deidratatore

VS = Valvola a solenoide

VT = Valvola termostatica

EV = Evaporatore a piastre

AP = Pressostato di alta

BP = Pressostato di bassa

RL = Ricevitore di liquido

SL = Separatore di liquido

VU = Valvola unidirezionale

VI = Valvola inversione di ciclo

Schema HPE 90 - 115 - 140 Versione Standard con desurriscaldatore - RAFFREDDAMENTO

LEGENDA

CP = Compressore Scroll

CN = Condensatore

V = Ventilatore

IL = Indicatore di liquido

FD = Filtro deidratatore

VS = Valvola a solenoide

VT = Valvola termostatica

Pag. 8

EV = Evaporatore a piastre

AP = Pressostato di alta

BP = Pressostato di bassa

RL = Ricevitore di liquido

SL = Separatore di liquido

VU = Valvola unidirezionale

VI = Valvola inversione di ciclo

EVD = Desurriscaldatore Fig. 2

Schema HPE 90 - 115 - 140 Versione Standard - RISCALDAMENTO

LEGENDA

CP = Compressore Scroll

CN = Condensatore

V = Ventilatore

IL = Indicatore di liquido

FD = Filtro deidratatore

VS = Valvola a solenoide

VT = Valvola termostatica

EV = Evaporatore a piastre

AP = Pressostato di alta

BP = Pressostato di bassa

RL = Ricevitore di liquido

SL = Separatore di liquido

VU = Valvola unidirezionale

VI = Valvola inversione di ciclo

Schema HPE 90 - 115 - 140 Versione Standard con desurriscaldatore - RISCALDAMENTO

LEGENDA

CP = Compressore Scroll

CN = Condensatore

V = Ventilatore

IL = Indicatore di liquido

FD = Filtro deidratatore

VS = Valvola a solenoide

VT = Valvola termostatica

Pag. 9

EV = Evaporatore a piastre

AP = Pressostato di alta

BP = Pressostato di bassa

RL = Ricevitore di liquido

SL = Separatore di liquido

VU = Valvola unidirezionale

VI = Valvola inversione di ciclo

EVD = Desurriscaldatore

Fig. 3

Schema RPE 90 - 115 - 140 Versione standard

LEGENDA

5) Pressostato differenziale

Schema RPE 90 - 115 - 140 Versione idro

LEGENDA

1) Serbatoio di accumulo

2) Vaso di espansione

3) Valvola di sicurezza

4) Valvola di sfiato

5) Pressostato differenziale

6) Elettropompa

7) Valvola di intercettazione

COMPONENTI FORNITI NEL GRUPPO

8) Flussostato

9) Filtro acqua (compreso nella fornitura)

10) Giunto antivibrante

11) Valvola di intercettazione

DA INSTALLARE

Fig. 4

Pag. 10

Collegamento tipico (Direttamente all’impianto)

Fig. 5

Pag. 11

1.9 TABELLE DATI TECNICI

Tab. 1: Tabella dati tecnici RPE 90-115-140

Potenzialità frigorifera

Corrente assorbita totale

Corrente di spunto

E.E.R.

Descrizione

Potenza elettrica assorbita compressore

Potenza elettrica assorbita totale

Potenza elettrica assorbita max. (1)

Corrente assorbita max. (1)

Tensione di alimentazione

Classe di protezione

Codice IP di protezione

Portata aria max.

Numero ventilatori / Diametro

Pressione sonora (2)

Portata acqua

Perdita di carico lato acqua

Prevalenza utile

Capacità serbatoio

Capacità vaso di espansione

Pressione max.

Attacchi idraulici

Contenuto acqua circuito idraulico

Limiti di funzionamento

Temperatura esterna b.s. minima (3)

Temperatura esterna b.s. massima

Temperatura acqua ingresso minima

Temperatura acqua ingresso massima

Contenuto massimo glicole

Gas refrigerante

Carica gas refrigerante

Peso a vuoto

Dimensioni

Altezza

(con e senza boccagli ventilatori)

Lunghezza

Larghezza

Standard

Idro

Dati e prestazioni riferiti alle seguenti condizioni:

Aria esterna 35 °C b.s.; acqua ingresso 12 °C; DT 5 °C

(1) aria esterna 45 °C b.s.; acqua ingresso 20 °C; DT 5 °C

(2) misurata a 10 m di distanza in campo libero

(3) valore limite con utilizzo della resistenza elettrica del compressore fornita a richiesta

U.M.

RPE 90 RPE 115 RPE 140

kW kW kW

81,0

29,3

30,5 Standard

Idro

Standard

Idro kW

A

A

A

32,1

51,9

54,6

175

Standard

Idro

2,61

2,73

Standard kW 36,7

Idro

Standard

Idro kW 38,3

A

A

58,9

61,6

110,0

37,8

40,8

42,8

69,4

72,7

215

2,66

2,78

49,4

133,7

46,5

50,2

51,4

79,3

62,9

97,5

82,5

400 V 3N ~ 50Hz

101,0

Classe I secondo norme CEI - EN

52,4

85,3

89,1

270

2,62

2,71

60,7 m3/h

/ mm

Standard dB(A)

Idro dB(A) kg/h

Standard kPa

Idro kPa l l bar l

24

36.300

42.700

51.200

6/500 6/500 6/560

50,8 50,4 53,5

51,6 51,2 54,1

13.932

18.920

22.996

37,4 33,0 38,0

180 140 190

300

12

500

18

6

2"

9,6 11,2

2" 1/2"

12,7

°C

°C

°C

°C

% g kg kg mm mm mm

-10

45

0

20

35

R407C

12.000*2 16.500*2 16.300*2

850 1050 1.100

932

2670

1.170

1912/1772

3350

1.220

1400

Pag. 12

1.9 TABELLE DATI TECNICI

Tab. 2: Tabella dati tecnici HPE 90-115-140

Descrizione

Potenzialità termica (raffreddamento / riscaldamento)

Potenza elettrica assorbita compressore

Potenza elettrica assorbita totale

Corrente assorbita totale

Corrente di spunto

E.E.R. - C.O.P.

Potenza elettrica assorbita max. (1)

Corrente assorbita max. (1)

Tensione di alimentazione

Classe di protezione

Codice IP di protezione

Portata aria max.

Numero ventilatori / Diametro

Pressione sonora (2)

Portata acqua

Perdita di carico lato acqua

Prevalenza utile

Capacità serbatoio

Capacità vaso di espansione

Pressione max.

Attacchi idraulici

Contenuto acqua circuito idraulico

Limiti di funzionamento

Temperatura esterna b.s. minima

Temperatura esterna b.s. massima

Temperatura acqua ingresso minima

Temperatura acqua ingresso massima

Contenuto massimo glicole

Gas refrigerante

Carica gas refrigerante

Dimensioni

Altezza

(con e senza boccagli ventilatori)

Larghezza

Profondità

Peso a vuoto

Standard

Idro

Standard

Idro

U.M.

HPE 90 HPE 115 HPE 140

kW kW kW kW

A

A

A

Cool Heat Cool Heat Cool Heat

73,2 87,6 94,2 123,6 116,8 140,0

29,2

30,4

30,0

31,2

37,1

38,6

39,1

40,7

44,4

46,2

44,1

45,9

32,0

51,6

54,4

175

32,8

53,0

40,6

65,6

42,6

69,1

48,4

78,5

48,1

78,0

55,8 69,0

215

72,5 82,2 81,8

270

Standard

Idro

2,4

2,3

2,8

2,7

2,4

2,3

Standard kW 37,4 38,8 52,2

Idro kW 39,6 38,8 54,2

Standard

Idro

A

A

60,0

63,6

3,0

2,9

51,8

51,8

2,5

2,4

56,7

56,7

3,1

2,9

57,3

57,3

62,4 83,8 83,2 91,0 92,0

62,4 87,0 83,2 91,0 92,0

400 V 3N ~ 50Hz

Classe I secondo norme CEI - EN

36.900

24

42.800

51.100

m3/h n°/ mm

Standard dB(A) 51,1

Idro dB(A) 51,9

6 / 500

51,4 50,6

52,1 51,5

6 / 500

50,8

51,7

53,7

54,3

6 / 560

54,0

54,6 kg/h 12.590 15.067 16.202 21.259 20.090 24.080

Standard kPa 52,1 55,2 41,5 51,0 42,9 52,2

Idro kPa l l bar

150

300

12

185 160

6

140

500

18

155 130 l

2"

10,2 14,6

2"1/2

15,8

Standard

Idro

°C

°C

°C

°C

% g mm mm mm kg kg

45

0

20

2670

865

947

20

30

50

15.000*2

-10

45

0

20

30

20

35

R 407 C

50

26.500*2

1912/1772

3.350

45

0

20

24.500*2

1400

1075

1.195

1.130

1.250

20

30

50

Dati e prestazioni riferiti alle seguenti condizioni:

Raffreddamento: aria esterna 35 °C b.s.; acqua ingresso 12 °C; DT 5 °C

Riscaldamento: aria esterna 7 °C b.s. 6 °C b.u.; acqua ingresso 40 °C; DT 5 °C

(1) raffreddamento: aria esterna 45 °C b.s.; acqua ingresso 20 °C; DT 5 °C

(1) riscaldamento: aria esterna 20 °C b.s. ; acqua ingresso 50 °C; DT 5 °C

(2) misurata a 10 m di distanza in campo libero

Pag. 13

Legenda

CP1

CP2

Cr

Ct1

F4

F5

Fr1

Fr2

Hp1

Hp2

Ip

Lp1

Lp2

Mc1

Mc2

Ct2

Ev1

Ev2

F1

F2

F3

= Contatto per Heat/Cool remoto

(solo mod. HPE)

= Contatto per ON/OFF remoto

= Controllo elettronico

= Contattore 1

= Contattore 2

= Elettrovalvola 1 intercettazione liquido

= Elettrovalvola 2 intercettazione liquido

= Fusibile -A

= Fusibile -A

= Fusibile --A

= Fusibile --A

= Fusibile --A

= Filtro di rete 1

= Filtro di rete 2

= Pressostato di massima 1

= Pressostato di massima 2

= Interruttore portafusibile (F--A)

= Pressostato di minima 1

= Pressostato di minima 2

= Motore compressore 1

= Motore compressore 2

St1

St2

St3

St4

Thc1

Thc2

Thv

Tk1

Tk2

Tr

Vi1

Mv1÷Mv6 = Motori ventilatori

P = Pompa acqua (non fornita di serie)

Pr

Rs

= Pressostato lato acqua interno

= Resistenza antigelo

Scc1

Scc2

= Scheda comando e controllo 1

= Scheda comando e controllo 2

Vi2

-----

____

= Sonda acqua ingresso

= Sonda acqua uscita

= Sonda scambiatore aria/gas 1

= Sonda scambiatore aria/gas 2

= Termica compressore 1

= Termica compressore 2

= Termiche ventilatori

= Scheda modulazione Mv1/Mv2/Mv3

= Scheda modulazione Mv4/Mv5/Mv6

= Trasformatore di alimentazione

= Valvola inversione ciclo 1

(solo mod. HPE)

= Valvola inversione ciclo 2

(solo mod. HPE)

= Collegamento da eseguire

= Collegamento di serie

N.B.: Per il collegamento della pompa acqua (P) e della resistenza elettrica (RS) è indispensabile limitare il carico elettrico ai morsetti (P-P e R-R), quindi interporre un relè di controllo qualora l’assorbimento sia maggiore di 2A (250 V) resistivi.

Pag. 14

Legenda

CP1 = Contatto per Heat/Cool remoto

(solo mod. HPE)

Fr2

Hp1

Hp2

Ip

Lp1

Lp2

Mc1

Mc2

F1

F2

F3

F4

F5

Fr1

CP2

Cr

Ct1

Ct2

Ev1

Ev2

= Contatto per ON/OFF remoto

= Controllo elettronico

= Contattore 1

= Contattore 2

= Elettrovalvola 1 intercettazione liquido

= Elettrovalvola 2 intercettazione liquido

= Fusibile -A

= Fusibile -A

= Fusibile --A

= Fusibile --A

= Fusibile --A

= Filtro di rete 1

= Filtro di rete 2

= Pressostato di massima 1

= Pressostato di massima 2

= Interruttore portafusibile (F--A)

= Pressostato di minima 1

= Pressostato di minima 2

= Motore compressore 1

= Motore compressore 2

St3

St4

Thc1

Thc2

Thv

Tk1

Tk2

Tr

Vi1

Mv1÷Mv6 = Motori ventilatori

P = Pompa acqua (non fornita di serie)

Pr = Pressostato lato acqua interno

Rs

Scc1

Scc2

St1

St2

= Resistenza antigelo

= Scheda comando e controllo 1

= Scheda comando e controllo 2

= Sonda acqua ingresso

= Sonda acqua uscita

Vi2

-----

____

= Sonda scambiatore aria/gas 1

= Sonda scambiatore aria/gas 2

= Termica compressore 1

= Termica compressore 2

= Termiche ventilatori

= Scheda modulazione Mv1/Mv2/Mv3

= Scheda modulazione Mv4/Mv5/Mv6

= Trasformatore di alimentazione

= Valvola inversione ciclo 1

(solo mod. HPE)

= Valvola inversione ciclo 2

(solo mod. HPE)

= Collegamento da eseguire

= Collegamento di serie

N.B.: Per il collegamento della pompa acqua (P) e della resistenza elettrica (RS) è indispensabile limitare il carico elettrico ai morsetti (P-P e R-R), quindi interporre un relè di controllo qualora l’assorbimento sia maggiore di 2A (250 V) resistivi.

Pag. 15

Pag. 16

Pag. 17

Pag. 18

Pag. 19

1.12 GRAFICI E TABELLE DI PRESTAZIONI

I grafici riportati in questo capitolo possono essere utilizzati per determinare le caratteristiche di funzionamento degli apparecchi in condizioni operative differenti rispetto ai valori nominali a cui fanno riferimento le tabelle dei dati tecnici.

Nell'uso dei grafici occorre considerare che:

- il salto termico dell'acqua è considerato costante al valore di 5°C sia in cool che in heat: per

ΔT differenti è possibile correggere i valori di potenza frigorifera o termica utilizzando gli indici riportati nelle tabelle 3-4;

- salvo dove altrimenti specificato il liquido vettore utilizzato è acqua con calore specifico pari a 1 kcal/kg °C;

- l'utilizzo di soluzioni antigelo con glicole etilenico, concentrazione max pari al 35%, comporta la correzione dei valori di potenza frigorifera ed elettrica secondo quanto riportato nei grafici 5-6;

- la potenza elettrica assorbita viene distinta in potenza assorbita dal solo compressore e potenza totale assorbita dalla macchina, comprendente, oltre all'assorbimento del compressore, anche quelli di tutti gli ausiliari come i ventilatori, il controllo elettronico e, nel caso della Versione Idro, la pompa dell'acqua.

- i valori di potenza termica nelle macchine HPE riportati nel grafico 2 sono al netto dello sbrinamento con umidità costante 87%;

- i grafici per la determinazione del vaso di espansione integrativo (grafici 7 - 8) sono stati costruiti considerando l'utilizzo di acqua e soluzione antigelo con differenti concentrazioni in peso di glicole etilenico e di escursione termica del liquido termovettore: acqua ........................ T acqua + glicole al 10% T acqua + glicole al 20% T acqua + glicole al 35% T max max max max

= 58°C, T

= 58°C, T

= 58°C, T

= 58°C, T min min min min

= 3°C;

= -2°C;

= -4°C;

= -15°C

1.12.1 Utilizzo dei grafici

Grafici 1-2: Indici di correzione potenza frigorifera e termica in funzione della T acqua e della T aria bs.

Consentono di determinare la potenza frigorifera o termica offerta dalla macchina, note la temperatura dell'aria e la temperatura dell'acqua in ingresso.

- Funzionamento in modo Cool

Esempio A: con una temperatura aria b.s. pari a 30°C ed acqua in ingresso a 18°C, si ricava dal grafico un indice di correzione uguale a 1,215; moltiplicando tale coefficiente per la potenza dichiarata (per es. 106,3 kW per la RPE 115) si ottiene la potenza frigorifera ottenibile alle condizioni operative considerate.

- Funzionamento in modo Heat

Esempio B: con una temperatura aria b.s. pari a 0°C ed acqua in ingresso a 30°C, si ricava dal grafico un indice di correzione uguale a 0,78; moltiplicando tale coefficiente per la potenza dichiarata (per es. xx kW per la HPE 115) si ottiene la potenza termica ottenibile alle condizioni operative considerate.

Grafici 3-4: Indici di correzione potenza elettrica assorbita in funzione della T acqua e della T aria b.s.

Consentono di valutare la potenza elettrica complessiva assorbita dalla macchina, note la temperatura dell'aria e la temperatura dell'acqua in ingresso.

Tab. 3: Indici di correzione potenza termica in modo cooling - Variabile

ΔT acqua con temperatura aria in. Bs. 35°C

Descrizione

Indice di correzione

3°C

0,97

Salto termico acqua

5°C

1,00

8°C

0,99

10°C

*

Tab. 4: Indici di correzione potenza termica in modo heating - Variabile

ΔT acqua con aria ingresso

7°C bs. e 87% u.r.

Descrizione

Indice di correzione

3°C

1,011

Salto termico acqua

5°C

1,000

8°C

0,970

10°C

0,965

Pag. 20

- Funzionamento in modo Cool

Esempio C: con una temperatura aria b.s. pari a 30°C ed acqua in ingresso a 18°C, si ricava dal grafico un indice di correzione uguale a 0,94; moltiplicando questo coefficiente per la potenza dichiarata (per es. 106,3 kW per la RPE 115) si ottiene la potenza elettrica assorbita totale alle condizioni operative considerate.

- Funzionamento in modo Heat

Esempio D: con una temperatura aria bs. pari a 0°C ed acqua in ingresso a 30°C, si ricava dal grafico un indice di correzione uguale a 0,81; moltiplicando questo coefficiente per la potenza dichiarata (per es. xx kW per la HPE 115) si ottiene la potenza elettrica assorbita totale alle condizioni operative considerate.

Grafici 7-8: Vaso di espansione RPE/HPE

90, RPE/HPE 115-140

Consentono di determinare il volume del vaso di espansione integrativo da installare, qualora il volume complessivo dell'impianto, in funzione della percentuale di glicole etilenico presente nel liquido vettore, ecceda il valore limite individuato dall'intersezione della curva con l'asse del "Volume di impianto".

Esempio E: utilizzando le macchine HPE/RPE

115-140, per un impianto idrico con sola acqua di volume pari a 1.100 litri, dal grafico si evince che il vaso di espansione supplementare dovrà avere una capacità pari a 8 litri; lo stesso impianto funzionante con soluzione acqua - glicole al 35% necessiterà di un vaso integrativo di capacità pari a 22 litri.

I grafici sono stati realizzati sulla base di valori ottenuti mediante misure di laboratorio effettuate presso il Centro Ricerche A2B.

Non è consentito riprodurre, utilizzare o cedere per fini diversi dall'utilizzo del prodotto, i grafici, disegni, modelli, programmi e descrizioni del prodotto stesso contenuti nel presente manuale od in altri documenti messi a disposizione da parte della A2B S.r.l..

Pag. 21

Grafico 1

Variabili: temperatu re acqu a in gresso e aria

1,35

1,3

1,25

1,2

1,15

1,1

1,05

1

0,95

0,9

0,85

0,8

15 45

20 °C

18 °C

16 °C

14 °C

12 °C

10 °C

50 20 25 30 35

Temperatura aria b.s. (°C)

40

Grafico 2

Variabili: temperatu re acqu a in gresso e aria b.s. (u .r. 87%)

1,3

1,2

1,1

1

0,9

0,8

0,7

30 °C

35 °C

40 °C

45 °C

50 °C

0,6

-7 -6 -5 -4 -3 -2 -1 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17

Temperatura aria b.s. °C

Pag. 22

Grafico 3

1,25

1,2

1,15

1,1

1,05

1

0,95

0,9

0,85

0,8

0,75

15

Variabili: T emperatu re acqu a in gresso e aria

20 °C

18 °C

16 °C

14 °C

12 °C

10 °C

20 25 30 35

Temperatura aria b.s. (°C)

40 45 50

Grafico 4

Variabili: temperatu re acqu a in gresso e aria b.s. (u .r. 87%)

1,3

1,2

1,1

1

0,9

0,8

50 °C

45 °C

40 °C

35 °C

30 °C

0,7

-8 -7 -6 -5 -4 -3 -2 -1 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17

Temperatura aria b.s. (°C)

Pag. 23

Grafico 5

In dici di correzion e poten za frigorifera

Variabile: % di glicole

1

0,95

0,9

0,85

0,8

0,75

0,7

0,65

16%

0,6

23%

0,55

30%

0,5

-5 -4 -3 -2 -1 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13

Temperatura soluzione ingresso allo scambiatore

ΔT 5 °C

Grafico 6

In dici di correzion e poten za elettrica

Variabile: % di glicole

1,04

1,02

1

0,98

0,96

0,94

23%

30%

0,92

16%

0,9

-5 -4 -3 -2 -1 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13

Temperatura soluzione ingresso scambiatore

ΔT 5 °C

Pag. 24

ri) lit o( iv grat te in ione pans dies so va me lu Vo

Pag. 25

ri) lit o( iv grat te in ione pans dies so va me lu Vo

Pag. 26

2. ORGANI DI CONTROLLO E SICUREZZA

2.1 MICROPROCESSORE DI CONTROLLO

Il sistema è composto da una scheda elettronica a microprocessore (fig. 12) con display integrato, accessibile direttamente dall'esterno dell'apparecchio, che permette il controllo dei parametri di funzionamento e sicurezza di cui segue l'elenco dei principali:

- impostazione del set point e del modo heat o cool (riscaldamento o raffreddamento);

- controllo e visualizzazione delle temperature dell'acqua in ingresso e in uscita;

- controllo e visualizzazione della temperatura dello scambiatore aria/gas refrigerante;

- ritardo avviamento compressore;

- controllo della minima temperatura di uscita dell'acqua;

- controllo sbrinamento (solo pompa di calore);

- visualizzazione delle sicurezze intervenute;

- regolazione della velocità di rotazione dei ventilatori;

- controllo delle resistenze antigelo;

- controllo pressione minima e massima del circuito frigo;

- gestione e visualizzazione allarmi.

2.1.1 TASTIERA E FUNZIONI DEL MICRO-

PROCESSORE

Le principali funzioni del microprocessore possono essere attivate agendo sui TASTI del pannello di controllo (fig. 12).

TASTO MODE seleziona il modo di funzionamento:

- per le versioni HPE (pompa di calore) si ha la sequenza Standby - Cooling - Heating -

Stand by;

- per le versioni RPE (solo raffreddamento) la sequenza risulta Standby - Cooling - Stand by.

Nota: nella modalità Menù il tasto assume la funzione UP (freccia su = incremento del valore selezionato)

TASTO ON-OFF attua l'accensione e lo spegnimento dello strumento nonché il reset degli allarmi.

- Una pressione singola resetta tutti gli allarmi a riarmo manuale non attivi;

- una pressione prolungata (2 secondi) determina il passaggio da ON (acceso) a OFF

(spento) e viceversa;

- a macchina alimentata, in OFF rimane acceso solo il punto decimale del display.

Nota: nella modalità Menù il tasto assume la funzione DOWN (freccia giù = decremento del valore selezionato).

Fig. 12

LEGENDA SIMBOLI E TASTI:

LED Modo Heat: acceso se la macchina (HPE) è in funzione in riscaldamento.

LED Modo Cool: acceso se la macchina è in funzione in raffreddamento.

LED 1 Compressore: acceso se il compressore è in funzione.

LED Sbrinamento: acceso se lo sbrinamento è attivo.

LED Resistenza: acceso se la resistenza antigelo è in funzione.

Pag. 27

La pressione contemporanea dei tasti MODE e

ON-OFF, se mantenuta per meno di due secondi, consente di entrare nella modalità Menù e di salire nei suoi livelli.

Viceversa, se mantenuta per più di due secondi, consente di scendere progressivamente fino alla maschera introduttiva (vedi albero menù - fig. 22).

Da tastiera è quindi possibile accendere o spegnere l'apparecchio, passare dal modo raffreddamento al modo riscaldamento, modificare i parametri di funzionamento impostati, ricevere informazioni generali sul sistema, sulla manutenzione e visualizzare i dati di funzionamento con due livelli di accessibilità diversi per utilizzatore:

1. Utente;

2. Manutentore.

Ad eccezione del settore "Utente", per entrare in programmazione è necessario disporre di un apposito codice di accesso.

2.1.2 TASTIERA E FUNZIONI DEL MICROPRO-

CESSORE

Di seguito vengono riportate le istruzioni per accedere alle varie maschere di visualizzazione e configurazione dell’apparecchio per l'installatore ed il manutentore:

a) come variare il valore di setpoint; b) come entrare in programmazione; c) come visualizzare le ore di funzionamento del compressore e della pompa idraulica; d) come visualizzare i valori di funzionamento.

a) Come variare il valore di setpoint

Premere contemporaneamente (per meno di due secondi) i tasti ON-OFF e MODE per accedere al primo livello del menù "Set" (fig. 13);

Fig. 15

Per uscire dal menù risalire i livelli dello stesso, premendo contemporaneamente i tasti ON-

OFF e MODE per più di due secondi fino alla maschera iniziale.

b) Come entrare in programmazione

Premere contemporaneamente (per meno di due secondi) i tasti ON-OFF e MODE per accedere al primo livello del menù; premendo i tasti

UP o DOWN spostarsi sulla funzione Password

(fig. 16).

Fig. 13 premere ancora contemporaneamente i tasti

ON-OFF e MODE per accedere al secondo livello del menù e, con il tasto UP o DOWN, posizionarsi sulla funzione di settaggio desiderata (Vedi fig. 14 - Set Cooling = Coo o Set

Heating = HEA).

Fig. 16

Premere ancora contemporaneamente i tasti ON-

OFF e MODE per passare alla maschera successiva di inserimento valori.

Utilizzare i tasti UP o DOWN per inserire la

Password con il valore 47 (fig. 17).

Fig. 17

Fig. 14

Premere contemporaneamente ON-OFF e MODE per accedere alla finestra di modifica del setpoint selezionato. Modificare il setpoint agendo sui tasti UP o DOWN (fig. 15).

Per uscire dal menù risalire i livelli dello stesso, premendo contemporaneamente i tasti ON-

OFF e MODE per più di due secondi fino alla visualizzazione della maschera relativa al ramo che si desidera visualizzare secondo lo schema riportato in fig. 22 (struttura dei menù).

Premere di nuovo i tasti ON-OFF e MODE per entrare nella famiglia dei sottomenù e ripetere le operazioni di cui sopra per selezionare il parametro da visualizzare. Per modificare il parametro, agire sui tasti UP o DOWN.

Pag. 28

Per uscire dal menù risalire i livelli dello stesso, premendo contemporaneamente i tasti ON-

OFF e MODE per più di due secondi fino alla maschera iniziale.

c) Come visualizzare le ore di funzionamento del compressore e della pompa idraulica

Premere contemporaneamente (per meno di due secondi) i tasti ON-OFF e MODE per accedere al primo livello del menù; premendo tasti UP o DOWN spostarsi sulla funzione Ore funzio-

namento (OHr - Vedi fig. 18).

Fig. 18

Accedervi premendo contemporaneamente ON-OFF e MODE. Muovendosi con UP o DOWN selezionare la funzione che si intende visualizzare visualizzare

(Ore compressore 1 = OH1 - Ore compressore 2 =

OH2 - Ore pompa =OHP - Vedi fig. 19).

Fig. 20

CAMPO TP

t01 = (°C) sonda ST1 temperatura ingresso acqua (fig. 21);

t02 = (°C) sonda ST2 temperatura uscita acqua

t03 = (°C) sonda ST3 temperatura scambiatore aria/gas refrigerante

t04 = termica compressore (valore 0 = contatto aperto, valore1 = contatto chiuso)

CAMPO Err

- - - = nessun allarme attivo;

E** = codice allarme attivo (vedi punto 6.1).

Fig. 19

Premere contemporaneamente ON-OFF e

MODE per visualizzare il parametro selezionato.

Per uscire dal menù risalire i livelli dello stesso, premendo contemporaneamente i tasti ON-OFF e MODE per più di due secondi fino alla maschera iniziale.

d) Come visualizzare i valori di funzionamento

Premere contemporaneamente (per meno di due secondi) i tasti ON-OFF e MODE per accedere al primo livello del menù; premendo tasti UP o DOWN spostarsi sulla funzione “Ingressi analogici” (tP) o “Visualizzazione errori” (Err) (fig.

20).

Accedervi premendo contemporaneamente ON-

OFF e MODE. Muovendosi con UP o DOWN selezionare il campo che si intende visualizzare, con le seguenti possibilità:

Fig. 21

Premere ON-OFF e MODE contemporaneamente per visualizzare il valore del campo selezionato.

Per uscire dal menù risalire i livelli dello stesso, premendo contemporaneamente i tasti ON-

OFF e MODE per più di due secondi fino alla maschera iniziale.

2.2

PROTEZIONE DEL CIRCUITO FRIGO-

RIFERO

La protezione di ogni circuito frigorifero e del relativo compressore viene eseguita attraverso il controllo della pressione - bassa/alta - nel circuito.

Quando i valori sono al di fuori dei limiti previsti, viene attivato un allarme con conseguente blocco del sistema.

Un controllo della temperatura di condensazione

Pag. 29

o evaporazione nello scambiatore aria/gas refrigerante è ad ulteriore protezione del compressore e del circuito. Lo stesso compressore incorpora una protezione termica che si attiva a tutela dello stesso quando le condizioni operative sono al di fuori dei limiti di funzionamento.

2.3 PROTEZIONE DEL CIRCUITO IDRAULICO

Un pressostato differenziale (montato tra entrata ed uscita dello scambiatore a piastre) è fornito di serie sulle due versioni di tutte le grandezze e, insieme ad un filtro meccanico a rete metallica

(fornito di serie solo nella Versione Idro) che deve essere obbligatoriamente montato sull'aspirazione della pompa costituisce le principali protezioni del circuito. Il pressostato differenziale, interagendo con il microprocessore, ferma la macchina in caso di portata acqua troppo bassa.

ATTENZIONE! L'installazione di un flussostato sulla linea idrica si rende necessaria per prevenire condizioni di funzionamento anomale non rilevabili dai pressostati differenziali forniti di serie con le macchine.

2.4 CONTROLLO SBRINAMENTO

Lo sbrinamento dello scambiatore aria/gas refrigerante viene eseguito invertendo il ciclo di funzionamento: da heat a cool. Lo sbrinamento ha una durata massima di cinque minuti ed in genere si verifica quando la temperatura esterna a bulbo secco è minore di 6°C. In tali condizioni è normale che la macchina esegua un ciclo di sbrinamento ogni ora circa di funzionamento continuo.

STRUTTURA AD ALBERO DEL MENU’

LIVELLO 0

Strumento ON

LIVELLO 1

Setpoint SEt

Ingressi Sonde TP

Allarmi Err

Ingressi digitali Id

Parametri PAr

LIVELLO 2 LIVELLO 3

Impostazione Setpoint Cooling Coo

Impostazione Setpoint Heating HEA

Valore Setpoint Cooling

Valore Setpoint Heating

Ingresso Sonda t01

Ingresso Sonda t02

Ingresso Sonda t03

Ingresso Sonda t04

Codice allarmi attivi E00

Ingressi digitali

Parametri Configurazione CnF

Parametri Compressore CP

Parametri Ventilazione FAn

Parametri Allarmi ALL

Parametri Pompa PUP

Valore temperatura acqua ingresso

Valore temperatura acqua uscita

Sonda scambiatore aria/refrigerante

Termica ventilatore (RPE-HPE 25,30,35)

Termica compressore (RPE-HPE 42)

Parametro P01

Parametro P02

Parametro P03

LIVELLO 4

Valore parametro

Valore parametro

Valore parametro

Password Pss

Ore Funzionamento OHr

Parametri Antigelo Fro

Parametri Sbrinamento dFr

Valore password

Ore Compressore 1 OH1

Ore Compressore 2 OH2

Ore Pompa OHP

Numero ore compressore

Numero ore pompa

Fig. 22

Pag. 30

SEZIONE B - NOTIZIE TECNICHE PER L’INSTALLATORE

3. AVVERTENZE

3.1 QUALIFICAZIONE DELL'INSTALLATORE

ATTENZIONE! E' previsto dalla legislazione vigente in materia (legge 5 marzo 1990 n. 46 e relativo Regolamento di attuazione) che l'installazione venga effettuata da una Ditta abilitata in grado di assicurare, oltre che la corretta realizzazione dell'impianto, anche le necessarie verifiche prima della messa in funzione.

3.2 INFORMAZIONI PRELIMINARI

Prima di iniziare l'installazione è necessario assicurarsi che siano state espletate le fasi progettuali e di ottenimento delle autorizzazioni eventualmente necessarie (per es.: enti locali -

Comune, ecc.), oltre alle opportune verifiche tecniche (per es.: valutazione d'impatto acustico).

Si raccomanda allo scopo di affidarsi ad un

Termotecnico qualificato che garantisca il corretto svolgimento delle suddette fasi, siano esse facoltative od obbligatorie.

3.3 TRASPORTO E MANIPOLAZIONE

L'apparecchio viene spedito con protezioni in cartone e materiale plastico. Esso è provvisto di tre traverse in acciaio zincato al di sotto della base, predisposte per la movimentazione, che potranno essere rimosse in fase di installazione.

L'apparecchio può essere movimentato da parte di personale idoneamente equipaggiato e con attrezzature adeguate al peso del prodotto, quali carrello elevatore o transpallet, avendo cura di distribuire sugli appoggi il peso, che risulta sbilanciato verso i compressori (lato opposto agli attacchi idrici).

L'eventuale sollevamento tramite cinghie o funi potrà essere effettuato, in riferimento a quanto indicato in fig. 23, vincolando le funi a due tubi metallici robusti inseriti negli appositi fori presenti sul basamento della macchina. Assicurare il blocco delle funi nei punti di ancoraggio ai tubi tramite idonei fermi o copiglie di sicurezza; proteggere tramite cartone o altro materiale adeguato i punti di contatto tra le funi e l'apparecchio.

ATTENZIONE! Durante il trasporto e la movimentazione l'apparecchio deve essere mantenuto esclusivamente in posizione verticale.

All'atto della consegna, controllare che durante il trasporto non si siano verificati danneggiamenti visibili sull'imballaggio e/o sull'apparecchio. In caso di constatazione di danni esporre immediatamente formale reclamo allo spedizioniere. Non installare apparecchi danneggiati nel trasporto.

E’ vietato disperdere nell’ambiente le parti dell’imballo, o lasciarle alla portata dei bambini in quanto potenziale fonte di pericolo.

SOLLEVAMENTO DELL’APPARECCHIO

Fig. 23

Pag. 31

3.4 UTILIZZO DELLE ISTRUZIONI

Il presente manuale costituisce parte integrante del prodotto e deve essere consegnato al proprietario dell'apparecchio affinché lo conservi accuratamente per qualsiasi utilizzo futuro o per consultazione.

ATTENZIONE! Quando si esegue l'installazione o si interviene sull'apparecchio osservare tutte le istruzioni riportate in questo manuale e quant'altro applicabile al prodotto secondo le norme di sicurezza nazionali.

Le modifiche dei collegamenti di ogni genere e/o il mancato rispetto delle presenti istruzioni provocano l'immediata decadenza della garanzia e della responsabilità del produttore.

4. INSTALLAZIONE

4.1 INDICAZIONI GENERALI

Nella scelta della posizione di installazione rispettare accuratamente le seguenti indicazioni: a) l'apparecchio deve essere installato in modo che le influenze delle strutture adiacenti e/o gli effetti di condizioni climatiche particolari

(per es.: neve, vento), non compromettano il funzionamento del prodotto e/o la sicurezza delle persone e dei beni; b) l'installazione in zone con atmosfera corrosiva non è consentita; in condizioni climatiche particolari come per es. in prossimità del mare, si raccomanda di utilizzare le versioni con struttura in acciaio inox (fornite a richiesta). Altrimenti è d'obbligo in questi casi prevedere una durata di vita inferiore del prodotto e comunque una più frequente ed accurata manutenzione; c) assicurarsi che non ci siano ostacoli alla libera circolazione dell'aria attraverso gli scambiatori di calore, per es. evitando l'installazione negli angoli dove è solito il depositarsi di polveri, foglie e quant'altro possa ridurre l'efficienza degli scambiatori ostruendo il passaggio dell'aria; d) evitare l'installazione in strettoie, in cavedi o piccoli cortili, in quanto potrebbero essere favorite le riverberazioni acustiche. Informarsi circa gli eventuali limiti nelle emissioni acustiche previsti per la zona del territorio comunale in cui si installa l'apparecchio. In caso di dubbi è opportuno interpellare preventivamente un tecnico acustico abilitato per una valutazione dell'impatto, onde prevenire possibili lamentele o contestazioni da parte di terzi; e) evitare che l'aria espulsa dai ventilatori possa penetrare attraverso porte e/o finestre adiacenti, provocando situazioni di disturbo alle persone (fig. 24); f) non installare l’apparecchio in prossimità di fonti di calore e/o zone a rischio d'incendio; g) al di sopra dell'apparecchio, nella sua proiezione verticale, non devono essere presenti balconi, pensiline o oggetti che possano alterare il flusso d'aria dei ventilatori o impedire un'agevole manutenzione (per es.: rimozione dall'alto del serbatoio di accumulo);

ZONE DI RISPETTO

DISTANZE DI RISPETTO

Fig. 24

Pag. 32

N.B. - distanze in centimetri

Fig. 25

h) rispettare gli spazi minimi consigliati, in modo da consentire le operazioni di installazione e di manutenzione (fig. 25); i) accertarsi che l'apparecchio sia posizionabile in modo sicuro e permanente e che la solidità del piano d'appoggio sia adeguata al suo peso; j) per i modelli in pompa di calore, dai quali viene eliminata l'acqua di condensa, provvedere ad un apposito drenaggio e/o incanalamento della stessa, in modo da evitare situazioni di pericolo dovute per esempio alla formazione di ghiaccio su zone di passaggio.

Nota: si consiglia l’utilizzo di un serbatoio di accumulo nel caso di installazione della Versione

Standard, al fine di ridurre il numero di accensioni-spegnimenti della macchina.

4.2 OPERAZIONI DI INSTALLAZIONE

4.2.1 Fissaggio dell'apparecchio

L'apparecchio è progettato per essere installato all'aperto e non necessita di un basamento speciale; tuttavia esso deve essere posizionato in modo sicuro su di un piano d'appoggio orizzontale di capacità portante adeguata.

Nel caso di installazione in appoggio su solai è consigliabile, per evitare possibili trasmissioni di rumore, interporre materiale isolante o utilizzare i supporti antivibranti in gomma forniti a richiesta. In quest'ultimo caso, una volta smontate le traverse di trasporto in acciaio zincato dalla parte inferiore dell'apparecchio, i supporti andranno avvitati negli appositi inserti filettati M10.

4.2.2 Collegamenti idraulici

L'installazione dei componenti necessari e la loro scelta sono di competenza dell'installatore, che deve operare in conformità alla legislazione vigente e secondo le regole della buona tecnica.

Si raccomanda comunque di rispettare le prescrizioni sotto riportate:

- installare valvole di sfogo aria nei punti più alti delle tubazioni;

- il diametro della linea di aspirazione non deve mai essere inferiore a quello dell'attacco della macchina;

- limitare la lunghezza orizzontale del condotto di aspirazione avendo cura di inclinarlo verso l'alto per almeno il 2%;

- sostenere e fissare in modo adeguato le tubazioni, il cui peso non deve gravare sugli attacchi dell'apparecchio;

Pag. 33

- installare valvole di intercettazione sulle tubazioni di mandata e aspirazione dell'acqua per facilitare le operazioni di manutenzione evitando di scaricare tutto l'impianto;

- utilizzare giunti flessibili per evitare la trasmissione delle vibrazioni negli ambienti da climatizzare;

- predisporre un adeguato sistema di carico e reintegro dell'impianto ed un rubinetto di scarico situato nella parte più bassa dello stesso;

- isolare correttamente le tubazioni per prevenire dispersioni di calore e formazioni di condensa;

- utilizzare soluzione antigelo (Acqua/

Glicole etilenico in concentrazione max.

35%) qualora la temperatura esterna possa scendere a valori prossimi o inferiori a

1°C e quando è previsto un utilizzo con temperatura dell'acqua in uscita uguale o inferiore a 3°C;

ATTENZIONE! E' obbligatorio istallare un filtro acqua a rete (fornito in dotazione con la Versione Idro), in aspirazione nell'attacco della pompa dell'acqua, pena la decadenza delle condizioni di garanzia (fig. 26).

Collegare le tubazioni dell'impianto idraulico agli attacchi di ingresso e uscita acqua poste sul pannello posteriore dell'apparecchio e opportunamente contrassegnate da etichette adesive.

ATTENZIONE! Prima di riempire l'impianto occorre assicurarsi che le tubazioni non contengano materiale estraneo come sabbia, scorie, scaglie di ruggine e quant'altro

INSTALLAZIONE FILTRO ACQUA A RETE

Fig. 26

possa danneggiare lo scambiatore. E' buona norma effettuare il lavaggio dell'impianto, by-passando l'unità, prima di effettuare il riempimento dello stesso.

Effettuare il caricamento dell'impianto, avendo cura di verificare l'apertura delle valvole d'intercettazione e la chiusura del rubinetto di scarico impianto.

Agire sulle valvole di sfiato dell'impianto e dei terminali, accertandosi che nel circuito non rimangano bolle d'aria che potrebbero compromettere l'efficienza dell'apparecchio.

Continuare il riempimento fino a raggiungere la pressione di 1,5 bar letta sul manometro. Verificare a vista la tenuta idraulica dei raccordi e delle giunzioni. Dopo alcune ore di funzionamento si consiglia di controllare di nuovo la pressione nell'impianto ed eventualmente effettuare un reintegro.

4.3 ALIMENTAZIONE ELETTRICA

L'apparecchio viene fornito di serie dotato di un interruttore magnetotermico, oltre ad un dispositivo di controllo fase esterno (nel quadro elettrico) per la RPE/HPE 90, interno (nel compressore) per i mod. 115-140. Tutti i modelli della serie vanno alimentati con tensione 400 V 3N~ 50 Hz, utilizzando cavi di sezione adeguata alla potenza dell'unità ed avendo cura di rispettare la polarità di sequenza fasi.

Riferirsi a quanto specificato negli schemi elettrici riportati nel presente manuale e alle eventuali indicazioni riportate sull'apparecchio.

ATTENZIONE! Tutti i collegamenti elettrici devono essere eseguiti da personale qualificato. Per l'esecuzione dell'impianto elettrico e dei sistemi di sezionamento dalla rete attenersi alle norme nazionali vigenti in materia.

Accertarsi che le caratteristiche dell'alimentazione elettrica disponibile siano adeguate agli assorbimenti dell'apparecchio, riportati nelle tabelle dei dati tecnici e sulla targa identificativa del prodotto, anche compatibilmente con eventuali altri apparecchi utilizzatori presenti nella stessa utenza.

Terminati gli allacci serrare a fondo gli appositi pressacavi e assicurasi che facciano la giusta resistenza ad una prova di trazione manuale del cavo.

4.3.1 Collegamenti elettrici per On/Off e

Heat/Cool remoti

Per mezzo di semplici collegamenti elettrici è possibile avviare/spegnere l'apparecchio e/o

Pag. 34

SCHEMA ELETTRICO PER HEAT/COOL REMOTO

CP1 = Normalmente aperto COOL, chiuso HEAT

CP2 = Normalmente aperto ON, chiuso OFF

Fig. 27 selezionare il modo di funzionamento Heat/Cool, senza agire sulla tastiera del microprocessore a bordo macchina.

La morsettiera del quadro elettrico è predisposta per alloggiare i suddetti collegamenti a distanza. E' sufficiente collegare ai morsetti 30 e

31F (On/Off) e 30 e 32 (Heat/Cool) i conduttori degli interruttori per l'attivazione della funzione richiesta (fig. 27). Solo per le versioni in pompa di calore, è necessario entrare in programmazione nel menù Configurazione (CnF) e impostare nel parametro H27 il valore da 0 a 1 (vedi sezione "Come entrare in programmazione" al precedente punto 2.1.2).

La potenza circolante nei conduttori non è significativa e pertanto è sufficiente utilizzare cavi con sezione pari a 0,75 mm² anche per distanze elevate.

I cavi di collegamento per ON/OFF e HEAT/

COOL remoto devono essere posati separati dai conduttori di potenza. Qualora ciò non sia possibile è obbligatorio utilizzare cavi opportunamente schermati.

4.3.2 Collegamenti elettrici per resistenza antigelo

Qualora si voglia utilizzare un sistema di protezione antigelo, che attivi una sorgente di calore esterna (resistenza antigelo) quando la macchina si trova in Off o Stand-By, è possibile collegarsi ai morsetti "R" presenti nella morsettiera del quadro elettrico, in modo che tale gestione venga svolta in automatico direttamente dal microprocessore (vedi schema funzionale resistenza antigelo - fig. 28).

SCHEMA FUNZIONALE RESISTENZA ANTIGELO

Asse Potenza relè "R"

Isteresi

Relè ON

Relè OFF

SET Antigelo Temperatura sonda ST1

Impostazioni di serie

Descrizione

SET Antigelo

Isteresi

Parametro Valore U.M.

R7 2 °C

Nota attivo in cool

R8 2 °C attivo in heat

R11 2 °C *

Fig. 28

ATTENZIONE! Per il collegamento della resistenza elettrica deve sempre essere interposto un relè a tutela del massimo carico ammesso nel sistema di controllo a micro-

processore (vedi schema collegamento resistenza elettrica - fig. 29).

4.3.3 Collegamenti elettrici per resistenza elettrica compressore

Nel caso di utilizzo della macchina (RPE) con temperature esterne inferiori a 20°C o qualora si prevedano periodi di fermo molto lunghi, si consiglia l'installazione della resistenza elettrica del compressore (di serie per le macchine in pompa

SCHEMA COLLEGAMENTO

RESISTENZA ELETTRICA

B = Bobina comando 230 V

Rs = Resistenza elettrica o altro carico esterno

Scc = Scheda comando/controllo Energy 210 di calore). Si veda lo schema di collegamento riportato in fig. 30.

4.4 POMPA IDRAULICA

La pompa idraulica può essere configurata per funzionare in due modalità diverse:

1. funzionamento continuo (impostazione di fabbrica);

2. funzionamento alla richiesta di energia (compressore).

Nell'impostazione di fabbrica "funzionamento continuo" la pompa si avvia quando la macchina viene posta in On, viceversa si spegne quan-

SCHEMA COLLEGAMENTO

RESISTENZA ELETTRICA COMPRESSORE

Ct = Contattore compressore

Mc = Motore compressore

F3 = Fusibile

Rc = Resistenza compressore (accessorio per

RPE, di serie per HPE)

Fig. 29

Pag. 35

Fig. 30

SCHEMA FUNZIONALE POMPA

Asse Potenza relè "R"

Relè ON Valore SET

(Temp. acqua)

Relè OFF

Relè ON Compressore

Relè OFF

Relè ON Pompa

Relè OFF

Ritardo accensione pompa - compressore

Ritardo spegnimento compressore - pompa

Impostazioni di serie

Descrizione

Ritardo ON

Ritardo OFF

Parametro

P02

P03

Valore

120

180

U.M.

s s

Fig. 31 do la macchina è in Off. Di conseguenza quando la temperatura dell'acqua avrà raggiunto il valore di SET e verrà comandato lo spegnimento dei compressori la pompa rimarrà accesa.

Questa condizione garantisce un controllo ottimale della temperatura dell'acqua nell'impianto e pertanto è raccomandata per la maggior parte delle applicazioni.

Qualora si renda necessaria una configurazione differente è possibile selezionare il funzionamento "alla richiesta di energia" in modo che la pompa si attivi quando la temperatura dell'acqua lo richiede e si spenga con un tempo di ritardo da quando la stessa temperatura ha raggiunto il valore di SET (fig. 31).

4.5

UTILIZZO CON BASSE TEMPERATURE

DELL'ACQUA

ATTENZIONE! In modalità raffreddamento, con temperatura acqua in uscita uguale o inferiore a 3°C, è indispensabile l'utilizzo di

Glicole Etilenico e la modifica dei parametri

"Antigelo" e "Resistenza Elettrica" come da tabelle 5-6.

5. AVVIAMENTO

5.1 VERIFICHE DI PRIMO AVVIAMENTO

Prima di procedere con la messa in funzione dell'apparecchio occorre accertarsi che:

- le condizioni di sicurezza e tutte le prescrizioni riportate nel presente manuale siano state rispettate;

Tab 5

- I mpostazione set point allarme antigelo per impiego con basse temperature dell'acqua (miscela acqua - glicole etilenico)

Concentrazione Glicole

Etilenico

10%

20%

30%

Set Point allarme antigelo parametro

A11(°C)

0

-5

-12

Punto di congelamento (°C)

-3

-8

-18

Limite minimo setpoint cooling H04

6

1

-6

Pag. 36

- il fissaggio al piano d'appoggio sia stabile e le zone di rispetto siano libere da qualsiasi ostacolo o materiale che impediscano l'agevole accessibilità all'apparecchio;

- i collegamenti idraulici ed elettrici, con particolare attenzione alla messa a terra, siano stati eseguiti correttamente;

- il filtro dell'acqua fornito in dotazione sia stato opportunamente installato in aspirazione;

- i dispositivi di intercettazione, carico, scarico e sfiato dell'impianto si trovino nelle corrette condizioni operative e siano stati adeguatamente controllati.

ATTENZIONE! L'avviamento dell'apparecchio in condizioni di mancato rispetto delle prescrizioni del presente manuale e/o delle norme vigenti in materia di sicurezza ed impiantistica comporta la decadenza delle condizioni di garanzia.

5.2

MESSA IN FUNZIONE

L'avviamento dell'apparecchio e la selezione del modo di funzionamento possono essere eseguiti agendo direttamente nella tastiera del microprocessore -tasto ON-OFF e tasto MODEo, se presente, dal collegamento remoto delle stesse funzioni.

Per accedere alla tastiera del microprocessore, allentare la vite di fissaggio dello sportellino di protezione e sollevarlo stringendo con le dita gli appositi fermi a scatto.

Dare tensione all'apparecchio tramite l'interruttore generale d'impianto ed il sezionatore presente sul quadro elettrico, dopo essersi assicurati delle condizioni di sicurezza sopra descritte.

Dopo aver selezionato il modo ON e se la temperatura di SET è inferiore al valore impostato si avrà una fase di attesa di circa 3 minuti prima dell'avviamento del compressore. Da questo momento la macchina funzionerà in modo automatico con cicli di accensione e spegnimento vincolati al raggiungimento della temperatura di

SET e al valore differenziale di temperatura impostato (vedi schema di funzionamento - fig.32).

5.2.1 Procedura di messa in funzione

Dopo aver avviato l'apparecchio occorre verificare il corretto funzionamento dell'impianto, con particolare attenzione a quanto segue:

- la pompa dell'acqua (Versione Idro) non deve emettere rumorosità anomala, in quanto tale situazione indica che l'aria non è stata spurgata correttamente o che la portata dell'acqua non è sufficiente (possibili ostruzioni, intasamenti o errata regolazione dei dispositivi sull'impianto);

- la tensione misurata nei morsetti di alimentazione deve essere compresa nel range 380-

420 Volt; valori più bassi indicano una caduta di tensione nella linea elettrica troppo elevata, con conseguenti possibili danneggiamenti del compressore, che possono altresì verificarsi anche per tensioni maggiori di 420 Volt;

- il salto termico misurato tra ingresso e uscita dell'apparecchio deve essere compreso tra 3 e 8°C; valori minori di 3°C indicano una eccessiva portata d'acqua, viceversa la portata sarà troppo bassa con valori maggiori di 8°C.

Per verificare le temperature d'ingresso e uscita dell'acqua riferirsi al precedente punto 2.1.2

- d) per la visualizzazione sul display del microprocessore.

Se le condizioni di cui sopra non vengono soddisfatte spegnere la macchina ed apportare le azioni correttive necessarie per permettere il regolare funzionamento dell'impianto.

6. ALLARMI E DIAGNOSTICA

6.1 VISUALIZZAZIONE DEGLI ALLARMI E

DIAGNOSTICA

Quando si verifica un'anomalia durante il funzionamento dell'apparecchio, il microprocessore comanda lo spegnimento dello stesso e l'allarme intervenuto viene segnalato nel display con appositi codici (vedi tabella 7).

Tab. 6

- I mpostazione set point resistenza antigelo per impiego con basse temperature (miscela acqua - glicole etilenico)

Concentrazione Glicole

Etilenico

10%

20%

30%

Set Point resistenza parametro R07 e R08(°C)

-1

-6

-15

Punto di congelamento (°C)

-3

-8

-18

Pag. 37

Pag. 38

Pag. 39

SCHEMI FUNZIONALI AVVIAMENTO-SPEGNIMENTO COMPRESSORE

Asse Potenza relè "R"

Isteresi

Relè ON

Relè OFF

SET

Impostazioni di serie

Descrizione

SET

Isteresi

Parametro

G01

G02

C03

C04

Asse Potenza relè "R"

Temperatura sonda ST1

Valore U.M.

12 °C

Nota attivo in cool

40

1,5

1,5

°C

°C

°C attivo in heat attivo in cool attivo in heat

Relè ON

Relè OFF

Tempo sicurezza spegnimento tempo (s*10)

Tempo sicurezza accensione

Impostazioni di serie

Descrizione

T. sic. Spegnimento

T sic. Accensione

Parametro

C01

C02

Valore

18

18

U.M.

s s

Fig. 32

Gli allarmi sono classificati in tre categorie;

1. RIARMO MANUALE (reset premendo il tasto

On/Off);

2. RIARMO AUTOMATICO (automatico al ripristino delle condizioni corrette);

3. RIARMO AUTOMATICO per un valore massimo di interventi orari superato il quale l'allarme diventa a RIARMO MANUALE.

Nel caso di più allarmi attivi contemporaneamente, la loro visualizzazione è possibile entrando nel menù di visualizzazione errori (Err) vedi precedente punto 2.1.2 - d).

Pag. 40

7. RIPARAZIONE - SOSTITUZIONE

COMPONENTI

Per l'intervento sui componenti sotto elencati e/ o per la loro sostituzione è necessaria una specifica competenza tecnica, per cui si raccomanda di rivolgersi sempre ad un Centro Assistenza Tecnica autorizzato. Ai fini della sicurezza e della qualità si raccomanda di utilizzare per le sostituzioni componenti e ricambi originali.

Operare sempre in condizioni di massima sicurezza, in conformità alle vigenti norme in materia. Prima di qualsiasi intervento sull'apparecchio, togliere alimentazione elettrica agendo sull'interruttore generale e successivamente sul sezionatore a bordo macchina;

Per le eventuali operazioni di svuotamento e carica di gas refrigerante si raccomanda l'utilizzo di apparecchiature specifiche per il recupero del refrigerante, ai fini della salvaguardia dell'ambiente.

7.1 CIRCUITO FRIGORIFERO

Per qualunque motivo fosse necessaria la riparazione del circuito frigorifero, con conseguente contaminazione dello stesso, come nel caso di bruciatura degli avvolgimenti elettrici del compressore o guasto del circuito con completa vuotatura dello stesso, occorre sempre eseguire quanto segue:

- sostituzione del filtro disidratatore;

- pulizia del circuito;

- essiccazione e vuoto spinto,

- controllo del livello dell'olio del compressore ed eventuale rabbocco o sostituzione;

- test di tenuta e ripristino della carica.

7.1.1 Essiccazione e vuoto dell'impianto

L'essiccazione e il vuoto spinto sono necessari per evacuare l'aria, l'umidità, e tutti i gas che potrebbero trovarsi in soluzione con l'olio del compressore.

Se nell'impianto è presente acqua in fase liquida, occorre riscaldare leggermente le parti in cui si è depositata, al fine di favorirne l'evaporazione.

La capacità della pompa ad alto vuoto deve essere adeguata al sistema in cui si deve operare; si raccomanda l'utilizzo di una pompa con una portata di almeno 90 litri/minuto.

Il grado di vuoto deve essere verificato con apposito vacuometro per medio vuoto, possibilmente elettronico, con risoluzione in micron della scala.

- Effettuazione del vuoto spinto:

- collegare la pompa al sistema mediante tubi e connessioni da 1/4 SAE femmina girevoli alle prese di pressione riportate sugli attacchi in aspirazione e in mandata nel compressore;

- collegare un vacuometro

- effettuare il vuoto fino al valore di almeno 350 -

500 micron per un tempo minimo di almeno

30 minuti.

7.1.2 Pulizia del circuito

ATTENZIONE! Nel caso di bruciatura del motore, con perforazione degli avvolgimenti, è necessario pulire accuratamente il circuito frigorifero per evitare successive bruciature o guasti.

Le operazioni di pulizia hanno lo scopo di eliminare tutti i depositi di carbonio o altri allo stato solido e, secondo il metodo usato, devono essere eliminati tutti i contaminanti che sono stati introdotti per la pulizia del circuito o per effetto delle operazioni effettuate.

ATTENZIONE! Non inalare i vapori di refrigeranti provenienti da compressori bruciati, in quanto si può essere in presenza di prodotti tossici. Evitare del tutto i contatti con la pelle dell'olio residuo del compressore bruciato, in quanto è generalmente acido.

7.1.3 Carica di refrigerante

La carica di refrigerante R407C può essere effettuata solo in fase liquida.

ATTENZIONE! Per nessuna ragione il gas refrigerante allo stato liquido deve essere caricato in aspirazione sul compressore in quanto tale condizione comporta la stratificazione dell'olio con conseguente possibile danneggiamento del compressore o della valvola di inversione ciclo al successivo riavviamento.

Le operazioni da compiersi sono le seguenti:

- collegare la bombola (o il cilindro di carica) al sistema mediante tubi e attacchi da 1/4 SAE femmina girevoli alla presa di pressione nel lato liquido degli scambiatori aria/gas refrigerante;

- inserire refrigerante allo stato liquido: a) fino al raggiungimento della carica necessaria; b) fino al raggiungimento dell'equilibrio delle pressioni tra bombola e circuito frigorifero;

- avviare l’apparecchio e, se necessario, inserire il refrigerante rimanente fino al raggiungimento dei valori prescritti. L'operazione di mes-

Pag. 41

sa a punto della carica va fatta utilizzando la presa di aspirazione del compressore, inserendo il refrigerante allo stato liquido in modo graduale;

- effettuare il controllo della carica refrigerante secondo quanto descritto al punto 7.1.4.

7.1.4 Controllo carica refrigerante con il metodo del surriscaldamento

Il controllo della carica di refrigerante può essere effettuato rilevando il valore del surriscaldamento sul tubo di aspirazione, dedotto dalla misurazione della pressione di evaporazione e dalla temperatura del tubo in prossimità della presa di pressione.

I valori rilevati sono indicativi soltanto se eseguiti con l'apparecchio funzionate da almeno 20 minuti ed entro il campo delle condizioni climatiche nominali.

ATTENZIONE! Prima di procedere alle verifiche, accertarsi che gli strumenti utilizzati siano in buono stato e opportunamente tarati.

Verifica del surriscaldamento:

- avviare l'apparecchio;

- inserire nella presa di pressione, posizionata nel tubo grande in prossimità del compressore, il manometro di bassa per la misura della pressione;

- attendere la stabilizzazione dei valori per circa 20 minuti;

- misurare il valore di temperatura sul tubo grande (fase vapore), in prossimità della presa di pressione utilizzando un'apposita sonda a contatto;

- leggere il valore di temperatura nel manometro, in corrispondenza del valore di pressione rilevato.

La temperatura letta al termometro deve essere maggiore del valore di temperatura letto al manometro del valore riportato in tab. 8, in funzione del tipo di macchina e del modo di funzionamento impostato.

8. OPERAZIONI PERIODICHE DI

MANUTENZIONE

ATTENZIONE! Prima di ogni operazione di controllo, manutenzione, o quant'altro comporti l'accesso alle parti interne dell'apparecchio, togliere l'alimentazione elettrica generale.

8.1 PULIZIA DEGLI SCAMBIATORI

La pulizia degli scambiatori alettati aria/gas refrigerante deve essere eseguita almeno due volte l'anno, all'inizio della stagione di funzionamento e ogni qualvolta si renda necessario per condizioni di installazione particolari. Mantenere gli scambiatori puliti comporta un rendimento costante nel tempo, con riduzione dei costi di gestione.

Per eseguire le operazioni di pulizia, utilizzare un aspirapolvere o un pennello a spatole morbide, evitando di danneggiare le alette dello scambiatore. Se possibile utilizzare un leggero getto di aria compressa da passare con attenzione negli spazi delle alette.

8.2 CONTROLLO ANNUALE

Per mantenere efficiente il sistema, si consiglia di far compiere le seguenti verifiche da un Centro Assistenza Tecnica Autorizzato:

- controllo carica di refrigerante e parametri di funzionamento;

- verifica tensione di alimentazione ed assorbimento elettrico;

- funzionalità dei dispositivi di comando e di sicurezza;

- pulizia del filtro e degli scambiatori;

- controllo dell'impianto idraulico, della presenza di aria nelle tubazioni ed eventuale integrazione di riempimento;

- controllo e serraggio delle connessioni elettriche ed idrauliche;

- verifica dell'involucro, con particolare attenzione agli inneschi di corrosione. Per gli appa-

recchi installati in prossimità del mare è necessario un controllo periodico da effettuarsi almeno ogni tre mesi.

Tab. 8 - Surriscaldamento

Descrizione

Surriscaldamento min - max

U.M.

°C

Pag. 42

Heat

5 - 8

HPE 90-140

Cool

3 - 5

RPE 90-140

Cool

5 - 8

SEZIONE C - INFORMAZIONI PER L’UTENTE

9. GENERALITA'

La marcatura CE dei prodotti comporta il controllo costante della produzione, con lo scopo di garantire la conformità degli apparecchi alle caratteristiche di sicurezza e di prestazioni dei campioni verificati.

Il costruttore provvede ai controlli su tutta la produzione ed in modo particolare al collaudo finale, in cui i parametri di progetto sono controllati con dei test elettrici e funzionali, in ottemperanza agli standard del sistema di assicurazione qualità aziendale.

I servizi di assistenza e manutenzione possono essere eseguiti da un Centro Assistenza Tecnica autorizzato. Per conoscere il nominativo del

Centro più vicino chiamare direttamente la A2B

S.r.l. al Numero Verde 800-017089.

9.1 UTILIZZO DELLE ISTRUZIONI

Leggere attentamente questa sezione del manuale riservata all'utente, oltre alla precedente

"Sezione A" in cui si possono trovare le informazioni generali sull'apparecchio e sulle sue caratteristiche tecniche.

Il mancato rispetto di quanto indicato in questo manuale comporta la decadenza delle condizioni di garanzia.

Il presente manuale costituisce parte integrante del prodotto e deve essere conservato accuratamente per qualsiasi utilizzo futuro o per consultazione.

NON INSERIRE OGGETTI ATTRAVERSO

LE GRIGLIE DEI VENTILATORI

Fig. 33

NON APPOGGIARSI

SULLA SUPERFICIE ALETTATA

Fig. 34

9.2 USI IMPROPRI - RACCOMANDAZIONI

Gli apparecchi sono progettati e realizzati per il raffreddamento e/o il riscaldamento dell'acqua in impianti di climatizzazione e devono essere utilizzati unicamente a questo scopo, in rapporto alle loro specifiche tecniche e prestazioni.

Tutti gli usi non espressamente indicati in questo manuale sono considerati impropri e non sono consentiti; in particolare non è prevista l'utilizzazione degli apparecchi in processi industriali e/o l'installazione in ambienti con atmosfera corrosiva o esplosiva.

Ai fini di un utilizzo sicuro dell’apparecchio, rispettare le seguenti raccomandazioni:

- non inserire utensili, carta o quant'altro possa penetrare attraverso le griglie di protezione dei ventilatori (fig. 33);

- non appoggiarsi sulla superficie alettata degli scambiatori in quanto le alette potrebbero provocare tagli sulla pelle (fig. 34);

- non aprire gli sportelli o i pannelli di accesso alle parti interne dell'apparecchio in quanto, nel caso di contatto con i componenti, vi è il rischio di scosse elettriche. Queste operazioni sono riservate esclusivamente a personale specializzato;

- non toccare l'apparecchio se si è a piedi nudi e con parti del corpo bagnate o umide;

- non procedere alla pulizia delle parti esterne dell’apparecchio senza aver prima tolto l’alimentazione elettrica dall’interruttore generale;

Pag. 43

Fig. 35

- non consentire l’uso dell’apparecchio a bambini o persone inabili non assistite.

9.3 PRIMA MESSA IN SERVIZIO

La prima messa in servizio può essere effettuata dall’installatore o, a richiesta, da un Centro di

Assistenza Tecnica autorizzato (C.A.T.).

9.4 ACCENSIONE - SPEGNIMENTO

L'avviamento dell'apparecchio e la selezione del modo di funzionamento possono essere eseguiti agendo direttamente sulla tastiera del microprocessore dell'apparecchio (tasto ON-OFF e tasto MODE) oppure, se presente, dal collegamento a distanza delle stesse funzioni che l'installatore avrà predisposto in precedenza.

Per accedere alla tastiera del microprocessore, allentare la vite di fissaggio dello sportellino di protezione e sollevarlo stringendo con le dita gli appositi fermi a scatto.

9.4.1 Accensione

- Dare tensione all'apparecchio tramite l'interruttore generale d'impianto, dopo essersi assicurati delle condizioni di sicurezza;

- premere il tasto ON-OFF (fig. 35). Sul display comparirà la temperatura dell'acqua di ritorno dall'impianto;

- per attivare il funzionamento in raffreddamento, premere una volta il tasto MODE (fig. 36), con conseguente accensione del relativo led

"raffreddamento";

- per attivare invece il funzionamento in riscaldamento, premere due volte il tasto MODE (fig.

12), con conseguente accensione del relativo led "riscaldamento";

Se la temperatura di SET (memorizzata nelle impostazioni del microprocessore) richiede il funzionamento dell'apparecchio, il led di segnalazione del compressore inizia a lampeggiare e dopo alcuni minuti si avrà l'avviamento del compressore stesso. Da questo momento l'apparecchio funzionerà in modo automatico con cicli di accensione e spegnimento vincolati al

Fig. 36 raggiungimento della temperatura di SET e al valore differenziale di temperatura impostato.

9.4.2 Spegnimento

- Premere il tasto ON-OFF, con conseguente spegnimento del display. Rimarrà acceso solo il led "power" a segnalare la presenza di alimentazione elettrica;

- se l'apparecchio deve rimanere spento per lunghi periodi, portare in posizione OFF l'interruttore generale e disattivare i terminali dell'impianto.

ATTENZIONE! In caso di basse temperature esterne, c'è pericolo di formazione di ghiaccio, con conseguenti possibili danneggiamenti. Verificare quindi che sia stato utilizzato un liquido antigelo, altrimenti sarà necessario svuotare e chiudere l'impianto.

9.5 MANUTENZIONE E CONTROLLI

Programmare dei controlli periodici dell'apparecchio significa mantenere efficiente il sistema, risparmiando nei costi di gestione e mantenendo nel tempo il comfort ambientale. Suggeriamo di accordarsi preventivamente con un Centro Assistenza Tecnica autorizzato, che provvederà ad effettuare tutti i controlli funzionali e le operazioni di pulizia dell'apparecchio.

Queste operazioni devono essere effettuate almeno all'inizio di ogni stagione di funzionamento, quindi almeno una per i refrigeratori RPE e due volte l'anno per le versioni HPE in pompa di calore.

In condizioni climatiche particolari come per es. in prossimità del mare, si raccomanda di utilizzare le versioni con struttura in acciaio inox (fornite a richiesta). Altrimenti è d'obbligo in questi casi prevedere una durata di vita inferiore del prodotto e comunque una più frequente ed accurata manutenzione;

ATTENZIONE! Dove un mancato funzionamento del sistema, anche se per brevi periodi, può creare danni economici all'utenza,

è opportuno prevedere sistemi di riserva e allarmi che attivino immediatamente il personale responsabile della manutenzione.

Pag. 44

Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project