sezione b - notizie tecniche per l`installatore

sezione b - notizie tecniche per l`installatore
Informazioni tecniche
ECOPOWER
HPE/C 22÷44
ECOPOWER HPE/C 22÷44
Generatori termofrigoriferi
con produzione di acqua calda a richiesta
Generatori Termofrigoferi
EcoPower
Modelli HPE/C 22-44 - HPE/C 22-44 ACS
Informazioni tecniche
Questo manuale è diviso in tre sezioni:
- SEZIONE A - INFORMAZIONI GENERALI
Contiene tutte le notizie relative alla descrizione dei refrigeratori d’acqua e pompe di calore ariaacqua e delle loro caratteristiche tecniche.
- SEZIONE B - NOTIZIE TECNICHE PER L’INSTALLATORE
Raccoglie tutte le indicazioni e le prescrizioni che il tecnico installatore deve osservare per la realizzazione ottimale dell’impianto.
- SEZIONE C - ISTRUZIONI D’USO E MANUTENZIONE PER L’UTENTE
E’ la sezione riservata all’utilizzatore e contiene tutte le informazioni necessarie per il corretto funzionamento e per le verifiche periodiche.
Note importanti per la consultazione:
1 - Ai fini di un utilizzo corretto e sicuro dell’apparecchio, l’installatore, l’utente ed il manutentore, per le
rispettive competenze, sono tenuti ad osservare quanto indicato nel presente manuale.
2 - Alla dicitura ATTENZIONE! seguono informazioni che, per la loro importanza, devono essere scrupolosamente osservate ed il cui mancato rispetto può provocare danni all’apparecchio e/o pregiudicarne la sicurezza di utilizzo.
3 - I paragrafi evidenziati in neretto contengono informazioni, avvertenze o consigli importanti che si
raccomanda di valutare attentamente.
4 - I dati tecnici, le caratteristiche estetiche, i componenti e gli accessori riportati nel presente manuale
non sono impegnativi. La A2B S.r.l. si riserva la facoltà di apportare in qualsiasi momento tutte le
modifiche ritenute necessarie per il miglioramento del proprio prodotto.
5 - I riferimenti a leggi, normative o regole tecniche citate nel presente manuale, sono da intendersi a
puro titolo informativo e da ritenersi validi alla data di stampa dello stesso, riportata nell’ultima
pagina. L’entrata in vigore di nuove disposizioni o di modifiche a quelle vigenti non costituirà motivo
di obbligo alcuno della A2B S.r.l. nei confronti di terzi.
6 - La A2B S.r.l. è responsabile della conformità del proprio prodotto alle leggi, direttive e norme di
costruzione vigenti al momento della commercializzazione. La conoscenza e l’osservanza delle
disposizioni legislative e delle norme inerenti la progettazione degli impianti, l’installazione, l’esercizio e la manutenzione sono ad esclusivo carico, per le rispettive competenze, del progettista,
dell’installatore e dell’utente.
INDICE
SEZIONE A - INFORMAZIONI GENERALI
pag.
1.
CARATTERISTICHE PRINCIPALI ............................................................................................ 4
1.1
1.2
1.3
1.4
1.5
1.6
Classificazione degli apparecchi ................................................................................................ 4
Certificazioni - Marcatura CE ..................................................................................................... 4
Descrizione funzionale ............................................................................................................... 4
Caratteristiche costruttive .......................................................................................................... 4
Contenuto dell’imballaggio ........................................................................................................ 5
Accessori forniti a richiesta ........................................................................................................ 5
1.7
1.8
1.9
1.10
1.11
1.12
2.
Campo d’impiego ....................................................................................................................... 5
Norme di sicurezza .................................................................................................................... 6
Tabelle dati tecnici ................................................................................................................... 10
Schemi elettrici ........................................................................................................................ 13
Dimensioni e ingombri - Componenti principali ........................................................................ 20
Grafici e tabelle di prestazioni............................................................................................................24
ORGANI DI CONTROLLO E SICUREZZA .............................................................................. 32
2.1 Microprocessore di controllo .................................................................................................... 32
2.2 Protezione del circuito frigorifero ............................................................................................. 35
2.3 Protezione del circuito idraulico ............................................................................................... 36
2.4 Controllo sbrinamento ............................................................................................................. 36
2.5 Protezione della caldaia .......................................................................................................... 36
SEZIONE B - NOTIZIE TECNICHE PER L’INSTALLATORE
3.
AVVERTENZE ........................................................................................................................ 38
3.1
3.2
3.3
3.4
3.5
4.
Qualificazione dell’installatore ................................................................................................. 38
Informazioni preliminari ............................................................................................................ 38
Trasporto e manipolazione ...................................................................................................... 38
Controllo dei dati ..................................................................................................................... 39
Utilizzo delle istruzioni .............................................................................................................. 39
INSTALLAZIONE .................................................................................................................... 39
4.1
4.2
4.3
4.4
4.5
5.
Indicazioni generali .................................................................................................................. 39
Operazioni di installazione ....................................................................................................... 40
Alimentazione elettrica ............................................................................................................. 42
Pompa idraulica ....................................................................................................................... 43
Utilizzo con basse temperature dell’acqua ..................................................................................44
AVVIAMENTO ......................................................................................................................... 44
5.1
5.2
5.3
6.
Verifiche primo avviamento ...................................................................................................... 44
Messa in funzione ................................................................................................................... 45
Funzionamento con diversi tipi di gas ...................................................................................... 47
ALLARMI E DIAGNOSTICA .................................................................................................... 49
6.1 Visualizzazione degli allarmi e diagnostica ............................................................................... 49
7.
RIPARAZIONE-SOSTITUZIONE COMPONENTI ................................................................... 49
7.1 Circuito frigorifero .................................................................................................................... 43
8.
OPERAZIONI PERIODICHE DI MANUTENZIONE ................................................................. 54
8.1 Pulizia dello scambiatore ......................................................................................................... 54
8.2 Controllo annuale .................................................................................................................... 54
8.3 Controllo della caldaia ............................................................................................................. 54
SEZIONE C - INFORMAZIONI PER L’UTENTE
9.
GENERALITA’ ......................................................................................................................... 55
9.1
9.2
9.3
9.4
9.5
Utilizzo delle istruzioni .............................................................................................................. 55
Usi impropri - Raccomandazioni .............................................................................................. 55
Prima messa in servizio ........................................................................................................... 56
Accensione - Spegnimento ...................................................................................................... 56
Manutenzione e controlli .......................................................................................................... 56
Pag. 2
Fig. n°
INDICE DELLE ILLUSTRAZIONI
pag.
1
Schemi funzionali HPE/C 22-44 .............................................................................................. 7
2
Schema funzionale Caldaia .................................................................................................... 8
8
Schema idraulico tipico impianto HPE/C - ACS ....................................................................... 9
4
Schema elettrico HPE/C 22 .................................................................................................. 13
5
Schema elettrico HPE/C 27-31-39 ........................................................................................ 14
6
Schema elettrico HPE/C 44 .................................................................................................. 15
7
Schema elettrico Caldaia ...................................................................................................... 16
8
Schema elettrico HPE/C 22 .................................................................................................. 17
9
Schema elettrico HPE/C 27-31-39 ........................................................................................ 18
10
Schema elettrico HPE/C 44 .................................................................................................. 19
11
Dimensioni e ingombri HPE/C 22-44 ..................................................................................... 20
12
Componenti principali Caldaia .............................................................................................. 21
13
Dimensioni e ingombri HPE/C 22-44 - ACS........................................................................... 22
14
Posizione attacchi e circuiteria idraulica HPE/C - ACS .......................................................... 23
15-24 Microprocessore di controllo ............................................................................................ 32-34
25
Struttura ad albero del menù ................................................................................................. 37
26
Sollevamento dell’apparecchio ............................................................................................. 38
27
Zone di rispetto ..................................................................................................................... 40
28
Distanze di rispetto ............................................................................................................... 40
29
Installazione filtro acqua a rete ............................................................................................. 41
30
Schema elettrico per heat/cool remoto .................................................................................. 42
31
Schema funzionale per resistenza antigelo ........................................................................... 43
32
Schema collegamento resistenza elettrica compressore ....................................................... 43
33
Schema funzionale pompa .................................................................................................... 44
34
Controllo della combustione ed efficienza del pressostato .................................................... 46
35
Funzionamento con diversi tipi di gas ................................................................................... 47
36
Schemi funzionali avviamento-spegnimento compressore .................................................... 50
37-38 Usi impropri .......................................................................................................................... 55
39-40 Accensione ........................................................................................................................... 56
Tab. n°
INDICE DELLE TABELLE
pag.
1
Tabella dati tecnici HPE/C 22-27-31-39-44 ..................................................................... 10-11
2
Tabella dati tecnici Caldaia................................................................................................... 12
3
Indici di correzione potenza termica in modo raffreddamento ................................................ 24
4
Indici di correzione potenza termica in modo riscaldamento .................................................. 24
5
Parametri di programmazione per la selezione della modalità di funzionamento ................... 35
6
Impostazione set point allarme antigelo per impiego con basse temperature dell'acqua ....... 44
7
Impostazione set point resistenza antigelo per impiego con basse temperature .................... 45
8
Tabella pressioni tipi gas ...................................................................................................... 47
9
Surriscaldamento .................................................................................................................. 50
10
Descrizione allarmi pompa di calore ...................................................................................... 51
11
Descrizione anomalie caldaia ............................................................................................... 53
Pag. 3
SEZIONE A - INFORMAZIONI GENERALI
1. CARATTERISTICHE PRINCIPALI
1.1 CLASSIFICAZIONE DEGLI APPARECCHI
Gli apparecchi della gamma EcoPower descritti in questo manuale sono definiti come: "pompe di calore monoblocco aria/acqua con caldaia integrata".
Le macchine sono contrassegnate dalla sigla
HPE/C con aggiunto un codice numerico rappresentativo della potenzialità termica erogata espressa in kW.
La sigla ACS riportata dopo il codice numerico
del modello indica le versioni degli apparecchi
dotate di predisposizione per produrre anche acqua calda ad uso sanitario.
1.2 CERTIFICAZIONI - MARCATURA CE
I prodotti HPE/C sono conformi alle direttive
comunitarie 97/23/CE e 98/37/CEE.
Essi sono inoltre conformi alle disposizioni delle seguenti altre direttive:
- 73/23/CEE, 89/336/CEE, così come modificate dalla direttiva 93/68/CEE;
- 90/396/CEE, per quanto riguarda la caldaia a
gas, così come modificata dalla direttiva 93/
68/CEE e dalla direttiva 92/42/CEE,
Gli apparecchi sono stati testati secondo le norme armonizzate applicabili agli stessi, quindi sottoposti alla marcatura CE, e sono corredati di
apposita dichiarazione in allegato.
1.3 DESCRIZIONE FUNZIONALE
I generatori termofrigoferi EcoPower HPE/C
sono stati progettati per soddisfare le esigenze
di riscaldamento e raffrescamento di utenze civili, commerciali e industriali, oltre ad essere
previsti anche in esecuzione “ACS”, predisposta per produzione di acqua calda sanitaria.
Le prestazioni sono ottimizzate, anche grazie
alla dotazione di serie del controllo della velocità di rotazione dei ventilatori e della sequenza
di fase dell'alimentazione elettrica.
Tali apparecchi sono caratterizzati essenzialmente dalla presenza della caldaia integrata
nel prodotto, e più precisamente in un vano
ubicato tra gli scambiatori a pacco alettato, separato dal vano compressore. La presenza
della caldaia permette di ottenere, nel periodo
invernale, un'elevata affidabilità nel funzionamento della pompa di calore e un notevole risparmio energetico, in particolare quando le
condizioni climatiche esterne risultano particolarmente critiche.
La regolazione elettronica gestisce infatti due
modalità di funzionamento: "caldaia ad integrazione" e "caldaia in sostituzione".
Nella modalità di funzionamento ad "integrazione" la caldaia entra in funzione in soccorso alla
pompa di calore, quando quest'ultima non è più
in grado di soddisfare l'esigenza dell'utenza, ovvero quando la temperatura dell'acqua di ritorno
alla macchina scende al di sotto di un valore di
SET impostabile da programmazione. In tale
modalità di funzionamento, quindi, la potenza termica fornita dalla caldaia si somma a quella erogata dalla pompa di calore.
Nella modalità di funzionamento in "sostituzione" la caldaia funziona al posto della pompa di
calore, quando la temperatura esterna è inferiore ad un valore di SET impostabile da programmazione. Tale modalità può essere conveniente
al di sotto di temperature esterne per le quali il
funzionamento della pompa di calore non risulta
energeticamente conveniente e, quindi, la potenza termica fornita dalla caldaia va a sostituire
quella che potrebbe essere erogata dalla pompa di calore nelle medesime condizioni.
1.4 CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE
- il mobile di copertura è realizzato per tutti i
modelli in lamiera zincata con trattamento di
passivazione e verniciatura a polveri poliesteri
specifiche per esterno. Gli apparecchi sono
altresì progettati per l'installazione all'esterno
con grado di protezione IP24.
- il compressore è di tipo scroll ad elevata efficienza e silenziosità, funzionante con refrigerante R 407C, montato su supporti elastici
antivibranti, azionato da motore elettrico trifase
per tutti i modelli;
- i due scambiatori aria/gas refrigerante sono
realizzati con tubi in rame ed alette in alluminio
bloccate mediante espansione meccanica dei tubi;
- il gruppo ventilante è costituito da ventilatori
elicoidali con protezione termica interna. I ventilatori sono provvisti di griglia di protezione
antinfortunistica;
Pag. 4
- lo scambiatore di calore acqua/gas refrigerante, del tipo a piastre in acciaio inox AISI 316
saldobrasato, è coibentato esternamente con
materiale isolante a celle chiuse per ridurre le
dispersioni termiche;
- il circuito frigorifero ed i collegamenti tra i
singoli componenti sono realizzati in tubo di
rame specifico per refrigerazione. Fanno parte
del circuito frigorifero la valvola termostatica di
laminazione, la valvola di inversione ciclo, le
valvole unidirezionali, i pressostati a taratura
fissa di bassa e alta pressione, il filtro
disidratatore e la spia del liquido;
- il quadro elettrico di potenza è realizzato in un
apposito vano inserito all'interno della macchina;
- il sistema di controllo a microprocessore con
tastiera è accessibile direttamente dall'esterno, tramite uno sportellino di protezione in materiale plastico.
Tutte le macchine sono dotate di circuito idraulico, completo di:
- pompa idraulica ad elevata prevalenza;
- filtro acqua a rete e un nipplo M/M 1¼" di
raccordo con l'aspirazione;
- serbatoio di accumulo in acciaio zincato a
caldo isolato termicamente con polietilene
anticondensa da 20 mm + rivestimento esterno di protezione, di capacità pari a 100 litri per
i modelli 22 - 27 e 150 litri per i modelli 31 - 39
- 44, completo del rubinetto di scarico acqua e
della valvola di sicurezza con pressione di scarico pari a 3 bar;
- vaso di espansione con capacità di 6 litri per
il modello 22, 7,5 litri per i modelli 27 - 31 - 39 e
di 10 litri per il modello 44;
- valvola di sfiato aria automatica posizionata
nel punto più alto del circuito all’interno dell’apparecchio.
Le macchine in versione ACS sono inoltre equipaggiate con la circuiteria necessaria allo scopo, completa di valvola a tre vie, asservita a comando esterno, per la gestione della caldaia in
priorità sull’acqua calda sanitaria.
1.5 CONTENUTO DELL’IMBALLAGGIO
L'apparecchio viene spedito con protezioni in
cartone e materiale plastico. Esso è provvisto di
due traverse in acciaio zincato al di sotto della
base, predisposte per il sollevamento e la
movimentazione, che potranno essere rimosse in
fase di installazione.
I dati identificativi dell'apparecchio sono riportati
sia nell'etichetta sull'imballo che nella targa dei
dati tecnici applicata sulla pannellatura esterna.
Non asportare per nessun motivo la targa dei dati
tecnici, poiché i riferimenti in essa contenuti sono
necessari per gli eventuali interventi di manutenzione e riparazione.
All'interno dello sportello del vano compressore si trovano inoltre una busta contenente
il presente manuale ed il certificato di garanzia, che devono essere consegnati al proprietario dell'apparecchio affinché li conservi accuratamente per qualsiasi utilizzo futuro
o per consultazione.
Vengono inoltre forniti di serie il filtro dell'acqua ed il nipplo per il collegamento all'aspirazione della pompa.
1.6 ACCESSORI FORNITI A RICHIESTA
A richiesta possono essere forniti i seguenti accessori:
- isolamento acustico supplementare per il compressore, che consente la riduzione della pressione sonora di circa 2 dB(A) nelle fasi di avviamento e messa a regime;
- supporti antivibranti per ridurre la trasmissione
delle vibrazioni al suolo;
- comando remoto per permettere l'impostazione
ed il controllo a distanza di tutti i parametri di
funzionamento;
- griglie di protezione degli scambiatori a pacco
alettato;
- kit di trasformazione per cambio tipo di gas di
alimentazione della caldaia integrata.
1.7 CAMPO D'IMPIEGO
Gli apparecchi sono progettati e realizzati per il
raffreddamento e/o il riscaldamento dell'acqua in
impianti di climatizzazione e devono essere utilizzati unicamente a questo scopo, in rapporto alle
loro specifiche tecniche e prestazioni.
La qualità e le dimensioni dei materiali impiegati
sono stati scelti per garantire una durata di vita
ragionevole e sono adatti al funzionamento degli
apparecchi, sia nel loro insieme che nei loro
componenti, sotto riserva di un'installazione realizzata a regola d'arte ed in condizioni di sollecitazioni meccaniche, chimiche e termiche corrispondenti ad un'utilizzazione normale.
ATTENZIONE! Tutti gli usi non espressamente indicati in questo manuale sono considerati impropri e non sono consentiti; in parti-
Pag. 5
colare non è prevista l'utilizzazione degli
apparecchi in processi industriali e/o l'installazione in ambienti con atmosfera corrosiva
o esplosiva.
Si esclude qualsiasi responsabilità del produttore per danni a persone, animali o cose
derivanti dall'inosservanza delle istruzioni
del presente manuale, da modifiche o
manomissioni del prodotto, da errori d'installazione, di regolazione, di manutenzione e da
usi impropri.
Il mancato rispetto di quanto indicato nel
presente manuale comporta inoltre la decadenza delle condizioni di garanzia.
1.8 NORME DI SICUREZZA
ATTENZIONE! L'installazione e la manutenzione devono essere effettuate esclusivamente da personale specializzato ed appositamente abilitato.
E' importante verificare che il progetto e
l'installazione siano conformi alle norme vigenti (Norme UNI, Norme di sicurezza
antincendi, Regolamenti locali) e siano approvati, quando previsto, dagli enti competenti al controllo in materia.
Durante le operazioni di installazione e manutenzione, operare sempre nelle condizioni
di massima sicurezza, attenersi alle istruzioni riportate in questo manuale ed alle eventuali etichette di avvertenze applicate sul
prodotto.
Rispettare i limiti di installazione e funzionamento indicati in questo manuale, non modificare in nessun caso i cablaggi elettrici interni e le tubazioni frigorifere, non modificare o
disabilitare i dispositivi di sicurezza e di
regolazione.
Non lasciare contenitori e sostanze infiammabili in prossimità dell'apparecchio.
Non far eseguire ai bambini e alle persone
inabili non assistite le regolazioni dell’apparecchio e/o della caldaia integrata nell'apparecchio.
Prima di ogni operazione di controllo, manutenzione, o quant'altro comporti l'accesso
alle parti interne dell'apparecchio, togliere
l'alimentazione elettrica generale.
In caso di necessità di chiarimenti per l'installazione e/o la manutenzione rivolgersi ad un
Centro Assistenza Tecnica autorizzato dalla
A2B S.r.l..
L'allaccio all'alimentazione elettrica deve
essere eseguito secondo le vigenti norme di
impiantistica nazionali.
Pag. 6
Schema HPE/C 22 - 27 - 31 - 39 - 44 - RAFFREDDAMENTO
OFF
Aliment. GAS
IMPIANTO
MACCHINA
Schema HPE/C 22 - 27 - 31 - 39 - 44 - RISCALDAMENTO
ON
Aliment. GAS
IMPIANTO
LEGENDA
1) Pompa idraulica
2) Filtro acqua
3) Serbatoio di accumulo
4) Vaso di espansione
5) Valvola di sfiato
6) Compressore
MACCHINA
7) Scambiatore aria/gas refrigerante
8) Gruppo ventilante
9) Scambiatore acqua/gas refrigerante
10) Valvola termostatica
11) Valvola di inversione ciclo
12) Valvole direzionali
13) Filtro disidratatore
Pag. 7
14) Spia del liquido
15) Separatore di liquido
16) Valvola di sicurezza
17) Rubinetto di scarico
18) Pressostato differenziale
19) Ricevitore di liquido
20) Caldaia integrata Fig. 1
Schema circuito idraulico Caldaia
LEGENDA
1) Valvola gas
2) Bruciatore
3) Scambiatore fumi
4) Pressostato fumi
5) Ventilatore fumi
6) Termostato di sicurezza totale
7) Sonda di riscaldamento
8) Pressostato mancanza acqua
G) Alimentazione gas
R) Ritorno impianto
M) Mandata impianto
Fig. 2
Pag. 8
Pag. 9
= Valvola by-pass
= Gruppo di riempimento
= Giunto elastico
= Convogliatore scarico acqua
= Vaso di espansione
= Valvola di non ritorno
= Valvola di intercettazione
= Valvola di sicurezza
= Centralina solare
= Termometro
= Sfiato aria
= Valvola taratura portata acqua
= Filtro meccanico
= Pompa acqua
LEGENDA
1.10 SCHEMA IDRAULICO TIPICO IMPIANTO HPE/C - ACS (abbinamento con pannelli solari)
schema sono a cura dell installatore.
Tutti gli altri componenti indicati nello
- filtro acqua a rete (montaggio esterno)
- valvola di sicurezza
- vaso di espansione
- pompa ad elevata prevalenza
Fig. 3
- serbatoio riscaldamento / raffreddamento
dell apparecchio:
Dotazione di serie circuito idraulico interno
Modelli HPE/C - ACS
Pag. 10
kPa
Portata acqua
Prevalenza utile
l
kg/h
Pressione sonora (2)
Capacità serbatoio
dB(A)
Numero ventilatori / Diametro
35,8
40,8
39,3
Heat
12,04 11,92
29,5
Cool
43,7
Heat
13,23 14,07
36,8
Cool
HPE 44
19,8
2,38
2,82
130
19,0
25,3
2,22
2,80
135
25,2
28,1
2,53
2,80
175
27,4
23,7
400 V 3N ~ 50Hz
21,8
28,9
41,5
44,2
45,7
2 / 500
12.000
24
30,4
48,4
49,4
2 / 500
14.640
Classe I secondo norme CEI - EN
19,6
33,7
51,2
52,5
2 / 560
17.400
31,4
150
100
136
190
160
195
147
100
150
140
108
74
3.010 3.715 3.748 4.588 4.019 5.325 5.079 6.756 6.330 7.516
35,5
9,11
31,0
Heat
HPE 39
10,56 10,97 13,98 14,05 15,20 15,60
8,52
23,4
Cool
HPE 31
11,27 12,99 13,66 17,19 17,49 18,70 19,42
2,95
2 / 500
19,0
11,31
2,55
2 / 450
16,4
9,50
2,84
16,3
9,05
7,77
26,7
Heat
130
16,0
9,20
7,84
21,8
Cool
8.800
98
13,7
7,60
7,80
21,6
Heat
HPE 27
6.900
16,0
A
3
9,20
2,47
13,0
7,50
kW
A
A
m /h
n°/ mm
Portata aria max.
Codice IP di protezione
Classe di protezione
Tensione di alimentazione
Corrente assorbita max. (1)
Potenza elettrica assorbita max. (1)
E.E.R. - C.O.P.
Corrente di spunto
Corrente assorbita totale
kW
6,70
kW
Potenza elettrica assorbita compressore
Potenza elettrica assorbita totale
17,5
Cool
HPE 22
kW
U.M.
Potenzialità termica (raffreddamento / riscaldamento)
Descrizione
1.9 TABELLA DATI TECNICI HPE/C 22-27-31-39-44
Pag. 11
360
Dati e prestazioni riferiti alle seguenti condizioni:
Raffreddamento: aria esterna 35 °C b.s.; acqua ingresso 12 °C; ∆T 5 °C
Riscaldamento: aria esterna 7 °C b.s. 6 °C b.u.; acqua ingresso 40 °C; ∆T 5 °C
(1) raffreddamento: aria esterna 45 °C b.s.; acqua ingresso 20 °C; ∆T 5 °C
(1) riscaldamento: aria esterna 20 °C b.s. ; acqua ingresso 50 °C; ∆T 5 °C
(2) misurata a 10 m di distanza in campo libero
355
kg
Peso a vuoto
328
805
mm
Profondità
Dimensioni
30
50
20
1.933
30
50
20
11.700
0
20
45
Heat
6,5
Cool
HPE 39
370
1.438 / 1.302
R407C
11.500
1.365
35
mm
mm
0
20
Altezza (con e senza boccagli ventilatori)
Larghezza
12.000
30
50
45
10.800
0
20
20
g
30
50
45
-10
6,0
3
1" 1/4 F
Cool Heat
7,5
HPE 31
Carica gas refrigerante
0
20
20
Heat
5,9
Cool
HPE 27
%
°C
°C
Temperatura acqua ingresso minima
Temperatura acqua ingresso massima
45
6
Heat
5,1
Cool
HPE 22
Contenuto massimo glicole
Gas refrigerante
°C
°C
Limiti di funzionamento
Temperatura esterna b.s. minima
Temperatura esterna b.s. massima
l
bar
l
U.M.
Contenuto acqua circuito idraulico
Capacità vaso di espansione
Pressione max.
Attacchi idraulici
Descrizione
1.9 TABELLA DATI TECNICI HPE/C 22-27-31-39-44 (continua da pag.8)
6,8
30
50
20
Heat
10
390
18.200
0
20
45
Cool
HPE 44
1.9 TABELLA DATI TECNICI CALDAIA
DESCRIZIONE
CALDAIA
Combustibile
Pressione gas di rete (nominale)
G20
G30
G31
20
28-30
37
Categoria apparecchio
mbar
II2H3+
Tipo apparecchio (*)
B22 - C12 - C32 - C42 - C52 - C62 - C82
Portata termica nominale (Qn)
massima
Potenza utile nominale (Pn)
massima
34,5
minima
minima
Rendimento utile a Pn max/min
Rendimento utile al 30% di Pn
kW
15
kW
31,7
kW
12,9
kW
92/85.5
%
88,8
Temperatura fumi (! T) a Pn max
110
123
%
120
°C
Temperatura fumi (! T) a Pn min
92
110
104
°C
Portata massica fumi a Pn max
0,013
0,014
0,014
kg/s
Portata massica fumi a Pn min
0,006
0,006
0,006
kg/s
CO2 a Pn max
6,70
8
7,8
%
CO2 a Pn min
2,75
3,25
3,75
%
CO a Pn max (0% di O2)
83
124
86
mg/kWh
CO a Pn min (0% di O2)
133
142
102
mg/kWh
NOx a Pn max (0% di O2)
108
278
267
mg/kWh
NOx a Pn min (0% di O2)
101
140
160
mg/kWh
Classe NOx
3
Temperatura massima ammessa
90
°C
Pressione massima ammessa circuito riscaldamento
3
bar
Contenuto acqua caldaia
1
l
230~50
V~Hz
62
W
Alimentazione elettrica
Potenza elettrica assorbita
Grado di protezione elettrica
X5D
IP
Perdita al camino a bruciatore acceso a Pn max
7,1
%
Perdita al camino a bruciatore spento
0,1
%
Perdite al mantello a Pn max
0,9
%
! p minimo al pressostato aria
1,75
mbar
47
db
Rumorosità
DESCRIZIONE
Pressione di rete nominale
Pressione agli ugelli
Portata
Ugelli bruciatore
P.C .I.
Indice di Wobbe
G20 (gas naturale)
20
massima
11,5
minima
1,3
3,60
1,35
8127
45,67
(*) Temp.: 15°C; Press.:1013 mbar.
Pag. 12
G30 (G.P.L.)
28 - 30
27,5
5,3
1,06
0,82
21810
80,58
G31 (G.P.L.)
37
35,7
6,7
1,37
0,82
22140
70,69
mbar
mbar
mbar
m3/h
Ø mm
kcal/m3
MJ/m3
Pag. 13
Controllo sequenza fasi
Segnalazione blocco
Contatto per HEAT/COOL remoto
Contatto per ON/OFF remoto
Controllo elettronico
Contattore
Elettrovalvola intercettazione liquido
Fusibile 5A
Fusibile 10A
Filtro di rete
Pressostato di massima
Interruttore portafusibile (F32A)
Pressostato di minima
Motore compressore
Motori ventilatori
Pompa acqua
Pressostato lato acqua interno
Rel pompa acqua
Resistenza compressore 65W
Resistenza antigelo (non fornita di serie)
Pulsante di sblocco
Spia di blocco
Spia di funzionamento
Scheda comando/controllo
Segnale di sblocco
Sonda acqua ingresso
Sonda acqua uscita
Sonda scambiatore aria/gas
Termiche ventilatori Mv1/Mv2
Trasformatore di alimentazione
Valvola inversione ciclo
Collegamento da eseguire
Collegamento di serie
N.B.: Per il collegamento della resistenza elettrica (Rs)
indispensabile limitare il carico elettrico ai morsetti (R-R),
quindi interporre un rel di controllo qualora l assorbimento sia maggiore di 2A (250V) resistivi.
LEGENDA
3UG3
=
B4
=
CP1
=
CP2
=
Cr
=
Ct
=
Ev
=
F1
=
F3
=
Fr
=
Hp
=
Ip
=
Lp
=
Mc
=
Mv1-Mv2 =
P
=
Pr
=
R
=
Rc
=
Rs
=
S
=
SB
=
SF
=
Scc
=
S3
=
St1
=
St2
=
St3
=
St4
=
Tr
=
Vi
=
----=
___
=
1.10 SCHEMA ELETTRICO HPE/C 22
Fig.4
Pag. 14
N.B.: Per il collegamento della resistenza elettrica (Rs)
indispensabile limitare il carico elettrico ai morsetti (R-R),
quindi interporre un rel di controllo qualora l assorbimento sia maggiore di 2A (250V) resistivi.
LEGENDA
3UG3
= Controllo sequenza fasi
B4
= Segnalazione blocco
CP1
= Contatto per HEAT/COOL
remoto
CP2
= Contatto per ON/OFF
remoto
Cr
= Controllo elettronico
Ct
= Contattore
Ev
= Elettrovalvola
intercettazione liquido
F1
= Fusibile 5A
F2
= Fusibile 8A
F3
= Fusibile 10A
Fr
= Filtro di rete
Hp
= Pressostato di massima
Ip
= Interruttore portafusibile (F32A)
Lp
= Pressostato di minima
Mc
= Motore compressore
Mv1-Mv2 = Motori ventilatori
P
= Pompa acqua
Pr
= Pressostato lato acqua interno
R
= Rel pompa acqua
Rc
= Resistenza compressore 65W
Rs
= Resistenza antigelo (non fornita di serie)
S
= Pulsante di sblocco
SB
= Spia di blocco
SF
= Spia di funzionamento
Scc
= Scheda comando/controllo
S3
= Segnale di sblocco
St1
= Sonda acqua ingresso
St2
= Sonda acqua uscita
St3
= Sonda scambiatore aria/gas
St4
= Termiche ventilatori Mv1/Mv2
Tk
= Scheda modulazione Mv1/Mv2
Tr
= Trasformatore di alimentazione
Vi
= Valvola inversione ciclo
----= Collegamento da eseguire
___
= Collegamento di serie
1.10 SCHEMA ELETTRICO HPE/C 27-31-39
Fig.5
Pag. 15
=
=
=
=
=
=
=
=
=
=
=
=
=
=
=
=
=
=
=
=
=
=
=
=
=
=
=
=
=
=
=
=
=
=
=
=
=
Controllo sequenza fasi
Segnalazione blocco
Contatto per HEAT/COOL remoto
Contatto per ON/OFF remoto
Controllo elettronico
Contattore
Elettrovalvola intercettazione
liquido
Fusibile 5A
Fusibile 8A
Fusibile 15A
Filtro di rete
Pressostato di massima
Interruttore portafusibile (F40A)
Pressostato di minima
Motore compressore
Motori ventilatori
Pompa acqua
Pressostato lato acqua interno
Rel pompa acqua
Resistenza compressore 75W
Resistenza antigelo (non fornita di serie)
Pulsante di sblocco
Spia di blocco
Spia di funzionamento
Scheda comando/controllo
Segnale di sblocco
Sonda acqua ingresso
Sonda acqua uscita
Sonda scambiatore aria/gas
Termiche ventilatori Mv1/Mv2
Termica compressore
Termiche ventilatori
Scheda modulazione Mv1/Mv2
Trasformatore di alimentazione
Valvola inversione ciclo
Collegamento da eseguire
Collegamento di serie
N.B.: Per il collegamento della resistenza elettrica (Rs)
indispensabile limitare il carico elettrico ai morsetti (R-R),
quindi interporre un rel di controllo qualora l assorbimento sia maggiore di 2A (250V) resistivi.
F1
F2
F3
Fr
Hp
Ip
Lp
Mc
Mv1-Mv2
P
Pr
R
Rc
Rs
S
SB
SF
Scc
S3
St1
St2
St3
St4
Thc
Thv
Tk
Tr
Vi
----___
LEGENDA
3UG3
B4
CP1
CP2
Cr
Ct
Ev
1.10 SCHEMA ELETTRICO HPE/C 44
Fig. 6
1.10 SCHEMA ELETTRICO CALDAIA
TA
PAC
CI
VE
VG
CH
MVG
TST
PAR
ER
EA
RS
Collegamento termostato ambiente
Pressostato acqua
Collegamento circolatore
Ventilatore
Valvola gas
Sonda riscaldamento
Modulatore valvola gas
Ter mostato sicurezza
Pressostato aria
Elettrodo di controllo combustione
Elettrodo accensione
Pulsante di sblocco scheda
CN
FU
B4
S3
T2
T1
N
L
Spia di funzionamento
Spia di blocco
Connettore 7 poli
Fusibile
Segnalazione blocco
Segnale di sblocco
Ingresso per TA (fase)
Fase per alimentazione circolatore
Neutro
Linea
Terra
Fig. 7
Pag. 16
Pag. 17
Controllo sequenza fasi
Attuatore termostatico
Segnalazione blocco
Contatto per HEAT/COOL remoto
Contatto per ON/OFF remoto
Controllo elettronico
Contattore
Elettrovalvola intercettazione liquido
Fusibile 5A
Fusibile 10A
Fusibile 2A
Filtro di rete
Pressostato di massima
Interruttore portafusibile (F32A)
Pressostato di minima
Motore compressore
Motori ventilatori
Pompa acqua
Pressostato lato acqua interno
Relè pompa acqua
Resistenza compressore 65W
Resistenza antigelo (non fornita di serie)
Pulsante di sblocco
Spia di blocco
Spia di funzionamento
Scheda comando/controllo
Segnale di sblocco
Sonda acqua ingresso
Sonda acqua uscita
Sonda scambiatore aria/gas
Sonda temperatura esterna
Termostato boiler (non fornito) o consenso produzione ACS (ON = contatto chiuso)
Trasformatore di alimentazione
Valvola inversione ciclo
Collegamento da eseguire
Collegamento di serie
N.B.: Per il collegamento della resistenza elettrica (Rs)
è indispensabile limitare il carico elettrico ai morsetti (R-R),
quindi interporre un relè di controllo qualora l’assorbimento sia maggiore di 2A (250V) resistivi.
LEGENDA
3UG3
=
At
=
B4
=
CP1
=
CP2
=
Cr
=
Ct
=
Ev
=
F1
=
F3
=
F4
=
Fr
=
Hp
=
Ip
=
Lp
=
Mc
=
Mv1-Mv2 =
P
=
Pr
=
R
=
Rc
=
Rs
=
S
=
SB
=
SF
=
Scc
=
S3
=
St1
=
St2
=
St3
=
St4
=
Tacs
=
Tr
=
Vi
=
----=
___
=
1.10 SCHEMA ELETTRICO HPE/C 22 - ACS
Fig.8
Pag. 18
N.B.: Per il collegamento della resistenza elettrica (Rs)
indispensabile limitare il carico elettrico ai morsetti (R-R),
quindi interporre un rel di controllo qualora l assorbimento sia maggiore di 2A (250V) resistivi.
LEGENDA
3UG3 = Controllo sequenza fasi
At
= Attuatore termostatico
B4
= Segnalazione blocco
CP1 = Contatto HEAT/COOL remoto
CP2 = Contatto per ON/OFF remoto
Cr
= Controllo elettronico
Ct
= Contattore
Ev
= Elettrovalvola intercettazione
liquido
F1
= Fusibile 5A
F2
= Fusibile 8A
F3
= Fusibile 10A
F4
= Fusibile 2A
Fr
= Filtro di rete
Hp
= Pressostato di massima
Ip
= Interruttore portafusibile (F32A)
Lp
= Pressostato di minima
Mc = Motore compressore
Mv1-2 = Motori ventilatori
P
= Pompa acqua
Pr
= Pressostato lato acqua interno
R
= Rel pompa acqua
Rc
= Resistenza compressore 65W
Rs
= Resistenza antigelo (non fornita di serie)
S
= Pulsante di sblocco
SB = Spia di blocco
SF
= Spia di funzionamento
Scc = Scheda comando/controllo
S3
= Segnale di sblocco
St1 = Sonda acqua ingresso
St2 = Sonda acqua uscita
St3 = Sonda scambiatore aria/gas
St4 = Sonda temperatura esterna
Tacs = Termostato boiler (non fornito) o consenso produzione ACS (ON = contatto chiuso)
Tr
= Trasformatore di alimentazione
Vi
= Valvola inversione ciclo
----- = Collegamento da eseguire
___ = Collegamento di serie
1.10 SCHEMA ELETTRICO HPE/C 27-31-39 - ACS
Fig.9
Pag. 19
N.B.: Per il collegamento della resistenza elettrica (Rs)
indispensabile limitare il carico elettrico ai morsetti (R-R),
quindi interporre un rel di controllo qualora l assorbimento sia maggiore di 2A (250V) resistivi.
LEGENDA
3UG3 = Controllo sequenza fasi
At
= Attuatore termostatico
B4
= Segnalazione blocco
CP1 = Contatto HEAT/COOL remoto
CP2 = Contatto per ON/OFF remoto
Cr
= Controllo elettronico
Ct
= Contattore
Ev
= Elettrovalvola intercettazione
liquido
F1
= Fusibile 5A
F2
= Fusibile 8A
F3
= Fusibile 15A
F4
= Fusibile 2A
Fr
= Filtro di rete
Hp
= Pressostato di massima
Ip
= Interruttore portafusibile (F 40A)
Lp
= Pressostato di minima
Mc = Motore compressore
Mv1-2 = Motori ventilatori
P
= Pompa acqua
Pr
= Pressostato lato acqua interno
R
= Rel pompa acqua
Rc
= Resistenza compressore 75W
Rs
= Resistenza antigelo (non fornita di serie)
S
= Pulsante di sblocco
SB = Spia di blocco
SF
= Spia di funzionamento
Scc = Scheda comando/controllo
S3
= Segnale di sblocco
St1 = Sonda acqua ingresso
St2 = Sonda acqua uscita
St3 = Sonda scambiatore aria/gas
St4 = Sonda temperatura esterna
Tacs = Termostato boiler (non fornito) o consenso produzione ACS (ON = contatto chiuso)
Thc = Termica compressore
Thv = Termiche ventilatori
Tr
= Trasformatore di alimentazione
Vi
= Valvola inversione ciclo
----- = Collegamento da eseguire
___ = Collegamento di serie
1.10 SCHEMA ELETTRICO HPE/C 44 - ACS
Fig.10
Pag. 20
1.11 DIMENSIONI E INGOMBRI HPE/C 22-27-31-39-44
Fig. 11
1.11 COMPONENTI PRINCIPALI CALDAIA
LEGENDA
1
2
3
4
5
Sonda di mandata
Pressostato mancanza acqua
Bruciatore
Elettrodo di ionizzazione
Elettrodo di accensione
6 Scambiatore
7 Ventilatore
8 Presa fumi
9 Pressostato fumi
10 Quadro elettrico
11 Valvola gas
Fig. 12
Pag. 21
Pag. 22
1.11 DIMENSIONI E INGOMBRI HPE/C 22-27-31-39-44 - ACS
Fig. 13
Pag. 23
1.11 POSIZIONE ATTACCHI E CIRCUITERIA IDRAULICA HPE/C - ACS
Fig. 14
1.12 GRAFICI E TABELLE DI PRESTAZIONI
I grafici riportati in questo capitolo possono essere utilizzati per determinare le caratteristiche
di funzionamento degli apparecchi in condizioni
operative differenti rispetto ai valori nominali a
cui fanno riferimento le tabelle dei dati tecnici.
Nell'uso dei grafici occorre considerare che:
- il salto termico dell'acqua è considerato costante
al valore di 5°C sia in cool che in heat: per ∆T
differenti è possibile correggere i valori di potenza frigorifera o termica utilizzando gli indici
riportati nelle tabelle 3-4;
- salvo dove altrimenti specificato il liquido vettore utilizzato è acqua con calore specifico pari a
1 kcal/kg °C;
- l'utilizzo di soluzioni antigelo con glicole etilenico,
concentrazione max pari al 35%, comporta la
correzione dei valori di potenza frigorifera ed
elettrica secondo quanto riportato nei grafici
5-6;
- la potenza elettrica assorbita viene distinta in
potenza assorbita dal solo compressore e potenza totale assorbita dalla macchina, comprendente, oltre all'assorbimento del compressore,
anche quelli di tutti gli ausiliari come i ventilatori, il controllo elettronico e, nel caso della
Versione Idro, la pompa dell'acqua.
- i valori di potenza termica nelle macchine HPE
riportati nel grafico 2 sono al netto dello
sbrinamento con umidità costante 87%;
- i grafici per la determinazione del vaso di
espansione integrativo (grafici 7 - 8 - 9) sono
stati costruiti considerando l'utilizzo di acqua e
soluzione antigelo con differenti concentrazioni in peso di glicole etilenico e di escursione
termica del liquido termovettore:
acqua ........................ Tmax= 58°C, Tmin= 3°C;
acqua + glicole al 10% Tmax= 58°C, Tmin= -2°C;
acqua + glicole al 20% Tmax= 58°C, Tmin= -4°C;
acqua + glicole al 35% Tmax= 58°C, Tmin= -15°C
1.12.1 Utilizzo dei grafici
Grafici 1-2: Indici di correzione potenza frigorifera e termica in funzione della T acqua
e della T aria bs.
Consentono di determinare la potenza frigorifera o termica offerta dalla macchina, note la temperatura dell'aria e la temperatura dell'acqua in
ingresso.
- Funzionamento in modo Cool
Esempio A: con una temperatura aria b.s. pari
a 30°C ed acqua in ingresso a 18°C, si ricava
dal grafico 1 un indice di correzione uguale a
1,215; moltiplicando tale coefficiente per la potenza dichiarata (per es. 21,8 kW per la HPE 27)
si ottiene la potenza frigorifera ottenibile alle condizioni operative considerate.
- Funzionamento in modo Heat
Esempio B: con una temperatura aria b.s. pari
a 0°C ed acqua in ingresso a 30°C, si ricava dal
grafico 2 un indice di correzione uguale a 0,78;
moltiplicando tale coefficiente per la potenza dichiarata (per es. 26,7 kW per la HPE 27) si ottiene la potenza termica ottenibile alle condizioni
operative considerate.
Grafici 3-4: Indici di correzione potenza elettrica assorbita in funzione della T acqua e
della T aria b.s.
Consentono di valutare la potenza elettrica complessiva assorbita dalla macchina, note la temperatura dell'aria e la temperatura dell'acqua in
ingresso.
- Funzionamento in modo Cool
Esempio C: con una temperatura aria b.s. pari
a 30°C ed acqua in ingresso a 18°C, si ricava
dal grafico 3 un indice di correzione uguale a
0,94; moltiplicando questo coefficiente per la po-
Tab. 3: Indici di correzione potenza termica in modo cooling - Variabile ∆T acqua con temperatura aria
in. Bs. 35°C
Descrizione
Indice di correzione
Salto termico acqua
5°C
8°C
1,00
0,99
3°C
0,97
10°C
*
Tab. 4: Indici di correzione potenza termica in modo heating - Variabile ∆T acqua con aria ingresso
7°C bs. e 87% u.r.
Descrizione
Indice di correzione
3°C
1,011
Pag. 24
Salto termico acqua
5°C
8°C
1,000
0,970
10°C
0,965
tenza dichiarata (per es. 8,32 kW per la HPE 27)
si ottiene la potenza elettrica assorbita totale alle
condizioni operative considerate.
- Funzionamento in modo Heat
Esempio D: con una temperatura aria bs. pari a
0°C ed acqua in ingresso a 30°C, si ricava dal
grafico 4 un indice di correzione uguale a 0,81;
moltiplicando questo coefficiente per la potenza
dichiarata (per es. 8,35 kW per la HPE 27) si
ottiene la potenza elettrica assorbita totale alle
condizioni operative considerate.
Grafico 5-6: Indici di correzione della potenza frigorifera ed elettrica, in funzione della
percentuale di glicole e della temperatura
della soluzione in ingresso alla macchina
assumendo un salto termico di 5 °C.
Permette di determinare la potenza frigorifera ed
elettrica offerta dalla macchina in funzione della
percentuale di glicole e della temperatura della
soluzione in ingresso, quando la macchina funziona in modalità Cool.
- Funzionamento in modo Cool
Esempio E: per una percentuale di glicole pari
al 30% ed una temperatura della soluzione in
ingresso alla macchina di -2°C, si ricava dal grafico 5 un indice di correzione della potenza frigorifera pari a 0,585; moltiplicando tale indice
per la potenza dichiarata (per es. 21,8 kW per la
HPE 27) si ricava la potenza frigorifera ottenibile
alle condizioni operative considerate.
Esempio F: per una percentuale di glicole pari
al 30% ed una temperatura della soluzione in
ingresso alla macchina di -2°C, si ricava dal grafico 6 un indice di correzione della potenza elettrica pari a 0,942; moltiplicando tale indice per la
potenza dichiarata (per es. 8,32 kW per la HPE
27) si ricava la potenza frigorifera ottenibile alle
condizioni operative considerate.
Grafici 7-8-9: Vaso di espansione RPE/HPE
22, RPE/HPE 27-31-39, RPE/HPE 44
Consentono di determinare il volume del vaso di
espansione integrativo da installare, qualora il
volume complessivo dell'impianto, in funzione
della percentuale di glicole etilenico presente nel
liquido vettore, ecceda il valore limite individuato dall'intersezione della curva con l'asse del "Volume di impianto".
Esempio G: utilizzando le macchine HPE/RPE
27-31-39, per un impianto idrico con sola acqua
di volume pari a 1.100 litri, dal grafico si evince
che il vaso di espansione supplementare dovrà
avere una capacità pari a 19 litri; lo stesso impianto funzionante con soluzione acqua - glicole
al 35% necessiterà di un vaso integrativo di capacità pari a 36 litri.
Grafico 10: Prevalenza utile
Consente di valutare la prevalenza utile resa disponibile dalla macchina, nota la portata massica
dell'acqua o viceversa.
Grafico 11: Indici di correzione della prevalenza utile
Permette di valutare la prevalenza utile resa disponibile dalla macchina, a partire dal valore
determinato a mezzo del grafico "prevalenza utile", nota la percentuale di glicole etilenico utilizzato e la temperatura media tra ingresso e uscita dalla macchina della soluzione stessa.
Esempio H: ad una soluzione glicolata al 10%
con temperatura media di 30°C corrisponde un
coefficiente correttivo pari a 0.975; dividendo per
questo fattore il valore di salto pressorio ricavato dal grafico "prevalenza utile" relativamente ad
una macchina e ad una data portata massica, si
ottiene la prevalenza utile a disposizione tra ingresso e uscita della macchina stessa.
Grafico 12: Riporta la potenza termica della pompa di calore, della caldaia e totale dei diversi
modelli, in funzione della temperatura bs dell'aria esterna e per una temperatura dell'acqua
in ingresso alla macchina pari a 45°C.
Consente di determinare la potenza termica offerta dalla macchina nelle due modalità di funzionamento: INTEGRAZIONE, SOSTITUZIONE.
- Modalità integrazione
Esempio I: considerando il modello HPE-C 39, si
ricava dal grafico che per temperature dell'aria esterna superiori a 4°C (per es. 10°C), la macchina fornisce una potenza termica di 42,0 kW, dovuta al
solo funzionamento della pompa di calore. Per temperature dell'aria esterna inferiori a 4°C (per es.
0°C), la macchina fornisce una potenza termica di
62,0 kW, dovuto al funzionamento contemporaneo
della pompa di calore e della caldaia.
- Modalità sostituzione
Esempio L: considerando il modello HPE-C 39, si
ricava dal grafico che per temperature dell'aria esterna
superiori a 4°C (per es. 10°C), la macchina fornisce
una potenza termica di 42,0 kW, dovuta al solo funzionamento della pompa di calore. Per temperature
dell'aria esterna inferiori a 4°C (per es. 0°C), la macchina fornisce una potenza termica di 32,0 kW, dovuto al funzionamento della sola caldaia.
I grafici sono stati realizzati sulla base di valori
ottenuti mediante misure di laboratorio effettuate dal produttore. Non è consentito riprodurre, utilizzare o cedere per fini diversi dall'utilizzo del prodotto, i grafici, disegni, modelli, programmi e descrizioni del prodotto stesso contenuti nel presente manuale od in altri
documenti messi a disposizione da parte della A2B S.r.l.
Pag. 25
Grafico 1
RPE
HPE22-70
22-44 - In dici di correzion e poten za frigorifera
Variabili: temperatu re acqu a in gresso e aria
1,35
Temperatura acqua ingresso
1,3
Indice di correzione
1,25
1,2
1,15
1,1
20 °C
1,05
18 °C
1
16 °C
0,95
14 °C
0,9
12 °C
0,85
10 °C
0,8
15
20
25
30
35
40
45
50
Temperatura aria b.s. (°C)
Grafico 2
1,3
30 °C
35 °C
Indici di correzione
1,2
40 °C
1,1
45 °C
50 °C
1
0,9
0,8
0,7
0,6
-7 -6 -5 -4 -3 -2 -1 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17
Temperatura aria b.s. °C
Pag. 26
Temperatura acqua ingresso
HPE
HPE22-70
22-44 - In dici di correzion e poten za termica
Variabili: temperatu re acqu a in gresso e aria b.s. (u .r. 87%)
Grafico 3
RPE
HPE22-70
22-44 - In dici di correzion e poten za elettrica assorbita
Variabili: T emperatu re acqu a in gresso e aria
1,25
18 °C
1,2
16 °C
1,15
14 °C
1,1
12 °C
Temperatura acqua ingresso
Indici di correzione
20 °C
10 °C
1,05
1
0,95
0,9
0,85
0,8
0,75
15
20
25
30
35
40
45
50
Temperatura aria b.s. (°C)
Grafico 4
HPE
HPE22-70
22-44 - In dici di correzion e poten za elettrica assorbita
Variabili: temperatu re acqu a in gresso e aria b.s. (u .r. 87%)
1,3
50 °C
Indici di correzione
1,2
45 °C
1,1
40 °C
1
35 °C
0,9
30 °C
0,8
0,7
-8 -7 -6 -5 -4 -3 -2 -1 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17
Temperatura aria b.s. (°C)
Pag. 27
Grafico 5
In dici di correzion e poten za frigorifera
Variabile: % di glicole
Indice di correzione potenza frigorifera
1
0,95
0,9
0,85
0,8
0,75
0,7
0,65
16%
0,6
23%
0,55
30%
0,5
-5
-4 -3
-2
-1
0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10 11 12 13
Temperatura soluzione ingresso allo scambiatore ∆T 5 °C
Grafico 6
In dici di correzion e poten za elettrica
Variabile: % di glicole
Indice di correzione potenza elettrica
1,04
1,02
1
0,98
16%
0,96
23%
0,94
30%
0,92
0,9
-5
-4
-3
-2
-1
0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10 11 12 13
Temperatura soluzione ingresso scambiatore ∆T 5 °C
Pag. 28
Grafico 7
Volume vaso di espansione integrativo (litri)
RPE/HPE
HPE 22-44
22 - Volu me vaso di espan sion e in tegrativo
Variabili: volu me impian to e % di glicole
90
80
35%
70
20%
10%
60
50
0%
40
30
20
10
0
50
250
450
650
850
1050 1250 1450 1650 1850 2050 2250
Volume impianto (litri)
Volume vaso di espansione integrativo (litri)
Grafico 8
22-44 - Volume vaso di espansione integrativo
RPE/HPE HPE
27-31-39
Variabili: volume impianto e % di glicole
100
35%
90
20%
80
10%
70
60
0%
50
40
30
20
10
0
100
350
600
850
1100
1350
1600
Volume impianto (litri)
Pag. 29
1850
2100
2350
2600
Volume vaso di espansione integrativo (litri)
Grafico 9
HPE 22-44
RPE/HPE
44 - Volume vaso di espansione integrativo
Variabili: volume impianto e % di glicole
100
90
35%
80
20%
70
10%
60
0%
50
40
30
20
10
0
100
350
600
850
1100
1350
1600
1850
2100
2350
2600
Volume impianto (litri)
Grafico 10
HPE22-44
22-44 - Prevalenza utile (Temp. acqua 10°C)
RPE/HPE
Variabile: portata acqua per modello macchina
400
44
Prevalenza utile (kPa)
350
300
31
250
27
200
22
39
150
100
50
0
0
2000
4000
6000
Portata acqua (kg/h)
Pag. 30
8000
10000
Grafico 11
Indici di correzione
RPE/HPE
HPE22-70
22-44 - In dici di correzion e prevalen za u tile
Variabili: temperatu ra dell'acqu a e % di glicole
1,55
1,50
1,45
1,40
1,35
1,30
1,25
1,20
1,15
1,10
1,05
1,00
0,95
0,90
0,85
30%
20%
10%
0%
-15 -10 -5
0
5
10
15
20
25
30
35
40
45
50
55
60
65
Temperatura acqua media (°C)
Grafico 12
HPE/C 22-44 - Potenza termica pompa di calore - caldaia - totale
Variabili: temperatura aria b.s. (u.r. 87%) - modelli
Potenza termica(W)
80.000
75.000
Potenza termica totale
70.000
HPE/C 44
65.000
HPE/C 39
60.000
HPE/C 31
55.000
HPE/C 27
50.000
HPE/C 22
Potenza termica
pompa di calore
HPE 44
HPE 39
45.000
40.000
35.000
HPE 31
Potenza termica caldaia
HPE 27
30.000
HPE 22
25.000
20.000
15.000
10.000
-7
-6
-5
-4
-3
-2
-1
0
1
2
3
4
5
6
7
Temperatura aria bs. (°C)
Pag. 31
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
2. ORGANI DI CONTROLLO E SICUREZZA
LEGENDA SIMBOLI E TASTI:
2.1 MICROPROCESSORE DI CONTROLLO
TASTO MODE seleziona il modo di funzionamento:
- per le versioni HPE (pompa di calore) si ha la
sequenza Standby - Cooling - Heating Stand by;
Nota: nella modalità Menù il tasto assume la funzione UP (freccia su = incremento del valore selezionato)
Il sistema è composto da una scheda elettronica
a microprocessore (fig. 15) con display integrato, accessibile direttamente dall'esterno dell'apparecchio, che permette il controllo dei parametri di funzionamento e sicurezza di cui segue
l'elenco dei principali:
- impostazione del set point e del modo heat o
cool (riscaldamento o raffreddamento);
- impostazione modalità di funzionamento della
caldaia ad "integrazione" o in "sostituzione" alla
pompa di calore
- controllo e visualizzazione delle temperature
dell'acqua in ingresso e in uscita;
- controllo e visualizzazione della temperatura
dello scambiatore aria/gas refrigerante;
- ritardo avviamento compressore;
- controllo della minima temperatura di uscita
dell'acqua;
- controllo sbrinamento (solo pompa di calore);
- visualizzazione delle sicurezze intervenute;
- regolazione della velocità di rotazione dei ventilatori;
- controllo delle resistenze antigelo;
- controllo pressione minima e massima del circuito frigo;
- gestione e visualizzazione allarmi.
TASTO ON-OFF attua l'accensione e lo spegnimento dello strumento nonché il reset degli allarmi.
- Una pressione singola resetta tutti gli allarmi a
riarmo manuale non attivi;
- una pressione prolungata (2 secondi) determina il passaggio da ON (acceso) a OFF (spento) e viceversa;
- a macchina alimentata, in OFF rimane acceso
solo il punto decimale del display.
Nota: nella modalità Menù il tasto assume la funzione DOWN (freccia giù = decremento del valore selezionato).
2.1.1 TASTIERA E FUNZIONI DEL MICROPROCESSORE
Le principali funzioni del microprocessore possono essere attivate agendo sui TASTI del pannello
di controllo (fig. 15).
La pressione contemporanea dei tasti MODE e
ON-OFF, se mantenuta per meno di due secondi, consente di entrare nella modalità Menù e di
salire nei suoi livelli.
Viceversa, se mantenuta per più di due secondi,
consente di scendere progressivamente fino alla
maschera introduttiva (vedi albero menù - fig. 25).
Fig. 15
LED Modo Heat: acceso se la macchina (HPE) è in funzione in riscaldamento.
LED Modo Cool: acceso se la macchina è in funzione in raffreddamento.
LED 1 Compressore: acceso se il
compressore è in funzione.
LED Sbrinamento: acceso se lo
sbrinamento è attivo.
LED Resistenza: acceso se la resistenza antigelo è in funzione.
Da tastiera è quindi possibile accendere o spegnere l’apparecchio, passare dal modo raffreddamento al modo riscaldamento, modificare i
parametri di funzionamento impostati, ricevere
informazioni generali sul sistema, sulla manutenzione e visualizzare i dati di funzionamento
con due livelli di accessibilità diversi per
utilizzatore:
1. Utente;
2. Manutentore.
Ad eccezione del settore "Utente", per entrare in
programmazione è necessario disporre di un
apposito codice di accesso.
Pag. 32
2.1.2 TASTIERA E FUNZIONI DEL MICROPROCESSORE
Di seguito vengono riportate le istruzioni per
accedere alle varie maschere di visualizzazione
e configurazione dell'apparecchio per
l'installatore ed il manutentore:
a) come variare il valore di setpoint;
b) come entrare in programmazione;
c) come visualizzare le ore di funzionamento del
compressore e della pompa idraulica;
d) come visualizzare i valori di funzionamento;
e) come cambiare modalità di funzionamento
della caldaia: “integrazione” o “sostituzione”.
a) Come variare il valore di setpoint
Premere contemporaneamente (per meno di due
secondi) i tasti ON-OFF e MODE per accedere al
primo livello del menù "Set" (fig. 16);
Fig. 18
Per uscire dal menù risalire i livelli dello stesso,
premendo contemporaneamente i tasti ON-OFF
e MODE per più di due secondi fino alla maschera iniziale.
b) Come entrare in programmazione
Premere contemporaneamente (per meno di due
secondi) i tasti ON-OFF e MODE per accedere al
primo livello del menù; premendo i tasti UP o
DOWN spostarsi sulla funzione Password (fig.
19).
Fig. 16
Fig. 19
premere ancora contemporaneamente i tasti
ON-OFF e MODE per accedere al secondo
livello del menù e, con il tasto UP o DOWN,
posizionarsi sulla funzione di settaggio desiderata (Vedi fig. 17 - Set Cooling = Coo o Set
Heating = HEA).
Premere ancora contemporaneamente i tasti ONOFF e MODE per passare alla maschera successiva di inserimento valori.
Utilizzare i tasti UP o DOWN per inserire la
Password con il valore 47 (fig. 20).
Fig. 20
Per uscire dal menù risalire i livelli dello stesso,
premendo contemporaneamente i tasti ON-OFF
e MODE per più di due secondi fino alla
visualizzazione della maschera relativa al ramo
che si desidera visualizzare secondo lo schema
riportato in fig. 20 (struttura dei menù).
Fig. 17
Premere contemporaneamente ON-OFF e MODE
per accedere alla finestra di modifica del setpoint
selezionato. Modificare il setpoint agendo sui
tasti UP o DOWN (fig. 18).
Premere di nuovo i tasti ON-OFF e MODE per
entrare nella famiglia dei sottomenù e ripetere le
operazioni di cui sopra per selezionare il parametro da visualizzare. Per modificare il parametro,
agire sui tasti UP o DOWN.
Pag. 33
Per uscire dal menù risalire i livelli dello stesso,
premendo contemporaneamente i tasti ON-OFF
e MODE per più di due secondi fino alla maschera iniziale.
c) Come visualizzare le ore di funzionamento del compressore e della pompa idraulica
Premere contemporaneamente (per meno di due
secondi) i tasti ON-OFF e MODE per accedere al
primo livello del menù; premendo tasti UP o
DOWN spostarsi sulla funzione Ore funzionamento (OHr - Vedi fig. 21).
Fig. 23
CAMPO TP
Fig. 21
Accedervi premendo contemporaneamente ONOFF e MODE. Muovendosi con UP o DOWN
selezionare la funzione che si intende visualizzare
(Ore compressore = OH1 - Ore pompa =OHP Vedi fig. 22).
t01 = (°C) sonda ST1 temperatura ingresso acqua (fig. 24);
t02 = (°C) sonda ST2 temperatura uscita acqua
t03 = (°C) sonda ST3 temperatura scambiatore
aria/gas refrigerante
t04 = termica ventilatore per RPE/HPE 27-3139; termica compressore per RPE/HPE 44
(valore 0 = contatto aperto, valore1 = contatto chiuso)
CAMPO Err
- - - = nessun allarme attivo;
E** = codice allarme attivo (vedi punto 6.1).
Fig. 22
Premere contemporaneamente ON-OFF e MODE
per visualizzare il parametro selezionato.
Per uscire dal menù risalire i livelli dello stesso,
premendo contemporaneamente i tasti ON-OFF
e MODE per più di due secondi fino alla maschera iniziale.
d) Come visualizzare i valori di funzionamento
Premere contemporaneamente (per meno di due
secondi) i tasti ON-OFF e MODE per accedere al
primo livello del menù; premendo tasti UP o
DOWN spostarsi sulla funzione "Ingressi analogici" (tP) o "Visualizzazione errori" (Err) (fig. 23).
Accedervi premendo contemporaneamente ONOFF e MODE. Muovendosi con UP o DOWN
selezionare il campo che si intende visualizzare,
con le seguenti possibilità:
Fig. 24
Premere ON-OFF e MODE contemporaneamente per visualizzare il valore del campo selezionato.
Per uscire dal menù risalire i livelli dello stesso,
premendo contemporaneamente i tasti ON-OFF
e MODE per più di due secondi fino alla maschera
iniziale.
e) Come cambiare modalità di funzionamento
della caldaia: "integrazione" o "sostituzione"
Esistono due modalità di funzionamento della
macchina:
- Funzionamento Pompa di calore + caldaia ad
integrazione
- Funzionamento Pompa di calore o caldaia
L'apparecchio è programmato in fabbrica per
operare nella prima modalità di funzionamento,
Pag. 34
ma è possibile, accedendo alla programmazione,
impostare la seconda modalità.
Funzionamento Pompa di calore + caldaia ad
integrazione
Premere contemporaneamente (per meno di due
secondi) i tasti ON-OFF e MODE per accedere al
primo livello del menù; premendo i tasti UP o
DOWN spostarsi sulla funzione Password (fig.
19).
Premere ancora contemporaneamente i tasti ONOFF e MODE per passare alla maschera successiva di inserimento valori.
Utilizzare i tasti UP o DOWN per inserire la
Password con il valore 47 (fig. 20).
Per uscire dal menù risalire i livelli dello stesso,
premendo contemporaneamente i tasti ON-OFF
e MODE per più di due secondi fino alla
visualizzazione della maschera relativa al ramo
Parametri di configurazione Pa H e Parametri
antigelo Pa r secondo lo schema riportato in fig.
25 (struttura dei menù).
Premere di nuovo i tasti ON-OFF e MODE per
entrare nella famiglia del sottomenù e ripetere le
operazioni di cui sopra per selezionare i parametri
da modificare Pa H24 e Pa r15. Per modificare i
parametri, agire sui tasti UP o DOWN.
Funzionamento Pompa di calore o caldaia
Premere contemporaneamente (per meno di due
secondi) i tasti ON-OFF e MODE per accedere al
primo livello del menù; premendo i tasti UP o
DOWN spostarsi sulla funzione Password (fig.
19).
Premere ancora contemporaneamente i tasti ONOFF e MODE per passare alla maschera successiva di inserimento valori.
Utilizzare i tasti UP o DOWN per inserire la
Password con il valore 47 (fig. 20).
Per uscire dal menù risalire i livelli dello stesso,
premendo contemporaneamente i tasti ON-OFF
e MODE per più di due secondi fino alla
visualizzazione della maschera relativa al ramo
Parametri di configurazione Pa H secondo lo
schema riportato in fig. 25 (struttura dei menù).
Premere di nuovo i tasti ON-OFF e MODE per
entrare nella famiglia del sottomenù e ripetere le
operazioni di cui sopra per selezionare i parametri
da modificare Pa H24 e Pa H08. Per modificare
i parametri, agire sui tasti UP o DOWN.
Impostare quindi i seguenti valori: Pa H24=2 e Pa
H08=3 (vedi tabella 5).
Per uscire dal menù risalire i livelli dello stesso,
premendo contemporaneamente i tasti ON-OFF
e MODE per più di due secondi fino alla maschera
iniziale.
In questa configurazione la caldaia si attiva, in
sostituzione alla pompa di calore, quando lo
strumento è in ON in modalità HEATING e la
temperatura esterna è inferiore al valore impostato nel parametro Pa r13 (set di fabbrica 2°C). La
riattivazione della pompa di calore avviene quando la temperatura esterna supera il valore Pa
r14+Pa r13.
In questa configurazione la caldaia si attiva nei
seguenti casi:
2.2 PROTEZIONE DEL CIRCUITO FRIGORIFERO
a) in funzione di integrazione, quando lo strumento è in ON in modalità HEATING e la temperatura letta dalla sonda ST1 risulta inferiore al
valore impostato nel parametro Pa r14 (set di
fabbrica 40°C);
La protezione del circuito frigorifero e del compressore viene eseguita attraverso il controllo
della pressione - bassa/alta - nel circuito.
Impostare quindi i seguenti valori: Pa H24=0 e Pa
r15=1 (vedi tabella 5).
b) in funzione di protezione antigelo, quando lo
strumento è in OFF o STAND BY e la temperatura letta dalla sonda ST1 risulta inferiore al
valore impostato nel parametro Pa A11 (set di
fabbrica 2°C);
Quando i valori sono al di fuori dei limiti previsti,
viene attivato un allarme con conseguente blocco
del sistema.
Un controllo della temperatura di condensazione
o evaporazione nello scambiatore aria/gas refrigerante è ad ulteriore protezione del compressore e del circuito. Lo stesso compressore incorpora
Tab.5: Parametri di programmazione per selezione della modalità di funzionamento
Modalità di funzionamento
PaH24
INTEGRAZIONE
0
SOSTITUZIONE
2
Pag. 35
una protezione termica che si attiva a tutela dello
stesso quando le condizioni operative sono al di
fuori dei limiti di funzionamento.
2.3 PROTEZIONE DEL CIRCUITO IDRAULICO
Il pressostato differenziale (montato tra entrata ed
uscita dello scambiatore a piastre) è fornito di serie
su tutte le grandezze e, insieme ad un filtro meccanico a rete metallica che deve essere obbligatoriamente montato sull'aspirazione della pompa, costituiscono le principali protezioni del circuito. Il
pressostato differenziale, interagendo con il microprocessore, ferma il compressore in caso di portata
acqua troppo bassa.
ATTENZIONE! L'intervento dei dispositivi di
sicurezza indica un malfunzionamento potenzialmente pericoloso, pertanto contattare
immediatamente il Servizio Tecnico di Assistenza. L'eventuale sostituzione dei
dispositivi di sicurezza deve essere effettuata dal Servizio Tecnico di Assistenza, utilizzando esclusivamente componenti originali
del costruttore. Dopo aver eseguito la riparazione verificare il corretto funzionamento
della caldaia. La caldaia non deve, neppure
temporaneamente, essere messa in servizio
con i dispositivi di sicurezza non funzionanti
o manomessi.
ATTENZIONE! L'installazione di un flussostato
sulla linea idrica si rende necessaria per
prevenire condizioni di funzionamento anomale non rilevabili dai pressostati differenziali forniti di serie con le macchine.
2.4 CONTROLLO SBRINAMENTO
Lo sbrinamento dello scambiatore aria/gas refrigerante viene eseguito invertendo il ciclo di funzionamento: da heat a cool. Lo sbrinamento ha
una durata massima di cinque minuti ed in genere
si verifica quando la temperatura esterna a bulbo
umido è minore di 6°C. In tali condizioni è normale
che la macchina esegua un ciclo di sbrinamento
ogni ora circa di funzionamento continuo.
2.5 PROTEZIONE DELLA CALDAIA
La caldaia è dotata dei seguenti dispositivi di
sicurezza:
- pressostato acqua che interviene in caso di
insufficiente pressione idraulica (< 0,5 bar);
- termostato di sicurezza totale che interviene
ponendo la caldaia in stato di arresto di sicurezza se la temperatura del circuito supera il limite
massimo consentito di 100 °C;
- pressostato fumi che interviene ponendo la
caldaia in stato di arresto di sicurezza in caso di
anomalia al circuito di scarico fumi.
E' inoltre dotata delle seguenti funzioni:
- antigelo con attivazione al di sotto dei 6 °C e
disattivazione al di sopra dei 15°C;
- antibloccaggio pompa in grado di attivare la
stessa per 30 secondi ogni 24 ore di inattività;
- post-circolazione per una durata di 10 secondi;
- lenta accensione automatica per metano/
GPL.
Pag. 36
STRUTTURA AD ALBERO DEL MENU’
LIVELLO 0
Strumento ON
LIVELLO 1
Setpoint SEt
Ingressi Sonde TP
LIVELLO 2
LIVELLO 3
Impostazione Setpoint Cooling Coo
Valore Setpoint Cooling
Impostazione Setpoint Heating HEA
Valore Setpoint Heating
Ingresso Sonda t01
Valore temperatura acqua ingresso
Ingresso Sonda t02
Valore temperatura acqua uscita
Ingresso Sonda t03
Sonda scambiatore aria/refrigerante
Ingresso Sonda t04
Termica ventilatore (RPE-HPE 25,30,35)
Termica compressore (RPE-HPE 42)
LIVELLO 4
Allarmi Err
Codice allarmi attivi E00
Ingressi digitali Id
Ingressi digitali
Parametri PAr
Parametri Configurazione CnF
Parametri
Valore parametro
Parametri Compressore CP
Parametri
Valore parametro
Parametri Ventilazione FAn
Parametri
Valore parametro
Parametri Allarmi ALL
Parametri
Valore parametro
Parametri Pompa PUP
Parametro P01
Valore parametro
Parametro P02
Valore parametro
Parametro P03
Valore parametro
Parametri Antigelo Fro
Parametri
Valore parametro
Parametri Sbrinamento dFr
Parametri
Valore parametro
Password Pss
Valore password
Ore Funzionamento OHr
Ore Compressore 1 OH1
Numero ore compressore
Ore Compressore 2 OH2
Ore Pompa OHP
Numero ore pompa
Fig. 25
Pag. 37
SEZIONE B - NOTIZIE TECNICHE PER L’INSTALLATORE
3. AVVER TENZE
3.1 QUALIFICAZIONE DELL'INSTALLATORE
ATTENZIONE! E' previsto dalla legislazione
vigente in materia (legge 5 marzo 1990 n. 46
e relativo Regolamento di attuazione) che
l'installazione venga effettuata da una Ditta
abilitata in grado di assicurare, oltre che la
corretta realizzazione dell'impianto, anche le
necessarie verifiche prima della messa in
funzione.
Sono di competenza della stessa ditta
installatrice la prima messa in servizio dell'impianto e le relative verifiche, oltre che la
compilazione iniziale del "libretto di impianto" o "di centrale" ed il rilascio all'utente
della dichiarazione di conformità che attesti
l'esecuzione "a regola d'arte" dell'impianto
(art. 9 della legge 5 marzo 1990 n. 46)
3.2 INFORMAZIONI PRELIMINARI
Prima di iniziare l’installazione necessario assicurarsi che siano state espletate le fasi
progettuali e di ottenimento delle autorizzazioni
eventualmente necessarie (per es.: enti locali Comune, ecc.), oltre alle opportune verifiche tecniche (per es.: valutazione d’impatto acustico e/
o certificazione acustica preventiva di progetto).
A solo titolo di esempio si citano alcune fra le
situazioni ricorrenti che debbono essere affrontate:
- compilazione della relazione tecnica sul rispetto delle prescrizioni in materia di contenimento
del consumo di energia negli edifici, ai sensi
dell’art. 28 della legge 9 gennaio 1991, n.10
- obbligo di progetto per le linee gas con portata
termica > 35 kW (30.000 kcal/h) in edifici civili,
ai sensi dell’art. 6 della legge 5 marzo 1990, n.
46 "Norme per la sicurezza degli impianti"
- istruzione della pratica per la richiesta del Certificato di Prevenzione Incendi presso il locale
Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco, quando necessario (per impianti con portata termica maggiore di 116 kW)
- verifica delle possibili modalit di scarico dei
prodotti della combustione in relazione ad eventuali Regolamenti Locali.
Si raccomanda allo scopo di affidarsi ad un
Termotecnico qualificato che garantisca il
corretto svolgimento delle suddette fasi, siano esse facoltative od obbligatorie.
3.3 TRASPORTO E MANIPOLAZIONE
L’apparecchio viene spedito con protezioni in
cartone e materiale plastico. Esso provvisto di
due traverse in acciaio zincato al di sotto della
base, predisposte per il sollevamento e la
movimentazione, che potranno essere rimosse in
fase di installazione.
L’apparecchio pu essere movimentato da parte
di personale idoneamente equipaggiato e con
SOLLEVAMENTO DELL APPARECCHIO
Fig. 26
Pag. 38
attrezzature adeguate al peso del prodotto, quali
carrello elevatore o transpallet, avendo cura di
distribuire sugli appoggi il peso, che risulta sbilanciato verso il compressore (lato attacchi idrici).
L'eventuale sollevamento tramite cinghie o funi
potrà essere effettuato, in riferimento a quanto
indicato in fig. 26, vincolando le funi a due tubi
metallici robusti inseriti nelle traverse presenti
sotto la base della macchina. Assicurare il blocco
delle funi nei punti di ancoraggio ai tubi tramite
idonei fermi o copiglie di sicurezza; proteggere
tramite cartone o altro materiale adeguato i punti
di contatto tra le funi e l'apparecchio .
ATTENZIONE! Durante il trasporto e la
movimentazione l'apparecchio deve essere
mantenuto esclusivamente in posizione verticale.
All'atto della consegna, controllare che durante il
trasporto non si siano verificati danneggiamenti
visibili sull'imballaggio e/o sull'apparecchio. In
caso di constatazione di danni esporre immediatamente formale reclamo allo spedizioniere. Non
installare apparecchi danneggiati nel trasporto.
E' vietato disperdere nell'ambiente le parti
dell'imballo, o lasciarle alla portata dei bambini in quanto potenziale fonte di pericolo.
3.4 CONTROLLO DEI DATI
Verificare la corrispondenza dell'apparecchio e
delle sue caratteristiche tecniche rispetto a quanto previsto dal progetto o da altri documenti.
L'indicazione del tipo di gas per cui l'apparecchio è predisposto, con relativa pressione di alimentazione, si trova sia sull'esterno
dell'imballaggio che in un'apposita etichetta
posta sul lato interno dello sportello dell'apparecchio.
ATTENZIONE! Qualora il tipo di gas per cui
l'apparecchio è predisposto sia diverso da
quello di effettivo utilizzo, l'operazione di
adattamento potrà essere eseguita dal Centro Assistenza Tecnica autorizzato dalla A2B
S.r.l., su richiesta dell'utente.
3.5 UTILIZZO DELLE ISTRUZIONI
Il presente manuale costituisce parte integrante
del prodotto e deve essere consegnato al proprietario dell'apparecchio affinché lo conservi
accuratamente per qualsiasi utilizzo futuro o per
consultazione.
ATTENZIONE! Quando si esegue l'installazione o si interviene sull'apparecchio osservare tutte le istruzioni riportate in questo manuale e quant'altro applicabile al prodotto
secondo le norme di sicurezza nazionali. Le
modifiche dei collegamenti di ogni genere e/
o il mancato rispetto delle presenti istruzioni
provocano l'immediata decadenza della garanzia e della responsabilità del produttore.
4. INSTALLAZIONE
4.1 INDICAZIONI GENERALI
Nella scelta della posizione di installazione rispettare accuratamente le seguenti indicazioni:
a) l'apparecchio deve essere installato in modo
che le influenze delle strutture adiacenti e/o
gli effetti di condizioni climatiche particolari
(per es.: neve, vento), non compromettano il
funzionamento del prodotto e/o la sicurezza
delle persone e dei beni;
b) l'installazione in zone con atmosfera corrosiva non è consentita; in condizioni climatiche
particolari come per es. in prossimità del mare,
si raccomanda di utilizzare le versioni con
struttura in acciaio inox (fornite a richiesta).
Altrimenti è d'obbligo in questi casi prevedere
una durata di vita inferiore del prodotto e comunque una più frequente ed accurata manutenzione;
c) assicurarsi che non ci siano ostacoli alla libera circolazione dell'aria attraverso gli
scambiatori di calore, per es. evitando l'installazione negli angoli dove è solito il depositarsi di polveri, foglie e quant'altro possa ridurre
l'efficienza degli scambiatori ostruendo il passaggio dell'aria;
d) evitare l'installazione in strettoie, in cavedi o
piccoli cortili, in quanto potrebbero essere favorite le riverberazioni acustiche. Informarsi
circa gli eventuali limiti nelle emissioni acustiche previsti per la zona del territorio comunale in cui si installa l'apparecchio. In caso di
dubbi
è
opportuno
interpellare
preventivamente un tecnico acustico abilitato
per una valutazione dell'impatto, onde prevenire possibili lamentele o contestazioni da parte di terzi;
e) evitare che l'aria espulsa dai ventilatori possa penetrare attraverso porte e/o finestre adiacenti, provocando situazioni di disturbo alle
persone (fig. 27);
f) non installare l'apparecchio in prossimità di
fonti di calore e/o zone a rischio d'incendio;
g) al di sopra dell'apparecchio, nella sua proiezione verticale, non devono essere presenti
balconi, pensiline o oggetti che possano alterare il flusso d'aria dei ventilatori o impedire
Pag. 39
un’agevole manutenzione (per es.: rimozione dall’alto del serbatoio di accumulo);
h) rispettare gli spazi minimi consigliati, in modo
da consentire le operazioni di installazione e
di manutenzione (fig. 28).
i) accertarsi che l’apparecchio sia posizionabile
in modo sicuro e permanente e che la solidit
del piano d’appoggio sia adeguata al suo peso;
j) considerato che le pompe di calore producono condensa durante il funzionamento invernale, provvedere ad un apposito drenaggio e/o incanalamento della stessa, in modo
da evitare situazioni di pericolo dovute per
esempio alla formazione di ghiaccio su zone
di passaggio.
k) per quanto riguarda lo scarico dei prodotti
della combustione, il posizionamento e il
dimensionamento del condotto di scarico
devono essere verificati da un Termotecnico
qualificato.
4.2 OPERAZIONI DI INSTALLAZIONE
4.2.1 Fissaggio dell'apparecchio
L’apparecchio progettato per essere installato
all’aperto e non necessita di un basamento speciale; tuttavia esso deve essere posizionato in
modo sicuro su di un piano d’appoggio orizzontale di capacit portante adeguata.
Nel caso di installazione in appoggio su solai
consigliabile, per evitare possibili trasmissioni di
rumore, interporre materiale isolante o utilizzare
i supporti antivibranti in gomma forniti a richiesta. In quest’ultimo caso, una volta smontate le
traverse di trasporto in acciaio zincato dalla par-
te inferiore dell’apparecchio, i supporti andranno avvitati negli appositi inserti filettati M10.
4.2.2 Collegamenti idraulici
L’installazione dei componenti necessari e la loro
scelta sono di competenza dell’installatore, che
deve operare in conformit alla legislazione vigente e secondo le regole della buona tecnica.
Si raccomanda comunque di rispettare le prescrizioni sotto riportate:
- installare valvole di sfogo aria nei punti pi alti
delle tubazioni;
- il diametro della linea di aspirazione non deve
mai essere inferiore a quello dell’attacco della
macchina;
- limitare la lunghezza orizzontale del condotto
di aspirazione avendo cura di inclinarlo verso
l’alto per almeno il 2%;
- sostenere e fissare in modo adeguato le tubazioni, il cui peso non deve gravare sugli attacchi dell’apparecchio;
- installare valvole di intercettazione sulle tubazioni di mandata e aspirazione dell’acqua per
facilitare le operazioni di manutenzione evitando di scaricare tutto l’impianto;
- utilizzare giunti flessibili per evitare la trasmissione delle vibrazioni negli ambienti da
climatizzare;
- predisporre un adeguato sistema di carico e
reintegro dell’impianto ed un rubinetto di scarico situato nella parte pi bassa dello stesso;
- isolare correttamente le tubazioni per prevenire
dispersioni di calore e formazioni di condensa;
ZONE DI RISPETTO
DISTANZE DI RISPETTO
N.B. - distanze in millimetri
Fig. 28
Fig. 27
Pag. 40
- utilizzare soluzione antigelo (Acqua/Glicole
etilenico in concentrazione max. 35%) qualora la temperatura esterna possa scendere a valori prossimi o inferiori a 1°C e quando è previsto un utilizzo con temperatura
dell'acqua in uscita uguale o inferiore a 3°C;
ATTENZIONE! E' obbligatorio istallare un filtro acqua a rete, in aspirazione nell'attacco
della pompa dell'acqua, pena la decadenza
delle condizioni di garanzia (fig. 29).
no compromettere il corretto funzionamento dell'apparecchio.
Accertarsi della compatibilità tra la potenza termica della caldaia e la capacità dello scambiatore
a servizio del serbatoio di accumulo, in particolare se l’impianto è abbinato ad un collettore solare (in questo caso può essere utile consultare
lo schema di fig.3).
4.2.3 Allaccio gas
Collegare le tubazioni dell'impianto idraulico agli
attacchi di ingresso e uscita acqua poste sulla
fiancata dell'apparecchio e opportunamente contrassegnate da etichette adesive.
In base al progetto di installazione, predisporre
le linee di alimentazione del gas i cui diametri
devono assicurare la portata gas necessaria secondo le tabelle UNI-CIG.
ATTENZIONE! Prima di riempire l'impianto
occorre assicurarsi che le tubazioni non contengano materiale estraneo come sabbia,
scorie, scaglie di ruggine e quant'altro possa danneggiare lo scambiatore. E' buona
norma effettuare il lavaggio dell'impianto,
by-passando l'unità, prima di effettuare il
riempimento dello stesso.
La dimensione dell'attacco dell'alimentazione del
gas G è ¾"M (sulla valvola).
Effettuare il caricamento dell'impianto, avendo
cura di verificare l'apertura delle valvole d'intercettazione e la chiusura del rubinetto di scarico
impianto.
- il tipo di gas sia quello per il quale l'apparecchio è predisposto;
Agire sulle valvole di sfiato dell'impianto e dei
terminali, accertandosi che nel circuito non rimangano bolle d'aria che potrebbero compromettere l'efficienza dell'apparecchio.
Continuare il riempimento fino a raggiungere la
pressione di 1,5 bar letta sul manometro. Verificare a vista la tenuta idraulica dei raccordi e delle giunzioni. Dopo alcune ore di funzionamento
si consiglia di controllare di nuovo la pressione
nell'impianto ed eventualmente effettuare un reintegro.
L'allacciamento della caldaia all'alimentazione del
gas metano deve essere eseguito nel rispetto
delle Norme di installazione vigenti.
Prima di eseguire l'allacciamento è necessario
assicurarsi che:
- le tubazioni siano accuratamente pulite;
- la tubazione di alimentazione gas sia di dimensione uguale o superiore a quella del raccordo
della caldaia (3/4").
Sulla linea gas è consigliato l'impiego di un adeguato filtro e, in posizione facilmente accessibile, un rubinetto d'intercettazione gas manuale.
Terminata la realizzazione verificare la tenuta
della linea gas ed assicurarsi che essa sia stata
INSTALLAZIONE FILTRO ACQUA A RETE
Modelli ACS con produzione di acqua calda
sanitaria: collegare i raccordi d'ingresso e d'uscita sull’apparecchio (diametro 3/4” - vedi figg. 1314) con tubi o raccordi resistenti, oltre che alla
pressione di esercizio, alla temperatura dell'acqua calda, che normalmente può raggiungere gli
80°C. Sono pertanto sconsigliati i materiali che
non resistono a tali temperature.
Collegare inoltre l’apposito raccordo (diam. 3/
4”) alla tubazione per il carico impianto dall’acquedotto.
ATTENZIONE! E' consigliabile effettuare un
lavaggio accurato delle tubazioni dell'impianto per rimuovere eventuali residui di
filettature, saldature o sporcizia che possaPag. 41
Fig. 29
eseguita in conformit con le normative vigenti
sugli impianti a gas (Norme UNI-CIG 7129/’01 e
7131/99; Decreto del Ministero dell’interno del
12 aprile 1996).
SCHEMA ELETTRICO PER HEAT/COOL REMOTO
CP1 = Normalmente aperto COOL, chiuso HEAT
CP2 = Normalmente aperto ON, chiuso OFF
ATTENZIONE! Per gli impianti alimentati con
gas della terza famiglia (G.P.L.) è necessario
montare in prossimità del serbatoio un
riduttore di pressione di "primo stadio", della portata necessaria, in modo da ridurre la
pressione a 1,5 bar (riduttore per media pressione a valle). In prossimità di ogni apparecchio dovrà essere montato un riduttore di
pressione di secondo stadio" di portata adeguata, per ridurre la pressione di alimentazione al valore nominale.
4.3 ALIMENTAZIONE ELETTRICA
Fig. 30
L’apparecchio viene fornito di serie dotato di un
interruttore con fusibili di protezione, oltre ad
un dispositivo di controllo fase. Tutti i modelli
della serie vanno alimentati con tensione 400
V 3N~ 50 Hz, utilizzando cavi di sezione adeguata alla potenza dell’unit ed avendo cura di
rispettare la polarit di sequenza fasi.
legamento al dispositivo esterno (termostato,
centralina solare, ecc.) di consenso alla produzione di acqua calda sanitaria da parte della caldaia. Vedi schemi elettrici figg. 8-9-10
(morsetti 33-34 , contatto chiuso = ON)
Riferirsi a quanto specificato negli schemi elettrici riportati nel presente manuale e alle eventuali indicazioni riportate sull’apparecchio.
4.3.1 Collegamenti elettrici per On/Off e
Heat/Cool remoti
ATTENZIONE! Tutti i collegamenti elettrici
devono essere eseguiti da personale qualificato. Per l'esecuzione dell'impianto elettrico e dei sistemi di sezionamento dalla
rete attenersi alle norme nazionali vigenti
in materia.
E' vietato l'uso dei tubi gas e/o acqua per la
messa a terra dell'apparecchio.
Il
costruttore non è responsabile di eventuali
danni causati dalla mancanza di messa a
terra dell'apparecchio e dall'inosservanza di
quanto riportato negli schemi elettrici.
Accertarsi che le caratteristiche dell’alimentazione elettrica disponibile siano adeguate agli
assorbimenti dell’apparecchio, riportati nelle tabelle dei dati tecnici e sulla targa identificativa
del prodotto, anche compatibilmente con eventuali altri apparecchi utilizzatori presenti nella
stessa utenza.
Terminati gli allacci serrare a fondo gli appositi
pressacavi e assicurasi che facciano la giusta
resistenza ad una prova di trazione manuale del
cavo.
Modelli - ACS con produzione di acqua calda sanitaria: sul quadro elettrico dell apparecchio sono presenti gli appositi morsetti per il col-
Per mezzo di semplici collegamenti elettrici
possibile avviare/spegnere l’apparecchio e/o
selezionare il modo di funzionamento Heat/Cool,
senza agire sulla tastiera del microprocessore
a bordo macchina.
La morsettiera del quadro elettrico predisposta per alloggiare i suddetti collegamenti a distanza. E’ sufficiente collegare ai morsetti 30 e
31F (On/Off) e 30 e 32 (Heat/Cool) i conduttori
degli interruttori per l’attivazione della funzione
richiesta (fig. 30). Solo per le versioni in pompa
di calore, necessario entrare in programmazione nel men Configurazione (CnF) e impostare nel parametro H27 il valore da 0 a 1 (vedi
sezione "Come entrare in programmazione" al
precedente punto 2.1.2).
La potenza circolante nei conduttori non significativa e pertanto sufficiente utilizzare cavi
con sezione pari a 0,75 mm anche per distanze elevate.
I cavi di collegamento per ON/OFF e HEAT/
COOL remoto devono essere posati separati dai conduttori di potenza. Qualora ciò
non sia possibile è obbligatorio utilizzare
cavi opportunamente schermati.
Pag. 42
SCHEMA FUNZIONALE AVVIAMENTO CALDAIA A PROTEZIONE ANTIGELO - MODALITA INTEGRAZIONE
Asse Potenza rel "R"
Isteresi
ATTENZIONE!
Attivo in OFF
e STAND-BY
Rel ON
Rel OFF
SET Antigelo
Temperatura sonda ST1
Impostazioni di serie
Descrizione
Parametro
R7
SET Antigelo
R8
Isteresi
R11
4.4 POMPA IDRAULICA
La pompa idraulica pu essere configurata per
funzionare in due modalit diverse:
1. funzionamento continuo (impostazione di fabbrica);
2. funzionamento alla richiesta di energia (compressore).
Nell impostazione di fabbrica "funzionamento
continuo" la pompa si avvia quando la macchina
viene posta in On, viceversa si spegne quando
la macchina in Off. Di conseguenza quando la
temperatura dell acqua avr raggiunto il valore
Valore U.M.
2
`C
2
`C
2
`C
Nota
attivo in cool
attivo in heat
*
Fig. 31
di SET e verr comandato lo spegnimento del
compressore la pompa rimarr accesa.
Questa condizione garantisce un controllo
ottimale della temperatura dell acqua nell impianto
e pertanto raccomandata per la maggior parte
delle applicazioni.
Qualora si renda necessaria una configurazione
differente possibile selezionare il funzionamento
"alla richiesta di energia" in modo che la pompa
si attivi quando la temperatura dell acqua lo richiede e si spenga con un tempo di ritardo da
quando la stessa temperatura ha raggiunto il
valore di SET (fig. 33).
SCHEMA COLLEGAMENTO
RESISTENZA ELETTRICA COMPRESSORE
LEGENDA
Ct = Contattore compressore
Mc = Motore compressore
F3 = Fusibile
Rc = Resistenza compressore
Fig. 32
Pag. 43
SCHEMA FUNZIONALE POMPA
Asse Potenza relè "R"
Relè ON
Valore SET
(Temp. acqua)
Relè OFF
Relè ON
Compressore
Relè OFF
Relè ON
Pompa
Relè OFF
Ritardo accensione pompa - compressore
Ritardo spegnimento compressore - pompa
Impostazioni di serie
Descrizione
Ritardo ON
Ritardo OFF
Parametro
P02
P03
4.5 UTILIZZO CON BASSE TEMPERATURE
DELL'ACQUA
ATTENZIONE! In modalità raffreddamento,
con temperatura acqua in uscita uguale o
inferiore a 3°C, è indispensabile l'utilizzo di
Glicole Etilenico e la modifica dei parametri
"Antigelo" e "Resistenza Elettrica" come da
tabelle 6-7.
5. AVVIAMENTO
Valore
120
180
U.M.
s
s
Fig. 33
- il fissaggio al piano d'appoggio sia stabile e le
zone di rispetto siano libere da qualsiasi ostacolo o materiale che impediscano l'agevole
accessibilità all'apparecchio;
- i collegamenti idraulici ed elettrici, con particolare attenzione alla messa a terra, siano stati
eseguiti correttamente;
- il filtro dell'acqua fornito in dotazione sia stato
opportunamente installato in aspirazione;
Prima di procedere con la messa in funzione dell'apparecchio occorre accertarsi che:
- i dispositivi di intercettazione, carico, scarico e
sfiato dell'impianto si trovino nelle corrette condizioni operative e siano stati adeguatamente
controllati;
- le condizioni di sicurezza e le prescrizioni riportate nel presente manuale siano state rispettate;
- siano state rispettate le disposizioni e le norme vigenti soprattutto riguardo alla corretta ese-
5.1 VERIFICHE DI PRIMO AVVIAMENTO
Tab 6 - Impostazione set point allarme antigelo per impiego con basse temperature dell'acqua (miscela acqua - glicole etilenico)
Concentrazione Glicole
Etilenico
10%
20%
30%
Set Point allarme
antigelo parametro
A11(°C)
0
-5
-12
Punto di
congelamento (°C)
Limite minimo setpoint
cooling H04
-3
-8
-18
6
1
-6
Pag. 44
cuzione del condotto di evacuazione dei prodotti della combustione e della tubazione di alimentazione gas;
- verificare che la caldaia sia predisposta per il
gas effettivamente in uso. Gli apparecchi vengono consegnati già predisposti in fabbrica per
l'utilizzo di gas metano G20, con pressione di
alimentazione a 20 mbar. Se invece si utilizzano gas della terza famiglia (G.P.L.) è necessario eseguire prima le operazioni descritte al
paragrafo 5.3;
- controllare che i rubinetti d'intercettazione gas
sul contatore ed in prossimità dell'apparecchio
siano aperti. Assicurarsi di aver effettuato lo
spurgo dell'aria presente all'interno della tubazione di alimentazione gas.
ATTENZIONE! L'avviamento dell'apparecchio
in condizioni di mancato rispetto delle prescrizioni del presente manuale e/o delle norme vigenti in materia di sicurezza ed
impiantistica comporta la decadenza delle
condizioni di garanzia.
5.2
MESSA IN FUNZIONE
L'avviamento dell'apparecchio e la selezione del
modo di funzionamento possono essere eseguiti agendo direttamente nella tastiera del microprocessore-tasto ON-OFF e tasto MODE- o, se
presente, dal collegamento remoto delle stesse
funzioni.
Per accedere alla tastiera del microprocessore,
allentare la vite di fissaggio dello sportellino di
protezione e sollevarlo stringendo con le dita gli
appositi fermi a scatto.
Dare tensione all'apparecchio tramite l'interruttore generale d'impianto ed il sezionatore presente
sul quadro elettrico, dopo essersi assicurati delle
condizioni di sicurezza sopra descritte.
Modalità COOL
Dopo aver selezionato il modo ON e se la temperatura di SET è superiore al valore impostato
si avrà una fase di attesa di circa 3 minuti prima
dell'avviamento del compressore. Da questo
momento la macchina funzionerà in modo auto-
matico con cicli di accensione e spegnimento vincolati al raggiungimento della temperatura di SET
e al valore differenziale di temperatura impostato (vedi schema di funzionamento - fig.36). Quando la macchina è in funzione in modalità COOL,
la caldaia NON è attiva.
Modalità HEAT con caldaia impostata in funzione di INTEGRAZIONE
Dopo aver selezionato il modo ON e se la temperatura di SET è inferiore al valore impostato si avrà
una fase di attesa di circa 3 minuti prima dell'avviamento del compressore. Da questo momento la
macchina funzionerà in modo automatico con cicli
di accensione e spegnimento vincolati al
raggiungimento della temperatura di SET e al valore differenziale di temperatura impostato (vedi schema di funzionamento - fig.36). Se la temperatura di
SET è inferiore al valore impostato nel Par 14 (40°C),
la caldaia effettuerà le fasi di preriscaldamento del
combustibile e di avviamento fino all'accensione della
fiamma; resterà in funzione fino a quando non viene
raggiunta la temperatura impostata.
Modalità HEAT con caldaia impostata in funzione di SOSTITUZIONE
Dopo aver selezionato il modo ON e se la temperatura di SET è inferiore al valore impostato,
la caldaia effettuerà le fasi di preriscaldamento
del combustibile e di avviamento fino all'accensione della fiamma; resterà in funzione fino a
quando non viene raggiunta la temperatura di
SET POINT. Quando la caldaia è in funzione in
questa modalità il compressore NON è attivo.
5.2.1 Procedura di messa in funzione
Dopo aver avviato l'apparecchio occorre verificare il corretto funzionamento dell'impianto, con
particolare attenzione a quanto segue:
- la pompa dell’acqua non deve emettere
rumorosità anomala, in quanto tale situazione
indica che l’aria non è stata spurgata correttamente o che la portata dell’acqua non è sufficiente (possibili ostruzioni, intasamenti o errata
regolazione dei dispositivi sull'impianto);
- la tensione misurata nei morsetti di alimentazio-
Tab. 7 - Impostazione set point resistenza antigelo per impiego con basse temperature (miscela
acqua - glicole etilenico)
Concentrazione Glicole Set Point resistenza parametro R07
Etilenico
e R08(°C)
10%
-1
20%
-6
30%
-15
Pag. 45
Punto di congelamento (°C)
-3
-8
-18
ne deve essere compresa nel range 380-420
Volt; valori più bassi indicano una caduta di tensione nella linea elettrica troppo elevata, con
conseguenti possibili danneggiamenti del compressore, che possono altresì verificarsi anche
per tensioni maggiori di 420 Volt;
- con la sola pompa di calore in funzione, il salto
termico misurato tra ingresso e uscita dell'apparecchio deve essere compreso tra 3 e 8°C; valori
minori di 3°C indicano una eccessiva portata d'acqua, viceversa la portata sarà troppo bassa con
valori maggiori di 8°C. Per verificare le temperature d'ingresso e uscita dell'acqua riferirsi al precedente punto 2.1.2 - d) per la visualizzazione sul
display del microprocessore.
- nel caso si verifichino anomalie di accensione o
di funzionamento della caldaia, questa effettuerà un arresto di blocco e si accenderà la spia
rossa posta in prossimità della tastiera del microprocessore. Per ripristinare le condizioni di
avviamento della caldaia, premere il pulsante di
sblocco posto in vicinanza della spia rossa ed
attendere che venga eseguita nuovamente tutta la fase di avviamento fino all'accensione della fiamma.
Se le condizioni di cui sopra non vengono realizzate spegnere la macchina ed apportare le azioni correttive necessarie per permettere il regolare funzionamento dell'impianto.
5.2.2 Regolazione pressioni gas
Le caldaie integrate nelle macchine, sono collaudate e tarate in fabbrica e sono predisposte
per funzionare con G20 (Gas naturale) o con
G30/G31 (GPL). Al momento della prima accensione è però opportuno eseguire un controllo ed
un'eventuale messa a punto per adattarla alle
esigenze dell'impianto. La pressione del gas al
bruciatore deve essere controllata attraverso la
presa di pressione posta sul tubo in uscita valvola gas utilizzando un manometro ad acqua
oppure un micromanometro.I valori devono essere quelli riportati nella specifica tabella 8.
5.2.3 Controllo della combustione
Per eseguire il controllo della combustione è necessario servirsi della funzione test (vedi fig. 34).
La funzione test permette di mantenere la caldaia in modo "riscaldamento" alla massima potenza per un tempo di 15 min.
Con la caldaia alla massima potenza è possibile
effettuare il controllo della combustione inserendo le sonde dell'analizzatore nelle posizioni previste.
Per accedere alla flangia analisi fumi operare
come segue:
- svitare le viti A, il mantello scende fino a 55
mm fino al fermo;
- allentare la protezione del camino (C) e alzare
il termoformato;
- e ora possibile accedere alle prese fumi, svitando la vite D e togliendo il gommino di chiusura G: P1 presa fumi e P2 presa aria.
ATTENZIONE! Qualora i parametri ambientali
non consentano l’attivazione della caldaia è
possibile forzarne il funzionamento agendo
nei parametri di cui alla tabella 5.
CONTROLLO DELLA COMBUSTIONE ED EFFICIENZA DEL PRESSOSTATO
A
C
D
G
P1
P2
V
= Viti
= Camino
= Vite
= Gommino di chiusura
= Presa fumi
= Presa aria
= Prese di pressione
Fig. 34
Pag. 46
Tab. 8 - Tabella pressione tipi gas
DESCRIZIONE
Pressione di rete nominale
Pressione agli ugelli
Por tata
Ugelli bruciatore
P.C .I.
Indice di Wobbe
G20 (gas naturale)
20
massima
11,5
minima
1,3
3,60
1,35
8127
45,67
G30 (G.P.L.)
28 - 30
27,5
5,3
1,06
0,82
21810
80,58
G31 (G.P.L.)
37
35,7
6,7
1,37
0,82
22140
70,69
mbar
mbar
mbar
m 3/h
Ø mm
kcal/m3
MJ/m 3
(*) Temp.: 15°C; Press.:1013 mbar.
del
5.3 FUNZIONAMENTO CON DIVERSI TIPI
DI GAS
- Allentare le due viti interne alle prese di pressione (V) con un cacciavite (vedi fig. 34);
La caldaia integrata all'interno dell'apparecchio
viene predisposta e regolata in fabbrica per funzionamento a G20 come riportato sulla Targhetta
Tecnica. Qualora sia necessario utilizzare la caldaia con un gas G30/G31diverso da quello predisposto in fabbrica è necessario installare un
kit specifico da ordinare separatamente.
5.2.4 Controllo
dell'efficienza
pressostato aria
- Collegare i due attacchi delle prese di pressione ad un manometro tramite tubi di gomma;
- Effettuare la misura di caduta di pressione. Il
valore ottenuto non deve essere inferiore a Dp
minimo al pressostato aria (vedi tabella Dati
tecnici) per non incorrere nello spegnimento
della caldaia.
A controlli terminati premere il tasto per selezionare il tipo di funzionamento.
Le caldaie vengono fornite per il funzionamento
a Gas Naturale (G20) oppure a GPL (G30/G31)
e sono già regolate in fabbrica secondo quanto
indicato nella targhetta tecnica, quindi non necessitano di alcuna operazione di taratura. Tutti
i controlli devono essere eseguiti esclusivamente dal Servizio di Assistenza Tecnica.
Per le trasformazioni operare come segue:
- smontare il coperchio ed aprire la camera stagna;
- svitare le viti di fissaggio (1) e togliere il bruciatore (2) (vedi fig. 35);
- sostituire tutti gli ugelli (3) del bruciatore, con gli
ugelli forniti con il kit di trasformazione verificando che il diametro sia quello previsto dalla tabella 8 ed interponendo le guarnizioni di tenuta.
FUNZIONAMENTO CON DIVERSI TIPI DI GAS
1
2
3
4
5
6
= Viti di fissaggio
= Bruciatore
= Ugelli
= Tubo bruciatore
= Guarnizione
= Valvola gas
Fig. 35
Pag. 47
SCHEMI FUNZIONALI AVVIAMENTO-SPEGNIMENTO COMPRESSORE
Asse Potenza relè "R"
Isteresi
Relè ON
Relè OFF
Temperatura sonda ST1
SET
Impostazioni di serie
Descrizione
Parametro
G01
SET
G02
C03
Isteresi
C04
Valore
12
40
1,5
1,5
U.M.
°C
°C
°C
°C
Nota
attivo in cool
attivo in heat
attivo in cool
attivo in heat
Asse Potenza relè "R"
Relè ON
Relè OFF
tempo (s*10)
Tempo sicurezza spegnimento
Tempo sicurezza accensione
Impostazioni di serie
Descrizione
Parametro
C01
T. sic. Spegnimento
C02
T sic. Accensione
Valore
18
18
U.M.
s
s
Fig. 36
Procedere quindi come segue:
Per la trasformazione da G30/G31 a G20:
Per la trasformazione da G20 a G30/G31:
- Agire sul selettore cambio gas regolando su
"GPL" (vedi fig. 35)
Eseguire una regolazione meccanica della pressione minima e massima del gas al bruciatore
escludendo il regolatore di pressione avvitando
a fondo il dado (H) e procedere come descritto
al paragrafo "Regolazione della pressione minima e massima".
- Agire sul selettore cambio gas regolando su
"METANO" (vedi fig. 35)
Eseguire una regolazione meccanica della pressione massima e minima da eseguire in questo
ordine come descritto al paragrafo " Regolazione
della pressione minima e massima".
Regolazione della pressione massima
La pressione del gas al bruciatore deve essere
Pag. 48
controllata attraverso la presa di pressione posta sul tubo in uscita valvola gas utilizzando un
manometro ad acqua oppure un micromanometro
(vedi fig. 35).
- Togliere il coperchio di protezione (G);
- Avvitare (per aumentare) o svitare (per diminuire) il dado di regolazione (H).
Regolazione della pressione minima
La pressione del gas al bruciatore deve essere
controllata attraverso la presa di pressione posta sul tubo in uscita valvola gas utilizzando un
manometro ad acqua oppure un micromanometro
(vedi fig. 35).
- Togliere il coperchio di protezione (G);
- Scollegare il filo di alimentazione (12V) dalla
bobina di modulazione;
- Regolare la pressione minima al valore della
tabella G, avvitando (per aumentare) o svitando (per diminuire) la vite di regolazione(I)
- Ricollegare il filo di alimentazione (12V) dalla
bobina di modulazione
- Sigillare il regolatore applicando il coperchio (G).
Caldaia
Quando si verifica un'anomalia durante il funzionamento della caldaia, la spia di segnalazione
del blocco, posta in prossimità del pannello di
comando, si accende.
In tal caso consultare la tabella 11 per individuare le possibili cause dell'anomalia e il possibile
rimedio.
7. RIPARAZIONE - SOSTITUZIONE
COMPONENTI
Per l'intervento sui componenti sotto elencati e/
o per la loro sostituzione è necessaria una specifica competenza tecnica, per cui si raccomanda di rivolgersi sempre ad un Centro Assistenza
Tecnica autorizzato. Ai fini della sicurezza e della qualità si raccomanda di utilizzare per le sostituzioni componenti e ricambi originali.
Operare sempre in condizioni di massima sicurezza, in conformità alle vigenti norme in materia. Prima di qualsiasi intervento sull'apparecchio,
togliere alimentazione elettrica agendo sull'interruttore generale e successivamente sul
sezionatore a bordo macchina;
ATTENZIONE! Per comprovare la trasformazione del tipo di gas, applicare la targhetta
adesiva, fornita con il kit di trasformazione,
sopra la Targhetta Tecnica che riporta le informazioni relative al gas di predisposizione
di fabbrica.
Per le eventuali operazioni di svuotamento e carica di gas refrigerante si raccomanda l'utilizzo di
apparecchiature specifiche per il recupero del refrigerante, ai fini della salvaguardia dell'ambiente.
6. ALLARMI E DIAGNOSTICA
Per qualunque motivo fosse necessaria la riparazione del circuito frigorifero, con conseguente
contaminazione dello stesso, come nel caso di
bruciatura degli avvolgimenti elettrici del compressore o guasto del circuito con completa
vuotatura dello stesso, occorre sempre eseguire quanto segue:
6.1 VISUALIZZAZIONE DEGLI ALLARMI E
DIAGNOSTICA
Pompa di calore
Quando si verifica un'anomalia durante il funzionamento dell'apparecchio, il microprocessore
comanda lo spegnimento dello stesso e l'allarme intervenuto viene segnalato nel display con
appositi codici (vedi tabella 10).
Gli allarmi sono classificati in tre categorie;
1. RIARMO MANUALE (reset premendo il tasto
On/Off);
2. RIARMO AUTOMATICO (automatico al ripristino delle condizioni corrette);
7.1 CIRCUITO FRIGORIFERO
-
sostituzione del filtro disidratatore;
pulizia del circuito;
essiccazione e vuoto spinto,
controllo del livello dell'olio del compressore ed
eventuale rabbocco o sostituzione;
- test di tenuta e ripristino della carica.
7.1.1 Essiccazione e vuoto dell'impianto
3. RIARMO AUTOMATICO per un valore massimo di interventi orari superato il quale l'allarme diventa a RIARMO MANUALE.
L'essiccazione e il vuoto spinto sono necessari
per evacuare l'aria, l'umidità, e tutti i gas che potrebbero trovarsi in soluzione con l'olio del compressore.
Nel caso di più allarmi attivi contemporaneamente, la loro visualizzazione è possibile entrando
nel menù di visualizzazione errori (Err) vedi precedente punto 2.1.2 - d).
Se nell'impianto è presente acqua in fase liquida,
occorre riscaldare leggermente le parti in cui si è
depositata, al fine di favorirne l'evaporazione.
Pag. 49
La capacità della pompa ad alto vuoto deve essere adeguata al sistema in cui si deve operare;
si raccomanda l'utilizzo di una pompa con una
portata di almeno 90 litri/minuto.
Le operazioni da compiersi sono le seguenti:
- collegare la bombola (o il cilindro di carica) al
sistema mediante tubi e attacchi da 1/4 SAE femmina girevoli alla presa di pressione nel lato liquido degli scambiatori aria/gas refrigerante;
Il grado di vuoto deve essere verificato con apposito vacuometro per medio vuoto, possibilmente
elettronico, con risoluzione in micron della scala.
- inserire refrigerante allo stato liquido:
a) fino al raggiungimento della carica necessaria;
- Effettuazione del vuoto spinto:
- collegare la pompa al sistema mediante tubi e
connessioni da 1/4 SAE femmina girevoli alle
prese di pressione riportate sugli attacchi in
aspirazione e in mandata nel compressore;
b) fino al raggiungimento dell'equilibrio delle
pressioni tra bombola e circuito frigorifero;
- avviare l'apparecchio e, se necessario, inserire
il refrigerante rimanente fino al raggiungimento
dei valori prescritti. L'operazione di messa a punto della carica va fatta utilizzando la presa di
aspirazione del compressore, inserendo il refrigerante allo stato liquido in modo graduale;
- collegare un vacuometro
- effettuare il vuoto fino al valore di almeno 350
- 500 micron per un tempo minimo di almeno
30 minuti.
- effettuare il controllo della carica refrigerante
secondo quanto descritto al punto 7.1.4.
7.1.2 Pulizia del circuito
ATTENZIONE! Nel caso di bruciatura del motore, con perforazione degli avvolgimenti, è necessario pulire accuratamente il circuito frigorifero
per evitare successive bruciature o guasti.
7.1.4 Controllo carica refrigerante con il metodo del surriscaldamento
Il controllo della carica di refrigerante può essere effettuato rilevando il valore del
surriscaldamento sul tubo di aspirazione, dedotto dalla misurazione della pressione di evaporazione e dalla temperatura del tubo in prossimità
della presa di pressione.
Le operazioni di pulizia hanno lo scopo di eliminare tutti i depositi di carbonio o altri allo stato
solido e, secondo il metodo usato, devono essere eliminati tutti i contaminanti che sono stati introdotti per la pulizia del circuito o per effetto delle
operazioni effettuate.
I valori rilevati sono indicativi soltanto se eseguiti con l'apparecchio funzionate da almeno 20 minuti ed entro il campo delle condizioni climatiche
nominali.
ATTENZIONE! Non inalare i vapori di refrigeranti provenienti da compressori bruciati, in
quanto si può essere in presenza di prodotti
tossici. Evitare del tutto i contatti con la pelle
dell'olio residuo del compressore bruciato, in
quanto è generalmente acido.
ATTENZIONE! Prima di procedere alle verifiche, accertarsi che gli strumenti utilizzati siano in buono stato e opportunamente tarati.
7.1.3 Carica di refrigerante
Verifica del surriscaldamento:
La carica di refrigerante R407C può essere effettuata solo in fase liquida.
- avviare l'apparecchio;
- inserire nella presa di pressione, posizionata
nel tubo grande in prossimità del compressore, il manometro di bassa per la misura della
pressione;
ATTENZIONE! Per nessuna ragione il gas refrigerante allo stato liquido deve essere caricato in aspirazione sul compressore in
quanto tale condizione comporta la
stratificazione dell'olio con conseguente
possibile danneggiamento del compressore o della valvola di inversione ciclo al successivo riavviamento.
- attendere la stabilizzazione dei valori per circa
20 minuti;
- misurare il valore di temperatura sul tubo grande (fase vapore), in prossimità della presa di
pressione utilizzando un'apposita sonda a contatto;
Tab. 9 - Surriscaldamento
Descrizione
Surriscaldamento min - max
U.M.
°C
Pag. 50
HPE 22-70
Heat
5-8
Cool
3-5
RPE 22-70
Cool
5-8
Pag. 51
Attivo all'intervento del pressostato di alta pressione.
Attivo all'intervento del pressostato di bassa pressione.
Non è attivo durante lo sbrinamento (mod. HPE) e
all'avviamento del compressore.
Manuale
Automatico fino a 2
interventi ora: al terzo
intervento diventa
Manuale.
Intervento del pressostato di alta
pressione.
Intervento del pressostato di
bassa pressione.
E02
Automatico
Automatico
Manuale
Allarme antigelo
Guasto sonda ST2 (acqua uscita)
Guasto sonda ST3 (scambiatore
aria/gas refrigerante)
Alta pressione analogico (sonda
ST3)
E05
E06
E07
E11
Automatico fino a 2
interventi ora: al terzo
intervento diventa
Manuale.
Mancanza di circolazione aria
Mancanza di circolazione acqua
negli scambiatori o ricircolo della nello scambiatore: filtro intasato,
stessa: guasto del ventilatore,
eccessive perdite di carico della
scambiatore sporco, errata
tubazione, temperatura dell'acqua
installazione…
ingresso troppo alta…
Mancanza di circolazione aria
Macchina scarica, filtro
negli scambiatori o ricircolo della
disidratatore otturato, valvola
stessa, macchina scarica, filtro
intercettazione liquido chiusa
disidratatore otturato, valvola
(guasto della bobina)…
intercettazione liquido chiusa
(guasto della bobina)…
*
Cause possibili RPE Cause possibili HPE
22-44
22-44
Mancanza di circolazione aria
negli scambiatori o ricircolo della
stessa: guasto del ventilatore,
scambiatore sporco, errata
installazione…
Attivo se la temperatura di condensazione letta dalla
sonda ST3 supera il valore impostato nel parametro Pa
A14
…non possibile l'intervento per i
modelli HPE
Sonda guasta. Valore di resistenza corretto se compreso tra 329200
e 973Ω; valore di rif. a 20°C = 12090Ω
Sonda guasta. Valore di resistenza corretto se compreso tra 329200
e 973Ω; valore di rif. a 20°C = 12090Ω
Attivo se la sonda è: in corto, interrotta o con valori al di
fuori dei limiti pari a -50/100°C
Attivo se la sonda è: in corto, interrotta o con valori al di
fuori dei limiti pari a -50/100°C
Scarsa portata acqua della pompa
In heating non è attivo durante la fase di avviamento del idraulica: filtro intasato, guasto …non possibile l'intervento per i
compressore e messa a regime dell'impianto.
della pompa, sacche d'aria... Set
modelli HPE
point troppo basso...
Attivato dall'ingresso digitale C-CP2 (ON/OFF remoto)
E01
*
OFF Remoto Attivo
Note
E00
Riarmo
Significato
Codice
Allarmi
Tab. 10 - Descrizione allarmi della Pompa di Calore
Pag. 52
Manuale
Automatico
Automatico
Automatico
Circuito frigorifero scarico
Guasto sonda ST4 (sonda
esterna)
Errore configurazione
Over temperature scambiatore
acqua/gas refrigerante
E42
E45
E46
Sonda guasta. Valore di resistenza corretto se compreso tra 329200
e 973Ω; valore di rif. a 20°C = 12090Ω
Configurazione degli ingressi analogici in digitali
Mancanza di circolazione acqua
nello scambiatore: filtro intasato,
…non possibile l'intervento per i
eccessive perdite di carico della
modelli RPE
tubazione, temperatura dell'acqua
ingresso troppo alta…
Attivo se la sonda è: in corto, interrotta o con valori al di
fuori dei limiti pari a -50/100°C
Relativo alle sonde ST1 e ST2 configurate come ingressi
digitali.
Attivo se la sonda ST1(scambiatore acqua/gas
refrigerante) legge un valore > a quanto impostato nel
parametro Pa A25 per un tempo superiore al valore del
Pa A26
Portata acqua eccessiva, perdita nel circuito frigorifero…
Pressostato differenziale circuito
idraulico
E41
E44
Portata acqua insufficiente: filtro sporco, guasto della pompa,
eccessive perdite di carico della tubazione, sacche d'aria…
Non è attivo per il tempo impostato nel parametro Pa
A03 dall'accensione della pompa idraulica. Attivo se il
contatto rimane aperto per un tempo pari al valore
impostato nel parametro Pa 04. Si disattiva se il contatto
rimane chiuso per un tempo pari al valore impostato nel
parametro Pa 05
Automatico fino a 2
interventi ora: al terzo
intervento diventa
Manuale.
Guasto sonda ST1 (scambiatore
aria/gas refrigerante)
E40
Attivo se il salto termico (ST1-ST2) allo scambiatore
acqua/gas refrigerante è uguale o minore del valore
impostato al parametro Pa A20 e dopo il tempo dei
parametri Pa A21 e A22.
Sonda guasta. Valore di resistenza corretto se compreso tra 329200
e 973Ω; valore di rif. a 20°C = 12090Ω
Attivo se la sonda è: in corto, interrotta o con valori al di
fuori dei limiti pari a -50/100°C
Automatico
Bassa pressione analogico
(sonda ST3)
E12
Mancanza di circolazione aria
negli scambiatori o ricircolo della
stessa: guasto del ventilatore,
scambiatore sporco, errata
installazione…
Attivo se la temperatura di evaporazione letta dalla sonda
ST3 supera il valore impostato nel parametro Pa A17.
…non possibile l'intervento per i
Non è attivo per il tempo impostato nel parametro Pa
modelli RPE
A16 dall'accensione del compressore o dall'inversione
della valvola di inversione ciclo (mod. HPE)
Automatico fino a 2
interventi ora: al terzo
intervento diventa
Manuale.
Cause possibili HPE
22-44
Cause possibili RPE
22-44
Note
Riarmo
Significato
Codice
Allarmi
- leggere il valore di temperatura nel manometro, in corrispondenza del valore di pressione
rilevato.
La temperatura letta al termometro deve essere
maggiore del valore di temperatura letto al manometro del valore riportato in tabella 9, in funzione del tipo di macchina e del modo di funzionamento impostato.
Tab. 11 - Descrizione anomalie caldaia
Codice
01
Anomalia
Mancata accensione
Causa
Rimedio
- Rubinetto del gas chiuso
- Aprire il rubinetto del gas
- Caldaia in blocco
- Riarmare premendolo
- Manca rivelazione fiamma
- Inversione fase neutro
- Manca scarica accensione
- Chiamare il tecnico
- Presenza aria nella tubazione
- Ripetere l’accensione
- È intervenuto il termostato di
sicurezza
- Premere il pulsante di riarmo
- Non c’è circolazione d’acqua
- Ripristinare la pressione in caldaia e controllare il circolatore
- Il selettore di regolazione è posi- - Posizionare il selettore alla posizionato alla temperatura minizione MAX
ma/OFF
02
Scoppi all’accensione
- Fiamma difettosa
- Chiamare il tecnico
- Portata del gas insufficiente o - Chiamare il tecnico
mai regolata
03
Odore di gas
- Perdita nel circuito delle tubazioni - Controllo delle tubazioni esterne
(esterne ed interne alla caldaia)
- Controllo delle tubazioni interne
- Chiamare il tecnico
03
Odore di gas incombusti e cattiva
combustione del bruciatore
- Terminale scarico fumi parzial- - Controllare e rimuovere evenmente ostruito
tualmente lo sporco dal terminale scarico fumi
- Consumo di gas eccessivo
- Regolare portata del gas
Lo stato di combustione è imperfetto
- Le fiammelle tendono a staccarsi - Controllare e agire sullo stabilizzatore di pressione della valvola
del gas
- La fiamma presenta punte gialle
- Controllare che siani ben puliti i
passaggi d’aria e dei venturi del
bruciatore
Ver ificati i punti sopra riportati con
esito negativo chiamare il tecnico
Pag. 53
8. OPERAZIONI PERIODICHE DI
MANUTENZIONE
ATTENZIONE! Prima di ogni operazione di
controllo, manutenzione, o quant’altro
comporti l’accesso alle parti interne
dell’apparecchio, togliere l’alimentazione
elettrica generale.
8.1 PULIZIA DEGLI SCAMBIATORI
La pulizia degli scambiatori alettati aria/gas refrigerante deve essere eseguita almeno due
volte l'anno, all'inizio della stagione di funzionamento e ogni qualvolta si renda necessario per
condizioni di installazione particolari. Mantenere gli scambiatori puliti comporta un rendimento
costante nel tempo, con riduzione dei costi di
gestione.
Per eseguire le operazioni di pulizia, utilizzare
un aspirapolvere o un pennello a spatole morbide, evitando di danneggiare le alette dello
scambiatore. Se possibile utilizzare un leggero
getto di aria compressa da passare con attenzione negli spazi delle alette.
8.2 CONTROLLO ANNUALE
Per mantenere efficiente il sistema, si consiglia
di far compiere le seguenti verifiche da un Centro Assistenza Tecnica Autorizzato:
- controllo carica di refrigerante e parametri di
funzionamento;
- verifica tensione di alimentazione ed assorbimento elettrico;
- funzionalità dei dispositivi di comando e di sicurezza;
- pulizia del filtro e degli scambiatori;
- controllo dell'impianto idraulico, della presenza di aria nelle tubazioni ed eventuale integrazione di riempimento;
- controllo e serraggio delle connessioni elettriche ed idrauliche;
- verifica dell'involucro, con particolare attenzione agli inneschi di corrosione. Per gli apparecchi installati in prossimità del mare è
necessario un controllo periodico da effettuarsi almeno ogni tre mesi.
8.3 CONTROLLO DELLA CALDAIA
Per garantire il permanere delle caratteristiche
di funzionalità e di efficienza della caldaia integrata nell'apparecchio, entro i limiti prescritti dalla legislazione e/o normativa vigente, è necessario sottoporre la stessa a controlli regolari.
La frequenza dei controlli dipende dalle particolari condizioni di installazione e d'uso, in ogni
caso, la normativa vigente richiede almeno un
controllo annuale. E' importante ricordare che gli
interventi sono consentiti solo a personale in
possesso dei requisiti di legge, con conoscenza
specifica nel campo della sicurezza, efficienza,
igiene ambientale e della combustione. Lo stesso personale deve anche essere aggiornato sulle
caratteristiche costruttive e funzionali finalizzate
alla corretta manutenzione dell'apparecchio.
ATTENZIONE! Prima di intraprendere qualsiasi operazione di pulizia o manutenzione,
intercettare l'alimentazione del gas chiudendo il rubinetto situato sulla caldaia. La tipologia
degli interventi può essere circoscritta ai seguenti
casi:
- rimozione delle eventuali ossidazioni dai bruciatori;
- rimozione delle eventuali incrostazioni degli
scambiatori;
- verifica del terminale di scarico dei fumi;
- verifica e pulizia generale del ventilatore;
- pulizia generale dei tubi;
- controllo accensione, spegnimento e funzionamento dell'apparecchio;
- controllo di tenuta raccordi e tubazioni di collegamento gas ed acqua;
- controllo del consumo del gas alla potenza
massima e minima;
- controllo posizione elettrodo di accensione;
- controllo posizione elettrodo di controllo combustione;
- controllo parametri di combustione e di rendimento;
- verifica sicurezza mancanza gas;
- funzionamento del pressostato fumi,
- funzionamento dei termostati di regolazione e
sicurezza;
- controllo sulla tenuta della linea gas per verificare l'eventuale presenza di perdite;
- controllo della portata del gas.
ATTENZIONE! Non effettuare pulizie della caldaia e/o delle sue parti con sostanze infiammabili (es. benzina, alcool, ecc.)
Non pulire la pannellatura, parti verniciate e
parti in plastica con diluenti per vernici.
Pag. 54
SEZIONE C - INFORMAZIONI PER L’UTENTE
9. GENERALITA'
NON APPOGGIARSI
SULLA SUPERFICIE ALETTATA
La marcatura CE dei prodotti comporta il controllo costante della produzione, con lo scopo di
garantire la conformità degli apparecchi alle caratteristiche di sicurezza e di prestazioni dei campioni verificati.
Il costruttore provvede ai controlli su tutta la produzione ed in modo particolare al collaudo finale, in cui i parametri di progetto sono controllati
con dei test elettrici e funzionali, in ottemperanza agli standard del sistema di assicurazione
qualità aziendale.
I servizi di assistenza e manutenzione possono
essere eseguiti da un Centro Assistenza Tecnica autorizzato.
Fig. 38
9.1 UTILIZZO DELLE ISTRUZIONI
Leggere attentamente questa sezione del manuale riservata all'utente, oltre alla precedente
"Sezione A" in cui si possono trovare le informazioni generali sull'apparecchio e sulle sue caratteristiche tecniche.
Il mancato rispetto di quanto indicato in questo
manuale comporta la decadenza delle condizioni di garanzia.
Il presente manuale costituisce parte integrante del prodotto e deve essere conservato accuratamente per qualsiasi utilizzo
futuro o per consultazione.
9.2 USI IMPROPRI - RACCOMANDAZIONI
Gli apparecchi sono progettati e realizzati per il
raffreddamento e/o il riscaldamento dell'acqua in
impianti di climatizzazione e devono essere utilizzati unicamente a questo scopo, in rapporto alle
loro specifiche tecniche e prestazioni.
Tutti gli usi non espressamente indicati in
questo manuale sono considerati impropri e
non sono consentiti; in particolare non è prevista l'utilizzazione degli apparecchi in processi industriali e/o l'installazione in ambienti
con atmosfera corrosiva o esplosiva.
Ai fini di un utilizzo sicuro dell'apparecchio, rispettare le seguenti raccomandazioni:
NON INSERIRE OGGETTI ATTRAVERSO
LE GRIGLIE DEI VENTILATORI
- non inserire utensili, carta o quant'altro possa
penetrare attraverso le griglie di protezione dei
ventilatori (fig. 37);
- non appoggiarsi sulla superficie alettata degli
scambiatori in quanto le alette potrebbero provocare tagli sulla pelle (fig. 38);
- non aprire gli sportelli o i pannelli di accesso alle
parti interne dell'apparecchio in quanto, nel caso
di contatto con i componenti, vi è il rischio di scosse
elettriche. Queste operazioni sono riservate esclusivamente a personale specializzato;
- non toccare l'apparecchio se si è a piedi nudi e
con parti del corpo bagnate o umide;
Fig. 37
- non procedere alla pulizia delle parti esterne
dell'apparecchio senza aver prima tolto l'alimentazione elettrica dall'interruttore generale;
Pag. 55
- non consentire l'uso dell'apparecchio a bambini
o persone inabili non assistite.
- non disperdere nell'ambiente e lasciare alla
portata dei bambini, il materiale dell'imballo in
quanto può essere potenziale fonte di pericolo.
Deve quindi essere smaltito secondo quanto
previsto dalla normativa vigente.
9.3 PRIMA MESSA IN SERVIZIO
La prima messa in servizio può essere effettuata
dall'installatore o, a richiesta, da un Centro di
Assistenza Tecnica autorizzato (C.A.T.).
Nel caso in cui l'utente si rivolga al C.A.T., la
prima messa in servizio verrà eseguita a pagamento secondo tariffe concordate dalla A2B S.r.l
con la rete di assistenza tecnica.
9.4 ACCENSIONE - SPEGNIMENTO
L'avviamento dell'apparecchio e la selezione del
modo di funzionamento possono essere eseguiti agendo direttamente sulla tastiera del microprocessore dell'apparecchio (tasto ON-OFF e
tasto MODE) oppure, se presente, dal collegamento a distanza delle stesse funzioni che
l'installatore avrà predisposto in precedenza.
Per accedere alla tastiera del microprocessore,
allentare la vite di fissaggio dello sportellino di
protezione e sollevarlo stringendo con le dita gli
appositi fermi a scatto.
9.4.1 Accensione
- Dare tensione all'apparecchio tramite l'interruttore generale d'impianto, dopo essersi assicurati delle condizioni di sicurezza;
- premere il tasto ON-OFF (fig. 39). Sul display
comparirà la temperatura dell'acqua di ritorno
dall'impianto;
- per attivare il funzionamento in raffreddamento, premere una volta il tasto MODE (fig. 40),
con conseguente accensione del relativo led
"raffreddamento";
- per attivare invece il funzionamento in riscaldamento, premere due volte il tasto MODE (fig.
40), con conseguente accensione del relativo
led "riscaldamento";
Se la temperatura di SET (memorizzata nelle
impostazioni del microprocessore) richiede il fun-
Fig. 39
Fig. 40
zionamento dell'apparecchio, il led di segnalazione del compressore inizia a lampeggiare e
dopo alcuni minuti si avrà l'avviamento del compressore stesso. Da questo momento l'apparecchio funzionerà in modo automatico con cicli di
accensione e spegnimento vincolati al
raggiungimento della temperatura di SET e al
valore differenziale di temperatura impostato.
9.4.2 Spegnimento
- Premere il tasto ON-OFF, con conseguente
spegnimento del display. Rimarrà acceso solo
il led "power" a segnalare la presenza di alimentazione elettrica;
- se l'apparecchio deve rimanere spento per lunghi
periodi, portare in posizione OFF l'interruttore generale e disattivare i terminali dell'impianto.
ATTENZIONE! In caso di basse temperature
esterne, c'è pericolo di formazione di ghiaccio,
con
conseguenti
possibili
danneggiamenti. Verificare quindi che sia stato utilizzato un liquido antigelo, altrimenti sarà
necessario svuotare e chiudere l'impianto.
9.5 MANUTENZIONE E CONTROLLI
Programmare dei controlli periodici dell'apparecchio significa mantenere efficiente il sistema, risparmiando nei costi di gestione e mantenendo
nel tempo il comfort ambientale. Suggeriamo di
accordarsi preventivamente con un Centro Assistenza Tecnica autorizzato, che provvederà ad
effettuare tutti i controlli funzionali e le operazioni di pulizia dell'apparecchio.
Queste operazioni devono essere effettuate due
volte l'anno.
In condizioni climatiche particolari come per
es. in prossimità del mare, si raccomanda di
utilizzare le versioni con struttura in acciaio
inox (fornite a richiesta). Altrimenti è d'obbligo in questi casi prevedere una durata di
vita inferiore del prodotto e comunque una
più frequente ed accurata manutenzione;
ATTENZIONE! Dove un mancato funzionamento del sistema, anche se per brevi periodi, può creare danni economici all'utenza,
è opportuno prevedere sistemi di riserva e
allarmi che attivino immediatamente il personale responsabile della manutenzione.
Pag. 56
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement