Istruzioni per l`installazione

Istruzioni per l`installazione
ITALIANO
WKV
150 - 230
300 - 348
MANUALE DI ISTRUZIONE PER IL RESPONSABILE
Informazioni generali
Attenzione il presente manuale contiene istruzioni ad uso esclusivo dell’installatore e/o del manutentore professionalmente qualificato, in conformità
alle leggi vigenti.
Il responsabile dell’impianto NON è abilitato a intervenire sulla caldaia.
Nel caso di danni a persone, animali o cose derivanti dalla mancata osservanza delle istruzioni contenute nei manuali forniti a corredo con la caldaia, il
costruttore non può essere considerato responsabile
INDICE
1
Informazioni generali................................................................................................................................................................................ 3
1.1 Simbologia utilizzata nel manuale................................................................................................................................................................. 3
1.2 Uso conforme dell’apparecchio..................................................................................................................................................................... 3
1.3 Trattamento dell’acqua................................................................................................................................................................................... 3
1.4 Informazioni da fornire al responsabile dell’impianto..................................................................................................................................... 3
1.5 Avvertenze per la sicurezza........................................................................................................................................................................... 4
1.6 Targhetta dei dati tecnici................................................................................................................................................................................ 5
1.7 Avvertenze generali....................................................................................................................................................................................... 5
2
Caratteristiche tecniche e dimensioni............................................................................................................................................... 6
2.1 Caratteristiche tecniche................................................................................................................................................................................. 6
2.2 Componenti principali e funzionamento......................................................................................................................................................... 7
2.3Dimensioni..................................................................................................................................................................................................... 8
2.4 Dati di funzionamento secondo UNI 10348................................................................................................................................................... 9
3
Istruzioni per l’installaZIONE............................................................................................................................................................... 11
3.1 Avvertenze generali.................................................................................................................................................................................... 11
3.2 Norme per l’installazione............................................................................................................................................................................ 12
3.3Imballo........................................................................................................................................................................................................ 13
3.4Movimentazione......................................................................................................................................................................................... 14
3.5 Installazione su impianti esistenti............................................................................................................................................................... 15
3.6 Posizionamento in centrale termica............................................................................................................................................................ 15
3.7 Allacciamento al camino............................................................................................................................................................................. 15
3.8 Scarico delle condense.............................................................................................................................................................................. 17
3.9 Porta focolare: regolazione, apertura, chiusura.......................................................................................................................................... 18
3.10 Allacciamento gas...................................................................................................................................................................................... 19
3.11 Allacciamento caldaia all’impianto.............................................................................................................................................................. 20
3.12 Determinazione della pompa circuito primario o pompa di caldaia............................................................................................................ 21
3.13 Protezione antigelo della caldaia................................................................................................................................................................ 23
3.14 Separatore idraulico e scambiatore a piastre............................................................................................................................................. 23
3.15 Trattamento dell’acqua............................................................................................................................................................................... 24
3.16 Montaggio del mantello............................................................................................................................................................................... 25
3.17 Riempimento e svuotamento dell’impianto................................................................................................................................................. 30
3.18 Allacciamenti elettrici.................................................................................................................................................................................. 31
3.19 Schema di collegamento pratico................................................................................................................................................................. 34
3.20Tipologie di installazione............................................................................................................................................................................ 35
3.21Esempi di installazione............................................................................................................................................................................... 37
3.22Prima accensione....................................................................................................................................................................................... 39
3.23Regolazione del bruciatore PK150X 2S..................................................................................................................................................... 40
3.24Regolazione del bruciatore PK230/300/348X 2S....................................................................................................................................... 42
3.25Attivazione della funzione spazzacamino................................................................................................................................................... 43
3.26Programmazione dei parametri di funzionamento...................................................................................................................................... 44
4
Ispezione e manutenzione....................................................................................................................................................................... 46
Istruzioni per l’ispezione e per la manutenzione................................................................................................................................................. 46
Manutenzione del corpo..................................................................................................................................................................................... 47
Componenti da verificare durante la verifica annuale......................................................................................................................................... 47
5codici di errore.......................................................................................................................................................................................... 48
5.1 Visualizzazione dei codici di errore............................................................................................................................................................ 48
2
Informazioni generali
1
INFORMAZIONI GENERALI
1.1 -SIMBOLOGIA UTILIZZATA NEL MANUALE
Nella lettura di questo manuale, particolare attenzione deve essere posta alle parti contrassegnate dai simboli rappresentati:
PERICOLO !
Grave pericolo per
l’incolumità e la vita
ATTENZIONE !
Possibile situazione pericolosa
per il prodotto e l’ambiente
NOTA !
Suggerimenti per l’utenza
1.2 -USO CONFORME DELL’APPARECCHIO
L’apparecchio WKV è stato costruito sulla base del livello attuale della tecnica e delle riconosciute regole
tecniche di sicurezza.
Ciò nonostante, in seguito ad un utilizzo improprio, potrebbero insorgere pericoli per l’incolumità e la vita
dell’utente o di altre persone ovvero danni all’apparecchio oppure ad altri oggetti.
L’apparecchio è previsto per il funzionamento di impianti di riscaldamento a circolazione d’acqua calda.
Qualsiasi utilizzo diverso viene considerato quale improprio.
Per qualsiasi danno risultante da un utilizzo improprio il costruttore non si assume alcuna responsabilità;
in tal caso il rischio è completamente a carico dell’utente.
Un utilizzo secondo gli scopi previsti prevede anche che ci si attenga scupolosamente alle istruzioni del
presente manuale.
1.3 -TRATTAMENTO DELL’ACQUA (vedi libretto specifico)
• La durezza dell’acqua di alimentazione condiziona la frequenza della pulizia dello scambiatore acqua sanitaria.
• In presenza di acqua con durezza superiore ai 15°f si consiglia l’utilizzo di dispositivi anticalcare, la cui scelta deve
avvenire in base alle caratteristiche dell’acqua.
1.4 -Informazioni da fornire AL RESPONSABILE DELL’IMPIANTO
•
•
•
•
•
•
•
L’utente deve essere istruito sull’utilizzo e sul funzionamento del proprio impianto di riscaldamento, in particolare:
Consegnare all’utente le presenti istruzioni, nonché gli altri documenti relativi all’apparecchio inseriti nella
busta contenuta nell’imballo. L’utente deve custodire tale documentazione in modo da poterla avere a disposizione per ogni ulteriore consultazione.
Informare l’utente sull’importanza delle bocchette di aerazione e del sistema di scarico fumi, evidenziandone l’indispensabilità e l’assoluto divieto di modifica.
Informare l’utente riguardo al controllo della pressione dell’acqua dell’impianto nonché sulle operazioni per il ripristino della stessa.
Informare l’utente riguardo la regolazione corretta di temperature, centraline/termostati e radiatori per rispar-
miare energia.
Ricordare che è obbligatorio effettuare una manutenzione regolare dell’impianto almeno una volta all’anno e un’analisi di combustione nei tempi previsti dalla norma in vigore.
Se l’apparecchio dovesse essere venduto o trasferito ad un altro proprietario o se si dovesse traslocare e lasciare
l’apparecchio, assicurarsi sempre che il libretto accompagni l’apparecchio in modo che possa essere consultato
dal nuovo proprietario e/o dall’installatore.
3
Informazioni generali
1.5 -AVVERTENZE PER LA SICUREZZA
Attenzione!
L’apparecchio non deve essere usato da persone con ridotte capacità fisiche, mentali e sensoriali, senza
esperienza e conoscenza. Queste persone devono essere precedentemente istruite e sorvegliate durante
le operazioni di manovra. I bambini devono essere sorvegliati affinchè non giochino con l’apparecchio.
Attenzione!
L’installazione, la regolazione e la manutenzione dell’apparecchio devono essere eseguite da personale
professionalmente qualificato, in conformità alle norme e disposizioni vigenti, poiché un’errata installazione può causare danni a persone, animali e cose, nei confronti dei quali il costruttore non può essere
considerato responsabile.
PERICOLO !
Non tentare MAI di eseguire lavori di manutenzione o riparazioni della caldaia di propria iniziativa.
Qualsiasi intervento deve essere eseguito da personale professionalmente qualificato.
Si raccomanda la stipula di un contratto di manutenzione.
Una manutenzione carente o irregolare può compromettere la sicurezza operativa dell’apparecchio e provocare danni a persone, animali e cose per i quali il costruttore non può essere considerato responsabile.
Modifiche alle parti collegate all’apparecchio
Non effettuare modifiche ai seguenti elementi:
- alla caldaia
- alle linee di gas, aria, acqua e corrente elettrica
- al condotto fumi alle valvole di sicurezza e alla tubazione di scarico per l’acqua di riscaldamento
- agli elementi costruttivi che influiscono sulla sicurezza operativa dell’apparecchio
Attenzione !
Per stringere o allentare i raccordi a vite, utilizzare esclusivamente delle chiavi a forcella (chiavi fisse) adeguate.
L’utilizzo non conforme e/o gli attrezzi non adeguati possono provocare dei danni (per es. fuoriuscite di acqua o di gas).
ATTENZIONE !
Indicazioni per apparecchi funzionanti a gas propano
Sincerarsi che prima dell’installazione dell’apparecchio il serbatoio del gas sia stato disaerato.
Per una disaerazione a regola d’arte del serbatoio rivolgersi al fornitore dei gas liquido e comunque a personale
abilitato ai sensi di legge.
Se il serbatoio non è stato disaerato a regola d’arte possono insorgere problemi di accensione.
In tal caso rivolgersi al fornitore del serbatoio del gas liquido.
Odore di gas
Qualora venisse avvertito odore di gas attenersi alle seguenti indicazioni di sicurezza:
- non azionare interruttori elettrici
- non fumare
- non far uso del telefono
- chiudere il rubinetto d’intercettazione del gas
- aerare l’ambiente dove è avvenuta la fuga di gas
- informare la società di erogazione gas oppure una ditta specializzata nell’installazione e manutenzione di impianti
di riscaldamento.
Sostanze esplosive e facilmente infiammabili
Non utilizzare o depositare materiali esplosivi o facilmente infiammabili (ad es. benzina, vernici, carta) nel locale
dove è installato l’apparecchio.
4
Informazioni generali
1.6 -Targhetta dei dati tecnici
La targhetta dati tecnici dell’apparecchio è posizionata sul supporto del mantello laterale; il duplicato dovrà essere applicata ad un fianco del mantello, sul lato esterno, a cura dell’installatore.
Il numero di matricola del corpo caldaia è riportato su una targhetta rivettata sulla piastra inferiore del corpo, lato anteriore sinistro.
Marcatura CE
La marcatura CE documenta che le
caldaie soddisfano:
- I requisiti essenziali della direttiva relativa agli apparecchi a gas (direttiva
2009/142/CE)
- I requisiti essenziali della direttiva
relativa alla compatibilità elettromagnetica (direttiva 2004/108/CE)
- I requisiti essenziali della direttiva
rendimenti (direttiva 92/42/CEE)
- I requisiti essenziali della direttiva
bassa tensione (direttiva 2006/95/
CE)
LEGENDA:
1 = Anno di ottenimento marcatura CE
2 = Tipo di caldaia
3 = Modello caldaia
4 = Numero di stelle (direttiva 92/42/CEE)
5 = (S.N°) Matricola caldaia
6 = P.I.N. Numero Identificativo del Prodotto
7 = Tipi di configurazioni scarico fumi approvati 8 = (NOx) Classe di NOx
A = Caratteristiche circuito riscaldamento
9 = (Pn) Potenza utile nominale
10 = (Pcond) Potenza utile in condensazione
11 = (Qmax) Portata termica massima
12 = (Adjusted Qn) Regolata per portata termica nominale 13 = (PMS) Pressione max. esercizio riscaldamento
14 = (T max) Temperatura max. riscaldamento
B = Caratteristiche circuito sanitario
15 = (Qnw) Portata termica nominale in funzione sanitario (se diversa
da Qn)
16 = (D) Portata specifica A.C.S. secondo EN 625 - EN 13203-1
17 = (R factor) N° rubinetti in base alla quantità di acqua dichiarata (EN
18 =
19 =
20 =
13203-1)
(F factor) N°stelle in base alla qualità di acqua dichiarata
(EN 13203-1)
(PMW) Pressione max. esercizio sanitario
(T max) Temperatura max. sanitario
C = Caratteristiche elettriche
21 = Alimentazione elettrica
22= Consumo
23 = Grado di protezione
D = Paesi di destinazione
24 = Paesi diretti ed indiretti di destinazione
25 = Categoria gas
26 = Pressione di alimentazione
E = Regolazioni di fabbrica
27 = Regolata per gas tipo X
28 = Spazio per marchi nazionali
5
Informazioni generali
1.7 -avvertenze generali
Il libretto d’istruzioni costituisce parte integrante ed essenziale
del prodotto e dovrà essere conservato dall’utente o dal responsabile dell’impianto.
disattivarlo, astenendosi da qualsiasi tentativo di riparazione
o di intervento diretto. Rivolgersi esclusivamente a personale
abilitato ai sensi di legge.
Leggere attentamente le avvertenze contenute nel libretto in
quanto forniscono importanti indicazioni riguardanti la sicurezza
di installazione, l’uso e la manutenzione.
L’eventuale riparazione dei prodotti dovrà essere effettuata
solamente da personale autorizzato dal costrutore utilizzando
esclusivamente ricambi originali. Il mancato rispetto di quanto
sopra può compromettere la sicurezza dell’apparecchio.
Conservare con cura il libretto per ogni ulteriore consultazione.
L’installazione e la manutenzione devono essere effettuate in ottemperanza alle norme vigenti secondo le istruzioni del costruttore
e da personale qualificato ed abilitato ai sensi di legge.
Per personale professionalmente qualificato s’intende, quello
avente specifica competenza tecnica nel settore dei componenti
di impianti di riscaldamento ad uso civile, produzione di acqua
calda ad uso sanitario e manutenzione. Il personale dovrà avere
le abilitazioni previste dalla legge vigente.
Un’errata installazione o una cattiva manutenzione possono
causare danni a persone, animali o cose, per i quali il costruttore
non è responsabile.
Prima di effettuare qualsiasi operazione di pulizia o di manutenzione, disinserire l’apparecchio dalla rete di alimentazione
agendo sull’interruttore dell’impianto e/o attraverso gli appositi
organi di intercettazione.
In caso di guasto e/o cattivo funzionamento dell’apparecchio,
6
Per garantire l’efficienza dell’apparecchio e per il suo corretto
funzionamento è indispensabile far effettuare da personale
abilitato la manutenzione annuale.
Allorché si decida di non utilizzare l’apparecchio, si dovranno
rendere innocue quelle parti suscettibili di causare potenziali
fonti di pericolo.
Se l’apparecchio dovesse essere venduto o trasferito ad un altro
proprietario o se si dovesse traslocare e lasciare l’apparecchio,
assicurarsi sempre che il libretto accompagni l’apparecchio in
modo che possa essere consultato dal nuovo proprietario e/o
dall’installatore.
Per tutti gli apparecchi con optional o kit (compresi quelli elettrici)
si dovranno utilizzare solo accessori originali.
Questo apparecchio dovrà essere destinato solo all’uso per
il quale è stato espressamente previsto. Ogni altro uso è da
considerarsi improprio e quindi pericoloso.
Caratteristiche tecniche e dimensioni
2
CARATTERISTICHE TECNICHE
E DIMENSIONI
2.1 -CARATTERISTICHE TECNICHE
La serie PK...X è costituita da gruppi termici a gas a condensazione e a bassissima temperatura secondo dir. 92/42, interamente in acciaio inox, ad alto contenuto d’acqua, completa di
bruciatore modulante premix.
Classe di rendimento:
(4) stelle
Serie da 150 a 348 kW
Rendimento in condensazione, superiore al 107% al 100% di
carico e 109% al 30% di carico, grazie agli speciali tubi progressivi brevettati.
La costruzione soddisfa completamente le prescrizioni stabilite
nella EN 303 parte 1ª.
I componenti della parte in pressione, quali lamiere e tubi, sono
costruiti in acciaio inox 316L, secondo le tabelle EURONORM
25 ed EURONORM 28.
I saldatori e le procedure di saldatura sono approvati dal TÜV
(D) - UDT (PL) - SA (S) ed INAIL (ex ISPES) (I).
Caratteristiche principali:
- focolare orizzontale a fiamma diretta;
- fascio tubiero composto da tubi progressivi blindati brevettati
in acciaio INOX 316L all’esterno con alette interne in alluminio,
posti in 1 fascio tubiero verticale per: funzionale deflusso della
condensa, assenza di depositi acidi bagnati, pulizia per gravità
delle superfici di scambio;
- doppio ritorno per media e bassa temperatura posteriormente
in basso;
- camera fumo in acciaio inox con attacco drenaggio condensa
e sensore di livello condensa;
- porta apribile verso sinistra con possibilità di cambio della
rotazione;
- pannello di comando e controllo di tipo elettronico Master
HSCP (Heating System Control Panel), esterno al mantello,
con centralina di termoregolazione Ebus posto verticalmente
a lato porta, per caldaia singola:
codice 00362322 per WKV 150
00362321 per WKV 230
00362320 per WKV 300
00362318 per WKV 348
- per caldaie in batteria (fino a 7), pannello di comando e
controllo di tipo elettronico Slave, esterno al mantello, posto
verticalmente a lato porta:
codice 00362326 per WKV 150
00362325 per WKV 230
00362324 per WKV 300
00362323 per WKV 348
- fasciame esterno ricoperto da un materassino di lana minerale
spessore 80 mm a sua volta protetto da un tessuto in fibra
minerale;
- 2 attacchi da ½” per guaine con diametro interno da 15 mm
(adatte per alloggiare 3 bulbi ciascuna);
- fianchi del mantello muniti di fori per pressacavi per i cavi di
alimentazione e d’ogni altro dispositivo ausiliario;
- bruciatore a premiscelazione totale costruito in AISI 441 e
rivestito in fibra speciale:
• miscelazione aria/gas con rapporto 1:1 su range di modulazione (rapporto di modulazione superiore a 1:4);
• sistema di miscelazione a monte del ventilatore che garantisce il funzionamento corretto anche in presenza di basse
pressioni di alimentazione gas (fino a 13 mbar);
• ridotto assorbimento elettrico rispetto a un bruciatore ad
aria soffiata tradizionale;
• ridottissime emissioni di combustione.
Kit opzionali:
KIT DI NEUTRALIZZAZIONE NH 300 - codice 00262827
per apparecchi con potenza fino a 300 kW
KIT DI NEUTRALIZZAZIONE NH 1500-P - codice 00262829
per apparecchi con potenza fino a 1500 kW
KIT MODULO GESTIONE CASCATE BCM - codice 00361602
KIT MODULO SHC (slave heating controller) - codice
00362317
7
Caratteristiche tecniche e dimensioni
2.2 - COMPONENTI PRINCIPALI E
FUNZIONAMENTO
Le caldaie WKV sono dotate di un focolare cieco, nel quale la
fiamma radiale del bruciatore si distribuisce nei tubi fumo; all’estremità dei tubi, i gas di combustione vengono raccolti nella
camera fumo e di qui inviati al camino.
Durante il funzionamento del bruciatore, all’interno del campo
di potenza della caldaia, la camera di combustione è sempre
in pressione.
Per il valore di questa pressione vedere la tabella di pag. 9, alla
colonna “Perdite di carico lato fumi”.
1Focolare
2
Tubi fumo
3
Porta completa di spia controllo fiamma
4
Camera fumo
5
Isolamento corpo
6
Pressostato camera fumi
7
Sensore di livello
M Mandata impianto
Rbt Ritorno impianto Bassa Temperatura
Rmt Ritorno impianto Media Temperatura
Ve Attacco vaso di espansione
8
Caratteristiche tecniche e dimensioni
2.3 -DIMENSIONI
T1
T2
T3
T4
T5
1 Quadro comandi
2 Spia controllo fiamma
WKV
Mandata riscaldamento
Ritorno riscaldamento bassa temperatura
Ritorno riscaldamento media temperatura
Attacco vaso espansione
Scarico caldaia
Potenza
utile
(50°-30°C)
Potenza
utile
(80°-60°C)
Potenza
focolare
Capacità
caldaia
Perdite di
carico lato
acqua(**)
Perdite di
carico lato
fumi
Modello
150
kW
150
kW
136,5
kW
140
l
151
m c.a.
0,27
m m c.a.
35
230
230
209,2
215
257
0,32
40
6
300
300
273,6
279,3
317
0,55
45
6
348
348
317,7
5324
389
0,60
50
6
ATTACCHI
Pressione
gas
(***)
T 1,T2,T3
T4
T5
mbar
20
UNI 2278 PN16
65
ISO 7/1
1½
ISO 7/1
¾
T 6,T7
Øi
mm
163
T8
Øi
mm
180
T9
Øi
mm
163
T10
Øe
mm
40
447
20
65
1½
¾
163
180
163
40
540
20
80
2
¾
163
200
163
40
661
20
80
2
¾
163
200
163
40
DIMENSIONI
WKV
Modello
Pressione
Peso
massima
con
esercizio bruciatore
caldaia
kg
bar
310
6
T6 Guaina porta bulbi
T7 Guaina porta bulbi
T8 Attacco camino
T9 Attacco bruciatore
T10Scarico condensa
150
A
mm
700
B
mm
1570
C (*)
mm
625
D
mm
150
E
mm
270
F
mm
491
G
mm
230
H
mm
929
I
mm
685
L
mm
1147
M
mm
433
N
mm
364
O
mm
350
P
mm
150
R
mm
107
S
mm
1183
T (*)
mm
1650
U
mm
80
230
830
1670
755
150
270
491
230
1044
815
1277
503
454
320
170
107
1209
1765
95
300
880
1830
795
160
305
556
250
1024
855
1329
526
483
320
170
109
1300
1920
90
348
960
1860
875
160
332
586
250
1114
965
1429
576
533
320
170
109
1333
1950
90
(*) Dimensione minima di passaggio attraverso la porta della centrale termica.
(**) Perdite di carico corrispondenti ad un salto termico di 15K.
(***) Pressione minima all’imbocco della rampa gas (metano - G20)
9
Caratteristiche tecniche e dimensioni
2.4 -DATI DI FUNZIONAMENTO (UNI 10348) / CARATTERISTICHE GENERALI
CALDAIA TIPO
WKV150
Categoria della caldaia
I2H
Portata termica nominale su P.C.I. QnkW
140
Portata termica minima su P.C.I. QminkW
35
Potenza utile nominale (Tr 60 / Tm 80 °C) PnkW 136,5
Potenza utile minima (Tr 60 / Tm 80 °C) Pn min kW
34,3
Potenza utile nominale (Tr 30 / Tm 50 °C) Pcond kW
150
Potenza utile minima (Tr 30 / Tm 50 °C) Pcond minkW
38,1
Rendimento a potenza nominale (Tr 60 / Tm 80°C) %
97,5
Rendimento a potenza minima (Tr 60 / Tm 80°C) %
98,0
Rendimento a potenza nominale (Tr 30 / Tm 50°C) %
107,1
Rendimento al potenza minima (Tr 30 / Tm 50°C) %
108,8
Rendimento al 30 % del carico (Tr 30°C)
%
109
Classe di rendimento secondo direttiva 92/42 CEE
4
Rendimento richiesto secondo 92/42 CEE (100%) %
97,27
Rendimento richiesto secondo 92/42 CEE (30%)
%
95,41
Rendimento di combustione a carico nominale
%
97,5
Rendimento di combustione a carico ridotto
%
98,5
Perdite al mantello (Q min.)
%
0,5
Perdite al mantello (Q nom.)
%
0,1
Temperatura fumi netta tf-ta (min)
°C
30
Temperatura fumi netta tf-ta (max) °C
50
Portata massica fumi (min)
kg/h
57,2
Portata massica fumi (max)
kg/h
228,8
Eccesso aria
%
25,53
CO2 (min)%
9,1
CO2 (max)%
9,1
NOX (valore ponderato secondo EN 297A3)
mg/kWh
47,83
Classe di NOX
5
Perdite al camino con bruciatore funzionante (min) %
1,5
Perdite al camino con bruciatore funzionante (max) %
2,5
Perdite al camino con bruciatore spento
%
0,1
Portata d’acqua alla potenza nominale (∆T 20°C) l/h
5870
Pressione minima del circuito riscaldamento
bar
0,5
Pressione massima del circuito riscaldamento
bar
6
Contenuto d’acqua
l
151
Consumo gas metano G20 (p.alim. 20 mbar) a Qn m3/h
14,8
Consumo gas metano G20 (p.alim. 20 mbar) a Qmin m3/h 3,70
Consumo gas G25 (p.alim. 20/25 mbar) a Qn
m3/h
17,22
Consumo gas G25 (p.alim. 20/25 mbar) a Qmin
m3/h
4,30
Consumo gas propano (p.alim. 37/50 mbar) a Qn
kg/h
10,87
Consumo gas propano (p.alim. 37/50 mbar) a Qmin kg/h
2,72
Massima pressione disponibile base camino
Pa
100
Produzione di condensa (a 15°C) kg/h
22,54
Emissioni
CO con 0% di O2 nei fumi NOx con 0% di O2 nei fumi ppm
Dati elettrici
Tensione di alimentazione / Frequenza Fusibile sull’alimentazione
Potenza massima / minima assorbita
Grado di protezione
Consumo in stand-by
10
WKV230
WKV300
WKV348
214
50
209,2
49
230
54,5
97,7
98,0
107,4
109
109
4
98,20
96,81
97,9
98,5
0,5
0,1
30
50
80,97
346,5
24,25
9,2
9,2
68,65
5
1,48
2,1
0,1
8994
0,5
6
257
22,63
5,29
26,32
6,15
16,61
3,88
100
34,45
280
70
273,6
68,4
300
76,1
97,9
97,7
107,4
108,7
109
4
98,20
96,81
97,5
98,5
0,7
0,1
30
50
114,4
457,6
25,53
9,1
9,1
89,7
4
1,5
2,5
0,1
11781
0,5
6
317
29,61
7,40
34,43
8,61
21,73
5,43
100
45,08
324
70
317,7
68,5
348
76,1
98,0
97,8
107,4
108,7
109
4
98,20
96,81
98,0
98,5
0,6
0,1
30
50
11,4
529,5
25,53
9,1
9,1
83,8
4
1,5
2
0,1
13660
0,5
6
389
34,26
7,40
39,85
8,61
25,15
5,43
100
52,16
ppm
19
45
19
76
10
61
10
58
V/Hz
A (F)
W
IP
W
230/50
6,3
280
20
18
230/50
6,3
300
20
18
230/50
6,3
315
20
18
230/50
6,3
370
20
18
Istruzioni per l’installazione
3
ISTRUZIONI PER
L’INSTALLAZIONE
3.1 -AVVERTENZE GENERALI
Attenzione!
In locali dove sono presenti vapori aggressivi
oppure polveri, l’apparecchio deve funzionare indipendentemente dall’aria del locale
d’installazione!
ATTENZIONE!
Questa caldaia deve essere destinata solo
all’uso per il quale è stata espressamente
prevista. Ogni altro uso è da considerarsi
improprio e quindi pericoloso.
Questa caldaia serve a riscaldare acqua ad
una temperatura inferiore a quella di ebollizione a pressione atmosferica.
Attenzione!
L’apparecchio deve essere installato da un
tecnico qualificato in possesso dei requisiti
tecnico-professionali secondo la legge 46/90
che, sotto la propria responsabilità, garantisca il rispetto delle norme secondo le regole
della buona tecnica.
Attenzione!
Gli apparecchi sono progettati esclusivamente per installazioni all’interno di vani tecnici
idonei.
Prima di allacciare la caldaia far effettuare da
personale professionalmente qualificato:
a)Un lavaggio accurato di tutte le tubazioni
dell’impianto per rimuovere eventuali residui o impurità che potrebbero compromettere il buon funzionamento della caldaia,
anche dal punto di vista igenico-sanitario.
b) La verifica che la caldaia sia predisposta per
il funzionamento con il tipo di combustibile
disponibile.
Il tipo di combustibile è rilevabile dalla scritta
sull’imballo e dalla targhetta delle caratteristiche tecniche.
c) Il controllo che il camino/canna fumaria abbia
un tiraggio adeguato, non presenti strozzature, e che non siano inseriti scarichi di altri
apparecchi, a meno che la canna fumaria non
sia realizzata per servire più utenze secondo
le specifiche norme e prescrizioni vigenti. Solo
dopo questo controllo può essere montato il
raccordo tra caldaia e camino/canna fumaria.
Attenzione!
Montare l’apparecchio in modo che possano
essere rispettate le distanze minime richieste per
l’installazione e la manutenzione.
La caldaia deve essere allacciata ad un impianto
di riscaldamento e/o ad una rete di distribuzione
di acqua calda sanitaria, compatibilmente alle sue
prestazioni ed alla sua potenza.
11
Istruzioni per l’installazione
3.2 -NORME PER L’INSTALLAZIONE
L’installazione dell’apparecchio dovrà essere effettuata in ottemperanza alle istruzioni contenute in questo manuale.
L’installazione deve essere eseguita da un tecnico professionalmente abilitato, il quale si assume la responsabilità per il
rispetto di tutte le leggi locali e/o nazionali pubblicate sulla
gazzetta ufficiale, nonché le norme tecniche applicabili.
La WKV è una caldaia in acciaio inossidabile funzionante a gas
di categoria I2H.
Prima dell’installazione dell’apparecchio interpellare l’azienda
distributrice del gas.
Per l’installazione occorre osservare le norme, le regole e le
prescrizioni riportate di seguito che costituiscono un elenco
indicativo e non esaustivo, dovendo seguire l’evolversi dello
“stato dell’arte”.
Norma UNI 7129
Progettazione, installazione e manutenzione di impianti a gas
per uso domestico alimentati da rete di distribuzione (metano).
Norma UNI 11137-1
Linee guida per la verifica e per il ripristino della tenuta di impianti
interni in esercizio.
Norma UNI 10412
Impianti di riscaldamento ad acqua calda. Prescrizioni di sicurezza.
CAMPO DI APPLICAZIONE: potenzialità termica superiore a
35 kW (30.000 kcal/h).
LEGGE 5 marzo 1990 N° 46 e relativo regolamento applicativo
D.P.R. 447 del 6 dicembre 1991 (e successive modificazioni).
Norme per la sicurezza degli impianti
CAMPO DI APPLICAZIONE: senza limiti di potenzialità termica.
NORMA UNI EN 656
Caldaie a gas per riscaldamento centrale alimentate a combustibili gassosi - Caldaie di tipo B di portata termica nominale
maggiore di 70 kW ma non maggiore di 300 kW.
NORMA EN 15417
Caldaie per riscaldamento centralizzato alimentate a combustibili
gassosi - Requisiti specifici per caldaie a condensazione con
portata termica nominale maggiore di 70 kW ma non maggiore
di 1000 kW.
LEGGE 9 gennaio 1991 N°10 e relativo regolamento applicativo
D.P.R. 412 del 26 agosto 1993 (e successive modificazioni),
D.P.R. n°551 del 21.12.1999.
12
Regolamento recante modifiche al D.P.R. n° 412 in materia di
progettazione, installazione, esercizio e manutenzione degli impianti termici degli edifici, ai fini del contenimento dei consumi
di energia.
CAMPO DI APPLICAZIONE: senza limiti di potenzialità termica.
Norma UNI CTI 8065/1989 ‘’Trattamento dell’ acqua negli impianti
termici ad uso civile’’
Norma UNI CTI 8364/1984 ‘’Impianti di riscaldamento Controllo
e manutenzione’’.
Legge n°186 del 01.03.1968
Norma di installazione CEI 64-8 / II ed.
Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore
a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua.
Norma di installazione CEI 64-8 / I ed.
Impianti elettrici utilizzatori negli edifici a destinazione residenziale e similari.
Approvazione art. 44 Legge Comunitaria del 2001 ‘’INSTALLAZIONE GENERATORI DI CALORE’’ soppressione ultimo periodo
comma 10 DPR551/99, (ventilazione di 0,4 m²).
UNI 11071:
Impianti a gas per uso domestico
asserviti ad apparecchi a condensazione
e affini.
L’installatore è altresì obbligato a rispettare le norme cogenti
riguardanti il locale caldaia, i regolamenti edilizi e le disposizioni
sui riscaldamenti a combustione nel paese di installazione.
L’apparecchio deve essere installato, messo in servizio e sottoposto a manutenzione secondo lo “stato dell’arte” attuale. Ciò
vale anche per impianto idraulico, l’impianto di scarico fumi, il
locale di installazione e l’impianto elettrico.
Istruzioni per l’installazione
3.3 -IMBALLO
Le caldaie WKV vengono fornite complete di porta e camera fumo
montate, mentre la mantellatura con l’isolamento, il pannello strumenti e gli accessori, sono contenuti in imballi di cartone a parte.
Prima di iniziare l’installazione, assicurarsi che la lunghezza e la
larghezza del corpo della caldaia ricevuta, riportate nella tabella
di pag. 9 del presente libretto, corrispondano alle dimensioni
della caldaia ordinata, e che i cartoni contenenti la mantellatura, o parte di essa, il pannello strumenti e gli accessori siano
marchiati come specificato di seguito.
Il mantello delle caldaie PK...X, completo con i suoi materassini
isolanti, è contenuto in 2 cartoni (1 cartone per PK150X S2).
In aggiunta alla mantellatura, imballata con proprio cartone, si
troveranno anche:
- 1 cartone contenente il pannello di comando
- 1 cartone contenente le flange di collegamento idraulico, con
relative guarnizioni e bulloni
- 1 sacchetto contenente il kit scarico condensa
Al ricevimento, assicurarsi che la fornitura sia
completa e non danneggiata.
Gli elementi dell’imballo (scatola di cartone, reggette, sacchetti di plastica, etc.) non devono
essere lasciati alla portata dei bambini in
quanto potenziali fonti di pericolo.
Il costruttore declina ogni responsabilità nel
caso danni procurati a persone, animali o cose
subentranti in seguito a mancata osservanza di
quanto sopra esposto.
Nella busta documenti a corredo dell’apparecchio, sono contenuti:
- Certificato di prova idraulica
- Libretto “Istruzioni d’uso per il responsabile dell’impianto”
- Libretto “Istruzioni per l’installatore e il manutentore”
- Libretto “L’acqua negli impianti di riscaldamento”
- Garanzia
- Targhetta adesiva norme ventilazione locali
MANTELLATURA E ISOLAMENTO
N.B. Per il modello WKV 150, il mantello e l’isolamento sono
contenuti in 1 imballo marcato:
38353 (mantellatura + isolamento WKV 150)
N.B. Per i modelli WKV 230, WKV 300 e WKV 348 , la mantellatura e l’isolamento sono contenuti in 2 imballi marcati:
37462 (mantellatura laterale + isolamento WKV 230)
37463 (mantellatura ant. + post. + sup. WKV 230)
38355 (mantellatura laterale + isolamento WKV 300)
38354 (mantellatura ant. + post. + sup. WKV 300)
37464 (mantellatura laterale + isolamento WKV 348)
37465 (mantellatura ant. + post. + sup. WKV 348)
PANNELLO COMANDI
N.B. Per il modello WKV 150 il pannello di comando è contenuto
in un imballo marcato:
00362322 (pannello comando con centralina EBUS + sonda esterna)
00362326 (pannello comando PK150X S2 “Slave”)
N.B. Per i modelli WKV 230 il pannello di comando è contenuto
in un imballo marcato:
00362321 (pannello comando con centralina EBUS + sonda esterna)
00362325 (pannello comando “Slave”)
N.B. Per i modelli WKV 300 il pannello di comando è contenuto
in un imballo marcato:
00362320 (pannello comando con centralina EBUS + sonda esterna)
00362324 (pannello comando “Slave”)
N.B. Per i modelli WKV 348 il pannello di comando è contenuto
in un imballo marcato:
00362318 (pannello comando con centralina EBUS + sonda esterna)
00362323 (pannello comando “Slave”)
ACCESSORI DI SERIE
N.B. Le flange di collegamento idraulico, con relative guarnizioni
e bulloni sono contenuti in un imballo marcato:
36372 (accessori per WKV 150 e WKV 230)
36373 (accessori per WKV 300 e WKV 348)
N.B. Il kit scarico condensa è contenutI in un imballo marcato:
27982
13
Istruzioni per l’installazione
3.4 -MOVIMENTAZIONE
La caldaia può essere facilmente movimentata per
sollevamento mediante i fori o i ganci superiori “A”.
Qualora per ragioni di ingombro fosse necessario,
è possibile smontare la porta per facilitare l’introduzione in centrale termica.
A
A
3.5 - INSTALLAZIONE SU IMPIANTI
ESISTENTI
Quando l’apparecchio viene installato su impianti esistenti,
verificare che:
- L’impianto elettrico sia realizzato nel rispetto delle norme
specifiche e da personale tecnico qualificato.
- Il camino sia adatto per apparecchi a condensazione, alle
temperature dei prodotti della combustione, calcolato e
costruito secondo le norme vigenti in materia. Sia più rettilineo possibile, a tenuta, isolato e non abbia occlusioni o
restringimenti.
- La portata, la prevalenza e la direzione del flusso delle pompe
di circolazione siano appropriate.
- Il camino sia dotato di attacco per l’evacuazione della condensa.
- I vasi di espansione assicurino il totale assorbimento della
dilatazione del fluido contenuto nell’impianto.
- Il luogo di installazione sia dotato di condotto per l’evacuazione della condensa prodotta dalla caldaia.
- L’impianto sia stato ripulito da fanghi e incrostazioni.
14
- La linea di adduzione del combustibile e l’eventuale serbatoio
siano realizzati secondo le norme vigenti in materia.
Istruzioni per l’installazione
3.6 -POSIZIONAMENTO IN CENTRALE
TERMICA
La caldaia deve essere installata nel rispetto delle norme e prescrizioni vigenti.
Il locale dovrà risultare ben aerato da aperture aventi una superficie totale non inferiore a 1/30 della superficie in pianta del locale
caldaia con un minimo di 0,5 m².
Le aperture di aerazione dovranno essere permanenti, comunicanti direttamente con l’esterno ed essere posizionate a livello
alto e basso in conformità con le normative vigenti.
L’ubicazione delle aperture di aerazione, i circuiti di adduzione
del combustibile, di distribuzione dell’energia elettrica e di illuminazione dovranno rispettare le disposizioni di legge vigenti in
relazione al tipo di combustibile impiegato.
La caldaia potrà essere appoggiata direttamente sul pavimento,
perché dotata di basamento.
È comunque utile prevedere uno zoccolo di cemento, piano,
a livello ed in grado di sopportare il peso della caldaia quando
riempita d’acqua.
Quando posizionata su zoccolo, questo deve avere almeno le
dimensioni I x C (vedere tabelle dimensioni a pag. 9 e a pag. 17).
Ad installazione avvenuta, il basamento dovrà risultare perfettamente orizzontale e ben stabile (onde ridurre le vibrazioni e
la rumorosità).
Si consiglia di rispettare le quote minime
indicate in figura in modo da rendere agevoli
eventuali interventi di assistenza e di manutenzione e assicurare un funzionamento ottimale
alla caldaia.
1000
>8
00
130
0
600
XX
600
XX
X
x =
Per le quote non specificate, fare riferimento a quanto richiesto dal D.M. 12 aprile 1996 ‘’Le distanza tra un qualsiasi punto esterno degli apparecchi e le pareti del locale, nonche le distanze tra gli apparecchi installati nello stesso locale devono permettere l’accessibilità agli or-
gani di regolazione, sicurezza e controllo, nonche’ la manutenzione ordinaria.
xx= Quote minime in rif. ad allegato A alla circolare n. 68
del 25-11-1969.
3.7 -ALLACCIAMENTO AL CAMINO
In una caldaia a condensazione i fumi vengono scaricati ad una
temperatura molto bassa.
E’ quindi necessario che il camino sia perfettamente impermeabile alla condensa dei prodotti della combustione e sia costruito
con materiali idonei resistenti alla corrosione.
I vari giunti a bicchiere devono essere ben sigillati e dotati di
guarnizioni idonee, in modo da impedire la fuoriuscita di condensa e l’ingresso di aria.
Per quanto riguarda la sezione e l’altezza del camino, è necessario fare riferimento alle regolamentazioni nazionali e locali in
vigore.
Per il dimensionamento riferirsi ad UNI 9615, UNI 10641 e pr
EN 13384.
Allo scopo di evitare, durante il funzionamento, la formazione di
ghiaccio, la temperatura della parete interna in ogni punto del
sistema per l’evacuazione dei prodotti della combustione per
tutta la sua lunghezza non deve essere inferiore a 0°C.
Per l’allacciamento del condotto scarico fumi sono da
rispettare le normative locali e nazionali (vedi Norme UNI
13384-1-2).
Nella costruzione del condotto di evacuazione è necessario
impiegare materiali resistenti ai prodotti della combustione,
in classe W1 secondo UNI EN 1443, tipicamente acciaio inox
o materiali plastici certificati, come il PVDF (polivinildimetilfluoruro) oppure il PPS (polipropilene translucido semplice) oppure
alluminio o materiali diversi ma con caratteristiche equivalenti
nel rispetto delle norme vigenti.
E’ esclusa qualsiasi responsabilità contrattuale ed extracontrattuale del fornitore per i danni causati da errori
nell’installazione e nell’uso e comunque per inosservanza
delle istruzioni date dal costruttore stesso.
15
Istruzioni per l’installazione
Tabella portata fumi Max.
WKV
150
230
300
348
16
Portata massica
Fumi (max)
kg/h
228,8
349,6
457,7
529,6
Esempio:
VKV 230
Portata massica fumi Altezza canna fumaria
Diametro = 349,6 Kg/h
=
25 m
= 200 mm
NOTA:
Il diagramma fornisce valori indicativi e si
riferisce alla pressione positiva di 40 Pa allo
scarico fumi.
Istruzioni per l’installazione
3.8 -SCARICO DELLE CONDENSE
LA CONDENSA DI PRIMO AVVIAMENTO
Lo scarico delle condense in fogna deve essere:
- realizzato in modo tale da impedire la fuoriuscita dei prodotti
gassosi della combustione in ambiente o in fogna (sifonatura);
- dimensionato e realizzato in modo da consentire il corretto
deflusso degli scarichi liquidi prevenendo eventuali perdite;
- installato in modo tale da evitare il congelamento del liquido
in esso contenuto nelle condizioni di funzionamento previste;
- miscelato ad esempio con reflui domestici (scarichi lavatrici,
lavastoviglie, etc.) per lo più a pH basico in modo da formare una soluzione tampone per poterla poi immettere nelle
fognature.
Deve essere evitato il ristagno dei condensati nel sistema di
scarico dei prodotti della combustione (per questo motivo il
condotto di evacuazione deve avere un’inclinazione, verso lo
scarico, di almeno 30 mm/m) ad eccezione dell’eventuale battente di liquido, presente nel sifone di scarico del sistema per
l’evacuazione dei prodotti della combustione (che deve essere
riempito dopo il montaggio e la cui altezza minima con caldaia in
funzione, deve essere di almeno 25 mm).
È sconsigliato scaricare la condensa attraverso i pluviali delle
grondaie, visto il rischio di ghiaccio e la degradazione dei materiali normalmente utilizzati per la realizzazione dei pluviali stessi
(consultare i regolamenti di igiene locali).
Il raccordo allo scarico dovrà essere visibile.
Visto il grado di acidità della condensa (pH da 3 a 5) come
materiali per le tubazioni di scarico si dovranno utilizzare solamente materiali plastici idonei come PE (polietilene) oppure
PPI (polipropilene).
CAMERA FUMO
La generatrice superiore del tubo di scarico
non dovrà trovarsi ad un livello superiore
al fondo della camera fumo.
150
150
TAPPO DI RIEMPIMENTO
INIZIALE DEL SIFONE
PAVIMENTO
DELLA C.T.
*Sifone minimo di sicurezza imposto dalla norma
** Battente minimo con caldaia in funzione alla massima
potenza.
Nel caso in cui non si volesse o potesse creare uno zoccolo
è possibile montare la caldaia a livello pavimento e creare un
pozzetto profondo almeno 100 mm per alloggiarvi il sifone.
Eventuali dispositivi di neutralizzazione della condensa potranno
essere collegati dopo il sifone.
Per il calcolo della durata della carica di neutralizzazione deve
essere valutato lo stato di consumo del neutralizzatore dopo un
anno di funzionamento.
Sulla base di tale informazione si potrà estrapolare la durata
totale della carica.
KIT DI NEUTRALIZZAZIONE NH 300 - codice 00262827
L’ unità di neutralizzazione NH 300 è stata concepita per:
- apparecchi con potenza fino a 300 kW
- impianti dotati di pozzetto di scarico condensa della centrale
termica posto più in basso dello scarico condensa della caldaia.
Questa unità di neutralizzazione non necessita di collegamenti
elettrici.
Per la neutralizzazione della condensa sono disponibili i kit
neutralizzatore NH 300 ed NH 1500-P.
KIT DI NEUTRALIZZAZIONE NH 1500-P - codice 00262829
L’ unità di neutralizzazione NH 1500-P è stata concepita per:
- apparecchi con potenza fino a 1500 kW
- impianti dotati di pozzetto di scarico condensa della centrale
termica posto più in alto dello scarico condensa della caldaia.
Questa unità di neutralizzazione necessita di collegamenti
elettrici.
17
Istruzioni per l’installazione
3.9 -PORTA FOCOLARE: REGOLAZIONE,
APERTURA, CHIUSURA
IMPORTANTE
- È necessario aprire la porta a caldaia fredda
per evitare danni alla fibra per shock termico.
- La fibra isolante della porta può presentare
delle screpolature dopo un breve periodo di
funzionamento; ciò, comunque, non ne riduce
la capacità isolante e non ne pregiudica la
durata.
- La fibra della porta è facilmente sostituibile ed
è coperta da garanzia di 2 anni.
Per questi modelli l’incernieramento ed il fissaggio della
porta avvengono secondo lo schema indicato a lato.
La porta viene quindi montata con due cerniere di rotazione sul
lato sinistro; la chiusura della porta viene effettuata per mezzo
di 4 viti (pos. C).
Esattamente l’opposto si avrà, invece, quando la porta si
dovrà aprire da sinistra verso destra.
Per eseguire l’inversione della rotazione, è sufficiente
invertire le cerniere di rotazione.
Sulla porta di questi modelli di caldaia è possibile la
seguente regolazione:
A)Regolazione in senso assiale: è possibile avvitando più o
meno le viti di serraggio “C”.
C
C
C
C
ATTENZIONE
Prima di aprire la porta del focolare è necessario
prendere le seguenti misure di sicurezza:
- Chiudere l’alimentazione del combustibile al
bruciatore.
- Raffreddare la caldaia facendo circolare l’acqua
dell’impianto, e quindi togliere l’alimentazione
elettrica.
- Mettere sulla caldaia un cartello segnaletico con
il seguente testo: NON USARE, CALDAIA IN
MANUTENZIONE, FUORI SERVIZIO.
18
Istruzioni per l’installazione
3.10-ALLACCIAMENTO GAS
Dimensioni attacco GAS:
WKV 150 WKV 230/300/348 3/4” F
1 1/2” M
La tubazione di alimentazione deve avere una sezione uguale o
superiore a quella usata in caldaia e comunque deve assicurare
una corretta pressione del gas.
E’ comunque opportuno attenersi alle specifiche norme e prescrizioni vigenti in materia, prevedendo valvola di intercettazione,
filtro gas, giunto antivibrante ecc.
Prima di mettere in servizio un impianto di distribuzione interna di
gas e quindi prima di allacciarlo al contatore, si deve verificarne
accuratamente la tenuta.
Se qualche parte dell’impianto non è in vista, la prova di tenuta
deve precedere la copertura della tubazione.
Pericolo!
L’allacciamento del gas deve essere eseguito
solo a cura di un installatore abilitato che
dovrà rispettare ed applicare quanto previsto
dalle leggi vigenti in materia e dalle locali
prescrizioni della società erogatrice, poiché
un’errata installazione può causare danni
a persone, animali e cose, nei confronti dei
quali Il costruttore non può essere considerato responsabile.
Prima dell’installazione si consiglia di effettuare un’accurata pulizia interna di tutte
le tubazioni di adduzione del combustibile
al fine di rimuovere eventuali residui che
potrebbero compromettere il buon funzionamento della caldaia.
Avvertendo odore di gas:
a) Non azionare interruttori elettrici, il telefono o qualsiasi altro oggetto che possa
provocare scintille;
b) Aprire immediatamente porte e finestre per
creare una corrente d’aria che purifichi
il locale;
c) Chiudere il rubinetti del gas;
d) Chiedere l’intervento di personale professionalmente qualificato.
Al fine di cautelarsi contro eventuali fughe
di gas si consiglia di installare un sistema di
sorveglianza e protezione composto da un
rilevatore di fughe di gas abbinato ad una
elettrovalvola di intercettazione sulle linea di
alimentazione combustibile.
ESEMPIO DI SISTEMA DI ADDUZIONE GAS
1
2
3
4
5
6
Valvola intercettazione combustibile
Regolatore a doppia membrana
Filtro gas
Giunto antivibrante
Elettrovalvola gas
Rubinetto di intercettazione
19
Istruzioni per l’installazione
3.11 - allacciamento CALDAIA
ALL’IMPIANTO
Attenzione!
Prima di collegare la caldaia all’impianto di
riscaldamento procedere ad una accurata
pulizia delle tubazioni con un prodotto idoneo, al fine di eliminare residui metallici di
lavorazione e di saldatura, di olio e di grassi
che potrebbero essere presenti e che, giungendo fino alla caldaia, potrebbero alterarne
il funzionamento.
Per il lavaggio dell’impianto non utilizzare
solventi, in quanto un loro utilizzo potrebbe
danneggiare l’impianto e/o i suoi componenti.
La mancata osservanza delle istruzioni del
seguente manuale può causare danni a persone, animali e cose, nei confronti dei quali
il costruttore non può essere considerato
responsabile.
Attenzione!
Fare attenzione ad eseguire un collegamento delle tubazioni privo di punti di tensione
meccanici per evitare il pericolo di perdite!
La mandata e il ritorno del riscaldamento devono essere allacciati alla caldaia ai rispettivi raccordi come indicato a pagina 8.
Per il dimensionamento dei tubi del circuito di riscaldamento
è necessario tenere conto delle perdite di carico indotte dai
radiatori, dalle eventuali valvole termostatiche, dalle valvole di
arresto dei radiatori e dalla configurazione propria dell’impianto.
Il tracciato dei tubi dovrà essere concepito prendendo ogni precauzione necessaria per evitare le sacche d’aria e per facilitare
il degasaggio continuo dell’impianto.
Assicurarsi che le tubazioni dell’impianto idrico e
di riscaldamento non siano usate come prese di
terra dell’impianto elettrico o telefonico. Non sono
assolutamente idonee a questo uso. Potrebbero
verificarsi in breve tempo gravi danni alle tubazioni, alla caldaia ed ai radiatori.
20
ATTENZIONE!
E’ ASSOLUTAMENTE VIETATO INSERIRE
ORGANI DI INTERCETTAZIONE SUL GENERATORE PRIMA DEI DISPOSITIVI DI SICUREZZA,
Scarico valvola di sicurezza impianto di
riscaldamento
Prevedere, in corrispondenza della valvola di sicurezza riscaldamento, un tubo di scolo con imbuto ed un sifone che conducano
ad uno scarico adeguato. Lo scarico deve essere controllabile
a vista.
Attenzione!
In assenza di tale precauzione, un eventuale
intervento della valvola di sicurezza può
causare danni a persone, animali e cose,
nei confronti dei quali il costruttore non può
essere considerato responsabile.
Collegamento del vaso di espansione
Le caldaie WKV sono adatte per funzionamento con circolazione
d’acqua forzata sia con vaso d’espansione aperto che chiuso.
Un vaso di espansione è sempre necessario, per compensare
l’aumento di volume dell’acqua dovuto al riscaldamento.
La tubazione di collegamento del vaso di
espansione partirà dall’attacco T4 (vedere 2.3 DIMENSIONI) e non dovrà avere alcuna valvola
di intercettazione.
Collegamento del rubinetto di riempimento /
scarico
Per il riempimento e lo scarico della caldaia un apposito rubinetto può essere collegato all’attacco T5, che si trova nella
parte posteriore.
Istruzioni per l’installazione
3.12 -DETERMINAZIONE DELLA POMPA CIRCUITO PRIMARIO O POMPA DI CALDAIA
La pompa dell’impianto deve avere una prevalenza capace di
assicurare le portate rappresentate nel grafico “Perdite di carico
lato acqua”.
La tabella di seguito riportata fornisce indicativamente le portate
del circolatore in funzione del ∆t del circuito primario nel caso in
cui l’installazione disponga di separatore idraulico.
Le pompe devono essere determinate dall’installatore o dal progettista in base ai dati di
caldaia e dell’impianto.
La curva della resistenza lato acqua della
caldaia è rappresentata nella tabella di seguito riportata.
La pompa non è parte integrante
della caldaia.
E’ consigliato scegliere un circolatore con
la portata e prevalenza a circa 2/3 della sua
curva caratteristica.
Potenza in kW
Portata massima in l/h (Dt=15K)
Portata nominale richiesta in l/h (Dt=20K)
230
11992
8994
300
15708
11781
348
18213
13660
Perdita di carico lato acqua
Perdita di carico (mm H2O)
WKV 150
150
7826
5870
Q: portata acqua (l/h)
21
Istruzioni per l’installazione
Perdita di carico lato acqua
Perdita di carico (mm H2O)
WKV 230
Q: portata acqua (l/h)
Perdita di carico lato acqua
Perdita di carico (mm H2O)
WKV 300
Q: portata acqua (l/h)
22
Istruzioni per l’installazione
Perdita di carico lato acqua
Perdita di carico (mm H2O)
WKV 348
Q: portata acqua (l/h)
3.13 -PROTEZIONE ANTIGELO DELLA CALDAIA
La caldaia è dotata di sonda NTC posta sulla mandata.
Se la temperatura di mandata misurata dalla sonda NTC di mandata globale, dovesse scendere sotto i 7 °C la pompa impianto
si mette in moto.
Se la temperatura dovesse scendere ulteriormente (sotto i 3 °C),
la caldaia si metterà in funzione alla potenza minima finché la
temperatura di ritorno non abbia raggiunto i 10 °C. Questo dispositivo protegge solo la caldaia. Per proteggere anche l’impianto
è necessario aggiungere liquido antigelo.
ATTENZIONE!
DOPO UNA PROLUNGATA INATTIVITA’ DEL
GENERATORE, NEL CASO VENGA RISCONTRATA PRESENZA DI GHIACCIO (TEMPERATURE < DI 3°C), NON ATTIVARE ASSOLUTAMENTE IL GENERATORE.
CIO’ E’ CONSENTITO SOLAMENTE NEL
CASO IN CUI VENGA ASSICURATA PRESENZA DI ANTIGELO NEL CIRCUITO PRIMARIO.
NB: Il liquido antigelo deve essere compatibile con i materiali presenti sull’intero impianto.
3.14 -SEPARATORE IDRAULICO E SCAMBIATORE A PIASTRE
Per garantire un corretto funzionamento del sistema si consiglia
di utilizzare un separatore idraulico che garantisce:
- separazione e raccolta delle impurità dei circuiti
- disaerazione ottimale
- disaccoppiamento idraulico tra i due anelli di circolazione
idraulica
- bilanciamento dei circuiti
Lo scambiatore a piastre opportunamente dimensionato, ha
il vantaggio di tenere separati idraulicamente i due circuiti
(primario e secondario) consentendo speciali applicazioni del
generatore PK...X 2S (per esempio per applicazione su un
processo industriale).
23
Istruzioni per l’installazione
3.15 -TRATTAMENTO DELL’ACQUA
Le caratteristiche chimico/fisiche dell’acqua dell’impianto di
riscaldamento e di reintegro sono fondamentali per il buon
funzionamento e la sicurezza della caldaia.
Per cui sarà necessario prevedere prima dell’immissione nell’impianto di riscaldamento i dispositivi indicati in figura.
L’innesto dovrà essere previsto sul
tubo di ritorno del circuito primario
a valle del circolatore.
Le norme di seguito menzionate prevedono un trattamento
preventivo prima di immettere acqua all’interno del circuito di
riscaldamento.
Norme di riferimento:
- UNI CTI 8065/1989 ‘’Trattamento dell’ acqua negli impianti
termici ad uso civile’’
- UNI CTI 8364/1984 ‘’Impianti di riscaldamento Controllo e
manutenzione’’.
Lo scopo di questo trattamento è finalizzato all’eliminazione
o alla sostanziale riduzione degli inconvenienti riassumibili in:
incrostazioni
corrosioni
depositi
crescite biologiche (muffe, funghi, alghe, batteri ecc.)
Dovranno essere prese tutte le precauzioni atte ad evitare la
formazione e localizzazione di ossigeno nell’acqua dell’impianto.
Per questo motivo bisognerà che negli impianti di riscaldamento a pavimento i tubi in plastica utilizzati non siano permeabili
all’ossigeno.
Per eventuali prodotti antigelo assicurarsi che siano compatibili
con i componenti e i materiali dell’impianto.
Attenzione!
Il trattamento delle acque di alimentazione consente di
prevenire gli inconvenienti e mantenere funzionalità ed
efficienza del generatore nel tempo.
Sono dispoinibili a catalogo prodotti specifici per il trattamento acque.
Qualsiasi danno provocato alla
caldaia, dovuto alla formazione di
incrostazioni o da acque corrosive,
non sarà coperto da garanzia.
A tale scopo sarà necessario fissare le seguenti caratteristiche
chimico-fisiche dell’acqua di alimentazione della caldaia:
PH compreso fra 7 e 8
Durezza 15° FR
ESEMPIO DI GRUPPO PER IL TRATTAMENTO DELL’ACQUA
1 Valvola a sfera
2 Pozzetto di prelievo
3 Gruppo di riempimento
4Disconnettore
24
5 Gruppo trattamento acqua
6 Contalitri (consigliato)
7 Filtro a “Y”
Istruzioni per l’installazione
3.16 -Montaggio del mantello
(con pannello comandi montato a destra)
C)Montare le viti a testa svasata sui profili interni dei 2 pannelli
laterali (pos. 4 e 5).
A)Montare l’isolamento (pos. 1) sul corpo fissando i 2 lembi di
giunzione con le mollette elastiche (pos. 2) agganciandole
alla parte esterna in tessuto dell’isolamento.
B)Montare l’isolamento superiore del corpo caldaia (pos. 3) e
fissare i lembi con le mollette elastiche (pos. 2), agganciandole
alla parte esterna in tessuto dell’isolamento del corpo (pos.
1).
D)Montare il pannello laterale sinistro (pos. 4) agganciandolo
al pannello anteriore e fissandolo alla squadretta superiore
sinistra sul corpo caldaia, inserendo la piega inferiore all’interno dei profili ad L sulla base del supporto caldaia.
Eseguire adeguati tagli in prossimità dei pozzetti delle sonde.
25
Istruzioni per l’installazione
E)Sollevare in avanti il coperchio del pannello comandi dopo
aver svitato le due viti laterali con un giraviti
F)Montare il pannello laterale destro (pos. 5) agganciandolo al
pannello anteriore e fissandolo alla squadretta superiore destra sul corpo caldaia, inserendo la piega inferiore all’interno
dei profili ad L sulla base del supporto caldaia.
indirizzare nei fori sul basamento i cavi elettrici in entrata ed
i capillari delle sonde in uscita.
G)Inserire nelle guaine i bulbi degli strumenti come indicato in
figura,
sonda
di caldaia
sonda
termometro
sonda termostato
di sicurezza
Fissare il pannello comandi al pannello laterale destro (pos.
5) utilizzando le 4 viti in dotazione.
collegare il sensore di livello condensa (SL) e il pressostato
fumi (PF),
26
Istruzioni per l’installazione
far passare i cavi elettrici attraverso i passacavi laterali dal
lato in cui si vuole uscire ed eseguire il collegamento elettrico
del pannello comandi alla linea di alimentazione, alla valvola
gas, al ventilatore, etc.
H)Montare il pannello posteriore superiore (pos. 8) agganciandolo alle viti svasate fissate sui pannelli laterali (pos. 4 e 5).
Richiudere il coperchio del quadro elettrico.
I) Fissare i profili di rinforzo (pos. 9) al pannello posteriore
inferiore sinistro (pos. 10).
Fissare le piastrine (pos. 6) di supporto dei passacavi ai
due fianchi e la piastra (pos. 7) di chiusura laterale al fianco
sinistro.
L)Montare il pannello posteriore inferiore sinistro (pos. 10) fissandolo al posteriore del fianco sinistro (pos. 4) ed al pannello
posteriore superiore (pos. 8).
27
Istruzioni per l’installazione
M)Montare il pannello posteriore inferiore destro (pos. 11) fissandolo al posteriore del fianco destro (pos. 5), al pannello
posteriore inferiore sinistro (pos. 10) ed al pannello posteriore
superiore (pos. 8).
Unire i due pannelli posteriori inferiori con il profilo di rinforzo
(pos. 12).
O)Posizionare i pannelli superiori (pos. 14 e 15) ed agganciarli,
premendoli, ai due pannelli laterali.
P)Fissare il duplicato della targhetta dati al pannello laterale
dopo aver sgrassato la parte interessata con apposito solvente.
N)Montare il pannello anteriore inferiore (pos. 13) agganciandolo
alle viti svasate fissate sui pannelli laterali (pos. 4 e 5).
Montaggio del pannello comandi sul lato sinistro
Attenzione !
Nel caso in cui il pannello comandi venga montto
sul lato sinistro, è necessario ruotare la centralina
di termoregolazione eBus.
Per ruotare la centralina di termoregolazione eBus sul pannello
comandi è necessario:
Q) rimuovere le due viti “1” di fissaggio del coperchio “2” di
accesso alla morsettiera della centralina “3”,
3
1
2
28
1
Istruzioni per l’installazione
R) dopo aver rimosso il coperchio scollegare il connettore “4”,
svitare i 2 dadi “5” e rimuovere la staffa di fissaggio “6”,
6
U) collegare nuovamente il connettore “4” sulla centralina,
4
5
5
4
V) rimontare il coperchio “2” di accesso alla morsettiera della
centralina, e fissarlo mediante le due viti “1”.
S) ruotare la centralina di 180°,
2
1
T) riposizionare la centralina “3”, tramite la staffa di fissaggio
“6” e avvitando i 2 dadi “5”,
3
5
5
6
29
Istruzioni per l’installazione
3.17 -RIEMPIMENTO E SVUOTAMENTO
DELL’IMPIANTO
Attenzione!
Non miscelare l’acqua del riscaldamento
con sostanze antigelo o anticorrosione in
errate concentrazioni! Può danneggiare le
guarnizioni e provocare l’insorgere di rumori
durante il funzionamento.
Il costruttore declina ogni responsabilità nel
caso danni procurati a persone, animali o
cose subentranti in seguito a mancata osservanza di quanto sopra esposto.
Effettuati tutti i collegamenti dell’impianto si può procedere al
riempimento del circuito.
GRUPPO DI
CARICAMENTO
30
Per il riempimento dell’impianto è necessario predisporre
un rubinetto di carico sul ritorno dell’impianto.
La caldaia è dotata di un proprio rubinetto di svuotamento, la cui
posizione è indicata nella figura di pagina 9. Questo rubinetto
non può mai essere utilizzato per lo svuotamento dell’impianto,
in quanto tutta la sporcizia presente nell’impianto potrebbe accumularsi in caldaia, compromettendone il buon funzionamento.
L’impianto, pertanto, deve essere dotato di un proprio rubinetto
di svuotamento, di dimensione adatta alla capacità dell’impianto
stesso.
Istruzioni per l’installazione
3.18-ALLACCIAMENTI ELETTRICI
Avvertenze generali
La sicurezza elettrica dell’apparecchio è assicurata soltanto
quando lo stesso è correttamente collegato ad un efficace
impianto di messa a terra eseguito come previsto dalle vigenti
norme di sicurezza: non sono assolutamente idonee come prese
di terra le tubazioni degli impianti gas, idrico e di riscaldamento.
È necessario verificare questo fondamentale requisito di sicurezza; In caso di dubbio, richiedere un controllo accurato
dell’impianto elettrico da parte di personale professionalmente
qualificato, poiché il costruttore non è responsabile per eventuali
danni causati dalla mancanza di messa a terra dell’impianto.
Far verificare da personale professionalmente qualificato che
l’impianto elettrico sia adeguato alla potenza massima assorbita
dall’apparecchio, indicata in targa, accertando in particolare che
la sezione dei cavi dell’impianto sia idonea alla potenza assorbita
dall’apparecchio.
Per l’alimentazione generale dell’apparecchio dalla rete elettrica
non è consentito l’uso di adattatori, prese multiple e/o prolunghe.
L’uso di un qualsiasi componente che utilizza energia elettrica
comporta l’osservanza di alcune regole fondamentali quali:
• non toccare l’apparecchio con parti del corpo bagnate e/o
umide e/o a piedi nudi;
• non tirare i cavi elettrici;
• non lasciare esposto l’apparecchio ad agenti atmosferici
(pioggia, sole, ecc.) a meno che non sia espressamente
previsto;
• non permettere che l’apparecchio sia usato da bambini o da
persone inesperte.
Si ricorda che è necessario installare sulla linea di
alimentazione elettrica della caldaia un interruttore
bipolare con distanza tra i contatti maggiore di 3
mm, di facile accesso, in modo tale da rendere veloci e sicure eventuali operazioni di manutenzione.
La sostituzione del cavo di alimentazione deve
essere effettuata da personale tecnico autorizzato. Il mancato rispetto di quanto sopra può
compromettere la sicurezza dell’apparecchio.
ATTENZIONE!
Si ricorda inoltre che, a monte dell’alimentazione, sarà necessario prevedere un relé di
servizio (NON FORNITO) che, all’intervento
delle sicurezze elettriche (INAIL - ex ISPESL), tolga alimentazione elettrica alla valvola
intercettazione combustibile montata sul
circuito adduzione gas, ma non alla caldaia
in modo tale da garantire il funzionamento
della pompa e quindi il raffreddamento della
caldaia stessa.
Collegamento Termostato Ambiente
PERICOLO!
Interrompere l’alimentazione elettrica prima
di effettuare qualsiasi operazione sulle parti
elettriche
- Accedere alla morsettiera Y1
- Per il collegamento del Termostato Ambiente collegare i cavi tra i morsetti IN e OUT.
Collegamento alimentazione elettrica 230V
I collegamenti elettrici sono illustrati nella sezione “3.19 - SCHEMA DI COLLEGAMENTO PRATICO”.
L’installazione della caldaia richiede il collegamento elettrico
ad una rete a 230 V - 50 Hz: tale collegamento deve essere
effettuato a regola d’arte come previsto dalle vigenti norme CEI.
Il cavo di alimentazione della caldaia deve avere le seguenti
caratteristiche: CAVO PVC HT H05V2V2-F 3X0,75
Pericolo!
L’installazione elettrica deve essere eseguita
solo a cura di un tecnico abilitato.
Prima di eseguire i collegamenti o qualsiasi
operazione sulle parti elettriche, disinserire
sempre l’alimentazione elettrica e assicurarsi che non possa essere accidentalmente
reinserita.
31
Istruzioni per l’installazione
Collegamento Sonda Esterna
Caldaia singola
PERICOLO!
Interrompere l’alimentazione elettrica prima
di effettuare qualsiasi operazione sulle parti
elettriche
Batteria di caldaie
PERICOLO!
Interrompere l’alimentazione elettrica prima
di effettuare qualsiasi operazione sulle parti
elettriche
- Accedere al morsetto Y2 della Controllore di Cascata
BCM (da ordinare come accessorio opzionale).
- Per il collegamento della Sonda Esterna inserire i cavi
tra i pin 6 e 7 della morsettiera Y2.
32
- Accedere al retro della centralina eBus e rimuovere il
morsetto numerato da 5 a 11
- Per il collegamento della Sonda Esterna inserire i cavi
tra i pin 9 e 10 della morsettiera della centralina eBus.
Istruzioni per l’installazione
Collegamento Circolatore
Caldaia singola
CIRCOLATORE
A PORTATA FISSA
- Per il collegamento della pompa a portata fissa, inserire
i cavi tra i pin 1,2 e
della morsettiera M1.
Batteria di caldaie
Circolatore modulante
La scheda BCM (kit opzionale) elabora i dati relativi al
salto termico (∆t tra mandata e ritorno primario) e potenza
erogata.
Al ridursi della potenza erogata diminuisce il numero di
giri della pompa e quindi la portata oraria, mantenendo
pressochè costante il salto termico.
Il segnale di modulazione 0 - 10 Volt è preimpostato a:
- 3 Volt per la velocità minima
- 10 Volt per velocità massima.
Questi valori possono essere modificati a seconda del modello di circolatore utilizzato. Per
ulteriori informazioni sul segnale 0 - 10 Volt, fare
riferimento anche al manuale del circolatore. CIRCOLATORE
MODULANTE
MORSETTI 0-10 V
INTERFACCIA POMPA
MODULANTE
CIRCOLATORE
A PORTATA FISSA
ALIMENTAZIONE
230V - 50 Hz
ALIMENTAZIONE
230V - 50 Hz
ALIMENTAZIONE
230V - 50 Hz
ALIMENTAZIONE
POMPA
MODULANTE
POMPA
33
Istruzioni per l’installazione
3.19-SCHEMA DI COLLEGAMENTO PRATICO
E. ACC
E. RIV
IG
PF
PG
SR
SL
TL
TR. ACC.
VG
VM 34
= Elettrodo di accensione
= Elettrodo di rivelazione
= Interuttore generale
= Pressostato fumi
= Pressostato gas
= Sonda riscaldamento
= Sensore di Livello condensa
= Termostato di sicurezza
= Trasformatore di accensione
= Valvola gas
= Rilevamento/Regolazione ventilatore modulante
Istruzioni per l’installazione
3.20 -TIPOLOGIE DI INSTALLAZIONE
Caldaia singola
Batteria di caldaie
Pannello
equipaggiato
di centralina eBus
(Master)
Pannello
equipaggiato
di centralina eBus
(Master)
Pannello
Slave
Controllore di
cascata BCM
(kit 00361602)
35
Istruzioni per l’installazione
Collegameni elettrici batteria di caldaie
Il cavo per il collegamento BUS
tra le caldaie deve avere le
seguenti caratteristiche:
CAVO PVC HT 2X0,5
Rimuovere il
ponticello fra
contatti
IN e OUT della
morsettiera Y1
Posizionamento
selettore schede
pos.
BCM0
Caldaia 1 (con centralina eBus) 0
Caldaia 2 (Slave)
1
Caldaia 3 (Slave)
2
Caldaia 4 (Slave)
3
Caldaia 5 (Slave)
4
Caldaia 6 (Slave)
5
Caldaia 7 (Slave)
6
Caldaia 8 (Slave)
7
36
Il cavo per il collegamento
tra caldaia e BCM deve
avere le seguenti caratteristiche:
CAVO PVC HT 3X0,5
Istruzioni per l’installazione
3.21- ESEMPI DI INSTALLAZIONE
Di seguito è riportato lo schema tipico di connessione della caldaia all’impianto di riscaldamento costituito da 1 zona a alta temperatura
diretta
NB: Nel caso di un solo ritorno impianto (bassa
o media temperatura), il collegamento deve essere SEMPRE effettuato al tronchetto di ritorno
più basso della caldaia (tronchetto “ritorno
impianto bassa temperatura”).
37
38
NB: Nel caso di un solo ritorno impianto
(bassa o media temperatura), il collegamento deve essere SEMPRE effettuato al
tronchetto di ritorno più basso della caldaia (tronchetto “ritorno impianto bassa
temperatura”).
Di seguito è riportato lo schema tipico di connessione della caldaia all’impianto di riscaldamento costituito da 2 caldaie con funzionamento in cascata al servizio di 1 zona a alta
temperatura.
Istruzioni per l’installazione
Istruzioni per l’installazione
3.22-PRIMA ACCENSIONE
Controlli preliminari
La prima accensione deve essere effettuata
da personale professionalmente qualificato.
Il costruttore declina ogni responsabilità nel
caso danni procurati a persone, animali o
cose subentranti in seguito a mancata osservanza di quanto sopra esposto.
Prima della messa in funzione della caldaia è opportuno verificare che:
- l’installazione risponda alle norme UNI 7129 e 7131 per la
parte gas, alle norme CEI 64-8 e 64-9 per la parte elettrica;
- l’adduzione dell’aria comburente e la evacuazione dei fumi
avvengano in modo corretto secondo quanto stabilito dalle
norme vigenti (UNI 7129/7131);
- l’impianto di alimentazione del combustibile sia dimensionato
per la portata necessaria alla caldaia e che sia dotato di tutti
i dispositivi di sicurezza e di controllo prescritti dalle norme
vigenti;
- la tensione di alimentazione della caldaia sia 230V - 50Hz;
- l’impianto sia stato riempito d’acqua (pressione al manometro
di circa 1 bar con circolatore fermo) e correttamente spurgato
dall’aria;
- eventuali saracinesche di intercettazione impianto siano
aperte;
- il gas da utilizzare corrisponda a quello di taratura della caldaia: in caso contrario provvedere ad effettuare la conversione
della caldaia all’utilizzo del gas disponibile; tale operazione
deve essere eseguita da personale tecnico qualificato secondo le norme vigenti;
- i rubinetti di alimentazione del gas siano aperti;
- non ci siano perdite di gas;
- l’interruttore generale esterno sia inserito;
- le valvole di sicurezza dell’impianto non siano bloccate e che
siano collegate allo scarico fognario;
- non ci siano perdite d’acqua.
Accensione e spegnimento
Per l’accensione e lo spegnimento della caldaia vedere il libretto
“ISTRUZIONI D’USO PER IL RESPONSABILE DELL’IMPIANTO”.
Informazioni da fornire al responsabile dell’impianto
Il responsabile dell’impianto deve essere istruito sull’utilizzo
e sul funzionamento del proprio impianto di riscaldamento, in
particolare:
• Consegnare al responsabile dell’impianto le “ISTRUZIONI
D’USO PER IL RESPONSABILE DELL’IMPIANTO”, nonché
gli altri documenti relativi all’apparecchio inseriti nella busta
contenuta nell’imballo. Il responsabile dell’impianto deve
custodire tale documentazione in modo da poterla avere
a disposizione per ogni ulteriore consultazione.
• Informare il responsabile dell’impianto sull’importanza delle
bocchette di aerazione e del sistema di scarico fumi, evidenziandone l’indispensabilità e l’assoluto divieto di modifica.
• Informare il responsabile dell’impianto riguardo al controllo
della pressione dell’acqua dell’impianto nonché sulle operazioni per l’eventuale ripristino della stessa.
• Informare il responsabile dell’impianto riguardo la regolazione
corretta di temperature, centraline/termostati e radiatori per
risparmiare energia.
• Ricordare che è obbligatorio effettuare una manutenzione
regolare dell’impianto una volta all’anno e un’analisi di combustione nei tempi previsti dalla norma in vigore.
• Se l’apparecchio dovesse essere venduto o trasferito ad
un altro proprietario o se si dovesse traslocare e lasciare
l’apparecchio, assicurarsi sempre che il libretto accompagni
l’apparecchio in modo che possa essere consultato dal nuovo
proprietario e/o dall’installatore.
Le caldaie WKV sono caldaie a circolazione forzata: è quindi
necessario assicurare la circolazione dell’acqua a bruciatore in funzione.
Si dovrà, pertanto, evitare che il bruciatore si metta in marcia
senza che la pompa dell’impianto sia stata attivata; diversamente
il termostato di sicurezza potrebbe intervenire.
La temperatura negli ambienti sarà regolata tramite la valvola
miscelatrice comandata dalla termoregolazione.
All’accensione ed allo spegnimento del bruciatore potranno udirsi dei deboli rumori dovuti all’assestamento della
struttura. Ciò non deve preoccupare in quanto le dilatazioni
sono state previste in fase di progettazione.
- siano garantite le condizioni per l’aerazione e le distanze
minime per effettuare le manutenzioni come indicato nella
sezione “3.6 - Posizionamento in centrale termica”.
39
Istruzioni per l’installazione
3.23 -REGOLAZIONE DEL BRUCIATORE
WKV 150
ATTENZIONE!
Tutte le istruzioni di seguito riportate sono ad uso
esclusivo del personale addetto all’assistenza
autorizzata.
Tutte le caldaie escono di fabbrica già tarate e
collaudate, tuttavia qualora le condizioni di taratura dovessero essere modificate, è necessario
eseguire la ritaratura della valvola gas.
A) REGOLAZIONE ALLA POTENZA MASSIMA
- Rimuovere il tappo ed inserire la sonda di analisi della CO2
nella presa fumi del terminale aspirazione/scarico.
VITE DI REGOLAZIONE
POTENZA MASSIMA
B) REGOLAZIONE ALLA POTENZA MINIMA
- Tramite la centralina ebus modificare la la funzione
“spazzacamino” e far funzionare la caldaia alla minima
potenza (vedere procedura a pag. 43).
- Verificare il livello della CO2 rientri nei valori indicati nella
tabella “Ugelli pressioni”.
- Correggere eventualmente il valore girando la vite di
regolazione ‘’B’’ in senso ORARIO per aumentare in
senso ANTIORARIO per diminuire.
Presa
d’ispezione
fumi
- Tramite la centralina ebus attivare la funzione “spazzacamino”
e far funzionare la caldaia alla massima potenza (vedere
procedura a pag. 43).
- Verificare il livello della CO2 rientri nei valori indicati nella
tabella “Ugelli pressioni”(vedi pag. 9). - Correggere eventualmente il valore girando la vite di regolazione ‘’A’’ in senso ORARIO per diminuire, in senso
ANTIORARIO per aumentare.
VITE DI REGOLAZIONE
POTENZA MINIMA
Per disattivare la funzione SPAZZACAMINO premere il tasto sinistro.
C) Conclusione delle tarature di base
- Controllare i valori della CO2 alla minima e massima
portata.
- Se necessario procedere agli eventuali ritocchi.
Per un corretto funzionamento occorre tarare i valori di CO2 con particolare attenzione
rispettando i valori di tabella.
- Richiudere con l’apposito tappo la presa
scarico fumi del terminale di aspirazione/scarico.
40
Istruzioni per l’installazione
In caso di sostituzione della Valvola gas o
difficoltà di accensione:
Avvitare la vite di regolazione massima ‘’A’’ in
senso orario fino a battuta, quindi svitare per
3 giri.
Verificare l’accensione della caldaia, nel caso si
verifichi il blocco svitare ancora la vite ‘’A’’ di un
giro, quindi riprovare l’accensione. Nel caso la
caldaia vada ancora in blocco, eseguire ancora
le operazioni sopradescritte fino all’accensione
della caldaia.
A questo punto eseguire la regolazione del
bruciatore come precedentemente illustrato.
UGELLI - PRESSIONI
Controllare spesso i livelli di CO2 specialmente alle basse portate.
WKV 150
Pressione Diaframma
Livelli
Aliment.
collettore CO2 (%)
(mbar)
(Ø e n. fori )
min
Tipo di
Gas
Gas nat. (G20)
20
-
9,1
Livelli
CO2 (%)
max
9,1
Velocità
ventilatore %
FL
FH
min
max
31
96
Ugello
mixer
(Ø mm)
Consumi
min.
Consumi
max.
Potenza
avv. %
9,0
3,7 m³/h
14,8 m³/h
60
3.25 -REGOLAZIONE DEL BRUCIATORE
WKV 230 - WKV 300 - WKV 348
ATTENZIONE!
Tutte le istruzioni di seguito riportate sono ad uso
esclusivo del personale addetto all’assistenza
autorizzata.
Tutte le caldaie escono di fabbrica già tarate e
collaudate, tuttavia qualora le condizioni di taratura dovessero essere modificate, è necessario
eseguire la ritaratura della valvola gas.
Attenzione, durante queste operazioni non
effettuare prelievi in sanitario.
- Tramite la centralina ebus attivare la funzione “spazzacamino”
e far funzionare la caldaia alla massima potenza (vedere
procedura a pag. 43).
- Verificare il livello della CO2 rientri nei valori indicati nella
tabella “Ugelli pressioni”. - Correggere eventualmente il valore girando la vite di regolazione ‘’A’’ in senso ORARIO per aumentare, in senso
ANTIORARIO per diminuire.
A) REGOLAZIONE ALLA POTENZA MASSIMA
- Rimuovere il tappo ed inserire la sonda di analisi della CO2
nella presa fumi del terminale aspirazione/scarico.
Presa
d’ispezione
fumi
VITE DI REGOLAZIONE
POTENZA MASSIMA
41
Istruzioni per l’installazione
B) REGOLAZIONE ALLA POTENZA MINIMA
VITE DI REGOLAZIONE
POTENZA MINIMA
- Tramite la centralina ebus modificare la la funzione
“spazzacamino” e far funzionare la caldaia alla minima
potenza (vedere procedura a pag. 43).
- Verificare il livello della CO2 rientri nei valori indicati nella
tabella “Ugelli pressioni”.
- Correggere eventualmente il valore girando la vite di
regolazione ‘’B’’ in senso ORARIO per aumentare in
senso ANTIORARIO per diminuire.
C) Conclusione delle tarature di base
- Controllare i valori della CO2 alla minima e massima
portata.
- Se necessario procedere agli eventuali ritocchi.
Per un corretto funzionamento occorre tarare i valori di CO2 con particolare attenzione
rispettando i valori di tabella.
- Richiudere con l’apposito tappo la presa scarico fumi
del terminale di aspirazione/scarico
UGELLI - PRESSIONI
Controllare spesso i livelli di CO2 specialmente alle basse portate.
WKV 230
Tipo di
Gas
Gas nat. (G20)
Pressione Diaframma
Livelli
Aliment.
collettore CO2 (%)
(mbar)
(Ø e n. fori )
min
20
-
9,2
Livelli
CO2 (%)
max
9,2
Velocità
ventilatore %
FL
FH
min
max
24
82
Ugello
mixer
(Ø mm)
Consumi
min.
Consumi
max.
Potenza
avv. %
15
5,28 m³/h
22,83 m³/h
60
Velocità
ventilatore %
FL
FH
min
max
24
87
Ugello
mixer
(Ø mm)
Consumi
min.
Consumi
max.
Potenza
avv. %
15
7,4 m³/h
29,61 m³/h
50
Velocità
ventilatore %
FL
FH
min
max
24
99
Ugello
mixer
(Ø mm)
Consumi
min.
Consumi
max.
Potenza
avv. %
7,4 m³/h
34,26 m³/h
50
WKV 300
Tipo di
Gas
Gas nat. (G20)
Pressione Diaframma
Livelli
Aliment.
collettore CO2 (%)
(mbar)
(Ø e n. fori )
min
20
-
9,1
Livelli
CO2 (%)
max
9,1
WKV 348
Tipo di
Gas
Gas nat. (G20)
42
Pressione Diaframma
Livelli
Aliment.
collettore CO2 (%)
(mbar)
(Ø e n. fori )
min
20
-
9,1
Livelli
CO2 (%)
max
9,1
15
Istruzioni per la taratura/regolazione HSCP
3.25 - MISURA IN OPERA DEL RENDIMENTO DI COMBUSTIONE
(Funzione da utilizzare solo per analisi di
combustione, per chè non è necessaria alcuna
regolazione della valvola gas
ed è inoltre presente un controllo
automatico della combustione).
ATTENZIONE effettuare l’analisi di combustione con il mantello
frontale applicato all’apparecchio.
3
1
MASSIMA/MINIMA POTENZA
SELEZIONE
Posizionarsi con manopola ‘‘C’’ su
Confermare con il tasto ‘‘A’’ viene visualizzato
Posizionarsi con manopola ‘‘C’’ su
Confermare con il tasto ‘‘A’’
Con manopola ‘‘C’’ regolare la potenza alla quale si deve
effettuare la taratura confermando con il tasto ‘‘A’’.
• POTENZA MINIMA
Premere il tasto ‘‘B’’ e Selezionare con manopola ‘‘C’’ il
simbolo
.
2
SELEZIONE funzione Taratura
=
• POTENZA MASSIMA =
Effettuare la taratura per ogni
elemento termico selezionando
i bruciatori
4
DISATTIVAZIONE
Terminata la taratura, premere il tasto ‘‘B’’ per tornare al
menu’ iniziale
Posizionarsi su
con manopola ‘‘C’’ e confermare
con tasto A .
(inserire codice d’accesso)
43
Istruzioni per la taratura/regolazione HSCP
3.26 - PROGRAMMAZIONE DEI PARAMETRI DI FUNZIONAMENTO
ATTENZIONE!
Funzione riservata esclusivamente ai Centri
di Assistenza Autorizzati.
1
3
Selezionare
con manopola ‘‘C’’ e premere il tasto ‘‘A’’,
per accedere alla programmazione tecnica di ogni dispositivo (è richiesta password 0000).
SELEZIONE
4
Selezionare con manopola ‘‘C’’ il simbolo
tasto ‘‘A’’. Attendere scansione
2
SELEZIONE Gestione dispositivi
SELEZIONE
. Premere il
SELEZIONE Gestione dispositivi
Selezionare il parametro con manopola ‘‘C’’
Premere il tasto ‘‘A’’ (selez),
5
MODIFICA
Il display mostra lo stato e le sezioni attive del sistema: ( - =
inattivo / 1 attivo)
• HCM (controllore di cascata BCM)
• SHC (modulo multifunzione) opzionale
• BMM (scheda gestione bruciatore)
Selezionare il modulo con la manopola ‘‘C’’ e confermare
con il tasto ‘‘A’’ .
44
Ruotare manopola ‘‘C’’ per modificare il valore
Premere il tasto ‘‘A’’ (salva),
Istruzioni per la taratura/regolazione HSCP
IMPOSTAZIONI DI FABBRICA
Posizione Identificativo
Descrizione parametro
PKX 150
PKX 230
PKX 300
1
31
2
CH: Setpoint Minimo
20
20
20
20
39
CH: Setpoint Massimo
85
85
85
85
3
322
Pompa: Postcircolazione
5
5
5
5
4
309
Config. Impianto (master singola)
3
3
3
3
Config. Impianto (master in batteria)
2
2
2
2
Config. Impianto (slave)
2
2
2
2
5
619
Modulazione di Accensione
60
60
50
65
6
314
Modulazione in Standby
0
0
0
0
7
319
Modulazione Massima
96
99
90
99
8
346
Modulazione Minima
32
29
24
28
9
488
Ventilatore: PWM @ Max
20
20
30
30
10
527 Ventilatore: Imp./Giro
PKX 348
223
3
11
2590
Potenza del Bruciatore
150
230
300
350
12
483
Temp. Differenziale Max
0
0
0
0
13
622
Sensore di Flusso Minimo
0
0
0
0
14
34
Isteresi del Bruciatore
5
5
5
5
15
336
Gradiente di Temperatura
3
3
3
3
16
353
Regolazione Proporzionale
30
30
30
30
17
354
Regolazione Integrativa
3
3
3
3
18
478
Regolazione Derivativa
0
0
0
0
19
486
Ventilatore: Reg. Prop.
6
6
14
14
20
487
Ventilatore: Reg. Int.
1
1
2
2
21
337
Gradiente di Modulazione
1000
1000
2000
2000
22
526
Ventilatore: Vel. Max.
100
110
100
110
23
777
Controllo APS
0
0
0
0
24
793
Sensore ostruzione camino
1
1
1
1
45
Ispezioni e manutenzione
4
ISPEZIONE E
MANUTENZIONE
Ispezioni e manutenzioni effettuate a regola
d’arte e ad intervalli regolari nonché l’utilizzo
esclusivo di pezzi di ricambio originali sono
di primaria importanza per un funzionamento
esente da anomalie e garantire una lunga
durata alla caldaia.
La manutenzione annuale dell’apparecchio è
obbligatoria come da Leggi vigenti.
Ispezioni e Manutenzioni non eseguite possono causare danni materiali e personali.
Per questo motivo raccomandiamo di stipulare un contratto di
ispezione o di manutenzione.
L’ispezione serve a determinare lo stato effettivo di un apparecchio ed a confrontarlo con lo stato nominale. Questo avviene
mediante misurazione, controllo, osservazione.
La manutenzione è necessaria per eliminare eventualmente le
deviazioni dello stato effettivo dallo stato nominale. Ciò ha luogo
di consueto mediante la pulitura, l’impostazione e l’eventuale
sostituzione di singoli componenti soggetti ad usura.
Questi intervalli di manutenzione e la loro entità vengono determinati dallo specialista sulla base dello stato dell’apparecchio
accertato nell’ambito dell’ispezione.
Istruzioni per l’ispezione e per la manutenzione
Per assicurare a lungo termine tutte le funzioni
dei vostro apparecchio e per non alterare lo
stato di serie omologato devono essere utilizzate
esclusivamente pezzi di ricambio originali.
Prima di procedere con le operazioni di manutenzione eseguite sempre le operazioni riportate qui di seguito
riportate:
• Disinserire l’interruttore della rete.
• Separare l’apparecchio dalla rete elettrica mediante un dispositivo di separazione con un’apertura di contatto di almeno 3
mm (p. es. dispositivi di sicurezza o interruttori di potenza) e
accertarsi che non possa essere reinserito accidentalmente.
• Chiudere la valvola intercettazione gas a monte della caldaia.
• Chiudere le eventuali valvole di intercettazione sulla mandata
e sul ritorno del riscaldamento.
Dopo avere ultimato tutti i lavori di manutenzione eseguire sempre le operazioni qui di seguito riportate:
• Aprire la mandata ed il ritorno del riscaldamento.
• Se necessario, procedere al ripristino della pressione dell’impianto di riscaldamento fino a raggiungere un valore pari
alla pressione statica relativa al punto più alto dell’impianto
stesso.
• Aprire la valvola intercettazione gas.
• Ricollegare l’apparecchio alla rete elettrica ed inserite l’interruttore della rete.
• Controllate la tenuta stagna dell’apparecchio sia sul lato gas
che sul lato acqua.
• Sfiatare l’impianto di riscaldamento e se necessario ripristinare la pressione.
Allorché si decida la disattivazione temporanea della caldaia
si dovrà:
a) procedere all’intercettazione delle alimentazioni: elettrica, idrica
e del combustibile;
b) procedere allo svuotamento dell’impianto idrico, ove non sia
previsto l’impiego di antigelo.
46
Ispezioni e manutenzione
Manutenzione del corpo
Pericolo !
Prima di eseguire qualsiasi intervento sulla
caldaia, assicurarsi che lo stessa ed i suoi
componenti si siano raffreddati.
Scollegare la caldaia dalla rete elettrica e chiudere l’alimentazione del gas verso l’apparecchio.
di combustione;
- asportare la portina di accesso alla camera fumo;
- verificare l’integrità dei componenti interni.
Verifica stato guarnizioni e fibre isolanti
Attenzione !
Prima di procedere alla pulizia del corpo
caldaia, proteggere il pannello di comando
contro eventuali spruzzi d’acqua.
Una volta all’anno, ad ogni fine stagione di riscaldamento, è necessario effettuare una pulizia generale della caldaia.
Prima di procedere a qualsiasi lavoro di manutenzione, verificare
che siano state messe in atto tutte le precauzioni di cui al punto
precedente.
Per procedere alle operazioni di manutenzione si deve:
- togliere tensione agendo sull’interruttore generale;
- rimuovere il bruciatore, che nell’occasione potrebbe essere
revisionato;
- aprire la porta focolare in modo da poter accedere alla camera
La fibra isolante della porta, dopo un breve
periodo di funzionamento, può presentare delle
screpolature; ciò, comunque, non ne riduce la
capacità isolante e non ne pregiudica la durata.
Verificare lo stato della guarnizione di tenuta che
non dovrà presentare segni di deterioramento; in
caso contrario dovrà essere sostituita, utilizzando
esclusivamente ricambi originali.
Verificare lo stato della guarnizione del coperchio
ispezione camera fumi.
In caso di deterioramento dovrà essere sostituita,
utilizzando esclusivamente ricambi originali.
Componenti da verificare durante la verifica annuale
COMPONENTE:
VERIFICARE:
METODO DI CONTROLLO/INTERVENTO:
Ts (termostato di sicurezza)
Il termostato mette la caldaia in sicurezza
nel caso di surriscaldamento?
Portare in temperatura la caldaia con le
pompe ferme
Vaso d’espansione impianto
Il vaso contiene la giusta quantità
d’aria?
Controllare la pressione.
Rimettere in pressione la caldaia (aprire lo
spurgatore della pompa). Aprire i rubinetti di
chiusura circuito riscaldamento.
Guarnizioni della porta
Esce fumo dalle guarnizioni della porta?
Serrare maggiormente le viti di chiusura
della porta.
Sostituire la guarnizione di tenuta ed eventualmente la guarnizione interna della porta.
Guarnizioni camera fumo
Esce fumo dalle guarnizioni della camera
fumo?
Serrare maggiormente i dadi di chiusura
della camera fumo.
Sostituire le guarnizioni di tenuta.
Elettrodo di accensione
L’accensione avviene correttamente?
Verificare che la distanza fra elettrodo e
bruciatore sia 9÷10 mm.
Verificare che la distanza fra le punte dell’elettrodo sia 3 mm.
Controllare la scarica con gas chiuso
Elettrodo di rilevazione
La rilevazione di fiamma è corretta?
Verificare che la distanza fra elettrodo e
bruciatore sia 15÷18 mm.
Verificare accensione e rilevazione con
impianto freddo
Bruciatore
Il bruciatore è ancora in condizioni di funzionamento ottimali?
Eseguire controllo visivo della fibra; se
sporco pulire con getto di aria dall’interno
verso l’esterno
47
Codici di errore
3.30 - CODICI DI ERRORE
Quando la caldaia rileva una anomalia, ll simbolo allarme Il ripristino della caldaia è possibile premendo il
viene visualizzato sul display, con il relativo codice di errore e tasto ‘‘A’’.
la descrizione.
( Num ) = vedi legenda Par. 2.2
CODICE
RIMEDI
01
DESCRIZIONE
rilevato su BMM
TERMOSTATO SICUREZZA
Intervento del termostato di sicurezza
Premere sul pulsante di sblocco sul pannello e/o verificare che il termostato o i suoi collegamenti non siano interrotti.
02
PRESSOSTATO GAS
Ristabilita la corretta pressione ritenterà l’acensione
Intervento del pressostato gas, pressione
gas insufficiente
04
05
06
10
11
12
13
16
48
BLOCCO
Verificare l’alimentazione gas oppure il buon funzionamento elettrodo di
Mancanza gas o mancata accensione accensione/rilevazione (4).
bruciatore
PERDITA DI FIAMMA
DURANTE IL
FUNZIONAMENTO.
Verificare elettrodo rilevazione
ALTA TEMPERATURA
Temperatura di caldaia troppo elevata
Verificare il funzionamento del circolatore ed eventualmente
pulire lo scambiatore
GUASTO INTERNO
Rilevazione fiamma prima dell’accensione
(fiamma parassita)
SONDA MANDATA
Sonda di mandata guasta
Verificare l’efficienza del sensore (vedi tabella Res/Temp) (Par.4) o i
suoi collegamenti.
SENSORE SANITARIO
Verificare il cablaggio, eventualmente sostituire la sonda
Sonda sanitario guasta (solo se la caldaia
è accoppiata a bollitore esterno).
CONGELAMENTO SCAMBIATORE Tentare un reset poiche il sistema automaticamente aziona la funzione
di antigelo e quindi potrebbe trattarsi solo di un avviso.
PRIMARIO
20
FIAMMA PARASSITA
Dopo 15 secondi dallo spegnimento
24
VELOCITA’ FUORI
Verificare il funzionamento del ventilatore e le connessioni
CONTROLLO
Alterazione della velocità ventilatore la
velocità non viene raggiunta.
Codici di errore
26
28
29
30
32
CODICE
17
18
19
37
38
56
57
58
VELOCITA’ FUORI
Verificare il funzionamento del ventilatore e le connessioni
CONTROLLO
Alterazione della velocità ventilatore la
velocità e’ superiore a quella richiesta
SCARICHI OSTRUITI
Verificare Camini / Verificare sifone.
ACQUA ALL’INTERNO DELLA CAME- Verificare che il sifone di scarico condensa non sia ostruito
RA DI COMBUSTIONE
PARAMETRI DI FABBRICA
Premere il tasto di sblocco se l’anomalia non scompare, sostituire la
Alterazione dei parametri di fabbrica o scheda
eventuali interferenze elettromagnetiche.
Tensione Linea sotto dell’80% del valore
nominale. Attendere finché la tensione
di linea è > 85% del valore nominale. .
Correzione: se la tensione di linea < 190Vac: la tensione di linea è
veramente sotto il limite minimo, altrimenti errori di linea del monitor:
sostituire il BMM
DESCRIZIONE rilevato su HCM (BCM)
OPTIONAL
RIMEDI
CONGELAMENTO
SCAMBIATORE
effetto stop
Tentare un Reset poichè il sistema automaticamente aziona la funzione
di antigelo e quindi potrebbe trattarsi solo di un avviso.
Protezione massima ∆t manda- Controllo circolazione, verificare
ta-ritorno
l’installazione
effetto stop
Sovratemperatura
Controllo circolazione
della mandata.
Si attiva quando la temperatura di mandata è > 95. Il ripristino avviene in modo
automatico quando la temperatura è < 80.
Effetto: Stop bruciatore, Pompa accesa
MEMORIA PARAMETRI
DIFETTOSA
Blocco Fiamma
Contattare Servizio Assistenza
Parametri di Fabbrica corrotti Contattare Servizio Assistenza
da interferenze elettromagnetiche
stop
Non è rilevato il controllo Verificare le connessioni elettriche e-BUS1
remoto
Blocco Fiamma
Scheda BMM non rilevata
stop
verificare le connessioni elettriche BMM e-BUS
Sensore di mandata
Stop
Collegare un nuovo sensore se il codice scompare, sostituire il sensore
altrimenti verificare le connessioni elettriche
I codici di errore vengono visualizzati nella riga info della consolle remota e permangono anche se l’anomalia è stata temporanea.
E’ quindi necessario effettuare sempre il reset per eliminare la visualizzazione ‘’Allarme’’.
49
00335324 - 1a edizione 10/14
Il costruttore declina ogni responsabilità per le possibili inesattezze se dovute ad errori di trascrizione o di stampa. Si riserva al
tresì il diritto di apportare ai propri prodotti quelle modifiche che riterrà necessarie o utili, senza pregiudicarne le caratteristiche
essenziali.
Schuster - via Padana Inferiore 52/C - 29012 Caorso (PC) - Italy - e-mail: [email protected] - www.schusterboilers.com
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement