istruzioniperl` uso informazioni per l`utente

istruzioniperl` uso informazioni per l`utente
I S T R U Z I O N I P E R L' U S O
INFORMAZIONI PER L'UTENTE
RELATIVE A
TRASPORTO
MONTAGGIO
ESERCIZIO
MANUTENZIONE
e
SICUREZZA
di
VENTILATORI IGW e ACCESSORI
Rev. D2 11/10
Witt & Sohn Aktiengesellschaft
Casella postale 2262, Wuppermanstrasse 6 - 10
D - 25421 Pinneberg, Germany.
Tel: +49 (4101) 7007- 0 ù Fax: +49 (4101) 7007 30 ù e-mail: [email protected]
Witt & Sohn Aktiengesellschaft
Wuppermanstr. 6 - 10 • 25421 Pinneberg • Germany
Tel: +49 (4101) 7007-0
Fax: +49 (4101) 7007-30
Azienda certificata DIN ISO 9001:2008
INDICE
Pagina
Forme più comuni dei ventilatori assiali e radiali ...................................................................................................
3
Premessa .............................................................................................................................................................
4
1.
Trasporto ed avvertenze per il trasporto ...........................................................................................................
4
2.
2.1
Montaggio di ventilatori assiali e radiali
Informazioni generali..........................................................
Avvertenze speciali per il montaggio (Ventilatori radiali f. 5 e altre f. con albero ventilatore - giunto - motore) ......
5
5
3.
Smontaggio - Rimontaggio ................................................................................................................................
5
4.
Messa in esercizio ..............................................................................................................................................
6
5.
5.1
5.2
5.3
Manutenzione......................................................................................................................................................
Controllo delle vibrazioni .......................................................................................................................................
Azionamento con cinghia trapezoidale ..................................................................................................................
- Intervalli per la regolazione della tensione e pretensionamento delle cinghie trapezoidali...................................
Azionamento con cinghia piatta ............................................................................................................................
7
7
7
7
8
5.4
5.4.1
5.4.2
5.4.3
Cuscinetti
Controllo cuscinetti................................................................................................................................................ 8
Tipi di cuscinetti .................................................................................................................................................... 8 + 9
Qualità dei lubrificanti e tempi di lubrificazione................................................................................................... 9 + 10
5.5
5.5.1
5.6
5.7
5.8
Guarnizioni dell'albero per gas e liquidi ................................................................................................................. 10
Esecuzioni per alberi............................................................................................................................................. 11
Montaggio delle guarnizioni - tipo: WDK ............................................................................................................... 12
Giunti di avvio meccanici....................................................................................................................................... 13
Ispezione della ruota portante...................................... ......................................................................................... 13
Smontaggio e rimontaggio di ruote portanti vedi capitolo 11. + 12. ..........................................................................13
6.
Motori elettrici .....................................................................................................................................................13 - 15
7.
7.1
Misure da adottare in caso di magazzinaggio o di lunghi tempi di manutenzione o inattività ..................... 15
Disposizioni precauzionali per evitare un'alimentazione involontaria di energia..................................................... 15
8.
8.1
8.2
8.3
8.4
8.5
Avvertenze speciali .............................................................................................................................................
Esercizio a temperature elevate (> 70°C)....... .......................................................................................................
Ventilatori impermeabili al gas ..............................................................................................................................
Protezione antideflagrante ....................................................................................................................................
Convertitore di frequenza/regolazione del numero di giri.......................................................................................
Sicurezza termica .................................................................................................................................................
9.
Resa ottimale....................................................................................................................................................... 16
Vista particolari smontati Ventilatore assiale .....................................................................................................
Vista particolari smontati Ventilatore radiale forma 1 (azionato direttamente)....................................................
Vista particolari smontati Ventilatore radiale forma 2 (azionamento a cinghia trapezoidale) ..............................
Vista particolari smontati Ventilatore radiale forma 5 (azionamento ad accoppiamento)....................................
14
15
16
16
16
16
17
18
19
20
10.
10.1
Ventilatori per tunnel Supplementi......................................................................................................... 21
Schema di montaggio per ventilatori per tunnel .................................................................................................... 22
11.
12.
Funzionamento e montaggio del dispositivo di estrazione della ruota portante ........................................... 23
Funzionamento e montaggio delle ruote portanti e pulegge con bussole di serraggio ................................ 24
13.
Indicazioni di montaggio per raccordi elastici.................................................................................................. 25
14.
Regolatore del momento cinetico per ventilatori radiali con regolazione manuale e azionamenti
della regolazione................................................................................................................................................. 26
15.
Portelli antincendio............................................................................................................................................. 27
16.
Prescrizioni di magazzinaggio per pezzi di ricambio, di riserva e parti soggette a usura ............................ 28
17.
Ventilatori da camera.......................................................................................................................................... 28
18.
Soffiante per l'aumento della pressione del gas............................................................................................... 28
19.
19.1
19.2
Testate di areazione non chiudibili.................................................................................................................... 29
Testate di areazione senza ventilatore .................................................................................................................. 29
Testate di areazione con ventilatore...................................................................................................................... 29
20.
Protocollo di stato e di manutenzione............................................................................................................... 30
21.
Indicazioni di sicurezza fondamentali per prodotti e merci della ditta Witt & Sohn ......................................31 + 32
2
Witt & Sohn Aktiengesellschaft
Wuppermanstr. 6 - 10 • 25421 Pinneberg • Germany
Tel: +49 (4101) 7007-0
Fax: +49 (4101) 7007-30
Azienda certificata DIN ISO 9001
Grafica 1:
Forme più comuni dei ventilatori assiali
Forme più comuni dei ventilatori radiali
Pozzo lungo
Motore flangiato
Unità di comando
Cassetta terminale
Portello di
controllo
(G = senza
portello di
controllo)
Azionamento
diretto
Ruota portante
smontabile
dal lato di
aspirazione
Azionamento con
cinghia
trapezoidale con
telaio di base
Ruota portante
smontabile dal lato
di aspirazione
Motore su guide di
serraggio
Paracinghia
Pozzo lungo
Portello
Motore flangiato
Unità di comando
Cassetta terminale
Azionamento con
cinghia
trapezoidale
Ruota portante
smontabile
dal lato di
aspirazione
Motore su
guide di serraggio
fissato al supporto
cuscinetti
Pozzo breve
Motore flangiato
Unità di comando
Cassetta terminale
Pozzo effusori
Motore flangiato
Unità di comando
Cassetta terminale
Azionamento ad
accoppiamento
Ruota portante
smontabile dal lato
di aspirazione
Protezione
comune
anticontatto per
motore e supporto
cuscinetti
Pozzo lungo
con bocchetta di
aspirazione
(R) = bocchetta di
aspirazione
completamente
reversibile
per entrambi i lati
Azionamento ad
accoppiamento
Ruota portante
smontabile dal lato
di aspirazione
Protezione
comune
anticontatto per
motore e supporto
cuscinetti
Aspirante da entrambe le parti
Azionamento con cinghia trapezoidale con
telaio di base
Rotore smontabile da entrambi i lati
Sistema di supporto albero tra due cuscinetti
Motore su guide di serraggio Paracinghia
3
Witt & Sohn Aktiengesellschaft
Wuppermanstr. 6 - 10 • 25421 Pinneberg • Germany
Tel: +49 (4101) 7007-0
Fax: +49 (4101) 7007-30
Azienda certificata DIN ISO 9001:2008
PREMESSA
Abbiamo posto attenzione nel produrre un ventilatore solido e affidabile, secondo le più recenti innovazioni della tecnica. I ventilatori
tuttavia sono spesso esposti, durante l'esercizio, a grandi sollecitazioni, talvolta inaspettate. È necessario prevedere anche gli incidenti più
improbabili (spesso dovuti a varie cause concomitanti), al fine di evitarli. Il controllo e la manutenzione dei ventilatori vanno effettuati da
personale qualificato, in modo da evitare incidenti e danni. Cuscinetti danneggiati e vibrazioni troppo elevate possono causare rotture e altri
disturbi di funzionamento.
Nonostante l'alto livello di sicurezza dei cuscinetti e la loro lunga durata, si tratta pur sempre di dispositivi meccanici soggetti ad usura. È
importante effettuare un controllo regolare, a seconda dell'esercizio del ventilatore, visto che qualsiasi danno, anche di minime proporzioni,
può aggravarsi velocemente (per es. nell'alloggiamento dei rulli). Cuscinetti danneggiati possono essere causa di rotture nella trasmissione
e provocare rilevanti danneggiamenti. Componenti soggette ad usura sono contenute anche nei giunti e nelle trasmissioni a cinghie e
vanno verificate regolarmente.
Le vibrazioni sono generalmente dannose per qualsiasi macchina rotante, visto che possono sopraggiungere rotture da fatica impreviste.
La migliore protezione consiste nella riduzione al minimo dell'energia di vibrazione. Il ventilatore ha, franco fabbrica, un'alta qualità
vibratoria. A causa di usura, agglomerazioni di scorie, danni di trasporto, errori di montaggio, danni ai cuscinetti, temperature troppo
elevate ed altri motivi è possibile che ci siano pericolosi squilibri. Per questo motivo è importante controllare, a intervalli regolari, oltre ai
cuscinetti anche la stabilità nei confronti delle vibrazioni.
I ventilatori non vanno posizionati in luoghi di lavoro o di soggiorno. Il ventilatore va montato in modo da evitare la possibilità di venire a
contatto con le parti rotanti. In caso di aspirazione o ventilazione libere deve essere presente una griglia di protezione. Se il ventilatore è
stato collocato all'interno di canali, è necessario che il cliente metta a disposizione una griglia di protezione. Nel caso ci siano parti staccate
dalla ruota portante o corpi estranei, accertarsi che vengano allontanati in modo sicuro.
I ventilatori per gas ad alte temperature vanno isolati e muniti di appositi meccanismi di bloccaggio, al fine di evitare combustioni.
Prima di intraprendere lavori al ventilatore, separare il collegamento elettrico. Contrassegnare e assicurare l'apparecchiatura elettrica, per
impedire che avvenga un'accensione involontaria. La ruota portante va arrestata meccanicamente.
Si rimanda alle "Avvertenze fondamentali per la sicurezza" dell'azienda Witt & Sohn, le quali
costituiscono una parte integrante di queste istruzioni per l'uso da osservare rigorosamente
(vedi paragrafo 21.).
La normativa DIN EN 292 parti 1 e 2 "SICUREZZA DELLE MACCHINE" è da considerarsi la base di tutti gli aspetti
riguardanti la sicurezza.
Seguire con attenzione le seguenti istruzioni.
1.
TRASPORTO
Vedi paragrafo 7.
Se il trasporto avviene tramite gru, apportare i ganci solamente agli appositi anelli di sollevamento. È importante che gli interi ventilatori
vengano sollevati dagli anelli sulla base e non dalle aperture presenti sulle componenti come corpo o motore. Se il trasporto viene
effettuato tramite un carrello, assicurarsi che le forche del carrello siano posizionate al di sotto della base. Al momento di abbassare il
ventilatore, fare uso della minor velocità di abbassamento possibile e scaricare il ventilatore su una superficie morbida. Urti, scuotimenti e
cadute possono provocare squilibri e deformazioni e causare danni, specialmente ai cuscinetti.
Ad ogni trasporto e deposito in magazzino, assicurarsi che non penetri acqua (per es. in caso di pioggia) nel motore, nei cuscinetti o in
altre componenti sensibili. In caso di brevi trasporti e depositi all'aperto, posizionare i ventilatori assiali (inclusi i ventilatori a raggi) in
orizzontale, possibilmente sotto un telone, per evitare che dell'acqua possa giungere lungo l'albero al motore. Si consigliano trasporti al
chiuso e depositi in luoghi chiusi e temperati.
Avvertenza di sicurezza: assicurarsi che vi sia un collegamento sicuro tra il ventilatore e il mezzo di sollevamento, tenere conto del
baricentro, non ribaltare né inclinare, non sostare al di sotto del carico!
Grafica 2:
AVVERTENZA DI TRASPORTO
Punti di aggancio A solo per componenti singole del ventilatore
Solo punti di aggancio B per il trasporto del ventilatore completo
I ganci non devono essere tirati obliquamente per il sollevamento, utilizzare una traversa!
Sollevare ed abbassare lentamente il carico, utilizzare una superficie di deposito morbida, per es. travi in legno!
4
Witt & Sohn Aktiengesellschaft
Tel: +49 (4101) 7007-0
Fax: +49 (4101) 7007-30
Wuppermanstr. 6 - 10 • 25421 Pinneberg • Germany
Azienda certificata DIN ISO 9001
2.
MONTAGGIO DI VENTILATORI ASSIALI E RADIALI
- INFORMAZIONI GENERALI
Durante la messa in opera dei ventilatori attenersi alle disposizioni contenute nella normativa DIN 4024 (Basi delle macchine...) parti 1 e 2.
I ventilatori vanno montati esclusivamente nella posizione per la quale sono stati concepiti (orizzontale/verticale). Il montaggio deve
avvenire su una struttura in piano. Fare attenzione a non serrare in modo eccessivo o deformare meccanicamente i ventilatori, per evitare
per es. il bloccaggio o l'usura della ruota portante.
In caso di utilizzo di smorzatori di vibrazioni, disporli in modo che il peso si distribuisca omogeneamente sugli smorzatori, eventualmente
facendo uso di lamierini distanziatori. Durante l'installazione dei ventilatori, gli smorzatori non possono essere inclinati né trascinati sul
pavimento e tantomeno caricati su un solo lato, altrimenti possono danneggiarsi le molle o la gomma.
I collegamenti elastici vanno montati in modo da concedere al ventilatore il gioco necessario, in particolare all'avvio. D'altra parte però non
devono trovarsi talmente vicini da permettere la formazione di pieghe che potrebbero impedire la circolazione dell'aria, si veda anche 13.
Indicazioni di montaggio per raccordi elastici. In presenza di alte pressioni o pericolo di abrasioni servirsi sempre di deflettori in lamiera.
Il collegamento del motore del ventilatore deve avvenire secondo lo schema nella cassetta terminale, attenendosi alle indicazioni del
fabbricante. Tutti i motori vanno protetti tramite appositi dispositivi di protezione. Qualsiasi lavoro va eseguito dal personale specializzato
addetto sotto osservanza delle prescrizioni per la protezione e la sicurezza vigenti.
2.1
Avvertenze speciali per il montaggio
Ventilatori radiali forma 5 e altre forme con albero del ventilatore - giunto - motore
L'allineamento eseguito in fabbrica di entrambi gli alberi per lo scentramento in altezza, laterale e squadratura, può subire delle variazioni
durante l'installazione. Il giunto può compensare errori relativamente grandi. In questo modo, però, vengono esercitate delle forze sugli
alberi e i cuscinetti che conducono a vibrazioni eccessive, specialmente in caso di prestazioni e numero di giri elevati. La frequenza di
queste vibrazioni corrisponde alla 2° armonica dell a frequenza del moto circolare ed è quindi riconoscibile rispetto ad uno squilibrio.
Le basi dei ventilatori possono sformarsi durante il trasporto e l'installazione, per es. a causa di disomogeneità della superficie di appoggio.
Per questo motivo, è quasi sempre necessario controllare l'allineamento e modificarlo, se necessario. Per particolari esigenze di
silenziosità e durata dei cuscinetti, è consigliato effettuare l'allineamento degli alberi con apparecchi ottici laser, specialmente in caso di
prestazioni e numero di giri elevati. Ciò deve avvenire prima della messa in esercizio e, se necessario, essere ripetuto periodicamente. Il
motore di azionamento e/o i cuscinetti devono essere sottorivestiti, fino a quando i valori di vibrazione della 2° armonica sono inferiori al
valore ammesso.
3.
SMONTAGGIO - RIMONTAGGIO
Numero di giri
[1/min]]
Per ogni 100 mm di diametro giunto [1/100 mm]]
Spostamento in
Differenze della larghezza della
parallelo
fessura (squadratura)
750
9
1500
6
5
3000
3
2,5
6000
2
n
1340 ∗ n−0,75
1,5
2950 ∗ n−0,88
Giunti
Valori tollerati consigliati per
l'allineamento, se non diversamente
indicato.
9
In alcuni casi è necessario scomporre ventilatori di grandi dimensioni in singoli gruppi di montaggio, al fine di permetterne il passaggio
attraverso aperture di montaggio oppure porte. Per facilitare l'eventuale smontaggio/rimontaggio, alle pagine 16 - 19 si trovano gli schemi
particolareggiati dei ventilatori standard descritti in queste istruzioni per l'uso. Tali lavori vanno svolti esclusivamente da personale
specializzato. Le adeguate attrezzature necessarie per il montaggio devono essere a disposizione. Prima di cominciare lo smontaggio,
contrassegnare in modo appropriato ogni parte combaciante. Fare particolare attenzione alla corretta assegnazione delle parti. Lo scambio
delle parti può provocare problemi di montaggio. L'introduzione e l'estrazione della ruota portante può avvenire tramite un disco estrattore o
una bussola di serraggio (vedi paragrafi 11. e 12.).
Attenzione: Non allentare in nessun caso il mozzo del disco posteriore della ruota portante, per non provocarne lo squilibrio.
I cuscinetti non devono essere inclinati. Riutilizzare, a regolazione effettuata, le compensazioni di bilanciamento eventualmente presenti.
Effettuare con attenzione il collegamento con spine del corpo del cuscinetto con il relativo supporto.
Per il montaggio della ruota portante sull'albero può risultare vantaggioso l'utilizzo di grasso grafitico.
Attenzione: Non ingrassare le bussole di serraggio cuneiformi!
Seguire attentamente le indicazioni supplementari che seguono:
•
Le pulegge devono essere allineate tra loro e la tensione delle cinghie regolata correttamente. Una tensione eccessiva può
condurre ad un danneggiamento dei cuscinetti, una tensione insufficiente ad un'usaura precoce delle cinghie, vedi paragrafo 5.2.
•
In caso di corpi separati, le parti del corpo devono essere collegate tra loro tramite massa sigillante plastica. Di particolare
importanza sono gli angoli di collegamento tra la flangia di separazione del corpo e la bocchetta di afflusso.
•
In caso di giunti elastici, entrambe le parti dell'albero devono essere allineate, vedi tabella sopra.
•
I giunti di avvio possono, di norma, essere rimossi e rimontati nuovamente dalle estremità dell'albero motore, così come le ruote
portanti. In caso di giunti oleodinamici, si consiglia tuttavia di rivolgersi a personale specializzato.
5
Witt & Sohn Aktiengesellschaft
Wuppermanstr. 6 - 10 • 25421 Pinneberg • Germany
Tel: +49 (4101) 7007-0
Fax: +49 (4101) 7007-30
Azienda certificata DIN ISO 9001:2008
Ventilatori radiali con aspirazione da un solo lato
In caso di ventilatori con corpo monopezzo e ruota portante smontabile dal lato del motore, dopo aver staccato il motore, basta
svitare il diaframma e allentare le viti di base del supporto. Poi è possibile estrarre la ruota portante dal corpo e smontare il motore
dal supporto cuscinetti.
Lo smontaggio della ruota portante è descritto nei paragrafi 11. e 12. Smontare successivamente il motore o il cuscinetto con
l'albero.
In caso di corpo separato allentare le viti della bocchetta di aspirazione e separarla dal corpo. Sollevare le parti superiori del
corpo dopo aver allentato le viti della flangia. Fissare la ruota portante con dei cunei in legno o agganciarla adeguatamente ad una
gru, ma non sollevarla per il momento. Allentare le viti di fissaggio del motore o del corpo dei cuscinetti. Allentare il disco estrattore
o bussola di serraggio cuneiforme e spingere fuori l'albero di azionamento con i cuscinetti dal foro del mozzo della ruota portante,
servendosi del dispositivo di estrazione. Estrarre poi la ruota portante dalla parte inferiore del corpo, sollevandola verso l'alto.
Ventilatori radiali con aspirazione da due lati
In caso di corpo monopezzo, è necessario che la ruota portante venga sostenuta nel corpo (cunei in legno, non sotto le pale), in
modo da scaricare i cuscinetti. Allentare poi le viti della base del corpo del cuscinetto e rimuovere la griglia di protezione, la
bocchetta di afflusso e il supporto cuscinetti che si trovano sul lato opposto all'azionamento. Estrarre in orizzontale la ruota portante
con l'albero ed i corpi dei cuscinetti. Se necessario, smontare i corpi dei cuscinetti ed estrarre i cuscinetti volventi.
In caso di corpo separato rimuovere le viti della griglia di protezione e delle bocchette di aspirazione, rimuovere l'azionamento
a cinghia, e, dopo aver allentato le viti della flangia, sollevare la parte superiore del corpo. Agganciare la ruota portante
adeguatamente ad una gru, ma non sollevarla per il momento, rimuovere le viti di fissaggio dei corpi dei cuscinetti. Agganciare
entrambe le estremità dell'albero agli appositi elementi della gru. Con cautela, sollevare dalla parte inferiore del corpo l'intera unità
formata da ruota portante, albero, cuscinetti e bocchette di aspirazione. Dopo aver appoggiato l'unità al suolo è possibile smontare
i singoli pezzi.
Ventilatori assiali
Bisogna distinguere tra ventilatori con corpo separato e ventilatori di qualsiasi altra forma. In qualsiasi caso è comunque
necessario interrompere subito l'alimentazione di corrente in modo visibile e sicuro. In caso di ventilatori con corpo separato,
allentare le viti degli accoppiamenti. Sollevare il coperchio. Allentare la ruota portante servendosi della bussola di serraggio
cuneiforme o del disco estrattore (vedi paragrafi 11. e 12.). A questo punto è possibile svitare il motore. Cautela - Servirsi di attrezzi
di sollevamento.
In caso di ventilatori monocorpo è possibile allentare semplicemente tutte le componenti, come per es. effusori, griglie, silenziatori
e canali. Nel caso fosse necessario smontare la ruota portante e il motore, posizionare il ventilatore al suolo con l'albero in
posizione verticale. A questo punto è possibile allentare la ruota portante servendosi della bussola di serraggio cuneiforme e
svitare il motore.
4.
MESSA IN ESERCIZIO
Avvertenze generali per la sicurezza:
Prima della messa in esercizio del ventilatore, controllare che nelle vicinanze del corpo e dei canali non siano presenti corpi estranei. Parti
sciolte possono essere trascinate via dalla corrente d'aria e provocare ferite. Fare attenzione alla corretta installazione delle griglie di
protezione, del paracinghia e di altri elementi per la protezione. Non è permesso trovarsi nella corrente d'aria! La corrente può essere così
forte da aspirare o spazzare via addirittura persone ed oggetti molto pesanti.
Osservare le disposizioni di sicurezza per le apparecchiature e gli impianti elettrici e quelle delle società elettriche.
Il senso di rotazione è indicato da una freccia sul corpo del ventilatore, sulla protezione KR o sul motore. Verificare il senso di rotazione
avviando brevemente il motore e osservando poi il movimento delle parti rotanti. Se questo dovesse risultare opposto al senso indicato
dalla freccia, è necessario invertire i collegamenti della corrente, scambiandoli. Misurare l'assorbimento di corrente e confrontarlo al
corrispondente valore nominale del motore. I ventilatori radiali devono essere adeguatamente parzializzati, altrimenti si rischia di
sovraccaricare il motore. Per i ventilatori assiali invece vale l'opposto: se non parzializzati, assorbono meno corrente, mentre ne assorbono
di più se parzializzati al massimo.
Non invertire mai il senso di rotazione di un ventilatore se la ruota portante non si è completamente arrestata, poiché a causa dell'alto
momento di inerzia, si rischia di provocare danni!
Sicurezza meccanica
Per evitare il contatto con parti in movimento è necessario installare dispositivi di protezione. Nel caso questi non fossero compresi nella
dotazione, è necessario che sia l'utente a provvedere all'installazione di tali dispositivi integrandoli nell'impianto. Ciò vale in particolar modo
per aperture di entrata e uscita e aperture di ispezione, che devono essere già predisposte dall'utente.
Ventilatori con azionamento a cinghia
Assicurarsi che la cinghia scorra perfettamente (vedi anche 5.2). Controllare la temperatura dei cuscinetti. La temperatura del corpo dei
cuscinetti raggiunge, di solito, 50 - 60°C, raramen te 70°C o più. Attenzione in caso di contatto! Se l a temperatura raggiunge valori superiori,
è necessario, dopo una fase di raffreddamento, riavviare l'apparecchio e ricercare e rimuovere il guasto. È possibile che le cinghie siano
eccessivamente tese. Controllare che i cuscinetti siano ben lubrificati ma non eccessivamente.
Sistemi con valvola di strozzamento e antiritorno per focolare
Le valvole, che possono bloccare completamente la circolazione dell'aria, devono essere collegate in modo tale che il ventilatore venga
disinserito immediatamente dopo la loro chiusura. In caso contrario, si verifica un riscaldamento non ammesso del ventilatore e vibrazioni a
causa della separazione della circolazione.
6
Witt & Sohn Aktiengesellschaft
Wuppermanstr. 6 - 10 • 25421 Pinneberg • Germany
Tel: +49 (4101) 7007-0
Fax: +49 (4101) 7007-30
Azienda certificata DIN ISO 9001
Funzionamento a più ventilatori
In caso di collegamento in parallelo, prima dell'accensione assicurarsi che i ventilatori spenti non ruotino nella direzione opposta.
L'accensione potrebbe causare un sovraccarico della rete, del motore e danneggiamenti alle pale a causa dell'inversione della direzione di
rotazione. Eseguire i lavori di manutenzione con particolare cautela. Prima di iniziare qualsiasi intervento sul ventilatore, bloccare
meccanicamente le ruote portanti.
Numero di giri massimo, altro numero di giri, regolazione del numero di giri
Non è permesso l'utilizzo del ventilatore, se questo lavora a un numero di giri più elevato di quello riportato nella tabella dati.
Una riduzione del numero di giri è permessa esclusivamente a seguito di un colloquio con Witt & Sohn. In tal caso è necessario verificare
tramite specifiche misurazioni che il nuovo numero di giri del ventilatore non attivi una frequenza di risonanza in misura dannosa.
Durante la regolazione del numero di giri bisogna tener presente che nel campo tra il numero di giri minimo e quello massimo vengono
raggiunte le frequenze proprie delle diverse componenti del ventilatore. In questi punti non può avvenire un servizio continuativo.
All'avviamento dell'impianto deve avvenire una regolazione del numero di giri tale da garantire un veloce superamento di tali frequenze.
Vedi paragrafo 8.4.
Giunti di avvio
Per evitare un riscaldamento eccessivo e un sovraccarico del giunto, sono ammessi solo 4 processi di avvio ogni ora. Tra due avviamenti è
necessario rispettare una pausa di raffreddamento di almeno 10 minuti.
Ventilatori antideflagranti (vedi anche 8.3 Protezione antideflagrante)
È necessaria la massima cautela. Oltre alle prescrizioni restanti, è necessario tenere presente: la costituzione di cariche elettrostatiche
deve essere evitata, se necessario, collegando a terra le componenti. In particolar modo, assicurarsi che le distanze di sicurezza
tra le parti mobili e quelle fisse vengano rispettate e che i motori di azionamento non possano venir sovraccaricati in alcun caso.
5.
MANUTENZIONE
Le avvertenze di sicurezza riportate nei capitoli "Premessa" e "Messa in esercizio" sono valide anche per la rimessa in esercizio dopo
l'esecuzione di lavori di manutenzione. La frequenza dei lavori di manutenzione dipende principalmente dalla modalità di esercizio, dalle
condizioni ambientali e dalle esigenze di impiego. L'utente deve stabilire la frequenza dei lavori di manutenzione a seconda delle esigenze
dell'impianto, in osservanza delle indicazioni contenute in queste istruzioni per l'uso. È inoltre necessario avere a disposizione un'adeguata
scorta di parti di ricambio.
Tutte le ruote portanti dei ventilatori vengono accuratamente equilibrate in fabbrica. a causa di polvere abrasioni o depositi può insorgere
uno squilibrio che a sua volta può causare disturbi nel funzionamento del ventilatore e il danneggiamento dei cuscinetti. Fare quindi
attenzione a evitare scuotimenti durante l'esercizio del ventilatore.
5.1
Controllo delle vibrazioni
Vibrazioni troppo elevate rappresentano sempre un segnale di pericolo (VDI 2056 o ISO 2372). Per accertare eventuali variazioni nella
silenziosità di funzionamento, misurare le vibrazioni meccaniche ai cuscinetti e ai motori di azionamento. Confrontando i valori ottenuti da
misurazioni effettuate su un lungo arco di tempo, è possibile determinare con precisione tali cambiamenti. Nel caso ci siano grandi
incongruenze in questi valori, è consigliabile indagarne le cause, per esempio sporcizia della ruota portante. Effettuare eventualmente la
pulizia e la riequilibratura.
5.2
Azionamento con cinghia trapezoidale
Le cinghie trapezoidali si allungano con il tempo, in particolare nelle prime fasi di funzionamento. Per questo motivo è necessario
controllarle regolarmente e tenderle se necessario. Rispettare i valori riportati nella tabella o nella documentazione a parte. Una tensione
eccessiva aumenta la sollecitazione dei cuscinetti (pericolo di danneggiamenti ai cuscinetti), una tensione insufficiente fa scivolare le
cinghie, genera cigolii e accelera l'usura. La regolazione della tensione può essere eseguita spostando in parallelo il motore sulle guide di
serraggio o sollevando il bilanciere del motore. Assicurarsi che le pulegge siano perfettamente allineate (utilizzare un righello
sufficientemente lungo o uno spago). La tensione corretta per la cinghia trapezoidale viene determinata grazie all'inflessione Ea per mezzo
di una bilancia a molla.
La sostituzione delle cinghie deve essere effettuata a gruppi (a parità di lunghezza). Non è permesso sostituire cinghie singole. La
sistemazione della cinghia deve avvenire senza alcun impiego di forza in modo da evitare di danneggiare la cinghia. In caso di cinghie
appena cambiate, la tensione per la prima messa in esercizio deve essere maggiore, in modo tale che la profondità di pressione
corrisponda a 0,75 x il valore riportato nella tabella. Per la regolazione successiva della tensione, impostare i valori della tabella o quelli
riportati nella documentazione a parte.
Grafica 3:
È consigliato di rispettare i seguenti
intervalli per la regolazione della tensione:
1. controllo: tra 2 e 3 ore dopo la messa in esercizio,
2. controllo: tra 8 e 12 ore dopo la messa in esercizio,
3. controllo: 1 settimana dopo la messa in esercizio,le scadenze
per i controlli seguenti dipendono dalle condizioni di esercizio.
Profondità di pressione per cinghia
Forza di prova per cinghia
Distanza dei centri
Ea in mm
f in N
L in mm
Pretensionamento cinghia per cinghie trapezoidali
Misurare la distanza dei centri L e applicare al centro della
cinghia una forza f (vedi tabella). Misurare poi la deviazione Ea e
impostarla sul valore della tabella.
Esempio:
Un azionamento a cinghia ha un diametro della puleggia minore
di 180 Ø, profilo SPB e L = 1000 mm.
In caso di una forza f = 75 N/cinghia la deviazione
per la regolazione della tensione della cinghia deve
3,32 ⋅ 1000
= 33,2 mm
corrispondere a Ea =
100
Solo in caso di impiego di nuove cinghie è necessario un
pretensionamento pari a Ea = 0,75 x 33,2 = 24,9 mm.
7
Witt & Sohn Aktiengesellschaft
Wuppermanstr. 6 - 10 • 25421 Pinneberg • Germany
Tel: +49 (4101) 7007-0
Fax: +49 (4101) 7007-30
Azienda certificata DIN ISO 9001:2008
Grafica 4:
Profilo
Forza di prova f
per cinghia
Diametro
della puleggia
piccola
f (N)
(dk mm)
56 ≤ 71
> 71 ≤ 90
SPZ
25
> 90 ≤ 125
> 125
71 ≤ 100
> 100 ≤ 140
SPA
50
> 140 ≤ 200
> 200
112 ≤ 160
> 160 ≤ 224
SPB
75
> 224 ≤ 355
> 355
Azionamento con cinghia piatta
5.3
Profondità di pressione Ea
ogni 100 mm di distanza
degli assi
Ea (mm)
Standard
3,19
2,86
2,67
2,47
4,16
3.58
3,33
3,19
3,90
3.32
2,89
2,73
Pretensionamento della cinghia
per i tipi più comuni di cinghie
trapezoidali
Per ulteriori tipi o per azionamenti
di maggiori dimensioni consultare
la documentazione a parte
(adesivo)
La tensione dell'azionamento con cinghia piatta viene regolata in fabbrica e non è necessaria regolarla ulteriormente, non necessita infatti
di alcuna manutenzione. Se viene montata una nuova cinghia piatta, rispettare la dilatazione prevista. Una tensione eccessiva aumenta la
sollecitazione dei cuscinetti, una tensione insufficiente provoca uno slittamento delle cinghie, cigolii e usura precoce. Seguire attentamente
le disposizioni dettagliate del produttore della cinghia piatta.
È possibile impostare la corretta dilatazione con il metodo seguente: disporre la cinghia su una superficie piana e segnare due punti di
riferimento ad una distanza di per es. 1000 mm. Montare le cinghie sulle pulegge ed aumentare la tensione delle cinghie spostando
lentamente il motore. La dilatazione corretta viene raggiunta quando la distanza tra i punti segnati è aumentata del valore nominale.
Ruotare manualmente più volte l'azionamento.
Esempio:
Dilatazione 2%, Distanza dei contrassegni prima della tensione = 1000 mm, Distanza dei contrassegni dopo la
tensione = 1020 mm
5.4
CUSCINETTI
5.4.1
Controllo cuscinetti
Ogni cuscinetto va sottoposto a controlli regolari. Per evitare che si danneggino prematuramente, fare attenzione che non vi penetrino
sporcizia, corpi estranei o umidità. In caso di lubrificazione, cambio del lubrificante e sostituzione dei cuscinetti, provvedere alla massima
pulizia.
Si consiglia un controllo dei cuscinetti a misurazione elettronica degli impulsi di picco (per esempio metodo di misurazione SPM). La
misurazione deve avvenire direttamente alle scatole dei cuscinetti. Attenersi alle indicazioni specifiche fornite dal produttore
dell'apparecchiatura di misurazione. Eventuali variazioni nel cuscinetto vengono riconosciute al meglio confrontando i diversi dati ottenuti
dalle misurazioni effettuate su un lungo arco di tempo. Per questo motivo i valori momentanei di una misurazione sono di relativa
importanza. In rari casi il metodo SPM può risultare fallace e fornire risultati errati. Specialmente se si ha a che fare con macchine
importanti, fare sempre attenzione all'emissione di rumori e alla temperatura. Considerare sempre un'eventuale crescita dei valori come un
segnale d'allarme.
Se la temperatura dei cuscinetti misurata all'anello esterno risulta inferiore ai + 70°C, sono da appl icare i tempi di lubrificazione e i
lubrificanti al litio riportati nel capitolo 5.4.3, i quali sono concepiti per cuscinetti per macchine fisse e sottoposti a normale sollecitazione. In
caso di temperature più elevate, per ogni ulteriori 15°C è necessario dimezzare i tempi di lubrificazi one. Non impiegare il lubrificante a
temperature troppo elevate, al di sopra dei livelli consigliati.
La vita media dei cuscinetti dipende principalmente dalle modalità di esercizio e dalle condizioni del luogo di impiego. È consigliato
effettuare un controllo dei cuscinetti a intervalli regolari. La durata degli intervalli dipende dall'importanza dell'impianto. In caso di
apparecchiature molto importanti si consiglia di sostituire i cuscinetti almeno una volta l'anno anche se il funzionamento risulta efficiente. I
cuscinetti di apparecchiature meno importanti possono essere sostituiti anche a intervalli più lunghi o in caso di danneggiamento.
5.4.2
Indicazioni supplementari per i diversi tipi di cuscinetti per ventilatori
I lubrificanti da impiegare, come pure gli intervalli tra le lubrificazioni, sono specificati in 5.4.3. Un'eventuale lubrificazione seguente deve
avvenire a macchina in funzione, osservando le necessarie misure di sicurezza. Se questo non fosse possibile, ruotare manualmente
l'albero. Condizione indispensabile per l'impiego di tutti i cuscinetti, è la massima pulizia al loro interno. Per i cuscinetti che si trovano nella
corrente d'aria, vengono impiegate a questo scopo delle guarnizioni a doppio labbro di tenuta. Impiegare grasso di elevate prestazioni
come riportato in 5.4.3. Tutti i cuscinetti vengono lubrificati in fabbrica con grasso di elevate prestazioni di lunga durata. È necessario
sostituire il grasso solo alla data di scadenza del grasso.
•
Cuscinetti con lubrificazione a vita.
Per i cuscinetti con lubrificazione a vita, riconoscibili per l'assenza dei raccordi di lubrificazione, non è necessaria alcuna
lubrificazione successiva.
•
Blocco di cuscinetti con dispositivo di lubrificazione e regolatore della quantità di grasso
Durante la lubrificazione, i dischi di regolazione del grasso rimuovono dai cuscinetti volventi il grasso vecchio e lo spingono nel
corpo di grandi dimensioni. Durante la lubrificazione, la temperatura ai cuscinetti in principio aumenta a causa del grasso che
fuoriesce. Dopo che il grasso eccessivo è stato rimosso dal disco regolatore, la temperatura scende al suo valore regolato. La
rimozione del grasso vecchio può avvenire a ampi intervalli in concomitanza con una sostituzione dei cuscinetti.
8
Witt & Sohn Aktiengesellschaft
Wuppermanstr. 6 - 10 • 25421 Pinneberg • Germany
Tel: +49 (4101) 7007-0
Fax: +49 (4101) 7007-30
Azienda certificata DIN ISO 9001
Grafica 5:
Blocco di cuscinetti
•
Cuscinetti a telaio con dispositivo di lubrificazione e regolatore della quantità di grasso
Durante la lubrificazione, i dischi di regolazione del grasso rimuovono dai cuscinetti volventi il grasso vecchio e lo spingono
all'esterno attraverso delle aperture nel corpo del cuscinetto. Durante la lubrificazione, la temperatura dei cuscinetti in principio
aumenta a causa del grasso che fuoriesce. Dopo che il grasso eccessivo è stato rimosso dal disco regolatore, la temperatura
scende al suo valore regolato. Eseguire la lubrificazione - prestando la dovuta attenzione a non venire a contatto con le parti mobili
- preferibilmente con la macchina in funzione, in modo tale da poter rimuovere immediatamente l'olio usato che fuoriesce prima che
venga trascinato via dalla corrente d'aria (per ventilatori con i cuscinetti posti nella corrente d'aria, come per es. ventilatori assiali e
ventilatori radiali con aspirazione da due lati).
•
Cuscinetti a telaio con dispositivo di lubrificazione senza regolatore della quantità di grasso
Il cuscinetto volvente viene riempito dalla fabbrica per i 2/3 con grasso. Eseguire la lubrificazione aggiungendo piccole quantità di
grasso agli intervalli stabiliti. È assolutamente necessario limitare le lubrificazioni, poiché altrimenti può verificarsi una
sovralubrificazione ed un conseguente aumento indesiderato della temperatura. La valvola limitatrice della pressione dell'olio
incorporata serve alla compensazione della pressione tra l'interno e l'atmosfera. Se, dopo numerose lubrificazioni, il corpo è quasi
completamente colmo, sostituire il grasso.
A questo scopo, rimuovere la parte superiore del corpo e rimuovere il grasso usato senza danneggiare i corpi rotanti. Per mezzo di
una spatola in legno, inserire manualmente con cautela il grasso nuovo nelle intercapedini tra i corpi rotanti. Assicurarsi che venga
impiegato esclusivamente grasso pulito e che non possa introdursi alcun corpo estraneo.
•
Cuscinetti a telaio con lubrificazione permanente senza dispositivo di lubrificazione
Rimuovere la parte superiore del corpo e rimuovere il grasso usato senza danneggiare i corpi rotanti. Con cautela, inserire
manualmente il nuovo grasso nelle intercapedini tra i corpi rotanti. Assicurarsi che venga impiegato esclusivamente grasso pulito e
che non possa introdursi alcun corpo estraneo. Anche lo spazio tra le guarnizioni a labbro di tenuta devono essere riempite di
grasso per limitare l'attrito sull'albero.
Corpo dei cuscinetti a telaio
Gli intervalli di lubrificazione si ricavano dalla curva delle scadenze per la lubrificazione o sono indicati separatamente.
5.4.3.
Qualità dei lubrificanti e tempi di lubrificazione
I cuscinetti dei motori sono lubrificati, a parte poche eccezioni riportate sotto, con lubrificanti al litio compatibili l'uno con l'altro. La marca da
adoperare è stabilita dal fabbricante dei cuscinetti del motore e si rimanda alla targhetta del motore.
Lubrificante al litio:
SKF - LGMT 2/3
Shell - Alvania R3
Mobil Oil - Mobilux 3
FAG - Arcanol L 71
Esso - Beacon 3
Aral - Aral HL3
Blaser - Blasolube 462
I cuscinetti dei ventilatori vanno lubrificati con gli stessi prodotti. I dati di lubrificazione sono riportate su una targhetta adesiva.
9
Witt & Sohn Aktiengesellschaft
Tel: +49 (4101) 7007-0
Fax: +49 (4101) 7007-30
Wuppermanstr. 6 - 10 • 25421 Pinneberg • Germany
Azienda certificata DIN ISO 9001:2008
n = numero di giri min −1


dm = diametro medio cuscinetti [mm] = (d+D)/2
d = diametro di perforazione (vedi catalogo cuscinetti)
D
= diametro esterno (vedi catalogo cuscinetti)
Grafica 6:
t f [h]
Intervallo di lubrificazione
Tempi di lubrificazione in caso di
condizioni ambientali normali
secondo DIN 51 825
a una temperatura tra -10 e +70°C
sotto impiego di uno dei lubrificanti
riportati sopra
Cuscinetto
a rulli
Cuscinetto
a sfere
Tipo cuscinetti
kf
_______ Cuscinetto a sfere monofila
1.1
----------- Cuscinetto a rulli monofila
3.5
k f . n . d m [min-1 . mm]
È necessario utilizzare un diverso tipo di lubrificante in due casi: cuscinetti sottoposti a grossa sollecitazione vanno lubrificati
con Optimol Longtime PD2 della società Optimol Ölwerke, Monaco, il quale garantisce una durata notevolmente maggiore (circa
del 50%). Osservare le avvertenze!
Se i cuscinetti sono esposti a temperature molto elevate, impiegare Klüber Staburags N12MF, della società Klüber, Monaco.
Questo lubrificante è adatto per temperature comprese tra -20 e 160°C in servizio continuativo e perme tte di raggiungere
brevemente fino a 180°C. Osservare le avvertenze!
Lubrificazione con olio
In caso di lubrificazione con olio osservare sempre le avvertenze a parte. In fabbrica viene inserita nel corpo la quantità necessaria di olio.
Prima di ogni messa in esercizio dopo una lunga interruzione, è necessario riportare il livello dell'olio al punto indicato con "max",
aggiungendone del nuovo. In caso di prima messa in esercizio, è consigliato sostituire l'olio dopo un funzionamento prova di alcune ore.
È possibile poi eseguire i cambi d'olio successivi ad intervalli adeguati alle condizioni di funzionamento - non meno però di una volta l'anno.
Eseguire il cambio d'olio ad impianto fermo.
Se durante il funzionamento di prova non si riscontrata alcuna perdita d'olio, è sufficiente controllarne occasionalmente il livello - circa
mensilmente. Durante il funzionamento, il livello dell'olio può scendere fino al "min". Se l'impianto è in funzione, aggiungere olio solo fino a
circa 5 mm sotto il segno del livello massimo dell'olio, poiché altrimenti la quantità di olio totale, di cui fa parte anche l'olio ancora in circolo,
sarebbe eccessiva.
5.5
Guarnizioni dell'albero per gas e liquidi (vedi anche paragrafo 8.2)
Esistono diversi tipi di guarnizioni (vedi tabella). Controllare sempre che il metodo impiegato sia adattato alla tossicità del mezzo. Eseguire
regolarmente una lubrificazione e controllare la tenuta della guarnizioni, poiché non siamo a conoscenza di tutte le condizioni particolari
che potrebbero avere un'influenza. Il controllo avviene tramite apparecchi rivelatori di gas, grazie all'olfatto o con la pressione. A questo
scopo, sulle parti interessate, viene spruzzato un liquido schiumogeno che, con la formazione di bolle, permette l'identificazione di parti non
sigillate. La prova di tenuta di tutto il corpo del ventilatore sotto pressione può anche avvenire con la misurazione della caduta di pressione,
dopo aver provocato una sovrappressione al suo interno.
È consigliato sostituire gli anelli di tenuta dell'albero almeno 1 volta l'anno.
Le guarnizioni di tipo 3 e 4 devono essere lubrificate regolarmente, in modo da evitare un eccessivo logorio e riscaldamento. Il tipo 5 è
concepito per un funzionamento senza bisogno di grasso, ma un riempimento di grasso permette una notevole riduzione delle perdite (vedi
punto 5.4.3). Per la scelta del grasso, tenere in considerazione la temperatura di funzionamento come pure la compatibilità con il mezzo
trasportatore! Le scadenze per la lubrificazione si determinano in base alle condizioni di funzionamento e devono essere controllate
empiricamente ogni sei mesi. Riempire lentamente le camere di grasso con il girante in rotazione. La quantità di grasso necessaria è
raggiunta non appena la resistenza alla pressione aumenta sensibilmente (utilizzare solo un torchio tiraprove!). Non estrarre mai il grasso
con forza, poiché i pezzi degli anelli di tenuta vicini potrebbero venir separati. Un ulteriore lubrificazione con grasso è necessaria solo in
caso di perdite dalla guarnizione dell'albero. Osservare le disposizioni per la manutenzione riportate separatamente qualora fossero
presenti dei dispositivi speciali per l'alimentazione dell'olio o di raffreddamento. In caso di mezzi che contengono grasso è necessario
l'impiego di gas isolante.
10
Witt & Sohn Aktiengesellschaft
Tel: +49 (4101) 7007-0
Fax: +49 (4101) 7007-30
Wuppermanstr. 6 - 10 • 25421 Pinneberg • Germany
Azienda certificata DIN ISO 9001
Grafica 7:
ESECUZIONI PER ALBERI
Tipo 1
Corpo ventilatore
Rivestimento mozzo
Mozzo
Classe di tenuta I
Modello standard; fessura anulare tra il
corpo del ventilatore e il mozzo di circa
1 -2 mm.
Senza particolari esigenze
Fessura
1-2 mm
Tipo 2
Ruota
portante
Pale posteriori
Mozzo
Fessura
1-2 mm
Rivestimento mozzo, ruota portante
con
palettatura posteriore.
La depressione prodotta limita la
fuoriuscita del mezzo.
Classe di tenuta I
Senza particolari esigenze
Corpo
ventilatore
Classe di tenuta II
Tipo 3
Guarnizione
conforme a DIN V 24 194 parte 2;
con pressione di prova 1000 Pa:
Modello WD1
Con 1 guarnizione ad anello, per
esigenze maggiori.
Anche con palettatura posteriore della
ruota portante.
Rinforzo
 m3 
Perdita max.: 2,4 ⋅ 10 −3 

2
 s ⋅ m 
m² = superficie interna del corpo del ventilatore
Tipo 4
Modello WD2
A) con 2 anelli di tenuta come pure
camera di grasso e
dispositivo di lubrificazione con
canale di trabocco del grasso.
Anello torico
anche con palettatura
posteriore della ruota portante.
Rinforzo
B) Richiede il riempimento con
grasso
Tipo 5
Guarnizione
aspirazione o
mezzo isolante
Rinforzo
Modello WDK
Con 2 o più anelli di tenuta, camera di
grasso e dispositivo di lubrificazione.
Depressione o gas isolante necessario
per un impiego con particolari
esigenze di tenuta, di temperatura e di
velocità al perimetro.
Per temperature fino a 500°C
Materiali del corpo per tutti i modelli: acciaio da costruzione standard
Anelli di tenuta:
Standard:
FPM / FKM -30/+200°C, lubrificazione necessaria
Velocità di scorrimento v ≤ 14 m/s
11
A) Classe di tenuta III = Standard
conforme a DIN V 24 194 parte 2;
con pressione di prova 1000 Pa:
 m3 
Perdita max.: 0,8 ⋅ 10 −3 

2
 s ⋅ m 
B) Classe di tenuta IV (Tipo guarnizione: WD2)
Norma per le centrali nucleari secondo DIN 25 414:
dm3 (con 1 bar + 20 ° C)
Perdita max.: 10
h . m2
Pressione di prova ∆p= 20 mbar = 2000 Pa
A) Classe di tenuta III senza mezzo isolante
conforme a DIN V 24 194 parte 2;
con pressione di prova 1000 Pa:
 m3 
Perdita max.: 0,8 ⋅ 10 −3 

2
 s ⋅ m 
B) Classe di tenuta IV con mezzo isolante:
conforme a DIN V 24 194 parte 2 /con
pressione di prova 1000 Pa:
 m3 
Perdita max.: 0,27 ⋅ 10 −3 

2
 s ⋅ m 
A scelta: acciaio legato, alluminio.
A scelta: PTFE -80/+200°C, autolubrificante.
Velocità di scorrimento v ≤ 18 m/s
Witt & Sohn Aktiengesellschaft
Wuppermanstr. 6 - 10 • 25421 Pinneberg • Germany
Tel: +49 (4101) 7007-0
Fax: +49 (4101) 7007-30
Azienda certificata DIN ISO 9001:2008
5.5.1
Montaggio delle guarnizioni
Modello: WDK
Procedere con particolare attenzione per il montaggio delle guarnizioni WDK.
Grafica 8:
Viti dei pezzi
Camera di grasso
Scanalatura di
bloccaggio
Anello di tenuta
Molla tubolare
Piastrina
di bloccaggio
Segmento anello
di tenuta
Tirante a vite
Corpo
Tirare il collare dell'albero con anello torico sull'albero e inserire la guarnizione piatta o circolare.
Portare la parte inferiore del corpo (con filettatura per viti dei pezzi) con il foro del corpo sotto l'albero e fissarla con le viti per i fori di
bloccaggio in modo che il giunto si trovi in posizione circa orizzontale.
Rimuovere la molla tubolare dal primo anello di tenuta. Aprire la chiusura a gancio della molla e inserire una delle estremità della molla
nella prima camera del corpo della guarnizione (vista dal lato di pressione), fino al raggiungimento dell'altro lato del corpo della guarnizione.
Infilare la piastrina di bloccaggio sulla molla e chiudere la molla.
Ingrassare leggermente il segmento dell'anello di tenuta 1 su entrambe le superfici laterali, disporlo con il foro sull'albero e inserire la molla
chiusa nella scanalatura apposita dell'anello di tenuta. Allineare il segmento dell'anello di tenuta assialmente alla prima camera e inserirlo,
spingendolo nella camera. Ingrassare leggermente da entrambe le parti il segmento dell'anello di tenuta 2, disporlo con il foro sull'albero e
inserire la molla nella scanalatura apposita. Inserire il segmento dell'anello di tenuta 2 nella camera fino a quando il segmento dell'anello di
tenuta 1 appare dall'altra parte. Ingrassare leggermente da entrambe le parti il segmento dell'anello di tenuta 3 (con scanalatura di
bloccaggio), disporlo con il foro sull'albero e inserire la molla nella scanalatura apposita. Assicurarsi che la piastrina di bloccaggio
raggiunga le scanalature di bloccaggio dell'anello di tenuta.
I singoli segmenti dell'anello di tenuta sono contrassegnati con numeri uguali e devono essere disposti intorno all'albero nello stesso
ordine. Ruotare l'anello di tenuta completo sull'albero fino a quando la piastrina di bloccaggio si inserisce nella scanalatura di bloccaggio
del corpo separato.
Come l'anello nr. 1, è ora possibile inserire ulteriori anelli, ricordando sempre di ingrassare leggermente le guarnizioni ad anello da
entrambe le parti. Dopo il montaggio dell'ultima guarnizione ad anello, allineare tutti i segmenti che si trovano all'esterno in modo da poter
facilmente sovrapporre la seconda metà del corpo. Controllare nuovamente il corretto posizionamento delle piastrine di bloccaggio.
Ingrassare leggermente la secondo metà del corpo nei giunti e portarla con cautela al di sopra delle guarnizioni ad anello avvitandola poi
alla metà inferiore del corpo.
Allentare il bloccaggio al di sotto della guarnizione dell'albero e ruotare tale guarnizione sull'albero fino a quando il collegamento per la
lubrificazione con grasso ha raggiunto la sua posizione corretta.
Disporre la guarnizione piatta o circolare sulla superficie di tenuta della guarnizione dell'albero, allineare la guarnizione dell'albero all'albero
e avvitarla alla parete posteriore del ventilatore.
12
Witt & Sohn Aktiengesellschaft
Wuppermanstr. 6 - 10 • 25421 Pinneberg • Germany
Tel: +49 (4101) 7007-0
Fax: +49 (4101) 7007-30
Azienda certificata DIN ISO 9001
5.6
Giunti di avvio meccanici
La manutenzione dipende principalmente dalle condizioni di esercizio. Di solito non è necessario un controllo costante, poiché la
sollecitazione dinamica dei cuscinetti volventi interni ha luogo solo durante la fase di avvio fino al raggiungimento del numero di giri
nominale del motore. I cuscinetti sono completamente incapsulati e non possiedono alcun dispositivo di lubrificazione. In caso di
sollecitazione maggiore, per es. causata da un frequente inserimento e disinserimento (più di 4 volte al giorno), temperature superiori a
50°C, polvere, è consigliabile, dopo circa 8000 ore di funzionamento, controllare i cuscinetti volventi, gli anelli di tenuta e l'usura dei giunti.
5.7
Ispezione della ruota portante
Se la ruota portante è esposta a abrasione, corrosione o sporcizia e quindi soggetta a usura, per motivi di sicurezza è necessario effettuare
delle ispezioni di controllo, lavori di pulizia e riequilibratura perlomeno una volta l'anno, in casi estremi anche a intervalli minori di due
settimane. Supporti di usura delle ruote portanti possono essere montati esclusivamente in fabbrica. È consigliabile essere provvisti di una
seconda ruota portante da impiegare durante l'affilatura dell'altra.
In caso di ventilatori con convertitore di frequenza controllare regolarmente per mezzo di un procedimento a penetrazione di colori che le
ruote siano integre.
5.8
Smontaggio e rimontaggio di ruote portanti vedi capitolo 11. e 12.
6.
MOTORI ELETTRICI
Attenersi alle prescrizioni e avvertenze di sicurezza fornite dal fabbricante.
I ventilatori sono delle macchine con un momento di inerzia relativamente alto. Ciò vale in particolar modo per ruote portanti con un numero
di giri relativamente basso, vale a dire con un motore poco potente a bassa coppia. Per questo motivo se il numero di giri del ventilatore è
inferiore al numero di giri del motore, oppure in caso di motori con più di 10kW, è necessario controllare il tempo di avviamento. A causa
dei brevi tempi di inserzione presenti è spesso impossibile fare a meno dell'impiego di appositi relè.
In caso di macchine monofase è bene porre particolare attenzione al momento di avviamento, visto che i motori monofase hanno una
curva del momento molto sfavorevole.
Collegamento elettrico
Tutti i lavori svolti sulla macchina a bassa tensione - che si deve trovare in stato di inattività - vanno eseguiti esclusivamente da
Grafica 9:
La ventilazione deve avvenire senza ostacoli.
Provvedere inoltre che l'aria viziata - anche di gruppi
vicini - non possa essere subito riaspirata.
personale qualificato. La macchina deve essere disattivata e trovarsi in uno stato che ne impedisca l'accensione.
Ciò vale anche per circuiti elettrici ausiliari (per esempio riscaldamento in stato di inattività).
Verificare l'assenza di tensione!
Il superamento dei valori tollerati in EN 60034-1/DIN VDE 0530, parte 1 - tensione ±5 %, frequenza ±2 %, curva svantaggiosa o assenza di
simmetria - aumenta il riscaldamento e influisce sulla compatibilità elettromagnetica.
Osservare le indicazioni riportate sulla targhetta della potenza e lo schema di collegamento nella cassetta di connessione.
Il collegamento deve avvenire in modo da garantire il mantenimento di una connessione elettrica sicura e duratura (priva di cavi scoperti fare uso di appositi materiali di isolamento). Collegare il conduttore di protezione in modo sicuro.
Le distanze presenti tra parti non rivestite sotto tensione e da conduttori di terra non possono essere inferiori ai seguenti valori: UN ≤ 550 V:
8 mm, UN ≤ 725 V: 10 mm, UN ≤ 1000 V: 14 mm. Nella cassetta di connessione non devono trovarsi corpi estranei, sporcizia e umidità.
Sigillare le aperture per l'introduzione di cavi non utilizzate e chiudere ermeticamente la cassetta stessa in modo da evitare che possa
penetrare polvere o umidità. Per l'esercizio di prova senza elementi di moto assicurare le linguette. In caso di macchine a bassa tensione
con freno verificare, prima della messa in esercizio, il corretto funzionamento del freno.
Esercizio
A esercizio normale forze oscillatorie come veff ≤ 3,5 mm/s (PN ≤ 15 kW) o 4,5 mm/s (PN > 15 kW) non causano alcun problema. Tuttavia
in alcuni casi è necessario prevedere il raggiungimento di valori molto alti, vedi ISO 14 694 (Draft). In caso di modifiche rispetto all'esercizio
normale, per esempio in caso di alte temperature, rumori, vibrazioni, ricercarne la causa e eventualmente consultare il fabbricante. Non
disattivare i dispositivi di protezione neanche durante l'esercizio di prova. In caso di dubbio spegnere il ventilatore.
Se la macchina risultasse particolarmente soggetta a sporcarsi, ripulire regolarmente i canali di areazione.
I cuscinetti provvisti di ingrassatori vanno lubrificati a motore in funzione. Verificare la modalità di lubrificazione! Se le perforazioni di
fuoriuscita lubrificante sono chiuse con tappi (IP 54 lato presa di forza, IP 23 lato presa di forza e lato opposto), rimuovere i tappi prima
della lubrificazione e riapplicarli subito dopo. La sostituzione dei cuscinetti (lubrificazione continua - cuscinetti 2Z) deve avvenire dopo circa
10.000 ore (2 poli) o 20.000 ore (più poli) oppure secondo le indicazioni del produttore.
13
Witt & Sohn Aktiengesellschaft
Wuppermanstr. 6 - 10 • 25421 Pinneberg • Germany
Tel: +49 (4101) 7007-0
Fax: +49 (4101) 7007-30
Azienda certificata DIN ISO 9001:2008
Informazioni generali
Le macchine a bassa tensione possiedono pericolose parti sotto tensione, parti rotanti e eventualmente superfici con temperature
estremamente alte. Qualsiasi lavoro attinente al trasporto, collegamento, messa in esercizio e manutenzione va effettuato da personale
qualificato e responsabile (osservare prEN50110-1/VDE 0105, IEC 364 ). Un comportamento inadeguato può provocare gravi danni a
persone e cose.
Grafica 10:
14
Witt & Sohn Aktiengesellschaft
Wuppermanstr. 6 - 10 • 25421 Pinneberg • Germany
Tel: +49 (4101) 7007-0
Fax: +49 (4101) 7007-30
Azienda certificata DIN ISO 9001
Utilizzo appropriato
Le presenti macchine a bassa tensione sono conformi alle norme armonizzate della serie EN 60034 (VDE 0530). Ne è vietato l'impiego in
zone a pericolo di esplosione, a meno che tale impiego non sia permesso esplicitamente (osservare le indicazioni aggiuntive). Non è
assolutamente permesso adottare modalità di protezione ≤ IP 23 all'aperto. I modelli raffreddati ad aria sono dimensionati per temperature
ambientali comprese tra -20°C e +40°C e altitudini ≤ 1000 m s.l.m. Attenersi assolutamente alle indicazioni riportate sulla targhetta di
potenza. Le condizioni sul luogo di impiego devono essere corrispondenti a tutte le indicazioni riportate sulla targhetta della potenza.
Le macchine a bassa tensione sono componenti atte al montaggio su macchine secondo la direttiva 89/392/EWG. Non ne è permessa la
messa in esercizio finché non sia accertata la conformità del prodotto finale con tale direttiva (da osservare anche EN 60204-1).
Trasporto, magazzinaggio.
I danneggiamenti riscontrati vanno comunicati immediatamente al fabbricante; eventualmente è necessario sospendere la messa in
esercizio. Avvitare e fissare gli anelli di trasporto. Sono progettati per il peso della macchina a bassa tensione, non apportarvi altri pesi.
Prima della messa in esercizio, rimuovere le protezioni per il trasporto eventualmente presenti, da riutilizzare per trasporti successivi.
Per il magazzinaggio di macchine a bassa tensione assicurarsi che l'ambiente destinato al deposito sia secco, privo di polvere e di
vibrazioni (Veff ≤ 0,2 mm/s). Prima della messa in esercizio misurare la resistenza di isolamento. A una tensione di misurazione ≤ 1kΩ pro
Volt asciugare l'avvolgimento. Rispettare le "prescrizioni per il magazzinaggio".
Installazione
Fare in modo che il ventilatore abbia una posizione stabile con la base e la flangia ben fissate, e un preciso allineamento in caso di
accoppiamento diretto. Evitare risonanze con frequenze trifasi e frequenze pari al doppio di quelle della rete. Ruotare il girante
manualmente e controllare che non ci siano rumori inusuali. Verificare il senso di rotazione.
Montare ed estrarre pulegge e giunti (dopo il loro riscaldamento) solamente con gli adeguati dispositivi e coprirli con un'apposita
protezione. Evitare una tensione della cinghia non ammessa (vedi lista tecnica). Lo stato di equilibrio della macchina a bassa tensione è
riportato sulla parte frontale dell'albero o sulla targhetta di potenza (H = mezza linguetta, F = linguetta intera). In caso di modelli con mezza
linguetta (H) anche il giunto deve essere calibrato con mezza linguetta. Trattare le parti sporgenti e visibili della linguetta.
Da parte dell'utente deve essere messa a disposizione, per modelli con l'estremità dell'albero rivolta verso l'alto, una protezione atta a
evitare la caduta di corpi estranei nel ventilatore.
Sotto particolari condizioni ambientali si può formare condensa nel corpo del motore. Ciò può essere evitato tramite un riscaldamento a
motore inattivo oppure applicando una bassa tensione all'avvolgimento del motore. Controllare che le specifiche aperture del motore per
favorire lo scarico della condensa non siano intasate e aprirle regolarmente.
L'utente deve risparmiare al motore un sovraccarico. In esercizio a normale pressione e temperatura ambientale il motore non è in grado di
esplicare determinate funzioni, come per esempio l'estrazione di gas a temperature molto elevate oppure in caso di forte depressione al
ventilatore. In questi casi è necessario, per l'avviamento e l'eventuale corsa residua, che venga ridotto l'assorbimento di potenza. Ciò può
avvenire occludendo parzialmente il canale con dei deflettori, tenendo la macchina a un basso numero di giri oppure con il controllo di
rotazione.
I motori più diffusi - motori asincroni con rotore a gabbia, utilizzati in modo appropriato e collegati a una rete di corrente elettrica di
caratteristiche conformi a EN 50 160, rientrano nei parametri stabiliti dalla Comunità Europea relativi alla compatibilità elettromagnetica.
In caso di alimentazione tramite un convertitore di frequenza possono sopraggiungere, a seconda del tipo di convertitore di frequenza,
disturbi di diversa intensità. Per evitare il superamento dei valori massimi indicati in EN 50 081-1 nel sistema convertitore di
frequenza/motore, attenersi attentamente alle indicazioni relative alla compatibilità elettromagnetica fornite dalla casa produttrice del
convertitore. In caso di motori con sensori incorporati (per esempio conduttori a freddo) possono insorgere, a causa del convertitore di
frequenza, disturbi alla conduzione dei sensori. Il motore è essenzialmente conforme ai requisiti relativi ai disturbi riportati in EN 50 082-2.
L'utente deve provvedere, in caso in caso di motori con sensori incorporati (per esempio conduttori a freddo), a una sufficiente resistenza ai
disturbi, adottando una conduzione dei segnali del sensore e un'apparecchiatura di valutazione adeguate.
7.
MISURE DA ADOTTARE IN CASO DI MAGAZZINAGGIO O DI LUNGHI TEMPI DI MANUTENZIONE O INATTIVITÀ
(consultare anche il paragrafo: 1. Trasporto)
Provvedere ad una protezione contro l'umidità e polvere. Evitare grossi sbalzi di temperatura. L'inosservanza di tali misure cautelative può
essere causa di danneggiamenti ai motori elettrici, cassette di giunzione per cavi, cuscinetti, verniciatura e guarnizioni. Fare attenzione che
tutte le verniciature siano resistenti agli agenti atmosferici - una sola mano di vernice permette la formazione di ruggine d'infiltrazione.
Dopo un periodo di inattività può ridursi il potere lubrificante di grasso o lubrificante. Si può formare della ruggine ai cuscinetti. I cuscinetti a
sfere possono risentire di deformazioni. Le guarnizioni ad anello dell'albero si possono seccare e le cinghie infragilirsi. Per evitare tali
inconvenienti, mettere in esercizio il ventilatore ogni 1-2 mesi per circa 10 minuti, e far girare in ogni caso la ruota portante. Inoltre è
necessario cambiare il grasso ogni 3 anni.
7.1
Disposizioni precauzionali per evitare un'alimentazione involontaria di energia
L'utente deve adottare le adeguate misure e provvedere agli elementi necessari per prevenire con sicurezza un'alimentazione involontaria
di energia al ventilatore e agli altri accessori, in particolar modo durante lavori di manutenzione e montaggio. Tenere in considerazione,
oltre alla corrente elettrica, anche altre fonti di energia come energia idraulica, pneumatica, energia potenziale, tensione elastica e corrente
d'aria nei canali. Elementi di divisione, interruzione, bloccaggio e collegamento a terra vanno predisposti dall'utente e protetti da attivazione
accidentale. L'utente deve attenersi a EN 1037 „Sicurezza delle macchine - Prevenzione avviamenti accidentali„.
8.
AVVERTENZE SPECIALI
8.1
Esercizio a temperature elevate ( 70°C)
In caso di ventilatori concepiti per il funzionamento ad elevate temperature, impedire il contatto con superfici che potrebbero causare
ustioni tramite isolanti, griglie o segnali di pericolo. Se l'avviamento avviene da freddo, la forza necessaria aumenta eventualmente al di
sopra del valore di progetto e l'assorbimento di corrente può raggiungere valori eccessivi non ammessi. Questo vale in particolare nel caso
in cui i ventilatori radiali non si avviano contro un portello chiuso. È necessario eseguire un controllo durante il processo di avvio.
15
Witt & Sohn Aktiengesellschaft
Wuppermanstr. 6 - 10 • 25421 Pinneberg • Germany
Tel: +49 (4101) 7007-0
Fax: +49 (4101) 7007-30
Azienda certificata DIN ISO 9001:2008
Prima di spegnere il ventilatore, farlo funzionare per un certo tempo a bassa temperatura di gas (< 100°C) fino a quando la ruota portante,
l'albero e il corpo si sono raffreddati. In questo modo si evita che durante l'inattività, il calore danneggi i cuscinetti o il rispettivo grasso.
Inoltre, la rotazione/l'avvitamento dell'albero, fino al suo raffreddamento impedisce che si deformi a causa del calore.
Tenere presente che i dischi di raffreddamento impiegati in caso di temperature elevate producono un raffreddamento sufficiente solo se la
velocità di rotazione è sufficiente. In caso di elevata temperatura della ruota portante e basso numero di giri (per es. convertitore di
frequenza) o inattività (per es. spegnimento rapido, mancanza di corrente), l'utente deve raffreddare i dischi di raffreddamento
esternamente, per es. con un getto d'aria di un ventilatore esterno con alimentazione di corrente sicura.
Osservare le misure aggiuntive relative a prescrizioni, norme, direttive ordinanze legali locali. In caso di squilibrio o vibrazioni anomale
come pure dopo lo smontaggio e il rimontaggio della ruota portante, è necessario eseguire un controllo.
8.2
Ventilatori impermeabili al gas
(vedi anche paragrafo 5.5)
In caso di ventilatori impermeabili al gas, controllare regolarmente la loro ermeticità con apposite misurazioni. Non appena vengono
superati i valori limite ammessi e sussiste un pericolo per l'incolumità delle persone, mettere fuori servizio l'impianto e adottare le
necessarie misure di sicurezza per l'inattività. Aerare sempre il locale, in modo da impedire che le perdite non ancora individuate possano
condurre ad avvelenamenti o a esplosioni.
È indispensabile che gli anelli di tenuta dell'albero nei passaggi rispettivi non vengano danneggiati durante i lavori di montaggio e di
manutenzione. Non eseguire il montaggio su spigoli vivi. Gli anelli di tenuta devono scorrere esattamente e concentricamente rispetto al
centro dell'albero. Il valore totale del valore doppio dell'eccentricità e della scentratura dell'albero non deve superare 0,3 mm. Per questo
motivo, prestare particolare attenzione alle avvertenze per il trasporto! Graffi, ammaccature, ruggine o danneggiamenti di altro tipo della
superficie dell'albero nella zona di scorrimento degli anelli di tenuta causano perdite. Non lasciare mai seccare le labbra di tenuta. Dopo il
rimontaggio, eseguire nuovamente il controllo della tenuta. Osservare le misure aggiuntive relative a prescrizioni, norme, direttive e
ordinanze legali locali. Eseguire un controllo in caso si presenti uno squilibrio e vibrazioni anomale, come pure dopo lo smontaggio e il
rimontaggio della ruota portante.
8.3
Protezione antideflagrante (vedi anche 4. Ventilatori antideflagranti)
Seguire le direttive di VDMA 24 169 parte 1 e 2 come pure DIN EN 1127. Esse sono la base per il funzionamento di tutti gli impianti a
rischio di esplosione.
Gli impianti concepiti per il funzionamento con miscele esplosive devono essere provvisti di una griglia per le aperture di entrata e uscita
con una maglia max. di 12 x 12 mm per impedire l'intrusione di corpi estranei. Una campana di copertura impedisce l'intrusione di corpi
estranei dall'alto. Le aperture devono essere installate in un luogo facilmente accessibile e controllabile. Collegare a terra tutte le
componenti conduttrici di elettricità. Per evitare il pericolo d'incendio, è necessario che nelle parti dell'impianto in alluminio non si formi
ruggine e non si impieghino vernici contenenti ossido di ferro e metalli leggeri. Osservare le misure aggiuntive relative a prescrizioni,
norme, direttive e ordinanze legali locali. La distanza prevista tra le parti rotanti e quelle fisse è stata rispettata durante la costruzione del
ventilatore. Controllare che venga mantenuta e non venga diminuita per es. a causa dell'usura dei cuscinetti. Se si dovesse verificare uno
squilibrio o delle vibrazioni, spegnere immediatamente il ventilatore e rimuovere il guasto. Dopo lo smontaggio e il rimontaggio della ruota
portante, eseguire un controllo delle distanze.
8.4
Convertitore di frequenza/regolazione del numero di giri
Il convertitore di frequenza deve essere regolato in modo tale da evitare sollecitazioni elevate indesiderate causate da accelerazioni
positive o negative. Ciò avviene generalmente quando il tempo per portarsi a regime corrisponde ad almeno 30 sec. per ruote portanti con
diametro fino a 1000 mm, 60 sec. per ruote portanti con diametro tra 1000 e 2000 mm e 120 sec. per diametri superiori.
Impostare la regolazione ritardata, per evitare sollecitazioni evitabili durante il funzionamento causate dalle costanti accelerazioni e frenate
che possono condurre a rotture per affaticamento.
Le accelerazioni che derivano dal controllo del processo non devono superare 0,45 rad/s², eccetto in caso di superamento delle frequenze
proprie.
In caso di variazione del numero di giri molto frequente tramite convertitore di frequenza, si corre il rischio di rotture di materiale per
affaticamento. Sostituire la ruota portante dopo al massimo 0,5 milioni di variazioni del numero di giri (corrisponde a una durata di 2 anni
con 4000 ore di funzionamento annue e una variazione del numero di giri al minuto).
Se durante le variazioni del numero di giri si passa spesso per le frequenze di risonanza (da bloccare nel convertitore di frequenza),
considerare un periodo ancor più breve.
Avvertenza: Dopo l'interruzione dell'alimentazione della tensione al convertitore di frequenza, attendere almeno 10 minuti prima di toccare
il cavo o le componenti del convertitore. Rischio di gravi ferite a causa dell'energia accumulata nei condensatori. Anche le schede di
controllo possono trovarsi sullo stesso potenziale del circuito elettrico principale. Prima del contatto, misurare sempre la tensione e
collegare a terra.
Prima del montaggio e della messa in esercizio, leggere attentamente le avvertenze di sicurezza del produttore del convertitore di
frequenza.
Avvertenze generali per il montaggio dei convertitori di frequenza:
•
Per limitare al minimo l'interferenza elettromagnetica, posizionare il motore e il convertitore l'uno vicino all'altro.
•
I cavi devono essere rivestiti e non devono superare la lunghezza prescritta dal produttore.
•
Collegare a terra i cavi, il pannello dei cavi, il convertitore di frequenza ed il motore.
•
Per limitare al minimo i radiodisturbi, è possibile che sia necessario l'impiego di filtri aggiuntivi.
8.5
Sicurezza termica
I ventilatori o le componenti che raggiungono temperature superiori a 70°C o inferiori a -10°C devono essere protetti dalla fabbrica, isolati o
provvisti di un segnale di avvertimento (EN 563). Tener presente che alcune parti, per es. il corpo dei cuscinetti, in determinate condizioni,
possono surriscaldarsi notevolmente e tuttavia non possono essere isolate, poiché il ristagno di calore potrebbe limitarne il funzionamento.
9.
RESA OTTIMALE
Lo scopo è quello di raggiungere una resa ottimale del ventilatore, evitare i difetti e impedire le avarie. Condizione indispensabile è il modo
di funzionamento previsto, il controllo del funzionamento, la manutenzione tempestiva e la disponibilità di pezzi di ricambio per le parti
facilmente soggette a usura. Delle parti soggette ad usura fanno parte: cuscinetti volventi - cinghie piatte e trapezoidali - pulegge se sotto
sforzo - sostegni elastici - smorzatori di vibrazioni - guarnizioni - anelli di tenuta - giunti - ruota portante in caso di esercizio abrasivo.
Redigere un protocollo per il controllo dello stato, esso va poi firmato e datato dalla persona che ha eseguito il controllo (vedi capitolo 20.).
16
Witt & Sohn Aktiengesellschaft
Tel: +49 (4101) 7007-0
Fax: +49 (4101) 7007-30
Wuppermanstr. 6 - 10 • 25421 Pinneberg • Germany
Azienda certificata DIN ISO 9001
VENTILATORE ASSIALE
Grafica 11:
Pos Descrizione
1 Corpo
2
3
4
Pos Descrizione
6 Mozzo della ruota
portante
Apertura d'ispezione
Ac.
Vite per apertura
d'ispezione
Ac.
7
Protezione per
scintille
9
5 Ruota portante
Ac. = Accessorio
Ac.
8
Bussola di serraggio
cuneiforme s.p.
Vite per bussola di
serraggio cuneiforme
s.p.
Vite per mozzo della
ruota portante
10 Unità di comando
s.p. = se presente
Pos Descrizione
11 Cassetta di serraggio
IP54 (IP55) con
coperchio e
guarnizione
12 Avvitamento cavo
12.1 Passaggio cavi
13 Conduttore
di terra
14 Motore
17
Pos Descrizione
15 Avvitamento motore
16 Linguetta
17 Cavo
Ac.
Pos Descrizione
20 Piastra di
estrazione
s.p.
21 Vite per piastra di
estrazione
s.p.
22 Vite per piastra di
estrazione
s.p.
18 Targhetta tipo +
23 Tappo di plastica
Freccia senso di
s.p.
rotazione
19 Base di montaggio Ac. 24 Anello
s.p.
Witt & Sohn Aktiengesellschaft
Tel: +49 (4101) 7007-0
Fax: +49 (4101) 7007-30
Wuppermanstr. 6 - 10 • 25421 Pinneberg • Germany
Azienda certificata DIN ISO 9001:2008
VENTILATORE RADIALE
forma 1 (azionato direttamente)
Grafica 12:
Pos Descrizione
1 Corpo
Pos Descrizione
6 Mozzo della ruota
portante
7 Bussola di serraggio
cuneiforme
s.p.
2
Supporto motore
3
Bocchetta di
afflusso
8
Motore
4
Telaio di base
9
Raccordo flessibile
lato mandata
Ac.
5
Ruota portante
completa
Ac. = Accessorio
10 Controflangia per
raccordo flessibile
lato mandata
Ac.
s.p. = se presente
Pos Descrizione
11 Raccordo flessibile
(lato di aspirazione)Ac.
12 Controflangia per
raccordo flessibile lato
aspirazione
Ac.
13 Vite esagonale per
base motore
14 Dado esagonale e
rosetta per base
motore
15 Vite esagonale e
rosetta per mozzo
della ruota portante
18
Pos Descrizione
16 Vite esagonale
e rosetta
17 Targhetta tipo
Witt & Sohn
18 Vite per bussola di
serraggio cuneiforme
s.p.
19 Dado esagonale e
rosetta
Ac.
20 Vite esagonale
e rosetta
Ac.
Pos Descrizione
21 Dado esagonale e
rosetta
Ac.
22 Disco di
raffreddamento con
protezione
Ac.
23 Rivestimento albero
s.p.
24 Smorzatori di
vibrazioni
Ac.
25 Dado esagonale o vite
esagonale (dip. Da
smorzatori vibraz.) Ac.
Witt & Sohn Aktiengesellschaft
Tel: +49 (4101) 7007-0
Fax: +49 (4101) 7007-30
Wuppermanstr. 6 - 10 • 25421 Pinneberg • Germany
Azienda certificata DIN ISO 9001
VENTILATORE RADIALE
forma 2 (azionamento a cinghia trapezoidale)
Grafica 13:
Pos Descrizione
1 Corpo
2
Supporto cuscinetti
Pos Descrizione
8 Motore
9
3
Bocchetta di afflusso
10
4
Telaio di base
11
Raccordo flessibile
lato mandata
Controflangia per
raccordo flessibile
lato mandata
Raccordo flessibile
(lato di aspirazione)
Pos Descrizione
15 Vite esagonale e rosetta
per mozzo della ruota
portante
16 Vite esagonale e rosetta
Pos Descrizione
Pos Descrizione
22 Disco di raffreddamento
27.2 Cuscinetto puleggia
con protezione
Ac.
23
Rivestimento albero
Ac.
27.3 Cinghia trapezoidale
s.p.
17
Targhetta tipo
Witt & Sohn
24
Blocco di cuscinetti
18
Vite per bussoladi
serraggio cuneiforme
25
Vite esagonale per base
blocco di cuscinetti
Controflangia per
raccordo flessibile lato
aspirazione
Ac.
Guida di serraggio
19
Dado esagonale e
rosetta
Dado esagonale e rosetta
per base motore
21
27.4 Paracinghia
Ac.
Ac.
28
s.p.
5
6
7
Ruota portante completa
Mozzo della ruota
portante
Bussola di serraggio
cuneiforme
s.p.
Ac. = Accessorio
12
13
14
20
Vite esagonale
e rosetta
Dado esagonale e
rosetta
s.p. = se presente
19
26
Dado esagonale e
rosetta per base del
blocco di cuscinetti
27 Azionamento con cinghia
Ac.
trapezoidale
27.1 Puleggia motore
Ac.
29
Ac.
30
31
Vite esagonale
e rosetta per
guida di serraggio
Dado esagonale
e rosetta per guida di
serraggio
Smorzatori di vibrazioni
Ac.
Dado esagonale o vite
esagonale (dip. da
smorzatori vibraz.)
Ac.
Witt & Sohn Aktiengesellschaft
Wuppermanstr. 6 - 10 • 25421 Pinneberg • Germany
Tel: +49 (4101) 7007-0
Fax: +49 (4101) 7007-30
Azienda certificata DIN ISO 9001:2008
VENTILATORE RADIALE
forma 5 (azionamento ad accoppiamento)
Grafica 14:
Pos Descrizione
1 Corpo
2
Supporto
motore/cuscinetti
3
Bocchetta di afflusso
4
Telaio di base
5
Ruota portante
completa
6
Mozzo della ruota
portante
Ac. = Accessorio
Pos Descrizione
7 Bussola di serraggio
cuneiforme
s.p.
8
Pos Descrizione
13 Vite esagonale per
base motore
Motore
14 Dado esagonale e
rosetta per base
motore
9 Raccordo flessibile
15 Vite esagonale e
lato mandata
Ac.
rosetta per mozzo
della ruota portante
10 Controflangia per
16 Vite esagonale e
raccordo flessibile lato
rosetta
mandata
Ac.
11 Raccordo flessibile
17 Targhetta tipo
(lato di aspirazione)
Witt & Sohn
Ac
12 Controflangia per
18 Vite per bussola di
raccordo flessibile lato
serraggio cuneiforme
di aspirazione
Ac.
s.p.
s.p. = se presente
20
Pos Descrizione
Pos Descrizione
19 Dado esagonale e
25 Vite esagonale per
rosetta
Ac.
base blocco di
cuscinetti
20 Vite esagonale e
26 Dado esagonale e
rosetta
Ac.
rosetta per base del
blocco di cuscinetti
21 Dado esagonale e
27 Giunto con
rosetta
Ac.
proteggigiunto
22 Disco di
28 Smorzatori di
raffreddamento con
vibrazioni
Ac.
protezione
Ac
23 Rivestimento albero
29 Dado esagonale o
s.p.
vite esagonale (dip. da
smorzatori vibraz.)
24 Blocco di cuscinetti
Ac.
Witt & Sohn Aktiengesellschaft
Wuppermanstr. 6 - 10 • 25421 Pinneberg • Germany
Tel: +49 (4101) 7007-0
Fax: +49 (4101) 7007-30
Azienda certificata DIN ISO 9001
10.
VENTILATORI PER TUNNEL
LA SICUREZZA È DI PARTICOLARE IMPORTANZA
In aggiunta alle disposizioni generali già citate, per i ventilatori tunnel valgono le seguenti disposizioni:
A)
CONTROLLI DI SICUREZZA NECESSARI
Almeno ogni 6 mesi, all'inizio più frequentemente.
Poiché i ventilatori funzionano nelle vicinanze di persone e vengono facilmente danneggiati, è necessario eseguire una ricerca di possibili
danneggiamenti esterni almeno ogni 6 mesi, all'inizio più frequentemente. Sostituire immediatamente tutte le parti danneggiate.
L'intensità vibratoria deve essere controllata secondo VDI 2056 / ISO 2372 in direzione orizzontale radiale, orizzontale assiale e verticale
radiale in punti di misurazione da contrassegnare alla prima misurazione. Confrontando i valori ottenuti da misurazioni effettuate su un
lungo arco di tempo, è possibile determinare con precisione tali cambiamenti. Nel caso ci siano grandi incongruenze in questi valori, è
consigliabile indagarne le cause, per esempio sporcizia della ruota portante. Eventualmente è necessario eseguire una pulizia e una
riequilibratura.
Valori di oscillazione eccessivi possono condurre alla distruzione del ventilatore, rappresentano un pericolo per le persone ed escludono
una garanzia da parte nostra. Le vibrazioni possono allentare il fissaggio al soffitto.
In caso di maggior pericolo dato da sporcizia, eseguire il controllo e la pulizia più frequentemente.
B)
CONTROLLI DI SICUREZZA CONSIGLIATI
B 1)
CONTROLLO VISIVO
Almeno ogni 6 mesi, all'inizio più frequentemente.
Ricerca particolareggiata di danneggiamenti e corrosione per i silenziatori, ruota portante, pozzo, motore, cavi, collegamenti, sospensione
e smorzatori di vibrazioni. Eliminare i danneggiamenti, in particolare quelli che riguardano la protezione della superficie esterna, prima che
possano aumentare.
B 2)
CONTROLLO ACUSTICO
Ogni 6 mesi, all'inizio più frequentemente.
Dalla formazione di rumori e dal riscaldamento è possibile determinare se la macchina funziona perfettamente. I rumori di funzionamento e
di arresto possono essere comparati con quelli di ventilatori simili.
B 3)
CONTROLLO DELLA SOSPENSIONE
Ogni 6 mesi, all'inizio più frequentemente.
Controllo particolareggiato di tutte le parti portanti e dei collegamenti a vite. Tutti i dadi, in particolare quelli indicati nel disegno, devono
essere assicurati contro un loro allentamento e avvitati con il corretto momento torcente. Rimuovere i danneggiamenti della protezione
della superficie intorno ai collegamenti a vite.
Grafica 15:
:
Grafica 16:
VISTA X
VISTA X
21
Witt & Sohn Aktiengesellschaft
Tel: +49 (4101) 7007-0
Fax: +49 (4101) 7007-30
Wuppermanstr. 6 - 10 • 25421 Pinneberg • Germany
Azienda certificata DIN ISO 9001:2008
10.1
SCHEMA DI MONTAGGIO PER VENTILATORI PER TUNNEL
1.
Numero e dimensioni dei tiranti di ancoraggio dipendono dal tipo e dalla struttura della costruzione del soffitto e
sono, nella maggior parte dei casi, di responsabilità del costruttore del tunnel. Se non diversamente specificato,
sono previste le seguenti dimensioni minime:
Ancoraggi per ventilatore:
4x
Ancoraggio M16 (M20/M24)
Sospensione
2x
Ancoraggio M16
Funi di protezione
2x
Anker M10
Controllo distacco
Marcare i fori con la mascherina ed eseguire il montaggio come indicato dal produttore dei tiranti di ancoraggio.
2.
Forare e inserire i tiranti di ancoraggio. Eseguire eventualmente una prova di carico come prescritto dal produttore.
3.
Fissare la costruzione portante al soffitto del tunnel. Regolare l'angolare di attacco (gioco ± 15°). Serrare gli
avvitamenti.
4.
Montare il ventilatore completo in acciaio alla costruzione portante.
Regolare orizzontalmente tramite i perni di collegamento M16 (M20). Mantenere una distanza tra la base del
Momenti di serraggio:
ventilatore e le sospensioni di circa 30 mm.
Torque figure in Nm (not binding value)
Screw
quality
friction
coefficience
M4
M5
M6
M8
Winding size
M10
M12
M14
M16
M18
M20
M22
M24
M27
M30
M33
M36
M39
8,8
(zink plated)
8,8
(hot dip galv.)
A2/A4/A5 - 50
(turned)
~ 0,14
(non greased)
~ 0,12
(greased)
~ 0,2
(non
greased)
3,3
6,5
11,3
27,3
54
93
148
230
329
465
634
798
1176
1597
2161
2778
3597
2,4
4,6
8,1
20
39
66
106
164
235
332
453
570
841
1142
1545
1986
2572
1,3
2,4
4,1
10,1
20,3
34,8
56
86
122
173
227
284
-
A2/A4/A5 – 70
(rolled)
~ 0,1
~ 0,2
~ 0,1
MOS2-Paste (non greased) MOS2-Paste
(thread & head)
(thread &
head)
0,8
2,6
1,7
1,6
5,1
3,4
2,8
8,8
5,9
6,8
21,4
14,5
13,7
44
30
23,6
74
50
37,1
119
79
56
183
121
81
260
174
114
370
224
148
488
318
187
608
400
-
A2/A4/A5 – 80
(cold formed)
~ 0,2
(non greased)
3,5
6,9
11,8
28,7
58
100
159
245
346
494
650
810
-
~ 0,1
MOS2-Paste
(thread &
head)
2,3
4,6
8
19,3
39,4
67
106
161
232
325
424
534
-
1.4529 (turned)
~ 0,2
(non greased)
1,7
3,4
6,0
14,4
28,5
49
78
121
173
245
334
421
-
~ 0,1
MOS2-Paste
(thread &
head)
1,1
2,3
4,0
9,5
18,9
32,5
52
80
115
162
221
279
-
Attention: Subsequent control just with 80 % of the above-mentioned values
5.
Montare il controllo distacco:
Dopo la regolazione dell'angolare di attacco eseguire il foro per il secondo avvitamento. Regolare il tastatore limite.
6.
Collegare le funi di protezione al soffitto del tunnel servendosi degli angolari di montaggio 40 x 6, radance e morsetti
a vite (compreso nel volume di fornitura). Mantenere un imbando di circa 10 mm.
7.
Eseguire i collegamenti elettrici.
8.
Controllare lo stato della protezione della superficie. Rimuovere i possibili danneggiamenti con la vernice fornita.
SOSPENSIONE STANDARD
Grafica 17:
Grafica 18:
Angolare di attacco
Fune di protezione
(pu anche essere
fissata al silenziatore)
Controllo
distacco
Smorzatore
di vibrazioni
ca. 30
Sospensione
Perno di collegamento
M 16 (M20/M24)
22
Witt & Sohn Aktiengesellschaft
Tel: +49 (4101) 7007-0
Fax: +49 (4101) 7007-30
Wuppermanstr. 6 - 10 • 25421 Pinneberg • Germany
Azienda certificata DIN ISO 9001
11.
FUNZIONAMENTO E MONTAGGIO DEL DISPOSITIVO DI ESTRAZIONE DELLA RUOTA PORTANTE
Rendere accessibile: Rendere accessibile la ruota portante. In caso di ventilatori radiali smontabili dal lato di aspirazione:
1.
2.
3.
4.
Rimuovere il sistema dei canali sul lato d'aspirazione del ventilatore.
Estrarre le viti dal diaframma di aspirazione del corpo.
(regge manicotto di aspirazione / griglie e getto / anello di
aspirazione).
Rimuovere con attenzione il diaframma di aspirazione del corpo.
Attenzione: Non danneggiare la guarnizione!
Avvertenza:
Misurare la distanza tra il disco posteriore della ruota portante e la superficie di riferimento del diaframma per
rispettarle successivamente durante il rimontaggio.
Differenze nella misurazione provocano variazioni di potenza!
In caso di ventilatori assiali, smontare il ventilatore e posizionarlo sul suolo con la ruota portante verso l'alto. Ventilatori a getto e pozzi
orientabili che rendono accessibile la ruota portante dopo l'apertura del portello costituiscono due eccezioni.
DESCRIZIONE DEL FUNZIONAMENTO
A ruota portante montata, la vite (7) è stretta nell'albero del ventilatore (6) in modo da tendere il disco (3) verso l'estremità dell'albero. Il
mozzo della ruota portante (5) è fissato da due viti (2) al disco (3).
SMONTAGGIO DELLA RUOTA PORTANTE
a)
In caso di corrosione fare uso di olio con caratteristiche diluenti nei confronti della ruggine. Non utilizzare martelli, piedi di porco o
altri mezzi simili!
Grafica 19:
Estrarre
Pos Nr.
Foro nell’albero
Montare
b)
c)
d)
e)
f)
g)
Parte Denominazione
Quantità
8
8
Rosetta
1
7
7
Vite di caricamento
1
6
6
Perno di banco
1
5
5
Mozzo della ruota
1
4
4
Dado a incastro
(rosetta)
1
3
3
Disco estrattore
1
2
2
Vite di fissaggio, disco
estrattore
2
1
1
Vite di separazione
1
Rimuovere le tre viti (7) e (2) e sollevare il disco (3).
Coprire il foro sull'albero del ventilatore con il dado o la rosetta ad incastro (4).
Rimontare il disco estrattore (3) servendosi delle viti (2).
Avvitare la vite (1) nella filettatura del disco estrattore (3), come indicato nella figura in alto. Ruotare verso destra, fino ad
allentare la ruota portante. Ruote di maggiori dimensioni devono essere sorrette da 2 aiutanti.
Sollevare la ruota portante.
Rimuovere la vite (4) o la rosetta.
RIMONTAGGIO DELLA RUOTA PORTANTE
A
B
C
D
Fissare il disco estrattore (3) al mozzo della ruota portante (5) servendosi di entrambe le viti di fissaggio (2).
Pulire e cospargere di grasso l'albero e il foro della ruota portante.
Portare la ruota portante sull'albero del ventilatore e premere leggermente.
Inserire la vite (7) assieme alla rosetta nel foro del disco estrattore (3) e avvitare saldamente nell'albero del motore.
Momenti di serraggio per vite di caricamento (7) e vite di fissaggio (2)
Classe
resistenza
viti 8.8
M6
M8
M10
M12
M16
M20
M24
Momento di
serraggio
[Nm]
10
25
49
86
210
410
710
Riassemblaggio del ventilatore
Seguire i punti 1. - 3. in ordine inverso. Controllare poi la distanza misurata precedentemente al punto 4. girare la ruota portante
manualmente e verificarne il corretto scorrimento.
23
Witt & Sohn Aktiengesellschaft
Tel: +49 (4101) 7007-0
Fax: +49 (4101) 7007-30
Wuppermanstr. 6 - 10 • 25421 Pinneberg • Germany
Azienda certificata DIN ISO 9001:2008
12. FUNZIONAMENTO E MONTAGGGIO delle RUOTE PORTANTI e PULEGGE con BUSSOLA DI SERRAGGIO
Rendere accessibile: Rendere accessibile la ruota portante. In caso di ventilatori radiali smontabili dal lato di aspirazione:
1.
2.
Rimuovere il sistema dei canali sul lato d'aspirazione del ventilatore.
Estrarre le viti dal diaframma di aspirazione del corpo.
(regge manicotto di aspirazione / griglie e getto / anello di
aspirazione).
Rimuovere con attenzione il diaframma di aspirazione del corpo.
Attenzione: Non danneggiare la guarnizione!
Avvertenza:
Misurare la distanza tra il disco posteriore della ruota portante e la superficie di riferimento del diaframma per
rispettarle successivamente durante il rimontaggio.
Differenze nella misurazione provocano variazioni di potenza!
3.
4.
In caso di ventilatori assiali smontare il ventilatore e posizionarlo sul suolo con la ruota portante verso l'alto. Ventilatori a getto e pozzi
orientabili che rendono accessibile la ruota portante dopo l'apertura del portello costituiscono due eccezioni.
Descrizione del funzionamento
Il mozzo è provvisto di un foro interno conico. In questo viene inserita una bussola conica, cilindrica all'interno. Serrando le viti di fissaggio,
la bussola viene bloccata tra l'albero e il mozzo.
SMONTAGGIO DELLA RUOTA PORTANTE
a)
In caso di corrosione fare uso di olio con caratteristiche diluenti nei confronti della ruggine. Non utilizzare martelli, piedi di porco o
altri mezzi simili!
b)
Allentare tutte le viti di fissaggio. A seconda delle dimensioni della bussola, svitare completamente una o due viti, lubrificarle e
riavvitarle nei fori di separazione.
c)
Serrare la vite / le viti nel foro, fino a quando la bussola non si allenta dal mozzo e questo può muoversi liberamente sull'albero.
d)
Rimuovere la ruota portante con la bussola dall'albero.
RIMONTAGGIO DELLA RUOTA PORTANTE
1.
Pulire e sgrassare tutte le superfici lucide, come il foro e il rivestimento conico della bussola di serraggio come pure il foro conico
del mozzo. Introdurre la bussola di serraggio nel mozzo e far combaciare tutti i fori di collegamento (allineare i semifori filettati con i
semifori lisci).
2.
Lubrificare leggermente le viti di arresto (dimensioni bussola 1008 - 3030) oppure le viti a testa cilindrica (dimensioni bussola
3535 - 5050) e avvitarle. Non serrare le viti completamente.
3.
Pulire e sgrassare l'albero. Spostare la puleggia sull'albero servendosi della bussola di serraggio cuneiforme fino a raggiungere la
posizione desiderata.
4.
Se si fa uso di una linguetta, porla prima nella scanalatura dell'albero. Tra la linguetta e la scanalatura del foro deve esserci il
necessario gioco.
5.
Servendosi di un cacciavite Din 911, stringere le viti di arresto o le viti a testa cilindrica attenendosi ai momenti di serraggio riportati
nella tabella.
6.
Dopo un breve tempo di esercizio (1/2 ora - 1 ora) verificare il momento di serraggio delle viti e correggerlo se necessario
Grafica 20:
Foro di fissaggio con relative viti
Foro di separazione
Mozzo piccolo
Bussola
Mozzo grande
Momento di
Viti di
Bussola
serraggio viti
fissaggio
[Nm]
Quan- Dimentità
sione
Momento di
Viti di
Bussola
serraggio viti
fissaggio
[Nm]
Quan- Dimentità
sione
Momento di
Viti di
serraggio viti
fissaggio
[Nm]
Quan- Dimen
tità
sione
1008
1108
5,6
2
1/4"
AC
2012
31
2
7/16"
AC
4040
170
3
5/8"
AC
1310
1315
20
2
3/8"
AC
2517
48
2
1/2"
AC
4545
192
3
3/4"
AC
1210
1215
20
2
3/8"
AC
3020
3030
90
2
5/8"
AC
5050
271
3
7/8"
AC
1610
1615
20
2
3/8"
AC
3535
112
3
1/2"
AC
Riassemblaggio del ventilatore
Seguire i punti 1. - 3. in ordine inverso. Controllare poi la distanza misurata precedentemente al punto 4. e girare la ruota portante
manualmente e verificarne il corretto scorrimento.
24
Witt & Sohn Aktiengesellschaft
Tel: +49 (4101) 7007-0
Fax: +49 (4101) 7007-30
Wuppermanstr. 6 - 10 • 25421 Pinneberg • Germany
Azienda certificata DIN ISO 9001
13.
INDICAZIONI DI MONTAGGIO PER RACCORDI ELASTICI
I raccordi elastici negli impianti di aerazione servono all'assorbimento del movimento tra il sistema dei canali (fisso) e il ventilatore (montato
in modo elastico rispetto alle vibrazioni). Rispettare i limiti del materiale elastico riportati in basso. La lunghezza fornita dal produttore
corrisponde normalmente a 150 mm.
Misure, valori tollerati
Grafica 21:
Modello A
Modello B
Raccordo flessibile con flangia di deposito
Raccordo flessibile con telaio angolare
Scavo = 125 mm
Spostamento – 10 mm
Spostamento – 10 mm
Scavo = 125 mm
Fino a dimensione 180
scavo nominale
scavo minimo ammesso
Dettaglio C, alternativa
= 85
= 80
scavo massimo ammesso
= 90
lunghezza del produttore
= 100
Dettaglio D
Da dimensione 200
scavo nominale
= 125
scavo minimo ammesso
= 120
scavo massimo ammesso
= 130
lunghezza del produttore
= 150
Montaggio
Prestare attenzione che sul cantiere (indicazione di montaggio) il raccordo non subisca una torsione e che i fori per le viti delle flange del
ventilatore e del canale siano allineati. Le estremità delle viti del bloccaggio devono essere puntate in direzione opposta rispetto al
raccordo, in modo tale che la guaina non venga danneggiata dalle viti.
È consigliato l'impiego di viti a testa piatta e arrotondata, per es. viti a testa cilindrica con intaglio (DIN EN ISO 1207) o viti a testa piatta a
croce (DIN EN ISO 7045).
In caso di montaggio ai tiranti a vite filettata, impiegare delle coperture protettive adatte, per es. dadi ciechi secondo DIN 1587.
I raccordi elastici devono essere protetti da possibili danneggiamenti, per es. saldature, calpestamento, oggetti affilati, solventi. Una
copertura o un isolante può essere impiegato solo se è stato in precedenza accordato (a causa dell'accumulo pericoloso di calore). È
vietato verniciare i raccordi elastici.
Trasporto, magazzinaggio
Gli spigoli e gli angoli del modello A sono a rischio quando sono accartocciati. Per questo motivo eseguire il trasporto e il magazzinaggio
solo in stato allungato normale. I raccordi e le flange di deposito per il modello B vengono consegnati separatamente. Imballare il
componente in caso di magazzinaggio a lungo termine.
Grafica 22:
Deflettori aria in lamiera (se disponibili)
Ventilatore
corretto
errato
Prestare attenzione alla corretta direzione della corrente d'aria! L'aria deve muoversi all'interno del cono
altrimenti si originano ulteriori perdite di corrente.
25
Witt & Sohn Aktiengesellschaft
Wuppermanstr. 6 - 10 • 25421 Pinneberg • Germany
Tel: +49 (4101) 7007-0
Fax: +49 (4101) 7007-30
Azienda certificata DIN ISO 9001:2008
14.
ISTRUZIONI PER L'USO Informazioni per l'utente
REGOLATORE DEL MOMENTO CINETICO per VENTILATORI RADIALI con
REGOLAZIONE MANUALE e AZIONAMENTI DELLA REGOLAZIONE
ASPETTI DI SICUREZZA PARTICOLARI PER REGOLATORI DEL MOMENTO CINETICO
L'apparecchio è stato costruito con la massima cura, è solido e affidabile ed è conforme ai progressi della tecnica.
Danni a persone o cose possono tuttavia essere il risultato di una manutenzione insufficiente. Eccessive vibrazioni possono condurre a
rotture ed ulteriori danneggiamenti.
Prestare la dovuta cautela in aree dove si trovano componenti mobili. Ciò vale in particolare per le pale del regolatore e per gli organi di
azionamento ed attivazione. In caso di installazione fissa, bloccare il fissaggio per impedire uno spostamento indesiderato.
TRASPORTO
In caso di trasporto per mezzo di gru, fissare i ganci unicamente agli anelli di sollevamento appositi.
In caso di trasporto con carrello elevatore, non venire a contatto o danneggiare una qualunque delle parti mobili. L'appoggio a terra deve
avvenire alla minima velocità di abbassamento possibile. Urti, scuotimenti e cadute possono essere causa di deformazioni.
MONTAGGIO
Prestare attenzione che il corpo non venga deformato meccanicamente o serrato in modo eccessivo, in modo da evitare il bloccaggio delle
pale o il danneggiamento delle componenti. I regolatori del momento cinetico di rotazione possono essere montati solo nella direzione di
rotazione per la quale sono stati ordinati e preparati. Assicurarsi che la corrente d'aria che passa attraverso il regolatore del momento
cinetico acquisisca una componente di rotazione con la stessa direzione di rotazione come la ruota portante (coimpulso cinetico).
Proteggere tutte le parti mobili, come pure gli elementi di comando e di controllo dalla corrosione, dalla sporcizia e dal ghiaccio.
La disposizione del regolatore del momento cinetico deve avvenire all'aspirazione. Una rotazione difficoltosa delle pale o del collare
producono un aumento del fabbisogno di potenza dell'azionamento del regolatore. In caso di aspirazione aperta, impiegare una bocchetta
di afflusso con griglia di protezione. Per il modello con compensatore, il ventilatore e il sostegno devono essere posti su tamponi in
gomma-metallo. I canali a tubo prima del regolatore del momento cinetico devono seguire una linea retta per un tratto pari a 2,5 volte
Ø nominale, in modo da evitare un flusso d'aria in entrata obliquo e le conseguenti vibrazioni.
Evitare il montaggio di elementi immediatamente prima o dopo il regolatore del momento cinetico. Se tuttavia tali elementi fossero
necessari per il funzionamento dell'impianto, informare per iscritto il produttore del regolatore ancora nella fase di offerta.
MESSA IN ESERCIZIO
Prima della messa in esercizio del ventilatore, controllare che non siano presenti corpi estranei nel corpo del ventilatore e nei canali. Il
senso di rotazione è indicato da una freccia sul corpo del ventilatore. Controllare l'esattezza della direzione di rotazione accendendo
brevemente il ventilatore e osservando le parti in movimento. Misurare l'assorbimento di corrente e confrontarlo al corrispondente valore
nominale del motore.
I regolatori del momento cinetico producono sempre dei disturbi di corrente, vibrazioni e rumori.
Durante la fase di rodaggio, spostare a poco a poco l'angolo delle pale per determinare le vibrazioni proprie del regolatore del momento
cinetico. Angoli di regolazione con velocità vibratorie ≥ 11 mm/s devono essere superati velocemente o impediti. Evitare uno strozzamento
della corrente di volume, in funzionamento prolungato ≥ 10 min, superiore a 75° (
V
min ≤ 0,25 V
nom.).
FUNZIONAMENTO
Il regolatore del momento cinetico è concepito per un carico di pressione come riportato nella tabella dati del ventilatore + 20%. La banda
di regolazione dipende dalla curva caratteristica del ventilatore e dal valore di esercizio dell'impianto e del ventilatore. Il rispettivo
fabbisogno di potenza varia con l'angolo di regolazione del regolatore del momento cinetico. È sempre inferiore al fabbisogno di potenza
della curva caratteristica del ventilatore.
L'azionamento del regolatore del momento cinetico può avvenire tramite regolazione manuale o gli azionamenti del regolatore. Grazie al
regolatore del momento cinetico è possibile risparmiare fino al 35 % delle perdite di potenza. Con una regolazione del momento cinetico
varia la curva caratteristica del ventilatore, mentre la regolazione dello strozzamento produce una resistenza ulteriore che conduce ad una
variazione della curva caratteristica dell'impianto.
ATTENZIONE: I regolatori del momento cinetico producono - eccetto in stato completamente aperto - vortici considerevoli, che con il
passaggio nella ruota portante possono provocare notevoli vibrazioni. Per ridurre la sollecitazione vibratoria, in particolare in caso di
potenze elevate del motore, è necessario impostare con precisione la banda di regolazione.
MANUTENZIONE
Controllare che le parti del regolatore del momento cinetico si muovano liberamente e controllare il dispositivo di bloccaggio della leva a
mano. Ciò va eseguito almeno ogni 6 mesi. Il sistema di supporto è dotato di bussole autolubrificanti, in questo modo non è necessaria
alcuna lubrificazione ulteriore. In caso di lavori di verniciatura, assicurarsi che la vernice non pregiudichi il movimento della valvola e degli
elementi di regolazione. Per tutti gli altri cuscinetti, rispettare le date indicate per la lubrificazione. Tener presente che ogni cuscinetto ha
una durata limitata.
Controllare che le teste sferiche e le barre a snodo si muovano liberamente, non presentino danneggiamenti o deformazioni. I cuscinetti
delle pale, le barre a snodo e i cuscinetti sferici del collare, se deviati, causano un aumento delle vibrazioni, conducendo alla rottura.
Controllare gli azionamenti meccanici, elettrici e pneumatici del regolatore.
26
Witt & Sohn Aktiengesellschaft
Wuppermanstr. 6 - 10 • 25421 Pinneberg • Germany
Tel: +49 (4101) 7007-0
Fax: +49 (4101) 7007-30
Azienda certificata DIN ISO 9001
15.
15.1
PORTELLI ANTINCENDIO
ASPETTI DI SICUREZZA PARTICOLARI PER PORTELLI ANTINCENDIO
L'apparecchio è stato costruito con la massima cura, è solido e affidabile ed è conforme ai progressi della tecnica.
Danni a persone o cose possono tuttavia essere il risultato di una manutenzione insufficiente. In particolare, le oscillazioni e la sporcizia
possono condurre a danneggiamenti.
Prestare la dovuta cautela in aree dove si trovano componenti mobili. Ciò vale sia per il portello, sia per gli elementi di azionamento o
comando. In caso di mancato funzionamento del dispositivo di bloccaggio del portello, quest'ultimo può muoversi inaspettatamente a
causa del proprio peso, vento o corrente d'aria.
15.2
TRASPORTO
In caso di trasporto, fissare i ganci unicamente agli anelli di sollevamento appositi. In caso di carrelli elevatori, le forche non devono
danneggiare gli elementi di comando. L'appoggio a terra deve avvenire alla minima velocità di abbassamento possibile. Urti, scuotimenti e
cadute possono essere causa di deformazioni.
15.3
MONTAGGIO
Prestare attenzione che il corpo non venga deformato meccanicamente o serrato in modo eccessivo, in modo da evitare il bloccaggio del
portello o il danneggiamento delle componenti. I portelli antincendio vanno montati esclusivamente nella posizione per la quale sono stati
concepiti (orizzontale/verticale). Proteggere tutte le parti mobili, come pure gli elementi di comando e di controllo dalla corrosione, dal sale
e dal ghiaccio.
15.4
FUNZIONAMENTO e MESSA IN ESERCIZIO
In caso di incendio, il portello viene chiuso manualmente, con la fusione di una lega brasante con molla oppure con l'interruzione dell'aria
compressa o dell'alimentazione della corrente, meccanicamente con molla. Serve ad impedire che il fumo ed il fuoco si diffondano lungo i
canali di areazione. In generale la temperatura di scatto è regolata su 70°C.
Prima della messa in esercizio, controllare che nel corpo non siano presenti corpi estranei. La direzione di azionamento è indicata sul
corpo. Controllare il funzionamento regolare osservando le parti in movimento.
15.5
MANUTENZIONE - Informazioni generali
I portelli antincendio ricoprono una funzione importantissima e per questo motivo devono essere costantemente ispezionati. I cuscinetti
sono costituiti da un albero in acciaio legato (DIN 1.4571), che ruota con un accoppiamento libero in una bussola dello stesso materiale. La
lubrificazione non è necessaria. Eseguire, tuttavia, ogni 6 mesi un controllo di funzionamento; assicurarsi della chiusura perfetta e veloce
attivando il meccanismo di scatto più volte in successione.
Controllare i cuscinetti e pulirli in caso di sporcizia o incrostazioni saline dovute agli effetti dell'acqua marina, per es. con il lavaggio o con aria
compressa. In caso di lavori di verniciatura, assicurarsi che la vernice non pregiudichi il movimento del portello e degli elementi di regolazione.
Dopo un incendio, controllare che tutte le componenti funzionino correttamente. Controllare che possibili deformazioni non pregiudichino la
tenuta ermetica e la scorrevolezza di movimento. Controllare attentamente che il dispositivo di scatto funzioni perfettamente.
15.6
MANUTENZIONE - Particolarità
15.6.1
Portelli antincendio con azionamento manuale
Controllare la scorrevolezza del portello e della maniglia di bloccaggio della leva a mano. Il comando manuale può essere previsto come
unico o come dispositivo ausiliario di un dispositivo di scatto automatico. Un comando manuale aggiuntivo è dotato di una leva a mano con
profilo di trascinamento che permette la chiusura, indipendentemente dallo scatto automatico.
15.6.2
Portelli antincendio con lega fondente
Con il raggiungimento della temperatura di scatto, la lega fondente si spezza e il portello antincendio viene chiuso tramite la reazione
elastica della molla. La spina ad incastro si libera dalla sporgenza sull'elemento di regolazione, il portello cade in posizione chiusura e
viene bloccato tramite la spina di bloccaggio in posizione „ZU" (chiuso).
Il controllo di funzionamento viene eseguito premendo il tasto rosso. Ciò ha lo stesso effetto di uno scatto termico. Per il controllo della lega
fondente, rimuovere il portello di controllo ed estrarre la lega fondente dal dispositivo di scatto. Se non fosse visibile alcun danneggiamento
esterno, mettere nuovamente la molla sotto carico e inserire la lega fondente.
Se è necessario mettere nuovamente in funzione il portello antincendio, inserire prima una nuova lega fondente nel pozzo. Estrarre la spina
di bloccaggio e portare la leva a mano in posizione "AUF" (aperto). Per il bloccaggio in questa posizione, bloccare nuovamente la spina ad
incastro nella sporgenza apposita.
15.6.3
Portelli antincendio con apertura pneumatica
In caso di perdita di pressione del cilindro dell'aria compressa, controllare che il portello venga chiuso dalla reazione elastica della molla;
ciò può essere provocato da:
1.
La temperatura nel canale raggiunge la temperatura impostata, la valvola reagisce.
2.
Azionamento della valvola manuale sul portello antincendio.
3.
Interruzione dell'alimentazione della corrente della valvola magnetica per es. tramite il commutatore elettrico della
temperatura sul portello antincendio.
Scatto gas Halon, interruttore di emergenza o interruzione dell'alimentazione elettrica.
4.
Azionamento della valvola principale sul dispositivo di comando.
5.
Perdita nell'alimentazione dell'aria compressa.
Il portello si chiude tramite una molla incorporata nel cilindro dell'aria compressa. Controllare la pressione del sistema. Il valore deve
essere compreso tra 2 e 10 bar.
Ad intervalli regolari, pulire e cospargere con un sottile strato di grasso senza acidi le barre cilindriche pneumatiche in posizione arretrata.
La guarnizione delle barre cilindriche è in materiale autolubrificante. Controllare tempestivamente che i filtri dell'impianto dell'aria
compressa non siano sporchi e sostituirli se necessario. Pulire e drenare il corpo del filtro.
15.6.4
Portelli antincendio con apertura elettrica
Controllare che la molla incorporata nel servomotore chiuda il portello in caso di perdita di tensione. Ciò può essere provocato nei seguenti
modi:
1.
La temperatura nel canale raggiunge la temperatura impostata
2.
Scollegando la tensione
3.
Guasto nell'alimentazione di corrente
27
Witt & Sohn Aktiengesellschaft
Wuppermanstr. 6 - 10 • 25421 Pinneberg • Germany
Tel: +49 (4101) 7007-0
Fax: +49 (4101) 7007-30
Azienda certificata DIN ISO 9001:2008
16.
PRESCRIZIONI PER IL MAGAZZINAGGIO per
PEZZI DI RICAMBIO, DI RISERVA E PARTI SOGGETTE A USURA
Il magazzinaggio di tutti i pezzi deve avvenire in un locale temperato ad una temperatura di 15 - 25°C con un'umidità relativa max. del 70
%.
Limitare la variazione della temperatura ad un massimo di 1 °C per ora.
I cuscinetti volventi vengono consegnati nella confezione originale del produttore. Il periodo di magazzinaggio max. è di 2 anni. Alla
scadenza, i pezzi vanno sostituiti. Una nuova conservazione è troppo dispendiosa.
Le parti in gomma, come gli anelli di tenuta dell'albero, gli anelli torici, i raccordi flessibili, gli smorzatori di vibrazioni e le cinghie
trapezoidali, devono essere protette dalla luce e custodite all'interno di buste sigillate di materiale sintetico nero. Controllare una volta
l'anno che i pezzi siano ancora elastici e resistenti. Il periodo massimo di magazzinaggio è di 5 anni o minore a seconda delle indicazioni
del produttore.
Le parti metalliche come le ruote portanti, gli alberi, i collari degli alberi, le pulegge e i corpi dei cuscinetti devono essere controllati
annualmente. La protezione delle superfici trattate deve essere ritoccata se necessario. Le parti metalliche lisce devono essere ingrassate.
17. VENTILATORI DA CAMERA
ASPETTI DI SICUREZZA PARTICOLARI PER VENTILATORI DA CAMERA
L'apparecchio è stato costruito con la massima cura, è solido e affidabile ed è conforme ai progressi della tecnica.
Danni a persone o cose possono tuttavia essere il risultato di una manutenzione insufficiente.
MONTAGGIO e MESSA IN ESERCIZIO
Il montaggio deve avvenire su una base di supporto piana.
Prima della massa in esercizio, assicurarsi della perfetta chiusura ruotando la campana fino al fermo.
MANUTENZIONE
La frequenza dei lavori di manutenzione dipende principalmente dalla modalità di esercizio, dalle condizioni ambientali e dalle esigenze di
impiego. Controllare la scorrevolezza della chiusura. Ciò va eseguito almeno ogni 6 mesi. Le parti filettate devono essere protette dalla
corrosione e dal ghiaccio e vanno mantenute perfettamente funzionali con molycote. Controllare che la gomma della guarnizione non perda
elasticità. Durante i lavori di verniciatura, assicurarsi che la vernice non pregiudichi la mobilità della campana.
18. SOFFIANTE PER L'AUMENTO DELLA PRESSIONE DEL GAS
Osservare inoltre le "direttive per la costruzione, mantenimento ed esercizio di impianti per la compressione di gas con pressione di
esercizio fino a 1 bar -G6 - della Società svizzera per gas e acqua (SVGW)."
Il corretto funzionamento e la tenuta ermetica di tutti i soffianti vengono controllati prima della consegna (24 h, 250 mbar). Tuttavia, prima
della messa in esercizio, sono necessari i controlli elencati di seguito (danni da trasporto o inattività):
1.
Prima di collegare le tubature, controllare che nel corpo non siano presenti corpi estranei.
2.
Controllo della tenuta:
Durante i controlli della pressione, proteggere i soffianti dal sovraccarico.
Attenzione!! Pressione di prova massima: 250 mbar. Pressioni maggiori possono condurre al danneggiamento
del corpo e della guarnizione.
3.
Controllare il traferro all'entrata della ruota portante: min. 2 mm
4.
Far ruotare manualmente la ruota portante e prestare attenzione all'eventuale presenza di rumori anomali. I rumori da abrasione
possono verificarsi al traferro, alla guarnizione o nei cuscinetti volventi.
5.
Controllare le viti
6.
Controllare i dispositivi di sicurezza
7.
Senso di rotazione: Il primo avviamento del motore deve essere esclusivamente di breve durata allo scopo di controllare la
direzione di rotazione. In caso di soffianti azionati direttamente, è possibile controllare la direzione di rotazione sul ventilatore del
motore. Confrontare la direzione di rotazione con la freccia sul corpo. Se la direzione è scorretta, controllare il collegamento del
motore.
Se il soffiante viene messo in esercizio dopo un lungo periodo di magazzinaggio,controllare accuratamente le guarnizioni e i cuscinetti.
Le riparazioni necessarie devono essere eseguite solo dal produttore o dal personale dallo stesso incaricato.
Durante il funzionamento, controllare regolarmente la tenuta con mezzi adeguati.
Revisione:
Per garantire un funzionamento sicuro del soffiante, eseguire la manutenzione seguente dopo 20.000 ore di funzionamento o al più tardi
dopo 36 mesi. Se la temperatura ambientale è per un lungo periodo superiore a 30°C o se la temperatura dei cuscinetti supera i 70°C, è
necessario anticipare questa scadenza. La temperatura dell'ambiente non deve superare i 40°C.
Le revisioni ai soffianti per l'aumento della pressione del gas possono essere eseguite solo dal produttore o da personale incaricato dallo
stesso. Sul corpo del soffiante si trova una targhetta (adesivo rosso) con la data (mese/anno) dell'ultima revisione.
28
Witt & Sohn Aktiengesellschaft
Wuppermanstr. 6 - 10 • 25421 Pinneberg • Germany
Tel: +49 (4101) 7007-0
Fax: +49 (4101) 7007-30
Azienda certificata DIN ISO 9001
19. TESTATE DI AREAZIONE non chiudibili
Esse non possiedono alcuna parte mobile e non richiedono alcuna manutenzione particolare. Controllare e se necessario ritoccare la
griglia di protezione, presente nella maggioranza dei casi, a intervalli regolari.
19.1 TESTATE DI AREAZIONE SENZA VENTILATORE
Controllare e se necessario ritoccare le griglie di protezione ad intervalli regolari.
Le testate di areazione chiudibili a tenuta stagna possiedono parti mobili il cui funzionamento può venir limitato da sporcizia, incrostazioni
saline e corrosione. Controllarle, azionandole regolarmente.
Sono a disposizione 2 tipi base, entrambi possiedono un mandrino filettato:
Nel modello più semplice, il mandrino viene ruotato con la campana. La campana fa forza contro un cordone in gomma sul pozzo.
In un altro modello, il mandrino viene ruotato con una maniglia su un rotismo angolare. Il rotismo angolare è lubrificato a vita. La maniglia
scorre in una bussola di nylon e non necessità perciò di lubrificazione.
Questo mandrino è stato lubrificato con molycote durante la fabbricazione. Se fosse mai necessario lubrificarlo, ciò va eseguito a lunghe
scadenze. È raggiungibile lateralmente, dopo aver svitato una griglia di protezione. Il meccanismo di chiusura deve essere azionato
esclusivamente in stato verticale con la testata libera.
Controllare la scorrevolezza del portello e della leva a mano. Ciò va eseguito almeno ogni 6 mesi. Mantenere scorrevoli il mandrino ed i
punti dei cuscinetti con molycote, controllare che la gomma per guarnizioni non si infragilisca. In caso di lavori di verniciatura, assicurarsi
che la vernice non pregiudichi il movimento del portello e degli elementi di regolazione.
19.2 TESTATE DI AREAZIONE CON VENTILATORE
ASPETTI DI SICUREZZA PARTICOLARI PER TESTATE DI AREAZIONE
Danni a persone e cose possono essere il risultato di una manutenzione insufficiente. Cuscinetti danneggiati e vibrazioni elevate possono
causare rotture e altri disturbi di funzionamento.
TRASPORTO
In caso di trasporto per mezzo di gru, fissare i ganci unicamente agli anelli di sollevamento appositi. Se il trasporto viene effettuato tramite
un carrello, assicurarsi che le forche del carrello siano posizionate al di sotto della base. L'appoggio a terra deve avvenire alla minima
velocità di abbassamento possibile. Gli urti e gli scuotimenti possono causare una squilibratura e una deformazione.
MONTAGGIO
La base di supporto deve essere piana in modo che i pozzi non vengano deformati meccanicamente o serrati eccessivamente, evitando
così l'usura delle ruote portanti.
L'installazione elettrica deve essere eseguita seguendo lo schema di collegamento che si trova nella cassetta dei collegamenti. Tutti i
motori vanno protetti tramite appositi dispositivi di protezione. Osservare inoltre i paragrafi 6 (motori elettrici) e se necessario 8.3 protezione
antideflagrazione).
MESSA IN ESERCIZIO
Prima della messa in esercizio del ventilatore, controllare che non siano presenti corpi estranei nel corpo del ventilatore e nei canali. Il
senso di rotazione è indicato da una freccia sul corpo del ventilatore. Controllare l'esattezza della direzione di rotazione accendendo
brevemente il ventilatore e osservando le parti in movimento. Se questo dovesse risultare opposto al senso indicato dalla freccia, invertire i
collegamenti della corrente, scambiandoli. Misurare l'assorbimento di corrente e confrontarlo al corrispondente valore nominale del motore.
Prestare particolare attenzione qualora la testata di areazione con ventilatore e motore è allestita per il funzionamento con gas esplosivi.
Per evitare il pericolo di incendio, è necessario che nelle parti dell'impianto non si formi rugggine e non si impieghino vernici contenenti
ossido di ferro e metalli leggeri.
Osservare le misure aggiuntive relative a prescrizioni, norme, direttive e ordinanze legali locali. Durante la costruzione del ventilatore è
stata tenuta in considerazione la distanza necessaria tra le parti rotanti e quelle fisse. Eseguire un controllo in caso si presenti uno
squilibrio e vibrazioni anomale, come pure dopo lo smontaggio e il rimontaggio della ruota portante.
MISURE PER IL MAGAZZINAGGIO e durante i PERIODI DI MANUTENZIONE, MONTAGGIO E INATTIVITÀ
Provvedere ad una protezione contro l'umidità e polvere. Evitare grandi sbalzi di temperatura. L'inosservanza di tali misure cautelative può
essere causa di danneggiamenti ai motori elettrici, cassette di giunzione per cavi, cuscinetti e guarnizioni.
Con l'inattività è possibile che il potere lubrificante di grasso e olio venga limitato. Si può formare della ruggine sui cuscinetti. Per questo
motivo, mettere in funzione il ventilatore circa ogni 1 - 2 mesi per circa 10 minuti, o per lo meno ruotare manualmente la ruota portante.
MANUTENZIONE
La frequenza dei lavori di manutenzione dipende principalmente dalla modalità di esercizio, dalle condizioni ambientali e dalle esigenze di
impiego. L'utente deve stabilire la frequenza dei lavori di manutenzione a seconda delle esigenze dell'impianto, osservando delle
indicazioni contenute in queste istruzioni per l'uso.
29
Witt & Sohn Aktiengesellschaft
Wuppermanstr. 6 - 10 • 25421 Pinneberg • Germany
Tel: +49 (4101) 7007-0
Fax: +49 (4101) 7007-30
Azienda certificata DIN ISO 9001:2008
20.
PROTOCOLLO DI STATO e DI MANUTENZIONE
Risultato
Controllo all'arrivo per danni da trasporto,
completezza
Controllo dopo il montaggio
raccordi flessibili
Smorzatori di vibrazioni
Allineamento delle pulegge
Installazione sicura/sospensione garantite
Adozione delle misure di sicurezza
Stato della messa in esercizio
Tensione della cinghia trapezoidale
Analisi dello stato dei cuscinetti
Controllo delle vibrazioni
Valori di vibrazione cuscinetti/motore
- orizzontale
- verticale
- assiale
Controllo di funzionamento acustico
Valori elettrici
- correnti
- tensione
Manutenzione
Tensione della cinghia trapezoidale
Analisi dello stato dei cuscinetti
Controllo delle vibrazioni
Lubrificazione dei cuscinetti e
del passaggio per l'albero
Cambio del grasso
Cambio dei cuscinetti
Giunto di avvio: caratteristica di marcia
Giunto rigido: Allineamento, inserti in gomma
Regolatore del momento cinetico:
Mobilità delle pale
Revisione
Lungo periodo d'inattività
Danneggiamenti riscontrati
Riparazione
Messa in esercizio seguente
30
Data
Controllore
Witt & Sohn Aktiengesellschaft
Wuppermanstr. 6 - 10 • 25421 Pinneberg • Germany
Tel: +49 (4101) 7007-0
Fax: +49 (4101) 7007-30
Azienda certificata DIN ISO 9001
21. SEGNALAZIONI DI SICUREZZA FONDAMENTALI
per i produti e le merce de la ditta Witt & Sohn Aktiengesellschaft
21.1
l'officina sia conformemente equipaggiata.
21.3
Scelta e qualifica del personale;
obblighi fondamentali
Principio; uso secondo destinazione
La macchina ossia l'impianto sono costruiti secondo l'attuale
livello tecnico e le regole di sicurezza tecnica riconosciute.
Ciònonostante possono verificarsi, durante l'uso, pericoli mortali
per l'utente e terzi e possono evidenziarsi guasti alla macchina e
ad altri beni materiali.
Gli interventi sulla macchina ossia sull'impianto devono essere
eseguiti soltanto da personale affidabile. Rispettare il limite d'età
minimo prescritto dalla legge.
Affidare i lavori solo a personale conformemente addestrato o
istruito; determinare inequivocabilmente le competenze del
personale per quanto riguarda l'uso ed i lavori d'allestimento, di
manutenzione e di riparazione.
Usare la macchina ossia l'impianto soltanto a condizioni
tecnicamente ineccepibili e conformi alla sua destinazione, con
l'osservanza delle norme di sicurezza e della prevenzione
antinfortunistica, attenendosi alle disposizioni del libretto d'uso e
manutenzione. Eliminare (far eliminare) immediatamente quei
guasti che potrebbero pregiudicarne la sicurezza.
Assicurare che gli interventi vengano eseguiti solo da personale
appositamente incaricato.
L'uso conforme alla destinazione comprende anche l'osservanza
delle istru-zioni d'uso e manutenzione nonchè delle condizioni
d'ispezione e di manutenzione.
21.2
Gli interventi sull'allestimento elettrico della macchina ossia
dell'impianto possono essere effettuati, secondo le norme
elettrotecniche, soltanto da un elettricista oppure da persone
istruite sotta la sorveglianza di un elettricista.
Provvedimenti organizzativi
I lavori su impianti idraulici possono essere eseguiti soltanto da
personaleche possiede cognizioni ed esperienze specifiche nel
settore idraulico.
Oltre alle istruzioni d'uso e manutenzione, osservare e
predisporre la norma-tiva generale legislativa di carattere
impegnativo
per
quanto
riguarda
la
pre-venzione
antinfortunistica e la tutela dell'ambiente.
21.4
Completare le istruzioni d'uso e manutenzione di disposizioni,
compresi gli obblighi di sorveglianza e di denuncia, riguardanti
particolarità aziendali da tener - presenti, p. es. in merito alla
pianificazione operativa, i processi di lavoro, il personale
addetto, ecc.
Segnalazioni di sicurezza inerenti
determinati fasi operative.
21.4.1 Esercizio normale
Astenersi da qualsiasi operazione che solleva dubbi sulla sicurezza.
Prendere provvedimenti, affinchè la macchina ossia l'impianto
vengano usati solo in condizioni sicure e funzionali.
Il personale addetto a interventi sulla macchina, prima di iniziare
il lavoro, deve aver studiato il capitolo perchè durante gli
interventi non ne avrà più il tempo. Questo vale soprattutto per il
personale incaricato solo sporadicamente con lavori di
allestimento, di manutenzione, ecc.
Far funzionare la macchina soltanto se esistono, e sono
funzionali, tutti i dispositivi di protezione e di sicurezza, p. es.
dispositivi prottetivi staccabili, dispositivi d'emergenza e di
disinserimento, insonorizzazione acustica, dispositvi di
aspirazione.
Controllare, almeno ogni tanto, che il personale, durante il
lavoro, si attenga alle norme di sicurezza e di prevenzione
antinfortunistica delle istruzione d'uso e manutenzione.
Controllare la macchina ossia l'impianto almeno una volta ante
ogni turno in merito a danni e difetti esternamente riconoscibili.
Segnalare immediatamente eventuali alterazioni (relative anche
al funzionamento) all'ente ossia alla persona competente. In
caso di necessità, fermare e assicurare la macchina.
E'interdetto al personale di accedere alla macchina con capelli
lunghi, abbigliamento non aderente o gioielli compresi anelli;
sussiste il pericolo di lesioni, p. es. causa l'impigliamento o lo
strappo in avanti.
Per quanto necessario o richiesto dalle relative norme, usare
allestimenti di protezione personalizzati.
In caso di disfunzioni, fermare e assicurare immediatamente la
macchina
ossia
l'impianto.
Provvedere
all'immediata
eliminazione dell'avaria.
Attenersi a tutte le segnalazioni di sicurezza e di pericolo affisse
sulla macchina ossia sull'impianto.
Attenersi alle prescrizioni del libretto d'uso e manutenzione per
quanto riguarda le operazioni di inserimento e disinserimento.
Provvedere affinchè tutte le segnalazioni di sicurezza e di
pericolo affisse sulla macchina ossia sull'impianto si
mantengono sempre in condizioni leggibili.
Prima dell'inserimento e avviamento del macchinario controllare
che l'operazione non metta in pericolo nessuno.
Non fermare o smontare gli impianti di aspirazione e di
ventilazione mentre la macchina è in funzionamento.
In caso di cambiamenti riscontrati sulla macchina ossia
sull'impianto che ne pregiudicano la sicurezza oppure il
comportamento operativo, fermare immediatamente il
macchinario e denunciare il guasto all'ente ossia all'addetto
responsabile.
21.5
Non effettuare modifiche, trasformazioni o applicazioni sulla
macchina ossia l'impianto che potrebbero pregiudicarne la
sicurezza, senza aver precedentemente ottenuto il permesso del
fornitore. Questo vale anche per il montaggio e la taratura di
dispositivi e valvole di sicurezza nonchè per saldature su
componenti portanti.
Lavori speciali da eseguire durante l'uso della
macchina ossia dell'impianto e interventi di
riparazione nonchè di eliminazione guasti durante
il ciclo lavorativo; smaltimento e trattamento di
materiali.
Rispettare gli interventi di taratura, manutenzione ed ispezione
nonchè gli intervalli stabiliti nelle istruzioni d'uso e
manutenzione, comprese le indicazioni relative alla sostituzione
di particolari e allestimenti che sono operazioni di competenza
esclusiva del personale qualificato.
I ricambi devono corrispondere ai requisiti tecnici stabiliti dal
produttore, fatto che risulta sempre garantito impiegando
ricambi originali.
Informare gli operatori opportunamente prima dell'inizio dei
lavori speciali e di riparazione. Designare una persona addetta
alla vigilanza.
Non effettuare modifiche sui sistemi elettronici programmabili
(Software)
In tutti i lavori relativi all'esercizio, l'adattamento di produzione, la
trasformazione o la taratura della macchina ossia dell'impianto
compresi i dispositivi di sicurezza nonchè l'ispezione, la
manutenzione e la riparazione, rispettare le operazioni di
inserimento e disinserimento secondo le istruzioni d'uso e
manutenzione come pure le segnalazioni inerenti i lavori di
riparazione.
Proteggere sufficientemente la zona destinata alle riparazioni,
per quanto necessario.
Se la macchina ossia l'impianto vengono disinseriti durante gli
interventi di manutenzione e di riparazione, occorre proteggerli
Sostituire le tubazioni idrauliche entro i periodi indicati ossia
adeguati, anche se non presentano difetti che potrebbero
pregiudicarne la sicurezza.
Rispettare gli intervalli prescritti o indicati nel libretto d'uso e
manutenzione per l'esecuzione di controlli ossia di ispezioni
ricorrenti.
Gli interventi di riparazione richiedono tassativamente che
31
Witt & Sohn Aktiengesellschaft
Wuppermanstr. 6 - 10 • 25421 Pinneberg • Germany
Tel: +49 (4101) 7007-0
Fax: +49 (4101) 7007-30
Azienda certificata DIN ISO 9001
contro l'involontario reinserimento:
-chiudere i dispositivi di comando principali, togliere la chiave e/o
-applicare sull'interruttore principale una targa di pericolo.
21.6.2 Gas, polvere, vapore, fumo
Lavori di saldatura, di brasatura e di rettifica sulla macchina
ossia sull'impianto richiedono l'autorizzazione esplicita, in
quanto potrebbe sussistere il pericolo d'incendio e d'esplosione
Pezzi sciolti e particolari ingombranti devono essere ancorati e
assicurati su apparecchi di sollevamento, durante la
sostituzione, per evitare ogni qualsiasi pericolo. Usare soltanto
apparecchi di sollevamento adatti e tecnicamente appropriati
nonchè mezzi montacarichi con sufficiente portata. Non fermarsi
o lavorare sotto carichi sollevati.
Prima della saldatura, la brasatura e la rettifica pulire la
macchina ossia l'impianto e la zona circostante da polvere e
materiali infiammabili e provvedere ad una sufficiente
ventilazione (pericolo di esplosione).
In caso di lavori da eseguire in ambienti stretti attenersi alla
normativa nazionale.
Incaricare con il sollevamento di carichi e con l'addestramento di
operatori di gru solo personale qualificato che deve trovarsi in
vista dell'operatore oppure avere la possibilità del collegamento
a voce.
21.6.3 Impianti idraulici e pneumatici
Gli interventi su impianti idraulici dovranno essere eseguiti
soltanto da personale sufficientemente istruito e qualificato nel
settore idraulico.
Per i montaggi da eseguire al di sopra dell'altezza d'uomo
ricorrere a mezzi di salita e piattaforme appositamente
prediposti e sicuri. Non usare mai parti della macchina per la
salita. Nei lavori di manutenzione che si svolgono in determinate
altezze, munirsi di un allestimento di sicurezza contro le cadute.
Controllare regolarmente tutte le tubazioni, i tubi flessibili ed i
collegamenti a vite in merito a perdite e dannegiamenti
esternamente visibili. Eliminare immediatamente gli eventuali
danneggiamenti. La fuoriuscita di olio può causare lesioni e
incendi.
Pulire tutte le maniglie, pedane, ringhiere, piattaforme e scale da
imbrattamento, neve e ghiaccio.
L'apertura di sistemi e di tubazioni di mandata (sistema
idraulico, aria compressa) richiede che essi, prima
dell'intervento, vengano scaricati dalla pressione.
Prima di pulire la macchina con aqua o a getto di vapore
(spruzzatori ad alta pressione) e con altri pulitori, chiudere o
incollare tutte le aperture nei quali, per motivi di sicurezza e/o di
funzionamento, non devono entrare aqua, vapore e detergenti.
Questo vale soprattutto per gli elettromotori ed i quadri elettrici.
Posare e montare le tubazioni idrauliche e pneumatiche a regola
d'arte. Non scambiare gli attacchi. Il valvolame, la lunghezza e
la qualità delle tubazioni flessibili devono corrispondere alle
esigenze.
Nei lavori di pulizia della sala macchine, fare attenzione che le
sonde termiche degli impianti di avviso incendio e antincendio
non vengango in contatto con i detergenti caldi perchè
potrebbero far scattare l'allarme.
21.6.4 Rumorosità
A pulizia terminata, rimuovere completamente le coperture e le incollature. I dispositivi fonoassorbenti predisposti sulla macchina ossia
sull'impianto devono essere attivati durante l'esercizio.
A pulizia terminata, controllare tutti i condotti di carburanti, d'olio
Portare le capsule auricolari personalizzate come da prescrizioni.
motore e d'oli idraulico in merito a perdite, collegamenti a vite
allentati, punti di abrasione e danneggiamenti. Eliminare
21.6.5 Oli, grassi e altre sostanze chimiche
immediatamente i difetti riscontrati.
Serrare sempre i collegamenti a vite allentati durante gli
interventi di manutenzione e di riparazione.
Manovrando oli, grassi e altre sostanze chimiche osservare le
diposizioni di sicurezza in vigore.
Se gli interventi di allestimento, di manutenzione e di riparazione
richiedono lo smontaggio dei dispositivi di sicurezza, è
necessario che subito dopo l'ultimazione dei lavori tali dispositivi
vengano rimontati e controllati.Provvedere allo smaltimento e
trattamento sicuro e biodegradabile dei materiali di consumo ed
ausiliari nonchè dei pezzi sostituiti.
Attenzione nel manovrare materiali di consumo e sostanze
ausiliari calde (pericolo di scottatura).
21.6.
21.7
Macchine non stazionarie
(Macchine che vengono spesso dislocate)
Impiegare per i lavori di caricamento soltanto mezzi di
sollevamento e di caricamento aventi una sufficente portata.
Avvertimento di particolari tipi dipericolo
Designare un operatore qualificato per la procedura di sollevamento.
21.6.1 Energia elettrica
Sollevare le macchine soltanto in base alle istruzioni d'uso e
manutenzione (punti di attaco per i dispositivi di caricamento,
ecc.) con un mezzo di sollevamento, adottando la massima
attenzione.
Usare solo fusibili originali aventi l'intensità di corrente prescritta.
In caso di interruzione della corrente elettrica disinserire
immediatamente la macchina ossia l'impianto.
I lavori da eseguire su impianti elettrici o mezzi d'esercizio
possono essere effettuati soltanto da un elettricista oppure da
personale qualificato, sotto la direzione e la sorveglianza di un
elettricista, in conformità alle regole elettrotecniche.
Usare solo mezzi di trasporto aventi una sufficiente portata.
Assicurare il carico in modo affidabile, usando adeguati punti di
ancoraggio.
Parti del macchinario soggette ad interventi di ispezione, i
manutenzione e di riparazione devono essere collegate in
distensione, qualora prescritto. Verificare prima se tali particolari
sono effettivamente sotto distensione, collegarli poi a massa,
sottoporli a un corto circuito ed isolare le parti adiacenti sotto
tensione.
Munire la macchina ossia l'impianto prima o subito dopo
l'ultimazione delle opere di caricamento con i dispositivi contro
spostamenti spontanei raccomandati oppure messi a
disposizione. Applicare una targa di avvertimento di pericolo.
Prima della messa in esercizio togliere tali dispositivi a regola d'arte.
L'allestimento elettrico di una macchina ossia di un impianto
deve periodicamente essere ispezionato ed esaminato.
Eventulai difetti, come allacciamenti staccati e cavi bruciacchiati,
devono immediatamente essere eliminati.
Prima della messa in esercizio, rimontare e ancorare
attentamente le parti che per scopi di trasporto erano state
smontate.
Staccare la macchina o l'impianto da qualsiasi fonte d'energia
esterna prima di procedere a un qualsiasi spostamento, pur
minimo. Allacciare la macchina nuovamente alle rete prima di
riprendere il funzionamento.
Se i lavori devono essere eseguiti su parti sotto tensione,
chiamare una seconda persona che in caso d'emergenza possa
azionare l'interruttore di disinserimento d'emergenza o
l'interruttore principale. Proteggere il luogo di lavoro con una
catena bianca/rossa e montare una targa di avvertimento di
pericolo. Usare solo attrezzi isolati contro la tensione elettrica.
Nei lavori su componenti ad alta tensione, allacciare il cavo di
alimentazionea massa, dopo aver disinserita la tensione, e
cortocircuitare le componenti, p. es. i condensatori, mediante
una bacchetta di terra.
Per la ripresa funzionale della macchina attenersi alle istruzioni
d'uso e manutenzione.
32
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement