UNIVERSIT DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSIT DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II
FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e della Produzione
Cattedra di Gestione della Produzione Industriale
TESI DI LAUREA IN INGEGNERIA MECCANICA
ANALISI E PREVENZIONE DEGLI INCENDI IN UNA FLOTTA DI
AUTOBUS IN SERVIZIO PUBBLICO DI LINEA
CASO STUDIO : COMPAGNIA TRASPORTI PUBBLICI S.p.A.
Relatore
Ch.mo Prof.
Ing. Liberatina Carmela Santillo
Correlatore
Ch.mo Prof. Ing. Pasquale Iannotti
Tutor Aziendale
Ing. Pasquale Del Sorbo
Anno Accademico 2008 – 2009
Candidato
Riccardo Aurino
Matr. 43/2077
Università degli Studi di
Napoli Federico II
Corso di Studi in
Ingegneria Meccanica
Facoltà di Ingegneria
Ingegneria Meccanica (laurea quinquennale)
Tesi di Laurea
ANALISI E PREVENZIONE DEGLI INCENDI
IN UNA FLOTTA DI AUTOBUS IN SERVIZIO PUBBLICO DI LINEA
CASO STUDIO : COMPAGNIA TRASPORTI PUBBLICI S.p.A.
Relatori:
Ch.mo Prof. Ing. Liberatina Carmela Santillo
Candidato:
Riccardo Aurino
DIMP - Dip. di Ingegneria dei materiali e della produzione
matr. 43/2077
Correlatore:
Ch.mo Prof. Ing. Pasquale Iannotti
DIMP - Dip. di Ingegneria dei materiali e della produzione
SOMMARIO DELLA TESI
Il presente lavoro di tesi è il frutto della collaborazione tra la CTP S.p.A. e il D.I.M.P., a seguito delle difficoltà della
azienda di trasporti ad individuare le cause di alcuni incendi degli autobus adibiti al TPL e all’intensificarsi degli stessi
negli ultimi anni. L’elaborato, quindi, si propone di individuare le misure atte a rafforzare il livello di sicurezza e a
ridurre la probabilità d’insorgenza degli incendi. Attraverso un’analisi disaggregata dei singoli eventi, si è dapprima
cercato di comprendere le dinamiche che danno origine alle cause e, poi, successivamente si sono individuate le
possibili prospettive di soluzione del problema, in un’ottica sia di prevenzione che di protezione, mediante una
reingegnerizzazione degli autobus. Gli accorgimenti individuati, sia di tipo tecnico che gestionale, sono indirizzati,
innanzitutto alle case costruttrici e mirano a ridurre e/o eliminare le possibili cause, a proteggere il comparto passeggeri
dalla propagazione di eventuali fiamme, a determinare le migliori caratteristiche del sistema antincendio, ma anche alle
aziende esercenti per individuare le procedure corrette da adottare nell’affrontare un’eventuale condizione di pericolo, al
fine non solo di garantire la sicurezza del conducente, degli utenti ed eventuali terzi, ma anche per orientare l’azienda
stessa a definire le specifiche dei nuovi capitolati di approvvigionamento degli autobus e a migliorare l’ organizzazione
dei processi manutentivi. Considerando, infine, che l’intensificazione di un incendio è dovuta essenzialmente ai
materiali degli allestimenti interni, pur se conformi alle normative vigenti sul comportamento al fuoco, viene suggerito
un adeguamento delle norme sulla protezione al fuoco dei veicoli, mediante l’adozione di quelle vigenti per il settore
ferrotranviario, che individuano degli standard di sicurezza più elevati, perché più restrittive rispetto ai limiti di
accettabilità dei materiali di allestimento e rivestimento.
500000
400000
300000
200000
100000
0
-100000
1
2
3
4
5
6
7
8
9
-200000
-300000
-400000
-500000
Anno
Figura 1 : Autobus totalmente incendiato
VAN (0, 03)
Figura 2 : VAN conseguente alla reingegnerizzazione dell’ autobus
Anno Accademico 2008/2009
Indice
INDICE
Indice...................................................................................................................1
Indice delle Figure..............................................................................................8
Indice delle Tabelle ..........................................................................................12
Introduzione .....................................................................................................15
Capitolo 1 : Il Trasporto Pubblico Locale .....................................................20
1.1
Uno sguardo complessivo sul settore....................................................20
1.2
L’ autobus ............................................................................................30
1.2.1 La sicurezza degli autobus...............................................................32
1.3
Le classificazioni degli autobus ...........................................................34
1.4
L’azienda ospitante : CTP S.p.A..........................................................43
1.4.1
La storia della società ......................................................................43
1.4.2
Governance e organizzazione..........................................................48
1.4.3 I depositi e le rimesse ......................................................................50
1.4.4
I numeri della CTP ..........................................................................51
1.4.5 Classificazioni della flotta CTP........................................................52
1.4.6 La Mission di CTP...........................................................................54
1.4.7
Il sistema di gestione integrato e le certificazioni ..........................54
1.4.8
La sicurezza in Ctp ..........................................................................56
1.4.8.1
Dei lavoratori...............................................................................56
1.4.8.2
Dei viaggiatori.............................................................................57
1.4.8.3
Dei veicoli ...................................................................................57
1.4.9 Il rapporto con i clienti ....................................................................57
Capitolo 2 : Chimica fisica dell’ incendio ......................................................59
2.1
L’ incendio ............................................................................................59
2.1.1 Le fonti di innesco ............................................................................63
2.1.2 La classificazione degli incendi........................................................64
2.1.2 I parametri della combustione ..........................................................68
2.2
Combustibili e modalità di combustione .............................................75
2.2.1
Combustibili solidi ..........................................................................77
2.2.2
Combustibili liquidi.........................................................................80
2.2.3
Combustibili gassosi........................................................................82
2.3
Condizioni necessarie per l’innesco e l’autosostentamento..................86
2.4
Provvedimenti per condizionare l’evoluzione degli incendi ................88
2.5
Esplosioni..............................................................................................89
2.5.1 Esplosione di miscele infiammabili di gas o vapori .........................92
2.5.2 Esplosione di polveri combustibili sospese in aria...........................92
2.6
Autocombustione ..................................................................................93
2.7
I prodotti della combustione .................................................................95
2.8
Dinamica di sviluppo di un incendio ....................................................97
1
Indice
2.8.1 Osservazioni sulla curva T = f(t) ....................................................102
2.9
Estinzione degli incendi......................................................................106
2.10 Le sostanze estinguenti .......................................................................108
2.10.1
Acqua .........................................................................................108
2.10.2
Schiuma ......................................................................................110
2.10.3
Polveri chimiche.........................................................................112
2.10.4
Gas inerti : ..................................................................................113
1) Anidride carbonica ..................................................................................113
2) Argon.......................................................................................................115
3) Azoto .......................................................................................................115
2.10.5
Idrocarburi alogenati .................................................................115
2.10.6
Altri ...........................................................................................117
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus .....................................118
3.1
Fondamenti di prevenzione incendi ....................................................118
3.2
Il rischio incendio ...............................................................................120
3.3
La prevenzione propriamente detta.....................................................126
3.4
Le misure precauzionali di esercizio...................................................128
3.5
La protezione antincendio...................................................................131
3.6
La protezione attiva.............................................................................131
3.6.1 Estintori ..........................................................................................132
3.6.1.1
Gli estintori portatili ..................................................................133
3.6.1.1.1
La dotazione degli autobus ...................................................137
3.6.1.1.2
La dotazione CTP .................................................................138
3.6.1.2
Estintore a polvere.....................................................................138
3.6.1.3
Estintore ad anidride carbonica .................................................140
3.6.2 Impianti antincendio ad intervento automatico ..............................142
3.6.2.1
Impianto di spegnimento Pirò ...................................................143
3.6.2.2
Altri impianti fissi : ad acqua nebulizzata.................................153
3.6.2.3
Sistemi a gas..............................................................................158
3.6.2.3.1
Modalità di funzionamento ...................................................162
2.6.2.3.2
Manutenzione ordinaria ........................................................163
3.6.3
Sistemi di rilevazione e di segnalazione incendio .........................164
3.6.4 Istruzioni ai conducenti e procedura comportamentale.................169
3.6.4.1
Modalità di utilizzo dell’estintore .............................................171
3.7
La protezione passiva..........................................................................173
3.7.1 Comportamento al fuoco ................................................................174
3.7.1.1
Reazione al fuoco ......................................................................174
3.7.1.2
Resistenza al fuoco....................................................................183
3.7.2 Sistemi di vie d’uscita.....................................................................189
3.7.2.1
D.M. del 18/04/77 .....................................................................192
3.7.2.1.1
Porte di servizio ....................................................................195
3.7.2.1.2
Porte di emergenza................................................................197
3.7.2.1.3
Finestrini d'emergenza ..........................................................197
3.7.2.1.5
Accessibilità..........................................................................198
3.7.2.2
Successivi D.M. .........................................................................198
3.7.2.2.1
Numero di uscite ...................................................................200
2
Indice
3.7.2.2.2
Ubicazione delle uscite .........................................................202
3.7.2.2.4
Prescrizioni tecniche relative alle porte di accesso...............203
3.7.2.2.5
Prescrizioni tecniche relative alle porte di sicurezza ............206
3.7.2.2.6
Prescrizioni tecniche relative ai finestrini di sicurezza.........207
3.7.2.2.7
Prescrizioni tecniche sulle botole di evacuazione.................208
3.7.2.2.8
Iscrizioni ...............................................................................209
3.7.2.2.9
Accessibilità..........................................................................209
3.8
Compartimentazione ..........................................................................210
3.8.1
Importanza di una buona resistenza al fuoco.................................213
3.9
Prescrizioni tecniche per la protezione contro i rischi incendio ........214
3.9.1
Normativa di riferimento incendi autobus.....................................221
Capitolo 4 : Le analisi statistiche .................................................................223
4.1
L’ indagine ASSTRA sugli incendi ..................................................223
4.1.1
Il primo questionario .....................................................................224
4.1.2 Il secondo questionario..................................................................227
4.2
Le cause d’incendio secondo le statistiche ........................................231
4.2.1
Corto circuito cablaggi impianto elettrico .....................................231
4.2.2 Avarie elettriche ad altri equipaggiamenti elettrici .......................232
4.2.3 Perdite di combustibile e oli ..........................................................232
4.3
Le zone di origine dell’ incendio .......................................................233
4.4
Osservazioni.......................................................................................234
4.5
Gli incendi alla CTP ......................................................................236
Capitolo 5 : Descrizione tecnica dell’autobus Iveco Cityclass incendiato 238
5.1
Introduzione ......................................................................................238
5.2
Caratteristiche generali .....................................................................240
5.3
Carstteristiche tecniche .....................................................................242
5.4
Organi del moto ................................................................................245
5.4.1
Motore ..........................................................................................245
5.4.2
Raffreddamento motore................................................................251
5.4.3
Alimentazione del combustibile ...................................................252
5.4.4
Alimentazione aria motore ...........................................................252
5.4.5
Scarico motore..............................................................................253
5.4.6
Cambio..........................................................................................253
5.4.7
Trasmissione.................................................................................253
5.4.8
Assale............................................................................................253
5.5
Telaio .................................................................................................253
5.6 Sospensioni........................................................................................254
5.7 Freni...................................................................................................254
5.8 Impianto elettrico...............................................................................254
5.8.1 Concetto di massa e compatibilità elettromagnetica ......................254
5.8.2 Rete di potenza ...............................................................................256
5.8.3 Multibus ACTIA.............................................................................260
5.8.4 Avviamento motore ........................................................................260
5.8.5 Protezione circuiti...........................................................................260
5.8.6 Devioguida......................................................................................260
5.8.7 Sbrinamento....................................................................................260
3
Indice
5.8.8 Cruscotto.........................................................................................260
5.8.8.a
Cruscotto laterale......................................................................260
5.8.8.b
Cruscotto anteriore ...................................................................260
5.8.8.c
Cruscotto satellite ....................................................................260
5.8.8.d
Cruscotto sopra il finestrino autista .........................................260
5.8.9 Funzionalità del display..................................................................260
5.9
Rilevamento guasti..............................................................................260
5.10
Comando centrale di emergenza.........................................................260
5.11
Impianto pneumatico ..........................................................................260
5.12 Tubazioni ............................................................................................260
5.13 Guida e sterzo .....................................................................................260
5.14
Ruote e pneumatici .............................................................................260
5.15 Rifornimenti........................................................................................260
5.16 Cassa lastrata.......................................................................................260
5.16.1
Rivestimenti esterni....................................................................260
5.16.2
Protezione anticorrosione – verniciatura....................................260
5.16.3
Isolamento termoacustico...........................................................260
5.16.4
Paraurti .......................................................................................260
5.16.5
Ganci di manovra .......................................................................260
5.16.6
Sportelli ......................................................................................260
5.16.6.a
Lato destro veicolo...............................................................260
5.16.6.b
Lato sinistro .........................................................................260
5.16.6.c
Testata anteriore...................................................................260
5.16.6.d
Testata posteriore .................................................................260
5.16.7
Pedane di salita...........................................................................260
5.17
Pavimento ..........................................................................................260
5.17.1
Cuffie passaruote........................................................................260
5.17.2
Botole di ispezione .....................................................................260
5.18
Rivestimenti interni.............................................................................260
5.19
Porte di servizio ..................................................................................260
5.20 Vetratura .............................................................................................260
5.20.1
Luci anteriori ..............................................................................260
5.20.2
Luci laterali ................................................................................260
5.20.3
Luci posteriori ............................................................................260
5.21 Posto guida ........................................................................................260
5.21.1
Specchi retrovisori esterni..........................................................260
5.22
Sedili passeggeri .................................................................................260
5.23 Mancorrenti e paretine ........................................................................260
5.24
Indicatori di linea ................................................................................260
5.25
Illuminazione interna ..........................................................................260
5.26
Illuminazione esterna ..........................................................................260
5.26.1
su testata anteriore.....................................................................260
5.26.2
su testata posteriore ...................................................................260
5.26.3
sulle fiancate..............................................................................260
5.27 Varie....................................................................................................260
5.28
Climatizzazione veicolo......................................................................260
4
Indice
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali ...................................260
6.1
Le materie plastiche ............................................................................260
6.1.1 Il ciclo di combustione dei polimeri ...............................................260
6.1.2 Valutazione dell’ infiammabilità dei polimeri................................260
6.1.3 La combustione dei pneumatici......................................................260
6.1.4 Comp.mento al fuoco dei materiali e delle apparecc. elettriche.....260
6.2
Comportamento al fuoco acciaio .......................................................260
6.4
Altri metalli........................................................................................260
6.5
Legno ..................................................................................................260
6.6
Vetro ...................................................................................................260
6.7
I prodotti tessili ...................................................................................260
6.8
Materiali compositi .............................................................................260
6.8.1
I materiali compositi polimerici ....................................................260
6.8.1.1
Proprietà di reazione al fuoco dei compositi polimerici ...........260
6.8.1.2
Risposta del composito al fuoco................................................260
6.9
Gli isolanti termici .............................................................................260
6.9.1 Comportamento al fuoco degli isolanti ..........................................260
6.9.1.1
Polistirene espanso sinterizzato.................................................260
6.9.1.2
Poliuretano ................................................................................260
6.9.1.3
Lana di roccia ............................................................................260
6.9.1.4
Lana di vetro..............................................................................260
6.10
Analisi rifornimenti e lubrificanti usati da CTP .................................260
6.10.1
Olio motore : URANIA LD7 ....................................................260
6.10.2
Olio cambio : TUTELA TRUCK ATF 90 ................................260
6.10.3
Olio idroguida e trasmissioni idrostatiche TUTELA GI/A ......260
6.10.4
Gasolio ......................................................................................260
6.10.5
Altri fluidi presenti ....................................................................260
6.10.5.1
TUTELA W 140/M – DA.....................................................260
6.10.5.2
TUTELA TRUCK DOT SPECIAL ......................................260
6.10.5.3
PARAFLU 11 .......................................................................260
6.10.5.4
Tutela MR2 e MR3 ...............................................................260
6.10.5.5
Tutela COMAR 2.................................................................260
6.10.5.6
SILICON...............................................................................260
6.10.5.7
6 IN 1 ....................................................................................260
6.10.5.8
SC 35.....................................................................................260
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti ..................................................260
7.1
L’ incendio della 5806 ........................................................................260
7.1.1 Descrizione dell' evento..................................................................260
7.1.2 Esito dei rilievi................................................................................260
7.1.3 Sviluppo dell’incendio....................................................................260
7.1.3.1
L’incendio generico...................................................................260
7.1.3.2
Possibili fattori di incendio .......................................................260
7.1.3.2.a
Combustibili solidi................................................................260
6.1.3.2.b
Materie plastiche...................................................................260
7.1.3.2.c
Combustibili liquidi ..............................................................260
7.1.3.2.d
Sorgenti di ignizione .............................................................260
5
Indice
7.1.3.2.d.1
Scintille.............................................................................260
7.1.3.2.d.2
Superfici calde ..................................................................260
7.1.3.2.d.3
Alcune osservazioni sugli incendi di origine elettrica......260
7.1.3.2.e
Influenza di ulteriori fattori...................................................260
7.1.3.2.f
Osservazioni sul servizio di manutenzione ...........................260
7.1.3.3
Schematizzazione autobus.........................................................260
7.1.4
Cause dell' incendio dell’ autobus 5806 ........................................260
7.2
L’incendio della 5811 ........................................................................260
7.2.1 Analisi dei danni 5811...................................................................260
7.2.2 Consid.oni sulla propagazione degli incendi e materiali presenti .260
7.2.3
Sviluppo dell’incendio...................................................................260
7.2.3.1 Tempistica ...................................................................................260
7.2.3.2
La simulazione degli incendi degli autobus ...............................260
7.2.3.2.1 Risultati delle simulaz. : effetti apertura delle botole del tetto. 260
7.2.3.2.2 Effetti delle aperture delle porte ................................................260
7.2.3.2.3 Distribuzione delle fiamme .......................................................260
7.2.3.2.4 Raccomandazioni.......................................................................260
7.2.4
Considerazioni finali sui materiali.................................................260
7.3
L’incendio della 5829 ........................................................................260
7.3.1
Considerazioni sull’evento ............................................................260
7.4
L’ incendio della 5842 .......................................................................260
7.4.1
Comando elettronico ventilazione motore.....................................260
7.4.3
Considerazioni ...............................................................................260
7.5
Analisi delle serie storiche .................................................................260
7.6
Analisi F.M.E.A. ...............................................................................260
7.7
Misure di sicurezza ............................................................................260
7.7.1
Misure di sicurezza tecniche..........................................................260
7.7.1.1
Compartimento passeggeri........................................................260
7.7.1.2
Parte posteriore - zona A...........................................................260
7.7.1.3
Parte Posteriore - zona B...........................................................260
7.7.1.4
Mezzi di spegnimento ...............................................................260
7.7.1.4.a
Indagine di approfondimento e prove di incendio ................260
7.7.1.4.b
Manutenzione antincendio ....................................................260
7.7.1.5
Comandi di emergenza..............................................................260
7.7.2
Misure di sicurezza gestionali .......................................................260
7.7.3
L’ottimiz.one della manut.one attraverso i sistemi di diagnostica 260
7.7.4
Considerazioni finali......................................................................260
Capitolo 8 : L’analisi degli investimenti .....................................................260
8.1
Introduzione ........................................................................................260
8.2
L’analisi costi-benefici........................................................................260
8.3 Fasi principali dell’analisi costi-benefici............................................260
8.3.1 Definizione dell’ambito dell’analisi ...............................................260
8.3.1.1
Il contratto CTP – Namet ...........................................................260
8.3.2 Analisi delle modifiche proposte e dei costi ad esse connessi e
monetizzazzione ..........................................................................................260
8.3.2.1
Ulteriori proposte ......................................................................260
6
Indice
8.3.3
8.3.3.1
8.3.3.2
8.3.3.3
8.3.3.4
8.3.4
8.3.5
8.3.6
Analisi dei benefici.......................................................................260
Determinazione tasso d’incendio e valore autobus ...................260
Calcolo dei benefici materiali....................................................260
Calcolo benefici legati alla manutenzione.................................260
Benefici complessivi .................................................................260
Sconto intertemporale e calcolo del VAN .....................................260
Analisi di rischio............................................................................260
Analisi di sensitività ......................................................................260
Capitolo 9 : Il settore ferrotranviario ..........................................................260
9.1
Le norme del settore ferrotranviario ...................................................260
9.2
Impianto antincendio a bordo di rotabili.............................................260
9.2.1
Caratteristiche funzionali...............................................................260
9.3
ETR 600 ..............................................................................................260
9.3.1 Caratteristiche generali ...................................................................260
9.3.2
Impianto antincendio rilevamento fumi su un ETR 600 ..............260
9.3.2.1
Generalità ..................................................................................260
9.3.2.2
Funzionamento impianto antincendio .......................................260
9.3.2.3
Impianti da proteggere ..............................................................260
9.3.2.4
Descrizione funzionale..............................................................260
9.3.2.4.a
Comando automatico pneumatico.........................................260
9.3.2.4.b
Comando elettrico di fiancata ...............................................260
9.3.2.5
Segnalazioni impianto antincendio ...........................................260
9.3.2.5.a
Sub rack display e comandi ..................................................260
9.3.2.6
Impianto rilevamento fumi........................................................260
9.3.2.6.a
Lampade di direzione............................................................260
9.3.2.6.b
Rilevatore di fumo autonomo RFETR600 ............................260
9.3.2.6.c
Unità di supervisione SMK-2M............................................260
9.3.2.6.d
Unità di supervisione SMK-2S .............................................260
9.3.2.7
Estintori .....................................................................................260
9.4
I metodi di prova proposti per i materiali interni agli autobus ..........260
Conclusioni .....................................................................................................260
Appendice A : Scheda condizioni veicolo incendiatosi..................................260
Appendice B : Allegato fotografico ................................................................260
Bibliografia .....................................................................................................260
Sitografia.........................................................................................................260
7
Indice delle Figure
INDICE DELLE FIGURE
Figura 1 : La soddisfazione per l'utilizzo dell'autobus nei diversi contesti urbani
(punteggi medi 1 ÷ 10) ..............................................................................22
Figura 2 : La soddisfazione per i mezzi di trasporto pubblico urbano per
circoscrizione territoriale di residenza (punteggi 1 ÷ 10) .......................22
Figura 3 : Età media autobus urbano in anni ....................................................22
Figura 4 : Il mercato urbano dei mezzi di trasporto nel 2008 ...........................24
Figura 5 : La quota mercato del trasporto pubblico urbano relativa a tutta la
popolazione (% sugli spostamenti motorizzati 2000 ÷ 2008 ...................25
Figura 6 : La ripartizione del Trasporto Pubblico Urbano su gomma e ferro (%
spostamenti) ..............................................................................................25
Figura 7 : La quota mercato del trasporto pubblico urbano (% sugli
spostamenti motorizzati 2000 ÷ 2008 ......................................................26
Figura 8 : La ripartizione del mercato urbano dei mezzi di trasporto motorizzati
per il Sud e Isole ( % Spostamenti) ..........................................................26
Figura 9 : L’organizzazione di CTP..................................................................49
Figura 10 : Il triangolo del fuoco.......................................................................61
Figura 11 : I triangoli del fuoco.........................................................................62
Figura 12 : Il tetraedro del fuoco.......................................................................63
Figura 13 : Pittogramma dei fuochi ...................................................................67
Figura 14 : Limiti di infiammabilità di alcune sostanze ....................................72
Figura 15 : Temperature di infiammabilità in °C ..............................................81
Figura 16 : Campo di infiammabilità di miscele infiammabili .........................84
Figura 17 : Scala cromatica delle temperature nella combustione dei gas.......97
Figura 18 : Diagramma temperatura tempo dell' incendio ...............................98
Figura 19 : Curva standard temperatura-tempo..............................................104
Figura 20 : Temp. massima e durata comb.one per quantità ideali di legna ..105
Figura 21 : Grafico del rischio.........................................................................121
Figura 22 : Controllo e gestione del rischio ...................................................124
Figura 23 : La prevenzione incendi..................................................................125
Figura 24 : La prevenzione antincendio...........................................................130
Figura 25 : La protezione incendi ....................................................................131
Figura 26 : La proteziona attiva.......................................................................131
Figura 27 : Campo di impiego degli estintori ..................................................137
Figura 28 : Esploso dei componenti di estintore a polvere..............................139
Figura 29 : Estintore ad anidride carbonica ...................................................141
Figura 30 : Il sistema Pirò. ..............................................................................146
Figura 31 : Il nuovo Pirò..................................................................................152
Figura 32 : Disposizione dell'impianto antincendio nel vano passeggeri. ......153
Figura 33 : Disposizione dell'impianto antincendio nel vano motore. ............154
Figura 34 : Schema del sistema di attivazione pneumatico .............................155
Figura 35 : Andamento della temperatura nella prova di spegnimento ..........157
Figura 36 : Sequenza di spegnimento...............................................................157
8
Indice delle Figure
Figura 37 : Il sistema Firekill...........................................................................160
Figura 38 : Posizionamento della bombola su un Breda Menarini .................163
Figura 39 : Intervento dei diversi rilevatori sulla curva temperatura tempo ..165
Figura 40 : Andamento dei danni nel tempo durante un incendio...................165
Figura 41 : La protezione passiva....................................................................173
Figura 42 : Tempi di evacuazione ....................................................................191
Figura 43 : Resistenza al fuoco da inizio incendio all'incendio interno al bus214
Figura 44 : Casi di incendio nel triennio 2001- 2003......................................224
Figura 45 : Distribuzione per gravità di incendio ...........................................225
Figura 46 : Classificazione incendi in base ai componenti interessati ............226
Figura 47 : Euro 0 ............................................................................................228
Figura 48 : Euro 1 ............................................................................................228
Figura 49 : Euro 2 ............................................................................................228
Figura 50 : Euro 3 ............................................................................................229
Figura 51 : Ibridi/Metano.................................................................................229
Figura 52 : Rapporti incendi /parco.................................................................230
Figura 53 : Tasso di incendio annuo................................................................230
Figura 54 : Zone e n° incendi per Euro 0.........................................................233
Figura 55 : Zone e n° Incendi per Euro 2 ........................................................234
Figura 56 : Cityclass 591 della CTP ................................................................238
Figura 57 : Logo Irisbus...................................................................................239
Figura 58 : Viste CityClass Cursor 591.10.29 .................................................241
Figura 59 : Vista frontale e posteriore del motore...........................................245
Figura 60 : Vista laterale sinistra del motore .................................................245
Figura 61 : Vista laterale destra del motore ....................................................246
Figura 62 : Vista superiore del motore ............................................................246
Figura 63 : Circuito equivalente della rete elettrica del veicolo .....................256
Figura 64 : Componenti elettrici nel vano anteriore sinistro .........................257
Figura 65 : Deviatore/sezion.ore di corrente e schema della rete negativa ....258
Figura 66 : Teleruttore generale di controllo (TGC).......................................259
Figura 67 : Teler.ore scambio circuiti avviamento/ricarica e vista morsetti ..260
Figura 68 : Componenti elettrici vano motore.................................................260
Figura 69 : Cablaggio impianto elettrico su motore........................................260
Figura 70 : Schema del processo di combustione dei polimeri........................260
Figura 71 : Sezione di un laminato danneggiato dal fuoco mostranti le diverse
zone di danno ..........................................................................................260
Figura 72 : Profilo del tasso di rilascio del calore per composito ..................260
Figura 73 : Curve di perdita di massa per compositi......................................260
Figura 74 : LOI per vari materiali compositi..................................................260
Figura 75 : Propagazione della fiamma superficiale nel tempo ......................260
Figura 76 : Temperatura media sulla faccia non esposta al fuoco..................260
Figura 77 : Comparazione resistenza al fuoco per diversi compositi..............260
Figura 78 : Risposta alla temperatura di un composito...................................260
Figura 79 : Parte posteriore del bus nel deposito di Pascarola ......................260
Figura 80 : Danni ai carter di alluminio..........................................................260
Figura 81 : Vano motore autobus funzionante.................................................260
Figura 82 : Sportellino laterale cighie .............................................................260
9
Indice delle Figure
Figura 83 : Layout vano motore.......................................................................260
Figura 84 : Guaine impianto elettrico e tubazione gasolio..............................260
Figura 85 : Teleruttore di avviamento e ricarica.............................................260
Figura 86 : Segni di fusione del rame sul cavo dell'alternatore ......................260
Figura 87 : Interruttore magnetotermico .........................................................260
Figura 88 : Punti fuoco autobus.......................................................................260
Figura 89 : Percorso d’ esodo in incendio in zona A.......................................260
Figura 90 : Percorso d’ esodo in incendio in zona B.......................................260
Figura 91 : Staffette metalliche di ancoraggio per i cavi di collegamento......260
Figura 92 : Vista prospettica alternatore.........................................................260
Figura 93 : Stato delle batterie.........................................................................260
Figura 94 : Incendio totale dell'autobus 5811 .................................................260
Figura 95 : Interno dell'autobus.......................................................................260
Figura 96 : Vano motore ..................................................................................260
Figura 97 : Sfaldamenti del pannello di isolamento in autobus funzionante...260
Figura 98 : Schema tempistica della propagazione .........................................260
Figura 99 : HRR del poliuretano......................................................................260
Figura 100 : Confronto della distribuzione del fumo a botola aperta o chiusa al
variare del tempo dall’ ignizione. ...........................................................260
Figura 101 : Confronto della distribuzione del fumo tra porte aperte e chiuse in
differenti momenti. ..................................................................................260
Figura 102 : Diffusione delle fiamme dopo 2 minuti........................................260
Figura 103 : Diffusione delle fiamme dopo 4 minuti........................................260
Figura 104 : Diffusione delle fiamme dopo 5 minuti........................................260
Figura 105 : Diffusione delle fiamme dopo 6 minuti........................................260
Figura 106 : Autobus totalmente incendiato ....................................................260
Figura 107 : Vano motore autobus 5829..........................................................260
Figura 108 : Vano cinghie................................................................................260
Figura 109 : Foratura portellone vano motore................................................260
Figura 110 : Indicazione del posizionamento del serbatoio dell’idroventola..260
Figura 111 : Ubic.one sul veicolo dei principali comp.nti del sistema EHG...260
Figura 112 : Comando elettronico ventilazione motore. .................................260
Figura 113 : Albero guasto turbina..................................................................260
Figura 114 : Rilascio liquido combustibile o infiammabile a seguito rottura
tubazione o perdita tenuta.......................................................................260
Figura 115 : Guasti mecc. che conducono a surriscaldamento e/o incendio ..260
Figura 116 : Guasti elettrici che conducono a incendio ..................................260
Figura 117 : Sistema di autobus Inbus di tipo BIG..........................................260
Figura 118 : Modellazione di incendio di tipo 1 ..............................................260
Figura 119 : Modellazione di incendio di tipo 2 ..............................................260
Figura 120 : Modellazione di incendio di tipo 3 ..............................................260
Figura 121 : Modellazione di incendio di tipo 4 ..............................................260
Figura 122 : Schema sistema Multibus ............................................................260
Figura 123 : Diagnostica del veicolo con il sistema tradizionale....................260
Figura 124 : Diagnostica del veicolo con il sistema Intellibus........................260
Figura 125 : Grafico del VAN (i = 3%) ...........................................................260
Figura 126 : Grafico del VAN (i =3%) proposta B..........................................260
10
Indice delle Figure
Figura 127 : Grafico del VAN ( i = 5% ) ........................................................260
Figura 128 : Confronto VAN (3% e 5%)..........................................................260
Figura 129 : Confronto VAN (5%) caso B .......................................................260
Figura 130 : Andam. del VAN per effetto di una variaz. del 20% delle var. ...260
Figura 131 : Variaz. % del VAN per effetto della variazione delle variabili...260
Figura 133 : ETR 600 Frecciargento ...............................................................260
Figura 134 : Schema semplificato estinzione incendio in modo indiretto .......260
Figura 135 : Impianti protetti nel sottocassa dei veicoli..................................260
Figura 136 : Impianti protetti sull' imperiale...................................................260
Figura 137 : Disposizione linee antincendio nel cassone inverter di trazione 260
Figura 138 : Disposizione linee antincendio nella cassa combinatore AT e
precarica .................................................................................................260
Figura 139 : Disposizione linee antincendio nella cassa contattori MT .........260
Figura 140 : Schema impianto antincendio per gli elementi 1,2,6,7 ...............260
Figura 141 : Sistemazione del pulsante per il comando elettrico di fiancata e del
pannello segnalazioni..............................................................................260
Figura 142 : Segnalazioni sul rack display comandi veicolo 3........................260
Figura 143 : Disposizione dei rilevatori fumo .................................................260
Figura 144 : Il deposito di Arzano ...................................................................260
Figura 145 : Le officine NAMET......................................................................260
Figura 146 : Corrugato non autoestinguente...................................................260
Figura 147 : Tubazione gasolio non autoestinguente ......................................260
Figura 148 : Sistema di fissaggio tubazioni .....................................................260
Figura 149 : Verifica intervento Pirò su 5829 .................................................260
Figura 150 : Confronto stato del tetto tra autobus di vecchia generazione e
attuale......................................................................................................260
11
Indice delle Tabelle
INDICE DELLE TABELLE
Tabella 1 : Quota di utenti soddisfatti dei mezzi di trasporto urbani (% di voti
6 ÷ 10) .....................................................................................................22
Tabella 2 : Classificazione autobus in base agli ingombri ................................38
Tabella 3: Corrispondenza fra i diversi D.M.....................................................42
Tabella 4 : La CTP in cifre ................................................................................51
Tabella 5 : Tipologia di servizio erogato...........................................................52
Tabella 6 : Parco veicoli ....................................................................................52
Tabella 7 : Tipologia di alimentazione ..............................................................52
Tabella 8 : Tecnologia a bordo..........................................................................53
Tabella 9 : La flotta della CTP ..........................................................................53
Tabella 10 : Autobus e norme ............................................................................54
Tabella 11 : Temperatura di accensione di alcune sostanze .............................69
Tabella 12 : Temperatura di combustione .........................................................70
Tabella 13 : Temperature di infiammabilità di alcune sostanze........................71
Tabella 14 : Limiti di infiammabilità .................................................................73
Tabella 15 : Aria teorica di combustione...........................................................74
Tabella 16 : Poteri calorifici dei principali combustibili ..................................75
Tabella 17 : Classificazione dei combustibili ....................................................76
Tabella 18 : Scala graduata semiquantit.va della prob.lità di accadimento ...123
Tabella 19 : Scala graduata semiquantitativa della gravità del danno...........123
Tabella 20 : Matrice di valutazione del rischio ...............................................123
Tabella 21 : Caratteristiche dei focolari di classe A .......................................135
Tabella 22 : Caratteristiche dei focolari di classe B .......................................135
Tabella 23 : Durata di funzionamento di un estintore portatile ......................136
Tabella 24 : Scelta Pirò....................................................................................145
Tabella 25 : Caratteristiche estintori...............................................................145
Tabella 26 : Caratteristiche tecniche Pirò.......................................................145
Tabella 27 : Manutenzione ordinaria ..............................................................149
Tabella 28 : Proprietà chimico fisiche estinguente..........................................161
Tabella 29 : Classificazione rilevatori di incendio ..........................................169
Tabella 30 : Classi di reazione al fuoco...........................................................175
Tabella 31 : Livelli di prestazione....................................................................186
Tabella 32 : Caratteristiche di resistenza al fuoco ..........................................189
Tabella 33 : Numero minimo porte di servizio.................................................193
Tabella 34 : Numero di uscite di emergenza....................................................195
Tabella 35 : Numero minimo di porte di accesso ............................................201
Tabella 36 : Numero minimo di uscite .............................................................201
Tabella 37 : Numero minimo di botole ............................................................202
Tabella 38 : Dimensioni minime uscite ............................................................203
Tabella 39 : Cause di incendio.........................................................................231
Tabella 40 : Incendi CURSOR da noi considerati aggiornato al 2009 ...........236
Tabella 41 : Incendi altre tipologie nel periodo 2004-2007 ............................237
12
Indice delle Tabelle
Tabella 42 : Riepilogo generale dati................................................................237
Tabella 43 : Dimensioni (in mm) .....................................................................242
Tabella 44 : Posti disponibili ...........................................................................243
Tabella 45 : Prestazioni ...................................................................................244
Tabella 46 : Masse (kg)....................................................................................244
Tabella 47 : Massimi pesi tecnicamente ammessi (kg) ....................................244
Tabella 48 : Consumi combustibile..................................................................244
Tabella 49 : Rumorosità interna ed esterna.....................................................244
Tabella 50 : Caratteristiche del motore ...........................................................247
Tabella 51 : Emissioni......................................................................................250
Tabella 52 : Caratteristiche pneumatici ..........................................................260
Tabella 53 : Rifornimenti .................................................................................260
Tabella 54 : Riepilogo materiali costituenti.....................................................260
Tabella 55 : Temperature caratteristiche di alcuni materiali plastici.............260
Tabella 56 : Valori di Indice di ossigeno (OI) .................................................260
Tabella 57 : Carichi di rottura, di proporzionalità, di snervamento e relative
variazioni per un acciaio dolce...............................................................260
Tabella 58 : Composizione chimica di colata acciaio COR-TEN A ................260
Tabella 59 : Variazione della resistenza con la temperatura per la ghisa
(resistenza a trazione σ =20 kg/mm 2 ) ....................................................260
Tabella 60 : Variazione della resistenza con la temperatura per l'alluminio ( σ
=10 kg/mm 2 ) ..........................................................................................260
Tabella 61 : Variazione con la temperatura per il rame (resistenza a trazione σ
=25 kg/mm 2 ) ..........................................................................................260
Tabella 62 : Variazione della resistenza con la temperatura per il bronzo (σ
=24 kg/mm 2 ) ..........................................................................................260
Tabella 63 : Indice LOI per diversi tipi di fibre...............................................260
Tabella 64 : Gas combusti rilasciati da un composito.....................................260
Tabella 65 : Caratteristiche dei principali materiali isolanti..........................260
Tabella 66 : Comportamento dell’EPS ............................................................260
Tabella 67 : Rifornimenti e lubrificanti usati in CTP ......................................260
Tabella 68 : URANIA LD7 ...............................................................................260
Tabella 69 : TUTELA ATF 90..........................................................................260
Tabella 70 : Tutela GI/A ..................................................................................260
Tabella 71 : Gasolio........................................................................................260
Tabella 72 : TUTELA W 140/M - DA..............................................................260
Tabella 73 : TUTELA TRUCK DOT SPECIAL...............................................260
Tabella 74 : PARAFLU 11 ..............................................................................260
Tabella 75 : TUTELA MR2 e MR3...................................................................260
Tabella 76 : COMAR 2....................................................................................260
Tabella 77 : SILICON .....................................................................................260
Tabella 78 : 6 IN 1 ..........................................................................................260
Tabella 79 : SC 35...........................................................................................260
Tabella 80 : Elenco temporale dei guasti ........................................................260
Tabella 81: Caratteristiche fluidi presenti su un autobus................................260
13
Indice delle Tabelle
Tabella 82 : Temperature superficiale necessaria all’ ignizione di alcuni
combustibili .............................................................................................260
Tabella 83 : Caratteristiche alternatori...........................................................260
Tabella 84 : Riepilogo delle modifiche ............................................................260
Tabella 85 : Tabella riepilogativa dei costi .....................................................260
Tabella 86 : Riepilogo costi con proposte aggiuntive......................................260
Tabella 87 : Benefici beni materiali.................................................................260
Tabella 88 : Costi di manutenzione aggiuntiva in caso di incendio ................260
Tabella 89 : Riepilogo benefici ........................................................................260
Tabella 90 : Calcolo del VAN ( i = 3%)...........................................................260
Tabella 91 : Calcolo del VAN con le proposte aggiuntive...............................260
Tabella 92 : Calcolo del VAN (i = 5%)............................................................260
Tabella 93 : Calcolo del VAN (5%) nel caso B di ulteriori modifiche ............260
Tabella 94 : I metodi di prova in ambito ferroviario per i materiali di
allestimento. ............................................................................................260
Tabella 95 : I metodi di prova in ambito ferroviario per cavi e componenti
elettrici ....................................................................................................260
Tabella 96 : I metodi di prova in ambito ferroviario per i materiali di
rivestimento .............................................................................................260
Tabella 97 : I metodi di prova in ambito ferroviario per i materiali delle sedute
.................................................................................................................260
Tabella 98 : Tipi di estinguenti da usare a bordo dei rotabili .........................260
Tabella 99 : Metodi di prova proposti per i materiali interni agli autobus...260
14
Introduzione
INTRODUZIONE
Con questo lavoro di tesi si vuole definire e valutare il grado di criticità
del rischio d’incendio autobus con la successiva individuazione delle
possibili prospettive di soluzione al problema, in ottica sia di prevenzione
che di protezione.
Dalle indagini statistiche condotte dall’associazione dei trasporti
“ASSTRA” in Italia è risultato che su 1000 autobus circa 6 all’anno
hanno subito un incendio, di cui 3,5 con danni trascurabili, mentre 0,53
su 1000 sono andati completamente distrutti senza che comunque vi siano
stati danni alle persone, con una percentuale che seppur piccola, tanto che
porta a considerare gli autobus per numero di incendi e vittime tra i più
sicuri mezzi di trasporto, deve far riflettere sulla necessità, da parte delle
case costruttrici di adottare la massima attenzione nella individuazione
degli accorgimenti costruttivi e materiali più idonei nella realizzazione
degli autobus e da parte delle aziende esercenti di investire in
manutenzione.
Dalla analisi delle serie storiche desunte dagli archivi della CTP,
escludendo i casi di origine dolosa o dovuti ad incidenti, viene
confermata anche per la Compagnia la linea di tendenza nazionale per la
flotta complessiva, ma per una particolare tipologia di autobus si è avuto
un tasso d’incendio annuo dell’ 1,1%, con 4 casi in poco meno di 7 anni
su una flotta di 52 veicoli, ossia poco più un incendio ogni 2 anni.
Pertanto, viste le difficoltà nella determinazione delle cause degli
incidenti riscontrati nella stessa azienda, attraverso il presente elaborato si
è cercato di individuare le misure atte a rafforzare il livello di sicurezza e
a ridurre la probabilità del verificarsi degli incendi. Gli accorgimenti
individuati, sia di tipo tecnico che gestionale, sono indirizzati sia alle case
15
Introduzione
costruttrice e miranti a ridurre e/o eliminare le possibili cause di incendi,
proteggere il comparto passeggeri, determinare le migliori caratteristiche
del sistema antincendio, sia alle aziende esercenti per individuare le
procedure corrette da adottarsi nell’ affrontare un’eventuale condizione di
pericolo, al fine sia di garantire da un lato la sicurezza del conducente,
degli utenti ed eventuali terzi ma anche per orientare l’azienda stessa a
definire le specifiche dei nuovi capitolati di approvvigionamento degli
autobus. Lo studio effettuato è stato diretto anche ad individuare le zone
del vano motore in cui si creano le condizioni più favorevoli all’incendio,
in cui per la contemporanea presenza di comburente, combustibile ed
energia di attivazione, si determinano le condizioni necessarie affinché
una combustione possa avvenire, chiudendo il cosiddetto “triangolo del
fuoco” caratteristico di ogni incendio. Inoltre, tenendo presente che
l’incendio totale del mezzo si realizza in 20-30 minuti e anche in
considerazione di studi dell’ UITP, secondo i quali l’intensificazione di
un incendio è dovuto essenzialmente ai materiali degli allestimenti
interni, specie quelli dei veicoli più moderni e confortevoli, ma che
risultano conformi alle normative vigenti sul comportamento al fuoco,
sembrerebbe opportuno adeguare al progresso tecnologico le norme sulla
protezione al fuoco dei veicoli, magari adottando quelle più stringenti sui
limiti di accettabilità dei materiali di allestimento, rivestimento, delle
sedute, cavi e componenti elettrici nel settore ferrotranviario, che
individuano degli standard di sicurezza più elevati. Appare infine utile
l’individuazione di indicatori e metodi comuni di sicurezza al fine di
consentire una maggiore armonizzazione nell’Unione Europea dei diversi
provvedimenti legislativi nazionali, un maggior monitoraggio delle flotte
di veicoli attraverso sistemi informativi computerizzati ma soprattutto è
da prendere in opportuna considerazione il fattore umano se si vuole che
le misure tecniche proposte siano applicate in maniera efficace, per cui il
16
Introduzione
ruolo dell’ingegneria di manutenzione, nell’ organizzazione dei processi
manutentivi dei mezzi di trasporto, non andrebbe più considerato
unicamente nella dimensione di costo ma anche come un’opportunità per
favorire il posizionamento sul mercato e salvaguardare l’azienda stessa da
eventuali danni d’ immagine legati ad eventi incidentali.
Il presente lavoro è articolato in nove capitoli, di cui si riporta una breve
sintesi.
Nel primo capitolo si da uno sguardo complessivo al settore del trasporto
pubblico locale, sia dal punto di vista del mercato, che delle politiche di
investimento e di sicurezza, riferendosi in particolare all’autobus, del
quale vengono fornite le diverse classificazioni susseguitesi nel corso
degli anni; viene infine presentata l’azienda in oggetto, la CTP,
descrivendone la tipologia di servizio offerto, il parco veicolare, l’
organizzazione e le strategie, adottate dalla stessa, per garantire qualità e
affidabilità nei trasporti.
Nel secondo capitolo si richiamano i principali concetti sulla chimica e
fisica degli incendi, i parametri e le modalità di combustione delle diverse
sostanze, necessari alla comprensione delle problematiche affrontate nei
capitoli successivi, nonché la dinamica di un incendio e i provvedimenti
per condizionarne l’evoluzione.
Nel terzo capitolo si esaminano le misure e gli accorgimenti intesi ad
evitare l’insorgenza di un incendio e a limitarne le conseguenze nel caso
si verifichi, ossia si illustrano i fondamenti della prevenzione e protezione
incendi, sia attiva che passiva, focalizzando l’attenzione sul rischio
d’incendio del settore specifico, con un’ attenzione particolare data ai
diversi impianti antincendio automatici e non utilizzati dall’azienda
ospitante; infine si illustrata la normativa di riferimento antincendio per
gli autobus.
17
Introduzione
Nel quarto capitolo, analizzando i dati statistici nazionali sugli incendi,
desunti dall’ associazione dei trasporti ASSTRA, da un’ indagine presso
le aziende esercenti, si identificano le principali tipologie di motori
coinvolti, cause, zone d’innesco, distribuzione per gravità degli incendi
nel trasporto pubblico su gomma ed infine si evidenzia il caso CTP.
Nel quinto capitolo si fornisce una dettagliata descrizione degli autobus
Cityclass incendiati, evidenziando in maniera particolare i componenti
meccanici ed elettrici del vano motore ed individuando i materiali
fondamentali dei diversi elementi presenti.
Nel sesto capitolo si effettua una disamina approfondita sul
comportamento al fuoco dei diversi materiali combustibili solidi (plastici,
compositi polimerici, legno, tessili), liquidi (rifornimenti e lubrificanti) e
non combustibili (acciaio, ghisa, alluminio, vetro e isolanti) costituenti l’
autobus in esame.
Nel settimo capitolo, si analizzano gli incendi avvenuti in CTP, cercando
di individuarne ove possibile le cause e la dinamica evolutiva; si
forniscono inoltre i risultati di una simulazione, attraverso l’analisi CFD,
sulla distribuzione dei fumi e delle fiamme conseguenti a un evento
incidentale, utile a trarne delle raccomandazioni per la progettazione,
l’organizzazione aziendale e i materiali attualmente utilizzati sugli
autobus. Infine vengono proposte alcune misure di sicurezze tecniche,
(per il compartimento passeggeri, vano motore e mezzi di spegnimento)
manutentive e gestionali per affrontare le possibili situazioni di pericolo.
Nell’ ottavo capitolo si propongono le azioni da intraprendere nel vano
motore, sia in ambito progettuale che manutentivo, per ridurre il rischio
d’incendio entro un limite accettabile e contenere la propagazione delle
fiamme al vano passeggeri. La reingegnerizzazione dell’autobus viene
quindi valutata attraverso un’analisi dei costi-benefici e se ne valuta la
robustezza e affidabilità dei risultati attraverso un analisi di sensitività.
18
Introduzione
Nel nono capitolo, alla luce del basso livello di sicurezza mostrato dagli
autobus, viene dato uno sguardo all’esperienza e ai requisiti di altri
settori, al fine di ridurre il rischio d’ incendio. In particolare ci si sofferma
sul settore ferrotranviario, che si contraddistingue per il livello di
sicurezza raggiunto nella resistenza al fuoco ed emissione dei fumi dei
materiali e si pone inoltre l’accento sull’ impianto di rilevazione, di
erogazione estinguente e diagnostica, di un moderno elettrotreno quale l’
ETR 600. Infine vengono evidenziati alcuni standard, parametri e relativi
limiti che potrebbero risultare utili per ridurre al minimo le conseguenze
degli incendi degli autobus.
Infine nella conclusione si evidenzia come solo con un piano globale di
prevenzione, che includa tutte le misure viste, sia possibile abbassare
drasticamente il rischio d’ incendio e garantire l’ incolumità dei
passeggeri e del personale lavorativo.
19
Capitolo 1 : Il trasporto pubblico locale
Capitolo 1
Il Trasporto Pubblico Locale
1.1
UNO SGUARDO COMPLESSIVO SUL SETTORE
I sistemi di trasporto pubblico, utilizzati in ambito urbano e
metropolitano, si pongono come obiettivo fondamentale sia quello di
soddisfare le esigenze di mobilità degli utenti, sia di porre dei limiti
quanto più possibile all’ utilizzo dell’auto privata, favorendo in questo
modo un riequilibrio modale. Un uso sempre maggiore, da parte della
popolazione, di questi sistemi di trasporto, concorre a un abbattimento dei
livelli di inquinamento atmosferico e acustico, visto che l’adozione di una
tale politica di mobilità porta alla riduzione della presenza di automobili
sulla rete stradale e di conseguenza, al decongestionamento di quelle aree
urbane caratterizzate da una considerevole densità di traffico.
Il settore del trasporto pubblico locale1 italiano si compone di oltre 1.260
operatori, produce un giro di affari di circa 8 miliardi di Euro ed impiega
116.500 lavoratori, muove ogni giorno quasi 15 milioni di viaggiatori
(5,4 miliardi di viaggiatori annui), produce ogni giorno 5 milioni di
chilometri (1,9 miliardi di km annui), serve 5 mila Comuni (93% della
popolazione italiana) utilizzando 48 mila mezzi di trasporto. Mentre nel
2009 in Italia il PIL ha subito una diminuzione del 4,8% la mobilità
1
Per trasporto pubblico locale si intendono i servizi di trasporto regolare di passeggeri che
operano in modo continuativo o periodico con itinerari, orari, frequenze e tariffe prestabilite, ad
accesso generalizzato, nell’ambito di un territorio di dimensione normalmente regionale o
infraregionale realizzati con qualsiasi modo di trasporto.
20
Capitolo 1 : Il trasporto pubblico locale
urbana sembrerebbe andare in direzione opposta in controtendenza quindi
rispetto all’andamento dei consumi nazionali con una domanda di
mobilità complessiva che continua a crescere, cosa che negli anni passati
ha spesso anticipato il ciclo economico generale; già nel 2008 si era
determinato un aumento del 3,7% nel numero di spostamenti complessivi,
dell’11,4% nel numero di passeggeri per chilometro e del 5,4% della
mobilità urbana intesa come percorrenze con origine e destinazione
interne al perimetro comunale. Da notare inoltre che, per la prima volta
dal 2000, i dati di crescita per il trasporto pubblico urbano, sia nei valori
assoluti che nelle quote di mercato, si ripropongono per due anni di
seguito, mostrando quindi un ipotizzabile tendenza a un possibile ciclo di
media durata per la mobilità collettiva delle città. In realtà dal
monitoraggio del settore si evidenziano anche alcuni elementi che paiono
contrastare la positiva tendenza congiunturale; infatti da un lato il
trasporto urbano di superficie conserva una risicata sufficienza nel grado
di soddisfazione percepita del servizio pubblico, mantenendo soltanto una
soglia di accettabilità presso la propria clientela e ponendosi a distanza
dagli standard qualitativi necessari per un adeguato e competitivo sistema
di mobilità collettiva (in particolare l’autobus risale sopra la sufficienza
seppure di pochissimo a 6,03 contro 5,96 del 2007 anche se al Sud è al di
sotto della sufficienza con un 5,64 comunque in miglioramento rispetto al
5,46 dell’anno precedente e con una quota di intervistati che ha assegnato
un voto di soddisfazione tra 6 e 10 che si attesta nel 2008 al 64% mentre
nel 2007 era scesa al 62,1%), dall’altro è risultata una interruzione nel
rinnovamento della flotta di autobus che aveva portato l’età media del
parco mezzi a livelli quasi europei con un’ età media nel 2007 risalita a
8,1 anni, stesso valore del 2005, dal 7,9 del 2006. In particolare ciò è
stato favorito da un forte rallentamento dei finanziamenti pubblici per
21
Capitolo 1 : Il trasporto pubblico locale
l’acquisto dei nuovi autobus senza i quali le aziende non sono in grado di
sostenere investimenti molto onerosi [1 a 5].
Figura 1 : La soddisfazione per l'utilizzo dell'autobus nei diversi contesti urbani (punteggi
medi 1 ÷ 10)
Figura 2 : La soddisfazione per i mezzi di trasporto pubblico urbano per circoscrizione
territoriale di residenza (punteggi 1 ÷ 10)
Figura 3 : Età media autobus urbano in anni
Tabella 1 : Quota di utenti soddisfatti dei mezzi di trasporto urbani (% di voti 6 ÷ 10)
22
Capitolo 1 : Il trasporto pubblico locale
Infine i primi dati
del 2009, non sembrano positivi per il trasporto
pubblico urbano, per effetto ad esempio della diminuzione del prezzo
della benzina che incentiva l’uso del mezzo privato, della diminuzione
dei viaggi d’affari e delle presenze turistiche utilizzatrici dei mezzi
pubblici, della chiusura anche temporanea di molte fabbriche che riduce
gli abbonamenti al trasporto collettivo e di una riduzione delle politiche
di regolazione e dissuasione del traffico privato.
L’evoluzione delle normative in materia di trasporto pubblico locale è
stata in questi ultimi anni particolarmente disorganica e altalenante,
generando un clima di totale incertezza, aggravato dalla scarsità e
insicurezza delle risorse a sostegno degli investimenti. Ed infatti sono
fonte di grave preoccupazione i tagli previsti dalle ultime Finanziarie,
che hanno determinato una contrazione complessiva di risorse pari al
mancato acquisto di almeno 800 autobus, a fronte di un parco per oltre il
25% obsoleto e l’esiguità degli importi stanziati per il settore, con i quali,
in aggiunta agli impegni di natura contingente, si dovrebbe provvedere ad
ammodernare il parco autobus, che impediscono quindi di formulare ed
attuare un serio progetto industriale che consenta un miglioramento della
qualità dei servizi di trasporto. In effetti manca una politica di
investimento capace di garantire un livello di sostituzione annuo dei
veicoli obsoleti (quelli che hanno superati i 15 anni) e adeguata a
realizzare, in tempi brevi l’obiettivo di portare l’età media del parco
autobus italiano allo standard dei principali paesi europei, che è
stabilmente intorno ai 7 anni [6-7].
Il rinnovo del parco autobus risulta fondamentale per la qualità del
servizio offerto non solo per le ricadute ambientali dovute al minor
inquinamento degli autobus di ultima generazione EEV, per le
implicazioni occupazionali del settore e del relativo indotto e per l’intero
sistema economico nazionale grazie all’avanguardia delle aziende
23
Capitolo 1 : Il trasporto pubblico locale
costruttrici, ma soprattutto è basilare per i risvolti economici che ne
derivano in quanto la manutenzione di veicoli obsoleti determina
maggiori costi rispetto a quella di un parco allineato agli standard
europei, con una stima di almeno 60 milioni di euro all’anno in più.
Nell’ultimo biennio si è assistito ad una crescita del trasporto collettivo
che ha determinato comunque solo una piccola erosione del quasi
monopolio dell’auto nella mobilità cittadina che mantiene uno share di
mercato prossimo all’80% degli spostamenti motorizzati e quindi con un
ordine di grandezza nella differenza d’ impiego tra mezzi individuali e
collettivi su gomma ancora enorme. In ogni caso la crescita della quota
di spostamenti in autobus a discapito dell’ impiego dell’ auto privata nel
segmento dei flussi non sistematici, soprattutto grazie alla minore
capacità di spesa delle famiglie che tendono a riposizionare le scelte
modali su vettori più economici rispetto all’automobile ma anche grazie
al miglioramento della qualità percepita del servizio, è da interpretarsi
come un primo segnale delle potenzialità dell’ autobus nei confronti
dell’utenza. Da notare che la quota di mercato del trasporto pubblico è
cresciuta nelle aree urbane di poco più di un punto percentuale,
attestandosi nel 2008 al 12,6%, con un recupero di peso non più
marginale, se rapportato al punto minimo (10%) toccato nel 2006.
Figura 4 : Il mercato urbano dei mezzi di trasporto nel 2008
24
Capitolo 1 : Il trasporto pubblico locale
Figura 5 : La quota mercato del trasporto pubblico urbano relativa a tutta la popolazione (%
sugli spostamenti motorizzati 2000 ÷ 2008
Nel 2008 sono aumentati gli spostamenti effettuati con i mezzi pubblici in
ambito urbano con un considerevole incremento del 15,1% che segue il
già ottimo risultato avutosi nel 2007 (+18,3%). Da notare inoltre nel 2008
che, mentre crescono complessivamente i passeggeri trasportati sui mezzi
pubblici, si è determinata una contrazione del peso del trasporto urbano
su ferro rispetto a quello su gomma mostrando la rigidità dei vettori
ferroviari nell’assorbire quote aggiuntive di domanda, a fronte di
un’articolazione della rete e di una conseguente organizzazione dei
servizi che restano sempre le stesse o si espandono con molta gradualità.
Figura 6 : La ripartizione del Trasporto Pubblico Urbano su gomma e ferro (% Spostamenti)
Osservando l’andamento del trasporto pubblico si nota che la crescita del
trasporto pubblico nel 2008 ha interessato soprattutto le grandi città, dove
l’incidenza sul complesso degli spostamenti è salita nel 2008 al 29,3%
25
Capitolo 1 : Il trasporto pubblico locale
dal 27,7% del 2007 riportandosi al livello del 2006, mentre è in piena
crisi invece l’incidenza dei mezzi collettivi nei piccoli centri, con un peso
attestato ad appena il 4% degli spostamenti motorizzati dopo la punta al
9,1% del 2002.
Figura 7 : La quota mercato del trasporto pubblico urbano (% sugli spostamenti motorizzati
2000
÷ 2008
Per quanto concerne la ripartizione d’uso dei mezzi motorizzati di
trasporto
nelle
diverse
circoscrizioni
preoccupante il dato registrato al Sud
territoriali
appare
molto
in cui domina largamente lo
spostamento in auto con oltre l’85% dei viaggi in misura di gran lunga
maggiore rispetto alle altre circoscrizioni territoriali mentre il trasporto
collettivo, la cui presenza è già modesta, perde nel 2008 ulteriori
posizioni attestando la propria quota modale ad appena il 5,7% a meno
della metà della media.
Figura 8 : La ripartizione del mercato urbano dei mezzi di trasporto motorizzati per il Sud e
Isole ( % Spostamenti)
26
Capitolo 1 : Il trasporto pubblico locale
Inoltre i dati del 2008 mostrano che il 41,6% dei cittadini intervistati
afferma di voler utilizzare maggiormente i mezzi pubblici in futuro, quota
che sale al 46% tra i residenti nelle grandi città a dimostrazione di un
atteggiamento favorevole al riequilibrio modale specie attraverso un
incremento del ricorso al mezzo pubblico [8].
L’ autobus, che risulta il mezzo pubblico più utilizzato, soddisfa due
tipologie di utenti : gli occasionali e i sistematici distinti per
caratteristiche socio-demografiche e conseguentemente per tipo di
spostamenti e motivazioni. I primi sono soprattutto persone anziane,
prevalentemente di sesso femminile che usano i mezzi per attività diverse
dallo studio e lavoro, attività invece tipiche degli utenti sistematici. Per
quanto riguarda invece la tipologia di autobus, per quello urbano gli
utenti sono prevalentemente costituiti da anziani pensionati soprattutto di
sesso femminile, da giovani studenti, da casalinghe, seguite a distanza
dagli impiegati, in prevalenza donne. La presenza di pensionati è
prevalente negli utenti occasionali, mentre in quelli sistematici
prevalgono gli studenti, pur avendo anche qui i pensionati un peso
rilevante. Per la condizione professionale degli utenti dell'autobus
extraurbano risulta che i giovani studenti prevalgono sugli anziani
pensionati, che in questo caso sono costituiti, ancor più che negli altri
casi, da donne. Gli utenti occasionali dell'autobus sono invece meno
concentrati e ritroviamo la predominanza dei pensionati.
In conclusione, in una fase di crescita della domanda, è necessario che il
lato dell’offerta sappia attrezzarsi rapidamente per sostenere l’incremento
di mobilità sia in termini di incremento quantitativo dei servizi che di
miglioramento effettivo delle prestazioni qualitative e di percezione
collettiva degli standard qualitativi dei servizi, attraverso una politica di
intervento meno episodica e più strategica sia sul versante degli
investimenti che assicuri annualmente risorse sufficienti a realizzare un
27
Capitolo 1 : Il trasporto pubblico locale
potenziamento e un ammodernamento delle flotte di autobus, sia sul lato
delle gestioni operative, che risulti finalizzata a potenziare l’ attrattività
del mezzo pubblico di trasporto.
Nel momento in cui si progettano e si destinano risorse a soluzioni
alternative alla mobilità privata, bisogna pensare alla dimensione della
sicurezza e offrire condizioni di contesto e regole più adeguate, a
beneficio dei fruitori del servizio e anche di tutti coloro comunque colpiti
indirettamente da un eventuale evento incidentale altrimenti si potrebbero
determinare come effetti indiretti oltre che perdita dei servizi delle
autolinee, costi di riparazione dei veicoli e altre spese come quelle legali
o anche eventuali danni all’immagine e perdite di consensi e di fette di
mercato.
Il problema della sicurezza è comune ai diversi settori dei trasporti, ma si
presenta con dimensioni molto dissimili a causa delle differenze dei
livelli qualitativi delle infrastrutture, delle condizioni dei veicoli, dei
sistemi di controllo esistenti e dei differenti livelli di professionalità del
personale. Nelle modalità più organizzate e tecnologicamente più
avanzate la sicurezza è fortemente legata ai controlli automatici,
centralizzati e standardizzati; nelle
modalità, come il trasporto su
gomma, essa è demandata prima ai costruttori e in seguito lasciata ai
singoli soggetti, in ogni caso bisogna notare, che per gli autobus, gli
indicatori sinistrosità in rapporto alle altre modalità di trasporto sono
molto bassi.
La sicurezza nei trasporti comporta dei costi, sia per le imprese che
svolgono l’ attività, in termini di risorse spese per la realizzazione di
mezzi di trasporto sicuri ed infrastrutture adeguate a tali mezzi, sia per lo
Stato, che deve creare e mantenere strutture sicure ed assicurare servizi in
grado di rispondere prontamente ed efficacemente al verificarsi di
incidenti. Inoltre sono da considerare sia i costi economici che la società
28
Capitolo 1 : Il trasporto pubblico locale
deve sostenere a seguito di un evento incidentale derivanti da : trattamenti
medici, oneri previdenziali per invalidità, danni materiali, attività
amministrative collegate, congestione legata al traffico e mancanza di
produttività delle persone ferite e morte, che i costi sociali cioè quelli
derivanti dagli shock e i costi immateriali legati alle pene ed alle
sofferenze derivanti dagli incidenti.
Da ciò si desume l’importanza della sicurezza dei trasporti all’interno di
un Paese e non può esistere un trasporto efficiente senza sicurezza e per
essere tale deve soddisfare determinati requisiti di sicurezza, sia in
termini di safety intesa come il “livello di pericolo intrinseco socialmente
accettabile in un qualsiasi contesto reale”, associata ad eventi in genere
dannosi di natura casuale e/o accidentale e che per un sistema tecnico
dipende dalle specifiche caratteristiche e dal modo in cui è stato
progettato, sia di security che rappresenta le disposizioni messe in atto
per proteggere gli individui, i mezzi di trasporto e le relative infrastrutture
contro eventi improvvisi di qualsiasi genere, specie di natura colposa.
Fondamentali quindi diventano per la sicurezza : l’emanazione di
provvedimenti legislativi e di norme tecniche che individuino degli
standard di sicurezza più elevati tendenti a ridurre l’incidentalità,
l’individuazione di indicatori e metodi comuni di sicurezza al fine di
consentire una maggiore armonizzazione nell’ Unione Europea delle
norme nazionali, la diffusione di nuove tecnologie e la gestione e il
monitoraggio delle flotte di veicoli attraverso sistemi informativi
computerizzati
ma soprattutto il fattore umano è da prendere in
considerazione se si vuole che le misure tecniche proposte siano applicate
in modo efficace per cui il ruolo dell’ingegneria di manutenzione
nell’organizzazione dei processi manutentivi dei mezzi di trasporto non
va più considerata unicamente nella sua dimensione di costo ma anche
come un’opportunità per favorire il posizionamento nel mercato.
29
Capitolo 1 : Il trasporto pubblico locale
1.2
L’ AUTOBUS
L’autobus è il sistema di trasporto collettivo più utilizzato che trasporta
esclusivamente persone ed i loro bagagli personali e che allo stadio di
sviluppo attuale è un sistema tecnico molto più evoluto e complesso di
quanto non sia normalmente percepito, risulta infatti il frutto di un
evoluzione lunga un secolo : in Italia i primi autobus entrano in funzione
a Roma intorno al 1910 {1}; negli anni trenta inizia ad essere installato il
motore diesel ormai sufficientemente piccolo e nascono gli autobus a due
piani; negli anni quaranta appare la carrozzeria in lega leggera; negli anni
sessanta i motori con compressore volumetrico e i motori a sogliola con
cilindri orizzontali e ridotto ingombro verticale che consente la
collocazione in posizione centrale con vibrazioni e rumori che si
allontanano dal conducente, successivamente si passa a telai specifici non
più adattati da quelli degli autocarri e nasce la sovralimentazione che
aumenta la potenza e riduce le dimensioni (‘68); a fine anni ’70 il motore
passa dietro e così, tolti gli ingombri del motore, si abbassa il pianale,
passando prima a un gradino e poi agli autobus senza gradini interni,
prima sul due porte e nel ’94 anche sulla terza porta posteriore che
consente un agevole incarrozzamento anche ai passeggeri disabili. Le
condizioni specifiche dell’Italia e delle sue città influenzano l’architettura
e la tecnologia dell’autobus spingendo a soluzioni pensate per le città
storiche come la soluzione dei veicoli da 10 metri tipicamente italiana e
vista la vicinanza del mare e la conseguente atmosfera salina a impieghi
di acciaio inox, leghe leggere e materiali compositi per la protezione
contro la corrosione. Notevoli inoltre sono state le innovazioni introdotte
nell’ambito della sicurezza attiva e passiva come il sistema multiplex
negli impianti elettrici, che consente di instradare su un solo conduttore
più segnali, con un risparmio di chilometri di cavo e aumento
30
Capitolo 1 : Il trasporto pubblico locale
dell’affidabilità, come gli impianti antincendi nel vano motore,
telecamere interne e sistemi di monitoraggio degli impianti di bordo con
la gestione e la diagnosi elettronica della manutenzione preventiva.
L’autobus, il cui termine è composto da due parti {2}, bus dal latino
omnibus cioè per tutti e il prefisso auto, a sua volta contrazione di
autovettura che è definito brevemente anche solo come bus, presenta
diversi vantaggi[3] come:
9 un’ elevata versatilità grazie alla possibilità di poter essere messo
in esercizio sulle strade ordinarie e su strade strette per le
dimensioni contenute di alcuni modelli e alla possibilità di poter
variare i tracciati delle linee e la posizione delle fermate, alla guida
non vincolata e alle ruote di gomma, che consentono aderenza e
accelerazione simile a quella degli altri veicoli;
9 l’ economicità in quanto non richiede grossi costi di investimento,
esercizio e manutenzione;
di contro come svantaggi mostra prestazioni limitate in termini di :
9 regolarità di servizio essendo soggetto al traffico veicolare;
9 capacità di trasporto che risulta abbastanza inferiore a quella dei
sistemi a guida vincolata;
9 velocità commerciali che risultano modeste per l’elevato numero
di fermate rispetto ai sistemi a guida vincolata, per le prestazioni
dei veicoli e per l’influenza del traffico veicolare.
A seconda del tipo di alimentazione possono individuarsi 4 categorie :
9 alimentazione termica convenzionale : a gasolio la tipologia più
diffusa o a benzina con potenza massima variabile tra i 75 e 165
kW;
9 alimentazione termica alternativa : a GPL, a gas metano ecc;
9 elettrici : in genere minibus utilizzati nei centri storici per ridurre
gli impatti sull’ambiente (inquinamento acustico e atmosferico),
31
Capitolo 1 : Il trasporto pubblico locale
aventi ridotta autonomia per la capacità limitata delle batterie e dai
costi elevati di acquisto e manutenzione;
9 ibridi : hanno a bordo due motori, uno elettrico alimentato da un
alternatore alimentato a sua volta da un motore termico in genere a
benzina, ma anche a diesel o a gas, con batterie interposte tra i due
motori che immagazzinano energia e la rilasciano in salita o nei
centri storici, solo in mezzi prodotti in piccole serie o in prototipi.
Infine la trazione con motore a idrogeno tramite celle combustibili è
attualmente in fase di sperimentazione in tutto il mondo ed esistono anche
autobus alimentati a bioetanolo {2}, combustibile di origine naturale.
La trazione è generalmente posteriore ossia effettuata dalle ruote
posteriori, in cui il motore è posizionato sullo sbalzo posteriore del
veicolo, parte di veicolo dietro le ruote posteriori, mentre nel caso di
veicoli derivati, la trazione è anteriore ossia il motore è posizionato sullo
sbalzo anteriore del veicolo, davanti alle ruote anteriori, tipica di autobus
progettati a partire da telai per autocarri ai quali vengono fatte alcune
modifiche per adattarli al trasporto di persone e definiti generalmente
minibus anche se raggiungono dimensioni di oltre 7 metri.
1.2.1
La sicurezza degli autobus
La necessità di maggiore sicurezza, efficienza e qualità nei trasporti
collettivi, oltre che per la riduzione dei costi di esercizio e per motivi di
impatto ambientale ha indotto l’industria del settore autobus a rinnovare e
diversificare la gamma di prodotti, approssimandosi sempre più agli
standard delle automobili, offrendo sul mercato non più un prodotto
fortemente standardizzato ma nuovi modelli e alternative più ricche di
optional e personalizzazioni a seconda delle richieste delle aziende di
trasporto.
32
Capitolo 1 : Il trasporto pubblico locale
La sicurezza dei veicoli è aumentata attraverso l’ introduzione di
soluzioni tecniche sofisticate e con l’utilizzazione dell’elettronica a bordo
che fornisce
nuovi dispositivi, sistemi di sicurezza e di diagnostica
(monitor in plancia) dei diversi componenti del veicolo che consentiranno
sempre più di tenere sotto controllo e in maniera sistematica, l’efficienza
del veicolo da parte dell’ autista, in modo da prevenire eventuali guasti e
consentire una migliore
programmazione della manutenzione e
conseguente diminuzione dei relativi tempi e costi connessi agli interventi
di emergenza. In fase applicativa o sperimentale risultano già sistemi
come :
9 i sistemi di localizzazione e gestione delle flotte che assicurano
informazioni in tempo reale all’utenza, qualità e affidabilità nei
servizi;
9 la telediagnosi per il controllo di parametri motoristici al fine di
una migliore gestione delle missioni operative e di ottimizzare la
manutenzione prevenendo situazioni di criticità quali guasti, cali di
prestazioni, riduzione dei disservizi. La telediagnosi opera
attraverso : la telemetria, che consente di visualizzare in tempo
reale l’ andamento temporale delle grandezze acquisite dal sistema
e verificare istantaneamente lo stato del veicolo; la lettura remota
dei codici di errore presenti nel sistema, che permette l’ accesso
alle informazioni di autodiagnosi dei diversi apparati di bordo e
una individuazione remota della causa di guasto; la lettura della
Black-box, che registrando l’andamento temporale delle grandezze
monitorate nel periodo antistante e successivo al verificarsi di
allarmi nel corso dell’ esercizio, consente successivamente una
analisi più approfondita della causa di allarme.
La gestione delle informazioni si è avuta con l’ introduzione nell’autobus
di:
33
Capitolo 1 : Il trasporto pubblico locale
9 un’ unità telematica di bordo, ossia una scheda elettronica che
coordina le informazioni per la gestione di strategie di propulsione
ed emissione, per la segnalazione di anomalie ai conducenti e per
l’assistenza alla guida, per i servizi di informazione e controllo
della flotta verso la centrale operativa;
9 sistemi IntelliBus : che consentono la registrazione nella memoria
del sistema stesso degli allarmi rilevati dalla diagnostica, il
monitoraggio degli andamenti nel tempo delle grandezze rilevanti
analogiche, specie di impianti critici, rilevate dalle centraline
elettroniche tramite i sensori consentendo alla fine di ogni
missione il trasferimento, la memorizzazione in un data base,
confronti fra dati provenienti da veicoli che compiono missioni
simili e l’analisi dei dati raccolti attraverso elaborazioni e
procedure automatiche che segnalano alla manutenzione la
presenza di anomalie degli impianti;
9 sistemi di collegamento remoto tipo via GSM in grado di inviare
alla centrale segnalazioni di decadimenti prestazionali o di avarie
rilevate autonomamente dal sistema in tempo reale consentendo in
tal modo di avviare una diagnosi dell’allarme, accertare lo stato
del veicolo, individuare la causa di allarme e stabilire gli interventi
correttivi più opportuni prevenendo così un eventuale un fermo
macchina tramite o una riparazione in loco o rimuovendo
anticipatamente l’autobus dal servizio.
1.3
LE CLASSIFICAZIONI DEGLI AUTOBUS
In base al D.M. del 18/04/77 dal punto di vista delle caratteristiche
costruttive i veicoli adibiti al trasporto di persone, destinati sia all'uso
pubblico sia all'uso privato si distinguevano in :
34
Capitolo 1 : Il trasporto pubblico locale
a) autobus : veicoli destinati al trasporto di persone con numero di
posti superiore a 16, escluso il conducente;
b) minibus : veicoli per trasporto di persone con un numero di posti
superiore a 8 e non superiore a 16, escluso il conducente, vale a
dire quindi tra 10 e 16, comprendendo il conducente;
c) scuolabus : veicoli derivati da quelli indicati alla lettera a)
prescindendo dal numero dei posti, destinati al trasporto di studenti
delle scuole dell'obbligo (materne, elementari e medie) ed
eventuali accompagnatori e aventi allestimenti particolari in
relazione all'uso cui sono destinati;
d) mini-scuolabus : veicoli derivati da quelli indicati alla lettera b)
prescindendo dal numero dei posti, (generalmente sono con meno
di 16 posti, compreso il conducente), destinati al trasporto di
studenti e aventi allestimenti particolari in relazione all'uso cui
sono destinati.
e) autobus snodato (autosnodato) per trasporto persone : veicolo
unico agli effetti dell'art. 58 del testo unico delle norme di
circolazione, destinato al trasporto di persone con numero di posti
superiore a 16 (escluso il conducente) composto di due elementi
rigidi collegati tra loro in modo permanente con una sezione
snodata.
Gli autobus possono essere adibiti ad:
1. uso di terzi che comprende:
9 locazione senza conducente;
9 servizio di Noleggio Con Conducente (NCC);
9 servizio di linea per trasporto di persone.
2. uso proprio che comprende:
9 servizio privato;
9 servizio scuolabus.
35
Capitolo 1 : Il trasporto pubblico locale
I veicoli di cui ai punti a) e b) destinati al servizio pubblico di linea si
suddividono nelle seguenti categorie :
9 urbano : veicolo attrezzato per trasporti urbani, munito di sedili e
spazi destinati a passeggeri in piedi allestito in modo da permettere
gli spostamenti dei passeggeri resi necessari dalle frequenti
fermate; vengono impiegati per il trasporto cittadino a breve
raggio, presentano un maggior numero di posti in piedi, (ammessi
dal Codice della Strada solamente per tragitti urbani o comunque
corti, cioè compresi tra poche fermate), rispetto a quelli seduti al
fine di garantire una migliore circolazione dei passeggeri sia in
entrata che in uscita dall'autobus mentre se di posti seduti ce ne
fossero come sugli interurbani si farebbe più fatica soprattutto
quando l'autobus è pieno a far scendere i passeggeri, dovendo tutte
le volte far spostare decine di persone anche solo per farne
scendere una; generalmente se il bus ha 2 porte si sale da davanti e
si scende dal centro, se sono 3 quella centrale è per la discesa e le
altre due per la salita, se invece le porte sono complessivamente 4,
le due centrali sono adibite alla discesa, mentre l'anteriore e la
posteriore per l'entrata; si contraddistinguevano per il colore
arancio, ma le attuali normative del settore non impongono più tale
colorazione;
9 suburbano : veicolo attrezzato per trasporti suburbani munito di
sedili e spazi destinati a passeggeri in piedi. Il numero dei posti a
sedere non deve essere inferiore al 40 % (35% per l'autobus
snodato ed autotreno) dei posti totali; impiegati in percorsi di
media lunghezza, erano solitamente di colore arancio (in
Lombardia di colore blu) ma la normativa non impone più una
colorazione specifica, almeno in quelle regioni dove non c'è
colorazione obbligatoria di un certo tipo; destinato a percorsi che
36
Capitolo 1 : Il trasporto pubblico locale
comprendono tratti urbani e tratti che transitano in periferie dei
centri abitati, o comunque in zone meno densamente popolate, in
cui non c'è lo stesso flusso di passeggeri sia in entrata che in uscita
dall'autobus; di solito sono a 3 porte, a volte 4 (due per l'entrata,
una davanti e una dietro, e quella centrale per l'uscita, o due se ci
sono due porte centrali), ma possono essere a 2 porte (decide il
vettore come organizzare salita e discesa, nella maggior parte dei
casi si entra davanti e si esce da dietro).
9 interurbano : veicolo attrezzato per i trasporti interurbani che non
richiede spazi specificamente destinati a passeggeri in piedi (con
almeno il 65% dei posti a sedere), è consentito peraltro il trasporto
su brevi percorsi di passeggeri in piedi, nel corridoio di
circolazione; impiegati per percorsi di lunga distanza tra più
località; erano di colore blu per il servizio regionale e rosso per
quello interregionale, ora questa distinzione non è più obbligatoria
ma di fatto convenzionale;
9 gran turismo : veicolo attrezzato per viaggi a grande distanza,
allestito in modo da assicurare una particolare confortevolezza ai
passeggeri che non trasporta passeggeri in piedi; solitamente erano
di colore azzurro-grigio ma con le nuove leggi e disposizioni
attualmente non esiste una colorazione obbligatoria per tale
tipologia; è identificato anche con il termine inglese coach nella la
versione di linea per viaggi a lunga percorrenza.
I veicoli destinati al servizio privato si distinguono, secondo l'uso, in :
9 privato al servizio di imprenditori, collettività e simili;
9 noleggio con conducente.
Con traffico di autobus a noleggio (NCC = noleggio con conducente) si
intende una forma di traffico occasionale con autoveicoli che possono
essere offerti tramite un'azienda di trasporto, noleggiato in toto dal
37
Capitolo 1 : Il trasporto pubblico locale
passeggero, con obiettivo, scopo e svolgimento del tragitto definito e
concordato dai noleggianti che possono anche essere un circolo di
persone di appartenenza, (come ad esempio classi scolastiche); il traffico
necessita di un permesso delle autorità di traffico competenti e non sono
autorizzati a fermarsi sulle strade pubbliche e sulle piazze al fine di far
salire i passeggeri.
I veicoli destinati al servizio pubblico di linea venivano individuati
esternamente dalla colorazione fondamentale indicata a fianco di
ciascuna categoria:
9 urbano e suburbano : giallo-arancio;
9 interurbano su linee a concessione regionale : azzurro;
9 interurbano su linee a concessione statale : rosso o azzurro;
9 gran turismo : celeste e grigio chiaro.
Gli scuolabus ed i miniscuolabus invece esternamente dalla colorazione
fondamentale giallo-limone mentre gli altri veicoli adibiti al servizio
privato dovevano avere colorazioni differenti da quelle sopraindicate.
Il D.M. del 29/04/86 modificava le colorazioni degli interurbani nel
modo
seguente
:
interurbano
regionale
:
azzurro;
interurbano
interregionale : rosso.
Il D.M. del 18/07/86 suddivide i veicoli in base alle dimensioni di
ingombro esterne in : snodato, lungo, normale, medio, corto e cortissimo,
e precisamente comprese entro i limiti seguenti :
Tabella 2 : Classificazione autobus in base agli ingombri
Tipo di veicolo
Lunghezza (m)
Larghezza (m)
Snodato
17,4-18,0
2,45-2,50
Lungo
11,8-12,0
2,45-2,50
Normale
10,3-10,8
2,45-2,50
Medio
8,6-9,7
2,30-2,50
Corto
6,3-7,7
2,00-2,50
Cortissimo
5,0-6,0
1,90-2,10
38
Capitolo 1 : Il trasporto pubblico locale
Il D.M. del 2/10/87 definisce le caratteristiche funzionali e di
approvazione dei tipi unificati di «autobus e minibus destinati al trasporto
di persone a ridotta capacità motoria anche non deambulanti» ed
«autobus, minibus ed autobus snodati con posti appositamente attrezzati
per persone a ridotta capacità motoria».
Il D.M. del 26/10/91 determina le caratteristiche funzionali degli autobus
ecologici e con alimentazione alternativa individuando gli autobus
ecologici e quelli con alimentazione alternativa.
Secondo D.Lgs. 30/04/1992 n.285 che ha emanato il Nuovo codice della
strada, si intendono per veicoli tutte le macchine di qualsiasi specie, che
circolano sulle strade guidate dall'uomo. Non rientrano nella definizione
di veicolo quelle per uso di bambini o di invalidi, anche se asservite da
motore, le cui caratteristiche non superano i limiti stabiliti dal
regolamento. In base all’articolo 47 del suddetto gli autobus rientrano
nella categoria M cioè nei veicoli a motore destinati al trasporto di
persone ed aventi almeno quattro ruote a sua volta suddivisa in :
9 categoria M1 : veicoli destinati al trasporto di persone, aventi al
massimo otto posti a sedere oltre al sedile del conducente;
9 categoria M2 : veicoli destinati al trasporto di persone, aventi più
di otto posti a sedere oltre al sedile del conducente e massa
massima non superiore a 5 t;
9 categoria M3 : veicoli destinati al trasporto di persone, aventi più
di otto posti a sedere oltre al sedile del conducente e massa
massima superiore a 5 t.
Il D.M. del 01/06/2001 e il D.M. 13-1-2004 considerato il venir meno, in
seguito ai processi di integrazione e liberalizzazione comunitari, della
esigenza di una colorazione esterna imposta per norma, abroga le
normative sulle colorazioni.
39
Capitolo 1 : Il trasporto pubblico locale
Con il D.M. del 20/06/2003 infine vengono classificati in base alla
capacità di trasporto e si definisce :
veicolo : un veicolo della categoria M2 o M3 definito all'allegato II, Parte
A della direttiva 70/156/CEE;
i veicoli la cui capacità supera i 22 passeggeri, oltre al conducente, si
suddividono in tre classi :
1. classe I : veicoli costruiti con zone destinate ai passeggeri in
piedi, per consentire loro spostamenti frequenti; nel cui ambito
rientrano le seguenti tipologie di bus coi rispettivi codici di
carrozzeria:
9 CA : autobus a un piano;
9 CB : autobus a due piani;
9 CC : autosnodato a un piano;
9 CD : autosnodato a due piani;
9 CE: autobus a un piano con pianale ribassato;
9 CF: autobus a due piani con pianale ribassato;
9 CG: autosnodato a un piano con pianale ribassato;
9 CH: autosnodato a due piani con pianale ribassato
2. classe II : veicoli destinati principalmente al trasporto di
passeggeri seduti, progettati in modo da poter trasportare
passeggeri in piedi nella corsia e/o in una zona di superficie non
superiore allo spazio occupato da due sedili doppi; suddivisi in :
9 CI: autobus a un piano;
9 CJ: autobus a due piani;
9 CK: autosnodato a due piani;
9 CL: autosnodato a due piani;
9 CM: autobus a un piano con pianale ribassato;
9 CN: autobus a due piani con pianale ribassato;
9 CO: autosnodato a un piano con pianale ribassato;
40
Capitolo 1 : Il trasporto pubblico locale
9 CP: autosnodato a due piani con pianale ribassato;
3. classe III : veicoli destinati esclusivamente al trasporto di
passeggeri seduti; suddivisi in :
9 CQ: autobus a un piano;
9 CR: autobus a due piani;
9 CS: autosnodato a un piano;
9 CT: autosnodato a due piani;
un veicolo può appartenere a più classi: in tal caso può essere omologato
per ciascuna classe di appartenenza;
I veicoli la cui capacità non supera i 22 passeggeri, oltre al conducente, si
suddividono in due classi:
9 classe A : veicoli destinati al trasporto di passeggeri in piedi; i
veicoli appartenenti a tale classe sono predisposti per i passeggeri
in piedi; suddivisi in :
9 CU: autobus a un piano;
9 CV: autobus a un piano con pianale ribassato;
9 classe B : veicoli non destinati al trasporto di passeggeri in piedi; i
veicoli appartenenti a tale classe sono predisposti per i passeggeri
in piedi; che individua solo la seguente categoria :
9 CW: autobus a un piano.
Per veicolo snodato si intende un veicolo costituito da due o più parti
rigide collegate tra loro da una sezione snodata; i vani passeggeri di
ciascuna parte sono intercomunicanti in modo che i passeggeri possano
spostarsi liberatamene; le parti rigide sono collegate stabilmente in
maniera da poter essere separate unicamente con attrezzature di norma
disponibili soltanto in officina; per veicolo snodato a due piani si
intende un veicolo costituito da due o più parti rigide collegate tra loro da
una sezione snodata; i vani passeggeri di ciascuna parte sono
intercomunicanti su almeno uno dei piani in modo che i passeggeri
41
Capitolo 1 : Il trasporto pubblico locale
possano spostarsi liberatamene; le parti rigide sono collegate stabilmente
in maniera da poter essere separate unicamente con attrezzature di norma
disponibili soltanto in officina; per autobus a pianale ribassato si
intende un veicolo della classe I, II o A nel quale almeno il 35% della
zona disponibile per i passeggeri (nella parte anteriore per i veicoli
snodati e nel piano inferiore per i veicoli a due piani) costituisce una zona
continua senza gradini ed include l'accesso ad almeno una delle porte;
Il D.M. del 23/12/2003 individua la corrispondenza della classificazione
degli autobus omologati ai sensi del D.M. 18 aprile 1977 alle classi
introdotte dal D.M. 20 giugno 2003 e stabilisce la seguente :
Tabella 3: Corrispondenza fra i diversi D.M.
D.M. 18 /4/1977
D.M.20/06/2003 (Direttiva 2001/85/CE)
D.M.14/11/1997 (Direttiva 97/27/CE)
N° passeggeri > 22
N° passeggeri ≤ 22
Urbano
→
Classe I
Classe A
Suburbano
→
Classe I
Classe A
Interurbano con
→
Classe II
Classe A
→
Classe III
Classe B
Granturismo
→
Classe III
Classe B
Noleggio con conducente
→
Classe III
Classe B
Privato
→
Classe III
Classe B
passeggeri in piedi
Interurbano senza
passeggeri in piedi
Il criterio di corrispondenza è valido solo in senso unidirezionale dal
decreto ministeriale 18 aprile 1977 al decreto ministeriale 20 giugno 2003
e non è applicabile la corrispondenza in senso contrario.
42
Capitolo 1 : Il trasporto pubblico locale
1.4
L’AZIENDA OSPITANTE : CTP S.P.A.
La Compagnia Trasporti Pubblici Spa gestisce il servizio trasporto
pubblico urbano ed extraurbano nelle provincie di Napoli e Caserta
(compreso l’Agro Aversano e il litorale Domitio), per un totale [12] di 72
comuni (45 della provincia di Napoli e 27 della provincia di Caserta), con
una rete di 131 autolinee operanti su 2300 km.
1.4.1
La storia della società
Le origini [13] della Compagnia Trasporti Pubblici S.P.A. (CTP) possono
farsi risalire all' 11 giugno del 1881 quando a Bruxelles Alfonso ed
Eduardo Otlet fondarono la “Societè Anonyme des tramways à vapeur de
Naples”, concessionaria dei servizi tranviari e degli autoservizi nell'area
suburbana a nord di Napoli. Tre anni dopo l'azienda venne liquidata e le
subentrò la “Società anonime des tramways provinciaux de naples” con
sede a Bruxelles. Alla sua guida si posero l'ingegnere belga Eugenio
Bousson e il parigino Paolo Hammelrath (liquidatori della società
precedente), mentre a Napoli operava, per procura, Celestino Grea.
Nonostante i difficili inizi legati allo scarso capitale sociale che era stato
assorbito in gran parte dall'acquisto della concessione, nel 1890 la società
aveva già in esercizio 25,1 km di linea tranviaria in direzione Giugliano e
subito dopo anche la linea, da essa stessa costruita, che collegava Napoli
a Frattamaggiore e Sant'Antimo ed Aversa. Agli inizi del secolo realizzò
l'elettrificazione di tutte le linee e l’ installazione alla Doganella di una
centrale autonoma di 1050 cv.
Nel 1957 avvenne il passaggio dalla gestione privata a pubblica : gli
impianti e gli esercizi della società belga vennero acquisiti dalle
“Tramvie Provinciali di Napoli S.P.A.” di proprietà esclusiva del
Comune di Napoli. A seguito del passaggio alla gestione privata a
43
Capitolo 1 : Il trasporto pubblico locale
pubblica iniziò una intensa attività di rinnovamento ed espansione che
portò tra il 1957 e il 1976 ad un ammodernamento dell' ormai vecchio
servizio tranviario e alla istituzione della filolinea Aversa-Napoli, alla
acquisizione della gran parte delle autolinee private della provincia di
Napoli e Caserta ed infine all' assorbimento delle attività ferroviarie ed
automobolistiche della Compagnia Ferroviaria del Mezzogiorno d'Italia
(CFMI). Nel 1978 alla TPN del Comune di Napoli, messa in
liquidazione, subentrò un consorzio tra Comune e Provincia di Napoli
con quote suddivise al 50% denominato “Consorzio trasporti Pubblici di
Napoli” (CTP) poi trasformato dal 27 marzo 2001 in società per azioni a
capitale pubblico e assumendo la denominazione “Compagnia Trasporti
Pubblici S.P.A.” (D.Lgs 422/97) con azioni di proprietà del Comune di
Napoli e della Provincia di Napoli al 50% e uguale partecipazione a
capitale. La nascita di CTP Spa non rappresenta solo una semplice cesura
giuridico-istituzionale, ma un passaggio verso una diversificazione dell’
azione aziendale ed un’ estensione degli interessi ad attività e servizi
connessi alla mobilità, che condurrà ad acquisizioni, partecipazioni e
spin-off. Infatti a partire dal 2002 la rinnovata impresa impegnandosi in
attività contigue investe e si trova a controllare diverse società:
9 la Servizi trasporti integrati S.P.A. (STI) con una partecipazione
CTP del 60%, (con il restante 40% di proprietà della STM S.P.A.)
costituita nel 2002 per la gestione dei servizi di trasporto pubblico
urbano, scale mobili e ascensori nella città di Potenza, nel 2005
poi l’ Assemblea Straordinaria ha messo in liquidazione la società;
9 la Servizi per l’impresa e lo sviluppo Srl (SIS) con una
partecipazione del 51%, in società con Formimpresa e EQC,
costituita
nel
2004,
opera
nell’ambito
della
consulenza
organizzativa e nello sviluppo e gestione delle Risorse Umane
occupandosi delle attività interne a CTP relative a formazione del
44
Capitolo 1 : Il trasporto pubblico locale
personale, comunicazione interna, qualità, ambiente, responsabilità
sociale, sviluppo sostenibile delle imprese e di fornire i medesimi
servizi ad altre aziende pubbliche e private;
9 la Vesuviana Mobilità srl, con una partecipazione del 40%, in
società con Circumvesuviana ed ANM, costituita nel 2003, per la
gestione del servizio di trasporto locale su gomma e di future aree
di parcheggio di alcuni comuni vesuviani;
9 la City sightseeing Napoli Srl, con una partecipazione del 26%, in
società con ANM e EAV (Ente Autonomo Volturno) costituita nel
2003 per visite turistiche della città di Napoli, con autobus scoperti
a due piani, lungo gli itinerari di maggior interesse paesaggistico e
storico culturale e per la gestione del trasporto pubblico turistico
nella città di Napoli e nel territorio circostante;
9 l’Agenzia Napoletana energia e ambiente (ANEA), con una
partecipazione del 20%, ente indipendente e senza fini di lucro che
promuove l’uso razionale dell’energia, la diffusione delle fonti
rinnovabili e la tutela dell’ambiente.
9 la Napoli Metano S.P.A. (NAMET), con una partecipazione del
60% (con il restante 40% inizialmente della società Viaggiare
Domani Srl successivamente ABC ITALIA eTHECLA) costituita
nel 2003 per la gestione dell’impianto di distribuzione di gasmetano nel deposito di Arzano e per la manutenzione degli
autobus a metano e dei servizi connessi. Nel corso degli anni
successivi Namet {3}è diventato centro d’ eccellenza per la
progettazione di infrastrutture di rifornimento e di depositi per
flotte alimentate a metano, per la gestione di stazioni di servizio,
per la gestione e la manutenzione di depositi e di flotte di
autoveicoli (gestisce 130 autobus a metano e 35 a gasolio della
CTP), per carburanti autotrazione a basso impatto ambientale, per
45
Capitolo 1 : Il trasporto pubblico locale
tecnologie di risparmio energetico, per la riduzione delle emissioni
inquinanti. La missione della società è essere Leader in Italia nel
segmento dei carburanti alternativi e delle tecnologie per il
risparmio energetico, creando valore aggiunto ai clienti e offrendo
soluzioni innovative e servizi, fornire soluzioni integrate
comprendenti
l’ingegneria,
la
costruzione,
l’avviamento,
l’assistenza tecnica e la gestione di impianti. Gestisce ad Arzano
una propria stazione di servizio composta di un area interna al
deposito CTP destinata a rifornire la flotta a metano della stessa
CTP e una adiacente al deposito dedicata al pubblico per la vendita
a mezzi privati. Il tetto della propria officina è costituito da
pannelli fotovoltaici semitrasparenti che consente una produzione
di energia elettrica in misura di 80 kWh di picco sufficiente a
coprire i fabbisogni dell’intero deposito CTP. Ha avviato un
proprio percorso, nell’ utilizzo di miscele Metano + Idrogeno, che
è ritenuto essere il ponte verso la trazione a Idrogeno e si sta
valutando l’inserimento di un sistema di produzione idrogeno
alimentato dall’impianto fotovoltaico, la miscelazione idrogeno e
metano, la compressione della miscela e distribuzione ai veicoli
attraverso l’impianto originario, da utilizzarsi nell’attuale flotta di
bus a metano per esaminare l’impatto ambientale, tecnico,
gestionale, ed economico; inoltre ha iniziato a testare un
programma di gestione della manutenzione denominato “Guida”
che fornisce un feedback sui dati relativi alla gestione della
manutenzione dei singoli veicoli, dei lotti omogenei e dell’intera
flotta, favorendo il miglioramento delle tecniche di manutenzione,
l’aumento dell’ affidabilità e della disponibilità della flotta,
l’adeguamento delle prestazioni della flotta al miglior veicolo
46
Capitolo 1 : Il trasporto pubblico locale
campione. Infine offre la gestione dei mezzi alle aziende che
eserciscono flotte, consentendo alle aziende di :
9 concentrarsi sul proprio “core business” senza occuparsi della
gestione tecnica e operativa del parco mezzi, della loro
manutenzione e del rifornimento;
9 mettere in atto economie di scala per la gestione contemporanea di
più depositi con problematiche simili;
9 beneficiare di un costo pianificabile, flessibile e trasparente, con
l’eliminazione di costi occulti;
9 offrire la locazione a lungo termine dei veicoli, col trasferimento
totale di ogni forma di rischio finanziario, assicurativo, e
organizzativo.
Inoltre la CTP in associazione temporanea di impresa con la cooperativa
“Tasso” gestisce pure, con autobus elettrici, il servizio di trasporto
turistico nella cittadina di Sorrento.
La svolta del 2001 diede al corso aziendale un’ accelerazione verso la
mobilità sostenibile, infatti nel maggio del 2003 nell’ambito del
congresso mondiale Mobility & city transport exhibition organizzato dall'
International union of pubblic transport (UITP) la CTP sottoscrisse la
Carta della mobilità sostenibile in base al quale l’azienda ha assunto
impegni per la prevenzione dell’ inquinamento e per il miglioramento dei
processi in termini di rapporto costi-benefici. Ed infatti in linea con gli
impegni
assunti
nel
2003
acquistò
50
autobus
a
metano
e
successivamente 13 filobus di tipo bimodale con propulsore elettrico e a
gasolio. Sempre nel 2003 ottiene nell’ambito del programma Solare
termico del Ministero dell’ Ambiente, un finanziamento per la
realizzazione di impianti solari per la generazione di energia elettrica
destinata alla produzione di acqua calda sanitaria, ed è successivamente
ammessa al programma 10000 tetti fotovoltaici che consente di realizzare
47
Capitolo 1 : Il trasporto pubblico locale
impianti a pannelli solari per la produzione di energia elettrica al servizio
di una ricarica per autobus ibridi metano/elettrici. L’attenzione per l’etica
del lavoro, la salute, la sicurezza dei lavoratori e per il rispetto
dell’ambiente permette alla CTP {4} di conquistare numerosi
riconoscimenti. Infatti nel 2001 ottiene la certificazione ISO 9001 per la
qualità dei servizi offerti e nel 2003 la SA 8000 per la responsabilità
sociale, avvia la pratica per la certificazione ambientale e per quella
relativa alla salute e sicurezza dei lavoratori. Nel 2005, grazie alla
capacità di integrare fattori come la qualità, ambiente e responsabilità di
impresa, vince il Premio Qualità Confservizi [14]. Nel 2003, per
adeguarsi alle normative che regolano il settore del TPL e rispondere
efficacemente alle esigenze imposte dal mercato, l'Azienda ha avviato
una
profonda
ristrutturazione
interna
passando
da
un
assetto
organizzativo gerarchico centralizzato ad un nuovo assetto per divisioni
più dinamico e flessibile.
Nel 2006 CTP celebra il suo 125° anno di attività nel Trasporto Pubblico
locale (con realizzazione di film, libro e mostra e altre iniziative) mentre
nel 2007 opera una riorganizzazione rivalutando il Patrimonio
Immobiliare con la dismissione del deposito di Giugliano già iniziato con
la progettazione della nuova Sede Direzionale presso il deposito di
Arzano.
Dall’ 8 agosto 2008 diviene S.P.A. a socio unico con proprietà esclusiva
della Provincia di Napoli su delibera dell’assemblea ordinaria.
1.4.2
Governance e organizzazione
Gli organi sociali Ctp sono [12],[14] : l’ Assemblea, il consiglio di
Amministrazione e il Collegio Sindacale. Nella figura seguente si riporta
uno schema dell’organizzazione CTP :
48
Capitolo 1 : Il trasporto pubblico locale
Figura 9 : L’organizzazione di CTP
La Direzione Generale ha la missione di governare le attività
dell’azienda e delle società controllate e partecipate attuando le
indicazioni del Consiglio di Amministrazione per conseguire nel lungo
periodo gli obiettivi strategici previsti e nel breve il controllo della
produzione quantitativa e qualitativa dei servizi previsti come richiesto
dai Contratti di Servizio e le performance previste dai documenti
49
Capitolo 1 : Il trasporto pubblico locale
programmatici; la Direzione Affari Generali e Assetti Societari ha il
compito prevalentemente di gestire le diverse vertenze e dei rapporti con
gli Enti Istituzionali, contrattualistica e normative; la Dirigenza
Amministrativa gestisce l’amministrazione dell’azienda e la redazione dei
bilanci e ricerca i finanziamenti; la Direzione Organizzazione e Risorse
Umane gestisce le risorse umane, le vertenze di lavoro e si interfaccia con
le rappresentanze sindacali; la Direzione Pianificazione e Sviluppo
Mercato valuta le offerte del mercato, gestisce il marketing aziendale e
collabora alle politiche generali dell’azienda; la Dirigenza Prevenzione e
Salute gestisce le procedure relative alla Sicurezza e all’ Ambiente; infine
completano lo schema la Divisione Immobili e Patrimonio che si occupa
della gestione del patrimonio e realizzazione di nuove opere e della
gestione della rete informatica e la Divisione di Esercizio che si occupa
della erogazione del servizio di trasporto e di gestire e mantenere la rete e
gli impianti filoviari.
1.4.3
I depositi e le rimesse
Il servizio di trasporto pubblico erogato da CTP è organizzato dislocando
l’attività in 3 depositi :
1) Arzano : situato in corso D’amato 51 nell’area ASI C.A.F (Casoria,
Arzano, Frattamaggiore), ha una superficie complessiva di 34605 mq di
cui 11696 coperti le cui attività principali svolte sono :
9 Rimessaggio autobus a gasolio e a metano
9 Manutenzione ordinaria e straordinaria autobus aziendali
9 Erogazione gasolio e metano per trazione
9 Collaudo in sede di autobus della motorizzazione
9 Lavaggio autobus
50
Capitolo 1 : Il trasporto pubblico locale
ed include
inoltre
l’Officina Grandi Manutenzioni e il Magazzino
Centrale Ricambi con un rimessaggio medio di 120-130 autobus.
2) Teverola : sito nell’ ASI di Teverola, ha una superficie complessiva
di 45.000 mq di cui 8.100 mq coperti, in esso sono confluite le linee, il
personale ed i mezzi precedentemente in forza ai depositi di Aversa e
Capua, oggi dismessi. Nell' impianto si svolgono operazioni di
rimessaggio e di manutenzione ordinaria degli autobus e dei filobus ed è
presente un impianto fotovoltaico.
3) Pozzuoli : è in realtà una rimessa per autobus, alimentata quasi
esclusivamente da un impianto a pannelli fotovoltaici, ha una superficie
complessiva di 6154 mq di cui 1350 coperti e ospita in media 30 autobus,
di cui 21 destinati al servizio urbano della città di Pozzuoli. Vi si
svolgono operazioni di rimessaggio e piccola manutenzione, oltre ad
attività di erogazione gasolio e lavaggio.
1.4.4
I numeri della CTP
Tabella 4 : La CTP in cifre
Vetture
455 autobus (272 videosorvegliati)
13 filobus
Autolinee
131 (2 filoviarie)
Sedi e depositi
4
Comuni serviti
72 (45 della provincia di Napoli
27 della provincia di Caserta )
Sviluppo rete
2300 km
Area servita
850 kmq
Bacino d’utenza
1.300.000 abitanti
Passeggeri/anno trasportati
33.000.000 (2008)
km effettuati
17.734.000 (2008)
Uscita massima giornaliera autobus
270
Dipendenti
1440
51
Capitolo 1 : Il trasporto pubblico locale
1.4.5
Classificazioni della flotta CTP
La flotta della CTP è distribuita su tre tipologie di servizio erogato come
di seguito riportato:
Tabella 5 : Tipologia di servizio erogato
Servizio
Quantità
Urbano
50
Suburbano
285
Interurbano
120
o secondo la classificazione più recente :
Tabella 6 : Parco veicoli
Tipologia
Quantità
Classe A
10
Classe I
325
Classe II
108
Classe III
12
Nel corso degli ultimi anni, la CTP ha effettuato un notevole
investimento per il rinnovo del parco mezzi al fine di assicurare l' utilizzo
delle tecnologie più avanzate e meno inquinanti nel pieno rispetto dell'
ambiente e di fornire alla clientela un comfort sempre maggiore
favorendo l' accesso al servizio anche alle persone con difficoltà motorie
come si evince dalle successive tabelle: :
Tabella 7 : Tipologia di alimentazione
Alimentazione
Quantità
Ibridi
17
Metano
129
Gasolio
296
Bimodali
13
52
Capitolo 1 : Il trasporto pubblico locale
Tabella 8 : Tecnologia a bordo
Tipologia di autobus
Quantità
Bus con rampa per disabili
318
Bus con pianale ribassato
382
Bus con telecamera a circuito chiuso
272
Bus con pannelli informativi interni
276
Bus con indicatori di percorso esterni
424
La tipologie di vetture costituenti la flotta CTP e il tipo di alimentazione
di ciascun modello sono di seguito riportati:
Tabella 9 : La flotta della CTP
Definizione
N° Vetture
Alimentazione
BMB 231 CS CNG
45
metano
BMB 240 Avancity NS CNG
26
metano
EPT Horus
4
Ibrido metano-elettrico
IRISBUS 491 CNG
50
metano
IRISBUS Happy CNG
8
metano
BMB M240
33
gasolio
BMB 231 Vivacity CS E4
12
gasolio
CAM Busotto NL
28
gasolio
DE SIMON IL3 311L
2
gasolio
FIAT 370.12.25 SL
14
gasolio
FIAT 380.12.35 Euroclass
26
gasolio
FIAT 480.10.21
13
gasolio
FIAT 590 E 10.22
6
gasolio
IRISBUS Cityclass 491
9
gasolio
IRISBUS Cityclass 591
48
gasolio
IRISBUS Europolis
14
gasolio
MAN LION'S City
27
gasolio
MARCOPOLO Viaggio II
4
gasolio
MERCEDES Citaro O 530LU
10
gasolio
MERCEDES Citaro O 530NU
29
gasolio
53
Capitolo 1 : Il trasporto pubblico locale
MERCEDES Cito 520
13
Ibrido gasolio - elettrico
MERCEDES Sprinter
10
gasolio
ZEV New Alè
10
gasolio
ANSALDOBREDA F19 H
3
filobus bimodale
GANZ SOLARIS Trollino 12
10
filobus bimodale
Tabella 10 : Autobus e norme
1.4.6
Norme
N° Vetture
Euro 0
22
Euro 1
5
Euro 2
102
Euro 3
81
Euro 4
89
Euro 5
9
Euro EEV
147
La Mission di CTP
La Mission che si è posta la compagnia, che esprime il suo scopo ultimo e
la giustificazione stessa della sua esistenza, è di assicurare il proprio
sviluppo e quello del territorio su cui opera, fornendo servizi :
9 efficienti, affidabili, che soddisfino le esigenze degli utenti per
meglio agire da protagonista nel nuovo mercato liberalizzato;
9 conformi allo sviluppo sostenibile, a basso impatto ambientale e
che contribuiscano a migliorare le condizioni di lavoro;
9 che le consentano un riconoscimento di eccellenza tra le aziende
di trasporto pubblico locale in ambito anche nazionale.
1.4.7
Il sistema di gestione integrato e le certificazioni
In tale contesto si inseriscono le scelte strategiche ed i progetti rivolti sia
a migliorare il servizio offerto, a renderlo più competitivo per qualità
54
Capitolo 1 : Il trasporto pubblico locale
sicurezza e comfort rispetto al trasporto privato sia ad adeguare le proprie
attività in rapporto all’ambiente e al contesto sociale in cui opera. La CTP
con la pubblicazione, nel rispetto dei principi essenziali definiti dalla
Costituzione, anche nel 2009 della Carta di Mobilità, riconferma i suoi
impegni erogando il pubblico servizio di trasporto sul principio
dell’eguaglianza e imparzialità nei confronti dei clienti, senza
discriminazioni di razza, religione, lingua e rendendo fruibile il servizio
anche ai diversamente abili. Al fine di migliorare il servizio offerto ha
adeguato la propria organizzazione agli standard previsti dalle norme
internazionali :
9 ISO 9001 : 2000 che ha come obiettivo il miglioramento continuo
e la soddisfazione del cliente;
9 SA 8000 che individua gli aspetti legati alla tutela del lavoratore,
il controllo della catena di fornitura del servizio prestato ed il
miglioramento delle prestazioni sociali dell’organizzazione;
9 ISO 14001 : 2004 che permette di gestire gli aspetti ambientali
inerenti i processi aziendali, razionalizzando l’utilizzo delle
materie prime, la produzione di rifiuti ed emissioni, diminuendo i
consumi energetici.
Le azioni e le iniziative, non senza notevoli sforzi sia in termini
economici che di management e dipendenti
le hanno consentito di
ottenere dall’ ente certificatore TÜV e seguenti certificazioni:
9 Sistema Qualità (2001) : ancora oggi mantenuta
9 Sistema Responsabilità Sociale (2003)
9 Sistema Ambiente (2005)
Il Sistema di Gestione Integrata qualità-ambiente-sicurezza-etica è un
efficace strumento per l’azienda per migliorare la competitività e
l’immagine della stessa che le ha consentito di aggiudicarsi nel 2005 il
Premio Qualità Confservizi, da parte della Confederazione nazionale
55
Capitolo 1 : Il trasporto pubblico locale
delle aziende dei servizi pubblici, ottenuto per la capacità di aver
migliorato le proprie prestazioni in termini di risultati economici,
efficienza, riduzione dell’impatto ambientale, miglioramento delle
condizioni di salute e sicurezza dei lavoratori e della responsabilità
sociale sia all’interno dell’azienda che da parte dei fornitori e nel 2006 il
Premio Etica&Impresa categoria territorio, con il progetto Contact per
il miglior accordo di responsabilità sociale d’ impresa sottoscritto con le
organizzazioni sindacali. Dall''anno 2006 CTP è membro del Pool
Qualità Trasporti, un gruppo di lavoro costituito da aziende europee
che operano nel settore del trasporto pubblico, per l''approfondimento ed
il confronto sui temi della Qualità. A giugno del 2008 ha ottenuto il
certificato CEEP-RSI, in seguito all’analisi dei risultati raggiunti nelle
attività del “Progetto Discerno”, co-finanziato dalla Commissione
Europea per promuovere e studiare le implicazioni della responsabilità
sociale nelle imprese, pubbliche o miste, di servizi (Corporate Social
Responsibility).
1.4.8
1.4.8.1
La Sicurezza in Ctp
Dei lavoratori
In linea con i requisiti di legge l’azienda dispone del documento di
valutazione dei rischi aggiornato annualmente o in occasione di
variazioni organizzative o delle lavorazioni. Le procedura aziendali
prevedono un approccio sistemico alle problematiche della sicurezza e
un’analisi sistemica dei dati relativi all’andamento degli incidenti. Tutto
il personale riceve oltre ai dispositivi necessari allo svolgimento del
proprio lavoro, anche la formazione per acquisire la conoscenza dei
comportamenti da osservare e le procedure da rispettare nelle varie
situazioni lavorative e anche i fornitori che operano presso le sedi
56
Capitolo 1 : Il trasporto pubblico locale
aziendali ricevono adeguato aggiornamento sulle problematiche di
emergenza e antincendio.
1.4.8.2
Dei viaggiatori
La sicurezza del viaggio è assicurata dalla professionalità del personale di
guida, dall’istallazione di apparecchiatura telefonica veicolare a bordo dei
bus con possibilità di collegamento con le autorità ed inoltre al fine di
aumentare la sicurezza a bordo dei propri mezzi la CTP ha provveduto ad
installare sui propri mezzi telecamere a circuito chiuso per la
registrazione di immagini sulle linee a maggior tasso di criminalità, a
tutela della sicurezza dei passeggeri e del personale viaggiante, cosicché
in caso di reati le registrazioni vengono inviati alle autorità preposte.
1.4.8.3
Dei veicoli
La sicurezza dei mezzi, che rappresenta una componente estremamente
importante della sicurezza dei passeggeri, viene assicurata sia attraverso
l’impiego di autobus adatti alle moderne esigenze di trasporto sia da
interventi manutentivi programmati (pianificati con il supporto di SAP
secondo le indicazioni delle case costruttrici) e l’ applicazione di una
procedura che prevede il blocco degli autobus in officina nel caso di
guasti che possano pregiudicare la loro sicurezza; inoltre i dati relativi ai
guasti vengono monitorati sistematicamente al fine di sviluppare le azioni
preventive più utili a ridurne la frequenza.
1.4.9
Il rapporto con i clienti
La politica e le azioni dell’ azienda mirano ad un miglioramento costante
della qualità dei servizi erogati, attraverso una puntuale ricerca di nuove
soluzioni organizzative e tecnologiche al fine di assicurare un servizio
sicuro ed affidabile. L’autobus è in realtà un prodotto che deve essere a
misura del Cliente i cui requisiti devono trovare un giusto punto di
57
Capitolo 1 : Il trasporto pubblico locale
incontro con la capacità delle aziende, pena l’insoddisfazione dei primi o
l’insuccesso delle seconde. La qualità del servizio, inoltre, rappresenta un
elemento in continua e sistematica evoluzione e risente delle mutazioni
del quadro socio
economico, che impone la programmazione, a livello
strategico, di aggiornamenti incrementali. La variabile più importante da
analizzare è capire cosa il cliente vuole in più nel futuro, quali sono le
esigenze e le caratteristiche relative al servizio di TPL che potrebbero
ancora non essere riscontrabili nelle indagini e nella realtà. Pertanto l’
azienda per orientarsi sempre più al cliente cercando di attenuare
maggiormente lo scostamento tra la qualità percepita e quella attesa, per
ottenere indicazioni utili a migliorare la qualità del servizio offerto e
anche per confrontarsi con altre aziende,
effettua regolarmente dei
questionari, alle fermate o direttamente sugli autobus, per rilevare il
grado di soddisfazione dei clienti (Customer Satisfaction Index). Dai
risultati dei monitoraggi è emerso che gli aspetti percepiti come livello
superiore qualitativo cui l’azienda dovrebbe prestare maggiore attenzione
sono sia l’affollamento, la pulizia delle vetture, la facilità di acquisto dei
biglietti, ma soprattutto la sicurezza sia in termini di aggressione alle
fermate o a bordo che la sicurezza dagli incidenti. In particolare
l’accadimento di eventi incidentali, riconducibili a mancanze legate alla
prevenzione incendi, costituisce servizio di interesse pubblico per il
conseguimento di obiettivi di sicurezza della vita umana e di tutela dei
beni
materiali
e
dell’ambiente.
Risulta,
quindi,
indispensabile
promuovere, predisporre e sperimentare delle misure, dei provvedimenti
e modi di azione intesi ad evitare l’insorgere di un incendio e/o limitarne
le conseguenze. Per cui con questo lavoro si vuole definire e valutare il
grado di criticità del fenomeno incidentale con la successiva
individuazione delle possibili prospettive di soluzione al problema in
ottica
sia
di
prevenzione
58
che
di
protezione.
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
Capitolo 2
Chimica fisica dell’ incendio
2.1
L’ INCENDIO
L’incendio può definirsi [15],[16], secondo una definizione corrente,
come una rapida ossidazione di materiali combustibili, caratterizzata da
un notevole sviluppo di calore, emissione di luce, fiamme, di fumi e gas
caldi, che avviene in un luogo non predisposto a contenerla e che una
volta insorta, qualora sfugga al controllo dell’uomo, tende a propagarsi in
maniera incontrollata e devastante con conseguenti danni. Si tratta in
effetti di una combustione accidentale in atmosfera di ossigeno nel corso
della quale si ha una degradazione di energia chimica in termica, dove
con il termine combustione normalmente si intende una reazione chimica
esotermica, che avviene cioè con sviluppo di calore, sufficientemente
rapida, di una sostanza combustibile, che si ossida e quindi perde
elettroni, con l’ossigeno (sostanza ossidante che si riduce e quindi
acquista elettroni), contenuto nell’aria generalmente, accompagnata da
sviluppo di calore (perché i reagenti possiedono più energia dei prodotti
di reazione) e produzione di radiazione luminosa (in effetti il calore
generato innalza a sua volta la temperatura dei componenti della reazione
portandola a valori tali per cui essi irradiano energia elettromagnetica con
lunghezze d’onda comprese nel campo del visibile cosicché la zona di
reazione appare allora luminosa e si parla di fiamme). In realtà [17], sono
da considerarsi combustioni pure le reazioni che avvengono :
59
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
9 in presenza di ossigeno dell’aria ma senza la produzione di
radiazioni luminose (respirazione animali);
9 in assenza di ossigeno dell’aria ma con la produzione di calore e a
volte radiazioni di luminose (respirazione delle piante);
9 in assenza di aria ma con presenza di molecole contenenti ossigeno
sufficiente per bruciare (polvere da sparo, esplosivi , celluloide);
9 nelle sostanze spontaneamente infiammabili (fosforo giallo,
idrogeno, fosforato e alcuni composti metallici);
9 in presenza di agenti diversi dall’ossigeno (come ad esempio
l’idrogeno e altri metalli che bruciano in atmosfera di cloro).
Le combustioni possono essere distinte fondamentalmente in :
9 combustione omogenea (che avviene tra un combustibile gassoso e
comburente anch’ esso gassoso);
9 combustione eterogenea (tra combustibile solido o liquido e
comburente gassoso);
9 combustione degli esplosivi (combustione di sostanze contenenti
nella loro composizione una sufficiente quantità di ossigeno
comburente necessario alla combustione che avviene quindi senza
apporto dall’esterno e quindi anche in assenza di aria, con notevole
velocità di propagazione della fiamma e innalzamento della
pressione).
Condizione necessaria affinché la combustione possa determinarsi è la
commistione di tre grandezze fisiche : combustibile, comburente e
energia di attivazione (sorgente di calore), pertanto solo la contemporanea
presenza di questi tre elementi da luogo al fenomeno dell’incendio e di
conseguenza al mancare di uno di essi l’ incendio si spegne. Per cui la
combustione può rappresentarsi schematicamente da un triangolo detto
comunemente triangolo del fuoco [18] i cui lati sono i tre elementi
necessari al suo sviluppo.
60
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
Figura 10 : Il triangolo del fuoco
Il combustibile [19] è una sostanza che può essere allo stato solido,
liquido o gassoso in grado di bruciare in condizioni ambientali normali
(convenzionalmente fissate a 20 °C e a pressione di 760 mm Hg). A
rigore andrebbero considerate combustibili tutte le sostanze non rientranti
nella categoria delle sostanze non combustibili vale a dire quelle sostanze
che non bruciano e non emettono vapori infiammabili in quantità
sufficiente all’autocombustione se portate a una temperatura di 750°C. E’
da notare che la maggior parte delle combustioni avviene in fase gassosa,
infatti mentre le sostanze gassose non hanno ovviamente necessità di
trasformazione, per i liquidi si ha prima una evaporazione delle molecole
del combustibile che passano in fase gassosa per effetto della temperatura
e successivamente avviene la combustione del gas, per i solidi invece si
ha prima una sublimazione cioè un passaggio dalla fase solida a quella di
vapore di alcune sostanze che bruciano subito se in quantità sufficienti a
sostenere la combustione, dopodiché si ha la combustione del carbonio. Il
comburente [20] è la sostanza ossidante che consente e favorisce la
combustione, il più importante è l’ossigeno sia puro che contenuto
nell’aria o in composti, ma vi sono altri comburenti come il protossido di
azoto N 2 O, l’ossido di azoto NO e il biossido di azoto N 2 O. Il terzo
elemento è costituito da una fonte di calore ad alta temperatura, infatti
61
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
non è sufficiente che il combustibile e comburente siano in intimo
contatto perché la reazione avvenga, ma occorre che almeno in una sua
parte la temperatura sia sufficientemente elevata da provocare
l’accensione facendo si che l’energia del sistema sia tale da superare
l’energia di attivazione della reazione di combustione. Una volta acceso,
il materiale continua a bruciare perché è il calore prodotto a riscaldare
fino alla temperatura di accensione il materiale non ancora bruciato,
determinando l’innesco di altre reazioni e in questo modo la combustione
continua e si propaga finché trova combustibile ed aria sufficienti ad
alimentarla e sostentarla. In realtà il triangolo visto è solo una parte di
uno schema più complesso come evidenziato nella figura successiva in
cui il triangolo precedente è quello superiore [21] (detto anche di Kinsley
o del "fuoco") che rappresenta l'inizio della combustione e cioè la
reazione di ossidazione del combustibile catalizzata da una energia di
innesco (scintilla, surriscaldamento, ecc).
Figura 11 : I triangoli del fuoco
Per avvenire una propagazione dell'incendio occorre che non solo esista
altro combustibile o comburente, ma anche che il fuoco abbia la capacità
di auto mantenersi (triangolo inferiore). Quindi per correttezza è meglio
parlare di "croce del fuoco" quando si parla di combustione già in atto.
Recentemente nelle teorie antincendio si è introdotto un quarto elemento
per meglio comprendere la natura degli incendi costituito dalla reazione
62
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
a catena per cui si parla di tetraedro del fuoco. In effetti, la combustione
può definirsi [22] una reazione a catena cioè una reazione nella quale le
molecole iniziali (combustibile e comburente) si trasformano nel prodotto
finale attraverso stadi intermedi, collegati insieme come le maglie di una
catena. Quando la sorgente di calore fornisce energia alla sostanza
combustibile questa si decompone in radicali liberi (atomi instabili),
particelle estremamente reattive che iniziano la catena quando, colpendo
molecole di ossigeno o combustibile, emettono altri radicali come
prodotto intermedio dando luogo alla propagazione della combustione,
ma se catturati da determinati radicali si bloccano e spezzano la catena
interrompendola.
Figura 12 : Il tetraedro del fuoco
2.1.1
Le fonti di innesco
Le fonti di innesco, ossia dell’ elemento che avvia la reazione di
combustione una volta a contatto con la miscela infiammabile, possono
suddividersi in quattro categorie [23] :
63
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
9 accensione diretta : quando una fiamma, una scintilla o altro
materiale incandescente entra in contatto con un materiale
combustibile in presenza di ossigeno (operazioni di taglio e
saldatura, fiammiferi e mozziconi di sigaretta, lampade e
resistenze elettriche, scariche statiche, cause elettriche);
9 accensione indiretta : quando il calore d’ innesco viene fornito
per convezione, conduzione e irraggiamento termico (correnti di
aria calda generate da un incendio e diffuse attraverso vani o
collegamenti di vario tipo, propagazione di calore attraverso
elementi metallici);
9 attrito quando il calore è prodotto dallo sfregamento di due
materiali (malfunzionamento di parti meccaniche rotanti quali
cuscinetti o motori, urti, rottura violenta di materiali metallici);
9 autocombustione o riscaldamento spontaneo : quando il calore
occorrente all’innesco viene prodotto dallo stesso combustibile,
senza alcun apporto di energia dall’esterno, per effetto di processi
caratterizzati da produzione di calore come reazioni di
ossidazione, decomposizioni esotermiche in assenza d’aria, azione
biologica, a seguito dei quali la temperatura della sostanza può
crescere fino a raggiungere dei valori tali da provocare un vero e
proprio incendio (cumuli di carbone, stracci o segatura imbevuti
d’olio di lino, polveri di ferro o nichel, fermentazione di vegetali).
2.1.2
La classificazione degli incendi
Le diverse tipologie di incendio possono essere classificate, ed infatti la
Norma
Europea
EN2
emanata
dal
Comitato
Europeo
per
la
Normalizzazione (CEN) e recepita in Italia con il D.M. 20 /12 /1982 ha
suddiviso e classificato i fuochi in base ai materiali combustibili che li
64
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
generano; tale classificazione è molto utile perché permette una
indicazione efficace e sintetica delle tipologie di incendio, ed anche
perché consente di scegliere facilmente le sostanze estinguenti idonee nei
diversi casi [24].
Classe A. Abbraccia tutti i materiali solidi a base cellulosica quali il
legno, la carta, i tessuti, la paglia e simili soggetti a due forme tipiche di
combustione : una vivace caratterizzata da fiamme un’ altra, priva di
fiamme visibili, lenta e quasi covante caratterizzata dalla formazione di
brace , che può durare per tempi assai lunghi prima di sfociare in un
focolare di incendio vero e proprio. Lo spegnimento di questa classi di
incendi, che avviene prima con la regressione delle fiamme fino allo
spegnimento, cui segue l’annerimento delle braci, estinte le quali si
considera terminata la combustione, si può ottenere mediante :
9 acqua a getti piena o nebulizzata;
9 polveri preferibilmente a base di fosfato di ammonio adatte a
soffocare le braci;
9 schiume ordinarie o a media espansione;
9 anidride carbonica solo nei locali chiusi saturabili.
Classe B. Include liquidi infiammabili o solidi liquefacibili (idrocarburi
in genere, catrami, grassi, oli, pitture, vernici, alcoli, pece, resine, e
solventi, alcuni includono il caucciù e le materie plastiche che altri
assegnano alla classe A). Le sostanze di questa classe sono caratterizzate
da combustioni molto vivaci aventi fiamme molto alte poiché bruciano
completamente in fase gassosa, dopo l’evaporazione o eventuale pirolisi,
senza dar luogo a brace. L’estinzione di questo tipo di incendio si
determina una volta estinte le fiamme. Alcuni suddividono ulteriormente
questa classa in due sottoclassi per tener conto delle sostanze per il cui
spegnimento non sia adatta l’acqua usata a getto pieno, per cui si
distingue la sottoclasse B1 comprendente le sostanze liquide più pesanti,
65
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
l’olio combustibile e il gasolio, dalla sottoclasse B2 comprendente i
liquidi e sostanze più leggeri. Lo spegnimento di questa classe di incendi
si può ottenere mediante:
9 schiuma ordinaria e a media espansione;
9 polveri chimiche a base di bicarbonato di sodio o di ammonio,
compatibili con le schiume;
9 composti alogenati che spengono istantaneamente senza residuo;
9 anidride carbonica che spegne bene al chiuso e con molta difficoltà
all’aperto.
Classe C. Incendi di gas infiammabili (metano, propano, butano,
acetilene, gas naturale, gas di città, idrogeno ecc.). Lo spegnimento
avviene mediante:
9 polveri a base di bicarbonato di sodio o fosfato di ammonio
compatibili con le schiume;
9 composti alogenati che spengono istantaneamente;
9 anidride carbonica che spegne bene nei locali chiusi;
Non vanno usate schiume e acqua, mentre l’acqua nebulizzata può essere
usata solo per il raffreddamento dopo però aver eliminato possibili
ulteriori rilasci di gas e vapori infiammabili che altrimenti formerebbero
eventuali miscele esplosive.
Classe D. Comprende incendi di metalli combustibili (sodio, potassio), di
sostanze chimiche spontaneamente combustibili in presenza di aria, di
sostanze chimiche reattive in presenza di acqua o schiuma (magnesio,
titanio, zirconio e loro leghe). Lo spegnimento non è semplice
dipendendo dalla sostanza da estinguere, si possono usare ad esempio:
9 polveri a base di cloruro di sodio;
9 in alcuni casi si può usare olio combustibile che poi si spegne
mediante schiume.
66
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
Figura 13 : Pittogramma dei fuochi
Classe E. In realtà non è una classe contemplata dalle norme europee EN
ma è da molti usata per indicare le apparecchiature e impianti elettrici
sotto tensione. Lo spegnimento di questa classe di incendi si può ottenere
con:
9 polveri a base di bicarbonato di sodio o di fosfato di sodio;
9 composti alogenati;
9 anidride carbonica che spegna bene nei locali chiusi;
9 acqua nebulizzata esclusivamente da impianti fissi, non usare mai
schiume di qualunque tipo.
67
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
2.1.2
I parametri della combustione
La combustione è caratterizzata da numerosi parametri fisici e chimici, i
principali dei quali sono i seguenti [15 a 17], [23], [25 a 29], {5 a 7} :
Temperatura di accensione : temperatura alla quale il combustibile,
venuto a contatto con un innesco, si accende all’aria e continua a bruciare
indipendentemente dalla cessione di calore dall’esterno. Tale temperatura
varia col variare : dello stato fisico del combustibile, del rapporto tra
combustibile/comburente, del tenore di gas inerte (azoto, CO 2 , ecc.)
presente nel comburente.
Temperatura di autoaccensione : temperatura minima alla quale deve
essere portata una sostanza combustibile perché si determini l’accensione
spontanea senza l’intervento dell’innesco esterno. In genere si assimila
anche alla temperatura che deve avere l' innesco perché determini
l’accensione di quel combustibile; in altre parole è la temperatura
richiesta perché una sostanza venendo a contatto con l’aria possa
accendersi da sola e una miscela combustibile-aria possa accendersi da
sola per riscaldamento della massa. Tale temperatura è per i combustibili
liquidi e gassosi un valore tabellato e ben determinato, per le sostanze
solide invece spesso non è esattamente determinabile dipendendo da
numerosi fattori quali lo stato di suddivisione del materiale, umidità, ecc.
Il fenomeno della accensione (o autoaccensione) non deve essere confuso
con il fenomeno della “autocombustione”, che invece consiste in una
combustione spontanea di una sostanza combustibile, senza alcun apporto
di energia dall'esterno, a seguito di una reazione di ossidazione
inizialmente lenta, con successivo graduale e sensibile accumulo di
calore, provocata spesso da fenomeni di fermentazione e di ossidazione;
l’autocombustione può verificarsi facilmente, ad esempio, nei seguenti
materiali: stracci imbevuti di olio o vernice, fieno, cotone grezzo in balle,
68
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
olio, carbone. A titolo esemplificativo si riportano alcuni valori di
temperatura di accensione per alcune sostanze combustibili:
Tabella 11 : Temperatura di accensione di alcune sostanze
Sostanza
Temperatura
d’accensione °C
Alcool etilico
363
Benzina
250
Carbone
610
Carta
230
Etilene
490
Gasolio
220
Gomma sintetica
300
Gpl
400
Idrogeno
560
Legno
220 ÷ 250
Metano
537
Temperatura di combustione : temperatura massima che si può
raggiungere nella combustione o anche secondo la teoria cinetica, il
massimo incremento di energia cinetica media che possono acquisire le
particelle elementari delle sostanze coinvolte nel fenomeno.
Temperatura teorica di combustione : è la massima temperatura alla
quale possono essere portati i prodotti della combustione dal calore
prodotto dalla combustione stessa, nell’ipotesi che tutta l’energia termica
liberata vada ad aumentare la temperatura, senza scambio di calore con
l’ambiente esterno e senza che vi sia trasformazione di energia termica in
energia raggiante. A titolo di esempio riportiamo una tabella con le
temperature teoriche massime di combustione confrontate con quelle
massime effettive misurate realmente ed ovviamente inferiori alle prime
poiché non tutta l’energia che si sviluppa nella combustione va a
69
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
riscaldare i gas combusti ma una parte si trasforma in energia raggiante e
inoltre sensibili abbassamenti sono anche dovuti a reazioni di
dissociazione del vapore d’acqua e dell’anidride carbonica che
avvengono con sottrazione di calore :
Tabella 12 : Temperatura di combustione
Sostanza Temperatura di combustione (°C)
Massima
Massima
teorica
reale
Metano
2218
1880
Etano
2226
1895
Propano
2232
1925
Butano
2237
1895
Temperatura di infiammabilità o punto di infiammabilità (flash
Point) : è la minima temperatura alla quale un liquido infiammabile
emette vapori tali che sulla superficie di esso si forma una miscela aria
vapore in grado di accendersi in presenza di innesco, al di sotto di tale
temperatura pertanto, una sostanza combustibile non può bruciare. Anche
per i solidi teoricamente si potrebbe definire una temperatura di
infiammabilità da intendersi come la minima temperatura alla quale il
solido distillando emette vapori in grado di accendersi, tuttavia non
essendo facilmente determinabile, per essi si preferisce parlare soltanto di
temperatura di accensione. Questo parametro è discriminante in merito
alla pericolosità di un liquido combustibile/ infiammabile ed infatti una
sostanza è tanto più pericolosa quanto minore è il suo flash Point, ed in
relazione ad esso si suole individuare tre categorie di liquidi
infiammabili:
9 Categoria A : liquidi con temperatura di infiammabilità inferiore
a 21 °C (liquidi infiammabili e sostanze esplosive a temperatura
ambiente ad esempio benzina e alcool)
70
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
9 Categoria B : liquidi con temperatura di infiammabilità compresa
tra 21°C e 65 °C (liquidi combustibili e sostanze che possono
esplodere solo se riscaldati)
9 Categoria C : liquidi con temperatura di infiammabilità superiore
a 65 °C (liquidi che possono bruciare come gasolio, olio
combustibile e lubrificanti).
Tabella 13 : Temperature di infiammabilità di alcune sostanze
Sostanza
Temperatura
di infiammabilità °C
Acetone
-18
Alcool etilico
13
Alcool metilico
11
Benzina
-20
Gasolio
65
Kerosene
37
Olio lubrificante
149
toluolo
4
Limiti di infiammabilità (% in volume) : Tali limiti individuano il
campo di infiammabilità all’interno del quale si ha, in caso d’innesco,
l’accensione e la propagazione della fiamma nella miscela. Il limite
inferiore di infiammabilità è la più bassa concentrazione in volume di
vapore della miscela al di sotto della quale non si ha accensione in
presenza di innesco per carenza di combustibile; il limite superiore di
infiammabilità è la più alta concentrazione in volume di vapore della
miscela al di sopra della quale non si ha accensione in presenza di
innesco per eccesso di combustibile [20].
71
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
Figura 14 : Limiti di infiammabilità di alcune sostanze
All’esterno di questo campo di infiammabilità i cui valori sono espressi
in volume percentuale (volume di combustibile x 100 / volume della
miscela) , la miscela risulta troppo povera o troppo ricca di combustibile
rispetto al comburente, per cui la combustione non può avvenire. Se nella
miscela è presente un eccesso d’aria (poco combustibile), il calore
sviluppato dall’innesco è insufficiente a far salire la temperatura degli
strati adiacenti di miscela fino al punto di accensione, per cui la fiamma
non può propagarsi e si estingue. Se invece nella miscela è presente un
eccesso di combustibile (poca aria), questo funzionerà da diluente,
abbassando la quantità di calore disponibile per gli strati adiacenti di
miscela, fino ad impedire la propagazione della fiamma. Questi limiti
dipendono dalla pressione (pressioni più alte tendono ad allargare il
campo di infiammabilità, più basse a restringerlo) e dalla temperatura
(l’aumento di temperatura allarga il campo di infiammabilità). Quanto più
i valori di miscelazione combustibile - aria sono interni al campo di
infiammabilità, tanto più la combustione si sviluppa con violenza e
rapidità, assumendo sempre più il carattere di un esplosione che a tutti gli
72
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
effetti
è un processo di combustione, ma
avviene con velocità di
propagazione del fronte di fiamma molto superiore alla normale velocità
della fiamma di un incendio e con un forte aumento della pressione
combustione ed assume la dizione di deflagrazione o detonazione a
seconda che il fronte di fiamma si muova a velocità subsonica o
supersonica [30 e 31]. Si riportano alcuni valori dei limiti di
infiammabilità per alcune sostanze:
Tabella 14 : Limiti di infiammabilità
Combustibile
Linite inferiore %
Limite superiore %
Alcool etilico
3,3
19
Alcool metilico
5,5,
26,6
Ammoniaca
15
28
Benzina
0,9
7.5
Butano
1,5
8,5
Gas naturale
3
15
Gasolio
1
6
GPL
2
9
Idrogeno
4
75,6
Metano
5
15
Propano
2,1
9,5
Limiti di esplodibilità (% in volume) : posizionati all’interno del campo
di infiammabilità, rappresentano la più bassa concentrazione in volume di
vapore della miscela al di sotto della quale non si ha esplosione in
presenza di innesco (limite inferiore di esplodibilità) e la più alta
concentrazione in volume di vapore della miscela al di sopra della quale
non si ha esplosione in presenza di innesco (limite superiore di
esplodibilità).
A seguito di quanto descritto, si può pertanto affermare che una
combustione può avvenire se, e solo se, sussistono tutte
contemporaneamente le seguenti condizioni minime {8} :
1) Presenza contemporanea del combustibile e dell’ossigeno (aria);
73
e
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
2) Miscela aria-combustibile infiammabile, e cioè con valori di
miscelazione interni al campo di infiammabilità;
3) Temperatura del combustibile superiore alla temperatura di
infiammabilità;
4) Presenza di un innesco di combustione (fiamma o scintilla) oppure
(in sostituzione della condizione 4) temperatura del combustibile
superiore alla temperatura di accensione, anche in assenza di
inneschi.
II fuoco (e quindi un incendio) potrà dunque generarsi e permanere
unicamente se sussistono insieme e contemporaneamente le condizioni
descritte. Quando anche solo una di tali condizioni viene a mancare, il
fuoco si spegne oppure non si genera, e su questo fondamentale ed
importantissimo principio sono basate tutte le tecniche di estinzione degli
incendi.
Aria teorica di combustione : è la quantità di aria necessaria per
bruciare completamente un kg o un m 3 di combustibile; la quantità di
aria strettamente necessaria alla combustione dipende dalla composizione
chimica del combustibile e risulta tanto maggiore quanto più è elevato il
potere calorifico del combustibile.
Tabella 15 : Aria teorica di combustione
Sostanza
Aria teorica
3
di combustione Nm /kg
Alcool etilico
7,5
Benzina
12
Carbone
8
Gasolio
11,8
Idrogeno
28,5
Legno
5
Olio combustibile
11,2
Polietilene
12,2
Propano
13
74
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
Potere calorifico : indica la quantità di calore ( MJ/kg o kcal/kg)
prodotta dalla combustione completa dell’unità di massa o di volume di
una determinata sostanza combustibile e si distingue in : superiore che
esprime la quantità di calore sviluppata dalla combustione considerando
anche il calore di condensazione del vapore d’acqua prodotto e inferiore
quando il calore di condensazione del vapor d’acqua non è considerato
(pari al PCS meno il calore di evaporazione o di condensazione del
vapore d'acqua che si forma durante la combustione); per i combustibili
che non contengono idrogeno né acqua al loro interno, non risultano
differenze tra potere calorifico inferiore e superiore; in genere nella
prevenzione incendi viene considerato sempre il potere calorifico
inferiore [32 e 33].
Tabella 16 : Poteri calorifici dei principali combustibili
Combustibile
Potere calorifico inferiore
Potere calorifico superiore
MJ/kg
MJ/Nm 3
MJ/dm 3
MJ/kg MJ/Nm 3
MJ/dm 3
Benzina
-
-
31,4
-
-
33,8
Coke
29,0
-
-
30,0
-
-
Gas naturale
-
34,5
-
-
38,5
-
Gasolio
-
-
35,5
-
-
37,9
G.P.L.
46,0
-
25,0
50,0
-
27,2
Legna secca
16,7
-
-
18,4
-
-
Olio combustibile
41,0
-
-
43,8
-
-
2.2
COMBUSTIBILI E MODALITÀ DI COMBUSTIONE
Si definiscono [22],[34] combustibili le sostanze in grado di reagire con
l’ossigeno (o con un altro comburente) dando luogo ad una reazione di
combustione. I componenti principali dei combustibili più usati sono il
75
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
carbonio (C) e l’idrogeno (H), definiti elementi utili in quanto
conferiscono al combustibile due principali requisiti: sviluppare calore in
notevole quantità e dare una combustione completa con la minima
produzione di sostanze inquinanti. I vari tipi di combustibili possono
essere classificati in base allo stato fisico (a temperatura e pressione
ambiente) differenziandosi in combustibili liquidi, gassosi e solidi.
Un'altra classificazione possibile si basa sull'origine dei combustibili,
distinguendo tra combustibili naturali e derivati. I combustibili naturali si
adoperano così come si trovano in natura, quelli derivati vengono forniti
quali prodotti di trasformazione di combustibili naturali o di particolari
lavorazioni industriali. Nella successiva tabella si riporta una possibile
classificazione dei combustibili :
Tabella 17 : Classificazione dei combustibili
Combustibili solidi
NATURALI Carbon
fossili
lignite,
(torba, DERIVATI Coke (di carbon fossile)
litantrace,
Carbone di legna
antracite),
Agglomerati vari
Legna
Combustibili liquidi
DERIVATI Benzine
NATURALI Petrolio greggio
di
distillazione,
gasolio, olio diesel,
olio combustibile
Combustibili gassosi
NATURALI Gas naturale (metano,
DERIVATI Gas di città e di cokeria,
gas di generatori, gas di
butano, ecc.)
raffineria, acetilene, idrogeno
76
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
2.2.1
Combustibili solidi
I combustibili solidi sono i più abbondanti e quelli che vengono usati da
più tempo. Ad essi appartiene il più antico ed il più noto fra i
combustibili: il legno. Stesse caratteristiche presentano tutte le sostanze
che derivano dal legno come la carta, il lino, la juta, la canapa, il cotone,
ecc. Una caratteristica importante è la pezzatura, definita come il
rapporto tra il volume e la sua superficie esterna {9}. Se un combustibile
ha una grande pezzatura vuol dire che le sue superfici a contatto con
l’aria sono relativamente scarse ed inoltre ha una massa maggiore per
disperdere il calore che gli viene somministrato. In pratica un pezzo
piccolo prende fuoco facilmente anche con sorgenti a temperatura
relativamente bassa, mentre un pezzo sufficientemente grande prende
fuoco con molta più difficoltà [22],
{10}. In generale, sia per i
combustibili solidi che per quelli liquidi, si ha che quando il combustibile
è suddiviso in piccole particelle, la quantità di calore da somministrare è
tanto più piccola quanto più piccole sono le particelle, sempre che
naturalmente si raggiunga la temperatura di accensione. Così il legno che
in grandi dimensioni può essere considerato un materiale difficilmente
combustibile, quando invece è suddiviso allo stato di segatura o
addirittura di polvere può dar luogo addirittura ad esplosioni. Per un
combustibile solido diventa quindi fondamentale la sua suddivisione. Una
grossa pezzatura comporta un basso rischio di incendio, mentre con una
pezzatura piccola lo stesso materiale risulta molto pericoloso. Va notato
che nel caso di materiali di grossa pezzatura diventa rilevante non solo il
fatto che la sorgente di calore abbia una temperatura elevata ma anche il
tempo di esposizione alla sorgente di calore. Altri combustibili solidi sono
: i carboni fossili come lignite, litantrace, antracite, la torba e gli
agglomerati.
77
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
La combustione dei solidi {11} è un fenomeno più complesso rispetto a
quella dei liquidi o dei gas poiché solitamente il processo avviene per
stadi e prevede diverse modalità di combustione contemporaneamente
presenti : una combustione con fiamma, una combustione a brace e la
piroscissione delle sostanze solide. Per effetto dell’ innalzamento della
temperatura i solidi subiscono un processo di degradazione del materiale
superficiale che comporta la demolizione delle molecole costituenti ed
emissione di sostanze volatili infiammabili (processo di distillazione
detto pirolisi) che a contatto con l’aria bruciano con fiamma (appunto
combustione con fiamma) [17], [24],[29]; inoltre una parte del calore
prodotto, da luogo all’instaurarsi di una reazione esotermica capace di
autosostenersi, infatti riscalda la massa adiacente del combustibile con
emissione di ulteriori sostanze volatili infiammabili (altra pirolisi) che
alimenteranno e manterranno la fiamma e la combustione prosegue in
questo modo fino all’esaurirsi di tutti i vapori infiammabili per poi
proseguire sotto forma di brace. Poiché il fenomeno impegna notevoli
quantità di energia, nonostante i solidi possano sviluppare ingenti
quantità di calore e volumi di fumi, finiscono per bruciare con velocità
inferiore
a quella dei gas e dei liquidi. La combustione a brace
(combustione lenta senza formazione di fiamme), si manifesta quando
l’ossigeno dell’aria penetra all’interno del solido in combustione
attraverso fessurazioni in esso presenti, porosità o crepe provocate dal
calore stesso della combustione e da fenomeni di piroscissione. Inoltre il
processo di combustione delle sostanze solide porta alla formazione di
braci che sono costituite dai prodotti della combustione dei residui
carboniosi della combustione stessa, mentre i residui della combustione
di materiali solidi vengono chiamate ceneri. Bisogna però distinguere dai
solidi che fondono prima di passare allo stato aeriforme per i quali la
combustione è analoga a quella dei gas e liquidi, dai solidi che possono
78
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
bruciare passando direttamente dallo stato solido ad aeriforme senza
fondere. La combustione delle sostanze solide è caratterizzata dai diversi
parametri che fanno in modo che la velocità di combustione dei solidi
non sia costante : dalla pezzatura (una volta innescata la combustione
procede in modo tanto più rapido e vorace quanto maggiore è il grado di
suddivisione dei materiali potendo giungere più ossigeno sulle superfici
libere) e forma del materiale, dal grado di porosità del materiale, dagli
elementi che compongono la sostanza, dal contenuto di umidità del
materiale, condizioni di ventilazione e di efflusso di aria, dalla
dispersione nell’ambiente del calore sviluppato, dalla disposizione delle
sostanze rispetto al fronte di avanzamento del fuoco, dalla geometria dei
luoghi. A seconda delle temperature in gioco, della velocità di
combustione, della natura delle sostanze coinvolte nell’incendio possono
formarsi prodotti chimici molto diversi e in percentuali molto variabili. In
generale il volume di gas combustibili e vapori prodotti nel corso degli
incendi è dell’ordine di molte centinaia di litri per chilogrammo di
materiale solido coinvolto e se diluiti nell’aria e dilatati dal calore,
possono addirittura raggiungere volumi dell’ordine di molte migliaia di
litri per chilogrammo di solido. Possiamo infine definire incombustibili
solidi le sostanze che non bruciano, mentre i combustibili solidi possono
distinguersi in:
9 difficilmente combustibili (sostanze che prendono fuoco a contatto
con la sorgente di ignizione e smettono di bruciare appena
quest’ultima si allontana);
9 combustibili (sostanze che prendono fuoco a contatto con la
sorgente d’ignizione e che sono capaci di continuare a bruciare da
sole),
79
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
9 facilmente
accendibili
(sostanze
che
iniziano
a
bruciare
rapidamente per effetto di una sorgente d’ignizione debole come
una scintilla o corto circuito);
9 difficilmente accendibili (sostanze che prendono fuoco per effetto
di una elevata sorgente d’ignizione).
2.2.2
Combustibili liquidi
I combustibili liquidi {11} sono, tra i combustibili, quelli che presentano
il più elevato potere calorifico per unità di volume. Quelli artificiali sono
pochi e di scarsa importanza, mentre ben più importante è la classe dei
naturali, alla quale appartengono i petroli e dei derivati (benzina,
cherosene, gasolio e olio combustibile). In generale tutti i combustibili
liquidi sono in equilibrio con i propri vapori, che si sviluppano in misura
differente a seconda delle condizioni di pressione e di temperatura, sulla
superficie di separazione tra liquido e mezzo che lo sovrasta. I liquidi
infiammabili non bruciano come tali ma come vapori originati in
corrispondenza della superficie dei liquidi che si comportano come gas
combustibili, e la combustione avviene quando i vapori, miscelandosi
con l’ossigeno dell’aria in concentrazioni comprese nel campo di
infiammabilità, sono opportunamente innescati. Pertanto per bruciare in
presenza di innesco, un liquido infiammabile deve passare dallo stato
liquido allo stato vapore. L’indice della maggiore o minore combustibilità
di un liquido è fornito dalla temperatura di infiammabilità (tanto più
bassa è tale temperatura più grave è il pericolo di incendio) e in base ad
essa i combustibili liquidi vengono catalogati come visto parlando della
temperatura di infiammabilità in categoria A, B, o C. Pertanto al
raggiungimento di tale temperatura la superficie del liquido emette vapori
in quantità tali, che mescolati con l’aria, danno luogo a una combustione
80
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
in presenza di innesco. Il calore sviluppato provoca l’evaporazione di
ulteriore liquido che, combinandosi con l’ossigeno dell’aria mantiene la
combustione.
Figura 15 : Temperature di infiammabilità in °C
Altri parametri che caratterizzano i combustibili liquidi sono la
temperatura di accensione e di infiammabilità, i limiti di infiammabilità,
la viscosità e la densità dei vapori. Tanto più è bassa la temperatura di
infiammabilità tanto maggiori sono le probabilità che si formino vapori in
quantità tali da essere incendiati. Particolarmente pericolosi sono quei
liquidi che hanno una temperatura di infiammabilità inferiore alla
temperatura ambiente, in quanto anche senza subire alcun riscaldamento,
possono dar luogo ad un incendio. Fra due liquidi infiammabili entrambi
con temperatura di infiammabilità inferiore alla temperatura ambiente è
comunque da preferire quello a più alta temperatura di infiammabilità in
quanto a temperatura ambiente emetterà una minore quantità di vapori
infiammabili, diminuendo così le possibilità che si formi una miscela aria
- vapori nel campo d’infiammabilità. Ulteriori elementi negativi per
quanto riguarda il pericolo di incendio sono rappresentati da:
81
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
9 bassa temperatura di accensione del combustibile, che comporta
una minore energia di attivazione per dare inizio alla combustione;
9 ampio campo di infiammabilità, in quanto risulta più esteso
l’intervallo di miscelazione vapore - aria per il quale è possibile
l’innesco e la propagazione dell’incendio.
Un'ultima considerazione [22] si deve fare a proposito della densità dei
vapori infiammabili, definita come la massa per unità di volume di vapori
del combustibile. I combustibili più pericolosi sono quelli più pesanti
dell’aria, in quanto in assenza o scarsità di ventilazione tendono ad
accumularsi e a ristagnare nelle zone basse dell’ambiente formando più
facilmente miscele infiammabili.
2.2.3
Combustibili gassosi
Fra i combustibili gassosi naturali, i più importanti sono senza dubbio gli
idrocarburi gassosi: metano, etano, propano e butano, mentre fra i
combustibili gassosi artificiali merita un cenno l’idrogeno. Questi
combustibili sono migliori dei combustibili liquidi naturali perché sono
generalmente molto puri, possono essere miscelati facilmente con l’aria
(e quindi con l’ossigeno) per avere un’ottima combustione e bruciano
senza dare origine a sostanze incombuste e a fumi. L'unico rischio,
comune peraltro a quasi tutti i combustibili naturali, consiste nella
possibile formazione di monossido di carbonio se la disponibilità di
ossigeno è limitata. I gas in base alle loro caratteristiche fisiche vengono
divisi in: gas leggeri e gas pesanti [22]. I primi presentano densità
rispetto all’aria inferiore a 0,8 (idrogeno, metano, ecc.) una volta liberati
dal proprio contenitore tendono a stratificare verso l’alto. I secondi invece
hanno una densità rispetto all’aria superiore a 0,8 (GPL, acetilene, ecc.) e
quando liberati dal proprio contenitore tendono a stratificare e a
82
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
permanere nella parte bassa dell’ambiente e a penetrare in cunicoli o
aperture praticate a livello del piano di calpestio.
Il comportamento dei combustibili gassosi [17] è analogo a quello dei
vapori dei liquidi infiammabili anche se bisogna tenere presente che il
sistema gassoso (combustibile-comburente) può essere o chimicamente
uniforme (combustibile - comburente mescolati prima dell’ignizione)
oppure chimicamente non uniforme (ignizione e combustione avvengono
simultaneamente al mescolamento del gas e del comburente). Per questi
combustibili oltre alla presenza del materiale combustibile, del
comburente e di un punto d’ignizione a temperatura uguale o superiore a
quella del materiale combustibile deve sussistere una quarta condizione
cioè che la proporzione relativa del combustibile gassoso rispetto a quella
del comburente gassoso (ossigeno o aria) deve essere compresa entro i
limiti inferiore e superiore di infiammabilità [15].
Le combustioni con fiamma sono possibili solo quando le sostanze
incendiabili sono in fase gas o vapore e abbiamo visto che combustioni
possono aver luogo solo quando la percentuale delle sostanze disperse in
aria è compresa entro due valori, uno minimo e l'altro massimo, chiamati
rispettivamente limite inferiore e superiore di infiammabilità, il fenomeno
è chiaramente mostrato nella figura seguente e l’andamento può essere
spiegato dalla teoria cinetica del calore [29]. Fino a quando le molecole
combustibili
disperse
in
aria
non
raggiungono
un
numero
sufficientemente elevato, le collisioni con le molecole di ossigeno e le
conseguenti ossidazioni non riescono a generare, nell'intorno del punto in
cui avvengono, una temperatura, ossia un incremento di energia cinetica
delle particelle circostanti, pari o superiore a quella occorrente all'innesco
delle reazioni a catena che caratterizzano le combustioni con fiamma.
83
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
Figura 16 : Campo di infiammabilità di miscele infiammabili
Successivamente aumentando il numero delle molecole combustibili,
cresce il numero delle ossidazioni possibili e la quantità globale di calore
rilasciato. Questa crescita cessa allorquando tutte le molecole di ossigeno
possono combinarsi con le molecole combustibili presenti nella miscela.
Superato un certo rapporto (detto stechiometrico), l'intensità della
combustione non può che decrescere perché una quota parte dell'energia
cinetica attivata dalle ossidazioni viene assorbita e dispersa dalle
innumerevoli collisioni improduttive che hanno luogo con particelle inerti
a causa dell'insufficiente numero di molecole di ossigeno contenute nella
miscela. Le reazioni a catena che sostengono la fiamma a un certo punto
cessano e il processo di combustione si arresta. Ciò avviene ovviamente
quando il numero delle molecole combustibili raggiunge e supera il
valore cui corrisponde, in termini percentuali il limite superiore di
infiammabilità.
I limiti di infiammabilità variano sensibilmente da sostanza a sostanza
{12} e dipendono, per una stessa sostanza, da molteplici fattori quali la
pressione alla quale avviene la combustione, la temperatura della fonte di
accensione, il tempo durante il quale opera tale fonte, la turbolenza della
84
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
miscela, la geometria dell'ambiente, la quantità di calore che si sviluppa
con la combustione, i calori specifici delle sostanze reagenti; in presenza
di gas inerti, inoltre, si ha una notevole contrazione del campo di
infiammabilità, un aumento di pressione produce di regola un
allargamento di detto campo e lo stesso effetto provocano, gli aumenti di
temperatura. L’accensione nel caso di combustione con fiamma richiede
che in un punto almeno delle miscele aeriforme-aria la temperatura sia
portata per un certo tempo, detto di induzione, al di sopra di un
determinato valore e la combustione ottimale si ha quando il rapporto fra
combustibile e comburente (detto stechiometrico) è tale che tutti gli atomi
di ossigeno e tutti gli atomi combustibili presenti in esse si combinano fra
loro.
Nel caso dei liquidi la combustione con fiamma può sostenersi solo se
evapora una quantità di liquido sufficiente a formare una miscela vapore
–aria compresa nei limiti di infiammabilità. Nei liquidi infiammabili
avviene un continuo rilascio nell’ambiente di vapori formanti miscele
infiammabili, poiché l’energia termica sottratta dalle molecole che
evaporano viene reintegrata dagli scambi termici fra liquido e ambiente,
per cui risultano molto pericolosi potendosi formare sacche esplosive
nelle zone più basse o in cavità in cui i vapori, più pesanti dell’aria, si
raccolgono e per i quali basta una fonte di ignizione di bassissima energia
perché segua una esplosione cui segua un incendio. Invece risultano
molto meno pericolosi i liquidi combustibili che non rilasciano una
quantità di vapori sufficiente a formare miscele infiammabili. Per
entrambi e tipi di liquidi le miscela vapore–aria bruciano solitamente con
la cosiddetta fiamma di diffusione {12}: l’ ossigeno dell’aria diffonde
nella massa di vapori e gas creando le condizioni per l’innesco e il
sostentamento della combustione con fiamma e le miscele rilasciano
energia raggiante in quantità notevoli sotto forma di fotoni. I fotoni
85
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
(energia elettromagnetica) investono la superficie del liquido cui cedono
calore sufficiente a mantenere l’evaporazione e a sostenere la fiamma per
cui il liquido si scalda in superficie rilasciando vapore che alimenta il
fuoco e determinando così un aumento della vivacità delle fiamme, del
calore sviluppato e del volume e temperatura media dei fumi e
susseguente ulteriore riscaldamento del liquido e formazione di vapore. Il
fenomeno interessa però solo lo strato superficiale di liquido che
dilatandosi per effetto del calore risulta più leggero degli strati sottostanti
più freddi e non si verifica il rimescolamento che si avrebbe in caso di
riscaldamento dal basso. Successivamente aumentando il numero di
molecole che evaporano, le molecole di ossigeno, che procedono
controvento, trovano difficoltà crescenti a diffondere nel vapore sempre
più denso sul pelo libero del liquido. Di conseguenza la base delle
fiamme si innalza rispetto alla superficie e diminuisce l’energia calorica
trasmessa da esse al liquido; per cui si osserva una diminuzione
dell’evaporazione e un raggiungimento di un equilibrio chimico che si
protrae fino all’esaurimento del liquido [24].
2.3
CONDIZIONI NECESSARIE PER L’INNESCO E
L’AUTOSOSTENTAMENTO
Alla luce delle considerazioni viste sulla combustione con fiamma si può
affermare che l’innesco e l’ autosostentamento dell’incendio risulta
possibile al verificarsi delle seguenti condizioni [24],[29] :
1) contemporanea presenza, in un certo spazio, di sostanze
combustibili (in qualunque stato fisico) e aria sufficientemente
ricca di ossigeno;
86
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
2) presenza di sostanze combustibili allo stato aeriforme o possibilità
di pervenire ad esso, in modo da formare con il comburente
miscele comprese entro i limiti di infiammabilità.
3) somministrazione di calore ad elevata temperatura, in almeno un
punto della miscela, attraverso una qualunque sorgente (fiamma,
scintilla, scarica elettrica, corpo caldo, ecc). Il calore deve essere
fornito per un tempo sufficiente a :
a. nel caso di miscele infiammabili in aria con composizione
compresa entro i limiti di infiammabilità, vincere le forze di
legame agenti fra gli atomi che costituiscono le molecole
delle sostanze e innescare l’ ossidazione a catena degli
atomi di carbonio, idrogeno e degli elementi ossidabili
presenti nella miscela, in modo da poter formare nuove
molecole differenti con sviluppo di ingenti quantità di
energia ad elevate temperature;
b. nel caso dei liquidi combustibili, indurre la loro preventiva
evaporazione in quantità sufficiente a formare miscele
vapore – aria comprese nei limiti di infiammabilità e
innescare la combustione;
c. nel caso delle sostanze solide combustibili, provocare la
demolizione termica (pirolisi) di almeno una piccola
porzione di solido con conseguente formazione di prodotti
aeriformi tali da formare con l’aria miscele combustibili
comprese entro i limiti di infiammabilità e di innescare la
combustione;
d. generare, nello spazio circostante la zona di combustione,
una temperatura non inferiore a quella occorrente a
sostenere il processo di combustione al cessare della
somministrazione di calore da parte della fonte di ignizione;
87
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
4) attivazione di un tiraggio, da parte del calore generato dalla
combustione, sufficiente a indurre l’evacuazione dei fumi dallo
spazio in cui si formano e concomitante afflusso di aria fresca
recante ossigeno in quantità sufficiente a sostenere le reazioni di
ossidazione a catena che caratterizzano le combustioni con
fiamma.
L’incendio una volta innescato, in assenza di appropriati interventi
repressivi, prosegue aumentando o scemando di intensità in dipendenza
della quantità e natura delle sostanze combustibili presenti o che man
mano pervengono e del flusso di aria occorrente al mantenimento delle
condizioni viste. Va comunque precisato che un incendio può propagarsi
anche a distanze ragguardevoli se l’energia elettromagnetica irraggiata è
talmente considerevole che le sostanze combustibili investite da tale
flusso subiscano aumenti di temperatura tali da instaurare in esse le
condizioni occorrenti per la combustione con fiamma. Inoltre
l’evoluzione dell’incendio è sempre influenzata in maniera considerevole
dal tiraggio, ad incendio avvenuto è di regola la quantità di aria fresca che
perviene alla radice del fuoco a determinare il numero di reazioni di
ossidazione contemporaneamente
possibili e quindi il vigore delle
fiamme.
2.4
PROVVEDIMENTI
PER
CONDIZIONARE
L’EVOLUZIONE DEGLI INCENDI
Vista la necessità della concomitanza delle condizioni precedenti per
insorgenza degli incendi e l’autosostentamento,
è pertanto possibile
influire sull’evoluzione degli incendi in modo da impedirne l’espansione,
contenerne gli effetti ed ottenerne lo spegnimento nei seguenti modi
[20],[35] :
88
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
1) sottraendo, mediante urti parassiti e improduttivi con minutissime
particelle di sostanze incombustibili disperse nella zona delle
fiamme, gran parte dell’energia cinetica alle particelle ossidabili
presenti ossia raffreddando;
2) ostacolando il tiraggio della combustione, ossia l’evacuazione dei
fumi e quindi l’afflusso di aria fresca ricca di ossigeno; per
tiraggio bisogna intendere sia il movimento dell’aria che alimenta
il fuoco, sia quello dei fumi prodotti dal fuoco stesso che, per
spinta archimedea ascendono nell’aria ambiente o in condotti
appositamente predisposti.
3) sottraendo o riducendo la massa delle sostanze combustibili che
possono essere coinvolte nel fenomeno;
4) immettendo nelle miscele infiammabili, che alimentano le fiamme,
sostanze aventi la proprietà di influire negativamente sui
meccanismi che sostengono le reazioni a catena che portano alla
generazione delle fiamme. Tali sostanze, incorporanti di solito
atomi di cloro, bromo, fluoro e iodio, opererebbero secondo la più
accreditata teoria sui radicali liberi che attivano le reazioni a
catena.
2.5
ESPLOSIONI
Un’ esplosione [17], [20], [27], [36 a 38], è causata dalla liberazione
rapidissima, incontrollata ed inarrestabile di energia e si manifesta con
produzione di un’ onda meccanica (sovrapressione) accompagnata da un
fragore (boato) e, nelle esplosioni termiche da luce e calore. Le esplosioni
termiche derivano unicamente da un processo di combustione in cui la
velocità di reazione è estremamente elevata e caratterizzata dalla
produzione nell’unità di tempo un volume di gas ad alta temperatura e in
89
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
quantità enorme e da una rapidissima espansione che partendo dal centro
dell’esplosione diffonde pressione e calore a livelli elevati. Se di grande
rilevanza possono essere prodotte da miscele infiammabili di gas e
vapori, da polveri combustibili sospese in aria e da esplosivi. L’energia di
un esplosione, fondamentalmente liberata sottoforma di onda di scoppio,
si suddivide in tre forme: un lavoro meccanico di compressione che
irradiato dal centro di esplosione si esercita sul mezzo circostante, in
calore e energia cinetica associata al vento susseguente l’onda di scoppio.
Col procedere del fronte d’onda si verifica un trasferimento dell’energia
dell’onda agli strati che vengono attraversati, per cui l’aria subisce una
compressione muovendosi nella direzione dell’onda e l’energia si
distribuisce nello spazio con valori inversamente proporzionali al
quadrato della distanza (onda sferica). Dopo una frazione di secondo in
cui si crea una regione di pressione positiva segue una fase di risucchio in
cui la pressione è sotto il livello atmosferico e si determina un’onda
retrograda con il vento che inverte la direzione. L’onda anteriormente è
delimitata da un fronte d’urto che comprime e riscalda gli strati successivi
fino a far raggiungere la temperatura di accensione della sostanza o a
produrne la decomposizione negli esplosivi e il calore che si sussegue
nelle reazioni successive mantiene costante l’intensità e la velocità del
fronte d’urto.
Si parla di deflagrazione quando la reazione esotermica si propaga a
velocità inferiore a quella del suono (nell’ordine delle centinaia di metri
al secondo) e nel caso si determinano aumenti della pressione 8 volte
maggiori della pressione iniziale; si parla invece di detonazione se la
velocità della reazione è superiore di quella del suono (340m/s) nel qual
caso si determinano aumenti della pressione di 20 volte la pressione
iniziale. Mentre nelle deflagrazioni l’onda di pressione (onda d’urto) è
molto più veloce dell’onda di combustione, nella detonazione le due
90
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
velocità differiscono solo lievemente in dipendenza di diversi fattori (il
tipo di combustibile, il rapporto di miscelazione col comburente, la
pressione esterna o la temperatura). Impropriamente si adopera il termine
di esplosione per alcuni fenomeni che non costituiscono in effetti
esplosioni termiche :
1) Bleve : esplosione connessa alla rottura di recipienti contenenti gas
liquefatti sotto pressione, per cause accidentali o perché esposti a
fonte di calore. Poiché il liquido nel contenitore è a una
temperatura molto al di sopra del suo punto di ebollizione a
pressione atmosferica, nel momento della rottura del recipiente, la
pressione interna decresce rapidamente e una parte del liquido
evapora
rapidamente
producendo
un
volume
di
vapore
notevolmente maggiore del volume del liquido; la rapida
esplosione dei vapori determina così una vera e propria onda
d’urto meccanica che può portare alla proiezione di frammenti del
contenitore a distanza, inoltre se la sostanza è infiammabile per
effetto della vaporizzazione del prodotto si può determinare una
nube ulteriormente suscettibile di esplosione termica.
2) Esplosioni fisiche : fenomeni che si determinano per effetto del
contatto esteso e immediato di liquidi molto caldi o di metalli fusi
o liquidi criogenici con l’acqua e qualora il vapore derivante dal
fenomeno risulti infiammabile ne può conseguire un’esplosione
termica.
3) Scoppi da sovrapressioni : fenomeni che si determinano per
cedimento meccanico di tubazioni o recipienti attraversati o
contenenti fluidi sotto pressione accompagnati da un’ onda d’urto
meccanica e proiezione di frammenti e in seguito al rilascio nello
scoppio di sostanze combustibile prodotte ne può conseguire, in
91
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
presenza di temperatura di accensione,
un incendio o un’
esplosione termica.
2.5.1
Esplosione di miscele infiammabili di gas o vapori
In caso di miscele aeriformi combustibili con aria confinate, all’interno di
locali o recipienti, con composizione compresa tra i limiti di
infiammabilità, e per circostanze legate alle caratteristiche dimensionali
dei luoghi, cavità o involucri nei quali i fenomeni avvengono, può
accadere che la velocità con cui il fronte di fiamma si propaga assume
valori molto elevati da portare a una pressoché istantanea combustione
completa di tutta la miscela. Di conseguenza è impedita la propagazione
del calore nell’intorno, vista la rapidità della combustione e tutto il calore
sviluppato permane nei prodotti della combustione che possono
raggiungere temperature e pressioni sufficienti a dar luogo al fenomeno
esplosivo e a produrre effetti distruttivi gravi, specie se la miscela satura
delle cavità o ambienti chiusi. Se inoltre la velocità con la quale si libera
il calore nella reazione è maggiore di quella con la quale il calore si
disperde all’esterno, si verifica un aumento istantaneo della temperatura
che accelera ulteriormente la velocità di reazione, liberando di
conseguenza una quantità ancor maggiore di calore con la miscela che
reagisce in tempi brevissimi consumandosi per effetto di un’onda di
combustione che accelerandosi a causa della turbolenza e dell’agitazione
della miscela passa da un’onda di combustione lenta a un’onda di
detonazione ad alta velocità.
2.5.2
Esplosione di polveri combustibili sospese in aria
Le polveri di sostanze ossidabili sospese in aria presentano gli stessi
rischi di incendio e di esplosione dei gas e vapori infiammabili, anche se
92
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
per l’ignizione occorrono energie sensibilmente più grandi di quelle
richieste dalle miscele di gas e vapori in aria. L’ incendiabilità ed
esplosività dipende da molti fattori tra cui la granulometria e
distribuzione delle polveri che possono trovarsi depositate in strati (nel
qual caso danno luogo a una normale combustione) o sospese in aria (in
cui possono assimilarsi ai gas come comportamento e dar luogo a
ignizione o esplosione a seconda se la concentrazione rientra nei limiti di
infiammabilità), dalla composizione della miscela, dalla presenza di
umidità e dall’energia della sorgente di ignizione.
Le principali norme UNI di riferimento sono : la UNI EN 26184/1
(Determinazione degli indici di esplosioni di polveri combustibili in aria),
la UNI EN 26184/2 (Determinazione degli indici di esplosione di gas
combustibili in aria), UNI EN 26184/3 (Determinazione degli indice di
esplosione di miscele combustibili/aria diverse da miscele polvere/aria e
gas/aria).
2.6
AUTOCOMBUSTIONE
Si verifica l’autocombustione o combustione spontanea [15],[17],[39]
quando una sostanza combustibile, senza l’intervento di uno specifico
innesco esterno, si ossida naturalmente con progressivo incremento della
velocità di reazione fino a degenerare in una vera e propria combustione.
Il fenomeno ha origine da un processo chimico naturale di ossidazione
spontanea : quando un materiale combustibile è esposto all’aria si ossida
(reazione con produzione di calore) e si verifica una combustione lenta e
se il calore non viene disperso da una sufficiente ventilazione il
combustibile continua a ossidarsi e a riscaldarsi fino ad arrivare alla
temperatura di ignizione e si ha la trasformazione da combustione lenta in
93
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
combustione viva (autocombustione). Il processo può essere attivato da
diversi fattori:
9 reazione chimica diretta di ossidazione all’aria ad azione rapida e
talvolta istantanea (polveri metalliche, magnesio, trucioli) o ad
azione lenta (carboni, oli, stracci unti);
9 iniziale azione di microrganismi, fenomeno di fermentazione con
sviluppo di sostanze gassose e innalzamento della temperatura
(farine, carta da macero, oli vegetali ed animali);
9 reazione con l’acqua o con l’umidità dell’aria (calce, sodio,
potassio);
9 decomposizione chimica (perossidi, acetilene, nitrocellulose);
9 azione dell’ossigeno puro (grassi, oli, carbone, vernici);
9 presenza di ossidanti diversi dall’ossigeno o di catalizzatori
(fluoro);
Affinché si verifichi l’ autocombustione occorre la coesistenza di molti
fattori favorevoli: entità del cumulo (infatti se le sostanze sono
immagazzinate a mucchi può accadere che il calore prodotto non riesca a
disperdersi all’esterno e si accumula nella massa della sostanza e la
temperatura
interna
si
innalza
sempre
più,
determinando
un’
accelerazione della reazione e ulteriore sviluppo di calore finché può
raggiungersi la temperatura di accensione), particolare geometria della
superficie esterna che renda il contatto combustibile-comburente elevato,
presenza di umidità nel caso di innesco di fenomeno per trasformazione
batterica, presenza di sufficiente quantità di aria all’interno della massa,
scarsa ventilazione, temperature ambientale senza notevoli escursioni (la
temperatura elevata è una condizione maggiormente predisponente per
l’autocombustione).
Si possono suddividere le sostanze in materiali ad alto rischio di
combustione spontanea (carbone di legna, colori ad olio, olio di lino e di
94
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
pesce, stracci o tessuti di seta, cotone, canapa ecc. imbevuti di colori ad
olio), in materiali a basso rischio (acqua ragia vegetale, semi di cotone,
olio di arachidi, di palma) e materiali a rischio moderato (feltri e cartoni
bitumati, carta da macero umida, cuoi, fertilizzanti, stracci di lana unti,
vernici raschiate, sintetici contenenti nitrati e materiale organico).
2.7
I PRODOTTI DELLA COMBUSTIONE
I prodotti della combustione [20],[22],[24] possono essere suddivisi in 4
categorie : gas di combustione, fiamma, calore e fumo. Per gas di
combustione si intendono quei prodotti della combustione che restano
allo stato gassoso anche quando vengono raffreddati alla temperatura
ambiente (15 °C), quindi non è compreso il vapore d’acqua che alla
temperatura ambiente è liquido. I gas che si formano, prodotti corrosivi e
tossici, dipendono da molte variabili, ma essenzialmente dalla
composizione chimica dei combustibili, dalla quantità di ossigeno
disponibile e dalla temperatura che si raggiunge durante l’incendio. Tra i
gas di combustione troviamo innanzitutto anidride carbonica CO 2 (gas
asfissiante) se è presente ossigeno in abbondanza, ossido di carbonio CO
(tossico e costituisce il pericolo più grande) se l’ ossigeno è scarso, poi si
può trovare idrogeno solforato H 2 S (derivante da materiali contenenti
zolfo come gomma, lana e pelli, è tossico se in percentuali elevate),
anidride solforosa
SO 2 (irritante), acido cianidrico HCN (altamente
tossico anche se si forma in quantità modeste generalmente), acido
cloridrico HCl (altamente corrosivo, deriva dalla combustione di sostanze
contenenti cloro come le materie plastiche), vapori nitrosi (ossido e
perossido di azoto altamente tossici), fosgene COCl 2 (altamente tossico,
è presente nella combustione di materiali contenenti cloro), ammoniaca
NH 3 (sostanza intossicante, derivante da materiali contenenti azoto) ed
95
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
aldeide acrilica o acroleina CH 2 CHCHO (altamente tossica derivante
dalla combustione di prodotti derivati dal petrolio), acido fluoridrico
(tossico e prodotto dalla combustione di quasi tutte le materie plastiche).
Il calore è l’energia che si sviluppa durante la combustione ed è la causa
principale della propagazione dell’incendio determinando l’innalzamento
della temperatura dell’ambiente e del sistema combustibile/comburente, è
la causa dei danni arrecati al patrimonio e rappresenta un pericolo per le
persone. Il flusso di energia termica procede sempre nel verso delle
temperature decrescenti e cessa quando l’energia cinetica media perviene
a un identico valore o livello. La trasmissione del calore è noto che può
avvenire [15] per conduzione (il calore si trasferisce da un corpo ad un
altro per diretto contatto) per irraggiamento o radiazione ( il calore si
trasferisce da un corpo all’altro, anche distanti fra loro, attraverso dei
raggi calorifici che attraversano lo spazio interposto in tutte le direzioni) e
per convezione (la trasmissione del calore avviene per interposizione di
un fluido, un gas o un liquido).
Il fumo è costituito da piccole particelle solide (aerosoli), liquide (nebbie)
o vapori condensati in sospensione nell’aria. Le particelle solide sono
costituite da catrami, particelle di carbonio, nerofumo ed altre sostanze
incombuste presenti specie quando la combustione è incompleta perché
avviene in mancanza di ossigeno e vengono trascinati dai gas caldi della
combustione; le particelle liquide sono costituite essenzialmente da
vapore d’acqua che si forma per evaporazione dell’umidità dei
combustibili, ma soprattutto dalla combustione dell’idrogeno. Tale
vapore d’acqua, quando i fumi si raffreddano al dei sotto di 100 °C,
condensa dando luogo a dei fumi bianchi, mentre i residui solidi, costituiti
da incombusti e ceneri hanno invece colore nero. Il fumo si diffonde con
velocità dell’ordine dei m/s arrecando danni al patrimonio e risulta
pericoloso
per
le
persone
causando
96
difficoltà
di
respirazione,
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
soffocamento e scarsa visibilità ostacolando così sia la fuga delle persone
che l’opera dei soccorritori.
Le fiamme sono costituite dall’emissione di luce conseguente alla
combustione di gas sviluppatisi in un incendio e rappresentare il
principale veicolo dell’incendio permettendone la veloce propagazione
oltreché un pericolo per le persone. In particolare nell’incendio di
combustibili gassosi è possibile valutare dal colore della fiamma
approssimativamente
il
valore
raggiunto
dalla
temperatura
di
combustione [46].
Figura 17 : Scala cromatica delle temperature nella combustione dei gas
2.8
DINAMICA DI SVILUPPO DI UN INCENDIO
Esistono [17],[22],[27],[39],[ [41e 42] due diverse teorie relative alle fasi
di un incendio per quanto riguarda l’andamento della temperatura in
funzione della variabile tempo :
9 la prima suddivide in 3 fasi l’incendio (accensione, incendio vero e
proprio ed estinzione), considerando il flash over (punto culmine
97
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
dell’accensione) come il punto finale della prima fase ovvero il
passaggio dalla fase di accensione a quella di incendio vero e
proprio;
9 la seconda individua 4 fasi (propagazione, flash over, incendio
vero e proprio, estinzione) e considera il flash over una fase vera e
propria.
Per motivi di chiarezza mi sembra opportuno considerare la
schematizzazione in 4 fasi.
Figura 18 : Diagramma temperatura tempo dell' incendio
La prima fase, susseguente all’innesco, è detta
di ignizione (o di
sviluppo o di prima propagazione e talvolta anche di induzione o covante)
e il diagramma della temperatura T in funzione del tempo t presenta un
andamento
rettilineo
indicante
un
aumento
della
temperatura
proporzionale al trascorrere del tempo, ciò è dovuto fondamentalmente ad
un ambiente freddo in cui il calore viene disperso e a quantità di calore
prodotte
che
risultano
modeste
per
effetto
della
dispersione,
dell’evaporazione dell’ umidità dei combustibili solidi e per la cessione
98
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
del calore al combustibile e alle strutture. L’inclinazione della retta e
quindi
la
velocità
dell’aumento
di
temperatura
dipende
dalle
caratteristiche chimiche della sostanza, dalla disposizione delle sostanze
combustibili e presenza di discontinuità che ostacolano la propagazione,
dallo stato di suddivisione del materiale, dalle condizioni di ventilazione.
La maggior parte del calore prodotto dal focolaio di incendio è assorbita
dai materiali circostanti per cui il fuoco può impiegare tempi anche molto
lunghi prima di propagarsi all’intorno e sfociare in un incendio vero e
proprio. Affinché i materiali solidi brucino, occorre infatti provocare
innanzitutto l’evaporazione dell’umidità contenuta dopodiché verrà
indotta la pirolisi, per cui la temperatura stazionerà per il tempo
occorrente alla evaporazione su temperature di poco superiore ai 100 °C,
poi eliminata l’umidità, la temperatura aumenta. In questa fase le
temperature sono piuttosto basse, con l’ incendio che inizia con emissione
di aerosol invisibili, avvertibili all’olfatto (puzza di bruciato) o con
specifici rivelatori d’incendio. Successivamente inizia l’emissione di
fumo visibile, seguito da emissione di piccole fiamme, che poi divengono
sempre più vivaci ma il fuoco non risulta esteso a tutto il sistema, i danni
sono lievi, lo spegnimento dell’incendio è facilmente ottenibile attraverso
un intervento dei soccorritori non pericoloso e le persone presenti
possono tranquillamente porsi in salvo. Tale prima fase di sviluppo può
essere brevissima, ma può anche durare per tempi lunghi (minuti o ore),
in dipendenza delle caratteristiche del combustibile e dell’ambiente.
La seconda fase, di passaggio dalla fase di prima propagazione a quella
di propagazione generalizzata, è detta flash over e il diagramma della
temperatura T in funzione del tempo t presenta un andamento
esponenziale indicante un aumento notevole della temperatura in un
breve intervallo di tempo. In questa fase si verifica una notevole
produzione di gas di distillazione che con l’aria dell’ambiente formano
99
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
una miscela infiammabile innescata grazie alla temperatura raggiunta
nella fase iniziale, dando inizio così una combustione in fase gassosa, con
i fuochi conseguenti che aumentano di numero e intensità e temperature
che tendono a uniformarsi nei diversi punti. Si sviluppa in questo modo
una notevole quantità di calore, con temperatura che si innalza
rapidamente (si raggiungono temperature di 600 °C) grazie a una minore
dispersione di calore e a una maggiore velocità di combustione delle
sostanze coinvolte che passa da 0,5 ÷ 1 kg/minuto dell’ inizio
combustione a 15 kg/min dopo il flash over. Questa fase si sviluppa dopo
un tempo dall’accensione variabile da qualche minuto fino a 15 ÷ 20
minuti con normali condizioni di alimentazione dell’aria e fino a 30
minuti per scarsa alimentazione dell’aria. Il flash over è un punto di non
ritorno,
uno
stadio
irreversibile,
visto
che
l’incendio
diventa
incontrollabile e violento e al di là del quale vi è scarsa possibilità che
l’incendio si spenga da solo prima che il combustibile sia esaurito, per cui
è la fase più pericolosa dello sviluppo dell’incendio in quanto qualsiasi
persona si trovasse nel luogo del sinistro non riuscirebbe a sopravvivere a
causa delle condizioni ambientali che si verificano con spegnimento del
fuoco che diventa difficoltoso e pericoloso per i soccorritori, per cui per
contenere i danni occorre intervenire prima del flash over. I soffitti dei
siti interessati dall’incendio e le parti alte delle pareti assorbono calore e
lo irradiano verso il basso e si verifica un effetto feedback per il quale
man mano che procede l’incendio si ripete il processo con il susseguente
riscaldamento dei gas combustibili formatisi e dei materiali presenti. Una
volta raggiunta la temperatura di ignizione tutti i materiali presenti
prendono
fuoco
simultaneamente
con
conseguente
combustione
generalizzata e passaggio alla fase di incendio vero e proprio.
La terza fase è detta fase di incendio vero e proprio (o centrale) in cui l’
incendio manifesta al massimo i suoi elementi caratteristici (fiamme,
100
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
fumo, calore), vede un andamento della temperatura prima crescente
molto rapidamente ed in modo esponenziale e poi più lentamente fino al
raggiungimento della massima temperatura (1100 °C), per poi
stabilizzarsi e successivamente decrescere verso la fase finale
dell’incendio. In caso di incendi di lunga durata la temperatura potrebbe
anche stabilizzarsi qualora i fenomeni termodinamici interni ed esterni
all’ ambiente si stabilizzassero anch’essi. Ciò in realtà è impedito da altre
condizioni come l’azione contrapposta dell’ossigeno dell’aria che da un
lato alimentando la combustione, contribuisce all’innalzamento della
temperatura e dall’altro asporta il calore per convezione, determinando un
raffreddamento dell’ambiente ed abbassamento della temperatura
raggiunta. In questa fase si assiste al coinvolgimento nel processo di
combustione di tutte le sostanze combustibili presenti nell’ambiente e si
possono verificare situazioni che espandono l’ incendio come il
cedimento di strutture, l’irraggiamento termico o la trasmissione del
calore attraverso strutture, tiraggio, fiamme che escono da aperture ed
interessano zone sovrastanti, gas combustibili che non bruciano per
carenza di comburente ma trasportati fuori trovano aria sufficiente
all’innesco, trasporto di particelle incandescenti (faville).
Infine la quarta fase è detta di estinzione (e raffreddamento), dopo un
tempo variabile in dipendenza della quantità del combustibile, del suo
stato di suddivisione e delle condizioni di ventilazione ed a prescindere
da eventuali azioni di spegnimento, la temperatura decresce più o meno
rapidamente a per effetto del minor apporto di calore dovuto all’esaurirsi
del combustibile e alla dissipazione di calore attraverso i fumi e di
fenomeni di conduzione termica e quando la temperatura scende a 300
°C, con tendenza ulteriore a ridursi, l’incendio si considera esaurito.
Vediamo ora l’ influenza che può avere un intervento esterno
sull’incendio per capire anche come può essere organizzato.
101
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
9 un intervento in fase di ignizione determina l’interruzione del
fenomeno e poiché c'è un limitato sviluppo di energia termica,
basterà una limitata energia d'intervento;
9 un' intervento in fase immediatamente successiva al flash over,
risulta inutile, perché la potenza che in quel momento si sta
sviluppando non può essere contrastata da una adeguata potenza
estinguente; anzi trovarsi sul posto proprio al momento del flash
over è cosa abbastanza pericolosa, inoltre può succedere che
aprendo il locale ove già da tempo è stata raggiunta la temperatura
di flash over e quindi è in atto la fase di distillazione, si fornisce
l'ossigeno per l'infiammazione generalizzata;
9 un intervento che avviene durante l'incendio vero e proprio,
determina una caduta più o meno rapida della curva T = f(t) in
dipendenza del rapporto esistente tra la potenza dell'incendio e la
potenza dei mezzi estinguenti. Certamente a quel punto è difficile
conseguire la salvezza delle cose e delle persone coinvolte. Per cui
è necessario disporre di uomini e di mezzi estinguenti in quantità
adeguata a difendere anche le altre strutture attigue per modo che
l'incendio non avanzi per conduzione, convezione o irraggiamento.
Solo dopo essersi assicurati che l’incendio non può progredire è
necessario affrontarlo impiegando con la massima efficacia
possibile le risorse estinguenti disponibili;
9 infine
un intervento che avviene in fase di esaurimento
dell'incendio, abbrevierà solamente la durata di tale fase.
2.8.1
Osservazioni sulla curva T = f(t)
Nella terza fase di incendio vero e proprio [29] si ha un andamento molto
rapido in quanto in essa si verifica il massimo gradiente di temperatura e
102
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
una notevole influenza dell’apporto di ossigeno e della ventilazione ed
infatti se vi è carenza di ossigeno viene ostacolata la formazione della
miscela di vapori e ossigeno con gradiente risultante avente valore non
elevato. Inoltre anche la temperatura massima risulta influenzata dalla
presenza di ossigeno : se un ambiente è poco ventilato si produrrà molto
fumo e le temperature risulteranno più basse, mentre se troppo ventilato
grandi quantità di calore saranno sottratte. Essendo le temperature di
combustione generalmente superiori ai 1000 °C, la temperatura massima
di un ambiente interessato ad un incendio si assume tra 850 °C e 950°C e
una volta raggiunta non potrà essere mantenuta ma tenderà a decrescere
lentamente in quanto si verificano fenomeni di incenerimento che
ostacolano il contatto tra ossigeno e combustibile e rallentano le
vaporizzazioni successive. Pertanto allo stato attuale della ricerca teorica
e sperimentale non risulta possibile individuare delle relazioni che
permettano di prevedere in un incendio reale l’energia termica sviluppata,
la massima temperatura raggiunta nei vari punti dell’ambiente interessato
e la durata effettiva della combustione a causa dei molteplici parametri da
tenere in considerazione e che interessano il fenomeno. Però al fine di
stabilire il minimo grado di resistenza al fuoco che debbano avere le
strutture e i materiali da utilizzare nelle costruzioni per evitare pericoli in
caso di incendio occorre disporre di valori di riferimento delle
temperature massime raggiungibili in un dato ambiente in relazione alla
durata dell’incendio. A tale scopo sono state effettuate delle prove di
incendio in scala reale utilizzando come materiale combustibile legno
asciutto (avente un potere calorifico noto e pezzature calibrate) e
variandone il rapporto fra il peso e la superficie dell’ambiente. In questo
modo sono state ottenute delle famiglie di curve parametriche in cui la
temperatura
massima
ambientale
mostrava
una
tendenza
alla
stabilizzazione con il crescere del quantitativo di combustibile bruciato
103
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
piuttosto che una crescita indefinita. Questa curva, detta curva standard
viene utilizzata nella costruzione di elementi soggetti a rischio incendio e
ad essa bisogna attenersi per la crescita della temperatura nelle prove di
resistenza al fuoco dei materiali.
Figura 19 : Curva standard temperatura-tempo
In realtà [24] essa non deve essere considerata l’andamento effettivo di
un qualsiasi incendio reale in quanto : non fornisce informazioni sulla
fase decrescente dell’incendio, essendo sempre crescente col tempo; non
fornisce indicazioni sulle temperature durante il flashover o quando
partecipano alla combustione materie plastiche combustibili allo stato
espanso; non tiene conto del tiraggio; non fornisce la temperatura media
effettiva di un ambiente colpito da incendio. Sperimentalmente si è notato
che era possibile correlare il peso in chilogrammi per metro quadrato di
legno secco utilizzato per alimentare gli incendi con la loro durata e la
temperatura massima associata a tale durata che veniva fornita dalla curva
temperatura – tempo, per cui noto il quantitativo di legna secca
104
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
impegnata dalla curva standard si può leggere in corrispondenza della
durata dell’incendio la temperatura massima che può instaurarsi.
Figura 20 : Temperatura massima e durata combustione per quantità ideali di legna
Occorre ribadire che si tratta solo di un parametro ideale di riferimento in
quanto nell’incendio reale le cose vanno diversamente. Per la
determinazione del carico incendio risulta necessario :
9 individuare tutti gli elementi combustibili esistenti nel comparto o
ambiente in esame e determinazione dei loro pesi;
9 calcolare il potere calorifico che compete a tutti gli anzidetti
elementi e materiali (ottenibile moltiplicando il loro peso per il
potere calorifico della sostanza con la quale sono stati realizzati,
espressa in kcal);
9 dividere la somma di tutti i valori così ottenuti sia per 4.400
(potere calorifico del legno standard), sia per la superficie dell’
ambiente o comparto considerato, espressa in m2.
La relazione che sintetizza le anzidette operazioni è la seguente:
n
q=
∑ gi ⋅ Hi
i =1
4.400 ⋅ A
105
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
nella quale:
q = carico di incendio in kg di legno/m2;
gi = peso in kg del generico combustibile i;
Hi = potere calorifico superiore del generico combustibile in kcal/kg.
A = superficie, espressa in m2, del locale o comparto del quale si valuta il
carico di incendio.
Essendo la durata di resistenza al fuoco effettiva di un ambiente in
relazione diretta con il carico incendio ossia con la quantità di materiale
combustibile presente sono state individuate, le seguenti sette classi di
resistenza al fuoco : CLASSI: 15 - 30 - 45 - 60 - 90 - 120 – 180 in cui il
numero indicativo di ogni singola classe indica rappresenta sia il carico di
incendio virtuale in kg/m2 di legna standard, sia la durata minima di
resistenza al fuoco, espressa in minuti primi, da richiedere alla struttura o
all'elemento costruttivo. La classe è valutabile con opportune relazioni in
cui compare sia il carico incendio calcolato sia dei coefficienti (tabellati e
graficati) che tengono conto delle condizioni reali di incendio.
2.9
ESTINZIONE DEGLI INCENDI
Per estinzione [19 e 20],[22],[24],[27],[43],{13} si intende il completo e
definitivo spegnimento non solo delle fiamme, parte più evidente del
fenomeno, ma anche delle braci; si può definire come quello stadio da cui
si ha la certezza di non riaccensione dell’incendio anche in assenza di
azioni di controllo. Per conseguire lo spegnimento occorre intervenire sui
fattori che autosostengono la combustione, sconnettendo il triangolo del
fuoco, utilizzato per rappresentare le condizioni che permettono
l’innesco, e rompendone almeno uno dei lati. Questa operazione può
essere effettuata adottando i seguenti sistemi :
9 Separazione (rimozione del combustibile)
106
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
9 Soffocamento (rimozione del comburente)
9 Raffreddamento ( sottrazione di calore)
9 Estinzione chimica o anticatalisi
9 Estinzione meccanica
La separazione consiste nell’ allontanamento del materiale combustibile
dal focolaio dell’incendio; ciò può attuarsi in diversi modi oltre che con
la rimozione delle sostanze, attraverso sistemi che intercettano i flussi dei
fluidi combustibili (liquidi e gassosi) nelle tubazioni, o diluendo i vapori
e gas per portarsi al di fuori del campo di infiammabilità, o trasferendo i
combustibili in contenitori sicuri, infine con l’utilizzo di fasce tagliafuoco
che schermano e isolano opportunamente. Il soffocamento si ottiene o
separando il combustibile dal comburente attraverso l’interposizione fra il
materiale che brucia e l’aria dei mezzi di separazione in modo che
l’ossigeno
dell’aria
non
riesca
ad
alimentare
la
combustione
(interponendo ad esempio o uno strato di schiuma o di sostanze con grado
di reazione al fuoco pari a zero o estinguenti o immettendo acqua
nebulizzata) oppure riducendo la concentrazione del comburente in aria e
quindi diluendo l’ossigeno presente al di sotto del tenore necessario a
sostenere
l’incendio
(immettendo
dei
gas
inerti
o
azoto).
Il
raffreddamento consiste nella sottrarre quanto più calore possibile all’
incendio stesso attraverso l’uso di agenti estinguenti in modo da
abbassare la temperatura al di sotto di quella di accensione necessaria al
mantenimento della combustione. L’ estinzione chimica o anticatalitica
consiste nell’ impiego di sostanze estinguenti a base di idrocarburi
alogenati (fluoro, cloro, bromo, carbonio, iodio) in grado di inibire
chimicamente la combustione in quanto decomponendosi, influiscono
negativamente sui processi di ossidazione e danno luogo all’ arresto delle
reazioni a catena estinguendo dunque l’incendio. Infine l’ estinzione
meccanica consiste nello schiacciamento del combustibile con azione
107
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
meccanica ottenendo così una suddivisione che incrementa la superficie
del materiale da raffreddare. Le operazioni viste possono essere utilizzate
o singolarmente o contemporaneamente e impiegando in funzione della
natura dei combustibili e delle dimensioni del fuoco opportune sostanze
estinguenti.
2.10
LE SOSTANZE ESTINGUENTI
Le principali sostanze estinguenti [16e 17],[26],[44 a 46],{14}
normalmente utilizzate per combattere gli incendi sono:
9 acqua
9 schiuma
9 polveri chimiche
9 gas inerti
9 idrocarburi alogenati
9 sabbia
9 altri
2.10.1
Acqua
L'acqua è l'agente estinguente per eccellenza da sempre utilizzato, ha il
pregio di essere il più economico e tuttora insostituibile essendo anche
facile da reperire ed utilizzabile in grandi quantitativi. La sua funzione è
duplice in quanto serve da un lato a spegnere l'incendio, dall'altro a
contenerne l'espansione ed agisce sull’incendio con azione :
9 di
separazione
(formando
uno
strato
impermeabile
combustibile e aria circostante per cui inibisce la combustione);
108
tra
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
9 di diluizione (formando vapore acqueo che da un lato diluisce
l’ossigeno dell’aria rendendo meno combustibili le sostanze
incendiate e dall’altro esercita anche una azione di soffocamento);
9 di disgregazione (per effetto dell’energia del getto impedisce il
contatto tra combustibile che brucia e quello non ancora bruciato);
9 di raffreddamento (sottraendo calore fino a temperatura al di
sotto di quella di accensione e di quella occorrente al
mantenimento del processo di pirolisi che alimenta le fiamme).
L’acqua è indicata per sostanze solide, sostanze infiammabili più pesanti
dell’acqua o più leggere e miscibili con essa ma non deve essere
impiegata allorquando gli incendi coinvolgono :
9 conduttori in tensione sia perché essendo conduttrice può causare
pericoli di elettrocuzione ma anche per il pericolo di ponti elettrici
dannosi per le apparecchiature a meno che non sia finemente
nebulizzata;
9 sostanze che a contatto con essa rilasciano gas tossici e corrosivi;
9 sostanze che reagiscono in modo violento e pericoloso a contatto
con essa sviluppando sostanze infiammabili ad esempio come il
sodio e potassio che liberano idrogeno, il carburo di calcio che
sviluppa acetilene oppure carburi, magnesio zinco e alluminio ad
alte temperature;
9 materiali fondenti come l’acciaio ad elevata temperatura che
possono proiettare a distanza materiale caldissimo;
9 materiali e apparecchiature di valore che potrebbero danneggiarsi:
9 liquidi a basso punto di infiammabilità e più leggeri dell’ acqua
posti in contenitori aperti che traboccherebbero per l’affondamento
dell’ acqua stessa.
Se nebulizzata (sistemi water mist), cioè finemente suddivisa in
minutissime goccioline per effetto dell’alta pressione offre rendimenti
109
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
superiori ai getti pieni e consente di operare sia in vicinanza di
componenti elettrici sotto tensione che su alcuni liquidi infiammabili.
Con l’aggiunta di additivi solubili che migliorano le capacità bagnanti si
può migliorare la sua capacità penetrativa e l’efficacia di estinzione su
incendi di classe A e B1 mentre con alcuni prodotti ritardanti se ne
possono prolungare gli effetti impedendo e ritardando l’ignizione.
2.10.2
Schiuma
Poiché l’acqua non estingue gli incendi di liquidi infiammabili aventi
peso specifico inferiore si è pensato di alleggerire l’acqua miscelandola
con dei composti che formino bolle d’aria o altro gas ottenendo la
cosiddetta schiuma antincendio che è quindi un emulsione di aria con una
soluzione acquosa di schiumogeni. Per la produzione occorre prima
miscelare acqua con un liquido schiumogeno, che costituiscono la
soluzione schiumogena, e successivamente miscelare quest’ultima con
aria. Solitamente si individuano due tipi fondamentali di schiume :
9 chimiche formate dall’anidride carbonica sviluppata dalle reazioni
chimiche di sali alcalini in soluzione ed acidi e in presenza di
appropriati agenti schiumogeni;
9 meccaniche formate dall' inglobazione meccanica di aria in una
soluzione schiumogena.
Si definisce rapporto di espansione RE il rapporto tra il volume di
schiuma prodotta e quello della soluzione schiumogena di partenza ossia
i litri di schiuma ottenuti da un litro di schiumogeno ed in base a questo si
suole suddividere le schiume in :
9 schiume a bassa espansione con 1<RE<20 adatte per incendi di
liquidi infiammabili e anche per materiali solidi agiscono
formando una coltre sui materiali incendiati; vengono suddivise in
110
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
classi a seconda del tempo di estinzione e livelli a seconda della
resistenza alla riaccensione:
9 schiume a media espansione con 20<RE>200 usate per grandi
superfici all’aperto o locali;
9 schiume ad alta espansione con RE>200 usate per ambienti di
grandi volumi in cui non è possibile accedere a causa del fumo e
dell’ atmosfera irrespirabile e rovente e per essere efficaci devono
riempire tutto il volume.
In base alla composizione chimica gli schiumogeni si distinguono in :
9 proteinici derivati da materiali proteinici idrolizzati combinati con
stabilizzanti della schiuma e additivi utilizzati in soluzione
acquosa al 3-6% essenzialmente su incendi di prodotti petroliferi
(idrocarburi);
9 fluoro proteinici ottenuti da soluzioni a base proteinica con
l'aggiunta di tensioattivi fluorurati, utilizzati per incendi di
idrocarburi, la schiuma ottenuta è più scorrevole della proteinica
ed è autosigillante, tende cioè a ricomporre la coltre formata nelle
zone dove viene rotta;
9 sintetici formati da miscela di tensioattivi sintetici solubili in
acqua, derivati da idrocarburi, con eventuali stabilizzanti
addizionali utilizzati in soluzione acquosa al 3-6% sono in grado di
produrre in tempi brevi grandi volumi con piccole quantità di
acqua ma sono sensibili alle correnti di aria per cui adatti nel
sottosuolo;
9 filmanti formati da miscela di tensioattivi a base idrocarburica, o
proteinica e tensioattivi fluorurati, sono denominati AFFF
(aqueous film forming foam); sono impiegati per la formazione di
schiuma a bassa e media espansione, in grado di formare una
pellicola continua acquosa sulla superficie degli idrocarburi che
111
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
tende a ricomporsi se lacerata autocicatrizzando le proprie
lacerazioni impedendo il rilascio di vapori dalle superfici ricoperte
e impedendo le riaccensioni abbattute le fiamme;
9 solventi polari o alcoli resistenti composti da liquido proteinico
che grazie a particolari additivi formano bolle resistenti ai solventi
polari (alcoli, eteri, acetone).
Le schiume una volta formate e versate sulle superfici incendiate formano
una coltre continua, grazie alle forze di attrazione si esercitano tra le
pellicole delle bolle, che isola le sostanze combustibili rispetto
all’ossigeno dell’aria, raffredda le superfici, soffoca le fiamme, satura
cavità piene d’aria, protegge e coibenta i materiali, impedisce
evaporazioni di liquidi ed infine estingue.
In definitiva la schiuma è indicata per incendi di liquidi infiammabili e
controindicata per conduttori elettrici in tensione, per incendi di classe C
(gas), per prodotti che reagiscono violentemente e in maniera pericolosa
con l'acqua (carburo di calcio che sviluppa acetilene, sodio e potassio che
producono idrogeno, magnesio, zinco ed alluminio ad elevata
temperatura che sviluppano gas infiammabili).
2.10.3
Polveri chimiche
Le polveri estinguenti sono miscele di particelle solide finemente
suddivise costituite da sali organici, da sostanze naturali o da sostanze
sintetiche che possono essere proiettate, mediante l’uso di gas propellenti
in pressione e attraverso appositi erogatori sulle fiamme.
L’azione di spegnimento avviene :
9 per separazione del combustibile dall’aria per formazione di una
coltre che soffoca la combustione;
112
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
9 per diluizione della percentuale di ossigeno dell’aria a causa della
diffusione dei grani di polvere e dell’anidride carbonica prodotta a
contatto con le fiamme;
9 per raffreddamento del combustibile a causa dell’assorbimento
seppur modesto da parte della polvere del calore della reazione;
9 per catalisi negativa delle singole reazioni poiché a causa della
formazione di alcuni prodotti intermedi, come i radicali liberi, si
determina il rallentamento e l’arresto della reazione di
combustione.
Le polveri più usate sono a base di bicarbonato di sodio NAHCO 3 cui
vengono aggiunti agglomeranti e sostanze favorenti la fluidità nel tempo
e consentono lo spegnimento dei liquidi infiammabili e di gas, possono
essere impiegate su apparecchiature elettriche sotto tensione ma non sono
efficaci sugli incendi di materiali solidi non essendo in grado di eliminare
le braci incandescenti e raffreddare a sufficienza per cui esaurita la
polvere l’incendio può riprendere facilmente. Altri tipi di poveri dette
polivalenti o universali vengono utilizzate per incendi di classe A (solidi)
mentre quelle dette speciali sono destinate a usi specifici.
2.10.4
Gas inerti :
1) Anidride carbonica
L’anidride carbonica è un gas inerte, incombustibile e incomburente,
perfettamente dielettrico, pesante 1,53 volte più dell’ aria, conservato in
serbatoi sotto pressione e allo stato liquido essendo facilmente
liquefattibile alle temperature ordinarie con pressioni di 50 bar, non
tossico, ha il pregio di estinguere gli incendi senza lasciare residui sui
materiali investiti né operare danneggiamenti ma diventa pericoloso in
luoghi chiusi senza le adeguate precauzioni, essendo asfissiante in quanto
riduce il contenuto di ossigeno, per cui prima dell’ immissione
113
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
nell’ambiente interessato dall’incendio è necessario l’esodo delle
persone. I recipienti devono essere resistenti alle alte pressioni e provati
ad almeno 250 bar in quanto come per tutti i gas la pressione che esercita
cresce con la temperatura (ed infatti mentre a 20 °C la pressione è di 50
bar, a 40 °C è già di 140 bar) per cui i recipienti sono molto pesanti e
devono essere muniti di dispositivi di sicurezza contro pericolose
sovrapressioni e proteggerli dalla corrosione che può provocare se
contiene tracce di acqua. Il dispositivo terminale degli erogatori di CO 2 è
costituito solitamente da un tromboncino, di materiale non metallico,
conico per favorire l’erogazione, la formazione di neve carbonica e
l’avvicinamento al focolaio di incendio con buona visibilità. Conservata
quindi liquida ha la caratteristica, non appena posta in contatto con l’aria,
di passare allo stato di vapore, per i due terzi, espandendosi di circa 350
volte, penetrando nelle cavità ed esplicando azione soffocante e di
raffreddamento, mentre il terzo restante solidifica e diffonde nell’aria
sotto forma di minutissime particelle (fiocchi bianchi), detti neve
carbonica (-57°C), che assume poi forma compatta e dura raffreddandosi
ulteriormente (ghiaccio secco –79 °C). Può essere usato in qualsiasi tipo
di incendio (fuochi di classe A,B,C) compreso quello di apparecchiature
elettriche sotto tensione, ma non spegne la brace e fuochi di classe D, non
è utilizzabile su apparecchiature sensibili a bruschi raffreddamenti, con
idruri metallici, con prodotti contenenti l'ossigeno necessario per la
combustione, o in presenza di cianuri alcalini (dando luogo con questo ad
acido cianidrico, un gas molto tossico) ed è poco efficace in luoghi aperti.
L'azione estinguente avviene per :
9 soffocamento : in quanto essendo più pesante dell’aria tende ad
avvolgere i materiali ostacolando la combustione;
114
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
9 raffreddamento : in quanto l'espansione in fase di scarica,
provoca un brusco abbassamento della temperatura per effetto del
passaggio da liquido a gas;
9 diluizione : riducendo la concentrazione d'ossigeno nell'aria al di
sotto del limite di mantenimento della combustione;
9 inibizione : per effetto delle particelle solide di neve carbonica e
di ghiaccio secco che agiscono così come le polveri inibendo la
combustione.
2) Argon
L’argon è un gas inerte, incolore, inodore, non tossico, dielettrico,
ecologico, ad impatto ambientale nullo, non da luogo a residui e
corrosione che agisce per riduzione della concentrazione di ossigeno e
viene utilizzato per incendi di materiali liquidi, solidi ed elettrici ed
elettronici in particolare.
3) Azoto
Anch’ esso un gas inerte, inodore ed ecologico non avendo effetti sulla
distruzione dell’ozono atmosferico, dielettrico, non lascia residui, non
danneggia i materiali, non dannoso per le persone, agisce diluendo
l’ossigeno così da far cessare la combustione e portando al di fuori dei
limiti di infiammabilità e viene usato per lo spegnimento di materiali
solidi,liquidi ed elettrici.
2.10.5
Idrocarburi alogenati
Si definiscono idrocarburi alogenati o alocarburi o halon derivati
fluorurati, clorurati, bromurati e iodurati di idrocarburi saturi (in cui gli
atomi di idrogeno sono stati sostituiti parzialmente o totalmente con
atomi di cloro, bromo o fluoro e iodio). Questi composti hanno eccellenti
115
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
proprietà estinguenti, consentono la riutilizzazione degli oggetti dopo
l’estinzione, non sono corrosivi, si conservano allo stato liquido e sono
facilmente vaporizzabili, richiedono piccole quantità per estinguere ed
agiscono per inibizione delle reazioni a catena della combustione. I più
noti sono il bromotrifluorometano CBrF 3 o Halon 1301 (i numeri della
sigla dell’ halon indicano nell’ordine il numero di atomi di carbonio,
fluoro, cloro, bromo e iodio contenuti nella molecola) o BTM, il
bromoclorodifluorometano CBrF 2 Cl o Halon 1211 o BCF, il
dbromotetrafluoroetano C 2 Br 2 F 4 o Halon 2402 o fluorbrene. In realtà
poiché a tali sostanze è stata attribuita la responsabilità del progressivo
deterioramento della fascia di ozono che preserva la terra dalle radiazioni
solari con la legge n°549 del 28/12/1993 modificata dal D.L. 10 /02/1996
e dalla legge n°179 del 16/06/1997 sono state emanate norme per la
dismissione, il recupero, il riciclo, la rigenerazione e la distruzione degli
halon. Successivamente con il D.M. del 3/10/2001 è stato vietato l’uso
degli halon tranne che in alcuni casi come negli aerei, imbarcazioni e
mezzi militari e piattaforme petrolifere. Per effetto di queste disposizioni
si è reso necessario sostituirli negli impianti già in uso, con altri agenti
estinguenti che sebbene più costosi non si sono rivelati altrettanto efficaci
e che possono essere raggruppati nella famiglia dei “Clean Agent” [44]
che non rilasciano alcun tipo di residuo, divisi un due categorie : gli
halocarbon costituiti da singoli idrocarburi alogenati o da miscele di
questi utilizzati allo stato di gas liquefatti e gas inerti compressi. Il
processo di estinzione dei Clean Agents si basa su tre meccanismi che
evitano l’ autosostentamento degli incendi :
9 fisico con la diluizione dell’ossigeno e conseguente riduzione della
produzione di calore e soffocamento della fiamma;
116
Capitolo 2 : Chimica - fisica dell’incendio
9 chimico con la decomposizione dell’agente estinguente in
presenza di elevato calore e formazione di radicali liberi che
catturano ossigeno e bloccano la reazione di combustione;
9 chimico-fisico con incremento della capacità termica dell’
ambiente e quindi della quantità di energia necessaria per innalzare
la temperatura dell’aria comburente a quella delle fiamme.
A differenza degli halocarbons che utilizzano tutti e tre i meccanismi, i
gas inerti non utilizzano il meccanismo prettamente chimico per cui
riducono la concentrazione di ossigeno e incrementano la capacità
termica dell’aria. Possono essere o a saturazione totale cioè basati sulla
scarica dell’agente in tutto il volume oppure ad applicazione localizzata
anche se questi sono trascurati a livello tecnologico. Sono adatti per
apparecchiature elettriche, incendi di classe B e A con combustione
superficiale mentre mal si prestano al controllo di incendi di classe A con
formazione di brace.
2.10.6
Altri
Infine esistono anche alcuni sistemi innovativi ancora non adeguatamente
normati :
9 i sistemi aerosol che utilizzano una sospensione fine di particelle
aventi la consistenza di una sottilissima polvere che inibisce
chimicamente la combustione;
9 i sistemi a riduzione del tasso di ossigeno che si basano sul
principio della riduzione dell’ossigeno nell’aria basandosi sul
principio che la combustione risulta impossibile in presenza di
concentrazioni di ossigeno inferiore al 15%.
117
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
Capitolo 3
La prevenzione incendi degli autobus
3.1
FONDAMENTI DI PREVENZIONE INCENDI
La sicurezza antincendio ha come obiettivi fondamentali la salvaguardia
dell’incolumità delle persone e la tutela dei beni e dell’ambiente,
mediante il conseguimento, attraverso misure tecniche ed organizzative,
dei seguenti obiettivi primari :
9 la riduzione al minimo delle occasioni di incendio;
9 la stabilità delle strutture portanti per un tempo utile ad assicurare
il soccorso agli occupanti;
9 la limitata produzione di fuoco e fumi all'interno delle opere e la
limitata propagazione del fuoco alle opere vicine:
9 la possibilità che gli occupanti lascino l'opera indenni o che gli
stessi siano soccorsi in altro modo;
9 la possibilità per le squadre di soccorso di operare in condizioni di
sicurezza.
La sicurezza contro il fuoco ha sollecitato lo sviluppo di molti standard
specifici, nazionali ed internazionali, indirizzati praticamente ad ogni
campo (materiali, norme costruttive, ecc.), tuttavia essa non può essere
limitata ad una lista di standard o ad un insieme di formule e procedure:
un concetto di sicurezza in termini globali, su misura dello specifico
rischio e delle condizioni esistenti può essere, tra le altre cose,
l’individuazione degli obiettivi e la determinazione dei livelli di rischio
accettabili.
118
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
A tal fine la legge 577 del 29/07/1982 definisce con il termine
Prevenzione Incendi quella materia che studia tutti i provvedimenti atti a
prevenire, segnalare ed estinguere un incendio o ridurne la propagazione,
compresi quelli per la salvaguardia delle persone, la preservazione dei
beni e la tutela dell’ambiente [15 e 16],[39],{15}. L’articolo 3 della
predetta legge stabilisce invece i criteri di prevenzione, stabilendo che le
norme debbono specificare :
9 misure, accorgimenti, provvedimenti intesi a ridurre la probabilità
dell’insorgere dell’incendio quali dispositivi, sistemi, procedure di
svolgimento di determinate operazioni atte ad influire sulle
sorgenti di ignizione, sul materiale combustibile o sull’ agente
ossidante;
9 misure, provvedimenti ed accorgimenti operativi atti a limitare le
conseguenze
dell’incendio
quali
sistemi,
dispositivi
e
caratteristiche costruttive, sistemi per le vie di esodo di emergenza,
impianti compartimentazioni e simili;
9 misure antincendio predisposte a cura dei titolari di attività aventi
notevoli livelli di rischi.
Si intuisce che i provvedimenti sono innumerevoli
e si possono
suddividere, a seconda dello scopo che si prefiggono in due specie : la
prevenzione propriamente detta che mira a ridurre la probabilità
dell’insorgere dell’incendio e la protezione che mira a ridurre i danni una
volta che l’incendio si sia manifestato. Alcuni autori definiscono
{16},[47],
anche una prevenzione primaria, che tratta i problemi
concernenti la salvaguardia della vita umana e una prevenzione
secondaria che tratta i problemi della sicurezza e contenimento danni al
fine di un ottimizzazione degli investimenti nei sistemi di protezione. In
un problema di prevenzione incendi, in fase di progetto non è possibile
ovviamente adottare tutti i provvedimenti anche perché alcuni possono
119
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
essere non necessari o perché sostituiti da altre precauzioni compensative,
ma bisogna ragionare in termini di rischio.
3.2
IL RISCHIO INCENDIO
Il rischio di ogni evento incidentale (l'incendio nel nostro caso) definito
dal D.M. del 10/03/98 come la probabilità che sia raggiunto il livello
potenziale di accadimento di un incendio e che si verifichino
conseguenze dell’incendio sulle persone presenti, risulta individuato,
attraverso un modello matematico, da due fattori:
9 La frequenza con cui si verifica l’incendio ipotizzato, cioè la
probabilità che l'evento si verifichi in un determinato intervallo di
tempo (numero di accadimenti nel tempo n/t).
9 La magnitudo, cioè l'entità delle possibili perdite e dei danni
conseguenti al verificarsi dell'evento.
da cui ne deriva la definizione di rischio R = F x M cioè Rischio =
Frequenza x Magnitudo. Il rischio (possibilità di danni a persone e cose) è
rappresentabile graficamente [24],{17},[49 a 51] attraverso una curva nel
piano cartesiano avente in ascissa la frequenza e in ordinata la magnitudo
e vista la natura probabilistica, è impossibile da annullare essendo il
rischio zero solo ipotetico risulta quindi sempre maggiore di zero ed
anche perché raggiungere valori molto bassi (agendo su alcuni fattori
come gli elementi combustibili in primo luogo) significherebbe
sopportare un notevole impegno economico o imporre delle limitazioni di
esercizio praticamente inattuabili, per cui ne deriva che c’è sempre una
parte di rischio non coperta che si definisce margine di rischio residuo. I
provvedimenti minimi da adottare al fine di ridurre entro limiti accettabili
il rischio d’incendio dovrebbero essere stabiliti da apposite norme ed in
mancanza di queste occorrerà eseguire un accurato studio per la
120
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
valutazione dei possibili rischi e per stabilire i necessari provvedimenti
cautelativi di prevenzione incendi. Tali provvedimenti, da adottare
sempre in prospettiva non irragionevolmente pessimistica ma sensata e
responsabile, che contemperi le finalità della prevenzione incendi con le
esigenze funzionali e costruttive del veicolo, non potranno comunque
garantire in modo assoluto il non verificarsi dell’incendio e in circostanze
eccezionali e fortunatamente rare, che possano crearsi situazioni di
pericolo provocate dal fuoco per l’incolumità delle persone e delle cose.
Figura 21 : Grafico del rischio
Ogni punto appartenente ad ogni singola curva ha lo stesso valore di
rischio, ne deriva che esiste una classe di parametri a “rischio
equivalente” o in altri termini esiste una classe di parametri che associano
all’ attività un grado di “sicurezza equivalente”; variando in modo
decrescente entrambi i parametri del rischio, o almeno uno di essi, si
perviene ad una classe di rischio inferiore con la conseguente
“mitigazione” del rischio (strutture resistenti al fuoco, impianti di
spegnimento e rilevazione); variando in modo crescente entrambi i
121
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
parametri del rischio, o almeno uno di essi, si perviene ad una classe di
rischio superiore con la conseguente “alterazione” del rischio (strutture
non resistenti al fuoco, ambienti privi di impianti di spegnimento e di
rilevazione, mancata applicazione di una prescrizione tecnica rivolta alla
sicurezza). Il rischio viene suddiviso dal D.M. del 10 /03/98, a seconda
che nell’ambiente o attività, in tre livelli :
9 basso : se sono presenti sostanze non infiammabili, vi sono scarse
possibilità di principi di incendio e nel caso di incendio vi è scarsa
probabilità di propagazione;
9 medio : se sono presenti sostanze infiammabili, sono presenti le
condizioni che possono favorire gli incendi ma vi è limitata
probabilità di propagazione degli stessi;
9 elevato : se sono presenti sostanze altamente infiammabili, vi sono
grandi probabilità di sviluppo di incendi e di propagazione.
Lo scopo che ci si pone è di ridurre il rischio incendio a un valore
accettabile, riducendo quindi la probabilità di insorgenza dell’incidente
oppure che si verifichino i minori danni possibili attraverso l’adozione di
misure preventive e protettive. Dalla formula del rischio (d'incendio)
appare evidente che quanto più si riducono la frequenza o la magnitudo,
o entrambe, tanto più si ridurrà il rischio. Attraverso un analisi del rischio ci
si propone quindi come obiettivo generale di abbattere la curva del rischio
al di sotto del rischio accettabile, per fare questo bisogna individuare il
livello del rischio, associato ai pericoli di situazioni identificate, attraverso
valutazioni che possono essere sia di tipo qualitativo che quantitativo o
semiquantitativo. Ad esempio si potrebbe attribuire alla probabilità di
accadimento un valore da 1 a 4 secondo la seguente tabella a seconda del
livello di sorpresa che l’evento provocherebbe :
122
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
Tabella 18 : Scala graduata semiquantitativa della probabilità di accadimento
Valore Livello
4
Altamente probabile
3
Probabile
2
Poco probabile
1
Improbabile
e alla gravità del danno un valore da 1 a 4 a seconda della reversibilità o
meno del danno secondo la seguente tabella :
Tabella 19 : Scala graduata semiquantitativa della gravità del danno
Valore Livello
4
Gravissimo
3
Grave
2
Medio
1
Lieve
Dopodiché moltiplicando tra loro i due valori si ottiene un indice di
Priorità arbitrario variabile da 1 a 16 che aiuta a identificare la necessità e
l’urgenza di adottare eventuali provvedimenti atti a rimuovere e/o
attenuare il rischio incendio :
Tabella 20 : Matrice di valutazione del rischio
4
8
12
16
3
6
9
12
2
4
6
8
1
2
3
4
Pertanto a seconda del valore del rischio ottenuto si attueranno delle
azioni correttive da programmare nella maniera seguente :
123
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
9 R = 1 con minore urgenza;
9 2<R<3 a breve – medio termine;
9 4<R<8 con urgenza;
9 R>8 indilazionabili.
Nel diagramma che segue è stata graficamente rappresentata la possibilità
di controllare e gestire un rischio di incendio inaccettabile attraverso
l’adozione di misure di tipo Preventivo o di tipo Protettivo.
Figura 22 : Controllo e gestione del rischio
L'attuazione di tutte le misure per ridurre il rischio mediante la riduzione
della sola frequenza (probabilità dell’insorgere dell’incendio) e quindi
tese ad evitare che l’ incendio possa insorgere viene comunemente
chiamata "prevenzione" e determinano traslazioni verso il basso della
curva del rischio, mentre l'attuazione di tutte le misure mediante la
riduzione della sola magnitudo (del danno) e quindi tese a ridurre le
conseguenze dannose dell’incendio viene, invece, chiamata "protezione"
che determina una traslazione della curva del rischio a sinistra. Nel primo
caso per ridurre la probabilità bisogna individuare i fattori di rischio per
persone o cose, valutarne il livello di rischio ed eliminarne le cause e in
primis eliminando le sorgenti di ignizione, si tratta quindi di quelle azioni
124
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
o divieti da osservare onde scongiurare una combustione allo stato
potenziale; nel secondo caso, una volta verificatosi l’evento, al fine di
contenere entro i limiti le energie liberate dall’incendio, bisogna
modificare le condizioni di propagazione dell’onda di combustione
creando difficoltà nella combustione, rilevando inoltre l’incendio nel
minor tempo possibile per agire prima del flashover consentendo
l’evacuazione delle persone. In particolare le misure di Protezione
Antincendio possono essere di tipo ATTIVO o PASSIVO, a seconda che
richiedano o meno un intervento di un operatore o di un impianto per
essere attivate. Ovviamente le azioni Preventive e Protettive non devono
essere considerate alternative ma complementari tra loro nel senso che,
concorrendo esse al medesimo fine, devono essere intraprese entrambe
proprio al fine di ottenere risultati ottimali. Infine gli obiettivi della
Prevenzione Incendi devono
essere ricercati
anche con Misure di
esercizio in quanto il miglior progetto di sicurezza può essere vanificato
da chi lavora nell’ambiente, se non vengono applicate e tenute nella
giusta considerazione le Misure precauzionali di esercizio per cui nella
seguente figura segue una schematizzazione di quanto detto finora.
Figura 23 : La Prevenzione incendi
125
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
3.3
LA PREVENZIONE PROPRIAMENTE DETTA
Le principali misure di prevenzione incendi [20],[39],{15},[52],
finalizzate alla riduzione della probabilità di accadimento di un incendio,
possono essere individuate in:
9 Realizzazione di impianti elettrici a regola d'arte ( Norme
CEI ) : gli incendi dovuti a cause elettriche ammontano a circa il
30% della totalità di tali sinistri. Pertanto appare evidente la
grande importanza che deve essere data a questa misura di
prevenzione che, mirando alla realizzazione di impianti elettrici a
regola d'arte, consegue lo scopo di ridurre drasticamente le
probabilità d'incendio, evitando che l’impianto elettrico costituisca
causa d’innesco. Numerosissima è la casistica delle anomalie degli
impianti elettrici le quali possono causare principi d'incendio: corti
circuiti,
conduttori
flessibili
danneggiati,
contatti
lenti,
surriscaldamenti dei cavi o dei motori, guaine discontinue,
mancanza di protezioni, sottodimensionamento degli impianti,
apparecchiature di regolazione mal funzionanti ecc.
9 Collegamento elettrico a terra di impianti : la messa a terra
di
impianti
ed
apparecchiature
altre
possa
strutture
verificarsi
impedisce
l'accumulo
che
di
su
tali
cariche
elettrostatiche prodottesi per motivi di svariata natura (strofinio,
correnti vaganti ecc.). La mancata dissipazione di tali cariche
potrebbe causare il verificarsi di scariche elettriche anche di
notevole energia le quali potrebbero costituire innesco di eventuali
incendi specie in quegli ambienti in cui esiste la possibilità di
formazione di miscele di gas o vapori infiammabili.
9 Dispositivi di sicurezza degli impianti di distribuzione e di
utilizzazione delle sostanze infiammabili : al fine di prevenire
126
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
un incendio gli impianti di distribuzione di sostanze infiammabili
vengono dotati di dispositivi di sicurezza di vario genere quali ad
esempio: termostati, pressostati, interruttori di massimo livello,
termocoppie, dispositivi di allarme, sistemi di saturazione
(immissione dell’aria dal fondo dei serbatoi che successivamente
gorgoglia attraverso il liquido così da saturarsi di vapori) e sistemi
di inertizzazione (introduzione al di sopra del pelo libero del
liquido infiammabile, anziché di aria, di un gas inerte che
impediscano la formazione di miscele infiammabili vapori-aria,
etc.
9 Ventilazione dell’ ambiente : la ventilazione naturale o
artificiale di un ambiente dove possono accumularsi gas o vapori
infiammabili evita che in esso possano verificarsi concentrazioni al
di sopra del limite inferiore del campo d'infiammabilità.
Naturalmente nel dimensionare e posizionare le aperture o gli
impianti di ventilazione è necessario tenere conto sia della
quantità che della densità dei gas o vapori infiammabili che
possono essere presenti.
9 Riduzione del carico incendio attraverso l’ utilizzazione di
materiali incombustibili e più difficilmente infiammabili :
quanto più é ridotta la quantità di strutture o materiali
combustibili presente in un ambiente tanto minori sono le
probabilità che possa verificarsi un incendio. Pertanto potendo
scegliere tra l'uso di diversi materiali dovrà sicuramente essere
data la preferenza a quelli che, pur garantendo analoghi risultati
dal punto di vista della funzionalità e del processo produttivo,
presentino caratteristiche di incombustibilitá.
127
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
9 Adozione di elementi antiscintilla : tali provvedimenti risultano
di indispensabile adozione qualora nell’ ambiente sia prevista la
presenza di gas, polveri o vapori infiammabili.
9 Segnaletica di sicurezza.
3.4
LE MISURE PRECAUZIONALI DI ESERCIZIO
L’obiettivo principale dell’adozione di misure precauzionali di esercizio
[40] è quello di permettere, attraverso una corretta gestione, di non
aumentare il livello di rischio reso a sua volta accettabile attraverso misure
di prevenzione e di protezione. Le misure precauzionali di esercizio si
realizzano attraverso:
9 Analisi delle cause di incendio più comuni : Molti incendi
possono essere prevenuti richiamando l'attenzione del personale
sulle cause e sui pericoli di incendio più comuni.
9 Informazione e Formazione antincendi : è fondamentale che i
lavoratori conoscano come prevenire un incendio e le azioni da
attuare a seguito di un incendio. E' obbligo del datore di lavoro
fornire al personale una adeguata informazione e formazione al
riguardo dei rischi di incendio legati all'attività svolta, le misure
di prevenzione e di protezione incendi adottate (ubicazione
estintori e vie di uscita, modalità di aperture porte in caso di
emergenza) e le procedure da adottare in caso di incendio
(azioni da attuare quando si scopre un incendio o quando si sente un
allarme, come azionare l’ allarme, procedure di evacuazione,
modalità di chiamata dei vigili del fuoco). In particolare gli addetti
alla manutenzione e gli autisti, essendo i più esposti ai rischi incendi
devono ricevere all’atto dell’assunzione, una specifica formazione
128
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
antincendio così da essere aggiornati sulle misure di sicurezza,
azioni da adottare e procedure di evacuazione, partecipando anche
ad esercitazioni antincendio da effettuare almeno una volta l’anno
per mettere in pratica le procedure di esodo e di primo intervento.
Successive esercitazioni andranno messe in atto non appena si
rilevino serie carenze o per effetto di una modifica nel rischio
incendio come ad ex per l’utilizzo di autobus diversamente
alimentati in seguito ad ammodernamento del parco veicoli.
9 Controlli degli ambienti di lavoro e delle attrezzature : è
opportuno che vengano effettuati, da parte di incaricati regolari
verifiche (con cadenza predeterminata) degli autobus finalizzati ad
accertare il mantenimento delle misure di sicurezza antincendio,
per cui si effettuerà un’ operazione di “Sorveglianza” consistente
in un controllo visivo, che può essere effettuato dal personale
normalmente presente dopo aver ricevuto adeguate istruzioni, atto
a verificare che le attrezzature e gli impianti antincendio siano
nelle normali condizioni operative, siano facilmente accessibili e
non presentino danni materiali accertabili tramite esame visivo e in
un “Controllo periodico” consistente in un insieme di operazioni
da effettuarsi con frequenza almeno semestrale, per verificare la
completa e corretta funzionalità delle attrezzature e degli impianti.
9 Manutenzione ordinaria e straordinaria : scopo dell’attività di
controllo e manutenzione, che deve essere eseguita da personale
competente e qualificato, deve essere quello di rilevare e
rimuovere qualunque causa, deficienza, danno od impedimento
che possa pregiudicare il corretto funzionamento ed uso del
veicolo o dei presidi antincendio per cui devono essere oggetto di
regolari verifiche: gli impianti per l'estinzione e per la rilevazione e
l'allarme degli incendi, gli impianti elettrici, gli impianti a rischio
129
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
specifico, lo stato delle tubazioni dei fluidi combustibili e
l’integrità delle coibentazioni degli elementi soggetti ad elevate
temperature. La manutenzione dovrà essere sia di tipo “ordinaria”
che si attua quindi
in loco, con strumenti ed attrezzi di uso
corrente, limitandosi a riparazioni di lieve entità che necessitano
unicamente di minutorie e comporta l'impiego di materiali di
consumo di uso corrente o la sostituzione di parti di modesto
valore espressamente previste o “straordinaria” che quindi non
può essere eseguita in loco o che, pur essendo eseguita in loco,
richiede mezzi di particolare importanza oppure attrezzature o
strumentazioni particolari o che comporti sostituzioni di intere
parti di impianto o la completa revisione o sostituzione di
apparecchi per i quali non sia possibile o conveniente la
riparazione.
Nella figura seguente si riporta un o schema complessivo delle misure di
Prevenzione Antincendio :
Figura 24 : La prevenzione Antincendio
130
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
3.5
LA PROTEZIONE ANTINCENDIO
La protezione antincendio consiste nell’insieme delle misure finalizzate
alla riduzione dei danni conseguenti al verificarsi di un incendio, agendo
quindi sulla Magnitudo dell’evento incendio, attraverso un controllo e
contenimento della propagazione e una limitazione delle energie prodotte
nello spazio e nel tempo [40],[52]. Gli interventi si suddividono in misure
di protezione attiva o passiva in relazione alla necessità o meno dell’
intervento di un operatore o dell’azionamento di un impianto.
Figura 25 : La Protezione incendi
3.6
LA PROTEZIONE ATTIVA
Figura 26 : La Protezione Attiva
131
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
La protezione attiva [20],[39],{15 e 16},[53], è l’ insieme delle misure
di protezione che anche se previste in sede di progettazione, agiscono a
incidente avvenuto e richiedono l’azione di un uomo o l’azionamento di
un impianto, sono finalizzate alla precoce rilevazione dell’incendio, alla
segnalazione e all’azione di spegnimento dello stesso e si consegue
attraverso : estintori, impianti di rivelazione automatica d’incendio,
impianti di spegnimento automatici, dispositivi di segnalazione e
d’allarme ed evacuatori di fumo e calore, sistemi di alimentazione
elettrica di emergenza, sistemi di illuminazione di sicurezza, formazione
e addestramento del personale. Va inoltre considerata la circolare n° 4 del
1/3/2002 del Dipartimento dei Vigili del Fuoco che riporta le linee guida
per la valutazione della sicurezza per ambienti in cui siano presenti
persone disabili che per la loro disabilità possono essere esposti a rischi
particolari, per cui bisogna adottare a soluzioni impiantistiche e
organizzative adeguate, ad ex con opportune geometrie e sistemi di
apertura delle uscite e segnaletica opportuna.
3.6.1
Estintori
Gli estintori [19 e 20],[27],{13},{18 e 19},[54] sono apparecchi
contenenti un estinguente che può essere proiettato e diretto su un fuoco
sotto l'azione di una pressione interna fornita da una compressione
preliminare permanente, o da una reazione chimica, o dalla liberazione di
un gas ausiliario. In base al loro dimensionamento si distinguono in
estintori portatili, concepiti per essere portati e utilizzati a mano, da un
singolo operatore, con massa totale inferiore a 20 kg ed estintori
carrellati, con massa totale superiore a 20 kg e contenuto di estinguente
sino a 150 kg.
132
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
3.6.1.1
Gli estintori portatili
Rappresentano il mezzo antincendio più largamente diffuso ma devono
essere considerati esclusivamente come mezzi di primo intervento, in
quanto consentono di intervenire solo su piccoli focolai o su principi
d'incendio, e divengono praticamente inefficaci se il fuoco ha avuto la
possibilità di superare lo stadio iniziale ed ha quindi assunto dimensioni
notevoli. Sono costituiti da un recipiente contenente l’agente estinguente
(in pressione o permanente oppure generata al momento dell'impiego) che
viene proiettato energicamente, attraverso un ugello calibrato e azionando
un opportuno dispositivo di erogazione, contro le fiamme per effetto di
un propellente che consente anche all’operatore di agire a distanza.
Vengono designati in base all’agente estinguente che contengono per cui
si distinguono estintori :
9 ad acqua o idrici (da 2, 3, 6, 9 litri),
9 a schiuma chimica o meccanica (da 2, 3, 6, 9 litri),
9 a polvere (con cariche da kg 1, 2, 3, 4, 6, 9, 12),
9 ad anidride carbonica (kg 2, 5),
9 ad idrocarburi idrogenati (kg. 1, 2, 4, 6),
9 a clean agent.
Bisogna notare comunque che gli estintori idrici ed a schiuma sono di
scarsa efficacia in dimensione portatile e non vengono più praticamente
adoperati, per cui possono essere trascurati mentre quelli attualmente più
validi e diffusi sono quelli a polvere e a CO 2 che, pur con le limitazioni
delle singole sostanze estinguenti utilizzate, sono di impiego quasi
universale e possono essere adoperati anche su apparecchiature sotto
tensione elettrica.
A norma del D.M. 20/12/1982, ogni estintore deve recare un’etichetta,
suddivisa in cinque parti con le seguenti informazioni:
133
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
9 Parte 1 : la parola “Estintore”, il tipo di estintore e la sua carica
nominale, il codice relativo al focolare tipo che è risultato capace
di estinguere;
9 Parte 2 : le istruzioni d’ uso e le classi di fuoco su cui può essere
utilizzato (mediante i pittogrammi);
9 Parte 3 : il simbolo e l’indicazione “Non utilizzare su apparecchi
sotto tensione elettrica”, se non ha superato la prova dielettrica,
l’indicazione ”Dopo l’utilizzo in locali chiusi, aerare; l’indicazione
“L’utilizzazione di questo estintore può causare la formazione di
sostanze pericolose” (per estintori che contengono idrocarburi
alogenati);
9 Parte 4 : l’indicazione “Ricaricare dopo l’uso, anche parziale”,
l’indicazione
“Verificare
periodicamente”,
l’
indicazione
“Attenzione al gelo” se necessaria, l’indicazione della carica del
propellente, le temperature limite di utilizzo, gli estremi
dell’approvazione da parte del Ministero dell’interno.
9 Parte 5 : il nome e l’indirizzo del responsabile dell’apparecchio,
l’anno di fabbricazione.
Ai fini di un corretto impiego da parte degli utilizzatori su di essi devono
comparire in modo ben visibile opportuni simboli letterali indicanti la
classe di fuoco cui sono destinati e codici alfanumerici aventi il
significato seguente:
9 il numero che precede la lettera A (che segnala un estintore idoneo
allo spegnimento di materiali solidi combustibili) indica il numero
di travetti in legno componenti il focolare tipo normalizzato che
l’estintore ha mostrato di poter spegnere nelle prove di
funzionamento effettuate ai fini della sua omologazione; maggiore
è il numero posto a fianco della lettera A maggiore sarà la capacità
estinguente dell’estintore.
134
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
Tabella 21 : Caratteristiche dei focolari di classe A
9 Il numero che precede la lettera B (che segnala un estintore idoneo
a spegnimento di liquidi infiammabili) indica il volume, in litri,
della miscela costituita da 1/3 di acqua e 2/3 di benzina, utilizzata
nel focolare tipo normalizzato che l’estintore ha mostrato di poter
estinguere nelle prove di funzionamento effettuate ai fini della sua
omologazione.
Tabella 22 : Caratteristiche dei focolari di classe B
Le norma UNI 9994 prescrive i criteri per effettuare :
9 la sorveglianza : controllo della disponibilità dell’estintore nella
posizione in cui è collocato e presumibilmente in condizioni di
operare, effettuata anche da personale non qualificato;
135
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
9 il controllo : verifica, ogni sei mesi, dell’efficienza dell’estintore
effettuata da personale qualificato;
9 la revisione : verifica, con periodicità prevista dalla norma, della
perfetta efficienza dell’estintore mediante esecuzione di prove,
sostituzione di parti originali, ricarica, effettuata da personale
qualificato (da effettuarsi ogni 36 mesi per gli estintori a polvere e
ogni 60 mesi per quelli ad anidride carbonica);
9 il collaudo : verifica, secondo la periodicità prevista dalla norma,
della stabilità del serbatoio e della bombola, ove esistente, dell’
estintore (da effettuarsi ogni 12 anni per quelli a polvere e ogni 10
anni per quelli ad anidride carbonica).
Caratteristica fondamentale di un estintore è la durata di funzionamento,
ossia il tempo durante il quale si verifica la completa proiezione
dell’agente estinguente sul focolaio di incendio, senza interruzioni, con la
valvola di intercettazione completamente aperta, non tenendo conto
dell’emissione del gas residuo; l’ importanza di una durata minima
esigibile è fondamentale, infatti una buona durata di funzionamento può
determinare l’estinzione immediata di un principio d’incendio ma
comunque è importante non superare di molto la durata minima, per non
perdere potenza del getto iniziale fondamentale per l’attacco al principio
d’ incendio. Ai fini dell’omologazione ci si può riferire alla seguente
tabella :
Tabella 23 : Durata di funzionamento di un estintore portatile
X = quantità agente estinguente in kg o litri
Secondi
X≤3
6
3<X ≤ 6
9
6 < X ≤ 10
12
10 < X
15
136
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
Un estintore può contenere un quantitativo di sostanza estinguente
variabile da 1 a 12 kg, con una gittata utile variabile da 5 ad 8 metri ed
un’ autonomia, ossia un tempo massimo di erogazione, variabile da 8 a
15 secondi. Prima dell’uso di un estintore è necessario accertarsi la
compatibilità dello stesso con l’incendio da affrontare ad esempio
utilizzando opportune tabelle come la seguente :
Figura 27 : Campo di impiego degli estintori
3.6.1.1.1
La dotazione degli autobus
La dotazione di sicurezza di cui ogni autobus deve essere fornito per gli
estintori secondo il D.M. del 18/4/77 è la seguente: fino a 30 posti è
obbligo avere un estintore da 2 kg a neve carbonica o uno da 5 kg a
schiuma, oltre i 30 posti 2 estintori da 2 kg a neve carbonica o uno da 5
kg a schiuma, alloggiati in apposite nicchie o in opportune sedi in modo
che non si muovano durante la marcia, di cui uno deve essere sistemato
presso il sedile di guida del conducente, in caso di due estintori, vanno
collocati opposti l’uno dall’altro, ovvero uno vicino al conducente e uno
nella parte posteriore del veicolo. Gli estintori sopra specificati possono
essere sostituiti da tipi di efficienza equivalente. Tutti gli estintori devono
137
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
essere approvati e riconosciuti idonei all'impiego in locali chiusi dal
Ministero dell'interno. In particolare sono da escludere tassativamente
tutti gli estintori che, ancorché siano stati approvati dal Ministero
dell'interno per altri usi, possano, all'atto dell'impiego sui veicoli,
sviluppare gas velenosi. Vanno revisionati periodicamente (ogni 6 mesi)
da apposite ditte specializzate che appongono una targhetta con apposita
punzonatura dell’ultima revisione effettuata; l’estintore deve essere
controllato periodicamente attraverso l’apposito manometro per verificare
l’effettiva carica.
3.6.1.1.2
La dotazione CTP
La CTP al fine di garantire l’incolumità dei passeggeri durante il servizio
di trasporto ha adottato una politica di sovradimensionamento rispetto
alle norme consigliate per cui adotta in particolare per gli autobus oggetto
del nostro studio 2 estintori, uno da 6 kg a polvere adatto a incendi di
classe ABC e focolari di tipo 34A e 233BC e uno da 5 kg ad anidride
carbonica per focolari di tipo 89B-C.
3.6.1.2
Estintore a polvere
E’ il tipo di estintore più diffuso, di uso universale, avente notevole
efficacia specie se caricato con polvere ABC (polivalente), ne esistono di
differenti versioni ma generalmente è costituito da un involucro cilindrico
contenenti appunto prodotti ridotti in polvere con un estremo grado di
impalpabilità (prodotto con carica nominale da 1, 2, 4, 6, 9, 12 kg). La
polvere che se ordinaria è a base di bicarbonato di sodio, bicarbonato di
potassio e cloruro di potassio, se polivalente a base di solfato o fosfato di
ammonio, mediante l’azione di un gas inerte viene lanciata sul focolare di
incendio. Il gas che agisce da propellente è generalmente anidride
carbonica contenuta in apposita bomboletta in pressione sistemata
all’interno o all’esterno dell’involucro, oppure azoto contenuto all’interno
138
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
dello stesso recipiente. Costruttivamente semplice può divenire
facilmente inutilizzabile per perdita della pressione interna a causa di
difetti di tenuta della valvola di chiusura, e per tale motivo è
generalmente dotato di un indicatore di pressione, che deve indicare un
valore compreso all'interno di un campo verde. Agendo sull’ apposita
manopola di comando, si costringe il gas a fuoriuscire dalla bomboletta e
pressurizzare l’involucro cosicché la polvere è costretta a fuoriuscire
attraverso un tubo di pescaggio che sfocia in atmosfera mediante un tubo
flessibile connesso all’apposita pistola erogatrice.
Figura 28 : Esploso dei componenti di estintore a polvere. 1 Valvola a pulsante; 2 Valvola di
controllo; 3 Valvola di sicurezza; 4 Pistoncino valvola a pulsante; 5 Spina di sicurezza; 6
Manometro; 7 Molla pistoncino; 8 OR di tenuta; 9 Sigillo per spina di sicurezza; 10 Tubo
pescante; 11 Manichetta; 12 Anello ferma manichetta; 13 Estinguente; 14 Supporto in acciaio;
15 Serbatoio.
139
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
Dopo ogni uso anche parziale dell’estintore non va mai rimesso al suo
posto, ma bisogna provvedere invece alla sua immediata ricarica, perché
con ogni probabilità il passaggio di polvere estinguente attraverso le
guarnizioni di chiusura del dispositivo di erogazione impedirebbero una
chiusura perfetta della valvola, e ciò potrebbe causare una perdita del gas
di pressurizzazione in tempi non lunghi e la conseguente impossibilità di
funzionamento dell’estintore per mancanza di pressione interna.
3.6.1.3
Estintore ad anidride carbonica
Detto anche a neve carbonica è costituito da una bombola robusta e
pesante contenente CO 2 , (prodotto con carica nominale da 2 e 5 Kg),
liquido sotto una pressione che può variare da 35 atm a 73 atm e da una
valvola che aziona l’apertura della bombola stessa; agendo sulla leva di
comando si apre la valvola e per effetto della pressione interna il liquido
sale attraverso un pescante e mediante un tubo flessibile raggiunge il
diffusore
della
lancia.
Sfociando
all’aria,
una
parte
evapora
istantaneamente provocando un raffreddamento intenso (-75 °C ÷ -80
°C) e solidificando, mentre l’altra parte si trasforma in una massa solida
leggera detta neve carbonica o ghiaccio asciutto. Questa si adagia sui
corpi che bruciano e rapidamente si trasforma in gas sottraendo calore, il
gas poi essendo più pesante dell’aria, circonda i corpi infiammati e li
spegne per soffocamento. Bisogna prestare attenzione al fatto che
l’erogazione di un getto di CO 2 è di per sé molto freddo ed inoltre
provoca un forte raffreddamento dell’estintore pertanto, durante e subito
dopo l’erogazione, si deve assolutamente evitare il contatto sia con il
getto di gas, sia con l’involucro metallico, impugnando l’estintore solo
per la maniglia di trasporto e per il cono di erogazione onde evitare
ustioni da freddo. Inoltre ha una certa tossicità (anche se non molto
elevata) per cui, dopo l’uso in ambienti chiusi, è opportuno non sostare a
140
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
lungo prima di avere aerato efficacemente l’ambiente. Bisogna avere
inoltre l’avvertenza di non lasciare esposte al sole le bombole in
particolare d’estate, poiché l’enorme aumento di pressione che ne
deriverebbe porterebbe alla scarica automatica delle bombole e potrebbe
in qualche caso addirittura causarne lo scoppio (a soli 50 °C la pressione
interna raggiunge già le 175 atm e a 80 °C supera le 300 atm).
Figura 29 : Estintore ad anidride carbonica. A valvola di erogazione; B manichetta flessibile;
C cono di erogazione; D valvola di sicurezza; E impugnatura isolante; F fermo di sicurezza; G
comando erogazione; H pescante.
Non spegne le braci prodotte da materiali solidi, ma utilizzabile su fuochi
di classe ABC e ha il vantaggio che non danneggia minimamente i
materiali cui viene a contatto ed essendo un cattivo conduttore di
elettricità risulta particolarmente indicato per lo spegnimento di incendi
di impianti elettrici per i quali l’acqua sarebbe dannosa.
141
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
3.6.2
Impianti antincendio ad intervento automatico
Gli impianti fissi di estinzione incendi [20],[24],[39],[44] hanno la
peculiarità di intervenire automaticamente al primo insorgere di un
focolaio di incendio, pertanto sono indicati per la protezione di ambienti
contenenti beni per i quali appare particolarmente temibile e devastante il
manifestarsi dell’incendio, la cui attivazione avviene grazie ad organi in
grado di percepire con tempestività adeguata i fenomeni fisici che
accompagnano la comparsa del fuoco. Si tratta di dispositivi costituiti da
una fonte di alimentazione o riserva di estinguente, da una rete di
distribuzione (condotte montanti principali e rete di condotte secondarie),
da erogatori e da una centralina valvolata di controllo e allarme, che dopo
aver attivato un segnale di allarme, comanda una ben precisa sequenza di
azioni che precedono la scarica dell’estinguente sull’ incendio.
Tali sistemi vengono classificati in base alle sostanze utilizzate per
l’azione estinguente in impianti :
9 a acqua : in particolare ad acqua nebulizzata consente una
distribuzione uniforme di acqua frazionata sulla superficie e un
rapido raffreddamento;
9 a schiuma : adatti a liquidi infiammabili, combustibili e
lubrificanti necessitano di una riserva idrica, una di liquido
schiumogeno, di versatori di schiuma e di un sistema di
pompaggio che misceli e proporzioni l’acqua con la schiuma ed
incorpori l’aria nel flusso della soluzione schiumogena in
pressione per erogare così la schiuma prodotta;
9 a gas : a CO 2 per ambienti non presidiati e materiali che non
devono subire danni e di valore, costituiti o da un sistema di
bombole ad alta pressione o serbatoi a bassa pressione, da una rete
di distribuzione, da erogatori e dalla strumentazione per la
142
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
segnalazione ed attivazione; ad argon specie per impianti elettrici
ed elettronici ma risultano costosi e ad azoto per beni di grande
valore);
9 a polvere : adatti in presenza di dispositivi elettrici o metalli come
sodio e magnesio, sono costituiti da un serbatoio di stoccaggio
della polvere a pressione atmosferica che viene pressurizzato al
momento della rilevazione da un gas propellente (azoto o anidride
carbonica) e per effetto di questa pressione interna si determina la
rottura di una membrana con susseguente immissione della polvere
nella rete di distribuzione ed erogazione attraverso opportuni
ugelli.
La scelta del tipo di impianto viene effettuata in base al rischio di
incendio, alla zona e al materiale da proteggere, all’ efficacia
dell’impianto stesso, ad eventuali danni che potrebbero subire le persone
presenti e ai costi.
Al fine di garantire l’incolumità dei passeggeri e per cercare di contenere
i danni in caso di insorgenza di incendi gli autobus della CTP sono dotati
di un dispositivo di spegnimento automatico nel vano motore, che viene
attivato da un sistema di rilevazione che prevede un controllo termico nei
punti caldi del motore.
3.6.2.1
Impianto di spegnimento Pirò
L’ impianto si spegnimento automatico a polvere Pirò [55],{20} è un
dispositivo antincendio ad attivazione automatica/manuale coperto da
brevetto internazionale prodotto dalla Robot & Fire S.r.l. con marcatura
secondo la direttiva 89/392 CEE e successive modifiche e 84/534/CEE87/405/CEE ed omologazione RINA. Il prodotto può essere utilizzato per
proteggere dal rischio incendio sia vani motori di autoveicoli e
imbarcazioni, sia vani tecnici contenenti apparecchiature elettriche,
143
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
elettroniche, oleodinamiche, termiche e tutti i luoghi non presenziati per i
quali un impianto tradizionale non è economicamente conveniente; viene
fornito sotto forma di kit che si compone di : un serbatoio con comando
pirotecnico, staffa di sostegno e fissaggio serbatoio, tubo erogatore con
ugelli (da 2,5 m o lunghezza variabile su richiesta del cliente), sensore a
cavo termosensibile e centralina di controllo ad incasso, cablaggio
elettrico (con lunghezza variabile a seconda del modello di autobus). Il
Pirò è prodotto in cinque differenti versioni rispettivamente da : 1,5 – 2 –
4 – 6 – 12 kg, che garantiscono una copertura totale di tutte le possibili
applicazioni richieste. A differenza dei comuni sistemi antincendio già
esistenti, l’apparecchiatura che contiene la polvere estinguente è
totalmente sigillata e non è sotto pressione. Questa innovazione evita,
come spesso accade per i comuni estintori, che la polvere estinguente con
il tempo si solidifichi o fenomeno ancora più grave, che si verifichino
pericolose perdite di gas che ne rendono vano il loro utilizzo nel
momento in cui si verifica l’incendio. Il tipo di estinguente è adatto ad
estinguere incendi di classe : A (legno, carta, stoffa), B (liquidi
infiammabili), C (gas combustibili), D (metalli), apparecchiature
elettriche. Pirò agisce per inibizione chimica della fiamma e per
soffocamento : mentre per ottenere l’inibizione chimica occorre
distribuire
gli
ugelli
lungo
tutto
il
perimetro
del
motore
o
dell’apparecchiatura da proteggere in modo da far arrivare la polvere in
ogni punto, per ottenere una buona azione di soffocamento è necessario
erogare almeno 600-700 grammi di polvere per ogni metro cubo di
volume da saturare. Pertanto nella scelta del tipo di Pirò occorre tenere
presente la lunghezza del tubo erogante che è ben definita per ogni
estintore e cubatura limite del vano in cui è installato il motore o l’
apparecchiatura da proteggere. Per scegliere il Pirò più adatto alle
circostanze occorre allora sia misurare il perimetro del motore e/o
144
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
dell’apparecchiatura elettrica da proteggere a 30 cm da essa, sia misurare
il volume lordo del vano in cui è installato il motore
e/o
l’apparecchiatura. Con questi dati si cerca quindi in tabella l’estintore che
più si avvicina ai valori trovati tenendo presente che è prioritario
l’esigenza di circondare il motore con gli ugelli. Con la combinazione di
più estintori si possono soddisfare tutte le esigenze.
Tabella 24 : Scelta Pirò
TIPO
Cubatura (m 3 )
Tubo erogante (m)
Pirò
2,5
2,4
Pirò k4
6
4
Pirò k6
10
5,6
Pirò k12
14
7,2
Tabella 25 : Caratteristiche estintori
Tipo estintore
1,5 kg
2 kg
4 kg
6 kg
12 kg
Diametro (cm)
11
11
13
16
20
Altezza (cm
39
43
51
55
62
Lunghezza tubo (m)
7
4
5,5
7,5
8,5
N° ugelli
8
6
10
14
18
Volume protetto (m 3 )
0,8
1,0
2,0
5,0
9,0
Vediamo le principali caratteristiche tecniche :
Tabella 26 : Caratteristiche tecniche Pirò
Modello
6 kg
Lunghezza tubo erogatore
7m
Numero di ugelli erogatori
14
Volume protetto
5m
Superficie protetta
2,8 m
Taratura sensore
138 °C oppure 180 °C
Tensione di alimentazione
24 V DC
145
3
2
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
Polvere estinguente
ABCD-E
Materiale serbatoio
Acciaio Fe 37
Materiale copertura serbatoio
Tecno polimero
Materiale ugelli
Polimero rinforzato con fibre di vetro 30%
Materiale tubo erogatore
Mescola nera EPDM resistente al calore
Cavi elettrici
Resistenti all’incendio
Protezione cavi elettrici sensore serbatoio
Silicone resistente al fuoco
Carica pirotecnica
In attuatore declassificato
Figura 30 : Il sistema Pirò. 1 Estintore, 2 Tubo erogatore, 3 Ugelli, 4 Cavo termosensibile, 5
Box pulsante d’ emergenza, 6 Comando meccanico.
Il serbatoio (contenente una piccola bombola di CO 2 che in caso di
incendio viene perforata da un percussore spinto da una carica
pirotecnica) può essere montato all’interno del vano da proteggere o in
uno spazio attiguo, ma va montato lontano da fonti di calore in ambiente
non superiore a 90 °C, in posizione verticale o con inclinazione massima
di 45 °C dal lato del tubo erogatore altrimenti potrebbe aversi un
malfunzionamento del sistema e posizionato in apposita sporgenza della
staffa che è fissata saldamente con bulloni a parti rigide della struttura su
un piano liscio in maniera tale da non muoversi o vibrare. Il tubo
erogatore (collegato al beccuccio situato sul serbatoio e fissato con una
fascetta metallica a vite) serve a convogliare la polvere estinguente
direttamente sulla fiamma e viene sistemato in modo che tutti gli ugelli si
146
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
trovino all’interno del vano e il loro getto raggiunga tutti i punti della
zona protetta, assicurandosi che la distanza degli elementi da proteggere
non sia eccessiva altrimenti occorre predisporre un’opportuna struttura di
supporto su cui fissare il tubo; il tubo lungo il camminamento prescelto
va fissato utilizzando fascette rivestite di gomma, opportunamente fissate
con bulloni, ben strette e in modo che il tubo non possa sfilarsi ma senza
serrarle eccessivamente e strozzare il tubo in alcun modo; inoltre non va
posto a diretto contatto con oggetti caldi o taglienti, non deve essere
investito da aria o vapori caldi, non deve compiere curve strette, bisogna
assicurarsi che la traiettoria del getto di ciascun ugello non sia
intercettata. Quando il sensore (corredato da una spirale metallica che lo
protegge dall’ usura per contatto e/o strofinamenti
con le parti
metalliche) è attaccato dal fuoco in un punto, i fili in esso contenuti
entrano in contatto chiudendo un circuito elettrico, per cui dovrà essere
installato in prossimità degli organi che rendono probabile la causa di
innesco
e
zone
ritenute
rischio
di
principio
di
incendio
o
surriscaldamento, in modo da assicurare una tempestiva azione del
sistema. Bisogna però fare attenzione a non far compiere al sensore curve
strette, non porlo a diretto contatto con oggetti caldi (tubi di scarico,
turbina, catalizzatore ecc.) o taglienti e non deve essere investito da aria o
vapori caldi, lungo il camminamento prescelto va fissato utilizzando
fascette rivestite di gomma, opportunamente fissate con dadi e bulloni,
senza serrarle eccessivamente o strozzare la spirale in alcun modo, inoltre
non va verniciato o isolato in alcun modo altrimenti verrebbe
compromessa la capacità di rilevazione del sistema. I test effettuati sul
cavo sensore hanno accertato che le temperature che si raggiungono in un
vano motore in caso di ebollizione non sono sufficienti per fare
intervenire l’impianto. La centralina di controllo che provvede alla
rilevazione dell’incendio e all’ attivazione dei segnali d’allarme, presenta
147
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
sul pannello due led di colore verde e rosso che indicano lo stato del
sistema e il pulsante per l’attivazione manuale; viene sistemata nelle
vicinanze del posto guida in modo da essere facilmente raggiungibile
dall’autista e che i led siano visibili e il buzer udibile. Poiché in alcune
occasioni la Robot & Fire ha riscontrato il mancato collegamento
elettrico tra la centralina e serbatoio a seguito di operazioni di
manutenzione, inconveniente che comportava il mancato funzionamento
del sistema in caso di attivazione, ha provveduto allora, per ovviare a tale
avaria, a migliorare l’efficienza della centralina mediante l’aggiunta di un
segnale di interruzione e/o scollegamento della carica pirotecnica. La
nuova centralina ha quindi visto la sostituzione del led rosso con uno
bicolore così funzionante:
9 Verde fisso : sistema funzionante.
9 Rosso fisso : sistema attivato.
9 Rosso lampeggiante : carica pirotecnica interrotta e/o cablaggio
della stessa scollegato.
L’impianto antincendio può avere due modalità di funzionamento che
non si escludono a vicenda : automatico e manuale. Nel primo caso
quando la fiamma (o il fumo caldo) lambisce il sensore che si scalda e
raggiunta una temperatura interna di 108 °C provoca al suo interno un
corto circuito che è rilevato dalla centralina di controllo. Il led rosso posto
sul pannello della centralina si accende, il buzer suona e la carica
pirotecnica, posta sul comando del serbatoio, (simile a quella adottata per
l’attivazione degli air-bag, ma molto meno potente e senza effetti esterni)
viene alimentata elettricamente e l’impulso elettrico la fa esplodere ed
aziona il percussore che perfora il diaframma della bombolina di CO 2 . A
questo punto il gas pressurizza il serbatoio (che presenta 3 piccoli tubi
all’interno che servono a miscelare la CO 2 con l’estinguente)
e dopo
circa 5 secondi la polvere viene spinta (ad una pressione media di 20 bar)
148
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
all’esterno del serbatoio attraverso il tubo erogatore e gli ugelli
distribuiscono l’estinguente uniformemente su tutta la zona protetta
spegnendo l’incendio rapidamente. Il led e il buzer resteranno in funzione
fino allo stacco dell’alimentazione. Il funzionamento manuale può essere
attivato in due modi : mediante il pulsante posto sul pannello della
centralina di controllo e premendo la testa del percussore posta sul
serbatoio (dopo aver estratto la spina di sicurezza che blocca il
percussore). Il sistema una volta intervenuto si scarica completamente e
non è più in grado di assicurare la protezione e per ripristinarne la
funzionalità è necessario sostituire il sensore (andato in corto circuito), il
tubo erogatore se danneggiato e ricaricare il serbatoio. La polvere
contenuta nel sistema è dielettrica e non aggressiva e questo consente di
asportarla, dopo l’intervento, semplicemente con aria compressa, nel caso
di utilizzo su apparecchiature elettriche, o con lavaggio nel caso di
utilizzo apparecchiature a motore. Periodicamente vanno effettuati una
serie di controlli e interventi cui sottoporre le parti secondo il programma
riportato nella seguente tabella :
Tabella 27 : Manutenzione ordinaria
Intervento
Scadenza
Verifica tubo erogatore
6 mesi
Verifica sensore
6 mesi
Verifica serbatoio
6 mesi
Verifica funzionale sistema elettrico
6 mesi
Sostituzione serbatoio
3 anni
La verifica del tubo erogatore consiste nell’ispezione : del corretto
fissaggio (controllare che il tubo erogatore sia ben collegato alle parti di
sostegno e che la fascetta di fissaggio al raccordo pescante serbatoio sia
ben stretta), di rottura e/o danneggiamento, presenza e pulizia ugelli. La
149
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
verifica del sensore è il controllo delle condizioni generali della guaina
protettiva (usura, abrasione e parti di sostegno) e della corretta
funzionalità elettrica. La verifica del serbatoio consiste nell’ispezione per
: allentamento staffe di fissaggio, presenza spina di sicurezza del
comando manuale, integrità del comando manuale, presenza cartellino di
efficienza, integrità coperchio. Particolare attenzione deve essere posta
durante la pulizia del vano motore e dell’impianto specie con uso di
acqua e/o solventi poiché l’infiltrazione di liquidi potrebbe pregiudicare
la funzionalità del sistema, per cui non bisogna bagnare il serbatoio e la
centralina di controllo; infine non utilizzare liquidi in pressione in
prossimità del tubo erogatore e del sensore.
Recentemente la Robot & Fire ha messo a punto un evoluzione del
sistema Pirò dopo il verificarsi degli incidenti in CTP in cui il sistema
non ha prodotto i risultati sperati, non riuscendo ad evitare l’incendio o a
mitigarne
gli effetti. Il nuovo sistema prevede che l’estinguente sia
contenuto in due serbatoi e viene distribuito uniformemente attraverso gli
ugelli posizionati su due tubi erogatori, uno posizionato nella parte
superiore del vano e l’altro nella parte inferiore per meglio aggredire
l’incendio. I tubi erogatori sono realizzati in materiale (gomma EPDM)
resistente agli agenti atmosferici, all’abrasione, a tracce di olio, con
temperature di esercizio, da –30 °C a 150 °C e pressione di esercizio di
10 bar ( con valori di scoppio non superiori a 30 bar). Il sensore, di tipo a
rilevatore termico continuo è costituito da conduttori in acciaio twistati2 e
protetti singolarmente da una mescola termo-isolante, a sua volta il tutto
protetto da uno schermo esterno in PVC e uno schermo protettivo per
ambienti aggressivi e la cui temperatura può variare da –30 °C a oltre 120
2
Twisting operazione di attorcigliamento dei cavetti di una termocoppia che permette una
riduzione di rumore e contemporaneamente un aumento delle proprietà meccaniche.
150
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
°C. I serbatoi devono essere in acciaio, da 4 kg, non pressurizzati,
installati in vano dedicato con una temperatura ambiente non superiore a
70 °C; la stabilità termica dell’estinguente è tra –60 °C e 130 °C. Inoltre
due accorgimenti sembrerebbero utili oltre al’installazione del sistema di
spegnimento automatico quali la costruzione di una paratia tagliafuoco tra
vano motore e cabina passeggeri da realizzare con cappottatura isolante e
la realizzazione di 2 fori sul portellone vano motore per intervenire
manualmente dall’esterno inserendo la manichetta dell’estintore portatile
senza aprire il portellone, visto che il sistema per poter funzionare oltre a
esse perfettamente integro e efficiente necessità una volta attivato dell’
arresto immediato del veicolo e di tener chiuso il vano motore per non
vanificare l’azione di soffocamento.
151
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
Figura 31 : Il nuovo Pirò
152
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
3.6.2.2
Altri impianti fissi : ad acqua nebulizzata
Al fine di orientare i nuovo capitolati di autobus potrebbe essere utile un
confronto con analoghi sistemi montati da aziende concorrenti anche se
attualmente il Pirò appare il sistema più versatile e adattabile per la flotta
della CTP. A questo proposito un dispositivo di emergenza molto usato è
il sistema antincendio Fogmaker [56],{21} utilizzato dai Mercedes –
Benz della Citaro. L’impianto antincendio si compone in questo caso di
cinque componenti principali : un serbatoio del prodotto estinguente (1) e
una bombola del gas (2) disposti nel vano passeggeri, e un condotto di
rilevamento (3), le tubazioni dell’estintore (4) e ugelli(5) posti nel vano
motore.
Figura 32 : Disposizione dell'impianto antincendio nel vano passeggeri. 1 Serbatoio prodotto
estinguente, 2 Bombola di gas.
153
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
Figura 33 : Disposizione dell'impianto antincendio nel vano motore. 3 Condotto di
rilevamento,
4 Tubazioni estintore, 5 Ugelli.
Una valvola di attivazione, montata sul serbatoio del prodotto
estinguente, è collegata tramite il condotto di rilevamento con la bombola
di gas cosicché la pressione (circa 15 bar) proveniente dalla bombola di
gas (riempita con azoto) arriva alla valvola di attivazione. Sul serbatoio
del prodotto estinguente sono collegate le tubazioni dell’estintore sulle
quali, nel vano motore, sono montate gli ugelli. In caso di incendio nel
vano motore il condotto di rilevamento fonde e il gas di azoto fuoriesce,
poi con la caduta di pressione nel condotto di rilevamento la valvola di
attivazione sul serbatoio del prodotto estinguente non ha più pressione e
fa scattare la funzione di spegnimento. Il liquido estinguente sotto
un’elevata pressione (circa 100 bar) viene sospinto dal serbatoio nelle
tubazioni dell’estintore e polverizzato in una nebbiolina fine, il liquido
esce dagli ugelli. A completare il sistema vi sono due pressostati che
sorvegliano l’impianto, mentre l’attivazione viene segnalata al guidatore
da un messaggio di avvertimento.
154
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
A seconda delle necessità e delle caratteristiche di installazione,
Fogmaker adotta due sistemi per l’attivazione automatica: elettrico o
pneumatico. In aggiunta è sempre possibile l’attivazione manuale. Nell’
elettrico il rilevamento incendio avviene per mezzo di un sistema di
sensori (non in dotazione) e l’ azionamento della valvola di rilascio per
mezzo di una minicarica a innesco elettrico. Per l’attivazione manuale del
dispositivo, si tira una manopola collegata tramite cavetto alla valvola di
rilascio dell’estintore. Possono essere installate fino a 2 manopole, a
bordo o all’esterno del veicolo. Nel pneumatico il rilevamento incendio
e l’ azionamento della valvola di rilascio sono riuniti in un unico
dispositivo. Un tubo pressurizzato in materiale termosensibile si rompe in
caso di incendio provocando l’apertura irreversibile della valvola
sull’estintore. Per l’azionamento manuale vengono utilizzati speciali
pulsanti che provocano la rottura del tubo, con lo stesso effetto.
Figura 34 : Schema del sistema di attivazione pneumatico
L’ altissima efficienza del sistema FOGMAKER nello spegnimento di
incendi è basata sulla generazione di aerosol d' acqua e sulla successiva
immediata evaporazione delle finissime goccioline che lo compongono,
create ad alta pressione (100 bar) tramite ugelli specificamente progettati;
estingue l'incendio con tre effetti distinti :so veloce della
temperatura.
155
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
9 La nebulizzazione in microgocce (50 micron), dovuta all’alta
pressione (100 bar) e agli speciali ugelli che
aumenta
notevolmente la superficie del liquido, rendendo molto più veloce
il processo di evaporazione e quindi l’abbassamento della
temperatura ambientale e delle superfici arroventate al di sotto del
limite di autoinnesco di fiamma in modo che non solo l’incendio
venga spento ma si evita anche che la fiamma riprenda.
9 Soffocamento. Durante il processo di evaporazione il volume
dell’acqua
aumenta
di
1700
volte,
l’ossigeno
presente
nell’ambiente viene spostato e la concentrazione si abbassa e le
fiamme vengono soffocate dall’interno, impedendo inoltre
l’apporto di nuovo ossigeno.
9 Inibizione. Il liquido estinguente contiene sia acqua che AFFF, una
sostanza schiumogena che favorisce la formazione di una pellicola
liquida sulle sostanze oleose e sui carburanti, impedendone
l’evaporazione e la possibilità di incendiarsi nuovamente.
Test di incendio effettuati su un vano motore simulato di circa 2,5 m 3 in
cui il fuoco veniva alimentato da 4 vasche di carburante poste sul fondo e
da uno spruzzatore di gasolio a 5 bar con 1 litro al minuto per simulare la
perdita dal condotto del gasolio mostrano che nei 12 secondi necessari
per il completo spegnimento venivano utilizzati solo 7,5 dl di liquido,
mentre la temperatura subiva un drastico abbassamento da 400 °C a 40
°C come evidenziato nella figura seguente. Infine la figura 36 rappresenta
la sequenza di spegnimento con foto distanziate l’una dall’altra da
intervalli di 4 secondi.
156
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
Figura 35 : Andamento della temperatura nella prova di spegnimento
Figura 36 : Sequenza di spegnimento
Il sistema di spegnimento ad aerosol acquoso della Fogmaker è un
sistema che offre vantaggi sostanziali rispetto a estintori tradizionali a
polvere o schiuma a bassa pressione e gas, infatti funziona in qualunque
posizione anche in caso di ribaltamento, può essere installato dovunque
anche
lontano
dal
vano
motore
svuotandosi
completamente
indipendentemente dalla sua posizione o angolazione; inoltre la nebbia
d’acqua se aspirata da motori in funzione non fa alcun danno, pertanto
risulta un dispositivo efficiente, rapido, ecologico e dopo un incendio non
richiede alcuna pulizia speciale ma basta un semplice lavaggio con acqua.
157
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
3.6.2.3
Sistemi a gas
Altro impianto antincendio, attualmente utilizzato in CTP su alcune
tipologie di veicoli, che potrebbe contribuire ad aumentare la sicurezza
sui veicoli in caso d’incendio, il più delle volte situati nella parte
posteriore del veicolo, in grado d’intervenire in modo completamente
automatico ed istantaneo, anche se il conducente del veicolo non si
dovesse accorgere di cosa stia avvenendo nel vano motore è un prodotto
della ERAR Srl, denominato Firekill [57], che può essere facilmente
installato su qualsiasi tipo di autobus pur con eventuali adattamenti
dovuti alle diverse case costruttrici dello stesso. L’impianto, che è
certificato CE e anche TÜV, non esercita in alcun modo interferenze
sull’impianto elettrico del veicolo o sulle centraline elettroniche di bordo
e per molti anni non necessita di manutenzione (sul serbatoio è presente
anche un piccolo manometro) e sopporta molto bene, il calore, il gelo,
l’umidità e non teme lo sporco. Ripristinare il funzionamento
dell’impianto dopo l’uso è assai poco costoso, facile e veloce. Basta
infatti sostituire il serbatoio vuoto e relativa valvola a cartuccia
pirotecnica con uno pieno fornito di una nuova valvola e nessuna pulizia
particolare è dovuta al vano motore per la miscela estinguente usata. La
sistemazione dell’impianto in generale e degli ugelli in particolare viene
studiata per ogni singolo modello di autobus in modo da assicurare la
miglior efficienza possibile di funzionamento dello stesso.
L’impianto è composto principalmente da:
9 un serbatoio da 6 litri plastificato all’interno, dimensionato per
una pressione max di esercizio di 15 bar a 20° C e di 18 bar a 60°
C, va ricollaudato ogni 12 anni;
9 uno speciale gas estinguente a saturazione totale chiamato EASY
FIRE FM200® (per gli autobus con alimentazione a Gas Naturale
158
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
o GPL) gas pulito, puro, con un insignificante impatto ambientale
ed è ecologico nei confronti dell’ozono, dielettrico, protegge
efficacemente i beni ed è sicuro per le persone, non avendo ne
limitazioni ambientali ne limiti legislativi d’uso. E’ un gas
trasparente, non sporca, non danneggia nessun tipo di materiale.
La quantità di gas immesso, circa 6 litri, è sufficiente per un
volume di circa 10 m 3 ;
9 una speciale valvola con cartuccia pirotecnica e manometro; è
costruita in ottone, su di essa è presente un sigillo di sicurezza
verde per migliorare il controllo visivo a distanza prima
dell’installazione; la valvola è dotata di carica pirotecnica
conforme alle specifiche per l’attivazione elettrica e la partenza
automatica dell’impianto;
9 un sensore di temperatura a cavo, ossia un cavo termosensibile
composto da conduttori spiratati del diametro di 0,9 mm in acciaio
armonico isolati da una guaina in PVC con temperatura di fusione
nominale adatta allo scopo. Questo sensore termina con un
connettore di sicurezza con ghiera di bloccaggio antisvitamento in
modo da poter essere fissato da un lato su una parete del vano
motore e dall’altro avere la possibilità di un veloce rimozione in
caso di assistenza al motore;
9 quattro ugelli nebulizzatori da posizionare nei punti critici
dell’area motore;
9 tubo in rilsan 10x0,8;
9 raccorderia varia;
9 un supporto per il sostegno del serbatoio;
9 due cinghie di fissaggio a supporto;
9 staffe di fissaggio ugelli.
159
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
Figura 37 : Il sistema Firekill
Estinguente : a seconda del tipo di carburante utilizzato dall’autobus, è
necessario prevedere un estinguente specifico. Per gli autobus con
alimentazione diesel l’additivo SEALFIRE appartenente alla categoria
dei fluoro sintetici standard, è ottenuto da materie prime di qualità
superiore, con rigidi procedimenti di controllo ed in accordo con le
specifiche UK Defence Standard e con le metodiche descritte dal
Ministero dell’Interno ed è caratterizzato dalle seguenti proprietà :
9 la schiuma è dotata di eccezionale fluidità che permette, insieme
all’effetto filmante, di ottenere tempi di controllo della fiamma
nell’ordine di una decina di secondi;
9 i fluorotensioattivi contenuti fanno in modo che le caratteristiche
della schiuma non siano compromesse dal tuffo sugli idrocarburi
infiammati; infatti le goccioline di idrocarburo, che rimangono
emulsionate nella schiuma, risultano essere confinate e non sono
quindi in grado di danneggiare la qualità della schiuma stessa o di
entrare immediatamente in combustione;
160
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
9 è provvisto di antigelo;
9 impedisce l’ eventuale accensione con il suo effetto filmante;
9 non è pericoloso su apparecchiature elettriche essendo stato testato
secondo le normative Europee EN3 e superato il test a 35.000
Volt;
9 non danneggia i componenti del motore né le vernici dell’autobus
e può essere asportato totalmente semplicemente lavando la
superficie esposta con acqua.
Le principali proprietà chimico fisiche sono indicate nella tabella
seguente :
Tabella 28 : Proprietà chimico fisiche estinguente
Proprietà estinguente
Specifiche
Concentrazione
6%
Aspetto
liquido limpido, colore ambrato
Peso specifico a 15°C 8gr/cm
3
1,04 / 1,08
Sedimenti (centrifuga)
max 0,1% volume a 20°C
Viscosità a 20°C (cS)
max 20
Viscosità A 0°C (cS)
max 45
Punto di scorrimento (OC)
max -12 / + 2
Neutralità (pH)
6.0 / 8.0
Solubilità (sedimenti)
max 0.1%
Invecchiamento a caldo
aspetto invariato
Sedimenti (centrifuga)
max. 0.2 %
Variazione pH
entro i limiti delle specifiche
Altre variazioni
entro i limiti delle specifiche
Invecchiamento a freddo
aspetto invariato
Stabilità delle soluzioni a freddo
proprietà invariate entro i limiti
e a caldo
delle specifiche
Corrosione Acciaio C10 (UNI 2953):
max. 0.5 g / mq 24 ore (5mdd)
Corrosione Acciaio Inox (AISI 304):
max. 0.5 g / mq 24 ore (5mdd)
Rapporto di espansione
una volta spruzzato il suo volume aumenta di 8+11
volte
161
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
3.6.2.3.1
Modalità di funzionamento
In caso d’incendio la temperatura viene rilevata dal sensore termico a
cavo, e da in lato si crea un corto circuito che viene rilevato dalla
centralina di controllo che attiva un impulso elettrico che fa esplodere la
carica pirotecnica presente sull’estintore e permette la fuoriuscita
dell’estinguente tramite gli ugelli e contemporaneamente la centralina
invia un segnale (luminoso e acustico) al conducente che ha così la
possibilità di mettere il veicolo in sicurezza e almeno 5 minuti sicuri per
poter sia far scendere i passeggeri dall’autobus sia spegnere il motore
scongiurando cosi che il gas proveniente dalle bombole possa in qualche
modo innescare un ritorno di fiamma una volta che l’azione dell’
impianto si sia affievolita. A completamento dell’impianto e come
ulteriore componente di sicurezza, viene installata sulla valvola
dell’estintore un’ ampolla che attiva comunque l’impianto nel momento
in cui, nel vano di installazione, viene superata la temperatura di 140°C.
Nel caso in cui il conducente abbia motivo di ritenere che nel vano
motore o nel vano del preriscaldatore sia in atto un principio di incendio o
che esso sia già in corso, può attivare l’impianto di spegnimento
premendo un pulsante posizionato nella zona di guida con un
funzionamento dell’impianto che in caso di attivazione manuale rimane
identico. L’ impianto è molto affidabile, ogni suo singolo componente
infatti è testato, garantito da prestigiosi centri di ricerca che
hanno
dimostrato come durante la fuoriuscita fortuita di una piccola quantità di
carburante, un cortocircuito o le scintille derivanti dallo sfregamento
delle lamiere sufficienti ad innescare un incendio, intervenga in maniera
tempestiva necessitando di poco estinguente, a tutto vantaggio di costi e
dimensioni, consentendo anche risparmi assicurativi mediante accordi
con l’assicurazione.
162
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
Figura 38 : Posizionamento della bombola su un Breda Menarini
2.6.2.3.2
Manutenzione ordinaria
Le operazioni di manutenzione ordinaria sono prestabilite per legge e si
suddividono in quattro tipi di azione:
9 sorveglianza : atta a controllare l’estintore nella posizione in cui è
collocato,
che
l’estintore
sia
chiaramente
visibile
e
immediatamente utilizzabile, che non sia manomesso o che risulti
mancante di alcune parti o che non presenti anomalie dovute a
corrosione, urti incrinature etc., che l’indicatore di pressione
indichi un valore di pressione compreso all’interno del campo
verde; che tutti i componenti dell’impianto non siano danneggiati
(per es. ugelli ostruiti, cavo non correttamente fissato). Le
anomalie riscontrate devono essere eliminate. Ogni 30 giorni va
effettuata un’ ispezione visiva atta a verificare che l’indicatore
pressione presente sull’estintore si trovi nella zona verde.
9 Controllo : volto a verificare l’efficienza dell’estintore, con
frequenza almeno semestrale. Gli accertamenti riguardano
163
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
principalmente la pressione interna e lo stato di carica, tramite
pesatura, dell’estintore.
9 Revisione : consiste nel verificare e rendere perfettamente
efficiente l’estintore e tutto l’impianto con accertamenti e
interventi rivolti all’esame e al controllo di tutti i suoi componenti.
Ad esempio: controllare che tutte le tubazioni i raccordi e gli ugelli
siano liberi da occlusioni, incrostazioni e sedimentazioni, sostituire
i dispositivi di sicurezza contro le sovrappressioni, sostituire l’
agente estinguente, controllare il corretto montaggio dell’estintore.
Ogni 24 mesi va sostituito l’estinguente se a base schiumosa
(SEALFIRE), ogni 72 mesi se a gas (HFC227).
9 Collaudo : consiste nella verifica della stabilità della bombola
dell’estintore in quanto facente parte di apparecchi a pressione.
Ogni 12 anni va collaudato il serbatoio.
3.6.3
Sistemi di rilevazione e di segnalazione incendio
Per rilevazione [41],[44],[52],{22} d’ incendio si intende la misura di
una grandezza tipica di uno dei fenomeni associato all’insorgere dell’
incendio, da non confondersi con il concetto di rivelazione che è la
comunicazione della notizia, al sistema demandato ad intervenire, che si
sta sviluppando l’ incendio dopo essere stato rilevato. La rilevazione si
basa sulla capacità di percepire l’incendio, sin dalle sue prime fasi, a
partire
dalle
sue
manifestazioni
esteriori,
che
possono
essere
schematizzate come fumo, calore e fiamma ed il sistema ideale può
considerarsi quello in grado di rilevare il fenomeno nella fase covante,
prima che la combustione degeneri nella fase di incendio generalizzato,
con un tempo di intervento (vedi curva temperatura tempo) possibilmente
inferiore al tempo di prima propagazione ossia prima che si sia verificato
164
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
il flashover quando le temperature sono ancora relativamente basse e lo
spegnimento risulta più semplice e i danni contenuti.
Figura 39 : Intervento dei diversi rilevatori sulla curva temperatura tempo
Infatti nella figure seguente si può notare che l’entità dei danni, se non si
interviene prima, ha un incremento notevole non appena si verifica il
flashover.
Figura 40 : Andamento dei danni nel tempo durante un incendio
I sistemi di rilevazione saranno naturalmente tanto più efficaci quanto più
precocemente sono in grado di segnalare un principio di incendio in
modo che possa essere rapidamente avviata l’ azione di controllo ed
ispezione immediata della zona interessata al fenomeno così da contenere
i danni, avviare un tempestivo sfollamento delle persone e abbandono del
165
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
veicolo se necessario, attivare i piani di intervento, i sistemi di protezione
(manuali e/o automatici di spegnimento) e le misure di sicurezza. I
diversi parametri che vengono rilevati e i diversi modi di svolgere
l’azione di rilevazione sono alla base delle diverse tipologie di
apparecchiature che sono state sviluppate e che andranno utilizzate in
funzione delle caratteristiche dell’incendio atteso e delle finalità del
sistema. Per rilevatore deve intendersi un dispositivo installato nella
zona da sorvegliare in grado di misurare e captare, con continuità o a
frequenti intervalli di tempo, le variazioni nel tempo di grandezze tipiche
della combustione, la velocità delle variazioni dei parametri fisici che
hanno luogo nell’ambiente da controllare e poi di trasmettere un segnale
di allarme una volta superata una determinata soglia di riferimento. I
rilevatori d’ incendio possono essere classificati secondo diverse
modalità, ad esempio in base al fenomeno che sono destinati a percepire e
segnalare si distinguono in :
9 Rilevatori di calore [17],[24],[44] sono quelli che rispondono a
un aumento di temperatura, effetto più eclatante del fenomeno
incendio, che trovano applicazione come elementi di conferma
dello stato di allarme innescato da un rilevatore più sensibile (di
fumo o di fiamma). Tipici sono i rilevatori termici a massima che
determinano l’allarme quando la temperatura raggiunge un valore
prefissato, i rilevatori termovelocimetrici che entrano in funzione
quando la temperatura aumenta con velocità superiore ad un valore
prefissato e i rilevatori termo differenziali che si basano sul
comportamento differenziale dell’aumento della temperatura a
seguito di un incendio attraverso un circuito che valuta la
differenza di resistenza elettrica tra un resistore isolato e un
termistore di misurazione (sensore che converte la temperature in
166
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
corrente elettrica costituito da un materiale la cui resistenza
diminuisce fortemente con la temperatura).
9 Rilevatori di fumo sono invece sensibili alle particelle prodotte
dalla combustione e/o pirolisi rilasciate nell’aria e sulla rilevazione
del fumo si basano i sistemi di rilevazione più sensibili, adatti
specialmente per i materiali combustibili ma non per i prodotti
infiammabili. I fenomeni principali su cui si basano sono la
diffrazione o diffusione della luce emessa da una sorgente
luminosa e l’alterazione del flusso di particelle ionizzate emesse
da una sorgente radioattiva. Si distinguono rilevatori ottici basati
sull’effetto del fumo su un fascio luminoso e rilevatori a
ionizzazione o radioattivi che si basano sull’effetto del fumo su un
flusso di particelle ionizzate che si muovono in un campo elettrico
determinato da due elettrodi di carica opposta. Tra si essi si
potrebbero far rientrare anche i rilevatori di gas, sensibili ai
prodotti gassosi della combustione e/o della decomposizione
termica [20],[24].
9 Rilevatori di fiamma sono invece sensibili alle radiazioni
elettromagnetiche, visibili e/o invisibili, emesse dalle fiamme in un
incendio, utili quando lo sviluppo della fiamma è pressoché
immediato e non sono particolarmente visibili i prodotti della
combustione come nel caso dei liquidi infiammabili. Questi
rilevatori hanno la capacità di vedere la fiamma nelle sue
radiazioni elettromagnetiche di base, dall’infrarosso fino all’
ultravioletto, passando per lo spettro delle radiazioni visibili e
basano il loro funzionamento sull’alterazione che le radiazioni
ricevute esercitano su un campo elettrico generato da una coppia di
elettrodi fra i quali passa una corrente predeterminata. Possono
aversi quindi : rilevatori a sfarfallamento sensibili alle radiazioni
167
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
emesse nel campo visibile, rilevatori ad infrarosso in grado di
percepire le radiazioni infrarosse emesse dalla fiamma, rilevatori
ultravioletti sensibili alle radiazioni ultraviolette e finanche
rilevatori ad ultrasuoni sensibili alle variazioni di un campo
sonoro indotte dal movimento d’aria negli spazi sovrastanti i
focolai d’incendio [58].
In base invece al metodo di risposta dei rilevatori al fenomeno rilevato
possono aversi:
9 rilevatori statici : danno luogo ad allarme quando la grandezza
del fenomeno controllato è superiore ad un predeterminato valore;
9 rilevatori differenziali : azionano l’allarme quando differenze
delle grandezze del fenomeno, controllato in due o più punti,
superano un certo valore per un tempo sufficiente;
9 rivelatori velocimetrici : danno luogo ad allarme quando la
rapidità di variazione del fenomeno controllato nel tempo supera il
valore di soglia per un tempo sufficiente.
In base alla tipologia di elementi sensibili disponibili si distinguono in :
9 rilevatori puntiformi : si basano su elementi sensibili di tipo
puntiforme e rispondono al fenomeno rilevato in vicinanza di un
punto fisso;
9 rilevatori a punti multipli : rispondono al fenomeno rilevato in
vicinanza di un determinato numero di punti fissi;
9 rilevatori lineari : che sono in grado di rispondere al fenomeno
entro uno spazio delimitato da una fascia di larghezza nota e la cui
mezzeria è costituita dalla linea lungo la quale sono installati i
rilevatori (ad esempio il sistema di rilevazione di temperatura a
cavo termosensibile visto nel Pirò).
Le diverse classificazioni possono schematizzarsi [17] come riportato
nella seguente tabella :
168
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
Tabella 29 : Classificazione rilevatori di incendio
Parametro di classificazione
Tipo di rilevatore di incendio
Fenomeno rilevato
Rilevatori di calore, fumo, gas, fiamma
Metodo di rilevazione
Rivelatori statici, differenziali, velocimetrici
Principio di funzionamento
Rilevatori a ionizzazione, ottici attivi e passivi
Configurazione
Rilevatori puntiformi, a punti multipli, lineari
Per impianto di rilevazione invece deve intendersi l’insieme delle
apparecchiature installate per rilevare, localizzare e segnalare l’inizio di
un principio di incendio che sono costituiti da : rilevatori (che tramutano
i fenomeni che accompagnano la combustione in variazione di altre
grandezze), un convertitore (che trasforma le grandezze ausiliarie dei
rilevatori in segnali trasmissibili a distanza quando tali grandezze
superano prefissati valori), un quadro o centrale di controllo che riceve
ed elabora i segnali provenienti dai rilevatori e sul quale sono inseriti tutti
gli organi occorrenti per il funzionamento dell’impianto.
Nel caso degli autobus, su alcune tipologie di veicoli attualmente
vengono utilizzati dei rilevatori di tipo statico che rilevano le variazioni
di calore : quando il sensore rileva che il valore della grandezza misurata
supera un prefissato valore di soglia, trasmette un segnale di allarme alla
black - box che avvisa il conducente, attiva i dispositivi automatici di
spegnimento, blocca l’alimentazione elettrica e contemporaneamente il
flusso dei fluidi combustibili.
3.6.4
Istruzioni ai conducenti e procedura comportamentale
Vediamo come un autista debba operare per tentare di spegnere un
incendio o meglio un principio di incendio poiché quando le fiamme
hanno avvolto il veicolo è molto difficile avere ragione del fuoco. La
prima cosa da fare è chiedere l’intervento dei Vigili del Fuoco; nell’
attesa si possono effettuare delle semplici manovre che, se non
169
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
conosciute, potrebbero essere oggetto di addestramento specifico. Dopo
l’allarme, accostato l’autobus in luogo sicuro, avendo cura di considerare
il giusto spazio necessario all’apertura delle porte ed all’uscita dell’utenza
trasportata e allontanato tutti i passeggeri dal mezzo, prima di tentare di
estinguere un fuoco, si dovranno indossare i dispositivi di protezione
individuale, ossia gli indumenti protettivi in dotazione e in ogni caso
proteggersi il più possibile per evitare che eventuali fiammate producano
ustioni. L’autista [59] quindi deve :
9 se il fuoco è all’interno del vano motore e qualora il cofano fosse
aperto, posizionarsi in prossimità di uno dei montanti anteriori,
possibilmente sopra vento così da non essere raggiunto dalle
fiamme e dal fumo, tentare di individuare il punto di origine delle
fiamma e dirigere il getto dell’estintore con lanci veloci e
intermittenti, facendo economia dell’agente estinguente in
previsione della possibilità che l’incendio possa riprendere;
9 se il fuoco è all’interno del vano motore e il cofano è parzialmente
aperto o addirittura chiuso non tentare di aprirlo, altrimenti
darebbe aria alle fiamme ravvivandole e correndo il rischio di
essere raggiunto dalle fiamme mentre tenendolo chiuso limita
l’afflusso di aria. Deve inserire, per quanto possibile, l'ugello di
erogazione dell’estintore nella fessura posta tra il cofano e la
mascherina anteriore oppure in una delle fessure normalmente
presenti tra il cofano e il parabrezza o ancora nelle aperture
presenti, talvolta, nei parafanghi o in ogni caso qualunque apertura
che permette di raggiungere l’interno del vano motore può essere
utile;
9 se il fuoco interessa la parte sotto il cruscotto o il rivestimento,
oppure
ha
attaccato
altri
materiali
combustibili
presenti
nell’abitacolo tentare di individuare il punto di origine delle
170
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
fiamma e dirigervi il getto dell’estintore con lanci veloci e
intermittenti facendo attenzione a non riempire il veicolo con
l’estinguente, potrebbe essere pericoloso per gli occupanti che
ancora sono a bordo;
9 se il fuoco interessa il bagagliaio di un veicolo non aprirlo in
quanto, come già detto, l’aria potrebbe ravvivare le fiamme e
correrebbe il rischio di essere raggiunto dalle fiamme e cercare
altre vie per arrivarci;
9 se il fuoco interessa apparecchiature elettriche, utilizzare
l’estintore a CO 2 se presente; in ogni caso appena è possibile si
dovrà procedere all’isolamento della batteria del veicolo, tramite
l’apposito sezionatore, in quanto frequentemente è origine di
innesco per l’incendio.
3.6.4.1
Modalità di utilizzo dell’estintore
Per quanto attiene alle modalità di utilizzo dell’estintore [20], qualunque
esso sia e contro qualunque fuoco l’intervento sia diretto è necessario
attenersi alle istruzioni d’uso dell’estintore. L’autista deve operare a
giusta distanza per colpire il fuoco con getto efficace. Questa distanza
può variare a seconda della lunghezza del getto consentita dall’estintore e
compatibilmente con l’entità del calore irradiato dall’incendio. Inoltre va
tenuto presente che all’aperto è necessario operare a una distanza ridotta,
quando in presenza di vento si possa verificare dispersione del getto.
Inoltre deve dirigere il getto di sostanza estinguente alla base delle
fiamme e non attraversare con il getto le fiamme, nell’intento di aggredire
il focolaio più grosso, ma agire progressivamente, cercando di spegnere
le fiamme più vicine per aprirsi la strada per un’azione in profondità. Una
prima erogazione a ventaglio di sostanza estinguente può essere utile con
alcune sostanze estinguenti a polvere per poter avanzare in profondità e
171
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
aggredire da vicino il fuoco. Non deve sprecare inutilmente sostanza
estinguente, soprattutto con piccoli estintori: adottare pertanto, se
consentito dal tipo di estintore, una erogazione intermittente. Nel caso di
incendio all’aperto in presenza di vento, deve operare sopra vento rispetto
al fuoco, in modo che il getto di estinguente venga spinto contro la
fiamma anziché essere deviato o disperso. Nello spegnimento di un
liquido infiammabile l’azione estinguente va indirizzata verso il focolaio
con direzionalità e distanza di erogazione tale che l’effetto dinamico della
scarica trascini la direzione delle fiamme tagliandone l’afflusso
dell’ossigeno. Occorre fare molta attenzione a non colpire direttamente e
violentemente il pelo libero per il possibile sconvolgimento e
spargimento del combustibile incendiato. Nel caso di combustibili solidi
l’angolo d’impatto deve risultare più accentuato per migliorare la
penetrazione della polvere estinguente all’interno delle zone di reazione.
In ogni caso dovrà prestare attenzione perché l’effetto dinamico
dell’estinguente potrebbe causare la proiezione di parti calde e
infiammate generando la nascita di altri focolai. A volte l’azione
estinguente risulta complessa e la direzione del getto del materiale
estinguente richiede continue variazioni per raffreddare zone diverse tutte
concorrenti alla generazione dell’incendio. Infine il focolaio appena
spento non va abbandonato se non dopo un periodo di tempo tale che non
possa riaccendersi. Non deve dirigere mai il getto contro le persone,
anche se avvolte dalle fiamme, l’azione delle sostanze estinguenti sul
corpo umano specialmente su parti ustionate, potrebbe fra l’altro
provocare conseguenze peggiori delle ustioni; in questo caso ricorrere
all’acqua oppure al ben noto sistema di avvolgere la persona in coperte o
indumenti.
172
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
3.7
LA PROTEZIONE PASSIVA
La protezione passiva [39],[60 a 62],{15 e 16} è l’insieme delle misure
di protezione che non richiedono l’azione di un uomo o l’azionamento di
un impianto ed hanno come obiettivo la limitazione degli effetti
dell’incendio nello spazio e nel tempo (garantire l’incolumità di
passeggeri e autista, limitare gli effetti nocivi dei prodotti della
combustione, contenere i danni a strutture dell’ autobus, agli impianti, e
ai beni e veicoli circostanti).
Figura 41 : La Protezione Passiva
Le relative misure di protezione sono previste in sede di progettazione e i
fini possono essere perseguiti con : compartimentazione del vano motore
da quello passeggeri, isolamento degli impianti, specie quello elettrico,
del serbatoio combustibile e delle condotte dei fluidi infiammabili quali
oli idraulici e lubrificanti, barriere antincendio (che realizzate mediante
interposizione di elementi strutturali hanno la funzione di impedire la
propagazione degli incendi sia lineare con barriere locali che
173
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
tridimensionale con barriere totali), distanze di sicurezza (basate sul
concetto dell’ interposizione, tra aree potenzialmente soggette ad
incendio, di spazi o di elementi al fine sempre di ridurne le conseguenze),
paratie o diaframmi tagliafuoco, schermi etc., strutture aventi
caratteristiche di resistenza al fuoco commisurate ai carichi d’incendio,
materiali classificati per la reazione al fuoco, sistemi di ventilazione
naturali per consentire la fuoriuscita dei fumi e del calore riducendo la
propagazione,
sistema di vie d’uscita (commisurate al massimo
affollamento ipotizzabile in base al numero di passeggeri previsto e alla
pericolosità dell’ambiente.
3.7.1
Comportamento al fuoco
Il comportamento al fuoco [63 a 66],{23} è l’insieme delle trasformazioni
fisiche e chimiche di un materiale o di un elemento da costruzione
sottoposto all’azione del fuoco e comprende due componenti distinti che
si integrano a vicenda: la resistenza al fuoco e la reazione al fuoco : la
prima riguarda gli elementi strutturali che in caso di incendio devono
rispondere alla loro funzioni per un periodo di tempo determinato, la
seconda riguarda il grado di partecipazione del materiale combustibile al
fuoco.
3.7.1.1
Reazione al fuoco
Per reazione al fuoco {24 e 25},[67] che rientra nelle misure di
protezione passiva, si intende il grado di partecipazione di un materiale al
fuoco a cui viene sottoposto; in altre parole è un indice che esprime la
capacità che ha un materiale (o un manufatto composito) di contribuire ad
alimentare un incendio e quindi la facilità e le caratteristiche negative con
cui brucia ma essa non tiene conto dei rischi derivanti dai fumi emessi dal
materiale stesso nel processo di combustione. Per materiale si è inteso il
174
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
componente (o i componenti variamente associati) che può (o possono)
partecipare alla combustione in dipendenza della propria natura chimica e
delle effettive condizione di messa in opera per l’utilizzazione. E'
comunque opportuno specificare che la classe di Reazione al Fuoco non è
relativa al prodotto tal quale, ma è riferita al suo impiego e alla sua posa
in opera. Ad esempio un tessuto può avere diversa "Classe" se impiegato
come tendaggio o come rivestimento parete ovvero se viene posto in
opera appoggiato o incollato su supporto incombustibile.
In Italia la reazione al fuoco è disciplinata dal D.M. 26/06/1984,
“Classificazione di reazione al fuoco ed omologazione dei materiali ai
fini della prevenzione incendi” e dal successivo D.M. 03/09/2001 che vi
apporta alcune modifiche e aggiornamenti, adeguandolo alle direttive
CEE : ai materiali incombustibili (i quali non danno alcun contributo
all’incendio) viene attribuita la classe zero, a quelli combustibili le classi
da uno a cinque (o addirittura non classificabile in qualche caso)
all’aumentare della loro combustibilità e partecipazione alla combustione
secondo la seguente tabella:
Tabella 30 : Classi di reazione al fuoco
Classe
Definizione
0
Materiale incombustibile
1
Materiale non infiammabile
2
Materiale difficilmente infiammabile
3
Materiale mediamente infiammabile
4
Materiale facilmente infiammabile
5
Materiale altamente infiammabile
I metodi di prova (in Italia) per la determinazione delle classi di reazione
al fuoco dei materiali, stabiliti dal D.M. 26 /06/1984 modificato e
integrato dal D.M. 03/09/2001, sono quelli di seguito riportati:
175
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
1) UNI EN ISO 1182 (2005) Prova di non combustibilità : ha lo scopo di
verificare se un materiale non contribuisce minimamente allo sviluppo di
un incendio o meno (e quindi se gli si può attribuire la classe zero oppure
no), e consiste nell’immettere, all’interno di un piccolo forno alla
temperatura di circa 825 °C, una provetta cilindrica (diametro 45 mm ed
altezza 50 mm) per un tempo di trenta minuti, registrando gli
innalzamenti delle temperature di alcune termocoppie poste in prossimità
della provetta e verificando al contempo che non si sprigionino fiamme
persistenti. Inoltre il decreto del Ministero dell’Interno del 14/01/1985
viene attribuita classe zero ai seguenti materiali senza che siano sottoposti
a prova di combustibilità : materiali da costruzione, compatti e espansi a
base di ossidi metallici o di altri composti inorganici privi di leganti
organici; materiali isolanti a base di fibre minerali prive di leganti
organici; materiali costituiti da metalli con o senza finitura superficiale a
base inorganica.
2) UNI 8456 (1987) Reazione al fuoco di materiali sospesi e suscettibili
di essere investiti da una piccola fiamma su entrambe le facce : è
applicabile a materiali che possono essere installati sospesi dall’alto
(tendaggi, sipari, tendoni, drappeggi) e ha lo scopo di attribuire una
categoria al materiale sulla base di vari parametri : tempo di postcombustione, tempo di post-incandescenza, zona danneggiata e
gocciolamento di una provetta rettangolare (dimensioni 340 x 104 mm)
posta verticalmente e sottoposta per 12 secondi all’azione di una piccola
fiamma applicata al suo bordo inferiore.
3) UNI 8457 (1987) e UNI 8457 A1 (1996) Reazione al fuoco di
materiali che possono essere investiti da una piccola fiamma su una sola
faccia : è applicabile a materiali da rivestimento e per pavimenti, soffitti e
ha lo scopo di attribuire una categoria al materiale sulla base di vari
parametri: tempo di post-combustione, tempo di post-incandescenza,
176
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
zona danneggiata e gocciolamento di una provetta rettangolare
(dimensioni 340 x 104 mm) posta verticalmente e sottoposta per 30
secondi all’azione di una piccola fiamma applicata su un lato della
provetta.
4) UNI 9174 (1987) e UNI 9174 A1 (1996) Reazione al fuoco di
materiali sottoposti all’azione di una fiamma d’innesco in presenza di
calore radiante : è applicabile a tutti i materiali di cui ai due punti
precedenti e ha lo scopo di attribuire una categoria al materiale sulla base
di vari parametri: velocità di propagazione superficiale della fiamma,
postcombustione, post-incandescenza, zona danneggiata e gocciolamento
di una provetta rettangolare (dimensioni 800 x 155 mm) sottoposta
all’azione di una fiamma d’innesco in presenza di calore radiante (6,2
W/cm 2 ) prodotto da una piastra porosa rettangolare (dimensioni 450 x
300 mm) alimentata con una miscela di gas e aria.
5) UNI 9175 (1987) e UNI 9175 A1 (1994) Reazione al fuoco di mobili
imbottiti sottoposti all’azione di piccola fiamma : è applicabile ai mobili
imbottiti ed assimilabili, quali poltrone, divani, materassi, guanciali,
sommier. Ha lo scopo di attribuire una classe di reazione al fuoco al
materiale sulla base dei risultati dell’azione di una sorgente d’ignizione
costituita da un bruciatore a gas con altezza della fiamma pari a 40 mm
posto nel punto d’incontro fra due provette poste a 90° l’una rispetto
all’altra e simulanti una poltrona imbottita in piccola scala.
I suddetti metodi oltre che per i materiali di rivestimento e di arredo,
vengono anche utilizzati per installazioni tecniche quali tubazioni di
scarico, condotte di ventilazione e riscaldamento, canalizzazioni per cavi,
isolamento di tubazioni e serbatoi, materiali o componenti isolanti, ecc., e
non considerano l’emissione di fumi e di sostanze tossiche o nocive.
177
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
Inoltre bisogna anche considerare la UNI 9176 che riguarda i metodi di
preparazione dei materiali per l’accertamento delle caratteristiche di
reazione al fuoco.
In questo ambito va anche considerata la Norma UNI-ISO 3795, secondo
la Direttiva 95/28/CE, adottata dal Ministero dei Trasporti per la
valutazione del comportamento alla combustione dei materiali non
metallici impiegati per l’allestimento interno degli autobus, che prevede
le seguenti prove dei materiali :
9 determinazione della velocità di combustione orizzontale, che non
deve superare il valore di 100 mm/minuto;
9 determinazione del comportamento alla fusione, per cui non
devono formarsi gocce che infiammino il cotone grezzo;
9 determinazione della velocità di combustione verticale, che non
deve superare il valore di 100 mm/minuto.
In particolare alla prima prova vanno sottoposti i materiali usati per
l’imbottitura dei sedili e loro accessori, quelli usati per il rivestimento
interno del tetto, del pavimento, delle pareti laterali, posteriori e di
separazione, del vano bagagli ed inoltre i materiali aventi funzioni
acustiche e termiche, di rivestimento delle tubazioni di riscaldamento e di
ventilazione e quelli usati per i dispositivi di illuminazione. Alla seconda
prova vanno sottoposti ancora i materiali usati per il rivestimento interno
del tetto e del vano bagagli, quelli di rivestimento delle tubazioni di
riscaldamento e di ventilazione situate nel tetto e quelli usate per i
dispositivi di illuminazione situati nel vano bagagli e nel tetto. Alla terza
prova infine vanno sottoposti i materiali usati per tende e tendine. Le due
metodologie comportano delle differenze, ad esempio nel caso dei
tendaggi, la norma UNI-ISO 3795 prevede solo la valutazione della
velocità di combustione mentre secondo il DM 3/09/2001 sul materiale
devono essere effettuate prove con i metodi UNI 8456, UNI 9174 e UNI
178
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
8174/A1, che valutano il comportamento del materiale anche in presenza
di calore radiante.
I parametri che determinano la classe di reazione al fuoco sono riportati
di seguito:
9 Tempo di post-combustione : è il tempo, espresso in secondi, che
trascorre dal momento in cui si allontana la fiamma pilota dalla
provetta fino al momento in cui la fiamma si estingue.
9 Tempo di post-incandescenza : è il tempo, espresso in secondi,
che trascorre dall’estinzione della fiamma sviluppata o, in assenza
di questa, dall’allontanamento della fiamma pilota, fino alla
completa scomparsa dell’incandescenza.
9 Zona danneggiata : è l’estensione massima in lunghezza, espressa
in mm, della parte di provetta che risulta combusta o fusa e che
presenta degradazione delle caratteristiche meccaniche.
9 Gocciolamento : tendenza di un materiale a lasciare cadere gocce
e/o parti distaccate durante e/o dopo l’azione della sorgente di
calore.
9 Velocità di propagazione della fiamma: velocità con cui il fronte
di fiamma avanza lungo la superficie della provetta espressa in
millimetri al minuto, cioè la velocità con cui un materiale brucia.
9 Infiammabilità: capacità di un materiale di prendere fuoco
quando viene messo in contatto con una sorgente di ignizione e di
permanere in questo stato di ignizione anche quando la sorgente
viene allontanata.
In realtà il sistema di prova e classificazione descritto è stato
recentemente
aggiornato
per il recepimento del sistema europeo di
norme UNI EN relative alla classificazione reazione al fuoco dei prodotti
da costruzione per cui il Ministero dell’Interno ha dovuto aggiornare le
norme di prevenzione classificazione mediante due decreti :
179
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
1) il DM 10/03/2005 “Classi di reazione al fuoco per i prodotti
da costruzione da impiegarsi nelle opere per le quali è
prescritto il requisito della sicurezza in caso d'incendio”
introduce il nuovo sistema di prova e classificazione
recependo i metodi di prova europei. Tale decreto prevede
anche la possibilità di classificare taluni prodotti senza
oneri di prova;
2) il DM 15/03/2005 “Requisiti di reazione al fuoco dei
prodotti da costruzione installati in attività disciplinate da
specifiche disposizioni tecniche di prevenzione incendi in
base al sistema di classificazione europeo” detta i criteri di
accettazione delle nuove classi: laddove prima si era
abituati alle vecchie classi italiane 0, 1, 2 etc. ora si avranno
le Euroclassi.
Il campo di applicazione del decreto del 2005 è limitato ai soli “materiali
da costruzione”, cioè ad ogni prodotto fabbricato al fine di essere
incorporato o assemblato in modo permanente negli edifici e nelle altre
opere di ingegneria civile; per cui visto che i prodotti che rientrano nella
predetta definizione contenuta nella direttiva prodotti da costruzione e
che sono omologati con la normativa italiana ai fini della reazione al
fuoco, scopriamo che il numero di tali prodotti rappresenta solo il 30 %
del totale dei materiali omologati. Pertanto, se per il 30% circa dei
prodotti sarà necessario, a regime, applicare le nuove norme di prova
europee per la loro classificazione, per il restante 70% dei prodotti che
hanno rilievo ai fini della reazione al fuoco continuerà ad applicarsi la
normativa italiana (D.M. 26 giugno 1984 e successive modifiche ed
integrazioni).
In base al nuovo decreto i prodotti sono suddivisi secondo la seguente
classificazione: A1, che identifica il materiale con il migliore
180
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
comportamento al fuoco, e poi, in ordine decrescente (sempre per quanto
attiene il loro comportamento all’incendio), A2,B,C,D,E,F. Tali classi
sono contrassegnate dal pedice Fl qualora si riferiscano alla
classificazione dei pavimenti e dal pedice l qualora si riferiscono alla
classificazione di prodotti di forma lineare come quelli destinati
all’isolamento termico di condutture. A tale classi va aggiunta l’ulteriore
classificazione dei fumi s (smoke) e del gocciolamento d (dripping). Tali
parametri sono suddivisi su tre livelli contraddistinti con la numerazione
0,1,2 in funzione della quantità di “sostanza” prodotta durante le prove. I
materiali, nel sistema europeo, vengono differenziati in maniera molto
più specifica rispetto al sistema italiano. Risulta pertanto difficile una
trasposizione esatta tra i due metodi, con eccezione della corrispondenza
tra classe A1 e classe 0 e i materiali non classificati :
9 CLASSE 0 = CLASSE A1 (A1 , A1 );
FL
L
9 CLASSE 1 = CLASSE A2 e CLASSE B con bassa produzione di
fumo e gocce ardenti;
9 CLASSE 2 = CLASSE A2 e CLASSE B con alta produzione di
fumo e gocce ardenti, CLASSE C con bassa produzione di fumo e
gocce ardenti;
9 CLASSE 3 = CLASSE C con alta produzione di fumo e gocce
ardenti e
CLASSE D con bassa produzione di fumo e gocce
ardenti;
9 CLASSE 4 e 5 = CLASSE D con alta produzione di fumo e gocce
ardenti e CLASSE E;
9 MATERIALI NON CLASSIFICATI = CLASSE F.
I metodi di prova previsti dalla norma UNI EN 13501-1 (sistema
europeo), recepiti dal D.M. 10/03/2005 per classificare un materiale ai
fini della reazione al fuoco nell’ambito della marchiatura CE, sono
cinque:
181
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
1) UNI EN ISO 1182 Prova di non combustibilità : è praticamente lo
stesso metodo già utilizzato in Italia, ma non è sufficiente da solo
per determinare la non combustibilità di un materiale: è necessario
comunque realizzare anche una prova con uno dei due metodi
successivi.
2) UNI EN ISO 1716 Determinazione del potere calorifico : è una
prova mai utilizzata precedentemente in Italia nel settore della
prevenzione incendi; definisce il potenziale termico di un
materiale, cioè quanto calore è in grado di sviluppare qualora
abbia la disponibilità di ossigeno.
3) UNI EN 13823 (SBI, Single Burning Item) Prodotti da
costruzione esclusi i pavimenti esposti ad un attacco termico
prodotto da un singolo oggetto in combustione : è un metodo di
prova totalmente nuovo, messo a punto appositamente dal CEN; si
tratta di esporre all’azione di un bruciatore con potenza termica di
circa 30 kW un campione di materiale simulante un angolo, con un
incendio che vi si sviluppa all’interno; è una prova molto
complessa nel corso della quale vengono misurati la produzione di
calore e di fumo, oltre alla osservazione visiva della propagazione
laterale
della
fiamma
e
l’eventuale
distacco
di
gocce
incandescenti.
4) UNI EN ISO 11925-2 Piccola fiamma : è una prova molto simile
a quella già utilizzata in Italia, con un’esposizione al fuoco che
può essere di 30 oppure di 15 secondi a seconda dell’utilizzo del
materiale.
5) EN ISO 9239-1 Pannello radiante per pavimenti : è un metodo che
si utilizza solo per i materiali da pavimento, utilizzando in
sostanza un pannello radiante molto simile a quello utilizzato in
182
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
Italia, ma orientato con un angolazione rivolta verso il campione
posto a pavimento.
3.7.1.2
Resistenza al fuoco
Per resistenza al fuoco {26 a 28},[68 a 72] si intende l’attitudine di un
elemento da costruzione (sia componente che struttura) a conservare,
secondo un programma termico prestabilito e per un tempo determinato,
la stabilità R, la tenuta E e/o l’isolamento termico I richiesti e così definiti
:
9 stabilità R : attitudine di un elemento da costruzione a conservare
la resistenza meccanica sotto l’azione del fuoco;
9 tenuta E : attitudine di un elemento da costruzione a non lasciar
passare né produrre, se sottoposto all’azione del fuoco su un lato,
fiamme, vapori o gas caldi sul lato non esposto;
9 isolamento termico I : attitudine di un elemento da costruzione a
ridurre, entro un dato limite, la trasmissione del calore.
Pertanto si identifica col simbolo :
9 REI : un elemento costruttivo che deve conservare, per un tempo
determinato, la stabilità, la tenuta e l’isolamento;
9 RE : un elemento costruttivo che deve conservare, per un tempo
determinato, la stabilità e la tenuta;
9 R : un elemento costruttivo che deve conservare, per un tempo
determinato, la stabilità.
Per gli elementi non portanti, il criterio R è automaticamente soddisfatto
qualora siano soddisfatti i criteri I ed E; gli elementi strutturali vengono
inoltre classificati da un numero indicante, in minuti primi, il tempo
durante il quale l’elemento costruttivo deve conservare, se esposto a un
incendio standard nel forno sperimentale, le caratteristiche richieste. Il
D.M. 09/03/2007 fissa le seguenti classi di resistenza al fuoco : REI RE R
183
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
0 15 20 30 45 60 90 120 180 240 ( ad ex REI 15 indica che l’elemento
costruttivo deve conservare stabilità, tenuta e isolamento termico per 15
minuti).
In definitiva la resistenza al fuoco rientra tra le fondamentali strategie di
protezione passiva in caso di incendio e comprende sia la capacità
portante delle strutture che la capacità di compartimentazione degli
elementi. La prima va intesa, in caso di incendio, come l’attitudine delle
strutture a conservare una sufficiente “resistenza meccanica” sotto
l’azione del fuoco e con essa si mira ad evitare che un repentino collasso
strutturale, dovuto all’azione del fuoco, possa causare danni agli
occupanti durante tutta la loro permanenza prevista nell’ ambiente e
impedire o ritardare l’intervento delle squadre di soccorso e delle squadre
antincendio nonché pregiudicare la loro sicurezza e impedire la
funzionalità dei componenti e dei sistemi antincendio. La seconda è
l’attitudine di un elemento da costruzione a conservare un sufficiente
isolamento termico ed una sufficiente tenuta sotto l’azione del fuoco e
con essa si mira a contenere l’incendio all’interno di un compartimento al
fine da impedire l’estensione incontrollata dell’incendio ad altri ambienti,
per consentire la fruibilità delle vie di esodo, per agevolare la lotta
antincendio delle squadre di soccorso. La resistenza al fuoco è una
strategia pensata essenzialmente per condizioni limiti di incendio, che si
raggiungono in quella fase nota come “incendio generalizzato” il
raggiungimento ha come presupposto il fallimento o il superamento di
tutte le altre misure (preventive e protettive) e condizioni di
alimentazione (materiale combustibile e comburente) tali da favorire il
raggiungimento di temperature medie superiori ai 500-600 °C. Attraverso
modelli matematici è possibile tracciare la “curva di incendio post
flashover” che disegna un probabile andamento nel tempo delle
temperature medie dei gas di combustione fino al raggiungimento delle
184
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
condizioni iniziali. Le esigenze di standardizzazione delle condizioni di
incendio hanno tuttavia obbligato il legislatore ad individuare un
riferimento comune riproducibile analiticamente e sperimentalmente che
garantisca un sufficiente margine di sicurezza rispetto alla maggior parte
degli incendi confinati. La “curva d’incendio nominale standard”, un
tempo nota come curva ISO834, costituisce da sempre il riferimento di
base per la qualificazione di prodotti ed elementi costruttivi resistenti al
fuoco. La curva, ritenuta eccessivamente severa per gli incendi in ambito
civile, è probabilmente sottostimata per alcuni incendi in ambito
industriale o in particolari condizioni estreme (vedi incendi in galleria),
ma è di fatto la sola utilizzata per le prove di laboratorio finalizzate alla
qualificazione dei prodotti. Per valutare la resistenza al fuoco delle
strutture il D.M. 16/02/2007 del Ministero dell’Interno prevede tre
distinte metodologie:
9 sperimentazione da parte di un laboratorio autorizzato
9 metodo tabellare
9 calcolo analitico.
Per quanto attiene alla prove, gli elementi da omologare vengono disposti
in un forno, all’interno del quale la temperatura viene fatta crescere
secondo una determinata curva tempo-temperatura e applicando il carico
di progetto nel caso di elementi portanti; l’esposizione è solo sulla faccia
esposta o su tutta la superficie laterale, a seconda che si tratti di elementi
di separazione o interni al compartimento. Nel corso della prova si misura
sia la variazione della temperatura sia l’incremento della deformazione.
Durante tutto il periodo di prova per l’elemento in esame non si deve
verificare : passaggio di fuoco o di fumo, aumento della temperatura sulla
superficie opposta a quella esposta al fuoco oltre i 150 °C, la perdita di
stabilità, mentre per gli elementi portanti la capacità di resistere ai
massimi carichi ammissibili deve essere mantenuta per tutta la durata
185
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
della prova e l’elemento non deve emettere gas combustibili sulla faccia
non esposta al fuoco. La prova dura finché risulti non più soddisfatta una
delle tre caratteristiche prestazionali e qualora si voglia valutarle tutte si
può continuare la prova fino al superamento dei rispettivi limiti; in ogni
caso la resistenza determinata è solo teorica in quanto l’incendio reale
dipende da molti fattori e in genere quella effettiva risulta maggiore.
Le tabelle costituiscono il risultato di campagne sperimentali ed
elaborazioni numeriche di tipologie costruttive e materiali di maggior
impiego che consentono una classificazione per gli elementi costruttivi
resistenti al fuoco in cui ad esempio vengono riportati gli spessori minimi
o le dimensioni sufficienti a garantire il requisito (REI,EI,R) per le classi
indicate.
I calcoli, infine, consentono la progettazione di elementi resistenti al
fuoco prendendo in considerazione anche le interazioni con altri elementi
e le condizioni di esposizione al fuoco sono definite in specifici
regolamenti (ad ex UNI 9503 per l’acciaio, UNI 9504 per il legno).
Con il decreto del Ministro dell’Interno 9 marzo 2007 è stato
introdotto il concetto di livello di prestazione (5 livelli) da richiedere alla
costruzione in relazione agli obiettivi di sicurezza da raggiungere.
Tabella 31 : Livelli di Prestazione
Livello I
Nessun requisito specifico di resistenza al fuoco dove le conseguenze della
perdita dei requisiti stessi siano accettabili o dove il rischio di incendio sia
trascurabile
Livello II
Mantenimento dei requisiti di resistenza al fuoco per un periodo sufficiente
all’evacuazione degli occupanti in luogo sicuro all’esterno della costruzione
Livello III
Mantenimento dei requisiti di resistenza al fuoco per un periodo congruo con
la gestione dell’emergenza
Livello IV
Requisiti di resistenza al fuoco tali da garantire, dopo la fine dell’incendio, un
limitato danneggiamento della costruzione
Livello V
Requisiti di resistenza al fuoco tali da garantire, dopo la fine dell’incendio, il
mantenimento della totale funzionalità della costruzione stessa
186
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
Il livello III di prestazione è quello più generale in quanto può
considerarsi adeguato per tutte le costruzioni rientranti nel campo di
applicazione del provvedimento, fatti salvi i casi residuali in cui si
ritengano necessari requisiti di resistenza al fuoco più severi. Le classi di
resistenza al fuoco necessarie per garantire il livello III sono correlate al
carico d’incendio specifico di progetto (q f ,d ), che a sua volta è
determinato secondo una nuova formula:
q f ,d = δ q1 ⋅ δ q 2 ⋅ δ n ⋅ q f
dove il carico di incendio è espresso MJ/m 2 .
In particolare, il termine q f rappresenta il valore del carico d’incendio
specifico da determinarsi secondo la formula:
n
qf =
∑g
i =1
i
⋅ H i ⋅ mi ⋅ψ i
[ MJ/m 2 ]
A
dove:
9 g i è la massa dell’i-esimo materiale combustibile;
9 Hi
è il potere calorifico inferiore dell’i-esimo materiale
combustibile;
9 m i è il fattore di partecipazione alla combustione dell’i-esimo
materiale combustibile pari a 0,80 per il legno e altri materiali di
natura cellulosica e 1,00 per tutti gli altri materiali combustibili;
9 ψ i è il fattore di limitazione della partecipazione alla combustione
dell’ i-esimo materiale combustibile e deve essere assunto pari a 0
per i materiali in contenitori appositamente progettati per resistere
al fuoco, 0,85 per i materiali in contenitori non combustibili e non
appositamente progettati per resistere al fuoco, 1 in tutti gli altri
casi;
9 A è la superficie in pianta lorda del compartimento.
187
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
Gli altri coefficienti presenti nella formula del carico di incendio
specifico di progetto ( δ q1 , δ q 2 , δ n ) assumono i seguenti significati con
valori tabellati corrispondenti:
9 δ q1
è un fattore che tiene conto del rischio di incendio correlato
alla dimensione in pianta del compartimento;
9 δ q 2 è un fattore che tiene conto del rischio di incendio correlato
alle caratteristiche dell’attività svolta nel compartimento;
9 δn =
∏δ
ni
è un fattore riduttivo del carico di incendio specifico
i
che tiene conto delle misure di protezione previste nell’attività.
Una seconda importante novità è legata alla possibilità, offerta al
progettista, di fare riferimento a diverse curve di incendio a seconda che
il problema venga affrontato con metodi semplificati o metodi avanzati
(questi ultimi fanno ricorso all’ingegneria antincendio). Nel primo caso il
decreto definisce tre curve nominali di incendio (standard, dell’incendio
esterno e degli idrocarburi) da utilizzare in relazione alla classe del
compartimento. Nel secondo caso il progettista dovrà fare riferimento a
curve di incendio naturali che rappresentano l’incendio per tutta la sua
durata e che andranno determinate con vari metodi di complessità
crescente con il grado di affinamento del calcolo. Con il decreto del
16/02/2007 del Ministero dell’Interno inoltre la resistenza al fuoco dei
materiali e dei prodotti è valutata, oltre che con i “classici” parametri R, E
ed I, anche in altri termini per cui complessivamente possiamo
rappresentare le caratteristiche di resistenza al fuoco con la seguente
tabella :
188
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
Tabella 32 : Caratteristiche di resistenza al fuoco
R Capacità portante
E Tenuta
P
o Continuità di corrente o
PH
Capacità di segnalazione
G
resistenza all’incendio
della fuliggine
Isolamento
K
Capacità di protezione al fuoco
W Irraggiamento
D
durata della stabilità a temperatura costante
M Azioni meccanica
DH
durata della stabilità lungo la curva standard
I
tempo-temperatura
C Dispositivo automatico di F
chiusura
S
funzionalità degli evacuatori motorizzati di
fumo e calore
Tenuta al fumo
B
funzionalità degli evacuatori naturali di fumo
e calore
3.7.2
Sistemi di vie d’uscita
Si tratta di una misura di protezione contro gli incendi che riveste un’
importanza fondamentale specialmente per attività, come nel nostro caso,
ad elevata densità di affollamento o per la eventuale presenza di persone
aventi ridotte capacità motorie, per cui il dimensionamento e l’ efficacia
di tale misura risulta fondamentale per la salvaguardia e l’incolumità
delle persone presenti. Gli elementi principali da tenere in considerazione
nella progettazione del sistema di vie d’uscita sono : il dimensionamento
e la geometria delle vie d’uscita [17],[20],[39],[73 e 74] sistemi di
protezione attiva e passiva delle vie d’uscita, sistemi di identificazione
continua delle vie d’uscita (segnaletica, illuminazione ordinaria e di
sicurezza); inoltre il dimensionamento delle vie d’uscita dovrà tenere
conto del massimo affollamento ipotizzabile nel mezzo cioè del massimo
numero di persone presenti nel compartimento (prodotto tra densità di
affollamento D A , in termini di persone al m 2 e superficie lorda del
189
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
pavimento del compartimento S L , in m 2 , soggetto ad affollamento di
persone) nonché della capacità d’esodo dell’autobus (numero di uscite,
larghezza delle uscite, livello delle uscite rispetto al piano stradale). Tutti
questi elementi hanno un fattore comune che è il tempo di evacuazione
inteso come l’intervallo di tempo che intercorre fra l’inizio dell’ignizione
e l’istante in cui le condizioni dell’ abitacolo diventano intollerabili per la
presenza di fumo, calore e gas tossici prodotti dalla combustione e
definito come :
t ev = t p + t r + t a
con
9 t ev tempo di evacuazione;
9 t p tempo di percezione o di reazione : l’intervallo di tempo
trascorso tra l’inizio incendio e la percezione dell’incendio;
9 t r tempo di ricognizione : intervallo di tempio trascorso dalla
percezione dell’ incendio all’inizio dell’azione di risposta;
9 t a tempo di azione : intervallo di tempo trascorso dall’inizio di
risposta al raggiungimento di un luogo sicuro o spazio a cielo
aperto, che risulta espressa dalla seguente :
t a = t u1 + t i + t s + t u 2
in cui :
9 t u1 è il tempo per raggiungere l’uscita dell’autobus;
9 t i è il tempo trascorso per imboccare l’uscita;
9 t s è il tempo trascorso per il deflusso attraverso gli scalini;
9 t u 2 è il tempo per l’ uscita in strada.
Si definisce inoltre il tempo di evacuazione disponibile come l’ intervallo
di tempo trascorso fra la percezione dell’ incendio e l’istante in cui le
condizioni del bus diventano intollerabili per l’uomo, che risulta pari a :
190
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
t evdisp = t r + t a
poiché appunto il tempo di percezione t p non è un tempo di percezione a
disposizione per l’evacuazione vera e propria in quanto si perde per la
percezione dell’ incendio.
Il tempo di evacuazione disponibile t evdisp , che praticamente coincide con
il tempo di evacuazione massimo ammissibile t evamm , si assume pari a
60 ÷ 90 secondi corrispondenti al tempo di esposizione massimo di una
persona in una atmosfera interessata dai prodotti della combustione e
dovrà risultare maggiore del tempo teorico di evacuazione t evteorico :
t evdisp = t evamm ≥ t evteorico
Le dimensioni delle vie di uscita, al fine di favorire l’evacuazione di
emergenza e trasformare uno sfollamento precipitoso e disordinato in uno
ordinato e direzionale, vengono quindi calcolate imponendo la condizione
che il tempo di evacuazione calcolato risulti inferiore al tempo di
evacuazione ammissibile :
t ev ≤ t evamm
Figura 42 : Tempi di evacuazione
191
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
La differenza tra il tempo ammissibile e quello teorico darà un margine di
sicurezza che potrà ridursi attraverso una riduzione dei tempi di
percezione (impianti di rilevazione e impianti di allarme) e del tempo di
ricognizione ad esempio attraverso sistemi informativi e l’efficacia dei
sistemi organizzativi.
Una formula empirica per il calcolo del tempo di evacuazione è fornita
dal N.F.P.A. (National fire protection degli USA) :
t ev =
L
P
+ max
L⋅C
V
dove :
9 t ev : il tempo di evacuazione in secondi;
9 P : numero di persone da evacuare;
9 L : larghezza totale degli scalini e delle uscite in metri;
9 C : coefficiente di circolazione pari a 1,3 pers/ms;
9 L max : lunghezza in orizzontale dei percorsi di evacuazione
compresi gli scalini;
9 V velocità di circolazione in m/s (0,6 m/s per percorso in piano).
Le porte degli autobus al fine di un rapido smaltimento delle persone
dovranno quindi avere dei sistemi di apertura semplici ed immediati non
dovendo svolgere assolutamente una funzione tagliafuoco.
3.7.2.1
D.M. del 18/04/77
In base al D.M. del 18/04/77 sulle caratteristiche costruttive degli
autobus, in vigore alla data di immatricolazione degli autobus in esame, si
possono definire le diverse vie di uscita in questo modo :
1) Porta di servizio : una porta usata dai passeggeri nelle normali
condizioni d'impiego, con il conducente seduto.
2) Doppia porta : una porta che offra due o l'equivalente di due passaggi
di accesso.
192
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
3) Porta di emergenza : una porta destinata ad essere usata come uscita
dei passeggeri, in circostanze eccezionali e particolarmente in caso di
pericolo.
4) Finestrino di emergenza : un finestrino non necessariamente munito
di vetro, destinato ad essere usato come uscita per passeggeri solo in caso
di pericolo.
5) Doppio finestrino di emergenza : un finestrino di emergenza che,
diviso in due da una linea verticale immaginaria (o da un piano), presenta
due parti conformi alle norme applicabili ad un finestrino di emergenza
normale per quanto riguarda le dimensioni e l'accesso.
6) Uscita di emergenza : una porta o finestrino di cui ai punti 3), 4), 5), e
le porte di servizio di cui ai punti 1) e 2), aventi i requisiti di porte di
emergenza.
7) Uscita : le porte di servizio, le uscite di emergenza e le eventuali porte
per l'accesso all' abitacolo del conducente.
Nel caso di autobus snodato ciascuna sezione rigida sarà considerata
come veicolo separato agli effetti del calcolo del numero minimo di
uscite di servizio e di emergenza. Il numero di passeggeri sarà
determinato per l'elemento anteriore e per quello posteriore rispetto al
piano verticale trasversale passante per il centro di articolazione.
Per gli autobus urbani e suburbani il numero minimo delle porte di
servizio è il seguente :
Tabella 33 : Numero minimo porte di servizio
Numero di passeggeri Numero di porte
(escluso il conducente) di servizio
17-60
2
61-95
3
Oltre 95
4
193
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
Una doppia porta di servizio viene computata per due porte e le porte di
servizio devono essere sistemate sulla fiancata destra. Quando è prescritta
più di una porta di servizio, almeno una di esse deve essere sistemata in
modo tale che la propria mezzeria cada nella metà anteriore del veicolo;
nel caso di una sola porta doppia, tale condizione è rispettata anche se
questa è sistemata tra gli assi del veicolo.
Per gli autobus interurbani e gran turismo deve esserci almeno una porta
di servizio fino a 22 posti mentre per un numero di posti superiore,
devono esserci almeno due porte e precisamente: una porta di servizio ed
una di emergenza, ovvero due porte di servizio; le porte di servizio
devono essere sistemate sulla fiancata destra; una doppia porta di servizio
viene computata per due porte di servizio; qualora si abbia più di una
porta di servizio, almeno una di esse deve essere sistemata in modo tale
che la propria mezzeria cada nella metà anteriore del veicolo; nel caso di
una sola porta doppia, tale condizione è rispettata anche se questa è
sistemata fra gli assi del veicolo.
Per gli autobus privati si applicano le disposizioni degli autobus
interurbani.
Per i minibus in servizio pubblico è ammessa una sola porta di servizio
situata sulla fiancata destra.
Per i minibus privati è ammessa una sola porta di servizio come per i
Minibus in servizio pubblico ovvero sulla parete posteriore del veicolo.
Per gli scuolabus e miniscuolabus è consentita una sola porta di servizio
posta sulla fiancata destra azionabile di norma dal posto di guida e
qualora quest'ultima prescrizione non sia soddisfatta deve essere previsto,
in prossimità della porta, un sedile per adulto, anche pieghevole.
Il numero minimo di uscite d'emergenza per autobus, scuolabus e
miniscuolabus deve essere il seguente :
194
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
Tabella 34 : Numero di uscite di emergenza
Numero di passeggeri
Numero di uscite
(escluso il conducente)
di emergenza
Fino a 22
3
23-35
4
Oltre 35
5
una doppia porta d'emergenza viene computata per due porte
d'emergenza, ed un doppio finestrino d'emergenza per due finestrini
d'emergenza; quando l'abitacolo del conducente non comunica con
l'interno del veicolo, ovvero non esista un idoneo passaggio al
compartimento viaggiatori, l'abitacolo stesso deve presentare due uscite,
che non devono trovarsi sulla stessa fiancata; se una di queste uscite è un
finestrino, questo deve rispondere ai requisiti indicati al punto per i
finestrini d'emergenza; le uscite d'emergenza sulle fiancate devono essere
ripartite in modo che i rispettivi numeri non differiscano per più di un'
unità. Quando le due porte di servizio ed emergenza degli interurbani si
trovano entrambe sulla fiancata destra, deve esistere un numero uguale di
uscite sulla fiancata sinistra; le uscite d'emergenza situate su una stessa
fiancata del veicolo devono essere distribuite regolarmente sulla
lunghezza del veicolo stesso; è ammessa la sistemazione di una porta o
finestrino di emergenza sulla parete posteriore del veicolo.
I Minibus devono presentare almeno tre uscite d'emergenza, in ogni caso
ciascun passeggero deve avere accesso almeno a 2 uscite d'emergenza
situate su fiancate opposte.
3.7.2.1.1
Porte di servizio
Per tutte le porte di servizio comandate a distanza dal conducente
(telecomandate) può essere installato, sia all'interno che all'esterno del
veicolo, anche un comando di apertura presso la porta che esso aziona
previo consenso del conducente stesso. Il comando esterno deve essere
195
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
opportunamente incassato; affinché una porta di servizio telecomandata
possa essere considerata uscita d'emergenza, deve essere installato
all'interno un dispositivo meccanico di consenso all'apertura manuale
della porta, in prossimità del vano porta. Detto dispositivo di consenso
verniciato in rosso deve essere piombato o sottovetro; le porte
telecomandate debbono essere realizzate in modo tale che, quando sono
completamente chiuse, non possano aprirsi sotto la pressione dei
passeggeri eventualmente appoggiati, anche in mancanza di forza motrice
del servocomando; il bordo libero delle porte telecomandate deve essere
dotato di una guarnizione cedevole ed elastica. Per i veicoli destinati al
servizio pubblico urbano e suburbano la distanza tra due elementi rigidi
affacciati in posizione di chiusura, deve essere almeno di 100 mm; la
regolare chiusura delle porte telecomandate deve poter essere controllata
mediante lampade-spia da parte del conducente; le porte di servizio non
telecomandate devono poter essere facilmente aperte dall'interno e
dall'esterno del veicolo. Il bloccaggio della chiusura dall'interno è
consentito; il comando od il dispositivo di apertura della porta
dall'esterno non deve risultare a più di 1800 mm dal suolo con il veicolo
scarico, fermo su un terreno orizzontale; le porte a cerniera a battente
unico devono aprirsi dal dietro verso l'avanti; le serrature delle porte con
chiusura a scatto devono essere del tipo a due posizioni di bloccaggio. In
ogni caso, non deve essere possibile l'apertura involontaria della porta; ad
esempio la maniglia interna deve essere ruotata verso l'alto per aprire la
porta; sulla parte interna della porta non vi devono essere dispositivi
destinati a mascherare i gradini interni, quando la porta è chiusa; se la
visibilità diretta non è sufficiente, devono essere installati dispositivi
ottici atti a permettere al guidatore di vedere chiaramente, dal proprio
sedile, le zone circostanti interne ed esterne delle singole porte di
servizio.
196
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
3.7.2.1.2
Porte di emergenza
Le porte d'emergenza non telecomandate devono potersi aprire facilmente
dall'interno e dall'esterno. Tuttavia non si esclude la possibilità di
bloccaggio della porta dall'esterno, a condizione che questa possa essere
aperta dall'interno mediante il sistema normale di apertura; le porte di
emergenza non devono essere del tipo a servocomando né del tipo
scorrevole, a meno
che non sia installato all'interno un dispositivo
meccanico di consenso all' apertura manuale della porta in prossimità del
vano porta, detto dispositivo di consenso verniciato in rosso deve essere
piombato o sottovetro; la maniglia esterna delle porte di emergenza non
telecomandate non deve trovarsi ad oltre 1800 mm dal suolo; le porte di
emergenza a cerniera sulla fiancata devono aprirsi dal dietro verso
l'avanti. Le porte possono essere munite di cinghie, catene, o altri
dispositivi di ritegno, purché gli stessi non impediscano che le porte si
aprano e rimangano aperte per almeno 100°. Ciascuna porta deve poter
essere mantenuta nella posizione aperta, da un dispositivo appropriato
anche nel caso in cui il veicolo sia adagiato sul fianco opposto; le porte di
emergenza devono aprirsi verso l'esterno ed essere costruite in modo che
il rischio di un loro bloccaggio sia minimo anche se la carrozzeria del
veicolo è stata deformata da un urto; la porta del conducente è considerata
come una porta di emergenza, quando l'abitacolo è comunicante con il
comparto passeggeri e non vi sia più di un sedile affiancato al posto di
guida.
3.7.2.1.3
Finestrini d'emergenza
Tutti i finestrini di emergenza devono essere dotati di un idoneo sistema
di espulsione, ovvero devono poter essere manovrati facilmente e
rapidamente, dall'interno e dall'esterno del veicolo mediante un idoneo
sistema di sgancio, oppure devono essere in vetro di sicurezza facile da
197
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
rompersi mediante appositi utensili sistemati all'interno in prossimità di
ogni uscita. In quest'ultimo caso non è ammesso l'impiego di vetri
stratificati o di materiale plastico; se il finestrino d'emergenza è del tipo
oscillante verso l'alto su cerniera orizzontale, esso deve poter essere
mantenuto in posizione aperta da un opportuno dispositivo di ritegno;
l'altezza tra il bordo inferiore di un finestrino d'emergenza, ed il
pavimento immediatamente sottostante non deve superare i 1000 mm; né
essere inferiore a 500 mm. Tale altezza potrà tuttavia essere inferiore, se
il vano del finestrino è protetto adeguatamente fino all'altezza di 500 mm
per impedire la caduta di passeggeri fuori del veicolo.
3.7.2.1.4
Iscrizioni
I finestrini di emergenza devono essere segnalati all'interno ed all'esterno
dalla scritta «uscita d'emergenza». I dispositivi d'emergenza delle porte di
servizio e di tutte le altre uscite d'emergenza devono essere segnalati
come tali, ed in prossimità degli stessi devono essere riportate norme
chiare concernenti il relativo impiego.
3.7.2.1.5
Accessibilità.
L' accesso alle porte di servizio e alle porte di emergenza deve essere
progettato e sistemato in modo da permettere il libero passaggio
dell'apposita sagoma. In tabelle di unificazione definitive sono stabilite le
dimensioni di detta sagoma, in relazione alla categoria del veicolo, e la
procedura di verifica.
3.7.2.2
Successivi D.M.
Con il D.M. del 13/06/85 si definisco invece le caratteristiche costruttive
degli autobus a due piani e degli autosnodati a tre assi.
198
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
Con il D.M. del 18/07/86 si tiene invece conto del nuovo tipo di
classificazione degli autobus (snodato, lungo, normale, medio, corto e
cortissimo)
Con il D.M.2-10-1987 si definiscono invece le caratteristiche degli
«autobus e minibus destinati al trasporto di persone a ridotta capacità
motoria anche non deambulanti» ed «autobus, minibus ed autobus snodati
con posti appositamente attrezzati per persone a ridotta capacità
motoria».
Con il D.M. 20-6-2003 si ha infine il recepimento della direttiva
2001/85/CE 20 novembre 2001, del Parlamento europeo e del Consiglio e
della rettifica, concernente le disposizioni speciali da applicare ai veicoli
adibiti al trasporto passeggeri aventi più di otto posti a sedere oltre al
sedile del conducente e si tiene conto della classificazione vigente in base
alla quale si intende per :
9 porta di accesso : una porta destinata ad essere utilizzata dai
passeggeri in condizioni normali, con il conducente seduto al posto
di guida;
9 doppia porta : una porta che offre l'accesso a due, o l'equivalente
di due persone;
9 porta scorrevole : una porta che può essere aperta o chiusa
unicamente facendola scorrere lungo una o più guide rettilinee o
quasi rettilinee;
9 porta di sicurezza : una porta destinata ad essere utilizzata dai
passeggeri per scendere dal veicolo unicamente in casi eccezionali
e soprattutto in caso di pericolo;
9 finestrino di sicurezza : un finestrino, non necessariamente
vetrato, destinato ad essere utilizzato dai passeggeri per uscire dal
veicolo unicamente in caso di pericolo;
199
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
9 doppio finestrino o finestrino multiplo : un finestrino di
sicurezza che, se diviso in due o più parti da linee (o piani)
verticali immaginari, presenta due o più parti, ciascuna delle quali
è conforme alle prescrizioni relative alle dimensioni e all'accesso
di un normale finestrino di sicurezza;
9 botola di evacuazione : un'apertura sul tetto o sul pavimento
destinata ad essere utilizzata dai passeggeri come uscita di
sicurezza unicamente in caso di pericolo;
9 uscita di sicurezza : una porta di sicurezza, un finestrino di
sicurezza o una botola di evacuazione;
9 uscita : una porta di accesso, una scala interna o una mezza scala o
un'uscita di sicurezza;
9 porta di accesso servocomandata : una porta di accesso che può
essere azionata unicamente mediante l'uso di energia diversa dalla
forza muscolare e la cui apertura e chiusura sono, se non
automatiche, comandate a distanza dal conducente o dal personale
di servizio;
9 porta
di
accesso
servocomandata,
automatica
a
chiusura
:
una
porta
automatica,
di
accesso
apribile
(indipendentemente dai comandi di sicurezza) solo se azionata da
un passeggero e dopo che il conducente ne abbia attivato i
comandi e che si richiude poi automaticamente;
3.7.2.2.1
Numero di uscite
Il veicolo ha almeno due porte, vale a dire due porte di accesso o una
porta di accesso e una porta di sicurezza. Il numero minimo di porte di
accesso è il seguente:
200
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
Tabella 35 : Numero minimo di porte di accesso
Numero di passeggeri
Numero di porte di accesso
Classi I e A
Classe II
Classi III e B
9-45
1
1
1
46-70
2
1
1
71-100
3
2
1
> 100
4
3
1
Ai fini di tale prescrizione, le porte di accesso munite di un sistema di
servocomando non sono considerate porte di sicurezza a meno di poter
essere facilmente aperte manualmente dopo che un opportuno comando
sia stato, se necessario, attivato. Il numero minimo di uscite è stabilito
come segue:
Tabella 36 : Numero minimo di uscite
Numero di passeggeri e di membri
Numero minimo totale
dell'equipaggio sistemati in ciascun vano
1-8
2
9-16
3
17-30
4
31-45
5
46-60
6
61-75
7
76-90
8
91-110
9
111-130
10
> 130
11
Le botole di evacuazione contano soltanto per una delle uscite di
sicurezza sopraindicate. Ciascuna delle parti rigide di un veicolo snodato
è considerata come un singolo veicolo ai fini della determinazione del
numero minimo e dell'ubicazione delle uscite. Una doppia porta di
accesso conta per due porte e un finestrino doppio o multiplo per due
finestrini di sicurezza.
I veicoli delle classi II, III e B sono dotati, oltre che di porte e di finestrini
di sicurezza, di botole di evacuazione. Queste ultime possono essere
installate anche nei veicoli delle classi I e A.
201
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
Il numero minimo di botole è stabilito come segue:
Tabella 37 : Numero minimo di botole
3.7.2.2.2
Numero di passeggeri
Numero di botole
non superiore a 50
1
superiore a 50
2
Ubicazione delle uscite
I veicoli con una capacità superiore a 22 passeggeri devono soddisfare le
prescrizioni che seguono. I veicoli la cui capacità non superi 22
passeggeri possono soddisfare le prescrizioni che seguono oppure quelle
specifiche.
La porta o le porte di accesso devono essere situate sul lato del veicolo
corrispondente al senso di circolazione stradale del paese in cui il veicolo
sarà immesso in circolazione ed almeno una di esse deve essere situata
nella metà anteriore del veicolo. Nella parte posteriore del veicolo può
tuttavia essere prevista una porta per consentire l'accesso dei passeggeri
su sedia a rotelle. Le uscite devono essere equamente distribuite su
ciascuno dei due lati del veicolo. Almeno una delle uscite di sicurezza
deve trovarsi nella parte posteriore o in quella anteriore del veicolo. Per i
veicoli di classe I e per i veicoli muniti di una parte posteriore che
costituisce un vano mai accessibile ai passeggeri tale prescrizione è
soddisfatta se il veicolo è munito di una botola di evacuazione. Le uscite
che si trovano sullo stesso lato del veicolo devono essere adeguatamente
distribuite sulla lunghezza del veicolo. Qualora il veicolo sia munito di
botole di evacuazione, queste devono essere situate nel modo seguente: se
vi è una sola botola, questa deve trovarsi nel terzo mediano del veicolo;
se le botole sono due, queste devono essere separate da una distanza
minima di 2 metri, misurata tra i bordi più vicini delle aperture, su una
linea parallela all'asse longitudinale del veicolo.
202
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
3.7.2.2.3
Dimensioni minime delle uscite
I vari tipi di uscite devono avere le dimensioni minime seguenti:
Tabella 38 : Dimensioni minime uscite
Porta
di
accesso Altezza (mm)
Classe I
Classi II e III
Osservazioni
1 800
1 650
---
porta
650
La dimensione può ridursi di
(vano)
Larghezza (mm)
singola:
doppia
100 mm se la misurazione si
1 200
effettua a livello delle maniglie
porta:
Porta di sicurezza
Finestrino
Altezza (mm)
1 250
Larghezza (mm)
550
di Superficie: (mm2)
---
400 000
Tale
sicurezza
superficie
deve
poter
contenere un rettangolo di 500
mm x 700 mm
Finestrino
di
sicurezza situato nella parte L'apertura del finestrino di sicurezza deve poter
posteriore del veicolo, se il costruttore non ha contenere un rettangolo di 350 mm di altezza e 1 550
previsto
un
finestrino
di
sicurezza
delle mm di larghezza; gli angoli del rettangolo possono
dimensioni minime sopradescritte
essere arrotondati con un raggio massimo di curvatura
di 250 mm.
Botola
di Superficie (mm2)
400 000
Tale
superficie
deve
poter
evacuazione
contenere un rettangolo di 500
(Vano)
mm x 700 mm
3.7.2.2.4
Prescrizioni tecniche relative alle porte di accesso
Le porte di accesso devono poter essere aperte facilmente dall'interno e
dall'esterno di un veicolo in sosta. I comandi o i dispositivi di apertura
dall'esterno di una porta di accesso si trovano a un'altezza compresa tra
1000 e 1500 mm dal suolo e a non più di 500 mm dalla porta. Nei veicoli
delle classi I, II e III, i comandi e i dispositivi di apertura dall'interno di
una porta di accesso si trovano a un'altezza compresa tra 1000 e i 1500
mm dal pavimento o dal gradino più vicino al comando e a non più di 500
mm dalla porta. La presente prescrizione non si applica ai comandi
collocati nella zona del conducente. Le porte di accesso singole e ad
apertura manuale incernierate o imperniate sono concepite in modo tale
203
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
che tendano a chiudersi se entrano in contatto con un oggetto fisso
quando il veicolo si muove in avanti. Le porte che si aprono verso
l'interno del veicolo e i relativi meccanismi sono costruiti in modo che, in
condizioni normali di impiego, il loro movimento non sia pericoloso per i
passeggeri. Se necessario, sono installati adeguati dispositivi di
protezione.
In caso di pericolo, le porte di accesso servocomandate devono, quando il
veicolo è in sosta, poter essere aperte dall'interno e, quando non sono
bloccate, anche dall'esterno mediante comandi che neutralizzino tutti gli
altri comandi della porta; se si trovano all'interno, siano collocati sulla
porta o entro 300 mm, dalla stessa, ad un'altezza non inferiore a 1 600
mm sopra il primo gradino; siano facilmente visibili e chiaramente
reperibili da una persona che si avvicini alla porta o che si trovi in piedi
di fronte ad essa e, se aggiuntivi rispetto ai normali comandi di apertura
rechino un'indicazione chiara per l'uso in caso di pericolo; possano essere
azionati da una sola persona che si trova in piedi immediatamente di
fronte alla porta; provochino l'apertura della porta o ne rendano possibile
l'apertura manuale con facilità; siano eventualmente protetti da un
elemento che possa essere facilmente rimosso o infranto per raggiungere
il comando di emergenza; il funzionamento del comando di emergenza,
oppure la rimozione della protezione posta sul comando stesso, sono
segnalati al conducente da un dispositivo sonoro ed ottico; nel caso di una
porta azionata dal conducente e non conforme alle prescrizioni, siano
concepiti in modo che, dopo che sono stati azionati per aprire la porta e
sono ritornati nella loro posizione normale, la porta non si richiuda fino a
quando il conducente non abbia azionato un comando di chiusura.
Tutte le porte di accesso servocomandate e il relativo sistema di comando
sono concepiti in modo da evitare che i passeggeri vengano feriti da una
204
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
porta o bloccati in una porta che si sta chiudendo. Questa prescrizione è
considerata soddisfatta se sono rispettate le seguenti due condizioni:
9 la prima condizione è quando alla chiusura della porta, in qualsiasi
punto di misurazione si oppone una forza di bloccaggio inferiore a
150 N, la porta deve riaprirsi automaticamente e completamente e,
ad eccezione delle porte di accesso ad apertura automatica,
rimanere aperta sino a quando viene azionato un comando di
chiusura.
9 la seconda condizione è che qualora le porte si richiudano sul
polso
o
sulle
dita
del
passeggero:
la
porta
si
riapra
automaticamente e completamente e, ad eccezione delle porte di
accesso ad apertura automatica, rimanga aperta fino a quando
viene azionato un comando di chiusura, oppure il passeggero possa
estrarre rapidamente il polso e le dita dalla porta senza ferirsi.
Dopo che i comandi di apertura sono stati attivati dal conducente, i
passeggeri devono poter aprire la porta di accesso automatica come
segue:
9 dall'interno ad esempio premendo un pulsante o passando
attraverso una cellula fotoelettrica;
9 dall'esterno, eccetto quando una porta serve unicamente come
uscita ed è indicata come tale, ad esempio premendo un pulsante
luminoso, un pulsante situato sotto un segnale luminoso o un
dispositivo analogo accompagnato dalle opportune istruzioni. .
Dopo essersi aperta, una porta di accesso automatica si richiude
automaticamente dopo un certo intervello di tempo. Se un passeggero
sale o scende dal veicolo durante questo periodo, un dispositivo di
sicurezza (ad esempio un contatto sul predellino, una cellula fotoelettrica,
un cancelletto a senso unico) assicura che la porta si richiuda dopo un
periodo sufficientemente lungo.
205
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
3.7.2.2.5
Prescrizioni tecniche relative alle porte di sicurezza
Le porte di sicurezza devono poter essere aperte facilmente dall'interno e
dall'esterno del veicolo in sosta. Tuttavia, questa prescrizione non deve
essere interpretata come un'esclusione della possibilità di bloccare la
porta dall'esterno, purché quest'ultima possa essere sempre aperta
dall'interno utilizzando il normale sistema di apertura. Le porte di
sicurezza, quando sono utilizzate come tali, non sono servocomandate a
meno che, dopo l'azionamento di un opportuno comando e il suo ritorno
in posizione naturale, le porte non si chiudano fino a che il conducente
non abbia azionato il comando di chiusura. Esse non sono inoltre del tipo
scorrevole, ad eccezione dei veicoli la cui capacità non supera 22
passeggeri: per tali veicoli infatti, può essere accettata come porta di
sicurezza una porta scorrevole di cui si sia dimostrato che può essere
aperta senza l'ausilio di attrezzi dopo una prova d'urto frontale contro una
barriera, conformemente alla direttiva 70/156/CEE.
I comandi o i dispositivi di apertura dall'esterno di una porta di sicurezza
si trovano a un'altezza compresa tra 1000 e 1500 mm dal suolo e a non
più di 500 mm dalla porta. Nei veicoli delle classi I, II e III, i comandi e i
dispositivi di apertura dall'interno di una porta di scurezza si trovano a
un'altezza compresa fra i 1000 e i 1500 mm dal pavimento o dal gradino
più vicino al comando e a non più di 500 mm dalla porta. La presente
prescrizione non si applica ai comandi collocati nella zona del
conducente.
Le cerniere delle porte di sicurezza laterali a cerniera sono montate sul
bordo anteriore della porta e le porte si aprono verso l'esterno. Le porte
possono essere munite di cinghie, catene o altri dispositivi di trattenuta,
purché non impediscano alla porta di aprirsi e di rimanere aperta a un
angolo di almeno 100°. Questa prescrizione non si applica se il veicolo è
dotato di un sistema che offre libero accesso alla porta di sicurezza. Le
206
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
porte di sicurezza non devono poter essere aperte inavvertitamente.
Tuttavia, questa prescrizione non si applica se la porta di sicurezza si
blocca automaticamente quando il veicolo si muove ad una velocità
superiore a 5 km/h.
3.7.2.2.6
Prescrizioni
tecniche
relative
ai
finestrini
di
sicurezza
I finestrini di sicurezza eiettabili o a cerniera si aprono verso l'esterno. I
finestrini eiettabili non si staccano completamente dal veicolo quando
sono aperti e non devono poter essere aperti per inavvertenza. I finestrini
di sicurezza devono:
9 poter essere immediatamente e facilmente aperti dall'interno e
dall'esterno del veicolo utilizzando un dispositivo considerato
adeguato.
9 oppure essere costituiti da vetro di sicurezza frangibile. Ai sensi
della presente disposizione, è vietata l'utilizzazione di vetri
stratificati o di materia plastica. I finestrini sono muniti di un
dispositivo che consenta di infrangerli, situato accanto agli stessi e
facilmente accessibile ai passeggeri.
I finestrini di sicurezza che possono essere bloccati dall'esterno sono
costruiti in modo da poter essere aperti in qualsiasi momento
dall'interno del veicolo. I finestrini di sicurezza a cerniera orizzontale
montati sul bordo superiore sono muniti di un adeguato dispositivo
che li mantenga completamente aperti; essi si aprono in modo da
lasciar libero il passaggio dall'interno e dall'esterno del veicolo.
L'altezza del bordo inferiore di un finestrino laterale di sicurezza dal
pavimento sottostante (escluse determinate variazioni, dovute alla
presenza del passaruota o della protezione della trasmissione), è
compresa tra 1200 mm per i finestrini di sicurezza a cerniera, o tra
207
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
1200 mm per i finestrini costituiti da vetro frangibile. Tuttavia, nel
caso di un finestrino di sicurezza a cerniera, l'altezza del bordo
inferiore da pavimento può essere ridotta fino a 500 mm purché
l'apertura del finestrino sia munita fino ad un'altezza di 650 mm di un
dispositivo di protezione per impedire la caduta di un passeggero dal
veicolo. Se l'apertura del finestrino è munita di detta protezione, le
dimensioni dell'apertura sopra la protezione stessa non sono inferiori a
quelle minime prescritte per un finestrino di sicurezza. I finestrini di
sicurezza a cerniera non chiaramente visibili dal sedile del conducente
sono muniti di un dispositivo acustico che indica al conducente che il
finestrino non è completamente chiuso. Il dispositivo di chiusura del
finestrino, e non il movimento del finestrino stesso, aziona il
dispositivo acustico.
3.7.2.2.7
Prescrizioni tecniche sulle botole di evacuazione
Le botole di evacuazione sono azionate in modo da non ostruire il libero
passaggio dall'interno o dall'esterno del veicolo. Le botole di evacuazione
ubicate sul tetto sono non eiettabili, a cerniera o di vetro di sicurezza
frangibile. Le botole ubicate sul pavimento sono a cerniera o eiettabili e
munite di un dispositivo sonoro che segnala al conducente quando la
botola non è completamente chiusa. Il dispositivo sonoro è azionato dal
dispositivo di chiusura delle botole di evacuazione ubicate sul pavimento,
e non dal movimento della botola stessa. Le botole di evacuazione
ubicate sul pavimento non devono essere aperte inavvertitamente.
Tuttavia, questa prescrizione non si applica se la botola ubicata sul
pavimento si blocca automaticamente quando il veicolo si muove a una
velocità superiore a 5 km/h. I tipi di botola eiettabili non devono potersi
staccare completamente dal veicolo quando azionati, di modo che la
botola non costituisca un pericolo per gli altri utenti della strada. Le
208
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
botole di evacuazione eiettabili non si aprono se spinte inavvertitamente.
Quelle ubicate sul pavimento sono eiettate solo all'interno del vano
passeggeri. Le botole di evacuazione a cerniera sono incernierate lungo il
bordo rivolto verso la parte anteriore o posteriore del veicolo e si aprono
ad un angolo di almeno 100 gradi. Quelle ubicate sul pavimento si aprono
verso l'interno del vano passeggeri. Le botole di evacuazione devono
poter essere facilmente aperte o rimosse dall'interno e dall'esterno.
Tuttavia, questa prescrizione non deve essere interpretata come
un'esclusione della possibilità di bloccare la botola allo scopo di chiudere
un veicolo incustodito, purché la stessa possa sempre essere aperta o
rimossa dall'interno per mezzo di un normale meccanismo di apertura o di
rimozione. Le botole costituite da vetro frangibile sono munite di un
dispositivo che consente di infrangerlo, situato nelle adiacenze e
facilmente accessibile ai passeggeri all'interno del veicolo.
3.7.2.2.8
Iscrizioni
Le uscite di sicurezza sono segnalate, all'interno e all'esterno del veicolo,
da una scritta di questo tipo: uscita di sicurezza o emergency exit. I
comandi di sicurezza delle porte di accesso e delle uscite di sicurezza
devono essere segnalate come tali all'interno e all'esterno del veicolo da
un simbolo rappresentativo o da una scritta formulata in chiari termini. Su
tutti i comandi delle uscite di sicurezza, o in vicinanza, devono essere
apposte istruzioni chiare sul modo di funzionamento.
3.7.2.2.9
Accessibilità
L' accesso alle porte, alle porte di sicurezza, ai finestrini di sicurezza, alle
botole di evacuazione nel tetto e nel pavimento deve essere progettato e
sistemato in modo da permettere il libero passaggio dell'apposita sagoma.
In tabelle di unificazione definitive sono stabilite le dimensioni di detta
sagoma, in relazione alla categoria del veicolo e la procedura di verifica.
209
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
3.8
COMPARTIMENTAZIONE
La compartimentazione degli ambienti con strutture resistenti al fuoco è
indubbiamente una delle tecniche più valide per contenere la
propagazione
dell’incendio
e
di
frazionamento
del
rischio
[26],[39],[50],[60],{28}. Mentre nella fase di innesco dell’incendio si è
interessati al comportamento dei materiali e alla loro capacità di
sviluppare le fiamme per impedirne la nascita, nella fase di incendio
sviluppato (post flash over) assume fondamentale importanza il
contenimento delle fiamme all’interno delle varie compartimentazioni per
consentire l’esodo delle persone e di conseguenza la capacità dei
materiali di resistere alle fiamme e di isolare i locali incendiati a
protezione di quelli ancora integri. In sostanza attraverso di essa si pone
l’obiettivo di ridurre l’impatto di eventuali incendi assicurando che il
veicolo venga progettato, realizzato e gestito in modo da garantire:
9 stabilità degli elementi portanti per un tempo utile ad assicurare il
soccorso agli occupanti;
9 limitata propagazione del fuoco e dei fumi, anche riguardo alle
opere vicine;
9 possibilità che gli occupanti lascino il veicolo indenni o che gli
stessi siano soccorsi in altro modo;
9 possibilità per le squadre di soccorso di operare in condizioni di
sicurezza.
Nasce quindi l’esigenza di uno studio completo sulla nascita e sullo
sviluppo dell’incendio, con lo scopo finale di consentire l’utilizzo di
materiali sempre più idonei alla sicurezza degli ambienti nei quali
vengono installati e costruire dei compartimenti (parti di un ambiente che
hanno lo scopo di confinare l’incendio evitandone la propagazione alle
zone e ai compartimenti adiacenti per un determinato periodo di tempo,
210
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
ad ex fino all’esaurimento dei materiali combustibili contenuti o fino al
sopraggiungere dei Vigili dal Fuoco) attraverso soluzioni costruttive
specificatamente studiate caso per caso che per raggiungere i requisiti
richiesti prevedano :
9 la realizzazione di pareti divisorie che soddisfino la classe di
resistenza al fuoco richiesta e quindi garantiscano per il tempo
richiesto: eventuale capacità portante (R), tenuta ai fumi e alle
fiamme (E), isolamento termico (I);
9 interposizione di strutture tagliafuoco o spazi scoperti che
realizzino una partizione di veicolo miranti al confinamento dell’
incendio e dei suoi effetti (calore e fumo) nella zona d’innesco
evitando, o ritardando per un tempo prefissato, la propagazione ad
altre aree adiacenti o a strutture contigue;
9 un’ efficace insonorizzazione del vano motore - cambio con
materiale autoestinguente, a bassa propagazione di fiamma e bassa
emissione di fumi;
9 utilizzo
di
materiali
che
siano
in
grado
di
garantire
contemporaneamente isolamento termico ed isolamento acustico
come la lana minerale, che è il materiale ignifugo di elezione
poiché non è combustibile (in conformità allo standard ISO 1182)
e non conduce il calore, ossia non brucia e non fa propagare il
fuoco. In effetti questa, sotto forma di pannelli, feltri, coppelle,
con o senza rivestimenti in funzione della specifica applicazione,
o come lana sfusa, essendo costituita da un fitto intreccio di fibre
legate tra loro con resine termoindurenti che creano una struttura
costituita da una moltitudine di celle aperte contenenti aria, può
resistere a temperature superiori a 1000 °C mantenendo inalterate
le caratteristiche nel tempo ed è pertanto ideale come ritardante del
fuoco, per esempio nelle pareti divisorie tra vano motore e
211
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
passeggeri, consentendo di guadagnare quei minuti essenziali a
impedire che il fuoco si propaghi e permettendo così un risparmio
in termini economici sugli eventuali danni materiali oltreché di
ridurre l’inquinamento;
9 isolamento con pannelli termofonoassorbenti interposti tra la
parete esterna del tetto e il rivestimento interno del padiglione;
9 utilizzo di
materiali non metallici che presentino ottime
caratteristiche autoestinguenti o in via subordinata di bassa
propagazione di fiamma senza sviluppo di prodotti tossici durante
la combustione e che soddisfino tutte le normative italiane vigenti
in merito alta protezione contro gli incendi;
9 affinché i divisori possano svolgere appieno la loro funzione,
massima cura deve porsi nel realizzare le aperture necessarie per
le condutture elettriche e per i condotti dei fluidi o di altri organi,
altrimenti verrebbe messa in crisi la tenuta e la separazione che
potrebbe perdere anche buona parte della sua efficacia, potendo
l’incendio passare da un ambiente all’altro e in particolare, i fumi
possono propagarsi arrecando essi stessi danni talvolta rilevanti.
Tali aperture devono essere otturate con materiali non combustibili
opportunamente messi in opera intorno ai condotti, mentre per le
condutture elettriche, per le quali è essenziale che in
corrispondenza degli attraversamenti sia ripristinata integralmente
la continuità, occorre impiegare elementi appositi o materiali di
riempimento speciali di comprovata validità. Infine, all’interno
delle condotte di ventilazione, aerazione, condizionamento ecc., in
corrispondenza degli attraversamenti possono essere previsti
organi di intercettazione di adeguata resistenza al fuoco (ad ex
speciali serrande azionabili a automaticamente con il compito di
evitare che i condotti stessi possano propagare l’incendio (o anche
212
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
solo fumo) in zone separate o distanti da quelle direttamente
colpite dal sinistro.
3.8.1
Importanza di una buona resistenza al fuoco
In caso di incendio al di fuori del vano passeggeri, una buona resistenza
al fuoco è un modo per garantire un tempo sufficiente per l’evacuazione
sicura dei passeggeri e in alcuni casi consente di confinare i danni al vano
motore. La resistenza al fuoco può suddividersi in base all’ azione che si
propone :
9 estendere il tempo finché il fumo arriva nel vano passeggeri;
9 estendere il tempo finché i gas tossici compaiono nel vano
passeggeri;
9 impedire o rendere difficile la diffusione dell’incendio da una zona
incendiata a un’altra.
Oltre a salvare vite umane e rendere l’evacuazione dei passeggeri più
facile la resistenza al fuoco stessa incrementerà il valore residuo di un bus
dopo un incendio; se il fuoco può essere confinato in una cella ci saranno
meno danni e meno costi per ripristinare il bus a un livello funzionale. La
maggior parte degli incendi dei bus iniziano al di fuori del vano
passeggeri, specialmente nel vano motore; in generale la comunicazione
tra conducente e vano motore è molto scarsa; oltre il 50% degli incendi
nei vani motori vengono osservati da una persona diversa dal conducente;
a causa della mancanza di rilevatori di incendio o mal progettati nel vano
motore, il tempo dall’inizio dell’incendio alla scoperta può essere lungo,
a volte fino a 10 minuti; dopo che il fuoco è stato rilevato, ci deve essere
il tempo per il parcheggio, l’ informazione e l’organizzazione
dell’evacuazione e attenzione ai passeggeri disabili, vedi la figura
seguente in cui viene mostrata la resistenza al fuoco dell’inizio
dell’incendio, all’ incendio all’interno del bus, si noti la dipendenza di
213
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
una buona rilevazione incendi rispetto alla resistenza al fuoco. Per cui
quanto prima viene rilevato l’incendio tanto migliori saranno le
possibilità per l’evacuazione in sicurezza dei passeggeri e conducente
[75].
Figura 43 : Resistenza al fuoco da inizio incendio all'incendio interno al bus
3.9
PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROTEZIONE
CONTRO I RISCHI INCENDIO
Secondo la DIRETTIVA 2001/85/CE del parlamento europeo e del
consiglio del 20 novembre 2001 relativa alle disposizioni speciali da
applicare ai veicoli adibiti al trasporto passeggeri aventi più di otto posti a
sedere oltre al sedile del conducente e recante modifica delle direttive
70/156/CEE e 97/27/CE le prescrizioni tecniche cui debbono soddisfare
gli autobus al fine di soddisfare la sicurezza dei passeggeri, in particolare
per quel che a noi interessa, nei riguardi del rischio incendio risultano :
Vano motore :
214
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
9 Nel vano motore non è utilizzato alcun materiale fonoassorbente
infiammabile o che potrebbe impregnarsi di carburante, di
lubrificante o di qualsiasi altro materiale combustibile, a meno di
non essere ricoperto da un rivestimento impermeabile.
9 Sono prese le necessarie precauzioni onde evitare, per quanto
possibile, l'accumulo di combustibile, di lubrificante o di qualsiasi
altro materiale combustibile in qualsiasi punto del vano motore,
dando a detto vano un'adeguata conformazione o dotandolo di
orifizi di scolo.
9 Una parete divisoria di materiale resistente al calore è sistemata tra
il vano motore e qualsiasi altra fonte di calore (quale un
dispositivo destinato ad assorbire l'energia liberata quando il
veicolo percorre una lunga discesa, ad esempio un freno di
rallentamento, o un dispositivo di riscaldamento interno del
veicolo, diversi tuttavia da quelli che funzionano con circolazione
di acqua calda) e la parte restante del veicolo. Tutti i sistemi di
fissaggio, le graffe, le guarnizioni, ecc., della parete divisoria sono
ignifughi.
9 Il vano passeggeri può essere dotato di un dispositivo di
riscaldamento diverso da quello a circolazione di acqua calda
purché sia rivestito di materiale resistente alle temperature
generate dal dispositivo stesso, non emetta fumi tossici e sia
ubicato in modo che i passeggeri non possano venire a contatto
con una superficie calda.
Ci r c u i t i e l e t t r i c i :
9 Tutti i cavi sono perfettamente isolati ed i circuiti elettrici sono
progettati per resistere alle condizioni di temperatura e umidità cui
sono esposti. Nel vano motore, particolare attenzione è dedicata
215
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
alla capacità di resistenza dei cavi alla temperatura ambiente ed
agli effetti dei probabili agenti contaminanti.
9 Nessun cavo di un circuito elettrico trasmette una corrente di
intensità superiore a quella ammissibile per detto cavo, tenuto
conto del sistema di installazione e della temperatura ambiente
massima.
9 Tutti i circuiti elettrici che alimentano un elemento del motore
diverso dal motorino di avviamento, dal circuito di accensione
(accensione comandata), dalle candele a incandescenza, dal
dispositivo di arresto del motore, dal generatore di corrente e dal
collegamento a terra della batteria, comprendono un fusibile o un
interruttore. Possono tuttavia essere protetti da un fusibile o da un
interruttore comune, purché tarato a non più di 16 A.
9 Tutti i cavi sono perfettamente protetti e fissati solidamente in
modo da non essere danneggiati da tagli, abrasioni o attriti.
9 Se la tensione elettrica supera i 100 volt RMS (valore quadratico
medio) in uno o più circuiti elettrici di un veicolo, un sezionatore
manuale che può interrompere tutti questi circuiti dal sistema
elettrico principale è raccordato a ciascun polo di detto sistema
non collegato a terra ed è collocato all'interno del veicolo, in un
punto facilmente accessibile per il conducente, purché tale
sezionatore non possa interrompere il circuito elettrico che
alimenta le luci esterne obbligatorie del veicolo. La presente
disposizione non si applica ai circuiti di accensione ad alta
tensione né ai circuiti inseriti all'interno di una unità separata di
equipaggiamento del veicolo.
9 Tutti i cavi elettrici sono situati in modo che nessuna parte dei
medesimi possa entrare in contatto con i tubi di mandata del
carburante o con qualsiasi parte del sistema di scarico, o essere
216
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
sottoposti ad una temperatura eccessivamente elevata, a meno di
essere provvisti di un isolamento o di una protezione speciali,
quale ad esempio una valvola di scarico elettromagnetica.
Batterie :
9 Tutte le batterie sono solidamente fissate e di facile accesso.
9 Il vano della batteria è separato dal vano passeggeri e da quello del
conducente ed è ventilato dall'aria esterna.
9 I morsetti della batteria sono protetti dal rischio di cortocircuito.
Estintori e attrezzature di pronto soccorso :
9 È previsto uno spazio per l'installazione di uno o più estintori (uno
da 5 kg a polvere o uno da 2 Kg ad anidride carbonica), di cui uno
accanto al sedile del conducente. Detto spazio non è inferiore a 8
dm 3 nei veicoli delle classi A e B e a 15 dm 3 nei veicoli delle
classi I, II e III.
9 È previsto uno spazio per l'installazione di una o più cassette di
pronto soccorso. Detto spazio non è inferiore a 7 dm 3 ; la
dimensione minima non è inferiore a 80 mm.
9 Gli estintori e le cassette di pronto soccorso sono protetti dal furto
o dal vandalismo (ad esempio con un armadietto o un vetro
infrangibile). La loro ubicazione è tuttavia chiaramente indicata e
sono previsti gli attrezzi necessari per estrarli facilmente in caso di
pericolo.
Ma t e r i a l i :
La presenza di materiale infiammabile a meno di 100 mm dal sistema di
scarico o da qualsiasi altra fonte di calore è consentita unicamente se
detto materiale è protetto in maniera efficace. Ove necessario, è prevista
una protezione per impedire che il grasso o altri materiali infiammabili
entrino in contatto con i sistemi di scarico o altre importanti fonti di
calore. Ai fini del presente punto, per materiale infiammabile si intende
217
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
un materiale non inteso a resistere alle temperature che possono essere
raggiunte in tale ubicazione.
Secondo la DIRETTIVA 95/28/CE del Parlamento europeo e del
Consiglio del 24 ottobre 1995 relativa al comportamento alla
combustione (infiammabilità, velocità di combustione e comportamento
alla fusione) dei materiali usati per l'allestimento interno di veicoli a
motore della categoria M3, con più di 22 passeggeri, i materiali per
interno del compartimento passeggeri utilizzati nel veicolo (usati per
l'imbottitura dei sedili e loro accessori, compreso il sedile del conducente,
materiali usati per il rivestimento interno del tetto, per il rivestimento
interno delle pareti laterali e posteriore, comprese le pareti di separazione,
materiali aventi funzioni termiche e/o acustiche, materiali usati per il
rivestimento interno del pavimento, usati per il rivestimento interno dei
vani bagagli, delle tubazioni di riscaldamento e di ventilazione, per i
dispositivi di illuminazione), sottoposti a prova per determinare la
velocità di combustione orizzontale dei materiali (un campione è disposto
orizzontalmente in un supporto a forma di U ed esposto per 15 secondi
all'azione di una fiamma definita di debole energia in una camera di
combustione ove la fiamma agisce sul bordo libero del campione; la
prova permette di determinare se e quando si spegne la fiamma oppure il
tempo necessario alla stessa per percorrere una distanza misurata), nella
misura di cinque campioni dei materiali se materiale è isotropo e dieci
campioni nel caso di un materiale anisotropo (5 per ciascuna direzione)
vengono ritenuti omologabili se per i risultati più sfavorevoli della prova,
la velocità orizzontale di combustione non supera 100 mm/minuto,
oppure se la fiamma si estingue prima di raggiungere l'ultimo punto di
misurazione. Inoltre quattro campioni dei materiali (usati per il
rivestimento interno del tetto, per il rivestimento interno dei vani bagagli,
218
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
della tubazioni di riscaldamento e di ventilazione situate nel tetto, per i
dispositivi di illuminazione situati nei vani bagagli e/o nel tetto) vanno
sottoposti a prova per determinare il comportamento alla fusione dei
materiali (si dispone un campione in posizione orizzontale e lo si espone
all'azione di un radiatore elettrico, un recipiente è posto sotto il campione
per raccogliere le gocce che risultano dalla fusione, per verificare se
qualche goccia è infiammata si pone nel recipiente un po' di cotone
grezzo) e il risultato della prova è ritenuto soddisfacente se, considerando
i risultati più sfavorevoli della prova, non si forma alcuna goccia che
infiammi il cotone grezzo. Infine tre campioni nel caso di materiale
isotropo oppure sei campioni nel caso di materiale anisotropo o dei
materiali usati per tende e tendine (e/o altri materiali sospesi) devono
essere sottoposti alla prova per determinare la velocità di combustione
(consiste nell'esporre i campioni, mantenuti in posizione verticale, alla
fiamma e nel determinare la velocità di propagazione della fiamma sul
materiale oggetto della prova verticale dei materiali) e il risultato della
prova è ritenuto soddisfacente se, considerando i risultati più sfavorevoli
della prova, la velocità di combustione verticale non supera 100
mm/minuto. Da osservare che non vengono sottoposti a prove i seguenti
materiali :
9 parti di metallo o di vetro;
9 ogni accessorio di sedile singolo con una massa di materiale non
metallico inferiore a 200 g; se la massa totale di tali accessori
supera 400 g di materiale non metallico per ogni sedile, ciascun
materiale viene sottoposto alle prove; elementi con superficie o
volume non superiori rispettivamente a : 100 cm
2
oppure 40 cm 3
per gli elementi collegati ad un posto a sedere singolo;
9 300 cm 2 oppure 120 cm 3 per ogni fila di sedili e, al massimo, per
metro lineare dell'interno del compartimento passeggeri per gli
219
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
elementi distribuiti nel veicolo e non collegati ad un posto a sedere
singolo;
9 cavi elettrici;
9 elementi dai quali non è possibile prelevare un campione di
dimensioni prescritte.
I veicoli, inoltre, secondo quanto prescritto dalle normative vigenti e
consigliato dall’ASSTRA devono :
9 essere costruiti con materiali privi di componenti tossici (amianto,
PFC, PCB, CFC, ecc.) e ciò dovrà essere mostrato da
dichiarazione che attesti l’assenza di qualsiasi tipo di componente
tossico;
9 presentare ottima protezione contro gli incendi con l’impiego,
ovunque possibile ed in ordine prioritario, di materiali non
infiammabili, autoestinguenti o a bassa velocità di propagazione di
fiamma (comunque V < 100 mm/min), secondo quanto indicato
dalle Norme Tecniche UNI 3795, CUNA NC 590-02 e dalla
Direttiva 95/28/CE e relativi allegati. Il Fornitore deve tenere in
adeguata evidenza il problema derivante dell’adozione di sostanze
che, per l’emissione dei fumi durante la combustione dei materiali,
assumono un valore elevato di tossicità. Anche se non
esplicitamente indicato deve essere comunque rispettata la norma
ISO 3795. Il Fornitore dovrà, quindi, presentare in sede di offerta
adeguata documentazione tecnica comprovante la rispondenza alle
norme citate su tutti i materiali adoperati per la costruzione degli
autobus;
9 i veicoli dovranno essere dotati di un sistema di allarme
antincendio che tramite opportuni sensori, applicati all’interno del
vano motore e dell’eventuale vano del preriscaldatore, avvisi il
220
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
conducente mediante un segnale acustico e/o visivo dedicato,
posizionato sul cruscotto posto guida. Tale dispositivo dovrà
azionare l’intermittenza degli indicatori di direzione (“hazard
warning”).
3.9.1
Normativa di riferimento incendi autobus
9 Italia : Decreto Ministero dell’Interno 26-06-84 : Classificazione
di reazione al fuoco ed omologazione dei materiali ai fini della
prevenzione incendi; CUNA NC 590-02 : Limite della velocità di
combustione dei materiali all’interno dei veicoli; CEI 20-22 :
Comportamento al fuoco dei cavi-Prova di non propagazione
dell’incendio; CEI 20-38/1 : Cavi isolati con gomma non
propaganti l'incendio e a basso sviluppo di fumi dei gas tossici e
corrosivi; UNI ISO 3795 : Determinazione del comportamento alla
combustione dei materiali all' interno dei veicoli.
9 CE : Direttiva 95/28/CE : Relativa al comportamento alla
combustione dei materiali usati per l'allestimento interno di talune
categorie dei veicoli a motore.; Direttiva 2001/85/CE :
Disposizioni speciali da applicare ai veicoli adibiti al trasporto
passeggeri aventi più di otto posti a sedere oltre al sedile del
conducente e recante modifica delle direttive 70/156/CEE e
97/27/CE.
221
Capitolo 3 : La prevenzione incendi degli autobus
9 Cavi : EN 50267, IEC 60754-2, CENELEC HD 602 (Corrosione
dei gas di combustione); EN 50265, IEC 60332-1, CENELEC HD
405.1 (Propagazione fiamma nei singoli cavi); EN 50265, IEC
60332-3, CENELEC HD 405. 3 (Propagazione fiamma in gruppi
di cavi); EN 50268, IEC 61034, CENELEC HD 606 (Densità di
fumo ammessa); IEC 60331 (Isolamento cavi).
9 Tossicità : EN 2824-2826; ISO 5659 ; IMO Resolution 61(67).
222
Capitolo 4 : Le analisi statistiche
Capitolo 4
Le analisi statistiche
4.1
L’ INDAGINE ASTTRA SUGLI INCENDI
La sempre maggiore complessità tecnologica del prodotto autobus e l'uso
di nuovi materiali, specie per gli arredi interni, focalizza sempre di più
l'attenzione dei costruttori sulle complesse problematiche relative alla
prevenzione incendi specialmente per i danni che potrebbero derivare ai
trasportati, al patrimonio e al danno di immagine sofferto dagli esercenti.
Fondamentale, per questo particolare aspetto della progettazione degli
autobus, è, ovviamente, l'analisi degli "incendi avvenuti", cosa resa
spesso difficile dal fatto che il relativo accertamento tecnico da parte
della Direzione di Esercizio e del Costruttore avviene su un veicolo in cui
le parti ammalorate sono sostanzialmente distrutte e che la testimonianza
dell'autista
dà
spesso
informazioni
insufficienti
sulla
dinamica
dell'incendio stesso, in quanto egli, per prima cosa, deve ovviamente
provvedere a evacuare il più ordinatamente possibile i passeggeri dal
mezzo in fiamme ed a metterli in sicurezza [76 a 78]. Con l’obiettivo di
stimare l’incidenza degli incendi sul parco autobus l’associazione dei
trasporti ASSTRA [79 a 81] ha condotto un’ indagine presso le Aziende
esercenti, prendendo in considerazione 22.000 autobus, su un parco
globale italiano di 31.000 unità, proponendo due questionari relativi agli
incendi di auto-bus avvenuti negli anni 2001, 2002, 2003. Nel campione
intervistato sono rappresentate aziende di tutte le dimensioni e
collocazioni geografiche, comprese le maggiori aziende nazionali. Il
223
Capitolo 4 : Le analisi statistiche
primo questionario, di carattere generale, è stato inviato a tutti gli
associati,
mentre
il
secondo,
di
approfondimento,
inoltrato
successivamente, ha interessato solo gli esercenti con un parco autobus
più numeroso e con un tasso d'incendio risultante dal primo questionario
superiore alla media.
4.1.1
Il primo questionario
Il primo questionario è stato indirizzato a 175 aziende di TPL che
esercitano un servizio di trasporto su gomma e di queste, 69 hanno fornito
una risposta al questionario. Alle aziende è stato richiesto:
9 di indicare il numero di incendi occorsi per ogni anno nel periodo
di riferimento;
9 di distinguerli per gravità:
9 di classificarli in base al componente veicolare da cui l’incendio è
scaturito.
Per il primo punto lo studio ha rilevato che il numero di incendi
complessivo ammonta a 418, per cui il tasso di incendio, calcolato come
rapporto tra numero di veicoli coinvolti e numero di veicoli totali, è pari
al 1,9%, quindi circa 140 autobus all'anno su 22.000 hanno subìto un
incendio a bordo (6 incendi ogni 1000 autobus). Come è possibile vedere
dal seguente grafico, si è registrata nell’arco temporale di riferimento una
diminuzione del numero di incendi, dovuta probabilmente ad un
miglioramento dei materiali e delle tecnologie costruttive dei veicoli.
N° Incendi/Anno
150
147
145
140
N°
140
135
131
130
2001
2002
2003
125
120
1
Anno
Figura 44 : Casi di incendio nel triennio 2001-2003
224
Capitolo 4 : Le analisi statistiche
Per quanto attiene invece alla distribuzione della gravità, gli incendi sono
stati distinti secondo la seguente classificazione:
9 gravità 1 (emissione fumo senza innesco di fiamma);
9 gravità 2 (innesco di fiamma e danni limitati al componente);
9 gravità 3 (propagazione di fiamma e danni estesi);
9 gravità 4 (incendio totale della vettura);
ed è risultato che oltre la metà degli incendi registrati (55%) presentava
un indice di gravità 2 mentre la distruzione totale del veicolo si ha
nell’8,4% dei casi (gravità 4).
8%
20%
17%
Gravità 1
Gravità 2
Gravità 3
Gravità 4
55%
Figura 45 : Distribuzione per gravità di incendio
Quindi dei circa 140 autobus all'anno su 22.000 che hanno subito un
incendio a bordo, ben 77 autobus (circa 3,5 autobus ogni mille) sono
interessati ogni anno da incendi di entità trascurabile con piccoli danni
locali, mentre circa 12 autobus (0,53 autobus ogni mille) sono andati
invece distrutti, fortunatamente senza che ci siano mai stati danni alle
persone mentre l’ evacuazione dei passeggeri durante gli incidenti si è
svolta senza rischi e in piena sicurezza. Le percentuali esposte possono
apparire piccole in valore assoluto, ma 12 autobus all'anno andati
mediamente distrutti, con le conseguenti possibilità di seri danni alle
persone, devono far riflettere sulla necessità di porre, su questo tema, la
massima attenzione, sia in fase di progettazione, con la scelta accurata dei
materiali e degli accorgimenti costruttivi più adatti, che in corso di
225
Capitolo 4 : Le analisi statistiche
manutenzione. Infine per il terzo punto, vale a dire la classificazione in
base ai componenti interessati è stato fornito il seguente elenco in base al
quale individuare : Vano motore, Ruote posteriori, Parte posteriore, Vano
batterie, Cruscotto/Pannello strumentazione Anteriore, Ruote anteriori,
Turbina, Bracciolo comandi porte, Centralina dietro autista, Sotto
cruscotto, Pulsantiera cambio automatico, Pannello anteriore sx (dietro
guida), Parte posteriore angolare dx, Impianto elettrico, Parte anteriore
altezza posto guida, Alternatore, Impianto Elettrico interno vettura, Luci
corsia/plafoniere, Porta anteriore/resistenza vetro termico, Posto guida,
Parte posteriore altezza marmitta, Parte posteriore dx altezza ruote,
Serbatoi Aria, Motorino avviamento, Cartelli indicatori, Obliteratrice.
L’analisi ha evidenziato che i componenti maggiormente interessati
all’innesco dell’incendio sono nel vano motore, fonte di incendio nel
39,5% dei casi; altri componenti rilevanti sono le ruote posteriori e
l’impianto elettrico (7,7%), la parte posteriore (6,9%). Se si tiene in
considerazione il fatto che altri componenti quali la marmitta, la turbina o
gli alternatori sono tutti installatati nel vano motore, i casi d’innesco
incendio interessanti il vano motore salgono al 49,8%. Nella categoria
“Altro” sono compresi componenti la cui incidenza è risultata minore del
1,9% del totale.
Zona d' innesco
Vano motore
Altro
45
40
Ruote posteriori
39,5
Impianto elettrico
35
Parte posteriore
30
Cruscotto anteriore
25
Alternatore
20
Vano batterie
15
10
5
Turbina
11
7,7 7,7 6,9 6,2
Imp. Elett, interno
3,8 3,6 3,6 3,3 2,9
1,9 1,9
Post. marmitta
Sotto cruscotto
0
Post.ang dx
Figura 46 : Classificazione incendi in base ai componenti interessati
226
Capitolo 4 : Le analisi statistiche
4.1.2
Il secondo questionario
Il secondo questionario è stato predisposto per le Aziende con un parco
veicolare consistente in cui, come emerso durante lo studio del primo
questionario, si è verificato un numero di incendi significativo aventi
quindi un tasso di incendio/parco autobus superiore alla media; esso è
stato indirizzato a 10 aziende e di queste 8 hanno risposto all’indagine.
Per ogni incendio verificatosi si è chiesto di indicare la data
dell’incidente, la classe del veicolo, la tipologia del motore in funzione
dei livelli di emissione di gas inquinanti allo scarico secondo quanto
previsto dalla Direttiva 1999/96/CE e successive modifiche ed
integrazioni, la data di immatricolazione ed eventualmente il numero di
chilometri percorsi al momento dell’incendio, eventuali danni a persone,
la causa dell’incendio, la zona di origine, la gravità. Mettendo in
relazione le diverse tipologie di motori con le percentuali d’ incendio di
ciascuna tipologia di gravità l’analisi ha messo in evidenza che non c’è
un rilevante rapporto tra le diverse categorie di motore e la gravità
dell’incendio, a meno di un tasso maggiore di incendi di gravità 2 per la
categoria Euro 3. Si evidenzia però che la gravità 4 tende ad aumentare
col salire della categoria Euro e che gli incendi relativi ai motori ibridi o a
metano non hanno provocato la perdita totale di veicoli (0% Gravità 4),
ciò viene riassunto nei successivi diagrammi :
227
Capitolo 4 : Le analisi statistiche
13,64%
0,65%
18,18%
Gravità 1
Gravità 2
Gravità 3
Gravità 4
67,53%
Figura 47 : Euro 0
0,00%
4,56%
22,22%
Gravità 1
Gravità 2
Gravità 3
Gravità 4
72,22
Figura 48 : Euro 1
12,00%
8,00%
G ravità 1
29,33%
G ravità 2
50,67%
G ravità 3
G ravità 4
Figura 49 : Euro 2
228
Capitolo 4 : Le analisi statistiche
10,34%
3,45%
6,90%
Gravità 1
Gravità 2
Gravità 3
Gravità 4
79,31%
Figura 50 : Euro 3
22,22%
0,00%
22,22%
Gravità 1
Gravità 2
Gravità 3
Gravità 4
55,56%
Figura 51 : Ibridi/Metano
L’autobus da noi preso in considerazione presenta un motore Euro 3 per
il quale la figure mostrano la maggiore percentuale di incendi di gravità
4; questo perché i veicoli Euro 3 per la presenza di elementi come la
marmitta catalitica e il filtro antiparticolato, risultano particolarmente
esposti al pericolo incendio a causa delle temperature particolarmente
elevate ed alla presenza concentrata di sostanze estremamente
infiammabili.
Inoltre se rappresentiamo il tasso di incendio per ogni anno del periodo di
riferimento (che va dal 2001 al 2003), calcolato come rapporto tra il
numero di veicoli coinvolti e il numero di veicoli totali e il tasso di
incendio in rapporto alla tecnologia costruttiva del motore si evidenzia
229
Capitolo 4 : Le analisi statistiche
una diminuzione del tasso di incendio nel tempo per le tipologie Euro 0
ed Euro 2 mentre si osserva un aumento per i veicoli Euro 3. Da questo
grafico si può quindi dedurre una relazione tra la anzianità del mezzo e il
rivelarsi dell’incendio. Secondo i dati della CTP i veicoli vedono
l’insorgere dei primi problemi a circa un terzo della vita utile, che è
stimata essere mediamente di almeno 15 anni, per cui per effetto
dell’incendio è stato necessario dismettere gli autobus dopo solo 5 anni di
utilizzo con conseguenti notevoli danni economici per l’azienda.
3
2,5
2
2001
1,5
2002
2003
1
0,5
0
E u ro 0
E u ro 1
E u ro 2
E u ro 3
A lt ri t ip i
Figura 52 : Rapporti incendi /parco
3
2,5
2
Euro 0
Euro 1
1,5
Euro 2
Euro 3
1
Altri tipi
0,5
0
2001
2002
2003
Figura 53 : Tasso di incendio annuo
230
Capitolo 4 : Le analisi statistiche
4.2
LE
CAUSE
D’INCENDIO
SECONDO
LE
STATISTICHE
Dall’indagine è emerso che la causa di incendio più comune è il corto
circuito di impianti elettrici (in particolare : cavi motorino di avviamento,
cavi vano motore, cavi alternatore, cavi massa, centraline, pannelli
elettrici), evento che incide per il 42,7% dei casi. Per quasi il 30% degli
incendi non è stata individuata la causa di innesco. Infine, non è sempre
possibile stabilire una correlazione tra le tecnologia del motore e le cause
dell’incendio. Ma vediamo il dettaglio dell’analisi nella seguente tabella :
Tabella 39 : Cause di incendio
CAUSE DI INCENDIO
%
Corto circuito
42,7
Cause non rilevate
30
Perdita nel circuito di alimentazione
4,2
Materiale camino di scarico non idoneo
3,4
Rottura turbocompressore
3,4
Impianto riscaldamento
2,5
Surriscaldamento motore
2,5
Grippaggio alternatore
1,7
Intasamento pozzetto di scarico
1,7
e surriscaldamento tubi
Altro ( <1 %)
6
Le cause degli incendi [82] possono in definitiva essere così suddivise:
9 cortocircuito cablaggi impianto elettrico;
9 avarie elettriche ad altri equipaggiamenti elettrici;
9 perdite di combustibile e oli.
4.2.1
Corto circuito cablaggi impianto elettrico
Le cause principali sono da imputare al deterioramento meccanico
dell’isolante del cavo, dovuto principalmente allo sfregamento del cavo
231
Capitolo 4 : Le analisi statistiche
con parti metalliche taglienti per fissaggi inadeguati. Le zone del veicolo
critiche, cioè quelle zone in cui è maggiore la frequenza d’innesco
dell’incendio o la sua magnitudo sono: il vano batterie e il vano motore
(cablaggi alternatore e cablaggi motorino di avviamento). In queste due
zone, infatti, le condizioni ambientali (maggiori temperature nel vano
motore) e le severe condizioni d’utilizzo dei conduttori (maggiori
intensità di corrente e mancanza di protezione elettrica) sono tali da
favorire un corto circuito nel caso di un deterioramento del cablaggio
stesso o amplificare gli effetti dell’incendio una volta innescato.
Generalmente i cortocircuiti in altre sezioni dell’impianto elettrico
generano degli inneschi d’incendio localizzati e di piccola entità.
4.2.2
Avarie elettriche ad altri equipaggiamenti elettrici
In questo caso l’incendio ha origine da un difetto del componente
elettrico, sia per motivi meccanici (surriscaldamento dei cuscinetti) sia
per motivi elettrici, come ad esempio sovracorrenti soprattutto nei motori
elettrici (elettroventilatori) o attuatori.
4.2.3
Perdite di combustibile e oli
Nel vano motore le principali cause dell' incendio con fiamme sono
imputabili principalmente alla presenza di liquidi combustibili ed alla
possibilità di innesco dei vapori da questi generati; la fuoriuscita di
combustibile liquido (per rottura di tubi afferenti agli iniettori) o la
perdita di oli idroguida, olio per ventilatore idrostatico, olio lubrificante,
ecc, (determinata o da una rottura della tubazione oppure da perdite di
tenuta della stessa), particolarmente pericolosi per il loro basso punto di
infiammabilità, (in particolare il gasolio e l' olio idraulico circa 55°C e
170 °C rispettivamente), venendo a contatto con parti calde, come la
turbina o la linea di scarico possono dare origine all’incendio.
232
Capitolo 4 : Le analisi statistiche
Per gli inneschi invece, come vedremo più nel dettaglio nel caso oggetto
di studio, si può dire che le possibili sorgenti d' ignizione sono riconducili
a scintille o a superfici calde.
4.3
LE ZONE DI ORIGINE DELL’ INCENDIO
Per quanto riguarda invece la zona dì origine, dal secondo questionario
si ha la conferma di quanto emerso dalla prima indagine, cioè che il vano
motore risulta il più colpito raggiungendo una percentuale del 56,3 %, cui
seguono: le ruote posteriori (7,7 %), impianto elettrico (6,3 %), parte
posteriore (4,8%), posto guida (5,5%), vano batterie (3,3%), tutte le altre
zone interessate da incendio hanno percentuali inferiori al 2%
(scappamento
superiore,
cassonetto
sopra
autista,
serbatoi
aria,
strumentazione anteriore, zona turbina, cartelli indicatori, obliteratrice,
parte anteriore, ruote anteriori, campanello, pulsantiera, tetto, webasto,
zona cambio motore, sotto ralla, cinghia alternatore, condizionatore,
devioluci, motorino riscaldamento, cruscotto, alternatore, freni). Nei due
diagrammi seguenti si riportano il numero degli incendi e la relativa zona
d’origine per autobus di tipo Euro 0 ed Euro 2 che presentano dei valori
più significativi.
Incendi Euro 0
90
81
Numero incendi
80
70
vano motore
60
Ruote posteriori
50
Posto guida
40
25
30
20
14
13
12
Impianto elettrico
Altro
10
0
Zona di origine
Figura 54 : Zone e n° incendi per Euro 0
233
Capitolo 4 : Le analisi statistiche
Incendi Euro 2
Zona di origine
4
Scappamento superiore
6
Ruote posteriori
Parte posteriore
7
Altro
12
vano motore
43
0
10
20
30
40
50
N° Incendi
Figura 55 : Zone e n° Incendi per Euro 2
4.4
OSSERVAZIONI
Sintetizzando i dati a disposizione emergono alcune importanti
osservazioni, che ci aiuteranno ad individuare possibili raccomandazioni
o suggerimenti sia in fase di progettazione e costruzione veicolo, che
durante l’esercizio. La prima constatazione è che la maggioranza degli
incendi ha origine nel vano motore ed è anche la zona maggiormente
interessata dall' incendio e all’ interno di esso possono verificarsi i
seguenti tipi di incendio :
9 classe A, sostanze solide combustibili;
9 classe B, liquidi combustibili e/o infiammabili;
9 classe C, gas infiammabili ( limitatamente a quelli a metano).
Nel caso d’incendio partito dal vano motore, l’autista non ha rilevato
alcuna segnalazione anomala sul cruscotto e frequentemente, la
segnalazione dell’ incendio è stata fatta grazie a terzi presenti all’esterno
del bus, quando ormai l’incendio ha assunto dei livelli pericolosi. Le
informazioni raccolte intervistando l’autista, riguardanti i fenomeni
riscontrati nei tempi im-mediatamente antecedenti all’incendio manifesto,
si sono riscontrati decisivi nel determinare la causa dell’incendio.
234
Capitolo 4 : Le analisi statistiche
Purtroppo, spesso questa raccolta d’informazioni è stata impossibile o
incompleta. Altri componenti veicolari particolarmente interessati da
principi d’incendio sono le ruote posteriori, la cui genesi è abbastanza
omogenea e cioè il surriscaldamento dei freni per un anomalo
funzionamento dei medesimi.
In definitiva i dati statistici, anche se nella maggior parte dei casi privi
delle informazioni necessarie per risalire alle cause originarie degli eventi
(escludendo i casi di origine dolosa e quelli dovuti a circostanze esterne o
ad incidenti) evidenziano comunque che, quando il veicolo stesso è
accidentalmente fonte primaria dell’incendio, le cause sono generalmente
attribuite a difetti elettrici od a perdite di oli e carburante. È tuttavia
gravoso stabilire se tali cause dipendono da carenze di progettazione,
difetti di fabbricazione od altro, in quanto difficilmente vengono raccolti
ed ordinati i dati necessari ad individuare precise linee di tendenza di tali
incendi, per le varie categorie di autoveicoli.
Pertanto l’argomento incendio autobus, per le problematiche che
coinvolge, viste le difficoltà nell’ acquisire dati certi relativi agli incendi
che coinvolgono gli autobus di linea e le rispettive cause e visti anche
nuovi rischi di incendio che preoccupano sia i costruttori che gli
utilizzatori, travalica i confini aziendali ed impatta con quelli normativi e
industriali, determina un fermento di studi in diversi paesi europei e
necessità di approfondimenti sperimentali del fenomeno.
Per questo l’ Università, attraverso una disamina degli aspetti
contenutistici delle norme e della legislazione in materia di sicurezza e
salute sulla prevenzione antincendio, appare il giusto tramite per
interloquire con il Ministero ed i costruttori di autobus al fine di proporre
eventuali misure tecniche che rafforzino il livello di sicurezza intrinseca
riducendo la probabilità del verificarsi dell’ incendio, che limitino l’entità
e la gravità delle conseguenze e siano atte a :
235
Capitolo 4 : Le analisi statistiche
9 ridurre ed eventualmente eliminare le
possibili cause degli
incendi;
9 proporre protezioni del comparto passeggeri;
9 portare all’individuazione e alla definizione dei requisiti operativi
del sistema automatico antincendio.
4.5
Gli incendi alla CTP
Per gli autobus della CTP la classificazione degli incendi secondo
l’indice di gravità consente di compilare le seguenti tabelle, relative agli
anni 2004 –2007, non disponendo dei dati complessivi dal 2008 in poi,
che mostrano gli elevati livelli di pericolosità raggiunti e in aggiunta si è
considerato anche un caso avvenuto recentemente del 2009 :
Tabella 40 : Incendi CURSOR da noi considerati aggiornato al 2009
Data
Classe
Modello
Incidente
veicolo veicolo
Motore
Immatricolazione percorsi persone D’origine
18/4/2007
I
Euro3
09/07/2002
5842
Tipologia Data
Km
300473
Danni
NO
591.10.29
21/06/2007 I
5806
5811
Euro3
09/07/2002
399501
NO
5829
2
Vano
3
Motore
Euro3
09/07/2002
406332
NO
591.10.29
11/07/2009 I
Vano
Gravità
Motore
591.10.29
05/11/2007 I
Zona
Vano
4
Motore
Euro3
09/07/2002
396319
591.10.29
NO
Vano
4
Motore
Nella successiva tabella si riportano gli incendi avvenuti nelle altre
tipologie di autobus relativi allo stesso periodo :
236
Capitolo 4 : Le analisi statistiche
Tabella 41 : Incendi altre tipologie nel periodo 2004-2007
Data
Classe Casa
Tipologia Data
Km
Danni
Zona
Incidente veicolo Costruttrice
Motore
Immatricola.ne percorsi persone D’origine
05/2004
Euro
07/2003
I
IRISBUS
48000
NO
Parte
EEV
05/2005
I
FIAT
Gravità
2
posteriore
Euro 0
02/1986
1352027 SI
Vano
3
motore
05/2005
I
BMB
Euro 2
05/1999
480325
NO
Vano
4
motore
06/2005
I
CAM
Euro 2
03/1999
395727
NO
Vano
AUTODROMO
06/2006
I
FIAT
4
motore
Euro 0
05/1985
1015302 NO
Ruote
3
posteriori
10/2006
II
INBUS
Euro 0
01/1987
1456073 NO
Vano
4
motore
02/2007
I
BMB
Euro 2
04/1999
481375
NO
Parte
4
posteriore
12/2007
II
FIAT
Euro 0
02/1993
1225749 NO
Vano
Motore
Tabella 42 : Riepilogo generale dati
2004
2005
2006
2007
2008
2009
Totale parco bus
472
463
489
486
455
447
N° incendi
1
3
2
5
0
1
12
0
Gravità 1
Gravità 2
Totale
1
1
Gravità 3
1
1
3
Gravità 4
2
1
2
237
5
1
6
3
Capitolo 5 : Descrizione tecnica dell’autobus Iveco Cityclass incendiato
Capitolo 5
Descrizione tecnica dell’autobus
Iveco Cityclass incendiato
5.1
INTRODUZIONE
Il CityClass è stato uno degli autobus maggiormente diffusi in Italia, con
6.811 esemplari accertati ed infatti è presente nelle aziende di trasporto
di quasi tutte le province italiane e diffuso maggiormente nelle 4 grandi
città : Roma, Milano, Torino e Napoli {29 a 32}.
Figura 56 : Cityclass 591 della CTP
238
Capitolo 5 : Descrizione tecnica dell’autobus Iveco Cityclass incendiato
Prodotto dal 1997 al 2007 dalla azienda italiana Iveco attualmente
sostituito dal Citelis e commercializzato con il marchio Iveco fino al
2002, successivamente dopo la fusione del settore autobus di Iveco,
Renault V.I., Heuliez, Orlandi e Karosa nella nuova società Irisbus, ha
adottato come logo un piccolo delfino applicato direttamente sulla
carrozzeria sulla testata anteriore, poi oggetto nel 2005 di un restyling,
che lo ha posto in un piccolo incavo.
Figura 57 : Logo Irisbus
Il design è stato opera della società Italdesign di Giorgetto Giugiaro che
nei veicoli alimentati a metano, ha progettato anche la particolare
carenatura applicata sul tetto per nascondere le bombole di metano.
Era disponibile in versione urbana (conosciuta con la numerazione 491) o
suburbana (591), con alimentazione a gasolio e a metano e con lunghezze
di 10.80, 12 e 18 metri, esistevano anche prototipi non circolanti di tipo
ibrido ed un veicolo ad idrogeno utilizzato durante i Giochi Olimpici
Invernali di Torino, mentre non è mai stata prodotta una versione
interurbana con i posti a sedere tutti rivolti verso il senso di marcia e
rialzati), che avrebbe dovuto essere numerata ipoteticamente 691, in
quanto, contemporaneamente alla produzione di questo modello, erano
presenti in listino già diversi autobus interurbani di fascia bassa. Poiché
nel periodo di produzione del Cityclass è stato liberalizzato il colore da
239
Capitolo 5 : Descrizione tecnica dell’autobus Iveco Cityclass incendiato
adottare per gli autobus adibiti al servizio pubblico, abbandonando
l'obbligo dell'arancione o del blu per gli interurbani, presenta le più
svariate livree, anche se l' arancio ministeriale resta tuttavia il colore
maggiormente diffuso.
Per quanto riguarda il tipo di motorizzazione, inizialmente utilizzava il
motore Fiat 8360.46 dell' Iveco 490 con potenza di 220 cv,
successivamente fino al 2001 hanno adottato il motore diesel "Fiat
8360.46B" da 250 o 270 cv nelle versioni da 10.8 e 12 metri e da 310 cv
nella versione da 18 metri; dal 2002 è iniziata la produzione del motore
"Cursor 8" a norma Euro 3 e successivamente Euro 4, disponibile nelle
versioni da 290 cv per quanto riguarda le vetture da 10,8 e da 12 metri, e
da 350 cv per quelle autosnodate; nel 2005 il Cursor 8 è stato adattato per
l'alimentazione a metano, depotenziandolo a 270 cv e sostituendo il
precedente motore Fiat 8469.21 da 240 cv, infine dal 2006 il Cursor 8 è
stato prodotto in versione EEV (Enhanced Environment-friendly Vehicle)
e reso compatibile con le normative anti-inquinamento Euro 5.
Nella dotazione della flotta della CTP sono presenti 48 vetture suburbane
Irisbus CityClass 591 e 9 vetture urbane Irisbus CityClass 491 a gasolio e
50 vetture urbane Irisbus 491 CNG a metano.
5.2
CARATTERISTICHE GENERALI
9 Autobus a due assi di 10 metri di lunghezza, a due porte di servizio
rototraslanti, di cui una sullo sbalzo anteriore.
9 Telaio a longheroni a sezione prevalentemente chiusa.
9 Scocca collaborante con il telaio realizzata con profilati di acciaio
a sezione prevalentemente rettangolare.
240
Capitolo 5 : Descrizione tecnica dell’autobus Iveco Cityclass incendiato
9 Gruppo
motopropulsore
montato
in
posizione
posteriore
trasversale, cambio automatico in linea con il motore ad angolo ad
80°.
9 Trazione posteriore con ponte ribassato a portale rovesciato.
9 Assale anteriore rigido.
9 Motore diesel sovralimentato IVECO CURSOR 8, raffreddato a
liquido, 6 cilindri verticali in linea.
9 Sospensioni pneumatiche integrali con barre antirollio anteriori e
posteriori.
9 Freni bidisco anteriori e freni a tamburo posteriori con guarnizioni
senza amianto.
9 Cambio automatico ZF con convertitore di coppia e rallentatore
idraulico incorporato.
9 Guida a sinistra [83 e 84],{33}.
Figura 58 : Viste CityClass Cursor 591.10.29
241
Capitolo 5 : Descrizione tecnica dell’autobus Iveco Cityclass incendiato
5.3
CATTERISTICHE TECNICHE
Tabella 43 : Dimensioni (in mm)
Caratteristica
Dimensione
(mm)
Lunghezza K
10795
Larghezza L
2500
Altezza
massima
H
(in
marcia,veicolo
vuoto,con
gruppo 2990
condiz.mento)
Altezza minima dal suolo con pedana disabili (masse sospese)
165
Altezza minima dal suolo senza pedana disabili H l
180
Altezza minima dal suolo masse non sospese (veicolo fermo)
124
Passo X
5150
Sbalzo anteriore Z
2565
Sbalzo posteriore Y
3080
Altezza interna minima
2235
Altezza interna media H 1
2300
Altezza media del piano di calpestio H 2 (in marcia veicolo vuoto)
360
anteriore
375
centrale
380
posteriore
Larghezza del corridoio al piano di calpestio
fra passaruota anteriore
900
fra passaruota posteriore
550
Altezza min da terra filo inferiore fiancata (veicolo carico in marcia)
290
Carreggiata anteriore C 1
2092
242
Capitolo 5 : Descrizione tecnica dell’autobus Iveco Cityclass incendiato
Carreggiata posteriore C 2
1886
Angolo di sbalzo anteriore
7°
Angolo di sbalzo posteriore
7°
Altezza soglie porte (fermo, a vuoto)
anteriore
320
posteriore
340
Altezza soglie porte con kneeling
anteriore
250
posteriore
270
Larghezza vano porte
1360
Larghezza libera porte
1200
Altezza libera porta
anteriore
1940
centrale
1920
Tabella 44 : Posti disponibili
Posti
Base Con
Con
carrozzella
ripiegabili
sedili Posto
carrozzella
adibito a posti in
piedi
Posti a sedere fissi
33
29
29
29
Posti in piedi
49
49
51
53
Posti per carrozzella
1
/
/
Posti
/
2
/
a
sedere
ribaltabili
Posti di servizio
1
1
1
1
Totale posti
83
80
83
83
NB Il numero dei posti è calcolato con una densità di 8 passeggeri al m 2
243
Capitolo 5 : Descrizione tecnica dell’autobus Iveco Cityclass incendiato
Tabella 45 : Prestazioni
Prestazioni
Valori
Diametro minimo d'ingombro
18410 (mm)
Diametro minimo di volta
14340 (mm)
Angolo massimo di sterzata
59.4°
Tabella 46 : Masse (kg)
Asse anteriore
Tara
Pieno carico
3340
5985
Asse posteriore 7760
Totale
10695
11110 16680
Tabella 47 : Massimi pesi tecnicamente ammessi (kg)
Pesi
Asse anteriore
7100
Asse posteriore 12000
Totale
19000
Tabella 48 : Consumi combustibile
Norme di riferimento Consumi
Norma CUNA 003-01 20.3 l/100 km
Norma CUNA 503-01 46.6 l/100 km
Tabella 49 : Rumorosità interna ed esterna
Rumorosità
Valori
Rumorosità interna misurata secondo norme Cuna NC 504.02
parte anteriore
66.5 dB(A)
parte centrale
69 dB(A)
parte posteriore
72 dB(A)
Rumorosità esterna secondo norme CEE 92/97
75 dB(A)
244
Capitolo 5 : Descrizione tecnica dell’autobus Iveco Cityclass incendiato
5.4
ORGANI DEL MOTO
5.4.1
Motore
Diesel iniezione diretta 4 tempi, sovralimentato con intercooler aria/aria.
Figura 59 : Vista frontale e posteriore del motore
Figura 60 : Vista laterale sinistra del motore
245
Capitolo 5 : Descrizione tecnica dell’autobus Iveco Cityclass incendiato
Figura 61 : Vista laterale destra del motore
Figura 62 : Vista superiore del motore
246
Capitolo 5 : Descrizione tecnica dell’autobus Iveco Cityclass incendiato
Tabella 50 : Caratteristiche del motore
Caratteristiche
Numero cilindri
6 in linea
Alesaggio per corsa
115 x 125
Cilindrata totale
7.79 litri – 7790
Rapporto di compressione
16:1
Senso di rotazione (lato volano)
CCW
Capacità coppa olio
20.5 litri
Specifiche olio
ACEA – E3-96
Pendenza di lavoro (tutte le direzioni)
30%
Cilindrata unitaria
1300
Ordine di accensione
1-4-2-6-3-5
Portata pompa acqua motore
~18400
l/h
a
g/motore
Scambiatore di calore acqua/olio motore a portata
totale
Raffreddamento a liquido permanente
Combustibile gasolio
Potenza max
290 CV-213 kW
N° di giri max
2050 rpm
Velocità media stantuffo
8.54 m/s
Coppia max
1100 Nm (112 kgm)
tra 1080 e 1800 rpm
Regime max a vuoto
2320 rpm
Potenza specifica
27.34 kW/l
247
2000
Capitolo 5 : Descrizione tecnica dell’autobus Iveco Cityclass incendiato
Rapporto peso potenza
3.7 kg/kW
Consumo specifico combustibile
198 g/kWh a 1600 rpm
Consumo olio a potenza max
0.15 g/kWh
Peso a secco (con organi ausiliari standard)
688 kg
Regime minimo
600 °+0/+25 rpm
Basamento motore : in ghisa stabilizzata, interasse cilindri 138 mm,
sottobasamento con cappelli integrati. Struttura con alta capacità di
contenimento emissioni sonore, in unico blocco, canne cilindri in ghisa
centrifugata e stabilizzata, in umido, sfilabili.
Testa cilindri: in ghisa stabilizzata con 1.5% di Nichel, 6 fissaggi per
cilindro, 4 valvole per cilindro, condotti gemellati cross-flow; collettore
di aspirazione integrato, tunnel per albero di distribuzione con 7 supporti;
guarnizione testa cilindri in acciaio multistrato.
Distribuzione : comando mediante ingranaggi in acciaio, cementati,
rettificati e rasolappati, profilo elicoidale ad alto contatto; catena di
distribuzione lato volano.
Asse a camme: in testa, acciaio cementato profondo, 3 camme per
cilindro (aspirazione, scarico, iniezione); 7 supporti.
Comando valvole : mediante bilancieri in ghisa sferoidale. Albero
portabilancieri unico con 7 supporti.
Valvole : 4 valvole per cilindro; aspirazione : monometallica; scarico :
Nimonic.
Collettore di scarico: 3 pezzi, in ghisa SIMO, collegati con
compensatori in acciaio inox, 4 borchie di fissaggio per condotto.
Sovralimentazione : mediante turbina a geometria variabile controllata
elettronicamente.
248
Capitolo 5 : Descrizione tecnica dell’autobus Iveco Cityclass incendiato
Raffreddamento : pompa acqua centrifuga con voluta integrale nel
basamento motore, girante chiusa in plastica; comando mediante cinghia
poly-v; termostato a cassetto.
Iniezione : mediante iniettore Bosh PDE 30, comando diretto camma di
iniezione dell'asse di distribuzione; controllo iniezione mediante
centralina Bosh MS6 sistemata su motore lato aspirazione; polverizzatore
con 6 fori di 0.24 mm di diametro; pressione di iniezione : 1400 bar max.
Circuito combustibile: pompa di alimentazione ad ingranaggi, pressione
circuito di mandata 5 bar; circuito a bassa pressione a 3,5 bar; filtro
combustibile singolo easy change.
Avviamento a freddo (-25°) : mediante riscaldatore aria elettrico
posizionato all'ingresso aria alla testa cilindri.
Anelli stantuffo : 1° anello trapezoidale, cromato, spigolo inferiore vivo;
2° anello a unghia cromato; 3° anello raschiaolio doppio pattino cromato.
Biella : in acciaio stampato microlegato, centraggio cappello mediante
dentinatura; lubrificazione occhio piccolo per caduta da galleria di
raffreddamento stantuffo.
Pistone: in lega di alluminio ipereutettica, camera di combustione ad
omega, galleria di raffreddamento, inserto per 1° anello in ghisa.
Albero motore : albero microlegato, raccordi su perni di banco e di
biella temprati ad induzione; bilanciamento mediante contrappesi
integrali; volano smorzatore viscostatico per ridurre le vibrazioni
torsionali.
Lubrificazione : lubrificazione forzata, pompa olio ad ingranaggi
comandata da albero motore, posizionata nel vano distribuzione della
scatola copri volano; valvola di controllo a cassetto autoregolante la
pressione olio su condotto principale; singola cartuccia easy-change in
fibra posizionata su corpo scambiatore; scambiatore di calore acqua-olio
249
Capitolo 5 : Descrizione tecnica dell’autobus Iveco Cityclass incendiato
a tubi piatti; valvola termostatica per by-pass scambiatore per migliorare
il warm-up olio a freddo; dispositivo di rabbocco automatico olio motore.
Coppa olio : in lamiera sospesa elasticamente su di un cuscino di
gomma.
Diagnostica : diagnostica funzionalità motore eseguita dalla centralina
MS6; visualizzazione dei guasti mediante lampeggio spia; interfaccia con
sistema computerizzato di officina (MODUS).
Equipaggiameto standard : alternatore: n°2 da 24V – 90 A comandati
mediante cinghia poly-v; motorino di avviamento : 24V – 4.5kW
flangiato su scatola copri volano; compressore aria freni: 630 cc flangiato
su basamento, comando ad ingranaggi; pompa servosterzo: 16 cc/rev, 150
bar max, in coda al compressore aria freni; carter volano : SAE 1
Emissioni (in g/kWh) conformi alla normativa CEE.
Tabella 51 : Emissioni
Emissioni
CO
HC
Nox Particolato
Limite EURO 2 4
1.1
7
Limite EURO 3 2.1
0.66 5
0.15
0.1
Valori Cursor 8 0.63 0.16 4.70 0.043
Turbocompressore : di marca HOLSET, a geometria variabile; una
parete mobile all'ingresso della turbina, gestita elettricamente, adatta
continuamente l' effetto della sovralimentazione (turbo) alle esigenze,
consentendo di estendere il campo di utilizzo del motore.
Iniettori-pompa : con una elettrovalvola, integrata nell'elemento pompa,
che assicura il dosaggio del carburante e determina il momento di
apertura, cioè l'anticipo all' iniezione. Il funzionamento è gestito da una
250
Capitolo 5 : Descrizione tecnica dell’autobus Iveco Cityclass incendiato
centralina elettronica (ECU = Engine Control Unit) di marca BOSH
MODELLO PDE 30.
Compressore aria : KNORR da 630 cc, calettato su motore, trascinato
con ingranaggi, rapporto di compressione 1,13 :1; tempo di riempimento
serbatoi da 0 + 11 bar in 150 secondi a max regimi motore; posizione
presa dell'aria a valle filtro motore.
Alternatore : n°2 Bosh da 90 A.
Motorino di avviamento : marca NIPPODENSO, potenza 4.5kW,
tensione 24V.
Pompa idroguida : da 21 cc/giro calettata su compressore aria, rapporto
di trasmissione 1,13:1
Pompa gasolio : in tandem con pompa idroguida; n°1 pompa idraulica da
16 cc/giro con rapporto di trasmissione 1,7:1 con motore per la funzione
comando ventilatore da 19 cc/giro
Un compressore condizionamento per vano passeggeri CARRIER 4T 57
e un compressore condizionamento separato vano autista (optional).
5.4.2
Raffreddamento Motore
Circuito di raffreddamento pressurizzato a liquido, con circolazione
comandata da pompa centrifuga su motore; gruppo termostati separati dal
motore; taratura termostati : 79°C +/-2 inizio apertura, ap. Max 94°;
impianto con tubi in rame e manicotti siliconici; scambiatore acqua/olio
su motore per raffreddamento olio motore.
Radiatore : sistemato sullo sbalzo posteriore a sinistra, parallelo alla
direzione di marcia; vaschette orizzontali in ottone, alette in rame e
tubetti Mccord a 4 ranghi, superficie 49 dm 2 con vaschetta di espansione
251
Capitolo 5 : Descrizione tecnica dell’autobus Iveco Cityclass incendiato
della capacità di 15 litri; circuito pressurizzato con tappo 0.5 bar e tappo
di sicurezza tarato a 0.7 bar.
Ventola di raffreddamento : a 9 pale, diametro 620 mm, azionata con
motore idraulico tipo Bosh da 19 cc/giro su cui è direttamente calettata,
con regolazione della velocità in funzione della temperatura del liquido di
raffreddamento. L'impianto idraulico è munito di una pompa da 16
cc/giro azionata dal motore e regolata da una elettrovalvola Bosh con
centralina elettronica Bosh; il sistema permette di regolare la velocità
della ventola di raffreddamento in funzione della temperatura del liquido
refrigerante da 83°C a 89°C.
5.4.3
Alimentazione Del Combustibile
Serbatoio in materiale plastico da 230 litri sistemato davanti al ponte a
destra; bocchettone di riempimento con tappo ad apertura rapida in
apposita nicchia su fiancata; pescherino carburante con maglia di ritegno
impurità per alimentazione; pescherino per alimentazione generatore
autonomo di calore; trasmettitore di livello; valvola di sfiato su serbatoio;
pompa di alimentazione a pistone, pompa di adescamento manuale a
pistone e filtro cartuccia; termoavviatore automatico; prefiltro gasolio
riscaldato con sedimentazione acqua e indicatore presenza acqua.
5.4.4
Alimentazione Aria Motore
Presa di aria esterna sul lato destro veicolo, sullo sbalzo posteriore in alto,
in zona pulita, con funzione di separazione acqua piovana; filtro a secco
Mann & Hummel con cartuccia diametro 240mm, lunghezza 480mm;
dispositivo di segnalazione filtro intasato; Turbocompressore su motore a
geometria variabile; scambiatore di calore aria/aria per la refrigerazione
dell'aria immessa nel motore.
252
Capitolo 5 : Descrizione tecnica dell’autobus Iveco Cityclass incendiato
5.4.5
Scarico Motore
Silenziatore sistemato nello sbalzo posteriore a sinistra sotto il
pavimento; scarico a padiglione nella parte posteriore veicolo a sinistra,
con dispositivo per evitare l'ingresso dell'acqua piovana.
5.4.6
Cambio
ZF 5HP 502C : composto da convertitore idrocinetico di coppia a da 4
treni epicicloidali che realizzano 5 velocità in marcia in avanti e
retromarcia e da un rallentatore idraulico separato; per il raffreddamento
dell'olio è installato uno scambiatore di calore acqua/olio; comando a
pulsantiera sul cruscotto; funzione di messa in folle automatica alle
fermate per risparmio carburante; in alternativa cambio VOITH D854.3.
5.4.7
Trasmissione
Ad albero cardanico unico con giunto scanalato e crociere su cuscinetti a
rullini forniti da Klein o GWB.
5.4.8
Assale
Iveco rigido ribassato
5.5
TELAIO
Struttura a longheroni e traverse in acciaio a sezione prevalentemente
chiusa , in acciaio autopassivante tipo Corten; mensole collegate alle
estremità con correnti longitudinali di collegamento ai montanti fiancate.
253
Capitolo 5 : Descrizione tecnica dell’autobus Iveco Cityclass incendiato
5.6
SOSPENSIONI
Di tipo WABCO ECAS con impianto pneumatico integrale con correttore
di assetto a controllo elettronico atto a mantenere il piano di calpestio del
veicolo a livello pressoché costante indipendentemente dalle condizioni
di carico; è possibile attraverso un selettore impostare l'abbassamento
automatico del veicolo fermo con porte aperte di circa 15mm; dispositivo
di sollevamento (70mm) ed abbassamento (70mm) veicolo rispetto
all'assetto in marcia; dispositivo di inclinazione trasversale (kneeling) alle
fermate, comandato dall'autista costituito da : n° 3 sensori di livello, due
posteriori, uno anteriore; n°1 gruppo valvolare per l'alimentazione delle
molle aria dell'assale e delle molle aria ponte; centralina elettronica di
controllo.
5.7
FRENI
Bidisco Brembo a comando pneumoidraulico sull'asse anteriore e freni a
tamburo Simplex sull'asse posteriore a comando pneumatico Wabco.
Impianti con serbatoio aria in lega leggera, per i posteriori tubazioni in
poliammide esclusi flessibili e per l’anteriore tubazioni in poliammide per
circuito pneumatico e in acciaio inox per olio freni ad eccezione dei
flessibili alle ruote. Per lo stazionamento/soccorso attuatori meccanici
con comando pneumatico con dispositivo sbloccaggio d’emergenza
telecomandato e possibilità di sblocco anche tramite comando a vite sull’
attuatore. Inoltre dispositivo rallentatore integrato nel cambio ed azionato
tramite il pedale del freno di servizio.
5.8
IMPIANTO ELETTRICO
5.8.1
Concetto di massa e compatibilità elettromagnetica
254
Capitolo 5 : Descrizione tecnica dell’autobus Iveco Cityclass incendiato
L’impianto elettrico è, tradizionalmente, un impianto unipolare. La
carrozzeria,
il
telaio,
l’involucro
metallico
dei
componenti
elettromeccanici fungono da conduttore equipotenziale di ritorno al
generatore, in quanto qualsiasi punto della loro struttura metallica o
qualsiasi loro morsetto negativo non isolato è al medesimo potenziale di
riferimento o massa. Ecco perché è stata scelta la massa come riferimento
a tutto l’impianto, dandole, convenzionalmente, valore di tensione zero
Volt. Per ovvie ragioni costruttive nella rete negativa dell’impianto
affluiscono vari punti di massa posti sul veicolo in funzione
dell’ubicazione dei componenti sul telaio, sul motore e sulla carrozzeria.
Idealmente, invece, tutti gli apparati dovrebbero essere collegati ad un
solo punto di massa al fine di assicurare ad essi, ed in particolar modo per
gli apparati elettronici, un riferimento di massa chiaramente definito. Per
le ragioni suddette si deve distinguere la massa di alimentazione o massa
impianto, caratterizzata da forti intensità di corrente continua (> I A per i
componenti elettromeccanici), dalla massa analogica, caratterizzata da
forme d’onda a determinate frequenze e di intensità di corrente
piccolissima (mA, μA) dei sistemi elettronici. La definizione della massa
di segnale o massa analogica dipende dalla sensibilità dei sistemi
elettronici alla EMC (compatibilità elettromagnetica), in quanto segnali
parassiti, emessi da sistemi di bordo o esterni al mezzo, inducono
malfunzionamenti e/o degradazioni dei sistemi stessi. Al fine di
minimizzare disturbi o interferenze, sia continue che transitorie, generate
da irradiazioni parassite, è di fondamentale importanza tenere sempre
presente che la buona efficienza del piano di riferimento o massa
impianto dipende, in ciascuno dei suoi punti di collegamento, dalle ottime
caratteristiche di conducibilità (resistenza di contatto tendente a zero). In
sintesi possiamo dire che la massa intesa come conduttore elettrico
equipotenziale, ovvero come riferimento di potenziale di tutta la
255
Capitolo 5 : Descrizione tecnica dell’autobus Iveco Cityclass incendiato
componentistica elettrica/elettronica di bordo, si suddivide in massa
impianto ed in massa analogica.
Figura 63 : Circuito equivalente della rete elettrica del veicolo. Ba batteria, R carichi, Rz
impedenza telaio, M massa.
5.8.2
Rete di potenza
Il fine dell’impianto elettrico (di tipo Multiplex denominato MULTIBUS
ACTIA funzionante con tensione nominale di 24V) è quello di generare,
regolare, accumulare e distribuire l’energia necessaria al funzionamento
egli utilizzatori del veicolo.
256
Capitolo 5 : Descrizione tecnica dell’autobus Iveco Cityclass incendiato
Figura 64 : Componenti Elettrici Nel Vano Anteriore Sinistro. A Batteria, B Presa di
corrente servizi, C Scatola magnetotermici di potenza, D Presa di corrente per
avviamento dall’esterno, E Teleruttore Generale di Corrente (TGC), F Deviatore di
corrente.
L’alimentazione dell’impianto elettrico è assicurata da due alternatori
(generatori) da 90 A, con erogazione di 28 V, con regolatore incorporato,
elettricamente collegati a regolatore di tensione posto nel pannello
posteriore, e da 2 batterie, collegate in serie, da 12 V 220 Ah, 900 A
ciascuna e la tensione nominale ai capi delle 2 batterie risulta quindi di 24
V. Le batterie sono disposte sotto il posto autista in un apposito vano sul
lato sinistro anteriore del veicolo e montate sovrapposte, ciascuna su
257
Capitolo 5 : Descrizione tecnica dell’autobus Iveco Cityclass incendiato
cestello girevole, con fermi di fine corsa sia in posizione di apertura sia di
chiusura.
Il cavo che collega il morsetto negativo delle batterie alla massa telaio è
interrotto da un deviatore sezionatore generale di corrente a comando
manuale, posizionato a fianco del vano batterie, in modo da isolare
l’impianto elettrico durante la fase di avviamento da terra, avente le
funzioni di stabilire il collegamento fra il negativo della batteria e del
generatore con il telaio e stabilire il collegamento del negativo, presa di
corrente per avviamento dall'esterno, con il telaio;
Figura 65 : Deviatore/sezionatore di corrente e schema semplificato della rete negativa
Il deviatore presenta quindi 3 morsetti : quello 1 è collegato tramite una
treccia alla massa telaio 9200C (cavo da 70 mm 2 ), il 2 è collegato tramite
una treccia al morsetto negativo delle batterie, infine il 3 è collegato
tramite una treccia al morsetto negativo della presa di corrente per
258
Capitolo 5 : Descrizione tecnica dell’autobus Iveco Cityclass incendiato
l’avviamento da terra e tramite un cavo di sezione 1 mm 2 ad un pin(85)
del teleruttore di arresto motore(2525).
Il teleruttore generale di corrente (TGC), posto nel vano batterie, in
serie tra il morsetto positivo delle batterie, il motorino di avviamento e i
servizi e azionabile dal posto guida mediante due interruttori a pulsante
(inserimento/disinserimento) per l'esclusione di tutti i carichi ad
esclusione di : circuito comando porta anteriore dall'esterno, luci di
posizione, luci di emergenza, alimentazione elettrica per teletrasmissioni,
luci interne di emergenza, circuito preriscaldo motore (optional),
rabbocco automatico olio motore;
Figura 66 : Teleruttore generale di controllo (TGC)
Il motorino di avviamento ha una potenza di 4.5 kW ed è collegato alla
massa tramite il gruppo motore su cui è fissato; i componenti elettrici nel
vano motore sono collegati alla massa tramite un punto di massa ubicato
nel lato destro del vano motore; il gruppo motore è collegato alla massa
tramite una treccia al telaio del veicolo; gli alternatori hanno un morsetto
collegato alla massa tramite una treccia fissata al gruppo motore; i diversi
pannelli elettrici presenti sul veicolo sono collegati a terra tramite
259
Capitolo 5 : Descrizione tecnica dell’autobus Iveco Cityclass incendiato
opportuni punti di massa. Per quanto attiene invece alla rete positiva : il
morsetto positivo delle batterie è collegato tramite un cavo da 70 mm 2 a
un morsetto del TGC, cui è collegato anche un cavo della presa di
corrente per l’avviamento dall’ esterno e un altro cavo si collega a un
morsetto di un termico di potenza; altri morsetti alimentano : un termico
di potenza, il termico della climatizzazione e un teleruttore scambio
circuito avviamento ricarica (morsetto 31) posto sul retro che presenta
una bobina collegata a massa(morsetto 85), un morsetto (31A) che
alimenta il motorino di avviamento (tramite un cavo avente una sezione
di 70 mm 2 ) e un connettore della centralina IOU che alimenta la bobina
(morsetto86). Gli alternatori, primario e secondario, sono alimentati
positivamente tramite cavi di sezione di 25 mm 2 collegati a morsetto (31)
del teleruttore scambio circuiti avviamento/ricarica.
Figura 67 : Teleruttore scambio circuiti avviamento/ricarica e vista morsetti
L'impianto elettrico è in corrugato per una agevole sostituzione/aggiunta
di cablaggi ed una migliore tenuta agli agenti atmosferici con copricorda
generalmente in bronzo fosforoso e cavi unipolari isolati in PVC
rispondenti alle norme CEI 20-22 II, con colore marrone per le masse, blu
per le altre funzioni, bianco per cavi liberi a disposizione; infine sono
presenti targhette di identificazione per gli apparecchi, ove possibile, per
un più agevole intervento manutentivo. Nelle figure successive si
260
Capitolo 5 : Descrizione tecnica dell’autobus Iveco Cityclass incendiato
riportano i componenti elettrici presenti nel vano motore e il cablaggio
dell’impianto elettrico sul motore e le relative didascalie.
Figura 68 : Componenti elettrici vano motore. A Elettrovalvola impianto idraulico
raffreddamento motore, B Pressostato intasamento filtro circuito raffreddamento
motore, C lampada illuminazione vano motore, D Pressostato intasamento filtro
aspirazione aria motore, E Resistenza pre-post riscaldo, F termostato disinserzione
resistenza riscaldamento combustibile, G Resistenza riscaldamento filtro gasolio, H
Finecorsa asservimento circ. portello motore, I Presa di corrente di servizio, J Pulsante
avviamento motore da vano motore, K Pulsante arresto motore da vano motore, L
Interruttore esclusione avviamento motore da posto guida e da vano motore, M
Avvisatore acustico veicolo in manovra di retromarcia, N Sensore rilevamento
presenza acqua nel filtro gasolio, O Alternatore per impianto di ricarica, P Teleruttore
inserzione termoavviatore o candeletta preriscaldo, Q Alternatore per impianto di
ricarica, R Sensore basso livello olio nella coppa motore, S Motorino d’avviamento, T
Termostato per circuito raffreddamento refrigerante motore
261
Capitolo 5 : Descrizione tecnica dell’autobus Iveco Cityclass incendiato
Figura 69 : Cablaggio impianto elettrico su motore. A Sensore numero giri motore
su albero distribuzione, B Sensore numero giri motore su volano, C Sensore pressione
di sovralimentazione, D Sensore temperatura combustibile, E Sensore intasamento
filtro combustibile, F Sensore intasamento filtro olio motore, G Sensore numero giri
turbocompressore, H Sensore pressione precamera turbina, I Elettrovalvola comando
turbina a geometria variabile, J Pressostato segnalazione bassa pressione olio motore,
K Trasmettitore per manometro olio motore, L Connettore per elettrovalvole iniezione
elettronica, M Sensore temperatura liquido di raffreddamento motore, N Termostato
segnalazione massima temperatura liquido raffreddamento motore, O Connettore per
elettrovalvola freno motore (non presente), P
Giunto volante a 12 vie per
collegamento al cablaggio vano motore, Q Centralina elettronica gestione motore, R
Connettore a centralina elettronica gestione motore, S Sensore basso livello olio
motore, T Sensore temperatura aria di sovralimentazione.
5.8.3
Multibus ACTIA
Il sistema MULTIBUS ACTIA è un sistema modulare composto da un
certo numero di ECU (Unità Elettronica di Controllo), in grado di gestire
l'impianto elettrico del veicolo. Le ECU sono controllate tra loro
262
Capitolo 5 : Descrizione tecnica dell’autobus Iveco Cityclass incendiato
attraverso una linea seriale secondo il protocollo CAN. Sul veicolo sono
previste tre tipi di ECU: n°1 CMU (CENTRAL MANAGEMENT
UNIT), n°9 IOU (INPUT/OUTPUT UNIT), n°1 SCU (SCREEN
CONTROL UNIT); inoltre sono stati adottati interruttori/spie particolari,
raggruppati in moduli elettronici da otto unità l'uno : n°4 SLU-A
(SWITCH LIGHT UNIT) interruttori, n°3 SLU-B spie.
L'unità di gestione centrale (Cmu): gestisce lo scambio di dati
nell'impianto seriale e centralizza i dati di tutte le ECU periferiche
inserite sulla linea CAN; in questo modo i dati gestiti dall'intero sistema
confluiscono nella CMU rendendone possibile la gestione e l’
elaborazione con un unico accesso, agevolando, ad esempio, le procedure
di diagnostica venendo meno la necessità di diagnosticare ogni singolo
attuatore spesso posizionato alla periferia dell'impianto. Inoltre possono
essere memorizzate delle funzioni specifiche per la personalizzazione del
veicolo alle richieste del cliente nella CMU che acquisisce tutti i dati
delle IOU ed elabora i nuovi output in funzione della specifica
personalizzata; il programma è immagazzinato in una Flash Eprom e può
essere modificato con uno strumento di diagnostica ; in definitiva la Cmu
riceve i segnali dagli interruttori e dai trasmettitori ed indirizza i carichi
alle utenze (cruscotto, luci, ecc) ogni 50ms.
Le unità di ingresso/uscita (I/OU) : sono unità utilizzate per monitorare
e pilotare la maggior parte dei sensori elettrici e delle utenze nel veicolo.
Possono essere collegate direttamente con la maggior parte dei sensori (di
temperatura,
di
pressione,
interruttori,
ecc.),
possono
pilotare
direttamente, senza necessità di interruttori di protezione, le lampade
(direzione, fari,luci, stop, posizione, fendinebbia, ecc.), i motori
(motorino tergicristallo, ventole riscaldamento/sbrinamento, motori porte
elettriche, ecc.) ed altri carichi (avviamento motore e relè stop motore,
elettrovalvole,ecc.). Inoltre le I/OU sono in grado di pilotare funzioni
263
Capitolo 5 : Descrizione tecnica dell’autobus Iveco Cityclass incendiato
locali, senza l'intervento della CMU e di pre-elaborare i dati da
trasmettere alla CMU in modo da non sovrasaturare l'unità centrale.
SCU (Screen control unit) : è un unità dotata di display retroilluminato
240X360 pixels posizionata sul cruscotto davanti all'autista e la sua
funzione principale è quella di visualizzare informazioni elaborate
dall’impianto elettrico/elettronico, attraverso apposite pagine richiamabili
a mezzo di tasti di avanzamento/retrocessione(+/-), tutte le informazioni
per la guida normalmente assolte da strumenti tradizionali, quali
manometri, termometri, spie, ecc., o da altre segnalazioni di servizio. Il
display inoltre è utilizzato per visualizzare le avarie e i dati per
diagnostica e manutenzione; accanto al display sono posizionate alcune
spie obbligatorie di legge. A disposizione degli operatori sono presenti
due tasti per lo scorrimento delle pagine del display, un tasto di
commutazione immagini in negativo/positivo, due tasti per il contrasto.
SLU -A e -B (Switch light unit) sono unità elettroniche modulari : le
SLU A (pulsanti o spie) sono corredate di circuito elettronico in modo di
essere collegate al sistema direttamente con il cavo seriale evitando di
dover collegare ciascun interruttore con cavi tradizionali al sistema;
possono essere dotate di interruttori instabili che consentono una
individuazione notturna con bassi livelli di illuminazione in abbinamento
alle luci di posizione, la segnalazione dell' inserimento di una data
funzione con alti livelli di illuminazione; le SLU B sono la base
elettronica delle unità A aventi la funzione di convertire i segnali on/off
provenienti sia dai comandi effettuati con strumenti tradizionali (e quindi
non attraverso le SLU A), sia dai vari sistemi del veicolo, in modo che
possono essere canalizzati nel sistema multiplex e quindi gestiti con
evidenti semplificazioni circuitali e di cablaggio. Il sistema Multibus
Actia gestisce gli impianti di carrozzeria (illuminazione interna ed
esterna), porte elettriche e pneumatiche, rampa e postazione disabile,
264
Capitolo 5 : Descrizione tecnica dell’autobus Iveco Cityclass incendiato
strumentazione posto guida, monitoraggio delle funzionalità dei sistemi
controllati, acquisizione e gestione dati di esercizio.
5.8.4
Avviamento Motore
E’ costituito da un pulsante di avviamento, un motorino di avviamento,
un termoavviatore ad inserimento automatico, un teleruttore sul motorino
di avviamento e uno di scambio nel vano motore per utilizzare lo stesso
cavo di potenza per avviamento e carica.
5.8.5
Protezione Circuiti
I circuiti sono protetti da interruttori magnetotermici automatici a riarmo
manuale raggruppati in apposito box a tenuta nel vano batterie per la
distribuzione di energia a tutto l’impianto e nel pannello a padiglione e in
due pannelli alloggiati nei canali aria per la protezione selettiva dei
circuiti. Ogni interruttore è identificato da targhetta indicante la funzione
ed il valore nominale di intervento.
5.8.6
Devioguida
In esso vengono raggruppate alcune funzioni come il comando luci
anabbaglianti, di profondità e lampeggio con la leva superiore sinistra, le
luci di direzione e avvisatore acustico con la leva superiore sinistra e il
comando tergicristallo e lava parabrezza con la leva destra.
5.8.7
Sbrinamento
Nella parte anteriore del telaio è posto un apparecchio per lo sbrinamento
del parabrezza e per il riscaldamento del posto guida. L’aria viene
265
Capitolo 5 : Descrizione tecnica dell’autobus Iveco Cityclass incendiato
prelevata dell’esterno attraverso apposita canalizzazione del tegolo
sinistro del veicolo, in zona non direttamente contaminata dai gas di
scarico dei veicoli antistanti ed inviata all’apparecchio sbrinatore a mezzo
di due ventilatori in serie. L’apparecchio sbrinatore, predisposto per
l’applicazione di un evaporatore per il condizionamento dell’aria, è
dotato di scambiatore acqua/aria avente una capacità di portata di aria di
540mc/ in I, di 650 mc/h in II, di 850 mc/in III e una potenzialità di
12000kcal/h, con temperatura acqua in ingresso di 80° e portata di acqua
di 800 l/minuto.
5.8.8
Cruscotto
Il posto guida è dotato di quattro zone su cui sono posizionati gli
apparecchi.
5.8.8.a
Cruscotto laterale
Nel cruscotto laterale sono presenti componenti di tipo tradizionale per le
seguenti funzioni: manettino comando freno stazionamento, valvola di
sicurezza consenso sbloccaggio freno stazionario e relativa spia, pulsante
rosso apertura T.G.C., pulsante verde chiusura T.G.C., interruttore
centrale di emergenza, pulsantiera cambio con illuminazione tasti a
marcia effettivamente inserita, interruttore chiave servizi a due posizioni,
pulsante avviamento motore con spia gialla per termo avviatore inserito,
pulsante arresto motore, commutatore a 4 posizioni per sbrinamento
parabrezza, commutatore a 3 posizioni per riscaldamento supplementare
posto guida. Sono inoltre presenti due moduli SLU –A con le seguenti
funzioni: 1) modulo SLU –A 1 con : interruttori instabili per il comando
del condizionamento posto guida e passeggeri, per il riciclo aria interna e
resistenza porta anteriore e spie per la segnalazione di fuori livello ECAS
(sospensione
pneumatica
controllata
266
elettronicamente)
e
spia
Capitolo 5 : Descrizione tecnica dell’autobus Iveco Cityclass incendiato
riscaldamento autista; 2) modulo SLU –A4 con interruttori instabili per il
comando di luci interne, deviatore porta anteriore, retronebbia, test spie,
sbrinamento specchi e spie per le segnalazioni di basso livello
combustibile e sbrinamento parabrezza.
5.8.8.b
Cruscotto anteriore
Nel cruscotto anteriore sono presenti il tachigrafo e spie incorporate nella
SCU ai lati del display per : luce di direzione, luci esterne, luci
abbaglianti, veicolo fermo, freno di stazionamento, fermata normodotato,
fermata disabile, ripetitrice avarie, avaria freni, ASR in funzione, avaria
ABS. Sono inoltre presenti delle unità SLU –A5 per l’attivazione
kneeling,
abilitazione
postazione
disabile,
luce
autista,
luci
anabbaglianti/abbaglianti, comando luci esterne, comando fuoriuscita
rampa, comando rientro rampa, interruttore veicolo fermo.
5.8.8.c Cruscotto satellite
Sul cruscotto satellite sono presenti i seguenti componenti: pulsante
apertura porta anteriore, pulsante apertura porta centrale, spia porta aperta
anteriore, spia porta aperta centrale. Sono inoltre presenti un monitor
anteriore, uno centrale e uno posteriore opzionale, un terminale RCC.
5.8.8.d Cruscotto sopra il finestrino autista
In tre plance a dente di sega sono disposti i comandi cartelli indicatori di
linea e percorso, il comando orientamento specchi retrovisori, comandi
per le botole posteriori ed anteriori, interruttori monostabili per il livello
nominale veicolo e sollevamento/abbassamento veicolo, interruttore
bistabile per la preselezione asse anteriore/posteriore e interruttori
piombati per lo sblocco cilindri freno stazionamento, lo sblocco marce,
sblocco movimento veicolo, sblocco reversibilità porte.
267
Capitolo 5 : Descrizione tecnica dell’autobus Iveco Cityclass incendiato
5.8.9
Funzionalità del display
Sul cruscotto anteriore è montata l’unità SCU dotata di display con
messaggi riportati su apposite pagine e richiamabili tramite appositi tasti,
che prevede tre diversi livelli utilizzati a seconda delle attività specifiche
dall’autista, dal manutentore o da persona abilitata.
5.9
RILEVAMENTO GUASTI
L’impianto permette di rilevare la presenza di guasti ad un attuatore o a
un sensore connesso: grazie a delle I/OU per le anomalie che si
presentano sulle uscite che rilevano un difetto di corto circuito o circuito
aperto e inviano l’informazione all’unità centrale (CMU) che provvede
alla visualizzazione. L’unita di ingresso/uscita per le anomalie relative ai
sensori inviano i valori misurati in continuazione che la CMU poi elabora
confrontandoli con determinate soglie memorizzate al proprio interno.
All’ autista poi vengono evidenziate le anomalie o attraverso messaggi
sul display o tramite segnalazione sulla spia che segnala l’attivazione
della funzione che non si accende in presenza di un anomalia del
componente azionato.
5.10
COMANDO CENTRALE DI EMERGENZA
Il veicolo è dotato di un impianto centrale di emergenza (secondo la
normativa CUNA NC 571-20) azionabile tramite pulsante di colore rosso
posto sul cruscotto laterale che comporta l’arresto del motore,
l’interruzione dell’alimentazione elettrica ad esclusione del circuito di
alimentazione per le teletrasmissioni, segnali di pericolo, luci interne di
emergenza, accensione dei segnali di pericolo, accensione luci di
emergenza esterne.
268
Capitolo 5 : Descrizione tecnica dell’autobus Iveco Cityclass incendiato
5.11
IMPIANTO PNEUMATICO
Presa d’aria per compressore posta a valle filtro aria; compressore
bicilindrico marca Knorr da 639 cc; calettato su motore e trascinato da
ingranaggi con rapporto di trasmissione 1,13 :1; separatore di condensa
tipo Haldex con valvola pilotata a mezzo timer di scarico condensa;
essiccatore d’aria monocamera Haldex dotato di resistenza elettrica
anticongelamento ad intervento automatico; cartucce di tipo avvitato;
regolatore di pressione integrato all’essiccatore tarato a 11 +/- 0,2 bar
(pressione di apertura) e 10,3 +0,3 bar (pressione di chiusura); dispositivi
per scarico condensa manuale dai serbatoi raggruppati in posizione
facilmente accessibile. Valvole di protezione a quattro vie tipo Wabcoo.
5.12
TUBAZIONI
In poliammide per la frenatura e servizi e per le sospensioni, acciaio per
l’impianto idroguida, inox per l’impianto idraulico freni anteriori, acciao
e poliammide per combustibile.
5.13
GUIDA E STERZO
Guida a sinistra con volante regolabile sia in altezza , sia in inclinazione
con albero di comando da rinvio a guida e tirante longitudinale su fuso a
snodo sinistro e barra d’accoppiamento, collegamenti con snodi sferici;
scatola guida con idroguida
a circolazione di sfere, servoassistita
idraulicamente.
5.14
RUOTE E PNEUMATICI
269
Capitolo 5 : Descrizione tecnica dell’autobus Iveco Cityclass incendiato
Ruote del tipo a disco con dimensioni 7,5” x 22,5”
Tabella 52 : Caratteristiche Pneumatici
Caratteristica
Valore
Asse anteriori : singoli
275/70 R22,5
Asse posteriore : gemellati
275/70 R22,5
Raggio sotto carico
448 mm (Michelin)
Circonferenza rotolamento
2952 mm (Michelin)
Peso pneumatico
52,3 kg
Peso cerchio
41,6 kg
Pressione anteriori e posteriori
5.15
8 bar
RIFORNIMENTI
Tabella 53 : Rifornimenti
Denominazione
Rifornimenti
e Litri
Lubrificanti
Lubrificanti (consigliati da Iveco
prodotti FL)
Serbatoio combustibile
300
Gasolio a norma EN 590
Olio coppa motore + filtri
25,5
Urania LD7
Coppa motore
21,5
Rabbocco olio motore
≈ 25
Specifica API CF SAE15W40
Olio scatola cambio Voith 854.3
26
ZF 5HP 502C
17
Tutela ATF 90
A.T.F.DEXRON III –ZF TE-MIL. 09A e
14C
Liquido raffreddamento
60
Acqua + Paraflu
6,5
Tutela GI/A
CUNA NC 956-16 IVECO STANDARD
18- 1830 FIAT 9.55523
Olio idroguida
A.T.F.DEXRON II D
270
Capitolo 5 : Descrizione tecnica dell’autobus Iveco Cityclass incendiato
Olio comando ventilatore
10
Tutela GI/A
Olio per differenziale
25
Tutela W140/M-DA(climi caldi)
Specifica MIL-L-2105 D-API GL 5
Tutela W90/M-DA(climi freddi)
SAE80W90 SAE80W140
Mozzo anteriore (ciascuno)
0,35
Fluido freni idraulici e frizione
Tutela TRUCK DOT SPECIAL
NORME N.H.T.S.A. n. 116-DOT4 ISO
4925-Std. SAE J 1703 CUNA NC 956-01
IVECO STANDARD 18-1820
Serbatoio liquido tergicristallo
7
DPI
CUNA NC 956-11
Grasso per ingrassaggio generale
Tutela MR 2
A base di saponi di litio, consistenza
N.L.G.I n. 2
Grasso specifico per cuscinetti
Tutela MR 3
A base di saponi di litio, consistenza
N.L.G.I n. 3
Grasso
impianto
lubrificazione
Tutela COMAR 2
centralizzata a base di saponi di litio con
base sintetica N.L.G.I n.2
Lubrificante guarnizioni porte N.L.G.I n.2
Tutela SILICON DE
Lubrificante guide rampe salita
6 in 1
Antiossidante a bassa tensione superficiale
con
proprietà
idrofughe,
sbloccanti,
lubrificanti e protettive
5.16
CASSA LASTRATA
La struttura del veicolo è costituita principalmente da ossatura di tubi in
acciaio a sezione rettangolare, collegati tra loro mediante saldatura ad
arco e da opportuni rinforzi. La composizione della scocca avviene
mediante unione per saldatura dei grandi gruppi costituenti ossia telaio,
271
Capitolo 5 : Descrizione tecnica dell’autobus Iveco Cityclass incendiato
fiancate, padiglione e testate che vengono preventivamente assemblati.
La struttura del telaio e della scocca è in acciaio auto passivante per una
maggior resistenza alla corrosione.
5.16.1
Rivestimenti esterni
Il rivestimento esterno padiglione è costituito da unico pannello in lega
leggera preverniciato e incollato sulla struttura. Le strutture reticolari
sopra i finestrini sono rivestite da pannelli in lega leggera preverniciata
incollati. Il rivestimento superiore sulla testata anteriore, in resina
poliestere, è realizzato in un unico stampo, conglobante il vano per il
cartello indicatore di linea e la sede per il montaggio del parabrezza. Il
rivestimento sotto il filo parabrezza superiormente è costituito da un
pannello in resina poliestere smontabile con viti e da uno sportello mobile
in vetroresina per l’accesso ai tergitori ed alle apparecchiature sottostanti.
Il rivestimento fiancate è costituito superiormente da pannelli compositi
in lega leggera incollati alla struttura e da pannelli in lega leggera
smontabili nella parte inferiore. Il rivestimento della testata posteriore è
realizzato in resina poliestere; il portellone motore è in lega leggera. Il
rivestimento esterno è classificato come autoestinguente (in 60 s con
v comb. = 0 mm/minuto) per la zona posteriore mentre le restanti resine sono
a bassa propagazione di fiamma.
5.16.2
Protezione anticorrosione – verniciatura
La struttura del telaio è costituita da acciaio auto passivante. Il ciclo di
trattamento prevede un fosfosgrassaggio automatico in bonder, pulizia e
protezione zone interessate da successiva saldatura e da montaggio
gruppi,
verniciatura
antiruggine,
essicazione
ad
80°,
sigillatura
perimetrale giunzioni. Il ciclo di verniciatura prevede : carteggiatura parti
272
Capitolo 5 : Descrizione tecnica dell’autobus Iveco Cityclass incendiato
in lega e vetroresina, de ossidazione e fosfosgrassaggio, lavaggio con
acqua calda industriale ed acqua deionizzata, asciugatura in forno ad 80°,
protezione zone da non verniciare, pulizia superfici esterne, spruzzatura
antiruggine, applicazione antirombo, cottura vernici a 60°, spruzzatura di
due mani di fondo,cottura in forno a 60°, revisione mano di fondo, pulizia
totale veicolo, applicazione a due mani di smalto, cottura in forno a 60°,
sigillatura di finizione con sigillanti/adesivi poliuretanici, applicazione
pellicole adesive zone previste in nero. Particolare cura è posta
nell’evitare o nel ridurre al minimo le tensioni galvaniche interponendo
nastri e paste d’isolamento tra materiali metallici diversi. Tutte le
giunzioni delle lamiere sono sigillate durante la fase di assemblaggio
della scocca con prodotti poliuretanici e polisolfurici verniciabili che
mantengono nel tempo le caratteristiche di elasticità in misura tale da
assorbire le sollecitazioni ed evitare crettature dello smalto.
5.16.3
Isolamento termoacustico
L’ottimizzazione termoacustica dei gruppi meccanici e delle parti di
carrozzeria è realizzata
attraverso: l’interposizione di materiale,
classificato di classe 1 di reazione al fuoco secondo il D.M. 26/6/84,
avente un coefficiente di trasmissione di calore inferiore a 2
Kcal
hm 2 C °
nell’intercapedine tra rivestimento esterno e le pannellature di
rivestimento interno padiglione, l’ adozione di rivestimento interno
(v comb. = 0 mm/min secondo UNI ISO 3795) testata posteriore in
composito ottenuto dall’assemblaggio di materiali per isolamento
termoacustico incorporato nel manufatto in resina poliestere, pavimento
in multistrato di betulla insonorizzato nella parte posteriore, cuffie
passaruota posteriori e podest posteriore sx isolati con rivestimento
273
Capitolo 5 : Descrizione tecnica dell’autobus Iveco Cityclass incendiato
acustico, sportello motore isolato con pannello acustico, vano motore
isolato con pannelli di materiale fonoassorbente e termoisolante (di
Classe 1 secondo D.M. 26/06/84 e v comb. = 0 mm/min secondo UNI ISO
3795), per minimizzare gli effetti acustici sia all’interno che all’esterno
dell’abitacolo, adozione di pannelli fono assorbenti e fono isolanti al di
sotto del vano motore al fine di realizzare l’incapsulamento completo
dello stesso.
5.16.4
Paraurti
Anteriore e posteriore aggettanti rispetto ad altri ingombri, realizzati in
resina poliestere rinforzata con fibre di vetro, avente spessore di 4 mm,
fissati rigidamente al telaio. I paraurti anteriore e posteriore sono
realizzati in tre parti, uno centrale con incorporato lo sportello per
l’accesso al gancio di traino e due laterali, protetti da fascia di gomma e
facilmente smontabili per una facile sostituzione.
5.16.5
Ganci di manovra
Anteriormente ad occhiello, in posizione centrale, dotato di dispositivo
antirotazione e consente brandeggio di barra di traino fino a +/- 60°;
posteriormente è predisposta la sede per il montaggio del gancio ad
occhiello, accessibile attraverso sede sul paraurti centrale lato sinistro.
5.16.6
Sportelli
Tutti gli sportelli per l’accessibilità agli organi meccanici sono realizzati
in lega leggera o in resina poliestere rinforzata con fibra di vetro.
274
Capitolo 5 : Descrizione tecnica dell’autobus Iveco Cityclass incendiato
5.16.6.a
Lato destro veicolo
Pannello asportabile in lega leggera, fissato con viti, per accessibilità
serbatoio combustibile e per manutenzione pescherino e trasmettitore
livello carburante. Sportello in lega leggera per il rifornimento olio
motore al dispositivo di rabbocco automatico. Sportello su parte
posteriore superiore, in lega leggera, per il controllo e ripristino livello
liquido raffreddamento motore. Sportello su parte posteriore inferiore, in
lega leggera, per l’accessibilità al motore.
5.16.6.b
Lato sinistro
Sportello in lega leggera sotto finestrino autista per accesso al
rifornimento olio convertitori freni anteriori; sportello in resina poliestere
nello sbalzo anteriore per l’accesso al vano batterie, al T.G.C, al deviatore
ed alla scatola distribuzione aria al parabrezza; sportello in lega leggera
per accesso al riscaldatore ausiliario ad ai rubinetti scarico condensa
serbatoi aria. Pannello in lega leggera asportabile con viti per l’accesso al
silenziatore di scarico, all’essiccatore, al separatore di condensa. Griglia
presa aria radiatore incernierata.
5.16.6.c
Testata anteriore
Pannello superiore smontabile per accesso ai perni bracci tergitori;
sportello inferiore incernierato per accesso ai comandi freno ed
acceleratore, al dispositivo di lubrificazione centralizzata, al rabbocco
liquido lavacristallo, al gruppo tergitori.
5.16.6.d
Testata posteriore
Sportello motore in lega leggera, coibentato acusticamente, per l’accesso
al motore ed al cambio; sportello in resina poliestere su testata posteriore
superiore per accesso al vano condensatore per AC autista, alla presa aria
motore, al terminale di scarico.
275
Capitolo 5 : Descrizione tecnica dell’autobus Iveco Cityclass incendiato
5.16.7
Pedane di salita
Possono considerarsi parte del pavimento veicolo mentre i ripari della
soglia sono in trafilato d’acciaio a righe longitudinali.
5.17
PAVIMENTO
Il pavimento è costituito da pannelli in compensato multistrato da 12 mm,
ignifugato e trattato con prodotti idrorepellenti ed anti muffa, anche sui
bordi di taglio; apposite strutture metalliche di rinforzo contribuiscono
alla resistenza del pavimento, idoneo ad una portata di 700 kg/m 2 .
5.17.1
Cuffie passaruote
Le cuffie anteriori che conglobano le pedane poggiapiedi per i sedili
sistemati sulle stesse, sono realizzate in vetroresina a doppio guscio con
interposti pannelli in schiuma poliuretanica per maggiore rigidezza e
resistenza; le cuffie posteriori sempre in vetroresina ma più isolate
acusticamente; ripari fango supplementari in acciaio inox.
5.17.2
Botole di ispezione
Botola di rivestimento interno testata posteriore per l’accesso alla
sospensione anteriore motore ed alla turbina; foro, chiuso da tappo, per
accesso al fissaggio supporto posteriore motore; botola su alzata pedana
autista per accesso fissaggi idroguida; botola sul podio davanti asse
posteriore lato destro per accesso pescante carburante; botola sopra asse
posteriore per sblocco rotocamere; botola dietro paretina autista per
accesso impianti elettrici e ventola sbrinamento parabrezza.
276
Capitolo 5 : Descrizione tecnica dell’autobus Iveco Cityclass incendiato
5.18
RIVESTIMENTI INTERNI
Il rivestimento interno del padiglione (classificati a bassa propagazione di
fiamma) è realizzato con pannelli in materiale plastico di spessore 2 mm
traforato; il rivestimento sottocintura delle fiancate è realizzato in resina
poliestere incollata alla struttura; i montanti tra i finestrini e a lato delle
porte sono rivestiti da elementi di finizione in ABS preformato
(rispondente alla direttiva CE 95/28); il rivestimento del pavimento è
realizzato in materiale antisdrucciolo e si estende sino ad una altezza di
circa 200 mm dal filo del pavimento.
5.19
PORTE DI SERVIZIO
Le porte, del tipo a rototraslazione interna sono poste sulla fiancata
destra, una sullo sbalzo anteriore e una tra gli assi; le antine sono
realizzate in lega leggera di colore nero, con fascia inferiore di finizione
in tinta veicolo; il comando è elettropneumatico e avviene dal posto guida
tramite due pulsanti per la porta anteriore e centrale, per l’anteriore è
previsto un comando dall’esterno abilitabile dal posto guida; un comando
di emergenza è installato nei pressi dei comandi di ciascuna porta le cui
modalità d’uso è indicata da apposite targhette; le porte inoltre sono
dotate di un dispositivo per la riapertura automatica in presenza di
ostacolo.
5.20
VETRATURA
Tutte le superfici vetrate esterne, ad esclusione del parabrezza sono
realizzate in cristallo temperato di sicurezza colore bronzo.
277
Capitolo 5 : Descrizione tecnica dell’autobus Iveco Cityclass incendiato
5.20.1
Luci anteriori
Il parabrezza è costituito da cristallo stratificato, di forma avvolgente per
una migliore visibilità laterale, montato sull’ossatura della testata
mediante guarnizione in gomma o in alternativa incollato con adesivi
strutturali poliuretanici; al di sopra del parabrezza è montato mediante
incollaggio un cristallo di grandi dimensioni per la visibilità del cartello
indicatore di linea e destinazione.
5.20.2
Luci laterali
I finestrini laterali sono realizzati con parte superiore scorrevole e parte
inferiore fissa, intelaiati mediante profili in lega leggera anodizzata,
montati sulla struttura a mezzo di controtelaio interno avvitato; in caso di
impianto condizionato i cristalli sono fissi e incollati alla struttura; il
finestrino del posto guida è composto da una parte fissa inferiore con
cristallo sagomato ed esteso verso il basso anteriormente ed incollato alla
struttura, una parte superiore fissa con vetro fumè, una parte centrale con
vetro posteriore fisso, vetro centrale scorrevole, deflettore nella parte
anteriore con comando in basso; sul tegolo laterale destro è ricavato un
vano per il cartello indicatore di linea con cristallo incollato.
5.20.3
Luci posteriori
Lunotto montato su guarnizione in gomma o in alternativa incollato alla
struttura; superiormente è ricavato il vano cartello indicatore di linea
visibile attraverso un cristallo incollato.
5.21
POSTO GUIDA
278
Capitolo 5 : Descrizione tecnica dell’autobus Iveco Cityclass incendiato
L’allestimento conferisce al conducente un posto di lavoro di alto
comfort e con notevoli caratteristiche di sicurezza, con particolare cura
ergonometrica nella disposizione delle apparecchiature, dei comandi e
della visibilità; il posto guida è separato dal vano passeggeri
posteriormente da una paretina a tutta altezza, trasparente nella parte
centrale e lateralmente da una transennatura con incorporato lo sportello
di accesso al posto guida; attraverso l’elettrosbrinatore del parabrezza si
ottiene anche il riscaldamento e la ventilazione del posto guida;
superiormente è montato un mobiletto che funge da porta plichi, da vano
per cassetta pronto soccorso, da vano per rack dispositivi telerilevamento,
alloggiamenti per comandi ausiliari; sulla parte alta del parabrezza è
installata una tendina a rullo a comando manuale; sul finestrino autista è
montata una tendina a rullo a scorrimento verticale; il sedile autista
Isringhausen, tipo invernale è dotato di sospensione pneumatica ed è
regolabile orizzontalmente e verticalmente così come il cuscino e lo
schienale sono regolabili.
5.21.1
Specchi retrovisori esterni
Sui montanti della testata sono fissati due specchi retrovisori esterni
dotati di resistenza elettrica e telecomando.
5.22
SEDILI PASSEGGERI
Monoposto del tipo monoscocca avvolgente in resina plastica, aventi
certificata una classe 1 di reazione al fuoco; intelaiatura in tubi di acciaio
con protettivo, resistenti alla abrasione ed agli agenti chimici, fissata con
viti su supporto montato di sbalzo alla fiancata o fissata direttamente sulle
cuffie passaruote; i sedili singoli sono dotati di piantone fissato in alto al
279
Capitolo 5 : Descrizione tecnica dell’autobus Iveco Cityclass incendiato
padiglione ed in basso al supporto sedile per consentire una più agevole
operazione di pulizia mantenendo il pavimento libero da ostacoli.
5.23
MANCORRENTI E PARETINE
Mancorrenti orizzontali e verticali in tubi di acciaio con protettivo
resistente all’abrasione ed agli agenti chimici; incastellatura e
canalizzazione per cavi completi di guida cavo sui due passaruota lato
sinistro ed in corrispondenza della porta centrale per le obliteratrici; a
protezione dei posti a sedere in prossimità delle porte sono montate delle
paretine con parte inferiore antivandalo e superiore in cristallo.
5.24
INDICATORI DI LINEA
La testata anteriore e posteriore e la fiancata destra sono dotatati di vani
per l’installazione di cartelli indicatori di linea; tutti i vani sono visibili
attraverso cristalli incollati con adesivi poliuretanici e internamente sono
protetti da sportelli mobili.
5.25
ILLUMINAZIONE INTERNA
Realizzata con plafoniere continue a padiglione realizzate con trafilati in
lega leggera e trasparente in resina acrilica montato a scatto, dotate
ciascuna di cinque lampade da 36 W e relativi convertitori; l’impianto è
realizzato con due circuiti comandati da un unico interruttore su
cruscotto; il primo livello di illuminazione attiva la prima, la terza e la
quinta lampada a sinistra e la quarta lampada a destra, il comando di
emergenza attiva l’illuminazione della prima terza e quinta lampada del
lato destro, il secondo livello illumina tutte le lampade; il cablaggio di
interconnessione tra le lampade e convertitori è steso all’interno del
280
Capitolo 5 : Descrizione tecnica dell’autobus Iveco Cityclass incendiato
profilato delle plafoniere e le connessioni all’impianto veicolo avvengono
a mezzo di due connettori situati all’estremità anteriore dei canali luce;
l’illuminazione vani porte è realizzata con due plafoniere per vano porta,
dotate ciascuna si una lampada alogena da 12 V – 20 W; in
corrispondenza della porta centrale è fissato l’indicatore luminoso di
fermata prenotata e uscita.
5.26
ILLUMINAZIONE ESTERNA
Gli apparecchi di illuminazione e segnalazione esterna sono conformi alle
vigenti norme CEE e del Codice della Strada e comprendono :
5.26.1
su testata anteriore
due proiettori rettangolari con lampade alogene con le funzioni di
proiettore anabbagliante con fascio simmetrico, abbaglianti, luci di
posizione, indicatori anteriori di direzione, due luci di ingombro bianche
posizionate sugli angoli superiori della testata, due fanali fendinebbia
inseriti nel paraurti;
5.26.2
su testata posteriore
due indicatori posteriori di direzione a luce arancione, due fanali
posteriori di posizione e due di arresto a luce rossa, un fanale
retronebbia,un fanale retromarcia, due fanali di illuminazione targa, due
luci di ingombro a luce rossa posizionate sugli angoli superiori della
testata;
5.26.3
sulle fiancate
281
Capitolo 5 : Descrizione tecnica dell’autobus Iveco Cityclass incendiato
due indicatori di direzione laterali a luce arancione (cinque per fiancata);
side marker a luce arancione.
5.27
VARIE
Due tergicristalli elettrici fulcrati nella parte anteriore del parabrezza;
dispositivo lavaparabrezza con ugelli sui bracci dei tergitori; nicchia per
l’accesso al bocchettone combustibile munito di raccoglitore dotato di
scarico a terra; segnalatore acustico di anomalie funzionali in aggiunta a
quello ottico; due calzatoie contenute in un vano ricavato sulla cuffia
anteriore sinistra dotato di sportello; suoneria a colpo unico con pulsanti
di chiamata sui montanti fiancate e sistemata nei cassonetti della porta
centrale; ripetitore ottico anomalie funzionali su cruscotto; targhette
monitrici regolamentari all’interno ed all’esterno veicolo; predisposizione
per radiotelefono con piastra porta antenna e canalizzazione per cavo
antenna; triangolo di segnalazione veicolo fermo; scritte e sigle Iveco;
manuale uso e manutenzione; estintore a polvere secca da 6 kg; ulteriore
estintore; impianto estinzione incendi tipo Pirò; martelletti rompi vetro
per uscite di emergenza con cavo d’acciaio e molla di richiamo; aerotermi
zona
passeggeri;
predisposizioni
due
obliteratrici;
impianto
di
telerilevamento.
5.28
CLIMATIZZAZIONE VEICOLO
Il sistema consente la gestione indipendente della climatizzazione del
vano autista e del vano passeggeri con due impianti separati ognuno dei
quali è composto da compressore, condensatore ed evaporatore propri.
Climatizzazione posto guida a controllo manuale per la climatizzazione
del solo vano autista che prevede l’attivazione con opportuni pulsanti
282
Capitolo 5 : Descrizione tecnica dell’autobus Iveco Cityclass incendiato
posti in plancia attraverso dei selettori a quattro posizioni la funzione di
condizionamento con possibilità di regolazione della velocità di
ventilazione, di riscaldamento con regolazione della quantità di aria, di
reheating (aria calda deumidificata) per migliorare il confort e per un più
efficace sbrinamento, infine l’orientamento del flusso dell’aria e del
ricircolo
dell’aria;
climatizzazione
vano
passeggeri
a
controllo
automatico che consente l’impostazione della temperatura che si desidera
mantenere nell’abitacolo in un range tra i 15 C° e 35 C° grazie a un
potenziometro posto sul pannello elettrico nel canale aria, la ventilazione,
il reheating per la deumidificazione dell’aria e lo sbrinamento dei vetri, il
ricircolo dell’aria.
Nella tabella seguente si riporta un riepilogo del tipo di materiali
costituenti gli elementi fondamentali dell’autobus :
Tabella 54 : Riepilogo materiali costituenti
ELEMENTO
MATERIALE
Albero motore
Microlegato
Alette radiatore
Rame
Anelli stantuffi
Cromati
Antine porte di servizio
Lega leggera
Asse a camme
Acciaio cementato profondo
Basamento motore
Ghisa stabilizzata
Biella
Acciaio stampato microlegato
Bilancieri comando valvole
Ghisa sferoidale
Canne cilindri
Ghisa centrifugata e stabilizzata
Cartuccia easy – change lubrificazione
Fibra
Cinghia alternatore
Poly-v
Cinghia pompa acqua
Poly-v
Collettore di scarico
Ghisa SIMO
Coppa olio
Lamiera sospesa elasticamente su cuscino di
gomma
Copricorda
Bronzo fosforoso
Cuffie anteriori e posteriori passaruote
Vetroresina a doppio guscio con interposti pannelli
283
Capitolo 5 : Descrizione tecnica dell’autobus Iveco Cityclass incendiato
in schiuma poliuretanica
Girante pompa acqua raffreddamento
Plastica
Guarnizione lunotto
Gomma
Guarnizione parabrezza
Gomma
o
incollato
con
adesivi
strutturali
poliuretanici
Impianto elettrico
Corrugato
Incapsulamento al di sotto del vano Pannelli fonoassorbenti e fonoisolanti
motore
Ingranaggi distribuzione
Acciaio, cementati, rettificati e rasolappati
Intelaiatura sedili passeggeri
Tubi di acciaio con protettivo
Isolamento cavi unipolari
PVC
Isolamento vano motore
Pannelli
di
materiale
fonoassorbente
e
termoisolante
Mancorrenti
Tubi di acciaio con protettivo
Manicotti raffreddamento
Siliconici
Montanti tra i finestrini e a lato delle porte Rivestiti da elementi di finizione in ABS
preformato
Parabrezza
Cristallo in vetro stratificato
Paraurti
Resina poliestere rinforzata con fibre di vetro
Pavimento
Multistrato di betulla insonorizzato
Pavimento
Pannelli in compensato multistrato, ignifugato,
idrorepellente, antimuffa con strutture metalliche
di rinforzo, rivestito in materiale antisdrucciolo
Pistone
Lega di alluminio ipereutettica
Plafoniere illuminazione interna
Lega leggera e trasparente in resina acrilica
Portellone motore
Lega leggera
Protezione sportello gancio traino
Gomma
Ripari della soglia pedane di salita
Trafilato d’acciaio
Ripari fango
Acciaio inox
Rivestimento del pavimento
materiale antisdrucciolo
Rivestimento esterno padiglione
Pannello in lega leggera preverniciato e incollato
Rivestimento fiancate
Pannelli compositi in lega leggera
Rivestimento interno del padiglione
Pannelli in materiale plastico traforato
Rivestimento interno testata posteriore
Composito di materiali isolanti termoacustici e
resine poliestere
Rivestimento sotto il filo parabrezza
Pannello in resina poliestere
284
Capitolo 5 : Descrizione tecnica dell’autobus Iveco Cityclass incendiato
Rivestimento sottocintura delle fiancate
Resina poliestere incollata alla struttura
Rivestimento superiore testata anteriore
Resina poliestere
Rivestimento testata posteriore
Resina poliestere
Sedili passeggeri
Resina plastica
Serbatoio aria freni anteriori e posteriori
Lega leggera
Serbatoio combustibile
Materiale plastico
Sigilli giunzioni lamiere
Prodotti poliuretanici e polisolfurici verniciabili
Sportelli
Lega leggera o resina poliestere rinforzata con
fibra di vetro
Lato destro
Lega leggera
Lato sinistro
Lega leggera e resina poliestere
Sportello mobile accesso tergitori
Vetroresina
Struttura cassa veicolo
Ossatura di tubi in acciaio
Struttura telaio e scocca
Acciaio autopassivante
Strutture reticolari sopra i finestrini
Lega leggera preverniciata incollati
Superfici vetrate esterne
Cristallo temperato di sicurezza
Telaio
Profilati in acciaio auto passivante tipo Corten
Telaio finestrini laterali
Lega leggera anodizzata
Tendina
Testa cilindri
Ghisa stabilizzata con 1,5 % di Nichel
Tubazioni circuito pneumatico freni
Poliammide
Tubazioni combustibile
Acciaio e poliammide
Tubazioni
impianto
idraulico
freni Inox
anteriori
Tubazioni impianto idroguida
Acciaio
Tubazioni olio freni
Acciaio inox
Tubi impianto raffreddamento
Rame
Valvole di scarico
Nimonic
Vaschette radiatore
Ottone
285
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
Capitolo 6
Comportamento al fuoco dei
materiali
In questo capitolo si effettua una disamina sul comportamento al fuoco
dei diversi materiali combustibili solidi (plastici, compositi polimerici,
legno, tessili), liquidi (rifornimenti e lubrificanti) e non combustibili
(acciaio, ghisa, alluminio, vetro e isolanti) costituenti l’ autobus in esame.
6.1
LE MATERIE PLASTICHE
Le materie plastiche o resine sintetiche [85 a 89],{34 a 37} hanno un
ruolo così rilevante nello sviluppo ed evoluzione di un incendio che
richiedono la rivisitazione del criterio di valutazione del rischio incendio
seguito nella redazione delle normative sulla prevenzione incendi. Il
comportamento delle materie plastiche costituite essenzialmente da
macromolecole aventi identici polimeri di base può diversificarsi
notevolmente sia a causa di additivi di varia natura e provenienza in essi
incorporati, utilizzati per migliorarne l’aspetto, la qualità e diminuirne i
costi, sia in base alle condizioni in cui avviene la combustione. Per cui
può accadere che prodotti simili ma realizzati a partire da macromolecole
a composizione chimica diversa, abbiano durante gli incendi delle
reazioni al fuoco molto differenti e diverse anche da quelle dei prodotti al
posto dei quali vengono utilizzate le materie plastiche. Queste presentano
delle macromolecole scarsamente resistenti al calore che subiscono
facilmente il cracking termico, in maniera analoga a quello degli
286
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
idrocarburi pesanti, determinandosi per effetto del calore una
disaggregazione delle macromolecole strutturate in polimeri con la
formazione di molecole aventi un minor numero di atomi rispetto alle
originarie, in uno stato aeriforme viste le temperature in gioco. Queste
molecole che sono infiammabili oltreché tossiche possono arrecare danni
sia immediati che differiti nel tempo interagendo con altri prodotti nocivi
formatisi durante gli incendi
aggravandone così gli effetti, come nel
caso del polietilene che può dar luogo ad oltre trenta specie di molecole
aeriformi. Il processo di degradazione delle materie plastiche per effetto
del calore, che inizia poco sopra i 100°C, presenta un andamento diverso
a seconda che si tratti di prodotti plastici termoindurenti o termoplastici. I
primi sono contraddistinti dalla proprietà di acquisire resistenza e forma
definitiva per effetto del calore e della pressione per cui inizialmente si
gonfiano, perdono peso, poi carbonizzano e infine bruciano senza prima
subire rammollimento e gocciolamento. I secondi invece fondono per
effetto del calore per cui il processo di pirolisi e combustione è
accompagnato da gocciolamento che costituisce un pericolo aggiuntivo in
caso di incendio potendosi il fuoco propagare a materiali combustibili
eventualmente sottostanti. Il processo avviene quindi in diverse fasi ed in
tempi più brevi delle sostanze combustibili tradizionali : fra i 100 e 300
°C si ha l’evaporazione dell’acqua incorporata nelle cariche minerali e
organiche con susseguente rilascio per pirolisi di sostanze volatili di
composizione varia; tra i 300 e 500 °C si la totale demolizione delle
macromolecole di base e formazione di differenti e molteplici molecole
nello stato di gas e vapore che finiscono per prendere parte attivamente
alla combustione generando fiamme vive e multicolore. Infine oltre i 500
°C bruciano i residui carboniosi solidi e la combustione assume un
crescendo impressionante con estrema violenza e pericolosità, con
notevole produzione di fumi neri, acri, densissimi, con temperature medie
287
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
altissime, corrosivi per i materiali e strutture investiti e letali rapidamente
per l’essere umano. Questa miscela contiene anche elevate percentuali di
vapori e gas ossidabili ulteriormente, che possono riaccendersi venendo a
contatto con aria sufficientemente ricca di ossigeno con la possibilità
quindi di propagare il fuoco in zone lontane dall’incendio espandendosi
attraverso canalizzazioni interne ad esempio di ventilazione o
condizionamento o per impianti elettrici. Pertanto la temperatura
nell’ambiente in cui ha luogo l’incendio tende a innalzarsi rapidamente
raggiungendo valori massimi in un tempo inferiore a quelli riscontrabile
nel caso di materiali avente base cellulosica e gli effetti dell’incendio
vengono esaltati specie se le materie plastiche sono allo stato espanso o
aventi un elevato rapporto fra superficie esposta all’aria e peso come nel
caso del poliuretano espanso (imbottiture sedili autoveicoli) per il quale
prove sperimentali di incendio, effettuate presso laboratori sia statunitensi
che europei, hanno evidenziato che la temperatura media raggiungeva
dopo pochi minuti dall’innesco i 1200 °C.
Tabella 55 : Temperature caratteristiche di alcuni materiali plastici
MATERIALE
TEMPERATURA
TEMPERATURA
DI RAMMOLLIMENTO
DI ACCENSIONE
PVC
40 ÷ 120
Acetato di cellulosa
60 ÷ 100
507
Polietilene
100 ÷ 120
488
Polipropilene
160 ÷ 170
500
Polistirene
80 ÷ 110
570
PMMA
60 ÷ 120
467
Policarbonato
200 ÷ 240
PTFE
300 ÷ 350
660
Schiume poliuretaniche
400 ÷ 450
Poliisocianato
525
Celluloide
70 ÷ 90
288
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
Tra i prodotti della combustione si rinvengono ossido di carbonio (CO),
cianogeno (C 2 N 2 ), cloro libero (Cl), acido cloridrico (HCl), acido
cianidrico (HCN) e altre sostanze come idrogeno, metano, acetilene,
benzene, acetone ecc. Per avere un’idea dei possibili effetti deleteri dell’
acido cloridrico basti pensare che la combustione di un kg di PVC libera
HCl in grado di sciogliere 4 cm 3 di acciaio e la combustione di un metro
di un cavo elettrico standard isolato in PVC può portare alla distruzione
di 2 ÷ 4 m 2 di circuito stampato di apparecchiature elettriche. Quindi
incendi relativamente piccoli coinvolgenti modeste quantità di PVC
possono provocare danni del tutto sproporzionati specie se sono presenti
materiali porosi negli ambienti come legno, carta, pannelli isolanti e altri
materiali che assorbono i vapori di HCl con facilità e li restituiscono
successivamente in un arco di tempo molto lungo così che gli effetti della
corrosione possono comparire anche dopo settimane dall’incendio. Ciò ad
esempio avvenne in una azienda tedesca dove per effetto di un incendio
che portò alla distruzione di tubi in cloruro di polivinile nonostante i
danni non fossero stati elevati si dovette procedere ad abbattere per
effetto della corrosione delle strutture portanti in acciaio che
presentavano macchie di ruggine attaccate dal cloro mentre le parti in
ottone erano interamente ricoperte di verderame.
Data la continua diffusione delle materie plastiche risulta auspicabile un
trattamento di ignifugazione che risulta completamente differente da
quello praticabile nei confronti di materiali a composizione cellulosica
poiché non risulta possibile incorporare prodotti ignifuganti dopo la
formazione dei manufatti, né un rivestimento mediante pitture o vernici
ignifughe, vista la scarsa aderenza delle superfici finite. Pertanto il
trattamento va fatto all’atto della formazione del prodotto che si vuole
rendere resistente al fuoco, immettendo nei componenti di base dei
289
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
composti chimici contenenti alogeni, fosforo, antimonio, ferro o
opportune loro miscele, composti del bromo o misti di cloro e bromo.
Affinché l’ignifugazione sia efficace è necessario che le sostanze
ignifuganti si decompongano in un breve intervallo di tempo e a
temperature leggermente inferiori a quelle di depolimerizzazione dei
materiali plastici cui sono additivate,
in quanto non modificando il
processo di demolizione termica delle macromolecole delle sostanze
plastiche e inibendo solo l’ossidazione a catena dei prodotti di
piroscissione devono allora poter diffondere nell’aria insieme a tali
prodotti.
6.1.1
Il ciclo di combustione dei polimeri
I materiali polimerici organici sintetici e naturali possono iniziare o
propagare gli incendi perché, per effetto del calore, essi si decompongono
con la formazione di composti volatili combustibili. Il processo di
combustione dei polimeri è molto complesso ed è rappresentabile
schematicamente come indicato in figura 1.
Figura 70 : Schema del processo di combustione dei polimeri
290
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
La combustione inizia quando i prodotti volatili generati dal calore
fornito al polimero dalla sorgente d’innesco, mescolandosi con l’aria,
raggiungono, in concentrazione, l’intervallo dei limiti d’infiammabilità e
superano, in temperatura, quella d’accensione. La combustione procede
poi fino a consumare completamente il materiale se il calore trasmesso
dalla fiamma al polimero è sufficiente a mantenere la sua velocità di
degradazione termica al disopra del valore minimo richiesto per
l’alimentazione della fiamma stessa. In caso contrario, la fiamma si
spegne poco dopo l’accensione. Nei casi in cui il calore fornito dalla
sorgente d’innesco si esaurisca oppure sia trascurabile rispetto a quello
trasmesso al polimero nel ciclo di combustione, questo diventa un
processo autoalimentato se i requisiti termici necessari per sostenerlo
sono soddisfatti dal calore svolto dalle reazioni di termo -ossidazione che
avvengono nella fase gas nella fiamma o nella fase condensata nel
materiale. Nonostante lo schema di figura 70 sia di applicazione generale,
alcuni degli stadi del ciclo di combustione come la carbonizzazione o la
termo-ossidazione in fase condensata possono essere assenti o essere
poco rilevanti in dipendenza del tipo di polimero o delle condizioni in cui
avviene la combustione. L’infiammabilità dei materiali polimerici ne
limita l’applicazione in numerosi settori di impiego in cui il rischio di
incendio (probabilità che l’incendio si verifichi) o la sua pericolosità
(conseguenze che esso può avere) sono di qualche rilievo quali i trasporti,
l’edilizia, il settore elettrico ed elettronico, ecc. Non è possibile preparare
un materiale organico completamente non combustibile che conservi le
caratteristiche tipiche di facilità di fabbricazione, basso peso specifico e
costo contenuto che caratterizzano i materiali polimerici. Utilizzando i
cosiddetti ritardanti di fiamma è tuttavia possibile diminuire la facilità
di innesco e/o la velocità di propagazione della combustione dei polimeri
in modo da aumentare l’intervallo di tempo nel quale è possibile
291
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
intervenire per estinguere l’incendio, che intercorre tra l’inizio dello
stesso e il momento in cui esso diventa generalizzato (flashover). Circa la
metà dei materiali polimerici attualmente prodotti deve avere un qualche
livello di protezione dal pericolo di incendio. Difatti i ritardanti di
fiamma, tra gli additivi per polimeri, sono quelli che rappresentano il
valore economico più elevato e sono in costante espansione per il
continuo aumento di severità delle norme che regolano l’impiego dei
materiali in applicazioni in cui possono verificarsi incendi.
6.1.2
Valutazione dell’ infiammabilità dei polimeri
Il termine “infiammabilità” nel caso dei polimeri non ha un significato
scientifico preciso perché non è misurabile mediante un singolo
parametro come avviene ad esempio nel caso dei gas in cui si usano a
questo scopo i limiti di infiammabilità. Il comportamento dei polimeri
alla combustione dipende infatti sia da fattori intrinseci quali la loro
composizione chimica, la struttura morfologica, sia da fattori esterni quali
forma e dimensioni del manufatto, velocità dell’aria, flusso di calore al
quale il materiale è esposto, ecc. Volendo poi prevedere il
comportamento di un materiale polimerico in un incendio si trovano
ulteriori difficoltà dovute alla intrinseca scarsa riproducibilità tipica
dell‘incendio. Questi fatti hanno portato ad una notevole attività di messa
a punto di metodi per la valutazione dei polimeri in relazione al pericolo
di incendio, in cui si misurano più parametri ritenuti rilevanti a questo
scopo quali: facilità di accensione, velocità di propagazione della fiamma
e di rilascio del calore, formazione di fumi tossici e oscuranti, ecc., in
condizioni rigidamente definite con lo scopo di avere almeno una
classificazione relativa del comportamento dei materiali. I metodi di
prova in larga scala permettono di riprodurre condizioni simili a quelle
292
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
degli incendi reali, ma sono costosi e richiedono impianti speciali. Per
queste ragioni essi sono di solito usati per provare materiali già
selezionati sulla base di prove a scala di laboratorio. Questi sono
particolarmente utili per la ricerca e sviluppo di nuovi materiali perché
richiedono piccole quantità di prodotti, ma la valutazione viene effettuata
in condizioni molto lontane da quelle dell’incendio. Fortunatamente,
l’esperienza ha dimostrato che l’evoluzione dei metodi di piccola scala
permette di ottenere un ragionevole accordo con i risultati ottenuti con i
metodi in scala reale. Questo è particolarmente importante perché le
normative sul pericolo di incendio dei materiali polimerici sono
forzatamente basate su metodi di laboratorio che sono anche largamente
impiegati per definire le loro specifiche tecniche a scopo commerciale.
Tra i metodi di prova che danno una valutazione quantitativa del
comportamento alla combustione dei polimeri i due più utilizzati per
studi di meccanismo sono l’indice di ossigeno e il calorimetro a
consumo di ossigeno. Nell’indice di ossigeno, un campione di materiale
a forma di barretta, fissata in posizione verticale all’interno di un
condotto cilindrico in vetro, brucia dall’alto verso il basso come una
candela, in un flusso ascendente di una miscela di azoto e ossigeno la cui
composizione può essere variata. L’indice di ossigeno (Oxygen Index,
OI o Limiting Oxygen Index, LOI) è la concentrazione percentuale
minima di ossigeno, in volume, alla quale si ha combustione
autoalimentata per 3 minuti in seguito ad accensione della punta del
provino con una fiamma libera che viene poi allontanata. In tabella sono
riportati i valori di OI per alcuni polimeri.
293
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
Tabella 56 : Valori di Indice di ossigeno (OI)
MATERIALE
INDICE DI OSSIGENO
Candela da cucina
16
Poliuretano schiuma
16,5
Cotone
16-17
Polistirene
12,6-18,3
EVA (Ethylene vinyl acetate)
19
Legno da quercia
23
Nylon 6
25-26
Policloruro di vinile rigido
45-49
Politetrafluoretilene
95
Un materiale con OI > 21, che è il contenuto di ossigeno dell’aria, anche
se innescato non dovrebbe dare combustione autoalimentata. Tuttavia,
per prudenza dettata dalle differenze esistenti tra le condizioni della prova
e quelle dell’incendio, si attribuisce, a titolo indicativo, la caratteristica di
materiale ritardato alla fiamma a materiali con OI > 25. Nella versione
del calorimetro a consumo di ossigeno attualmente generalmente
utilizzato, il campione sotto forma di una lastrina quadrata è introdotto in
un porta campione che è appoggiato sul piatto di una bilancia ed esposto
all’irraggiamento di un radiatore a forma di tronco di cono che dà il nome
allo strumento (Cone Calorimeter). Un arco elettrico fornisce la scintilla
per l’accensione dei gas di degradazione che si formano a seguito
dell’irraggiamento. La potenza del radiatore può essere variata e arriva
fino a 100 kw/m 2 che rappresenta il calore generato da un incendio
completamente sviluppato. I prodotti di combustione (fumi) sono raccolti
da una cappa e incanalati in un condotto in cui sono campionati per il
dosaggio dell’ossigeno non consumato dalla combustione e dei gas che si
sono formati (es. CO, CO2). Un sistema ottico fornisce la misura del
potere oscurante dei fumi. Lo strumento permette di ottenere una
descrizione esauriente della combustione in funzione del tempo, mediante
il calore svolto (calcolato dall’ossigeno consumato), la diminuzione del
294
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
peso e l’opacità e la composizione dei fumi. Ai fini delle normative
sull’utilizzo dei materiali polimerici e della loro commercializzazione,
l’esperienza acquisita dagli incendi verificatisi nel passato ha dimostrato
che, oltre alla facilità di accensione e alla velocità di propagazione della
fiamma che caratterizzano la cosiddetta reazione al fuoco, obiettivo
principale dei primi ritardanti di fiamma, la generazione di fumi
oscuranti, tossici e corrosivi è altrettanto importante per la sicurezza delle
persone e per la salvaguardia delle strutture. Il compito dei ritardanti di
fiamma è quello di interrompere il ciclo autoalimentato di combustione
riportato nello schema, riducendo la velocità dei processi chimici e/o
fisici che hanno luogo in uno o più degli stadi che lo costituiscono.
L’effetto ultimo di un ritardante di fiamma, qualunque sia il suo
meccanismo di azione, è quello di ridurre la velocità di trasferimento del
calore al polimero al disotto del valore minimo richiesto per
l’autoalimentazione della combustione. I ritardanti di fiamma possono
svolgere il loro ruolo solo quando il calore totale coinvolto nel ciclo di
combustione è limitato come nelle fasi iniziali di un incendio. Quando
però l’incendio diventa divampante (flashover) la combustione non può
più essere interrotta, ma solo confinata. Diversi composti o strutture
chimiche possono svolgere il ruolo di ritardanti di fiamma che in passato
sono stati individuati essenzialmente su basi empiriche. Le strutture
chimiche con proprietà ritardanti di fiamma possono essere introdotte nei
materiali polimerici sia in modo permanente mediante modificazione
chimica o copolimerizzazione, sia per mezzo di additivi. Il primo
approccio presenta alcuni vantaggi quali: la distribuzione uniforme del
ritardante nel materiale e la permanenza delle caratteristiche di ritardo
alla fiamma per l’eliminazione dei fenomeni di migrazione o estrazione,
per esempio nei processi di lavaggio nel caso dei tessuti. Tuttavia, questo
approccio è di solito limitato al caso in cui la struttura macromolecolare
295
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
venga sintetizzata contestualmente alla fabbricazione del prodotto finale
come nel caso dei termoindurenti (resine epossidiche, poliesteri insaturi,
poliuretani, ecc.) in cui la formulazione del materiale può essere
modificata in modo relativamente semplice per seguire le richieste di
gradi diversi di ritardo alla fiamma, dovute anche al continuo
aggiornamento delle normative sull’impiego dei materiali polimerici.
L’uso di additivi è un approccio più generale perché è molto flessibile e
permette di attribuire livelli diversi di ritardo alla fiamma senza
modificare
il
processo
di
sintesi
dei
polimeri
che
sarebbe
economicamente troppo gravoso. D’altra parte gli additivi possono dare
inconvenienti derivanti da una eventuale bassa compatibilità con il
polimero e dalla loro perdita per estrazione o evaporazione. In questa
sede verrà discusso esclusivamente l’approccio con additivi perché le
conclusioni che si raggiungeranno sono legate alla struttura chimica del
sistema ritardante di fiamma e valgono anche quando le strutture in
questione sono introdotte nella struttura macromolecolare della matrice. I
ritardanti
di
fiamma
oltre
ad
essere
efficienti
nel
diminuire
l’infiammabilità del polimero devono anche essere termicamente stabili
alla temperatura di trasformazione del materiale, non interferire
negativamente con gli altri additivi del polimero quali ad esempio gli
antiossidanti, non essere tossici e non dare fumi corrosivi, tossici o
oscuranti nel caso di esposizione all’incendio. In genere si cerca di
trovare il miglior compromesso possibile rispetto a tutte queste
caratteristiche richieste ai ritardanti di fiamma. Le percentuali di additivo
necessarie per ritardare alla fiamma i polimeri sono molto variabili
secondo la natura del polimero e la sua applicazione e vanno da poche
parti per milione (es. platino nelle gomme siliconiche) al 60% (idrossidi
nelle guaine in elastomero di cavi elettrici), con valori medi di 10-30%.
Rispetto al loro meccanismo di azione, i ritardanti di fiamma possono
296
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
essere classificati a seconda che agiscano nella fase condensata in cui
avviene la degradazione termica del polimero o nella fase gas in cui
avviene la combustione dei prodotti volatili. Per quanto riguarda invece il
tipo di meccanismo, in entrambe le fasi, esso può essere chimico o fisico.
Gli studi effettuati sui meccanismi hanno indicato che molto spesso i
ritardanti di fiamma agiscono con una combinazione di diversi
meccanismi che dipende dal tipo di polimero in cui sono utilizzati. I
ritardanti di fiamma più utilizzati sono tra gli inorganici gli idrossidi di
alluminio e magnesio, tra i più efficienti e versatili commercializzati
troviamo composti alogenati come clorurati o bromurati alifatici,
composti sinergici alogeno metallici aventi però rischi di impatto
ambientale, composti fosforati aventi un efficienza minore. Gli
inconvenienti legati all’uso di ritardanti di fiamma alogenati hanno
motivato un notevole impegno nello studio di sistemi alternativi, capaci
di intervenire precocemente sul ciclo di combustione agendo su quella
parte del ciclo che avviene in fase condensata, in modo da rallentare e/o
interrompere il processo di degradazione del polimero che produce i
prodotti volatili. Poiché la degradazione termica del polimero in fase di
combustione avviene a una temperatura (300-500°C) inferiore alle
reazioni della fiamma (500-1200°C) e quindi a velocità inferiori, è
relativamente più facile tentare di rallentare le reazioni in fase condensata
che nella fase gas. Questo approccio dovrebbe inoltre ridurre le
probabilità di formare prodotti indesiderabili durante l’inibizione delle
reazioni che avvengono ad alta temperatura. Tra i sistemi finora
sviluppati che presentano un certo interesse sono i sistemi a
comportamento intumescente e i nanocompositi polimero-fillosilicato
che, in presenza di una fonte di calore, danno luogo alla formazione di un
rivestimento termicamente stabile sulla superficie del polimero, che lo
isola dalla fiamma o dalla fonte di calore. I sistemi a comportamento
297
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
intumescente formano per riscaldamento una fase carbonizzata espansa a
struttura multicellulare, termicamente stabile che isola il materiale
sottostante dall’azione della fiamma. Questo approccio al ritardo alla
fiamma è utilizzato da circa cinquant’anni nei rivestimenti usati per
proteggere strutture in metallo o in legno dall’azione del fuoco. Dalla fine
degli anni settanta ha iniziato a svilupparsi anche l’uso di additivi che,
sotto l’effetto del calore, promuovono il comportamento intumescente
sulla superficie del polimero in fase di combustione. Lo strato di carbone
rigonfiato così creato, agisce essenzialmente da barriera fisica al
trasferimento di calore e di massa. Così il trasferimento del calore di
combustione dalla fiamma al polimero e la diffusione dell’ossigeno verso
il materiale e dei prodotti volatili verso la fiamma sono rallentati e si
possono raggiungere le condizioni per interrompere il ciclo di
autoalimentazione della combustione. Questo meccanismo di ritardo alla
fiamma in fase condensata limita la formazione di prodotti volatili
minimizzando gli effetti secondari negativi tipici dei sistemi alogenati,
quali la formazione di fumi oscuranti, corrosivi e tossici. Inoltre, la fase
carbonizzata che aderisce alla superficie del materiale che brucia,
impedisce il gocciolamento di particelle di polimero incendiate che
possono contribuire alla propagazione dell’incendio. Per avere il
comportamento intumescente, le formulazioni dovevano contenere un
composto capace di fornire la fase carbonizzata (carbonifico) e un agente
di rigonfiamento per conferirle la struttura cellulare (spumifico). Per
avere queste funzioni, si stabilì che sono necessarie tre classi di composti
chimici:
9 un acido inorganico sia libero sia ottenuto in situ per
decomposizione termica di un opportuno precursore;
9 un composto organico poliossidrilato, ricco in carbonio;
9 un composto organico azotato quali amina o amide.
298
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
I recenti successi ottenuti nella distribuzione nanoscopica di materiali
inorganici nei polimeri dovrebbero portare una profonda innovazione dei
materiali polimerici caricati. In particolare, è stato trovato che i
nanocompositi lamellari ottenuti disperdendo 2-5% di fillosilicati quali la
montmorillonite o la ectorite rese organofiliche, nelle matrici
polimeriche, hanno una velocità di combustione molto più bassa di quella
che si ottiene con i ritardanti di fiamma tradizionali, nella configurazione
di combustione (modello di fuoco) del calorimetro a consumo di ossigeno
detto “calorimetro a cono”. Il livello di ritardo alla fiamma richiesto ai
materiali polimerici continuerà a crescere in futuro sia perché aumenta il
livello di sicurezza e affidabilità richiesto ai materiali sia perché gli
sviluppi tecnologici avanzati affidano ai polimeri dei ruoli sempre più
strategici, come ad esempio nella costruzione e arredamento di un aereo
da 800 passeggeri per il trasporto civile. Contemporaneamente aumenta
la richiesta di minimizzare l’impatto ambientale dei materiali in tutto il
loro ciclo di vita, che impone di rivedere il settore dei ritardanti di
fiamma commerciali sviluppati su basi essenzialmente empiriche, i quali
hanno vissuto una serie singolarmente sfortunata di incidenti di percorso
di natura ambientale durante il loro utilizzo. Il contributo degli studi di
meccanismo dell’azione di ritardo alla fiamma giocherà quindi in futuro
un ruolo sempre più importante nell’assistere lo sviluppo empirico di
nuovi sistemi più affidabili e compatibili con il cosiddetto “sviluppo
sostenibile”.
6.1.3
La combustione dei pneumatici.
I pneumatici sono materiali polimerici (il 45% del loro peso è costituito
da elastomeri) con una struttura relativamente complessa [90]. L’elevata
concentrazione di sostanza organica ridotta rende i pneumatici un
299
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
substrato ossidabile nonché suscettibile di combustione. Il potere
calorifero legato alla loro combustione è relativamente elevato (circa
8500 kcal/kg), in pratica 1 kg di pneumatici sviluppa la stessa quantità di
calore di circa 0,7 kg di olio combustibile. Le emissioni di prodotti tossici
e mutageni in caso di combustione incontrollata diventano un problema
drammatico infatti da indagini di laboratorio, nei fumi della combustione
dei pneumatici, sono stati isolati più di 100 prodotti organici tra cui
idrocarburi leggeri (metano, acetilene, etilene), composti monocromatici
(benzene, toluene, xilene), idrocarburi policiclici aromatici (naftalene,
pirene,
fenantrene),
composti
parzialmente
ossigenati
(naftolo,
dibenzofurano, diossine) ed altri composti eterociclici. Come se non
bastasse la discreta presenza di zolfo (mediamente 1,5%) e di azoto
(mediamente 0,4%) nei pneumatici è responsabile della produzione degli
ossidi nocivi quali SOx (ossidi di zolfo) ed NOx (ossidi di azoto).
L’esposizione a fumi così carichi di prodotti dannosi può rappresentare
rilevanti rischi sia acuti sia cronici per la salute dell’uomo. In particolare,
i rischi dipendono dal tempo e dal grado di esposizione, e mediamente gli
effetti sono: irritazioni alla pelle, agli occhi e alle mucose, danni al
sistema nervoso centrale ed al sistema respiratorio, cancro. Si stima che le
emissioni da combustione incontrollata di pneumatici siano 13.000 volte
più mutagene delle emissioni della combustione del carbone. Tuttavia è
intuitivo pensare che la concentrazione di gas emessi dipenda, oltre che
dalla composizione del pneumatico, anche dalle condizioni di
temperatura e
dalla quantità di aria disponibile per la combustione.
Quest’ultimo parametro, in genere, è indicato dal rapporto tra la massa di
aria disponibile e quella stechiometricamente necessaria alla combustione
completa di tutto il materiale presente λ (λ = V disponibile/ V
stechiometrico). Tale rapporto è indicato con il termine inglese “bulk air
ratio” e si rivela di fondamentale importanza nel controllo dei processi di
300
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
combustione in genere ed è un indice della quantità di ossigeno presente
nel processo: valori di λ >1 rappresentano combustioni che procedono in
eccesso di ossigeno mentre per λ =0 il processo attivo è la pirolisi
(decomposizione in assenza di ossigeno, indotta dal calore). L’effetto di
λ sulle emissioni di monossido di carbonio (CO) e di diossido di carbonio
(CO2) è quello tipico per le combustioni di materiale organico in genere.
In particolare, la quantità relativa di diossido di carbonio emessa aumenta
progressivamente all’aumentare della quantità di aria presente mentre per
il monossido di carbonio si ha un massimo di emissione per λ = 0,5
(cioè per una quantità d’aria pari alla metà di quella stechiometrica
richiesta per la combustione completa). Per valori di λ > 1 non sono
riscontrabili concentrazioni apprezzabili di monossido di carbonio. Più
complessa e variegata è l’emissione dei composti organici volatili, i quali
sono classificabili in tre distinte categorie rispetto alle concentrazioni
rivelate al variare dell’apporto di aria e a temperatura costante pari a
850°C :
9 Composti la cui emissione si riduce con l’aumento di λ , fanno
parte di questa categoria gli idrocarburi policiclici aromatici, che
risultano praticamente assenti a λ > 1,25;
9 Composti che mostrano un massimo di emissione intorno a λ = 0,5
per poi essere praticamente assenti quando la quantità di aria
supera quella stechiometrica, si inseriscono in quest’ambito
composti parzialmente ossidati come alcoli, furani, acidi organici;
9 Composti che incrementano in concentrazione se la quantità di aria
disponibile è più elevata, tipici esempi sono gli idrocarburi alifatici
e le amidi.
In riferimento all’effetto della temperatura sui prodotti emessi durante la
combustione dei pneumatici, sono individuabili due classi distinte di
composti:
301
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
9 Idrocarburi monoaromatici e composti parzialmente ossidati :
la cui concentrazione decresce all’aumentare della temperatura e
risultano praticamente assenti per temperature superiori a 1000°C;
9 Idrocarburi policiclici aromatici : per i quali le concentrazioni
emesse presentano un massimo intorno a 850°C.
Studi recenti sul comportamento dei pneumatici al riscaldamento ad alte
temperature mostrano che la temperatura, a cui si innescano processi
pirolitici, è pari a circa 300°C e che la combustione con consumo di
ossigeno può aversi solo a temperature maggiori di 480°C. Infine, in
aggiunta ai rischi legati alla tossicità delle emissioni bisogna aggiungere
circa il controllo e l’estinzione della combustione dei pneumatici che la
particolarità della forma dei pneumatici rende estremamente complicato il
raggiungimento di tutta la superficie in combustione da parte degli
estinguenti e permette all’aria di intrappolarsi e quindi di continuare ad
alimentare la combustione. L’elevato potere calorifero è un ulteriore
elemento di difficoltà. Come in ogni caso il rimedio più efficace è
certamente “la prevenzione”, tuttavia, nei casi in cui l’incendio è in atto,
le linee guida per questo genere di incendi consistono nell’immediato
isolamento del materiale in fiamme e la sua estinzione mediante
immersione in acqua. In alternativa, si può utilizzare acqua nebulizzata,
nel caso in cui non fosse disponibile una riserva d’acqua utile per
l’immersione dei pneumatici. L’uso di un flusso di acqua diretto si è
rivelato meno efficace. In molti casi il controllo dell’incendio è stato
eseguito soffocando la combustione con materiale di riempimento (sabbia
per esempio), tuttavia in questi casi è possibile avere fumi altamente
nocivi e duraturi che necessitano una sorveglianza continua ed un
monitoraggio dei gas emessi per alcune settimane. La tossicità di questi
fumi è legata alla presenza di elevate concentrazioni di idrocarburi
policiclici
aromatici
(prodotti
cancerogeni),
302
le
cui
emissioni
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
incrementano quando la quantità di aria disponibile è scarsa (valori di λ <
1), come mostrato in precedenza.
6.1.4
Comportamento
al
fuoco
dei
materiali
e
delle
apparecchiature elettriche
Gli impianti elettrici costituiscono un componente da tenere ben presente
nell’analisi del rischio incendio indipendentemente dalle problematiche
legate alla tensione a cui operano e all’energia elettrica che li percorre, in
quanto spesso molti dei materiali utilizzati come isolanti per i conduttori
e componenti elettrici sono combustibili per cui sono in grado di
sostenere e propagare un incendio con facilità in determinate condizioni
[24],[91 e 92]. E’ questo ad esempio il caso dei fili elettrici di vecchio
tipo in cui le guaine isolanti erano costituite da un involucro interno di
gomma e da una calza esterna di tessuto di cotone che bruciano con
fiamma con velocità tanto maggiore quanto maggiore è l’usura della
gomma, oppure di guaine o tubi impregnati di catrame esternamente
protetti a volte da lamierino graffato. In alcuni casi, come nel caso di
trasformatori, si utilizzano isolanti di tipo liquido (oli minerali),
specialmente se la quantità di calore da smaltire è elevata, che bruciano
facilmente se portati a temperatura di accensione, apportando un notevole
carico di incendio. Gli stessi avvolgimenti dei motori elettrici o dei
trasformatori solitamente isolati mediante resine e vernici costituiscono
un consistente carico di incendio in quanto tendono a decomporsi per
effetto del calore in sostanze volatili infiammabili costituenti miscele
esplosive con l’aria. Per cui risulta necessario, affinché il fuoco non si
propaghi nelle canalizzazioni con relativa facilità, che gli isolanti dei
conduttori elettrici siano di tipo autoestinguente ed evitare conduttori
raccolti in matassa perché a quelli più interni verrebbe impedito di
303
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
smaltire il calore che si sviluppa durante il passaggio di corrente cosicché
il surriscaldamento di uno solo di essi favorirebbe condizioni di
demolizione termica degli isolanti e formazione in cavità di miscele
aeriformi esplosive suscettibili di inneschi. Risulta quindi utile
diaframmare i fori di passaggio dei cavi elettrici in ingresso e uscita
opportunamente in modo che un eventuale fuoco non propaghi
esternamente e diffonda facilmente ad ambienti adiacenti.
6.2
COMPORTAMENTO AL FUOCO ACCIAIO
Le proprietà meccaniche e termiche degli acciai [20],[36],[93 a 98]
dipendono dalla loro composizione, dal modo in cui sono stati ottenuti e
dai trattamenti cui sono stati sottoposti, almeno fino a 300 °C e con
riscaldamenti moderati. Sottoponendo al riscaldamento un acciaio dolce e
uno al cromo ad esempio, si è notato che i coefficienti di dilatazione sono
praticamente gli stessi ma sono molto diversi i rispettivi limiti di
resistenza a rottura che segue infatti un andamento non lineare con il
crescere della temperatura. Per entrambi la resistenza di rottura cresce
fino alla temperatura di 300 °C ma rimane inalterata la differenza
sensibile di carico di rottura esistente fra i due tipi di acciaio; a partire dai
350 °C la resistenza a rottura di entrambi diminuisce bruscamente e a
temperature maggiori di 500 ÷ 550 °C i carichi di rottura divengono
inferiori a quelli consentiti dai coefficienti di sicurezza da rispettare e ciò
può determinare il cedimento in presenza di incendi localizzati anche se
la temperatura pericolosa interessa limitate porzioni degli elementi
costruttivi sotto carico. Oltre i 200 °C non si produce il fenomeno di
snervamento e la curva delle tensioni presenta un andamento di ascesa
graduale e continua riproducendo il diagramma caratteristico dei materiali
duttili. Tuttavia sia il limite di elasticità che il modulo di elasticità E
304
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
diminuiscono
invece
progressivamente
con
l’aumentare
della
temperatura; se si porta a rottura una barra di acciaio sottoponendola a
sforzi permanenti anziché brevissimi, si constata che sotto l’effetto di
tensioni molto moderate l’acciaio si allunga indefinitamente per
temperature relativamente basse dando luogo a un fenomeno detto di
scorrimento. Si noti che una struttura in acciaio esposta nuda all’incendio
raggiunge il collasso in 10 ÷ 20 minuti non solo per la diminuzione della
resistenza meccanica ma anche per effetto delle spinte sulle strutture di
appoggio che nascono a causa delle dilatazioni termiche; risulta pertanto
necessario proteggere le strutture portanti da un rapido riscaldamento
attraverso opportuni accorgimenti che impediscano il superamento dei
500 °C durante tutta la durata dell’ incendio.
Nella tabella successiva si evince che tra i 200 e 300 °C di ha la massima
resistenza alla rottura, a 500 °C si è già avuto un grave indebolimento con
resistenza ridotta di 2/3 e a 600 °C avviene il cedimento.
Tabella 57 : Carichi di rottura, di proporzionalità, di snervamento e relative variazioni per
un acciaio dolce.
T
(°C)
σr
(
Δ( σ r )
kg
)
mm 2
σp
(
Δ(σ p )
kg
)
mm 2
σ
(
s
Δ(σ s )
kg
)
mm 2
E = σ/ε
Δ(E)
2
( tonn. / mm )
20
40
1
25
1
28
1
20,8
1
100
42
1,05
29
1,16
33
1,18
20,1
0,97
200
52
1,3o
21
0,84
35
1,25
19,7
0,95
300
49
1,22
13,5
0,54
24
0,86
18,5
0,89
400
38
0,95
10
0,40
-
-
17,8
0,86
500
27
0,68
8
0,32
-
-
15,1
0,72
600
16
0,40
4
0,16
-
-
13,4
0,64
700
8
0,20
-
-
-
-
-
-
Un fattore che influenza la resistenza delle strutture è il tempo occorrente
per portarle alla temperatura limite, il quale a sua volta è legato a
305
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
molteplici parametri come la massa del metallo da riscaldare e la
superficie direttamente investita dal flusso di calore generato dal fuoco,
risultando direttamente proporzionale al peso del profilato da scaldare e
inversamente proporzionale alla superficie da esso esposta al calore. Ed
infatti un profilato tubolare si riscalda meno velocemente di un profilato a
doppio T di pari peso poiché questo ha una superficie maggiore. Altro
parametro che influenza il riscaldamento dell’acciaio è la conducibilità
termica che a temperatura ordinaria è abbastanza elevata (circa 9,7 ·10 −2
watt /cm / °C), che consente una rapida diffusione del calore nelle parti
non soggette a riscaldamento diretto e un rapido ristabilimento
dell’equilibrio delle temperature per cui occorre una protezione completa
delle parti metalliche per evitare che un difetto locale consenta un
innalzamento di temperatura in tutto il metallo e conseguente
danneggiamento di tutta la struttura. Inoltre potrebbe accadere per effetto
della trasmissione del calore da parte di strutture metalliche surriscaldate
che si inneschino incendi anche a distanza per la presenza di materiali
combustibili posti a contatto. La gravità degli incendi dipende inoltre sia
dal grado di ventilazione dell’ambiente in cui insorge e infatti un minor
grado di ventilazione comporta temperature più alte nell’acciaio per
effetto della maggior durata dell’incendio e quindi del tempo di
riscaldamento, sia dal carico di incendio che se concentrato produce sulla
superficie soprastante temperature più alte di quelle riscontrate con carico
uniformemente distribuito e quindi maggiori sollecitazioni termiche.
Inoltre la temperatura di cedimento dell’ acciaio dipende dalla
sollecitazione cui è sottoposto, se infatti diminuisce la sollecitazione
massima aumenta la temperatura critica di collasso.
Nella costruzione di un autobus, la lamiera di acciaio inossidabile sta
assumendo un ruolo sempre più determinante sia per la struttura portante,
sia per le parti di rivestimento (specie nella zona di sottocintura), sia per
306
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
gli accessori interni ed esterni. I più utilizzati sono quelli della serie
austenitica AISI 304, AISI 304 L e per gli accessori AISI 430 che
consentono di realizzare strutture con diminuzione degli spessori dei
tubolari e conseguente alleggerimento con notevoli vantaggi di peso ed
economici rispetto ai tradizionali acciai al carbonio, garantendo così un
risparmio di carburante e una minore sollecitazione di tutti gli organi
meccanici; inoltre consentono assenza di fenomeni corrosivi nelle
normali condizioni di esercizio, maggiore resistenza della struttura,
maggiore
spazio
interno
utilizzabile,
manutenzione
nel
tempo
praticamente nulla. A differenza dell’acciaio al carbonio che presenta una
resistenza al fuoco piuttosto modesta cui si ovvia con rivestimenti di
materiali coibenti come le vernici intumescenti, l’acciaio inossidabile ha
una notevole capacità di resistenza al fuoco per cui è indicato per i
sistemi di protezione antifuoco, a protezione di canalizzazioni e cavi
elettrici nonché negli elementi portanti e non necessitando di protezione
da vernici intumescenti, limita in caso di incendio la produzione di fumi.
Prove sperimentali eseguite presso i laboratori dei Vigili del Fuoco di
Roma, in sintonia con modellazioni agli elementi finiti mostrano i
vantaggi in termini di aumento dei tempi di resistenza al fuoco dai 10 ÷
15 minuti di un acciaio tradizionale ai 20 ÷ 30 minuti in un intervallo di
temperature da 650 a 800 °C che è considerato quello più critico per le
strutture metalliche sottoposte a carico di incendio. Viene quindi
teoricamente quasi raddoppiato il tempo a disposizione per poter
intervenire in caso di incendio ed operare in condizioni di sicurezza sulla
struttura. Sull’autobus in esame è usato in particolar modo un acciaio
CORTEN – TEN A Anticorrosione, con la seguente composizione
chimica di colata in percentuale :
307
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
Tabella 58 : Composizione chimica di colata acciaio COR-TEN A
C max Mn
Si
P
S max Ni max Cr
Cu
0,12
0,25÷0,75
0,07÷0,15
0,035
0,25÷0,55
0,2÷0,5
0,65
0,30÷1,25
Comunemente è denominato acciaio al fosforo che, oltre a conferirgli un
elevata resistenza meccanica, consente una resistenza all’attacco degli
agenti chimici da cinque a otto volte superiore a quello di un comune
acciaio al carbonio grazie alla presenza di uno strato superficiale
autoprotettivo di ossido sul metallo base,
formatosi attraverso un
processo che inizia con l’esposizione all’ aria e si conclude dopo 3 o 4
settimane con la presenza di una patina arrugginita autoprotettiva che non
si modifica nel tempo cosi da poter utilizzare questi prodotti allo stadio
nudo, oppure se pitturati di ridurre le operazioni di manutenzione.
Nonostante l’altissima resistenza strutturale con un modulo di elasticità 3
volte superiore a quello dell’alluminio, una conduttività termica inferiore
a 4 volte quella dell’alluminio, un ridotto coefficiente di dilatazione 2
volte inferiore a quello dell’alluminio, una resistenza alla corrosione 10
volte superiore a quella degli acciai normali, il comportamento al fuoco
però sembra essere lo stesso. Un procedimento analitico per valutare la
resistenza al fuoco degli elementi costruttivi in acciaio è contenuta nella
norme UNI 9503(procedimento analitico) e EN 1993-1-2:2005 e UNI
7678 (metodo sperimentale).
6.4
ALTRI METALLI
I metalli rappresentano, nel loro comportamento, il caso tipico di
materiali incombustibili, ma non resistenti al fuoco [25],[36],{38}. Le
strutture in ferro non protette, esposte al fuoco, presentano due
inconvenienti gravissimi : la grande dilatabilità e la forte diminuzione di
resistenza col riscaldamento. La prima può provocare il forzamento di
308
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
strutture adiacenti determinando il collasso prima ancora che la
temperatura sia sufficientemente elevata da provocare l’accensione
generale dei materiali combustibili presenti; la seconda può causare un
cedimento delle strutture che non riescono a reggere se stesse, in
conseguenza di un elevamento relativamente non grande della
temperatura ( 700 ÷ 800 °C ) che, corrispondendo solo ad una debole
incandescenza del ferro non rilevabile in mezzo al fuoco e al fumo,
esporrebbe a gravi pericoli.
La ghisa, materiale duro ma fragile, per quanto più resistente del ferro al
calore, non è anch’essa resistente al fuoco ed inoltre sotto l’azione di
brusche variazioni di temperatura (ad esempio per effetto di getti
d’acqua) si crepa facilmente con conseguente rotture della struttura
Tabella 59 : Variazione della resistenza con la temperatura per la ghisa (resistenza a trazione
2
σ =20 kg/mm )
Temperatura (°C)
300
400
500
570
Resistenza a trazione σ r
19,8
18,4
15,2
10,4
Confronto con la σ r a 200 °C
0,99
0,92
0,76
0,52
2
Tabella 60 : Variazione della resistenza con la temperatura per l'alluminio ( σ =10 kg/mm )
Temperatura (°C)
20
75
135
310
403
510
600
Resistenza a trazione σ r
11,6
10
7,65
2,6
1,25
0,55
0,35
Confronto con la σ r a 20 °C
1
0,86
0,66
0,22
0,1
0,05
0,03
2
Tabella 61 : Variazione con la temperatura per il rame (resistenza a trazione σ =25 kg/mm )
Temperatura (°C)
50
100
150
200
250
285
Resistenza a trazione 24,5 23,7 22,7 21,2 19,7 18,7
367
451
556
16,5 12,7 8,3
σr
Confr. con la σ r a 10 °C 0,98 0,95 0,91 0,85 0,79 0,755 0,66 0,51 0,33
309
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
2
Tabella 62 : Variazione della resistenza con la temperatura per il bronzo (σ =24 kg/mm )
Temperatura (°C)
100
200
300
400
500
Resistenza a trazione σ r
24,2
22,6
13,7
6,2
4,3
Confronto con la σ r a 20 °C
1,01
0,94
0,57
0,26
0,18
Nell’industria automobilistica, l’esigenza di contenere i consumi e
migliorare l’efficienza dei veicoli ha condotto verso l’utilizzo di materiali
leggeri, specialmente nell’ambito dei trasporti pubblici; un telaio leggero,
riducendo la massa in movimento, consente di contenere le dimensioni
degli organi di trasmissione, delle sospensioni, nonché del motore stesso.
Inoltre, il mercato obbliga oggi a sforzi sempre maggiori per estendere il
ciclo di vita del mezzo il più possibile, migliorandone l’affidabilità in
servizio. Per quanto concerne la riduzione di peso, una soluzione può
essere cercata nei materiali come l’alluminio e i materiali compositi; un
telaio in alluminio, per esempio, consente di ridurre il peso del mezzo del
20%.
L' alluminio [36], [99 e 100],{28} non brucia e fonde quando raggiunge
la temperatura di 660 °C. La sua conducibilità termica è all'incirca quattro
volte maggiore e il suo calore specifico due volte maggiore della
conducibilità termica e del calore specifico dell'acciaio; ciò significa che
il calore si disperde più rapidamente e che, di conseguenza, ci vuole una
maggiore quantità di calore per portare una massa di alluminio a una data
temperatura rispetto a quello che è richiesto da una uguale massa di
acciaio. Senza entrare nel merito delle varie normative nazionali
riguardanti la sicurezza antincendio, è lecito affermare che l'alluminio è
in grado di rispondere all'istanza di sicurezza; infatti non brucia, è
classificato fra i materiali incombustibili e non sviluppa gas o vapori
tossici. La temperatura di fusione delle leghe di alluminio è circa di 660
°C, valore che si raggiunge quando l'incendio è pienamente sviluppato.
310
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
Questa temperatura di fusione è ben più elevata di quella di collasso di
altri materiali lignei. Quando una struttura in alluminio viene sottoposta
al calore di un incendio, la relativamente alta conducibilità termica del
materiale permette al calore di trasferirsi più rapidamente dalla zona
interessata. Questo è un espediente per cercare di ridurre al massimo le
temperature nelle zone maggiormente sollecitate delle strutture,
espediente che aumenta la durata delle strutture stesse e di conseguenza, i
tempi di evacuazione. Inoltre, in caso di incendio grave, la fusione delle
lastre sottili di alluminio utilizzate nelle coperture e nei rivestimenti è un
parametro da tenere in considerazione in fase di progettazione; infatti
questa fusione trascina i pannelli di rivestimento ed "apre" la struttura
permettendo la dispersione del calore intenso e dei fumi, cosa che facilita
lo spegnimento del fuoco e, per un periodo limitato, protegge la struttura.
Poichè facciate continue di alluminio non possono fornire un grado
elevato di resistenza al fuoco per raggiungere un certo livello di tale
prestazione si possono impiegare le seguenti soluzioni: inserire un'anima
in acciaio all'interno dei profilati; usare materiali (vernici, guarnizioni e
staffe) resistenti al calore; utilizzare setti taglia - fuoco che limitino il
passaggio del fuoco tra gli elementi.
Le leghe di alluminio evidenziano un comportamento simile a quello
dell’acciaio per quanto concerne la propagazione del calore all’interno
della massa, pertanto i problemi connessi con la resistenza strutturale
all’incendio sono del medesimo tipo. Da notare però che queste
posseggono un comportamento elastico non lineare per cui non è
possibile definire una tensione di snervamento come per gli acciai e il
parametro utilizzato è quindi la tensione in corrispondenza della
deformazione residua pari allo 0,2 %. Le caratteristiche meccaniche del
materiale sono definite nell’intervallo di temperatura compreso tra 20 e
500 °C, oltre questo valore non si considera più alcuna resistenza residua.
311
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
Queste strutture possono essere isolate mediante materiali di protezione
contro il fuoco, protette mediante schermature al calore o con altri metodi
che
limitano
l’incremento
della
temperatura
dell’elemento.
Le
caratteristiche dell’alluminio in condizioni di incendio sono fornite dall’
EC 9 parte 1-2 e dalle istruzioni CNR.
6.5
LEGNO
Si crede ancora diffusamente, anche da parte di tecnici responsabili della
sicurezza delle costruzioni, che le strutture di legno, essendo questo un
materiale combustibile, siano particolarmente soggette al rischio di
incendio, e che inoltre in caso di incendio si trasformino quasi
istantaneamente in trappole mortali per i loro occupanti. Entrambe le
preoccupazioni sono infondate [20]. La prima, in quanto statisticamente è
provato che l'innesco e la propagazione dell'incendio è causato da
materiali molto più infiammabili del legno quali tessuti sintetici,
imbottiture,
carta,
materiali
plastici,
combustibili
liquidi,
gas
infiammabili e che quindi raramente le strutture in legno contribuiscono
ad alimentare l’incendio ma anzi ne subiscono più spesso le conseguenze.
La seconda, perché in effetti il rischio maggiore è quello di rimanere
avvelenati e disorientati dai fumi tossici e opachi emessi dagli stessi
materiali sintetici sopra citati [101 a 105].
Il legno è un materiale organico di origine vegetale contenente in media :
50% di carbonio, 42% di ossigeno, 6% di idrogeno, 0,2% di azoto, e
piccole
percentuali di ceneri e altre sostanze quali resine , tannino,
gomme, e grassi.
La combustione e degradazione termica del legno avvengono con
modalità diverse a seconda della quantità di ossigeno (comburente) e
quindi di aria disponibile: in carenza di aria si parla di ‘carbonizzazione’
312
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
o ‘pirolisi’ con assenza di combustione (o combustione lenta), mentre con
aria abbondante si parla di ‘combustione rapida’. Somministrando calore
al legno se ne innalza la temperatura e conseguentemente ne risulta la
perdita di acqua costituente l’umidità del legno. In una prima fase la
temperatura si mantiene inferiore a 70 °C poi solo quando l’acqua è stata
eliminata in gran parte, la temperatura si eleva oltre i 100 °C e
contemporaneamente si determina un miglioramento delle caratteristiche
di resistenza meccanica. Durante questa fase che dura fino ai 200 °C si ha
un inizio di distillazione che comporta l ’ imbrunimento dei tessuti e
formazione di vapor d’acqua, anidride carbonica e altri gas tra cui l’
ossido di carbonio (combustibile). Successivamente fino ad una
temperatura compresa tra i 240 e i 280 °C, nello strato esterno si ha la
distillazione dei prodotti condensabili aventi una frazione acquosa come
acidi grassi e alcool metilico con emissione di gas come anidride
carbonica e ossido di carbonio. Oltre i 280 °C (la reazione passa da
endotermica a esotermica) il processo progredisce verso l’interno, con
superficie che si scurisce ulteriormente e si entra in una terza fase con un
rapido innalzamento della temperatura che raggiunge i 450 °C con
emissione di gas e vapori combustibili (fumi visibili) tipo ossido di
carbonio, metano, formaldeide, acido acetico e formico, metanolo,
idrogeno in gran parte diluiti da vapore d’acqua e anidride carbonica.
Intorno ai 500 °C il processo di carbonizzazione è ultimato e ne risulta un
residuo nero e friabile che costituisce il carbone di legna. La
propagazione del calore nel legno avviene molto lentamente sia per la
bassa conducibilità del legno sia a causa della formazione dello strato di
carbone di legna che impedisce lo sviluppo e il progredire della fiamma,
ostacolando l’ossigeno nel raggiungimento degli strati sottostanti di legno
incombusto. Nel caso di combustione rapida, corrispondente al fenomeno
reale comunemente inteso, in una prima fase che dura fino a circa 200 °C,
313
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
le modalità di combustione non differiscono dalla precedente : perdita di
umidità fino a temperature di poco superiore a 100 °C. perdita di acqua di
costituzione, imbrunimento dei tessuti, carbonizzazione, progressiva
perdita di peso per sviluppo dei gas (contenuto tra il 15% e il 25%), con
miglioramento
delle
caratteristiche
meccaniche
(inversamente
proporzionali al contenuto di umidità). Il riscaldamento in aria libera
determina sia una perdita di peso molto più elevata (da 3 a 4 volte),
rispetto al riscaldamento sotto vuoto per la presenza dell’ossigeno
dell’aria che esercita un’ azione ossidante favorendo la degradazione dei
componenti del legno, sia una variazione della temperatura di accensione
spontanea che è influenzata anche dalle dimensioni (infatti operando con
provette più piccole si abbassa il punto di accensione). La fase esotermica
della combustione in questo caso inizia tra i 135 e 260 °C (anziché tra i
260 e 280 °C), a seconda della specie legnosa e della concentrazione di
ossigeno. Tra i 300 e 400 °C inizia la combustione viva con presenza di
fiamma e formazione di brace. In realtà l’emissione dei gas può impedire
l’accesso dell’ossigeno dell’aria alla superficie del legno e il carbone
formatosi funge da scudo termico, non riesce a bruciare e la bassa
conduttività termica rallenta la penetrazione del calore all’interno.
Fornendo ulteriormente calore dall’esterno si supera il periodo di
combustione rallentata con susseguente pirolisi degli strati più interni, ma
per aversi combustione viva occorre che in superficie vi sia una fiamma
che incendi i gas emessi in modo che l’ossigeno dell’aria venga a contatto
con la superficie carbonizzata che comincia a bruciare spontaneamente
raggiunta la temperatura di ignizione spontanea (360 °C) anche prima
dell’infiammarsi dei gas che richiedono il raggiungimento delle
temperature di infiammabilità e il mantenimento dei limiti di
concentrazione (gas + comburente ) necessari per l’infiammabilità stessa.
Questa concentrazione verrà raggiunta solo dopo che i gas si saranno
314
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
mescolati all’ossigeno dell’aria e ciò avverrà solo ad una certa distanza
dalla superficie da cui fuoriescono i gas, per cui le fiamme saranno del
tutto esterne al legno, con temperature che possono superare i 1000 °C e
velocità di combustione dipendente dal ricambio d’aria, dalla
configurazione e dal rapporto tra superficie e volume degli elementi in
legno. Tutto quanto detto presuppone che le strutture massicce in legno
non possiedano organi di collegamento metallici nel qual caso in
corrispondenza delle parti metalliche il legno viene distrutto molto
rapidamente. Ciò accade perché il metallo è un buon conduttore del
calore per cui si scalda con facilità e raggiunta la temperatura di 300 °C
distrugge il legname con il quale è a contatto. Il grado di combustibilità
non è unico e definito ma dipende da parecchi fattori quali : la qualità
dell’essenza (le essenze forti resistono al fuoco meglio di quelle dolci
come la betulla), dal rapporto superficie - volume (minore è questo
rapporto minore è il grado di combustibilità, infatti una grossa
suddivisione rende il legname estremamente pericoloso), dal grado di
umidità (un’elevata percentuale d’acqua ne diminuisce la combustibilità),
dalla elevatezza della temperatura cui è esposto e dalla superficie di
esposizione, dal contatto più o meno libero dell’aria [36].
Venendo propriamente alla resistenza al fuoco (un procedimento analitico
per valutarla è descritto nella norma UNI 9504 e successiva norma
europea sperimentale ENV 1995-1-1 o Eurocodice 5) degli elementi
portanti, cioè alla loro capacità di mantenere intatta la funzione strutturale
per un certo tempo a partire dall'inizio dell'incendio, il legno strutturale
presenta caratteristiche spiccatamente favorevoli in confronto con altri
materiali da costruzione come l'acciaio. Infatti, il legno è un ottimo
isolante termico: la sua bassissima conducibilità termica impedisce al
calore di propagarsi all'interno della sezione, bruciando lentamente e
quindi solo un limitato spessore esterno brucia e carbonizza, mentre il
315
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
resto del legno rimane freddo, intatto e efficiente dal punto di vista
meccanico, (si pensi ad una parete costituita da un semplice assito che
attaccata dal fuoco già su di una faccia, sull’altra non sarà calda che in
misura irrilevante e non irradierà mai tanto calore da incendiare oggetti
che si trovano da quella parte ma diventerà pericolosa solo quando anche
quella parte comincerà a bruciare). Sperimentalmente è stato dimostrato
che l'avanzamento progressivo della carbonizzazione dall'esterno verso
l'interno procede con velocità costante pari a circa 1 mm di spessore di
legno al minuto. Grazie a questo meccanismo invariabile, è possibile da
un lato dimensionare gli elementi lignei in funzione della resistenza al
fuoco desiderata (60, 90, 120 minuti e oltre), dall’altro stimare la sezione
resistente residua dei vari elementi e stabilire a quale intervallo di tempo
dall’inizio di un eventuale incendio è in grado di resistere. La rottura
avverrà quando la parte della sezione non ancora carbonizzata è talmente
sottile da non riuscire più ad assolvere la sua funzione portante, pertanto
la perdita di efficienza avviene per riduzione della sezione e non per
decadimento delle caratteristiche meccaniche e a seconda della specie
legnosa e delle dimensioni originarie della sezione la rottura può avvenire
in un tempo variabile fra alcuni minuti e alcune ore. A condizione che
venga realizzata una corretta progettazione e utilizzando opportune
precauzioni costruttive, le strutture di legno offrono un elevato grado di
sicurezza nei confronti del fuoco, permettendo di soddisfare una delle
regole fondamentali in materia di prevenzione incendi: evacuare in tempo
utile le aree colpite e intervenire opportunamente per riportare l'evento
sotto controllo. E quindi un materiale in un certo senso ‘leale’ che non
cede di schianto sotto l’azione del fuoco, ma svela apertamente,
attraverso il suo stato di consumazione e di incurvamento, lentamente
progressivo, le sue reali condizioni statiche. Inoltre, gli elementi di legno
non sono soggetti a fenomeni di dilatazione termica, deformandosi molto
316
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
poco se esposti al fuoco, di rammollimento che provocano i maggiori
dissesti nelle strutture ad armatura metallica, non rilasciano gas tossici
durante la combustione; per elementi di sezione limitata e quindi più
vulnerabili si possono adottare soluzioni per proteggerli dal fuoco,
limitarne l’azione, ritardarne l’infiammabilità. L’ignifugazione risulta un
provvedimento opportuno e indispensabile specie se il legno è usato in
pezzature di spessore sottile in modo da avere ritardi di accensione anche
fino ad un’ ora, rendendolo non infiammabile per un tempo
sperimentalmente determinato; quando invece ha funzioni portanti risulta
più semplice e meno costoso maggiorarne le sezioni resistenti in base alla
resistenza al fuoco che si vuole conferire, spessori determinabili nota la
velocità con cui procede la combustione nell’essenza adoperata. Infatti
poiché la superficie di separazione fra la parte combusta (costituita da
uno strato carbonioso a resistenza meccanica nulla) e la parte integra
(costituita dal legno incombusto che mantiene integre le originarie
caratteristiche meccaniche) si presenta di regola molto netta, è ovvio che
la diminuzione delle capacità portanti siano determinate unicamente dalla
diminuzione della sezione resistente. La protezione delle strutture in
legno può ottenersi sia ricoprendo le superfici esterne con vernici
ignifughe, che migliorano l’infiammabilità, o intumescenti, che
producono un effetto schiumogeno e rallentano la combustione alzandola
temperatura di ignizione, o altri rivestimenti isolanti, sia trattando il legno
con prodotti più propriamente ignifuganti, ossia capaci di interagire
negativamente sui fattori della combustione impedendola o ritardandola
per un determinato tempo. L’impregnazione dei legnami può avvenire in
autoclave sotto pressioni di 8 ÷ 20 bar per tempi da 1 a 24 ore, previa loro
essicazione sotto vuoto, trattamento che richiede apparecchiature
alquanto complesse, personale qualificato, onerosissimo, tanto da portare
al raddoppio del costo delle essenze ignifugate ed inoltre non tutte le
317
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
essenze si prestano al trattamento suddetto. Qualora non sia richiesta un’
impregnazione a tutto spessore si possono usare dei sali ignifuganti per
impregnare solo lo spessore necessario al tempo di resistenza al fuoco
che si vuole garantire; in questo caso l’impianto è più semplice, si opera a
90 ÷ 95 °C, procedendo a immersioni ripetute in bagni salini a
concentrazione differenziata a seconda delle essenze da trattare. Non è
possibile l’immersione diretta per pannelli di fibre, trucioli di legno,
paniforti e compensati dato che le soluzioni provocherebbero dei
rigonfiamenti che minerebbero la coesione ad essicazione avvenuta, per
cui in questo caso si ricorre all’ additivazione a secco dei sali con
accorgimenti particolari. I trattamenti di ignifugazione sono permanenti
se i materiali trattati sono al riparo dalle intemperie, se invece sono
soggetti alle intemperie si verifica una lenta perdita dei sali ignifuganti,
per cui è necessario proteggerli con vernici appropriate non infiammabili.
Nella pavimentazione dell’autobus troviamo come legno la betulla che è
un legno di tipo tenero o dolce avente cioè un peso specifico inferiore a
550 kg/m 3 , sotto forma di compensato multistrato di 12 mm costituito da
un insieme di fogli di legno sovrapposti, solitamente in numero dispari,
detti piallacci, ottenuti per sfogliatura del tronco, resi solidali mediante
incollaggio con resine sintetiche termoindurenti e pressatura a caldo; i
fogli vengono sovrapposti in modo tale che la senso delle fibre prevalente
degli strati contigui sia generalmente ad angolo retto in modo da
aumentare la resistenza meccanica e per compensare il naturale ritiro e la
tendenza del legno a imbarcarsi.
6.6
VETRO
I vetri [33],{39 e 40} sono ottenuti per consolidamento di masse liquide
senza che siano avvenuti i processi di cristallizzazione; pur mantenendo
318
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
lo stato amorfo e la perfetta isotropia dei liquidi, in seguito ad un enorme
aumento della viscosità nel corso del raffreddamento acquistano le
caratteristiche meccaniche e la rigidità tipiche delle sostanza solide. I
materiali utilizzati per la fabbricazione sono un miscuglio di silicati
alcalini (di sodio, potassio) con silicati di altre basi che a seconda delle
vari qualità dei vetri possono essere : calce, barite, magnesia, allumina,
ossido di piombo, ossido di zinco, di bismuto, di zirconio, ecc. Nell’
autobus le superfici vetrate esterne sono realizzate in cristallo temprato di
sicurezza (vale a dire che in caso di rottura non danno luogo a proiezione
di schegge a spigoli vivi con eventuale possibilità di danno alle persone)
color bronzo, mentre il parabrezza è un cristallo in vetro stratificato. Per
vetro temprato deve intendersi un vetro comune che dopo le operazioni di
foggiatura è stato portato a una temperatura (circa 700 °C) di poco
inferiore a quella di rammollimento e poi raffreddato bruscamente
mediante getti di aria. Si originano così nel materiale delle tensioni
interne che pongono la zona superficiale in compressione e le parti
sottostanti risultano in tensione, compensando in questo modo gli sforzi
di trazione che il materiale subisce quando è posto in opera. Il vetro
presenta così una maggiore resistenza agli urti e agli sbalzi termici e in
caso di rottura si frantuma in una miriade di frammenti assai piccoli
arrotondati e privi di pericolosità. Il vetro stratificato è invece un pannello
di vetro composto da almeno due lastre e uno strato intermedio e le lastre
sono saldate su tutta la superficie con lo strato intermedio durante il
procedimento di produzione. In conseguenza delle loro caratteristiche
strutturali i vetri non presentano una temperatura di fusione definita, ma
passano gradualmente dalla rigidità caratteristica dei solidi alla fluidità
dei liquidi attraverso un intervallo di temperatura piuttosto ampio, nel
corso del quale manifestano una progressiva diminuzione di viscosità.
Fornendo calore gradualmente a un vetro e a una sostanza cristallina si
319
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
nota che mentre per quest’ultima al di sotto della temperatura di fusione
t f il materiale è completamente solido e poi a t f la temperatura rimane
costante sino a che tutta la sostanza non sia diventata liquida, poi al di
sopra di t f è presente solo la fase liquida, per il vetro invece non si ha
nessun arresto nella variazione di temperatura e la curva del
riscaldamento mostra solo un cambiamento nell’inclinazione in
corrispondenza del graduale passaggio dallo stato rigido ad uno stato
pastoso ed infine liquido vero e proprio. Il comune vetro da finestra non
ha alcuna attitudine a resistere al fuoco e infatti a causa delle tensioni
interne generate da un riscaldamento non omogeneo o su di una faccia, si
rompe subito e negli incendi non offrono resistenza alcuna né all’azione
delle fiamme né ad un calore di irraggiamento o dei gas caldi dell’ordine
di 200 °C; il vetro comune inoltre fonde a temperature relativamente
basse (800 ÷ 1000 °C) e già a 400 °C incomincia a diventare pastoso. In
definitiva nonostante sia completamente incombustibile e non alimenti le
fiamme, una volta esposto al calore sopraggiunge la rottura a temperature
relativamente basse tendendo ad uscire poi dal telaio. Per quanto non
esistano vetri a prova di fuoco, con la combinazione dosata di vetri
speciali e altri materiali e grazie a forme appropriate si sono potute
realizzare soluzioni aventi un certo grado di resistenza al fuoco e che
garantiscono la tenuta dei fumi di combustione, ma non l’isolamento
termico a causa del calore d’irraggiamento. Riguardo alla valutazione e
classificazione di resistenza al fuoco degli elementi vetrificati trasparenti
o traslucidi si può fare riferimento alla norma UNI EN 357:2002.
6.7
I PRODOTTI TESSILI
E’ importante rilevare che, nella maggior parte degli incendi sui mezzi di
trasporto, i materiali d’arredo [106 a 108],{41} risultano uno dei fattori
320
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
più critici da tenere sotto controllo ed infatti le sedute imbottite e i
tendaggi rappresentano la gran parte del carico d’incendio. I prodotti
tessili, fra i materiali utilizzati per decorazione e arredamento,
rappresentano uno degli elementi più importanti da valutare nel
comportamento di fronte al fuoco, siano essi in fibre naturali o in fibre
man made, sono infatti quasi sempre di natura combustibile, perché
strutturalmente voluminosi, inglobanti aria e quindi più facilmente
soggetti all’innesco e alla propagazione della fiamma. Per tale motivo è
quindi opportuno utilizzare fibre, manufatti tessili o idonei trattamenti
dotati di un buon comportamento a contatto con il fuoco : la loro
funzione, oltre a quella decorativa, deve essere di opporre una prima
barriera all’insorgere e al propagarsi dell’incendio, ritardandone
l’innesco, bruciando più lentamente possibile, non emettendo fumi
pericolosi o tossici e possibilmente, autoestinguendosi. L’influenza dei
tessili nello sviluppo del fuoco è variabile in funzione delle diverse
applicazioni: tendaggi sospesi, mobili imbottiti, rivestimenti pareti,
pavimentazioni. Il successivo elenco mostra schematicamente le criticità
dei vari impieghi, correlandone il livello di rischio al tipo di utilizzo
specifico :
9 tende, tendaggi e materiali sospesi, è l’ applicazione più critica
perché : il calore sale verso l’alto, esposta all’aria su due lati,
soggetta a propagare le fiamme, diffusa in tutti gli ambienti;
9 materiali imbottiti, è un impiego molto critico perché : spesso è
la fonte d'innesco, dovuto alle cause più banali, fiamme libere,
mozziconi, scintille, particolarmente critico il c.d. "bedding;
9 rivestimenti delle pareti, la criticità dipende dalla modalità di
posa : se il tessuto è teso la pericolosità è pari a quella dei
tendaggi, se il tessuto è incollato su un supporto non combustibile
il pericolo è minore;
321
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
9 pavimentazioni è l’ impiego meno critico perché : in posizione
orizzontale, incollato a un supporto non combustibile, in pratica
l'incendio non si propaga, o lo fa con velocità ridotta consentendo
di intervenire per lo spegnimento.
Le disposizioni italiane su questo tema risalgono a quasi vent’anni fa,
datando il primo decreto ministeriale del giugno 1984. Con esso sono
stati stabiliti i metodi di prova da utilizzare per ottenere la certificazione
dei prodotti tessili, in relazione al loro comportamento al fuoco, a cura
dei laboratori legalmente riconosciuti e la successiva omologazione da
parte del Ministero dell’Interno. Le varie tipologie di tessili antifiamma,
disponibili sul mercato, possono essere classificate, in base alla natura
delle fibre componenti e ai conseguenti diversi livelli di performance dei
manufatti da esse derivati come :
9 non combustibili : realizzati con fibre di vetro, fibre minerali o
fibre metalliche, hanno eccellente reazione al fuoco ma scarse
proprietà tessili per cui il loro impiego è limitato;
9 resistenti al calore : realizzati con fibre al carbonio, fibre
aramidiche o fibre poliammidiche presentano ottima reazione al
fuoco, scarse proprietà tessili, costo assai elevato, impiego in
settori hi-tech;
9 intrinsecamente flame retardant : realizzati con fibre man made
intrinsecamente additivate con prodotti ignifughi hanno buona
reazione al fuoco, ottime proprietà tessili/estetiche, costo
accettabile dal mercato, impiego in tutti i settori normati;
9 tradizionali post-trattati : realizzati con fibre tradizionali e poi
trattati in superficie con prodotti ignifughi presentano sufficiente
reazione al fuoco, non permanente nel tempo, sensibile a lavaggi
ed abrasione.
322
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
A proposito invece delle fibre, il metodo più comune per la valutazione
del loro comportamento al fuoco è il cosiddetto L.O.I. (Limit Oxigen
Index), valore che, misurato con un test specifico, definisce la percentuale
di ossigeno necessario nell’ambiente per far avvenire la combustione di
un determinato materiale. Se si considera che, in condizioni normali, la
percentuale di ossigeno nell’aria è intorno al 21%, si può dire che le fibre
con un L.O.I. superiore a 28 (cioè, in qualche modo, più “affamate” di
ossigeno) hanno un buon comportamento flame retardant.
Tabella 63 : Indice LOI per diversi tipi di fibre
E’ necessario comunque ricordare che l’indice L.O.I. non garantisce da
solo il superamento dei singoli test per i vari utilizzi ed infatti giocano un
ruolo importante anche il peso, la struttura e il finissaggio del tessuto;
come si può vedere dalla tabella, esiste un gruppo di fibre di facile
323
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
infiammabilità, caratterizzate da un indice L.O.I. compreso tra 18-20
(acrilico, cotone, polipropielene) e 22 (poliammide e poliestere). Tuttavia
per queste ultime due fibre bisogna sottolineare come, nonostante il
valore relativamente basso, sia possibile utilizzarle in quei settori in cui le
condizioni d’uso e i test relativi non sono particolarmente critici. Esistono
inoltre diverse fibre caratterizzate da valori compresi tra 28 e 31 che
hanno avuto la maggiore diffusione per la produzione di manufatti tessili
destinati agli utilizzi più diversi in tutti gli ambienti a rischio, sottoposti
alle specifiche normative sulla prevenzione incendi, perché, a proprietà di
reazione al fuoco adeguate, uniscono costi, doti di processabilità e qualità
tessili ed estetiche adatte alla maggior parte delle esigenze espresse dal
mercato.
Queste fibre, spesso contraddistinte dalla sigla FR, grazie alla loro
struttura molecolare ottenuta durante il processo di polimerizzazione,
hanno il vantaggio di conferire ai tessuti proprietà ignifughe permanenti,
esplicando un’azione di ritardo o di inibizione della fiamma.
I processi chimici attraverso i quali si raggiungono tali risultati, dovuti
alla incorporazione, direttamente nel polimero, di particolari additivi,
agiscono incrementando la quantità di calore necessaria per la pirolisi,
rendendo così necessarie per la combustione fonti di calore più intense,
facilitando la produzione di prodotti volatili incombustibili, riducendo la
quantità e la velocità di formazione dei gas combustibili, favorendo,
durante la pirolisi, l’emissione di prodotti volatili inibitori di ossidazione,
in grado di rallentare la combustione.
Un livello ancora superiore di L.O.I. (da oltre 30 a 50) caratterizza un
terzo gruppo di fibre, quelle resistenti al calore, quali le fibre di carbonio,
le fibre aramidiche e altre costituite da polimeri a nuclei aromatici o
ciclici condensati. I prodotti tessili con esse realizzati, nella
decomposizione,
tendono
a
carbonizzare
324
e
non
emettono
gas
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
infiammabili. Sono manufatti tecnici di costo elevato, che richiedono
particolari accorgimenti per la produzione e la trasformazione, di
conseguenza il loro impiego, per altro in significativa crescita, è riservato
a settori specifici, che sono disposti a pagare il prezzo di prestazioni
superiori, frutto dell’alta tecnologia.
Nel trasporto su gomma è stata emessa una direttiva denominata 95/28
CE del Parlamento Europeo (del Consiglio del 24/10/1995) relativa al
comportamento alla combustione dei materiali usati per l’ allestimento
interno di talune categorie di veicoli a motore, che si applica agli autobus
extraurbani superiori a 25 posti a sedere. I materiali vengono omologati e
in tal modo possono essere commercializzati all’interno dell’ Unione
Europea attraverso un certificato che deve essere emesso dal Ministero
dei Trasporti dei singoli Paesi e non attraverso enti ed organismi
notificati. Le prove richieste sono in riferimento all’impiego dei materiali
e rispettano le possibili condizioni di innesco e di propagazione che si
possono verificare, quindi sono previste prove di propagazione verticale
per le tendine, prove di propagazione orizzontale per tutti i materiali di
allestimento ad esclusione di quelli per cui è previsto il gocciolamento
(come allestimenti del tetto) e per le cappelliere.
6.8
MATERIALI COMPOSITI
Il termine composito indica un materiale composto [109 a 111], {42 a 44}
da più fasi; un composito fibroso è costituito da due fasi : una fase detta
matrice che ne determina le caratteristiche di riconoscimento e una fase
filiforme detta fibre che determina le caratteristiche meccaniche. Possono
aversi sia matrici che fibre di natura metallica, ceramica e polimerica
dalla cui unione ne risultano delle proprietà finali non presenti in nessuno
dei materiali costituenti il composito.
325
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
I compositi fibrosi sono classificati a seconda del tipo di matrice in
metallici e ceramici, polimerici; quest’ ultimi sono quelli tuttora più
utilizzati e sono appunto costituiti da una matrice polimerica (o di tipo
termoindurente TI o termoplastica TP o una terza classe indicata come
resina espansa) e fibre di vario tipo. Le matrici TI (poliestere o
epossidica) sono quelle per ora più utilizzate, mentre l’uso di matrici TP,
inizialmente relegato al solo settore aeronautico, sta ampliando il raggio
d’azione ad altri settori. Nel settore dei trasporti l’interesse verso i
compositi è stato rallentato da due caratteristiche critiche quali i costi di
produzione e i ritmi produttivi; infatti la necessità di passare attraverso la
polimerizzazione della matrice rende il processo di fabbricazione in
genere lento o difficilmente velocizzabile per cui i ritmi di produzione
sono difficilmente paragonabili con quelli produttivi relativi per esempio
allo stampaggio di lamiere metalliche, anche se alcune tecnologie stanno
evolvendo verso maggiori velocità di produzione. Per i costi c’è da dire
che sebbene i costi unitari dei compositi possono essere maggiori di
quelli relativi ai materiali tradizionali, bisognerebbe riferirsi all’intero
ciclo di vita per il computo esatto del costo, includendo anche le altri voci
del costo globale quali costo del trasporto, manutenzione, riparazione,
montaggi, resistenza alla corrosione o ad atti vandalici. Pertanto
l’utilizzazione risulta attraente nel caso siano richiesti materiali leggeri
con caratteristiche elevate come nel caso della testata di motrice per treni
ad alta velocità in cui l’ alleggerimento rende meno costosa la costruzione
e offre maggiori soluzioni di design conformi alle richieste del mercato.
La resistenza al calore e al fuoco dei materiali compositi è da sempre
conosciuta come il punto debole tra le proprietà dei materiali compositi a
matrice polimerica. Pur premettendo che ciò sia sostanzialmente vero.
Occorre ricordare gli enormi progressi fatti negli ultimissimi sviluppi
tecnologici dei polimeri riguardo a una delle caratteristiche di maggior
326
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
importanza concreta sull’argomento di resistenza al calore dei compositi,
cioè l’emissione di fumi pericolosi. E’ infatti questo aspetto che interessa.
Anche se non esaustivamente, per gli aspetti di sicurezza. Esistono infatti
polimeri con bassa remissività che danno forti garanzie sugli aspetti di
sicurezza. Inoltre, è possibile aggiungere alla matrice additivi ignifughi,
ma la loro reale efficacia è legata alle proprietà reologiche della resina, in
quanto la fase di impregnazione può diventare maggiormente complicata
e non sempre permette di elevare la quantità di fibre.
6.8.1
I materiali compositi polimerici
In seguito ad incendio i materiali compositi polimerici [89] possono
fornire una abbondante quantità di idrocarburi, per cui il materiale stesso
può
considerarsi
una
sorgente
di
combustibili
che
determina
innalzamento della temperatura e la crescita del fuoco anche dopo che la
sorgente originale del combustibile è estinta. Per cui quando il composito
è riscaldato a una temperatura sufficientemente alta, nell’ intervallo tra
350 e 600 °C nella maggior parte dei casi, la matrice polimerica e se
presenti le fibre organiche si decompongono termicamente dando luogo a
produzione di gas infiammabile. La decomposizione da luogo a una serie
di reazioni che rompono le catene polimeriche in elementi a più basso
peso molecolare che si diffondono all’interno della fiamma e a seconda
della composizione chimica e molecolare del polimero, le reazioni di
degradazione termica possono procedere secondo diverse modalità. La
maggior parte di resine organiche e fibre usate nei compositi si degradano
secondo un processo di scissione a catena casuale, che inizia solitamente
dove è presente una irregolarità della catena dovuta alla presenza di
legami più deboli, determinando la rottura delle lunghe catene organiche
in piccoli frammenti. I polimeri possono anche decomporsi secondo altri
327
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
processi come la depolimerizzazione che determina la rotture delle catene
in monomeri e la scissione a partire dalla catena finale lungo l’intera
lunghezza
della
catena
fino
alla
degradazione
completa.
Indipendentemente dal processo di decomposizione, quando la tensione
di vapore e il peso molecolare dei frammenti della catena polimerica
diventano sufficientemente piccoli, diffondono nella fiamma; la maggior
parte dei gas coinvolti sono idrocarburi volatili che risultano altamente
infiammabili per cui divengono a loro volta combustibile in grado di
sostenere la fiamma. A seconda della natura chimica dei polimeri si
volatilizza tra il 30% e 100% della matrice organica e delle fibre e quindi
gran parte dei componenti dei compositi può provvedere allo sviluppo di
abbondanti gas infiammabili. Nella combustione dei gas si determina la
formazione di radicali altamente attivi H che combinandosi con
l’ossigeno nella fiamma producono radicali idrossilici che a loro volta
combinandosi con il monossido di carbonio danno luogo a radicali di tipo
H, innescando un processo, detto ciclo di combustione dei polimeri
organici, che si autosostiene quando vi è sufficiente quantità di ossigeno e
si ferma solo quando la sorgente di combustibile si esaurisce ossia i
componenti organici del composto si sono completamente degradati.
Il comportamento al fuoco dei materiali compositi
è governato da
processi chimici legati alla decomposizione termica della matrice
polimerica e se presente delle fibre organiche. Quando il materiale viene
esposto ad un elevato flusso di calore irradiato dal fuoco, il materiale
polimerico e le fibre organiche si decompongono termicamente in gas
volatili, sostanze carbonifere e fumo. I volatili, composti sia da vapori e
gas infiammabili (CO, metano e composti organici a basso peso
molecolare), sia non infiammabili (anidride carbonica e acqua),
diffondono nella zona delle fiamme dove i volatili infiammabili
reagiscono con l’ossigeno presente nell’ atmosfera del fuoco conducendo
328
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
alla formazione dei prodotti finali della combustione (CO 2 , H 2 O,
particelle di fumo e piccole quantità di CO), accompagnata dal rilascio
del calore. Affinché il processo si autosostenga è necessario che una
sufficiente quantità di calore ritorni al composito per continuare la
produzione di gas infiammabili.
I principali danni subiti dai laminati sono la formazione di sostanze
carbonifere, rammollimento, degradazione della matrice e delle fibre
organiche e de laminazione e rottura della matrice. Sottoponendo un
composito da un lato a riscaldamento, la superficie calda direttamente
esposta al fuoco è la prima regione a decomporsi in carbone, il contenuto
polimerico in questa regione è trascurabile perché la matrice si è
completamente degradata e qualunque residuo organico si è condensato
in carbone.
Figura 71 : Sezione di un laminato danneggiato dal fuoco mostranti le diverse zone di danno
Al di sotto della zona carbonifera vi è una zona sottile chiamata zona di
decomposizione dove la matrice polimerica è stata riscaldata al di sotto
della temperatura di decomposizione della reazione ma al di sotto della
temperatura di formazione del carbone. In questa regione la matrice è
parzialmente degradata, generalmente dalla scissione delle catene in
329
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
frammenti ad alto peso molecolare che sono troppo pesanti per
vaporizzare; comunque il processo di decomposizione non è completo e
quindi la matrice non è stata ridotta a sostanze carbonifere e gas di
combustione. Al di sotto della zona di decomposizione il composito
contiene delle cricche di delaminazione tra gli strati. La regione più
vicina alla superficie fredda del è laminato non è interessata dal fuoco
perché
la temperatura è troppo bassa per causare qualunque
rammollimento e decomposizione della matrice. Col proseguimento
dell’esposizione al fuoco le zona di decomposizione e carbonifera si
muovono progressivamente verso la superficie non esposta ed
eventualmente la matrice polimerica viene completamente degradata in
carbone. La formazione di strati carboniferi è un importante processo
perché può promuovere un significativo ritardo della fiamma; i polimeri
con notevole produzione di prodotti carboniferi generalmente posseggono
un tempo più lungo di ignizione, un più basso tasso di rilascio del calore e
di propagazione della fiamma e generano meno fumi e gas tossici di un
polimero a più basso tasso di formazione di prodotti carboniferi. Questi
prodotti possono anche migliorare la resistenza al fuoco limitando
l’accesso dell’ossigeno dall’atmosfera alla regione del composito in
decomposizione e rallentare la combustione. Inoltre possono agire come
barriera contro il flusso dei volatili dalla zona di decomposizione
rallentando l’ignizione, la velocità della fiamma e riducendo il tasso di
rilascio del calore.
Infine possono aiutare a garantire l’integrità
strutturale del composito danneggiato dal fuoco mantenendo le fibre in
luogo dopo che la matrice è stata danneggiata.
330
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
6.8.1.1
Proprietà di reazione al fuoco dei compositi
polimerici
Di seguito si descrivono alcune proprietà di reazione al fuoco dei
materiali compositi polimerici rinforzati con fibre :
Tempo di ignizione : l’ignizione definisce l’inizio della combustione con
fiamma; le resine organiche, comunemente utilizzate nei compositi,
possono prendere fuoco entro un tempo molto breve di esposizione al
fuoco. In seguito all’accensione. I compositi spesso bruciano con fiamme
ad alte temperature che contribuiscono a una rapida diffusione del fuoco.
L’accensione si verifica solitamente quando la superficie del composito
esposto al fuoco viene riscaldata alla temperatura di transizione
endotermica della matrice polimerica; la reazione di decomposizione
termica della matrice produce gas volatili infiammabili che fluiscono dal
composito verso la fiamma. Quando la quantità di volatili all’interfaccia
composito-fuoco raggiunge una composizione critica l’accensione e la
combustione con fiamma hanno inizio. Molti dei volatili vengono
generati dalla decomposizione endotermica della matrice polimerica e a
seconda del tipo di resina, possono includere una miscela di componenti
infiammabili come monossido di carbonio, vapore di stirene composti
aromatici e altri idrocarburi a basso peso molecolare. Si definisce quindi
tempo di ignizione il tempo minimo per promuovere l’ignizione e
continuare a produrre le fiamme per un materiale combustibile quando è
esposto a un flusso esterno di calore e dipende da diversi fattori :
disponibilità di ossigeno, la temperatura, le proprietà chimiche e
termofisiche della matrice polimerica e fibre di rinforzo.
HRR : è il tasso di rilascio del calore ossia è l’energia termica prodotta
per unità di superficie quando i prodotti infiammabili prendono fuoco e
bruciano in vicinanza di un materiale incendiato o soggetto a un flusso di
calore. Il picco di HRR si verifica in un breve periodo di tempo e spesso
331
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
immediatamente dopo immediatamente dopo l’accensione ed è un buon
indice della massima infiammabilità del materiale. Il profilo dell’HRR
varia considerevolmente nel tempo per effetto di eventi chimici e termici
che si verificano all’esposizione al fuoco. Nella figura viene mostrato un :
Figura 72 : Profilo del tasso di rilascio del calore per composito
1) evento A, periodo di iniziale induzione, durante il quale il composito
non rilascia alcun calore perché il tempo di esposizione al flusso di
calore esterno è insufficiente a riscaldarlo alla temperatura di
decomposizione della reazione;
2) evento B, successivamente si verifica un rapido incremento di HRR
dovuto all’ improvviso rilascio di calore dall’accensione dei volatili
infiammabili rilasciati dal film superficiale ricco di resina sul
composito;
3) evento C, la curva continua a crescere fino a un picco dopo il quale
l’HRR decresce progressivamente nel tempo per la formazione e
crescita dei prodotti carboniferi in superficie, che riducono l’HRR in
due modi : da un lato agiscono da isolante termico che ritarda il
trasferimento del calore ai materiali vergini sottostanti e perciò
rallenta la reazione di decomposizione, dall’altro limitano la
formazione di gas combustibili al fronte di fiamma;
332
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
4) evento D, l’HRR diventa trascurabile quando la matrice polimerica è
completamente degradata.
Perdita di massa : è una misura quantitativa della quantità di materiali
che si decompongono nel fuoco; nel diagramma seguente vengono
mostrate :
Figura 73 : Curve di perdita di massa per compositi
le diminuzioni di peso nel tempo per alcuni materiali esposti a un flusso
di calore costante di 50kW/m 2 . Le curve individuano 4 distinte regioni
identificate dagli stadi da I a IV ciascuno rappresentante un differente
evento nella risposta al fuoco del materiale. Lo stadio I rappresenta un
periodo molto breve in cui il composito esposto al fuoco non subisce
riduzioni di peso in quanto non ha ancora raggiunto la temperatura della
reazione di decomposizione della matrice polimerica. Lo stadio II è
caratterizzato da una rapida perdita di massa con l’aumentare del tempo
per
effetto
della
decomposizione
endotermica
della
matrice.
Successivamente nella III fase una variazione nella perdita di massa si
verifica in quanto gran parte della matrice polimerica è stata degradata e
solo una piccola regione di materiale vergine non è influenzata dal fuoco.
Nello stadio IV la curva della perdita di massa raggiunge un valore
333
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
minimo costante perché la matrice polimerica è stata consumata e questa
rappresenta la massa finale del laminato degradato. La perdita di massa è
anche più alta quando fibre combustibili vengono usate in un composito
poiché il rinforzo si decompone insieme alla matrice di resina.
FUMI : uno dei principali problemi di sicurezza con i compositi
polimerici è la generazione di un denso fumo in un incendio; il fumo
prodotto da un composito che sta bruciando è un mix di piccoli
frammenti di fibre e particelle ultrasottili di carbone. Il fumo può essere
estremamente denso, riducendo la visibilità, causando disorientamento e
rendendo difficile combattere il fuoco. Il tipo di resina, il flusso di calore
del fumo e le fibre di rinforzo possono influenzare la quantità di fumi
rilasciati dal composito, ad esempio incrementando il contenuto di fibre,
diminuisce la massima quantità di fumo in quanto meno materiale
organico è disponibile per produrre fumo.
Tossicità dei fumi : la tossicità dei gas rilasciati durante la combustione è
l’elemento che determina i maggiori rischi di salute, infatti è riconosciuto
che la principale causa di morte è appunto la tossicità dei prodotto di
combustione e il gas più pericoloso è il monossido di carbonio. La
quantità di CO prodotta dal composito che brucia dipende dalla
composizione dei costituenti organici, la temperatura del fuoco, la
disponibilità di ossigeno ma anche livelli molto bassi di CO possono
causare soffocamento o morte che si verifica entro un’ora quando la
concentrazione nell’aria di CO raggiunge circa 1500 ppm. Diversi altri
gas possono essere prodotti durante la combustione dei materiali
compositi ed inoltre anche le fibre organiche generano gas tossici, nella
tabella seguente si riporta la concentrazione di gas combusti per vari
laminati termoplastici e termoindurenti :
334
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
Tabella 64 : Gas combusti rilasciati da un composito
LOI : l’indice di limitazione dell’ossigeno è definito come la minima
percentuale di ossigeno necessaria a sostenere la combustione con
fiamma e può essere considerata una misura della facilità di
autoestinzione del materiale che brucia; la figura mostra i valori di LOI
per alcuni materiali compositi :
Figura 74 : LOI per vari materiali compositi
Si nota che i compositi altamente stabili o i polimeri aromatici hanno un
più alto valore dell’ indice, inoltre esso per i polimerici si incrementa con
la loro capacità di dar luogo a prodotti carboniosi in un incendio in
quanto la formazione di quest’ultimi si verifica a spese dei combustibili
volatili, che incrementano il livello di ossigeno richiesto per sostenere la
combustione con fiamma. Il LOI oltre che dalla matrice polimerica è
335
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
influenzato da altri fattori quali il grado di trattamento delle resine, dal
contenuto e dall’infiammabilità delle fibre di rinforzo.
Propagazione della fiamma in superficie : è la velocità con la quale la
fiamma si propaga sulla superficie di un materiale combustibile, ed è un
fattore critico nella crescita e diffusione dell’incendio. Per effetto dell’alta
infiammabilità di molti compositi esiste un serio problema di sicurezza
inerente le fiamme che rapidamente si diffondono e quindi incrementano
la difficoltà di contenimento ed estinzione di un incendio. In figura si
riporta il tempo impiegato dal fronte di fiamma a diffondersi attraverso il
composito a partire dal punto di ignizione :
Figura 75 : Propagazione della fiamma superficiale nel tempo
Mentre per alcuni materiali si evidenzia una rapida propagazione della
fiamma a causa dell’elevata infiammabilità degli stessi, per altri si nota
che la fiamma è incapace di diffondere nel laminato che può così
considerarsi come un materiale autoestinguente.
Resistenza al fuoco : descrive la capacità di un materiale o una struttura
di resistere alla propagazione del fuoco e di mantenere l’integrità fisica e
meccanica; nella figura successiva ad esempio viene riportata una curva
che mostra l’incremento di temperatura sulla faccia non esposta al fuoco
di un provino laminato in funzione del tempo di esposizione al fuoco (una
fornace alla T di 850 °C).
336
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
Figura 76 : Temperatura media sulla faccia non esposta al fuoco
Si nota che, l’aumento della temperatura sulla superficie non esposta di
un laminato fenolico nei primi 30 ÷ 40 minuti di prova di resistenza al
fuoco in fornace è più basso che per un composito poliestere per effetto
della maggiore resistenza all’ infiammabilità della matrice fenolica.
Successivamente la temperatura del laminato fenolico si incrementa
molto più rapidamente per una de laminazione esplosiva causata da un
incremento di pressione interna dovuto alla vaporizzazione dell’acqua
intrappolata nella matrice polimerica. La resistenza al fuoco di un
materiale combustibile
è spesso definita dal tempo impiegato dalla
superficie sottostante a raggiungere i 160 °C in cui l’ incendio ha
probabilità di espandersi agli ambienti vicini. Nella figura seguente viene
comparata la resistenza al fuoco di differenti laminati sottoposti a 1100
°C.
337
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
Figura 77 : Comparazione resistenza al fuoco per diversi compositi
Si nota che il tempo per raggiungere i 160 °C si incrementa rapidamente
con lo spessore del pannello e se si utilizzando sezioni sottili molti tipi di
compositi sono in grado di resistere a temperature severe per un tempo
considerevole grazie alla loro bassa conducibilità termica e alla natura
endotermica della reazione di decomposizione della resina che rallenta la
trasmissione del calore attraverso il composito. Si nota che i laminati
fenolici hanno una resistenza al fuoco superiore per effetto della loro
propensione a produrre residui carboniosi che agiscono da isolante verso
la rapida trasmissione del calore. Altri studi eseguiti sui compositi a
sandwich hanno mostrato che la resistenza al fuoco può essere migliorata
notevolmente mediante l’uso di materiali aventi un’anima resistente al
fuoco a bassa densità e a bassa conducibilità termica che può essere
altamente efficace nel ridurre la trasmissione del calore, per cui questi
compositi sono da preferirsi ai singoli laminati nelle applicazioni ad alta
resistenza al fuoco. Infine un’altra importante proprietà della resistenza al
fuoco può considerarsi la resistenza alla penetrazione che è il tempo
impiegato dal un incendio o una fiamma diretta a penetrare nel
composito.
338
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
6.8.1.2
Risposta del composito al fuoco
Vediamo ora la sequenza di eventi che si verificano quando un composito
è esposto ad una fiamma ad alta temperatura :
Figura 78 : Risposta alla temperatura di un composito
Quando un flusso di calore viene applicato a un lato di un composito
polimerico il primo evento è la conduzione del calore all’interno del
materiale; il tasso di conduzione del calore dipende dall’influenza del
flusso di calore e dalla diffusività termica del composito vergine, bassa
nei materiali compositi, specialmente nella direzione di attraversamento
dello spessore, per cui un gradiente di temperatura a gradini può
svilupparsi attraverso il materiale. La conduzione del calore attraverso un
composito è causa di espansione o contrazione a seconda della
temperatura : al di sotto della temperatura di transizione vetrosa della
matrice
polimerica,
l’ammontare
della
espansione
dipende
dal
coefficiente lineare di dilatazione termica del materiale vergine, inoltre
per effetto del gradiente termico attraverso il materiale l’espansione non
sarà uniforme nella direzione dello spessore essendo più grande sulla
superficie calda e riducendosi con la distanza al di sotto della superficie.
La conduttività termica di alcuni tipi di fibre di carbonio è anisotropa e se
riscaldate si espanderanno nella direzione trasversale e contrarranno nella
339
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
direzione assiale per cui è possibile che un materiale a fibra di carbonio
espanda nella direzione dello spessore e simultaneamente si contragga
nella direzione planare. Al di sotto della temperatura di decomposizione
della matrice polimerica il trasferimento si verifica principalmente per
conduzione con una piccola quantità di energia che viene assorbita
nell’espansione termica. Quando la superficie di un materiale composito
raggiunge una temperatura sufficientemente alta la matrice polimerica e
le fibre organiche incominciano a decomporsi; la temperatura di
decomposizione dipende dalla composizione e stabilità chimica del
materiale organico, dal tasso di riscaldamento e dall’atmosfera del fuoco,
sebbene tipicamente è all’interno del range 250 ÷ 400 °C. All’aumentare
della temperatura la matrice organica e le fibre vengono degradate in una
sequenza di reazioni endotermiche che usualmente si verificano per
scissione casuale delle catene (e scissione della catena finale e strappo
della catena). Queste reazioni producono prodotti gassosi a basso peso
molecolare ed eventualmente il materiale organico è completamente
degradato a residui carboniosi porosi. I prodotti volatili della reazione
fluiscono attraversano strati carboniosi verso la superficie calda del
composito. Con l’innalzarsi della temperatura in superficie i volatili
possono decomporsi mediante reazioni secondarie in specie di gas più
piccoli. Riscaldando di 100 ÷ 150 °C si determina anche la vaporizzazione
di misture presenti nella matrice polimerica; la vaporizzazione della
mistura assorbita dalle fibre aramidiche si verifica in questo range di
temperature. Le reazioni di decomposizione di molte matrici polimeriche
e fibre organiche sono endotermiche e quindi ritardano la conduzione del
calore nella zona di reazione. La volatilizzazione di acqua presente nel
laminato avrà simile effetto di raffreddamento nella conduzione del
calore. I prodotti volatili delle reazioni e le miscele vaporizzate vengono
inizialmente intrappolate per effetto della bassa permeabilità ai gas dei
340
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
compositi e questo conduce a un rapido incremento della pressione
interna e una larga espansione del materiale. La pressione del gas entro i
laminati in decomposizione può anche raggiungere le 200 atm. Poiché la
matrice polimerica è riscaldata al di sopra della temperatura di transizione
vetrosa, la pressione esercitata dai gas intrappolati può portare alla
formazione di pori riempiti di gas, delaminazione e cricche della matrice.
Se la matrice diviene sufficientemente porosa e con cricche, i prodotti
volatili e il vapore d’acqua fluiscono attraverso la regione degradata del
composito e nella zona del fuoco. Questo flusso esterno di gas caldi ha un
effetto raffreddante per convezione, per cui attenua la conduzione del
calore nella zona di reazione. La capacità di raffreddamento dei gas di
pirolisi dipende dalla capacità di calore dei gas : più è alta questa capacità
maggiore è l’effetto di raffreddamento. In aggiunta quando i gas
raggiungono la superficie calda del composito possono formare uno stato
termico protettivo (in assenza di processi esterni di convezione come
flussi d’aria). I gas possono anche diffondere nel composito vergine
sebbene, per la bassa permeabilità dei gas, questo processo è considerato
più lento del flusso verso l’esterno. La decomposizione della matrice
polimerica e delle fibre organiche continua finché la zona di reazione
raggiunge la faccia posteriore del laminato dove l’ultima parte del
materiale combustibile si degrada a sostanze volatili e residui carboniosi.
A questo stadio il processo di decomposizione finisce a meno che la
temperatura non sia alta a sufficienza per indurre reazioni di pirolisi tra le
fibre e le sostanze carboniose. Quando la temperatura supera i 1000 °C i
prodotti carboniosi possono reagire con la silice contenuta nelle fibre di
vetro determinando una notevole perdita di massa. In caso di compositi a
fibre di carbonio, le fibre e i prodotti carboniosi possono ossidare quando
esposti al fuoco in un ambiente ricco di ossigeno. Il processo che si
verifica quando un polimero laminato è esposto a un alto flusso di calore
341
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
è schematizzato nella figura che mostra le temperature approssimative
alle quali i differenti processi si verificano in un composito polimerico
vetroso. Spesso la situazione è più complessa con sandwich in quanto il
materiale del cuore ha una larga influenza sulla risposta al fuoco.
L’infiammabilità dei materiali compositi può ridursi rompendo o
rallentando le reazioni a catena multipla del ciclo di combustione. I
polimeri a ritardanti di fiamma operano rompendo il ciclo in uno dei
seguenti modi :
1) modificando il processo di degradazione termico per ridurre la
quantità e/o il tipo di gas infiammabile;
2) la generazione di gas decomponibili che spengono le fiamme
rimuovendo i radicali;
3) la riduzione della temperatura del materiale modificando la sua
conduzione del calore e/o le proprietà del calore specifico.
6.9
GLI ISOLANTI TERMICI
Con il temine isolante termico si definiscono tutti i materiali che
riducono sensibilmente il passaggio di calore da un corpo ad un altro a
temperatura inferiore. I materiali con struttura porosa (lane minerali e di
legno, polistirene espanso, poliuretani, resine fenoliche, sughero, ecc.)
sono particolarmente adatti per il contenimento delle dispersioni per
conduzione; mentre quelli con superficie chiara e riflettente sono indicati
per ridurre la quantità di energia trasmessa per irraggiamento. E’
possibile suddividere gli isolanti in tre raggruppamenti con riferimento
alla loro natura e precisamente : minerali, vegetali e sintetici. Nella
tabella seguente sono indicati quelli di più comune utilizzo e le relative
caratteristiche raggruppati appunto secondo tale criterio.
342
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
Tabella 65 : Caratteristiche dei principali materiali isolanti
Raggruppamento
Principali materiali
Massa
Conduttività
volumica
[W/m °C]
media
3
[kg/m ]
Isolanti minerali
Isolanti vegetali
Isolanti sintetici
6.9.1
Lana di vetro o di roccia
20 ÷ 300
0,041
Pannelli a base di perlite
170 ÷ 190
0,058
Vermiculite
200 ÷ 500
0,10 ÷ 0,19
Vetro cellulare
120 ÷ 180
0,050 ÷ 0,063
Pannelli isolanti in fibra di legno
250 ÷ 300
0,065
Paglia compressa
300 ÷ 400
0,12
Sughero espanso
100 ÷ 250
0,042 ÷ 0,048
Polistirolo espanso
9 ÷ 40
0,029 ÷ 0,044
Poliuretano rigido
30 ÷ 80
0,029 ÷ 0,033
Schiume formo-fenoliche
30 ÷ 100
0,044
PVC espanso
25 ÷ 48
0,031 ÷ 0,034
Schiume urea-formaldeide
9 ÷ 12
0,035
Schiume di poliisocianurati
38
0,027
Comportamento al fuoco degli isolanti
Il comportamento al fuoco dei materiali isolanti dipende ovviamente dalla
loro natura chimica. I materiali inorganici come le argille espanse o i
pannelli minerali sono incombustibili e pertanto non presentano alcun
problema per la prevenzione incendi. I pannelli di vermiculite e di perlite
possono anche diventare combustibili se il loro contenuto di legante
organico supera un certo limite, specialmente per la perlite combinata con
fibre cellulosiche. Anche le fibre minerali presentano questo problema.
Sia per la lana di vetro che per la lana di roccia quando il contenuto di
legante supera un certo valore, espresso in questo caso in Kg per m 3 di
pannello. I materiali più critici da questo punto di vista sono gli espansi
plastici, che sono tutti combustibili. Pertanto per essere utilizzati essi
devono essere additivati con ritardanti di fiamma ed in questo modo
343
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
riescono a piazzarsi nelle migliori classi di reazione al fuoco, sia in Italia
che nei principali Paesi europei. Le schiume termoplastiche, come il
polistirolo espanso, si ritirano rapidamente quando sono in vicinanza di
un fuoco e se sono opportunamente additivate con sostanze antifiamma,
si sottraggono alla sorgente d’innesco senza accendersi. Le schiume
termoindurenti invece non si ritirano di fronte al calore, perché hanno una
struttura tridimensionale reticolata, però i tipi a ritardanti di fiamma
presentano
un’elevata
tendenza
a
carbonizzare,
formando
un’intumescenza che in genere riesce a spegnere la fiamma. Fra gli
espansi plastici per isolamento termico, quelli di gran lunga più usati
sono il polistirene e il poliuretano, a cui seguono le resine fenoliche, il
PVC (cadorite), l’ureaformaldeide, il polietilene. Possiamo suddividerli
quindi in :
9 Isolanti minerali : per loro natura non sono combustibili (classe 0).
Ciò nonostante, alcuni manufatti (pannelli rigidi, materassini) non
sempre possono essere definiti tali perché ottenuti con l’aggiunta
di sostanze combustibili, ad esempio, carta o cartone. Questo
inconveniente, pur non alterando sostanzialmente il carico
d’incendio (la parte combustibile solitamente è contenuta entro
modesti quantitativi), ha conseguenze negative per quanto riguarda
la propagazione dell’incendio.
9 Isolanti vegetali : sono combustibili e il loro comportamento al
fuoco può tuttavia essere sostanzialmente alterato sia in senso
positivo sia negativo, per la presenza di sostanze diverse (leganti,
ignifuganti).
9 Isolanti sintetici : anche questa categoria di isolanti è
combustibile; la loro temperatura di accensione è generalmente
inferiore a 500 °C. In caso di sinistro, un certo numero di questi
prodotti risulta maggiormente pericoloso perché presenta : elevata
344
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
velocità di propagazione della fiamma, gocciolamento che può
contribuire
anche
in
modo
decisivo
alla
propagazione
dell’incendio, emissione di fumi tossici e corrosivi. Gli espansi
risultano peggiori, in termini di comportamento al fuoco, rispetto
alle materie plastiche compatte di pari natura. Frequentemente
questi isolanti sono posti in opera con rivestimenti protettivi non
combustibili che, se di caratteristiche adeguate, possono ridurne
sensibilmente la pericolosità. A questo proposito, però, occorre
ricordare che strati protettivi di modesto spessore come, ad
esempio, un foglio di alluminio, hanno una effettiva validità solo
nella fase iniziale di incendio, mentre nelle fasi successive
potrebbero influire negativamente, rendendo meno agevole lo
spegnimento del sottostante materiale isolante, qualora questo
prendesse fuoco. Di ciò si tiene conto nella determinazione della
classe di reazione al fuoco.
Gli isolanti ed i materiali combustibili vengono talvolta ignifugati per
migliorarne la reazione al fuoco nella fase iniziale di incendio
(l’ignifugazione non rende un materiale incombustibile quando tale non è
per sua natura) attraverso tecniche di superficie, ad esempio mediante
vernici ignifuganti, intumescenti, o di volume, aggiungendo agenti
ignifuganti nella massa in fase di produzione oppure inglobati a
pressione.
6.9.1.1
Polistirene Espanso Sinterizzato
Il Polistirene Espanso Sinterizzato (EPS) è un materiale espanso rigido di
peso ridotto a celle chiuse, ottenuto per polimerizzazione dello stirene,
monomero additivato con agenti espandenti (pentano) e sostanze che gli
conferiscono una buona resistenza al fuoco (classe 1). La conduttività
termica è la principale caratteristica dell’EPS ed è favorita dal fatto che
345
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
esso è costituito da aria per il 98%; quest'aria è rinchiusa in celle tanto
piccole da impedirne i moti convettivi pertanto la trasmissione del calore
può avvenire solo per conduzione, molto bassa nell' aria e per
irraggiamento, la quale si riduce rapidamente al moltiplicarsi degli
schermi composti dalle pareti delle celle. L'aria interna restando in
equilibrio con quella esterna, rende stabile la conducibilità termica nel
tempo. Per quanto concerne il comportamento al fuoco l' EPS è di sua
natura un materiale combustibile infatti la reazione al fuoco dell’EPS è in
relazione, da una parte, con la sua natura chimica di idrocarburo,
dall’altra con la sua particolare struttura fisica di termoplastico cellulare.
Dal primo punto di vista, essendo composto esclusivamente di carbonio e
idrogeno, l’EPS è un materiale che brucia completamente e i prodotti
della sua combustione completa sono soltanto anidride carbonica e acqua.
L’innesco della combustione presuppone la formazione, per effetto di
calore esterno, dei prodotti gassosi di decomposizione dell’EPS, che ha
inizio intorno ai 230-260°C con emissione di vapori infiammabili ma, in
assenza di sorgenti esterne, soltanto fra 450 e 500 °C si ha la loro
accensione spontanea, richiedendosi quindi una certa quantità di energia
per l’accensione e in pratica per esempio scintille elettrostatiche non
bastano per avviare la combustione. La particolare struttura termoplastica
cellulare fa poi si che l’espanso, sotto l’azione del calore, tende a
contrarsi per collasso delle cellule e quindi ad allontanarsi dalla sorgente
di calore, molto prima che cominci la decomposizione; anche questo
contribuisce a ritardare l’accensione. La successiva propagazione della
fiamma avviene spontaneamente nell' EPS normale (classe 5), se vi è
sufficiente apporto di ossigeno ed infatti le basse densità bruciano più
velocemente a causa della alta quantità di aria contenuta in esso, mentre
nell' EPS/RF a migliorato comportamento al fuoco (classe 1), ottenuto
con opportuni additivi, che creano una contrazione del volume quando il
346
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
materiale va a contatto con la fiamma e ritardano la diffusione delle
fiamme, la propagazione cessa al venir meno della causa di innesco ossia
eliminata la fiamma. Con una fiamma a temperatura crescente l'EPS
inizia a collassare ed in seguito a sciogliersi, quindi a bruciare. Un
pannello in EPS inizia ad ammorbidirsi ed a diventare viscoso quando si
raggiungono i 100°C, con temperature decisamente superiori inizia a
fondersi fino a produrre gas quando si arriva ad una temperatura di circa
350°C. Raggiunti i 450-500°C, escludendo un’esposizione diretta alla
fiamma, inizia a decomporsi. Fino a queste temperature l' elemento in
polistirolo, polistirene espanso non è quindi autocombustibile. Se
esponiamo l’EPS a una piccola fiamma, questo si scioglie senza prendere
fuoco; la fiamma può innescarsi solo dopo un lungo tempo di esposizione
al fuoco stesso; se arrestiamo l’esposizione alla fiamma, si arresta anche
il fuoco innescato. Solo in combinazione con sostanze combustibili alta
infiammabilità, anche l' elemento in polistirolo, polistirene espanso AE
protetto può bruciare. Quando il polistirene brucia con una fiamma stabile
e un buon supporto di ossigeno, i principali prodotti della combustione
sono diossido di carbonio, monossido di carbonio (la cui presenza ed il
relativo esaurimento dell'ossigeno rende più pericoloso l'ambiente), acqua
e particelle, ma non produce diossina che quindi non si ritrova nei fumi
prodotti durante un incendio. Se la fiamma non è ben stabilizzata si avrà
una minore combustione che genera del "fumo bianco". Ciò è dovuto alla
formazione di goccioline per la condensa di prodotti non completamente
bruciati. Di maggiore interesse, è la tossicità dei gas prodotti, infatti
paragonati ai soliti materiali da costruzione (sughero, cotone, lana,
compensato, etc.), in caso di incendio l'EPS presenta dei rischi di tossicità
minori. Come molte sostanze organiche, anche l’EPS, sigla identificativa
del polistirolo, polistirene espanso, è da considerarsi come materiale
infiammabile. Se durante la produzione viene impiegata materia prima
347
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
AE ovvero viene utilizzato un ritardante di fiamma, l'EPS è classificato
in EUROCLASSE E secondo le Norme Armonizzate Europee.
Tabella 66 : Comportamento dell’EPS
PROPRIETA’
VALORE
Temperatura di decomposizione
300-400° C primi segni di cedimento
Temperatura di innesco della fiamma
360-370° C (DIN 54836) 345-360° C (ASTM
D1929)
Temperatura di auto accensione
450-500° C 490° C (ASTM D1929)
Temperatura di autoaccensione dello stirene
490° C
6.9.1.2
Poliuretano
Con il termine poliuretano si intende una vasta famiglia di polimeri
termoindurenti in cui la catena polimerica è costituita
da legami
uretanici, ottenuti fondamentalmente per reazione di un di-isocianato e di
un poliolo cui vengono aggiunti dei catalizzatori per migliorare il
rendimento della reazione e altri additivi che conferiscono determinate
caratteristiche al materiale da ottenere. E’ un prodotto organico e come
tutti i materiali di questa natura in caso di incendio partecipa alla
combustione e sottoposto a fiamme libere può, più o meno, facilmente
incendiarsi, pertanto all’interno del sistema delle euroclassi, il suo
posizionamento può variare tra la classe B e la F. In caso di incendio i
fumi che si sviluppano durante la combustione, sono simili, per
composizione e tossicità, a quelli di altri materiali organici come
monossido di carbonio, anidride carbonica, ossidi d'azoto, acido
cianidrico, idrocarburi gassosi e prodotti organici di pirolisi.
6.9.1.3
Lana di roccia
La lana di roccia è un materiale costituito da una matrice minerale di fibre
inorganiche con punto di fusione superiore a 1000 °C, a composizione
basaltica e sottoposta a un incremento artificiale di ossidi allo scopo di
elevarne la stabilità ad alta temperatura, legata mediante resine fenoliche.
348
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
Questo materiale presenta ottime proprietà d’ isolamento termico, grazie
alle numerosissime cavità nelle quali è trattenuta aria senza possibilità di
movimento. Il calore specifico della lana minerale è pari a circa
800J/kgK. Si presta particolarmente al riempimento di intercapedini,
conferendo più elevate prestazioni di resistenza al fuoco in virtù del suo
potere termoisolante. Da tenere presente, però che le lane minerali si
decompongono alla temperatura di 1110 °C, pertanto temperature elevate
raggiunte in tempi brevi (ad ex curva idrocarburi), possono portare alla
distruzione rapida dello strato isolante, con gravi conseguenze a carico
degli elementi protetti. Rappresenta l'unico materiale che riesce a
coniugare in sé quattro doti fondamentali: protezione al fuoco,
incombustibilità, isolamento termico, fono- assorbimento.
6.9.1.4
Lana di vetro
La lana di vetro, invece, non viene generalmente impiegata in ambienti a
rischio incendio perché a 500 °C subisce una distruzione pressoché totale;
potrebbe trovare applicazione in ambienti di grande volume, dove si può
immaginare che la temperatura durante l’incendio non raggiunga livelli
elevati.
6.10 ANALISI RIFORNIMENTI E LUBRIFICANTI USATI DA
CTP
Nella seguente tabella si riporta l’elenco dei fluidi utilizzati nell’ autobus
591.10.29 in esame e si evidenziano non solo i fluidi presenti nel vano
motore come olio motore, olio per le trasmissioni idrostatiche, olio
cambio, sui quali è naturale porre l’attenzione visto che una delle cause
più frequenti di incendio risulta essere la perdita di oli e di carburante,
ma bisogna anche considerare quelli presenti nel resto dell’ autobus al
fine di uno studio approfondito dell’evoluzione delle fiamme.
349
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
Tabella 67 : Rifornimenti e lubrificanti usati in CTP
Denominazione Rifornimenti e Lubrificanti
Litri
Lubrificanti
(consigliati
da
prodotti FL)
Serbatoio combustibile
300
Gasolio a norma EN 590
Olio coppa motore + filtri
25,5
Urania LD7
Coppa motore
21,5
Rabbocco olio motore
≈ 25
Specifica API CF SAE15W40
Olio scatola cambio Voith 854.3
26
ZF 5HP 502C
17
Tutela ATF 90
A.T.F.DEXRON III –ZF TE-MIL. 09A e 14C
Liquido raffreddamento
60
Acqua + Paraflu
6,5
Tutela GI/A
Olio comando ventilatore
10
Tutela GI/A
Olio per differenziale
25
Tutela W140/M-DA(climi caldi)
CUNA NC 956-16 IVECO STANDARD 181830 FIAT 9.55523
Olio idroguida
A.T.F.DEXRON II D
Tutela W90/M-DA(climi freddi)
Specifica MIL-L-2105 D-API GL 5
SAE80W90 SAE80W140
Mozzo anteriore (ciascuno)
0,35
Fluido freni idraulici e frizione
Tutela TRUCK DOT SPECIAL
NORME N.H.T.S.A. n. 116-DOT4 ISO 4925Std. SAE J 1703 CUNA NC 956-01 IVECO
STANDARD 18-1820
Serbatoio liquido tergicristallo
7
DPI
CUNA NC 956-11
Grasso per ingrassaggio generale
Tutela MR 2
A base di saponi di litio, consistenza N.L.G.I n.
2
Grasso specifico per cuscinetti
Tutela MR 3
A base di saponi di litio, consistenza N.L.G.I n.
3
Grasso impianto lubrificazione centralizzata a
Tutela COMAR 2
base di saponi di litio con base sintetica
N.L.G.I n.2
350
Iveco
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
Lubrificante guarnizioni porte
Tutela SILICON DE
N.L.G.I n.2
Lubrificante guide rampe salita
6 in 1
Antiossidante a bassa tensione superficiale con
proprietà idrofughe, sbloccanti, lubrificanti e
protettive
6.10.1
Olio motore : URANIA LD7
Olio Motore a base minerale per veicoli industriali e commerciali con
motori diesel turbo ed aspirati. Sviluppato da FL {45}, in collaborazione
con i principali Costruttori, per rispondere alle necessità dei nuovi motori
a normative Euro 4 ed Euro 5 con sistemi SCR ed EGR i cui componenti
significativi sono oli minerali paraffinici severamente raffinati, con
ingredienti solfanati di metalli alcalino terrosi, polisuccinimmidi,
antiossidanti e polimeri e componenti pericolosi zinco alchiliditiofosfati.
URANIA LD7 supera tutte le prestazioni degli altri prodotti minerali
della linea Urania e consente le massime prestazioni su ogni veicolo, sia
quelli equipaggiati con sistemi SCR o EGR per superamento specifiche
Euro 4 e 5, sia rispondenti a normative Euro precedenti. Più in dettaglio
Urania LD 7 assicura :
9 la rispondenza alle massime specifiche internazionali sia europee
che americane previste per i lubrificanti minerali, unita al
superamento delle specifiche classiche. Ne viene così consentito
l'utilizzo con i migliori risultati su tutti i tipi di veicolo;
9 la conformità a tutte le normative ecologiche Euro, che impongono
particolari cicli di funzionamento dei veicoli;
9 una vita utile del lubrificante che, sui motori delle ultime
generazioni, raggiunge i 100.000 km in condizioni di uso normali;
351
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
9 una superiore resistenza al taglio meccanico ed alla formazione di
residui acidi, unita alla massima protezione delle bronzine, ed
all'estensione delle caratteristiche di disperdenza di carbone e
morchie.
9 consumi di olio minimi anche in presenza di lunghissimi intervalli
di sostituzione.
Superando ampiamente le esigenze tecnologiche e qualitative di tutti i
Costruttori di veicoli industriali Urania LD7 può essere utilizzato per
tutte le tipologie di motori diesel, turbo-compressi ed aspirati, di ogni
tipo, marca e potenza. Le principali caratteristiche chimico-fisiche che
possono essere desunte dalla scheda tecnica fornita dal produttore
PETRONAS LUBRICANTS ITALY S.P.A.(già SELENIA FL S.P.A.),
sono riassunte nella tabella che segue tenendo presente però che i dati
menzionati non costituiscono specifica e sono soggetti a normali
tolleranze di produzione :
Tabella 68 : URANIA LD7
PROPRIETA’
METODO
VALORE TIPICO
ASPETTO
VISIVO
LIQUIDO VISCOSO LIMPIDO
DENSITA’ A 15°C
ASTM D 4052
0,885 g/cm
VISCOSITA’ A 100 °C
ASTM D 445
14,3 cSt
PUNTO DI INFIAMMABILITA’
ASTM D 92
> 210 °C
SOLUBILITA’ IN ACQUA
3
INSOLUBILE
PUNTO INIZIALE DI EBOLLIZIONE
ASTM D 1120
> 300 °C
T.B.N.
ASTM D 2896
11,2 mg KOH/g
PUNTO DI SCORRIMENTO
ASTM D 97
< -27 ° C
SCHIUME A 24°C
ASTM D 892
TRACCE / 0
Dalla scheda di sicurezza invece si desume che il prodotto non presenta
pericoli né per l’uomo né per l’ambiente, non è classificato come
pericoloso ai sensi della normativa vigente ma non essendo
352
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
biodegradabile e poiché tende a non evaporare, in caso di dispersione
accidentale costituisce fonte di inquinamento del suolo e delle falde
acquifere per cui bisogna evitare che defluisca nel suolo o nelle fognature
arginando e contenendo gli spandimenti.
Il prodotto non presenta particolari rischi di incendio ma nel caso si
consiglia l’utilizzo di estintori o di altri sistemi di spegnimento per
incendi di classe B quali schiuma, anidride carbonica, polvere chimica
secca, acqua nebulizzata, sabbia, terra, evitando l’uso di getti d’acqua
utili solo per raffreddare le superfici esposte al fuoco. Poiché in seguito
ad incendio si possono formare come prodotti di combustione dei
composti dannosi quali ossidi di carbonio, composti di zolfo, di fosforo,
di azoto, idrocarburi incombusti e altri derivati bisogna evitare di
respirare i fumi di combustione utilizzando speciali equipaggiamenti
protettivi antincendio come vestiario protettivo completo di apparecchio
di auto respirazione.
6.10.2
Olio cambio : TUTELA TRUCK ATF 90
Si tratta di un lubrificante interamente sintetico per trasmissioni
automatiche e impianti idraulici operanti in condizioni severe, i cui
componenti significativi sono oli minerali paraffinici e sintetici
severamente raffinati additivati con zolfo, azoto, fosforo, antiossidanti e
polimeri e componenti pericolosi alchilammina alcossilata a catena lunga
e metacrilato copolimero. Le caratteristiche principali del prodotto sono:
9 innovativa additivazione ATF, per esaltare le caratteristiche visco
simmetriche del prodotto sia a caldo che a freddo;
9 ottime caratteristiche detergenti, per garantire la perfetta pulizia
delle parti meccaniche;
353
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
9 eccellenti proprietà di dissipazione calore, per eliminare il calore
che si sviluppa all'interno del gruppo trasmissione;
9 formulazione fully synthetic, per garantire eccellenti caratteristiche
di resistenza termico-ossidativa consentendo il prolungamento
dell'intervallo di cambio.
Dalla scheda di sicurezza
{45} inoltre si desumono le stesse
considerazioni viste per l’URANIA LD7 nei riguardi della pericolosità
per l’uomo e l’ambiente. Il prodotto si presenta stabile alla luce e al
calore nelle normali condizioni di utilizzo ma, va tenuto lontano da fonti
di calore e in ogni caso si consiglia di non superare il punto
d’infiammabilità. Anche questo prodotto inoltre non presenta particolari
rischi di incendio ma nel caso si consigliano dispositivi di spegnimento
per incendi di classe B evitando l’utilizzo di getti. I prodotti della
combustione sono: ossido di carbonio, composti di zolfo, di fosforo, di
azoto, idrocarburi incombusti ed altri derivati per cui è da evitare
l’inalazione dei fumi della combustione. Anche in questo caso le
principali caratteristiche chimico-fisiche che possono essere desunte dalla
scheda tecnica fornita dal produttore sono riassunte nella tabella che
segue :
Tabella 69 : TUTELA ATF 90
PROPRIETA’
METODO
VALORE TIPICO
ASPETTO
VISIVO
LIQUIDO VISCOSO DI COLORE
ROSSO
DENSITA’ A 15°C
ASTM D 4052
0,840 g/cm
VISCOSITA’ A 100 °C
ASTM D 445
7,5 cSt
VISCOSITA’ A -40 °C
ASTM D 2983
7000 cPs
PUNTO DI INFIAMMABILITA’
ASTM D 92
210 °C
3
SOLUBILITA’ IN ACQUA
INSOLUBILE
PUNTO INIZIALE DI EBOLLIZIONE ASTM D 1120
> 300 °C
354
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
6.10.3
Olio idroguida
e trasmissioni idrostatiche TUTELA
GI/A
E’ un olio per idroguide, cambi automatici e servosterzi di vetture, veicoli
commerciali o industriali e per impianti ventilatori idrostatici i cui
componenti significativi sono oli minerali paraffinici severamente
raffinati, additivati con zolfo, azoto, fosforo, antiossidanti e polimeri e
componenti pericolosi alchilammina alcossilata a catena lunga
e
metacrilato copolimero. che presenta :
9 Ottima scorrevolezza a freddo per diminuire l'assorbimento di
potenza e migliorare la resa della trasmissione.
9 Ottima proprietà anti-schiuma per garantire la massima continuità
di lubrificazione ed il migliore asporto di calore.
9 Ottime caratteristiche anti-ossidanti per una maggiore durata del
lubrificante.
9 Elevato indice di viscosità per ottimizzare la risposta dei
servocomandi in ogni condizione di temperatura operativa.
9 Elevata proprietà anti-usura per una maggiore durata dei
componenti meccanici.
Poiché supera le severe Specifiche di Qualità dei Maggiori Costruttori
Europei l'olio TUTELA GI/A può essere usato per macchinari di ogni
marca, tipo e potenza; è disponibile nella gradazione SAE 10W per
l'utilizzo in ogni stagione dell'anno. La sostituzione per Trattori,
Macchine Moviterra e Agricole secondo le indicazioni del Costruttore e
comunque non oltre le 800 ore di lavoro, per Veicoli Industriali secondo
le indicazioni del Costruttore e comunque almeno una volta all'anno, per
autovetture ogni 40.000 km.
355
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
Le principali caratteristiche chimico-fisiche che possono essere desunte
dalla scheda tecnica fornita dal produttore, sono riassunte nella tabella
che segue :
Tabella 70 : Tutela GI/A
PROPRIETA’
METODO
VALORE TIPICO
ASPETTO
VISIVO
LIQUIDO VISCOSO DI COLORE
ROSSO
DENSITA’ A 15°C
ASTM D 4052
0,870 g/cm
VISCOSITA’ A 40 °C
ASTM D 445
35,5 cSt
VISCOSITA’ A 100 °C
ASTM D 445
7,5 cSt
PUNTO DI INFIAMMABILITA’
ASTM D 92
200 °C
PUNTO INIZIALE DI EBOLLIZIONE
ASTM D 1120
> 300 °C
PUNTO DI SCORRIMENTO
ASTM D 97
-40 ° C
SOLUBILITA’ IN ACQUA
3
INSOLUBILE
Il prodotto presenta le stesse misure precauzionali in caso di dispersione
accidentale, stesse misure antincendio, stabilità e reattività e prodotti di
decomposizione pericolosi visti per i precedenti fluidi {45}.
6.10.4
Gasolio
Combinazione complessa di idrocarburi è una frazione del
petrolio
greggio compresa fra il cherosene e gli oli lubrificanti prodotta per
distillazione dell’olio greggio (gasolio di prima distillazione) o da residui
pesanti per piroscissione termica o termocatalitica e in alcuni casi anche
con processi di sintesi (idrogenazione del carbone o di residui petroliferi
pesanti). Costituito da idrocarburi con numero di atomi di carbonio
prevalentemente nell’ intervallo C9 - C20 e punto di ebollizione
nell’intervallo 163°C – 357°C circa, nella composizione chimica del
prodotto finito a seconda della provenienza e delle caratteristiche dei
componenti possono essere identificati in quantità variabili e non
356
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
prevedibili Trimetilbenzeni, Alchilbenzeni, Naftalene e altri; invece il
contenuto di zolfo si è andato riducendo nel tempo fino all’attuale 0,005
% {46 e 47}. Un tempo il gasolio veniva utilizzato principalmente per la
produzione di gas, donde il nome, oggi viene impiegato soprattutto come
combustibile da riscaldamento e per alimentare i motori Diesel; questi
funzionano con un elevato rapporto di compressione (13-23) per cui
l’accensione
del
combustibile
avviene
sfruttando
il
calore
di
compressione dell’ aria che aspirata e compressa nei cilindri fino a 30-40
atmosfere raggiunge elevate temperature (500-600 °C), dopodiché un po’
prima della fine della fase di compressione viene iniettato il combustibile
liquido
finemente polverizzato in un ambiente tale da permettere
l’ignizione spontanea e a contatto con l’aria calda evapora e brucia
sviluppando l’energia necessaria per il funzionamento del motore con una
combustione che risulta rapida e violenta. Per questo motivo il gasolio
deve avere proprietà opposte alla benzina, con tendenza all’ accensione
spontanea che deve avvenire entro il minor tempo possibile dall’inizio
dell’ iniezione, un tempo di incubazione o ritardo accensione piuttosto
basso in modo che sia minima la quantità di combustibile presente in
camera di combustione quando l’accensione ha inizio in modo che la
combustione si svolga più gradualmente senza forti gradienti di
pressione. Un indice del ritardo all’accensione e quindi della maggior o
minore facilità di accensione è
il Numero di Cetano (NC) che
rappresenta la percentuale in volume di cetano (normal esadecano
C 16 H 36 ) presente in una miscela di cetano (con NC pari a 100 perché
facilmente accendibile) e di α metilnaftalina (con NC pari a zero) e
successivamente sostituito dall’ eptametilnonano o isocetano (con NC
pari a 15) che possiede le stesse caratteristiche di ignizione dell’olio in
esame, determinato con un motore da ricerca a rapporto di compressione
variabile (CFR). I combustibili con alto NC (oltre 48) hanno quindi
357
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
elevata accendibilità e ridotto ritardo all’ accensione e vengono usati per
i cosiddetti Diesel veloci usati su autoveicoli
viceversa, nei Diesel
“lenti”, come quelli utilizzati sui mezzi pesanti, i tempi più lunghi
disponibili per la combustione consentono l’impiego di carburanti con
peggiori caratteristiche di accendibilità, cioè con NC più bassi. Oggi è
richiesto nei normali gasoli per autotrazione un NC pari a 51, anche se sul
mercato sono disponibili gasoli con NC compreso fra 53 – 57 che
consente accensione più rapida, combustione più completa, migliori
prestazioni e riduzione di emissioni sia in termini di particolato che ossidi
di azoto. E’ in carburante da considerare come sicuro essendo meno
infiammabile della benzina e quindi è meno pericoloso, tanto che per
detonare deve raggiungere alte temperature (600°C – 800°C). Per definire
meglio la pericolosità del gasolio consideriamo cosa accade quando viene
riscaldato, tenendo presente che alle temperature e pressioni ordinarie ha
una tensione di vapore tale da non portare alla formazione di miscele di
vapore-aria comprese entro i limiti di infiammabilità. Se allora
avviciniamo alla superficie libera del gasolio contenuto in un recipiente,
per un tempo brevissimo, una fonte di ignizione (fiamma pilota o
scintillatore elettrico ad esempio), si può accertare che non succede nulla
poiché alle temperature ordinarie la percentuale di vapori di gasolio
contenuta nello strato d’aria sovrastante il liquido è inferiore a quella cui
corrisponde il limite di infiammabilità del prodotto. Se scaldiamo
ulteriormente il liquido gradualmente avvicinando alla superficie libera
una fonte di accensione ad intervalli regolari e ravvicinati, raggiunta una
certa temperatura, detta punto di lampeggiamento del gasolio, si verifica
un improvviso bagliore o lampo che si esaurisce repentinamente senza
che di seguito sopravvenga l’incendio del prodotto. Proseguendo nel
riscaldamento i lampi si susseguiranno ad intervalli di tempo sempre più
ravvicinati che, raggiunta la temperatura di infiammabilità, si
358
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
raccorderanno l’un l’altro dando origine alla accensione del liquido.
Questo è una tipica descrizione del fenomeno per tutti i liquidi
combustibili che, a temperatura e pressione ordinaria, non rilasciano
vapori sufficienti per formare con l’aria ambiente miscele suscettibili di
incendio. Per questa categoria di liquidi altro parametro importante può
considerarsi la temperatura di autoaccensione cioè la temperatura alla
quale i vapori di tali liquidi si accendono spontaneamente per effetto della
elevata temperatura posseduta dal liquido di provenienza senza l’apporto
di una fonte di accensione apposita. Le principali caratteristiche chimico
– fisiche risultano dalla tabella successiva :
Tabella 71 : Gasolio
PROPRIETA’
METODO
VALORE TIPICO
ASPETTO
LIQUIDO LIMPIDO
COLORE
INCOLORE per autotrazione, ROSSO
per riscaldamento, VERDE agricoltura e
pesca
DENSITA’ A 15°C
EN ISO 3679 : 1998, EN
820 ÷ 845 kg / m
ISO 2185 : 1996/C1 :
2001
NUMERO DI CETANO
EN ISO 5165 : 1998
51
INDICE DI CETANO
EN ISO 4264 : 1996
46
VISCOSITA’ A 40 °C
EN ISO 3104 : 1996
2 ÷ 4,50
PUNTO DI INFIAMMABILITA’
EN ISO 2719 : 2002
> 55 °C
TEMPERATURA
>220 °C
D’ACCENSIONE
POTERE LUBRIFICANTE
EN ISO 12156 –1 : 2000
SOLUBILITA’ IN ACQUA
STABILITA’
460 mm
INSOLUBILE
ALL’ EN ISO 12205 : 1996
25 g / m
3
OSSIDAZIONE
DISTILLAZIONE :
RECUPERATO A 150 °C
2 % (v/v)
RECUPERATO A 250 °C
< 65 %
RECUPERATO A 350 °C
85 %
PUNTO
DEL
95
%
360 ° C
DI EN 116 : 1997
0 °C ESTIVO
RECUPERATO
TEMPERATIRA
LIMITE
359
3
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
FILTRABILITA’ ( CFPP )
ZOLFO TOTALE
-10 ° C INVERNALE
EN ISO 20884 : 2004
10 mg / kg
EN ISO 20846 : 2004
LIMITI DI ESPLOSIVITA’
INFERIORE 1 % VOL, SUPERIORE 6
% VOL
La specifica di riferimento che armonizza in tutta Europa le specifiche
nazionali del gasolio per autotrazione è la EN 590, recepita in Italia come
UNI EN 590, mentre la Direttiva 2003/17/CE definisce le caratteristiche
di impatto ambientale. Il prodotto nelle previste condizioni di impiego
con le necessarie precauzioni d’ uso non presenta rischi particolari per gli
utilizzatori, ma in base alla normativa vigente è classificato come
prodotto pericoloso, il rischio maggiore è quello di incendio associato alla
sua alta combustibilità, se riscaldato emette vapori che formano con l’aria
miscele infiammabili ed esplosive, inoltre i vapori più pesanti dell’ aria
possono accumularsi in locali confinanti o in depressioni propagandosi a
quota suolo creando rischi anche a distanza. In alcune circostanze il
prodotto può accumulare cariche elettrostatiche in notevole quantità con
rischio di scariche che possono innescare incendi o esplosioni. Date le
caratteristiche dei componenti, i costituenti più volatili del prodotto
tendono ad evaporare e disperdersi in aria contribuendo alla formazione
di smog fotochimico, la parte rimanente ha bassa biodegradabilità; alcuni
composti chimici potenzialmente presenti risultano dannosi per le specie
acquatiche, per cui bisogna evitare che il prodotto defluisca in corsi
d’acqua o fognature e in caso di dispersione sul suolo bisogna contenere
il prodotto con mezzi assorbenti.
In caso di incendio i mezzi di
estinzione più appropriati risultano polvere chimica, anidride carbonica e
schiuma, è da evitare invece l’ impiego
di acqua a getto pieno sul
prodotto in fiamme mentre il getto frazionato è riservato a personale
appositamente addestrato, utile invece a raffreddare le superfici e
360
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
contenitori esposti al fuoco; evitare schizzi accidentali di prodotto su
superfici metalliche calde o su contatti elettrici e in caso di fughe di
prodotto con formazione di schizzi finemente polverizzati bisogna tenere
presente che il limite inferiore d’ infiammabilità è di circa 1% vol.; è
consigliabile per gli addetti antincendio l’uso di un equipaggiamento
speciale costituito da autorespiratori al fine di evitare di respirare i
prodotti pericolosi della combustione come CO X , HC, SO X .
6.10.5
Altri fluidi presenti
6.10.5.1
TUTELA W 140/M – DA
Olio lubrificante per differenziali normali e autobloccanti, indicato per
ingranaggi ipoidi e scatole guida in cui siano richieste proprietà di
Estrema Pressione (E.P.) avente come componenti significativi minerali
paraffinici severamente raffinati e additivi contenenti zolfo, azoto,
fosforo, antiossidanti e polimeri componenti pericolosi alchilfosfonato,
alchenilammina a catena lunga, alchilditiotiadiazolo a catena lunga
avente le seguenti proprietà fisico- chimiche riassunte in tabella :
Tabella 72 : TUTELA W 140/M - DA
PROPRIETA’
METODO
VALORE TIPICO
ASPETTO
VISIVO
LIQUIDO VISCOSO
DENSITA’ A 15°C
ASTM D 4052
0,912 g/cm 3
VISCOSITA’ A 100 °C
ASTM D 445
25,5 cSt
PUNTO DI INFIAMMABILITA’
ASTM D 92
220 °C
PUNTO INIZIALE DI EBOLLIZIONE
ASTM D 1120
> 300 °C
PUNTO DI SCORRIMENTO
ASTM D 97
-13 ° C
SOLUBILITA’ IN ACQUA
Questo prodotto presenta
INSOLUBILE
{45} : elevato indice di viscosità per
ottimizzare la scorrevolezza in ogni condizione di temperatura operativa,
361
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
elevate caratteristiche anti-schiuma e demulsive per garantire la massima
continuità di lubrificazione e il migliore asporto di calore, ottime
caratteristiche anti-usura per una maggiore durata dei componenti della
trasmissione, ottime caratteristiche E.P. per garantire una ottimale
protezione anche in condizione di lubrificazione limite e di elevato carico
a basso numero di giri. Ai fini della sicurezza antincendio valgono le
stesse
considerazioni
viste
per
i
precedenti
fluidi
mostrando
comportamento analogo all’ ATF 90.
6.10.5.2
TUTELA TRUCK DOT SPECIAL
Fluido freni a base di glicol eteri ed esteri borici ad elevato punto di
ebollizione per impegni gravosi, con ammine e additivi stabilizzanti e
componenti pericolosi dietilen glicole, butilpoliglicole con le seguenti
caratteristiche chimico-fisiche riassunte in tabella:
Tabella 73 : TUTELA TRUCK DOT SPECIAL
PROPRIETA’
METODO
VALORE TIPICO
ASPETTO
VISIVO
LIMPIDO
COLORE
VISIVO
da GIALLO ad AMBRA
DENSITA’ A 15°C
ASTM D 1298
1,065 g/cm
VISCOSITA’ A 100 °C
ASTM D 445
2 cSt
VISCOSITA’ A -40 °C
ASTM D 445
1300 cSt
PUNTO DI EBOLLIZIONE A SECCO
ISO 4925
265 °C
PUNTO DI EBOLLIZIONE UMIDO
ISO 4925
173 ° C
COMPATIBILITA’ GOMMA SBR
ISO 4925
SUPERA
COMPATIBILITA’ GOMMA EPDM
SAE J1703
SUPERA
COMPATIBILITA’
ISO 4925
SUPERA
PUNTO DI INFIAMMABILITA’
ASTM D 93
>120°C
SOLUBILITA’ IN ACQUA
ASTM E 659
SOLUBILE E IGROSCOPICO
3
GOMMA NATURALE
TEMPERATURA DI AUTOIGNIZIONE
430 °C
362
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
Questo prodotto presenta {45}: un elevato punto di ebollizione a secco
per evitare il fenomeno del vapour lock (frenata lunga per presenza di
bolle di vapore nel circuito freni, elevato potere lubrificante per garantire
il funzionamento ottimale dei componenti idraulici dell’impianto
frenante, basso punto di scorrimento per una pronta risposta dei comandi
idraulici di freni e frizione anche alle basse temperature ambientali,
ottime proprietà anticorrosione, ruggine ed ossidazione per la protezione
dei componenti metallici costituenti il circuito di frenatura, totale
compatibilità con gomme e guarnizioni per evitare rigonfiamenti e
infragilimenti dei manicotti in gomma o plastica e delle tenute, elevata
stabilità chimica per garantire l’inalterabilità nelle condizioni più severe
di sollecitazione termica. Il prodotto è biodegradabile al 90% (15 giorni),
completamente solubile, tende a non evaporare, penetra facilmente nel
terreno, è buona norma evitare dispersioni nel terreno in quanto grosse
quantità potrebbero comunque costituire fonte di inquinamento del suolo.
Valgono analoghe considerazioni precedenti per le misure antincendio, i
rischi da esposizione e i prodotti della combustione.
6.10.5.3
PARAFLU 11
Fluido protettivo per radiatori, concentrato, a base di glicole etilenico con
additivi inibitori di corrosione e con componenti pericolosi costituiti da
etilen glicole, sodio nitrito e sodio benzoato, che miscelato al 50% con
acqua garantisce {45} :
9 un ottimale asportazione del calore dalla camera di combustione
del motore;
9 la massima protezione contro: l’ azione del gelo (temperatura
ambientale esterna
fino a –40 °C), la formazione di calcare,
l’ebollizione nei periodi caldi (temperatura del circuito fino a +110
°C), la corrosione di tutti i materiali metallici che costituiscono il
363
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
circuito di raffreddamento (ghisa, alluminio, rame), gli eccessivi
rigonfiamenti delle gomme e delle plastiche del circuito.
Il prodotto non deve essere usato concentrato, né miscelato con prodotti
di origine o marca diversa, la sostituzione deve avvenire ogni 60000 km o
comunque entro due anni, i rabbocchi per ripristinare il livello del fluido
devono essere effettuati miscelando il prodotto al 50% con acqua.
Le principali proprietà chimico-fisiche sono riassunte nella tabella :
Tabella 74 : PARAFLU 11
PROPRIETA’
METODO
VALORE TIPICO
ASPETTO
VISIVO
Liquido LIMPIDO VERDEBLU
DENSITA’ A 15°C
ASTM D 5931
1,135 g/cm
PH (dil. al 50 %)
ASTM D 1287
7,7
PUNTO DI EBOLLIZIONE (dil. al 50 %) ASTM D 1120
108 °C
PUNTO DI CRISTALLIZZAZIONE (dil. ASTM D 1177
-38 ° C
3
al 50 %)
PUNTO DI INFIAMMABILITA’
ASTM D 92
TEMPERATURA DI AUTOIGNIZIONE ASTM E 659
120°C
490 °C
(dil. al 50 %)
SOLUBILITA’ IN ACQUA
COMPLETAMENTE
SOLUBILE
CORROSIONE IN VETRO
ASTM D 1384
SUPERA
SCHIUMA A 88 °C
ASTM D 1881
50 cc
Il prodotto è biodegradabile ma sono da evitare comunque dispersioni,
potendo in grosse quantità essere potenziale fonte di inquinamento del
suolo e delle falde acquifere; stabile nelle normali condizioni di utilizzo
ma deve essere mantenuto lontano da fonti di calore e non superare il
punto di infiammabilità, potendo provocare l’accensione di materiale
combustibile; non presenta particolari rischi da incendio e nel caso
richiede estintori per incendi di classe B; sono da evitare le inalazioni dei
364
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
fumi di combustione che contengono ossidi di carbonio, composti di
azoto, idrocarburi incombusti e altri derivati dannosi.
6.10.5.4
Tutela MR2 e MR3
Grassi lubrificanti speciali multiuso con componenti significativi saponi
di acidi grassi al litio, cloro paraffine e oli minerali severamente raffinati
e additivi contenenti solfonati di calcio, antiossidanti e polimeri, indicati
per ingrassaggi di cuscinetti mozzi ruote nonché ingrassaggio generale
che consentono {45} :
9 eccellente stabilità meccanica per ridurre al minimo la
fluidificazione e la conseguente fuoriuscita di olio;
9 alta resistenza all’ ossidazione per una maggiore durata del grasso;
9 alta resistenza all’ acqua per una migliore tenuta all’azione
dilavante dell’ acqua;
9 elevata stabilità termica per l’utilizzo con temperature da –20 °C
a120 °C per l’ MR3 e –30 °C a 110 °C per l’ MR2.
I prodotti non sono facilmente biodegradabili, tendono a non evaporare,
mostrando bassa mobilità al suolo, vengono parzialmente assorbiti dal
terreno, insolubili in acqua galleggiano sulle superfici acquose,
costituiscono potenziale fonte di inquinamento dei corsi e falde d’acqua e
del suolo.
Per le misure antincendio, mezzi antincendio, rischi particolari di
esposizione, prodotti di combustione, stabilità e reattività valgono le
stesse considerazioni viste per gli altri oli Tutela.
Le principali proprietà fisico-chimiche risultano:
365
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
Tabella 75 : TUTELA MR2 e MR3
PROPRIETA’
METODO
VALORE TIPICO
ASPETTO
VISIVO
POMATOSO FILANTE DI COLORE
VERDE
PESO SPECIFICO A 15°C
PUNTO DI INFIAMMABILITA’
PUNTO
0,9 g/cm
ASTM D 92
3
> 200 °C su olio base
DI
GOCCIOLAMENTO ASTM D 566
195 °C
DI
GOCCIOLAMENTO ASTM D 566
198 °C
MR2
PUNTO
MR3
SOLUBILITA’ IN ACQUA
6.10.5.5
INSOLUBILE
Tutela COMAR 2
Grasso lubrificante sintetico espressamente studiato per gli impianti di
lubrificazione generale centralizzata ad erogazione automatica, con
componenti significativi oli paraffinici sintetici e saponi di acidi grassi al
litio e componenti pericolosi 2-etilesil-zincoditiofosfato ed estere
alchilcarbossilico, che assicura {45} :
9 elevata adesività;
9 elevata stabilità meccanica per ridurre al minimo la fluidificazione
e la conseguente fuoriuscita di olio alle alte temperature di lavoro;
9 ottima pompabilità per una migliore distribuzione del prodotto
lubrificante;
9 elevata stabilità termica per l’utilizzo con temperature da – 30 °C a
140 °C.
Valgono le analoghe considerazioni viste per gli MR2-3 in materia di
sicurezza.
Le principali proprietà fisico-chimiche risultano:
366
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
Tabella 76 : COMAR 2
PROPRIETA’
METODO
VALORE TIPICO
ASPETTO
VISIVO
POMATOSO FILANTE
COLORE
AVORIO
PESO SPECIFICO A 15°C
0,9 g/cm
3
PUNTO DI INFIAMMABILITA’
ASTM D 92
> 200 °C su olio base
PUNTO DI GOCCIOLAMENTO
ASTM D 566
195 °C
SOLUBILITA’ IN ACQUA
INSOLUBILE
TIPO OLIO
SINTETICO
TIPO ADDENSANTE
SAPONE LITIO
SEPARAZIONE OLIO 30 h 100 °C
ASTM D 6184
1%
PENETRAZIONE
ASTM D 217
285 mm/10
ASTM D 566
195 mm/10
MANIPOLATORE
PENETRAZIONE A –30 ° C
6.10.5.6
SILICON
Olio siliconico con additivi dispersi e componenti pericolosi nafta,
frazione leggera di hydrotreating, GPL (miscela di butano, iso-butano e
propano), trasparente e incolore con un elevata volatilità del
solvente/propellente che consente : l’immediata creazione di un film
oleoso protettivo, senza eccessive colorature e quindi adatto anche per
applicazioni verticali; lubrifica resistendo al dilavamento; protegge le
apparecchiatura esposte all’umidità e impedisce l’invecchiamento di
guarnizioni e parti in gomma; impermeabilizza rendendo idrorepellenti i
materiali con cui viene a contatto.
Il prodotto {45}, che può provocare a lungo termine effetti negativi per
l’ambiente acquatico oltre ad essere nocivo per gli organismi acquatici
lasciando un residuo insolubile in acqua che tende a galleggiare, è
estremamente infiammabile per effetto sia del propellente che dei solventi
utilizzati per veicolare il grasso, i suoi contenitori potrebbero esplodere
per cui va tenuto lontano da fonti di calore o fiamme ed usato solo in
367
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
ambienti ben ventilati, richiede dispositivi di spegnimento a schiuma,
anidride carbonica, polvere chimica secca, terra, sabbia. I prodotti della
combustione sono ossido di carbonio, composti di zolfo, silice,
formaldeide, idrocarburi incombusti e altri composti dannosi per cui
bisogna evitare di respirare i fumi di combustione.
Le principali caratteristiche chimico-fisiche sono :
Tabella 77 : SILICON
PROPRIETA’
METODO
VALORE TIPICO
ASPETTO
VISIVO
LIQUIDO INCOLORE
PESO SPECIFICO A 15°C
ASTM D 4052
0,657 g/cm con propellente
3
0,789 senza propellente
PROPELLENTE
PROPANO / BUTANO
PUNTO DI INFIAMMABILITA’
ASTM D 92
SOLUBILITA’ IN ACQUA
6.10.5.7
< 0° C sulla miscela
INSOLUBILE
6 IN 1
Lubrificante spray multiuso a base di esteri di derivazione naturale con
additivi e propellente CO 2 , con componenti significativi minerali
paraffinici e naftenici severamente raffinati e componenti pericolosi
solfonato di petrolio, sale sodico, nafta e frazione pesante di
hydrotreating, ideale per una lubrificazione leggera di metalli, plastiche,
che penetra in profondità, sblocca meccanismi arrugginiti, lubrifica e
riduce i coefficienti di attrito, protegge dalla corrosione, riattiva i contatti
elettrici eliminando l’umidità, deterge a fondo asportando grasso, catrame
e residui della combustione, le cui caratteristiche chimico-fisiche
principali sono :
368
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
Tabella 78 : 6 IN 1
PROPRIETA’
METODO
VALORE TIPICO
ASPETTO
VISIVO
LIQUIDO AMBRATO
PESO SPECIFICO A 15 °C
ASTM D 1298
0,828
VISCOSITA’ A 25 °C
> 1,6 cSt
PROPELLENTE
ANIDRIDE CARBONICA
PUNTO DI INFIAMMABILITA’
ASTM D 92
>60 ° C sulla miscela
PUNTO INIZIALE DI EBOLLIZIONE
ASTM D 1120
> 150 °C
SOLUBILITA’ IN ACQUA
EMULSIFICABILE
Il prodotto non è considerato dannoso per l’ambiente, non è però
facilmente biodegradabile, evapora solo parzialmente, può essere
assorbito dal terreno, è emulsionabile e parzialmente disperdibile in
acqua, è fonte di potenziale inquinamento delle acque. Valgono le
analoghe considerazioni viste per gli MR2-3 in materia di sicurezza e
misure antincendio {45}.
6.10.5.8
SC 35
Detergente anticongelante concentrato (da diluire opportunamente
secondo le modalità consigliate), a base di glicoli, stabilizzanti, coloranti,
tensioattivi anionici e anfoteri, acqua e componenti significativi etanolo e
componenti pericolosi propan-2-olo {45}; il prodotto garantisce un’
efficace pulizia di parabrezza vetri e fari e perfetta visibilità, sgrassando e
rimuovendo insetti e ogni traccia di sporcizia, che : rispetta i materiali
con cui viene a contatto come le parti verniciate e particolari in gomma o
plastica e cromature in genere; abbassa inoltre il punto di congelamento
dell’acqua presente nell’impianto lavacristalli durante la stagione
invernale garantendo così un adeguata protezione contro il gelo.
Il prodotto è facilmente infiammabile, biodegradabile, evapora facilmente
e penetra nel terreno per cui sono da evitare dispersioni al fine di evitare
l’ inquinamento del suolo e delle falde acquifere, in caso di incendio
369
Capitolo 6 : Comportamento al fuoco dei materiali
richiede estintori per incendio di classe B, l’inalazione dei fumi di
combustione anche in questo caso risulta dannosa visti i composti
dannosi che vengono a formarsi quali ossido di carbonio, composti di
zolfo, di azoto e idrocarburi incombusti.
Le caratteristiche chimico-fisiche principali risultano :
Tabella 79 : SC 35
PROPRIETA’
METODO
VALORE TIPICO
ASPETTO
VISIVO
Liquido LIMPIDO VERDE
CHIARO
PESO SPECIFICO A 15°C
ASTM D 1298
0.885
PH
ASTM D 1287
8,3
PH (dil. al 50 %)
ASTM D 1287
8
PUNTO DI CRISTALLIZZAZIONE (dil. ASTM D 1177
-22 ° C
al 50 %)
PUNTO DI INFIAMMABILITA’
ASTM D 93
TEMPERATURA DI AUTOIGNIZIONE ASTM E 659
15°C
>500 °C
(dil. al 50 %)
SOLUBILITA’ IN ACQUA
COMPLETAMENTE
SOLUBILE
COMPORTAMENTO SU VERNICI
COMPORTAMENTO CON LE GOMME
SUPERA
FIAT 50420
370
SUPERA
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
Capitolo 7
Analisi degli incendi avvenuti
7.1
L’ INCENDIO DELLA 5806
Al fine di poter accertare le probabili cause che hanno determinato
l’evento si è proceduto ad una puntuale e particolareggiata ricostruzione
dell’ accaduto, facendo principalmente riferimento alle dichiarazioni rese
dalle persone coinvolte.
7.1.1
Descrizione dell' evento.
Il giorno 20.06.2007 l' autobus in questione, avente matricola aziendale
5806, era in servizio sulla linea A44 con provenienza dal Comune di
Sant' Antimo e diretto al capolinea di Napoli in Piazza Garibaldi. Giunto
nei pressi di Piazza Ottocalli, l' autista, avvertito da un motociclista di
passaggio che un principio d' incendio si stava sviluppando nella parte
posteriore del veicolo, provvedeva a fermare immediatamente l' autobus,
faceva scendere tutti i viaggiatori e aiutato dallo stesso motociclista,
tentava di spegnere l' incendio azionando gli estintori portatili in
dotazione all' automezzo stesso. Purtroppo il tentativo di spegnimento
non risultava efficace e le fiamme si propagavano ulteriormente, domate
poi dall' intervento dei Vigili del Fuoco. Successivamente l' autista
dichiarava che:
9 fino al momento dell' evento il veicolo funzionava
regolarmente, senza che fosse rilevata alcuna anomalia;
371
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
9 le fiamme provenivano dalla zona sottostante il motore, nella
parte centrale del vano posteriore;
9 preoccupato per l' incolumità dei passeggeri, non aveva
attivato il comando manuale dell' impianto antincendio né
quello del sezionamento dell' impianto elettrico;
9 il motore si era spento da solo.
7.1.2
Esito dei rilievi.
Nei vari sopralluoghi effettuati nel deposito di Pascarola, dove nel
frattempo è stato trasportato l' automezzo, si è accertato quanto segue :
9 trattasi di veicolo in cui si è verificata propagazione di
fiamma e danni estesi ma in ogni caso il rivestimento esterno
è in buono stato e l’ interno presenta danni trascurabili, in
quanto l’incendio, di estensione limitata, ha interessato
maggiormente la parte posteriore del mezzo;
Figura 79 : Parte posteriore del bus nel deposito di Pascarola
372
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
9 osservando dall' esterno la parte posteriore del veicolo risulta
ben evidente che l' incendio ha avuto origine e sviluppo all'
interno del vano motore, propagandosi successivamente alla
carrozzeria in vetroresina ed al comparto passeggeri (fig.79).
9 i danni prodotti ai carter di alluminio, (fig.80), indicano che
l' incendio si è sviluppato nella parte bassa della zona
centrale del vano motore.
Figura 80 : Danni ai carter di alluminio
Per tutto quanto diremo sulle conseguenze che l’incendio ha determinato
all’interno del vano motore, al fine di comprenderne al meglio il layout,
si farà riferimento al vano motore di un autobus perfettamente
funzionante e al successivo schema in cui vengono evidenziati i principali
organi e collegamenti tra di essi [112 e 113].
373
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
Figura 81 : Vano motore autobus funzionante
Figura 82 : Sportellino laterale cinghie
374
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
Figura 83 : Layout vano motore.
Didascalia figura 3 : 1 gruppo termostatico, 2 staffa di fissaggio, 3 manicotto collegamento
radiatore, 4,5 manicotti collegamento riscaldatore, 6 sensore elettrico, 7 fascetta di fissaggio, 8
manicotto di collegamento gruppo termostatico, 9 Tubazione rigida gruppo termostatico, 10
manicotto termostato, 11 raccordo tubazione flessibile essiccatore, 12 connessioni elettriche sul
375
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
cambio, 13 tubazione flessibile essiccatore, 14 manicotto, 15 pompa olio idroventola, 16
compressore, 17 tubazione acqua raffreddamento, 18 fascetta di fissaggio, 19 connessione
elettrica alternatore, 20 tappo di scarico acqua di raffreddamento, 21 manicotto collegamento
pompa acqua, 23 tubazione di raccordo compressore filtro aria, 25 tubazione pompa olio e
filtro, 26 tubazione mandata all’intercooler, 22,24,27,32 manicotti, 28 filtro olio, 29 tubazione
pompa olio e motore idroventola. 30 tubazione di ritorno all’intercooler, 31 tubazione motore
ventola, 33 connessione elettrica idroventola, 34 motore idroventola, 35 tassello, 36 vite, 37
tubazione pompa acqua, 38 cinghia compressore del condizionatore, 39 tubazione serbatoio
idroguida, 40 essiccatore, 41 motorino di avviamento, 42 collettore di aspirazione, 43 alloggio
filtro aria, 44 filtri combustibile.
All' interno del vano motore tutti i componenti ivi installati risultano in
vario modo coinvolti nell' incendio e maggiormente quelli posizionati
nella zona centrale del vano, estesa in basso fino alla coppa dell' olio,
dove le guaine ed i cavi dell' impianto elettrico e la guaina con la
tubazione del gasolio risultano completamente distrutti (fig. 84).
Figura 84 : Guaine impianto elettrico e tubazione gasolio
Nella stessa zona di cui sopra si nota che risulta distrutto il teleruttore di
avviamento e ricarica (fig.85) e che il cavo di un alternatore presenta
evidenti segni di fusione del rame (fig.86);
376
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
Figura 85 :Teleruttore di avviamento e ricarica
Figura 86 : Segni di fusione del rame sul cavo dell'alternatore
L' interruttore magnetotermico che fa capo al circuito degli alternatori è
risultato in posizione disinserita, (fig. 87).
377
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
Figura 87 : Interruttore magnetotermico
La centralina SCU, trovata integra e poi montata per la lettura su veicolo
analogo, ha rilevato il seguente elenco temporale dei guasti :
Tabella 80 : Elenco temporale dei guasti
Ora
Guasto
12,29 ABS
12,29 Ricarica alternatore 2
12,29 Sensore olio motore
12,29 Bassa pressione olio motore
12,30 Ricarica alternatore 1
12,30 EDC
12,30 Messaggi CAN
12,30 Alta temperatura acqua motore
Nell’ interno del vano motore, da notare sul lato sinistro la fusione della
ventola in plastica mentre permane la griglia protettiva metallica, la
tubazione dell’aria è scollegata a causa della fusione dei manicotti di
gomma, per il sistema di trasmissione idrostatica non risulta più visibile
la sonda posta superiormente al filtro dell’olio dell’idroventola e il
collegamento tra filtro e pompa, che avviene con tubazioni in parte
378
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
metalliche, non risultano fusioni della tubazione in plastica dell’acqua
che consente il collegamento allo scambiatore di calore utilizzato per
raffreddare l’olio motore; sul lato destro si è avuta la liquefazione del
manicotto in gomma dell’alloggio del filtro dell’aria e il conseguente
scollegamento, un filtro del carburante appare capovolto in posizione
orizzontale mentre l’altro è restato in posizione verticale e in entrambi i
casi si è avuto il danneggiamento delle sonde ad essi connesse.
Da notare inoltre :
9 l' impianto antincendio, installato sull' automezzo per la
protezione del vano motore, non è entrato in funzione ed il
serbatoio della polvere risulta completamente carico;
9 la dotazione antincendio di bordo è costituita da n° 2 estintori
portatili, uno a polvere polivalente e l' altro a CO2;
9 l' automezzo era stato immatricolato in data 09/07/02 ed al
momento dell' evento il contachilometri segnava una
percorrenza di 395.761 km;
9 in data 03.04.2006 all' automezzo era stato sostituito il
motore dopo una percorrenza di 295.382 km, effettuando poi
i tagliandi M1B ed M2B rispettivamente dopo 40.000 e
70.000 km;
9 in data 05.06.2007 al km 393.547 era stata effettuata una
revisione dell' impianto antincendio con sostituzione del
serbatoio della polvere, del tubo erogatore e del cavo
termosensibile;
9 come da scheda tecnica di manutenzione, dal 30.04.2007 al
18.06.2007 l' automezzo era stato oggetto di interventi
manutentivi apparentemente poco significativi ai fini della
determinazione delle cause dell' incendio (sostituzione del
379
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
cavo del cambio e del vetro porta posteriore, sospensioni,
aria condizionata);
7.1.3
Sviluppo dell’incendio
In questa parte della tesi vengono analizzati gli effetti prodotti dall’
incendio in questione, cercandone di interpretare la dinamica evolutiva
per poter poi cercare di risalire alle cause che l’hanno determinato.
Risulta opportuno richiamare brevemente alcuni aspetti teorici del
fenomeno incendio, per poter meglio comprendere come esso abbia
potuto evolversi.
7.1.3.1
L’incendio generico
L’incendio, indipendentemente dall’innesco che l’ha generato e dalla
tipologia, quantità e pezzatura dei materiali combustibili presenti, può
essere rappresentato, come visto nella parte sulla chimica degli incendi,
dalla successione delle seguenti fasi [114] :
9 fase di ignizione, nella quale uno dei materiali combustibili
presenti nell’ambiente si riscalda
per una qualsivoglia causa,
inizia a decomporsi e ad emettere vapori combustibili formando
una miscela con aria che si infiamma o per la presenza di un
innesco oppure perché si è raggiunta la temperatura di
autoaccensione;
9 fase di sviluppo, in cui la quantità di calore sviluppata viene
trasmessa per conduzione ed irraggiamento agli altri materiali
combustibili presenti dando inizio ad un processo di distillazione
da pirolisi con formazione di ulteriori gas e vapori combustibili
che a loro volta si infiammano, con sensibile aumento della
temperatura e della pressione e rapido sviluppo dell’incendio : tale
momento, che talvolta assume le caratteristiche di una
380
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
deflagrazione, è definito flash-over e rappresenta il punto di
riferimento e di maggior rischio nello sviluppo dell’incendio. Una
condizione di flash-over si verifica quando in un ambiente chiuso,
in presenza di una combustione in difetto di ossigeno, si apre una
porta, una finestra, si rompono i vetri ecc., con immissione di aria
nell’ambiente; a questo punto l’incendio, precedentemente
controllato dal combustibile, viene controllato dall’aria ed il
passaggio avviene in modo rapidissimo e con grande sviluppo di
energia : i materiali bruciano meglio e gli incombusti, trascinati
dai fumi ad alta temperatura e portati a contatto con l’aria esterna
determinano una ulteriore e rapida propagazione dell’incendio;
9 fase di incendio generalizzato, nella quale la combustione è
costante in quanto ormai bruciano tutti i materiali combustibili
presenti nell’ambiente;
9 fase di raffreddamento, nella quale l’incendio ormai tende ad
estinguersi perché il materiale combustibile si sta esaurendo.
Nella prima parte le temperature sono differenti da punto a punto
dell’ambiente, con una temperatura media in rapido aumento.
Nella fase successiva si raggiungono temperature superiori a 500 °C che
provocano la deformazione di eventuali strutture metalliche, mentre
generalmente ad una temperatura di poco superiore ai 100 °C si verifica
la rottura dei comuni vetri presenti; la temperatura di flash over risulta in
genere intorno ai 600 °C. Nella terza fase la temperatura media sale
ulteriormente fino a livelli che possono raggiungere anche i 1000 °C, per
poi decrescere in fase di esaurimento del combustibile.
7.1.3.2
Possibili fattori di incendio
In questa parte della tesi vengono analizzati i possibili fattori di incendio
presenti : detti fattori sono facilmente identificabili nei materiali
381
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
combustibili installati e nelle potenziali sorgenti di ignizione, rifacendoci
a quanto visto nel capitolo del comportamento al fuoco [115].
Per quanto inerente i materiali combustibili e infiammabili presenti,
questi sono di natura solida e liquida, (gassosa in altre tipologie di bus),
che a causa di una perdita o qualche altra azione e a contatto con una
superficie calda possono determinare un incendio, dando origine, quando
bruciano, a due tipologie di fuochi, definiti rispettivamente di classe A e
B secondo la norma En 2 del CEN, con caratteristiche di accensione,
combustione e spegnimento abbastanza differenti tra loro; di natura solida
sono anche considerati i materiali plastici che presentano comportamento
molto particolari rispetto ai combustibili solidi tradizionali. Le sorgenti di
ignizione considerate sono solo quelle che possono essere causa primaria
d’incendio, cioè non legate ad atti dolosi, a urti o incidenti.
7.1.3.2.a
Combustibili solidi
La combustione dei materiali solidi è notevolmente condizionata dal loro
contenuto di umidità e dalla pezzatura, intesa come rapporto tra il volume
e la superficie interessata : più alti risultano questi valori e più
difficilmente il materiale brucia. I combustibili solidi tradizionali presenti
sull’autobus in questione sono praticamente costituiti da legno del
pavimento, dagli strati di vernice insonorizzante a rivestimento del
pavimento stesso, dalla gomma dei pneumatici e dai tessuti impiegati per
le tendine parasole e in generale per i sediolini negli allestimenti degli
autobus interurbani. Sia i componenti di legno che di gomma presentano
una pezzatura sufficientemente grande per considerarli di facile
combustibilità ed è pertanto da escludere che essi possano dare origine a
un incendio; certamente in una fase successiva ne saranno coinvolti e nel
caso specifico la partecipazione del legno risulterà più o meno intensa in
funzione
delle
caratteristiche
di
382
combustibilità
della
vernice
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
insonorizzante. Per quanto concerne i tessuti, con riferimento non solo al
tipo di autobus in esame ma anche ad altri della flotta, questi sono
certamente di più facile combustibilità per la loro piccola pezzatura ma
costituiscono soprattutto un eccellente veicolo di propagazione del fuoco,
infatti :
9 le tendine parasole sono installate in posizione sospesa e possono
bruciare su entrambe le facce;
9 i rivestimenti dei sediolini bruciano inizialmente su una sola faccia
e rappresentano l’innesco dell’imbottitura sottostante, costituita in
genere da materiale plastico espanso dalla rapida velocità di
combustione.
6.1.3.2.b
Materie plastiche
I materiali di natura plastica in caso di incendio presentano le seguenti
preoccupanti caratteristiche :
9 alcuni tipi quali il PVC, il polietilene, il polistirene, il
polipropilene, ecc, fondono a temperature piuttosto basse, a circa
135 ÷ 150 °C e rilasciano gocce infiammabili che contribuiscono
ad una notevole propagazione dell’incendio;
9 tutte le materie di tipo espanso, quali il polistirolo ed il
poliuretano, presentano una velocità di propagazione molto elevata
e sono di difficile spegnimento;
9 tutte indistintamente presentano dei poteri calorifici piuttosto
elevati ed emettono fumi e gas tossici in quantità notevolmente
superiore a quella dei combustibili tradizionali; lo sviluppo dei
prodotti della combustione è principalmente legato al tipo di
polimero, con formazione di ulteriori gas nocivi se risulta
additivato con sostanze ignifughe di tipo alogenato.
383
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
Nell’attuale configurazione degli autobus l’impiego dei materiali plastici
è diventato sempre più consistente e ed esaminando l’autobus specifico si
può rilevare che sono distribuiti in modo pressoché uniforme e continuo
all’interno e all’esterno del veicolo, avvolgendo totalmente il
comportamento dei passeggeri. E’ però difficile che essi costituiscano la
fonte primaria dell’incendio, ma ne sono immediatamente coinvolti,
favorendo la rapida estensione dell’incendio.
7.1.3.2.c
Combustibili liquidi
Ben diversa pericolosità presentano i combustibili liquidi la cui
combustione è regolata dalla temperatura di infiammabilità, alla quale
vengono emessi vapori infiammabili e dal campo d’infiammabilità cioè
dalle proporzioni della miscela vapore-aria : una bassa temperatura di
infiammabilità, un basso limite inferiore ed un ampio campo di
infiammabilità costituiscono le condizioni di maggior pericolo ed è
sufficiente un innesco di scarsa energia per attivare la combustione. Tali
condizioni ben si realizzano sull’autobus in questione non tanto per le
quantità in gioco e per le loro modalità di stivaggio, quanto per le
possibilità di perdite e/o trafilamenti che, anche se di modesta entità,
possono manifestarsi dai collegamenti dei numerosi componenti
eterogenei dei vari circuiti di distribuzione di detti liquidi combustibili
con il conseguente rischio di incendio del prodotto infiammabile o di un’
esplosione dei vapori della sostanza. Bisognerebbe anche considerare la
possibilità di un cedimento dei contenitori per effetto di un
surriscaldamento prodotto da una fonte di calore esterna, che
determinerebbe sia un aumento della pressione interna dell’infiammabile
e di quella che agisce quindi sulle pareti del serbatoio, sia un incremento
della temperatura del materiale costituente il serbatoio cui corrisponde
una diminuzione della resistenza meccanica. Nel caso di cedimento
384
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
strutturale del serbatoio contenitore il prodotto infiammabile contenuto,
per effetto dell’aumento di pressione e temperatura, produce all’esterno
del serbatoio un’onda di pressione e la violenta combustione della
sostanza infiammabile rilasciata, cioè si verifica il fenomeno definito
bleve, caratterizzato dall’esplosione del vapore prodotto da liquido
bollente e seguito dall’immediata accensione della nube infiammabile
creatasi (palla di fuoco) e da un’ onda d’urto di sovrapressione. Il
fenomeno del cedimento del serbatoio eseguito da rilascio di prodotto
incendiabile (bleve e fire ball) può comportare anche il lancio di
frammenti di materiali generatisi a seguito del cedimento di qualsiasi tipo
di recipiente [116]. Nella tabella che segue sono indicate alcune
caratteristiche e le quantità medie generalmente presenti su un autobus :
Tabella 81: Caratteristiche fluidi presenti su un autobus
Sostanza combustibile
Punto di
Temperatura di
Quantità media
infiammabilità
accensione
presente (litri)
(°C)
(°C)
Gasolio
>55
>220
250 ÷ 350
Liquido per circuiti frenanti
150
>300
1,5 ÷ 3
Olio per trasmissioni
190
>300
30 ÷ 50
Olio lubrificante 15 w 40
220
>300
20 ÷ 35
Olio lubrificante 80 w 90
220
>300
13 ÷ 16
Il contatto tra liquidi infiammabili e il sistema di gas di scarico caldi è
una causa molto comune di incendi nel vano motore ma solitamente è
necessaria una temperatura più elevata della temperatura di auto ignizione
affinché una superficie calda a contatto con un liquido determini
l’accensione, rispetto al caso in cui il liquido venga riscaldato in maniera
omogenea, in quanto il liquido si riscalda ed evapora a spese dell’energia
presa dalla superficie calda. Se i tubi di scarico sono sottili, la
385
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
temperatura può quindi scendere al di sotto della temperatura di
autoignizione del liquido prima che il liquido stesso raggiunga questa
temperatura e il gas formato dalla evaporazione del liquido non si
accende. Nella tabella successiva vengono mostrate le temperature
superficiali tipiche per i sistemi di scarico necessarie ad innescare
differenti liquidi combustibili :
Tabella 82 : Temperature superficiale necessaria all’ ignizione di alcuni combustibili
Materiale
Temperatura
necessaria
all’
superficiale Temperatura di auto ignizione
ignizione
del [°C]
combustibile [°C]
Gasolio
520 ÷550
220
Olio motore
350 ÷600
350
Fluido freni
410 ÷500
350
Dalle evidenti caratteristiche di pericolosità dei liquidi combustibili e
dalla frequenza di specifici eventi significativi, come quelli relativi ad
alcuni modelli di autobus in servizio presso la CTP, è emersa una
interessante linea di tendenza del principio d’incendio riconducibile
all’olio idraulico per trasmissioni. Nei veicoli coinvolti sono infatti
presenti impianti idraulici relativi al ventilatore e al sistema idroguida che
fanno capo ai relativi serbatoi ed in particolare il secondo è realizzato in
materiale plastico. Entrambi i serbatoi e la componentistica degli impianti
ad esse relative, quali tubazioni, raccordi, filtri, indicatori di livello,
pompe, motori idraulici, ecc. sono installati all’interno del vano motore
dove il tutto risulta ben soggetto a sollecitazioni termiche e meccaniche :
la presenza di una piccola vaschetta per detti oli, per giunta in
corrispondenza dei bocchettoni di riempimento, già evidenzia la concreta
possibilità di perdite o gocciolamenti.
386
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
E’ sufficiente che un piccolo trafilamento di uno degli oli giunga a
contatto
diretto
con
una
modesta
sorgente
di
ignizione,
che
accidentalmente può prodursi nel vano posteriore, per dare origine
all’incendio : questi si intensificherà per il successivo rilascio di liquido
dai due serbatoi, dai vari componenti e dalle tubazioni di collegamento,
tutti in gran parte di tipo non metallico.
7.1.3.2.d
Sorgenti di ignizione
Tenendo conto delle considerazioni fatte nella parte precedente della tesi,
si è cercato di identificare la tipologia dell’innesco esaminando tutti quei
possibili fattori di incendio che potevano dare origine all’evento. E’
opportuno precisare che dalle testimonianze raccolte e dai sopralluoghi
effettuati non sono venuti alla luce elementi tali da poterne individuare
con certezza la provenienza. Le sorgenti di ignizione che accidentalmente
possono generarsi sull’autobus sono in genere conseguenza di
inconvenienti meccanici od elettrici, che si verificano principalmente a
seguito di sobbalzi e vibrazioni cui è soggetto il veicolo durante il
normale l’esercizio, da considerare quindi come ulteriori fattori che
possono determinare il rilascio di infiammabili e l' innesco, e/o per un
carente raffreddamento del vano motore, specie in condizioni climatiche
avverse.
E’ difficile che l’energia di tali sorgenti possa attivare la
combustione dei materiali solidi, ma certamente è in genere sufficiente
per quelli di natura liquida.
7.1.3.2.d.1
Scintille
Sono una delle più comuni cause di origine dell’incendio e possono
essere sia di natura elettrica che di natura meccanica. Quelle di natura
elettrica sono principalmente dovute al consumo del rivestimento isolante
dei fili a seguito di sfregamento contro una superficie metallica oppure
per contatto con una superficie calda; in caso di urto, le scintille sono
387
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
spesso provocate dal danneggiamento del vano batterie, specie se questi è
ubicato in posizione particolarmente esposta. Le scintille di natura
meccanica sono originate dalla rottura di componenti meccanici che
strisciano o che vengono a contatto con organi in movimento : si verifica
frequentemente che inconvenienti alla turbina, quali il disassamento o la
rottura di alette, anche per le elevate temperature in gioco, comportino la
rapida accensione dei vapori di gasolio. Visto quindi che un sistema
elettrico può sviluppare calore, andrebbe trattato in modo tale che il
rischio di accumulo di calore sia mantenuto molto basso e principio
basilare deve essere che i cavi siano tenuti rigorosamente separati dalle
tubazioni del carburante, dai tubi idraulici, di liquidi infiammabili e gas.
7.1.3.2.d.2
Superfici calde
Oltre alle superfici naturalmente calde del motore, sempre presenti
durante il suo funzionamento, il surriscaldamento di superfici metalliche
può essere accidentalmente causato da attriti anomali originati dal
bloccaggio di organi rotanti quali cuscinetti, pulegge, ventole, ecc, oppure
generato da perdite di tenuta dei collettori e delle tubazioni di scarico.
Teniamo presente che il calore prodotto dalla combustione nel motore e
portato fuori dal motore dal sistema di gas di scarico e dal corpo motore
fa si che i tubi di scarico abbiano temperature fino a 600 °C, il corpo
motore sia in genere a circa 95 °C, mentre la temperatura dell’aria in un
vano motore è normalmente attorno ai 70-90 °C, che è superiore al punto
di infiammabilità del diesel, il che significa che nel compartimento, il
liquido è facilmente infiammabile ed inoltre se un motore è ad alti regimi,
ad alta temperatura esterna e il vano motore è poco ventilato allora la
temperatura dell’aria può aumentare a livelli ancora più elevati.
388
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
7.1.3.2.d.3
Alcune osservazioni sugli incendi di origine elettrica
Vista la grande percentuale di incendi di origine elettrica e poiché un
autobus moderno contiene chilometri di cavi e molti punti di contatto, i
rischi incendio sono elevati, per cui vale la pena fare alcune osservazioni
in merito. A tale proposito c’è da osservare però che la stragrande
maggioranza degli incendi di origine elettrica è imputabile al fattore
umano poiché, gli impianti elettrici, se eseguiti a regola d’arte, non
presentano particolari pericoli di incendio. Per cui se una data
apparecchiatura elettrica viene realizzata tenendo conto della legge di
Joule, che consente di determinare il calore che si sviluppa in un corpo
percorso da corrente :
J = RI 2
in cui :
9 R è la resistenza elettrica del conduttore o corpo espressa in Ohm
9 I è la corrente elettrica che percorre il conduttore espressa in
Ampere
9 J è l’energia elettrica che si trasforma in calore espressa in Joule
ne consegue che lavorando nei limiti di potenza per cui è stata costruita
non subirà riscaldamenti eccessivi e quindi non presenterà pericoli di
incendio. Ma nel caso in cui è richiesto alle apparecchiature di
convogliare e fornire potenze superiori a quelle per le quali sono state
costruite per effetto di errori di uso, di installazione o di altro, o viene
impedita la dispersione di calore sviluppato per effetto Joule, o si
verificano dispersioni di corrente ad esempio per difetti di isolamento o
altro, si creeranno certamente situazioni in grado di causare l’ incendio.
Non rare sono in effetti situazioni di :
9 Raffreddamento insufficiente, come nel caso di particolari
sistemazioni, ad esempio per esigenze estetiche, che impediscono
389
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
la circolazione di aria che consente lo smaltimento di calore
generato per effetto Joule.
9 Eccessivo riscaldamento, come avviene quando un componente
elettrico viene sovraccaricato e quindi percorso da una corrente
superiore a quella per cui è costruito, nel qual caso possono
danneggiarsi i materiali che assicurano l’isolamento dagli altri
componenti cui è collegato e dagli elementi circostanti, con effetti
che possono anche essere differiti nel tempo. Infatti le eccessive
temperature degradano le guaine isolanti protettive, realizzate con
materiali plastici sintetici, che si infragiliscono e fessurano se
sottoposti a ripetuti cicli termici e l’ impianto elettrico non risulta
più protetto dal necessario grado di isolamento ed inoltre non
sempre in questi casi riescono ad intervenire tempestivamente i
dispositivi di sicurezza a protezione delle sovracorrenti e
sovratensioni, tarati sulla massima corrente che può percorrere la
linea a valle, che quindi intervengono quando la corrente supera il
valore massimo globale della linea; infatti nel caso di dispositivi e
motori elettrici possono aversi sovraccarichi in caso di
malfunzionamento, che determina una richiesta di potenza
superiore a quella per cui sono costruiti, ad esempio la corrente di
spunto che percorre gli avvolgimenti dei motori elettrici alla
partenza è notevolmente superiore a quella che percorre il motore
a regime ma essendo di breve durata non danneggia gli
avvolgimenti cosa che avviene quando la coppia di spunto è
insufficiente e la corrente diviene anche dieci volte maggiore di
quella di esercizio per cui un non repentino intervento dei
dispositivi
di
sicurezza
dei
motori
può
determinare
surriscaldamenti; o ancora sovraccarichi possono aversi in
apparecchi elettrici aventi un uso saltuario o intermittente per i
390
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
quali i periodi di inattività consentono la dispersione del calore ma
se il periodo di riposo tra un ciclo di funzionamento e il successivo
scende sotto un certo valore può aversi accumulo di calore. La
gran parte degli incendi di origine elettrica è dovuta in effetti, più
che ai corti circuiti, proprio ai sovraccarichi elettrici
e al
successivo riscaldamento con incendio che può insorgere in tempi
successivi, con correnti minori, quando ormai le apparecchiature si
sono degradate, o in concomitanza al sovraccarico quando gli
isolanti distillano per effetto del calore, si generano quindi prodotti
aeriformi che mescolandosi con l’aria costituiscono delle miscele
infiammabili che possono innescarsi tramite la stessa fonte di
calore che le ha generate, bruciando con una velocità tale da
rasentare una deflagrazione.
9 Isolamento imperfetto : può aversi sia per installazioni eseguite
male sia per deterioramenti dovuti a degradazione dei materiali per
vetustà o particolari situazioni ambientali e per questo aspetto
risulta fondamentale il ruolo della manutenzione nel garantire la
completa efficienza degli impianti. In particolare bisogna prestare
attenzione a rotture dell’isolante dei cavi protetti da guaine e alle
rotture dei supporti, a fattori accidentali che determinano il
contatto tra conduttori a tensione diversa, alle sovratensioni
accidentali che possono determinare una scarica elettrica fra
componenti a tensione diversa e alle perdita di proprietà
dielettriche dell’isolante a causa di umidità o modifiche per
invecchiamento e degrado. Le correnti parassite conseguenti ai
difetti di isolamento saranno più o meno intense a seconda
dell’impedenza dei circuiti in cui il difetto è presente e se l’
impedenza di guasto risulta nulla si verifica un corto circuito e in
questo caso, in corrispondenza del difetto di isolamento, la
391
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
resistenza è zero con energia dissipata in calore pari a quella di una
linea che percorsa da una corrente di corto circuito che può essere
anche dell’ordine dei migliaia di Ampere. Di conseguenza i
conduttori
possono
raggiungere
rapidamente
temperature
(600 ÷ 700 °C) in grado di provocare l’accensione delle sostanze
combustibili poste in prossimità. Tuttavia, un corto circuito del
genere è un evento eccezionale, per la presenza dei dispositivi di
sicurezza posti a protezione delle linee e poiché l’impedenza della
linea cortocircuitata non può mai essere comunque nulla e quindi
la corrente di corto circuito non raggiunge istantaneamente il
massimo valore ma valori in genere fino a cento volte superiori a
quelli normali, inferiori a quelli teorici ma comunque elevati e in
grado di causare l’accensione dei combustibili a contatto. Nella
zona di contatto fra i conduttori a diversa tensione, la temperatura
raggiunge facilmente i valori di fusione e possono insorgere archi
elettrici per l’aumento della resistenza, ma il fenomeno avendo
breve durata fa in modo che l’energia elettrica effettivamente
dissipata sia di solito modesta e se le installazioni sono realizzate
in modo corretto entrano in azione i dispositivi di sicurezza in
tempi brevi, per cui il corto circuito non è affatto la causa tipica
degli incendi di origine elettrica. In alcuni casi però come nel caso
degli autobus, a bordo dei quali sono installate le batterie di
accumulatori collegati con impianti elettrici percorsi da corrente
continua e sottoposti quando il veicolo è in movimento a
scuotimenti, vibrazioni, forti sbalzi termici, eventi meteorologici di
ogni genere ed anche ad atmosfere e sostanze fortemente
corrosive, può effettivamente prodursi un corto circuito. Basta
infatti la semplice abrasione dell’isolante, o lo spellamento per
strofinio di un conduttore contro una parte metallica per causare
392
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
pericolose correnti e conseguenti surriscaldamenti locali che data
la diffusa presenza di oli, grassi e altre sostanze infiammabili che
possa aversi l’incendio del veicolo.
Infine sono da segnalare :
9 difetti di isolamento di impedenza medio-alta : quando le
correnti supplementari non superano di dieci volte quella
ordinaria, dovuta a cattivo contatto tra due conduttori o differenza
eccessiva di tensione elettrica fra un conduttore e altro corpo
conduttore non isolato verso terra, casi in cui se la tensione supera
la rigidità dielettrica del mezzo interposto si manifesta una scarica
elettrica fra i conduttori e l’energia termica sviluppata da essa può
determinare perforazione dell’isolante o carbonizzazione di un
filetto dell’isolante determinandosi così le condizioni per un arco
elettrico o di un cattivo contatto e a causa dell’altissima
temperatura assunta localmente mentre nelle altre tratte è minore,
essendo modesta la corrente richiamata nel circuito i dispositivi di
sicurezza potrebbero intervenire in ritardo o per nulla e l’energia
dissipata potrebbe essere ingente così come la temperatura;
9 dispersioni di correnti causate dal degrado degli isolanti : il
progressivo instaurarsi di fenomeni quali naturale invecchiamento,
surriscaldamento eccessivo, attacco di atmosfere aggressive può
determinare l’instaurarsi di correnti elettriche di debolissima
intensità fra i circuiti elettrici e la terra, non rilevabili dalle
strumentazioni ordinarie, che possono permanere a lungo causando
subdoli effetti;
9 collegamento imperfetto dei componenti elettrici dei circuiti e
delle apparecchiature : è il difetto più comune riscontrabile negli
impianti elettrici ed è anche all’origine della maggior parte di
incendi attribuibili a dissipazione dell’energia elettrica in calore.
393
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
Basta a tal proposito ricordare che i conduttori vengono
solitamente collegati fra loro mediante morsetti o collari trattenuti
da viti e che la continuità dei circuiti può essere pregiudicata per
imperfetto serraggio dei morsetti, per allentamento delle viti di
fissaggio a seguito di vibrazioni, urti o altre sollecitazioni; per cui
la
debole
impedenza
delle
connessioni
può
divenire
improvvisamente di parecchi Ohm e nel punto può aversi una
notevole dissipazione di calore dell’energia elettrica, che può
durare a lungo, con conseguente innalzamento della temperatura a
valori in grado di provocare l’accensione dei materiali
combustibili posti a contatto. Identici effetti possono essere
provocati da filettature difettose di viti e madreviti, stiramenti
accidentali di fili, guaine di spessore irregolare in certi tratti, cavi
elettrici recuperati da impianti dismessi il cui isolante è
deteriorato;
9 elettrizzazione per strofinio o triboelettricità : quando si strofina
un conduttore isolato con un corpo appropriato si determina una
migrazione di elettroni da un corpo all’altro cosicché a distacco
avvenuto uno dei corpi risulta carico positivamente e l’altro
negativamente e quando la tensione del corpo elettrizzato supera
un determinato valore può aversi una scarica elettrica fra il corpo
elettrizzato e il conduttore elettrico più vicino a minore potenziale
elettrico con dissipazione in calore dell’energia elettrostatica del
corpo elettrizzato che in presenza di miscele aeriformi
infiammabili può innescare incendi.
I principali fattori di rischio in un sistema elettrico possono quindi
considerarsi :
394
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
9 i danni derivanti dal calore, che accelera l’ invecchiamento con
conseguente affaticamento e potenziale malfunzionamento di parti
ad esempio in materiale isolante (plastica, gomma ecc.);
9 gli effetti meccanici come ad esempio urti e vibrazioni che possono
determinare danni meccanici come l’usura, lacerazioni e danni ai
morsetti o i contatti con bordi taglienti che possono provocare corti
circuiti, per cui il bloccaggio dei cavi va effettuato con attenzione
particolare;
9 gli agenti chimici
come l’umidità, che determina problemi di
resistenza nel contatto a seconda dell’ossidazione e scintille che
possono aversi nei connettori, sviluppando archi in alcuni casi,
accelerando così la decomposizione e incrementando il potenziale
per l’ignizione, oppure la polvere sui materiali isolanti che può
sviluppare ponti di carbonio causando dispersione di correnti e in
alcuni casi archi elettrici;
9 infine il design dei cavi poiché i veicoli di oggi contengono
chilometri di cavi e per mantenere bassi i pesi e i costi, la tendenza
è di ridurre le sezioni trasversali a dimensioni più piccole,
determinando così un maggior rischio incendio in caso di incidente
o imprevisti sovraccarichi o se i cavi sono termicamente isolati e la
temperatura ambiente è elevata, aumentando il rischio di danni da
fusione nell’isolamento dei cavi.
Dal momento quindi che gli incendi causati da guasti elettrici
rappresentano una percentuale relativamente alta del totale degli incendi,
saranno necessarie misure preventive per eliminare o attenuare i danni. Se
la potenza venisse rapidamente interrotta nel circuito che causa o
mantiene l’incendio, il fuoco potrebbe spegnersi da solo o rallentare, ma
dal momento che i fusibili non sono una garanzia che un incendio non si
verifichi o diffondi, un moderno sistema elettrico dovrebbe essere dotato
395
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
di un sistema di scansione tramite sensore che segnali un errore e spenga
la corrente, senza però che l’autobus diventi impossibile da guidare.
L’aggiunta di blocchi di connessioni con portafusibili in posizioni
strategiche nel bus, fin dall’inizio della fabbricazione, faciliterà e
garantirà la qualità di questi impianti, contribuendo inoltre a semplificare
il cablaggio, in vista delle personalizzazioni con attrezzature ed accessori
per le esigenze future. Le fascette e stringenti usate per fissare tubi, cavi,
componenti, ecc., sono spesso in materiale termoplastico, che nel tempo e
nell’ambiente caldo del vano motore invecchia, si lacera e perde le sue
funzionalità; per cui sarebbe quindi utile che le fascette siano
contrassegnate da una temperatura massima di esercizio al fine di
assicurare una vita di lavoro per esempio di 10-15 anni.
7.1.3.2.e
Influenza di ulteriori fattori
Fondamentale importanza nello sviluppo dell’incendio rivestono sia le
caratteristiche di reazione al fuoco delle sostanze coinvolte che la
ventilazione dell’ambiente, fattori determinanti per allungare il tempo di
accadimento del flash-over.
9 La ventilazione del vano motore : che è ottenuta naturalmente,
attraverso finestrini di aerazione grigliati e meccanicamente
attraverso la ventola del raffreddamento. In linea generale una
buona ventilazione fa diminuire la probabilità di accadimento di
incendio, infatti con essa diminuisce la temperatura globale nel
vano, anche in presenza di perdite dai condotti dei gas di scarico.
Inoltre si diluiscono eventuali vapori infiammabili emessi da
perdite di oli e/o gasolio. Quindi la ventilazione è un buon metodo
per prevenire gli incendi nei vani motori. Tuttavia, nel momento in
cui si dovesse verificare un incendio è buona regola fermare subito
396
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
il veicolo e arrestare la ventola del raffreddamento per evitare di
alimentare il fuoco.
9 La ventilazione della zona passeggeri : se l’ambiente presenta
una scarsa ventilazione, la coltre di fumo si estende verso il basso
fino a rendere indistinguibile il punto dove si trova il focolare
stesso e l’aria diventa irrespirabile per il calore, per la carenza di
ossigeno e per la presenza di fumi e vapori. Nel caso il soffitto
presenti aperture per l’espulsione dei gas caldi ed anche le pareti
dispongano di aperture per l’immissione di aria fredda, si instaura
un effetto camino con espulsione di parte o tutti i gas caldi in
funzione della posizione e della dimensione della superficie di
sfogo. In definitiva il miglior controllo dell’incendio deve essere
fatto con la ventilazione, anche se ciò contribuisce ad accrescere la
velocità di combustione e la propagazione : la ventilazione
scongiura i pericoli di infiammazioni improvvise, favorisce lo
smaltimento di grandi quantità di fumo e calore e consente un più
sicuro ed efficace intervento di spegnimento.
9 La temperatura : per avviare un incendio e mantenerlo in vita,
deve esserci calore e la capacità di un materiale di innescare un
incendio sono proporzionali alla temperatura per cui, a parità di
tutte le altre condizioni, quanto più alta è la temperatura media nel
vano motore, tanto maggiore è la probabilità di innesco. Infatti è
maggiore la quantità di vapori infiammabili emessa da perdite e/o
tra filamenti di liquidi infiammabili, oli e grassi. Ciò è aggravato
dal fatto che il calore, in aggiunta alle sollecitazioni meccaniche,
oli e vibrazioni, provoca l’invecchiamento, riducendone la durata,
della maggior parte dei materiali organici come i polimeri, la cui
percentuale nei veicoli è oggi molto alta e la cui resistenza e vita,
secondo una regola empirica sviluppata da Arrhenius, da non
397
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
utilizzare per più di 20-30 °C oltre le temperature testate, si
dimezza se la temperatura media si incrementa di 10 °C, a
dimostrazione
del
rischio
compartimento motore.
di
temperature
elevate
in
un
Inoltre l’isolamento acustico dei vani
motori, che fornisce anche un buon isolamento termico, determina
un
innalzamento
della
temperatura
nel
compartimento
e
combinandosi con la scarsa ventilazione e ad un’ alta temperatura
esterna da luogo ad una temperatura ancora più alta, determinando
un forte effetto da invecchiamento da calore sui materiali
polimerici e una conseguente riduzione della resistenza di molte
parti, esercitando in particolare una maggiore sollecitazione sui
fissaggi e fascette in materiale plastico.
9 le vibrazioni e altri movimenti frequenti, che si creano ad esempio
nel contatto con la strada, accelerano processi di degradazione già
esistenti delle parti, che collegate al motore vibrano con esso e
sono, in gran parte, la ragione per cui i tubi e altri componenti del
veicolo sviluppano cricche di fatica, rotture e perdita di fluidi
infiammabili o del perché l’isolamento del sistema elettrico viene
meno o si crea un corto circuito; compito fondamentale della
manutenzione è quindi il fissaggio dei cavi e tubi, affinché
possano
sopportare
le
continue
vibrazioni
durante
il
funzionamento ed è di grande importanza che gli elementi di
fissaggio siano di qualità adeguata per garantire la loro affidabilità
per tutta la durata di lavoro prevista.
9 la presenza di spazi angusti e inaccessibili nel vano motore, che
impediscono l’accesso sia fisico che visivo, costituisce una
potenziale fonte di incendio ed in aggiunta ad una scarsa
ventilazione, conduce spesso ad alte temperature, che a sua volta
riduce la durata dei particolari; per quest’ultimi la scelta dei
398
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
materiali è spesso dettata da motivazioni economiche piuttosto che
dalle prestazioni ed inoltre gli ingegneri nel processo di
progettazione devono effettuare una serie di compromessi al fine
di raggiungere i loro obiettivi, per tener conto sia delle richieste
del mercato, ma anche dei requisiti di legge che limitano i bus,
come ad esempio nei bus di città dove lo spazio passeggeri e un
basso piano di accesso sono stati prioritari, determinando vani
motori
molto
compatti
che
rendono
l’accessibilità
e
la
manutenzione più complicata.
7.1.3.2.f Osservazioni sul servizio di Manutenzione
Il livello di manutenzione è uno dei fattori più importanti per la
prevenzione degli incendi e se inadeguata è fonte di numerosi incendi,
per cui molte possibilità di incendio possono essere evitate con il giusto
tipo di servizio di manutenzione e in combinazione con un’ attenta
valutazione del rischio possono individuarsi in tal modo le procedure più
corrette per mitigare eventuali rischi individuati. Per cui affinché
il
servizio adempia al suo scopo è necessario non solo il controllo delle
parti rese facilmente accessibili dai produttori ma deve essere eseguita
anche una verifica, attraverso ispezione visiva e fisica, delle altre parti del
vano motore e degli elementi che necessitano di attenzione al fine di
corretta una valutazione dei rischi.
Poiché un servizio completo per un autobus può richiedere 6 ore, mentre
un bus da città può richiedere anche 8 ore ed uno a gas può richiedere un
tempo addizionale del 50% in più, a seconda dei sistemi di sicurezza che
richiedono attenzione, al fine di effettuare l’assistenza e la riparazione dei
bus per i servizi interurbani in una flotta occorreranno un 10% di autobus
supplementari. Inoltre visto che molti degli autobus da città di oggi hanno
dei compartimenti motori compatti tanto che sia l’ispezione che l’accesso
399
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
sono fortemente limitati, la manutenzione necessiterà quindi di un tempo
maggiore a causa della mancanza di spazio e difficoltà di accesso. Alcune
parti del motore sono accessibili solo dalla parte superiore o da dentro
l’autobus attraverso opportune aperture, che limitano fortemente le aree
di lavoro, ed è possibile che alcuni controlli siano consciamente o
inconsciamente eliminati per cui la scarsa accessibilità incrementa il
tempo necessario alla manutenzione e diminuisce la sua qualità
innalzando il rischio incendio. Esigenze economiche portano sia a pochi
autobus extra che a tagli dell’organizzazione della manutenzione, che a
sua volta ha pochi margini ma esigenze elevate di personale e materiali e
poiché i lavori vengono spesso effettuati in condizione di disagio in spazi
limitati, con scarsa visibilità e in cui c’è rischio di lesioni a causa di
superfici calde e spigoli vivi ed il tempo a disposizione è breve, si
determina un incremento del rischio di errori e della frequenza di
incidenti. Proprio perché vi sono molti posti sull’autobus inaccessibili sia
visivamente che fisicamente, esistono molti esempi in letteratura, di
riparazioni in cui, per varie ragioni, una parte è stata montata in modo
errato a causa della scarsa accessibilità o mancanza di tempo, (ad esempio
un tubo che non si chiude nel posto giusto, cavi installati con lunghezze
libere), aumentando così il rischio che le vibrazioni influenzino dei
particolari, che la fatica meccanica conduca a rotture e perdite ed è
comune in questi contesti, che a causa dell’ usura si determinino danni
all’ isolamento dei cavi. Una valutazione errata del rischio o della
situazione a causa della mancanza di tempo può quindi essere disastroso :
una piccola perdita può crescere e diventare più grande se non risolta in
tempo, oppure dei dadi e bulloni non serrati, possono facilmente portare a
separazioni determinando danni che a loro volta possono causare incendi
o ancora un tubo in materiale polimerico può essere invecchiato a causa
dell’ elevato calore e una volta diventato duro e fragile, se non sostituito
400
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
in tempo, può insorgere una perdita che a sua volta può condurre a un
incendio.
Nonostante sia ancora molto comune per le compagnie di autobus avere
un proprio centro di servizio, secondo una nuova tendenza emergente gli
autobus vengono direttamente affittati dal fabbricante o da responsabili
delle vendite, il che significa che viene acquistato un pacchetto di autobus
e servizi. Il produttore detiene ancora l’autobus e servizi a intervalli di
tempo specificati e qualora il bus non venga portato agli appuntamenti
per gli specifici servizi, la garanzia viene ridotta. Questa nuova tendenza
ha un effetto positivo in quanto gli autobus hanno una miglior
manutenzione e probabilmente il numero di incendi nel lungo periodo si
ridurrà.
Infine un’ idea per migliorare le condizioni di manutenzione potrebbe
essere quella di rendere il corpo motore più semplice, migliorando quindi
l’accessibilità e riducendo quindi i tempi di manutenzione e la qualità del
servizio.
7.1.3.3
Schematizzazione autobus
In definitiva, dall’analisi effettuata, risulta abbastanza evidente che,
quando il veicolo stesso risulta fonte primaria dell’incendio, i fattori che
determinano tale evento sono principalmente da ricercarsi nelle perdite di
combustibili liquidi e per la presenza di una delle sorgenti di ignizione
indicate. Nell’attuale configurazione degli autobus, tutti questi fattori
sono in massima parte concentrati nel vano posteriore del veicolo dove
oltretutto per la presenza del motore e delle tubazioni di scarico, la
temperatura interna risulta abbastanza sostenuta e crea condizioni più
favorevoli all’evento anche se non bisogna escludere anomali
surriscaldamenti dovuti a freni e gomme oppure occasionali contatti con
401
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
una fonte di calore dei materiali di allestimento interno al veicolo che
possono portare al coinvolgimento dell’intero mezzo,.
Nello schema seguente vengono indicate le due zone più pericolose
dell’autobus, definite da alcuni tecnici punti fuoco perché in esse nella
quasi totalità dei casi ha origine l’incendio mentre il senso delle frecce
indica la direzione di propagazione delle fiamme e la loro dimensione ne
indica l’intensità :
9 la zona A corrisponde alla parte anteriore del veicolo,
comprendente anche il posto guida è rilevante dal punto di vista
elettrico in quanto in essa sono in genere ubicate buona parte delle
centraline elettriche ed elettroniche, nonché tutti i comandi, i
controlli e le protezione dei vari circuiti di bordo. Molto
pericolose, specie in caso di urto, risulta il posizionamento in
questa zona del vano batterie, della parte idraulica del sistema
frenante anteriore, per di più con serbatoi di liquido e tubazioni di
plastica e talvolta dei serbatoi di gasolio come per esempio
sull’Iveco 380.12.35. Nel sottopavimento infine, all’altezza del
posto di guida, è installato il sistema idroguida collegato mediante
tubazioni agli altri impianti idraulici posti nella zona B;
9 la zona B è costituita dalla parte posteriore del veicolo, di cui è
stata già fornita ampia descrizione.
Figura 88 : Punti fuoco autobus
402
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
Gli ulteriori due schemi indicano i percorsi di esodo del compartimento
passeggeri tendenzialmente preferiti in funzione della zona in cui si è
manifestato l’evento.
Figura 89 : Percorso d’ esodo in incendio in zona A
Figura 90 : Percorso d’ esodo in incendio in zona B
7.1.4
Cause dell' incendio dell’ autobus 5806
L' evento accaduto conferma ancora una volta che il più pericoloso punto
di fuoco di questa categoria di automezzi è identificabile nel vano
posteriore, dove sono concentrati tutti i principali fattori d' incendio. Nel
caso specifico, anche se per un incendio di tipo generalizzato risulta
sempre poco agevole identificare la causa primaria che lo ha generato,
dall' esame dei danni prodotti può anzitutto identificarsi una attendibile
linea di fuoco che inizia in prossimità della coppa dell' olio motore.
Tale ipotesi non solo trova conferma da quanto dichiarato dall' autista nel
tentativo di spegnere le fiamme, ma consente anche di escludere che la
causa dell' incendio sia di tipo meccanico per le seguenti considerazioni :
403
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
9 in questa zona non sono presenti componenti meccanici, fissi
o con organi rotanti, la cui rottura o grippaggio possa dar
origine a scintille o a superfici calde tali da costituire una
sorgente d' ignizione per i vari materiali combustibili
presenti;
9 una eventuale fuoriuscita di liquido combustibile, a causa di
perdite o rottura di tubazione, richiederebbe per poter
generare un principio d' incendio anche la presenza di un
energico innesco derivante, nel caso specifico, solo da una
improbabile contemporaneità di un guasto di tipo elettrico.
Innanzitutto la segnalazione di temperatura regolare probabilmente già
quando l’incendio si era innescato lascia presagire, confortati anche dai
dati rilevati dalla SCU, che la zona dell’ idroventola è stata coinvolta in
un secondo momento. Molto più concreta risulta invece la possibilità che
l' incendio abbia avuto origine per un guasto di tipo elettrico verificatosi
nel circuito di uno dei componenti collegati alle batterie e pertanto in
grado di produrre tale tipologia di danni. Sono state pertanto verificate le
condizioni dei due alternatori, del motorino di avviamento e della
centralina del preriscaldo, senza rilevare particolari anomalie o presenze
di corto circuito, non sono state neanche rilevate sfiammature lungo il
percorso dei relativi cavi di collegamento, ormai privi di coperture e
guaine isolanti, ed in particolare nei punti di ancoraggio dove le staffette
metalliche risultano integre (fig. 91).
404
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
Figura 91 : Staffette metalliche di ancoraggio per i cavi di collegamento
A seguito di quanto precedentemente indicato, la più probabile
causa dell' evento è da attribuire ad un anomalo funzionamento
di un alternatore e pertanto le varie fasi che hanno determinato
l' incendio possono così riassumersi :
9 l' alternatore n ° 2 produce una eccessiva corrente di carica
alle batterie con conseguente surriscaldamento del cavo di
collegamento al teleruttore di avviamento e ricarica, che a
sua
volta
non
è
intervenuto
nell’interruzione
dell’alimentazione per un malfunzionamento;
9 il surriscaldamento provoca la fusione della copertura
isolante del cavo che in tali condizioni emette vapori
infiammabili in buona parte contenuti all' interno della
guaina di plastica;
9 anche la guaina di plastica comincia a fondersi, specie nei
punti di contatto con il cavo, emettendo ulteriori vapori
infiammabili;
405
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
9 il cavo, privo di copertura isolante ed in tensione, entra in
contatto con una superficie metallica generando scintille, in
ogni caso di energia sufficiente per attivare l' incendio dei
vapori prodottisi.
Figura 92 : Vista prospettica alternatore
Tabella 83 : Caratteristiche alternatori
Fornitore
BOSCH 28 V 40 ÷ 90A
Tensione nominale
28V
Erogazione nominale di corrente
90A
Corrente a temperatura ambiente 25 ° C
1800 RPM/40A
Corrente tensione nominale
6000 RPM/10A
Senso di rotazione
orario, vista da puleggia
Peso
7.8 kg
A questo punto l' incendio, per la quantità di materiali
combustibili presenti nella zona e senza alcun intervento di
spegnimento, si intensifica e si propaga facilmente:
9 prendono fuoco la guaina e la tubazione del gasolio,
entrambe di materiale plastico, facendo mancare il carburante
al motore che si spegne, come indicato dall' autista e dai dati
della centralina SCU;
406
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
9 il gasolio in fiamme si riversa sul carterino centrale
incendiandone il rivestimento spugnoso, anch' esso di
materiale facilmente combustibile;
9 prende fuoco l' olio idraulico, che ormai fuoriesce dalla
tubazione dell' idroventola, riversandosi sul carterino di
sinistra producendo deformazioni e parziale fusione dello
stesso;
9 l' incendio si generalizza nella parte posteriore del mezzo,
coinvolgendo tutti i materiali combustibili, estendendosi alle
parti in vetroresina della carrozzeria.
La causa ipotizzata trova ulteriore supporto nella verifica dello stato delle
batterie (fig. 93), delle quali la prima presenta evidenti emissioni di
vapori acidi dovuti alla eccessiva ricarica.
Figura 93 : Stato delle batterie
Si ritiene opportuno segnalare che l' autista di un medesimo veicolo della
CTP, con numero aziendale 5810, in data 24.07.07 rientrava in deposito
segnalando l' improvviso intervento dell' impianto antincendio: un
accurato controllo evidenziava che tale intervento era stato determinato
dal surriscaldamento dei cavi elettrici di un alternatore per eccessiva
carica fornita alle batterie. Dalla scheda tecnica degli interventi effettuati
407
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
su detto veicolo risulta inoltre che per la stessa ragione nei mesi di Marzo
e Novembre/06 e Gennaio/07 era stato sostituito un alternatore. In
considerazione che gli eventi descritti indicano una linea di tendenza del
principio d' incendio riconducibile ad anomalie degli alternatori, per gli
effetti che ne possono derivare, risulta evidente la necessità di effettuare
una verifica straordinaria sullo stato di tutti gli alternatori installati su tale
tipologia di autobus dei teleruttori, segnalando nel contempo alla ditta
costruttrice quanto verificatosi, al fine di condurre una specifica indagine
sugli apparecchi in questione.
7.2
L’INCENDIO DELLA 5811
L’analisi dell’incendio e degli effetti prodotti dall’ incendio dell’ autobus,
avente matricola aziendale 5811 avvenuto il 04.11.2007 e andato
completamente distrutto, così come la 5829, può essere invece utile per
focalizzare l’attenzione sui materiali di costruzione degli autobus Iveco,
ed in particolare, sulla loro infiammabilità; risulta evidente, come ben si
evince dalla documentazione fotografica allegata, che le fiamme abbiano
interessato completamente l’autobus, distruggendo totalmente tutto
l’arredamento interno, dal pavimento al soffitto, ivi compreso il cruscotto
con la strumentazione, l’impianto elettrico, la copertura del tetto in
vetroresina, non presenta invece danni apparenti quanto installato al di
sotto del pianale stesso, come il telaio, le batterie e pneumatici.
408
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
Figura 94 : Incendio totale dell'autobus 5811
Figura 95 : Interno dell'autobus
409
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
Figura 96 : Vano motore
7.2.1
Analisi dei danni 5811
In seguito all’ evento il veicolo è risultato totalmente incendiato infatti
dalle immagini risulta ben evidente che :
9 il rivestimento esterno è completamente deteriorato, con la
completa fusione di copertura, finestrini e vetrature, porte, pannelli
superiori della fiancata, mentre per quelli sulle fiancate inferiori,
se in lega leggera, hanno subito danni più lievi se in composito
presentano la completa fusione della resina della matrice e parte
delle fibre invece ancora visibili;
9 la parte posteriore è completamente danneggiata con fusione di
testata posteriore, portellone motore, vetratura, gruppi ottici
posteriori;
9 l’ interno presenta danni estesi, nel compartimento passeggeri
infatti per la presenza di materiali come compensato multistrato,
resina
plastica
e
resina
poliestere,
si
è
verificato
un’intensificazione dell’incendio, ne consegue che l’interno e’
completamente rovinato mentre hanno resistito all’elevata
410
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
temperatura solo le parti metalliche in acciaio come l’intelaiatura
dei sedili, mancorrenti orizzontali e verticali. Del posto guida resta
solo lo scheletro metallico dello sterzo e l’intelaiatura del sedile
mentre non sono più riconoscibili la copertura del sedile, il
divisorio in plastica tra autista e passeggero, la plancia dei
comandi, il parabrezza, il finestrino laterale e la tendina annessa.
Nella zona adiacente al vano motore si è invece avuto il collasso
della copertura sulla panchina dei sedili posteriori, mentre hanno
resistito le parti metalliche come la reticella dell’impianto di
climatizzazione e la tenuta del tubo di scappamento, che risulta
ben isolato;
9 nell’ interno del vano motore, l’innalzamento della temperatura è
stato così notevole da portare alla fusione della lega leggera come
nel caso del manicotto della ventola; da notare sul lato sinistro la
fusione della ventola in plastica mentre permane la griglia
protettiva metallica, la tubazione dell’aria scollegata a causa della
fusione dei manicotti di gomma, per il sistema di trasmissione
idrostatica non risulta più visibile la sonda posta superiormente al
filtro dell’olio dell’idroventola e il collegamento tra filtro e pompa
che avviene con tubazioni in parte metalliche, infine si è avuta la
fusione della tubazione dell’acqua in plastica che consente il
collegamento allo scambiatore di calore utilizzato per raffreddare
l’olio motore; sul lato destro si è avuta la liquefazione del
manicotto in gomma dell’alloggio del filtro dell’aria e il
conseguente scollegamento, i filtri del carburante, non più
identificabili, sono stati spazzati via completamente da un
esplosione che ha compromesso anche i comandi di avvio e
spegnimento del motore, tutte le tubazioni corrugate in plastica
sono liquefatte.
411
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
7.2.2
Considerazioni sulla propagazione degli incendi e
materiali presenti
Indipendentemente dalla fase di ignizione, cioè dal come e dove
l’incendio abbia avuto origine, la fase di sviluppo è stata determinata da
un numero di fattori principalmente legati alle caratteristiche dei materiali
coinvolti. In uno studio sugli incendi di un autobus può essere in generale
utile esaminare automezzi simili, in modo di tentare di risalire alla
tipologia dei materiali e alle loro caratteristiche di comportamento al
fuoco, prelevando piccoli campioni dei materiali di arredo (o nel caso sia
presente, come per veicoli di classe III, del tessuto delle tendine applicate
ai finestrini, dei rivestimenti dello schienale e del sedile delle
poltroncine). Con le prove effettuate sui campioni si possono evidenziare
le velocità di combustione (certamente elevate) presentate dai materiali
(tessuti sintetici impiegati), la temperatura di accensione (bassa) e il
rilascio di gocce infiammate, cosa che non stupisce essendo questi
componenti dell’arredo ad indice di pericolosità elevata e frequentemente
ricorrenti in casistiche degli incendi. Nel caso siano presenti dei tendaggi
in materiali tessili, questi sono da considerarsi i componenti più
pericolosi dell’arredamento in quanto, essendo installati in posizione
sospesa, presentano una facilità di innesco del fuoco, bruciano su
entrambe le facce e facilitano la propagazione dell’incendio sia verso
l’alto per contatto diretto che verso il basso per distacco di parti
incendiate. Ed altrettanto pericoloso risulta, se presente, il rivestimento
tessile dei sediolini che, specie se accoppiato ad uno strato di imbottitura
in foam sintetico, costituisce un mezzo di rapidissima propagazione
dell’incendio. Infine tutti i rivestimenti interni del soffitto, delle pareti e
fiancata superiore dell’autobus sono realizzati con pannelli in materiale
plastico combustibile e compositi, che presentano valori più o meno
412
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
elevato del potere calorifico, che emettono una quantità di fumi tossici
notevolmente superiore a quella dei combustibili tradizionali e che per le
intercapedini presenti possono anch’essi bruciare su entrambe le facce.
Elevata appare anche la pericolosità della parte di pavimento sottostante i
sediolini e di quello del corridoio, costituito da pannelli in compensato
multistrato di legno di betulla e collanti fenolici, che risulta di
ignifugazione insufficiente : da semplici prove effettuate su due piccoli
campioni prelevati, si è constatato che essi bruciano con fiamma in
presenza di una sorgente di ignizione e quindi non risultano appartenere
alla categoria dei materiali flame resistance.
Da notare che il gruppo motopropulsore risulta isolato dal rivestimento in
resina poliestere dell’abitacolo tramite una paratia sandwich costituita da
un pannello di coibentazione in lana di vetro dello spessore di circa 20
mm protetti da un rivestimento esterno di alluminio che impedisce
l’impregnazione con combustibile, olio lubrificante o con qualsiasi altro
tipo di fluido infiammabile. Questo materiale, viene dichiarato sia
termoisolante e fonoassorbente, consentendo la minimizzazione degli
effetti termici e acustici attenuando la rumorosità verso l’interno, sia
autoestinguente e a bassa propagazione di fiamma. Sebbene questo
materiale dovrebbe avere una buon comportamento al fuoco, avendo in
generale la lana di vetro una classe di reazione al fuoco compresa tra 0 e
1 a seconda dei rivestimenti e non generando fumi o gas tossici in caso di
incendio, in realtà questo tipo di protezione non ha svolto adeguatamente
la funzione di coibentazione in quanto si è rapidamente degradata al
contatto con elementi rigidi non avendo una buona resistenza all’impatto
e alla manipolazione. Ed infatti non è insolito notare sfaldamenti o
deterioramenti del pannello durante le ordinarie operazioni di
manutenzione o smontaggi del motore con conseguente inadeguatezza
per lo scopo previsto.
413
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
Figura 97 : Sfaldamenti del pannello di isolamento in autobus funzionante
Per quanto riguarda i luoghi, lo stesso autobus può essere ben assimilato
ad un locale chiuso e poco o affatto ventilato. Al momento dell’incendio,
le porte dell’autobus a servizio dei viaggiatori, benché aperte non
potevano assicurare una sufficiente ventilazione nell’abitacolo : una
ventilazione dell’incendio si è instaurata solo quando sotto l’azione dei
gas caldi si è raggiunto il punto di fusione delle calotte di plastica delle
due aperture a soffitto, che hanno così funzionato come veri e propri
evacuatori di fumo.
7.2.3
Sviluppo dell’incendio
A questo punto, ritenendo che la ricostruzione dell’andamento
dell’incendio sia sufficientemente in armonia con quanto dichiarato dalle
414
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
persone coinvolte e con i danni riscontrati e tenendo conto in particolare
che :
9 al momento dell’ intervento di spegnimento le fiamme erano
localizzate nella parte anteriore dell’autobus ed interessavano
principalmente il rivestimento in vetroresina della parte terminale
del tetto e dei montanti laterali del lunotto, entrambi bruciati
parzialmente;
9 in tal momento tutti gli arredi interni risultavano ormai
completamente distrutti dal fuoco;
quanto indicato lascia ben supporre che l’incendio si sia sviluppato
inizialmente nella parte posteriore del mezzo facendo presupporre la
presenza di un innesco localizzato più precisamente, nel vano motore.
Nel momento in cui le fiamme, dopo la fase iniziale dell’incendio
raggiungono
il
compartimento
passeggeri
un
ipotetico
ma
sufficientemente attendibile scenario che possa rappresentare lo sviluppo
dell’incendio in questione, può essere così sintetizzato :
9 la fiamma certamente coinvolge uno dei materiali ad elevata
velocità di combustione, identificabile dai sediolini (o se presenti,
dalle poltroncine o dal tessuto sintetico delle tendine), che a loro
volta si infiammano;
9 il fuoco trasmesso da un sediolino all’altro (o da una tendina ad a
una
poltroncina
o
viceversa),
velocemente
incomincia
a
diffondersi nell’abitacolo seguendo la via preferenziale dei
materiali compositi (o tessili) : il calore che si sviluppa fa
aumentare rapidamente la temperatura interna dell’autobus ed
inizia a formarsi una coltre di fumo caldo che inizia a scorrere
lungo il soffitto e le pareti cercando una via d’uscita;
415
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
9 le gocce infiammate rilasciate dalla combustione dei sediolini (o di
poltroncine e tendine) cadono sui rivestimenti del pavimento, che a
loro volta incominciano localmente a bruciare;
9 la sollecitazione termica provoca la deformazione ed il distacco
dei pannelli in plastica della copertura superiore che precipitano
sul pavimento dell’autobus alimentando e diffondendo la
combustione in atto;
9 si può supporre che, delle due calotte di plastica posizionate sul
tetto dell’autobus, la prima a fondersi sia stata quella posteriore,
dando così origine a una condizione di preflash-over che ha di
poco anticipato l’incendio generalizzato (determinato dalla fusione
della calotta anteriore e dalla rottura dei vetri);
9 dopo la fusione delle calotte in plexiglass delle due aperture del
soffitto si instaura una prima ventilazione dell’incendio :
incominciano ad essere espulsi con violenza i primi gas caldi ma
nel contempo attraverso le porte viene aspirata dell’aria fresca che
alimenta maggiormente la combustione che si estende anche al
tetto dell’autobus;
9 si frantumano tutti i vetri dell’autobus, l’incendio diventa
generalizzato, è il momento del flash-over e ciò che resta dei
materiali di rivestimento ed arredo brucia completamente (con
fiamme che si sviluppano sul tetto e fumi caldi che fuoriescono
dalle aperture e sollecitano termicamente la struttura metallica che
comincia a deformarsi, poi si instaura una migliore ventilazione ed
il fumo sotto l’azione propulsiva del fuoco ancora in atto, si
diffonde
verso
l’alto
mescolandosi
all’aria
e
via
via
raffreddandosi);
9 successivamente l’incendio, nella fase di raffreddamento, viene
completamente spento dall’intervento dei Vigili del Fuoco.
416
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
7.2.3.1
Tempistica
In base agli accertamenti compiuti e prove su scala reale già effettuate in
letteratura hanno consentito di rilevare i seguenti risultati sulla tempistica
di sviluppo degli incendi degli autobus :
9 nel caso in cui l’incendio si verifichi nel motore, l’incendio si
espande alle altre parti interne del veicolo dopo circa 5 minuti;
9 indipendentemente dall’avvio del fuoco per una qualsiasi causa è
stato verificato che l’incendio totale di un automezzo si sviluppa
dopo 20-30 minuti circa se si tratta di autobus;
9 nel caso in cui l’incendio si origini all’interno del veicolo e
all’esterno del vano motore, si sviluppano sostanze tossiche entro
3 minuti circa, per la presenza dei materiali di allestimento;
9 nel caso di perdita di carburante con formazione di una pozza, in
cui si avvia l’incendio dell’infiammabile, si può determinare un
incendio globale entro un periodo di 30-60 secondi;
9 l’incendio genera condizioni critiche per le persone presenti entro
brevi periodi di tempo che solitamente non consentono l’arrivo dei
soccorsi.
In base alle considerazioni viste, nella figura successiva,
possiamo
fornire un probabile schema dello scenario di sviluppo dell’incendio e del
coinvolgimento dei vari elementi a seguito dell’ espansione delle fiamme
:
417
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
Figura 98 : Schema tempistica della propagazione
In un periodo di tempo che va da zero a 5 minuti quindi si determina la
propagazione dell’incendio dal vano motore alla parete del pentaposto
posteriore, avendosi quindi una resistenza massima della paratia di
coibentazione
pari a 5 minuti; successivamente si determina la
propagazione delle fiamme verso il resto del veicolo, che essendo lungo
10,795 metri, avviene con una velocità stimabile intorno ai 100 mm/min.
Nella rappresentazione si è utilizzata per la scala temporale nell’abitacolo
una suddivisione in parti uguali con incrementi di un minuto; questa
schematizzazione è da ritenersi valida in ipotesi semplificativa di
propagazione lineare dell’incendio ma è piuttosto realistica visto
l’uniforme distribuzione di analoghe tipologie di materiali all’interno del
veicolo. C’è infine da aggiungere che nel caso di autobus a tre porte,
l’incendio raggiunge in pochi minuti la porta posteriore del veicolo
facendo venir immediatamente meno uno delle possibili vie d’uscita.
418
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
7.2.3.2 La simulazione degli incendi degli autobus
Per valutare le conseguenze di un incendio ed effettuare utili verifiche per
lo studio dei rilasci di sostanze ed energie sono disponibili oggi sia alcuni
algoritmi di calcolo, come ad esempio le curve temperatura-tempo per la
determinazione della resistenza al fuoco, ossia delle curve parametriche
che mostrano il carico incendio e che tengono conto della geometria in
cui si sviluppa l’incendio, delle proprietà delle pareti delimitanti la zona
interessata e della ventilazione presente, sia modelli informatici che
permettono di studiare l’evoluzione di un incendio fornendo indicazioni
sull’andamento nel tempo della temperatura dei gas, sulla stratificazione
dei gas di combustione e dei fumi nei volumi interessati dall’incendio.
L’applicazione di questi modelli richiede una previsione delle modalità di
sviluppo dell’incendio, mediante la definizione della curva di rilascio
termico, costruita dall’analista o ricavata sperimentalmente, che a
differenza del carico d’incendio rappresentante soltanto l’energia
disponibile complessivamente sotto forma di materiale suscettibile di
bruciare presente nel compartimento, definisce la potenza dell’incendio
in ogni sua fase fornendo le modalità di rilascio nel tempo di questa
energia consentendo di caratterizzare compiutamente un incendio
[41],[75],[117]. I metodi ingegneristici per la previsione meccanica e
termica della risposta all’incendio dei vari elementi esposti e la
valutazione della propagazione possono prevedere : o formule manuali
per situazioni estremamente semplificate specie per calcoli preliminari, o
metodi sperimentali con i quali noto il comportamento ai test e procedure
di prova di conferma alle norme prescrittive di singoli elementi, si può
dedurre la risposta strutturale, utilizzando un modello che rappresenta
l’incendio secondo una curva standard, o infine modelli automatici
rappresentanti matematicamente il comportamento degli elementi, da
419
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
risolvere numericamente ad esempio attraverso gli elementi finiti per
situazioni più complesse [41].
Le simulazioni attraverso la CFD ossia la Computational Fluid Dynamics
(fluido dinamica numerica) possono essere usate come strumenti
predittivi delle condizioni risultanti di un incendio che si verifica in un
autobus e sono particolarmente adatte per il controllo della diffusione dei
fumi e del calore all’interno del veicolo. Attraverso l’utilizzo di un fire
dynamics simulator versione 4 (FDS4) sono stati simulati diversi scenari
per l’analisi della diffusione del calore e del fumo che hanno visto le
fiamme partire dal pentaposto posteriore e sono state confrontate le
configurazioni con botole sul tetto aperte o chiuse e porte aperte o chiuse
[75]. I modelli utilizzati indagano sulla soluzione del problema
suddividendo il volume in una griglia numerica e per ogni cella della
griglia calcolano la soluzione delle equazioni di conservazione della
massa e dell’energia, una volta fissate le condizioni al contorno come le
proprietà dei materiali (temperatura di accensione, conducibilità termica,
calore specifico, densità) e il tasso di rilascio del calore per unità di
superficie (schematizzato attraverso una funzione a scalino ad esempio
che rappresenti i dati di misurazione, vedi nella fig.), le condizioni del
vento e il fuoco iniziale.
Figura 99 : HRR del poliuretano
420
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
7.2.3.2.1 Risultati delle simulazioni : effetti dell’ apertura delle botole del
tetto.
Un confronto della distribuzione del fumo con le botole aperte o chiuse è
mostrato nella figura successiva :
Figura 100 : Confronto della distribuzione del fumo a botola aperta o chiusa al variare del
tempo dall’ ignizione.
Lo strato di gas si diffonde molto più vicino al pavimento quando le
botole sono chiuse : ciò non rappresenta una sorpresa ma enfatizza
l’efficienza delle botole nella ventilazione dei fumi. Pertanto un
opportuno sistema elettrico azionato dal conducente è da considerare
un’interessante opzione per assicurare una ventilazione ottimale dei fumi
in un incendio. Questo potrebbe essere molto utile per migliorare le
condizioni all’interno del bus, quando vi è un incendio, ma l’autobus ha
bisogno di continuare a guidare, ad esempio, nelle gallerie.
421
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
7.2.3.2.2 Effetti delle aperture delle porte
L’importanza della ventilazione dei fumi attraverso le porte è illustrata
nella figura seguente, in cui nella colonna di sinistra le porte sono aperte,
mentre nella colonna di destra le porte sono chiuse, mentre le botole del
tetto sono chiuse in entrambi i casi.
Figura 101 : Confronto della distribuzione del fumo tra porte aperte e chiuse in differenti
momenti.
Per illustrare la densità dei fumi pesanti, quando le porte sono chiuse, il
bus è stato tagliato in modo tale che la parete destra è stata rimossa dalla
visualizzazione, per cui tutto ciò che si trova sulla parte destra del bus
scompare dall’illustrazione e i pennacchi di fumo che escono dalle porte
non si vedono nelle immagini della colonna di sinistra. Da notare che
l’intero autobus si riempie di fumo entro 3 minuti dal momento in cui le
fiamme giungono nel vano passeggeri e la parte superiore verrà
rapidamente oscurata, cosa che accadrà anche se le botole e le porte sono
422
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
aperte. Per cui le aperture di emergenza poste nella parte superiore delle
porte verranno oscurate entro un minuto dopo che il fuoco è penetrato nel
vano, per cui potrebbe essere una buona idea spostare i dispositivi di
apertura di emergenza in posizione inferiore.
7.2.3.2.3 Distribuzione delle fiamme
Vediamo ora una simulazione di come potrebbero propagarsi le fiamme
nel bus una volta giunte nel vano passeggeri. Da sottolineare comunque
che la propagazione delle fiamme è un fenomeno molto complesso, che
richiederebbe la formulazione corretta e risoluzione di equazioni che
descrivono la diffusione della fiamma e la conoscenza delle specifiche
caratteristiche dei materiali presenti e della loro combustione. Per cui
l’analisi svolta vuole solo dare delle indicazioni qualitative del
comportamento previsto e non i dati quantitativi che descrivono
esattamente la propagazione del fronte di fiamma nell’ autobus.
Le fiamme, giunte nel compartimento passeggeri, si diffondono
prevalentemente nella parte superiore del bus secondo la seguente
tempistica:
9 dopo 2 minuti le fiamme iniziano a diffondersi al tetto sopra al
finestrino posteriore;
9 dopo 3 minuti le fiamme si diffondono lungo il tetto;
9 dopo 4 minuti le fiamme hanno completamente avvolto il tetto
nella parte posteriore del bus ma nessun sediolino è stato ancora
acceso;
9 dopo 5 minuti le fiamme fuoriescono dalle botole e dalla porta
posteriore, ma la diffusione si concentra ancora nella parte
superiore e le sedie del pentaposto posteriore hanno preso fuoco;
9 dopo 6 minuti si ha il flashover e tutti i materiali combustibili
presenti nell’autobus verranno presto combusti.
423
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
Visto il percorso principale seguito dalle fiamme, appare evidente che
una limitazione della quantità di materiale combustibile lungo il tetto
rallenterebbe la propagazione del fuoco nell’autobus. Nelle figure
successive viene data la rappresentazione grafica di quanto esposto.
Figura 102 : Diffusione delle fiamme dopo 2 minuti
Figura 103 : Diffusione delle fiamme dopo 4 minuti
424
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
Figura 104 : Diffusione delle fiamme dopo 5 minuti
Figura 105 : Diffusione delle fiamme dopo 6 minuti
Le simulazioni viste, nonché test effettuati su scala reale sugli autobus,
mostrano che i fumi e i gas tossici, raggiungono livelli letali nel vano
passeggeri in pochi minuti nonostante l’incendio abbia avuto inizio al di
fuori di esso, ossia nel compartimento motore. Questo indica alcuni
difetti caratteristici degli autobus :
9 il fumo è facilmente trasportato nella zona passeggeri e pertanto
sono auspicabili delle partizioni migliori tra i vari comparti;
9 la rapida diffusione del fuoco alla zona passeggeri e ai materiali
interni che dimostra la necessità di regole più rigorose per quel che
riguarda la resistenza al fuoco dei materiali interni e che la
425
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
sicurezza antincendio degli autobus è in ritardo rispetto a quella di
altri veicoli;
9 il tempo a disposizione per la fuga è molto limitato per cui un
sistema di rilevamento antincendio efficace farà risparmiare tempo
prezioso se installato in modo da dare rapidamente l’allarme
incendio o di eventuali surriscaldamenti.
Il metodo di prova utilizzato per testare il comportamento al fuoco dei
materiali interni agli autobus l’ ISO 3795 appare inadeguato per
discriminare tra materiali aventi prestazioni di sicurezza antincendio
diverse e infatti sebbene i prodotti usati per gli autobus e soddisfano le
attuali direttive europee sui requisiti dei veicoli essi in realtà non
soddisfano :
9 i requisiti richiesti per la sicurezza dei passeggeri dei treni né in
termini di rilascio di calore né in termini di fumi;
9 i criteri previsti per la produzione dei fumi nelle navi passeggeri;
9 alcuni prodotti non sarebbero consentiti in spazi pubblici o vie di
evacuazione degli edifici in Europa.
Pertanto il metodo attualmente utilizzato per testare i materiali produce
un basso livello di sicurezza per i passeggeri di un autobus in caso di
incendio e risulta auspicabile sia un miglioramento del metodo di prova
che l’adozione dei requisiti esistenti in altri settori.
In definitiva la maggior parte degli incendi sugli autobus inizia nel
compartimento o nelle aree circostanti ma non sono da escludere i sistemi
elettrici e le ruote.
7.2.3.2.4 Raccomandazioni
Allo scopo di ridurre il rischio incendio degli autobus, alla luce delle
considerazioni emerse dalla simulazioni, possono essere date delle
raccomandazioni sui miglioramenti :
426
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
1) alla progettazione :
9 separazione dei componenti dove esiste il rischio di una pericolosa
combinazione di calore, combustibile e ossigeno;
9 isolamento di tutte le superfici calde nel compartimento motore
(isolamento termico);
9 abbassamento della temperatura media nel compartimento motore
e altri posti vitali per incrementare la vita dei materiali polimerici;
9 separazione dei sistemi elettrici in sottosistemi che possono
facilmente, magari automaticamente, essere disconnessi in caso di
rischio incendio e un sistema di luci esterne che aiuti nella guida
dell’ autobus se necessario;
9 creazione di nuovi standard per i fusibili;
9 riduzione della fatica meccanica e altri effetti fisici che possono
condurre a un incendio;
9 ottimizzazione degli spazi minimi nel motore per una più alta
qualità di manutenzione.
2) alle procedure organizzative :
9 garantire qualità nel servizio di manutenzione e nelle riparazioni
attraverso un’adeguata formazione del personale, un’ appropriata
scelta dei pezzi di ricambio, adeguati tempi di riparazione ed
assicurare un’ istruzione base sui rischi d’incendio allo staff
tecnico;
9 istruire i conducenti sul rischio incendio e sull’antincendio.
3) nei materiali :
9 imporre requisiti più severi sui materiali interni;
9 migliorare la resistenza dei compartimenti in modo da ridurre la
propagazione del fumo e del fuoco;
9 equipaggiare il vano motore di migliori sistemi di rivelazione in
combinazione con sistemi di estinzione.
427
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
7.2.4
Considerazioni finali sui materiali
In definitiva risulta che : i materiali di allestimento e di arredo all’interno
dell’autobus, pur avendo caratteristiche idonee per l’applicazione
prevista, in osservanza alle norme e alla pratica tecnica in materia, hanno
contribuito ad alimentare l’incendio accanto ai rivestimenti esterni di
fiancata, facilmente combustibili ed infiammabili, in relazione ai quali la
normativa in materia è lacunosa. Il materiale di rivestimento esterno
rispetta la regola dell’autospegnimento entro i 120 secondi dalla
rimozione della fonte di calore ma nel caso la fonte di calore rimanga
attiva, il materiale di rivestimento esterno può finire per alimentare
l’incendio, come ad esempio potrebbe aversi per lo sfregamento delle
ruote contro l’asfalto ed il loro incendio, cosa non inverosimile ed infatti
ciò si verificò durante un increscioso episodio alla stessa CTP nella zona
ASI di Giugliano in cui si registrò la morte del conducente asfissiato dai
gas prodotti dalla combustione. Infatti in quel caso l’autobus con a bordo
il solo autista urtò contro un ostacolo e poi rimbalzò contro un muro
dopodiché si generarono delle fiamme per effetto dell’attrito delle ruote
posteriori, che continuavano a girare a vuoto sul terreno, successivamente
le fiamme dai pneumatici si propagarono alla vettura in breve tempo.
Anche se può riconoscersi una incidenza dei materiali di costruzione
utilizzati nella propagazione dell’incendio, bisogna escludere la
riconducibilità dell’ evento stesso a difetti di costruzione del veicolo in
quanto i materiali sono conformi alla normativa esistente in materia, che
comunque appare alquanto carente e insufficiente, prevedendo prove di
laboratorio che non simulano affatto situazioni reali e non tengono conto
di tutti i fattori che si possono verificare nella pratica, quali ad esempio il
calore di irraggiamento. Inoltre i materiali di rivestimento interno
risultano
testati
ed
approvati
dalla
428
direzione
generale
della
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
Motorizzazione Civile e risultano conformi alla prescrizione Uni Iso 3795
ovvero, tale materiale ha le caratteristiche che, in caso di incendio, la
propagazione del fuoco su di esso non superi la velocità di100 mm al
minuto, invece il materiale esterno non risulta testato, né sottoposto a
prove di comportamento alla combustione, non essendo previsto alcun
controllo
ai
fini
della
omologazione
ed
eseguendo
prove
di
infiammabilità si è rilevato che il materiale di rivestimento esterno lo
stesso coefficiente di lenta combustione ovvero velocità di propagazione
inferiore ai 100 mm al minuto dei rivestimenti interni per cui anche i
materiali di rivestimento esterno presentano un comportamento idoneo
alla combustione ovvero resistente alla combustione.
I materiali sono stati sottoposti a prove condotte secondo la Norma-Fiat
Auto 50433/01 che vengono rispettate ma che inducono serie riflessioni
sui tempi di propagazione dell’ incendio in quanto sulla base della
ricostruzione logico- temporale degli eventi l’incendio avrebbe distrutto
l’autobus nel breve arco temporale di 20 minuti per cui sarebbe
opportuno in assenza di normativa sia a livello di singoli Stati membri,
che di Comunità Europea, di far riferimento alla normativa degli Stati
Uniti in quanto il Dipartimento dei Trasporti americano impone precisi
requisiti di resistenza al fuoco, modalità di propagazione di fiamma e
densità ottica dei fumi ai vari componenti costruttivi degli autobus e che i
materiali utilizzati per gli allestimenti esterni venissero sottoposti ai test
ASTM E162 e ASTM E 662.
7.3
L’INCENDIO DELLA 5829
Recentemente l’ 11.07.2009 ancora una volta su un autobus della CTP,
un Iveco Cursor dello stesso tipo del precedente, contrassegnato da
matricola aziendale 5829, alle ore 13.50, al termine del servizio di linea
429
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
mattutino del turno tra le 07.00 e le 14.00, senza passeggeri a bordo e di
ritorno al deposito si è verificato un principio di incendio, che
intensificandosi rapidamente distruggeva in breve tempo l’intero veicolo
che fino al momento dell’evento aveva funzionato regolarmente senza
rilevare anomalie. L’autista quasi in prossimità del deposito di Arzano
rilevando dallo specchietto la fuoriuscita di fumo dal lato destro
posteriore, ritenendo che l’autobus stesse andando in ebollizione,
immediatamente accostò il veicolo e resosi conto attraverso gli sportelli
d’ispezione della presenza di fiammelle in corrispondenza del lato destro
del vano motore stesso, spense il veicolo, attivò l’impianto antincendio
automatico attraverso l’apposito comando dopodiché munendosi degli
estintori portatili di bordo tentò di spegnere le fiamme ma nonostante il
pronto impiego, non risultò possibile domare le fiamme che oltretutto si
sviluppavano con notevole vigore coinvolgendo rapidamente tutto
l’automezzo. Dopodiché l’autista provvedeva a dare comunicazione
dell’incendio, domato successivamente dai Vigili del Fuoco.
Figura 106 : Autobus totalmente incendiato
430
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
In questo caso, in cui è stata recentemente instituita un’apposita
Commissione d’indagine al fine di accertarne le cause incendio, accertato
che l’innesco si sia prodotto all’interno del vano motore, da un attento
esame dei rilievi fotografici e delle caratteristiche dell’automezzo, in
particolare dell’impianto elettrico di bordo, la cui componentistica è
andata interamente distrutta nella parte sovrastante il pianale, dai controlli
effettuati sull’autobus del medesimo tipo, dall’esame degli schemi
elettrici forniti dal costruttore e dalla documentazione presente in
Azienda è risultato che sarebbero da escludersi fattori d’incendio
connessi all’ impianto elettrico ed in particolare per causa connessa ad un
malfunzionamento di uno degli alternatori.
Figura 107 : Vano motore autobus 5829
Per cui, visti i componenti che risultano a contatto o in vicinanza di
materiali ad alta combustibilità concentrati nella zona in cui si presume
431
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
abbia avuto origine l’incendio, a parere dello scrivente, le probabili cause
dell’evento potrebbero attribuirsi alla rottura di una cinghia di
trasmissione, che dopo aver prodotto fumo per attrito, spezzandosi, a
seguito del bloccaggio del compressore dell’aria condizionata per la
presumibile rottura di un cuscinetto, avrebbe colpito violentemente e
lesionato il serbatoio in materiale plastico dell’olio idroguida, ubicato in
posizione immediatamente sovrastante il compressore stesso; nel
conseguente trafilamento dal serbatoio dell’olio a bassa temperatura
d’infiammabilità e quindi facilmente infiammabile, veniva a contatto con
la carcassa surriscaldata, dal precedente grippaggio, del compressore
prendendo immediatamente fuoco e in maniera tale che le fiammelle e il
calore sviluppato producevano ulteriori danni al serbatoio, consentendo
una sempre più copiosa fuoriuscita di olio che, incendiandosi a sua volta
e spandendosi in fiamme sul manto stradale, coinvolgeva gli altri
materiali combustibili dell’autobus, generalizzando quindi l’incendio; è
opportuno precisare, come da testimonianze raccolte, che il fumo rilevato
all’inizio dell’incendio risultava molto chiaro, di colore grigio – bianco,
caratteristico dell’olio in esame, come del resto constatato con prove
empiriche effettuate nel deposito.
7.3.1
Considerazioni sull’evento
E’ difficilmente ipotizzabile che la banale rottura di una cinghia di
trasmissione possa dare origine ad un incendio che si propaghi poi in
modo così veloce da comportare in pochi minuti la completa distruzione
di un autoveicolo. Purtroppo nel caso in oggetto questo si è verificato per
una serie di circostanze accidentali concatenate tra loro e per la
disposizione e caratteristiche di combustibilità dei materiali e delle
sostanze coinvolti nell’incendio, specie di quelli ubicati all’interno nel
432
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
vano posteriore e con particolare riferimento all’olio idroguida tipo
TUTELA GI/A che, come da scheda di sicurezza, presenta a norme
ASTM una temperatura di infiammabilità di circa 200°C utilizzato nell’
impianto idroguida con un quantitativo complessivo in circolo di circa 6,5
litri, contenuto in un serbatoio di materiale plastico. L’ubicazione del
serbatoio, il materiale con cui questi è realizzato ed il quantitativo di olio
in esso contenuto costituivano una ben evidente condizione di pericolo
d’incendio, potenzialmente in grado di arrecare danni, come del resto è
avvenuto : questi sarebbero stati sicuramente evitati o limitati in presenza
di un serbatoio metallico o di una adeguata protezione da urti accidentali
e da gocciolamento.
Figura 108 : Vano cinghie
In considerazione che l’azienda CTP utilizza un cospicuo numero di
autobus del tipo in questione, salvo estendere l’indagine per gli altri tipi
in esercizio al fine di eliminare o quantomeno ridurre la probabilità che
tale evento possa non solo ripetersi ma manifestarsi durante il trasporto di
433
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
persone e nel caso più malaugurato in luoghi o momenti critici, risulta
opportuno definire idonee misure di sicurezza sia tecniche che gestionali
in modo da tutelare al meglio l’ incolumità delle persone e salvaguardare
il bene.
Pur ammettendo che un simile evento sarebbe stato difficilmente
ipotizzabile, ciò non esclude la responsabilità progettuale del costruttore
che, in riferimento anche alle disposizioni dell’ art. 22
del DLgs.
81/2008 avrebbe dovuto prestare una maggiore attenzione nello stabilire
le modalità di stivaggio della sostanza più pericolosa ai fini antincendio
presente sull’autoveicolo e per giunta in quantità non esigua. Certamente
il miglioramento tecnico delle attrezzature avviene anche a seguito delle
segnalazioni di eventi riscontrati dagli utilizzatori e pertanto risulta
quanto mai opportuno rendere edotto al più presto il costruttore sulle
modalità di quanto accaduto ed urgentemente adottare su indicazioni
dello stesso, i necessari accorgimenti tecnici al fine di eliminare o almeno
ridurre la fonte di rischio individuata. Sarebbe auspicabile che il
costruttore
provvedesse
all’aggiornamento
degli
altri
autobus
dell’azienda, sostituendo il serbatoio in plastica dell’olio idroguida con
altro tipo metallico; dovrebbe anche essere cura del costruttore, in attesa
di detta sostituzione, fornire un opportuno schermo da installare a
protezione del serbatoio stesso o quantomeno fornire precise istruzioni
per la sua realizzazione e fissaggio. Per il ripetersi degli incendi su
autobus del medesimo tipo si ritiene indispensabile che la ditta
costruttrice effettui una specifica indagine sugli organi in questione al
fine di scongiurare il ripetersi di simili eventi. Per quanto riguarda
l’adozione di particolari misure gestionali risulta evidente la necessità di
effettuare operazioni di verifica straordinaria sullo stato di tutti i
compressori dell’ aria condizionata, causa primaria dell’evento, installati
su tale tipologia di autobus nonché delle relative cinghie di trasmissione.
434
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
Ulteriori operazioni di verifica e manutenzione di detti organi potranno
essere successivamente programmate in funzione del chilometraggio del
veicolo con scadenza massima in armonia con quanto previsto dal
manuale di uso e manutenzione per le cinghie. Da quanto esposto risulta
evidente infine identificare altre possibili condizioni di pericolo presenti
sul tipo di autobus in questione, estendendo l’indagine a tutti gli altri tipi
utilizzati dall’azienda.
7.4
L’ INCENDIO DELLA 5842
L’ incendio dell’autobus con matricola aziendale 5842, avvenuto il
18.04.2007 non consente considerazioni rilevanti, non risultando il
veicolo al momento presente in azienda essendo attualmente in
riparazione.
Figura 109 : Foratura portellone vano motore
In ogni caso trattasi di vettura in cui si è verificato solo un principio di
innesco e dalle immagini risulta che :
9 il rivestimento esterno è in buono stato;
435
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
9 la parte posteriore presenta la rottura del vetro posteriore e la
foratura del portellone del motore, in lega leggera, a dimostrazione
che il punto di fuoco è il vano motore e che l’incendio si sia
propagato con una temperatura tale da portare alla fusione la lega
leggera (600 ÷ 700 °C);
9 l’ interno non presenta danni in quanto l’incendio, di estensione
limitata, ha interessato solo la parte posteriore del mezzo;
9 nell’ interno del vano motore, da notare sul lato sinistro la fusione
della ventola in plastica mentre permane la griglia protettiva
metallica, la tubazione dell’ara scollegata a causa della fusione dei
manicotti di gomma, per il sistema di trasmissione idrostatica non
risulta più visibile la sonda posta superiormente al filtro dell’olio
dell’idroventola mentre il collegamento tra filtro e pompa che
avviene con tubazioni in parte metalliche risulta integro,
non
risultano fusioni della tubazione dell’acqua in plastica che
consente il collegamento allo scambiatore di calore utilizzato per
raffreddare l’olio motore; sul lato destro si è avuta la liquefazione
del manicotto in gomma dell’alloggiamento del filtro dell’aria e il
conseguente scollegamento, i filtri del carburante risultano in
posizione loro consona e le sonde sono ancora collegate anche se
risultano parzialmente bruciate.
Teniamo presente che, quando a seguito di un incendio ad un tecnico
viene richiesto di ricondurre un “fatto”, di cui si conosce soltanto la
sintesi degli avvenimenti attraverso relazioni degli organi intervenuti o
informazioni testimoniali, ad un “evento” cioè a un fenomeno chimico,
fisico, meccanico tecnicamente e scientificamente credibile, coerente e
compatibile con il “fatto” ossia in definitiva di esprimersi in merito alle
modalità, alla dinamica, alle cause, alla natura e alla magnitudo ed alle
responsabilità dell’evento in esame appare fondamentale l’ accertamento
436
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
tecnico, che deve avvenire in un ottica futuristica di medio e lungo
periodo quando la memoria non sovviene più e che deve necessariamente
comprendere la consultazione di tutti gli atti che hanno valenza ai fini
della indagine tecnica, la raccolta degli elementi necessari per l’indagine
sullo stato dei luoghi, mediante riscontri planimetrici, rilievi grafici e
fotografici che tengano conto in particolare delle conseguenze prodotte
sulle strutture e che spesso anche sommarie informazioni testimoniali
hanno particolare valenza ai fini dell’indagine tecnica per la tempestività
con la quale le informazioni vengono raccolte ed infatti le notizie raccolte
nell’immediatezza del fatto hanno il pregio di riferire “a caldo” ciò che il
testimone conosce, senza interpretazioni soggettive razionalmente
rielaborate, o peggio “mediate” in buona o cattiva fede. Pertanto vista la
posizione del foro nel portellone sembrerebbe plausibile un guasto al
circuito dell’ idroventola, ma l’insufficienza di riscontri fotografici e
rilievi non consente di esprimersi adeguatamente in merito.
Figura 110 : Indicazione del posizionamento del serbatoio dell’idroventola
437
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
7.4.1
Comando elettronico ventilazione motore
Il sistema di controllo elettronico del ventilatore EHG ha lo scopo di:
9 regolare la velocità del ventilatore, in funzione della temperatura
del liquido di raffreddamento, per mantenere la temperatura del
motore nel campo ottimale di funzionamento;
9 risparmiare l'energia necessaria al trascinamento del ventilatore
utilizzandolo solo quando è necessario;
9 ridurre la rumorosità in quanto non si hanno brusche accelerazioni
del ventilatore;
9 ridurre i tempi d'intervento in caso di brusche variazioni di
temperatura.
Figura 111 : Ubicazione sul veicolo dei principali componenti del sistema EHG.
Didascalia Figura : A Elettrovalvola impianto idraulico raffreddamento acqua motore, B
termostato comando circuito di raffreddamento acqua motore, C centralina impianto
438
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
trasmissione idrostatica comando ventola di raffreddamento, D centralina elettronica periferica
per gestione ingresso uscite impianto elettrico.
Il sistema è composto da : una centralina di gestione del sistema, da un
motore idraulico, da un termostato e da un pressostato che segnala tramite
una spia sul cruscotto l’intasamento del filtro olio idroventola.
Figura 112 : Comando elettronico ventilazione motore.
Didascalia Figura: A sensore temperatura acqua, B centralina elettronica di comando, C
elettrovalvola proporzionale, D motore idraulico, E radiatore olio, F pompa, G filtro.
7.4.3
Considerazioni
C’è da osservare che indipendentemente da dove è partito l’incendio,
l’olio dell’ idroventola è un fattore che, costituisce un notevole carico
d’incendio per cui se anche non rientrasse nella causa risulterebbe
comunque un elemento che alimenta l’incendio una volta innescato.
Varrebbe quindi la pena porre molta attenzione nella compartimentazione
di tutto l’impianto vista l’elevata infiammabilità e il quantitativo di olio
439
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
presente, suggerendo inoltre alla casa costruttrice l’utilizzo da un lato di
opportuni inibitori di fiamma, dall’altro di opportune tubazioni metalliche
o di innestare delle valvole di non ritorno che blocchino il flusso in caso
di rottura o perdite di una tubazione dell’impianto, infine lo spostamento
della vaschetta di contenimento in altro punto. Per l’azienda utilizzatrice
converrebbe invece un potenziamento del sistema antincendio Pirò
adottando il sistema double o in ogni caso riposizionando il sistema con
un avvicinamento del sensore alla zona, che non appare ben coperta
dell’impianto di spegnimento.
7.5
ANALISI DELLE SERIE STORICHE
Data l’ impossibilità di acquisire dati certi relativi agli incendi in cui
vengono coinvolti gli autobus, specie quando l’autobus è fonte primaria
dell’incendio, sono state prese in considerazione anche le descrizioni di
alcuni eventi, significativi per l’attendibilità e quantità delle informazioni
acquisite, oggetto di maggior risalto da parte degli organi di
informazione, nonché alcuni verificatisi nell’ambito dell’azienda stessa,
individuati nell’archivio, che ne evidenziano la vulnerabilità agli incendi.
Analizzando diverse serie di eventi, è emerso che :
9 i danni alle persone si sono registrati essenzialmente in autobus di
tipo interurbano (classe II) o granturismo (classe III), cioè quelli
allestiti per un più confortevole trasporto dei passeggeri e che
dispongono di porte di minore ampiezza;
9 che in una fase iniziale dell’incendio risultano coinvolti
maggiormente gli impianti elettrici (vedi l’incendio avutosi nel
dicembre 2000 su un autobus della CTP nel deposito di Giugliano,
che si sviluppò per un innesco localizzato nella parte anteriore del
mezzo per fattori legati all’impianto elettrico, in particolare per
440
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
l’alimentazione di alcune utenze in tensione anche ad impianti
disinseriti e poste in prossimità del posto di guida in vicinanza con
rivestimenti interni di natura molto combustibile o il principio di
incendio che si ebbe nel marzo 2002 su un autobus della CTP ad
Acerra su un Breda M 230 di tipo suburbano, in cui si incendiò la
parte posteriore probabilmente per un corto circuito tra i cavi del
cablaggio dell’alternatore e la carcassa del cambio che determinò
l’incendio delle guaine poi alimentato dall’olio fuoriuscito dal
serbatoio idroguida) e uno almeno dei combustibili liquidi presenti
a bordo del veicolo (vedi l’incendio del giugno 2001 su un autobus
della CTP al capolinea di Qualiano);
9 l’incendio ha generalmente sempre inizio al di fuori del
compartimento passeggeri, in alcuni casi nella parte anteriore del
veicolo in corrispondenza della zona del posto di guida mentre in
prevalenza ha origine nella parte posteriore del veicolo e cioè nel
vano motore (vedi l’incendio dell’aprile 2002 avvenuto sulla
Autostrada Genova-Livorno con 40 studenti a bordo di un autobus
granturismo o il principio di incendio nel luglio 2002 su un
autobus Breda M240 di tipo suburbano della CTP al Corso
Secondigliano nella parte posteriore destra dell’autobus dove trova
alloggio l’impianto dell’aria condizionata in cui si determinò la
distruzione del serbatoio olio motore, dell’idroguida, dell’impianto
elettrico e tutte le tubazioni del vano motore);
9 la rapida intensificazione dell’incendio è dovuta chiaramente alla
contiguità di materiali e/o sostanze combustibili, interne ed esterne
al compartimento passeggeri, che presentano una elevata velocità
di propagazione e che generano fumi e gas nocivi che rendono
l’aria irrespirabile ed impediscono la visibilità, generando
situazioni di panico (vedi l’incendio del gennaio 2000 su un
441
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
autobus della CTP in cui si è registrata la morte del conducente
asfissiato dai gas prodotti dalla combustione);
9 in moltissimi casi in cui l’evento si è verificato con i passeggeri a
bordo almeno una delle porte o uscite di sicurezza non ha
funzionato correttamente lasciando intrappolati i passeggeri (vedi
ad ex l’incendio del marzo 1994 verificatosi su un autobus
interurbano Setra con 54 passeggeri sulla Autostrada A3 nel tratto
Salerno-Napoli, all’altezza di Nocera Inferiore in cui, mentre i
passeggeri dei posti anteriori fuoriuscirono senza grosse difficoltà,
quelli dei posti centrali, in preda al panico, si accalcarono, nello
stretto corridoio e infine gli occupanti dei sedili retrostanti non
riuscirono a uscire dalla porta posteriore che non si aprì, nel
frattempo il fuoco si propagò rapidamente verso la parte centrale
del veicolo alimentato dal materiale combustibile dei sedili e
rivestimenti, sviluppando sempre più fumo denso che determinò
malori per quanti rimasti che non riuscirono a rompere i finestrini
per aprire una uscita di emergenza e si registrarono sette vittime i
cui corpi furono individuati tutti a ridosso della porta posteriore
ritrovata chiusa);
9 infine è fondamentale per la salvezza dei passeggeri il
comportamento del conducente se incolume (vedi ad ex l’incendio
nel luglio del 1999 avvenuto su un autobus della Cotral con 50
passeggeri in marcia sulla Statale Pontina, da Roma verso Latina
in cui l’autobus, dopo aver strusciato sulla fiancata contro il guardrail, per effetto delle scintille che scaturirono dall’impatto prese
fuoco e il fumo conseguente avvolse il veicolo in una nube
asfissiante intrappolando i passeggeri per diversi minuti;
successivamente l’autista infrangendo i vetri consentì a parte del
442
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
fumo di uscire, con conseguente miglioramento della visibilità che
hanno consentito ai passeggeri di uscire dall’autobus).
7.6
ANALISI F.M.E.A.
L’ ingegneria dell’affidabilità (reliability engineering), con cui in genere
viene analizzata la problematica della affidabilità che un sistema svolga
correttamente la propria funzione nel tempo di missione assegnato,
attraverso l’uso di alcuni suoi strumenti, come ad esempio gli alberi dei
guasti e degli eventi, costituisce anche un utile ausilio nella ricostruzioni
delle sequenze incidentali. L’analisi delle cause che possono aver
determinato il rilascio di oli infiammabili dell’ innesco, ossia l’analisi dei
modi di guasto e dei loro effetti condotta sugli incendi accaduti e presi in
esame, ha quindi portato all’individuazione di quattro sequenze
incidentali tipiche, per ognuna delle quali è stato elaborato un albero di
guasto che e’ da considerarsi indicativo e non esaustivo (fig.1,2,3,4) in
cui ogni sequenza incidentale conduce a un incendio tipico (TOP
EVENT).
9 Tipo 1 flash fire da rottura turbina : si tratta di un incendio
violento di classe B che investe gran parte del vano motore a
partire dalla turbina.
443
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
Figura 113 : Albero guasto turbina
9 Tipo 2 pool fire a seguito di rottura tubazione gasolio e/o olio
idraulico : si tratta di un incendio grave di classe B che investe il
motore a seguito di un rilascio di liquido infiammabile e che può
prendere fuoco anche in punti distanti dalla sorgente del rilascio; la
pozza incendiata può interessare anche la sede stradale e
alimentare da terra l’incendio.
9 Tipo 3 incendio di solidi combustibili impregnati di liquidi
infiammabili (oli o grassi) a seguito di surriscaldamento di parti
metalliche : si tratta di un incendio che ha origine da un
surriscaldamento a seguito di attrito anomalo; lo sviluppo è
generalmente graduale nel tempo ma può evolvere verso altri tipi
di incendio (ad esempio di tipo 1 e 2).
444
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
Figura 114 : Rilascio liquido combustibile o infiammabile a seguito rottura tubazione o
perdita tenuta
Figura 115 : Guasti meccanici che conducono a surriscaldamento e/o incendio
445
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
9 Tipo 4 incendio di natura elettrica : si tratta di un incendio di
classe A che innesca residui di olio e/o gasolio posti nelle
vicinanze.
Figura 116 : Guasti elettrici che conducono a incendio
7.7
MISURE DI SICUREZZA
7.7.1
Misure di sicurezza tecniche
Tenuto conto di tutta l’analisi e delle osservazioni fatte, risulta evidente,
che si rende necessario definire opportune misure di sicurezza, sia di tipo
tecnico che gestionale, al fine di tutelare al meglio l’incolumità delle
persone trasportate e per ridurre entro limiti accettabili i rischi d’incendio.
Gli obiettivi da perseguire con dette misure sono pertanto di :
9 eliminare ed eventualmente ridurre le possibili cause di incendio;
9 proteggere il compartimento passeggeri assicurando almeno tempi
e condizioni per un sicuro esodo.
446
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
Si riportano di seguito delle considerazioni e delle possibili azioni che
andranno intraprese sia dai costruttori che dagli utilizzatori dei veicoli; in
realtà le misure tecniche in seguito proposte, se accettate, devono essere
in ogni caso messe in atto dal costruttore sui veicoli di nuova
realizzazione o a parziale modifica di quelli in esercizio; per questi
ultimi, pena la validità dell’omologazione, ben poco può l’azienda
utilizzatrice del veicolo se non migliorare la qualità e la quantità dei
mezzi di protezione antincendio e provvedere al meglio con misure di
carattere gestionale.
Per la definizione di dette misure si è fatto riferimento allo schema
dell’autobus precedentemente indicato.
7.7.1.1
Compartimento passeggeri
Nel caso che a seguito di un evento, si produca il solo effetto fumo nel
compartimento passeggeri dell’autobus in esame, è evidente che in un
volume complessivo del compartimento di circa 50 m 3 devono coesistere
il fumo, circa 60 passeggeri (pari al 75% dei posti disponibili) e l’aria per
la respirazione, sufficiente almeno per il tempo di fermare il veicolo ed
iniziare l’esodo. Certamente in tale lasso di tempo, per l’esiguo volume
disponibile ed in funzione delle caratteristiche dei materiali da cui
proviene il fumo, risulterà più o meno ridotto il tasso di ossigeno
nell’aria, con conseguente concentrazione pericolosa di prodotti nocivi; si
omettono altre considerazioni sul comportamento tenuto dai passeggeri in
quegli istanti, sugli effetti del fumo e sulla eventuale presenza di portatori
di handicap.
Per evitare che l’ ipotetico scenario descritto, o altri più drammatici,
possano verificarsi, sarebbe necessario che detto compartimento, ai fini
antincendi, si comporti come tale, cioè che esso, come definizione data
dal D.M. del 30/11/83, costituisca parte di una struttura, delimitata da
447
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
elementi aventi resistenza al fuoco predeterminata ed organizzata per
rispondere alle esigenze della prevenzione incendi. Nel caso specifico, il
compartimento passeggeri dovrebbe essere opportunamente separato
dalle altri parti del veicolo, in particolare dalle zone A e B costituenti i
punti del fuoco, ed organizzato per evitare i danni ai trasportati ed
assicurare loro un tempo sufficiente per un sicuro esodo.
La separazione della zona B non presenta particolari problematiche : ad
ex attraverso una paratia tagliafuoco tra vano motore e cabina passeggeri
da realizzare con cappottatura isolante, ovviamente l’elemento separante
dovrà interrompere anche la continuità dei materiali delle fiancate e del
padiglione, se combustibili, nonché presentare caratteristiche REI, cioè
l’attitudine a conservare, per un tempo determinato e sotto l’azione del
fuoco, la propria stabilità meccanica, la tenuta ai prodotti della
combustione e l’isolamento termico. Stesse caratteristiche REI dovranno
presentare tutte le botole comunicanti con detta zona e con il
sottopavimento, al fine di rendere sempre possibili gli interventi di
manutenzione.
Praticamente impossibile risulta realizzare la separazione della zona A,
necessariamente compresa nel compartimento passeggeri e da questa non
separabile a meno di non ricorrere a soluzioni avveniristiche che
prevedano un cambiamento radicale della forma degli autobus, con una
motrice e un rimorchio, così che da un lato sia disposta tutta la meccanica
e dall’altro tutto lo spazio dedicato agli utenti [134]. Pertanto in questa
zona dovrebbe essere accettata la presenza della sola impiantistica
elettrica ed elettronica che, distribuita e protetta anche ai fini antincendio,
assicuri condizioni di pericolo molto ridotte.
448
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
Figura 117 : Sistema di autobus Inbus di tipo BIG
Per quanto concerne l’ organizzazione antincendio del compartimento,
mirata a tutelare l’incolumità dei passeggeri, in caso di evento dovrebbero
essere previsti :
9 la possibilità di una adeguata areazione dell’ambiente;
9 un facile e sicuro esodo dal compartimento;
9 allestimenti con materiali di difficile combustibilità.
Una buona aerazione del compartimento può essere ottenuta installando
finestrini con parti facilmente apribili e disponendo almeno due botole sul
padiglione, generalmente già previste dai costruttori, in tal modo si
otterrebbe lo scarico dei fumi, un maggiore tasso di ossigeno nell’aria,
una maggiore visibilità e quindi minori condizioni di panico.
L’apertura totale delle botole, oltre al sistema manuale che risulta talvolta
complicato, dovrebbe essere attivata da un ulteriore comando di
emergenza, disposto vicino a quello centrale, posto sulla plancia del
conducente.
Di estrema affidabilità dovrebbe sempre risultare il sistema di apertura
delle porte, specie se rototraslanti : l’azionamento in emergenza potrebbe
essere attivato mediante lo stesso comando utilizzato per l’ apertura delle
botole.
Tutti i materiali di natura combustibile impiegati nell’interno e all’esterno
del compartimento, dovrebbero possedere buone caratteristiche di
449
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
reazione al fuoco. E’ fuori dubbio che i materiali attualmente installati
superino ampiamente le prove previste dalla Direttiva 95/28/CE, ma è
anche certo e documentato che nell’arco di una decina di minuti e non di
ore, l’autobus vada interamente distrutto. Probabilmente le valutazioni
andrebbero determinate con norme più aderenti alle reali condizioni che
si possono instaurare in caso di incendio all’interno del veicolo.
7.7.1.2
Parte posteriore - zona A
In questa zona del veicolo non dovrebbero essere installate le batterie, il
sistema idraulico di frenatura, i serbatoi di gasolio e quant’altro possa
essere causa d’incendio.
7.7.1.3
Parte Posteriore - zona B
Nel vano posteriore dovrebbe essere assolutamente eliminata, o nei limite
del possibile ridotta, la possibilità di un principio d’ incendio,
provvedendo pertanto :
9 ad installare serbatoi metallici e non di plastica, per il rabbocco
dell’olio motore e di quello idraulico, posizionati in zona protetta e
con bocchettoni di riempimento ed indicatori del livello disposti in
nicchia isolata, accessibile dall’ esterno e dotata di opportuno
sistema di antigocciolamento;
9 a realizzare con tubazioni di metallo tutti i collegamenti relativi al
trasporto dei liquidi combustibili, in sostituzione di quelle attuali
in plastica e gomma;
9 a focalizzare l’attenzione sull’installazione dell’impianto elettrico
adottando norme interne o Standard Internazionali, con particolare
enfasi al layout dei cablaggi (utilizzo di staffe o fissaggi con
caratteristiche appropriate) e realizzando cavi e guaine dell’
impianto
elettrico
del
tipo
non
propagante
fiamma,
opportunamente fissati in modo da non essere danneggiati da tagli,
450
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
abrasioni, ecc e disposti in modo da evitare il contatto con
superfici calde o potenzialmente tali;
9 è auspicabile, ai fini della prevenzione incendi, che siano previsti
vani tecnici di dimensione adeguate ad evitare l'eccessivo
affollamento delle apparecchiature. Ciò comporterebbe una lieve
diminuzione del numero dei passeggeri totali teoricamente
trasportabili, peraltro ampiamente compensata da vani tecnici più
ordinati, con apparecchiature, cavi, cablaggi e tubazioni disposti in
modo più razionale e, soprattutto, lontani dalle fonti di calore, con
indubbi benefici anche per l’affidabilità e la manutenibilità degli
autobus.
7.7.1.4
Mezzi di spegnimento
Per quanto riguarda tali mezzi è accertato che nella prima fase
dell’incendio sono stati impiegati anche estintori ad anidride carbonica in
dotazione. Detto tipo di estintore, sicuramente uno dei più onerosi
nell’acquisto e nella gestione, è esclusivamente idoneo per fuochi di
classe B (liquidi combustibili) e presenta una capacità estinguente non
superiore a 55B per il tipo da 5 kg, capacità ancora più ridotta se
utilizzato in ambienti aperti o ventilati : l’estinguente al momento
dell’erogazione si presenta allo stato di gas inerte e per un efficace
spegnimento è necessaria una saturazione volumetrica per ambienti
chiusi, oppure interventi localizzati in ambienti aperti ma con l’impiego
di grandi quantitativi. Ben più appropriato, nonché economico risulta
l’estintore a polvere polivalente, idoneo per fuochi di Classe ABC (solidi,
liquidi e gas combustibili), che generalmente presenta una capacità
estinguente di 34A 233BC per i tipi attualmente in commercio da 6 kg
che risultano valori elevati per la tipologia dei fuochi (Classe A e B) che
possono svilupparsi nell’incendio del veicolo.
451
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
Pertanto in considerazione dei possibili fuochi che possono interessare
l’autobus risulta necessaria :
9 l’installazione in prossimità del posto guida di 2 estintori a polvere
di capacità estinguente non inferiore a 34A 144BC o in alternativa,
per evitare il panico dei passeggeri, 1 estintore a polvere e 1 a
schiuma entrambi con le medesime capacità estinguenti di cui
sopra;
9 un
miglioramento
dei
sistemi
automatici
di
estinzione
dell’incendio nel vano motore;
9 l’installazione all’interno del vano posteriore di un sistema di
spegnimento automatico del tipo a polvere, con rilevazione
possibilmente estesa a tutti i punti del vano (cavo termosensibile),
dotato anche di comando manuale azionabile dal comando di
emergenza incendio.
9 La creazione di appositi fori sul portellone del vano motore per
intervenire manualmente dall’esterno inserendo le manichette
degli estintori portatili senza aprire il portellone ed iniettarne il
contenuto, il tutto per evitare di alimentare l’incendio con
ossigeno, aprendo il portellone motore per spegnere l’incendio.
9 valutazione dei sistemi d’estinzione automatica in scala reale.
7.7.1.4.a
Indagine di approfondimento e prove di incendio
Per quest’ultimo punto, al fine di indagare e analizzare in dettaglio i
fattori d' incendio più a rischio presenti nel vano motore di un autobus,
può risultare conveniente effettuare prove distruttive e non, ossia prove di
comportamento e funzionamento in cui si cerca di riprodurre fedelmente
le condizioni al contorno utilizzando ad ex un autobus non più in
esercizio, da dismettere, ma perfettamente funzionante, nel cui vano
motore saranno simulati tutti i possibili fattori di incendio; dai risultati
452
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
acquisiti l' indagine potrà successivamente estendersi, con prove non
distruttive, a tutte le tipologie di autobus utilizzati ricavando così utili
indicazioni per i miglioramenti. Tenendo conto comportamento di
ciascun liquido combustibile, rilasciato per simulata perdita o rottura nel
circuito, in presenza di ogni possibile innesco si può pensare di riprodurre
gli incendi tipici che possono verificarsi in un vano motore, individuati
con l’analisi F.M.E.A. considerando i seguenti 4 modelli di incendio
associati agli eventi individuati:
1) Tipo 1 flash fire da rottura turbina : la modellazione si ottiene
spruzzando gasolio e olio caldo nel vano motore e si innesca con
fiammella o con piastra incandescente; per alimentare l’incendio vengono
posizionate alcune vaschette con gasolio nel vano motore.
Figura 118 : Modellazione di incendio di tipo 1
2) Tipo 2 pool fire a seguito di rottura tubazione gasolio e/o olio
idraulico : la modellazione si ottiene spruzzando gasolio e olio nel vano
motore fino ad ottenere il gocciolamento a terra e si innesca con
fiammella.
453
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
Figura 119 : Modellazione di incendio di tipo 2
3) Tipo 3 incendio di solidi combustibili impregnati di liquidi
infiammabili (oli o grassi) a seguito di surriscaldamento di parti
metalliche : la modellazione si ottiene spruzzando gasolio sopra una
piastra incandescente posta nel vano motore e si alimenta il fuoco con
una vaschetta contenente gasolio o olio posta nel vano.
Figura 120 : Modellazione di incendio di tipo 3
4) Tipo 4 incendio di natura elettrica : la modellazione si ottiene
inviando una corrente anomala in una matassa di cavi fino a provocare
l’incendio; nelle immediate vicinanze viene posto uno straccio imbevuto
di olio oppure una vaschetta con gasolio.
454
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
Figura 121 : Modellazione di incendio di tipo 4
Gli strumenti di misura da utilizzare durante le prove consisteranno in
una termocamera a infrarosso, una telecamera digitale e inoltre opportune
termocoppie misureranno la temperatura all’interno del vano motore. Per
quanto riguarda invece le modalità di prove, queste dovranno essere
effettuate su un autobus da dismettere ma perfettamente marciante. Per
rendere visibile le prove, dal portellone posteriore dovrà ricavarsi un
finestrone a cui verrà applicato un vetro resistente al fuoco.
Analogamente saranno ricavate finestre resistenti al fuoco sulle pareti
laterali dell’ autobus. Le prove verranno effettuate con sportello chiuso e
motore in moto. Di ogni prova saranno rilevati i seguenti dati :
temperatura ambiente, velocità e direzione del vento, temperatura del
vano motore, quantità di infiammabili e/o combustibili impiegati, durata
innesco, durata combustione libera, durata scarica impianto antincendio
ed infine l’esito delle prove. L’ attrezzatura di prova sarà costituita da :
una fiammella di innesco realizzata con serbatoio GPL con tubazione
rigida, uno spruzzatore e/o vaporizzatore con pistola ad aria compressa,
un serbatoio preriscaldo gasolio, una piastra incandescente, un resistore
elettrico su piastra metallica, un innesco elettrico, una matassa di fili
elettrici in cui viene fatta circolare una corrente intensa fino all’ incendio
del cavo.
455
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
Per la protezione attiva dell’autobus al fine di svolgere tutte le prove in
una totale sicurezza, dovranno allestirsi sistemi di spegnimento come
estintori manuali a polvere, a CO 2 , carrellati, e schiumogeni. Inoltre, in
aggiunta alle tradizionali dotazioni di sicurezza antincendio, a protezione
dell’ autobus andrà installato nel vano motore un impianto di
spegnimento automatico.
7.7.1.4.b
Manutenzione antincendio
Per il controllo e la manutenzione dei mezzi e delle attrezzature
antincendio, in ottemperanza all’art. 4 del D.M. 10 /03/98, devono
effettuarsi nel rispetto delle disposizioni legislative e regolarmente
vigenti; il datore di lavoro deve adottare le misure finalizzate a garantire
l’efficienza dei sistemi di protezione in conformità ai criteri indicati
nell’allegato VI del D.M. di cui sopra, che prevede sorveglianza, controlli
periodici e manutenzione di tutte le misure di protezione antincendio; i
mezzi di estinzione devono essere mantenuti efficienti e controllati
almeno una volta ogni sei mesi da personale esperto; inoltre i responsabili
delle attività soggette ai controlli di prevenzione incendi sono obbligati a
tenere un apposito registro in cui devono essere annotati tutti gli
interventi di controllo e manutenzione e su detto registro va annotata
anche l’informazione e la formazione del personale.
7.7.1.5
Comandi di emergenza
Oltre al comando centrale di emergenza con le funzioni previste dalla
norma CUNA NC 590-02, occorre un miglioramento dei sistemi atti a
segnalare tempestivamente all’autista la presenza di incendio nel vano
motore e potrebbe essere previsto ad integrazione di quello precedente,
un ulteriore comando, definibile di emergenza incendio, che con un’
unica manovra possa attivare l’aperture delle botole del padiglione,
456
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
l’apertura delle porte e l’azionamento dell’impianto di spegnimento del
vano motore.
7.7.2
Misure di sicurezza gestionali
Si ritiene opportuno fare alcune osservazioni in merito alla gestione della
situazione di emergenza verificatasi ed alle condizioni generali di
sicurezza antincendio dell’attività. Per quanto attiene alle misure di
sicurezza gestionali necessarie a prevenire ed affrontare correttamente
una possibile condizione di pericolo che possa verificarsi su un veicolo
durante il servizio di trasporto, è bene tener conto che l’azienda erogante
il servizio di trasporto è tenuta in ogni caso a tutelare la sicurezza del
personale dipendente viaggiante, dei passeggeri, e di eventuali terzi.
Purtroppo oltre alla predisposizione di un “Regolamento di esercizio”,
cioè di norme comportamentali per il personale e per gli utenti, in assenza
di specifici adempimenti previsti per tale tipo di attività da parte della
vigente legislazione, può assumersi come normativa di riferimento il
DLgs. 81/2008 e successivi aggiornamenti, che in materia di sicurezza e
salute dei lavoratori contempla tale attività tra quelle soggette agli
obblighi previsti, con l’ esclusione delle sole disposizioni relative ai
luoghi di lavoro come indicato all’art.62. L’azienda pertanto è tenuta ad
osservare le seguenti disposizioni :
9 effettuare periodiche operazioni di controllo e manutenzione dei
veicoli;
9 erogare una adeguata formazione ed informazione al personale
viaggiante.
Le operazioni di controllo dovrebbero essere effettuate preferibilmente
con frequenza giornaliera, prima dell’ entrata in servizio dell’autobus,
con prove riguardanti in particolare il corretto funzionamento di tutti i
457
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
dispositivi di sicurezza presenti sul veicolo. Tali compiti, affidati
senz’altro al conducente, comprenderanno anche un controllo almeno
visivo di tutto il veicolo, esteso ai vani interni ed in particolare a quello
motore, per accertare eventuali anomalie quali perdite dalle tubazioni,
spandimenti e/o impregnamenti di liquidi, usura delle cinghie, di
tubazioni, di cavi elettrici e qualsiasi altra condizione ritenuta non
corretta.
In realtà accade raramente che eventi isolati conducono a un incendio, ma
è più spesso la combinazione di diversi eventi a esserne responsabile; se è
vero da un lato, che nelle fasi di sviluppo di un veicolo è necessario
prendere in considerazione una vasta gamma di esigenze, funzioni e
proprietà del prodotto determinanti un veicolo finale, che risulta spesso
un compromesso e quindi ne possono risultare diverse combinazioni in
grado di condurre a un incendio, non sempre comprese o trattate
pienamente, d’altro canto non è solo il design del nuovo prodotto a
determinare se il rischio incendio è elevato, poiché una volta che
l’autobus ha raggiunto il cliente è la manutenzione del prodotto
altrettanto fondamentale in termini di prevenzione incendi. Pertanto la
manutenzione periodica deve essere effettuata da ditta o personale
altamente qualificato, attenendosi in modo scrupoloso alle istruzioni
fornite dalla ditta costruttrice. Per quanto inerente la formazione ed
informazione da erogare al personale viaggiante, il contenuto dei
programmi deve tenere principalmente conto che all’autista, che, a parere
dello scrivente, rappresenta qualcosa di più di un semplice lavoratore e
potrebbe assimilarsi a un preposto, cioè a una persona che sovraintende
un attività o quantomeno un punto operativo, viene affidata la gestione di
un trasporto di decine di persone e che lo stesso deve garantire, per conto
dell’azienda erogante, il diritto alla sicurezza dei passeggeri anche in caso
di emergenza. Pertanto, mentre il datore di lavoro deve provvedere ad
458
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
erogare adeguata formazione così come indicato dagli art. 36 e 37 del
suddetto decreto, l’ autista è tenuto ad osservare gli obblighi previsti
dall’art. 20, in particolare comma 1 e 2 lettere a) ed e) :
9 deve essere informato sui rischi specifici connessi con l’attività,
cui sono esposti, non solo la sua persona ma anche i passeggeri ed
i terzi; per cui il datore di lavoro e per questi il servizio di
prevenzione
e
protezione
dell’
azienda
deve
provvedere
all’individuazione delle condizioni di pericolo connesse con detta
attività ed all’elaborazione di misure preventive e protettive di
propria competenza, facendo in modo che l’autista venga a
conoscenza delle condizioni di pericolo d’incendio connesse con il
modello di veicolo ed informato sulle misure preventive e
protettive disposte in merito;
9 deve essere adeguatamente formato non solo per utilizzare in
modo appropriato i dispositivi di protezione messi a disposizione
(ad esempio l’estintore) ma anche per gestire in modo corretto una
possibile situazione di emergenza che possa coinvolgere anche i
passeggeri, specie quelli con ridotta o impedita capacità motoria.
Sebbene quanto previsto dall’art. 5 del D.M. del 10/03/98 in materia di
criteri generali di sicurezza antincendio e di gestione dell’emergenza, che
in pratica costituisce il decreto di attuazione al disposto dell’art. 46 del
D.Lgs. 81/2008, debba applicarsi solo ai luoghi di lavoro, è comunque
auspicabile la predisposizione di un piano di emergenza che definisca tra
l’altro le azioni che i lavoratori devono mettere in atto in caso di incendio
e le disposizioni per chiedere l’intervento dei Vigili del Fuoco e fornire le
necessarie informazioni al loro arrivo. Il conducente è intervenuto
sull’incendio ad esempio, senza prima aver provveduto a togliere la
tensione all’impianto elettrico, mettendo a rischio la propria incolumità e
ciò dimostrerebbe che, oltre a non essere state predisposte le procedure di
459
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
emergenza e di intervento, non è stata erogata idonea informazione a tutto
il personale, come previsto dall’art. 3 del DM 10/03/98. Il personale
intervenuto per spegnere gli incendi è rimasto generalmente intossicato
dai fumi e gas e l’art. 369 del DPR 547/55 precisa che nei luoghi in cui
possono svilupparsi o diffondersi gas, vapori o altre emanazioni tossiche
od asfissianti, deve essere tenuto in luogo adatto e noto al personale, un
numero adeguato di maschere respiratorie o di altri apparecchi protettori
da usarsi in caso di emergenza. Appare inoltre auspicabile la creazione di
un modulo standard (vedi appendice), da compilare a cura dell’autista,
con oggetto il sinistro, con l’obiettivo di facilitare le indagini sulla causa
dell’incendio. Con riferimento ai fatti specifici, oggetto del nostro studio
e per quanto inerente le difficoltà incontrate dagli autisti nel tentativo di
spegnere il principio di incendio dell’autobus nelle fasi iniziali, si ritiene
che ciò possa essere principalmente imputato ai seguenti fattori :
9 alla difficoltà di accedere nella zona di innesco dell’incendio;
9 alla non specifica esperienza degli intervenuti nell’uso del mezzo
antincendio;
9 alla scarsa idoneità del mezzo antincendio stesso.
Tralasciando il terzo fattore già ampiamente trattato a proposito dei mezzi
di spegnimento, per quanto inerente i primi due fattori si è rilevato che gli
autisti intervenuti non disponevano delle necessarie chiavi per aprire i
portelli di accesso al vano posteriore dell’autobus : ciò suggerisce
l’opportunità di custodire dette chiavi a bordo di ciascun veicolo, in modo
che all’evenienza siano facilmente prelevabili. Il verificarsi, inoltre, di
incendi a bordo con maggiore frequenza che per il passato, anche presso
altri gestori del trasporto pubblico, suggerisce di sottoporre ad uno
specifico addestramento il personale viaggiante in modo che lo stesso sia
messo in condizione di fronteggiare al meglio questo tipo di emergenza,
qualunque sia la causa d’innesco e i materiali e le sostanze coinvolte.
460
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
7.7.3
L’ottimizzazione della manutenzione attraverso i sistemi
di diagnostica
La crescente complessità degli impianti elettrici di bordo, l’aumento degli
accessori e dotazioni, la necessità di controllare i parametri funzionali dei
diversi componenti e la prospettiva di una diagnostica a distanza, ha
completamente rivoluzionato, negli ultimi anni, il sistema autobus grazie
anche
ad
alcune
innovazioni
elettroniche
rilevanti,
rendendo
indispensabile modificare totalmente le filosofie manutentive; tra le
tecnologie più recenti sicuramente va menzionato il sistema Multiplex,
adottato sugli autobus in esame, ossia un sistema costituito da una
centralina elettronica principale di controllo (CMU), sulla quale vengono
riversati i dati provenienti dalle diverse unità elettroniche (SLU e IOU),
che gestiscono e monitorano i componenti del veicolo, collegate all’unità
centrale per mezzo di linee con protocollo di comunicazione CAN-Bus
grazie al quale, le connessioni tra i vari componenti non sono più
multifilari, ovvero un filo per ogni segnale o comando, ma monofilari o
multiplexate, ossia su una coppia di fili viaggiano più informazioni o
comandi [135 a 139]. Il sistema prevede anche un display, posizionato sul
cruscotto davanti all’autista, che consente la visualizzazione delle
informazioni necessarie alla conduzione del veicolo, la verifica della
corretta funzionalità delle centraline e la diagnostica onboard delle avarie
e delle anomalie riscontrate, che permangono a bordo veicolo in una
memoria, la black-box, sino alla cancellazione da parte del manutentore,
che avviene dopo lo scarico dei dati su un PC portatile.
461
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
Figura 122 : Schema sistema Multibus
C’è da osservare che la “scatola nera”, ossia quel dispositivo che registra
cronologicamente tutte le anomalie del mezzo e che consente una
diagnostica a posteriori da parte del personale, presenta una capacità
limitata di memoria e poiché riporta gli errori che si verificano sul
veicolo man mano che si presentano, non assegnando ad essi priorità in
termini di rilevanza, segnalandoli ripetutamente, verranno evidenziati
solo gli ultimi dati memorizzati, magari di gravità minore.
La possibilità di raccogliere e analizzare i dati degli autobus e di potere
seguire l’evoluzione nel tempo di un componente è un occasione di
innovazione da considerarsi fondamentale per un’ azienda di trasporti e
che deve essere sviluppata e sostenuta. Infatti, attraverso la diagnosi
predittiva è oggi possibile prevenire i problemi mediante misure ed
analisi effettuate sull’autobus, determinando col massimo grado di
affidabilità possibile, le reali condizioni di funzionamento, sia globali, sia
dei singoli componenti, al fine di individuare sul nascere i difetti,
462
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
seguirne la loro evoluzione nel tempo e programmare, con congruo
anticipo e flessibilità, le opportune azioni correttive, da effettuarsi solo
quando strettamente necessarie in base alla valutazione della vita residua
dei componenti delle macchine. Questa rivoluzione tecnologica ha
provocato lo spiazzamento tecnologico dei vecchi manutentori e ha
richiesto l’inserimento di nuove figure ad alta professionalità, per cui per
applicare effettivamente la manutenzione on condition è necessario un
sistema
informativo
della
manutenzione,
che
possa
gestire
le
informazioni off board inviate dai dispostivi nelle procedure gestionali
quotidiane e da ultimo, ma non meno importante, la possibilità di disporre
di personale qualificato che possa entrare nell’ambito di questa nuova
filosofia. Per quanto attiene alla trasmissione dei dati, essa può avvenire,
al rientro dell’autobus in deposito, in maniera manuale, tramite back-up
su unità diagnostiche portatili, o in maniera automatica via Bluetooth o
WiFi, oppure per la nuova generazione di impianto elettrico Multiplex,
che consente di ampliare le prestazioni disponendo di una diagnostica a
distanza (off board), attraverso moduli come il BUS SAPIENS della TEQ
o analogamente l’Intellibus della Digigroup applicabili anche su veicoli
già circolanti e dotati di tecnologia tradizionale, il trasferimento dei
parametri funzionali del veicolo, controllati e memorizzati dalla
diagnostica di bordo, avviene via GSM/GPRS, in tempo reale, ad un
qualsiasi sistema di gestione flotte, potendo in tal modo velocizzare e
semplificare l’approccio manutentivo, predisponendo in anticipo depositi
e officine agli interventi più consoni da attuare.
463
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
Figura 123 : Diagnostica del veicolo con il sistema tradizionale
A differenza quindi del sistema di diagnostica tradizionale, in cui veniva
affidato all’autista stesso, al rientro dal turno di lavoro, il compito di
segnalare eventuali anomalie, con i nuovi sistemi diagnostici di
registrazione e trasmissione dei dati, grazie all’analisi successiva degli
stessi, anche di tipo statistico, si realizza un monitoraggio continuo dello
stato operativo del veicolo, riuscendo ad intervenire prima che le
anomalie raggiungono livelli di gravità eccessivi, anticipando un
eventuale stato di crisi e prevenendo i guasti, determinando così un
miglioramento dell’efficienza, una riduzione dei costi di manutenzione,
una riduzione dei fermi macchina e in definitiva una riduzione del rischio
avarie e/o incendi durante il servizio. Anche il settore della ricambistica
guadagna in efficienza ed in economia, grazie a una migliore
programmazione degli approvvigionamenti del magazzino.
464
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
Figura 124 : Diagnostica del veicolo con il sistema Intellibus
Nel caso specifico della problematica incendi, grazie all’ausilio di queste
nuove tecnologie, sarebbe utile ottimizzare il sistema di monitoraggio già
presente, includendo, nei parametri da tenere sotto controllo e
memorizzati nella black-box, anche informazioni relative alla temperature
del vano motore, rilevabili attraverso specifici sensori, così da poter sia
tracciarne l’andamento nel tempo e valutare a posteriori la necessità di
modifiche di impianti o al lay-out dei componenti nel vano motore, sia
segnalare un allarme al conducente, una volta superato un determinato
valore di soglia, consentire l’interruzione del flusso dei fluidi
combustibili e/o dell’ alimentazione elettrica e ed infine intervenire
automaticamente mediante l’attivazione del sistema di spegnimento,
bloccando così sul nascere eventuali situazioni di pericolo d’incendio.
Diverse aziende operanti nel TPL hanno già introdotto queste innovazioni
per la gestione delle flotte, avendo intravisto la possibilità di una
465
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
riduzione dei costi di manutenzione e dei guasti, ad esempio la ATM di
Milano ha stimato una riduzione del 20% per i costi e del 60% delle
avarie; pertanto è sicuramente auspicabile che la CTP prenda in esame,
anche al fine di un aumento della disponibilità operativa dei veicoli e di
un miglioramento della sicurezza puntare a una manutenzione on
condition e predittiva, da affiancare, in ogni caso, alle politiche
manutentive già presenti al fine di minimizzarne il costo globale,
munendosi delle tecnologie diagnostiche necessarie, che seppure
richiedono opportune competenze e una riorganizzazione delle attività, è
pur vero che alla lunga apportano un vantaggio competitivo,
determinando una diminuzione dei costi di gestione della manutenzione e
della tecnologia, una maggiore affidabilità e disponibilità della flotta e
regolarità e qualità del servizio.
7.7.4
Considerazioni finali
In definitiva sulla base dei dati statistici rilevati in quasi tutti i paesi
risulta che la problematica degli incendi, in particolare dei vani motori,
sugli autobus adibiti al trasporto pubblico, è in continua e rilevante ascesa
rispetto ad altri tipi di incendio e poiché sta emergendo in tutti i suoi
aspetti industriali e gestionali è sistematicamente oggetto di interesse dei
tecnici del settore per la ricerca delle possibili cause e delle relative
soluzioni di miglioramento. Da quanto infatti precedentemente descritto
risulta abbastanza evidente che, sebbene gli autobus risultino per numero
di incendi e di vittime, tra i più sicuri mezzi di trasporto di massa, per
l’attuale configurazione di linea e la tecnologia impiegata per la
realizzazione, presentano in generale una notevole vulnerabilità
all’incendio che ne pregiudica la sicurezza dei passeggeri e di
conseguenza la qualità, arrecando, quando l’evento si verifica, notevoli
466
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
danni all’immagine della società erogante il servizio. Secondo studi
condotti
da
UITP l’intensificazione
dell’incendio
è
imputabile
principalmente ai materiali degli allestimenti interni; ciò si riscontra
maggiormente nei veicoli più moderni e confortevoli per i passeggeri, i
cui materiali sono causa non solo dell’aumento della probabilità di
incendio, ma anche di notevole produzione di fumi tossici. La carenza di
adeguate normative aggiornate al progresso tecnologico comportano che
un eventuale principio d’incendio, per la quantità, contiguità e
caratteristiche dei materiali impiegati, si intensifichi in tempi brevissimi
coinvolgendo il compartimento dei passeggeri, tanto più rapidamente
quanto più confortevole risulta l’allestimento a bordo, come avviene per
gli autobus cosiddetti “interurbani” e per quelli “granturismo”, per cui
uno dei
problemi principali è appunto costituito dalla necessità di
assicurare innanzi tutto una rapida e sicura evacuazione dal mezzo.
Certamente le maggiori condizioni di pericolo sono concentrate nel vano
posteriore del veicolo dove in uno spazio molto ristretto coesisitono
praticamente sostanze combustibili e sorgenti d’ignizione, con scarse
protezioni e tutte per di più soggette a continue sollecitazioni termiche e
meccaniche. La situazione attuale, non certamente esaltante, si è
complicata ulteriormente non solo per l’avvento dei serbatoi di gasolio
realizzati in materiale plastico, in aggiunta a quelli degli oli, ma anche per
il sempre più crescente utilizzo di autobus interurbani a due piani,
certamente con pericoli e tempi di esodo maggiori e con l’ introduzione
di veicoli costruiti secondo le normative antinquinamento, il cui rispetto
spesso comporta l’innalzamento delle temperature dei vani motori e/o per
l’ impiego di carburanti gassosi come metano e idrogeno con relativo
deposito di bombole. Alle problematiche tecniche si aggiungono anche
quelle gestionali : infatti la Direttiva 2002/85/CE stabilisce le
prescrizioni tecniche atte a garantire l’accessibilità dei veicoli alle
467
Capitolo 7 : Analisi degli incendi avvenuti
persone con ridotta capacità motoria, delegando al conducente la messa in
funzione dell’elevatore, della rampa e del sistema di abbassamento del
veicolo, fermo restando le garanzie di sicurezza dei passeggeri. Iniziativa
legittima e condivisa ma allo stato delle cose pone nuovi problemi in caso
di emergenza.
468
Capitolo 8 : L’analisi degli investimenti
Capitolo 8
L’ Analisi Degli Investimenti
8.1
INTRODUZIONE
Per effetto dell’analisi e delle considerazioni viste nel capitolo
precedente, vengono di seguito proposte delle azioni, da intraprendere in
ambito sia progettuale da parte dei costruttori, sia manutentivo da parte
delle aziende di trasporto, in particolare nel vano motore al fine di
annullare o ridurre il rischio d’incendio entro un limite accettabile e
contenere la propagazione di eventuali fiamme al vano passeggeri; le
misure di miglioramento suggerite, senza stravolgere le caratteristiche
funzionali dei mezzi e con un impegno relativamente limitato, sono tese a
rendere l’autobus un prodotto più affidabile, a meglio tutelare l’ Azienda
in caso di evento dannoso e a migliorare il benessere sociale assicurando
il diritto alla sicurezza dei passeggeri e del personale viaggiante.
L’obbiettivo che ci poniamo è di valutare la correttezza così della politica
adottata operando un’analisi semplificata dei costi-benefici delle
soluzioni proposte per la reingegnerizzazione del prodotto-autobus,
stimando i costi in primissima approssimazione e valutando solo i
benefici più consistenti. Nell’analizzare la validità di un progetto bisogna
definire rispetto a che cosa sia da ritenere valido un progetto di
investimento : per un operatore pubblico l’alternativa cui fare riferimento
è di non investire e poiché si assume, in un'economia di mercato, che le
risorse investite dall'operatore pubblico siano sottratte, attraverso lo
strumento fiscale, essenzialmente al capitale privato e la redditività media
469
Capitolo 8 : L’analisi degli investimenti
del capitale privato (in prima approssimazione rappresentata dal costo del
denaro, cioè dall'interesse bancario) costituisce, secondo alcuni, un
ragionevole riferimento per valutare la redditività anche di un
investimento pubblico. Allora l’investimento sotto esame sarà auspicabile
o meno, a seconda che la sua redditività sia superiore o inferiore al saggio
di redditività socialmente assunto come minimo accettabile in quel
contesto economico [118 a 124].
8.2
L’ANALISI COSTI-BENEFICI
L’analisi costi-benefici (ACB) è una tecnica di analisi finalizzata a
confrontare l’efficienza di diverse alternative e valutare decisioni di
spesa, ad assicurarsi che le risorse siano investite nella maniera più
efficiente possibile contribuendo così al raggiungimento dell’efficienza
economica e che giudica preferibile l’opzione in cui la prevalenza dei
benefici, derivanti dalla realizzazione di un determinato progetto, sui
costi sia superiore, mentre nel caso di una sola opzione consente di
verificare se la stessa è preferibile al lasciare immutata la situazione
attuale (status quo). L'analisi C/B si pone il problema di mettere a
confronto costi e benefici che avvengono in tempi diversi : generalmente
si assume che un beneficio (o un costo) lontano nel tempo è valutato dai
singoli individui meno dello stesso beneficio vicino nel tempo e che la
misura quantitativa di questo meno si chiama saggio di preferenze
intertemporale o più semplicemente saggio di sconto. Per gli individui
ciò è intuitivamente vero: il prestito senza interessi non ha rilevanza
economica e la rinuncia di un bene presente (supponiamo del denaro) è
sempre fatta a fronte di un guadagno netto futuro, appunto il saggio di
interesse sul prestito. Il problema si complica se si tenta di estendere
questo atteggiamento all'operatore pubblico : secondo l’approccio
470
Capitolo 8 : L’analisi degli investimenti
neoclassico l’operatore pubblico va interpretato come speculare ai singoli
soggetti economici. In quest’ottica, l’interesse medio praticato nei prestiti
risulta pienamente rappresentativo della preferenza intertemporale dei
soggetti economici e di conseguenza va assunto dai decisori pubblici
come saggio di sconto, per valutare benefici che avvengono in tempi
diversi, secondo l'ottica del decisore privato: i benefici netti di un
investimento devono essere superiori al saggio di interesse bancario,
affinché l’investimento sia fattibile (cioè conveniente).
Per l’operatore pubblico occorre osservare che la scelta del saggio di
sconto è comunque alla fine una decisione politica, alcuni autori
propendono per approcci di tipo sperimentali, analizzando per esempio le
scelte passate dell'amministrazione o deducendolo in maniera empirica,
ma generalmente si ricorre a saggi di sconto in qualche modo collegati ai
saggi di interesse di lungo periodo, operando analisi di sensibilità su di
una serie di saggi all'intorno di quello prescelto, verificando quindi la
validità della scelta fatta col variare di questo parametro.
L'ultima questione dell'approccio classico all'analisi C/B concerne la
determinazione sintetica del giudizio di fattibilità, o della gerarchia in cui
ordinare i progetti giudicati fattibili. I criteri di scelta sono
sostanzialmente tre : il rapporto benefici/costi attualizzati (B/C), il saggio
di rendimento interno (SRI) e il valore netto presente (VNP) o valore
attuale netto (VAN), che costituisce il criterio ritenuto più valido in
letteratura e ampiamente impiegato che quindi prenderemo in esame per
la nostra analisi.
Il VAN è dato dalla somma dei valori attualizzati delle differenze, anno
per anno, tra i benefici prodotti dal progetto ed i costi sostenuti per
realizzare e gestire il progetto.
Analiticamente :
471
Capitolo 8 : L’analisi degli investimenti
T
Bn − C n
∑ (i + 1)
VAN =
n =o
n
Dove :
9 B n = benefici all’anno n;
9 C n = costi all’anno n;
9 T = vita economica del progetto;
9 i = saggio sociale di sconto;
9 n = anni.
I1 progetto è fattibile ed economicamente conveniente quando il VAN è
positivo, ossia quando la differenza tra benefici e costi attualizzati è
maggiore di 0, mentre tra due progetti alternativi ed incompatibili, è
preferibile scegliere quello con il VAN maggiore.
Tenendo in mente tuttavia la rilevante incertezza insita in molte
assunzioni, ipotesi e previsioni che vengono a monte degli algoritmi di
scelta, nella pratica si è soliti ammorbidire il quadro dei risultati finali (ed
arricchirlo), tramite analisi di sensitività. Queste analisi consistono nel
riconsiderare i parametri chiave assunti nello studio (ad esempio, il
saggio sociale di sconto) e definire il risultato finale in funzione di un
ventaglio di valori che tali parametri possono assumere, cioè si mette in
luce la sensibilità del progetto al variare di alcuni parametri. Queste
analisi, indipendentemente dal loro tipo, consistono nel confrontare più
alternative progettuali e tra queste è compresa anche l’alternativa di nonprogetto (e quindi mantenere o no l’attuale stato degli autobus) : in linea
di massima questa non coincide con la situazione attuale, ma è
generalmente una situazione più degradata, essendo quella in cui si
perverrebbe in assenza di interventi all’epoca della possibile attivazione
del progetto in esame. Se interventi di manutenzione ordinaria e
straordinaria dovessero essere presi per evitare questo degrado, si
472
Capitolo 8 : L’analisi degli investimenti
perverrebbe quindi a definire un’alternativa con un suo proprio costo e
suoi specifici vantaggi, da confrontare quindi con quella di progetto.
8.3
Fasi principali dell’analisi costi-benefici
L’ACB si sviluppa mediante una successione di fasi logiche:
9 definizione dell’ambito dell’analisi (destinatari dell’intervento
e dell’arco temporale di interesse);
9 individuazione dei costi e benefici e delle relative unità di
misura;
9 previsione in termini quantitativi e monetizzazione dei costi e
dei benefici;
9 sconto intertemporale (operazione mediante la quale grandezze
monetarie disponibili in momenti diversi del tempo sono rese
pienamente confrontabili tra loro, se è effettuato rispetto al
tempo zero di implementazione dell’investimento, si definisce
attualizzazione ed il valore di ciascuna voce espressa rispetto al
tempo zero si chiama valore attuale), aggregazione dei costi e
benefici, calcolo del VAN e valutazione convenienza;
9 analisi di sensitività (calcolo delle variazioni del beneficio
netto al variare delle assunzioni formulate per verificare la
robustezza dei risultati ottenuti con l’ACB e quindi ottenere
indicazioni sull’affidabilità degli stessi).
Non avendo la pretesa di effettuare una precisa analisi economico o
finanziaria del nostro investimento ma solo al fine di valutare l’effettiva
fattibilità del progetto e dare consistenza alle proposte, non applicheremo
la modalità previste da modelli consolidati dell’economia e dagli
strumenti disponibili per problematiche complesse ma particolarizzeremo
l’analisi alle politiche organizzative delle aziende di trasporto in generale
e della CTP in particolare.
473
Capitolo 8 : L’analisi degli investimenti
8.3.1
Definizione dell’ambito dell’analisi
La vita utile di un autobus è stimata essere di 13 anni o 14 secondo una
fonte Ansaldo, ma di fatto le ristrettezze economiche in cui si dibattono le
aziende di trasporto pubblico locale costringono all’utilizzo dei mezzi ben
oltre i limiti sopra indicati inoltre, inoltre al termine della vita utile hanno
un valore residuo stimato pari al 5% di quello iniziale.
Un azienda di TPL generalmente effettua i suoi acquisti attraverso dei
finanziamenti provenienti da enti statali, contributi pubblici regionali,
provinciali o degli altri Enti territoriali, per cui ogni flotta di veicoli segue
una storia diversa e spesso l’azienda di trasporto è vincolata ad esercire
quella determinata flotta per un determinato numero di anni, indicati dal
LCC, senza poterla in alcun modo permutare o dismettere ed inoltre le
modifiche tecniche che occorre consigliare devono essere a basso impatto
economico, in maniera tale da massimizzare i benefici con una spesa
quanto più contenuta possibile.
Ogni volta che si incendia un autobus e risulti irrecuperabile, l’ azienda di
trasporto deve valutare l’impatto che ha tale defezione sul servizio che
deve garantire e man mano che il numero di autobus disponibili
diminuisce occorrerà applicare una strategia che può seguire varie strade :
o acquisto di autobus nuovi, o modifica del contratto di manutenzione
con richiesta di aumento di disponibilità al manutentore, o entrambe. In
realtà la strategia che comporta l’acquisto di autobus nuovi comporta
oltreché una spesa elevata con impatto negativo sul bilancio, anche un’
eterogeneità della flotta, in quanto il modello quasi sicuramente sarà
diverso e le età dei diversi mezzi risulteranno differenti, determinando
spesso problemi di diagnosi (per le diversità dei software utilizzati), di
manutenzione (avremmo pezzi di ricambio diversi, mentre la condizione
migliore per mantenere e gestire sarebbe l’uniformità dei vari elementi),
maggiori problemi di approvvigionamento, inficiando così il rapido
474
Capitolo 8 : L’analisi degli investimenti
approntamento dei mezzi. Con l’altra soluzione invece si tendono ad
utilizzare e sfruttare al meglio gli autobus in possesso, richiedendo uno
sforzo maggiore alla manutenzione, anche se in questo modo gli autobus,
percorrendo un numero maggiore di chilometri, invecchieranno prima e
più rapidamente raggiungeranno il limite consentito della vita del veicolo,
con conseguenti maggiori richieste economiche da parte del manutentore,
(si andrà così incontro a spese non previste dal piano di manutenzione
effettuando un maggior numero di km negli anni di vita previsti). Visto
che, nel nostro caso, l’azienda non decide di comprare autobus in
sostituzione di quelli incendiati, man mano che gli autobus incendiati
vengono sottratti al totale della flotta, si determina un aumento della
percentuale di autobus da approntare quotidianamente dovendo
comunque l’ azienda fornire il servizio. La Namet, società responsabile
della manutenzione, ha stipulato un contratto secondo il quale deve
rendere disponibile quotidianamente un numero di veicoli pari al 90%
della flotta, con un costo per la CTP di 0,41 Euro a chilometro per questa
tipologia di autobus (0,37 €/km mediamente su tutta la flotta CTP); al
ridursi della flotta in realtà la Namet per poter mantenere l’uscita
giornaliera comunque costante, essendo questa fissata da esigenze di
esercizio e frequenze delle linee, è costretta ad un superiore dispendio di
risorse, vedi la maggior presenza di operai, la maggior velocità
nell’approvvigionamento dei ricambi e alla minor possibilità di
programmare gli interventi. Per cui per ogni punto percentuale di
disponibilità giornaliera in aggiunta a quella contrattualmente richiesta la
Namet stima un aumento del costo di manutenzione chilometrico pari a
0,007 Euro/km.
8.3.1.1
Il contratto CTP – Namet
475
Capitolo 8 : L’analisi degli investimenti
Gli autobus da noi esaminati sono affidati dalla CTP alla Namet
attraverso un contratto, definito di Full-Service che stabilisce le
responsabilità di quest’ ultima ed include : la manutenzione ordinaria,
straordinaria e a caduta comprensiva della fornitura di tutte le parti di
ricambio e dei materiali di consumo (lubrificanti, liquidi ecc.), la verifica
giornaliera dei livelli degli oli, dei liquidi e relativi rabbocchi, la
movimentazione dei mezzi in deposito ed il servizio pneumatico. La
Namet, secondo il contratto stipulato, è tenuta all’osservanza delle
procedure di qualità vigenti in CTP e a mantenere quindi i livelli di
qualità aziendale, rilevando gli autobus al rientro dall’esercizio, per fine
turno a qualsiasi altro servizio, direttamente dall’operatore di esercizio,
redigendo poi un report degli interventi effettuati sui veicoli, in cui viene
specificato il tipo di lavoro effettuato, le ore di manodopera prestate, i
ricambi sostituiti, gli interventi effettuati in garanzia, i tempi di fermo
presso di se o l’officina autorizzata e infine comunicando su apposito
modello gli autobus impiegabili in esercizio, sottoscrivendone l’idoneità
in termini di efficienza e sicurezza. Inoltre Namet riconosce a CTP il
diritto di far controllare dai propri incaricati l’attuazione del programma
delle lavorazioni alle scadenze previste e la perfetta esecuzione delle
lavorazioni in termini di qualità e di materiali di ricambio impiegati nelle
attività. Nel contratto, vengono anche definite le garanzie di servizio, in
base alle quali Namet si impegna a garantire un indice di disponibilità
giornaliero dei veicoli approntati per l’impiego in esercizio, che è
funzione del periodo dell’anno e del giorno (feriale, festivo o sabato) e
qualora non si rispetti il numero di uscite giornaliere, pagherà delle
penalità; costituiscono eccezione a tali garanzie, quindi non imputabili a
Namet, i fermi cosiddetti bonificati che non dipendono dal manutentore,
ossia per urto e atto vandalico (inclusi invece in contratti di tipo Global
Service), per interventi di garanzia, di natura amministrativa (collaudi),
476
Capitolo 8 : L’analisi degli investimenti
per adeguamenti tecnologici suggeriti dal costruttore e decisi da CTP, per
guasti ad obliteratrici e telecamere, o realizzazione di scritte pubblicitarie.
Da contratto, andando al di sotto di una disponibilità del 90%, sono
previsti 105 Euro di penale per ogni autobus non approntato, ma è
consentito scendere sotto il 90% per un giorno al mese senza
conseguenze, mentre per due giorni si incorre in penale perdendo un
premio forfettario mensile (1800 Euro); nel caso specifico bisogna
osservare che in 6 anni di contratto però, Namet è incorsa in soli due
giorni di penali, pertanto possiamo considerarla una voce trascurabile
della nostra analisi.
8.3.2 Analisi delle modifiche proposte e dei costi ad esse connessi e
monetizzazzione
Vediamo ora le modifiche da apportare all’ autobus in esame, al fine di
migliorare le condizioni di sicurezza, in particolare del vano motore,
rendendone quindi più sicuro l’utilizzo da parte dei passeggeri e
riducendo a valori trascurabili il rischio incendio e valutiamo inoltre il
costo delle misure adottate in termini monetari :
9 separazione del vano passeggeri dal vano motore attraverso
paratia tagliafuoco e antifiamma, posta dietro al penta posto
posteriore, in materiale non infiammabile, totalmente ignifugo
e a ridotta tossicità dei fumi, che consente l’interruzione nella
continuità dei materiali del padiglione e delle fiancate e
compartimentazione delle vaschette dell’olio idroguida e
idroventola in zona protetta e con bocchettoni di riempimento e
indicatori del livello disposti in nicchia isolata e dotata di
opportuno
sistema
antigocciolamento
complessivo stimato in 4000 Euro;
477
con
un
costo
Capitolo 8 : L’analisi degli investimenti
9 ispessimento del pannello di insonorizzazione e di isolamento
termico di lana minerale con un doppio strato e protezione del
materiale coibente esterno con opportuna rete metallica di
contenimento per aumentarne la resistenza e impedirne
sfaldamenti, con un costo stimato complessivo di 1200 Euro;
9 sostituzione dei paraurti posteriore e posteriori laterali destro e
sinistro in materiale plastico in lega leggera, con un costo
stimato di circa 1000 Euro;
9 creazione di 2 griglie alettate sul portellone posteriore e 2 sulle
predisposizioni dello sportello laterale sinistro posteriore al
fine di un miglioramento della ventilazione naturale del motore
con conseguente abbassamento delle temperature di esercizio
presenti nel vano motore e creazione di appositi fori sul
portellone del vano motore per intervenire manualmente
dall’esterno inserendo le manichette degli estintori portatili
senza aprirlo ed iniettarne il contenuto, evitando di alimentare
l’incendio con ossigeno, con un costo stimato pari a 500 Euro;
9 installazione di un sensore di livello e elettrovalvola per i
serbatoi idroventola e idroguida che interrompano il flusso dei
fluidi più altamente infiammabili in caso di perdite e
fuoriuscite lungo le tubazioni, con una spesa prevista
comprensiva anche della manutenzione di 250 Euro;
9 installazione di un serbatoio in metallo, con sensore per il
livello, in sostituzione di quello in plastica per l’olio idroguida,
con un costo stimato di 100 Euro;
9 realizzazione, dove possibile, di tubazione metalliche (in rame
e/o acciaio a maggiore resistenza alle alte temperature e con
punti elastici che permettono di attenuare i pericoli delle
vibrazioni) per i collegamenti relativi al trasporto dei liquidi
478
Capitolo 8 : L’analisi degli investimenti
combustibili, in sostituzione di quelli attuali in plastica e
gomma, con un costo stimato di 260 Euro, anche se in realtà il
costo della sostituzione delle tubazioni si ripaga da solo dato
che le tubazioni metalliche (aventi un costo dalle 2 ÷ 5 volte
superiore a quelle in plastica) hanno una vita maggiore;
9 sostituzione dei corrugati, all’interno dei quali vengono fatti
passare i cavi elettrici e le tubazioni in materiale plastico, con
corrugati autoestinguenti, con un costo stimato di 200 Euro;
9 ottimizzazione delle staffe e fissaggi aventi caratteristiche
appropriate per meglio sostenere i cablaggi ed evitare
danneggiamenti da tagli, abrasioni e contatti con superfici
calde o potenzialmente tali, con un costo di manutenzione
annuo di 50 Euro;
9 miglioramento
del
sistema
automatico
di
estinzione
dell’incendio nel vano motore attraverso l’installazione di un
doppio serbatoio di estinguente con rilevazione possibilmente
estesa a tutti i punti del vano con un miglior posizionamento
delle sonde, in particolare nei punti più critici e più soggetti a
pericolo di incendio ed anche lungo le pareti laterali destra e
sinistra e fino al condizionatore, ed un maggior numero di
ugelli, con una spesa prevista di 300 Euro e un aumento del
costo di manutenzione annuo di 50 Euro;
9 installazione di un sistema di rilevamento fumi nel vano
motore, con un costo stimato di 500 Euro;
9 realizzazione di un comando di emergenza incendio, che con
un'unica manovra possa attivare l’apertura delle botole del
padiglione, delle porte e l’azionamento dell’ impianto di
spegnimento del vano motore, con un costo stimato di 800
Euro;
479
Capitolo 8 : L’analisi degli investimenti
9 revisione degli alternatori, (sostituzione spazzole, controllo del
limitatore e dei campi, pulizia) alla metà (300.000 km) della
vita utile e verifica del teleruttore dal costo di 240 Euro;
9 maggiori controlli visivi e ispettivi e lavaggi più frequenti per
l’imbrattamento del vano motore al fine di meglio evidenziare
eventuali perdite, con un costo annuale di 300 Euro;
Per cui in definitiva possiamo riassumere con la successiva tabella le
spese complessive necessarie per le nostre migliorie :
Tabella 84 : Riepilogo delle modifiche
MODIFICHE
COSTI FISSI [Euro] COSTI VARIABILI [Euro/anno]
Antincendio
300
Comando emergenza
800
Compartimentazione
4000
Corrugati
200
Griglie
500
50
Manutenzione e lavaggi
300
Pannello lana min.
1200
Paraurti
1000
Revisione alternatori-teleruttore
240 euro ogni 300.000 km
Sensori e valvole
250
Serbatoio
100
Sist. rilevamento fumi
500
Staffe e fissaggi
Tubazioni
50
260
In definitiva si determinano le seguenti spese complessive :
9 9110 Euro di spese fisse complessive;
9 400 Euro di spese variabili annue:
9 240 Euro di spese variabili da sostenersi ogni 300000 km.
480
Capitolo 8 : L’analisi degli investimenti
Tabella 85 : Tabella riepilogativa dei costi
Anno
Quantità bus
Costi unitari
Costi totali annui
(Euro)
(Euro)
Somma progressiva costi (Euro)
1a4
52
5e6
49
7
48
9350
458150
458150
8
48
400
19200
477350
9
48
400
19200
496550
10
48
400
19200
515750
11
48
400
19200
534950
12
48
640
30720
565670
13
48
400
19200
584870
14
48
400
19200
604070
15
48
400
19200
623270
TOTALI
8.3.2.1
12790
623270
Ulteriori proposte
Ulteriori modifiche da valutare attentamente e da adottarsi in
progettazione, auspicabili ai fini della prevenzione incendi e del
miglioramento della sicurezza, da suggerirsi sia alle aziende produttrici,
sia alle aziende di trasporto per i futuri capitolati, ma che non risultano
fattibili dati i costi per l’autobus in esame sono :
9 la realizzazione di un opportuno sistema di monitoraggio
termico del vano motore, che consenta di migliorare la
sicurezza e ridurre la gravità dei danni, attraverso un sistema di
trasduttori termosensibili posti in comunicazione con la blackbox, che rilevate eventuali anomalie di tipo termico e superati
determinati valori di soglia, consentano l’attivazione del
segnale di allarme, il bloccaggio del flusso delle sostanze
combustibili e dell’energia elettrica con un costo stimato
complessivo, per i nuovi componenti e il software per il
rilevamento della temperatura, di 3000 Euro;
481
Capitolo 8 : L’analisi degli investimenti
9 l’installazione di impianti di spegnimento automatici a CO 2 la
cui immissione in spazi chiusi e facilmente saturabili determina
un rapido abbassamento delle temperature, con un costo di 700
Euro;
9 l’ utilizzo di materiali non infiammabili, con una minore
tossicità dei fumi e con una velocità di propagazione delle
fiamme attraverso di essi compresi nel range 70 ÷ 75 mm/min
in luogo di quella attuale di 100 mm/min prevista per gli interni
degli autobus dalla normativa vigente e utilizzo di opportuni
ritardanti o inibitori di fiamma e vernici non infiammabili, ma
difficilmente quantizzabile in quanto trattasi di impegno che le
case costruttrici devono assumersi anche rispetto a dei
capitolati sempre più restrittive e alla normativa vigente in
materia;
9 la realizzazione di vani tecnici di dimensione adeguate che
consentano
di
evitare
l’eccessivo
affollamento
delle
apparecchiature, che determinerebbe da un lato una riduzione
del numero dei passeggeri totali teoricamente trasportabili ma
dall’altro compenserebbe ampiamente in termini di benefici per
l’affidabilità e manutenibilità degli autobus in quanto con vani
tecnici più ordinati, le varie apparecchiature, i cavi, i cablaggi e
le tubazioni verrebbero ad essere disposti in maniera più
razionale e lontani dalle fonti di calore;
9 una maggiore attenzione nell’ istallazione dell’ impianto
elettrico
con l’adozione di norme interne o Standard
internazionali e miglioramento del layout dei cablaggi.
Per cui tenendo conto solo delle migliorie facilmente monetizzabili si
determina un quadro complessivo dei costi riassumibile nella seguente
tabella:
482
Capitolo 8 : L’analisi degli investimenti
Tabella 86 : Riepilogo costi con proposte aggiuntive
Anno
Quantità
Costi
Costi totali
bus
unitari
annui
7
48
13.050
639.450
8
48
400
19.200
9
48
400
19.200
10
48
400
19.200
11
48
400
19.200
12
48
640
30.720
13
48
400
19.200
14
48
400
19.200
15
48
400
19.200
16.490
804.570
TOTALI
8.3.3
Analisi dei benefici
Per la valutazione dei benefici derivanti dalle modifiche apportate,
andrebbero valutate le perdite che l’azienda subisce in caso di incendio,
ma i benefici che prenderemo in considerazione, costituiti dai minori
danni ai beni materiali (valore dei veicoli danneggiati e/o distrutti
nell’incendio) e dal minor costo di manutenzione associato ad una minore
disponibilità di veicoli della flotta, sono solo quelli immediatamente
monetizzabili, aventi un valore economico evidente, sottostimando quindi
i reali benefici che a rigore dovrebbero prendere in considerazione tutti
quelli derivanti dalle mancate perdite associate all’ incendio di un mezzo
e quindi non si prenderanno in considerazione voci come la perdita
d’immagine e benefici indiretti correlati ai risparmi dei costi derivanti
dalle conseguenze dell’incendio come eventuali danni a persone e/o cose
coinvolte e tutti gli altri costi indotti dovuti all’ erogazione di un servizio
non efficace. In base agli incendi avvenuti alla CTP ai fini della
monetizzazione dei benefici in definitiva, vista anche l’assenza di danni a
persone e veicoli presenti in strada, faremo l’ipotesi di considerare solo i
483
Capitolo 8 : L’analisi degli investimenti
danni materiali trascurando i costi immateriali legati all’immagine e alla
sicurezza e riterremo che le migliorie apportate rendano il rischio d’
incendio trascurabile. Teniamo presente che in realtà a rigore, vista anche
il livello di pericolosità raggiunto dagli incendi in esame e le possibili
conseguenze che potrebbero derivarne da tale tipologia di eventi,
andrebbero considerati sia i costi della non sicurezza potendo essere
particolarmente onerosi e gravi specialmente in caso di conseguenze
mortali sia i danni d’immagine che subirebbe l’azienda in caso di servizio
poco affidabile, che risultano spesso onerosi ma di difficile valutazione
essendo legati al disservizio percepito direttamente dal cliente.
8.3.3.1
Determinazione tasso d’incendio e valore autobus
Per il calcolo dei benefici è utile la determinazione del tasso d’incendio
annuo Φ , ossia della percentuale di flotta andata distrutta anno per anno :
indicando con
9 N flotta complessiva di autobus in esame iniziale;
9 ΔT arco temporale di riferimento;
9 n autobus incendiati nel periodo in esame;
risulta :
Φ =
n
. 100
ΔT ⋅ N
nel nostro caso si ha :
9 N = 52 bus;
9 ΔT [2002 ÷ 2009] = 7 anni;
9 n = 4 bus;
per cui in definitiva :
Φ =
4
. 100 = 1.1%
7 ⋅ 52
484
Capitolo 8 : L’analisi degli investimenti
Ai fini del calcolo del valore unitario annuale degli autobus si utilizzerà
una formula fornita dalla EAV che consente di determinare anno per anno
il valore attuale dei mezzi :
Vn =
Vo ⋅ (18 − n )
;
18
in cui
9 V n è il valore dell’autobus all’anno n;
9 V o è il valore iniziale dell’autobus;
9 n anno di riferimento.
Nella CTP la formula viene leggermente modificata tenendo conto della
reale vita utile degli autobus :
Vn =
Vo ⋅ (15 − n )
15
8.3.3.2 Calcolo dei benefici materiali
Tenendo conto del tasso d’incendio annuo e del valore degli autobus anno
per anno, nella tabella successiva sono stati calcolate le perdite per
l’azienda di beni materiali associate agli incendi e di conseguenza i
benefici annui, nelle ipotesi viste precedentemente, derivanti dall’
azzeramento del rischio incendio, che quindi risultano dal prodotto del
tasso d’incendio annuo Φ = 1,1% per il valore totale annuo degli autobus
e che diminuiscono progressivamente nel tempo per la svalutazione degli
autobus anno per anno ed infine i benefici complessivi, a partire dalle
modifiche, al termine della vita utile :
485
Capitolo 8 : L’analisi degli investimenti
Tabella 87 : Benefici beni materiali
Anno
Quantità bus
Valore unitario bus
Valore totale
Benefici beni materiali
bus
(Euro)
(Euro)
(tasso incendio 1,1)
(Euro)
1
52
250.000
13.000.000
143.000
2
52
216.667
11.266.667
123.933
3
52
200.000
10.400.000
114.400
4
52
183.333
9.533.333
104.867
5
49
166.667
8.166.667
89.833
6
49
150.000
7.350.000
80.850
7
48
133.333
6.400.000
70.400
8
48
116.667
5.600.000
61.600
9
48
100.000
4.800.000
52.800
10
48
83.333
4.000.000
44.000
11
48
66.667
3.200.000
35.200
12
48
50.000
2.400.000
26.400
13
48
33.333
1.600.000
17.600
14
48
16.667
800.000
8.800
15
48
12.500
600.000
6.600
Totale benefici a partire dall’anno di modifica
323.400
8.3.3.3 Calcolo benefici legati alla manutenzione
Nella tabella successiva sono stati determinati gli ulteriori benefici legati
all’ assenza del costo aggiuntivo di manutenzione della flotta per
l’aumento di disponibilità in caso di incendio, che determinerebbe un
aumento della percentuale di autobus da approntare quotidianamente. Per
cui anno per anno, a partire dall’ anno in cui si effettua la modifica,
dovendo la Namet rendere disponibile quotidianamente un numero di
veicoli pari al 90% della flotta (48 bus), ossia 43, noto il tasso di incendio
annuo, si è determinato il numero di bus non incendiati grazie alla
modifica e ai controlli suppletivi, (e quindi la quantità di bus presente in
caso di incendio se non si effettua la modifica); successivamente,
dovendo la quantità di bus da approntare per il servizio essere sempre
486
Capitolo 8 : L’analisi degli investimenti
pari al 90%, si è determinata la percentuale di approntamento, che
bisognerebbe attuare per garantire sempre la presenza dei 43 bus, al
diminuire della flotta e il relativo incremento percentuale e quindi noto il
costo aggiuntivo chilometrico per l’approntamento (0,007 €/km), il costo
per l’approntamento superiore (€/km); infine, noto il numero di km annui
medi di percorrenza, si è determinato il costo aggiuntivo per bus all’anno
ed il costo aggiuntivo della flotta totale per l’aumento percentuale di
disponibilità.
Tabella 88 : Costi di manutenzione aggiuntiva in caso di incendio
8.3.3.4
Benefici complessivi
Nella tabella successiva, noti i benefici legati ai beni materiali e al
mancato incremento di disponibilità, sono stati calcolati i benefici totali, a
partire dall’ anno della modifica :
487
Capitolo 8 : L’analisi degli investimenti
Tabella 89 : Riepilogo Benefici
Benefici beni materiali
(tasso1,1) - non si
Anno
sono bruciati ulteriori
bus
Benefici mancato
incremento richiesta
Benefici totali
disponibilità bus
7
70.400
11.558
81.958
8
61.600
31.517
93.117
9
52.800
51.475
104.275
10
44.000
71.434
115.434
11
35.200
91.392
126.592
12
26.400
111.350
137.750
13
17.600
131.309
148.909
14
8.800
151.267
160.067
15
6.600
171.226
177.826
8.3.4 Sconto intertemporale e calcolo del VAN
L’analisi dei costi-benefici richiede il confronto di costi e benefici che si
verificano in momenti di tempo diversi, visto che le misure adottate
hanno conseguenze ed effetti che si estendono su un orizzonte temporale
comprendente
diversi
anni.
Pertanto
è
necessario
attraverso
un’operazione detta di sconto intertemporale, rendere pienamente
confrontabili grandezze monetarie disponibili in momenti diversi. Nella
nostra analisi, il momento temporale di riferimento cui ricondurre le varie
poste, è il momento di inizio dell’investimento (tempo zero), per cui si
parlerà di attualizzazione per indicare lo sconto intertemporale effettuato
rispetto al tempo zero e la singola posta riferita al tempo zero viene
definita valore attuale.
Il Van richiede l’indicazione di un tasso di sconto ed esso generalmente
corrisponde al costo del denaro che il soggetto che effettua la spesa deve
sostenere (nel caso di denaro di proprietà del soggetto stesso, il costo sarà
il costo-opportunità, ovvero il tasso al quale si sarebbe potuto far fruttare
nel migliore dei modi alternativi il denaro: in genere si assume il tasso
488
Capitolo 8 : L’analisi degli investimenti
medio di un paniere di titoli a rendimento fisso). Nella tabella successiva
si è proceduto al calcolo del VAN rappresentato poi anche graficamente :
Tabella 90 : Calcolo del VAN ( i = 3%)
Anno
Benefici totali
Costi totali
Profitti
Attualizzazione (r=3)
VAN (0,03)
7
81.958
458.150
-376.192
-376.192
-376.192
8
93.117
19.200
73.917
71.764
-304.428
9
104.275
19.200
85.075
80.192
-224.236
10
115.434
19.200
96.234
88.067
-136.169
11
126.592
19.200
107.392
95.416
-40.752
12
137.750
30.720
107.030
92.325
51.573
13
148.909
19.200
129.709
108.629
160.202
14
160.067
19.200
140.867
114.538
274.740
15
177.826
19.200
158.626
125.221
399.960
500000
400000
300000
200000
100000
0
-100000
-200000
-300000
-400000
-500000
1
2
3
4
Anno
5
6
7
8
9
VAN (0,03)
Figura 125 : Grafico del VAN (i = 3%)
Come si evince dalla tabella e dal grafico il VAN è positivo tra il quinto
e sesto anno a partire dalla modifica, dopodiché risulta sempre positivo,
con andamento crescente. La stessa logica è stata applicata nel caso dell’
ulteriore proposta di reingegnerizzazione, ma in questo caso il VAN
risulta positivo alla fine del settimo anno di modifica, quindi solo negli
ultimi due anni di vita utile.
489
Capitolo 8 : L’analisi degli investimenti
Tabella 91 : Calcolo del VAN con le proposte aggiuntive
Benefici
Anno
Costi totali
totali
Profitti
Attualizzazione (r=3) VAN (0,03)
7
81.958
639.450
-557.492
-557.492
-557.492
8
93.117
19.200
73.917
71.764
-485.728
9
104.275
19.200
85.075
80.192
-405.536
10
115.434
19.200
96.234
88.067
-317.469
11
126.592
19.200
107.392
95.416
-222.052
12
137.750
30.720
107.030
92.325
-129.727
13
148.909
19.200
129.709
108.629
-21.098
14
160.067
19.200
140.867
114.538
93.440
15
177.826
19.200
158.626
125.221
218.660
300000
200000
100000
0
-100000
1
2
3
4
5
6
7
8
9
-200000
-300000
-400000
-500000
Anno
-600000
VAN (0,03)
Figura 126 : Grafico del VAN (i =3%) proposta B
8.3.5
Analisi di rischio
Questa analisi viene effettuata al fine di tener presente che il rischio
incendio per effetto delle modifiche fatte, seppur molto vicino allo zero,
comunque non è mai nullo per cui, secondo uno degli orientamenti
economici prevalenti se ne terrà conto, includendo la misura del rischio
nel tasso di sconto intertemporale usato per l’attualizzazione,
maggiorandolo opportunamente, e poiché la sua determinazione esatta
richiederebbe procedure analitiche complesse e costose in termini di
tempo, ci riferiremo ai valori prescritti da agenzie governative che
490
Capitolo 8 : L’analisi degli investimenti
sovraintendono le valutazioni pubbliche. Per cui coerentemente con le
indicazioni della “Guida all’analisi costi-benefici dei progetti di
investimento”3 è stata operata la scelta del tasso di sconto in base al quale
sono state effettuate le operazioni di attualizzazione dei flussi di cassa
generati dal progetto. Tale tasso è stato fissato al 5%, che rappresenta un
adeguato rendimento finanziario di un investimento del settore,
prendendo a base il tasso fornito dalla Banca Europea degli Investimenti
(BEI) sull’emissione di prestiti obbligazionari e finanziamento di
interventi nel settore.
Tabella 92 : Calcolo del VAN (i = 5%)
Anno
400000
300000
200000
100000
0
-100000
-200000
-300000
-400000
-500000
Profitti
Attualizzazione (r=5)
VAN (0,05)
7
-376.192
-376.192
-376.192
8
73.917
70.397
-305.795
9
85.075
77.166
-228.629
10
96.234
83.130
-145.499
11
107.392
88.352
-57.147
12
107.030
83.861
26.714
13
129.709
96.791
123.505
14
140.867
100.112
223.616
15
158.626
107.364
330.980
1
2
3
4
5
Anno
6
7
8
9
VAN (0,05)
Figura 127 : Grafico del VAN ( i = 5% )
3
Guide to cost-benefit analysis of investment projects, Evaluation Unit - DG Regional Policy –
European Commission.
491
Capitolo 8 : L’analisi degli investimenti
Ancora una volta, come visto in precedenza, si evince, dalla tabella e dal
grafico, che il VAN è positivo tra il 5° e 6° anno a partire dalla modifica,
dopodiché risulta sempre positivo, con andamento crescente. Il confronto
tra i due casi, mostrato nella figura successiva, evidenzia le modeste
variazioni tra i due casi di VAN al 3% e 5%.
500000
400000
300000
200000
100000
0
-100000
-200000
-300000
-400000
-500000
1
2
3
Anno
4
5
VAN (0,03)
6
7
8
9
VAN (0,05)
Figura 128 : Confronto VAN (3% e 5%)
Anche nel caso della proposta con ulteriori modifiche la situazione non
sembra cambiare di molto, con un VAN positivo negli ultimi due anni di
vita dei veicoli e con un’ incidenza trascurabile della variazione del tasso
di interesse dal 3% al 5%, come evidenziato nella tabella e grafico
seguenti.
Tabella 93 : Calcolo del VAN (5%) nel caso B di ulteriori modifiche
Anno
Attualizzazione (r=5)
VAN (0,05)
7
-557.492
-557.492
8
70.397
-485.728
9
77.166
-408.562
10
83.130
-325.432
11
88.352
-237.080
12
83.861
-153.219
13
96.791
-56.428
14
100.112
43.683
15
107.364
151.047
492
Capitolo 8 : L’analisi degli investimenti
400000
200000
0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
-200000
-400000
-600000
Anno
VAN (0,03)
VAN (0,05)
Figura 129 : Confronto VAN (5%) caso B
8.3.6
Analisi di sensitività
Con questa analisi si vuole si vuole verificare la sensibilità del risultato
finale dell’ACB (VAN) alle assunzioni fatte nell’analisi, analizzando che
il segno del VAN non muti a seguito di variazioni nelle variabili
considerate e quindi verificando la robustezza e l’ affidabilità dei risultati.
I principali scopi dell’analisi di sensibilità sono quindi quelli di
comprendere :
9 quali sono le variabili che maggiormente influenzano la redditività
economica dell’investimento;
9 come si modificano gli indici di redditività dell’investimento nel
caso in cui i valori delle variabili di input differiscano
significativamente da quelli ipotizzati (con particolare riferimento,
naturalmente, alle variabili di cui al punto precedente).
Si tratta dunque di un approccio volto a trattare l’incertezza di uno o più
elementi caratteristici del progetto e a determinare gli effetti di tale
incertezza sull’impatto atteso del progetto stesso. I parametri utilizzati
sono appunto quelli dell’ analisi costi-benefici, pertanto si è considerata
una variazione del tasso d’ interesse, una maggiorazione o diminuzione
dei costi iniziali di investimento, o una variazione dei benefici e quindi
legati a una variazione dei costi di manutenzione, del tasso d’incendio,
493
Capitolo 8 : L’analisi degli investimenti
del costo dell’ autobus e del numero di chilometri percorsi. Per cui con la
logica precedente, ritenendo inutile mostrare calcoli, tabelle e grafici
ripetitivi, si è supposto una variazione del 20% positiva e negativa delle
principali variabili in gioco e con un foglio di calcolo sono stati
aggiornati i valori del VAN per ogni singola variazione e calcolati gli
scarti percentuali rispetto alla nostra ipotesi iniziale di investimento. Dal
diagramma seguente, in cui viene quindi mostrato la variazione del VAN
per effetto di una variazione positiva o negativa del 20% delle principali
variabili e l’analisi dei valori conferma il mantenimento di un VAN
positivo anche in presenza di variazioni significative delle variabili del
progetto, a conferma della robustezza del risultato e della fattibilità del
progetto.
700.000
VAN dim. tasso incendio
VAN dim. km percorsi
600.000
VAN dim. costo
manutenzione
VAN aum. costi inziali
500.000
VAN dim. costo bus
400.000
VAN
VAN aum. tasso interesse
VAN dim. tasso interesse
300.000
VAN aum. costo bus
VAN dim. costi inziali
200.000
VAN aum. costo
manutenzione
VAN aum. km percorsi
100.000
VAN aum. tasso incendio
0
Variabili
Figura 130 : Andamento del VAN per effetto di una variazione del 20% delle variabili
494
Capitolo 8 : L’analisi degli investimenti
Nella figura successiva, viene invece proposto il raffronto tra il VAN di
riferimento corrispondente alla nostra proposta di miglioria e i VAN
conseguenti alla variazione del 20% delle variabili in gioco.
tasso
interesse
Variabili
Aumento del 20% delle variabili
Diminuzione del 20% delle variabili
-6,1
costo
bus
5,6
15,1
-15,1
costi
iniziali
-22,9
22,9
35,1
km
percorsi
-35,1
costo
manutenzione
-35,1
35,1
53,5
-53,5
tasso
incendio
-60,0
-40,0
-20,0
0,0
20,0
40,0
60,0
Variazione VAN %
Figura 131 : Variazione % del VAN per effetto della variazione delle variabili
Dal diagramma possono trarsi le seguenti considerazioni :
9 la variabile che maggiormente influenza il nostro Van è il tasso
d’incendio ed essendo ad esso legato in maniera più che
proporzionale, quanto più alto esso risulta, tanto più è
giustificato l’intervento migliorativo;
9 il costo aggiuntivo di manutenzione serve per garantire al
cliente di TPL la fruibilità del quantitativo minimo di autobus
necessario a coprire il servizio in una determinata zona di
esercizio. Come si è ampiamente descritto precedentemente,
all’aumentare dei bus incendiati diminuisce la disponibilità dei
495
Capitolo 8 : L’analisi degli investimenti
bus di riserva per cui occorre incrementare la percentuale di
approntamento e l’aumento di essa comporta uno sforzo
aggiuntivo superiore, valutato in 0,007 €/km per un intervallo
di approntamento dal 90 al 99%, costi che rappresentano, nel
caso decidessimo di attuare le modifiche migliorative, una
quota di benefici ottenuti. Quindi il grafico mostra che
maggiore è il costo da sostenere per coprire il servizio
maggiore è la convenienza ad attuare le modifiche;
9 analogo discorso vale nel caso dei km percorsi, in quanto
all’aumentare di essi, aumenta la convenienza ad effettuare le
modifiche, aumentando l’efficienza del mezzo;
9 al diminuire delle spese per le migliorie si determina un
aumento del VAN, quindi occorrerà trovare il giusto
compromesso tra il costo delle modifiche e la loro efficacia in
maniera tale da massimizzare l’aumento del VAN;
9 al diminuire del costo dell’autobus diventa man mano
sconveniente effettuare delle modifiche e converrebbe valutare
soluzioni alternative quali la permuta con altre tipologie di
autobus;
9 le variazioni del tasso d’ interesse confermano quanto visto con
l’analisi del rischio, della scarsa incidenza della variabile stessa
sul VAN.
Dall’ analisi dei costi-benefici e dal calcolo dell’indice precedentemente
visto, la reingegnerizzazione degli autobus risulta quindi fattibile,
riuscendo a remunerare l’investimento totale, per cui dovrebbero essere
individuate le coperture finanziarie necessarie al sostegno dell’
intervento, la cui realizzazione è giustificata anche da un giudizio di
desiderabilità sociale del progetto, apportando benefici alla sicurezza
complessiva dei veicoli.
496
Capitolo 9 : Il settore ferrotranviario
Capitolo 9
Il settore ferrotranviario
9.1
LE NORME DEL SETTORE FERROTRANVIARIO
Nel settore dei trasporti si è sempre avvertita la necessità di attuare
misure preventive che potessero ridurre o limitare i rischi e le
conseguenze di un incendio, soprattutto in quelle situazioni in cui si
presenta una limitata possibilità di evacuazione e dove le variabili tempo
e ventilazione possono influire sullo scenario di una tragedia. L’ esigenza
di elaborare una norma sulla protezione al fuoco di veicoli ferrotranviari
si è resa indispensabile a seguito della sempre maggiore diffusione dei
sistemi di trasporto urbano e suburbano a via guidata e della relativa
innovazione nel campo dei materiali impiegati. Molteplici casi avvenuti
anche negli ultimi tempi rendono tragicamente di attualità quanto viene
periodicamente
discusso
all’interno
di
commissioni
ufficiali
e
regolamentato attraverso specifiche tecniche e direttive comunitarie che
impongono come interesse primario, sia per i costruttori che per i
produttori, la salvaguardia e l’ incolumità della vita umana. Le principali
reti ferroviarie europee si sono allora trovate di fronte al problema di
come limitare la probabilità che i materiali impiegati per la costruzione
del mezzo ferroviario potessero divenire fonti di innesco di un incendio,
anche perché la mancanza di una direttiva comunitaria, determinava l’
applicazione in tutti i paesi di specifiche differenti per il rispetto della
protezione al fuoco. Per cui lo sforzo congiunto con gli enti normatori è
stato quindi quello di identificare i requisiti di resistenza al fuoco e di
497
Capitolo 9 : Il settore ferrotranviario
emissione di fumi, e di creare delle prove per mezzo delle quali poter
classificare i vari materiali. Il mezzo ferroviario finisce in questo modo
per contraddistinguersi per il livello di sicurezza raggiunto grazie alle
rigorose regole di esercizio e alla sua affidabilità tecnica [125 e 126].
L’UNIFER, (Ente di Unificazione del Materiale Ferrotranviario) con la
partecipazione delle diverse parti coinvolte (industria ferroviaria,
esercenti dei sistemi ferroviari e laboratori di prova) ha elaborato
recentemente sull’argomento tre progetti di norma, denominate “Linee
guida per la protezione al fuoco dei veicoli ferrotranviari ed a via
guidata”, che costituiscono le tre parti della norma UNI CE11170 : 2005:
9 Parte 1: “Principi generali” che definisce le misure da adottare a
bordo dei veicoli per trasporto ferrotranviario ed a via guidata, per
limitare il rischio d’incendio a bordo e per proteggere
efficacemente i passeggeri ed il personale di servizio. Le misure di
protezione indicate nella norma si applicano a tutti i veicoli di
nuova costruzione e non ai veicoli in esercizio e a quelli in fase di
fornitura o oggetto di contratto in data antecedente alla
pubblicazione della norma stessa, salvo quanto diversamente
concordato tra la società di trasporto ed il fornitore. In particolare
riguardano il comportamento al fuoco dei materiali e dei
componenti della parte di allestimento e di quella elettrica, la
resistenza al fuoco delle barriere al fuoco e degli elementi sparti
fiamma, gli accorgimenti progettuali e di design, le misure di
protezione per gli impianti elettrici ed elettronici, le misure di
estinzione, controllo ed informazione (per esempio, freno di
emergenza, sistemi di estinzione, sistema di ventilazione, ecc.).
9 Parte 2: “Accorgimenti progettuali, Misure di contenimento
dell’incendio, sistemi di segnalazione, controllo ed evacuazione”
che fornisce i requisiti minimi, in funzione del livello di rischio del
498
Capitolo 9 : Il settore ferrotranviario
veicolo in conformità alla parte, che devono essere soddisfatti per
minimizzare il rischio che un incendio si sviluppi in un veicolo,
contenerlo, nel caso si sviluppi, per il tempo necessario a
permettere l’evacuazione dei passeggeri e del personale di bordo,
fornire gli ausili necessari all’estinzione dell’incendio e/o ad una
rapida e sicura evacuazione dal veicolo.
9 Parte 3: Valutazione del comportamento al fuoco dei materiali e
limiti di accettabilità, che definisce i metodi di prova per la
valutazione in laboratorio del comportamento al fuoco dei
materiali e ne stabilisce i criteri di giudizio, riferiti alle specifiche
condizioni d’uso ed alla specifica categoria operativa e alla
tipologia del veicolo. La valutazione e la classificazione dei
materiali secondo le procedure definite in questa parte della norma
non hanno lo scopo di stabilire i livelli assoluti del rischio
d’incendio generato dai materiali posti in opera, bensì quello di
fornire indicazioni atte a limitare il rischio d’incendio a bordo dei
veicoli e di proteggere, nel modo più efficace possibile, i
passeggeri ed il personale di servizio. I metodi di prova indicati
devono essere applicati per tutti i materiali/componenti strutturali e
non strutturali utilizzati per la costruzione di nuovi veicoli e per la
ristrutturazione di quelli già in esercizio, nonché a quelli utilizzati
per la normale ricambistica.
Non è necessario sottoporre alle prove previste nella norma i prodotti
combustibili la cui collocazione a bordo di un mezzo segue i seguenti
criteri :
9 prodotti con massa unitaria minore di 100 g utilizzati all’interno di
apparecchiature
meccaniche,
elettriche,
elettroniche,
elettromeccaniche, pneumatiche o elettro-pneumatiche, contenute
in involucri metallici chiusi e non accessibili da parte del personale
499
Capitolo 9 : Il settore ferrotranviario
di bordo e dei passeggeri, posizionate internamente alla cassa del
veicolo;
9 prodotti con massa unitaria minore di 1000g utilizzati all’interno
di
apparecchiature
meccaniche,
elettriche,
elettroniche,
pneumatiche, elettro-pneumatiche, elettromeccaniche, contenute
all’interno di involucri metallici chiusi e non accessibili da parte
del personale di bordo e dei passeggeri, posizionate esternamente
alla cassa del veicolo.
La filosofia utilizzata per la costruzione di questa specifica prende come
riferimento dei livelli di rischio in base ai quali vengono definiti dei
requisiti e metodi di prova che consentono di descrivere i principali
parametri valutativi; ad esempio 3 livelli di rischio da LR 1 a LR 3
derivano dai differenti tempi di permanenza previsti per le categorie
operative, dalla presenza o meno di gallerie e viadotti e quindi la facilità
di evacuazione dei passeggeri e dello staff, dalla tipologia del treno se
speciale oppure normale. I principali metodi di prova [127] in ambito
ferrotranviario, per i materiali di allestimento , sono le seguenti :
Tabella 94 : I metodi di prova in ambito ferroviario per i materiali di allestimento.
METODO
TITOLO
INDICAZIONI
DI PROVA
si determina l’incremento di temperatura nel
Non combustibilità
EN ISO 1182 forno a 750°C, persistenza di fiamma e perdita di
massa
Reazione
al
fuoco
dei
rivestimenti parete, soffitto,
pavimento
UNI 8457
UNI 9154
si
determinano
i
valori
di
velocità
di
propagazione di fiamma, zona danneggiata, post
combustione e post incandescenza.
si
determinano
i
valori
di
velocità
di
Reazione al fuoco per i UNI 8456
propagazione di fiamma, zona danneggiata, post
tendaggi
combustione
UNI 9174
e
post
incandescenza
e
gocciolamento
Reazione
al
fuoco
per UNI 9175
si determinano i valori di combustione a 3
500
Capitolo 9 : Il settore ferrotranviario
mobili
imbottiti
e
differenti applicazioni di fiamma 20-80-140
rivestimenti sedute
secondi
Accendibilità
per
componenti di dimensioni UNI EN ISO Valutazione del comportamento ad attacchi di
ridotte e non riconducibili 11925-2
fiamma da 15 a 30 secondi
alle campionature standars
si valuta la tenuta di una seduta completa alla
Tenuta al fuoco di sedute UIC 564.2
vandalizzate e non
Or Annexe13
Afnor NF X
Densità ottica dei fumi
Tossicità
dei
gas
10.702
combustione di un cuscino di carta da 100
grammi entro un tempo di 10 minuti
si determina Dm4, VOF45 per una serie di
condizioni di irraggiamento in presenza o non di
fiamma
di Afnor NF X forno tubolare a 600°C e analisi in discontinuo
combustione
70.100
dei gas di combustione
Rilascio di calore
ISO 5660-1
Analisi del comportamento ad irraggiamento di
25-50 KW/m²
si determina Dm, Ds6, VOF4 per una serie di
Metodo per la valutazione
condizioni di irraggiamento in presenza o non di
dinamica dello sviluppo di Appendice A fiamma. Nella stessa camera dei fumi si
fumo opacità e tossicità
prelevano in condizioni dinamiche i fumi si
analizzano, si determinano il tempo per CIT7 =1
Potere calorifico
UNI
EN si valuta il calore prodotto da un’unità completa
1716
di massa
si valuta la tenuta al fuoco di una porzione di
Scomparto ferroviario
UIC 564.2 or scomparto (scala reale) ferroviario attraverso la
Annexe 14
prova in camera standard per la determinazione
dei criteri stabili di comportamento al fuoco
Per quanto attiene invece ai cavi e componenti elettrici sono considerati
a parte dai componenti di allestimento e seguono le norme internazionali
per la valutazione delle caratteristiche di reazione al fuoco e della
4
Per Dm s’intende la densità ottica specifica massima.
5
Per VOF4 s’intende il valore di oscuramento al fumo al termine dei primi 4 minuti
6
Per Ds si intende la densità ottica specifica.
7
Per CIT s’intende l’indice di tossicità critico.
501
Capitolo 9 : Il settore ferrotranviario
tossicità richieste per cavi e componenti elettrici e i principali metodi di
prova sono i seguenti :
Tabella 95 : I metodi di prova in ambito ferroviario per cavi e componenti elettrici
METODO
TITOLO
DI PROVA
INDICAZIONI
Componenti elettrici, accendibilità per UNI EN Iso Valutazione
del
componenti di dimensione ridotta e 11925-2
comportamento ad attacchi di
non riconducibili alle campionature
fiamma da 15 o 30 secondi
standard dei precedenti metodi
Componenti elettrici, densità ottica dei Afnor NF X si determina Dm, VOF4 per
fumi
10.702
una serie di condizioni di
irraggiamento in presenza o
non di fiamma
Componenti elettrici, Tossicità dei gas
di combustione
Afnor NF X
70.100
Cavi elettrici, non propagazione a CEI
fiamma
Cavi
forno tubolare a 600°C e
analisi in discontinuo dei gas
di combustione
EN Incendio su cavo singolo
50265
elettrici,
incendio
non
propagazione CEI
EN Incendio su fascio di cavi
50266
CEI
EN
50305
Cavi elettrici, emissione gas acidi e CEI
corrosivi
50267
CEI
50305
Cavi elettrici, determinazione tossicità CEI
dei gas
50267
EN Valutazione del valore di Ph e
conducibilità
EN assorbimento
prodotto
dei
gas
dall’
di
combustione in acqua
EN forno tubolare a 600°C e
analisi in discontinuo dei gas
CEIEN 50305 di combustione
Cavi elettrici, determinazione della CEI
opacità dei fumi
50268
EN Camera di 27 metri cubi con
valutazione della perdita di
trasmittanza
502
Capitolo 9 : Il settore ferrotranviario
Per le sedute ferroviarie invece occorrono sia valutazioni sui
componenti che sulle sedute complete : sui componenti si applica una
valutazione sia della reazione al fuoco che dei fumi e gas, mentre sulla
seduta completa e’ valutata la tenuta al fuoco sia in fase di
vandalizzazione che non; in particolare si avranno le seguenti prove per i
componenti di rivestimento e imbottitura, poggiatesta e origliera :
Tabella 96 : I metodi di prova in ambito ferroviario per i materiali di rivestimento
METODO
TITOLO
Reazione
al
INDICAZIONI
DI PROVA
fuoco
per UNI 9175 Si determinano i valori di post combustione
mobili imbottiti, materassi e
a 3 differenti applicazioni di fiamma
rivestimenti sedute
20,80,140 secondi
Mentre per le sedute complete :
Tabella 97 : I metodi di prova in ambito ferroviario per i materiali delle sedute
TITOLO
METODO
INDICAZIONI
DI PROVA
Tenuta al fuoco di UIC 564.2 or Si valuta la tenuta di una seduta completa alla
sedute
ferroviarie Annexe 13
vandalizzate e non
combustione di un cuscino di carta da 100
grammi entro un tempo definito di 10minuti
Le prove di verifica delle barriere al fuoco devono essere condotte
secondo la :
9 UNI EN 1363-1, per i requisiti generali;
9 UNI EN 1364-1, UNI EN 1365-1 e UNI EN 1634-1per le pareti e
relative porte;
9 UNI EN 1365-2 per i pavimenti;
Il campione da sottoporre a prova deve essere il manufatto completo in
scala 1:1 o un campione rappresentativo di esso dotato di tutti gli
accessori previsti nella sua utilizzazione finale compresi passaggio cavi,
503
Capitolo 9 : Il settore ferrotranviario
condotte, ecc.; il campione deve essere sottoposto ai carichi di progetto
che gravano su tale elemento, concordati tra committente e costruttore; i
pavimenti dei veicoli devono essere sottoposti a prova con le estremità
semplicemente appoggiate. Il campione rappresentativo dovrà avere
larghezza pari a quella del veicolo ed una lunghezza minima
rappresentativa della parte di veicolo ove sono applicati i massimi carichi
verticali; le testate e le pareti dei veicoli devono essere sottoposte alla
prova senza vincoli all’elongazione longitudinale e trasversale;
per
parete sottoposta a prova si intende la parete attrezzata (con porta, griglie,
passaggio cavi, ecc.).
Le prove sono considerate superate solo nel caso in cui:
9 non sia riscontrata visivamente persistenza di fiamma entro 5 min
dal termine delle prove (secondo la UNI EN 1363-1);
9 non siano riscontrati significativi passaggi di fumi e gas. Nel caso
non possa essere garantita una efficace tenuta ai fumi, per la sua
realizzazione dovrà essere data preferenza, almeno per i materiali
di più largo impiego (esempio isolanti termoacustici, intumescenti,
ecc.), a quelli incombustibili o comunque a bassa emissione di
fumi.
I parametri che vengono valutati per la verifica delle prestazioni della
barriera nei confronti di un incendio sono:
9 R = “Stabilità al fuoco” ossia la capacità del campione in prova
di un elemento portante di sostenere il carico applicato, quando
sottoposto a un dato carico termico, senza superare specificati
criteri relativi all’entità e alla velocità degli spostamenti, a seconda
del caso. Lo scopo è quello di assicurarsi che, per un certo periodo
di tempo, sia conservata da parte del campione la sua capacità di
mantenere il carico applicato;
504
Capitolo 9 : Il settore ferrotranviario
9 E = “Tenuta o Integrità” che esprime la capacità di un elemento
da costruzione, che presenta funzioni di separazione, di sopportare
un dato carico termico (espresso in termini di curva temperatura
tempo) dal lato esposto senza che ci sia un significativo passaggio
di fiamme o gas caldi al lato non esposto. La sua valutazione
avviene utilizzando gli strumenti e le modalità presenti nella EN
1363-1, ossia tramite il passaggio dei calibri per fessure,
l’accensione del batuffolo di cotone e la presenza di fiamme
persistenti (per un tempo maggiore di 10 sec). Lo scopo è quello di
assicurarsi che, per un certo periodo di tempo, questi fattori non
causino l’accensione di materiali posti nelle vicinanze e quindi il
propagarsi dell’incendio nelle zone adiacenti.
9 I = “Isolamento termico” : è la capacità di un elemento da
costruzione di sopportare un dato carico termico (espresso in
termini di curva temperatura tempo) senza che ci sia una
significativa quantità di calore che passi dal lato esposto a quello
non esposto alle fiamme; tale parametro si valuta tramite la
registrazione delle temperature in corrispondenza del lato non
esposto alle fiamme (l’innalzamento da esse rilevato deve essere
inferiore come media a 140 °C e come massima a 180°C). Lo
scopo è quello di assicurarsi che, per un certo periodo di tempo,
non si verifichi l’accensione di materiali posti nelle vicinanze e
quindi il propagarsi dell’incendio nelle zone adiacenti e per
proteggere dal calore le persone poste nelle vicinanze della
barriera al fuoco.
9 Il calore radiante W rappresenta la capacità di un elemento da
costruzione di sopportare un dato carico termico (espresso in
termini di curva temperatura tempo) senza che ci sia una
significativa quantità di calore radiante trasmesso attraverso la
505
Capitolo 9 : Il settore ferrotranviario
barriera o dalla stessa Lo scopo è quello di assicurarsi che, per un
certo periodo di tempo, non si verifichi l’accensione di materiali
posti nelle vicinanze e quindi il propagarsi dell’incendio nelle zone
adiacenti e per proteggere dal calore le persone poste nelle
vicinanze della barriera al fuoco. I parametri e le procedure per la
sua determinazione sono specificati nella EN 1363-2 ed i valori di
riferimento sono di 15 kW/m 2 in generale e di 2,5 kW/ m 2 per la
cabina di guida. Quest’ultimo valore nasce dal fatto che la cabina è
di dimensioni ridotte e inoltre che i macchinisti sono nelle
immediate vicinanze della barriera e devono essere in grado di
ultimare le manovre d’arresto del convoglio nei tempi previsti.
Nella classificazione le sigle sopra riportate sono seguite da un numero
che esprime i minuti all’interno dei quali risultano soddisfatti i requisiti.
Si tenga presente in aggiunta a quanto detto che il D.M. 26/06/84 e
successivo D.M. 03/09/2001, riguardante la classificazione di reazione al
fuoco ed omologazione dei materiali ai fini della prevenzione incendi,
definisce come mobile imbottito, un manufatto destinato a sedersi,
costituito da : rivestimento, interposto, imbottitura e struttura e secondo la
norma di questi componenti qualunque può mancare ad eccezione
dell’imbottitura; nella realtà può intendersi per mobile imbottito
qualunque manufatto che presenta una parte anche minima di imbottitura.
Il metodo CSF RF 4/83 (UNI 9175), valido per il settore pubblico, che
consente la valutazione della combustione in presenza o meno di fiamma
e fornisce indicazioni sulla reazione al fuoco, si effettua sottoponendo a
fiamma un manufatto per un determinato tempo e rimosso il cannello si
valuta il tempo di estinzione della fiamma e si individuano le seguenti
classi : 1M supera la prova a 140 secondi, 2M non supera la prova a 140
secondi, 3M non supera la prova a 80 secondi, non classificabile non
supera la prova a 20 secondi.
506
Capitolo 9 : Il settore ferrotranviario
Per quanto riguarda la protezione antincendio all'interno dei veicoli
ferroviari, in Europa vengono applicate le normative nazionali con i vari
test e criteri di approvazione corrispondenti. Ciò costituisce un ostacolo
non solo per il libero movimento dei treni in Europa ma anche per il
lavoro dei produttori dei veicoli. Si prevede che nel 2010, la nuova
direttiva europea EN 45545 sarà l'unica legge applicabile in tutti i paesi,
per creare condizioni eque sia per i prodotti che per il funzionamento.
9.2
IMPIANTO
ANTINCENDIO
A
BORDO
DI
ROTABILI
L’ impianto antincendio [128 e 129] deve essere costituito dai seguenti
sottoimpianti :
9 impianto di rilevazione incendio :
9 impianto di erogazione estinguente;
9 impianto di comando, segnalazione e diagnostica.
L’ impianto di rilevazione incendi deve : segnalare in modo selettivo
per ciascuna zona a rischio d’incendio, garantire la massima rapidità e
affidabilità, diagnosticare permanentemente lo stato di funzionamento ed
evitare la possibilità di interventi indebiti. L’impianto deve essere
costituito da rilevatori di temperatura puntiformi di tipo termometrico o
termovelocimetrico dotati di taratura termostatica; i rilevatori devono
essere dotati di contatto elettrico di tipo normalmente chiuso in
condizioni normali di esercizio, con commutazione in apertura in
condizioni di intervento a seguito del raggiungimento della temperatura
di taratura; inoltre il contatto deve essere reversibile, deve cioè tornare
automaticamente nelle normali condizioni di funzionamento (chiuso)
quando la temperatura scende al valore di taratura. In aggiunta ai
rilevatori puntiformi è ammesso l’impiego di rilevatori di temperatura di
507
Capitolo 9 : Il settore ferrotranviario
tipo lineare a fusione nel caso in cui si renda necessario un controllo della
temperatura localizzato in corrispondenza diretta di apparecchiature a
rischio incendio. In alternativa ai rilevatori puntiformi può essere valutato
l’impiego di rilevatori di fumo di tipo ad aspirazione di aria ma non è
ammesso l’ impiego di quelli a ionizzazione (radioattivi).
L’ impianto di erogazione estinguente può essere costituito da uno o
più impianti indipendenti in funzione delle caratteristiche di layout
adottato per le zone a rischio d’incendio. L’azione di estinzione dell’
incendio deve essere realizzata mediante saturazione totale del volume
protetto in cui sono comprese le zone a rischio d’incendio. Limitatamente
ai casi in cui siano richieste misure di protezione su singole
apparecchiature caratterizzate da elevato rischio d’incendio può essere
valutata la possibilità di realizzare un’azione di estinzione mediante
applicazione locale dell’estinguente direttamente sull’apparecchiatura.
L’estinguente deve essere di tipo non inquinante, non tossico, non
aggressivo rispetto ai componenti dell’impianto antincendio ed alle
apparecchiature elettriche da proteggere, è escluso l’uso di Halon e di
CO 2 ; va scelto tra quelli di seguito indicati compreso nell’elenco indicato
dallo standard NFPA 2001, elenco che può essere soggetto a modifiche in
relazione dell’evoluzione tecnologica dei prodotti e della legislazione
vigente :
Tabella 98 : Tipi di estinguenti da usare a bordo dei rotabili
Identificativo Nome scientifico Formula chimica
Nome
commerciale
IG-541
Miscela di gas
N 2 (52%),Ar(40%),CO 2 (8%) INERGEN
HFC-23
trifluorometano
CHF 3
PF23 o FE13
FC-3-1-10
perfluorometano
C 4 F 10
CEA-410
HFC-227ea
eptafluoropropano C F 3 CHF C F 3
508
FM200
Capitolo 9 : Il settore ferrotranviario
Si tratta di estinguenti denominati Clean Agents perché presentano un
basso potenziale lesivo per l’ozono, un ridotto effetto serra ed una vita
attiva in atmosfera più bassa rispetto a quella degli idrocarburi alogenati;
in realtà sono degli idrocarburi saturi in cui gli atomi di idrogeno sono
stati sostituiti tutti o in parte con atomi alogeni (fluoro) o di miscele di
gas inerti.
La minima concentrazione di estinguente di progetto ammessa, calcolata
per saturazione totale del volume protetto e che compensi ogni situazione
presente che limiti l’efficienza di estinzione, andrà inoltre incrementata
di un fattore di sicurezza pari al 20% . La scarica dell’estinguente nel
volume deve avvenire nel tempo più veloce possibile per estinguere
l’incendio ( ≤ 10 secondi per gli idrocarburi alogenati e ≤ 1 minuto per i
gas inerti) e limitare la formazione di prodotti di combustione e di
decomposizione. Il tempo di mantenimento della concentrazione di
estinguente nel volume protetto deve essere ≥ 7 minuti in condizioni
statiche del rotabile, mentre in condizioni dinamiche, alla massima
velocità, deve essere garantito il raggiungimento della minima
concentrazione di progetto ed il suo mantenimento per un tempo ≥ 30
secondi. Allo scopo di limitare il quantitativo di estinguente necessario
per garantire i requisiti di concentrazione e di mantenimento richiesti,
occorre mantenere l’ ermeticità del volume protetto mantenendo al
minimo la superficie delle aperture non chiudibili presenti nel volume
protetto e devono essere previste apposite serrande a chiusura automatica
per le superfici e le prese d’aria chiudibili. Le bombole di stoccaggio
estinguente devono essere di acciaio e ciascuna deve essere dotata di :
marcatura di identificazione, valvola di erogazione, cappellotto di
protezione della valvola per il trasporto, certificato di collaudo ISPESL;
la pressione di collaudo deve essere ≥ 250 bar per le bombole contenenti
509
Capitolo 9 : Il settore ferrotranviario
idrocarburi alogenati e ≥ 300 bar per quelle contenenti gas inerti; la
capacità delle bombole contenenti idrocarburi alogenati deve essere scelta
tra i valori di : 5,7,14,27,30,40,50 litri, mentre per i gas inerti di 67 e 80
litri. Negli impianti aventi più bombole, tutte le bombole che alimentano
lo stesso collettore di distribuzione devono essere intercambiabili e dello
stesso volume. La valvola di erogazione (con grado di protezione ≥ IP54)
posta sulla bombola deve essere dotata di : un dispositivo di apertura
elettrico, pneumatico e meccanico, di un manometro per la verifica della
pressione interna delle bombole, un pressostato di controllo della
pressione interna alla bombola, un dispositivo di sicurezza per lo scarico
della bombola a seguito di sovrapressione interna. Il dimensionamento
delle tubazioni (in acciaio AIS I316) e dei raccordi della rete di
distribuzione deve tenere conto della massima pressione raggiunta
dall’estinguente all’interno della bombola alla massima temperatura
ambiente prevista. L’impiego di tubazioni flessibili è ammesso solo per il
collegamento tra le bombole e il collettore di distribuzione e dove vi
siano passaggi attraverso strutture caratterizzate da movimento relativo;
il sistema di tubazioni deve essere installato in modo da garantire un
fissaggio solido in relazione alle forze di spinta dell’estinguente e alla
espansione e contrazione termica delle stesse. Infine gli ugelli di
erogazione dell’estinguente possono essere sia in acciaio inox sia in
ottone e il loro posizionamento ed orientamento e la velocità del flusso
devono garantire un’ uniforme distribuzione di estinguente nel volume
protetto.
L’ impianto di comando di erogazione dell’ estinguente deve
prevedere i seguenti comandi:
9 un comando elettrico automatico attivato dalla logica che presiede
il
funzionamento
dell’impianto
antincendio
dell’intervento dell’impianto di rilevazione incendio;
510
a
seguito
Capitolo 9 : Il settore ferrotranviario
9 un comando manuale meccanico posto sulle bombole, in posizione
di facile accessibilità al personale, nel caso in cui la collocazione
delle bombole non renda accessibile tale comando oppure la
manovra implichi l’esposizione del personale all’erogazione
dell’estinguente, deve essere previsto in alternativa un comando
manuale pneumatico posto in ciascuna cabina di guida o in
prossimità della zona protetta. Il comando meccanico prevede
l’installazione di una maniglia sulla valvola di erogazione
estinguente le cui caratteristiche ergonomiche ne consentono una
facile impugnatura e manovra; l’attivazione deve avvenire
mediante trazione della maniglia con direzione di azionamento
longitudinale alla posizione dell’operatore e una sola maniglia
deve consentire l’attivazione dell’intera batteria costituita da una o
più bombole di estinguente.
9 un comando manuale pneumatico esterno al rotabile, su ciascuna
fiancata, in posizione di facile individuazione, accessibile in linea,
protetto dietro uno sportello su cui deve essere riportato apposito
pittogramma. Il comando prevede l’installazione di pulsanti a
fungo pneumatici di tipo stabile e di colore rosso e di un impianto
a riserva di propellente costituito da bombole monouso di piccola
capacità caricate con azoto e dotate di pulsante a fungo di
azionamento, oppure da una bombola centralizzata di piccola
capacità caricata con aria la cui riserva sia indipendente
dall’impianto pneumatico di locomotiva; in quest’ ultimo caso
l’impianto pneumatico di locomotiva può essere utilizzato come
sorgente di ricarica della bombola. Le bombole di stoccaggio del
propellente devono essere dotate di manometri per la verifica della
corretta carica.
511
Capitolo 9 : Il settore ferrotranviario
I comandi meccanici e pneumatici interni ed esterni devono essere
azionabili senza l’utilizzo di alcun genere di attrezzo e devono essere
muniti di accorgimenti contro l’azionamento involontario (ad ex spine di
blocco). Per quanto infine attiene alle segnalazioni incendio in relazione
alle caratteristiche del rotabile e del treno in cui è inserito devono essere
previste tutte o parte delle seguenti :
9 segnalazione ottica e acustica di allarme incendio posta sul banco
di manovra (segnalazione globale) : l’ottica costituita da una
lampada spia di colore rosso che garantisca una grande visibilità,
l’acustica che garantisca una emissione ≥ 80 decibel;
9 segnalazione ottica e acustica con funzione di allarme incendio e
di avviso pre-erogazione estinguente posta nel corridoio di
servizio del comparto macchine protetto (segnalazione locale) :
l’ottica deve essere di colore rosso e deve essere posizionata in
modo da consentire una immediata individuazione da parte del
personale di servizio, l’acustica deve garantire un’ emissione ≥ 85
decibel;
9 segnalazione ottica di allarme incendio posta all’esterno del
rotabile su ciascuna fiancata (segnalazione locale) : di colore
rosso e posizionata in modo
da consentire una facile
individuazione del personale di servizio;
9 segnalazione ottica di allarme incendio posta sul quadro di
controllo
locale
dell’impianto
antincendio
del
rotabile
(segnalazione locale) : di colore rosso e posizionata in modo da
consentire una facile individuazione del personale di servizio.
Infine altre segnalazioni sono da considerarsi solo di tipo ausiliarie :
9 segnalazione ottica di avvenuta erogazione estinguente posta
all’esterno del volume protetto;
512
Capitolo 9 : Il settore ferrotranviario
9 segnalazione ottica si impianto antincendio escluso posta sul
quadro di controllo locale dell’impianto antincendio del rotabile.
9.2.1
Caratteristiche funzionali
Le caratteristiche funzionali dell’impianto antincendio devono garantire i
seguenti requisiti :
9 segnalare al P.d.M. e al personale di servizio l’avvenuta
rivelazione di un incendio;
9 attivare il comando di erogazione estinguente a seguito della
rivelazione di un incendio;
9 mantenere
per
quanto
possibile,
compatibilmente
con
la
modularità dell’azionamento di trazione, le residue possibilità di
marcia
del
treno
a
seguito
dell’intervento
dell’impianto
antincendio.
Gli impianti antincendio installati a bordo di rotabili di nuova costruzione
devono funzionare in modo completamente automatico attivando in
maniera automatica il comando di erogazione estinguente a seguito della
rivelazione di un incendio, le diverse segnalazioni acustiche ed ottiche di
allarme incendio, l’arresto dei sistemi di ventilazione, l’erogazione
dell’estinguente e a seguito dell’erogazione, la tacitazione delle
segnalazioni acustiche e disattivazione di quelle ottiche di allarme con
reset della diagnostica.
Per gli impianti antincendio già progettati e
costruiti è ammesso il funzionamento in modo semiautomatico; tale
modalità prevede l’attivazione del comando di erogazione da parte del
P.d.M. a seguito della rilevazione di un incendio, tramite apposito
pulsante sul banco di manovra. Un sistema di diagnostica con test
automatici consente per ciascun rotabile in composizione al treno il
controllo automatico e continuativo dell’efficienza funzionale e dello
513
Capitolo 9 : Il settore ferrotranviario
stato dei dispositivi dell’impianto antincendio, dall’istante di inserzione
della logica che presiede il funzionamento dell’impianto: in caso di
efficienza non viene indicata nessuna informazione sul banco master
mentre in caso contrario deve essere attivata la relativa segnalazione.
A seguito della rivelazione di un incendio deve essere garantita per
quanto possibile la trazione del treno in modo che il P.d.M. possa, in
situazioni di pericolo, mantenere per quanto possibile il treno in marcia;
devono essere interrotti e/o intercettati mediante serrande automatiche
tutti i sistemi di ventilazione che interessano i volumi protetti mentre i
sistemi segregati possono restare in funzione; deve essere interrotto il
funzionamento degli impianti
di climatizzazione in caso di pericolo
della ricircolazione dei fumi. Ogni 6 mesi è necessario effettuare una
verifica periodica delle bombole sullo stato di carica mediante pesatura
con cella di carico senza rimuoverle, della corretta pressurizzazione e in
caso di perdita di peso ≥ 5% e una perdita di pressione ≥ 10% per gli
idrocarburi alogenati e ≥ 5% per i gas inerti, andranno sostituite. Il
fornitore dell’impianto antincendio deve effettuare diversi tipi di prove
per verificare le caratteristiche prestazionali dell’impianto : prova di
scarica estinguente, prove di accettazione, controlli visivi, prova di
portata, di pressurizzazione e funzionale: il controllo generale della
funzionalità del sistema deve avvenire ogni 6 mesi mentre la revisione
generale ogni 5 anni.
9.3
ETR 600
L'ETR 600 è un elettrotreno (ossia un treno elettrico automotore, di
regola non scomponibile, con carrozze motrici e rimorchiate, senza
locomotore fatto di convogli "a potenza distribuita", in contrapposizione
ai convogli "a potenza concentrata", dove solo un rotabile, il locomotore,
514
Capitolo 9 : Il settore ferrotranviario
è motorizzato, mentre gli altri componenti sono rimorchiati), ad assetto
variabile del parco rotabili ad alta velocità di Trenitalia e della compagnia
italo-svizzera Cisalpino, in quest'ultima con il nome di ETR 610 e
costruito dalla società francese Alstom, la quale nel 2000 ha acquisito la
Fiat Ferroviaria.
Il treno è stato sviluppato a partire dal 2005 come IV generazione ed
evoluzione della filosofia progettuale a sistema attivo di inclinazione
della cassa, (detto in gergo pendolamento o tilting in inglese), dei treni
ETR 450/460-470/480. È stato acquistato in 28 esemplari dalle società
Trenitalia (ETR600) e Cisalpino (ETR610) e l'entrata in servizio è stata
alla fine dell' anno 2007.
Figura 132 : ETR 600 Frecciargento
9.3.1
Caratteristiche generali
L'ETR 600 è costituito da 7 carrozze, di cui una (la numero 3) è solo per
metà adibita al trasporto viaggiatori mentre l'altra parte è arredata a
bar/self service. In questa carrozza si trova anche il compartimento del
Capotreno. L'alimentazione è politensione/policorrente: (3kV a corrente
continua/25kV a corrente alternata 50 Hz) in modo da permetterne la
515
Capitolo 9 : Il settore ferrotranviario
circolazione sia sulle nuove tratte ad alta velocità che sulla rete classica.
L'ETR 600 è attrezzato di sistema ERTMS (è un avanzato sistema di
gestione, controllo e protezione del traffico ferroviario e relativo
segnalamento a bordo, progettato allo scopo di sostituire i molteplici e,
tra loro incompatibili, sistemi di circolazione e sicurezza delle varie
Ferrovie Europee allo scopo di garantire l'interoperabilità dei treni
soprattutto sulle nuove reti ferroviarie europee ad Alta velocità) ed è
quindi interoperabile e in grado di essere guidato da un solo macchinista
in tutta sicurezza. La cabina di guida dispone infatti di una sola poltrona
di guida fissa, alla quale si affianca uno strapuntino allo scopo di ospitare
in cabina anche un agente sussidiario ove prescritto dai regolamenti di
esercizio vigenti (ad oggi le norme di esercizio italiane prescrivono la
presenza a bordo di due macchinisti di condotta).
L'ETR 600 è in grado di raggiungere la velocità massima di 250 km/h
non essendo previste per i treni con cassa pendolante velocità superiori. Il
convoglio è munito di gancio automatico fisso (organo meccanico che
serve a realizzare l'aggancio di un rimorchio ad un'unità di trazione) : il
musetto è retrattile a comando scoprendo il gancio automatico e permette
l'accoppiamento in multiplo di due convogli senza l'intervento di un
manovratore a terra. In questo modo si potrà realizzare un treno, che
giunto in una determinata stazione potrà dividersi in due convogli che
potranno proseguire indipendentemente la loro corsa verso due diverse
destinazioni.
9.3.2
9.3.2.1
Impianto antincendio rilevamento fumi su un ETR 600
Generalità
Il complesso è dotato di sicurezze passive e attive [130 e 131] destinate
alla protezione da eventuali incendi. Per le sicurezze passive tutti i
materiali non metallici utilizzati sia come rivestimento nell’arredamento
516
Capitolo 9 : Il settore ferrotranviario
della cassa, sia nella costituzione, sono della categoria dei prodotti non
combustibili e comunque difficilmente infiammabili ed autoestinguenti.
Per quelle attive ogni veicolo del complesso è dotato di un impianto di
rivelazione e spegnimento incendio automatico montato all’interno dei
cassoni contenenti apparecchiature AT come descritto successivamente.
Nei comparti passeggeri, nelle cabine di guida e nei pressi del locale bar,
sono ubicati estintori portatili del tipo omologato secondo il D.M. 12/82
ES. n° 305695, mentre nei comparti passeggeri sono posti dei martelletti
frangivetro. Le porte di salita sono dotate sia internamente che
esternamente di maniglie per l’apertura delle stesse in emergenza. Nei
comparti passeggeri sono poste delle maniglie per la richiesta dell’arresto
del convoglio in caso di emergenza. Ogni veicolo del complesso è dotato
di un impianto di rilevamento dei fumi montato all’interno dei singoli
veicoli.
9.3.2.2
Funzionamento impianto antincendio
L’impianto antincendio si caratterizza per l’utilizzo di un tubo
denominato rilevatore lineare a fusione (tubo termofusibile tipo FT92)
quale sistema di rilevazione : esso contiene azoto in pressione (15÷18
bar) e viene posizionato a ridosso degli equipaggiamenti elettrici da
proteggere. La sua rottura provoca l’erogazione dell’azoto in esso
contenuto ed inoltre una variazione di pressione che genera l’erogazione
dell’estinguente (gas inerte IG01, alla pressione di circa 200 bar a
temperatura ambiente) contenuto in apposite bombole sistemate nei pressi
dell’apparecchiatura da proteggere. Si noti che la carica delle bombole
può essere controllata mediante verifica della pressione sul manometro
dedicato indipendentemente dalla temperatura. L’impianto è di tipo
meccanico-pneumatico e completamente autonomo per quel che riguarda
sia l’impianto rilevatore sia quello erogatore. I componenti elettrici sono
517
Capitolo 9 : Il settore ferrotranviario
impiegati per la sola trasmissione di comandi (da fiancata) e di segnali da
un veicolo all’altro o da un complesso all’altro, ciò permette di avere
ciascun impianto antincendio automatico funzionante anche nel caso di
guasto all’impianto elettrico o di treno fermo. Lo spegnimento
dell’incendio avviene utilizzando un sistema indiretto per il quale (fig.
133), in presenza di fiamma, si ha la perforazione del tubo che provoca
prima il rilascio dell’estinguente azoto in esso contenuto, poi, attraverso
la dedicata linea di erogazione con ugelli diffusori direzionati, provoca la
fuoriuscita dell’estinguente dalle bombole.
Figura 133 : Schema semplificato estinzione incendio in modo indiretto
9.3.2.3
impianti da proteggere
Gli impianti che sono protetti con l’impianto antincendio sono i seguenti:
9 nel veicolo 1-2-6-7: Inverter di trazione, convertitore servizi
ausiliari (nel sottocassa fig. 134);
9 nel veicolo 3: Cassa contattori MT (nel sottocassa fig. 134);
9 nel veicolo 4: Cassa combinatore AT, cassa precarica e cassa
contattori MT (nel sottocassa fig. 134), interruttore extrarapido
(sull’imperiale fig. 135);
9 nel veicolo 5: Cassa combinatore AT, cassa precarica e cassa
contattori MT (nel sottocassa fig. 134), interruttore extrarapido
(sull’imperiale fig. 135).
518
Capitolo 9 : Il settore ferrotranviario
Nella fig. 136 viene riportato il disegno che illustra lo schema interno
delle due linee dell’impianto antincendio all’interno del cassone inverter
di trazione convertitore servizi ausiliari.
Nella fig. 137 viene riportato il disegno che illustra lo schema interno
delle due linee dell’impianto antincendio all’interno della cassa
combinatore AT e precarica.
Nella fig. 138 viene riportato il disegno che illustra lo schema interno
delle due linee dell’impianto antincendio all’interno della cassa contattori
MT.
519
Capitolo 9 : Il settore ferrotranviario
Figura 134 : Impianti protetti nel sottocassa dei veicoli
520
Capitolo 9 : Il settore ferrotranviario
Figura 135 : Impianti protetti sull' imperiale
521
Capitolo 9 : Il settore ferrotranviario
Figura 136 : Disposizione linee antincendio nel cassone inverter di trazione
Figura 137 : Disposizione linee antincendio nella cassa combinatore AT e precarica
522
Capitolo 9 : Il settore ferrotranviario
Figura 138 : Disposizione linee antincendio nella cassa contattori MT
9.3.2.4
Descrizione funzionale
L’impianto antincendio montato sul complesso (il cui schema
relativamente agli elementi 1,2,6,7 è riportato in fig. 139) ha la seguente
possibilità di intervento :
9 comando
automatico
pneumatico
(servoassistito
pneumaticamente);
9 comando elettrico di fiancata (servoassistito elettricamente).
Si noti che tutti i rubinetti presenti nell’impianto antincendio devono
sempre essere sempre aperti e piombati e nel caso sia necessario la loro
chiusura per operazioni di manutenzione, al termine si deve provvedere
alla loro riapertura e al ripristino della piombatura.
523
Capitolo 9 : Il settore ferrotranviario
9.3.2.4.a
Comando automatico pneumatico
Un tubo rilevatore lineare a fusione viene posizionato sull’impianto da
proteggere nei punti a più alto rischio di incendio ed è scelto in base ad
una determinata temperatura di fusione alla quale l’impianto di
rilevazione antincendio si deve attivare. Quando avviene l’incendio, la
fiamma brucia il tubo provocando la fuoriuscita dell’azoto in pressione.
La fuoriuscita dell’azoto in pressione provoca una diminuzione di
pressione che genera le seguenti azioni:
a) Azionamento di un pressostato P1 (soglia di intervento 5 ± 2 bar) che
rilevando tale diminuzione di pressione provoca:
9 la segnalazione di incendio in atto al macchinista tramite
indicazione luminosa e sonora sistemate sul banco di manovra
(tramite monitor diagnostica è possibile individuare il veicolo
interessato) e più in generale in tutte le cabine della composizione.
Le segnalazioni acustica e luminosa permangono fino al momento
in cui il personale di bordo (P.d.B.) aziona il pulsante luminoso
giallo relativo all’impianto interessato sistemato sul subrack
display e comandi del veicolo interessato; in ogni caso il buzzer
della segnalazione acustica è temporizzato a 20 secondi;
9 la segnalazione di incendio in atto al capo treno tramite
indicazione luminosa e sonora sistemate sul subrack display e
comandi del veicolo 3 e più in generale in tutti i subrack display e
comandi della composizione. Le segnalazioni acustica e luminosa
permangono fino al momento in cui il P.d.B. aziona il pulsante
luminoso giallo relativo all’impianto interessato sistemato sul
subrack display e comandi del veicolo interessato; in ogni caso il
buzzer della segnalazione acustica è temporizzato a 20 secondi;
9 l’accensione di una spia colore rosso “segnalazione incendio a
bordo” posta su apposito pannello segnalazioni (PS) installato
524
Capitolo 9 : Il settore ferrotranviario
all’esterno di ciascuna fiancata del veicolo ove si è rilevato
l’incendio; tale segnalazione luminosa permane fino a quando non
verrà ripristinato il circuito pneumatico della linea di rilevazione e
quindi con il riempimento dell’estinguente della bombola; tramite
la diagnostica di bordo si identifica quale pressostato P1 è
intervenuto e quindi presso quale impianto si è verificato
l’incendio. Il led presente su tale pannello viene testato tramite il
pulsante di test lampade locale posto immediatamente sotto;
9 invio di un segnale al sistema diagnostico di treno tramite un
pressostato P3 con soglia di intervento da 10 ± 1 bar, che informa
sulla perdita di pressione della linea di rilevazione incendio;
tramite la diagnostica di treno viene identificato quale pressostato
P3 è intervenuto e quindi quale impianto di rilevazione incendio
presenta delle perdite;
9 esclusione dell’alimentazione elettrica dei ventilatori dell’impianto
coinvolto.
b) Un segnale pneumatico di variazione di pressione arriva alla valvola
IHP (7, di fig. 139) posizionata sulla bombola di estinguente provocando
l’azionamento dell’impianto di erogazione. Quando termina l’erogazione
di estinguente, il pressostato P2 (soglia di intervento 6 ± 1 bar)
posizionato in corrispondenza della bombola di estinzione (sulla linea di
erogazione), invia un segnale elettrico al comando e controllo del
complesso per la notifica di avvenuta erogazione. L’elevata velocità di
intervento dal momento della rilevazione dell’incendio all’erogazione
d’estinguente (circa 3 secondi), il peso specifico dell’estinguente scelto e
l’elevata pressione di erogazione garantiscono una reale efficacia di
spegnimento dell’incendio in un tempo ridotto (circa 10 secondi) anche in
presenza di flussi d’aria. L’erogazione di estinguente durerà per un tempo
variabile da 10 secondi, in assenza di flussi d’aria, a 60 secondi in
525
Capitolo 9 : Il settore ferrotranviario
presenza di flusso d’aria (considerando un tempo di arresto dei ventilatori
di circa 20 secondi).
Figura 139 : Schema impianto antincendio per gli elementi 1,2,6,7
526
Capitolo 9 : Il settore ferrotranviario
Tale periodo di tempo è ottenuto proporzionando il numero ed il diametro
dei fori degli ugelli. Questi ultimi sono posizionati ove il rischio incendio
è maggiore. Questo permetterà, per quanto possibile, un certo grado di
saturazione dell’ambiente protetto, visto la non tenuta stagna delle
applicazioni protette.
9.3.2.4.b
Comando elettrico di fiancata
Il comando elettrico di fiancata è realizzato posizionando su entrambe le
fiancate di ogni veicolo dei pulsanti a fungo a riarmo manuale, protetti da
uno sportello per prevenire l’azionamento indesiderato. Ciascuno di
questi pulsanti opera esclusivamente sugli impianti di rilevazione
incendio automatici presenti sul veicolo ove sono ubicati. Agendo sul
pulsante si provoca la depressione del tubo rilevatore lineare a fusione
con la conseguente fuoriuscita di azoto e quindi diminuzione di pressione.
Questa azione viene realizzata tramite un solenoide (E fig. 139) attivato
dal comando elettrico generato dal pulsante di fiancata. Da questo punto
in poi il funzionamento è lo stesso illustrato nel paragrafo precedente.
Nella figura successiva (fig.140) viene mostrata la sistemazione del
pulsante per il comando elettrico di fiancata e del pannello segnalazioni,
la cui attivazione consente l’intervento di tutti gli apparati antincendio
presenti nel veicolo.
527
Capitolo 9 : Il settore ferrotranviario
Figura 140 : Sistemazione del pulsante per il comando elettrico di fiancata e del pannello
segnalazioni.
9.3.2.5
Segnalazioni impianto antincendio
Le segnalazioni luminose e/o acustiche del funzionamento dell’impianto
antincendio sono localizzate:
9 sui banchi di manovra del complesso (led luminoso e buzzer);
queste segnalazioni vengono testate tramite un pulsante di test
lampade sul banco di manovra in cabina.
9 su entrambe le fiancate di ogni singolo veicolo (pannello di
segnalazione) interessati dall’incendio;
9 nei sub rack display e comandi all’interno dei veicoli.
528
Capitolo 9 : Il settore ferrotranviario
9.3.2.5.a
Sub rack display e comandi
Sul quadro rack, dei veicoli 1-7, 2-6, 4 e 5, sono presenti le seguenti
segnalazioni:
9 1 pulsante (giallo) instabile ad autoritenuta elettrica di reset
allarme antincendio per ogni impianto presente sul rotabile;
9 1 segnalazione ottica (rossa) “incendio in atto” per ogni impianto
presente sul rotabile;
9 1 segnalazione ottica (rossa) “avvenuta erogazione” per ogni
impianto presente sul rotabile;
9 1 segnalazione ottica (rossa) “impianto isolato” per ogni impianto
presente sul rotabile;
9 1 segnalazione ottica (rossa) “perdita impianto ”per ogni impianto
presente sul rotabile;
9 1 segnalazione ottica (verde) “solenoide di comando efficiente
”per ogni impianto presente sul rotabile;
Sul quadro rack, del veicolo 3, sono presenti oltre alle precedenti anche
le seguenti segnalazioni :
9 1 segnalazione ottica (rossa) di segnalazione “incendio a bordo
treno”.
9 1 segnalazione acustica (buzzer) di segnalazione “ incendio a
bordo treno.
529
Capitolo 9 : Il settore ferrotranviario
Figura 141 : Segnalazioni sul rack display comandi veicolo 3
9.3.2.6
Impianto rilevamento fumi
Il funzionamento si basa sull’impiego di rilevatori di temperatura e fumo
ed unità di supervisione : i rilevatori di fumo (RFETR600) di ogni
veicolo sono collegati via seriale ad una unità di supervisione (SMK-2),
ai fini diagnostici e di manutenzione. In tutti i veicoli l’unità di
supervisione risulta vicina ai rilevatori, resta lontano solo il rilevatore
posto nella presa d’aria dell’impianto di ventilazione all’estremità
opposta. Nel dettaglio sono presenti su ogni veicolo i rilevatori di fumo e
calore relativi al cubicolo quadri elettrici e canale ripresa aria per i saloni
530
Capitolo 9 : Il settore ferrotranviario
1 e 2 (immediatamente dietro le griglie); inoltre solo sulle motrici di
estremità (veicoli 1 e 7) è presente un rilevatore per la cabina di guida e
solo sul rimorchio bar (veicolo 3) è presente un rilevatore nella zona
cucina. Su tutti i veicoli nei pressi della zona intercomunicante è presente
un rilevatore di sola temperatura. Le unità di supervisione, una per
veicolo, sono inserite nell’armadio dell’elettronica, e sono collegate tra di
loro da una linea seriale RS485 dedicata, rendendo disponibile da ognuna
di esse la situazione dell’intero treno. L'unità posta nel veicolo 3 è
fisicamente diversa dalle altre e svolge la funzione di master (SMK-2M),
prevede anche il collegamento ad un pannello locale di visualizzazione
riepilogativo dell'intero treno, con pulsante di test per la prova delle
lampade di direzione e dei LED del pannello riepilogativo, e pulsante di
reset. I rilevatori operano individualmente e sono alimentati direttamente
dalla batteria. Essi sono specificatamente sensibili ai fumi, ma prevedono
anche la misura della temperatura, per compensare la sensibilità del
rilevatore fotoelettrico ai diversi tipi di fumo, ma anche per dare, estrema
ratio, un allarme per sola temperatura, regolata per soglia statica a 70°C
+/- 2°C e soglia dinamica per gradiente di 10°C/minuto a partire da 50°C,
con riduzione lineare del gradiente fino a zero a 70°C. I rilevatori nel
salone passeggeri sono posti nei canali di ripresa aria, immediatamente
dietro le griglie alle due estremità del vagone, in posizione simmetrica. I
rilevatori posti nei cubicoli degli armadi elettrici sono dello stesso tipo,
ed anch’essi a doppia tecnologia, per rilevare eventuali fumi provocati da
guasti nelle apparecchiature elettriche prima che si sprigioni calore; essi
sono fissati a vista al soffitto, come quelli nelle cabine di guida. Invece
per il rilevatore posto nella zona intercomunicante è opportuno
disabilitare la funzione fotoelettrica (fumi), e resta attiva la sola funzione
di sensibilità statica al calore.
531
Capitolo 9 : Il settore ferrotranviario
9.3.2.6.a
Lampade di direzione
Ad ogni unità SMK-2 sono collegate una coppia di lampade di direzione,
poste sopra le porte di vestibolo, che in caso di allarme indicano,
lampeggiando, la direzione da seguire per giungere al veicolo dove ha
origine l'allarme, ove la lampada più vicina al sensore che ha provocato
l'allarme resta accesa fissa, mentre l'altra è spenta. Le lampade sono di
colore blu. Nel veicolo bar (veicolo 3), essendo suddiviso in locale
passeggeri e locale bar, il numero di lampade è raddoppiato in modo da
fornire le indicazioni in entrambi i saloni.
9.3.2.6.b
Rilevatore di fumo autonomo RFETR600
Il rilevatore di fumo RFETR600 è un apparato autonomo basato su una
tecnologia mista, ottica a diffrazione e temperatura, con elaborazione dei
segnali tramite microcontrollore. Esso è alimentato direttamente dalla
batteria del veicolo, e fornisce in uscita un segnale di allarme su due
contatti di scambio di relè indipendenti, utilizzabili sia per una azione
locale diretta (es. arresto della ventilazione), sia per entrare in un punto di
raccolta allarmi. E’ comunque presente una linea seriale RS485, su un
connettore dedicato, a scopo di calibrazione e di test del rilevatore;
collegando una unità di supervisione SMK-2 è possibile controllare a
distanza lo stato del rilevatore, e se necessario modificarne i parametri di
funzionamento, senza intervenire comunque sulla sua funzionalità, che
resta indipendente dalla presenza o meno della linea seriale. E’ alloggiato
in un contenitore in acciaio inox previsto per il fissaggio a soffitto o
parete.
9.3.2.6.c
Unità di supervisione SMK-2M
L’unità di supervisione si collega alla porta seriale dei rilevatori
RFETR600, secondo una struttura punto-punto. I rilevatori continuano a
funzionare in maniera autonoma, con alimentazione ed uscite di allarme
532
Capitolo 9 : Il settore ferrotranviario
locali; il collegamento seriale è solo a scopo di supervisione, e consente
di riportare sul frontalino dell’unità lo stato di ogni rilevatore, segnalato
da tre LED: allarme, avaria o funzionamento regolare, in modo da avere
una indicazione semplice ed immediata. Se si rileva un degrado di
caratteristiche, per invecchiamento o accumulo di polvere, il LED di
avaria è lampeggiante. L’interruzione dei collegamenti seriali (segnalata
come
avaria)
non
compromette
la
funzionalità
dei
rilevatori.
L’aggiornamento delle indicazioni di stato è in tempo reale. Un
interruttore a zero centrale con azionamento momentaneo se portato in
posizione Test forza l’accensione per un secondo tutti i LED (funzione
prova lampade). Invece se portato in posizione Reset svolge la funzione
di acquisizione/tacitazione allarme, che però viene nuovamente attivato in
caso di nuovo allarme proveniente da un diverso sensore. Un
collegamento parallelo consente il pilotaggio di un pannello esterno di
visualizzazione riepilogativo dell'intero treno, con sette LED, uno per
veicolo, e pulsanti di test e di reset. Il comando di reset posto sul pannello
esterno svolge la stessa funzione di quello interno, mentre quello di test
svolge una funzione più completa, provocando sia l’accensione della
lampade indicatrici di direzione (fino a reset o timeout di 10 minuti,
programmabile), sia l’effettiva sequenza di autodiagnosi dei rilevatori.
Collegando un PC portatile alla porta RS232 (X03) è possibile avere una
situazione dettagliata dello stato di ogni rilevatore, a scopo di
manutenzione, ed anche modificare i parametri individuali di
funzionamento (funzione protetta da password), e questo sia per i
rilevatori direttamente collegati che per quelli raggiungibili tramite le
unità SMK-2S.
533
Capitolo 9 : Il settore ferrotranviario
9.3.2.6.d
Unità di supervisione SMK-2S
L’unità di supervisione SMK-2 è del tutto simile all'unità SMK-2M, ma
non prevede il collegamento al pannello esterno di visualizzazione
riepilogativa.
Figura 142 : Disposizione dei rilevatori fumo
Le unità SMK-2S si comportano come slave sul bus RS485, rispondendo
ai messaggi inviati dal master; l'indirizzo è definito da ponticelli sul
cablaggio del connettore posteriore, con possibilità di 16 codifiche. La
codifica è corrispondente al numero di veicolo dove l'unità è installata,
quindi resta esclusa la posizione 3, corrispondente alla locazione
dell'unità master SMK-2M. Collegando un PC portatile alla porta RS232
(X03) è possibile avere una situazione dettagliata dello stato di ogni
rilevatore, a scopo di manutenzione, ed anche modificare i parametri
534
Capitolo 9 : Il settore ferrotranviario
individuali di funzionamento, e questo sia per i rilevatori direttamente
collegati che per quelli raggiungibili tramite le unità SMK-2S.
9.3.2.7
Estintori
Su tutti i veicoli sono presenti [132] degli estintori portatili a polvere da 6
kg:
9 uno in ogni cabina di guida (veicoli 1 e 7)
9 uno in ogni veicolo intermedio (veicoli 2, 4, 5 e 6) posizionato nel
vestibolo nei pressi degli armadi elettrici QR.
9 due sul veicolo 3, uno posizionato in corrispondenza della cucina e
uno posizionato nel vestibolo nei pressi gli armadi elettrici QR.
9.4
I
METODI
DI
PROVA
PROPOSTI
PER
I
MATERIALI INTERNI AGLI AUTOBUS
Alla luce delle statistiche e di quanto esaminato precedentemente risulta
che negli ultimi anni si è avuto un incremento negli incendi degli autobus,
che risultano quindi un evento relativamente comune, ma per combatterli
non può essere impartita nessuna istruzione univoca e sistematica ed è
diventato quindi prioritario individuare continuamente nuove strategie di
prevenzione che consentano, a breve termine, di porre un argine a tale
preoccupante fenomeno. Pertanto il livello di sicurezza antincendio negli
autobus non è da considerare assolutamente sufficiente ed in effetti i
materiali usati nella costruzione dei moderni autobus, specie nel
compartimento passeggeri, necessiterebbero di essere intrinsecamente
sicuri per ridurre il rischio incendio. I prodotti interni agli autobus sono
attualmente regolati, secondo la direttiva europea 95/28, dallo standard
ISO 3795, recepito dalla Commissione Tecnica Di Unificazione Dell’
Autoveicolo (CUNA) nella norma NM CUNA 590-02 sui “limiti della
velocità di combustione dei materiali all’interno dei veicoli”
535
che
Capitolo 9 : Il settore ferrotranviario
determina se e quando si estingue una fiamma applicata sulla superficie
libera di un campione o il tempo necessario a superare una determinata
distanza e le norme fissano una velocità di combustione al massimo di
100mm/min, mentre non è prevista alcuna prescrizione dalla norma sulla
produzione di fumi tossici e sul comportamento dei materiali non
metallici impiegati per la carrozzeria e di allestimento esterno. In effetti è
però accertato che l’autobus va interamente distrutto nell’arco di una
decina di minuti e non di ore, con una velocità di propagazione
dell’incendio superiore ai 100mm/min per la presenza di materiali che
alimentano la combustione e che da uno studio recente dell’istituto SP di
ricerca tecnica svedese [75],[117],[133], sottoponendo diversi materiali
interni agli autobus ai metodi proposti e comparandoli a quelli richiesti
dalle normative europee, è emerso che la sicurezza dei materiali interni
deve essere migliorata, infatti molti materiali non soddisfano i criteri sulla
produzione di fumi o sul rilascio del calore e non sarebbero consentiti in
spazi pubblici o in vie di fuga di edifici, producendo alcuni flashover in
meno di due minuti se disposti su pareti e tetti di una piccola stanza ed
esposti in un angolo ad un fuoco; è quindi evidente che lo standard ISO
3795 fornisce un basso livello di sicurezza per il vano passeggeri in caso
di incendio, che deve quindi essere migliorato, sia riducendo la velocità
di combustione dei materiali costituenti l’autobus all’interno di un range
compreso tra 70 ÷ 75mm/min, che consenta alle persone un maggior
tempo per porsi in salvo ed un tempestivo intervento di spegnimento, ma
soprattutto dando uno sguardo all’esperienza e ai requisiti utilizzati in
altri settori, attraverso l’uso di test più moderni, che meglio evidenzino il
comportamento al fuoco dei materiali.
Gli standard utilizzati in altri settori come per le navi passeggeri, edifici
pubblici e in particolare per i treni, vista la similitudine delle carrozze
ferroviarie con gli autobus, specie per quel che riguarda la produzione di
536
Capitolo 9 : Il settore ferrotranviario
fumi e tossicità di materiali, come rivestimenti e tappezzeria, appaiono
certamente più adeguati per ridurre sia il numero che le conseguenze
degli incendi : vediamo quelli che potrebbero risultare di interesse per il
settore degli autobus e quali i parametri da prendere in considerazione
con i relativi limiti proposti.
Lo standard ISO 5660-1 o del cono calorimetro, utilizzato per i treni
secondo la CEN TS 45545-2 con cui, un campione sottoposto a
riscaldamento radiante e con un generatore di scintille si infiammano i
gas da pirolisi che raccolti consentono la determinazione del tasso di
rilascio del calore HRR dalla misura del consumo di ossigeno, che
consente a sua volta il calcolo di un altro parametro il MARHE ossia del
massimo tasso medio dell’emissione di calore tra il test iniziale e finale,
definito anche come l’emissione cumulativa di calore che si ha durante il
test diviso per il tempo, che le norme fissano al massimo a 50 kW/m 2 .
Lo standard ISO 5659-2 è utilizzato, dall’organizzazione marittima
internazionale (IMO) e recentemente per la sicurezza dei treni secondo la
CEN TS 45545-2, insieme a un test di tossicità dei fumi per determinare
se un materiale soddisfa i requisiti come non in grado di produrre
eccessive quantità di fumi e prodotti tossici o non dare origine a pericoli
tossici ad elevate temperature; per i treni le norme prevedono che la
massima densità ottica dei fumi venga raggiunta dopo almeno 4 minuti
D s (4)
e viene poi valutato dopo 8 minuti un indice di tossicità
convenzionale (CIT) a seconda delle diverse specie di gas.
LO standard ISO 5658, sulla diffusione laterale della fiamma, utilizzato
per i treni secondo la CEN TS 45545-2 e per i rivestimenti interni nelle
navi passeggeri, con cui si determina un flusso critico di calore
all’estinzione (CHF) ossia il flusso incidente di calore alla superficie del
campione sul punto lungo l’asse orizzontale in cui la fiamma cessa di
avanzare, misurando la massima diffusione della fiamma e rapportandola
537
Capitolo 9 : Il settore ferrotranviario
al corrispondente flusso di calore della curva di calibrazione; le norme
secondo la CEN TS 45545-2 prevedono un minimo valore di 20
kW/m 2 corrispondente a una diffusione della fiamma di 380 mm. Sulle
navi vengono anche determinati altri parametri, come Q sb [MJ/ m 2 ]
calore per sostenere la combustione che misura la velocità di diffusione
della fiamma, come Q t [MJ] rilascio totale di calore, q p [kW] picco del
tasso di rilascio del calore.
Lo standard EN ISO 9239-1 utilizzato nei treni secondo la CEN TS
45545-2 per la reazione al fuoco dei pavimenti, determinata sottoponendo
un campione a una fonte di calore radiante, in cui viene valutato il
parametro CHF [kW/m 2 ] misurando la massima distanza di diffusione
della fiamma rapportando il flusso di calore a quello della curva di
calibrazione; le norme prevedono un minimo valore di CHF di 8 kW/ m 2 ,
corrispondente ad una distanza della diffusione della fiamma di 270 mm.
Lo standard EN ISO 11925-2 utilizzato per l’infiammabilità dei prodotti
da costruzione esposti a una fiamma piccola su un bordo o superficie e si
determina il tempo di accensione, il gocciolamento e la diffusione della
fiamma; secondo le norme alle fiamme non è consentito diffondere al di
sopra di 150 mm dal punto di esposizione entro un tempo di 30 o 60
secondi a seconda della classe di prodotto.
Il test CBUF proposto anche per la sicurezza dei treni secondo la CEN
TS 45545-2 è un test in scala reale per le tappezzerie delle sedute, in cui
una fonte di ignizione viene applicata sul campione per 2 minuti, a 25
mm dal cuscino e 50 mm dallo schienale e i gas prodotti vengono poi
raccolti e analizzati, determinando anche l’HRR dalla misura del
consumo di ossigeno derivante dalla concentrazione e portata di ossigeno
nei gas di scarico; le norme prevedono per i treni un MARHE di massimo
20 kW.
538
Capitolo 9 : Il settore ferrotranviario
Lo standard ISO 6941 infine, regola secondo la direttiva europea
95/28/EC, tendaggi, oscuranti ed altri elementi verticali e prevede che un
campione posto verticalmente venga sottoposto a una fiamma per alcuni
secondi e viene determinata la velocità di combustione verticale tra 3
opportune tacche poste sulla superficie del campione; le norme
prevedono che la velocità debba essere al massimo di 100/mm al minuto.
Nella tabella seguente vengono ricapitolati i test proposti, che dovrebbero
essere utilizzati per testare i materiali degli autobus, per limitare il rischio
d’incendio nel modo più efficace possibile :
539
Capitolo 9 : Il settore ferrotranviario
Tabella 99 : Metodi di prova proposti per i materiali interni agli autobus
Metodo di Prova
Principali
aree
di Parametri controllati e relativi
applicazione
ISO
3795
test
di Interni
limiti
veicoli Burning rate
diffusione della fiamma (direttiva CEE 95/28) < 75 mm/min
ISO 5660-1 test del Treni
cono calorimetrico
ISO
5659-2
test
tossicità dei fumi
(CEN
TS MARHE < 50 kW/m 2
45545-2)
di Rivestimenti
D m 8< 150;D s (4)9 < 150;
superficiali su navi VOF410 <300;CIT < 0.75;
passeggeri
[CO<1450,HF<600,HCl<600,
HBr<600,HCN<140,NO x <350ppm]
ISO
5658-2
test
di Rivestimenti
CHF ≥ 20 kW/m 2
diffusione delle fiamme superficiali su navi
EN ISO 9239-1 prove di Materiali
reazione al fuoco dei pavimenti
pavimenti
dei CFE > 4.5 kW/ m 2
degli
edifici
t ≤ 60 s
EN ISO 11925-2 Prova Rivestimenti
con l'impiego di una superficiali
singola fiamma
isolamento
e
degli
edifici
CBUF test su scala reale Test su Sedute per i MARHE ≤ 20 ÷ 75 kW/ m 2
delle sedute
treni
ISO
6941
test
di Tendaggi
negli Burning rate < 100 mm/min
diffusione della fiamma autobus
nei tendaggi
8
Media delle massime densità ottiche specifiche.
9
Densità ottica specifica dopo 4 minuti.
10
Densità ottica specifica dopo 10 minuti.
540
Conclusioni
CONCLUSIONI
Alla luce delle considerazioni viste e sulla base dei dati statistici rilevati
in quasi tutti i Paesi, appare evidente la necessità di porre un freno alla
problematica degli incendi degli autobus adibiti al trasporto pubblico, in
particolare dei vani motori, che negli ultimi anni è andata intensificandosi
rispetto ad altri tipi di incendio, pregiudicando la sicurezza dei passeggeri
e di conseguenza la qualità, arrecando, quando l’evento si verifica,
notevoli danni e ripercussioni all’immagine della società erogante il
servizio.
Pertanto attraverso un’ analisi disaggregata dei singoli incidenti si è,
dapprima riusciti a comprendere le dinamiche che danno origine alle
cause, dopodiché tramite un’ indagine svolta con un’ analisi di tipo
F.M.E.A., si è avuto modo di appurare che nella maggior parte degli
eventi incidentali, sono stati i guasti occorsi ai veicoli, di natura sia
meccanica che elettrica, a costituire la causa di innesco. Ed infatti, sono
appunto o i guasti al motore a portare spesso all’innesco di incendi per
effetto delle elevate temperature, o i cortocircuiti all’impianto elettrico
che danno luogo a scintille che possono raggiungere distanze anche
ragguardevoli coinvolgendo le parti infiammabili dei veicoli. Ciò deve
quindi far riflettere sulla necessità, di attuare delle adeguate strategie di
controllo dei mezzi per testarne il livello di efficienza ed appare inoltre
auspicabile la creazione di report incidentali maggiormente dettagliati (di
cui se ne riporta un esempio in appendice), che consentirebbero ai tecnici
di predisporre interventi più efficaci per la prevenzione incidentale.
Fondamentale inoltre è un avanzato sistema di rilevazione che sia in
grado di rilevare le condizioni che potrebbero portare all’incendio, dando
541
Conclusioni
al conducente la possibilità di agire e prevenire l’ incendio o comunque
riducendo i tempi affinché il sistema automatico di estinzione possa
attivarsi.
Per quanto attiene invece al vano passeggeri, il maggior problema è che
alcuni materiali interni presentano una sicurezza antincendio molto bassa,
specie nei veicoli più moderni e confortevoli per l’allestimento a bordo,
come avviene per gli autobus cosiddetti interurbani e per quelli
granturismo e nel caso il compartimento sia interessato dall’incendio,
può aversi una rapida diffusione delle fiamme e produzione di molto
fumo che rende l’evacuazione difficile. Per cui il miglioramento dei
metodi di prova per i materiali interni e l’emanazione di normative
aggiornate al progresso tecnologico è un settore prioritario di lavoro per
la regolamentazione futura dei bus e per i futuri capitolati di
approvvigionamento con richieste di requisiti più stringenti ai costruttori
stessi.
Il verificarsi di un evento incidentale dipende, in generale, dalla
concomitanza di una serie di eventi elementari quali errori, disattenzioni,
carenze informative, formative, operative e procedurali, macchine non
sicure, avarie di componenti dei sistemi interessati, omissioni di controlli
ecc. La probabilità dell’evento incidentale è tanto maggiore quanto
maggiore è la probabilità dei singoli eventi elementari che concorrono a
determinarlo. In situazioni di elevata probabilità di insorgenza di
disfunzioni elementari numerose ed anche di primaria importanza, la
probabilità che si verifichi l’evento incidentale è elevata, talché si può
affermare che spesso si esce dall’area della casualità (ovvero degli eventi
rari e difficilmente prevedibili) per entrare nell’area della certezza.
Pertanto la riduzione del rischio e delle conseguenze di un incendio, non
può essere affrontata tramite specifiche indicazioni, ma solo con un piano
globale di prevenzione che vada, dall’adozione di materiali aventi un
542
Conclusioni
migliore comportamento al fuoco, all’ adozione di norme sulla protezione
al fuoco più stringenti, in assonanza a quelle di altri settori, come ad
esempio quello navale, degli edifici pubblici e dei treni, e che infine
includa, lo sviluppo sia di una precisa organizzazione aziendale della
sicurezza, della pianificazione e gestione delle emergenze, sia un’
efficiente organizzazione del servizio di manutenzione e la disponibilità
degli operatori di esercizio ad operare secondo standard definiti e i
principi dell’ automanutenzione, affidando ad esempio determinate
vetture della flotta a uno stesso gruppo di autisti che in questo modo
potrebbero meglio monitorare il veicolo individuando e segnalando
eventuali anomalie. Relativamente al caso specifico esaminato, l’analisi
costi-benefici ha evidenziato la convenienza della reingegnerizzazione
della flotta di autobus in esame, pertanto se ne suggerisce l’adozione e
l’individuazione delle fonti finanziarie necessarie.
Le misure di sicurezza gestionale e gli accorgimenti migliorativi proposti,
il perfezionamento del sistema di telecontrollo, che consente al
conducente la comunicazione in tempo reale dei guasti o avarie del
mezzo alla centrale operativa, il monitoraggio dell’andamento di
determinati parametri funzionali tramite l’ ottimizzazione dei sistemi di
diagnostica di bordo come l’ Intellibus e TEQ che, grazie a un sistema di
sensori rilevino i dati e provvedano, a fine giornata, a scaricarli ed
inviarli attraverso un sistema GSM a una stazione ricevente o l’adozione
di moderni sistemi di diagnostica locale, che leggendo i dati dei bus li
inviino ad una stazione informatica a servizio di un banco di prova
installato nell’officina e quindi, in definitiva, l’adozione di strategie di
manutenzione innovative come quella predittiva, sono gli elementi
fondamentali per ridurre la soglia dei guasti, migliorare l’affidabilità dei
veicoli e in definitiva abbassare drasticamente il rischio d’ incendio e
garantire l’ incolumità degli utenti e del personale lavorativo.
543
Appendice A : Scheda condizioni veicolo incendiatosi
APPENDICE A
Scheda condizioni veicolo incendiatosi
DATI VEICOLO
Matricola aziendale :
Classe veicolo :
Modello veicolo :
Tipologia motore :
Allestimento :
Km percorsi :
Data immatricolazione :
Data incendio :
DATI INCENDIO ( da compilare a cura dell’autista)
Descrizione dinamica incendio :
Luogo dell’incendio :
Gravità incendio :
Zona d’origine :
Causa (se nota) :
Avvertimento dell’incendio :
Eventuale accensione di spie sul cruscotto :
Eventuali anomalie denunciate in precedenza :
544
Appendice A : Scheda condizioni veicolo incendiatosi
Lettura autodiagnosi centraline elettroniche :
Azionamento di sistemi d’estinzione automatica
Utilizzo estintori di bordo :
EFFETTI INCENDIO SULLE PERSONE
Descrizione modalità di evacuazione del veicolo :
Stato conducente :
Danni a persone : si ○
no ○
In caso di danni descriverne la gravità :
Descrivere la reazione degli utenti :
EFFETTI ’INCENDIO SUL VEICOLO (a cura del manutentore)
Stato esterno veicolo :
Stato allestimenti interni :
Stato telaio e componenti :
Stato leveraggi e complessivo sterzo :
Stato pneumatici e cerchioni :
Stato albero di trasmissione :
Stato sospensioni :
Stato freni :
Stato motore :
In caso di rottura basamento motore indicare lato : aspirazione
scarico ○
Stato tubazioni olio motore-turbina (rotture o scollegamenti) :
545
○
Appendice A : Scheda condizioni veicolo incendiatosi
Stato tubazioni comustibile su motore : (rotture o scollegamenti) :
Stato girante ed alberino compressore turbosoffiante :
Stato batterie e cavi collegati :
Stato motorino di avviamento e cavi :
Stato alternatore e cavi :
Stato teleruttori e interruttori :
Stato centralina interconnessione e cavi :
Stato impianto elettrico e utenze aggiunte :
FOTO ALLEGATE :
DATA COMPILAZIONE :
FIRMA COMPILATORE :
546
Appendice B : Allegato fotografico
APPENDICE B
Allegato fotografico
Figura 143 : Il deposito di Arzano
Figura 144 : Le officine NAMET
547
Appendice B : Allegato fotografico
Figura 145 : Corrugato non autoestinguente
Figura 146 : Tubazione gasolio non autoestinguente
Figura 147 : Sistema di fissaggio tubazioni
548
Appendice B : Allegato fotografico
Figura 148 : Verifica intervento Pirò su 5829
549
Appendice B : Allegato fotografico
Figura 149 : Confronto stato del tetto tra autobus di vecchia generazione e attuale
550
Bibliografia
BIBLIOGRAFIA
[1] Issfort-Asstra “Alla ricerca di un punto di svolta”, 6° rapporto sulla mobilità
urbana in Italia, Napoli 7 maggio 2009;
[2] Issfort-Asstra “Così è, se vi pare”, 5° rapporto sulla mobilità urbana in
Italia, Genova 7 maggio 2008;
[3] Issfort-Asstra “Aggiungi un posto in autobus”, 4° rapporto sulla mobilità
urbana in Italia, Firenze 12 aprile 2007;
[4] Issfort-Asstra “Dove vanno a finire i passeggeri”, 3° rapporto sulla mobilità
urbana in Italia, Roma 2 marzo 2006;
[5] Issfort-Asstra “Avanti c’è posto”, Report annuale sulla mobilità urbana : i
bisogni dei cittadino, le risposte della città, Roma 13 aprile 2005;
[6] Anfia “Il libro bianco dell’autobus in Italia”, Centro studi sui sistemi di
trasporto S.p.A, novembre 2007;
[7] Anfia “Il nuovo libro bianco dell’autobus in Italia”, Centro studi sui sistemi
di trasporto S.p.A, novembre 2005;
[8] Istat, “Statistiche dei trasporti : anno 2004”, Annuari 2007;
[9] LA Franca L., Lacava G., “Corso di tecnica dei trasporti, appunti di
trasporti urbani e metropolitani”, Università degli studi di Palermo, 2006;
[10] Copit, “La sicurezza dei trasporti : le soluzioni della tecnologia”, I
quaderni del Copit – 4, Comitato di Parlamentari per l’Innovazione Tecnologica
e lo Sviluppo Sostenibile – Onlus;
[11] Regione Toscana Area extra - dipartimentale Statistica, “Indagine
campionaria sul Trasporto Pubblico”, Supplemento n. 18 a Informazioni
Statistiche - Mensile della Giunta Regionale Toscana, giugno 2001;
[12] CTP “Carta della mobilità 2009, in moto verso un futuro blu” 2009;
[13] De Majo S. “Dal vapore al metano 125 anni di storia della CTP, 18812006”, Colonnese Editore, 2006;
[14] CTP “Rapporto di sostenibilità” 2007;
[15] Elifani G., “La prevenzione incendi nella piccola e media industria”, EPC;
551
Bibliografia
[16] Malizia M., “Corso per i lavoratori incaricati dell’attività di prevenzione
incendi, lotta antincendi, evacuazione dei luoghi di lavoro e gestione delle
emergenze”, Ministero dell’Interno, 2008;
[17] Amico A. “Tecnica della prevenzione incendi” Dario Flaccovio Editore,
2009;
[18] Corpo nazionale Vigili del Fuoco, “Manuale di soccorso tecnico”,2008;
[19] Protezione Civile, “1° Corso dei rischi d’incendio”, Gruppo operatori
radio, 2008;
[20] A. Monaco, “Formazione antincendio di base : corso di prevenzione
incendi, lotta antincendio e gestione delle emergenze, Livello C rischio di
incendio elevato”, Comando provinciale vigili del fuoco Udine, 2000;
[21] Edmondo e Paolo Lavè “Il manuale dell’addetto Antincendio”, ed.EPC
libri;
[22] Ricci M., Orsini A., “Chimica e fisica degli incendi”, Corpo Nazionale dei
Vigili del Fuoco, Servizio Tecnico Centrale;
[23] Paduano “Rischio Incendio”, Consiglio Nazionale delle Ricerche, Servizio
di Prevenzione e Protezione, 2008;
[24] Lazzarotto E. “Prevenzione incendi” Gruppo editoriale Esselibri, 2001;
[25] Tosi A., “Tecnologie antincendi nelle costruzioni” Antonio Vallardi
editore, 1950;
[26] Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa
Civile, “Corso di prevenzione incendi modulo 1”, Direzione Centrale per la
Formazione, 2008;
[27] Provincia di Roma, “Chimica e fisica della combustione”, Territorio
Digitale;
[28] Di Leo R., “Servizio Prevenzione Protezione”, università degli Studi di
Salerno, 2004;
[29] Rizzo R. “La sicurezza degli impianti industriali”, Edizioni scientifiche
italiane, 1998;
552
Bibliografia
[30] Cardillo Paolo, “Guida allo studio e alla valutazione delle esplosioni di
gas e vapori” Monografia, Stazione sperimentale per i Combustibili San
Donato Milanese;
[31] Cardillo P., “Guida allo studio e alla valutazione delle esplosioni di
polveri”, Monografia, SC Sviluppo Chimico, Milano, 2002;
[32] Marinelli S. “La formazione dell’addetto antincendio” EPC Libri;
[33] Brisi C. “Chimica applicata”, Levrotto & Bella, 1982;
[34] Della Volpe R., “Macchine” Liguori Editore, 2002;
[35] Di Fraia R., “Sistemi per la rilevazione automatica degli incendi e fughe di
gas e sistemi per lo spegnimento degli incendi : progetto antincendio di una
fabbrica”, Tesi di laurea in ingegneria meccanica,DIMP, Università degli Studi
di Napoli, 2006/2007;
[36] Lenzi R., “Resistenza al fuoco delle strutture” EPC libri, 2006;
[37] Tuttonormel “Legislazione e classificazione di luoghi con pericolo di
esplosione”, Edizioni TNE, 2006;
[38] D’Errico A., Restuccia N. “Le sostanze esplosive”, Convegno sulla
Valutazionee Gestione del Rischio negli insediamenti civili e industriali, 2002;
[39] Salimbeni D., “Seminario di prevenzione incendi”, Corso di studi in
ingegneria elettrica, Università degli Studi di Cagliari, 2004;
[40] Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco “Supporti didattici per lo
svolgimento dell’attività formativa per le Aziende”, Servizio Tecnico centrale,
1997;
[41] Nassi L., Marsella S., “L’ingegneria della sicurezza antincendio e il
processo prestazionale”, EPC Libri, 2006;
[42] Vari “Manuale per progettisti tecnici : evacuatori di fumo e calore”,
Tecnocupole Pancaldi;
[43] Monte A., “Elementi di impianti industriali”, Cortina Editore, 2003;
[44] Nigro L., Marinelli S,, “Impianti antincendio” EPC Libri, 2007;
[45] Scuola Provinciale Antincendi “Sostanze estinguenti dispensa schiume”,
Provincia Autonoma di Trento;
553
Bibliografia
[46] Ungaro R. “Corso di specializzazione di prevenzione incendi per i
professionisti ingegneri”, Ordine degli Ingegneri della Provincia di Modena;
[47] Vescovi S. “Criteri di prevenzione incendi”, Laboratori Nazionali di
Frascati, 2001;
[48] Leslie P. Omans “I liquidi schiumogeni utilizzati per gli incendi di liquidi
combustibili”, Rivista antincendio, novembre 1994;
[49] Maiello L., Sica G. “La valutazione del rischio incendio ai fini
progettuali”, Incontro di aggiornamento tecnico sull’antincendio – Milano, 19
novembre 2004;
[50] Mummolo G. “Il rischio incendio”, dispensa del corso di Sicurezza degli
impianti industriali, Politecnico di Bari, 2002;
[51] Vari “Antincendio : testo ed esame del D.M. 10/03/98”, Dossier Ambiente,
Trimestrale della associazione ambiente e lavoro, aprile 1999;
[52] Cipriani A., Nassi L., “La protezione antincendio”, Supporti Didattici per
lo svolgimento dell’attività formativa alle Aziende da parte dei Comandi
Provinciali Vigili del Fuoco;
[53] Gattuso A., “Seminario sulla sicurezza antincendio”, Università degli
Studi di Reggio Calabria Facoltà di Ingegneria, 21 novembre 2005;
[54] Abate M. “La corretta manutenzione degli estintori antincendio”,Il
Giornale dell’Installatore Elettrico, 20 Giugno 2005;
[55] Robot & Fire, “Manuale d’uso e manutenzione Pirò”, 2008;
[56] Ofira Spa “Manuale d’uso e manutenzione Fogmaker”, 2008;
[57] Erar Srl, “Impianto antincendio autobus Firekill : manuale d’uso e
manutenzione”, 2008;
[58] Garzia F.,”Rivelazione incendi”, Ingegneria della Sicurezza e Protezione –
Università degli Studi di Roma La Sapienza, Corso di Sistemi integrati di
sicurezza e tecnologie anticrimine – Modulo di Impianti di rivelazione incendi,
2009;
[59] Vari, “Manuale di soccorso tecnico ad uso degli equipaggi di soccorso
sanitario”, Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, 2008;
554
Bibliografia
[60] Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco “Prevenzione Incendi: Linee guida
per le attività industriali, artigianali e simili” 1997;
[61] BPB Italia S.p.A, “Guida alla protezione passiva del fuoco”, 6° Edizione,
04/2008;
[62] Borsini G., “L’impatto della normativa europea sulla protezione passiva”,
Rivista Antincendio, ottobre 2006;
[63] Di Martino A., Francesconi F., “Evoluzione della normativa antincendio”,
Elkron, 2008;
[64] Setti P., “Comportamento al fuoco dei sistemi strutturali”, Dip. Ing.
Strutturale Politecnico di Milano, 2007;
[65] Borsini G., "Prodotti da costruzione a prova d'incendio con le normative
europee", Antincendio, Novembre 2004;
[66] LAPI "Reazione al fuoco e standard europei: il ruolo degli organismi di
prova", Agosto 2009;
[67] Paduano G., “La sicurezza antincendio:l’evoluzione della normativa nel
settore della reazione al fuoco”, Comando Provinciale Vigili del Fuoco di
Roma, 2007;
[68] Schiaroli S. “Convegno : Le recenti disposizioni sulla resistenza al fuoco”,
Istituto Superiore Antincendi, Roma 21 giugno 2007;
[69] Caciolai M.,“Le recenti disposizioni sulla resistenza al fuoco”, Istituto
Superiore Antincendi, 21 giugno 2007;
[70] La Malfa A., “La resistenza al fuoco delle strutture con i metodi
dell’ingegneria della sicurezza antincendio”, Quaderni di scienza e tecnica,
Supplemento alla Rivista ufficiale dei Vigili del Fuoco Obiettivo e Sicurezza,
aprile 2005;
[71] Ponticelli L., “Fire resistance of metal structure”, 43° Corso Ispettori
Antincendi, ottobre 2003;
[72] CNR “Progettazione di strutture resistenti al fuoco”, Bollettino ufficiale
Norme tecniche, 28/12/99;
[73] Castelli P., “La corretta progettazione dei sistemi di vie d’uscita” Rivista
Antincendio, marzo 2006;
555
Bibliografia
[74] Confcommerrcio, “La prevenzione incendi nei luoghi di lavoro. Obblighi
controlli e procedure” , giugno 2004;
[75] Hammarstrom R., Axelsson J., “Bus fire safety”, SP Technical Research
Institute of Sweden, 2008;
[76] Tiezzi I., “La sicurezza antincendio nei mezzi di trasporto”, Fire&Smoke,
giugno 2001;
[77 ] Massetti R., “Qualità nei trasporti pubblici”, ATM;
[78] Borsini “La sicurezza nei trasporti”, LAPI : Laboratorio prevenzione
incendi;
[79] Carbone D., “Autobus : Normative di riferimento e raccomandazioni
Asstra”, Asstra Roma, 11/06/2004;
[80] Asstra “La prevenzione incendi nel trasporto pubblico su gomma”,
gennaio 2005;
[81] Ciccorelli G., Marangoni A., “Su gomma o su rotaia il trasporto di carichi
pericolosi è sempre un rischio”, Fire&Smoke, giugno 2001;
[82] Vari “Bus Fires in Finland during 2001”, Incident report, 2002;
[83] Iveco, “Manuale per le riparazioni Cityclass Cursor Multibus”;
[84] Iveco, “Impianto elettrico elettronico Cityclass Cursor Multibus”;
[85] G. Camino, “Developments in Polymer Degradation-7”, Applied Science
Publishers, London, 1987, Chapter 7;
[86] C. F. Cullis and M. M. Hirschler, “The Combustion of Organic Polymers”,
Claredon press, Oxford, 1981;
[87] Le Bras, G. Camino, S. Bourbigot, R. Delobel, “Fire Retardancy of
Polymers – The Use of Intumescence”, The Royal Society of Chemistry,
Cambridge, 1998;
[88] G. L. Nelson, C. A. Wilkie, “Fire and Polymers”, American Chemical
Society,Washington D. C., 2001;
[89] Mouritz A.P., Gibson A.G.,“Fire properties of polymer composite
materials”, Springer, 2006;
[90] Lazzara G. “La combustione dei pneumatici”, Angolo Tecnico Obiettivo e
Sicurezza;
556
Bibliografia
[91] Simonetti S. “Impianti elettrici antideflagranti”, Seminario integrativo
sicurezza antincendio, aprile 2002;
[92] Turturici C., D’Anna F., “Impianti elettrici e sicurezza antincendio”,
Ministero dell’ Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso
Pubblico e della Difesa Civile, 2004;
[93] Capelli F., “L’acciaio inossidabile nella costruzione di autobus”, articolo
pubblicato su Lamiera n°10 ottobre 2000;
[94] Barteri M., “Strutture reticolari in acciaio inossidabile: simulazione agli
elementi finiti di resistenza al fuoco”, giornate italiane della costruzione in
acciaio, settembre 2001;
[95] Capelli F., “L’innovazione nei mezzi di trasporto”, Rivista meccanica
n°1015/b/ottobre1992;
[96] Schulitz H.C., “Atlante dell’acciaio” UTET, 1999;
[97] Felicetti R., “La resistenza al fuoco di strutture in acciaio”, Politecnico di
Milano, dipartimento di ingegneria strutturale;
[98] Quaderni di informazione, “La protezione dal fuoco di strutture in acciaio
con vernice intumescente”, Protherm Steel;
[99] Wilquin H. “Atlante dell'alluminio” UTET, 2003;
[100] De Florian F. “Protezione mediante verniciatura di carrozzerie in
allumino per autobus”, European coatings, 2005;
[101] Lauriola M., “Progettare la sicurezza : la sicurezza al fuoco”, Convegno
sicurezza e comfort con strutture in legno, Verona 16 giugno 2001;
[102] Durante A.G. “Fire resistence of wooden structures”, iternational firefigthers’ workshop fire service college, 2003;
[103] Del Senno M., Piazza M., “Il legno e il fuoco”, I corsi promo legno, 7
ottobre 2004;
[104] Vari “Normativa legno lamellare”, Case e Ville n° 4 2001, Di Baio
Editore;
[105] Ruffino N., “La resistenza al fuoco delle strutture in legno”, CLUT,
1986;
[106] Borsini M., “La sicurezza nei mobili imbottiti", Arredo, Febbraio 2000;
557
Bibliografia
[107] Borsini M., Borsini G., "I rivestimenti tessili di parete e pavimento",
Arredo, Febbraio 2001;
[108] Borsini M., "La reazione al fuoco dei tessili ad impiego tecnico" TTI
Giugno 2000;
[109] Grasso F., Calabretta C., “I materiali compositi nei mezzi di trasporto”,
Università degli studi di Catania Facoltà di Ingegneria, 2008;
[110] Gobetto E.,”Compositi strutturali un futuro automative”, Competitività
notiziario per i clienti del Centro Ricerche Fiat, n°8 11/06/2004;
[111] Crivelli Visconti I., “Materiali compositi : tecnologie – progettazioneapplicazioni”;
[112] IVECO, “Catalogo ricambi Iveco”, 2008;
[113] Caldarola A., “Corso sui motori Cursor Bus Euro 3”, Iveco, giugno
2003;
[114] Richard W. Bukowski, P.E., FSFPE, “Fire Hazard Assessment for
Transportation Vehicles”, NIST Building and Fire Research Laboratory;
[115] C. Guesdes Soares, “Advances in safety & Reliability”, Volume I,
Pergamon, 1997;
[116] Dennis P. Nolan, P.E., “Handbook of fire and explosion protection
engineering principles for oil, gas, chemical, and related facilities”, Noyes
publications, 1996;
[117] Johansson P., Axelsson J., “Fire safety in buses – WP2 report : Fire
Safety review of interior materials in buses”, SP Technical Research Institute of
Sweden, 2006;
[118] Brugger G., “Gli investimenti industriali”, Giuffrè, Milano, 1979;
[119] Ponti M.,Brambilla M., Erba S., “Analisi costi benefici”, dispensa del
corso di “Economia e Pianificazione dei Trasporti”, Politecnico di Milano,
anno accademico 2003-2004;
[120] Vari, “Guida all’analisi costi-benefici dei progetti di investimento”, Unità
di valutazione, Politica Regionale e Coesione, Commissione Europea, 2003;
[121] Abramo G., Mancuso P., “Esercizi di microeconomia e analisi degli
investimenti”, seconda edizione, Texmat, 2004;
558
Bibliografia
[122] Canale S., Leonardi S., Nicosia F., “Analisi finanziaria economica dei
progetti di investimento pubblico” Quaderno n°92, Università degli Studi di
Catania, Facoltà di Ingegneria, gennaio 1997;
[123] Vari, “La competitività della modalità filoviaria nel trasporto pubblico
urbano” Centro di Ricerca Trasporti, Università degli Studi di Genova,
L’energia elettrica, volume 78, 2001;
[124] Vari, “La contabilità analitica nelle aziende di trasporto pubblico locale
su gomma”, I e II parte, Fondazione Aristeia, Istituto di Ricerca dei Dottori
Commercialisti, maggio 2003;
[125] LAPI, "Protezione al fuoco dei veicoli ferrotranviari ed a via guidata"
La nuova normativa italiana UNI CEI 11170 parte 1,2,3 Ed. 2005;
[126] LAPI “La nuova normativa europea sulle misure di protezione al fuoco
nei veicoli ferrotranviari”;
[127] Caruso L., “Il quadro normativo europeo e nazionale sulla sicurezza al
fuoco dei rotabili ferroviari”, Trenitalia S.p.A, Pisa 10 ottobre2008;
[128] Trenitalia, “Estintori e impianti antincendio in opera ai rotabili”,
Istruzione tecnica di manutenzione, marzo 2006;
[129] Ferrovie dello Stato S.p.A., “Impianto antincendio a bordo di rotabili”,
ASA materiale rotabile e trazione Servizi Tecnici, 2002;
[130] Ferrovie dello Stato S.p.A., “Impianto antincendio e rilevamento fumi
ETR600”;
[131] Trenitalia, “Elettrotreno ad assetto variabile ETR600”, Manuale per il
personale di bordo addetto alla condotta Volume MC, ottobre 2008;
[132] Ferrovie dello Stato S.p.A., “Estintori portatili a polvere da 6 kg per
rotabili ferroviari”, Unità Tecnologie Materiale rotabile Direzione Tecnica,
2005;
[133] Hjohlman M.,Försth M.,Axelsson J.,“Design fire for a train
compartment”, SP Technical Research Institute of Sweden, 2009;
[134] Zanin G., “Inbus : sistema di autobus per la mobilità urbana“, Tesi di
laura, Università IUAV di Venezia, Facoltà di Design e Arti, Laurea
specialistica in Disegno Industriale del Prodotto, 12 luglio 2006;
559
Bibliografia
[135] Massetti R., “I sistemi di diagnostica sui veicoli come elementi di
ottimizzazione del processo manutentivo”, in Convegno A.I.MAN. di Genova,
11 giugno 2008;
[136] Visconti R., Moreggia V., “Il sistema Intellibus e la manutenzione dei
veicoli”, in Convegno A.I.MAN. di Bologna, 11 giugno 2004;
[137] Bottazzi A., “Tpl Manutenzione come core-business”, Manutenzione,
Tecnica e Management, settembre 2004;
[138] Burzio G, “Autonica, l’elettronica sull’auto”, Mondo digitale n°3,
settmbre 2004;
[139] Boni B., “Se conosci puoi gestire”, Rivista autobus, novembre 2003.
560
Sitografia
SITOGRAFIA
{1} http://www.anfia.it, “Brochure gruppo autobus 2008”, (ultimo accesso :
settembre 2009);
{2} http://it.wikipedia.org, “Autobus”, (ultimo accesso luglio 2009);
{3} http://www.namet.it “Sito ufficiale Namet trazione azzurra”, (ultimo
accesso : luglio 2009);
{4}http://www.ctpn.it “Sito ufficiale della Compagnia Trasporti Pubblici di
Napoli S.p.A.”, (ultimo accesso : settembre 2009);
{5} http://projects.elis.org/leonardo “Chimica e fisica del fuoco”, (ultimo
accesso : giugno 2009);
{6} http://www.firestop.it “Impariamo a conoscere gli incendi”, (ultimo
accesso : giugno 2009);
{7} http://www.ania.it “L’incendio” (ultimo accesso : giugno 2009);
{8}
http://www.udine.vigilidelfuoco.it
“Guide
tecniche
del
Comando
Provinciale dei Vigili del Fuoco di Udine”, (ultimo accesso : giugno 2009);
{9} http://www3.corpoforestale.it “Conoscere il fuoco per poterlo affrontare”,
Corpo Forestale dello Stato”, (ultimo accesso : giugno 2009);
{10} http://www.unpisi.it “Manuale per addetti alla sicurezza antincendio”,
(ultimo accesso : giugno 2009);
{11} http://www.vigilfuoco.it “Richiami di chimica e fisica dell’incendio”,
(ultimo accesso : giugno 2009);
{12} http://www.antincendio.it “Combustione : i tipi di fiamma”, (ultimo
accesso : giugno 2009);
{13} http://projects.elis.org/leonardo “L’ estinzione degli incendi”, (ultimo
accesso: giugno 2009);
{14} http://www.ania.it “Gli agenti estinguenti”, (ultimo accesso: giugno
2009);
{15} http://projects.elis.org/leonardo “La prevenzione incendi”, (ultimo accesso
: luglio 2009);
561
Sitografia
{16} http://it.wikipedia.org “Prevenzione incendi”, (ultimo accesso : luglio
2009);
{17} http://projects.elis.org/leonardo “La valutazione dei rischi”, (ultimo
accesso : luglio 2009);
{18} http://www.vigilfuoco.it “Estintore portatili”, (ultimo accesso : giugno
2009);
{19} http://www.gibiestintori.it “Catalogo estintori GiBi estintori”, (ultimo
accesso : giugno 2009);
{20} http://www.robotfire.com “Sito ufficiale Robot & Fire : il Pirò”; (ultimo
accesso : luglio 2009);
{21} http://www.ofira.it “Sistemi antincendio Fogmaker”, (ultimo accesso :
luglio 2009);
{22} http://www.teledata-i.com “Impianti di rivelazione e segnalazione
incendio in relazione alle aree da proteggere”, (ultimo accesso : luglio 2009);
{23} http://www.epsass.it “Il comportamento al fuoco e la classificazione dei
materiali nella direttiva europea CPD 89/106”, (ultimo accesso : luglio 2009);
{24} http://www.ania.it “La reazione al fuoco dei materiali”, (ultimo accesso :
luglio 2009);
{25}http://www.laboratoriolapi.it
“Laboratorio
Prevenzioni
incendi
:
Pubblicazioni”, (ultimo accesso : luglio 2009);
{26} http://www.epsass.it “Resistenza al fuoco delle strutture”, (ultimo accesso
: luglio 2009);
{27} http://www.progettististrutturali.it “Norme tecniche per le costruzioni,
D.M. 9 settembre 2005”, (ultimo accesso : luglio 2009);
{28} http://www.ania.it “La resistenza al fuoco degli elementi da costruzione”,
(ultimo accesso : luglio 2009);
{29} http://it.wikipedia.org “Iveco CityClass”, (ultimo accesso : agosto 2009);
{30}http://www.milanotrasporti.org “Iveco CityClass”, (ultimo accesso : agosto
2009);
{31} http://www.irisbus.com “Autobus urbani e suburbani”, (ultimo accesso :
agosto 2009);
562
Sitografia
{32} http://www.iveco.com “Motori Cursor”, (ultimo accesso : agosto 2009);
{33}
http://www.enteautonomovolturno.it
“Capitolati
autobus”,
(ultimo
accesso : agosto 2009);
{34} http://www.omniaplastica.it “Comportamento al fuoco”, (ultimo accesso :
luglio 2009);
{35} http://www.plasticsportal.net “Plastics”, (ultimo accesso : agosto 2009);
{36} http://www.tela.it “Comportamento al fuoco dei poliuretani espansi”;
(ultimo accesso : maggio 2009);
{37} http://www.poliuretano.it “Prevenzione e rischio incendio”, (ultimo
accesso : luglio 2009);
{38} http://www.iir.it “Istituto italiano del rame”, (ultimo accesso : luglio
2009);
{39} http://www.assovetro.it “Sicurezza antincendio”, (ultimo accesso : agosto
2009);
{40} http://www.glassonweb.it “La resistenza del vetro al fuoco”, (ultimo
accesso : luglio 2009);
{41} http://www.cascinameli.it “I tessili alla prova del fuoco”, Belletti G.,
(ultimo accesso : luglio 2009);
{42} http://www.infobuild.it “Il portale dell’edilizia, i materiali compositi”,
(ultimo accesso : settembre 2009);
{43} http://www.materialicompositi.it “Caratteristiche materiali compositi”,
(ultimo accesso : settembre 2009);
{44} http://www.edilpro.it A. Bonati, M. Quaglia, “Rinforzi strutturali in
materiale composito… un occhio al termometro”, (ultimo accesso : luglio
2009);
{45} http://www.flitalia.it “Sito ufficiale FL Selenia”, (ultimo accesso : luglio
2009);
{46} http://www.combustibile.it “Il gasolio per autotrazione”, (ultimo accesso :
maggio 2009);
{47} http://www.wroar.net “Il gasolio per autotrazione”; (ultimo accesso :
luglio 2009).
563
RINGRAZIAMENTI
Desidero innanzitutto ringraziare la Prof.ssa Santillo, relatore di questa tesi e l’ Ing.
Pasquale Iannotti, correlatore, per l’opportunità datami, per l’aiuto e i preziosi
consigli forniti durante la stesura, sempre con grande disponibilità e cortesia.
Ringrazio inoltre l’intera sezione Impianti del DIMP, per i testi che mi ha consentito
di consultare ed in particolare gli Ing. Mosè Gallo, Roberto Maria Grisi, Giuseppe
Naviglio e Pasquale Zoppoli, per le risposte a tutti i miei dubbi emersi durante la
ricerca.
Inoltre ringrazio sentitamente l’intera CTP che mi ha ospitato, l’Ing. Salvatore
Iovieno, direttore di Esercizio, per le autorizzazioni concesse, l’Ing. Pasquale Del
Sorbo, tutor aziendale e l’Ing. Di Marzo responsabile della manutenzione, per la
collaborazione offertami e per avermi messo a disposizione dati indispensabili nella
stesura del presente lavoro, nonché l’archivista De Rosa per la disponibilità
mostratami e tutti coloro che all’interno dell’azienda mi hanno dato il loro apporto.
Un ringraziamento speciale va poi all’Ing. Francesco Palma della Namet, sempre
disponibile a dirimere i miei dubbi e per le numerose ore dedicate alla mia tesi,
nonché l’intero personale dell’ officina di Manutenzione per quanto fatto per me
durante il periodo di stage.
Ringraziamenti vanno anche all’Ing. Nastri, direttore compartimentale di Napoli
della Rete Ferroviaria Italiana, agli Ing. Pizzo e Mesite di Trenitalia e a Pasquale
Petraccone di IMC, per avermi fornito il materiale relativo al settore ferroviario.
Intendo poi ringraziare i Vigili del Fuoco, sottolineando la particolare disponibilità
dell’ Ing. Luigi Madonna.
Ringrazio inoltre l’Ing. Nadia Amitrano di ASSTRA, l’Ing. Pasquale Piccolo della
Robot&Fire e l’Ing. Crispino di ANM per avermi fornito materiale utile alla
realizzazione della tesi.
Desidero infine ringraziare i miei genitori, che con i sacrifici sostenuti mi hanno
consentito il raggiungimento di questo obiettivo e la mia Cristina per avermi
incessantemente incoraggiato nel corso di questi anni.
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement