corso pr ogrammazione html

corso pr ogrammazione html
SOMMARIO
Pag. 34
8
SCANNER PER IMPRONTE DIGITALI
13
ANTIFURTO WIRELESS A BATTERIA
23
CORSO DI PROGRAMMAZIONE PIC 16F87X
27
RADIOCOMANDO UHF 433MHz a 8 / 16 CANALI
34
VIDEOCONTROLLO REMOTO CON BRANDEGGIO
45
CORSO DI PROGRAMMAZIONE HTML
52
INTERRUTTORE PIR A DUE USCITE TEMPORIZZATE
61
LE PORTE STANDARD USB
68
TELECOMANDO A ONDE CONVOGLIATE A 8 CANALI
Pag. 27
Pag. 68
ELETTRONICA IN
www.elettr
onicain.it
www.elettronicain.it
Rivista mensile, anno VI n. 53
OTTOBRE 2000
Direttore responsabile:
Arsenio Spadoni
([email protected])
Responsabile editoriale:
Carlo Vignati
([email protected])
Redazione:
Paolo Gaspari, Clara Landonio, Alessandro Cattaneo,
Angelo Vignati, Alberto Ghezzi, Alfio Cattorini, Andrea
Silvello, Alessandro Landone, Marco Rossi, Alberto Battelli.
([email protected])
DIREZIONE, REDAZIONE,
PUBBLICITA’:
VISPA s.n.c.
v.le Kennedy 98
20027 Rescaldina (MI)
telefono 0331-577982
telefax 0331-578200
Abbonamenti:
Annuo 10 numeri L. 64.000
Estero 10 numeri L. 140.000
Le richieste di abbonamento vanno inviate a: VISPA s.n.c.,
v.le Kennedy 98, 20027 Rescaldina (MI) tel. 0331-577982.
Distribuzione per l’Italia:
SO.DI.P. Angelo Patuzzi S.p.A.
via Bettola 18
20092 Cinisello B. (MI)
telefono 02-660301
telefax 02-66030320
Stampa:
Industria per le Arti Grafiche
Garzanti Verga s.r.l.
via Mazzini 15
20063 Cernusco S/N (MI)
Elettronica In:
Rivista mensile registrata presso il Tribunale di Milano con il
n. 245 il giorno 3-05-1995.
Una copia L. 8.000, arretrati L. 16.000
(effettuare versamento sul CCP
n. 34208207 intestato a VISPA snc)
(C) 1996 ÷ 2000 VISPA s.n.c.
Spedizione in abbonamento postale 45% - Art.2 comma 20/b
legge 662/96 Filiale di Milano.
Impaginazione e fotolito sono realizzati in DeskTop Publishing
con programmi Quark XPress 4.02 e Adobe Photoshop 5.0
per Windows. Tutti i diritti di riproduzione o di traduzione degli
articoli pubblicati sono riservati a termine di Legge per tutti i
Paesi. I circuiti descritti su questa rivista possono essere realizzati solo per uso dilettantistico, ne è proibita la realizzazione a carattere commerciale ed industriale. L’invio di articoli
implica da parte dell’autore l’accettazione, in caso di pubblicazione, dei compensi stabiliti dall’Editore. Manoscritti, disegni, foto ed altri materiali non verranno in nessun caso restituiti. L’utilizzazione degli schemi pubblicati non comporta alcuna responsabilità da parte della Società editrice.
2
Da molto tempo l’analisi, l’acquisizione ed il confronto delle impronte digitali delle persone vengono svolti con sofisticati dispositivi elettronici; andiamo
a conoscere l’ultimo grido di questa tecnica, un sofisticato sensore a matrice capacitiva che viene interfacciato con il Personal Computer.
Sistema d’allarme a 2 zone nel quale tutti i componenti, dalla centrale, ai
sensori, agli attuatori, sono connessi tra loro via radio e sono alimentati a
pile. Grazie all’impiego di moduli RF a bassissimo consumo l’autonomia dei
vari elementi è di parecchi anni. In questo articolo presentiamo il display di
segnalazione dello stato dell’impianto e la sirena.
Lo scopo di questo Corso è quello di introdurvi alla programmazione dei
microcontrollori Flash della famiglia PIC16F87X. Utilizzando una semplice
demoboard e un qualsiasi programmatore low-cost, realizzeremo una completa stazione di test con la quale verificare routine di comando per display
LCD, 7 segmenti, buzzer, e di lettura di segnali analogici e digitali.
Comando a distanza in UHF, a 433,92 MHz, realizzato con un trasmettitore a microcontrollore capace, mediante una piccola tastiera a
9 tasti, di controllare fino a 16 diversi canali, e da due unità riceventi,
intelligenti ad autoapprendimento, ciascuna provvista di 8 uscite selezionabili in modalità bistabile o impulsiva.
Innovativo sistema di video sorveglianza composto da una unità remota con
microcamera, trasmettitore TV e brandeggio controllato via radio mediante
un apposito telecomando. Nell’articolo presentiamo anche i piani costruttivi del brandeggio realizzato con comuni servocomandi per modellistica.
Internet, terminologia sul mondo delle reti, problemi di routing, gateway e
bridge, protocollo TCP/IP socket di connessione, DNS, protocolli FTP, HTTP,
mail, news e telnet, HTML, introduzione a Java, come allestire un webserver: una full-immersion nel futuro che è già realtà! Sesta puntata.
Un nuovo sensore ad infrarossi passivi miniaturizzato apre la strada a
numerose applicazioni: una esemplificativa la trovate in questo articolo, si
tratta di un doppio interruttore con temporizzazioni impostabili separatamente per due uscite, adatto per accendere luci, far suonare un campanello o attivare una telecamera.
Una descrizione sommaria che presenta le porte USB (Universal Serial
Bus). I suoi utilizzi ed esempi di apparecchiature che sfruttano al meglio
questa nuova tecnologia.
Controllo a distanza ad onde convogliate, composto da trasmettitore e ricevitore, codificato così da evitare gli effetti delle interferenze presenti nella
rete elettrica. Una tastiera permette di attivare a distanza fino ad 8 riceventi, quindi altrettanti carichi. Un codice d’accesso impedisce agli estranei l’utilizzo del TX.
Mensile associato
all’USPI, Unione Stampa
Periodica Italiana
Iscrizione al Registro Nazionale della
Stampa n. 5136 Vol. 52 Foglio
281 del 7-5-1996.
Elettronica In - ottobre 2000
EDITORIALE
Pag. 8
Pag. 13
Approfittiamo di questo
piccolo spazio editoriale per
invitarVi a visitare il nostro
sito internet all’indirizzo
www.elettronicain.it.
Le pagine di Elettronica In
Web Vi consentiranno di
conoscere con anticipo il
contenuto della Vostra
rivista di elettronica,
oppure di analizzare
qualsiasi numero arretrato
potendone visionare il
sommario completo.
Le rubriche Lettere,
Mercatino, Suggerimenti
e Collaboratori vi
metteranno direttamente
in contatto con altri lettori
e con la redazione di
Elettronica In.
Vi invitiamo ad
utilizzare la rubrica
Pag. 23
Suggerimenti per aiutarci
a rendere sia il sito che la
rivista più vicini alle Vostre
esigenze. Ultima notizia in
fatto di novità riguarda la
realizzazione da parte di
Elettronica In di un
CD ROM contenente gli
arretrati dal numero 1 al
numero 15 oltre allo
“Speciale radiocomandi”.
Il CD contiene tutti gli
articoli pubblicati e
consente di essere
sfogliato come la rivista
vera e propria con in più la
comodità di passare da un
progetto ad un altro con un
semplice clic del mouse.
La distribuzione del CD
ROM (cod. CD-EI 95/96
L. 30.000) è stata affidata
alla ditta Futura Elettronica
quindi, per ricevere il CD,
è sufficiente rivolgersi ad
essa tramite Telefono
(0331/576139), Fax
(0331/578200) oppure
internet (www.futuranet.it).
Ovviamente nel nostro sito
è presente un link diretto
per l’ordinazione del CD.
Alla prossima!
Alberto Battelli
Pag. 52
elenco inserzionisti
Pag. 61
E l e t t r o n i c a I n - ottobre 2000
Artek
C & P
Digital
Elettromania
Fiera di Faenza
Fiera di Genova
Fiera di Pescara
Futura Elettronica
Gangi
Grifo
Idea Elettronica
MLTA
RM Elettronica
3
Telecontrollo GSM
con antenna integrata
[TDG33
!
Euro 198,00]
IVA inclusa.
Sistema di controllo remoto bidirezionale che sfrutta la rete
GSM per le attivazioni ed i controlli. Configurabile con una
semplice telefonata, dispone di due uscite a relè (230Vac/10A) con
funzionamento monostabile o bistabile e di due ingressi di allarme
optoisolati. Possibilità di memorizzare 8 numeri per l'invio degli allarmi e
200 numeri per la funzionalità apricancello. Tutte le impostazioni avvengono
tramite SMS. Alimentazione compresa tra 5 e 32 Vdc, assorbimento massimo
500mA. Antenna GSM bibanda integrata.
Il prodotto viene fornito già montato e collaudato.
Caratteristiche tecniche:
! GSM: Dual Band EGSM 900/1800 MHz (compatibile con ETSI GSM Phase 2+ Standard);
! Potenza di uscita:
Class 4 (2W @ 900 MHz);
Applicazioni tipiche:
Class 1 (1W @ 1800 MHz).
! Temperatura di funzionamento: -10°C ÷ +55°C;
In modalità SMS
! Peso: 100 grammi circa;
! Impianti antifurto per immobili civili ed industriali
! Dimensioni: 98 x 60 x 24 (L x W x H) mm;
! Impianti antifurto per automezzi
! Alimentazione: 5 ÷ 32 Vdc;
! Controllo impianti di condizionamento/riscaldamento
! Corrente assorbita: 20 mA a riposo, 500 mA nei picchi;
! Controllo pompe ed impianti di irrigazione
! Corrente massima contatti relè: 10 A;
! Controllo impianti industriali
! Tensione massima contatti relè: 250 Vac;
In modalità chiamata voce / apricancello
! Caratteristiche ingressi digitali:
! Apertura cancelli
livello 1 = 5-32 Vdc;
! Controllo varchi
livello 0 = 0 Vdc.
! Circuiti di reset
Via Adige, 11 -21013 Gallarate (VA)
Tel. 0331/799775 - Fax. 0331/778112
www.futuranet.it
Maggiori informazioni su questi prodotti e su tutte le altre apparecchiature
distribuite sono disponibili sul sito
www.futuranet.it tramite il quale è anche possibile
effettuare acquisti on-line.
LETTERE
LE SIGLE STANDARD
DEGLI INTERRUTTORI
Sfogliando una rivista di elettronica
estera ho notato che negli articoli gli
interruttori ed i deviatori vengono
chiamati con delle sigle tipo SPST,
SPDT, ecc., che ho ritrovato anche in
alcuni programmi per il disegno tecnico. Mi viene quindi il dubbio che si
tratti di una codifica standard, qualcosa adottato a livello internazionale...
Ma esattamente, quali e quante sono le
sigle da ricordare?
Francesco Vezzali - Verona
In effetti vi è una convenzione per
nominare interruttori e deviatori, convenzione applicata anche nei CAD
elettronici del tipo Orcad, Circad, ecc.
Comunque, gli interruttori unipolari
sono indicati con il termine SPST
(Single Pole Single Throw) mentre
quelli bipolari vengono chiamati DPST
(Dual Pole Single Throw); quanto ai
deviatori, quello singolo è detto SPDT
(Single Pole Double Throw) mentre il
bipolare è definito dal codice DPDT
(Dual Pole Double Throw). Queste
sigle le trovi anche nei cataloghi europei dei rivenditori di materiale elettronico, e valgono in tutto il mondo.
QUANTO RENDE
IL MIO AMPLI?
Nelle specifiche tecniche degli amplificatori car-stereo e su quelli degli home
hi-fi, vedo potenze che, talvolta,
appaiono spropositate, anche e soprattutto considerando le dimensioni degli
apparecchi. Spesso 100 watt si scopre
che in realtà sono appena 20! Come si
può fare a misurare la potenza reale di
un amplificatore?
Andrea Cervi - Milano
La potenza d'uscita di un ampli è certamente il parametro che attira di più il
grosso del pubblico, e non c'è da sorprendersi che molte Case abbiano
ceduto a quella dilagante tendenza che
E l e t t r o n i c a I n - ottobre 2000
vuole valori spropositati messi in bella
mostra in vetrina; solo i costruttori più
seri indicano nel libretto d'istruzioni la
reale potenza erogata. Il parametro di
riferimento è la potenza efficace
(R.M.S.) cioè quella nominale, effettiva, che il finale può dare ad un carico
del quale sia specificata l'impedenza.
Per misurare questa potenza si dispone
all'uscita una resistenza (di adeguata
potenza), il cui valore ohmico combaci
con quello dell'impedenza di uscita
dichiarata per l'amplificatore; l'ingresso di quest'ultimo si pilota con un'onda
sinusoidale alla frequenza di 1000 Hz,
ed all'uscita si connette la sonda di un
oscilloscopio che permetta di visualizzare la forma del segnale. Salendo con
il livello all'ingresso, ci si ferma al
punto in cui la sinusoide viene cimata
(cioè quando le punte iniziano ad
appiattirsi) e si legge (magari con un
tester disposto in Vac) la tensione risultante ai capi del carico: dall'oscilloscopio si ricava il valore picco-picco, mentre tester e voltmetro danno già il valore efficace. La potenza R.M.S. è definita dalla formula: P = Veff.2 / Z, dove
Veff è il valore efficace che, partendo
dall'eventuale lettura sullo schermo
dell'oscilloscopio corrisponde alla tensione picco-picco divisa per 2,88 mentre Z è l'impedenza del resistore collegato all'uscita del finale.
SERVIZIO
CONSULENZA
TECNICA
Per ulteriori informazioni
sui progetti pubblicati e per
qualsiasi problema tecnico
relativo agli stessi è disponibile il nostro servizio di
consulenza tecnica che
risponde allo 0331-577982.
Il servizio è attivo esclusivamente il lunedì e il mercoledì dalle 14.30 alle 17.30.
LE USCITE
ESATTE
Ho costruito il radiocontrollo UHF da
voi pubblicato nel fascicolo 45, e devo
dire che funziona davvero bene; nel
mio caso, per avere la massima portata ho dotato la trasmittente e la ricevente di un’antenna direttiva. Tuttavia,
vorrei farvi notare un particolare dello
schema elettrico del ricevitore, che a
me sembra sbagliato: le due uscite
OUT1 ed OUT2 si direbbero invertite,
perché RL2 è comandato dall’uscita
del decoder U3 e RL1 da quella
dell’U4. Siccome U3 ha il piedino 12
collegato a livello alto, e U4 ha il
medesimo pin a zero, devo dedurre che
il primo viene comandato dal canale 1
del TX, ed il secondo dal 2, o sbaglio?
Giovanni Mondo - Varese
Non sbagli affatto, perché nel trasmettitore, attivando P1 (canale 1) si trasmette il codice lasciando il piedino 12
dell’encoder ad 1 logico, mentre premendo P2 (canale 2) la trasmissione
avviene con il dodicesimo bit a zero
logico; dunque, al primo canale corrisponde il 12° bit ad 1, mentre al secondo è associato il bit 12 a livello basso.
Quindi, trasferendoci allo schema della
ricevente e vedendo che U3 ha il pin 12
a livello alto, evidentemente esso identifica il codice del canale 1 del TX,
mentre U4, che ha il medesimo pin a
zero, riconosce quello del secondo
canale.
GLI STANDARD
DELLE TERMOCOPPIE
Mi sono trovato tra le mani una sonda
di temperatura che ho poi scoperto
essere una termocoppia: cercando qua
e là ho visto che si tratta di un particolare sensore composto da una giunzione tra due metalli, che dovrebbe dare
una tensione proporzionale al calore al
quale viene esposta. Mi piacerebbe
provare ad usarla, almeno per fare
qualche esperimento, ma non so come.
5
le termocoppie
tipo E = nichel-cromo/costantana;
tipo K = nichel-cromo/nichel-alluminio; è il più frequente, e funziona
tra -200 e +1100 °C, con una sensibilità di 41 µV/°C;
tipo J = ferro/costantana; molto economico, copre da -40 a +750 °C,
presenta una tensione di 55 microvolt per grado centigrado;
tipo N = Nicrosil/Nisil; composto da particolari leghe (NIchel-CRO
moSILicio/NIchel-SILicio) è adatto ad alte temperature,
da 0 a 1200 °C, e presenta una sensibilità di 39 µV/°C;
tipo T = rame/costantana; meno usato degli altri, garantisce un perfetto
funzionamento tra -200 e +350 °C, un campo di temperatura più
limitato, compensato però dal basso costo. La sensibilità è 42
µV/°C, ma la curva di variazione non è molto lineare, soprattutto
intorno a zero gradi.
Se avete qualche suggerimento, il codice inizia con JX...
Massimiliano Rienzi - Napoli
La termocoppia è effettivamente una
giunzione di due metalli o leghe metalliche, che funziona sulla base dell’effetto scoperto da T.J. Seebeck: in pratica due metalli differenti messi tra loro
in contatto, a causa della differente
struttura elettronica periferica degli
atomi da cui sono composti, manifestano una minima differenza di potenziale, rilevabile tra i lati. Tale tensione cresce leggermente all’aumentare della
temperatura, a causa dell’agitazione
termica degli elettroni stessi, e può
essere misurata per conoscere, indirettamente, la temperatura a cui il sensore
è sottoposto; tuttavia vi è una difficoltà
nell’uso delle termocoppie, che deriva
dal cosiddetto “giunto freddo”, che è il
punto di unione dei terminali con i cavi
di collegamento, e di questi con i connettori dello strumento di misura. Per
minimizzare l’errore si usano cavi
compensati, adatti alla termocoppia
impiegata: in altre parole, i singoli conduttori sono dello stesso metallo di cui
sono composti i lati della termocoppia,
così da non determinare nuovi giunti;
la compensazione della differenza di
potenziale introdotta nella connessione
con gli strumenti si effettua mediante
circuiti comprendenti sensibili termistori, solitamente PTC. Normalmente
la curva di variazione è decisamente
lineare, perciò la termocoppia rappresenta oggi il componente più adatto per
le misurazioni della temperatura, sopra
e sotto lo zero. Le termocoppie più
6
comuni sono definite dallo standard
IEC584; che elenchiamo nel riquadro.
Esistono anche termocoppie più pregiate, ad esempio al platino/platinorodio, decisamente più care ed utilizzate quando si debbano compiere rilevamenti di temperatura dell’ordine dei
1500 ÷ 1700 gradi: trovano impiego
nella fusione dell’acciaio, dove conoscere l’esatta temperatura del fuso consente di determinare, mediante il noto
diagramma ferro-carbonio, la percentuale di carbonio, dunque la rigidità e
la durezza del metallo ottenuto.
LE CONNESSIONI
DELL'AUTORADIO
Da alcuni anni le automobili escono
dalla fabbrica già predisposte per il
montaggio dell'impianto stereo, tutta-
via sulla vettura di un amico ho notato
non i fili con i fast-on, ma due connettori rettangolari ad 8 poli, oltre al
cavo/spinotto dell'antenna: lui mi ha
detto che adesso le auto le fanno tutte
così, e forse è vero. Solo, come si fa ad
installare l'autoradio se non si conosce
la piedinatura di tali connettori?
Alessandro Mucci - Firenze
La cosa è più facile di quanto pensi,
anche perché se si è arrivati ad un'unificazione lo si è fatto per semplificare
le installazioni e non per complicarle:
infatti le moderne autoradio dispongono all'uscita di un doppio connettore o
di due connettori singoli analoghi a
quelli della predisposizione delle vetture, dunque per montare l'apparecchio
non serve altro che inserire quello femmina con 8 contatti in quello maschio
con 8 lamelle, e l'altra femmina nel
restante maschio. Infilato anche lo spinotto del cavo coassiale d'antenna, l'installazione è completata: basta spingere l'autoradio nel suo alloggiamento e
si può subito utilizzarla. Davvero una
bella comodità!
Questa connessione è ormai standardizzata per tutti i costruttori di auto ed
autoradio del mondo occidentale, e gli
installatori la chiamano "ISO", perché
risponde ad un preciso riferimento di
questo istituto internazionale. Qui di
seguito riportiamo il cablaggio dei due
connettori, facilmente distinguibili perché (per evitare inversioni) i fabbricanti ne lasciano uno con meno contatti,
che è quello dell'alimentazione.
Connettori ISO
Connettore femmina (auto)
8 poli (casse)
1
2
3
4
=
=
=
=
+ Post. Dx
- Post. Dx
+ Ant. Dx
- Ant. Dx
5
6
7
8
=
=
=
=
+ Post. Sx
- Post. Sx
+ Ant. Sx
- Ant. Sx
Connettore femmina (auto)
4 poli (alimentazione)
1
2
3
4
=
=
=
=
non usato
non usato
non usato
+ 12 V
5
6
7
8
= Com. antenna
= non usato
= + 12 V mem
= GND
Elettronica In - ottobre 2000
Microtelecamere
e telecamere su
scheda
a videosorveg
L
lian
za a
Mod
elli
FR302 - Euro 56,00
CMO
da c S
ir
stam cuito
pato
Tipo:
Via Adige, 11 - 21013 GALLARATE (VA)
Tel. 0331/799775 - Fax. 0331/778112 - www.futuranet.it
Disponibili presso i migliori negozi di elettronica
o nel nostro punto vendita di Gallarate (VA).
Caratteristiche tecniche e vendita on-line all’indirizzo: www.futuranet.it
FR220 - Euro 96,00
Mod
Elemento sensibile:
Risoluzione:
Sensibilità:
Ottica:
Alimentazione:
Dimensioni:
portata di mano
FR301 - Euro 27,00
FR300 - Euro 23,00
sistema standard PAL sistema standard CCIR
(colori)
(B/N)
1/3” CMOS
1/3” CMOS
380 Linee TV
240 Linee TV
3 Lux (F1.4)
2 Lux (F1.4)
f=6 mm, F1.6
f=4,9 mm, F2.8
5Vdc - 10mA
5Vdc - 10mA
20x22x26mm
16x16x15mm
FR220P - Euro 125,00 FR125 - Euro 44,00
FR126 - Euro 52,00
sistema
standard
CCIR (B/N)
1/4” CMOS
240 linee TV
0,5 Lux (F1.4)
f=3,1 mm, F3.4
PIN-HOLE
7 -12Vdc - 20mA
8,5x8,5x10mm
sistema
standard
CCIR (B/N)
1/3” CMOS
380 Linee TV
0,5 Lux (F1.2)
f=5 mm, F4.5
PIN-HOLE
12Vdc - 50mA
27,5x17x18mm
sistema
standard
PAL (colori)
1/3” CMOS
380 Linee TV
3 Lux (F1.2)
f=5 mm, F4.5
PIN-HOLE
12Vdc - 50mA
20,5x28x17mm
Stesso modello con ottica
f=3,6mm
FR125/3.6 - Euro 48,00
Stesso modello con ottica
f=3,6mm
FR126/3.6 - Euro 56,00
elli
sistema standard CCIR
(B/N)
1/3” CMOS
240 Linee TV
2 Lux (F1.4)
f=7,4 mm, F2.8
5Vdc - 10mA
21x21x15mm
CAMZWCMM1 Euro 26,00
CAMCOLMHA5 Euro 44,00
CAMZWBLA3 Euro 34,00
sistema standard CCIR
(B/N)
1/4” CMOS
380 Linee TV
0,5 Lux (F1.4)
sistema standard PAL
(colori)
1/3” CMOS
380 Linee TV
1,5 Lux (F2.0)
sistema standard
CCIR (B/N)
1/4” CMOS
240 Linee TV
0,1 Lux (1.2)
f=2,2 mm
f=2,8 mm
f=3,6mm F.2.0
8Vdc - 100mA
18x18x17mm
8Vdc - 100mA
26x21x18mm
9-12Vdc - 500mA
54x38x28mm
Confezione completa di
alimentatore da rete.
Confezione completa di
alimentatore da rete.
CMO
S
sistema
standard
CCIR (B/N)
Elemento sensibile: 1/4” CMOS
240 linee TV
Risoluzione:
0,5 Lux (F1.4)
Sensibilità:
f=3,5 mm, F2.6
Ottica:
PIN-HOLE
Alimentazione:
7 -12Vdc - 50mA
8,5x8,5x15 mm
Dimensioni:
Tipo:
Mod
elli
CCD
in B
/N
Tipo:
Elemento sensibile:
Risoluzione:
Sensibilità:
Ottica:
Alimentazione:
Dimensioni:
Mod
el
CCD li
a CO
LORI
Tipo:
Elemento sensibile:
Risoluzione:
Sensibilità:
Ottica:
Alimentazione:
Dimensioni:
FR72 - Euro 48,00
sistema standard CCIR
1/3” CCD
400 Linee TV
0,3 Lux (F2.0)
f=3,6 mm, F2.0
12Vdc - 110mA
32x32x27mm
Stesso modello con ottica:
• f=2,5 mm FR72/2.5 € 48,00
• f=2,9 mm FR72/2.9 € 48,00
• f=6 mm FR72/6 € 48,00
• f=8 mm FR72/8 € 48,00
• f=12 mm FR72/12 € 48,00
• f=16 mm FR72/16 € 48,00
FR89 - Euro 95,00
sistema standard PAL
1/4” CCD
380 Linee TV
0,2 Lux (F1.2)
f=3,7 mm, F2.0
12Vdc - 80mA
32x32x32mm
Stesso modello con
ottica:
•f=2,9mm
FR89/2.9 € 95,00
FR72/PH - Euro 46,00
FR72/C - Euro 46,00
sistema standard CCIR
1/3” CCD
400 Linee TV
0,5 Lux (F2.0)
f=3,7 mm, F3.5
12Vdc - 110mA
32x32x20mm
sistema standard CCIR
1/3” CCD
400 Linee TV
in funzione dell’obiettivo
12Vdc - 110mA
32x32mm
FR89/PH - Euro 95,00
FR89/C - Euro 95,00
sistema standard PAL
1/4” CCD
380 Linee TV
1 Lux (F1.2)
f=5,5 mm, F3.5
12Vdc - 80mA
32x32x16mm
sistema standard PAL
1/4” CCD
380 Linee TV
0,5 Lux (F1.2)
12Vdc - 80mA
32x34x25mm
FR72/LED - Euro 50,00
Il modulo dispone
di attacco standard
per obiettivi di tipo
C/CS.
sistema standard CCIR
1/3” CCD
400 Linee TV
0,01 Lux
f=3,6 mm, F2.0
12Vdc - 150mA
55x38mm
FR168 - Euro 110,00
Il modulo dispone di
attacco standard per sistema standard PAL
obiettivi di tipo
1/4” CCD
C/CS.
380 Linee TV
2 Lux (F2.0)
f=3,7 mm, F2.0
12Vdc - 65mA
26x22x30mm
Stesso modello con
ottica:
•f=5,5mm
FR168/PH € 110,00
Tutti i prezzi sono da intendersi IVA inclusa.
biometria
Elettronica
Innovativa
di Carlo Vignati
Da qualche tempo
l’analisi, l’acquisizione
ed il confronto delle
impronte digitali
delle persone vengono
svolti con sofisticati
dispositivi elettronici;
andiamo a conoscere la
tecnologia che consente
di risolvere questa
applicazione ed in
particolare i nuovi
sensori a matrice
capacitiva che
presentano un basso
costo e l’assenza di
complesse parti ottiche.
icordate i vecchi film polizieschi, e quelle scene
in cui i tecnici della “scientifica” cercavano di
confrontare, attraverso una grande lente, le impronte
digitali degli schedari con quelle rilevate sul luogo del
delitto? Ebbene, da qualche anno non si fa più così, tant’è che anche nella moderna cinematografia, nei serial
di maggior successo, vediamo ormai agenti in camice
bianco che analizzano le impronte utilizzando potenti
computer. Il dito passato sul tampone inchiostrato e poi
premuto sulla scheda di cartoncino è cosa del passato;
oggi l’acquisizione ed il confronto delle impronte digi8
tali vengono svolti mediante computer provvisti di precisi scanner. Prima di entrare nel discorso specifico
occorre introdurne uno più generico che riguarda la
biometrica, una disciplina che da tempo si occupa della
misurazione e dell’identificazione delle persone sulla
base di alcuni parametri anatomici e fisiologici: tra
tutti, quelli maggiormente presi in considerazione, in
virtù della relativa semplicità con la quale si può percepirli, campionarli ed analizzarli mediante dispositivi
elettronici, sono appunto le impronte digitali, la voce, i
tratti somatici del viso, la struttura dell’iride dell’ocElettronica In - ottobre 2000
chio. Ma a cosa serve esattamente
la biometrica? La risposta è semplice ed immediata: potersi riferire a
particolari dell’essere umano, particolari che difficilmente cambiano
(se non a seguito di lesioni permanenti...) in un singolo individuo, e
consentono di identificarlo univocamente, praticamente senza possibilità d’errore. Tutto questo serve
non tanto a scopo di ricerca ma, l’a-
L’arrivo sul mercato consumer di
due nuovissimi sensori di impronte
digitali apre al riconoscimento
biometrico applicazioni finora
impensabili. Nel prossimo futuro
utilizzeremo il nostro dito medio
per prelevare contanti, per
posteggiare la macchina e ahimè
per pagare le tasse ...
vrete capito, per superare le barriere ed i limiti imposti dai tradizionali sistemi di identificazione quali
chiavi, tessere a chip, badge
magnetici, trasponder, radiocomandi, e via di seguito. Questi sistemi
hanno in comune (nessuno escluso)
il fatto che bisogna portarli con sè e
presentano, chi più e chi meno,
limiti, punti deboli, dettagli che talvolta ne sconsigliano l’uso: ad
E l e t t r o n i c a I n - ottobre 2000
fo t o t ra t t a d a w w w. re c og s y s . c o m
esempio le carte magnetiche possono essere copiate, le carte a chip
richiedono il contatto fisico con il
lettore, i telecomandi possono essere intercettati e decodificati (rolling
code escluso), le chiavi tradizionali
sono poco pratiche ed ancor meno
sicure, infine i trasponder che sono
i meno delicati e non si deteriorano
perché vengono rilevati senza contatto fisico con il lettore ma presen-
tano un costo ancora piuttosto alto.
Questa premessa per specificare
che il traguardo ambito dai ricercatori e sperato da tutta la gente, quel
mondo che fino a pochi anni fa
vedevamo solamente nei film di
fantascienza, è il riconoscimento
della persona. La biometrica è la
scienza che ha reso possibile tutto
questo, e che in breve tempo ci libererà da tutti i dispositivi che finora
9
biometria ed impronte
La biometria è una disciplina che si occupa dello studio
dei parametri caratteristici di un individuo, in pratica
emula quello che farebbe un uomo con i suoi sensi, ascoltando la voce di un soggetto, guardandolo in faccia.
Attualmente gli studiosi di questa materia lavorano su 4
parametri, che solitamente vengono considerati univoci:
i tratti del volto, la voce, le impronte digitali e la conformazione dell’iride (la parte colorata dell’occhio); quest’ultima caratteristica è attualmente riservata ad applicazioni di elevatissima sicurezza. Invece l’identificazione
della voce e delle impronte digitali trovano ormai largo
impiego, e si propongono come il principio di una nuova
era, quella del comando senza più chiavi, password, tessere, trasponder o trasmettitori radio. Se è vero che il
riconoscimento della voce è un ambito nel quale si sono
fatti passi da gigante, il rilevamento delle impronte digitali merita un discorso a sè, perché è nato ed ha rilevante importanza da prima ancora che nascesse l’elettronica. Le impronte digitali, lasciate dal grasso che ricopre i
polpastrelli delle dita sugli oggetti che tocchiamo, sono
servite e servono ancora nelle indagini giudiziarie, e valgono quale prova della presenza di una persona in un
sono stati indispensabili per la sicurezza personale e della proprietà, aprendo
nuove frontiere e non trascurando, anzi
migliorando l’affidabilità e la protezione rispetto ai sistemi tradizionali. In
particolare i ricercatori si sono concentrati su quattro parametri caratteristici:
10
luogo dove si è consumato un evento criminoso o un illecito. In Italia vige, a seguito di una sentenza pronunciata
nel 1959, una tecnica di valutazione delle impronte detta
“sistema decadattiloscopico Gasti”, basato su 10 simboli (divergenza, biforcazione, punto, ecc.: vedi figura a
lato) le cui possibili variazioni danno origine a combinazioni praticamente infinite. Sempre secondo la predetta
sentenza, per identificare con certezza un individuo basta
che l’impronta rilevata coincida in 16 o 17 punti con
quella presa dal soggetto stesso. Questi algoritmi di riconoscimento delle impronte, sviluppati dalla Polizia di
tutto il mondo e mantenuti rigorosamente riservati, sono
da qualche anno di dominio pubblico. Ciò ha spinto le
più note Case di semiconduttori ad investire nella ricerca e nello sviluppo di sistemi biometrici affidabili e a
basso costo. La svolta avviene nel ‘98 quando la Siemens
inventa e brevetta per prima un sistema in grado di
acquisire l’impronta digitale senza ricorrere a sistemi
Laser e a complesse ottiche; un semplice, si fa per dire,
chip CMOS composto da una matrice di 64.000 celle
capacitive che riesce a svolgere lo stesso compito del
costosissimo scanner dell’FBI.
voce, impronte digitali, struttura dell’iride, tratti del volto. Notevole è l’importanza e l’interesse che un po’ tutti
attribuiscono alle impronte digitali,
perché sono il parametro biometrico
più affidabile dopo l’iride dell’occhio.
E’ stato proprio il molteplice impiego
dell’impronta digitale (sistemi di sicurezza, amministrazione della Giustizia,
indagini di Polizia) che ha spinto i progettisti elettronici a sviluppare sistemi
di identificazione ad hoc per tale applicazione. Inizialmente per la lettura
venivano usati scanner a CCD modifi-
Elettronica In - ottobre 2000
IL TOUCH CHIP DELLA ST
Caratteristiche di base di
un’impronta digitale:
+
*
x
°
#
biforcazione
divergenza
breve linea
isola
punti
cati, che richiedono però una frequente
pulizia del punto di contatto e non
garantiscono una buona affidabilità
della scansione; l’alternativa è lo scanner a laser composto sempre da un
vetro sul quale appoggiare il dito, e da
un emettitore di luce concentrata che
Il Touch Chip è l’integrato che la
SGS-Thomson ha sviluppato appositamente per il riconoscimento
delle impronte digitali; la sigla esatta del chip è STFP2015. Questo
componente rileva
l’impronta digitale
attraverso
una
matrice capacitiva
sensibile al tocco;
la matrice è protetta superficialmente
da un materiale
che garantisce una
durezza diverse
volte superiore a
quella del vetro. Il
tempo di acquisizione dell’impronta
è inferiore al decimo di secondo; la
risoluzione è migliore di 500 dpi,
quindi superiore a quella considerata accettabile dai tecnici dell’FBI
effettua la scansione, permettendo la
lettura dei risultati mediante un fotodiodo. L’inconveniente dello scanner a
laser è l’elevato costo e la necessità di
avere parti in movimento. Questo spiega perché la tecnica ha cercato una
soluzione egualmente affidabile, ma
Sia il sensore della Siemens che quello della SGS-Thomson utilizzano un
innovativo metodo per acquisire l’impronta digitale. In pratica ogni chip
contiene miglia di celle capacitive organizzate tra loro a matrice; il condensatore
virtuale (capacità tra elettrodo della cella e dito) viene, in una prima fase, caricato
da un apposito generatore di corrente; in seguito la carica immagazzinata viene
trasferita ad un condensatore campione e ad un comparatore.
E l e t t r o n i c a I n - ottobre 2000
americano. Il consumo del sensore è
di 200 mW a 5 V di alimentazione.
Questo componente acquisisce l’impronta, la elabora e la rende disponibile in formato digitale su un bus di
uscita a 8 bit; il bus
va interfacciato ad
un microcontrollore o ad un PC che
si incaricheranno
di
confrontare
l’impronta
con
quelle memorizzate. I vantaggi di
questo nuovissimo
circuito integrato
sono la velocità di
acquisizione, la robustezza del sensore e la totale mancanza di parti
ottiche da sempre considerate la
parte debole della precedente generazione di sensori.
più pratica e soprattutto a buon mercato; l’ha cercata e l’ha trovata da un paio
d’anni, quando, prima la Siemens e poi
la ST hanno messo a punto dei sensori
di impronta digitale funzionanti secondo un principio innovativo e diverso da
quanto ci si potrebbe attendere. Si tratta di sensori che non vedono ma sentono il contatto: non un visore, come
quelli a CCD o a laser, ma un chip contenente migliaia di celle a condensatore organizzate a matrice. Il componente che ne deriva è molto robusto e destinato ad essere collocato ovunque,
anche in apparecchi di uso comune; la
sua superficie è coibentata e non teme
l’umidità, resiste alle normali sollecitazioni, va pulita di tanto in tanto e non
ad ogni lettura, e non risente della
luminosità ambientale. Sono proprio
questi i punti di forza dei nuovi sensori, che uniti al costo relativamente
basso promettono la diffusione più
ampia anche in tutte le situazioni della
vita quotidiana, e non più solo in certi
ambiti. Un esempio è la recente presentazione al CeBit 1999 di un telefono
cellulare e di una tastiera per Personal
Computer capaci di identificare il proprietario o le persone a cui è consentito
l’uso, proprio mediante uno di questi
piccoli sensori. Dai primordi della tec11
IL SENSORE
FINGERTIP
DELLA
SIEMENS
Schema a blocchi del sensore biometrico della Siemens.
Tra le caratteristiche principali possiamo elencare la
risoluzione di 224 x 288 Pixel (513 dpi), la dimensione
dell’area sensibile che è di 11 x 14 mm, il tempo di
cattura dell’immagine inferiore a 100 ms e il consumo di
corrente pari a 10 mA nel normale funzionamento.
nica capacitiva sono stati prodotti
diversi tipi di sensore d’impronta digitale, ma come già detto tutti hanno in
comune il particolare principio di funzionamento. Il rilevatore non è altro
che un microchip di silicio di forma
quadrata realizzato in tecnologia MOS;
ogni cella elementare, che chiamiamo
pixel, è composta da un condensatore
caricato da un apposito generatore di
corrente, quindi un commutatore allo
stato solido che trasferisce questa carica ad una seconda capacità formata
appunto da una coppia di elettrodi;
questa capacità è posta in retroazione
ad un comparatore, cosicché la variazione della quantità di carica può dare
origine ad un differente livello di tensione. Mediamente la quantità di celle
di un sensore è di 224 x 288 (64512
pixel) come nel caso del componente
Fingertip della Siemens, che garantisce
una risoluzione reale di 513 dpi (dots
per inch, cioè punti per pollice). Per
comprendere il funzionamento occorre
analizzarne le due fasi che lo descrivono: nella prima un generatore di corrente carica costantemente e per un
tempo brevissimo i condensatori di
ingresso dei singoli pixel; nella seconda la carica immagazzinata viene trasferita attraverso ogni condensatore
formato dagli elettrodi posti sotto lo
strato del biossido e dal biossido stesso, che fa da dielettrico. La quantità
12
rimasta determina un certo stato all’uscita del rispettivo comparatore, dunque una differenza di potenziale campionata e digitalizzata per poi essere
passata al dispositivo d’elaborazione. Il
contatto del polpastrello del dito che
viene appoggiato alla superficie passivante del sensore determina, in ogni
punto, una diversa capacità, ovvero una
maggiore o minore perdita di carica
elettrica che sfugge al dielettrico: in
particolare si verifica una diversa reazione in base alla struttura dell’impronta. Dunque, dove c’è un solco la pelle è
più lontana che nei punti in cui vi è una
protuberanza, un rilievo: nel primo
caso la capacità in retroazione ad una
singola cella risente di un’influenza
decisamente minore di quella determinata dal secondo. Effettuando la scansione delle uscite dei singoli pixel
mediante un’apposita rete logica, e
rilevando i risultati con 224 comparatori, il sensore della Siemens riesce a
ricavare un’informazione attendibile su
una grande quantità di punti, la situazione di ciascuno dei quali è descritta
mediante una scala di grigi; ne risulta
una fotografia, un’immagine molto
attendibile dell’impronta digitale dell’individuo. La definizione del segnale
digitalizzato è 8 bit per pixel, sebbene
la Siemens garantisca 40 o 90 livelli di
grigio (per punto) in base alla soglia di
riferimento impostata via software nei
comparatori, che può essere scelta tra
2,5 V per ottenere il primo valore e 3,7
V per il secondo, ovviamente imponendo un’alimentazione di 5 volt.
Maggiore è il riferimento, migliore è il
contrasto dell’analisi, quindi la capacità di distinzione tra un solco ed un rilievo della pelle del dito. All’interno del
componente si trova un’unità di elaborazione che provvede a gestire ed inviare serialmente le informazioni di ogni
pixel dell’immagine mediante un’interfaccia parallela ECP 1.9, collegabile ad
un Personal Computer sul quale deve
“girare” un apposito software in grado
di gestire i segnali. In particolare il programma deve provvedere alla discriminazione dei fattori reali e dei disturbi
(sporco, diversa posizione del dito,
ecc.) e deve essere in grado di applicare quegli algoritmi biometrici che consentono di affermare che due impronte
sono uguali ovvero appartengono alla
stessa persona. Il futuro sembra quindi
pronto a presentarci una serie di sistemi
di controllo accessi e servizi di ogni
genere attivabili proprio mediante il
riconoscimento delle impronte digitali
dell’interessato. Questo sta per diventare realtà, e lo capirete già dai prossimi
fascicoli di Elettronica In, dove troverete un modulo a microprocessore
impiegante il Fingertip della Siemens
e pronto per mille applicazioni.
Elettronica In - ottobre 2000
HI-TECH
Elettronica
Innovativa
di Arsenio Spadoni
Sistema d’allarme a 2 zone nel
quale tutti i componenti, dalla
centrale, ai sensori, agli
attuatori, sono connessi tra
loro via radio e sono
alimentati a pile. Grazie
all’impiego di moduli RF
a bassissimo consumo
l’autonomia dei vari
elementi è di parecchi anni.
In questo articolo presentiamo
il display di segnalazione dello
stato dell’impianto e la sirena.
opo la centrale, presentata il mese scorso, proseguiamo la descrizione del nostro sistema antifurto wireless a pile presentando questo mese il display
che ci segnala lo stato dell’impianto e la sirena che
entra in funzione in caso di allarme. Il display remoto,
situato vicino alla porta di entrata dell’abitazione o dell’ufficio in cui è installato il sistema, consente di conoscerne in ogni momento lo stato dell’impianto (attivo o
disabilitato) e le zone inserite, così da poter verificare
se il segnale inviato con il radiocomando ha avuto il suo
effetto, oppure se occorre riprovare perché il comando
è andato a vuoto o ha provocato un’azione diversa da
E l e t t r o n i c a I n - ottobre 2000
quella attesa. Le segnalazioni date dal display sono
anche utili a chi ha poca memoria o troppi pensieri, se
spesso tende a dimenticare, al rientro a casa, di aver
attivato l’antifurto, facendolo scattare inavvertitamente.
Il modulo comprende una sezione di controllo provvista di radioricevitore ed alimentata direttamente dalla
rete, cosa molto comoda visto che le ridotte dimensioni dell’insieme ne permettono l’inserimento in una
qualsiasi cassetta a muro per frutti di tipo Ticino Living
o Magic, Gewiss, Vimar, ecc. Il visualizzatore in sè
consta di 2 soli diodi luminosi, uno rosso ed uno verde,
la cui combinazione permette di avere tutte le informa13
schema elettrico del Display
zioni del caso. Il display può essere
installato praticamente ovunque (il
limite è solo la distanza dalla centrale,
che non deve superare una cinquantina
di metri in assenza di ostacoli, ovvero
30 metri se vi sono pareti) in qualsiasi
punto del locale, certi che funzionerà
sempre al meglio. Sotto l’aspetto prettamente tecnico il dispositivo presenta
dettagli ed accorgimenti rimarchevoli;
il display riceve dalla centrale i messaggi da visualizzare, messaggi che
presentano una complessa struttura tale
da rendere la logica praticamente
insensibile a disturbi e a codici di altri
apparati eventualmente operanti nei
paraggi. L’alimentazione è ricavata
direttamente dalla rete con una piccola
batteria ricaricabile che sopperisce ad
eventuali black-out. Lo schema elettrico del display evidenzia la presenza di
un ricevitore ibrido (4M30RR04SF già
utilizzato nella centrale) e di un microcontrollore al quale è affidato il compito di coordinare l’attività del dispositivo; il circuito è completato dalla sezione di alimentazione, che preleva dalla
rete quel poco che serve a garantire la
normale operatività della logica ed a
mantenere in carica la piccola batteria
da 3,6 volt, la quale consentirà il regolare esercizio nei periodi di black-out.
Vediamo ogni cosa nei particolari, iniziando dal radioricevitore U1, l’ibrido
che già conosciamo per averlo impiegato nella centrale del sistema antifurto: si tratta del 4M30RR04SF, un pregiato RX superrigenerativo a basso
consumo (400 µA a 3 volt di alimentazione) accordato a 433,92 MHz e provvisto di demodulatore d’ampiezza e
stadio d’ingresso a banda stretta (±300
14
KHz). Esso riceve la radiofrequenza
mediante l’antenna (nel nostro caso
uno spezzone di filo di rame rigido
lungo 17 cm...) collegata al pin 3, e se
si tratta di una portante modulata con
livelli logici restituisce questi ultimi
dal piedino 14; il microcontrollore U2,
un PIC12CE674, legge i corrispondenti impulsi mediante la propria linea
GP3, e fa un primo confronto con quello salvato in EEPROM ed acquisito
durante la fase di autoapprendimento.
Qui dobbiamo aprire una parentesi per
dire che dopo la prima accensione il
display non è in grado di ricevere alcun
comando dalla centrale, a meno di non
aver appreso almeno una trasmissione
proveniente da essa; una volta acquisito il formato, ogni successivo messaggio di stato produce le relative indica-
zioni dai led. Per capire a fondo l’argomento è opportuno precisare che la
centralina emette diversi messaggi
radio, ma tutti sono caratterizzati dal
medesimo formato: 6 byte distintivi del
sistema ed uno contenente il comando
vero e proprio; quest’ultimo può essere, a seconda della situazione, l’attivazione o il reset immediato degli attuatori (sirena) l’indicazione di antifurto a
riposo, zona 1 attiva, entrambe le zone
inserite, ecc. Vi sono dunque 2 gruppi
di messaggi, uno destinato a produrre
le segnalazioni in allarme e l’altro
diretto al display. Visto che il formato è
identico per entrambi, in apprendimento va bene intercettare uno qualsiasi dei
codici, ma dopo, nell’uso normale, il
display risponderà solamente ai
comandi il cui ultimo byte esprimerà
piano di CABLAGGIO DEL display
COMPONENTI
R1, R2: 3,3 KOhm 2 Watt
R3: 100 Ohm
R4, R5: 1 KOhm
R6: 100 KOhm
R7: 1 KOhm
R8: 330 KOhm
C1: 470 µF 16VL elettrolitico
C2: 470 µF 16VL elettrolitico
C3: 100 nF multistrato
D1,D2,D3,D4: 1N4007 diodo
DZ1: diodo zener 3,6V
U1: PIC12C674 micro
programmato ( MF349)
U2: RX4M30RR04 modulo
Aurel
LD1: LED rosso 5mm
LD2: LED verde 5mm
BATT: batteria ricaricabile da c.s.
3,6V- 70mA
Varie:
- zoccolo 4 + 4;
- spezzone di filo 17cm;
- stampato cod. S349.
Elettronica In - ottobre 2000
le segnalazioni
Lo stato dell’antifurto è monitorato
in ogni momento dalla combinazione dei due diodi luminosi, che evidenziano anche la condizione di
ritorno della rete dopo un black-out
ed il conseguente apprendimento
del primo messaggio trasmesso
dall’unità centrale. Le rispettive
segnalazioni sono indicate nella
tabella rappresentata a lato.
valori corrispondenti alle informazioni
sullo stato della centrale e non, ovviamente, quelli relativi alla gestione della
sirena e dell'eventuale combinatore
telefonico. Per rilevare quando è il
momento di procedere all’autoapprendimento, il software del microcontrollore testa continuamente lo stato della
linea GP2, polarizzata mediante una
tensione continua ricavata dalla rete a
220 V: finché è presente l’alta tensione,
il potenziale alternato ricavato dall’alimentatore passa attraverso il diodo D3
e la resistenza R6, e raggiunge il piedino 5 del PIC, polarizzando quest’ultimo con circa 3 volt. In caso di blackout lo stesso pin 5 passa rapidamente a
zero logico; vi resta fino a quando non
torna la tensione di rete, allorché commuta da zero ad uno. E’ proprio questa
led verde lampeggiante
= via libera: si può entrare nei
locali perché l’allarme è
disinserito.
led verde e rosso lampeggianti = antifurto attivo in zona 1:
l’accesso è consentito solo nei
locali non protetti da tale zona.
led rosso lampeggiante
= stop: sistema totalmente inserito
(zona 1 e 2 attive).
led rosso che lampeggia
= un nuovo codice è stato appreso a
alternativamente al led verde
seguito della prima accensione o
del ritorno della rete dopo un
black-out.
come prima azione provvede a spegnere i due led, indicando all’utente che il
display è pronto per ricevere un segnale del formato necessario al sincronismo. Appena la centrale trasmette uno
dei messaggi di stato o di allarme, il
micro lo decifra ed estrae il blocco
distintivo di 6 bit, salvandolo poi nella
propria EEPROM; da questo momento
LD1 e LD2 lampeggiano alternativamente per qualche istante, poi si dispongono in base al contenuto del messaggio ricevuto, se riguarda lo stato
della centralina, ovvero tornano nella
condizione precedente all’apprendimento. Notate che per forzare l’invio di
un segnale dalla centrale (è chiaro che
non ha senso stare ad aspettare che succeda...) basta anche solo azionare il
radiocomando, e questo non perché il
Il circuito stampato
utilizzato presenta
dimensioni tali da poter
essere inserito all’interno di
una qualsiasi cassetta a
muro per frutti di tipo Ticino,
Gewiss, Vimar, ecc. I due led
sono in grado di segnalare lo
stato dell’impianto di
allarme indicando se lo
stesso e spento o è attivo in
una o in entrambe le zone.
commutazione che fa da trigger: infatti
il programma avvia la routine di
apprendimento esattamente a seguito
del passaggio 0/1 sulla linea GP2;
E l e t t r o n i c a I n - ottobre 2000
display può decodificare la trasmissione del TX portatile (il relativo formato
è a standard Motorola MC1450xx) ma
per il fatto che ogni cambiamento nello
stato del sistema (es. da disattivato a
zona 1 inserita, da sola zona 1 a zona
1+zona 2, ecc.) produce nel giro di
pochi istanti un messaggio diretto proprio al display. L’autoapprendimento
avviene automaticamente per semplificare l’uso e per evitare interventi da
parte dell’operatore, cosa che sarebbe
alquanto scomoda se pensate che il
modulo, nelle nostre intenzioni, deve
essere montato in una presa a muro.
Inoltre, la scelta dell’istante seguente il
ritorno della tensione di rete ci è sembrato il modo migliore, praticamente
l’unico ammissibile: ai fini pratici ciò
non costituisce alcun problema e non
determina la perdita di alcun dato o di
messaggi trasmessi dalla centrale:
infatti se manca la rete la batteria
garantisce il regolare funzionamento in
ricezione (per circa 30 ore) e la visualizzazione dello stato dell’impianto
ogni volta che cambia a seguito di un
comando dato dall’utente mediante il
TX portatile. Supponiamo a questo
punto che il micro abbia già in memoria la struttura dei codici di comunicazione e vediamo cosa accade quando
arriva una portante radio: il microcontrollore analizza i dati demodulati e se
questi sono in formato compatibile con
quello precedentemente appreso e salvato in memoria prosegue, estraendo
l’ultimo byte, contenente il numero
della segnalazione; se invece si tratta di
altre informazioni (es. una stringa
inviata dal minitrasmettitore del radiocomando) la procedura è abbandonata
ed il software torna ad attendere l’arrivo di nuovi dati sul piedino 4.
Supponendo di aver decifrato il formato adatto, il PIC legge gli ultimi 8 bit e
15
Un’altra immagine del display. Per
contenere le dimensioni del dispositivo,
il modulo ricevente dell’Aurel è stato
montato nella parte inferiore dello
stampato, ovvero dal lato rame.
L’ibrido impiegato è un
modello a basso consumo
(appena 400 µA) in grado di
funzionare con una tensione di appena
3 volt. Come antenna abbiamo utilizzato uno spezzone di filo che può essere
avvolto attorno allo stampato.
procede di conseguenza; se essi esprimono uno dei 3 messaggi di stato (centrale attiva in zona 1, entrambe le zone
attive, sistema disinserito) il rispettivo
codice viene elaborato e determina
l’aggiornamento delle segnalazioni
luminose secondo quanto evidenziato
predette 30 ore, e la batteria si scarica,
il microcontrollore perde memoria
dello stato della centrale e si ripresenta
con entrambi i led spenti; anzi, come
avviene alla prima accensione, fa emettere un lampeggio (per circa 1 secondo)
al diodo rosso (LD1) e al verde (LD2).
do si trovano impulsi sinusoidali alla
frequenza di 50 Hz (quella della rete...)
la cui ampiezza è determinata strettamente dallo Zener DZ1, e limitata da
esso a 3,6 V. Le resistenze R1 ed R2
mantengono la corrente assorbita a
valori non distruttivi per DZ1, contribuendo ad abbassare il potenziale della
linea di massa. L’elettrolitico C1 livella i 3,6 volt ottenuti, in modo da filtrare ogni disturbo impulsivo ed il residuo
d’alternata, condizioni essenziali affinché il microcontrollore lavori con precisione. La resistenza R3 porta la debole corrente che serve al mantenimento
in carica della piccola batteria d’emergenza, e D4 consente alla stessa batteria di alimentare il ricevitore ed il PIC
durante i black-out.
All’alimentatore appartengono, in un
certo senso, anche D3, R6, R8 e C3,
cioè la rete impiegata per far rilevare al
microcontrollore la presenza o l’assen-
Il montaggio all’interno della
scatola ad incasso. Si noti
l’antenna sul fondo ed i due
led di segnalazione rivolti
verso l’esterno. Il pannello
frontale della scatola va
ovviamentente forato in
corrispondenza dei due led.
La piccola
batteria tampone
garantisce il
funzionamento
del circuito anche
in caso di black-out.
nell’apposita tabella. Se invece l’ultimo byte è riferito ad un comando diretto agli attuatori, il microcontrollore
abbandona la procedura e, al solito, si
ridispone alla ricezione di un nuovo
segnale radio. Notate che quando il display riceve un messaggio di stato
seguente al ritorno della rete (dopo un
black-out non più lungo di 30 ore) la
rispettiva segnalazione appare dopo il
lampeggio alternato dei due led, che,
come abbiamo già visto, indica l’apprendimento del formato contenuto nel
messaggio stesso. Ancora, ricordate
che se i 220 volt vengono a mancare
per un periodo di tempo superiore alle
16
Questa condizione indica all’utente che
il sistema si è resettato a causa della
prolungata mancanza della tensione di
rete: occorre perciò provvedere ad un
nuovo apprendimento, come se ci si
trovasse nel momento della prima
accensione del circuito.
Il dispositivo trae alimentazione direttamente dalla rete, senza l’impiego di
alcun trasformatore. Dal lato tecnico,
l’alimentatore non è altro che un raddrizzatore a singola semionda con circuito limitatore di picco, livellamento e
batteria in tampone. Nel dettaglio,
vediamo che la tensione di rete viene
raddrizzata dal diodo D1, sul cui cato-
za dei 220 volt. Dal punto di vista pratico, la costruzione del dispositivo non
presenta alcun problema.
Per tutte le fasi del montaggio e per
l’inserimento del micro (da acquistare
già programmato con l’apposito software, presso la ditta Futura Elettronica
di Rescaldina -MI-, tel. 0331/576139,
fax 0331/578200) seguite la disposizione componenti mostrata in queste pagine; terminate le saldature controllate
con attenzione che ogni componente
sia al proprio posto ed abbia il giusto
valore. Le resistenze R1 e R2, che scaldano parecchio, vanno montate distanziate di 10÷15 millimetri dal piano
Elettronica In - ottobre 2000
protocollo di comunicazione
La centrale del nostro antifurto nel normale funzionamento riceve e trasmette messaggi che sono sostanzialmente di due
categorie: quelli entranti hanno formato Motorola MC1450xx perché arrivano dal radiocomando e dai sensori wireless,
entrambi codificati secondo questo standard, mentre quelli uscenti sono sintetizzati sulla base di un algoritmo proprietario capace di garantire un’elevata sicurezza. A loro volta, i messaggi trasmessi dalla centralina sono suddivisi in due tipi,
quelli di stato e quelli di allarme: i primi sono diretti al display remoto e comunicano lo stato del sistema (a riposo, con
la zona 1 attiva, con entrambe le zone armate), gli altri vanno invece ad azionare o resettare gli attuatori wireless (sirena, combinatore GSM). La tabella seguente riepiloga i segnali scambiati nel sistema. Il formato dei messaggi uscenti
(stato e comando attuatori) è composto da una sezione identificativa di 6 caratteri (6 byte) più 8 bit (ultimo byte) contenenti il valore binario che esprime il significato, ovvero il tipo di segnalazione; sono previste diverse combinazioni dell’ultimo byte, corrispondenti a specifici messaggi alcuni dei quali sono illustrati in tabella.
MESSAGGIO
RADIOCOMANDO
DIREZIONE
DESCRIZIONE
miniTX >> centrale
Codice Motorola trasmesso dal radiocomando
per cambiare lo stato (riposo, zona 1 o entrambe le zone armate) del sistema.
SENSORE IN ALLARME
sensori wireless >> centrale Codice Motorola inviato dai sensori quando
scattano.
STATO ANTIFURTO
centrale >> modulo display
Codice proprietario trasmesso dalla centrale
per far visualizzare al display remoto la condizione del sistema; parte ad ogni cambio di stato
ordinato tramite radiocomando.
ATTIVAZIONE ATTUATORI
centrale >> sirena
Codice proprietario trasmesso dalla centrale
per far innescare sirena ed eventuale combinatore.
RESET ATTUATORI
centrale >> sirena
Codice proprietario trasmesso dalla centrale
per disattivare sirena ed eventuale combinatore;
parte a seguito del disinserimento del sistema
mediante radiocomando, e segue l’invio dalla
centrale del relativo messaggio di stato diretto al
display.
della basetta. Per quanto riguarda l’installazione, il nostro consiglio è di
montare il tutto all’interno di una cassetta comprendente non più di un frutto Magic o similare: ad esempio insieme al pulsante del campanello di casa.
All’accensione verificate che i due led
facciano un breve lampeggio, quindi si
spengano. Da questo momento il display è pronto per sincronizzarsi con il
sistema, dunque potete forzare la trasmissione di un messaggio dalla centrale, ad esempio cambiando lo stato di
funzionamento mediante il radiocomando. L’avvenuto apprendimento del
formato verrà confermato dall’alternarE l e t t r o n i c a I n - ottobre 2000
si dei due led in un rapido lampeggio;
poi il modulo sarà subito “agganciato”
all’antifurto e ne mostrerà lo stato
attuale.
Ultimata l’analisi del display possiamo
occuparci del secondo circuito descritto in questo articolo.
LA SIRENA
Anche questa, ovviamente, è wireless e
funziona a pile. Sì, avete capito bene.
E’ vero che sembra strano, ma il sistema già sperimentato per l’unità di base
regge benissimo anche in questo caso;
e ciò, nonostante la nostra sirena abbia
un trasduttore magnetodinamico, che
quando viene pilotato richiede diversi
ampère di corrente. Il trucco è, come
vedremo, sempre il solito, perché basta
usare robuste pile tipo torcia per poter
contare su picchi di notevole ampiezza;
nessun problema invece per quanto
riguarda la durata, giacché si suppone
che l’avvisatore acustico debba funzionare per periodi relativamente brevi, e
che quindi il suo assorbimento nel
tempo di attivazione sia trascurabile
rispetto alla piena capacità delle batterie. Questo ed altri dettagli ci saranno
più chiari lasciando la breve introduzione appena fatta, e passando alla
17
schema elettrico sirena
sostanza, allo schema elettrico dal
quale vediamo chiaramente la struttura
circuitale della sirena wireless: in esso
possiamo distinguere il blocco delle
pile, un ricevitore radio integrato (U1)
il microcontrollore (U2) ed il driver di
potenza con il relativo trasduttore
magnetodinamico. Il funzionamento
dell’intero apparato è gestito dal micro,
un PIC12CE674 Microchip opportunamente programmato.
Vediamo dunque i vari blocchi, partendo dal ricevitore che utilizza lo stesso
ibrido del display e della centrale ovvero
il
modulo
RX4M30RR04
dell’Aurel. Nonostante non sia un
supereterodina, questo ibrido presenta
una discreta selettività, grazie ad un filtro d’antenna che restringe la banda
passante a 600 KHz (±300 KHz). Il
cuore del dispositivo è senz’altro il
microcontrollore PIC12CE674, programmato per svolgere varie funzioni
che andiamo a descrivere. Partiamo
dalla routine di controllo del ricevitore
ibrido, dicendo che consente la riduzione del consumo medio dell’intero circuito a soli 200 µA, ovviamente senza
contare l’innesco della sirena vera e
propria, che di per sè comporta una
richiesta supplementare di circa 2,5
ampère (comunque presi da un’altra
batteria). In condizioni di riposo la
richiesta alle sole pile dei +3 V è di 200
µA/h, mentre dalle quattro che servono
a dare l’alimentazione di potenza non è
sottratto neppure un microampère! Ciò
viene ottenuto mediante il programma
principale del micro, che fa accendere
l’RX per mezzo secondo ogni 1,5 s. di
pausa, alimentandolo mediante un
segnale rettangolare avente periodo di
2 secondi, con livello alto di 0,5 s. e
basso di 1,5 s. Tale tensione è disponibile tra il piedino 6 (GP1) e massa, e
raggiunge il 10 ed il 15
dell’RX4M30RR; notate che in virtù
del modesto assorbimento del modulo
(400 µA) non vi è alcun problema ad
alimentarlo con un’uscita del microcontrollore, anche e soprattutto perché
le linee di I/O della serie PIC12C6xx
possono erogare fino a ben 25 milliampère sia in modo source che in sink. Il
rovescio della medaglia di questo artificio consiste nella necessità di utilizzare un comando più prolungato, che
Alcuni dei dispositivi
utilizzati nell’impianto
antifurto wireless a pile.
Oltre ai due circuiti descritti
questo mese, notiamo
la centrale con le
due antenne (una
trasmittente e l’altra
ricevente), il sensore
PIR via radio ed il telcomando di
accensione/spegnimento.
18
Elettronica In - ottobre 2000
piano di montaggio DELLA sirena
COMPONENTI
R1÷R5: 1 KOhm
D1÷D6: 6A60
U1: RX4M30RR04 modulo Aurel
U2: PIC12C674 MF350)
T1÷T4: TIP122 transistor
LD1: LED rosso 3mm
Varie:
duri almeno un paio di secondi, così da
essere certi che il segnale proveniente
dalla centrale venga rilevato e decodificato correttamente. Questo per quanto
riguarda la gestione del consumo,
ovvero il modo power-saving; vediamo
adesso la seconda funzione del microcontrollore, cioè quella di decodifica:
si tratta in realtà di un insieme di funzioni, perché il micro è un decoder ad
autoapprendimento che deve innanzitutto caricare un codice e quindi, nel
normale funzionamento, andarlo ad
identificare nelle trasmissioni radio che
riceve. La fase di autoapprendimento si
avvia automaticamente nei primi istanti seguenti l’accensione, e comunque
ogni volta che si staccano e ricollegano
le due pile riservate alla logica (+3 V):
- morsettiera 2 poli;
- morsettiera 3 poli ( 2 pz. );
- zoccolo 4 + 4;
- clips per batteria ( 3 pz. );
- portabatterie doppio per pile
tipo torcia (3 pz.) ;
- spezzone di filo da 17cm.;
- sirena magnetodinamica;
- stampato cod. S350.
ciò vuol dire che quando si effettua la
sostituzione periodica occorre procedere ad una nuova acquisizione, tuttavia
non state a preoccuparvi, perché considerando il consumo medio di 200
µA/h, utilizzando batterie a formato
torcia la cosa dovrete farla mediamente
ogni 5 anni... L’apprendimento serve
per acquisire il formato caratteristico
del sistema, cioè la struttura dei messaggi scambiati. Dopo l’accensione il
led LD1 genera un lampeggio della
durata di 1 secondo, esaurito il quale è
pronto per accettare il segnale radio:
fino a quando non lo riceve, la sirena
non può scattare. Alla ricezione di un
codice contenente il formato previsto il
software “stacca” il corpo centrale
della stringa (6 byte) e lo memorizza:
Ecco come si presenta la basetta della sirena a montaggio ultimato.
E l e t t r o n i c a I n - ottobre 2000
da questo momento sarà il campione
per confrontare ogni altro segnale in
arrivo tramite l’antenna. La ricezione
ed il salvataggio in EEPROM di questo
codice vengono accompagnati da una
segnalazione visiva, consistente in un
rapido lampeggio del solito LD1 (20
brevi lampi che durano nel complesso
circa 1 secondo). A riguardo va precisato che per codice si intende la trasmissione di qualsiasi parte componente l’antifurto, dunque anche la semplice
attivazione di una zona mediante il TX
tascabile del radiocomando: questo
vuol dire che per svolgere l’autoapprendimento basta persino inviare un
comando alla centrale usando il minitrasmettitore. Ben inteso, ciò non significa che la sirena memorizza il codice
di quest’ultimo, perché è a formato
Motorola MC1450xx (come quello dei
sensori wireless) e differisce ovviamente dalla messaggistica generata
dalla centrale; semplicemente, vuol
dire che l’antenna della sirena intercetta il segnale trasmesso dalla centrale
stessa a seguito di una variazione nello
stato di funzionamento, variazione che
può essere determinata, oltre che dall’entrata in allarme di un sensore, dal
radiocomando.
Una volta segnalata l’acquisizione con
il lampeggio del led, la procedura è
completata: da questo momento ogni
ulteriore codice non sortirà alcun effetto, a meno di non essere quello specifico prodotto dalla centrale per indicare
l’allarme. A tal proposito va detto che il
segnale di attivazione della sirena,
meglio definito come codice d’allarme,
è univoco ed ha in comune con tutte le
segnalazioni inviate e ricevute dalle
varie componenti del sistema solo il
corpo di base di 6 byte; differisce per
quella parte che contiene effettivamente il valore binario che lo contraddistingue. E’ dunque chiaro che in apprendimento abbiamo voluto che fosse sufficiente ricevere un qualsiasi segnale
solo per semplificare la procedura, dato
che, oltretutto, al microcontrollore
della sirena serve esclusivamente conoscere il formato standard adottato dal
sistema: questo, per poter poi identificare le trasmissioni. Ma poi, nell’uso
normale il comando dovrà contenere il
valore specifico per l’allarme, e guai se
così non fosse: sarebbe sufficiente una
segnalazione di servizio diretta dalla
19
I collegamenti esterni
Il disegno evidenzia le connessioni della nostra sirena wireless. Oltre all’altoparlante
vanno collegati al circuito tre
portapile ognuno dei quali deve
alloggiare due pile a torcia per
complessivi 3 volt.
L’altoparlante da collegare ai
morsetti SIR per diffondere la
nota modulata deve essere un
mid-range caricato, oppure un
elemento specifico per sirene,
avente impedenza di 4 ohm e
capace di reggere una potenza
efficace (R.M.S.) di 20÷25 watt.
Evitate altoparlanti di cui non
conoscete bene le caratteristiche, perché potrebbero bruciarsi
in breve tempo rendendo inservibile l’avvisatore acustico.
centrale al display, per far partire l’avvisatore acustico. Vediamo allora la
fase di ricezione normale: quando una
portante RF a 433,92 MHz si presenta
sull’antenna, il modulo ibrido U1 la
demodula in AM ed estrae gli impulsi
digitali, mandandoli, tramite il proprio
piedino 14, alla linea GP3 del microcontrollore il quale ne acquisisce i dati
e ne verifica subito il formato. Se questo è incompatibile con quello presente
in memoria, ovvero provengono da un
trasmettitore diverso da quello previsto
per il sistema (es. derivano da un altro
antifurto o da un apricancello), la procedura viene abortita e il microcontrollore torna al comando ciclico on/off del
ricevitore, attendendo, nei periodi di
accensione, un nuovo segnale radio. Se
invece le informazioni ricevute soddisfano i requisiti del sistema, il
PIC12CE674 ne analizza il blocco contenente il valore binario corrispondente
al significato del comando, blocco che
differisce a seconda che la stringa sia
stata emessa da un trasmettitore, ovvero dalla centrale per aggiornare il display di stato o per dare l’allarme; la
procedura avanza solo se i dati corrispondono a questi ultimi due comandi.
In caso contrario viene abbandonata e
si torna al solito controllo ciclico del
ricevitore ed all’attesa di un nuovo
segnale radio. Se il codice contiene il
messaggio di allarme, viene avviata la
subroutine che si occupa della sintesi
dell’audio corrispondente al suono
della sirena: si tratta sostanzialmente di
due onde rettangolari modulate in frequenza ed in opposizione di fase tra
loro, che escono dai piedini 5 e 6; sono
in controfase perché per pilotare il trasduttore volendo ottenere da esso una
nota acustica molto intensa, abbiamo
fatto ricorso ad uno stadio a ponte,
composto da 4 transistor NPN. Così
facendo, sebbene il blocco di potenza
sia alimentato con soli 6 volt, si riesce
ad ottenere una potenza d’uscita pari a
quella ottenibile a 12 V con un solo
transistor, ovvero con un finale singolo:
circa 7 watt effettivi su carico da 4
ohm. Se invece nella stringa ricevuta
via radio si trova il messaggio relativo
ad un cambio di stato della centralina
(in tal caso possiamo dire che la sirena
intercetta effettivamente una serie di
dati diretta al display…) il programma
lo decifra, e provvede a far generare
alle due predette linee del PIC una o
più note continue, sempre in controfase: nel dettaglio, il trasduttore emette
un breve beep all’attivazione della zona
1, due corti suoni attivando entrambe le
zone, ed un beep lungo quando con il
telecomando si mette l’antifurto in
standby. Abbiamo previsto due alimentazioni separate per lo stadio di potenza e per il circuito ricevitore/microcontrollore, rispettivamente a 6 volt (quattro torce da 1,5V) e 3 volt (due torce);
in questo modo i disturbi presenti sulla
linea di alimentazione dello stadio di
potenza (dovuti al notevole assorbimento della sirena) non si propagano al
microcontrollore disturbandone il regolare funzionamento. Durante la fase di
messa a punto di questo circuito abbia-
PER IL MATERIALE
I progetti descritti in queste pagine sono entrambi disponibili in scatola di montaggio e costano
rispettivamente 72.000 lire il display (cod. FT349) e 95.000 la sirena (cod.FT350). I kit comprendono tutti i componenti, i circuiti stampati forati e serigrafati, la batteria tampone, la sirena ed i micro già programmati. Questi ultimi sono disponibili anche separatamente MF349
(display) a lire 25.000 e MF350 (sirena) a lire 25.000. Ricordiamo che il kit della centrale (progetto descritto il mese scorso) è disponibile a lire 89.000 (FT348). Le scatole di montaggio non
comprendono le pile a torcia. Tutti i prezzi sono comprensivi di IVA. Il materiale va richiesto a:
Futura Elettronica, V.le Kennedy 96, 20027 Rescaldina (MI), tel. 0331-576139, fax 0331-578200.
20
Nuovo indirizzo:
Futura Elettronica srl via Adige, 11 - 21013 Gallarate (VA)
Tel. 0331-799775 Fax. 0331-792287 http://www.futurashop.it
Elettronica In - ottobre 2000
la durata delle pile
Per l’alimentazione della sirena radiocomandata
abbiamo preferito optare per due blocchi distinti di
pile, uno da 3 volt per la sezione logica e l’altro da
6 V per la sezione di potenza; questa scelta non è
dovuta al consumo, bensì al forte assorbimento determinato dall’attivazione del
trasduttore, che quando le pile non sono
molto cariche provoca lungo la linea di
alimentazione disturbi impulsivi tali da
influenzare sensibilmente il funzionamento del microcontrollore. Tuttavia,
sebbene la corrente richiesta dalla sirena vera e propria sia decisamente superiore a quella della logica, per entrambe le
sezioni del circuito consigliamo di utilizzare lo stesso tipo di batteria, in quanto, strano ma vero, calcolando il normale
utilizzo del dipositivo, a lungo andare chi scarica prima le pile è proprio la logica. Se vi sembra strano considerate che
essa assorbe mediamente 200 µA, cioè 200 µA/h; invece il driver di potenza richiede quasi 1,5 ampère, ma occasionalmente: infatti una sirena di un impianto antifurto suona si e no 2-3 volte al mese. Dunque, sapendo che ad ogni attivazione la nota acustica dura 30 secondi, gli 1,5 A rapportati ad un’ora equivalgono a 12,5 mA/h; per due attivazioni al mese,
il consumo mensile è dell’ordine di 12,5/24=520 µA riferito al giorno, e 2x17 µA/h nell’arco di 30 giorni. Con due attivazioni mensili la sirena richiede mediamente alle batterie appena 34 µA/h, il che per un anno significa togliere poco meno
di 300 milliampèreora alla capacità complessiva. Parecchio di meno di quello che consuma la logica, la quale preleva
oltre 1,7 A/h ogni anno.
mo verificato che qualche volta gli
impulsi di commutazione del circuito
di potenza provocano i reset del micro.
Con la doppia alimentazione questo
problema viene drasticamente risolto.
Anche la realizzazione pratica della
sirena non presenta alcun tipo di problema. Durante le fasi del montaggio
tenete costantemente sott’occhio sia il
disegno del piano di cablaggio che lo
schema elettrico. I quattro transistor di
potenza non necessitano di alcun dissipatore di calore dato che essi lavorano
in commutazione e dissipano una
potenza relativamente ridotta. Una
volta verificato il circuito ed accertato
che non vi siano errori, saldate uno
spezzone di filo di rame rigido, lungo
17 cm, in corrispondenza della piazzola ANT: farà da antenna ricevente, e lo
potrete piegare a piacimento se inserirete la sirena in una scatola che non ne
permetta l’estensione. Dopo aver procurato
il
microcontrollore
PIC12CE674 programmato con l’apposito software, inseritelo al proprio
posto badando di far coincidere il suo
riferimento con quello dello zoccolo
sottostante. La sirena è pronta, e non
dovete fare altro che prepararla per
l’uso e l’apprendimento. Allo scopo
collegate le sei pile di alimentazione e
verificate che il led si attivi per 1
secondo per poi spegnersi. Da questo
momento il dispositivo è pronto ad
apprendere il codice del sistema, dunque occorre trasmettere anche solo con
il TX portatile, verificando che dopo
qualche istante LD1 prenda a lampeggiare velocemente (teoricamente 20
volte in un secondo) mostrando quasi
un tremolìo, per poi spegnersi. Ciò
conferma l’avvenuta acquisizione del
codice di stato diretto al visualizzatore,
e da adesso in poi quando la centrale
antifurto trasmetterà il segnale d’allarme la sirena si attiverà, emettendo la
nota acustica per 30 secondi per poi
spegnersi automaticamente (salvo che
in precedenza non sia giunto dalla centrale un comando di reset).
Tracce rame in scala 1:1
DISPLAY
E l e t t r o n i c a I n - ottobre 2000
SIRENA
21
Multimetri e strumenti di misura
Multimetro digitale RMS a 4 1/2 cifre
Multimetro professionale da
banco con alimentazione a
batter ia/rete,
indicazione digitale e analogica
con scala a 42
segmenti, altezza
digit 18 mm, selezione automatica delle portate,
retroilluminazione e possibilità di connessione ad un
PC. Funzione memoria, precisone ± 0.3%.
DVM645 Euro 196,00
Strumento professionale
con 10 differenti funzioni in 32 portate.
Misurazione RMS delle
componenti alternate.
Ampio display a 4 ½
cifre. È in grado di misurare tensioni continue e
alternate, correnti AC e
DC, resistenza, capacità, frequenza, continuità
elettrica nonchè effettuare test di diodi e transistor. Alimentazione con batteria a 9V. Completo
di guscio di protezione. DVM98 Euro 115,00
Multimetro digitale a 3 1/2 con LC
LC meter digitale a 3 1/2 cifre
Apparecchio digitale a 3½
cifre con eccezionale
rapporto prezzo/prestazioni. 39 gamme di misurazione: tensione e corrente DC,
tensione e corrente AC, resistenza, capacità, induttanza, frequenza, temperatura,
tester TTL. Alimentazione con batteria a 9V.
DVM1090 Euro 64,00
Strumento digitale in
grado di misurare con
estrema precisione
induttanze e capacità.
Display LCD con cifre
alte 21mm, 6 gamme
di misura per capacità,
4 per induttanza.
Autocalibrazione, alimentazione con pila a 9V.
DVM6243 Euro 80,00
Multimetro analogico
Multimetro analogico per
misure di tensioni DC e AC
fino a 1000V, correnti in
continua da 50µA a 10A,
portate resistenza (x1x10K), diodi e transistor
(Ice0, hfe); scala in dB; selezione manuale delle portate; dimensioni: 148 x 100 x
35mm; alimentazione: 9V (batteria inclusa).
AVM360 Euro 14,00
Multimetro digitale a 3 1/2 cifre low cost
Multimetro analogico con guscio giallo
Display con scale colorate.
Per misure di tensioni DC e
AC fino a 500V, corrente in
continua fino a 250mA, e
manopola di taratura per le
misure di resistenza
(x1/x10). Selezione manuale delle portate; dimensioni:
120 x 60 x 30mm; alimentazione: 1,5V AA (batteria compresa). Completo di
batteria e guscio di protezione giallo.
AVM460 Euro 11,00
Luxmetro
digitale
Multimetro digitale in
grado di misurare correnti
fino a 10A DC, tensioni continue e alternate fino a
750V, resistenze fino a 2
Mohm, diodi, transistor.
Alimentazione con batteria
a 9V (inclusa). Dimensioni:
70 x 126 x 26 mm.
DVM830L Euro 4,50
Rilevatore di temperatura
a distanza -20/+270°C
Sistema
ad
infrarossi per
la misura della
temperatura a
distanza.
Possibilità di
visualizzazione
in gradi centigradi o in gradi
Fahrenheit, display LCD con retroilluminazione,
memorizzazione, spegnimento automatico.
Puntatore laser incluso. Alimentazione: 9V (batteria inclusa).
DVM8810 Euro 98,00
Rilevatore di temperatura
a distanza -20/+420°C
Sistema ad infrarossi per la misura della temperatura a distanza.
Possibilità
di
visualizzazione in
°C o °F. Puntatore
laser incluso. Alimentazione: 9V.
DVM8869 Euro 178,00
Termometro IR con lettura a distanza
Possibilità
di
visualizzazione in
°C o °F, display
LCD con retroilluminazione,
memorizzazione,
spegnimento
automatico, puntatore a led. Gamma di temperatura da -20°C a +
270°C. Rapporto distanza/spot: 6/1.
Alimentazione: 2 x 1,5V (2 batterie ministilo
AAA, comprese).
DVM77 Euro 56,00
Multimetro digitale a 3 1/2 cifre con RS232
M u l t i m e t ro
digitale dalle
caratteristiche professionali a 3½ cifre
con
uscita
RS232, memorizzazione dei dati e display retroilluminato. Misura
tensioni in AC e DC, correnti in AC e DC, resistenze,
capacità e temperature. Alimentazione con batteria a
9V. Completo di guscio di protezione.
DVM345 Euro 72,00
Multimetro con pinza amperometrica
Dispositivo digitale con
pinza amperometrica.
Display digitale a 3200
conteggi con scala analogica a 33 segmenti.
Altezza digit 15 mm,
funzione di memoria. È
in grado di misurare
correnti fino a 1.000 A.
Massimo diametro cavo misurazione: Ø 50 mm
Misura anche tensione, resistenza e frequenza.
Funzione continuità e tester per diodi. Dotato di
retroilluminazione. Alimentazione con batteria a 9V.
DCM268 Euro 118,00
Multimetro miniatura con pinza
Pinza amperometrica con multimetro digitale con
display LCD retroilluminato da 3 2/3
cifre a 2400 conteggi. Memorizzazione
dei dati, protezione contro i sovraccarichi, autospegnimento e indicatore di batteria scarica. Misura tensioni/correnti alternate e continue 0-200A e frequenza 40Hz-1kHz; apertura pinza: 18mm (0.7");
torcia incorporata. Alimentazione con 2 batterie tipo
AAA 1,5V. Viene fornito con custodia in plastica.
DCM269 Euro 86,00
Strumento per la misura dell’illuminazione con indicazione digitale da
0.01lux a 50000lux tramite display a 3 1/2 cifre. Funzionamento a batterie,
indicazione di batteria scarica, indicazione di fuoriscala. Sonda con cavo della
lunghezza di circa 1 metro. Alimentazione: 1 x 9V (batteria inclusa).
Completo di custodia.
DVM1300 Euro 48,00
Multimetro digitale a 3 1/2
cifre low cost
Multimetro digitale in grado di misurare
correnti fino a 10A DC, tensioni continue
e alternate fino a 750V, resistenze fino a 2
Mohm, diodi, transistor. Alimentazione
con batteria a 9V (inclusa).
DVM830 Euro 8,00
Termometro digitale
da pannello
Termometro con doppio
ingresso e sensore
a termocoppia
Strumento professionale a 3
1/2 cifre per la
misura di temperature da 50°C a 1300°C
munito di due
distinti ingressi. Indicazione in °C o °F,
memoria, memoria del valore massimo,
funzionamento con termocoppia tipo K.
Lo strumento viene fornito con due termocoppie. Alimentazione: 1 x 9V.
Termometro digitale
da pannello con sensore via cavo lungo
1,5 metri. Facile da
installare, con ampio
display e completo
di contenitore in
ABS. Intervallo di
misurazione della temperatura: -50°C ~ +70°C;
tolleranza: 1°C; dimensione display: 12 x
6.5mm; lunghezza sensore via cavo: 1,5 metri;
dimensioni: 47 x 26 x 13mm; alimentazione: 1
x LR44 (batteria a bottone inclusa).
DVM1322 Euro 69,00
Termometro digitale interno / esterno
Termometro digitale con indicazione contemporanea della temperatura interna e esterna in °C o°F.
Ideale per controllare la temperatura di frigoriferi, freezer, ma
anche per misurare la temperatura
ambiente. Montaggio a muro o su
supporto.
Doppio con sensore per temperatura
esterna a tenuta stagna; display di facile lettura; allarme; memoria di minima e massima; gamma temperatura interna: -10°C / +50°C (+14°F / +122°F); gamma
temperatura esterna: -50°C / +70°C (-58°F / +158°F);
dimensioni termometro: 110 x 70 x 20mm; alimentazione: 1 x 1.5 V AAA (batteria compresa).
TA20 Euro 5,50
PMTEMP Euro 14,00
Termoigrometro
digitale
Termoigrometro
digitale per la
misura del grado
di umidità (da 0%
al 100%) e della
temperatura ( da
-20°C a +60°C)
con memoria ed
indicazione del
valore minimo e
massimo.
A limentazione
9V (a batteria).
DVM321 Euro 78,00
Multimetro digitale a 3 3/4 cifre
Strumento professionale
con display LCD da 3 3/4
cifre, indicazione automatica della polarità, bargraph, indicazione di batteria scarica, selezione
automatica delle portate,
memorizzazione dei dati e
protezione contro i sovraccarichi. Misura tensioni/correnti alternate e continue,
resistenza, capacità e frequenza. Alimentazione con
batteria a 9V. Completo di guscio di protezione.
DVM68 Euro 47,00
Pinza amperometrica per multimetri digitali
Pinza amperometrica adatta a
qualsiasi multimetro digitale.
In grado di convertire la
corrente da 0,1 a 300 A in una
tensione di 1 mV ogni 0,1A
misurati. Adatto per conduttori di diametro massimo di
30mm. Dimensioni: 80 x 156 x
35mm; peso con batteria: ±220g.
AC97 Euro 25,00
Via Adige, 11 - 21013 Gallarate (VA)
Tel. 0331/799775 - Fax. 0331/778112 www.futuranet.it
Disponibili presso i migliori negozi di elettronica
o nel nostro punto vendita di Gallarate (VA).
Caratteristiche tecniche e vendita on-line:
www.futuranet.it - Richiedi il Catalogo Generale!
Anemometro digitale
Dispositivo per la visualizzione
della velocità del vento su istogramma e scala di Beaufort
completo di termometro.
Visualizzazione della temperatura di raffreddamento (windchill factory). Display LCD con
retroilluminazione. Strumento
indispensabile per chi si occupa dell’installazione o
manutenzione di sistemi di condizionamento e trattamento dell’aria, sia a livello civile che industriale.
Indispensabile in campo nautico. Completo di cinghietta. Alimentazione: 1x 3 V (CR2032, batteria inclusa).
WS9500 Euro 39,00
Multimetro digitale a 3 1/2 cifre
Multimetro digitale con display retroilluminato in
grado di misurare correnti fino a 10A DC, tensioni
continue e alternate fino a 600V, resistenze fino a 2
Mohm, diodi, transistor e continuità elettrica.
Alimentazione con batteria a 9V (inclusa). Funzione
memoria per mantenere visualizzata la lettura.
Completo di guscio di protezione.
DVM850 Euro 12,00
Fonometro analogico
Fonometro portatile dalle caratteristiche professionali in grado di rilevare suoni di intensità compresa
tra 50 e 126 dB. Sette scale di misura, curve di pesatura A e C conformi agli standard internazionali,
modalità FAST e SLOW per le costanti di tempo,
calibrazione VR eseguibile dall'esterno, microfono a
condensatore di grande precisione. Ideale per misurare il rumore di fondo in fabbriche, scuole e uffici,
per testare l'acustica di studi di registrazione e teatri
nonché per effettuare una corretta installazione di impianti HI-FI.
L'apparecchio viene fornito con batteria alcalina.
FR255 Euro 26,00
Fonometro professionale
Strumento con risoluzione di 0,1 dB ed indicazione
digitale della misura. È in grado di rilevare intensità
sonore comprese tra 35 e 130 dB in due scale.
Completo di custodia e batteria di alimentazione.
Display: 3 1/2 cifre con indicatore di funzione; scale
di misura: low (da 35 a 100dB) / high (da 65 a
130dB); precisione: 2,5 dB / 3,5 dB; definizione: 0,1
dB; curve di pesatura: A e C (selezionabile); alimentazione: 9V (batteria inclusa).
DVM1326 Euro 122,00
Fonometro professionale
Misuratore con risoluzione di 0,1 dB ed indicazione
digitale della misura. È in grado di rilevare intensità
sonore comprese tra 30 e 130 dB. Scale di misura: low
(da 30 a 100dB) / high (da 60 a 130dB); precisione: +/1.5dB 94dB @ 1kHz; gamma di frequenza: da 31.5Hz
a 8kHz; uscita ausiliaria: AC/DC; alimentazione: 1 x
9V (batteria inclusa); dimensioni: 210 x 55 x 32 mm.
DVM805 Euro 92,00
Tutti i prezzi si intendono IVA inclusa.
Multimetro da banco
DEMO BOARD PIC16F876 MICROCHIP
Terza puntata
di Roberto Nogarotto
Lo scopo di questo Corso è quello di introdurvi alla programmazione dei nuovi
microcontrollori Flash della famiglia PIC16F87X. Utilizzando una semplice demoboard
e un qualsiasi programmatore low-cost, realizzeremo una completa stazione di test con la
quale verificare routine di comando per display LCD, 7 segmenti, buzzer, e di lettura di
segnali analogici e pulsanti. I listati dimostrativi che andremo via via ad illustrare
saranno redatti dapprima nel classico linguaggio Assembler e poi in Basic e in C.
I
n questa puntata analizzeremo un programma
decisamente più complesso dei precedenti, che ci
permetterà di far comparire delle scritte sul display
a LCD. Utilizzando le routine del programma
DEMO_04 sarà possibile aggiungere una visualizzazione alfanumerica ai nostri progetti. I display a
LCD utilizzano per l’interfacciamento con il
microprocessore una serie di linee: 8 linee dati,
denominate D0 ÷ D7, che possono essere utilizzate
tutte e 8, come nel nostro caso, oppure anche solo
4 (in questo caso si parla di formato dati a 4 bit); 1
linea RS per indicare se si stanno inviando dei dati
o dei comandi; 1 linea E utilizzata come linea di
strobe per far acquisire al display il dato o il
comando presente sulle linee dati; una linea R/W
per scrivere o leggere dal display. Poiché nel nostro
caso effettuiamo solo operazioni di scrittura, questa
linea non è collegata al micro ma tenuta direttamente a livello logico basso. Prima di poter utilizzare i display a LCD occorre eseguire una serie di
E l e t t r o n i c a I n - ottobre 2000
23
MOVLW
MOVWF
MOVLW
MOVWF
CALL
00
COUNT_4
0
PORT_C
DELAY200MS
;Interfacciamento PIC16F876 con display LCD
;Inizializzazione del display
list P=16F876, F=INHX8M
E
EQU 1
RS
EQU 2
CUR_HOME
EQU 02
DIS_CLEAR
EQU 01
CG_RAM
EQU H’40’ ;Indirizzo CG ram
DD_RAM_1
EQU H’80’ ;Indirizzo prima riga
DD_RAM_2
EQU H’C0’ ;Indirizzo seconda
riga
BITS
EQU H’38’
AI_NS
EQU H’06’
DO_NC
EQU H’0C’
COUNT_1
EQU 22
;Contatore
COUNT_2
EQU 21
COUNT_3
EQU 20
;Contatore
COUNT_4
EQU 19
;Contatore
PCL
EQU 02
PORT_A
EQU 05
;Porta A
PORT_B
EQU 06
;PortB = registro 06h
PORT_C
EQU 07
;PortB = registro 06h
STATUS
EQU 03
;Registro STATUS
RP0
EQU 05
RP1
EQU 06
TRISA
EQU 085h
TRISB
EQU 086h
TRISC
EQU 087h
ADCON0
EQU 01Fh
ADCON1
EQU 09Fh
CARRY
EQU 00
;Bit di Carry
INIT
ORG 0000H
GOTO START
START
ORG 0010H
INIZ
BCF
CALL
MOVLW
MOVWF
BSF
BCF
CALL
BSF
BCF
CALL
BSF
BCF
CALL
MOVLW
MOVWF
BSF
BCF
CALL
MOVLW
MOVWF
BSF
BCF
CALL
MOVLW
MOVWF
BSF
BCF
CALL
MOVLW
MOVWF
BSF
BCF
MOVLW
MOVWF
BSF
BCF
CALL
MOVLW
MOVWF
BSF
BCF
CALL
BSF
CALL
;Configura porte come uscite
BCF
BCF
MOVLW
MOVWF
BSF
BCF
MOVLW
MOVWF
MOVLW
MOVWF
MOVLW
MOVWF
MOVLW
MOVWF
BCF
BCF
;Inizializza i
MOVLW
MOVWF
MOVLW
MOVWF
24
STATUS,RP0
STATUS,RP1
0
ADCON0
STATUS,RP0
STATUS,RP1
07
ADCON1
B’11110001’
TRISA
0
TRISB
0
TRISC
STATUS,RP0
STATUS,RP1
contatori
H’FF’
COUNT_1
D’16’
COUNT_3
;FERMA ADC
;TUTTI PIN DIGITALI
;Porta A ingresso
;Porta B uscita
PORT_A,RS
DELAY
BITS
PORT_B
PORT_A,E
PORT_A,E
DELAY
PORT_A,E
PORT_A,E
DELAY
PORT_A,E
PORT_A,E
DELAY
DO_NC
PORT_B
PORT_A,E
PORT_A,E
DELAY
AI_NS
PORT_B
PORT_A,E
PORT_A,E
DELAY
DIS_CLEAR
PORT_B
PORT_A,E
PORT_A,E
DELAY
CUR_HOME
PORT_B
PORT_A,E
PORT_A,E
CG_RAM
PORT_B
PORT_A,E
PORT_A,E
DELAY
DD_RAM_1
PORT_B
PORT_A,E
PORT_A,E
DELAY
PORT_A,RS
DELAY
;Invia istruzioni
;Interfaccia a 8 bit
;Alza E
;Abbassa E
;Accendi display,
;Entry mode
;Pulisci il display
;Cursore inizio
;Indirizza CG ram
;Indirizza prima riga
;Fine invio istruzioni
;Routine per la scrittura della
;prima riga del display
;Porta C uscita
CALL
CALL
PRIMAR
MOVF
CALL
CALL
INCF
DECFSZ
RIGA_1
DELAY
COUNT_4,0 ;Carica COUNT_4 in W
CARATT
DELAY
COUNT_4
COUNT_3
Elettronica In - ottobre 2000
DEMO BOARD PIC16F876 MICROCHIP
;********************************************************
;**** FUTURA ELETTRONICA CORSO PIC ****
;**** DEMO_04.ASM
****
;**** INTERFACCIA DISPLAY LCD
****
;********************************************************
DEMO BOARD PIC16F876 MICROCHIP
GOTO
PRIMAR
;Se non hai scritto 16 car.
RETLW
RETLW
RETLW
RETLW
RETLW
RETLW
;Routine per la scrittura
;della seconda riga del display
CALL
CALL
MOVLW
MOVWF
SECRIG
MOVF
CALL
CALL
INCF
DECFSZ
GOTO
FINE
RIGA_2
DELAY
D’16’
COUNT_3
;Seconda riga
RETLW
RETLW
RETLW
RETLW
RETLW
RETLW
RETLW
RETLW
RETLW
RETLW
RETLW
RETLW
RETLW
RETLW
RETLW
RETLW
COUNT_4,0
CARATT
DELAY
COUNT_4
COUNT_3
SECRIG
;Se non hai scritto 16 car.
nop
goto fine
;Routine per indirizzare la prima riga
RIGA_1
BCF
MOVLW
MOVWF
BSF
BCF
CALL
BSF
RETURN
PORT_A,RS ;Invia istruzione
DD_RAM_1
PORT_B ;Indirizza la prima riga
PORT_A,E
PORT_A,E
DELAY
PORT_A,RS
;Routine per indirizzare la seconda riga
RIGA_2
BCF
PORT_A,RS ;Invia istruzione
MOVLW DD_RAM_2
MOVWF PORT_B
;Indirizza
;la seconda riga
BSF
PORT_A,E
BCF
PORT_A,E
CALL
DELAY
BSF
PORT_A,RS
RETURN
;Routine per scrivere un carattere
;ricavato dalla TABLE
CARATT CALL
MOVWF
BSF
BCF
CALL
RETURN
TABLE
PORT_B
PORT_A,E
PORT_A,E
DELAY
;Tabella
TABLE
ADDWF
RETLW
RETLW
RETLW
RETLW
RETLW
RETLW
RETLW
RETLW
RETLW
RETLW
PCL
‘E’
‘L’
‘E’
‘T’
‘T’
‘R’
‘O’
‘N’
‘I’
‘C’
E l e t t r o n i c a I n - ottobre 2000
‘A’
‘‘
‘‘
‘I’
‘N’
‘‘
‘‘
‘‘
‘‘
‘C’
‘O’
‘R’
‘S’
‘O’
‘‘
‘‘
‘‘
‘P’
‘I’
‘C’
‘‘
‘‘
;Routine di ritardo
DELAY
MOVLW
MOVWF
DELAY1
DECFSZ
GOTO
MOVLW
MOVWF
RETURN
DELAY2MS
MOVLW
MOVWF
DELAY2
NOP
NOP
NOP
NOP
NOP
NOP
NOP
DECFSZ
GOTO
DELAY1
RETURN
0FF
COUNT_1
COUNT_1,1 ;Decrementa COUNT_1
DELAY1
;Se non è 0, vai a DELAY
0FF
COUNT_1
;Ricarica COUNT_1
;Torna al programma
;principale
D’200’
COUNT_1
;1 uS
;1 uS
COUNT_1,1 ;10 uS * 200 = 2 MS
DELAY2
;Se non è 0, vai a
;Torna al programma
;principale 1
DELAY200MS
movlw
D’100’
MOVWF COUNT_2
DELAY3
CALL
DELAY2MS
DECFSZ COUNT_2
GOTO
DELAY3
RETURN
END
25
26
visualizzato sul display il carattere della tabella TABLE
corrispondente al numero che avevamo passato alla routine attraverso il registro W.
Tornando al programma principale, dopo aver inizializzato il display viene chiamata la routine RIGA_1 per
posizionare il cursore sulla prima riga del display. Viene
quindi caricato il registro W con il registro COUNT_4,
e viene richiamata la routine CARATT che provvederà
a inviare al display il primo carattere della TABLE.
Viene incrementato COUNT_4 e decrementato
COUNT_3. Se COUNT_3 non è arrivato a 0, cioè se
non abbiamo ancora inviato 16 caratteri, il programma
torna a PRIMAR, viene trasferito in W il contenuto di
COUNT_4, che varrà adesso 1, e viene richiamata la
routine CARATT che provvederà a visualizzare il secondo carattere della TABLE. Il tutto per 16 caratteri, cioè
esattamente la lunghezza della prima riga del display.
Una volta che COUNT_3 è arrivato a 0, il programma
non esegue più l’istruzione GOTO PRIMAR ma prosegue:
CALL
CALL
MOVLW
MOVWF
SECRIG
MOVF
CALL
CALL
INCF
DECFSZ
GOTO
RIGA_2
DELAY
D’16’
COUNT_3
COUNT_4,0
CARATT
DELAY
COUNT_4
COUNT_3
SECRIG
;Se non hai scritto 16
;caratteri
A questo punto il programma dovrebbe essere chiaro:
viene richiamata la routine RIGA_2 per posizionare il
cursore sulla seconda riga del display, viene ricaricato
COUNT_3 col numero 16, e si entra in un loop che
invia di nuovo 16 caratteri al display, che andranno a
completare la scrittura della seconda riga.
PER IL MATERIALE
La demoboard utilizzata in questo Corso è
disponibile in scatola di montaggio (cod.
FT333K) al prezzo di 104.000 lire. Il kit comprende tutti i componenti, la basetta forata e
serigrafata, il display LCD, il microcontrollore
PIC16F876 e un dischetto con i programmi
dimostrativi in linguaggio Assembler, in Basic e
in C. Il programmatore low-cost per PIC è
disponibile separatamente in scatola di montaggio (cod. FT284K) al prezzo di 112.000 lire. Tutti
i prezzi IVA compresa. Il materiale va richiesto
a: Futura Elettronica, V.le Kennedy 96, 20027
Rescaldina (MI), tel. 0331-576139.
Nuovo indirizzo:
Futura Elettronica srl via
Adige, 11 In
- 21013
Gallarate
(VA)
Elettronica
- ottobre
2000
Tel. 0331-799775 Fax. 0331-792287 http://www.futurashop.it
DEMO BOARD PIC16F876 MICROCHIP
operazioni per inizializzare il display stesso. Una volta
effettuate queste prime operazioni, è possibile inviare al
display dei comandi, come cancellare tutto il display,
spostare il cursore sulla seconda riga e così via, oppure
inviare i caratteri ASCII veri e propri che saranno visualizzati sul display. Il programma inizia con la definizione di tutta una serie di valori che verranno passati al
display per le varie operazioni. I valori corrispondenti ai
vari comandi si trovano facilmente su qualunque data
sheet di display alfanumerici. Dopo la solita inizializzazione delle porte, si passa all’etichetta INIZ, ovvero
all’inizializzazione del display LCD. Questa operazione
deve essere effettuata una sola volta all’accensione.
Viene posta a 0 la linea RS con l’istruzione: BCF
PORT_A,RS per dire al display che si stanno inviando
dei comandi. Successivamente viene richiamata una
routine di ritardo (CALL DELAY); questa operazione è
necessaria in quanto il display dispone a sua volta di un
microcontrollore che gestisce l’LCD vero e proprio, e
quindi occorre fare in modo di non inviare i comandi
troppo velocemente, in quanto potrebbero non essere
correttamente ricevuti dal display. Si invia ora il comando per impostare il display a gestire tutte e 8 le linee
DB0 - DB7 per la comunicazione dei vari comandi. Per
far questo è necessario rendere disponibile l’apposita
istruzione sul BUS dati e porre a 1 e subito dopo a 0 il
piedino E del display che, come abbiamo già accennato,
funziona da strobe, ossia fa in modo che il dato presente sulle linee DB0 ÷ DB7 venga letto dal display stesso.
Vengono quindi inviati di seguito, con la stessa tecnica,
una serie di comandi per indirizzare la memoria del
display, cancellare il display e così via. Per vedere il
significato dei vari comandi inviati, come abbiamo già
detto, occorre fare riferimento al data sheet del display
utilizzato. Il programma vero e proprio utilizza tre routine chiamate RIGA1, RIGA2 e CARATT. Le prime
due routine servono per spostare il cursore rispettivamente sulla prima e sulla seconda riga, mentre la terza
serve per inviare un carattere al display letto dalla tabella chiamata TABLE. In pratica, quando si richiama questa routine, occorre passare nel registro W il numero del
carattere che si vuole inviare al display. Quando viene
eseguita l’istruzione CALL TABLE, nel Program
Counter del microcontrollore, cioè il registro che
memorizza la locazione di memoria contenente l’istruzione da eseguire, viene caricato l’indirizzo dell’etichetta TABLE. L’istruzione ADDWF PCL somma al
Program Counter (PCL) il contenuto del registro W. Ad
esempio se W contiene il numero 3, al Program Counter
viene sommato 3, e quindi la prossima istruzione che
verrà eseguita sarà la RETLW “T” (che è il quarto carattere, in quanto il Program Counter viene automaticamente incrementato di 1 ad ogni istruzione del programma), cioè in W viene caricato il codice ASCII della lettera T, e il programma ritorna da dove era stata chiamata la subroutine. Questo carattere viene quindi posto
sulla porta B e, attraverso il piedino E viene fatto acquisire dal display che provvederà a visualizzarlo. Ogni
volta che si richiama la routine CARATT, viene quindi
automazione
Elettronica
Innovativa
di Paolo Gaspari
Comando a distanza in
UHF, a 433,92 MHz,
realizzato con un
trasmettitore
a microcontrollore
capace, mediante una
piccola tastiera a 9
tasti, di controllare
fino a 16 diversi
canali, e da due unità
riceventi, intelligenti
ad autoapprendimento,
ciascuna provvista di 8
uscite selezionabili in
modalità bistabile
o impulsiva.
ella puntata precedente abbiamo visto come lavora il microcontrollore e quindi la parte più importante del ricevitore; ora è bene soffermarci ancora un
attimo sulla descrizione dello schema elettrico analizzando la sezione di uscita: le linee del registro RC pilotano ciascuna un canale ma, visto che possono erogare
appena pochi milliampère, non è pensabile collegarle
direttamente ai relè. Abbiamo quindi interposto un linedriver ULN2803. Si tratta di un integrato che raggruppa sostanzialmente 8 darlington NPN in configurazione
open-collector, che ci consente di sostituire gli altrettanti transistor esterni altrimenti necessari per pilotare
E l e t t r o n i c a I n - ottobre 2000
le bobine dei relè mediante le uscite del micro.
Ciascuna sezione del chip porta a livello basso la propria uscita quando riceve l’1 logico (a livello TTL)
all’ingresso, per attivare uno dei relè il PIC provvede a
generare lo stato alto sul rispettivo pin. All’interno
dell’ULN2803 tutti gli emettitori sono in comune e collegati al piedino 9; quanto al positivo (pin 10) è il punto
di unione dei catodi dei diodi di protezione di ciascun
darlington, diodi utili a tutelare l’integrità delle giunzioni di collettore quando (come nel nostro caso) ciascun gruppo pilota carichi induttivi (come ad esempio
le bobine dei relè). Infatti, se analizziamo attentamente
27
schema elettrico ricevitore
lo schema elettrico notiamo che nessun relè dispone di alcun diodo di protezione. I led (LD3÷LD10), consentono di verificare facilmente lo stato di
ogni uscita, ovvero del rispettivo relè:
diodo acceso significa relè eccitato,
spento vuol dire che il relè è a riposo.
L’intera unità ricevente si alimenta con
12 volt c.c. applicati tra i morsetti + e Val; la corrente attraversa il fusibile,
che ha il doppio scopo di proteggere
dall’inversione di polarità (grazie
all’ausilio del diodo D1) e salvaguardare l’alimentatore da sovraccarichi o
cortocircuiti dovuti a problemi o guasti
nella scheda. La protezione dall’inversione di polarità sfrutta il principio che
il diodo D1, polarizzato al contrario, va
in conduzione e mette praticamente in
cortocircuito il positivo ed il negativo a
valle del fusibile che, quindi, salta
interrompendo la linea ed evitando che
venga danneggiato il resto del ricevitore. Il led LD1 fa da spia della presenza
28
dell’alimentazione principale, mentre
C1 e C2 filtrano la corrente da eventuali disturbi. Il regolatore integrato U1
ricava 5 volt perfettamente stabilizzati
con i quali funzionano l’ibrido BCNBK (U2) ed il microcontrollore (U3).
Bene, si può ora passare alla pratica,
vedendo i principali aspetti della
costruzione di trasmettitore e ricevito-
ULN2803
re; per prima cosa occorre ricordare
che, per sfruttare a pieno le possibilità
del TX, bisogna mettere a punto due
unità riceventi, dato che ciascuna può
gestire un massimo di 8 canali.
Ovviamente se, per il vostro utilizzo,
sono sufficienti 8 canali, basta montare
solamente una scheda ricevitore.
Bisogna innanzitutto preparare i necessari circuiti stampati, seguendo le
rispettive tracce lato rame (illustrate in
queste pagine a grandezza naturale) e
ricavando da esse le due pellicole.
Una volta incise e forate le basette, vi si
possono inserire e saldare i componenti necessari partendo da quelli a basso
profilo, cioè diodi e resistenze, e procedendo con gli zoccoli (questi è bene
orientarli come mostrano gli appositi
disegni) i condensatori, i led (il catodo
è il terminale che sta dal lato smussato)
il transistor del TX, e quant’altro serve.
Non dimenticate il quarzo ed i relè
miniatura per la ricevente, che vanno
Elettronica In - ottobre 2000
scelti con passo e piedinatura compatibili con quelli dei componenti da noi
previsti. Per tutti gli elementi polariz-
tastiera ed il suo led incorporato vanno
fatte usando dei connettori maschi da
saldare direttamente alle piazzole (5 +
posito software...) al proprio posto,
prestando la massima attenzione all’inserimento: la sua tacca di riferimento
piano di montaggio TRASMETTITORE
COMPONENTI
Il telecomando a 16 canali prevede
come ingresso una tastiera a matrice di 3 x 3 pulsanti. Per il nostro
prototipo abbiamo utilizzato una
versione a membrana particolarmente robusta e caratterizzata dal
fatto di essere impermeabile e dotata posteriormente di adesivo per un
veloce fissaggio. Utilizziamo i tasti
da “1” ad “8” per identificare i
canali, ed il “9” come “shift”. Se
lo shift non è attivo (led spento),
premendo i tasti da 1 a 8 si
comandano i primi 8 canali,
mentre se lo shift è attivo vengono
gestiti i canali da 9 a 16.
zati, schema elettrico e piani di montaggio indicano inequivocabilmente il
verso da rispettare, quindi attenetevi ai
disegni e tutto funzionerà correttamente. Non trascurate il ponticello di interconnessione posto dietro lo zoccolo del
microcontrollore U3, indispensabile al
buon funzionamento della scheda ricevente. Le connessioni con la piccola
R1: 650 Ohm
R2: 100 Ohm
R3: 1,5 KOhm
R4: 2,2 KOhm
R5: 4,7 KOhm
C1: 100 nF multistrato
C2: 100 nF multistrato
C3: 100 nF multistrato
D1: 1N4007 diodo
T1: BC547B
U1: 78L05 regolatore
U2: PIC12CE674
programmato ( MF335 )
U3: TX433 SAW
modulo AUREL
Varie:
- zoccolo 4 + 4;
- spezzone di filo 17cm;
- strip maschio 10 poli;
- tastiera a membrana;
- clips 9V per batteria;
- contenitore mod. SC/700;
- stampato cod. S335.
5) siglate R1, R2, R3 (cioè riga 1, 2, 3)
C1, C2, C3 (colonna 1, 2, 3) K e LED;
in pratica vanno bene due gruppi di
punte a passo 2,54 mm, in quanto la
tastiera da noi prevista dispone di due
flat-cable terminanti ciascuno con un
connettore femmina a passo 2,54 mm.
Finito il montaggio, collocate il microcontrollore (già programmato con l’ap-
I DUE
PROTOTIPI
MONTATI E
COLLAUDATI
I nostri prototipi del radiocomando a 16
canali al termine del montaggio.
Con l’utilizzo di normali spezzoni di rame
smaltato come antenna abbiamo
raggiunto una portata di 70÷80 metri.
E l e t t r o n i c a I n - ottobre 2000
deve coincidere con quella dello zoccolo sottostante. Il collegamento con la
tastiera va fatto in questo modo: il connettore terminale del flat-cable sul
quale vi è il bollino blu va infilato nella
serie di 5 punte riportante le sigle R1,
R2, R3, badando che l’1 (stampato sul
connettore) sia in corrispondenza di
R1, ovvero rivolto al diodo D1. Per
l’altro flat (quello contrassegnato dall’adesivo giallo) dovete fare la stessa
operazione, collegando il pin 1 sul contatto C1. Comunque, per non sbagliare
ricordate che i connettori vanno inseriti senza piegare i flat-cable, tenendo i
lati con i bollino colorati verso l’esterno della basetta, e facendo in modo che
quello blu stia verso il diodo D1.
Per l’alimentazione della trasmittente
saldate i due fili di una clip volante alle
piazzole siglate con i simboli + (positivo, filo rosso) e massa (negativo, filo
nero); racchiudete dunque il tutto in un
piccolo contenitore plastico sul coper29
piano di montaggio RICEVITORE 8 CANALI
ELENCO
COMPONENTI
R1: 4,7 KOhm
R2-R9: 4,7 KOhm
R10: 10 KOhm
R11: 2,2 KOhm
R12-R19: 4,7 KOhm
trimmer
R20: 4,7 KOhm
R21: 10 KOhm
C1: 220 µF 25VL el.
C2: 100 nF multistrato
C3: 100 nF multistrato
C4: 22 pF ceramico
C5: 22 pF ceramico
C6: 100 µF 25VL el.
C7-C14: 100 nF
pol. 63VL
C15: 100 nF multistrato
D1: 1N4007 diodo
LD1: LED verde 5mm
LD2: LED giallo 5mm
LD3-LD10: LED rossi
U1: 7805 regolatore
U2: BC-NBK
modulo AUREL
U3: PIC16F876-20
programmato
( MF336 )
U4: ULN2803
Q1: quarzo 8 Mhz
S1: dip switch 1 polo
FUS: fusibile rapido 1A
RL1-RL8: relè 12V 1SC da c.s.
chio del quale farete aderire la tastiera,
dopo averle tolto il talloncino posteriore. Ovviamente, prima, dovete aver
fatto una cava per far passare i due flatcable all’interno del contenitore.
L’antenna trasmittente può essere uno
Varie:
- zoccoli 14 + 14;
- zoccolo 9 + 9;
- morsettiera 2 poli;
- morsettiera 3 poli ( 8 pz. );
spezzone di filo di rame smaltato,
lungo 17 cm e abbastanza sottile da
essere ripiegato quanto serve all’interno del contenitore. Per accendere e
spegnere completamente l’unità, conviene porre un piccolo interruttore uni-
- portafusibile da C.S.
con coperchio;
- spezzone di filo 17cm;
- circuito stampato
cod. S336.
polare in serie al filo positivo della
presa per la pila, collocandolo poi fisicamente su un lato della scatola. Potete
dunque mettere in funzione il trasmettitore, verificare che funzioni correttamente, e memorizzargli il codice iden-
impostazioni e
settaggio
ricevitore
La scheda del ricevitore ad otto canali dispone di una morsettiera di alimentazione
(VAL) a cui va collegato un alimentatore in
grado di erogare una tensione di 12÷15
volt in continua, ed una corrente di 400
milliampère. Il led LD1 indica la corretta
alimentazione mentre LD2 è il led di
segnalazione. Il jumper S1 viene utilizzato
per iniziare la procedura di autoapprendimento; una volta chiuso, il micro si aspet-
30
Elettronica In - ottobre 2000
tificativo che desiderate. Non appena
date l’alimentazione, controllate che il
led della tastiera si accenda, spegnendosi dopo circa 2 secondi: questo
segnala il buon funzionamento del
microcontrollore. Spegnete il circuito,
tenete premuto il pulsante 5 della
tastiera, quindi ridate l’alimentazione:
attendere, tra la pressione di un tasto e
del seguente, che il led confermi la
memorizzazione tramite una rapida
sequenza di lampeggi (sono 5 in tutto).
Introdotta la sesta cifra il diodo emette
due lampeggi più lenti, condizione che
evidenzia l’avvenuta memorizzazione
del codice e l’uscita dalla procedura.
E’ stata adottata la soluzione di un ricevitore ad 8 canali
(il trasmettitore è invece in grado di gestirne fino a 16) per cercare di
ridurre al minimo le dimensioni della scheda. Comunque, per chi deve
disporre di tutti i 16 canali, è sufficiente montare due schede RX
identiche ed effettuare il relativo riconoscimento.
il solito led deve ora lampeggiare molto
rapidamente, per 2÷3 secondi, indicando l’avvio della procedura di acquisizione dell’identificativo; quando si spegne potete digitare una per una le 6
cifre del vostro codice, ricordando di
ta un segnale radio con il codice di uno
qualsiasi degli otto canali da gestire,
quindi è sufficiente premere un tasto (da 1
a 8) ed il ricevitore farà lampeggiare due
volte LD2 indicando l’avvenuto apprendimento. A questo punto non resta che
rimuovere il ponticello S1 ed utilizzare il
ricevitore in modalità normale. E’ bene
ricordare che, se il trasmettitore al
momento dell’autoapprendimento era in
funzione “shift” (condizione che indica i
canali da 9 a 16), il ricevitore riconoscerà un comando solo quando il TX trasmetterà con la suddetta funzione “shift”
attiva. Questo dà la possibilità di utilizzare due schede RX identiche, una effettuando l’autoapprendimento con il TX in
E l e t t r o n i c a I n - ottobre 2000
Da questo momento l’unità trasmittente è pronta per l’uso; non resta che
abbinarla al ricevitore (o ai ricevitori)
che deve comandare. Quanto alla ricevente, dopo aver fatto tutte le saldature
ed aver stagnato uno spezzone di filo di
modalità normale (canali da 1 a 8) e l’altra con il TX in modalità “shift” (canali
da 9 a 16). Per quanto riguarda i trimmer
che consentono di regolare il tempo di
rilascio dei relè va detto che, per associare i trimmer al rispettivo relè vanno letti
in senso orario: quello del canale 1 è il
più vicino al relè RL1 (R15), mentre quello dell’ottavo canale è quello vicino al
led verde (R12). Una volta identificato il
trimmer del canale da impostare è sufficiente ruotarlo tutto in senso antiorario
per attivare la modalità monostabile con
il tempo minimo, mentre ruotandolo in
senso orario, il tempo stesso può essere
aumentato da 0,5 a 20 secondi, oltre i
quali si passa in bistabile.
31
lato
rame
rx 8 ch
E
TX 16 CH
in
scala 1:1
rame rigido lungo i soliti 17 cm nella
piazzola evidenziata con il simbolo di
antenna (ANT). Appena acceso l’RX, il
led di power on (LD1, verde) deve
apparire illuminato, mentre LD2 (giallo) deve emettere due lampeggi, poi
spegnersi. Per avviare la procedura di
acquisizione è sufficiente chiudere il
dip-switch S1. A questo punto premete
un qualsiasi tasto (eccetto il 9) del trasmettitore e verificate che il led giallo
emetta una rapida sequenza di 10 lampeggi. Ciò conferma l’acquisizione del
codice di base del TX, e l’abbinamento
con un gruppo di 8 canali; quando il led
giallo si è spento potete riaprire S1,
allorché l’unità è pronta per l’uso.
Tenete sempre presente che se l’abbinamento è stato fatto premendo uno dei
tasti 1 ÷ 8 l’unità ricevente risponde
agli stessi pulsanti; se invece in fase di
autoapprendimento avete premuto
prima il 9 (shift) e poi un altro tasto, la
scheda potrà rispondere solamente
quando userete il secondo gruppo di
canali: quindi dovrete sempre far precedere il numero del canale voluto
dallo shift (9).
PER IL MATERIALE
Il radiocomando UHF 433 MHz a 8/16 è disponibile in scatola di montaggio. Il kit del trasmettitore (cod. FT335) costa 64.000 lire e comprende tutti i componenti, la basetta forata e serigrafata, il modulo Aurel, il microcontrollore programmato, la tastiera a membrana e il contenitore plastico, non è compresa la batteria a 9 volt. Il kit del ricevitore ad 8 canali (cod. FT336)
costa 95.000 lire e comprende tutti i componenti, la basetta forata e serigrafata, il modulo Aurel,
il microcontrollore programmato e tutte le minuterie. Il micro programmato implementato nel
trasmettitore e quello utilizzato nel ricevitore sono disponibili anche separatamente al prezzo
rispettivamente di 25.000 lire (cod. MF335) e di 40.000 lire (cod. MF336). Separatamente è disponibile anche la tastiera a membrana (cod TST-9 a 26.000 lire). Tutti i prezzi sono IVA compresa. Il materiale va richiesto a: Futura Elettronica, V.le Kennedy 96, 20027 Rescaldina (MI),
tel. 0331-576139, fax 0331-578200.
32
Nuovo indirizzo:
Futura Elettronica srl via Adige, 11 - 21013 Gallarate (VA)
Tel. 0331-799775 Fax. 0331-792287 http://www.futurashop.it
Elettronica In - ottobre 2000
PS3010
PS1503SB
PS3020
PS230210
con tecnologia
SWITCHING
LA
TECN OL OGIA S WIT C HIN G
Alimentatore
0-15Vdc / 0-3A
Alimentatore
0-30Vdc/0-10A
Alimentatore
0-30Vdc/0-20A
Alimentatore
con uscita duale
C ONSENTE DI O TTENERE UN A
Uscita stabilizzata singola 0 15Vdc con corrente massima di
3A. Limitazione di corrente da 0
a 3A impostabile con continuità.
Due display LCD con retroilluminazione indicano la tensione e
la corrente erogata dall'alimentatore. Contenitore in acciaio, pannello frontale in plastica. Colore:
bianco/grigio; peso: 3,5 Kg.
Alimentatore stabilizzato con
uscita singola di 0 - 30Vdc e corrente
massima
di
10A.
Limitazione di corrente da 0 a
10A
impostabile
con
continuità. Due display indicano
la tensione e la corrente erogata
dall'alimentatore. Contenitore in
acciaio, pannello frontale in
plastica. Colore: bianco/grigio;
peso: 12 Kg.
Alimentatore stabilizzato con uscita singola di 0-30Vdc e corrente
massima di 20A. Limitazione di
corrente da 0 a 20A impostabile
con continuità. Due display indicano la tensione e la corrente erogata dall'alimentatore.
Contenitore in acciaio, pannello
frontale in plastica. Colore: bianco/grigio; peso: 17 Kg.
Alimentatore stabilizzato con uscita
duale di 0-30Vdc per ramo con corrente massima di 10A. Ulteriore uscita stabilizzata a 5Vdc. Quattro
display LCD indicano contemporaneamente la tensione e la corrente
erogata da ciascuna sezione;
possibilità di collegare in parallelo o
in serie le due sezioni. Contenitore
in acciaio, pannello frontale in
plastica. Colore: bianco/grigio; peso:
20 Kg.
RENDIMENT O ENER GETIC O
PS1503SB
€ 62,00
PS3010
€ 216,00
PS3020
€ 330,00
PS230210
€ 616,00
Alimentatori da Laboratorio
Alimentatore stabilizzato con
uscita duale di 0-30Vdc per ramo
con corrente massima di 3A.
Ulteriore uscita stabilizzata a
5Vdc con corrente massima di
3A. Quattro display LCD indicano contemporaneamente la tensione e la corrente erogata da ciascuna sezione; limitazione di corrente 0÷3A impostabile indipendentemente per ciascuna uscita.
Possibilità di collegare in parallelo o in serie le due sezioni. Peso:
11,6 Kg.
PS23023
Alimentatore stabilizzato con
uscita singola di 0-30Vdc e corrente
massima
di
3A.
Limitazione di corrente da 0 a
3A impostabile con continuità.
Due display LCD indicano la
tensione e la corrente erogata
dall'alimentatore. Contenitore in
acciaio, pannello frontale in
plastica. Colore: bianco/grigio.
Peso: 4,9 Kg.
PS3003
Alimentatore stabilizzato con uscita singola di 0-50Vdc e corrente
massima di 5A. Limitazione di corrente da 0 a 5A impostabile con
continuità. Due display indicano
la tensione e la corrente erogata
dall'alimentatore. Contenitore in
acciaio, pannello frontale in plastica. Colore: bianco/grigio. Peso:
9,5 Kg.
PS5005
PS2122LE
DELL’APPARECC
APPARECC HIATURA
HIATURA .
Alimentatore
stabilizzato
da
laboratorio in tecnologia switching
con indicazione delle funzioni
mediante display multilinea.
Tensione di uscita regolabile tra 0 e
20Vdc con corrente di uscita
massima di 10A. Soglia di corrente
regolabile tra 0 e 10A. Il grande
display multifunzione consente di
tenere sotto controllo contemporaneamente tutti i parametri operativi.
Caratteristiche: Tensione di uscita:
0-20Vdc; limitazione di corrente:
0-10A; ripple con carico nominale:
inferiore a 15mV (rms); display: LCD
multilinea con retroilluminazione;
dimensioni: 275 x 135 x 300 mm;
peso: 3 Kg.
PSS2010
€ 265,00
PSS2010
€ 18,00
€ 225,00
€ 125,00
PS5005
PS3003
€ 252,00
Alimentatore da banco stabilizzato con tensione di uscita
selezionabile a 3 - 4.5 - 6 - 7.5 - 9
- 12Vdc e selettore on/off.
Bassissimo livello di ripple con
LED di indicazione stato.
Protezione contro corto circuiti e
sovraccarichi. Peso: 1,35 Kg.
N O TEVOLE
TEVOLE RIDUZIONE DEL
PESO ED UN ELEVA
ELEVATISSIMO
PS2122LE
Alimentatore Switching
0-20Vdc/0-10A
PS23023
PSS4005
Alimentatore
0-30Vdc/0-3A
Alimentatore
2x0-30V/0-3A 1x5V/3A
Alimentatore
da banco 1,5A
Alimentatore
0-50Vdc/0-5A
Alimentatori a tensione fissa
PS1303
PS1310
PS1320
PS1330
Alimentatore Switching
0-40Vdc/0-5A
Alimentatore
13,8Vdc/3A
Alimentatore
13,8Vdc/10A
Alimentatore
13,8Vdc/20A
Alimentatore
13,8Vdc/30A
Alimentatore stabilizzato con uscita
singola di 13,8 Vdc in grado di erogare una corrente massima di 3A
(5A di picco). Il circuito di alimentazione a 220 Vac è protetto tramite fusibile mentre l'uscita dispone di
protezione
da
cortocircuiti.
Contenitore in acciaio. Colore:
bianco/grigio; peso: 1,7 Kg.
Alimentatore stabilizzato con uscita
singola di 13,8 Vdc in grado di erogare una corrente massima di 10A
(12A di picco). Il circuito di alimentazione a 220 Vac è protetto tramite fusibile mentre l'uscita dispone di
protezione
da
cortocircuiti.
Contenitore in acciaio. Colore:
bianco/grigio; peso: 4 Kg.
Alimentatore stabilizzato con uscita
singola di 13,8 Vdc in grado di erogare una corrente massima di 20A
(22A di picco). Il circuito di alimentazione a 220 Vac è protetto tramite fusibile mentre l'uscita dispone di
protezione
da
cortocircuiti.
Contenitore in acciaio. Colore:
bianco/grigio; peso: 6,7 Kg.
Alimentatore stabilizzato con uscita
singola di 13,8 Vdc in grado di erogare una corrente massima di 30A
(32A di picco). Il circuito di alimentazione a 220 Vac è protetto tramite fusibile mentre l'uscita dispone di
protezione
da
cortocircuiti.
Contenitore in acciaio. Colore:
bianco/grigio; peso: 9,3 Kg.
PS1303
PS1310
PS1320
PS1330
€ 26,00
€ 43,00
Via Adige, 11 - 21013 Gallarate (VA)
Tel. 0331/799775 - www.futuranet.it
€ 95,00
€ 140,00
Alimentatore
stabilizzato
da
laboratorio in tecnologia switching
con indicazione delle funzioni
mediante display multilinea.
Tensione di uscita regolabile tra 0 e
40Vdc con corrente di uscita
massima di 5A. Soglia di corrente
regolabile tra 0 e 5A.
Caratteristiche: tensione di uscita:
0-40Vdc; limitazione di corrente:
0-5A; ripple con carico nominale: inferiore a 15 mV (rms); display: LCD multilinea con retroilluminazione; dimensioni: 275 x 135 x 300 mm; peso: 3 Kg.
PSS4005
€ 265,00
Tutti i prezzi si intendono
IVA inclusa.
Maggiori informazioni su questi prodotti e su tutte le altre apparecchiature
distribuite sono disponibili sul sito www.futuranet.it
tramite il quale è anche possibile effettuare acquisti on-line.
sicurezza
Elettronica
Innovativa
di Alberto Ghezzi
Innovativo sistema di
video sorveglianza
composto da una unità
remota con
microcamera,
trasmettitore TV e
brandeggio controllato
via radio mediante un
apposito telecomando.
Nell’articolo
presentiamo anche i
piani costruttivi del
brandeggio realizzato
con comuni servocomandi
per modellistica.
a video sorveglianza remota è un argomento che
abbiamo trattato più di una volta su queste pagine proponendo sistemi di vario genere, a filo e via
radio, operanti su frequenze specifiche, su canali televisivi ed anche tramite reti GSM. Scopo di queste apparecchiature è la visione a distanza di ciò che avviene
all’interno di un locale, di un ufficio o di un magazzino
al fine di prevenire furti, comportamenti criminosi,
eccetera. A tale proposito, onde evitare problemi di
qualsiasi genere, considerando anche che questi sistemi
si prestano facilmente ad un impiego illecito, ricordiamo che i dispositivi per la video sorveglianza possono
34
essere utilizzati esclusivamente per il controllo di luoghi pubblici o aperti al pubblico, e non possono inquadrare - salvo casi particolari - ambienti di lavoro o l’interno di abitazioni private. In altre parole se volete controllare un negozio dovrete inquadrare l’area a disposizione del pubblico e non il bancone dove lavorano i
commessi. I sistemi più semplici funzionano a filo: la
telecamera (piccola o grande che sia) è collegata con un
cavo schermato di una decina di metri al monitor ed
all’eventuale videoregistratore. Per evitare i costi di un
impianto fisso, ma anche per poter spostare facilmente
la telecamera da un luogo ad un altro, molti di questi
Elettronica In - ottobre 2000
sistemi funzionano via radio: la
telecamera è collegata ad un apposito trasmettitore di piccola potenza
la cui emissione viene captata da un
ricevitore collegato al monitor. I
sistemi più diffusi funzionano sulla
banda di frequenza dei 2,4 GHz ma
esistono anche dispositivi più economici che lavorano sulle bande
televisive. In questi casi è possibile
utilizzare, al posto del monitor, un
comune TV, ottenendo così un ulteriore risparmio. Tutti questi sistemi
utilizzano telecamere a fuoco fisso
che inquadrano una specifica area.
Solo sistemi molto più sofisticati (e
i servocomandi
utilizzati nel
nostro progetto
costosi) hanno la possibilità di
variare l’inquadratura spostando
verticalmente e orizzontalmente la
telecamera; se proprio siamo in
vena di spese ci sono anche le
cosiddette “zoom-camera” che
hanno la possibilità di variare la
focale dell’ottica effettuando
ingrandimenti x16, x32, x64 e persino x 128! Le telecamere di questo
tipo destinate ad impieghi nel
campo della sicurezza hanno un
E l e t t r o n i c a I n - ottobre 2000
costo che varia tra i 5 ed i 15 milioni! In ogni caso tutti questi sistemi
funzionano via filo: per controllare
le funzioni della telecamera (movimenti ed eventualmente zoom), la
stessa deve essere collegata con un
cavo ad una apposita centralina. A
nostra conoscenza non esistono
sistemi di questo genere controllati
completamente via radio, neppure
nelle applicazioni più sofisticate. E’
questa la motivazione all’origine di
questo progetto: una sorta di sfida
con chi opera professionalmente
nel settore della sicurezza per vedere se saremmo stati in grado di realizzare un dispositivo che non esiste
in commercio. Il tutto, ovviamente,
da realizzare in economia, compatibilmente con quello che il nostro
lettore medio può spendere o si
aspetta di spendere per un progetto
del genere. Progetto che, ci preme
sottolineare subito anche questo,
35
schema
elettrico
scheda remota
disposizione per altri meccanismi (tipicamente per lo zoom). Esistono poi
altri due canali di tipo ON/OFF che
consentono di controllare due uscite
supplementari. Il dispositivo comprende anche un trasmettitore televisivo da
50 mW che irradia sul canale H2 VHF
l’immagine ripresa dalla telecamera. In
questo modo l’unità remota non necessita di alcun cavo di collegamento né
per i controlli né per l’invio delle
immagini: l’unica connessione, ovviamente, è rappresentata dal cavo di alimentazione. Il sistema viene controllato da un apposito telecomando che utilizza un trasmettitore a 868 MHz ed
una particolare codifica gestita da un
microcontrollore. Per ottenere lo spostamento della telecamera sui due assi
vengono utilizzati due slider mentre
l’uscita per lo zoom viene controllata
da un trimmer potenziometrico. Infine
Tutte gli stadi a radiofrequenza
utilizzano moduli ibridi Aurel.
Nell’immagine il booster MCA.
offre prestazioni di tutto rispetto, compatibili con un impiego di tipo professionale. Il sistema da noi messo a
punto, descritto in queste pagine, è
composto da un’unità remota e da un
telecomando. L’unità remota compren-
36
de un ricevitore codificato funzionante
a 868 MHz in grado di controllare in
maniera lineare tre canali; due vengono
utilizzati per pilotare altrettanti servocontrolli che muovono la telecamera
mentre il terzo non viene usato ed è a
due normali pulsanti controllano le
uscite ON/OFF. La portata del sistema
è compresa tra 30 e 100 metri circa, in
funzione delle condizioni di lavoro,
degli eventuali disturbi presenti in
zona, di come sono state posizionate le
antenne, eccetera. Sicuramente la portata è inferiore a quella dei singoli
sistemi di trasmissione in quanto, nonostante le frequenze di lavoro completamente diverse e molto distanti tra
loro, un minimo di influenza reciproca
esiste con il conseguente peggioramento della sensibilità dei moduli riceventi. Lo schema a blocchi del sistema
chiarisce quanto appena descritto: sul
televisore possiamo vedere l’immagine
ripresa e col telecomando possiamo
spostare la telecamera per inquadrare la
zona che ci interessa. Il tutto a distanza! La nostra unità remota utilizza una
Elettronica In - ottobre 2000
minuscola e leggera telecamera a colori, precisamente il modello CCD da ¼”
con chip-set della Panasonic commercializzata dalla ditta Futura Elettronica
col codice FR149. Questa telecamera
offre ottimi risultati dal punto di vista
qualitativo anche perché l’obiettivo si
adatta perfettamente alla nostra applicazione. Certo, l’impiego di una zoomcamera rappresenterebbe la classica
ciliegina sulla torta ma purtroppo i
prezzi di questi prodotti sono ancora
proibitivi. Dobbiamo osservare a questo punto che il sistema da noi realizzato per azionare la telecamera può essere utilizzato anche in numerose altre
applicazioni, non necessariamente
legate al settore della video sorveglianza. La presenza di un terzo canale
lineare e di altre due uscite ON/OFF
rende questo sistema ancora più flessibile. Per ottenere lo spostamento della
piano di montaggio scheda remota
COMPONENTI
Per trasmettere e ricevere i comandi
del brandeggio vengono utilizzati
moduli ibridi funzionanti a 868 MHz.
telecamera abbiamo utilizzato due servocontrolli, impiegati normalmente
nella costruzione di modelli di navi e
aerei. Ci è sembrata questa la soluzione
più semplice ed economica (l’alternativa prevedeva l’impiego di motori
passo-passo): in effetti i risultati ottenuti hanno confermato la scelta iniziale. Dopo questa lunga ma necessaria
introduzione, entriamo ora nel vivo del
progetto analizzando inizialmente lo
schema della unità remota. Quanti si
aspettavano un circuito complesso
saranno rimasti delusi: come si vede,
grazie all’impiego di un microcontrollore e di ben tre moduli ibridi, il tutto si
riduce a ben poca cosa. Pochi, pochissimi componenti ed uno schema ridotto all’osso. La sezione trasmittente
video fa capo ai moduli Aurel U2 e U3;
il segnale proveniente dalla telecamera
E l e t t r o n i c a I n - ottobre 2000
R1: 100 Ohm
R2: 100 Ohm
C1: 1000 µF 16VL
elettrolitico
C2: 100 nF multistrato
C3: 1000 µF 16VL
elettrolitico
C4: 1000 µF 16VL
elettrolitico
C5: 100 nF multistrato
C6: 1000 µF 25VL
elettrolitico
C7: 100 nF multistrato
C8: 1000 µF 25VL
elettrolitico
U1: 7805 regolatore
U2: TXAV
modulo AUREL
U3: MCA booster
modulo AUREL
U4: 7805 regolatore
U5: RX868 MHz
modulo AUREL
U6: PIC12C672
programmato
( MF 353)
giunge all’ingresso del trasmettitore
TX-AV (U2) il quale emette un segnale RF della potenza di 2 mW sul canale H2 VHF (224 MHz) opportunamente modulato con i segnali audio/video
di ingresso. Nel nostro caso l’audio
Varie:
- morsettiera 2 poli;
- servo motore
mod. HS-81
( 2pz. )
- zoccolo 4 + 4;
- strip maschio
20 poli;
- ponticello n.c.;
- spezzone di filo;
- stampati
cod. S353
( set completo ).
non viene utilizzato in quanto la telecamera impiegata non dispone di microfono. L’uscita RF (pin 11) può essere
collegata direttamente all’antenna trasmittente (se ci accontentiamo dei 2
mW) oppure, come nel nostro caso,
Il circuito stampato dell’unità
remota presenta al centro la
cava che accoglie uno dei due
servocontrolli. Le due sezioni
del circuito (quella del
trasmettitore video e
quella che controlla i servo)
sono disposte ai lati opposti
della piastra in modo da
ridurre al minimo possibili
interferenze.
37
come realizzare la parte meccanica del brandeggio
Le parti meccaniche del brandeggio sono facilmente realizzabili con gli attrezzi presenti in un normale laboratorio di elettronica. Le quattro piastrine necessarie sono
infatti realizzate con normali basette di vetronite, ramate
da entrambi i lati. Il brandeggio utilizza due servocomandi, dispositivi che vengono solitamente utilizzati in modellismo per azionare parti mobili e che sono costituiti da un
motoriduttore, da un piccolo motore elettrico, da un trasduttore di posizione e da un circuito elettronico di controllo. I servo, come i motori passo-passo, sono in grado
di ruotare in un senso o nell’altro con grande precisione;
l’angolo di rotazione massimo dipende dalle caratteristi-
può essere connessa all’ingresso di un
modulo di potenza Aurel mod. MCA
(U3) che eroga in uscita oltre 50 mW.
Al pin di uscita n.15 è collegata l’antenna trasmittente, ovvero uno spezzone di filo rigido lungo 38 centimetri. Il
modulo di potenza necessita di una tensione di alimentazione di 12 volt continui che vengono prelevati direttamente
dai morsetti di alimentazione; il TXAV richiede invece 5 volt disponibili
all’uscita del regolatore 7805 (U1). Per
l’alimentazione della telecamera abbia38
che intrinseche del dispositivo (esistono servo con angolo
di rotazione di 60, 90, 180, 270 gradi, ecc.) ma il sistema
di controllo è uguale per tutte le versioni ed è molto più
semplice di quello dei motori passo-passo. Al contrario di
questi ultimi, però, la massima rotazione non può superare i 360 gradi. I servo vengono azionati con tre fili: massa,
positivo di alimentazione e segnale: a quest’ultimo ingresso va applicato un treno di impulsi di durata compresa tra
1 e 2 millisecondi con un duty-cycle che non deve superare il 50%. Nel primo caso l’albero si posiziona completamente da un lato, nel secondo dal lato opposto. Va da sé
che se inviamo al servo un treno di impulsi da 1,5 msec,
mo previsto un ponticello che consente
di scegliere tra i due potenziali; la maggior parte delle telecamere funziona
infatti a 12 volt ma esistono alcuni
modelli che richiedono una tensione di
5 volt, come è il caso della FR149 utilizzata in questo circuito. Nella parte
inferiore dello schema è raffigurata la
sezione di ricezione e decodifica del
segnale di controllo composta da un
modulo ibrido ricevente e da un microcontrollore. Quale ricevitore viene utilizzato un nuovissimo modulo supere-
terodina dell’Aurel funzionante a 868
MHz. Abbiamo deciso di fare lavorare
il nostro radiocomando su questa frequenza anziché sui soliti 433 MHz per
tre motivi: la maggior distanza dai 224
MHz del TX-TV, la minor presenza di
disturbi su questa nuova banda e, infine, la disponibilità di moduli operanti
su questa frequenza. Il segnale captato
dall’antenna (uno spezzone di filo rigido di 8,5 centimetri) viene amplificato
e demodulato dall’ibrido U5: sul piedino 14 troviamo così lo stesso treno di
Elettronica In - ottobre 2000
figura 1.
figura 3.
figura 2.
figura 4.
l’albero si posizionerà esattamente in posizione centrale.
L’assorbimento a riposo è di pochi milliampére mentre
quello in movimento sotto sforzo e di 100÷400 mA.
Quando gli impulsi cessano, il dispositivo mantiene la
posizione acquisita. Per pilotare l’ingresso dei servo è sufficiente un segnale di debolissima intensità, dell’ordine di
frazioni di milliampere. Come abbiamo detto in precedenza, per realizzare il brandeggio abbiamo utilizzato quattro
piastre ramate da entrambi i lati e montate come indicato
in figura. Le due piastre più piccole, quelle che sostengono la telecamera, vanno saldate tra loro a 90 gradi (figura 1) sfruttando le superfici ramate delle stesse. Questa
impulsi generato dal telecomando.
Questo segnale digitale viene inviato
alla porta GP3 (configurata come
ingresso) del microcontrollore U6 che
si incarica di elaborarlo secondo le
nostre esigenze. Il treno di impulsi contiene le informazioni sullo stato che
debbono assumere le 5 uscite. A questo
punto, per comprendere appieno come
funziona questo circuito, è necessario
illustrare brevemente le caratteristiche
dei servocomandi utilizzati ed il protocollo di trasmissione delle informazioE l e t t r o n i c a I n - ottobre 2000
figura 5.
operazione può essere effettuata con un normale saldatore a stagno. La telecamera va montata sfruttando l’anello
che circonda l’obiettivo, anello che dispone di due fori per
il fissaggio (figura 2); la struttura così realizzata va fissata all’albero del servo tramite l’apposita piastrina di fissaggio fornita a corredo del dispositivo. A questo punto
anche le altre due piastre ramate vanno saldate a 90 gradi
tra loro (figura 3) ed il primo servocomando (quello con
la telecamera) va fissato al lato a forma di U (figura 4).
Per completare il brandeggio, il tutto va fissato al secondo servocomando, quello montato sul circuito stampato
principale.
ni. I servocomandi - che vengono solitamente utilizzati in modellismo per
azionare parti mobili - sono costituiti
da un motoriduttore, da un piccolo
motore elettrico, da un trasduttore di
posizione e da un circuito elettronico di
controllo. Questi dispositivi, come i
motori passo-passo, sono in grado di
ruotare l’albero in un senso o nell’altro
con grande precisione; l’angolo di rotazione massimo dipende dalle caratteristiche intrinseche del dispositivo (esistono servo con angolo di rotazione di
60, 90, 180, 270 gradi, ecc.) ma il sistema di controllo è uguale per tutte le
versioni ed è molto più semplice di
quello dei motori passo-passo. I servocomandi vengono azionati con tre fili:
massa, positivo di alimentazione e
segnale: a quest’ultimo ingresso va
applicato un treno di impulsi di durata
compresa tra 1 e 2 millisecondi con un
duty-cycle che deve essere uguale o
inferiore al 50%. Nel primo caso l’albero si posiziona completamente da un
lato, nel secondo dal lato opposto. Va
39
schema elettrico telecomando
da sé che se inviamo al servo un treno
di impulsi da 1,5 msec, l’albero si posizionerà esattamente in posizione centrale. L’assorbimento a riposo è di
pochi milliampere mentre quello in
movimento sotto sforzo è di 100÷400
mA. Quando gli impulsi cessano, il dispositivo mantiene la posizione acquisita. Per pilotare l’ingresso dei servo è
sufficiente un segnale di debolissima
intensità, dell’ordine di frazioni di mil-
liampere. Nel nostro circuito vengono
utilizzati servocomandi con una escursione massima di ± 60 gradi; tuttavia la
durata degli impulsi generati è compresa tra 1,25 e 1,75 msec per cui l’escursione effettiva è di ± 30 gradi. Il protocollo utilizzato per inviare i dati relativi alla posizione dei servo consiste in
una parola formata da sei byte; il primo
(header) contiene un carattere identificativo fisso mentre l’ultimo rappresen-
PER IL MATERIALE
Il progetto descritto in queste pagine è disponibile in scatola
di montaggio. L’unità remota (cod. FT353) costa 260.000 lire
e comprende tutti i componenti, i due servo, i moduli Aurel,
il micro già programmato e tutti gli stampati, anche quelli
necessari per realizzare la meccanica. Non è compresa la telecamera che è disponibile separatamente al prezzo di 320.000
(cod. FR149). Il telecomando (cod. FT352) costa 56.000 lire e
comprende anch’esso tutti i componenti, la basetta forata e
serigrafata ed il micro programmato. I due microcontrollori
sono disponibili anche separatamente al costo di 25.000
cadauno (cod. MF353 remoto e MF352 telecomando). Tutti i
prezzi sono comprensivi di IVA. Il materiale va richiesto a:
Futura Elettronica, V.le Kennedy 96, 20027 Rescaldina (MI),
tel. 0331-576139, fax 0331-578200.
40
Nuovo indirizzo:
Futura Elettronica srl via Adige, 11 - 21013 Gallarate (VA)
Tel. 0331-799775 Fax. 0331-792287 http://www.futurashop.it
ta il check-sum. Il secondo, il terzo ed
il quarto byte rappresentano i valori
relativi alle posizioni che debbono
assumere i tre servo; il quinto byte contiene invece le informazioni riguardanti le due uscite ON/OFF. Ad esempio,
se immaginiamo che il primo slider del
telecomando venga posizionato al centro, il valore del secondo byte della
parola trasmessa sarà 127. In ricezione
questo valore verrà riconosciuto da U6
e assegnato all’uscita GP5 la quale
provvederà a generare un treno di
impulsi da 1,5 msec facendo in modo
che il servo si porti esattamente in posizione centrale. Spostando lo slider
completamente verso l’alto, il valore
del secondo byte passerà da 127 a 255
determinando una variazione degli
impulsi generati da 1,5 a 1,75 msec con
la conseguente rotazione di 30 gradi
verso destra dell’albero del servo. E’
evidente che portando completamente
lo slider in basso, il servo si sposterà di
30 gradi verso sinistra. Semplice, no?
Analogo è il funzionamento delle porte
GP4 e GP2 che controllano gli altri
servo. Per quanto riguarda le due uscite ausiliarie il cui livello può essere
solamente alto o basso, l’informazione
relativa è contenuta nel quinto byte e
dipende ovviamente dallo stato dei due
Elettronica In - ottobre 2000
Ecco come si
presenta la
nostra
unità
remota di
video sorveglianza
a montaggio
ultimato. Nel caso di
montaggio a soffitto (il più
comune per questo tipo di
apparecchiature), la piastra va
fissata al muro mediante quattro
torrette: in questo modo la
telecamera ed il brandeggio che la sposta vengono a trovarsi sotto la basetta ed il dispositivo può inquadrare l’area sottostante. I due spezzoni di filo utilizzati come antenne sono saldati ai lati opposti della basetta e, per ridurre le dimensioni del sistema, possono essere avvolte attorno alla piastra. I fili
di connessione della telecamera e quelli dei servo debbono essere
molto corti per evitare che captino radiofrequenza.
RX-8L50SA70SF
NEW
868 MHz
L. 45.000
Modulo ricevitore supereterodina di segnali digitali operante alla frequenza di 868,3
MHz. Alimentazione 5Vdc;
assorbimento 7 mA; banda
passante 600 KHz; sensibilità
-100 dBm; emissioni RF spurie -80dBm.
T X - 8 L AV S A 0 5
pulsanti montati nel telecomando.
Premendo P1, l’uscita AUX1 passerà
da 0 a 1 e rimarrà in questo stato sino a
quando il pulsante resterà pigiato; del
tutto simile è il funzionamento di
AUX2. Completano il circuito dell’unità remota un altro regolatore di tensione a 5 volt (U4) ed una serie di condensatori di filtro (C1÷C5). Abbiamo
preferito sdoppiare le linee a 5 volt per
evitare possibili interferenze tra il cir-
cuito dei servo e quello del trasmettitore TV. Il tutto funziona con una tensione di alimentazione di 12 volt continui,
preferibilmente stabilizzata; l’assorbimento complessivo è di circa 300 mA
con spunti sino a 1 ampere durante l’azionamento dei servo. Passiamo ora ad
analizzare lo schema elettrico del telecomando il quale è ancora più semplice di quello dell’unità remota. Cuore di
questo circuito è il microcontrollore U2
i servoCOMANDI
NEW
868 MHz
L. 25.000
Modulo trasmettitore SAW
con antenna esterna per
applicazioni con modulazione ON-OFF di una portante
RF con segnali digitali.
Alimentazione 2.7÷5 Vdc;
assorbimento 25 mA; frequenza portante 868.3 MHz;
potenza di uscita +7 dBm;
impendenza di uscita 50 ohm.
Per maggiori informazioni e
per trovare tutti i moduli prodotti dalla AUR°EL puoi rivolgerti alla ditta:
Questi dispositivi, solitamente utilizzati in
modellismo per azionare parti mobili, sono costituiti da un motoriduttore, da un piccolo motore
elettrico, da un trasduttore di posizione e da un circuito elettronico di controllo e, come i motori passo-passo, sono in
grado di ruotare l’albero in un senso o nell’altro con grande precisione.
Non sono però in grado di effettuare rotazioni superiori a 360 gradi.
E l e t t r o n i c a I n - ottobre 2000
V.le kennedy, 96 Rescaldina (MI)
Tel 0331-576139 - Fax 0331-578200
www.futuranet.it
Dove troverai decine e decine di esempi applicativi che
sfruttano i suddetti moduli
oltre a kit e prodotti finiti
sempre legati al mondo dell’elettronica.
41
piano di montaggio telecomando
COMPONENTI
R1: 10 KOhm
R2: 10 KOhm
R3-R4: 5 KOhm
potenziometri
slider
R5: 4,7 KOhm
trimmer M.V.
C1: 1000 µF 16VL el.
C2: 1000 µF 16VL el.
C3: 100 nF multistrato
C4: 100 nF multistrato
D1: 1N4007 diodo
U1: 7805 regolatore
U2: PIC12C672
programmato
( MF352 )
U3: TX 868 MHz
P1-P2: pulsanti
da c.s. N.A.
LA COSTRUZIONE
DELL’UNITA’ REMOTA
Varie:
- morsettiera 2 poli;
- zoccolo 4 + 4;
- spezzone di filo;
- stampato cod. S352.
il quale genera il dato descritto in precedenza e lo invia al trasmettitore ibrido U3, un elemento funzionante a 868
MHz in grado di erogare una potenza
di 10 mW circa con una tensione di alimentazione di 5 volt. Il dato non viene
generato in continuazione ma solamente in presenza di una variazione dei cinque ingressi. In condizioni normali,
dunque, il micro non genera alcun
segnale ed il trasmettitore risulta spento. Se però modifichiamo lo stato di
uno dei cinque ingressi (ad esempio
spostiamo leggermente uno slider o
premiamo un pulsante), U2 si accorge
di questa variazione e continua ad
inviare, per circa 3 secondi, la parola da
sei byte descritta in precedenza. Questo
dato viene trasmesso serialmente alla
velocità di 2 Kb ed irradiato da U3. I
valori resistivi dei potenziometri vengono trasformati in dati digitali dal
convertitore A/D contenuto nel micro
PIC12C672 (U2). Avendo a disposizione un solo A/D, questo viene utilizzato
per leggere in sequenza le porte GP0,
GP1 e GP2. Il tutto funziona con una
42
può essere utilizzato uno spezzone di
filo rigido della lunghezza di 8,5 o 17
centimetri. A questo punto non resta
che occuparci della realizzazione dei
due dispositivi. Il più semplice è sicuramente il telecomando per il quale
abbiamo previsto un circuito stampato
tradizionale al centro del quale abbiamo montato i due slider che controllano i movimenti dei servo; per controllare il terzo canale, invece, abbiamo
utilizzato un trimmer con alberino. Due
pulsanti da stampato controllano le
uscite ON/OFF. Il microcontrollore già
programmato (cod. MF352) può essere
richiesto alla ditta Futura Elettronica. Il
circuito non necessita di alcuna taratura e, se il montaggio verrà effettuato
correttamente, funzionerà non appena
darete tensione. Decisamente più complessa è la costruzione dell’unità remota, soprattutto per quanto riguarda il
montaggio meccanico.
tensione di alimentazione di 5 volt disponibile sul pin di uscita del regolatore
U1; all’ingresso può essere applicata
una tensione compresa tra 9 e 15 volt
continui. A riposo l’assorbimento è di
pochissimi milliampére che diventano
circa 30 in trasmissione. Quale antenna
Per realizzare il brandeggio abbiamo
utilizzato quattro piastre ramate da
entrambi i lati e montate come indicato
nell’apposito box. Le due piastre più
piccole, quelle che sostengono la telecamera, vanno saldate tra loro a 90
gradi sfruttando le superfici ramate
delle stesse. Questa operazione può
dunque essere effettuata con un normale saldatore a stagno. La telecamera va
montata sfruttando l’anello che circonda l’obiettivo, anello che dispone di
Le tracce rame, in dimensioni reali, dell’unità remota ...
Elettronica In - ottobre 2000
due fori per il fissaggio; la struttura
così realizzata va fissata all’albero del
servo tramite l’apposita piastrina fornita a corredo del dispositivo. A questo
punto anche le altre due piastre ramate
vanno saldate a 90 gradi tra loro ed il
primo servocomando (quello con la
telecamera) va fissato al lato a forma di
U. Per completare il brandeggio, il
tutto va fissato al secondo servocomando, quello montato sul circuito stampato principale. La soluzione da noi
messa a punto è sicuramente una delle
più semplici ma, soprattutto, è facilmente realizzabile con gli attrezzi presenti in qualsiasi laboratorio di elettronica. Lo stampato dell’unità remota
accoglie tutti i componenti previsti e,
come abbiamo visto, presenta una cava
al centro nella quale va inserito il
secondo servo. Osservando la piastra
notiamo che tutti i componenti della
sezione trasmittente si trovano sulla
destra della basetta mentre quelli relativi al controllo dei servo sono montati
sulla sinistra. In questo modo si riescono a disaccoppiare nel migliore dei
modi le due linee di alimentazioni riducendo al minimo le interferenze dovute
all’elevato assorbimento dei servo e
quelle relative alle due sezioni RF. Non
a caso anche i due spezzoni di filo che
fungono da antenna si trovano ai lati
opposti della piastra. Il montaggio dei
pochi componenti e del micro programmato (anche questo, cod. MF353,
può essere richiesto alla Futura
Elettronica) non presenta alcun problema. I moduli ibridi possono essere
IL N O S T R O P R O T O T I P O
Il telecomando a
montaggio ultimato.
L’impiego degli
slider consente di
agire con precisione
sui servocomandi
che azionano la
telecamera.
Il terzo canale
lineare (non usato
nell’unità remota)
viene controllato
mediante il trimmer
potenziometrico
R5. Questa
sezione può
essere utilizzata per
pilotare un
eventuale zoom.
I pulsanti da c.s.
controllano i due
canali ON/OFF
(anche questi non
utilizzati).
inseriti in un solo senso, non esiste
dunque la possibilità di montarli al
contrario. I cavetti provenienti dalla
telecamera e dai due servo vanno collegati alle rispettive prese da stampato.
Consigliamo di fissare i due regolatori
di tensione su una piccola barra di allu-
... e del telecomando, utilizzate per il montaggio del nostro sistema.
E l e t t r o n i c a I n - ottobre 2000
minio per facilitare la dispersione del
calore. Posizionate infine il jumper che
controlla la tensione di alimentazione
della telecamera sul valore corretto (5
volt nel caso della telecamera FR149).
A questo punto possiamo alimentare il
tutto con una sorgente in grado di erogare 12 volt stabilizzati ed una corrente massima di 1 A per passare subito
dopo alla verifica del funzionamento.
Controlliamo innanzitutto se il trasmettitore video lavora correttamente sintonizzando un televisore sul canale H2
VHF: sullo schermo dobbiamo vedere
l’immagine ripresa dalla telecamera.
Proviamo ora ad agire sui controlli del
telecomando verificando che i due
servo si spostino correttamente.
Proviamo anche il funzionamento dei
due pulsanti. Se tutto è a posto possiamo effettuare delle prove di portata cercando di posizionare le antenne in
modo da ottenere i migliori risultati.
L’unità remota potrà essere installata
ovunque anche se la posizione migliore è sicuramente quella a soffitto, dentro una cupola di plastica trasparente.
43
Controllo accessi e varchi
con transponder attivi e passivi
CONTROLLO VARCHI A MANI LIBERE
Sistema con portata di circa 3~4 metri realizzato con transponder
attivo (MH1TAG). L’unità di controllo può funzionare sia in
modalità stand-alone che in abbinamento ad un PC. Essa impiega
un modulo di gestione RF (MH1), una scheda di controllo (FT588K)
ed un’antenna a 125 kHz (MH1ANT). Il sistema dispone di protocollo anticollisione ed è in grado di gestire centinaia di TAG attivi.
MODULO DI GESTIONE RF
PORTACHIAVI CON TRANSPONDER
Trasponder passivo adatto per sistemi a 125 kHz.
Programmato con codice univoco a 64 bit.
Versione portachiavi.
TAG-1 - euro 3,50
PORTACHIAVI CON TESSERA ISOCARD
Modulo di gestione del campo elettromagnetico a
125 kKHz e dei segnali radio UHF; da utilizzare unitamente al kit FT588K ed ai moduli MHTAG e MH1ANT
per realizzare un controllo accessi a "mani libere" in
tecnologia RFID. Il modulo viene fornito già montato
e collaudato.
Trasponder passivo adatto per sistemi a 125 kHz.
Programmato con codice univoco a 64 bit.
Versione tessera ISO.
TAG-2 - euro 3,50
MH1 - euro 320,00
SISTEMI CON PC
SCHEDA DI CONTROLLO
Scheda di controllo a microcontrollore da abbinare ai
dispositivi MH1, MH1TAG e MH1ANT per realizzare un
sistema di controllo accessi a "mani libere" con tecnologia RFID.
FT588K - euro 55,00
ANTENNA 125 KHZ
Antenna accordata a 125 kHz da utilizzare nel sistema di controllo accessi a "mani libere". In abbinamento al modulo MH1 consente di creare un campo
elettromagnetico la cui portata raggiunge i 3~4
metri. L'antenna viene fornita montata e tarata.
MH1ANT - euro 45,00
TRANSPONDER ATTIVO RFID
Tessera RFID attiva (125 kHz/433 MHz) da utilizzare
nel sistema di controllo accessi a "mani libere". La
tessera viene fornita montata e collaudata e completa di batteria al litio.
MH1TAG - euro 60,00
LETTORE DI TRANSPONDER RS485
Consente di realizzare un sistema composto da un massimo di
16 lettori di transponder passivi (cod FT470K) e da una unità
di interfaccia verso il PC (cod FT471K). Il collegamento tra il
PC e l’interfaccia avviene tramite porta seriale in formato
RS232. La connessione tra l’interfaccia ed i lettori di transponder è invece realizzata tramite un bus RS485. Ogni lettore di transponder (cod FT470K) contiene al suo interno 2 relè
la cui attivazione o disattivazione viene comandata via software. Il dispositivo viene fornito in scatola di montaggio la
quale comprende anche il contenitore plastico completo di
pannello serigrafato.
FT470K - euro 70,00
INTERFACCIA RS485
Consente di interfacciare
alla linea seriale RS232 di un
PC da 1 ad un massimo di 16
lettori di transponder (cod.
FT470K). Il kit comprende
tutti i componenti, il contenitore plastico ed il software di gestione.
FT471K - euro 26,00
LETTORI E INTERFACCE 125 KHz
LETTORE DI TRANSPONDER SERIALE RS232
Lettore di transponder in grado di funzionare sia
come sistema indipendente (Stand Alone) sia collegato ad un PC col quale può instaurare una comunicazione (PC Link). Munito di 2 relè per gestire dispositivi esterni e di una porta seriale per la connessione al
PC. L'apparecchiatura viene fornita in scatola di
montaggio (compreso il contenitore serigrafato).
I transponder sono disponibili separatamente in vari
formati.
FT483K - euro 62,00
FT318K - euro 35,00
Disponibili presso i migliori negozi di elettronica o nel nostro punto vendita di Gallarate (VA).
Via Adige, 11 - 21013 Gallarate (VA) - Tel. 0331/799775 - Fax. 0331/778112 - www.futuranet.it
Tutti i prezzi si intendono IVA inclusa.
SERRATURA CON TRANSPONDER
Chiave elettronica con relè d’uscita attivabile, in
modo bistabile o impulsivo, avvicinando un TRANSPONDER al solenoide nel raggio di 5÷6 centimetri.
La scheda viene attivata esclusivamente dai TRANSPONDER i cui codici sono stati precedentemente
memorizzati nel dispositivo mediante una semplice
procedura di abilitazione. Il sistema è in grado di
memorizzare sino ad un massimo di 200 differenti
codici. L'apparecchiatura viene fornita in scatola di
montaggio (contenitore escluso).
Non sono compresi i TRANSPONDER.
CORSO PROGRAMMAZIONE HTML
INTERNET, TERMINOLOGIA SUL MONDO DELLE RETI, PROBLEMI DI ROUTING,
GATEWAY E BRIDGE, PROTOCOLLO TCP/IP, SOCKET DI CONNESSIONE,
PRIMITIVE DI GESTIONE DI CONNESSIONE DI RETE IN C, DNS, PROTOCOLLI FTP, HTTP, MAIL,
NEWS E TELNET, HTML, INTRODUZIONE A JAVA, COME ALLESTIRE UN WEBSERVER.
Sesta puntata
I
n questa puntata vedremo il livello di trasporto,
forse il “cuore” dell’intera gerarchia di protocolli; anche questa volta affronteremo l’argomento
con esempi concreti e per la prima volta vedremo
anche del codice di programmazione. Il compito
primario di questo strato è quello di “far vedere” al
livello superiore e più elevato, il livello delle
applicazioni (http, ftp, email, ecc). Il livello
rete non ha ancora il concetto di connessione,
ma si occupa solamente di ricevere e inoltrare pacchetti (anzi, datagram) IP che
vivono ciascuno di vita autonoma.
Sta al livello trasporto controllare che
tra host mittente e destinatario si sia
instaurata una connessione affidabile.
Diciamo connessione “virtuale” perché,
come avrete già capito, non esiste di fatto
una connessione “fisica”, ma le applicazioni
sopra il livello trasporto non si accorgono di
questo e “credono” che ci sia sostanzialmente un filo tra mittente e destinatario. Un
client FTP o un browser non ne vuole sapere
assolutamente nulla di problemi di routing,
duplicazione di pacchetti o quant’altro, lui
vuole semplicemente inviare o ricevere
E l e t t r o n i c a I n - ottobre 2000
di Alessandro Furlan
stream di byte in modo affidabile. Questo è forse lo
strato più complesso dei protocolli, proprio perché
l’interfaccia (l’insieme delle funzionalità offerte)
fornita deve essere, per le applicazioni, la più semplice possibile. Prima di vedere questa interfaccia
una piccola precisazione di
terminologia: un pacchetto di livello trasporto è in genere è chiamato TPDU.
45
TPDU SPEDITO
CONNECTION REQUEST
DATA
(nessuno)
DISCONNECTION REQUEST
Un TPDU è contenuto in un datagram di livello rete, a
sua volta contenuto in frame del datalink, e così via con
l’incapsulamento verso il basso. Vediamo ora nella
tabella proposta le più semplici “primitive” (una sorta di
funzioni disponibili ai livelli superiori) che il livello trasporto offre come interfaccia verso l’esterno. In realtà
questo è un elenco molto semplificato in quanto i casi
reali di protocolli trasporto ne offrono un numero ben
maggiore. Queste sono solo le primitive “di base”.
LE SOCKET UNIX
Un modello più completo e soprattutto reale ed utilizzato è l’insieme delle primitive SOCKET (stampatevi bene
questo termine) presenti nel sistema operativo UNIX per
gestire connessioni. Tra i protocolli utilizzabili da queste
primitive ci sono TCP e UDP. Il modello stesso TCP/IP
è nato infatti su sistemi UNIX, ben prima che la famosissima Software House di Redmond (Microsoft, N.d.R. )
vedesse la luce.
Anche in ambiente Windows comunque esistono primitive di questo tipo, definite nella libreria Winsock,
incompatibili a livello di codice ma compatibili come
funzionamento. Noi vedremo dunque il primo tipo, le
SOCKET UNIX. A tal proposito, un consiglio: chi
vuole veramente sperimentare della programmazione in
ambiente di rete, raccomando vivamente di installare sul
proprio PC il sistema operativo Linux che, oltre a essere completamente gratuito, ha al suo interno tutto quanto occorre per realizzare applicazioni (in linguaggio C)
che sfruttino TCP/IP o UDP/IP. Presenteremo anche un
indirizzo internet dove scaricare i sorgenti di un client e
server TCP in linguaggio C. Chi “macina” un po’ tale
linguaggio potrà veramente divertirsi a provarli, e magari a modificarli, in tal caso assicuro la soddisfazione è
notevole: un client email o FTP ormai non avranno più
segreti per voi! In linea di principio potreste scriverne
uno, in quanto sapreste come inviare e ricevere i dati.
Poi vi mancherebbe “solo” di trattarli e di utilizzarli! Nei
sorgenti si troveranno proprio le primitive sotto forma di
chiamate a funzioni C. Vediamole ora in dettaglio:
SOCKET: Crea un punto finale di comunicazione
BIND: Associa questo punto ad un indirizzo locale
LISTEN: Pronto ad accettare connessioni
ACCEPT: Arresta l’utente fino a connessione stabilita
CONNECT: Stabilita la connessione
SEND: Spedisce dati su connessione
RECEIVE: Riceve dati dalla connessione
CLOSE: Chiude la connessione
46
SIGNIFICATO
Il ricevente è pronto ad accettare richieste di connessione
Si cerca di aprire una connessione
Spedizione di informazione
Ricevente bloccato fino all’arrivo di un TPDU
Si cerca di chiudere la connessione
Una precisazione, riguardo al concetto di client-server:
il server è l’entità che è in attesa di richieste di connessione da parte di un client (anche se di solito i client
sono svariati contemporaneamente), per l’effettuazione
di determinati servizi. Alcune delle primitive sopra elencate sono tipiche di solo uno dei due lati. Ad esempio, la
LISTEN viene effettuata solo dal server, così come
l’ACCEPT. Vediamo la figura 1 che spiega meglio
come avviene il processo tra client e server.
Con una chiamata SOCKET si alloca un descrittore che
verrà in seguito utilizzato alla stregua di un descrittore di
un file (assumiamo che si sappia come gestire un file in
C). Una volta che ho associato la connessione al descrittore, potrò usare funzioni come read() e write() del C per
inviare o ricevere dati su tale connessione.
Vediamo ora il prototipo della funzione:
int socket (int family, int type, int protocol);
che restituisce uno small integer che viene poi usato
esattamente come un descrittore di file. I parametri utilizzati sono: family che può essere AF_UNIX (protocollo interno UNIX) o AF_INET (quello che più ci interessa, in pratica rappresenta IP); type indica il tipo di
protocollo trasporto: SOCK_STREAM (Stream socket)
Server
Client
figura 1
Elettronica In - ottobre 2000
CORSO PROGRAMMAZIONE HTML
PRIMITIVA
LISTEN
CONNECT
SEND
RECEIVE
DISCONNECT
CORSO PROGRAMMAZIONE HTML
se family è AF_INET rappresenta TCP oppure
SOCK_DGRAM (Datagram socket) se family è
AF_INET rappresenta UDP. Tra poco vedremo le differenze fra i due; protocol è generalmente uguale a 0.
Esempio di chiamata:
Questa volta i parametri sono: fd descrittore di socket;
backlog lunghezza della coda su cui sospendere i processi client in attesa.
Ora vediamo l’ACCEPT:
int accept (int fd, struct sockaddr *peer, int *addrlen);
int fd=socket(AF_INET,SOCK_STREAM,0)
viene creato il descrittore ‘fd’ per una socket TCP/IP
Ora vediamo la BIND, effettuata dal server. Il suo prototipo è:
int bind (int fd, struct sockaddr *myaddr, int addrlen);
I parametri: fd descrittore di socket; myaddr puntatore
ad un indirizzo di socket; addrlen dimensione del puntatore. Vedete che il tipo del puntatore *myaddr è una
struct, in cui sono contenute svariate informazioni, tra
cui soprattutto l’indirizzo IP e la porta. Non me ne
vogliate se non scendo molto di più nei dettagli, ma per
il momento basta che capiate il meccanismo e la sequenza di chiamata di queste primitive, che altro non sono
che un’interfaccia che il sistema operativo mette a disposizione del programmatore. Ora analizziamo una primitiva solo del client, la CONNECT:
I parametri: fd descrittore di socket; peer puntatore ad
un indirizzo di socket (è una struct come nella funzione
precedente) usato per ritornare l’indirizzo del processo
peer connesso (il client); addrlen usato per sapere l’effettiva dimensione dell’indirizzo. Per Internet è fisso e
uguale a 16 bytes.
Abbiamo poi la READ e la WRITE, effettuate sia dal
client che dal server, che assomigliano moltissimo alle
normali read e write del C. Perciò non ci soffermiamo
oltre, ma ne diamo solo i prototipi:
int read (int fd, char *buf, unsigned int nbytes);
int write (int fd, char *buf, unsigned int nbytes);
Infine la CLOSE, che chiude la connessione e libera il
descrittore, esattamente come si fa per chiudere un file,
anzi, la funzione è esattamente la stessa:
int close (int fd);
int connect (int sockfd, struct sockaddr *servaddr, int addrlen);
Ecco i parametri: fd descrittore di socket; servaddr puntatore ad un indirizzo di socket (strutturato come il precedente); addrlen dimensione del puntatore.
Proseguiamo ora con la LISTEN:
int listen (int fd, int backlog);
bene, le primitive le abbiamo brevemente viste. Solo un
accenno al fatto che esistono anche altre funzioni di
libreria come le funzioni GETHOSTBYNAME e GETSERVBYNAME. Nelle primitive quando si parla di
indirizzi ci riferisce a indirizzi IP numerici e fisici (tipo
132.122.3.55) e non a www.mioserver.com, che è un
indirizzo simbolico. Esistono allora queste due funzioni
figura 2
E l e t t r o n i c a I n - ottobre 2000
47
S2
......
Sn
= Socket per accettare richieste di
connessione
S2 ... Sn = Socket per connessioni individuali
figura 3
che consentono la conversione di indirizzi da simbolici a
numerici, e la porta da utilizzare per un determinato servizio.
gethostbyname(): restituisce l’indirizzo IP di una macchina di cui si sa l’indirizzo simbolico.
struct servent *getservbyname(char *servname, char
*protname);
la funzione riceve come parametro il nome simbolico di
un servizio e del tipo di protocollo e restituisce il numero di porta opportuno. Ad esempio per http potrebbe
restituire le porte 80 o 8080. Tra pochissimo vediamo il
concetto di porta. Dopo questa ampia carrellata su aspetti del codice per gestire connessione, forse un po’ noiosa per chi non ha molta dimestichezza col C, “alleggeriamo” con aspetti più descrittivi, e vediamo il formato
dei pacchetti TCP e UDP, i due protocolli di trasporto
utilizzati in Internet.
TCP e UDP
Cominciamo da TCP che, dei due, è il più complesso.
Come abbiamo già avuto modo di dire, TCP è un protocollo cosiddetto connection-oriented. Che significa?
Significa che TCP è in grado di realizzare una connessione “virtualmente punto a punto” tra due host che utilizzano IP, che si basa invece su datagram, quindi senza
connessione. Ciascun pacchetto viaggia autonomamente
e per qualsiasi percorso, tocca poi al livello trasporto e
in particolare TCP riassemblare tutti i pacchetti nel giusto ordine, controllando che non vi siano pacchetti
duplicati o mancanti. In base a queste premesse, vediamo alcune caratteristiche basilari del TPDU TCP, mentre tralasciamo qualche dettaglio implementativo secondario per non rendere il Corso troppo pesante. Nella
figura 2 vediamo un classico preambolo TCP: i primi
due campi che troviamo sono due indirizzi da 16 bit, le
porte sorgente e destinazione. Vediamo di chiarire cosa
sono queste porte. Ogni host IP ha 216 –1(=65535) porte
su cui aprire socket. Si pensi ad esempio ad un host.
Esso può fare da Web server, da mail server e da FTP
server simultaneamente. Ha però un unico indirizzo IP,
ma questo indirizzo IP ha 65535 porte a disposizione.
Ad esempio il server Web sarà in ascolto sulla porta 80,
il server mail sulla porta 110, e così via. L’idea è che
48
figura 4
Elettronica In - ottobre 2000
CORSO PROGRAMMAZIONE HTML
S1
S1
ogni host può avere contemporaneamente aperte al massimo 65535 connessioni con altri host. Per determinati
servizi una macchina ha necessità di operare come server per svariati utenti, si pensi ad un webserver di una
società che diffonde su Internet le quotazioni di borsa.
Come può un host fare questo, se abbiamo detto che http
ha come porta standard la 80? Si direbbe che possa
accettare solo un client per volta, ma non è così. In realtà
la porta 80 è solamente la porta in cui il server resta in
attesa di connessioni. Quando il client arriva, sulla porta
80, il server dice: “ Ti vuoi collegare? Bene. Io ho libera la porta 44323. Per favore apri una connessione su
questa porta.” Il client allora in modo del tutto trasparente (se state navigando col browser non vi accorgete di
nulla) fa questo. Graficamente per il server si ha una
situazione del tipo rappresentato nella figura 3.
Nell’esempio precedente S1 è la porta 80, quella di
HTTP, le altre sono quelle per le connessioni individuali. Ecco come un server può collegarsi ad un gran numero di client in modo indipendente uno dall’altro. E’ convenzione che taluni numeri di porte siano riservati per
l’utilizzo con alcuni protocolli, come HTTP, FTP, ecc.
E’ dunque opportuno quando si realizzano propri programmi che girano in rete ma che non usano questi protocolli scegliere delle porte al di sopra di un certo numero (nei sistemi UNIX sopra la 1024).
Curiosità: provate ad aprire nel vostro browser la finestrella per la configurazione dei proxy. Vedrete che oltre
al nome del server proxy bisogna specificare anche la
sua porta. Per lo meno ora sapete il perché. Quando nel
vostro browser digitate un indirizzo, esso contatta l’host
presente nell’URL stesso contattando per default da
porta 80. Se il webserver fosse in ascolto su un’altra
porta, ad esempio la 9090 dovreste mettere dopo il nome
del server il carattere “:” seguito dal numero della porta,
es: http://www.mioserver.com:9090
Chiarito l’aspetto delle porte vediamo un altro aspetto
CORSO PROGRAMMAZIONE HTML
figura 5
importante, il campo “sequence number”. Come ormai
avete capito TCP deve anche occuparsi di riordinare i
pacchetti nel giusto ordine e controllare eventuali pacchetti duplicati o mancanti, perché il livello Rete (IP)
non lo fa. Per fare questo la cosa più semplice è numerare i pacchetti. Questo numero progressivo è molto
grande (232…) proprio per evitare che esistano sulla rete
due pacchetti diversi con lo stesso sequence number. Si
cerca così di fare in modo che tra la creazione di due
pacchetti con lo stesso numero passi un grosso intervallo di tempo, enormemente superiore a quello che tale
pacchetto può restare in giro per la rete, prima di giungere a destinazione o altrimenti essere distrutto perché
troppo vecchio (abbiamo visto che già il livello Rete ha
meccanismi per distruggere pacchetti troppo vecchi).
Il campo “acknowledgement number” indica il prossimo pacchetto atteso, non l’ultimo correttamente spedito,
come si potrebbe pensare. Comunque la sua funzione è
simile al sequence number. Seguono poi altri dati di controllo, di cui omettiamo i dettagli.
Per finire, un cenno ad UDP. Questo protocollo, di fatto,
non aggiunge poco o nulla rispetto al livello rete, salvo
anche qui la porta (come per TCP). Un sistema clientserver basato su UDP opera in modo più semplice:
UDP non si basa su connessione, ma lavora anch’esso
col principio dei datagram. Non c’è nessun controllo sul
riordino dei pacchetti o sulla loro mancanza o duplicazione. Per quanto un simile protocollo possa apparire
inutile, ha un vantaggio che le lo rende utilissimo in talune applicazioni: è estremamente veloce. Per applicazioni come lo streaming audio dei network FM su Web, che
sta diventando di moda (contribuendo all’inutile intasamento della Rete, nata con ben altri scopi N.d.R.) si usa
UDP proprio perché qui è meglio perdere un pacchetto
che stare ad aspettarne uno mancante o richiedere la trasmissione di un pacchetto errato. In reti estremamente
affidabili si può anche usare UDP guadagnando tantissimo in prestazioni. Su una rete locale all’interno di un
ufficio, volendo si può anche usare UDP, proprio perché
una piccola LAN in genere ha tassi di errore estremamente bassi. In figura 5 vediamo il preambolo UDP:
come si vede, è estremamente semplice, e visto quanto
detto sinora non necessita di ulteriori commenti. Come è
ovvio non ci sono numeri di sequenza o altre complicazioni. Bene, anche la panoramica sul livello rete è terminata.
Consigliamo a questo punto di visitare la pagina Web
indicata nel riquadro a fondo pagina, scaricare e guardare i files forniti (soprattutto sockhelp.c). La prossima
puntata cominceremo a parlare di aspetti più vicini all’utente a cominciare dal livello delle applicazioni. Alla
prossima!
I S O R G E N T I DI E S E M P I O P E R S . O . L I N U X
All'indirizzo internet http://digilander.iol.it/alexfurlan sono presenti due sorgenti di esempio: un client e un server TCP. Il
client contatta il server e gli invia una stringa, il server la converte in caratteri maiuscoli e la rimanda al client, che la visualizza. Per provare i sorgenti scaricare tutti i files presenti nella pagina “download” e metterli in una directory. Al prompt della
shell Linux, in questa directory, digitare poi "make all" + Invio. I sorgenti vengono compilati. A questo punto lanciare nell'ordine, in due finestre diverse, il server e il client nel seguente modo:
Server: tcpserver (porta di ascolto)
ad esempio: tcpserver 3422
Client: tcpclient (nome server) (una porta, tra 1000 e 65535)
ad esempio: tcpserver localhost 3422
dove “localhost” è l'indirizzo della macchina locale. Nella finestra del client provare a digitare qualcosa, vedrete che tornerà
indietro. I messaggi che vedete di fatto passano in rete (anche se la cosa viene simulata sulla stessa macchina). Se li provaste tra macchine distanti un continente, andrebbero nello stesso modo!!! (basterebbe conoscere l'indirizzo IP del server e la
porta).
Nota: in alcune shell per lanciare i programmi può essere necessario includere il punto prima di tcpserver/client (.tcpclient
localhost 3422). Nella pagina è anche presente un link a uno dei massimi siti di riferimento alle UNIX SOCKET, dove sono
presenti tantissimi altri codici di esempio, spiegazioni, ecc.
E l e t t r o n i c a I n - ottobre 2000
49
SIcurezza
Elettronica
Innovativa
di Alberto Battelli
Un nuovo sensore ad
infrarossi passivi
miniaturizzato apre la
strada a numerose
applicazioni: una
esemplificativa la trovate
in questo articolo, si tratta
di un doppio interruttore
con temporizzazioni
impostabili separatamente
per due uscite, adatto per
accendere luci, far
suonare un campanello o
attivare una telecamera.
sensori P.I.R. (sigla del termine inglese Passive
Infrared Radar) vengono comunemente utilizzati come rivelatori di presenza negli impianti antifurto ed
antiintrusione, grazie alle loro doti di precisione ed affidabilità ed alla semplicità di installazione. Esistono,
inoltre, numerosi tipi di interruttori automatici che
sfruttano i sensori ad infrarossi per attivare i più svariati carichi. Si tratta di automatismi che permettono, ad
esempio, di accendere le lampade di un giardino, atrio
o corridoio, all’approssimarsi delle persone o delle
auto; si trovano installati negli alberghi (illuminano i
corridoi dei piani quando la gente esce dall’ascensore o
52
dalla camera) nei giardini delle ville, nei garage, ecc.
Proprio per la larga diffusione incontrata da questo
genere di apparati i costruttori hanno cercato di affinarli, realizzando prodotti sempre più compatti e precisi.
Un modello particolarmente interessante, per dimensioni e versatilità, è senz’altro quello descritto in queste
pagine, che abbiamo impiegato per mettere a punto una
tipica applicazione consistente in un doppio interruttore temporizzato: si tratta di un sensore di movimento ad
infrarossi passivi in versione miniatura, grande poco
più di un transistor in contenitore TO-5 e con la stessa
piedinatura; è insomma un completo P.I.R. con uscita
Elettronica In - ottobre 2000
logica, che può essere impiegato ed
incorporato in ogni genere di circuito elettronico, dall’interruttore a
tempo al sistema d’allarme ultracompatto. Essendo effettivamente
molto piccolo, può trovare posto
dove i tradizionali sensori risultano
ingombranti o difficili da installare
in quanto troppo visibili; il nostro
sensore può essere introdotto nel
locale da sorvegliare attraverso un
foro largo poco più di un centimetro, garantendo così la massima discrezione ed evitando di degradare
l’estetica di ambienti nei quali, i
sensori tradizionali potrebbero
Il sensore PIR utilizzato nel
nostro progetto è caratterizzato
da dimensioni particolarmente
contenuto: 11 mm di diametro
alla base e 9 all’inizio della
cupola posta sulla sommità, ed
è alto meno di 15 mm.
risultare veramente antiestetici (ad
esempio in musei o chiese).
Cerchiamo dunque di conoscere
meglio questo componente dicendo
innanzitutto che contiene un tradizionale sensore piroelettrico capace
di rilevare il movimento di una persona grazie al calore irradiato dal
proprio corpo (dallo studio della
fisica sappiamo, infatti, che il calore è una radiazione luminosa I.R.).
Questo sensore viene posto dietro
E l e t t r o n i c a I n - ottobre 2000
una speciale lente (detta lente di
Fresnel) che ha la capacità di concentrare gli infrarossi provenienti
da una certa angolazione e determinare significative variazioni dell’intensità di quelli incidenti sulla
superficie sensibile se l’oggetto che
li irradia (supponiamo un uomo che
cammina) si sposta più o meno
rapidamente. L’apertura angolare,
cioè il raggio di rilevamento, è di
100° (50 + 50) lateralmente e di 82°
(41 + 41) in verticale; la minima
velocità di spostamento dell’oggetto da rilevare è 30 cm al secondo, e
la massima dichiarata ammonta a 2
metri al secondo. Per maggiori
chiarimenti rimandiamo al box
descrittivo presentato in queste
pagine. Nel realizzare l’applicazione che ora andiamo a descrivere,
abbiamo tenuto conto di tutti i dettagli forniti del costruttore, progettando una scheda gestita da
53
il sensore P.I.R.
Per realizzare il progetto descritto in questo articolo abbiamo impiegato un moderno rilevatore
ad infrarossi passivi in versione miniaturizzata,
contenente un sensore piroelettrico posto dietro
una lente di Fresnel a 16 elementi (5 assi ottici)
capace di sentire il calore irradiato dal corpo di
una persona o di un animale di media taglia, ma
anche quello dei fari o del cofano di un’automobile; le variazioni di tensione rilevabili ai capi
dell’elemento sensibile vengono amplificate da
un circuito interno e poi squadrate da un preciso
comparatore che consente di ottenere un’uscita
(OUT) normalmente bassa che passa allo stato
logico 1 in caso di rilevazione di movimento.
Esteriormente il sensore si presenta come un piccolo ditale da sarto, che misura solo 11 mm di
diametro alla base e 9 all’inizio della cupola
posta sulla sommità, ed è alto meno di 15 millimetri; dispone solamente di tre piedini (uscita,
positivo e negativo di alimentazione) è dunque
l’ideale per gli impieghi dove la miniaturizzazione è determinante e l’oggetto deve apparire il
meno possibile. L’alimentazione deve essere una
tensione continua compresa fra 3 e 6 volt (l’assorbimento non supera i 300 microampère con
l’uscita a riposo) e stabilizzata: ciò non tanto per
l’integrità del componente, che resiste a disturbi
istantanei dell’ampiezza di 200 V, quanto per
garantire un funzionamento preciso degli stadi
interni. Il terminale OUT commuta da 0 V ad un
microcontrollore che risolve egregiamente tutte le problematiche esistenti,
implementando altresì le due temporizzazioni richieste senza il bisogno di
altri componenti attivi.
Il nostro circuito è un doppio interruttore a P.I.R. provvisto di due timer, uno
regolabile tra 1 e 10 secondi, che
comanda un piccolo relè da 1 A, e l’altro impostabile tra 1 ed 8 minuti, assegnato al controllo di un relè da 10 A.
Entrambi scattano quando il sensore
rileva il movimento di una persona, di
un animale o comunque di un corpo
caldo, entro il campo d’azione compreso in una distanza di circa 5 metri e in
un angolo verticale/orizzontale di
82/100°. Analizzando lo schema elettrico notiamo che si tratta di un circuito molto semplice, e non potrebbe essere diversamente in quanto viene gestito
interamente dal micro U2 che provvede
a controllare i segnali del sensore ad
infrarossi passivi (ignorando quelli
54
giunti nei primi 30 secondi seguenti
l’accensione), ed a generare le due
temporizzazioni in base al valore dei
rispettivi trimmer R6 ed R7; il micro
controlla inoltre il led di stato (LD1) e
i relè di uscita (RL1 ed RL2) mediante
transistor (T1 e T2). Vediamo ora di
analizzare il funzionamento del microcontrollore supportati dal diagramma
di flusso: all’accensione il PIC12C672
(una CPU ad 8 bit con architettura
RISC, provvista di un preciso timer
programmabile e un A/D converter ad 8
bit assegnabile a 4 linee) inizializza le
linee di I/O impostando il piedino 4
come input, 5 e 6 come canali bidirezionali, e 2, 3, 7, come uscite. Impiega,
quindi, tutti e 6 gli I/O di cui dispone.
Il prototipo montato e collaudato. Il sensore ad infrarossi passivi va montato sul lato delle saldature, appoggiandone i tre terminali sulle relative piazzole e
fissando gli stessi con piccole
saldature. Anche il diodo led può
essere montato sul lato rame in
modo che, inserendo l’intero circuito in un contenitore o in una
presa a muro, sia visibile a lato
del sensore.
Elettronica In - ottobre 2000
livello (1 logico) pari al potenziale di alimentazione diminuito di un massimo di
0,5 V: alimentando il sensore con 5 V,
otteniamo dunque poco più di 4,5 V.
L’angolo di copertura del sensore è di
100° in orizzontale e di 82° in verticale;
la distanza di rilevamento si aggira
intorno ai 5 metri, in ogni direzione compresa tra le predette angolazioni. Per
quanto riguarda la velocità di movimento rilevata, varia da 30 cm fino a 2 metri
al secondo. Una
persona che si sposti più rapidamente
di 2 m/s (7,2 Km/h)
o più lentamente di
0,3 m/s (1 Km/h)
può anche non essere intercettata, tuttavia nell’uso normale (sensore di avvicinamento o di intrusione in case, uffici,
box, autorimesse) questo risulta essere
un limite più che accettabile. Va poi
ricordato che l’elemento piroelettrico in
sè è capace di rilevare corpi la cui temperatura sia diversa dalla sua di almeno
3°C (±1 °C). Sempre in tema di temperature, il componente opera senza problemi tra -20 e +60 °C, un campo sufficientemente vasto da permetterne l’uso
sia all’interno che all’esterno anche se,
in quest’ultimo caso, è necessario curare
Mediante il piedino 4 (GP3) riceve gli
impulsi ad 1 logico dal sensore ad
infrarossi passivi, mentre il 5 ed il 6
vengono usati per leggere lo stato dei
trimmer, ovvero i tempi da assegnare ai
due timer software utilizzati per gestire
le uscite dei relé (rispettivamente pin 2
e 7); il pin 3 è l’uscita per il led, e funziona in modo sink, cioè diviene attiva
l’impermeabilizzazione dei terminali del
P.I.R.; il sensore è comunque sensibile
all’umidità eccessiva. Un particolare
rilevante per l’uso è che il sensore
richiede un tempo di assestamento (stabilizzazione termica) variabile fra 7 e 30
secondi, ragion per cui il circuito nel
quale lo si impiega deve ignorare, a partire dall’istante dell’accensione, i segnali forniti dall’uscita prima che sia scaduto tale periodo, durante il quale è facile
vengano
prodotti
impulsi
casuali
capaci di generare
falsi allarmi o
comunque inneschi
indesiderati. Il contenitore del componente è doppio, perché in realtà l’involucro esterno, di materiale plastico, è la lente; internamente vi
è il corpo vero e proprio, un cilindro
metallico grande come un transistor in
case TO-5, avente sulla sommità (opposto ai terminali) un foro dal quale si
affaccia l’elemento piroelettrico. E’ proprio la struttura metallica a garantire
un’efficace schermatura, un’immunità ai
disturbi radioelettrici che evita false
commutazioni anche se si avvicina una
fonte RF, quale l’antenna di un telefono
cellulare, fino a 2 centimetri.
a zero logico. Dal flow-chart vediamo
che, dopo l’inizializzazione dei registri
interni viene attivato il diodo luminoso,
che lampeggia 3 volte e poi si assesta a
luce fissa, restandovi per i 30 secondi
necessari alla stabilizzazione termica
del radar ad infrarossi: durante tale
periodo ogni impulso d’allarme ricevuto al piedino 4 viene ignorato, perché
identificato come “falso allarme”.
Dopo lo spegnimento del led il circuito
è operativo, e può rilevare i segnali del
P.I.R. e gestirne le segnalazioni. Questa
condizione è evidenziata dall’emissione di un breve lampeggio ogni 2 secondi, da parte del solito LD1, che segnala
all’utente lo stato di attività. Da questo
momento il programma continua a
testare la linea GP3 in attesa di una
transizione da 0 ad 1 logico e, finché
non la rileva gira in loop ripetendo il
test, ed attivando il solito led allo scadere dei 2 secondi impostati dall’apposito timer software. A proposito del
lampeggio, notate che dura meno di
500 ms, questo per limitare il consumo
di energia, condizione indispensabile
qualora si pensasse di alimentare il circuito a batterie. Quando il sensore rileva il passaggio di una persona o di un
oggetto nel suo campo d’azione, produce, sul suo piedino OUT, una transizione di segnale che il micro riconosce
come “allarme attivo”, conferma il rilevamento accendendo LD1 a luce fissa e
attiva RL1 per il tempo prescelto con il
trimmer R6, ed RL2 secondo quello
impostato con R7; il diodo luminoso
riprenderà il suo lampeggio solo dopo
che sarà scaduto l’intervallo più lungo,
ovvero dopo la ricaduta del relè 2; a
questo punto il ciclo riprenderà da
capo, ed il programma tornerà a girare
in loop attendendo un nuovo segnale
dal sensore ad infrarossi. A proposito
della regolazione dei tempi è bene
notare che i trimmer R6 ed R7 non vengono letti dopo l’inizializzazione degli
I/O ma ogni volta che si riceve un allarme proveniente dal P.I.R. e prima di
attivare i relè; questo consente una
variazione continua che non implica il
reset del circuito. La lettura dei tempi
vendita componenti elettronici
rivenditore autorizzato:
V i a Va l S i l l a r o , 3 8 - 0 0 1 4 1 R O M A - t e l . 0 6 / 8 1 0 4 7 5 3
E l e t t r o n i c a I n - ottobre 2000
55
schema
elettrico
da associare ad ogni relé avviene tramite l’ormai nota procedura (ne abbiamo parlato in numerosi articoli...)
mite il trimmer R6, dal piedino 5, mentre il secondo subisce la stessa operazione attraverso R7, ad opera della
installazione del circuito
per RL1 ad 1 secondo e per RL2 ad 1
minuto; ruotando il perno dei trimmer
in senso orario cresce la resistenza in
serie a ciascun condensatore e così il
tempo di carica/scarica, pertanto si può
arrivare ad una durata dell’innesco del
relè 1 fino a circa 10 secondi, e quella
del relè 2 fino ad un massimo di 8
minuti. Ogni volta che il sensore capta
il movimento di un corpo caldo, si attivano le due uscite GP0 e GP5, che perciò si portano a livello logico alto e
mandano in saturazione i transistor T1
e T2, ciascuno dei quali alimenta, con
il proprio collettore, la bobina di uno
dei relè; le predette linee del micro tornano a zero allo scadere dei tempi
impostati. Va osservato che in sede di
progetto abbiamo voluto usare relè differenti, come diverse sono le temporizzazioni, prevedendo di destinare le
uscite ad applicazioni specifiche. RL1
è del tipo miniatura (ITT-MZ o compatibile) e può commutare 1 ampère in
reti elettriche funzionanti ad un massimo di 250 VAC; la stessa tensione è
ammessa per lo scambio del RL2
(FEME MGP, Finder 40.51, ecc.) che
i sensori ad
infrarossi passivi
In funzione del tipo di applicazione potete inserire la basetta in un piccolo contenitore plastico, in una scatola di derivazione a muro oppure
all’interno del citofono, avendo cura di fare
sporgere almeno 4 mm della testa del sensore.
mediante la quale il PIC riconosce la
durata voluta dall’utente utilizzando
solamente le due linee I/O rimaste.
Viene sfruttata una routine con la
quale si va a controllare il tempo di
carica e scarica di due condensatori: C5
per RL1 e C6 per RL2; il primo viene
alimentato e scaricato ciclicamente tra56
linea GP1 (pin 6); si ottengono così le
durate delle due temporizzazioni, che
vengono impiegate per settare i timer
interni. Per l’esattezza, quando il cursore di ciascun trimmer ruotato completamente in senso antiorario, dunque
è inserita la minima resistenza, si ottiene il tempo più breve, che corrisponde
però sopporta fino a 10 A. In pratica si
può pensare di usare il circuito come
rivelatore di presenza di una persona
davanti al cancello di casa, collegando
lo scambio del relè piccolo (RL1) al
campanello, e quello del più grande ad
una luce o ad un gruppo di lampade che
ne illuminano il cammino fino alla
Elettronica In - ottobre 2000
piano di montaggio
COMPONENTI
R1: 1 KOhm
R2: 4,7 KOhm
R3: 47 KOhm
R4: 4,7 Ohm
R5-R8: 47 KOhm
R6-R7: 4,7 KOhm
trimmer
C1: 470 µF 25VL el.
C2: 100 µF 16VL el.
C3: 100 nF mult.
C4: 100 nF mult.
C5: 100 nF 63VL pol.
C6: 100 nF 63VL pol.
U1: 7805 regolatore
U2: PIC12C672-P
programmato
( MF346 )
T1-T2: BC547B
transistor
LD1: LED rosso 5mm
D1÷D3: 1N4007 diodi
RL1: relè 12V
1 sc. min.
RL2: relè 12V
1 sc.
PIR: sensore
infrarossi
Varie:
- morsettiera 2 poli;
- morsettiera 3 poli
(2 pz.);
- zoccolo 4 + 4;
- stampato
cod. S346.
soglia dell’abitazione stessa, il temporizzatore può tornare utile per comandare le luci e la centralina di un apri-
I sensori ad infrarossi passivi,
detti anche P.I.R. (sigla del
termine inglese Passive Infrared
Radar), sono in grado di rilevare
le variazioni, a livello di raggi
infrarossi, determinate dal
movimento di persone o cose
la cui temperatura differisce
da quella dell’ambiente; la
figura a lato mostra il
funzionamento di questi
particolari sensori. L’utilizzo va
dai rivelatori di presenza per
impianti antifurto ed
antiintrusione, agli interruttori
automatici che sfruttano i sensori
PIR per attivare i più svariati
carichi.
del piano dove è collocato il sensore,
ovvero dell’ingresso dello stabile.
Come vedete, la disponibilità di due
uscite, peraltro ciascuna con una diversa temporizzazione, apre un ampio
ventaglio di possibilità e di progetti
flow chart
del PROGRAMMA
IMPLEMENTATO
NEL pic12c672
cancello o di una sbarra motorizzata
quando al garage si approssima un’automobile. Restando in ambito domestico, un’applicazione potrebbe essere
quella di connettere RL2 al circuito
d’illuminazione delle scale e dell’atrio
di un condominio, e chiudere con RL1
il bottone di chiamata dell’ascensore
E l e t t r o n i c a I n - ottobre 2000
57
utilizzazione del
sensore come
campanello automatico
terminali sulle relative piazzole facendoli entrare appena nei fori, dunque fissando il primo con una goccia di stagno
e passando poi ai restanti due; nel fare
questo prestate la massima attenzione
in quanto dovete appoggiare la punta
del saldatore per il minor tempo possi-
PIN - OUT
PIC 12C672
Un possibile impiego del progetto presentato in queste pagine è
rappresentato dal classico campanello automatico.
Posizionando il sensore in modo da rilevare l’avvicinarsi di una
persona alla porta di ingresso o al cancello e collegando il relé piccolo
(RL1) al campanello e quello più grande (RL2) ad una luce si fa in
modo che, quando qualcuno si avvicina, il campanello suona
automaticamente e la luce dell’atrio (o del giardino) si accende
illuminando perfettamente l’ingresso.
praticamente attuabili, tra i quali i tre
descritti sono solo alcuni dei più immediati. Per quanto riguarda l’alimentazione, la scheda richiede una tensione
continua di valore compreso tra 12 e 15
volt c.c. applicata tra il morsetto + ed il
- VAL; il diodo D1 protegge il tutto dall’inversione di polarità, e dal suo catodo possiamo prelevare la corrente che
va direttamente ai circuiti dei due relè
ed all’input del regolatore integrato U1,
un 7805 che ricava 5 volt perfettamente stabilizzati necessari al buon funzionamento del microcontrollore U2 e del
rilevatore P.I.R. I condensatori elettrolitici C1 e C2 filtrano il residuo di alternata eventualmente presente all’uscita
dell’alimentatore, mentre C3 sopprime
eventuali disturbi impulsivi captati dai
collegamenti.
REALIZZAZIONE
PRATICA
Bene, vista la descrizione dello schema
passiamo ad analizzare gli aspetti pratici, vedendo come costruire ed impiegare il doppio temporizzatore; come al
solito abbiamo previsto un circuito
stampato che occorre preparare
seguendo la traccia del lato rame illustrata in queste pagine (in scala 1:1)
dalla quale potete ricavare la pellicola
58
per la fotoincisione. Una volta realizzata e forata la basetta potete iniziare il
montaggio dei componenti, partendo
dalle resistenze, dai diodi (per questi va
1 VDD
2 GP5-OSC1
CLKIN
3 GP4-OSC2
AN3-CLKOUT
4 GP3-/MCLR-VPP
5 GP2-TOCKI
AN2-INT
6 GP1-AN1
VREF
7 GP0-AN0
8 VSS
bile (non oltre 3 o 4 secondi) onde evitare si danneggiare il componente per
surriscaldamento. Anche il led può
essere montato dal lato rame (ricordate
PER IL MATERIALE
Il materiale utilizzato per realizzare il prototipo descritto in queste
pagine è facilmente reperibile in qualsiasi negozio di componentistica elettronica; fanno eccezione il microcontrollore programmato (cod. MF346) e il sensore PIR miniaturizzato (cod. MINIPIR)
disponibili rispettivamente al prezzo di 15.000 e di 58.000. I prezzi
indicati sono comprensivi di IVA. Il materiale va richiesto a:
Futura Elettronica, V.le Kennedy 96, 20027 Rescaldina (MI), tel.
0331-576139, fax 0331-578200. Ricordiamo che è possibile effettuare ordini tramite internet: www.futuranet.it
rispettata la polarità indicata...) e dallo
zoccolo per il piccolo microcontrollore. Montate dunque i condensatori, prestando attenzione al verso degli elettrolitici, ed i transistor (da orientare come
mostrano le figure) quindi sistemate i
due trimmer, entrambi del tipo a montaggio verticale. Il regolatore 7805, va
inserito nei rispettivi fori mantenendolo con il lato metallico rivolto verso
l’interno dello stampato. Il sensore ad
infrarossi passivi va montato dal lato
delle saldature, appoggiandone i tre
che il catodo è il terminale vicino al
lato smussato del corpo...) in modo
che, inserendo l’intero circuito in un
piccolo contenitore, sia visibile a lato
del sensore. Per l’alimentazione, da
collegare ai morsetti + e - VAL, potete
servirvi di un alimentatore universale, a
cubo, purché sia in grado di erogare dai
12 ai 15 volt in continua, anche non
stabilizzati, ed una corrente di 120 milliampère. In alternativa, è possibile far
funzionare il circuito con delle pile o
batterie ricaricabili; questa soluzione è
Nuovo indirizzo:
Futura Elettronica srl via Adige, 11 - 21013 Gallarate (VA)
Tel. 0331-799775 Fax. 0331-792287 http://www.futurashop.it
Elettronica In - ottobre 2000
comoda qualora manchi una linea elettrica o sia necessario che il sensori funzioni anche in caso di black-out. Tolti i
momenti in cui entrambi i relè sono
accesi il circuito assorbe mediamente
non più di 7 mA mentre quando i due
relè sono attivati il consumo sale a
testa del sensore verso l’esterno; il led
vi potrà stare affiancato, tanto non dà
alcuna interferenza. E’ anche possibile
incorporare il dispositivo all’interno
del citofono esterno, forando il pannello frontale di quest’ultimo per far spuntare i soliti 4 ÷ 5 millimetri del P.I.R.;
cone trasparente (un velo appena, per
evitare di coprire la lente...) il foro da
cui spunta il componente. I contatti
comune (C) ed il normalmente aperto
(NA) di RL1 vanno collegati in parallelo ai fili del campanello, mentre C ed
NC di RL2 possono essere collegati ad
Durante il montaggio del sensore PIR
prestate la massima attenzione alla saldatura
dei tre terminali: utilizzate un saldatore di
piccola potenza regolato ad una temperatura
non superiore a 350 °C e non impiegate
più di 3 secondi per terminale.
circa 85 milliampère. Terminato il
montaggio potete inserire la basetta in
una piccola scatola di plastica, avendo
cura di far sporgere almeno 4 mm della
in questo caso dovete curare particolarmente la protezione dagli agenti atmosferici, in special modo acqua ed umidità: il consiglio è di sigillare con sili-
una linea che alimenti una o più lampadine poste vicino al citofono stesso, o
lungo il cammino da esso alla soglia
della casa.
MODULI
M O N I TO R
Cinque monitor a colori LCD a
matrice attiva TFT retroilluminati
funzionanti in PAL; presentano un livello di ingresso pari
F R 1 0 3 L . 3 7 0 . 0 0 0 a 1 Vpp 75 ohm, vengono alimentati a 12 Vdc. Si distinguono per dimensioni
FR123 L. 950.000
FR150 L. 690.000
NT
dello schermo (FR103 da 4”; FR150 e FR150/CONT
CO 000
F
R
1
5
0
/
C
O
N
T
L
.
7
2
0
.
0
0
0
/
da 5,6” e FR123 e FR123/CONT da 6,4”) spessore
23 60.
1
(36 mm tranne il modulo da 6.4” spesso solo 16mm!), risoluzione (FR103 383x234 pixel; FR150, FR150/CONT, FR123 e
FR 1.0
FR123/CONT 960x234) e consumo (FR103 7 W; FR150 e FR150/CONT 13 W; FR123 e FR123/CONT 8 W). I modelli da 5,6” e
L.
6,4” sono disponibili nelle versioni a “vista” (FR150, FR123) e con contenitore (FR150/CONT, FR123/CONT).
V I D E O M OT I O N D E T E C TO R
TIME LAPSE 960 ORE
Permette di definire quattro zone di “controllo” nelle quali viene costantemente rilevata un’eventuale variazione
dell’immagine. In caso di movimento,
il VIDEO MOTION DETECTOR segnala in
quale zona è avvenuto l’allarme chiudendo l’apposito contatto.
Possibilità di regolare la sensibilità di un ingresso.
Alimentazione: 220 volt alternati.
FR128 L. 580.000
Videoregistratore
per
impianti di sicurezza in
grado di registrare per un
periodo massimo di 960 ore
consecutive utilizzando una normale cassetta video. Risoluzione orizzontale: 300 linee TV (B/N) o
220 (colore), rapporto S/N: 45 dB, visualizzazione sul monitor di
data, ora e funzioni attive, 4 + 2 testine, one-shot recording, 12
differenti modi di registrazione e riproduzione, funzioni di allarme. F R 1 3 8 L . 1 . 6 8 0 . 0 0 0
P ER ORDINI O INFORMAZIONI SCRIVI O TELEFONA A : FUTURA ELETTRONICA, V. LE K ENNEDY 96,
20027 R ESCALDINA (MI), T EL . 0331-576139, FAX 0331-578200, WWW. FUTURANET. IT ( FUTURANET @ FUTURANET. IT )
E l e t t r o n i c a I n - ottobre 2000
59
LAB1
Euro 148,00
ale
orio ide
t
a
r
o
b
!
i la
i spazio
zione d
La solu ha problemi d
per chi
Comprende: un multimetro, un
alimentatore ed una stazione saldante.
Con LAB1 coprirete il 99% delle vostre
esigenze di laboratorio. Ideale per gli hobbisti
alle prime esperienze e per le scuole.
MULTIMETRO DIGITALE
- LCD retroilluminato 3 1/2 digit
- tensione CC: da 200mV a 600V fs in 5 portate
- tensione CA: 200V e 600V fs
- corrente CC: da 200µA a 10A in 5 portate
- resistenza: da 200ohm a 2Mohm
- test per diodi, transistor e di continuità
- memorizzazione dati, buzzer
ALIMENTATORE STABILIZZATO
- uscita: 3 - 4,5 - 6 - 7,5 - 9 - 12Vcc
- corrente massima: 1,5A
- indicazione a LED di sovraccarico
STAZIONE SALDANTE
- tensione stilo: 24V
- potenza massima: 48W
- riscaldatore in ceramica con sensore integrato
- gamma di temperatura: 150°÷450°C
Disponibili presso i migliori negozi di elettronica o nel nostro punto
vendita di Gallarate (VA).
Via Adige, 11 - 21013 Gallarate (VA) - Tel. 0331/799775 - Fax. 0331/778112 - www.futuranet.it
Prezzo IVA inclusa
LAB1
3 in 1
didattica
Elettronica
Innovativa
di Dario Marini
CARATTERISTICHE:
- Inserzione “a caldo”
- Vero Plug & Play
- Basso costo
- Facilità di utilizzo
- Fino a 127 periferiche collegabili
- Basso costo di cavi e connettori
- Velocità di trasmissione 12 Mbps
a porta USB (acronimo di universal serial bus) –
concettualmente simile alle porte seriali e parallele – consente di collegare al PC periferiche come scanner, stampanti, tastiere, altoparlanti, ecc.; ovviamente
deve trattarsi di periferiche dotate a loro volta di porta
USB, periferiche che in questo periodo stanno apparendo massicciamente sul mercato. Si tratta di una tipologia molto vasta di dispositivi, tutti caratterizzati da una
velocità di comunicazione con il PC che ricade nella
fascia media. Infatti la massima velocità dell’USB è di
12 Megabit al secondo, che può apparire elevata ma è
in realtà ben inferiore a quanto attualmente offre un’interfaccia UltraDMA o UltraSCSI, utilizzate per gli
hard-disk di ultima generazione: ben vengano dunque
floppy, scanner, macchine fotografiche digitali, schede
audio; per contro CD-ROM e dischi rigidi non saranno
mai dotati di una porta USB.
Cerchiamo di riassumere brevemente le caratteristiche
essenziali dell’USB:
USB è hot-pluggable: vale a dire offre la possibilità di
effettuare il collegamento “a caldo”; una periferica
USB può essere connessa mentre il PC è acceso, senza
correre il rischio di danneggiare né il PC, né la periferica stessa. Possono essere tranquillamente dimenticate
le raccomandazioni di spegnere tutto quando si vuole
collegare la stampante o un semplice mouse.
E l e t t r o n i c a I n - ottobre 2000
USB è plug & play: collegando una nuova periferica,
questa viene riconosciuta immediatamente dal PC che
provvede ad attivare i driver necessari alla sua gestione.
Ovviamente sul PC deve essere installato un sistema
operativo che supporti il plug & play: è il caso di
Windows 98 e Windows 2000; per quanto riguarda
Windows 95 ci potrebbe essere qualche problema
soprattutto con le versioni più vecchie (a chi scrive
risulta che ne esistano 3). Windows NT invece non è
assolutamente plug & play. Se avete un PC dotato di
porta USB, il consiglio è quello di installare Windows
98 o Windows 2000. Le periferiche USB sono in genere autoalimentate: il cavo che connette le periferiche
porta infatti anche l’alimentazione per le periferiche
stesse purché la loro richiesta di corrente non sia esagerata.
Le apparecchiature USB tipicamente non sono collegabili a cascata (questa tipologia di collegamento è nota
con il nome di daisy-chain); pensiamo alle periferiche
SCSI: le porte SCSI offrono la possibilità di collegamento a cascata; qualunque dispositivo SCSI è dotato
di un secondo connettore al quale collegare un’altra
periferica SCSI, fino ad un massimo di 8. Questo non è
possibile nel caso dell’USB. Come fare se abbiamo più
di una periferica? Nel caso di due dispositivi, utilizzando un PC dell’ultima generazione, in genere non ci
61
sono problemi, poiché da qualche anno
tutte le macchine di questo tipo sono
dotate di due porte USB (vedi figura
1.); per un portatile è più problematico
in quanto è tipicamente dotato di una
sola porta USB. Comunque se il numero di periferiche aumenta, è necessario
ricorrere agli hub, qualcosa paragonabile ad una sorta di “presa multipla”. Si
collega l’hub al PC (tramite USB
ovviamente) e a tale hub le nostre ‘n’
periferiche USB. Esistono hub a 4 e a 7
porte; va anche detto che alcuni dispositivi USB dispongono di un hub integrato; molte tastiere USB hanno ad
esempio un hub che torna comodo per
collegare un mouse USB. Periferiche
di questo tipo, composte da più di un
dispositivo USB con integrato un hub
prendono il nome di compound devices. L’hub, interno od esterno che sia,
può essere autoalimentato dall’interfaccia USB stessa o dotato di un proprio alimentatore esterno: quest’ultimo
tipo è particolarmente adatto per connettersi a periferiche USB con esigenze
notevoli in termini di consumi.
Sfruttando le 2 porte presenti nei personal computer e le possibilità di collegamento degli hub si può arrivare a reti
complesse di periferiche USB. In figura 2 è riportato un tipico esempio. E’
bene notare che un cavo USB può essere al massimo lungo 5 metri; al di sopra
di questo valore, il segnale degenera
per cui il funzionamento della periferica può essere compromesso.
Se si vogliono raggiungere distanze
maggiori è sufficiente porre degli hub
ogni 5 metri: infatti, oltre a “replicare”
le porte USB, l’hub equalizza e ricostruisce, prima di ritrasmetterli, i
segnali ricevuti; informiamo inoltre
che sono allo studio hub integrati nel
cavo stesso!
le due porte
USB poste
sul retro
di un PC
desktop
figura 1.
to da una tensione nominale di 3.3V, il
valore 0 è rappresentato da una tensione a 0V. Il collegamento tra PC e periferica USB è di tipo half-duplex: i dati
possono viaggiare tra PC a periferica e
viceversa ma ciò non può avvenire contemporaneamente. I dati veri e propri
sono accompagnati da informazioni
aggiuntive, quali handshake e CRC: si
tratta di ulteriori sequenze di bit che
rendono la comunicazione particolarmente affidabile, il tasso di errore è
minore di 10 elevato a -10.
Vediamo ora come avviene la comunicazione tra i vari dispositivi e il PC.
Periferiche diverse possono avere differenti esigenze di comunicazione; una
tastiera ad esempio, trasmette meno
informazioni e lavora ad una velocità
inferiore rispetto ad una periferica di
acquisizione video. Una porta USB è in
grado di soddisfare le diverse necessità
stabilendo un flusso di comunicazione
“riservato” per ciascuna periferica
USB connessa: a livello logico, è come
se ad una porta USB fosse connessa
una sola periferica, in realtà se potessimo fotografare i bit che passano lungo
un cavo USB vedremmo in successione
i bit destinati a tutte le periferiche USB
connesse. Questo flusso logico e non
fisico prende il nome di pipe, letteralmente tubo. Una pipe è quindi il canale di comunicazione tra la memoria del
PC, che contiene i dati da inviare o i
dati inviati dalla periferica, e la periferica USB. Parlare di flusso è comunque
troppo generico; si preferisce parlare di
flusso che termina presso un endpoint
(punto terminale) del dispositivo USB.
collegamento
di diverse
periferiche
USB tramite
HUB
PRINCIPIO DI
FUNZIONAMENTO
A livello fisico un cavo USB è costituito da 4 conduttori, 2 si occupano di trasmettere il segnale, gli altri portano l’alimentazione (5V) alle periferiche che
verranno connesse. I dati sono trasmessi in formato binario, si tratta quindi di
una sequenza di bit. Ciascun bit è rappresentato da un livello di tensione
(alto o basso); lo standard USB utilizza
livelli CMOS: il valore 1 è rappresenta62
figura 2.
Elettronica In - ottobre 2000
Infatti, non va dimenticato che esistono
periferiche USB composte da più dispositivi (il classico esempio è l’insieme
della tastiera e del mouse): ciascuno di
questi dispositivi ha caratteristiche differenti in termini di velocità e di quantità di dati da trasmettere e/o ricevere.
L’endpoint serve proprio a determinare
la frequenza di accesso al collegamento USB, il tempo di latenza (cioè il
tempo massimo in cui la periferica ed il
PC possono rimanere in attesa di dati
dalla porta), l’ampiezza di banda (in
sostanza, la velocità di comunicazione)
e la massima dimensione dei dati da
trasmettere o ricevere. Tutti i dispositivi USB hanno almeno un endpoint,
detto endpoint 0. Questo viene utilizzato per inizializzare la comunicazione
con il PC (non dimentichiamo che un
dispositivo USB può essere collegato
con il computer acceso ed il suo riconoscimento avviene immediatamente
ed automaticamente), concordando con
quest’ultimo le caratteristiche della
pipe necessaria alla periferica. I dispositivi più semplici, a bassa velocità,
oltre all’endpoint 0 possono avere altri
2 endpoint; dispositivi più complessi e
veloci arrivano fino ad un massimo di
16 endpoint.
La prima cosa che accade dopo aver
collegato una periferica USB è la creazione di una pipe tra la porta USB del
PC e l’endpoint 0 della periferica.
La sequenza di informazioni che transita lungo la pipe è suddivisibile in
sequenze più brevi di bit dette campi. I
campi si combinano dando luogo ai
pacchetti. Ci sono tre tipi di pacchetti:
token, data e handshake, al quale se ne
aggiunge un quarto che viene indicato
come special. I token sono pacchetti
“di servizio” costituiti da una successione di 24 bit; essi non contengono
alcuna informazione destinata alla
periferica o prodotta da quest’ultima,
ma servono per rendere operativa la
comunicazione. I token si suddividono
in 4 sottotipi:
- Token di tipo In: la sua presenza indica che il PC vuole ricevere un dato
dalla periferica;
- Token di tipo Out: indica che la periferica vuole trasmettere un dato;
- Token di tipo SOF (start of frame): è
un particolare pacchetto che transita
lungo la connessione USB ogni millesimo di secondo; serve in sostanza per
E l e t t r o n i c a I n - ottobre 2000
segnalare che il collegamento è attivo;
- Token di tipo Setup: è utilizzato per
inizializzare la periferica o l’hub collegato alla porta USB.
Indipendentemente dal suo tipo, un
pacchetto comincia sempre con il
campo chiamato sync, il cui scopo è
quello di sincronizzare il trasmettitore
ed il ricevitore; a livello hardware, questo campo viene sfruttato per la sincronizzazione del PLL contenuto in ciascuna interfaccia USB. Il campo sync è
seguito dal campo chiamato packet
identifier o PID. Il PID consente ai dispositivi USB di capire che tipo di pacchetto stanno ricevendo; il PID è costituito da 8 bit: solo i primi 4 identificano il tipo di pacchetto, gli altri 4 sono i
primi negati e vengono utilizzati per
verificare che non ci siano problemi di
trasmissione. Ad esempio il PID di un
pacchetto SOF è 11010010, il PID di
un pacchetto IN è 00011110.
Quasi tutti i pacchetti terminano con 5
bit che costituisco il campo CRC.
Questi bit servono per controllare la
qualità della ricezione; infatti essi vengono confrontati con altri 5 bit calcolati secondo un algoritmo piuttosto complesso dal ricevitore; nel caso essi non
siano uguali significa che durante la
trasmissione qualcosa non ha funzionato per cui il pacchetto ricevuto contiene
degli errori. Il metodo CRC, acronimo
di cyclic rendundancy check cioè con-
trollo a ridondanza ciclica, è assai
usato nel campo della trasmissione
digitale; rientra nei metodi a correzione
di errore, vale a dire che se si verifica
un errore i bit aggiuntivi introdotti da
questo metodo sono in grado, oltre che
di rilevarlo, anche di correggerlo.
Esistono metodi più semplici, come il
classico controllo di parità, il quale, su
una sequenza di bit, può solo indicare
la presenza di un errore, ma non è in
grado di dare informazioni su come
correggerlo.
USB VIDEO ADAPTER
Vediamo ora un esempio di periferica
USB, recentemente apparsa sul mercato: l’USB video adapter (figura 3), già
disponibile presso la ditta Futura
Elettronica (Tel. 0331/576139). Si tratta di uno strumento in grado di acquisire un segnale da qualunque sorgente
video PAL o NTSC: telecamere, videoregistratori, ricevitori satellitari. Le
immagini “catturate” possono essere
visualizzate sul PC, memorizzate in un
file, elaborate e via discorrendo. La
prima cosa che sorprende sono le
dimensioni del tutto: si tratta di una
scatoletta nera di 8,6 x 3,0 x 2,0 cm,
con un LED rosso ed un pulsante (vedi
figura 4), dalla quale esce il cavo che si
connette alla porta USB ed altri due
cavettini che consentono il collega-
USB
video adapter
figura 3.
63
mento con la sorgente video: è disponibile sia l’ingresso PAL (tramite spinotto RCA) che l’ingresso S-VHS (tramite spinotto S-DIN): quest’ultimo è utile
nel caso vogliate utilizzare un camcorder dell’ultima generazione (Hi-8,
DV). La seconda cosa che salta all’occhio è la mancanza di un alimentatore;
le periferiche USB sono autoalimentate e questa non fa eccezione. Il video
adapter è corredato di un CDROM contenente i driver per Windows 95 (OSR
2) e Windows 98 ed i programmi di
gestione: si tratta di Mr Photo Gold 1.2
e AVREC Capture Tool.
Il primo è un pacchetto di software per
il ritocco fotografico; le immagini
acquisite dall’USB Video Adapter possono essere trasformate in un file grafico (sono possibili moltissimi formati
differenti: jpeg, gif, tiff, bmp…) ed elaborate creando effetti veramente interessanti. Interessante è la possibilità di
creare un album completo di fotografie
a partire da fotogrammi acquisiti tramite il video adapter; molto utili le funzioni che consentono di migliorare le
immagini di scarsa qualità.
AVREC Capture Tool si presenta con
molte meno opzioni ma è pressoché
immediato da utilizzare. Esso consente
di vedere “in diretta” in una finestra
quanto prodotto dalla sorgente video
collegata al video adapter e offre due
semplici ma importantissime funzionalità:
- Salvataggio in un file dell’immagine
visualizzata;
- Creazione di un filmato a partire dal
segnale in ingresso.
In questo caso, se il vostro PC è dotato
di scheda audio, collegandovi l’uscita
audio del vostro camcorder o VCR,
potete anche aggiungere una colonna
sonora. Il filmato risultante sarà contenuto in un file .AVI, che può essere
letto dal consueto lettore multimediale
presente in tutte le versioni di
Windows.
E’ anche possibile aprire un piccolo
pannello di controllo che vi mette a disposizione i comandi tipici di un televisore quali la regolazione di contrasto,
luminosità, saturazione del colore.
Grazie ad AVREC Capture Tool si può
pensare di utilizzare il video adapter
per vedere la TV sullo schermo del PC:
l’unico inconveniente è che non è possibile allargare la finestra a tutto scher64
LED di
segnalazione
Connettore RCA
Tasto
FREEZE
Connettore
S-VHS
Connettore
USB
mo e le immagini danno la sensazione
di muoversi a scatti: ciò è probabilmente dovuto alla velocità di comunicazione lungo il bus USB; le specifiche del
video adapter parlano di 8 Megabit al
secondo.
Terminiamo la presentazione di questo
gioiellino tecnologico con qualche nota
relativa alla sua installazione: molto
probabilmente sarà necessario che
recuperiate il CDROM di installazione
del vostro sistema operativo, fornitovi
all’acquisto del PC.
La prima operazione da compiere è
quella di installare i driver della nuova
periferica: a questo scopo dovete inserire il CDROM fornito con il video
adapter e avviare il programma \USB
Video Adapter\PC Driver\Setup.exe;
non fate riferimento al manuale che
trovate nella confezione poiché contiene qualche imprecisione.
Al termine dell’installazione vi verrà
chiesto di collegare il video adapter o,
nel caso fosse già collegato, di scollegarlo e ricollegarlo. A questo punto un
messaggio vi invita ad uscire da
Windows e rientrare. La cosa ha un po’
sorpreso chi vi scrive, poiché una periferica USB gestita da un sistema opera-
PIN OUT USB
1
2
3
4
Vcc
Data Data +
GND
figura 4.
tivo Plug and Play non dovrebbe comportarsi così: siamo tuttavia agli albori
di questa tecnologia, per cui la sensazione è che anche Windows 98 abbia
ancora qualche limitazione.
Comunque, una volta riavviato il computer, se è tutto OK apparirà una finestra indicante che è stato rivelato un
nuovo hardware e che è in corso l’installazione dei driver necessari.
E’ a questo punto che, molto probabilmente, vi verrà chiesto di inserire il
CDROM di installazione di Windows;
se non succede non è il caso di preoccuparsi: abbiamo constatato che molti
PC contengono una sottodirectory di
c:\windows che contiene la copia del
CDROM di installazione; in tal caso i
driver verranno copiati da tale directory
e non dovrete fare null’altro.
Per verificare il funzionamento del
tutto, aprite AVREC Capture Tool; nel
caso qualcosa non funzioni apparirà
dopo pochi istanti il messaggio di periferica video non presente; altrimenti,
vedrete una finestra con sfondo nero,
nella quale verrà visualizzato il segnale
video non appena collegherete una sorgente al vostro video adapter.
Non ci dilunghiamo sull’installazione
di Mr. Photo, che è identica a quella di
una comunissima applicazione per
Windows. Fate solo attenzione perché
tutto il software e tutte le installazioni
sono in lingua inglese.
Qualora vi venga segnalato che non è
stata trovata la periferica di acquisizione video ma nel contempo non avete
avuto nessun altro problema in fase di
installazione, vi consigliamo di dare
un’occhiata al setup del BIOS del
vostro PC, setup richiamabile all’atto
dell’accensione della macchina. Molti
BIOS hanno un’opzione per abilitare o
Elettronica In - ottobre 2000
disabilitare le porte USB. Se non ne
avete mai fatto uso è probabile che
l’opzione sia disabilitata, anche se il
motivo non ci è chiaro.
Fate comunque riferimento al manuale
d’uso del vostro PC.
MICROCONTROLLORI
CON INTERFACCIA USB
Avrete sicuramente notato che il funzionamento dell’interfaccia USB è
piuttosto complesso. Non è praticamente pensabile progettare una periferica dotata di interfaccia USB senza
ricorrere ad un microcontrollore; molti
costruttori di processori single-chip
stanno immettendo sul mercato nuovi
dispositivi in grado di gestire a livelli
più o meno sofisticati un collegamento
con la porta USB.
E’ il caso di Microchip che ha aggiunto alla serie PIC, di cui avrete sicuramente avuto notizia, due nuovi processori: si tratta del PIC 16C745 e del
PIC 16C765; al momento in cui scriviamo i due dispositivi sono contrassegnati come future product: dunque
dovrebbero fare la loro comparsa a
breve. La loro peculiarità è appunto
E l e t t r o n i c a I n - ottobre 2000
CARATTERISTICHE TECNICHE PIC16C765
- Massima frequenza di funzionamento a 24MHz
- Tensione di alimentazione da 4.35 a 5.25V
- 3 timer interni
- 2 moduli PWM con funzioni di capture e compare
- 1 convertitore A/D multicanale a 8 bit
- PSP (Parallel Slave Port) (solo su PIC 16C765)
- 22 (PIC 16C745) o 33 (PIC 16C765) porte di ingresso/uscita
- USART (Universal Sync/Async Receiver Transmitter)
data dalla presenza di 3 pin dedicati
all’interfaccia USB.
Al loro interno sono inoltre presenti 64
byte di RAM dedicata alla realizzazione del buffer necessario al funzionamento dell’USB. Come sempre, trattandosi di processori della serie PIC, il
set di istruzioni è limitato a 35 operazioni; la gestione dell’USB avviene
scrivendo e leggendo alcuni registri
dedicati del micro ma per svincolare
chi deve scrivere un programma dai
complessi dettagli del protocollo USB,
Microchip fornisce una libreria di funzioni standard USB; il tutto è presenta-
to in modo estremamente esauriente
nel datasheet dei due microcontrollori
in esame, disponibile al sito
www.microchip.com.
I 3 pin sono nominati D+, D- e Vusb. I
primi due si occupano della trasmissione e ricezione dei dati, mentre su Vusb
è normalmente presente una tensione di
3.3V.
Questa tensione è utile per l’alimentazione di 2 resistenze esterne di pull-up
che consentono di tenere a livello logico alto il segnale presente alla porta
USB; i pin D+ e D- sono infatti realizzati come open drain.
65
domotica
Elettronica
Innovativa
di Fabrizio Ciani
Controllo a distanza ad
onde convogliate,
composto da trasmettitore
e ricevitore codificato così
da evitare gli effetti delle
interferenze presenti nella
rete elettrica. Una tastiera
permette di attivare a
distanza fino ad 8
riceventi, quindi
altrettanti carichi.
Un codice d’accesso
impedisce agli estranei
l’utilizzo del TX.
ensando alla rete elettrica fornita dall’ENEL ci
vengono in mente le luci, le prese di corrente e
tutto quanto funziona sfruttando l’energia che questa
rete porta alle nostre case. Risulta perlomeno difficile
pensare che, attraverso i cavi elettrici, sia possibile
aprire dei cancelli, comandare porte automatiche,
accendere luci o comunicare con altre persone. Eppure
da tempo esistono apparati di telecomando che si servono delle linee di distribuzione domestica per inviare
segnali digitali o analogici; questo sistema viene anche
utilizzato, da decine d’anni, nei sistemi di comunicazione ferroviari: infatti i “telefoni” dei treni comunica68
no proprio sfruttando i conduttori dei 3.000 Vcc (filo
aereo e rotaie) sovrapponendovi il segnale audio da trasmettere che viene ricevuto tramite appositi circuiti
ricevitori. Questi non sono altro che i “genitori” degli
attuali interfoni domestici che possiamo trovare in
qualsiasi negozio specializzato. Questo tipo di trasmissione viene comunemente detta “ad onde convogliate”
in quanto sfrutta la possibilità di inviare un segnale unitamente alla portante a 50 Hz della rete elettrica semplicemente modulandolo ad una frequenza ben più alta
così da essere facilmente riconoscibile in fase di ricezione; si riesce quindi a convogliare due segnali sullo
Elettronica In - ottobre 2000
stesso canale di comunicazione.
L’attuale tecnologia e miniaturizzazione dei componenti elettronici ha
segnato un’evoluzione anche nei
sistemi che utilizzano, appunto, le
onde convogliate, ponendo sul mercato integrati specifici per la ricetrasmissione di dati, adatti quindi
per la comunicazione tra unità
intelligenti, apparati informatici, e
soprattutto telecomandi; un valido
esempio è il modem da rete
TDA5051, prodotto dalla Philips e
capace di inviare e ricevere dati in
simplex utilizzando una modulazione d’ampiezza con una portante
pin out
tda5051
tipica di 115 KHz. Si tratta di un
integrato destinato specificatamente alle applicazioni di comunicazione o comando a distanza tramite i
fili della rete; è molto affidabile ma
delicato, quindi richiede un’interfaccia ben studiata e capace di trasferire la portante modulata con la
massima efficienza, garantendo
anche una perfetta soppressione dei
disturbi e dei salti di tensione inevitabilmente presenti sulla linea a 220
E l e t t r o n i c a I n - ottobre 2000
volt. Dopo la nostra prima applicazione del TDA5051, proposta nel
settembre 1998, siamo riusciti a
perfezionare tale interfaccia realizzando una nuova versione; oggi
siamo in grado di presentarvi un
sistema di telecomando ad onde
convogliate, decisamente più prestante, preciso ed affidabile, composto da un trasmettitore ed un
massimo di 8 ricevitori, ciascuno
comandabile ed indirizzabile sepa-
ratamente. Per rendere più sicuro ed
esclusivo ogni comando, eliminando l’interferenza di tutti i disturbi
presenti sulla tipica linea elettrica
domestica, abbiamo implementato
un protocollo di comunicazione
proprietario che si basa sul concetto per cui ogni comando deve essere composto da tre byte: il primo
identifica l’header del messaggio, il
secondo viene suddiviso in due nibble uguali che indicano il codice del
69
flow chart
trasmettitore
tasto premuto e il terzo byte rappresenta un checksum di controllo. La gestione del suddetto protocollo viene realizzata con l’ausilio di un microcontrollore PIC12C672 per l’unità trasmittente
ed un altro per la ricevente; il primo ha
il compito di generare la stringa inviata
lungo la rete, mentre il secondo deve
decifrare il comando ed agire di conseguenza. Essendo il sistema proposto
composto da un trasmettitore ad 8
canali e fino ad otto ricevitori ad un
canale, è necessario che ogni ricevitore
1
2
3
Il microcontrollore dell’unità tx
provvede, oltre alla trasmissione del tasto
premuto, a gestire le funzioni di sicurezza
date dal blocco tastiera. In questo caso
occorre digitare un codice a 4 cifre (memorizzato nella EEPROM
del micro) per ripristinare il normale funzionamento.
FLOW CHART
ricevitore
Il software presente nel
micro del ricevitore, si
incarica di decodificare il
segnale inviato dal tx
verificandone la
correttezza tramite il
checksum; di seguito
controlla che quanto
ricevuto sia diretto a lui
confrontando il
codice letto con
quello impostato dai
dip-switch. In caso
affermativo
provvede ad
attivare il relè
in funzione
della posizione
del trimmer R12.
70
4
VDD
GP5/OSC1
CLKIN
GP4/OSC2
AN3/CLKOUT
GP3/MCLR/VPP
8
7
6
5
Vss
GP0/AN0
GP1/AN1
VREF
GP2/T0CKI
AN2/INT
sia impostato per essere abbinato ad
uno specifico canale. La procedura di
identificazione si effettua semplicemente impostando, sul ricevitore, il
numero del canale desiderato tramite
tre dip switch (vedi tabella presentata
in queste pagine). Il ricevitore così
impostato attiverà la propria uscita
solamente se la stringa di comando presente in linea e proveniente dal TX
conterrà il codice del canale prescelto.
Nessuno vieta, comunque, che due RX
tda5051
in smd
Elettronica In - ottobre 2000
schema
elettrico
TX
presentino lo stesso codice: si attiveranno in modo simultaneo. Il ricevitore, inoltre, può essere impostato con
uscita monostabile o bistabile a seconda dell’impostazione data ad un trimmer. Il relè utilizzato consente di alimentare carichi elettrici che lavorano
ad un massimo di 250 Vac e che assorbono fino a 10 ampère, siano essi
motori, trasformatori, apparecchi elettronici, lampade, ecc. Per conoscere in
maniera più approfondita il sistema
proposto bisogna richiamare la teoria
di funzionamento del modem integrato
TDA5051 della Philips. Si tratta di un
chip dual-in-line disponibile in versione SMD a 16 piedini, contenente un
completo modulatore / demodulatore
d’ampiezza (ASK = Amplitude Shift
Keyng) operante in simplex fino ad una
velocità di 1200 baud (da 600 a 1200,
per la precisione) e comandabile con
livelli logici a formato TTL. La frequenza di controllo dell’ingresso del
modem deve essere tale da garantire
livelli logici alti possibilmente non più
brevi di 1 ms mentre la frequenza portante del segnale da trasmettere può
essere impostata, utilizzando quarzi
differenti, da 95 a 150 KHz. Nel nostro
progetto, utilizzando un quarzo da 7.37
MHz abbiamo fissato la frequenza a
115 KHz. Ovviamente per funzionare
correttamente ogni ricevitore deve
essere “accordato” alla stessa frequenza del trasmettitore.
il chip tda5051a della philips e le onde convogliate
Il chip utilizzato nel nostro progetto (TDA5051A) consente di inviare e ricevere un segnale tramite la linea della rete a 220
V; si tratta di un modulatore-demodulatore d’ampiezza operante da 600 a 1200 baud. La frequenza della portante da modulare in AM è sinusoidale (sinusoide sintetizzata) ed è generata usando come base la forma d’onda prodotta da un oscillatore interno, controllato dal quarzo collegato tra i piedini 7 ed 8: un divisore per 64 riduce la frequenza iniziale ricavando
appunto quella della portante, il quarzo deve essere scelto accuratamente considerando questo dettaglio. Ad esempio, per
avere un’onda modulata a 115 KHz occorre un quarzo da 7,36 (7,375) MHz, mentre per ottenere una portante a 125 KHz
il valore deve essere 8 MHz esatti; per spingersi al massimo valore ammesso, cioè 150 KHz, servirebbe un oscillatore da
9,6 MHz. L’ingresso di modulazione è al piedino 1 (riferito al 5, massa digitale) e deve ricevere segnali a livello 0/5 V
(TTL) della durata minima di 1 ms: è interessante notare che quando il predetto input è ad 1 logico la portante smette e
viene attivato il canale di ricezione, infatti il TDA5051A funziona esclusivamente in modalità half-duplex. La modulazione
è dunque del tipo on / off, cioè presenza / assenza di segnale. In ricezione, i dati demodulati escono dal piedino 2 rispetto
alla solita massa (pin 5) sotto forma di impulsi digitali a livello TTL.
E l e t t r o n i c a I n - ottobre 2000
71
schema elettrico ricevitore
L’UNITA’
TRASMITTENTE
Il trasmettitore può essere scomposto
in quattro blocchi funzionali, che sono
l’interfaccia di linea AT, il modem, il
microcontrollore e l’alimentatore; l’interfaccia di linea, realizzata con particolare cura per garantire il migliore trasferimento della portante modulata in
entrata ed in uscita, impiega un trasformatore d’accoppiamento (TF2) ed una
serie di condensatori e bobine necessari a filtrare disturbi impulsivi di ogni
genere, compresi quelli introdotti
lungo i fili della rete dalla commutazione di carichi fortemente induttivi
quali i motori elettrici o i reattori dei
tubi al neon. In particolare, L2 e C1
formano un circuito risonante serie,
accordato alla frequenza della portante
(a circa 115 KHz) che deve sopprimere
sostanzialmente i 50 Hz della rete, evitando che si presentino ai capi dell’av-
Il trasmettitore
montato e collaudato.
Le sue ridotte
dimensioni consentono
il collocamento
all’interno di una
scatola di derivazione
standard.
72
volgimento di TF2. A valle del trasformatore vi è un circuito antirisonante
con resistenza di limitazione (C7, R3,
L1) accordato anch’esso a 115 KHz, e
che serve ad attenuare tutte le componenti di disturbo eventualmente sfuggite al primo filtro ed a TF2. Lo scopo di
entrambi i circuiti accordati è esclusivamente quello di abbattere eventuali
picchi di tensione che potrebbero danneggiare il driver di uscita del modem
integrato; una protezione aggiuntiva è
data dal diodo Zener DZ1 che interviene quando la tensione presentata al piedino 10 supera i 5,6 volt. Per ciò che
riguarda il blocco relativo al modem
bisogna precisare che il TDA5051
viene utilizzato in modo unidirezionale
in quanto, avendo bisogno di un telecomando, è sufficiente che l’unità trasmittente generi un segnale diretto alle
riceventi. Il piedino di uscita della portante (10) è collegato direttamente al
condensatore C7, utile per il disaccoppiamento in continua dal trasformatore,
mentre l’input dei dati modulanti (pin
1) è pilotato direttamente dal microElettronica In - ottobre 2000
standby). Il quarzo Q1 è collegato
secondo lo schema consigliato dalla
Casa, cioè con i due condensatori di
compensazione (C9 e C10) verso
massa e la resistenza R4 in parallelo.
Passiamo adesso ad un blocco ugualmente importante, che è quello centrato sul microcontrollore U3: è il cervello del telecomando, perché svolge tutte
le funzioni relative alla gestione dell’interfaccia con l’utente, all’invio dei
comandi, ed alla programmazione del
codice d’accesso. Infatti, per elevare la
sicurezza d’uso del sistema abbiamo
previsto che l’invio di comandi verso le
riceventi sia possibile solo dopo aver
introdotto una serie di 4 cifre, necessaria allo sblocco del trasmettitore; il
codice consente di lavorare fino a
tente. Si noti che i tasti da 1 ad 8 servono sia per ottenere l’accesso digitando il codice, che per inviare i comandi,
mentre il 9 si usa esclusivamente per
accedere alla procedura automatica di
cambio del codice d’accesso, e per
reinserire la protezione dopo aver finito di lavorare. Dopo l’accensione, il
software inizializza gli I/O impostando
GP2 (pin 5) come uscita delle stringhe
di comando, GP4 come uscita di controllo del led, mentre GP0, GP1 e GP5
diventano linee bidirezionali utilizzate
per leggere la tastiera a matrice. Per
capire come avviene la lettura della
tastiera con soli tre fili rimandiamo
all’articolo “Come leggere 16 tasti con
4 fili” pubblicato su Elettronica In N.
43 che spiega questo particolare meto-
Nel ricevitore è
stata prevista una
morsettiera a 3
poli così da
utilizzare senza
alcun problema
indifferentemente
il contatto NA che
l’NC del relè.
controllore, che gli fornisce, ad ogni
richiesta di trasmissione, una stringa
contenente in codice da trasmettere.
L’alimentazione di 5 volt è applicata ai
piedini 3 (Vdd logica), 11 (positivo driver d’uscita) e 13 (positivo sezione
analogica) rispetto a massa (piedini 5,
9, 12). Nella nostra applicazione non
usiamo la funzione di Power-Down,
perciò l’integrato è sempre acceso:
infatti il piedino 15 (PD) è fisso a zero
logico (posto ad 1 metterebbe il chip in
E l e t t r o n i c a I n - ottobre 2000
quando non viene premuto il tasto 9,
con il quale si reinserisce la protezione
prima di abbandonare la postazione.
Da questo momento e fino a quando
non si reintroduce il codice, l’uso del
telecomando è inibito. Tutto risulta più
chiaro osservando i flow-chart proposti
in queste pagine. Tutti i comandi vengono impartiti dalla tastiera a matrice
collegata ai piedini 2, 6, 7, del microcontrollore, tastiera che, insieme al led
LD1 compone l’interfaccia verso l’u-
do di gestione della tastiera. E’ comunque un sistema già adottato parecchie
volte e dovrebbe essere diventato patrimonio comune di tutti gli appassionati.
Passiamo ora a vedere le due parti principali del funzionamento del software:
una riguarda l’apprendimento ed il salvataggio in EEPROM del codice d’accesso di 4 cifre, l’altra è il programma
principale che gira in loop in attesa di
un comando da tastiera. La scelta della
routine da eseguire viene fatta all’ac-
73
piano di montaggio DEL trasmettitore
COMPONENTI
R1: 10 KOhm
R2: 560 Ohm
R3: 100 Ohm
R4: 2,2 MOhm
R5: 100 Ohm
R6: 1,5 KOhm
R7: 2,2 KOhm
C1: 47 nF 250VL
poliestere
C2: 1000 µF 25VL
elettrolitico
C3: 100 nF
multistrato
C4: 100 µF 25VL
elettrolitico
C5: 100 nF multistrato
C6: 100 nF 63VL
poliestere
C7: 1 µF 63VL
poliestere
C8: 33 pF ceramico
C9: 33 pF ceramico
C10: 100 nF
multistrato
C11: 100 nF
multistrato
L1: 22 µH impedenza
L2: 47 µH impedenza
DZ1: zener 6,8V
U1: 7805 regolatore
U2: TDA5051A
U3: PIC12CE674
programmato
( MF344 )
Q1: oscillatore 7.37 MHz
PT1: ponte raddrizzatore
censione del microcontrollore testando
la condizione della tastiera, ed in particolare quella del tasto 9: se questo
viene trovato premuto, vuol dire che
l’utente ha chiesto di entrare nel procedimento di introduzione di un nuovo
codice, dunque si avvia la rispettiva
fase, confermata dal rapido lampeggio
del led; si possono introdurre le 4 cifre,
digitandole una ad una. Ad ogni tasto
premuto LD1 fa 2 lampeggi per comunicare all’utente di aver ricevuto la
cifra, quindi si spegne fino a che non si
agisce su un altro tasto. Il codice può
essere scelto a piacimento: l’unica condizione è che non deve contenere il 9,
poiché questo tasto è quello che, introdotta l’ultima cifra, fa terminare la procedura. Al termine dell’apprendimento,
il led si spegne per qualche istante confermando il salvataggio del nuovo
codice poi riprende a lampeggiare rapidamente; da questo momento il micro
entra nella procedura di normale funzionamento.
COME SBLOCCARE
LA TASTIERA
Al termine del lungo lampeggio (circa
2 secondi) dell’LD1, il led si spegne
per un secondo, confermando l’entrata
nella situazione di tastiera bloccata,
quindi inizia a pulsare rapidamente finché non viene premuto un tasto; in que74
TF1: trasformatore
220V / 15V da c.s.
TF2: trasformatore
accoppiatore
TST: tastiera a membrana
sto caso il diodo fa un solo lampeggio
e poi si spegne, fino a quando non
viene digitata la seconda cifra; e così
via fino al completamento del codice di
quattro cifre. A questo punto il microcontrollore confronta il codice inserito
con quello mantenuto nella EEPROM
di caratterizzazione (codice caricato in
fase di apprendimento) e, se il confronto dà esito positivo si ha il libero accesso all’invio dei comandi da tastiera
(tastiera sbloccata); se invece le cifre
introdotte differiscono dal codice
memorizzato, il led riprende a lampeggiare rapidamente e occorre ritentare e
digitare nuovamente il codice.
Quindi quando il led appare spento la
tastiera risulta funzionante e la pressione di un tasto da 1 a 8 provoca l’invio
del relativo comando; al contrario se il
led lampeggia significa che la tastiera è
bloccata.
Detto questo, vediamo cosa accade
nella modalità di comando. Premuto un
tasto qualsiasi (compreso tra 1 e 8) il
microcontrollore emette serialmente
una stringa di 3 byte, contenenti il codice caratteristico ed il numero del canale a cui il comando è diretto: il byte iniziale è un header fisso, e vale
10101010 in binario (170 decimale)
ovvero AA in formato esadecimale; è
una sorta di sincronismo che, ricevuto
dal modem del modulo RX, indica al
microcontrollore di iniziare la decodifi-
Varie:
- zoccolo 4 + 4;
- morsettiera 2 poli;
- strip 5 poli ( 2 pz. );
- stampato cod. S344.
ca dei dati. Il byte centrale è formato da
due nibble di 4 bit l’uno, che esprimono, in forma binaria, il numero del tasto
premuto e quindi del canale da attivare:
per esempio, supponiamo di premere il
tasto 8, il corrispondente valore a 4 bit
è 1000; dunque, il secondo byte sarà
10001000, cioè il numero del canale
ripetuto due volte. L’ultimo byte della
stringa è l’OR esclusivo dei primi due
byte, ed è sostanzialmente una sorta di
checksum con il quale il ricevitore può
Elettronica In - ottobre 2000
accertare con maggiore precisione
eventuali errori di comunicazione.
L’ultima parte del circuito da analizzare riguarda la sezione di alimentazione:
il tutto funziona con la tensione di rete,
giacché dispone di un trasformatore
(TF1) che riduce i 220 volt a 12 V, raddrizzati mediante il ponte a diodi PT1,
e filtrati dai condensatori C2 e C3; un
regolatore integrato (il solito 7805)
provvede a ricavare 5 volt stabilizzati
con i quali funzionano sia il modem
che il microcontrollore.
Il modem funziona in questo caso solo
da ricevitore e, per garantire che sia
sempre pronto a ricevere la portante, il
piedino 1 è stato posto fisso a livello
logico alto mediante la resistenza di
pull-up R5. Infatti quando Data In è a
zero il modem trasmette, mentre può
ricevere solo con lo stesso pin 1 a livel-
Il TDA5051 della
PHILIPS è un
componente SMD e,
nel nostro progetto
viene montato dal lato
rame per facilitarne
le saldature. A tal
proposito vi invitiamo
a prestare la massima
cura durante il
montaggio così da
evitare corti
circuiti accidentali.
L’UNITA’
RICEVENTE
Analizzando il ricevitore vediamo che
anch’esso è composto dalla solita interfaccia di linea, dal modem TDA5051,
nonché dalla sezione a microcontrollore alla quale è affidato il compito di
gestire il funzionamento dell’unità;
completa il tutto l’alimentatore da rete.
Riguardo all’interfaccia di linea non vi
è molto da dire, poiché è la stessa del
trasmettitore: tuttavia, dovendo ricevere il debole segnale passato dal trasformatore e dai circuiti antirisonanti, a
valle dell’interfaccia abbiamo inserito
un amplificatore di tensione utile ad
elevare il livello della portante a 115
KHz; tale ampli è ottenuto con il transistor T1, che funziona nella tipica configurazione ad emettitore comune con
resistenza di emettitore.
lo alto. A parte questi dettagli, la configurazione del TDA5051 è identica a
quella vista nel trasmettitore, quindi
non ci dilunghiamo a spiegare connessioni e significato dei vari piedini.
L’unica cosa che ci interessa è che
quando tra i due fili della rete si presenta una stringa proveniente dal trasmettitore, i relativi impulsi demodulati sono disponibili tra il piedino 2 (Data
Out) dal quale raggiungono l’ingresso
del microcontrollore mediante il trans-
LE SEGNALAZIONI DEL LED
L’interfaccia con l’utente è composta dalla tastiera, mediante la quale si possono svolgere
le operazioni di apprendimento del codice e invio dei comandi, e da un diodo luminoso
(LD1), incorporato nella tastiera stessa, che provvede a dare le segnalazioni di stato necessarie. Vediamo di riassumerne il significato:
lampeggio iniziale = all’accensione viene emesso un lampeggio lungo 2 secondi, durante
il quale può essere premuto il tasto 9 per entrare nella procedura di apprendimento;
lampeggio veloce = si verifica dopo il transitorio d’accensione (indipendentemente dal
fatto che ci si trovi in apprendimento o nel normale utilizzo); uscendo dalla procedura di
apprendimento del codice d’accesso se si digita un codice errato e abbandonando il modo
di invio dei comandi;
singolo lampeggio di 1 secondo = viene emesso dopo l’introduzione della prima cifra del
codice d’accesso, quando si tenta di entrare nell’invio dei comandi;
singolo lampeggio breve = viene emesso, durante il modo di invio dei comandi, per
confermare la pressione di un tasto; accompagna anche la digitazione di un tasto durante
l’introduzione del codice di accesso;
due brevi lampeggi = durante l’apprendimento, seguono la pressione di ogni tasto.
E l e t t r o n i c a I n - ottobre 2000
istor T2; il ruolo di questo transistor è
di fare da inverter logico, e serve per
ripristinare la fase dei segnali, ovvero
per garantire che il PIC venga triggerato dal primo fronte di salita dell’header: infatti, in assenza di portante, il
TDA5051 restituisce lo stato alto mentre pone a zero il proprio piedino 2
quando sente i 115 KHz. La parte
sostanzialmente diversa tra il ricevitore
ed il trasmettitore è rappresentata dalla
sezione a microcontrollore che, ora,
andiamo ad approfondire. Al momento dell’accensione vengono inizializzati gli I/O, cosicché GP5 diviene l’unica
uscita (comanderà il relè attraverso il
transistor driver T3) mentre GP0, GP1,
GP2, GP3 e GP4 vengono impostati
come ingressi: GP4 è l’input dei dati
demodulati dal modem, GP1, GP2 e
GP3 leggono lo stato dei dip-switch, e
GP0 riceve l’informazione, data in base
all’impostazione del trimmer R12,
riguardante la modalità di funzionamento dell’uscita (bistabile o impulsiva). La scelta della modalità si effettua
tramite un trimmer così da permettere,
utilizzando una sola linea I/O, di impostare sia il tipo di funzionamento da
attivare che il tempo da utilizzare in
caso di modalità monostabile. Il meccanismo sfruttato dal PIC per sapere
come attivare il relè di uscita è il solito
utilizzato in parecchi progetti già pubblicati e consiste nel controllare il
tempo di carica e scarica del condensatore C12, alimentato e scaricato, tramite il trimmer, da impulsi dati mediante
il piedino 7. Ruotando il cursore tutto
in senso antiorario, ed inserendo perciò
la massima resistenza, viene impostata
la modalità monostabile con intervalli
di circa mezzo secondo. Spostando il
75
piano di montaggio DEL ricevitore
ELENCO COMPONENTI
R1: 150 KOhm
R2: 10 KOhm
R3: 33 KOhm
R4: 1 KOhm
R5: 10 KOhm
R6: 4,7 KOhm
R7: 10 KOhm
R8: 10 KOhm
R9: 10 KOhm
R10: 470 Ohm
R11: 4,7 KOhm
R12: 4,7 KOhm trimmer m.o.
R13: 15 KOhm
R14: 15 KOhm
R15: 100 Ohm
R16: 2,2 MOhm
C1: 1000 µF 25VL elettrolitico
C2: 100 nF multistrato
C3: 100 nF multistrato
C4: 100 µF 25VL elettrolitico
C5: 47 nF poliestere
C6: 10 nF 63VL poliestere
C7: 10 nF 63VL poliestere
C8: 100 nF 63VL poliestere
C9: 1 µF 63VL poliestere
C10: 33 pF ceramico
C11: 33 pF ceramico
C12: 100 nF 63VL poliestere
L1: 47 µH impedenza
L2: 22 µH impedenza
D1: 1N4007 diodo
DZ1: zener 6,8V
T1: BC547B transistor
T2: BC547B transistor
perno del trimmer verso l’estremo
opposto, si riduce man mano la resistenza in serie al condensatore (quindi
i tempi di carica/scarica) e si impone
una durata di rilascio del relè fino a
circa 20 secondi. Oltre a questo limite
(per sicurezza ruotando il trimmer
completamente in senso orario) l’apposita routine software rileva il minor
tempo possibile di carica e scarica,
identificando con esso il funzionamento bistabile: pertanto ad ogni identificazione di una stringa di dati proveniente
dalla linea elettrica si assiste all’inversione dello stato di RL1. Detto questo
passiamo all’analisi dei dip-switch, che
sono sostanzialmente tre interruttori
con i quali si imposta l’identificativo
dell’unità. La tabella visibile nel corso
dell’articolo spiega l’impostazione dei
dip-switch ed i corrispondenti numeri
identificativi.
Per quanto riguarda il funzionamento
globale del programma vediamo che,
dopo l’inizializzazione e l’assegnazione degli I/O, il main-program gira in
loop e non fa altro che aspettare l’arrivo dell’header della stringa da ricevere
76
T3: BC547B transistor
U1: 7805 regolatore
U2: TDA5051A
U3: PIC12C672-P
programmato
( MF345)
Q1: oscillatore 7.37 MHz
PT1: ponte raddrizzatore
DS1: dip switch 4 poli
RL1: relè 12V 1 sc.
LD1: LED rosso 5mm
che deve essere ovviamente 10101010.
Riconosciuto l’header viene letta la
parte restante della stringa. Viene fatta
l’operazione di OR esclusivo tra il
primo byte (header) ed il secondo, e
viene confrontato il risultato con il
checksum (il terzo byte) ricevuto dalla
linea: se il confronto dà esito positivo
vuol dire che i dati prelevati dall’uscita
TF1: trasformatore
220V / 15V da c.s.
TF2: trasformatore
accoppiatore
Varie:
- zoccolo 4 + 4;
- morsettiera 2 poli;
- morsettiera 3 poli;
- stampato cod. S345.
del modem sono riferiti ad un comando
valido, mentre in caso contrario si tratta di informazioni errate o affette da
troppi disturbi. Nel primo caso il software controlla che i due nibble da 4 bit
siano identici tra loro ed uguali all’impostazione dei piedini 4, 5, 6 (che identificano il canale), aggiungendo uno
stato logico fisso come quarto bit (zero,
in quanto equivale al bit più significativo trasmesso dal TX): se la comparazione dà esito positivo si avvia la subroutine di azionamento del relè. Se è
stato impostato il modo impulsivo,
GP5 torna a livello basso dopo il tempo
preselezionato, mentre se si è optato
per la modalità bistabile, il relè resta
eccitato: ricadrà all’arrivo di un successivo comando identificato dal software.
A riguardo va fatta un’osservazione
utile per il corretto utilizzo del sistema:
il trimmer viene letto solo all’inizializzazione, cioè subito dopo l’accensione
del ricevitore, ragion per cui ogni
variazione eventualmente fatta durante
il funzionamento non ha alcuna rilevanza; diventerà valida solo spegnendo
e rialimentando la scheda.
Elettronica In - ottobre 2000
IN PRATICA
Bene, analizzate le unità trasmittente e
ricevente, non ci resta che passare alla
parte pratica di realizzazione.
Innanzitutto va precisato che il telecomando ad onde convogliate nella sua
minima configurazione prevede almeno un trasmettitore ed un ricevitore;
comunque, gli RX possono essere fino
ad otto, perciò dovete realizzare il
numero di moduli adatto alle vostre
esigenze. Dunque, preparate i circuiti
stampati del TX e della quantità di RX
che vi serve procedendo per fotoincisione. Incise e forate le basette, la
prima cosa da fare è montare i
TDA5051, che sono i componenti più
bassi e vanno, oltretutto, collocati dal
lato delle piste; per ciascun modulo
identificate (aiutandovi con i disegni di
disposizione componenti) il giusto
verso. Procedete saldando i restanti
componenti iniziando, come sempre,
da resistenze e diodi; sistemate anche il
trimmer (sull’RX) e gli zoccoli per i
microcontrollori, avendo cura di orientarli come mostrato dai disegni, quindi
il dip-switch a 4 vie sul solo ricevitore.
Passate ai condensatori (badando al
verso indicato per quelli elettrolitici) ed
ai transistor e ai quarzi. Collocate i due
7805 ed i ponti raddrizzatori. Sistemate
via-via quello che resta per finire con i
trasformatori di alimentazione che
devono essere del tipo da circuito stampato, entrambi da 1 VA; quanto a quelli di isolamento (TF2) sono degli 1:1
con impedenza di 1 Kohm a 115 KHz.
La tastiera adesiva con led incorporato
va connessa mediante due strip di 5
punte a passo 2,54 mm da saldare in
corrispondenza delle rispettive piazzole: in esse andranno inseriti i connettori femmina in dotazione ai flat-cable; a
tal proposito rammentate che le righe
sono i contatti vicini a C10 e C11, e le
colonne quelli prossimi al bordo della
basetta. Quanto ai flat, quello con il
Prendete i microcontrollori ed introducete i PIC12C672 negli appositi zoccoli facendo attenzione a non piegare
alcun terminale e facendo coincidere le
loro tacche di riferimento. Ora tutto è
pronto per l’uso, dato che non è richiesta alcuna taratura. L’unica cosa da fare
è impostare il numero identificativo dei
ricevitori, avvalendosi della tabella da
I nostri prototipi a montaggio ultimato, pronti
per il collaudo. Prima di procedere occorre
dotare le due unità di un cavo di alimentazione terminante con una spina da rete e posizionarle su di un piano di materiale isolante.
bollino blu è delle righe, mentre l’altro
(adesivo giallo) porta la connessione
delle colonne e del led interno. Una
volta terminate le saldature e verificato
che ogni componente sia al proprio
posto, collegate un cavo di alimentazione terminante con una spina di rete
a ciascuna morsettiera 220 V; per ora
non inserite le spine nelle prese.
noi pubblicata ed agendo sui dip 2, 3, 4
(l’1 è irrilevante) di DS1; fatto ciò bisogna fare attenzione che le due unità
siano su di un piano di materiale isolante e infilare le spine in due distinte
prese di rete, magari collocate in stanze
differenti della stessa abitazione. La
distanza coperta dal sistema varia tra
50 e 100 metri e comunque va ricorda-
le impostazioni del ricevitore
Per essere certi che, premendo un determinato tasto sull’unità trasmittente, si attivi esclusivamente il ricevitore voluto, occorre impostare, su quest’ultimo, un numero che lo identifichi univocamente: l’operazione si svolge mediante i dip 2, 3, 4, del dip-switch DS1, secondo la tabella qui illustrata (si noti che il dip 1 non viene utilizzato):
codice
1
2
3
4
5
6
7
8
E l e t t r o n i c a I n - ottobre 2000
S2
ON
ON
ON
ON
OFF
OFF
OFF
OFF
S3
ON
ON
OFF
OFF
ON
ON
OFF
OFF
S4
ON
OFF
ON
OFF
ON
OFF
ON
OFF
Il trimmer R12 serve per impostare la modalità astabile
o bistabile del relé. Ruotando completamente il cursore
in senso antiorario si impone la modalità astabile con
tempo di ricaduta pari a circa mezzo secondo; ruotando
in senso orario questo tempo aumenta fino a raggiungere circa 20 secondi. Oltre la soglia dei 20 secondi, spostando quindi il perno del trimmer completamente in
senso orario, l’apposita routine software identifica il funzionamento bistabile.
77
Nuovo indirizzo:
Futura Elettronica srl via Adige, 11 - 21013 Gallarate (VA)
Tel. 0331-799775 Fax. 0331-792287 http://www.futurashop.it
PER IL MATERIALE
tracce
rame RX
(in alto)
e TX
(a lato)
IN SCALA
1:1
to che i comandi non possono superare
il contatore o gli interruttori differenziali, ragion per cui trasmettitore e ricevitore devono rimanere entro la stessa
utenza, ovvero nella rete domestica
sotto lo stesso contatore.
LA PROGRAMMAZIONE
DEL CODICE
Alimentate le unità dovete impostare
un codice per la trasmittente: allo
scopo, dopo aver inserito la spina nella
presa e prima che il led della tastiera si
accenda la prima volta, premete il tasto
9 e tenetelo premuto fino a che lo stesso diodo non prende a lampeggiare
rapidamente; rilasciatelo ed aspettate
che LD1 si spenga, quindi digitate una
per una le 4 cifre da voi volute attendendo, dopo aver battuto ciascun tasto,
i due lampeggi di conferma. Digitata la
quarta cifra il trasmettitore esce da solo
dalla procedura, salva il codice e, con
l’inizio del lampeggio veloce conferma
di essere pronto al normale funzionamento. Per verificare che tutto sia a
posto digitate sulla tastiera il vostro
fo
ro m o g ra fo
a b ro
z
n
e
s
ti
a
p
m
ta
s
g li
Rivoluzionario
Rivoluzionario metodo di preparazione dei circuiti
circuiti
stampati in piccole serie; si basa su par ticolari
f ogli di acetato con i quali è possibile far aderire
direttamente il tracciato sulla superficie ramata
della basetta. Disponibile in conf ezioni da 5 fogli
fogli
f ormato 21 x 28 cm.
cod. PNP5
Lit 28.000
Il telecomando ad onde convogliate ad 8 canali è disponibile in
scatola di montaggio. Il kit dell’unità trasmittente (cod. FT344K)
costa 104.000 lire e comprende
tutti i componenti, la basetta forata e serigrafata, i trasformatori,
la tastiera a membrana, il modem
Philips e il microcontrollore già
programmato. Il kit del ricevitore
(cod. FT345K) costa 96.000 lire e
comprende tutti i componenti, la
basetta forata e serigrafata, i trasformatori, il modem Philips e il
microcontrollore già programmato. I due micro implementati sono
disponibili anche separatamente
al prezzo di 25.000 lire (cod.
MF344, trasmittente) e di 25.000
lire (cod. MF345, ricevente). Tutti
i prezzi sono IVA compresa. Il
materiale va richiesto a: Futura
Elettronica, V.le Kennedy 96,
20027 Rescaldina (MI), tel. 0331576139, fax 0331-578200.
codice, sempre una cifra alla volta e
aspettando come conferma il breve
lampeggio del LED.
Dopo l’immissione del quarto numero
il diodo luminoso deve emettere due
brevi lampeggi e rimanere spento: la
tastiera è sbloccata e si ha l’accesso ai
comandi; ora premete il pulsante con il
numero assegnato al ricevitore e verificate che il relè su di essa scatti secondo
la modalità impostata con il trimmer.
Agendo sul tasto 9 si esce dalla procedura, e si riattiva la protezione (ripresa
del rapido lampeggio).
1
2
3
4
In vendita presso: Futura Elettronica, Rescaldina (MI)
tel 0331/576139 fax 0331/578200
78
Elettronica In - ottobre 2000
on-line
Servizio on-line di vendita moduli Aurel con spedizione in 24/48 ore.
Modello
Ricevitore superterodina FM 433 MHz
NEW
Economico ricevitore supereterodina FM di dati digitali modulati in FSK operante alla frequenza di 433,92 MHz. Elevata selettività e sensibilità garantiscono ottime prestazioni di immunità ai disturbi. Bassa tensione di uscita in assenza di portante. In
accordo con le Normative Europee.
RX-4MF1
Euro 15,00
Alimentazione: 5V; consumo: 6mA; frequenza: 433.92MHz; sensibilità: -111dBm; banda passante RF a -3dB: 600kHz; banda passante IF a 3dB: 70 kHz; dimensioni: 40 x 17,4 x 5,5mm.
Modello
AC-RX2
Euro 5,00
Ricevitore per HCSxxx -1106 dBm
Ricevitore a radiofrequenza ad alta sensibilità e basso costo ottimizzato per essere utilizzato con la famiglia HCSxxx
Microchip. Condensatore variabile, basso assorbimento, alta immunità ai disturbi di alimentazione e bassa radiazione in
antenna. In accordo con le Normative Europee.
Alimentazione: +5V; consumo: 2.5mA; frequenza: 433.92MHz; sensibilità: -106 dBm; dimensioni: 38,1 x 12,3 x 3mm.
Modello
TX-8L25IA
Euro 13,00
NEW
Trasmettitore SAW 868 MHz con antenna
NEW
Modulo trasmettitore SAW con antenna integrata, ideale per applicazioni ove sia richiesta la massima potenza irradiabile e
il minimo ingombro in termini di spazio occupato.
Alimentazione: 3V; consumo: 2.5mA (con duty cycle 50%); frequenza: 868,3MHz; potenza di uscita (E.R.P.): 25mW; emissione RF spurie:
-50dB; frequenza di modulazione: 5kHz; dimensioni: 56 x 18,5 x 5mm.
Modello
Ricetrasmettitore lungo raggio 2,4 GHz
NEW
Il transceiver a lungo raggio XTR-CYP-24 implementa il modulo Cypress CYWM6935 LRTM 2.4GHz DSSS Radio SoC e ne
aumenta la potenza RF (ERP) fino a 15 dBm (rispetto a 0 dBm del modulo originale) consentendo di raggiungere una portata
di circa 150 metri. Opera nella banda libera ISM (Industrial, Scientific and Medical) a 2.4GHz e offre un sistema radio completo per l’integrazione in dispositivi nuovi o esistenti. Soluzione ideale per automazione domestica e industriale.
XTR-CYP-24
Euro 22,00
Alimentazione: 3,3V; consumo: 0,25 µA (stand-by) - 60mA (RX mode) - 100mA (TX mode); modulazione: GFSK; sensibilità in ricezione:
-95dB; potenza RF (ERP) in trasmissione: 10mW; numero di canali: 78; larghezza canale: 1MHz; dimensioni: 35 x 25mm.
Modello
XTR-7020A-4
Euro 38,00
NEW
Ricetrasmettitore multicanale
Il transceiver multicanale XTR-7020A-4 rappresenta una ulteriore soluzione semplice ed economica al problema della ricetrasmissione dati in radiofrequenza. Il microprocessore integrato incapsula i dati entranti in logica TTL RS-232 in pacchetti
evitando all'utente la necessità di scrivere routine software per la gestione della ricetrasmissione. L’ XTR-7020A-4 permette,
tramite la programmazione di registri interni, la gestione della canalizzazione (10 canali sulla banda a 434MHz), della velocità dei dati seriali (9600-19200-38400-57600-115200 bps, impostabili tramite pin di input) e della potenza RF irradiata (da
-8 a +10 dBm). Soluzione ideale per automazione industriale, radio modem, controllo accessi.
Caratteristiche
Modello
Sensibilità
Vdc RF
Frequenza
Ricetrasmettitori radio FM ad alta velocità
Velocità di
trasmissione
XTR-434
+5V
-100 dBm
433.92 MHz 100 Kbps
XTR-434L
+5V
103 dBm
433.92 MHz 50 Kbps
XTR-869
+5V
-100 dBm
869.95 MHz 100 Kbps
Moduli ricetrasmettitori operanti sulle bande 434/869
MHz. Elevata immunità ai campi elettromagnetici interfeEuro 38,00 renti ed elevata potenza di trasmissione. Due limiti di
baud-rate per ottimizzare le singole esigenze di ricetraEuro 38,00
smissione dati. Scambio RX/TX ultravoce. Conforme alle
Euro 44,00 Normative Europee EN 300 220, EN 301 489 e EN 60950.
Caratteristiche
Modello
Link seriali di ricetrasmissione, radiomodem
Vdc
Frequenza
Potenza
d’uscita
Portata
WIZ-434-SML-IA/5V
+5V ~30 mA
433,92 MHz
3mW
~100 m
Euro 66,00
WIZ-434-SML-IA/12V
+9÷15V ~30 mA
433,92 MHz
3mW
~100 m
Euro 66,00
WIZ-869-TRS
+9÷15V ~30 mA
869,85 MHz
3,3mW
~100 m
Euro 70,00
WIZ-903-A4
+5V ~40 mA
433-434 MHz
0.1÷3mW
~100 m
Euro 44,00
WIZ-903-A8
+5V ~40 mA
868-870 MHz
0.1÷3mW
~100 m
Euro 38,00
XTR-903-A4
0÷3V ~40 mA
433-434 MHz
0.15÷10mW
~100 m
Euro 38,00
XTR-903-A8
0÷3V ~40 mA
868-870 MHz
0.15÷10mW
~100 m
Euro 44,00
Moduli ricetrasmettitori
ideali per sostituire un collegamento seriale via cavo
mediante una connessione
wireless RF half-duplex con
velocità di trasmissione
seriale selezionabile tra
9600, 19200, 57600 e
115200 bps.
Disponibili per le bande
434/869 MHz; l’antenna
risulta integrata sul circuito
stampato.
Informazioni, datasheet e ordini on-line: www.futuranet.it
È un'iniziativa: Futura Elettronica Via Adige, 11 - 21013 Gallarate (VA) - Tel. 0331/799775 - Fax. 0331/778112 - email: [email protected]
mercatino
Vendo
microtelecamere
sensibili a raggi I.R. con
relativo illuminatore. RGB
signal converter (da SVHS a
RGB). Video enchance
Vivanco mod VCR1044.
Posizionatore per parabole
automatico con memoria, no
telecomando. Matassa cavo
nuovo 50/20 metri 35.
Antonio (Tel. 12-14 / 20-22
allo 050/531538).
Vendo microspie professionali, kit completi per investigatori professionisti e
non. Realizzo su specifiche
del cliente. Prestazioni
garantite. Istruzioni d’uso.
Tel. 0347/8640767, e-mail:
[email protected]
Vendo kit, ancora da assemlare, del cercametalli di
“Nuova elettronica” LX633
completo di contenitore e
testa captatrice a L. 30.000.
Chiedere di Davide allo
0372/729334 ([email protected])
Vendo kit per programmazione ST6x20-x25 (incluso
20), scheda sperimentale e
software.
L.
120000.
Telefonare
ore
serali.
Federico
(Telefono
041/5348957 e-mail [email protected]).
Vendo ripetitore professionale VHF 156-174MHz a 6
CH quarzati, duplexer a 6
cavità regolabili; 600 riviste
di elettronica: RadioKit,
C.Q., C.D. Costruire, Il
Cinescopio, Flash elettronica, ecc.; 300 schemi TVC
varie marche, 280 schemi
TV B/N valvolari casalinghi, fonovaligie, 230 schemi
di apparecchi radio portatili
a transistori + schemi autoradio anni 60-80, cataloghi,
ecc.. Richiedere elenco
completo e prezzi a
Marcello (Tel. 06/9307916).
80
Vendo software originale di
gestione
cartografica
FUGAWI vers. 3.0 completo di chiave hardware di protezione. Gherardo (Tel.
040/224659).
Cerco Starter kit della Texas
Instruments TMS320C2X
detto anche TMDS3200026
completo di software e
manuali originali. Chiedere
di
Ciro
(Telefono
0345/2280532).
Vendo in blocco collezione
completa della rivista PROGETTO dal numero 1 del
1985 al numero di Dicembre
1998 (anni 14), in totale
circa 150 riviste a Lire
900.000.
Fabio
(Tel.
0330/572305).
Vendo oscilloscopi, alimentatori vari,prova componenti,carica batteria 6-12-24
volt,ecc.
Oscar
(Tel.
0329/6186160).
Vendo pellicola Polaroid
107 3000 ASA BN, adatta
per l’uso su macchina fotografica per oscilloscopio
(HP TEK POLAROID),
microscopio ecc. a L 20.000
il caricatore. Mauro (Tel.
019/887203 e-mail [email protected]).
Cerco urgentemente display
“lm 64c35p” per pc portatile
“ibm thinkpad 365 ed”.
Bruno Salvatore (e-mail
[email protected]).
Cerco schema elettrico di
Analizzatore di spettro
audio a terzi di ottava con
led. Grazie in anticipo.
Paolo Zennaro (e-mail
[email protected]).
Cerco tutto il necessario per
realizzare centraline GSM
per trasmettere messaggi
SMS tramite l’apertura e
chiusura di contatti puliti
non tensionati, oppure la
trasmissione di dati tramite
interfaccia seriale 232.
Paolo (Tel. 0347/4084162
e-mail [email protected]).
Vendo PC 486 - CPU
66MHz,HD 520Mb,RAM
16MB completo di monitor
a colori 14”,tastiera e mouse
a L. 200.000 (s.p non incluse). Manuel Conti (e-mail
[email protected]).
Vendo banco di prova da
usare in campo elettrotecnico, elettronico ed elettromeccanico formato da 19
strumenti (volmetri amperometri ecc.). Arnaldo (Tel.
0376/397279).
Questo spazio è aperto gratuitamente a tutti i
lettori. Gli annunci verranno pubblicati esclusivamente se completi di indirizzo e numero di
telefono. Il testo dovrà essere scritto a macchina o in stampatello e non dovrà superare le
30 parole. La Direzione non si assume alcuna
responsabilità in merito al contenuto degli
stessi ed alla data di uscita. Gli annunci vanno
inviati al seguente indirizzo: VISPA EDIZIONI snc, rubrica “ANNUNCI”, v.le Kennedy
98, 20027 RESCALDINA (MI). E’ anche possibile inviare il testo via fax al numero 0331578200 oppure tramite INTERNET connettendosi al sito www.elettronicain.it.
Vendo Fotocopiatrice a
colori CANON CLC10 in
perfetto stato a L. 1.000.000
vendo inoltre fotocopiatrice
B/N formato A3 da revisionare a L. 350.000. In blocco
a L. 1.250.000.
Chiedere di Alberto o
Annalisa allo 0331/824024
dopo le 20.00.
Vendo scheda da collegare a
PC
programmazione e
demoboard per mirocontrollori Atmel AVR a L.
150.000. Stefano (Tel.
045/6333273 - E-mail
[email protected])
Vendo analizzatore di spettro hp 8558b 1.5 GHz If out
span 0-1GHz in perfette
condizioni con manuale a L.
3.000.000, Mainframe Hp
180 con cassetto oscilloscopio 50MHz militare, ottimo
con manuali L.1.000.000. In
blocco a 3.500.000. Inviare
sms
a
Elio
(Tel.
0465/502263 E-mail [email protected]).
Vendo Programmatore di
Chipcard montato e funzionante con 2 carte.KIT
FT177 L.100.000. Oscar
(Tel. 0339/6594568 - E-mail
[email protected]).
Vendo Oscillosopio con
memoria TEK 464 L.
800.000, Analizzatore di
spettro HP 8551+851 10
MHz - 12,4 GHz a L.
1.200.000. Mauro (Tel.
0198/87203 - E-mail [email protected]).
Vendo fonometro analogico
tascabile Volcraft (range
50÷126 Decibel, sei portate)
per misurazioni intensità
suoni e rumori molesti. Con
manuale e giurisprudenza
commantata a L. 190.000.
Francesco
(Telefono
0339/3629110).
Elettronica In - settembre 2000
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement