Logatherm WPL 9 MR Logatherm AW B 9

Logatherm WPL 9 MR Logatherm AW B 9
Pompa di calore ariaacqua
HYL-15-0
Istruzioni di installazione e
manutenzione
T30.40524.01 (2011/06)
Logatherm WPL 9 MR
Logatherm AW B 9
Documento destinato agli
installatori di impianti termici
Da leggere attentamente
prima dell'installazione
Indice
Indice
1
1.1
1.2
2
2.1
2.2
2.3
2.3.1
2.3.2
2.4
2.4.1
2.4.2
2.5
2.5.1
2.5.2
2.5.3
2.6
2.6.1
2.6.2
2.6.3
2.6.4
2.6.5
3
3.1
3.2
3.3
3.4
3.5
3.5.1
3.5.2
3.6
3.6.1
3.6.2
3.6.3
3.6.4
3.7
3.8
3.9
3.9.1
3.10
3.11
2
Istruzioni di sicurezza e spiegazione dei
simboli
Istruzioni di sicurezza
Significato dei simboli
4
4
4
Caratteristiche dell'apparecchio
5
Fornitura
5
Trasporto e stoccaggio
5
Denominazione dei principali componenti
6
Pompa di calore WPL 9 MR
6
Modulo idraulico interno AW B 9
7
Dimensioni, posizionamento e allacciamenti
8
Pompa di calore WPL 9 MR
8
Modulo idraulico interno AW
10
Specifiche tecniche
11
Caratteristiche dell’unità esterna pompa di
calore Logatherm WPL 9 MR
11
Specifiche tecniche del modulo idraulico
12
Resistenze delle sonde di temperatura
13
Schema elettrico
15
Schema elettrico unità esterna pompa di
calore Logatherm WPL 9 MR
15
Schema elettrico modulo idraulico interno
AW
17
Schemi elettrici unità esterna pompa di calore
Logatherm WPL 9 MR - modulo idraulico
interno AW
19
CANbus - Modulo idraulico interno AW Accessori
21
Collegamento dell'integrazione
22
Informazioni generali e funzionamento
Informazioni sulla pompa di calore
Campo di utilizzo
Targhetta segnaletica
Ubicazione
Principi di funzionamento
Gruppo unità esterna pompa di calore
Logatherm WPL 9 MR e modulo idraulico
Pompa di calore
Informazioni generali relative al riscaldamento
Circuiti di riscaldamento
Termoregolazione del riscaldamento
Programmazione del riscaldamento/
raffreddamento
Modalità di funzionamento
Procedura di sbrinamento
Verifiche prima dell'installazione
Elenco di controllo
CANbus
Cavo di segnale
Manipolazione delle schede elettroniche
23
23
23
23
23
23
23
24
25
25
25
25
25
25
25
26
26
27
27
4
4.1
4.1.1
4.1.2
4.12.3
Installazione
Esempio di installazione
Legende per l'esempio di installazione
Soluzioni impiantistiche con modulo idraulico
interno AW
Sistemi con radiatori:
Ventilconvettori:
Montaggio dell’unità esterna pompa di calore
Logatherm WPL 9 MR e del modulo idraulico
interno AW
Preparazione della tubazione
Il circuito di riscaldamento
Lavaggio del circuito di riscaldamento
Valvola con filtro
Accumulatore tampone
Protezione contro il gelo
Collegamento idraulico dall’unità esterna
pompa di calore Logatherm WPL 9 MR al
circuito di riscaldamento
Collegamento idraulico del modulo idraulico
interno AW al circuito di riscaldamento
Smontaggio dell'involucro del Modulo
idraulico interno AW
Isolamento
Installazione delle sonde di temperatura
Sonda mandata T1
Sonda esterna T2
Sonda ambiente T5
Sonda di controllo del punto di rugiada TM
Montaggio di un termostato di sicurezza
riscaldamento a pavimento
Altri punti di collegamento
Ingresso esterno
Scollegare un accessorio
Allacciamento elettrico
Allacciamento elettrico dell’unità esterna
pompa di calore Logatherm WPL 9 MR
Allacciamento elettrico del modulo idraulico
interno AW
Modalità di emergenza
5
5.1
5.1.1
5.1.2
5.1.3
5.1.4
5.2
5.3
5.3.1
5.3.2
Pannello di servizio
Presentazione del pannello di servizio
Led di indicazione
Interruttore principale ON/OFF
Display
Pulsante selettore
Significato dei simboli sul display
Funzionamento del pannello di servizio
Livello utilizzatore finale (0)
Livello accesso assistenza (1)
4.1.3
4.1.4
4.2
4.3
4.4
4.4.1
4.4.2
4.4.3
4.4.4
4.5
4.6
4.6.1
4.7
4.8
4.8.1
4.8.2
4.8.3
4.8.4
4.9
4.10
4.10.1
4.11
4.12
4.12.1
4.12.2
28
28
28
29
29
29
30
30
30
30
30
30
31
31
31
31
31
32
32
32
32
32
33
34
34
34
34
35
36
36
37
37
37
37
37
37
37
37
38
38
Con riserva di modifiche tecniche.
Indice
6
6.1
6.2
6.3
6.3.1
6.3.2
6.4
6.5
6.6
6.7
6.8
6.8.1
6.8.2
6.8.3
Messa in servizio
Riempimento del circuito di riscaldamento
Verifica prima della messa in servizio
Avvio e regolazioni diverse durante la prima
messa in servizio
Riavvio rapido della pompa di calore?
Avvio
Controllo del cavo di comando
Impostazione parametri dello sbrinamento
Altri parametri
Raffreddamento
Verifiche dopo la messa in servizio
La portata della pompa di calore
La portata del circuito di riscaldamento
Registro degli avvisi e degli allarmi
50
50
50
53
54
54
54
55
55
55
55
7
7.1
7.2
Orologi
Montaggio dell'involucro
Informazioni dell'utilizzatore
56
56
56
8
8.1
8.2
57
57
8.4
Manutenzione
Valvola con filtro
Svuotamento del modulo idraulico interno
AW
Sostituzione delle sonde
Sonde posizionate sulla tubazione del
modulo idraulico interno AW (T1/T8/T9)
Verifica della pompa di calore
58
59
9
9.1
9.1.1
9.1.2
9.2
9.2.1
9.2.2
9.2.3
9.3
9.4
9.5
9.6
Anomalie di funzionamento
Display nero
Causa probabile 1:
Causa probabile 2:
Allarmi
Storico allarmi
Registro degli avvisi
Esempio di allarme:
Modalità di emergenza
Allarmi e finestre di avviso
Stato controllo di frequenza del compressore
Codici di anomalia della pompa di calore
62
62
62
62
62
62
62
63
63
64
67
73
10
10.1
Valori predefiniti
Valori predefiniti
79
79
11
Protocollo di messa in servizio
81
8.3
8.3.1
Con riserva di modifiche tecniche.
49
49
49
57
58
3
1
Istruzioni di sicurezza e spiegazione dei simboli
1
Istruzioni di sicurezza e spiegazione dei simboli
1.1
Istruzioni di sicurezza
1.2
Significato dei simboli
Informazioni generali
B La presente guida deve essere letta con attenzione e
conservata per future esigenze di consultazione.
Installazione e messa in servizio
Nel testo, le avvertenze sono indicate ed
incorniciate da un triangolo di segnalazione
su sfondo grigio.
B L'installazione, i lavori svolti sui condotti, il
collegamento elettrico e la prima messa in servizio
del prodotto devono essere effettuati
obbligatoriamente da un professionista qualificato ed
autorizzato, conformemente ai testi regolamentari e
alle regole dell'arte in vigore.
Per i rischi legati alla corrente elettrica, il
punto esclamativo nel triangolo di
segnalazione è sostituito da un simbolo di
fulmine.
B Prima dell'installazione: mettere l'apparecchio fuori
tensione su tutti i poli. Proteggere contro ogni
riattivazione involontaria.
Manutenzione e riparazioni
B Solo il personale qualificato è autorizzato ad
effettuare riparazioni. Riparazioni eseguite in modo
scorretto possono nuocere gravemente alla
sicurezza dell'utilizzatore e ridurre i risparmi di
energia.
B Utilizzare esclusivamente pezzi di ricambio originali.
B Si raccomanda di far revisionare l'apparecchio una
volta all'anno da un agente di manutenzione
autorizzato.
Informazioni utilizzatore
B Informare l'utilizzatore che questo apparecchio non
deve essere utilizzato da persone con capacità
fisiche o mentali ridotte o prive di esperienza.
B Sorvegliare i bambini per accertarsi che non giochino
con l'apparecchio.
4
Le parole di segnalazione poste all'inizio di un'avvertenza
caratterizzano il tipo e l'importanza delle eventuali
conseguenze che possono verificarsi se le misure
necessarie per evitare il pericolo non sono rispettate.
B AVVISO segnala il rischio di danni materiali.
B ATTENZIONE segnala il rischio di incidenti corporali
da leggeri a medi.
B AVVERTENZA segnala il rischio di incidenti corporali
gravi.
B PERICOLO segnala il rischio di incidenti mortali.
Informazioni importanti
Le informazioni importanti non riguardanti
situazioni a rischio per l'uomo o il materiale
sono segnalate attraverso il simbolo
raffigurato a lato. Sono delimitate da righe
nella parte inferiore e superiore del testo.
Con riserva di modifiche tecniche.
Caratteristiche dell'apparecchio
2
Caratteristiche dell'apparecchio
2.1
Fornitura
2
EWB
HYL-15-0
2
3
EWP
4
TM
T2
T5
6720614486-01.1- GX (HYL-16-0)
2.2
Fig. 1
EWB
EWP
1
2
3
4
T2
T5
TM
Modulo idraulico interno AW B 9
Unità esterna pompa di calore Logatherm WPL 9 MR
Istruzioni di installazione e manutenzione e Istruzioni d'uso
Valvola di intercettazione con filtro
Pinza per anelli di arresto per smontare il filtro
Staffa di fissaggio a muro
Sonda di temperatura esterna con cavo
Sonda di temperatura ambiente con cavo
Sonda di controllo del punto di rugiada con cavo
Con riserva di modifiche tecniche.
Trasporto e stoccaggio
L’unità esterna pompa di calore Logatherm WPL 9 MR e
il modulo idraulico interno AW B 9 devono sempre essere
trasportati e stoccati in posizione verticale. L’unità esterna
pompa di calore Logatherm WPL 9 MR può essere
inclinata provvisoriamente, ma non deve restare in
posizione orizzontale.
Il modulo idraulico interno AW B 9 non deve essere
stoccato o trasportato ad una temperatura inferiore a
–10°C. L’unità esterna pompa di calore Logatherm
WPL 9 MR non deve essere stoccata ad una temperatura
inferiore a –10°C.
5
2
Caratteristiche dell'apparecchio
2.3
Denominazione dei principali componenti
2.3.1
Pompa di calore WPL 9 MR
10
11
12
1
2
9
3
8
14
15
4
17
5
16
13
7
6
6 720 614 486-05.1I-GX
Fig. 2
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
6
Scheda di controllo (unità di controllo (C.B.))
Scheda di filtraggio delle interferenze (N.F.)
Morsettiera di collegamento, cavi di comunicazione (TB2, TB3)
Valvole di espansione elettroniche (LEV-A/LEV-B)
Scambiatori a piastre (condensatore in modalità pompa di
calore / evaporatore in modalità raffreddamento)
Separatore per liquido circuito refrigerante
Compressore (MC)
Valvola 4 vie (valvola di inversione di ciclo)(21S4)
Motore del ventilatore (MF1)
Evaporatore (in modalità pompa di calore / condensatore in
modalità raffreddamento)
Morsettiera di collegamento alimentazione elettrica (TB1,
230V)
Scheda di potenza (P.B.)
Presa di pressione (utilizzata durante la manutenzione)
Bobina della valvola 4 vie
15
16
17
Pressostato alta pressione (63H)
Sonda di temperatura alta pressione (63HS)
Elettrovalvola di equilibratura delle pressioni (SV)
Con riserva di modifiche tecniche.
Caratteristiche dell'apparecchio
2.3.2
2
Modulo idraulico interno AW B 9
9
11
2
3
8
1
4
10
6
HYL-19-0
5
T8
T9
7 T1
Fig. 3
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
T1
T8
T9
Interruttore Modalità normale (posizione I) /
Modalità emergenza (posizione II)
Spia (rossa) di attivazione del termostato di sicurezza
riscaldamento a pavimento (E11.B21)
Spia (rossa) di attivazione del dispositivo di controllo del punto
di rugiada (E31.RM1)
Circolatore, circuito di riscaldamento (G1)
Circolatore, unità esterna pompa di calore Logatherm
WPL 9 MR (G2)
Motore della valvola miscelatrice
Valvola di sicurezza
Scarico valvola di sicurezza
Manometro
Sfiato
Valvola fusibile (F2)
Sonda di temperatura mandata (circuito di riscaldamento)
Sonda di temperatura, mandata unità esterna
Sonda di temperatura, ritorno unità esterna
Con riserva di modifiche tecniche.
7
2
Caratteristiche dell'apparecchio
2.4
Dimensioni, posizionamento e allacciamenti
2.4.1
Pompa di calore WPL 9 MR
0
Consultare il § 4.4 - pag. 30 e § 4.5 - pag. 31
M
2.4.1.1 Allacciamento idraulico
50
ax.
1000
1
150
2
300
15
0
6 720 614 486-09.1I
6 720 614 486-33.1I
Fig. 4
1
2
Allacciamenti dell’unità esterna pompa di calore
Logatherm WPL 9 MR
Fig. 5
Dimensioni minime dello spazio per
installazione in mm
Mandata unità esterna (PDC verso il modulo idraulico interno
AW) ∅ 1"
Ritorno unità esterna (proveniente dal modulo idraulico interno
AW verso PDC) ∅ 1"
3
2.4.1.2 Posizionamento, dimensioni
+
30
30
95
Distanza minima tra l’unità esterna pompa di calore
Logatherm WPL 9 MR e il muro: 300 mm.
Distanza minima davanti all’unità esterna pompa di calore
Logatherm WPL 9 MR: 500 mm; sui lati: 150 mm.
0
943
Al fine di ridurre al minimo le perdite di pressione e le
perdite termiche, la distanza tra il modulo idraulico interno
AW e l’unità esterna pompa di calore Logatherm
WPL 9 MR deve essere il più ridotta possibile.
Se una protezione è installata, deve trovarsi ad almeno 1
m al di sopra dell’unità esterna pompa di calore
Logatherm WPL 9 MR, al fine di evitare la ricircolazione
dell'aria nella batteria.
17
5
60
0
37
0
6 720 614 486-31.1I
Fig. 6
Dimensioni di ingombro in mm
Installare l’unità esterna pompa di calore Logatherm
WPL 9 MR su un basamento in grado di sostenere
almeno 320 kg.
8
Con riserva di modifiche tecniche.
Caratteristiche dell'apparecchio
2
B
A
C
D
Max.30
A
6 720 614 486-34.2I
Fig. 7
A
B
C
D
Dimensioni in mm
Fissaggio: 4 bulloni M10 (3/8“) X 70 mm
Supporto min 150 mm
Basamento in cemento, min. 770 x 120 mm
Foro di aerazione, non deve essere ostruire!
Con riserva di modifiche tecniche.
9
2.4.2.2 Posizionamento, dimensioni
2.4.2.1 Allacciamento idraulico
B Collegare lo scarico della valvola di sicurezza ad un
sistema di evacuazione.
Collegamento
Diametro
[pollici]
Tipo
Dado libero
filettato e
guarnizione
piatta
Mandata e ritorno dall'unità Ø 3/4" - F
esterna pompa di calore
Supraeco WPL 9 MR
Dado libero
filettato e
guarnizione
piatta
Mandata e ritorno
riscaldamento ausiliario,
alla caldaia esistente
Ø 3/4" - F
Dado libero
filettato e
guarnizione
piatta
Scarico della valvola di
sicurezza
Ø 1/2" - F
Tab. 1
È richiesto uno spazio minimo di 50 mm tra il modulo
idraulico interno AW e le altre installazioni permanenti
(muri, lavabo, ecc.) Scegliere preferibilmente una
posizione attigua al muro esterno o ad una parete divisoria
isolata. La staffa di fissaggio al muro del modulo idraulico
è fornita con quest'ultimo.
50
50
80
90
267
Mandata e ritorno impianto Ø 3/4" - F
di riscaldamento
È richiesto uno spazio libero di 600 mm davanti al modulo
idraulico interno AW.
150
mini
Modulo idraulico interno AW
≥ 600
Diametri di collegamento delle tubazioni
85 85 85 85
60
159
7
HYL-17-0
2.4.2
Caratteristiche dell'apparecchio
333
2
220
Dimensioni minime dello spazio per
installazione Modulo idraulico interno AW in
mm
HYL-18-0
Fig. 9
4
2
1
5
6
70 80 70 70 70 80 70
Fig. 8
1
Allacciamento del Modulo idraulico interno AW
(dimensioni in mm)
3
4
5
6
Mandata unità esterna (proveniente dall’unità esterna pompa di
calore Logatherm WPL 9 MR)
Ritorno unità esterna (verso l’unità esterna pompa di calore
Logatherm WPL 9 MR)
Ritorno circuito di riscaldamento
Mandata circuito di riscaldamento
Mandata caldaia
Ritorno caldaia
7
Scarico valvola di sicurezza
2
10
HYL-20-0
600
3
291
19
510
Fig. 10 Dimensioni di ingombro Modulo idraulico
interno AW in mm
Con riserva di modifiche tecniche.
Caratteristiche dell'apparecchio
2.5
Specifiche tecniche
2.5.1
Caratteristiche dell’unità esterna pompa di calore Logatherm WPL 9 MR
2
Unità
Funzionamento aria/acqua
Intervallo di potenza calorifica a +A7/W35°1)
Coefficiente di prestazione (COP) a +A7/W35
kW
1)
1)
Intervallo di potenza calorifica a –A7/W35
Coefficiente di prestazione (COP) a
3,9
kW
+A7/W351)
Intervallo di potenza frigorifera a +A35/W181)
2,6/7,5
2,6
kW
1)
4,0/7,5
4,0
Efficienza energetica (EER) +A35/W18
1)
Intervallo di potenza frigorifera a +A35/W7
Efficienza energetica (EER) +A35/W7
3,9/9,2
kW
1)
2,4/7,5
2,4
Sistema di riscaldamento
∅ Collegamento fluido termovettore
pollice
1
Portata nominale
l/s
0,43
Perdita di carica interna
kPa
6
Compressore
Compressore
Carica di fluido refrigerante R-410A
volumetrico rotativo
kg
Sistema di sbrinamento
2,4
Mediante inversione di ciclo
attraverso la valvola 4 vie
motorizzata
Portata d'aria
m3/h
3300
Pressione acustica a 1 metro
dBA
49
kW
0,060
Dati elettrici
Potenza elettrica assorbita del ventilatore
Alimentazione elettrica / Protezione
230V, 1N AC 50Hz / IPX1
Intensità max. assorbita
A
23
Corrente di avvio
A
<3
Amperaggio dei fusibili
AT
25
ml/mm2
25 ml max. / 3x2,5 min.
Temperatura max. di mandata
°C
60
Dimensioni (LxPxA)
mm
950x360x943
Peso
kg
79
Cablaggio dell’unità esterna pompa di calore Logatherm WPL 9 MR (cavo
H05VV-F)
Informazioni generali
Rivestimento esterno
Tab. 2
Lamiera smaltata galvanizzata
Specifiche tecniche dell’unità esterna pompa di calore Logatherm WPL 9 MR
1) Dati di potenza conformi alla norma europea EN 14511.
Con riserva di modifiche tecniche.
11
2
2.5.2
Caratteristiche dell'apparecchio
Specifiche tecniche del modulo idraulico
Unità
Assorbimento circolatore di riscaldamento
kW
0,2
Alimentazione elettrica / Protezione
230V, 1N AC 50Hz / IPX1
Potenza elettrica max. assorbita
kW
0.3
Amperaggio dei fusibili
AT
1.2
Pressione max. di funzionamento
bar/MPa
3/0,3
Capacità del vaso di espansione
l
8
Termostato di sicurezza anti-surriscaldamento acqua
°C
90
Portata min. impianto di riscaldamento
l/s
0,19
Circolatore impianto di riscaldamento (G1)
Wilo HU 15/6-3 CLR6
Circolatore alimentazione unità esterna G2
Wilo HU 15/6-3 CLR6
Dimensioni (LxPxA)
mm
510x291x600
Peso senza acqua
kg
24
Peso con acqua
kg
26
Rivestimento esterno
Tab. 3
Lamiera acciaio verniciata
Specifiche tecniche del modulo idraulico
2.5.2.1 Curve caratteristiche dei circolatori
H/m
HU15/6-3
6
5
4
3
2
1
0
0
1000
2000
3000
V/l/h
Fig. 11 Pompe del circuito di riscaldamento e circolatore alimentazione unità esterna
Le curve indicano la prevalenza residua:
1
2
3
H
V
12
Curva caratteristica del circolatore a velocità 1
Curva caratteristica del circolatore a velocità 2
Curva caratteristica del circolatore a velocità 3
Prevalenza residua all’impianto
Portata dell’acqua di circolazione
Con riserva di modifiche tecniche.
Caratteristiche dell'apparecchio
2.5.3
Resistenze delle sonde di temperatura
Le resistenze delle sonde devono essere misurate dopo
averle scollegate dalle relative schede elettroniche nel
quadro elettrico del modulo idraulico interno AW e
dell’unità esterna pompa di calore Logatherm WPL 9 MR.
2.5.3.1 Resistenze delle sonde di temperatura del
modulo idraulico interno AW
2.5.3.2.1 Sonda di bassa temperatura unità esterna
pompa di calore Logatherm WPL 9 MR
Consultare la tabella 6 e la figura 12 per i valori di misura
delle sonde di temperatura TH3 (evaporatore), TH6 (fluido
termovettore del condensatore), TH7 (zona ambiente) e
TH32 (ritorno all'unità esterna).
Consultare la tabella 4 per i valori di misura di tutte le
sonde di temperatura collegate al modulo idraulico
interno AW (T1, T2, T5, T8, T9).
°C
ΩT...
°C
ΩT...
°C
ΩT...
-40
154300
5
11900
50
1696
-35
111700
10
9330
55
1405
-30
81700
15
7370
60
1170
-25
60400
20
5870
65
980
-20
45100
25
4700
70
824
-15
33950
30
3790
75
696
-10
25800
35
3070
80
590
-5
19770
40
2510
85
503
0
15280
45
2055
90
430
Tab. 4
2
°C
kΩT...
0
15
10
9,6
20
6,3
25
5,2
30
4,3
40
3,0
Tab. 6
Resistenze delle sonde di bassa temperatura
R(kΩ)
50
40
Resistenze delle sonde modulo idraulico interno AW
2.5.3.2 Resistenze delle sonde di temperatura
dell’unità esterna pompa di calore
Logatherm WPL 9 MR
30
Le sonde di temperatura dell’unità esterna pompa di
calore Logatherm WPL 9 MR hanno dei valori di misura e
degli intervalli di lavoro diversi da quelli del modulo
idraulico interno AW (consultare la tabella 5).
20
Normale
TH4
Anomala
10
160 kΩ − 410 kΩ
TH3
TH6
TH7
4,3 kΩ − 9,6 kΩ
Interruzione o
cortocircuito
0
-20
-10
0
10
20
30
40
50
T(˚C)
6 720 614 486-19.1I
TH32
TH8
Tab. 5
39 kΩ − 105 kΩ
Resistenze delle sonde unità esterna pompa di calore
Logatherm WPL 9 MR
Con riserva di modifiche tecniche.
Fig. 12 Sonda di bassa temperatura unità esterna
pompa di calore Logatherm WPL 9 MR
13
2
Caratteristiche dell'apparecchio
2.5.3.2.2 Sonda di media temperatura unità esterna
pompa di calore Logatherm WPL 9 MR
2.5.3.2.3 Sonda di alta temperatura unità esterna
pompa di calore Logatherm WPL 9 MR
Consultare la tabella 7 e la figura 13 per i valori di misura
della sonda di media temperatura TH8 (Scheda
elettronica di potenza).
Consultare la tabella 8 e la figura 14 per i valori di misura
della sonda di alta temperatura TH4 (gas uscita
compressore).
Tab. 7
°C
kΩT...
°C
kΩT...
0
180
20
250
25
50
30
160
50
17
40
104
70
8
50
70
90
4
60
48
70
34
80
24
90
17,5
100
13
110
9,8
Resistenze della sonda di media temperatura
R(kΩ)
200
Tab. 8
Resistenze della sonda di alta temperatura
150
R(kΩ)
500
100
400
50
300
200
0
25
50
75
100
125
T(˚C)
6 720 614 486-26.1I
Fig. 13 Sonda di media temperatura unità esterna
pompa di calore Logatherm WPL 9 MR
100
0
25
50
75
100
120
T(˚C)
6 720 614 486-27.1I
Fig. 14 Sonda di alta temperatura unità esterna pompa
di calore Logatherm WPL 9 MR
14
Con riserva di modifiche tecniche.
Caratteristiche dell'apparecchio
2.6
Schema elettrico
2.6.1
Schema elettrico unità esterna pompa di calore Logatherm WPL 9 MR
t°
t°
t°
t°
2
t°
52C
F4
t°
LI
I
I
6 720 614 486-06.1I-GX
Fig. 15 Schema di cablaggio dell’unità esterna pompa di calore Logatherm WPL 9 MR
Tratto pieno = collegato in fabbrica
Tratto punteggiato = collegamento da effettuare durante l'installazione
Con riserva di modifiche tecniche.
15
2
Caratteristiche dell'apparecchio
Simbolo
Significato
Simbolo
Significato
TB1
Morsettiera, alimentazione elettrica
-----52C
Relè
TB2
Morsettiera, cavo di comando
C.B.
Scheda di controllo (unità di controllo)
TB3
Morsettiera, cavo di rinvio delle anomalie
-----SW1
Selettore di funzioni
MC
Motore del compressore
-----SW2
Selettore di funzioni
MF1
Motore del ventilatore
-----SW6
Selezione del modello
21S4
Valvola 4 vie
-----SW8
Selettore di funzioni
SV
Elettrovalvola di equilibratura delle
pressioni, bypass
-----LED3
Display (funzioni/guasti)
-----F3, F4
Fusibile (6,3A, 250V)
63H
Pressostato alta pressione
-----X52,X55
Relè
63HS
Sonda di temperatura alta pressione
I.F.
Scheda di interfaccia (I/O)
TH3
Sonda di temperatura fluido
dell’evaporatore
TH4
Sonda di temperatura gas uscita
compressore
TH6
Sonda di temperatura fluido termovettore
del condensatore
TH7
Sonda di temperatura ingresso aria
esterna
TH8
Sonda di temperatura della scheda
elettronica di potenza
TH32
Sonda di temperatura del ritorno acqua di
riscaldamento/raffreddamento
LEV-A, LEV-B
Valvole di espansione elettroniche
DCL
DCL
ACTM
Modulo del filtro attivo
P.B.
Scheda di potenza
-----TABU
TABV
TABW
Morsettiera, fasi U/V/W
-----TABS/TABT
Morsettiera, fase L/N
-----TABP1/P2
Morsettiera, corrente continua (DC)
-----TABN1/N2
Morsettiera, corrente continua (DC)
-----DS2, DS3
Ponte diodo
-----IPM
Modulo di alimentazione
N.F.
Scheda di filtraggio delle interferenze
-----LI, LO
Morsettiera, fase L
-----NI, NO
Morsettiera, fase N
-----EI, E2
Morsettiera, massa
Tab. 9
Tab. 9
16
Con riserva di modifiche tecniche.
Caratteristiche dell'apparecchio
2.6.2
2
Schema elettrico modulo idraulico interno AW
2.6.2.1 Vista d'insieme del quadro elettrico
3
2
HYL-22-0_8736322342-01
T5
T2
T1
1
T8
T9
I/O AX-09
OPB
PSU
6a
5a
IOB
F2
5
6b
9
6
S2
8
7
10
T8
T1 T9
11
4
Fig. 16 Quadro elettrico del modulo idraulico interno AW
1
2
3
4
4a
4b
4c
5
5a
6
6a
6b
7
Trasformatore (scheda elettronica PSU)
Collegamenti, unità esterna pompa di calore Logatherm
WPL 9 MR (Scheda elettronica -I/O AX-09)
Collegamenti, modulo idraulico interno AW (Scheda elettronica
principale - IOB)
Integrazione caldaia (scheda elettronica OPB)
Termostato di sicurezza antisurriscaldamento acqua (F21)
Pulsante di riarmo del termostato di sicurezza antisurriscaldamento acqua (F21)
Pulsante di regolazione della temperatura di riscaldamento in
modalità emergenza
Relè del termostato di sicurezza riscaldamento a pavimento
(E11.B21)
Spia (rossa) di attivazione del termostato riscaldamento a
pavimento
Dispositivo di controllo del punto di rugiada (E31.RM1)
Spia (rossa) di attivazione del dispositivo di controllo del punto
di rugiada
Collegamento sonda di controllo del punto di rugiada
Morsettiera, alimentazione elettrica (PE, N, L)
Con riserva di modifiche tecniche.
8
Morsettiera, collegamento termostato di sicurezza
riscaldamento a pavimento (accessorio non fornito)
9
Passacavo per cavo di alimentazione elettrica 230 V
10
Passacavo per cavo di alimentazione circolatore (G1/G2)
11
Passacavo per sonde di temperatura (T1, T8, T9), per cavo
di alimentazione della REGO 800 II, per cavo di
collegamento della scheda I/O del modulo alla scheda IF
dell’unità esterna pompa di calore Logatherm WPL 9 MR.
F2
Interruttore differenziale
S2
Interruttore per funzionamento di emergenza
T1
Sonda di temperatura mandata (circuito di riscaldamento)
T2
Collegamento sonda di temperatura esterna
T5
Collegamento sonda di temperatura ambiente
T8
Sonda di temperatura, ritorno unità esterna PDC
T9
Sonda di temperatura, mandata unità esterna PDC
PSU
Trasformatore (scheda elettronica)
OPB
Integrazione caldaia (scheda elettronica)
IOB
Scheda elettronica principale
I/O AX-09 Interfaccia (scheda elettronica)
17
2
Caratteristiche dell'apparecchio
2.6.2.2 Schema elettrico e collegamento esterno del modulo idraulico interno AW
14794_1_2009-07-02
Fig. 17 Schema di cablaggio del modulo idraulico interno AW
Tratto pieno = collegato in fabbrica. Tratto punteggiato = collegamento da effettuare durante l'installazione.
E11.G1
E21.G2
E71.E1.Q71
E11.T1
E10.T2
E11.B21
E11.T5
E31.RM1
F1
F2
H1
H2
18
Circolatore impianto di riscaldamento
Circolatore alimentazione unità esterna
Valvola miscelatrice motorizzata
Sonda di temperatura mandata (circuito di riscaldamento)
Sonda di temperatura esterna
Termostato di sicurezza riscaldamento a pavimento (una
chiusura durante il funzionamento provoca l'arresto
dell’unità esterna pompa di calore Logatherm WPL 9 MR
e del circolatore E11.G1)
Sonda di temperatura ambiente
Dispositivo di controllo del punto di rugiada
Fusibile
Interruttore differenziale 6A
Ingresso esterno (programmabile)
Allarme riscaldamento (caldaia)
H3
Do1
R1
S1
S2
TM1
PSU
CPU
OPB
IOB
Risposta del ventilatore (una chiusura durante il funzionamento
causa l'arresto dell’unità esterna pompa di calore Logatherm
WPL 9 MR)
Alimentazione elettrica diretta del circolatore G1 (PDC e
Modulo inattivi)
Relè 4 poli
Commutatore di terminazione (S1 deve essere in posizione
"Term" sulla prima e sull'ultima scheda del circuito CANbus)
Interruttore per funzionamento di emergenza
Sonda di controllo del punto di rugiada (5 sonde max.)
Trasformatore (scheda elettronica)
Pannello di servizio con display (scheda elettronica)
Integrazione caldaia (scheda elettronica)
Scheda elettronica principale
Con riserva di modifiche tecniche.
Caratteristiche dell'apparecchio
2.6.3
2
Schemi elettrici unità esterna pompa di calore Logatherm WPL 9 MR - modulo idraulico interno AW
3
Signal
Entrée/Sortie
4
1
2
A
P
14794_2_2009-07-02
Fig. 18 Collegamento dei cavi di comunicazione tra il modulo idraulico interno AW e l’unità esterna pompa di calore
Logatherm WPL 9 MR
Tratto pieno = collegato in fabbrica. Tratto punteggiato = collegamento da effettuare durante l'installazione.
S1
Commutatore di terminazione (S1 deve essere in posizione
"Term" sulla prima e sull'ultima scheda del circuito CANbus)
E21.T8 Sonda di temperatura, mandata unità esterna
E21.T9 Sonda di temperatura, ritorno unità esterna
E11.TT Collegamento CANbus tra il termostato ambiente modulante
RTU (accessorio) e la scheda I/O AX-09 del modulo idraulico
interno AW
1
Collegamento CANbus proveniente dalla scheda elettronica
principale (IOB) del modulo idraulico interno AW
2
Scheda I/O AX-09 del modulo idraulico interno AW
(collegamenti unità esterna pompa di calore Logatherm
WPL 9 MR)
3
Collegamento CANbus tra il trasformatore PSU e la scheda I/O
AX-09 del modulo idraulico interno AW
Con riserva di modifiche tecniche.
4
Scheda di interfaccia (I.F.) dell’unità esterna pompa di calore
Logatherm WPL 9 MR
X2
Morsettiere di collegamento (TB2, TB3) dell’unità esterna
pompa di calore Logatherm WPL 9 MR per i cavi di
comunicazione provenienti dal modulo idraulico interno AW
X5
Connettore
A
Selezione di indirizzo, deve essere impostato su 0
P
Selezione di programma, deve essere impostato su 0
RTU
Termostato ambiente
I/O AX-09 Interfaccia (scheda elettronica Modulo idraulico interno AW)
AX-09
Interfaccia (scheda elettronica I.F unità esterna pompa di
calore Logatherm WPL 9 MR)
19
2
Caratteristiche dell'apparecchio
1
4
5
3
MHR
2
ECOLANE
AR 9 MR
14794_3_2009-07-02
Fig. 19 Collegamenti esterni, modulo idraulico interno AW e unità esterna pompa di calore Logatherm WPL 9 MR
Tratto pieno = collegato in fabbrica. Tratto punteggiato = collegamento da effettuare durante l'installazione.
E11.T1
E10.T2
E11.T5
E11.TT
E31.RM1
H1
H2
Do1
20
Sonda di temperatura mandata (circuito di riscaldamento)
Sonda di temperatura esterna
Sonda di temperatura ambiente
Collegamento CANbus tra il termostato ambiente
modulante RTU (accessorio) e la scheda I/O AX-09 del
modulo idraulico interno AW
Dispositivo di controllo del punto di rugiada
Ingresso esterno (programmabile)
Allarme riscaldamento (caldaia)
Alimentazione elettrica diretta del circolatore G1 (PDC e
Modulo inattivi)
E11.B21 Termostato di sicurezza riscaldamento a pavimento (una
chiusura durante il funzionamento provoca l'arresto dell’unità
esterna pompa di calore Logatherm WPL 9 MR e del
circolatore G1)
TM1-5
Sonda di controllo del punto di rugiada (5 sonde max.)
1
Modulo idraulico interno AW
2
Pompa di calore WPL 9 MR(AX-09)
3
Alimentazione elettric’unità esterna pompa di calore
Logatherm WPL 9 MR, fusibili 25A
4
Alimentazione elettrica modulo idraulico interno AW,
fusibili 10A
5
Interruttore di sicurezza (non contenuto nel volume di
fornitura).
Con riserva di modifiche tecniche.
Caratteristiche dell'apparecchio
2.6.4
2
CANbus - Modulo idraulico interno AW - Accessori
4
4
14794_4_2009-07-02
1
3
2
Fig. 20 Schema CANbus
Tratto pieno = collegato in fabbrica. Tratto punteggiato = collegamento da effettuare durante l'installazione.
1
2
3
4
RTU
CPU
PSU
Interruttore a ponte (jumper)
Modulo di gestione 2o circuito (accessorio)
Collegamento CANbus al termostato ambiente modulante
(accessorio)
Interruttore a ponte (jumper)
Termostato ambiente
Pannello di servizio con display (scheda elettronica)
Trasformatore (scheda elettronica)
Con riserva di modifiche tecniche.
I/O AX-09
IOB
OPB
Interfaccia (scheda elettronica)
Scheda elettronica principale
Integrazione caldaia (scheda elettronica)
21
2
Caratteristiche dell'apparecchio
2.6.5
Collegamento dell'integrazione
S2 Interruttore per
funzionamento di
emergenza
funzionamento normale
(pompa di calore)
funzionamento di emergenza
(riscaldamento ausiliario)
Collegamento con contatto pulito
Contatto pulito: a
contatto chiuso
accensione caldaia
(gas-gasolio-elettrica).
Collegamento con contatto in tensione (230V)
Contatto pulito di segnalazione
anomalia caldaia di integrazione.
Aperto: funzionamento normale
Chiuso: Anomalia
Contatto in tensione
(230V): a contatto chiuso
accensione caldaia (gasgasolio-elettrica).
Contatto pulito di segnalazione
anomalia caldaia di integrazione.
Aperto: funzionamento normale
Chiuso: Anomalia
Fig. 21 Collegamento dell'integrazione
Tratto pieno = collegato in fabbrica. Tratto punteggiato = collegamento da effettuare durante l'installazione:
Do1
22
Avvio integrazione di riscaldamento (caldaia gasolio-gas/
elemento elettrico).
Attenzione: Uscita in tensione 230V. Carico max. dell'uscita
relè, resistivo 1800 W, induttivo 600 W, cosϕ > 0.4. Quando il
carico è maggiore, installare un relè intermedio.
H2
Contatto pulito di segnalazione anomalia caldaia di
integrazione. Provoca un allarme in caso di chiusura in corso di
funzionamento.
Con riserva di modifiche tecniche.
Informazioni generali e funzionamento
3
Informazioni generali e funzionamento
Solo una ditta specializzata autorizzata può
eseguire l'installazione. L'installatore deve
rispettare leggi, direttive, regolamenti e
norme vigenti nel paese d'installazione e
seguire le indicazioni del presente manuale di
istruzioni.
3.1
Informazioni sulla pompa di calore
Qualunque sia la configurazione dell'installazione, l’unità
esterna pompa di calore Logatherm WPL 9 MR deve
essere obbligatoriamente associata al modulo idraulico
AW B 9. Essa sarà posizionata all'esterno dell'edificio.
3.2
Campo di utilizzo
La pompa di calore deve essere utilizzata esclusivamente
per impianti di riscaldamento a vaso chiuso ad acqua
calda, in conformità con la norma EN 12828.
Ogni altro utilizzo è vietato. Non potremo essere
considerati responsabili per i danni derivanti da un utilizzo
non autorizzato.
L'utilizzo in modalità raffreddamento è possibile
esclusivamente con un impianto adatto (raffreddamento a
pavimento o ventilconvettori con scarico della condensa).
L'utilizzo del raffreddamento è vietato con i radiatori.
3.3
Targhetta segnaletica
Pompa di calore: La targhetta segnaletica è posizionata in
basso a destra sullo sportello di servizio. Indica la
potenza, il codice articolo, il numero di serie e la data di
fabbricazione.
Modulo idraulico interno AW: La targhetta segnaletica è
posizionata all'interno dell'involucro, in basso a sinistra sul
telaio.
3.4
3
Ubicazione
B L’unità esterna pompa di calore Logatherm WPL 9 MR
deve essere posizionata all'esterno, su una superficie
orizzontale e stabile. Si raccomanda di appoggiarla su
un basamento di cemento.
B La scelta dell'ubicazione deve tenere conto della
propagazione del rumore dell’unità esterna pompa di
calore Logatherm WPL 9 MR.
B L’unità esterna pompa di calore Logatherm WPL 9 MR
deve essere posizionata in modo da permettere la
circolazione dell'aria attraverso l'evaporatore.
B L’unità esterna pompa di calore Logatherm WPL 9 MR
deve essere posizionata in modo da evitare una
ricircolazione dell'aria nella batteria.
B La superficie anteriore dell’unità esterna pompa di
calore Logatherm WPL 9 MR (lato ventilatore) non
deve essere esposta direttamente al vento.
Con riserva di modifiche tecniche.
B L’unità esterna pompa di calore Logatherm WPL 9 MR
non deve essere posizionata dove vi è il rischio di
caduta di neve e pioggia dalle grondaie. Se questo non
è possibile, installare una copertura di protezione.
B Il modulo idraulico interno AW deve essere installato
all'interno dell'edificio. La tubazione tra l'unità esterna e
il modulo idraulico interno e il circuito di riscaldamento
deve essere la più corta possibile. Essa deve inoltre
essere disposta in modo da sopportare le differenze di
temperatura nel circuito di riscaldamento senza
provocare rumori o battiti in testa. I tubi tra l’unità
esterna pompa di calore Logatherm WPL 9 MR e il
modulo idraulico interno AW B 9 devono essere isolati.
B Le acque reflue provenienti dalla valvola di sicurezza
(rif.4, figura 51 - pag. 49) devono essere evacuate dal
modulo idraulico interno AW verso una tubazione che
non presenti rischi di congelamento.
3.5
Principi di funzionamento
3.5.1
Gruppo unità esterna pompa di calore
Logatherm WPL 9 MR e modulo idraulico
Il modulo idraulico interno AW B 9 è stato sviluppato per
permettere l'associazione dell’unità esterna pompa di
calore Logatherm WPL 9 MR ad una caldaia (a gas, a
gasolio o elettrica), utilizzata come dispositivo di
emergenza e di integrazione per i giorni più freddi
dell'anno.
La regolazione della temperatura di mandata all'impianto
di riscaldamento, viene effettuata attraverso la regolazione
integrata nel modulo idraulico interno AW B 9.
In caso di funzionamento normale del riscaldamento, la
pompa di calore produce la quantità di calore necessaria
modulando il suo funzionamento.
Quando la regolazione del modulo idraulico rileva che la
pompa di calore non è più in grado di generare da sola la
richiesta di calore, attiva l'integrazione di riscaldamento
della caldaia. La pompa di calore e la caldaia funzionano
allora simultaneamente e il modulo idraulico miscela le
due portate, in modo da raggiungere la temperatura di
mandata desiderata.
Modalità riscaldamento quando la pompa di calore è
disattivata:
Quando la temperatura esterna è inferiore a circa -12°C,
la pompa di calore si arresta e non produce più acqua di
riscaldamento. La regolazione elettronica attiva
automaticamente la caldaia, che produce l'energia
necessaria.
In modalità raffreddamento:
La caldaia è disattivata. Solo la pompa di calore funziona,
comandata dalla regolazione inclusa nel modulo idraulico
interno AW B.
23
3
3.5.2
Informazioni generali e funzionamento
Pompa di calore
1
12
TH7
2
10
11
13
TH3
3
9
TH4
TH8
TH32
8
6
7
5
TH6
Fluide frigorigène en mode chauffage
Fluide frigorigène en mode refroidissement
P/B
4
6 720 614 486-10.1I-GX
Fig. 22 Circuito del fluido refrigerante
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
TH32
TH3
TH4
TH6
TH7
TH8
24
Sonda alta pressione (63HS)
Presa di pressione AP
Pressostato alta pressione (63H)
Compressore
Valvola di espansione elettronica A (LEV-A)
Valvola di espansione elettronica B (LEV-B)
Separatore per liquido circuito refrigerante
Mandata unità esterna
Scambiatore a piastre (Condensatore in modalità Pompa di
calore o Evaporatore in modalità raffreddamento)
Ritorno unità esterna
Presa di pressione BP
Valvola 4 vie (valvola di inversione di ciclo)
Elettrovalvola di equilibratura delle pressioni
Sonda di temperatura, ritorno unità esterna PDC (ritorno
installazione)
Sonda di temperatura del fluido refrigerante all'evaporatore
(riscaldamento), o al condensatore (raffreddamento)
Sonda di temperatura, gas uscita compressore
Sonda di temperatura del fluido refrigerante all'uscita del
condensatore (riscaldamento), o all'ingresso dell'evaporatore
(raffreddamento)
Sonda di temperatura ingresso aria esterna
Sonda di temperatura della scheda elettronica di potenza, (P.B.)
Con riserva di modifiche tecniche.
Informazioni generali e funzionamento
3.6
Informazioni generali relative al
riscaldamento
L'impianto di riscaldamento può essere composto da uno
o due circuiti.
3.6.1
Circuiti di riscaldamento
B Circuito 1 (circuito diretto, ad esempio radiatori): è
gestito dalla regolazione integrata nel modulo idraulico
e controllata dalla sonda di mandata (T1), dalla sonda
esterna (T2) e dalla sonda ambiente (T5).
B Circuito 2 (circuito miscelato, ad esempio
riscaldamento a pavimento): è gestito anch'esso
dalla regolazione integrata nel modulo idraulico se un
modulo miscelatore HMB di gestione 2o circuito
(opzionale) è stato installato. Una sonda ambiente (TT)
supplementare può allora essere installata.
In modalità riscaldamento, la temperatura di
mandata del circuito 2 non può essere
superiore a quella del circuito 1. È quindi
impossibile combinare un riscaldamento a
pavimento sul circuito 1 con radiatori sul
circuito 2. In alcune modalità di
funzionamento, una riduzione della
temperatura ambiente del circuito 1 può
influire sul circuito 2.
In modalità raffreddamento, la temperatura di
mandata del circuito 2 non può essere
inferiore a quella del circuito 1. È quindi
impossibile combinare un riscaldamento a
pavimento sul circuito 1 con ventilconvettori
sul circuito 2.
3.6.2
Termoregolazione del riscaldamento
B Sonda di temperatura esterna e sonda di
temperatura ambiente (È possibile installare una
sonda ambiente per ogni circuito di riscaldamento).
L'utilizzo di una sonda esterna (T2) combinata ad una
sonda ambiente (T5) implica l'installazione della sonda
esterna (T2) sul muro esterno della casa e di una o più
sonde ambiente all'interno dell'abitazione. Queste
ultime trasmettono informazioni sulla temperatura del
locale alla regolazione integrata nel modulo idraulico. I
segnali di queste sonde influenzano la temperatura di
mandata. Ad esempio, la temperatura di mandata
diminuisce quando la sonda ambiente rileva una
temperatura maggiore rispetto alla temperatura
impostata.
Solo il locale in cui è installata la sonda di
temperatura ambiente influenza la
regolazione della temperatura.
Con riserva di modifiche tecniche.
3.6.3
3
Programmazione del riscaldamento/
raffreddamento
B Programma riscaldamento: permette di aumentare o
di diminuire la temperatura in funzione del giorno, della
settimana e dell'ora.
B Programma raffreddamento: permette di bloccare la
modalità raffreddamento in funzione del giorno, della
settimana e dell'ora.
B Programma ferie: la regolazione integrata nel modulo
idraulico è dotata di un programma per la modalità
vacanze. Esso permette di diminuire o di aumentare la
temperatura ambiente per il periodo impostato.
B Controllo remoto: attraverso un contatto esterno la
regolazione integrata nel modulo idraulico effettua delle
regolazioni. La funzione selezionata viene eseguita
quando la regolazione riceve il segnale di ingresso.
3.6.4
Modalità di funzionamento
B Con integrazione di riscaldamento: la pompa di
calore normalmente è dimensionata in modo tale che la
sua potenza sia inferiore al fabbisogno dell'edificio.
L'integrazione (caldaia) si attiva come complemento
della pompa di calore quando quest'ultima non riesce
più a coprire da sola il fabbisogno di riscaldamento
dell'edificio. L'integrazione (caldaia) entra in servizio
anche quando la modalità di emergenza è attivata, e nel
caso in cui la pompa di calore si sia arrestata a causa
di una temperatura esterna troppo bassa.
La pompa di calore si arresta a circa – 12 °C. La
caldaia garantisce allora da sola il
riscaldamento.
3.7
Procedura di sbrinamento
Il principio di sbrinamento della batteria alettata della
pompa di calore è conosciuto con il nome di sbrinamento
mediante iniezione di gas caldo. Durante lo sbrinamento,
la valvola a quattro vie motorizzata inverte il senso di
scorrimento del fluido refrigerante nel circuito (valvola
inversione di ciclo).
Il gas proveniente dal compressore è veicolato verso la
parte superiore dell'evaporatore, facendo sciogliere il
ghiaccio situato all'esterno. Durante questo processo,
l'acqua dell'impianto di riscaldamento si raffredda
leggermente. Il tempo necessario per lo sbrinamento
dipende dalla quantità di ghiaccio e dalla temperatura
esterna.
3.8
Verifiche prima dell'installazione
B L'installazione deve essere eseguita da un
professionista qualificato ed autorizzato.
B L'installazione della pompa di calore deve rispettare
leggi, direttive, regolamenti e norme vigenti nel paese
d'installazione.
25
3
Informazioni generali e funzionamento
B Verificare che i collegamenti delle tubazioni siano intatti
e che non si siano allentati durante il trasporto.
B Prima della messa in esercizio della pompa di calore,
riempire e di sfiatare l'impianto di riscaldamento, il
circuito alimentazione unità esterna e la pompa di
calore.
B I cavi elettrici e di comunicazione bus, devono essere il
più corti possibile, al fine di proteggere il sistema da
eventuali perturbazioni elettromagnetiche (es.:
temporale).
3.9
Elenco di controllo
Ogni installazione di pompa di calore è unica.
La lista di controllo offre una descrizione
generale della procedura di installazione.
1. Posizionare l’unità esterna pompa di calore
Logatherm WPL 9 MR su una base di appoggio
stabile.
2. Collegare le tubazioni di mandata e di ritorno
dell’unità esterna pompa di calore Logatherm
WPL 9 MR.
3. Collegare le tubazioni di mandata e di ritorno del
modulo idraulico interno AW.
4. Installare un tubo flessibile per lo scarico al modulo
idraulico interno AW all'evacuazione delle acque
reflue.
5. Collegare l’unità esterna pompa di calore Logatherm
WPL 9 MR al modulo idraulico interno AW.
6. Collegare l'impianto di riscaldamento.
7. Installare e collegare la sonda di temperatura esterna
a nord e la sonda di temperatura ambiente.
8. Collegare il cavo di segnale tra l’unità esterna pompa
di calore Logatherm WPL 9 MR e il modulo idraulico
interno AW.
9. Realizzare il collegamento del gruppo unità esterna
pompa di calore Logatherm WPL 9 MR e modulo
idraulico alla rete elettrica. Tensione di alimentazione:
230 V - 50 Hz (monofase; Rispettare le polarità FaseNeutro, Collegamento a terra obbligatorio).
10.Eventualmente installare un interruttore differenziale e
il controllo delle tariffe.
11. Riempire e sfiatare il circuito di riscaldamento prima
della messa in servizio.
12.Accendere l'impianto e procedere alla messa in
servizio dell'installazione di riscaldamento effettuando
tutte le regolazioni necessarie sul pannello di
controllo.
13.Confermare la sonda di temperatura ambiente
installata sul pannello di controllo (Consultare il menu
sonda supplementare collegata § 6.3.2.3 - pag. 51).
14.Controllare l'impianto dopo la messa in esercizio.
26
Uno sfiato deve essere installato sulla
tubazione "mandata unità esterna PDC (rif.1,
figura 4, pag. 8), il più vicino possibile
all’unità esterna pompa di calore Logatherm
WPL 9 MR.
Prudenza: Per evitare il fenomeno di
condensazione sui circuiti elettronici, prima
della prima messa in servizio il compressore
si deve riscaldare:
B Dare tensione alla pompa di calore almeno 2
ore prima della messa in servizio.
3.9.1 CANbus
Le diverse schede elettroniche del modulo idraulico
interno AW e gli eventuali dispositivi di disinserimento
sono collegati per mezzo di un cavo di comunicazione,
CANbus. CAN (Controller Area Network) è un sistema a
due cavi che permette alle schede basate su un
microprocessore di comunicare tra loro.
Il termostato ambiente (RTU collegamento CANbus
E11.TT) può anch'esso essere collegato attraverso un
cavo CANbus.
Prudenza: rischi di interferenze.
B I cavi CANbus devono essere schermati ed
installati separatamente dai cavi di
alimentazione elettrica (distanza min. = 100
mm).
Un cavo adatto per il collegamento è il cavo LIYCY (TP)
2x2x0,6. Il cavo deve essere twistato e schermato. La
schermatura deve essere collegato alla messa a terra ad
una sola estremità e al telaio.
La lunghezza massima del cavo = 20 m.
Possono comunque essere disposti vicino ai cavi delle
sonde.
Prudenza: Non confondere i collegamenti
del 12V e del CANbus!
I processori saranno irrimediabilmente
danneggiati se il bus CAN viene sottoposto
ad una tensione di 12V.
B Verificare che ognuno dei 4 fili sia collegato
al rispettivo morsetto come marcato sulle
schede elettroniche.
Le schede elettroniche sono collegate tra loro per mezzo
di 4 fili, usati anche per l'alimentazione elettrica a 12 V
delle schede elettroniche. Le schede dispongono di
marcature che permettono di contrassegnare i
collegamenti 12V e CANbus.
Con riserva di modifiche tecniche.
Informazioni generali e funzionamento
1
S1
3
2
S1
6 720 614 483-08.1I
6 720 614 366-24.1I
Fig. 23 Terminazione CANbus
1
2
CANbus terminato
CANbus non terminato
Il commutatore S1 permette di contrassegnare l'inizio e
la fine di un circuito CANbus. Questo significa che la
scheda CPU del display e la scheda principale IOB del
modulo idraulico interno AW devono essere terminate
attraverso l'interruttore S1, posizione Term (figura 17 pag. 18).
Se si installa il termostato ambiente (RTU) con
collegamento CANbus (E11.TT), la sua terminazione è
automatica, posizionare il commutatore S1 della scheda I/
O AX-09 del modulo idraulico interno AW sulla posizione
non terminata (figura 20 - pag. 21).
Se si utilizza il modulo miscelatore per la gestione di un
secondo circuito occorre effettuare la terminazione della
scheda OPB del modulo miscelatore al posto della
scheda di integrazione AHB del modulo idraulico interno
AW. Verificare che solo le schede terminali della linea
CANbus siano terminate e che i commutatori delle altre
schede siano nella posizione inversa.
3.10 Cavo di segnale
Un cavo di segnale, di dimensioni 8x0,5 collega tra loro il
modulo idraulico interno AW e l’unità esterna pompa di
calore Logatherm WPL 9 MR. Tale cavo non deve
superare 30 metri di lunghezza.
Fig. 24 Braccialetto
Generalmente i danni sono latenti. Una scheda elettronica
può funzionare perfettamente durante la messa in servizio
prima di presentare alcuni problemi. Gli oggetti caricati
elettricamente presentano un rischio solo se si trovano
nelle vicinanze dei componenti elettronici. Prima di
cominciare l'intervento, prestare attenzione ad allontanare
di almeno un metro i materiali di imballaggio come la
schiuma espansa o la plastica di protezione, i maglioni in
materiale sintetico (pile, ad esempio) e oggetti simili.
Quando si maneggiano dei componenti elettronici, un
braccialetto collegato a terra garantisce una buona
protezione contro le scariche elettrostatiche. Questo
braccialetto deve essere indossato prima di aprire il
sacchetto/l'imballaggio di metallo schermato o prima di
eseguire ogni intervento su una scheda già installata. Il
braccialetto deve essere indossato finché la scheda non
viene riposta nel suo imballaggio schermato o installata
nel quadro elettrico chiuso. Le schede sostituite o
rimandate devono essere maneggiate rispettando le
stesse precauzioni.
3.11 Manipolazione delle schede
elettroniche
Le schede di comando elettroniche sono sensibili alle
scariche di elettricità statica. Per evitare che i componenti
vengano danneggiati, si consiglia di maneggiarli
adottando alcune precauzioni.
Prudenza: Indossare sempre un braccialetto
collegato a terra quando si maneggia una
scheda elettronica.
6 720 614 366-25.1I
Fig. 25
Con riserva di modifiche tecniche.
27
4
4
Installazione
Installazione
Solo una ditta specializzata autorizzata può
eseguire l'installazione. L'installatore deve
rispettare leggi, direttive, regolamenti e
norme vigenti nel paese d'installazione e
seguire le indicazioni del presente manuale di
istruzioni.
4.1
Esempio di installazione
Per maggiori dettagli relativi alle soluzioni
impiantistiche, si prega di consultare le
indicazioni per la progettazione relative alla
pompa di calore aria-acqua reversibile.
4.1.1
Legende per l'esempio di installazione
E12
Circuito di riscaldamento miscelato
(accessorio)
E12.B21
Termostato di sicurezza riscaldamento a
pavimento (Accessori)
E12.G1
Circolatore impianto di riscaldamento
miscelato (modulo miscelatore HMB)
E12.G2
Ventilconvettore (accessorio)
E12.Q11
Valvola miscelatrice (modulo miscelatore
HMB)
E12.T1
Sonda di temperatura mandata (modulo
miscelatore HMB)
E12.T5
Sonda di temperatura ambiente, analogica
Tab. 12 E12
E10
E10.T2
E21
Pompa di calore
E21
Pompa di calore
E21.P101
Manometro
E21.G2
Circolatore alimentazione unità esterna
E21.T8
Temperatura di mandata unità esterna
E21.T9
Temperatura di ritorno unità esterna
E21.V101
Valvola con filtro
Sonda di temperatura esterna
Tab. 10 E10
E11
Circuito di riscaldamento diretto
E11.B21
Termostato di sicurezza riscaldamento a
pavimento (accessorio)
E11.C101
Vaso di espansione
E11.C111
Accumulatore tampone (accessorio)
E11.F101
Valvola di sicurezza
E11.F111
Sfiato automatico
E11.G1
Circolatore impianto di riscaldamento
E11.G2
Ventilconvettore (accessorio)
E11.T1
Sonda di temperatura mandata
E11.T5
Sonda di temperatura ambiente, analogica
E11.TT
Termostato ambiente modulante RTU,
CANbus
Tab. 13 E21
E31
Dispositivo di controllo del punto di
rugiada
E31.RM1.TM1
Protezione contro la condensazione,
sonda di controllo del punto di rugiada
N.1 (numero max. 5)
E31.RM2.TM1
Protezione contro la condensazione,
sonda di controllo del punto di rugiada
N.2 (numero max. 5)
Tab. 14 E31
Tab. 11 E11
E71
Caldaia (Elettrica/Gasolio/Gas)
E71.E1.F111 Sfiato automatico
E71.E1.Q71
Valvola miscelatrice per integrazione
E71.E1.R101 Valvola di non ritorno (Bypass)
E71.E1.V41
Acqua calda sanitaria
E71.E1.W41 Acqua fredda
28
Con riserva di modifiche tecniche.
Installazione
4.1.2
4
Soluzioni impiantistiche con modulo idraulico interno AW
1
2
AWB1112001_
Fig. 26 Pompa di calore con modulo idraulico interno AW e accessori
1
2
Modulo idraulico interno AW
Modulo miscelatore HMB, di gestione di un secondo
circuito (accessorio)
E11
Circuito di riscaldamento diretto: ventilconvettori e
radiatori o riscaldamento a pavimento
E12
Circuito di riscaldamento miscelato (modulo HMB):
ventilconvettori e radiatori o riscaldamento a pavimento
E11.C111 Accumulatore tampone
E71.
Caldaia
4.1.3
Sistemi con radiatori:
Per un sistema di riscaldamento a radiatori tradizionali,
accertarsi che il volume di acqua (tubi e radiatori) sia
superiore a 40 litri.
4.1.4
I bollitori tampone devono essere isolati con materiale
resistenti alla formazione di condensa, al fine di evitare la
formazione di gocce di condensa durante la modalità
raffreddamento.
La sonda di temperatura ambiente collegato alla
regolazione elettronica REGO 800 II della pompa di
calore deve avere la prevalenza su qualunque altro
sistema di regolazione. Per questo, nel locale in cui è
installato il sensore di temperatura, regolare i termostati
dei ventilconvettori ad una temperatura maggiore rispetto
a quella impostata nella regolazione elettronica e
mantenere sempre acceso almeno un ventilconvettore.
Ventilconvettori:
Per un sistema di riscaldamento a ventilconvettori,
accertarsi che il volume di acqua sia superiore a 150 litri.
Con riserva di modifiche tecniche.
29
4
4.2
Installazione
Montaggio dell’unità esterna pompa
di calore Logatherm WPL 9 MR e del
modulo idraulico interno AW
4.4.2
Valvola con filtro
B Disimballare il prodotto e smaltire l'imballaggio in
conformità alle dispozioni locali.
B Rimuovere gli accessori forniti.
B Definire l'ubicazione del modulo idraulico interno AW
tenendo conto delle diverse condizioni: ambienti,
accessibilità all'apparecchio, ecc.
1
2
B Usare la staffa di fissaggio (figura 9 - pag. 10).
3
6 720 614 050-34.1D
Fig. 27 Valvola con filtro
4.3
Preparazione della tubazione
Installare i tubi di collegamento del circuito di
riscaldamento e dell'acqua calda nel locale
dell'installazione.
1
2
Filtro
Anello Seeger
3
Tappo di tenuta
4.4
Il circuito di riscaldamento
La valvola con filtro deve essere installata all'interno
dell'edificio e il più vicino possibile all’unità esterna pompa
di calore Logatherm WPL 9 MR, sul ritorno unità esterna
del modulo idraulico interno AW (rif.2, figura 8 - pag. 10).
4.4.1
Lavaggio del circuito di riscaldamento
4.4.3
La pompa di calore fa parte integrante del sistema di
riscaldamento. Una cattiva qualità dell’acqua nei radiatori/
riscaldamento a pavimento o la penetrazione di aria nel
circuito sono elementi che possono danneggiare la
pompa di calore.
L'ossigeno provoca la formazione di particelle corrosive
come magnetite o depositi.
La magnetite ha un effetto abrasivo sulle pompe, sulle
valvole e sui componenti del circuito di riscaldamento, e
questo provoca una irregolarità della portata, ad esempio,
nel condensatore.
I circuiti di riscaldamento che necessitano di un
riempimento regolare o per i quali l'acqua resta ancora
torbida dopo la pulizia richiedono un trattamento
particolare prima dell'installazione di una pompa di calore
(ad esempio, montaggio di filtri e di sfiati).
Nessun additivo per il trattamento dell'acqua deve essere
utilizzato, ad eccezione degli agenti che permettono di
aumentare il livello di pH. Il valore raccomandato per il pH
è compreso tra 7,5 e 9.
In caso di collegamento ad una rete di acqua sanitaria
carica di calcare (> 35°F), prevedere l'installazione di un
sistema di trattamento anticalcare sull'ingresso di acqua
fredda generale dell'installazione, in conformità alle
normee disposizioni del paese di installazione.
Accumulatore tampone
Perché l'installazione funzioni in condizioni ottimali, è
necessario che il circuito di riscaldamento abbia un
volume totale di almeno 150 litri. Se il sistema esistente
non ha un volume sufficiente, deve essere installato un
accumulatore tampone. Quest'ultimo è particolarmente
importante nel caso in cui il sistema sia composto
esclusivamente da ventilconvettori, perché questi ultimi
hanno un contenuto di acqua ridotto.
Per un sistema formato da radiatori contenenti ad
esempio 100 litri complessivi, è necessario un
accumulatore tampone da 40-50 litri. Un sistema formato
da ventilconvettori di circa 40 litri complessivi necessiterà
di un accumulatore tampone da 100-150 litri.
Il accumulatore tampone dovrà essere dotato
obbligatoriamente di uno sfiato.
B Collegare il accumulatore tampone sulla mandata del
modulo idraulico, in serie rispetto al circuito di
riscaldamento secondo lo schema idraulico (§ 4.1 pag. 28).
Avvertenza:
B In modalità raffreddamento, il accumulatore
tampone deve essere obbligatoriamente
isolato contro la formazione di condensa..
Prudenza: La presenza di sporcizia o di altre
particelle nella tubazione può danneggiare la
pompa di calore.
B Risciacquare la tubazione al fine di eliminare
ogni residuo.
30
Con riserva di modifiche tecniche.
Installazione
4.4.4
Protezione contro il gelo
Se la vostra installazione deve restare completamente
inattiva per un lungo periodo invernale (diversi giorni o
più), deve essere protetta contro il gelo. Per farlo, si
consiglia di aggiungere una soluzione antigelo nell'acqua
del sistema. Questa soluzione deve essere mescolata con
cura all'acqua, in modo da ottenere una miscela
omogenea. La sua concentrazione deve essere
determinata in funzione della temperatura esterna minima
(consultare il manuale del prodotto antigelo). In casi
particolari, dove è richiesta una protezione aggiuntiva, è
possibile aggiungere glicole etilenico fino ad una
concentrazione massima del 15%.
4
Le tubazioni devono essere dotate di valvole di
svuotamento e di sfiato accessibili.
4.6
Collegamento idraulico del modulo
idraulico interno AW al circuito di
riscaldamento
4.6.1
Smontaggio dell'involucro del Modulo
idraulico interno AW
E
F
Per quanto possibile, l'aggiunta di una soluzione antigelo
deve essere evitata, perché presenta diversi
inconvenienti:
B Gli scambi termici sono meno performanti che con
l'acqua pura, e questo diminuisce l'efficienza della
pompa di calore.
G
B La soluzione può deteriorare alcune guarnizioni, valvole
o pompe.
HYL-24-0
B La soluzione è più viscosa dell'acqua pura, e questo
comporta un aumento delle perdite di carico.
Per questo, preferire al glicole una valvola di
svuotamento automatico per evitare il congelamento
dell'installazione (valvola Exogel).
Avvertenza:
B Nel circuito di riscaldamento non devono
essere utilizzati prodotti antigelo a base
alcolica..
4.5
Collegamento idraulico dall’unità
esterna pompa di calore Logatherm
WPL 9 MR al circuito di
riscaldamento
B Eseguire il collegamento dei diversi componenti
dell'installazione di riscaldamento.
B La tubazione del circuito di riscaldamento deve essere
disposta in modo da sopportare le differenze di
temperatura dell'acqua di riscaldamento ed evitare i
rumori di circolazione nel circuito di riscaldamento.
B Collegare con tubi flessibili le connessioni dell’unità
esterna pompa di calore Logatherm WPL 9 MR.
B Utilizzare dei tubi di rame con un diametro di 28 mm,
per ogni collegamento inferiore ai 20 metri tra l’unità
esterna pompa di calore Logatherm WPL 9 MR e il
modulo idraulico interno AW.
Fig. 28 Smontaggio involucro modulo idraulico interno
AW
Per aprire il pannello anteriore del modulo:
B svitare la vite (E) situata su ogni chiusura a leva (F) (una
al di sopra dell'involucro e l'altra al di sotto),
B aprire le chiusure a leva (F),
B togliere il pannello anteriore (G).
B fare attenzione al cavo di alimentazione che collega la
scheda elettronica del pannello di comando al quadro
elettrico del modulo idraulico interno AW.
4.7
Isolamento
Tutti i tubi termovettori devono essere rivestiti di un
isolamento termico idoneo conformemente alle norme in
vigore.
Se è previsto il funzionamento in raffreddamento, i
raccordi e le tubazioni devono essere isolati con materiali
resistenti alla condensa dell'umidità, conformemente alle
norme in vigore.
B Isolare le tubazioni esterne all'edificio con materiale
resistente alla condensa dell'umidità, ad esempio
Armaflex.
B Se è previsto il funzionamento in raffreddamento,
isolare i raccordi e tutte le tubazioni con materiali
resistenti alla condensa dell'umidità.
Con riserva di modifiche tecniche.
31
4
4.8
4.8.1
Installazione
Installazione delle sonde di
temperatura
4.8.4
Sonda mandata T1
4.8.4.1 Installazione della sonda
La sonda è pre-installata nel modulo idraulico interno AW
(rif.T1, figura 3 - pag. 7).
4.8.2
Sonda esterna T2
B Installare la sonda a 1,80 m su un muro a nord. Non
deve essere esposta alla luce diretta del sole, a correnti
d'aria o ad ogni altro elemento suscettibile di
influenzare la misurazione della temperatura. La sonda
non deve essere installata direttamente sotto il tetto.
4.8.3
Sonda ambiente T5
Solo il locale nel quale si trova la sonda
ambiente influenza la regolazione della
temperatura di mandata del rispettivo circuito
di riscaldamento.
Raccomandazioni per l'installazione della sonda
ambiente:
B Deve essere installata sul muro della stanza di
riferimento lontano da ogni sorgente di calore.
B Non dovrà essere nascosta da una tenda, né
posizionata all'interno di un mobile.
B Mantenere libera l'area sottostante la sonda di
temperatura della parete tratteggiata in figura 29 per
permettere la libera circolazione dell'aria ambiente.
Una sonda viene fornita con il modulo idraulico.
Avvertenza: La sonda di controllo del punto
di rugiada deve essere installata se si attiva il
funzionamento in raffreddamento.
Avvertenza: La sonda di controllo del punto
di rugiada e il condotto sul quale è installata
non devono essere isolati.
Avvertenza: Le sonde di controllo del punto
di rugiada sono molto sensibili.
B Maneggiarle con cautela durante
l'installazione e la posa dell'isolamento.
B Non toccare il circuito stampato della sonda
una volta rimossa la pellicola di protezione deterioramento della sonda.
Il dispositivo di controllo del punto di rugiada (rif.6,
figura 16 - pag. 17) arresta la pompa di calore se sulle
tubazioni del circuito di riscaldamento si forma condensa.
In modalità raffreddamento, la comparsa della condensa
si verifica se la temperatura del circuito di raffreddamento
è inferiore al punto di rugiada.
Il punto di rugiada dipende dalla temperatura e
dall'umidità dell'aria. Più l'umidità dell'aria è elevata, più la
temperatura deve essere alta, al fine di evitare la
formazione di condensa.
In presenza di condensa sulle tubazioni, le sonde di
controllo del punto di rugiada (5 al massimo) inviano un
segnale all'unità di controllo (rif.6, figura 16 - pag. 17).
0,3 m
0,6 m
T5
1,2 - 1,5 m
Sonda di controllo del punto di rugiada TM
Il dispositivo di controllo del punto di rugiada è montata in
fabbrica nel quadro elettrico del modulo idraulico interno
AW (rif.6, figura 16 - pag. 17).
0,3 m
6 720 614 366-34.1I
Fig. 29 Raccomandazione per l'installazione della
sonda ambiente T5
32
Con riserva di modifiche tecniche.
Installazione
La sonda di controllo del punto di rugiada (rif.TM, figura 1
- pag. 5) è fornita con il modulo idraulico interno AW e
sarà installata sul condotto di mandata del circuito di
riscaldamento all'esterno del modulo e in un punto
accessibile. Sarà collegata elettricamente ai morsetti 6-7
del dispositivo di controllo del punto di rugiada (rif.6,
figura 16 - pag. 17).
4
4.8.4.2 Indicatore del punto di rugiado per
impianto con solo ventilconvettori
Avvertenza: In impianti di raffreddamento
con ventilconvettori, tutti i tubi e i raccordi
devono essere isolati con materiali resistenti
alla formazione di condensa.
B Installare solo isolamenti resistenti alla
formazione della condensa.
Avvertenza: l'impianto di riscaldamento/
raffrescamento a pavimento non può
funzionare con temperatura di mandata al di
sotto del punto di rugiada.
B Regolare correttamente la temperatura di
mandata (Consultare il § 6.7 - pag. 54)
6 720 614 486-41.1I
Fig. 30 Montaggio della sonda di controllo del punto di
rugiada
B Installare la sonda sulla tubazione del circuito di
raffreddamento nel punto in cui la probabilità di
comparsa di umidità è più forte.
Il lato del circuito stampato sul quale si trova la pellicola
di protezione non deve essere a contatto con la
tubazione, ma verso l'esterno.
Se necessario, installare altre sonde sui vari punti del
circuito di raffreddamento a rischio di condensa.
Possono essere installate al massimo 5 sonde.
B Collegare la/le sonde TM al dispositivo di controllo del
punto di rugiada (rif.6, figura 16 - pag. 17 e rif.TM1,
figura 17 - pag. 18 o rif. TM1-5, figura 19 - pag. 20).
B Togliere la pellicola di protezione della sonda figura 30 - pag. 33.
Non toccare il circuito stampato della sonda - pericolo
di deterioramento!
B Effettuare una prova di funzionamento della sonda
mettendo in cortocircuito i morsetti 6 e 7 del
dispositivo di controllo del punto di rugiada (rif.6,
figura 16 - pag. 17). Il messaggio Blocco esterno
deve comparire sul pannello di servizio del modulo
idraulico interno AW.
Se è installato un modulo miscelatore HMB
di gestione di un secondo circuito, è
possibile collegare altre 4 sonde di controllo
del punto di rugiada supplementari all'unità di
controllo del modulo miscelatore HMB.
All'interno del modulo di gestione secondo
circuito è già installata una sonda sulla
tubazione.
B Consultare le istruzioni di montaggio
dell'accessorio.
Con riserva di modifiche tecniche.
B Se si utilizzano esclusivamente dei ventilconvettori con
vaschette raccogli condensa e tubi isolati con
materiale resistenti alla formazione di condensa, la
temperatura di mandata può essere impostata a 7°C.
B Se l'impianto di riscaldamento/raffreddamento è
costituito esclusivamente dei ventilconvettori, isolare la
sonda di controllo del punto di rugiada e le tubazioni
sul quale è installata.
B Scollegare la sonda di controllo del punto di rugiada
dell'unità di controllo (rif.6, figura 16 - pag. 17) se
l'impianto di raffreddamento è composta solo da
ventilconvettori con vaschetta di drenaggio della
condensa.
4.9
Montaggio di un termostato di
sicurezza riscaldamento a
pavimento
Alcuni paesi richiedono l'installazione di un termostato di
sicurezza sui circuiti di riscaldamento a pavimento.
Il termostato arresta la pompa di calore, l'integrazione
(solo riscaldamento) e il circolatore (G1) del circuito di
riscaldamento quando la temperatura di mandata diventa
troppo elevata.
Il relè del termostato del riscaldamento a pavimento è
montato in fabbrica nel quadro elettrico del modulo
idraulico interno AW (rif.5, figura 16 - pag. 17).
B Installare il termostato sulla tubazione di mandata del
circuito riscaldamento a pavimento.
B Collegare il termostato ai morsetti 1 e 2 della
morsettiera (rif.8, figura 16 - pag. 17).
B Regolare il termostato di sicurezza alla massima
temperatura amessa dall'impianto di riscaldamento.
B Effettuare una prova di funzionamento del termostato
mettendo in cortocircuito i morsetti 1 e 2. Il messaggio
Blocco esterno deve comparire sul pannello di servizio
del modulo idraulico interno AW e il circolatore (G1)
del circuito di riscaldamento si arresta.
33
4
Installazione
4.10 Altri punti di collegamento
4.10.1 Ingresso esterno
L'ingresso esterno H1 (figura 19 - pag. 20) può essere
utilizzato per il controllo remoto di alcune funzioni della
regolazione integrata nel modulo idraulico.
Per la descrizione delle funzioni comandate dall'ingresso
esterno, consultare il § 6.3.2.14 - pag. 53. L'ingresso
esterno può essere collegato ad un interruttore ad
azionamento manuale, o ad un dispositivo di comando a
distanza, ad esempio un combinatore telefonico.
4.11 Scollegare un accessorio
Se una scatola dei relè o un modulo di
gestione di un secondo circuito è stato
installato ma successivamente l'accessorio
deve essere scollegato definitivamente
dall'installazione, è necessario procedere ad
un ripristino dei parametri predefiniti al livello
assistenza. Questo non riguarda la
sostituzione di un accessorio guasto.
Prudenza: Per evitare il fenomeno di
condensazione sui circuiti elettronici, prima
della prima messa in servizio il compressore
si deve riscaldare:
B Dare tensione alla pompa di calore almeno 2
ore prima della messa in servizio.
I collegamenti elettrici della pompa di calore
devono poter essere disattivati di sicurezza.
B Installare un interruttore di sicurezza sulla
linea elettrica a protezione della pompa di
calore. Se le unità hanno alimentazioni
elettriche diverse, installare l'interruttore di
sicurezza per ogni linea elettrica.
B Conformemente alle regole applicabili di collegamento
alla rete 230 V/50 Hz, deve essere utilizzato almeno un
cavo a 3 fili di tipo H03VV. Scegliere la sezione e il tipo
di cavo in funzione dei dispositivi di sicurezza collegati
(§ 2.5 - pag. 11) e del metodo di instradamento idonei.
B Selezionare "Menu avanzato".
B Installare un interruttore differenziale, secondo le
indicazioni del progettista elettrico ed il relativo schema
elettrico. Collegare esclusivamente componenti
conformi alle normative e disposizioni locali del paese
di installazione.
B Selezionare "Ripristino impostazioni di
fabbrica".
B Osservare la codifica di colori quando si sostituiscono
le schede elettroniche.
B Selezionare il menu Installazione e assistenza
(§ 5.3.2.1 - pag. 39).
B Selezionare "Sì" e poi "Salva".
4.12 Allacciamento elettrico
Pericolo: Rischio di folgorazione!
B L'alimentazione elettrica deve essere
scollegata prima di ogni intervento.
Pericolo: Rischio di folgorazione!
è necessario lasciare che il condensatore
della pompa di calore si scarichi.
B Attendere alcuni secondi, il display (LED3,
figura 15 - pag. 15) si spegne poi
completamente.
Collegamenti esterni:
B I cavi in bassa tensione (sonde e CANbus)
devono essere posati separatamente dai
cavi di alimentazione elettrica (230 V), al fine
di evitare le interferenze (distanza minima di
100 mm).
B Utilizzare le sezioni di cavi seguenti per
allungare il cavo delle sonde di temperatura:
B Cavo lunghezza massima 20 m:
0,75 - 1,50 mm2
B Cavo lunghezza massima 30 m:
1,0 - 1,50 mm2
Avvertenza: Non accendere la pompa di
calore senza acqua nel circuito idraulico.
B Prima riempire e mettere in pressione
l'impianto di riscaldamento. Solo dopo
inserire l'alimentazione elettrica.
34
Con riserva di modifiche tecniche.
Installazione
4.12.1 Allacciamento elettrico dell’unità esterna
pompa di calore Logatherm WPL 9 MR
L
N
4.12.1.1Allacciamento alla rete
A2
B Rimuovere lo sportello di servizio (rif.3, figura 31 pag. 35).
B Fare passare i cavi di alimentazione e di comunicazione
negli appositi passacavi sul lato dell’unità esterna
pompa di calore Logatherm WPL 9 MR (rif.2, figura 31
- pag. 35) - togliere i pretagli usando un cacciavite e un
martello.
A5
B3
L
N
A1
Collegare l’unità esterna pompa di calore Logatherm
WPL 9 MR al quadro elettrico principale conformemente
alla norma EN 60335 parte 1, installare un interruttore
avente la distanza tra i contatti minima di 3 mm (ad
esempio: fusibili). Non collegare altre utenze alla linea di
alimentazione dell’unità esterna pompa di calore
Logatherm WPL 9 MR.
A4
A3
A1
Prudenza: Indossare sempre un braccialetto
collegato a terra quando si maneggia una
scheda elettronica (§ 3.11 - pag. 27).
4
A2
A3
A4
A5
B1
B2
B3
B1 B2
1
2
6 720 614 486-22.1I
Fig. 32 Denominazione dei collegamenti, morsettiera
unità esterna pompa di calore Logatherm
WPL 9 MR
1
2
Alimentazione elettrica (morsettiera TB1)
Cavo di comando/di rinvio di anomalie 15 V (morsettiere TB2/
TB3)
B Collegare i cavi conformemente alla figura 32 pag. 35.
B Mantenere fermi i cavi usando dei serracavi
(rif.1,figura 31 - pag. 35).
B Rimontare lo sportello di servizio (rif.3, figura 31 pag. 35).
1
2
3
6 720 614 486-23.1I
Fig. 31 Preparazione dell’unità esterna pompa di calore
Logatherm WPL 9 MR per l'allacciamento
elettrico
1
2
3
Serracavi: mantenimento dei cavi per evitare che entrino a
contatto con lo sportello di servizio.
Passacavi.
Sportello di servizio.
Con riserva di modifiche tecniche.
35
4
Installazione
4.12.2 Allacciamento elettrico del modulo
idraulico interno AW
4.12.2.1Allacciamento alla rete
Prudenza: Indossare sempre un braccialetto
collegato a terra quando si maneggia una
scheda elettronica (§ 3.11 - pag. 27).
B Rimuovere il pannello anteriore del modulo (consultare
il § 4.6.1 - pag. 31).
B Togliere il coperchio di protezione del quadro elettrico.
B Effettuare i collegamenti elettrici alle morsettiere:
4.12.3 Modalità di emergenza
L'impianto di riscaldamento è dotata di un dispositivo di
emergenza che in caso di malfunzionamento della
regolazione elettronica, il calore viene prodotto
completamente dal sitema di integrazione (caldaia).
(§ 9.4 - pag. 64).
La caldaia esistente si fa carico da sola della richiesta di
calore in modalità emergenza. I parametri della caldaia
saranno regolati in base al tipo di circuito di
riscaldamento. La pompa di calore viene arrestata.
L'uscita di attivazione del sistema di integrazione (caldaia)
è 230V con relè on-off (§ 2.6.5 - pag. 22)
Far passare il cavo di alimentazione 230V nel
passacavi (rif.9, figura 16 - pag. 17) e collegarlo alla
morsettiera (rif.8, figura 16 - pag. 17), conformemente
allo schema di cablaggio.
Far passare il cavo della sonda di controllo del punto di
rugiada e del termostato di sicurezza riscaldamento a
pavimento nei passacavi (rif.10, figura 16 - pag. 17) e
collegarli rispettivamente all'unità di controllo (rif.6,
figura 16 - pag. 17) e al relè (rif.5, figura 16 - pag. 17),
conformemente allo schema di cablaggio.
B Reinstallare il coperchio di protezione del quadro
elettrico e il pannello anteriore del modulo idraulico
interno AW.
HYL-23-0
Fig. 33 Scheda OPB
36
Con riserva di modifiche tecniche.
Pannello di servizio
5
5
Pannello di servizio
5.1.4
Pulsante selettore
Il pannello di servizio del modulo idraulico AW, dotato
della regolazione REGO 800 II, è situato sul lato anteriore
di quest'ultimo. Permette di effettuare le diverse
impostazioni di parametri desiderate dal cliente e di
visualizzare le anomalie.
Il pulsante selettore permette di scorrere attraverso i
diversi menu e di modificare i valori dei parametri. La
convalida delle selezioni si effettua mediante semplice
pressione del pulsante.
Il pannello di servizio è collegato alla regolazione situata
nel quadro elettrico del modulo idraulico interno AW.
5.2
I simboli che seguono compaiono nella parte inferiore del
display, a seconda dei diversi stati attivi e dei componenti
in servizio
Presentazione del pannello di
servizio
6 720 614 486-37.1I
5.1
Fig. 34 Presentazione del pannello di servizio
1
2
3
4
5.1.1
Led di indicazione
Interruttore principale ON/OFF
Display
Pulsante selettore di accesso ai diversi menu e modifica di
parametri
Led di indicazione
B Il led è fisso verde: l'interruttore principale (2) è in
posizione ON.
B Il led lampeggiante verde: l'interruttore principale (2)
è in posizione OFF.
B Il led è spento: Assenza di tensione alla regolazione
integrata nel modulo idraulico.
B Il led lampeggiante rosso: segnalazione di
un'anomalia (un allarme si è attivato e non è stato
confermato sul pannello di servizio) (Capitolo 9 pag. 62).
B Il led è fisso rosso: segnalazione di un'anomalia (un
allarme si è attivato ed è stato confermato sul pannello
di servizio, ma non è stato corretto)(Capitolo 9 pag. 62).
5.1.2
Interruttore principale
ON/OFF
L’Interruttore principale ON/OFF ha la funzione di attivare
e di arrestare l'impianto di riscaldamento.
5.1.3
Significato dei simboli sul display
Display
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
6 720 614 543-05.3I
Fig. 36 Significato dei simboli
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
(*)
5.3
Compressore
Esercizio di raffreddamento
Integrazione attivato
Ingresso esterno
Modalità acqua calda sanitaria (*)
Picco di acqua calda sanitaria (*)
Acqua calda sanitaria supplementare (*)
Programmazione
Esercizio di riscaldamento
Allarme
Modalità vacanze
La pompa di calore non raggiunge la frequenza corretta
Non attivo nella configurazione unità esterna pompa di calore
Logatherm WPL 9 MR + modulo idraulico AW 9
Funzionamento del pannello di
servizio
I menu sono divisi in vari livelli, a seconda del tipo di
utilizzatore (Utilizzatore finale (Cliente - (0)) / installatore o
tecnico del servizio assistenza (1)).
L'utente dell'impianto ha accesso soltanto ai
due livelli cliente descritti nella guida d'uso.
Il pulsante selettore (rif.2, figura 34 - pag. 37) permette di
scorrere attraverso i menu e di accedere ai sottomenu.
Per selezionare una voce all'interno del menu principale:
B Ruotare il pulsante in senso antiorario per evidenziare
la riga del menù sottostante.
B Ruotare il pulsante in senso orario per evidenziare la
riga del menù sovrastante..
Fig. 35 Livello Menu principale utilizzatore finale (0)
Con riserva di modifiche tecniche.
37
5
Pannello di servizio
B Premere il pulsante per convalidare la riga del menù
evidenziata.
Nella parte superiore ed inferiore di ogni sottomenu sono
presenti delle frecce "indietro" che permettono di tornare
al menu precedente.
B Premere il pulsante selettore quando la freccia
"indietro" è evidenziata.
5.3.2
Livello accesso assistenza (1)
B Menu principale = funzioni utilizzate esclusivamente
dall'installatore o dal tecnico del servizio assistenza.
Per accedere al Menu avanzato:
B Premere il pulsante selettore per 5 secondi.
5.3.1
Livello utilizzatore finale (0)
B Menu principale = funzioni più frequenti.
Fig. 39 Menu principale (livello Accesso assistenza 1)
-
Riavvio rapido della PDC?
Avvio
Impostazione parametri temperatura ambiente
Bloccare raffreddamento
Temperature
B Menu avanzato = funzioni supplementari.
Per accedervi, mantenere premuto il pulsante selettore
per 5 secondi.
Fig. 37 Menu principale (livello utilizzatore finale 0)
- Impostazione parametri temperatura ambiente
- Bloccare raffreddamento
- Temperature
Consultare la guida d'uso, capitolo Menu.
B Menu avanzato = funzioni supplementari.
Per accedervi, mantenere premuto il pulsante selettore
per 5 secondi.
Fig. 38 Menu avanzato (livello utilizzatore finale 0)
-
Riscaldamento/raffreddamento
Orologi
Regolazione orologio
Allarme
Livello accesso = Ingresso nel Menu principale del
Livello accesso assistenza (1)
- Ripristinare i valori predefiniti
- Disattivare allarme acustico
- Versione programma
Consultare la guida d'uso, capitolo Menu avanzato.
38
Fig. 40 Menu avanzato (livello Accesso assistenza 1)
-
Riscaldamento/raffreddamento
Temperature
Orologi
Impostazioni parametri dell'integrazione
Funzioni sicurezza
Regolazione orologio
Allarme
Livello accesso = Ritorno al Menu principale del Livello
utilizzatore finale 0 (cliente)
Ripristinare i valori predefiniti
Disattivare allarme acustico
Versione programma
Scheda I/O (=scheda I/O) collegata
Con riserva di modifiche tecniche.
Pannello di servizio
5.3.2.1 Dettagli e accesso ai menu livello 1
Prudenza: Il menu Installatore e
Manutenzione (1) è riservato agli installatori.
5
B Confermare il codice premendo il pulsante.
Il menu Informazione "Accesso = assistenza"
compare sul display.
B L'utilizzatore non deve in alcun caso
accedere a questo menu.
Per accedere al menu 1,
B il tasto ON/OFF è stato attivato verso ON.
B la data e l'ora devono essere regolate
correttamente (§ 6.3 - pag. 50).
B Un codice di accesso a quattro cifre è
indispensabile per accedere ai menu
avanzati 1.
B Mantenere premuto il pulsante selettore per cinque
secondi per accedere al Menu avanzato del Livello
utilizzatore finale (0) (consultare il § 5.3.1 - pag. 38).
Fig. 44 Informazione Accesso assistenza (livello 1)
B Mantenere premuto il pulsante selettore per entrare nel
Menu principale 1.
Il Menu principale 1 corrisponde al Livello Accesso
assistenza, raggruppa delle funzioni Utilizzatore e
delle funzioni Installatore (consultare la tabella 15 pag. 41).
Fig. 45 Menu principale 1
Fig. 41 Menu avanzato 0
B Selezionare Livello accesso usando il pulsante
selettore, ruotandolo in senso antiorario.
B Per accedere al Menu avanzato del Livello Accesso
assistenza (1), mantenere premuto il pulsante
selettore per circa cinque secondi. (consultare la
tabella 16 - pag. 43).
Fig. 42 Livello di accesso 1 (menu avanzato 0)
B Confermare la selezione premendo il pulsante.
Fig. 46 Menu avanzato 1
B Il menu Livello accesso e il codice a 4 zeri compaiono
sul display.
Per tornare al Livello utilizzatore finale:
B Selezionare Livello accesso nel Menu avanzato 1
usando il pulsante selettore, ruotandolo in senso
antiorario.
Fig. 43 Codice di accesso di ingresso nel menu 1
(Livello di accesso 0)
B Inserire il codice a quattro cifre usando il pulsante
selettore, ruotandolo in senso orario per incrementare
e premendo il pulsante per passare alla cifra seguente.
Il codice di accesso corrisponde alla data del giorno: le
prime due cifre corrispondono al mese in corso e le
ultime due al giorno (ad esempio 0920).
Con riserva di modifiche tecniche.
Fig. 47 Livello di accesso 0 (menu avanzato 1)
39
5
Pannello di servizio
B Confermare la selezione premendo il pulsante.
B Il menu Livello accesso e il codice a 4 zeri compaiono
sul display.
Fig. 48 Codice di accesso di ingresso nel menu 0
(menu avanzato 1)
B Confermare il codice 0000 premendo 5 volte il
pulsante.
Il menu Informazione "Accesso = cliente" compare
sul display.
Fig. 49 Informazione Accesso cliente (livello 0)
B Confermare di nuovo premendo il pulsante.
B Compare il Menu principale corrispondente al Livello
utilizzatore finale (0).
Fig. 50 Menu principale (livello utilizzatore finale 0)
La regolazione elettronica ritorna automaticamente al
Menu principale del Livello utilizzatore finale 0 dopo circa
120 minuti di inutilizzo.
40
Con riserva di modifiche tecniche.
Pannello di servizio
5
5.3.2.1.1 Menu principale (1)
Visualizzazione
Intervallo di
regolazione
1
RIAVVIO RAPIDO DELLA PDC?
Sì/No
1
AVVIO
1
- Regolazione orologio
1
- Funzione della scheda
accessorio
1
- Sonde suppl. collegate
Livello
- Regolazione data
- Regolazione ora
- T5 convalidato
- E12.T5 convalidato
aa:mm:gg
h:min:s
L'orologio non possiede la funzione del passaggio
automatico dall' orario invernale all'orario estivo.
Sì/No
Attiva il circuito di riscaldamento 2 selezionando "Sì"
solo se un modulo miscelatore HMB è installato.
Sì/No
Se le sonde T5 (sonda ambiente) sono state rilevate
dalla regolazione, devono essere convalidate regolando
questo parametro su "Sì".
Se la finestra è vuota, nessuna sonda supplementare è
stata rilevata. Di conseguenza, nessuna sonda
supplementare può essere convalidata.
Sì/No
1
- Capacità di collegamento
- Indicare potenza di uscita totale
6 - 9 kW
- Modalità compressore, limitazione
potenza
0,25 - 9 kW
0,25 - 9 kW
- Solo integrazione, limitazione potenza
1
- Funzionamento manuale
Commenti
- Funzionamento manuale?
Sì/No
- Tempo di funzionamento manuale
0 - 120 min
- Valvola 3 vie
(a seconda del modello di modulo
idraulico interno AW)
Funzionamento/
Arresto
Questa visualizzazione permette di indicare la potenza di
uscita dell'integrazione elettrica.
Questa visualizzazione permette di indicare i limiti del
riscaldamento elettrico quando il compressore funziona.
Questa visualizzazione permette di indicare i limiti del
riscaldamento elettrico quando il compressore non
funziona.
Selezionare "Sì" per poter verificare manualmente ogni
componente del modulo idraulico interno AW.
Indica per quanto tempo la regolazione integrata nel
modulo idraulico interno AW funziona manualmente
prima del ritorno al funzionamento automatico
Funzionamento/
Arresto
0 = 0% e 7 = 100% della sua potenza
Funzionamento/
G2 circolatore alimentazione unità esterna Arresto
0-7
Compressore
Funzionamento/
Raffreddamento
Arresto
Funzionamento/ compare solo se un modulo di gestione 2o circuito è
Perno elettrico
Arresto
installato:
(a seconda del modello di modulo
idraulico interno AW)
Funzionamento/
Arresto
Relè stagione di raffreddamento
Funzionamento/
Arresto
Aprire valvola miscelatrice circuito 2
Funzionamento/
Arresto
Chiudere valvola miscelatrice circuito 2
Funzionamento/
Arresto
E12.G1 Pompa, circuito 2
- G1 circolatore riscaldamento
-
-
1
1
- Opzioni dell'integrazione
- Lingua
- Solo l'integrazione?
Sì/No
- Bloccare l'integrazione?
Sì/No
English,
Français,
Swenska,
Italiano,
Español,
Portuguès
Questa funzione blocca l'avvio e l'utilizzo del
compressore. Il calore è prodotto dall'integrazione di
riscaldamento.
Questa funzione blocca l'integrazione di riscaldamento
in tutti i casi, eccetto in caso di funzionamento di
emergenza.
Permette di modificare la lingua predefinita durante il
primo avvio della pompa di calore.
Tab. 15 Menu principale (1)
Con riserva di modifiche tecniche.
41
5
Pannello di servizio
Intervallo di
regolazione
Livello
Visualizzazione
1
- Correggere sonda
- Correggere T1, E12.T1,T2, T5, E12.T5,
T8, T9
da -5 a +5°C
Corregge il valore di ogni sonda collegata al modulo
idraulico interno AW - Si consiglia di non correggere tali
valori.
Se la temperatura non è corretta, la sonda è difettosa e
deve essere sostituita.
Quando la temperatura esterna è bassa, la sonda
esterna indica spesso alcuni gradi in più rispetto alla
temperatura reale, a causa dell'energia termica
dell'irradiamento proveniente dal muro esterno. In questo
caso, una correzione può comportare dei problemi
quando la temperatura esterna aumenta e raggiunge
circa +15/+20°C.
1
- Tempo modalità antibloccaggio
Scegliere l'ora
0 - 23h
Attiva per 1 minuto al giorno, all'ora impostata, le pompe
G1/G2 e la valvola selettiva solo se questi componenti
non sono stati attivati nel corso delle ultime 24 ore.
1
- Ritardo allarme acustico
Scegliere la durata
0-10 min
Quando un allarme è attivato, l'allarme acustico è
ritardato per la durata definita.
1
- Temperatura esterna min.
Inserire la temperatura
da -35 a 0°C
1
- T1 Valore di riferimento massimo
Inserire la temperatura
20 - 80 °C
La temperatura di mandata all'impianto di riscaldamento
(sensore di temperatuira T1) viene limitata al volore
impostato in questo parametro indipendentemente dalla
regolazione della curva e dall'influsso della sonda
ambiente.
1
- E12.T1 Valore di riferimento
massimo
Inserire la temperatura
20 - 80 °C
Compare solo se un modulo di gestione 2o circuito è
installato
1
- Comando esterno
-
Aperto/Chiuso
da -20 a 20°C
Sì/No
0 -9 kW
Sì/No
Quando il comando esterno è attivato, la regolazione
integrata nel modulo idraulico esegue le funzioni scelte
0
AUMENTARE/RIDURRE
TEMPERATURA
Compare solo se la sonda di temperatura ambiente non
è installata.
Se una sonda ambiente è installata, questa
visualizzazione è sostituita dalla visualizzazione
"Impostazione parametri temperatura ambiente"
0
AUMENTARE/RIDURRE
TEMPERATURA CIRCUITO 2
Compare solo se la sonda ambiente del modulo di
gestione 2o circuito non è installata.
1
AUMENTARE/RIDURRE
PARAMETRI TEMPERATURA
Compare solo se nessunasonda ambiente è installata.
Attivo se
Variazione di temperatura
Solo integrazione
Limitare potenza elettrica a
Bloccare raffreddamento
-
Limite per V o H
Molto più freddo/più caldo, modificare
Più freddo/più caldo, modificare
Limite per V o H, circuito 2
Molto più freddo/più caldo, modificare,
circuito 2
- Più freddo/più caldo, modificare,
circuito 2
Commenti
La regolazione agisce sul modo in cui la funzione "più
caldo/più freddo" corregge la curva di riscaldamento.
V e H sono i valori delle estremità della curva di
riscaldamento.
La visualizzazione "circuito2" compare solo se la sonda
ambiente del modulo di gestione 2o circuito è installata.
0
IMPOSTAZIONE PARAMETRI
TEMPERATURA AMBIENTE
Inserire la temperatura
10 - 35°C
Compare solo quando una sonda ambiente è installata e
convalidata (T5)
Compare solo quando un termostato ambiente è
installato (RTU, collegamento E11.TT)
0
IMPOSTAZIONE PARAMETRI
TEMPERATURA AMBIENTE,
CIRCUITO 2
Inserire la temperatura
10 - 35°C
Compare solo se la sonda ambiente (E12.T5) del
modulo di gestione 2o circuito è installata e convalidata.
0
BLOCCARE RAFFREDDAMENTO
Sì/No
0
BLOCCARE RAFFREDDAMENTO,
CIRCUITO 2
Sì/No
0
TEMPERATURE
Compare solo se un modulo di gestione 2o circuito è
installato.
Visualizza le temperature in corso
Tab. 15 Menu principale (1)
42
Con riserva di modifiche tecniche.
Pannello di servizio
5
5.3.2.1.2 Menu avanzato (1)
Livello
Intervallo di
regolazione
Visualizzazione
Commenti
RISCALDAMENTO/
RAFFREDDAMENTO
1
- Temperatura esterna min.
0
- Temperatura di riscaldamento
1
1
1
0
da -35 a 0°C
- Curva di riscaldamento
- Isteresi
--Accelerazione/frenata rapida
--Arresto rapido
--Tempo integrazione
- Impostazione parametri sonda
ambiente
- Impostazione parametri temperatura
ambiente
- Intervallo sonda ambiente
- Influsso della sonda ambiente
--Fattore di variazione
--Tempo di bloccaggio
0
0
0
0
0
0
0
0-1
1
0
0
1
0
1 - 10°C
1 - 10°C
5 - 300 min
- Programmi orari
- Stagione di riscaldamento
- Programma riscaldamento
--Giorno e ora
--Variazione di temperatura
- Raffreddamento programmato giorno/ora
- Vacanze
--Data
--Variazione di temperatura
- Comando esterno
--Attivo se
--Variazione di temperatura
--Bloccare raffreddamento
--Regolazioni dell'installatore
- Solo integrazione
- Limitare potenza elettrica
10 - 35°C
1 - 10%
0 - 10
0 - 24 h
giorno/ora
da -20 a +20°C
Il controllo della temperatura di mandata si basa su
una curva di riscaldamento compensata in funzione
delle condizioni climatiche. L'impostazione dei
parametri della curva permette alla regolazione
elettronica di calcolare la temperatura di mandata
voluta di riferimento per la sonda di temperatura T1.
La curva di riscaldamento è regolata generalmente
impostando i parametri delle sue estremità. Questi
valori sono chiamati V e H.
La sonda ambiente permette di compensare il
riferimento della curva di riscaldamento. La correzione
è proporzionale alla differenza tra la temperatura reale
e la temperatura ambiente impostata nei parametri.
Compare solo quando una sonda ambiente è installata
e convalidata (T5)
Impostazione parametri elevati = influsso forte. Per un
riscaldamento a bassa temperatura con elevata
inerzia, l'influsso deve avere un valore ridotto.
Imposta la variazione automatica della temperatura nei
giorni ed orari impostati
giorno/ora
da -20 a +20°C
Modifica la temperatura tra 2 date
Aperto/Chiuso
da -20 a 20°C
Sì/No
Aumenta/diminuisce la temperatura di riscaldamento
attraverso un controllo remoto (ad esempio un
combinatore telefonico).
Sì/No
9 kW
- Limite stagione di riscaldamento
10 - 35°C
- Ritardo
0 - 24h
- Limite avvio diretto
5 - 17°C
La temperatura programmata determina l'inizio e la
fine della stagione di riscaldamento
Indica il ritardo per l'attivazione o la disattivazione della
stagione di riscaldamento.
Se l'installazione è in modalità Vacanze e la
temperatura scende al di sotto della temperatura
programmata, il ritardo viene annullato.
Tab. 16 Menu avanzato (1)
Con riserva di modifiche tecniche.
43
5
Pannello di servizio
Livello
1
1
Intervallo di
regolazione
Visualizzazione
- Regolazioni raffreddamento
- Isteresi
--Temperatura accelerazione / frenata
rapide
1 - 10°C
1
--Arresto rapido
1 - 10 °C
1
--Temperatura di mandata troppo bassa
1 - 10 °C
1
--Tempo di integrazione
5 - 300 min
1
- Temperatura di mandata
5 - 25 °C
- Modifica temperatura ambiente
- Isteresi stanza
- Impostazione parametri stagione
raffreddamento
--Limite di temp. esterna
da -10 a +10 °C
0,2 - 5 °C
1
1
0-1
1
19 - 40 °C
1
--Ritardo prima
0 - 48h
1
-- Ritardo dopo
0 - 48h
1
--Limite avvio diretto
20 - 50 °C
- Raffreddamento programmato
0
1
- Velocità massima del
compressore
1
- Durata accelerazione/frenata
rapide
giorno/ora
0-7
Commenti
Il valore dell'accelerazione/frenata rapida determina di
quanti gradi la temperatura di mandata (T1) può
deviare dalla curva di riscaldamento prima che il
compressore cambi rapidamente la velocità .> di 2°C
la velocità riduce 1 livello (frenata), < di 2°C la velocità
aumenta.
Questo valore determina di quanti gradi la
temperatura di mandata può superare la curva di
riscaldamento per arrestare completamente il
compressore.
Se la temperatura di mandata è < della regolazione
per più di 15 minuti, la PDC si arresta e un allarme si
attiva.
Il valore del tempo di integrazione è la regolazione
normale di isteresi. Il tempo di integrazione determina
in che modo la velocità del compressore si regola se
la temperatura di mandata (T1) devia dalla curva di
riscaldamento.
Regolazione della temperatura minima per non avere
condensa. Valore predefinito 22°C
Il raffreddamento si arresta (passato il periodo di
tempo impostato in Ritardo dopo) quando la
temperatura esterna scende al di sotto del limite della
stagione di raffreddamento.
Indica il ritardo prima che la stagione di
raffreddamento sia attivata per la pompa di calore.
Indica il ritardo prima che la stagione di
raffreddamento sia disattivata per la pompa di calore.
Il raffreddamento si avvia senza ritardo se la
temperatura esterna supera la temperatura impostata.
Permette la programazione oraria e giornaliera,
automatica dell'attivazione/disattivazione del
raffreddamento.
L'attivazione viene fatta selezionando "Funz."
(=Funzionamento).
0 = 0% e 7 = 100% della sua potenza
Tab. 16 Menu avanzato (1)
44
Con riserva di modifiche tecniche.
Pannello di servizio
Livello
0
0
0
Intervallo di
regolazione
Visualizzazione
- Temperatura riscaldamento 2
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0-1
1
0
0
1
1
1
0
1
0
1
1
1
1
1
1
1
- Curva di riscaldamento
- Impostazione parametri sonda ambiente
--Impostazione parametri temperatura
ambiente
--Influsso della sonda ambiente
Fattore di variazione
Tempo di bloccaggio
- Programmi orari
--Programma riscaldamento
Giorno e ora
Variazione di temperatura
--Raffreddamento programmato
--Vacanze
Data
Variazione di temperatura
--Comando esterno
Attivo se
Variazione di temperatura
Bloccare raffreddamento
- Regolazioni raffreddamento
--Temperatura di mandata troppo bassa
--Temperatura di mandata
--Modifica temperatura ambiente
--Isteresi stanza
--Raffreddamento programmato
- Parametri valvola miscelatrice
--Lettura unità di comando
--Costante P
--Tempo I
--Tempo D
--Durata di funzionamento valvola
miscelatrice
--Limitazione valvola miscelatrice modalità
sbrinamento
5
Commenti
Compare solo se un modulo di gestione 2o circuito è
installato
10 - 35°C
0 - 10
0 - 24 h
giorno/ora
da -20 a +20°C
giorno/ora
giorno/ora
da -20 a +20°C
Aperto/Chiuso
da -20 a 20°C
Arresto/
Funzionamento
1 - 10°C
5 - 25°C
da -10 a +10°C
0,2 - 5°C
giorno/ora
% / °C
1 - 30
5 - 1200s
0 - 10s
150 - 1200s
0 - 30min
1
Lettura della temperatura delle sonde collegate al
modulo idraulico interno AW
TEMPERATURE
1
- T1 mandata
°C
1
- Valore di riferimento mandata
°C
1
- Valore integratore
1
- T1 mandata, circuito 2
°C
1
- Valore di riferimento di mandata
circuito 2
°C
1
- T2 Temperatura esterna
°C
1
- T5 Temp. ambiente
°C
1
- T5 Temperatura ambiente,
circuito 2
°C
1
- T8 ritorno unità esterna PDC
°C
1
- T9 mandata unità esterna PDC
°C
1
- Correggere sonda
Correggere T1, E12.T1, T2, T5, E12.T5, T8,
T9
°C
compare solo se un modulo di gestione 2o circuito è
installato
compare solo se un modulo di gestione 2o circuito è
installato
Corregge il valore di ogni sonda collegata al modulo
idraulico interno AW - Si consiglia di non correggere
tali valori.
Se la temperatura non è corretta, la sonda è difettosa
e deve essere sostituita.
Quando la temperatura esterna è bassa, la sonda
esterna indica spesso alcuni gradi in più rispetto alla
temperatura reale, a causa dell'energia termica
dell'irradiamento proveniente dal muro esterno. In
questo caso, una correzione può comportare dei
problemi quando la temperatura esterna aumenta e
raggiunge circa +15/+20°C.
Tab. 16 Menu avanzato (1)
Con riserva di modifiche tecniche.
45
5
Pannello di servizio
Livello
1
1
0-1
Intervallo di
regolazione
Visualizzazione
- Ingressi
- Uscite
Commenti
Lettura dei segnali di ingresso:
- Pompa di calore segnale B2
- Pompa di calore segnale B3
- Protezione anti-surriscaldamento
- Risposta ventilatore
- Risposta ventilatore (valore A/D)
- Risposta ventilatore, circuito 2
- Risposta ventilatore, circuito 2 (valore A/D)
- Ingresso esterno
- Ingresso esterno, circuito 2
Mostra lo stato di ogni collegamento di ingresso.
Lettura dei segnali di uscita:
- G1 Circolatore riscaldamento
- G2 Circolatore alimentazione unità esterna
- Segnale A1
- Segnale A2
- Segnale A3
- Segnale A4
- Valvola 3 vie
(a seconda del modello di modulo idraulico
interno AW)
- Valvola miscelatrice circuito 2 aperta
- Valvola miscelatrice circuito 2 chiusa
- Circolatore riscaldamento, circuito 2
- Stagione raffreddamento, circuito 2
Mostra lo stato di ogni collegamento di uscita.
I valori "circuito 2" compaiono solo se un modulo di
gestione 2o circuito è installato
I valori "circuito 2" compaiono solo se un modulo di
gestione 2o circuito è installato
OROLOGI
- Attivazione dell'integrazione
0-1
- Blocco influsso della sonda
ambiente
h:min:s
Tempo restante della funzione di blocco dell'influsso
della sonda ambiente dopo l'utilizzo del comando di
ritardo di riscaldamento.
0-1
- Blocco influsso della sonda
ambiente, circuito 2
h:min:s
Compare solo se un modulo di gestione 2o circuito è
installato.
1
PARAMETRI
DELL’INTEGRAZIONE
Il riscaldamento di integrazione è ritardato dalla
funzione "Ritardo all'attivazione"
1
- Ritardo all'attivazione
0-240 min
L'orologio comincia il suo conteggio per decidere se il
riscaldamento di integrazione deve essere attivato.
1
- Integrazione programmata
giorno / ora
Il riscaldamento è completamente disattivato durante
gli intervalli di tempo impostati.
1
- Opzioni dell'integrazione
Sì/No
Blocca il compressore e il motore del ventilatore. Il
riscaldamento è fornito solo dal riscaldamento di
integrazione
Il riscaldamento è disattivato. Tuttavia, nel caso in cui
la modalità di emergenza sia attivata, il riscaldamento
di integrazione può attivarsi.
- Solo l'integrazione?
- Bloccare l'integrazione?
Sì/No
Tab. 16 Menu avanzato (1)
46
Con riserva di modifiche tecniche.
Pannello di servizio
Livello
1
Intervallo di
regolazione
Visualizzazione
- Impostazione parametri
dell'integrazione elettrica
(a seconda del modello di
modulo idraulico interno AW)
- Capacità di collegamento
--Indicare potenza di uscita totale
--Modalità compressore, limitazione
potenza
6 - 9 kW
0,25 - 9 kW
0,25 - 9 kW
--Solo integrazione, limitazione potenza
0 - 30 min
- Aumento tempo rampa
0 - 30 min
- Diminuzione tempo rampa
40 - 53 °C
- Temp. limite azionam. perno elettrico
40 - 59 °C
- Chiusura forzata perno elettrico
- Limitazione in caso di aumento di
temperatura
1
- Potenza elettrica collegata
1
FUNZIONI SICUREZZA
- Tempo di limitazione
10 - 600 s
- Zona neutra
0,5 - 30 °C
kW
- Arresto PDC quando temp. est.
bassa
0
Arresto/
Funzionamento
da -20 a 0 min
5
Commenti
Impostazione parametri della potenza di uscita totale
del riscaldamento elettrico.
Indica i limiti del riscaldamento di integrazione quando
il compressore funziona
Indica i limiti del riscaldamento di integrazione quando
il compressore non funziona.
Indica l'intervallo durante il quale il riscaldamento
elettrico deve passare da 0% a 100%.
Indica l'intervallo durante il quale il riscaldamento
elettrico si disattiva passando da 100% a 0%.
L’attivazione del perno elettrico diventa impossibile
quando la temperatura di ritorno (T9) è superiore a
quella impostata nei parametri.
Il perno elettrico resta disattivato finché la temperatura
di ritorno (T9) diventa inferiore alla temperatura
impostata nei parametri
Determina se il segnale di apertura della valvola
miscelatrice sarà limitato in caso di aumento della
temperatura di mandata rilevata dalla sonda T1.
Determina l’intervallo per il rilevamento di un aumento
della temperatura di mandata (T1).
Nella zona neutra, la posizione della valvola
miscelatrice è fissa. Nessun segnale di apertura o di
chiusura viene inviato.
visualizza i valori attuali attivi
Comandato dalla sonda esterna T2.
Alla temperatura definita e con un ritardo di 30 minuti,
il compressore viene arrestato. Il riscaldamento è
fornito dal riscaldamento ausiliario (a seconda del
modello di modulo idraulico interno AW). Il ritardo di
30 minuti è attivo anche quando il compressore non
funzione a causa di una temperatura esterna bassa.
REGOLAZIONE OROLOGIO
0
- Regolazione data
aa-mm-gg
0
- Regolazione ora
h:min:s
ALLARME
0
- Registro degli allarmi
1
- Registro degli allarmi
- Cancellare registro allarmi?
Sì/No
visualizza tutti gli allarmi ricevuti dalla regolazione
REGO 800 II del modulo idraulico in ordine
cronologico.
1
- Storico allarmi
- Storico allarmi
visualizza lo storico degli allarmi ricevuti dalla
regolazione REGO 800 II del modulo idraulico in
ordine cronologico. Lo stato degli ultimi 5 allarmi viene
salvato.
1
- Registro degli avvisi
- Registro degli avvisi
- Cancellare registro degli avvisi?
Tutti gli avvisi sono salvati nel registro.
LIVELLO ACCESSO
1
- Livello accesso
0000
Ritorno al Menu principale del Livello utilizzatore finale
0 (cliente) dopo la conferma del codice di accesso
0-1
RIPRISTINO IMPOSTAZIONI DI
FABBRICA
Sì/No
Se a questo livello viene selezionato "Sì", tutti i
parametri Livello accesso assistenza (1) vengono
reinizializzati al volori di fabbrica
0-1
DISATTIVARE ALLARME
ACUSTICO
Sì/No
Disattiva il suono dell'allarme acustico.
Non ha alcun effetto sul diodo rosso che indica gli
allarmi.
0-1
VERSIONE PROGRAMMA
Visualizza la versione del software della regolazione
REGO 800 II
Tab. 16 Menu avanzato (1)
Con riserva di modifiche tecniche.
47
5
Pannello di servizio
Livello
Intervallo di
regolazione
Visualizzazione
1
SCHEDE I/O COLLEGATE
1
- Scheda relè circuito di
riscaldamento
1
- Scheda integrazione light
1
- Scheda relè pompa di calore
1
- Scheda accessorio
1
- Sonda ambiente
1
- Scheda sonda ambiente
Commenti
Visualizza le schede I/O collegate alla regolazione
integrata nel modulo idraulico e i relativi numeri di
versione.
-
T5 Sonda ambiente
Posizione pulsante sonda ambiente
Intervallo pulsante sonda ambiente
Allarme con suoneria
Intervallo allarme acustico
1 - 10%
Sì / No
1 - 30 min
Tab. 16 Menu avanzato (1)
48
Con riserva di modifiche tecniche.
Messa in servizio
6
Messa in servizio
Prudenza: Il compressore deve essere
preriscaldato prima della prima messa in
servizio.
4
1
B Alimentare elettricamente la pompa di calore
almeno 2 ore prima della messa in servizio.
6.1
6
Riempimento del circuito di
riscaldamento
Risciacquare con acqua il circuito dell'impianto di
riscaldamento prima di riempire il circuito tra l'unità
esterna WPL e il modulo idraulico interno AW. (§ 4.4.1 pag. 30).
2
In caso di collegamento ad un sistema con
ventilconvettori, i ventilatori saranno messi in funzione per
primi, poi i rubinetti dei radiatori saranno completamente
aperti.
B Aprire le valvole di isolamento mandata/ritorno
riscaldamento.
B Aprire la valvola di arrivo dell'acqua fredda.
B Riempire lentamente l'installazione, per facilitare la
degassificazione, attraverso la valvola di riempimento
esistente.
B Effettuare lo spurgo dell'installazione, soprattutto dei
radiatori.
B Continuare il riempimento fino ad ottenere una
pressione normale compresa tra 1,0 e 2,0 bar sul
manometro (rif.1,figura 51 - pag. 49)
B Chiudere la valvola di riempimento quando la pressione
corretta viene raggiunta.
1
HYL-21-0
3
Uno sfiato deve essere installato sulla
tubazione "mandata unità esterna PDC (rif.1,
figura 4, pag. 8), il più vicino possibile
all’unità esterna pompa di calore Logatherm
WPL 9 MR.
Fig. 51 Zona dei collegamenti del modulo idraulico
interno AW
1
2
3
4
6.2
Manometro
Sfiato automatico
Valvola di sicurezza acqua di riscaldamento (3 bar)
Evacuazione valvola di sicurezza.
Verifica prima della messa in
servizio
Prima di procedere alla messa in servizio dell'installazione
di riscaldamento, verificare tutte le funzioni. Per farlo,
devono essere avviate e arrestate manualmente.
(Consultare il § 6.3.2.5 - pag. 51).
B Verificare l'assenza di perdite
Con riserva di modifiche tecniche.
49
6
6.3
Messa in servizio
Avvio e regolazioni diverse durante
la prima messa in servizio
Messa in servizio:
B Collegare l'alimentazione e premere il tasto ON/OFF
del pannello di servizio del modulo idraulico interno
AW.
Compare una finestra che permette di selezionare la
lingua.
6.3.1
Riavvio rapido della pompa di calore?
Per disattivare il temporizzatore durante l'avvio della
pompa di calore:
B Selezionare Riavvio rapido della pompa di calore?
nel Menu principale 1 corrispondente al Livello
accesso assistenza
Fig. 55
B Selezionare Sì, poi Salva.
Fig. 52
Scelta della lingua:
B Selezionare la lingua desiderata usando il pulsante
selettore. La lingua scelta diventa automaticamente la
regolazione predefinita.
Se l’opzione Ripristino impostazioni di fabbrica è
stata selezionata, la lingua resta quella che è stata
selezionata all'avvio.
Per modificare la lingua, selezionare Lingua nel menu
Avvio. Lingue disponibili: English, Français, Swenska,
Italiano, Español, Portuguès.
La pompa di calore si avvia dopo 20 secondi se è
presente una richiesta di raffreddamento o di
riscaldamento.
6.3.2
Avvio
Il menu di avvio contiene tutte le regolazioni di base del
sistema di riscaldamento. È possibile scorrerle una ad
una.
Regolazione della data e dell'ora
B Accedere al Menu avanzato del livello utilizzatore finale
premendo il pulsante selettore per 5 secondi.
B Selezionare il menu Regolazione orologio.
B Selezionare Regolazione data per correggere
eventualmente la data (aa-mm-gg).
Fig. 56 Menu Avvio (1)
B Selezionare la funzione Avvio.
Compaiono i seguenti sottomenu:
6.3.2.1 Regolazione orologio
Se necessario, regolare la data e l'ora.
6.3.2.2 Funzione della scheda accessorio
Fig. 53 Regolazione data
B Selezionare Regolazione ora per correggere
eventualmente l'ora.
Fig. 54 Regolazione ora
Se un modulo di gestione di un secondo circuito è stato
installato per il circuito 2, quest'ultimo deve essere
convalidato selezionando Funzione della scheda
accessorio.
B Selezionare Sì, poi Salva, per convalidare la scheda
accessorio.
Fig. 57 Funzione scheda accessorio
15.Accedere al Menu avanzato del livello Installatore e
manutenzione (1), (§ 5.3.2.1 - pag. 39).
50
Con riserva di modifiche tecniche.
Messa in servizio
6
6.3.2.3 Sonde supplementari collegate.
6.3.2.5 Funzionamento manuale
Se la sonda ambiente T5 o il termostato ambiente
modulante RTU (collegamento CANbus E11.TT) sono
installati correttamente, devono essere convalidati.
Prima di procedere alla messa in servizio dell'installazione
di riscaldamento, verificare tutte le funzioni. Per farlo,
devono essere avviate e arrestate manualmente.
B Selezionare Sì, poi Salva, per convalidare la sonda
ambiente.
Se il secondo circuito di riscaldamento (circuito 2) è
installato e possiede una sonda ambiente E12.T5, anche
questa deve essere convalidata.
Fig. 60
B Selezionare Sì, poi Salva, per attivare il funzionamento
manuale.
Fig. 58 Sonde supplementari collegate
6.3.2.4 Capacità di collegamento
Le valvole 3 vie (a seconda del modello di modulo
idraulico interno AW), le pompe di circolazione, il
compressore, il perno elettrico (a seconda del modello di
modulo idraulico interno AW) e le valvole miscelatrici
possono essere comandati manualmente selezionando
Funzionamento, poi Salva per ognuna delle funzioni.
Per disattivare la funzione, selezionare No
alla voce Funzionamento manuale?.
6.3.2.6 Opzioni dell'integrazione
Fig. 59
Indicare potenza di uscita totale: Impostazione
parametri della potenza di uscita totale dell'integrazione
elettrica. Se si tratta di un modulo idraulico interno AW da
9 kW, indicare 9 kW.
Modalità compressore, limitazione potenza:
impostazione parametri della potenza autorizzata quando
il compressore è in servizio. La regolazione predefinita è
uguale al 50% del valore del parametro Indicare potenza
di…
Solo l'integrazione, limitazione potenza: impostazione
parametri della potenza autorizzata quando il
compressore non è in servizio. La regolazione predefinita
corrisponde al valore del parametro Indicare potenza
di…
Con riserva di modifiche tecniche.
Fig. 61
La funzione Solo l'integrazione? impedisce l'avvio del
compressore e del ventilatore (da vedere per il ventilatore)
B Selezionare Solo l'integrazione?.
B Selezionare Sì, poi Salva. L'integrazione di
riscaldamento si fa carico allora della produzione di
calore.
La funzione Bloccare l'integrazione? disattiva la funzione
di riscaldamento di integrazione, eccetto nei casi
seguenti: modalità allarme, antilegionella.
51
6
Messa in servizio
Solitamente, l'opzione Bloccare
l'integrazione? non è consigliata.
6.3.2.9 Tempo modalità antibloccaggio
6.3.2.7 Lingua
Questa opzione permette di modificare la lingua
predefinita durante il primo avvio della pompa di calore.
Una volta al giorno, all'ora indicata, le pompe di
circolazione G1 e G2 e la valvola selettiva vengono
attivate per un minuto ciascuna, salvo se sono state in
servizio nel corso delle ultime 24 ore. Valore predefinito 0
2, che significa 02:00. Min = 0 max = 23.
6.3.2.10Durata allarme acustico
Fig. 62
B Selezionare Lingua.
La lingua selezionata diventa automaticamente la
regolazione predefinita, non sarà quindi modificata
dall'opzione Ripristinare valori predefiniti..
6.3.2.8 Correggere sonda
In caso di allarme, il segnale acustico si attiva per
l'intervallo impostato nei parametri, salvo se il segnale è
stato disattivato. Il valore predefinito è di un minuto e la
durata massima di 10 minuti.
6.3.2.11Temperatura esterna minima per la curva di
riscaldamento.
Le sonde possono essere modificate di 5°C al massimo
verso l'alto o verso il basso. La regolazione è espressa in
°C. La modifica di questi parametri deve verificarsi
esclusivamente in casi eccezionali.
52
Questa regolazione influenza il valore della temperatura
massima di mandata riscaldamento. Non modifica però il
valore H della curva di riscaldamento.
Se necessario, la curva di riscaldamento dovrà essere
regolata se le temperature minime esterne cambiano
(min. - 20°C).
Con riserva di modifiche tecniche.
Messa in servizio
6.3.2.12T1 Valore di riferimento massimo
6.4
6
Controllo del cavo di comando
Verificare il collegamento del cavo di
comando dopo la messa in servizio.
1. Entrare nel menu Funzionamento manuale e
attivarlo scegliendo Sì (§ 6.3.2.5 - pag. 51).
2. Selezionare Compressore, poi Conferma.
Fig. 63
Il valore di riferimento della temperatura di mandata T1 è
impostato nei parametri predefiniti su 45°C.
È indispensabile aumentare questo valore
se il circuito comprende esclusivamente
dei radiatori.
Fig. 64
3. Regolare sulla posizione 1. Confermare e salvare.
6.3.2.13E12.T1 Valore di riferimento massimo
Se un secondo circuito di riscaldamento è installato, è
possibile regolarne la temperatura di mandata massima.
Il valore di riferimento della temperatura di mandata
E12.T1 è impostato nei parametri predefiniti su 45°C.
Può essere necessario aumentare questo
valore se il circuito comprende
esclusivamente dei radiatori.
6.3.2.14Ingresso esterno (H1, figura 19 - pag. 20)
Quando Ingresso esterno è attivato, la regolazione
integrata nel modulo idraulico esegue le funzioni scelte.
Quando l'ingresso esterno non è più attivo, la regolazione
ritorna in modalità normale.
Fig. 65
4. Aprire lo sportello di servizio (rif.3, figura 31 pag. 35).
5. Regolare il commutatore SW2 su 100110 (1 = ON /
0 = OFF) (§ 8.4 - pag. 59)
6. Rilevare il valore sul display della pompa di calore
LED3 (figura 66). Deve essere identico a quello
convalidato al punto 3 (ossia "1").
LED3
SW2
Selezionare la o le funzioni da eseguire quando Ingresso
esterno è attivato:
B Attivo se, scegliere se l'ingresso esterno deve essere
attivo nel caso Ingresso chiuso o Ingresso aperto.
B Variazione di temperatura, impostare il numero di
gradi di variazione della temperatura di mandata
riscaldamento.
B Solo integrazione, selezionare Sì se la pompa di
calore deve essere arrestata.
B Limitare potenza elettrica a, indicare la potenza
massima dell'integrazione. Questa scelta è utilizzata
per la gestione tariffaria (es.: ore vuote).
B Bloccare raffreddamento, selezionare Sì se la
modalità raffreddamento deve essere bloccata.
Con riserva di modifiche tecniche.
Fig. 66
B Ripetere i punti 3 - 6 convalidando le posizioni del
compressore da 2 a 7.
Il cavo di comando è collegato in modo scorretto se la
posizione regolata al punto 3 non corrisponde al valore
rilevato sul display (punto 6).
Verificare la marcatura del cavo e il collegamento
(figura 32 - pag. 35).
53
6
Messa in servizio
Per verificare che il cavo di comando sia collegato
correttamente in modalità raffreddamento:
6.5
1. Selezionare Raffreddamento nel menu
Funzionamento manuale, poi confermare.
Impostazione parametri dello
sbrinamento
Per evitare il congelamento dell'evaporatore,
lo sbrinamento deve essere regolato in
posizione "clima umido".
B Verificare che il commutatore n°2 del SW6
sia in posizione ON (Schema elettrico
figura 15 - pag. 15)
Fig. 67
SW6
2. Selezionare Funzionamento e Salva.
6 720 614 486-36.1I
Fig. 70 SW6
6.6
Fig. 68
3. Misurare la tensione in corrente continua tra A4 e A5
(figura 69 - pag. 54). Deve essere di 15 VDC max..
L
N
A2
A4
A3
A1
A5
B3
L
N
A1
A2
A3
A4
A5
B1
B2
Scorrere le impostazioni dei parametri del riscaldamento
(Riscald./Raffredd.) dopo essere entrati nel Menu
avanzato 1 (§ 5.3.2.1 - pag. 39).
Effettuare le modifiche necessarie. Ad esempio, la
definizione della curva di riscaldamento.
La tabella Valori predefiniti (Capitolo 10 - pag. 79) indica
nel dettaglio l'insieme delle funzioni che possono essere
modificate dall'utilizzatore e dall'installatore. Scorrere la
tabella per verificare se altri parametri devono essere
modificati.
B3
6.7
B1 B2
1
Altri parametri
2
6 720 614 486-22.1I
Raffreddamento
Per modificare i parametri della stagione di
raffreddamento:
B Accedere al Livello avanzato del livello 1
(Capitolo 5.3.2.1 - pag. 39).
B Selezionare Riscald./Raffredd. e confermare.
Fig. 69
Il cavo di comando è collegato in modo scorretto se la
tensione misurata è inferiore a 15 VDC.
Verificare la marcatura del cavo e il collegamento.
Fig. 71
B Selezionare Regolazioni raffreddamento e
confermare.
Fig. 72
54
Con riserva di modifiche tecniche.
Messa in servizio
B Selezionare Parametri stagione...raffreddamento e
confermare.
Fig. 73
B Selezionare Limite di temp. esterna e confermare.
Temperatura esterna
durante
la messa in servizio
6
Differenza di
temperatura (T8-T9)
< 0 °C
tra 5 e 7°C
da 0°C a 15°C
tra 5 e 10°C
> 15 °C
tra 8 e 10°C
Tab. 17
Se la differenza di temperatura è troppo bassa:
B Diminuire la velocità del circolatore G2 in modo da
ottenere una portata più bassa.
Se la differenza di temperatura è troppo elevata:
B Aumentare la velocità del circolatore G2 in modo da
ottenere una portata più elevata.
Fig. 74
6.8.2
B Attribuire il valore desiderato. Valore predefinito =
19°C.
B Selezionare e modificare altri valori, se necessario.
La portata del circuito di riscaldamento è regolata per
mezzo del circolatore G1.
In modalità raffreddamento, i circuiti dei
sistemi di riscaldamento a pavimento nelle
stanze umide (sala da bagno, cucina, ecc.)
devono essere chiusi.
6.8
Verifiche dopo la messa in servizio
Perché l'installazione possa funzionare in modo ottimale,
è importante controllare la portata della pompa di calore
e quella del circuito di riscaldamento. Questa portata
deve essere regolata correttamente, al fine di poter
rimediare agli eventuali cali di pressione nel sistema.
Effettuare questo controllo dopo 10 minuti di
servizio.
6.8.1
La portata del circuito di riscaldamento
Deve essere sufficiente per mantenere il calore in tutti i
radiatori e aumentare in tal modo la superficie di
emissione di calore.
La portata del circuito di riscaldamento deve
essere più elevata di quella della pompa di
calore.
B Spurgare il circuito di riscaldamento e riempirlo, se
necessario, dopo avere effettuato un test di
funzionamento (§ 6.1 - pag. 49).
6.8.3
Registro degli avvisi e degli allarmi
Una volta terminata la messa in servizio, il Registro degli
avvisi e il Registro degli allarmi devono essere eliminati
(§ 9.2.2 - pag. 62)
La portata della pompa di calore
La portata della pompa di calore è regolata per mezzo del
circolatore G2.
La differenza di temperatura raccomandata per la pompa
di calore lato caldo è compresa tra 5 e 10°C
Per verificare la differenza di temperatura, rilevare il valore
delle sonde T8 (temperatura, ingresso acqua/acqua
PDC) e T9 (temperatura, mandata unità esterna PDC). T8
deve indicare una temperatura più elevata di T9.
B Accedere al Livello avanzato del livello 1 (§ 5.3.2.1 pag. 39).
B Selezionare Temperature e confermare.
B Calcolare la differenza T8 – T9.
Con riserva di modifiche tecniche.
55
7
7
Orologi
Orologi
7.1
Montaggio dell'involucro
E
F
Fig. 75
Attivazione integrazione
G
Indica il conteggio dell'orologio per il ritardo
dell'integrazione.
HYL-24-0
La regolazione integrata nel modulo idraulico comprende
diversi orologi. Lo stato di ciascuno di essi è accessibile
nel menu Orologi.
Ritardo valvola miscelatrice
Indica il tempo di ritardo di attivazione della valvola
miscelatrice dopo che l'orologio di integrazione ha
terminato di contare.
Ritardo modalità allarme
Indica il tempo restante prima dell'attivazione
dell'integrazione quando un allarme si è attivato.
Avvio compressore
Indica il tempo restante prima dell'avvio del compressore.
Fig. 76 Rimontaggio involucro del modulo idraulico
interno AW
Dopo la messa in servizio e dopo avere eseguito tutte le
verifiche, rimontare il pannello anteriore del modulo:
B Installare il pannello anteriore (G) sul telaio del modulo
e mantenerlo in posizione per mezzo della chiusura a
leva (F) situata al di sopra.
Indica il tempo restante prima che la stagione di
riscaldamento venga attivata nella pompa di calore.
B Verificare che il cavo di alimentazione che collega la
scheda elettronica del pannello di servizio al quadro
elettrico del modulo idraulico interno AW sia collegato
correttamente al livello del pannello anteriore.
Ritardo prima della stagione di raffreddamento
B Chiudere il pannello anteriore (G) per mezzo della
chiusura a leva (F) dal lato sottostante dell'involucro.
Ritardo stagione riscaldamento
Indica il tempo restante prima che la stagione di
raffreddamento venga attivata nella pompa di calore.
Ritardo dopo la stagione di raffreddamento
Indica il tempo restante prima che la stagione di
raffreddamento venga disattivata nella pompa di calore.
Blocco influsso della sonda ambiente
Indica il tempo restante prima che la sonda ambiente
venga bloccata.
56
B Bloccare le 2 chiusure a leva (F) usando le 2 viti (E)
7.2
Informazioni dell'utilizzatore
È dovere dell'installatore informare l'utilizzatore sulle
modalità di funzionamento dell'apparecchio. L'utilizzatore
deve essere informato, in modo particolare, sul ruolo e sul
funzionamento delle sicurezze e sulla necessità di far
eseguire una manutenzione regolare ad un professionista
qualificato.
Con riserva di modifiche tecniche.
Manutenzione
8
Manutenzione
8.1
Valvola con filtro
8
6 720 614 486-37.1I
La valvola antiparticelle (filtro anti-impurità) impedisce alle
particelle o alla sporcizia di entrare nella pompa di calore.
Col passare del tempo, il filtro finisce per intasarsi e deve
essere pulito.
Fig. 78 Pannello di servizio
1
2
3
6 720 614 050-34.1D
1
2
3
4
Spia
Interruttore
Finestra menu
Pulsante selettore
Fig. 77 Valvola con filtro
1
2
3
Filtro
Anelli di arresto
Tappo di tenuta
B Premere il tasto ON/OFF del modulo idraulico interno
AW per arrestare l'installazione di riscaldamento.
B Chiudere la valvola e svitare il tappo di tenuta (3).
B Allentare l'anello di arresto (2) che mantiene il filtro (1)
nella valvola. Usare a tale scopo la pinza per anelli di
arresto fornita.
B Togliere il filtro della valvola e risciacquarlo con acqua.
B Rimettere il filtro, l'anello di arresto e il tappo di tenuta
nella valvola.
B Aprire la valvola e riavviare la pompa di calore
premendo il tasto ON/OFF del modulo idraulico interno
AW.
8.2
3. Diminuire la pressione del circuito di riscaldamento
aprendo la valvola di sicurezza acqua di
riscaldamento (rif.4, figura 79 - pag. 57), finché il
manometro (rif. 2, figura 79 - pag. 57) arriva al valore
0 bar.
4. Verificare che gli sfiati del modulo idraulico interno
AW (rif.3, figura 79 - pag. 57) e dell’installazione
siano aperti.
5. Collegare la tubazione all'uscita dell'evacuazione
valvola (rif.5, figura 79 - pag. 57).
4
1
Svuotamento del modulo idraulico
interno AW
1. Mettere fuori tensione il modulo idraulico interno AW
premendo il tasto ON/OFF (rif. 2, figura 78 - pag. 57)
verso OFF (la spia (rif.1, figura 78 - pag. 57)
lampeggia di colore verde).
2. Interrompere l'alimentazione elettrica principale (la
spia (rif. 1, figura 78 - pag. 57) si spegne).
2
1
HYL-21-0
3
Fig. 79 Modulo idraulico interno AW
1
2
3
4
Con riserva di modifiche tecniche.
Manometro
Sfiato automatico
Valvola di sicurezza acqua di riscaldamento (3 bar)
Evacuazione valvola di sicurezza
57
8
8.3
Manutenzione
Sostituzione delle sonde
2
3
HYL-13-0
HYL-14-0
1
Fig. 80
8.3.1
6
6
6
(T8) (T9)
Sostituzione
delle (T1)
sonde
Sonde posizionate sulla tubazione del
modulo idraulico interno AW (T1/T8/T9)
B Disinserire l'alimentazione elettrica.
B Togliere il pannello anteriore (1) (+ consultare il § 4.6.1
- pag. 31).
B Togliere il coperchio di protezione (2) del quadro
elettrico (rimozione di 4 viti).
B Rimuovere l'isolamento basso (3).
B Rimuovere l'anello di mantenimento (6) dei bulbi sulla
tubazione del modulo idraulico interno AW per la
sonda interessata.
B Scollegare la sonda difettosa dalla scheda I/O AX-09
(T8/T9) o di IOB (T1) e sostituirla.
58
Con riserva di modifiche tecniche.
Manutenzione
8.4
8
Verifica della pompa di calore
Lo stato della pompa di calore può essere controllato
grazie al commutatore SW2 e al display LED3 della
pompa di calore (figura 15 - pag. 15).
SW2
6 720 614 486-35.1I
Fig. 81 SW2
1. ON
0. OFF
Regolazione
SW2
Significato
Unità
000000
Rimedi / Commenti
Configurazione normale per la diagnosi
dei guasti
100000
Temperatura fluido evaporatore (TH3)
°C
Se la temperatura è ≤ a -10°C, "– " e "10"
compaiono in modo alternato sul display
LED3.
010000
Temperatura gas uscita compressore (TH4)
°C
Se la temperatura è ≥ a 110°C, "1" e "10"
compaiono in modo alternato sul display
LED3.
110000
Velocità del ventilatore
Livello
0 - 10
001000
Numero di avvii/arresti del compressore
X 100
0 - 9999
101000
Tempo di funzionamento accumulato del
compressore
X 10 ore
0 - 9999
011000
Intensità di funzionamento compressore
A
0 - 50
111000
Frequenza del compressore
Hz
0 - 255
000100
LEV-A (Regolatore di pressione elettronico A)
100100
Storico anomalie differite (1)
010100
Modalità di funzionamento alla comparsa
dell'anomalia
110100
Impulso
Codice di
anomalia
Impulsi di apertura 0-500
Lampeggia in caso di anomalia differita
Acceso in modo continuo in caso di
anomalia non differita
Codice di
funzionamento
Visualizza lo stesso codice quando SW2
= 000000 (tabella 29 - pag. 73)
Temperatura della tubazione di fluido (TH3)
alla comparsa dell'anomalia
°C
Se la temperatura è ≤ a -10°C, "– " e "10"
compaiono in modo alternato sul display
LED3.
001100
Temperatura del gas uscita compressore
(TH4) alla comparsa dell'anomalia
°C
Se la temperatura è ≥ a 110°C, "1" e "10"
compaiono in modo alternato sul display
LED3.
101100
Intensità di funzionamento compressore alla
comparsa dell'anomalia
A
0 - 50
011100
Storico dei codici di anomalia (1) (ultimi)
L'unità guasta e il codice di anomalia
compaiono in modo alternato sul display
LED3.
111100
Storico dei codici di anomalia (2)
L'unità guasta e il codice di anomalia
compaiono in modo alternato sul display
LED3.
000010
Tempo di funzionamento del compressore
Minuti
0 - 999
Tab. 18 Verifica della pompa di calore
Con riserva di modifiche tecniche.
59
8
Manutenzione
Regolazione
SW2
Significato
Unità
100010
Impulso all’apertura di LEV-B (Regolatore di
pressione elettronico B) alla comparsa
dell'anomalia
010010
Impostazione parametri capacità
001010
Temperatura fluido termovettore del
condensatore (TH6)
°C
101010
Temperatura di condensazione (63HS)
°C
111010
Frequenza massima calcolata del
compressore
Hz
000110
Temperatura del fluido termovettore in
ingresso (TH32)
°C
100110
Livello di capacità richiesto (QSTEP)
Livello
101110
Temperatura ingresso aria esterna (TH7)
°C
011110
Temperatura della scheda elettronica di
potenza (TH8)
°C
111110
Surriscaldamento (SHd)
°C
TH4 – T63HS
000001
Sottoraffreddamento (SC)
°C
Modalitàraffreddamento: T63HS – TH3
Modalità riscaldamento: T63HS – TH6
100001
Intensità
010001
LEV-B (Regolatore di pressione elettronico B)
110001
Storico codici di anomalia U9 (tabella 29 pag. 73)
001001
Tensione alimentazione corrente continua
011001
Storico anomalie differite (2)
111001
Codice di anomalia differita (3)
Impulso
Rimedi / Commenti
Impulsi di apertura 0-500
AX-09 = 14
0 - 150
0-7
0,1 A
Impulso
Impulsi di apertura 0-500
00 = nessuna anomalia
01 = tensione troppo elevata
02 = tensione troppo bassa
04 = anomalia dell'alimentazione elettrica
20 = anomalia ACTM
V
150 – 400
Codice di
anomalia
Lampeggia in caso di anomalia differita
Codice di
anomalia
Lampeggia in caso di anomalia differita
Acceso in modo continuo in caso di
anomalia non differita
Acceso in modo continuo in caso di
anomalia non differita
000101
Storico dei codici di anomalia (3) (il più
vecchio)
L'unità guasta e il codice di anomalia
compaiono in modo alternato sul display
LED3.
100101
Anomalia di una sonda di temperatura
Se nessuna sonda presenta anomalie,
"–" compare sul display
010101
Frequenza del compressore alla comparsa
dell'anomalia
110101
Velocità del ventilatore alla comparsa
dell'anomalia
001101
Impulso di apertura di LEV-A (Regolatore di
pressione elettronico A) alla comparsa
dell'anomalia
Hz
0 – 255
Velocità di passo
0 – 10
Impulso
0 – 500
Tab. 18 Verifica della pompa di calore
60
Con riserva di modifiche tecniche.
Manutenzione
Regolazione
SW2
8
Significato
Unità
Rimedi / Commenti
101101
Temperatura del fluido termovettore in
ingresso (TH32) alla comparsa dell'anomalia
°C
011101
Temperatura fluido termovettore del
condensatore (TH6) alla comparsa
dell'anomalia
°C
111101
Temperatura di condensazione (63HS) alla
comparsa dell'anomalia
°C
100011
Temperatura ingresso aria esterna (TH7) alla
comparsa dell'anomalia
°C
010011
Temperatura della scheda elettronica di
potenza (TH8) alla comparsa dell'anomalia
°C
110011
Surriscaldamento (SHd) alla comparsa
dell'anomalia
°C
TH4 – T63HS
001011
Sottoraffreddamento (SC) alla comparsa
dell'anomalia
°C
Modalità raffreddamento: T63HS – TH3
Modalità riscaldamento: T63HS – TH6
101011
Tempo di funzionamento del compressore
prima che l'apparecchio si arresti in seguito
alla comparsa dell'anomalia
011011
Minuti
0 - 999
Frequenza massima del compressore alla
comparsa dell'anomalia
Hz
0 - 150
111011
Livello di capacità richiesto (QSTEP) alla
comparsa dell'anomalia
Livello
100111
Stato controllo di frequenza compressore
Visualizzazione
esadecimale -->
Se diverse
limitazioni sono
attive nello
stesso tempo, 1
unità viene
aggiunta.
Ad esempio,
8 + 2= A
(esadecimale)
111111
Codice di anomalia U9
0-7
Cifra di sinistra (decine):
1 = limitazione dell'alimentazione elettrica
in ingresso
2 = limitazione dell'alimentazione elettrica
del compressore
-----------------------------------------Cifra di destra (1 unità):
1 = limitazione della temperatura del gas
uscita compressore
2 = limitazione della temperatura di
condensazione
4 = limitazione della protezione antigelo
8 = limitazione della temperatura dello
scambiatore di calore (condensatore)
00 = nessuna anomalia
01 = tensione troppo elevata
02 = tensione troppo bassa
04 = anomalia dell'alimentazione elettrica
20 = anomalia ACTM
Tab. 18 Verifica della pompa di calore
Con riserva di modifiche tecniche.
61
9
Anomalie di funzionamento
9
Anomalie di funzionamento
9.1
Display nero
9.1.1
Causa probabile 1:
B Scegliere il menu desiderato e confermare
Problema di fusibile.
B Verificare che i fusibili dell'armadio elettrico
dell'abitazione siano intatti.
B Sostituire il fusibile difettoso, oppure riarmare il
disgiuntore automatico, se necessario.
La pompa di calore si rimette automaticamente in funzione
dopo 15 minuti non appena il problema è stato risolto.
9.1.2
Causa probabile 2:
Il fusibile di vetro della scheda PSU modulo idraulico
interno AW è saltato.
B Effettuarne la sostituzione.
9.2
Fig. 84
9.2.1
Storico allarmi
Gli allarmi sono salvati in ordine cronologico.
B Selezionare Storico allarmi e confermare 2 volte.
B L'informazione sull'allarme più recente (es.: 1/31), la
data e l'ora vengono visualizzate.
Allarmi
Gli allarmi che compaiono si applicano principalmente al
modulo idraulico interno AW. L’unità esterna pompa di
calore Logatherm WPL 9 MR è dotata di un display LED3
(figura 20 o figura 66), che permette di verificare gli allarmi
generati dalla pompa (consultare il § 9.6 - pag. 73).
Per il modulo idraulico interno AW, il Menu avanzato del
livello Utilizzatore finale (0) permette di accedere:
B alle informazioni del Registro degli allarmi
B e di Cancellare il registro degli allarmi.
Il Menu avanzato del livello Accesso assistenza (1)
permette di accedere inoltre:
B alle informazioni dello Storico allarmi
B alle informazioni del Registro degli avvisi
B e di Cancellare il registro degli avvisi.
Fig. 85
B Ruotare il pulsante selettore in senso antiorario per
accedere alle altre informazioni relative a questo primo
allarme (es.: temperature delle sonde, ecc.).
B Continuare a ruotare il pulsante selettore in senso
antiorario per visualizzare il o gli allarmi precedenti (es.:
2/31).
9.2.2
Registro degli avvisi
Gli avvisi sono salvati in ordine cronologico.
Per accedere al menu Allarmi:
B Selezionare Registro degli avvisi e confermare 2
volte.
B Accedere al Livello avanzato del livello 1 (§ 5.3.2.1 pag. 39).
B L'informazione sull'avviso più recente
(es.: 1/5), la data e l'ora vengono visualizzate.
B Selezionare Riscald./Raffredd. e confermare.
Fig. 82
B Selezionare Allarme e confermare.
Fig. 86
B Ruotare il pulsante selettore in senso antiorario per
visualizzare il o gli avvisi precedenti (max. 5).
Una volta terminata la messa in servizio,
B eliminare il Registro degli avvisi e il Registro degli
allarmi.
Fig. 83
62
Con riserva di modifiche tecniche.
Anomalie di funzionamento
9.2.3
9
Esempio di allarme:
Quando compare un'anomalia , compare una finestra di
allarme e viene emesso un segnale acustico. Il LED è
rosso e lampeggia sul pannello di servizio del modulo
idraulico interno AW. Il display indica la causa, la data,
l'ora in cui si è verificata l'anomalia e il simbolo della
campana (=allarme) è visibile in basso a sinistra del
display.
Fig. 87
B Selezionare Conferma usando il pulsante selettore per
annullare l'anomalia (arresto del segnale acustico e
scomparsa della finestra di allarme sul display).
B La pompa di calore si riavvia dopo 15 minuti se è
ancora presente una richiesta di riscaldamento.
B Il LED di indicazione (rif.1, figura 34 - pag. 37) resta
acceso e la spia rossa non lampeggia più se l'anomalia
non viene corretta.
Ogni anomalia viene salvata nel registro degli allarmi. Le
anomalie convalidate ma non corrette si riconoscono dal
fatto che il LED di indicazione resta acceso di colore
rosso.
Il LED di indicazione compare anche per le anomalie
provenienti dall’unità esterna pompa di calore Logatherm
WPL 9 MR e dal modulo idraulico interno AW.
Se un'anomalia si verifica nei due apparecchi, vengono
visualizzati due simboli di allarme.
9.3
Modalità di emergenza
La modalità di emergenza non deve essere
confusa con la modalità di allarme. In
quest'ultimo caso, la pompa di calore si
arresta a causa di un allarme attivo. Il
riscaldamento resta però sotto il controllo
della regolazione.
Il quadro elettrico del modulo idraulico interno AW (rif.1,
figura 3 - pag. 7) comprende un interruttore (posizione I =
funzionamento normale / posizione II = funzionamento in
modalità di emergenza).
In caso di guasto della regolazione seguito dall'arresto
della produzione di riscaldamento, la modalità di
emergenza deve essere attivata manualmente (passaggio
in posizione II) perché la caldaia assuma
automaticamente il controllo del riscaldamento.
In modalità di emergenza, l'integrazione assicura da sola il
riscaldamento. I circolatori E11.G1 e E21.G2 funzionano
in modo continuo.
Con riserva di modifiche tecniche.
63
9
9.4
Anomalie di funzionamento
Allarmi e finestre di avviso
Un allarme può attivarsi per vari motivi. Tuttavia, il riarmo
di un allarme non comporta alcun rischio. Questa sezione
descrive l’insieme degli allarmi suscettibili di comparire
sul display del pannello di servizio del modulo idraulico
interno AW. La descrizione fornisce un'idea del tipo di
allarme e di ciò che può essere fatto per porvi rimedio.
Il registro degli allarmi classifica gli allarmi e gli avvisi che
sono stati indicati.
Visualizzazione
Significato
Rimedi
Guasto della sonda / Cortocircuito
sonda
B Anomalia intermittente.
B Non fare nulla.
B Guasto della sonda o collegamento
scorretto.
B Verificare la posizione e il collegamento della
sonda.
Controllare la sonda (§ 2.5.3 - pag. 13).
Errore elemento elettrico
B La sicurezza anti-surriscaldamento acqua
dell'integrazione si è attivata.
B Premere il pulsante di riarmo della sicurezza
anti-surriscaldamento ([2], figura 3 - pag. 7).
Selezionare Conferma sul pannello di servizio
del modulo idraulico interno AW.
T8 Temperatura troppo elevata
B Portata insufficiente attraverso la pompa di
calore.
B Verificare che il circolatore G2 non sia
arrestato (6, figura 3 - pag. 7).
Verificare che tutte le valvole siano aperte:
nei circuiti di riscaldamento equipaggiati di
valvole termostatiche, queste ultime devono
essere aperte al 100%.
Nei circuiti di riscaldamento a pavimento,
almeno la metà dei circuiti deve essere
completamente aperta.
Aumentare la velocità del circolatore G2 e
quella del circolatore G1 del circuito di
riscaldamento. La velocità di quest'ultima deve
essere superiore alla velocità del circolatore
G2
Selezionare Conferma sul pannello di servizio
del modulo idraulico interno AW.
Allarmi
B La valvola con filtro è intasata.
B Controllare il filtro. Se necessario, pulirlo
(§ 8.1 - pag. 57).
Selezionare Conferma sul pannello di servizio
del modulo idraulico interno AW.
Errore scheda relè, circuito di
riscaldamento
B Un'anomalia si è verificata nella scheda
principale IOB del modulo idraulico interno
AW ([3], figura 16 - pag. 17) o nella
comunicazione con quest'ultima.
B Controllare il LED della scheda IOB, deve
lampeggiare di colore verde.
Verificare l'alimentazione elettrica della scheda
del trasformatore PSU ([1], figura 16 pag. 17). Il collegamento CANbus deve
presentare una tensione minima di 9V DC.
Verificare i collegamenti CANbus della scheda
principale IOB.
Verificare il commutatore di terminazione S1
(figura 17 - pag. 18). Deve essere nella
posizione "non terminata".
Controllare l’interruttore a ponte (jumper) della
scheda principale IOB secondo lo schema di
cablaggio (figura 17 - pag. 18).
Sostituire la scheda IOB difettosa.
Errore scheda relè, pompa di calore
B Un'anomalia si è verificata nella scheda di
collegamento pompa di calore I/O-AX-09 del
modulo idraulico interno AW ([2], figura 16 pag. 17) o nella comunicazione con
quest'ultima.
B Controllare il LED della scheda I/O-AX-09,
deve lampeggiare di colore verde.
Verificare l'alimentazione elettrica della scheda
del trasformatore PSU ([1], figura 16 pag. 17). Il collegamento CANbus deve
presentare una tensione minima di 9V DC.
Verificare i collegamenti CANbus della scheda
principale I/O.
Controllare il commutatore di terminazione S1
(figura 18 - pag. 19). Deve essere nella
posizione "non terminata" se la sonda TT
(RTU) è collegata alla scheda.
Verificare l'indirizzamento (rif. A e rif. P,
figura 18 - pag. 19) della scheda I/O secondo
lo schema elettrico (figura 18 - pag. 19) .
Sostituire la scheda I/O difettosa.
Tab. 19 Allarmi
64
Con riserva di modifiche tecniche.
Anomalie di funzionamento
9
Significato
Rimedi
Errore scheda accessorio
B Un'anomalia si è verificata nella scheda
principale OPB del modulo di gestione 2o
circuito HMM9 (Consultare lo schema
elettrico nelle istruzioni tecniche del modulo
di gestione) o nella comunicazione con
quest'ultimo.
B Controllare il LED della scheda OPB, deve
lampeggiare di colore verde.
Verificare l'alimentazione elettrica della scheda
del trasformatore PSU ([1], figura 16 pag. 17). Il collegamento CANbus deve
presentare una tensione minima di 9V DC.
Verificare i collegamenti CANbus della scheda
principale IOB.
Controllare l’interruttore a ponte (jumper) della
scheda principale OPB secondo lo schema di
cablaggio (figura 20 - pag. 21
Controllare il commutatore di terminazione S1
(figura 20 - pag. 21). Deve essere nella
posizione "terminata".
Sostituire la scheda IOB difettosa.
Errore scheda sonda ambiente
B Un'anomalia si è verificata in una sonda
ambiente collegata tramite CANBus o nella
comunicazione con quest'ultima.
B Controllare il LED della scheda della sonda,
deve lampeggiare di colore verde.
Verificare l'alimentazione elettrica della scheda
del trasformatore PSU ([1], figura 16 pag. 17). Il collegamento CANbus deve
presentare una tensione minima di 9V DC.
Verificare i collegamenti CANbus della sonda
ambiente.
Verificare che i 2 cavallotti siano presenti sulla
scheda della sonda ambiente. Hanno la
funzione di mettere la scheda della sonda
ambiente in posizione "terminata".
Sostituire la sonda ambiente difettosa.
Allarme pompa di calore
B Un'anomalia si è verificata nell’unità esterna
pompa di calore Logatherm WPL 9 MR.
B Controllare i collegamenti del cavo di
comando/rinvio delle anomalie tra l’unità
esterna pompa di calore Logatherm
WPL 9 MR (morsettiera TB2/TB3) e il modulo
idraulico interno AW (scheda I/O AX-09).
Verificare il codice di anomalia sul display della
pompa di calore (Capitolo 9.6).
Errore scheda di integrazione light
B Un'anomalia si è verificata nella scheda AHB
del modulo idraulico interno AW
B Sostituire la scheda AHB difettosa
Allarmi
Visualizzazione
Tab. 19 Allarmi
Con riserva di modifiche tecniche.
65
9
Anomalie di funzionamento
Visualizzazione
Significato
Rimedi
Verificare il fusibile.
B
B Verificare che l’unità esterna pompa di calore
Logatherm WPL 9 MR e il modulo idraulico
interno AW siano alimentati attraverso un
fusibile idoneo.
Controllo della temperatura
massima scelta per l'integrazione.
L'avviso compare se il parametro Forzare chiusura
valvola miscelatrice riceve un valore superiore a
53°C, il che significa che la temperatura di ritorno
massima alla pompa di calore può essere superata.
Delta T acqua condensatore troppo
grande
Questo avviso compare quando la differenza di
temperatura tra le sonde T8 e T9 è troppo grande:
B Portata insufficiente attraverso la pompa di calore.
Avvisi
B La valvola con filtro è intasata.
La PDC funziona adesso alla sua
temp. max. consentita
B Verificare che il circolatore G2 non sia
arrestato (rif. 6, figura 3 - pag. 7).
Verificare che tutte le valvole siano aperte. Nei
circuiti di riscaldamento equipaggiati di valvole
termostatiche, queste ultime devono essere
aperte al 100%. Nei pavimenti a
riscaldamento, almeno la metà dei circuiti deve
essere completamente aperta.
Aumentare la velocità del circolatore G2.
Da notare che è allora necessario aumentare la
velocità del circolatore G1 del circuito di
riscaldamento, perché quest'ultima deve
essere superiore alla velocità del circolatore
G2.
Selezionare Conferma.
B Controllare il filtro.
Se necessario, pulire il filtro, (Capitolo 8.1 pag. 57).
Selezionare Conferma.
Il modulo idraulico interno AW comprende una sonda
(T9) che, per misura di sicurezza, arresta la pompa di
calore se la temperatura dell'acqua di ritorno è
eccessiva. Il limite è situato a circa 54°C.
B La temperatura di riscaldamento richiesta è così
elevata che la temperatura di ritorno del circuito di
riscaldamento diventa eccessiva.
B Diminuire la temperatura di riscaldamento
richiesta.
B Le valvole del riscaldamento a pavimento o dei
radiatori sono chiuse.
B Aprire le valvole.
B La portata che attraversa la pompa di calore è
superiore alla portata nel circuito di riscaldamento.
B Verificare la velocità delle pompe di
circolazione (G1/G2). Regolare la portata
facendo riferimento al Capitolo 6.8 - pag. 55.
Tempo di transizione troppo breve
per riscaldamento a pavimento
L'avviso compare se il parametro Tempo stagione di
raffreddamento riceve un valore inferiore a 7 ore o
se il parametro Tempo arresto riceve un valore
inferiore a 7 ore, valore sconsigliato nel caso di un
riscaldamento a pavimento.
Rischio di condensazione
L'avviso compare se la temperatura di mandata in
modalità di raffreddamento è impostata a meno di
20°C
Troppo freddo per funzionamento
pompa di calore
Se la temperatura esterna è inferiore al valore del
parametro Arresto PDC quando temp. est. bassa
(valore predefinito = – 20 °C), la pompa di calore si
arresta. L'avviso viene emesso e l'installazione di
riscaldamento passa in modalità di funzionamento
con integrazione soltanto.
Temperatura di mandata troppo
bassa
Se la temperatura di mandata è inferiore al valore di
riferimento e la differenza è superiore al parametro
Temperatura di mandata troppo bassa (valore
predefinito = 3 °C) per più di 15 minuti, la pompa di
calore si arresta e l'avviso viene emesso.
Tab. 20 Avvisi
66
Con riserva di modifiche tecniche.
Anomalie di funzionamento
Visualizzazione
Significato
Blocco esterno
Durante la stagione di riscaldamento, la finestra
viene attivata attraverso il termostato del
riscaldamento a pavimento. Il LED del relè è
acceso in modo continuo ([5a], figura 16 pag. 17).
Blocco esterno, circuito 2
Rimedi
B Se il termostato dà l'allarme.
Durante la stagione di raffreddamento, la
finestra viene attivata dalla spia del dispositivo
di controllo del punto di rugiada o del
termostato di raffreddamento. Il LED dell'unità di
controllo è acceso in modo continuo ([6a],
figura 16 - pag. 17).
Informazioni
9
B Se il dispositivo di controllo del punto di
rugiada dà l'allarme.
B Verificare il limite per T1 del circuito e ridurlo,
se necessario (.. Capitolo 13.3.13).
B Verificare la presenza di condensazione sulla
tubazione.
B Verificare l'impostazione dei parametri della
modalità raffreddamento. Aumentare la
temperatura di mandata minima
(Capitolo 6.7 - pag. 54).
Normalmente l'ingresso è aperto. La finestra
Informazioni si accende quando il blocco è
attivato e scompare non appena è stata
convalidata o se l'ingresso si apre di nuovo.
Un blocco esterno arresta anche il circolatore
G1 del circuito di riscaldamento.
Tab. 21 Informazioni
9.5
Stato controllo di frequenza del compressore
Il compressore della pompa di calore non raggiunge la
frequenza (velocità) richiesta.
Questo può verificarsi quando la temperatura
esterna è bassa. La pompa di calore non
viene quindi chiamata in causa.
Se la finestra di informazioni La pompa di calore non
raggiunge la frequenza corretta compare sul display del
modulo idraulico interno AW, la causa viene identificata
sul display della pompa di calore (LED3, figura 15 pag. 15) secondo la tabella 22 e si corregge secondo le
tabelle 24 - 29 in questo capitolo.
Verificare il codice di anomalia sul display della pompa di
calore (§ 9.5 - pag. 67).
Regolazione
SW2
100111
Significato
Stato controllo
di frequenza
compressore
Unità
Visualizzazione esadecimale -->
Se diverse limitazioni sono attive
nello stesso tempo,
1 unità viene aggiunta.
Ad esempio, 8 + 2= A
(esadecimale)
Rimedi / Commenti
Cifra di sinistra (decine):
1 = limitazione dell'alimentazione elettrica in ingresso
2 = limitazione dell'alimentazione elettrica del
compressore
-----------------------------------------Cifra di destra (1 unità):
1 = limitazione della temperatura del gas uscita
compressore
2 = limitazione della temperatura di condensazione
4 = limitazione della protezione antigelo
8 = limitazione della temperatura dello scambiatore di
calore (condensatore)
Tab. 22 Stato controllo di frequenza del compressore
Con riserva di modifiche tecniche.
67
9
Anomalie di funzionamento
Limitazione dell'alimentazione elettrica in ingresso
1
Limitazione dell'intensità in ingresso al fine di proteggere i
componenti elettrici contro la sovratensione.
– Si verifica soprattutto in modalità raffreddamento e quando la
temperatura esterna è elevata.
Rimedi
Non si tratta di un'anomalia.
La limitazione cessa quando non è più presente il
rischio di sovratensione.
2
La tensione di alimentazione diminuisce.
–Quando la tensione della pompa di calore diminuisce, l'intensità
della corrente elettrica aumenta.
Verificare la tensione sul contatore elettrico.
Non collegare altri apparecchi sulla stessa fase della
pompa di calore.
3
Anomalia della corrente in ingresso
Misurare l'intensità in ingresso e confrontare con il
valore indicato dalla sonda. SW2 = 100001.
Se il valore non corrisponde, sostituire la scheda di
potenza P.B.
4
Portata troppo bassa o volume di fluido insufficiente nel circuito
alimentazione unità esterna o nel circuito di riscaldamento (in
modalità riscaldamento).
–La pressione aumenta nel circuito del fluido refrigerante, insieme al
consumo elettrico.
Verificare la tenuta dei circuiti fluido termovettore e di
riscaldamento.
Verificare le pompe di circolazione.
Riempire i circuiti rispettando la pressione
raccomandata.
5
Scambiatore di calore (condensatore) ostruito.
Pulire lo scambiatore di calore.
6
Guasto del ventilatore (in modalità raffreddamento).
–La pressione aumenta nel circuito del fluido refrigerante, insieme al
consumo elettrico.
Verificare la velocità del ventilatore.
–Se la temperatura esterna è elevata, è possibile
limitare la velocità al fine di proteggere il motore del
ventilatore.
Sostituire il motore del ventilatore.
7
Evaporatore intasato.
Pulire l'evaporatore.
8
Ricircolo dell'aria.
Rimuovere ogni elemento suscettibile di ostruire la
portata d'aria.
Spostare la pompa di calore in un punto che permetta
una portata d'aria migliore.
9
Anomalia dei regolatori di pressione elettronici (LEV).
Verificare il funzionamento:
–dei regolatori di pressione elettronici
–della bobina della valvola 4 vie (valvola inversione di
ciclo)(rif.8, figura 2 - pag. 6)
–del collegamento alla scheda di controllo (C.B.)
–dei cavi.
10
Circuito del fluido refrigerante ostruito.
–Causa un aumento della temperatura di condensazione e del
consumo elettrico.
Verificare le tubazioni:
–Piegature (torsioni)
–Deformazioni
Misurare la temperatura delle tubazioni.
–Il punto in cui la tubazione è otturata presenta uno
scarto di temperatura.
11
Quantità troppo elevata di fluido refrigerante nel circuito.
–La pressione aumenta nel circuito del fluido refrigerante, insieme al
consumo elettrico.
–Un fluido refrigerante non evaporato aumenta la carica del
compressore.
Svuotare il circuito del fluido refrigerante, poi riempirlo
rispettando il volume corretto.
12
Compressore difettoso
Sostituire il compressore.
13
Scheda di controllo (C.B.) difettosa.
Sostituire la scheda di controllo.
Tab. 23 Limitazione dell'alimentazione elettrica in ingresso
68
Con riserva di modifiche tecniche.
Anomalie di funzionamento
Limitazione dell'alimentazione elettrica del compressore
1
Limitazione dell'intensità in ingresso al fine di proteggere i
componenti elettrici contro la sovratensione.
– Si verifica soprattutto in modalità raffreddamento e quando la
temperatura esterna è elevata.
2
Anomalia della corrente in ingresso del compressore
9
Azione
Non si tratta di un'anomalia.
La limitazione cessa quando non è più presente il
rischio di sovratensione.
Misurare l'intensità in ingresso del compressore e
confrontarla con il valore della sonda.
SW2 = 011000.
Se il valore non corrisponde, sostituire la scheda di
potenza P.B.
3
Portata troppo bassa o volume di fluido insufficiente nel circuito
alimentazione unità esterna o nel circuito di riscaldamento (in
modalità riscaldamento).
–La pressione aumenta nel circuito del fluido refrigerante, insieme al
consumo elettrico.
Verificare la tenuta dei circuiti fluido termovettore e di
riscaldamento.
Verificare le pompe di circolazione.
Riempire i circuiti rispettando la pressione
raccomandata.
4
Scambiatore di calore (condensatore) ostruito.
Pulire lo scambiatore di calore.
5
Guasto del ventilatore (in modalità raffreddamento).
–La pressione aumenta nel circuito del fluido refrigerante, insieme al
consumo elettrico.
Verificare la velocità del ventilatore.
–Se la temperatura esterna è elevata, è possibile
limitare la velocità al fine di proteggere il motore del
ventilatore.
Sostituire il motore del ventilatore.
6
Evaporatore intasato (in modalità raffreddamento).
Pulire l'evaporatore.
7
Ricircolo dell'aria (in modalità raffreddamento).
Rimuovere ogni elemento suscettibile di ostruire la
portata d'aria.
Spostare la pompa di calore in un punto che permetta
una portata d'aria migliore.
8
Anomalia dei regolatori di pressione elettronici (LEV).
Verificare il funzionamento:
–dei regolatori di pressione elettronici
–della bobina della valvola 4 vie (valvola inversione di
ciclo)(rif.8, figura 2 - pag. 6)
–del collegamento alla scheda di controllo (C.B.)
–dei cavi.
9
Circuito del fluido refrigerante ostruito.
–Causa un aumento della temperatura di condensazione e del
consumo elettrico.
Verificare le tubazioni:
–Piegature (torsioni)
–Deformazioni
Misurare la temperatura delle tubazioni.
–Il punto in cui la tubazione è otturata presenta uno
scarto di temperatura.
10
Quantità troppo elevata di fluido refrigerante nel circuito.
–La pressione aumenta nel circuito del fluido refrigerante, insieme al
consumo elettrico.
–Un fluido refrigerante non evaporato aumenta la carica del
compressore.
Svuotare il circuito del fluido refrigerante, poi riempirlo
rispettando il volume corretto.
11
Compressore difettoso
Sostituire il compressore.
12
Scheda di controllo (C.B.) difettosa.
Sostituire la scheda di controllo.
Tab. 24 Limitazione dell'alimentazione elettrica del compressore
Con riserva di modifiche tecniche.
69
9
Anomalie di funzionamento
Limitazione della temperatura del gas uscita compressore
elevata
Azione
1
Sonda di temperatura, gas uscita compressore (TH4) difettosa.
Misurare la temperatura della tubazione del gas uscita
compressore e confrontarla con il valore della sonda.
SW2 = 010000.
Se il valore è diverso, sostituire la sonda TH4.
2
Fluido refrigerante insufficiente nel circuito.
–Causa un surriscaldamento del compressore.
Verificare la tenuta del circuito del fluido refrigerante.
Svuotare il circuito del fluido refrigerante, poi riempirlo
rispettando il volume corretto.
3
Anomalia dei Regolatori di pressione elettronici (LEV).
Verificare il funzionamento:
–dei regolatori di pressione elettronici
–della bobina della valvola 4 vie (valvola inversione di
ciclo)(rif.8, figura 2 - pag. 6)
–del collegamento alla scheda di controllo (C.B.)
–dei cavi.
4
Circuito del fluido refrigerante ostruito.
–Causa un surriscaldamento del compressore.
Verificare le tubazioni:
–Piegature (torsioni)
–Deformazioni
Misurare la temperatura delle tubazioni.
–Il punto in cui la tubazione è otturata presenta uno
scarto di temperatura.
5
Portata troppo bassa o volume di fluido insufficiente nel circuito
alimentazione unità esterna o nel circuito di riscaldamento (in
modalità riscaldamento).
–La pressione aumenta nel circuito del fluido refrigerante, insieme
alla temperatura del gas uscita compressore.
Verificare la tenuta dei circuiti fluido termovettore e di
riscaldamento.
Verificare le pompe di circolazione.
Riempire i circuiti rispettando la pressione
raccomandata.
6
Scambiatore di calore (condensatore) ostruito.
Pulire lo scambiatore di calore.
7
Guasto del ventilatore (in modalità raffreddamento).
–La pressione aumenta nel circuito del fluido refrigerante, insieme
alla temperatura del gas uscita compressore.
Verificare la velocità del ventilatore.
–Se la temperatura esterna è elevata, è possibile
limitare la velocità al fine di proteggere il motore del
ventilatore.
Sostituire il motore del ventilatore.
8
Evaporatore intasato (in modalità raffreddamento).
Pulire l'evaporatore.
9
Ricircolo dell'aria (in modalità raffreddamento).
Rimuovere ogni elemento suscettibile di ostruire la
portata d'aria.
Spostare la pompa di calore in un punto che permetta
una portata d'aria migliore.
10
Scheda di controllo (C.B.) difettosa.
Sostituire la scheda di controllo.
Tab. 25 Limitazione della temperatura del gas uscita compressore elevata
70
Con riserva di modifiche tecniche.
Anomalie di funzionamento
Limitazione della temperatura di condensazione elevata
9
Azione
1
Sonda di temperatura alta pressione (63HS) difettosa
Misurare la temperatura di condensazione di alta
pressione e confrontarla con il valore della sonda.
SW2 = 101010.
Verificare i collegamenti.
Se il valore è diverso, sostituire la sonda 63HS.
2
Portata troppo bassa o volume di fluido insufficiente nel circuito
alimentazione unità esterna o nel circuito di riscaldamento (in
modalità riscaldamento).
–La pressione aumenta nel circuito del fluido refrigerante, insieme
alla temperatura di condensazione.
Verificare la tenuta dei circuiti fluido termovettore e di
riscaldamento.
Verificare le pompe di circolazione.
Riempire i circuiti rispettando la pressione
raccomandata.
3
Scambiatore di calore (condensatore, in modalità riscaldamento)
ostruito.
Pulire lo scambiatore di calore.
4
Evaporatore intasato (in modalità raffreddamento).
Pulire l'evaporatore.
5
Guasto del ventilatore (in modalità raffreddamento).
–La pressione aumenta nel circuito del fluido refrigerante, insieme
alla temperatura di condensazione.
Verificare la velocità del ventilatore.
–Se la temperatura esterna è elevata, è possibile
limitare la velocità al fine di proteggere il motore del
ventilatore.
Sostituire il motore del ventilatore.
6
Ricircolo dell'aria (in modalità raffreddamento).
Rimuovere ogni elemento suscettibile di ostruire la
portata d'aria.
Spostare la pompa di calore in un punto che permetta
una portata d'aria migliore.
7
Anomalia dei regolatori di pressione elettronici (LEV).
Verificare il funzionamento:
–dei regolatori di pressione elettronici
–della bobina della valvola 4 vie (valvola inversione di
ciclo)(rif.8, figura 2 - pag. 6)
–del collegamento alla scheda di controllo (C.B.)
–dei cavi.
8
Circuito del fluido refrigerante ostruito.
–Causa un aumento della temperatura di condensazione.
Controllare le tubazioni:
–Pieghe (torsioni)
–Deformazioni
Misurare la temperatura delle tubazioni.
–Il punto in cui la tubazione è otturata presenta uno
scarto di temperatura.
9
Quantità troppo elevata di fluido refrigerante nel circuito.
–La pressione aumenta nel circuito del fluido refrigerante, insieme
alla temperatura di condensazione.
Svuotare il circuito del fluido refrigerante, poi riempirlo
rispettando il volume corretto.
10
Scheda di controllo (C.B.) difettosa.
Sostituire la scheda di controllo.
Tab. 26 Limitazione della temperatura di condensazione elevata
Con riserva di modifiche tecniche.
71
9
Anomalie di funzionamento
limitazione della protezione antigelo
(solo in modalità raffreddamento)
Azione
1
Sonda di temperatura fluido termovettore del condensatore (TH6)
difettosa.
Misurare la temperatura del condensatore e confrontarla
con il valore della sonda.
SW2 = 001010.
Verificare i collegamenti.
Se il valore è diverso, sostituire la sonda TH6.
2
Fluido refrigerante insufficiente nel circuito.
–La pressione di evaporazione e la temperatura del condensatore
(= evaporatore in modalità raffreddamento) diminuiscono.
Verificare la tenuta del circuito del fluido refrigerante.
Svuotare il circuito del fluido refrigerante, poi riempirlo
rispettando il volume corretto.
3
Anomalia dei regolatori di pressione elettronici (LEV).
Verificare il funzionamento:
–dei regolatori di pressione elettronici
–della bobina della valvola 4 vie (valvola inversione di
ciclo)(rif.8, figura 2 - pag. 6)
–del collegamento alla scheda di controllo (C.B.)
–dei cavi.
4
Portata troppo bassa o volume di fluido insufficiente nel circuito
alimentazione unità esterna o nel circuito di riscaldamento.
Temperatura insufficiente nel circuito alimentazione unità esterna o
nel circuito di riscaldamento.
–La pressione e la temperatura nel condensatore (= evaporatore in
modalità raffreddamento) diminuiscono.
Verificare la tenuta dei circuiti del fluido termovettore e
di riscaldamento.
Verificare le pompe di circolazione.
Riempire i circuiti rispettando la pressione
raccomandata.
5
Scambiatore di calore ostruito (condensatore).
Pulire lo scambiatore di calore.
6
Circuito del fluido refrigerante ostruito.
–La pressione e la temperatura del condensatore (= evaporatore in
modalità raffreddamento) diminuiscono.
Controllare le tubazioni:
–Pieghe (torsioni)
–Deformazioni
Misurare la temperatura delle tubazioni.
–Il punto in cui la tubazione è otturata presenta uno
scarto di temperatura.
7
Scheda elettronica difettosa.
Sostituire la scheda elettronica.
Tab. 27 Limitazione della protezione antigelo
Limitazione della temperatura elevata dello scambiatore di
calore (condensatore)
Azione
1
Limitazione in caso di temperatura esterna troppo elevata.
–I componenti elettrici sono raffreddati dal flusso di aria prodotto
dal ventilatore. Al di là di una certa temperatura esterna, il
raffreddamento diventa insufficiente.
Non si tratta di un'anomalia.
La limitazione cessa quando non è più presente il rischio
di surriscaldamento.
2
Sovratensione dei componenti elettronici.
–Limitazione attivata al fine di proteggere i componenti
elettronici.
Non si tratta di un'anomalia.
La limitazione cessa quando non è più presente il rischio
di sovratensione.
3
Sonda di temperatura del ventilatore di raffreddamento (TH8)
difettosa.
Misurare la temperatura del ventilatore di raffreddamento
e confrontarla con il valore della sonda.
SW2 = 011110.
Verificare i collegamenti.
Se il valore è diverso, sostituire la sonda TH8.
4
Ricircolo dell'aria (in modalità raffreddamento).
La portata d'aria in direzione dell'evaporatore è ostruita.
–Raffreddamento insufficiente dei componenti elettrici.
Rimuovere ogni elemento suscettibile di ostruire la portata
d'aria.
Spostare la pompa di calore in un punto che permetta una
portata d'aria migliore.
5
Guasto del ventilatore.
–Raffreddamento insufficiente dei componenti elettrici.
Verificare la velocità del ventilatore.
–Se la temperatura esterna è elevata, è possibile limitare
la velocità al fine di proteggere il motore del ventilatore.
Sostituire il motore del ventilatore.
Tab. 28 Limitazione della temperatura elevata dello scambiatore di calore (condensatore)
72
Con riserva di modifiche tecniche.
Anomalie di funzionamento
9.6
9
Codici di anomalia della pompa di calore
Se l'allarme Allarme pompa di calore compare sullo
schermo del modulo idraulico interno AW, la causa viene
identificata sul display della pompa di calore (©‚ LED3,
Codice
di
anomalia
U1
Significato
Attivazione del pressostato alta
pressione (63H)
figura 15 - pag. 15) e corretta facendo riferimento alla
tabella 22.
Cause
Rimedi
1. Portata circuito alimentazione
unità esterna insufficiente
1. Aumentare la portata del
circolatore G2
2. Valvola con filtro ostruita
2. Pulire la valvola con filtro
3. Guasto del ventilatore
3. Controllare il ventilatore
4. Guasto del pressostato alta
pressione (63H)
4. Controllare il pressostato alta
pressione
5. Scheda di controllo (C.B.)
difettosa
5. Sostituire la scheda di controllo
(C.B)
6. Guasto del regolatore di
pressione elettronico (LVA o LVB)
6. Controllare i regolatori di
pressione elettronici
1. Quantità di fluido refrigerante
insufficiente
1. Verificare l'assenza di
surriscaldamento.
Verificare la tenuta nel circuito del
fluido refrigerante
2. Sonda di temperatura, gas uscita
compressore (TH4) difettosa
U2
Temperatura elevata del gas uscita
compressore
3. Scheda di controllo (C.B.)
difettosa
2. Disinserire l’alimentazione elettrica
e ripristinarla. Se compare il
codice U3, consultare la riga
seguente
4. Guasto del regolatore di
pressione elettronico (LVA o LVB)
3. Sostituire la scheda di controllo
(C.B)
4. Controllare i regolatori di
pressione elettronici
U3
U4
Cortocircuito o guasto della sonda
di temperatura, gas uscita
compressore (TH4)
Cortocircuito o guasto di una
sonda di temperatura (TH3, TH32,
TH6, TH7, TH8)
1. Collegamento difettoso tra la
sonda (TH4) e la scheda di
controllo (C.B)
1. Verificare il collegamento della
sonda di temperatura, gas uscita
compressore (TH4) alla scheda
C.B. e il suo cavo
2. Sonda di temperatura, gas uscita
compressore (TH4) difettosa.
2. Verificare la resistenza della sonda
di temperatura, gas uscita
compressore (TH4)
3. Scheda di controllo (C.B.)
difettosa
3. Sostituire la scheda di controllo
(C.B)
1. Collegamento difettoso tra la
sonda (TH3, TH32, TH6, TH7) e
la scheda di controllo (C.B)
e tra la sonda TH8 = CN3 e la
scheda di potenza (P.B.)
1. Verificare il collegamento della
sonda di temperatura (TH3, TH32,
TH6, TH7) alla scheda C.B e il
suo cavo,
e il collegamento della sonda
TH8=CN3 alla scheda P.B. e il
suo cavo.
2. Sonda di temperatura difettosa
3. Guasto della scheda di controllo
(C.B.)
2. Verificare la resistenza della sonda
3. Sostituire la scheda di controllo
(C.B)
Tab. 29 Codici di anomalia della pompa di calore
Con riserva di modifiche tecniche.
73
9
Anomalie di funzionamento
Codice
di
anomalia
U5
U6
U7
U8
Significato
Rilevamento di temperatura elevata
da parte della sonda di temperatura
della scheda elettronica di potenza
(TH8)
Guasto del motore del
compressore
Surriscaldamento anomalo in
seguito ad una temperatura del gas
uscita compressore troppo bassa
Cause
Rimedi
1. Guasto della scheda elettronica
di potenza
1. Verificare la scheda elettronica di
potenza
2. Portata d'aria ostruita
2. Verificare che non siano presenti
ostacoli che impediscono la
circolazione dell'aria
3. Temperatura ambiente elevata
3. Disinserire l’alimentazione elettrica
e ripristinarla. Se compare il
codice U4, consultare la riga
precedente
4. Sonda difettosa
4. Verificare la resistenza della sonda
5. Scheda di controllo difettosa
5. Sostituire la scheda di controllo
(C.B).
1. Scheda di potenza (P.B.)
difettosa
1. Sostituire la scheda di potenza
(P.B.)
2. Attenuazione della tensione
elettrica del motore del
compressore
2. Verificare l'alimentazione elettrica
del compressore
3. Cavo di potenza del compressore
allentato, scollegato o invertito
3. Rettificare il collegamento (U-VW) del compressore
4. Guasto del compressore
4. Controllare il compressore
1. Collegamento difettoso o allentato
della sonda di temperatura, gas
uscita compressore (TH4)
1. Verificare il collegamento e il
fissaggio della sonda di
temperatura, gas uscita
compressore (TH4)
2. Collegamento difettoso o allentato
della bobina dei regolatori di
pressione elettronici
2. Controllare la bobina dei
regolatori di pressione elettronici
3. Collegamento difettoso o allentato
al livello del connettore dei
regolatori di pressione elettronici
3. Controllare il collegamento tra i
regolatori di pressione elettronici
e la scheda di controllo (C.B.).
4. Regolatori di pressione elettronici
difettosi
4. Controllare i regolatori di
pressione elettronici.
1. Anomalia di funzionamento del
motore del ventilatore
1. Controllare il motore del
ventilatore e sostituirlo, se
necessario
Funzionamento anomalo del motore
del ventilatore. La frequenza di
rotazione del motore del ventilatore
è diversa dal punto di riferimento
2. Controllare la tensione di
alimentazione tra la scheda di
controllo (C.B.) e il motore del
ventilatore
2. Scheda di controllo (C.B.)
difettosa
3. Sostituire la scheda di controllo
(C.B)
Tab. 29 Codici di anomalia della pompa di calore
74
Con riserva di modifiche tecniche.
Anomalie di funzionamento
Codice
di
anomalia
U9
Ud
UF
Significato
Anomalia nella tensione di
alimentazione (sovratensione o
mancanza di tensione). Controllare
i
dettagli del codice di anomalia U9
posizionando tutti i commutatori di
SW2 su ON.
Sicurezza anti-surriscaldamento.
Si attiva se la temperatura rilevata
dalle sonde (TH3, 63HS) supera
70°C
Protezione contro la sovraintensità
del compressore (compressore
bloccato).
9
Cause
Rimedi
1. Attenuazione della tensione
elettrica
1. Controllare l'alimentazione
elettrica.
2. Cavo del compressore scollegato
2. Rettificare il collegamento (U-VW) del compressore
3. Cavo di collegamento tra la
scheda di controllo (C.B.) e la
scheda di filtraggio delle
interferenze (N.F.) scollegato o
allentato al contatto CN52C
3. Controllare il cavo collegato a
CN52C.
4. Modulo ACT difettoso
4. Sostituire il modulo ACT.
5. Anomalia di alimentazione tra il
modulo ACT e la scheda di
potenza (P.B.)
5. Sostituire la scheda di potenza
(P.B.).
6. Anomalia del circuito di comando
52C della scheda di controllo
(C.B.)
6. Sostituire la scheda di controllo
(C.B).
7. Collegamento difettoso o allentato
al livello del connettore CN5 della
scheda di potenza (P.B.)
7. Controllare il cavo collegato al
connettore CN5 della scheda di
potenza (P.B.).
8. Anomalia di alimentazione che
arriva alle schede di potenza (P.B)
e di filtraggio delle interferenze
(N.F.)
8. Sostituire la scheda di potenza o
la scheda di filtraggio delle
interferenze (N.F).
1. Anomalia di funzionamento del
motore del ventilatore
1. Verificare che non siano presenti
ostacoli che impediscono la
circolazione dell'aria
2. Sonda (TH3) difettosa
2. Controllare il motore del
ventilatore e sostituirlo, se
necessario
3. Scheda di controllo (C.B.)
difettosa
3. Disinserire l’alimentazione elettrica
e ripristinarla. Se compare il
codice U4, consultare la riga U4
precedente
4. Sonda di temperatura alta
pressione (63HS) difettosa
4. Verificare la pressione della sonda
63HS.
1. Attenuazione della tensione
elettrica
1. Verificare l'alimentazione elettrica
del compressore.
2. Cavo del compressore scollegato,
allentato o invertito
2. Rettificare il collegamento (U-VW) del compressore
3. Guasto del compressore
3. Controllare il compressore
4. Scheda di potenza (P.B.) difettosa
4. Sostituire la scheda di potenza
(P.B.)
5. Portata circuito alimentazione
unità esterna insufficiente
5. Controllare il circolatore G2 e la
valvola con filtro
6. Pulire il condensatore
Tab. 29 Codici di anomalia della pompa di calore
Con riserva di modifiche tecniche.
75
9
Anomalie di funzionamento
Codice
di
anomalia
UH
UP
Significato
Unità di controllo di intensità
difettosa.
Cause
Rimedi
1. Cavo del compressore scollegato
1. Rettificare il collegamento (U-VW) del compressore
2. Anomalia dell'unità di controllo di
intensità sulla scheda di potenza
(P.B.)
2. Sostituire la scheda di potenza
(P.B.).
3. Attenuazione della tensione
elettrica
3. Controllare l'alimentazione
elettrica.
1. Attenuazione della tensione
elettrica
1. Verificare l'alimentazione elettrica
del compressore.
2. Cavo del compressore scollegato,
allentato o invertito
2. Rettificare il collegamento (U-VW) del compressore
3. Guasto del ventilatore
3. Controllare il ventilatore.
4. Guasto del compressore
4. Controllare il compressore.
5. Ingresso scheda di controllo
(C.B.) difettoso
5. Sostituire la scheda di controllo
(C.B). Prima della sostituzione
della scheda, scollegare il cavo
dal compressore alla scheda di
potenza (P.B.) e controllare la
tensione tra le fasi U, V, W. La
scheda non è difettosa se la
tensione tra le fasi (U-V, V-W e WU) è identica. Controllare la
tensione ad una frequenza
identica.
6. Portata circuito alimentazione
unità esterna insufficiente
6. Controllare il circolatore G2 e la
valvola con filtro.
Protezione contro la sovraintensità
del compressore.
7. Pulire il condensatore.
1. Cavo scollegato o falso contatto
sul connettore CN2
Ed
Anomalia di comunicazione tra la
scheda di controllo (C.B.) e la
scheda di potenza (P.B.).
2. Cavo scollegato o falso contatto
sul connettore CN4
1. + 2. Controllare il collegamento di
ogni connettore CN2 e CN4 tra la
scheda di controllo (C.B) e la
scheda di potenza (P.B).
3. Anomalia di comunicazione
interna della scheda di controllo
(C.B.)
3. Sostituire la scheda di controllo
(C.B).
4. Anomalia di comunicazione
interna della scheda di potenza
(P.B.)
4. Sostituire la scheda di potenza
(P.B.).
Tab. 29 Codici di anomalia della pompa di calore
76
Con riserva di modifiche tecniche.
Anomalie di funzionamento
Codice
di
anomalia
Significato
Cause
Rimedi
B Raffreddamento:
1. Portata circuito alimentazione
unità esterna insufficiente (filtro
ostruito, perdite)
B Raffreddamento:
1. Controllare il circuito
alimentazione unità esterna
2. Temperatura di ritorno del fluido
termovettore troppo fredda
P6
2. Controllare il circuito
alimentazione unità esterna
3. Controllare il circolatore (G2)
3. Circolatore difettoso
4. Controllare il motore del
ventilatore
4. Guasto del ventilatore
5. Controllare il circuito del fluido
refrigerante
5. Quantità eccessiva di fluido
refrigerante
Attivazione della sicurezza antisurriscaldamento in modalità
riscaldamento/in modalità
raffreddamento.
9
6. Circuito del fluido refrigerante
difettoso (ostruito)
7. Malfunzionamento dei regolatori di
pressione elettronici
B Modalità riscaldamento:
1. Portata circuito alimentazione
unità esterna insufficiente
2. Temperatura di ritorno del fluido
termovettore troppo elevata
6. Controllare il funzionamento del
circuito refrigerante
7. Controllare i regolatori di
pressione elettronici
B Modalità riscaldamento:
1. Controllare il circuito
alimentazione unità esterna
2. Controllare il circuito
alimentazione unità esterna
3. Controllare il circolatore (G2)
3. Circolatore difettoso
4. Controllare il circuito del fluido
refrigerante
4. Quantità eccessiva di fluido
refrigerante
5. Controllare il funzionamento del
circuito refrigerante
5. Circuito del fluido refrigerante
difettoso (ostruito)
6. Controllare i regolatori di
pressione elettronici
6. Malfunzionamento dei regolatori di
pressione elettronici
P8
Temperatura anomala nel circuito
del fluido refrigerante.
1. Perdita o quantità insufficiente di
fluido refrigerante
1. Controllare la tenuta del circuito
del fluido refrigerante
2. Malfunzionamentodei regolatori di
pressione elettronici
2. Controllare i regolatori di
pressione elettronici
Controllare il funzionamento del
circuito refrigerante
3. Circuito del fluido refrigerante
ostruito da un corpo estraneo
3. Controllare il collegamento e la
temperatura delle sonde TH3,
TH32, TH6, TH7, T63HS. (La
temperatura compare sul display
LED3 dopo avere regolato SW2 scheda di controllo C.B.)
4. Sonda difettosa
Tab. 29 Codici di anomalia della pompa di calore
Con riserva di modifiche tecniche.
77
9
Anomalie di funzionamento
Codice
di
anomalia
UE
PE
Significato
Pressione anomala della sonda
63HS.
Temperatura anomala del fluido
termovettore in ingresso nella
pompa di calore (TH32).
Cause
Rimedi
1. Collegamento difettoso tra la
sonda (63HS) e la scheda di
controllo (C.B)
1. Controllare il collegamento della
sonda (63HS) e la scheda di
controllo C.B e il suo cavo
2. Sonda difettosa
2. Verificare la pressione della sonda
63HS.
3. Scheda di controllo (C.B.)
difettosa
3. Sostituire la scheda di controllo
(C.B).
1. Portata circuito alimentazione
unità esterna insufficiente (filtro
ostruito, perdite)
1. Controllare il circuito
alimentazione unità esterna
2. Temperatura del fluido
termovettore troppo fredda
3. Circolatore difettoso
4. Perdita o quantità insufficiente di
fluido refrigerante
2. Controllare il circolatore G2 e la
valvola con filtro.
3. Controllare la presenza di
surriscaldamento o di
sottoraffreddamento.
4. Controllare la tenuta del circuito
del fluido refrigerante
Tab. 29 Codici di anomalia della pompa di calore
78
Con riserva di modifiche tecniche.
Valori predefiniti
10
10
Valori predefiniti
10.1 Valori predefiniti
La tabella contiene i valori predefiniti dei parametri del
Livello utilizzatore finale (0) che possono essere modificati
attraverso il Menu principale e il Menu avanzato (§ 5.3
- pag. 37).
Le funzioni del livello Accesso assistenza (1) nel Menu e
nel Menu avanzato nella tabella sono accessibili
all'installatore dopo la modifica del livello di accesso.
Menu avanzato
Livello
Valore
predefinito
Riscaldamento/Raffreddamento
_”_\Temperatura esterna minima
1
-35 °C
0
V=20,0°C
_”_Temperatura di riscaldamento
_”_\_”_\Curva di riscaldamento
H=35,0 °C
_”_\_”_\Isteresi
Menu principale
Livello
Valore
predefinito
Riavvio rapido della PDC?
1
No
Avvio
1
3,0°C
_”_\_”_\_”_\Arresto rapido
1
5,0°C
_”_\_”_\_”_\Tempo integrazione
1
60 min
_”_\_”_\Impostazione parametri temperatura
ambiente
0
20°C
_”_\_”_\Intervallo sonda ambiente
0
3K
_”_\Impostazione parametri sonda ambiente
_”_\Regolazione orologio
_”_\_”_\Regolazione data
1
aa-mm-gg
_”_\_”_\Regolazione ora
1
hh:mm:ss
_”_\Funzione scheda accessorio
1
No
1
No
_”_\_”_\Indicare potenza di uscita totale
1
9,0 kW
_”_\_”_\Modalità compressore, limitazione potenza
1
4,5 kW
_”_\_”_\Solo integrazione, limitazione potenza
1
9,0 kW
_”_\Funzionamento manuale
1
No
_”_\_”_\Solo l'integrazione?
1
No
_”_\_”_\Bloccare l'integrazione?
1
No
_”_\Lingua
1
Selezionata
_”_\Correggere sonda
1
0°C
_”_\Sonde suppl. collegate
_”_\_”_\T5 convalidato (T5)
_”_\Capacità di collegamento
_”_\_”_\Influsso della sonda ambiente
_”_\_”_\_”_\Fattore di variazione
0
5,0
_”_\_”_\_”_\Tempo di bloccaggio
0
4 ore
_”_\_”_\_”_\Giorno e ora
0
Arresto
_”_\_”_\_”_\Variazione di temperatura
0
-10°C
_”_\_”_\Raffreddamento programmato giorno/ora
0
Arresto
_”_\_”_\_”_\Data
0
Arresto
_”_\_”_\_”_\Variazione di temperatura
0
-10°C
_”_\_”_\_”_\Attivo se
1
Ingresso chiuso
_”_\Programmi orari
_”_\Opzioni dell'integrazione
_”_\Tempo modalità anti-bloccaggio
_”_\_”_\_”_\Accelerazione / frenata rapide
_”_\_”_\Programma riscaldamento
_”_\_”_\Vacanze
1
_”_\_”_\Comando esterno
02:00
_”_\_”_\_”_\Variazione di temperatura
0
0°C
_”_\Durata allarme acustico
1
1 min
_”_\_”_\_”_\Bloccare raffreddamento
0
No
_”_\T1 Valore di riferimento massimo
1
45°C
_”_\Stagione di riscaldamento
_”_\E12.T1 Valore di riferimento massimo
1
45°C
_”_\_”_\Limite stagione di riscaldamento
0
18°C
_”_\_”_\Ritardo
0
4 ore
_”_\_”_\Attivo se
1
Ingresso chiuso
_”_\_”_\Limite avvio diretto
0
10°C
_”_\_”_\Variazione di temperatura
1
0°C
_”_\Regolazione raffreddamento
_”_\_”_\Solo integrazione
1
No
_”_\_”_\Isteresi
_”_\_”_\_”_\Temperatura accelerazione/frenata
rapide
1
2,0°C
_”_\_”_\_”_\Arresto rapido
1
3,0°C
_”_\_”_\_”_\Temperatura di mandata troppo bassa
1
3,0°C
_”_\_”_\_”_\Tempo di integrazione
1
45 min
_”_\_”_\Temperatura di mandata
1
22°C
_”_\Comando esterno
_”_\_”_\Limitare potenza elettrica a
1
9 kW
_”_\_”_\Bloccare raffreddamento
1
No
Impostazione parametri temperatura ambiente
(T5)
0
20°C
Impostazione parametri temperatura ambiente
circuito 2
0
20°C
Bloccare raffreddamento
0
Sì
Bloccare raffreddamento circuito 2
0
No
Temperature
0
Tab. 30 Menu principale
Con riserva di modifiche tecniche.
_”_\_”_\Modifica temperatura ambiente
1
1,0°C
_”_\_”_\Isteresi stanza
1
1,0°C
_”_\_”_\Impostazione parametri stagione di raffreddamento
Tab. 31 Menu avanzato
79
10
Valori predefiniti
Menu avanzato
Livello
Valore
predefinito
Menu avanzato
Livello
_”_\_”_\_”_\Limite di temp. esterna
1
19°C
_”_\Correggere sonda
1
_”_\_”_\_”_\Ritardo prima
1
12 ore
_”_\Ingressi
1
_”_\_”_\_”_\Ritardo dopo
1
12 ore
_”_\Uscite
1
_”_\_”_\_”_\Limite avvio diretto
1
23°C
Orologi
_”_\_”_\Raffreddamento programmato giorno/ora
0
Arresto
_”_\Velocità massima del compressore
1
7
_”_\Durata accelerazione/frenata rapide
1
3 min
0
V=20,0°C
H=35,0 °C
_”_\Temperatura riscaldamento 2
_”_\_”_\Impostazione parametri temperatura
0,0°C
Impostazioni parametri dell'integrazione
_”_\Ritardo all'attivazione
1
60 min
_”_\Integrazione programmata
1
Arresto
_”_\_”_\Solo l'integrazione?
1
No
_”_\_”_\Bloccare l'integrazione?
1
No
1
9,0 kW
1
4,5 kW
_”_\Opzioni dell'integrazione
_”_\_”_\Impostazione parametri sonda ambiente
_”_\_”_\_”_\Impostazione parametri temperatura
ambiente
Valore
predefinito
0
20°C
_”_\Impostazione parametri dell'integrazione
elettrica
_”_\_”_\Capacità di collegamento
_”_\_”_\_”_\Influsso della sonda ambiente
_”_\_”_\_”_\Indicare potenza di uscita totale
_”_\_”_\_”_\_”_\Fattore di variazione
0
5,0
_”_\_”_\_”_\_”_\Tempo di bloccaggio
0
4 ore
_”_\_”_\_”_\Modalità compressore, limitazione
potenza
_”_\_”_\Programmi orari
_”_\_”_\_”_\Solo integrazione, limitazione potenza
1
9,0 kW
_”_\_”_\_”_\Programma riscaldamento
_”_\_”_\Aumento tempo rampa
1
20 min
1
10 min
1
0 min
_”_\_”_\_”_\_”_\Giorno e ora
0
Arresto
_”_\_”_\Diminuzione tempo rampa
_”_\_”_\_”_\_”_\Variazione di temperatura
0
-10°C
_”_\Impostazione parametri valvola miscelatrice
_”_\_”_\_“_\Raffreddamento programmato giorno/
ora
0
Arresto
_”_\_”_\Ritardo valvola miscelatrice
_”_\_”_\Estensione tempo di funzionamento
_”_\_”_\_”_\Vacanze
_”_\_”_\_”_\Estensione segnale aumento
1
1 volta
_”_\_”_\_”_\_”_\Data
0
Arresto
_”_\_”_\_”_\Estensione segnale riduzione
1
1 volta
_”_\_”_\_”_\_”_\Variazione di temperatura
0
-10°C
_”_\_”_\Temperatura max. dell'integrazione
52 °C
1
Ingresso chiuso
_”_\_”_\_”_\Temp. avvio limitazione valvola
miscelatrice
1
_”_\_”_\_”_\Attivo se
_”_\_”_\_”_\Variazione di temperatura
0
0°C
_”_\_”_\_”_\Forzare chiusura valvola miscelatrice
1
53 °C
_”_\_”_\_”_\Bloccare raffreddamento
0
No
_”_\_”_\Limitazione in caso di aumento di
temperatura
1
Sì
_”_\_”_\Tempo di limitazione
1
20 s
_”_\_”_\_”_\Temperatura di mandata troppo bassa
1
3,0°C
_”_\_”_\_”_\Temperatura di mandata
1
22°C
1
–20°C
_”_\_”_\_”_\Modifica temperatura ambiente
0
1,0°C
_”_\_”_\_”_\Isteresi stanza
1
1,0°C
Regolazione data
0
aa:mm:gg
_”_\_”_\_“_\Raffreddamento programmato giorno/
ora
0
Arresto
Regolazione ora
0
hh:mm:ss
1
No
_”_\_”_\_“_\Comando esterno
_”_\_”_\Regolazioni raffreddamento
Funzioni sicurezza
_”_\Arresto PDC quando temp. est. bassa
Regolazione orologio
Allarme
_”_\_”_\Impostazione parametri valvola miscelatrice
_”_\_”_\_”_\Lettura unità di comando
1
_”_\_”_\_”_\Costante P
1
_”_\Registro degli allarmi
4
_”_\_”_\Cancellare registro allarmi?
_”_\_”_\_”_\Tempo I
1
300 s
_”_\Storico allarmi
_”_\_”_\_”_\Tempo D
1
0,0 s
_”_\Registro degli avvisi
_”_\_”_\_”_\Valvola miscelatrice, tempo di
funzionamento
1
240 s
_”_\_”_\Cancellare registro degli avvisi?
_”_\_”_\_”_\Limitazione valvola miscelatrice durante
lo sbrinamento
1
5 min
1
No
Livello accesso
0, 1
0(0)
Ripristinare valori predefiniti
0, 1
0
Disattivare allarme acustico
0
No
Temperature
Tab. 31 Menu avanzato
80
Tab. 31 Menu avanzato
Con riserva di modifiche tecniche.
Protocollo di messa in servizio
11
11
Protocollo di messa in servizio
Cliente/Responsabile dell'installazione:
Installatore:
Modello di pompa di calore:
Numero di serie:
Data di messa in servizio:
Data di fabbricazione:
Altri componenti dell'installazione:
Sonda ambiente T5 ..
Sonda ambiente bus CAN
Sonda di mandata circuito di riscaldamento 2 E12.T1 ..
TT ..
Spia di condensazione E31.RM1 ..
Sonda ambiente circuito di riscaldamento 2 E12.T5 ..
Termostato E11.B21 ..
Ventilconvettore .. Numero________
Modulo di gestione del circuito 2 ..
Varie:
Lavori effettuati:
Collegamenti elettrici: effettuato ..
Regolazione protezione motore
controllata ..
Fusibile pompa di calore ________ A
Integrazione elettrica regolata su________kW
Fusibile integrazione elettrica _________ A
Temperature di servizio dopo 10 min di funzionamento in modalità riscaldamento/acqua calda sanitaria:
ritorno unità esterna PDC (T8):_______ °C
mandata unità esterna PDC (T9):_______ °C
Differenza di temperatura tra ritorno unità esterna PDC (T8) e mandata unità esterna PDC (T9) circa 6 ... 10 0; T8 deve essere più caldo di T9.
Regolazione pompa fluido termovettore (G2):
Riempimento e spurgo del fluido termovettore:
Controllo pressione riscaldamento ..
Circuito di riscaldamento riempito a
_____bar
Controllo di tenuta effettuato ..
Spurgato ..
Valvola con filtro pulita ..
Controllo di tenuta effettuato ..
Boiler spurgato ..
T5( °C)________
TT( °C)________
Portata minima garantita ..
Curva di riscaldamento definita ..
Circuito di acqua calda sanitaria riempito ..
Controllare che le sonde collegate indichino delle misure ragionevoli:
T1( °C)________
T3( °C)________
E12.T5( °C)________
T2 Sonda di temperatura esterna: Controllare che la sonda sia posizionata su un muro orientato verso nord e non al di sopra di una finestra o di una bocchetta di
aerazione. Inoltre, la sonda non deve essere nascosta, né trovarsi in prossimità della base del tetto _______ °C
Sonda di mandata E12.T1: Controllare che la sonda sia posizionata correttamente e che abbia un buon contatto _______ °C
Varie:
Verificare che le valvole E21.Q21 e E21.Q22 (a seconda del modello di modulo idraulico interno AW) passino in modalità riscaldamento quando la temperatura del
fluido termovettore (E21.T9) raggiunge la temperatura di arresto di 53°C ..
Controllo di funzionamento della spia di condensazione effettuato ..
Controllo di funzionamento del termostato effettuato ..
Circuiti di raffreddamento isolati contro la condensazione..
Temperatura di mandata modalità raffreddamento regolata su_______ °C
Controllo di tenuta del circuito di riscaldamento effettuato ..
Controllo di funzionamento dell'installazione effettuato ..
Il cliente ha ricevuto delle spiegazioni sulle modalità di funzionamento della pompa di calore ..
Documentazione consegnata ..
Data e firma dell'installatore:
Tab. 32 Protocollo di messa in servizio
Con riserva di modifiche tecniche.
81
11
82
Protocollo di messa in servizio
Con riserva di modifiche tecniche.
Protocollo di messa in servizio
Con riserva di modifiche tecniche.
11
83
Robert Bosch S.p.A.
Settore Termotecnica
20149 Milano
Via M.A. Colonna, 35
Tel.: 02/4886111
Fax: 02/48861100
www.buderus.it
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement